Il futuro del continente in gioco nelle elezioni europee, di Gladden Pappin

Il futuro del continente in gioco nelle elezioni europee

Le priorità dell’America First sono meglio servite da un rilancio della forza europea.

 

Europa è malata. Stremata da una guerra nel vicinato che non vede soluzione, affamata di una leadership disposta ad affrontare le sue sfide principali, l’Europa sta rapidamente diventando il “malato dell’Occidente”. Ma con le elezioni del Parlamento europeo che si svolgeranno da giovedì a domenica, gli elettori dei ventisette Stati membri dell’UE hanno la possibilità di essere l’atto iniziale nello sviluppo di un’Europa più forte che, a sua volta, sarebbe un partner migliore per l’America.

Negli ultimi anni, il consenso “atlantista” a lungo regnante, basato sull’allineamento degli interessi tra Stati Uniti ed Europa, ha assunto forme sempre più insostenibili. Spinta dalla militanza d’oltreoceano, l’Europa ha seguito un percorso bellico completamente dipendente dal sostegno militare americano, ma dagli esiti sempre più precari e incerti. Una politica di sanzioni è stata attuata con scarso riconoscimento dei suoi effetti sui cittadini comuni e i processi politici europei mostrano scarsa propensione al dibattito pubblico su questioni strategiche.

Un programma “America First” non deve necessariamente essere in contrasto con un’Europa più sovrana e autosufficiente. Anzi, possono essere complementari. Ma come arrivarci dipende dagli sviluppi europei nei prossimi mesi e da quelli americani in seguito. A che punto è la situazione?

Gli europei comuni si rendono conto che c’è qualcosa di profondamente sbagliato. Secondo l’ultimo sondaggio di Semafor, gli elettori di Francia e Germania hanno iniziato a dubitare dell’impegno degli Stati Uniti per la sicurezza europea. Tuttavia, questo sentimento non è bellicoso. Contrariamente ai politici europei mainstream, i cittadini dell’Europa occidentale sono favorevoli a una soluzione negoziata in Ucraina, ritengono che l’Europa debba essere maggiormente responsabile della propria difesa e sono favorevoli a un rapporto più equilibrato con gli Stati Uniti. Allo stesso modo, il 69% dei cittadini europei si oppone all’invio di truppe in Ucraina.

Questi punti di vista ordinari, tuttavia, non si riflettono a livello di politica europea. Invece, sempre più spesso, la malattia dell’Europa comincia ad assomigliare a una febbre. Lungi dall’indurre a riconsiderare la guerra, lo stato di stallo del conflitto ucraino ha solo spinto i leader europei a raddoppiare il loro impegno militare. La scorsa settimana, il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato che l’Ucraina potrà utilizzare alcuni missili francesi per colpire obiettivi all’interno della Russia. Il segretario generale della NATO ha portato l’organizzazione vicino a superare le proprie linee rosse contro il coinvolgimento diretto nel conflitto.

La politica in Europa è ancora nazionale, ma le istituzioni di Bruxelles godono di un potere enorme. Questa disgiunzione ha causato una paralisi nella definizione del ruolo internazionale dell’Europa. Il “voto locale, con conseguenze internazionali non gestite” si è rivelato un evidente fallimento. Mentre le élite europee desiderano un “momento hamiltoniano” che possa trasformare l’Europa in un’entità politica unificata, in pratica intendono preferire le istituzioni europee isolate dall’insoddisfazione popolare.

Che cosa ha significato negli ultimi anni? Il coinvolgimento nel conflitto ucraino è stato adottato come un momento decisivo della politica europea, ma con un contributo minimo o nullo da parte dei cittadini europei. L’agenda verde favorita dalle élite di centro-sinistra è stata promossa dalla Commissione europea, di fatto l’organo di governo dell’Europa. Sono state avviate indagini sullo “Stato di diritto” contro l’Ungheria e, in passato, contro il governo conservatore polacco, rafforzando la politicizzazione delle istituzioni europee. La più recente svolta sovranista in Europa – il ritorno del primo ministro slovacco Robert Fico – ha provocato il più grave attentato politico europeo a memoria d’uomo. La conseguenza di tutte queste tendenze è stata un continente sull’orlo del declino economico, con istituzioni politicizzate e in calo di credibilità, un modello sociale distrutto dalla migrazione illegale incontrollata e un modello politico di grande fragilità.

L’Europa non ha molto tempo per iniziare a risolvere questo problema – e non può farlo da sola. Dopo aver subito le conseguenze di una politica migratoria disastrosa e aver subito il peso di una politica di sanzioni energetiche fallimentare, le riserve dell’Europa si stanno esaurendo. Manca anche il contesto istituzionale per risolvere questi problemi. A differenza della maggior parte dei parlamenti, il Parlamento europeo (PE) non propone nuove leggi, ma, nella struttura bizantina dell’UE, vota sulle politiche proposte dalla Commissione europea e dal Consiglio. Poiché l’appartenenza della Commissione è votata dal Parlamento europeo, i suoi effetti sulla definizione delle politiche europee sono indiretti ma reali.

Sotto la guida di Ursula von der Leyen, la Commissione ha rispecchiato un’agenda “centrista” nello stesso modo in cui il “centro” americano ha riflesso, nel tempo, un’agenda sempre più radicale. Come è giusto che sia, la Commissione von der Leyen è stata anche una fedele riproduttrice dell’agenda liberal-atlantista dello Stato profondo americano.

In questo caso, la possibilità di cambiamento si basa sull’inclinazione a destra del Parlamento europeo e sulla speranza che i partiti di destra possano unirsi e dare forma a una Commissione più conservatrice e reattiva. Al momento, il Parlamento europeo è dominato da un’alleanza tra i gruppi di centro-destra del PPE e di centro-sinistra S&D. Nelle ultime elezioni del 2019, tenutesi sulla scia della Brexit e della crisi migratoria, i partiti sovranisti sono cresciuti di forza. Ma la Commissione von der Leyen è stata infine eletta con un’alleanza “centrista” di centro-destra e centro-sinistra.

I sondaggi attuali indicano che l’esito probabile delle elezioni è un’inclinazione a destra. Ricucire i partiti e i gruppi partitici europei corrispondenti è un’altra questione: oltre al PPE, i gruppi partitici europei di destra, i Conservatori e Riformisti Europei (ECR) e Identità e Democrazia (ID), sono dominati rispettivamente da Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni e dal Rassemblement National (RN) di Marine Le Pen. L’ID ha recentemente espulso dalle sue fila il partito tedesco AfD; anche in questo caso, le esigenze di politica interna potrebbero ostacolare le alleanze tra i partiti di destra. In Ungheria, il partito Fidesz di Viktor Orbán non è legato ad alcun raggruppamento di partiti e ha espresso l’intenzione di aderire all’ECR. Ma solo i risultati delle elezioni mostreranno quali combinazioni sono possibili.

Gli scettici americani sul coinvolgimento nel conflitto ucraino hanno talvolta gettato asperità sulla destra europea (in particolare sull’italiana Meloni) per non essere stata più coraggiosa nel sostenere una risoluzione rapida e pacifica del conflitto. Ma fino a quando l’Europa dipenderà fortemente dal sostegno esterno, sarà velleitario aspettarsi che la maggior parte dei politici europei si discosti dal consenso transatlantico. Una vera trasformazione della politica europea verso la ricerca di una soluzione pacifica richiede un cambio di leadership e lo sviluppo di una più forte capacità di difesa nazionale.

A prescindere da ciò che accadrà nelle elezioni, la capacità europea di perseguire i propri obiettivi di politica estera richiederà un delicato equilibrio da parte di qualsiasi corrispondente risorgenza conservatrice negli Stati Uniti. Il triste dato di fatto è che il dibattito europeo sul suo ruolo internazionale si è ridotto a uno stato molto degradato, con poche discussioni su questioni strategiche di guerra e di pace. In altre parole, l’Europa ha svuotato le proprie casse per sostenere lo sforzo militare dell’Ucraina senza alcun piano per la conclusione del conflitto. Quando i politici europei parlano come se avessero il vento in poppa, lo fanno sulla base del percepito sostegno americano e non sulla base della forza geopolitica dell’Europa.

Lo stato di necessità della difesa europea e i limiti della proiezione militare globale americana hanno spinto molti esponenti della destra americana a insistere su un ruolo maggiore dell’Europa nella propria autodifesa. Tuttavia, se un’amministrazione Trump dovesse perseguire questo approccio, dovrà favorire le condizioni necessarie affinché i leader politici europei identifichino gli interessi strategici europei e sviluppino modi per calcolare la natura della propria sicurezza e difesa. Non basterà semplicemente dire che l’Europa dovrebbe occuparsi della propria difesa. I conservatori americani dovranno aiutare direttamente le forze sovraniste europee a ripensare le priorità strategiche dell’Europa.

La natura sempre più militante del consenso transatlantico ha tuttavia ostacolato lo sviluppo di questa mentalità strategica in Europa. Attualmente, i politici europei perseguono volentieri il disaccoppiamento dai mercati energetici russi o cinesi se l’imperativo viene da Washington che lo richiede in nome della sicurezza occidentale.

In altre parole, le aspettative “realiste” americane non si realizzeranno per l’Europa se non si darà all’Europa la possibilità di definire i propri interessi e di avere le condizioni economiche e politiche necessarie per realizzarli.

Molti scettici americani dell’intervento si sono preoccupati del fatto che gli spostamenti a destra non abbiano portato a una riconsiderazione della guerra. Ma è difficile per un’Europa economicamente indebolita, militarmente sottosviluppata e socialmente lacerata sviluppare il quadro di una solida autodifesa. La guerra è costata finora all’Europa circa 100 miliardi di euro (gli Stati Uniti hanno contribuito con una cifra analoga), oltre a un costo di opportunità incalcolabile, dato che i prezzi dell’energia sono aumentati e gli affari e il commercio si sono esauriti.

Con Trump pronto a superare la candidatura di Biden alla Casa Bianca, il posto dell’Europa nell’alleanza occidentale sarà presto al centro della scena. Se Trump andrà al potere, il ruolo dell’America in Europa potrà essere gestito solo con la forte presenza di forze sovraniste in Europa.

L’agenda America First potrà affermarsi negli Stati Uniti solo se i patrioti europei avranno la possibilità di sostituire l’unipartito europeo con forze sovraniste intenzionate a definire e realizzare un percorso che abbia senso per l’Europa. Tale percorso sarebbe costruito su nazioni forti, un’economia interconnessa, un processo decisionale strategico e un nesso culturale ripristinato.

Nei prossimi giorni scopriremo quali sono le forze politiche che l’Europa ha a disposizione in questa lotta fondamentale.

Dopo la condanna, Trump è di nuovo la tribuna degli outsider e altro, di American Conservative

Tre articoli tratti dall’area conservatrice contigua, ma non legata a MAGA_Giuseppe Germinario 

Dopo la condanna, Trump è di nuovo la tribuna degli outsider

È il momento della fiducia e del buon umore, se Trump spera di essere assolto dagli elettori il 5 novembre.

Donald Trump sarebbe un imputato poco simpatico anche in una sede più amichevole di un tribunale di Manhattan. Sfida l’autorità e né i giudici né le giurie lo vedono di buon occhio. Ora è stato condannato per 34 reati che riguardano un’arcana confluenza di sesso, denaro e leggi elettorali. Trump ha ovviamente pagato il silenzio di un’amante. Ma questo non è un crimine in sé; i pubblici ministeri hanno convinto la giuria che Trump ha violato la sacralità delle elezioni autorizzando questo particolare pagamento. I suoi oppositori vorrebbero mettere Trump in prigione per le sue azioni il 6 gennaio 2021, ma per ora questa serie di condanne legate al sesso dovrà bastare.

C’è dell’altro, naturalmente: Trump è sotto processo per la sua vita, data l’azione legale che sta affrontando. Trump si è presentato alla convention del Partito Libertario lo scorso fine settimana e ha detto che, se non era un libertario prima di questo processo, lo era ora. C’è una vecchia battuta tra i libertari e i conservatori di orientamento libertario che dice che ogni americano è colpevole di un crimine o di un altro, tanto è sovraccarico il nostro codice legale di norme fiscali e regolamenti aziendali e, addirittura, di minuzie relative alle campagne elettorali. “Mostrami l’uomo e ti mostrerò il crimine” è un detto attribuito a vari commissari dello Stato di polizia sovietico. Ma anche in America la legge criminalizza così tanto che un pubblico ministero intraprendente può trovare qualche motivo per condannare chiunque, anche un nemico politico.

Il motivo per cui l’apparato giudiziario non viene armato apertamente più spesso è che i leader di entrambi i partiti hanno un interesse comune a mantenere tali procedimenti al minimo. Donald Trump, tuttavia, è un nemico comune: i repubblicani dell’establishment non intendono perseguire un Biden o una Clinton fino alla massima estensione della legge solo perché un democratico se la prende con Trump. Nei modi che contano, Donald Trump è ancora un outsider e gli addetti ai lavori sono tutti ansiosi di vederlo punito. Le sue condanne sono una vendetta soddisfacente non solo per i democratici, ma anche per i molti repubblicani di vecchia data che ha umiliato.

