Stati Uniti,elezioni! Redivivi e rimossi Con Gianfranco Campa, Max Bonelli, Cesare Semovigo 1a parte

Un banale messaggio su X ha annunciato la rinuncia di Biden a puntare alla riconferma alla presidenza. Non pare un comunicato autografo. Da allora non si hanno più notizie certe sulla sua condizione. Una miracolata a caccia della presidenza. Il quadro fosco conosciuto nei secoli bui. Novità importanti in campo repubblicano. Un candidato appena scampato ad un attentato, la nomina di un vicepresidente, presenze insolite e sorprendenti alla convenzione. Un fermento che si fatica a riscontrare in Europa. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI COPRONO UNA PARTE DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v5885al-stati-unitielezioni-redivivi-e-rimossi-con-gianfranco-campa-max-bonelli-ces.html

Eventi straordinari in America, di SIMPLICIUS

C’è qualcosa di marcio in Danimarca.

In tangenziale circolano le voci più assurde che si possano immaginare. “Joe Biden è ancora vivo?”, si sussurra nei corridoi del Campidoglio.

Il despota in capo non eletto ha apparentemente rinunciato alla sua campagna elettorale tramite una nota sospetta su Twitter in un pigro pomeriggio domenicale, dopodiché non si è più fatto vedere né sentire. Molti stanno ora sottolineando le strane idiosincrasie che circondano l’evento senza precedenti, tra cui la mancanza di carta intestata o il fatto che la firma di Biden sembra essere stata falsificata:

Ricordiamo che Pelosi aveva recentemente detto che l’uscita forzata di Biden sarebbe stata fatta o in modo facile, o in modo duro:

Hanno anche pubblicato questo annuncio come un colpo di fuoco contro Biden:

Ora ci sono tutti i tipi di voci sulla salute di Biden, compreso il fatto che potrebbe aver avuto due episodi medici ‘segreti’ di recente, che sono stati nascosti al pubblico – e questo non contando la probabile diagnosi fasulla di ‘Covid’.

La cosa più scioccante è che anche i collaboratori più stretti di Biden hanno saputo del suo annuncio di ritiro solo dopo il fatto, e per di più dai social media. Inoltre, tutto il lavoro interno è stato gestito da Jeff Zients:

Alcuni ricorderanno che è il capo dello staff della Casa Bianca che è stato indicato come “il secondo uomo più potente di Washington” e mano segreta dell’ombra, da un insider della Casa Bianca registrato sotto copertura dalla troupe di James O’Keefe:

Ora si stanno diffondendo voci di ogni tipo:

Todd Starnes:

C’è qualcosa che puzza.

Perché il Presidente Biden avrebbe annunciato una decisione così importante e storica la domenica pomeriggio su una piattaforma di social media? La lettera che ha postato non è stata scritta su carta intestata della Casa Bianca. E la sua firma sembrava essere photoshoppata. Inoltre, la firma di Biden era sottolineata e di solito non sottolinea il suo nome.

Il suo staff lo ha scoperto solo dopo che il messaggio è stato pubblicato su X. E i membri del Gabinetto sono stati avvisati dal Capo di Gabinetto, non da Biden.

L’ultima volta che il pubblico ha visto Biden, ha sceso debolmente le scale dell’Air Force One e ha dovuto essere assistito fisicamente per salire sulla limousine presidenziale. Da allora non è più stato visto in pubblico.

Come sappiamo che Biden ha scritto quella lettera? E come sappiamo che Biden ha pubblicato la lettera sulla sua pagina X? Non c’era nemmeno una fotografia ufficiale del momento alla Casa Bianca.

Suo fratello, Frank Biden, ha dichiarato alla CBS News che la salute è stata “assolutamente” il fattore determinante nella decisione. E poi ha detto alla CBS: “Egoisticamente, vorrei che tornasse per godersi tutto il tempo che gli resta”.

Il Presidente Biden è ancora vivo? È sveglio e vigile? Ha il controllo delle sue facoltà? Con tutto il rispetto, abbiamo bisogno di vedere una prova di vita.

E’ chiaro che sotto il cofano c’è molto di più di quanto sembri. In primo luogo, tutto ciò si collega al tentativo di assassinio di Trump e alla testimonianza in corso al Congresso del direttore dei servizi segreti Kimberly Cheatle. La testimonianza ha rivelato che probabilmente molte cose sono state nascoste al pubblico sull’aspirante assassino Thomas Crooks, e in particolare sui suoi potenziali rapporti con l’FBI.

È interessante notare che Cheatle si è rifiutato di rispondere se Crooks avesse “agito da solo”:

Ora c’è un’indagine della fondazione Heritage che mostra che un dispositivo digitale che ha visitato più volte la casa di Crooks è stato geo-localizzato per essere andato nelle vicinanze di un ufficio dell’FBI a Washington DC a fine giugno.

Il regime viene messo a nudo davanti ai nostri occhi. Quante possibilità ci sono che, letteralmente solo una settimana o due dopo il fallito assassinio del suo principale rivale, il “presidente più popolare della storia” (80+ milioni di voti!) annunci che non si candiderà – e ora si parla addirittura di un’imminente dimissione dalla presidenza. La situazione è fuori dalla scala Richter dell’inquietudine.

L’ho già detto: siamo in un territorio inesplorato.

In primo luogo, va detto che le circostanze successive alla sparatoria di Trump sono state bizzarre e senza precedenti: né l’FBI, né il DOJ, né il DHS hanno tenuto una conferenza stampa ufficiale sulla sparatoria. Non ci sono stati forti appelli bipartisan per un’indagine o un tumulto in generale; le cose sono semplicemente andate avanti come prima, calmandosi tranquillamente prima di essere spazzate sotto il tappeto. I Democratici hanno preso tempo e hanno anche gradualmente diffuso teorie cospirative che sostenevano che Trump avesse inscenato la sparatoria.

Il procedimento puzzava di insabbiamento massiccio, mentre l’FBI continuava a fare ostruzionismo su tutte le indagini, negando le richieste di FOIA, con il capo dei Servizi Segreti Cheatle che ha dichiarato il falso di fronte al Congresso rifiutandosi di rispondere a domande chiave, tra cui: quanti bossoli sono stati recuperati sul tetto vicino al corpo del tiratore? Ha detto di saperlo, ma non può dirlo – il che è comodo, perché determinerebbe immediatamente la presenza di un secondo tiratore, dato che abbiamo l’analisi audio di ogni colpo sparato da parte di esperti. In alternativa, potrebbe semplicemente indicare l’incompetenza – deliberata o meno – in quanto confermerebbe l’enorme quantità di colpi che l’attentatore è stato “autorizzato” a sparare prima di una risposta.

Questo include il “guasto al sistema” globale senza precedenti di CrowdStrike, che chiaramente non è stato una “coincidenza”. Molto probabilmente, l’evento è stato utilizzato per cancellare i server dell’FBI dalla complicità nel colpo di Trump, soprattutto perché CrowdStrike ha potenti legami con l’FBI: il responsabile della sicurezza e presidente dei servizi dell’azienda è l’assistente direttore esecutivo dell’FBI in pensione Shawn Henry:

Ora è stato ammesso che il “consigliere” di Biden, Steve Ricchetti, è stato quello che “ha aiutato il presidente con il tweet”, cioè ha scritto il fatidico tweet di abbandono delle elezioni per Biden.

Gli eventi in corso hanno tolto i veli al funzionamento interno dello Stato profondo, dandoci un’idea approfondita di quanto sia scarsa la “democrazia” in America. Quest’anno il DNC ha rinunciato a un vero e proprio processo democratico di nomina alle primarie, utilizzando vari trucchi per tenere i veri candidati fuori dalla scheda elettorale o soppressi, come nel caso di Kennedy, come ad esempio l’anomalo rifiuto dei dibattiti. Questo ha di fatto tolto il processo “democratico” di nomina di un candidato dalle mani del pubblico e lo ha fatto passare strettamente al meccanismo di cartello del DNC, che di fatto sceglie da solo il candidato. Ciò è particolarmente vero se si considera che lo stesso sistema dei delegati del DNC è una rete intenzionalmente bizantina di lobbisti e interessi aziendali.

Si tratta della stessa tattica già sperimentata in passato, quando Bernie Sanders è stato sabotato dalle primarie; i partiti politici fraudolenti si limitano a nominare chi vogliono come candidato, con l’assistenza dei media di regime comprati e pagati, che sono in grado di sopprimere qualsiasi candidato in vari modi: ad esempio, semplicemente non dandogli tempo in onda o, soprattutto, usando regole arcane per escludere il candidato dai dibattiti televisivi sponsorizzati dalla CNN, come nel caso di Kennedy.

Maggiori informazioni su come funziona il tutto:

Lee Fang
Il Presidente Joe Biden ha borbottato e perso il filo del discorso durante il primo dibattito di ieri sera. La sua esibizione incespicante ha mandato onde d’urto nell’establishment del partito e ha rafforzato mesi di preoccupazioni sulle capacità cognitive del Presidente. Gli opinionisti democratici…
25 giorni fa – 225 mi piace – 46 commenti – Lee Fang

Inoltre, ricordiamo come Biden sia stato di fatto fatto accoppato dalla sua classe di donatori, che ha semplicemente tagliato i finanziamenti, dimostrando chi ha la vera ultima parola nelle elezioni americane.

È davvero questo che i Padri Fondatori immaginavano come una fiorente “democrazia”?

Ovviamente si tratta di un processo antico, solo che non ne siamo mai stati testimoni in modo così crudo. Persino il WaPo è stato costretto ad ammutolire di fronte alla natura antidemocratica di tutto questo, e in un nuovo articolo di oggi ha spinto per un ritorno a un processo più elettivo che selettivo per la convention nazionale del mese prossimo:

Il problema sembra essere la rivolta delle élite, e AOC ha affermato che dietro le quinte non sono soddisfatti della scelta di Harris:

È piuttosto interessante il linguaggio che sceglie. Sono interessati non solo a “rimuovere il presidente”, ma a “rimuovere l’intero ticket”, prova inconfutabile che quello in corso è un colpo di stato.

Ma se le élite democratiche non vogliono Kamala, allora chi è che la spinge per cominciare? È difficile dirlo, anche se si sussurra che sia la scelta interna della famiglia Clinton, mentre la famiglia Obama – i figli della mafia politica di Chicago – sono contrari a lei, come dimostra il fatto che l’unico messaggio ufficiale di Barrack finora ha omesso di menzionare Kamala e ha invece dichiarato di attendere con ansia un candidato democratico appena scelto. Insomma, si tratterebbe di una guerra intestina tra Casa Clinton e Casa Obama.

Qualcuno ha detto oggi che le prossime elezioni saranno di fatto le prime dal 1976 a non avere un Bush dinastico, un Clinton o un Biden da qualche parte nel ticket; l’unico cavillo è che nel ’76 Bush non era il candidato VP finale, ma era un candidato alla Convention Nazionale Repubblicana – anche se si candidò ufficialmente nell’80.

In definitiva, stiamo assistendo a eventi straordinari che si verificano a velocità straordinarie, confezionati con una patina di “normalità” che ci impedisce di alzare il muso dalla mangiatoia della fattoria degli animali. Circostanze che una volta si verificavano ogni qualche decennio, ora si verificano a distanza di giorni e settimane. Abbiamo avuto un presidente colpito da un proiettile, per poi essere eclissato dal primo ritiro presidenziale dalla rielezione dai tempi di Lyndon B. Johnson nel 1968; e il divertimento non è ancora finito: si vocifera che Biden finirà per dimettersi del tutto, soprattutto perché questo darebbe all’impopolare Kamala la migliore possibilità di battere Trump, avvolgendola in un mantello di convalida per aver servito alcuni mesi come presidente ad interim.

Nel momento in cui scrivo, si è verificata una delle cose più bizzarre che abbia mai visto: Kamala, atterrata nel quartier generale della sua campagna in Delaware, ha tenuto una conferenza stampa dalla quale ha parlato al telefono con un “Biden” disincarnato, lo stesso Biden che dovrebbe trovarsi da qualche parte in Delaware, ma che non è stato visto di persona o in pubblico per cinque giorni interi.

Stranamente, Kamala ha quasi commesso un errore e ha definito la voce di Biden una registrazione, prima di riprendersi e dire “chiamata”. Guardate voi stessi:

qui c’è un secondo video, più lungo, di Biden che chiama il quartier generale, offrendo le sue prime parole ‘in diretta’ dopo lo sconcertante ritiro di ieri.

Nel frattempo, i media di regime e i loro numerosi scagnozzi e apparatchiks stanno già facendo un lavoro di pulizia sulla presidenza storicamente disastrosa di Biden:

Posso solo ripetere di prepararsi a una continua spirale di eventi inaspettati, poiché è chiaro che anche le élite stanno attraversando una grave crisi tra di loro, senza un chiaro consenso su un percorso praticabile. La loro unica vera opzione potrebbe essere quella di prendere di nuovo di mira Trump, dato che vincere le elezioni in modo “equo” è a questo punto un’impresa impossibile.

Per il momento, tutti gli occhi sono puntati sulle scelte di Kamala come vicepresidente, che presumibilmente includono nomi di spicco come Gavin Newsome, Pete Buttigieg e JB Pritzker:

Da qui in poi le cose si faranno sempre più interessanti. E vorrei sottolineare quanto sia appropriato che il crollo dell’ultima ora del regime di Biden sia così perfettamente rispecchiato dal suo progetto ucraino:

Ricordate, è stato Soros stesso a dire che nessun uomo è stato più impegnato di Biden nel progetto ucraino.

Naturalmente, nulla di tutto ciò è una sorpresa, e infatti alcune delle nostre prime previsioni dello scorso anno erano che l’amministrazione Biden avrebbe cercato di scaricare l’Ucraina prima delle elezioni se non fosse stata in grado di generare alcun successo sul campo di battaglia proprio per questo motivo: che la sconfitta devastante dell’Ucraina avrebbe rappresentato una delle minacce più gravi per le possibilità di rielezione di Biden, macchiando la sua eredità. E come si sa, il calo di popolarità di Biden è andato di pari passo con la lenta diminuzione delle prospettive sul campo di battaglia dell’Ucraina, diventando una spina nel fianco inestricabilmente fatale per il suo biondo e peloso fondoschiena.

Ora, con i destini intrecciati, come antichi amanti incrociati, mano nella mano affondano insieme nella tomba che hanno creato loro stessi.


Il vostro sostegno è inestimabile. Se vi è piaciuta la lettura, vi sarei molto grato se sottoscriveste un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo da poter continuare a fornirvi rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, potete lasciare una mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI COPRONO UNA PARTE DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Stati Uniti, elezioni! Trump, il sangue, la marcia ad ostacoli Con Gianfranco Campa, Cesare Semovigo

Abbiamo pubblicato la conversazione con cinque giorni di ritardo. Problemi tecnici ed adattamenti tesi a migliorare la qualità dei contenuti e della comunicazione. In una fase così convulsa un lasso troppo lungo che ci ha spinto a selezionare drasticamente il contenuto. Nel frattempo appare sempre più verosimile che l’atto proditorio non era orientato solo all’eliminazione di Trump, ma a compiere anche una strage, sulla falsariga di quella di Las Vegas di alcuni anni fa, tale da intimorire il movimento, esasperarlo e istigarlo a reazioni di stampo terroristico tali da innescare una guerra civile e una regolazione definitiva dei conti. Nella conduzione dell’attentato stanno emergendo in sovrapposizione più attori, spesso ritenendosi protagonisti e registi della trama, molti in realtà ridotti a figure manipolate. Ne parleremo con la maggiore accuratezza possibile in un prossimo documentario. Nel frattempo scelte politiche importanti sono emerse. Trump ha incontrato Kennedy, il terzo candidato alla presidenza sollecitandone pubblicamente l’istituzione di una scorta sino a quel momento negata dall’amministrazione di Biden; ha nominato la figura chiave della vicepresidenza in una marcia dall’esito ancora tutt’altro che scontato. Lo scorno del campo neocon, ancora insinuato in alcuni gangli vitali del partito repubblicato, ma dai consensi prossimi allo zero, è stato evidente, speranzoso come era di potersi di nuovo insinuare nella competizione. Il vantaggio da poter trarre da una eliminazione di Trump è sfumato per pochi millimetri. Non tutto è chiaro sugli indirizzi e sulla coerenza degli intenti dello schieramento, tranne un fatto: il possibile venir meno di un pilastro fondamentale alla sopravvivenza delle attuali leadership europee. Nel versante dem-neocon la situazione è sempre più caotica, con Biden avviato sulla via della rinuncia al secondo mandato, annunciato questa domenica, e con la difficoltà a far emergere un candidato credibile in grado di rappresentare una forza ancora temibile, ben radicata nei centri, ma accecata e ferita. In apparenza, la favorita è Kamala Harris, segno che l’attuale leadership continua a prediligere controfigure inconsistenti, facilmente manipolabili dalle varie fazioni in lotta ma dalla scarsa fascinazione. Ne parleremo quanto prima. Buon ascolto e grazie a Gianfranco Campa e Cesare Semovigo, Giuseppe Germinario

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI COPRONO UNA PARTE DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v57vkat-stati-unitielezioni-trump-il-sangue-la-marcia-ad-ostacoli-con-gianfranco-ca.html

L’AGOSTINISMO DI JOSH HAWLEY ALLE RADICI TEOLOGICO-POLITICHE DEL TRUMPISMO, di JEAN-BENOÎT POULLE

L’AGOSTINISMO DI JOSH HAWLEY ALLE RADICI TEOLOGICO-POLITICHE DEL TRUMPISMO

” La campagna per cancellare la religione americana dalla piazza pubblica è semplicemente una continuazione della lotta di classe con altri mezzi. “

Vicina a Trump e a J. D. Vance, la figura di Josh Hawley ci immerge in una particolare mistica, sia conservatrice che sociale, che incarna una nuova generazione dell’estrema destra americana – meglio articolata, meglio preparata, vuole conquistare i voti degli elettori poveri con un semplice programma: il nazionalismo cristiano. Traduciamo il suo ultimo importante discorso e lo commentiamo, paragrafo per paragrafo.

AUTORE
JEAN-BENOÎT POULLE

IMMAGINE
© BONNIE CASH/UPI/SHUTTERSTOCK

Tra la nuova guardia conservatrice del Partito Repubblicano, il senatore trumpiano Josh Hawley, 44 anni, non è il più conosciuto in Francia. Tuttavia, il testo che segue lo rivela come la punta di diamante dei repubblicani ultraconservatori, quelli per cui le battaglie sociali superano di gran lunga i programmi di risanamento economico.

In questo, come J.D. Vance, è altamente rappresentativo di una nuova generazione in cui il trumpismo della ragione o dell’aderenza non cancella lo sforzo di riflettere sui fondamenti del Grand Ole Party. 

Nato in Arkansas da una famiglia benestante e laureato a Yale e Stanford in legge e storia, Josh Hawley è diventato procuratore generale del Missouri nel 2017 ed è stato eletto senatore dello stesso Stato nel 2018. Non è nuovo a commenti controversi, che gli sono valsi condanne indignate anche al di fuori del campo democratico. Trumpista sfegatato, sembrava addirittura approvare i disordini che hanno portato all’assalto al Campidoglio. Questi pochi elementi basterebbero a caratterizzarlo come una testa calda del Congresso che, come Marjorie Taylor-Green, non si ferma davanti a nulla per portare il dibattito pubblico agli estremi;

Ma il suo ultimo discorso alla 4ª edizione della Conferenza Nazionale del Conservatorismo, il grande rave della destra neo-nazionalista, dimostra qualcosa di molto diverso. Mostra, come raramente prima d’ora, le basi teologiche e politiche della “guerra culturale” che si sta combattendo tra le due Americhe. Mitt Romney, repubblicano moderato, ha riconosciuto in lui uno dei senatori più intelligenti, ma anche uno dei più chiusi al dialogo;

Per Josh Hawley, i principi su cui i Padri fondatori degli Stati Uniti hanno costruito il Paese si basano in ultima analisi sulla dottrina agostiniana delle due città   riscoprire i veri valori degli Stati Uniti significherebbe quindi assumere il cristianesimo messianico come vera religione civile dell’America, e rivendicare un “nazionalismo cristiano ” al suo centro, con un programma in tre punti  Lavoro, Famiglia, Dio. Leggendo, appare chiaro che un simile trittico richiederebbe una rottura radicale con le politiche economiche neoliberiste dell’ultimo mezzo secolo, sia democratiche che repubblicane, e, sullo sfondo, una rottura altrettanto radicale con il liberalismo politico e i diritti delle minoranze, a favore di una visione comunitaria e organicista della nazione.

È sorprendente notare come nelle declinazioni di Josh Hawley del “cristianesimo identitario di fedeltà” si ritrovino molte risonanze con la storia europea dei nazionalismi, e persino soffocati echi della vecchia polemica tra Charles Maurras e Jacques Maritain sul ruolo politico del cristianesimo. L’intervento di Hawley è, insomma, la risposta di un Maurras americano al difensore del Primato dello spirituale.

Stasera voglio parlarvi del futuro, del futuro del movimento conservatore e del futuro del Paese. Naturalmente, ogni futuro è radicato in un passato. Come avrebbe detto Seneca, “ogni nuovo inizio deriva dalla fine di un altro inizio”.

Questo primo riferimento filosofico – ne seguiranno altri – dà subito il tono di un discorso altamente intellettuale. Ciò rende ancora più interessante commentarlo.

Permettetemi di iniziare con l’anno 410 di nostro Signore. L’anno della caduta. È stato l’anno, forse lo ricorderete, in cui la città ritenuta eterna, immutabile, invincibile, la capitale del mondo antico, Roma, si è infine piegata all’invasione dei Visigoti.

Con la caduta di Roma, l’età dell’impero e l’antico mondo pagano finirono in un colpo solo.

Da un lato, la presa di Roma nel 410 da parte dei Visigoti di Alarico non pose fine all'”antico mondo pagano”, poiché l’Impero romano era già ufficialmente cristiano dal 392 (editto dell’imperatore Teodosio) e il cristianesimo era la religione dominante da Costantino, poco meno di un secolo prima. Il sacco di Roma da parte di Alarico fu un evento importante, poiché era la prima volta che Roma veniva presa da 800 anni, ma non segnò la fine dell’Impero Romano d’Occidente, che viene convenzionalmente datato dalla deposizione dell’imperatore Romolo Augustolo nel 476. Nel frattempo, Roma era stata nuovamente presa e saccheggiata nel 455 dai Vandali di Genserico. In generale, attualmente gli storici danno più importanza alle continuità civili del mondo della Tarda Antichità – dal IV al VI secolo, e anche oltre – che alle brusche rotture indotte dalla nozione un po’ fuorviante ” di invasioni barbariche “.

D’altra parte, Josh Hawley sa come far leva sul dramma.

Eppure la fine di Roma segnò un inizio, il nostro inizio, l’inizio dell’Occidente. Infatti, mentre Roma giaceva distrutta e fumante a migliaia di chilometri di distanza, sull’altra sponda del Mar Tirreno, il vescovo cristiano di Ippona, un certo Agostino, prendeva in mano la penna per descrivere una nuova era.

Agostino (354-430), vescovo di Ippona in Nord Africa, uno dei quattro Padri della Chiesa latina e uno dei principali riferimenti intellettuali della cristianità medievale, è rimasto una figura chiave del pensiero cristiano.

Attualmente sembra essere molto di moda tra gli intellettuali conservatori americani, oltre che tra i politici : il senatore J. D. Vance, che Donald Trump ha appena scelto come candidato repubblicano alla vicepresidenza, si è convertito al cattolicesimo dopo aver letto Sant’Agostino, che ha scelto come patrono per la cresima. Josh Hawley è pienamente in linea con questa dinamica.

Per migliaia di anni, la sua visione ha ispirato l’Occidente. Ha contribuito a plasmare il destino di questo Paese. Egli chiamò la sua opera – il suo capolavoro – La Città di Dio. L’ambizione principale di Agostino in questo manoscritto era quella di difendere i cristiani, accusati di aver provocato la caduta di Roma.

In questo caso, Hawley è pienamente in linea con quello che è stato definito “l’augustinisme politique ” (Mons. Arquillière, 1934), che avrebbe costituito il quadro concettuale di fondo della teoria politica medievale, anche se la rilevanza di questa nozione è stata contestata.

Va notato che l’interesse della filosofia politica conservatrice americana per le opere agostiniane non è nuovo: si ritrova tanto in Hannah Arendt quanto in Leo Strauss o Allan Bloom.

Si diceva che la religione cristiana, con le sue nuove virtù come l’umiltà e la servitù, con la sua glorificazione delle cose comuni come il matrimonio e il lavoro, con la sua lode dei poveri di spirito, della gente comune, avesse ammorbidito l’impero e lo avesse reso vulnerabile ai suoi nemici. Ma Agostino sapeva che era vero il contrario; che la religione cristiana era l’unica forza vitale rimasta a Roma quando era crollata.

Agostino vedeva questa religione sorgere dalle rovine del vecchio mondo per forgiare una civiltà nuova e migliore. Quale sarebbe stato il segreto di questo nuovo ordine? Sarebbe stato l’amore. Amore era una parola importante per Agostino: conteneva tutta la sua scienza politica. Ogni persona”, diceva, “è definita da ciò che ama. Ogni società è guidata da ciò che ama “.

Una nazione non è altro che, per citare Agostino, “una moltitudine di creature razionali associate da un comune accordo sulle cose che amano “. Il problema di Roma era che amava le cose sbagliate. E quando i suoi affetti si corruppero, la Repubblica romana cadde in rovina.

Roma iniziò amando la gloria e praticando l’abnegazione. Finì per amare il piacere e praticare ogni forma di autoindulgenza. È così che Roma è diventata marcia nel cuore.

Ma in mezzo alle rovine di Roma, Agostino immaginava una nuova civiltà animata da affetti migliori. Non i vecchi desideri romani di gloria e onore, ma gli amori più forti della Bibbia: l’amore per la moglie e i figli, l’amore per il lavoro, il prossimo e la casa, l’amore per Dio.

Questo paragrafo, come i precedenti, è un riassunto abbastanza fedele dei primi libri de La città di Dio (De civitate Dei), l’opera principale di Agostino, che di fatto intendeva rispondere alle accuse dei pagani, secondo i quali sarebbe stato l’abbandono degli dei tradizionali della città a causare la caduta di Roma nel 410. Agostino contrappone la concupiscenza, l’amore di sé, che è il principio fondante di tutte le città terrene, all’amore di Dio, principio della città celeste. Se l’amore di sé e della gloria è ciò che assicura la nascita e la perpetuazione degli imperi, esso li mina anche surrettiziamente e, in una seconda fase, è la causa della loro rovina. L’amore per Dio e per il prossimo, invece, fa sì che il regno di Dio e la città celeste siano invisibili, indistinguibili nel mondo ma mescolati a tutte le città terrene; la città di Dio fondata sul vero amore è diretta verso la fine dei tempi, quando troverà finalmente la sua piena realizzazione.

