Perché l’America preferisce un’Europa debole e pacifica, di Samo Burja Matt Ellison

Stato di minorità perpetua e bene imposto dal grande padre. Quando occorre, anche con la mano pesante _Giuseppe Germinario

Questo fu il punto dell’estensione della sua sfera di influenza da parte di Washington dopo la seconda guerra mondiale.

Gli Stati Uniti hanno un esercito molto grande: il loro budget è quasi quattro volte superiore a quello della Cina (sebbene la Cina sia quattro volte più popolosa e mantenga quasi il doppio del personale attivo). Il budget militare degli Stati Uniti è quasi due volte e mezzo maggiore di quello di tutti i paesi dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico messi insieme. Il budget per la difesa di Washington è maggiore dei budget per la difesa combinati di Cina, Arabia Saudita, Russia, Regno Unito, India, Francia e Giappone. Inoltre, molti dei soldati di questo enorme esercito sono di stanza al di fuori della patria americana.

L’esercito americano mantiene oltre ottocento basi in paesi stranieri, il numero più grande di qualsiasi altro paese al mondo. Alcuni furono ereditati da precedenti possedimenti di imperi europei come Spagna e Gran Bretagna. Altri sono stati acquisiti nel corso delle guerre combattute dagli Stati Uniti. Alcuni altri sono stati raggiunti tramite negoziati con un governo ospitante come parte di un’alleanza o in cambio di garanzie di sicurezza americane.

Questa presenza militare globale è normalmente spiegata con la seguente narrazione: le democrazie pacifiche in tutto il mondo, non inclini a minacciarsi a vicenda, hanno rinunciato a risolvere i loro problemi attraverso la violenza. Non desiderano più costruire e mantenere temibili militari. Invece, l’America fornisce loro benevolmente un ombrello di sicurezza all’interno del quale prosperano e che, a sua volta, assicura la stabilità dell’economia globale e dell’ordine mondiale.

Un esempio di ciò può essere visto nella storia relativamente pacifica dell’Europa dal 1945. Il ritornello comune è che la cultura europea, un tempo eccezionalmente bellicosa e combattiva, è cambiata a causa della seconda guerra mondiale. In preda alla morte e alla distruzione della seconda guerra mondiale, le ex potenze imperiali hanno sostenuto l’istituzione di nuove istituzioni, come l’Unione Europea e la NATO, al fine di prevenire lo scoppio di un’altra guerra nel continente. Gli ultimi settantacinque anni di pace europea, per la maggior parte, si spiegano così con questo ricordo della devastazione di metà secolo e dell’avvento di nuove istituzioni politiche.

Se questa spiegazione fosse vera, allora perché gli Stati Uniti stanno sovvenzionando la sicurezza europea? Come ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump degli alleati americani della NATO: “Non stanno pagando la loro giusta quota”. E il punto di Trump, qualunque sia il suo stesso ragionamento, deriverebbe logicamente dalla narrativa comune. Nel frattempo, molti a sinistra insistono affinché il budget militare venga ridotto per consentire una maggiore spesa per le preoccupazioni interne. Mentre molti, sia a destra che a sinistra, si oppongono a un aumento della presenza e della spesa militare degli Stati Uniti, la narrativa fondamentale rimane e le sue ipotesi spesso rimangono incontrastate.

Ma senza dubbio accettare questa narrativa comune significa interpretare male la storia della pace europea del dopoguerra. Significa anche fraintendere le dinamiche geopolitiche che spingono nella direzione della guerra o rendono più probabile una convivenza pacifica. Invece di essere il prodotto di nuove istituzioni, o il risultato di una memoria collettiva della guerra, la pace europea ha una spiegazione più semplice: disarmo effettivo e subordinazione alla sfera di influenza americana.

Questa non è semplicemente una dinamica finanziaria di quid pro quo, in cui la spesa o l’accumulo militare tedesco (come potrebbe benissimo diventare il caso) potrebbe sostituire la sicurezza e la stabilità fornite dalla spesa e dalla presenza americana. Non è un caso che un terzo del personale militare statunitense schierato tra il 1950 e il 2000 sia stato inviato in Germania, che da sola ha ospitato più di dieci milioni di americani in questo periodo di tempo. Se le élite e l’opinione pubblica vogliono comprendere perché l’Europa è stata così pacifica negli ultimi sette decenni, devono iniziare a capire come il disarmo e la sfera di influenza americana abbiano contribuito a questa pace.

Gli stati europei sono ora in gran parte incapaci di intraprendere un’azione militare unilaterale, l’uno contro l’altro o contro chiunque altro. Non solo, ma l’America agisce in Europa come garante della sicurezza dell’ultima e, potenzialmente, stazione nucleare. La NATO ha spinto gli stati membri (meno l’America) a specializzare i loro eserciti. Il Regno Unito e la Francia hanno persino discusso di condividere le loro portaerei. Le ragioni dichiarate, vale a dire i vincoli di bilancio e “interoperabilità”, non spiegano completamente la necessità di specializzare un esercito. I budget limitati richiedono che un paese specializzi le sue forze armate solo quando l’obiettivo è ridurre le capacità che sono duplicate tra esso e un alleato. Un esercito specializzato è una forza senza tutte le caratteristiche necessarie per un’azione militare indipendente, o addirittura per l’indipendenza militare.

Dalla fine della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti hanno bloccato l’azione militare indipendente degli alleati. Durante la crisi di Suez del 1956, il governo egiziano ha nazionalizzato il Canale di Suez. In risposta, Gran Bretagna, Francia e Israele hanno invaso il paese. Piuttosto che sostenere i loro alleati, gli Stati Uniti si unirono al loro rivale, l’Unione Sovietica, nel esercitare pressioni diplomatiche e finanziarie sugli intrusi fino al loro ritiro. Quando questo ebbe successo, i tre paesi furono umiliati, il Regno Unito in particolare. La crisi di Suez può essere considerata l’ultimo chiodo nella bara dell’Impero britannico: ha dimostrato che anche se la Gran Bretagna avesse capacità militari indipendenti, non sarebbe in grado di schierarle contro i desideri americani.

In Francia, troviamo un esempio di un paese che ha cercato di invertire questa tendenza, ci è riuscito per un po’, ma alla fine è tornato nel caloroso abbraccio dello zio Sam. Il presidente francese Charles de Gaulle era uno statista di talento e testardo e voleva mantenere lo status della Francia come potenza mondiale indipendente contro la crescente influenza americana e sovietica. Dopo dodici anni di pensionamento, tornò in politica nel 1958, poco dopo che la crisi di Suez aveva dimostrato che la Gran Bretagna era subordinata all’America. Ha intrapreso una serie di sforzi per rafforzare ed espandere la sfera di influenza della Francia, incluso un ritiro dalla NATO. Nel 1967, de Gaulle cacciò l’esercito americano da circa dodici basi aeree in Francia. Sebbene gli sforzi di Le Général siano falliti a lungo termine – la Francia è rientrata a pieno titolo nella NATO nel 2009 – il paese mantiene ancora un’efficace capacità di intervenire unilateralmente nell’Africa occidentale, un frammento del suo ex impero coloniale. Ad oggi, la Francia è l’unico grande paese dell’Europa occidentale senza una base militare americana.

Il caso della geopolitica russa abrade anche la narrativa comune della pace europea. Sebbene la Russia abbia avuto una storia politica molto diversa dopo la seconda guerra mondiale rispetto alla maggior parte dei paesi europei, ha subito un’immensa devastazione in quella “Grande Guerra Patriottica”, senza pari in termini di vittime assolute, paragonabile in termini relativi solo alla Polonia e forse alla Germania. Eppure il ricordo di questa devastazione alimenta il militarismo nazionalista piuttosto che un senso di “mai più” o il desiderio di una maggiore integrazione politica in Europa. Sotto il presidente Vladimir Putin, la Russia ha mantenuto il suo status al di fuori della sfera americana. Putin è orgoglioso della sua capacità di agire in modo indipendente su quelli che vede come interessi di sicurezza russi. La Russia, di tutti i paesi europei,

Washington esercita il suo dominio militare in tutto il mondo. Ciò ha mantenuto il sistema internazionale favorevole agli interessi economici e ideologici americani. Ha semplificato un mondo di molti stati militarizzati e indipendenti capaci di azioni unilaterali (e molto mortali) in uno in cui gli Stati Uniti hanno un’immensa sfera di influenza e solo una manciata di concorrenti globali, come Cina e Russia, sono capaci di azione. La maggior parte degli stati della sfera americana si affida agli Stati Uniti come massimo garante della sicurezza. Pertanto, possono “esternalizzare” la sicurezza in America; disarmandosi efficacemente e diventando incapaci di intraprendere un’azione militare indipendente.

Il risultato di questo disarmo de facto degli stati all’interno della sfera americana ha anche teso a mitigare e prevenire i conflitti regionali. In Europa, dove le guerre regolari erano state un evento naturale per secoli, la pace ora è la norma. Il termine “conflitto congelato” è usato regolarmente per descrivere la strategia russa di stazionare truppe in stati precedentemente in guerra, come la Moldova o la Georgia, per “congelare” le tensioni. Ma l’America ha perfezionato questa strategia decenni fa: Gran Bretagna e Francia, o Francia e Germania, non entrano più in guerra tra loro, in netto contrasto con la loro lunga storia di farlo.

La maggior parte dei paesi europei con basi militari americane dipendono semplicemente dagli Stati Uniti per la potenza militare, ma alcuni non esisterebbero affatto senza l’intervento e la presenza continua delle truppe americane. Bosnia e Kosovo sono due esempi di tali paesi. L’intervento americano nei Balcani negli anni ’90 ha impedito alla Serbia e, in misura minore, alla Croazia, di occupare e integrare la Bosnia e il Kosovo.

Quando Belgrado era la capitale della Jugoslavia, il paese era sull’orlo della viabilità come potenza militare indipendente e neutrale. Sotto la guida di Josip Broz Tito, era persino praticabile come mecenate per altri stati clienti. La Jugoslavia di Tito è stata un organizzatore chiave del Movimento dei Paesi non allineati e ha fornito armamenti ad attori anticoloniali come il Fronte di liberazione nazionale algerino e il governo etiope negli anni ’50. Ora, Belgrado è solo la capitale della Serbia. Altre ex repubbliche jugoslave, come la Croazia e la Slovenia, sono state completamente integrate militarmente nella NATO, e altre come la Bosnia e la Macedonia sono a buon punto. Il Montenegro e il Kosovo facevano parte della Repubblica jugoslava di Serbia, ma il Montenegro si è separato dalla Serbia e recentemente è entrato a far parte della NATO, mentre il Kosovo ha dichiarato l’indipendenza, ancora contesa dalla Serbia, e ospita gli Stati Uniti.

Alcuni piccoli paesi devono la loro esistenza agli Stati Uniti. Il rovescio della medaglia è che la potenza militare degli Stati Uniti ha assicurato la frammentazione e l’isolamento di potenziali poteri militari. Frammentare e neutralizzare il potenziale potere militare indipendente, specialmente all’interno della sua sfera di influenza, è una strategia che gli Stati Uniti hanno persino perseguito contro la Russia. Le “rivoluzioni colorate” sostenute dagli Stati Uniti nelle ex repubbliche sovietiche hanno portato con successo stati precedentemente allineati alla Russia nella sfera di influenza americana. La Russia ha cercato di minare questo tentativo di espandere la sfera americana attraverso le proprie azioni militari in Georgia e Ucraina.

La Pax Romana fu il periodo di relativa pace nel Mediterraneo. La regione era dominata dall’Impero Romano, i cui eserciti imbattibili soppressero il conflitto all’interno dei suoi territori e stati clienti per quasi due secoli. Allo stesso modo, l’attuale pace europea non è certo opera di istituzioni paneuropee come l’Unione Europea, ma un risultato chiave della Pax Americana.

Samo Burja è il fondatore di Bismarck Analysis, una società di consulenza sul rischio politico. Puoi seguirlo su Twitter @SamoBurja .

Matt Ellison è ricercatore associato presso la Hoover Institution. Ha studiato politica internazionale alla Edmund A. Walsh School of Foreign Service di Georgetown. Puoi seguirlo su Twitter @MGellison .

https://nationalinterest.org/feature/why-america-prefers-weak-and-peaceful-europe-64826?fbclid=IwAR2idN7mRue3EYeXxylK7TiHu27DFEExiDQKO6TQol0KkAB2_Cj44u7Q9xw

Giocare con il fuoco in Ucraina, di John J. Mearsheimer (a cura di Roberto Buffagni)

Questo articolo di John Mearsheimer, apparso il 17 agosto su “Foreign Affairs”, ha grande importanza, e va letto e valutato con la massima attenzione, sia per il suo contenuto, sia per il significato politico che assume. Le ragioni sono le seguenti:

  1.   è, probabilmente, il maggiore studioso al mondo della logica di potenza. Si è diplomato a West Point, ha fatto parte dell’Esercito e dell’Aviazione degli Stati Uniti. Ha insegnato per quarant’anni all’Università di Chicago. I suoi testi sono letture obbligatorie in tutti i corsi di International Relations almeno occidentali, e nelle Accademie militari di tutto il mondo. Non ha mai cercato o accettato impegni nell’amministrazione politica degli Stati Uniti per conservare la sua indipendenza di pensiero e la sua obiettività di studioso.
  2. “Foreign Affairs” è il più importante periodico specializzato statunitense in materia di politica internazionale, e viene letto da tutta l’ufficialità politica ed economica americana ed europea. Esso non solo pubblica l’articolo di Mearsheimer, ma lo pubblica in forma gratuita, accessibile a tutti, in modo da garantirgli la massima diffusione possibile; ciò che probabilmente implica una forma di convalida ufficiosa della posizione di Mearsheimer, o quanto meno la volontà del board di “Foreign Affairs” che l’articolo di Mearsheimer – un severo monito sui rischi della guerra in Ucraina, e implicitamente un preoccupato appello per un cambio di strategia – venga letto e preso in considerazione dai policymakers americani ed europei, e dall’opinione pubblica occidentale tutta.
  3. L’articolo di Mearsheimer dunque si inserisce nel tentativo di forze statunitensi, tutt’altro che trascurabili, di favorire un mutamento nella strategia americana contro la Russia; come il recente intervento di Henry Kissinger sul “Wall Street Journal”[1], o la videointervista di George Beebe, Director for Grand Strategy del Quincy Institute for Responsible Statecraft[2], ex consigliere per la sicurezza del Vicepresidente Dick Cheney.
  4. Il contenuto dell’articolo non ha bisogno di chiarimenti. Come gli è solito, Mearsheimer espone con limpidezza e semplicità argomenti strettamente concatenati. Mi limito a sottolineare alcuni punti.
  5. La guerra è imprevedibile, e chi ritenga di poterla prevedere e controllare con certezza è in errore. L’imprevedibilità della guerra è una premessa teorica, esposta con la massima perspicuità da Clausewitz; e un fatto empirico illustrato da mille esempi. Ad esempio, nella IIGM i tedeschi attaccarono l’Unione Sovietica perché certi di poterla sconfiggere. Concordavano con questa previsione tutti, ripeto TUTTI gli Stati Maggiori del mondo: salvo miracoli, l’Unione Sovietica sarebbe stata sconfitta. Poi l’Unione Sovietica, dopo sei mesi di sconfitte tremende, ha fatto il miracolo e ha inflitto alla Germania una sconfitta devastante.
  6. L’interpretazione della volontà del nemico, e l’interpretazione dei fatti militari sul campo, sono sempre dubbie, soggette all’errore, e provocano reazioni, sviluppi, conseguenze imprevedibili e molto difficili da controllare. Esempio: nell’articolo, Mearsheimer correttamente individua l’origine del cambio di strategia statunitense nell’interpretazione americana degli eventi bellici: “Inizialmente, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno appoggiato l’Ucraina per impedire una vittoria russa e negoziare da posizione favorevole la fine dei combattimenti. Ma non appena l’esercito ucraino ha iniziato a martellare le forze russe, specialmente intorno a Kiev, l’amministrazione Biden ha cambiato rotta e si è impegnata ad aiutare l’Ucraina a vincere la guerra contro la Russia.” Se è corretta l’interpretazione dell’operazione militare speciale russa proposta da “Marinus” (probabilmente il gen. Paul Van Riper, Corpo dei Marines) su “Maneuverist Papers n.22”[3], l’Amministrazione presidenziale e i suoi consulenti militari hanno sbagliato l’interpretazione della fase iniziale dell’invasione russa: hanno creduto che le sconfitte tattiche subite dai russi intorno a Kiev segnalassero le scarse capacità delle FFAA russe, mentre si trattava di una complessa manovra diversiva volta a fissare le truppe ucraine nel Nordovest, mentre il grosso delle forze russe si posizionava nel Sudest; una diversione ben riuscita che ha condotto all’attuale situazione sul campo, nettamente favorevole alla Russia. Personalmente, credo esatta la lettura di “Marinus”, che peraltro coincide con la lettura del nostro gen. Fabio Mini. Da questa errata lettura della situazione sul campo, l’Amministrazione americana ha concluso che fosse possibile e vantaggioso perseguire obiettivi strategici estremamente ambiziosi, sui quali ha formalmente impegnato la reputazione e il prestigio degli Stati Uniti.
  7. Quanto più a lungo dura una guerra, tanto più imprevedibili sono il suo decorso e le sue conseguenze. Questo è un semplice corollario dei due punti precedenti: con il passare del tempo, incertezza si aggiunge a incertezza, imprevedibilità a imprevedibilità, possibilità di errore e incidente a possibilità di errore e incidente.
  8. A che cosa è dovuto il presente stallo della guerra in Ucraina? A mio avviso, consegue a una scelta politica russa. Da quanto si può intendere della situazione militare sul campo, già ora la Russia potrebbe sferrare un’offensiva per ottenere una vittoria decisiva sull’Ucraina, annientandone le FFAA. La Russia sta impegnando nei combattimenti soltanto le milizie delle Repubbliche del Donbass, e i mercenari dell’Orchestra Wagner. Le truppe russe si occupano del martellamento d’artiglieria delle posizioni fortificate ucraine, e non entrano in combattimento se non occasionalmente, in formazioni ridotte. Esse hanno avuto tutto il tempo di riposarsi, ricostituirsi, riorganizzarsi, e sono insomma più che pronte all’impiego. Le migliori truppe ucraine hanno subito perdite incapacitanti, nessun territorio ucraino preso dai russi è mai stato riconquistato stabilmente. La controffensiva annunciata dagli ucraini resta un annuncio, probabilmente perché di fatto impossibile: le migliori truppe ucraine hanno subito perdite incapacitanti, le nuove formazioni sono raccogliticce, mal addestrate, e scontano un incolmabile divario sia nella direzione operativa, sia nelle capacità combattive, sia nell’armamento a disposizione, nonostante gli aiuti occidentali. Se la Russia non sferra già ora un attacco decisivo per annientare le FFAA ucraine, probabilmente è per due ragioni: a) non far perdere la faccia agli Stati Uniti, provocandone una reazione estrema con l’escalation di ritorsioni a cui condurrebbe b) attendere sia le elezioni statunitensi di midterm, sia le reazioni dei governi europei alla crisi energetica che si annuncia per l’inverno, con le gravi conseguenze politiche e sociali che innescherà.
  9. In conclusione: per prevenire i gravi rischi di una escalation illustrati dall’articolo di Mearsheimer, una escalation che può sfuggire al controllo dei contendenti e condurre sino alla guerra nucleare, è assolutamente necessario che i Paesi europei più direttamente minacciati dall’escalation, e già ora più gravemente danneggiati dalla strategia americana, se ne differenzino e appoggino le forze che negli Stati Uniti tentano di correggere la rotta strategica, e di creare le condizioni minime per una trattativa tra USA e Russia. È una svolta politica difficile, ma necessaria e urgente: dopo, potrebbe essere troppo tardi.

