Il Politico, lo Stato, le multinazionali Con Gianfranco La Grassa e Piergiorgio Rosso

Nel dibattito teorico e nell’azione il rapporto tra le categorie del politico, lo Stato e le multinazionali, più in generale tra l’economia e il politico è stato definito nella maniera più controversa sino ad assumere caratteri deterministici tanto semplici nella efficacia della rappresentazione e nell’individuazione dell’avversario, quanto distorcenti e sterili nella realizzazione degli obbiettivi politici e di strutture organizzative meno effimere. La conversazione con Gianfranco La Grassa e Piergiorgio Rosso prende spunto da una interessante intervista ad un manager della multinazionale Danieli, pubblicata sul sito lo scorso 21 aprile ( http://italiaeilmondo.com/2024/04/21/industria-e-diritto-di-fronte-allo-smantellamento-delle-catene-del-valore/ ) e segue la pubblicazione di numerosi altri articoli, tra i primi: http://italiaeilmondo.com/2017/09/13/astri-nascenti-stelle-cadenti-mine-vaganti-2a-parte-di-giuseppe-germinario-gia-pubblicato-sul-sito-conflittiestrategie-it-il-28112013/ . Sotto l’abito corto dell’autonomia dell’economico e delle scelte manageriali, stiamo calzando una delega della funzione politica sempre più incondizionata da parte della nostra classe dirigente e del nostro scadente ceto politico a prescindere dalla coloritura apertamente globalista o fumosamente nazionalista dei governi sino ad ora succedutisi a partire dagli anni ’90. Il Governo Meloni non oppone nessuna eccezione a questa tendenza sino a raschiare il barile con gli ultimi collocamenti azionari di ENI e Poste Italiane, propedeutici al progressivo allineamento delle politiche di queste aziende strategiche per la fornitura energetica e la gestione del risparmio e della logistica nazionali. In questo quadro dovremo valutare il peso e la funzione che sta svolgendo il cosiddetto “Piano Mattei” e il peculiare dinamismo manifestato dall’attuale governo, rispetto ai predecessori. Le figuracce, a cominciare da quanto successo in Etiopia, non mancano. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4vqo9u-il-politico-lo-stato-le-multinazionali-con-gianfranco-la-grassa-e-piergiorg.html

Dragoš Vučković: CINQUE PROCESSI GLOBALI CHE SEGNERANNO QUEST’ANNO

Scritto da: Dragoš Vučković, esperto economico del Centro per gli studi geostrategici

Il sospetto e il timore con cui siamo entrati quest’anno sono pienamente giustificati. Per molti aspetti sarà uno dei punti di svolta nella storia del mondo, perché deciderà e segnerà sicuramente l’ulteriore sviluppo e il destino dei processi chiave del mondo in un periodo di tempo più lungo. Questa recensione cercherà solo di indicarli e di scalfire la superficie, perché sono così complessi e complessi che ognuno individualmente richiede un’analisi approfondita e a lungo termine. Certamente, quest’anno sarà anche l’anno elettorale più grande della storia del mondo, in cui più della metà dell’umanità, cioè ben 4,2 miliardi di persone, avranno diritto di voto, il che non farà altro che accelerare ulteriormente la transizione mondiale esistente, che si tratta di un’importante riconfigurazione geopolitica.

D’altra parte, l’economia globale, secondo la Banca Mondiale, entrerà quest’anno in recessione, con la probabilità sempre crescente che i cambiamenti epocali annunciati portino a un conflitto mondiale globale, che in Occidente è già diventato la politica ufficiale dello Stato. . Per questo motivo ho classificato questi processi chiave, che sicuramente quest’anno determineranno in modo significativo l’ulteriore sviluppo, in cinque processi chiave, partendo dall’idea di base che dobbiamo finalmente chiamarli con i loro veri nomi, perché prima o poi porteranno alla creazione di una nuova economia reale globale.
– Ulteriore peggioramento delle disuguaglianze nel mondo, dove quasi cinque miliardi di persone sono state ulteriormente impoverite, come preludio ad una certa nuova crisi economica globale che colpirà prima l’Occidente, dove queste disuguaglianze sono più pronunciate, e poi il resto del mondo
– Ulteriore aumento esponenziale del debito mondiale, che supera di parecchie volte il PIL mondiale (prodotto sociale lordo), principalmente a causa dell’incapacità delle economie occidentali di far fronte alla recessione, per cui il debito diventa insostenibile e quindi il suo rimborso è impossibile
. – L’inizio del una profonda riconfigurazione delle élite mondiali al potere, prima occidentali e poi non occidentali, come diretta conseguenza di questi processi
– Continuazione drammatica della frammentazione e della divisione nell’economia mondiale tra i cosiddetti dell’Occidente collettivo e del mondo non occidentale o della Minoranza mondiale e della Maggioranza mondiale, e con esso l’ulteriore accelerazione del processo di de-dollarizzazione nell’economia mondiale
– Accelerazione del processo di scomparsa del concetto economico neoliberista occidentale di sviluppo, con il parallelo ulteriore sviluppo di alternative già esistenti, nonché l’emergere di concetti economici completamente nuovi, soprattutto nel mondo non occidentale

Il Forum economico di Davos di quest’anno, profondamente accecato dalla politica, apparentemente non è riuscito a creare una “formula” per il “ripristino della fiducia”, che era il suo argomento principale, e a cercare almeno di indicare e dare un nome a questi processi menzionati. Quindi, la lettera aperta dei super-ricchi, in cui chiedono un aumento delle tasse per combattere le disuguaglianze sociali, sembrava piuttosto assurda. In assenza di una risposta valida a questi processi mondiali chiave, le élite dominanti occidentali cercheranno di attuare la loro agenda attraverso l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che probabilmente, alla sua 77a Assemblea nel maggio di quest’anno, cercherà di privare gli Stati membri della loro sovranità, garantendosi poteri senza precedenti per limitare le libertà mediche e civili nei paesi di tutto il mondo. Tutto questo per “lottare contro una nuova pandemia”, l’ormai famoso “Virus X”, molte volte più pericoloso e mortale del corona. Se anche questa “missione” dell’OMS fallisce, avremo la certezza di un conflitto militare mondiale, come strumento sanguinoso e doloroso, ma “efficace”, che, secondo un sistema accelerato, “risolverà” tutti questi processi accumulati e problemi, ma con tutte le conseguenze devastanti che comporta.
È certo che questi cinque processi sono più visibili nei paesi dell’Occidente collettivo, soprattutto in America, tradizionale campione della disuguaglianza nel mondo, con un debito di oltre 34 miliardi di dollari e un deficit di bilancio significativamente più ampio rispetto allo scorso anno. anno. Gli Stati Uniti raggiungono il loro tipo di crescita soprattutto grazie ad una politica fiscale estremamente espansiva, dove per ogni dollaro di crescita ci sono addirittura due dollari e mezzo di nuovo debito, con un’inflazione ancora troppo alta. Ecco perché la previsione del FMI di una crescita economica statunitense di quasi il 2,7% per quest’anno sembra del tutto irrealistica. Anche se fino a poco tempo fa gli Stati Uniti hanno interrotto ulteriori aiuti all’Ucraina, non è un segreto di Pulcinella che questi aiuti, insieme all’UE, sono in realtà molto più grandi del Piano Marshall americano dopo la Seconda Guerra Mondiale. È più che chiaro che nessuna economia, nemmeno la più forte, potrà resistere a tutto ciò nel lungo termine. Il processo elettorale, che si sta riscaldando negli Stati Uniti e che sarà cruciale nel mondo, contribuirà notevolmente al confronto diretto degli Stati Uniti con questi cinque processi mondiali e quasi sicuramente porterà quest’anno al cambiamento delle élite al potere. . I legami fondamentali del potere americano: potenza militare avanzata, ruolo centrale nel sistema finanziario globale, una forte posizione nella tecnologia e una piattaforma per ideologia e valori, per quanto ancora presenti, si stanno nel frattempo indebolendo sempre di più. Gli USA continuano inoltre a praticamente “mungere” l’Europa, costringendo i membri della NATO ad acquistare le sue armi per centinaia di miliardi di euro, seminando incautamente paura e psicosi bellica, dal conflitto “imminente” con la Russia. I paesi dell’UE sono quindi costretti ad aumentare le tasse, ridurre le prestazioni sociali e cancellare i sussidi agli agricoltori, e quasi l’intera UE è inondata da disordini sociali e proteste. La Germania, in quanto motore dell’UE, ha raggiunto una situazione in cui non è più in grado di generare la propria crescita economica e la sua economia è semplicemente paralizzata, con un declino permanente della produzione industriale e una perdita di competitività. In quanto tale, presto entrerà a far parte del club delle principali economie in recessione, guidate da Inghilterra e Giappone. Lo stesso FMI prevede quest’anno una crescita minore, pari a circa lo 0,8%, per i paesi dell’Eurozona. Nonostante l’evidente ritorno dell’inflazione al livello precedente del 2,5% e l’annuncio di una riduzione dei tassi di interesse, nulla più indica uno sconvolgimento economico all’inizio di quest’anno, quindi è probabile che forti scosse inizieranno dalla Germania, che porterà alla sostituzione delle élite al potere e all’inizio della dolorosa riconfigurazione politica ed economica dell’intera UE. Tutte queste sono le ragioni per cui sono profondamente convinto che le risposte ai cinque processi chiave menzionati inizieranno ad essere risolte per la prima volta nell’Occidente collettivo, che per decenni ha ignorato la necessità storica di cambiamenti strutturali generali. Tutto ciò influenzerà molto rapidamente il resto del mondo, a causa della grande rete economica reciproca. Va sottolineato in particolare che per alcuni di questi processi menzionati quest’anno sarà fatale, mentre per la maggior parte di essi significherà una nuova significativa accelerazione, il tutto con l’enorme minaccia dello scoppio di una nuova grande crisi economica globale. È la corsa all’oro dei mercati azionari mondiali,con i prezzi record dell’oro, non suggerisce qualcosa del genere?

Questi cinque processi chiave si riflettono fortemente anche nel mondo non occidentale, cioè nella maggior parte del mondo, dove Russia, Cina e India svolgono un ruolo di primo piano. Sono particolarmente visibili in Russia, che, nonostante il fatto che, dopo uno storico allontanamento dai mercati occidentali, sta combattendo con successo le sanzioni da quel lato, riuscendo a garantire una crescita invidiabile del 3,5% lo scorso anno, e combattendo con successo la povertà (al di sotto 10%) e disoccupazione (meno del 3%), ma continua a subire ingenti perdite in termini reali. Ciò è visibile nel calo del surplus delle partite correnti, nell’inflazione ancora elevata (circa il 12%) e nel rublo piuttosto instabile. La Russia attualmente ha probabilmente l’esercito più forte del mondo, secondo fonti americane, ed è la più grande economia d’Europa, in termini di parità di potere d’acquisto, con un’economia in un’economia di guerra mobilitata, ma sta pagando un pesante tributo dalla guerra in Ucraina, e le sanzioni occidentali storicamente elevate, che ne stanno esaurendo le capacità e le risorse. Inoltre, gli stessi analisti russi mettono in dubbio la sostenibilità stessa dei cambiamenti estremamente profondi nella politica estera russa. Anche la Cina, che secondo i dati della Banca Mondiale è la più grande economia mondiale in termini di parità di potere d’acquisto e di gran lunga l’industria più grande del mondo, sente questi processi sulle sue spalle. Ha ridotto drasticamente la sua crescita economica, anche se è ancora molto superiore a quella dell’Occidente. La Cina sta pagando pesantemente la sua corsa per la sovranità sulle risorse mondiali, mentre allo stesso tempo è costretta ad aumentare drasticamente il proprio budget militare, a causa della stretta militare generale nel mondo, che sta già arrivando alle coste di Taiwan. Soprattutto i processi di separazione economica mondiale hanno un effetto grave su di essa, perché minacciano di mettere in pericolo il posizionamento cruciale della sua produzione industriale sui mercati dell’Occidente collettivo, che può facilmente diventare il suo “tallone d’Achille”. Lo stesso FMI, tuttavia, fornisce proiezioni di crescita economica piuttosto ottimistiche per quest’anno, per la Russia al 3,2%, la Cina al 4,6% e l’India al 6,8%, il che non sorprende per l’India, l’economia con la crescita più rapida del mondo, che negli ultimi anni ha registrato un una crescita superiore all’8% del Pil. Il mondo non occidentale ha un grande vantaggio rispetto al mondo occidentale, nella risoluzione di questi processi chiave, dato dai forti processi integrativi esistenti, dove recentemente BRICS+, o BRICS 10, ha guadagnato un ruolo particolarmente importante, con il 35% del PIL globale, Il 45% delle riserve petrolifere, la metà del cibo mondiale e un vantaggio competitivo incondizionato nell’energia nucleare. Mentre l’Occidente collettivo è chiaramente sulla difensiva, senza, ancora, risposte serie e significative a questi processi chiave, il mondo occidentale sta già lottando con essi e trovando soluzioni. Ciò è particolarmente visibile nel processo di de-dollarizzazione, nella lotta alla povertà, all’indebitamento e nell’affermazione di nuovi modelli economici. Ciò darà loro un grande vantaggio quando questi processi inizieranno a risolversi dall’altra parte, e c’è tutta la possibilità che non dovremo aspettare a lungo per questo. La riconfigurazione delle élite dirigenti, in primis Russia e Cina, sarà inevitabilmente all’ordine del giorno, una volta iniziata la vera risoluzione di questi processi.ma difficilmente ci si può aspettare che si sposti al di fuori delle “correnti principali” di queste società.

Tutti questi cinque processi mondiali si riflettono già ampiamente, e lo saranno solo in futuro, sulla nostra economia minore, con l’adozione del concetto economico neoliberista occidentale, cosiddetto ibrido. Tipo balcanico. Il suo prodotto diretto è molto visibile qui, come nelle altre “stabilocrazie balcaniche”, e si riflette in una crescita economica troppo modesta, un’inflazione record in rapporto all’ambiente, un eccessivo indebitamento dello Stato e della popolazione, un’enorme deficit commerciale, come uno degli indicatori fondamentali del fallimento economico, ed enormi problemi nel lavoro delle grandi aziende statali, agricoltura rovinata, come uno dei pilastri dello sviluppo, enorme corruzione a tutti i livelli e molti altri indicatori. Oltre a tutto ciò, siamo uno dei paesi europei con il punteggio più basso in termini di disuguaglianza e siamo riusciti a quasi raddoppiare il livello di povertà dal 2020. fino ad oggi. Non importa quanto duramente l’élite al potere cerchi di fingere stabilità politica e macroeconomica, quest’anno la Serbia sta sicuramente entrando in un periodo di grande instabilità. Ciò che probabilmente si scatenerà quest’anno sarà l’inizio di un cambiamento delle élite al potere, insieme a una dura recessione alla quale ci stiamo avvicinando, lentamente ma inesorabilmente. Ciò ci costringerà inevitabilmente a compiere almeno i primi passi per cambiare il modello economico esistente, perché la proiezione stessa della nostra crescita economica da parte del FMI per quest’anno di circa il 3,5% non sembra affatto incoraggiante e realistica. Tanto più che nello stesso Occidente si esprimono sempre più desideri e volontà di modificare l’atrofizzato concetto neoliberista e di sostituirlo gradualmente con uno nuovo, molto più umano, più morale e responsabile, che forse scuoterà i presupposti di base delle società occidentali. . I processi sopra menzionati stanno già dando origine a un nuovo ordine mondiale multipolare e noi stessi saremo semplicemente costretti ad adattarci a questa nuova realtà. Questa nuova realtà porta inevitabilmente a una riconfigurazione delle élite mondiali, dove le cosiddette “élite situazionali” di andare nel passato, perché stanno definitivamente perdendo la fiducia della gente. Così è la nostra élite, in fondo alla scala decisionale mondiale, completamente privata della propria visione del futuro e ignorante degli altri. della gente, come qualcuno ha ben detto.

Le soluzioni a questi cinque processi, che subiranno una violenta accelerazione quest’anno, forniranno in tempi relativamente brevi una risposta al grande dilemma: abbiamo raggiunto i limiti della crescita economica, abbiamo superato tutti i limiti planetari che definiscono un pianeta adatto alla vita? Siamo finalmente maturati verso i normali valori umani in relazione al postumano e all’antiumano? L’imminente vittoria del multipolarismo nel mondo significherà effettivamente il ritorno dell’Occidente collettivo ai suoi valori tradizionali, alla sua cultura e, infine, alle sue radici cristiane? Inoltre, la risoluzione di questi processi chiave darà probabilmente una risposta alla domanda: riuscirà il mondo a far fronte all’intelligenza artificiale ad alto rischio, che, soprattutto in Occidente, sta guadagnando lo status di divinità? Ovvero, porterà alla tutela tempestiva dei diritti fondamentali, della democrazia e della sostenibilità ambientale? E alla fine, la risoluzione di questi processi chiave porterà a un accordo significativo e realistico tra le principali “élite situazionali” del mondo o ci sarà un conflitto armato di proporzioni inimmaginabili?

27 aprile 2024

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Il peccato originale della politica estera di Biden, di John Kampfner

Il peccato originale della politica estera di Biden

Tutte le debolezze diplomatiche dell’amministrazione erano già visibili nel ritiro dall’Afghanistan.

Di , autore di Why the Germans Do It Better: Note da un Paese adulto.

Qualche settimana fa, a Toronto, ho incontrato una giovane donna afghana di circa 20 anni. Aveva lavorato per un’agenzia di aiuti internazionali in Afghanistan per aiutare le donne con problemi di salute mentale. Nel 2021, quando le forze talebane hanno attraversato il Paese, ha cercato disperatamente di fuggire, sapendo che sarebbe stata punita per aver lavorato con gli stranieri. Alla fine è riuscita a fuggire, insieme al fratello e alla sorella minori, passando prima per l’Iran e poi per il Brasile. Poi ha intrapreso un’odissea insidiosa attraverso il Sud America, la giungla di Panama, il muro dell’ex presidente americano Donald Trump, gli Stati Uniti e infine il Canada.

La sua storia è straordinaria per il suo coraggio, ma non è affatto unica. Innumerevoli afghani hanno fatto tutto il possibile per sfuggire a omicidi, torture, stupri e matrimoni forzati. Alcuni fortunati sono stati portati in salvo dalle forze occidentali mentre evacuavano l’aeroporto di Kabul. Molti altri sono stati abbandonati al loro destino. Altri hanno intrapreso pericolose odissee. I più fortunati hanno iniziato una nuova vita; molti altri sono bloccati nei campi profughi. Un numero incalcolabile di persone è morto durante i loro viaggi insidiosi.

Sono tutte statistiche e tutte vittime di un gioco di potere più grande. Sono stati delusi dagli Stati Uniti e dai loro alleati che, dal momento dell’invasione nel 2001 fino alla loro disastrosa uscita di scena 20 anni dopo, hanno affermato di sapere cosa fosse meglio per l’Afghanistan. L’operazione Enduring Freedom, in cui sono stati uccisi anche più di 3.500 membri del personale di servizio internazionale, non ha fornito alcuna libertà duratura, ma solo la fugace speranza degli afghani di una vita migliore, che è stata improvvisamente e brutalmente spenta.

Per tutto questo tempo, un solo uomo è stato tenace. Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dato seguito alla politica avviata da Trump, il suo predecessore. Molto prima di entrare alla Casa Bianca, Biden aveva criticato l’impegno di centinaia di migliaia di forze statunitensi per quelle che da tempo sembravano essere futili operazioni militari in Afghanistan e in Iraq. Questa è stata una delle numerose aree della politica estera e di sicurezza degli Stati Uniti in cui Biden ha continuato il lavoro di Trump, anche se nessuna delle due parti ha ritenuto di avere interesse a sottolineare questa continuità. Anche in mezzo alle terribili scene che si sono verificate all’aeroporto internazionale di Kabul nell’agosto 2021, che ricordano la caduta di Saigon mezzo secolo prima, Biden è rimasto fedele alla sua valutazione: “Non avrei prolungato questa guerra per sempre, e non avrei prolungato un’uscita per sempre”.

Tra le recriminazioni, sono state avviate numerose inchieste del Congresso e sono stati pubblicati rapporti nei primi mesi successivi alla disfatta. Da allora sono stati girati film e scritti libri che cercano di spiegare cosa è successo e chi è più colpevole. Per contro, i responsabili politici e i capi militari hanno rapidamente voltato pagina. La loro attenzione si è rivolta all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e poi all’imbroglio Israele-Hamas-Medio Oriente. Nel frattempo, la Cina è vista come la più grande minaccia strategica a lungo termine per gli interessi occidentali. Ad essere onesti, sembra inconcepibile che Washington o i suoi alleati abbiano le risorse o il sostegno politico per mantenere una presenza in Afghanistan.

Tuttavia, è utile tornare su ciò che è andato storto in Afghanistan proprio da una prospettiva politica e non solo morale. Come molte delle crisi incessanti che hanno avvolto il mondo da allora, il ritiro dall’Afghanistan è stata una storia di buone intenzioni e di sforzi onesti di diplomatici e militari che hanno fatto il possibile per proteggere quante più persone possibile. Ma è stata anche una storia di fatali errori di valutazione sul campo e tra i decisori politici.

Un nuovo resoconto dell’ambasciatore britannico dell’epoca (di prossima pubblicazione negli Stati Uniti, ma già uscito in Gran Bretagna), Laurie Bristow, fornisce ulteriori importanti informazioni sul disastro che si è verificato.

Già prima di arrivare a Kabul il 14 giugno 2021, Bristow sapeva che il suo mandato sarebbe stato breve. L’accordo per “portare la pace in Afghanistan” che l’amministrazione Trump aveva firmato a Doha, in Qatar, con i Talebani il 29 febbraio 2020, era uno degli accordi più disdicevoli dei tempi moderni. Non solo era ingenuo nel credere che i Talebani avrebbero rispettato il calendario concordato e che, in qualche modo, incredibilmente, si fossero riformati in qualcosa di più moderno, ma escludeva ostentatamente altri partecipanti chiave – nessuno escluso – come lo stesso governo afghano e i principali alleati degli americani durante la campagna, non ultimi i britannici.

Per tutta la prima metà del 2021, mentre gli Stati Uniti mantenevano la loro parte dell’accordo con il ritiro delle truppe, un senso di timore portò rapidamente al panico. I Talebani non hanno incontrato quasi nessuna resistenza mentre attraversavano il Paese.

Per l’Ambasciata britannica, uno dei compiti principali era quello di individuare gli afghani idonei all’emigrazione nell’ambito della politica di assistenza e trasferimento in Afghanistan (ARAP). Nel suo resoconto, scritto in forma di diario, Bristow descrive i difficili incontri con i dipendenti e i consulenti locali, tutti consapevoli di ciò che sarebbe accaduto loro se fossero stati abbandonati al loro destino.

“Ci siamo seduti in cerchio nel giardino dell’ambasciata accanto al monumento ai caduti, con uno degli uomini che traduceva per chi ne aveva bisogno. Ho invitato tutti a dire la loro, uno alla volta”, scrive Bristow il 5 agosto. “Le donne hanno parlato per prime, con coerenza e a lungo. Una di loro, una donna anziana, era sicura di sé e parlava con naturale autorevolezza, senza sottomettersi affatto agli uomini. C’erano paura e rabbia nell’aria, e alcune lacrime sono state asciugate, ma mitigate dalla naturale cortesia e dignità degli afghani”. Bristow osserva che: “Era impossibile per me guardarli negli occhi e dire loro che ritenevo giustificate le decisioni di rifiutare le loro richieste di reinsediamento”.