Il senatore Josh Hawley parla ai media presso il Campidoglio degli Stati Uniti a Washington, D.C., martedì 14 maggio 2024. Graeme Sloan/Sipa USA

Mentre Agostino affermava che tutte le nazioni sono costituite da ciò che amano, la sua filosofia descriveva in realtà un’idea completamente nuova di nazione, sconosciuta al mondo antico: un nuovo tipo di nazionalismo – un nazionalismo cristiano, organizzato intorno agli ideali cristiani. Un nazionalismo motivato non dalla conquista, ma da un obiettivo comune  unito non dalla paura, ma dall’amore comune  una nazione fatta non per i ricchi o i forti, ma per i ” poveri di spirito “, gli uomini comuni.

Si tratta di uno stravolgimento dell’opera agostiniana: Agostino, che ragionava all’interno di un Impero multietnico e di una Chiesa cattolica per definizione universale, non poteva essere a conoscenza dell’idea di nazione, che è una creazione molto più tarda, e nemmeno dell’ideologia nazionalista – che è ancora più tarda – apparsa solo alla fine del XIX secolo.

Il suo sogno è diventato la nostra realtà.

Mille anni dopo gli scritti di Agostino, circa 20.000 agostiniani praticanti si avventurarono su queste coste per formare una società basata sui suoi principi. La storia li conosce come i Puritani. Ispirati dalla Città di Dio, fondarono la Città sulla collina.

Josh Hawley riattiva qui un mito alla base della vita politica americana di lungo periodo, il messianismo del nuovo popolo eletto: si riferisce ai 20.000 britannici che, durante la Grande Migrazione (1621-1642), si riversarono nelle colonie del New England. Per la maggior parte questi Pilgrim Fathers erano rigorosi protestanti puritani – per questo Hawley li definisce anche ” agostiniani “, nel senso che una visione agostiniana radicalizzata si trova alla base del protestantesimo – e il loro mondo era davvero saturo di riferimenti biblici : nella loro vita, pensavano di rivivere la storia del popolo eletto dell’antico Israele o dei seguaci di Cristo. “The Shining City upon the Hill ” si riferisce quindi alla città di Boston, nella quale i Puritani speravano di fondare una nuova Gerusalemme, una città che avrebbe vissuto secondo lo spirito del Vangelo.

Siamo una nazione forgiata dalla visione di Agostino. Una nazione definita dalla dignità dell’uomo comune, come ci è stata data nella religione cristiana; una nazione unita dagli affetti familiari espressi nella fede cristiana – amore per Dio, per la famiglia, per il prossimo, per la casa e per il Paese.

Qualcuno dirà che sto facendo dell’America una nazione cristiana. È così. E alcuni diranno che sto sostenendo il nazionalismo cristiano. È quello che sto facendo. Esiste un altro tipo di nazionalismo che valga la pena di praticare?

Il nazionalismo di Roma ha portato alla sete di sangue e alla conquista; il vecchio tribalismo pagano ha portato all’odio etnico. Gli imperi orientali hanno schiacciato l’individuo e il sanguinoso nativismo europeo degli ultimi due secoli ha portato alla barbarie e al genocidio;

Nei paragrafi precedenti, Hawley contrappone il “nazionalismo cristiano” aperto e inclusivo – che è una contraddizione in termini, poiché la Chiesa o il messaggio cristiano non fanno distinzione di etnia o cultura – a tutte le altre forme di “nazionalismo”, o anche di organizzazione collettiva della società, che hanno fallito: il vecchio paganesimo degli “dei cittadini” sarebbe incapace di pensare a un vero universalismo e porterebbe inevitabilmente alla conquista e alla sottomissione violenta dei popoli da parte di qualcun altro; gli “imperi orientali” sono un’allusione al comunismo sovietico; il “sanguinario nativismo” dell’Europa è una chiara allusione al razzismo, in particolare al nazismo. E tuttavia si vendica: il “nativismo” in senso stretto è un’ideologia specificamente americana, nata e cresciuta negli Stati Uniti.

Ma il nazionalismo cristiano di Agostino è stato l’orgoglio dell’Occidente. È stato la nostra bussola morale e ci ha fornito i nostri ideali più cari. Pensateci: quei severi puritani, seguaci di Agostino, ci hanno dato un governo limitato, la libertà di coscienza e la sovranità del popolo.

Una nuova scorciatoia storica : Hawley qui confonde i Pilgrim Fathers dei Puritani del XVII secolo con i Padri fondatori della Dichiarazione d’indipendenza americana del XVIII secolo (1776). Tuttavia, questa teleologia non è del tutto irrilevante: la libertà di coscienza divenne gradualmente un valore cardinale nelle tredici colonie americane perché i puritani e i non conformisti vi fuggivano dalle persecuzioni delle confessioni stabilite in Gran Bretagna (anglicanesimo) e altrove in Europa, anche se le loro società fortemente teocratiche non lasciavano spazio al dissenso religioso – tranne che in alcune isole, come il Rhode Island. Allo stesso modo, i principi organizzativi delle comunità congregazionaliste del New England erano molto più democratici di quelli delle società europee dell’epoca.

Grazie alla nostra eredità cristiana, proteggiamo la libertà di ciascuno di praticare il proprio culto secondo coscienza. Grazie alla nostra tradizione cristiana, accogliamo persone di tutte le razze e origini etniche per unirsi a una nazione fatta di amore condiviso.

Josh Hawley combina l’idea della nazione come comunità di destino eletto con l’universalismo del messaggio cristiano, ma trascura anche un’altra fonte della libertà di coscienza, garantita dal Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti: il pensiero dell’Illuminismo e il moderno concetto di tolleranza che ne deriva. Come Jefferson, molti dei “Padri fondatori” degli Stati Uniti erano deisti piuttosto che credenti nella Rivelazione cristiana.

Il nazionalismo cristiano non è una minaccia per la democrazia americana. Ha fondato la democrazia americana, la migliore forma di democrazia mai concepita dall’uomo: la più giusta, la più libera, la più umana e la più lodevole.

È giunto il momento di riscoprire i principi della nostra tradizione politica cristiana, per il bene del nostro futuro. Questo vale sia che siate cristiani o meno, sia che abbiate un’altra fede o nessuna. La tradizione politica cristiana è la nostra tradizione, è la tradizione americana, è la più grande fonte di energia e di idee della nostra politica, e lo è sempre stata. Questa tradizione ha ispirato conservatori e liberali, riformatori e attivisti, moralisti e sindacalisti nel corso della nostra storia. Oggi abbiamo di nuovo bisogno di questa grande tradizione.

In questo paragrafo, Josh Hawley delinea una fedeltà identitaria al cristianesimo come tradizione politica propria degli Stati Uniti; sottolinea che tale fedeltà non richiede l’adesione personale a una confessione cristiana, che rimane una questione privata garantita dalla libertà di coscienza, ma che non ci si può definire americani senza riconoscere il posto degli Stati Uniti nella tradizione cristiana. Questa idea non è dissimile dal ruolo che Charles Maurras attribuisce al cattolicesimo nella storia della Francia.

L’amore comune che sostiene questa nazione si sta sgretolando. E nel processo, la nazione stessa rischia di crollare.

Conoscete la litania dei nostri mali quanto me; sapete leggere i segni dei tempi.

Le nostre strade sono insicure, anche perché il nostro confine è completamente aperto. Milioni di immigrati clandestini si riversano nel nostro Paese, senza alcun interesse per il nostro patrimonio comune e senza alcun impegno per i nostri ideali condivisi.

Ci sono troppo pochi posti di lavoro stabili e di qualità. La nostra economia è entrata in una nuova, decadente età dell’oro, in cui i posti di lavoro della classe operaia stanno scomparendo, i salari dei lavoratori si stanno erodendo, le famiglie dei lavoratori e i quartieri si stanno disintegrando, mentre i membri della classe superiore vivono una vita claustrale dietro cancelli e sicurezza privata e i padroni dell’economia di libero mercato rastrellano milioni di dollari in salari.

Siamo tornati a un discorso politico molto più convenzionale e a un elenco poco originale di problemi individuati dalla destra americana: immigrazione massiccia, insicurezza, impoverimento, ecc.

Nel frattempo, la religione viene espulsa dalla pubblica piazza. E i fanatici siedono nei campus cantando “Morte a Israele! – proprio perché disprezzano la tradizione biblica che lega la nazione di Israele alla nostra Repubblica americana.

Il messianismo del ” nuovo popolo eletto ” viene riproposto, questa volta al servizio di un tema caro alla destra evangelica : la difesa dell’alleanza con lo Stato di Israele per ragioni politico-religiose di sostegno al progetto sionista, che si dice essere manifestazione della volontà divina e dell’avvicinarsi della fine dei tempi.

Al centro di ognuna di queste tendenze, e al centro del caos e della divisione, c’è un attacco all’amore che condividiamo, agli affetti che ci derivano dalla nostra eredità cristiana.

Dio, il lavoro, il prossimo, la casa. I grandi affetti dell’Occidente. Si stanno disintegrando sotto i nostri occhi.

Perché? Non è una coincidenza. La sinistra moderna vuole distruggere le cose che amiamo in comune e sostituirle con altre, distruggere i nostri legami comuni e sostituirli con un’altra fede, dissolvere la nazione come la conosciamo e rifarla a sua immagine e somiglianza. Questo è il suo progetto da oltre cinquant’anni.

Eppure è la destra che in questo momento sta fallendo in questo Paese. Conosciamo il programma della sinistra. Ci aspettiamo questa minaccia. E sono i conservatori che dovrebbero difendere questa nazione, difendere ciò che ci rende una nazione. E invece? In questo momento di crisi, sono troppo impegnati ad alimentare le braci morenti del neoliberismo, con gli occhi puntati sulle loro copie di John Stuart Mill e Ayn Rand. Stanno ancora discutendo del fusionismo e del suo trittico.

Per i conservatori americani, il ” fusionismo ” è la dottrina che intende coniugare il filone sociale e quello tradizionalista del conservatorismo. È stata teorizzata in particolare sulle pagine della National Review negli anni Cinquanta dal filosofo Frank Meyer (1909-1972). Il ” tryptic ” a cui Hawley allude è il difficile connubio tra libertarismo, conservatorismo sociale e un atteggiamento da ” falco ” (hawkish) in politica estera. Ciò che chiede è infatti il superamento di questo vecchio trilemma da parte del nazionalismo cristiano.

Per i conservatori, questo non è più sufficiente.

In questo momento di caos e di crisi, l’unica speranza per i conservatori – e per la nazione – è quella di ricollegarsi alla tradizione cristiana su cui questa nazione sopravvive. La nostra unica speranza è rinnovare ciò che amiamo in comune.

Josh Hawley partecipa a un’udienza della Commissione giudiziaria del Senato degli Stati Uniti sul diritto di voto a Capitol Hill a Washington, D.C., U.S.A., 20 aprile 2021 © Evelyn Hockstein / Pool via CNP

Oggi non abbiamo bisogno dell’ideologia di Rand, Mill o Milton Friedman. Abbiamo bisogno della visione di Agostino.

Josh Hawley offre una critica a tutto campo delle politiche perseguite dal partito repubblicano a partire da Ronald Reagan e dalla “svolta neoliberista” degli anni Ottanta: Per Hawley, l’economicismo di cui questi ultimi sarebbero testimoni deriva in buona sostanza dalle filosofie utilitaristiche, di cui John Stuart Mill (1806-1873) è uno dei padri fondatori e Ayn Rand (1905-1982) una versione popolarizzata e radicalizzata, ma anche molto antireligiosa. Anche Milton Friedman (1912-2006), il principale esponente del neoliberismo nella teoria economica, è stato liquidato. La critica di Josh Hawley è molto vicina al movimento paleoconservatore, che subordina il liberismo economico alla difesa dei valori tradizionali della famiglia in una società organica.

Per il futuro, per salvare questo Paese, questa deve essere la nostra missione: difendere l’amore che lega il nostro Paese, che ci rende un Paese – difendere il lavoro dell’uomo comune, la sua casa e la sua religione.

Temo che i miei colleghi repubblicani siano vittime di un malinteso;

La strategia della sinistra, il suo obiettivo principale, non è semplicemente quello di rallentare la nostra economia attraverso la regolamentazione. Non si tratta nemmeno di aumentare il peso del governo: la concentrazione del potere è solo una piccola parte del loro programma.

Sono i “conservatori fiscali” e poi i libertari a essere presi di mira: per Hawley, la crescita dello Stato federale non è il pericolo principale, ma piuttosto uno degli effetti deleteri del programma della sinistra.

L’obiettivo primario della sinistra è attaccare la nostra unità spirituale e le cose che amiamo in comune. Vuole distruggere gli affetti che ci legano e sostituirli con una serie di ideali completamente diversi.

La sinistra sta predicando il proprio vangelo: un credo di intersezionalità che implica la liberazione dalla tradizione, dalla famiglia, dal sesso biologico e, naturalmente, da Dio. Vede la fede dei nostri padri come un ostacolo da abbattere e la nostra comune eredità morale come un motivo di pentimento.

Hawley sa che un potente tema di mobilitazione è l’attacco a quello che egli identifica come un progetto nascosto della sinistra, che risiederebbe nelle cosiddette lotte sociali ” woke “. – tenendo conto dei non-pensieri coloniali e del “razzismo strutturale”, dell’intersezionalità delle lotte, delle politiche di genere, ecc. Per lui, è questa la minaccia fondamentale, che identifica con il rifiuto globale dell’eredità e quindi con la dissoluzione della nazione, anche se l’unità di queste diverse istanze “wokes ” non sembra ovvia.

Come è stato sottolineato, si potrebbe obiettare che queste manifestazioni sono forse meno intrinsecamente antireligiose di quanto non siano esse stesse eredi dei vari revival pietisti della storia americana, se non altro alla maniera delle ” idee cristiane impazzite ” (G. K. Chesterton)  non sono meno prodotto della storia americana della sua proposta di ” nazionalismo cristiano “. K. Chesterton)  sono un prodotto della storia americana non meno della sua proposta di “nazionalismo cristiano” .

Invece del Natale, vogliono un “Mese dell’Orgoglio”. Invece della preghiera nelle scuole, adorano la bandiera trans. Diversità, equità e inclusione sono le loro parole d’ordine, la loro nuova santa trinità.

Hawley gioca la carta della “guerra culturale” tra una sinistra “woke” e una destra ultraconservatrice, attraverso la sua critica ai diritti LGBT e ai dipartimenti DEI (Diversity, Equity, Inclusion) nelle amministrazioni – ancora una volta un nuovo cavallo di battaglia della destra.

E si aspettano che la loro predicazione venga rispettata. Possono parlare di tolleranza, ma sono fondamentalisti. Chi si oppone viene etichettato come “deplorevole”. Coloro che contestano sono descritti come minacce alla democrazia.

Claire allude alle parole di Hillary Clinton durante la campagna elettorale del 2016, molto note e stigmatizzate come segni di disprezzo di classe.

Ecco perché oggi i progressisti hanno così poca pazienza con i lavoratori, troppo legati alle vecchie abitudini, alla vecchia fede in Dio, nella famiglia, nel Paese e nella nazione.

Questa è la vera teoria della Grande Sostituzione della sinistra, il suo vero programma: sostituire gli ideali cristiani su cui è stata fondata la nostra nazione e mettere a tacere gli americani che ancora osano difenderli.

Allusione questa volta alla teoria della Grande Sostituzione di Renaud Camus, importata oltreoceano dall’ultradestra; per Hawley, tuttavia, il “pericolo migratorio” sembra secondario rispetto alla questione dei valori.

Purtroppo, il Partito Repubblicano degli ultimi 30 anni non è stato in grado di resistere a questo assalto. Invece di difendere gli affetti che ci uniscono, i repubblicani di Bush-Romney hanno difeso l’economia libertaria e gli interessi corporativi. La loro fede nel fusionismo è diventata un mantra: prima i soldi, poi le persone.

In nome del “mercato”, questi repubblicani hanno esultato per gli sgravi fiscali alle imprese e per l’abbassamento delle barriere commerciali, per poi assistere alla delocalizzazione di posti di lavoro americani all’estero e all’utilizzo dei profitti per assumere esperti della DEI.

In nome del capitalismo, questi repubblicani hanno cantato le lodi dell’integrazione globale mentre Wall Street scommetteva contro l’industria americana e comprava case individuali, in modo che, una volta che le banche avevano tolto il lavoro all’operaio, quest’ultimo non poteva più permettersi di comprare una casa per la sua famiglia. Poi Wall Street ha fatto crollare l’economia mondiale – ripetutamente – e il mercato immobiliare, e quegli stessi repubblicani hanno continuato a fare gli spocchiosi. E a sovvenzionare.

Era tutto troppo grande per fallire.

Questi repubblicani hanno dimenticato che l’economia riguarda innanzitutto le persone e ciò che amano. Si tratta di provvedere alla famiglia. Si tratta di indipendenza personale. Si tratta di avere una casa e un lavoro che vi rendano orgogliosi.

Si potrebbe dire che il libero mercato è utile solo nella misura in cui sostiene le cose che amiamo insieme. Altrimenti è solo un freddo profitto.

Qui, e nei paragrafi precedenti, vediamo un nuovo verso antieconomicista: Hawley si pone molto abilmente dalla parte della ” gente comune “, a livello umano, e critica il neoliberismo e il ” wokismo ” in nome dei valori cristiani, in un discorso morale che risuona quasi con armonici di sinistra.

In un certo senso, i repubblicani si sono innamorati del profitto fine a se stesso. E sembrano quasi imbarazzati dal fatto che i loro elettori più impegnati e affidabili siano persone di fede.

Siamo onesti. Nel trittico fusionista – conservatori religiosi, libertari e falchi della sicurezza nazionale – sono sempre i religiosi ad aver portato i voti. Ed è la nostra tradizione religiosa condivisa che ha trasmesso le idee più convincenti del conservatorismo – governo costituzionale, libertà individuale o diritti dei lavoratori.

Anche in questo caso, la preferenza per i tradizionali “conservatori religiosi” è chiaramente espressa, in quanto sono visti come i beniamini di una farsa elettorale che avvantaggerebbe solo le altre due componenti dei repubblicani, i “libertari” e i “neo-conservatori”. La retorica populista di Hawley mette la base elettorale del Partito Repubblicano contro i suoi leader, alla maniera di Trump.

Ancora oggi, gli americani che frequentano la chiesa, sono sposati e allevano figli – siano essi bianchi, ispanici, asiatici o di altro tipo – sono la spina dorsale del Partito Repubblicano. Se i Repubblicani hanno un futuro, è grazie a loro.

Una chiara indicazione che il “nazionalismo cristiano” di Hawley non è né razzismo né nativismo, anche se l’assenza di qualsiasi riferimento a neri o indiani può sorprendere – un ritorno del represso?

E sono proprio queste persone che il partito dà più spesso per scontate e che serve meno bene.

Bisogna riconoscere alla sinistra che almeno sa che sono le persone a fare la politica e premia il suo elettorato: basti pensare alla bandiera transgender su ogni edificio federale e ai fondi federali destinati ai progetti sul cambiamento climatico.

Ma che dire dei repubblicani? Stanno dando ai loro elettori la scelta di Hobson, cioè un’alternativa che non è un’alternativa. In sostanza, i cittadini possono scegliere tra il globalismo ad alta tassazione e alta regolamentazione della sinistra e il globalismo a bassa tassazione e bassa regolamentazione della destra. Una scelta tra il liberismo sociale aggressivo della sinistra e il liberismo sociale accomodante della destra.

Qui troviamo una costante nel discorso ultraconservatore: la sinistra è in grado di affermare i propri valori, mentre la destra è sempre ” vergognata “, complessata dai propri.

E poi i repubblicani si chiedono perché sono riusciti a vincere il voto popolare solo due volte nelle ultime nove elezioni presidenziali.

Hanno bisogno di un’ancora. Hanno bisogno di un futuro da offrire al nostro Paese. E per i conservatori che vogliono salvare questa Repubblica, c’è solo un posto dove stare e una visione da proporre: la tradizione cristiana del nazionalismo che ci unisce.

Lavoro, famiglia e Dio. Sono queste le tre forme di amore che definiscono l’America. E sono questi ideali che il Partito Repubblicano deve ora difendere.

Un lettore europeo potrebbe vederlo come una fusione del motto di Vichy ” Lavoro, Famiglia, Patria ” e del motto nazional-cattolico ” Dio, Famiglia, Patria “, recentemente adottato da Giorgia Meloni o Jair Bolsonaro. Ma non è chiaro se Josh Hawley abbia in mente tutti questi riferimenti.

I repubblicani possono iniziare a difendere il lavoro dell’uomo comune. Nella scelta tra lavoro e capitale, tra denaro e persone, è ora che i repubblicani tornino alle loro radici cristiane e nazionaliste e comincino a mettere al primo posto l’uomo che lavora.

Il Partito Repubblicano degli anni Novanta ha fatto tutto il possibile per favorire le classi più abbienti. Adattando le politiche pubbliche a loro vantaggio. Riducendo il codice fiscale. Elogiando il loro atteggiamento. Pensate a tutta la retorica sui tagli alle tasse delle imprese. Pensate a tutta la retorica sull’allocazione efficiente delle risorse. Tutto ciò ha significato in realtà maggiori profitti per Wall Street.

Nel frattempo, i lavoratori erano abbandonati a se stessi: le loro fabbriche chiudevano, i loro salari ristagnavano, i loro mutui aumentavano e il valore delle loro case crollava. Dovevano spiegare ai loro figli perché avevano dovuto lasciare la casa in cui erano cresciuti, perché non potevano più andare dal medico mentre i loro padri cercavano di trovare lavoro.

A tutto questo, i repubblicani hanno risposto che era nella natura delle cose.

Vorrei solo far notare che questa non è la tradizione nazionalista e cristiana di questo Paese.

È stato Abraham Lincoln ad esprimerla meglio quando ha detto che “il capitale non è che il frutto del lavoro, che è superiore al capitale e merita maggiore considerazione “.

In questo paragrafo e nei precedenti ricorre la stessa tendenza sociale: anteporre le persone al denaro, le vite al profitto e, in breve, il lavoro al capitale. Questo discorso attinge a diverse fonti: in primo luogo, una tradizione di cristianesimo sociale, alimentata dalla dottrina sociale della Chiesa, che garantisce protezione ai lavoratori e rifiuta la ricerca sfrenata del profitto; ma anche una tradizione propriamente di estrema destra, più corporativa, che pretende di difendere i diritti dei lavoratori contro la finanza anonima e gli ambienti imprenditoriali, ecc. Quest’ultima tradizione può avere sfumature antisemite.

Theodore Roosevelt si fece portavoce di questa stessa tradizione quando disse: “Sono per gli affari, sì. Ma sono prima di tutto per l’uomo – e per gli affari come sostituto dell’uomo”.

Si noti che Josh Hawley ha scritto una biografia di Theodore Roosevelt quando studiava legge a Yale.

Questo è lo spirito giusto.

Il Partito Repubblicano di domani, un partito che sarà in grado di unire la nazione, deve mettere le persone prima dei soldi. E il modo per farlo è mettere al primo posto gli interessi dei lavoratori.

La più grande sfida economica del nostro tempo non è il debito, il deficit o il valore del dollaro: è il numero impressionante di uomini abili che non hanno un lavoro di qualità.

Per dare loro un lavoro, dobbiamo cambiare politica.

Stiamo per avere un grande dibattito sull’estensione degli sgravi fiscali. Forse dovremmo iniziare con questa domanda: perché il lavoro dovrebbe essere tassato più del capitale? Non dovrebbe esserlo. Perché le famiglie dovrebbero avere meno sgravi fiscali delle imprese? Le famiglie dovrebbero essere sempre al primo posto.

Sono secoli che non sentiamo la parola “usura”. Eppure ha occupato molti pensatori cristiani nel corso degli anni – e dovrebbe occupare ancora noi. Non c’è alcun motivo per cui le società di carte di credito o le banche che le sostengono debbano essere autorizzate ad addebitare ai lavoratori interessi del 30-40%. Nessun profitto al mondo può giustificare questo tipo di estorsione. Nessuna somma di denaro può giustificare il fatto di trarre profitto dalla sofferenza altrui. I tassi di interesse delle carte di credito dovrebbero essere limitati per legge.

Josh Hawley riprende le antiche condanne cristiane dell’usura, ad esempio nel Medioevo da parte di scolastici come Tommaso d’Aquino. Egli rifiuta i tassi di interesse usurari che priverebbero i lavoratori dei loro mezzi di sostentamento. In questo è vicino alle idee di René de La Tour du Pin (1834-1924), che fece da ponte tra il cattolicesimo sociale e il maurrasimo.

È ora che i repubblicani sostengano i sindacati dei lavoratori. Non parlo di sindacati governativi o del settore pubblico, ma di sindacati che si battono per i lavoratori e le loro famiglie.

Ho partecipato ai picchetti dei Teamsters. Ho votato per aiutarli a sindacalizzare presso Amazon. Ho sostenuto lo sciopero dei ferrovieri e quello dei lavoratori dell’auto. E ne sono orgoglioso.

Se volete cambiare le priorità delle aziende americane, rendetele di nuovo responsabili nei confronti dei lavoratori americani. Ridate il potere ai lavoratori e cambierete le priorità del capitale”.

Quest’ultima ingiunzione definisce il quadro del pensiero socio-economico di Hawley – non a favore dell’anticapitalismo, ma di una più equa distribuzione dei frutti del capitalismo – che può essere paragonato alle idee corporativistiche o a quelle che promuovono la partecipazione dei lavoratori e la condivisione dei profitti nelle loro aziende.

Forse uno dei motivi per cui i repubblicani non hanno messo al primo posto il lavoratore negli ultimi anni è che non hanno voluto mettere al primo posto la famiglia del lavoratore.

Il senatore Josh Hawley ride mentre parla ai media al Campidoglio degli Stati Uniti a Washington, martedì 6 dicembre 2022. Graeme Sloan/Sipa USA

Il partito di una nazione cristiana deve difendere la famiglia.

Questo ci porta alla seconda parte del trittico, il discorso familista: la famiglia, “unità di base della società”, dovrebbe anche proteggere dalla decadenza delle società moderne.

Il discorso di Hawley, innegabilmente conservatore, diventa qui decisamente sociale, molto incentrato sulle difficoltà materiali degli americani medi nel creare una famiglia, e pone meno enfasi su temi strettamente pro-life. Va notato che sembra riprendere l’antifona del salario familiare – sull’esempio dei progetti dello Stato francese di Vichy – che implica l’idea che le donne debbano rimanere a casa, anche se ciò non viene esplicitamente dichiarato. Hawley sembra inoltre mettere in relazione il lavoro femminile con una relativa diminuzione del reddito familiare.

È vero che i repubblicani hanno parlato della famiglia. Non hanno mai smesso di parlarne. Ma i repubblicani come Bush raramente si sono fermati un attimo a chiedersi perché così pochi dei loro compatrioti mettono su famiglia. Le persone felici e speranzose hanno figli. Ma sempre meno americani li hanno. Perché? Forse perché l’economia difesa dai repubblicani – l’economia globalista e corporativa che hanno contribuito a creare – è negativa per la famiglia?