Trump non è un rivoluzionario, tuttavia è semplicemente un individuo ribelle, che non può essere assimilato alla classe dirigente perché è troppo orientato e autodiretto. È un traditore di classe, o meglio un beffardo. Ma è anche il tribuno degli americani che rifiutano la classe dirigente bipartisan della nazione per ragioni politiche più profonde. Umiliare Trump, magari ostacolando la sua campagna elettorale o addirittura condannandolo a morire in prigione, non risolve il problema che i suoi potenti nemici devono affrontare. Anzi, un’azione legale di successo non fa che peggiorare il loro problema, perché il loro problema è che gran parte dell’opinione pubblica americana non vede più la classe dirigente e le istituzioni che essa controlla con rispetto e deferenza. Vedere la legge usata per colpire Trump non fa che confermare l’impressione dei suoi sostenitori che l’intero sistema sia marcio. E se può essere usata contro Trump in questo modo, può sicuramente essere usata contro chiunque di loro, qualsiasi uomo d’affari, qualsiasi cristiano, qualsiasi critico del potere.

Per il segmento più impegnato della base di Trump, le sue condanne penali non fanno altro che confermare ciò che hanno sempre creduto, ovvero che Trump si è imbarcato in un lavoro pericoloso per loro conto e che prima o poi l’impero contrattaccherà. I sostenitori di Trump sono troppi e troppo forti perché il Partito Repubblicano possa scrollarseli di dosso, quindi la campagna di Trump per la Casa Bianca andrà avanti e molti repubblicani di Trump saranno ancora più eccitati. Non è certo che gli avversari di Trump saranno altrettanto eccitati. Per il democratico medio, Trump era già colpevole di ogni capo d’accusa prima di essere condannato, anzi, prima ancora di essere accusato. Il verdetto della giuria di Manhattan non cambia molto sul versante democratico del braccio di ferro politico.

Ci sono in generale due tipi di americani che non sono già impegnati né con Trump né con i suoi avversari. Ci sono quelli che non vogliono sfidare la classe dirigente, ma che pensano che il Paese debba avere un leader migliore di Joe Biden. Questi elettori avrebbero potuto vincere per Trump prima delle sue convinzioni, ma ora lo troveranno una figura più pericolosa e poco attraente.

Dall’altra parte, però, ci sono quegli americani che non sono repubblicani, conservatori, populisti o fan di Trump, ma che comunque ritengono che il sistema di leadership e il sistema giudiziario di questa nazione siano rotti. Alcuni di questi elettori possono non avere affinità con la politica di Trump, ma possono forse identificarsi con la sua situazione e la sua lotta. Trump è ora una versione più radicale di ciò che era in precedenza: un simbolo di resistenza-rifiuto della politica convenzionale personificato. (Ancora una volta, si tratta di simbolismo. In pratica, le politiche di Trump si sono spesso allontanate in modo tutt’altro che drammatico, nel bene e nel male, dalla prassi di Washington).

Una classe dirigente che vuole rimanere al potere non può essere fragile, non può farsi vedere in preda al panico e reagire in modo eccessivo. Ma è quello che è successo in questo caso. Le armi che la legge mette nelle mani dei procuratori non sono così impressionanti da porre fine alla sfida di Trump, e ancor meno da far ammutolire i suoi sostenitori. L’azione legale contro Trump, anche quando ha successo, non è risolutiva e non può sedare la ribellione. Tutto ciò che può fare è provocare un’escalation: Trump continuerà a sparlare di giudici e pubblici ministeri e i suoi sostenitori vedranno nella sua persecuzione una minaccia per la Repubblica stessa, che deve essere affrontata con misure istituzionali forti: la legge contro la legge o lo sradicamento dello Stato amministrativo e dell’apparato giuridico armato.

La posta in gioco per le elezioni di novembre è stata alzata dal successo dell’accusa di Alvin Bragg, ma anche se Joe Biden dovesse vincere, nulla tornerà alla normalità. La questione se un repubblicano possa ottenere un processo equo in una città democratica quando viene accusato di reati politicizzati persisterà, così come la questione più ampia se il governo stesso, così come si è sviluppato sia sotto i democratici che sotto i repubblicani, sia equo, imparziale e anche minimamente giusto.

I successi di Trump, ma anche le sue più grandi battute d’arresto, possono essere attribuiti alla sua personalità fondamentalmente sfiduciata, e reagendo in modo eccessivo o sbagliato potrebbe fare a se stesso ciò che i suoi nemici non possono fare a lui. Se a seguito delle condanne appare più petulante e ossessionato da se stesso, se appare scosso e più debole, la sua campagna vacillerà. I suoi nemici contano sul fatto che si innervosisca.

È il momento della fiducia e del buon umore, se Trump spera di essere assolto dagli elettori il 5 novembre. Se si presenterà al grande pubblico come antipatico, come ha fatto con i giurati di Manhattan, non solo perderà le elezioni, ma anche la libertà e l’eredità. Ma qualunque sia il destino di Trump, il conflitto tra gli outsider che hanno trovato in lui uno sbocco e gli insider che si affidano alle azioni legali come sostituto della legittimità continuerà.

Da che parte, GOP?_di James W. Carden

Da che parte, GOP?

La Convention nazionale repubblicana di luglio sarà il palcoscenico della resa dei conti tra l’ala America First del GOP e i Warhawks.

Nelle due settimane successive all’approvazione dei pacchetti di aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan, i contorni di una spaccatura emergente all’interno del Partito Repubblicano sono diventati troppo evidenti per essere ignorati.

Da una parte ci sono i soliti sospetti come il senatore Lindsey Graham della Carolina del Sud e il senatore Tom Cotton dell’Arkansas, che non hanno mai incontrato una guerra che non fossero desiderosi di finanziare, infiammare e mandare a combattere i giovani americani. In un ridicolo (anche per i suoi standard) discorso in aula prima del voto del 23 aprile sul pacchetto di aiuti, Graham, affiancato da una foto di grandi dimensioni delle Torri Gemelle avvolte dalle fiamme, ha tentato di dipingere un voto a favore di miliardi per l’Ucraina, Israele e Taiwan come il modo più sicuro per prevenire, sì, un altro 11 settembre.

Si può dire che l’ala Graham-Cotton del Partito Repubblicano abbia il vento in poppa, grazie alle recenti vittorie legislative ottenute con un entusiastico sostegno bipartisan. Il più recente convertito alla causa della guerra perpetua per i contratti di difesa perpetui è niente meno che il presidente della Camera Mike Johnson. Come deputato, Johnson poteva essere ragionevolmente descritto come favorevole all’America First, ma ora non più. Johnson si trova ora ad essere solo il più recente funzionario eletto ad essere sedotto dal canto delle sirene dell’intelligence politicizzata, commentando dopo il voto della Camera,

Credo davvero alle informazioni e ai briefing che abbiamo ricevuto…. Credo che Vladimir Putin continuerebbe a marciare in Europa se gli fosse permesso.

Nel frattempo, il collega di Johnson nell’ala nord del Campidoglio, Tom Cotton, continua a trovare modi nuovi e inventivi per promuovere gli interessi israeliani, questa settimana minacciando i membri della Corte penale internazionale (un organismo di cui gli Stati Uniti non riconoscono la giurisdizione) di imporre sanzioni qualora avessero la temerarietà di emettere mandati di arresto per funzionari israeliani. Ha scritto, alla maniera di Rambo, “Prendete di mira Israele e noi prenderemo di mira voi”.

Tutto ciò solleva la questione: Si può essere contemporaneamente America First, Ucraina First e Israele First? Sembra poco plausibile e, comunque, l’ala Graham-Cotton del GOP ha dimostrato quali sono le sue vere priorità.

Dall’altra parte del dibattito, il senatore dell’Ohio J.D. Vance si è assunto il compito, sgradevole ma del tutto necessario, di affrontare i neoconservatori come Graham. L’opposizione di principio di Vance al finanziamento della disastrosa guerra in Ucraina indica la strada da seguire in un’epoca in cui l’establishment democratico è ancora più irresponsabilmente falco dei repubblicani.

In questo contesto vale la pena ricordare che l’ultima volta che il Partito Repubblicano è stato così diviso sul ruolo dell’America nel mondo ha coinciso con un anno di elezioni presidenziali. Il 1952 vide uno scontro per la nomination tra un altro repubblicano figlio dell’Ohio, il senatore Robert Taft, e il generale Dwight D. Eisenhower. Allora come oggi, l’establishment democratico accusò di “isolazionismo” Taft e il collega John Bricker, senatore repubblicano dell’Ohio, uno dei principali oppositori della politica Truman-Acheson di dislocare sempre più truppe in Europa. La rivista The Nation paventava lo spettro di un “diffuso revival di cieco isolazionismo”, mentre Arthur M. Schlesinger, storico di Harvard e consigliere del portabandiera democratico Adlai Stevenson, denunciava l’emergere di “un nuovo isolazionismo, votato a quello che promette di essere un attacco fondamentale alla politica estera in cui gli Stati Uniti e il mondo libero sono attualmente impegnati”.

Taft, uno dei primi sostenitori del Comitato America First, si oppose alla creazione della NATO e criticò la portata del Piano Marshall e della Dottrina Truman. Ma Eisenhower arrivò alla nomina e infine alla presidenza con il sostegno dell’establishment internazionalista del dopoguerra, quel nesso tra Wall Street, il Pentagono e il nascente apparato di intelligence che comprendeva, tra gli altri, Allen e John Foster Dulles.

Il discorso di commiato di Eisenhower, otto anni dopo il suo trionfo su Taft (e, nelle elezioni generali, su Stevenson), metteva in guardia dai pericoli che un simile nesso rappresentava per il benessere del Paese; anzi, potrebbe essere ragionevolmente considerato come il tacito riconoscimento da parte di Ike che Taft avrebbe potuto avere ragione, dopo tutto.

Dopo 70 anni, sembra che siamo tornati al punto di partenza. Ma la domanda ora è: Dove si colloca l’attuale portabandiera repubblicano in tutto questo?

È una domanda che, ahimè, non ha una risposta valida, perché Trump sembra intenzionato a placare entrambi i lati della frattura e a tenere in sospeso i suoi critici. L’altra possibilità, estremamente plausibile, è che non conosca bene se stesso.

Tuttavia, nel considerare la posizione di Trump in tutto questo, potrebbe essere utile tenere a mente che egli è sempre stato una sorta di mutaforma politico.

Questo è certamente vero se si guarda a chi lo consiglia in politica estera. Numerosi rapporti indicano che il sancta sanctorum di Trump è composto da persone che rappresentano un ampio spettro di opinioni, dai campioni dell’America First come Steve Bannon e Richard Grenell, ai repubblicani mainstream come l’ex consigliere per la sicurezza nazionale Robert C. O’Brien, fino agli irriducibili della linea dura come il generale in pensione Keith Kellogg e l’ex segretario di Stato Mike Pompeo.

Qual è la posizione dell’ex e forse futuro presidente su questioni come Israele e Ucraina?

In una noiosa intervista rilasciata alla rivista TIME all’inizio di aprile, Trump ha limitato le sue critiche alla furia dell’IDF: “Penso che Israele abbia fatto una cosa molto male: le relazioni pubbliche”.

Quando gli è stato chiesto se avrebbe appoggiato Israele se fosse scoppiata una guerra tra Israele e Iran, ha risposto,

Sono stato molto fedele a Israele, più di qualsiasi altro Presidente. Ho fatto di più per Israele di qualsiasi altro presidente. Sì, proteggerò Israele.

Non sembrava che ci volesse un attimo per arrivare al “sì”?

Sulla questione dei finanziamenti all’Ucraina, Trump è stato, beh, Trump. Alla domanda di Eric Cortellessa del TIME se avrebbe continuato a fornire aiuti all’Ucraina, Trump ha risposto,

Cercherò di aiutare l’Ucraina, ma anche l’Europa deve andare lì e fare il suo lavoro. Non stanno facendo il loro lavoro. L’Europa non sta pagando la sua parte.

L’imminente Convention nazionale repubblicana di luglio offrirà a Trump l’opportunità, tralasciata nell’intervista al TIME, di chiarire da che parte sta realmente nel dibattito sulla politica estera del GOP.

La ‘NATO dormiente’ è la migliore scelta difficile, di Micah Meadowcroft

I termini, ancora parziali, dell’acceso dibattito in corso negli Stati Uniti. Giuseppe Germinario

La ‘NATO dormiente’ è la migliore scelta difficile

Questo non impedirà a coloro che credono nelle priorità di essere nuovamente soprannominati “conservatori non patriottici”.

lettori di lunga data di The American Conservative non sono nuovi a fare causa comune con persone di sinistra quando è necessario. Lo sforzo di evitare decenni di disastri in Iraq può essere fallito, ma TAC non è stato il solo a subire questa sconfitta; i redattori della rivista sono stati definiti “conservatori antipatriottici” non solo perché erano contrari alla guerra e David Frum amava la guerra, ma esplicitamente perché nel cercare di evitare una disfatta avevano fatto “causa comune con i movimenti… di sinistra”. In questo modo, si suggeriva, e si suggerisce tuttora, di violare una distinzione amico-nemico che li poneva al di fuori dei confini politici, se non del Paese, almeno del movimento conservatore. Il partito della guerra respingeva gli appelli alla prudenza e ai vincoli, confondendo la resistenza alla guerra con le simpatie terroristiche.