 

Giocare con il fuoco in Ucraina

I rischi sottovalutati di una escalation catastrofica[4]

di John J. Mearsheimer

17 agosto 2022

 

I decisori occidentali paiono aver raggiunto un consenso sulla guerra in Ucraina: il conflitto si risolverà in una situazione di stallo prolungata, e alla fine una Russia indebolita accetterà un accordo di pace favorevole sia agli Stati Uniti e i suoi alleati NATO, sia all’Ucraina. Sebbene i dirigenti istituzionali riconoscano che sia Washington sia Mosca potrebbero dare inizio a una escalation per ottenere un vantaggio o prevenire la sconfitta, danno per scontato che sia possibile evitare un’escalation catastrofica. Pochi immaginano che le forze statunitensi finiscano per essere direttamente coinvolte nei combattimenti, o che la Russia oserà impiegare le armi nucleari.

Washington e i suoi alleati sono troppo faciloni e arroganti. Sebbene sia possibile evitare un’escalation disastrosa, la capacità dei contendenti di gestire questo pericolo è tutt’altro che certa. Il rischio è sostanzialmente maggiore di quanto non ritenga il senso comune. E dato che le conseguenze di una escalation potrebbero includere una guerra di grandi proporzioni in Europa, e forse anche l’annientamento nucleare, ci sono buone ragioni per preoccuparsi seriamente.

Per comprendere le dinamiche dell’escalation in Ucraina, iniziamo con gli obiettivi di ciascuno dei contendenti. Dall’inizio della guerra, sia Mosca sia Washington hanno ampliato le loro ambizioni in modo significativo, ed entrambi sono ora fortemente impegnati a vincere la guerra e raggiungere obiettivi politici formidabili. Di conseguenza, ciascuna parte ha potenti incentivi per trovare il modo di prevalere e, ancor più importante, per evitare di perdere. In pratica, ciò significa che gli Stati Uniti potrebbero entrare in combattimento se desiderano disperatamente vincere o impedire all’Ucraina di perdere, mentre la Russia potrebbe utilizzare armi nucleari se desidera disperatamente vincere, o se teme un’imminente sconfitta, uno scenario probabile se le forze armate statunitensi entrassero in guerra.

Inoltre, data la determinazione di ciascuna parte a raggiungere i propri obiettivi, ci sono poche possibilità di un compromesso sensato. Il pensiero massimalista che ora prevale sia a Washington sia a Mosca dà a ciascuna parte ulteriori ragioni per vincere sul campo di battaglia, per poter dettare i termini dell’eventuale pace. In effetti, l’assenza di una possibile soluzione diplomatica fornisce a entrambe le parti un ulteriore incentivo ad arrampicarsi in una escalation. Ciò che si trova sui gradini più alti della scala potrebbe essere qualcosa di veramente catastrofico: un livello di morte e distruzione superiore a quello della seconda guerra mondiale.

PUNTARE IN ALTO

Inizialmente, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno appoggiato l’Ucraina per impedire una vittoria russa e negoziare da posizione favorevole la fine dei combattimenti. Ma non appena l’esercito ucraino ha iniziato a martellare le forze russe, specialmente intorno a Kiev, l’amministrazione Biden ha cambiato rotta e si è impegnata ad aiutare l’Ucraina a vincere la guerra contro la Russia. Ha anche cercato di danneggiare gravemente l’economia russa imponendo sanzioni senza precedenti. In aprile, il Segretario alla Difesa Lloyd Austin ha spiegato gli obiettivi degli Stati Uniti: “Vogliamo vedere la Russia indebolita al punto che non le sia più possibile fare il tipo di cose che ha fatto invadendo l’Ucraina“. In buona sostanza, gli Stati Uniti hanno annunciato la loro intenzione di eliminare la Russia dal novero delle grandi potenze.

Ciò che più conta, gli Stati Uniti hanno impegnato la loro reputazione sull’esito del conflitto. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha etichettato la guerra russa in Ucraina come un “genocidio” e ha accusato il presidente russo Vladimir Putin di essere un “criminale di guerra” che dovrebbe affrontare un “processo per crimini di guerra“. Proclami presidenziali del genere rendono difficile immaginare che Washington faccia marcia indietro; se la Russia prevalesse in Ucraina, la posizione degli Stati Uniti nel mondo subirebbe un duro colpo.

Anche le ambizioni russe si sono ampliate. Contrariamente a quanto si pensa in Occidente, Mosca non ha invaso l’Ucraina per conquistarla e integrarla in una Grande Russia. Si trattava principalmente di impedire all’Ucraina di trasformarsi in un baluardo occidentale al confine con la Russia. Putin e i suoi consiglieri erano particolarmente preoccupati per l’adesione dell’Ucraina alla NATO. Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha chiarito sinteticamente il punto a metà gennaio, dicendo in una conferenza stampa: “la chiave di tutto è la garanzia che la NATO non si espanda verso est“. Per i leader russi, la prospettiva dell’adesione dell’Ucraina alla NATO è, come ha affermato lo stesso Putin prima dell’invasione, “una minaccia diretta alla sicurezza russa“, una minaccia che potrebbe essere eliminata solo entrando in guerra e trasformando l’Ucraina in uno stato neutrale o fallito.

È a questo fine che, a quanto pare, gli obiettivi territoriali della Russia si sono notevolmente ampliati dall’inizio della guerra. Fino alla vigilia dell’invasione, la Russia si era impegnata ad attuare l’accordo di Minsk II, che avrebbe mantenuto il Donbass come parte dell’Ucraina. Nel corso della guerra, tuttavia, la Russia ha conquistato vaste aree di territorio nell’Ucraina orientale e meridionale, e ci sono prove crescenti che Putin ora intenda annettere tutta o la maggior parte di quelle terre, il che trasformerebbe effettivamente ciò che resta dell’Ucraina in uno stato disfunzionale, monco.

Per la Russia, la minaccia oggi è ancor maggiore di quanto non fosse prima della guerra, soprattutto perché l’amministrazione Biden è ora determinata a recuperare le conquiste territoriali russe, e a menomare in modo permanente la potenza russa. A peggiorare ulteriormente le cose per Mosca, Finlandia e Svezia stanno entrando a far parte della NATO, e l’Ucraina è meglio armata e più strettamente alleata con l’Occidente. Mosca non può permettersi di perdere in Ucraina e utilizzerà ogni mezzo disponibile per evitare la sconfitta. Putin sembra fiducioso che la Russia alla fine prevarrà sull’Ucraina e sui suoi sostenitori occidentali. “Oggi sentiamo che vogliono sconfiggerci sul campo di battaglia“, ha detto all’inizio di luglio. “Che dire? Che ci provino. Gli obiettivi dell’operazione militare speciale saranno raggiunti. Non ci sono dubbi su questo”.

L’Ucraina, dal canto suo, ha gli stessi obiettivi dell’amministrazione Biden. Gli ucraini sono decisi a riconquistare il territorio perso a vantaggio della Russia, inclusa la Crimea, e una Russia più debole è sicuramente meno minacciosa per l’Ucraina. Inoltre, sono fiduciosi di poter vincere, come ha chiarito a metà luglio il ministro della Difesa ucraino Oleksii Reznikov, quando ha affermato: “La Russia può sicuramente essere sconfitta e l’Ucraina ha già mostrato come“. Il suo omologo americano a quanto pare è d’accordo. “La nostra assistenza sta facendo davvero la differenza sul campo“, ha detto Austin in un discorso di fine luglio. “La Russia pensa di poter tenere duro più a lungo dell’Ucraina e di noi. Ma questo è solo l’ultimo della serie di errori di calcolo della Russia“.

In buona sostanza, Kiev, Washington e Mosca sono tutti totalmente impegnati a vincere a spese del loro avversario, il che lascia poco spazio ai compromessi. Probabilmente, né l’Ucraina né gli Stati Uniti accetterebbero un’Ucraina neutrale; in realtà, l’Ucraina sta diventando ogni giorno che passa più strettamente legata all’Occidente. Né è probabile che la Russia restituisca tutto, o anche la maggior parte del territorio che ha sottratto all’Ucraina, in specie perché le animosità che hanno alimentato il conflitto nel Donbass tra separatisti filorussi e governo ucraino negli ultimi otto anni sono oggi più intense che mai.

Questi interessi contrastanti spiegano perché tanti osservatori ritengano che un accordo negoziato non avverrà a breve, e quindi prevedono una sanguinosa situazione di stallo. In questo hanno ragione. Ma gli osservatori stanno sottovalutando il potenziale di un’escalation catastrofica implicita in una lunga guerra in Ucraina.

Ci sono tre vie fondamentali verso l’escalation intrinseche alla condotta della guerra: una o entrambe le parti escalano deliberatamente per vincere, una o entrambe le parti escalano deliberatamente per prevenire la sconfitta, oppure i combattimenti escalano non per scelta deliberata ma involontariamente. Ciascuno dei tre percorsi potenzialmente può spingere gli Stati Uniti a entrare direttamente in guerra, o spingere la Russia a usare armi nucleari, o forse condurre a entrambe le cose.

 

ENTRA IN SCENA L’AMERICA

Appena l’amministrazione Biden ha concluso che la Russia poteva essere battuta in Ucraina, ha inviato più armi, e armi più potenti, a Kiev. L’Occidente ha iniziato ad aumentare la capacità offensiva dell’Ucraina inviando armi come il sistema di missili a lancio multiplo HIMARS, oltre a quelle “difensive” come il missile anticarro Javelin. Nel corso del tempo, sia la letalità sia la quantità delle armi sono aumentate. Si tenga presente che a marzo Washington aveva posto il veto a un piano per trasferire i caccia MiG-29 polacchi in Ucraina, sulla base del fatto che ciò avrebbe potuto condurre a una escalation, ma a luglio non ha sollevato obiezioni quando la Slovacchia ha annunciato che stava valutando l’invio degli stessi aerei a Kiev. Gli Stati Uniti stanno anche pensando di dare i propri F-15 e F-16 all’Ucraina.

Gli Stati Uniti e i loro alleati stanno anche addestrando l’esercito ucraino e fornendogli informazioni vitali che esso impiega per distruggere i principali obiettivi russi. Inoltre, come riportato dal “New York Times”, l’Occidente ha “una rete clandestina di commando e spie” sul terreno, all’interno dell’Ucraina. Magari Washington non è direttamente coinvolta nei combattimenti, ma è profondamente coinvolta nella guerra. E oggi manca solo un breve passo per avere soldati americani che premono il grilletto e piloti americani che schiacciano il pulsante di sparo.

Le forze armate statunitensi potrebbero essere coinvolte nei combattimenti in vari modi. Si consideri una situazione in cui la guerra si trascina per un anno o più e non c’è né una soluzione diplomatica in vista né un percorso plausibile per una vittoria ucraina. Allo stesso tempo, Washington desidera disperatamente porre fine alla guerra, forse perché deve concentrarsi sul contenimento della Cina o perché i costi economici del sostegno all’Ucraina stanno causando problemi politici in patria e in Europa. In simili circostanze, i politici statunitensi avrebbero tutte le ragioni per prendere in considerazione l’adozione di misure più rischiose, come l’imposizione di una no-fly zone sull’Ucraina o l’inserimento di piccoli contingenti di forze di terra statunitensi, per aiutare l’Ucraina a sconfiggere la Russia.

Uno scenario più probabile per l’intervento degli Stati Uniti si verificherebbe se l’esercito ucraino iniziasse a crollare, e la Russia sembrasse destinata a ottenere una vittoria decisiva. In tal caso, dato il profondo impegno dell’amministrazione Biden a prevenire questo esito, gli Stati Uniti potrebbero tentar di invertire la tendenza coinvolgendosi direttamente nei combattimenti. È facile immaginare i funzionari statunitensi convinti che sia in gioco la credibilità del loro paese, e persuasi che un uso limitato della forza possa salvare l’Ucraina senza indurre Putin a usare le armi nucleari. Oppure, un’Ucraina disperata potrebbe lanciare attacchi su larga scala contro paesi e città russe, nella speranza che una simile escalation provochi una massiccia risposta russa che finisca per costringere gli Stati Uniti a unirsi ai combattimenti.

L’ultimo scenario per il coinvolgimento americano ipotizza un’escalation involontaria: senza volerlo, Washington viene coinvolta nella guerra da un evento imprevisto che sfugge di mano. Forse i caccia statunitensi e russi, che sono già entrati in stretto contatto sul Mar Baltico, si scontrano accidentalmente. Un simile incidente potrebbe facilmente degenerare, dati gli alti livelli di paura da entrambe le parti, la mancanza di comunicazione e la demonizzazione reciproca.

O magari la Lituania blocca il passaggio delle merci sanzionate che viaggiano attraverso il suo territorio mentre si dirigono dalla Russia a Kaliningrad, l’enclave russa separata dal resto del paese. La Lituania ha fatto proprio questo a metà giugno, ma ha fatto marcia indietro a metà luglio, dopo che Mosca ha chiarito che stava contemplando “misure severe” per porre fine a quello che considerava un blocco illegale. Il ministero degli Esteri lituano, tuttavia, ha resistito alla revoca del blocco. Dal momento che la Lituania è un membro della NATO, gli Stati Uniti quasi certamente verrebbero in sua difesa se la Russia attaccasse il paese.

O forse la Russia distrugge un edificio a Kiev, o un sito di addestramento da qualche parte in Ucraina, e uccide involontariamente un numero considerevole di americani, per esempio operatori umanitari, agenti dell’intelligence o consiglieri militari. L’amministrazione Biden, di fronte a una sollevazione della sua opinione pubblica, decide che deve vendicarsi e colpisce obiettivi russi, il che conduce a una serie di ritorsioni tra le due parti.

Infine, c’è la possibilità che i combattimenti nell’Ucraina meridionale danneggino la centrale nucleare di Zaporizhzhya controllata dalla Russia, la più grande d’Europa, al punto da emettere radiazioni nella regione, portando la Russia a rispondere in modo proporzionale. Dmitry Medvedev, l’ex presidente e primo ministro russo, ha dato una risposta inquietante a questa possibilità, dicendo ad agosto: “Non si dimentichi che ci sono siti nucleari anche nell’Unione europea. E anche lì sono possibili incidenti“. Se la Russia dovesse colpire un reattore nucleare europeo, gli Stati Uniti entrerebbero quasi sicuramente in guerra.

