Trump su Ucraina e Russia

Nell’intervista rilasciata a @theallinpod , il Presidente Trump ha fatto una serie di commenti importanti sull’Ucraina. Si attendono le logiche conclusioni del ragionamento.

Sui quotidiani e sulle testate televisive italiane ed europee ci hanno presentato dichiarazioni ambigue o di segno opposto totalmente fasulle o manipolate. Giuseppe Germinario

“Per vent’anni ho sentito dire che se l’Ucraina entra nella NATO è un vero problema per la Russia. L’ho sentito dire per molto tempo. E credo che questo sia il vero motivo per cui è iniziata la guerra. Non sono sicuro che questa guerra sarebbe iniziata. Biden stava dicendo tutte le cose sbagliate. E una delle cose sbagliate era dire: “No, l’Ucraina entrerà nella NATO”. … Si è sempre capito. E questo anche prima di Putin. Si è sempre capito che era un no. E ora si può andare contro i loro desideri, e non significa che abbiano ragione quando lo dicono. Ma era molto provocatorio, e ora lo è ancora di più. E… ho sentito dire che ora si parla di far entrare l’Ucraina nella NATO, e ora ho sentito che la Francia vuole andare a combattere. Beh, auguro loro molta fortuna”.

https://x.com/i/status/1803929896361820195

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

I mali del professionismo, di AURELIEN

I mali del professionismo

In politica, in ogni caso.

Il fatto che un leader europeo convochi un’elezione inutile e inaspettata che il suo partito probabilmente perderà può essere giudicato una curiosità. Per due leader europei convocare elezioni inutili e inaspettate che i loro partiti probabilmente perderanno, e più o meno nello stesso momento, assomiglia terribilmente a un’incompetenza generalizzata e a un fallimento sistemico. Molto è stato scritto sulle decisioni prese da Sunak nel Regno Unito e da Macron in Francia di andare alle urne tra un paio di settimane e su chi potrebbe vincere, e la maggior parte è solo inutile speculazione. Non intendo aggiungere altro a queste speculazioni, se non dire quali sono, a mio avviso, i fattori oggettivi in gioco. Porrò invece alcune domande molto più fondamentali: come ci siamo trovati in una situazione in cui questo genere di cose accade, e cosa significa per il futuro?

Parte dei moderni sistemi democratici è l’organizzazione di elezioni regolari. Nella politica depoliticizzata di cui abbiamo goduto nell’ultima generazione, la politica in molti Paesi occidentali è degenerata in nient’altro che elezioni, generando una massiccia industria di consulenti, psefologi, analisti, stilisti e parrucchieri. Al giorno d’oggi la politica consiste nel perfezionare e testare messaggi e slogan per attirare il maggior numero di elettori nelle aree che si pensa di poter conquistare, in modo da finire a controllare il parlamento della nazione, magari in collaborazione con altri partiti, o il palazzo presidenziale. Questo vi dà accesso al potere, allo status e ai privilegi, oltre a fornirvi un’esperienza commerciabile a cui potrete attingere in seguito quando vorrete fare soldi veri.

Ne consegue che i politici moderni dovrebbero sempre guardare alle prossime elezioni. Quando sono temporaneamente impopolari, devono fare, o più probabilmente promettere, cose che aumenteranno la loro popolarità. Quando sono popolari, devono sfruttare questa popolarità per indire un’elezione che pensano di poter vincere. Eppure, di recente abbiamo visto due politici che non avevano alcun bisogno di lasciare il Paese decidere di farlo, anche se in entrambi i casi i pronostici erano negativi. C’è dunque qualcosa di strano, e non è spiegabile con il gergo manageriale inaridito che infesta la politica moderna. Se, dopo tutto, la politica moderna è stata svuotata di quasi tutti i contenuti, se si tratta in gran parte di diverse fazioni del partito che si combattono per lo status e il potere, pur condividendo a grandi linee la stessa ideologia, allora questo comportamento è perverso, per usare un eufemismo.

Curiosamente, la spiegazione sta nella crescente “professionalizzazione” della politica, tenendo presente che la parola stessa ha due significati diversi e quasi completamente opposti. In un modo bizzarro, è probabilmente corretto dire che la maggior parte dei politici di spicco di oggi sono dilettanti, perché sono politici professionisti. A prima vista può sembrare strano, ma cerchiamo di capire meglio questi concetti.

Il termine “professione” in inglese si riferisce a una specializzazione professionale che inizia con gli studi universitari o simili, passa attraverso la formazione professionale e gli esami, per poi culminare nell’appartenenza ad associazioni professionali da cui si può essere espulsi per condotta “non professionale”. Il presupposto è che se ci si rivolge a un “professionista” – un medico, un avvocato, un commercialista, o altro – si riceverà un certo standard minimo di servizio, con determinate garanzie etiche incorporate, e che si può presentare un reclamo a qualche organismo professionale se non si riceve ciò che ci si aspetta. Ora, questo non funziona sempre perfettamente nella pratica, ma la teoria è abbastanza chiara e contraddistingue alcune persone in varie società come “professionisti”. In molte società non anglosassoni, ad esempio, “ingegnere” non è un uomo che gira una chiave inglese, ma uno status professionale. Se in Germania e in altri Paesisi vede il Dip Ing accanto al nome di una persona, significa che questa ha conseguito un master in ingegneria.

Eppure è una curiosità della politica che non richiede qualifiche o formazione: non richiede nulla se non l’ambizione. Tautologicamente, un politico è qualcuno che voleva diventare un politico e ci è riuscito. Eppure le responsabilità che alcuni politici cercano, per non parlare dei danni potenziali che possono fare, sono enormemente più grandi di quelle di un ingegnere che deve costruire un ponte che non crolli. Non sorprende che non ci siano esami per diventare un politico, né una serie di competenze concordate, né un modo oggettivo per decidere se le persone sono brave o meno in questo lavoro. La maggior parte dei candidati politici viene selezionata dai partiti nazionali o locali, in base al sistema politico, spesso sulla base di favoritismi e spesso secondo criteri (come l’attuale tendenza a richiedere un numero uguale di uomini e donne) che escludono esplicitamente la competenza come fattore. Una volta eletto, la carriera di un politico dipende soprattutto dal caso: avere il profilo giusto (o non avere il profilo sbagliato) può contare molto. Tutti i partiti politici sono in qualche misura coalizioni interne, quindi essere un protetto di una figura importante del partito può essere sufficiente per ottenere un lavoro. Persone del tutto incompetenti possono sopravvivere come ministri o addirittura capi di governo, perché non c’è accordo su chi sostituirli o perché sono troppo popolari all’interno del partito per liberarsene.

In passato, ironia della sorte, questi problemi sono stati in parte gestiti perché il sistema stesso era essenzialmente amatoriale. Ricordiamo che “dilettante” in origine significava avere un affetto per un argomento che non era il proprio interesse primario o la propria professione (sic.) Quindi, i politici professionisti nel senso moderno erano rari, e la politica nazionale era qualcosa in cui le persone si cimentavano dopo aver fatto altre cose. I politici del XX secolo sono spesso nati come giornalisti, funzionari pubblici, insegnanti o docenti, avvocati, piccoli imprenditori o professionisti indipendenti. In molti casi, continuavano a lavorare in questi settori una volta eletti, abbandonandoli solo quando diventavano ministri. A quei tempi, essere un politico significava avere un certo gusto per la politica, godere del ritmo della vita politica e, nella maggior parte dei casi, avere una o più cause politiche da promuovere. Nella maggior parte dei Paesi, inoltre, si prestava attenzione a questioni di etica e correttezza, e i politici potevano essere costretti a dimettersi in caso di gravi scandali.

E la politica stessa era una mini-carriera. Si poteva iniziare come politico locale eletto, rinunciando a una o due sere alla settimana del proprio lavoro quotidiano. Quando ci si faceva conoscere, si poteva decidere di candidarsi per una carica locale a tempo pieno, o addirittura per un seggio parlamentare. Dopo qualche anno in parlamento, potreste essere scelti come assistenti parlamentari non retribuiti e, se il vostro partito è al governo, forse per un posto da ministro junior. Per essere eletto leader di un partito, nonché potenziale primo ministro o candidato alla presidenza, in genere bisognava avere almeno una certa esperienza come ministro. In alcuni Paesi (la Francia è un buon esempio) era possibile rimanere sindaco di una piccola città pur essendo ministro o addirittura presidente, il che aveva l’effetto di tenere il naso abbastanza vicino alle preoccupazioni della gente comune.

Oggi tutto questo è cambiato, in quasi tutti i Paesi occidentali. Ironia della sorte, i nostri politici sono ormai “professionisti”, non nel senso di avere le competenze professionali dei politici (di cui parleremo tra poco), ma solo nel senso di non aver mai fatto altro. Il tipico politico europeo di oggi ha forse una laurea in politica in un’università d’élite, un master in diritto dei diritti umani in un’altra università d’élite in un altro Paese, un paio di stage prestigiosi presso istituzioni o think-tank, un lavoro come ricercatore parlamentare, un lavoro in un think-tank, un lavoro nell’apparato di partito, un lavoro come consigliere ministeriale e poi, forse, verso i 30 anni, una possibilità di seggio parlamentare. Sapranno molto su come fare una buona carriera, su chi leccare i piedi e su come compiacere le persone importanti. L’esperienza come funzionari pubblici è praticamente nulla.

Questo è importante, perché le competenze necessarie per avere successo in politica oggi hanno ben poco a che fare con le competenze necessarie per essere un buon politico. Questo può sembrare strano, quindi vediamo le differenze. Tradizionalmente, i politici che aspiravano a ricoprire alte cariche dovevano essere piuttosto robusti, in grado di dormire poco, rinunciando in gran parte a vere e proprie vacanze, pronti a rinunciare alle serate e ai fine settimana, capaci di assorbire insulti e invettive senza preoccuparsene. Dovevano essere in grado di ragionare con i propri piedi, di trattare con media senza scrupoli, di padroneggiare rapidamente brief dettagliati e di sembrare intelligenti almeno a metà alle sette del mattino o a mezzanotte. Man mano che progredivano, dovevano capire cosa avrebbero accettato il loro parlamento e il loro pubblico, come presentarsi ai media e come mantenere il sostegno dei loro colleghi. Ad alto livello, dovevano essere in grado di distinguere tra cause senza speranza e cause per cui valeva la pena lottare.

I politici moderni sono generalmente più istruiti (anche se non necessariamente più intelligenti) di quelli delle generazioni precedenti, ma non sono necessariamente istruiti nelle cose giuste. È più importante aver frequentato l’università giusta e aver studiato la materia giusta, piuttosto che sapere qualcosa di qualsiasi cosa. Le loro capacità sono quelle di sopravvivenza e avanzamento all’interno di un’organizzazione, intesa nel senso più ampio non solo come partito politico, ma anche come organismi esterni con contatti e influenza, nonché parti del mondo dei media e delle ONG. Con la fine dei partiti politici di massa, la fine della necessità di leggere e comprendere le opinioni dell’elettorato, la fine dell’influenza di attori esterni come i sindacati, la fine delle differenze politiche fondamentali tra i partiti e la crescente omogeneizzazione della classe politica stessa, sono le capacità di avanzamento in un’organizzazione che contano. Appartenere alla fazione giusta, legarsi agli astri nascenti, avere le opinioni giuste in un determinato momento: queste sono le capacità da coltivare.

I partiti politici di oggi assomigliano alle grandi aziende private o alle banche, o ai partiti politici dei classici Stati monopartitici. È una curiosità della storia che gli Stati monopartitici abbiano funzionato abbastanza bene in Africa (dove erano un modo per risolvere le tensioni etniche in un ambiente sicuro) e che abbiano funzionato abbastanza bene negli Stati comunisti, dove il ruolo guida del partito era accettato con vari gradi di entusiasmo. Ma la transizione da uno Stato monopartitico a un sistema elettorale multipartitico, che l’Occidente ritiene indolore e rapida, è stata in realtà traumatica ovunque, perché richiedeva competenze che i politici coinvolti semplicemente non avevano. In Bosnia, ad esempio, la corsa precipitosa alle elezioni popolari ha portato alla costruzione di partiti su base etnica (come organizzarsi in altro modo nel tempo a disposizione?) e a una competizione tra questi partiti per essere i più radicali e caratterizzare gli altri come traditori (come farsi eleggere in altro modo?) Il risultato è stato un parlamento in cui nessuno voleva davvero la guerra, ma in cui le abilità pratiche più basilari di formazione di coalizioni e di compromesso necessarie in una democrazia erano completamente assenti, perché non erano mai state sviluppate.

I moderni partiti politici occidentali condividono alcune di queste caratteristiche in misura sorprendente. Sono, e si accettano di essere, elitari. Sanno di cosa ha bisogno la gente e cosa dovrebbe volere, si mescolano continuamente con giornalisti, opinionisti, intellettuali e figure influenti del settore privato che condividono le loro opinioni, e hanno a che fare ogni giorno con politici di altri Paesi e funzionari di organizzazioni internazionali le cui opinioni sono molto simili alle loro. Considerano il popolo stesso con disprezzo e vedono le campagne elettorali come un’occasione per vendere un prodotto alle masse non vestite e distruggere l’immagine dei loro avversari, senza cercare di persuadere. Ovviamente hanno ragione, dopotutto è colpa del popolo se non se ne rende conto. E così, mentre scrivo, continuano le manifestazioni dei principali partiti francesi che fanno parte del sistema consolidato, contro l'”estrema destra”, cioè i partiti per i quali più di un terzo dei francesi ha effettivamente votato il 9 giugno. Inimicarsi e infangare deliberatamente un terzo dell’elettorato in una democrazia non è solo un comportamento inaccettabile, ma anche estremamente dilettantesco (sic) e stupido. Ma la convinzione di poter insultare per raggiungere il potere è ormai profondamente radicata nei partiti politici occidentali.

Quasi per definizione, queste persone non sono preparate per la responsabilità di gestire un Ministero, per non parlare di un Paese. Non hanno fatto quel tipo di lavoro, in politica, negli affari, nei media, persino nel mondo accademico, in cui devono assumersi la responsabilità delle cose. Non sanno come gestire, e quindi praticano il “management”, come oggi si chiama spuntare caselle e recitare slogan. Non conoscono la necessità di impegnarsi nei dettagli, sono ossessionati dall’immagine e dalla presentazione e vedono la politica nazionale essenzialmente come una continuazione della politica delle ONG e delle organizzazioni di partito (alcuni aggiungerebbero anche della politica universitaria).

Ironia della sorte, proprio la loro ignoranza del mondo esterno e della vita delle persone comuni è uno dei motivi per cui sono riluttanti ad accettare i consigli degli esperti, soprattutto su questioni difficili e complesse. Hanno un ego potente ma fragile e poca o nessuna esperienza del mondo reale su cui basarsi. Sapere come ottenere informazioni utili da altri e valutarle è un’abilità in sé, che non viene insegnata e che, nella mia esperienza, non viene quasi mai riconosciuta. È molto meglio, o almeno più facile, affidarsi a un gruppo di “consiglieri personali” che devono la loro carriera a voi e che vi diranno quello che volete sentire. L’inesperienza e la mancanza di conoscenze si accompagnano all’arroganza. C’è una convinzione pervasiva tra queste persone di essere migliori e più intelligenti dei loro (veri) consulenti professionali, che spesso liquidano come conservatori o non sufficientemente fantasiosi. (Alla fine, le loro prospettive sono determinate non tanto da come appaiono in parlamento o di fronte alla gente, ma da quanto è buona la loro immagine mediatica e da quanto sono avanzati nei favori di chi gestisce il partito. Quindi le loro politiche sono impostate di conseguenza.

Ne consegue, infine, che questa generazione di politici è più distante concettualmente, finanziariamente e persino geograficamente dagli elettori rispetto al passato. Al contrario, sono molto vicini a coloro che si muovono in altri circoli d’élite e possono essere più a loro agio in altri Paesi che nel proprio. L’opinione pubblica conta poco in queste circostanze: i programmi della maggior parte dei partiti politici si assomigliano ormai molto: dove andranno gli elettori disaffezionati? E se restano a casa, non è necessariamente un male.

Tutto questo è contenibile finché la politica si limita a questioni di routine: chi è dentro, chi è fuori, chi è su, chi è giù, cosa dire a colazione in TV. Ma il mondo ha altre idee e la successione di crisi degli ultimi cinque anni ha iniziato a mettere in luce i problemi che si incontrano quando si pretende che i bambini facciano il lavoro degli adulti. Perché è qui che ci troviamo, e non c’è alcun segno che la vita diventi più facile o meno complessa negli anni a venire.

Consideriamo un semplice esempio. Durante la Covid, l’opinione pubblica e le élite occidentali rimasero sbalordite nello scoprire che semplici medicinali non erano più prodotti nei loro Paesi e dovevano essere importati. (Gli scaffali delle farmacie erano vuoti a causa dei problemi della catena di approvvigionamento. Per l’attuale generazione di politici e i loro “consiglieri” si trattava di un problema di presentazione. Ci criticano, cosa facciamo? La risposta, ovviamente, è anch’essa di presentazione: il governo sta progettando incentivi fiscali per le aziende farmaceutiche affinché producano i farmaci in patria, o almeno nelle vicinanze. Problema risolto. Oh, aspettate, non avete ancora nessun farmaco. Ed ecco che un esperto del Ministero della Salute vi dice che, anche se poteste costruire e aprire una fabbrica e assumere personale qualificato, anche i materiali precursori dei farmaci vengono prodotti altrove, quindi la loro fornitura non può essere garantita. A quel punto ci si mette le dita nelle orecchie, perché è troppo complicato.

I nostri attuali governanti sono psicologicamente inadatti ad affrontare problemi difficili e intrattabili, perché nulla nella loro vita li ha preparati a farlo. Non è che siano necessariamente nati tutti ricchi, anche se alcuni di loro lo sono, ma è che non hanno mai dovuto lottare per ottenere qualcosa. Non si trovano ex minatori di carbone, braccianti agricoli o negozianti in politica. Sono per lo più prodotti di scuole e università d’élite, entrano in contatto con altri membri della futura élite, scivolano senza sforzo in un tirocinio prestigioso organizzato da contatti, incontrano persone dello stesso background e che possono conoscere personalmente, mangiano, vanno in vacanza e dormono con loro, le loro nascenti carriere politiche sono assistite da contatti in politica e altrove, le loro attività politiche sono coperte con entusiasmo da amici e conoscenti nei media, ai quali sono in grado di offrire informazioni privilegiate e persino la possibilità di un lavoro in cambio.

E poi, naturalmente, si imbattono in un problema che non può essere risolto facendo la telefonata giusta o pranzando con la persona giusta. Scoprono che qualcuno sta dicendo che non possono avere qualcosa che desiderano, come l’Ucraina. Il risultato è un’epica crisi di collera, la rabbia e la rivolta dei privilegiati a cui non è mai stato negato nulla prima d’ora, di fronte al padre severo, in questo caso Putin, che dice loro che non possono avere ciò che desiderano per Natale, o il seggio nel Consiglio di Amministrazione che avevano tanto agognato.

È questa dinamica, tra le altre, che vediamo ora in gioco nelle elezioni francesi. Si è sempre tentati di supporre che in politica si giochino partite a scacchi a cinque dimensioni, e certamente in passato ci sono stati politici francesi (mi viene in mente Mitterrand) che erano sottili e subdoli al punto che chiunque stringesse la mano faceva bene a contarsi le dita dopo. Ma Macron non appartiene a quel mondo: anzi, gran parte della sua politica è di una semplicità quasi infantile: non ha ottenuto ciò che voleva alle elezioni europee, quindi ora sta gettando i suoi giocattoli fuori dalla carrozzina, minacciando di distruggere il sistema politico francese se non otterrà ciò che vuole la prossima volta. Vedremo come andrà a finire. Il caso di Sunak presenta alcuni punti in comune: alla fine, ha scoperto che il lavoro è troppo grande per lui. Con tutti i suoi soldi, la sua carriera sfavillante e la sua sicurezza di sé, non ha l’esperienza, il peso intellettuale o l’applicazione per diventare Primo Ministro, ed è consapevole di non essere all’altezza della sfida di salvare la nave, né di voler essere il Capitano quando affonda. Così scappa.

Il fatto che la nostra classe politica non abbia alcuna base o esperienza reale nel mondo oggettivo è compensato, ai loro occhi, da modelli teorici e ideologici di come dovrebbe essere il mondo. Con una formazione intellettuale (se così si può dire) in materie come la teoria politica, il diritto internazionale umanitario, l’economia e gli studi commerciali, e circondata da “consiglieri” che non hanno mai fatto un giorno di lavoro onesto in vita loro, non sorprende che la classe politica costruisca per sé mondi astratti e normativi in cui certe cose dovrebbero accadere, e quindi per definizione accadono. Questa teoria che ho imparato alla Business School dice che se facciamo X l’inflazione scenderà. Quindi deve diminuire. Se non riuscite a capirlo, dovete essere stupidi. La politica moderna, compresa la comunicazione e la gestione delle campagne politiche, consiste in gran parte nel tentativo di applicare modelli teorici e normativi alla vita reale, per poi dare la colpa del fallimento delle idee a chi le attua, e non alla stupidità delle idee stesse. Poiché la politica moderna è così distaccata dalla vita reale, e in generale non riesce a capire ciò che vede, si ritira dietro un muro di teoria normativa e preferisce le “misure” che misurano, inevitabilmente, ciò che può essere misurato, alla conoscenza pragmatica effettiva.

Questo approccio normativo e teorico, così comune nella politica moderna, ha l’effetto di rendere potenti alcuni gruppi e deboli altri. Gruppi e individui potenti spesso vengono dall’esterno del governo, promettendo risposte magiche e soprattutto presentando i problemi e le presunte soluzioni nel vocabolario normativo e ideologico alla moda del momento. In parole povere, se un servizio di ambulanze ha problemi a raggiungere i pazienti abbastanza velocemente, e questo causa problemi politici, un approccio tradizionale sarebbe quello di esaminare aspetti come la carenza di personale, la disponibilità di ambulanze, le procedure di gestione delle chiamate, ecc. Ma è probabile che questo approccio riveli che il governo deve impegnarsi maggiormente nell’assunzione, nella formazione e nella gestione del servizio, dopodiché i problemi saranno almeno parzialmente risolti. Ma un tale risultato (a meno che il problema non possa essere imputato a un governo immediatamente precedente) implica l’accettazione di critiche e l’assunzione di responsabilità, cosa che i politici non amano fare. Quindi una società esterna di consulenti sarà pagata con lo stipendio combinato di un numero significativo di paramedici per produrre un rapporto che suggerisca di fissare degli obiettivi di risposta alle chiamate di emergenza e che i direttori generali siano “ritenuti responsabili” del raggiungimento di tali obiettivi, offrendo loro incentivi finanziari per raggiungerli. Il problema è risolto, a meno che non si abbia bisogno di un’ambulanza. E alla fine, inevitabilmente, stiamo scoprendo che ci sono problemi nel mondo che non possono essere affrontati con misurazioni delle prestazioni e presentazioni in Powerpoint.

Al contrario, la posizione dei professionisti che hanno lavorato tutta la vita nel governo si indebolisce, poiché non offrono soluzioni immediate, ma piuttosto espongono i problemi nella loro reale complessità. A loro volta, vedendo le loro analisi e i loro consigli ignorati, a favore di fatui estranei privi di comprensione o esperienza, si scoraggiano e i migliori se ne vanno. Almeno fino agli anni di Blair nel Regno Unito, subito dopo il millennio, era comune che le persone che lavoravano nel servizio pubblico britannico a livelli ai quali non avrei mai potuto aspirare dicessero in privato cose del tipo: “Penso che la maggior parte di noi si sia semplicemente arresa”. Ciò significava che non aveva più senso combattere battaglie con le schiere di “consiglieri” che ormai avevano iniziato a infestare Whitehall. Se l’unico criterio per dare consigli con successo era sapere “cosa vuole Tony”, allora perché non farlo e poi cercare di contenere il più possibile i danni? E anzi, se si è ambiziosi, perché non fare carriera come persona che dice ai ministri ciò che vogliono sentirsi dire?

A questo proposito, vale la pena ricordare quanto sia improbabile e precaria l’esistenza stessa di un servizio pubblico politicamente neutrale. Dopo tutto, i governanti tradizionalmente selezionavano personalmente i consiglieri più stretti e le figure ambiziose (ma non necessariamente capaci) cercavano posti di governo per i vantaggi finanziari che potevano trarne. Le donne cercavano l’influenza in modi più indiretti. Questi metodi personalizzati, basati sul mercato e transazionali di condurre il governo sono tradizionali nella storia e si ritrovano ancora oggi, ad esempio, in molte parti dell’Africa. Ciò che ha imposto il cambiamento in quasi tutti i casi è stato il fatto che questi sistemi di solito non servono molto bene gli interessi del Paese, e l’ascesa alla ribalta di forze (in particolare la classe media professionale) che vedevano i loro interessi e quelli del Paese come collegati. Così, gli inglesi dopo la disastrosa guerra di Crimea, i tedeschi dopo la fondazione del Secondo Reich nel 1870, i francesi dopo l’insediamento definitivo della Repubblica nel 1871, o anche i giapponesi dopo lo shock del primo contatto con l’Occidente, riconobbero che uno Stato moderno non poteva più dipendere dal clientelismo e dal favoritismo, ma necessitava di un gruppo professionale di esperti, che avrebbero trascorso la loro carriera a consigliare i governi successivi e a mettere in pratica le loro politiche.

Ma questa è solo una parte del discorso. Perché un giovane intelligente e ambizioso avrebbe dovuto optare per una modesta carriera dietro le quinte, quando la possibilità di ricchezza e di potere era allettante se era disposto ad assumere un ruolo più pubblico? In ognuno dei casi sopra citati, erano in gioco fattori sociali. In Gran Bretagna e poi in Germania, fu la profonda serietà della visione del mondo e della nazione da parte della classe medio-alta, sostenuta da un’educazione fondamentalmente religiosa incentrata sul dovere. In Francia, era il disperato bisogno di costruire istituzioni per difendere i principi repubblicani, a loro volta sostenuti con un fervore quasi religioso, in Giappone era la malata consapevolezza che senza una rapida modernizzazione e l’organizzazione di uno Stato efficace, sarebbero presto diventati una colonia effettiva, come la Cina. Anche nell’Unione Sovietica e, più tardi, negli Stati del Patto di Varsavia, sembra esserci stata la stessa serietà e dedizione.

Con il senno di poi, possiamo constatare che l’apice di questo tipo di pensiero si è avuto nella generazione successiva alla Seconda guerra mondiale, a sua volta vinta in gran parte grazie all’attività di Stati capaci e professionali. È anche chiaro che oggi rimane poco delle strutture costruite allora, e quasi nulla dell’atteggiamento di seria e dedicata professionalità che le sottendeva. Se alcuni Stati (ad esempio il Giappone) sono stati in parte preservati dagli effetti peggiori di questi fenomeni, la maggior parte degli apparati statali occidentali sono ormai decaduti al punto che riformarli, per non parlare di salvarli, sembra impossibile. In effetti, gli storici del futuro, se ce ne saranno, potrebbero identificare il periodo che va dalla fine del XIX alla fine del XX secolo come “l’era del buon governo”, un’anomalia storica e un ricco campo di ricerca per i futuri dottorandi. Il problema, naturalmente, è che il mondo occidentale non si trova ad affrontare i problemi del XVIII secolo, ma del XXI, e la necessità di Stati forti e capaci è più grande che mai.

Ma perché questo declino? Larispostastandard è il tentativo deliberato delle forze di destra di attaccare il concetto stesso di Stato, a partire dagli Stati Uniti e diffondendosi in altri Paesi. Non è sbagliata, ma è incompleta e non spiega perché i governi della sinistra fittizia avrebbero dovuto essere altrettanto desiderosi di personalizzare il processo di governo e di consegnare denaro e influenza a persone esterne. Una parte della spiegazione generica, a cui ho fatto riferimento in precedenza, è che l’ultima o le ultime due generazioni hanno visto l’ascesa di una sorta di nomenklatura, omogenea dal punto di vista sociale e dell’istruzione, che pensa in gran parte gli stessi pensieri e interagisce socialmente e professionalmente per tutto il tempo. Se siete un giovane ministro, è ovvio che possiate inserire nel vostro staff personale un amico dell’università, una persona con cui lavoravate in una ONG o un giornalista amico del vostro partner. È probabile che si lavori molto meglio con loro che con un professionista che lavora da trent’anni e che ha visto i ministri andare e venire (il caso di Macron è particolarmente significativo in questo senso: la maggior parte dei suoi stretti consiglieri sono giovani, inesperti e provenienti dallo stesso ambiente). Ma almeno per una parte del tempo Macron pensa di essere a capo di una startup della Silicon Valley). Questa omogeneità pervasiva semplicemente non c’era prima: i tentativi dei governi di destra in Gran Bretagna di portare al governo “uomini d’affari indipendenti” sono stati fallimenti disastrosi. Lo scontro di culture era troppo forte.

