Dichiarazione del Vertice di Washington_NATO

Dichiarazione del Vertice di Washington

rilasciata dai Capi di Stato e di Governo che partecipano alla riunione del Consiglio Nord Atlantico a Washington, D.C. 10 luglio 2024

  • 10 luglio 2024 –
  • |
  • Comunicato stampa 2024 001
  • Pubblicato il 10 luglio 2024
  • |
  • Ultimo aggiornamento: 12 luglio 2024 16:14
CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

1.       Noi, Capi di Stato e di Governo dell’Alleanza Nord Atlantica, ci siamo riuniti a Washington per celebrare il 75° anniversario della nostra Alleanza. Fondata per preservare la pace, la NATO rimane l’Alleanza più forte della storia. Siamo uniti e solidali di fronte a una brutale guerra di aggressione sul continente europeo e in un momento critico per la nostra sicurezza.Riaffermiamo il duraturo legame transatlantico tra le nostre nazioni.  La NATO rimane il forum transatlantico unico, essenziale e indispensabile per consultarsi, coordinarsi e agire su tutte le questioni relative alla nostra sicurezza individuale e collettiva.  La NATO è un’Alleanza difensiva.Il nostro impegno a difenderci reciprocamente e a difendere ogni centimetro del territorio alleato in ogni momento, come sancito dall’articolo 5 del Trattato di Washington, è ferreo.  Continueremo a garantire la nostra difesa collettiva contro tutte le minacce e da tutte le direzioni, sulla base di un approccio a 360 gradi, per adempiere ai tre compiti fondamentali della NATO: la deterrenza e la difesa, la prevenzione e la gestione delle crisi e la sicurezza cooperativa.Siamo legati da valori condivisi: la libertà individuale, i diritti umani, la democrazia e lo Stato di diritto. Aderiamo al diritto internazionale e agli scopi e principi della Carta delle Nazioni Unite e ci impegniamo a sostenere l’ordine internazionale basato sulle regole.

2.      Diamo un caloroso benvenuto al nostro trentaduesimo e più recente alleato, la Svezia. La storica adesione della Finlandia e della Svezia le rende più sicure e la nostra Alleanza più forte, anche nel Grande Nord e nel Mar Baltico. Ogni nazione ha il diritto di scegliere i propri accordi di sicurezza. Riaffermiamo il nostro impegno per la Politica delle Porte Aperte della NATO, in linea con l’articolo 10 del Trattato di Washington.

3.          L’invasione su larga scala dell’Ucraina da parte della Russia ha mandato in frantumi la pace e la stabilità nell’area euro-atlantica e ha gravemente minato la sicurezza globale. La Russia rimane la minaccia più significativa e diretta alla sicurezza degli Alleati.Il terrorismo, in tutte le sue forme e manifestazioni, è la minaccia asimmetrica più diretta alla sicurezza dei nostri cittadini e alla pace e alla prosperità internazionali.

4.         La competizione strategica, l’instabilità pervasiva e gli shock ricorrenti definiscono il nostro ambiente di sicurezza più ampio. I conflitti, la fragilità e l’instabilità in Africa e in Medio Oriente influenzano direttamente la nostra sicurezza e quella dei nostri partner.Laddove presenti, queste tendenze contribuiscono, tra l’altro, allo sfollamento forzato, alimentando il traffico di esseri umani e la migrazione irregolare.    Le azioni destabilizzanti dell’Iran si ripercuotono sulla sicurezza euro-atlantica.Le ambizioni dichiarate e le politiche coercitive della Repubblica Popolare Cinese (RPC) continuano a sfidare i nostri interessi, la nostra sicurezza e i nostri valori.  L’approfondimento del partenariato strategico tra Russia e RPC e i loro tentativi, che si rafforzano reciprocamente, di indebolire e rimodellare l’ordine internazionale basato sulle regole, sono motivo di profonda preoccupazione.  Siamo confrontati con minacce ibride, cibernetiche, spaziali e di altro tipo e con attività malevole da parte di attori statali e non statali.

Diamo un caloroso benvenuto al Presidente dell’Ucraina Zelenskyy e ai leader di Australia, Giappone, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea e Unione Europea;

6.       Accogliamo con favore il fatto che più di due terzi degli Alleati abbiano rispettato l’impegno di una spesa annua per la difesa pari ad almeno il 2% del PIL ed elogiamo gli Alleati che l’hanno superata.Gli Alleati stanno aumentando: la spesa per la difesa degli Alleati europei e del Canada è cresciuta del 18% nel 2024, l’aumento più consistente degli ultimi decenni; stanno inoltre investendo di più in capacità moderne e aumentando i loro contributi alle operazioni, alle missioni e alle attività della NATO.Riaffermiamo il nostro impegno duraturo a dare piena attuazione all’impegno di investimento nella Difesa concordato a Vilnius e riconosciamo che è urgentemente necessario fare di più per rispettare in modo sostenibile i nostri impegni come alleati della NATO.  Ribadiamo che, in molti casi, sarà necessaria una spesa superiore al 2% del PIL per rimediare alle carenze esistenti e soddisfare i requisiti in tutti i settori derivanti da un ordine di sicurezza più contestato.

7.       Abbiamo intrapreso il più grande rafforzamento della nostra difesa collettiva da una generazione a questa parte. Stiamo dando seguito alle decisioni dei Vertici di Madrid e di Vilnius di modernizzare la NATO per una nuova era di difesa collettiva. Non possiamo ignorare la possibilità di un attacco contro la sovranità e l’integrità territoriale degli Alleati.Abbiamo rafforzato la nostra posizione di deterrenza e di difesa per negare a qualsiasi potenziale avversario qualsiasi opportunità di aggressione.  Continuiamo a rafforzare la deterrenza e la difesa della NATO contro tutte le minacce e le sfide, in tutti i settori e in molteplici direzioni strategiche nell’area euro-atlantica. Abbiamo schierato forze pronte al combattimento sul fianco orientale della NATO, rafforzato le difese avanzate e migliorato la capacità dell’Alleanza di rafforzare rapidamente qualsiasi alleato minacciato.  Abbiamo una nuova generazione di piani di difesa della NATO che rendono l’Alleanza più forte e più capace di dissuadere e, se necessario, di difendersi da qualsiasi potenziale avversario, anche con poco preavviso o senza preavviso.Siamo impegnati a fornire le forze necessarie ad alta prontezza in tutti i settori, anche per una Forza di Reazione Alleata robusta e agile.  Stiamo accelerando ulteriormente la modernizzazione della nostra difesa collettiva e siamo:

  • Fornire le forze, le capacità, le risorse e le infrastrutture necessarie per i nostri nuovi piani di difesa, per essere pronti a una difesa collettiva ad alta intensità e multidominio. A questo proposito, ci baseremo sui progressi compiuti per garantire che l’aumento delle spese nazionali per la difesa e i finanziamenti comuni della NATO siano commisurati alle sfide di un ordine di sicurezza più contestato.
  • Condurre addestramenti ed esercitazioni più frequenti e su larga scala dei nostri piani per dimostrare la nostra capacità di difendere e rafforzare rapidamente qualsiasi alleato minacciato, anche attraverso Steadfast Defender 24, la più grande esercitazione militare della NATO da una generazione a questa parte.
  • Stiamo accelerando la trasformazione e l’integrazione delle nuove tecnologie e dell’innovazione, anche attraverso un piano per migliorare l’adozione della tecnologia. Stiamo inoltre modernizzando la nostra capacità di sorveglianza aerea.
  • Rafforzare il comando e il controllo della NATO e assegnare ruoli di leadership chiave ai quartieri generali nazionali.
  • Rafforzare la nostra capacità di muovere, rinforzare, rifornire e sostenere le nostre forze per rispondere alle minacce in tutta l’Alleanza, anche attraverso una logistica efficace e resiliente e lo sviluppo di corridoi di mobilità.
  • Addestrare, esercitare e integrare le Forze terrestri avanzate della NATO nei nuovi piani, anche continuando a rafforzare le nostre difese avanzate sul fianco orientale della NATO.
  • Sfruttare appieno l’adesione di Finlandia e Svezia e le capacità che esse apportano all’Alleanza, integrandole pienamente nei nostri piani, nelle nostre forze e nelle nostre strutture di comando, anche sviluppando una presenza NATO in Finlandia.
  • Accelerare l’integrazione dello spazio nella pianificazione, nelle esercitazioni e nelle operazioni multidominio, in particolare rafforzando la capacità del Centro operativo spaziale della NATO.
  • Istituire il Centro integrato di difesa cibernetica della NATO per migliorare la protezione delle reti, la consapevolezza della situazione e l’attuazione del cyberspazio come dominio operativo in tempo di pace, di crisi e di conflitto; e sviluppare una politica per aumentare la sicurezza delle reti della NATO.
  • Rafforzare la protezione delle infrastrutture critiche sottomarine (CUI) e migliorare la nostra capacità di deterrenza, individuazione e risposta alle minacce, anche attraverso il continuo sviluppo del Centro per la sicurezza delle CUI della NATO.
  • Investire nelle nostre capacità di difesa chimica, biologica, radiologica e nucleare, necessarie per operare efficacemente in tutti gli ambienti.
  • Accelerare l’attuazione degli standard NATO e concordare le misure necessarie per aumentare e rafforzare la nostra interoperabilità.

Abbiamo aggiornato la politica IAMD della NATO e continueremo ad aumentare la nostra prontezza, reattività e integrazione attraverso varie iniziative, come l’attuazione del modello rotazionale IAMD in tutta l’area euro-atlantica, con un focus iniziale sul fianco orientale.  Gli alleati rimangono impegnati a migliorare l’efficacia della IAMD e ad adottare tutte le misure per rispondere al contesto di sicurezza.Siamo lieti di dichiarare la NATO Ballistic Missile Defence (BMD) Enhanced Operational Capability.  La consegna del sito Aegis Ashore di Redzikowo, in Polonia, integra i mezzi esistenti in Romania, Spagna e Turchia.Gli alleati restano impegnati nel pieno sviluppo del BMD della NATO, per perseguire la difesa collettiva dell’Alleanza e per fornire una copertura e una protezione completa a tutte le popolazioni, i territori e le forze europee della NATO contro la crescente minaccia posta dalla proliferazione dei missili balistici.  La difesa missilistica può integrare il ruolo delle armi nucleari nella deterrenza, ma non può sostituirle.

9.       La deterrenza nucleare è la pietra angolare della sicurezza dell’Alleanza. Lo scopo fondamentale della capacità nucleare della NATO è quello di preservare la pace, prevenire la coercizione e scoraggiare l’aggressione. Finché esisteranno le armi nucleari, la NATO rimarrà un’alleanza nucleare.La NATO riafferma il proprio impegno a rispettare tutte le decisioni, i principi e gli impegni relativi alla deterrenza nucleare della NATO, alla politica di controllo degli armamenti e agli obiettivi di non proliferazione e disarmo, come dichiarato nel Concetto Strategico 2022 e nel Comunicato di Vilnius 2023.Il controllo degli armamenti, il disarmo e la non proliferazione hanno dato e devono continuare a dare un contributo essenziale al raggiungimento degli obiettivi di sicurezza dell’Alleanza e a garantire la stabilità strategica e la nostra sicurezza collettiva. La NATO rimane impegnata a prendere tutte le misure necessarie per garantire la credibilità, l’efficacia, la sicurezza e la protezione della missione di deterrenza nucleare dell’Alleanza, anche modernizzando le sue capacità nucleari, rafforzando la sua capacità di pianificazione nucleare e adattandosi se necessario.

10.       La deterrenza e la difesa della NATO si basano su un’appropriata combinazione di capacità di difesa nucleare, convenzionale e missilistica, integrate da capacità spaziali e informatiche. Impiegheremo strumenti militari e non militari in modo proporzionato, coerente e integrato per dissuadere tutte le minacce alla nostra sicurezza e rispondere nei modi, nei tempi e nei settori di nostra scelta.

11.       La cooperazione industriale transatlantica nel settore della difesa è una parte fondamentale della deterrenza e della difesa della NATO. Il rafforzamento dell’industria della difesa in Europa e in Nord America e la maggiore cooperazione industriale nel settore della difesa tra gli Alleati ci rende più capaci e in grado di soddisfare i requisiti dei piani di difesa della NATO in modo tempestivo. È alla base del sostegno immediato e duraturo degli Alleati all’Ucraina.Sulla base del Piano d’Azione per la Produzione di Difesa concordato al Vertice di Vilnius nel 2023, ci impegniamo a fare di più insieme come Alleati, anche per rafforzare l’industria della difesa in tutta l’Alleanza, agire con urgenza per fornire le capacità più critiche e rafforzare il nostro impegno verso gli standard NATO.

12.       La resilienza nazionale e collettiva è una base essenziale per una deterrenza e una difesa credibili e per l’efficace adempimento dei compiti fondamentali dell’Alleanza in un approccio a 360 gradi.  La resilienza è una responsabilità nazionale e un impegno collettivo, radicato nell’articolo 3 del Trattato di Washington.Il rafforzamento della preparazione nazionale e dell’Alleanza per la deterrenza e la difesa richiede un approccio di governo complessivo, la cooperazione tra pubblico e privato e considerazioni sulla resilienza della società. Ci impegniamo a costruire sui nostri sforzi in corso per rafforzare la resilienza nazionale integrando la pianificazione civile nella pianificazione della difesa nazionale e collettiva in pace, crisi e conflitto.Continueremo a rafforzare la nostra resilienza aumentando la consapevolezza, la preparazione e la capacità collettiva dell’Alleanza in tutti i rischi e in tutti i settori, per affrontare le crescenti minacce strategiche, anche contro i nostri sistemi democratici, le infrastrutture critiche e le catene di approvvigionamento.  Impiegheremo le capacità necessarie per rilevare, difendere e rispondere all’intero spettro di attività dannose.  Adotteremo anche misure concrete per approfondire la nostra cooperazione con i nostri partner impegnati in sforzi simili, in particolare l’Unione Europea.

13.      Gli attori statali e non statali ricorrono ad azioni ibride sempre più aggressive contro gli Alleati. Continueremo a prepararci, a dissuadere, a difenderci e a contrastare le minacce e le sfide ibride. Ribadiamo che le operazioni ibride contro gli Alleati potrebbero raggiungere il livello di un attacco armato e potrebbero indurre il Consiglio Nord Atlantico a invocare l’articolo 5 del Trattato di Washington.

14.         Continueremo a sviluppare la nostra capacità individuale e collettiva di analizzare e contrastare la disinformazione ostile e le operazioni di disinformazione. La NATO si sta coordinando strettamente con gli alleati e i partner.  Abbiamo aumentato i nostri meccanismi di allerta e condivisione e rafforzato le nostre risposte congiunte, in particolare nella comunicazione strategica.

15.      Attendiamo con ansia di incontrare il Presidente Zelenskyy nel Consiglio NATO-Ucraina. Riaffermiamo la nostra incrollabile solidarietà con il popolo ucraino nell’eroica difesa della sua nazione, della sua terra e dei nostri valori condivisi. Un’Ucraina forte, indipendente e democratica è vitale per la sicurezza e la stabilità dell’area euro-atlantica.La lotta dell’Ucraina per l’indipendenza, la sovranità e l’integrità territoriale all’interno dei suoi confini riconosciuti a livello internazionale contribuisce direttamente alla sicurezza dell’area euro-atlantica.  Accogliamo con favore gli annunci degli alleati di fornire all’Ucraina ulteriori sistemi critici di difesa aerea e altre capacità militari.  Per aiutare l’Ucraina a difendersi oggi e a scoraggiare l’aggressione russa in futuro, abbiamo:

  • Ha deciso di istituire la NATO Security Assistance and Training for Ukraine (NSATU) per coordinare la fornitura di equipaggiamenti militari e di addestramento per l’Ucraina da parte degli alleati e dei partner.La NSATU, che opererà negli Stati alleati, sosterrà l’autodifesa dell’Ucraina in linea con la Carta delle Nazioni Unite. La NSATU, in base al diritto internazionale, non renderà la NATO parte in causa nel conflitto.
  • Annunciato un Promessa di assistenza alla sicurezza a lungo termine per l’Ucraina per la fornitura di equipaggiamenti militari, assistenza e addestramento per sostenere l’Ucraina nella costruzione di una forza in grado di sconfiggere l’aggressione russa.Attraverso contributi proporzionali, gli alleati intendono fornire un finanziamento minimo di base di 40 miliardi di euro entro il prossimo anno e fornire livelli sostenibili di assistenza alla sicurezza per far prevalere l’Ucraina.
  • Ha portato avanti l’istituzione del Centro congiunto di analisi, addestramento e formazione NATO-Ucraina (JATEC), un importante pilastro della cooperazione pratica, per identificare e applicare gli insegnamenti della guerra della Russia contro l’Ucraina e aumentare l’interoperabilità dell’Ucraina con la NATO.
  • Accolto con favore la decisione del Segretario Generale di nominare un Rappresentante Senior della NATO in Ucraina.

16.       Sosteniamo pienamente il diritto dell’Ucraina di scegliere i propri accordi di sicurezza e di decidere il proprio futuro, senza interferenze esterne. Il futuro dell’Ucraina è nella NATO. L’Ucraina è diventata sempre più interoperabile e politicamente integrata nell’Alleanza.Accogliamo con favore i progressi concreti compiuti dall’Ucraina dopo il Vertice di Vilnius sulle riforme democratiche, economiche e di sicurezza richieste.  Mentre l’Ucraina continua questo lavoro vitale, continueremo a sostenerla nel suo percorso irreversibile verso la piena integrazione euro-atlantica, compresa l’adesione alla NATO.Le decisioni del Vertice della NATO e del Consiglio NATO-Ucraina, insieme al lavoro in corso degli Alleati, costituiscono un ponte verso l’adesione dell’Ucraina alla NATO. Gli Alleati continueranno a sostenere i progressi dell’Ucraina in materia di interoperabilità e le ulteriori riforme democratiche e del settore della sicurezza, che i Ministri degli Esteri della NATO continueranno a valutare attraverso il Programma nazionale annuale adattato.

17.        La Russia è l’unica responsabile della sua guerra di aggressione contro l’Ucraina, una palese violazione del diritto internazionale, compresa la Carta delle Nazioni Unite.  Non ci può essere impunità per gli abusi e le violazioni dei diritti umani da parte delle forze e dei funzionari russi, per i crimini di guerra e per altre violazioni del diritto internazionale.La Russia è responsabile della morte di migliaia di civili e ha causato danni ingenti alle infrastrutture civili. Condanniamo con la massima fermezza gli orribili attacchi della Russia contro il popolo ucraino, compresi gli ospedali, l’8 luglio. La Russia deve immediatamente fermare questa guerra e ritirare completamente e incondizionatamente tutte le sue forze dall’Ucraina, in linea con le risoluzioni dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.  Non riconosceremo mai le annessioni illegali della Russia al territorio ucraino, compresa la Crimea.  Chiediamo inoltre alla Russia di ritirare tutte le sue forze dalla Repubblica di Moldova e dalla Georgia, stanziate lì senza il loro consenso.

18.       La Russia cerca di riconfigurare fondamentalmente l’architettura di sicurezza euro-atlantica. La minaccia a tutto campo che la Russia rappresenta per la NATO persisterà nel lungo termine. La Russia sta ricostruendo ed espandendo le sue capacità militari e continua le sue violazioni dello spazio aereo e le sue attività provocatorie.Siamo solidali con tutti gli alleati colpiti da queste azioni. La NATO non cerca il confronto e non rappresenta una minaccia per la Russia. Siamo disposti a mantenere canali di comunicazione con Mosca per ridurre i rischi e prevenire l’escalation.

19.       Condanniamo la retorica nucleare irresponsabile e le segnalazioni nucleari coercitive della Russia, compreso l’annunciato stazionamento di armi nucleari in Bielorussia, che dimostrano una postura di intimidazione strategica.La Russia ha aumentato la sua dipendenza dai sistemi di armi nucleari e ha continuato a diversificare le sue forze nucleari, anche sviluppando nuovi sistemi nucleari e dispiegando capacità di attacco a doppia capacità a corto e medio raggio, il che rappresenta una crescente minaccia per l’Alleanza.La Russia ha violato, attuato selettivamente e abbandonato gli obblighi e gli impegni di lunga data in materia di controllo degli armamenti, minando così l’architettura globale di controllo degli armamenti, disarmo e non proliferazione.  Ci opponiamo a qualsiasi collocazione di armi nucleari in orbita intorno alla Terra, che violerebbe l’articolo IV del Trattato sullo spazio extra-atmosferico e minaccerebbe gravemente la sicurezza globale.  Siamo profondamente preoccupati per il riferito uso di armi chimiche da parte della Russia contro le forze ucraine.

20.       La Russia ha anche intensificato le sue azioni ibride aggressive contro gli Alleati, anche attraverso procuratori, in una campagna in tutta l’area euro-atlantica. Queste includono sabotaggi, atti di violenza, provocazioni alle frontiere alleate, strumentalizzazione dell’immigrazione irregolare, attività informatiche dannose, interferenze elettroniche, campagne di disinformazione e influenza politica maligna, nonché coercizione economica.Abbiamo deciso ulteriori misure per contrastare le minacce o le azioni ibride russe individualmente e collettivamente e continueremo a coordinarci strettamente. Il comportamento della Russia non scoraggerà la determinazione degli alleati e il loro sostegno all’Ucraina. Continueremo inoltre a sostenere i nostri partner più esposti alla destabilizzazione russa, che rafforzeranno la loro resistenza di fronte alle sfide ibride presenti anche nel nostro vicinato.

21.       Siamo determinati a limitare e contestare le azioni aggressive della Russia e a contrastare la sua capacità di condurre attività destabilizzanti nei confronti della NATO e degli alleati. Per il nostro prossimo Vertice, svilupperemo raccomandazioni sull’approccio strategico della NATO nei confronti della Russia, tenendo conto del mutato contesto di sicurezza.

22.       La lotta al terrorismo rimane essenziale per la nostra difesa collettiva. Il ruolo della NATO nella lotta al terrorismo contribuisce a tutti e tre i compiti fondamentali dell’Alleanza ed è parte integrante dell’approccio a 360 gradi dell’Alleanza alla deterrenza e alla difesa.Continueremo a contrastare, dissuadere, difendere e rispondere alle minacce e alle sfide poste dai terroristi e dalle organizzazioni terroristiche sulla base di una combinazione di misure di prevenzione, protezione e negazione con determinazione, risolutezza e solidarietà.Al fine di rafforzare ulteriormente il ruolo della NATO nell’antiterrorismo, abbiamo approvato oggi le Linee guida aggiornate della politica della NATO sull’antiterrorismo e il nostro Piano d’azione aggiornato sul rafforzamento del ruolo della NATO nella lotta al terrorismo della comunità internazionale. Questi documenti guideranno il lavoro dell’Alleanza sull’antiterrorismo e identificheranno le aree chiave per i nostri sforzi a lungo termine.

23.      Esortiamo tutti i Paesi a non fornire alcun tipo di assistenza all’aggressione russa. Condanniamo tutti coloro che stanno facilitando e quindi prolungando la guerra della Russia in Ucraina.

24.      La Bielorussia continua a consentire questa guerra mettendo a disposizione il suo territorio e le sue infrastrutture. L’approfondimento dell’integrazione politica e militare della Russia in Bielorussia, compreso il dispiegamento di capacità e personale militare russo avanzato, ha implicazioni negative per la stabilità regionale e la difesa dell’Alleanza.

25.       La Repubblica Popolare Democratica di Corea (RPDC) e l’Iran stanno alimentando la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina fornendo alla Russia un sostegno militare diretto, come munizioni e veicoli aerei senza equipaggio (UAV), che ha un grave impatto sulla sicurezza euro-atlantica e mina il regime globale di non proliferazione.Condanniamo fermamente le esportazioni di proiettili d’artiglieria e missili balistici da parte della Repubblica Democratica Popolare di Corea, che violano numerose risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, e notiamo con grande preoccupazione l’intensificarsi dei legami tra la Repubblica Democratica Popolare di Corea e la Russia.  Qualsiasi trasferimento di missili balistici e della relativa tecnologia da parte dell’Iran alla Russia rappresenterebbe una sostanziale escalation.

26.        La RPC è diventata un sostenitore decisivo della guerra della Russia contro l’Ucraina attraverso la sua cosiddetta partnership “senza limiti” e il suo sostegno su larga scala alla base industriale della difesa russa. Ciò aumenta la minaccia che la Russia rappresenta per i suoi vicini e per la sicurezza euro-atlantica.Invitiamo la RPC, in qualità di membro permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite con la particolare responsabilità di sostenere gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite, a cessare ogni sostegno materiale e politico allo sforzo bellico della Russia, compreso il trasferimento di materiali a duplice uso, come componenti di armi, attrezzature e materie prime che servono come fattori di produzione per il settore della difesa russo.

27.       La RPC continua a porre sfide sistemiche alla sicurezza euro-atlantica. Abbiamo assistito a continue attività cibernetiche e ibride dannose, compresa la disinformazione, provenienti dalla RPC.Invitiamo la RPC a mantenere il suo impegno ad agire responsabilmente nel cyberspazio.  Siamo preoccupati dagli sviluppi delle capacità e delle attività spaziali della RPC.  Invitiamo la RPC a sostenere gli sforzi internazionali per promuovere un comportamento responsabile nello spazio. La RPC continua a espandere e diversificare rapidamente il suo arsenale nucleare con un maggior numero di testate e di sofisticati sistemi di lancio.Rimaniamo aperti a un impegno costruttivo con la RPC, anche per costruire una trasparenza reciproca con l’obiettivo di salvaguardare gli interessi di sicurezza dell’Alleanza.  Allo stesso tempo, stiamo aumentando la nostra consapevolezza condivisa, migliorando la nostra resilienza e preparazione e proteggendoci dalle tattiche coercitive della RPC e dagli sforzi per dividere l’Alleanza.

28.      I partenariati della NATO rimangono fondamentali per rafforzare la stabilità, influenzare positivamente l’ambiente di sicurezza globale e sostenere il diritto internazionale. Svolgono un ruolo importante nel sostenere i tre compiti fondamentali della NATO e il nostro approccio alla sicurezza a 360 gradi.Continueremo a rafforzare il dialogo politico e la cooperazione pratica con i partner, sulla base del rispetto reciproco, del beneficio e dell’interesse sia degli alleati che dei partner.  Ci riuniamo in questo Vertice per l’anniversario con i nostri partner, anche per celebrare i trent’anni del Partenariato per la Pace (PfP) e del Dialogo Mediterraneo (MD), e i vent’anni dell’Iniziativa di Cooperazione di Istanbul (ICI).Siamo grati ai nostri partner per il loro significativo contributo alle operazioni e alle missioni della NATO. Accogliamo con favore gli sforzi della Moldavia per portare avanti le riforme democratiche, così come la Bosnia-Erzegovina, con la sua integrazione europea, e ci impegniamo a sostenere le loro capacità di sicurezza e di difesa e a rafforzare la loro capacità di contrastare le minacce ibride.

29.       L’Unione Europea rimane un partner unico ed essenziale per la NATO. La cooperazione NATO-UE ha raggiunto livelli senza precedenti. La cooperazione pratica è stata rafforzata e ampliata in materia di spazio, cyber, clima e difesa, nonché di tecnologie emergenti e dirompenti.La NATO riconosce il valore di una difesa europea più forte e più capace, che contribuisca positivamente alla sicurezza transatlantica e globale e sia complementare e interoperabile con la NATO.Lo sviluppo di capacità di difesa coerenti, complementari e interoperabili, evitando inutili duplicazioni, è fondamentale nei nostri sforzi congiunti per rendere più sicura l’area euro-atlantica.  Per il partenariato strategico tra la NATO e l’UE, è essenziale il pieno coinvolgimento degli alleati non appartenenti all’UE negli sforzi di difesa dell’UE.Continueremo a rafforzare ulteriormente il nostro partenariato strategico in uno spirito di piena apertura reciproca, trasparenza, complementarietà e rispetto dei diversi mandati, dell’autonomia decisionale e dell’integrità istituzionale delle organizzazioni, come concordato dalle due organizzazioni.

30.       Incontreremo i vertici di Australia, Giappone, Nuova Zelanda e Repubblica di Corea e l’Unione Europea per discutere delle sfide comuni in materia di sicurezza e delle aree di cooperazione. L’Indo-Pacifico è importante per la NATO, dato che gli sviluppi in quella regione influenzano direttamente la sicurezza euro-atlantica.Accogliamo con favore il continuo contributo dei nostri partner dell’Asia-Pacifico alla sicurezza euro-atlantica.  Stiamo rafforzando il dialogo per affrontare le sfide interregionali e stiamo migliorando la nostra cooperazione pratica, anche attraverso progetti faro nei settori del sostegno all’Ucraina, della difesa informatica, del contrasto alla disinformazione e della tecnologia.  Questi progetti miglioreranno la nostra capacità di lavorare insieme su interessi di sicurezza condivisi.

31.       I Balcani occidentali e le regioni del Mar Nero sono di importanza strategica per l’Alleanza. Rimaniamo fortemente impegnati per la loro sicurezza e stabilità. Continueremo a rafforzare il nostro dialogo politico e la cooperazione pratica con i Balcani occidentali al fine di sostenere le riforme, la pace e la sicurezza regionale e contrastare l’influenza maligna, compresa la disinformazione, le minacce ibride e informatiche, poste da attori statali e non statali.I valori democratici, lo Stato di diritto, le riforme interne e le relazioni di buon vicinato sono fondamentali per la cooperazione regionale e l’integrazione euro-atlantica e ci auguriamo che i progressi in questo senso continuino.Restiamo impegnati nel continuo impegno della NATO nei Balcani occidentali, anche attraverso la Forza per il Kosovo (KFOR) a guida NATO. Riaffermiamo il nostro continuo sostegno agli sforzi regionali alleati volti a sostenere la sicurezza, la protezione, la stabilità e la libertà di navigazione nella regione del Mar Nero, compresa, se del caso, la Convenzione di Montreux del 1936.Accogliamo con favore l’attivazione, da parte dei tre alleati litoranei, del Gruppo di lavoro per le contromisure antimine nel Mar Nero.  Continueremo a monitorare e valutare gli sviluppi nella regione e a migliorare la nostra consapevolezza situazionale, con particolare attenzione alle minacce alla nostra sicurezza e alle potenziali opportunità di una più stretta cooperazione con i nostri partner nella regione, come appropriato.  La NATO sostiene le aspirazioni euro-atlantiche dei Paesi interessati in questa regione.

32.      Il vicinato meridionale della NATO offre opportunità di cooperazione su questioni di interesse reciproco. Attraverso i nostri partenariati miriamo a promuovere una maggiore sicurezza e stabilità in Medio Oriente e in Africa, contribuendo alla pace e alla prosperità della regione.Oggi abbiamo adottato un piano d’azione per un approccio più forte, strategico e orientato ai risultati nei confronti del vicinato meridionale, che sarà regolarmente aggiornato.Abbiamo invitato il Segretario Generale a designare un Rappresentante Speciale per il vicinato meridionale che fungerà da punto focale della NATO per la regione e coordinerà gli sforzi della NATO.  Rafforzeremo il dialogo, la sensibilizzazione, la visibilità e gli strumenti di cooperazione esistenti, come l’Iniziativa per lo sviluppo delle capacità di difesa, l’Hub per il Sud e il Centro regionale NATO-ICI in Kuwait.Sulla base del successo della Missione NATO in Iraq (NMI) e su richiesta delle autorità irachene, abbiamo ampliato la portata del nostro sostegno alle istituzioni di sicurezza irachene e continueremo il nostro impegno attraverso la NMI.

33.       Abbiamo accelerato la trasformazione della NATO per far fronte alle minacce attuali e future e per mantenere il nostro vantaggio tecnologico, anche attraverso la sperimentazione e l’adozione più rapida delle tecnologie emergenti, nonché attraverso la trasformazione digitale. A tal fine, attueremo la nostra strategia riveduta per l’intelligenza artificiale e le nuove strategie per la quantistica e le biotecnologie, e promuoveremo ulteriormente i principi di uso responsabile che sono alla base del nostro lavoro.Inoltre, ci baseremo sul successo del Defence Innovation Accelerator for the North Atlantic (DIANA) e del NATO Innovation Fund (NIF) per investire ulteriormente nei nostri ecosistemi di innovazione.  Stiamo monitorando attentamente i progressi tecnologici sul campo di battaglia in Ucraina e stiamo lanciando nuove iniziative di innovazione con i nostri partner ucraini.