Alcuni sono stati fortunati, la maggior parte no. In ogni caso, la situazione stava sfuggendo al controllo e per i burocrati in patria era impossibile tenere il passo con le domande. In pochi giorni, i britannici e le altre forze internazionali si prepararono a evacuare le loro ambasciate per l’aeroporto. Si sbarazzarono di tutto ciò che poteva offrire ai Talebani una vittoria propagandistica. “Immagini della Regina, bandiere, l’enoteca ufficiale, tutto doveva essere rimosso o distrutto. Tutto doveva essere rimosso o distrutto”.

Le scene caotiche di quegli ultimi giorni, tra la dichiarazione di presa di potere da parte dei Talebani il 15 agosto e l’evacuazione finale del 21 agosto, sono impresse nella memoria. Bristow ricorda: “L’aeroporto stava cedendo, sopraffatto dall’enorme quantità di persone. Solo gli americani avevano circa 14.500 persone sul campo d’aviazione, in attesa di essere trasportate fuori da Kabul. Ai gate e intorno al terminal nord, ovunque si andasse e si guardasse, c’era gente: sotto le tende, all’aperto, nelle porte. Con bambini, genitori anziani, bagagli strazianti, intere vite racchiuse in una valigia malconcia o in un sacchetto di plastica del supermercato”.

A casa, a Whitehall, era il periodo di punta delle vacanze estive. Il ministro degli Esteri, Dominic Raab, era con la famiglia in Grecia e insisteva con rabbia sul fatto che non doveva essere disturbato. Mentre le squadre lavoravano 24 ore su 24 a Kabul e a Londra per far uscire quante più persone possibile, gli operatori politici avevano altre priorità. Bristow ha descritto la situazione come “un brutto gioco di recriminazioni e di scaricabarile”, aggiungendo: “Mi è sembrato che la priorità di alcuni a Londra fosse quella di risparmiare ai ministri e ai loro stretti consiglieri… l’imbarazzo personale e politico”. … Il consiglio, la valutazione e il benessere delle persone sul campo erano di secondaria importanza”. Uno dei ministri più sfortunati dell’era di Boris Johnson – e c’era molta concorrenza per questo mantello – Raab ha visto la sua carriera politica dissolversi poco dopo.

Vale la pena soffermarsi sulla valutazione complessiva di Bristow: “Il fallimento della campagna in Afghanistan non è dovuto alla mancanza di risorse. Nel 2011, al culmine dell'”Obama Surge”, la NATO aveva più di 130.000 truppe in Afghanistan. Il Regno Unito ha speso oltre 30 miliardi di sterline per la campagna militare e gli aiuti all’Afghanistan tra il 2001 e il 2021. La spesa degli Stati Uniti è stata di dimensioni davvero bibliche: tra i 1.000 e i 2.000 miliardi di dollari in 20 anni, più dell’intero PIL cumulativo dell’Afghanistan in quel periodo. Eppure queste immense spese, effettuate nell’arco di quasi due decenni, non hanno portato in Afghanistan né pace né stabilità né buon governo”.

L’accordo di Doha è, aggiunge, “un forte candidato al titolo di peggior accordo della storia se inteso come un serio tentativo di raggiungere una soluzione negoziale. Ma non lo è stato. L’accordo di Trump è stato guidato da qualcosa di molto diverso: il calendario elettorale degli Stati Uniti”. Tutti coloro che ha incontrato e che hanno familiarità con l’Afghanistan sono rimasti “sbigottiti di fronte al disastroso accordo di Trump con i talebani e poi al pasticcio di Biden nell’esecuzione del ritiro”.

Nel vortice delle numerose crisi del 2024, l’Afghanistan sembra già una nota a piè di pagina della storia. Una delle molte lezioni del suo fallimento, scrive Bristow, è la natura della cooperazione tra gli Stati Uniti e i suoi alleati. “Il Regno Unito era un partner minore e non aveva voce in capitolo nel processo decisionale degli Stati Uniti. Il fatto che ritenessimo il ritiro militare poco saggio e mal concepito non ha cambiato la politica statunitense”. In altre parole, questa è stata la prima grande prova dell'”America First”, in stile Trump e Biden, e tutti gli altri sono rimasti a bocca asciutta. E senza dubbio ce ne saranno altri in altri teatri di conflitto, che Biden vinca o meno la rielezione.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Dichiarazione ai media dopo i colloqui Russia-Cina_Vladimir Putin e Xi Jinping

Following the talks, Vladimir Putin and Xi Jinping signed a Joint Statement between the Russian Federation and the People’s Republic of China, aimed at strengthening their comprehensive partnership and strategic interaction in a new era, marking the 75th anniversary of diplomatic relations between the two countries.
Vladimir Putin and Xi Jinping made statements to the media.
6 di 8
Vladimir Putin e Xi Jinping hanno rilasciato dichiarazioni ai media. Foto: Sergei Bobylev, TASS

Presidente della Cina Xi Jinping  Xi JinpingPresidentedella Repubblica Popolare Cinese (ritradotto): Presidente Putin,

Membri dei media, buon pomeriggio.

Sono molto lieto di unirmi a voi insieme al Presidente Putin. Egli ha scelto la Cina per la sua prima visita all’estero dopo l’inizio del suo nuovo mandato presidenziale, il che dimostra in modo convincente l’attenzione che Putin e la Russia riservano alle relazioni con la Cina. Non posso che rallegrarmi di questo atteggiamento e desidero porgere i miei più sentiti saluti al Presidente Putin.

Putin e io abbiamo appena avuto un colloquio franco, amichevole e significativo per esaminare i risultati ottenuti nella promozione dei legami bilaterali negli ultimi 75 anni, da quando i nostri due Paesi hanno stabilito relazioni diplomatiche. Abbiamo anche avuto un dettagliato scambio di opinioni sull’agenda bilaterale e su questioni internazionali e regionali di reciproco interesse. Inoltre, abbiamo delineato i nostri obiettivi e piani per l’ulteriore espansione delle relazioni Cina-Russia e della nostra cooperazione su più fronti.

Abbiamo firmato dichiarazioni congiunte sul rafforzamento del partenariato globale e della cooperazione strategica tra la Repubblica Popolare Cinese e la Federazione Russa per una nuova era nel contesto del 75° anniversario della creazione di relazioni diplomatiche.

Alla nostra presenza sono stati firmati diversi documenti intergovernativi e interagenzie di importanza fondamentale, che hanno dato un nuovo potente impulso al costante avanzamento delle relazioni Cina-Russia.

Quest’anno ricorre il 75°anniversario delle relazioni diplomatiche tra Cina e Russia. Negli ultimi tre quarti di secolo abbiamo superato molte sfide e stretto legami ancora più forti. Devo sottolineare che, da quando sono entrate in una nuova era, le nostre relazioni bilaterali si sono continuamente rafforzate, dando nuova sostanza alla nostra cooperazione. L’idea di amicizia è diventata profondamente radicata nelle nostre menti.

La Cina e la Russia sono state un modello da seguire, mostrando agli altri come costruire legami tra Stati di nuovo tipo e come lavorare insieme come due grandi potenze vicine. Il nostro impegno nei confronti dei cinque principi seguenti ha reso possibile tutto questo.

Il primo principio consiste nel dimostrare il rispetto reciproco e il fermo impegno a sostenersi a vicenda su questioni che riguardano gli interessi fondamentali di entrambe le parti.

Il Presidente Putin e io condividiamo l’opinione che siamo stati in grado di sviluppare un nuovo modello che consente alle grandi potenze vicine di sviluppare le loro relazioni sulla base dei principi di rispetto e uguaglianza. Inoltre, dimostriamo un sostegno reciproco e risoluto su questioni che riguardano gli interessi fondamentali di entrambe le parti e affrontiamo le preoccupazioni attuali dell’altra. Questo è il pilastro principale del partenariato globale Russia-Cina e della cooperazione strategica per una nuova era. I nostri due Paesi si impegnano ad agire nello spirito di non allineamento con nessun blocco, rifiutando il confronto e astenendosi dal prendere di mira qualsiasi Paese terzo, dimostrando al contempo il nostro fermo impegno amisure di rafforzamento della fiducia su questioni politiche, rispettando le traiettorie di sviluppo che abbiamo scelto per noi stessi e sostenendoci fermamente l’un l’altro nella lotta per la prosperità e la rinascita condivise.

Il secondo principio consiste nel promuovere un approccio win-win per dare forma a una nuova architettura di cooperazione reciprocamente vantaggiosa.

Lo scorso anno, il commercio tra i nostri Paesi è aumentato di quasi 2,7 volte rispetto a dieci anni fa e ha superato i 240 miliardi di dollari. Questo riflette il nostro continuo sforzo per approfondire la cooperazione globale e reciprocamente vantaggiosa tra i nostri Paesi. Il Presidente Putin e io abbiamo convenuto che dobbiamo trovare un terreno comune per quanto riguarda gli interessi che i nostri Paesi perseguono e sfruttare i vantaggi che abbiamo quando lavoriamo insieme sui nostri interessi e iniziative comuni.

È essenziale proseguire gli sforzi per razionalizzare la nostra cooperazione e imprimere uno slancio ancora più positivo al commercio e ad altri settori tradizionali della nostra cooperazione. Dobbiamo sostenere le reti che promuovono la ricerca di base, liberare il nostro potenziale di cooperazione nei settori ad alta tecnologia, intensificare la cooperazione sui valichi di frontiera, sui trasporti e sulla logistica e garantire il funzionamento stabile delle catene produttive e di approvvigionamento globali.

Il terzo principio riguarda il mantenimento dei nostri legami di amicizia secolari e la trasmissione di questa amicizia da una generazione all’altra. La Cina e la Russia sono entrambe orgogliose della loro storia antica e della loro straordinaria cultura. Le persone provenienti da famiglie cinesi medie leggono i libri di Pushkin e Tolstoi, mentre la cultura tradizionale cinese, tra cui l’opera di Pechino e il Tai chi, è molto popolare tra i russi.

Negli ultimi tempi i nostri Paesi stanno espandendo costantemente i loro legami culturali e umanitari nell’ambito della roadmap Cina-Russia per la cooperazione umanitaria fino al 2030. Il Presidente Putin e io abbiamo deciso di organizzare gli Anni della cultura cinese e russa nel 2024 e 2025, organizzando una serie di eventi culturali vivaci e spettacolari per il pubblico.per il pubblico in generale, al fine di promuovere legami più stretti tra le nostre società civili, nonché legami da regione a regione come modo per avvicinare le nostre due nazioni.

Il quarto punto è che dobbiamo agire nello spirito della cooperazione strategica per mettere sulla giusta strada le varie visioni della governance globale. La Cina e la Russia hanno sostenuto con forza un sistema di relazioni internazionali incentrato sulle Nazioni Unite e un ordine internazionale basato sul diritto internazionale. Abbiamo coordinato le nostre posizioni all’interno di piattaforme multilaterali come le Nazioni Unite, l’APEC e il G20 per promuovere l’emergere di un mondo multipolare e di una globalizzazione economica basata su un autentico multilateralismo.

Esprimiamo il nostro fermo impegno a lavorare insieme nel contesto della presidenza BRICS della Russia quest’anno e quando la Cina assumerà la presidenza della SCO nella seconda metà dell’anno.seconda metà dell’anno, forgiando un partenariato di alto livello completo, strettamente legato, orientato ai risultati e inclusivo per unire il Sud globale e renderlo più forte.

Il quinto principio riguarda la promozione di una soluzione politica per i punti caldi nell’interesse della verità e della giustizia. Il mondo di oggi è ancora afflitto dalla mentalità della Guerra Fredda. Le aspirazioni a garantire un’egemonia unilaterale, il confronto tra blocchi e la politica di potenza rappresentano una minaccia diretta alla pace e alla sicurezza di tutti i Paesi del mondo.

Il Presidente Putin e io abbiamo discusso della necessità di raggiungere una soluzione immediata nel conflitto israelo-palestinese e di risolvere la questione palestinese sulla base della soluzione dei due Stati e in linea con la risoluzione delle Nazioni Unite.

Cina e Russia ritengono che la crisi ucraina debba essere risolta con mezzi politici. La Cina è stata coerente e chiara al riguardo, sostenendo l’osservanza delle norme e dei principi sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite, il rispetto della sovranità statale e dell’integrità territoriale di tutti i Paesi, tenendo conto delle loro ragionevoli preoccupazioni in materia di sicurezza. Questo approccio mira a creare una nuova architettura di sicurezza equilibrata, efficace e sostenibile.

La Cina spera che la pace e la stabilità tornino presto nel continente europeo ed è pronta a contribuire in modo costruttivo affinché ciò avvenga. Come si dice in Cina, la corteccia degli alberi si forma con l’accumulo di terra, mentre l’accumulo di acqua crea gli oceani. Grazie agli sforzi compiuti negli ultimi 75 anni, la Cina e la Russia hanno costruito la loro amicizia secolare e la loro cooperazione globale per generare un forte slancio, che ha permesso loro di superare tutte le sfide e raggiungere nuove vette.

Avendo raggiunto una nuova soglia nella storia delle loro relazioni, la Cina e la Russia manterranno il loro impegno verso l’obiettivo primario di lavorare per il bene delle due nazioni e di contribuire efficacemente alla promozione di una pace e di uno sviluppo duraturi in tutto il pianeta con senso di responsabilità.il beneficio delle due nazioni e di contribuire efficacemente alla promozione di una pace e di uno sviluppo duraturi in tutto il pianeta con senso di responsabilità. Grazie.

Grazie per l’attenzione.

Presidente della Russia Vladimir Putin:Presidente Xi Jinping,

Amici, compagni,

Signore e signori,

Innanzitutto, vorrei esprimere la mia gratitudine al Presidente della Repubblica Popolare Cinese e a tutti i colleghi cinesi per il caloroso benvenuto. Mentre ci recavamo in questa sala, abbiamo avuto uno scambio di opinioni con il Presidente Xi. È vero che i nostri amici cinesi hanno creato un ambiente amichevole e caloroso e un’atmosfera pragmatica, imprenditoriale e costruttiva che favorisce il lavoro.

I colloqui appena conclusi hanno evidenziato la grande importanza che Mosca e Pechino attribuiscono allo sviluppo e al rafforzamento del partenariato globale Russia-Cina e dell’interazione strategica. Questo partenariato può certamente essere un esempio di legami tra Stati vicini.

Gli elevati standard e la natura speciale delle relazioni Russia-Cina sono stati riaffermati quando il Presidente Xi, come ricorderete e come ha appena ricordato, ha effettuato una visita di Stato in Russia subito dopo la sua rielezione a Presidente della Repubblica Popolare Cinese nel marzo 2023.ha appena ricordato, ha effettuato una visita di Stato in Russia subito dopo la sua rielezione a Presidente della Repubblica Popolare Cinese nel marzo 2023. È logico che la Cina sia il primo Paese straniero che ho visitato da quando ho assunto l’incarico di Presidente della Russia.

C’è sicuramente un certo grado di simbolismo in questo, ma c’è anche dell’altro. Questi eventi hanno un contenuto pratico e sono molto utili, ci aiutano a sincronizzare gli orologi e ad avanzare lungo il percorso che abbiamo scelto insieme al Presidente della Repubblica Popolare Cinese.

Manteniamo contatti regolari. Oltre a tenere regolarmente vertici bilaterali, ci incontriamo anche a margine di eventi multilaterali e abbiamo conversazioni telefoniche, in modo da poter discutere qualsiasi questione, anche la più difficile, e supervisionare personalmente tutte le questioni essenziali dell’agenda bilaterale e internazionale.

Vorrei sottolineare che questa visita di Stato si svolge nell’anno del 75° anniversario delle nostre relazioni diplomatiche. Il nostro Paese è stato il primo a riconoscere la Repubblica Popolare Cinese il 2 ottobre 1949, il giorno successivo alla sua dichiarazione. Abbiamo inoltre fornito un’assistenza sostanziale nella fase iniziale dello sviluppo del suo sistema politico, delle istituzioni statali e dell’economia. La nostra cooperazione si è rafforzata e sviluppata per decenni. Abbiamo accumulato un’esperienza positiva di un partenariato multiforme e reciprocamente vantaggioso. Il nostro bagaglio comune comprende importanti risultati in campi molto diversi.

Oggi il Presidente Xi Jinping e io abbiamo discusso lo stato attuale e le prospettive della cooperazione bilaterale in un’atmosfera calorosa, amichevole e costruttiva. Abbiamo notato con soddisfazione l’intensità del nostro dialogo sulle questioni politiche e di sicurezza, il ritmo crescente dei nostri scambi economici, l’espansione dei nostri contatti culturali e il nostro efficace coordinamento sulla scena internazionale.

Vorrei sottolineare l’importanza della Dichiarazione congiunta che abbiamo adottato, che fissa nuovi obiettivi e direttive a lungo termine per far progredire l’intero spettro delle relazioni russo-cinesi. La realizzazione di questi obiettivi faciliterà senza dubbio l’attuazione di una vasta gamma di accordi intergovernativi, interdipartimentali e commerciali redatti in occasione di questa visita.

Certamente l’interazione tra commercio e investimenti è stata un punto focale durante i nostri colloqui, considerando la posizione di rilievo della Cina come principale partner commerciale estero della Russia. Inoltre, il nostro Paese si è assicurato il quarto posto nel bilancio delle esportazioni-importazioni della Repubblica Popolare Cinese in base ai risultati dello scorso anno.

Nel 2023, il commercio bilaterale è aumentato di un quarto, raggiungendo un nuovo traguardo di 240 miliardi di dollari, come riportato dalle statistiche cinesi. Sebbene vi sia una leggera variazione nelle cifre, il totale complessivo è del tutto accurato.

Vorrei sottolineare in particolare la crescita delle esportazioni alimentari russe verso il mercato cinese, che sono aumentate di oltre il 50%, raggiungendo i 7,6 miliardi di dollari. Nel complesso, il commercio bilaterale di prodotti agricoli è cresciuto del 40%, per un totale di 9,7 miliardi di dollari. Ci sono forti indicazioni che questo segmento commerciale continuerà ad espandersi ulteriormente.

La cooperazione in materia di investimenti sta avanzando in modo dinamico, con un volume totale di investimenti reciproci in aumento. Attualmente, sono oltre 80 i progetti prioritari per un valore di circa 200 miliardi di dollari in corso o in preparazione per l’attuazione attraverso le rispettive commissioni intergovernative.

Il rafforzamento dei legami commerciali e di investimento è stato notevolmente favorito dalle misure coordinate attuate per trasferire i pagamenti tra i nostri Paesi nelle valute nazionali. Attualmente, il rublo e lo yuan rappresentano oltre il 90% delle transazioni commerciali russo-cinesi, con una percentuale in costante aumento. Questa tendenza indica che il nostro commercio e i nostri investimenti reciproci sono protetti dall’influenza di Paesi terzi e dagli sviluppi negativi dei mercati valutari globali.

Alla luce di ciò, abbiamo concordato di migliorare ulteriormente la comunicazione tra gli istituti di credito e bancari di Russia e Cina, impiegando attivamente i sistemi di pagamento nazionali per sostenere i nostri operatori economici.

Naturalmente, durante i colloqui si è discusso a fondo della cooperazione nel settore energetico, in rapida evoluzione. Questo settore rimane una delle nostre priorità chiave e abbiamo piani concreti per rafforzare la cooperazione nei progetti legati all’energia.

La cooperazione energetica tra Russia e Cina va oltre gli idrocarburi e comprende l’uso pacifico dell’energia nucleare. Rosatom sta costruendo unità di potenza di progettazione russa presso la centrale nucleare di Tianwan e la centrale nucleare di Xudapu nella Repubblica Popolare Cinese. La messa in funzione di queste unità è destinata a dare un contributo sostanziale all’approvvigionamento energetico della Cina, fornendo energia pulita e a prezzi accessibili alle industrie e alle famiglie cinesi.

Inoltre, con il coinvolgimento della Russia, in Cina è stato costruito un impianto sperimentale di neutroni veloci e si sta lavorando alla costruzione di un nuovo reattore veloce dimostrativo.

Con il sostegno di partner cinesi, è in corso la costruzione del complesso acceleratore NICA a Dubna, vicino a Mosca, basato sull’Istituto congiunto per la ricerca nucleare. Gli esperimenti condotti in questo collisore apriranno la strada a megaprogetti scientifici rivoluzionari che supereranno le capacità di ogni singolo Paese al mondo.

Per quanto riguarda la cooperazione industriale bilaterale, siamo lieti di assistere all’espansione proattiva delle case automobilistiche e dei produttori di elettrodomestici cinesi nel mercato russo. Come discusso durante i nostri colloqui, e come ha detto il Presidente, riconosciamo l’effetto negativo di qualsiasi azione illegale, sanzione o restrizione. Accogliamo con entusiasmo la collaborazione con le nostre controparti cinesi nel settore automobilistico, dove hanno dimostrato chiari e innegabili successi e vantaggi competitivi attraverso una concorrenza leale. Siamo ansiosi di sviluppare ulteriormente questa cooperazione.

Sono in corso importanti progetti congiunti nella metallurgia non ferrosa, nell’industria chimica e della cellulosa, nelle biotecnologie, nella farmaceutica, nell’esplorazione spaziale e in vari altri settori ad alta tecnologia. Russia e Cina stanno sviluppando congiuntamente corridoi internazionali di trasporto e logistica, sfruttando il potenziale delle ferrovie Transiberiana e Baikal-Amur, nonché della Northern Sea Route. Di anno in anno, il volume del traffico merci e passeggeri in entrata è in aumento. Per migliorarne l’efficienza, stiamo collaborando per migliorare la capacità dei valichi di frontiera e per espandere le infrastrutture di confine.

Russia e Cina stanno sviluppando con forza la cooperazione culturale e umanitaria. Come già detto, il 2024 e il 2025 sono stati designati come anni incrociati della cultura nei nostri Paesi. L’inizio ufficiale avrà luogo questa sera. Il programma degli anni incrociati è completo e comprende una vasta gamma di eventi culturali che si terranno in 38 città della Russia e in 51 città della Cina. Questi eventi includono festival, fiere, tour teatrali, spettacoli sul ghiaccio, mostre museali, proiezioni di film e molto altro ancora.

Vorrei sottolineare che a febbraio il Capodanno cinese è stato celebrato ufficialmente a Mosca per la prima volta, con il sostegno dell’ufficio del sindaco della città. Vale la pena sottolineare che questi vivaci festeggiamenti si sono svolti su larga scala e sono stati goduti da centinaia di migliaia di persone.

Anche la cooperazione educativa tra i nostri Paesi sta migliorando. Migliaia e decine di migliaia di cittadini russi e cinesi stanno studiando rispettivamente in Cina e in Russia.

Domani visiteremo l’Istituto di Tecnologia di Harbin, un’importante istituzione cinese che dal 2019 è impegnata in una proficua collaborazione con l’Università Tecnica Statale Bauman di Mosca. Inoltre, nel prossimo futuro, verrà aperto ad Harbin un centro di formazione russo-cinese in scienze naturali, nell’ambito di una partnership tra l’Istituto di tecnologia di Harbin e l’Università statale di San Pietroburgo.