Oggi si può essere un conservatore patriottico e concordare con i democratici, a quanto pare, ma solo se si tratta di Trump e non di un eccesso liberale. Il partito della guerra resiste ancora al riconoscimento prudenziale delle risorse limitate, e la sua ala destra troverà tale riconoscimento ancora più difficile quando comporterà un accordo con i membri della sinistra tradizionale. Ma la distinzione politica nazionale che conta nel nostro momento è tra coloro che mettono al primo posto gli interessi dei cittadini americani e dei loro posteri e coloro che non lo fanno, spesso nascondendosi dietro gesti verso un’idea astratta di America. Si tratta di una distinzione che attraversa le affiliazioni convenzionali, lasciando entrambi i partiti in subbuglio, mentre i Democratici diventano il partito più a suo agio con l’internazionalismo liberale e l’élite finanziaria globale. Ognuno dovrebbe essere pronto, in futuro, a trovare forse temporanei alleati di comodo sia alla sua destra che alla sua sinistra.

Per coloro che cercano di mettere l’America al primo posto, la riforma della NATO presenta un nuovo rischio di essere associati a persone che i neoconservatori considereranno di sinistra. E così sia. Un recente saggio di Max Bergmann, attualmente del Center for Strategic and International Studies ma in passato del Center for American Progress, pubblicato su Foreign Affairs, sostiene la necessità di una “NATO più europea”. Il suo appello fa il paio con quello che Sumantra Maitra, mio collega sia qui al TAC che al Center for Renewing America, definisce una strategia “NATO dormiente” per gli Stati Uniti, cosa che Bergmann riconosce negativamente, inquadrando il suo caso come una questione di assicurazione contro tali politiche.

Tuttavia, le due prospettive sono armoniose. In un periodo di risorse limitate, e quindi di spietata definizione delle priorità, i politici americani devono concentrarsi sulla gestione delle nostre relazioni con la Cina e sulla risposta alle relazioni della Cina con il resto del mondo. Se, come suggeriscono Bergmann e Maitra, l’Europa è in grado di soddisfare gli scopi principali della NATO senza l’America come principale, allora abbracciare questa realtà dà ai politici statunitensi una distrazione in meno. I vantaggi non sono unilaterali nel lungo periodo. Bergmann scrive che il problema principale che l’Europa deve affrontare collettivamente “è l’eccessiva dipendenza della NATO dagli Stati Uniti”.

In un mondo in cui persino l’amministrazione democratica del presidente Biden è preoccupata per la situazione nel Pacifico occidentale, questa è un’ovvia vulnerabilità per gli Stati membri europei marzialmente atrofizzati. La principale minaccia tradizionale per la grande strategia statunitense è l’emergere di una potenza egemonica che domini la terraferma eurasiatica e che quindi, superando gli Stati Uniti in termini di risorse materiali e culturali, possa permettersi di colpire il Nord America attraverso gli oceani. La realtà attuale della situazione politica ed economica globale è tale che questa minaccia non si dirige verso l’Europa, come ha fatto nei conflitti del XX secolo con la Germania e la Russia, ma muove invece le sue lente cosce verso l’Asia. L’attenzione americana si sta rivolgendo, anche se ancora a fasi alterne.

Così la NATO dovrebbe essere, o sarà a causa degli eventi, declassata da istituzione globale critica a istituzione regionale vitale. Come scrive Bergmann, “dopo decenni di deriva, l’alleanza ha trovato un nuovo scopo nella dissuasione dall’aggressione russa, la sua ragione d’essere originaria”, e i membri europei dell’alleanza sono in grado di esercitare tale dissuasione in gran parte senza gli Stati Uniti. Bergmann riconosce che “quando gli americani si recano in Europa, vedono infrastrutture sofisticate e cittadini che godono di elevati standard di vita e di solide reti di sicurezza sociale”.

Essendo uno di quei rari liberali di professione con abbastanza immaginazione da modellare i pensieri di una persona normale, aggiunge: “Non riescono a capire perché i dollari delle loro tasse e i loro soldati siano necessari per difendere un continente benestante la cui popolazione totale supera di gran lunga quella degli Stati Uniti”.

Ciò evidenzia, tuttavia, una singolare finzione nelle discussioni sul futuro della NATO. Quelli che Bergmann definisce “decenni di deriva” sono stati anche decenni di entusiastica enumerazione di nuove responsabilità per l’Alleanza, che si è trasformata da un semplice accordo difensivo in un’organizzazione di sicurezza a tutto campo che esegue interventi militari ben al di fuori del teatro europeo, per non parlare del Nord Atlantico. Per decenni, la NATO ha cercato cose da fare e ne ha trovate. Quindi, quando i funzionari indignati per la proposta della NATO inattiva affermano che non c’è nulla da ridimensionare, nulla per cui l’America debba rifiutarsi di partecipare, che l’alleanza è proprio ciò che è sempre stata, ci dovrebbe essere un po’ di indignazione in cambio.

In realtà, l’alleanza si è evoluta e può evolversi ulteriormente. I difensori di un ruolo minore per gli Stati Uniti dovranno però essere pronti, proprio come i difensori dello status quo, a mettere da parte le remore ad accordarsi con i membri dell'”altra squadra”. Poiché la NATO è diventata molto più che per tenere fuori la Russia, non ha smesso di essere anche, nelle famose parole di Lord Ismay, per tenere “gli americani dentro e i tedeschi giù”. Gli interventisti conservatori si opporranno a una NATO a guida europea o inattiva invocando una futura guerra sul continente; la dipendenza dalla potenza di fuoco americana, dicono, è l’unica cosa che tiene gli Stati membri lontani l’uno dall’altro. Nel sostenere questa tesi, avranno probabilmente l’appoggio sia dei piccoli Stati preoccupati dalla prospettiva di un’ulteriore dipendenza da Francia e Germania, sia di una sinistra europea felice di mantenere il peso della difesa sulle spalle degli americani.

Nel frattempo, una coalizione per rendere le truppe americane l’ultima spiaggia, piuttosto che la spina dorsale della difesa avanzata, non sarà meno offensiva per i pregiudizi americani. La Francia sarà anche il nostro più antico alleato, ma dopo due guerre mondiali, i battibecchi con Charles De Gaulle e l’osservazione del programma di vacanze e sommosse creative del Paese, la sua reputazione presso i conservatori americani è materia di barzellette. Questo riflette la brevità della memoria degli Stati Uniti più che lo status di civiltà della Francia, e dovrà essere superato. La Francia ha sempre voluto giocare un ruolo più ampio nella NATO, ripetutamente snobbata dalla relazione speciale anglo-americana. Un triumvirato franco-tedesco-britannico che sostenga gli Stati confinanti con l’Est dell’Alleanza funzionerebbe altrettanto bene per preservare la pace nel prossimo futuro rispetto all’attuale sbilanciato consolato.

La politica estera non si inserisce ordinatamente all’interno delle divisioni partitiche interne, perché si tratta di delimitare tale area interna. È troppo vasta. Come la politica di immigrazione, condiziona questi altri dibattiti, creando quello che ho già descritto in precedenza come un ordine politico di operazioni. All’inizio di questa rubrica ho definito la nostra nuova dirompente distinzione politica nazionale in termini domestici, ma concludo ora con la distinzione che divide la politica estera, perché è quella che condiziona gli altri dibattiti. La divisione che oggi caratterizza la politica estera americana riguarda lo status dell’unipolarismo.

Nessuno nega che, dopo il 1989, gli Stati Uniti abbiano vissuto un periodo di iperpotenza; la questione è se tre decenni di arroganza liberale bipartisan alla fine della storia abbiano minato quell’egemonia in modo irreparabile. Gli internazionalisti liberali convinti credono che l’unipolarismo possa essere recuperato, che l’America debba solo affermarsi sul campo di battaglia e radicarsi ulteriormente nelle istituzioni multilaterali del secolo scorso. Pensano ancora nei termini della Guerra Fredda di “falchi” e “colombe” e accusano coloro che sono venuti a patti con la realtà – un ordine globale sempre più bipolare e un futuro multipolare – di aver invitato e persino favorito queste condizioni. (Non importa chi ha avuto il controllo negli ultimi 30 anni). I sostenitori delle migliori scelte difficili possono essere certi che saranno ancora chiamati “conservatori non patriottici”.

La partenza di Victoria Nuland è importante?_di James W. Carden

La partenza di Victoria Nuland è importante?

Il cast può cambiare, ma lo spettacolo è lo stesso.

La scorsa settimana è arrivata la notizia che, dopo una lunga e storica carriera, Victoria Nuland si è dimessa dalla carica di sottosegretario di stato per gli affari politici presso il Dipartimento di Stato americano. Nel corso degli anni si è guadagnata la reputazione di intransigente neoconservatrice, avendo, tra gli altri ruoli, lavorato come assistente principale dell’intransigente anti-russo Strobe Talbott; come consigliere per la sicurezza nazionale del vicepresidente Dick Cheney; e come portavoce del Segretario di Stato Hillary Clinton. La reputazione di Nuland derivava in parte (e forse ingiustamente) anche dalla famiglia con cui si era sposata. Quindi c’è una comprensibile tentazione da parte dei sostenitori del realismo e della moderazione di tirare un sospiro di sollievo per la sua partenza dal servizio governativo.

Ma bisogna chiedersi: la defenestrazione figurata della Nuland ha davvero importanza?

La Nuland ha meritatamente ricevuto molte critiche ( non ultimo da chi scrive ) per aver inserito il fronte e il centro degli Stati Uniti nelle dispute geopolitiche che affliggono l’Ucraina. È opinione diffusa che prima, durante e dopo la rivoluzione Maidan, abbia guidato sia l’amministrazione Obama che quella Biden verso una linea più aggressiva di quanto fosse consigliabile. Ma questo forse gonfia la sua influenza; dopo tutto, sia Obama che Biden sono stati molto aggressivi da soli su questioni al di fuori della Russia-Ucraina; basta considerare le loro azioni in Libia, Siria, Yemen e Palestina.

Le speculazioni informate sull’importanza delle dimissioni della Nuland ci impongono di considerare almeno tre domande:

  • Dove viene prodotta la salsiccia? A questo proposito, l’attuale amministrazione non è molto diversa dai suoi immediati predecessori. La politica emana dal Consiglio di Sicurezza Nazionale sotto la direzione della Casa Bianca. Secondo tutti i resoconti disponibili, il consigliere per la sicurezza nazionale di Biden, Jake Sullivan, è primus inter pares tra gli uomini del presidente. La quasi sublime incompetenza di Antony Blinken ha richiesto al presidente di inviare Sullivan, il direttore della CIA William Burns e l’inviato israelo-americano Amos Hochstein come emissari in delicate missioni diplomatiche. Per apprezzare la misura in cui lo Stato è stato declassato, l’estate scorsa, un membro emergente dell’establishment della politica estera, Jon Finer, è stato indicato come possibile candidato per ricoprire il ruolo di vice segretario di Stato, il numero del dipartimento due posizioni. Eppure, alla fine, è stato ritenuto troppo prezioso per lasciare la sua attuale posizione di vice consigliere per la sicurezza nazionale. In altre parole, mentre la Nuland occupava una posizione stimata all’interno della gerarchia del Dipartimento di Stato, le vere decisioni vengono prese altrove.
  • Cosa pensano realmente coloro che formulano le politiche? Ciò è relativamente semplice, dal momento che il presidente e il suo principale consigliere per gli affari esteri, Jake Sullivan, ce lo hanno detto ripetutamente. Intervenendo a Meet the Press alla fine di febbraio, Sullivan ha espresso il suo punto di vista secondo cui “l’Ucraina ha ancora la capacità se forniamo loro gli strumenti e le risorse di cui hanno bisogno per essere in grado di prevalere in questa guerra”. E il presidente, in un esempio quasi perfetto di quello che George F. Kennan una volta definì “emotività patriottica”, ha utilizzato il discorso sullo stato dell’Unione di giovedì scorso per paragonare Vladimir Putin, ancora una volta , ad Adolf Hitler, dichiarando: “Oltremare, la Russia di Putin è in marcia, invadendo l’Ucraina e seminando il caos in tutta Europa e oltre. Se qualcuno in questa sala pensa che Putin si fermerà all’Ucraina, vi assicuro che non lo farà. Ma l’Ucraina può fermare Putin se stiamo al suo fianco e forniamo le armi di cui ha bisogno per difendersi”. Sembra davvero probabile, quindi, che il presidente e i suoi consiglieri si ritireranno di buon grado dall’Ucraina ora che la signora Nuland se n’è andata?
  • Per amor di discussione, supponiamo che il Dipartimento di Stato abbia effettivamente un ruolo di primo piano nel processo di elaborazione delle politiche dell’amministrazione Biden. Cosa significano, allora, le nomine di Kurt Campbell (al lavoro ambito dalla Nuland) e di John Bass (al lavoro che la Nuland ha appena lasciato) per la politica ucraina? Ebbene, sulla base delle loro dichiarazioni e registrazioni passate, non molto. Bass, come Nuland, servì da aiutante sia a Strobe Talbott che a Dick Cheney. E Campbell, il nuovo vice segretario di Stato, ha appena tenuto un discorso a Vienna in cui ha dichiarato : “Gli Stati Uniti, i nostri alleati e partner rimangono uniti nel sostegno all’Ucraina. E, francamente, dobbiamo essere vigili e attenti a quei paesi che sostengono privatamente o silenziosamente la Russia nella sua guerra contro l’Ucraina, e ciò include la Corea del Nord e la Cina. Continueremo a denunciare i crimini di guerra e le atrocità della Russia. Non dimenticheremo la complicità della Bielorussia nella guerra della Russia”.