Un tempo un lavoratore poteva provvedere alla propria famiglia – moglie e figli – lavorando con le proprie mani. Quei tempi sono ormai lontani. Oggi gli americani si affannano in lavori senza prospettive, lavorando per le multinazionali e pagando cifre esorbitanti per l’alloggio e l’assistenza sanitaria.

Non hanno una famiglia perché non possono permettersela.

Non c’è da stupirsi che siano ansiosi. Non c’è da stupirsi che siano depressi.

Peggio ancora: chi ha figli non può permettersi di stare a casa con loro. Oggi due genitori devono lavorare per guadagnare la stessa cifra, con lo stesso potere d’acquisto che 50 anni fa garantiva un solo stipendio. Gli asili nido pubblici plasmano la visione del mondo dei nostri figli. Gli schermi insegnano ai nostri figli a stimarsi o a svalutarsi. I media e l’industria pubblicitaria informano il loro senso del bene e del male.

Volete mettere la famiglia al primo posto? Rendere facile l’avere figli. E rimettere mamma e papà a casa. Fate in modo che la politica di questo Paese sia una politica di salario familiare per i lavoratori americani – un salario che permetta a un uomo di mantenere la propria famiglia e a una coppia sposata di crescere i propri figli come meglio credono.

Perché la vera misura della forza americana è la prosperità della casa e della famiglia.

I conservatori devono difendere la religione dell’uomo comune.

Tra tutti gli affetti che legano una società, nessuno è più potente dell’affetto religioso: una visione condivisa della verità trascendente.

Quando le nostre teste pensanti si degnano di riconoscere la religione, di solito insistono sul fatto che è la libertà religiosa a unire gli americani. A rigore, questo non è vero. La religione unisce gli americani – e questo è il motivo principale per cui la libertà di praticarla è così importante.

Nell’ultima sezione del trittico, dedicata ai valori religiosi, Hawley compie un sottile spostamento: dalla “libertà religiosa” sancita dalla Costituzione americana, e di fatto un valore cardinale negli Stati Uniti, alla celebrazione della “religione” – che non viene definita, anche se è sottinteso il solo cristianesimo – come principio effettivo della vita comunitaria. Ora, se la libertà religiosa è effettivamente la libertà di praticare la propria religione, essa implica anche la libertà di cambiare religione o di non averne una, un punto che Hawley qui omette consapevolmente.

Ogni grande civiltà conosciuta dall’uomo è nata da una grande religione. La nostra non è diversa. Sebbene per decenni gli opinionisti abbiano detto agli americani che la religione li divideva, distruggeva la pace civile, li spingeva fuori dai loro confini, la maggior parte degli americani condivide ampie e fondamentali convinzioni religiose : teistiche, bibliche, cristiane.

Anche in questo caso, passiamo da giudizi di fatto a giudizi di diritto : infatti, la società americana – oggi e a maggior ragione ai tempi dei Padri fondatori – non è una società laica, e Dio è onnipresente nel discorso pubblico. Da questa implicita impregnazione del quadro di riferimento cristiano, sembra che Hawley voglia passare a una sorta di quadro normativo, che è proprio ciò che i Padri fondatori si sono preoccupati di escludere, perché sapevano che le questioni confessionali avrebbero potuto effettivamente dividerli. Tutti i riferimenti religiosi e “pubblici” che Hawley adduce sono corretti – ma non affermano tanto norme quanto descrivono le convinzioni dei loro autori.

La nostra fede nazionale è sancita dalla Dichiarazione di Indipendenza: “Tutti gli uomini sono creati uguali, dotati dal loro Creatore di alcuni diritti inalienabili “.

La nostra fede nazionale è scritta sulla nostra moneta: “In God We Trust”. Il Presidente Eisenhower ha riassunto bene il concetto quando nel 1954 ha detto di questo motto: “Questa è la terra dei liberi – e la terra che vive in soggezione della misericordia dell’Onnipotente su di noi”.

Il consenso delle élite sulla religione è completamente sbagliato. La religione è uno dei grandi fattori unificanti della vita americana, uno dei nostri grandi affetti comuni. I lavoratori credono in Dio, leggono la Bibbia, vanno in chiesa – alcuni spesso, altri no. Ma tutti si considerano membri di una nazione cristiana. E comprendono questa verità fondamentale: i loro diritti vengono da Dio, non dal governo.

Hawley si inserisce chiaramente nella tradizione del giusnaturalismo, che negli Stati Uniti è molto viva e vegeta; anche in questo caso, dà valore normativo a uno stato di cose della società americana, che è molto più religiosa di quella francese, per esempio.

Gli sforzi compiuti negli ultimi settant’anni per eliminare tutte le vestigia dell’osservanza religiosa dalla nostra vita pubblica sono esattamente l’opposto di ciò di cui la nazione ha bisogno. Abbiamo bisogno di più religione civile, non di meno. Abbiamo bisogno di un riconoscimento aperto dell’eredità religiosa e della fede che unisce gli americani.

Per Hawley, un cristianesimo non confessionale potrebbe svolgere il ruolo di “religione civile” negli Stati Uniti. Ma a parte il fatto che in un certo senso è già così – soprattutto rispetto al secolarismo di stampo francese ” – si potrebbe obiettare che questa è una singolare restrizione della portata e del valore del cristianesimo – anche in questo caso, l’analogia con il ruolo assegnato al cattolicesimo da Maurras è preoccupante.

La campagna per cancellare la religione americana dalla pubblica piazza non è altro che la continuazione della lotta di classe con altri mezzi: l’élite contro l’uomo della strada, la classe atea dei ricchi contro i lavoratori americani. E non si tratta di eliminare la religione, ma di sostituire una religione con un’altra.

A questo punto il discorso assume toni complottistici, nel senso che il declino religioso osservato negli ultimi decenni negli Stati Uniti non è tanto il risultato di un presunto disprezzo per la religione da parte delle ” élite “, con effetti sociali tutto sommato limitati, quanto un fenomeno di secolarizzazione specifico di molte altre società.

Questa radicalizzazione dell’opposizione è evidente anche quando la “religione delle élite ” viene equiparata a una “religione LGBT ” che sostituirebbe quella vecchia.

Ogni nazione ha una religione civile. Per ogni nazione esiste un’unità spirituale. La sinistra vuole una religione: la religione della bandiera del Pride. Noi vogliamo la religione della Bibbia.

Ho quindi un suggerimento da dare: rimuovere le bandiere trans dai nostri edifici pubblici e iscrivere invece su ogni edificio di proprietà o gestito dal governo federale il nostro motto nazionale: “In God We Trust “.

I simboli sono importanti.

La maggior parte degli americani, la maggior parte degli americani che lavorano duramente, prova un senso di solidarietà con la fede cristiana. Credono che Dio abbia benedetto l’America; credono che Dio abbia un piano per l’America – e vogliono farne parte. È questa convinzione che dà loro la sensazione che, come scrisse Burke, la nazione sia un “legame tra coloro che vivono, coloro che sono morti e coloro che nasceranno”.

La filosofia di Edmund Burke (1729-1797), altro grande punto di riferimento per il pensiero conservatore, si interroga sulla nazione e sul suo necessario rapporto con la trascendenza come comunità di destino, rompendo con l’illusione del contrattualismo immediato e dell’autoistituzione della società. In questo senso, la comunità politica deve necessariamente fare spazio alla religione come tradizione. È qui che la visione di Hawley, quando si ricollega ai fondamenti del conservatorismo classico, si dimostra più articolata e abile.

Decenni di sentenze sbagliate e di propaganda delle élite non hanno cancellato le convinzioni religiose degli americani. Non ancora. E questo è uno dei motivi principali per cui abbiamo ancora una nazione. I conservatori devono difendere la nostra religione nazionale e il suo ruolo nella nostra vita nazionale. Devono difendere il più fondamentale e antico dei legami morali – per dirla con Macaulay, “le ceneri dei [nostri] padri e i templi del [nostro] Dio “.

Il riferimento a Macaulay (1800-1859) è tanto più fine nel discorso di Hawley in quanto il filosofo utilitarista viene qui usato controcorrente, per difendere una forma di valore trascendente.

Lavoro, casa, Dio. Sono le cose che amiamo insieme. Sono le cose che sostengono la nostra vita insieme. Ci rendono una nazione e sono il fondamento della nostra unità.

Ecco cosa significa nazionalismo cristiano, nel senso più vero e profondo del termine. Non tutti i cittadini americani sono cristiani, naturalmente, e non lo saranno mai. Ma ogni cittadino è erede delle libertà, della giustizia e dello scopo comune che la nostra tradizione biblica e cristiana ci offre.

In questa assimilazione di valori nazionali e cristiani, di tradizioni democratiche e agostiniane, troviamo un’immagine speculare, in stile americano, del vivace dibattito degli anni Duemila sulle ” radici cristiane dell’Europa ” e sulla loro possibile inclusione nel preambolo della ” Costituzione europea “.

Josh Hawley parla durante le audizioni della Commissione giudiziaria del Senato per la nomina del giudice Kentanji Brown Jackson alla Corte Suprema, a Capitol Hill a Washington, martedì 22 marzo 2022. Graeme Sloan/Sipa USA

Questa tradizione è il motivo per cui crediamo nella libertà di espressione. È per questo che crediamo nella libertà di coscienza. È anche per questo che deploriamo il virulento antisemitismo che si manifesta nelle nostre istituzioni d’élite e nei nostri campus.

Il concetto innominato ma sotteso di “civiltà giudeo-cristiana” serve ad affermare l’idea dell’alleanza con il popolo ebraico – e quindi dell’alleanza americano-israeliana – e illustra anche l’idea di un’identità cristiana intrinsecamente aperta, poiché lascia spazio nella sua narrazione a un’altra comunità. Come terzo “grande monoteismo”, l’Islam, rispetto agli altri due, è un grande sconosciuto in questo testo. È forse per configurarlo come un implicito avversario dei valori nazionali?

Infine, noto che alcuni di coloro che si definiscono “nazionalisti cristiani” offrono un tono diverso, un sermone di disperazione. Le loro parole fanno presagire la fine dei tempi. Tutto sarebbe perduto, ci dicono. L’America non potrebbe essere salvata – o non varrebbe la pena di salvarla.

Chi viene preso di mira qui ? Forse il complottismo apocalittico di Mons. Viganò; forse anche il comunitarismo radicale di Rod Dreher, l’autore di L’opzione Benedetto, che sostiene una netta separazione tra le piccole comunità cristiane e la maggioranza della società abbandonata al male. Questo rappresenterebbe una rottura con i principi dell’agostinismo politico.

E da questo luogo di paura, raccomandano politiche spaventose: una chiesa istituita, l’etnocentrismo – un “franco-protestante ” per governarci. Che stupidità!

Anche in questo caso, Josh Hawley prende le distanze dai nazionalisti più estremi, rifiutando ogni razzismo e ogni idea di “religione di Stato”, il che dimostra che, nonostante il suo conservatorismo radicale, potrebbe, in una certa misura, essere inserito nella tradizione liberale americana, in senso originalista.

Non è la nostra tradizione. Non è ciò in cui crediamo. Non lasciamoci controllare dalla paura. Non torniamo al nazionalismo etnico del vecchio mondo o all’ideologia autoritaria del sangue e del suolo. Non è questo che ci ha lasciato l’eredità cristiana. In questo Paese, difendiamo la libertà di tutti. In questa nazione, pratichiamo l’autonomia del popolo.

Torniamo invece a ciò che ci unisce, in comunione. La dignità del lavoro. La santità della casa. L’amore per la famiglia e per Dio.

Questa è la nostra civiltà. Questa è l’America.

In conclusione, Josh Hawley torna all'”amore”, inteso nel suo senso più immediato – e quindi in grado di parlare agli elettori comuni -: l’amore per i propri cari, per il proprio lavoro, per la propria bandiera, come fondamento di ogni comunità politica. Questo filone agostiniano sottolinea quanto sia stato meditato e articolato questo vero e proprio corso di filosofia politica. Se venisse attuato – il che, in un certo senso, è una sfida, a causa della vaghezza dei suoi aspetti pratici – il programma di civiltà che Josh Hawley delinea significherebbe comunque una rottura con le pratiche politiche dei repubblicani per decenni.

Le cose che amiamo in comune e su cui è stata fondata la nostra nazione non sono venute meno. Sono avvincenti oggi come lo erano quando Agostino le descrisse per la prima volta. Sono vivi oggi come lo erano quando i primi puritani sbarcarono su queste coste.

Dobbiamo solo impegnarci a difenderli, a rafforzarli e a riaccendere la nostra devozione nei loro confronti;

Quando lo faremo, salveremo la nazione.

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI COPRONO UNA PARTE DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

La Russia ha ridefinito la sua strategia per l’Asia. Ecco come funzionerà, di Timofey Bordachev

La Russia ha ridefinito la sua strategia per l’Asia. Ecco come funzionerà

Mosca non è interessata a fare da semplice spettatrice nel conflitto tra Cina e Stati Uniti. Quindi, si sta espandendo.
Russia has redefined its Asia strategy. Here’s how it will work

Il modo più sbagliato di sviluppare la politica russa in Asia sarebbe quello di concentrarla sull’interazione con le istituzioni e le piattaforme regionali, “cimiteri fraterni” dove l’espressione individuale si perde nella necessità di trovare un denominatore comune. Ciò è tanto più vero ora che queste istituzioni sono diventate arene di confronto tra Cina e Stati Uniti, che non si limitano a utilizzarle esclusivamente nell’interesse della propria lotta. In precedenza erano solo gli americani a farlo, rendendo la maggior parte delle piattaforme regionali prive di significato come le conferenze internazionali. Ora la Cina si è aggiunta e sta spingendo la propria agenda. Di conseguenza, lo spazio per un’interazione positiva all’interno di entità come l’APEC o il Vertice dell’Asia orientale (EAS) – che fino a pochi anni fa erano considerate importanti per promuovere gli interessi russi in Asia – si sta riducendo. Pertanto, la strategia più promettente per la Russia in Asia oggi è quella di concentrarsi sul dialogo con i singoli Paesi della regione, tenendo conto dei loro interessi e dei propri.

Fin dall’inizio, il perno della Russia verso Oriente è stato visto come un progetto volto non solo ad aumentare il volume delle relazioni commerciali ed economiche con gli Stati asiatici, ma anche importante per la presenza politica di Mosca in questa regione. Va ricordato che il processo è iniziato in un’epoca storica fondamentalmente diversa, quando il mondo continuava a vivere secondo le regole della globalizzazione, create sotto la guida dei Paesi occidentali e principalmente nel loro interesse. Ora, la situazione in Asia e dintorni è cambiata in modo significativo.

In primo luogo, lo stesso spazio di apertura economica globale si sta gradualmente erodendo sotto la pressione della politica di sanzioni dell’Occidente contro la Cina e la Russia.

Fyodor Lukyanov: Could NATO learn something from India’s Modi?

Leggi tutto

Fyodor Lukyanov: La NATO potrebbe imparare qualcosa dall’India di Modi?

In secondo luogo, nel contesto di una serie di gravi crisi militari e politiche che coinvolgono le principali potenze, viene messa in discussione la sostenibilità delle istituzioni internazionali che negli ultimi anni hanno agito come principali agenti della globalizzazione politica.

In terzo luogo, i processi multidirezionali stanno prendendo slancio nella stessa Asia a causa dell’intensificarsi delle contraddizioni sino-americane e della posizione rischiosa delle potenze regionali in queste condizioni.

Infine, negli ultimi anni la Russia stessa ha riorientato in modo significativo le sue relazioni economiche estere verso l’Asia. Ciò è stato stimolato dal conflitto con l’Occidente e dalla pressione delle sue sanzioni, mentre quasi tutti i Paesi asiatici rimangono amichevoli nei confronti della Russia.

Ciò significa che ora, quasi quindici anni dopo che il pivot to the East ha iniziato a prendere forma come componente importante della politica estera russa, è giunto il momento di esaminare criticamente i suoi vari aspetti dottrinali. In ogni caso, la politica russa in Asia non è rimasta invariata rispetto ai tempi in cui la situazione generale del mondo era molto diversa. E alcune disposizioni di questa politica devono essere sostanzialmente chiarite. Innanzitutto, per quanto riguarda i formati della presenza politica in Asia e l’instaurazione di un dialogo con i singoli Stati asiatici. Le recenti visite del Presidente russo in Corea del Nord e in Vietnam non fanno che confermare che la nostra strategia in Asia è sempre più incentrata sul dialogo con i singoli Stati. Ciò non preclude l’attenzione ai grandi formati internazionali. Ma questi non possono più servire come piattaforme primarie per promuovere gli interessi russi.

In entrambi i casi, l’intensificazione del dialogo è un segno dell’alto livello di fiducia tra la Russia e il suo principale partner in Asia, la Cina.

Russia can help achieve peace in a long-running Middle East conflict

Leggi tutto

La Russia può aiutare a raggiungere la pace in un lungo conflitto in Medio Oriente

Per Pechino, tutta l’Asia è un’area in cui la sua influenza culturale è stata dominante per secoli, se non millenni. È la cultura cinese, compresa la sua tradizione politica, ad aver plasmato le basi filosofiche della statualità dei Paesi, anche se le loro relazioni con la Cina non sono state prive di conflitti. Tuttavia, Pechino non è alleata con nessuno dei suoi vicini immediati e molti di loro sono preoccupati per il suo crescente potere. Un altro fattore preoccupante per i Paesi asiatici, che anche i cinesi comprendono, è il crescente conflitto tra Pechino e Washington. Per diversi decenni, quasi tutti i Paesi del Sud-Est asiatico hanno beneficiato della globalizzazione guidata dalla cooperazione sino-americana. Ora la situazione sta cambiando.

Si può ipotizzare che la Cina sia consapevole che un rafforzamento unilaterale della propria posizione nella regione potrebbe portare a un ulteriore avvicinamento tra Stati come il Vietnam e gli Stati Uniti. Questo sarebbe un fattore destabilizzante. La Corea del Nord è un caso diverso, ovviamente. Ma anche in questo caso le opzioni di Pechino sono fortemente limitate. Sebbene il confronto con Washington sia un processo irreversibile e oggettivo, la Cina vuole renderlo il più pacifico possibile. La Russia, invece, è molto più libera nelle sue azioni, come confermano i risultati della visita di Vladimir Putin a Pyongyang. La Cina sembra capire che il problema dell’isolamento della Corea del Nord deve essere risolto in un modo o nell’altro. Ma per ragioni proprie non è disposta a farlo direttamente. Allo stesso tempo, l’impegno e la partnership della Russia con Pyongyang non possono rappresentare una minaccia per gli interessi e la sicurezza di Pechino. Questa è la natura delle relazioni tra Russia e Cina.

Nel caso del Vietnam, il lavoro della diplomazia russa è anche legato al desiderio dei Paesi asiatici di bilanciare l’influenza della Cina e la pressione degli Stati Uniti. Le autorità vietnamite non nascondono che Washington è per loro un partner prioritario nel commercio, nella tecnologia e negli investimenti. E lo sviluppo dei legami politici tra i due Paesi rende chiaro a Pechino che il Vietnam, come l’India, non può considerarsi parte della sfera d’influenza cinese. Allo stesso tempo, anche gli Stati Uniti sembrano rendersi conto che nessuno in Vietnam diventerà un alleato incondizionato di Washington nel confronto con il potente vicino. Questo contraddice in generale la logica del comportamento delle maggiori potenze mondiali, tra le quali il Vietnam occupa un posto di rilievo.

Are traditional international institutions viable in the New World Order?

Leggi tutto

Le istituzioni internazionali tradizionali sono valide nel nuovo ordine mondiale?

In questo caso, il rafforzamento dei legami con la Russia diventa l’alternativa più appropriata all’indesiderata scelta tra Cina e Stati Uniti.

Sarebbe certamente un po’ troppo sicuro di sé pensare che la Russia possa sostituire uno dei maggiori partner commerciali ed economici del Vietnam. Ma è un amico indipendente e affidabile in settori importanti come l’energia e il commercio alimentare. La questione della concorrenza con l’UE non si pone nemmeno in questo caso: negli ultimi anni le potenze dell’Europa occidentale hanno pienamente confermato la loro posizione di alleati minori degli Stati Uniti, senza alcun valore geopolitico proprio.

In sintesi, la politica russa in Asia è entrata nella fase successiva del suo sviluppo. Non si basa più sulle idee del passato, quando la cosa più importante era “illuminare” il maggior numero possibile di piattaforme e forum internazionali. Tale illuminazione ha ottenuto ben poco prima – il diritto di essere uno spettatore nel conflitto sino-americano – e ora è diventata completamente priva di significato. Ma il rafforzamento delle relazioni a livello bilaterale è un compito faticoso per i diplomatici e le imprese, e di scarso interesse per l’opinione pubblica e i media. Nei prossimi anni, quindi, il lavoro di avvicinamento agli Stati asiatici sembrerà un processo senza intoppi, ma dietro le quinte ci sarà molto da lavorare.

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI COPRE UNA PARTE DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

RELAZIONE DEL PRIMO MINISTRO VIKTOR ORBÁN A CHARLES MICHEL, PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO, di Viktor Orbàn

Caro Presidente,

di seguito troverà una valutazione sintetica dei miei recenti colloqui con i leader di Ucraina, Russia, Cina, Turchia e con il Presidente Donald J. Trump, nonché alcuni suggerimenti da sottoporre alla Sua attenzione.

1. È opinione generale che l’intensità del conflitto militare si intensificherà radicalmente nel prossimo futuro.

2. Ho constatato personalmente che le parti in conflitto sono decise a impegnarsi ancora di più nel conflitto e nessuna delle due vuole prendere iniziative per un cessate il fuoco o per negoziati di pace. Pertanto possiamo presumere che le tensioni non diminuiranno e le parti non inizieranno a cercare una via d’uscita dal conflitto senza un significativo coinvolgimento esterno;

3. Ci sono tre attori globali in grado di influenzare gli sviluppi: l’Unione Europea, gli Stati Uniti e la Cina. Dobbiamo inoltre considerare come importante attore regionale la Turchia, unico mediatore di successo tra Ucraina e Russia dallo scoppio delle ostilità nel 2022.

4. La Cina continuerà la sua politica, formulata anche in documenti internazionali che chiedono un cessate il fuoco e colloqui di pace. Tuttavia, la Cina svolgerà un ruolo più attivo solo se le possibilità di successo del suo impegno saranno quasi certe. Secondo la loro valutazione, al momento non è così.

5. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, ho sperimentato al Vertice NATO e durante i miei colloqui con il Presidente Trump che gli USA sono al momento fortemente preoccupati dalla campagna presidenziale. Il Presidente in carica sta facendo sforzi immensi per rimanere in gara. È ovvio che non è in grado di modificare l’attuale politica statunitense a favore della guerra e quindi non ci si può aspettare che inizi una nuova politica. Come abbiamo visto più volte negli ultimi anni, in queste situazioni la burocrazia senza una guida politica continuerà a percorrere la strada precedente;

6. Durante i miei colloqui con il Presidente Trump, sono giunto alla conclusione che la politica estera giocherà solo un piccolo ruolo nella sua campagna elettorale, dominata da questioni di politica interna. Pertanto non possiamo aspettarci alcuna iniziativa di pace da parte sua fino alle elezioni. Posso però affermare con certezza che, subito dopo la sua vittoria elettorale, non aspetterà il suo insediamento, ma sarà pronto ad agire immediatamente come mediatore di pace. Ha piani dettagliati e ben fondati per questo.

7. Sono più che convinto che nel probabile esito della vittoria del Presidente Trump, la proporzione dell’onere finanziario tra gli Stati Uniti e l’Unione Europea cambierà significativamente a svantaggio dell’Unione Europea per quanto riguarda il sostegno finanziario all’Ucraina.

8. La nostra strategia europea in nome dell’unità transatlantica ha copiato la politica pro-guerra degli Stati Uniti. Finora non abbiamo avuto una strategia europea sovrana e indipendente né un piano d’azione politico. Propongo di discutere se la continuazione di questa politica sia razionale in futuro. Nella situazione attuale possiamo trovare una finestra di opportunità con una forte base morale e razionale per iniziare un nuovo capitolo della nostra politica. In questo nuovo capitolo potremmo fare uno sforzo per diminuire le tensioni e/o creare le condizioni per un cessate il fuoco temporaneo e/o avviare negoziati di pace.

9. Propongo di avviare una discussione sulle seguenti proposte:

a.l’iniziativa di condurre colloqui politici di alto livello con la Cina sulle modalità della prossima conferenza di pace;

b. mantenendo gli attuali contatti politici di alto livello con l’Ucraina, la riapertura di linee dirette di comunicazione diplomatica con la Russia e il ripristino di tali contatti diretti nella nostra comunicazione politica;

c.il lancio di un’offensiva politica coordinata verso il Sud globale di cui abbiamo perso l’apprezzamento per la nostra posizione sulla guerra in Ucraina, con conseguente isolamento globale della comunità transatlantica.

10. Spero che le mie relazioni e i miei suggerimenti possano rivelarsi un utile contributo a eventuali proposte e iniziative che presenterete ai leader dell’UE in un’occasione appropriata e in un formato conveniente.

Sinceri saluti,
Viktor ORBÁN
Budapest, 12 luglio 2024

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI COPRE UNA PARTE DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

SITREP 19/07/24: L’Occidente cerca una nuova deviazione nella “crisi dei tank” russa, di SIMPLICIUS

L’ultima volta ho sfatato la nuova narrativa che veniva tirata fuori sulle vittime russe di massa, tutto per deviare dal progressivo collasso dell’Ucraina. Ora questa narrazione si è spostata verso la perdita dell’equipaggiamento russo, con uno sforzo coordinato da parte dei media filo-occidentali per descrivere l’esercito russo come a corto di carri armati, canne di artiglieria e armature, per non parlare della stanca ricostruzione del “basso” tropo delle munizioni.

In una certa misura, penso che ci sia del vero nei problemi dei carri armati e dei mezzi corazzati della Russia, semplicemente nel fatto che non penso che la Russia produca ancora tanti carri armati nuovi di zecca come pensa la maggior parte delle persone filo-russe. Sì, ci sono cifre che parlano di 1.000-1.500 serbatoi all’anno prodotti in giro, ma la stragrande maggioranza di questi riguarda probabilmente tank ristrutturati, che hanno un limite finito. È discutibile quanti nuovi edifici stiano costruendo, con stime del piano base più basso intorno a 200-250 all’anno.

Secondo quanto riferito, l’ unico nuovo carro armato che la Russia ora produce è il T-90M, mentre la produzione sia del T-72 che del T-80 è terminata all’inizio degli anni 2000 circa. Tuttavia, la Russia dovrebbe riavviare la produzione del T-80, e lo ha fatto per i motori a turbina, ma non ancora per gli scafi dei carri armati stessi.

Una stima plausibile è che la Russia stia producendo circa 250-300 T-90M all’anno, poi ristrutturando altri 200-250 vecchi T-72 in T-72B3M, 200-250 vecchi T-80 in T-80BVM, quindi altri 250 vecchi T -62 in T-62M e probabilmente anche un numero uguale di T-55 vengono ora inviati al fronte. Ciò comporterebbe circa circa 1250 “produzione” annue, ma solo una frazione è nuova di zecca e gran parte di essa sono vecchi T-62 e T-55, ad esempio.