Naturalmente, anche Mosca potrebbe istigare l’escalation. Non si può escludere la possibilità che la Russia, nel disperato tentativo di fermare il flusso di aiuti militari occidentali in Ucraina, colpisca i paesi attraverso i quali passa la maggior parte di essa: Polonia o Romania, entrambi membri della NATO. C’è anche la possibilità che la Russia possa lanciare un massiccio attacco informatico contro uno o più paesi europei che aiutano l’Ucraina, causando gravi danni alla sua infrastruttura critica. Un simile attacco potrebbe spingere gli Stati Uniti a lanciare un attacco informatico di rappresaglia contro la Russia. Se l’attacco informatico riuscisse, Mosca potrebbe rispondere militarmente; se fallisse, Washington potrebbe decidere che l’unico modo per punire la Russia è colpirla direttamente. Questi scenari sembrano inverosimili, ma non sono impossibili. E sono solo alcuni dei tanti percorsi attraverso i quali quella che ora è una guerra locale potrebbe trasformarsi in qualcosa di molto più grande e più pericoloso.

 

PASSAGGIO AL CONFLITTO NUCLEARE

Sebbene l’esercito russo abbia causato enormi danni all’Ucraina, Mosca, finora, è stata riluttante a intensificare il suo impegno per vincere la guerra. Putin non ha ampliato le dimensioni delle sue forze attraverso la coscrizione su larga scala. Né ha preso di mira la rete elettrica dell’Ucraina, ciò che sarebbe relativamente facile da fare e infliggerebbe ingenti danni a quel paese. In effetti, molti russi lo hanno accusato di non aver condotto la guerra in modo più vigoroso. Putin ha preso atto di questa critica, ma ha fatto sapere che se necessario, avrebbe dato inizio a una escalation dell’impegno russo. “Non abbiamo ancora cominciato a fare sul serio“, ha detto a luglio, suggerendo che la Russia potrebbe fare di più, se la situazione militare deteriorasse: e lo farebbe.

E a proposito della forma terminale di escalation? Ci sono tre circostanze in cui Putin potrebbe usare le armi nucleari. Il primo, se gli Stati Uniti ei loro alleati della NATO entrassero in guerra. Questo sviluppo non solo sposterebbe notevolmente l’equilibrio di forze militari a svantaggio della Russia, aumentando notevolmente le probabilità di una sua sconfitta, ma per la Russia significherebbe anche combattere alle porte di casa contro una grande potenza, in una guerra che potrebbe facilmente dilagare nel territorio russo. I leader russi penserebbero certamente che la loro sopravvivenza è a rischio, ciò che gli darebbe un potente incentivo a usare armi nucleari per salvare la situazione. Come minimo, prenderebbero in considerazione lanci nucleari dimostrativi, per convincere l’Occidente a fare marcia indietro. È impossibile sapere in anticipo se una mossa simile porrebbe termine alla guerra, o la condurrebbe in una escalation di cui si perderebbe il controllo.

Nel suo discorso del 24 febbraio, in cui annunciava l’invasione, Putin ha chiaramente sottinteso che avrebbe impiegato le armi nucleari se gli Stati Uniti e i loro alleati fossero entrati in guerra. Rivolgendosi a “coloro che potrebbero essere tentati di interferire“, ha detto, “devono sapere che la Russia risponderà immediatamente e ci saranno conseguenze che non avete mai visto in tutta la vostra storia“. Il suo avvertimento non è sfuggito a Avril Haines, il direttore dell’intelligence nazionale statunitense, che a maggio aveva predetto che Putin avrebbe potuto usare armi nucleari se la NATO “interviene o sta per intervenire“, in buona parte perché ciò “contribuirebbe ovviamente a una percezione che sta per perdere la guerra in Ucraina”.

Nel secondo scenario nucleare, l’Ucraina inverte da sola le sorti sul campo di battaglia, senza il coinvolgimento diretto degli Stati Uniti. Se le forze ucraine fossero sul punto di sconfiggere l’esercito russo e riprendersi il territorio perduto del loro paese, non c’è dubbio che Mosca potrebbe facilmente vedere questo esito come una minaccia esistenziale che esige una risposta nucleare. Dopotutto, Putin e i suoi consiglieri erano sufficientemente allarmati dal crescente allineamento di Kiev con l’Occidente da decidere deliberatamente di attaccare l’Ucraina, nonostante i chiari avvertimenti degli Stati Uniti e dei loro alleati sulle gravi conseguenze che la Russia avrebbe dovuto affrontare. A differenza del primo scenario, Mosca impiegherebbe armi nucleari non nel contesto di una guerra con gli Stati Uniti, ma contro l’Ucraina. Lo farebbe con poco timore di ritorsioni nucleari, dal momento che Kiev non ha armi nucleari, e perché Washington non avrebbe alcun interesse a iniziare una guerra nucleare. L’assenza di una chiara minaccia di ritorsione renderebbe più facile per Putin contemplare l’uso del nucleare.

Nel terzo scenario, la guerra si risolve in una lunga situazione di stallo che non ha soluzione diplomatica e diventa estremamente costosa per Mosca. Nel disperato tentativo di porre fine al conflitto a condizioni favorevoli, Putin potrebbe perseguire l’escalation nucleare per vincere. Come nello scenario precedente, in cui si escala per evitare la sconfitta, una rappresaglia nucleare degli Stati Uniti sarebbe altamente improbabile. In entrambi gli scenari, è probabile che la Russia utilizzi armi nucleari tattiche contro una piccola serie di obiettivi militari, almeno inizialmente. Potrebbe colpire paesi e città in attacchi successivi, se necessario. Ottenere un vantaggio militare sarebbe uno degli obiettivi della strategia, ma il più importante sarebbe infliggere un colpo capace di rovesciare la situazione: incutere una tale paura all’ Occidente che gli Stati Uniti e i loro alleati si muovano rapidamente per porre fine al conflitto a condizioni favorevoli a Mosca. Non c’è da stupirsi che William Burns, il direttore della CIA, abbia osservato ad aprile: “Nessuno di noi può prendere alla leggera la minaccia rappresentata da un potenziale ricorso ad armi nucleari tattiche o armi nucleari a basso rendimento“.

CORTEGGIARE LA CATASTROFE

Si può ammettere che, sebbene uno di questi scenari catastrofici possa teoricamente verificarsi, le possibilità che si realizzino effettivamente sono minime, e quindi ci sarebbe poco da preoccuparsi. Dopotutto, i leader di entrambe le parti hanno potenti incentivi a tenere gli americani fuori dalla guerra, e a evitare un uso del nucleare, anche limitato; per tacere di una vera e propria guerra nucleare.

Magari si potesse essere così ottimisti. In realtà, la visione convenzionale sottovaluta abbondantemente i pericoli di una escalation in Ucraina. Anzitutto, le guerre tendono ad avere una logica propria, che rende difficile prevederne il corso. Chi dice di sapere con certezza quale strada prenderà la guerra in Ucraina si sbaglia. Le dinamiche dell’escalation in tempo di guerra sono tanto difficili da prevedere quanto difficili da controllare, il che dovrebbe esser di monito a coloro che sono fiduciosi che gli eventi, in Ucraina, si possano gestire. Inoltre, come ha riconosciuto il teorico militare prussiano Carl von Clausewitz, il nazionalismo incoraggia le guerre moderne a degenerare nella loro forma più estrema, specialmente quando la posta in gioco è alta per entrambe le parti. Questo non vuol dire che le guerre non possano essere limitate, ma che limitarle non è facile. Infine, dati i costi sbalorditivi di una guerra nucleare tra grandi potenze, anche una piccola possibilità che essa si verifichi dovrebbe far riflettere tutti, a lungo, sulla direzione che potrebbe prendere questo conflitto.

Questa pericolosa situazione crea un potente incentivo a trovare una soluzione diplomatica alla guerra. Purtroppo, tuttavia, non è in vista una soluzione politica, poiché entrambe le parti si sono fermamente impegnate a raggiungere obiettivi bellici che rendono quasi impossibile il compromesso. L’amministrazione Biden avrebbe dovuto collaborare con la Russia per risolvere la crisi ucraina prima dello scoppio della guerra a febbraio. Ormai è troppo tardi per concludere un accordo. Russia, Ucraina e Occidente sono bloccati in una situazione terribile, senza una via d’uscita ovvia. Si può solo sperare che i leader di entrambe le parti gestiscano la guerra in modi che evitino un’escalation catastrofica. Per le decine di milioni di persone le cui vite sono in gioco, tuttavia, questa è una magra consolazione.

[1] https://www.wsj.com/articles/henry-kissinger-is-worried-about-disequilibrium-11660325251?no_redirect=true

[2] https://youtu.be/YDuNilTd1fo

[3] http://italiaeilmondo.com/2022/08/14/il-modo-rivoluzionario-in-cui-la-russia-ha-combattuto-la-sua-guerra-in-ucraina-di-leon-tressell/

[4] “Foreign Affairs”, 17 agosto 2022 https://www.foreignaffairs.com/ukraine/playing-fire-ukraine?fbclid=IwAR3DoBHzjXNJc6zJ39SxS-TOAN4tT6gLDf50QRcF7r3R0RBDe_tAFJfcLHo

ARTICOLO GRATUITO.

 

Ucraina, il conflitto. 12a puntata con Max Bonelli e Stefano Orsi

Nella dodicesima puntata ci soffermiamo ad analizzare soprattutto il contributo dei mercenari nei ranghi dell’esercito ucraino. Il numero rilevato è significativo, ma è ben lontano dalle cifre sbandierate dal Governo di Zelensky, pur comprendendo nel gruppo la pletora di consiglieri ed addestratori, regolarmente arruolati negli eserciti occidentali, che presumibilmente, come si sospetta, infoltiscono le fila con ruoli e funzioni essenziali. Molte informazioni verranno ovviamente diffuse ed accertate solo alla fine del conflitto. Solo parte di essi, tra i mercenari, svolgono compiti essenziali ed altamente specializzati. Gran parte di essi sono semplicemente carne da cannone destinata a salvaguardare le forze meglio addestrate dell’esercito ucraino. Hanno trovato sul terreno una situazione del tutto diversa dalle aspettative e dalle esperienze maturate su altri fronti. Hanno scoperto i rischi e le insidie di una insolita condizione di combattimento di crescente inferiorità rispetto al nemico. Una situazione nella quale il soldo è sempre meno sufficiente a garantire fedeltà e dedizione. Uno smarrimento visibile negli occhi dei testimoni diretti, ma che ormai serpeggia pericolosamente nelle fila dell’esercito ucraino accompagnata dalla crescente ferocia di chi sa di essere giunto ad una condizione crepuscolare. Sta a noi ricordare i responsabili di questo immane scempio che peserà come un macigno sulle sorti dei paesi e dei popoli europei. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v1gddld-ucraina-conflitto-12a-p-con-stefano-orsi-e-max-bonelli.html

 

Non escludere l’intervento nelle Isole Salomone, di Julian Spencer-Churchill

Le eccezioni, le licenze e le autoassoluzioni dei “giusti”_Giuseppe Germinario

Mentre l’Australia si è pubblicamente impegnata a non intervenire, questo è un errore che concede l’iniziativa a Pechino.

Il principio dell’autodeterminazione, ovvero che le persone hanno il diritto di governare se stesse senza interferenze straniere, è stato adottato per la prima volta nel 1860 . La Carta Atlantica , firmata dalle potenze angloamericane come base delle Nazioni Unite il 14 agosto 1941, sancì l’autodeterminazione come suo terzo principio. È una legittimazione fondamentale dello Stato-nazione sovrano e territoriale , un sistema di organizzazione politica nato dal tumulto religioso della Guerra dei Trent’anni in Europa e codificatonel Trattato di pace di Westfalia del 1648. Di conseguenza, l’occupazione militare di un paese è generalmente ampiamente condannata nel sistema internazionale da altri stati che cercano di proteggere il loro diritto all’indipendenza.

Tuttavia, la coalizione delle democrazie ha due giustificazioni giuridicamente e moralmente valide per l’intervento in un paese straniero. Il primo è quando c’è una grave minaccia alla sicurezza che emerge all’interno della sua sfera di influenza. Il secondo è perché le democrazie liberali hanno una comprensione senza precedenti delle aspirazioni della popolazione mondiale per uno stato di diritto basato sui diritti umani e una prosperità basata sull’innovazione per i paesi a reddito medio. La paura di Mosca e Pechino per le rivoluzioni democratiche di ispirazione occidentale è un vantaggio dirompente chiave della coalizione delle democrazie, ed è una misura del fatto che le loro politiche si stanno muovendo di concerto con la direzione più ampia della storia .

Quindi, cosa si può fare quando uno stato sovrano sceglie di allearsi con una potenza straniera ostile e le offre l’opportunità di una base operativa? Questo è esattamente ciò che è successo alle Isole Salomone il 19 aprile, quando il primo ministro Manasseh Sogavare ha firmato un trattato di sicurezza con la Cina comunista. Una bozza trapelata indica che Pechino ha il diritto di inviare personale militare nelle isole per assistere il regime e proteggere i suoi beni e personale, e la Marina cinese può utilizzare le isole per il rifornimento navale delle sue navi da guerra. Sogavare ha indicato senza dettagli che il precedente trattato di sicurezza bilaterale del suo paese con l’Australia era inadeguato.

L’antipatia di Sogavare per l’Australia non è radicata in alcuna ideologia, ma piuttosto nella sua reazione alla sua interferenza con le sue attività politiche, che includono la presunta corruzione. Sogavare è un legislatore esperto e il suo incarico occasionale negli ultimi vent’anni è stato legale per gli standard caotici dei suoi avversari politici. Tuttavia, la sua nomina e le sue decisioni sono state accompagnate da rivolte popolari, principalmente da parte della minoranza malaitana in cerca di autonomia sostenuta finanziariamente da Taiwan e dagli Stati Uniti . L’affidamento di Sogavare alla Cina per la legge e l’ordine interno è quindi individualmente razionale , anche se diplomaticamente provocatorio. Ha chiaramente dimostrato la sua antipatia per l’Occidente con la sua assenzadal Monumento ai Caduti della Seconda Guerra Mondiale dell’agosto 2022.

Il problema è che le Isole Salomone, insieme a Vanuatu, Kiribati, Fiji e Tonga, formano una barriera melanesiana geopoliticamente strategica tra l’Australia e la Polinesia a nord. Nelle acque a nord di Guadalcanal, conosciute come Iron Bottom Sound, le marine imperiali giapponesi e statunitensi persero oltre cinquanta navi da guerra, inclusi sette incrociatori, nel corso di cinque accese campagne navali sulle isole tra l’agosto 1942 e l’aprile 1943. I giapponesi e gli americani hanno anche perso rispettivamente due e tre portaerei durante le campagne per mettere in sicurezza le strategiche Isole Salomone. Queste isole non sarebbero facilmente aggirabili in un conflitto generalecon la Cina. Non è mai stato confermato che nessuna batteria missilistica anti-nave terrestre sia stata distrutta dall’aria o dal mare. I marines dovrebbero essere sbarcati faticosamente per liberare le isole da queste basi missilistiche. Anche il supporto della potenza aerea terrestre è una frazione del costo dell’equivalente di un aeromobile basato su portaerei ed è considerevolmente meno vulnerabile. C’erano preoccupazioni per una presenza cinese a Vanuatu nel 2018 e attualmente c’è un problema sull’interesse cinese per una pista di atterraggio a Kiribati . L’hosting di missili terrestri, aerei o navi cinesi da parte delle Isole Salomone è quindi gravemente pericoloso .

L’interferenza con gli affari interni di un paese sovrano è contraria al diritto internazionale, che si basa sul fondamento di un ordine internazionale basato su regole. Una grande limitazione del potere dipende dal fatto che il diritto internazionale venga utilizzato in modo da compromettere al meglio gli interessi conflittuali. L’assenza di un sistema di risoluzione basato su regole è una grande politica di potere. In Storia della guerra del Peloponneso (scritto intorno al V secolo a.C.), un’opera fondamentale sulla politica internazionale, Tucidide cita il richiamo degli Ateniesi ai loro avversari melianiche “i forti fanno quello che possono e i deboli quello che devono”. In particolare, le grandi potenze perseguono politiche limitate dal loro potere e le piccole potenze devono adattarsi, entro i limiti del loro potere, per sopravvivere. Quando i piccoli stati ostentano l’ordine internazionale, minacciano non solo le grandi potenze, ma anche il sistema internazionale basato su regole che è la loro protezione primaria. Minacciando gli Stati Uniti e l’Australia con la loro alleanza con Pechino, le Isole Salomone rischiano uno scontro di potere sulla propria sovranità. C’è una norma non scritta nella politica internazionale che gli stati rispettano il potere.