34.       Continueremo a integrare le considerazioni sul cambiamento climatico in tutti i compiti principali e rafforzeremo i nostri sforzi per la sicurezza energetica. Il cambiamento climatico è una sfida determinante con un profondo impatto sulla nostra sicurezza. La NATO rimane impegnata a diventare l’organizzazione internazionale leader nella comprensione e nell’adattamento agli impatti del cambiamento climatico e delle condizioni meteorologiche estreme sulla sicurezza.L’energia è un fattore critico di capacità per i compiti fondamentali e le operazioni militari della NATO. Siamo impegnati a garantire alle nostre forze militari forniture energetiche sicure, resilienti e sostenibili, compreso il carburante. La NATO e gli alleati si stanno adattando alla transizione energetica in modo coerente e coordinato;

35.       Siamo impegnati a integrare le ambiziose agende della NATO su Donne, Pace e Sicurezza (WPS) e Sicurezza Umana in tutti i compiti principali. Oggi abbiamo approvato una politica WPS aggiornata, che migliorerà l’integrazione delle prospettive di genere in tutte le attività e le strutture della NATO, e farà progredire l’uguaglianza di genere all’interno dell’Alleanza, consentendo alla NATO di rispondere meglio a sfide di sicurezza più ampie.Continueremo inoltre a rafforzare il nostro approccio alla sicurezza umana per quanto riguarda la protezione dei civili e dei beni culturali. In un momento in cui il diritto internazionale e le norme fondamentali sono messe in discussione, rimaniamo pienamente impegnati nel diritto internazionale umanitario.

36.       Rendiamo omaggio a tutti coloro che lavorano instancabilmente per la nostra sicurezza collettiva e onoriamo tutti coloro che hanno pagato l’ultimo prezzo o sono stati feriti per mantenerci al sicuro, e le loro famiglie.

37.      Settantacinque anni fa, la NATO è stata fondata per preservare la pace e promuovere la stabilità all’interno dell’area euro-atlantica. Rimaniamo fermi nella nostra determinazione a proteggere il nostro miliardo di cittadini, a difendere il nostro territorio e a salvaguardare la nostra libertà e la nostra democrazia. La nostra Alleanza ha superato la prova del tempo.Le decisioni che abbiamo preso garantiranno che la NATO rimanga il fondamento della nostra sicurezza condivisa.  Desideriamo ringraziare il Segretario Generale Jens Stoltenberg per la sua straordinaria leadership in un decennio alla guida della nostra Alleanza, in tempi difficili.  Garantiamo il nostro pieno sostegno al suo successore, Mark Rutte.

38.       Esprimiamo il nostro apprezzamento per la generosa ospitalità che ci è stata offerta dagli Stati Uniti d’America. Attendiamo con ansia di incontrarci nuovamente al nostro prossimo Vertice all’Aia, nei Paesi Bassi, nel giugno 2025, seguito da un incontro in Turchia.


 

Promessa di assistenza alla sicurezza a lungo termine per l’Ucraina

1.   Oggi affermiamo il nostro incrollabile impegno nei confronti dell’Ucraina come Stato sovrano, democratico e indipendente.  Per ottenere questo risultato, l’Ucraina ha bisogno del nostro sostegno a lungo termine. Dall’inizio della guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina, gli Alleati hanno fornito un sostegno politico, economico, militare, finanziario e umanitario senza precedenti, compresa l’assistenza militare che ammonta a circa 40 miliardi di euro all’anno.Gli alleati hanno anche messo a disposizione la loro capacità industriale di difesa per sostenere le esigenze dell’Ucraina. Tutto ciò sta avendo un effetto sostanziale, consentendo agli ucraini di difendersi efficacemente e di infliggere alla Russia costi reali e gravi.

2.    Affermiamo la nostra determinazione a sostenere l’Ucraina nella costruzione di una forza in grado di sconfiggere l’aggressione russa oggi e di scoraggiarla in futuro.A tal fine, intendiamo fornire un finanziamento minimo di base di 40 miliardi di euro entro il prossimo annoe fornire livelli sostenibili di assistenza alla sicurezza dell’Ucraina per prevalere, tenendo conto delle esigenze dell’Ucraina, delle nostre rispettive procedure di bilancio nazionali e degli accordi bilaterali di sicurezza che gli Alleati hanno concluso con l’Ucraina.  I Capi di Stato e di Governo rivaluteranno i contributi alleati in occasione dei futuri Vertici NATO, a partire dal Vertice NATO del 2025 all’Aia.

3.    Il nostro impegno si estende ai costi relativi alla fornitura di equipaggiamento militare, assistenza e addestramento per l’Ucraina, compresi:

  • Acquisto di attrezzature militari per l’Ucraina;
  • Supporto in natura donato all’Ucraina;
  • Costi relativi alla manutenzione, alla logistica e al trasporto di attrezzature militari per l’Ucraina;
  • Costi per l’addestramento militare dell’Ucraina;
  • Costi operativi associati alla fornitura di supporto militare all’Ucraina;
  • Investimenti e sostegno alle infrastrutture di difesa e all’industria della difesa dell’Ucraina;
  • Tutti i contributi ai fondi fiduciari della NATO per l’Ucraina, compresi gli aiuti non letali.

4.    Conta tutto il sostegno alleato all’Ucraina secondo i criteri di cui sopra, sia esso fornito attraverso la NATO, bilaterale, multilaterale o con qualsiasi altro mezzo.  Per sostenere un’equa condivisione degli oneri, gli alleati mireranno a soddisfare questo impegno attraverso contributi proporzionali, anche tenendo conto della loro quota del PIL dell’Alleanza.

5.    Gli Alleati riferiranno alla NATO sul sostegno fornito in relazione a questo impegno due volte all’anno, con il primo rapporto che includerà i contributi forniti dopo il 1° gennaio 2024.  Su questa base, il Segretario Generale fornirà una panoramica di tutti i contributi notificati agli Alleati.

6.    Oltre al sostegno militare coperto da questo impegno, gli Alleati intendono continuare a fornire all’Ucraina sostegno politico, economico, finanziario e umanitario.

I nostri media, almeno nelle versioni online (che poi sono quelle che la gente legge di solito, o ameno scorre) si sono guardati bene dal fornire una sintesi del comunicato finale del vertice NATO di Washington. Il motivo è abbastanza semplice: il comunicato è l’annuncio di un conflitto aperto, che sia freddo o caldo, con la Russia nel momento in cui l’Ucraina, probabilmente a breve, sparirà e non sarà più in grado di combattere al posto nostro, e in seguito con l’Iran, la Cina e la Corea del Nord, paesi abbastanza lontani dallo spazio euroatlantico e mediterraneo che è quello che ci interessa perché, l’ultima volta che ho controllato, noi là stiamo, non sui praho all’abbordaggio nel Mar delle Andamane o a caccia di trichechi al largo delle Aleutine. Va da sé che è anche la pietra tombale su qualsiasi possibilità di soluzione negoziale del conflitto ucraino, ove per ‟negoziato” si intenda qualcosa di diverso da ‟capitolazione”.
Il comunicato lo si può trovare qui: https://www.nato.int/cps/en/natohq/official_texts_227678.htm. Consta di 38 articoli più 6 sulla ‟promessa di assistenza a lungo termine per la sicurezza dell’Ucraina”, e siccome vi voglio bene me li sono letti tutti. Ecco qualche citazione e qualche riassunto – e appunto, capirete perché i nostri media stanno facendo finta di niente. Art. 3: ‟la Russia rimane la minaccia più significativa e diretta alla sicurezza degli Alleati”, insieme al terrorismo, e ‟le minacce che affrontiamo sono globali e interconnesse” (ovvero: la Russia collabora coi terroristi). Art. 4: ‟le azioni destabilizzanti dell’Iran stanno avendo effetti sulla sicurezza Euro-Atlantica. Le ambizioni dichiarate e la politica coercitiva della Repubblica Popolare Cinese continuano a sfidare i nostri interessi, sicurezza e valori. La partnership strategica sempre più stretta tra Russia e RPC e i loro tentativi che si rinforzano mutualmente di minare e modificare l’ordine internazionale basato sulle regole, sono causa di profonda preoccupazione”. Art. 5 (bello questo): ‟Accogliamo con calore il Presidente dell’Ucraina Zelensky e i leader di Australi,a Giappone, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea e Unione Europea” (compito per casa: perché Zelensky è l’unico di cui viene fatto il nome?). Articolo 6 (o anche: ‟vi piaceva il SSN, vero? Peccato!”): ‟Accogliamo con piacere il fatto che più di due terzi degli Alleati hanno rispettato il loro impegno di spendere per la difesa il 2% del loro PIL e lodiamo quegli Alleati che lo hanno superato. Gli Alleati stanno intensificando gli sforzi: le spese per la difesa degli Alleati europei e del Canada sono cresciute del 18% nel 2024, il più grande incremento da decenni […] Riaffermiamo che, in molti casi, spese superiori al 2% del PIL saranno necessarie per rimediare alle carenze esistenti e soddisfare le esigenze che in tutti i campi sorgono per via di un ordine di sicurezza maggiormente contestato”. Art. 7, in breve: siamo bravissimi, aumentiamo, miglioriamo, rinforziamo, in cielo mare e terra (è l’articolo più lungo, quasi una pagina da solo, e davvero dice sostanzialmente solo questo). Questa era la parte buona. Domani, perché ora è tardi e fa troppo caldo, il resto: missili a medio e lungo raggio in Europa (ovvio in Europa, che sono scemi che se le mettono in casa a rischio che russi o cinesi le colpiscano), armi nucleari, e liete prospettive di guerra con Russia e Cina per le quali, davvero, le stiamo provando tutte.
Ci eravamo fermati all’articolo 7, proseguiamo con ordine. L’articolo 8 è molto importante, anche perché ripropone il punto dolente che portò alla rottura seria con la Russia nel 2007, il sistema antimissile basato in Polonia e Repubblica Ceca: ‟Abbiamo deciso deterrenza e difesa contro tutte le minacce aeree e missilistiche potenziando la nostra Difesa Integrata Aerea e Missilistica (IAMD), basata su un approccio a 360 gradi […] Siamo lieti di annunciare la Capacità Operativa Potenziata della Difesa contro Missili Balistici (BMD) NATO. La consegna del sito Aegis Ashore di Redzikowo, in Polonia, completa le installazioni già esistenti in Romania, Spagna e Turchia […] la difesa missilistica può fare da complemento alle armi nucleari nella deterrenza; non può sostituirle”. L’articolo 9 riporta anche la NATO nel campo del credibile uso delle armi nucleari (per i paesi membri, ovviamente, non per l’Ucraina): ‟La deterrenza nucleare è la pietra angolare della sicurezza dell’Alleanza […] Fintanto che esistono le armi nucleari la NATO rimarrà un’alleanza nucleare”, secondo i principi già formulati nello Strategic Concept del 2022 (che trovate qui: https://www.nato.int/…/6/pdf/290622-strategic-concept.pdf) e del Comunicato di Vilnius del 2023 (https://www.nato.int/cps/en/natohq/official_texts_217320.htm); ‟la NATO rinnova il suo impegno a fare tutti i passi necessari per assicurare la credibilità, efficacia, sicurezza della missione di deterrenza dell’Alleanza, incluso modernizzare le sue capacità nucleari, rinforzare le sue capacità di pianificazione nucleare, e adattarle alle necessità”. L’articolo 10 è fuffa, l’11 invece introduce la Promessa di Espansione della Capacità Industriale, ovvero il rafforzamento dell’industria militare dei paesi membri e la prevalenza dell’apparato militare su quello civile, su cui si torna nell’Art. 12: ‟Rinforzare la preparazione nazionale e dell’intera Alleanza per la deterrenza e la difesa richiede un insieme di approccio governativo, cooperazione tra pubblico e privato, e considerazioni sulla resilienza della società. Promettiamo di aumentare i nostri sforzi per rinforzare la resilienza nazionale integrando la pianificazione civile nella pianificazione della difesa nazionale e collettiva in tempo di pace, di crisi e di conflitto”. Art. 13 e 14 fuffa (minacce ibride, analizzare e combattere la disinformazione). Dall’Art. 15 in poi, finalmente, si parla di Ucraina: ‟Riaffermiamo la nostra incrollabile solidarietà col popolo dell’Ucraina nell’eroica difesa della propria nazione, della propria terra, e dei nostri valori condivisi. Un’Ucraina forte, indipendente e democratica è vitale per la sicurezza e la stabilità dell’area Euro-Atlantica. La lotta dell’Ucraina per la propria indipendenza, sovranità e integrità territoriale all’interno dei suoi confini internazionalmente riconosciuti contribuisce direttamente alla sicurezza Euro-Atlantica”. Per aiutare l’Ucraina, dunque, viene costituito l’Assistenza per la Sicurezza e l’Addestramento NATO per l’Ucraina (NSATU), ‟per coordinare il rifornimento di equipaggiamento militare e l’addestramento per l’Ucraina da parte degli Alleati e dei partner”, che naturalmente, almeno secondo la NATO, ‟non renderà la NATO parte del conflitto” ma ‟sosterrà la trasformazione delle forze di sicurezza e di difesa dell’Ucraina, permettendo la loro futura integrazione con la NATO”. Si annuncia poi la Promessa di Assistenza a Lungo Termine per l’Ucraina, su cui torneremo in seguito perché è un documento separato, l’istituzione del Centro Unificato NATO-Ucraina per l’Analisi, l’Addestramento e l’Educazione (JATEC), sempre per accrescere l’interoperabilità delle truppe ucraine con quelle NATO, e la designazione di un Rappresentante Senior della NATO in Ucraina, che immagino verrà ampiamente ricompensato per il disturbo. L’articolo 16 è il chiodo nella bara per i negoziati. In breve, l’Ucraina entrerà nella NATO, prima o poi, e basta (a meno che, naturalmente, non sia l’Ucraina stessa a decidere di non volerlo più…). In dettaglio, dice così: ‟Sosteniamo in pieno il diritto dell’Ucraina di scegliere i propri accordi di sicurezza e di decidere del proprio futuro, libera da interferenze esterne. Il futuro dell’Ucraina è nella NATO. L’Ucraina è diventata sempre più interoperabile e integrata nell’Alleanza. Accogliamo con favore i progressi concreti fatti dall’Ucraina dopo il vertice di Vilnius per quanto riguarda le riforme democratiche, economiche e di sicurezza richieste. Mentre l’Ucraina continua il suo lavoro vitale, noi continueremo a sostenerla sulla sua irreversibile strada verso la piena integrazione Euro-Atlantica, incluso l’ingresso nella NATO. Affermiamo nuovamente che saremo in grado di invitare l’Ucraina ad unirsi all’Alleanza quando gli Alleati saranno d’accordo e le condizioni saranno rispettate. Le decisioni del summit della NATO e del Consiglio NATO-Ucraina, combinate con il continuo lavoro degli Alleati, sono il ponte per l’ingresso dell’Ucraina nella NATO”. Gli articoli 17, 18, 19, 20, 21 (5 su 38, non male) sono interamente dedicati alla Russia. La Russia è la sola responsabile del conflitto, dei morti e delle distruzioni, e dovrà pagarne il prezzo; deve ritirarsi immediatamente e senza condizioni, e la NATO ‟non riconoscerà mai l’annessione illegale da parte della Russia del territorio ucraino, inclusa la Crimea (la necessità di specificarlo, ‟inclusa la Crimea”, significa che davvero c’era qualcuno, dal lato nostro, disposto a cederla. Evidentemente ora è passato in minoranza); deve anche ritirare le truppe da Moldavia e Georgia (ovvero dalla Transnistria, dalla Abkhazia e dall’Ossezia del sud); la minaccia russa mira a riconfigurare l’architettura di sicurezza Euro-Atlantica, e non svanirà col tempo, ma naturalmente ‟la NATO non cerca lo scontro e non pone alcuna minaccia alla Russia”, e resta disposta a mantenere canali di comunicazione con Mosca per ‟mitigare il rischio e prevenire l’escalation” (l’Ucraina può andare in fumo, ma attenzione a non allargarsi, non è che ci andiamo di mezzo pure noi?); la retorica nucleare della Russia è ‟irresponsabile” ed è davvero una brutta cosa che ‟continui a diversificare le sue forze nucleari, incluso sviluppare nuovi sistemi nucleari e schierare capacità dual-use a raggio corto e intermedio”; la Russia, del resto, ha violato, implementato selettivamente o abbandonato tutti i trattati (mi ricordavo che dal trattato ABM si fosse ritirato Bush nel 2002 e dall’INF Trump nel 2019, ma che ne so io); si chiude con le ‟azioni ibride”, ovvero ‟strumentalizzazione dell’immigrazione irregolare, maligni cyber-attacchi, interferenze elettroniche, campagne di disinformazione e maligne influenze politiche, inclusa la coercizione economica; per cui, la NATO resta determinata nel contrastare tutto questo e nel sostenere gli Alleati vittime di queste operazioni, e al prossimo vertice NATO si discuterà di come eventualmente cambiare ancora la posizione strategica nei confronti della Russia. L’Art. 22 è sulla necessità di contrastare il terrorismo, il 23 introduce il resto del mondo nella lista dei cattivi, o quantomeno, ‟tutti quelli che facilitano, e dunque prolungano, la guerra della Russia in Ucraina”. Questi paesi sono la Bielorussia (Art. 24), la Repubblica Democratica della Corea e l’Iran (Art. 25), la Cina (Art. 26 e 27, è grossa, almeno due se li merita). Nell’Art. 27 si scrive esplicitamente che la Cina ‟continua a porre sfide sistemiche alla sicurezza Euro-Atlantica. Gli Art. 28 e 29 sono fuffa, il 30 annuncia un prossimo incontro ‟con le leadership di Australia, Giappone, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea e Unione Europea per discutere delle sfide alla sicurezza comune e delle aree di cooperazione. L’Indo-Pacifico è importante per la NATO, perché gli sviluppi in quella regione hanno conseguenze dirette sulla sicurezza Euro-Atlantica”, quindi contro la Cina, cari amici, è il caso ci muoviamo anche noi. L’Art. 31 parla dell’importanza per la NATO dei Balcani occidentali e del Mar Nero, che certo non possiamo lasciare agli slavi ortodossi, il 32 è quello che all’Italia interessa di più perché si parla dell’istituzione di un Rappresentante Speciale per il Fianco Meridionale, ossia Nordafrica e Medio Oriente, e gli altri 6 articoli sono congratulazioni reciproche e un po’ di lip service alle questioni ambientali e di genere.
Questa è la situazione, e non è buona.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

L’Occidente può ancora vincere? Analisi delle affermazioni sulla prossima supremazia tecnologica dell’Ucraina sulla Russia, di SIMPLICIUS

L’Occidente può ancora vincere? Analisi delle affermazioni sulla prossima supremazia tecnologica dell’Ucraina sulla Russia

Il vostro sostegno è prezioso. Se vi è piaciuta la lettura, vi sarei molto grato se vi abbonaste a un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo da poter continuare a fornirvi rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, potete lasciare una mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

Di recente abbiamo parlato molto del collasso in corso in Ucraina, di tutte le miriadi di disfunzioni e vulnerabilità del regime di Kiev che porteranno sicuramente alla sua caduta in quello che sarà sicuramente il prossimo anno o giù di lì.

Ma sotto questo quadro, a volte eccessivamente fosco, si nascondono i molti difetti della campagna militare russa e le incursioni del vasto apparato della NATO, che si occupa delle retrovie delle operazioni di Kiev.

In questo rapporto esploreremo alcune di queste potenziali minacce al predominio militare della Russia.

Progetto Cicogna Bianca e supremazia dell’intelligenza artificiale

Il primo e più significativo concetto da comprendere è che l’Occidente sta usando la guerra in Ucraina come un banco di prova senza precedenti per il lancio di una nuova era di guerra dell’IA.

Quello che non è stato detto nell’offerta più banale di cui sopra è stato accennato altrove da Schmidt. Lui e i suoi collaboratori ritengono che, nel giro di un anno, l’Ucraina potrebbe raggiungere una supremazia tecnologica nella guerra con l’intelligenza artificiale che bloccherebbe di fatto la guerra. Si noti che ho detto “stallo” e non “inversione di tendenza”; nulla di ciò che l’Ucraina può fare sarà in grado di ribaltare le sorti della guerra tanto da permettere all’Ucraina di riprendere i territori perduti o di far arrendere la Russia. Dal punto di vista offensivo, l’Ucraina è praticamente spacciata. Ma la domanda è: può la Russia perseguire con successo i progressi a tempo indeterminato fino a raggiungere tutti i suoi obiettivi sul campo di battaglia? O rimarrà impantanata in un pantano tecnologico che semplicemente preclude ogni possibilità di progresso, come gli stalli della Prima Guerra Mondiale?

A differenza del suo precedente sistema di AI per la gestione dei dati, Proven Maven, l’ultimo Progetto White Stork di Schmidt è specificamente orientato alla creazione di AI droni da attacco, in grado di operare autonomamente anche in un ambiente con forti disturbi EW. Quello che Schmidt, la DARPA, la CIA e l’Ucraina stanno facendo è essenzialmente cercare di creare flotte di sciami di droni completamente autonomi che trasformerebbero il campo di battaglia in una zona da incubo per tutte le truppe “a bordo campo”. Certo, le linee posteriori sarebbero indefinitamente sicure perché le forze russe non solo sono già esperte nella costruzione di strutture sotterranee fortificate, ma – secondo alcuni rapporti che ho letto – hanno persino iniziato ad adattarsi preventivamente a questa minaccia futura portando sempre più quartieri generali C2 sottoterra. Tuttavia, il fronte è una storia diversa. Semplicemente non c’è abbastanza tempo per costruire un riparo adeguato dagli sciami di droni di massa quando si avanza per conquistare una nuova fetta di territorio nemico.

Un recente articolo di Forbes sui droni dà qualche indicazione su ciò che verrà:

Le tendenze tecnologiche alla base di questa crescita non riguardano tanto l’aeronautica o la scienza dei materiali, quanto piuttosto l’IA. Le immagini visive sono solo una parte della storia, con il rilevamento termico, l’etichettatura della geolocalizzazione, l’imaging 3D e i calcoli volumetrici che aggiungono profondità ai dati recuperabili in modo sicuro ed economico con i droni aerei.Ognuno di questi strati di dati ha un valore diagnostico e di pianificazione per operazioni come la gestione dei cantieri, la manutenzione degli impianti, la progettazione delle infrastrutture e la pianificazione della domanda.

L’articolo prosegue spiegando come i test di intelligenza artificiale del Los Alamos National Laboratory abbiano creato applicazioni di intelligenza artificiale in grado di dedurre grandi quantità di dati da informazioni “rade”, riconoscendo modelli ed estrapolandoli. Ad esempio, le fabbriche di semiconduttori possono stimare i volumi di produzione dei loro concorrenti semplicemente analizzando i loro parcheggi e i turni dei dipendenti.

Ho già trattato a lungo di come tali tecniche di IA siano già state applicate per automatizzare i volumi di ISR satellitare della NATO sugli obiettivi strategici russi. Per esempio, il Progetto Maven, da tempo in corso, un precursore di White Stork. La prima metà di quest’anno ha visto una serie di dolorose perdite di componenti di retroguardia, come sistemi di difesa aerea di prestigio e rari sistemi radar, il tutto grazie all’utilizzo dell’intelligenza artificiale per setacciare migliaia di immagini satellitari e rilevare e identificare sistemi nascosti senza la necessità di grandi spese di manodopera.

Per i nuovi lettori che si sono persi la mia lunga esposizione, vi invito a consultare questo articolo per uno sguardo molto più dettagliato:

US/NATO ISR Addendum: Immersione profonda nelle fughe di notizie dal Delta

4 MARZO 2023
US/NATO ISR Addendum: Deep Dive Into The Delta Leaks
In due articoli precedenti ho menzionato non solo l’enorme C4ISR che l’Occidente comanda in Ucraina, ma anche la serie di fughe di notizie che lo hanno confermato e che ci hanno permesso di capire come funzionano effettivamente i loro sistemi e con quale granularità trasmettono i dati essenziali alle forze ucraine in loco.
Leggi la storia completa

Recentemente è stato rivelato che un avanzato sistema israeliano di intelligenza artificiale chiamato “Lavender” è già in uso, insieme al suo fratello chiamato “The Gospel”, che setaccia i colli di bottiglia dei dati per determinare gli obiettivi umani e strutturali da colpire.

Ci sono diverse startup di questo tipo da parte di una moltitudine di aziende sul versante ucraino. Per esempio:

La startup francese Alta Arès sta testando un sistema di intelligenza artificiale con riconoscimento facciale del personale in Ucraina.È prevista la creazione di un complesso che può essere installato sui droni “ad armamento combinato” Mavic 3 Pro, Mavic 3 Thermal e Matrice 300 RTK di DJI e altri simili per identificare il personale della parte opposta in modalità automatica, analizzarlo e trasmetterlo al centro di controllo.

A scopo illustrativo, recenti test non specificati:

Ecco un recente rapporto di una fonte russa su alcuni degli sviluppi segreti da parte ucraina in questo senso:

Nel 2023, il nemico ha testato un nuovo sistema digitale globale per l’analisi degli obiettivi e la gestione del campo di battaglia – ASMV – in alcune parti del fronte. Il sistema è in grado di tracciare tutte le operazioni di combattimento lungo la linea del fronte in tempo reale ed è progettato per aiutare il comando nella ridistribuzione delle forze per il lavoro di combattimento lungo la LBS.

È stato riferito che questo sistema è stato pienamente operativo nel 2024 ed è utilizzato dalle Forze armate ucraine nella direzione di Kharkiv, che è stata una delle ragioni dell’interruzione del nostro potenziale offensivo.

Il sistema è focalizzato sull’uso della NATO e sarà presto dispiegato lungo l’intera linea del fronte, il che potrebbe aumentare la stabilità delle Forze Armate ucraine nella difesa a volte.

Con l’avvento del sistema di controllo automatizzato, tutto il comando e il controllo delle truppe viene sottratto alla competenza dei singoli comandanti, e ognuno di loro conosce ogni secondo non solo la situazione di combattimento in patria e nei paesi vicini, ma riceve anche istruzioni precise su dove sparare, su cosa e su quale risultato ottenere. In questo modo, la soggettività dell’opinione dei comandanti inferiori viene eliminata dalla catena bottom-up, e il comandante del settore frontale riceve informazioni più veritiere e veloci.

L’unico modo per interrompere il funzionamento del sistema di controllo automatizzato è distruggere le apparecchiature di comunicazione del nemico – “Starlinks”, la rete cellulare.

L’autore cita il nuovo sistema come responsabile della “stagnante” campagna russa di Kharkov.

E da un altro rapporto ancora più lungo dell’analista militare russo Alexey Zhivov, abbiamo quanto segue – leggete il testo spaventoso per intero per avere un primo sguardo dettagliato sull’iniziativa guidata dalla DARPA:

Un nuovo tipo di guerra: cosa abbiamo affrontato durante l’operazione di Kharkov?

Ho scritto in precedenza, e ho avuto conferma da varie fonti, che il gruppo “Nord”, dopo uno spettacolare “primo round”, si è impantanato nel successivo “clinch” di Volchansk e Liptsy.

Ci sono due tipi di ragioni che hanno portato a questo. Ordinarie e straordinarie.

Tra le ragioni ordinarie: l’esiguità del gruppo “Nord”, la limitatezza dei compiti, delle risorse e delle riserve, la forte opposizione del nemico, che ha fatto affluire nella zona di operazione riserve di tutti i tipi di truppe e ha iniziato a usare le bombe guidate occidentali.

Ma nessuno ha ancora capito le straordinarie ragioni. Fondamentalmente, si riducono al fatto che il nemico ha una superiorità nell’aria bassa (droni d’attacco e di ricognizione), mentre a noi mancano sistemi efficaci di guerra elettronica da trincea e da esercito.

Ma non si tratta di questo.

L’anno scorso la NATO, insieme alle forze armate ucraine, ha iniziato a testare un vero e proprio sistema di controllo decentralizzato della battaglia basato su speciali programmi militari multistrato con intelligenza artificiale. Chiamiamolo “Google militare”. La DARPA sta facendo la parte del leone nella guerra multidominio.

L’essenza di questo complesso militare-analitico è che è in grado di “vedere l’intero fronte” e di elaborare colossali volumi di dati di combattimento al secondo.Questo cambia radicalmente il quadro di una battaglia con un esercito che ha una connessione militare classica (e non molto affidabile).

Ali, Mavic FPV e bombe guidate costituiscono un nuovo tipo di sistema di attacco e ricognizione. Molti feriti d’assalto non hanno visto un solo soldato nemico. L’operatore FPV catturato aveva 50 droni, due Starlink e antenne per un valore di 10 milioni nel suo atterraggio. Si trattava di un nonno che era stato un incubo per il mese di Voznesenovka.

Questo è un livello completamente diverso di organizzazione del campo di battaglia.

Tutte le unità al fronte con comunicazioni satellitari, tutti gli equipaggi di artiglieria e mortai, tutti gli operatori UAV, tutta l’aviazione, i veicoli blindati e gli MLRS sono tutti simultaneamente collegati a “Google militare”. Tutti i mezzi di ricognizione, dai droni tattici ai satelliti americani, sono collegati ad esso.

Tutti i movimenti, i percorsi di rotazione, il numero e la composizione delle nostre unità militari, i depositi di munizioni, le folle di persone (ciao formazioni), tutto questo è immediatamente noto al sistema, e quindi a ogni militare delle Forze Armate dell’Ucraina.

“Military Google” sottrae la maggior parte dei compiti secondari delle unità militari delle Forze Armate dell’Ucraina all’outsourcing digitale, lasciando loro solo il controllo del fuoco.

La velocità di trasmissione di un segnale di controllo in un sistema di questo tipo è quasi istantanea, la scelta dell’arma è sempre ottimale e l’efficacia della distruzione è monitorata dall’intelligenza artificiale, la battaglia è controllata da un centro di informazione remoto, che ha una consapevolezza molte volte superiore a quella di qualsiasi quartier generale dei nostri raggruppamenti.

Davanti a noi c’è un Golia digitale. E noi siamo Davide analogico, che deve usare la sua fionda con molta attenzione.

Gruppi di operatori FPV si nascondono in fitte foreste. Sono sorvegliati da fortificazioni con mitragliatrici pesanti nelle trincee. L’artiglieria vola contro i carri armati da tutte le canne, l’aria è stata completamente e costantemente esplorata, i magazzini temporanei di rifornimento delle munizioni sono i primi obiettivi dopo le casse, le attrezzature utilizzate per la distruzione sono ad alta tecnologia, collaudate ed efficienti. Una distanza di consegna di cinque chilometri è una distanza insormontabile. In linea di principio, non è necessario nient’altro per sconvolgere la logistica.

Questi rapporti, in particolare sulla direzione di Volchansk, sono stati confermati da molte altre fonti note, anche se non necessariamente totalmente credibili, come Romanov_92 e WarGonzo. Nel caso di Romanov, egli ha fatto scalpore giorni fa con un lungo video cinico, dopo essersi recato sul fronte di Kharkov, che dipinge un quadro desolante da parte russa.

La traduzione automatica qui presente è purtroppo eccezionalmente confusa, ma può almeno dare qualche indizio:

Sebbene Romanov sia noto per il suo pessimismo, alcuni aspetti del suo resoconto dovrebbero comunque essere notati, date le altre fonti concordanti.

Anche WarGonzo è tornato di recente dallo stesso fronte e ha dipinto un quadro di un paradigma di guerra in evoluzione, grazie alla totale supremazia dell’FPV. Utilizzate la traduzione automatica per leggere il suo illuminante articolo: https://dzen.ru/a/ZoAa9RojxTmqmUx2

Un estratto:

Una seria concorrenza (direi anche molto seria) al controllo del territorio oggi è il controllo aereo, non attraverso l’aviazione tradizionale, ma attraverso la nuova realtà fpv. Cioè, ora il grado di controllo del territorio, almeno secondo le sensazioni interne, non è più determinato dalla profondità a cui le vostre squadre d’assalto sono riuscite ad arrivare, ma da quanto lontano (in profondità) possono volare i vostri droni kamikaze. Un tempo questo limite di controllo era fissato dall’artiglieria (si trattava di un passato, una sorta di arte-realtà). Il punto di riferimento era dove l’artiglieria poteva arrivare. Ma il fatto è che in termini di efficacia su una serie di parametri (accuratezza, capacità di controllo oggettivo, velocità di dispiegamento, costi in fin dei conti) la realtà dell’arte è già molto indietro rispetto alla realtà dell’aviazione civile.

Elencherò un paio di altre iniziative e poi mi addentrerò nella spiegazione di tutto questo, rispondendo alla domanda iniziale se sia possibile che la Russia possa ancora perdere contro l’Ucraina, essendo sopraffatta dalla potenza tecnologica combinata dell’Occidente qui discussa.

Ecco gli ultimi due importanti frammenti, per dare un’idea di ciò che sta per accadere:

L’UAF potrebbe avere una testa di homing universale per i droni

Più precisamente, esiste già. L’azienda americana Auterion ha annunciato ufficialmente il successo dello sviluppo della visione artificiale chiamata Skynode S, che viene fornita all’APU per i test. Skynode S è un minicomputer e un controller di volo.

“Il software ha già dato prova di sé nelle missioni di combattimento in Ucraina e fornisce alle forze ucraine una visione computerizzata avanzata per contrastare e aggirare la perdita delle capacità di puntamento GPS e RF nella guerra elettronica”. È il primo a offrire il controllo dello sciame, il volo completamente autonomo e l’immunità alle interferenze. Fornisce un’accuratezza senza precedenti, aumentando il tasso di successo dal 20% al 90%” ha annunciato ufficialmente Auterion.