Ecco le stime occidentali su come questi carri armati potrebbero diminuire:

Come potete vedere sopra, la Russia può potenzialmente arrivare fino al 2029 e oltre, anche se nel 2027 verrà raggiunto un “punto critico” in cui i carri armati rimanenti sarebbero in cattive condizioni. Tuttavia, qualsiasi carro armato può essere ripristinato, indipendentemente dalla forma, purché si forniscano tutti i nuovi componenti come motori, ecc.

Ma molti esperti occidentali ora sostengono che la Russia si troverà nei guai già nel 2025-2026. Sostengo da tempo che a quel punto la Russia avrebbe aumentato la produzione di nuovi carri armati per compensare le perdite. Una cosa che gli “esperti” filo-occidentali tralasciano è che le recenti perdite di carri armati russi sono scese a livelli estremamente bassi, anche secondo i loro stessi calcoli:

Il 24 giugno, come si può vedere, registra le perdite più basse della guerra, pari a 56, con luglio non ancora stampato ma probabilmente più basso o inferiore. Tieni presente che anche le perdite di cui sopra sono in genere sopravvalutate poiché elencano tutto ciò che viene colpito anche se il carro armato è recuperabile, e probabilmente contano anche il doppio. Ma fornisce comunque una buona indicazione delle tendenze.

Nell’immagine sopra puoi vedere la quota delle perdite dei T-62 che aumenta quest’anno e la quota dei T-72 che diminuisce nel tempo.

Se la Russia manterrà gli attuali ritmi di perdita, questi potranno durare a lungo, soprattutto considerando che anche le attrezzature dell’Ucraina stanno peggiorando nel tempo. Ma ovviamente la preoccupazione principale della Russia non sarebbe l’Ucraina, ma piuttosto il logoramento delle proprie forze armate fino al punto in cui la Russia sarebbe indifesa contro la NATO. Una Russia indebolita con pochi carri armati rimasti sarebbe considerata matura per essere presa e avrebbe poca deterrenza contro ulteriori aggressioni della NATO in futuro. Pertanto, la Russia ha bisogno di mantenere adeguate forze armate di riserva per scoraggiare una NATO determinata a rafforzare le proprie forze al confine russo.

È importante ricordare, tuttavia, che le forze armate della NATO – escludendo gli Stati Uniti – sono così pietosamente basse che anche una Russia fortemente impoverita le supererebbe di gran lunga. Germania, Francia e Regno Unito hanno appena 300 carri armati funzionanti su tre. Sono gli Stati Uniti di cui la Russia dovrebbe preoccuparsi, ma anche la forza dei carri armati americani non è così forte come una volta, con recenti dati ufficiali che mostrano solo circa 900 carri armati attivi nell’esercito.

Più interessante è la discussione sui barili, in cui l’Occidente sostiene che la Russia sta soffrendo i suoi problemi più critici in questo momento. Gli “esperti” occidentali ora affermano che la Russia produce solo 100 barili di artiglieria all’anno e che hanno solo una macchina straniera per farlo.

Ecco un “esperto” che commenta il nuovo articolo dell’Economist :

Infatti, in un precedente articolo dell’Economist sostenevano addirittura che la Russia producesse 50 barili di artiglieria all’anno:

E si noti l’astuta insinuazione secondo cui i russi untermensch possono solo rubare macchine per forgiare ai superiori austriaci e tedeschi o comprarle dagli americani.

Il problema è, come ho già riferito in precedenza, che gli stessi Stati Uniti hanno una sola linea di produzione di canne di artiglieria in tutto il paese, presso l’ Arsenale Watervliet di New York , e indovinate quale macchina utilizza? Lo stesso identico GFM austriaco della Russia.

A sinistra: Watervliet Arsenal nello stato di New York
A destra: la fabbrica Motovilikha a Perm, in Russia

La stessa identica macchina GFM in entrambi.

In effetti, questo articolo dell’inizio di quest’anno menziona come l’unico produttore di canne di artiglieria degli Stati Uniti non abbia nemmeno la capacità di creare canne calibro 52 più lunghe con una portata maggiore per dare agli M109 ucraini una migliore capacità. Per questo motivo sono costretti a prendere in considerazione la produzione delle canne presso la Rheinmetall Waffe Munition, Unterlüß, in Germania. Ricordiamo che gli Stati Uniti non possono nemmeno progettare le canne dei propri carri armati: i carri armati Abrams utilizzano canne tedesche Rheinmetall Rh-120.

Ma, cosa ancora più interessante, mi è capitato di trovare questo documento della CIA semi-recentemente declassificato , che potete tranquillamente esaminare sul sito ufficiale della CIA:

Si discute dell’intelligence segreta degli anni ’60, ’70 e ’80 riguardante il trasferimento delle macchine forgiatrici di botti austriache all’URSS. E ragazzo, lascia che te lo dica: i numeri sono incredibilmente enormi .

Qui si afferma che l’URSS inizialmente acquistò 26 fucine rotanti GFM:

Leggi l’articolo per maggiori dettagli se sei interessato. Elenca l’acquisto da parte dell’URSS di ulteriori fucine in seguito, sebbene molte di esse furono utilizzate per tutti i tipi di canne di mitragliatrici, carri armati, mortai di grandi dimensioni come il Tyulpan da 240 mm, ecc.

E che sai, ha anche una foto dell’arsenale Watervliet di New York, che conferma l’utilizzo della stessa macchina austriaca GFM SXP-55:

Ma ecco la cosa più importante: quanti barili potrebbe produrre l’URSS all’anno con tutte queste macchine? La CIA ci informa opportunamente:

Ora, sappiamo tutti che la Russia non è l’Unione Sovietica, e si dice che anche la capacità di produzione annuale di carri armati della Russia di circa 1.200 carri armati sia 1/4 della capacità massima sovietica della Guerra Fredda di 4.000 carri armati all’anno. Ma quanto credi che sia credibile che la Russia ora possa produrre solo 100 barili all’anno, quando con le stesse macchine in precedenza poteva produrne fino a 250.000 ?

E pensi che la Russia abbia buttato via tutte quelle dozzine di macchine e ne sia rimasta solo una? Se sono così scarse come sostiene l’articolo dell’Economist, allora come mai una rapida ricerca sul web mostra che le aziende russe stanno letteralmente cercando di vendere queste macchine su siti coreani? Ecco un GFM SXP-55 situato da qualche parte a Rostov sul Don:

Per caso ne stai cercando uno sul mercato?

Inoltre, va notato che la Russia non ha nemmeno bisogno di queste macchine speciali austriache per produrre botti. Puoi realizzare barili senza di loro, semplicemente ci vuole più tempo. La macchina rotativa consente di martellare comodamente la canna grezza da tutti i lati, riducendo i tempi di diversi fattori. Il rapporto della CIA conferma anche questo:

Anche se la capacità della Russia fosse 1/100 di quella dell’URSS, ciò significherebbe la produzione di ben più di 100 barili all’anno, come sostiene ridicolmente l’Occidente.

È interessante notare che, alla luce di tutto ciò, un recente articolo del RUSI (Royal United Services Institute) del mese scorso ha proposto di ricalibrare l’intera strategia per sconfiggere la Russia: invece di cercare di sconfiggerla cineticamente sul campo di battaglia, ora vedono che la Russia può solo essere sconfitto eliminando il suo settore economico-difensivo:

Propongono di farlo non bombardando fisicamente gli impianti di produzione, ma piuttosto lavorando per tagliare i legami del settore della difesa russo con le catene di approvvigionamento e fornitura occidentali; per esempio

In fin dei conti, tutto il panico di cui sopra riguardo alle perdite di equipaggiamenti russi ha lo scopo di mascherare il fatto che la stessa Ucraina si sta avvicinando sempre più alla capitolazione. La situazione è diventata così grave che anche Zelenskyj ora afferma apertamente che la “fase calda” della guerra finirà entro la fine dell’anno, come nella sua ultima intervista durante il viaggio nel Regno Unito:

Quasi tutti gli altri dicono la stessa cosa, ad esempio Arestovich nella sua ultima intervista, che afferma che l’Ucraina darà un’offensiva finale “evviva” nell’ottobre di quest’anno, e quella sarà una conclusione:

Molti credono che all’Ucraina sia stato ordinato di sferrare un’ultima potente offensiva poco prima delle elezioni, per dare a Biden – se è ancora lì – una spinta trionfante in classifica. E se l’offensiva dovesse fallire in modo massiccio – come giustamente accadrebbe – allora potrebbe essere il canto del cigno dell’AFU.

Allo stesso modo, l’ex capo del CFR Richard Haass è andato in onda per ribadire che l’Ucraina non ha alcuna possibilità di riprendersi alcuna terra e che la nuova politica deve essere quella per gli Stati Uniti e i suoi alleati semplicemente per proteggere ciò che lui chiama “il nucleo dell’Ucraina”:

È solo un altro modo eufemisticamente morbido per dire: “Lasciamo che la Russia si prenda la sua terra e proteggiamo l’Ucraina, uno stato-stato, finché esiste ancora”.

E, naturalmente, il più grande insabbiamento di tutti – per il quale viene inventata la deviazione russa dalla “crisi delle attrezzature” – è semplicemente la velocità con cui le AFU stanno ora perdendo terreno. Giorno dopo giorno, le forze russe continuano a liberare chilometri in ogni uscita, con numerosi insediamenti e villaggi che cadono ogni settimana.

Solo un paio di mesi fa scrivevo qui della linea di difesa occidentale dell’AFU nella regione di Donetsk a Progress/Prohres, che all’epoca era ancora lontana dalle forze russe con diversi altri insediamenti tra di loro.

Chi ricorda questa mappa che ho pubblicato un paio di mesi fa ? Controlla Prohres proprio sopra la grande linea gialla:

Beh, indovina un po’? Ad oggi, le forze russe sono entrate e hanno catturato completamente Progress/Prohres:

È una città chiave sulla linea di difesa del fiume Vovcha, che doveva essere l’ultima riserva dell’Ucraina in quella regione.

Ora mi dicono importanti progressi verso l’Ugledar MSR:

 

Secondo quanto riferito, alcune forze russe di ricognizione/screening hanno raggiunto l’autostrada, e si dice che ora sia sotto controllo del fuoco, il che significa che Ugledar potrebbe presto essere parzialmente circondato e in grossi guai.

Ci sono molte altre catture, tanto che non posso nemmeno elencarle tutte. Ivano-Darovka, a ovest di Sporne e a sud di Seversk, è stata presa:

Ci sono molte altre catture, tali che non posso nemmeno elencarle tutte. È stata presa Ivano-Darovka, a ovest di Sporne e a sud di Seversk:

Le zone di Toretsk e Niu York sono in pericolo. Nuove avanzate si stanno spingendo in profondità nel centro di Pivnichne mentre parliamo:

Ingrandimento:

E Niu York continua a essere trafitta da un profondo saliente:

Questo è significativo perché la stessa Toretsk si sta lentamente accerchiando e, una volta caduta nel futuro più profondo, inizierà a formarsi un calderone molto più stretto sulla critica Konstantinovka, che sarà una delle battaglie chiave dell’intera guerra:

Cosa notate nella mappa qui sopra?

Ecco Bakhmut:

In effetti, Konstantinovka e Bakhmut sono molto simili per dimensioni e popolazione. La conquista di Konstantinovka apre la strada ai gioielli della corona finale: Slavyansk e Kramatorsk.

Certo, la strada è ancora lunga. Ma i progressi sono ormai inarrestabili, come si può vedere.

Un piccolo aggiornamento interessante: un mercenario australiano di nome Brock “Chippy” Greenwood è stato recentemente ucciso in Ucraina, secondo quanto riferito a Makeevka, sul fronte di Svatove-Kupyansk:

Ma ciò che era più interessante è che era in realtà un poster attivo su Reddit, che forniva aggiornamenti e rispondeva a domande sulla guerra: .

Il tweeter Anomandris Purake ha fornito alcuni affascinanti punti salienti della cronologia dei post di Chippy su Reddit, e molte delle sue dichiarazioni sono piuttosto rivelatrici. .

Qui esprime la frustrazione per l’incapacità dei profani di capire quanto sia buono l’EW russo:

Poi dice che la maggior parte dei soldati occidentali non riesce a comprendere il tipo di guerra che si sta combattendo:

In uno dei momenti più rivelatori, qualcuno gli chiede delle famigerate tattiche russe “a onde di carne”, un mito che Chippy sfata:

Qui dice che l’addestramento della NATO è una barzelletta, confermando qualcosa che abbiamo discusso a lungo qui:

Un’altra confutazione schiacciante di una falsa narrazione. Ricordiamo con quanta amarezza l’Occidente si aggrappa alla canard che l’Ucraina “supera di gran lunga” la Russia nella produzione di droni/guerra, ecc. Chippy rifiuta categoricamente questa nozione e afferma il contrario: è l’AFU che non può competere con la produzione russa di droni:

Ma guarda un po’!

E infatti lo conferma due volte-leggi attentamente: .

Non è affascinante come le informazioni trasmesse direttamente da effettivi mercenari in prima linea sempre contraddicano le narrazioni popolari pro-UA? Questo deve essere il terzo o quarto mercenario che presentiamo qui – ricordate la serie di Willy OAM – che dice la stessa identica cosa. .

In effetti, egli cita Willy qui dopo che alcuni commentatori lo hanno denigrato:

Ed ecco che riporta sulla terra un pazzoide con il lavaggio del cervello che crede che la Russia subisca perdite 10:1:

Beh, tanto di cappello a lui:

Un’ultima informazione:

Di recente si è verificato un grosso fiasco nella 59a brigata ucraina, che è stata gravemente devastata. Non solo si parla di come l’intero personale di punta della brigata sia stato spazzato via, ma anche del fatto che un battaglione “Skhval”, appena reclutato e composto da soli detenuti, è stato inviato a rinforzare la brigata con scarso addestramento, il che ha portato a ulteriori massicce perdite della brigata.

Alcuni ultimi dettagli:

In primo luogo, alla luce di alcune delle discussioni di cui sopra sulle capacità russe dei droni e dell’EW, il famoso corrispondente Kharchenko riferisce dal fronte di Kharkov-Volchansk e conferma che l’EW russo sta funzionando molto bene nel respingere la potenza dei droni dell’AFU:

La traduzione automatica può essere un po’ imprecisa, quindi ecco un resoconto:

Ho passato una giornata con le unità di guerra elettronica nella direzione di Kharkov. Ora posso dire con certezza che la guerra elettronica funziona. .

I droni ucraini vengono identificati e distrutti. Ho visto con i miei occhi come si girano gli “uccelli” e cadono flosci nei campi. L’artiglieria, l’aviazione e la difesa aerea si sentono, ma la guerra elettronica non si sente. Ecco perché spesso si sente dire che i nostri sistemi non funzionano. Senza copertura elettronica ci sarebbero molte volte più droni. .

Sul fronte cominciano a comparire aree che i droni nemici evitano. Ma, naturalmente, la guerra elettronica non è una garanzia al 100%. È impossibile intercettare tutto. In primo luogo, il nemico ha sempre più droni e, in secondo luogo, cambia continuamente frequenza. I nostri ragazzi lavorano al massimo e con puro entusiasmo. Loro stessi raccolgono costantemente qualcosa ed escogitano modi per intercettare i droni nemici. .

La guerra elettronica è solo uno dei mezzi per distruggere gli UAV nemici, e questi mezzi devono essere usati insieme ad altre misure. E, naturalmente, abbiamo bisogno di più persone e di moderni mezzi di soppressione. .

Alexander Kharchenko

Un altro corrispondente di spicco, Sladkov, è uscito oggi da un incontro con il Ministro della Difesa Belousov, dove molti altri corrispondenti hanno nuovamente avuto una discussione molto franca. Sladkov si è detto molto ottimista e ha affermato che sono in arrivo molte cose importanti:

Non solo la Russia sta sviluppando nuovi sistemi EW da inserire a breve sui carri armati di fabbrica, ma Belousov ha riferito che sono stati finalmente messi a bilancio degli hangar per aerei per proteggere le basi aeree russe dagli attacchi degli UAV e delle munizioni a grappolo, tra le altre cose.

A proposito del Ministero della Difesa, il Comandante supremo Gerasimov ha visitato il fronte, in particolare il posto di comando del Gruppo Vostok, consegnando premi a coloro che hanno liberato Urozhaynoye (Harvest). Ha anche avuto modo di visitare in prima persona alcuni dei più recenti robot terrestri che le truppe hanno messo a punto:

:

A questo proposito, è stato confermato che i Marines della 40a flotta russa del Pacifico hanno partecipato a quel selvaggio assalto in motocicletta in stile Mad Max a Urozhaynoye, descritto in un resoconto più vivido qui:

E per quanto riguarda i robot UGV, ecco un altro progetto recente:

Infatti, sempre più forze armate russe stanno integrando grandi droni nelle loro consegne logistiche:

Una delle immagini più nitide di sempre di un Mi-28NM russo che spara con il suo LMUR, ora denominato Kh-39, verso le posizioni ucraine:

Uno dei primi casi evidenti di abbattimento di un ATACMS, come si può vedere dal fatto che il suo corpo è rotto da quella che è probabilmente un’esplosione a frammentazione di un missile Buk o equivalente:

Data di fabbricazione 2002:

Geolocalizzazione: 48.542851,39.381282 su un campo a Lugansk: .


Il vostro sostegno è inestimabile. Se vi è piaciuta la lettura, vi sarei molto grato se vi abbonaste a un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo da poter continuare a fornirvi rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, potete lasciare una mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI COPRE UNA PARTE DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

La NATO al bivio, di Big Serge

La NATO al bivio

Un’architettura di sicurezza incoerente e il problema della Grande Strategia

Truppe NATO in manovra

“Gli anni ’80 hanno chiamato, rivogliono la loro politica estera”.

All’epoca, si trattava di una battuta a freddo, tipica delle celebri capacità politiche personali e della disinvoltura popolare del Presidente Barack Obama, nonché di un piccolo e brillante slogan sulla strada che lo ha portato a sconfiggere Mitt Romney alle elezioni presidenziali del 2012. Con il passare del tempo, tuttavia, è entrata nella dubbia schiera delle ultime parole famose della storia.

Quando Romney sostenne in quel dibattito che la Russia era il principale rivale geopolitico degli Stati Uniti, fu facile per Obama liquidarlo e per il Paese riderci sopra. All’epoca, l’America stava cavalcando l’onda della sua grande vittoria sull’Unione Sovietica, la Russia era accucciata in una posizione passiva e sembrava che le uniche sfide alla sicurezza che rimanevano fossero le guerre intestine in Medio Oriente. Ma nel 2024, chi, nell’establishment politico e di politica estera americano, dubiterebbe della totale convalida del senatore Romney?

Dal 2012, la NATO ha vissuto una rinascita e un ritorno all’attualità che farebbe diventare verde d’invidia qualsiasi star del cinema anni ’80. Dopo aver languito per anni, dove l’unica vera menzione della NATO nella politica americana erano le ammonizioni simboliche ai membri europei di aumentare la loro spesa per la difesa, la NATO è di nuovo al centro della politica globale (e interna americana). La NATO è stata identificata come una delle anime critiche della guerra in Ucraina, con dibattiti che infuriano su presunte promesse americane fatte ai russi che la NATO non si sarebbe espansa verso est, discussioni sull’appartenenza dell’Ucraina all’alleanza, e una narrazione crescente secondo cui una delle minacce principali di una seconda presidenza Trump è la possibilità che The Donald ritiri gli Stati Uniti dalla NATO o che in altro modo neutralizzi il blocco. Gli americani, affaticati dall’inflazione e da un marciume istituzionale endemico, sono pregati di pensare al povero e spaventato Consiglio Nord Atlantico quando andranno a votare a novembre. .

Gli Stati Uniti hanno certamente un problema con la NATO. Il problema, tuttavia, non è un’affinità trumpiana con il dispotismo che minaccia di scardinare l’alleanza e consegnare l’Europa ai russi, né un complotto russo per attaccare la Polonia. Il problema, piuttosto, è che il posto della NATO nella più ampia strategia americana è venuto meno, anche se questa strategia più ampia diventa sempre più logora e senza timone. La coda sta scodinzolando al cane e lo sta portando in una trappola per orsi.

La NATO, nella sua concezione originaria, è stata progettata per risolvere un dilemma di sicurezza molto particolare in Europa occidentale. All’indomani della Seconda Guerra Mondiale, l’Europa occidentale – in particolare la Gran Bretagna e la Francia – dovette riflettere su come fosse possibile organizzare una difesa contro le colossali forze sovietiche, ora convenientemente schierate in avanti nella Germania centrale. La “Western Union Defense Organization” (WUDO) del 1948, che comprendeva i già citati alleati anglo-francesi insieme ai Paesi Bassi e al Belgio, fu creata proprio in vista di questo problema. Con la rapida smobilitazione degli eserciti americani in Europa, tuttavia, era ovvio che questa fragile alleanza europea avrebbe avuto prospettive infauste nell’impensabile eventualità di una guerra con l’Unione Sovietica. Il feldmaresciallo Bernard Montgomery, comandante supremo delle forze WUDO, alla domanda su cosa sarebbe servito ai sovietici per attaccare e spingere l’Armata Rossa fino all’Atlantico, rispose notoriamente: “Scarpe”: “Scarpe”.

La NATO, quindi, era un tentativo di risolvere la totale sovrapposizione strategica sul continente europeo attraverso due espedienti. Il primo di questi, ovviamente, era l’adesione dell’America, che comportava sia impegni formali di sicurezza americani sia dispiegamenti militari americani permanenti in Europa. La seconda spinta strategica fornita dalla NATO riguardava la Germania. Anche dopo essere stata devastata dalla guerra e smembrata dall’occupazione alleata, la Germania occidentale rimaneva lo Stato più popoloso e potenzialmente potente dell’Europa occidentale. Fin dall’inizio fu chiaro (in particolare agli americani e agli inglesi) che qualsiasi strategia sostenibile per scoraggiare o combattere l’Armata Rossa avrebbe dovuto fare uso della manodopera tedesca – ma questo implicava, assiomaticamente, che la Germania occidentale avrebbe dovuto essere riabilitata economicamente e riarmata. La prospettiva di un riarmo *intenzionale* della Germania era immensamente sconvolgente per i francesi, per ovvi motivi, visti gli eventi del 1940-44.

La prima conferenza al vertice della NATO

La NATO risolse così due grandi ostacoli a una difesa sostenibile e fattibile dell’Europa occidentale, in quanto legò formalmente e permanentemente gli Stati Uniti all’architettura di difesa europea e fornì un meccanismo per riarmare la Germania occidentale senza consentire la possibilità di una politica estera tedesca veramente autonoma e revanscista. .

Per molti versi, la NATO può essere vista come un’inversione totale del sistema di Versailles che aveva condannato l’Europa dopo la Prima Guerra Mondiale garantendo la Seconda. Il periodo tra le due guerre ha visto l’alleanza anglo-francese contrapposta a una Germania avversaria e priva di assistenza americana; la NATO ha garantito l’impegno americano per la difesa europea e ha riabilitato la Germania come partner prezioso, fornendo l’architettura di comando per riarmare la Germania e mobilitare le risorse tedesche senza permettere alla Germania di condurre una politica estera indipendente.

Così, la formulazione popolare, coniata dal primo Segretario Generale della NATO, Lord Hastings Ismay, secondo cui la NATO esisteva per “tenere gli americani dentro, i russi fuori e i tedeschi giù”. Questa affermazione, tuttavia, è stata spesso male interpretata. L’idea di “tenere gli americani dentro” non era un complotto di Washington per dominare il continente, ma un espediente degli europei per tenere l’America impegnata nella loro difesa. Per quanto riguarda il “tenere a bada i tedeschi”, si tratta di un’affermazione banale ma non del tutto accurata: l’intero scopo dell’aggiunta della Germania occidentale alla NATO era quello di consentirle di ricostruire e riarmare nell’interesse della difesa collettiva occidentale. Per gli Stati Uniti, la NATO aveva senso come modo per mobilitare le risorse europee e calcificare il “fronte” in Europa, nel contesto di una più ampia lotta geopolitica con l’URSS. .

Ecco a cosa serviva la NATO. Era un meccanismo per formalizzare l’impegno americano per la sicurezza in Europa e mobilitare le risorse tedesche per scoraggiare l’URSS, e ha funzionato: il fronte della Guerra Fredda in Europa è rimasto statico fino al crollo dell’Unione Sovietica a causa delle visioni politiche ingenue e autodistruttive di un certo Mikhail Gorbaciov.

Ma a cosa serve oggi la NATO? A cosa serve nel contesto di una più ampia grande strategia americana? E soprattutto, esiste una grande strategia di questo tipo ed è coerente? Sono domande che vale la pena porsi.

La Grande Strategia di Negazione dell’Area

 

Grand Strategy, in quanto tale, è diventata una parola quasi stancante, come la geopolitica stessa. In astratto, la grande strategia si riferisce al quadro unificante di come uno Stato sfrutta l’intera gamma dei suoi poteri – militari, finanziari, economici, culturali e diplomatici – per perseguire i propri interessi. Tutto questo suona bene, ma naturalmente l’idea di una grande strategia unificata è molto più difficile da realizzare di quanto sembri. Non sempre gli Stati sono in grado di definire chiaramente i propri interessi; nelle democrazie, ovviamente, possono esserci ampi disaccordi sull’interesse dello Stato, ma anche all’interno di regimi più totalizzanti ci saranno sempre interessi istituzionali e modalità di comportamento ortogonali tra loro. Si pensi, ad esempio, alle asprezze tra la Marina e l’Esercito imperiali giapponesi, o alla divisione tra campi interventisti e isolazionisti negli Stati Uniti. Con la strutturazione degli interessi interni *e* l’arena internazionale in continuo mutamento, si può davvero dire che esista una grande strategia coerente? Nonostante il crescente disaccordo concettuale su cosa sia esattamente la grande strategia, o addirittura se esista del tutto, si possono trovare innumerevoli libri sulle grandi strategie di ogni sorta di Stati storici o contemporanei: l’Impero romano, i Bizantini, gli Asburgo, Singapore, la Corea del Sud, la Russia, il Giappone e, naturalmente, la Cina e gli Stati Uniti. .

Credo piuttosto che la “Grande Strategia” sia una di quelle cose che facciamo fatica a definire, ma che riconosciamo quando la vediamo. Nel corso della storia emergono chiaramente modelli e motivi di comportamento degli Stati, e ci sono interessi evidenti verso i quali gli Stati lavorano e coordinano le loro leve di potere. Quando emergono questi modelli e comportamenti coordinati, li chiamiamo grandi strategie. Lo Stato diventa come un predatore selvaggio, che esibisce molte tattiche e strategie diverse per catturare la preda. L’osservatore umano può torcersi le mani all’infinito, interrogandosi sulla vita interiore dell’animale, sulla sua capacità di elaborare una strategia e sulla sua abilità di comunicare con il branco, ma l’esistenza di schemi di comportamento coordinati e orientati all’obiettivo è sufficiente per dedurre che la strategia esiste.

