Il Politico, lo Stato, le multinazionali Con Gianfranco La Grassa e Piergiorgio Rosso

Nel dibattito teorico e nell’azione il rapporto tra le categorie del politico, lo Stato e le multinazionali, più in generale tra l’economia e il politico è stato definito nella maniera più controversa sino ad assumere caratteri deterministici tanto semplici nella efficacia della rappresentazione e nell’individuazione dell’avversario, quanto distorcenti e sterili nella realizzazione degli obbiettivi politici e di strutture organizzative meno effimere. La conversazione con Gianfranco La Grassa e Piergiorgio Rosso prende spunto da una interessante intervista ad un manager della multinazionale Danieli, pubblicata sul sito lo scorso 21 aprile ( http://italiaeilmondo.com/2024/04/21/industria-e-diritto-di-fronte-allo-smantellamento-delle-catene-del-valore/ ) e segue la pubblicazione di numerosi altri articoli, tra i primi: http://italiaeilmondo.com/2017/09/13/astri-nascenti-stelle-cadenti-mine-vaganti-2a-parte-di-giuseppe-germinario-gia-pubblicato-sul-sito-conflittiestrategie-it-il-28112013/ . Sotto l’abito corto dell’autonomia dell’economico e delle scelte manageriali, stiamo calzando una delega della funzione politica sempre più incondizionata da parte della nostra classe dirigente e del nostro scadente ceto politico a prescindere dalla coloritura apertamente globalista o fumosamente nazionalista dei governi sino ad ora succedutisi a partire dagli anni ’90. Il Governo Meloni non oppone nessuna eccezione a questa tendenza sino a raschiare il barile con gli ultimi collocamenti azionari di ENI e Poste Italiane, propedeutici al progressivo allineamento delle politiche di queste aziende strategiche per la fornitura energetica e la gestione del risparmio e della logistica nazionali. In questo quadro dovremo valutare il peso e la funzione che sta svolgendo il cosiddetto “Piano Mattei” e il peculiare dinamismo manifestato dall’attuale governo, rispetto ai predecessori. Le figuracce, a cominciare da quanto successo in Etiopia, non mancano. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4vqo9u-il-politico-lo-stato-le-multinazionali-con-gianfranco-la-grassa-e-piergiorg.html

Russia Ucraina, il conflitto 60a puntata Cambi al vertice Con Max Bonelli

Novità ai vertici del governo russo. Il segnale dell’avvio di un radicale cambiamento ai vertici non solo del ceto politico, ma della stessa classe dirigente. La forza e la consistenza di questo movimento la si deduce an che dal momento. Non avviene in un momento di grave crisi o di collasso, come si è soliti assistere nelle vicende dei vari paesi, ma in una fase di consolidamento e di successo sia nell’andamento del conflitto in Ucraina, sia nel grado di coesione e di dinamismo della formazione sociale russa, sia nella autorevolezza acquisita nel contesto geopolitico. Una fase analoga a quella vissuta dagli Stati Uniti, ma dalle dinamiche del tutto diverse. Sul fronte del conflitto ucraino, nel frattempo, i punti di pressione si moltiplicano sino a sconvolgere gli assetti di un esercito ucraino sempre più esausto. Vedremo quali traumi provocherà, a sua volta, nel regime ucraino. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4v99a8-russia-ucraina-il-conflitto-60a-puntata-cambi-al-vertice-con-max-bonelli.html

Freund Todd, tra disfatta e decadenza 2a parte Con Roberto Buffagni e Teodoro Klitsche de la Grange