Il turismo reciproco è in crescita, soprattutto grazie al regime di esenzione dal visto per i turisti di entrambi i Paesi. Ad esempio, 734.000 russi hanno visitato la Cina e 477.000 turisti cinesi hanno visitato la Russia nel 2023.

La nostra cooperazione sportiva è in crescita. Gli atleti cinesi hanno dimostrato buoni risultati al primo torneo internazionale dei Giochi del futuro, tenutosi a Kazan a febbraio e marzo 2024. I giochi, che sono un nuovo formato di movimento sportivo proposto dalla Russia, combinano sport classici dinamici e cybersport.

Francamente, posso dire al pubblico che non avrei mai pensato che questi giochi sarebbero cresciuti fino a queste proporzioni e avrebbero suscitato un così grande interesse tra i giovani. Come sapete, è stato un evento interessante, che centinaia di milioni di persone, in larga misura, hanno guardato nel cyberspazio. Ci auguriamo che la Cina diventi un partner attivo e ospiti uno dei prossimi eventi dei Giochi del futuro.

Ci auguriamo inoltre di vedere gli atleti cinesi ai grandi eventi sportivi che la Russia ospiterà nel 2024, come i Giochi BRICS, i Giochi estivi dei bambini dell’Asia e i Giochi mondiali dell’amicizia.

I nostri colloqui hanno ribadito che la Russia e la Cina hanno opinioni simili o identiche su molte questioni internazionali e regionali.

Entrambi i Paesi hanno una politica estera indipendente e sovrana. Lavoriamo insieme per creare un ordine mondiale multipolare più equo e democratico, basato sul ruolo centrale dell’ONU e del suo Consiglio di Sicurezza, sul diritto internazionale, sulla diversità culturale e di civiltà e su un calibrato equilibrio degli interessi di tutti i membri della comunità internazionale.Consiglio di Sicurezza, sul diritto internazionale, sulla diversità culturale e di civiltà e su un calibrato equilibrio degli interessi di tutti i membri della comunità internazionale.

Partendo da queste posizioni, la Russia e la Cina collaborano proficuamente nei BRICS, di cui quest’anno la Russia detiene la presidenza, e nell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, di cui la Cina assumerà la presidenza a luglio. Naturalmente, i nostri Paesi sono decisi a continuare a lavorare per allineare i processi di integrazione in corso nell’ambito della UEEA con l’Iniziativa Belt and Road della Cina, con l’obiettivo finale di creare un Grande Partenariato Eurasiatico.

Per questo i nostri Paesi chiedono di rinnovare la governance economica globale, di riformare e depoliticizzare gli istituti multilaterali, come l’Organizzazione mondiale del commercio, il G20 e il forum della Cooperazione economica Asia-Pacifico, e di adeguarli alle realtà moderne.

Riteniamo che sia necessario creare un’architettura di sicurezza affidabile e appropriata nella regione Asia-Pacifico, in cui non ci sia posto per alleanze politico-militari chiuse. Riteniamo che la creazione di tali alleanze sia estremamente dannosa e controproducente.

Abbiamo concordato con il Presidente Xi Jinping di tenere una discussione dettagliata sull’intera gamma di questioni di politica estera in un incontro informativo questa sera. Da parte mia, aggiornerò certamente il Presidente della Repubblica Popolare Cinese sulla situazione della crisi ucraina. Siamo grati ai nostri amici e colleghi cinesi per le loro iniziative volte a risolvere il problema.

Signore e signori,

L’agenda di questa visita di Stato è molto intensa. Oggi parteciperò ad altri eventi insieme al Presidente Xi Jinping e avrò un incontro con il Premier del Consiglio di Stato della Repubblica Popolare Cinese Li Qiang. Domani, la delegazione russa si recherà ad Harbin per partecipare alla cerimonia di apertura dell’ottava Expo Russia-Cina e del quarto Forum russo-cinese sulla cooperazione interregionale. Inoltre, incontreremo gli studenti e i docenti dell’Istituto di Tecnologia di Harbin.

Colleghi,

Vorrei esprimere la mia sincera gratitudine al Presidente Xi Jinping e a tutti i colleghi cinesi per la loro ospitalità. Credo che questa visita e i colloqui contribuiranno a rafforzare l’amicizia russo-cinese e a incrementare il benessere e la prosperità delle nostre nazioni.

Grazie.

Incontro con il premier del Consiglio di Stato cinese Li Qiang

Durante la sua visita di Stato in Cina, Vladimir Putin ha incontrato il premier del Consiglio di Stato della Repubblica Popolare Cinese Li Qiang.

11:45
Pechino
Before the meeting with Premier of the State Council of the People’s Republic of China Li Qiang.
Before the meeting with Premier of the State Council of the People’s Republic of China Li Qiang.
1 di 4
Prima dell’incontro con il premier del Consiglio di Stato della Repubblica Popolare Cinese Li Qiang. Foto: Sergey Guneev, RIA Novosti

<…>

Presidente della Russia Vladimir Putin: Signor Premier del Consiglio di Stato,

Da parte mia, sono molto lieto di incontrarla e di discutere di questioni di attualità della cooperazione bilaterale dopo gli ampi e dettagliati colloqui avuti oggi con il Presidente Xi Jinping.

Abbiamo firmato la fondamentale dichiarazione congiunta sull’approfondimento del nostro partenariato globale e dell’interazione strategica nel momento in cui entriamo in una nuova era. Abbiamo fissato obiettivi ambiziosi e linee guida a lungo termine per lo sviluppo dell’intera gamma delle relazioni Russia-Cina. Come lei ha appena ricordato, questo documento è stato firmato in vista del 75° anniversario delle relazioni diplomatiche tra i nostri Paesi.

Negli ultimi sette decenni e mezzo, le relazioni tra Russia e Cina si sono sviluppate in modo dinamico e hanno raggiunto un livello senza precedenti. Esse si basano su una solida base di vicinanza, uguaglianza, rispetto e sostegno reciproci. Questo approccio strategico serve gli interessi fondamentali delle nazioni russa e cinese.

A questo proposito, vorrei ringraziarla personalmente, stimato signor Premier, così come tutti i suoi colleghi del Consiglio di Stato della Repubblica Popolare Cinese, per aver dato priorità a una cooperazione Russia-Cina più forte e diversificata, in particolare ai nostri legami commerciali ed economici.

Abbiamo ottenuto risultati impressionanti nella cooperazione pratica grazie agli sforzi congiunti. Oggi abbiamo già discusso le statistiche che evidenziano il commercio bilaterale. Come lei ha detto, secondo le statistiche cinesi, il commercio bilaterale ha superato i 240 miliardi di dollari. Le nostre statistiche sono leggermente inferiori, ma questo non è importante. Abbiamo raggiunto un livello così alto negli ultimi cinque anni.

L’energia è un settore chiave della nostra cooperazione. La Russia è un fornitore affidabile di vettori energetici per la crescente economia cinese. Tra l’altro, l’anno scorso si è registrato un record di spedizioni di petrolio, gas e carbone russo in Cina.

Stiamo ampliando la nostra cooperazione industriale, anche nel settore automobilistico, e aumentando il volume degli scambi agricoli. Stiamo coordinando vari piani di alta tecnologia e innovazione, tra cui l’esplorazione spaziale e l’industria dell’energia nucleare, e li stiamo attuando con successo. Abbiamo ottenuto risultati tangibili nello sviluppo delle infrastrutture di trasporto.

Inoltre, stiamo approfondendo i nostri legami culturali e umanitari. Stiamo organizzando numerosi eventi e attuando tabelle di marcia per la cooperazione culturale e umanitaria fino al 2030 nei settori dell’istruzione, della cultura, della sanità, dello sport, dei media, del cinema, del turismo, degli archivi e delle politiche giovanili.

Gli anni incrociati della cultura russa e cinese svolgono un ruolo importante in questo contesto. Il Presidente Xi Jinping e io li lanceremo ufficialmente oggi.

So che avete instaurato rapporti cordiali e commerciali con il Primo Ministro della Federazione Russa Mishustin. Ci auguriamo che il vostro rapporto di lavoro, stretto e veramente professionale, continui.

In pratica, il meccanismo degli incontri regolari tra i capi di governo russo e cinese si è dimostrato efficace. Questo vale anche per l’attuazione dell’intera gamma di accordi di più alto livello. Mosca è pronta a ospitare colloqui regolari a livello di primi ministri. Siamo ansiosi di accogliervi in Russia. Sono certo che questi colloqui contribuiranno ad approfondire ulteriormente le relazioni tra Russia e Cina.

Grazie.

L’abbraccio di DragonBear segnala un’espansione senza precedenti dei legami, di SIMPLICIUS

Putin è arrivato a Pechino per quello che è un incontro epocale:

Non solo si tratta del simbolico primo viaggio all’estero del suo ultimo mandato presidenziale, ma scavando sotto il cofano, scopriamo che c’è ancora più importanza nel viaggio per distinguerlo dalla mera routine.

In primo luogo, Putin ha portato con sé praticamente tutte le figure più importanti del governo russo, in particolare il nuovo ministro della Difesa Belousov, anche se Shoigu è rimasto significativamente al suo fianco:

Ciò ha portato molti esperti ad analizzare il viaggio a un livello più profondo del solito.

Questo thread di un ufficiale di riserva ucraino elenca il seguente entourage:

Inoltre, della delegazione allargata fanno parte importanti rappresentanti del mondo economico e degli oligarchi.

– Oleg Deripaska, oligarca e fondatore di RUSAL

– Igor Sechin, oligarca, amministratore delegato di Rosneft

– Herman Gref, presidente del comitato esecutivo di Sberbank

– Andrey Kostin, Presidente-Presidente della Banca VTB

– Kirill Dmitriev, CEO del Fondo russo per gli investimenti diretti

– Leonid Mikhelson, Presidente di NOVATEK

– Igor Shuvalov, Presidente di VEB.RF

– Alexander Shokhin, Presidente dell’Unione russa degli industriali e degli imprenditori (RSPP)

A questi si aggiungono Lavrov, Peskov, Shoigu, Belousov e altri.

Si tratta di un tutto esaurito e rappresenta la conclusione di importanti accordi. L’ufficiale ucraino è d’accordo:

Un simile elenco di decisori del settore finanziario ed economico suggerisce che questa delegazione non è ordinaria ma piuttosto uno sforzo ambizioso e serio per approfondire la cooperazione economica e finanziaria con la Cina.

Data la presenza del nuovo ministro della Difesa e del direttore del Servizio federale per la cooperazione tecnico-militare, dovremmo anticipare anche le discussioni sulla cooperazione militare-industriale. Questo non dovrebbe essere considerato un evento di routine.

L’ultima volta che Shoigu ha visitato la Corea del Nord, la Russia ha ricevuto milioni di proiettili di artiglieria e missili balistici. Tuttavia, a differenza di quella delegazione, questa è fortemente rappresentata dai settori finanziario ed economico, suggerendo la seria intenzione della Russia di affrontare i problemi economici e finanziari causati dalla guerra.

Leggi non solo il grassetto, ma anche l’ultimo paragrafo sopra.

Ci sono altri indicatori e voci secondo cui la Russia, in particolare, stringerà una sorta di importante partnership legata alla tecnologia dei droni.

L’altro evento più significativo è stato il discorso di Putin davanti al suo consiglio di gabinetto, che ha fatto debuttare Belousov e Shoigu nelle loro nuove posizioni:

Da notare anche la posizione di rilievo del generale Lapin al fianco di Belousov: si dice che Lapin sia il comandante del nuovo distretto di Leningrado, le cui unità, secondo alcuni rapporti, comprendono la maggior parte dei combattenti attivi sul nuovo fronte settentrionale di Kharkov.

Nel discorso, Putin fa un’importante concessione, che si perde un po’ nella traduzione AI di cui sopra. In sostanza, ammette che la Russia, come tutti gli altri nel mondo, non sapeva pienamente cosa stava facendo all’inizio dell’OMS. Molto probabilmente si riferisce principalmente all’anticipazione di alcuni sviluppi dei droni.

“Molte cose non ci erano chiare all’inizio della SMO. Né a noi né a nessuno”.

L’altro punto estremamente importante è duplice. In primo luogo, rafforza le nostre precedenti relazioni secondo cui l’assunzione di Belousov è interamente incentrata sulla gestione dell’integrazione economica russa nei settori civile e della difesa.

Come si può vedere dalla citazione sopra, Putin dà priorità alla salute dell’economia complessiva del Paese . In breve: il compito di Belousov è quello di garantire che le ripercussioni economiche a lungo termine del conflitto militare non incidano negativamente sull’economia generale e sulla vita civile.

Egli sottolinea questo punto menzionando la prossima grande “bomba”: la spesa combinata per la difesa e la sicurezza della Russia si sta già avvicinando al 9% del PIL, mentre quella dell’Unione Sovietica negli anni ’80 era a nord del 13%. Ecco solo quella clip:

Si tratta ovviamente di una cifra sconcertante che attualmente nessun paese al mondo spende. Ciò significa che Putin ha riconosciuto che la Russia sta lentamente scivolando nella zona di pericolo e non si deve risparmiare alcuno sforzo nel coreografare con competenza queste forze economiche. Nessun uomo migliore, a detta di tutti, sembra più adatto a questo di Belousov. Ho visto diversi suoi ex colleghi occidentali ora lodarlo con elogi.

Ecco uno degli esempi più recenti , i cui pensieri molto rivelatori meritano di essere letti; L’economista francese Jacques Sapir:

Andrei Belousov è stato appena nominato Ministro della Difesa. È un appuntamento importante sia per l’uomo che per quello che significa politicamente. #Discussione su questo argomento.

Conosco Andrei Belousov dall’inizio degli anni ’90. All’epoca era un brillante direttore di ricerca presso l’Istituto per le previsioni economiche e partecipò ai primi seminari franco-russi tenutisi a Mosca.

Chiamarlo “liberale” è fuorviante. Era “liberale” nel senso che aveva notato il fallimento della pianificazione centrale sovietica ed era a favore della privatizzazione, ma lo eravamo anche tutti noi al seminario FR!

Nel 1995-1996 rimase scioccato e scandalizzato dalla situazione in Russia e dalla collusione con gli oligarchi, e fu uno di quelli che mi parlò della necessità di una reazione delle “forze sane” se si voleva salvare il Paese.

Era tenuto in grande stima dai due direttori successivi dell’IPE, e in particolare da Victor Ivanter, che fu il vero direttore dell’Istituto dal 1996 fino alla sua morte nel 2019, e che sostenne di essere stato l’unico a comprendere il concetto di PIL.

Ha poi avviato la riforma ROSSTAT e, in questa veste, ho avuto ulteriori opportunità di incontrarlo quando ho preso parte al programma di assistenza INSEE -ROSSTAT. Si è guadagnato rapidamente il rispetto dei nostri colleghi dell’INSEE.

È entrato nell’amministrazione presidenziale alla fine del 2000, quando Putin è stato eletto, ed è diventato rapidamente uno dei suoi consiglieri per l’economia e l’innovazione, mettendo a frutto tutte le sue competenze (economia e matematica) nel suo nuovo ruolo.

In questo periodo ho scritto due rapporti per l’amministrazione presidenziale (2002 e 2007), che sono stati successivamente pubblicati sulla rivista “Problemy Prognozirovanija” dell’IPE-ASR.

Ha capito (e capisce) perfettamente che la sopravvivenza della Russia dipendeva dalla sua economia E dalla sua capacità di sviluppare un regime di innovazione che coinvolgesse un intero ecosistema nonché un sistema finanziario.

Ha svolto un ruolo importante nella stesura della legislazione e dei regolamenti che hanno consentito lo sviluppo di tecno-parchi in collaborazione con importanti università come Novosibirsk (il seminario franco-russo ha trasferito lì una delle sue sessioni nel 2015).

Entra nel governo come Ministro dello Sviluppo Economico (mantenendo i collegamenti con l’IPE-ASR). Già allora era convinto che gli investimenti e la costruzione di grandi gruppi innovativi fossero la chiave del successo della Russia.

Considerarlo un pianificatore ha senso solo se intendiamo la pianificazione come il processo attuato in Francia all’inizio degli anni Sessanta o in Giappone dal 1957 al 1971. Lo scopo è quello di orientare le attività di gruppi pubblici e privati.

Per troppo tempo è stato bloccato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e dalla Banca Centrale. È stato solo con la crisi del COVID (2020) che è riuscito a emanciparsi e a iniziare a realizzare le sue idee.

Fu a questo punto che Belousov, che era diventato anche vice primo ministro, sembra aver preso una svolta positiva. Nel 2022 e nel 2023 ha accompagnato e coordinato la forte crescita degli investimenti delle imprese private e la conseguente crescita dell’economia.

La sua nomina al Ministero della Difesa è di notevole importanza. Segna la trasformazione di questo ministero in un’agenzia di produzione, progettazione, ricerca e innovazione per le forze armate.

L’impatto sulle aziende dell’industria militare sarà considerevole. Vedranno le loro attività snellite, e soprattutto dovranno essere attenti al collegamento tra breve e lungo termine attraverso i processi di innovazione.

Ciò significa anche che un certo numero di aziende provenienti da parchi tecnologici e start-up saranno integrate in questo processo per promuovere l’innovazione. È probabile che la Russia istituirà un equivalente della DARPA per garantire i contatti civili/militari.

Le funzioni puramente “militari” del Ministero potrebbero essere poste sotto l’autorità di uno Stato Maggiore allargato, comprendente anche quelli responsabili degli affari economici, dei trasporti, dei servizi segreti, ecc., sul modello della STAVKA della Seconda Guerra Mondiale.

Questa nuova STAVKA verrebbe quindi logicamente collegata all’amministrazione presidenziale. Dovremo tenere d’occhio le novità di questa possibile riorganizzazione nei prossimi mesi.

Andrei Belousov è convinto che lo sviluppo della produzione militare NON DEVE avvenire a scapito della produzione civile. È lecito ritenere che manterrà il rapporto 40/60 per la produzione militare/civile.

Tuttavia, la sua nomina indica che il governo russo guarda ben oltre le attuali ostilità e prevede un periodo di 10-20 anni di confronto “freddo” con i paesi della NATO.

Sa che, in questa logica, la capacità della Russia di resistere, o addirittura di vincere, non dipende solo dalla sola produzione militare, ma anche dalla vitalità della sua economia e dai processi di innovazione che si sviluppano al suo interno.

Rileggi l’ultima parte in grassetto:

“Andrei Belousov è convinto che lo sviluppo della produzione militare NON DEVE avvenire a scapito della produzione civile. È lecito ritenere che manterrà il rapporto 40/60 per la produzione militare/civile.”

Questo rientra in ciò che potrebbe rappresentare l’importante viaggio di Putin in Cina. Putin ha recentemente parlato specificamente di “tecnologie a duplice uso”, che i media occidentali hanno colto nelle loro nuove minacce di sanzioni contro la Cina. Questo è probabilmente ciò a cui si riferisce quanto sopra: Belousov ottimizzerà le efficienze spingendo per una serie di nuove capacità produttive a duplice uso che possono avvantaggiare sia il settore civile che quello militare. Il lato positivo della tecnologia a duplice uso è che elude le sanzioni poiché è classificata come importazione civile piuttosto che militare, ma ovviamente gli Stati Uniti e l’Europa stanno cercando di reprimere questo problema mentre parliamo.

Nota anche sulle prospettive a lungo termine. Certo, si legge che la Russia si aspetta che questo conflitto duri a lungo in virtù di queste ultime mosse. Tuttavia, si tratta di un semplice pensiero pragmatico: che duri a lungo o meno, Putin sa che questo è il passo saggio da compiere per garantire lo sviluppo futuro della Russia. Ha avuto due anni per accumulare dati sulla SMO: i fallimenti, i successi, cosa sta andando bene, cosa si potrebbe fare meglio. Ora sta semplicemente agendo in base a ciò, indipendentemente dalle “prospettive future” per la stessa SMO.

Detto questo, ovviamente è possibile che l’Ucraina continui a resistere se i suoi sforzi di reclutamento avranno anche un discreto successo – e tra l’altro, non hanno altra scelta se non quella di avere successo se vengono applicate sufficiente coercizione e costrizione. Continuo a sostenere che il conflitto ha maggiori probabilità di terminare entro la metà del 2025 circa, ma esiste la possibilità che possa andare avanti ben oltre se alcune cose si mettessero a posto. Ho detto che, nonostante le perdite relativamente elevate, l’Ucraina è rimasta sulla difensiva e conserva ancora le sue forze molto meglio di prima.

Pensa a questo esperimento mentale: l’Ucraina ha circa 27 regioni, il che significa che ciascuna regione deve produrre circa 1000 uomini al mese. 1000 diviso 30 giorni fanno scendere a circa 30 uomini al giorno. Questo è ciò che ciascuna regione deve reclutare per mantenere la forza complessiva delle AFU a circa 30.000 reclute al mese. Di recente, infatti, potrebbe addirittura essere notevolmente inferiore. 30 uomini reclutati al giorno da grandi regioni equivalgono a soli 4-5 uomini per città o meno. Non è esattamente impossibile.

Detto questo, man mano che la Russia estende il fronte e apre nuove direzioni, le perdite potrebbero diventare davvero insostenibili poiché ci saranno innumerevoli punti caldi in cui le AFU subiranno fughe di manodopera.

E a questo proposito, le voci su Sumy continuano a circolare.

La posta ucraina afferma che la Russia sta avvicinando sempre più le sue attrezzature alla linea di contatto al confine di Sumy. Un’altra nuova notizia Reuters allo stesso modo cita Sumy come un fronte imminente:

Nel frattempo, SkyNews diventa allarmista sull’urgenza di Zelenskyj:

Altri articoli MSM continuano a mantenere le prospettive pessimistiche:

L’Economist ha persino iniziato a ricordare minacciosamente alla gente che il mandato di Zelenskyj scadrà presto ufficialmente:

Perché dovrebbe essere così, ci si chiede?

Sul fronte, l’Ucraina e l’Occidente celebrano il rallentamento dell’avanzata settentrionale della Russia. Ma questo era previsto, ovviamente: l’apertura è sempre stata programmata per essere rapida fino all’arrivo delle riserve. Ora si trasformerà in un altro po’ di fatica, ma accelererà a scatti man mano che si formeranno nuove crepe e si troveranno scoperte. La Russia sta ancora trattenendo la maggior parte delle sue forze ausiliarie.

Diverse fonti ora riportano il vasto mosaico di forze coinvolte per arrestare le perdite:

La maggior parte di loro vengono semplicemente selezionati da varie unità e non rappresentano interi battaglioni con personale completo.

Un articolo più esaustivo riporta le seguenti unità di entrambe le parti attive sul fronte di Kharkov:

Secondo l’organizzazione militare pro-AFU le unità coinvolte a Kharkov sono le seguenti.

****************************

Direzione Lyptsi:

****************************

Unità russe:

– 9° reggimento motorizzato

– 7° reggimento motorizzato

– 79° reggimento motorizzato

Unità ucraine:

– 42a brigata meccanizzata

– “Omega Kharkov” della guardia nazionale

– “Unità dell’istituto militare delle truppe corazzate”

– Forse la 113a brigata di difesa

****************************

Direzione Volchansk

****************************

Unità russe:

– 153° reggimento carri armati

– 138a brigata motorizzata

– 1° reggimento motorizzato

Unità ucraine:

– 13a brigata con incarico operativo Kharkiv

– 7° distaccamento di frontiera

– 82a brigata d’assalto aereo

– 1° battaglione fucilieri, 57a brigata motorizzata

– Battaglione Timur del GUR MO

– 117esimo battaglione d’assalto della 57a brigata motorizzata

– 125a Brigata Difesa Territoriale

– Corpo dei volontari bielorussi

– Corpo dei volontari russi.