La grande strategia americana è incentrata sulla politica di negazione dell’area, o quella che potremmo chiamare negazione egemonica. Si tratta di una vecchia strategia, favorita dalle grandi potenze che hanno la fortuna di avere uno stallo strategico, ed ereditata dal predecessore geostrategico britannico dell’America. La “grande strategia” degli inglesi, per molti secoli, si basava semplicemente sul negare a qualsiasi potenza europea continentale l’opportunità di dominare il continente. La logica era semplice e sublime: lo status di potenza insulare della Gran Bretagna le permetteva di isolarsi strategicamente dalle guerre continentali. Il canale liberava la Gran Bretagna dall’onere di mantenere un grande esercito permanente, come le potenze del continente, e di investire pesantemente nella proiezione di potenza navale. Alleggerita dalle grandi spese che comportavano le pericolose frontiere terrestri, la potenza navale britannica ne fece i grandi vincitori della corsa agli armamenti coloniali. Tuttavia, la Gran Bretagna visse sempre nella temibile ombra del consolidamento europeo. Se una qualsiasi potenza continentale fosse riuscita a consolidare il potere sul nucleo europeo, avrebbe avuto le risorse per lanciare una sfida navale alla Royal Navy.

Ecco perché, per secoli, la Gran Bretagna ha semplicemente appoggiato i rivali di chiunque fosse lo Stato continentale più potente in quel momento. Appoggiò gli Asburgo e poi i prussiani nelle guerre contro la Francia, svolse un ruolo attivo e centrale nelle guerre per impedire a Napoleone di stabilire l’egemonia in Europa, poi fece perno su un’alleanza con la Francia per contenere la Russia nella guerra di Crimea. Infine, quando la Germania si consolidò e divenne lo Stato più potente d’Europa, la Gran Bretagna combatté in due catastrofiche guerre mondiali per impedire il dominio tedesco sul continente. La presenza della Gran Bretagna che si aggirava al largo e di un potente Stato russo a est fungeva da copertura naturale all’egemonia continentale, perché sia la Russia che la Gran Bretagna erano sempre garantite come avversarie di qualsiasi aspirante imperium europeo. Sia la Francia che la Germania si impegnarono a loro volta a fondo, ma la sfida di mobilitare una potenza navale-speditiva sufficiente a sconfiggere la Gran Bretagna la potenza terrestre-logistica necessaria a sconfiggere la Russia fu sufficiente per disfare Napoleone, il Kaiser e Hitler. .

L’anima guida della “grande strategia” britannica era quindi molto semplice: mantenere un’impronta coloniale efficace dal punto di vista dei costi e non permettere a nessuno di consolidare l’egemonia sul continente – quest’ultima da raggiungere attraverso un intervento prudente e il sostegno di coalizioni anti-egemonicheLa grande strategia americana è più o meno la stessa, tranne per il fatto che ha una portata più globale. Mentre la Gran Bretagna ha svolto un’azione egemonica di negazione dell’area in Europa, l’America persegue un’analoga azione di contenimento e bilanciamento in Europa orientale, nel Golfo Persico e in Asia orientale. Ciò significa, più praticamente, negazione strategica dell’area e prevenzione del consolidamento regionale da parte di Cina, Russia e Iran, ciascuno degli Stati più potenti all’interno delle rispettive regioni. .

È diventata una linea standard, naturalmente, condannare questa strategia di difesa americana come fondamentalmente cinica e sinistra, con un linguaggio che parla di imperialismo americano, di ingerenza nei governi stranieri e di lamentele per la diffusione di una vuota cultura consumistica americana che atomizza le società. L’America è spesso aborrita come un blob in eterna espansione, grigio e privo di caratteristiche, ma allo stesso tempo blasonato con gli sgargianti colori dell’arcobaleno.

Tale opposizione è comprensibile e molto condivisibile, ma dobbiamo riconoscere che il nucleo della strategia di difesa globale dell’America non è irrazionale, ma allineato con gli interessi critici americani, almeno per quanto riguarda gli obiettivi di più alto livello. L’Asia orientale, in particolare, ospita quasi il 40% del PIL mondiale ed è di gran lunga la regione più popolosa e industrializzata del mondo. Mentre l’America è fondamentalmente al sicuro da attacchi fisici diretti, al sicuro dietro i suoi due oceani, un’egemonia cinese consolidata in Asia orientale potrebbe costringere gli Stati allineati con l’America a disaffiliarsi dagli Stati Uniti e a escludere o sfavorire l’America nei loro enormi mercati. Sebbene alcuni aspetti della politica estera americana siano certamente iperbolici, disarticolati e dannosi per la stabilità del mondo, ci sono pochi dubbi sul fatto che impedire il consolidamento egemonico in queste regioni critiche – Asia orientale, Europa e Golfo Persico – serva un interesse americano fondamentale e salvaguardi la possibilità di una vita prospera per gli americani e i loro alleati, libera da coercizioni ostili.

L’anima della grande strategia americana, come politica di negazione dell’area antiegemonica, è solida. La mia tesi, tuttavia, è che sia stata diluita da uno sfilacciamento del senso di direzione strategica a Washington e che la NATO, in particolare, non sia più un elemento dell’architettura strategica americana.

L’incredibile contrazione della NATO

 

La caduta dell’Unione Sovietica ha creato un momento unico nella storia del mondo, in quanto primo caso di unipolarismo su scala mondiale, lasciando gli Stati Uniti come ultimo e impareggiabile egemone. La possibilità che l’URSS potesse disintegrarsi senza spargimento di sangue non era affatto scontata e il fatto che il governo sovietico, pur armato fino ai denti e con il più grande apparato di sicurezza del mondo, abbia semplicemente permesso alle repubbliche del nucleo dell’Unione di staccarsi, rimane uno dei più fortunati colpi di fortuna della storia. Si evitò un grande spargimento di sangue, anche se a scapito dei cittadini sovietici, cannibalizzati da un decennio di turbolenze economiche e sconvolgimenti sociali.

Con l’Armata Rossa improvvisamente rimossa dallo scacchiere, non era chiaro quale fosse ora il fondamento strategico della NATO. Non era immediatamente ovvio che in Russia si sarebbe ricostituito un forte Stato centrale, e il temporaneo crollo dell’autorità di Mosca lasciava in palio il confine europeo dell’ex impero sovietico. Ma cosa farne?

Con il senno di poi, è chiaro che c’erano due potenziali strade da percorrere per la NATO, che chiamerò rispettivamente il modello Expand and Entrench e il modello Hold and Engage. La scelta tra questi due modelli si riduce, in ultima analisi, al fatto che la Russia fosse vista come uno Stato intrinsecamente ostile, destinato ad animarsi con il blocco americano, o che i russi fossero visti come un potenziale partner da riabilitare e con cui impegnarsi a condizioni favorevoli. .

Se la Russia era davvero un avversario primordiale e un hostis predestinato che si aggirava sul perimetro dell’Europa, allora l’espansione della NATO a est, nei vecchi Paesi del Patto di Varsavia, aveva almeno un senso, in quanto modo per espandere il perimetro difensivo dell’Occidente a basso costo e aumentare l’impronta americana. Paradossalmente, però, l’espansione della NATO è stata facilitata dalla percezione che la Russia non rappresentasse una seria minaccia militare. Offrire garanzie di difesa ai vicini della Russia sembrava una banale questione di estensione di promesse che non avrebbero mai dovuto essere mantenute, e un modo quasi a costo zero per recintare i russi non pericolosi. La Russia poteva essere pacificata con una campagna diplomatica – il famoso “reset” di Obama – nello stesso momento in cui veniva chiusa in una scatola con l’espansione della NATO.

Sergei Lavrov e Hillary Clinton celebrano il “reset” delle relazioni russo-americane

E così, arriviamo al problema dell’espansione della NATO. L’alleanza si è espansa rapidamente, raddoppiando completamente i suoi membri da 16 a 32 dal 1989, nell’illusione che questo fosse un modo economico e semplice per proteggere il fianco orientale dell’Europa. Sottovalutando la rinascita della potenza russa, tuttavia, la NATO ha involontariamente creato nuove difficili sfide per la propria sicurezza nello stesso momento in cui si stava rapidamente disarmando. .

Questo è stato il paradosso: mentre la NATO espandeva la sua impronta geografica, sia i membri esistenti che quelli nuovi riducevano radicalmente la loro preparazione militare. In molti degli attuali membri chiave, la spesa militare in percentuale del PIL è crollata a partire dagli anni Novanta. In Gran Bretagna è scesa dal 4,3% nel 1991 al 2,3% entro il 2020; in Germania il calo corrispondente è stato dal 2,5% a solo l’1,4%. Nel frattempo, i nuovi membri aggiunti sul suo fianco orientale erano sia geograficamente indifendibili sia pessimi non contribuenti militari.

L’esempio principale, naturalmente, è rappresentato dagli Stati baltici di Lituania, Lettonia ed Estonia. Appollaiati in modo precario sul confine con la Russia, i Paesi baltici sono altamente esposti in caso di scoppio di una guerra *e* assolutamente incapaci di difendersi anche solo per un tempo simbolico. Le forze armate di questi tre Stati hanno una forza combinata di meno di 50.000 effettivi e praticamente nessun equipaggiamento pesante: attualmente, i Baltici non possiedono un solo carro armato principale. I wargame della NATO hanno concluso che i Paesi Baltici potrebbero essere spazzati via dalle forze armate russe nel giro di pochi giorni. Sebbene la guerra in Ucraina abbia certamente stimolato l’interesse dei Paesi baltici ad aumentare la preparazione militare, questo processo procede a rilento – la Lettonia ammette che la costruzione di difese fisse al confine del Paese potrebbe richiedere fino a un decennio, con consegne di nuovi sistemi come gli HIMAR previste per il 2027 o più tardi.

Potrebbe sembrare che io stia suggerendo che la Russia abbia attualmente l’intenzione di invadere i Paesi Baltici e di iniziare una guerra con la NATO. Non credo che sia così. Il problema, piuttosto, è che il processo di espansione della NATO è stato molto disordinato e riflette una strategia che non ha avuto seguito. L’espansione della NATO avrebbe dovuto essere un modo economico per spingere l’impronta strategica americana verso est, ma ora rischia di diventare un enorme spreco di risorse.

L’essenza del problema è che la NATO ha scelto di espandersi e disarmarsi allo stesso tempo, che l’espansione post-Guerra Fredda ha aumentato la probabilità di un conflitto con la Russia, aumentando l’esposizione geopolitica dell’America e degradando al contempo la preparazione del blocco americano a tale eventualità. Washington ha visto l’espansione della NATO come un modo economico per espandere la propria impronta strategica in profondità nel vecchio spazio strategico sovietico, penetrando persino nelle ex repubbliche dell’Unione. Sfortunatamente, la maggior parte dei nuovi membri ha visto l’adesione alla NATO come un sostituto della propria preparazione militare, confidando nella credibilità della deterrenza differenziata delle garanzie di sicurezza americane come panacea per la propria difesa. La preparazione militare del blocco europeo è stata lasciata deteriorare sostanzialmente di fronte a un avversario russo apparentemente dormiente, con i nuovi membri che confidavano nel fatto che le garanzie di sicurezza americane avessero un valore deterrente unico e incontestabile. .

Un’alleanza militare come la NATO a un certo punto richiede potenza militare

In definitiva, ciò riflette un’incoerenza interna sulla natura e la portata della minaccia posta dalla Russia. Se la Russia è effettivamente considerata una minaccia esistenziale per il fianco della NATO, l’espansione avrebbe potuto avere senso nel contesto di un piano chiaramente definito per difendere quel fianco. Non ha senso nel contesto di un disarmo sistemico in Europa nello stesso momento in cui l’America affronta la prospettiva di un aumento degli impegni militari in Asia orientale. .

È per questo che, nonostante l’espansione fiduciosa e inesorabile dell’Alleanza verso est, essa si trova paradossalmente alle prese con un senso di crisi e vulnerabilità. È emersa la sensazione chiara e forte che un attacco russo ai Baltici sia sul tavolo nei prossimi anni, come punto in cui la Russia potrebbe tentare di mettere alla prova l’impegno della NATO alla difesa collettiva. La leadership baltica, che tende a essere la più falco del blocco, sembra frustrata dal fatto che i membri più occidentali della NATO non prendano sul serio la prospettiva di un attacco russo. I think tank di Washington, come l’Institute for the Study of War, scrivono ora con serietà di una guerra incombente con la Russia.

Tutto ciò è molto strano, per diverse ragioni. Innanzitutto, l’idea centrale dell’intero progetto moderno della NATO è la credibilità differenziata del deterrente americano: l’idea che una garanzia di sicurezza americana (come l’articolo 5) precluda la possibilità di una guerra. I crescenti timori della leadership baltica che la Russia intenda mettere alla prova l’alleanza indicano l’implicita preoccupazione che questa credibilità differenziata americana stia venendo meno, a causa di un declino reale o percepito della disponibilità americana a combattere in Europa orientale. In parte, ciò sembrerebbe riflettere una diluizione della forza dell’articolo 5 con l’espansione della NATO verso est. Durante la Guerra Fredda, la disponibilità dell’America a combattere (o persino a usare armi nucleari) per difendere Bonn, Parigi, Amsterdam e Londra non è mai stata in dubbio. Nel 2024, ci sono ragioni concrete per mettere in dubbio l’appetito americano per una guerra continentale su larga scala per Riga o Tallinn. Forse i baltici si rendono conto di non essere mai stati importanti per gli americani.

L’altro aspetto strano della crescente paura della Russia è l’apparente letargia e l’atteggiamento dispersivo della risposta europea. I vertici militari delle tre nazioni più potenti d’Europa – FranciaGermania, e il Regno Unito – sono tutti aperti sulla loro impreparazione a combattere una guerra continentale ad alta intensità. Nonostante questi avvertimenti, gli sforzi per dare un impulso alla preparazione militare sono in ritardo. La Germania non solo sta tagliando drasticamente gli aiuti all’Ucraina, ma sta anche rifiutando le richieste dei propri militari di aumentare le spese. Il Regno Unito la sta tirando per le lunghe quando si tratta di coprire le lacune del suo piano di approvvigionamento; Gli investimenti della difesa francese continuano a privilegiare domini come lo spazio, la sicurezza informatica e i deterrenti nucleari a scapito delle forze convenzionali – indicando uno scarso interesse per una battaglia terrestre come quella in corso in Ucraina. Nel complesso, sembra che ci sia poca urgenza di aumentare la generazione di forze o ringiovanire sistematicamente la costosa e limitata produzione di armamenti dell’Europa. .

Così, mentre molti Stati europei hanno fatto un gran parlare del loro successo nel raggiungere l’obiettivo di spesa della NATO al 2% del PIL, questo è diventato un numero totem che non è direttamente correlato alla prontezza militare. Questa è una conseguenza naturale del degrado dell’industria degli armamenti europea, che si è costantemente deteriorata a causa della bassa spesa, degli ordini frammentari, della mancanza di mercati di esportazione e della competizione dei sistemi americani. Sebbene l’Europa abbia mostrato almeno un certo senso di dover coltivare la produzione interna di armamenti, la difficoltà di coordinamento intergovernativo e la mancanza di scala (con singoli Stati che effettuano ordini piccoli e sporadici) rendono difficile questo.

Di conseguenza, nonostante la retorica altisonante sul ringiovanimento della base di difesa europea, l’Europa rimane molto indietro rispetto ai suoi obiettivi di produzione per articoli critici come i proiettili per l’Ucraina. Quando si tratta di costituire le proprie scorte, l’Europa mostra ancora una preferenza per i sistemi americani – scegliendo, ad esempio, di ordinare i sistemi di difesa aerea Patriot piuttosto che l’autoctono SAMP-T europeo. La Polonia, che si è lanciata nell’acquisto di artiglieria a razzo, sta dividendo i suoi soldi tra sistemi coreani e americani. Nel complesso, la spesa europea ha semplicemente contribuito a un’impennata delle esportazioni americane. Meno della metà degli acquisti europei di armamenti sono effettivamente prodotti all’interno dell’UE. .

Questo è molto importante. Non è che ci sia qualcosa di sbagliato nei sistemi americani. Gli armamenti americani sono di livello mondiale, nonostante i loro risultati negativi in Ucraina (che hanno molto a che fare con il caso d’uso unico dell’AFU). Il problema di affidarsi ai sistemi americani è la disponibilità e la sostenibilità. La guerra in Ucraina ha già dimostrato che l’America non può essere un arsenale universale e senza fondo per i suoi satelliti; abbiamo già visto ordini rinviati e spedizioni dirottate in quanto gli Stati Uniti sono costretti a fare scelte difficili sulla priorità dei vari teatri, e l’Ucraina è servita come una sorta di perfetto caso di studio delle difficoltà che l’Europa potrebbe affrontare cercando di sostenere una guerra di terra da sola. In ogni caso di una guerra generale europea che coinvolga la Russia – per non parlare di un’azione cinetica nel Mar Cinese Meridionale – l’industria europea sarebbe chiamata a svolgere attività di trasporto pesante, e i risultati finora non sono incoraggianti. Né le munizioni e gli armamenti sono l’unica carenza strategica; i “fattori critici” dell’Europa, come l’ISR, la logistica, il transito aereo e altri elementi di supporto, sono al di sotto di una preparazione soddisfacente.

Tutto questo per dire che nel cuore della NATO ci sono delle contraddizioni in agguato. L’alleanza ha scelto di espandersi rapidamente nello stesso momento in cui si è sistematicamente disarmata, assumendo un atteggiamento provocatorio e avverso nei confronti della Russia, mentre ha contemporaneamente declassato la propria preparazione militare, rendendosi allo stesso tempo ostile e impreparata. Ora si teme sempre di più che un confronto tra la NATO e la Russia possa essere all’orizzonte, ma i membri europei dell’alleanza la tirano per le lunghe sul riarmo. In definitiva, la NATO si è trasformata in un blocco geopoliticamente schierato contro la Russia, ma non disposto a prepararsi materialmente alle potenziali conseguenze, proiettando la propria impronta direttamente sul confine russo senza considerare cosa potrebbe accadere dopo.

La decisione di espandere l’alleanza lasciando che la sua prontezza militare si deteriori si sposa perfettamente con la crisi in corso in Ucraina – anzi, l’Ucraina è diventata il luogo e l’archetipo dell’attuale stato di disordine strategico della NATO.

Il pantano ucraino

 

La guerra in Ucraina ha ormai quasi due anni e mezzo. È un tempo più che sufficiente per riflettere sulla logica strategica più ampia del conflitto. Tuttavia, la leadership occidentale continua a dare risposte contraddittorie a una domanda molto elementare: l’esito della guerra russo-ucraina è esistenziale per la NATO? A seconda di chi e di quando lo si chiede, gli interessi della NATO (o, più specificamente, dell’America) in Ucraina vengono presentati in vari modi, e in genere si muovono su tre binari diversi.

Nella variante più tattica e cinica della storia, l’Occidente ha appoggiato l’Ucraina perché è un’opportunità di sconfiggere un avversario senza mettere in pericolo i soldati occidentali. Questa è la versione mercenaria della storia, in cui l’AFU può essere schierata sul campo per distruggere il maggior numero di veicoli russi e uccidere il maggior numero possibile di personale russo. Questo ha un certo calcolo strategico opportunistico e freddo, ma certamente non inquadra l’Ucraina come un campo di battaglia esistenziale per l’Occidente. Un’altra versione della storia inquadra l’Ucraina come un’estensione della vecchia teoria del contenimento della Guerra Fredda. Il dovere dell’Occidente è evidentemente quello di difendere le “democrazie” da un blocco di Stati totalitari, in un’ottica di deterrenza.

La terza risposta è la più interessante e la più fantasmagorica. È quella che descrive l’Ucraina come un baluardo e una barriera per la NATO. La Russia deve essere fermata in Ucraina, si sostiene, perché se la Russia riesce a conquistare gran parte (o tutta) l’Ucraina, sicuramente attaccherà la NATO. Questa è una cattiva notizia, perché se la NATO e la Russia entrano in guerra aperta probabilmente si arriverà al nucleare. Pertanto, la vittoria ucraina è esistenziale non solo per gli ucraini stessi, o anche solo per la NATO, ma per l’intera umanità. L’Ucraina è l’ultima linea di difesa per evitare una probabile guerra nucleare. Questa è un’argomentazione che è stata ripetuta con serietà da molte figure sia della leadership occidentale che della sfera analitica, tra cui ISW e la testa parlante preferita di Internet, Peter Zeihan. Questo è l’argomento alla base di tutta la retorica che paragona Putin a Hitler: l’idea è che “Putler” continuerà la sua furia se non verrà fermato in Ucraina, ma a differenza di Hitler possiede un arsenale nucleare, così che quando scenderà nel bunker, potrà portare il mondo con sé. O qualcosa del genere. .

Joe Biden e il “Presidente Putin

Tutto questo è un po’ banale, naturalmente. Ma la confusione quando si tratta di caratterizzare effettivamente gli interessi della NATO in Ucraina (stanno cercando di salvare il mondo o semplicemente di ridurre le forze armate di un avversario?) parla di un più ampio schema contraddittorio quando si tratta del ruolo dell’Ucraina nei confronti dell’alleanza. Due elementi in particolare spiccano: le continue promesse di un percorso ucraino verso l’adesione alla NATO e la riluttanza a negoziare un accordo che ceda il territorio ai russi. Esaminiamoli di volta in volta.

Al recente vertice della NATO a Washington DC, la maggior parte dell’attenzione è stata rivolta al caratteristico balbettio incoerente del Presidente Biden, ai suoi errori di pronuncia e alla sua incapacità di formare correttamente frasi inglesi riconoscibili – in particolare la sua presentazione del Presidente ucraino Zelensky come “Presidente Putin”, tra applausi scroscianti e sconcertati. Ma in mezzo alle chiacchiere, il vertice ha riconfermato l’impegno della NATO per l’eventuale e inevitabile adesione dell’Ucraina al blocco. .

In un certo senso, ciò è comprensibile. L’adesione dell’Ucraina alla NATO è stata un elemento costante degli obiettivi di guerra della Russia e Mosca ha sempre cercato una garanzia contro l’adesione dell’Ucraina come condizione per la pace. Non è difficile capire come la NATO voglia sottolineare il proprio impegno nei confronti dell’Ucraina, per evitare l’impressione di poter essere facilmente dissuasa dalla Russia.

A livello più pragmatico, tuttavia, la logica dell’adesione ucraina alla NATO è molto confusa. A questo punto della guerra, gli Stati Uniti hanno superato praticamente tutte le linee rosse che si erano imposti in precedenza: hanno inviato carri armati Abrams dopo che il Pentagono li aveva inizialmente esclusi, hanno spianato la strada agli F-16 e hanno consegnato gli ATACMS. Lo schema è chiaramente quello di un lento (più lento di quanto gli ucraini vorrebbero) ma inesorabile completamento di tutti i punti della lista dei desideri dell’Ucraina, dopo un periodo iniziale di rifiuto e di rinvio.

L’unica linea rossa che Washington ha consistentemente rispettato, tuttavia, è il diretto e formale coinvolgimento americano sul terreno (nonostante i vari addestratori, consiglieri e contractor americani non dichiarati). Biden è stato particolarmente chiaro sul fatto che l’America non può giustificare “la terza guerra mondiale” in Ucraina. Il problema è un senso contraddittorio e indefinito della posta in gioco. La NATO ha comunicato, in termini abbastanza inequivocabili, che non è disposta a combattere una guerra aperta con la Russia e a rischiare uno scambio nucleare annichilente per l’Ucraina. Ma promettendo a Kiev un’eventuale adesione alla NATO, sta segnalando che sarebbe disposta a farlo in futuro. .

Non è chiaro come conciliare queste posizioni. L’America si è essenzialmente impegnata a collegare il calcolo dell’escalation nucleare a Kiev e a impegnarsi in un’ipotetica futura guerra con la Russia, portando l’Ucraina sotto l’ombrello dell’Articolo 5, mentre allo stesso tempo insiste sul fatto che non è disposta a combattere una tale guerra ora, mentre esiste una minaccia cinetica immediata per l’Ucraina. Non è ovvio perché per l’Ucraina possa valere la pena combattere una guerra catastrofica domani, ma non oggi. Se sconfiggere la Russia in Ucraina e mantenere la linea ai confini dell’Ucraina nel 1991 è davvero un interesse esistenziale americano, allora perché l’America si sta trattenendo ora? .

Inoltre, insistere sul percorso postbellico dell’Ucraina verso l’adesione alla NATO altera il calcolo della guerra attuale, in una miriade di modi. Insistere sulla futura adesione dell’Ucraina incoraggia il massimalismo russo: se Mosca si rassegna all’idea che qualsiasi cosa rimanga dell’Ucraina dopo la guerra finirà per entrare nella NATO, probabilmente concluderà che dovrebbe lasciare il più distrutto e castrato stato ucraino che possa. Poiché l’adesione alla NATO richiede che i potenziali candidati risolvano tutte le loro dispute territoriali attive prima dell’ingresso nell’alleanza, la Russia ha una leva diretta per ostacolare e ritardare il percorso di adesione dell’Ucraina mantenendo il conflitto acceso.

In effetti, le ripetute promesse di adesione dell’Ucraina alla NATO nel dopoguerra creano una serie di incentivi strategici che sono negativi per l’Ucraina e per la NATO, poiché è difficile capire perché il blocco occidentale sarebbe così ansioso di ammettere un Ucraina in frantumi con intrattabili tendenze revansciste anti-russe. Inoltre, Mosca sarebbe sicura di vedere questa nuova Ucraina come un punto debole in prima linea nella NATO, e un luogo ideale per sondare e testare l’impegno dell’America nei confronti dell’Articolo 5.

La NATO si è messa in questa situazione a causa di una mentalità espansionistica troppo avida e imprudente: avendo promesso prematuramente all’Ucraina l’adesione alla NATO già nel 2008, l’Occidente non può ritirare formalmente le sue promesse senza minare la propria credibilità, per non parlare del contraccolpo di un’Ucraina tradita e rovinata, che probabilmente uscirebbe del tutto dall’orbita occidentale.

E così arriviamo all’attuale crisi ucraina. La NATO si è diffusa frivolamente a est, distribuendo garanzie di sicurezza a buon mercato e spingendosi fino al confine con la Russia, conquistando i Paesi baltici e facendo promesse all’Ucraina, mentre questa si disarmava sistematicamente. Ora, di fronte a un contrattacco dei russi, l’Occidente – e in particolare l’America – sembra non riuscire a decidere se valga davvero la pena di combattere per questi luoghi. L’espansione della NATO come meccanismo a basso costo per spingere l’impronta americana in profondità nel vecchio spazio sovietico aveva senso; l’espansione della NATO come onere che richiede all’America e all’Europa occidentale di prepararsi a una guerra di terra in Ucraina e nei Paesi Baltici non ha alcun senso.