Alla fine, sarebbe un trionfo della speranza sull’esperienza per noi aspettarci troppo (se non altro) dalla partenza di Victoria Nuland dal servizio governativo.

Victoria Nuland si dimette: cosa può significare questo per la politica americana nei confronti dell’Ucraina?_di gilbertdoctorow

L’aria che tira negli Stati Uniti. Due articoli significativi. Da notare il generale silenzio di tutta la stampa e l’informazione istituzionale europea e statunitense_Giuseppe Germinario

Immagine del logo del sito

Victoria Nuland si dimette: cosa può significare questo per la politica americana nei confronti dell’Ucraina?

gilbertdoctorow

5 marzo

In questo business dell’analisi geopolitica non c’è spazio per un’ostinata insistenza sulla coerenza del messaggio o per un falso orgoglio. In effetti, quando gli input cambiano in modo radicale, non esito assolutamente a voltare le spalle a quanto ho detto ieri.

L’ultima notizia è che Victoria Nuland si è dimessa dal Dipartimento di Stato dove il suo grado ufficiale era il numero 3 ma dove ha avuto una grande influenza nel modo più dannoso per la formulazione della politica statunitense sull’idea fissa del paese dell’ultimo decennio: Russia, Russia, Russia. Ricordiamo che Nuland era lo spirito guida del Maidan che distribuiva ciambelle in Piazza Indipendenza a Kiev ai giovani idealisti che cercavano il rovesciamento del legittimo presidente eletto Yanukovich. Come sappiamo da conversazioni telefoniche trapelate, nel febbraio 2014, Nuland ha cospirato con l’ambasciatore statunitense a Kiev Geoffrey Pyatt per la selezione del nuovo governo a Kiev tra i leader dell’opposizione in seguito al colpo di stato appoggiato dagli Stati Uniti.

Sebbene fuori carica durante gli anni di Trump, è tornata di corsa dopo l’insediamento di Biden. Non c’è dubbio che, come forza intellettuale, fosse una spanna sopra il suo capo nominale, Antony Blinken, e che fosse dietro ogni escalation nella partecipazione degli Stati Uniti e degli alleati nella guerra per procura combattuta in Ucraina. L’idea di inviare missili da crociera a lungo raggio a Kiev per colpire il cuore della Russia, ora dibattuta sia negli Stati Uniti che in Germania, era qualcosa che la Nuland stava promuovendo con le unghie e con i denti un anno fa.

Per questi motivi, la sua partenza proprio in questo momento mi spinge a rivedere di 180 gradi (no, Annalena, non di 360 gradi) ciò che ho detto ieri sul possibile ruolo degli Stati Uniti nel complotto della Bundeswehr per mettere in imbarazzo Scholz per la sua riluttanza a spedire la tedesca Taurus. missili verso l’Ucraina.

In effetti, un lettore mi ha contattato ieri per suggerire che gli stessi fatti che ho esposto indicavano gli sforzi degli Stati Uniti per sostituire il cauto cancelliere Scholz con Pistorius, che odia completamente la Russia, potrebbero altrettanto facilmente indicare gli sforzi degli Stati Uniti per sbarazzarsi di Pistorius e dei suoi generali pazzi della guerra per evitare che l’Europa e il mondo vadano direttamente allo scontro nucleare con la Russia.

Dobbiamo ancora aspettare e vedere se Scholz licenzierà Pistorious o almeno licenzierà i generali ribelli. Ma la partenza della Nuland proprio in questo momento ci dà motivo di sperare che l’amministrazione Biden si stia tirando indietro dal suo sconsiderato avventurismo in Ucraina.

Una nota toccante e forse una goccia nel vento è l’ultimo paragrafo dell’articolo dell’Associated Press sulla partenza di Nuland che ci dice: “Nuland sarà sostituito temporaneamente come sottosegretario da un altro diplomatico di carriera, John Bass, ex ambasciatore in Afghanistan , che ha supervisionato il ritiro degli Stati Uniti dal paese”. Speriamo davvero che Bass sia anche la persona che supervisionerà il ritiro degli Stati Uniti dall’Ucraina.

©Gilbert Doctorow, 2024

 

Tulsi Gabbard dovrebbe essere segretario di Stato, non vicepresidente

L’astro nascente dovrebbe tenere lontani i falchi dal gabinetto di guerra.

James W. Carden

4 marzo 202412:05 AM

In seguito al suo discorso al CPAC della scorsa fine settimana, sono stati pubblicati numerosi articoli su generatori di spazzatura come il Daily Beast e il New York Magazine sul presunto “viaggio” di Tulsi Gabbard da democratica a fanatica autoritaria MAGA e simili.

Non sorprende che queste storie siano al contrario. Sono i Democratici, non Gabbard, che, a partire dal 2016 con il fiasco del Russiagate, si sono lanciati in un viaggio verso l’autoritarismo in patria e il neoconservatorismo all’estero.

Gabbard è stata una delle poche del suo partito a opporsi alla cabala della Clinton, e ha pagato un prezzo amaro. Ma a differenza di quelli del suo ex partito, la Gabbard è stata coerente, soprattutto sulle questioni di politica estera.

Da quando l’ho intervistata per la prima volta nel giugno 2016, Gabbard è stata un’oppositrice vocale ed eloquente delle disavventure seriali dell’America all’estero, e in particolare quando l’amministrazione Obama ha lanciato un sinistro tentativo di rovesciare il governo sovrano della Siria, un governo che non rappresentava alcuna minaccia per la sicurezza nazionale di questo Paese e che, all’epoca, era sotto attacco da parte delle stesse forze islamiste che avevano cospirato per attaccarci l’11 settembre.

Questa semplice ma ramificata verità è sfuggita a troppi degli ex colleghi democratici della Gabbard, che si sono radunati come un branco di cuccioli pavloviani al grido di guerra di Hillary Clinton: “Assad deve andarsene“.

E ancora, per quanto riguarda il neo-maccartismo che ha deformato e svilito il Partito Democratico, Gabbard è stata tra i pochissimi a guardare con sospetto all’idea di scatenare una nuova guerra fredda contro la Russia.

Gabbard ha ribadito la sua opposizione alla nuova macchina da guerra democratica durante la sua sfortunata corsa alla presidenza nel 2019-2020. In occasione di una piccola raccolta fondi per la sua campagna presidenziale nella casa di Cleveland Park di due noti e benvoluti pilastri dell’establishment di Washington, Gabbard ha espresso una sorta di divertita incredulità per il fatto che il suo partito avesse deciso di etichettarla come una sorta di estremista. Forse in modo invisibile, le minacce e le calunnie lanciate dal DNC (e, in ultima analisi, da Hillary Clinton stessa) hanno avuto il loro peso sulla giovane candidata, ma non sono riuscite a metterla a tacere.

La coraggiosa coerenza antibellica della Gabbard (meno la sua tolleranza per l’aggressione israeliana, che è condivisa, tra gli altri, da Donald Trump, Robert Kennedy Jr. e Joseph R. Biden), è il motivo per cui Trump ha bisogno di lei nella sua amministrazione – solo non come vicepresidente.

È opinione diffusa, e probabilmente corretta, che grazie alla decisione di Dobbs , al recente caso di fecondazione assistita in Alabama e a quello che molti considerano il suo atteggiamento da età della pietra nei confronti del gentil sesso, Trump avrà bisogno di una donna rassicurante, telegenica e attraente come numero due.

E se la Gabbard potrebbe fare al caso suo, una persona come Kristi Noem può altrettanto facilmente ricoprire il ruolo di moglie matrigna di Trump.

No. Se Trump dovesse vincere a novembre, il talento di Tulsi Gabbard sarà necessario altrove. Soprattutto perché il primo mandato di Trump è stato un disastro in termini di nomine in politica estera, che hanno incluso un falco neocon sanguinario dopo l’altro, con un disonore che comprende, ma non solo, Mike Pompeo, Nikki Haley, Mike Esper, John Bolton ed Elliott Abrams.

Invece di passare le giornate all’Osservatorio navale, la Gabbard dovrebbe essere chiamata a sfruttare appieno il suo talento come consigliere per la sicurezza nazionale, segretario alla Difesa, segretario di Stato o direttore dell’intelligence centrale. Gabbard sarebbe un formidabile avversario dei cripto-neocon di cui Trump si è troppo spesso circondato.

Il 32° vicepresidente degli Stati Uniti, John Nance Garner, dichiarò notoriamente che la vicepresidenza non “valeva un secchio di piscio caldo”.

Era vero allora come oggi.

SULL’AUTORE

James W. Carden

James W. Carden è stato consulente per gli affari tra Stati Uniti e Russia presso il Dipartimento di Stato durante l’amministrazione Obama.

 

Tradotto con DeepL.com (versione gratuita)

 

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Michelle Obama: Salvatore di settembre o “missione suicida”?_di Peter Van Buren

Michelle Obama: Salvatore di settembre o “missione suicida”?
Quanto sono disperati i Democratici per togliere Biden dalle urne?

Peter Van Buren
26 febbraio 2024
12:05
Non voglio votare per Michelle Obama.

Joe Biden è, come candidato, un morto che cammina. Dimenticate i medici; chiunque si sia preso cura di un genitore anziano con un declino cognitivo può vedere tutti i segni e sa cosa sta per succedere. Joe non ricorda parole, nomi o date e cammina rigidamente con le braccia bloccate. Cade spesso. Si arrabbia e impreca. È tutto lì.

Sappiamo tutti cosa viene nascosto, proprio come quando la mamma rifiuta il cibo o si arrabbia perché qualcuno vuole i suoi soldi. Non è piacevole assistere a questa infantilizzazione di una persona che un tempo si ammirava, ma il declino è evidente, e il declino è una strada a senso unico. Fa male, davvero, che si tratti della mamma o di Joe Biden, assistere a tutto questo sapendo che non si può fare nulla.

Naturalmente, il problema è che Joe Biden è il Presidente degli Stati Uniti. È incaricato di gestire la nazione per conto di tutti noi, un lavoro come nessun altro. Il rapporto di quasi 400 pagine del consulente speciale Robert Hur è pieno di prove schiaccianti della negligenza di Biden nei confronti di segreti vitali per la sicurezza nazionale.

La sua difesa di Biden è che l’uomo è troppo vecchio e smemorato per essere ritenuto responsabile delle sue azioni. Una cosa è spiegare il comportamento della mamma a tavola, un’altra quando si parla di sicurezza nazionale. Nelle riunioni di famiglia c’è spazio per “un uomo simpatico, ben intenzionato, anziano e con poca memoria”, ma non alla Casa Bianca. Se Joe non è in grado di affrontare un processo per l’uso disinvolto di documenti riservati, allora non è in grado di essere presidente.

L’opinione pubblica sembra aver capito. Quasi tutti i sondaggi mostrano Biden indietro, spesso di diversi punti. Il suo indice di gradimento è fermo a 30 punti. Sta perdendo contro Trump; persino Nikki Haley batte Biden in alcuni sondaggi. “I numeri del presidente Biden nei sondaggi sembrano essere nelle sabbie mobili”, ha scritto un commentatore. Un recente sondaggio di ABC News ha rilevato che l’86% degli americani ritiene che Biden sia troppo vecchio per ricoprire un altro mandato. Potremmo sentirci male per Joe, ma ci sentiremmo tutti meglio se si fosse ritirato su una sedia a sdraio nel Delaware a mangiare un gelato invece di stare in piedi sopra il pulsante nucleare (e voi vi preoccupate di Trump).

Il problema è che, per tradizione, Joe Biden ha il “diritto” di candidarsi per un secondo mandato, cosa che in teoria sta facendo. Niente primarie, niente discussioni pubbliche, solo l’ipotesi che a Joe siano concessi due tentativi. La tradizione è abbastanza forte da consegnare la Casa Bianca a un vecchio rimbambito per altri quattro anni? Oppure l’eredità di Joe Biden tra i democratici sarà quella di essere l’uomo che ha riportato Trump al potere? Considerate l’infame valutazione di Barack Obama: “Non sottovalutate la capacità di Joe di mandare tutto a puttane”.