Ma ci sono anche altre ragioni. A sinistra c’è sempre stata diffidenza nei confronti dello Stato (e non a torto, visto l’uso storico dello Stato contro i partiti di sinistra). La visione di Marx dello Stato come “comitato esecutivo della borghesia” non era del tutto ingiusta nel 1848 e, insieme alla sua idea che lo Stato non sarebbe necessario in una società senza classi, continua a influenzare il pensiero progressista e di sinistra anche oggi. Ai tempi in cui esistevano partiti politici di massa della sinistra, questo era un problema minore, poiché i poveri hanno sempre apprezzato e richiesto i servizi e la protezione dello Stato. Ma la sinistra è stata catturata da partiti politici di boutique guidati da persone agiate, che possono appaltare i problemi che lo Stato esisteva per risolvere. Così il “crimine” è diventato un affascinante argomento di dibattito ideologico su come lo Stato dovrebbe fare di meno, non la triste realtà che è per coloro che vivono in aree degradate controllate da bande di drogati e vogliono che lo Stato faccia di più. .

L’espressione più recente di questa avversione per lo Stato, che sembra essere diffusa in tutto lo spettro politico, è il cosiddetto fenomeno dello “Stato profondo”. In quanto tale, è incoerente e descritto in numerosi modi contraddittori, ma trae origine dal fatto che, per essere efficaci, gli Stati devono contenere professionisti di carriera che sanno quello che fanno e lo fanno da molto tempo. Basta un attimo di riflessione per capire che una società moderna non può funzionare in altro modo. Gli esperti di lungo corso in agricoltura, malattie, istruzione o operazioni militari, hanno già visto tutto e hanno molta più esperienza di quanta ne avranno mai i politici eletti. Questo non significa che siano loro a prendere le decisioni, ma che in uno Stato gestito correttamente le decisioni politiche dovrebbero tenere conto dei loro consigli. Detto questo, gli Stati Uniti, con la loro politicizzazione e la guerra aperta tra gruppi di interesse nel governo, hanno creato un problema di questo tipo che probabilmente è irrisolvibile, perché tutto si basa sulla competizione e sul conflitto, e il tipo di cooperazione tra esperti permanenti e politici eletti che fa funzionare efficacemente uno Stato sembra essere impossibile, almeno di questi tempi.

L’ultimo filone del sentimento antistatale è l’argomentazione anti-elitaria: i funzionari pubblici provengono da un ambiente troppo ristretto, hanno troppa influenza, è necessario coinvolgere più persone esterne. Alla fine degli anni Settanta, questo argomento era diventato quasi un’opinione diffusa in Gran Bretagna. La serie televisiva Yes Minister, un’affettuosa parodia di alcuni aspetti del servizio pubblico degli anni Cinquanta e Sessanta, basata sui diari di Richard Crossman, un ministro del governo laburista del 1964-70, fu in realtà considerata, anche dalla signora Thatcher, un documentario. Tutti erano d’accordo sulla necessità di sbarazzarsi degli alti funzionari laureati in Storia e in Lettere, di inserire persone di talento esterne, di dotare il Primo Ministro di uno staff personale ampio e potente, di dare anche ai Ministri uno staff personale ampio e potente, e di scuotere l’intera struttura di fuddy-duddy in modo che fosse “moderna”. Con l’avanzare dei decenni, la risposta a un mondo sempre più complesso e difficile è stata quella di ridurre il numero di organizzazioni e di persone disponibili ad affrontarlo.

Ebbene, il disastro che vedete intorno a voi, se vivete nel Regno Unito o in un paese influenzato dalla sua esperienza, è il risultato di tutte queste idee intelligenti. La dequalificazione del governo non porta solo all’ascesa di politici incapaci, ma anche al decadimento delle strutture che li sostengono e li aiutano a prendere buone decisioni Il tipo di decisioni bizzarre che sono state prese negli ultimi anni, di cui la convocazione di elezioni inutili con conseguenze potenzialmente disastrose è solo l’ultima, non sarebbero state prese in strutture che funzionavano correttamente.

Ma oggi non ci sono forze politiche importanti nel mondo occidentale che sostengano l’idea di uno Stato forte e potente, che è ciò che la maggior parte delle persone vuole davvero. (È noto che i militanti più antistatali che si possano immaginare vogliono sempre che lo Stato faccia le cose per loro, e in fretta). Quindi, come si fa, in queste circostanze, a reclutare persone valide e impegnate per fare i lavori idraulici e di manutenzione, necessari ma poco affascinanti, che mantengono la società effettivamente funzionante? Perché fare carriera nel settore pubblico? O perché non scambiare la propria esperienza con un lavoro meglio retribuito altrove? Perché dare consigli imparziali a persone che non li vogliono, quando si può aiutare la propria carriera dicendo ai politici ciò che vogliono sentire?

Ci sono volute generazioni, in condizioni politiche molto particolari, perché vari Paesi del mondo costruissero Stati capaci, ma solo pochi decenni per distruggerli. È possibile, naturalmente, che sotto lo stress delle nuove malattie infettive, delle conseguenze dell’Ucraina e di Gaza, della minaccia della criminalità organizzata, dei risultati del riscaldamento globale e delle migrazioni di massa, ci sia un altro momento di illuminazione collettiva e di energia riformatrice come nel XIX secolo. Ma non ci conterei. Osservate il periodo che ci separa dalla fine dell’anno, per le elezioni nel Regno Unito, in Francia e negli Stati Uniti, ma soprattutto per le loro conseguenze, poiché gli Stati indeboliti e una classe politica adolescente sono costretti a confrontarsi con problemi per i quali non troveranno soluzioni in un manuale di economia aziendale.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

L’asse degli sconvolgimenti, di Andrea Kendall-Taylor e Richard Fontaine

Composite image of the leaders of China, Iran, North Korea, and Russia
Illustrazione di Matt Needle; Fonte della foto: Reuters

Nelle prime ore del mattino del 2 gennaio, le forze russe hanno lanciato un massiccio attacco missilistico sulle città ucraine di Kiev e Kharkiv che ha ucciso almeno cinque civili, ne ha feriti più di 100 e ha danneggiato le infrastrutture. L’incidente è stato notevole non solo per i danni causati, ma anche perché ha dimostrato che la Russia non era sola nella sua lotta. L’attacco russo di quel giorno è stato condotto con armi dotate di tecnologia cinese, missili della Corea del Nord e droni iraniani. Negli ultimi due anni, tutti e tre i Paesi sono diventati i principali sostenitori della macchina da guerra di Mosca in Ucraina.

Dall’invasione della Russia nel febbraio 2022, Mosca ha schierato più di 3.700 droni di progettazione iraniana. La Russia ne produce almeno 330 al mese e sta collaborando con l’Iran per costruire una nuova fabbrica di droni all’interno della Russia che aumenterà questi numeri. La Corea del Nord ha inviato alla Russia missili balistici e più di 2,5 milioni di munizioni, proprio mentre le scorte ucraine si sono ridotte. La Cina, da parte sua, è diventata la più importante ancora di salvezza della Russia. Pechino ha incrementato l’acquisto di petrolio e gas russo, facendo affluire miliardi di dollari nelle casse di Mosca. In modo altrettanto significativo, la Cina fornisce grandi quantità di tecnologia bellica, dai semiconduttori e dai dispositivi elettronici alle attrezzature per il disturbo dei radar e delle comunicazioni e alle parti dei caccia. I registri doganali mostrano che, nonostante le sanzioni commerciali occidentali, le importazioni russe di chip per computer e componenti di chip sono aumentate costantemente verso i livelli prebellici. Più della metà di questi prodotti proviene dalla Cina.

Il sostegno di Cina, Iran e Corea del Nord ha rafforzato la posizione della Russia sul campo di battaglia, ha minato i tentativi occidentali di isolare Mosca e ha danneggiato l’Ucraina. Questa collaborazione, tuttavia, è solo la punta dell’iceberg. La cooperazione tra i quattro Paesi si stava espandendo prima del 2022, ma la guerra ha accelerato l’approfondimento dei legami economici, militari, politici e tecnologici. Le quattro potenze identificano sempre di più gli interessi comuni, fanno coincidere la loro retorica e coordinano le loro attività militari e diplomatiche. La loro convergenza sta creando un nuovo asse di sconvolgimento, uno sviluppo che sta modificando radicalmente il panorama geopolitico.

Il gruppo non è un blocco esclusivo e certamente non è un’alleanza. Si tratta, invece, di un insieme di Stati insoddisfatti che convergono su un obiettivo comune: rovesciare i principi, le regole e le istituzioni che sono alla base del sistema internazionale dominante. Quando questi quattro Paesi cooperano, le loro azioni hanno un effetto molto maggiore della somma dei loro sforzi individuali. Lavorando insieme, rafforzano le reciproche capacità militari, diluiscono l’efficacia degli strumenti di politica estera degli Stati Uniti, comprese le sanzioni, e ostacolano la capacità di Washington e dei suoi partner di far rispettare le regole globali. Il loro obiettivo collettivo è creare un’alternativa all’ordine attuale, che considerano dominato dagli Stati Uniti.

Troppi osservatori occidentali si sono affrettati a respingere le implicazioni del coordinamento tra Cina, Iran, Corea del Nord e Russia. I quattro Paesi hanno le loro differenze, certo, e una storia di sfiducia e fratture contemporanee possono limitare la crescita delle loro relazioni. Tuttavia, il loro obiettivo comune di indebolire gli Stati Uniti e il loro ruolo di leadership costituisce un forte collante. In Asia, Europa e Medio Oriente, le ambizioni dei membri dell’asse si sono già dimostrate destabilizzanti. Gestire gli effetti dirompenti di un loro ulteriore coordinamento e impedire che l’asse sconvolga il sistema globale devono ora essere obiettivi centrali della politica estera statunitense.

IL CLUB ANTI-OCCIDENTALE

La collaborazione tra i membri dell’asse non è una novità. La Cina e la Russia hanno rafforzato la loro partnership sin dalla fine della Guerra Fredda, unatendenza che ha subito una rapida accelerazione dopo l’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014. La quota della Cina nel commercio estero russo è raddoppiata dal 10 al 20% tra il 2013 e il 2021, e tra il 2018 e il 2022 la Russia ha fornito un totale complessivo dell’83% delle importazioni di armi della Cina. La tecnologia russa ha aiutato l’esercito cinese a migliorare le sue capacità di difesa aerea, antinave e sottomarina, rendendo la Cina una forza più formidabile in un potenziale conflitto navale. Pechino e Mosca hanno anche espresso una visione comune. All’inizio del 2022, il presidente russo Vladimir Putin e il leader cinese Xi Jinping hanno firmato un manifesto congiunto in cui si impegnano a creare una partnership “senza limiti” tra i loro due Paesi e chiedono “relazioni internazionali di tipo nuovo”, ovvero un sistema multipolare non più dominato dagli Stati Uniti.

L’Iran ha rafforzato i suoi legami anche con altri membri dell’asse. L’Iran e la Russia hanno collaborato per mantenere al potere il presidente siriano Bashar al-Assad dopo lo scoppio della guerra civile nel 2011. Unendosi agli sforzi della Russia, che includono importanti accordi energetici con l’Iran per proteggere Teheran dagli effetti delle sanzioni statunitensi, la Cina ha acquistato grandi quantità di petrolio iraniano dal 2020. La Corea del Nord, dal canto suo, ha annoverato la Cina tra i suoi principali alleati e partner commerciali per decenni, e la Corea del Nord e la Russia hanno mantenuto legami calorosi, anche se non particolarmente sostanziali. L’Iran ha acquistato missili nordcoreani fin dagli anni ’80 e, più recentemente, si ritiene che la Corea del Nord abbia fornito armi a gruppi iraniani per procura, tra cui Hezbollah e forse Hamas. Pyongyang e Teheran hanno anche legato per la comune avversione nei confronti di Washington: come ha dichiarato un alto funzionario nordcoreano, Kim Yong Nam, durante un viaggio di dieci giorni in Iran nel 2017, i due Paesi “hanno un nemico comune”.

Ma l’invasione russa dell’Ucraina nel 2022 ha accelerato la convergenza tra questi quattro Paesi in modi che trascendono i loro legami storici. Mosca è stata tra i principali fornitori di armi di Teheran negli ultimi due decenni ed è ora la sua maggiore fonte di investimenti esteri; le esportazioni russe in Iran sono aumentate del 27% nei primi dieci mesi del 2022. Negli ultimi due anni, secondo la Casa Bianca, la Russia ha condiviso più intelligence e fornito più armi a Hezbollah e ad altri proxy iraniani, e Mosca ha difeso questi proxy nei dibattiti al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. L’anno scorso, la Russia ha superato l’Arabia Saudita come principale fonte di petrolio grezzo per la Cina e gli scambi commerciali tra i due Paesi hanno raggiunto i 240 miliardi di dollari, un record. Mosca ha anche sbloccato milioni di dollari di beni nordcoreani precedentemente congelati nelle banche russe in conformità con le sanzioni del Consiglio di Sicurezza. Cina, Iran e Russia hanno tenuto esercitazioni navali congiunte nel Golfo di Oman per tre anni di fila, l’ultima delle quali nel marzo 2024. La Russia ha anche proposto esercitazioni navali trilaterali con Cina e Corea del Nord.

L’Occidente è stato troppo rapido nel liquidare il coordinamento tra Cina, Iran, Corea del Nord e Russia.

La crescente cooperazione tra Cina, Iran, Corea del Nord e Russia è alimentata dalla loro comune opposizione all’ordine globale dominato dall’Occidente, un antagonismo radicato nella convinzione che quel sistema non conceda loro lo status o la libertà d’azione che meritano. Ciascun Paese rivendica una sfera di influenza: Gli “interessi fondamentali” della Cina, che si estendono a Taiwan e al Mar Cinese Meridionale; l'”asse della resistenza” dell’Iran, l’insieme di gruppi per procura che fanno leva su Teheran in Iraq, Libano, Siria, Yemen e altrove; la rivendicazione della Corea del Nord sull’intera penisola coreana; e il “vicino estero” della Russia, che per il Cremlino comprende, come minimo, i Paesi che hanno costituito il suo impero storico. Tutti e quattro i Paesi vedono negli Stati Uniti l’ostacolo principale alla creazione di queste sfere di influenza e vogliono che la presenza di Washington nelle rispettive regioni sia ridotta.

Tutti rifiutano il principio dei valori universali e interpretano la difesa della democrazia da parte dell’Occidente come un tentativo di minare la loro legittimità e di fomentare l’instabilità interna. Insistono sul fatto che i singoli Stati hanno il diritto di definire la democrazia per se stessi. In definitiva, sebbene possano trovare un accordo temporaneo con gli Stati Uniti, non credono che l’Occidente accetterà la loro ascesa (o il loro ritorno) al potere sulla scena mondiale. Si oppongono all’ingerenza esterna nei loro affari interni, all’espansione delle alleanze statunitensi, allo stazionamento di armi nucleari americane all’estero e all’uso di sanzioni coercitive.

Una visione positiva per il futuro, tuttavia, è più sfuggente. Tuttavia, la storia dimostra che un’agenda positiva può non essere necessaria per un gruppo di potenze scontente per causare disordini. Il Patto Tripartito del 1940 che univa Germania, Italia e Giappone – l’originale “Asse” – si impegnava a “stabilire e mantenere un nuovo ordine di cose” in cui ogni Paese avrebbe rivendicato “il proprio posto”. Non ci riuscirono, ma la Seconda Guerra Mondiale portò sicuramente uno sconvolgimento globale. L’asse Cina, Iran, Corea del Nord e Russia non ha bisogno di un piano coerente per un ordine internazionale alternativo per sconvolgere il sistema esistente. La comune opposizione ai principi fondamentali dell’ordine attuale e la loro determinazione a produrre un cambiamento costituiscono una potente base per un’azione collaborativa.

Tra i membri dell’asse esistono delle fratture. La Cina e la Russia si contendono l’influenza in Asia centrale, ad esempio, mentre l’Iran e la Russia competono per i mercati petroliferi in Cina, India e altrove in Asia. I quattro Paesi hanno anche storie complicate tra loro. L’Unione Sovietica ha invaso l’Iran nel 1941; la Russia e la Cina hanno risolto la loro lunga disputa sui confini solo nel 2004 e in precedenza avevano entrambe sostenuto gli sforzi per limitare i programmi nucleari iraniani e per isolare la Corea del Nord. Oggi la Cina potrebbe guardare con sospetto all’intensificarsi delle relazioni della Corea del Nord con la Russia, temendo che un Kim Jong Un più forte possa aggravare le tensioni nell’Asia nordorientale e attirare una maggiore presenza militare statunitense, che la Cina non vuole. Tuttavia, le loro differenze non sono sufficienti a dissolvere i legami forgiati dalla loro comune resistenza a un mondo dominato dall’Occidente.

CATALIZZATORE AL CREMLINO

Mosca è stata la principale istigatrice di questo asse. L’invasione dell’Ucraina ha segnato un punto di non ritorno nella lunga crociata di Putin contro l’Occidente. Putin si è impegnato sempre più a distruggere non solo l’Ucraina, ma anche l’ordine globale. E per raggiungere i suoi obiettivi ha raddoppiato le relazioni con i Paesi che la pensano allo stesso modo. Tagliata fuori dal commercio, dagli investimenti e dalla tecnologia occidentali dall’inizio della guerra, Mosca ha avuto poca scelta se non quella di affidarsi ai suoi partner per sostenere le sue ostilità. Le munizioni, i droni, i microchip e altre forme di aiuto inviate dai membri dell’asse sono state di grande aiuto alla Russia. Ma più il Cremlino si affida a questi Paesi, più deve cedere in cambio. Pechino, Pyongyang e Teheran stanno sfruttando la loro influenza su Mosca per espandere le loro capacità militari e le loro opzioni economiche.

Anche prima dell’invasione russa, l’assistenza militare di Mosca a Pechino stava erodendo il vantaggio militare degli Stati Uniti sulla Cina. La Russia ha fornito armi sempre più sofisticate alla Cina e le esercitazioni militari congiunte dei due Paesi sono aumentate in portata e frequenza. Gli ufficiali russi che hanno combattuto in Siria e nella regione ucraina del Donbas hanno condiviso lezioni preziose con il personale cinese, aiutando l’Esercito Popolare di Liberazione a compensare la sua mancanza di esperienza operativa, una debolezza notevole rispetto alle forze statunitensi più esperte. La modernizzazione militare della Cina ha ridotto l’urgenza di approfondire la cooperazione nel settore della difesa con la Russia, ma è probabile che i due Paesi procedano con trasferimenti di tecnologia e con lo sviluppo e la produzione di armi congiunte. A febbraio, ad esempio, funzionari russi hanno confermato di stare lavorando con controparti cinesi sulle applicazioni militari dell’intelligenza artificiale. Mosca mantiene un vantaggio su Pechino in altri settori chiave, tra cui la tecnologia dei sottomarini, i satelliti per il telerilevamento e i motori per aerei. Se la Cina riuscirà a fare pressione su una Russia più dipendente per fornire ulteriori tecnologie avanzate, il trasferimento potrebbe minare ulteriormente i vantaggi degli Stati Uniti.

A Chinese warship approaching an Iranian port in the Gulf of Oman, December 2019
Una nave da guerra cinese si avvicina a un porto iraniano nel Golfo di Oman, dicembre 2019
Agenzia di stampa dell’Asia occidentale / Reuters

Una dinamica simile si sta verificando nelle relazioni della Russia con l’Iran e la Corea del Nord. Mosca e Teheran hanno dato vita a quella che l’amministrazione Biden ha definito una “partnership di difesa senza precedenti” che potenzia le capacità militari iraniane. La Russia ha fornito all’Iran aerei avanzati, difesa aerea, intelligence, sorveglianza, ricognizione e capacità informatiche che aiuterebbero Teheran a resistere a una potenziale operazione militare statunitense o israeliana. In cambio delle munizioni e di altri aiuti militari forniti dalla Corea del Nord alla Russia, Pyongyang starebbe cercando di ottenere da Mosca tecnologia spaziale, missilistica e sottomarina avanzata. Se la Russia dovesse soddisfare queste richieste, la Corea del Nord sarebbe in grado di migliorare la precisione e la sopravvivenza dei suoi missili balistici intercontinentali a capacità nucleare e di utilizzare la tecnologia russa di propulsione nucleare per espandere la portata e la capacità dei suoi sottomarini. La Russia ha già testato le armi nordcoreane sul campo di battaglia in Ucraina e ha fornito a Pyongyang informazioni che può utilizzare per perfezionare il suo programma missilistico; inoltre, l’assistenza russa potrebbe aver aiutato la Corea del Nord a lanciare un satellite spia militare a novembre, dopo due precedenti fallimenti dello scorso anno.

Le forti relazioni tra i quattro Paesi dell’asse hanno rafforzato i leader di Pyongyang e Teheran. Kim, che ora gode di un forte sostegno sia da parte della Cina che della Russia, ha abbandonato la politica decennale della Corea del Nord di unificazione pacifica con la Corea del Sud e ha intensificato le sue minacce contro Seoul, si è lasciato andare a ricatti nucleari e a test missilistici e ha espresso la mancanza di qualsiasi interesse per i colloqui con gli Stati Uniti. Sebbene non sembri esserci un collegamento diretto tra l’approfondimento della loro partnership e l’attacco di Hamas a Israele del 7 ottobre, il crescente sostegno della Russia ha probabilmente reso l’Iran più disposto ad attivare i suoi proxy regionali nel periodo successivo. La diplomazia coordinata e le pressioni della Russia e dell’Occidente che hanno portato l’Iran all’accordo nucleare del 2015 sono ormai un lontano ricordo. Oggi, Mosca e Pechino aiutano Teheran a resistere alla coercizione occidentale, rendendo più facile per l’Iran arricchire l’uranio e respingere gli sforzi di Washington per negoziare un nuovo accordo nucleare.

AMERICA UNDERMINED

La collaborazione tra i membri dell’asse riduce anche la potenza degli strumenti che Washington e i suoi partner spesso usano per affrontarli. Nell’esempio più lampante, dall’inizio della guerra in Ucraina, la Cina ha fornito alla Russia semiconduttori e altre tecnologie essenziali che prima la Russia importava dall’Occidente, riducendo l’efficacia dei controlli sulle esportazioni occidentali. Tutti e quattro i Paesi stanno inoltre lavorando per ridurre la loro dipendenza dal dollaro statunitense. La quota delle importazioni russe fatturate in renminbi cinesi è passata dal 3% nel 2021 al 20% nel 2022. Inoltre, nel dicembre 2023, l’Iran e la Russia hanno concluso un accordo per condurre scambi bilaterali nelle rispettive valute locali. Spostando le loro transazioni economiche al di fuori della portata delle misure di applicazione degli Stati Uniti, i membri dell’asse minano l’efficacia delle sanzioni occidentali, nonché gli sforzi anticorruzione e antiriciclaggio.

Sfruttando i confini e le zone litoranee condivise, Cina, Iran, Corea del Nord e Russia possono costruire reti commerciali e di trasporto al sicuro dalle interdizioni statunitensi. L’Iran, ad esempio, spedisce droni e altre armi alla Russia attraverso il Mar Caspio, dove gli Stati Uniti hanno poco potere per fermare i trasferimenti. Se gli Stati Uniti fossero impegnati in un conflitto con la Cina nell’Indo-Pacifico, Pechino potrebbe chiedere il sostegno di Mosca. La Russia potrebbe aumentare le esportazioni via terra di petrolio e gas verso il suo vicino meridionale, riducendo la dipendenza della Cina dalle importazioni marittime di energia che le forze statunitensi potrebbero bloccare durante un conflitto. La base industriale russa della difesa, ora in fibrillazione per la fornitura di armi alle truppe russe in Ucraina, potrebbe in un secondo momento orientarsi per sostenere uno sforzo bellico cinese. Tale cooperazione aumenterebbe le probabilità che la Cina prevalga sulle forze armate americane e contribuirebbe a far avanzare l’obiettivo della Russia di diminuire l’influenza geopolitica degli Stati Uniti.

L’asse sta anche ostacolando la capacità di Washington di riunire coalizioni internazionali in grado di opporsi alle azioni destabilizzanti dei suoi membri. Il rifiuto della Cina di condannare l’invasione russa dell’Ucraina, ad esempio, ha reso molto più facile per i Paesi dell’Africa, dell’America Latina e del Medio Oriente fare lo stesso. Pechino e Mosca hanno ostacolato gli sforzi occidentali per isolare l’Iran. L’anno scorso hanno elevato l’Iran da osservatore a membro dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, un organismo regionale prevalentemente asiatico, e hanno poi orchestrato l’invito all’Iran a entrare nei BRICS, un gruppo che Cina e Russia considerano un contrappeso all’Occidente. Le ingerenze regionali dell’Iran e i suoi obiettivi nucleari hanno reso gli altri Paesi diffidenti nei confronti del suo governo, ma la sua partecipazione ai forum internazionali rafforza la legittimità del regime e gli offre l’opportunità di espandere gli scambi commerciali con i Paesi membri.

Gli sforzi paralleli dei membri dell’asse nel campo dell’informazione indeboliscono ulteriormente il sostegno internazionale alle posizioni statunitensi. La Cina, l’Iran e la Corea del Nord hanno difeso o evitato di condannare esplicitamente l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e hanno tutti imitato il Cremlino nell’accusare la NATO di aver istigato la guerra. La loro risposta agli attacchi di Hamas contro Israele dello scorso ottobre ha seguito uno schema simile. L’Iran ha usato i media di Stato e i social media per esprimere sostegno ad Hamas, diffamare Israele e denunciare gli Stati Uniti per aver permesso la risposta militare di Israele, mentre i media russi e, in misura minore, quelli cinesi hanno criticato aspramente il sostegno duraturo degli Stati Uniti a Israele. Hanno usato la guerra a Gaza per ritrarre Washington come una forza destabilizzante e dominante nel mondo, una narrazione che ha particolare risonanza in alcune parti dell’Africa, dell’Asia, dell’America Latina e del Medio Oriente. Anche se i membri dell’asse non coordinano apertamente i loro messaggi, spingono gli stessi temi e la ripetizione li fa apparire più credibili e persuasivi.

UN ORDINE ALTERNATIVO?

Gli ordini globali amplificano la forza degli Stati potenti che li guidano. Gli Stati Uniti, ad esempio, hanno investito nell’ordine internazionale liberale che hanno contribuito a creare perché questo ordine riflette le preferenze americane ed estende l’influenza degli Stati Uniti. Finché un ordine rimane sufficientemente vantaggioso per la maggior parte dei membri, un nucleo di Stati lo difenderà. I Paesi dissenzienti, invece, sono vincolati da un problema di azione collettiva. Se disertassero in massa, potrebbero riuscire a creare un ordine alternativo più gradito. Ma senza un nucleo di Stati potenti attorno al quale coalizzarsi, il vantaggio rimane quello dell’ordine esistente.

Per decenni, le minacce all’ordine guidato dagli Stati Uniti sono state limitate a una manciata di Stati canaglia con scarso potere di rovesciarlo. Ma l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e la ristrutturazione delle relazioni interstatali che ne è conseguita hanno eliminato il vincolo all’azione collettiva. L’asse di sconvolgimento rappresenta un nuovo centro di gravità, un gruppo a cui altri Paesi insoddisfatti dell’ordine esistente possono rivolgersi. L’asse sta inaugurando un sistema internazionale caratterizzato da due ordini sempre più organizzati e competitivi.

Storicamente, gli ordini in competizione hanno invitato al conflitto, soprattutto nelle zone geografiche che li separano. Le guerre nascono da condizioni specifiche, come una disputa territoriale, la necessità di proteggere gli interessi nazionali o di un alleato, o una minaccia alla sopravvivenza di un regime. Ma la probabilità che una qualsiasi di queste condizioni porti alla guerra aumenta in presenza di ordini di duello. Alcuni ricercatori di scienze politiche hanno scoperto che i periodi in cui prevaleva un unico ordine – il sistema di equilibrio di potere mantenuto dal Concerto d’Europa per gran parte del XIX secolo, ad esempio, o l’era post-Guerra Fredda dominata dagli Stati Uniti – erano meno inclini ai conflitti rispetto a quelli caratterizzati da più ordini, come il periodo multipolare tra le due guerre mondiali e il sistema bipolare della Guerra Fredda.

Xi and Putin in Moscow, March 2023
Xi e Putin a Mosca, marzo 2023
Sputnik / Pavel Byrkin / Cremlino / Reuters

Il mondo ha avuto un’anticipazione dell’instabilità che questa nuova era di ordini in competizione porterà, con potenziali aggressori che hanno il potere di normalizzare le regole alternative dell’asse e che hanno meno paura di essere isolati se agiscono. L’attacco di Hamas a Israele minaccia già di coinvolgere il Medio Oriente in una guerra. Lo scorso ottobre, l’Azerbaigian ha preso con la forza il controllo del Nagorno-Karabakh, una regione separata abitata dall’etnia armena. Nel 2023 sono scoppiate tensioni anche tra Serbia e Kosovo e a dicembre il Venezuela ha minacciato di impadronirsi del territorio della vicina Guyana. Anche se le condizioni interne hanno fatto precipitare i colpi di Stato in Myanmar e nella regione africana del Sahel dal 2020, l’aumento dell’incidenza di tali rivolte è legato al nuovo assetto internazionale. Per molti anni, sembrava che i colpi di Stato stessero diventando meno comuni, in gran parte perché i complottisti dovevano affrontare costi significativi per la violazione delle norme. Ora, però, i calcoli sono cambiati. Il rovesciamento di un governo può ancora incrinare le relazioni con l’Occidente, ma i nuovi regimi possono trovare il sostegno di Pechino e Mosca.