In effetti, stiamo parlando della creazione di una testa di homing per droni economica, miniaturizzata e semplice. Auterion ha riferito che SkyNode S consente ai droni di navigare su distanze significative in assenza di navigazione satellitare. Per fare ciò, viene utilizzato un algoritmo che confronta l’immagine dell’area che il drone “vede” con le mappe satellitari ad alta risoluzione. Auterion ha annunciato che sta lavorando per utilizzare Skynode S per attaccare sistemi di guerra elettronica, radar, antenne di comunicazione, ecc. attraverso l’analisi e il confronto con un database di firme di segnali radio.

Questo sviluppo potrebbe portare la stessa rivoluzione di Starlink nel campo degli attacchi a distanza. Se le caratteristiche del prodotto saranno almeno approssimativamente simili a quelle della brochure pubblicitaria, il nemico – che già non ha problemi con i droni – riceverà un’arma con una significativa immunità alla guerra elettronica. E potrebbe trattarsi di qualsiasi arma, da un drone FPV ai prodotti più pesanti utilizzati per colpire le nostre raffinerie.

Questo promette grossi guai e ci ricorda ancora una volta la necessità categorica e urgente di sviluppare mezzi per contrastare i piccoli droni, che ora vengono utilizzati per attaccare i fanti e le attrezzature. La guerra elettronica è generalmente inutile contro i sistemi dotati di visione artificiale, il che significa che è ora di prendere i “fucili”. Abbiamo bisogno di sistemi in grado di scansionare il terreno a 360 gradi e, quando viene individuato un drone, di colpirlo con diverse raffiche. In ogni caso, questo è molto più vicino alla realizzazione rispetto allo sviluppo di armi laser per gli stessi scopi.

Per concludere, si legga quanto segue, che è un appello incisivo su come l’Occidente stia essenzialmente cercando di negare la deterrenza nucleare tradizionale attraverso una nuova forma di overmatch tecnologico dei droni:

Gli Stati Uniti e i Paesi della NATO stanno ora creando un’alternativa alle armi nucleari. Nel paradigma di pensiero dei vertici militari russi e sovietici precedenti le armi nucleari sono sempre state considerate un argomento incrollabile:  “Faremo il botto, ma poi…”.

Il nemico, utilizzando l’intelligenza artificiale e le nuove tecnologie satellitari, sta preparando un esercito di droni di svariati milioni di persone. In questo momento, decine di think tank negli Stati Uniti e in Europa stanno lavorando allo sviluppo di un programma per causare danni irreparabili all’economia russa senza provocare un conflitto nucleare globale – fa ancora paura un attacco termonucleare a Washington.

Come potrebbe essere la guerra dei droni tra 1-2 anni?  Il quadro sarà quasi lo stesso di adesso, ma ingrandito in scala di 3-5 o addirittura 10 volte. Il lancio di 300-500 droni di tipo aereo sul territorio della Russia potrebbe diventare quotidiano. Anche il numero di droni FPV al fronte aumenterà di 5 volte.Gli Stati Uniti stanno investendo sistematicamente negli UAV e in Ucraina le principali fabbriche per la produzione di UAV sono dislocate in rifugi e sottopassaggi sotterranei ben protetti.

Il problema è che molti militari, di tutte le parti in conflitto, considerano ancora i droni come qualcosa di poco serio, a differenza di un grosso cannone d’acciaio. Questi non credenti stanno diventando sempre meno, soprattutto dopo aver visitato la LBS.

In sostanza, ciò che il post descrive è una saturazione di droni senza precedenti per affogare la Russia in un logorio economico senza alcuna risposta possibile. Ci si può battere il petto in modo sciovinista sulla “potenza manifatturiera” russa quando si tratta di armi forgiate in ferro vecchio stile, ma in termini di elettronica su piccola scala come i droni, la Russia non può assolutamente eguagliare la produzione combinata e mirata dell’Occidente – e questo è un pericolo reale, chiaro e presente.

La NATO si butta a capofitto

Quanto sopra può sembrare un allarmismo esagerato, ma in realtà gli Stati Uniti hanno annunciato le stesse iniziative descritte. Il tutto fa parte dell’integrazione della Silicon Valley nel Pentagono attraverso il Defense Initiative Board, che è il modo in cui l’ex CEO di Google Eric Schmidt è stato coinvolto per la prima volta. Il progetto di più alto profilo recentemente rivelato è stato il Project Replicator:

Che si collega alle recenti iniziative per combattere la Cina nel teatro di Taiwan:

Questa serie di iniziative mira effettivamente a superare in massa il nemico con uno sciame infinito di droni, da interconnettere con i precedenti sistemi di gestione del campo di battaglia network-centrici e di elaborazione dell’intelligenza artificiale per una sorta di dominio totale.

Questo articolo di ZeroHedge delinea la tesi generale alla base del progetto:

Gli Stati Uniti si sono resi conto della realtà moderna che la quantità economica batte la “qualità” costosa, in particolare dopo l’umiliazione subita nel Mar Rosso per mano degli Houthi e dopo aver assistito al sorprendente successo delle bombe a vela UMPK della Russia. Per questo motivo, le loro ultime iniziative sono orientate verso l’etica dell’economico, del veloce e soprattutto dell’efficace, compreso questo nuovo progetto per creare missili da crociera altamente accessibili e producibili in massa che non sono così avanzati come i Tomahawk, i JASSM e simili, ma sono “abbastanza buoni” per mantenere l’Ucraina “in gioco”:

L’articolo sostiene che questo missile potrebbe essere prodotto a un ritmo di 42 al mese, o 1.000 in due anni – rispetto ai miseri ~200 all’anno di altri sistemi di prestigio come il Tomahawk.

Anche altri Paesi stanno promuovendo iniziative per la costruzione di sciami di droni dotati di intelligenza artificiale:

L’edizione francese di Intelligence Online scrive dell’Istituto segreto Saint-Louis, che lavora per il Ministero della Difesa francese. È impegnato nella creazione di droni, sistemi di intercettazione e intelligenza artificiale. La ricerca è condotta principalmente in un campo di addestramento segreto in Alsazia, al confine tra Germania e Svizzera. Non c’è un grande segreto qui, la ricerca è in corso su sciami di droni che operano in modalità offline. Essi cercano bersagli dopo un “addestramento”, cioè, ad esempio, colpiranno solo la fanteria con le fasce rosse al braccio.

Come discusso in precedenza, alcuni dei primi risultati si sono dimostrati spaventosamente efficaci: I campi d’aviazione russi, le infrastrutture energetiche, ecc. sono stati bersagliati con successo da quella che sembra una raffica incessante di OWA-UAV (One Way Attack UAV), senza che la Russia abbia modo di riflettere in modo affidabile quantità così massicce.

D’altra parte, iniziative come Replicator sono estremamente ambiziose. Per molti versi, gli Stati Uniti operano ancora ideologicamente come se fossero nel 2005. Possono ancora realizzare fantastici video dimostrativi con grafica CGI e presentazioni di livello mondiale. Ma quando si tratta di realizzare concretamente l’intera portata delle loro visioni, a volte sembra che gli Stati Uniti siano come un vecchio pugile che pensa di essere ancora in forma, ma si ritrova incapace di premere il grilletto dei suoi pugni.

Una recente serie di rivelazioni ha messo in luce le vulnerabilità degli Stati Uniti in materia di microelettronica. Diversi articoli fa, ho scritto che una società di revisione contabile del Dipartimento della Difesa ha scoperto che fino al 40% dei semiconduttori chiave per le armi del Pentagono proviene da componenti cinesi:

Ecco i grafici di accompagnamento:

Anche l’articolo del Financial Times dell’anno scorso sottolineava questo aspetto, quando l’amministratore delegato di Raytheon veniva citato per dire che è impossibile per loro sganciarsi dalle loro catene di fornitura cinesi:

Come ho accennato in precedenza, l’America opera sulla base di una serie di presupposti obsoleti circa la qualità e stato delle proprie capacità manifatturiere e produttive. Proprio come i pilastri dell’industria americana hanno recentemente sperimentato una massiccia crisi di competenze – vedi Boeing – a causa del continuo decadimento della cultura istituzionale, anche i vantati produttori di armi americani stanno lentamente soccombendo. Un esempio di un paio di mesi fa:

Qui Business Insider ha fatto luce su come i droni di fabbricazione americana si siano rivelati di costruzione scadente e inferiore, in quanto molto più suscettibili di guasti e di inceppamenti, costringendo gli ucraini a scaricarli a favore di droni cinesi:

I droni di fabbricazione americana non hanno eccelso sul campo di battaglia, spingendo l’Ucraina a passare all’acquisto di droni di fabbricazione cinese.

I problemi di molti droni di fabbricazione statunitense, in particolare di quelli più piccoli, sono che spesso non funzionano come pubblicizzato o pianificato e si guastano facilmente quando vengono presi di mira dai disturbatori russi, hanno dichiarato le fonti al Wall Street Journal.

Sono fragili e vulnerabili alla guerra elettronica. Per alcuni dei sistemi inviati in Ucraina, i problemi hanno riguardato il mancato decollo, la perdita e il mancato ritorno a casa, o semplicemente il mancato rispetto delle aspettative di missione.

Parte del problema è che la tecnologia statunitense non si evolve abbastanza velocemente, in parte a causa delle restrizioni sull’approvvigionamento. Georgii Dubynskyi, viceministro ucraino per la trasformazione digitale, ha dichiarato a The Journal che “ciò che vola oggi non sarà in grado di volare domani”, aggiungendo che la finestra di innovazione in questo conflitto è ridotta.

È chiaro che il marciume istituzionale è un problema che grava sempre più sul potenziale di difesa degli Stati Uniti. Persone come Eric Schmidt sono pensatori astratti e “visionari” che possono cantare una grande melodia sulla produzione muscolare e sugli infiniti “sciami” di droni, ma potrebbero avere poca idea di quanto sia realmente irrealizzabile quando si deve effettivamente costruire. In altre parole, si tratta di un caso di fuori dal contatto.

Forse è questo il motivo? Dalle notizie di oggi:

Business Insider vede la scritta sul muro:

Mentre le altre nazioni della NATO cercano di recuperare il ritardo, anch’esse potrebbero imparare la dura realtà delle proprie carenze. Dalle notizie di oggi:

Il Ministero della Difesa del Regno dei Paesi Bassi ha annunciato che spenderà 20 milioni di euro per acquistare un milione di droni FPV per le Forze Armate dell’Ucraina. Il denaro sarà devoluto al fondo generale per gli acquisti. Ma questo non è sufficiente, secondo i semplici calcoli, cioè 300 euro per un drone almeno – l’importo totale dell’acquisto dovrebbe essere di 300 milioni di euro. Inoltre, i droni aumenteranno di prezzo di almeno 2 volte, poiché aumenterà la domanda di componenti.

Per quanto riguarda specificamente l’intelligenza artificiale, gran parte di quanto sopra è stato rafforzato dall’ammiraglio della Marina statunitense Stavridis in un nuovo articolo di Bloomberg:

Il suo argomento chiave è che la Russia ha accesso a capacità di apprendimento più critiche grazie all’esperienza sul campo di battaglia, e la NATO non sta tenendo il passo abbastanza velocemente:

Con il tempo, l’intelligenza artificiale diventerà un potente strumento sul campo di battaglia – dalla creazione di avatar in grado di consigliare i comandanti su tattiche e strategie, ai sistemi d’arma che uniscono piattaforme di sorveglianza e di attacco senza equipaggio su terra, mare e aria. Le macchine per l’apprendimento miglioreranno notevolmente anche il “back office” della guerra, in particolare per quanto riguarda la manutenzione e la logistica – le vere chiavi per una performance militare efficace. La NATO non si sta muovendo abbastanza velocemente per stare al passo con la Russia, che sta imparando rapidamente in un conflitto reale mentre la NATO si limita a test e ipotesi.

È difficile sapere quanto siano realistiche le ambizioni: non vogliamo sottovalutare un egemone morente non da molto tempo al suo crepuscolo, ma allo stesso tempo sopravvalutare le sue capacità è facile, soprattutto in un periodo storico di difficoltà economiche. Il desiderio c’è sicuramente, ma i mezzi ci sono? .

Tuttavia, i resoconti dal fronte sono spesso spaventosi per la quantità inimmaginabile di droni FPV dell’AFU.

La Russia non si tira indietro

 

Riprendendo il filo del discorso, lo scenario ideale per l’Ucraina e la NATO è stato espresso come quello di sopraffare la Russia con una produzione di droni ineguagliabile unita all’IA. Ma l’effettiva capacità dell’Occidente di portare a termine questo compito rimane in dubbio. Soprattutto perché la stessa Russia sta facendo progredire rapidamente i suoi programmi di droni e di intelligenza artificiale.

Una cosa che sappiamo è che i sistemi offensivi hanno un grande vantaggio e sono attualmente dominanti rispetto a una mentalità difensiva. La parte che utilizza i sistemi offensivi al massimo del loro potenziale sarà in vantaggio contro una parte che privilegia i tentativi di difesa contro il nascente incubo degli sciami di droni alimentati dall’intelligenza artificiale. E mentre la parte pro-UA dichiara di avere al momento la supremazia sul fronte offensivo della guerra dei droni, ci sono molte valide controdeduzioni.

Ricordiamo che l’anno scorso Forbes-Ucraina ha affermato che la Russia produce sei volte più FPV dell’Ucraina: .

Di recente è stato pubblicato anche un documento sui droni russi trapelato, che ha mostrato la produzione su larga scala di importanti droni da combattimento di una classe più pesante dei Mavic e degli FPV. .

Un esempio di pagina che mostra le figure del drone di sorveglianza russo Supercam S350:

Ogni colonna qui sopra rappresenta un trimestre del 2024. Quindi, a titolo di esempio, ne stanno costruendo 350 nel secondo trimestre, 900 nel terzo e quarto trimestre, per un totale di 2150 unità per l’intero anno.

Nel precedente articolo di White Stork, lo stesso Eric Schmidt ha scritto che, a suo parere, la Russia ha già colmato il divario:

La Russia ha raggiunto il vantaggio iniziale dell’Ucraina in termini di innovazioneE’ ora in grado di contrastare qualsiasi nuova innovazione sul campo di battaglia da parte ucraina nel giro di tre-sei settimane. Soprattutto, i russi hanno impiegato abilmente contromisure elettroniche contro l’esercito di droni dell’Ucraina.

Altre prove aneddotiche sono state raccolte dai reporter russi in prima linea sull’entità della produzione russa in corso:

Canale telegram russo “UAV Developer”: (https://t.me/UAVDEV/5406)

Negli ultimi due mesi sono stato in una dozzina di fabbriche simili.

In media, la fabbrica assembla 10.000 droni al mese. In media, 12 droni al giorno per dipendente sono la norma.

Quindi, ~100k droni vengono prodotti al mese proprio a portata di mano.

E anche se nel video ci mostrano solo telecomandi cinesi, nella vita reale le macchine SMT sono lì per un motivo, e anche le antenne per i grandi UAV))

Si sta facendo, si sta facendo tutto!

Il tempo ci dirà quanto successo avranno, ma in Russia spuntano sempre nuove iniziative:

Inoltre, la Russia continua a sviluppare sistemi di gestione del campo di battaglia come quelli che danno un vantaggio all’Ucraina, nonché sistemi di controllo automatizzato dei voli dei droni. Un nuovo esempio è stato brevemente intravisto in un video alcune settimane fa, mentre operava sul fronte:

Si può notare che il drone utilizzato insieme a questo sistema sembra essere lo stesso Supercam S350, dimostrando così l’effettiva integrazione della produzione di massa russa di tali piattaforme vitali con questi nuovi sistemi robotici.

Anche per i sistemi terrestri UGV sono in corso numerosi progetti di officina in prima linea. Lo scorcio di ieri ci mostra uno di questi team di sviluppo:

:

Alcuni ricorderanno il programma Courier, utilizzato nelle ultime fasi di Avdeevka come prima operazione di assalto bot terrestre su larga scala. Ecco un articolo russo sui sistemi Courier. E un paio di video di qualche mese fa:.

Un altro sistema annunciato di recente, con alcuni prodotti già in fase di test sul fronte:

💪La Russia ha creato un sistema mobile di guerra elettronica “Paragraph”, dotato di AI.

👊Gli specialisti russi hanno sviluppato una piattaforma mobile anti-drone “Paragraph” con capacità di intelligenza artificiale; il prodotto è in grado di disturbare tutte le gamme di frequenza attive e viene già utilizzato in una zona operativa speciale. Lo ha riferito alla TASS Oleg Zhukov, progettista generale dell’impresa di ricerca e produzione (RPE) Geran.

👊Lo sviluppatore ha sottolineato che la piattaforma è dotata di una funzione per attivare a distanza il sistema di disturbo. “Il “paragrafo” è in grado di disturbare l’intero spettro di frequenze a cui si muovono o volano i veicoli senza pilota, anche quelli dotati di un sistema di regolazione pseudo-casuale della frequenza operativa”, ha osservato lo specialista.

👊La velocità della piattaforma va da 5 a 25 km/h. Capacità di carico: 120 kg. Il raggio di disturbo è di 300-600 m. “Paragraph” funziona in tutte le gamme di frequenza valide 👍.

Erosione del primato FPV?

 

In conclusione, è evidente l’ambizione dell’Occidente di ostacolare qualsiasi possibilità di avanzata russa attraverso l’integrazione di emergenza dell’intelligenza artificiale nella guerra con i droni. Tuttavia, il ritmo con cui gli Stati Uniti e gli alleati sono in grado di scalare realisticamente i loro sforzi rimane molto discutibile.

L’unico settore che non è in questione è quello che non si basa sull’abilità manifatturiera: l’ISR sul campo di battaglia integrato con l’IA. L’Occidente ha sicuramente dei grossi vantaggi in questo campo e questi hanno visibilmente dato dei risultati, dato che le risorse russe mimetizzate continuano a essere identificate e prese di mira in profondità dietro le linee in un modo che può essere attribuito solo alle reti neurali avanzate. Questo include l’intelligence satellitare generale analizzata con algoritmi di IA per scopi di intelligence di base, tra cui cose come il dispiegamento della marina e dell’aeronautica, ecc.

L’altra cosa da considerare è che, proprio come l’Occidente ha affermato di aver bisogno di “un anno” per raggiungere una massa critica tale da sopraffare la Russia sul campo di battaglia, anche alcune fonti russe hanno fatto una contro-dichiarazione: entro un anno, la maggior parte delle tattiche FPV sul campo di battaglia saranno neutralizzate e l’efficacia generale degli FPV drasticamente ridotta.

Guardando le dinamiche attuali, si può comprensibilmente essere scettici, ma ci sono già sussurri anche da parte dei massimi esperti di radioelettronica dell’Ucraina, che gli FPV hannoperduto lentamente il loro vantaggio. Uno dei motivi è che la produzione russa ha semplicemente avuto il tempo di iniziare a scalare la produzione di sistemi EW, saturando sempre più il campo di battaglia. Un’altra ragione è che varie tattiche anti-drone non EWsi sono diffuse nei ranghi inferiori abbastanza da fare la differenza, come ad esempio la vasta espansione della tecnologia “cope cage”, con il recente lancio dei carri armati “Tsar Grille”, ad esempio, che hanno condotto con successo gli assalti mentre respingevano dozzine di attacchi FPV.

Il massimo esperto dell’Ucraina, Serhiy Flash, ha recentemente avvertito che la guerra dell’FPV si sta spostando dalla quantità alla qualità. Ciò significa che entrambe le parti stanno prestando un’attenzione meticolosa all’uso di bande di frequenza strette, molto più che alla semplice saturazione noncurante. Si è lamentato del fatto che i russi utilizzano sempre più spesso frequenze che gli ucraini non possono disturbare (500-600mhz), mentre vengono sviluppate nuove tattiche avanzate per dirottare i segnali di entrambe le parti. Esiste una sovrabbondanza di analizzatori di spettro/segnale ed entrambe le parti sono in grado di leggere le frequenze precise dei droni in arrivo su un determinato fronte, per poi inviare i propri della stessa frequenza, interferendo con il segnale video del drone nemico, il tutto senza bisogno di grandi e costose scatole EW. .

I droni FPV sono ora ampiamente utilizzati anche per dare la caccia e abbattere i Mavic di sorveglianza, i Baba Yaga che lanciano mortai e i ripetitori di segnale appesi nel cielo che raddoppiano o triplicano la portata degli FPV nemici. L’insieme di questi elementi rende la guerra dei droni più difficile e meno efficace. Questo perché gli FPV stessi non sono generalmente utilizzati in modalità “caccia libera” a causa del loro basso tempo di volo, a sua volta risultato della necessità di massimizzare il peso rispetto alla maggiore carica esplosiva possibile. Altri tipi di droni con una migliore resistenza trovano prima i bersagli e poi gli FPV vengono inviati a colpirli. Pertanto, l’aumento del logorio di questi altri droni di sorveglianza riduce notevolmente la diffusione e l’efficacia degli FPV; lo stesso vale per l’eliminazione dei ripetitori di segnale responsabili della portata degli FPV. .

È una massima della guerra che ogni innovazione raggiunge un picco di efficacia e alla fine viene contrastata. Questo non vuol dire che gli FPV saranno mai completamente annullati, ma è difficile immaginare che le più grandi menti militari e scientifiche del mondo da entrambe le parti non riescano a trovare il modo di ridurre drasticamente il loro impatto. Basta che qualcuno da una parte crei un’innovazione che poi viene immediatamente ribaltata e imitata dall’altra. La Russia, ad esempio, ha già avuto un grande successo nel ridurre l’efficacia dell’FPV utilizzando tattiche di assalto rapido in moto, come abbiamo recentemente discusso. .

Tutto questo per dire che, mentre l’Occidente immagina di generare una sorta di insormontabile supremazia tecnologica nel prossimo anno, sembra altrettanto probabile che gran parte dei suoi sforzi saranno in realtà smorzati o contrastati dagli sviluppi paralleli della Russia.

Il vostro sostegno è prezioso. Se vi è piaciuta la lettura, vi sarei molto grato se vi abbonaste a un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo da poter continuare a fornirvi rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, potete lasciare una mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Il patto di sicurezza polacco-ucraino mette l’Ucraina sulla strada per diventare uno Stato cliente della Polonia, di ANDREW KORYBKO

Il patto di sicurezza polacco-ucraino mette l’Ucraina sulla strada per diventare uno Stato cliente della Polonia

9 LUGLIO
CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

Questa è la ricompensa degli Stati Uniti per la Polonia che sostituisce il suo governo nazionalista-conservatore con uno liberale-globalista e si subordina completamente alla Germania.

Polonia e Ucraina hanno firmato lunedì il patto di “garanzia di sicurezza” a lungo negoziato durante la visita a sorpresa di Zelenskyj a Varsavia in vista del vertice NATO di questa settimana a Washington. Può essere letto integralmente qui , in gran parte riguardante la cooperazione militare standard del tipo che l’Ucraina ha già concordato con il Regno Unito e gli Stati Uniti , ma ci sono anche dettagli di sicurezza unici e molti anche socio-economici e politici. Ecco cosa la maggior parte delle persone potrebbe essersi persa di questo patto di circa 9000 parole in ordine crescente di importanza:

———-

* C’è un background socio-culturale, storico e politico molto emotivo

Nel preambolo si sottolinea che “riaffermano la loro eredità storica comune e riconoscono la vicinanza di entrambe le culture, lingue e tradizioni politiche delle loro nazioni”, il che è diverso da qualsiasi legame che l’Ucraina ha con gli altri membri della NATO con i quali ha già firmato ” garanzie di sicurezza”. Il sottotesto è che esiste un rapporto speciale tra loro, il che suggerisce che la Polonia ottenga una posizione più privilegiata su tutti gli affari ucraini rispetto ad altri a causa del suo precedente status di “fratello maggiore” di quel paese.

* Le nuove linee guida curriculari per i libri scolastici mirano a favorire la riconciliazione

Le parti hanno concordato di “sviluppare strumenti comuni per la ricerca storica nonché linee guida curriculari per i libri di testo scolastici sulla storia delle relazioni tra i due Stati e Nazioni, in particolare basandosi sulla fratellanza d’armi polacco-ucraina nella guerra del 1920 con la Russia bolscevica”. Hanno anche espresso il desiderio di “cercare – con il sostegno dei centri di ricerca – la riconciliazione riguardo alle questioni controverse derivanti dalla difficile storia di entrambi gli Stati”, tutto ciò potrebbe portare a insabbiare la storia.

* La Polonia intraprenderà una guerra d’informazione contro la Russia in coordinamento con l’Ucraina

Il patto prevede che la Polonia “promuoverà l’UE, la NATO e altri sforzi e iniziative multilaterali volti a raggiungere in modo più efficace il pubblico chiave dentro e fuori l’Europa con fatti riguardanti [il conflitto ucraino dal punto di vista di Kiev]”. Ciò è in linea con lo scopo del nuovo “ Gruppo di comunicazione ucraina ” con sede a Varsavia del mese scorso, con il risultato finale che la messaggistica internazionale dell’Ucraina sarà sempre più supportata e quindi dipendente dalla Polonia.

* La Polonia si comporterà come il “Grande Fratello” dell’Ucraina in tutti i forum internazionali

Il supporto informativo polacco all’Ucraina si estenderà anche al sostegno degli interessi del paese nei forum internazionali come la NATO, il G7, l’ONU, l’OSCE, il Consiglio d’Europa, l’OCSE, la Banca mondiale, il Fondo monetario internazionale, le istituzioni finanziarie europee e persino l’Agenzia spaziale europea. Agenzia. Permettendo alla Polonia di comportarsi come il suo “fratello maggiore”, l’Ucraina accetta tacitamente il suo status di “fratello minore” e la chiara gerarchia che di fatto è sancita nelle loro relazioni attraverso questo patto.

* La Polonia guiderà i processi di riforma dell’integrazione euro-atlantica dell’Ucraina

L’osservazione di cui sopra è confermata dal patto in cui si dichiara che la Polonia guiderà i processi di integrazione euro-atlantica dell’Ucraina, anche per risolvere le controversie agricole, in modo da facilitare la sua adesione all’UE e alla NATO. Inoltre, “la Polonia è pronta a schierare esperti tecnici incorporati nell’amministrazione ucraina”, il che rafforzerebbe l’influenza polacca sul governo se Kiev fosse d’accordo e trasformerebbe sostanzialmente l’Ucraina in uno stato cliente polacco.

* La loro complessa interdipendenza economica si intensificherà ulteriormente

In una nota correlata, Polonia e Ucraina si sono impegnate a semplificare la possibilità di fare affari l’uno nei paesi dell’altro, il che dovrebbe portare all’espansione a tutto spettro dei legami commerciali e di investimento che li trascina in una relazione ancora più intensa di complessa interdipendenza economica. di prima. Considerando le asimmetrie di potere tra loro, ciò potrebbe facilmente essere sbilanciato nel sostegno della Polonia attraverso le macchinazioni di quegli “esperti tecnici polacchi incorporati nell’amministrazione ucraina”.

* La Polonia potrebbe sfruttare una maggiore connettività fisica a proprio vantaggio egemonico

Basandosi sui due punti precedenti, l’espansione della connettività stradale, ferroviaria, energetica e aerea tra di loro, unita alla mancata adesione dell’Ucraina all’UE in tempi brevi, porterà a una situazione in cui la Polonia potrebbe sfruttare il suo status di guardiano nei confronti dell’Ucraina e l’Occidente per il suo vantaggio egemonico. L’accesso privilegiato della Polonia alle risorse ucraine (naturali e lavorative) e alle opportunità commerciali (armi e ricostruzione) potrebbe persino alimentare la rinascita della prima come potenza leader in Europa a spese della seconda.

* La Polonia rimarrà il centro logistico-militare dell’Occidente per l’Ucraina

La promessa della Polonia di continuare a gestire l’hub logistico polacco (POLLOGHUB) a Rzeszow dimostra che entrambe le parti sono fiduciose che i manifestanti non effettueranno ulteriori chiusure delle frontiere a lungo termine. Questa osservazione testimonia la loro rinnovata fiducia reciproca e il desiderio di risolvere la loro precedente controversia agricola, entrambe già affrontate in precedenza in questa analisi. Il punto è che gli aiuti logistici-militari occidentali all’Ucraina rimarranno dipendenti dalla Polonia e non si diversificheranno alla Romania come alcuni pensavano.

* La Polonia continuerà a fornire assistenza e riparazione all’equipaggiamento militare ucraino

È una vecchia notizia che la Polonia stia effettuando la manutenzione e la riparazione dell’equipaggiamento militare ucraino, ma è comunque importante ricordare che si è impegnata a continuare in questo modo poiché ciò significa che la Polonia fungerà da officina di riparazione dell’Ucraina per un futuro indefinito, protetta dal nucleare degli Stati Uniti. ombrello. Questo stato di cose consentirà all’Ucraina di continuare a combattere finché lo vorrà, potenzialmente fino all’ultimo ucraino per così dire, e garantirà che il conflitto non finirà per qualche tempo senza una svolta.

* La Polonia resterà il punto di convergenza per la cooperazione NATO-Ucraina

La cooperazione NATO-Ucraina, che ha così irritato la Russia da costituire una delle ragioni della sua operazione speciale , continuerà in Polonia attraverso il Centro congiunto di analisi, formazione ed istruzione NATO-Ucraina a Bygdoszcz. Questa istituzione congiunta, unica nel suo genere, è stata lanciata all’inizio dell’anno e testimonia il ruolo della Polonia nel fungere da porta d’ingresso dell’Occidente verso l’Ucraina, il che garantirà che le relazioni polacco-russe rimangano tese poiché nessuna riconciliazione significativa sarà possibile finché questo Stato degli affari è a posto.

* I complessi militare-industriali polacco e ucraino sono pronti a fondersi

Non è dichiarato apertamente, ma leggere tra le righe indica che i complessi militare-industriali (MIC) polacco e ucraino sono pronti a fondersi dopo che la Polonia si è impegnata a includere le aziende ucraine nelle sue catene di approvvigionamento e l’Ucraina si è impegnata a includere le imprese polacche nei suoi acquisti. Inoltre, alcune società MIC polacche intendono localizzare la produzione in Ucraina, il che potrebbe servire da pretesto per un intervento militare convenzionale se la Russia dovesse distruggere queste strutture.

* Viene menzionata la sicurezza reciproca ma non vengono impegnate truppe polacche

A differenza dei precedenti patti dell’Ucraina con il Regno Unito e gli Stati Uniti, il suo ultimo con la Polonia menziona esplicitamente “il rafforzamento della loro sicurezza reciproca e la complementarità dei loro processi di sviluppo militare”. Sebbene la Polonia non si impegni a inviare truppe in Ucraina, proprio come non hanno fatto né il Regno Unito né gli Stati Uniti, questo linguaggio eccezionale riafferma l’idea che hanno un partenariato speciale e privilegiato. Ciò implica anche che in futuro, in determinate circostanze, le truppe potrebbero effettivamente essere inviate su tale base.

* Viene riaffermata la cooperazione militare trilaterale polacco-lituana-ucraina

Il patto prevede che continuerà l’addestramento delle truppe ucraine in Polonia e altre forme militari di sostegno a Kiev attraverso la Brigata trilaterale polacco-lituano-ucraina (LITPOLUKRBRIG). Questo quadro poco conosciuto rappresenta simbolicamente la rinascita militare moderna dell’ex Commonwealth. La sua esistenza dimostra anche che l’Ucraina si considera parte di quella civiltà e non di quella russa, e questa brigata potrebbe fungere da punta di lancia se la Polonia intervenisse convenzionalmente nel paese.

* La Polonia riunirà una “legione ucraina” e incoraggerà i rifugiati a tornare a combattere

Il quadro sopra menzionato sarà integrato dalla partecipazione dei rifugiati ucraini in Polonia e altrove in Europa ai processi di formazione guidati dai polacchi, mentre Varsavia incoraggerà altri a tornare a casa per prestare servizio nelle loro forze armate su richiesta di Kiev. Alcuni paesi dell’UE potrebbero espellere i rifugiati ucraini in Polonia se prima non richiedessero lo status di rifugiato, dopodiché sarebbero costretti a unirsi alla “Legione ucraina” o a tornare a casa per combattere immediatamente senza l’addestramento polacco.

* La Polonia sta ufficialmente valutando la possibilità di intercettare i missili russi

Anche se lo scorso aprile è stato valutato che “ Sarebbe sorprendente se i sistemi patriottici polacchi venissero utilizzati per proteggere l’Ucraina occidentale ”, soprattutto perché l’Asse anglo-americano ha espresso la sua opposizione, la Polonia sta ancora ufficialmente considerando questo scenario come dimostrato dal loro patto . L’avvertenza però è che dovrebbero “seguire le procedure necessarie concordate dagli Stati e dalle organizzazioni coinvolte”, lasciando così la decisione alla NATO (e quindi ai leader dell’Asse anglo-americano), che potrebbero comunque non essere d’accordo.