L’alternativa ovvia è che Biden si faccia da parte con un pretesto e che la vicepresidente Kamala Harris si faccia avanti come candidata democratica. Harris, che è entrata in carica come vincitrice della lotteria DEI dopo aver umiliato Biden in faccia nei dibattiti del 2020, non ha il fascino pubblico di Joe e, nei suoi giorni no, ha poco delle sue capacità cognitive. Sondaggio dopo sondaggio la vedono perdente, la sua mancanza di esperienza (tra le altre cose) è un ostacolo alla sua ascesa allo Studio Ovale. Harris ha un indice di gradimento del 37%, addirittura inferiore al 39% di Biden.

Ma cosa succederebbe se Harris ottenesse quell’esperienza attraverso il 25° emendamento? È dubbio che questo stratagemma sia possibile. Il 25° emendamento stabilisce la successione presidenziale quando il capo dell’esecutivo è “incapace”. Richiede una sorta di mini-corteo, poiché il processo prevede che sia il vicepresidente stesso a dare il via alle operazioni insieme al Gabinetto. Dovrebbero dichiarare che il presidente è “incapace di adempiere ai poteri e ai doveri del suo ufficio” e notificare al Congresso che il vicepresidente intende prendere il suo posto. Se la vicepresidente Kamala Harris riuscisse a convincere otto funzionari del Gabinetto a sottoscrivere una lettera al Congresso, il suo status di “presidente ad interim” sarebbe comunque di breve durata. Biden dovrebbe solo dichiarare che “non esiste alcuna incapacità” e poi riprendere il suo incarico.

Harris dovrebbe poi inviare entro quattro giorni un’altra dichiarazione al Presidente pro tempore del Senato e al Presidente della Camera, respingendo le affermazioni di Biden. Il Congresso avrebbe 21 giorni per votare la rimozione, che richiederebbe una maggioranza di due terzi in entrambe le camere. Se il Congresso non votasse entro 21 giorni, il Presidente riprenderebbe il potere. Come per le numerose richieste di invocare il 25° durante la prima amministrazione Trump, l’emendamento concepito per far fronte alla morte del presidente o a una vera e propria incapacità temporanea, come un intervento chirurgico, non può essere spremuto e solleticato in un ammutinamento del vicepresidente per salvare la sconfitta del suo partito a novembre.

Come ha scritto lo studioso di diritto costituzionale Jonathan Turley, invocare il 25° emendamento “richiederebbe molto di più di semplici vuoti di memoria e conferenze stampa “fuori dal mio prato””. L’unica domanda da porsi è se sia in grado di svolgere i doveri del suo ufficio. Il criterio non è se sia in grado di svolgere bene tali funzioni”. La preoccupazione per Biden (e Harris) è reale, ma il 25° emendamento non è la soluzione.

Rimane l’opzione nucleare: Michelle Obama, la sorpresa di settembre.

Immaginate una primavera mediocre che si trascina in un’estate poco brillante. L’Ucraina si trascina con Biden. Israele si trascina con Biden. L’economia si trascina con Biden. La convention nazionale democratica è senza spirito e il calendario cede all’autunno. Trump è in testa in quasi tutti i sondaggi e, mentre i Never Trumpers fanno ancora la loro parte, sembra che i Democratici resteranno a casa dalle urne e consegneranno la Casa Bianca. Se solo ci fosse qualcuno che non si chiama Harris in grado di farsi avanti come Grande Speranza.

Immaginate, dice Heather Higgins di RealClearPolitics,

se Biden dovesse essere incentivato a dichiarare improvvisamente un nuovo problema di salute che lo porti ad annunciare una o due settimane dopo la convention che continuerà il suo mandato ma non si candiderà, improvvisamente ci troveremmo di fronte a una di quelle crisi che non dovrebbero essere sprecate. Al di sopra di tutto questo, e per placare i mercanteggiamenti, Michelle – con il suo 91% di popolarità tra i democratici e il 68% a livello nazionale quando ha lasciato la Casa Bianca, e con la rete di raccolta fondi, la rete politica e l’esperienza degli Obama – può accettare, quando le viene richiesto, per il bene del Paese, di accettare gentilmente la candidatura del suo grato partito.

Chi altro potrebbe essere? Gavin Newsom? Hillary?

Michelle Obama ha la popolarità e la riconoscibilità del nome e del volto per sostituirsi all’ultimo minuto a uno stanco segnaposto come Joe. Settembre è “l’ultimo minuto”, viste le 50 leggi che regolano il tempo necessario per aggiungere un candidato alla scheda elettorale e rispettare le scadenze per l’invio del voto per corrispondenza. La sua mancanza di esperienza è mitigata dagli otto anni di Barack e, in effetti, un punto di forza tranquillo tra i Democratici sarebbe che questo è davvero un terzo mandato per una sorta di amministrazione Obama.

Con la popolarità di Obama e l’impermeabilità alle accuse di razzismo, nessuno si preoccuperà di mettere da parte Kamala Harris, magari con la promessa di un bel lavoro universitario per non mostrare rancore. Le celebrità si riverserebbero in massa su Oprah e Taylor Swift e qualcuno quasi immune allo stile di campagna elettorale di Trump, fatto di insulti personali, salirebbe sul palco contro di lui. Sarebbe un’elezione combattuta.

L’ex candidato presidenziale del GOP, Vivek Ramaswamy, ha dichiarato: “Se la razza e il genere sono le basi per la scelta di un candidato, non è possibile che il candidato sia un uomo,

Se la razza e il genere sono la base per selezionare qualcuno per un lavoro, e l’identità del tuo partito è legata a quel tempio della politica identitaria, allora rischiano di sembrare ipocriti se la mettono da parte [Harris] dopo aver messo da parte Biden. E credo che Michelle Obama offra loro una comoda via d’uscita da questo problema, qualcuno che risponda alle caselle che devono essere spuntate per la loro ideologia, selezionando al contempo un’alternativa a Biden che potrebbero considerare più appetibile in un’elezione generale…. Sembra sempre più che non sarà Biden il candidato. E penso che non dovrebbe essere scioccante vedere qualcuno come Michelle Obama assumere il ruolo di candidato.

Obama, da parte sua, ha dichiarato di essere “terrorizzata” dal potenziale esito delle elezioni del 2024, elencando la gara presidenziale di novembre tra le paure che la tengono sveglia la notte. Che ne dite di questa motivazione?

Le regole del Comitato Nazionale Democratico che si applicano sono in realtà semplici, e dicono: “Il Comitato Nazionale Democratico avrà la responsabilità generale degli affari del Partito Democratico tra le Convenzioni Nazionali…. Tale responsabilità comprende la copertura dei posti vacanti nelle nomine per la carica di Presidente e Vicepresidente”. Il presidente si confronta con la leadership del Congresso Democratico e con l’Associazione dei Governatori Democratici e porta la decisione al voto di tutti i 483 membri del DNC.

RCP ricorda al lettore che è già stato fatto in passato. Nel 1972, i Democratici si accorsero settimane dopo la loro convention che l’uomo che avevano nominato vicepresidente, il senatore Thomas Eagleton, aveva subito una terapia d’urto un decennio prima. Eagleton si ritirò dalla lista e lasciò al DNC il compito di scegliere un sostituto. I due hanno convinto il consuocero di Kennedy, Sargent Shriver, ad accettare quella che è diventata una “missione suicida”.

Quindi la vera domanda è: votereste per Michelle Obama? Molto dipende dalla risposta.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Cosa accadrà nel secondo mandato Trump?_ di Peter Van Buren

Sempre che ci arrivi!_Giuseppe Germinario

Cosa accadrà nel secondo mandato Trump?

Uno sguardo dietro la retorica sui piani concreti che vengono elaborati.

Schermata del 08-12-2023 alle 16:43:21
Credito: picryl

Semplicemente non si fermeranno. Lo stesso giorno in cui ho scritto dell’esagerazione mediatica sui piani di Trump per il secondo mandato di “prendere il potere”, il New York Times pubblica un articolo sull’Apocalisse di Trump di fine giornata : “Trump ha un piano generale per distruggere lo ‘Stato Profondo’. La loro versione di Trump 2.0 sembra una riscrittura del Mein Kampf generata dall’intelligenza artificiale .

Eppure è una buona domanda: cosa potrebbe realmente fare Trump nel suo secondo mandato? Non preoccuparti, va tutto bene a meno che non ti piaccia il Deep State.

Per cominciare, Trump non ripeterà certamente un errore del termine 1.0: occuperà rapidamente i suoi incarichi politici con alleati. Questo è ciò che fa ogni nuovo presidente, ma Trump è stato aspramente criticato nel termine 1.0 per non aver riempito i ranghi abbastanza velocemente e quindi aver messo in qualche modo in pericolo l’America. Probabilmente non aspettandosi mai di vincere, e non essendo un politico da sempre, Trump è entrato in carica senza una cartella con migliaia di curriculum di lealisti del partito ed esuli di think tank in cerca di lavoro. (Biden ha portato a termine il compito velocemente, raccogliendo la maggior parte degli hacker sottoccupati dell’amministrazione Obama e di quelli ancora scontrosi perché i posti di lavoro promessi nell’amministrazione Hillary non si sono mai materializzati.)

Questa volta Trump sembra più preparato. Ogni presidente ha circa 4.000 incarichi nominati da ricoprire. Ogni presidente li riempie di lealisti, hacker di partito o, nel caso di lavori come ambasciatori, ricchi donatori. Anticipando il termine 2.0, la Heritage Foundation ha compilato e esaminato circa 20.000 curriculum. I prescelti dovrebbero superare questo processo con entusiasmo nel portare avanti la volontà popolare, ed è improbabile che costituiscano il nucleo di una “resistenza” del Deep State come è accaduto durante il mandato 1.0.

Le migliaia di posti di lavoro da ricoprire sono elencati nel Plum Book, insieme allo stipendio previsto: di tutto, dal Segretario di Stato al membro della Morris K. Udall Scholarship and Excellence in National Environmental Policy Foundation. Puoi inviare il tuo curriculum on-line . Per garantire che tutti questi incaricati siano pronti per andare a lavorare il primo giorno, Heritage offre anche un corso online per addestrarli al compito. È possibile richiedere l’iscrizione on-line.

In programma c’è anche l’implementazione di modifiche all’Allegato F , che protegge i dipendenti pubblici che restano sul posto per sempre dall’influenza politica. Sfortunatamente, ciò che si intendeva in buona fede creare un sistema di merito all’interno di un governo in cui la fedeltà dei burocrati era dovuta al pubblico e non alla Casa Bianca si è rivelato una bolla di invincibilità attorno a molti che svolgono il proprio lavoro lentamente e senza interesse.

L’Ordine Esecutivo per modificare l’Allegato F è stato scritto durante la caotica fine del trimestre 1.0. In cima alla lista delle politiche di Trump per il mandato 2.0 ci sarebbe l’implementazione di queste modifiche alla Programma F. L’azione convertirebbe fino a 50.000 posizioni di funzionario pubblico (lasciando ancora intatte circa due milioni di posizioni civili federali) in nomine politiche, consentendo di eliminare i residui. e posti di lavoro occupati da persone in linea con gli obiettivi dell’amministrazione.

L’azione, piuttosto che la non-azione, è l’obiettivo. Se effettivamente realizzato, questo sarebbe il cambiamento più profondo nel sistema della pubblica amministrazione dalla sua creazione nel 1883. L’impatto potrebbe essere maggiore in istituzioni come il Dipartimento di Giustizia, che i media liberali temono possa essere utilizzato da Trump come arma per attaccare Biden. e altri nello stesso modo in cui l’indagine Mueller, i due impeachment e le molteplici incriminazioni hanno perseguitato Trump.

A parte i cambiamenti di personale, sono i piani politici di Trump a spaventare di più i media liberali, che si sono dati alla pazza nel termine 1.0 etichettando erroneamente qualsiasi cosa, dai centri di detenzione per immigrati (“campi di concentramento”) a una folla fuori controllo (“campi di concentramento”). insurrezione per rovesciare il governo degli Stati Uniti alla Camera del Popolo”). Il Progetto 2025 di Heritage ha una lunga sezione politica , che affronta le questioni dipartimento per dipartimento.

Ad esempio , ecco uno sguardo a ciò che hanno in mente per il Dipartimento di Stato. Lo Stato sotto Obama/Hillary si è trasformato nel Dipartimento di Nizza, lavorando a tempo pieno per i diritti LGBT, il cambiamento climatico e praticamente tutto tranne che per rendere grande l’America. Era un centro della “resistenza”, che diffondeva dispacci di dissenso su questioni al di fuori della sua competenza, come la politica di immigrazione interna e i piani di guerra per la Siria.