Un ulteriore sviluppo dell’asse porterebbe un tumulto ancora maggiore. Finora la maggior parte della collaborazione tra Cina, Iran, Corea del Nord e Russia è stata bilaterale. Un’azione trilaterale e quadrilaterale potrebbe espandere la loro capacità di disturbo. Anche Paesi come Bielorussia, Cuba, Eritrea, Nicaragua e Venezuela, che si oppongono al sistema guidato dagli Stati Uniti e dominato dall’Occidente, potrebbero iniziare a collaborare più strettamente con l’asse. Se il gruppo cresce di dimensioni e rafforza il suo coordinamento, per gli Stati Uniti e i suoi alleati sarà più difficile difendere l’ordine riconosciuto.

AFFRONTARE I REVISIONISTI

Per il momento, la strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti considera la Cina una priorità più alta dell’Iran, della Corea del Nord e persino della Russia. Questa valutazione è strategicamente valida se si considera la minaccia che i singoli Paesi rappresentano per gli Stati Uniti, ma non tiene pienamente conto della cooperazione tra di essi. La politica statunitense dovrà affrontare gli effetti destabilizzanti dell’azione concertata dei Paesi revisionisti e dovrà cercare di interrompere i loro sforzi coordinati per sovvertire importanti regole e istituzioni internazionali. Washington, inoltre, dovrebbe ridurre l’attrattiva dell’asse accentuando le attrattive dell’ordine esistente.

Se gli Stati Uniti vogliono contrastare un asse sempre più coordinato, non possono trattare ogni minaccia come un fenomeno isolato. Washington non dovrebbe ignorare l’aggressione russa in Europa, ad esempio, per concentrarsi sulla crescente potenza cinese in Asia. È già chiaro che il successo della Russia in Ucraina va a vantaggio di una Cina revisionista, dimostrando che è possibile, anche se costoso, ostacolare uno sforzo occidentale unitario. Anche se Washington considera giustamente la Cina come la sua massima priorità, per affrontare la sfida di Pechino sarà necessario competere con altri membri dell’asse in altre parti del mondo. Per essere efficaci, gli Stati Uniti dovranno dedicare ulteriori risorse alla sicurezza nazionale, impegnarsi in una diplomazia più vigorosa, sviluppare nuovi e più forti partenariati e assumere un ruolo più attivo nel mondo rispetto a quanto fatto finora.

D’altra parte, non funzionerà l’unione tra i membri dell’asse. Prima dell’invasione russa dell’Ucraina, alcuni strateghi suggerivano che gli Stati Uniti si allineassero alla Russia per bilanciare la Cina. Dopo l’inizio della guerra, alcuni hanno nutrito la speranza che gli Stati Uniti potessero unirsi alla Cina in una coalizione anti-russa. Ma a differenza dell’apertura alla Cina del presidente Richard Nixon negli anni ’70, che approfittò della spaccatura sino-sovietica per allontanare Pechino da Mosca, oggi non esiste una rivalità ideologica o geopolitica equivalente da sfruttare per Washington. Il prezzo del tentativo comporterebbe probabilmente il riconoscimento da parte degli Stati Uniti di una sfera di influenza russa o cinese in Europa e in Asia, regioni centrali per gli interessi statunitensi e che Washington non dovrebbe permettere a una potenza straniera ostile di dominare. Separare l’Iran o la Corea del Nord dal resto dell’asse sarebbe ancora più difficile, visti gli obiettivi revisionisti e persino rivoluzionari dei loro governi. In definitiva, l’asse è un problema che gli Stati Uniti devono gestire, non che possono risolvere con grandi gesti strategici.

Storicamente, gli ordini concorrenti hanno invitato al conflitto.

Né l’Occidente né l’asse diventeranno blocchi politici, militari ed economici completamente distinti. Ciascuna coalizione competerà per l’influenza in tutto il mondo, cercando di attirare paesi vitali dalla propria parte. Sei “Stati globali in bilico” saranno particolarmente importanti: Brasile, India, Indonesia, Arabia Saudita, Sudafrica e Turchia sono tutte medie potenze con un peso geopolitico collettivo sufficiente a far sì che le loro preferenze politiche possano influenzare la direzione futura dell’ordine internazionale. Ci si aspetta che questi sei Paesi – e anche altri – perseguano legami economici, diplomatici, militari e tecnologici con i membri di entrambi gli ordini. I politici statunitensi dovrebbero avere come priorità quella di negare vantaggi all’asse di questi Paesi, incoraggiando i loro governi a scegliere politiche che favoriscano l’ordine prevalente. In pratica, ciò significa utilizzare incentivi commerciali, impegno militare, aiuti esteri e diplomazia per evitare che gli swing states ospitino basi militari di membri dell’asse, diano ai membri dell’asse accesso alle loro infrastrutture tecnologiche o ai loro equipaggiamenti militari, o li aiutino ad aggirare le sanzioni occidentali.

Sebbene la competizione con l’asse possa essere inevitabile, gli Stati Uniti devono cercare di evitare un conflitto diretto con uno dei suoi membri. A tal fine, Washington dovrebbe riaffermare i propri impegni di sicurezza per rafforzare la deterrenza nel Pacifico occidentale, in Medio Oriente, nella penisola coreana e sul fianco orientale della NATO. Gli Stati Uniti e i loro alleati dovrebbero anche prepararsi ad aggressioni opportunistiche. Se, ad esempio, un’invasione cinese di Taiwan dovesse provocare un intervento militare statunitense, la Russia potrebbe essere tentata di muoversi contro un altro Paese europeo e l’Iran o la Corea del Nord potrebbero intensificare le minacce nelle loro regioni. Anche se i membri dell’asse non coordinano direttamente le loro aggressioni, i conflitti concomitanti potrebbero travolgere l’Occidente. Washington dovrà quindi fare pressione sugli alleati affinché investano in capacità che gli Stati Uniti non potrebbero fornire se fossero già impegnati in un altro teatro militare.

Affrontare l’asse sarà costoso. Una nuova strategia richiederà agli Stati Uniti di aumentare la spesa per la difesa, gli aiuti esteri, la diplomazia e le comunicazioni strategiche. Washington deve indirizzare gli aiuti alle prime linee del conflitto tra l’asse e l’Occidente, compresa l’assistenza a Israele, Taiwan e Ucraina, che devono affrontare l’invasione dei membri dell’asse. I revisionisti sono incoraggiati dalla sensazione che le divisioni politiche interne o l’esaurimento dell’impegno internazionale terranno gli Stati Uniti ai margini di questa competizione; una strategia statunitense completa e ben finanziata, con un sostegno bipartisan, aiuterebbe a contrastare questa impressione. L’alternativa – una riduzione della presenza globale degli Stati Uniti – lascerebbe il destino di regioni cruciali nelle mani non di potenze locali amiche, ma di membri dell’asse che cercano di imporre le loro preferenze revisioniste e illiberali.

LA MINACCIA DELLE QUATTRO POTENZE

Si tende a minimizzare l’importanza della crescente cooperazione tra Cina, Iran, Corea del Nord e Russia. Rivolgendosi a Pechino, si sostiene, Mosca segnala semplicemente di aver accettato il ruolo di junior partner. Ottenere droni dall’Iran e munizioni dalla Corea del Nord dimostra la disperazione di una macchina da guerra russa che ha erroneamente pensato che conquistare l’Ucraina sarebbe stato facile. L’abbraccio della Cina alla Russia dimostra solo che Pechino non è riuscita a ottenere il rapporto positivo che inizialmente cercava con l’Europa e le altre potenze occidentali. La Corea del Nord rimane il Paese più isolato al mondo e le attività di disturbo dell’Iran si sono ritorte contro, rafforzando la cooperazione regionale tra Israele, Stati Uniti e Paesi del Golfo.

Tale analisi ignora la gravità della minaccia. Quattro potenze, sempre più forti e coordinate, sono unite nell’opposizione all’ordine mondiale dominante e alla sua leadership statunitense. La loro capacità economica e militare combinata, insieme alla loro determinazione a cambiare il modo in cui il mondo ha funzionato dalla fine della Guerra Fredda, costituiscono un mix pericoloso. Si tratta di un gruppo intenzionato a sconvolgere la situazione e gli Stati Uniti e i loro partner devono trattare l’asse come una sfida generazionale. Devono rafforzare le fondamenta dell’ordine internazionale e respingere coloro che agiscono con maggior vigore per minarlo. È probabilmente impossibile arrestare l’emergere di questo nuovo asse, ma impedirgli di sconvolgere l’attuale sistema è un obiettivo raggiungibile.

L’Occidente ha tutte le carte in regola per trionfare in questa competizione. La sua economia combinata è molto più grande, i suoi eserciti sono significativamente più potenti, la sua geografia è più vantaggiosa, i suoi valori sono più attraenti e il suo sistema democratico è più stabile. Gli Stati Uniti e i loro partner dovrebbero essere fiduciosi nei propri punti di forza, anche se si rendono conto dell’entità degli sforzi necessari per competere con questa nascente coalizione anti-occidentale. Il nuovo asse ha già cambiato il quadro della geopolitica, ma Washington e i suoi partner possono ancora prevenire il mondo di sconvolgimenti che l’asse spera di inaugurare.

  • ANDREA KENDALL-TAYLOR è Senior Fellow e direttore del Programma di sicurezza transatlantica presso il Center for a New American Security. Dal 2015 al 2018 è stata Deputy National Intelligence Officer per la Russia e l’Eurasia presso il National Intelligence Council.
  • RICHARD FONTAINE è amministratore delegato del Center for a New American Security. Ha lavorato presso il Dipartimento di Stato americano, nel Consiglio di sicurezza nazionale e come consigliere di politica estera del senatore americano John McCain.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

SITREP 20/06/24: Putin firma un partenariato di difesa nello storico viaggio a Pyongyang, di SIMPLICIUS

Solo per la seconda volta dall’anno inaugurale del 2000, Putin è atterrato a Pyongyang, con grande adulazione e clamore:

La visita arriva subito dopo che la Russia ha intimato una risposta speculare all’Occidente per aver armato l’Ucraina con armi avanzate in grado di colpire il territorio russo. Non sorprende che la visita di Putin sia stata sottolineata dalla firma di un pesante “documento strategico” che includeva la possibilità implicita che la Russia dotasse la Corea del Nord con la propria scuderia di armi avanzate.

Lavrov ha confermato il fatto:

⚡💪⚡️Documenti firmati dai leader della RPDC e della Federazione Russa:

💪Trattato di partenariato strategico globale tra la Federazione Russa e la Repubblica popolare democratica di Corea;

💪Accordo tra il Governo della Federazione Russa e il Governo della Repubblica Popolare Democratica di Corea sulla costruzione di un ponte stradale di confine sul fiume Tumannaya;

💪Accordo tra il governo della Federazione Russa e il governo della Repubblica popolare democratica di Corea sulla cooperazione nel campo della sanità, dell’educazione medica e della scienza.

💪 L’accordo su un partenariato strategico globale tra la Federazione Russa e la RPDC prevede assistenza in caso di aggressione contro uno dei partecipanti, Putin ⚡💪⚡

Al di là delle superficiali promesse di cooperazione in vari campi civili, Russia e NK intendono costruire un nuovo ponte stradale al loro confine per facilitare meglio i viaggi interstatali, così come quello più grande: un “partnership strategica globale” per l’assistenza nell’evento di aggressività. Ciò sembra a un passo da un’alleanza militare completa.

La conclusione più importante è duplice:

È ovvio che ciò rappresenta un segnale immediato da parte di Putin che non stava bluffando quando ha detto che ci sarebbero state ritorsioni per aver oltrepassato le linee rosse. L’aspetto più serio, e sottovalutato, di tutto ciò è il potenziale implicito di facilitare la capacità della Corea del Nord di colpire gli Stati Uniti con il metodo nucleare . Il motivo è che gran parte delle minacce nei confronti dell’Ucraina rientrano in questa categoria: ad esempio, gli F-16 che l’Occidente promette sfacciatamente all’Ucraina rappresentano una minaccia nucleare , data la loro capacità di sganciare bombe nucleari tattiche B-61 sull’Ucraina. territorio russo.

L’Occidente intensifica le tensioni proteggendosi con una delega dotata di capacità nucleare, che consentirebbe di intraprendere una guerra nucleare contro la Russia con una sorta di negazione plausibile incorporata o di difesa legale. Quindi ora la Russia ha ricambiato, lasciando intendere che può fornire alla Corea del Nord tecnologie missilistiche ancora più letali che possono essere potenzialmente utilizzate insieme alle testate nucleari per mettere gli Stati Uniti sotto la spada nucleare.

Ma l’implicazione più significativa – per me – di questi sviluppi è in realtà quella che si applica in modo molto più diretto e immediato alle ostilità ucraine in corso sul terreno. Non solo questo inasprimento delle relazioni rappresenta il probabile aumento delle munizioni convenzionali di base nordcoreane destinate all’esercito russo, ma suggerisce anche la possibilità di forniture molto più complete in futuro; cioè non solo proiettili e armi leggere, ma possibilmente interi sistemi d’arma come MLRS, armature leggere e pesanti, ecc.

Un suggerimento che circola è la possibilità di fornire all’esercito russo il devastante sistema MLRS KN-25 da 600 mm della Corea del Nord, che è fondamentalmente la versione NK di un ATACMS:

Questo è tutto per non parlare del fatto che mentre tutto ciò era in corso, le navi da guerra russe con armi ipersoniche avrebbero eseguito manovre in vista di Miami, un messaggio chiaro inviato:

Le rotte degli aerei ELINT della Marina che volteggiano sopra.

E infine, questo si collega a qualcos’altro. I commentatori occidentali continuano a incentrare tutte le loro speranze di vittoria futura sul fatto che l’Occidente sta presumibilmente “aumentando la produzione”, cosa che collegano disperatamente alla narrativa secondo cui circa un anno nel futuro le potenze manifatturiere combinate di Europa e Stati Uniti si uguaglieranno. o sorpasserà la Russia e per Putin sarà la fine.

Il problema è che, come mostra l’estratto coreano qui sotto, la Russia non solo sta aumentando la produzione stessa in linea con l’Occidente, e probabilmente anche più velocemente, ma gli alleati della Russia hanno enormi capacità di produzione di munizioni chiave che fanno impallidire qualsiasi cosa di cui l’Occidente sarà capace in futuro. prossimo decennio o più.

Guarda:

Non solo l’ attuale produzione in tempo di pace della Corea del Nord è in grado di raggiungere l’enorme quantità di 2 milioni di proiettili da 152 mm all’anno, ma la fonte esperta sudcoreana ritiene di poter aumentare la produzione di 2 o 3 volte fino all’enorme quantità di 4-6 milioni. Per metterlo in prospettiva, l’intero Occidente combinato non è riuscito a consegnare nemmeno 1 milione di proiettili all’Ucraina, e questo dopo aver tentato disperatamente di procurarseli in tutto il mondo. Gli Stati Uniti hanno appena “con orgoglio” annunciato l’aumento della produzione fino a 36.000 proiettili al mese, un misero ~430.000 all’anno, con il programma previsto di raggiungere gli 80.000 al mese – o 920.000 all’anno – entro il 2028 .

Nel frattempo, non solo si dice che la Russia raggiungerà presto i 4-5 milioni all’anno, ma la Corea del Nord arriva a 2 milioni e può rapidamente raggiungere i 6 milioni. In breve, l’iniziativa difensiva strategica della Russia nei confronti della Corea del Nord promette di mantenere l’esercito russo assetato di artiglieria più che spento per un tempo indefinito.

E per coloro che potrebbero esitare di fronte ai numeri, la settimana scorsa la Corea del Sud ha appena riferito ufficialmente che ora calcolano che la Corea del Nord abbia già inviato 10.000 container ferroviari con 5 milioni di proiettili alla Russia:

Seoul ha rilevato almeno 10.000 container spediti dalla Corea del Nord alla Russia, che potenzialmente contengono fino a 4,8 milioni di proiettili di artiglieria, ha detto il ministro della Difesa sudcoreano Shin Won-sik a Bloomberg News in un’intervista pubblicata venerdì.

Qui si può vedere la morte della narrazione. Si dice che gli Stati Uniti e i loro alleati stiano “accelerandosi” fino a un certo punto in futuro in cui l’Ucraina potrà ricevere più di 2 milioni di proiettili all’anno, e questo dovrebbe essere un punto di svolta rivoluzionario. Eppure, a quel punto, la Russia potrebbe molto probabilmente procurarsi fino a 10 milioni di proiettili all’anno.

Non sarei sorpreso se la Corea del Nord e altri potessero anche aiutare la Russia a colmare le lacune con veri e propri sistemi di artiglieria, barili, carri armati, ecc., se necessario. Uno degli altri elementi principali della narrativa pro-UA è che la Russia sta finendo i carri armati. Non producono abbastanza scafi nuovi e almeno la metà o più della produzione annuale consiste in scafi restaurati provenienti da basi di stoccaggio, che si esauriranno nel giro di un anno o due.

Parte di questa teoria derivava dalla consapevolezza che la Russia produce solo nuovi T-72, mentre i T-90M e i T-80 sono tutti creati da scafi rinnovati e finiti. Tuttavia, la settimana scorsa l’UVZ russo ha pubblicato un nuovo video che mostrava un nuovo scafo del T-90 fabbricato da zero, caratterizzato da clip delle sue sezioni rinforzate in modo univoco, che differiscono dal T-72, fresate e lavorate. Ciò sembra suggerire che la Russia stia ora producendo T-90 completamente nuovi.

E mentre è vero che gli scafi T-80 stanno probabilmente diminuendo, la Russia ha lentamente ripristinato una linea di produzione T-80, con la produzione di motori a turbina che ha raggiunto una pietra miliare essendo stata riavviata mesi fa, con solo gli scafi rimasti per aprire una nuova linea. Molto probabilmente, molto prima che gli scafi dei T-80 immagazzinati si esauriscano, anche la Russia avrà riavviato la produzione nativa di T-80, a quel punto il dissanguamento sarà fermato.

Insomma, la Russia sarà coperta a lungo termine, e infatti i suoi industriali guardano già a un futuro postbellico in linea con l’iniziativa di Putin e Belousov di integrare l’economia di guerra nello sviluppo di quella civile. Il capo della Rostec, Sergey Chemezov, lo ha dichiarato oggi:

⚡️ Sergey Chemezov: oggi gettiamo le basi per il periodo post-vittoria.

In una riunione dell’Ufficio dell’Unione degli ingegneri meccanici della Russia e della Lega per l’assistenza alle imprese della difesa, il capo della Rostec ha osservato che l’industria della difesa nazionale, insieme all’attuazione dell’ordine di difesa statale, crea le basi nell’alta tecnologia aree civili per il periodo post-vittoria.

“L’importanza dell’industria della difesa sta crescendo rapidamente. Non solo forniamo ai nostri soldati nel distretto militare settentrionale tutto ciò di cui hanno bisogno, ma partecipiamo anche attivamente alla realizzazione dei più importanti progetti civili. Contribuiamo al raggiungimento degli obiettivi su larga scala dello sviluppo nazionale del nostro Paese”, ha affermato Sergei Chemezov.

Naturalmente, l’Occidente continua gli sforzi per riorientare la propria intera strategia verso una strategia che possa avere qualche successo contro la Russia nel futuro a lungo termine. Ma ho intenzione di scrivere presto un articolo dedicato esclusivamente a quell’argomento, quindi restate sintonizzati.

Sul fronte della guerra, per ora, le cose continuano ad essere relativamente lente. Nei cicli naturali di “respirazione” della guerra, le forze russe sul fronte nord di Kharkov si sono sistemate in posizioni e hanno permesso alle truppe ucraine rinforzate di prendere l’iniziativa nell’assalto in modo da poterle stremare e logorare, prima di riprendere l’iniziativa con nuove azioni offensive.

Nel frattempo, le forze russe continuano ad ottenere guadagni incrementali negli altri distretti, in particolare nella regione di Donetsk, dove è stata registrata una svolta di quasi 1 km verso Toresk, a sud di Bakhmut. Diventa sempre più evidente che l’intera regione di Konstantinovka viene messa in una caldaia a lenta costrizione:

Julian Ropcke della BILD è nuovamente preoccupato per il bordo meridionale di questa caldaia in formazione e per quanto le forze russe siano vicine all’autostrada della vita:

All’esercito russo restano solo 7 chilometri per tagliare la principale via di rifornimento per le forze armate ucraine nel Donbass – scrive la BILD tedesca

Secondo la pubblicazione, l’obiettivo delle forze armate russe è l’autostrada T0504, conosciuta anche come “la strada della vita”, che va da Konstantinovka a Pokrovsk e da lì la strada per Dnepropetrovsk.

È lungo questa strada che rifornisce l’esercito ucraino a Chasov Yar.

Solo un villaggio blocca la strada all’esercito russo: Vozdvizhenka.

Dopo aver preso il percorso, le forze armate ucraine avranno ancora percorsi alternativi, ma non sono così convenienti⚡🔥⚡

Anche altri esperti hanno lanciato l’allarme:

Alcuni ultimi elementi:

Il deputato della Rada popolare ucraina Nardep Lozinky afferma che la riduzione dell’età di mobilitazione da 27 a 25 anni non sarà l’ultima e che “essendo realista”, l’Ucraina deve pensare ad abbassarla ulteriormente. Solo un altro di una lunga serie di sentimenti attesi: probabilmente non si fermerà finché non raggiungeranno i 18 anni:

Nel frattempo, il comandante dell’AFU Kukharchuk della 3a brigata d’assalto ha dichiarato apertamente in un’intervista che l’Ucraina sta perdendo la guerra e che la mobilitazione deve essere aumentata. Ascoltate qui sotto, mentre approfondisce la situazione in dettagli interessanti, descrivendo come tutti credono che le cose si siano stabilizzate e “stabilizzate” ora, quando in realtà la situazione è al bivio più critico per l’Ucraina:

Questo è ciò che accade quando gli esperti da poltrona seguono la guerra esclusivamente attraverso mappe online dei guadagni giornalieri, che non raccontano l’intera storia. Come ormai sanno gli osservatori più intelligenti, la guerra non mira principalmente a conquistare territorio: si tratta di logorare le AFU e spezzarne lo spirito fino al punto del collasso. Il territorio verrà dopo abbastanza facilmente. Non c’è modo di saperlo con certezza assoluta, ma nelle ultime settimane, il numero delle vittime del MOD russo per le AFU è stato il più alto di quasi tutta la guerra, così alto da essere quasi incredibile, con una media di 1800-2000 vittime al giorno. a volte. Se anche solo una minima parte di ciò è vera, allora la situazione apparentemente “stabilizzata” è tutt’altro; Le formazioni ucraine vengono sventrate dalle loro trincee dall’artiglieria e dagli attacchi aerei.

Questo è il motivo per cui preferisco fare affidamento su fonti primarie come il comandante dell’AFU di cui sopra, piuttosto che su semplici dicerie. Naturalmente, per giocare il rovescio della medaglia: una fonte ucraina ha recentemente dichiarato ancora una volta che la mobilitazione sta andando così bene, superando le aspettative, tanto che la Rada potrebbe emettere una “smobilitazione” entro la fine dell’anno, per i soldati in dispiegamento prolungato sul fronte. Decidi tu se si tratta di mera propaganda per sollevare il morale o no.

Zelenskyj, per esempio, rimane ottimista e sembra credere di avere una scorta inesauribile di uomini:

Ma è interessante notare l’enorme divario che esiste ora tra ciò che dicono i funzionari ucraini e ciò che dice a questo punto anche la stampa gialla occidentale. Ecco un nuovo rapporto della BBC sulla mobilitazione che apre gli occhi:

Lo afferma in un’intervista il politologo ucraino Vadim Karasev che il documento di “cooperazione decennale” firmato recentemente dagli Stati Uniti e dall’Ucraina è stato in realtà una capitolazione americana e un trasferimento ambiguo della responsabilità dell’Ucraina all’Europa:

Il documento che l’Ucraina ha firmato con gli Stati Uniti e che si chiama Garanzie di sicurezza dimostra che in realtà gli Stati Uniti si stanno allontanando da Kiev.

“Capite cosa sta succedendo? Ciò significa che gli Stati Uniti ci stanno lasciando. Vogliono dare tutto all’Europa in ogni momento. Non vogliono essere pienamente coinvolti. Se volessero essere pienamente coinvolti, se per loro L’Ucraina rappresentava una risorsa strategica molto importante in termini militari e politici come avamposto dell’Occidente contro la Russia, avrebbero concordato un accordo diverso, per garantire all’Ucraina [lo status di] un alleato chiave, militare, al di fuori della NATO.

Perché Israele ne ha uno? Perché è un avamposto chiave dell’Occidente in Medio Oriente contro l’Iran e così via. Perché il Giappone e la Corea del Sud sono importanti alleati non NATO? Perché semplicemente non sono in Europa. Questo è un analogo della NATO, solo al di fuori della NATO e anche più della NATO”, ha detto Karasev.

Solo due rapporti fa avevo scherzato su come la guerra non viene decisa dagli esperti del forum WarThunder ma piuttosto dall’uso specifico di un dato veicolo da combattimento ai suoi migliori punti di forza. Ma in realtà, i commentatori pro-UA hanno dimostrato di giudicare erroneamente la guerra basandosi – letteralmente – sulle statistiche di WarThunder. Ecco uno dei principali influencer della fazione pro-UA e spacciatore di propaganda sui social media che critica un recente video di un nuovo scaglione di carri armati russi T-62M diretti al fronte sottolineando che le loro statistiche di WarThunder sono basse rispetto ai carri armati occidentali:

C’è ancora bisogno di chiedersi perché la NATO sta perdendo così tanto?

Quella somma forfettaria di 80 miliardi di dollari è cresciuta più velocemente della fornitura di inchiostro di Jerome Powell alla macchina da stampa della Fed, fino a raggiungere gli 800 miliardi richiesti ora.

Quanto ci vorrà prima che 8 trilioni di dollari battano Putin?

I problemi della rete energetica ucraina continuano, con blackout già programmati ogni giorno:

E proprio nel momento in cui scrivo, secondo quanto riferito, è stato effettuato un nuovo attacco di droni su larga scala sulla rete energetica ucraina:

L’Occidente si vantava così coraggiosamente che gli F-16 sarebbero entrati in Ucraina e avrebbero spazzato via i cieli dei fastidiosi Sukhois russi, stabilendo una decisiva “superiorità aerea”. Ora la musica è cambiata e gli esperti occidentali affermano che gli F-16 dovranno strisciare e sparare come serpenti nell’erba solo per sopravvivere:

Perché dovrebbero volare basso se non hanno nulla da temere dai Su-35 russi? È affascinante la rapidità con cui cambia la narrazione.

La stampa occidentale ora riporta apertamente l’ultimo piano dell’Ucraina di scatenare una vera e propria guerra del terrore contro i bambini russi nel caso in cui l’Ucraina perda la guerra – e lo riporta con un tono così neutrale da implicare un cieco sostegno a questa tattica:

https://www.express.co.uk/news/world/1908768/ukraine-terrorist-activity-russia-vladimir-putin

Un estratto che va letto per essere creduto:

“Stanno assolutamente pianificando questo tipo di attacchi ora. Non c’è dubbio. Penso che questo sia più terrificante per Putin di una guerra convenzionale, perché se gli ucraini scatenano questa campagna di terrore in Russia, perderà il potere molto rapidamente perché la gente dirà ‘non state facendo abbastanza per fermarlo'”.

Sembra che stiano delineando la prossima strategia per spodestare Putin. Diventa sempre più difficile fingere che il Paese che dovrebbe “vincere”, secondo la propaganda occidentale, sia lo stesso che sta pianificando di passare a una strategia di attacchi terroristici alle scuole.

Infine, dalla Corea del Nord:

Kim offre a Putin e alla Russia un brindisi:


Il vostro sostegno è inestimabile. Se vi è piaciuta la lettura, vi sarei molto grato se vi abbonaste a un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo da poter continuare a fornirvi rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, è possibile lasciare una mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius


Harris, Scholz, Kishida tornano in patria in anticipo, 13 nazioni si rifiutano di firmare il comunicato congiunto della Conferenza di pace svizzero-ucraina

Harris, Scholz, Kishida tornano in patria in anticipo, 13 nazioni si rifiutano di firmare il comunicato congiunto della Conferenza di pace svizzero-ucraina

2024-06-16 23:22:28Dimensione dei caratteri: A- A A+Fonte: OsservatoreLeggi 148007
Ultimo aggiornamento: 2024-06-17 00:19:41

[Articolo/Osservatore Yang Rong]

Dal 15 al 16 giugno, ora locale, si è tenuto a Lucerna, in Svizzera, il primo vertice di pace sull’Ucraina. Il 16 giugno i media russi hanno riferito, citando varie fonti, che leader come il vicepresidente statunitense Harris, il cancelliere tedesco Scholz e il primo ministro giapponese Fumio Kishida hanno lasciato il vertice prima della sua conclusione e che 13 partecipanti, tra cui i Paesi BRICS, si sono rifiutati di firmare il comunicato congiunto post vertice.

Secondo quanto riportato dal “New York Post” statunitense il giorno 15, al posto del Presidente Biden ha partecipato Harris che è volato in Svizzera quel giorno per partecipare al vertice, durante l’annuncio di un piano di assistenza umanitaria per l’Ucraina del valore di 1,5 miliardi di dollari, ha tenuto un incontro con i leader, tra cui il Presidente ucraino Zelensky, ma ha deciso di andarsene dopo la cena dei leader la sera stessa, rimanendo nella sede del vertice solo per meno di 24 ore.