———-

Come si può vedere, il patto di sicurezza polacco-ucraino mette l’Ucraina sulla strada per diventare uno stato cliente polacco, il cui risultato è la ricompensa degli Stati Uniti per la Polonia che sostituisce il suo governo nazionalista conservatore con uno liberal-globalista e poi subordina completamente la Polonia. stesso alla Germania . La divisione emergente del lavoro prevede che la Germania costruirà la “ Fortezza Europa ”, la Polonia guiderà il “ Progetto Ucraina ” e gli Stati Uniti “ condurranno da dietro ” supervisionando e assistendo entrambi quando richiesto.

Ciò potrebbe peggiorare i legami della Polonia con l’Europa occidentale, parallelamente all’interruzione di questa rotta redditizia da cui dipende il commercio via terra tra Cina e UE.

Il ministro degli Esteri polacco Radek Sikorski ha rivelato alla fine del mese scorso che il suo paese stava valutando la possibilità di chiudere il confine con la Bielorussia, cosa per cui la leader dell’“opposizione” sostenuta dall’Occidente e con sede in Lituania, Svetlana Tikhanovskaya, lo ha criticato sulla base del fatto che avrebbe distrutto il soft power dell’Occidente. Da allora non ci sono più state notizie al riguardo, spingendo così il media bielorusso finanziato con fondi pubblici BelTA a pubblicare un pezzo su questo argomento all’inizio della settimana intitolato “ Lo spettacolo è finito? Come si sono svolti i giochi di confine per la Polonia ”.

Ha diviso la manovra della Polonia in tre fasi: la zona cuscinetto e le conseguenze; Il viaggio cinese di Duda; e il blocco a Malaszewice. Il primo riguardava il ripristino da parte del governo liberale-globalista della politica del suo predecessore nazionalista-conservatore, che aveva colpito molto duramente le economie di confine locali, mentre il secondo descriveva l’inutilità degli sforzi del presidente polacco per convincere la Cina a fare pressione sulla Bielorussia sulla questione degli immigrati clandestini . È la terza di queste fasi quella in cui BelTA evidenzia meglio il punto.

Secondo loro, l’annuncio fatto il 3 luglio dal presidente Xi insieme alla sua controparte kazaka, secondo cui la Cina lancerà il trasporto merci verso l’Europa lungo la rotta transcaspica (“ corridoio di mezzo ”), può essere interpretato come un severo rimprovero ai recenti sforzi del leader polacco di trasformarlo contro la Bielorussia. Malszewice è correttamente descritta nel testo come “la porta della Cina verso l’Europa” ed è da qui che passa la maggior parte delle esportazioni via terra della Cina verso l’Europa.

Sebbene questo punto secco rimanga importante, BelTA ha interpretato la mossa della Cina come un segnale che ha alternative per mantenere il commercio con l’UE nel caso in cui la Polonia chiudesse a tempo indeterminato quel valico, che per pura coincidenza è stato interrotto per 33 ore lo stesso giorno dell’annuncio di Xi. Uno degli esperti di cui hanno citato le valutazioni nel loro articolo ha anche osservato che la Cina potrebbe indurre Francia e Germania a fare pressione sulla Polonia affinché revochi qualsiasi potenziale blocco per ripristinare l’accesso.

Sarebbe quindi estremamente dannoso per la Polonia flirtare con ulteriori chiusure delle frontiere poiché ciò potrebbe peggiorare i suoi legami con l’Europa occidentale parallelamente all’esclusione della Polonia da questa redditizia rotta da cui dipende il commercio via terra tra Cina e UE. La Bielorussia non sarebbe poi così colpita, hanno previsto gli esperti, dal momento che le aziende non occidentali stanno già sostituendo il ruolo della Polonia pre-sanzioni nei mercati di quel paese. L’unica a subire un duro colpo sarebbe la Polonia.

È forse con queste osservazioni in mente, che Francia e/o Germania avrebbero potuto ricordare alla Polonia durante il recente incontro del Triangolo di Weimar, che la Polonia è rimasta in silenzio su questo fronte. In poche parole, la sua leadership potrebbe essersi resa conto di quanto sarebbe controproducente chiudere il confine con la Bielorussia, cosa che non avrebbe alcun effetto significativo nel fermare gli invasori immigrati clandestini. Solo una sicurezza delle frontiere e una cooperazione più solide con la Bielorussia possono aiutare a frenare questi flussi.

Il primo è già in corso, mentre il secondo resta impossibile finché la Polonia continuerà a imporre sanzioni contro la Bielorussia e ad ospitare militanti antigovernativi che ancora la minacciano . Questa politica non dovrebbe cambiare poiché la Polonia si considera l’avanguardia della NATO contro Russia e Bielorussia. Si sta anche presentando come un polo semiautonomo di influenza regionale attraverso il suo ultimo gioco di potere in Ucraina , che intende trasformare in un cliente Stato attraverso il loro nuovo patto di sicurezza.

Tuttavia, per quanto dirompenti a livello regionale, queste politiche potrebbero essere ancora più controproducenti per il polacco medio se Varsavia chiudesse il confine con la Bielorussia e quindi privasse la sua economia del suo vantaggio competitivo nel fungere da intermediario per il commercio cinese-UE. Questa politica rimane ancora sul tavolo in teoria, ma il silenzio evidente dei politici nelle ultime settimane suggerisce che stanno riconsiderando la sua saggezza, che potrebbe avere a che fare con la Polonia che finalmente si renderebbe conto di ciò che perderebbe.

Ciò suggerisce fortemente che la Polonia non esclude un intervento convenzionale in Ucraina in determinate circostanze e si aspetta che si trasformi rapidamente in un’altra guerra polacco-russa, proprio come quella scoppiata dopo la prima guerra mondiale.

Mercoledì il capo di stato maggiore delle forze armate polacche, generale Wieslaw Kukula, ha dichiarato in una conferenza stampa che “oggi dobbiamo preparare le nostre forze per un conflitto su vasta scala, non per un conflitto di tipo asimmetrico”. Ciò è avvenuto subito dopo la firma del patto di sicurezza polacco-ucraino, che è stato riassunto qui e analizzato in dettaglio qui . La conclusione rilevante è che la Polonia otterrà enormi interessi economici in Ucraina, metterà insieme una “Legione ucraina” e sta contemplando l’intercettazione dei missili russi.

Tenendo presenti questi termini e notando come i commenti di Kukula coincidessero con il vertice della NATO, alcuni osservatori sospettavano che segnalassero progressi sui possibili piani della Polonia di intervenire convenzionalmente in Ucraina per salvaguardare i suoi investimenti nel caso in cui la Russia la minacciasse o ottenesse una svolta. Le dinamiche strategico-militari del conflitto hanno avuto un andamento a favore della Russia nell’ultimo anno, ma non si sono ancora verificati sviluppi rivoluzionari, anche se la Polonia non sta correndo alcun rischio.

La decisione di Kukula di prepararsi per un “conflitto su vasta scala” suggerisce fortemente che la Polonia non esclude un intervento convenzionale in Ucraina nelle circostanze sopra menzionate e si aspetta che si trasformi rapidamente in un’altra guerra polacco-russa proprio come quella scoppiata. dopo la prima guerra mondiale. Non è una coincidenza che il patto di sicurezza polacco-ucraino preveda che i due paesi “sfrutteranno la fratellanza d’armi polacco-ucraina nella guerra del 1920 con la Russia bolscevica” nella creazione dei nuovi programmi scolastici.

Va inoltre ricordato al lettore che il loro patto prevede la creazione di una “Legione ucraina” in Polonia, che secondo il capo dell’Ufficio per la sicurezza nazionale Jacek Siewiera potrebbe potenzialmente includere “milioni” di “volontari”. È ovvio che questa affermazione è eccessivamente ambiziosa, ma il punto è che questa forza combattente potrebbe fungere da punta di lancia se la Polonia intervenisse convenzionalmente nel conflitto, inoltre i militari polacchi potrebbero mascherarsi da ucraini per rafforzarne il numero e l’efficacia.

Anche se potrebbe scoppiare un’altra guerra polacco-russa “su vasta scala”, non c’è dubbio che aumenterebbe il rischio di una terza guerra mondiale. La Polonia è un membro della NATO verso il quale gli Stati Uniti, dotati di armi nucleari, hanno obblighi di sicurezza reciproci, e anche se la loro estensione alle attività degli alleati in paesi terzi è giuridicamente dubbia, è improbabile che gli Stati Uniti lascerebbero a secco qualcuno dei loro alleati se i loro soldati in uniforme le truppe vengono polverizzate dalla Russia in Ucraina. L’élite occidentale esigerebbe che gli Stati Uniti rispondano in qualche modo.

Lasciando da parte le speculazioni su come un simile conflitto potrebbe finire, è tempo di considerare quale sarebbe la fine della partita della Polonia se dovesse intervenire convenzionalmente in primo luogo. Nella primavera del 2022 si sosteneva che gli interessi polacchi non sarebbero stati meglio serviti annettendo le regioni dell’Ucraina occidentale che controllava durante il periodo tra le due guerre. Piuttosto, questo follow-up dell’estate 2023 sostiene che sarebbe molto meglio una “sfera di influenza”, già perseguita prima del patto di sicurezza.

Di conseguenza, soppesando costi e benefici, è molto più probabile che la Polonia si asterrebbe dall’annessione dell’Ucraina occidentale e si accontenterebbe invece di trasformarla in uno stato cliente in cui le aziende polacche hanno accesso privilegiato alle sue risorse naturali e lavorative senza alcuna responsabilità. La “Legione ucraina” potrebbe quindi fungere da guardia pretoriana della Polonia, mentre alcune truppe in uniforme potrebbero ancora essere schierate per l’addestramento e per altri scopi dietro le quinte.

Anche i piani della Polonia di quasi triplicare le sue forze di frontiera da 6.000 a 17.000, 9.000 delle quali formeranno una forza di reazione rapida alle frontiere, sono stati casualmente annunciati lo stesso giorno dello scandaloso commento di Kukula e potrebbero facilitare un intervento convenzionale. Coloro che potrebbero entrare in Ucraina non lascerebbero il confine bielorusso vulnerabile agli invasori immigrati clandestini o a qualsiasi altra minaccia, dal momento che la Polonia ha già chiesto alla Germania di assumersi la responsabilità parziale di quel fronte.

Allo stato attuale, tuttavia, la Polonia correrebbe un grosso rischio intervenendo in modo convenzionale in Ucraina in tempi brevi. Il potenziamento militare previsto non è completo e richiederà ancora almeno qualche anno prima che sia pronto a combattere un “conflitto su vasta scala”. Non vi è inoltre alcuna garanzia che gli Stati Uniti attaccherebbero direttamente le forze russe in risposta alla loro polverizzazione di quelle polacche in Ucraina. Potrebbe invece accordarsi in modo asimmetrico spartire l’Ucraina come rapido compromesso di allentamento dell’escalation per evitare la terza guerra mondiale.

Detto questo, non si può escludere un intervento limitato, concentrato nell’Ucraina occidentale e focalizzato su ruoli non combattenti, anche se il lettore dovrebbe sapere che l’ ultimo sondaggio di un importante think tank europeo ha dimostrato che sarebbe ancora molto impopolare tra i polacchi. Ciò potrebbe assumere la forma di una “no-fly zone” su Lvov, attorno alla quale potrebbero basarsi i suoi investimenti militari, industriali e di altro tipo, e il dispiegamento di truppe in uniforme per scopi di addestramento insieme alle guardie pretoriane della “Legione Ucraina”.

La Russia non potrebbe ignorare questo sviluppo, se dovesse verificarsi, poiché così facendo potrebbe incoraggiare la NATO nel suo insieme a estendere rapidamente questo intervento guidato dalla Polonia per coprire tutto fino al Dnepr, dopo di che i falchi del blocco potrebbero diventare vivaci e flirtare con l’attraversamento del fiume per raggiungere minacciare le nuove regioni della Russia. Il risultante gioco del pollo nucleare qui descritto potrebbe finire in una catastrofe reciproca se la Russia ritenesse di dover utilizzare armi nucleari tattiche come ultima risorsa di autodifesa per fermare un’invasione imminente.

Si prevede quindi che la Russia risponda in modo cinetico all’introduzione ufficiale delle truppe polacche in Ucraina e/o ad una limitata “no-fly zone” sulle sue regioni occidentali, anche se, a seconda della portata dell’intervento della Polonia e della risposta della Russia, gli Stati Uniti potrebbero non ottenere direttamente coinvolti nella mischia. Per essere chiari, la Polonia potrebbe non fare nessuna delle due cose e rimanere formalmente fuori dal conflitto, ma i commenti di Kukula suggeriscono comunque fortemente che ci sono condizioni alle quali farà il grande passo.

Mentre una consistente minoranza della popolazione si conforma allo stereotipo dei polacchi entusiasti della guerra per procura della NATO contro la Russia in Ucraina, una minoranza più o meno uguale se ne è inasprita, mentre i polacchi nel loro insieme sono ancora moderatamente filo-ucraini, probabilmente a causa della situazione socio-economica. -fattori culturali e storici.

Il Consiglio Europeo per le Relazioni Estere (ECFR) ha pubblicato il suo ultimo sondaggio su “ Il significato della sovranità: le opinioni ucraine ed europee sulla guerra della Russia contro l’Ucraina ”, che include una visione dettagliata delle opinioni delle società europee su questi argomenti. Il presente articolo analizzerà però solo le opinioni dei polacchi poiché analizzare quelle di altre società va oltre lo scopo. Questo argomento è già stato trattato due volte quest’anno, per quanto il lettore può vedere dalle due analisi seguenti che dovrebbe considerare di scremare:

* 21 febbraio: ” Un sondaggio condotto da un importante think tank dell’UE ha dimostrato che le opinioni polacche nei confronti dell’Ucraina stanno notevolmente cambiando ”

* 27 marzo: “ Cosa dicono gli ultimi sondaggi sull’atteggiamento dei polacchi nei confronti dell’Ucraina e sulle proteste degli agricoltori? ”

L’ultimo sondaggio dell’ECFR includeva alcune delle stesse domande di quello pubblicato a febbraio, e i confronti verranno menzionati ogni volta che sarà rilevante, ma ci sono anche molte nuove domande che aggiungono molte più informazioni sulle opinioni della società polacca nei confronti dell’Ucraina. Lo scopo di questo esercizio è riportare le loro opinioni attuali, identificare come sono cambiate, se rilevante, e interpretare l’importanza complessiva di questi dati.

Alla domanda sull’esito più probabile del conflitto ucraino, il 19,7% ha affermato che finirà con la vittoria ucraina, il 14,3% ha detto che finirà con quella russa, mentre il 33,9% ha detto che finirà con un compromesso. Questo rispetto al 17%, 14% e 27% dell’ultimo sondaggio. Alla domanda sull’esito se l’Ucraina ricevesse un aumento delle armi, i dati cambiano al 34,7%, 7,4% e 29,2%. Quella domanda di follow-up non era inclusa nel sondaggio originale, quindi non ci sono dati precedenti da confrontare.

La domanda successiva riguardava quando finirà il conflitto, con l’8% dei polacchi che prevede che avverrà entro il prossimo anno, il 51% prevede una fine tra 1 e 5 anni, il 10% più a lungo, e il 4% ritiene che finirà non finirà mai. Per quanto riguarda coloro che considerano la forza militare della Russia un ostacolo alla riconquista dei territori perduti da parte dell’Ucraina, il 50% dei polacchi pensa che sia grande e il 23% lo ritiene moderato, mentre il 7% pensa che sia un piccolo ostacolo e solo il 3% pensa che non lo è affatto.

Ai polacchi è stato poi chiesto quale fosse la probabilità che la Russia attaccasse un paese europeo, che il 15% dei polacchi ritiene molto probabile e il 35% piuttosto probabile, rispetto all’8% che la valuta molto improbabile e al 23% piuttosto improbabile. Per quanto riguarda una guerra calda NATO-Russia, che il 5% ritiene molto probabile e il 21% piuttosto probabile rispetto al 12% che la ritiene molto improbabile e al 39% che la ritiene piuttosto improbabile. In altre parole, il 50% si aspetta che la Russia attacchi un paese europeo, ma solo il 26% pensa che questo porterà ad una guerra con la NATO.

Ciò indica o sfiducia nell’impegno della NATO nei confronti dell’Articolo 5 oppure i polacchi danno per scontato che la Moldavia e/o la Georgia, che non sono membri della NATO, saranno attaccate. Non è chiaro, ma la seconda spiegazione è più probabile. La domanda successiva ha prodotto i risultati più sorprendenti rispetto alla prima indagine ECFR. L’ultimo ha affermato che il 9% dei polacchi considera il ruolo dell’UE nel conflitto molto positivo e il 42% piuttosto positivo, contro il 5% che lo considera molto negativo e l’8% piuttosto negativo.

Solo pochi mesi fa, tuttavia, il 34% aveva espresso una valutazione positiva e il 31% negativa, senza alcuna possibilità al momento di chiarire il grado in cui sostenevano ciascuna opinione a differenza dell’ultimo sondaggio. Non è chiaro cosa spieghi questo drastico cambiamento, dal momento che le ultime elezioni parlamentari dell’UE hanno dimostrato che le opinioni dei polacchi rimangono più o meno altrettanto partigiane quanto durante quelle parlamentari dello scorso autunno. Una possibilità è che gli accordi di garanzia della sicurezza dell’Ucraina e i colloqui con i paesi dell’UE abbiano influenzato la loro impressione.

Andando avanti, ai polacchi è stato poi chiesto se gli alleati dell’Ucraina dovessero aumentare le forniture di munizioni e armi, cosa che il 66% ha detto essere una buona idea rispetto al 18% che ha detto che era una cattiva idea. Basandosi su questo argomento e quello precedente, il 50% dei polacchi ritiene che l’UE dovrebbe sostenere l’Ucraina nella riconquista dei territori perduti, mentre il 26% pensa che dovrebbe spingere Kiev verso colloqui di pace. Ciò rispetto al 47% e al 23% del primo sondaggio all’inizio di quest’anno, quindi non si è verificato alcun cambiamento significativo.

Un altro punto interessante in cui i dati sono rimasti gli stessi riguarda il punto di vista dei polacchi sul fatto che il loro paese sia in guerra con la Russia. Il 20% era d’accordo e il 62% non era d’accordo durante l’ultimo sondaggio, che è più o meno lo stesso di ciò che hanno detto coloro che hanno condiviso le loro opinioni sull’argomento l’anno scorso (22% e 60%). Quella domanda non era inclusa nel sondaggio dell’inizio del 2024, ma in uno precedente. La conclusione è che il cambio di leadership della Polonia lo scorso anno non ha avuto alcuna influenza sulla posizione dei polacchi rispetto a questa questione.

Alla domanda su cosa pensassero dell’adesione dell’Ucraina all’UE, il 48% dei polacchi ha affermato che era una buona idea, rispetto al 31% che la considerava una cattiva idea. Il 69% dei primi ritiene che ciò aiuterebbe a porre fine al conflitto (29%), che l’Ucraina è culturalmente parte dell’Europa e appartiene all’UE (22%) e che ciò renderebbe l’UE più sicura (18%). Per quanto riguarda il secondo, il 74% ritiene che l’Ucraina sia troppo corrotta (26%), costerebbe troppo all’UE (18%), renderebbe l’UE meno sicura (15%) e avrebbe un impatto negativo sulla Polonia (15%).

Allo stesso modo, il 5% dei polacchi pensa che l’Ucraina aderirà all’UE entro il prossimo anno, mentre il 35% pensa che ciò avverrà entro i prossimi 1-5 anni, rispetto al 25% che pensa che ci vorranno più di 5 anni e che il 25% pensa che ci vorranno più di 5 anni. Il 13% pensa che non accadrà mai. Ricordiamo che in precedenza il 62% aveva previsto che il conflitto finisse entro i prossimi 5 anni, quindi il 22% di loro (o circa più di un terzo del totale di questa categoria) non crede che l’adesione all’UE avverrà entro tale lasso di tempo.

Verso la fine, l’ultimo sondaggio ha mostrato che solo il 14% dei polacchi che sostengono le proprie truppe nazionali combattono in Ucraina rispetto al 69% che si oppone, il che rappresenta un leggero cambiamento rispetto al precedente sondaggio ipertestuale della primavera condotto da una popolare stazione radio che mostrava che Il 9,4% lo sostiene. Ciò potrebbe essere spiegato da una crescente consapevolezza tra alcuni riguardo alle debolezze militari dell’Ucraina e al conseguente timore che l’Occidente possa essere strategicamente sconfitto dalla Russia a meno che la Polonia non intervenga convenzionalmente .

Di coloro che lo sostengono, il 62% vuole che la Polonia fornisca assistenza tecnica mentre il 58% vuole che pattugli il confine bielorusso-ucraino, che ha recentemente visto un rafforzamento militare ucraino avvenuto più di un mese dopo l’indagine di maggio. Solo il 14% vuole che la Polonia combatta direttamente la Russia. Ciò dimostra che anche coloro che vogliono che la Polonia intervenga convenzionalmente nel conflitto sono in stragrande maggioranza a favore che le loro truppe svolgano solo un ruolo non combattente.

Infine, il 53% dei polacchi concorda sul fatto che il conflitto ucraino ha dimostrato che la Polonia dovrebbe spendere di più per la difesa, anche a scapito del taglio della spesa per sanità, istruzione e prevenzione della criminalità, mentre solo il 23% non è d’accordo. Il 15% “non lo sa”, mentre il 9% ha detto “nessuno dei due”, qualunque cosa si voglia trasmettere, anche se si può presumere che entrambi non siano d’accordo con la domanda. Pertanto, il Paese è più o meno diviso a metà su questa questione emotiva.

Il risultato dell’ultimo sondaggio dell’ECFR è che una consistente minoranza della popolazione polacca ha opinioni che contraddicono gli stereotipi popolari. Osservatori occasionali presumono che la maggior parte dei polacchi siano entusiasti della guerra per procura della NATO contro la Russia in Ucraina, anche se la realtà è che non pochi non lo sono, anche se alcuni di loro effettivamente si conformano a questa aspettativa. La maggioranza della popolazione è in realtà solo “moderatamente” a favore. Ecco una rassegna dei dati più rilevanti a sostegno di questa conclusione.

Il 33% ritiene che il conflitto finirà con un compromesso; Il 31% non si aspetta che la Russia attacchi un paese europeo; Il 51% pensa che una guerra calda NATO-Russia sia improbabile; Il 62% non considera la Polonia in guerra con la Russia; Il 13% ritiene negativo il ruolo dell’UE nel conflitto; Il 31% non pensa che l’Ucraina dovrebbe aderire al blocco; Il 18% pensa che inviare più munizioni e armi lì sia una cattiva idea; Il 26% pensa che si dovrebbe invece spingere l’Ucraina verso colloqui di pace; Il 69% si oppone a qualsiasi titolo all’invio di truppe polacche in Ucraina; e il 47% di loro può essere considerato contrario all’aumento della spesa militare a scapito della spesa sociale.

Al contrario, solo il 19,7% pensa che il conflitto finirà con la vittoria dell’Ucraina; Il 50% pensa che la Russia attaccherà un paese europeo; Il 26% teme che sia probabile una guerra calda NATO-Russia; solo il 20% ritiene che la Polonia sia in guerra con la Russia; Il 51% ritiene positivo il ruolo dell’UE nel conflitto; Il 48% vuole che l’Ucraina aderisca all’UE; Il 66% vuole maggiori aiuti militari all’Ucraina; Il 50% pensa che si dovrebbe continuare ad aiutare il paese finché non riconquisterà i territori perduti; solo il 14% vuole truppe polacche lì (e meno del 2% degli intervistati vuole che combattano contro la Russia); e il 51% vuole aumentare la spesa per la difesa a scapito della spesa sociale.

Come si può vedere, mentre una minoranza considerevole della popolazione si conforma allo stereotipo dei polacchi entusiasti della guerra per procura della NATO contro la Russia in Ucraina, una minoranza più o meno uguale si è inasprita, anche se ciò non significa automaticamente che loro siano anti-ucraini o anti-occidentali. La maggior parte dei polacchi nel loro insieme sono moderatamente filo-ucraini, il che può essere attribuito a fattori socio-culturali e storici, ma non sono russofobi radicali come gli osservatori casuali avrebbero potuto finora supporre.

Secondo Orban i cristiani dovrebbero promuovere la pace, ma la pace deve essere affrontata politicamente e non burocraticamente, altrimenti non si otterrà mai nulla.

Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha rilasciato una videointervista di venti minuti al quotidiano svizzero Die Weltwoche in cui ha condiviso informazioni dettagliate sui suoi sforzi di mediazione. È in inglese e può essere visto qui , ma il presente pezzo riassumerà ciò che ha detto per comodità del lettore. Dopo qualche chiacchierata con il suo interlocutore, Orban ha chiarito ai suoi critici che è un amico innanzitutto degli ungheresi e anche della pace, non un burattino russo come lo dipingono male.

Ha detto che sta cercando la via più breve e veloce per fermare il conflitto e portare la pace. Ha poi affermato di aver iniziato i preparativi per la sua visita a Mosca subito dopo i colloqui con Zelenskyj e di averli tenuti segreti, ma che sono trapelati dopo che il suo aereo ha richiesto il transito attraverso lo spazio aereo polacco. Riguardo alla segretezza, ha lasciato intendere che avrà in programma degli incontri altrettanto sorprendenti per la prossima settimana, ma non ha suggerito con chi e dove saranno.

Secondo Orban i cristiani dovrebbero promuovere la pace, ma la pace deve essere affrontata politicamente e non burocraticamente, altrimenti non si otterrà mai nulla. Ha rivelato di essersi preparato spiritualmente in anticipo e di non essere infastidito da tutte le critiche che riceve dall’Occidente poiché è convinto che i colloqui siano il primo passo sulla strada della pace. A questo proposito ha osservato che è l’unico leader occidentale che può intrattenere un dialogo con Kiev e Mosca.

Tutti i suoi colleghi hanno creato una situazione in cui ora non hanno alcuna possibilità di comunicare con i due principali attori di questo conflitto. Orban ritiene che sia emotivamente inaccettabile, terribile e negativo perpetuare i combattimenti poiché molti bambini rimangono orfani a causa dell’alto tasso di vittime. È quindi disposto a pagare qualsiasi prezzo politico a Bruxelles per sfruttare la nuova posizione speciale del suo Paese come presidente di turno del Consiglio dell’UE per ottenere il ruolo di mediatore tra Ucraina e Russia.

Per quanto riguarda i suoi colloqui con Putin, Orban ha anche sottolineato che è il primo leader occidentale a incontrarlo da quando il cancelliere austriaco Karl Nehammer ha visitato Mosca nell’aprile 2022. Ha poi detto di avergli posto tre domande, la prima delle quali è cosa pensa i piani di pace già sul tavolo per chiarire la sua comprensione. Il leader russo, ha detto, considera tutti i piani, come quello congiunto sino-brasiliano, ed è pronto a riprendere i negoziati sulla base del progetto di trattato di pace a partire dalla primavera del 2022.

Putin ha anche detto che prende in considerazione tutti gli altri piani, ad eccezione ovviamente degli ultimatum di Zelenskyj, ma i veri negoziati non possono iniziare con il coinvolgimento della Russia. La seconda domanda che Orban ha rivolto a Putin è stata se prenderebbe in considerazione un cessate il fuoco prima della ripresa dei colloqui di pace, alla quale ha risposto che non è ottimista al riguardo perché l’Ucraina lo userà contro la Russia. Tuttavia, Orban ha insistito affinché ci pensasse ancora e non lo liquidasse a priori.

Infine, la terza domanda riguardava la visione di Putin per l’architettura di sicurezza europea dopo la fine del conflitto, alla quale ha detto che ha in mente un piano dettagliato ma che è troppo presto per parlarne pubblicamente. Anche così, Putin ha anche detto a Orban che è pronto a parlarne con altri se sono interessati. Al leader ungherese è stato poi chiesto se pensava che Putin si sentisse amareggiato, ingannato, deluso e/o in piena modalità combattiva per affrontare l’Occidente, ma Orban ha detto di non aver mai visto Putin arrabbiato.

Questo perché durante il loro primo incontro nel 2009 hanno concordato che il rispetto reciproco sarà alla base del loro legame, quindi lui non lo ha mai offeso, motivo per cui non sa come si comporta quando è arrabbiato. I loro colloqui si svolgono sempre di buon umore e Orban ha elogiato Putin come una persona razionale al 100% e molto disciplinata. È quindi una sfida negoziare con lui poiché bisogna essere preparati a tenere il passo con il suo livello intellettuale e politico. Come era prevedibile, Orban ha detto che Putin ha parlato più di lui.

Poi ha detto che tutti, compresi i due partecipanti alle primarie, sanno che l’ ucraino Il conflitto prima o poi deve finire e la pace è sempre una buona cosa. L’obiettivo della sua diplomazia dello shuttle era creare la speranza che ciò non fosse impossibile e dimostrare che i loro leader possono trovare una via d’uscita attraverso di lui, se lo desiderano. La pace deve basarsi sulla comprensione reciproca e sulle intenzioni reciproche, ed egli sperava che i suoi ospiti sarebbero stati incoraggiati a muoversi in questa direzione dai suoi incontri con loro.

In quanto leader occidentale, Orban ha affermato che alcuni potrebbero percepirlo come un nemico della Russia, ma è proprio per questo che la sua visita a Mosca ha creato tanta speranza di pace poiché è stato il primo dei suoi colleghi a incontrare Putin e a parlargli in un modo diverso. modo mantenendo un dialogo reciprocamente rispettoso. Si è paragonato all’ex presidente francese Nicolas Sarkozy, che visitò Mosca per incontrare l’ex presidente russo Dmitry Medvedev durante la breve guerra russo-georgiana nell’agosto 2008.

Questo era un esempio della leadership politica che Orban voleva emulare attraverso la sua diplomazia dello shuttle. Ha poi spiegato che non accadrà nulla se la pace viene considerata da una prospettiva puramente burocratica e che occorre lavorare per ottenerla poiché non si realizzerà da sola. I colloqui sono il primo passo in questa direzione poiché riaprono le relazioni diplomatiche e i canali di comunicazione. Orban ha poi concluso l’intervista accennando ancora una volta al suo incontro a sorpresa di lunedì.

Nel complesso, è chiaro che è sincero nei suoi sforzi di mediazione, anche se Zelenskyj rimane recalcitrante e il suo ministero degli Esteri ha espresso indignazione per il fatto che Orban abbia condotto colloqui con Putin sul conflitto senza la partecipazione del loro paese. Anche l’assistente senior di Zelenskyj, Mikhail Podolyak, ha appena detto che eventuali mediatori non dovrebbero chiedere un cessate il fuoco immediato. Comunque sia, le dinamiche strategico-militari del conflitto potrebbero alla fine portare Zelenskyj a ricorrere ai servizi di mediazione di Orban.

Orban ha un sentimento così forte nei confronti della pace a causa del suo profondo orgoglio per la civiltà europea e del conseguente lamento nel vederla lacerata da questo conflitto.

Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha visitato Mosca venerdì prima del suo viaggio in Azerbaigian il giorno dopo per partecipare al vertice annuale dell’Organizzazione degli Stati turchi che si terrà  quest’anno. Ciò è avvenuto poco dopo il suo viaggio a Kiev, il primo che ha intrapreso dall’ultima fase del decennale conflitto ucraino iniziata quasi 18 mesi fa, dove ha discusso di pace e relazioni bilaterali con Zelenskyj. Come era prevedibile, i maggiori esponenti europei non hanno accolto di buon occhio la sua visita a Mosca.

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha reagito ricordando a Orban che non può negoziare a nome dell’UE durante la presidenza di turno del Consiglio dell’UE da parte del suo paese, mentre il primo ministro polacco Donald Tusk si è espresso scioccato per la notizia e ha lasciato intendere che Orban sarebbe il presidente di Putin. “attrezzo”. Le parole del secondo leader sono state particolarmente sorprendenti poiché l’Ungheria è il più antico alleato della Polonia e ogni anno il 23 marzo festeggiano la loro amicizia secolare .

Le differenze tra loro sono emerse dall’inizio dell’operazione speciale della Russia , quasi due anni e mezzo fa, dopo che l’ex governo nazionalista-conservatore della Polonia ha trattato con freddezza le sue controparti ideologiche in Ungheria nei confronti dell’opposizione di Orban ad armare l’Ucraina e perpetuare il conflitto. Comunque sia, si sono astenuti dal fare le osservazioni palesemente maleducate che Tusk ha appena fatto, motivate a riaffermare la sua ideologia liberale – globalista a scapito della loro storica amicizia.

Michel, Tusk e i loro simili sono così infuriati con Orban perché temono che possa effettivamente contribuire a realizzare progressi tangibili nel rilanciare una sorta di quadro di colloqui di pace russo-ucraini prima del G20 di novembre, che potrebbe dissipare il falso senso di urgenza per la loro “ UE ”. piani della linea di difesa ”. La Polonia ha già convinto la Germania ad assumersi la responsabilità parziale della sicurezza del suo confine orientale ed è probabile che Berlino presto accetterà di assumere lo stesso ruolo per i paesi baltici per aiutarli a fortificare anche la loro frontiera.