Secondo il piano Project 2025, Trump dovrebbe trasformare il Dipartimento in uno strumento di politica estera anziché in un avversario come lo era durante il mandato 1.0 (vedi il naufragio del riavvicinamento con la Corea del Nord). In cima alla lista c’è il riorientamento del dipartimento affinché “si concentri sulle attività diplomatiche fondamentali e smetta di promuovere le politiche nate nelle guerre culturali americane. Gli Stati Uniti dovrebbero concentrarsi sulla sicurezza fondamentale, sull’impegno economico e sui diritti umani… e rifiutare la promozione di politiche divisive che danneggiano l’approfondimento degli obiettivi condivisi”.

Più in generale,

C’è un tiro alla fune tra presidenti e burocrazie – e questa resistenza è molto più forte sotto i presidenti conservatori, in gran parte a causa del fatto che ampie fasce della forza lavoro del Dipartimento di Stato sono di sinistra e predisposte a non essere d’accordo con l’agenda politica di un presidente conservatore. e visione. Non dovrebbe e non può essere così. Una delle cause principali, se non la principale, dell’inefficacia del Dipartimento di Stato risiede nella sua convinzione istituzionale di essere un’istituzione indipendente che sa cosa è meglio per gli Stati Uniti, stabilisce la propria politica estera e non ha bisogno della direzione di un eletto. Presidente.

Altri obiettivi politici incentrati sullo Stato saranno il congelamento di tutti i negoziati in corso per la revisione, la conduzione di un’analisi completa costi-benefici della partecipazione degli Stati Uniti a tutte le organizzazioni internazionali e la rifocalizzazione della politica su Cina, Venezuela, Iran, Russia e Corea del Nord.

Ciò verrà fatto in concomitanza con le pulizie interne, in particolare per “sviluppare una strategia di riorganizzazione. Nonostante i periodici tentativi delle precedenti amministrazioni (inclusa l’amministrazione Trump) di apportare modifiche più che estetiche al Dipartimento di Stato, la sua struttura è rimasta sostanzialmente invariata dal 20° secolo”. Il Dipartimento di Stato “servirebbe meglio le future amministrazioni, indipendentemente dal partito, se dovesse essere significativamente snellito”.

La prossima amministrazione dovrebbe sviluppare “un’ipotetica riorganizzazione completa del dipartimento, che rafforzerebbe la responsabilità nei confronti della leadership politica, ridurrebbe le spese generali, eliminerebbe le ridondanze, sprecherebbe meno risorse dei contribuenti e raccomanderebbe ulteriori cambiamenti relativi al personale per migliorare la funzione. Tale riorganizzazione potrebbe essere creativa, ma anche rivedere attentamente i problemi specifici relativi alla struttura che sono stati documentati nel corso degli anni”.

In altre parole, cadranno teste in una burocrazia seria e poco creativa che già si oppone alla maggior parte degli obiettivi di politica estera di Trump con un proprio programma.

La serie finale di indizi su come potrebbe apparire una politica dell’amministrazione Trump 2.0 si trova nel 180-day Transition Playbook di Heritage , che include un piano di transizione completo e concreto per ciascuna agenzia federale. Il Playbook fornirà al prossimo presidente una tabella di marcia per raggiungere questo obiettivo. Puoi leggere tutto con dettagli sconvolgenti. Non stanno scherzando; anche il Consumer Financial Protection Bureau ottiene la propria tabella di marcia verso il trumpismo MAGA.

È possibile che Trump e i suoi consiglieri non presteranno la minima attenzione al Progetto 2025 e alle sue raccomandazioni, e potrebbero scartare la maggior parte dei 20.000 curriculum che Heritage spera di trasmettere durante il periodo di transizione successivo alle elezioni del 2024. Tuttavia, se stai cercando indizi su ciò che potrebbe seguire a Trump 2.0, ottenere una visione politica a livello di esperimento da documenti come Project 2025 potrebbe essere un buon punto di partenza come un altro.

La tempesta crescente, di Douglas Macgregor

La tempesta crescente
I problemi autoinflitti dall’America in Ucraina aggravano i nostri pericolosi problemi interni.

La crisi del potere nazionale americano è iniziata. L’economia americana si sta rovesciando e i mercati finanziari occidentali sono silenziosamente nel panico. Minacciati dall’aumento dei tassi d’interesse, i titoli garantiti da ipoteca e i Treasury statunitensi stanno perdendo valore. Le proverbiali “vibrazioni” del mercato – sensazioni, emozioni, credenze e desideri psicologici – suggeriscono che è in corso una svolta oscura nell’economia americana.

La potenza nazionale americana è misurata tanto dalla capacità militare quanto dal potenziale e dalle prestazioni economiche. La crescente consapevolezza che la capacità militare-industriale americana ed europea non può tenere il passo con le richieste ucraine di munizioni ed equipaggiamenti è un segnale inquietante da inviare durante una guerra per procura che Washington insiste che il suo surrogato ucraino stia vincendo.

Le operazioni di economia di forza russe nel sud dell’Ucraina sembrano essere riuscite a bloccare le forze ucraine attaccanti con un dispendio minimo di vite e risorse russe. Mentre l’implementazione della guerra di logoramento da parte della Russia ha funzionato brillantemente, la Russia ha mobilitato le sue riserve di uomini ed equipaggiamenti per mettere in campo una forza che è di diverse dimensioni e significativamente più letale di quella di un anno fa.

Il massiccio arsenale russo di sistemi di artiglieria, tra cui razzi, missili e droni collegati a piattaforme di sorveglianza aerea, ha trasformato i soldati ucraini che combattono per mantenere il confine settentrionale del Donbas in bersagli a comparsa. Non si sa quanti soldati ucraini siano morti, ma una stima recente prevede che dall’inizio della guerra siano stati uccisi in azione 150.000-200.000 ucraini, mentre un’altra stima circa 250.000.

Data l’evidente debolezza delle forze di terra, aeree e di difesa aerea dei membri della NATO, una guerra indesiderata con la Russia potrebbe facilmente portare centinaia di migliaia di truppe russe al confine polacco, frontiera orientale della NATO. Questo non è un risultato che Washington ha promesso ai suoi alleati europei, ma ora è una possibilità reale.

A differenza della politica estera dell’Unione Sovietica, che era un’esecuzione ostinata e ideologicamente guidata, la Russia contemporanea ha coltivato abilmente il sostegno alla sua causa in America Latina, Africa, Medio Oriente e Asia meridionale. Il fatto che le sanzioni economiche dell’Occidente abbiano danneggiato l’economia statunitense ed europea, trasformando al contempo il rublo russo in una delle valute più forti del sistema internazionale, non ha certo migliorato la posizione globale di Washington.

La politica di Biden di spingere con la forza la NATO ai confini della Russia ha creato una forte comunanza di interessi di sicurezza e commerciali tra Mosca e Pechino che sta attirando partner strategici in Asia meridionale come l’India e partner come il Brasile in America Latina. Le implicazioni economiche globali per l’emergente asse russo-cinese e la rivoluzione industriale pianificata per circa 3,9 miliardi di persone nella Shanghai Cooperation Organization (SCO) sono profonde.

In sintesi, la strategia militare di Washington per indebolire, isolare o addirittura distruggere la Russia è un colossale fallimento e il fallimento mette la guerra per procura di Washington con la Russia su un percorso veramente pericoloso. L’insistenza, imperterrita di fronte alla discesa dell’Ucraina nell’oblio, ignora tre minacce in metastasi: 1. Il persistere di un’inflazione elevata e l’aumento dei tassi di interesse che segnalano la debolezza economica. (Il primo fallimento di una banca americana dal 2020 ci ricorda la fragilità finanziaria degli Stati Uniti). 2. La minaccia alla stabilità e alla prosperità delle società europee, già provate da diverse ondate di rifugiati/migranti indesiderati. 3. La minaccia di una guerra europea più ampia.

All’interno delle amministrazioni presidenziali, ci sono sempre fazioni in competizione che spingono il presidente ad adottare una determinata linea d’azione. Gli osservatori esterni raramente sanno con certezza quale fazione eserciti la maggiore influenza, ma nell’amministrazione Biden ci sono figure che cercano di uscire dal coinvolgimento in Ucraina. Persino il Segretario di Stato Antony Blinken, un convinto sostenitore della guerra per procura con Mosca, riconosce che la richiesta del Presidente ucraino Volodymyr Zelensky che l’Occidente lo aiuti a riconquistare la Crimea è una linea rossa per Putin che potrebbe portare a una drammatica escalation da parte di Mosca.

Fare marcia indietro rispetto alle richieste maligne e asinine dell’amministrazione Biden di un umiliante ritiro della Russia dall’Ucraina orientale prima di poter convocare i colloqui di pace è un passo che Washington si rifiuta di fare. Eppure deve essere fatto. Più aumentano i tassi di interesse e più Washington spende in patria e all’estero per portare avanti la guerra in Ucraina, più la società americana si avvicina al tumulto politico e sociale interno. Sono condizioni pericolose per qualsiasi repubblica.Da tutto il disastro e la confusione degli ultimi due anni, emerge una verità innegabile. La maggior parte degli americani ha ragione ad essere diffidente e insoddisfatta del proprio governo. Il Presidente Biden appare come un ritaglio di cartone, una controfigura dei fanatici ideologici della sua amministrazione, persone che vedono nel potere esecutivo il mezzo per mettere a tacere l’opposizione politica e mantenere il controllo permanente del governo federale.

Gli americani non sono sciocchi. Sanno che i membri del Congresso scambiano palesemente azioni sulla base di informazioni privilegiate, creando conflitti di interesse che porterebbero la maggior parte dei cittadini in prigione. Sanno anche che dal 1965 Washington li ha condotti in una serie di interventi militari falliti che hanno gravemente indebolito il potere politico, economico e militare americano.

Troppi americani credono di non avere più una vera leadership nazionale dal 21 gennaio 2021. È giunto il momento che l’amministrazione Biden trovi una via d’uscita che permetta a Washington di uscire dalla sua guerra per procura contro la Russia. Non sarà facile. L’internazionalismo liberale o, nella sua veste moderna, il “globalismo moralizzatore”, rende ardua una diplomazia prudente, ma ora è il momento. In Europa orientale, le piogge primaverili presentano alle forze di terra russe e ucraine un mare di fango che ostacola gravemente i movimenti. Ma l’Alto Comando russo si sta preparando per garantire che quando il terreno si asciugherà e le forze di terra russe attaccheranno, le operazioni raggiungeranno una decisione inequivocabile, rendendo chiaro che Washington e i suoi sostenitori non hanno alcuna possibilità di salvare il regime morente di Kiev. Da quel momento in poi, i negoziati saranno estremamente difficili, se non impossibili.

SULL’AUTORE
Douglas Macgregor
Douglas Macgregor, Col. (ret.), è senior fellow di The American Conservative, ex consigliere del Segretario alla Difesa nell’amministrazione Trump, veterano decorato e autore di cinque libri.

https://www.theamericanconservative.com/the-gathering-storm/

Il sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure 

PayPal.Me/italiaeilmondo

Su PayPal è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (ho scoperto che pay pal prende una commissione di 0,38 centesimi)

 

La via della crescita americana, di Jeff Ferry

La via della crescita americana, parte I

Negli anni ’20, un sondaggio dell’opinione pubblica chiedeva agli americani chi fossero i più grandi uomini che fossero mai vissuti. I risultati furono, nell’ordine: Gesù Cristo, Napoleone Bonaparte, Henry Ford.

l XX secolo è stato il secolo americano. Nel corso di ciò, gli Stati Uniti sono diventati la nazione più ricca del mondo con il lavoratore medio più ricco del mondo. Ma è una questione aperta se gli Stati Uniti possano continuare il loro fantastico successo economico nel 21° secolo. La crescita della produttività è stata anemica dal 2000, la disuguaglianza è cresciuta e la polarizzazione ha reso il sistema politico più disfunzionale che mai a memoria d’uomo.

La performance economica è alla base di molti cambiamenti sociali e politici. Una migliore comprensione di ciò che ha guidato i superlativi tassi di crescita economica americana del 19° e 20° secolo può aiutarci ad apprezzare come recuperare quel record di crescita perso. Questi saggi si concentrano sui due driver di crescita più importanti nella storia degli Stati Uniti: l’attenzione al mercato interno e la scelta dei settori di crescita giusti.

Agli albori della Repubblica, il governo federale perseguì un approccio di libero scambio al commercio internazionale, influenzato da The Wealth of Nations di Adam Smith e dai fisiocratici francesi. Il “Report on Manufactures” di Alexander Hamilton del 1791 esortava il governo federale a sponsorizzare nuove imprese industriali per la produzione di ferro, ottone, polvere da sparo e tessuti. Nelle parole di Hamilton: “L’impresa umana dovrebbe essere lasciata sostanzialmente libera… ma i politici pratici sanno che può essere stimolata in modo vantaggioso da aiuti e incoraggiamenti prudenti da parte del governo”.