L’agenzia di stampa satellitare russa RIA Novosti ha citato il resoconto in diretta di Bloomberg del 16, affermando che Harris era volato a Washington la sera del 15. Al vertice di domenica (16) parteciperà principalmente l’Assistente del Presidente per gli Affari di Sicurezza Nazionale Sullivan per conto degli Stati Uniti. Sebbene la Harris abbia dichiarato ai media che l’incontro è stato “produttivo”, il New York Post ha analizzato che “l’evento principale” del vertice era domenica, e la sua breve apparizione ha quasi oscurato l’impatto dell’aiuto di 1,5 miliardi di dollari.

 

Fonti dirette di Bloomberg affermano che Harris è tornata a Washington la notte del 15.

Secondo Sullivan, Harris non è stato l’unico leader a mancare alla sedicesima riunione. Sullivan ha dichiarato il 15: “Non è solo lei, ma anche gli altri leader che domani consegneranno il lavoro ai loro team e lasceranno che cerchino di portare avanti il modo in cui tradurre [le questioni discusse] in progressi reali in tutte le aree”.

I media russi hanno notato che, dopo Harris, anche il cancelliere tedesco Scholz ha lasciato in anticipo la conferenza sull’Ucraina in Svizzera a causa dell’agenda politica interna. Il sito web del settimanale tedesco Der Spiegel ha riferito il 15 dicembre che Scholz ha interrotto il suo soggiorno in Svizzera e che sarebbe tornato a Berlino la mattina del 16, e che “i difficili negoziati sul bilancio e una riunione speciale del comitato esecutivo della SPD erano all’ordine del giorno, con l’argomento degli scarsi risultati delle elezioni europee “.

Inoltre, RIA Novosti ha calcolato, sulla base del programma pubblico del governo giapponese e dei resoconti dei media, che il Primo Ministro Fumio Kishida è tornato in Giappone dopo aver trascorso circa 2,5 ore alla conferenza sull’Ucraina, e che il volo di ritorno ha impiegato quasi 13 ore ed è atterrato all’aeroporto Haneda di Tokyo alle 16:49 ora di Tokyo.

Inoltre, secondo il testo finale del vertice, disponibile pubblicamente, sull’esito dei colloqui della giornata, 13 dei 92 Paesi e regioni ufficialmente partecipanti non hanno firmato il comunicato finale congiunto, così come i Paesi BRICS (Brasile, India, Sudafrica, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita), l’Armenia, il Bahrein, il Vaticano, l’Indonesia, la Libia, il Messico, la Slovacchia e la Tailandia, ha riferito RIA Novosti il 16 novembre.

Secondo il Kyiv Post, il comunicato congiunto chiede, tra l’altro, di restituire la centrale nucleare di Zaporizhia al pieno controllo dell’Ucraina, di garantire la produzione e la fornitura ininterrotta di prodotti alimentari in Ucraina, di assicurare la piena apertura dei porti del Mar Nero e del Mar d’Azov, di rilasciare tutti i prigionieri di guerra e di restituire tutti i bambini ucraini deportati. Il comunicato afferma inoltre che qualsiasi minaccia o uso di armi nucleari, così come gli attacchi alle navi e ai porti civili, sono inaccettabili.

Secondo quanto riportato in precedenza dai media ucraini, la Svizzera ha invitato in precedenza circa 160 Paesi a partecipare all'”incontro di alto livello sulla pace in Ucraina”, ma alla fine solo 92 Paesi e regioni e i rappresentanti di 8 agenzie internazionali hanno deciso di partecipare; il Brasile, il Vaticano e così via non partecipano formalmente alla festa, ma sono presenti come osservatori. Der Spiegel ha dichiarato il 15 che, sebbene sia stato definito un “incontro di alto livello”, 35 dei Paesi hanno in realtà inviato solo rappresentanti del secondo e terzo livello di governo.

Nel comunicato congiunto, Zelensky ha affermato che i firmatari lavoreranno in gruppi sulle questioni menzionate nel comunicato e che il secondo vertice di pace potrebbe tenersi quando le parti saranno pronte ad attuare il piano d’azione per ciascuno dei punti annunciati nel documento. Ha sottolineato, tuttavia, che i preparativi devono essere rapidi e richiedere “mesi, non anni”.

Zelensky 16 al summit (Vision China)

Il capo dell’Ufficio del Presidente ucraino, Yermak, ha dichiarato alla televisione di Stato il 15 dicembre che i Paesi che non hanno partecipato al vertice potranno firmare un comunicato congiunto in una data successiva. Secondo il Kyiv Post, Yermak ha dichiarato in precedenza, a margine del vertice, che l’Ucraina vuole sviluppare un nuovo piano di pace congiunto basato sul “programma di pace in 10 punti” di Zelensky, ma che è aperto anche a tutti i punti di vista degli altri Paesi, e che il nuovo piano potrebbe essere presentato alla Russia durante il secondo vertice.

La Russia non è stata invitata al vertice. Secondo l’emittente qatarina Al Jazeera 15, durante il vertice i rappresentanti di Turchia, Arabia Saudita e Kenya hanno osservato che la “vistosa assenza” della Russia rifletteva i limiti dell’incontro.

“Con tutto il rispetto, devo dire che se la Russia, come altra parte in conflitto, avesse potuto essere presente in questa sala, il vertice sarebbe stato molto più orientato ai risultati”. Ha dichiarato il ministro degli Esteri turco Faydan. Anche il ministro degli Esteri saudita Faisal ha affermato che colloqui credibili comporteranno “difficili compromessi”.

Da parte sua, Zielenski ha dichiarato in un’intervista del 15 maggio che la conferenza “farà storia”. Parlando insieme al Presidente della Confederazione Svizzera, Amherst, ha affermato che la convocazione della conferenza stessa è già uno sviluppo positivo. Ha aggiunto che i partecipanti devono stabilire “cosa significa una pace giusta per il mondo e come raggiungerla in modo duraturo”, una visione che potrebbe poi essere “trasmessa ai rappresentanti russi”.

In risposta alla conferenza di pace ucraina in Svizzera, il Cremlino ha precedentemente commentato che i tentativi di trovare una soluzione al conflitto ucraino senza la partecipazione di Mosca sono completamente illogici e senza speranza. Il portavoce del Cremlino e segretario stampa presidenziale russo Peskov aveva detto che l’incontro non era chiaramente destinato ad essere fruttuoso e che la pace in Ucraina non sarebbe stata discussa, “ed è per questo che molti Paesi non vogliono perdere tempo”.

Alla vigilia della conferenza, il Presidente russo Vladimir Putin ha nuovamente sollevato le condizioni per un cessate il fuoco russo-ucraino durante l’incontro con i funzionari russi il 14. Putin ha dichiarato che la parte russa è sempre felice di negoziare con la parte ucraina, ma la condizione preliminare è il ritiro completo delle truppe ucraine dalle quattro regioni di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporozhye. Dopo il ritiro delle truppe ucraine, la parte russa cesserà immediatamente il fuoco, dopodiché le due parti apriranno i negoziati, anche su questioni relative alla non appartenenza dell’Ucraina alla NATO. Putin ha anche aggiunto che l’Ucraina dovrebbe prendere la sua decisione in modo indipendente.

L’ufficio di Zelensky ha respinto l’offerta di Putin il 14 e ha affermato che Putin stava cercando di prendere l’iniziativa in vista di un vertice di pace sull’Ucraina in Svizzera rilasciando una dichiarazione sui colloqui di pace in questo momento. Da parte sua, la portavoce del Ministero degli Esteri russo Zakharova ha poi risposto che la dichiarazione ucraina era un tentativo di privare i cittadini ucraini di una reale possibilità di pace.

Durante il regolare briefing del Ministero degli Affari Esteri cinese del 3 di questo mese, qualcuno ha chiesto se la Cina non sostenesse la Svizzera e l’Ucraina nell’ospitare il vertice di pace ucraino, al quale la Cina aveva già dichiarato pubblicamente la scorsa settimana che non avrebbe partecipato. Alcuni pensano che non partecipare al vertice di pace in Svizzera significhi non sostenere la pace e schierarsi con la Russia contro l’Ucraina.

In risposta, il portavoce del Ministero degli Esteri Mao Ning ha dichiarato che la Cina ritiene che tutti gli sforzi che favoriscono una risoluzione pacifica della crisi debbano essere sostenuti. Fin dall’inizio, abbiamo attribuito grande importanza all’ospitalità del vertice di pace in Ucraina da parte della Svizzera e siamo stati in stretta comunicazione con tutte le parti interessate, comprese Svizzera e Ucraina, a questo proposito. La Cina ha ripetutamente sottolineato che una conferenza di pace dovrebbe avere tre elementi importanti: l’accettazione da parte russa e ucraina, la partecipazione paritaria di tutte le parti e una discussione equa di tutte le opzioni di pace. È difficile per la Cina partecipare all’incontro proprio perché temiamo che questi tre elementi non vengano raggiunti nell’attuale riunione.

Mao Ning ha sottolineato che la posizione della Cina sulla convocazione della conferenza di pace è equa e imparziale e non è diretta contro nessuna parte, e certamente non contro il vertice. La partecipazione o meno della Cina alla conferenza si basa esclusivamente sul suo giudizio sulla conferenza e si ritiene che tutte le parti interessate saranno in grado di comprendere la posizione della Cina. Il sostegno o meno alla pace non dovrebbe essere giudicato da singoli Paesi o da specifiche conferenze.

Ha espresso la sincera speranza della Cina che la Conferenza di pace non diventi una piattaforma per lo scontro tra le fazioni. Non partecipare alla Conferenza non significa non sostenere la pace, e anche se i singoli Paesi vi partecipano, potrebbero non desiderare veramente un cessate il fuoco e la fine della guerra; la chiave è guardare alle azioni effettivamente intraprese. I fatti hanno dimostrato che la parte cinese è stata la più risoluta e attiva nel promuovere la pace e i negoziati, e che non è mai rimasta a guardare, non ha mai gettato benzina sul fuoco, non ha mai approfittato della situazione, ma ha compiuto sforzi incessanti per promuovere un cessate il fuoco e la cessazione della guerra, che sono stati molto apprezzati da tutte le parti, compresi i russi e gli ucraini.

Anton Nerman: Come ucraino, nemmeno io vedo questo “vertice di pace” come una buona idea.

2024-06-17 08:34:10Dimensione dei caratteri: A- A A+Fonte: OsservatoreLeggi 51063

[Articolo/colonnista dell’Observer Anton Niemann]

Il 15-16 giugno si è tenuto in Svizzera un “vertice di pace” dedicato all’Ucraina. Prima dell’incontro, il Presidente ucraino Zelensky ha dichiarato di sperare che il vertice “dimostri l’unità della comunità internazionale a sostegno dell’Ucraina” e costringa la Russia ad accettare di ritirare le sue truppe dall’Ucraina e a pagare le riparazioni.

Ma è chiaro che Zelensky sarà molto deluso.

Le autorità ucraine si erano preparate a questo evento per più di sei mesi, ma poche settimane prima del vertice hanno improvvisamente cambiato l’agenda dell’incontro. Le dieci questioni prioritarie del “programma di pace” proposto dall’Ucraina sono state ridotte a tre: scambio di prigionieri e ritorno dei bambini, sicurezza nucleare e sicurezza alimentare. In altre parole, i veri punti del programma, il ripristino dei confini dell’Ucraina del 1991 e il pagamento di un risarcimento per la guerra russa, sarebbero stati lasciati fuori dall’agenda. Secondo i piani delle autorità ucraine, queste richieste dovevano essere la “volontà collettiva dei Paesi responsabili” e dovevano essere trasmesse alla Russia per costringerla ad accettarle.

Essere costretti a ridimensionare l’agenda non è l’unico problema che Zelensky deve affrontare. Oltre all’Occidente, Zelensky ha cercato di invitare alla conferenza i leader del Sud globale, come Cina, Brasile e Sudafrica. Ma la Cina e il Brasile hanno pubblicamente declinato l’invito e l’India ha ridotto la sua rappresentanza. Anche il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden non è andato, scegliendo invece di partecipare a una raccolta fondi per la campagna elettorale a Hollywood. Alla conferenza, solo il vicepresidente Harris e il consigliere per la sicurezza nazionale Jesse Sullivan hanno parlato a nome degli Stati Uniti. Ad aggravare la perdita della faccia dell’Ucraina, gli influenti Paesi in via di sviluppo presenti, tra cui Arabia Saudita, India, Sudafrica, Thailandia, Indonesia, Messico ed Emirati Arabi Uniti, non hanno firmato il comunicato finale e Harris e il Primo Ministro giapponese Fumio Kishida si sono defilati dopo una breve sosta.

Zelensky si è indignato per il fatto che lo scenario immaginato non corrispondeva alla realtà, rimproverando coloro che avevano scelto di non partecipare prima dell’incontro e sostenendo che l’assenza di Biden “non sarebbe stata una mossa ragionevole”.

In breve, da quando è stata annunciata l’intenzione della Svizzera di ospitare il vertice, l’Ucraina ha dimostrato la massima importanza e ha fatto pressioni per la partecipazione del maggior numero possibile di Paesi, ma i suoi tentativi sono falliti.

LUCERNE, SWITZERLAND – JUNE 15: Ukrainian President Volodymyr Zelenskyy (Front L) arrives to attend the Summit on Peace in Ukraine in the Burgenstock of Lucerne, Switzerland on June 15, 2024. Heads of state from around the world gather on the Burgenstock Resort in central Switzerland for the Summit on Peace in Ukraine, on June 15 and 16. The aim of that heads of state and government meeting, is to develop a common understanding of a path towards a just and lasting peace in Ukraine. Arda Kucukkaya / Anadolu/ABACAPRESS.COM

L’apertura di un vertice di pace in Ucraina vicino a Lucerna, in Svizzera, il 15 giugno 2024 ora locale (Surge Images)

Un pasticcio di preparazione

Negli ultimi mesi, Zelensky ha incontrato più dignitari e diplomatici stranieri che mai. Per coloro che non hanno potuto essere invitati di persona, ha richiesto la loro partecipazione per telefono. Come lui stesso afferma, vuole incontrare tutti i leader mondiali al Vertice della Pace, dal presidente del Kazakistan Tokayev al principe ereditario saudita Salman al leader della Cina, li ha invitati tutti.

Tranne, ovviamente, la Russia. Zelensky ha detto di volere che tutti i “Paesi civilizzati” partecipino al “vertice di pace”, sottintendendo che quelli che non lo fanno sono “incivili”.

L’idea di convocare un “vertice di pace” sull’Ucraina in Svizzera è nata da Zelensky, che nel dicembre 2023 ha annunciato l’intenzione dell’Ucraina di organizzare un grande vertice per discutere del conflitto russo-ucraino. Secondo il piano iniziale, il vertice si sarebbe dovuto tenere nel febbraio 2024, ma l’idea originale di Zelensky era di tenerlo a febbraio. Secondo l’idea originale di Zelensky, sarebbero stati presenti i leader dei principali Paesi del mondo e l’Ucraina avrebbe potuto avanzare una serie di richieste alla Russia durante il vertice.

Tuttavia, la successiva pianificazione del vertice è stata diversa dall’idea di Zelensky. Innanzitutto, la Svizzera, in quanto “Paese neutrale”, il cui Ministero degli Esteri ha il diritto di emettere inviti, ha voluto la partecipazione della Russia fin dall’inizio. Nonostante le proteste delle autorità ucraine, la Svizzera ha preso in seria considerazione questa possibilità. Il portavoce del Ministero degli Esteri svizzero, Pierre-Alain Eltschinger, ha dichiarato che “il processo di pace è inconcepibile senza la Russia”.

Il ministro degli Esteri svizzero Ignacio Cassis. Credito fotografico: Visual China

Ma la Russia ha respinto l’offerta svizzera e ha subito guardato con scetticismo alle prospettive del vertice. “La nostra posizione è ben nota. Anche se riceviamo un invito a tale evento, la parte russa non lo accetterà”. L’ambasciata russa in Svizzera ha dichiarato.

Il rifiuto della Russia ha mandato all’aria i preparativi per il vertice. Nel tentativo di ampliare la gamma dei Paesi partecipanti, l’Ucraina ha deciso di invitare altri Paesi del Sud. Zelensky ha chiarito che l’Ucraina considera cruciale la partecipazione dei Paesi BRICS (Brasile, India, Cina e Sudafrica).

I Paesi in via di sviluppo meno interessati al conflitto ucraino accolgono con favore qualsiasi negoziato volto a raggiungere un cessate il fuoco russo-ucraino, ma con un’importante precondizione: queste iniziative devono essere realistiche, cioè soddisfacenti per entrambe le parti. Ovviamente, un “vertice di pace” senza la partecipazione della Russia non potrebbe essere soddisfacente per entrambe le parti. Di conseguenza, dopo l’esclusione della Russia dal vertice, l’interesse di questi Paesi per il vertice è diminuito drasticamente.

Il “vertice di pace” svizzero è stato un incontro senza la Russia e con l’Ucraina e l’Occidente come principali protagonisti. La maggior parte dei Paesi del Sud, compreso il più grande Paese in via di sviluppo: la Cina, ha espresso scetticismo sul “modello di pace” occidentale e ucraino, e non c’è stato un chiaro cambiamento nelle loro posizioni. Ciò significa che solo l’Occidente raggiungerà un “consenso” con l’Ucraina al vertice. Senza la partecipazione dei principali Paesi in via di sviluppo, la convocazione del “vertice di pace” in Svizzera è essenzialmente la stessa vecchia storia senza alcuna nuova idea.

Questo è stato ben compreso dai partecipanti alla conferenza. Il cancelliere austriaco Karl Neihammer, ad esempio, ha dichiarato alla conferenza che senza la partecipazione di Asia, Africa e Sud America, l’Occidente non sarebbe stato in grado di influenzare la Russia alla Conferenza di pace svizzera e di costringerla a cambiare la sua visione del conflitto russo-ucraino. Anche la Turchia e l’Arabia Saudita hanno espresso lo stesso parere.

Zelensky lo capisce, ed è per questo che è particolarmente scontento della mancata partecipazione della Cina al vertice e ha connotato la Cina dicendo: “Ci sono alcune persone che mantengono ancora un equilibrio tra loro e la Russia perché fanno soldi, perché c’è un contratto tra loro”.

Successivamente, Zelensky ha fatto un ultimo tentativo al forum sulla sicurezza del Dialogo di Shangri-La a Singapore. Ha tentato di incontrare la delegazione cinese durante la sua partecipazione all’incontro di Shangri-La, ma la parte cinese ha scelto di rifiutare di comunicare con la parte ucraina, il che ha fatto capire all’Ucraina che non aveva senso contare su un cambiamento della posizione della Cina sulla questione del vertice.

Zelensky parla al Dialogo di Shangri-La Credito fotografico: Visual China

Zelensky si è presentato a Singapore con l’obiettivo di convincere la Cina e altri importanti Paesi asiatici a schierarlo a favore dell’Ucraina. Tuttavia, anche l’Occidente, per non parlare dell’Oriente, si è stancato delle magliette in uniforme, dei discorsi pretenziosi e delle infinite pubbliche relazioni di Zelensky. I Paesi asiatici sono sempre stati molto bravi a mettere a punto e a concentrarsi su questioni concrete, e sono impermeabili agli sproloqui ideologici.

Se l’Ucraina vuole “giocare nella stessa squadra” della Cina, non deve giocare con l’idea dello Xianghui, ma scegliere di partire dalle basi. Le relazioni dell’Ucraina con la Cina hanno mostrato segni di instabilità già nel 2020, quando Zelensky ha apertamente ingannato gli investitori cinesi “nazionalizzando” la società Madarsych, che era stata acquisita da investitori cinesi. Questa decisione è stata presa su pressione degli Stati Uniti, che non volevano che il meglio dell’industria sovietica andasse in Cina.

Il risultato è il solito vecchio adagio: è inutile dare la colpa allo specchio per una faccia storta.

L’amministrazione Zelensky si è messa in una posizione difficile a causa della sua politica estera inetta, della sua perdita di sovranità e della sua disponibilità a fare sacrifici nell’interesse dello Zio Sam (gli Stati Uniti). L’Ucraina si sta allontanando dal Sud e le sue prospettive future sono avvolte in una nebbia impenetrabile.

Dopo la dichiarazione della Cina, sempre più Paesi hanno espresso il loro atteggiamento nei confronti del “vertice di pace”, che si è trasformato in una farsa ancor prima di iniziare, con la partecipazione solo dell’Ucraina e dell’Occidente. Non c’è dubbio che i preparativi delle autorità ucraine per il vertice siano stati disordinati e che l’idea di coinvolgere direttamente i Paesi non occidentali nelle sanzioni contro la Russia sia fallita.

Da dieci a tre

Avendo fallito nel tentativo di portare le persone direttamente alla Conferenza, l’Ucraina sembra aver trovato una soluzione al problema, ovvero “salvare il Paese da se stesso”. Le autorità prevedono che se i Paesi in via di sviluppo non vogliono discutere direttamente del conflitto russo-ucraino, sarebbe possibile parlare di questioni di più diretta rilevanza per i Paesi in via di sviluppo, come la sicurezza nucleare, la sicurezza alimentare e così via.

“Abbiamo proposto un tema in tre punti che unisce tutti i Paesi. Perché molti Paesi che mantengono un equilibrio tra Ucraina e Russia dicono che ci sono cose complicate che non possono essere risolte senza i russi. Pertanto, abbiamo messo da parte ciò che potrebbe dividere il Paese”. Ha dichiarato Zelensky in un’intervista ai media kazaki. Energia, sicurezza nucleare e sicurezza alimentare, oltre a uno scambio di prigionieri “equo” con la Russia, sono stati i tre temi che hanno dominato le discussioni del vertice.

Va notato che nel novembre 2022 l’Ucraina ha presentato un “programma di pace” in dieci punti. Il programma comprendeva anche questioni di sicurezza nucleare, alimentare ed energetica, nonché il desiderio dell’Ucraina di ripristinare i confini del 1991 e di chiedere alla Russia un risarcimento di guerra. In altre parole, Zelensky ha individuato questi tre punti come una semplificazione della versione ucraina del “programma di pace”, al fine di porre le basi per ulteriori negoziati. Il Ministro degli Esteri ucraino Kuleba ha affermato che “solo la voce di principio e unita della maggioranza dei popoli del mondo può costringere [la Russia] a scegliere la pace invece della guerra. Questo è lo scopo del ‘vertice di pace'”.

L’Ucraina vuole adattare il contenuto del vertice, in primo luogo, per “salvare il Paese”, utilizzando il vertice come un’opportunità per invitare altri Paesi a partecipare all’incontro in nome della rettitudine e ponendo le basi per future richieste alla Russia. Il secondo è quello di salvare la faccia.

Zelensky era estremamente imbarazzato dal fatto che i Paesi, tra cui la Cina, avessero scelto di non partecipare al vertice a causa dell’assenza della Russia e dell’impraticabilità della “proposta di pace”, e che un numero significativo di coloro che hanno partecipato non volessero discutere nel merito la “proposta di pace” avanzata dall’Ucraina. Ecco perché ha cambiato la sua precedente dichiarazione e i suoi “principi”.

Soldati della 43a brigata di fanteria ucrainaconducono un addestramento militareindirezione del confine nell’Oblast di KharkivUcrainaCredito fotografico: Visual China

Oggi l’Ucraina non può più portare avanti il suo “programma di pace”. La situazione dell’esercito ucraino in prima linea non è incoraggiante e il mondo si è esteticamente stancato del conflitto russo-ucraino. Pertanto, Zelensky non può far altro che riprendere alcuni dei suoi argomenti meno preoccupanti, ma anche meno discutibili, per arricchire il contenuto dell’incontro. Anche se questo è stato un segno di compromesso, per evitare che il vertice si raffreddasse, Zelensky ha dovuto tacere sulle questioni che gli stavano più a cuore. Alla fine, Zelensky è riuscito a riportare le questioni rilevanti al centro dell’attenzione dei media mondiali, rifiutando fermamente l’offerta di cessate il fuoco di Putin, che prevedeva il ritiro dell’esercito ucraino da tutti e quattro gli Stati e la rinuncia all’adesione alla NATO, e paragonando Putin a Hitler.

Sebbene un certo numero di Paesi in via di sviluppo abbia partecipato alla Conferenza, l’autore preferisce attribuire questa situazione alle pressioni occidentali. L’Unione Europea e gli Stati Uniti incoraggiano i Paesi in via di sviluppo a partecipare non per risolvere i problemi, ma per apparire come un gran numero di “sostenitori” dell’Ucraina. L’Occidente chiama questi Paesi “sostenitori” dell’Ucraina, ma io credo che molti di loro partecipino al vertice non per sostenere l’Ucraina, ma per dare una spiegazione all’Occidente.

La situazione in Ucraina è a un bivio: molti Paesi sono invitati al “vertice di pace”, ma è difficile riunire i pesi massimi.

L’Occidente e l’Ucraina erano in realtà più preoccupati per i Paesi che avrebbero partecipato e per il livello della loro rappresentanza, ma, curiosamente, il numero di Paesi e organizzazioni che alla fine hanno confermato la loro partecipazione è stato di gran lunga inferiore alle aspettative.

Secondo il Kyiv Independent, 160 Paesi e organizzazioni avevano ricevuto inviti al “summit di pace”, e 107 Paesi e organizzazioni internazionali avevano confermato la loro partecipazione all’inizio di giugno, mentre la parte svizzera ha successivamente riferito che solo 90 Paesi e organizzazioni internazionali avevano confermato la loro partecipazione. Poi, l’11, citando Radio Free Europe/Radio Liberty (RFE/RL), il giornale ha riferito che il numero di Paesi e organizzazioni che avevano confermato la loro partecipazione al Vertice globale per la pace in Ucraina era sceso da 93 a 78. Alla fine, quando l’incontro ha avuto luogo il 15, solo 92 delegazioni nazionali si sono recate in Svizzera.

Inoltre, secondo la dichiarazione ucraina, il vertice avrebbe dovuto svolgersi principalmente sotto forma di riunione dei capi di Stato. In pratica, però, i leader della maggior parte dei Paesi invitati non avrebbero partecipato di persona e alla fine solo 57 capi di Stato o di Governo si sono recati all’incontro.

Nessuno dei leader delle tre potenze più importanti ha partecipato. Oltre alla Russia, il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden era assente dal vertice, così come la Cina.

Zelensky ne è rimasto estremamente turbato e ha persino gridato personalmente: “Saluto il mondo che sta ancora lavorando al vertice di pace e faccio appello ai leader dei principali Paesi: i leader di Cina e Stati Uniti, per favore, vengano a partecipare e a sostenere il vertice di pace di persona”.

Anche il Presidente del Sudafrica Ramaphosa e il Presidente del Brasile Lula, che Zelensky aveva particolarmente auspicato, hanno rifiutato di partecipare. L’India, pur interessata a partecipare, ha inviato solo una manciata di funzionari di basso livello.

Per i Paesi in via di sviluppo del Sud, il conflitto in Ucraina è un affare “interno” all’Europa. I Paesi in via di sviluppo non hanno ancora dimenticato la storia del colonialismo europeo e per la maggior parte dei Paesi del Sud si tratta di una guerra a loro completamente estranea. Mentre alcuni Paesi in via di sviluppo possono trarre vantaggio dall’attuale situazione in termini di commercio ed economia, altri vedono nel conflitto un’opportunità per ottenere capitale politico.

Pertanto, i Paesi del Sud hanno opinioni diverse sul conflitto russo-ucraino, ma una cosa che hanno in comune è che hanno poco filtro o empatia per l’Ucraina. Anche i Paesi dell’America Latina, che sono i più “filo-ucraini” tra i Paesi in via di sviluppo, hanno sempre favorito una soluzione di compromesso al conflitto e non sono disposti a seguire l’Ucraina e l’Occidente nell’avanzare richieste irrealistiche alla Russia. I rappresentanti dei Paesi e delle organizzazioni che sono stati costretti a recarsi in Svizzera non sapevano nemmeno come parlare dell’Ucraina senza la Russia o di cosa parlare.

Il vertice è essenzialmente una scommessa di Zelensky, ma la posta in gioco è così alta che le ripercussioni del fallimento della “proposta di pace” allontaneranno la maggior parte dei Paesi, tranne l’Occidente, dall’Ucraina.

È anche per questo motivo che sia il Ministero degli Affari Esteri ucraino sia il Presidente Zelensky hanno insistito personalmente prima dell’incontro affinché il vertice si svolgesse sotto forma di riunione di capi di Stato, e non volevano che al vertice partecipassero numerose delegazioni diplomatiche di basso rango.

Tuttavia, anche se Zelensky “riuscirà” a invitare i capi di Stato in un tempo e in uno spazio paralleli, l’Ucraina non potrà trarre alcun vantaggio. Il peggior risultato possibile del vertice potrebbe essere una cospirazione tra Stati Uniti e Unione Europea per sacrificare o addirittura “dividere” l’Ucraina e tracciare una nuova “linea di confronto da Guerra Fredda” con la Russia a spese dell’Ucraina.