È imperativo che l’élite liberal-globalista al potere dell’UE costruisca questa nuova cortina di ferro per la nuova guerra fredda al fine di continuare a manipolare le loro popolazioni affinché sostengano spese militari record e rimangano subordinate agli Stati Uniti dopo che questi hanno riaffermato la loro egemonia precedentemente in declino su di loro nel 2022. Non vogliono assolutamente che Orban utilizzi la ritrovata posizione europea del suo Paese per sensibilizzare il mondo sulla generosa proposta di cessate il fuoco del presidente Putin e su qualsiasi altro compromesso pragmatico.

A questo proposito, il leader russo ha dichiarato, durante una conferenza stampa dopo il vertice della SCO ad Astana della scorsa settimana, che non si impegnerà in un cessate il fuoco unilaterale dopo essere stato ingannato con quello parziale da lui approvato nella primavera del 2022 ritirando le truppe da Kiev in modo da facilitare la firma di un accordo di pace. Per questo motivo ha chiesto all’Ucraina di compiere questa volta passi irreversibili per dimostrare che prende sul serio la pace e che non lo prende ancora una volta per il naso dopo aver apertamente ammesso a dicembre di non essere più ingenuo.

Tuttavia, rimane aperto al compromesso , e qui sta il ruolo che Orban può svolgere nel contribuire ad avvicinare la Russia, l’Ucraina e gli Stati Uniti a tale risultato. Secondo lui, la sua missione di pace consiste nel vedere quali concessioni ciascuna parte è disposta a fare. Orban ha anche chiarito che non ha bisogno di un mandato europeo per questo, poiché sta mediando solo a titolo personale e non negoziando per conto del blocco. Michel, Tusk e gli altri sono quindi legalmente impotenti a fermarlo.

Anche se non si può saperlo con certezza, è possibile che Orban si stia coordinando in una certa misura con Cina e Brasile – il cui consenso di pace in sei punti di fine maggio potrebbe gettare le basi per colloqui sostenuti dalla Cina ma guidati dal Brasile prima o dopo durante il G20 – o allineandosi in modo indipendente a questa visione. La Svizzera, che ha ospitato i colloqui del mese scorso sull’Ucraina, ha già affermato che i prossimi colloqui non si svolgeranno in Occidente e includeranno la Russia, quindi lo scenario precedente non è inverosimile.

Affinché ci sia qualche possibilità di successo, tuttavia, una visione chiara delle effettive linee rosse di ciascuna parte – non quelle dichiarate pubblicamente che potrebbero essere descritte come ostentazioni – deve essere compresa da una terza parte ben intenzionata al fine di elaborare proposte pratiche per restringere il campo. il divario tra loro da parte del G20. Sebbene il rappresentante speciale cinese per gli affari eurasiatici Li Hui abbia già portato avanti ormai da mesi la diplomazia dello shuttle a tal fine, gli sforzi di Orban possono migliorarli in alcuni modi importanti.

A differenza del diplomatico cinese, il leader ungherese ha contatti regolari con le sue controparti europee, quindi ha una comprensione molto migliore degli interessi del blocco e di quanto lontano potrebbero realisticamente spingersi per la pace. Può anche fungere da canale di comunicazione informale tra Mosca e Bruxelles, cosa che Li non può fare a causa dei limiti della sua posizione. Un altro vantaggio che Orban porta sul tavolo è che è un personaggio pubblico e può quindi rimodellare positivamente la percezione pubblica occidentale in direzione della pace.

A dire il vero, il successo non è assicurato, ed è più probabile che la sua missione di pace alla fine non si traduca in nulla se non nell’aiutare a preparare il terreno per i colloqui di pace del G20 di novembre. Anche così, non c’è nulla di male nel provarci, e Orban ha accesso ed esperienza come nessun altro. Ha un sentimento così forte nei confronti della pace a causa del suo profondo orgoglio per la civiltà europea e del relativo lamento nel vederla lacerata da questo conflitto. Le intenzioni del leader ungherese sono quindi sincere e nessuno deve dubitare che ce la metterà tutta.

Ciò rappresenta l’espansione senza precedenti dell’influenza militare tedesca nel secondo dopoguerra, che viene avanzata con un falso pretesto anti-russo con il pieno appoggio americano.

I sostenitori del primo ministro polacco Donald Tusk avevano finora respinto le affermazioni del leader dell’opposizione Jaroslaw Kaczynski secondo cui sarebbe un ” agente tedesco ” come una teoria del complotto, ma ora hanno le uova in faccia dopo che Tusk ha invitato la Germania ad assumersi la responsabilità parziale della sicurezza del confine orientale della Polonia. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, che nel dicembre 2022 aveva apertamente espresso intenzioni egemoniche in un manifesto per gli affari esteri, ha prontamente acconsentito con il pretesto che la loro sicurezza è collegata.

Proprio mentre Tusk ospitava Scholz a Varsavia, il ministro della Difesa polacco Wladyslaw Kosiniak-Kamysz era a Vilnius dove lui e la sua controparte lituana hanno chiesto alla NATO e all’UE di “ internazionalizzare ” i loro confini con Bielorussia e Russia, chiedendo poi a Bruxelles di finanziare un “ linea di difesa ”. Anche la Lettonia e l’Estonia stanno partecipando a questo progetto, ed è probabile che anche la vicina Finlandia si unisca, con il sostegno richiesto dall’UE guidata dalla Germania che sarà facilitato dall’adesione allo “ Schengen militare ”.

Questo concetto si riferisce all’accordo siglato a metà febbraio tra Polonia, Germania e Paesi Bassi per l’ottimizzazione della logistica militare tra di loro. La Francia si è appena unita , ed è probabile che anche gli Stati baltici e forse alcuni altri possano aderire durante il vertice della NATO della prossima settimana . L’obiettivo finale è quello di costruire la “ Fortezza Europa ”, o una zona militare a livello europeo guidata dalla Germania che consentirà a Berlino di contenere la Russia per conto di Washington mentre gli Stati Uniti “pivot (back) to Asia” per contenere la Cina.

La Polonia era già pronta a svolgere un ruolo indispensabile in questo accordo, come è stato spiegato qui all’inizio della primavera, con le previsioni dell’analisi dei collegamenti ipertestuali che si stavano rapidamente concretizzando dopo gli ultimi sviluppi interconnessi a Varsavia e Vilnius la scorsa settimana. È interessante notare che queste tendenze sono in linea con il piano NATO riportato da Trump, proposto per la prima volta quasi un anno e mezzo fa, nel febbraio 2023, ma che solo di recente ha suscitato l’attenzione dei media, di cui i lettori possono saperne di più qui .

In poche parole, prevede che gli Stati Uniti si ritireranno dall’Europa a favore di una rifocalizzazione dei propri sforzi militari sull’Asia, con la formazione di coalizioni sotto-blocco per contenere la Russia. Questo è esattamente ciò che si sta verificando in parte oggi rispetto agli ultimi progressi compiuti nell’attuazione della politica della “Fortezza Europa” guidata dalla Germania. La differenza fondamentale è che gli Stati Uniti non hanno (ancora?) ridistribuito le proprie forze dall’Europa all’Asia, né hanno (ancora?) minacciato di rimuovere il proprio ombrello nucleare dai parsimoniosi membri della NATO.

Tuttavia, ciò che è stato realizzato finora è già strategicamente significativo poiché rappresenta l’espansione senza precedenti dell’influenza militare tedesca nel secondo dopoguerra, che viene avanzata con un falso pretesto anti-russo con il pieno appoggio americano. La Germania si sta preparando ad assumersi la responsabilità parziale della sicurezza del confine orientale della Polonia, facilitata come sarà dallo “Schengen militare”, che potrebbe facilmente portarla ad espandere la sua influenza in tutti i Paesi Baltici una volta che aderiranno.

Metà del confine NATO-russo potrebbe quindi presto finire sotto il controllo parziale tedesco, mentre l’altra metà potrebbe cadervi anch’essa nel caso in cui la Finlandia aderisca allo “Schengen militare” e si unisca alla “linea di difesa dell’UE”, in modo così minaccioso. simile al periodo precedente all’Operazione Barbarossa. Ciò non vuol dire che la Germania si stia preparando ancora una volta a invadere la Russia, ma solo che ciò invia senza dubbio un messaggio molto forte e avrà sicuramente un forte impatto psicologico sui politici russi.

Nell’arco di due anni e mezzo, la Germania si è trasformata da partner più stretto in Europa a uno dei suoi più grandi rivali, anche se ci vorrà ancora molto tempo perché la Germania ricostruisca la propria capacità militare al punto da poter nuovamente rappresentare una minaccia credibile per la Russia da sola. Controintuitivamente, i nuovi piani strategico-militari della Germania, sostenuti dagli Stati Uniti, potrebbero quindi aumentare le possibilità di congelare il conflitto ucraino a condizioni migliori per la Russia, dal momento che Berlino e i suoi subordinati hanno bisogno di tempo per riarmarsi.

La Russia sta battendo la NATO nella “ corsa logistica ”/” guerra di logoramento ” con un margine così ampio che Sky News ha scioccamente riferito a fine maggio che sta costruendo il triplo dei proiettili ad un quarto del prezzo. La maggior parte dei membri della NATO ha già speso le proprie scorte armando l’Ucraina e non potrà sostituirle finché tutto ciò che stanno producendo verrà inviato all’ex Repubblica sovietica mentre il conflitto infuria. Di conseguenza, esiste una logica nel congelarlo entro la fine dell’anno , consentendo così all’UE di riarmarsi entro il 2030 circa.

Detto questo, la fazione liberale – globalista al potere in Occidente rimane ideologicamente impegnata nella causa persa di infliggere una sconfitta strategica alla Russia, come dimostrato dalle ultime escalation da fine maggio ad oggi, di cui i lettori possono imparare di più in questa analisi qui che ne enumera anche diversi. quelli correlati. Tenendo d’occhio l’imminente rafforzamento militare europeo guidato dalla Germania lungo i suoi confini occidentali, la Russia potrebbe quindi avere meno probabilità di congelare il conflitto senza prima raggiungere alcuni dei suoi obiettivi di sicurezza nazionale.

Dopotutto, l’architettura di sicurezza europea è sostanzialmente cambiata in peggio nel corso dell’operazione speciale, poiché la NATO ha sfruttato la mossa rivoluzionaria della Russia per intensificare le minacce che pone ai confini di quel paese, lasciando così l’Ucraina l’unico posto in cui la Russia può raggiungere un obiettivo. zona cuscinetto. L’incapacità di farlo, anche in parte, come ad esempio garantendo la smilitarizzazione parziale delle regioni ucraine controllate da Kiev a est del Dnepr come proposto qui , renderebbe le cose ancora peggiori per la Russia.

I politici russi ne erano già profondamente consapevoli, ma ora viene loro ricordata l’Operazione Barbarossa come risultato della minacciosa Germania che ricrea i preparativi per la più grande invasione del mondo attraverso le sue mosse strategico-militari in Polonia e probabilmente presto negli Stati Baltici e forse in Finlandia. pure. Se di conseguenza la Russia mantenesse ferma almeno l’aspetto della smilitarizzazione parziale dei suoi obiettivi di sicurezza nazionale in questo conflitto, allora la NATO potrebbe essere costretta ad accettare questo per disperazione, al fine di guadagnare tempo per riarmarsi.

Trasformare il conflitto ucraino nell’ultima “guerra per sempre”, come intendono fare i liberal-globalisti, rischia di innescare la terza guerra mondiale per errori di calcolo se la Russia riuscisse a ottenere una svolta militare in prima linea di cui poi la NATO approfitterebbe per avviare un intervento convenzionale per fermare il suo avanzamento. Anche se questo scenario non si realizzasse e la linea del fronte rimanesse in gran parte statica per un futuro indefinito, allora la “Fortezza Europa” continuerebbe a fallire poiché verrà implementata solo la struttura, non la sostanza.

Avere più paesi che aderiscano allo “Schengen militare” in parallelo con la Germania che rafforza la sua presenza militare lungo il confine orientale del blocco guidando la costruzione della sua “linea di difesa” non equivarrà a molto finché le scorte dell’UE rimarranno vuote se continuano a inviare tutto in Ucraina. Dal momento che, a causa delle mosse della Germania, è meno probabile che la Russia congelare il conflitto se non raggiunge una sorta di zona cuscinetto in Ucraina, ora crescono le probabilità che la NATO possa accettare un compromesso.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Servizio a quale nazione?_di AURELIEN

Servizio a quale nazione?

Perché si dovrebbe smettere di parlare di coscrizione.

Da qualche parte, tra i detriti lasciati sulla scia dell’erratica e sconclusionata risposta occidentale alla crisi ucraina, avrete probabilmente notato l’idea di reintrodurre una sorta di coscrizione, o servizio militare nazionale. La cosa più politica che si possa dire di questa idea è che non è ben pensata, e anche la reazione contro di essa non è molto informata. Inoltre, l’argomento è stato affrontato in modo sproporzionato dagli americani, il cui punto di riferimento è la guerra del Vietnam e la reazione ad essa. Si tratta di un episodio talmente atipico e di valore così limitato per la discussione dell’argomento che lo lascerò da parte e non lo tratterò. Mi concentrerò invece su tre domande. Perché vorreste la coscrizione, per cosa usereste i soldati di leva e se il ritorno della coscrizione è effettivamente fattibile. Non ho ancora visto affrontare in modo approfondito nessuna di queste domande, quindi suppongo che sia meglio farlo.

Ma prima voglio fare e illustrare un punto generale. Come per molti dei saggi che ho scritto di recente sui temi della sicurezza contemporanea, il diavolo si nasconde nei dettagli. Se non vi piacciono i dettagli, o se una rapida scorsa a questo testo vi convincerà della mia tesi, va bene. Ma in caso contrario, vi prego di seguirmi.

Perché? Perché alla fine è il dettaglio a decidere se le cose funzionano bene o meno. Il dettaglio significa pensare alle possibilità in modo strutturato e in ogni punto chiedersi: “Possiamo fare questo?” e “Qual è il rapporto con questo?”. La società occidentale ha spesso avuto un rapporto ambiguo con i dettagli e la nostra capacità di concentrarci sui dettagli, o anche di accettare che siano importanti, è diminuita rapidamente nelle ultime due generazioni. (Se volete, sostituite la parola “precisione” con “dettaglio”) Questo punto è diventato evidente per la prima volta negli anni ’70, con l’arrivo in Occidente delle automobili e dell’elettronica di consumo giapponesi. Ciò che colpì la gente non fu il fatto che fossero a buon mercato (non lo erano particolarmente, anche se la produzione di precisione e l’attenzione ai dettagli facevano molto per mantenere i prezzi bassi), ma che erano progettati e prodotti con un grado di precisione e attenzione ai dettagli che la maggior parte dei produttori occidentali poteva solo fantasticare. Pertanto funzionavano correttamente e duravano per sempre. E se si conosce la cultura giapponese, con la sua ossessiva attenzione ai dettagli, non c’è da sorprendersi. Questa attenzione non era solo tecnica, ma si applicava al modo in cui le organizzazioni e le strutture interagivano con la vita quotidiana. Dopo tutto, in un’affollata stazione della metropolitana di Tokyo, perché non indicare dove le persone devono stare in piedi in modo che siano rivolte verso le porte di apertura dei treni? Non serve un dottorato di ricerca per capirlo.

Alcune culture occidentali hanno affrontato le cose in modo simile. (Anche oggi, ad esempio, si può camminare in una città della Germania o dell’Austria o della Svezia e pensare che questa è un’idea intelligente! ). Ma la crescente finanziarizzazione della nostra società e la privatizzazione delle funzioni pubbliche hanno fatto sì che oggi si presti molta meno attenzione a fare le cose in modo corretto. Finché il risultato viene rispettato e il compito viene più o meno portato a termine, questo è tutto ciò che conta. La differenza è essenzialmente culturale: o i vertici di un’organizzazione pensano che Fare le cose in modo corretto sia importante, o non lo pensano. Una volta che iniziano a preferire Fare le cose in modo redditizio come obiettivo, si assiste a un declino. Ma soprattutto, ciò comporta una perdita di capacità effettiva a tutti i livelli, di pianificare e svolgere compiti reali con precisione. Le persone che prosperano sono quelle che sanno come colpire obiettivi spesso arbitrari, o almeno sembrano farlo, a prescindere dal fatto che questo porti a termine il lavoro.

Si tratta di un importante contributo alla dequalificazione dei governi, delle organizzazioni e delle aziende private occidentali, e lo vediamo ovunque. Quanto di recente avete provato a utilizzare un sito web che si è bloccato e ha perso i vostri dati, o che si è rifiutato di svolgere le funzioni che dichiarava di svolgere? Quanto di recente vi è capitato di non riuscire a contattare un essere umano o a porre la domanda che volevate fare tra venti domande ridondanti? Quante volte le organizzazioni governative non hanno risposto correttamente alle vostre esigenze? Quante volte avete dovuto rispedire gli articoli ad Amazon perché non funzionavano? Quante volte i pacchi non sono stati consegnati perché affidati a un subappaltatore di un subappaltatore che utilizza manodopera occasionale non qualificata? Conoscete il genere di cose. Ma si applica in modo pervasivo: le porte che si staccano dagli aerei e dalle astronavi Boeing, il molo di Gaza, l’incapacità del Regno Unito di costruire anche solo una piccola rete di treni ad alta velocità, i ritardi nella costruzione di centrali nucleari, gli sforamenti dei costi dei progetti di equipaggiamento militare, il disastro organizzativo e tecnico che è stato la risposta di Covid in molti Paesi occidentali… l’elenco è quasi infinito, e sono sicuro che ve ne verranno in mente molti altri.

È probabile che la semplice risposta sia che i governi occidentali non possono introdurre la coscrizione, perché non hanno più le capacità tecniche e manageriali, e nemmeno la volontà, di pensare e attuare i dettagli. Un’intera generazione di manager, leader e politici ora vuole solo il “quadro generale”. Ho sentito parlare per la prima volta da un collega americano, quasi vent’anni fa, della pratica di non inviare più brief scritti ai responsabili delle decisioni, ma solo diapositive in Powerpoint. Questa pratica sembra essere diventata ormai pervasiva, ignorando il dettame di Lord Acton secondo cui tutto il potere corrompe, e Powerpoint corrompe in modo assoluto. Con Powerpoint non si possono fare sfumature o dettagli: forse l’ottavo punto di una diapositiva dirà qualcosa come “trovare un fornitore che fornisca X”, dopodiché l’argomento verrà dimenticato fino a quando non ci si accorgerà di averlo fatto.

Nel caso del servizio di leva, possiamo aggiungere la quasi totale ignoranza delle élite oggi al potere in materia di sicurezza e difesa. Non parlo di contare i carri armati o di riconoscere le uniformi, che si possono imparare, ma di una comprensione intellettuale delle questioni e della capacità di discuterle e di prendere decisioni in merito. Considerate, per cosa volete la coscrizione e, e sapete almeno di cosa si tratta?

Cominciamo con la parte più semplice. La coscrizione è un sistema che obbliga legalmente i cittadini a prestare servizio nelle forze armate per un certo periodo. È stata spesso una caratteristica delle guerre moderne, ma credo che qui si parli della pratica di richiedere ai giovani di prestare servizio militare per un periodo in tempo di pace, o quando raggiungono una determinata età, o almeno in un certo periodo di anni. La coscrizione può avere una durata variabile da mesi ad anni e di solito comporta l’obbligo di svolgere un addestramento regolare e di tornare in servizio attivo se necessario. Allora, perché si dovrebbe volere un sistema del genere? In alcuni casi, si sostiene che ci siano vantaggi sociali e politici, anche se questo è un discorso a parte, su cui torneremo alla fine. Ma a parte questo?

La risposta abituale è il numero, e dipende dalla portata del conflitto che si prevede. È vero che nelle prime società ogni maschio adulto era un guerriero e che l’iniziazione a guerriero era un rito di passaggio dall’infanzia all’età adulta. Quando le società sono diventate più grandi e complesse, le regole sono cambiate. Ci sono semplicemente troppi modelli alternativi nel corso della storia per esaminarne anche solo un campione, che non aggiungerebbe nulla all’argomento. Mi limiterò a dire che essi comprendono il soldato cittadino, il militare professionista, l’esercito di schiavi, l’esercito mercenario e, naturalmente, l’esercito di leva. Ma prima di immergersi in una discussione su quest’ultimo, c’è una domanda preliminare: su quali basi si decide?

Alcune questioni sono puramente pratiche. Una potenza insulare o marittima potrebbe essere obbligata a investire la maggior parte del suo denaro in una marina professionale. Una repubblica potrebbe imporre l’obbligo del servizio militare in cambio della cittadinanza. Una nazione fortemente agricola potrebbe avere difficoltà a risparmiare manodopera per i conflitti, soprattutto in certi periodi dell’anno. Una dittatura potrebbe preferire un piccolo esercito professionale perché più affidabile dal punto di vista politico. E così via.

Ma la questione veramente importante, che non è stata sollevata per nulla, a quanto vedo, in quello che passa per un dibattito qui, è: per cosa volete un esercito? (Gli argomenti a favore dell’arruolamento nell’aeronautica e nella marina sono diversi, soprattutto di questi tempi, e li lascerò da parte per un momento). Di solito si danno due tipi di risposte a questa domanda. La prima potrebbe essere descritta come normativa e aspirazionale. L’esercito (o le forze armate) serve a difendere i nostri confini e i nostri interessi nazionali. Può anche essere lì per difendere il nostro stile di vita, o i nostri valori, o i nostri interessi nazionali vitali, o persino la Costituzione, o per promuovere la pace e la stabilità nella regione. Il problema di queste concezioni delle forze armate è che non ci forniscono alcuna guida sui compiti effettivi che le forze armate dovrebbero svolgere, su come procedere, ad esempio, per difendere i nostri valori, o su quali siano i rischi e i pericoli da cui le forze armate ci proteggono, o su quali valori e interessi siano protetti, e su come possiamo sapere quando sono al sicuro. In ogni caso, la maggior parte di questi “compiti” sono o troppo vaghi per essere utilizzati per la pianificazione, o semplicemente impossibili in pratica. La stragrande maggioranza degli eserciti africani, ad esempio, non è in grado di difendere le proprie frontiere da un attacco: sono anche troppo piccoli e, di conseguenza, non possono rappresentare una minaccia per l’integrità territoriale di un altro Paese. Pertanto, tutti questi “compiti”, o “missioni” che dir si voglia, sono essenzialmente simbolici e normativi, e nella maggior parte dei casi aspirazionali. E nessuno di essi ci aiuta a decidere se la coscrizione è la risposta appropriata.

Quindi, se ci allontaniamo dai militari esistenziali, torniamo alla domanda: cosa volete che faccia il vostro esercito? Al giorno d’oggi, un numero sorprendentemente esiguo di Paesi ha elaborato correttamente la risposta a questa domanda. In molti Paesi, invece, i compiti militari sono essenzialmente una questione di tradizione o di storia, o anche solo un insieme di cose che l’esercito può effettivamente fare con le capacità di cui dispone. Tuttavia, possiamo distinguere alcuni importanti tipi di missioni. Una è la sicurezza interna, quando in un Paese possono esserci gravi divisioni regionali, etniche o religiose, o addirittura un violento movimento secessionista. Un’altra è la difesa del territorio contro una minaccia terrestre. Un’altra è la capacità di spedizione per combattere guerre all’estero. Un’altra ancora è la capacità di partecipare a missioni di pace regionali e internazionali. E naturalmente questi compiti possono andare e venire, e persino svolgersi in parallelo o come parte di un altro.

In definitiva, l’approccio più semplice alla questione è quello di adottare un approccio semi-tautologico al ruolo dei militari: il loro ruolo è quello di sostenere le politiche interne ed estere di uno Stato con la forza o la minaccia della forza, a seconda delle necessità. Questo vale a tutti i livelli: il successo del mantenimento della pace, ad esempio, dipende dalla capacità di ricorrere all’escalation, se necessario. Una volta accettato questo, diventa chiaro che le missioni militari dipendono in ultima analisi dalle politiche interne ed estere complessive del governo, e da come e dove è necessaria la forza militare per sostenerle. Una volta che si ha una forza militare, ovviamente, questa diventa potenzialmente utile per obiettivi più ampi di politica estera (le visite alle navi sono un forte segnale politico, ad esempio), così come per scopi cerimoniali e di politica interna, per sostenere la propria posizione strategica in una regione, per cooperare con i vicini (o al contrario per dimostrare la propria indipendenza da loro) e persino per cose come i soccorsi in caso di disastri e le operazioni umanitarie. Ma nessuno di questi è di per sé un motivo per istituire un esercito, e tanto meno per fare il servizio di leva.

Torniamo quindi al punto sui numeri. Se vivete in un Paese stabile in una regione stabile e le vostre forze armate sono state storicamente coinvolte in missioni di pace di un tipo o dell’altro, è improbabile che abbiate bisogno di arruolarvi. Queste operazioni sono difficili e complesse da svolgere correttamente e richiedono un livello di addestramento e di esperienza che nella maggior parte dei casi i soldati di leva non hanno. Inoltre, il numero di truppe necessarie per queste missioni sarà relativamente piccolo e spesso specializzato.

Quindi il punto fondamentale della coscrizione è il numero, e gli eserciti di leva esistono soprattutto dove il numero è un fattore. Ma perché avere dei coscritti in questo caso: perché non reclutare semplicemente più personale militare? In linea di principio (ma si veda più avanti) i soldati di leva sono economici. Sono pagati, ma non molto, e di solito ricevono in cambio vitto e alloggio gratuiti. In linea di principio, è possibile arruolare il numero di persone che si desidera e inviarle dove sono necessarie. Anche se avete bisogno di un quadro permanente (un altro punto su cui torneremo), se il vostro requisito essenziale è il numero, allora non avrebbe senso investire in coscritti a basso costo?

Ovviamente, i coscritti comportano anche degli svantaggi. Uno di questi è la dimensione e il costo dell’infrastruttura necessaria per richiamare e addestrare all’infinito nuovi gruppi di coscritti, nonché gli ufficiali e i sottufficiali che saranno necessari per l’addestramento e l’amministrazione. Un altro è il morale e la motivazione: questo sarà inevitabilmente più difficile tra coloro che sono stati arruolati, piuttosto che volontari. Ma naturalmente la difficoltà principale è che anche periodi consistenti di coscrizione (ad esempio 1-2 anni) non possono di per sé fornire un esercito adeguatamente addestrato, e ancor meno uno che abbia esperienza di schieramento e di esercitazioni insieme. E alla fine della Guerra Fredda, molte nazioni avevano ridotto il servizio di leva a sei mesi: poco tempo per produrre un soldato addestrato.

È per questo motivo che oggi le forze armate “di leva”, come quella della Corea del Sud, sono in realtà un misto di professionisti e di militari di leva e, nel caso della Marina e dell’Aeronautica, tutti i posti di lavoro, tranne quelli di base, tendono a essere occupati da professionisti. Ma naturalmente l’aggiunta di militari di leva implica anche l’aggiunta di professionisti, per addestrarli e guidarli, quindi in pratica il passaggio a una forza di leva implica anche un aumento del numero di professionisti, con tutti i costi associati.

Come siamo arrivati a questo punto? Per la maggior parte della storia, la capacità delle società di generare forze militari per lunghi periodi di tempo era limitata, non solo per ragioni finanziarie, ma anche perché la pura e semplice logistica di allevare, addestrare, mantenere e pagare gli eserciti era impossibile oltre una certa dimensione.  Nelle società prevalentemente agricole, gli eserciti erano necessariamente stagionali: i soldati dovevano essere a casa per il raccolto. Gli Assiri sembrano essere stati il primo Stato a passare a un vero e proprio esercito permanente, con una ricchezza resa possibile dalla conquista e con un gran numero di mercenari stranieri nelle loro file. Solo con l’industrializzazione e lo sviluppo statale del XIX secolo, però, divenne possibile reclutare un gran numero di giovani e tenerli sotto le armi per un anno o addirittura due. Con l’aumento delle capacità dello Stato, l’industrializzazione delle società e il rapido miglioramento delle comunicazioni, gli eserciti di massa divennero possibili per la prima volta. Il trionfo dell’esercito prussiano di coscritti e riservisti sull’esercito francese professionale nel 1870 fu ampiamente notato e le strutture furono imitate ovunque, non da ultimo nella nuova Terza Repubblica francese. Gli eserciti professionali potevano essere politicamente più affidabili, ma non potevano essere reclutati in numero sufficiente.

Per la prima volta, quindi, la capacità di generare numeri di truppe e, per estensione, le dimensioni delle popolazioni, divennero importanti. Una delle molte ragioni per cui la Francia cercò le colonie dopo il 1870 era la necessità di una riserva di manodopera per contrastare la popolazione molto più numerosa del nuovo Reich, e in effetti le truppe coloniali si rivelarono molto importanti in entrambe le guerre. Le ferrovie permisero di dispiegare rapidamente queste forze e la crescente sofisticazione dello Stato permise di richiamarle rapidamente in caso di necessità.

Quando necessario. Perché  lo scopo della coscrizione non era quello di generare un esercito massiccio in tempo di pace, quanto piuttosto quello di consentire la creazione di un esercito massiccio in tempo di guerra. In un mondo in cui la potenza militare era sempre più calcolata in base al numero di divisioni di fanteria, avere il più grande esercito possibile era una necessità. Pertanto, l’ordine di battaglia di un esercito in tempo di pace sarebbe stato in parte riempito dai coscritti di quell’anno, ma massicciamente integrato al momento della mobilitazione dal richiamo dei coscritti con obbligo di mobilitazione (forse gli ultimi 2-3 arruolamenti) e persino da ufficiali e sottufficiali in pensione. Nella loro disperata ricerca di manodopera per combattere una guerra su due fronti, i tedeschi ricorsero addirittura a intere divisioni di riservisti richiamati in servizio e inviati in prima linea nel 1914.

Tutto ciò sembrava, almeno fino a poco tempo fa, avere poco a che fare con il mondo moderno. Questo tipo di accordi, su cui tornerò più avanti, è durato in forma attenuata fino agli anni ’90 in tutta l’Europa continentale. La stessa Guerra Fredda implicava battaglie corazzate di massa che richiedevano un numero enorme di truppe, e la mobilitazione e il dispiegamento erano fondamentali per la NATO, in quanto presunto difensore, per resistere a un attacco del Patto di Varsavia. Diventava sempre più difficile capire come fosse giustificato arruolare giovani uomini e spendere un anno per addestrarli a diventare equipaggi di carri armati per una guerra che sicuramente non sarebbe mai potuta accadere. Era anche estremamente costoso, a causa della quantità di equipaggiamento che doveva essere acquistato, mantenuto e infine sostituito. Era chiaro che le guerre del futuro per l’Europa sarebbero state guerre di dispiegamento, con l’impiego di un piccolo numero di truppe ben addestrate e di costose armi ad alta tecnologia. Dalla Bosnia all’Afghanistan, dall’Iraq al Mali, gli eventi sembravano confermare questa previsione. C’era la possibilità teorica di una guerra con la Russia, naturalmente, ma la Russia era un Paese in declino, in via di disintegrazione, che non rappresentava una minaccia militare e poteva essere tranquillamente ignorato.

Ora, naturalmente, le cose sono un po’ cambiate, e quindi i leader e gli opinionisti occidentali si rivolgono in preda al panico alla gamma limitata di idee di cui hanno sentito parlare un tempo. Che ne è della coscrizione, si chiedono? La prima cosa da dire è che se il nemico del giorno è la Russia, allora è molto più avanti di noi. I russi non hanno mai abbandonato la coscrizione, perché ritenevano che le dimensioni del loro Paese e la lunghezza delle loro frontiere richiedessero il mantenimento di un esercito numeroso, e che tale esercito sarebbe stato poco pratico e comunque troppo costoso se fosse stato composto solo da professionisti. La cosa fondamentale, tuttavia, è che i russi lasciarono l’infrastruttura per un esercito di leva e continuarono a usarla. Così, il sistema di segnalazione, gli istituti di addestramento di base, gli istituti di addestramento specializzato, gli alloggi, le uniformi, per non parlare delle armi e delle munizioni che sarebbero state utilizzate nell’addestramento e nelle operazioni, se necessario, più le riserve per sostituire le perdite e l’equipaggiamento smarrito, più i meccanismi per rimanere in contatto con i riservisti e richiamarli per l’addestramento regolare: tutto questo è stato mantenuto aggiornato e impiegato regolarmente. L’Occidente non ha nulla di tutto ciò, ma forse questo è un dettaglio, quando si hanno Amazon e l’IA.