Siamo alla seconda parte della conversazione con Buffagni e Klitsche de la Grange. Il tema della decadenza di una civiltà non è nuovo tra politologi e filosofi. Julien Freund ne è un acuto osservatore. La tesi assume contorni più nitidi e chiari a partire da metà ‘800. Al giorno d’oggi appare drammaticamente attuale anche se paradossalmente la percezione risulta più acuta tra le classi popolari e nel ménage quotidiano piuttosto che tra le élites e le classi dirigenti europee e statunitensi, non ostante tale processo stia assumendo le caratteristiche e le dimensioni di una vera e propria catastrofe. Emmanuel Todd lo ha sottolineato con certosina accuratezza. Ci soffermiamo su questo aspetto in questo secondo appuntamento. Due autori e due loro testi caduti sotto la lente di osservazione di Roberto Buffagni e Teodoro Klitsche de la Grange. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4uhus2-freund-todd-tra-disfatta-e-decadenza-2a-parte-con-roberto-buffagni-e-teodor.html

Russia Ucraina, il conflitto 59a puntata à la guerre comme à la guerre Con Max Bonelli

Macron è sicuramente un uomo immensamente consapevole di se stesso, in una misura tanto più spropositata, pari solo ai disastri che è riuscito a realizzare nella sua Africa Francofona. E’ un uomo coltivato sin dalla sua infanzia; più che da se stesso, dagli ambienti che ben conosciamo e al quale è legato sopra ogni cosa. E’ l’uomo giusto, purtroppo di una nutrita pattuglia, per trascinare la Francia e l’intero continente europeo verso il compimento definitivo della distruzione avviata con la prima e seconda guerra mondiale. Si è candidato nel ruolo di promotore di una Europa unita sì, protagonista, disposta ad offrire il proprio sangue in nome di un vassallaggio attivo, non più di retroguardia. Come leggere altrimenti l’ipotesi suicida di invio di milizie regolari in Ucraina, ormai, a quanto pare, divenuta realtà con già i primi cadaveri sul terreno? Vedremo sino a che punto riusciremo a farci trascinare come babbei intorpiditi contro un nemico inventato e costruito dagli stranamore di oltreatlantico. La speranza sulla quale poggiarsi è che arrivi troppo tardi. Buon Ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

https://rumble.com/v4tmesr-russia-ucraina-il-conflitto-59a-puntata-la-guerre-comme-la-guerre-con-max-b.html

1° Maggio, tra speranze e rituali stantii_di Giuseppe Germinario

La celebrazione del 1° Maggio si è affermata definitivamente in risposta alla strage di operai avvenuta nel 1886 a Chicago. Non è mai stata solo una commemorazione di un evento tragico; è diventata immediatamente e soprattutto il motore di una speranza, di un grido universale, internazionale, fondato sul desiderio di emancipazione e sulla forza trascinante e innovatrice del lavoro salariato capace di trasformare il mondo. Le dinamiche  storiche degli ultimi due secoli, una loro disanima più disincantata, hanno rivelato una realtà molto più complessa. Il conflitto sociale tra sfruttati e sfruttatori non è il motore determinante l’intero ambito del confronto, dello scontro politico; è parte di esso e pesantemente condizionato dalle modalità e dall’esito della competizione tra centri decisori che assume soprattutto le caratteristiche di un confronto interno agli stati e tra gli stati. Questi ultimi inseriti di fatto in precisi, quanto fluidi contesti geopolitici nei quali territorio, cultura, processi identitari consentono di inquadrare le costanti, i cambiamenti e i momenti di rottura.

Lo stesso criterio divisivo della lotta di classe fondata sulla contrapposizione, sullo spartiacque tra lavoro salariato e capitale, per meglio dire tra salariati e capitalisti, pur nella grandezza degli eventi e delle motivazioni che ha scatenato, si è rivelato insufficiente ed ormai inadeguato, distorcente, nel leggere queste dinamiche e nell’indicare prospettive realistiche di emancipazione e di assetti geopolitici migliori.

La celebrazione del 1° maggio si dibatte di conseguenza in questo dilemma sino al tentativo di ingabbiarlo in veri e propri processi di rimozione.