– forse il 36° battaglione fucilieri della 61a brigata meccanizzata

****************************

Appunti

****************************

Sappiamo che i Krakeniti sono coinvolti, ma la loro ubicazione non è specificata.

– è coinvolta anche l’unità missilistica antiaerea con sede a Kharkov, anch’essa in fase di distruzione.

Le ultime mappe di Suriyak vedono Volchansk controllato per il 20-30% dalle forze russe, più o meno:

L’altro grande aggiornamento:

Negli ultimi due giorni l’Ucraina ha lanciato due attacchi di massa consecutivi dell’ATACMS contro la base aerea di Belbek in Crimea.

Fonti russe hanno affermato che sono stati utilizzati più di 10-16 missili ATACMS e che presumibilmente tutti tranne 1 o 2 sono stati abbattuti. Quelli non abbattuti provocarono danni significativi, spazzando via un’intera unità S-400, compresi i lanciatori e il costosissimo radar 92N6E Gravestone:

Oltre a una serie di jet russi:

Sono arrivate le immagini ad alta risoluzione di Belbek di Maxar Tech.

1 ha distrutto il Su-27 (credo)

2 MiG-31 distrutti (iterazione sconosciuta)

1 probabilmente danneggiò il MiG-29

Anche il deposito di carburante è stato raso al suolo.

Il Mig-29 danneggiato e forse gli aerei distrutti avrebbero potuto essere evitati con bunker di cemento

Ora, lasciatemi sottolineare: questo è l’unico posto su Internet dove potrete avere un punto di vista non propagandistico su questioni così delicate; ottieni sia il buono, il cattivo e il brutto con un’analisi imparziale.

Analizziamolo quindi con un approccio davvero imparziale e lungimirante.

La prima cosa da notare è che, appena una settimana fa , l’8 maggio, in questo articolo ho riferito che la Russia aveva già iniziato a spostare le sue risorse aeree più importanti fuori portata, una volta che l’ATACMS aveva iniziato a essere spedito in Ucraina. Quindi, tutto ciò che resta nel raggio d’azione dell’ATACMS non è generalmente parlando dei più importanti caccia in prima linea , ma piuttosto di cose come Su-27 e Mig-29 che non vengono utilizzati affatto, o usati con parsimonia sul Mar Nero, semplicemente per la ricognizione o la lotta contro droni, ecc.

L’eccezione ovviamente sono i MiG-31, anch’essi utilizzati per gli scopi di cui sopra, ma sono molto più preziosi poiché la Russia non li costruisce più e ne restano relativamente pochi. Pertanto, la perdita di più MiG-31 nell’attacco è uno scioccante atto di disattenzione da parte del Ministero della Difesa russo. Da due anni le persone avvertono che sono necessari rifugi rinforzati per gli aerei: questi potrebbero facilmente fermare le munizioni a grappolo dell’ATACMS, che non possono perforare alcuna superficie rinforzata. Ma per qualche ragione, in questo ambito, il Ministero della Difesa russo rimane ostinatamente lassista.

L’Ucraina, per ragioni di assoluta necessità, si è evoluta per portare avanti la guerra in modo più difensivo, responsabile ed efficace in termini di preservazione dei suoi aerei, sollevandoli in aria al primo segno di attacco. La Russia, avendo un relativo eccesso di aerei, svolge le operazioni in modo un po’ più imprudente, senza preoccuparsi troppo se una parte di essi viene logorata. Oppure si aspettavano la totale superiorità dei sistemi di difesa aerea più avanzati della Russia rispetto all’ATACMS, cosa che si è rivelata non vera.

Tuttavia, va detto che si sospetta che alcuni degli aerei distrutti fossero in realtà non operativi perché erano vecchie fusoliere utilizzate per trapianti di parti o semplicemente in fase di riparazione e incapaci di decollare. Ci sono alcune prove di ciò: ad esempio alcuni dei MiG-29/Su-27 “distrutti” sono posizionati nelle aree posteriori solitamente destinate ai velivoli inattivi piuttosto che posizionati vicino alle piste:

Ci sono segni che alcuni aerei solitari non operativi siano rimasti mentre quelli negli ormeggi accanto a loro sono stati messi fuori pericolo.

In ogni caso, l’S-400 ha dimostrato di avere difficoltà a fermare in modo decisivo le saturazioni ATACMS su larga scala . Questo è il secondo S-400 in solo un mese che è stato distrutto, il precedente era stato nella base Dzhankoi, nel nord della Crimea, il mese scorso, di cui avevo già parlato in precedenza:

Tieni presente che alcune fonti sostengono che l’attacco prevedeva altri sistemi come i missili francesi AASM Hammer e altre “esche”, ma questo è difficile da credere dato che la portata di questi missili è estremamente breve e un aereo ucraino avrebbe dovuto raggiungere direttamente la Crimea lanciarli, il che in ogni caso rappresenterebbe un enorme fallimento dell’AD russo.

La base colpita di Belbek è troppo distante per essere raggiunta da quasi tutte le altre munizioni ucraine data la sua posizione sulla punta meridionale della Crimea vicino a Sebastopoli, motivo per cui l’ATACMS è l’unico colpevole. Per non parlare del fatto che parti dell’ATACMS sono state trovate in tutta la base, sia le munizioni inesplose che lo stadio del razzo scartato:

Nella nota sopra ho specificato attacchi su larga scala. Sembra che gli S-400 ne abbiano abbattuti un buon numero, dato che il danno alla base è stato limitato a un’area relativamente piccola che corrisponde all’incirca alla “diffusione” del frammento di uno o due missili ATACMS.

Mappa termica delle aziende della NASA

Dal momento che sono state trovate molte munizioni a grappolo inesplose, in particolare nelle aree rivendicate dalla Russia come villaggi molto a nord della base di Belbek, è ragionevole supporre che molti dei missili siano stati abbattuti. Quindi potrebbe ancora rappresentare uno sforzo rispettabile da parte dei sistemi AD: abbattere la maggior parte degli oggetti in arrivo è un successo. Il vero fallimento qui è l’incapacità di prendere precauzioni per proteggere gli aerei, come costruire rifugi per aerei.

Come ho scritto diversi rapporti fa, una cosa è chiara: nessun paese al mondo possiede attualmente la comprovata capacità ripetibile di fermare completamente i missili balistici . Né la Russia, né gli Stati Uniti, né Israele. I missili balistici, anche quelli non ipersonici come l’ATACMS, si stanno dimostrando superiori a tutti i sistemi antiaerei attualmente in campo. Tuttavia, come ho già affermato in precedenza, mi aspetto che la capacità russa migliori man mano che profilano l’ATACMS attraverso più impegni e aggiornano i loro sistemi. Due “lanciatori” distrutti su dozzine di scontri in cui dozzine di missili sono stati potenzialmente abbattuti rappresentano ancora un compromesso rispettabile.

Come ho scritto diversi rapporti fa, una cosa è chiara: nessun Paese al mondo possiede attualmente la capacità ripetibile e comprovata di fermare completamente i missili balistici. Né la Russia, né gli Stati Uniti o Israele. I missili balistici, anche quelli non personali come l’ATACMS, si stanno dimostrando un’arma vincente per tutti i sistemi antiaerei attualmente in campo. Tuttavia, come ho già detto in precedenza, mi aspetto che le capacità russe migliorino man mano che il profilo dell’ATACMS viene tracciato attraverso un maggior numero di scontri e che i sistemi vengano aggiornati. Due “lanciatori” distrutti su decine di combattimenti in cui decine di missili sono stati potenzialmente abbattuti è ancora un compromesso rispettabile.

Inoltre, va notato che l’Ucraina ha lanciato in precedenza un massiccio attacco navale con i droni, che è stato interamente fermato dalle forze navali russe, con la maggior parte dei droni distrutti e i pochi rimasti che sono tornati indietro verso Odessa. Questo dimostra che la Russia sta migliorando, cosa che probabilmente accadrà anche con gli ATACMS.

Infine, ecco il risultato più importante:

Molti lettori pro-UA stanno esultando per questo grande fallimento russo. Ma in realtà, alla fine, si tratta di un fallimento ucraino.

Perché?

Perché all’Ucraina sono stati forniti per ora solo circa 100 ATACMS, e ne hanno utilizzati circa il 25-30% per attaccare obiettivi russi di nessuna importanza strategica per il conflitto attuale, che non faranno alcuna differenza nella guerra. Ancora una volta, gli ATACMS vengono utilizzati per creare incidenti di “alto profilo” destinati a rafforzare l’immagine internazionale e il morale dell’Ucraina, ma che non stanno facendo nulla contro le forze effettivamente schierate contro di loro.

1. La Crimea, come già sappiamo e come è stato ammesso di recente anche dalla stampa, non è più nemmeno un punto di transito per le armi militari russe. La Crimea ha poca rilevanza militare per l’attuale guerra di terra che si sta svolgendo in tutto il Donbass, e in particolare ora nella regione settentrionale di Kharkov. Attaccare obiettivi in Crimea non serve letteralmente a nulla per il vostro sforzo bellico.

2. Come ho detto, la Russia ha rimosso i suoi beni più preziosi da quelle basi: i Su-35, i Ka-52, cioè le cose che servono effettivamente in prima linea e contribuiscono alla guerra. I bersagli colpiti rappresentano per lo più sistemi AD – che, ancora una volta, si limitano a sorvegliare un’area già strategicamente irrilevante – così come vecchi jet utilizzati in funzioni secondarie come la sorveglianza del Mar Nero. Certo, i Mig-31 sono un po’ un’eccezione. Ma dato che gli ATACMS costano più di 1 milione di dollari l’uno per missile, lanciarne 16 su una base per lo più irrilevante è una spesa piuttosto frivola.

In breve: pur essendo un occhio nero sulla reputazione dei sistemi AD russi, questi attacchi non servono a nulla di più dei tanto celebrati attacchi alle navi russe di mesi fa, che ora possiamo chiaramente vedere non hanno avuto alcun effetto sulla guerra.

Anzi, possiamo addirittura dire che, invece di non avere alcun effetto, gli attacchi hanno un effetto negativo sullo sforzo bellico ucraino, perché – come ho scritto sopra – l’Ucraina sta sprecando le sue poche e preziose “wunderwaffe” in attacchi insignificanti, quando quegli ATACMS avrebbero potuto essere utilizzati molto meglio per colpire obiettivi militari significativi, come nodi C2, siti di munizioni, eccetera, nelle retrovie russe, da qualche parte più vicino al fronte effettivo nel Donbass.

Inoltre, va notato che mentre gli attacchi erano in corso, gli Iskander russi sono piovuti a pochi chilometri di distanza sulla regione ucraina di Nikolayev, colpendo diversi presunti depositi di munizioni, che sono obiettivi molto più importanti per la guerra di terra in corso.

Tuttavia, anche se questi attacchi non avranno un grande effetto sulla guerra reale per l’Ucraina, dovrebbero servire come un grande allarme per la Russia in relazione a qualsiasi futuro conflitto NATO. Gli Stati Uniti, con le loro centinaia di lanciatori HIMARS e le migliaia di missili ATACMS, sanno che la Russia non ha modo di fermarli e probabilmente si stanno leccando i baffi. Ma ricordate: vale per entrambe le parti. Anche gli Stati Uniti non hanno alcuna capacità di fermare gli Iskander, i Kinzhal e gli altri missili russi. Ciò significa che in una battaglia tra i due giganti, nessuno dei due riuscirebbe a fermare nulla e si distruggerebbero a vicenda a piacimento. Dopodiché, la guerra di logoramento, che si basa sulla produzione, sul morale, sul coraggio e sull’amido del capitale umano, si ridurrebbe a una guerra di logoramento, e sappiamo già chi ha un vantaggio empirico in questo campo.

Qualcuno di recente ha detto questa ovvietà, parafrasando: la guerra moderna sarà tutta incentrata sull’attacco, poiché i sistemi difensivi non hanno raggiunto lo sviluppo di quelli offensivi. Il vincitore sarà colui che riuscirà a riversare sull’avversario la maggiore “quantità” di sistemi offensivi come i droni.

E ricordate, gli Stati Uniti continuano a sottolineare chi ha il vantaggio tecnologico in molti dei campi più importanti:

Come ultimo punto:

Alcuni ritengono che questo fallimento dell’AD significhi che l’Ucraina è ora in grado di distruggere facilmente il ponte di Kerch nel prossimo futuro, dal momento che gli S-400 chiaramente “non possono abbattere il missile ATACMS”.

Mi permetto di dissentire.

Poiché l’AD russo ha dimostrato di abbattere la maggior parte di essi, credo che l’Ucraina non abbia alcuna possibilità di far passare un numero sufficiente di missili attraverso la rete dell’AD per danneggiare in modo critico il ponte. Se la Russia abbatte il 70-90% degli ATACMS in ogni lotto, significa che l’Ucraina potrebbe riuscire a colpirne solo alcuni, il che semplicemente non è sufficiente per fare qualcosa di diverso da un danno estetico.

Certo, potrebbero aggiungere Storm Shadows e altre cose che complicheranno la questione, ma nonostante ciò, nonostante quello che stiamo vedendo in Crimea, rimango abbastanza fiducioso su questo argomento perché il ponte di Kerch rappresenta un obiettivo molto più complicato da una varietà di angolazioni.

Alla fine, però, non fa alcuna differenza: al massimo possono danneggiare alcune sezioni del ponte più lungo d’Europa, che la Russia sostituirà facilmente in due mesi. L’effetto sulla guerra sarebbe nullo, come sempre.

Ultimi video interessanti.

Un’interazione involontariamente umoristica tra Putin e la sicurezza di Xi durante la visita:

Nel frattempo, in un rarissimo segno di affetto personale che va al di là della mera politica, il Presidente Xi si è spinto fino a iniziare un abbraccio con Putin:

Lo chiamo l’abbraccio dell’orso dragone ed è il simbolo della relazione storicamente stretta tra Russia e Cina.

Per sottolineare ulteriormente questo aspetto, Putin non solo ha ricordato che l’URSS è stato il primo Paese a riconoscere la Cina, ma ha anche ricordato la popolare canzone sovietica di fratellanza tra i due popoli:

Infine, nella mostra dei trofei della NATO, questo soldato russo è diventato un fulgido esempio di umiltà quando gli è stato chiesto di parlare delle sue numerose medaglie. Ha fatto una battuta dicendo che era solo per l’amore per la patria, ma si è scoperto che l’umile guerriero nascondeva il fatto di essere responsabile della distruzione di diversi Leopard e Bradley, tra gli altri:

L’umile soldato russo non vuole raccontare le sue storie di guerra.-> Ha colpito un Leopard e un paio di Bradley.Ecco la sua storia più lunga: – Il 24 luglio 2023, vicino al villaggio di Rabotino, Ivan ha fornito rapidamente assistenza medica a un compagno ferito e poi lo ha evacuato in un luogo sicuro.- Il 26 luglio 2023, alla guida di un equipaggio di missili anticarro Kornet, il tenente maggiore Zharsky ha assunto una posizione preparata e ha colpito un carro armato Leopard 2A6, facendone esplodere le munizioni. Dopo aver cambiato posizione, Ivan ha colpito un IFV Bradley a distanza ravvicinata, distruggendone l’equipaggio. Durante la seconda ondata dell’assalto nemico, la squadra di Zharsky ha distrutto abilmente altri sei BMP-2 in battaglia. Di conseguenza, il nemico si è ritirato. (Video) – Il 27 luglio 2023, le guardie hanno continuato a distruggere carri armati e veicoli blindati nemici. Un altro carro armato Leopard, un IFV Bradley e un BMP-1 sono stati colpiti.


Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: buymeacoffee.com/Simplicius


Un breve saggio su un disco di lunga data, di AURELIEN

Un breve saggio su un disco di lunga data

Uno che ho comprato cinquant’anni fa.

Anche se questi saggi saranno sempre gratuiti, potete comunque sostenere il mio lavoro mettendo like e commentando e, soprattutto, trasmettendo i saggi ad altri e i link ad altri siti che frequentate. Ho anche creato una pagina Buy Me A Coffee, che potete trovare qui.☕️

E grazie ancora a coloro che continuano a fornire traduzioni. Le versioni in spagnolo sono disponibili qui, e alcune versioni italiane dei miei saggi sono disponibili qui. Marco Zeloni sta pubblicando anche alcune traduzioni in italiano e ha creato un sito web dedicato a queste traduzioni .Grazie infine a chi pubblica occasionalmente traduzioni e riassunti in altre lingue. Sono sempre felice che ciò avvenga: chiedo solo che me lo diciate in anticipo e che me ne diate atto. Quindi, ora ….

Negli ultimi dieci giorni ho viaggiato molto e non ho avuto molto tempo per scrivere. A parte questo, al giorno d’oggi il numero di parole che si possono portare in aereo è limitato, e la settimana scorsa ne ho usate quasi tutte. Ecco quindi un breve saggio su un momento cruciale della storia sociale inglese e su una strada non percorsa, illustrata da un disco che ho comprato proprio cinquant’anni fa, il giorno stesso della sua uscita. È anche un consiglio per ascoltare un artista disperatamente sottovalutato.

Il “disco”, come lo chiamavamo a quei tempi, è I Want to See the Bright Lights Tonightdi Richard Thompson , registrato con l’allora moglie Linda e una schiera di eminenti folk-rocker dell’epoca, di cui si parlerà più avanti. All’epoca il disco fu ignorato dalla critica e vendette pochissime copie. In genere, dopo la sua riedizione, un decennio dopo, ha iniziato ad attirare l’attenzione della critica e ora, a quanto pare, è ampiamente considerato un “capolavoro”. Ci sono stati persino alcuni articoli per celebrare il suo cinquantesimo anniversario. Il disco è ora di dominio pubblico e può essere ascoltato su YouTube .

Perché è importante? Beh, è un capolavoro, ma soprattutto fa parte del tentativo, durato dalla fine degli anni Sessanta alla fine degli anni Settanta, di creare una musica popolare che si ispirasse alle tradizioni inglesi, così come la musica popolare americana si ispirava al blues e ad altre forme di musica tradizionale. Il tentativo fallì, e le ragioni per cui fallì sono interessanti, ma fu un buon tentativo, e piacevole finché durò. Prima un po’ di storia.

Sebbene esistessero tipi tradizionali di musica inglese (e la Scozia e l’Irlanda sono troppo diverse per essere incluse qui, mi spiace), tra cui la Music Hall, varie forme di musica comica e satirica, e alcuni cantanti decenti e alcuni compositori come Ivor Novello, la stragrande maggioranza della musica che la generazione dei miei genitori ascoltava era la musica americana degli anni Trenta, Quaranta e Cinquanta. La musica popolare britannica della fine degli anni Cinquanta e dell’inizio degli anni Sessanta era così indescrivibilmente orrenda che non proverò nemmeno a descriverla: piena di aspiranti Elvis e di ragazze con acconciature a caschetto, senza un briciolo di talento tra loro.

Ecco perché i Beatles arrivarono con la forza di un missile Kinzhal. Certo, gran parte della loro ispirazione originaria era americana, ma se si ascoltava attentamente, fin dall’inizio c’erano echi di modi musicali tradizionali e della musica della comunità irlandese di Liverpool. C’era la sensibilità europea degli anni di Amburgo: le acconciature e le fotografie in bianco e nero. In breve tempo, la musica d’avanguardia ed elettronica, i tape-loop e i trucchi da studio, le bande di ottoni e le orchestre sinfoniche entrarono a far parte del mix, mentre i Beatles inventavano casualmente interi generi musicali in una notte. E a loro volta, molti dei “gruppi” che li seguirono, come gli Who e i Kinks, scrissero e suonarono musica distintamente inglese, che non avrebbe potuto essere prodotta altrove.

Ma poco di tutto ciò attingeva direttamente alla tradizione. Il nazionalismo culturale inglese non era mai stato una cosa seria. La classe dirigente inglese (anzi, britannica) guardava alla Grecia e a Roma e, oltremanica, alla Francia, alla Germania e all’Italia per la propria cultura, e non c’erano compositori del calibro di Grieg, Bartok o Dvorak ispirati dal proprio patrimonio musicale. Il meglio che l’Inghilterra poteva offrire era l’ecclesiastico ciclista Cecil Sharpe che, dopo aver sentito per caso un giardiniere cantare una canzone tradizionale, dedicò il resto della sua vita a raccogliere e preservare questa musica prima che si estinguesse del tutto e fondò la English Folk Dance and Song Society. Ralph Vaughan Williams cercò coraggiosamente, anche se non sempre con successo, di utilizzare materiale tradizionale inglese nelle sue opere orchestrali. Ma per il resto il materiale tradizionale è stato conservato in modo piuttosto asettico, nelle università e tra i musicologi specializzati, e le canzoni tradizionali sono state cantate in forma bowdlerizzata dai cori scolastici (io c’ero) o con l’accompagnamento del pianoforte come se fossero dei Lieder. Ci sono stati alcuni cantanti che hanno cercato di preservare una tradizione viva (senza attirare molto pubblico), ma tendevano a essere puristi come Ewan MacColl, i cui atteggiamenti musicali intransigenti e il fondamentalismo marxista hanno creato un ghetto tutto loro.

Curiosamente, l’impulso che ha cambiato questa situazione è venuto dagli Stati Uniti. Tra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio degli anni Sessanta, la musica tradizionale americana cominciò a diffondersi in Inghilterra, soprattutto grazie ai dischi portati dai marinai mercantili in luoghi come Liverpool (i Beatles ne ascoltarono quasi certamente alcuni). Questo produsse una sorta di boom musicale in Inghilterra, poiché gli adolescenti si resero conto che la maggior parte delle canzoni aveva una struttura armonica semplice e poteva essere suonata con pochi accordi, sulla chitarra che i loro genitori indulgenti compravano loro a credito. E quando i primi dischi di Bob Dylan e Joan Baez attraversarono l’Atlantico, la gente cominciò a rendersi conto che stavano cantando versioni di canzoni tradizionali inglesi. A Hard Rain’s a-Gonna Falldi Dylan è una rielaborazione della ballata inglese Lord Randall, e molte delle prime canzoni di Baez erano versioni statunitensi trapiantate di originali inglesi) .

Con entusiasmo, i giovani musicisti si lanciarono in questo nuovo materiale e dalla metà degli anni Sessanta cominciarono ad apparire artisti come Tim Hart e Maddy Prior, il violinista Dave Swarbrick e il mio eroe personale Martin Carthy, che dimostrarono che era possibile combinare la ricerca scientifica e il virtuosismo vocale e strumentale con uno stile esecutivo genuinamente moderno e popolare. La fine degli anni Sessanta vide chitarre e violini dappertutto, e il fiorire di un’intera economia musicale clandestina fatta di club folk (di solito stanze affittate nei pub o nelle università), cantanti che viaggiavano per il paese dormendo nella stanza degli ospiti di qualcuno, e persino alcune case discografiche intraprendenti come Leader e Transatlantic. L’economia era al limite: funzionava solo perché la gente rinunciava al proprio tempo libero per niente, e perché i due set professionali di mezz’ora erano integrati da cantanti al piano come me che, a condizione di soddisfare uno standard musicale accettabile, potevano entrare gratuitamente. È stato un movimento genuinamente popolare (per non dire politicamente radicale) finché è durato, ed è rimasto in gran parte sotto il radar culturale.