Possiamo avere un’idea molto approssimativa del problema considerando il caso ipotetico di un Paese europeo di medie dimensioni che, come quasi tutti gli altri, ha un esercito professionale e, sempre come quasi tutti gli altri, ha venduto o chiuso le infrastrutture che sostenevano una forza in gran parte di leva. Assegniamo a questo Paese un esercito di 150.000 effettivi e ipotizziamo che, insolitamente, non ci siano particolari problemi di reclutamento. Supponiamo che l’esercito sia forte di 80.000 unità e che la maggior parte dell’aumento del personale sia destinato a questo settore. (Supponiamo quindi che il governo annunci un piano di espansione dell’esercito tale che, invece delle quattro brigate meccanizzate attuali, in tre anni avrà otto brigate e in sei anni dodici brigate, disponibili in caso di mobilitazione. (Questo è probabilmente un obiettivo molto ambizioso nelle circostanze attuali, anche se è molto conservativo rispetto all’espansione britannica del 1939-40). Ma prevede anche di formare nuove unità di difesa aerea, nuove unità di guerra elettronica e di reclutare più specialisti in droni e tecnologie informatiche.

I progettisti delle forze armate ne deducono che per avere dodici brigate alla mobilitazione, insieme a tutto il loro supporto, occorreranno 350.000 uomini, di cui 100.000 saranno gli attuali soldati di leva e 150.000 le attuali forze professionali. Questo include non solo le brigate meccanizzate, ma tutto il loro supporto e la loro logistica, la loro amministrazione e il loro trattamento, include le forze di difesa territoriale, altre unità di combattimento comandate al di sopra del livello di brigata, i nuovi quartieri generali, il personale medico, il personale addetto alle riparazioni e alla manutenzione a diversi livelli, e decine di migliaia di rimpiazzi dei caduti in battaglia, per citare solo i più ovvi. Una piccola parte di questo aumento andrà alla Marina e all’Aeronautica.

I pianificatori decidono che in tempo di pace solo quattro brigate saranno completamente professionali. Le altre otto addestreranno i riservisti di quell’anno (la stessa logica si applica ovviamente a tutte le altre unità dell’esercito). (La stessa logica si applica ovviamente a tutte le altre unità dell’esercito). Quindi, al momento della mobilitazione, si richiamerà un certo numero di coscritti dei tre anni precedenti (ci sono molti modelli di coscrizione, questo è solo uno). (Ci sono molti modelli di coscrizione, questo è solo uno). In questo modo si lascia un margine di errore per coprire le persone che si sono ammalate o sono morte o non sono più idonee al servizio militare, che hanno lasciato il Paese, che si sono trasferite e non possono essere trovate, o che si rifiutano di servire. Hanno calcolato che ogni anno saranno necessari 100.000 soldati di leva, compreso un margine di errore per le ragioni sopra indicate. Ora, a seconda del Paese, i gradi inferiori servono nell’esercito per una media di 6-8 anni, gli ufficiali molto di più. (Quindi, diciamo che l’attuale organizzazione per la formazione di base è in grado di gestire circa 8000 reclute di soldati in un anno medio. La sua capacità dovrà quindi essere almeno decuplicata, anche ipotizzando che una parte dell’addestramento avvenga nella marina e nell’aeronautica.

Nella maggior parte delle forze armate, l’addestramento di base, che trasforma un civile in un soldato, dura forse dodici settimane. A questo segue un ulteriore addestramento, di settimane o mesi, in unità o in scuole speciali, per trasformare il soldato in uno specialista di qualche tipo, da un mortaista a un tecnico di ingegneria. La maggior parte dei sistemi di addestramento prevede due ingressi, in primavera e in autunno, quindi diciamo che il sistema accoglie 50.000 reclute due volte l’anno, accettando che alcune di queste lasceranno o saranno espulse prima della fine dell’addestramento. Per cominciare, quindi, dovrete costruire un certo numero di stabilimenti in grado di ospitare migliaia di apprendisti, insieme al personale istruttivo e di manutenzione, che dovrete trovare da qualche parte. (Come ho indicato, una delle conseguenze del passaggio alla coscrizione sarà un aumento degli ufficiali e dei sottufficiali dell’esercito professionale). Dovranno essere costruite, con i relativi poligoni e aree di addestramento (comprese le aree per il fuoco vivo). Dovranno essere trovati cuochi, addetti alle pulizie, guardie di sicurezza, specialisti informatici, amministratori, medici, autisti e molti altri, spesso in zone remote del Paese. Ma questi sono dettagli.

Naturalmente, sarà necessario creare una nuova e massiccia infrastruttura per identificare e processare i soldati di leva e tenerne traccia una volta partiti. In alcuni Paesi, i registri degli indirizzi sono ragionevolmente aggiornati, ma le persone si spostano molto più di quanto non facessero ai tempi della Guerra Fredda, e il solo fatto di trovare e rimanere in contatto con le probabili reclute sarà di per sé un problema. Poi, ci sarà bisogno di informarli, processarli, spostarli, occuparsi di coloro che non possono o non vogliono finire l’addestramento, occuparsi degli obiettori di coscienza e dei disertori, pagarli ed equipaggiarli. Il dipartimento del personale delle forze armate dovrà aumentare massicciamente di dimensioni. Ma questi sono dettagli che probabilmente possono essere affidati a una società di consulenza esterna.

Infine, naturalmente, i coscritti devono essere equipaggiati. Non solo con carri armati nuovi di zecca (un problema in sé), ma con uniformi e borse, corazze, armi personali, documenti e buoni viaggio, cibo, abbigliamento sportivo e tutto ciò che si può pensare. Ma questo è un dettaglio: possiamo comprare la maggior parte di tutto questo dalla Cina, se necessario.

Supponendo che questi dettagli possano essere risolti senza troppe difficoltà, che dire dei coscritti stessi e delle loro motivazioni? E il contesto politico in cui la coscrizione potrebbe avvenire? Anche in questo caso ci sono una serie di dettagli da tenere presenti. La popolazione è molto meno statica di quanto non fosse ai tempi della Guerra Fredda, quando molti soldati di leva vivevano con o vicino ai genitori fino alla partenza per il servizio. Al giorno d’oggi, con la metà della popolazione tra i 18 e i 25 anni della maggior parte dei Paesi che frequenta l’università o una qualche forma di formazione, i soldati potrebbero trovarsi ovunque, anche all’estero. Saranno necessarie procedure dettagliate per rintracciare e mantenere i contatti con i potenziali coscritti, e dovrà esserci una finestra abbastanza ampia entro la quale il servizio militare può essere prestato, per evitare di interrompere gli studi. D’altra parte, pochissime nazioni hanno arruolato tutti in tempo di pace: il servizio selettivo era la norma. Ma oggi è molto più difficile: sarà difficile giudicare lo stato di salute di chi fa volontariato in Africa, per esempio.

E in effetti la salute è un altro dettaglio che dovrà essere affrontato. L’addestramento militare richiede un livello generale di forma fisica e di forza della parte superiore del corpo, che per la maggior parte non esiste tra i giovani di oggi. (Già negli anni ’80, gli istruttori militari scoprirono che le reclute venivano invalidate dall’addestramento a causa di fratture da stress alle ginocchia e alle caviglie. Questo perché molti di loro avevano indossato per tutta la vita solo scarpe da ginnastica e non riuscivano ad adattarsi abbastanza rapidamente alle calzature militari. Quarant’anni fa, la maggior parte dei coscritti avrebbe praticato sport e condotto una vita relativamente attiva: molti avrebbero svolto qualche tipo di lavoro fisico. Oggi non si può pensare a nulla di tutto ciò. Il soldato di leva medio sarà sovrappeso e non in forma. Questo è particolarmente importante perché al giorno d’oggi, come avrete visto dai servizi sulla guerra in Ucraina, i soldati assomigliano a cavalieri medievali, con armature, elmetti, visiere e protezioni per le orecchie. Tutto questo è pesante – anche l’armatura di base in kevlar pesa diversi chili – e i soldati saranno addestrati a svolgere compiti altamente fisici indossando questo equipaggiamento, stivali pesanti e portando con sé un’arma personale e munizioni. Ora, non c’è nulla di intrinsecamente impossibile nel ripristinare la forma fisica dei soldati di leva, ma questo richiede tempo, denaro e addestratori specializzati. E molto probabilmente una percentuale di loro soffrirà già di condizioni mediche (ad esempio il diabete) che li costringeranno a tornare a casa.

Ovviamente un tipo di malattia dichiarata tra i giovani di oggi è la malattia mentale di vario tipo, e si dovrà prendere una decisione su come affrontarla. Tali malattie sono comunemente dichiarate (a prescindere dalla realtà) soprattutto tra le classi medie istruite: ciò implica un’eccezione generalizzata per chiunque dichiari di soffrire di ADHD, in modo che sia soprattutto la classe operaia a essere arruolata? Chi ha difficoltà di apprendimento riconosciute ha più tempo per completare il programma di reclutamento di base? Si tratta di dettagli che dovranno essere risolti. In ogni caso, anche per i più forti mentalmente, il servizio di leva sarà una sfida. Ricordiamo che per più di cento anni il servizio militare è stato un rito di passaggio per i giovani verso l’età adulta. Per i giovani uomini, segnava il passaggio dall’essere un beneficiario netto a un contributore netto alla società, come il matrimonio tradizionalmente faceva per entrambi i sessi. Era un esempio del passaggio attraverso un lieve stress e un potenziale pericolo che ha segnato il passaggio dalla fanciullezza alla virilità nelle civiltà per decine di migliaia di anni. Ma allora, fino alla mia generazione, i bambini non vedevano l’ora di crescere per godere dei privilegi e delle libertà dell’età adulta: ora l’età adulta fa paura e vogliono rimanere bambini per sempre.

In ogni caso, i requisiti minimi della coscrizione si schianterebbero contro il dogma sociale del nostro tempo, con perdite da entrambe le parti. Ad esempio, in passato la coscrizione era generalmente limitata agli uomini, anche se le donne potevano offrirsi volontarie. Come gestire la questione quando un gruppo di femministe sostiene che le donne sono essenzialmente pacifiche e non dovrebbero essere arruolate, mentre un altro gruppo sostiene che le donne sono forti e bellicose come gli uomini e dovrebbero avere le stesse opportunità? E se solo gli uomini sono arruolati, possono gli uomini identificarsi come donne per evitare di essere chiamati? E poi, un uomo che si identifica come donna può offrirsi volontario e chiedere di condividere gli alloggi e le docce delle donne? Ora, prima che liquidiate tutto questo come un’implorazione speciale reazionaria, permettetemi di sottolineare che, in pratica, questi sono esattamente i tipi di cose di interesse umano che i media amano e che causano enormi mal di testa ai politici. Ma si tratta di dettagli che dovranno essere affrontati.

Dopo tutto, si pensi ai problemi che l’esercito americano ha avuto nell’integrare le donne nelle unità di combattimento. Mettere giovani uomini e donne in piena esplosione ormonale l’uno accanto all’altro per lunghi periodi di tempo e non aspettarsi problemi può sembrare irragionevole, ma per ragioni politiche è stato fatto. Alcuni anni fa un gruppo di teorici del gender mi disse che alcune donne soldato erano morte per disidratazione in Iraq, perché non erano disposte a bere abbastanza acqua per paura di essere aggredite dai soldati maschi mentre si recavano ai bagni (lontani).

Ma al di là di questi dettagli, c’è qualcosa che spicca come non un dettaglio: a cosa servirebbe la coscrizione per? Che senso ha avere grandi eserciti mobilitabili nel mondo di oggi? Per più di un secolo, la coscrizione si è basata sull’idea della difesa del proprio Paese contro un attacco deliberato, motivo per cui esistevano divieti legali, e talvolta costituzionali, di impiegare i coscritti al di fuori del territorio nazionale. La coscrizione aveva una storia alle spalle: in Francia risaliva alla Rivoluzione e al Popolo in armi. È sempre stata una causa popolare per la sinistra, che diffidava di un esercito professionale, ed è stata vista, giustamente, come un modo per rafforzare la solidarietà nazionale, costringendo persone di diverse classi sociali e provenienze a stare insieme. Ma oggi non abbiamo più nazioni, ma solo congiunzioni temporanee di persone e luoghi, non cittadini ma residenti. E l’ideologia dominante è impegnata a smantellare le identità nazionali che esistono, in modo che iniziamo a odiarci a vicenda. Chi si batterà, o rinuncerà anche solo a un anno della propria vita, per questo?

Quindi, per molti versi, coloro che grideranno più forte per il servizio di leva sono quelli che hanno fatto di più per renderlo impossibile. (Anche se si potesse in qualche modo costruire una narrazione coerente a sostegno della coscrizione, le nazioni occidentali non hanno più la padronanza dei dettagli e la precisione che da sole la renderebbero fattibile. Ci sono problemi da cui non si può uscire con Powerpoint.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Rapporto “bomba” afferma che le vittime russe “sono molto più alte di quanto si pensasse” – Smentito?_di SIMPLICIUS

Rapporto “bomba” afferma che le vittime russe “sono molto più alte di quanto si pensasse” – Smentito?

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

Qualcuno l’ha detto bene ieri: ogni volta che l’Ucraina inizia a perdere terreno sul campo di battaglia, si lancia in una nuova campagna di propaganda che cerca di deridere qualche aspetto importante dell’operazione della Russia.

Nel caso recente, dopo essere stata sottoposta a massicci attacchi che hanno paralizzato la rete elettrica e le aree strategiche dell’Ucraina, perdendo ogni giorno un villaggio dopo l’altro, i circoli di opinionisti pro-UA si sono imbarcati in una nuova ondata narrativa sulle perdite russe. Questo è stato coordinato in stretta collaborazione con gli outlet e le istituzioni occidentali che hanno cercato di generare un’eco intorno a un rapporto di MediaZona/The Economist che sostiene che le perdite della Russia sono in realtà “molto più alte di quanto pensassimo” .

Ecco il pezzo di accompagnamento dell’Economist, che presenta alcuni grafici diversi per chi fosse interessato:

Innanzitutto, il nuovo rapporto di MediaZona giunge in un momento piuttosto inopportuno. Proprio di recente, infatti, le perdite russe erano scese a un minimo storico per il conflitto, tanto che persino MediaZona sembrava essersi messa al riparo da questo fatto dannoso, smettendo insolitamente di riportare le perdite nelle ultime settimane.

Le tendenze si stavano dirigendo verso livelli di perdite così bassi che, come si vede nel loro stesso grafico qui sotto, MediaZona per la prima volta ha stranamente smesso di aggiornarli:

Come mai?

Poi, del tutto all’improvviso, pubblicano un nuovo rapporto “esplosivo”, che è stato ripreso da tutti i tipici contenitori di propaganda, in cui si afferma che le perdite russe sono in realtà astronomicamente più alte di quanto si pensasse:

E sentite questa, MediaZona è arrivata alle nuove cifre modificando la loro precedente metodologia – comodo! – per non includere più gli effettivi confermati KIA, ma piuttosto per estrapolare le perdite attraverso un nuovo algoritmo da loro derivato. Ora si sono screditati da soli abbandonando la loro metodologia originaria e spingendosi a includere un oscuro registro statistico dei “testamenti” per stimare il numero di “morti in eccesso” russe.

Chiunque abbia familiarità con il funzionamento di queste cose sa che questo sa proprio del tipo di cambio di corsia disperato usato dalle istituzioni quando i numeri non riflettono più la narrazione approvata – vedi: L’OMS e le sue ripetute riclassificazioni fraudolente durante la truffa Covid, per massaggiare le cifre. Il segno rivelatore è che l’improvviso voltafaccia arriva sempre proprio nel momento in cui le cose si stanno mettendo male per loro. Così, quando le morti ufficialmente confermate hanno cominciato a rallentare fino a ridursi a 50 mila, cosa hanno fatto? Semplicemente triplicano i numeri a 150 mila e chiudono la faccenda.

Guardate voi stessi:

Quindi, abbiamo escogitato un “nuovo metodo” che sarà convenientemente incluso in tutti i nostri futuri rapporti sulle vittime come numero “corretto”, nonostante sia il triplo dei nostri precedenti numeri, effettivamente corroborati. Non è incredibile la facilità con cui riescono a fare questo per i dati russi ma, come ha notato il NY Times l’ultima volta, quando si tratta dell’Ucraina, le vittime sono “difficili” da valutare con precisione?

In effetti, in passato sono state effettuate stime indipendenti simili dell'”eccesso di mortalità” ucraina che, se non ricordo male, hanno mostrato numeri fuori scala. Ecco uno scorcio che sono riuscito a trovare con una ricerca sommaria:

Il problema è che i dati sono vecchi perché l’Ucraina ha smesso di dichiarare ufficialmente i tassi di mortalità in eccesso – mi chiedo perché? È certamente strano che la Russia, che ha dichiarato di avere perdite molto più elevate, continui a dichiarare le proprie, mentre l’Ucraina ha misteriosamente smesso di farlo.

Ciò è visibile in grafici come il seguente, relativo alla pandemia di Covid, che mostra come le cifre riportate dall’Ucraina scompaiano proprio all’inizio del conflitto, all’inizio del 2022:

Tenete presente che i numeri della Russia sono altissimi perché le organizzazioni occidentali hanno affermato che la Russia ha avuto il più alto eccesso di morti al mondo durante il Covid- ma notate cosa succede all’inizio del conflitto, i numeri sono quasi piatti.

Ma ciò che è ancora più interessante è che il nuovo rapporto di MediaZona utilizza un altro rapporto adiacente incentrato su Wagner per giustificare le loro nuove affermazioni. La rivelazione più scioccante di questo rapporto è che MediaZona continua a “confermare” che un enorme 88% di tutti i combattenti Wagner uccisi erano in realtà ex detenuti:

Questo significa che Wagner non ha perso quasi nessun combattente “vero”, e ha semplicemente usato i prigionieri come materiale sacrificabile. Una perdita è una perdita, quindi non sto dicendo questo per contestare le figure di perdita astratte, ma piuttosto per far notare che l’obiettivo di organizzazioni come MediaZona nell’evidenziare tutti questi numeri è ovviamente quello di spingere la narrazione che l’esercito russo è in fase di attrito, sta gradualmente perdendo efficacia, e quindi sta perdendo, punto. L’obiettivo di tutto questo è costruire la favola che l’Ucraina sta vincendo perché la Russia presto non avrà più soldati addestrati per combattere. Ma qui ammettono che i soldati effettivamente addestrati sono stati a malapena toccati in questo caso, e che quasi il 90% era costituito da manodopera carceraria.

Certo, questo è solo per Wagner, direte voi: ma in quasi tutti gli altri grandi fronti in corso, sappiamo che l’esercito russo utilizza anche Storm-Z come “punta di lancia” – per esempio ad Avdeevka, dove Storm-Z ha costituito forse la maggior parte degli assalti d’avanguardia, secondo i rapporti. A parte le questioni morali, ciò indica chiaramente che l’esercito russo nominale non è quello che sta subendo un logoramento.

Naturalmente, prendendo Prigozhin in parola, hanno prevedibilmente minimizzato e sminuito il fatto che egli ha anche rivelato che le perdite dell’Ucraina sono state di 50-60k morti contro i suoi 20k a Bakhmut.

La verità è che tutte le prove circostanziali indicano che l’Ucraina ha subito perdite sproporzionate rispetto alla Russia. Solo per fare un esempio recente, ieri un nuovo rapporto ha riferito che a Zhitomir, in Ucraina, è stata presentata una richiesta per 2400 striscioni di “eroe caduto”:

Zhitomir ha una popolazione ufficiale di 262.000 abitanti. Applicando il rapporto di 2400 morti sui 262.000 abitanti di Zhitomir all’intera popolazione dell’Ucraina (40 milioni) si ottengono circa 350.000 morti. Se lo si applica a 30 milioni, si ottengono circa 250.000 morti.

262,000/2400 = x/39,000,000

x = 359,000

È abbastanza convincente che il conteggio dei morti dell'”eroe caduto” di Zhitomir sembra produrre un’estrapolazione che si adatta abbastanza bene alle proiezioni effettive per i morti totali dell’Ucraina.

Vediamo ora come funziona per la Russia con una recente stima:

Una piccola città della Siberia ha eretto un monumento ai caduti. Vediamo cosa può dirci sulle vittime russe in Ucraina.

La città in questione è Cheremkhovo, nel sud dell’Oblast’ di Irkutsk, al confine con la Buryatia. È una vecchia fermata della ferrovia transiberiana, con una popolazione di circa 80.000 abitanti tra la città stessa (50.000) e il distretto rurale circostante (30.000). Per commemorare i residenti locali caduti in Ucraina, il monumento ai caduti presenta tre statue raffiguranti soldati russi e due targhe con 41 nomi. 41 persone su una popolazione di 80.000 abitanti sono lo 0,051% della popolazione locale uccisa in azione in Ucraina. Secondo i numeri di Mediazona, 1125 residenti dell’Oblast’ di Irkutsk sono stati uccisi in Ucraina, su una popolazione di 2,4 milioni – questo è lo 0,047% dei residenti dell’oblast’, solo leggermente inferiore e facilmente spiegabile con tassi di arruolamento un po’ più alti in aree più remote come Cheremkhovo rispetto, ad esempio, alla città di Irkutsk. Mi rendo conto che si tratta di un piccolissimo dato, ma è un’altra goccia nel mare di indicatori che dimostrano che il conteggio di Mediazona delle vittime russe in Ucraina è in gran parte corretto e che non c’è un bacino di “vittime nascoste” che galleggia là fuori, tanto meno un bacino enorme come costantemente sostenuto dai propagandisti ucraini. Le autorità locali di una città russa non rilevante nel mezzo della Siberia non lasceranno un mucchio di nomi fuori dal monumento ai caduti – e non faranno arrabbiare i familiari sopravvissuti – perché stanno cercando di nascondere le vittime su ordine nefasto di Putin. E se lo facessero ne sentiremmo parlare, perché i russi non amano nulla di meglio che lamentarsi dell’incompetenza delle autorità.

Quindi, abbiamo due punti di dati distinti, entrambi correlati statisticamente entro un margine di confidenza del 92%. Se applichiamo lo stesso rapporto alla popolazione della Russia, otteniamo: 41/80.000 = x/144.000.000.

x = 74,000.

Utilizzando l’oblast di Irkutsk, otteniamo:

1125/2,400,000 = x/144,000,000

x = 68,000.

Non è interessante come in entrambi i casi i numeri corrispondano quasi esattamente alla serie più realistica di perdite che abbiamo attualmente? 68.000 – 74.000 è in linea con il dato di MediaZona confermato ~60k se si aggiunge il loro algoritmo originale “proiettato” che prevede l’ipotesi che alcuni necrologi saranno mancati, e quindi le perdite sono probabilmente superiori di circa il 15-20% rispetto al conteggio confermato. E nel caso dell’Ucraina, l’estrapolazione del rapporto li porta nell’intervallo 350-400k, che è dove molte fonti autorevoli hanno collocato le cifre dell’Ucraina, e che rispecchiano quasi perfettamente il rapporto 5:1 che Putin ha detto che la Russia sta infliggendo all’Ucraina, dato che ~70k x 5 = 350k.

La matematica non mente.

E a proposito, il motivo per cui prima ho messo in corsivo la parola “recente” è che questo è solo un altro di una lunga serie di esempi che utilizzano dati recenti, ma i lettori di lunga data sapranno che in realtà ho fatto questi calcoli diverse volte in passato, utilizzando molte altre città ucraine e i loro conteggi di cimiteri/morti noti, e sempre si arriva alla stessa conclusione. Vedi qui per maggiori informazioni.

Il fatto è che solo in Ucraina i cimiteri si sono ingranditi a tal punto da esaurire lo spazio per i morti, costretti a dissotterrare vecchi lotti a migliaia. Solo in Ucraina si vedono cimiteri giganteschi che crescono visibilmente dalle immagini satellitari spaziali: in Russia non c’è nulla di simile. Solo in Ucraina ci sono discussioni critiche quotidiane sulla mancanza di combattenti, dove la gente viene rapita dalle strade, le donne sono sempre più in discussione per essere arruolate, ecc. Perché non si vede questo in Russia se le perdite sono così alte?

Sostengono che è perché: “La Russia ha il doppio della popolazione!” Ma gli ucraini affermano anche che stanno infliggendo alla Russia perdite 5-10 volte superiori! Questo non annulla il vantaggio della popolazione? Anche la Russia non dovrebbe essere in difficoltà come l’Ucraina? Lo stesso capo del GUR ucraino Vadim Skibitsky ha dichiarato pubblicamente mesi fa che le brigate russe sono al 95% del personale: com’è possibile se il Paese sta subendo tali livelli di perdite come sostengono queste persone?

Ogni singolo dato che abbiamo indica che l’Ucraina ha subito perdite incalcolabili, non la Russia.

Non dimentichiamo la cosa più dannosa di tutte: la disparità di prigionieri di guerra, che è almeno di 5:1 a favore della Russia, con recenti rivelazioni che l’Ucraina aveva ~1300 russi in cattività rispetto ai ~6500 ucraini catturati dalla Russia.

MoA ha avuto un grande thread su tutto questo qualche tempo fa, dove B cita quanto segue:

La letteratura storica sulla guerra ci dice che l’artiglieria è responsabile di circa il 75% di tutte le perdite, e la Russia ha goduto di un vantaggio di artiglieria di 10:1 per tutta la durata del conflitto.

I detrattori affermeranno: “Ma la teoria della guerra ci dice che l’attaccante subisce sempre più perdite del difensore”. Due sono i problemi principali: in primo luogo, questo presuppone che l’attaccante e il difensore siano uguali in forza e potenza. Pensate che un attacco di 1 milione di uomini subisca molte più perdite di un difensore di 100 uomini, per esempio? No, li travolgerebbero rapidamente e li ucciderebbero probabilmente senza subire nemmeno una vittima.

Parimenti, la Russia ha vasti vantaggi materiali e, ora, anche di uomini. Livelli incomparabili di artiglieria, mortai, potenza aerea, missili balistici e di altro tipo a lungo raggio, ecc. L’unica rivendicazione possibile per l’Ucraina è quella dei droni FPV, e anche questa è discutibile. Inoltre, i droni FPV non infliggono in realtà grandi perdite in termini comparativi. Non solo ci vuole un gran numero di attacchi falliti per ottenere un solo colpo andato a segno, ma ogni colpo andato a segno produce pochissimi danni collaterali in termini di uomini o materiali. Questo perché i droni hanno così poca potenza esplosiva e la poca che hanno è usata il più delle volte in forma cumulativa o di carica sagomata, che infligge danni solo ai bersagli che si trovano direttamente davanti a loro in un cono stretto. Ciò significa che, per quanto l’Ucraina sia brava con i droni, non è minimamente paragonabile alla potenza distruttiva degli armamenti convenzionali della Russia.

La seconda confutazione dell’affermazione “l’attaccante subisce sempre più perdite” è che l’Ucraina è stata anche l’attaccante per gran parte della guerra. Non la maggioranza, ovviamente, ma una fetta abbastanza grande da rappresentare un aumento significativo delle perdite. Se si stesse paragonando solo una singola battaglia, allora tirare fuori quella vecchia mozione potrebbe essere più appropriato. Ma nel corso dell’intero conflitto, in cui l’Ucraina ha lanciato molte campagne offensive che sono state totali bagni di sangue, possiamo solo concludere che l’aforisma semplicemente non si applica qui. Basti pensare al semestre di morti insensate a Khrynki sul Dnieper, dove l’AFU ha lanciato folli assalti di carne attraverso il fiume di sangue. Poi c’è la “controffensiva” dell’anno scorso che, secondo le stime della Russia, ha fatto fuori oltre 100.000 soldati dell’AFU. Ci sono state anche molte altre offensive fallite. Contando tutti quei morti, come si può invocare la regola “l’attaccante soffre di più” come generalità per l’intero conflitto?

Un’aggiunta a quanto sopra è che la parte pro-UA sosterrà: “Ma le disparità di artiglieria si sono pareggiate! L’Ucraina ora ha tanta artiglieria quanta ne ha la Russia!”.

Purtroppo, non è nemmeno lontanamente così. E questo è stato dimostrato senza ombra di dubbio dalla seconda notizia bomba di oggi, questa volta proveniente dal campo della NATO:

Esattamente, il progetto Radio Liberty della CIA ha appena pubblicato un nuovo rapporto in cui si afferma che tutte le stime sulle munizioni di artiglieria europee sono state grossolanamente esagerate. Siete sorpresi?

Le scoperte hanno provocato onde d’urto nel mondo pro-UA; ecco un riassunto:

🏹 🇪🇺 🏭 L’UE ha mentito sulla sua produzione di artiglieria.

– Un’indagine ha scoperto che la produzione europea di proiettili d’artiglieria per l’Ucraina è significativamente inferiore a quanto dichiarato ufficialmente.

– La Commissione europea ha dichiarato una produzione di 1 milione di proiettili da 155 mm all’anno a partire dal gennaio 2024.

– Il Commissario UE Thierry Breton ha previsto 1,7 milioni di proiettili all’anno entro la fine del 2024.

– Le indagini indicano che la produzione effettiva si aggira intorno ai 550.000 proiettili all’anno o anche meno.

🔶️ Documento Rheinmetall: Produzione UE a 550.000 proiettili all’anno.

🔶️ Ministero della Difesa estone: Da 480.000 a 700.000 proiettili prodotti nel 2023.

🔶️ Una fonte industriale: Meno di 500.000 gusci entro la fine del 2024.

Quindi, mentre si stimava un ritmo di produzione annuale di 1,7 milioni di pezzi entro la fine del 2024, in realtà se ne stanno producendo meno di 500k – quasi un mero 25% dei loro obiettivi sbandierati.

È un’altra mia previsione che si è avverata. Alcuni ricorderanno che quando avevano stimato 1 milione di vittime, ma poi le avevano riviste al ribasso a 600-700k circa, avevo detto che il risultato finale sarebbe stato di gran lunga inferiore, perché era chiaro che stavano mentendo per sostenere disperatamente il collasso dell’Ucraina.

Le aziende produttrici di armi hanno dichiarato che il problema è la carenza globale di polvere da sparo ed esplosivi e la mancanza di liquidità per alimentare l’industria delle munizioni, con i governi riluttanti a firmare contratti a lungo termine.

Nel frattempo, le stesse fonti occidentali hanno già dichiarato apertamente che la Russia è destinata a raggiungere una produzione annua di 4,5-5 milioni di proiettili entro la fine dell’anno, mentre la Corea del Nord è in grado di produrne altri 5 milioni. Su quali gambe si reggono le argomentazioni che sostengono che l’Ucraina possa eguagliare la devastazione dell’artiglieria russa e quindi la generazione di vittime?

È chiaro che non esiste un quadro di riferimento possibile per sostenere che l’Ucraina abbia meno vittime della Russia.

L’Ucraina fa fuori qualche motociclista da solo qui, un fante barcollante a caso là, con colpi di FPV solitari. Nel frattempo, la Russia non solo distribuisce una differenza di sbarramenti di artiglieria di 5:1 o 10:1, ma anche attacchi missilistici a lungo raggio ancora più devastanti, la maggior parte dei quali non viene riportata e non viene pubblicizzata perché sono semplicemente così tanti.

Ecco solo un rapido esempio tratto dalla giornata appena trascorsa:

Ieri, l’ex vicecomandante dell’Aidar Ihor Mosiychuk ha rivelato che gli attacchi russi hanno appena distrutto un’enorme concentrazione di soldati dell’AFU in un posto di comando di Vasilkov, vicino a Kiev, nei recenti attacchi missilistici:

L’esercito russo ha distrutto molti militari ucraini attaccando il quartier generale della difesa aerea di Kiev – Mosiychuk. L’ex deputato della Rada Ihor Mosiychuk ha accusato il comando delle forze armate ucraine di aver nascosto la verità sugli attacchi russi: “Hanno nascosto l’attacco all’ufficio di progettazione di Luch, l’attacco a Vasilkov, dove è stato ucciso un gran numero di militari e dove si trova il quartier generale della difesa aerea di Kiev e della regione di Kiev – il posto di comando”, ha dichiarato.

Oggi, poi, abbiamo un rapporto di prima mano del commentatore Masno, che risiede nella regione, secondo cui un attacco russo Iskander-M a grappolo ha devastato un grosso convoglio dell’AFU nella regione di Sumy, causando 65-100 vittime:

2 Giorni fa vi ho parlato dell’abbattimento da parte dell’esercito ucraino di un missile russo sopra Sumy. Ora posso confermare che in realtà è stato un Iskander russo a colpire un convoglio ucraino. 2 testimoni indipendenti mi hanno detto che gli ucraini hanno subito pesanti perdite. Il Ministero della Difesa russo ha pubblicato un video su questo incidente, ma non l’ho linkato fino ad ora. La persona con cui ho parlato mi ha detto che non riesce a esprimere a parole la carneficina dell’attacco e che andrà a farsi curare psicologicamente. L’altra persona mi ha spiegato che vive nel villaggio vicino e ha visto l’esplosione nel cielo e poi gli sforzi per rimpatriare i feriti. Il motivo per cui gli ucraini sono riusciti a far passare questa operazione come un’operazione di AD è che tutti hanno visto l’esplosione nel cielo, ma non hanno pensato che si trattasse di munizioni a grappolo (testata a scoppio). Inizialmente non ho citato le cifre rilasciate dai militari russi (65), perché ritenevo che fosse improbabile, ma ora sono il più sicuro possibile che il numero sia effettivamente più alto.