Il più eclatante è, probabilmente, il silenzio calato in Italia e in tutto il mondo cosiddetto occidentale sulla immane strage alla Camera del Lavoro di Odessa, avvenuta tra il 1° e il 2 di maggio del 2014. Decine, secondo le fonti ufficiali, centinaia, nella realtà, di persone arse vive e giustiziate da orde nazistoidi, tutte ancora adesso ben inserite nei gangli vitali dello Stato e del Governo Ucraino, l’attuale paladino delle democrazie.

Qui sotto uno dei filmati più drammatici riguardanti quell’evento:

Lo stesso giorno parti l’offensiva militare del regime, durata dieci anni, contro le regioni orientali e la loro popolazione decisa ad opporsi alle leggi discriminatorie instaurate dal regime e contrarie agli accordi sottoscritti. In questo quadro si inserisce il proposito della NATO di avvicinarsi ai confini e minacciare sempre più l’esistenza stessa della Russia e la reazione culminata con l’intervento militare del febbraio 2022.

Qui sotto una breve ricostruzione di quest’ultimo evento, tratta dalle bozze del libro di Max Bonelli “Antimaidan” :

Il 2 maggio è una data memorabile in tutti i sensi, parallelamente al momento in cui i russi furono bruciati vivi nella “Katyn di Odessa” nella Casa dei sindacati.

Il nemico lanciò la prima operazione militare su larga scala con armi combinate per assaltare la città di Slavjansk.

È questa data, il 2 maggio, che è considerata il giorno in cui è iniziata la guerra (https://t.me/cs_association_0/194), che dura da più di 10 anni.

Quindi, il nemico è riuscito a conquistare le alture dominanti sul monte Karachun e raggiungere la periferia della città, ma grazie all’abile comando di Igor Strelkov, al coraggio della milizia, alla forza dello spirito russo e all’aiuto di Dio, i nostri ragazzi hanno fatto impedendo al nemico di entrare in città, abbatté diversi elicotteri e inflisse una grave sconfitta alla manodopera nemica.

La guarnigione sopravvisse e resistette a lungo, respingendo sempre più attacchi nemici, finché la città fu quasi completamente circondata.

Telegram (https://t.me/cs_association_0/194)
Когда запели пушки
Сегодня священная дата войны на Донбассе. Именно десять лет назад, 2 мая 2014 года Украина начала проводить штурм Славянска силами авиации и бронетехники – фактически первая серьёзная операция с заходом украинской армии с нескольких сторон в окрестности города. Параллельно с этим была взята гора Карачун – господствующая высота над Славянском, с которой видно было всё как на ладони

(Oggi è la data sacra della guerra nel Donbass. Dieci anni fa, il 2 maggio 2014, l’Ucraina iniziò a sferrare un assalto a Slavyansk utilizzando aerei e veicoli blindati: di fatto, la prima operazione seria con l’esercito ucraino che entrava nelle vicinanze della città da diverse direzioni. Parallelamente a ciò, fu preso il monte Karachun, l’altezza dominante sopra Slavyansk, da cui tutto era chiaramente visibile.

Il giorno dell’inizio di una guerra su vasta scala che dura da dieci anni. La guarnigione resistette quel giorno).