La Russia non è indifferente alle mosse dell’Ucraina. Bloomberg ha già riferito che l’Occidente potrebbe organizzare un altro vertice di alto livello sull’Ucraina in Arabia Saudita il prossimo autunno, con la partecipazione di rappresentanti russi e dell’UE. A quanto pare, si tratta di un’alternativa al “vertice di pace” svizzero. Putin ha anche posto le condizioni per un cessate il fuoco il giorno prima del vertice, il che è stato uno schiaffo a Zelensky e all’Occidente.

Dal fallimento della “controffensiva” ucraina dello scorso anno, l’Occidente sta cercando di far accettare alla Russia alcune condizioni per uscire decentemente dalla crisi ucraina. In Palestina e Israele, in Russia e Ucraina e in altre questioni su più fronti, gli Stati Uniti sono desiderosi di ridurre l’Ucraina sulla propria perdita di forze, dal momento che la “controffensiva” ucraina è fallita, gli Stati Uniti hanno di fatto gettato la maggior parte del peso degli aiuti all’Unione Europea.

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán Credito fotografico: Visual China

Anche alcuni Paesi dell’Unione Europea hanno iniziato ad agire sotto pressione, come l’Ungheria, che si è rifiutata di onorare quasi la metà dei documenti di risoluzione dell’UE sull’Ucraina. Come si può notare, la situazione in Ucraina si sta dirigendo verso un bivio, la cui essenza è la divergenza di linee all’interno dell’Occidente sulla necessità o meno di continuare ad aiutare l’Ucraina contro la Russia. Una parte dell’Occidente ritiene di dover inviare un segnale all’Ucraina per costringerla a negoziare con la Russia. Tuttavia, Stati Uniti, Regno Unito e parte dell’Europa occidentale non possono e non osano chiedere apertamente alle autorità ucraine di cambiare i loro “principi intrinseci”.

Ma per come stanno andando le cose, la “pace” che vogliono raggiungere è una “pace” in cui la Russia accetta in toto i termini della resa, oppure una “pace” in cui l’Ucraina moderna finalmente si disgrega e l’Occidente riprende il confronto con la Russia lungo il fronte dell’Ucraina occidentale, in stile Guerra Fredda. Una “pace” in stile Guerra Fredda in cui l’Occidente riapre il confronto con la Russia lungo la linea dell’Ucraina occidentale.

Per questo motivo l’Occidente sta cercando di intensificare la sua strategia di “pace attraverso la forza” e la revoca da parte degli Stati Uniti delle restrizioni ucraine sull’uso di armi a lungo raggio di fabbricazione americana per attaccare il territorio russo ne è un segno. L’Ucraina chiedeva da tempo un allentamento delle restrizioni, ma solo di recente gli Stati Uniti hanno iniziato a cedere sulla questione dopo che Blinken, durante la sua visita in Ucraina, aveva detto che il Paese poteva decidere da solo cosa voleva fare.

Gli Stati Uniti hanno ufficialmente revocato la restrizione all’uso delle armi ucraine contro la terraferma russa dopo che sia la Russia che la Cina hanno finalmente confermato che non parteciperanno al “vertice di pace”, e l’avvertimento che c’è dietro è molto chiaro: se voi (Russia) non accettate, gli Stati Uniti interverranno per costringervi ad accettare il “vertice di pace”. L’avvertimento è chiaro: se voi (Russia) non accettate, gli Stati Uniti vi costringeranno ad accettare la “pace” con l’azione.

Il comportamento degli Stati Uniti è pericoloso; la pratica di “forzare la pace attraverso la forza” non porterà la pace, ma aprirà una guerra su larga scala tra la NATO e la Russia se non stiamo attenti, e l’Occidente ha sentimenti contrastanti su questa iniziativa. Qualsiasi meccanismo di negoziazione russo-ucraino senza la partecipazione della Russia è destinato al fallimento e l’Occidente non ha né la forza né la sincerità per cambiare unilateralmente lo status quo della questione ucraina a nome della Russia al “vertice di pace”. Tutto ciò che può fare è continuare a insistere sui propri punti di vista e continuare ad aspettarsi che l’Ucraina sia un fallimento strategico per la Russia. Il “vertice di pace” non è un incontro per la pace, ma un incontro per il fuoco.

Zelensky sta negoziando le condizioni anche per la Russia.

2024-06-17 13:28:46Dimensione dei caratteri: A- A A+Fonte: OsservatoreLeggi 37374

Secondo l’AFP, in una conferenza stampa tenutasi dopo una conferenza svizzera sull’Ucraina il 16 ora locale, il presidente ucraino Zelensky ha posto le condizioni per i negoziati ucraino-russi: era disposto ad avviare immediatamente colloqui di pace con i russi se questi avessero ritirato le loro truppe dall’Ucraina, ha riferito l’AFP.

Lo stesso giorno Zelensky ha dichiarato che “se la Russia si ritirasse dal nostro legittimo territorio, potrebbe iniziare i negoziati con noi domani, senza aspettare nulla”. Ha inoltre accusato la Russia di “non essere pronta” a discutere una pace giusta e duratura.

Inoltre, Zelensky ha ribadito che l’attuale livello di aiuti militari occidentali all’Ucraina è ancora insufficiente per garantire la vittoria in Ucraina.

Il 14, ora locale, il Presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che la parte russa è sempre pronta a negoziare con la parte ucraina sulla questione ucraina. Tuttavia, ha sottolineato che la precondizione per i negoziati è il ritiro completo delle truppe ucraine dalle quattro regioni di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporozhye. Dopo il ritiro delle truppe ucraine, la parte russa cesserà immediatamente il fuoco, dopodiché le parti apriranno i negoziati, anche sulle questioni relative alla non appartenenza dell’Ucraina alla NATO.

Più tardi, il 14, l’ufficio di Zelensky ha respinto l’offerta di Putin di colloqui di pace, affermando che l’iniziativa sembrava presupporre che Kiev stesse rinunciando alla propria sovranità.

Il 16 novembre, il segretario stampa presidenziale russo Peskov ha dichiarato che Putin non rifiuta i negoziati con l’Ucraina, ma vede la necessità di garanzie sull’attuazione dei risultati. Secondo Peskov, è necessario un complesso sistema di garanzie per assicurare la fiducia nell’Ucraina.

Xue Kaihuan: Le mosse a scacchi di Putin per anticipare le condizioni del cessate il fuoco al “Vertice di pace”?

  • 薛凯桓Xue KaihuanMaster in Relazioni Internazionali, Università Statale Bielorussa

2024-06-16 14:00:55Dimensione dei caratteri: A- A A+Fonte: OsservatoreLeggi 38873

[Articolo/Observer.com Columnist Xue Kaihuan]

Il 15-16 giugno si è tenuto in Svizzera un “vertice di pace” per discutere del conflitto russo-ucraino. Sebbene la Russia, che è parte in causa nel conflitto, non sia stata invitata, Vladimir Putin ha presentato la propria “proposta di pace” il giorno prima dell’incontro.

Il 14, in occasione di un incontro con i responsabili del Ministero degli Esteri russo, Vladimir Putin ha presentato le “condizioni per un cessate il fuoco in Russia e Ucraina” e ha sottolineato la necessità di una soluzione negoziata del conflitto in Russia e Ucraina. Ha sottolineato l’importanza del non allineamento e della non adesione dell’Ucraina alla NATO per i negoziati e ha affermato che l’Ucraina deve ritirare le sue truppe dalle quattro regioni controllate dalla Russia se si vuole raggiungere un accordo di pace.

La proposta di Putin è concisa: l’Ucraina deve ritirare le sue truppe da quattro regioni, i quattro oblast che hanno votato per l’adesione alla Russia – Luhansk, Donetsk, Kherson e Zaporizhia – e rinunciare all’adesione alla NATO e rimanere permanentemente neutrale. Solo dopo il ritiro delle truppe ucraine, la Russia imporrà un cessate il fuoco nelle zone belligeranti.

Inoltre, Putin ha sottolineato che “chiediamo di voltare la tragica pagina della storia e di ripristinare gradualmente le relazioni con l’Ucraina e l’Europa” e ha affermato che la Russia è pronta a negoziare e potrebbe anche “sedersi al tavolo dei negoziati domani”. In particolare, ha sottolineato che la mossa non mira a congelare il conflitto, ma a risolverlo definitivamente. Ma se l’Occidente e Kiev rifiuteranno l’offerta, la responsabilità dello “spargimento di sangue” sarà loro.

Il 14 giugno, ora locale, il presidente russo Vladimir Putin ha tenuto una riunione con i vertici del ministero degli Esteri russo sulle relazioni con l’estero e su altre questioni correlate.

La reazione dell’Occidente e dell’Ucraina a questa proposta non era difficile da prevedere. La sera stessa della dichiarazione di Putin, l’ufficio del presidente ucraino ha respinto l’offerta di Putin e l’Occidente ha dichiarato che si trattava di un “ultimatum vergognoso”, una dichiarazione di consolidamento da parte della Russia dei territori “annessi” all’Ucraina, e ha apertamente affermato che l’Occidente non avrebbe mai accettato L’Occidente ha dichiarato pubblicamente che non accetterà mai tali condizioni.

Tuttavia, l’intenzione di Putin non è quella di aspettarsi che queste condizioni vengano accettate. C’è molto di più dietro il fatto che egli stia facendo una tale “proposta di pace” in questo momento, che chiaramente non sarà accettata.

La prima cosa che Putin vuole fare è rompere il complotto dell’Occidente per formare una coalizione globale che costringa la Russia ad accettare il suo “programma di pace”. Dallo scoppio del conflitto tra Russia e Ucraina, le relazioni tra l’Occidente e la Russia si sono completamente incrinate e la Russia si è rivolta al Sud globale in cerca di sostegno per rompere il blocco e le sanzioni dell’Occidente contro la Russia. L’Occidente ha fatto pressione anche sul Sud globale affinché si unisse alle sanzioni contro la Russia e le due parti sono state impegnate in una feroce guerra diplomatica tra il Sud globale. Moralmente, l’Occidente vuole convincere il Sud globale che la Russia non è interessata ai negoziati, ponendo la Russia in una posizione di svantaggio morale.

Ora, la Russia ha fatto una “offerta di pace” che non può essere ignorata ed è chiara e concisa, proprio per rompere la trappola della retorica occidentale. L’intenzione di Putin è quella di dire ai Paesi non occidentali che se si vuole che la guerra cessi immediatamente, la Russia è pronta a farlo.

Per quanto riguarda la fattibilità della proposta, l’offerta russa è già abbastanza generosa nei confronti dell’Ucraina: la Russia ha parzialmente abbandonato i suoi obiettivi militari di lunga data e, invece di chiedere che regioni tradizionalmente russofone come Charkiv o Odessa o Sumy si uniscano alla Russia, richiede solo che l’esercito ucraino si ritiri da quelle regioni che sono diventate “territorio russo” e rinunci alla necessità di aderire alla NATO. L’adesione alla NATO sarebbe sufficiente.

Per i Paesi del Sud globale, una simile proposta sembra assolutamente logica e degna di essere accettata e discussa. Come minimo, la proposta russa disinnesca la “narrativa dell’aggressione” a lungo sostenuta dall’Occidente e dall’Ucraina, ossia la teoria secondo cui “la Russia attaccherà l’Europa dopo aver conquistato l’Ucraina”.

“Continuate a dirci che Putin attaccherà la Polonia e i tre Stati baltici, ma è persino pronto a cedere Kharkov: questo significa che ci hanno mentito?”. –Questo è il tipo di domanda che molti leader del Sud potrebbero porre all’Occidente e all’Ucraina. Di conseguenza, l’Occidente e l’Ucraina si trovano in una trappola verbale: se l’obiettivo principale dell’Occidente è salvaguardare la pace e porre fine alla guerra, perché non accettare immediatamente la proposta di Putin?

È chiaro che l’Occidente e l’Ucraina non possono dare risposte soddisfacenti a queste domande.

L’Occidente e l’Ucraina si sono a lungo aggrappati alla narrativa dell'”aggressione russa”, dicendo al mondo non occidentale dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina che stanno punendo l'”aggressore” e impedendo alla Russia di cambiare lo status quo della divisione territoriale dell’Europa che esiste dal crollo dell’Unione Sovietica. Questa retorica non è convincente: tutti ricordiamo i brutali interventi dell’Occidente in Iraq, Siria e Libia, e ancora di più l’attuale approccio a doppio standard dell’Occidente nei confronti del conflitto israelo-palestinese e del governo Netanyahu in Israele.

Pertanto, se l’Occidente e l’Ucraina rifiutano l’offerta di Putin, dovranno pagare il prezzo dell’ulteriore deterioramento delle loro relazioni con il Sud globale, che è uno degli obiettivi principali della dichiarazione di Putin.

Naturalmente, la proposta di Putin solleva dubbi in alcuni ambienti, poiché Putin ha affermato fin dall’inizio della guerra che la Russia lavorerà per la “smilitarizzazione” e la “de-nazificazione” dell’Ucraina, e ha incluso gli oblast di Odessa e Kharkiv nell’elenco degli obiettivi da acquisire per le azioni militari. Odessa, Kharkiv e altri oblast sono stati inclusi tra gli obiettivi delle operazioni militari. La proposta di Putin prevede solo il ritiro delle truppe ucraine dai quattro oblast che attualmente fanno parte della zona di guerra – si sta forse rimangiando la parola data?

È chiaro che non è così e che Putin ha fatto un’offerta all’Occidente e a Kiev che non possono accettare. L’Occidente e l’Ucraina si sono messi in una posizione tale da non poter accettare le condizioni di Putin a causa delle loro politiche e della loro retorica dura del passato.

Questo crea un paradosso: l’offerta di Putin è in realtà molto favorevole all’Occidente, che vuole accettarla, anche se l’Occidente ha apertamente lasciato intendere di voler uscire dal problema ucraino in modo dignitoso. Ma l’Occidente non può accettare l’offerta a causa della correttezza politica di “infliggere una sconfitta strategica alla Russia”. Questo è esattamente ciò che Putin vuole: è convinto che l’Occidente non abbia alcuna possibilità di accettare l’offerta della Russia e di acconsentire alle sue condizioni, quindi ha lanciato questa “offerta di pace” proprio per fare la morale.

Inoltre, l’incontro di Putin con i responsabili del Ministero degli Affari Esteri russo ha avuto luogo il giorno prima dell’inizio del “vertice di pace” in Svizzera. Putin ha osservato che sarebbe impossibile risolvere il conflitto senza un dialogo diretto e onesto tra le parti coinvolte nel conflitto e la Russia. Il “vertice di pace” si è tenuto in Svizzera il 15 e 16 giugno senza la partecipazione della Russia, che la parte russa ha definito un espediente per “portare le discussioni su una strada sbagliata”.

La proposta di Putin ha due obiettivi: il primo è quello di rendere chiara la posizione della Russia al Sud globale e di dimostrare il doppio standard dell’Occidente per ottenere maggiore simpatia e sostegno dal Sud. Il secondo è quello di svuotare di significato l’imminente “vertice di pace” in Svizzera. L’Occidente e l’Ucraina avevano intenzione di presentare i propri “programmi di pace” e di discutere “questioni di pace” come la sicurezza energetica, la sicurezza nucleare e la sicurezza alimentare, in modo da evidenziare l’immagine brillante dell’Occidente e dell’Ucraina come “forze di pace”. Il “vertice di pace” discuterà “questioni di pace” come la sicurezza energetica, la sicurezza nucleare e la sicurezza alimentare, in modo da mostrare l’immagine gloriosa dell’Occidente e dell’Ucraina come “forze di pace” e rendere il “vertice di pace” un'”assemblea critica” per attaccare “l’aggressione russa”. Ma dopo che Putin ha presentato le sue proposte di pace, le tre questioni che Zelensky voleva discutere all’incontro, così come i suoi sforzi per ottenere il sostegno del Sud, sono stati vanificati.

Nel suo discorso, Putin ha auspicato la formazione di una sicurezza collettiva in Eurasia in assenza di forze esterne. Putin ha anche aggiunto che i temi dell’economia, del benessere sociale, dell’integrazione e della cooperazione reciprocamente vantaggiosa dovrebbero diventare una parte importante della sicurezza dell’Eurasia. Si tratta di una chiara “copertura” contro i tentativi di Zelensky di cooptare i Paesi del Sud sulla base delle “tre questioni” del vertice.

Zelensky arriva in Svizzera per il vertice di pace sull’Ucraina (AFP)

Per indebolire il ruolo del “vertice di pace”, è necessario chiarire il contesto della questione. Nella sua proposta, Putin ha ricordato che durante i negoziati di Istanbul sull’Ucraina, che si sono svolti prima del 29 marzo 2022, russi e ucraini hanno discusso lo status di neutralità dell’Ucraina. Il capo della delegazione russa di allora, Mezinsky, ha poi reso pubblici i principi specifici dell’accordo da raggiungere, che includevano l’impegno dell’Ucraina ad aderire alla NATO. Il Presidente ucraino Zelensky era quindi pronto a discutere con la Russia il rifiuto dell’Ucraina di aderire alla NATO, a condizione che il conflitto cessasse completamente.

Successivamente, il quotidiano francese Le Monde ha pubblicato una bozza di accordo di pace che avrebbe confermato la neutralità militare dell’Ucraina. Secondo un giornalista di Le Monde, la bozza di accordo di pace avrebbe dovuto essere attuata nell’aprile 2022, subito dopo il ritiro ufficiale delle truppe russe dall’Ucraina. Tuttavia, l’Ucraina ha presto cambiato la sua posizione sui colloqui di pace per ragioni che sono ampiamente dibattute (si dice che sia stato perché l’allora Primo Ministro britannico Johnson è volato personalmente a Kiev per chiedere all’Ucraina di rifiutare la bozza di accordo di pace), scegliendo invece di affrontare la Russia fino in fondo.

Già alla fine del 2021, la Russia ha proposto alla NATO un “accordo sulle garanzie di sicurezza”, chiedendo alla NATO di interrompere l’espansione verso est e di armare l’Ucraina nel tentativo di evitare lo scoppio di un conflitto. La Russia non è stata restia a prendere l’iniziativa di discutere le questioni di sicurezza con l’Occidente e l’Ucraina, e alcuni dei principi e dei dettagli dei negoziati di allora possono essere applicati direttamente anche oggi. L’unica cosa che è cambiata è che il contesto è mutato e la possibilità di negoziati bilaterali tra Russia e NATO è diventata trascurabile. Nella sua proposta, Putin fa risalire il processo negoziale in Ucraina alle sue radici per dimostrare ulteriormente il doppio standard dei “vertici di pace” svizzeri: prima avete rifiutato la mia offerta di pace, e ora chi siete voi per giudicarmi sulla base del principio della “pace”?

La nuova proposta di Putin, che chiede il ritiro delle truppe ucraine da quattro regioni, è un segnale alla Russia e al mondo, e naturalmente alla comunità diplomatica russa, rispetto all'”accordo sulle garanzie di sicurezza” della fine del 2021 e alla bozza di accordo di pace di Istanbul dei primi anni di guerra. Putin ci sta dicendo dove si trova il mondo ora e quali sono gli obiettivi a lungo termine della diplomazia russa, e l’implicazione è chiara: se le proposte della Russia vengono respinte, l’Occidente vedrà in futuro richieste ancora più esigenti, anche in termini di ordine globale, da parte della Russia.

Inoltre, Putin ha chiarito di voler creare una nuova architettura di sicurezza in Eurasia, formando una sicurezza collettiva per l’intera regione e persino a livello globale. Gli ultimi due anni hanno dimostrato chiaramente che il confronto tra la Russia e la NATO non ha interessato solo l’Europa, ma il mondo intero. Nel suo discorso, Putin ha stabilito che il sistema di sicurezza collettiva europeo non esiste più e non sarà resuscitato qui. Il compito attuale della Russia è quello di creare un nuovo sistema di sicurezza all’interno dello spazio eurasiatico e la sua proposta è di grande importanza per l’intero continente eurasiatico.

Con il passare del tempo dalla fine della Guerra Fredda, sono emersi i nuovi contorni di un ordine mondiale multipolare, mentre il mondo unipolare ha mostrato instabilità. Le proposte di Putin sono destinate a cambiare la situazione della sicurezza non solo in Russia e in Eurasia, ma nel mondo intero.

La Russia è già alla guida e partecipa a una serie di istituzioni e quadri internazionali aspiranti in questo settore: la CSI, la SCO, l’Unione Economica Eurasiatica, l’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO), i BRICS, l’Unione Russo-Bielorussa e così via. L’obiettivo della Russia è quindi quello di ottenere il sostegno del Sud globale, di spezzare i tentativi dell’Occidente e dell’Ucraina di riunire il Sud per assediare la Russia e, ancor più, di sostituire preventivamente il “programma di pace” volto a minare gli interessi della Russia con un proprio “programma di pace” e un quadro di sicurezza collettiva. “Questo renderà impossibile per l’Ucraina adempiere al ruolo morale della sua “narrazione dell’aggressione” e indebolirà l’efficacia del “vertice di pace” in anticipo”.

Questa è l’arte della diplomazia: sfruttare i punti deboli delle posizioni e della retorica della controparte per creare una narrazione a proprio favore. La diplomazia non sostituisce i mezzi politico-militari, ma come continuazione e complemento può facilitare e accelerare notevolmente il raggiungimento degli obiettivi militari. Questa è la genialità della proposta di Putin.

Questo articolo è un articolo esclusivo di Observer.com, il contenuto dell’articolo è puramente il punto di vista personale dell’autore, non rappresenta il punto di vista della piattaforma, senza autorizzazione, non può essere riprodotto, o sarà ritenuto legalmente responsabile. Prestare attenzione alla micro lettera dell’Observer guanchacn, leggere articoli interessanti ogni giorno.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

L’annebbiamento dell’episteme nella ricerca dell’empio Graal, di SIMPLICIUS

Uno dei fenomeni epistemicamente più pericolosi dei nostri giorni è l’impercettibile metamorfosi di concetti che una volta conoscevamo e davamo per scontati in qualcosa di completamente diverso, pur conservando la loro maschera esteriore originaria. Questa novità ora sfugge alla nostra portata perché siamo caduti nella trappola semiotica di comprendere una cosa dal suo aspetto o dal suo nome, piuttosto che da ciò che fa .

Dovremmo sempre sforzarci di eliminare i pregiudizi percettivi per comprendere le basi sottostanti della realtà davanti a noi. Se migliaia di anni fa gli esseri umani chiamassero rosso il colore del sole, ma nel corso di centinaia o migliaia di anni cominciassero a chiamarlo verde, ciò rappresenterebbe una lacuna di apprensione, una discontinuità nel filo allora ininterrotto dell’epistemismo. coesione che porterebbe alla distorsione della conoscenza e della comprensione storica. È simile al concetto di “barbarie del senso” di Giambattista Vico a cui, nel ciclo di sviluppo delle civiltà, succede la “barbarie della riflessione”:

La teoria di Vico suggerisce che la storia inizia con una barbarie di senso, caratterizzata da una mancanza di riflessione e dominata dall’immaginazione e dai miti. Si conclude con una barbarie di riflessione, in cui l’analisi eccessiva e gli interessi individuali distruggono il senso comune e i valori condivisi stabiliti dalla società.

Nascosti in questa deliberata eccessiva complicazione ci sono i noccioli della verità originale. Questa è la crisi in cui ci troviamo oggi quando si tratta del concetto moderno di società: cos’è esattamente una società? Qual è il suo scopo, nel mondo moderno?

Oggi le cose scorrono con il ritmo esponenziale delle rapide che precipitano giù da un dirupo. Molto tempo fa, ci volevano generazioni perché un’idea cambiasse, si trasformasse in modo così drastico da essere irriconoscibile dalla sua essenza precedente. Ciò ci ha concesso il tempo di adattare diacronicamente nuove convenzioni identificative dopo aver osservato attentamente la sua metamorfosi per un lungo periodo.

Ora, le cose cambiano così rapidamente che spesso ci ritroviamo con il bagaglio dei preconcetti precedenti, incapaci di adattare in tempo il nostro quadro cognitivo per stare al passo. Questo ci lascia in uno stato di foschia epistemica e, in definitiva, in un cieco delirio. Pensa ai vaccini e alla rapidità con cui sono stati ridefiniti e inclusi nella terapia genica, confondendo terminologia, linguaggio e comprensione, e deliberatamente.

La stessa cosa ci viene gettata sugli occhi quando si tratta di aziende. Le aziende si stanno lentamente trasformando in qualcosa che non somiglia più all’idea radicata in noi: la loro Forma originale. Intrappolati nelle oppressive barbarie della riflessione della modernità, ci manca la lucidità e la coerenza epistemica per rappresentare adeguatamente la loro nuova natura in un modo che fornisca una vera comprensione teleologica.

Millenni fa, quando i primi movimenti locali di quelle che potrebbero essere considerate proto-imprese iniziarono ad autoassemblarsi nei villaggi e nelle fattorie del nostro passato antidiluviano, le funzioni dirette di queste strutture transazionali di base erano chiare da vedere e comprendere: servivano la comunità intorno a loro con un legame di simpatia tale che, se qualcosa andasse storto, si ripercuoterebbe direttamente sull’azienda stessa. C’era un’immediatezza nella catena sotto forma di un ciclo di feedback: quando un proprietario serviva direttamente i suoi clienti, conoscendone i nomi e i volti, la responsabilità scaturiva naturalmente da questa fonte. Se il prodotto o l’offerta avessero arrecato danno, i “clienti” vendicativi del villaggio, armati di pietre e bastoni, avrebbero potuto rapidamente infliggere al proprietario una ritorsione immediata.

Nel corso delle generazioni, le aziende hanno iniziato a isolare le proprie responsabilità sotto uno strato crescente di schermi. In primo luogo il capo potrebbe aver assunto un intermediario satrapo per distribuire la merce mentre il capo si occupava di importanti compiti clericali e amministrativi. Alla fine, con la crescita delle dimensioni delle aziende, si è passati a nodi regionali o filiali gestiti da una burocrazia impenetrabile che ha protetto i proprietari dal sentimento negativo e dalle ritorsioni che la condotta non etica dell’azienda avrebbe potuto generare.

Ci troviamo in un’epoca in cui le aziende hanno effettivamente eretto infinite reti bizantine di distribuzione delle responsabilità di barriere amministrative tra loro e la società, per mantenere la loro leadership totalmente assolta dalle azioni sempre più disumane che sono tenute a intraprendere per stare al passo con la concorrenza. Ciò favorisce una progressione naturale di immoralità spietata che è semplice da immaginare: operare al di fuori delle “regole” di qualsiasi sistema darà sempre un vantaggio all’operatore trasgressore. Vengono stabilite regole per l’equità e per proteggere i più piccoli e i più deboli, impedendo che l’indiscrezione sfrenata, stimolata da avvoltoi amorali, trasformi il “sistema” nel caos e nell’anarchia.

Il problema è classico: ho già citato il baseball come esempio. Negli anni ’90, alcuni fuoricampo dominavano il campionato dando il massimo. Per competere con loro, le altre star più importanti non hanno avuto altra scelta che darsi una carica, ad esempio McGwire e Sosa. Ha incoraggiato un “potere strisciante” incontrollato in cui, per rimanere in vantaggio, ciascuna parte ha dovuto costantemente imbrogliare l’altra per tenere il passo con un concorrente disposto a non risparmiare alcuno sforzo indipendentemente dalla sua illegalità.

Suggerimento per le aziende: più “schermi” di responsabilità creano tra loro e i loro clienti, più permettono che comportamenti amorali e illegali rimangano impuniti. Quanto più questo comportamento resta impunito, tanto più agisce come un “meccanismo di ricompensa” per la leadership dell’azienda. Nel corso del tempo, questo crea un feedback naturale che attrae persone sempre più immorali e psicopatiche che vedono un accesso illimitato a un avanzamento illimitato – ed ecco la parte importante: fanno molto meglio dei loro concorrenti perché aggirano più regole, rompono più uova, operano con meno restrizioni. complessivamente. Il consiglio vede questo successo e incentiva il reclutamento di altre personalità simili; è una catena logica di conseguenze.

Le aziende concorrenti ti vedono avere successo e presto scoprono il “segreto”. Seguono l’esempio per rimanere competitivi, e voilà: abbiamo lo stesso “strappo di potere” descritto nell’esempio del baseball, con ciascuna società virtualmente costretta a diventare progressivamente più malvagia per mantenere la propria quota di mercato. Applica questo modello al modo in cui Google, Apple, Microsoft, l’attuale gruppo di aziende di intelligenza artificiale, ecc., competono tra loro e avrai un quadro lucido per gli ultimi due decenni di sviluppo sociale che, ad esempio, spiega perché , sin dalla nascita dei social media, i nostri dati sono stati sfruttati in modo così completo e illegale da BigTech.

Ora, per raggiungere il loro leggendario AGI – già trasformato in una sorta di ricerca simile a Rapture – i limiti devono essere spinti oltre i guardrail culturali e i livelli di comfort umano, disprezzando la tradizione come se fosse un semplice incidente stradale sulla spalla, solo per sopravvivere. l’ultima goccia di avanzamento possibile. I muri del computer e del corpus di dati sono già stati colpiti, e nel loro puro fanatismo i tecnocrati capitalisti avvoltoi avranno bisogno degli stessi esseri umani come veicoli o ospiti per superare il collo di bottiglia. Mi viene in mente il ritratto di uno scienziato demente che dà da mangiare ai cuccioli al suo piccolo velociraptor chimera domestico mentre sorride a trentadue denti. Per questi pazzi rimaniamo solo come foraggio per la corsa di conquista che mette le élite transumane l’una contro l’altra e, in futuro, ogni decisione commerciale e di prodotto sarà presa esclusivamente in base alla priorità dei loro modelli e algoritmi, non importa quanto dannosi per noi, i nostri privacy, sicurezza o coesione sociale e culturale.