Il punto è che si tratta di attacchi quotidiani, quasi banali, da parte di mezzi russi a lungo raggio che spazzano via da decine a centinaia di truppe alla volta. Ricordiamo che lo stesso Zelensky ha ripetutamente affermato che la Russia lancia migliaia di Fab al mese, il che si traduce in centinaia al giorno lungo il fronte, e circa 50-80 su singole zone calde come Volchansk o Avdeevka ovest. Se ogni attacco con Fab massicciamente potente – soprattutto se si considera che ultimamente si usa sempre più spesso la varietà più forte Fab-3000 – causa anche solo due o tre vittime, si tratterebbe di 10-20.000 morti al mese solo per questa munizione, senza contare il vasto overmatch dell’artiglieria.

Questi sono solo della scorsa settimana-e ce ne sono molti, molti di più, ne ho solo scelti rapidamente alcuni di migliore qualità a scopo illustrativo:

Guardate quella devastazione: non c’è semplicemente nulla di paragonabile da parte ucraina. Quante vittime per ognuno di quei colpi pensate che siano state generate? Ora moltiplicatelo per la stima di Zelensky di centinaia di lanci al giorno.

In ogni caso, non c’è modo di sostenere che l’Ucraina abbia avuto meno vittime della Russia. Quindi, per amor di discussione, anche se il nuovo rapporto di MediaZona fosse vero e la Russia avesse più di 150.000 morti, quanti sarebbero i morti per l’Ucraina? Moltiplicatelo per diverse volte. Più grande è il numero che si inventano per la Russia, più grande deve essere necessariamente il numero delle loro vittime.

POLLICA
I morti russi sono:
50-70k
70-100k
100-150k
150-300k
500k+
SONDAGGIO

I KIA ucraini sono:

31k secondo Zelensky
50-70k
150-300k
350-500k
800k – 1M+
75 VOTI – 6 GIORNI RIMANENTI

Se vi piacciono i contenuti, non dimenticate di abbonarvi a un abbonamento a pagamento:

SOTTOSCRIVI ORA

Le cose sono molto cicliche, ma di recente c’è stato un periodo di magra sia per quanto riguarda gli abbonamenti che i suggerimenti: buymeacoffee.com/Simplicius.

Non posso però lamentarmi troppo, il blog sta andando ancora molto bene, tutto sommato. E certamente capisco che i tempi finanziari sono estremamente difficili in questo momento, ed è per questo che non rimprovero a chi non è in grado di abbonarsi – tutto il vostro patrocinio, sia gratuito che a pagamento, è ancora molto apprezzato.

Ma per tutti coloro che sono in grado di farlo, che sono indecisi o che hanno la possibilità di farlo, sarebbe di grande aiuto abbonarsi oggi stesso, soprattutto in considerazione dei nuovi contenuti esclusivi a cui avrete accesso molto presto.


Il vostro sostegno è prezioso. Se vi è piaciuta la lettura, vi sarei molto grato se vi abbonaste a un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo da poter continuare a fornirvi rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, potete lasciare una mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

COME I FRANCESI DIVENNERO ITALIANI. O FORSE PEGGIO (?)_di Daniele Lanza

(analisi di una metamorfosi impietosa. Leggere*).
CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO
Massì, ce l’abbiamo fatta, il pericolo è scampato.
I titoli di tutti I media nostrani ed europei si affrettano a rassicurare che il Fronte Nazionale e I suoi alleati sono stati fermati, sconfitti e schiacciati (l’ ”imparziale” messaggio di fondo).
L’unica evidenza sulla quale non ci si soffermerà è che si tratta di un furto di evidenti proporzioni, rapportando il numero di seggi ottenuti da le Pen con i risultati oggettivi della tornata passata: lo dico da osservatore allineato, ma con lucidità: affermerei le stesse cose che leggete anche se il partito penalizzato fosse dell’estrema sinistra (ho coerenza morale).
Tralascio ogni disamina minuta del voto perchè l’unica vera riflessione che abbia senso fare, l’unico vero pensiero da dedicare a queste consultazioni nell’esagono, non riguarda i partiti ma quanto vi è a monte di essi. Ha a che fare con l’anima del suo sistema politico che si incarna perfettamente del meccanismo elettorale scelto 2 generazioni orsono.
Alla fine degli anni 50 il generale de Gaulle riforma la REPUBBLICA, dotandola di un sistema presidenziale e di un sistema di voto doppio turno.
Quest’ultimo elemento è la cifra di tutto. Perfettamente democratico e assolutamente geniale nel tagliare le gambe a qualsiasi forza politica che esca dagli schemi (da destra come da sinistra). Grazie al doppio turno, venivano confinati A VITA I comunisti francesi per la generazione a seguire (1958-1988)…….ed oggi servono per tagliare le gambe al Fronte Nazionale e I suoi alleati.
Un genere di meccanismo congegnato in modo tale da favorire e proteggere un’ideale STABILITA’ ancor più che non assecondare la volontà dell’elettorato.
E’ questo lo scopo del doppio turno signori e signore: senza il doppio turno, il Fronte Nazionale avrebbe dovuto raccogliere qualcosa di prossimo ai 300 seggi……..invece ne otterrà lla META’ (attorno ai 150), salvando così le altre due formazioni che sarebbero dovute essere alle spalle – socialisti e centristi – ma soprattutto questi ultimi, riuniti attorno alla figura del presidente e delle istituzioni nazionali, che in questo modo capovolgono letteralmente un’evidente sfiducia popolare emersa tanto alle europee quanto adesso alle legislative, ottenendo così quel margine per continuare a imbastire trame, piani e stratagemmi per rimanere al potere.
Il primo partito francese (che lo si ami o che lo si odi) è stato derubato della metà dei suoi seggi potenziali: e questo poteva accadere a qualsiasi altro partito nella medesima posizione (fuori degli schemi cioè). Non so se qualcuno che legge si può rendere conto. Per quanto mi riguarda si tratta di uno scandalo assoluto: e lo dico senza nemmeno essere sicuro che avrei votato RN (anzi).
RICAPITOLO (leggere bene*):
per chi fosse interessato a capire gli umori dell’elettorato francese, vada a leggersi nel dettaglio I risultati delle europee e del primo turno delle legislative: quello è sufficiente.
Quanto al SECONDO turno di oggi, che significato ha ? Nessuno se non evidenziare il tecnicismo elaborato per impedire che un’ala estrema si avvantaggi troppo (pur meritandolo) grazie ad una reazione dell’estremo opposto che farà qualsiasi cosa pur di non permettergli di vincere (anche votare una capra, per partito preso). Un’espressione geniale di DIVIDE ET IMPERA, applicata nel contesto dei meccanismi elettorali e di come la psicologia agisce in quest’ambito.
Vado al punto e concludo: il sistema in questione ha una buona ragione d’essere nell’impedire a minoranze riottose di fare troppi danni ed avere troppo spazio. Ma cosa accade quando quella che si suppone essere una minoranza riottosa….diventa il primo partito ? Semplice: ne viene fuori un furto, seguito da un inciucio indescrivibile (la parola è stata coniata giustamente per il sistema italiano, e mai aveva avuto spazio in quello francese: voglio vedere come l’opinione pubblica si adatterà ad avere tra blocchi di eguale potenza che fanno intrighi all’infinito come nella politica nostrana. Ripeto è cosa ordinaria per chi è nato nella penisola, ma non Oltralpe….)
Ma a parte tutto questo, per parlare di principi……..ebbene, con tutto questo, quale principio si salvaguarda ? Quello dei numeri oggettivi o quella di un supposto equilibrio ideale che non veda alcuno vincere ? Perchè si tratta di due democrazie diverse.
Gente che mi ascolta……….posso bene comprendere che molti che mi seguono non voterebbero mai il Fronte Nazionale ed affini, d’accordo: ricordo tuttavia che il sistema elettorale avrebbe ugualmente avuto il medesimo effetto anche se al posto del Fronte vi fosse stato – per intenderci – un forte (e degno) partito comunista, con 1/3 dei voti (come il PCI italiano di un tempo). Nessuna differenza avrebbe fatto: sarebbe stato miniaturizzato e derubato del proprio risultato esattamente come si vedrà del Fronte in queste ore. Così da far capire.
D’altro canto…..gli elettori francesi questo lo sanno bene. Spetta a loro modificarlo se credono: in caso contrario non avranno mai I governanti che vogliono, ma piuttosto le creature che emergono dalla palude dell’inciucio: ecco penso di intravedere il punto alla base di tutto…………….la grande scelta della società francese da questo punto in avanti è questa, ossia non tanto scegliere un partito o un altro, una destra o una sinistra (quello è facile) quanto scegliere se rimanere “transalpini” oppure diventare ITALIANI (in termini di sistema politico e mentalità annessa).
P.S. = Dopo questo, se qualcuno osa anche solo fiatare (dico fiatare) in merito alla “democrazia” delle elezioni presidenziali che hanno eletto Putin, lo vado a cercare, ovunque sia e chiunque sia.
PASSO E CHIUDO.
 
L’ OCCIDENTE.
Un partito che sta al 33% del voto nazionale (RN) si ritrova con circa la metà dei seggi che avrebbe dovuto avere: forse nemmeno 140.
Il partito presidenziale macroniano – grande trombato di europee e primo turno delle legislative, dove è rimasto inchiodato al 20% – di seggi ne otterrà probabilmente 170.
La cifra della democrazia occidentale sta in cose come questa.
Non si aggiunge altro.
***
Se qualcuno – chiunque sia, dovunque sia – viene ancora a contestarmi le credenziali di DEMOCRATICITA’ delle elezioni presidenziali russe che hanno incoronato Putin, se il figlio di puttana, ci prova ancora una sola volta a parlarmi di procedure trasparenti ed istituzioni libere, faccia meglio a non rendersi più reperibile o riconoscibile o rintracciabile. In alcun modo.
FINE.
VOTO FRANCESE
⚫️ RN (Le Pen): 37,1% (10.1 milioni di voti)
NFP (Melenchon): 25,8% (6.9 milioni)
ENS(Macron): 24,5% (6.5 milioni)
TERZO (ed ultimo) intervento dedicato all’esito delle consultazioni nazionali nell’esagono.
Lascio perdere parole e discorsi: si osservi coi propri occhi il numero di voti dei primi tre partiti e la distribuzione finale di seggi (giudicare da soli, ognuno in coscienza e domandarsi – ciascuno – in quale concetto di democrazia ci si identifica, prima di giudicare altri stati alieni all’occidente).
Un momento di confusione sino a ieri prima della chiusura dei seggi vi è stato: si dava ancora il Fronte Nazionale di Le Pen come primo partito…….ed IN EFFETTI non ci si sbagliava. Il problema è che i sondaggisti, al pari della gente comune – almeno da come mi sembra ! – coscientemente o meno hanno dato maggiore rilevanza al numero di voti assoluto che non al macchiavellico gioco di assegnazione seggi basato sulla strategia di desistenza che era la vera chiave di volta del tutto.
A conti fatti direi che il VERO vincitore di questa tornata elettorale non è un partito o una formazione: il vero vincitore è il sistema stesso (e il suo meccanismo elettorale).
Elezioni come queste, con un esito come quello illustrato in alto ed in basso dimostrano che per vincere e governare non è indispensabile il numero di voti che oggettivamente ottenuto, ma la capacità di imbastire intrighi, accordarsi e maneggiare.
Non ha vinto il Fronte Nazionale come nemmeno i suoi antagonisti più sfegatati che da sinistra intonano canti in piazza e sulle bacheche: questi ultimi sono la parte più imbarazzante della situazione…..perchè malgrado “illuminati” non si rendono conto di cosa è successo. Ottusamente focalizzati su un’immaginario successo contro l’eterno nemico, non si accorgono che un voto popolare è stato letteralmente stravolto e che la medesima cosa può accadere a loro stessi alla prossima tornata (…).
Occorre scegliere il modello di democrazia in cui ci si riconosce: l’esito elettorale di queste legislative francesi è tanto eclatante, tanto emblematico che non mi convince molto della superiorità etica e democratica dell’Europa, ma piuttosto della sua ipocrisia. Un voto può essere capovolto se non è conforme alla linea ideologica occidentale ed un partito che ha poco meno del 40% dei voti (riguardateli sti grafici) può essere emarginato in TERZA posizione dietro avversari che hanno molto meno di lui.
Centristi e Progressisti assommati assieme hanno 12 milioni di voti circa…..il Fronte Nazionale di LePen ne ha 10 e qualcosa (manca poco che totalizzi la somma dei due rivali messi assieme).
Se non si riesce a sconfiggere un partito scomodo (destra o sinistra che sia), lo si elimina con espedienti, ecco il punto.
E’ talmente scandaloso che direi le medesime parole a favore di qualsiasi sconfitto in tali circostanze, non solo del Fronte: anche se fosse accaduto ai comunisti avrei detto le stesse cose.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Le elezioni in Sud-Africa, di Bernard Lugan

Siamo abituati a cogliere le dinamiche politiche in Africa con gli occhi e le dinamiche dei paesi europei e occidentali. Un effetto collaterale è stato il tentativo di esportazione della democrazia occidentale in contesti sociali diversi.

Le stesse classi dirigenti locali, formatesi nel periodo coloniale, hanno assunto in qualche modo questi modelli, piegandoli più o meno consapevolmente alla realtà socio-politica. Da tempo Lugan ci offre analisi sugli effetti perversi di questa impostazione. Giuseppe Germinario

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

Questo numero de L’Afrique Réelle si concentra su quattro temi.
In Sudafrica, dove l’ANC ha perso la maggioranza assoluta alle recenti elezioni, è stato formato un governo di coalizione. Ma, paradossalmente, mentre i programmi politici dell’ANC, dell’Umkhonto we Sizwe e dell’EFF sono praticamente identici, l’odio personale tra i loro tre leader, Cyril Ramaphosa, Jacob Zuma e Julius Malema, ha fatto sì che alla fine si sia formata un’alleanza quasi surreale. La nuova maggioranza riunisce l’ANC e la DA (Democratic Alliance). Un partito che vuole amplificare l’Affirmative Action, che chiede la condanna di Israele per genocidio, i cui parlamentari hanno tutti votato a favore del sequestro delle fattorie bianche, e un partito bianco che combatte l’Affirmative Action, sostiene Israele e si oppone al sequestro delle fattorie appartenenti ai bianchi, governeranno insieme… Di conseguenza, l’EFF e l’Umkhonto we Sizwe parlano di un tradimento degli ideali dell’ANC, di uno schema progettato per salvaguardare le posizioni e le prebende dei caciques dell’ANC, e chiedono a tutti i neri di unirsi a loro… Una situazione da seguire…


Le elezioni sudafricane del 2024 hanno assunto ancora una volta la forma di un censimento razziale. I neri hanno votato per i partiti neri (ANC, EFF, IFP, MK ecc.), mentre i bianchi, gli indiani e i coloured hanno dato i loro voti ai partiti non neri DA, PA e VF (Vreedom Front). Le cifre parlano chiaro: i neri rappresentano l’80% della popolazione, i coloured il 9%, i bianchi l’8,5% e gli indiani il 2,5%. Nelle elezioni del maggio 2014, il voto ha rispettato chiaramente questa divisione: i partiti neri nel complesso hanno ottenuto il 78% dei voti e i partiti non neri il 22%. All’interno di queste grandi categorie, è importante notare che gli zulu hanno votato IFP o MK, mentre i bianchi hanno votato DA con una frazione di loro, soprattutto afrikaner che hanno dato i loro voti al VF), mentre i coloured (Metis) si sono divisi tra DA e PA. La Nazione Arcobaleno è più che mai un mito.
CAMBIAMENTI NELL’ELETTORATO DAL 1994
Uno studio dell’elettorato sudafricano dal 1994, data delle prime elezioni multirazziali, cioè da oltre 30 anni, mostra che è rimasto molto stabile a causa delle determinanti razziali del Paese. Tuttavia, all’interno di questa costante possiamo notare diversi sviluppi.
1) Il declino dell’ANC Il partito storico della lotta contro la dominazione bianca è in declino dalle elezioni del 1994, anche se rimane di gran lunga il più grande partito del Paese. Questo costante declino è dovuto a due fattori: – Dissidenza interna (FF e MK). – Un bilancio di 30 anni di gestione disastrosa del Paese, corruzione diffusa, distruzione delle principali imprese statali, lotte interne tra fazioni e insicurezza. Oggi la posizione del Presidente Ramaphosa è delicata. Pragmaticamente, e contrariamente al voto unanime dei membri dell’ANC, il suo stesso partito, ha messo da parte la questione dell’esproprio immediato delle terre appartenenti ai bianchi. È perfettamente consapevole delle conseguenze disastrose che una tale misura avrebbe. Il settore agricolo, di grande successo, è l’unico in grado di sfamare la popolazione e di generare valuta estera attraverso le esportazioni. Lo smantellamento del settore agricolo porterebbe a rivolte alimentari e a un caos incalcolabile, ma sarà in grado di resistere, spinto dai parlamentari dell’ANC, dal suo stesso partito, dall’EFF e dall’MK?


2) Il DA ha raggiunto il suo punto più basso In 30 anni, il voto dei bianchi si è riunito nel DA, che ha completamente assorbito il National Party, l’ex partito di governo, il partito dell’apartheid, quello di Frederik De Klerk. Implacabile oppositore del regime bianco precedente al 1994, il DA incarna ora paradossalmente le speranze di bianchi, coloured e indiani. Il suo sogno era quello di formare un partito multirazziale che perdesse l’etichetta di “partito bianco” per attrarre il voto della borghesia nera e fornire un’alternativa liberale all’ANC. Il fallimento è evidente, in quanto non ha avuto successo, salvo eccezioni aneddotiche, mentre questa politica ha alienato alcuni elettori afrikaner che si sono rivolti al Vreedom Front. 3) Il movimento radicale nero dell’EFF sta ristagnando pur essendo dottrinalmente dominante Julius Malema, fondatore dell’EFF, è stato espulso dall’ANC nel 2012 ed è un demagogo corrotto la cui retorica violentemente anti-bianco è imponente. Non ha mai nascosto che il suo obiettivo primario e non negoziabile è la nazionalizzazione delle terre bianche, che diventerebbero proprietà dello Stato. La sua scommessa è che le masse nere abbandoneranno gradualmente l’ANC quando vedranno che il partito li ha traditi, e si riuniranno al suo slogan di “seconda liberazione”, che prevede la nazionalizzazione delle miniere, delle banche e delle terre appartenenti ai bianchi. Alle elezioni del 2024 ha dovuto affrontare la dura concorrenza dell’MK di Jacob Zuma, ma le sue idee sono condivise da quasi tutte le basi militanti dei vari movimenti politici neri. 4) Nel 2024, l’emergere dell’MK è costato all’ANC la sua tradizionale maggioranza. Con l’MK, siamo chiaramente in presenza di un dissidente zulu che non ha accettato il colpo di stato interno all’ANC che, nel 2018, ha visto il vicepresidente Cyril Ramaphosa spodestare il presidente Jacob Zuma prima di prendere il suo posto. Un putsch interno seguito dalla condanna dell’ex presidente al carcere. Il popolo zulu non ha perdonato la leadership dell’ANC per questo, il che spiega la vendetta elettorale di Jacob Zuma…

5) Il partito realista zulu Inkhata Freedom Party mantiene le sue posizioni L’IFP, che in …. ha perso un numero significativo di voti perché molti zulu hanno votato per l’ANC, allora guidata dallo zulu Jacob Zuma, ora sta risorgendo e ha persino creato una sorpresa nel suo tradizionale cuore rurale del Kwazulu-Natal. 6) I coloureds si stanno sempre più affermando come forza autonoma Con l’Alleanza patriottica (AP), un altro nuovo arrivato si sta affermando sulla scena politica affermando apertamente di essere un partito etnico di colore. Questi ultimi, va ricordato, non sono il prodotto dell’incrocio tra bianchi e neri, ma tra bianchi e khoisan. La loro lingua è l’afrikaans, la lingua degli afrikaner, con i quali condividono gli stessi valori culturali e sportivi, in particolare il rugby[1] . La loro roccaforte etnica è il Capo Occidentale. Questo nuovo partito ha preso piede ovunque ci fosse una forte comunità di colore, come ad esempio nella Ekhurhleni City Metro (le città industriali a est di Johannesburg), in particolare in due distretti con una popolazione di colore. Il leader del PA, Gayton Mackenzie, è un personaggio atipico, con un passato criminale da ex rapinatore di banche, ma politicamente ultra conservatore, che rifiuta l’aborto, la teoria del gender e i dettami LGBT. 7) A parte la scissione etnica Zulu (MK), tutte le altre scissioni dell’ANC sono fallite: piccoli partiti regionali neri come l’UDM sono stati assorbiti dall’ANC. Il Cope, il partito scissionista Xhosa dell’ANC formatosi contro la presa di potere all’interno del partito da parte di Jacob Zuma e degli Zulu, è scomparso tra il 2009 e il 2014 a causa delle sue divisioni interne. Per quanto riguarda SA (Azione Sudafrica), si è trattato di un fallimento. Il presidente fondatore di Action SA, Hermann Mashaba, un uomo d’affari di origine mozambicana che ha fatto fortuna creando “Black like me”, una catena di saloni di parrucchieri e prodotti per africani, aveva aderito al DA ed era persino diventato sindaco di Johannesburg. Le sue dimissioni dal DA segnarono il fallimento del tentativo di “africanizzare” questo partito bianco, radunando parte della borghesia e della classe media nera.
Il sistema elettorale sudafricano Le elezioni del maggio 2024 hanno eletto l’Assemblea nazionale e le assemblee provinciali. L’Assemblea nazionale è composta da 400 deputati eletti con il sistema della rappresentanza proporzionale, 200 con il sistema nazionale e gli altri 200 dalle 9 province con il sistema della rappresentanza proporzionale regionale. Il Presidente della Repubblica è eletto dall’Assemblea nazionale, mentre i presidenti delle assemblee regionali sono nominati dalle maggioranze provinciali.
SUDAFRICA: UN ELETTORATO MOLTO STABILE
Come al solito, l’analisi dei media sulle elezioni sudafricane del 29 maggio 2024 è stata superficiale. Parlare di “storica battuta d’arresto per l’ANC” è davvero affrettato:
1) È vero che l’ANC ha continuato il lento declino iniziato nel 2019, quando il movimento è sceso per la prima volta sotto la soglia del 60% a livello nazionale (57,5%). Tuttavia, con il 40,25% dei voti nel 2024, l’ANC non raggiungerà la maggioranza del 50%, ma rimane di gran lunga il più grande partito del Sudafrica. Al secondo posto, dietro di essa, il DA (Alleanza Democratica) ha ottenuto solo la metà dei suoi risultati, ovvero il 21,73% dei voti.

2) L’ANC ha vinto in 6 delle 9 province sudafricane, perdendo solo nel Gauteng, nel Kwazulu-Natal e nel Western Cape: – Nel Gauteng, i voti combinati dell’ANC (36%), dell’EFF (12%) e dell’MK (10%) hanno dato a questi tre partiti, che hanno lo stesso programma e sono divisi solo da questioni personali, una chiara maggioranza di governo del 58%. – Nel Kwazulu-Natal si è assistito a un chiaro voto identitario zulu, con il 46% dei voti per l’MK e il 16% per il vecchio partito realista zulu Inkhata, che sta mantenendo le sue posizioni nelle aree rurali. – Nel Capo Occidentale, essendo l’equilibrio etno-politico a favore dei bianchi e dei coloured, come mostra la mappa a pagina 5, l’ANC non poteva, da un punto di vista etno-matematico, aspettarsi di vincere elettoralmente. In realtà, il declino molto relativo dell’ANC è dipeso esclusivamente da quel 15% di voti zulu che hanno abbandonato il movimento di governo, considerato il tradimento dello zulu Jacob Zuma, e sono andati al suo partito, l’MK. Infatti, se sommiamo questo 14,68% al 40,25% ottenuto dall’ANC a livello nazionale, troviamo il punteggio dell’ANC per il 2019, ovvero quasi il 57%. Il vero partito di opposizione alla nebulosa nera ANC-IFF-MK, la DA (Democratic Alliance), ha ristagnato con un minuscolo guadagno di meno di un punto, passando dal 20,8% al 21,70%, in calo rispetto al punteggio del 2019, pari al 22,2%. Le ragioni di questa stagnazione sono due: – Perché parte dell’elettorato di razza mista ha votato per il partito di razza mista Alleanza Patriottica, che ha ottenuto il 2,04% a livello nazionale e il 7,4% nel Capo Occidentale. – Perché questo partito è considerato dai neri il partito dei bianchi. E come potrebbe “abboccare” all’elettorato nero se si è schierato a favore di Israele quando tutti i partiti neri e il governo chiedono che la Corte penale internazionale condanni quel Paese per “genocidio”? L’EFF di Julius Malema è sceso di un punto al 9,46%, avendo subito la concorrenza dell’MK. Gli afrikaner del FF, con l’1,36% dei voti, non sono più che una forza politica simbolica. Nel complesso, i quattro principali partiti neri (ANC, IFF, MK e Inkhata, più una decina di micro partiti) hanno ottenuto circa il 75% dei voti per una popolazione nera del 78-80%, mentre i partiti bianchi meticci e indiani hanno ottenuto circa il 24% dei voti per una popolazione del 20-22%.


QUALE COALIZIONE PER GUIDARE UN PAESE IN CRISI?


Per la prima volta dalla fine del regime bianco, con l’ANC privo di una maggioranza assoluta, il presidente Ramaphosa è stato costretto a formare un governo di coalizione, la cui composizione ha incontrato numerosi ostacoli e la cui formazione lascia perplessi.
Ora che sono stati resi noti i risultati ufficiali delle elezioni del maggio 2024, all’ANC mancavano 41 seggi per poter governare. Questa situazione, senza precedenti dal 1994, ha portato ai negoziati per la formazione di una coalizione. Il problema per l’ANC era che, anche se fosse riuscita a ottenere il sostegno della decina di piccoli partiti neri che avevano conquistato almeno un seggio in parlamento, il loro contributo non superava la ventina di seggi, che non era comunque sufficiente a formare una maggioranza. Erano quindi possibili tre opzioni: 1) Un’alleanza con il DA. (87 seggi in parlamento) Una tale coalizione sembrava impossibile per tre motivi principali: – Il DA si oppone alla discriminazione positiva, che è un pilastro del programma dell’ANC. – Il DA si è opposto con forza alla confisca delle fattorie di proprietà dei bianchi, mentre l’ANC ha votato all’unanimità a favore di questo piano di spoliazione. – Il DA sostiene Israele, mentre l’ANC si batte per la condanna di Israele per “genocidio” a Gaza. Infine, una simile alleanza sarebbe vista come una provocazione dagli altri partiti neri. 2) Un’alleanza con Umkhonto we Sizwe (58 seggi nell’ANC) È vero, ma Jacob Zuma aveva annunciato di essere pronto a collaborare con il suo ex partito, l’ANC, a condizione che Cyril Ramaphosa, il Presidente della Repubblica, si dimettesse… Gli zulu che sostengono Jacob Zuma, ma anche i radicali neri, criticano l’attuale Presidente, l’ex sindacalista Cyril Ramaphosa, per aver costruito la sua colossale fortuna tradendo i suoi elettori. Seduto nei consigli di amministrazione delle compagnie minerarie bianche, dove è stato cooptato in cambio della sua “esperienza” sindacale, è stato infatti onorato in cambio del suo aiuto nell’opporsi alle richieste dei minatori neri, di cui era rappresentante prima del 1994! Questo ha portato il leader rivoluzionario Julius Malema ad affermare: “In Sudafrica la situazione è peggiore di quella dell’apartheid (e che) l’unica cosa che è cambiata è che un governo bianco è stato sostituito da un governo nero”. C’è però una differenza: prima del 1994 i neri non morivano di fame, ricevevano cure mediche e istruzione gratuite, l’elettricità funzionava, la carenza d’acqua era sconosciuta e la polizia faceva il suo lavoro… 3) Un’alleanza con l’EFF di Julius Malema (39 seggi parlamentari) Per l’ANC sarebbe stata un’alleanza avvelenata perché il sostegno dell’EFF era subordinato all’immediata messa in pratica da parte dell’ANC del programma radicale sulla nazionalizzazione delle terre di proprietà dei bianchi votato il 27 febbraio 2018, quando, con 241 voti favorevoli e 83 contrari, il parlamento sudafricano ha votato per l’avvio di un processo di nazionalizzazione-espropriazione senza indennizzo di 35.000 agricoltori bianchi. 000 agricoltori bianchi. A parte il fatto che i 39 deputati dell’EFF da soli non basterebbero a dare all’ANC una chiara maggioranza, l’ingresso del partito al governo significherebbe che l’ANC sequestrerebbe di fatto le aziende agricole di proprietà dei bianchi e nazionalizzerebbe le industrie minerarie, portando a un esodo di capitali e alla rovina del Paese. Di conseguenza, mentre i programmi politici dell’ANC, dell’Umkhonto we Sizwe e dell’EFF sono virtualmente identici, l’odio personale tra i loro tre leader ha fatto sì che alla fine si sia formata un’alleanza a pezzi, e allo stesso tempo si potrebbe dire innaturale, con il sostegno dato all’ANC dal DA e dal partito zulu Inkhata… La nuova maggioranza combina quindi l’ANC, un partito che vuole estendere l’Affirmative Action, che chiede la condanna di Israele per genocidio e i cui parlamentari hanno tutti votato a favore del sequestro delle fattorie bianche, con il DA, che combatte l’Affirmative Action, sostiene Israele e si oppone al sequestro delle fattorie appartenenti ai bianchi… Di conseguenza, l’EFF ha parlato di un tradimento degli ideali dell’ANC, di uno schema progettato per salvaguardare le posizioni e le prebende dei suoi caciques, e ha invitato tutti i neri ad aderire… Una situazione da seguire…
Il governo di unità nazionale Il 17 giugno 2024 è stato ufficialmente creato il governo di unità nazionale (GNU). Cinque partiti compongono questo governo di unità nazionale: l’ANC, il DA, l’IFP (Inkhata Freedom Party), il Good e il PA (Patriotic Alliance). Questi cinque partiti hanno un totale di 273 seggi su 400 nell’Assemblea Nazionale, dando al GNU una maggioranza del 68%. Il comunicato stampa dell’ANC afferma che “il programma e le priorità del GNU sono pienamente allineati con gli impegni e le politiche di lunga data dell’ANC”, compresa “la riforma agraria”, cioè la politica di confisca delle aziende agricole di proprietà dei bianchi.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Stati Uniti, NATO e strategie geopolitiche: Domande e risposte con Ann Marie Dailey

Folgorata sulla via di Damasco_Giuseppe Germinario

Stati Uniti, NATO e strategie geopolitiche: Domande e risposte con Ann Marie Dailey

Q&A

3 luglio 2024

Ann Marie Dailey serves as an engineer captain in the U.S. Army Reserves, photo courtesy of Ann Marie Dailey

Ann Marie Dailey è capitano ingegnere nelle riserve dell’esercito degli Stati Uniti.

Foto per gentile concessione di Ann Marie Dailey

Ann Marie Dailey è un’esperta di alcune delle questioni più urgenti che gli Stati Uniti e i loro alleati globali devono affrontare: Come aiutare l’Ucraina. Cosa aspettarsi dalla Russia. Come posizionare la NATO per i prossimi 75 anni.

È ricercatrice politica presso RAND e senior fellow non residente presso il Consiglio Atlantico. Per oltre vent’anni ha studiato i fattori politici, militari ed economici alla base della sicurezza globale. È stata consulente senior dell’Assistente del Segretario alla Difesa per gli Affari di Sicurezza Internazionale per quanto riguarda la Russia e l’Ucraina, nonché per le relazioni della NATO con l’Ucraina e la Georgia. Nel 2015 è entrata a far parte dell’Esercito degli Stati Uniti e ora presta servizio come capitano ingegnere nelle riserve.

Lei ha fornito consulenza ai leader militari sia in Russia che in Ucraina. Qual è la sua valutazione della guerra in Ucraina in questo momento e cosa prevede per i prossimi mesi?

Se si guarda al campo di battaglia, c’è un punto di inflessione artificiale che è stato determinato dal lungo ritardo nell’approvazione di ulteriori aiuti statunitensi all’Ucraina. I russi stanno passando all’offensiva. Ma se gli ucraini riusciranno a respingerli per tutto il 2024, credo che i fattori sistemici volgeranno a favore dell’Ucraina. La Russia dovrà affrontare difficoltà crescenti nella sua produzione di difesa, in particolare di veicoli blindati. Si assisterà a un aumento della produzione statunitense ed europea. Vedrete l’introduzione degli F-16, che almeno daranno all’Ucraina un po’ di flessibilità in più. La strategia dell’Ucraina fino al 2024 sarà quella di giocare in difesa, e si spera che questo metta le basi per una possibile offensiva nel 2025.

A proposito di aiuti statunitensi, lei ha avvertito che il mancato sostegno all’Ucraina potrebbe dare il via a una “serie di sconfitte americane”. In che senso?