Le moderne democrazie liberali non si fanno guerre l’una contro l’altra per tre ragioni. In primo luogo, le democrazie sono governate da classi medie ricche che non vogliono pagare il prezzo del confronto. In secondo luogo, i cittadini liberaldemocratici sono riluttanti a combattere altri paesi liberaldemocratici quando la legge cosmopolita consente loro di commerciare con una corruzione minima. Terzo, hanno una storia di interazioni che li ha portati a preferire una soluzione legale alle controversie. Le Isole Salomone sono, al contrario, un paese in via di sviluppo incline all’instabilità interna, che porta all’autoritarismo e alle politiche estere ostili. Non soddisfa nessuno dei sette criteri di Robert Dahl per le democrazie: stato di diritto, elezioni regolari, suffragio universale degli adulti, diritto di candidarsi, libertà di espressione, informazione alternativa e libertà di associazione. Il 90% della popolazione delle Isole Salomone è impegnata nell’agricoltura di sussistenza. La capitale di Honiara ha una popolazione di 95.000 abitanti e il 90 per cento dei restanti 650.000 cittadini vive in comunità rurali ampiamente disperse di 200 persone o meno.

Un problema connesso è che il sottosviluppo economico crea instabilità politica che invita al coinvolgimento straniero. I politici delle democrazie illiberali sono inclini a un eventuale autoritarismo, che li porta a cercare sponsor autoritari, come la Germania nazista , l’Unione Sovietica o la Cina comunista.

Dall’indipendenza nel 1978, le Isole Salomone hanno sofferto della violenta instabilità politica comunemente associata al sottosviluppo economico, bassi livelli di istruzione, debole stato di diritto , alti livelli di corruzione e tribalismo. Lo scoppio del conflitto etnico tra l’ Isatabu locale di Guadalcanal e i Malaitani nel 1998 si è trasformato in una guerra civile e nel violento rovesciamento del governo nel 2000, culminato in un intervento armato di una forza internazionale guidata dall’Australia nel 2003. Se le Salomone possedessero un esercito formale, avrebbe subito numerosi colpi di stato alla moda delle Fiji o della Guyana. Il fazionismo politico è comunque riuscito a trasformare le forze di polizia in gangster della milizia . L’elevata disoccupazione e un afflusso di aiuti esteri fuorvianti hanno contribuito a sostenere la violenza fino al completo collasso istituzionale dello stato nella criminalità. Nel 2006 sono esplose le violenze contro la minoranza cinese e c’è stato un ritorno dell’intervento straniero fino al 2017, con un’altra ripresa della violenza e il ritorno degli australiani nel novembre 2021.

Tuttavia, né l’Australia né gli Stati Uniti dovrebbero suggerire che esiste un imperativo economico per l’intervento. Qualsiasi politica dovrebbe concentrarsi rigorosamente sulle minacce alla sicurezza e quindi eludere le frequenti controargomentazioni sui vantaggi economici di una presenza cinese continentale per la popolazione locale. In effetti, si può ammettere che il modello cinese di investimento capitalista autoritario, o sviluppo collettivista in stile cubano comunista, come quello in Nicaragua o Grenada, è più efficiente nel portare prosperità ai paesi gravemente sottosviluppati. È vero che il tribalismo, il nazionalismo religioso e l’insicurezza delle minoranze etniche hanno portato alla sconfitta della campagna occidentale in Afghanistan e alla guerra in Ucraina, poiché si tratta di questioni non ben comprese dal pubblico occidentale.

L’esperienza della Guerra Fredda degli Stati Uniti in America Latina è istruttiva. Nonostante le accuse di persistenti motivazioni neocoloniali per il coinvolgimento della CIA in America Centrale e nei Caraibi durante la Guerra Fredda, la politica degli Stati Uniti è stata in realtà principalmente di errata moderazione. In seguito all’intervento della CIA del 1954 contro il regime guatemalteco , gli Stati Uniti non hanno agito in modo deciso contro gli insorti cubani prima di consolidare il sostegno internazionale dell’Unione Sovietica. Gli Stati Uniti hanno scioccamente concesso al leader cubano Fidel Castro la promessa di future elezioni democratiche. L’inerzia degli Stati Uniti nel 1979 contro l’ascesa dei sandinisti in Nicaragua ha diffuso la portata della sponsorizzazione comunista dei movimenti rivoluzionari in El Salvador eGuatemala . Sotto l’amministrazione del presidente Ronald Reagan, gli Stati Uniti sono intervenuti in Nicaragua contro un regime sostenuto dai cubani, hanno invaso Grenada nel 1983 e hanno attuato un cambio di regime coercitivo a Panama nel 1989 .

Mentre il governo di Canberra si è pubblicamente impegnato a non intervenire , questo è un errore che concede l’iniziativa a Pechino. Se la minaccia di un intervento deterrente viene preclusa contro le Isole Salomone, le nazioni insulari vicine vedranno i vantaggi di giocare con la Cina contro la coalizione delle democrazie liberali, creando un anello di basi ostili come fecero i giapponesi durante la seconda guerra mondiale. Ci sono molte altre dislocazioni socioeconomiche in Micronesia e Melanesia che la Cina può sfruttare.

Il dottor Julian Spencer-Churchill è professore associato di relazioni internazionali alla Concordia University e autore di Militarizzazione e guerra (2007) e di Strategic Nuclear Sharing (2014), ed ex ufficiale delle operazioni, 3 Field Engineer Regiment. Ha pubblicato ampiamente su questioni di sicurezza e controllo degli armamenti e ha completato contratti di ricerca presso l’Ufficio per la verifica dei trattati presso l’Ufficio del Segretario della Marina e l’allora Ufficio per la difesa dai missili balistici (BMDO).

https://nationalinterest.org/feature/don%E2%80%99t-rule-out-intervention-solomon-islands-204188?fbclid=IwAR2abRUCEryr4ZO4s9Mjpxy8X7Uz-bYUYZey6M3HWUv5H6wq4msauRXGyrY

Il problema strategico della Cina e della Russia_ di: George Friedman

Un saggio che adombra molto bene i margini e gli azzardi dei quali dispone, o presume di disporre, l’attuale amministrazione statunitense nella gestione contemporanea di due parti a confronto. Entro questi margini si gioca l’eventualità di un sodalizio sempre più solido di Russia e Cina, con la Russia più determinata e la Cina che spera di trarre ancora ulteriori vantaggi da un approccio multilaterale senza alleanze predefinite e dal mantenimento della precedente dinamica di globalizzazione. Mancano per la verità altri attori, in particolare l’India, in grado di rovesciare definitivamente il tavolo, una volta eventualmente schierati con gli emergenti. Una partita ancora tutta da giocare. Buona lettura, Giuseppe Germinario

La guerra in Ucraina, ormai vecchia di circa 6 mesi, è strategicamente importante per una serie di ragioni. Se la Russia sconfiggerà l’Ucraina e prenderà il controllo del paese, le sue forze saranno al confine dell’Europa orientale. Una presenza russa al confine europeo trasformerebbe gli equilibri di potere nell’Atlantico, costringendo così inevitabilmente gli Stati Uniti a schierare forze a difesa dell’Europa.

Quali fossero le intenzioni della Russia all’inizio dell’invasione importa poco. Le intenzioni cambiano e la strategia non deve essere ottimista. Quindi la posta in gioco nella guerra ucraina è la possibile resurrezione della Guerra Fredda, con tutti i rischi che ne derivano. Dal punto di vista americano, ingaggiare la Russia attraverso le truppe ucraine in Ucraina è molto meno rischioso di un’altra Guerra Fredda.

La Guerra Fredda non ha portato a una guerra su vasta scala, solo la paura della guerra. I timori occidentali delle intenzioni sovietiche superarono le capacità sovietiche. La loro paura, a sua volta, ha tenuto unita la NATO, con grande dispiacere dei leader a Mosca. Nessuna delle loro peggiori paure si è avverata, e quindi il crollo dell’Unione Sovietica ha avuto più a che fare con il marciume interno che con la minaccia esterna. Non è chiaro se una futura Guerra Fredda si svolgerà come l’ultima, ma una cosa è probabile: data l’esistenza delle armi nucleari, la prima linea di una nuova Guerra Fredda rimarrebbe statica e lo status quo da entrambe le parti rimarrebbe rimangono intatti fintanto che nessuno dei due lati si è frammentato. Sarebbe un risultato costoso e pericoloso, poiché la storia non ha bisogno di ripetersi. Ma il crollo dell’Ucraina porrebbe minacce che potrebbero essere contenute, per quanto costose e pericolose.

Le vulnerabilità della Cina ei suoi tentativi di superarle sono potenzialmente più pericolose. Come per la Russia, la questione centrale è la geografia. Per la Russia, il problema è che il confine ucraino è a meno di 300 miglia da Mosca, e la Russia è sopravvissuta a molteplici invasioni solo in virtù della distanza di Mosca dagli invasori, una distanza che il crollo dell’Unione Sovietica ha chiuso. L’ossessione della Russia per l’Ucraina ha lo scopo di correggere questo problema. Il problema geografico della Cina è che è diventata una potenza di esportazione e come tale dipende dal suo accesso all’Oceano Pacifico e alle acque adiacenti. Gli Stati Uniti vedono il libero accesso cinese al Pacifico come una potenziale minaccia alla propria profondità strategica, qualcosa di fondamentale per gli Stati Uniti dalla fine della seconda guerra mondiale. L’accesso cinese al Pacifico è bloccato da una serie di stati insulari: Giappone, Taiwan, Filippine e Indonesia, indirettamente sostenute da potenze vicine come Australia, India e Vietnam. Non tutti sono alleati americani, ma tutti hanno interessi comuni contro l’espansione navale cinese. La Cina vuole difendere la sua profondità strategica conquistandola e controllandola. Gli Stati Uniti vogliono difendere la propria profondità strategica difendendola.

Alla dimensione geografica si aggiunge una dimensione economica. L’economia cinese dipende dalle esportazioni e gli Stati Uniti sono il suo maggiore cliente. Pechino ha anche bisogno di continui investimenti statunitensi, poiché il suo sistema finanziario è sottoposto a forti pressioni.

La Russia sta tentando di rivendicare la profondità strategica, ed è entrata in essa ben sapendo le conseguenze finanziarie che avrebbe creato. In altre parole, ha sopportato danni finanziari in cambio di sicurezza strategica. Finora, non ha acquisito sicurezza strategica e ha assorbito notevoli danni finanziari distribuendo alcuni dei suoi all’Europa.

La Cina sta cercando una soluzione strategica evitando il danno economico che un’ulteriore espansione probabilmente porterebbe. Il suo principale avversario su entrambi i fronti sarebbero gli Stati Uniti. Quindi la Cina sta sondando gli Stati Uniti, cercando di capire le sue potenziali risposte. La risposta alla visita del presidente della Camera Nancy Pelosi ha spinto i limiti di un’invasione di Taiwan. Ciò che la Cina ha appreso sull’esercito americano non è chiaro, ma ha appreso che l’innesco delle azioni economiche americane risiede al di là della manifestazione cinese.

L’obiettivo dell’America in Ucraina, quindi, è negare alla Russia la profondità strategica che desidera per limitare la minaccia russa all’Europa. Con la Cina, il suo obiettivo è mantenere la profondità strategica americana per evitare che la Cina minacci gli Stati Uniti o ottenga una portata globale.

Le questioni sono simili in linea di principio, ma la posta in gioco per gli Stati Uniti non lo è. Per Washington, la questione Cina è molto più importante della questione Russia. Una vittoria russa in Ucraina ridisegnerebbe i confini non ufficiali e aumenterebbe i rischi. Un successo cinese creerebbe una potenza più globale che sfida gli Stati Uniti e i suoi alleati in tutto il mondo.

Le conseguenze della guerra sono sempre significative. Il coinvolgimento degli Stati Uniti aggiunge costi economici all’equazione. Finora, la Russia ha assorbito i costi. La Cina potrebbe non essere in grado di farlo, considerando che la sua economia è attualmente vulnerabile. Ma le nazioni vivono di economia e sopravvivono di sicurezza. In questo senso, sembrerebbe che la Russia sia meno interessata ai negoziati rispetto alla Cina.

Il presidente cinese Xi Jinping e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si incontreranno a metà novembre, in una conferenza in Indonesia o in Thailandia. Se l’incontro avrà luogo, sarà il primo dalla loro teleconferenza di maggio. Tra gli Stati Uniti e la Russia stanno avvenendo solo colloqui informali e di back-channel. La Cina ha bisogno di un’economia stabile ora più di quanto abbia bisogno del comando dei mari. La Russia sembra in grado di sopravvivere a ciò che è stato affrontato economicamente, ma non ha spezzato la schiena alle forze ucraine. La Cina è più vicina alla crisi economica della Russia e quindi non è disposta a rischiare la guerra con gli Stati Uniti. Parlerà, se non si accontenterà. La situazione economica e militare della Russia è oscura nel lungo periodo. Gli Stati Uniti hanno a che fare con Cina e Russia a un prezzo abbastanza basso e possono gestire entrambe in questo momento. Russia e Cina devono cercare di aumentare i costi per gli Stati Uniti

È un’equazione vertiginosa ma non insolita. La Cina ha bisogno di raggiungere un’intesa con gli Stati Uniti. La Russia non ha questo bisogno. Gli Stati Uniti sono flessibili.

https://geopoliticalfutures.com/china-and-russias-strategic-problem/?tpa=NTk0ZWM2MDNhN2ViMWFmZmQ4NTE3YzE2NjE0NDE3ODlhNWE5MTg&utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_term=https://geopoliticalfutures.com/china-and-russias-strategic-problem/?tpa=NTk0ZWM2MDNhN2ViMWFmZmQ4NTE3YzE2NjE0NDE3ODlhNWE5MTg&utm_content&utm_campaign=PAID%20-%20Everything%20as%20it%27s%20published

La “svolta profonda” di Putin, di Philippe Grasset

In appendice il discorso di Putin del 16 agosto alla 10a Conferenza di Mosca sulla sicurezza internazionale. Buona lettura, Giuseppe Germinario

8 agosto 2022 (14:55) – Quando il 24 febbraio 2022 è iniziata l’operazione militare speciale (SMO), tutto sembrava chiaro nella mente degli osservatori. La Russia ha dovuto agire rapidamente per dirimere questa vicenda, soprattutto per evitare uno “stallo”. Alcuni videro in essa, chi rallegrarsi chi dispiacersi, un’istruzione dall’aldilà, una sorta di dottrina “RIP-Brzezinski” resa operativa in una trappola di tipo “neo-Zbig”: fare dell’Ucraina un “secondo Vietnam” per la Russia, basta come era stato l’Afghanistan, nel 1980-1988 e su iniziativa dello stesso Zbigniew Brzezinski , il “Vietnam dell’URSS” (quindi “primo Vietnam” della Russia).

Molto rapidamente, mentre il concerto di ammirazione mediatica e lodi comunicative per l’eroismo ucraino e il genio strategico di Zelensky Azovè cresciuto come un’opera wagneriana, cantata dal Occorreva ”  mettere in ginocchio la Russia  “, ha detto l’imponente segretario alla Difesa Austin; vale a dire, per prolungare il conflitto, in modo che la Russia si esaurisca lì, militarmente ed economicamente, portando in tutta la logica americanista a una rivolta popolare che abbatte Putin e stabilisca una democrazia neoliberista e ovviamente americanista.

Inoltre e per perfetta correttezza, dobbiamo essere onesti e pensare ai quaranta discorsi di Macron che hanno fatto la Francia! Con il suo talento infallibile, la sua intuizione quasi divinatoria, la sua sublime visione strategica, il suo senso morale esacerbato alla maniera della cetra ossessionante come il destino di   Anton Karas del ” Terzo uomo “, la Francia macronista aveva visto poco prima di tutto il mondo. Ci aveva avvertito, il giorno dopo l’attacco e con la voce magistrale di Bruno Lemaire, che avremmo  “crollato l’economia russa  ” e messo la Russia in un isolamento sinistro e mortale. Quindi lo tagliavamo in parti uguali, e per gli Stati Uniti un po’ più uguali degli altri, come facciamo una torta al miele di Samarcanda.

Insomma, ci siamo fissati, cioè – dopo aver consultato il nostro dizionario delle “idee ricevute” nella sezione Bouvard-et-Pécuchet, – che siamo rimasti disorientati… Perché a poco a poco le cose sono cambiate molto rapidamente. L’opera wagneriana sull’eroico Zelenski si trasformò in una ‘ Prova d’orchestra ‘ à la Fellini e potremmo cominciare a riconoscere, nei torrenti di censori vari riversatici addosso per assicurarci un raccolto ideologico eccezionale senza ondata di caldo inopportuno per eroismo – mi sono svegliato , alcuni lampi di quella che chiamiamo una verità di situazione ; certo e ripetuto, “a poco a poco le cose cambiarono molto rapidamente” per farci capire che le cose non andavano affatto nella direzione imperativamente proclamata, ma piuttosto il contrario, nella direzione proibita dalle indicazioni del Campo del Bene.