Washington si trova in un vicolo cieco, creato da decenni di assegni che preferirebbe non incassare. Si è impegnata a combattere la “Terza guerra mondiale” per Tallinn e Riga, se necessario, e ha promesso senza mezzi termini di estendere questa garanzia anche a Kiev in futuro. Ma di fronte a una guerra continentale ad alta intensità nel Donbas, ci sono sempre più ragioni per dubitare della volontà americana di rischiare davvero tutto per queste posizioni remote e strategicamente tenui, soprattutto perché la crescente potenza della Cina promette di risucchiare sempre di più la limitata potenza militare americana nel teatro dell’Asia orientale, e i partner europei chiave trascinano i loro piedi sulla preparazione militare.

Alla fine, l’Ucraina diventa il manifesto e l’archetipo dello scollamento tra le promesse della NATO e la sua base materiale di potere. Sono passati 16 anni da quando Kiev è stata allettata con la prospettiva dell’adesione alla NATO. Ma cosa hanno ottenuto in realtà? Una rete elettrica distrutta, la perdita del 20% del territorio (finora) e centinaia di migliaia di morti, feriti o dispersi. L’Ucraina, forte di 45 milioni di persone, che tanto tempo fa aveva ricevuto quelle promesse altisonanti, è ora un guscio frantumato e malconcio, in cui sono rimasti forse 25 milioni di cittadini. Dalla NATO ricevono troppe parole e troppo pochi proiettili, veicoli e intercettori di difesa aerea.

La NATO è, dopo tutto, un’alleanza militare. Quando è stata creata, il duro calcolo delle divisioni, della manodopera e delle minuzie operative è stato un elemento fondamentale della sua costruzione. La Germania occidentale è stata coinvolta nell’alleanza non per una retorica altisonante sulla democrazia e l’amicizia, ma per la necessità di mobilitare la manodopera e la capacità industriale della Germania occidentale e per il desiderio di difendere la zona del Reno – una cosa ben diversa dall’induzione dei Paesi baltici, che non ha portato alcun vantaggio strategico. Ciò di cui la NATO ha bisogno ora non è un altro membro, un altro impegno di sicurezza non contributivo nel profondo dello spazio strategico russo, ma una forte dose di realismo.

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI COPRE UNA PARTE DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Lady Madonna! Von der Leyen dixit

Una caratteristica degli zombies è la capacità di procedere imperterriti sulla strada tracciata sino alla fine, incuranti ed inconsapevoli della situazione_Giuseppe Germinario


Caro Presidente Metsola, cara Roberta,
permettetemi innanzitutto di congratularmi con voi dal profondo del cuore per la vostra ri-nomination.
Il vostro successo è lo specchio dell’eccellente lavoro che avete svolto in questa Casa della democrazia europea.
Onorevoli deputati,
Sono passati cinque anni da quando sono venuto a chiedere la vostra fiducia. Un quinquennio come nessun altro nella storia della nostra Unione. Ricorderò sempre i momenti da brivido che abbiamo condiviso insieme in questo emiciclo. Dal trovarmi di fronte a voi, chiedendo la vostra fiducia cinque anni fa, alla proposta di NextGenerationEU. Dalle apparizioni del Presidente Zelenskyy, quando persino i traduttori non riuscivano a trattenere le lacrime, alla sedia vuota lasciata struggentemente per Alexei Navalny, mentre la figlia parlava in suo nome. Dai momenti di silenzio per coloro che abbiamo perso nella pandemia ai momenti di canto per l’Inno alla gioia o Auld Lang Syne. E non dimenticherò mai le ultime parole di David Sassoli che ha chiesto un’Europa più unita. Questo Parlamento comprende il peso della storia di questo momento.
Onorevoli deputati,
le scelte sono i cardini del destino. E in un mondo pieno di avversità, il destino dell’Europa dipende da ciò che faremo. Nonostante le cose importanti che abbiamo fatto e superato, l’Europa si trova ora di fronte a una scelta chiara. Una scelta che darà forma al nostro lavoro per cinque anni e definirà il nostro posto nel mondo per i prossimi cinquanta. La scelta è se lasciarci plasmare dagli eventi e dal mondo che ci circonda o se unirci e costruire il nostro futuro da soli. E questa scelta spetta a noi. L’Europa non può controllare dittatori e demagoghi in tutto il mondo, ma può scegliere di proteggere la propria democrazia. L’Europa non può determinare le elezioni in tutto il mondo, ma può scegliere di investire nella sicurezza e nella difesa del proprio continente. L’Europa non può fermare il cambiamento, ma può scegliere di abbracciarlo investendo in una nuova era di prosperità e migliorando la qualità della vita.
Ma, onorevoli deputati, per scegliere l’Europa di domani, dobbiamo riconoscere come si sentono i cittadini oggi. Siamo in un periodo di profonda ansia e incertezza per gli europei. Le famiglie risentono del costo della vita e degli alloggi. I giovani sono preoccupati per il pianeta, il loro futuro e la prospettiva della guerra. Le aziende e gli agricoltori si sentono schiacciati. Tutto questo è sintomo di un mondo in cui tutto è armato e contestato. In cui c’è un chiaro tentativo di dividere e polarizzare le nostre società. Sono profondamente preoccupato per queste tendenze. Ma sono convinto che l’Europa – un’Europa forte – possa essere all’altezza della sfida. Ed è per questo che oggi vi chiedo fiducia. Perché, proprio come voi, sono entrato in politica per fare la differenza per tutta la società, per dare risultati alla generazione dei miei figli e dei miei nipoti, come hanno fatto coloro che ci hanno preceduto. Sono convinto che la versione dell’Europa dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, con tutte le sue imperfezioni e disuguaglianze, sia ancora la migliore della storia. Non resterò mai a guardare mentre viene fatta a pezzi dall’interno o dall’esterno. Non permetterò mai che si accetti l’estrema polarizzazione delle nostre società. E non accetterò mai che demagoghi ed estremisti distruggano il nostro stile di vita europeo. E oggi sono qui pronto a condurre questa lotta con tutte le forze democratiche presenti in quest’Aula.
Onorevoli deputati,
Questa è la visione che ho esposto nei miei orientamenti politici. La visione di un’Europa più forte che offre prosperità, protegge le persone e difende la democrazia. Un’Europa più forte che offre equità sociale e sostiene le persone. Un’Europa più forte che attua quanto concordato in modo equo. E che si attenga agli obiettivi del Green Deal europeo con pragmatismo, neutralità tecnologica e innovazione.
Ho ascoltato con attenzione le forze democratiche di questo Parlamento e sono convinto che questi orientamenti riflettano quanto abbiamo in comune, nonostante le differenze che sono salutari in ogni democrazia.
Onorevoli deputati,
La nostra prima priorità sarà la prosperità e la competitività. Negli ultimi cinque anni abbiamo superato la tempesta più feroce della storia economica dell’Unione. Siamo usciti rafforzati dallo shock delle serrate e abbiamo superato una crisi energetica senza precedenti. Lo abbiamo fatto insieme e credo che possiamo esserne orgogliosi.Ma sappiamo anche che la nostra competitività ha bisogno di un forte impulso.I fondamenti dell’economia globale stanno cambiando.Chi resta fermo resterà indietro.Chi non è competitivo sarà dipendente.La corsa è iniziata e voglio che l’Europa cambi marcia.E questo comincia con il rendere le imprese più facili e più veloci.Dobbiamo approfondire il nostro mercato unico in tutti i settori.Abbiamo bisogno di meno relazioni, meno burocrazia e più fiducia, di una migliore applicazione e di autorizzazioni più rapide.E farò in modo di rendere conto di tutto questo.Perché solo ciò che viene misurato viene fatto.Pertanto, incaricherò ciascun Commissario di approfondire il proprio portafoglio e di fornire risultati concreti sulla riduzione degli oneri.E nominerò un vicepresidente per coordinare questo lavoro e per riferire al Parlamento sui progressi compiuti una volta all’anno.Introdurrò anche un controllo rinnovato delle PMI e della competitività come parte del nostro pacchetto di strumenti per una migliore regolamentazione.Sappiamo tutti che non c’è Europa senza PMI.Sono il cuore della nostra economia.Pertanto, sbarazziamoci dell’onerosa microgestione e diamo loro più fiducia e migliori incentivi.
Onorevoli parlamentari,
Permettetemi di fornirvi alcune cifre.Per cominciare: nel primo semestre di quest’anno, il 50% della nostra produzione di energia elettrica è stata ottenuta da fonti rinnovabili, autoctone e pulite.Gli investimenti nelle tecnologie pulite in Europa sono più che triplicati in questo mandato.Attiriamo più investimenti nell’idrogeno pulito di Stati Uniti e Cina messi insieme.Infine, negli ultimi anni abbiamo concluso con partner globali 35 nuovi accordi su tecnologie pulite, idrogeno e materie prime critiche.Questo è il Green Deal europeo in azione.Voglio quindi essere chiaro.Continueremo a seguire la nostra nuova strategia di crescita e gli obiettivi fissati per il 2030 e il 2050.Ora ci concentreremo sull’attuazione e sugli investimenti per realizzarli sul campo.Ecco perché nei primi 100 giorni proporrò un nuovo Clean Industrial Deal.Questo accordo incanalerà gli investimenti nelle infrastrutture e nell’industria, in particolare nei settori ad alta intensità energetica.Contribuirà a creare mercati di punta in tutti i settori, dall’acciaio pulito alla tecnologia pulita, e accelererà la pianificazione, le gare d’appalto e le autorizzazioni.Dobbiamo essere più veloci e più semplici.Perché l’Europa si sta decarbonizzando e industrializzando allo stesso tempo.Le nostre aziende hanno bisogno di prevedibilità, per i loro investimenti e per l’innovazione.E sì, possono contare su di noi.In questa logica, inseriremo il nostro obiettivo del 90% per il 2040 nella nostra legge europea sul clima.Le nostre aziende devono pianificare già oggi i loro investimenti per il prossimo decennio.E non si tratta solo di affari.Per i nostri giovani, il 2030, 2040, 2050 è dietro l’angolo.Sanno che dobbiamo conciliare la protezione del clima con un’economia prospera.E non ci perdonerebbero mai se non fossimo all’altezza della sfida.Quindi, non è solo una questione di competitività, ma anche di equità intergenerazionale.I giovani se lo meritano.
Il nuovo Clean Industrial Deal contribuirà anche a ridurre le bollette energetiche.Sappiamo tutti che i prezzi strutturalmente elevati dell’energia ostacolano la nostra competitività.E le bollette energetiche elevate sono uno dei principali fattori di povertà energetica per le persone.Non ho dimenticato come Putin ci abbia ricattato tagliandoci fuori dai combustibili fossili russi.Ma abbiamo resistito insieme.Abbiamo investito massicciamente nelle energie rinnovabili a basso costo prodotte in casa.E questo ci ha permesso di liberarci dagli sporchi combustibili fossili russi.Pertanto, insieme, faremo in modo che l’era della dipendenza dai combustibili fossili russi sia finita.Una volta per tutte.
Onorevoli parlamentari,
L’Europa ha bisogno di maggiori investimenti, dall’agricoltura all’industria, dalle tecnologie digitali a quelle strategiche, ma anche di maggiori investimenti nelle persone e nelle loro competenze.Questo mandato deve essere il tempo degli investimenti.Si comincia con il completamento dell’Unione dei mercati dei capitali e con la mobilitazione di maggiori finanziamenti privati.Ogni anno 300 miliardi di euro di risparmi delle famiglie europee passano dall’Europa ai mercati esteri, perché il nostro mercato dei capitali è troppo frammentato.E poi questo denaro viene spesso utilizzato per acquistare aziende europee innovative dall’estero.Questa situazione deve cambiare.Dobbiamo sfruttare questa enorme ricchezza per creare crescita qui in Europa.Per questo motivo proporremo un’Unione europea dei risparmi e degli investimenti.Le start-up europee non devono guardare agli Stati Uniti o all’Asia per finanziare la loro espansione.Devono trovare il necessario per crescere proprio qui in Europa.Abbiamo bisogno di un mercato dei capitali profondo e liquido.E abbiamo bisogno di una politica della concorrenza che sostenga le imprese a crescere.L’Europa deve essere la patria delle opportunità e dell’innovazione.
Onorevoli parlamentari,
Per liberare gli investimenti privati, abbiamo bisogno anche di finanziamenti pubblici.Certo, abbiamo le risorse di NextGenerationEU e dell’attuale bilancio.Ma questo finirà nei prossimi anni.Mentre le nostre esigenze di investimento non lo faranno.Abbiamo bisogno di maggiore capacità di investimento.Il nostro nuovo bilancio sarà rafforzato.Deve essere più focalizzato sulle politiche, più semplice per gli Stati membri e più incisivo, in modo da sfruttare il suo potere per ottenere maggiori finanziamenti pubblici e privati.Proporrò inoltre un nuovo Fondo europeo per la competitività.Sarà incentrato su progetti europei comuni e transfrontalieri che promuoveranno la competitività e l’innovazione, in particolare per sostenere il Clean Industrial Deal.Garantirà lo sviluppo di tecnologie strategiche e la loro produzione qui, in Europa.Quindi, dall’intelligenza artificiale alla tecnologia pulita, il futuro della nostra prosperità deve essere costruito in Europa.
Onorevoli deputati,
Dobbiamo anche investire di più nella nostra sicurezza e difesa.La Russia è ancora all’offensiva in Ucraina orientale.Punta su una guerra di logoramento, per rendere il prossimo inverno ancora più rigido del precedente.La Russia punta sul fatto che l’Europa e l’Occidente si ammorbidiscano.E alcuni, in Europa, stanno al gioco.Due settimane fa, un Primo Ministro dell’UE si è recato a Mosca.Questa cosiddetta missione di pace non era altro che una missione di riappacificazione.Solo due giorni dopo, i jet di Putin hanno puntato i loro missili contro un ospedale pediatrico e un reparto di maternità a Kiev.Tutti abbiamo visto le immagini di bambini coperti di sangue e di madri che cercavano di portare in salvo i piccoli malati di cancro.Quell’attacco non è stato un errore.È stato un messaggio.Un messaggio agghiacciante del Cremlino per tutti noi.Quindi, onorevoli deputati, la nostra risposta deve essere altrettanto chiara.Nessuno vuole la pace più del popolo ucraino.Una pace giusta e duratura per un Paese libero e indipendente.E l’Europa sarà al fianco dell’Ucraina per tutto il tempo necessario.
Onorevoli parlamentari,
Dobbiamo dare all’Ucraina tutto ciò di cui ha bisogno per resistere e prevalere.Ciò implica scelte fondamentali per il nostro futuro.Per la prima volta da decenni la nostra libertà è minacciata.È nostra responsabilità fare tutto il necessario per proteggere i nostri cittadini europei.Proteggere l’Europa è un dovere dell’Europa.Credo che sia quindi giunto il momento di costruire una vera Unione Europea di Difesa.Sì, so che alcuni si sentono a disagio all’idea.Ma ciò che dovrebbe metterci a disagio sono le minacce alla nostra sicurezza.Siamo chiari: gli Stati membri manterranno la responsabilità della loro sicurezza nazionale e dei loro eserciti.E la NATO rimarrà il pilastro della nostra difesa collettiva.Ma sappiamo tutti molto bene che la nostra spesa per la difesa è troppo bassa e inefficace.La nostra spesa per l’estero è troppo elevata.Dobbiamo quindi creare un mercato unico della difesa.Dobbiamo investire di più in capacità di difesa di alto livello.In altre parole, l’Europa deve proseguire sulla strada tracciata dalla Dichiarazione di Versailles.Dobbiamo investire di più.Dobbiamo investire insieme.E dobbiamo creare progetti europei comuni.Ad esempio, un sistema completo di difesa aerea – uno scudo aereo europeo, non solo per proteggere il nostro spazio aereo, ma anche come forte simbolo dell’unità europea in materia di difesa.
Onorevoli parlamentari,
La sicurezza non riguarda solo le minacce esterne.Le minacce informatiche e ibride sono in aumento.Le reti criminali organizzate si stanno infiltrando nella nostra economia; la maggior parte di esse si serve della corruzione.Con la loro brutale violenza causano paura e la morte di persone innocenti.Guadagnano enormi quantità di denaro con il traffico di droga, il ransomware, le frodi, la tratta di esseri umani e non sono limitati dai confini nazionali.È necessario rispondere a questa crescente minaccia a livello europeo.Dobbiamo fare in modo che la polizia possa lavorare in tutta Europa senza confini.Per questo proporrò di raddoppiare il personale di Europol e di rafforzarne il mandato.Voglio che Europol diventi un’agenzia di polizia veramente operativa.
Dobbiamo anche fare di più per proteggere le nostre frontiere esterne.Il nostro confine orientale, in particolare, è diventato un bersaglio di attacchi e provocazioni ibride.La Russia sta attirando i migranti dallo Yemen verso nord e li spinge deliberatamente contro il confine finlandese.Dobbiamo sempre ricordare che il confine di uno Stato membro è un confine europeo.E noi faremo tutto il possibile per renderli più forti.Questo è uno dei motivi per cui dobbiamo rafforzare Frontex.Per renderlo più efficace, nel pieno rispetto dei diritti fondamentali, proporrò di triplicare il numero delle guardie di frontiera e costiere europee, portandolo a 30.000 unità.
Frontiere più sicure ci aiuteranno anche a gestire la migrazione in modo più strutturato ed equo.Il Patto per la migrazione e l’asilo è un enorme passo avanti.Mettiamo la solidarietà al centro della nostra risposta comune.Le sfide della migrazione richiedono una risposta europea con un approccio equo e deciso basato sui nostri valori.Ricordando sempre che i migranti sono esseri umani come voi e me.E tutti noi siamo protetti dai diritti umani.Molti pessimisti pensavano che la migrazione fosse troppo divisiva per trovare un accordo.Ma abbiamo dimostrato che si sbagliavano.Insieme ce l’abbiamo fatta.E ne siamo usciti rafforzati.Ora dobbiamo concentrarci collettivamente sull’attuazione e sul sostegno agli Stati membri per renderla una realtà sul campo.E ci sarà ancora molto da fare.Abbiamo bisogno di un approccio comune ai rimpatri, per renderli più efficaci e dignitosi.E dobbiamo sviluppare i nostri partenariati globali, in particolare nel nostro vicinato meridionale.La regione mediterranea deve ricevere un’attenzione totale.Per questo motivo nominerò un Commissario per la regione e proporrò una nuova Agenda per il Mediterraneo insieme a Kaja Kallas.Perché il futuro delle due sponde del Mediterraneo è un tutt’uno.
Onorevoli parlamentari,
Il nostro vicinato è la casa del nostro futuro.Invitare i Paesi nella nostra Unione è una responsabilità morale, storica e politica.È un’enorme responsabilità geostrategica per l’Europa.Perché nel mondo di oggi un’Unione più grande sarà un’Unione più forte.Rafforzerà la nostra voce nel mondo.Contribuirà a ridurre le nostre dipendenze.E garantirà che la democrazia, la prosperità e la stabilità si diffondano in tutta Europa.Sosterremo i candidati, lavorando sugli investimenti e sulle riforme e integrandoli, ove possibile, nei nostri quadri giuridici.L’adesione sarà sempre un processo basato sul merito.E ci assicureremo che tutti i Paesi siano pronti, prima di aderire.Ma il completamento dell’Unione è anche un nostro interesse fondamentale.E sarà una priorità fondamentale per la mia Commissione.La storia ci chiama ancora una volta.I Balcani occidentali, l’Ucraina, la Moldavia e la Georgia hanno fatto la loro libera scelta.Hanno preferito la libertà all’oppressione.Hanno preferito la democrazia alla dipendenza.E alcuni di loro stanno pagando a caro prezzo questa scelta.Dobbiamo quindi fare la nostra scelta e mostrare un impegno costante.Il loro futuro sarà libero e prospero, all’interno della nostra Unione.
Onorevoli parlamentari,
l’Europa ha la responsabilità di svolgere un ruolo attivo nel mondo, a partire dal nostro vicinato e in particolare dal Medio Oriente.Voglio essere chiaro: lo spargimento di sangue a Gaza deve finire subito.Troppi bambini, donne e civili hanno perso la vita a causa della risposta di Israele al brutale terrore di Hamas.La popolazione di Gaza non può sopportare oltre.L’umanità non può sopportarlo.Abbiamo bisogno di un cessate il fuoco immediato e duraturo.Abbiamo bisogno del rilascio degli ostaggi israeliani.E dobbiamo preparare il giorno dopo.L’Europa deve fare la sua parte.Abbiamo aumentato massicciamente i nostri aiuti umanitari fino a quasi 200 milioni di euro nel 2024.E faremo di più.Stiamo lavorando a un pacchetto pluriennale molto più ampio per sostenere un’Autorità palestinese efficiente.La soluzione dei due Stati è il modo migliore per garantire la sicurezza di entrambi, israeliani e palestinesi.I popoli del Medio Oriente meritano pace, sicurezza e prosperità.E l’Europa sarà al loro fianco.
Onorevoli parlamentari,
L’Europa offre una qualità di vita unica.Dalla sicurezza sociale completa ai prodotti alimentari regionali di prima qualità.I campi di colza, i vigneti e i frutteti non sono solo sinonimo di buon cibo e bevande, ma sono anche parte della nostra patria.Ecco perché il futuro dell’agricoltura è una questione così importante e delicata per noi in Europa.Dobbiamo superare le differenze e sviluppare soluzioni valide insieme a tutte le parti interessate.Per questo ho lanciato il Dialogo strategico sul futuro dell’agricoltura in Europa.Il dialogo riunisce al tavolo agricoltori, gruppi ambientalisti ed esperti di tutta la catena alimentare.Ho promesso di ascoltarli attentamente e di imparare da loro.E lo farò.Farò tesoro delle loro raccomandazioni e presenterò una nuova strategia europea per l’agricoltura e il settore alimentare.Mi assicurerò che gli agricoltori ricevano un reddito equo.Nessuno dovrebbe essere costretto a vendere cibo buono al di sotto dei costi di produzione.Dobbiamo rafforzare la posizione dei nostri agricoltori nella catena del valore dell’industria alimentare.Abbiamo bisogno di incentivi più intelligenti e di maggiore innovazione e accesso al capitale.Chiunque gestisca la natura e la biodiversità in modo sostenibile e contribuisca a bilanciare il bilancio del carbonio deve essere adeguatamente ricompensato.I nostri agricoltori danno forma ai nostri paesaggi.Danno forma al volto dell’Europa.Fanno parte della nostra cultura.Garantiscono la sicurezza alimentare.E siamo orgogliosi di loro.
Per questo dobbiamo lavorare insieme per affrontare i problemi che li affliggono.Sentono il cambiamento climatico.Ogni anno sono sempre più colpite da condizioni meteorologiche estreme e dalla scarsità d’acqua.Le temperature in Europa stanno aumentando a una velocità doppia rispetto alla media globale.Stiamo già vedendo gli effetti devastanti sui campi e sulle foreste.Il volto delle nostre comunità rurali sta cambiando.Dobbiamo fare di più per garantire che i nostri agricoltori siano meglio preparati a ciò che il cambiamento climatico ci riserva.Per questo motivo presenterò un piano per l’agricoltura che affronti la necessità di adattarsi ai cambiamenti climatici e, parallelamente, una strategia per la gestione sostenibile della preziosa risorsa acqua.Da essa dipende non solo la nostra sicurezza alimentare, ma anche la nostra competitività complessiva.
Onorevoli deputati,
La nostra qualità di vita e il nostro stesso tessuto sociale sono unici. Abbiamo fatto passi avanti storici nel nostro Pilastro dei diritti sociali, dal salario minimo alla prima garanzia per i bambini. Durante la pandemia, abbiamo salvato 40 milioni di posti di lavoro con SURE. E possiamo esserne orgogliosi. Ma sono emerse molte nuove sfide, dall’impatto dell’IA alla salute mentale sul lavoro e ai nuovi fattori di povertà. Abbiamo bisogno di un nuovo piano d’azione per l’attuazione del Pilastro. Dobbiamo garantire transizioni eque e buone condizioni di lavoro per i lavoratori dipendenti e autonomi. A tal fine è fondamentale il dialogo sociale, che è il segno distintivo della nostra economia sociale di mercato. Ci impegneremo quindi per aumentare la contrattazione collettiva e rafforzare il dialogo sociale europeo. E affronteremo le questioni che gli europei sentono di più nella loro vita quotidiana. Prendiamo ad esempio l’alloggio. L’Europa si trova ad affrontare una crisi abitativa che colpisce persone di tutte le età e famiglie di tutte le dimensioni. I prezzi e gli affitti sono in aumento. Le persone faticano a trovare case a prezzi accessibili. Per questo motivo, per la prima volta, nominerò un commissario con responsabilità diretta in materia di alloggi. Svilupperemo un Piano europeo per l’edilizia abitativa a prezzi accessibili, per esaminare tutte le cause della crisi e contribuire a sbloccare gli investimenti pubblici e privati necessari. In genere, l’edilizia abitativa non è vista come una questione europea. Qualcuno potrebbe dire che non dovremmo essere coinvolti. Ma io voglio che questa Commissione sostenga le persone dove è più importante. Se è importante per gli europei, è importante per l’Europa.
Onorevoli parlamentari,
È così che possiamo rafforzare la nostra società. Ciò significa garantire che ogni regione, in ogni parte d’Europa, sia sostenuta. Nessuno viene lasciato indietro. Sono impegnato in una forte politica di coesione, concepita insieme alle regioni e alle autorità locali. Voglio che l’Europa sia il posto migliore in cui crescere e in cui invecchiare. Dobbiamo consentire ai giovani di sfruttare al meglio le libertà dell’Europa, da un Erasmus+ più forte a un maggiore impegno dei cittadini. Ma dobbiamo anche fare di più per proteggere i giovani. L’infanzia e l’adolescenza sono il periodo in cui si forma il nostro carattere, si sviluppa la nostra personalità e il nostro cervello viene plasmato da stimoli ed emozioni. È un periodo di sviluppo straordinario ma anche di reale vulnerabilità. E vediamo sempre più spesso notizie su quella che alcuni definiscono una crisi della salute mentale. Dobbiamo andare a fondo della questione. Credo che i social media, l’eccessivo tempo trascorso sullo schermo e le pratiche di dipendenza abbiano fatto la loro parte. Il mio cuore sanguina quando leggo di giovani che si fanno del male o addirittura si tolgono la vita a causa di abusi online. Penso a quegli ultimi momenti e al dolore che devono aver provato. Penso ai loro genitori e ai loro amici. È devastante. Non possiamo mai accettarlo nella nostra società. Affronteremo la piaga del cyber-bullismo. Interverremo contro la progettazione di alcune piattaforme che creano dipendenza. Convocheremo la prima indagine europea sull’impatto dei social media sul benessere dei giovani. Lo dobbiamo a loro.
E non ci fermeremo finché non avremo fatto la cosa giusta per loro.
Onorevoli parlamentari,
Una delle scelte fondamentali che dobbiamo affrontare è il tipo di società che vogliamo per i nostri figli e nipoti. In particolare per le nostre figlie e nipoti. Per quanto riguarda i diritti delle donne, abbiamo raggiunto insieme l’impensabile, grazie alla straordinaria solidarietà di quest’Assemblea della democrazia europea, al di là delle linee di partito. Dopo dieci anni di lotta, abbiamo sbloccato la direttiva sulle donne nei consigli di amministrazione. Abbiamo compiuto enormi progressi in materia di trasparenza retributiva: non c’è la minima ragione per cui le donne debbano essere pagate meno degli uomini per lo stesso lavoro. Ma c’è ancora molto da fare. Fermare l’aumento della violenza contro le donne. Conciliare la cura e la carriera, non solo per le donne, ma le donne sono le più colpite. Colmare il divario retributivo e pensionistico. Non è un caso che la povertà in età avanzata abbia un volto femminile. E c’è ancora molto da fare. Lavoriamo quindi insieme per sviluppare una tabella di marcia per i diritti delle donne. Continuiamo ad andare avanti. Se non ora, quando?
Onorevoli deputati,
La democrazia è il nostro tesoro comune. È il forum in cui le nostre differenze e i nostri disaccordi possono essere espressi. Ed è tanto vitale quanto fragile. Per molto tempo l’abbiamo data per scontata. Siamo diventati democratici per comodità. Ma oggi le nostre democrazie sono minacciate. Da più di due anni, la Russia sta conducendo una guerra implacabile sul suolo europeo, in Ucraina. In tutta l’UE e all’interno delle nostre istituzioni, i nostri servizi e i nostri giornalisti – il cui lavoro desidero elogiare in questa sede – hanno portato alla luce casi di spionaggio, attacchi informatici, corruzione e disinformazione da parte di attori stranieri, in particolare russi e cinesi. Il livello di minaccia e di attacchi ibridi non era così alto da decenni. Alla Commissione ne siamo consapevoli e da diversi anni stiamo adottando azioni responsabili. È stata condotta un’analisi approfondita e sono stati lanciati i primi strumenti efficaci, in stretta collaborazione con gli Stati membri. Ma dobbiamo andare oltre. Dobbiamo evitare che attori stranieri ostili interferiscano nei nostri processi democratici, minandoli e, in ultima analisi, distruggendoli. Per farlo, dobbiamo adottare misure forti a livello europeo.
Se oggi mi darete fiducia, la Commissione proporrà uno Scudo europeo per la democrazia. L’UE ha bisogno di una struttura specifica per contrastare la manipolazione e l’interferenza dell’informazione straniera. Tale struttura riunirà tutte le competenze e si collegherà e coordinerà con le agenzie nazionali esistenti. Le capacità di intelligence e di rilevamento devono essere rafforzate, insieme alla capacità di agire e imporre sanzioni. Lo Scudo terrà conto delle raccomandazioni emerse dal lavoro delle commissioni speciali sulle interferenze straniere, per proteggere meglio le nostre democrazie. È urgente dotare l’Unione europea di potenti strumenti di ciberdifesa, imporre la trasparenza sui finanziamenti esteri alla nostra vita pubblica come regola comune, ma anche garantire un quadro informativo affidabile. A tal fine, l’UE deve sostenere una stampa indipendente, continuare a garantire il rispetto delle regole da parte dei giganti digitali e incoraggiare ulteriormente i programmi di alfabetizzazione mediatica. La democrazia europea deve essere più partecipativa, più vivace. La società civile deve essere sostenuta e difesa meglio.
So di poter contare sul vostro sostegno per realizzare questo grande piano di difesa della democrazia europea.
Onorevoli deputati,
Ma intensificheremo anche il nostro lavoro di difesa di tutte le componenti della nostra democrazia. Proteggeremo i nostri media liberi e la nostra società civile. Lo Stato di diritto e la lotta alla corruzione saranno al centro del nostro lavoro. Rafforzeremo tutti i nostri strumenti e ne intensificheremo l’applicazione. Faremo in modo che il nostro Rapporto sullo Stato di diritto si concentri sulla dimensione del mercato unico per aiutare a proteggere le imprese. E ci atterremo a un principio molto chiaro nel nostro bilancio. Il rispetto dello Stato di diritto è un must per i fondi dell’UE. In questo bilancio e in futuro, con il meccanismo della condizionalità. Non è negoziabile. Perché questo è il cuore del nostro stile di vita europeo.
Onorevoli parlamentari,
La nostra Unione e la nostra democrazia sono un costante lavoro in corso. E possiamo fare di più. Abbiamo bisogno di un ambizioso programma di riforme per garantire il funzionamento di un’Unione più ampia e per aumentare la legittimità democratica. Se prima le riforme erano necessarie, con l’allargamento diventano indispensabili. Dobbiamo usarlo come catalizzatore del cambiamento in termini di capacità di azione, politiche e bilancio. Naturalmente ci concentreremo su ciò che possiamo già fare, che è molto. Ma dovremmo essere più ambiziosi. Credo che il trattato debba cambiare laddove può migliorare la nostra Unione. E voglio lavorare su questo punto con l’Assemblea. E questo farà parte di un partenariato più stretto tra la Commissione e il Parlamento. Ho ascoltato le vostre richieste e le vostre preoccupazioni. Continuo a sostenere il vostro diritto di iniziativa e intensificheremo la nostra cooperazione sulle risoluzioni ai sensi dell’articolo 225 per garantire il follow-up. Sono quindi pronto a lavorare su tutti gli aspetti del nostro partenariato. Dobbiamo rivedere l’Accordo quadro per garantire più trasparenza, più responsabilità e più presenza in Parlamento. Quando tutte le istituzioni si muovono insieme, anche l’Europa avanza.
Onorevoli parlamentari,
All’inizio del suo secondo mandato Jacques Delors disse: “La nostra Comunità non è solo il frutto della storia e della necessità, ma anche della volontà”. “Questa è la scelta fondamentale che abbiamo di fronte. La storia continuerà a bussare alla porta dell’Europa. Il bisogno di Europa sarà più forte che mai. La nostra determinazione deve essere all’altezza. È questo che ha unito il nostro continente. Non le forze imperscrutabili del destino, ma la forza delle persone che lottano per ottenere di più. Come i tre prigionieri che negli anni ’40, sull’isola di Ventotene, hanno delineato la visione di un continente unito. E la generazione del dopoguerra, che ha costruito la pace sul carbone e sull’acciaio. Gente che si è trovata disarmata di fronte ai carri armati sovietici, che ha messo garofani nei fucili e ha abbattuto un muro a mani nude. Persone che ancora oggi rischiano la vita per questo sogno chiamato Europa. Generazione dopo generazione hanno fatto l’Europa, hanno scelto un’Europa forte. E ora questa responsabilità spetta a noi. Gli ultimi cinque anni hanno dimostrato cosa possiamo fare insieme. Ripetiamolo. Facciamo la scelta della forza. Scegliamo la leadership. Facciamo la scelta dell’Europa.
Grazie e lunga vita all’Europa.