Ci sono volute le azioni della Gran Bretagna per trasformare il governo federale in protezionismo. Durante le guerre napoleoniche, Gran Bretagna e Francia molestarono entrambe le navi americane, ma le azioni britanniche furono più oltraggiose e più offensive per il senso di indipendenza della giovane Repubblica. Fino ad allora, il presidente Thomas Jefferson, il principale intellettuale e francofilo della nazione, si era opposto con veemenza alla produzione e aveva favorito il libero scambio. Ma nel 1807 chiese al Congresso di emanare un embargo sul commercio con Gran Bretagna e Francia. I successivi atti del Congresso e la guerra del 1812 soppressero la stragrande maggioranza del commercio internazionale degli Stati Uniti.

Il risultato è stato un boom immediato della produzione statunitense. Secondo l’economista Frank Taussig, nel 1803 c’erano solo quattro fabbriche di cotone negli Stati Uniti, che operavano forse 2.000 fusi. Nel 1815 c’erano centinaia di fabbriche che operavano 500.000 mandrini. Lo stesso valeva per altre importanti industrie iniziali. “Stabilimenti per la produzione di articoli in cotone, tessuti di lana, ferro, vetro, ceramica e altri articoli sono nati con una crescita di funghi”, ha scritto Taussig.

Nel 1815 finirono le guerre napoleoniche e le merci in tempo di pace inondarono i mercati americani ed europei, causando depressione ovunque. Il presidente James Madison ha risposto con la tariffa del 1816, che ha dato una spinta alle industrie chiave tra cui cotone, lana e ferro. Ancora una volta, gli inglesi hanno contribuito a cementare la preferenza degli americani per la protezione, insieme al disprezzo per la madrepatria. Il membro del parlamento britannico Lord Brougham ha fornito un argomento sorprendentemente chiaro affinché l’America utilizzi il supporto protettivo per le industrie nascenti quando ha detto al Parlamento: “È valsa la pena subire una perdita alla prima esportazione per, per l’eccesso, soffocare nella culla quelle manifatture emergenti negli Stati Uniti che la guerra aveva costretto a esistere contrariamente allo stato naturale delle cose. Lord Brougham stava sostenendo il deliberato dumping britannico per distruggere le giovani industrie americane. Due secoli dopo, la Cina avrebbe implementato tattiche simili per cercare di distruggere le vecchie industrie americane.

Dal 1816 al 1930, gli Stati Uniti hanno continuato a utilizzare le tariffe, con aliquote comprese tra il 20% e il 100% per proteggere le industrie manifatturiere domestiche dalle importazioni. La combinazione di un grande mercato interno vincolato e di una cultura imprenditoriale ha reso gli Stati Uniti l’eccezionale storia di successo economico mondiale. Nel ferro e nell’acciaio, ogni grande innovazione tecnica tra il 1750 e il 1850 si è verificata in Gran Bretagna. Eppure l’industria siderurgica statunitense crebbe rapidamente, specialmente dopo la guerra civile, quando il Congresso emanò dazi sulla ghisa e poi tariffe del 28 per cento sui binari d’acciaio nel 1870, e presto superò l’industria britannica in termini di scala e sofisticatezza tecnica.

La ferrovia e le sue industrie collegate – acciaio, vagoni ferroviari, miniere di carbone e ferro e altre – alimentarono la prima rivoluzione industriale americana, sollevando milioni di americani dalla povertà. Andrew Carnegie, un immigrato scozzese, fondò la Carnegie Steel Company nel 1872. Nei due decenni successivi, Carnegie costruì l’azienda siderurgica più grande, di maggior successo e redditizia del mondo. Nella sua autobiografia, Carnegie ha collegato l’ascesa dell’industria siderurgica statunitense direttamente alle decisioni di imporre tariffe protettive:

La guerra civile aveva portato a una ferma determinazione da parte del popolo americano di costruire una nazione al suo interno, indipendente dall’Europa in tutte le cose essenziali per la sua sicurezza… La protezione ha svolto un ruolo importante nello sviluppo della produzione negli Stati Uniti … Il capitale non ha più esitato a intraprendere la produzione, fiducioso com’era che la nazione l’avrebbe protetta per tutto il tempo necessario.

4H: alta crescita, alto profitto, alta produttività, alto salario

in dall’epoca coloniale, l’America era stata un paese di terra abbondante, manodopera relativamente scarsa e salari alti rispetto all’Europa. In tutti questi settori la storia era la stessa: la rapida crescita industriale e l’alto profitto creavano una domanda di lavoratori. L’unico modo in cui gli imprenditori potevano soddisfare quella domanda era aumentare i salari. Di conseguenza, le industrie in crescita hanno guidato il movimento al rialzo dei redditi per il lavoratore americano medio. Quando i lavoratori sono stati portati nelle aree siderurgiche, ad esempio, la carenza in altre regioni e industrie ha fatto aumentare i salari.

Forse il miglior esempio di ciò fu la decisione di George Pullman nel 1868 di assumere afroamericani come facchini di vagoni letto. Pullman aveva scarso interesse per le questioni razziali o politiche. Era semplicemente spinto dall’enorme opportunità di costruire vagoni letto e venderli alle ferrovie. Aveva bisogno di uomini come facchini e gli schiavi liberati erano una forza lavoro pronta. Mezzo secolo dopo, il ruolo del portiere di vagone letto venne visto dagli afroamericani come la strada principale verso la classe media.

Dagli anni ’70 dell’Ottocento, i sindacati si organizzarono rapidamente in queste industrie in crescita. Una volta che i lavoratori avevano un buon salario da proteggere, hanno sviluppato la determinazione a proteggerli attraverso la sindacalizzazione. Imprenditori spietati come Carnegie e Pullman hanno lavorato con i sindacati, ma non hanno esitato a ridurre i salari quando i prezzi e i profitti sono diminuiti, portando a scioperi sanguinosi. Tra i membri dei sindacati e in particolare i loro leader, la narrativa popolare era che questi capi erano oppressori del lavoro crudeli e avidi. Ma sapevano anche che queste industrie restavano la migliore opportunità per i lavoratori americani. L’elevata crescita in settori come l’acciaio ha portato a profitti elevati, che hanno consentito investimenti, che a loro volta hanno consentito un’elevata produttività, che ha portato a salari elevati.

Queste sono le quattro H del successo industriale: ogni nazione che vuole portare prosperità alla sua popolazione attiva ha bisogno di industrie ad alta crescita, ad alto profitto, ad alta produttività e ad alto salario. In testimonianza alla US International Trade Commission a luglio, ho mostrato come le nuove acciaierie costruite nel cuore degli americani dal 2018 fornissero da due a tre volte la paga delle attività tradizionali situate in quella zona. L’anno scorso, le principali aziende siderurgiche americane hanno pagato un reddito medio annuo alla loro intera forza lavoro di $ 117.200, quattro volte quello che il più grande datore di lavoro privato americano, Walmart, paga i dipendenti e il doppio di quello che guadagna il lavoratore americano medio. Nei due produttori di acciaio tecnologicamente più avanzati, Nucor e Steel Dynamics, la partecipazione agli utili e i bonus costituiscono una parte importante di quella retribuzione.

Con la seconda rivoluzione industriale americana, quella dell’automobile e dell’elettrificazione domestica, la trasformazione della vita dell’americano medio ha superato persino la rivoluzione dei binari e dell’acciaio del 19° secolo. Lo sviluppo da parte di Henry Ford del Modello T e del sistema di produzione di massa utilizzato per produrlo è stato lo sviluppo singolo più importante nella creazione di una società della classe media nella storia americana, e forse mondiale. Tra il 1910 e il 1923, Ford ridusse il prezzo del Modello T da $ 950 a $ 269. A quest’ultimo prezzo, acquistarne uno costava circa la metà del reddito annuo di un lavoratore e i piani di credito ampiamente disponibili lo rendevano ancora più conveniente. “Nel 1930 c’erano quasi tanti veicoli a motore quante famiglie negli Stati Uniti e un sorprendente 78% delle automobili del mondo era immatricolato negli Stati Uniti”, scrive l’economista Robert Gordon. In data odierna,

Il 5 gennaio 1914, lottando per trovare lavoratori per soddisfare la domanda per le sue Model T, Henry Ford annunciò che stava raddoppiando il salario di tutti i lavoratori delle fabbriche Ford, da $ 2,50 al giorno a $ 5 al giorno. L’America era sbalordita. Per giorni dopo, la stazione ferroviaria di Detroit fu nel caos, con uomini che arrivavano da tutto il paese in cerca di indicazioni per il quartier generale della Ford. Articoli di giornale sulle politiche occupazionali Ford hanno inoltre rivelato che l’azienda ha impiegato un team di dieci medici e 100 infermieri per mantenere i dipendenti in salute, nonché personale legale per aiutare i lavoratori a comprare case e personale linguistico per aiutare i dipendenti immigrati a imparare l’inglese. Henry Ford divenne la prima grande casa automobilistica ad assumere afroamericani in lavori di routine in fabbrica invece di lavori umili, quando nel 1914 portò un ex muratore, William Perry, negli stabilimenti Ford.

Perry aveva lavorato con Ford nel 1888, abbattendo alberi nella fattoria di Ford. Nel 1914, Perry sviluppò un problema cardiaco e non riuscì più a posare mattoni. Ha chiesto aiuto a Ford. Ford gli diede un lavoro e diede al caposquadra di Perry un semplice ordine: “Fai in modo che si senta a suo agio”. Perry ha lavorato per Ford fino alla sua morte all’età di 87 anni nel 1940. Quando morì, Ford andò a casa della sua vedova per rendergli omaggio. Ecco l’uomo più ricco d’America, una celebrità internazionale, che si recava in un quartiere afroamericano di Detroit nel 1940 per rendere omaggio a un’anziana vedova nera. Nel 1926 c’erano 10.000 afroamericani impiegati presso la Ford Motor Company.

La Muckraker Ida Tarbell è venuta al quartier generale della Ford a Dearborn per scrivere una denuncia sull’opprimente sistema Ford. Ha finito per elogiarlo: “Non mi interessa come lo chiami: filantropia, paternalismo, autocrazia, i risultati che si ottengono valgono tutto ciò che puoi opporgli”. Negli anni ’20, un sondaggio dell’opinione pubblica chiedeva agli americani chi fossero i più grandi uomini che fossero mai vissuti. I risultati furono, nell’ordine: Gesù Cristo, Napoleone Bonaparte, Henry Ford.

La terza rivoluzione industriale americana, che inizia con IBM e si estende attraverso Digital Equipment Corporation, Intel, Microsoft, Apple, Google, VMware e Amazon, è ancora con noi. Come le precedenti rivoluzioni, coinvolge imprenditori visionari, tassi di crescita straordinari in ciascuna azienda e salari elevati e bonus pagati a centinaia di migliaia di dipendenti.

È importante notare che, come regola generale, gli imprenditori visionari non sono brave persone. Una crescita economica profonda e persistente per una vasta popolazione non deriva dalla compassione, ma dalla necessità. Si potrebbero usare le parole avidità o egomania per descrivere le motivazioni di molti di questi eccezionali imprenditori. Eppure, attraverso la loro sfacciata fiducia in se stessi e gli sforzi incessanti e ossessivi per capovolgere l’ordine esistente, questi uomini hanno contribuito enormemente al successo economico dell’America.

La via della crescita americana, parte II

Per ripristinare l’economia statunitense, l’America deve coltivare il proprio giardino.

venti politici negli Stati Uniti iniziarono a cambiare all’inizio del XX secolo. La concentrazione industriale, guidata da JP Morgan e John Rockefeller, ha creato società giganti come Standard Oil e US Steel, suscitando l’ostilità pubblica nei confronti dei “trust”, come venivano allora chiamati.

Sotto Woodrow Wilson, il Partito Democratico, con le sue radici nel sud agrario, iniziò a muovere l’America verso il libero scambio. La svolta avvenne nel 1934, quando il Segretario di Stato Cordell Hull riuscì a convincere il Congresso ad approvare il Reciprocal Tariff Act, consentendo al Dipartimento di Stato di iniziare a negoziare riduzioni tariffarie con molti paesi.

Dal 1945 al 1973, l’economia statunitense è cresciuta fortemente nonostante le basse tariffe del nuovo sistema di libero scambio. L’economista Robert Gordon attribuisce la crescita dei salari reali alla continua crescita dell’industria automobilistica e delle industrie associate alle reti domestiche, inclusi gli elettrodomestici da cucina, le reti elettriche e del gas e le telecomunicazioni. Gordon sottolinea, tuttavia, che il periodo di maggiore crescita dei salari reali è stato il 1920-1940 quando, nonostante la Grande Depressione, l’industria automobilistica e la produzione di massa hanno rivoluzionato l’industria americana.

Alla fine degli anni ’70, tuttavia, divenne chiaro che queste industrie in crescita avevano fatto il loro corso e che erano necessari nuovi motori di crescita. La comunità imprenditoriale ha risposto con due nuove tendenze complementari: finanziarizzazione e globalizzazione. La finanziarizzazione significava una nuova enfasi sui rendimenti finanziari a breve termine delle imprese. La globalizzazione significava che ogni grande impresa poteva cercare di arbitrare le differenze di prezzo e costi internazionali producendo in nazioni a basso salario e vendendo, per quanto possibile, in nazioni ad alto salario.