In breve (bis), lo tralascio perché ne sappiamo abbastanza per arrivare alla situazione attuale. I russi dominano il loro suddito, ma a poco a poco senza affrettarsi troppo e anzi cannoneggiando diabolicamente l’avversario per evitare perdite; l’economia russa rosa di piacere e piena di salute mentre dall’altra parte accade il contrario, dalla parte che io chiamo, come sapete, blocco-BAO come se ci fosse la forza di un blocco granitico; e come al solito inferno e dannazione, simulacro della cosa, cartapesta anziché granito…

La prima componente di questo “inaspettato” (?) sviluppo (svolta?) nelle sorti del mondo è forse quella che indicherei come il primo elemento della “profonda svolta” di cui si parla nel titolo… Questo che è stato annunciato duro come il rock per la Russia sta accadendo per il blocco di cartapesta. Al contrario, la Russia va avanti, con un’economia fiorente e un macchinario militare che produce ciò che conta; al contrario, è il blocco BAO che semina la carneficina nella sua economia e che non cessa di esaurirsi militarmente in iniziative grottesche, – per esempio, quando CBS. La notizia , per quanto ben vista nel Campo del Bene, vi annuncia che il 70% dei miliardi di dollari di armamentitrasferiti in Ucraina a spese delle riserve militari di donatori scompaiono in varie tasche delle squadre di oligarchi e “battaglioni speciali” di corrotti. (Tentativi di censura da parte dei soldatini della GAFAM che bloccano la CBS. Il video di notizie che dimostra questa situazione è cibo patetico  ; il nostro sistema di censura sta davvero impazzendo per quanto sia grezzo ed economico da solo. …)

Su questo, sorpresa sorpresa (per i profeti-corti), la seconda componente della “svolta profonda” si trova nel fatto che la Russia non è, ma poi per niente isolata come ci avevano promesso Lemaire & Cie. Tra gli innumerevoli segni della cosa si può citare una specie di “prova del G20” (quella di novembre in Indonesia). I paesi che si sono opposti a qualsiasi misura simbolica, se non vessaria, contro la Russia, compreso il non invitare Putin, quindi quei paesi che si sono schierati inequivocabilmente con la Russia sono dieci: Sud Africa, Arabia Saudita, Argentina, Brasile, Cina, India, Indonesia, Messico, Russia e Turchia. Il resto, nel pollame del campo contrapposto, è il blocco di cartapesta, raggruppato attorno al vivace Biden. Chi è isolato da chi e da cosa?

Così è apparsa la seconda osservazione dopo la prima che è che la “lunga guerra” avvantaggia la Russia e non il blocco BAO, e la seconda si collega direttamente alla prima. Questa situazione di “lunga guerra” fissa un antagonismo non più di una guerra regionale, ma di un confronto sul destino di una civiltà. Questa idea ora ampiamente condivisa, in particolare da Jacques Sapir , è quella del “Grande Sud” che si stacca dalla direzione arrogante del blocco-BAO e mette in discussione tutto ciò che resta del suo edificio vacillante. Di conseguenza, l’ Ukrisisdell’inizio, composto dal confronto della Russia contro il regime di Kiev, assume la dimensione globale e cosmica del confronto tra il vecchio ordine che si sta sgretolando spaventosamente nei suoi litigi interni e nei suoi guai, che sta perdendo potere economico e militare, e il resto (“ Il resto del mondo ”) che alza la bandiera della rivolta e continua a spingere per questa dinamica di decostruzione dei decostruttori.

Quindi sono portato alla mia ipotesi centrale della “svolta profonda” del presidente russo Putin. Improvvisamente mi commuove l’intuitiva sensazione che quest’uomo, improvvisamente pressato, lui stesso, da un forse improvvisato e delicato confronto regionale, abbia improvvisamente scoperto quanto l’avversario, – la NATO e non più il clown-Zelenski – fosse debole, vulnerabile, totalmente intossicato dalla sua stessa narrazione , e che qui era un’opportunità unica da cogliere, un’opportunità destinata a essere scelta. Così l’uomo della guerra breve e audace avrebbe scelto di passare alla guerra lunga e cauta, per mantenere una dinamica che infiamma il mondo intero e sfida mortalmente il primato di una civiltà sprofondata nel baratro nero

“… la nostra situazione attuale, sull’orlo dell’abisso, precipitando nell’abisso, scomparendo in questo buco nero senza fondo che noi stessi abbiamo scavato e che anche noi continuiamo a scavare per tutto l’autunno come se volessimo che questo autunno fosse ancora più profondo, più disperato, più sepolto, scavando fino in fondo come si fa per una caduta senza fondo …”

Ovviamente, oggi che sembra essere fatto in direzione di questa dinamica, si è tentati di pensare che l’astuto Putin non poteva mancare a ciò che avrebbe preparato, e che la sua “svolta profonda” fosse una prova che poteva solo operare esattamente come aveva programmato. Di questo (questa previsione) sono meno certo nella mia sensazione di essere assolutamente certo che ci sia davvero una “svolta profonda”, passando da un’Ukrisis locale all’Ukrisis complessivamente. Credo che la forza degli eventi, che ci giunge da molto al di sopra di noi, debba aver sorpreso lo stesso Putin, che ha nascosto la sua sorpresa dietro la sua impassibilità che costituisce la sua grande forza di carattere, potendo così installarsi perfettamente per garantire al meglio la sua guida e negozia meravigliosamente ciò che era diventato in questa incredibile avventura, una “svolta profonda” che santifica la Grande Crisi in tutte le sue forme.

La fantastica velocità dell’evento il cui impulso ci viene dagli dei ci sorprende tutti, compreso chi ne fa il miglior uso possibile. In questo modo abbiamo la certezza di vivere un periodo senza precedenti nella storia del mondo. Spesso è molto pesante da trasportare; a volte è luminoso da contemplare

https://www.dedefensa.org/article/le-tournant-profond-de-poutine?fbclid=IwAR1M24vUB79QSD8P9q6V1RhLMpyWxzKgZckQIbZITMML-wr9bgk-tZcgoiM

Discorso ai partecipanti e agli ospiti della 10a Conferenza di Mosca sulla sicurezza internazionale, di Vladimir Putin

Presidente della Russia Vladimir Putin : Signore e signori,

Stimati ospiti stranieri,

Permettetemi di darvi il benvenuto all’anniversario della decima conferenza di Mosca sulla sicurezza internazionale. Nell’ultimo decennio, il vostro forum rappresentativo è diventato un luogo importante per discutere i problemi politico-militari più urgenti.

Oggi, una discussione così aperta è particolarmente pertinente. La situazione nel mondo sta cambiando dinamicamente e stanno prendendo forma i contorni di un ordine mondiale multipolare. Un numero crescente di paesi e popoli sta scegliendo un percorso di sviluppo libero e sovrano basato sulla propria identità, tradizioni e valori distinti.

A questi processi oggettivi si oppongono le élite globaliste occidentali, che provocano il caos, alimentando conflitti di vecchia data e nuovi e perseguendo la cosiddetta politica di contenimento, che di fatto equivale al sovvertimento di ogni alternativa, opzione di sviluppo sovrano. Quindi, stanno facendo tutto il possibile per mantenere l’egemonia e il potere che stanno scivolando dalle loro mani; stanno cercando di mantenere paesi e popoli nella morsa di quello che è essenzialmente un ordine neocoloniale. La loro egemonia significa stagnazione per il resto del mondo e per l’intera civiltà; significa oscurantismo, cancellazione della cultura e totalitarismo neoliberista.

Stanno usando tutti gli espedienti. Gli Stati Uniti e i suoi vassalli interferiscono grossolanamente negli affari interni degli stati sovrani mettendo in scena provocazioni, organizzando colpi di stato o incitando guerre civili. Con minacce, ricatti e pressioni, stanno cercando di costringere gli stati indipendenti a sottomettersi alla loro volontà e a seguire regole che sono loro estranee. Questo viene fatto con un solo obiettivo in vista, che è quello di preservare il loro dominio, il modello secolare che consente loro di espugnare tutto nel mondo. Ma un modello di questo tipo può essere mantenuto solo con la forza.

Per questo l’Occidente collettivo – il cosiddetto Occidente collettivo – sta deliberatamente minando il sistema di sicurezza europeo e mettendo insieme sempre nuove alleanze militari. La NATO sta strisciando verso est e sta costruendo la sua infrastruttura militare. Tra le altre cose, sta dispiegando sistemi di difesa missilistica e migliorando le capacità di attacco delle sue forze offensive. Ciò è ipocritamente attribuito alla necessità di rafforzare la sicurezza in Europa, ma in realtà sta avvenendo proprio il contrario. Inoltre, le proposte sulle misure di sicurezza reciproca, avanzate dalla Russia lo scorso dicembre, sono state ancora una volta disattese.

Hanno bisogno di conflitti per mantenere la loro egemonia. Per questo hanno destinato il popolo ucraino ad essere usato come carne da cannone. Hanno attuato il progetto anti-russo e sono stati conniventi nella diffusione dell’ideologia neonazista. Si sono voltati dall’altra parte quando i residenti del Donbass sono stati uccisi a migliaia e hanno continuato a riversare armi, comprese armi pesanti, ad uso del regime di Kiev, cosa che continuano a fare ora.

In queste circostanze, abbiamo preso la decisione di condurre un’operazione militare speciale in Ucraina, decisione che è pienamente conforme alla Carta delle Nazioni Unite. È stato chiaramente affermato che gli obiettivi di questa operazione sono garantire la sicurezza della Russia e dei suoi cittadini e proteggere i residenti del Donbass dal genocidio.

La situazione in Ucraina mostra che gli Stati Uniti stanno cercando di tirare fuori questo conflitto. Agisce allo stesso modo altrove, fomentando il potenziale conflitto in Asia, Africa e America Latina. Come è noto, gli Stati Uniti hanno recentemente compiuto un altro tentativo deliberato di alimentare le fiamme e suscitare problemi nell’Asia-Pacifico. La fuga degli Stati Uniti verso Taiwan non è solo un viaggio di un politico irresponsabile, ma fa parte della strategia americana mirata e deliberata, progettata per destabilizzare la situazione e seminare il caos nella regione e nel mondo. È una sfacciata dimostrazione di mancanza di rispetto per gli altri paesi e per i propri impegni internazionali. Consideriamo questo come una provocazione completamente pianificata.

È chiaro che, intraprendendo queste azioni, le élite globaliste occidentali stanno tentando, tra le altre cose, di distogliere l’attenzione dei propri cittadini da problemi socioeconomici pressanti, come il crollo del tenore di vita, la disoccupazione, la povertà e la deindustrializzazione. Vogliono scaricare la colpa dei propri fallimenti su altri paesi, cioè Russia e Cina, che stanno difendendo il loro punto di vista e progettano una politica di sviluppo sovrano senza sottostare ai diktat delle élite sovranazionali.

Vediamo anche che l’Occidente collettivo si sta sforzando di espandere il suo sistema basato sui blocchi nella regione dell’Asia-Pacifico, come ha fatto con la NATO in Europa. A tal fine, stanno creando unioni politico-militari aggressive come AUKUS e altri.

È ovvio che è possibile solo ridurre le tensioni nel mondo, superare le minacce ei rischi politico-militari, migliorare la fiducia tra i paesi e garantire il loro sviluppo sostenibile attraverso un rafforzamento radicale del sistema contemporaneo di un mondo multipolare.

Ribadisco che l’era del mondo unipolare sta diventando un ricordo del passato. Non importa quanto fortemente i beneficiari dell’attuale modello globalista si attacchino allo stato di cose familiare, è condannato. I cambiamenti geopolitici storici stanno andando in una direzione completamente diversa.

E, naturalmente, la vostra conferenza è un’altra importante prova dei processi oggettivi che formano un mondo multipolare, che riunisce rappresentanti di molti paesi che vogliono discutere questioni di sicurezza su un piano di parità e condurre un dialogo che tenga conto degli interessi di tutte le parti , senza eccezioni.

Voglio sottolineare che il mondo multipolare, basato sul diritto internazionale e su relazioni più giuste, apre nuove opportunità per contrastare le minacce comuni, come i conflitti regionali e la proliferazione delle armi di distruzione di massa, il terrorismo e la criminalità informatica. Tutte queste sfide sono globali, e quindi sarebbe impossibile superarle senza combinare gli sforzi e le potenzialità di tutti gli stati.

Come prima, la Russia parteciperà attivamente e con determinazione a tali sforzi congiunti coordinati; insieme ai suoi alleati, partner e compagni di pensiero, migliorerà i meccanismi esistenti di sicurezza internazionale e ne creerà di nuovi, oltre a rafforzare costantemente le forze armate nazionali e altre strutture di sicurezza fornendo loro armi avanzate e equipaggiamento militare. La Russia garantirà i suoi interessi nazionali, così come la protezione dei suoi alleati, e intraprenderà altri passi verso la costruzione di un mondo più democratico in cui siano garantiti i diritti di tutti i popoli e la diversità culturale e di civiltà.

Occorre ripristinare il rispetto del diritto internazionale, delle sue norme e principi fondamentali. E, naturalmente, è importante promuovere agenzie universali e comunemente riconosciute come le Nazioni Unite e altre piattaforme di dialogo internazionale. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e l’Assemblea generale, come previsto inizialmente, dovrebbero servire come strumenti efficaci per ridurre le tensioni internazionali e prevenire i conflitti, nonché facilitare la fornitura di sicurezza e benessere affidabili di paesi e popoli.

In conclusione, voglio ringraziare gli organizzatori del convegno per il loro importante lavoro preparatorio e auguro a tutti i partecipanti discussioni sostanziali.

Sono certo che il forum continuerà a dare un contributo significativo al rafforzamento della pace e della stabilità sul nostro pianeta e faciliterà lo sviluppo di un dialogo e di un partenariato costruttivi.

Grazie per l’attenzione.

16 agosto

http://en.kremlin.ru/events/president/news/69166

La guerra dei due islam, di Bernard Lugan

Volgiamo ancora una volta lo sguardo all’Africa. Se il confronto multipolare non vuole arrivare ad uno scontro diretto distruttivo e catastrofico deve trovare le proprie valvole di sfogo nelle varie periferie del mondo, in un quadro comunque di sempre maggiore consapevolezza delle classi dirigenti in quelle aree, ben più chiara e disincantata che nel periodo post-coloniale. I paesi, come quelli europei, che hanno deciso di tagliare drasticamente i ponti e i legami commerciali con la Russia e ridurre quelli con la Cina dovranno necessariamente rivolgere lo sguardo e le mire verso l’Africa. Lo faranno al guinzaglio del loro padrone statunitense e ritroveranno in quell’area i nemici più o meno costruiti dalle strategie americane, ma con il pesante retaggio del loro passato coloniale e la realtà della loro debolezza politica, militare ed economica. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Il terrorismo islamico attualmente attivo in Mali, Niger, Ciad, Burkina Faso, Nigeria, in Camerun, ma anche più a sud, nella fascia sahelo-guineana è giustificata dai suoi autori in nome della natura stessa della religione. Si oppone a un radicato Islam africano e a un Islam arabo importato