2Maggio mi alzo la mattina presto, durante la colazione leggo le notizie ansa dell´attacco a Sloviansk. Le truppe aviotrasportate hanno attaccato alle 3.30 ore italiane contemporaneamente tutti i posti di blocco di questa citta´ di 130.000 abitanti, ne prendono 9 ma incontrano una maggiore resistenza del previsto, 2 elicotteri sono abbattuti ed uno danneggiato. Le fonti ucraine parlano solo di due morti tra i loro soldati, ma la cifra mi sembra sproporzionata all´entità delle perdite di mezzi. Anche i filorussi lamentano perdite almeno 1 morto e 10 feriti. Mentre viaggio nel pulman per andare a lavoro, vengono segnalati alcuni video sull´abbattimento di un elicottero[1] .Sono separatisti che riprendono, l´elicottero punta senza controllo verso terra e poi una esplosione ed una grossa nuvola di fumo seguita da grida di gioia e spari che non si capisce se sono in segno di approvazione o provengono da scontri nelle vicinanze, la guerra, civile e`realta` a Sloviansk. Quando sono in pausa pranzo me ne arriva un altro di video su facebook da parte di Anna sono 2 minuti di un volto umano della guerra.[2] Da una macchina scende un combattente filorusso ed il pilota di un elicottero abbattuto, ferito alla coscia l´uomo è sotto shock, contusioni sul viso ed il giubbetto di salvataggio arancione penzolante. I filorussi lo aiutano ed un dottore gli da il primo soccorso. Il combattente descrive che dopo l´impatto soldati ucraini si sono fatti avanti, prendono le armi e lasciano il pilota ferito al suo destino. Avrà almeno 40 anni forse 45, si muove come un soldato esperto ma mostra il viso e parla il dialetto locale, uno dei tanti della città che ha preso le armi, forse aveva fatto il servizio militare nell´armata rossa e poi tornando a casa si è ritrovato ucraino, adesso dopo il golpe ha deciso di prendere il destino della storia con le sue mani. La Russia chiede una riunione urgente del consiglio di sicurezza dell´Onu e contemporaneamente si fa più duro il confronto sul gas dove il debito ucraino è arrivato a 3,5 miliardi di dollari e si preannuncia un taglio delle forniture a partire da giugno se non ci sarà il saldo.[3]La sera quando torno a casa trovo Anna con gli occhi rossi e la voce rotta dalla emozione ”A Odessa è successo un massacro, una cosa orribile , i nazisti hanno bruciato la casa dei sindacati con i filorussi dentro, ci sono decine di morti” la cosa mi sembra così enorme che provo ad avere conferma sulla stampa italiana. Gli articoli su Repubblica sono inusualmente pochi e solo su un articolo di redazione si trovano notizie contraddittorie “Trentotto persone sono morte in un incendio dopo gli scontri a Odessa”. Qualche trafiletto più in basso ”E’ di almeno 38 morti anche il bilancio delle vittime degli scontri tra separatisti e lealisti a Odessa, città portuale ucraina sul Mar Nero. “Uno di loro è stato colpito da un proiettile”, ha riferito una fonte all’agenzia Interfax, “mentre per quel che riguarda gli altri non si conosce la causa della loro morte”. La Casa dei Sindacati è stata data alle fiamme. Le persone sono morte nell’incendio. Gli scontri sono violentissimi”.Mi viene a pensare che c´è una guerra in atto in Odessa chiedo, conferma ad Anna ”sembra che si sparano ci sono morti da una parte e dall´altra”. Mi risponde quasi isterica ”ti dico di no i morti sono solo tra i filorussi, sono arrivati due treni carichi di 2500,tifosi di squadre di calcio con quelli di pravji sektor che li guidavano, sono andati addosso alle tende dei filorussi che raccoglievano le firme per il referendum dell´11 maggio, gli hanno dato fuoco , i filorussi erano di meno 200-300 persone sono fuggite nel vicino palazzo dei sindacati e quei bastardi gli hanno dato fuoco al grido gloria all´Ucraina” piange disperata, “capisci ho lavorato tanto per la lingua ucraina ed anche io sono responsabile di aver creato questo mostro, come voi europei, americani, anche io che in realtà sono russa”. Le lacrime scendono irrefrenabili, non riesco che a dire banalità “forse sono notizie esagerate”. Guarda tu stesso!” Mi mette davanti il suo computer ed un video terrificante girato dagli stessi nazisti messo su Youtube, si vedono corpi carbonizzati seduti sulle scale interne di un grande edificio su più piani, alcuni sono bruciati solo dalla cintola in su come se qualcuno gli avesse versato benzina e dato fuoco. Il video dal titolo ”cimici russe colorate bruciano” verrà rimosso nei giorni successivi. Ma altri video non meno cruenti sono sulla rete. Come quello che riassume in pochi minuti gli avvenimenti.[4]. Oppure quello girato dalle prime autorità che entrano nell´edificio e che si aggirano tra i cadaveri indifferenti al massacro che non hanno saputo evitare.[5]Il titolo “terroristi russi bruciati vivi nella casa dei sindacati ad Odessa”, spiega la loro indifferenza se non complicità,si vede più volte in varie sequenze un alto ufficiale di polizia che si muove indisturbato tra i nazisti quasi dirigendo il pogrom.[6] L´ufficiale viene accompagnato in un un autoambulanza per fare un briefing con uno dei capi dei nazisti. Si parla di russi bruciati vivi come se questo può giustificare la mostruosità ma in realtà sono ucraini russofoni come altri 10 milioni che vivono nel Sud-est e che da questo momento avranno chiaro che se vogliono protestare lo dovranno fare con le armi in mano come a Sloviansk oppure accettare il nuovo corso politico ucraino , protestare pacificamente significa votarsi ad una morte orribile. Il bilancio cresce di ora in ora arriverà a 48 persone più altri 50 dispersi i cui corpi non saranno trovati. Quando vado a letto la testa mi gira, le vene pulsano sulle tempie, faccio fatica a respirare non riesco a pensare che al bianco dei denti che si staglia sul nero della carne carbonizzata, o a quella donna incinta strangolata con il filo del telefono in una stanza non toccata dall´incendio, perché non dovevano essere lasciati testimoni, o a quei ragazzi semicarbonizzati che dopo aver saltato dal 2° piano con le gambe spezzate si trascinavano tra l´ilarità dei nazisti che li finivano a bastonate. Mi viene solo una domanda “è questa l´Europa che voglio? questa sarebbe quello per cui 50 milioni di persone sono morte nella ecatombe che ebbe fine nel 1945?” In quella notte decido che non posso essere spettatore passivo, nel mio nido di sicurezza in Scandinavia, decido che devo scrivere raccontare questa follia di cui anche il mio paese è complice.