Queste aziende stanno ora convertendo la nostra biomassa umana in ospiti estrattivi per la classe dei rentier. Alla cieca, inciampiamo sotto l’incantesimo di concezioni superate, percependo le loro strutture con i paradigmi rosati delle epoche passate: aziende come unità di produzione organizzata che soddisfano coscienziosamente le richieste dei clienti per transazioni eque. Nel frattempo, sotto le guaine dei loro bozzoli, si sono trasformati da tempo in qualche altra mostruosità.

Le aziende hanno iniziato a globalizzarsi, sradicandosi dalla cultura e dalla comunità locale, non più legate ai responsabili della loro scintilla iniziale. Ora potrebbero operare nell’illusione di servire la comunità mentre in realtà si arricchiscono con il denaro globale, a spese della comunità locale. L’ultima tendenza vede aziende come Apple, Adobe e molte altre trasformare i loro modelli di business in fattorie di formazione sull’intelligenza artificiale. I loro “prodotti” e le loro app possono somigliare a quelli del passato, ma è chiaro che ora hanno uno scopo e un’etica completamente diversi.

Adobe ha fatto scalpore questa settimana imponendo ai clienti un nuovo TOS altamente controverso, che li costringe a cedere i diritti creativi su tutto ciò che generano all’interno dell’ecosistema di programmi e app Adobe.

Molti hanno giustamente ipotizzato che l’intento fosse quello di addestrare modelli di intelligenza artificiale non solo per consentire ad Adobe di competere in modo aggressivo con il gruppo, ma anche per sbloccare potenzialmente un nuovo enorme flusso di profitti sfruttando i dati dei clienti altamente ricercati a corpi di intelligenza artificiale più grandi.

Quest’ultima ha persino spinto gli artisti a iniziare a utilizzare app di “avvelenamento dei dati” come Nightshade per sabotare lo scraping dell’intelligenza artificiale della loro arte:

Un nuovo strumento consente agli artisti di aggiungere modifiche invisibili ai pixel nella loro arte prima di caricarla online in modo che, se inserita in un set di formazione AI, può causare la rottura del modello risultante in modi caotici e imprevedibili.

Lo strumento, chiamato Nightshade, è inteso come un modo per combattere le aziende di intelligenza artificiale che utilizzano il lavoro degli artisti per addestrare i propri modelli senza il permesso del creatore. Usarlo per “avvelenare” questi dati di addestramento potrebbe danneggiare le future iterazioni dei modelli di intelligenza artificiale che generano immagini, come DALL-E, Midjourney e Stable Diffusion, rendendo inutili alcuni dei loro risultati: i cani diventano gatti, le auto diventano mucche e così via. via.

Il costo assoluto dell’addestramento dei modelli di intelligenza artificiale è cresciuto fino a diventare un collo di bottiglia esorbitante, arrivando a centinaia di milioni per addestrarne uno nuovo. Queste aziende bramano avidamente corpora infiniti di dati per ottenere spinte sempre più incrementali ai loro geni emergenti incatenati digitalmente. Ai gruppi di intelligenza artificiale non resta altra scelta se non quella di collaborare di nascosto con corpi tecnologici adiacenti con accesso a vasti pool di dati dei clienti per convertirli in fattorie di addestramento a loro insaputa al fine di compensare il costo del miglioramento dei loro modelli.

Questo fatto è stato esemplificato dall’ultimo annuncio di Apple alla WWDC (Worldwide Developers Conference) del 2024 della loro partnership con OpenAI, il cui sistema ChatGPT sarà ora presente in tutto l’ultimo sistema operativo Apple, controllando ogni aspetto delle app e degli strumenti e rinvigorendo SIRI con una pletora di di nuove e potenti funzionalità, o almeno così dice la copia PR. Il problema è che il probabile scopo della partnership include l’accesso quid pro quo a OpenAI per tutta la vasta base di clienti di Apple, che fornirà ai modelli di OpenAI enormi montagne di nuovi dati di formazione: l’oro liquido delle attuali valute tecnologiche. Ciò va a scapito della nostra privacy, poiché l’intelligenza artificiale avrà accesso a ogni dettaglio intimo della nostra vita personale attraverso l’ecosistema Apple.

È naturale che OpenAI abbia contemporaneamente annunciato l’assunzione del direttore letterale della NSA nel consiglio di amministrazione, giustificando il meme seguente:

Proprio come l’ultimo annuncio di Microsoft secondo cui il nuovo Windows avrà una modalità di ‘cattura’ infinita che registrerà tutto ciò che fai sullo schermo per inserirlo in un ‘assistente’ AI in grado di richiamare l’intera cronologia digitale per comprendere e assistere meglio anche tu, Apple ora prevede di dare a Siri l’accesso totale alla tua vita:

Apple Intelligence consentirà a Siri di avere consapevolezza sullo schermo e di intraprendere azioni per conto di un utente

La funzionalità Apple Intelligence in Mail comprende il contenuto delle email e mostra i messaggi più urgenti nella parte superiore della casella di posta

Poiché Apple Intelligence comprende il contesto personale, le immagini generate dall’intelligenza artificiale possono essere personalizzate per gli utenti

Vedi dove sta andando?

Le IA stanno ottenendo accesso alle ultime vestigia della nostra vita privata, ma in un modo più pericoloso di quanto tentato in precedenza superando perennemente i limiti della BigTech. Negli ultimi dieci anni siamo stati inondati da meccanismi e servizi sempre più invasivi, solitamente senza possibilità di rinuncia, e quasi sempre venduti come “per la nostra sicurezza”; per esempio, l’annuncio di Meta secondo cui tutti i messaggi privati ​​di Facebook sarebbero stati scansionati alla ricerca di contenuti illegali come abusi sui minori, con Gmail che avrebbe fatto lo stesso.

Ma l’ultima acquisizione dell’intelligenza artificiale attraversa un nuovo Rubicone: invece di un semplice accesso generalizzato ai nostri dati grezzi e non organizzati, l’intelligenza artificiale consentirà alle aziende di includerli e analizzarli in modo intelligente in profili predittivi che forniranno loro informazioni mai viste prima e potere sui nostri processi. vite umane, distruggendo di fatto l’ultima parvenza di privacy una volta per tutte.

Lentamente ma inesorabilmente i Tech stanno trasformando i loro prodotti in allevamenti con noi come lek .

Fai domande ad Apple Intelligence sui tuoi file e ottieni risposte. Potrai chiedere cose come: • Un documento inviato da un collega la settimana scorsa • Riprodurre un podcast consigliato da un amico • Trovare foto con persone specifiche al loro interno

L’ultimo annuncio di Apple ha preoccupato anche i media dell’establishment. L’ultima versione di Atlantic lo definisce un cavallo di Troia AI:

Già il mese scorso, Google ha iniziato a imporre risposte scritte dall’intelligenza artificiale a 1 miliardo di utenti del suo motore di ricerca. I risultati, tra cui disinformazione medica, teorie del complotto e semplici sciocchezze, furono così imbarazzanti che la società sembrò rapidamente annullare la funzione, almeno temporaneamente.

Non ci sfugge l’ironia del fatto che lo stesso Atlantic sia un cavallo di Troia, dato che il suo caporedattore è il famigerato acerrimo neoconservatore e sospetto agente israeliano Jeffrey Goldberg, che fu il principale nel guidare l’America nelle guerre del PNAC degli anni 2000. ; ma questa è una storia per un’altra volta.

Mentre stiamo passando a un’era di bassa produttività e di supremazia totale della tecnologia e dei servizi, le aziende che possiedono i data center e i set di formazione saranno custodi del mondo, senza nulla che possa ostacolarli. Le quattro aziende più ricche del pianeta sono ora legate alla tecnologia, e quelle che producono effettivamente cose utili cadono dalla lista:

Siamo diventati un’economia estrattiva e rentier in cui le migliori multinazionali competono l’una contro l’altra in una corsa esponenziale per dominare la risorsa finale di valore: i dati, con noi come valuta consumabile meramente per lo sfruttamento. Naturalmente struttureranno il paradigma digitale in modo tale da rendere il più obbligatorio possibile essere “collegati” al loro sistema per prosperare, o addirittura sopravvivere, nella società. Le persone che non rinunciano “volontariamente” alla propria esistenza per essere coltivate da algoritmi avanzati di intelligenza artificiale saranno superate dalla concorrenza e ritenute obsolete, proprio come chiunque senza uno smartphone in questi giorni viene guardato dall’alto in basso come una sorta di paria e addirittura gli viene impedito di mangiare. in segmenti della società.

E cosa ha favorito questo colpo di stato tecnologico? Come accennato in apertura, le “imprese” iniziarono come organizzazioni un tempo legate direttamente alla cultura locale, al flusso comunitario, che affondavano o nuotavano con la salute dei “clienti”, che probabilmente erano familiari, amici e altre persone care; la responsabilità è stata integrata nel sistema. Permettere alle aziende di diventare “transnazionali” è stato l’errore più grande della storia: ha permesso alle aziende di perdere il loro ancoraggio, la loro partecipazione nelle società che avrebbero dovuto servire, e le ha necessariamente trasformate in macchine di estrazione amorali e senza volto, al servizio di nessun sistema di valori o di espressioni. , ma piuttosto una sostanza appiccicosa astratta – il tecno-ecumenismo globale sradicato in cui la cultura è semplicemente un additivo, un condimento superficiale inteso a rendere il “prodotto” più appetibile – e redditizio . Per diventare veramente “transnazionali”, le aziende hanno dovuto spogliarsi di tutti i “valori” locali intrinseci e dei marcatori culturali per servire “tutti”, piuttosto che “pochi”, e massimizzare la portata e i profitti.

In questo modo, vediamo che le aziende non aderiscono più ad alcun insieme di principi locali, culturali, etnici o di altro tipo: è per questo che Google e tutte le principali aziende statunitensi sono state lentamente sostituite da amministratori delegati indiani o da qualche altro sottoinsieme esogeno. Questo è il tecno-ecumenismo nella sua forma peggiore o migliore, a seconda del punto di vista. Il modello economico cinese funziona perché esiste una lealtà etnico-culturale dei proprietari verso il loro ambiente, gli stakeholders, una lealtà che è aggravata da freni governativi più stretti sulle corporazioni, non importa quanto “potenti” possano essere.

In Occidente, le aziende sono diventate qualcos’altro : possiamo guardarle e vedere la nostra concezione radicata di un’azienda che crea un prodotto per servire il cliente, aderendo alle tradizioni locali; ma sono scivolati inosservati in una cosa completamente diversa . Non esiste più una connessione con il cliente, il processo organicamente reattivo guidato dal mercato di feedback, miglioramento e consegna del cliente. C’è solo un fronte impuro di presunti “legami locali”: vediamo grandi corpi fare i loro ampi spot pubblicitari “Americana” pieni di robusti camion che trainano banderelle di polvere mentre i mustang caricano nella loro scia, le criniere che schioccano al vento. La stessa azienda, totalmente priva di principi, poi pomperà l’agitprop PRIDE altrove, ottimizzando al contempo la propria offerta in Arabia Saudita con un’ottica completamente diversa. Non è altro che un segnale di virtù senz’anima da parte di aziende che hanno superato i loro miti per diventare entità aliene mascherate nella nostra società.

Ora c’è semplicemente la crescente Fede simile a un culto che guida questi Messia della tecnologia sempre più distaccati e disconnessi e i loro accoliti verso un lontano sogno utopico che devono spingerci con una fanatica certezza di visione. E questo è il futuro dell’azienda tecnologica. Ricordo un sermone convincente su come le aziende di maggior successo operano come sette basate sulla fede: il leader visionario genera una riverenza religiosa tra il suo seguito fanatico, facilitando una singolare unità di visione ineguagliata dalle organizzazioni regolari. È per questo che strutturano i loro campus tecnologici come strani culti utopici new age, quasi intrappolando i fedeli devoti nel complesso insulare che genera le sue strane culture egualitarie spaziali totalmente lontane dalla normale umanità radicata nelle aride terre di confine.

Hai visto il campus Apple ultimamente? L’anello spaziale squilibrato del tuo Messia tecnologico.

Sono decenni che vediamo riff di fantascienza su tali archetipi, da libri e storie a spettacoli recenti come Devs di Alex Garland . Incarnato nei tempi moderni da Sua Santità Steve Jobs, drappeggiato in un dolcevita monastico, nientemeno. È ovvio per chiunque abbia un QI emotivo elevato vedere il luccichio megalomane negli occhi sterili del nostro attuale gruppo di Principi tecnologici che ci portano alla salvezza del synth:

Le prove circostanziali ci sono: segnalazioni di voli sfrenati di narcisismo, personalità altamente manipolatrici, machiavellismo e pronta disponibilità a tradire e ingannare. La corsa è ora iniziata per conquistare il mantello del mondo: cioè, ci troviamo sul precipizio di un grande punto di flesso, la singolarità; l’adozione accelerata dell’IA che rivoluzionerà la società. E colui che vincerà la corsa sarà incoronato il Messia de facto dell’umanità.

Ad esempio, vedi questo thread . Si discute di un articolo del giovane esperto di OpenAI e protetto di Ilya Sutskever, Leopold Aschenbrenner, che descrive i prossimi cinque anni circa come una corsa tra superpotenze – vale a dire, Stati Uniti e Cina – per decidere chi erediterà il mondo. Ma questa corsa è accelerata da società private guidate da giovani imprenditori magnetici che seguono un culto della personalità che cercano di diventare il prossimo Henry Ford o Rockefeller.

In qualsiasi impresa del genere, è naturale che le personalità più spietate, subdole e persino psicotiche si distinguano davanti al gruppo per le loro scarse possibilità di entrare nella storia. Proprio come NVIDIA è recentemente esplosa al terzo posto, guadagnando un insondabile trilione in soli tre mesi, superando l’intera capitalizzazione di mercato di Amazon in meno di un anno fino a una valutazione di oltre 3 trilioni di dollari, tutto per il suo coinvolgimento nella corsa alla tecnologia dell’intelligenza artificiale. i concorrenti si sono resi conto che il vincitore erediterà il mondo; e colui che guiderà la compagnia vincitrice sarà incoronato Imperatore Dio per signoreggiare su tutti noi.

I contendenti non possono permettersi di essere ostacolati o disturbati dai dettami morali del bestiame mortale. Rimaniamo semplicemente come trampolini di lancio, per fornire il sentiero di primule affinché i nuovi tecnodei possano ascendere al loro posto “legittimo” nell’empireo.

Mentre la singolarità dell’intelligenza artificiale ingoia ogni aspetto della nostra economia e società, i principi della tecnologia al timone delle aziende leader acquisiranno un potere sempre più eccessivo su tutti noi. I posti di lavoro continueranno a dissanguarsi al posto del reddito di base finanziato dalla “produzione in eccesso” dell’intelligenza artificiale, e tutte le decisioni sociali passeranno sempre più dalla piramide agli utopici senz’anima della Silicon Valley e alle loro sterili visioni di una società futura da cui non possiamo uscire modellati. un campus tecnologico della Silicon Valley.


Se ti è piaciuto avere la tua episteme offuscata, apprezzerei molto se sottoscrivessi un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro e, così facendo, mi incoraggi ad annebbiare la tua episteme su base regolare ogni mese.

In alternativa, puoi lasciare la mancia qui: Tip Jar

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Sorpresa d’estate: L’incombente sostituzione di Biden _ Di William Sullivan

Sorpresa d’estate: L’incombente sostituzione di Biden

A febbraio avevo previsto che non sarebbe stato Joe Biden a rappresentare il Partito Democratico a novembre e che sarebbe stato sostituito in estate, prima della Convention nazionale democratica.

Il giorno prima della pubblicazione di quell’articolo (ma dopo che l’avevo scritto), è stato pubblicato il rapporto dell’inchiesta di Robert Hur, in cui Biden è stato descritto dall’investigatore speciale come un “simpatico, ben intenzionato, anziano e con scarsa memoria”.

In quel momento mi sono sinceramente chiesto se questa rivelazione avrebbe reso il tema del mio articolo in qualche modo irrilevante. Oltre ai punti sollevati nell’articolo, come il fatto che quattro americani su cinque pensano che sia troppo vecchio per candidarsi a un secondo mandato e i suoi sondaggi terribilmente negativi sulle questioni più urgenti per gli elettori, come l’economia, l’immigrazione e la criminalità, Biden era appena stato giudicato dal suo stesso Dipartimento di Giustizia troppo mentalmente inadatto a sostenere un processo per aver preso e conservato illegalmente documenti riservati. Non c’è modo di continuare la farsa di fingere che il DNC abbia ancora intenzione di averlo come candidato alle presidenziali di novembre, ho pensato.

Ma eccoci qui, diversi mesi dopo, ancora a fingere che Biden sarà in lizza a novembre. E il vecchio non sta migliorando, gente. I problemi stanno peggiorando, sia che si allontani dai leader mondiali al G-7 o che divaghi in modo più incoerente che mai. Queste recenti manifestazioni hanno portato Steve Forbes a suggerire di recente che “il continuo, dolorosamente evidente declino mentale del nostro comandante in capo ha ravvivato le diffuse speculazioni pubbliche sul suo ritiro”.

E sebbene abbiano smesso per un po’, anche i democratici se ne stanno accorgendo e fanno di nuovo commenti simili. Mentre i suoi sondaggi hanno appena toccato i minimi storici sul sito del guru dei sondaggi Nate Silver, FiveThirtyEight, il sondaggista ha suggerito su X che Biden dovrebbe finalmente prendere in considerazione l’idea di ritirarsi. “Lasciarsi sarebbe un grosso rischio”, ha detto, ma “c’è una soglia al di sotto della quale continuare a candidarsi è un rischio maggiore”.

Per lui è più chiaro che “i Democratici sarebbero stati più avvantaggiati se Biden avesse deciso un anno fa di non cercare un secondo mandato, il che avrebbe permesso loro di avere una parvenza di processo primario e di dare agli elettori la possibilità di esprimersi tra i molti Democratici popolari in tutto il Paese”.

Chiunque abbia prestato attenzione nel 2016 e nel 2020 sa quanto poco ai Democratici interessi “dare voce agli elettori” nel processo delle primarie. Poiché il partito ha virato sempre più a sinistra, dando priorità all’ambientalismo radicale, all’intersezionalità e a una generale disposizione economica marxista e al disprezzo per il Paese e la sua storia, il processo delle primarie negli ultimi anni ha dato un vantaggio di comando ai socialisti di sinistra dura come Bernie Sanders, mentre l’affollato campo di candidati moderati si contendeva il centro politico durante le primarie Democratiche.

Per dirla senza mezzi termini, né l’ottuagenario Bernie Sanders né la stridula socialista Elizabeth Warren giocherebbero a Peoria, o in uno qualsiasi dei vitali swing states, e la consapevolezza di questo fatto da parte del DNC è apparentemente il motivo per cui hanno truccato in modo subdolo le primarie del 2016 e del 2020 contro Bernie Sanders in primo luogo.

E gli esponenti della sinistra più dura, come Sanders o Warren, avrebbero avuto un’enorme opportunità con le primarie aperte nel 2024, non solo perché i democratici moderati sono disaffezionati all’attuale leadership, ma anche perché c’è un’assoluta carenza di “democratici popolari” che raccolgano il testimone dei democratici.

Chi sono, dopo tutto, i “molti democratici popolari” che Nate Silver immagina che i democratici abbiano in panchina?

La California è uno Stato in crisi, passato da un surplus di 100 miliardi di dollari dopo gli incentivi federali COVID a un deficit di 73 miliardi di dollari in soli due anni. Attualmente sta attraversando una crisi senza precedenti di senzatetto, mentre sta vivendo un esodo di contribuenti ad alto reddito. Nel frattempo, sta accogliendo stranieri illegali e lavoratori non qualificati che beneficiano dell’ambizioso stato sociale della California.

Pete Buttigieg è stato un altro nome a volte citato come possibile sostituto di Biden nel 2024, in modo esilarante. Dopo essere stato sindaco di South Bend, Indiana, si è candidato alle presidenziali nel 2020 grazie al fatto di essere un uomo gay e articolato.Sebbene abbia riscosso un certo successo iniziale nel 2020, oggi detiene il primato di essere l’unico Segretario del Dipartimento dei Trasporti ad aver preso diversi mesi di congedo di paternità senza che la sua consorte abbia effettivamente sopportato il parto di un bambino in mezzo a una massiccia interruzione della catena di approvvigionamento, a un deragliamento di un treno tossico in Ohio e a una nave che ha distrutto un ponte vitale a Baltimora, il tutto mentre supervisionava un’iniziativa da 7,5 miliardi di dollari che, dopo tre anni, ha prodotto esattamente sette stazioni di ricarica per veicoli elettrici.

Oh, e se pensate che gli elettori neri stiano disertando Trump a un ritmo veloce, provate a mettere Buttigieg in cima alla lista e vedete come va a finire.

Kamala Harris rappresenta un altro tipo di problema: non è genuina ed è decisamente antipatica. Non c’è altro da aggiungere, e la sua campagna per la presidenza si è esaurita molto prima che venisse espresso un voto alle primarie del 2020. E nonostante si sia aggiudicata diverse caselle di credibilità sociale in quanto donna di colore e dell’Asia meridionale, sarebbe probabilmente un declassamento pratico di Biden, se possibile.

I democratici non sono interessati a una catastrofe elettorale con Biden o Harris in cima alla lista a novembre, non più di quanto lo fossero a febbraio. Ma credo che ci sia una ragione per cui Biden è ancora il candidato apparentemente in testa alla lista e molti continuano a far finta che sarà effettivamente in lista a novembre.

E questo perché è vantaggioso per il DNC non staccare ancora la spina alla campagna di Biden e far sì che tutti fingano ancora per un po’, permettendo al vecchio e alla sua famiglia di assorbire tutti i colpi e le frecciate dell’opposizione il più a lungo possibile, idealmente fino alla Convention nazionale democratica di agosto.

L’inganno e la creazione di questa nebbia politica di guerra hanno un valore incredibile: “Tutta la guerra si basa sull’inganno”, secondo Sun Tzu, e un generale intelligente lo farà:

Prepariamo delle esche, fingiamo confusione e diamo al nemico l’impressione che stiamo per abbandonare la nostra posizione. Poi selezioniamo le nostre truppe a cavallo d’élite e le inviamo in territorio nemico sotto una cappa di silenzio.

Greg Gutfeld, in quello che sembra un momento di esasperazione mentre parlava con Marie Harf nella puntata del 12 giugno di “The Five”, ha detto che in realtà preferirebbe votare per Hunter Biden piuttosto che per Joe Biden:

Almeno Hunter Biden ha un cervello. Joe Biden… non si può credere nemmeno per un secondo che Joe Biden sarà il candidato. Lo si guarda. Lo si è visto alla manifestazione del Juneteenth… [Harf interrompe, dicendo “al 100%, sarà” il candidato] Riesce a malapena a parlare!

Eppure tutti gli attacchi energici dei media e degli opinionisti conservatori, per non parlare dei milioni e milioni di dollari di pubblicità d’attacco dell’RNC, sono diretti a questa esca in decadenza che viene strategicamente piazzata davanti ai nostri occhi.

Sembra proprio che i Democratici siano “pronti a rinunciare alla loro posizione” candidando Joe Biden a novembre e perdendo le elezioni.

Ma non ci credo. È comunque difficile immaginare che Biden non si ritiri dalla corsa poco prima della convention di fine agosto. Mi aspetto che citi la necessità di concentrarsi sulla famiglia, soprattutto in considerazione dei processi penali del figlio, e che si ritiri. Potrà così graziare Hunter prima di lasciare il suo incarico.

Per capitalizzare lo stratagemma, tuttavia, i Democratici hanno ben poche “truppe d’élite a cavallo” da schierare, ma probabilmente ce ne sono due.

Michelle Obama potrebbe avere le carte in regola, ma l’opinione comune suggerisce che non sia interessata. Tuttavia, non l’ho mai esclusa del tutto. La sostituzione di Joe e il passaggio di Kamala come donna di colore porteranno un po’ di indignazione che la candidatura di Michelle Obama supererebbe facilmente.

Tuttavia, Michelle Obama non ha mai governato né ricoperto alcun incarico politico e, oltre ad aver svolto lavori di fortuna molto remunerativi (il suo lavoro di consulente per la diversità da 317.000 dollari prima di diventare first lady non conta), non ha alcuna esperienza precedente che suggerisca una leadership esecutiva.

Ma c’è un candidato di cui pochi parlano e che ha tutte le carte in regola per sostituire Biden: si tratta di J.B. Pritzker, governatore democratico dell’Illinois.

In passato è stato nella rosa dei papabili sostituti di Biden. Nel 2023, Shia Kapos di Politico lo ha definito “l’arma segreta dei Democratici”. Come ha osservato il New York Magazine nel 2023, “non sfugge a nessuno che se Biden dovesse farsi da parte e Kamala Harris dovesse vacillare, Pritzker non avrebbe rivali nella capacità di finanziare una campagna dell’ultimo secondo”.”Ha anche parlato della decisione Dobbs e dell’aborto, che i Democratici ritengono un tema vincente per loro in questo momento, e ha consigliato a Biden di uscire “ogni giorno, ogni giorno” per dire agli elettori che “stiamo lavorando per proteggere le donne in ogni modo, ovunque possiamo”.

È una coincidenza che il New York Times lo annunci come “leader dell’attacco del suo partito a Trump come criminale”?

Forse.

Ma sarebbe certamente un forte avversario di Donald Trump, e se l’ho capito io, l’ha capito anche il DNC. È ricco e ha esperienza dirigenziale, è anche articolato e può giocare al centro politico. E, cosa forse più vantaggiosa in questo momento, è abbastanza sconosciuto che i woke-socialisti-Hamasniks di scarsa informazione non avrebbero il tempo di raccogliere munizioni per attaccare pesantemente dall’interno del partito, e l’opposizione avrebbe poco tempo o risorse preziose per pianificare i propri attacchi contro di lui, perché i repubblicani avrebbero solo due mesi per farlo. E a quel punto, l’RNC avrà speso incalcolabili energie e tesori per inseguire un vecchio affetto da demenza e la sua famiglia corrotta.

Ora, se l’idea che Biden sarà sostituito quest’estate vi sembra folle, ditemi: vi sembra più folle che i Democratici lascino che un Joe Biden, chiaramente affetto da demenza, continui a dare problemi in campagna elettorale fino alla sconfitta di novembre?

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

La Dottrina Monroe del 1823 e le sue prime conseguenze sulla politica globale: La trasformazione degli Stati Uniti in un impero globale, di Vladislav B. Sotirovic

La Dottrina Monroe del 1823 e le sue prime conseguenze sulla politica globale: La trasformazione degli Stati Uniti in un impero globale

La Dottrina (1823)

La dottrina fu presentata dal 5° presidente degli Stati Uniti James Monroe (1817-1825) nel 1823 come avvertimento ufficiale alle potenze europee (occidentali) che qualsiasi politica europea di espansionismo imperialistico sul territorio delle Americhe (settentrionali, centrali e meridionali o anglo-francofone e latine, cioè spagnole e portoghesi) sarebbe stata presa in considerazione da Washington come una minaccia agli interessi nazionali degli Stati Uniti. Di fatto, la dottrina proclamava le Americhe come affare esclusivo degli Stati Uniti, senza alcun coinvolgimento e/o interruzione da parte del mondo esterno. In altre parole, James Monroe proclamò il diritto esclusivo degli Stati Uniti di trattare (sfruttare) le Americhe (compreso il Canada) dal punto di vista economico, finanziario e geopolitico. La dottrina fu poi estesa con conseguenze pratiche sia dal 26° Presidente degli Stati Uniti Theodore Roosevelt (1901-1909) sia dal 28° Presidente degli Stati Uniti Thomas Woodrow Wilson (1913-1921), che la usarono per giustificare formalmente le politiche imperialistiche americane in diversi Paesi dell’America Latina, dal Messico alla Colombia.

James Monroe (1758-1831) è stato uno statista democratico repubblicano e presidente degli Stati Uniti. È ricordato per due motivi: 1) Nel 1803, essendo ministro in Francia sotto il presidente americano Jefferson, negoziò e infine ratificò il cosiddetto “Acquisto della Louisiana”, con il quale un vasto territorio formalmente di proprietà della Francia (napoleonica) fu venduto agli Stati Uniti (poiché Napoleone aveva bisogno di ulteriori fonti finanziarie per le sue guerre in Europa); 2) Tuttavia, James Monroe è ricordato soprattutto come l’ideatore della Dottrina Monroe che, di fatto, disegnò la politica imperialistica degli Stati Uniti in futuro.

Che cos’è la Dottrina Monroe? È la dichiarazione formale (diplomatica) di politica estera degli Stati Uniti che metteva in guardia le potenze europee (occidentali) (di fatto, Regno Unito, Spagna, Portogallo e Francia) da un’ulteriore colonizzazione delle Americhe (il Nuovo Mondo) e dall’intervento nei governi dell’emisfero americano. Come contropartita, la dottrina escludeva qualsiasi intenzione di Washington di prendere parte agli affari politici europei (che tuttavia rimase valida fino all’aprile 1917, quando gli Stati Uniti parteciparono direttamente alla Prima Guerra Mondiale sul suolo europeo, seguita dall’intervento militare americano in Russia durante la Guerra Civile Russa del 1917-1921).