Islam purificato e islam eretico

Per quanto riguarda la sua componente religiosa, il fenomeno jihadista in cui osserviamo
tutto il Sahel è quello di un tentativo di presa controllo delle popolazioni musulmane da parte dei sostenitori di un Islam importato dall’Arabia. Per quest’ultimo, l’Islam tradizionale dell’Africa occidentale deve effetto da “purificare” perché eretico per due grandi ragioni:
1) In Africa occidentale, all’interno del sunnismo quasi esclusivo, domina il malekismo, scuola di diritto Musulmano che, oltre alla sunnah e agli hadith, utilizza anche nella sua giurisprudenza la consuetudine degli antichi abitanti di Medina. Trasposta in Africa, questa scuola naturalmente ha preso conto delle usanze preislamiche locali, che spiegano l’esistenza di questo Islam festivo, terapeutico e perfino taumaturgico denunciato dai
Wahhabiti.
2) Anche l’Islam tradizionale dell’Africa occidentale lo è largamente influenzato dal sufismo, che prese il sopravvento modulo di borsa di studio. Così è con il Tijaniyya,
maggioranza in Senegal e fortemente radicata in Camerun dove ancora la dominazione dei Fulani e degli Hausa.
Il suo fondatore, Ahmed al Tijani, ha affermato discende da Hassan, nipote del Profeta
Maometto. Nel 1881, lo stesso Profeta sarebbe sembrato dirgli che lo era stato scelto per essere, presso di lui, l’intercessore dei credenti che hanno seguito il suo cammino: «Sii mio vicario sulla terra (…) sarò il tuo intercessore con Dio “.
Il Profeta gli avrebbe poi insegnato il rituale religioso della confraternita che gli ordinò di fondare in un modo nuovo che gli rivelò. Scorso portatore della parola divina, è Ahmed al Tijani quindi indicato dai suoi seguaci come il “sigillo dei santi (“khatm al-awliya”), quello che completa la trasmissione del messaggio divino.
A Fez, intorno alla sua tomba, i pellegrini girati verso la Mecca per rivolgerti ad Allah
chiedendo ad Ahmed al Tijani e al Profeta di intercedere in loro favore.
Per i wahhabiti, associando il nome di Allah e il Profeta a colui che considerano un
“ciarlatano”, è sia blasfemia che politeismo perché ad Allah, Dio unico, meritevole di Sola preghiera e invocazione, è vietato chiedere altri ciò che appartiene solo a Lui.
La purificazione di questo Islam che considerano come essere “deviante” ed “eretico” è quindi per loro una necessità che passa attraverso il ritorno al solo Corano e dal rifiuto di ogni tradizione umana, inquinando per definizione il messaggio divino.
Il wahhabismo si sviluppò contro le usanze locali. Vieta severamente la costruzione
di mausolei funerari, sostiene un rapporto diretto del credente a Dio vietando gli intermediari, quindi marabutti e altri santi venerati dall’Islam africano. Allah, unico dio meritevole esclusivo di preghiera e invocazione; infatti non è questione di chiedere agli altri cosa che appartiene a Lui. Anzi, l’unico peccato irrinunciabile per l’Islam è associazionismo (shirk). Lo sconto causa dell’unità divina (tawhid) dall’introduzione
di una sacra mediazione tra i fedeli e Dio.
Nasce così il concetto di innovazione biasimevole (Bid’a) indica qualsiasi credenza, pratica o consuetudine, che non sia basata su una datazione precedente dal tempo del Profeta.
Per i wahhabiti, tutto ciò che non è prescritto nel Corano deve essere combattuto ed è per questo che i mausolei funerari dei santi intercessori devono essere rasi, come è stato il caso a Timbuctù nel 2012.
Le confraternite vengono così duramente attaccate. I loro maestri sono chiamati stregoni a causa del loro culto della possessione, uso dei tamburi, danza, credenza negli amuleti e
spiriti. Inoltre, il loro rifiuto delle barbe lungo, la “fattorizzazione”[1] delle preghiere in moschea, il rito della morte che prevede il funerale tre giorni dopo la morte, e non nella
ore che lo seguono, li fa considerare come “eretici” dai sostenitori delle varie correnti wahhabite.
Un Islam importato e rivoluzionario
L’introduzione dell’Islam wahhabita in Africa risale all’era della Guerra Fredda. Nel
contesto della lotta allora condotta dall’Arabia, alleato saudita dell’Occidente e l’Egitto laico del Colonnello Nasser, la dinastia Saud ha cercato di farlo bypassare l’Egitto da sud, esportando a sud del Sahara la sua ideologia di stato, il Wahhabismo.
Nel maggio 1962, alla Mecca, la Lega mondiale musulmana. Nel gennaio 1973,
si è tenuta a Riyadh una Conferenza Mondiale della Gioventù Musulmana. In questa occasione si definiva una vera politica missionaria con la costruzione di moschee e scuole coraniche libere Wahhabite.
Il successo del wahhabismo è ampiamente spiegato dal suo ruolo sociale a favore delle piccole élite declassate. Nel moderno sistema educativo, la stragrande maggioranza di coloro che frequentano la scuola ne sono sprovvisti uso. Per quanto riguarda la scuola coranica tradizionale, la medersa, è del tutto inadatto perché, se i bambini imparano sicuramente l’arabo e il Corano lì, è proprio così la frequenza, tuttavia, non dà accesso a
lavoro perché la società riconosce solo i diplomi rilasciati per tipo di istruzione
occidentale.
Dopo aver analizzato attentamente la situazione, i wahhabiti fondarono quindi scuole coraniche in cui è certamente insegnato l’Islam rigoroso, ma anche scienza moderna. Paradossalmente, il ritorno alle fonti religiose permette un’apertura a conoscenza, quindi al lavoro.
Questo Islam radicale sintetizza le delusioni, le delusioni e le frustrazioni delle popolazioni del Saharosahel. Offre loro un cambio di paradigma. Quindi, lungi dal negare la loro arretratezza, lo spiega: se alcune aziende sono in stallo, è perché volevano imitare l’Occidente. Essi devono quindi interrogare l’ordine economico e politico mondiale con i suoi valori, aderire o ritorno alle radici dell’Islam.
Contemporaneamente a questo interrogatorio, gli standard elementi visibili del wahhabismo si stanno gradualmente affermando grande giorno: burqa, separazione di genere, nuovo riti funebri, preghiera notturna (tahajjud), tutto pratiche finora sconosciute a sud del Sahara.
Ormai ben consolidati, hanno spiegato gli imam sauditi, del Qatar e del Pakistan
popolazioni africane che la loro arretratezza è dovuta a questo che i loro capi volessero imitare l’Occidente. il passa così la via del progresso e della liberazione dal rovesciamento di quest’ultimo, dal rigetto del valori empi e dall’adesione all’Islam “autentico”.
Il successo di questo Islam importato sta gradualmente conducendo sulla creazione di un’identità africana artificiale musulmano arabo che incoraggia la vendetta precedentemente dominato. In nome di un Islam purificato e egualitari, questi ultimi sono incoraggiati a combattere i loro ex padroni che sono seguaci di un Islam “corrotto”.
Giovani musulmani sempre più arabizzati della zona sahelo-guineana vede così in questo
Islam rivoluzionario, il modo per sfidare il volte il potere degli ex gruppi etnici dominanti
(i Fulani in Camerun, i Mori e i Tuareg in Mali ecc.), un sistema religioso fraterno che
li imprigiona, e le oligarchie che sono al potere fin dall’indipendenza.

https://bernardlugan.blogspot.com/

Teoria del Domino e dominio, di Roberto Buffagni

Uno degli argomenti della propaganda occidentale sulla guerra in Ucraina è questo: indispensabile combattere la Russia in Ucraina perché l’invasione dell’Ucraina è il primo passo di un progetto imperialistico russo, volto a ricostituire i confini dell’URSS o dell’Impero zarista, e a diffondere “l’autoritarismo” dove oggi c’è “la democrazia”.
In sintesi, la Russia autocratica va combattuta in Ucraina per non doverla poi combattere nelle democratiche Polonia, Finlandia, Ungheria, Germania, etc.
Questo argomento di giustificazione della strategia americana e NATO verrà probabilmente in primo piano, nei prossimi mesi, perché sarà sempre più chiaro che
a) è impossibile infliggere una sconfitta decisiva ai russi, in Ucraina
b) anzi i russi, nonostante i massicci aiuti occidentali, stanno infliggendo una sconfitta decisiva all’Ucraina, e i limiti di questa sconfitta (dove i russi si fermeranno, quali territori ucraini conquisteranno e terranno, quali danni infliggeranno all’Ucraina) saranno decisi unilateralmente dai russi in conformità ai loro obiettivi
c) ogni prolungamento delle ostilità in Ucraina, ogni rifiuto pregiudiziale di aprire una trattativa con la Russia, ha un costo umano ed economico inaccettabile, perché immotivato, anzitutto per l’Ucraina, e non ha contropartita alcuna: costo spaventoso, guadagno zero
d) ogni prolungamento delle ostilità in Ucraina, ogni rifiuto pregiudiziale di aprire una trattativa con la Russia, ha un costo economico e politico inaccettabile, perché immotivato e privo di contropartite, anche per i paesi europei, in particolare per i paesi dell’Europa occidentale e mediterranea (paesi come la Polonia possono almeno sperare in acquisizioni territoriali in Ucraina)
Dunque, verrà in primo piano la giustificazione “combattere la Russia in Ucraina per non doverla combattere in casa propria”.
Questa è, alla lettera, la giustificazione dell’intervento americano in Vietnam che diedero “the best and the brightest”, il gruppo di consiglieri che circondavano il presidente Kennedy, e che erano davvero personalità di spicco, molto più capaci dell’attuale classe dirigente americana. La previsione strategica che li informava era la “Domino theory”, la teoria del domino: il comunismo ha ambizioni di espansione mondiale, se cade il Vietnam cadranno via via in mani comuniste, come tessere del domino, la Cambogia, la Tailandia, la Corea, il Laos, il Giappone, l’India, etc., finché il comunismo non contagerà il continente americano fino a giungere alle porte degli Stati Uniti, e forse a varcarle.
La “Domino theory” non aveva alcun fondamento, ed era radicalmente sbagliata. La radice dell’errore stava nella grave sottovalutazione americana dell’importanza decisiva del nazionalismo. Conquistare nazioni è difficile, molto difficile, perché le nazioni vogliono sopravvivere e conservare la loro indipendenza e la loro sovranità, e conquistarle, occuparle, tenerle, integrarle stabilmente in un impero è estremamente difficile. Le ideologie politiche hanno certamente un ruolo, nella politica internazionale, ma quando gli imperativi strategici confliggono con gli imperativi ideologici sono gli imperativi strategici ad avere la meglio: come illustrò rapidamente, dopo la sconfitta americana in Vietnam, la guerra sino-vietnamita (17 febbraio – 16 marzo 1979) in cui il Vietnam sconfisse uno dei due paesi che, con l’URSS, più lo avevano appoggiato nel corso della sua lotta per l’indipendenza dalla Francia prima, dagli USA poi.
Una riedizione della “Domino theory”, stavolta in chiave offensiva anziché difensiva, si ritrova nella seconda guerra statunitense contro l’Irak (2003). Gli israeliani, avuto sentore dell’intenzione americana di attaccare l’Irak, dissero agli americani: “Ma perché attaccare l’Irak? Il vero nemico, nella regione, è l’Iran!” e gli americani risposero: “State tranquilli, l’Irak è soltanto il primo passo. Caduta l’Irak, cadranno anche l’Iran, la Siria, etc.” Come sia andata, ognuno vede.
La riedizione aggiornata all’Ucraina della “Domino theory” si fonda su una premessa errata, e su una inferenza quantomeno dubbia. La premessa errata è che la Russia abbia la capacità di riconquistare i confini dell’URSS o dell’Impero zarista. La Federazione russa non ha la potenza latente (demografia, economia) e la potenza manifesta (militare) sufficiente per tentare, con ragionevoli probabilità di successo, una simile impresa colossale.
L’inferenza quantomeno dubbia è che la dirigenza della Federazione russa abbia l’intenzione di tentarla. Non mi risulta che ci siano prove, nei discorsi e nelle dichiarazioni ufficiali russe, di una simile intenzione; ma è sempre molto difficile penetrare le intenzioni altrui. È certo possibile che la dirigenza russa desideri, in cuor suo, riconquistare i confini dell’ex URSS o dell’Impero zarista. Che intenda provarci è estremamente improbabile, visto che sinora, la dirigenza russa dà prova di condurre una politica razionale e cauta, affatto incompatibile con il terribile azzardo che l’impresa imperialistica comporterebbe.
La teoria del domino è una teoria geopolitica prominente negli Stati Uniti dagli anni ’50 agli anni ’80 che postulava che se un paese in una regione fosse caduto sotto l’influenza del comunismo , i paesi circostanti avrebbero seguito un effetto domino . [1] La teoria del domino è stata utilizzata dalle successive amministrazioni degli Stati Uniti durante la Guerra Fredda per giustificare la necessità dell’intervento americano nel mondo.

Un’illustrazione della teoria del domino come era stata prevista

L’ex presidente degli Stati Uniti Dwight D. Eisenhower descrisse la teoria durante una conferenza stampa il 7 aprile 1954, riferendosi al comunismo in Indocina come segue:

Infine, hai considerazioni più ampie che potrebbero seguire quello che chiamereste il principio della “caduta del domino”. Hai impostato una fila di tessere, fai cadere il primo e quello che accadrà all’ultimo è la certezza che passerà molto velocemente. Quindi potresti avere un inizio di disintegrazione che avrebbe le influenze più profonde. [2]

Inoltre, la profonda convinzione di Eisenhower nella teoria del domino in Asia aumentò i “costi percepiti per gli Stati Uniti nel perseguire il multilateralismo” [3] a causa di eventi multiformi tra cui la ” vittoria del 1949 del Partito Comunista Cinese , l’ invasione della Corea del Nord del giugno 1950 , il 1954 La crisi dell’isola offshore di Quemoy e il conflitto in Indocina hanno costituito una sfida ad ampio raggio non solo per uno o due paesi, ma per l’intero continente asiatico e il Pacifico”. [3] Questo connota una forte forza magnetica per cedere al controllo comunista e si allinea con il commento del generale Douglas MacArthur secondo cui “la vittoria è una forte calamita in Oriente”. [4]

Durante il 1945, l’ Unione Sovietica portò la maggior parte dei paesi dell’Europa orientale e centrale nella sua influenza come parte del nuovo insediamento del secondo dopoguerra, [5] spingendo Winston Churchill a dichiarare in un discorso nel 1946 al Westminster College di Fulton , Missouri che:

Da Stettino nel Baltico a Trieste nell’Adriatico è scesa una ” cortina di ferro ” attraverso il Continente. Dietro quella linea si trovano tutte le capitali degli antichi stati dell’Europa centrale e orientale. Varsavia , Praga , Budapest , Belgrado , Bucarest e Sofia ; tutte queste famose città e le popolazioni che le circondano si trovano in quella che devo chiamare la sfera sovietica, e tutte sono soggette, in una forma o nell’altra, non solo all’influenza sovietica, ma anche a un livello molto alto e in alcuni casi crescente di controllo da parte di Mosca . [6]

Dopo la crisi iraniana del 1946 , Harry S. Truman dichiarò quella che divenne nota come la Dottrina Truman nel 1947, [7] promettendo di contribuire con aiuti finanziari al governo greco durante la sua guerra civile e alla Turchia dopo la seconda guerra mondiale, nella speranza che ciò ostacolerebbe l’avanzamento del comunismo nell’Europa occidentale. [8] Nello stesso anno, il diplomatico George Kennan scrisse un articolo sulla rivista Foreign Affairs che divenne noto come ” X Article “, che per primo articolava la politica di contenimento , [9]sostenendo che l’ulteriore diffusione del comunismo in paesi al di fuori di una ” zona cuscinetto ” attorno all’URSS, anche se avvenuta tramite elezioni democratiche, era inaccettabile e una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. [10] Kennan fu anche coinvolto, insieme ad altri nell’amministrazione Truman , nella creazione del Piano Marshall , [11] anch’esso iniziato nel 1947, per dare aiuti ai paesi dell’Europa occidentale (insieme a Grecia e Turchia), [12 ] in gran parte con la speranza di impedire loro di cadere sotto la dominazione sovietica. [13]

Nel 1949 fu istituito in Cina un governo appoggiato dai comunisti, guidato da Mao Zedong (diventando ufficialmente la Repubblica popolare cinese ). [14] L’insediamento del nuovo governo è stato stabilito dopo che l’ Esercito popolare di liberazione ha sconfitto il governo nazionalista repubblicano cinese all’indomani della guerra civile cinese (1927-1949). [15] Si formarono due Cine : la “Cina comunista” continentale (Repubblica popolare cinese) e la “Cina nazionalista” Taiwan ( Repubblica cinese). L’acquisizione da parte dei comunisti della nazione più popolosa del mondo è stata vista in Occidente come una grande perdita strategica, che ha suscitato la domanda popolare dell’epoca: “Chi ha perso la Cina?” [16] Gli Stati Uniti hanno successivamente interrotto le relazioni diplomatiche con la neonata Repubblica popolare cinese in risposta alla presa di potere comunista nel 1949. [15]

Anche la Corea era parzialmente caduta sotto la dominazione sovietica alla fine della seconda guerra mondiale, divisa dal sud del 38° parallelo in cui successivamente si trasferirono le forze statunitensi. Nel 1948, a seguito della Guerra Fredda tra l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti, la Corea fu divisa in due regioni, con governi separati, ciascuno dei quali affermava di essere il governo legittimo della Corea e nessuna delle due parti accettava il confine come permanente. Nel 1950 scoppiarono combattimenti tra comunisti e repubblicani che presto coinvolsero truppe provenienti dalla Cina (dalla parte dei comunisti), dagli Stati Uniti e da 15 paesi alleati (dalla parte dei repubblicani). Sebbene il conflitto coreano non sia ufficialmente terminato, la guerra di Corea si è conclusa nel 1953 con un armistizioche ha lasciato la Corea divisa in due nazioni, la Corea del Nord e la Corea del Sud . La decisione di Mao Zedong di affrontare gli Stati Uniti nella guerra di Corea fu un tentativo diretto di affrontare quella che il blocco comunista considerava la più forte potenza anticomunista del mondo, intrapresa in un momento in cui il regime comunista cinese stava ancora consolidando il proprio potere dopo vincere la guerra civile cinese.