L’ultimo filone fu la riscoperta contemporanea della musica antica inglese. Quando i dischi a lunga durata del repertorio classico standard divennero ampiamente disponibili, i musicisti più avventurosi cominciarono a guardare indietro alla musica meno conosciuta. Si scoprì che l’Inghilterra non era, dopo tutto, il “Paese senza musica”, ma aveva un ricco patrimonio musicale che era stato ampiamente dimenticato. Il pioniere in questo caso è stato David Munrow con il suo Early Music Consort, che ha praticamente introdotto la musica antica al pubblico britannico, inclusa molta musica inglese dimenticata e trascurata, prima della sua prematura morte per suicidio nel 1976. Era ovvio fin dall’inizio che esisteva un’enorme sovrapposizione tra la musica tradizionale inglese e la musica di corte e di città, e non sorprende che Munrow abbia presto collaborato con cantanti tradizionali, come il trio acapella Young Tradition (su Galleries, 1969) e con Shirley e Dolly Collins (Anthems in Eden , lo stesso anno).

La musica tradizionale veniva trasmessa oralmente e funzionava per accrescimento e selezione, motivo per cui esistono così tante versioni di canzoni tradizionali. Inevitabilmente alcuni cantanti tradizionali volevano anche cimentarsi nella composizione, e musicisti come Cyril Tawney e Ian Campbell talvolta presentavano canzoni di loro composizione basate sulla tradizione. Ma è stato Richard Thompson a riunire per la prima volta le tradizioni della nascente musica rock inglese, della canzone tradizionale e della musica antica, e il resto di questo breve saggio è dedicato a lui.

Thompson è stato uno dei membri fondatori dei Fairport Convention, un gruppo vagamente folk-rock ispirato ai Byrds e ai Jefferson Airplane. Fairport ebbero influenze tradizionali fin dall’inizio – il cantante Sandy Denny era uno stallone dei folk-club – ma quando Dave Swarbrick, che allora suonava con Martin Carthy nel più importante duo tradizionale inglese, fece un’apparizione come ospite nel loro terzo album Unhalfbricking, lui e Thompson entrarono subito in sintonia musicale. Swarbrick, Thompson e Denny suonarono insieme nel capolavoro dei Fairport Liege and Lief (1969). Thompson è sempre stato interessato alla musica tradizionale, ma come racconta nella sua autobiografia persone come Carthy la facevano già molto bene. D’ altra parte, aveva già scritto per i Fairport canzoni dall’influenza tradizionale come Meet on the Ledge . Thompson lasciò i Fairport nel 1971 e da allora ha intrapreso la carriera di cantautore, inizialmente con la moglie Linda. I Fairport hanno anche dato vita agli Steeleye Span, l’altro ensemble fondamentale dell’epoca, con l’ex bassista Ashley Hutchings e Martin Carthy. Dopo un album da solista ,Henry the Human Fly, che si è arenato senza lasciare traccia, Thompson e sua moglie hanno registrato I Want to See the Bright Lights Tonight all’inizio del 1973, anche se l’uscita è stata ritardata di un anno per vari motivi.

All’epoca la reazione principale all’album fu di incomprensione: c’erano troppe cose e troppi stili diversi che nessuno aveva mai provato a mettere insieme prima. I negozi di dischi non sapevano in quale cassetto metterlo. In parte, ciò era dovuto alla gamma di musicisti coinvolti. Oltre alle chitarre elettriche e acustiche di Thomson e a una sezione ritmica rock ortodossa, l’album comprendeva Simon Nicol dei Fairport al dulcimer, Royston Wood dei Young Tradition alla voce, due krummhorn rinascimentali e John Kirkpatrick alla fisarmonica e alla concertina. (Kirkpatrick si unì poi a Carthy in una successiva versione degli Steeleye Span, e i due formarono i Brass Monkey, che combinano la musica tradizionale con gli strumenti a fiato. Thompson e Pickett avrebbero poi registrato un albumstrumentale di musica da ballo elisabettiana, The Bones of All Men, con la sezione ritmica dei Fairport. Se tutto questo sembra un po’ complesso e incestuoso, rappresenta molto bene la sovrapposizione del mondo dei musicisti inglesi di ogni tipo interessati alla cultura tradizionale.

Per molti versi, l’album di Thompson fu l’equivalente inglese del John Wesley Hardingdi Dylan , attingendo a tradizioni folk parallele. Come quelli di Dylan, i testi di Thompson erano allusivi e criptici, spesso di natura cupa e stoica, e riflettevano la tradizione popolare e i secoli di lenta infiltrazione del linguaggio e dell’immaginario della Versione Autorizzata della Bibbia nel linguaggio quotidiano. La differenza, ovviamente, è che Dylan era un artista affermato e famoso in tutto il mondo, mentre Thompson era una figura di culto con una piccola base di fan: non che abbia mai desiderato molto di più.

Per un certo periodo, tuttavia, sembrò che la cultura inglese, invece di essere solo una copia di quella americana, potesse farsi strada nel mainstream. Musicisti, attori e autori della classe operaia e medio-bassa cominciarono a trovare favore e pubblico negli anni Sessanta. La lunga serie televisiva della BBC “Z Cars” descriveva in modo sorprendentemente realistico il lavoro della polizia di Liverpool e preparava la strada a molti altri drammi sulla gente comune. L’apertura delle università a persone come me provenienti dalle fasce più basse della società sembrava finalmente promettere una classe dirigente con origini sociali più ampie. Inoltre, era possibile sentire che all’estero c’era uno spirito musicale genuinamente inglese, in ogni cosa, dal rock più duro alla più delicata delle canzoni medievali.

Non è durata, e le ragioni per cui non è durata richiederebbero un saggio a parte, ma permettetemi di citare solo due cose. La combinazione di inflazione e stagnazione derivante dalla crisi petrolifera del 1973 riportò la disoccupazione per la prima volta dagli anni Trenta. La fiducia degli anni Sessanta (forse esagerata in retrospettiva, ma comunque molto reale) lasciò il posto alla delusione, al pessimismo e a un aspro risentimento. Dopo la sconfitta del 1979, la sinistra si dedicò a feroci lotte intestine. Questo indirizzò molte energie musicali verso la rabbia nichilista del punk rock, di per sé tecnicamente poco sofisticato e alla portata di chiunque sapesse suonare due accordi e mezzo e sputare. In secondo luogo, l’inizio del regno della Thatcher vide la deregolamentazione dei mezzi di intrattenimento e l’inevitabile inondazione del Paese con materiale importato a basso costo, soap opera statunitensi e musica internazionalizzata proveniente da ogni dove. La Thatcher, forse l’unico Primo Ministro britannico nella storia a non avere alcun interesse per la cultura, sembrava essere abbastanza soddisfatta della “scelta” in senso quantitativo, anche se in pratica la scelta era tra un pezzo di spazzatura e un altro. L’economia dei club folk divenne impossibile, e il folk-rock stesso inciampò. La musica britannica ricominciò a suonare come un’imitazione della musica americana. Naturalmente non fu tutta una miseria – molti degli artisti che ho citato sono ancora vivi e si esibiscono, in particolare lo stesso Thompson – ma tutto questo avrebbe potuto essere molto di più.

Ma ascoltate comunque il lavoro di Thompson: Non credo che rimarrete delusi.

Le infrastrutture stanno cambiando la geopolitica, di Mary Bridges

Una nave da carico in transito nel Canale di Panama, maggio 2024
Daniel Becerril / Reuters

Caduta del livello dell’acqua nel lago Gatún di Panama. Un attacco informatico a una piattaforma di pagamento. Un terremoto che interrompe la produzione di chip di silicio a Taiwan. Elon Musk che decide quali Paesi hanno accesso a Internet. A prima vista, queste cose non hanno nulla in comune, se non la loro recente presenza nei titoli dei giornali. Ma una linea invisibile li collega: ognuno di essi evidenzia la dipendenza della società moderna da infrastrutture complesse per funzionare. Le interruzioni del Canale di Panama possono ritardare la consegna di spedizioni critiche in tutto il mondo. I guasti ai computer possono interrompere le cure mediche di routine fornite dalle cliniche in tutti gli Stati Uniti. Un breve arresto della produzione di semiconduttori provoca il panico. E il capriccio di un miliardario può ribaltare le sorti di una guerra.

Il complesso cablaggio e la dipendenza tecnologica della vita moderna hanno reso le persone dipendenti da un’ampia gamma di sistemi infrastrutturali, e i governi ora competono per creare e mantenere le reti che forniscono servizi essenziali, dall’elettricità all’acqua potabile alle telecomunicazioni. Il potere di un Paese dipende dalla sua capacità di influenzare e gestire questo vasto insieme di sistemi. In questo mondo dominato dalle infrastrutture, i governi e i loro funzionari non hanno più il controllo unilaterale delle relazioni internazionali. Invece, le imprese, la tecnologia e le condizioni ambientali si combinano e interagiscono con i governi per plasmare l’ordine mondiale. Anche se il panorama degli affari globali è cambiato, gli approcci statunitensi alla definizione delle politiche rimangono troppo spesso legati a concezioni obsolete di competizione bipolare e rivalità tra grandi potenze.

È ormai tempo di dare priorità alle infrastrutture come principio organizzativo della vita moderna. La svolta infrastrutturale nella geopolitica ha rivelato che il mondo ha una nuova serie di mediatori di potere, dalle banche multinazionali agli operatori satellitari, e che la soluzione dei problemi globali richiede nuovi forum e strategie per coordinare le attività di questi attori. Il ruolo centrale delle infrastrutture nel mondo di oggi spiega anche perché colli di bottiglia apparentemente piccoli, come l’attacco dei ribelli Houthi alle navi da carico del Mar Rosso o i ritardi di produzione in una singola fabbrica di elettronica, possono scatenare effetti a catena che mettono a rischio le catene di approvvigionamento internazionali e sconvolgono la geopolitica. Per adattarsi a una nuova realtà dominata dalle infrastrutture, i responsabili politici devono, in primo luogo, riorganizzare il loro pensiero per tenere conto delle complesse interconnessioni materiali e tecnologiche che sono alla base dei conflitti geopolitici e, in secondo luogo, lavorare con una nuova serie di mediatori di potere piuttosto che affidarsi ai canali tradizionali del dialogo tra governi.

INFRASTRUTTURE DI UN TEMPO

Le infrastrutture non sono una novità per il XXI secolo. Il termine è diventato popolare tra gli ingegneri francesi del XIX secolo per descrivere le opere in terra che consentivano il transito regolare dei treni, come i terrapieni, i cavalletti e i ponti che sostenevano le linee ferroviarie, piuttosto che i soli binari.

Il termine infrastruttura è entrato nell’uso comune della lingua inglese all’inizio della Guerra Fredda, quando i negoziatori della NATO, tra la fine degli anni Quaranta e gli anni Cinquanta, usarono il termine infrastruttura per descrivere i sistemi di supporto necessari a garantire la preparazione militare in Europa: basi aeree, reti di comunicazione e sistemi radar, ad esempio. Nel 1950, Winston Churchill si schernì per l’uso del termine da parte di altri politici: “Sapendo bene che non esisteva una parola del genere [infrastruttura], il signor Churchill… disse che doveva riservare i suoi commenti finché non avesse consultato un dizionario”, si legge in un rapporto. Nel 1952, il Segretario di Stato americano Dean Acheson disse di trovare il termine sconcertante, secondo il New York Times. A parte queste obiezioni, il termine “infrastruttura” prese piede. Dalla fine degli anni Cinquanta, i politici statunitensi hanno usato questo termine per descrivere qualsiasi cosa, dalle autostrade interstatali alle reti del crimine organizzato ai sistemi sanitari.

Anche la dipendenza dei governi dalle infrastrutture è una storia secolare. Nel corso dell’Ottocento, l’Impero britannico ha usato la sua supremazia sulle infrastrutture bancarie, sulle reti telegrafiche e sui trasporti marittimi per controllare le colonie lontane e punire i rivali. Allo stesso modo, gli Stati Uniti hanno consolidato le loro rivendicazioni su territori lontani incanalando il potere infrastrutturale per costruire la Ferrovia Transcontinentale e il Canale di Panama.

La ricerca della supremazia delle infrastrutture è una storia vecchia, ma ciò che è nuovo nelle infrastrutture di oggi è sia la nostra dipendenza da esse sia l’interconnessione e l’interdipendenza delle reti stesse. Quasi tre quarti delle merci globali – l’80% del commercio internazionale di merci in termini di volume – si muovono su reti marittime intricate. Queste reti non sono naturali, ma costruite e mantenute attraverso centinaia di intermediari, sistemi tecnologici e processi. Spedire una spedizione attraverso le frontiere – ad esempio, fiori dal Kenya ai Paesi Bassi – richiede in media 36 documenti e 240 copie.

Il mondo ha una nuova serie di mediatori di potere, dalle banche multinazionali agli operatori satellitari.

E questo è solo l’inizio. I più promettenti progressi della conoscenza e della tecnologia, dalla genomica alle energie rinnovabili, richiedono una complessità infrastrutturale ancora maggiore. L’intelligenza artificiale, ad esempio, si basa su miliardi di “parametri” alimentati da decine di migliaia di unità di elaborazione ad alta tecnologia. Questi processori sono prodotti attraverso intricate catene di approvvigionamento che coinvolgono migliaia di dottori di ricerca, minerali rari e macchinari sofisticati, come le macchine per la fotolitografia, che richiedono 800 fornitori e possono costare ciascuna quanto un Boeing 747.

Le reti energetiche, le rotte di navigazione, le reti di intelligenza artificiale e le piattaforme di pagamento digitale sono, di per sé, sistemi massicciamente complessi, ma anche interdipendenti. I medici non possono mantenere il loro carico di lavoro senza il software di fatturazione e le comunicazioni digitali. I produttori di elettronica non possono produrre smartphone senza le catene di approvvigionamento internazionali di chip di silicio e minerali strategici. La fitta stratificazione dei moderni sistemi infrastrutturali è diventata così intricata e continua da costituire il substrato dell’esistenza moderna.

Le reti e i sistemi interconnessi della vita moderna consentono una complessità sorprendente, come ottenere il permesso di attraversare un confine internazionale semplicemente passando attraverso una scansione della retina. Ma creano anche vulnerabilità enormi. Ad esempio, un singolo attacco informatico a un operatore portuale australiano ha messo a rischio il 40% del flusso di merci del Paese. Queste enormi reti di sistemi intrecciati sono diventate così vitali per il funzionamento della società statunitense che il governo federale ha designato 16 domini come “infrastrutture critiche”, il che significa che la loro distruzione avrebbe un effetto debilitante sulla sicurezza nazionale. Queste includono tutto, dai reattori nucleari ai servizi finanziari.

I NUOVI BROKER DI POTERE

Chi esercita più potere, Elon Musk o la Grecia? Secondo le tradizionali classifiche finanziarie, il patrimonio netto di Musk, pari a oltre 200 miliardi di dollari, si trova a poca distanza dal PIL della Grecia, pari a circa 220 miliardi di dollari. Ma l’esame delle sole classifiche finanziarie non tiene conto dell’interdipendenza degli attori globali di oggi e dell’importanza delle infrastrutture per la formazione dell’ordine mondiale.

In termini di peso geopolitico, il potere infrastrutturale di Musk è vertiginoso. Le sue decisioni influenzano – o addirittura determinano – se le forze ucraine possono lanciare attacchi contro obiettivi russi o se le agenzie umanitarie nella Striscia di Gaza possono accedere alle reti wireless. Egli esercita questo potere perché controlla SpaceX, che fornisce connettività satellitare attraverso il servizio Starlink. È lui a decidere quando e dove la rete di satelliti in orbita bassa di Starlink fornirà l’accesso alle reti di comunicazione durante una crisi. Il potere infrastrutturale di Musk supera di gran lunga la sua ricchezza.

Inoltre, Starlink non è un sistema infrastrutturale che opera in modo isolato. Dipende e beneficia di altri sistemi, dalle università che formano i suoi ingegneri al governo degli Stati Uniti, che ha stipulato contratti con SpaceX per progetti di difesa classificati per più di due decenni, compreso un recente accordo da 1,8 miliardi di dollari. Concentrandosi sugli Stati nazionali come attori chiave degli affari globali, si trascura la stratificazione e le interconnessioni di queste nuove dinamiche di potere.

Pensare in termini di infrastrutture significa superare i binari ideologici.

Le relazioni internazionali tradizionali tendono a distinguere tra attori statali e non statali che operano in sfere diverse, ma oggi gli imprenditori, gli investitori o i consulenti sono spesso importanti quanto i funzionari politici. I finanziatori svolgono un ruolo particolarmente importante nel plasmare la politica delle infrastrutture, poiché gli investimenti in infrastrutture sono diventati centrali per la finanza internazionale e la politica globale. Nel 2018, il G-20 ha sviluppato la Roadmap to Infrastructure as an Asset Class per incoraggiare gli investitori a finanziare progetti, dai porti alle scuole alle reti di telecomunicazione, soprattutto nei mercati emergenti. Goldman Sachs e McKinsey hanno creato divisioni specializzate per concentrarsi sugli investimenti e lo sviluppo delle infrastrutture. Nel gennaio 2024, il più grande gestore patrimoniale del mondo, BlackRock, ha annunciato la sua più grande acquisizione dalla crisi finanziaria globale: Global Infrastructure Partners, la terza società di investimento in infrastrutture più grande al mondo.

Sebbene le infrastrutture costituiscano già la spina dorsale della vita quotidiana, la recente spinta a trasformarle in una classe di asset le rende anche un prodotto finanziario che può essere scambiato sui mercati secondari. Questo duplice ruolo – l’infrastruttura come realtà concreta e come costrutto finanziario – cambia il modo in cui le persone interagiscono con i progetti di grandi dimensioni e di movimento terra nelle loro comunità. Le decisioni sull’allocazione delle risorse e sulla gestione del debito di un progetto idroelettrico, ad esempio, vengono spostate a livelli decisionali più alti e distanti, dove gestori di asset e consulenti possono valutare i profili di rischio e la “bancabilità” dei progetti. La pressione degli investitori per “de-rischiare” l’infrastruttura può limitare il processo decisionale delle comunità su ciò che viene costruito e sul suo funzionamento. Il modello incentiva i governi a conformarsi agli standard stabiliti dalla Banca Mondiale o dalla Banca Asiatica di Sviluppo, ad esempio, piuttosto che concentrarsi sul fatto che i bisogni delle comunità siano meglio soddisfatti da progetti meno “bancabili”, come ospedali e scuole.

Oggi, i power broker globali non includono solo i Paesi e le aziende che costruiscono reti complesse, ma anche entità che stabiliscono gli standard, come l’Organizzazione Marittima Internazionale e l’Internet Engineering Task Force, che modellano i protocolli globali per la costruzione e il funzionamento delle infrastrutture. Questo spostamento sminuisce il potere delle comunità locali ed eleva un livello intermedio di attori internazionali: società di consulenza come EY e KPMG e studi legali multinazionali come Clifford Chance e White & Case, come ha notato lo studioso di diritto Nahuel Maisley. La spinta a standardizzare e accelerare le “infrastrutture verdi”, ad esempio, può limitare il modo in cui le città affrontano l’insicurezza abitativa e, nel processo, esacerbare la gentrificazione.

OLTRE L’IDEOLOGIA

Al centro della competizione tra Cina e Stati Uniti c’è la lotta per il controllo delle infrastrutture odierne. Pechino sembra averlo capito. Ma gli sforzi degli Stati Uniti per contrastare le costruzioni su larga scala della Cina con i propri progetti suggeriscono che Washington non ha imparato a conoscere le sfumature dello statecraft infrastrutturale. I politici statunitensi dipingono costantemente la Cina come una sfida esistenziale all’attuale ordine mondiale. È “una battaglia tra democrazia e autocrazia”, secondo il presidente americano Joe Biden. Questa caratterizzazione raffigura due sistemi che competono per la supremazia su risorse limitate. Una vittoria della Cina, come il suo dominio nel software per la gestione delle operazioni logistiche, rappresenta una minaccia per la sicurezza degli Stati Uniti.

Al contrario, pensare in termini di infrastrutture spinge oltre i binari ideologici per concentrarsi sul modo in cui i diversi attori modellano i termini dell’impegno e i sistemi che muovono informazioni, denaro e beni. Questo approccio richiama l’attenzione sulle reti materiali delle comunicazioni, della finanza, degli approvvigionamenti militari, delle spedizioni e della produzione, anziché concentrarsi sullo scontro tra visioni del mondo.

Il potere acquisito nella gestione delle reti ha spesso meno a che fare con i grandi disegni dei pianificatori che con le relazioni di secondo ordine, i legami a lungo termine e l’evoluzione graduale di un progetto. Dopo tutto, l’infrastruttura non è solo un investimento una tantum per gettare cemento o scavare un fosso. I progetti devono essere mantenuti, gestiti e finanziati per decenni. Spesso sono le relazioni di secondo ordine – il lavoro duraturo delle imprese di manutenzione, degli agenti finanziari e dei servizi accessori – a trasformare i contratti di appalto isolati in legami duraturi.

In termini di peso geopolitico, il potere infrastrutturale di Elon Musk è vertiginoso.

Secondo una visione tradizionale della geopolitica, le infrastrutture rappresentano solo un altro teatro di competizione tra rivali. Questo approccio, però, non è in grado di descrivere correttamente il potere delle infrastrutture. Un controllo significativo non dipende solo dalla nazionalità del proprietario, ad esempio, di una piattaforma software, ma anche dalla funzionalità di tale piattaforma, da chi la abilita e da quali attività preclude o abilita.

Un approccio più costruttivo non si limiterebbe a denunciare il software cinese o a cercare di “reshoreizzare” una produzione che non avviene negli Stati Uniti dagli anni Ottanta (ad esempio, la produzione di gru per container, un mercato ora dominato dalla Cina). Un approccio orientato alle infrastrutture prevederebbe invece un insieme di strategie volte a garantire che le reti critiche, come i sistemi di trasporto e di pagamento, siano ancorate a relazioni di mercato, norme e sistemi di regolamentazione che garantiscano trasparenza e responsabilità.

La funzionalità di un’infrastruttura dipende da come le persone la utilizzano, non solo da chi la costruisce. La storia iniziale di Internet fornisce un esempio eloquente: la sua architettura prometteva un design egualitario, end-to-end, che democratizzava l’accesso alle informazioni. Tuttavia, questo progetto è stato presto trasformato, poiché società sempre più oligarchiche hanno sfruttato il suo potenziale per accumulare profitti sbalorditivi per sé e per i propri azionisti. Il semplice atto di costruire un’infrastruttura non predetermina il modo in cui le società la adotteranno.

Allo stesso modo, l’origine cinese di un programma o di una piattaforma software non significa che debba essere annoverato nel registro della competizione tra grandi potenze o classificato come categoricamente antidemocratico. Al contrario, la sua adozione a livello internazionale dimostra quanto il controllo delle infrastrutture sia diventato centrale nelle rivalità geopolitiche. È il substrato – le opere di terra e gli argini – alla base della “competizione strategica”, una parola d’ordine scelta dai pianificatori della sicurezza statunitensi ed europei. Affinché gli Stati Uniti possano competere più abilmente in questi termini, i politici devono diventare attenti all’implementazione, alla gestione a lungo termine e alla supervisione del cablaggio delle società moderne.