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

In difesa di JD Vance come vicepresidente di Trump, di ANDREW KORYBKO

In difesa di JD Vance come vicepresidente di Trump

17 LUGLIO
CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Pur riconoscendo quanto facilmente la guerra per procura NATO-Russia in Ucraina potrebbe sfuggire al controllo fino a sfociare nella Terza Guerra Mondiale, e apprezzando quindi la necessità di porre fine diplomaticamente ad essa il prima possibile, esattamente come Vance ha promesso che cercherà di fare. sì, alcuni membri della comunità Alt-Media sono ancora scontenti del fatto che Trump lo abbia scelto come vicepresidente.

Affrontare frontalmente le tre principali critiche

La decisione di Trump di scegliere il senatore matricola dell’Ohio JD Vance come suo vicepresidente (VP) ha irritato alcuni membri della comunità Alt-Media (AMC), che sostengono che rappresenti un passo indietro per il movimento MAGA. Indicano la sua storia come marine americano in Iraq, poi come venture capitalist, e infine come ex Never Trumper per affermare che è un neoconservatore, cosa che le sue posizioni da falco nei confronti di Cina e Iran confermano nelle loro menti.

La realtà, però, è che Vance non è qualcuno la cui visione del mondo può essere facilmente incasellata. La sua storia come marine americano in Iraq gli ha insegnato, con le sue stesse parole , che “mi avevano mentito – che le promesse dell’establishment della politica estera erano uno scherzo completo”. Per quanto riguarda il suo periodo come venture capitalist, lo ha portato a stringere amicizie con élite leader come Peter Thiel, che ha avuto un ruolo determinante nel mettere alcuni attori del potere della Silicon Valley contro i democratici. Ciò potrebbe alla fine rivelarsi un punto di svolta nelle elezioni.

Allo stesso modo, lo stesso si può dire di lui che prima non era un Trumper, il che può attrarre milioni di elettori indecisi che disprezzavano Trump finché non erano “ in pillola rossa ” come lui ammette di essere e quindi ora stanno seriamente prendendo in considerazione sostenendolo. Ha sostenuto che “ho detto alcune cose brutte su Donald Trump 10 anni fa. Posso spiegare al popolo americano, alle persone che avrebbero potuto essere scettiche nei confronti del presidente nel 2016, e che potrebbero esserlo adesso, che abbiamo visto i risultati”.

C’è da aspettarsi una posizione aggressiva di Vance nei confronti di Cina e Iran. Il primo è il rivale sistemico degli Stati Uniti, mentre il secondo ne minaccia l’egemonia regionale. Tuttavia, ciò che ha detto su Russia e Ucraina dimostra che non è un guerrafondaio ideologicamente guidato, il che suggerisce che gestirà pragmaticamente la concorrenza degli Stati Uniti con loro. È senza dubbio un egemonista, ma questo rientra nel territorio, e non dimenticherà mai ciò che ha imparato sull’establishment durante il suo periodo con i Marines americani in Iraq.

Chiarire i ruoli di Cina e Russia nella visione del mondo MAGA

La sua visione del mondo è che gli Stati Uniti dovrebbero essere selettivi nei loro impegni all’estero, sia militarmente che in termini di aiuti esteri, ed è un sostenitore del piano NATO riportato da Trump . Ciò vedrebbe il blocco diventare “dormiente” poiché i suoi membri europei sono costretti a intensificare il loro coinvolgimento nel contenere la Russia mentre gli Stati Uniti “ ritornano verso l’Asia ” per contenere la Cina. I membri dell’AMC sostengono che questo lo rende un “tutto esaurito”, ma non è realistico aspettarsi che un membro di spicco del MAGA non sia aggressivo nei confronti della Cina.

Dopotutto, Trump è stato estremamente duro con la Repubblica Popolare, giustificandolo con il riequilibrio del suo astronomico deficit commerciale che raggiungeva diverse centinaia di miliardi di dollari all’anno prima della sua elezione. Il suo problema però era che era stato troppo influenzato dal genero Jared Kushner durante il suo primo mandato ed era caduto sotto l’influenza dei neoconservatori, ma da allora ha imparato la lezione a giudicare da come avrebbe preso suo figlio Don Jr, Steven Bannon, e il consiglio di Tucker Carlson di scegliere Vance come suo vicepresidente.

Trump e Vance condividono la visione di reindirizzare l’attenzione degli Stati Uniti verso il contenimento dalla Russia alla Cina, con l’obiettivo di prevenire una dipendenza potenzialmente sproporzionata della prima dalla seconda, che potrebbe potenziare la sua traiettoria di superpotenza e quindi sfidare seriamente gli Stati Uniti. Il sistema risultante di bi-multipolarità sino-americana favorirebbe comparativamente la Cina poiché equivarrebbe a farli praticamente essere uguali sulla scena mondiale, ecco perché i due paesi vogliono evitarlo, se possibile.

Il mezzo a tal fine è allentare una certa pressione sulla Russia in modo che possa fare maggiore affidamento sull’India e sugli altri stati del Sud del mondo, in particolare quelli della sua “ Ummah Pivot ”, come mercato di esportazione delle sue risorse naturali, invece di essere costretto dalle circostanze a incanalarne la maggior parte verso l’ascesa della Cina. Dal punto di vista della Russia, qualsiasi riduzione della pressione sarebbe benvenuta, soprattutto se portasse finalmente al rispetto di alcuni dei suoi interessi di sicurezza nazionale in Europa attraverso un compromesso in Ucraina .

I grandi interessi strategici della Russia

È anche importante evitare preventivamente una dipendenza potenzialmente sproporzionata dalla Cina, non per ragioni politicamente sinofobiche, ma per semplice pragmatismo, dal momento che nessun paese strategicamente autonomo come la Russia vuole dipendere da un unico partner per la maggior parte dei suoi proventi dalle esportazioni estere. Ciò spiega perché ha recentemente ricalibrato il suo equilibrio asiatico rispetto al suo precedente centro sino-centrico attraverso i viaggi di Putin in Corea del Nord e Vietnam , nonché ospitando il primo ministro indiano Modi .

Le cinque analisi precedenti, collegate tramite collegamenti ipertestuali, spiegano in dettaglio questa strategia, il cui succo è stato appena riflesso nell’articolo del direttore del programma Valdai Club, Timofei Bordachev, su come ” La Russia ha ridefinito la sua strategia per l’Asia “, che è stato pubblicato dopo quegli articoli e poi ripubblicato da RT sul loro prima pagina. Questa intuizione è rilevante per quanto riguarda la decisione di Trump di scegliere Vance come suo vicepresidente poiché suggerisce fortemente che la Russia sarebbe ricettiva all’obiettivo finale previsto da quei due di risolvere rapidamente il conflitto ucraino.

Il problema degli attivisti di Alt-Media

Pur riconoscendo la facilità con cui la guerra per procura potrebbe sfuggire al controllo e sfociare nella Terza Guerra Mondiale, e apprezzando quindi la necessità di porvi fine diplomaticamente il più presto possibile, esattamente come Vance ha promesso che cercherà di fare, alcuni in L’AMC è ancora scontenta di lui . Molte di queste persone scontente sono in fondo attivisti, il che li rende ideologi delle cause che sostengono, che in questo caso sono la pace nel mondo in generale e una minore pressione degli Stati Uniti su Cina e Iran in particolare.

Pertanto non possono approvare Vance come vicepresidente a causa delle sue posizioni da falco nei confronti di quei due, ecco perché ora si stanno agitando contro di lui allarmizzando che rischierà di scatenare la terza guerra mondiale con loro invece che con la Russia come Biden e la sua squadra stanno pericolosamente flirtando con loro per un errore di calcolo. Hanno diritto alle loro opinioni, ma gli osservatori dovrebbero ricordare che sono condivise dagli ideologi, non importa quanto possano essere ben intenzionati.

Queste persone sono volutamente iperboliche per ragioni politiche legate alle cause che sostengono con passione. Sarebbero anche ingenui se pensassero davvero che Trump non sceglierebbe qualcuno che condivida la sua visione del mondo, che è pragmatica nei confronti della Russia ma ostile nei confronti di Cina e Iran. È possibile aumentare la consapevolezza dei rischi che una teorica presidenza Vance potrebbe comportare se succedesse qualcosa a Trump senza esagerare con l’allarmismo e lo screditamento.

Smascherare le frodi

Alcune di queste persone, tuttavia, non sono sincere con le loro preoccupazioni, poiché hanno secondi fini. Ci sono quelli che hanno un’interpretazione unica di cosa sia MAGA, che è in contrasto con ciò che è oggettivamente, e sono quindi molto arrabbiati per il fatto che la scelta di Vance da parte di Trump come vicepresidente abbia infranto le loro aspettative. La conseguente dissonanza cognitiva spiega alcuni dei loro post furiosi sui social media dopo aver precedentemente sostenuto il movimento.

Poi ci sono quelli che non hanno mai veramente sostenuto MAGA, ma hanno cercato di stabilire “alleanze di convenienza” su alcune cause come quelle legate a Cina e Iran, e stanno deliberatamente cercando di screditare MAGA come vendetta poiché è chiaro che le politiche di Trump 2.0 non avrebbero funzionato. t allinearsi con le loro opinioni. Ciò è particolarmente vero per gli stranieri finora apparentemente favorevoli al MAGA che ora stanno cercando di manipolare la percezione degli elettori su questioni emotive come quelle che sostengono dopo la scelta di Vance come vicepresidente.

Queste persone non possono votare alle elezioni statunitensi, ma stanno sfruttando i social media per avere un ruolo enorme nell’influenzare coloro che possono, con la narrativa comune che implicano in un modo o nell’altro che questa decisione presumibilmente dimostra che Trump ha tradito MAGA . La verità, però, è che Trump sta aprendo la strada a un successore che porterà avanti ciò che MAGA ha sempre fatto sul fronte della politica estera, e cioè essere duro con i principali rivali degli Stati Uniti al fine di rallentare il declino della loro egemonia unipolare.

Il ruolo del MAGA nella transizione sistemica globale

A dire il vero, il modo in cui Trump e Vance prevedono di farlo è innanzitutto alleviare il rischio di una terza guerra mondiale con la Russia, il che è un netto vantaggio per la pace e riporterebbe l’umanità fuori dal baratro se avesse successo. Anche la transizione sistemica globale al multipolarismo ha subito un’accelerazione senza precedenti dall’inizio dell’operazione speciale russa , tanto che ripristinare il sistema unipolare degli anni ’90 è ora impossibile, il che significa che la politica estera del MAGA è davvero basata sulla gestione responsabile di questo momento.

Il meglio che gli Stati Uniti possono ora sperare di ottenere è preservare la propria posizione privilegiata il più a lungo possibile attraverso mezzi creativi – e idealmente pacifici. Non godrà mai del dominio senza pari del periodo successivo alla Vecchia Guerra Fredda, ma non diventerà nemmeno presto un cosiddetto “paese normale”, per non parlare del collasso nel prossimo futuro come molti nell’AMC hanno previsto. . Una presidenza Trump-Vance significherebbe rallentare il ritmo del suo declino e riconquistare terreno laddove possibile.

La differenza tra loro e Biden-Harris è che il MAGA vuole migliorare gli standard di vita socioeconomici in patria, tenendo a bada la terza guerra mondiale all’estero, mentre i democratici si preoccupano meno degli americani e più dei loro colleghi élite liberali – globalisti , anche a scapito di rischiando la Terza Guerra Mondiale. Pochi attivisti saranno mai pienamente soddisfatti di un biglietto presidenziale, ma in confronto, quello Trump-Vance è molto migliore per la pace mondiale nel suo complesso rispetto a quello Biden-Harris.

La comunità Alt-Media trarrebbe grande beneficio se un numero maggiore di suoi membri attirasse l’attenzione sul ruolo che il partenariato strategico russo-indiano svolge nel tenere a bada la bi-multipolarità sino-americana e nel potenziare i processi di tri-multipolarità con l’obiettivo di ostetrica congiuntamente multipolarità complessa. .

L’opinionista del Wall Street Journal, Sadanand Dhume, ha appena pubblicato un articolo su come “ La relazione India-Russia è inferiore a quanto appare ”, con la nota che “Mentre Mosca diventa sempre più dipendente dalla Cina, l’India non ha altra scelta se non quella di avvicinarsi a Washington.” La sua argomentazione è semplice: il commercio della Cina con la Russia fa impallidire quello dell’India, che ammonta a 240-65 miliardi di dollari, quindi la Russia diventerà dipendente dalla Cina e l’India dovrà “avvicinarsi” agli Stati Uniti in risposta. Non è così semplice però.

All’inizio di questo mese è stato spiegato come “ il viaggio di Modi a Mosca sia stato molto più importante di quanto la maggior parte degli osservatori creda ”, in particolare perché ha completato la ricalibrazione dell’atto di bilanciamento asiatico della Russia lontano dalla sua deriva verso la sino-centricità nell’ultimo anno, che è stato dettagliato qui. . La sua visita ha fatto seguito ai viaggi del presidente Putin in Corea del Nord e Vietnam , ed è arrivata subito dopo che Russia e India hanno compiuto progressi tangibili nella conclusione del loro patto logistico militare a lungo negoziato .

L’effetto combinato è stato che la Russia ha mostrato al mondo che eviterà preventivamente una dipendenza strategica potenzialmente sproporzionata dalla Cina allineandosi con altri paesi asiatici. La Corea del Nord è l’alleato della Cina, il Vietnam è il suo “amico-nemico”, mentre l’India è il suo rivale strategico, ognuno dei quali gioca un ruolo unico nell’atto di bilanciamento asiatico della Russia, mentre la Russia gioca un ruolo unico nei propri atti nei confronti della Cina. L’India è però la più importante per via del suo peso socioeconomico e del suo status di grande potenza .

Essendo il Paese più popoloso del mondo, la Voce del Sud del mondo e la quinta economia più grande, l’India esercita un’enorme influenza in tutto il mondo, ecco perché gli Stati Uniti hanno cercato di reclutarla nella coalizione di contenimento AUKUS+ Cina, anche se senza successo. L’India difende con orgoglio la propria autonomia strategica ed è per questo che non eseguirà mai gli ordini di nessun altro, per non parlare del rischio di diventare il loro partner minore. Ciò irrita a non finire l’Occidente guidato dagli Stati Uniti e spiega il motivo per cui ha condotto una feroce campagna di guerra informatica contro di esso.

Dhume dà per scontato che le relazioni internazionali siano già tornate allo stato di bi-multipolarità sino-americana che ha caratterizzato imperfettamente l’ultima metà del decennio precedente, ma questa è una conclusione prematura dal momento che Russia e India stanno lavorando congiuntamente per accelerare i processi di tri-multipolarità. . I loro politici considerano il mondo attualmente diviso in tre gruppi: l’Occidente guidato dagli Stati Uniti Miliardi , i sino – russi dell’Intesa e del Sud del mondo, ufficiosamente guidato dall’India .

Se non fosse per lo speciale e privilegiato partenariato strategico russo-indiano, allora la Cina e gli Stati Uniti dominerebbero inevitabilmente il mondo attraverso la loro competizione o cooperazione (“ New Détente ”) tra loro, motivo per cui l’interazione tra la prima coppia è di importanza globale. Russia e India impediscono la dipendenza potenzialmente sproporzionata dell’altro rispettivamente dalla Cina e dagli Stati Uniti, che porterebbe al bi-multipolare se ciò accadesse, svolgendo ruoli cruciali che la seconda coppia non può.

La Russia è il partner militare più fidato dell’India, con cui collabora in ambiti che gli Stati Uniti non prendono nemmeno in considerazione, aiutandola così a tenere a bada la Cina lungo il confine conteso, mentre il massiccio acquisto di petrolio russo da parte dell’India rende impossibile per la Cina strumentalizzare la propria influenza. propri acquisti per interessi politici. Ciascuno fa affidamento anche sull’altro per impedire alla Cina di dominare i BRICS e la SCO, il che potrebbe darle il sopravvento su di loro in modi che potrebbero portare allo status di partner junior se ciò accadesse.

Questi ruoli non sono visibili all’osservatore inesperto, soprattutto perché né la Russia né l’India ne parlano apertamente a causa della sensibilità inerente ai loro legami rispettivamente con la Cina e gli Stati Uniti, ma Dhume non è un osservatore inesperto. Sa esattamente cosa stanno facendo e perché, ma lo travisa deliberatamente in modo sbagliato per promuovere un programma poiché è solo uno dei tanti volti indiani dei media occidentali che sfrutta i suoi antenati per dare falso credito alle sue critiche all’India.

Informati di questa intuizione, la gente comune non dovrebbe lasciarsi ingannare da lui e da altri che sostengono che le relazioni russo-indiane si stanno indebolendo o non hanno molta importanza nel mondo di oggi. Se ci fosse del vero in quelle affermazioni, allora avrebbero trascurato i loro legami e si sarebbero completamente orientati verso il rivale dell’altro, ma invece Putin ha ospitato Modi subito dopo aver ricalibrato l’atto di equilibrio asiatico della Russia nei confronti della Cina e il leader indiano ha accettato di farlo. queste date nonostante coincidano simbolicamente con il vertice della NATO.

La comunità Alt-Media (AMC) trarrebbe grandi benefici se un numero maggiore di suoi membri attirasse l’attenzione sul ruolo che il partenariato strategico russo-indiano svolge nel tenere a bada la bi-multipolarità sino-americana e nel potenziare i processi di tri-multipolarità in una prospettiva congiunta multipolarità del complesso ostetrico. Pochi però si sentono a proprio agio nel farlo, dal momento che molti sono solidali con la Cina e temono di essere “cancellati” dai guardiani per aver sfidato il dogma della comunità secondo cui Russia e Cina sono “alleati”.

Questi due cooperano insieme su alcune delle questioni più importanti del mondo, ed entrambi vogliono accelerare il declino dell’unipolarismo, anche se difendono ferocemente i rispettivi interessi nazionali ma sono molto attenti a non farlo a spese dell’altro. Questo è il caso del conflitto del Kashmir, dove si trovano su fronti opposti, come spiegato qui , ed è lo stesso anche per quanto riguarda il loro ruolo nella transizione sistemica globale.

Le relazioni di complessa interdipendenza economica che la Cina ha coltivato praticamente con ogni paese la pongono in una posizione privilegiata per influenzare l’ordine mondiale emergente più di chiunque altro, ma Russia e India temono che ciò possa avvenire a scapito delle loro strategie strategiche duramente conquistate. autonomia. Ecco perché stanno lavorando insieme per dare agli altri paesi leader del Sud del mondo una maggiore voce in capitolo nel modellare questo processo in modo da bilanciare delicatamente l’enorme influenza della Cina.

Non c’è niente di sbagliato nel discutere apertamente queste differenze di visione tra Russia-India e Cina purché ciò sia fatto in modo responsabile, senza l’intento di creare un cuneo tra loro come vogliono gli Stati Uniti. Coloro che mantengono aggressivamente le discussioni dell’AMC su questo argomento stanno quindi rendendo un disservizio alla loro comunità, privando i membri della visione di cui hanno bisogno per comprendere questo momento storico e dare un senso a importanti sviluppi come il primo viaggio di Modi a Mosca in cinque anni.

Anche se stanno giocando un pericoloso gioco del pollo nucleare con la Russia, la NATO sta ancora esercitando un certo grado di autocontrollo, anche se esclusivamente a causa del suo interesse personale e non per la cosiddetta “responsabilità”.

Uno degli aspetti più discussi del nuovo patto di sicurezza polacco-ucraino, che è stato riassunto qui e analizzato a lungo qui , è stato che la Polonia ha accettato di discutere l’intercettazione dei missili russi sull’Ucraina. L’avvertenza però era che ciò avrebbe “seguito le procedure necessarie concordate dagli Stati e dalle organizzazioni coinvolte”, e il capo uscente della NATO Stoltenberg ha appena affermato che il suo blocco è contrario a farlo dopo che Stati Uniti e Regno Unito avevano espresso una posizione simile all’inizio dell’anno.

L’Ucraina probabilmente si sente stanca dopo che Zelenskyj ha pubblicizzato questa “disposizione per sviluppare un meccanismo per intercettare missili e droni russi nello spazio aereo ucraino puntati contro la Polonia” durante la sua conferenza stampa con Tusk a Varsavia la scorsa settimana dopo aver firmato il patto di sicurezza. Probabilmente anche il ministro degli Esteri polacco Sikorski, uno dei più famigerati falchi anti-russi dell’UE, si sente sciocco dopo aver affermato, il giorno prima dei commenti di Stoltenberg di domenica, che la Polonia stava ancora “esplorando l’idea”.