La prima figura a proporre la teoria del domino fu il presidente Harry S. Truman negli anni ’40, dove introdusse la teoria per “giustificare l’invio di aiuti militari in Grecia e Turchia”. [17] Tuttavia, la teoria del domino è stata resa popolare dal presidente Dwight D. Eisenhower quando l’ha applicata al sud-est asiatico, in particolare al Vietnam del sud. Inoltre, la teoria del domino è stata utilizzata come uno degli argomenti chiave nelle “amministrazioni Kennedy e Johnson negli anni ’60 per giustificare il crescente coinvolgimento militare americano nella guerra del Vietnam”. [17]

Nel maggio 1954, il Viet Minh , un esercito comunista e nazionalista, sconfisse le truppe francesi nella battaglia di Dien Bien Phu e prese il controllo di quello che divenne il Vietnam del Nord . [18] Ciò fece sì che i francesi si ritirassero completamente dalla regione allora conosciuta come Indocina francese , un processo che avevano iniziato in precedenza. [19] Le regioni furono quindi divise in quattro paesi indipendenti (Vietnam del Nord, Vietnam del Sud , Cambogia e Laos ) dopo che alla Conferenza di Ginevra del 1954 fu negoziato un accordo per porre fine alla prima guerra in Indocina . [20]

Ciò darebbe loro un vantaggio strategico geografico ed economico e renderebbe Giappone, Taiwan, Filippine, Australia e Nuova Zelanda gli stati difensivi in ​​prima linea. La perdita di regioni tradizionalmente all’interno della vitale area commerciale regionale di paesi come il Giappone incoraggerebbe i paesi in prima linea a scendere a compromessi politicamente con il comunismo.

La teoria del domino di Eisenhower del 1954 era una descrizione specifica della situazione e delle condizioni all’interno del sud-est asiatico all’epoca e non suggeriva una teoria del domino generalizzata come altri fecero in seguito.

Durante l’estate del 1963, i buddisti protestarono per il duro trattamento che stavano ricevendo sotto il governo Diem del Vietnam del Sud. Tali azioni del governo sudvietnamita hanno reso difficile il forte sostegno dell’amministrazione Kennedy al presidente Diem. Il presidente Kennedy era in una posizione debole, cercando di contenere il comunismo nel sud-est asiatico, ma d’altra parte, sostenendo un governo anticomunista che non era popolare tra i suoi cittadini ed era colpevole di atti discutibili per il pubblico americano. [21] L’amministrazione Kennedy è intervenuta in Vietnam all’inizio degli anni ’60 per, tra le altre ragioni, impedire la caduta del “domino” sudvietnamita. Quando Kennedy salì al potere c’era la preoccupazione che il Pathet Lao guidato dai comunistiin Laos avrebbe fornito basi ai Viet Cong e che alla fine avrebbero potuto conquistare il Laos. [22]

Argomenti a favore della teoria del domino

La prova principale della teoria del domino è la diffusione del dominio comunista in tre paesi del sud-est asiatico nel 1975, in seguito alla conquista comunista del Vietnam : Vietnam del Sud (da parte dei Viet Cong), Laos (da parte del Pathet Lao) e Cambogia (da parte del Khmer Rossi ). Si può inoltre sostenere che prima che finissero di prendere il Vietnam prima degli anni ’50, le campagne comuniste non ebbero successo nel sud-est asiatico. Si noti l’ emergenza malese , la ribellione di Hukbalahap nelle Filippine e il crescente coinvolgimento di Sukarno con i comunistidell’Indonesia dalla fine degli anni ’50 fino alla sua deposizione nel 1967. Tutti questi erano tentativi comunisti falliti di conquistare i paesi del sud-est asiatico che si bloccarono quando le forze comuniste erano ancora concentrate in Vietnam.

Walt Whitman Rostow e l’allora Primo Ministro di Singapore Lee Kuan Yew hanno sostenuto che l’intervento statunitense in Indocina, dando alle nazioni dell’ASEAN il tempo di consolidarsi e impegnarsi nella crescita economica, ha impedito un più ampio effetto domino. [23] In un incontro con il presidente Gerald Ford e Henry Kissinger nel 1975, Lee Kuan Yew ha affermato che “c’è una tendenza nel Congresso degli Stati Uniti a non voler esportare posti di lavoro. Ma dobbiamo avere i posti di lavoro se vogliamo fermare il comunismo. Noi lo hanno fatto, passando dal lavoro qualificato più semplice a quello più complesso. Se fermiamo questo processo, farà più danni di quanto tu possa riparare ogni [sic] riparazione con l’aiuto. Non tagliare le importazioni dal sud-est asiatico”. [24]

McGeorge Bundy ha sostenuto che le prospettive di un effetto domino, sebbene elevate negli anni ’50 e all’inizio degli anni ’60, furono indebolite nel 1965 quando il Partito Comunista Indonesiano fu distrutto dagli squadroni della morte nel genocidio indonesiano. Tuttavia, i sostenitori ritengono che gli sforzi durante il periodo di contenimento (cioè, la Teoria di Domino) alla fine abbiano portato alla fine dell’Unione Sovietica e alla fine della Guerra Fredda.

Alcuni sostenitori della teoria del domino annotano la storia dei governi comunisti che forniscono aiuti ai rivoluzionari comunisti nei paesi vicini. Ad esempio, la Cina ha fornito truppe e rifornimenti al Viet Minh e successivamente all’esercito del Vietnam del Nord e l’Unione Sovietica ha fornito loro carri armati e armi pesanti. Il fatto che il Pathet Lao e i Khmer Rossi fossero entrambi originariamente parte del Vietminh, per non parlare del sostegno di Hanoi per entrambi insieme ai Viet Cong, danno credito alla teoria. L’Unione Sovietica ha anche fornito pesantemente Sukarno con forniture militari e consiglieri dal tempo della Democrazia Guidata in Indonesia , specialmente durante e dopo la guerra civile del 1958 a Sumatra.

Argomenti che criticano la teoria del domino

  • Elementi dell’ideologia della guerra fredda come la teoria del domino sono diventati strumenti di propaganda per il governo degli Stati Uniti per creare paura tra il popolo americano, al fine di ottenere il sostegno pubblico per la partecipazione degli Stati Uniti alla guerra del Vietnam. [25]
  • Nella primavera del 1995, l’ex segretario alla Difesa americano Robert McNamara disse di ritenere che la teoria del domino fosse un errore. [26] Il professor Tran Chung Ngoc, un vietnamita d’oltremare che vive negli Stati Uniti, ha affermato: “Gli Stati Uniti non hanno alcuna ragione plausibile per intervenire in Vietnam, un paese piccolo, povero e sottosviluppato che non ha alcuna capacità di fare nulla che potrebbe danneggiare l’America Pertanto, l’intervento degli Stati Uniti in Vietnam, indipendentemente dall’opinione pubblica e dal diritto internazionale, sta “usando il potere sulla giustizia”, ​​dando a se stessa il diritto di intervenire ovunque voglia l’America”. [27]

Significato della teoria del domino

La teoria del domino è significativa perché sottolinea l’importanza delle alleanze, che possono variare da alleanze canaglia ad alleanze bilaterali. Ciò implica che la teoria del domino è utile per valutare l’intento e lo scopo di un paese di stringere un’alleanza con altri, incluso un gruppo di altri paesi all’interno di una particolare regione. Sebbene l’intento e lo scopo possano differire per ogni paese, Victor Chadescrive l’alleanza bilaterale asimmetrica tra gli Stati Uniti ei paesi dell’Asia orientale come un approccio strategico, in cui gli Stati Uniti hanno il controllo e il potere di mobilitare o stabilizzare i propri alleati. Ciò è supportato dal modo in cui gli Stati Uniti hanno creato alleanze bilaterali asimmetriche con la Repubblica di Corea, la Repubblica di Cina e il Giappone “non solo per contenere, ma anche per limitare potenziali ‘alleanze canaglia’ dall’impegnarsi in comportamenti avventuristi che potrebbero entrare in contingenze militari più grandi nel regione o che potrebbe innescare un effetto domino, con i paesi asiatici che cadono nel comunismo”. [3] Dal momento che gli Stati Uniti hanno lottato con la sfida di “alleanze canaglia e la minaccia di cadute del domino combinate per produrre un temuto scenario di intrappolamento per gli Stati Uniti”, [3]la teoria del domino sottolinea ulteriormente l’importanza delle alleanze bilaterali nelle relazioni internazionali. Ciò è evidente nel modo in cui la teoria del domino ha fornito agli Stati Uniti un approccio di coalizione, in cui “ha modellato una serie di alleanze bilaterali profonde e strette” [3] con paesi asiatici tra cui Taiwan, Corea del Sud e Giappone per “controllare la loro capacità di usare la forza e promuovere la dipendenza materiale e politica dagli Stati Uniti”. [3]Quindi, questo indica che la teoria del domino aiuta a osservare l’effetto delle alleanze forgiate come un trampolino di lancio o un ostacolo all’interno delle relazioni internazionali. Ciò sottolinea la correlazione tra teoria del domino e dipendenza dal percorso, in cui un crollo retrospettivo di un paese che cade nel comunismo può non solo avere effetti negativi per altri paesi ma, cosa più importante, sulla propria portata decisionale e competenza nel superare le sfide presenti e future. Pertanto, la teoria del domino è indubbiamente una teoria significativa che si occupa della stretta relazione tra micro-causa e macro-conseguenza, dove suggerisce che tali macro-conseguenze possono avere ripercussioni a lungo termine.

Applicazioni al comunismo al di fuori del sud-est asiatico

Michael Lind ha affermato che sebbene la teoria del domino abbia fallito a livello regionale, c’è stata un’ondata globale, quando i regimi comunisti o socialisti sono saliti al potere in Benin , Etiopia , Guinea-Bissau , Madagascar , Capo Verde , Mozambico , Angola , Afghanistan , Grenada e Nicaraguadurante gli anni ’70. L’interpretazione globale dell’effetto domino si basa fortemente sull’interpretazione “di prestigio” della teoria, il che significa che il successo delle rivoluzioni comuniste in alcuni paesi, sebbene non abbia fornito supporto materiale alle forze rivoluzionarie in altri paesi, ha contribuito al sostegno morale e retorico .In questo senso, il rivoluzionario argentino Che Guevara ha scritto un saggio, il “Messaggio al Tricontinentale”, nel 1967, chiedendo “due, tre … molti Vietnam” in tutto il mondo. [28] Lo storico Max Boot scrisse: “Alla fine degli anni ’70, i nemici dell’America presero il potere in paesi dal Mozambico all’Iran al Nicaragua. Gli ostaggi americani furono sequestrati a bordo della SS Mayaguez (al largo della Cambogia) ea Teheran. L’ esercito sovietico invase l’Afghanistan . Lì non è un collegamento ovvio con la guerra del Vietnam, ma non c’è dubbio che la sconfitta di una superpotenza abbia incoraggiato i nostri nemici a intraprendere atti di aggressione da cui altrimenti avrebbero potuto evitare”. [29]Inoltre, questa teoria può essere ulteriormente rafforzata dall’aumento degli incidenti terroristici da parte di gruppi terroristici di sinistra nell’Europa occidentale, finanziati in parte dai governi comunisti, tra gli anni ’60 e ’80. [30] [31] [32] In Italia, questo include il rapimento e l’assassinio dell’ex primo ministro italiano Aldo Moro , e il rapimento dell’ex generale di brigata statunitense James L. Dozier , da parte delle Brigate Rosse .Nella Germania occidentale, questo include le azioni terroristiche della fazione dell’Armata Rossa . Nell’estremo oriente l’ Armata Rossa giapponese compì atti simili. Tutti e quattro, così come altri, hanno lavorato con vari terroristi arabi e palestinesi, che come le brigate rosse erano appoggiati dal blocco sovietico.

Nelle interviste a Frost/Nixon del 1977 , Richard Nixon difese la destabilizzazione del regime di Salvador Allende da parte degli Stati Uniti in Cile sulla base della teoria del domino. Prendendo in prestito una metafora che aveva sentito, ha affermato che un Cile comunista e Cuba avrebbero creato un “panino rosso” che potrebbe intrappolare l’America Latina tra di loro. [33] Negli anni ’80, la teoria del domino fu nuovamente utilizzata per giustificare gli interventi dell’amministrazione Reagan in Centro America e nella regione dei Caraibi .

Nelle sue memorie, l’ex primo ministro rhodesiano Ian Smith ha descritto la successiva ascesa di governi autoritari di sinistra nell’Africa subsahariana durante la decolonizzazione come “la tattica del domino dei comunisti”. [34] L’istituzione di governi filo-comunisti in Tanzania (1961-1964) e Zambia (1964) e governi esplicitamente marxisti-leninisti in Angola (1975), Mozambico (1975) e infine la stessa Rhodesia (nel 1980) [35] sono citati da Smith come prova dell ‘”insidiosa invasione dell’imperialismo sovietico nel continente”. [36]

Altre applicazioni

La vignetta raffigura il presidente egiziano Hosni Mubarak come il prossimo a cadere dopo che la rivoluzione tunisina ha costretto il presidente Zine El Abidine Ben Ali a fuggire dal paese.

Vignetta politica di Carlos Latuff che applica la teoria del domino alla Primavera araba .

Alcuni analisti di politica estera negli Stati Uniti hanno indicato la potenziale diffusione sia della teocrazia islamica che della democrazia liberale in Medio Oriente come due diverse possibilità per una teoria del domino. Durante la guerra Iran-Iraq, gli Stati Uniti e altre nazioni occidentali hanno sostenuto l’ Iraq baathista , temendo la diffusione della teocrazia radicale iraniana in tutta la regione. Nell’invasione dell’Iraq del 2003 , alcuni neoconservatori hanno sostenuto che l’attuazione di un governo democratico aiuterebbe a diffondere la democrazia e il liberalismo in tutto il Medio Oriente. Questa è stata definita una “teoria del domino inverso” [37] o una “teoria del domino democratico” [38]così chiamato perché i suoi effetti sono considerati positivi, non negativi, dagli stati democratici occidentali.

Una conversazione razionale sulla Cina, Di Vijay Prashad

Gli Stati Uniti stanno provocando un conflitto a causa delle proprie ansie per i progressi economici di Pechino, scrive Vijay Prashad. Non dobbiamo lasciarci trascinare.

Wang Bingxiu dello Shuanglang Farmer Painting Club, Prefettura autonoma di Dali Bai, Cina, senza titolo, 2018.

Mentre la leader del Congresso statunitense Nancy Pelosi  è arrivata  a Taipei, le persone in tutto il mondo hanno trattenuto il respiro. La sua visita è stata un atto di provocazione. Nel dicembre 1978, il governo degli Stati Uniti, a seguito di una decisione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite  nel 1971,  ha riconosciuto  la Repubblica popolare cinese, annullando i suoi precedenti obblighi del trattato nei confronti di Taiwan.

Nonostante ciò, il presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter  ha firmato  il Taiwan Relations Act (1979), che ha consentito ai funzionari statunitensi di mantenere stretti contatti con Taiwan, anche attraverso la vendita di armi. Questa decisione è degna di nota poiché Taiwan era sotto la legge marziale dal 1949 al 1987, richiedendo un normale fornitore di armi.

Il viaggio di Pelosi a Taipei faceva parte della continua provocazione statunitense nei confronti della Cina. Questa campagna include il “perno per l’Asia” dell’ex presidente Barack Obama, la ” guerra commerciale ” dell’ex presidente Donald Trump , la creazione di partenariati per la sicurezza – il  Quad  e  l’ AUKUS – e la graduale  trasformazione  della NATO in uno strumento contro la Cina. Questa agenda continua con la valutazione del presidente Joe Biden  secondo  cui la Cina deve essere indebolita poiché è “l’unico concorrente potenzialmente in grado di combinare il suo potere economico, diplomatico, militare e tecnologico per lanciare una sfida duratura” al sistema mondiale dominato dagli Stati Uniti.

La Cina non ha usato la sua potenza militare per impedire a Pelosi e ad altri leader del Congresso degli Stati Uniti di recarsi a Taipei. Ma, quando se ne sono andati, il governo cinese ha  annunciato  che avrebbe interrotto otto aree chiave di cooperazione con gli Stati Uniti, inclusa l’annullamento degli scambi militari e la sospensione della cooperazione civile su una serie di questioni, come il cambiamento climatico. Ecco cosa ha fatto il viaggio di Pelosi: più confronto, meno collaborazione.

In effetti, chiunque sostenga una maggiore cooperazione con la Cina è diffamato dai media occidentali così come dai media alleati occidentali del Sud del mondo come un “agente” della Cina o un promotore della “disinformazione”. Ho risposto ad alcune di queste accuse sul Sunday Times del Sud Africa il  7 agosto. L’ articolo  segue:

Ghazi Ahmet, Regione autonoma uigura dello Xinjiang, Cina, “Muqam”, 1984.

Un nuovo tipo di follia si insinua nel discorso politico globale, una nebbia velenosa che soffoca la ragione. Questa nebbia, che è stata a lungo marinata nelle vecchie, brutte idee di supremazia bianca e superiorità occidentale, sta offuscando le nostre idee di umanità. La malattia generale che ne deriva è un profondo sospetto e odio per la Cina, non solo per la sua attuale leadership o anche per il sistema politico cinese, ma per l’intero paese e per la civiltà cinese, odio per  qualsiasi cosa abbia  a che fare con la Cina.