INVITO ALL’AZIONE

Negli Stati Uniti, l’Inflation Reduction Act del 2022 e l’Infrastructure Investment and Jobs Act del 2021 hanno impegnato oltre 1.000 miliardi di dollari per il rinnovamento delle infrastrutture nazionali. L’Unione Europea ha risposto con investimenti nella produzione di semiconduttori, nelle energie rinnovabili e nella mitigazione del clima. Ma mentre il mondo viene ricablato, i leader globali di oggi rimangono legati a concezioni obsolete di geopolitica dominata dagli Stati. È tempo che i politici riorientino il loro pensiero su dove si trova il vero potere nel sistema globale e su come questo potere possa essere sfruttato per affrontare i problemi di oggi.

In primo luogo, i responsabili politici devono concentrarsi sulla governance più che sui governi. Le decisioni di Musk o BlackRock, ad esempio, potrebbero avere più peso di quelle degli Emirati Arabi Uniti o della Danimarca. Una volta che il governo statunitense è in grado di identificare i gatekeeper, i progettisti, i finanziatori e gli implementatori che controllano i diversi livelli di erogazione dei servizi, può capire meglio come vengono gestite le reti e quali vulnerabilità creano. In un mondo in cui un piccolo gruppo di ribelli armati può mettere a repentaglio un’arteria da cui dipende circa il 15% del commercio mondiale, non è sufficiente usare il potere duro per combattere la minaccia dei ribelli alla navigazione internazionale. Dopo tutto, la regione del Mar Rosso è anche un punto di strozzatura delle comunicazioni attraverso il quale passa il 90% della capacità dei cavi sottomarini tra Europa e Asia. Le navi abbattute rappresentano un rischio per la connettività delle comunicazioni, come il mondo ha imparato quando a marzo sono state interrotte diverse linee, interrompendo un quarto del traffico di dati tra Europa e Asia. Migliorare la resilienza significa non solo affrontare la minaccia immediata, ma anche collaborare con assicuratori, spedizionieri, operatori di cavi e altri soggetti per proteggere le infrastrutture critiche.

Nel frattempo, la complessità dei problemi di portata mondiale è cresciuta. Gestire il futuro della biomedicina – sbloccare le promesse della clonazione e dell’editing genetico, ad esempio, bilanciandone i rischi – richiederà negoziati ad alto livello e accordi complessi, e non solo tra governi. La politica spaziale e la risposta alle pandemie sono due aree in cui è stato dimostrato che, lavorando in modo isolato, i governi nazionali non hanno il potere e gli strumenti per regolamentare in modo efficace. Gli Stati svolgeranno un ruolo di primo piano in un ordine infrastrutturale, ma dovranno imparare a lavorare con nuovi partner e avversari tradizionali in modi nuovi.

I politici devono concentrarsi sulla governance più che sui governi.

Poiché i progetti infrastrutturali si collocano in una terra di mezzo quasi pubblica e quasi privata, sono spesso al riparo dalla tradizionale concorrenza di mercato e dalla responsabilità pubblica. La costruzione di reti su larga scala tende a essere costosa, lunga e dipendente da impegni e licenze pubbliche. Il processo decisionale centralizzato può ridurre i costi di transazione e gli operatori di rete tendono a beneficiare di effetti “rich-get-richer”. Queste caratteristiche non si prestano alla governance democratica o alla responsabilità pubblica. Il mondo ha bisogno di meccanismi migliori per garantire che le infrastrutture della vita moderna rispondano alle richieste delle comunità di giustizia, trasparenza ed equa distribuzione delle risorse.

Man mano che i blocchi infrastrutturali si frammentano in domini orientati verso gli Stati Uniti e la Cina, località intermedie come il Qatar, Singapore, la Turchia e gli Emirati Arabi Uniti acquisteranno importanza e gli intermediari neutrali diventeranno sempre più importanti, secondo Alexander Geisler dell’Associazione tedesca degli agenti marittimi. Il sospetto reciproco con cui i politici cinesi e statunitensi guardano alle rispettive infrastrutture aumenta la probabilità che emergano specifiche diverse e modelli di lock-in. La piattaforma di pagamento di un blocco potrebbe essere organizzata intorno al dollaro americano, mentre un’architettura alternativa consente la circolazione del renminbi cinese e di altre valute.

Allo stesso modo, una rete di imprese di logistica e spedizione potrebbe facilitare il commercio tra gli Stati Uniti e i suoi alleati, mentre le tecnologie e l’hardware sostenuti dalla Cina potrebbero consentire la connettività tra altri centri marittimi. La competizione sulle infrastrutture significa che le battaglie sugli standard probabilmente si intensificheranno nei prossimi anni, e i luoghi e le entità che possono lavorare come intermediari di fiducia diventeranno sempre più essenziali.

Poiché le sfide globali si interconnettono e si amplificano l’una con l’altra, i leader mondiali perderanno delle opportunità se non vedranno più chiaramente come funzionano oggi le infrastrutture. Il potere globale non si definisce più accumulando munizioni nei bunker, dominando una singola catena di approvvigionamento o esercitando il dominio su una sola tecnologia. Le reti ad alta tecnologia sono fondamentali per il funzionamento di base delle società moderne, ma le infrastrutture di oggi sono troppo sfaccettate, stratificate e interconnesse perché un solo Stato possa controllarle veramente. Nell’era delle infrastrutture, la formazione dell’ordine mondiale richiede che i leader politici trovino nuovi modi per collaborare con gli imprenditori, i costruttori, i banchieri e gli operatori che gestiscono i sistemi interdipendenti che sostengono la vita del XXI secolo.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Rovesciare la dittatura dell’assenza di alternative, di Roberto Mangabeira Unger

Rovesciare la dittatura dell’assenza di alternative

Il mondo rimane inquieto sotto il giogo di una dittatura senza alternative. L’ultimo grande momento di rifondazione istituzionale e ideologica nei ricchi Paesi dell’Atlantico del Nord è stata la socialdemocrazia istituzionalmente conservatrice, preannunciata prima della Seconda guerra mondiale e pienamente sviluppata in quei Paesi nel dopoguerra. La sua controparte negli Stati Uniti fu il New Deal di Franklin Roosevelt. Questa rifondazione proponeva di regolare più intensamente l’economia, di attenuare le disuguaglianze attraverso una tassazione progressiva e una spesa sociale ridistributiva e di gestire l’economia in modo anticiclico attraverso la politica fiscale e monetaria.

Nella sua forma più elaborata, in Europa occidentale, proteggeva gli insider contro gli outsider nel mercato del lavoro (difendendo la forza lavoro stabile con sede nei settori ad alta intensità di capitale del sistema produttivo contro il resto della forza lavoro), nei mercati dei prodotti (difendendo le piccole imprese contro le grandi imprese) e nel mercato del controllo societario (difendendo gli incumbent contro gli sfidanti). Si aspettava che i governi nazionali mediassero accordi, noti come patti sociali o politiche dei redditi, sulla distribuzione dei costi e dei benefici della politica macroeconomica e, così facendo, evitassero un conflitto distributivo distruttivo.

La socialdemocrazia è stata sempre più costretta a rinunciare a queste due pratiche – la protezione degli insider a scapito degli outsider e il patto sociale – in quanto costose e ingiuste. Soprattutto, è stata costretta a rinunciarvi perché l’industria convenzionale, o la produzione di massa fordista, base fondamentale della socialdemocrazia storica, è stata sostituita dalla pratica produttiva più avanzata di oggi, l’economia della conoscenza. Questa nuova avanguardia è sia multisettoriale, perché esiste in ogni parte del sistema produttivo, sia insulare, perché esclude la maggior parte dei lavoratori e delle imprese.

Sotto la pressione di questi cambiamenti e di queste critiche, la socialdemocrazia si è ritirata, nella sua patria europea, sulla sua ultima linea di difesa: il mantenimento di un alto livello di investimento nelle persone e nelle loro capacità, paradossalmente finanziato dalla tassazione indiretta e regressiva dei consumi attraverso l’imposta forfettaria sul valore aggiunto o un suo equivalente funzionale.

Le persone che hanno condotto l’attacco alla socialdemocrazia storica sono state chiamate neoliberali. I principali pensatori neoliberali svilupparono le loro critiche e proposte in un’opposizione generalizzata all’attivismo governativo. La forma di socialdemocrazia, ridimensionata e ridimensionata, che è risultata dagli attacchi neoliberali e dalla perdita della sua base economica e sociale nella produzione industriale di massa , ma che è rimasta impegnata nell’umanizzazione dell’ordine di mercato attraverso una certa misura di ridistribuzione correttiva e compensativa , viene spesso etichettata come liberalismo sociale. Questo liberalismo sociale ha maggiori possibilità di essere considerato l’ortodossia prevalente rispetto all’insegnamento neoliberale che ha contribuito a produrlo.

La socialdemocrazia storica, il neoliberismo e il liberalismo sociale sono legati dai presupposti istituzionali che condividono: accettano la stessa struttura di base dell’ordine del mercato e della politica democratica. Questa struttura si è dimostrata incapace di risolvere, o anche solo di affrontare, i problemi centrali delle società contemporanee: la loro incapacità di mantenere una crescita economica socialmente inclusiva e di moderare le tremende disuguaglianze radicate nella segmentazione gerarchica del sistema produttivo, di rigenerare la coesione sociale in presenza di una crescente diversità sociale e culturale, o di rinunciare alla rovina e alla guerra come condizioni abilitanti del cambiamento. In molti Paesi, il populismo di destra è entrato nel vuoto, ma ha offerto solo soluzioni inefficaci e non strutturali a problemi strutturali.

Nel resto del mondo non viene offerta alcuna alternativa, se non quella che viene spesso definita capitalismo autoritario di Stato: autocrazia politica che coesiste con ordini di mercato selvaggiamente diseguali. Questa mancanza generalizzata di opzioni, questa situazione di non uscita, è la sostanza della dittatura dell’assenza di alternative. Non possiamo rovesciare la dittatura dell’assenza di alternative semplicemente immaginando un’alternativa ad essa. Ma se non immaginiamo un’alternativa alla dittatura dell’assenza di alternative, non possiamo avere alcuna speranza di rovesciarla. E parte dell’immaginazione di tale alternativa consiste nell’evocare l’agente sociale che potrebbe sostenerla.

Ridefinire la distinzione conservatore/progressista,
destra/sinistra

In queste circostanze e date queste aspirazioni, dobbiamo reinterpretare il significato della differenza tra destra e sinistra, tra conservatori e progressisti. Due distinzioni sono fondamentali: la prima riguarda il metodo o la pratica della politica; la seconda, l’obiettivo.

I conservatori perseguono i loro obiettivi entro i limiti degli accordi istituzionali stabiliti. I progressisti ritengono che un cambiamento significativo debba essere strutturale: innovazione nelle istituzioni e nei presupposti ideologici da cui dipendono. Ma riconoscono che il vero cambiamento strutturale è quasi sempre frammentario. La sostituzione totale di un regime istituzionale con un altro rimane il caso limite più fantasioso.

I conservatori pensano che sia naturale che la vita umana sia piccola. Solo un’élite di innovatori e distruttori è esente da questa condanna. La fede e la speranza dei progressisti è che possiamo ascendere a una vita più grande, con capacità più forti, portata più ampia e intensità più elevata, a condizione di ascendere insieme.

Secondo questi due criteri, la maggior parte di coloro che si considerano progressisti oggi sono conservatori. Tra questi ci sono i difensori della socialdemocrazia istituzionalmente conservatrice, sia nella sua piena espressione originale sia nella forma flessibile, liberalizzata e sventrata risultante dalla sua collisione con il neoliberismo.

La teoria sociale europea classica e il suo culmine nella teoria della società e della storia di Marx hanno offerto un modo di pensare alla struttura e al cambiamento strutturale. Ma le sue intuizioni rivoluzionarie erano compromesse dai suoi presupposti necessitaristici , le illusioni della falsa necessità: che esista un elenco chiuso di regimi (che Marx chiamava modi di produzione); che ognuno di essi sia un sistema indivisibile, con il risultato che la politica deve essere o la sostituzione rivoluzionaria di uno di questi sistemi con un altro o la gestione riformista di un sistema; e che le leggi storiche governino la successione prestabilita di questi regimi, con l’implicazione che la storia ha un progetto in serbo per noi.

D’altra parte, la scienza sociale di stampo americano si libera di queste illusioni solo sopprimendo la visione strutturale. Ogni scienza sociale la sopprime a modo suo. La razionalizzazione o normalizzazione retrospettiva della vita sociale è stata il tema centrale delle scienze sociali; il loro spirito animatore è quello che nella storia della filosofia conosciamo come hegelianesimo di destra.

Il rovesciamento della dittatura dell’assenza di alternative richiede un modo diverso di pensare al cambiamento strutturale e alle alternative strutturali, soprattutto nelle discipline tecniche e specialistiche, a partire da quelle più vicine al potere, l’economia e il diritto, un modo di pensare che affermi il primato della visione strutturale ma che rifiuti le illusioni della falsa necessità.

Il rifugio e la tempesta

La socialdemocrazia istituzionalmente conservatrice o il suo successore ridimensionato, il social-liberalismo, l’ultimo grande insediamento istituzionale e ideologico nei ricchi Paesi del Nord Atlantico, vogliono assicurarsi un rifugio di dotazioni che garantiscano le capacità e le tutele contro l’oppressione pubblica e privata. Ma il valore di questo rifugio dipende, in gran parte, dalla tempesta di innovazione e cambiamento che si scatena intorno ad esso. Lo scopo del rifugio è quello di consentire al singolo lavoratore e cittadino di prosperare in mezzo ai cambiamenti e alle lotte, come il bambino a cui i genitori dicono: hai un posto incondizionato nel nostro amore; ora esci e solleva una tempesta nel mondo. La socialdemocrazia istituzionalmente conservatrice ha molto da dire sul rifugio, ma nulla da dire sulla tempesta. La tempesta non nasce spontaneamente, ma deve essere organizzata.

La natura e i presupposti di questa tempesta, il suo significato per gli assetti istituzionali dell’economia di mercato, della politica democratica e della società civile indipendente, e le sue conseguenze per il patrimonio di tutele e diritti che la socialdemocrazia ha lottato per sviluppare e garantire, sono un modo per definire la posta in gioco nel rovesciare e sostituire la dittatura dell’assenza di alternative.

Il cuore di una posizione progressista oggi risiede nella ricostruzione dell’ordine del mercato. Questa ricostruzione, piuttosto che l’approfondimento della democrazia, è il punto di partenza normale: nessun Paese riforma la propria politica per poi decidere cosa farne. Riforma la sua politica quando ne ha bisogno, nel bel mezzo della lotta per il cambiamento della sua direzione economica e sociale.

In un’economia politica progressista, il compito principale è quello di passare da un’economia della conoscenza per pochi a un’economia della conoscenza per molti. In ogni settore della produzione, l’attuale avanguardia economica, l’insulare economia della conoscenza, esclude la grande maggioranza delle imprese e dei lavoratori. Questa insularità contribuisce a spiegare sia la stagnazione economica (derivante dalla negazione alla maggioranza dell’accesso alle pratiche produttive più avanzate) sia l’aggravarsi della disuguaglianza economica (ancorata alla segmentazione gerarchica del sistema produttivo).

Si pone quindi il dilemma centrale della crescita o dello sviluppo economico in tutto il mondo: la scorciatoia della crescita offerta dall’industria convenzionale ha smesso di funzionare. L’alternativa di un’economia della conoscenza socialmente inclusiva, tuttavia, rimane irraggiungibile.

Immaginate tre fasi nell’approfondimento e nella diffusione di questa economia della conoscenza per i molti. Nella prima fase, l’attenzione si concentra sull’elevazione delle piccole e medie imprese dell’economia arretrata, sulla trasformazione dei fornitori di servizi autonomi in artigiani tecnologicamente attrezzati e sulla scoperta e la diffusione delle pratiche produttive più fertili , un equivalente del ventunesimo secolo dell’estensione agricola del diciannovesimo secolo. In una seconda fase, dallo sforzo di elevazione inizia a emergere un assetto istituzionale peculiare: una forma di partnership o di coordinamento strategico tra imprese o singoli agenti economici e governi nazionali o locali, decentrata, pluralistica, partecipativa e sperimentale, che avanza di pari passo con la competizione cooperativa tra le imprese o gli agenti. In una terza fase speculativa, molto lontana nel tempo, i beni produttivi della società verrebbero conferiti a fondi sociali non controllati né dal governo né da investitori privati. Questi fondi gestirebbero un’asta di capitali a rotazione, mettendo all’asta i beni produttivi della società, per periodi limitati, a chiunque possa offrire ai fondi che li detengono il più alto tasso di rendimento. Potremmo descrivere questo regime come “capitalismo senza capitalisti”. Il suo scopo sarebbe quello di garantire che la finanza serva l’agenda produttiva della società piuttosto che servire se stessa e che la sua responsabilità più importante, la creazione di nuovi beni in modi nuovi, non rimanga, come oggi, solo una piccola parte dell’attività dei mercati dei capitali.

Questa idea potrebbe essere liquidata come utopica da alcuni e come familiare da altri. In un mercato dei capitali competitivo, potrebbero sostenere questi ultimi, tale asta continua ha già luogo sotto un altro nome. Il ruolo della concezione dell’asta continua di capitali in questa argomentazione, tuttavia, è quello di indicare un dibattito non su un maggiore o minore ordine di mercato, ma su quale ordine di mercato.

Un’economia politica progressiva: Lavoro e capitale

Una dinamica di innovazione socialmente inclusiva, che si manifesta in un’economia della conoscenza approfondita e diffusa, richiede un’inclinazione verso l’alto dei rendimenti del lavoro. Non può essere conciliata con l’economicità del lavoro e con una radicale insicurezza del posto di lavoro. Un principio comune dell’economia pratica è che il salario reale non può aumentare in modo sostenibile al di sopra della crescita della produttività. Un aumento legislativo del salario nominale rischia di essere vanificato dalle sue conseguenze inflazionistiche. Tuttavia, se confrontiamo economie a livelli di sviluppo comparabili e controlliamo le differenze nelle dotazioni di fattori, troviamo disparità sorprendenti nella partecipazione del lavoro al reddito nazionale. Le fonti principali di tali disparità sono le differenze istituzionali e legali che rafforzano o indeboliscono il potere e la posizione del lavoro nei confronti del capitale.

In gioco c’è molto di più del salario. Marx e Keynes credevano che stessimo per superare la scarsità e che il suo superamento ci avrebbe permesso di liberarci dell’odioso peso del lavoro. Si sbagliavano su entrambi i fronti. Il superamento della scarsità non è a portata di mano, ma possiamo sperare di conquistare la libertà nell’economia, non solo dall’economia.

Dobbiamo innanzitutto distinguere la parte organizzata e quella disorganizzata del mercato del lavoro. Oggi nel mondo prevale la parte disorganizzata: l’economia informale nei principali Paesi in via di sviluppo e l’occupazione precaria nell’economia formale sia nei Paesi ricchi che in quelli in via di sviluppo.

Per la parte organizzata, il rimedio è la sindacalizzazione. Ma quale tipo di sindacato potrebbe avere una possibilità di ridurre la drammatica contrazione dei sindacati, che ora sopravvivono soprattutto nel settore pubblico? L’ideale sarebbe un regime ibrido, che combini il principio della sindacalizzazione automatica di tutti i lavoratori, ripreso dai regimi giuslavoristici corporativisti dell’America Latina, con il principio dell’indipendenza dei sindacati dallo Stato, che caratterizza i regimi contrattualisti e di contrattazione collettiva predominanti nei Paesi ricchi. Tuttavia, potrebbe essere troppo tardi per utilizzare una versione adattata di una soluzione del XX secolo per risolvere un problema del XXI secolo.

Nell’affrontare la parte disorganizzata-informale o precaria del mercato del lavoro, non abbiamo altra alternativa che innovare. Ciò significa rifiutare le due narrazioni sul lavoro che oggi prevalgono in tutto il mondo: il discorso sindacalista sul lavoro che vuole decretare l’illegalità delle nuove pratiche di produzione, servendo gli interessi della minoranza organizzata dei lavoratori, a scapito degli interessi della maggioranza disorganizzata, e il discorso neoliberista che, sotto lo slogan della flessibilità, abbandona la maggior parte dei lavoratori all’insicurezza economica e riduce il salario.

In una prima fase, la priorità deve essere quella di sviluppare un nuovo corpo di idee e regole giuridiche in grado di padroneggiare la realtà di un’economia che ha nell’economia della conoscenza la sua avanguardia. Un obiettivo centrale deve essere quello di distinguere l’inevitabile e legittima flessibilità economica dalla distruttiva insicurezza economica che riduce i salari.

Si applica una scala mobile. Dovremmo cercare di organizzare e rappresentare il precariato con tutto l’aiuto che le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione possono fornire. Nella misura in cui non ci riusciamo, dovremmo cercare un intervento legale diretto nel rapporto di lavoro per rimodellare i termini del contratto di lavoro secondo un principio di neutralità dei prezzi: il lavoro svolto in condizioni di precarietà dovrebbe essere compensato in modo comparabile al lavoro analogo svolto in condizioni di occupazione stabile.

A medio termine, la questione centrale diventa la direzione e le conseguenze del cambiamento tecnologico. La tecnologia si evolve secondo la logica che le diamo. Manca una logica intrinseca di evoluzione. Possiamo pensare alla tecnologia come a un canale tra i nostri esperimenti di mobilitazione delle forze naturali a nostro vantaggio e i nostri esperimenti di cooperazione sul lavoro. In alternativa, possiamo considerarla come l’incarnazione meccanica di formule o algoritmi che descrivono un lavoro che abbiamo imparato a ripetere; essa segna la frontiera mobile tra il ripetibile e il non ancora ripetibile, la provincia dell’immaginazione.

La tecnologia sostituirà sempre il lavoro. Il nostro interesse è quello di influenzare il suo sviluppo in modo che migliori il lavoro oltre a sostituirlo e trasformi la macchina in un dispositivo per potenziare l’anti-macchina con l’immaginazione, l’essere umano. Il governo può iniziare a lavorare a questo scopo in modo più limitato, attraverso incentivi e disincentivi fiscali. Può anche, più direttamente, prendere iniziative che sponsorizzino varianti delle tecnologie contemporanee, come quelle raggruppate sotto l’etichetta di intelligenza artificiale, robotica o manifattura additiva, con il potenziale di potenziare il lavoro oltre che di sostituirlo. Può rimodellare queste tecnologie per renderle utilizzabili dalle piccole e medie imprese e dai singoli agenti economici che rimangono lontani dall’avanguardia della produzione. In definitiva, nessuno dovrebbe essere condannato a svolgere un lavoro che può essere svolto da una macchina.

Nel lungo periodo, il miglioramento della posizione del lavoro nei confronti del capitale richiede che le forme più elevate di lavoro libero – il lavoro autonomo e la cooperazione – prevalgano su quella che sia i liberali che i socialisti consideravano una forma difettosa e transitoria di lavoro libero: il lavoro salariato economicamente necessario. Il problema che i liberali e i socialisti del XIX secolo non sono riusciti a risolvere è come conciliare queste forme più elevate di lavoro libero con l’imperativo irremovibile delle economie di scala in un’economia contemporanea complessa. Risolvere questo problema oggi richiede innovazioni nei termini legali e istituzionali dell’accesso decentralizzato alle risorse e alle opportunità della produzione.