 

[1]    https://www.youtube.com/watch?v=QbWYEZWi-Cg

[2]    https://www.youtube.com/watch?v=lbMjiCb7EPU

[3] http://www.repubblica.it/economia/2014/05/02/news/ucraina_l_ue_prova_a_rassicurare_gas_fino_a_maggio_ma_gazprom_frena_sul_prossimo_inverno-85039832/?ref=search

[4]https://www.youtube.com/watch?v=FpVWEppLi_I

 

[5]    https://www.youtube.com/watch?v=ycfOCxR5mxM&oref=https%3A%2F%2Fwww.youtube.com%2Fwatch%3Fv%3DycfOCxR5mxM&has_verified=1

[6]    https://www.youtube.com/watch?v=H4dJRnI-X8Q#t=37

Qui sotto un filmato rievocativo:

Gli interessati all’acquisto del volume “Antimaidan” possono rivolgersi direttamente all’autore tramite email max.bonelli@mail.ru

Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

.

 

Russia Ucraina, il conflitto! 58a puntata Segni di sbandamento Con Max Bonelli

La pressione delle forze militari russe non è più occasionale e localizzata. Sono numerosi i punti del fronte sul quale l’esercito ucraino non solo arretra, ma si rivela incapace di ribattere o, quantomeno, di organizzare una difesa dinamica. Il regime ucraino è chiaramente la prima vittima della propria narrazione; le seconde sono i paesi europei che si sono accodati alle scelte statunitensi ciniche ed avventuriste. Due anni di conflitto mostrano i segni evidenti di logoramento ed esaurimento delle forze ucraine e i limiti della potenza statunitense, pur con tutta la consorteria al seguito. Nella foto di copertina Paul Massaro, appena nominato Direttore delle Risorse Umane della Commissione di Helsinki. La Commissione Helsinki degli Stati Uniti monitora i diritti umani e la cooperazione internazionale in 57 paesi. Il distintivo esibito sulla giacca vale più di tante parole.

Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo 

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

 Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4s9lmh-russia-ucraina-il-conflitto-58a-puntata-segni-di-sbandamento-con-max-bonell.html

Stati Uniti! La coperta troppo corta di un impero Con Gianfranco Campa

La leadership statunitense dominante inizia a presagire che la coperta di cui dispone non è sufficiente a coprire l’attuale impero. Una crisi, quindi, da sovraestensione cui porre in qualche maniera rimedio. I dilemmi da risolvere sono drammatici. Si tratta di consolidare con polso ferreo il controllo sull’area accessibile del proprio impero sul quale esercitare egemonia diretta ed estrazione spietata di risorse; il capro espiatorio designato è, a questo punto, l’Europa con la piena accondiscendenza delle sue élites. Si tratta di ridurre e concordare con i nuovi contendenti nell’agone internazionale, in primo luogo la Cina, le dinamiche di una globalizzazione dalla quale la formazione sociale degli Stati Uniti non può prescindere in tempi storicamente ragionevoli, pena il collasso interno, ma dalla quale anche la Cina potrebbe subire sconquassi traumatici in caso di collasso della intera rete costruita in questi ultimi decenni. La recente intervista alla Segretaria all’economia Raimondo, recentemente pubblicata, dietro la maschera dell’oltranzismo parossistico, cerca di delimitare, appunto, i confini di questo scontro http://italiaeilmondo.com/2024/04/23/cina-stati-uniti-capire-la-dottrina-raimondo-di-alessandro-aresu/ , in verità troppo ristretti per l’attuale leadership cinese. Un nodo gordiano quasi impossibile da sciogliere e del quale sembra approfittare sul piano dei consensi popolari Donald Trump parallelamente però al crescere della stretta soffocante della piovra tentacolare dei centri di potere che cercherà di soffocarlo presto o tardi. Nel frattempo sia in Europa, il polacco Duda oltre allo scontato Orban, che il leader liberale in Giappone, figure politiche inaspettate sembrano cogliere il vento che spira oltreatlantico. Opportunismo e trasformismo di chi? Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4rz4m5-stati-uniti-la-coperta-troppo-corta-di-un-impero-con-gianfranco-campa.html

 

Russia Ucraina, il conflitto 57a puntata Il calice amaro di una guerra civile Con Max Bonelli

Questa volta ci soffermiamo su un aspetto pressoché comune alle guerre, specie a quelle di natura civile. Il progressivo imbarbarimento della società, la crescente assuefazione alla violenza, l’anarchismo che serpeggia parallelamente all’arbitrio delle forze dell’ordine in particolare nel versante dei perdenti. Un monito su quello che ci potrà attendere, in un prossimo futuro, con la fine o l’interruzione del conflitto e il probabile esodo degli sconfitti. Un film già visto con il crollo della ex Jugoslavia e che si potrebbe riproporre su scala maggiore. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4r6g2i-russia-ucraina-il-conflitto-57a-puntata-il-calice-amaro-di-una-guerra-civil.html