Questa follia ha reso impossibile avere una conversazione adulta sulla Cina. Parole e frasi come “autoritario” e “genocidio” vengono sparpagliate senza alcuna cura di accertare i fatti. La Cina è un paese di 1,4 miliardi di persone, un’antica civiltà che ha sofferto, come gran parte del Sud del mondo, un secolo di umiliazioni, in questo caso dalle guerre dell’oppio inflitte dagli inglesi (iniziate nel 1839) fino alla rivoluzione cinese del 1949, quando il leader Mao Zedong annunciò deliberatamente che il popolo cinese si era alzato in piedi.

Da allora, la società cinese è stata profondamente trasformata utilizzando la sua ricchezza sociale per affrontare i problemi secolari della fame, dell’analfabetismo, dello sconforto e del patriarcato.

Come per tutti gli esperimenti sociali, ci sono stati grandi problemi, ma questi sono prevedibili da qualsiasi azione umana collettiva. Piuttosto che vedere la Cina sia per i suoi successi che per le sue contraddizioni, questa follia dei nostri tempi cerca di ridurre la Cina a una caricatura orientalista: uno stato autoritario con un’agenda genocida che cerca il dominio globale.

Questa follia ha un preciso punto di origine negli Stati Uniti, le cui élite al potere sono fortemente minacciate dai progressi del popolo cinese, in particolare nella robotica, nelle telecomunicazioni, nei treni ad alta velocità e nella tecnologia informatica.

Questi progressi rappresentano una minaccia esistenziale ai vantaggi a lungo goduti dalle società occidentali, che hanno beneficiato di secoli di colonialismo e della camicia di forza delle leggi sulla proprietà intellettuale. La paura della propria fragilità e l’integrazione dell’Europa negli sviluppi economici eurasiatici ha portato l’Occidente a lanciare una  guerra dell’informazione  contro la Cina.

Questa ondata di marea ideologica sta travolgendo la nostra capacità di avere conversazioni serie ed equilibrate sul ruolo della Cina nel mondo. I paesi occidentali con una lunga storia di colonialismo brutale in Africa, ad esempio, ora denigrano regolarmente quello che chiamano colonialismo cinese in Africa senza alcun riconoscimento del proprio passato o della radicata presenza militare francese e statunitense in tutto il continente.

Accuse di “genocidio”: sono sempre rivolte ai popoli più oscuri del mondo – sia nel Darfur che nello Xinjiang – ma mai contro gli Stati Uniti, la cui guerra illegale contro l’Iraq da solo ha provocato la morte di oltre un milione di persone.

La Corte penale internazionale, intrisa di eurocentrismo, incrimina un leader africano dopo l’altro per crimini contro l’umanità, ma non ha mai incriminato un leader occidentale per le sue infinite guerre di aggressione.

Dedron, Regione autonoma del Tibet, Cina, senza titolo, 2013.

La nebbia di questa Nuova Guerra Fredda ci sta avvolgendo oggi. Recentemente, su The  Daily Maverick  e  Mail & Guardian , sono stato accusato di promuovere la “propaganda cinese e russa” e di avere stretti legami con il partito-stato cinese. Qual è la base di queste affermazioni?

In primo luogo, elementi dell’intelligence occidentale tentano di bollare qualsiasi dissenso contro l’assalto occidentale alla Cina come disinformazione e propaganda. Ad esempio, il mio rapporto del dicembre 2021   dall’Uganda ha smentito la falsa affermazione secondo cui un prestito cinese al paese cercava di rilevare il suo unico aeroporto internazionale come parte di un dannoso “progetto di trappola del debito”, una narrazione che è stata anche ripetutamente smentita dai principali Stati Uniti studiosi.

Attraverso conversazioni con funzionari del governo ugandese e dichiarazioni pubbliche del ministro delle finanze Matia Kasaija, ho scoperto, tuttavia, che l’accordo era poco compreso dallo stato, ma che non c’era dubbio sul sequestro dell’aeroporto internazionale di Entebbe.

Nonostante il fatto che l’intera storia di Bloomberg su questo prestito sia stata costruita su una bugia, non sono stati asfaltati dall’insulto di “portare acqua per Washington”. Questo è il potere della guerra dell’informazione.

In secondo luogo, c’è un’affermazione sui miei presunti legami con il Partito Comunista Cinese basata sul semplice fatto che ho rapporti con intellettuali cinesi e ho un incarico non retribuito al Chongyang Institute for Financial Studies presso la Renmin University, un importante think tank con sede a Pechino.

Yang Guangqi dello Shuanglang Farmer Painting Club, Prefettura autonoma di Dali Bai, Cina, Senza titolo, 2018.

Tuttavia, molte delle pubblicazioni sudafricane che hanno fatto queste affermazioni oltraggiose sono principalmente finanziate dalle Open Society Foundations di George Soros. Soros ha preso il nome della sua fondazione dal libro di Karl Popper,  The Open Society and Its Enemies  (1945), in cui Popper ha sviluppato il principio della “tolleranza illimitata”. Popper ha sostenuto per il massimo dialogo e che le opinioni contro le proprie dovrebbero essere contrastate “con argomentazioni razionali”.

Dove sono gli argomenti razionali qui, in una campagna diffamatoria che dice che il dialogo con gli intellettuali cinesi è in qualche modo off-limits ma la conversazione con i funzionari del governo degli Stati Uniti è perfettamente accettabile?

Quale livello di apartheid di civiltà viene prodotto qui, dove i liberali in Sud Africa stanno promuovendo uno “scontro di civiltà” piuttosto che un “dialogo tra civiltà?”

I paesi del Sud del mondo possono imparare molto dagli esperimenti cinesi con il socialismo. Il suo sradicamento della povertà estrema durante la pandemia – un risultato celebrato dalle Nazioni Unite – può insegnarci come affrontare fatti ostinati simili nei nostri paesi (motivo per cui Tricontinental: Institute for Social Research ha prodotto uno  studio dettagliato  sulle tecniche utilizzate dalla Cina per raggiungere questa impresa).

Nessun paese al mondo è perfetto e nessuno è al di sopra delle critiche. Ma sviluppare un atteggiamento paranoico nei confronti di un paese e tentare di isolarlo è socialmente pericoloso.

I muri devono essere abbattuti, non costruiti. Gli Stati Uniti stanno provocando un conflitto a causa delle proprie ansie per i progressi economici della Cina: non dovremmo essere coinvolti come utili idioti. Abbiamo bisogno di una conversazione adulta sulla Cina, non impostaci da interessi potenti che non sono i nostri.

Vijay Prashad, storico, giornalista e commentatore indiano, è il direttore esecutivo di  Tricontinental: Institute for Social Research e caporedattore di Left Word Books.

Questo articolo è tratto da Tricontinental: Institute for Social Research . 

https://consortiumnews.com/2022/08/12/a-rational-conversation-about-china/

IL MODO “RIVOLUZIONARIO” IN CUI LA RUSSIA HA COMBATTUTO LA SUA GUERRA IN UCRAINA, di Leon Tressell

L’ALTO UFFICIALE DEL CORPO DEI MARINES DEGLI STATI UNITI ESPRIME AMMIRAZIONE PER IL MODO “RIVOLUZIONARIO” IN CUI LA RUSSIA HA COMBATTUTO LA SUA GUERRA IN UCRAINA

L'alto ufficiale del Corpo dei Marines degli Stati Uniti esprime ammirazione per il modo "rivoluzionario" in cui la Russia ha combattuto la sua guerra in Ucraina

dal dottor Leon Tressell

Alla gente comune in Occidente che legge e ascolta i media mainstream è stata presentata una serie di narrazioni sulla guerra in Ucraina. A quanto pare, la Russia ha perso la sua guerra in Ucraina sin dai primi giorni del conflitto.  La prova a sostegno di ciò è il fatto che la Russia apparentemente non è riuscita a conquistare Kiev e altre città del nord nelle prime settimane del conflitto. Durante il suo tentativo fallito di conquistare Kiev e altre città del nord, le truppe russe hanno commesso numerosi crimini di guerra a causa degli attacchi di artiglieria e missili che hanno lanciato contro infrastrutture civili e aree residenziali. Ad aggravare le cose, le forze armate russe hanno subito perdite sbalorditive, alti tassi di diserzione e i suoi generali sono un insieme di pazzi pasticcioni che non sono stati in grado di organizzare alcolici in una fabbrica di birra. Apparentemente, è solo questione di tempo prima che le malvagie orde russe vengano respinte oltre il confine con la coda tra le gambe a causa di una combinazione di coraggio ucraino e armi occidentali.

L'alto ufficiale del Corpo dei Marines degli Stati Uniti esprime ammirazione per il modo "rivoluzionario" in cui la Russia ha combattuto la sua guerra in Ucraina

 

Il quadro che è stato presentato della guerra in Ucraina è completamente in contrasto con la realtà della situazione sul campo. Sorprendentemente, le informazioni che supportano questa affermazione, che mina totalmente le narrazioni dei media occidentali sulla guerra, sono fornite da un articolo nell’edizione di agosto della United States Marine Corps Gazette. Scrivendo sotto lo pseudonimo di Marinus, un alto ufficiale del corpo dei marine, fornisce un’analisi obiettiva della strategia militare russa dalla fine di febbraio. Mina totalmente le narrazioni fornite dai media occidentali e dai politici pro Washington.

Marinus osserva come la Russia abbia perseguito tre distinte campagne militari dall’inizio della guerra alla fine di febbraio 2022. Nel nord, le truppe russe in rapido movimento non hanno mai tentato di catturare città come Kiev o Kharkov, non hanno mai tentato di convertire l’occupazione temporanea in possesso permanente . Il loro intero scopo era quello di agire come un “grande inganno” che ha portato il governo di Kiev a deviare grandi forze dal suo principale esercito sul campo nel Donbass. Ciò ha dato all’esercito russo il tempo di schierare le sue unità di artiglieria in gran numero nel Donbass, proteggere le reti di trasporto e accumulare grandi quantità di munizioni per la lunga campagna a venire.

Nella campagna del sud le forze armate russe “hanno preso immediatamente possesso di città comparabili”. Ciò è stato accompagnato da una profonda trasformazione politica in base alla quale i funzionari russi hanno preso il controllo del governo locale e le banche e i fornitori di telefoni cellulari ucraini sono stati sostituiti con quelli russi. Parallelamente, le forze russe hanno condotto incursioni nelle vicinanze della città di Mikolaiv. Queste incursioni, come quelle intorno alle città del nord, hanno costretto l’esercito ucraino a inviare forze per difendere Mikolaiv e Odessa che altrimenti avrebbero potuto essere inviate al principale teatro delle operazioni nel Donbass.

L'alto ufficiale del Corpo dei Marines degli Stati Uniti esprime ammirazione per il modo "rivoluzionario" in cui la Russia ha combattuto la sua guerra in Ucraina

 

Marinus ha sottolineato come questi raid russi sia nel nord che nel sud dell’Ucraina abbiano evitato pesanti bombardamenti di aree civili, il che contraddice direttamente la propaganda dei media occidentali sugli attacchi russi alle aree civili. Osserva che questo tentativo di evitare i bombardamenti delle aree civili nel nord “deriva dal desiderio di evitare di inimicarsi la popolazione locale” che sosteneva il governo di Kiev. Marinus afferma che nel sud le forze russe hanno tentato di preservare le vite e le proprietà delle comunità che si sono identificate come “russe”.

Osserva come l’uso russo di attacchi missilistici guidati “ha creato una serie di effetti morali favorevoli allo sforzo bellico russo”. Marinus sottolinea come gli attacchi missilistici guidati russi abbiano fatto di tutto per evitare danni collaterali, ad esempio vittime civili, a causa del loro uso giudizioso degli obiettivi militari e della precisione dei missili. Osserva che occasionalmente gli attacchi della Russia a “strutture a duplice uso” come la torre principale della TV a Kiev hanno minato i “vantaggi raggiunti dalla politica generale russa di limitare gli attacchi missilistici a ovvi obiettivi militari”.

Nell’est dell’Ucraina, nella regione del Donbass, le forze russe hanno condotto bombardamenti “che, in termini sia di durata che di intensità, rivaleggiavano con quelli delle grandi gare di artiglieria delle guerre mondiali del XX secolo”. Resi possibili dalle scarse linee di rifornimento, questi pesanti bombardamenti nel Donbass servivano a tre scopi. In primo luogo, hanno bloccato la fanteria ucraina nelle loro fortificazioni. In secondo luogo, hanno inflitto un gran numero di vittime sia fisiche che psicologiche. L’effetto psicologico ha portato molte unità ucraine a ritirarsi e ad abbandonare le loro posizioni oa rifiutare l’ordine di attaccare. In terzo luogo, se condotti per un periodo di tempo sufficiente, questi bombardamenti hanno costretto i difensori a ritirarsi dalle loro trincee o ad arrendersi.

Marinus confronta la portata del bombardamento russo nel Donbass confrontando la lotta per la città di Popasna (dal 18 marzo al 7 maggio 2022) con la battaglia di Iwo Jima (dal 19 febbraio al 26 marzo 1945). A Iwo Jima i marines americani hanno combattuto una feroce battaglia per catturare otto miglia quadrate di terreno fortificato. A Popasna i cannonieri russi hanno bombardato la fanteria ucraina nelle loro trincee per otto settimane prima che si ritirassero dopo aver subito pesanti perdite.

L'alto ufficiale del Corpo dei Marines degli Stati Uniti esprime ammirazione per il modo "rivoluzionario" in cui la Russia ha combattuto la sua guerra in Ucraina

 

Le operazioni offensive della Russia nell’est dell’Ucraina sono state criticate da molti, sia filoucraini che filorussi, in quanto lente e ponderose. Marinus contrasta le operazioni russe nel Donbass con la guerra sul fronte orientale durante la seconda guerra mondiale, dove sia le forze tedesche che quelle russe fecero ampio uso di calderoni dove le forze nemiche furono circondate e poi distrutte o costrette ad arrendersi. Osserva che:

“La libertà dal desiderio di creare calderoni il più rapidamente possibile ha sollevato i russi che combattevano nell’Ucraina orientale dalla necessità di mantenere un particolare pezzo di terreno. Pertanto, di fronte a un determinato attacco ucraino, i russi spesso ritiravano i loro carri armati e le unità di fanteria dal terreno conteso. In questo modo, entrambi hanno ridotto il pericolo per le proprie truppe e creato situazioni, per quanto brevi, in cui gli attaccanti ucraini hanno affrontato proiettili e razzi russi senza il beneficio di un riparo.”

Questo punto contrasta anche tutta la trionfante propaganda occidentale che proclama grandi sconfitte per la Russia quando le forze ucraine ottengono vittorie tattiche minori e la Russia ritira le truppe da una posizione. Il ritiro russo da Snake Island è un buon esempio calzante.

Nella sezione finale del suo articolo, Marinus sottolinea il netto contrasto tra i diversi tipi di guerra condotti dalle forze russe in diverse parti dell’Ucraina. Facevano tutti parte di una grande strategia generale il cui obiettivo principale era distruggere le forze ucraine nel Donbass e liberare le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk dal controllo di Kiev.

I tre obiettivi chiave della Russia dell'”operazione militare speciale”, la protezione del DPR/LPR, la denazificazione” e la “smilitarizzazione” dell’Ucraina richiedevano “l’infliggere pesanti perdite alle formazioni ucraine che combattevano nel Donbass”. Marinus si sforza di sottolineare che nessuno di questi obiettivi chiave richiedeva alle forze russe di occupare parti dell’Ucraina dove la maggior parte della popolazione si identificava come ucraina e sosteneva il governo di Kiev. Ancora una volta, questo è un punto perso dai cosiddetti analisti militari dei media occidentali. Tuttavia, nel sud dell’Ucraina la campagna di Russia ha servito obiettivi politici diretti che erano di incorporare i territori abitati da un gran numero di russi etnici nel “mondo russo”.

L'alto ufficiale del Corpo dei Marines degli Stati Uniti esprime ammirazione per il modo "rivoluzionario" in cui la Russia ha combattuto la sua guerra in Ucraina

 

In conclusione, questo alto ufficiale di marina dichiara che la campagna militare russa deve molto ai tradizionali modelli di guerra sovietici. Tuttavia, continua esprimendo la sua ammirazione per la natura unica dell’attuale campagna militare combattuta dalle forze russe in Ucraina:

“Allo stesso tempo, il programma di attacchi missilistici sfruttava una capacità a dir poco rivoluzionaria. Che siano nuovi o vecchi, tuttavia, questi sforzi componenti sono stati condotti in modo tale da dimostrare un profondo apprezzamento per tutti e tre i regni in cui si combattono le guerre. Cioè, i russi raramente dimenticavano che, oltre ad essere una lotta fisica, la guerra è sia una gara mentale che un argomento morale.”

https://southfront.org/us-marine-corps-officer-expresses-admiration/

1 2 3 209