L’ordine del mercato non deve essere legato a un’unica versione dogmatica di se stesso. A volte può estendere il decentramento qualificando la qualità assoluta e perpetua del controllo che ciascuno degli agenti economici decentrati esercita sulle risorse a sua disposizione. Alla fine di questa strada si trova la concezione dell’asta a rotazione del capitale che prima ho definito capitalismo senza capitalisti. All’estremo opposto si trova il diritto di proprietà unificato del XIX secolo, che conferisce al proprietario assoluto tutti i poteri che lo compongono.

Nella storia delle principali tradizioni giuridiche del mondo, i poteri componenti della proprietà sono stati normalmente disaggregati e conferiti a diversi livelli di rivendicazioni di pretendenti parziali sulle risorse produttive. Il diritto di proprietà assoluto e unificato dovrebbe continuare ad avere un posto come una delle forme, non l’unica, di uno sperimentalismo economico decentralizzato. Il suo vantaggio è quello di permettere al proprietario di fare, a proprio rischio, qualcosa in cui nessun altro crede, senza dover superare le obiezioni di chi ha il potere di fermarlo.

Democrazia ad alta energia

La controparte della democratizzazione dell’ordine di mercato e dello sviluppo di un’economia della conoscenza per i molti è l’approfondimento della democrazia. Il risultato desiderato è la creazione di una democrazia ad alta energia. Tale democrazia mette l’autodeterminazione collettiva al controllo della struttura della società, indebolisce la dipendenza del cambiamento dalla crisi come condizione abilitante e, di conseguenza, rovescia il dominio dei vivi da parte dei morti.

Cinque serie di innovazioni istituzionali definiscono il programma istituzionale di una democrazia ad alta energia. Ciascuna serie inizia con iniziative modeste e frammentarie e porta a un cambiamento conseguente del carattere della politica democratica. Tutte hanno come antecedenti dibattiti ed esperimenti già in corso in tutto il mondo. Non sono auto-motivanti: la loro motivazione deve derivare dalla lotta per cambiare direzione sociale ed economica senza dover aspettare la guerra o la rovina come condizioni di cambiamento.

Una prima serie di innovazioni istituzionali aumenta la temperatura della politica: il livello di impegno popolare organizzato nella vita politica. Una premessa della scienza politica e della statistica conservatrice è che la politica deve essere o fredda e istituzionale o calda ed extra- o addirittura anti-istituzionale. In fin dei conti, secondo questa premessa, dobbiamo scegliere tra Madison e Mussolini. Ciò che questa premessa esclude è un’idea centrale per una politica progressista: che la politica possa essere sia istituzionale che calda, in grado di mantenere un alto livello di mobilitazione e impegno civico.

I mezzi per raggiungere questo scopo sono le norme che regolano il voto (obbligatorio piuttosto che facoltativo), i regimi elettorali (dipendenti da effetti circostanziali), il denaro e la politica, la politica e i mezzi di comunicazione di massa.

Una seconda serie di innovazioni istituzionali accelera il ritmo della politica. Impegna l’elettorato e le istituzioni rappresentative nella rottura rapida e decisiva dell’impasse tra le parti dello Stato. Il caso più evidente è quello degli accordi americani di governo diviso, imitati in Sud e Centro America.

Due principi informano queste disposizioni: un principio liberale di frammentazione del potere nel governo e un principio conservatore di rallentamento della politica. Essi sono legati dall’intenzione e dal disegno, piuttosto che dalla necessità pratica o logica, di inibire gli usi trasformativi della politica democratica. L’interesse dei progressisti è affermare il principio liberale e ripudiare quello conservatore.

Possiamo raggiungere questo obiettivo con diversi espedienti pratici. Ad esempio, in base agli accordi presidenziali americani o latinoamericani, possiamo consentire sia al Presidente che al Congresso di sciogliere un’impasse convocando elezioni anticipate. Le elezioni anticipate dovrebbero sempre essere bilaterali: il ramo che esercita la prerogativa costituzionale condividerebbe il rischio elettorale.

Una terza serie di innovazioni istituzionali cerca di combinare una facilità di azione decisiva da parte del governo centrale con una devoluzione radicale al servizio dello sperimentalismo democratico. Quando un Paese imbocca una certa strada, copre le sue scommesse permettendo a parti di sé di divergere e di generare contro-modelli del futuro nazionale. Può farlo grazie a innovazioni istituzionali che si sviluppano in due fasi. In una prima fase, l’accento è posto sul federalismo cooperativo, sia a livello verticale tra i livelli della federazione sia a livello orizzontale tra gli Stati e tra i Comuni. La cooperazione funge da prima linea dello sperimentalismo, basandosi su accordi che prevedono poteri sia divisi che concorrenti all’interno di un sistema federale.

In un secondo momento, la logica del federalismo cooperativo lascia il posto a una più ampia libertà di sperimentazione. Alcune parti di un Paese possono richiedere un diritto eccezionale di ampia divergenza dalle politiche e dagli accordi nazionali prevalenti. Per evitare abusi, l’esercizio di tale privilegio deve essere vagliato sia dai rami rappresentativi del governo sia dai tribunali. È pregiudizio comune che gli Stati federali possano accettare più facilmente tale divergenza sperimentale rispetto agli Stati unitari. In questo caso, tuttavia, gli Stati unitari hanno un vantaggio: non hanno bisogno di agire secondo la presunzione che tutte le parti di un Paese debbano godere contemporaneamente e in egual misura della stessa prerogativa di divergere.

I progressisti spesso vogliono che i cambiamenti costituzionali inizino con le innovazioni destinate ad aumentare la temperatura della politica democratica, in particolare le norme che regolano il rapporto tra denaro e politica. Ma in molti Paesi, compresi gli Stati Uniti, il punto di partenza più promettente può essere la rivitalizzazione del rapporto tra governo centrale e locale, che gode di un ampio appeal al di là delle tradizionali divisioni tra destra e sinistra.

Una quarta serie di innovazioni ha un carattere diverso dalle tre precedenti. Cerca di indebolire direttamente la contraddizione tra società di classe e politica democratica. Stabilisce nel governo un potere di cambiamento che è sia strutturale che localizzato e quindi non è adatto, per motivi di legittimità o capacità, a nessuna parte degli Stati democratici così come sono ora organizzati. I due dispositivi preferiti del XX secolo per moderare il conflitto tra democrazia e società di classe – il corporativismo nella prima metà del secolo e il consolidamento costituzionale dei diritti sociali ed economici nella seconda – sono entrambi falliti; i diritti hanno fallito in modo ancora più decisivo del corporativismo. Le promesse di diritti nelle costituzioni del XX secolo sono rimaste in gran parte prive di meccanismi istituzionali o procedurali che ne garantiscano il mantenimento.

Consideriamo la situazione di un gruppo che si trova in una situazione di svantaggio o di sottomissione dalla quale non riesce a uscire con le forme di azione politica ed economica collettiva a sua disposizione. Una parte del governo dovrebbe essere attrezzata e autorizzata a venire in soccorso di questo gruppo e a iniziare a ricostruire le organizzazioni o le pratiche più direttamente responsabili dei suoi svantaggi. Oggi non esiste questa possibilità.

Negli Stati Uniti, il ramo giudiziario  almeno per un certo periodo – ha intrap reso questo compito attraverso lo sviluppo di un nuovo dispositivo procedurale: l’esecuzione complessa o ingiunzioni strutturali. I riformatori giudiziari si sono rivolti a organizzazioni relativamente periferiche  sistemi scolastici, carcerari, ospedali psichiatrici – fino a quando non hanno esaurito il loro potere.

Dovremmo volere un nuovo potere nello Stato, finanziato, dotato di personale e legittimato a fare, senza limitazioni aleatorie e arbitrarie, ciò che gli architetti giudiziari di queste procedure ricostruttive hanno tentato di fare nei limiti del loro ruolo istituzionale. La premessa dell’applicazione complessa era l’esistenza di una contraddizione tra un grande ideale attribuito a un corpo di leggi – il più delle volte un ideale anti-sottomissione – e una qualche combinazione di pratiche e disposizioni in una particolare parte della vita sociale che portava, ad esempio, alla segregazione scolastica o abitativa per razza e quindi (negli Stati Uniti) anche per classe. Il male era uno scontro tra un pezzo di struttura sociale o economica e un impegno trasformativo imposto dalla legge. Le parti o gli agenti interessati erano collettivi – segmenti di classi e razze – piuttosto che singoli titolari di diritti. Il rimedio consisteva nell’invadere e rimodellare una parte dello sfondo causale della vita sociale per superare o attenuare il conflitto tra la realtà sociale e la legge che la contraddiceva.

I giudici si sono trovati di fronte a una scelta tra due principi. Secondo un principio, un ideale stabilito dalla legge dovrebbe essere attuato indipendentemente dal fatto che esista o meno un agente istituzionale idoneo ad attuarlo. Secondo l’altro principio, dovrebbe essere attuato solo quando esiste un agente istituzionale adatto per attuarlo. Negli Stati Uniti sono stati i giudici (piuttosto che i politici e gli amministratori) a scegliere di sviluppare questa pratica di rimodellamento localizzato ma strutturale della vita sociale. Lo hanno fatto perché volevano farlo. Per farlo, hanno arbitrariamente diviso la differenza tra i due principi che ho appena descritto: non hanno permesso alla correttezza istituzionale di limitare l’iniziativa trasformativa né l’hanno respinta come irrilevante. Il risultato è stato quello di coinvolgere lo Stato in un’attività intellettualmente incoerente e politicamente vulnerabile.

Per indebolire il conflitto tra democrazia e società di classe è necessario sviluppare e generalizzare questa pratica di ricostruzione che è al tempo stesso localizzata e strutturale: più in profondità nello sfondo causale della vita sociale (ma fino a che punto?) per raggiungere gli strumenti centrali della produzione e della qualificazione piuttosto che solo le istituzioni relativamente periferiche (come le prigioni e gli ospedali psichiatrici) di cui si sono occupati i giudici americani. Questa versione estesa della pratica potrebbe, ad esempio, esplorare, sfidare e iniziare a rimodellare gli accordi, come i contratti di lavoro a zero ore (contratti che non prevedono un tempo minimo garantito di lavoro retribuito), che sostengono più direttamente la divisione tra il mercato del lavoro primario e quello secondario nelle società contemporanee , tra un nucleo relativamente privilegiato di lavoratori stabili e una periferia in espansione di salariati precari.

Di conseguenza, dobbiamo istituire una parte o un ramo dello Stato attrezzato, finanziato e legittimato a servire come agente di un tale esercizio del potere governativo: per intraprendere un cambiamento che sia localizzato e strutturale. Questo agente sarebbe eletto direttamente dal popolo o co-eletto dalle altre parti del governo.

La quinta serie di innovazioni istituzionali è l’arricchimento della democrazia rappresentativa con elementi di democrazia diretta o partecipativa, a livello locale attraverso una rete di associazioni di quartiere come controllo del governo municipale, e a livello nazionale attraverso referendum programmatici e plebisciti come ulteriore modo per superare l’impasse del governo. Questa appropriazione dei tratti della democrazia diretta non va confusa con la fantasia perenne di una certa sinistra: un governo di consigli popolari che faccia a meno delle istituzioni rappresentative e dei suoi quadri di politici professionisti.

L’auto-organizzazione della società civile al di fuori dello Stato

Una società disorganizzata non può generare alternative o agire su di esse. Lo sforzo di democratizzazione del mercato e di approfondimento della democrazia deve essere integrato dall’auto-organizzazione della società civile al di fuori del mercato e dello Stato.

L’accumulo di capitale sociale – cioè di densità associativa e delle capacità collettive che essa sostiene – non è un tratto della cultura nazionale al di fuori della portata dell’iniziativa trasformativa. È una variabile che risponde all’innovazione istituzionale. Molte di queste innovazioni riguardano gli accordi economici o politici che hanno a che fare con altre parti di questo programma. Un’economia della conoscenza prospera grazie all’aumento della fiducia reciproca e dell’iniziativa discrezionale. Una democrazia ad alta energia aiuta ad aumentare il livello di impegno popolare organizzato nella politica democratica. Alcune di queste innovazioni, tuttavia, hanno a che fare con la società civile stessa piuttosto che con l’economia o la politica. Tre meritano di essere sottolineate.

(1) Partnership tra governo e società civile nella fornitura di servizi pubblici. La forma prevalente di fornitura di servizi pubblici è un fordismo amministrativo: l’offerta di servizi standardizzati e di bassa qualità (di qualità inferiore rispetto ai servizi comparabili che le persone con denaro possono acquistare) da parte dell’apparato burocratico dello Stato. L’unica alternativa apparente sembra essere la privatizzazione dei servizi pubblici a favore di imprese orientate al profitto. Non esiste una controparte amministrativa sviluppata alle pratiche sperimentali dell’economia della conoscenza.

Lo Stato dovrebbe fornire una base di servizi pubblici universali. Dovrebbe anche operare al massimo nello sviluppo dei servizi pubblici più complessi e costosi. Ma nell’ampia zona intermedia tra il pavimento e il soffitto, dovrebbe collaborare con la società civile indipendente che agisce senza scopo di lucro: attraverso cooperative di insegnanti o di personale medico, per esempio, nella fornitura sperimentale e competitiva di servizi pubblici. Lo Stato può aiutare a equipaggiare, finanziare, formare e monitorare la società civile, mettendola in condizione di partecipare alla costruzione del proprio futuro. Questa partnership può essere il modo migliore per migliorare la qualità dei servizi pubblici. Può anche essere l’incentivo più efficace all’auto-organizzazione della società civile.

(2) Servizio sociale. Ogni cittadino e lavoratore abile dovrebbe avere due ruoli: uno nel sistema di produzione e qualificazione, l’altro condividendo la responsabilità comune di prendersi cura degli altri oltre alla propria famiglia. In un mondo di Stati armati che si minacciano a vicenda, la prima responsabilità condivisa deve essere la difesa. In una repubblica, le forze armate non devono mai diventare una forza mercenaria, una parte della nazione pagata dalle altre parti per difenderla. L’esercito deve essere la nazione in armi.

Gli uomini e le donne esonerati dal servizio militare (il più delle volte perché il Paese ha bisogno di un numero di soldati in armi inferiore a quello soggetto alla coscrizione), dovrebbero essere chiamati al servizio sociale obbligatorio, in base ai loro interessi e alla loro istruzione. Dovrebbero prestare tale servizio in una regione del Paese e in un settore della società diverso dalla regione o dal settore da cui provengono. In questo servizio sociale, dovrebbero ricevere l’addestramento militare di base che li qualifichi per far parte di una forza di riserva nazionale che possa essere mobilitata in caso di emergenza di difesa nazionale.

(3) Educazione alla cooperazione. La scuola dovrebbe offrire un ulteriore stimolo alla formazione della capacità sociale: non tanto perché esalta le virtù della cooperazione, quanto perché le esemplifica nelle sue pratiche di insegnamento e apprendimento. L’istruzione è una parte importante della riserva di dotazioni che assicurano la capacità. Ma contribuisce anche a suscitare la tempesta di innovazione perpetua che il paradiso rende possibile.

In democrazia, la scuola non dovrebbe essere lo strumento dello Stato o della famiglia. Non dovrebbe nemmeno servire come mezzo con cui l’università può trasformare i programmi di studio nazionali del mondo in versioni infantili delle ortodossie della cultura universitaria. La scuola deve parlare con la voce del futuro e riconoscere in ogni giovane un profeta senza peli sulla lingua.

La progettazione e l’attuazione di un’educazione che possa formare gli agenti di una società civile auto-organizzata, di una democrazia ad alta energia e di un’economia della conoscenza per i molti non può essere il risultato di una cricca al potere e dei suoi consulenti tecnici. Il suo compito educativo deve essere di competenza di un movimento nazionale di liberazione, che coinvolga centinaia di scuole e migliaia di insegnanti. In un Paese grande, diseguale, federale o comunque decentralizzato, questo movimento deve sviluppare accordi che concilino la gestione locale delle scuole con gli standard nazionali di investimento e qualità. Dovrebbe lottare per rendere la qualità dell’istruzione che ogni studente riceve il più possibile indipendente dalla circostanza di dove o da chi è nato.

Le pratiche di insegnamento e di apprendimento verso cui lavora un tale movimento dovrebbero avere i seguenti attributi. In primo luogo, devono avere come obiettivo l’intuizione trasformativa: capire qualcosa significa cogliere ciò che può diventare nel dominio del possibile adiacente. Le capacità analitiche e sintetiche dell’immaginazione forniscono l’equipaggiamento di base di tale intuizione. In secondo luogo, queste capacità non possono essere acquisite in un vuoto di contenuti. Nel trattare i contenuti, tuttavia, la profondità selettiva conta più della copertura enciclopedica.

In terzo luogo, l’ideale di una “educazione classica” deve essere riaffermato e reinventato. Il suo scopo era quello di dare allo studente una seconda visione, dotandolo di occhi per vedere con gli occhi dei suoi contemporanei ma anche con gli occhi di un’altra civiltà: Remota nel tempo, la civiltà del secondo sguardo aveva una relazione genealogica con la cultura del presente. Questo secondo sguardo veniva dai greci e dai romani per gli europei e dai classici confuciani per i cinesi. Il canone deve essere radicalmente diversificato, pur mantenendo il principio.

In quarto luogo, il contesto sociale dell’educazione deve essere cooperativo – cooperazione tra gli studenti, tra gli insegnanti e tra le scuole – in contrasto con la giustapposizione di individualismo e autoritarismo della scuola tradizionale.

In quinto luogo, l’approccio alla conoscenza ricevuta deve essere dialettico. Tutto deve essere insegnato almeno due volte, da punti di vista contrastanti. L’insegnamento dialettico immunizza i giovani dalle ortodossie della cultura universitaria. Queste ortodossie si traducono in matrimoni forzati di metodi e materie. E prosperano grazie all’associazione di presupposti metafisici controversi con risultati empirici difficili, che, in assenza di tali presupposti, assumerebbero significati diversi.

L’istruzione tecnica si collocherebbe su un continuum con questa forma di istruzione generale e non sarebbe più intesa come formazione pratica per i lavoratori in contrasto con la formazione simbolica per le élite. Il suo obiettivo non sarebbe più quello di sviluppare le competenze specifiche del lavoro e della macchina richieste dai mestieri convenzionali. Al contrario, il suo lavoro si evolverà per sviluppare le competenze concettuali e manuali di ordine superiore e flessibili richieste dalle pratiche e dalle tecnologie dell’economia della conoscenza.

Una base per vincere: la contro-élite produttivista e nazionalista
e la piccola borghesia soggettiva

Ogni potente programma di trasformazione costruisce la propria base. Deve costruire questa base con i materiali che la storia gli fornisce: i modi in cui ogni classe intende la propria identità e i propri interessi. Ci sono sempre due serie di modi in cui una classe può comprendere e difendere questi interessi: una istituzionalmente conservatrice e socialmente esclusiva e un’altra istituzionalmente trasformativa e aperta a trattare come alleati i gruppi che prima considerava rivali.

La base necessaria e possibile per l’alternativa alla dittatura dell’assenza di alternative che ho delineato qui ha due elementi. Il primo elemento è un protagonista familiare della storia moderna. Il secondo elemento parla di una nuova realtà.

Come parte della sua constituency, una tale agenda deve poter contare su una contro-élite: una fazione dissidente delle élite nazionali. Questa contro-élite è stata la principale artefice di ogni “miracolo di crescita” messo in scena nella storia moderna degli ultimi 250 anni circa, compresi, ovviamente, gli Stati Uniti nel periodo che va dalla fondazione alla guerra civile. Mossa da questo impulso, deve opporsi alla parte dell’élite nazionale che cerca la rendita. Deve associare il produttivismo al nazionalismo.

La contro-élite deve avere un piano per ottenere un aumento sostenibile e a lungo termine della produttività e un’espansione della produzione (la componente produttivista). Le pratiche di produzione che promuove possono non essere, al momento della loro comparsa, le più efficienti: quelle che fanno il massimo con il minimo. Ma saranno quelle con il maggior potenziale di raggiungere la frontiera della produttività e di rimanervi, ispirando e informando l’innovazione permanente in ogni parte del sistema produttivo.

Un tale piano richiederà una riforma dell’architettura legale e istituzionale dell’ordine di mercato, non solo la volontà di dare più o meno spazio al mercato così come è ora inteso e organizzato. E dovrà coinvolgere gran parte della forza lavoro nel suo programma di creazione della versione contemporanea di un avanguardismo produttivo socialmente inclusivo, che è ciò che rappresenterebbe oggi un’economia della conoscenza per i molti.

La contro-élite deve volere che l’economia nazionale si impegni nell’economia mondiale a condizioni utili a questo piano produttivista e che permettano allo Stato di affermare ed esercitare la propria sovranità, sia attraverso la sfida agli interessi e alle idee sostenute da altre potenze o che sono influenti nel mondo (colonialismo mentale), sia attraverso la cooperazione con Stati stranieri per risolvere problemi che nessuno Stato può risolvere da solo (componente nazionalista). In nome del matrimonio tra produttivismo e nazionalismo deve fare appello al sostegno della maggioranza operaia del popolo.

La seconda parte della base necessaria e possibile è la maggioranza nazionale nei principali Paesi del mondo. Questa maggioranza è composta da persone che rimangono povere, se non proprio povere, ma relativamente povere. Non appartengono, per circostanze oggettive, alla classe dei piccoli imprenditori. Tuttavia, aspirano a una modesta prosperità e indipendenza.

Per difetto, in mancanza di altri modi per realizzare le loro aspirazioni, cercano le espressioni caratteristiche della vita piccolo-borghese: un negozio, una bottega, una piccola fattoria: attività familiari arcaiche e retrograde, tradizionalmente finanziate dal risparmio familiare e dall’autosfruttamento. Gli equivalenti spirituali di questo orizzonte economico sono stati l’individualismo, il materialismo e il consumismo e, in un vocabolario religioso, la teologia della prosperità. La sinistra europea ha commesso il suo errore più fatale nel XX secolo quando ha demonizzato queste persone e le ha spinte nelle braccia della destra fascista.

Chiamiamo questo gruppo di elettori la piccola borghesia soggettiva. Oggi è molto più grande del “proletariato industriale”, la forza lavoro organizzata e relativamente privilegiata, insediata nei settori ad alta intensità di capitale del sistema produttivo, che i partiti e i movimenti di sinistra hanno considerato in passato come il loro nucleo centrale. Il futuro della maggior parte delle società contemporanee dipende dalla direzione di questa piccola borghesia soggettiva e dalla sua alleanza con una contro-élite produttivista e nazionalista.

Un compito dei progressisti è quello di raggiungere la piccola borghesia soggettiva dove si trova, di incontrarla alle sue condizioni e di offrirle alternative pratiche ai modi autolesionisti in cui è stata abituata a comprendere e a realizzare i suoi obiettivi economici e spirituali. Devono persuadere i piccoli borghesi soggettivi a distinguere i loro obiettivi più ampi  raggiungere una modesta prosperità e indipendenza e consolidare una forma di vita in cui possano accrescere la loro esperienza di agenzia effettiva – dalla forma regressiva e predefinita che questo obiettivo ha solitamente assunto nel loro immaginario: la piccola impresa familiare. I piccoli borghesi soggettivi devono imparare a collegare le loro aspirazioni con progetti che possano produrre maggiore prosperità e libertà collettiva, nella direzione di un’economia della conoscenza per i molti e di una democrazia ad alta energia.