La globalizzazione ha acquisito uno slancio più aggressivo negli anni ’90, con l’arrivo di Bill Clinton alla Casa Bianca, l’accordo NAFTA con Messico e Canada, la creazione dell’Organizzazione mondiale del commercio e l’ingresso della Cina nel 2001 nel sistema commerciale globale. Quest’ultimo periodo è stato battezzato “iperglobalizzazione” dall’economista Dani Rodrik e altri. La globalizzazione e l’iperglobalizzazione hanno creato un cuneo tra gli interessi del management e del lavoro diverso da qualsiasi altro fosse venuto prima. Mentre il secolo dal 1890 al 1990 è stato caratterizzato da molte battaglie aggressive, a volte violente, tra sindacato e management, entrambe le parti sapevano che i loro interessi dipendevano dal rendimento del loro settore poiché profitti elevati avevano consentito alle aziende di pagare salari elevati.

Sotto l’iperglobalizzazione, le cose sono cambiate radicalmente. Con i lavoratori americani che guadagnano $ 25 l’ora e i lavoratori messicani $ 3 l’ora, la direzione aziendale statunitense è stata ora in grado di ridurre i costi spostando la produzione in Messico e in altre nazioni a basso salario. Basta studiare i piani aziendali pubblicamente disponibili di General Motors e Ford per vedere che lo spostamento della produzione fuori dagli Stati Uniti è oggi e sarà per il prossimo decennio una parte fondamentale dei loro piani. In settori come quello automobilistico, dove gli Stati Uniti devono competere a livello globale, i salari americani devono diminuire nel tempo, fino a raggiungere i livelli delle nazioni a basso salario.

Ma la sfida è ancora più grande. La Cina non ha solo un vasto bacino di manodopera a basso salario a cui attingere. Ha anche politiche per sostenere le industrie cinesi con ingenti sussidi, del valore di miliardi di dollari, in modo che possa persino vendere prodotti sottocosto. La Cina ha anche il desiderio di dominare un numero crescente di mercati globali. Domina già la produzione di acciaio, alluminio e apparecchiature per l’energia solare. Il suo piano “Made in China 2025” identifica dieci settori industriali in cui la Cina sta cercando l’autosufficienza e probabilmente anche la superiorità globale.

Gli economisti hanno svolto un ruolo chiave nel portare avanti la causa dell’iperglobalizzazione attraverso argomentazioni accademiche a favore del commercio incontrollato. La cosiddetta “Legge del vantaggio comparato” fornisce una pretesa giustificazione teorica per ogni nazione specializzata in ciò in cui è meglio. Eppure, un secolo prima che la Cina iniziasse a utilizzare ingenti sussidi per rilevare le industrie chiave, comprese le industrie 4H (“Alta crescita, alto profitto, alta produttività, alto salario”), e cacciare l’America da quelle attività, Andrew Carnegie ha spiegato in parole povere come il dumping lavori. Scrivendo prima della prima guerra mondiale, Carnegie si vantava di spedire acciaio dai suoi stabilimenti della Pennsylvania ai cantieri navali di Belfast per essere utilizzato per costruire la flotta della Royal Navy britannica:

Nelle condizioni attuali l’America può produrre acciaio a buon mercato come qualsiasi altra terra, nonostante la sua manodopera a prezzo più alto… Un grande vantaggio che l’America avrà nel competere sui mercati del mondo è che i suoi produttori avranno il miglior mercato interno. Da questo possono dipendere per un ritorno sul capitale, e il prodotto in eccedenza può essere esportato con vantaggio, anche quando i prezzi ricevuti per esso non superano i costi effettivi… La nazione che ha il miglior mercato interno, soprattutto se i prodotti sono standardizzati , come lo sono i nostri, presto potrà vendere più del produttore estero. La frase che ho usato in Gran Bretagna a questo proposito era: The Law of the Surplus.

Oggi, la Cina ha il miglior (vale a dire, il più grande) mercato interno di acciaio, automobili, computer, reti di telecomunicazioni, aeroplani, droni, navi e una miriade di altri settori. Si noti che non è necessario nemmeno richiedere sussidi affinché la Cina acquisisca il controllo dei mercati esteri in tutti questi settori. Richiede solo che la Cina realizzi un buon profitto nel suo mercato interno e quindi applichi la “Legge del surplus” di Carnegie.

Una lezione sul declino economico britannico

Per uno spostamento verso l’alto a lungo termine della crescita economica nazionale, è essenziale trovare un meccanismo per la crescita a lungo termine della produttività del lavoro, poiché il lavoro rappresenta circa il 70 per cento della produzione economica nelle economie moderne. L’aumento delle importazioni non aumenta la produttività della manodopera statunitense. In realtà, tendono a ridurlo, spingendo i lavoratori fuori dalle industrie ad alta produttività. La soluzione preferita dal premio Nobel Robert Lucas era di perseguire industrie basate sul capitale umano, che aumentano la produttività estendendo il capitale umano (cioè conoscenza e competenza) man mano che crescono.

La mia soluzione è più pratica e storica: le industrie in crescita possono essere identificate e dovrebbero essere perseguite da qualsiasi nazione che desideri aumentare il proprio tasso di crescita.

In un approfondito saggio del 2007, l’economista norvegese Espen Moe ha attribuito la crescita economica di successo tra le principali nazioni a due forze: in primo luogo, la “distruzione creativa” schumpeteriana quando sono sorte nuove industrie ad alta produttività e ad alta crescita basate sulla tecnologia che hanno sostituito le industrie più vecchie; in secondo luogo, la tesi del teorico dei giochi Mancur Olson secondo cui gli interessi acquisiti sorgono in ogni società e cercano di bloccare o impedire l’ingresso di nuove industrie dirompenti nell’economia. “La missione principale dello stato diventa un atto di equilibrio: impedire agli interessi acquisiti di bloccare il cambiamento strutturale”, ha scritto Moe.

In questo contesto, è utile guardare al declino della Gran Bretagna come potenza economica, poiché è stata il predecessore della supremazia economica americana. Secondo lo storico economico britannico Sidney Pollard, i leader britannici hanno riconosciuto già nel 1851 che il loro paese stava affrontando un declino economico. “‘La superiorità degli Stati Uniti sull’Inghilterra’, aveva dichiarato l’ Economist già nell’anno del grande trionfo britannico, il 1851, ‘è in definitiva certa come la prossima eclissi.'”

Secondo Pollard, l’industria manifatturiera britannica non è mai riuscita a prendere un potere significativo nell’élite politica britannica. Invece, quei centri di potere, tra cui il Parlamento, la funzione pubblica e il Partito conservatore, furono fortemente influenzati dall’industria finanziaria, dall’élite intellettuale incentrata su Oxford e Cambridge e, in misura minore, dall’aristocrazia terriera. Anche l’industria tessile britannica era un interesse acquisito che si opponeva al sostegno di una forte industria chimica britannica perché preferiva importare coloranti a buon mercato dall’industria chimica tedesca leader a livello mondiale. Nel frattempo, la Germania e gli Stati Uniti hanno superato la Gran Bretagna attraverso nuove industrie e innovazione, supportate dalle tariffe. Secondo Pollard:

Con un’attenta tariffa “scientifica”, almeno Germania e USA hanno saputo concentrare meglio le risorse in aree strategiche per un rapido sviluppo in momenti cruciali per l’evoluzione di nuovi prodotti e nuove tecniche. Potevano anche ottenere una maggiore stabilità delle vendite, da cui derivava un potente incentivo a investire, mentre l’economia di libero scambio della Gran Bretagna era lasciata a sopportare più della sua giusta quota di fluttuazioni.

Il risultato fu che la Gran Bretagna cadde sempre più nella morsa della sua industria finanziaria, che guadagnava milioni di sterline finanziando il commercio internazionale e gli investimenti esteri. Sia JP Morgan che Andrew Carnegie hanno iniziato nel mondo degli affari su larga scala vendendo obbligazioni ferroviarie statunitensi a investitori britannici. Pollard vede il declino della Gran Bretagna come il seguito di una precedente serie di declini simili:

La tendenza della prima economia industriale a spostarsi, al culmine del suo potere, verso il commercio e infine la finanza e gli investimenti esteri è stata osservata anche nei secoli precedenti, in particolare tra le città italiane e successivamente nel caso dei Paesi Bassi. Gli olandesi… hanno anche sofferto per le tariffe aumentate contro le loro esportazioni da altri paesi e per le accuse che i salari dei loro operai erano troppo alti e che i loro imprenditori erano diventati troppo letargici.

Ci sono molti spiacevoli parallelismi tra la Gran Bretagna del 1900 e gli Stati Uniti del 2022: l’industria finanziaria ha troppa influenza sul governo; il governo ha poca comprensione di come funziona l’economia; le divisioni tra lavoro e management oscurano le vere sfide che la nazione deve affrontare; l’industria manifatturiera, che può fornire buoni posti di lavoro a milioni di persone senza diplomi universitari, riceve scarso rispetto; la scienza e l’ingegneria, sebbene spesso elogiate in pubblico negli Stati Uniti, attirano un interesse troppo scarso nelle università.

Gli interessi costituiti della comunità finanziaria e delle grandi università che hanno bloccato l’industria manifatturiera britannica hanno il loro parallelo in America oggi nella combinazione delle industrie bancarie, private equity, tecnologiche e farmaceutiche, che traggono tutte profitto dai mercati americani aperti che distruggono milioni di posti di lavoro nel cuore del paese, ma rendono il 20% più ricco, l’1% più ricco e lo 0,1% più ricco ancora più ricco.

Inoltre, la Gran Bretagna nel 1900 affrontò negli Stati Uniti un rivale determinato a pranzare. Eppure molti eminenti britannici erano ciechi di fronte a quella realtà. Persino il primo ministro Winston Churchill sembrava cieco di fronte al disprezzo e persino al disprezzo di molti membri del gabinetto Roosevelt per la Gran Bretagna e il suo impero, e la brama della comunità imprenditoriale americana di conquistare i mercati coloniali britannici. Questa è stata una motivazione importante per le politiche di libero scambio di Hull. Oggi, molti politici e uomini d’affari americani sembrano ciechi alla determinazione della Cina di dominare le industrie leader del mondo e portare l’America in una posizione di inferiorità.

Ma nonostante tutto ciò, ci sono ampie opportunità per l’America di invertire il suo declino. Riconoscendo che due secoli di crescita americana sono stati dovuti alla forza del mercato interno, il governo degli Stati Uniti può e deve agire per indirizzare il potere d’acquisto degli americani verso i beni americani. Ci sono 200 milioni di americani che vogliono lavorare e circa il 62% di loro non ha una laurea quadriennale. Le migliori industrie 4H possono essere identificate e danno lavoro a una grande minoranza di quei 200 milioni. Includeranno la tecnologia, i macchinari e le industrie automobilistiche e le industrie di supporto come i metalli primari. Potrebbero essere attuate politiche per garantire che queste industrie crescano ancora una volta soddisfacendo le esigenze del mercato interno. Altre industrie possono essere libere di importare quanto vogliono, anche se il commercio equilibrato dovrebbe essere un requisito autoimposto.

In patria, gli Stati Uniti devono perseguire le industrie in crescita favorite e il capitale umano necessario per avere successo. È inutile sovvenzionare la costruzione di fabbriche di semiconduttori negli Stati Uniti senza un programma per incentivare migliaia di giovani americani a studiare ingegneria e scienze dei materiali. A livello internazionale, gli Stati Uniti dovrebbero condurre una campagna per spiegare ad altre grandi potenze che la strada migliore per massimizzare la crescita globale è che ogni nazione persegua la propria crescita nazionale nel modo più aggressivo possibile.

Questa è essenzialmente una formula per annullare l’iperglobalizzazione e sostenere una comprensione amichevole che il commercio seguirà naturalmente la crescita nazionale. Tuttavia, è la crescita nazionale, unita a una distribuzione del reddito più equa, che deve essere sostenuta e raggiunta per prima. Come diceva Voltaire: “Dobbiamo curare il nostro giardino”.

Questo articolo fa parte della serie American System curata da David A. Cowan e supportata dal Common Good Economics Grant Program. I contenuti di questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori.

Jeff Ferry è il capo economista della Coalition for a Prosperous America (CPA). Il suo documento del 2019, “Disaccoppiamento dalla Cina: un’analisi economica dell’impatto sull’economia statunitense di una tariffa permanente sulle importazioni cinesi”, ha vinto il Mennis Award come Most Outstanding Paper of the Year dalla National Association of Business Economists. Ha conseguito la laurea in economia presso Harvard e la London School of Economics. Vive ad Alexandria, in Virginia, con sua moglie e un pastore australiano, Bindi

https://www.theamericanconservative.com/the-american-way-of-growth-part-i/

https://www.theamericanconservative.com/the-american-way-of-growth-part-ii/