Lo sfondo della dottrina, enunciata dal presidente James Monroe nel suo discorso annuale al Congresso degli Stati Uniti nel 1823, era, a prima vista, la minaccia politica di un intervento militare da parte della Santa Alleanza post-napoleonica per ripristinare le colonie spagnole in America Latina che avevano già dichiarato la loro indipendenza da Madrid. Tuttavia, divenne presto chiaro che la politica imperialistica degli Stati Uniti doveva riempire il vuoto in America Latina dopo il ritiro del potere e dell’amministrazione spagnola.

La Dottrina Monroe fu applicata di volta in volta dalla politica estera statunitense nelle Americhe. Tuttavia, dopo lo sviluppo degli interessi territoriali in America centrale e nei Caraibi, divenne un principio della politica estera statunitense. Nella prima parte del XX secolo, la dottrina si è sviluppata in una politica in cui Washington considerava gli Stati Uniti responsabili della sicurezza delle Americhe – un ombrello della colonizzazione geopolitica statunitense delle Americhe, soprattutto durante la Guerra Fredda. Di conseguenza, tale politica complicò costantemente le relazioni degli Stati Uniti con i Paesi dell’America Latina e solo le dittature locali sponsorizzate da Washington potevano controllare i sentimenti antiamericani della popolazione.

I politologi ritengono che, in realtà, fu proprio per l’equilibrio che Londra influenzò Washington a emanare la Dottrina Monroe, annunciata dal presidente James Monroe al Congresso il 2 dicembre 1823. Dobbiamo ricordare che la dottrina originariamente stabiliva che gli Stati dell’Europa (occidentale) non potevano ricolonizzare le Americhe o interferire negli affari degli Stati già indipendenti del Nord e del Sud America. Al momento, tale atteggiamento rifletteva la preoccupazione degli Stati Uniti e del Regno Unito per le interferenze dell’Europa occidentale nell’emisfero occidentale, in particolare per qualsiasi tentativo della Spagna di riprendere il controllo sugli ex possedimenti coloniali in America Latina. Tuttavia, lo slogan centrale della Dottrina Monroe – “L’America agli americani” – negli anni successivi ispirò fondamentalmente l’imperialismo coloniale statunitense e dal 1867 e soprattutto dal 1898 si trasformò nella politica “Le Americhe agli Stati Uniti”.

Il presidente Monroe promulgò la sua dottrina perché vedeva un’opportunità per il ruolo geopolitico speciale di Washington nelle Americhe dall’Alaska alla Patagonia. Tuttavia, all’epoca della dichiarazione, non era immaginabile sconfiggere le influenze coloniali spagnole e francesi nelle Americhe senza la Royal Navy britannica. In realtà, l’obiettivo del Regno Unito non era quello di assistere gli Stati Uniti, ma di battere la Francia, un Paese che all’epoca dominava la Spagna. Pertanto, il ministro degli Esteri britannico George Canning (1770-1827), in realtà, incoraggiò la politica di Washington come un buon modo per ridurre la potenza coloniale spagnola (in realtà, francese). Di lì a poco, l’amministrazione statunitense emanò la Dottrina Monroe, formalmente per impedire qualsiasi ulteriore sforzo da parte della Spagna (e della Francia) di riconquistare i possedimenti perduti nel Nuovo Mondo (le Americhe). Tuttavia, in pratica, secondo la dottrina, tutti gli Stati europei sono stati obbligati a rispettare l’emisfero occidentale come sfera esclusiva di influenza geopolitica, finanziaria ed economica degli Stati Uniti.

Le prime conseguenze (1897-1916)

La disputa del 1897-1903 sul confine dell’Alaska con il vicino Canada (Dominion dal 1867) fu la prima applicazione diretta della Dottrina Monroe sulla politica estera degli Stati Uniti con, di fatto, l’intenzione geopolitica finale di incorporare il Canada negli USA. In altre parole, la corsa ai giacimenti d’oro del Klondike nel 1897 (terra tra Alaska e Canada) portò la disputa vicino alla guerra tra i due Stati. Il Canada temeva di perdere i territori del nord-ovest. Tuttavia, un tribunale di orientamento politico istituito per risolvere il problema, con il voto decisivo del giudice del Regno Unito, si limitò a favorire nel 1903 la linea di confine tra Canada e Stati Uniti proposta da Washington.

L’intervento militare statunitense nell’insurrezione di Cuba del 1898 provocò direttamente la guerra con la Spagna. Poiché la guerra ebbe un grande successo per Washington, gli Stati Uniti ottennero un protettorato su Cuba nel 1903. Tuttavia, le continue rivolte locali contro il dominio statunitense portarono a diversi interventi militari americani sull’isola dal 1906 al 1922. Tuttavia, interventi militari statunitensi simili si verificarono due volte nella caraibica Repubblica Dominicana, nel 1905 e nel 1916-1924, seguiti da Haiti (1915-1934) e dal Nicaragua (1909-1933). La fase successiva della politica coloniale imperialista degli Stati Uniti in America Latina, secondo la Dottrina Monroe, fu nel 1917, quando sotto la pressione militare di Washington la Danimarca fu costretta a vendere formalmente le Isole Vergini agli Stati Uniti. politica aggressiva degli Stati Uniti nei confronti del Messico portò nel frattempo a due interventi militari americani abortiti nel 1914 (invasione di Tampico e Veracruz) e nel 1916 (invasione del Rio Grande nelle province messicane di Chihuahua, Coahuila e Nuevo León).

Probabilmente, il principale successo geopolitico ed economico degli Stati Uniti in America Latina in seguito alla Dottrina Monroe fu quello di ottenere il controllo e la protezione (di fatto, lo sfruttamento) della zona del Canale di Panama. In base al trattato con Panama (un ex territorio della Colombia sottratto agli Stati Uniti) del 1903, gli Stati Uniti affittano la zona del Canale di Panama in perpetuo. Allo stesso tempo, però, secondo il trattato, Washington doveva possedere la zona come “se fosse sovrana”. Di fatto, un linguaggio diplomatico così contraddittorio causò discussioni irrisolvibili da entrambe le parti. Si tenga presente che la zona del Canale di Panama è larga 10 miglia ed è divisa dal Canale che, contrariamente al Canale di Suez, è dotato di chiuse.

Woodrow Wilson e la Dottrina Monroe

Il 28° Presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson (1913-1921) proclamò al Senato degli Stati Uniti nel gennaio 1917 che i principi e le politiche degli Stati Uniti dovevano essere accettati dal resto del mondo in quanto erano quelli di tutta l’umanità. Più precisamente, egli sostenne che tutte le nazioni del mondo avrebbero dovuto “adottare di comune accordo la dottrina del presidente Monroe come dottrina del mondo”, continuando a sostenere che “nessuna nazione dovrebbe cercare di estendere la propria politica su qualsiasi altra nazione o popolo”. Un risultato della proclamazione della Dottrina Monroe del 1923 come dottrina di tutte le nazioni, dovrebbe essere “che ogni popolo dovrebbe essere lasciato libero di determinare la propria politica, il proprio modo di sviluppo, senza ostacoli, senza minacce, senza paura, il piccolo insieme al grande e potente”. Si trattava, in effetti, di un’espressione formale di universalizzazione delle relazioni internazionali fondata sulla dottrina del presidente Monroe (che in origine riguardava solo le Americhe, ma che ora veniva applicata a tutto il mondo).

Tuttavia, nella pratica, prevalse una prospettiva diversa dell’attuazione della Dottrina Monroe da parte di Washington (e di altri), poiché anche all’interno dell’emisfero occidentale l’impatto della Dottrina Monroe fu tutt’altro che benevolo. La dottrina, purtroppo, anche durante la presidenza di W. Wilson non servì a garantire che a tutte le nazioni sarebbe stato permesso di determinare il proprio destino “senza ostacoli, senza minacce e senza paura” ma, di fatto, come meccanismo per mettere ordine nelle relazioni tra gli Stati più forti e quelli più deboli, sia nella politica regionale che in quella globale, secondo i termini imposti dai più forti.

In realtà, a partire dalla presidenza di W. Wilson, la Dottrina Monroe del 1823 si era evoluta in una logica di intervento militare e di espansione del potere statunitense (hard e soft). W. Wilson, nel 1915, era desideroso di veder prevalere la democrazia nei Caraibi, ma allo stesso tempo non era disposto a tollerare nulla che potesse far pensare al radicalismo o all’instabilità e, pertanto, inviò truppe militari statunitensi ad Haiti. L’anno successivo (1916), solo alcune settimane prima del discorso di W. Wilson del gennaio 1917, le truppe americane occuparono la Repubblica Dominicana. Tuttavia, la permanenza degli Stati Uniti in ogni caso si rivelò prolungata, e in nessuno dei Paesi occupati dalle truppe americane la democrazia fiorì come risultato.

Woodrow Wilson era molto fiducioso che lui e la sua amministrazione avessero il diritto di fare un destino della Rivoluzione messicana ed era allo stesso tempo desideroso di insegnare agli altri a “eleggere uomini buoni”. Di conseguenza, la sua amministrazione interferì costantemente negli affari interni messicani e organizzò persino spedizioni militari in Messico per due volte: nel 1914 e nel 1916. Tuttavia, il tentativo di W. Wilson di rendere la rivoluzione più democratica fu abortito ed egli, in sostanza, riuscì solo ad avvelenare le relazioni con il vicino Messico per un periodo più lungo. Tuttavia, secondo W. Wilson, tutte queste azioni militari statunitensi avevano le migliori intenzioni e furono condotte seguendo la Dottrina Monroe del 1823.

Le ultime parole

In conclusione, il fondamento ideologico dell’imperialismo coloniale americano nelle Americhe dalla fine del XIX secolo era la Dottrina Monroe del 1823, che implicava l’intenzione di trattare le Americhe (in particolare l’America Latina) come esclusiva sfera di influenza geopolitica, economica e finanziaria degli Stati Uniti.

Molti sostenitori ufficiali di un “mondo aperto” o “mondo senza frontiere” (di fatto, i globalisti) sono in sostanza sostenitori della dottrina di M. Monroe e dei principi di W. Wilson di un mondo libero per implementare i principi e le politiche statunitensi su una scena globale. Essi, come lo stesso W. Wilson, rifiutano rigorosamente l’idea che altri possano interpretare la politica estera americana come imperialistica. Il punto culminante della questione è che sostengono che gli Stati Uniti meritano di essere al di sopra di tutte le altre grandi potenze (in realtà, superpotenza o addirittura iperpotenza) al fine di impiegare i loro valori nel resto del mondo, anche utilizzando un potere (morbido o duro) per agire a favore del beneficio globale. Essi propagandano che l’apertura è la causa della democrazia, dello sviluppo economico, della tutela dei diritti umani e della pace. Tuttavia, in molti casi, questa apertura è solo un quadro formale per l’influenza cruciale americana nel mondo, che è stata gradualmente implementata dopo la presentazione ufficiale della Dottrina Monroe nel 1823.

Dr. Vladislav B. Sotirovic
Ex professore universitario
Ricercatore presso il Centro di Studi Geostrategici
Belgrado, Serbia
www.geostrategy.rs
sotirovic1967@gmail.com © Vladislav B. Sotirovic 2024

Disclaimer personale: l’autore scrive per questa pubblicazione a titolo privato e non rappresenta nessuno o nessuna organizzazione, se non le sue opinioni personali. Nulla di quanto scritto dall’autore deve essere confuso con le opinioni editoriali o le posizioni ufficiali di altri media o istituzioni.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Agricoltori contro il libero scambio, di Thomas Fazi

Un articolo importante, che coglie alcuni aspetti delle dinamiche, ma che meriterebbe ulteriori approfondimenti e precisazioni. Per tutta una prima fase delle politiche economiche europee, che per altro ha riguardato tutti i decenni passati sino a pochi anni fa, il settore agricolo è stato sacrificato ed offerto come merce di scambio delle esportazioni del settore industriale e del controllo finanziario nelle aree periferiche ed ex-coloniali, nonché delle logiche geopolitiche che hanno guidato surrettiziamente l’Unione Europea. Le principali vittime sono state le economie agricole dei paesi europei mediterranei, sino a sacrificare interi territori montani e collinari, in una sorta di scambio teso a valorizzare e polarizzare le economie dell’Europa Centrale e Settentrionale ai danni di quella meridionale e di una loro industrializzazione complementare. Adesso è arrivato il turno delle economie agricole una volta privilegiate, in parte per le fisime dogmatiche dell’ambientalismo, in parte per l’assenza del criterio di garanzia di sovranità, compresa quella alimentare, nelle politiche comunitarie e, soprattutto, per garantire l’invasività delle grandi produzioni agricole di base statunitensi ed una compensazione dei costi delle politiche egemoniche statunitensi nel mondo sulle spalle degli europei. Politiche che stanno innescando una concentrazione ulteriore delle proprietà terriere nella quale, ancora una volta, è ben presente lo zampino statunitense. Un discorso a parte meriterebbe la dipendenza tecnologica ed esistenziale, sino al rischio di una vera e propria spoliazione, dalla chimica e dalle tecnologie genetiche delle quali le multinazionali statunitensi detengono il predominio sino alla pretesa di determinare la regolazione giuridica e normativa delle forniture. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Agricoltori contro il libero scambio
Di Thomas Fazi • 13 giugno 2024
Billy Wilson / CC BY-NC 2.0
Billy Wilson / CC BY-NC 2.0
Negli ultimi mesi, massicce proteste degli agricoltori hanno investito i paesi europei. Sebbene queste manifestazioni siano spesso una reazione alle politiche specifiche del paese, riflettono una più ampia resistenza contro l’agenda climatica e ambientale dell’Unione europea, in particolare il Green Deal europeo. Gli agricoltori sostengono che queste politiche minacciano la sostenibilità delle aziende agricole di piccole e medie dimensioni, offrendo allo stesso tempo benefici ambientali minimi, e hanno ragione . Tuttavia, le pressioni cui devono far fronte gli agricoltori europei si estendono ben oltre la relativamente recente svolta “verde” dell’Unione Europea. La realtà è che gli agricoltori in Europa lottano da anni con problemi sistemici, come l’aumento dei costi, l’eccessiva regolamentazione e, soprattutto, la concorrenza sleale guidata dal regime di libero scambio dell’UE.

L’Unione Europea è una potenza agricola globale, con un valore della produzione superiore a 500 miliardi di dollari, ed è anche uno dei maggiori esportatori mondiali di prodotti agroalimentari. Il blocco è ampiamente autosufficiente nella maggior parte dei prodotti primari agricoli, producendo abbastanza per soddisfare le esigenze di consumo interno e spesso generando surplus per l’esportazione. In effetti, quando si tratta di agricoltura, l’Unione Europea esporta molto più di quanto importa e lo fa da più di un decennio, determinando un surplus commerciale considerevole.

Si può quindi concludere che il settore agricolo dell’UE è in ottima forma – e, in effetti, in termini economici aggregati lo è. La produzione agricola nel blocco è in costante crescita da anni, e ciò si riflette nella costante crescita dei redditi agricoli.

Allora di cosa si lamentano gli agricoltori? La risposta sta nel fatto che, anche se il settore nel suo insieme sta andando bene, la maggior parte degli agricoltori non va bene. Nell’Unione Europea ci sono circa 9 milioni di aziende agricole. La maggior parte di queste sono piccole: quasi due terzi delle aziende agricole del blocco hanno una superficie inferiore a 12 acri, ma rappresentano solo il 5% circa di tutti i terreni agricoli utilizzati. All’altra estremità della scala di produzione, solo il 7,5% delle aziende agricole dell’UE sono grandi o molto grandi (120 acri o più), ma costituiscono quasi il 70% di tutta la terra.

“I terreni agricoli sono concentrati nelle mani di un numero relativamente piccolo di aziende molto grandi”.

In altre parole, la maggior parte dei terreni agricoli dell’UE è concentrata nelle mani di un numero relativamente piccolo di aziende molto grandi, molte delle quali sono grandi imprese. Solo queste aziende agricole hanno livelli di produzione sufficientemente grandi da generare redditi significativi. Ciò spiega perché le piccole aziende agricole in tutta Europa stanno scomparendo . Negli ultimi 20 anni, il numero di aziende agricole nell’Unione europea è sceso oggi a circa 9 milioni, rispetto ai 14,5 milioni del 2005. Allo stesso tempo, è cresciuto il numero delle aziende agricole di grandissime dimensioni (con una superficie superiore a 200 acri). in modo significativo, di oltre il 20%.

In termini strettamente economici, questo processo di consolidamento ha reso il settore agricolo dell’UE più produttivo ed efficiente, poiché le aziende agricole più grandi sono più industrializzate e ad alta intensità di capitale e possono fare affidamento su economie di scala per raggiungere livelli di produzione più elevati. Ma le piccole aziende agricole forniscono un’ampia gamma di vantaggi economici e sociali che parametri come la produzione non riescono a cogliere: svolgono un ruolo chiave nel mantenere in vita le aree rurali remote mantenendo i servizi e le infrastrutture sociali; sostengono l’occupazione rurale; aiutano a preservare l’identità dei prodotti regionali; proteggono le caratteristiche del paesaggio.

Più fondamentalmente, non è affatto chiaro che gli incrementi di produttività offerti da un maggiore consolidamento stiano rendendo il settore agricolo dell’UE più resiliente nel lungo periodo, soprattutto in termini di sicurezza alimentare. Come notato, l’Unione Europea è ampiamente autosufficiente nella maggior parte dei prodotti agricoli primari – la maggior parte dei tipi di carne, latticini, frutta e verdura e la maggior parte dei cereali – e non è eccessivamente dipendente dalle importazioni, la cui interruzione potrebbe mettere a repentaglio l’approvvigionamento alimentare. In altre parole, il blocco gode di un elevato grado di sovranità alimentare, che riflette l’ attenzione originaria della Politica Agricola Comune dell’UE sull’autosufficienza.

Esistono però importanti eccezioni: in particolare, l’Unione Europea è fortemente dipendente dai semi oleosi (soprattutto soia) e dalle farine per l’alimentazione animale. Altri prodotti per i quali l’Unione Europea non è autosufficiente includono colture proteiche, mais, oli vegetali, zucchero e alcuni tipi di frutta e verdura. Per molti prodotti primari, l’autosufficienza è andata diminuendo negli ultimi due decenni, poiché il blocco si è lentamente spostato dalla produzione di beni agricoli primari di basso valore, ma essenziali, verso la produzione di beni di alto valore, ma non essenziali. , prodotti agroalimentari trasformati.

Ciò è principalmente il risultato di due fattori: la crescente influenza dell’ideologia del climatismo, a seguito della quale la produzione agricola (il secondo maggior contributore alle emissioni di gas serra) è gradualmente diventata un tabù in Europa; e un approccio dogmatico e obsoleto al commercio.


Il libero scambio è uno dei principi fondanti dell’Unione Europea. Oggi, il blocco vanta il più grande regime di libero scambio al mondo, con 42 accordi di libero scambio che coprono 74 paesi partner sparsi nei cinque continenti. Questa rete si è espansa in modo significativo negli ultimi dieci anni e sono in corso trattative con altri partner commerciali, tra cui India, Australia e il blocco Mercosur (Argentina, Brasile, Paraguay, Uruguay). In linea con l’obiettivo originario della Politica Agricola Comune sull’autosufficienza, l’Unione Europea ha inizialmente adottato un approccio relativamente protezionistico al commercio agricolo; tuttavia, negli ultimi 20 anni, l’inclusione dell’agricoltura nella rete sempre crescente di accordi di libero scambio del blocco ha gradualmente esposto il mercato agricolo dell’UE alla crescente concorrenza internazionale.

Secondo i mandarini di Bruxelles, l’impatto del libero scambio è quasi inequivocabilmente positivo, anche per l’agricoltura. Ma questa affermazione regge ad un esame accurato? Negli ultimi due decenni, la bilancia commerciale agricola dell’Unione Europea è migliorata. Tuttavia, non è chiaro in che misura gli accordi di libero scambio del blocco abbiano contribuito a ciò. Se esaminiamo l’evoluzione della bilancia commerciale complessiva del blocco in beni e servizi con i paesi partner dopo l’entrata in vigore (o l’applicazione provvisoria) di questi accordi di libero scambio, non emerge alcun modello chiaro. In alcuni casi, la bilancia commerciale è migliorata; in altri è peggiorato; e in altri ancora è rimasto sostanzialmente invariato.

“Gli agricoltori stranieri possono utilizzare pesticidi tossici”.

In ogni caso, gli agricoltori europei hanno ragioni per opporsi a questi accordi, dato che i paesi partner tendono ad avere standard ambientali, sanitari e sociali inferiori, nonché un costo del lavoro inferiore, rispetto all’Unione Europea. In effetti, gli accordi di libero scambio dell’UE generalmente non contengono “clausole speculari” che impongano agli esportatori agricoli stranieri di conformarsi agli standard europei su questioni quali l’uso di pesticidi, l’alimentazione animale, le misure sanitarie e fitosanitarie e il benessere degli animali. Questa mancanza di reciprocità – o disallineamento normativo – significa che agli agricoltori stranieri è consentito utilizzare pesticidi tossici nella loro produzione agricola, aggiungere farine animali ai mangimi e somministrare antibiotici che stimolano la crescita al loro bestiame, tutte cose che sono vietate o vietate. limitato nell’Unione Europea. Requisiti normativi meno rigorosi offrono agli agricoltori stranieri un grande vantaggio in termini di costi, soprattutto se abbinati a costi di manodopera più bassi – o a condizioni di lavoro di vero e proprio sfruttamento – spesso riscontrati nelle nazioni meno sviluppate.

Ciò è discutibile dal punto di vista etico e della protezione dei consumatori. Ma c’è un motivo economico per farlo? L’argomentazione solitamente avanzata dai sostenitori della liberalizzazione del commercio è che essa aumenta la sicurezza alimentare dell’Europa garantendo nuove catene di approvvigionamento. Nel breve termine questo è certamente vero. Ma hanno ragione gli agricoltori ad affermare che ciò sta danneggiando i produttori europei? E, se sì, cosa significa questo per la sicurezza alimentare dell’Europa nel lungo termine?

L’Unione Europea ha adottato un modello commerciale che privilegia l’importazione di prodotti agricoli primari e l’esportazione di prodotti alimentari trasformati. Gran parte di ciò che importa l’UE è costituito da prodotti agricoli che non possono essere coltivati ​​nelle zone climatiche europee, come i prodotti tropicali. Tuttavia, la maggior parte dei prodotti importati competono direttamente o indirettamente con prodotti che vengono coltivati ​​estensivamente in Europa – spesso in quantità sufficienti a soddisfare il consumo interno – o che potrebbero potenzialmente essere coltivati ​​in quantità molto maggiori.

In che misura l’espansione del regime di libero scambio dell’UE ha contribuito alla scomparsa delle piccole aziende agricole in tutto il blocco negli ultimi due decenni? Le valutazioni d’impatto ufficiali sono poche e rare, e tutti i dati che contraddicono la narrativa ufficiale tendono ad essere pesantemente ignorati. Tuttavia, uno dei pochi studi incentrato specificamente sull’impatto delle importazioni agroalimentari sulla produzione agricola dell’UE (nel periodo 2005-2018), pubblicato dalla Commissione europea due anni fa, ha rilevato che “l’impatto delle importazioni agroalimentari era principalmente complementare ma anche competitivo, sostituendo la produzione dell’UE per un numero limitato di prodotti”.

Il rapporto concludeva che, nella misura in cui “le importazioni hanno avuto un impatto limitato, anche se non trascurabile, sulla produzione agricola dell’UE”, la liberalizzazione del commercio e le crescenti importazioni agroalimentari erano “fattori che hanno contribuito” ai cambiamenti strutturali osservati nel settore agricolo del blocco. compresa la diminuzione del numero complessivo di aziende agricole e la crescente concentrazione. Tuttavia, l’impatto degli accordi di libero scambio conclusi finora sul settore agricolo dell’UE probabilmente impallidirà in confronto a quello dei numerosi accordi in fase di negoziazione o in attesa di piena attuazione, in particolare gli accordi UE-Mercosur e UE-Canada, entrambi che coinvolgono le maggiori potenze agricole.

Un recente rapporto della Commissione europea ha valutato il potenziale impatto di 10 accordi di libero scambio recentemente conclusi o in fase di negoziazione ed è giunto ad alcune conclusioni preoccupanti. Si prevede che le importazioni agricole da paesi con standard normativi e di benessere animale significativamente più bassi aumenteranno in modo significativo, in particolare quando si tratta di carne bovina e pollame. Si prevede che la produzione nazionale diminuirà di conseguenza, a causa della crescente concorrenza, con conseguente crescente dipendenza dalle importazioni.

Non sorprende quindi che gli agricoltori europei abbiano posto l’opposizione agli accordi di libero scambio dell’UE in prima linea nelle loro lotte, e che i governi stiano seguendo l’esempio. A marzo la grande maggioranza dei senatori francesi ha votato contro la ratifica dell’accordo tra l’UE e il Canada, uno dei più controversi fino ad oggi. Nel frattempo, il governo francese continua a opporsi all’accordo UE-Mercosur. È prevedibile che iniziative come questa si moltiplichino man mano che il movimento degli agricoltori europei continua a espandersi in tutto il continente.

La situazione si sta rivoltando contro il libero scambio, ed è giusto che sia così. L’attuale approccio dell’Europa al commercio e all’agricoltura è profondamente imperfetto. Esclude dal mercato i produttori agricoli nazionali (soprattutto di materie prime primarie) e amplifica la dipendenza dalle importazioni per i prodotti che non soddisfano gli stessi standard di quelli originari dell’Europa, tutto in nome dei profitti a breve termine e degli ideali “verdi” che fallire anche alle loro dubbie condizioni. Questo modello non è dannoso solo per gli agricoltori e i consumatori, ma anche per la sicurezza alimentare a lungo termine del continente.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Putin anticipa un inutile incontro di “pace”, di SIMPLICIUS

L’ultima narrazione da parte filo-russa ruota attorno al grande vertice svizzero per la pace che è stato un “fallimento totale”. Anche se capisco il desiderio di ottenere punti di propaganda contro gli atlantisti, in realtà non c’è stato un vero e proprio “fallimento” di per sé, solo perché il vertice stesso non ha mai veramente affermato di aver tentato di “ottenere” qualcosa fin dall’inizio. Fin dall’inizio, non è stato altro che un esercizio politico a buon mercato volto a continuare la linea ininterrotta di pubbliche relazioni che sollevano il morale dell’Ucraina, per mantenere l’“unità” e la “solidarietà” fabbricate che gli apparatchik compradore europei sono così disperati di segnalare. l’occhio del pubblico.

Sono già state tessute infinite risme sulle tante grottesche, incongruenze, assurdità del vertice, eccetera, eccetera. È inutile rimuginarli tutti per qualcosa che in definitiva è stato di così poca importanza, poco più di una virtù teatrale che segnalava la performance di un gruppo di svenduti e hacker politici non eletti, storicamente con basso livello di approvazione, odiati dalla loro stessa gente, che loro stessi non servono nemmeno.

Lo sviluppo più interessante è stata l’offerta di pace preventiva di Putin, un paio di giorni prima del vertice.

Naturalmente, gli occidentali hanno cercato di venderlo come una sorta di “debolezza” o di un ramoscello d’ulivo disperato per conto di Putin, ma in realtà si trattava chiaramente dell’astuto tentativo di Putin di indebolire il vertice. Presentando un’offerta legittima e non irragionevole, Putin ha fatto sì che il raduno del cartello da cartone animato puzzasse di meschina ipocrisia per i sensi olfattivi sintonizzati del Sud del mondo.

John Helmer affronta nuovamente l’argomento , scrivendo sull’offerta di pace di Putin:

In termini pratici, ha concluso il principale analista militare indipendente di Mosca (colonnello Cassad), il discorso è stato una finta tattica e un inganno strategico.

“[Le condizioni di Putin] ovviamente non saranno accettate dall’Occidente e dai suoi burattini ucraini”, ha scritto Rozhin. “Sullo sfondo del ‘vertice mondiale’ [l’incontro di Burgenstock, Svizzera, del 15 e 16 giugno] ciò indicherà che in realtà l’Occidente sta prolungando la guerra, quindi queste dichiarazioni [di Putin] sono un altro siluro nel vertice. La Russia mostra così ai paesi del Sud del mondo che ha offerto un mondo che sarà rifiutato da coloro che parlano di “vertice pacifico”… La guerra continuerà. Gli obiettivi della SVO [Operazione Militare Speciale] saranno raggiunti con mezzi militari”.

Raccomando il suo intero articolo, poiché entra nei minimi dettagli su molti altri argomenti importanti come i negoziati di Putin e la situazione energetica dell’Ucraina.