Questi progetti non devono apparire ai piccoli borghesi soggettivi come miraggi lontani. Per credere, devono poter toccare la ferita: vedere e sperimentare i primi passi del cammino da qui a lì. A tal fine, i progressisti devono trovare il modo di fornire acconti su alternative come quelle qui suggerite alla dittatura dell’assenza di alternative. Inoltre, tali alternative, e i passi che vi conducono, devono essere associati in modo tangibile alle agende di sviluppo nazionali e al rafforzamento dello Stato-nazione, dato che gli Stati-nazione rimangono gli scudi dietro i quali i popoli del mondo possono intraprendere questi esperimenti di rifacimento della società.

Ovunque la piccola classe imprenditoriale, la piccola borghesia oggettiva, rimane una minoranza assediata. Ma la piccola borghesia soggettiva – in paesi come l’India e la Cina, il Brasile e l’Indonesia, la Turchia e la Nigeria – costituisce la maggioranza del popolo. Sono sfuggiti alla povertà più assoluta, tanto da poter sognare il sogno della piccola borghesia. Sognando quel sogno, hanno continuato ad associare i suoi desideri intangibili di possesso di sé con l’armamentario convenzionale della piccola impresa, della piccola proprietà terriera e della fornitura di servizi semi-specializzati, in cambio di un salario o di un compenso.

In che misura e in che senso questa realtà si estende ai ricchi Paesi del Nord Atlantico e ai loro avamposti nel mondo? Le somiglianze sono più che superficiali. Nelle società ricche, la maggioranza si trova esclusa dai settori più avanzati e produttivi dell’economia e dalle scuole che vi danno accesso. La maggior parte delle persone non è impiegata nelle grandi imprese, e molti preferirebbero non esserlo. Un numero crescente si rivolge, per una combinazione di disperazione e speranza, a qualche forma di lavoro autonomo e di piccola proprietà come male minore. In politica, fluttuano tra destra e sinistra. In religione, coltivano una spiritualità che si basa molto sull’auto-aiuto e poco sulle narrazioni secolari di redenzione.

Non sono forse, insieme alle loro controparti nei paesi in via di sviluppo, il sale della terra? La loro esistenza e la loro resistenza non dimostrano forse che la piccola borghesia soggettiva è in tutto il mondo la classe con la migliore pretesa di rappresentare oggi – meglio del proletariato industriale di Marx – gli interessi universali dell’umanità?

Eppure, tutto nella storia del pensiero e della politica cospira contro di loro. L’impegno dogmatico nei confronti dell’architettura ereditata del mercato, organizzata attorno al diritto di proprietà unificato, nega loro gli strumenti giuridici con cui conciliare il decentramento dell’iniziativa economica con l’aggregazione delle risorse su scala. Idee e atteggiamenti simili minano la base istituzionale e giuridica su cui potremmo dare nuovo significato e forza alla vecchia convinzione liberale e socialista che il lavoro autonomo e la cooperazione, piuttosto che il lavoro salariato, siano le espressioni più vere dell’idea di lavoro libero. Queste stesse convinzioni si oppongono all’unica forma di vita politica che permetterebbe alla piccola borghesia soggettiva di trasformare la società: una democrazia sperimentale ad alta energia che non ha più bisogno di guerre e rovine per consentire il cambiamento e che pone fine al dominio dei vivi da parte dei morti.

Nella religione, la loro abitudine più comune è stata quella di adottare l’idea della partecipazione dell’individuo all’infinità di Dio. Tuttavia, hanno permesso che questa fede venisse doppiamente corrotta: dal mancato riconoscimento del posto della solidarietà nell’autocostruzione e dall’acquiescenza idolatrica alla sufficienza e alla finalità degli assetti economici e politici che sono stati loro insegnati a venerare.

La piccola borghesia soggettiva non può diventare una piccola borghesia oggettiva conformandosi alle formule che i suoi amici reazionari politici e ideologici le hanno imposto. Ma se si liberano di tali guide e rifiutano le loro dottrine, non diventeranno nemmeno una piccola borghesia oggettiva. Al contrario, si saranno avvicinati un po’ di più all’essere uomini e donne liberi. Avranno conquistato la loro maggiore libertà ribellandosi alla dittatura dell’assenza di alternative.

Questo articolo è apparso originariamente in American Affairs, volume VIII, numero 1 (primavera 2024): 123-40.

Russia Ucraina, il conflitto 60a puntata Cambi al vertice Con Max Bonelli

Novità ai vertici del governo russo. Il segnale dell’avvio di un radicale cambiamento ai vertici non solo del ceto politico, ma della stessa classe dirigente. La forza e la consistenza di questo movimento la si deduce an che dal momento. Non avviene in un momento di grave crisi o di collasso, come si è soliti assistere nelle vicende dei vari paesi, ma in una fase di consolidamento e di successo sia nell’andamento del conflitto in Ucraina, sia nel grado di coesione e di dinamismo della formazione sociale russa, sia nella autorevolezza acquisita nel contesto geopolitico. Una fase analoga a quella vissuta dagli Stati Uniti, ma dalle dinamiche del tutto diverse. Sul fronte del conflitto ucraino, nel frattempo, i punti di pressione si moltiplicano sino a sconvolgere gli assetti di un esercito ucraino sempre più esausto. Vedremo quali traumi provocherà, a sua volta, nel regime ucraino. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4v99a8-russia-ucraina-il-conflitto-60a-puntata-cambi-al-vertice-con-max-bonelli.html

SITREP 14/5/24: Putin fa pulizia mentre Volchansk arriva sull’orlo del baratro, di SIMPLICIUS

Gli eventi continuano a svilupparsi rapidamente.

Putin ha sigillato il suo nuovo governo, con Belousov che ha dato i suoi primi ordini di marcia.

Prima che potesse a malapena mettere piede nell’aula della Duma, è arrivata la notizia che un altro funzionario del MOD era stato ammanettato per corruzione, l’alto rango Yuri Kuznetsov. Nel frattempo si è dimessa la deputata della cerchia ristretta di Shoigu Tatyana “Capo contabile” Shevtsova, così come il portavoce Konashenkov, il primo viceministro della difesa Tsalikov e altri. Sembra trattarsi di un’epurazione senza precedenti.

Si sta svolgendo come la fine del Padrino 1. Sotto l’unzione innale del salvatore appena prestato giuramento, una schiera di corrotti cancri dell’eredità vengono issati dai loro stessi petardi e trascinati in prigione. Anche se le porte delle celle continuavano a chiudersi, come se fosse stato progettato, Belousov ha simbolicamente proclamato “Puoi commettere errori, ma non puoi mentire” suscitando gli applausi della Duma:

Dopotutto, sembra sempre più un rinnovamento primaverile.

Ecco come il canale informato, sebbene sesto editorialista, ChK-OGPU ha riempito lo spazio vuoto riguardo al procedimento:

“Il sistema non poteva più resistere al livello proibitivo di corruzione del Ministero della Difesa, che ha portato all’arresto del vice ministro della Difesa Timur Ivanov, alla rimozione del “costruttore Sergei Shoigu” e alla promozione dell’economista Andrei Belousov. È noto che i viceministri Ruslan Tsalikov e Alexey Krivoruchko, ex proprietario della ditta Kalashnikov e grande fan di Miami, hanno scritto rapporti sulle dimissioni; si parla delle dimissioni di Yuri Sadovenko. Ci aspettiamo nel prossimo futuro una pulizia radicale delle “scuderie augustee” di Shoigu e possibili nuovi casi e arresti di alto profilo. Proprio ieri è stato arrestato il capo del dipartimento del personale del Ministero della Difesa, Yuri Kuznetsov.

I “cavalli oscuri” nella scuderia di Shoigu rimangono il viceministro della Difesa Tatyana Shevtsova, responsabile delle finanze, che, per definizione, a causa delle sue responsabilità lavorative, dovrebbe sapere più di chiunque altro su possibili abusi e appropriazione indebita di fondi, Alexander Fomin, Viktor Goremykin.

Alexander Fomin è stato nominato “supervisore” da Igor Sechin, che conosce Fomin da quando ha prestato servizio come studente di due anni in Angola dopo essersi laureato all’Università di Leningrado, quindi c’è un’alta probabilità che Fomin manterrà la sua posizione.

Un altro vice ministro della Difesa, Viktor Goremykin, responsabile del lavoro politico e del personale, ha avuto stretti rapporti amichevoli con Timur Ivanov e ha giocato a hockey con lui nella squadra delle Stelle Rosse. Le perquisizioni e gli interrogatori del subordinato di Viktor Goremykin, il capo del dipartimento del personale Yuri Kuznetsov, che è stato portato nella sua villa immodesta proprio nel suo letto, possono portare a seri problemi per il capo.”

Tutto questo è stato seguito dalla notizia che Putin ha elevato sia Patrushev che l’astro nascente Aleksey Dyumin a suoi personali “aiutanti presidenziali”.

Alla fine di dicembre 2020, il leader dell’LDPR Vladimir Zhirinovsky ha nominato Dyumin uno dei politici che potrebbero diventare il successore di Vladimir Putin alla presidenza della Federazione Russa

Controlla ancora una volta la fisiologia e la fisionomia: giovane e sano, vigile e con la vista acuta, non sciatto, scarmigliato e geriatrico, come è diventato così tristemente comune tra troppi dei vertici del MOD russo.

In breve: Putin sembra aver effettuato un colpo di stato eliminando un ceppo molto malato all’interno del MOD, rafforzando la sua posizione esecutiva con un gruppo di lealisti ultra-intransigenti con comprovata esperienza. E giusto in tempo, ora circolano voci secondo cui Surovikin è finalmente arrivato a Mosca, questa volta per davvero , o almeno così sostiene Rybar; si sarebbe svolto un incontro al Cremlino. Ciò potrebbe far presagire un grande appuntamento imminente per lui, se fosse vero.

Scott Ritter ha pubblicato un nuovo post su Twitter che riassume gli sviluppi in modo così succinto e completo che lo pubblico qui al posto del mio resoconto:

Scott Ritter

Una nuova rivoluzione negli affari militari La nomina di Andrei Belousov da parte del presidente russo Vladimir Putin va oltre il semplice tentativo di portare struttura economica e disciplina ad una base industriale militare espansiva ed in espansione.

È vero, la rapida crescita dell’industria della difesa russa nel corso degli ultimi due anni ha creato preoccupazioni sul fatto che un settore economico civile russo, fragile ma in espansione, si sta ancora riprendendo dallo shock delle severe sanzioni statunitensi ed europee in seguito all’avvio da parte della Russia del piano militare speciale. L’operazione (SMO) in Ucraina potrebbe trovarsi tenuta in ostaggio da una spesa per la difesa illimitata che ha distorto artificialmente le catene di approvvigionamento e i prezzi in un modo che potrebbe vedere l’economia russa seguire la strada del suo predecessore sovietico, fortemente caratterizzato dall’industria della difesa.

Belousov, un affermato economista a pieno titolo, è stato incaricato di gestire l’intersezione tra difesa ed economia civile per garantire che l’industria civile rimanga sana e vitale anche se la necessità di una solida produzione dell’industria della difesa rimane elevata.

Ma forse l’aspetto più importante della nomina di Belousov è il suo ruolo di innovatore industriale.

La Russia si sta dirigendo verso una nuova Rivoluzione negli Affari Militari (RMA) che sarà definita dal nesso di uno sviluppo tecnologico portato dalle esperienze dell’SMO (guerra con droni, guerra elettronica, maggiore letalità delle munizioni), b) Innovazione dottrinale che è emerso man mano che le lezioni apprese sul campo di battaglia dell’SMO venivano studiate e richiedeva cambiamenti incorporati nei sistemi formali di istruzione militare responsabili della produzione di dottrine aggiornate; e c) Adattamento organizzativo che comporta importanti cambiamenti strutturali e intellettuali che riflettono la realtà delle nuove tecnologie e dottrine.

Sotto Sergei Shoigu, l’esercito russo ha fatto importanti progressi nelle prime due tappe del trio RMA. Ma il tipo di innovazione strutturale necessaria all’esercito russo per trasformare i cambiamenti sistemici in una vera RMA è il punto di forza di Belousov. La Russia è sul punto di implementare una nuova RMA che trasformerà il campo di battaglia moderno tanto quanto la Blitzkrieg tedesca fu per la condotta della Seconda Guerra Mondiale.

Questa è una buona notizia se sei russo. Per l’Occidente collettivo, di fronte alla prospettiva di intraprendere una costosa espansione della NATO, un RMA guidato dalla Russia equivarrebbe a un disastro.

Sul fronte, l’Ucraina sta affrontando uno dei crolli più rapidi della guerra finora. Non ci sono due modi per minimizzare le cose: fonti russe riferiscono perdite catastrofiche per le AFU che sono tristemente a corto di personale e senza armi. La più grande scala di catture di prigionieri di guerra nell’ultimo anno è attualmente in corso, con oltre una dozzina di nuovi video solo a partire da oggi che mostrano dozzine di prigionieri ucraini, tra cui molti Kraken:

Anche le paramediche ucraine chiedono aiuto per le perdite:

Anche nel momento in cui scriviamo, lo Stato Maggiore ucraino ha annunciato il ritiro di Volchansk, la città più grande e roccaforte della regione settentrionale di Kharkov, anche se non è ancora chiaro se si tratterà di un ritiro totale o parziale, poiché la formulazione è ambigua:

Le truppe in prima linea schiumano di rabbia al comando:

Le forze russe ora sono arrivate persino nel raggio d’azione dell’artiglieria della stessa città di Kharkov, e ci sono rapporti che stanno martellando le posizioni delle AFU alla periferia di Kharkov da circa 22-24 km a Glyboke/Hlyboke.

Ci sono anche segnalazioni di distaccamenti di blocco che ora aspettano nelle retrovie per intercettare le truppe in fuga:

Nella regione di Kharkov è stato introdotto un piano di intercettazione a causa dell’esodo di massa dei soldati delle forze armate ucraine

Sulle strade principali della regione sono posti di blocco rinforzati con “uomini armati senza contrassegni di identificazione” che cercano i soldati ucraini in fuga in massa dal campo di battaglia. Questa dichiarazione, citando le sue stesse fonti, è stata fatta da un esperto militare, tenente colonnello in pensione della Repubblica popolare di Lugansk (LPR), Andrei Marochko.

Secondo lui, i dipendenti del Ministero degli Affari Interni e del Servizio di Sicurezza dell’Ucraina “controllano i documenti di tutti e ispezionano i veicoli”, motivo per cui in molte zone ci sono “ingorghi lunghi chilometri”.

E se pensavate che potesse trattarsi di propaganda fantasiosa, secondo quanto riferito le forze russe hanno catturato una delle truppe incaricate di eseguire ordini di blocco di questo tipo, che attesta il fatto:

In ogni caso, sono già stati segnalati combattimenti verso il centro della città, mentre ieri le forze russe avevano appena raggiunto la periferia. Alcuni rapporti affermano che le forze russe hanno catturato gli edifici amministrativi vicino al centro:

Ma quello non era nemmeno il rumore più importante. Le rivelazioni più scioccanti arrivano attraverso un’intervista al NYT con Budanov, che ha visitato vivacemente la linea del fronte di Kharkov devastata dalla guerra per fare la sua valutazione della situazione:

Innanzitutto afferma francamente che all’Ucraina non sono rimaste riserve per Kharkov:

Nota: utilizzo la versione Telegraph della storia sopra poiché il collegamento NYT si comporta in modo instabile per qualche motivo.

❗️ “Non abbiamo riserve” 🇺🇦

Il capo dell’intelligence militare ucraina Budanov ha ammesso al New York Times che la situazione è grave:

“La situazione è al limite”, ha detto il generale Kyrylo Budanov, capo dell’agenzia di intelligence militare ucraina in una videochiamata da un bunker a Kharkiv. “Ogni ora questa situazione diventa critica.”

“Tutte le nostre forze sono qui o a Chasiv Yar. Ho usato tutto quello che avevamo. Purtroppo non abbiamo nessun altro nelle riserve”.

Che ne dici di un’ammissione schietta?

Ma come se ciò non bastasse, Budanov ammette inoltre che la Russia inizierà la tanto attesa operazione Sumy entro pochi giorni :

Di conseguenza, i sussurri provenienti dal confine di Sumy sono diventati assordanti.

Non solo i canali militari russi postano teaser come i seguenti:

Ma circolano voci continue di importanti aumenti nell’azione dei DRG russi, nei droni, negli attacchi di artiglieria e altro ancora, in tutta la regione di Sumy:

⚡🔥⚡️Dopo che squadre di guardie di frontiera e soldati ucraini hanno iniziato a scomparire nella regione di Sumy, il lavoro dei nostri OMD e ROSN nelle aree di confine e dell’art. scioperi, le forze armate ucraine evacuano diversi insediamenti a nord-ovest della città di Sumy. Le barriere minerarie e ingegneristiche sono già state rimosse e la concentrazione delle forze nemiche è minima⚡🔥⚡

Un’altra presa in giro premonitrice afferma che le barricate verranno smantellate al confine di Bryansk, al checkpoint di Seredina-Buda, proprio di fronte a Sumy:

⚠️ E il temporale è già così vicino, mi fa venire la pelle d’oca, c’è un netto odore di ozono nell’aria, all’orizzonte sono apparsi neri cumuli.

Nelle dure foreste di Bryansk , non solo i terroristi perdono le orecchie, le potenti forze forestali sanno sottilmente dove si trova il nemico e si stanno preparando per l’imminente temporale; nell’ambito di questa iniziativa hanno eliminato le barriere antimine al posto di controllo di Seredina-Buda.

Inoltre, depositi di munizioni e forze d’assalto aviotrasportate di militanti ucraini decollano lungo tutta la profondità della formazione operativa.

Nell’oscurità della foresta di Bryansk, guerrieri epici preparano i loro strumenti, altri sguainano violini e contrabbassi.

Una mazza è già stata sollevata sulla testa del nemico; presto crollerà.

✈️ Esplorazione NGP🦇

Un’analisi ha analizzato alcuni numeri:

⚡🔥⚡️Kirill Budanov ha lasciato Kharkov con uno scandalo e si sta dirigendo a Sumy.

Lì organizzerà la contrazione dei DRG russi e schiererà distaccamenti per TRO e OMBR, che Syrsky sta trasferendo dalle riserve.

Le forze armate ucraine ne hanno in riserva poco meno di 54.000, da Kherson, che potrebbe tornare nelle mani delle forze armate russe, a Sumy e Chernigov.

12.000 di questa riserva sono già stati ritirati a Kharkov, poi altri 17.000 saranno trasferiti a Sumy⚡🔥⚡

Interessante la parte relativa al checkpoint di Seredina-Buda. La domanda era sempre se la Russia sarebbe arrivata sul lato est o ovest di Sumy. Se si concentrasse a est, forse anche nella regione di Grayvoron, ciò comporterebbe una gigantesca tenaglia della città di Kharkov. Ma il checkpoint di cui sopra è molto più a ovest di Sumy, anzi, quasi più vicino a Kiev:

Se la Russia fosse davvero entrata così in profondità, sembrerebbe necessaria una spinta da parte di Kiev. La verità è che l’assedio di Kiev potrebbe essere uno dei colpi di grazia più fatalmente inaspettati, dato che la Russia ha pochissimo territorio da coprire da quella parte e l’Ucraina – come ha ammesso lo stesso Budanov – ha poche riserve. Le forze russe che avanzano alla periferia di Kiev causerebbero il panico non solo in Ucraina ma in tutto l’Occidente, destabilizzando potenzialmente la situazione in modo catastrofico.

Mettiamola in questo modo: la Russia non deve catturare Kiev, né tentare di farlo. Semplicemente portando le sue forze in periferia, potrebbe seminare abbastanza caos e panico, fuga di civili, ecc., in modo da spodestare finalmente Zelenskyj con una sorta di colpo di stato destabilizzante, o costringerlo a mostrare la sua mano fuggendo con un governo governativo. -l’esilio, a Lvov o altrove, il che sarebbe di per sé politicamente fatale. Ci sono molte potenziali giocate qui.

Ma per il momento qualsiasi mossa potenziale di questo tipo è probabilmente molto lontana, poiché gli obiettivi immediati ruotano semplicemente intorno alla divisione delle forze ucraine e all’assottigliamento delle linee al fine di creare scoperte volte a generare perdite catastrofiche di materiale, personale e morale.

Nel mezzo del collasso in corso, Blinken si è precipitato a Kiev per fornire un’altra serie di insulse “rassicurazioni” per evitare che il morale ucraino precipitasse catastroficamente. Questa “rassicurazione” finì per consistere in nient’altro che Blinken che dava un’interpretazione edificante di “Rockin’ In a Free World” di Neil Young in un bar di Kiev:

“Cosa, volevi armi e soldi? Sono venuto invece a darti una canzone.

Può l’impero americano diventare ancora più patetico o imbarazzante?

A Kiev c’era il tutto esaurito poiché il rampollo del male incarnato non poteva lasciare che Blinken si divertisse e ha deciso di unirsi al conclave:

I titoli dei giornali rimangono cupi come sempre, anche se a volte raggiungono nuovi minimi di disperazione:

Uno di essi include persino questo pratico grafico per il presunto calo dei tassi di intercettazione dei missili russi da parte dell’Ucraina:

Come ricorderete, qualche mese fa avevo riferito che l’Ucraina sta reintegrando solo il 50% delle sue perdite attraverso la sua scarsa mobilitazione. Secondo gli ultimi dati, la percentuale è scesa a un disastroso 25%. Tuttavia, il 18 maggio entrerà in vigore la legge sulla mobilitazione appena firmata, che potrebbe dare il via a una campagna di portata molto più ampia e pesante per recuperare i corpi dalle strade.

È interessante notare che questo coincide quasi esattamente con la scadenza del 21 maggio per la legittimazione di Zelensky, dopo la quale si teme che la situazione possa diventare piuttosto libera per tutti. In effetti, le voci su questo fronte già abbondano, come la seguente – anche se prendetela con un granello di sale, poiché molto probabilmente è falsa, ma è intesa più che altro come un esempio dimostrativo dei problemi che si stanno preparando:

Alcune ultime notizie:

Tra le polemiche sul crollo della regione di Kharkov, sta venendo alla luce sempre più chiaramente quale sia la portata della corruzione che ha portato al grave tradimento:

Ecco un altro esempio del miracolo di fortificazione dell’Ucraina. Un soldato ucraino stufo descrive le opere di trincea totalmente inefficaci su uno dei fronti, un problema endemico:

Un’unità cecena dell’Akhmat Zapad (Ovest) è stata avvistata tra le forze di Kharkov intorno a Ogurtsovo, a nord-ovest di Volchansk, e ha lanciato un grido rivelatore ad alcune brigate operative nell’offensiva del nord:

A 1:46 vengono nominati il 153° reggimento carri e il 41° reggimento fucilieri motorizzati. Il 153° fa parte della 47ª Divisione carri sotto la 1ª Armata carri della Guardia, ed è un reggimento di nuova formazione dal 2023, quando Shoigu ha rafforzato la 1ª Armata carri della Guardia con 5 nuovi reggimenti. Il 41° Reggimento Fucilieri non è ancora certo, ma si dice che provenga dalla Carelia.

Infine, qualcuno potrebbe averlo già postato, ma ecco una buona versione sottotitolata di un nuovo finto annuncio di reclutamento ucraino, ormai sempre più accurato:


Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

1 2 3 338