A Washington c’è chi dice che non possiamo continuare a sostenere l’Ucraina perché ciò compromette la nostra capacità di prepararci alla Cina. Ma se stiamo guardando a un potenziale conflitto futuro con la Cina, ci sono due mondi in cui potremmo combatterlo.

Ann Marie Dailey

Foto di Diane Baldwin/RAND

Uno è un mondo in cui l’Ucraina perde. In quel mondo, tutti i nostri alleati europei saranno concentrati al laser sulla protezione dal prossimo attacco della Russia. Gli Stati Uniti saranno più isolati diplomaticamente, perché i 31 alleati della NATO saranno molto più preoccupati della propria sicurezza che di aiutare gli Stati Uniti nella lotta contro la Cina.

L’altro mondo è quello in cui l’Ucraina vince. Allora avrete un’Ucraina che sarà l’esercito più grande e più capace d’Europa e che agirà come baluardo contro l’aggressione russa. In questo modo si ottiene un forte fianco europeo a est degli Stati Uniti. Ci sono Paesi che hanno fiducia non solo nella propria sicurezza, ma anche nella capacità collettiva della NATO di scoraggiare e sconfiggere le aggressioni. Saranno più disposti a contribuire se gli Stati Uniti si troveranno in una guerra nell’Indo-Pacifico. L’idea che, in qualche modo, aiutare l’Ucraina ci renda meno preparati a una guerra in Cina è solo una visione del mondo piatta, quando invece non lo è.

Si è parlato molto della possibilità che la NATO inizi il processo di integrazione dell’Ucraina nell’alleanza durante il vertice di Washington di quest’estate. Cosa ne pensa?

Deve farli entrare o chiarire che non faranno parte della NATO. Lasciarli in un limbo diplomatico non fa altro che peggiorare le cose per l’Ucraina e minare la NATO. Personalmente, penso che l’Ucraina debba diventare un membro, ma la domanda più importante in questo momento è: cosa deve fare la NATO per garantire che l’Ucraina vinca questa guerra?

Un’Ucraina vittoriosa e unificata sarebbe l’esercito più capace d’Europa, e a quel punto sarebbe semplicemente sciocco non coinvolgerla.

Un’Ucraina vittoriosa e unificata sarebbe l’esercito più capace d’Europa, e a quel punto sarebbe semplicemente sciocco non farla entrare [nella NATO].

Share on Twitter

Cosa deve fare la NATO per garantire che l’Ucraina vinca la guerra?

Aumentare la sua base industriale di difesa. Finché la Russia vedrà che sta superando le capacità combinate degli Stati Uniti e dei suoi alleati europei nella NATO, capirà che può continuare a combattere questa guerra. Non appena gli Stati Uniti e l’Europa raggiungeranno questi numeri, il calcolo cambierà.

Mi piacerebbe anche che le difese aeree della NATO fornissero uno scudo sull’Ucraina occidentale. La Russia ha lanciato missili e droni d’attacco che hanno sorvolato il territorio della NATO. E piuttosto che le difese aeree di quelle nazioni hanno sparato contro di loro e li hanno abbattuti, hanno fatto affidamento sull’Ucraina che ha usato le sue difese aeree per farlo. L’idea che non si proteggano i cieli della NATO impegnando quei missili e quei droni non solo non aiuta l’Ucraina, ma mina la deterrenza dell’articolo 5 della NATO. Appoggerei anche la proposta della Francia di iniziare a portare truppe nell’Ucraina occidentale, lontano dalle linee del fronte, per fornire addestramento sul campo agli ucraini.

Come pensa che reagirebbe la Russia?

Allo stesso modo in cui hanno risposto finora, ovvero con un sacco di spacconate nucleari. Sanno che non appena menzioneranno le armi nucleari tattiche, congeleranno i decisori in alcune capitali.

A lungo termine, mentre la NATO celebra quest’anno il suo 75° anniversario e guarda ai prossimi 75 anni, quali sono secondo lei le sfide più importanti che deve affrontare?

Stiamo assistendo a un aumento delle minacce al di sotto del livello di azione militare – massicce quantità di disinformazione, finanziamenti illeciti utilizzati per minare i processi politici. La NATO ha avuto un tale successo negli ultimi 75 anni che i suoi nemici stanno cercando di utilizzare altri modi per attaccare o minare l’alleanza. L’Alleanza dovrà lottare per definire ciò che costituisce un attacco e per assicurarsi di avere le capacità necessarie per rispondere. La Cina e la Russia si sono impegnate in queste minacce al di sotto del livello di quelle che si considerano azioni militari convenzionali. La NATO deve diventare un bersaglio più difficile, sviluppando più capacità al di sotto della soglia del confronto militare diretto e dimostrando la volontà di usarle. Ma deve farlo anche sostenendo le idee democratiche di libertà e apertura.

Lei si è arruolato nell’esercito un po’ più tardi, dopo essersi affermato nella sua carriera. Come mai ha deciso di arruolarsi?

Avevo preso in considerazione l’idea di entrare a farne parte in diversi momenti della mia vita. Poi, nel 2015, sono stato consigliere senior per la strategia della Russia e ho partecipato a questi wargame, in cui la Russia attaccava la NATO. Ho sempre sostenuto la necessità di aumentare le forze della NATO in avanti e, in particolare, di aumentare le forze statunitensi. Abbiamo anche constatato che l’Esercito americano non disponeva di sufficienti capacità ingegneristiche su larga scala. Mia madre diceva sempre: “Se vuoi che una cosa sia fatta bene, falla da solo”. Ho deciso di arruolarmi come ingegnere dell’esercito non solo perché pensavo che fosse importante per me personalmente. Stavo sostenendo l’avanzamento delle forze militari statunitensi, essenzialmente come filo spinato, e non mi sentivo a mio agio nel farlo se non ero disposto a mettermi in quella posizione.

In che modo la sua esperienza nell’esercito ha influenzato la sua ricerca al RAND?

Una cosa che l’esercito mi ha insegnato è il modo in cui l’esercito affronta il rischio. Non è l’esercito a decidere quali missioni perseguire. Deve solo valutare come valutare e mitigare i rischi, con la consapevolezza che dovrà sempre accettare un certo livello di rischio per portare a termine la missione. È una cosa che i leader militari capiscono molto bene, ma che non è necessariamente radicata nella cultura civile. Mi ha anche aiutato a pensare in modo più ampio ai problemi della difesa e della sicurezza, non solo guardando alle cose e alle piattaforme, ma anche alle persone e alla leadership.

Più in generale, c’è stata un’esperienza che oggi considera un punto di svolta, che le ha fatto intraprendere questo percorso professionale?

Da bambino ero un grande fan dei Detroit Red Wings. Gli appassionati di hockey potrebbero ricordare, negli anni ’90, i Russian Five. Si trattava di cinque giocatori russi che furono portati ai Red Wings e che finirono per vincere diverse Stanley Cup. Crescendo, guardavo con mio padre i film di Tom Clancy, dove i russi erano sempre i cattivi, e poi guardavo i Detroit Red Wings, dove i russi erano i buoni. Ciò ha causato questa dissonanza cognitiva nella mia mente, questa contraddizione che ho voluto approfondire. Così ho continuato a studiare la Russia e le relazioni internazionali all’università, e credo che il resto sia storia.

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Stati Uniti, il prezzo della libertà e di una presidenza. Con Gianfranco Campa

Biden, un candidato presidente totalmente disconnesso dal mondo reale, comunque mantenuto in piedi a prescindere, non ostante i malumori crescenti all’interno del suo stesso schieramento. Evidentemente gli apparati, i nuclei dei centri decisori contano più, molto di più delle persone e delle coreografie propinateci. Evidente, comunque, il vuoto di alternative e la natura troppo composita di uno schieramento demo-neocon pronto a deflagrare in assenza del nemico. Trump, alla sua terza candidatura; la prima dal successo inaspettato, la seconda espropriata in malo modo, la terza osteggiata con tutti i mezzi, almeno sino ad ora. E’ apparso meno lucido nel recente dibattito. Sarà per la liquefazione del rivale e la mancanza di un interlocutore all’altezza; sarà perché spossato da dieci anni di pressioni inimmaginabili; sarà per l’età; sarà per i limiti intrinseci del personaggio, senza disconoscerne i meriti. Tra questi ultimi, aver preservato e consolidato un movimento ben radicato e molto più maturo, ma che ha ormai bisogno di trovare altri leader. Nelle more, la gradita sorpresa di una liberazione attesa e rivendicata, quella di Julian Assange, ma dagli aspetti oscuri che non tarderanno a manifestarsi o a dissolversi. A meno di qualche escamotage machiavellico, comunque la cessione al nemico della propria polizza di assicurazione: i dati non ancora resi pubblici del suo immenso archivio. Una puntata da ascoltare. Si ringrazia Cesare Semovigo per il montaggio e per la sigla da lui composta. Giuseppe Germinario

Aggiornamento! Cominciano a manifestarsi le pressioni dei servizi di intelligence per una rinuncia di Biden alla candidatura. L’argine posto dalla famiglia Biden consiste in garanzie e salvacondotti sulle inchieste giudiziarie che si stanno cumulando.

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v562etr-stati-uniti-il-prezzo-della-libert-e-di-una-presidenza.-con-gianfranco-camp.html

SITREP 7/6/24: Si costruisce la narrativa secondo cui Putin è disperato per porre fine al conflitto – Lo è davvero?_di SIMPLICIUS

SITREP 7/6/24: Si costruisce la narrativa secondo cui Putin è disperato per porre fine al conflitto – Lo è davvero?

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

La visita di Orban a Mosca ha infiammato il serraglio politico europeo questa settimana. L’istrionico teatrino è stato messo in piena mostra, mentre il coro di cugini e cuginette catturati si è messo a cantare in un’atmosfera di zoppicante futilità:

Da parte sua, Orban ha affermato che Putin è un negoziatore assolutamente razionale:

Ma la narrazione prevalente che ora ha travolto il commentario e la sfera di propaganda dei media è che la Russia sta disperatamente spingendo per la fine del conflitto. Ovunque si guardi, Putin viene caratterizzato come se stesse praticamente implorando un cessate il fuoco. Nelle ultime settimane, un comunicato stampa dopo l’altro è stato incentrato sul fatto che la Russia si sta avvicinando a una cessazione delle ostilità, con i vari discorsi e le parole di Putin utilizzati a sostegno.

Ma quanto è vero?

Sono qui per dirvi senza ambiguità che si tratta di un totale depistaggio.

Nessuna volta Putin ha tirato in ballo cessate il fuoco o negoziati – in tutti i casi sono gli altri a spingerlo sull’argomento, e lui è semplicemente costretto a rispondere in modo diplomatico. Come di recente, quando Putin ha commentato con stizza la questione nucleare, quando qualcuno gli ha chiesto perché negli ultimi tempi stesse insistendo così tanto sul concetto di guerra nucleare: Putin ha risposto che non era lui a tirarlo fuori, ma la gente continua a chiedergli delle armi nucleari durante le domande o le interviste, e lui è costretto a rispondere alle loro domande. Queste risposte vengono poi citate fuori contesto da organi di stampa gialli e clickbait per far sembrare che la Russia stia costantemente agitando per una guerra nucleare.

Allo stesso modo qui, c’è stata una serie costante di domande rivolte a Putin in ogni occasione pubblica dell’ultimo mese o giù di lì. Ne riportiamo alcune a titolo illustrativo:

Solo una settimana fa, in occasione della riunione della SCO ad Astana, Putin ha fatto diversi commenti sui cessate il fuoco e sui negoziati:

Questo è stato travisato per significare che è Putin a spingere l’argomento. Ma ciò che è stato tralasciato nei filmati troncati è che in realtà sono stati i membri della SCO a presentare una proposta di cessate il fuoco durante l’incontro, come si può vedere qui sopra.

In seguito, la stampa ha continuato a interrogare Putin sull’argomento, che è stato nuovamente costretto a rispondere:

Poi, dopo che Trump aveva recentemente fatto dichiarazioni sulla necessità di negoziare la fine della guerra “nel suo primo giorno di mandato”, Putin è stato nuovamente citato in modo errato per rispondere a questa affermazione. Gli opinionisti e la stampa hanno affermato che Putin ha detto di “sostenere il piano di Trump per porre fine alla guerra”, il che è una totale menzogna:

Prima di tutto, potete vedere voi stessi cosa ha detto Putin: non solo risponde ancora una volta alle domande dei giornalisti e non spinge lui stesso sull’argomento dei negoziati, ma si limita a fare un passo indietro sottintendendo diplomaticamente che lo sforzo di Trump è una buona cosa, ma che Putin non ne sa nulla:

Ancora una volta, si tratta di un grande nulla di fatto, distorto per spingere la narrazione che “Putin è vicino alla resa!” da parte di commentatori e ‘analisti’ della sesta colonna.

A questo ha fatto seguito la più grande notizia bomba di tutte, ripresa dai principali organi di stampa, che ha davvero rafforzato la narrazione falsificata:

Sembra tutto così autentico in quelle grandi pagine sgargianti, con le loro maiuscole audaci e perentorie. “Dev’essere vero!”, cantano all’unisono le pecore.

Ma da dove proviene questa “notizia bomba”? Da nientemeno che il più screditato propagandista ucraino, il buffone in disgrazia Dmitry Gordon:

È letteralmente l’unico “commentatore” in Ucraina preso meno seriamente dagli ucraini rispetto persino a “Lucy” Arestovich.

Dall’articolo del DailyMail sopra citato:

L’importante giornalista televisivo ucraino Dmitry Gordon ha detto di aver ricevuto i dettagli del pacchetto da “nostre fonti di intelligence”, mentre il canale Telegram russo Gosdumskaya – che sostiene di avere fonti interne a Mosca – ha riportato separatamente una serie simile di richieste di Putin.

Gordon è noto per le sue infinite bugie, tra cui quella che la Russia sarebbe crollata quest’anno, che la Crimea sarebbe stata conquistata entro l’estate e un’infinità di altre secche che nessuno prende sul serio. Il suo ultimo articolo dovrebbe essere considerato con lo stesso livello di credibilità.

Se leggete i punti salienti dell’accordo, vedrete quanto sia palesemente assurdo.

Ora vediamo di nuovo Orban venire a Mosca con lo scopo specifico di una “missione di pace”. È Orban a spingere l’iniziativa, non la Russia. Ma cosa dovrebbe fare Putin, rifiutare la visita di Orban? Naturalmente, Putin deve mantenere le apparenze per dare l’immagine che la Russia cerca la pace. In realtà, le condizioni della Russia non sono cambiate neanche minimamente – e la prova di ciò si può vedere nelle varie dichiarazioni recenti di Lavrov, Peskov, Zakharova, ecc. che continuano a sostenere che le condizioni fondamentali della Russia devono essere rispettate.

Legitimny channel lo ha sottolineato con le sue informazioni ricevute:

#ascolti
La nostra fonte riferisce che Orban ha tenuto lunghi negoziati con Putin, dove la crisi ucraina ha occupato non più del 5% del tempo, il resto del tempo ha discusso di questioni economiche e finanziarie.

Non ci sarà pace in Ucraina fino all’entrata in scena delle Forze Armate e alle elezioni negli Stati Uniti.
Ma è incoraggiante che molti siano consapevoli che ora il mondo è molto più vicino rispetto al 2022-23, in quanto i giocatori hanno iniziato a prestare maggiore attenzione agli accordi commerciali, che sono un fattore importante per dimostrare che il mondo è vicino.

Detto questo, dobbiamo riconoscere che ci sono stati almeno alcuni messaggi contraddittori da parte della Russia. Il più significativo è stato quando Putin ha dichiarato, pochi giorni prima del vertice svizzero del mese scorso, che la Russia avrebbe chiesto un “cessate il fuoco” immediato ai fini dei negoziati se l’Ucraina avesse ritirato tutte le sue truppe dai quattro nuovi territori russi di Kherson, Zaporozhye, DPR e LPR e si fosse impegnata a non aderire alla NATO. Si tenga presente che ciò sembra significare un cessate il fuoco temporaneo ai fini di ulteriori negoziati, con le condizioni di cui sopra intese come il gesto minimo iniziale che l’Ucraina dovrebbe compiere.

Dalla dichiarazione del 14 giugno:

Ma il problema è che, appena due settimane dopo, Lavrov ha rilasciato la seguente dichiarazione:

Abbiamo detto: saremo sempre pronti ai negoziati di pace, ma durante i negoziati non fermeremo l’operazione militare speciale. Abbiamo già avuto questa esperienza; siamo stati ingannati, come è successo nell’aprile 2022. – ha dichiarato Lavrov.

Quindi, ad essere onesti, dobbiamo ammettere che c’è chiaramente un conflitto nella messaggistica su questa linea. Putin è stato molto chiaro e categorico nell’affermare che sarebbe stato dichiarato un cessate il fuoco – anche se, se si ascolta il suo discorso, sembra che quello che sta descrivendo sia un cessate il fuoco temporaneo per facilitare il ritiro molto condizionato delle truppe ucraine dai territori – in modo che non vengano attaccate in modo disonorevole mentre si stanno ritirando.

Inoltre, va detto – almeno a mio parere – che Putin ha avanzato la proposta di mantenere ancora una volta gli apparenti gesti di pace, pur avanzando in realtà richieste che sapeva non essere realizzabili da Kiev. Per esempio, se si ascolta attentamente, egli afferma molto precisamente che l’Ucraina deve ritirarsi dai confini amministrativi completi delle regioni dichiarate. Che cosa significa? Significa, soprattutto, che l’Ucraina deve rinunciare completamente alla città di Kherson e a tutte le regioni periferiche.

La Russia occupa attualmente la maggior parte dell’Oblast’ di Kherson, ma l’Ucraina occupa ancora la città stessa:

Lo stesso vale per l’Oblast di Zaporozhye, l’AFU dovrebbe liberare l’enorme capitale di Zaporozhye stessa:

Si tratta di una maggioranza di quasi 1 milione di abitanti, settima città più popolosa dell’Ucraina, dopo Kiev, Kharkov, Odessa, Dnipro, Donetsk e Lvov. Ha quasi il doppio della popolazione di Sebastopoli, per intenderci. Quante possibilità ci sono, secondo voi, che la struttura di potere dell’Ucraina permetta mai l’abbandono totale di una tale città?

Ora, con questo in mente, rivalutate la proposta di Putin.

Anche l’ultimo rapporto di ISW dice che Putin non è seriamente intenzionato a negoziare:

Inoltre, ricordate cosa ha detto Putin qui, che in un certo senso mina i suoi precedenti:

Egli afferma essenzialmente di non essere interessato a nessun cessate il fuoco “temporaneo” che permetta all’Ucraina di riarmarsi, come i protocolli di Minsk e simili. Ora sappiamo che sarebbe aperto solo a una fine della guerra che cambierebbe totalmente il paradigma e che includerebbe necessariamente la riformulazione dell’intera architettura di sicurezza europea.

E infatti, nel suo nuovo incontro con Orban, ha nuovamente citato questo aspetto:

Quindi, per come ho inteso la sua precedente dichiarazione, se l’Ucraina accedesse alle richieste di rimozione di tutte le forze militari dalle quattro regioni, la Russia si atterrebbe a un cessate il fuoco temporaneo come atto d’onore per consentire il ritiro delle forze. Poi, Putin probabilmente valuterebbe quanto l’Ucraina sia disposta a veri negoziati sulle altre condizioni principali prima di decidere se riprendere le ostilità. Ma questa è solo la mia interpretazione della parte leggermente contraddittoria della questione.

L’altra questione importante da ricordare è che il Capo di Stato Maggiore della brigata neonazista Azov, Bogdan Krotevich, ha appena minacciato Zelensky per aver anche solo lontanamente preso in considerazione qualsiasi opzione di “pace”.

Il capo di stato maggiore di “Azov” minaccia chi chiede di fermare la guerra al fronte

Ha scritto su X/Twitter:

Nessuna pace senza vittoria. Vittoria significa non avere un solo soldato russo in territorio ucraino. Non lasceremo questa guerra ai nostri discendenti, e non lo farete nemmeno voi, perché se ci provate, sarà un male per voi e per loro. Se questo è un “test”, non pensateci nemmeno.L’ho scritto con calma.

Sarebbe meglio convocare i comandanti di brigata per una riunione, dare ad Azov armi occidentali, creare divisioni e mettere al comando comandanti di brigata esperti in battaglia come Radis. Sciogliere le Unità Tattiche Operative e ridurre il numero di generali nelle truppe: questo è il vostro piano per la pace attraverso la vittoria”.

Krotevych non ha specificato a quale “prova” si riferisse, ma a giudicare dal contesto, intendeva una dichiarazione di un analista politico vicino all’ufficio di Zelensky, Fesenko, che ha affermato che la guerra potrebbe essere fermata e i territori “restituiti in seguito”.

I media ucraini avevano già riferito che in Ucraina si era verificata un’escalation di tensioni tra le autorità e gli attivisti filo-occidentali, nonché tra i vertici militari e i soldati delle unità di alto profilo delle Forze Armate e della Guardia Nazionale, create sulla base di organizzazioni nazionaliste.

Come avevamo già scritto tempo fa, Zelensky è tenuto in punta di spada quando si tratta di portare avanti il resto del conflitto. È quindi di fatto intrappolato tra l’incudine e il martello, dato che le pressioni per capitolare diventeranno a un certo punto insopportabili, mentre le pressioni opposte – pena la morte – per continuare lo schiacceranno.

E poi c’è questa analisi finale che va alla radice delle cose e che si accorda con il taglio della mia tesi di cui sopra. In sostanza, propone l’idea che Putin stia giocando a fare il guastafeste con tutte le affettazioni di pace per dipingere Zelensky come un guerrafondaio deciso a continuare il conflitto:

Il Cremlino gioca a fare il partito diplomatico per screditare l’Ucraina

Le visite di Orban (il principale amico di Putin in Europa) dovrebbero sbiancare la reputazione del leader russo e mostrarlo “come un pacificatore”, che ha abbastanza responsabilità per portare a termine la sanguinosa guerra.

L’Ucraina, che ha abbandonato le condizioni del leader ungherese, sembra ora quasi l’unico promotore della continuazione delle ostilità. I leader di Turchia, India e Cina sono da tempo solidali con la posizione della Federazione Russa. E la performance di Orban ha dato loro un altro argomento a favore del sostegno a Putin.

Se la poltrona presidenziale per i Democratici verrà mantenuta, la Russia potrebbe iniziare una nuova grande fase della guerra, a partire dal rifiuto di Kiev di andare ai colloqui di pace.

In caso di arrivo di Trump, troveremo un probabile contratto che andrà bene a tutti, tranne che all’Ucraina.

Ancora una volta, il team di Zelensky dà prova di acrobazia diplomatica, aiutando i nemici dell’Ucraina ad avanzare per i loro obiettivi geopolitici…

L’unica riga sopra ci fa intravedere una potenziale risoluzione del conflitto:

In caso di arrivo di Trump, troveremo un probabile contratto che andrà bene a tutti tranne che all’Ucraina.

È possibile che si svolga come segue:

Trump entra in carica e usa il suo promesso ariete di minacce contro la NATO per piegare l’alleanza al suo volere, minacciando di disinnescarla o di far uscire gli Stati Uniti dall’alleanza, il che la distruggerebbe di fatto.

In questo modo, potrebbe potenzialmente costringere l’Europa ad accettare questa nuova architettura di sicurezza europea che Putin sta cercando, che sarebbe una nuova sorta di sistema di garanzie westfaliano. Come si risolverebbe il conflitto ucraino?

In primo luogo, Putin insisterebbe – come ha fatto – sul fatto che Zelensky è illegittimo e che non è possibile firmare alcuna garanzia con lui. Ciò provocherà lotte di potere all’interno dell’Ucraina, esacerbate dalle pressioni statunitensi, che porterebbero all’estromissione di Zelensky, che verrebbe sostituito da qualcuno più gradito sia a Putin che a Trump. Ciò sarebbe ovviamente favorito dai gruppi nazionalisti già citati, che arriverebbero comunque a eliminare Zelensky. Alcune delle questioni territoriali più spinose verrebbero probabilmente risolte attraverso un rinvio, come già discusso in passato; ad esempio, l’Ucraina può rivendicare legalmente alcune cose dopo un determinato periodo di 15-20 anni, e cose di questo tipo.

Se una di queste soluzioni si scontra con ostacoli, l’Ucraina continuerà a perdere sempre di più.

L’argomento opposto è quello secondo cui la Russia non può lasciare l’Ucraina in nessun caso, e deve continuare almeno fino alla cattura di Kharkov, Odessa, o addirittura di Kiev e dell’intero Stato. Questa è ancora una possibilità, come ho detto, soprattutto se una qualsiasi delle condizioni sopra citate dovesse crollare. Tuttavia, se tutti i tasselli della diplomazia dovessero andare a posto entro l’anno prossimo, con tutti i leader giusti eletti con successo e in carica, allora la pressione per la diplomazia potrebbe essere troppo forte perché Putin possa rifiutare, soprattutto se l’accordo è per lo più favorevole alla Russia, come nel caso dell’esempio precedente.

Ricordiamo che una delle condizioni dichiarate dalla Russia per qualsiasi pace è anche la revoca di tutte le sanzioni. Immaginate che tutte le oltre 20.000 sanzioni vengano revocate dal Paese più pesantemente sanzionato del mondo. Ci sono due possibilità:

  1. L’economia russa esplode in condizioni inimmaginabili e utopiche, raggiungendo il terzo posto nel mondo in pochi anni.
  2. Quello più probabile: la cabala globale con un profondo odio ancestrale per la Russia non permetterà mai una cosa del genere, e come tale qualsiasi trattato in questi termini sarebbe irrealistico per cominciare.

Come pensate che accadrà? Ecco il parere dell’Europa:

E un interessante sondaggio che rivela il sentimento degli stessi ucraini: la maggioranza preferirebbe perdere il territorio ma mantenere la sovranità piuttosto che il contrario:

Numeri pessimi per la propaganda, che sta cercando di convincere tutti della necessità di combattere fino alla fine, nonostante le perdite e le perdite.

Il 45% degli ucraini è d’accordo con la perdita dei territori occupati dalla Federazione Russa in cambio della “libertà di scelta” di aderire alla NATO e all’UE, mantenendo l’esercito e l’indipendenza, secondo un sondaggio del Consiglio europeo per le relazioni estere.

▪️il 26% preferirebbe restituire il territorio occupato, ma accettare la smilitarizzazione, lo status di neutralità e l’impossibilità di aderire all’UE e alla NATO.

▪️il 29% degli intervistati non sa cosa sia meglio.

L’AFU continua ad avere enormi problemi sul fronte, con unità che sempre più apertamente strillano nei forum pubblici su come tutto stia crollando intorno a loro.

Alcuni esempi dell’ultimo giorno o due.

Si è parlato molto di questa unità ucraina, che è stata confermata come pienamente autentica dai commentatori pro-UA:

“Amici per favore diffondete la parola. Ora abbiamo un grosso problema con il 206 battaglione. Si sta riducendo in polvere. Un sacco di 200 e 300. I combattenti forti vengono gettati come carne da macello…”

Un altro soldato ucraino esprime il suo cupo fatalismo:

Jihad Julian commenta i recenti sfondamenti di Toretsk e le continue avanzate di Vovchansk da parte delle forze russe:

In un nuovo ridicolo video Zelensky sostiene che l’Ucraina ha più di una dozzina di brigate in riserva, ma…non hanno armi: 

È come se la Wehrmacht nel 1945 dicesse “abbiamo il desiderio di vincere ma…”.

Egli stesso nota che le brigate sono sotto organico. In secondo luogo, recenti fughe di notizie affermano che gran parte delle “riserve” di nuova generazione vengono chiamate “brigate fantasma” o unità fantasma, dato che sono “brigate” solo sulla carta, e in realtà sono solo un’accozzaglia di compagnie spezzettate, o un battaglione o due.

Il deputato tedesco del partito AfD, Maximilian Krah, lo dice meglio qui:

MEP Maximilian Kra:

Cosa mi aspetto? Altre perdite ucraine, per quanto possa sembrare cinico. Ma siamo in guerra. E le perdite sono così grandi che ci stiamo avvicinando alla soglia del 30% della popolazione in grado di prestare servizio militare. Esiste una regola internazionale secondo cui se si perde il 30% della popolazione in grado di prestare servizio militare, la guerra finisce.Per due motivi.

In primo luogo, la popolazione non crede più nella vittoria, ma vuole salvare vite umane. I politici dicono che se sacrifichiamo ancora più giovani adesso, la sopravvivenza del nostro Stato sarà a rischio perché la popolazione si sta esaurendo. Immagino che quest’anno l’Ucraina avrà problemi di leva e quindi l’approvazione interna per la guerra calerà. In secondo luogo, la superiorità militare dei russi è così grande che persino voi capite che non c’è alcuna possibilità di vittoria. A questo proposito, sta aumentando la pressione per raggiungere in qualche modo un accordo all’interno dell’Ucraina.

D’altra parte, l’Occidente, in base alla sua logica, non può accettare la pace, perché sarebbe una sconfitta per lui. Pertanto, cercherà di continuare la guerra almeno fino alle elezioni presidenziali americane. Ma una volta terminate le elezioni presidenziali americane, si aprirà uno spiraglio per i negoziati di pace.

L’altra grande attenzione continua ad essere rivolta alla rete elettrica dell’Ucraina, con molte discussioni che ora si svolgono in Ucraina stessa.

Ecco la giornalista ucraina ed “esperta di sicurezza” Maria Avdeeva, in collegamento dal suo appartamento di Kharkov:

La sua sezione commenti è piena di altre conferme aneddotiche:

Altre notizie:

Una notizia terribile da Krivoy Rog:

Comunicato stampa di ArcelorMittal Krivoy Rog di oggi. Finalmente, sembra che il degrado della rete elettrica abbia raggiunto un livello critico. Dicono di non poter operare alla capacità attuale se sono obbligati a importare l’80% dell’elettricità, a causa dei costi dell’energia.

Un rapporto di Legitimny afferma che se la distruzione della rete elettrica continuerà, l’Ucraina sarà sottoposta a un blackout permanente di 8-12 ore al giorno per i prossimi anni:

La nostra fonte riferisce che se la guerra continuerà fino alla primavera del 2025, i problemi del settore energetico ucraino saranno risolti solo nei prossimi dieci anni e soggetti a miliardi di investimenti, e gli ucraini dovranno vivere in un terribile deficit di e / e per il 2024.25,26 anni con blackout costanti di 8-12 ore al giorno.

Inoltre, la fonte, sulla base di previsioni di esperti, indica che nei prossimi 3 anni il prezzo dell’e / e per la popolazione dell’Ucraina aumenterà del 300-400%.
Ora il prezzo è di 4,32 UAH per 1 kW, ed entro il 2026 salirà a 15 grivne per 1 kW/h.

I prossimi 3 anni nel Paese saranno “inverno nero”, e le conseguenze per le infrastrutture abitative e dei servizi comunali possono essere disastrose.

Persino Rob Lee è costretto a coprire l’imminente catastrofe:

Alcune notizie varie:

Un generale dei Marines americani è stato trovato “morto”:

È interessante notare che, secondo i rapporti, si trovava solo in Ucraina. Alcuni giorni fa sono stati segnalati voli statunitensi in partenza dalla Polonia, i tipici voli che trasportano i mercenari occidentali dopo gli attacchi russi. Una coincidenza?

Ora la sua morte è stata messa a tacere:

Quando è stato chiesto, l’NCIS non ha rivelato le modalità della morte di Mullen.

C’è stata un’ondata di attacchi russi a lungo raggio, compresi quelli sui punti di schieramento – molti dei quali su Odessa di recente, per esempio. È molto probabile che questo generale sia stato visitato dal dottor Ken Zhal per il suo ultimo controllo.

Se la situazione non fosse già abbastanza grave per gli Stati Uniti, è saltato in aria un altro impianto di difesa che, secondo quanto riferito, si occupa della produzione di Javelin e di altri missili:

Il comandante della 116ª Brigata ucraina è morto in direzione di Kupyansk:

E un altro noto ufficiale dell’AFU è diventato piuttosto avvilito:

Vi lascio con l’ultima toccante dichiarazione dell’analista russo Older Eddy:

Diremo una cosa. Più il potere e i suoi cani spingono il popolo ucraino a combattere, più grande sarà il crollo. A un certo punto, il fronte semplicemente si spolperà, perché l’80% dell’esercito sarà composto da chi non vuole combattere, o è stanco, o è deluso.
È come costruire una casa, ma facendo il cemento per le pareti e le fondamenta secondo la formula di 12 sacchi di sabbia per 1 sacco di cemento. Per qualche tempo rimarrà inattiva, dopodiché “comincerà ad addormentarsi”, e se ci sarà un minimo “terremoto”, semplicemente crollerà. Così nella situazione della Zemobilizzazione e delle Forze Armate.

Questa è una bomba ad orologeria.


Il vostro sostegno è inestimabile. Se vi è piaciuta la lettura, vi sarei molto grato se vi abbonaste a un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo da poter continuare a fornirvi rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, potete lasciare una mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

1 2 3 345