Scattata la ritorsione di Israele all’Iran_Aggiornamenti

Come prevedile la ritorsione di Israele contro l’Iran è partita. Si tratta della risposta alla replica dell’Iran, la quale se dal punto di vista dell’efficacia nei danni non ha raggiunto risultati visibili, ammesso che sia stato questo l’obbiettivo, ha rivelato la dipendenza estrema di Israele dal sostegno diretto occidentale. Colpisce il sostegno scontato di buona parte del mondo occidentale e di parte dei regimi del mondo arabo; ancora di più il silenzio, ancora più spettrale rispetto a quello subito dalla chiamata alla crociata antirussa, del resto del mondo. Tutte fratture che si allargano. Si tratta di una iniziativa del Governo di Israele e di Netanyhau, confidando sulla debolezza e insignificanza di Biden e della libertà di azione dei centri più avventuristi ed oltranzisti della sua amministrazione. Una decisione che lascerà, nell’immediato, ampia libertà di azione al Governo e all’esercito israeliano dentro e fuori il proprio territorio e imporrà ulteriore chiarezza negli schieramenti internazionali, soprattutto ai paesi arabi sunniti. Sarà, però, un ulteriore duro colpo alla credibilità strategica degli Stati Uniti nell’agone internazionale, sempre più in difficoltà nella sua veste di arbitro delle dinamiche geopolitiche e di “pacificatore”.

Image

08:12

Iran

Non c’è stato alcun “attacco dall’estero”, affermano i media iraniani. I droni sarebbero partiti dall’interno (L’orient le jour)

08:01

Guerra di Gaza  Esplosioni nell’Iran centrale, possibile attacco israeliano (Haaretz)

07:55

Il Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir ha suggerito in un post di venerdì mattina X che l’attacco aereo israeliano contro l’Iran era una risposta troppo limitata allo sbarramento che gli iraniani hanno lanciato contro Israele dalla notte alla domenica. Fonti militari israeliani affermano invece che l’operazione deve ritenersi conclusa (Haaretz)

07:40

Funzionario israeliano al Washington Post: “Lo sciopero intende segnalare all’Iran che Israele ha la capacità di colpire all’interno del paese” (Haaretz)

07:28

L’ambasciata americana in Israele annuncia la limitazione dei viaggi del proprio personale (L’orient le jour)

07:02

Attacchi israeliani su postazioni militari nel sud della Siria (OSDH) (L’orient le jour)

06:42

Iran  I voli sono ripresi dagli aeroporti di Teheran (L’orient le jour)

06:00

USA: Solo Israele ha partecipato all’attacco.

Al momento sembra che sia l’Iran che Israele pretendono di far finta che l’attacco di rappresaglia di questa notte non sia mai avvenuto, anche se Israele rilascia una dichiarazione ufficiale, l’Iran sarà probabilmente costretto a riconoscere che almeno un qualche tipo di azione ha avuto luogo.

Questo attacco potrebbe essere stato “uno e veloce” Si spera che la situazione si sia tranquillizzata, anche se provocare la risposta delle difese aeree dell’Iran e ottenere cosi l’ordine di battaglia e le tracce aggiornate, prima di un attacco molto più grande, è una tattica reale usata in guerra, specialmente verso esche piu`vulnerabili…

05:35

I media di Stato iraniani hanno dichiarato che i siti nucleari iraniani hanno la massima sicurezza e non hanno subito danni dall’attacco di stanotte da parte di Israele.

FOX – Gli attacchi israeliani all’Iran sono “limitati”.

CNN- L’obiettivo in Iran “non è nucleare”.

NBC- Le forze israeliane hanno allertato i funzionari statunitensi prima dell’attacco di oggi.

Una confusione totale e dichiarazioni contraddittorie. Di sicuro sembra che l’attacco all’Iran sia stato limitato nella portata e nell’azione. Stareme a vedere…

05:31

Segnalazioni di attacchi informatici contro i siti web dello Stato iraniano

05:30

Alti funzionari degli Emirati Arabi Uniti (EAU) e dell’Arabia Saudita avrebbero detto agli Stati Uniti di aver bisogno delle stesse garanzie di sicurezza che gli Stati Uniti hanno con Israele se vogliono aumentare la loro partecipazione all’Alleanza regionale.

05:25

Image

ATTACCO CON RAZZI E DRONI SUL NORD DI ISRAELE

05:22

Sinceramente, fino ad ora questa risposta di Israele e molto “sottotono…”

05:20

Israele ha lanciato un attacco all’Iran nel giorno del compleanno della Guida Suprema Khamenei.