Ma la migliore sintesi del gioco di potere pacifico di Putin è arrivata tramite Dmitry Medvedev nel suo account X – leggi in particolare le sezioni in grassetto:

Il Presidente è intervenuto alla riunione del Collegio della Farnesina. Ecco alcuni punti che, a mio avviso, meritano particolare attenzione considerando ciò che il capo dello Stato ha detto, o attentamente accennato nel suo discorso:

Primo. La Russia ha più volte offerto a Washington, all’Europa e alla NATO di stroncare sul nascere la crisi ucraina, evitando così una tragedia su larga scala. La risposta non fu altro che una manipolazione cinica e un vero e proprio inganno. La prima volta che ciò accadde – in materia – fu nel 2014. Fu allora che la promessa di fermare gli oltraggi e le provocazioni da parte delle forze neonaziste a Kiev – promessa fatta personalmente dal presidente degli Stati Uniti – sfociò in un colpo di stato. Il suo esito è stato il referendum sul ritorno della Crimea alla Federazione Russa. La seconda volta è stata quando si è materializzato negli accordi di Minsk che alla fine si sono trasformati in una disgustosa contraffazione architettata solo per armare le autorità di Kiev – cosa che i suoi firmatari occidentali hanno riconosciuto. Ciò è accaduto per la terza volta dopo l’inizio dell’operazione militare speciale – come rifiuto forzato da parte del regime di Kiev del trattato di neutralità siglato a Istanbul.

Ciò è stato il risultato delle rozze pressioni esercitate da alcuni funzionari americani e dal mostro britannico Johnson, nonché dalla bestiale codardia della cricca ucraina al potere, timorosa di un nuovo Maidan. (A proposito, il dirigente estero, citato da Vladimir Putin, quello che ha visitato Mosca nel marzo 2022 non era altri che il primo ministro israeliano Naftali Bennett; è stato lui che si è recato a Kiev dopo aver visitato Mosca e ha proposto una pace di compromesso basata su determinazione del destino dei territori allora contesi. Fu semplicemente scrollato di dosso come agente del Cremlino. I completi idioti rifiutarono così la possibile pace offerta loro alle condizioni più favorevoli.)

Secondo. Ora la situazione mondiale è totalmente diversa. In conformità con la Costituzione, i nuovi territori sono diventati parte della Russia. E questo è per sempre. Sono possibili nuove trattative? Sì. Questo è ciò che ha detto oggi il capo del nostro Stato, formulando la nuova idea di porre fine al conflitto, ma solo considerando la realtà esistente sul campo, basata sull’accordo di pace di Istanbul e sull’attuale versione della Costituzione della Federazione Russa.

Terzo. È chiaro che gli eventi si stanno sviluppando secondo uno scenario catastrofico per il regime di Bandera. In futuro potrà solo peggiorare: lo ha affermato direttamente il nostro Presidente, delineando le basi per un possibile negoziato. Lo spazio per il compromesso si sta riducendo come pelle di zigrino, insieme al territorio sempre più piccolo del paese morente . E non è lontano il giorno in cui di tutto questo potrà rimanere solo una sottile striscia. La Russia dovrà proteggersi per i lunghi anni a venire. Da qui l’idea di “zona sanitaria”, proposta da Vladimir Putin. Questa zona può estendersi fino a f. L’Ucraina arriva fino ai confini della Polonia, perché da lì arriva la continua minaccia. E poi cosa? Il Presidente non lo ha detto direttamente, ma ovviamente questi territori possono diventare parte della Russia, se le persone che vivono lì lo desiderano.

Il quarto. Il “vertice dei condannati” che avrà inizio domani si concluderà con un fallimento totale. Perché mancano i “negoziati” insensati con la Russia, secondo la formula del buffone di Kiev, altro non è che reclutare nuove comparse per un gioco idiota per legalizzare il buffone di Kiev come capo di stato a pieno titolo. Ma tutti, anche i nostri patetici avversari, capiscono che non è altro che un miserabile usurpatore tremante di paura e di astinenza dalla droga. L’interpretazione sistemica della costituzione ucraina data da Vladimir Putin porta ad una conclusione molto semplice: è impossibile estendere i poteri del presidente, vanno al capo del parlamento.

E il quinto. Ormai Zelenskyj non è più nessuno. Non ha una vera autorità e i suoi ordini non dovrebbero essere eseguiti da nessuno. E i funzionari da lui nominati dopo la scadenza dei suoi poteri non hanno il diritto di prendere alcuna decisione. Queste persone sono illegittime e le loro decisioni sono illegali. Pertanto, qualsiasi soldato ucraino commette un crimine eseguendo gli ordini illegali emessi da funzionari nominati da autorità illegittime. Ed è così che l’usurpatore, che ha preso il potere nel paese, ha preso in ostaggio l’intera popolazione ucraina. E continua a mandare soldati a morire giorno dopo giorno, senza averne il diritto. Affronterà un processo o verrà fatto a pezzi da una folla, e il f. L’Ucraina dovrà arrendersi. PS Il narcoclown ha già rifiutato il piano di Putin. Non offenderti – con loro.

Rileggi in particolare questa parte:  Questa zona può estendersi fino all’ex Ucraina fino ai confini della Polonia, perché è da lì che viene la continua minaccia. E poi cosa? Il Presidente non lo ha detto direttamente, ma ovviamente questi territori possono diventare parte della Russia, se le persone che vivono lì lo desiderano. 

Un’altra analisi finale che sottolinea il mio punto:

Con il discorso di oggi, Vladimir Putin ha raggiunto due obiettivi contemporaneamente.

Ora il vertice in Svizzera è un malinteso politico, in cui spiegheranno perché i paesi occidentali e il regime di Kiev non accettano i negoziati di pace, offrendo allo stesso tempo le proprie opzioni per i negoziati.

Qualsiasi politico che abbia firmato il documento finale in Svizzera dimostrerà di essere uno schizofrenico politico o un bugiardo assetato di sangue che vuole continuare la morte di massa di persone.

Pertanto, i politici non discuteranno della “forma di pace occidentale”, che rappresenta la condizione per la resa della Russia, ma, di fatto, dimostreranno perché vogliono distruggere il nostro Paese.

Il secondo obiettivo è dimostrare al Sud e all’Est del mondo, così come a quella piccola parte delle élite occidentali che restano ancora impegnate a difendere gli interessi nazionali dei loro paesi, l’effettiva incapacità dell’Occidente di negoziare , che, con il pretesto di “pace”, vuole mantenere la sua posizione dominante in vari modi, anche con la forza, per schiacciare sotto di sé il resto del mondo.

Ma in tutte le circonvoluzioni dei continui avanti e indietro, l’unica cosa importante che è andata perduta, che non ho visto coprire da nessun altro analista, è la seguente:

Tutti comprendono i punti aridi delle richieste di Putin, che ha articolato nel corso dei mesi, sulla denazificazione, sul rispetto delle conquiste e delle “realtà” attuali sul campo di battaglia, ecc. Ma il punto più importante che è passato completamente sotto il radar, e che Credo che questo sia in realtà il cuore della proposta di Putin, come accennato nel video precedente in cui afferma che i semplici “cessate il fuoco” sono inadeguati e che sta cercando una soluzione permanente di qualche tipo.

Non l’ha specificato lì, ma l’ha già fatto più volte. Ciò a cui Putin allude è che per porre fine una volta per tutte alla guerra ucraina , la Russia avrà bisogno niente meno che di una rielaborazione dell’intero quadro di sicurezza europeo. Questo è il motivo per cui insiste sull’illegittimità di Zelenskyj, perché Putin vuole consolidare il fatto che deve esserci un quadro di garanti molto più ampio e prioritario, immutabile e inviolabile, piuttosto che fragile ed effimero come Zelenskyj.

Ciò che Putin sta cercando è rivoluzionario: vuole ristabilire una pace della Westfalia completamente nuova e moderna. Vuole che la guerra ucraina sia il fulcro di un nuovo sistema di sicurezza globale che si integri in tutte le recenti dichiarazioni dei BRICS di “rielaborazione delle Nazioni Unite” e di ogni altra grande istituzione globale. Putin vuole rimodellare il modo in cui funziona l’intero sistema internazionale rispetto alle relazioni di sicurezza; in sostanza, si tratterebbe del primo nuovo paradigma concreto del periodo successivo alla Guerra Fredda e alla “Cortina di Ferro”.

Quindi, per tutte quelle persone che si chiedono: qual è il prezzo finale che Putin è disposto a pagare per rinunciare agli obiettivi massimalisti della Russia in Ucraina? Lo farebbe per i termini fondamentali della smilitarizzazione, senza l’adesione alla NATO, e tutto il resto? Probabilmente non è così: perché non c’è modo di garantire l’adesione dell’Ucraina a tali accordi. L’unico modo per porre fine alla guerra sarebbe una rielaborazione dell’intero sistema in modo tale da dare alla Russia una fiducia credibile nella tenuta del nuovo sistema a tempo indeterminato. Ci vorrebbe, come ho detto, un nuovo quadro westfaliano che istituzionalizzi realtà nuove e molto più ampie di ciò che i paesi possono e non possono fare per esagerare attraverso azioni provocatorie gli uni contro gli altri. Se si ascoltano davvero i discorsi e le dichiarazioni di Putin su questo tema, questo è il segreto che sta lasciando intendere, anche se per ora non a voce molto alta o in modo aggressivo. La ragione di ciò è probabilmente dovuta al fatto che sa che è una “domanda” di apertura troppo ambiziosa e preferirebbe innanzitutto attirare le parti tramite condizioni di base prima di portarla alla conclusione logica quando si tratta della questione: come possiamo garantire realisticamente tali condizioni tra le parti?

Questo è il motivo per cui Putin probabilmente non ha molta fretta di porre fine alla guerra: per realizzare un piano così ambizioso di rimodellamento del mondo, sa che l’ attuale classe politica deve prima essere lasciata uscire. Potrebbe non volerci molto tempo: basta guardare il bagno di sangue in corso nella politica europea, con praticamente tutti i leader fantoccio globalisti in via di uscita. Putin probabilmente sa che entro il prossimo anno o giù di lì, potrebbe benissimo dialogare con un insieme di volti completamente nuovi.

Vladimir Putin: “Il mondo non sarà più lo stesso”.

Putin ha annunciato il collasso del sistema di sicurezza euro-atlantico e la necessità di crearne uno nuovo

A questo proposito: Le Pen ha dichiarato oggi che non chiederà le dimissioni di Macron qualora il suo partito venisse annientato nelle elezioni anticipate annunciate, ma piuttosto “rispetterà la tradizione” operando come una maggioranza “convivente del potere” – secondo suo. Ma vedremo cosa succede. Sempre più esperti e commentatori – tra cui Mercouris – suggeriscono che Macron in realtà sta cercando lui stesso una “via d’uscita”, proprio come Rishi Sunak quando ha indetto le sue elezioni anticipate.

Putin sa che se riesce ad aspettare ancora un po’, potrebbe avere davanti a sé un seguito di leader europei seriamente interessati a un nuovo quadro di sicurezza giusto ed equo per tutta l’Europa. Solo questo potrebbe porre fine prematuramente alla guerra e, al più presto, una simile situazione potrebbe verificarsi tra un anno o più.

Infine: Putin metterebbe davvero fine al conflitto prematuramente, anche senza catturare Odessa e potenzialmente Kharkov, se l’Occidente accettasse un compromesso così rivoluzionario?

In primo luogo: le possibilità che l’Occidente venga autorizzato ad accettare una cosa del genere dai suoi padroni nella “cabala” sono molto basse, anche quando la nuova classe di leader prende il sopravvento. Ma diciamo, ipoteticamente, che lo fanno, la domanda comune di solito è: “La Russia non starebbe sostanzialmente segnalando la perdita della guerra, e non ci è stato detto che se una cosa del genere fosse accaduta, la Russia sarebbe crollata e Putin sarebbe stato rovesciato?” ?”

Diventiamo realisti: se Putin mettesse fine alla guerra letteralmente oggi, in questo momento, nessuno verrebbe rovesciato e nulla crollerebbe. La maggior parte di noi sarebbe arrabbiata? Ovviamente. Ma tenete presente che quasi la metà dei cittadini russi sostiene effettivamente la cessazione delle ostilità e un accordo di pace.

Il nocciolo della questione è: anche se la Russia dovesse abbandonare la guerra con i suoi guadagni attuali, ne varrebbe più che la pena, e la Russia avrebbe comunque vinto un premio eccessivo. La Crimea, l’intera regione del Donbass e le sue vaste ricchezze, milioni e milioni di nuovi cittadini, un corridoio terrestre verso la Crimea e il controllo sul Mar d’Azov, ecc.

Non sto dicendo che la guerra finirà, tutt’altro, ma sto semplicemente sfatando l’idea che, se così fosse, si tradurrebbe in una “catastrofica dissoluzione” della Russia, o qualcosa del genere. Al contrario, la Russia diventerebbe molto più ricca e potente di quanto non sia mai stata prima della guerra. Troppe persone hanno problemi con gli assoluti: riescono a pensare alle cose solo in termini estremi e sono incapaci di elaborare compromessi. Per non parlare del fatto che hanno legato il loro ego a questo ideale sciovinista della Russia “vincente” e si sentirebbero traditi e feriti se la Russia non arrivasse fino a Lvov.

Ancora un punto collegato a quanto sopra:

Molte persone hanno denunciato i BRICS come un’organizzazione per lo più libera e ribelle, senza termini concreti o indicazioni globali. E certamente, sappiamo che i BRICS non sono stati progettati con la stessa uniformità e obbedienza in mente della maggior parte delle istituzioni occidentali, che mirano principalmente a creare perdite coercitive di sovranità sulle nazioni vassalle, ovvero l’UE, il G7, la NATO, ecc.

Tuttavia, collegandolo all’idea di una nuova architettura globale westfaliana, Putin ha ora lasciato intendere per la prima volta che i BRICS formeranno di fatto un quadro più rigoroso di leadership globale sotto forma di controllo normativo sui suoi membri. Qui afferma apertamente che:

“Il potenziale dei BRICS consentirà loro di diventare alla fine [una] delle principali istituzioni regolatrici dell’ordine mondiale multipolare”.

Che cosa significa? La visione di Putin è chiara: espandere lentamente i BRICS fino al punto in cui si crei un vero contrappeso al decadente cartello atlantista occidentale sia nella sfera monetaria globale che, eventualmente, anche nell’architettura della sicurezza. La guerra in Ucraina potrebbe essere la prima svolta fondamentale, il seme nel terreno da cui necessariamente germoglierà questo sistema.

Le cose restano lente sul fronte, quindi per ora alcuni aggiornamenti accessori.

Belousov ha visitato il centro di comando congiunto delle forze di terra e gli è stato fatto un giro:

In primo luogo, ciò che è stato affascinante è che il MOD ha letteralmente un feed dal vivo dei loro piani di produzione di armature più importanti:

L’importanza della produzione di carri armati e mezzi corazzati russi e il buon funzionamento delle strutture non possono essere sottovalutati se gli stessi generali del MOD sorvegliano le fabbriche dal loro quartier generale tutto il giorno. In alto a sinistra ci sono filmati della linea di produzione del terminatore BMPT di Uralvagonzavod, nonché dell’impianto di riparazione corazzata Atamanovsky 103 con la ristrutturazione dei T-62, dell’impianto VPK che produce MRAP 6×6, dell’impianto di motori Remdiezel e altro ancora.

Alla luce di ciò furono licenziati altri quattro viceministri della Difesa:

E sostituito, in modo abbastanza promettente, da candidati meno geriatrici e molto più fisiognomicamente sani:

Un commentatore sardonico ha detto questo in particolare su Tsalikov:

Pankova, Tsalikov, Shevtsova e Popov sono stati licenziati dai loro incarichi di viceministri della difesa presso il Ministero della Difesa, e [ci sono] molti deputati. Forse questo è accaduto dopo aver visitato con un gruppo di monitor il Centro di comando congiunto del Ministero della Difesa, dove sono seduti gli alti funzionari militari e non è chiaro cosa.

Gornin Leonid Vladimirovich è stato nominato primo vice. Il più significativo tra i pensionati è Tsalikov, responsabile della costruzione del campo informativo attorno al Ministero della Difesa e, ovviamente, della propaganda. Non sembrava funzionare per il paese, il popolo o l’esercito, ma per funzionari specifici e bellissimi rapporti.

Più significativamente:

Il nuovo Ministro della Difesa collegherà il Ministero della Difesa con la rete delle industrie della difesa nazionale e insegnerà ai funzionari come interagire con loro. Può sembrare strano: è estremamente difficile farlo a causa del predominio del formalismo e dei rapporti, ma è necessario.

In breve, tutti i vecchi Sovok stantii e fradici che si sono sentiti troppo a proprio agio nelle loro posizioni ed erano troppo inflessibili per stare al passo con i tempi vengono sostituiti da giovani ministri affamati e con una buona conoscenza della tecnologia, desiderosi di rimettere in sesto le forze armate.

In realtà, questa è una campagna deliberata, come ha notato Putin nel suo recente discorso:

L’esercito è diventato più giovane: l’età media dei comandanti di distretto è diventata di 56 anni, dei comandanti dell’esercito di 50, dei comandanti di divisione di 46, ha detto Putin.

Il Presidente ha osservato che durante l’operazione speciale sono avvenuti molti cambiamenti nelle Forze armate russe sia nell’organizzazione che nella promozione delle persone promettenti.

Sembra che il nuovo sceriffo della città, Belousov, sia un vero e proprio mandriano dal naso duro e senza fronzoli. Ecco una descrizione aneddotica del suo ultimo incontro:

Dettagli dell’incontro degli ufficiali del ministero della Difesa e degli industriali militari con il nuovo ministro della Difesa Belousov. Citazione: “butta via le diapositive, prendi una penna, una foglia e dipingiamo tutto in dettaglio e chiaramente”. E lì la gente è rimasta un po’ scioccata e ha iniziato a discutere. E lui disse: “Se litighi con me, te ne andrai di qui per sempre”.

Per quanto riguarda chi saranno i nuovi ministri, la giornalista Sasha Kots fornisce una breve panoramica:

Chi sono – i nuovi viceministri della Difesa – e di cosa saranno responsabili

Andrei Belousov continua a rafforzare la sua squadra con specialisti civili.

Primo Vice Leonid Gornin.

La posizione precedente è il primo viceministro delle finanze. L’intera carriera è associata ad attività finanziarie ed economiche. Supervisionerà l’intera gamma di questioni relative al sostegno finanziario alle Forze Armate. I suoi compiti principali sono: aumentare la trasparenza dei flussi finanziari e garantire una spesa efficiente dei fondi di bilancio.

Vice Anna Tsivilyova.

Negli ultimi mesi è nata la Fondazione «Difensori della Patria», che fornisce assistenza ai veterani della SVO, da quella legale a quella medica. Ho partecipato a un incontro chiuso con lei. È molto immersa nei problemi affrontati non solo dai veterani, ma anche dagli attuali combattenti della SVO. Dalle carenze di approvvigionamento ai mancati pagamenti.
Sarà responsabile dell’organizzazione del sostegno sociale e abitativo del personale militare, della trasformazione e della rimozione di tutti i processi correlati nel dipartimento militare a un nuovo livello di qualità, dove la persona è al centro. (NdR: si dice che sia il cugino di Putin )

Il vice Pavel Fradkov.

Posizione precedente – dal 21 maggio 2015 – vice, dal 18 gennaio 2021 – Primo vicedirettore del Presidente della Federazione Russa.
Nel 1998 si è laureato in «giurisprudenza» presso la Scuola Militare Suvorov di Mosca, nel 2003 presso l’Accademia Russa dell’FSB, nel 2005 presso il Dipartimento di Economia Mondiale, Accademia Diplomatica del Ministero degli Affari Esteri della Russia, con una specializzazione in «economia mondiale». ».
Sarà responsabile della gestione delle proprietà, delle risorse fondiarie, nonché della costruzione di strutture per le esigenze del Ministero della Difesa della Federazione Russa e dell’economia nazionale.

Il vice capo di stato maggiore Oleg Savelyev.

In precedenza ha ricoperto la carica di revisore dei conti della Camera dei Conti. Dal 2019, ha curato la direzione dell’audit della difesa, della sicurezza nazionale e delle forze dell’ordine. Quindi la sfera è familiare.
A proposito, davanti alla Camera dei conti ha lavorato sia come viceministro dello sviluppo economico, sia come ministro per gli affari della Crimea, sia come vicecapo dell’apparato governativo.

L’ultima volta ho riferito che la pubblicizzata appropriazione dei fondi russi da parte dell’Europa non era esattamente quello che era stato pubblicizzato. Ora Janet Yellen ha confermato:

L’amministrazione statunitense ritiene che l’utilizzo dei proventi dei beni russi congelati in Occidente per i bisogni dell’Ucraina non sia un furto, ha affermato il segretario al Tesoro americano Janet Yellen.

“Non ha senso chiamarlo furto. I beni russi rimangono in questa istituzione (sulla piattaforma internazionale Euroclear in Belgio). Sono stati congelati. Gli investimenti che la Russia aveva già hanno raggiunto la loro data di scadenza. Pertanto, i fondi russi giacciono in sotto forma di contanti, ma apportano entrate all’istituzione, alla quale la Russia non ha diritto ”, ha affermato il ministro alla televisione ABC.

Beh, in realtà, ora che me ne parla, non sono sicuro di quale sia il metodo più viscido: il furto totale o il congelamento forzato in cui i profitti degli interessi maturati sul denaro vengono munti e ingannati.

Reuters scrive che alla fine dell’estate – nel mese di agosto, l’Ucraina potrebbe andare in default sulle obbligazioni internazionali. Il differimento dei pagamenti, iniziato nel 2022, terminerà il 1 agosto, ei creditori si sono rifiutati di effettuare una ristrutturazione del debito per un importo di 20 miliardi di dollari. Molto probabilmente, gli americani troveranno qualcosa per attenuare le conseguenze di questa crisi.

Due aggiornamenti relativi ai droni:

Gli sviluppatori russi di sistemi di guerra elettronica hanno presentato la prima piattaforma cingolata nazionale su cui è installato un sistema di disturbo. Ha superato con successo i test.

La missione dell'”EW Valli” è quella di coprire i gruppi d’assalto durante un attacco. Le sue capacità tecniche gli consentono di funzionare in modalità standby per un tempo molto lungo.

E:

Rapporto ufficiale del Ministero della Difesa sul drone Perun. Trasporto di merci, persone, capacità di sciopero. Breve intervista allo sviluppatore. Spero davvero che i ragazzi non debbano dimostrare a nessuno di aver fatto la cosa giusta. Il Ministero della Difesa o altre strutture autorizzate devono iniziare a finanziare il progetto. Perun ha enormi opportunità per sviluppare la piattaforma.

Un episodio strano: il tribunale penale russo ha aperto un procedimento contro un comandante ucraino di missili AD – di un’unità presumibilmente legata specificamente alla batteria di missili Patriot – che ha ordinato l’abbattimento di un “pattugliatore” russo il 23 febbraio, che è esattamente la data che si dice che un AWAC A-50U sia stato abbattuto su Krasnodar:

Novità interessanti dal campo della giustizia interna. Così, il tribunale distrettuale Khamovnichesky di Mosca ha arrestato in contumacia il comandante della 138a Brigata missilistica antiaerea (ZRB) delle forze armate ucraine, il colonnello Nikolai Dzyaman, per aver dato l’ordine di abbattere un aereo delle forze aerospaziali russe.

Secondo gli investigatori, l’ordine è stato dato da un colonnello ucraino il 23 febbraio 2024, che ha portato alla distruzione dell’aereo nello spazio aereo della Federazione Russa e alla morte di 10 membri dell’equipaggio.

È stato in questo giorno che l’aereo A-50U AWACS è stato abbattuto, schiantandosi vicino alla fattoria Trudovaya Armenia nel distretto Kanevskij del territorio di Krasnodar. A quel tempo, la versione principale avanzata era il fuoco amico da parte di un sistema di difesa aerea russo, ma ora è ovvio che non era così.

Un fatto importante è che il citato 138° sistema missilistico di difesa aerea delle forze armate ucraine è armato con sistemi di difesa aerea americani MIM-104 Patriot PAC-2 trasferiti dalla Germania. Questa brigata è stata anche responsabile della tragedia del maggio 2023 nella regione di Bryansk, dove diversi aerei ed elicotteri delle forze aerospaziali russe furono abbattuti contemporaneamente. Inoltre, una settimana fa, gli americani hanno annunciato ufficialmente che anche un altro A-50U russo perduto nel gennaio 2024 era stato abbattuto dal sistema di difesa aerea Patriot.

Si può quindi affermare che i sistemi di difesa aerea americani MIM-104 Patriot sono stati in grado di colpire aerei AWACS russi a distanze del tutto inaspettate per il comando delle forze aerospaziali russe , cosa che ha portato alla perdita di due preziosi aerei in un mese, come nonché ingiuste (in questi casi) accuse pubbliche contro la difesa aerea nazionale per presunto “fuoco amico”, poiché era estremamente difficile credere in una tale portata di fuoco da parte dei sistemi antiaerei nemici.

Informatore militare

Un paio di avvertenze: in primo luogo, il rapporto criminale russo non specifica specificamente che si trattasse di un A-50, ma si sta deducendo. Ma solo per motivi di dovuta diligenza, non ci sono prove reali fino ad oggi che un vero A-50 sia stato abbattuto, anche se sembra probabile in base a questo.

Inoltre, quello è stato l’incidente in cui un sistema russo Buk/S-300/400 è stato visto in un video sparare in direzione dell’aereo in atterraggio, che stava sparando razzi. Ciò ci ha portato a concludere che all’epoca si trattava di un incidente di fuoco amico su un A-50 o un Il-76. Tuttavia, le nuove rivelazioni smentiscono chiaramente tutto ciò. Pertanto, l’unica altra spiegazione logica è che gli S-400 russi hanno rilevato il presunto missile Patriot in arrivo verso l’aereo e hanno tentato di abbatterlo senza alcun risultato. Oppure è tutto un tentativo di insabbiare e salvare la faccia di un imbarazzante incidente di fuoco amico.

Tuttavia, se è vero che il Patriot ha abbattuto l’aereo, possiamo dire due cose, una negativa, una positiva:

1. La NATO ha chiaramente sorpreso la Russia a dormire con alcune nuove capacità impreviste, dato che la portata di quasi 300 km fino al luogo di abbattimento di Trudovaya Armenia è oltre le capacità di tutti i missili Patriot conosciuti. A meno che, naturalmente, il rapporto sui Patriots non sia sbagliato e si tratti di qualche altro sistema sovietico ereditato, come il tanto sospettato S-200, alcune varianti del quale possono effettivamente raggiungere quella portata.

2. L’aspetto positivo è che, se questo provasse inequivocabilmente che l’Ucraina ha abbattuto l’aereo, metterebbe a tacere le preoccupazioni che la Russia non abbia sistemi IFF (Identify Friend Foe) funzionanti, che ad essere onesti, sarebbe una questione molto più preoccupante. . Il motivo è che una leggera svista con le capacità ucraine può essere facilmente risolta – e apparentemente è così – ma un difetto critico nel tuo IFF è un problema molto più serio che può mettere in pericolo la tua intera flotta aerea nel corso della guerra.

Certo, le AFU potrebbero aver sorpreso la Russia mentre dormiva e tendere loro un’imboscata alcune volte con capacità sconosciute, ma significa che l’IFF è intatto, il che sarebbe un sollievo enorme e convaliderebbe ulteriormente la dichiarazione di Putin di molto tempo fa secondo cui “i nostri sistemi AD non possono abbattere i propri aerei. ”

Inoltre, un’altra piccola cosa: il fatto che un A-50 possa essere abbattuto da quasi 300 km di distanza da sistemi potenzialmente obsoleti è in realtà un fattore ribassista per l’Ucraina, non per la Russia. L’Ucraina sta puntando molto sul prossimo wunderwaffe degli AWAC svedesi che dovrebbe ricevere, se ricordate. Ciò dimostra semplicemente che gli AWACS sono bersagli facili nella guerra moderna, e che la capacità della Russia di abbattere aerei così grandi supera di gran lunga quella dell’Ucraina.

E infine: non correlato a quanto sopra, diversi giorni fa Fighterbomber aveva pubblicato una foto di un paio di A-50 russi da qualche parte sulla linea:

Con la didascalia:

Chi era preoccupato per i nostri A-50?

Loro stanno lavorando.

Un altro deposito di munizioni occidentale va in fiamme: la settimana scorsa si trattava di un impianto di armi polacco, ora ceco:

Ultimo elemento:

Il 31 maggio e il 14 giugno sono stati effettuati due scambi di corpi consecutivi tra le forze russe e l’AFU:

“Quindi il numero di scambi di corpi in questo e nell’ultimo è: Russi: 45 (31 maggio) + 32 (14 giugno) = 77 Ucraini: 212 (31 maggio) + 254 (14 giugno) = 466”

Come si può vedere, il totale dei 200 russi consegnati dall’Ucraina è stato di 77, e il totale delle AFU morte consegnate dalla Russia è stato di 466. Quanto sopra è un rapporto di 6:1 a favore della Russia. Il recente rapporto tra prigionieri di guerra rivelato da Putin era compreso tra 1.348 e 6.465, un rapporto di 4,7. E Putin ha fissato il rapporto di uccisioni a 5:1, se ricordi. Di quali ulteriori prove abbiamo bisogno? Tutti i dati che abbiamo ottenuto suggeriscono un rapporto minimo di circa 5:1 per ogni categoria di perdita.

Il tuo supporto è prezioso. Se ti è piaciuta la lettura, apprezzerei molto se sottoscrivessi un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo che io possa continuare a fornirti rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, puoi dare la mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

1 2 3 345