Col senno di poi, questa clausola è stata inclusa nel patto di sicurezza polacco-ucraino solo come mezzo con cui Varsavia segnalava il suo sostegno a Kiev, anche se non avrebbe mai agito unilateralmente su quella proposta poiché includeva esplicitamente il requisito che fosse “accettata” da parte di Kiev. NATO. Potrebbe anche darsi che Zelenskyj, Sikorski e gli altri falchi anti-russi in quei due paesi pensassero di poter convincere l’ Asse anglo-americano ad approvare questa escalation, da qui i loro commenti ottimistici al riguardo.

Tuttavia, il loro rifiuto di dare il via libera all’intercettazione polacca dei missili russi sull’Ucraina dimostra che la NATO è ancora riluttante a intensificare l’escalation in un modo che rischia di trascinare il blocco direttamente nel conflitto, anche se ciò non significa che alcuni paesi potrebbero non intervenire. unilateralmente. Francia e Polonia hanno già parlato di farlo a determinate condizioni, ma non è chiaro se lo faranno effettivamente se arriverà il momento, come nel caso in cui la Russia ottenesse una svolta militare.

In ogni caso, qualunque cosa potrebbero fare a tale riguardo è separata dalla NATO nel suo complesso, autorizzando l’intercettazione dei missili russi, il che potrebbe spingere la Russia a prendere di mira i loro sistemi di difesa aerea e quindi portare la NATO a sentirsi sotto pressione a colpire direttamente obiettivi russi sia in Ucraina che in Ucraina. o la Russia propriamente detta. Anche se stanno giocando un pericoloso gioco del pollo nucleare con la Russia, la NATO sta ancora esercitando un certo grado di autocontrollo, anche se esclusivamente a causa del suo interesse personale e non per la cosiddetta “responsabilità”.

Zelenskyj, Sikorski e i loro simili potrebbero quindi colludere per inscenare un qualche tipo di incidente sotto falsa bandiera per spostare l’ago su un intervento convenzionale della NATO in Ucraina invece di rischiare che una “coalizione dei volenterosi” entri senza alcuna ferrea promessa che l’Articolo 5 sarebbe applicabile. proteggili. Dopotutto, sono fortemente interessati a quello scenario poiché rassicurerebbe Kiev sul fatto che non subirà una sconfitta strategica se la Russia riuscisse a ottenere una svolta militare, ma è troppo presto per prevedere quale forma potrebbe assumere.

Qualunque cosa accada, la conclusione è che la NATO (o meglio, l’Asse anglo-americano che è il maggiore responsabile delle sue decisioni) ha finora tenuto a bada i più feroci falchi anti-russi rifiutandosi di approvare l’intercettazione dei missili russi da parte della Polonia. sull’Ucraina. Ciò non significa che saranno in grado di farlo indefinitamente, ma è comunque significativo che non abbiano capitolato alla loro ultima proposta di escalation, il che dimostra che ci sono ancora alcune figure fredde dietro le quinte.

L’India è il Paese più popoloso del mondo, la Voce del Sud del mondo, nonché una grande potenza fondamentale per l’equilibrio globale tra tutti gli attori chiave, quindi mettersi dalla parte dei cattivi, come ha appena fatto Zelenskyj, capovolgerà i piani dell’Ucraina di generare un più ampio sostegno per la sua causa. .

Zelenskyj ha insultato il primo ministro indiano Modi durante il suo viaggio a Mosca la scorsa settimana, twittando che “è scoraggiante vedere il leader della più grande democrazia del mondo abbracciare il criminale più famoso del mondo a Mosca”, spingendo così l’India a convocare lunedì l’ambasciatore ucraino. Non è chiaro cosa gli sia stato detto, ma i suoi ospiti, prevedibilmente, hanno chiarito che tale retorica non è la benvenuta, soprattutto dopo che Modi si è lamentato della perdita di vite umane in tutti i conflitti durante il suo incontro con Putin.

Mentre alcuni potrebbero immaginare che Zelenskyj abbia semplicemente twittato qualunque cosa i suoi sostenitori occidentali gli abbiano detto, la realtà è che probabilmente lo ha fatto per sua prerogativa, anche se qui sta il problema. Nella sua mente, l’ ultima fase del conflitto ucraino innescata dall’operazione speciale della Russia è una battaglia epica tra democrazie e dittature, che non ha nulla a che fare con dilemmi di sicurezza e interessi nazionali. Questa falsa percezione gli è stata impressa dall’Occidente più di due anni fa.

Anche se il suo abbraccio avrebbe potuto essere opportunistico all’inizio, vale a dire radunare l’Occidente collettivo attorno alla causa dell’Ucraina che riconquista i suoi territori perduti secondo l’obiettivo massimalista previsto da Kiev, da allora è diventato un sincero sostenitore di questo paradigma, come evidenziato da ciò di cui ha twittato Modi. Il motivo per cui ciò è preoccupante non è solo perché è un modo impreciso di valutare tutto, ma anche perché ha portato l’Ucraina a creare problemi con la Voce del Sud del mondo , l’India.

Negli ultimi due anni e mezzo l’Ucraina si è resa conto tardivamente che deve ottenere un certo sostegno da questo insieme diversificato di paesi non occidentali se vuole avere qualche speranza di fare pressione sulla Russia affinché comprometta i propri obiettivi massimalisti previsti in questo conflitto. Ciò spiega le recenti iniziative di sensibilizzazione verso quella parte del mondo durante i colloqui svizzeri del mese scorso , che sono state sopravvalutate in anticipo e quindi sono diventate una delusione perché non sono riuscite a soddisfare le alte aspettative del pubblico.

Zelenskyj ha annunciato all’inizio di questa settimana che altri quattro colloqui sono previsti prima di dicembre, di cui almeno due si svolgeranno negli stati del sud del mondo, Qatar e Turkiye, il primo dei quali ha standard di vita da primo mondo per i suoi cittadini (anche se non per i lavoratori migranti). ) ma è ancora un paese non occidentale. Chiaramente, questo programma è stato discusso nell’ultimo mese dopo gli ultimi colloqui con la Svizzera, non è stato qualcosa su cui questi paesi hanno ampiamente concordato la scorsa settimana dopo il viaggio di Modi a Mosca.

Di conseguenza, Zelenskyj avrebbe dovuto esercitare un giudizio migliore piuttosto che insultare il leader indiano come ha fatto, poiché ciò a sua volta riduce le possibilità che Modi invii rappresentanti di alto livello a quegli eventi, per non parlare di firmare qualunque dichiarazione finale ne possa emergere. Ha anche rifiutato di apporre la propria firma sul documento svizzero, quindi il precedente suggerisce che stava già pianificando di trattenerlo da quelli futuri, ma ciò nonostante, l’atteggiamento dell’India nei confronti dell’Ucraina si inasprirà ancora più di quanto non sia già stato.

L’India è il Paese più popoloso del mondo, la Voce del Sud del mondo, nonché una grande potenza fondamentale per l’equilibrio globale tra tutti gli attori chiave, quindi mettersi dalla parte dei cattivi, come ha appena fatto Zelenskyj, capovolgerà i piani dell’Ucraina di generare un più ampio sostegno per la sua causa. . La Cina ha rifiutato di partecipare ai colloqui svizzeri e quindi probabilmente non parteciperà a quelli futuri, e con l’India che potrebbe inviare da qui in poi dignitari di basso livello che ora hanno meno probabilità di firmare qualsiasi dichiarazione, il Sud del mondo è perduto.

Senza almeno il sostegno di uno di questi due, soprattutto considerando che l’India è la più grande democrazia del mondo, Zelenskyj non sarà in grado di ottenere un sostegno reale dal Sud del mondo nel suo insieme e non potrà continuare a sostenere l’affermazione che questo conflitto è una battaglia epica. tra democrazie e dittature. A dire il vero, non è mai stato realistico aspettarsi che l’India sostenesse pienamente l’Ucraina a causa della sua politica di multi-allineamento e della neutralità di principio nei confronti di questo conflitto, ma avrebbe potuto segnalare maggiore simpatia per la sua causa.

Ciò non accadrà mai adesso, dopo quello che Zelenskyj ha scritto su Modi, che equivale a uno dei più grandi colpi di soft power autoinflitti che qualsiasi leader abbia commesso negli ultimi tempi. Si è lasciato credere al falso paradigma di questo conflitto e poi ha reagito emotivamente quando ha visto Modi abbracciare Putin invece di prendersi un po’ di tempo per calmarsi prima di twittare. Questo episodio dice molto su Zelenskyj come persona, ed è che è un uomo molto debole nel cuore, non il leone che l’Occidente ha finto che fosse.

Il popolo iraniano ha votato per lui perché voleva un “riformista” che cambiasse gradualmente la politica interna ed estera del paese, sapendo che non ci si può aspettare nulla di radicale a causa del rigido sistema di controlli ed equilibri in atto per impedirlo.

Il presidente eletto iraniano Masoud Pezeshkian, che ha vinto le elezioni anticipate indette dopo la morte dell’ex presidente Ebrahim Raisi in un tragico incidente in elicottero a metà maggio, ha pubblicato venerdì una rinfrescante visione di politica estera sul Tehran Times intitolata “ Il mio messaggio al nuovo mondo “. Il motivo per cui viene descritto come rinfrescante è perché va oltre il pensiero a somma zero che i Mainstream Media (MSM) e molte persone della Alt-Media Community (AMC) sposano oggigiorno.

Entrambi i media credono in gran parte che il mondo sia diviso tra Occidente e non Occidente, con gli Stati Uniti in testa al primo e la Cina al secondo, ed entrambi sono presumibilmente predestinati allo scontro. Ciascuno si tira indietro ogni volta che uno di loro collabora con il rivale percepito dalla propria parte. L’MSM è rimasto apoplettico per la visita del primo ministro ungherese Viktor Orban a Mosca come parte della sua missione di pace all’inizio di questo mese, mentre l’AMC ha reagito in modo simile quando il primo ministro indiano Narendra Modi ha visitato Washington la scorsa estate.

L’Iran è stato finora considerato da molti sia nel MSM che nell’AMC come uno di quei paesi a somma zero considerando il suo ruolo regionale nella transizione sistemica globale verso la multipolarità e il disprezzo che questo ha provocato in risposta da parte dell’Occidente. Questa percezione è stata però mandata in frantumi da Pezeshkian, il quale ha dichiarato nel suo articolo di essere pronto a migliorare i legami con gli avversari del suo Paese purché questi lo trattino con rispetto e gli permettano di preservare in ogni modo la sua dignità.

Nelle sue parole, “apprezzeremo gli sforzi sinceri volti ad alleviare le tensioni e ricambieremo buona fede con buona fede”, cominciando dalla regione natale dell’Iran per poi estendersi verso l’esterno. In relazione a ciò, ha chiesto di espandere le relazioni con Turchia, Arabia Saudita, Oman, Iraq, Bahrein, Qatar, Kuwait, Emirati Arabi Uniti; fare lo stesso nei confronti di Russia e Cina; e poi cercare di trovare una via d’uscita con l’Occidente. Il suo obiettivo è creare condizioni internazionali stabili per la pace e lo sviluppo.

Pezeshkian è associato alla scuola “riformista” dei policy maker che sostengono cambiamenti graduali nella politica iraniana in patria e all’estero, mentre i loro “rivali amichevoli” sono i “principalisti” che credono che le riforme potrebbero corrompere il paese e alla fine portare a una situazione favorevole. -Cambiamento di regime negli Stati Uniti. Indipendentemente da qualunque opinione si abbia su questi due, il nocciolo della questione è che ognuno di loro è un patriota a modo suo, e non c’è alcuna possibilità che il sistema iraniano permetta mai a un “traditore” di salire al potere.

Questo chiarimento è necessario per dissipare le false percezioni tra alcuni membri dell’AMC che presumevano che le critiche di Pezeshkian alle varie politiche fossero la prova del suo essere un “cavallo di Troia”. Il sistema iraniano post-1979 è pieno zeppo di controlli ed equilibri che impediscono a tali figure di rovinare il paese. Non si può fare nulla di significativo senza l’approvazione della Guida Suprema, che funge da principale baluardo contro le politiche radicali, sebbene queste siano sostenute anche dall’IRGC e da altri gruppi.

Il punto è che l’interesse di Pezeshkian nell’esplorare un riavvicinamento con l’Occidente non lo rende un “svenduto” alla causa multipolare. La Cina è in una relazione di complessa interdipendenza economica con quei paesi nonostante sia uno dei motori multipolari più potenti del mondo, mentre l’India si allinea orgogliosamente tra l’ Occidente e il non-Occidente, l’approccio pragmatico di cui Pezeshkian apparentemente vuole emulare. Non c’è niente di sbagliato in nessuno dei due ed entrambi meritano un elogio.

In effetti, è molto più comune per i paesi non occidentali bilanciarsi tra la propria parte e l’Occidente piuttosto che non avere legami significativi con l’Occidente, quindi Iran, Russia, Corea del Nord e pochi altri sono l’eccezione. , non la regola. L’unico motivo per cui non hanno un livello di legami con l’Occidente simile a quello dei loro pari è perché l’Occidente li ha sanzionati per la loro politica estera, essendo così quello che ha deciso che non volevano relazioni cordiali, e non l’Iran e l’Iran. azienda.

A dire il vero, l’Occidente spesso sfrutta queste stesse relazioni rendendole gradualmente sbilanciate nel suo sostegno e creando così una dipendenza sproporzionata dai suoi mercati, investimenti, armi, ecc., ma è possibile evitare una simile trappola se i leader non occidentali stanno attenti. . Pezeshkian è fiducioso che l’Iran possa contrastare le minacce ibride legate alla ripresa del commercio con l’Occidente nel caso in cui alcuni di questi paesi siano interessati, ma ad essere onesti, è improbabile che le sue iniziative siano ricambiate.

Mentre i mass media e l’AMC sono quasi equamente influenzati dal pensiero a somma zero, è solo l’Occidente nel suo complesso a formulare effettivamente la politica secondo questo paradigma, e non i paesi non occidentali. Ciò è dimostrato dalle campagne di pressione ad ampio raggio del primo contro Russia, Iran e Corea del Nord, mentre il secondo ha dimostrato la propria autonomia strategica non tagliando i legami con questi tre in solidarietà con l’Occidente né tagliando i legami con l’Occidente per solidarietà con quei paesi. tre.

È quindi naturale che i mass media siano intrappolati nel pensiero a somma zero, ma quelli dell’AMC che hanno tali opinioni sono per lo più attivisti spinti ideologicamente e così impegnati nella causa che inconsciamente si comportano come se fossero “più multipolari dei vertici”. paesi multipolari”. Nessun giudizio di valore è implicito qui, è solo un riflesso della realtà per aiutare i lettori a capire perché molti nell’AMC promuovono opinioni che sono in disaccordo con la maggior parte dei non occidentali che affermano di rappresentare.

Questo è fondamentale da tenere a mente quando si riflette su alcune delle terribili previsioni fatte su Pezeshkian prima della sua elezione e nel valutare le intenzioni dietro la sua politica estera appena articolata. Il popolo iraniano ha votato per lui perché voleva un “riformista” che cambiasse gradualmente la politica interna ed estera del paese, sapendo che non ci si può aspettare nulla di radicale a causa del rigido sistema di controlli ed equilibri in atto per impedirlo.

Nel caso in cui l’Occidente rifiutasse le sue iniziative, come previsto, l’Iran continuerà semplicemente lungo il percorso di politica estera tracciato da Raisi, nel qual caso non cambierà nulla. Nella remota possibilità che almeno alcuni di loro rispondano positivamente al suo appello, il massimo che potrebbe accadere è un aumento del commercio bilaterale e una riduzione delle tensioni. Probabilmente non accadrà nulla di drammatico in ogni caso, ma almeno Pezeshkian sta cercando di promuovere la pace nonostante le probabilità, il che dimostra la sua integrità personale.

Ripetere a pappagallo la retorica incitante all’odio popolare tra molti membri del Sud del mondo della comunità Alt-Media sarebbe stato controproducente.

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha messo da parte le sue polemiche con l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che aveva precedentemente accusato di aver ordinato il suo tentato omicidio, per augurargli “salute e lunga vita” dopo aver schivato miracolosamente un proiettile al cervello letteralmente per meno di un metro. pollice sabato. Ha anche aggiunto che “ripudio l’attacco”, dimostrando così di essere al di sopra della retorica incitante all’odio diffusa da molte persone della comunità Alt-Media (AMC) che sono sconvolte dal fatto che Trump sia sopravvissuto.

Molte di queste persone, soprattutto quelle del Sud del mondo, i cui paesi sono stati vittime della politica estera di Trump, lo disprezzano ferocemente e hanno reso note le loro opinioni sui social media. Un’affermazione comune è che sia un sionista e quindi presumibilmente meritasse di morire o qualcosa del genere, che è loro diritto di credere, ma non stanno rendendo alcun servizio alla loro causa lamentandosi del fatto che non sia stato assassinato. Nessun americano medio sarà mai attratto da qualunque cosa diranno da qui in avanti.

Qui sta il danno autoinflitto che stanno causando, poiché una retorica così estrema serve solo a screditarsi agli occhi del pubblico preso di mira. Che se ne rendano conto o no, l’obiettivo dell’AMC è quello di convincere gli americani medi a sostenere una politica estera più pacifica, che può manifestarsi con il tempo votando per qualunque candidato la sostenga. Anche se questa cifra alla fine non realizza ciò che hanno promesso, o lo fa solo in parte, è comunque meglio che abbracciare i guerrafondai.

Maduro lo sa ed è per questo che “ha ripudiato l’attacco” e ha augurato a Trump “salute e lunga vita” nonostante in precedenza avesse accusato Trump di volerlo uccidere. Il leader venezuelano non vuole solo favorire l’ex americano nel caso in cui tornasse al potere, ma non vuole nemmeno alimentare la narrativa dei neoconservatori secondo cui ha bisogno di essere rovesciato. Ripetere a pappagallo la retorica incitante all’odio popolare tra molti membri dell’AMC del Sud del mondo sarebbe stato quindi controproducente.

Questa intuizione è rilevante per tutti coloro che sostengono una causa multipolare come la Palestina, poiché dovrebbero sapere che stanno rendendo meno probabile che gli americani medi si accendano desiderando che Trump venga ucciso. Nessun vero patriota vorrebbe mai che un leader in servizio o un ex leader del proprio paese venisse assassinato poiché ciò getterebbe il proprio paese in un caos ancora più grande di quanto non sia già. Inoltre, in tutta coscienza, non possono associarsi con chi la pensa diversamente.

Di conseguenza, le cause collegate a queste persone vengono screditate dall’associazione, trasformando così l’AMC in poco più che una camera di risonanza. Chiunque può essere anti-Trump in senso politico, ma augurargli la morte con tutto ciò che avrebbe comportato per destabilizzare gli Stati Uniti rende impossibile che qualsiasi americano medio li ascolti mai più. Purtroppo, molti membri dell’AMC del Sud del mondo si sono screditati questo fine settimana e non possono fare nulla per riscattarsi.

La Cina ora sa che nessuno dei suoi principali investimenti nell’UE è sicuro poiché potrebbero essere tutti nazionalizzati con falsi pretesti.

L’ultimo vertice della NATO è stato uno snoozefest che non ha visto alcun risultato significativo, ma molto più interessanti sono state le conversazioni che, secondo quanto riferito, hanno avuto luogo sulla possibilità che l’UE nazionalizzi i progetti infrastrutturali di proprietà cinese se il conflitto ucraino peggiorasse. Il pretesto, per quanto ridicolo possa sembrare, è che “Pechino potrebbe utilizzare le infrastrutture che possiede in Europa per fornire assistenza materiale alla Russia se il conflitto dovesse espandersi”.

In realtà, gli Stati Uniti vogliono solo fare pressione sull’UE affinché si separi dalla Cina sulla falsa base che sta fornendo supporto materiale per l’ operazione speciale della Russia, sebbene Insider , designato come agente straniero, e il Washington Post abbiano entrambi dimostrato all’inizio dell’anno che questo ruolo è effettivamente interpretato da Taiwan. Tuttavia, la menzogna che la Cina sia responsabile di ciò è stata diffusa durante tutto il conflitto, tanto che ora fa parte del dogma occidentale nonostante sia falsa, come dimostrato dai rapporti precedenti.

Secondo fonti della CNN , il discorso sulla nazionalizzazione da parte dell’UE di progetti infrastrutturali di proprietà cinese è ancora nelle fasi iniziali, ma la Francia apparentemente si oppone al fatto che la NATO sia il forum per discuterne poiché ritiene che sia più adatto per l’UE. In ogni caso, il punto è che la palla ha cominciato a girare e nessuno dei partecipanti – nemmeno l’Ungheria – ha finora espresso disapprovazione per questa proposta. Ciò non significa che non sarà imminente, ma solo che in linea di principio sembrano tutti essere d’accordo in questo momento.

Alcuni potrebbero credere che semplici resoconti su questa proposta potrebbero essere sufficienti per indurre la Cina a fare pressione sulla Russia affinché riduca e alla fine metta fine alla sua operazione speciale, anche se non è realistico aspettarselo, mentre altri potrebbero essere semplicemente falchi anti-cinesi in buona fede. Comunque sia, la Cina ora sa che nessuno dei suoi principali investimenti nell’UE è sicuro poiché potrebbero essere tutti nazionalizzati con falsi pretesti se il conflitto ucraino peggiorasse, per non parlare se scoppiasse la guerra su Taiwan.

La Cina e l’UE sono ancora in una relazione di complessa interdipendenza economica, e nessuna delle due vuole “separarsi” dall’altra come gli Stati Uniti stanno tramando da tempo, ma questo rapporto potrebbe portare la Cina a riconsiderare se valga la pena investire in altri grandi progetti dell’UE. L’UE potrebbe provare lo stesso anche nei confronti della Cina, dal momento che la Repubblica Popolare, prevedibilmente, ricambierebbe nazionalizzando i propri investimenti nel paese se nazionalizzassero per primi i suoi.

Tenendo presente questo, le probabilità che l’UE attraversi il Rubicone sono basse, non importa quanta pressione gli Stati Uniti facciano nel caso in cui il conflitto ucraino peggiori, ma il danno è già stato fatto poiché questo rapporto potrebbe avere un impatto sugli investimenti bilaterali poiché spiegato sopra. In questo senso, si può dire che gli Stati Uniti sono già riusciti a dividere la Cina e l’UE, anche se non lo hanno fatto completamente e probabilmente non lo faranno mai, a meno che l’UE non sia disposta a perdere decine di miliardi di dollari solo per compiacere gli Stati Uniti.

Il problema con la sua opinione è che non è convincente e sembra più un tentativo di screditare Modi per aver privilegiato la partnership strategica del suo Paese con la Russia che qualsiasi critica onesta al suo viaggio.

Ian Hall è uno degli esperti australiani più influenti sull’Indo-Pacifico, le cui opinioni sull’India hanno un peso notevole a causa dell’autorità che esercita tra i politici e del ruolo del suo paese nel Quad . Ecco perché è così importante correggere le false percezioni contenute nel suo ultimo articolo sull’“ errore di calcolo di Modi a Mosca ”, in cui sostiene che “il primo ministro indiano avrebbe potuto tenere Putin a distanza” invece di fargli visita, e tanto meno abbracciarlo durante il loro colloquio informale. incontro.

Il punto di Hall è che la visita ha prodotto solo nove accordi apparentemente insignificanti e ha assicurato il rilascio degli indiani che, secondo quanto riferito, sono stati indotti con l’inganno ad arruolarsi nelle forze armate russe. Secondo lui i primi non contano molto mentre i secondi avrebbero dovuto essere garantiti già da tempo senza che il premier dovesse intervenire. Poi prosegue descrivendo l’India come il partner dominante dei due, ma poi paradossalmente afferma che è incapace di influenzare lo spostamento della Russia verso la Cina.

Il problema con la sua opinione è che non è convincente e sembra più un tentativo di screditare Modi per aver privilegiato la partnership strategica del suo Paese con la Russia che qualsiasi critica onesta al suo viaggio. Si ignora anche che il suo viaggio aveva effettivamente lo scopo di influenzare il cambiamento sopra menzionato, i cui sviluppi dall’inizio dell’anno sono stati dettagliati qui , mentre questa analisi qui spiega come ci sia riuscito. Naturalmente Hall sarà riluttante a riconoscerlo, e questo perché ha un programma.

Al giorno d’oggi il mondo accademico occidentale e la comunità di think tank associata sono più simili ai lobbisti che agli esperti e agli analisti oggettivi come il pubblico ancora li immagina. Invece di cercare di riflettere la realtà nel modo più accurato possibile, preferiscono distorcerla alla ricerca di una narrazione pre-pianificata, che nel caso di Hall mira a screditare Modi e la politica estera indiana come mezzo per spingerli a cambiare marcia. Tuttavia, ciò non avrà successo poiché l’India ha dimostrato di essere resistente alle pressioni occidentali.

Il motivo per cui il viaggio di Modi a Mosca è stato un colpo da maestro e non un errore di calcolo è perché mantiene in carreggiata i processi di tri – multipolarità, dopo che dall’inizio dell’anno sembrava che la Russia si stesse preparando a ruotare verso la Cina e quindi a rilanciare una forma di alleanza sino-americana. bi-multipolarità a proprio e a scapito dell’India. Ciò è stato spiegato nel precedente articolo collegato tramite collegamento ipertestuale, con la conclusione che l’emergente fazione russa pro-BRI sarà ora controllata mentre i rivali pragmatici/equilibristi dell’establishment rimarranno predominanti.

Questo risultato sconvolge gli occidentali, che l’esperto indiano Surya Kanegaonkar ha accuratamente descritto come sostenitori dell’unipolarismo o del bipolarismo a seconda che siano rispettivamente falchi o colombe nei confronti della Cina. Nessuna delle due fazioni accetta veramente lo status del proprio paese come potenza strategicamente autonoma nella transizione sistemica globale, esercitando invece continue pressioni su di esso per controllarne l’ascesa. Al contrario, la politica predominante in Russia accetta pienamente e vuole accelerare questo processo, da qui la preferenza dell’India per la Russia.

Questo non vuol dire che l’India sia antioccidentale, dal momento che il Ministro degli Affari Esteri, Dr. Subrahmanyam Jaishankar, ha già chiarito che l’identità non occidentale del suo stato-civiltà non equivale automaticamente a ciò. Piuttosto, il punto è semplicemente che la Russia è un partner più privilegiato e rispettato dell’Occidente, il quale non accetta il ruolo globale previsto dall’India e vuole influenzare continuamente le sue politiche. Di conseguenza, l’India è impermeabile alle critiche occidentali e non si piegherà mai alle pressioni di nessuno.

Tornando al lede, Hall rimane guidato dalla falsa percezione che l’opinione delle élite possa influenzare i politici indiani, il che è controproducente per gli interessi occidentali poiché non farebbe altro che rendere il suo pubblico target più recalcitrante per sfida ai principi. Ciò che disonestamente dipinge come un errore di calcolo è in realtà un colpo da maestro poiché il viaggio di Modi a Mosca ha rimesso in carreggiata i processi di tri-multipolarità, anche se è proprio per questo che l’Occidente è così arrabbiato con lui dal momento che vogliono solo unipolarità o bi-multipolarità.

1 2 3 347