Image

05:18

L’Iran ha avvertito che se Israele avesse colpito il suo territorio, la risposta sarebbe stata più forte e immediata.

Vedremo cosa succederà nelle prossime ore.

05:11

I funzionari e gli organi di informazione iraniani affermano che tutte le esplosioni udite questa notte sono dovute a intercettazioni e che non si sono verificate esplosioni “a terra”.

05:06

I funzionari e gli organi di informazione iraniani affermano che tutte le esplosioni udite questa notte sono dovute a intercettazioni e che non si sono verificate esplosioni “a terra”.

L’Agenzia spaziale iraniana (ISA) sostiene che le batterie di difesa aerea sono state in grado di intercettare almeno 3 obiettivi ostili questa mattina sopra la provincia di Isfahan, nell’Iran centrale.

04:55

L’agenzia di stampa Fars riferisce che tre esplosioni sono state udite nei pressi di una base militare a nord-ovest di Isfahan. Fars aggiunge che potrebbe essere stato preso di mira un sito radar.

04:49

Secondo quanto riferito dai funzionari israeliani, gli Stati Uniti avrebbero comunicato all’inizio di oggi la loro intenzione di lanciare attacchi di rappresaglia contro l’Iran entro le prossime 24-48 ore.

04:36

L’aeroporto internazionale Imam Khomeini (IKA) di Teheran comunica ai passeggeri che tutti i voli sono stati cancellati e che devono uscire dall’aeroporto.

04:35

I luoghi finora presi di mira dagli aerei da guerra nella campagna di Daraa, in Siria:

– Aeroporto agricolo di Izraa
– Battaglione radar tra Izraa e Qarfa
– Aeroporto militare di Al-Thalaa, a ovest di Suwayda

I media statali iraniani riferiscono che l’attacco aereo di questa notte da parte dell’aviazione israeliana potrebbe aver preso di mira l’ottava base aerea tattica all’interno dell’aeroporto internazionale di Isfahan.

La base, che ospita diverse squadriglie di caccia F-14 “Tomcat”, è ora un punto focale del conflitto in corso.

04:32

L’IRGC dichiara lo stato di massima allerta in tutte le sue basi e campi in tutto l’Iran.

ABC News conferma che le forze israeliane hanno colpito un sito in Iran.

Image

04:10

Israele ha lanciato attacchi missilistici contro il programma nucleare iraniano

Sono state segnalate esplosioni nei pressi delle città di Isfahan e Natanz, nel centro dell’Iran, entrambe contenenti importanti strutture del programma nucleare iraniano.

Attacchi anche in Siria (sito radar a Suwayda) e in Iraq.

Meglio fare il pieno di benzina, il petrolio sta per salire alle stelle. L’Iran probabilmente chiuderà lo stretto di Hormuz.

Image

03:49

L’Iran ha sgomberato il suo spazio aereo.

Image

03:33

Esplosioni segnalate in Iran. Siamo in onda con le notizie dell’ultima ora.

Israele sta bombardando contemporaneamente Iran, Siria e Iraq.

Image

Russia Ucraina, il conflitto 56a puntata Trappole per topi Con Max Bonelli

Proseguiamo il lavoro di informazione sul conflitto russo-ucraino con particolare attenzione alla situazione den fronte a nord di Donetsk e alla conduzione di particolari tattiche legate all’uso dei droni. Buon ascolto, Giuseppe Germinario
Per motivi precauzionali, legati a possibili pretestuose censure, riproduciamo solo parzialmente il video sul canale YouTube. La sua visione integrale è possibile sul canale omonimo di rumble al link seguente:
https://rumble.com/v4pknrw-russia-ucraina-il-conflitto-56a-puntata-trappole-per-topi-con-max-bonelli.html

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4pknrw-russia-ucraina-il-conflitto-56a-puntata-trappole-per-topi-con-max-bonelli.html

1 2 3 64