Ucraina, il conflitto 8a puntata con Max Bonelli

Siamo alla ottava puntata. La dinamica sul fronte orientale ucraino sta subendo una accelerazione. Ad un parziale ripiegamento in alcuni settori corrisponde la chiusura in sacche di importanti settori dell’esercito ucraino. Il prezzo pagato è comunque pesante, non solo per il numero di vittime e le perdite di materiale, quanto per le perdite tra le truppe meglio addestrate e motivate. Nel frattempo cade un altro punto fondamentale della narrazione occidentale. A giudicare dai comportamenti ormai documentati, le vere truppe di occupazione in quell’area sono quelle dell’esercito ucraino. La sorprendente selettività degli attacchi russi è in gran parte dovuta alle informazioni fornite dalla stessa popolazione. Nel frattempo emergono altre inquietanti verità dai sotterranei dell’acciaieria Azovstal di Mariupol; l’esistenza di forni crematori e la testimonianza della presenza di militari scelti americani, probabilmente cecchini, tra i corpi carbonizzati. Al momento non si può aggiungere altro. Ecco il video: https://vk.com/video-177555762_456256395 

Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v1a26rq-ucraina-il-conflitto-8a-puntata-con-max-bonelli.html

 

 

Stati Uniti, diritti umani, assetti istituzionali e miserie personali_con Gianfranco Campa

La notizia del giorno proveniente dagli Stati Uniti in grado di scaldare gli animi e scatenare la tifoseria è la decisione della Corte Suprema in materia di interruzione di gravidanza. Problema mal posto. I giudici hanno in realtà sentenziato sulla istituzione di competenza a trattare dell’argomento, così come hanno deciso in analogia sul problema della detenzione personale delle armi. Una questione politica dirimente, molto più divisiva e sostanziale che investe la natura federale degli Stati Uniti. Si tratta quindi di un tema continuamente presente sin dalle origini nel confronto politico di quel paese e che nelle fasi di transizione assume toni conflittuali estremi. E’ uno dei temi che dividono gli Stati Uniti in maniera violenta anche in questi ultimi anni e che è alla base del sorgere e della affermazione del movimento di Trump. La commissione di inchiesta sui fatti del 6 gennaio al Campidoglio ne diventa il corollario quasi obbligato. I dilemmi sulle strategie in politica estera e sulle politiche economiche-sociali in una formazione sociale così polarizzata e squilibrata sono l’humus che alimenta e accende questa diatriba endemica nel corso di questi tre secoli. Chiavi interpretative che consentono di superare il gossip al quale ci sta abituando da anni una stampa istituzionale mai così faziosa e superficiale. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v19wtcr-stati-uniti-diritti-assetti-e-miserie-personali-con-gianfranco-campa.html

 

ESERCIZIO DI STORIA CONTROFATTUALE, di Pierluigi Fagan

La c.d. “storia controfattuale” è un esercizio del pensiero basato sulla domanda: “che cosa sarebbe successo se…”. Può avere diversi usi e fini, può servire ad esplorare in ipotesi percorsi alternativi, bivi in cui invece che A se B, anche per capire meglio cosa si è rischiato o cosa si è perduto seguendo un diverso percorso che è stato poi quello della storia fattuale.
Faremo l’esercizio domandandoci “che cosa sarebbe successo se… l’Europa avesse proposto all’Ucraina di rinunciare alla propria volontà di candidarsi per l’entrata nella NATO in cambio del riconoscimento dello status di candidato ad entrare nell’UE prima del 24 febbraio scorso?”. Aggiungendovi una subordinata ovvero l’imposizione come inizio del percorso auspicato, di un ritorno ad un tavolo di trattativa intitolato Minsk3, ovviamente previa verifica di pari volontà da parte della Russia.
Molti commentatori della guerra in Ucraina sembrano essersi svegliati ovvero aver preso in oggetto l’argomento, il 25 febbraio. È quello che intenzionalmente la centrale psico-cognitiva che indirizza il campo del discorso pubblico ha stressato in tutti i modi imponendo il frame “aggressore-aggredito”. Non doveva esserci storia pregressa a confondere giudizi ed opinioni, sebbene mai s’è visto alcun fenomeno del mondo, naturale o storico, privo di catene causative precedenti.
È così sfuggito a questi commentatori del giorno dopo che, a suo tempo, Germania e Francia, avevano sovrainteso a processi diplomatici di mediazione sulla difficile convivenza tra i due stati confinanti. Si era anche giunti ad accordi che poi non sono stati implementati, si dice “dall’una e dell’altra parte”. Sospendiamo analisi e giudizio su questo fatto che gli accordi vennero traditi “dall’una e dall’altra parte” e concentriamoci sulla domanda “cosa hanno fatto Francia e Germania che si erano posti a mediatori e garanti degli accordi?”. Niente.
Ma come? Se ti poni a ruolo e garanzia di un accordo di mediazione, ne sei tutore ed arbitro. Se l’accordo è infranto, l’arbitro dovrebbe comminare una punizione, altrimenti che arbitro è? Abbiamo poi scoperto che esiste uno strumento di pressione nelle relazioni internazionali, le sanzioni. Perché non si applicarono sanzioni a coloro che secondo gli arbitri avevano disatteso gli accordi? La guerra in corso ha radici nel fallimento del Protocollo Minsk 2, quindi un Minsk 3 avrebbe dovuto sostituirlo, ma pare che ad un certo punto, a Germania e Francia, il ruolo di mediatori garanti è cominciato a pesare e si sono defilate. Molte forze, dall’anglosfera ai paranoici-bellicosi paesi euro-baltici, dall’estremismo fascio-nazionalista ucraino a settori russi e financo delle due future auto-proclamate repubbliche secessioniste, hanno lavorato contro. Ma ogni accordo che tenta di trovare una soluzione mediana al sottostante conflitto implicito ha forze contrarie ovvero più favorevoli al conflitto che agli accordi.
Un ipotetico Minsk 3 avrebbe dovuto e potuto mettere sul piatto degli incentivi non solo la buona volontà e la semplice razionalità che le guerre è meglio evitarle, logica che ai tempi sembrava ben condivisa da ucraini e russi, ma proprio il riconoscimento dello status di candidato all’UE, sogno unificante gli ucraini e già motivo apparente del pasticcio Maidan che cambiò radicalmente il corso politico ucraino. Le sanzioni potevano, al tempo, esser lo strumento punitivo e correttivo per legare i contendenti all’accordo. Sappiamo tutti bene che il “riconoscimento” ha valore più simbolico che altro, dà forma alla scarsa sostanza delle aspettative, ma politicamente ha un suo peso in tutta evidenza.
Evidenza che però ci è chiara solo oggi dopo migliaia di morti, distruzione materiale, avvelenamento diplomatico, svolte insensate verso economia di guerra e ripresa di spesa militare in tempi in cui l’economia va male di suo e l’inflazione, la climatologia, la complessità geopolitica crescente per sue dinamiche endogene, promettono tempi ancor più complicati.
Il fatto assai semplice è che così come con la finta logica dell’aggredito-aggressore, oggi si dice che non potrà esserci alcuna pace tra i due contendenti visto che i russi vogliono la Novorossiya e gli ucraini cacciarli dal territorio fino anche alla ripresa della Crimea. Eppure, appena due anni fa, un presidente ucraino anche più nazionalista di Zelensky e lo stesso Putin per parte russa, quegli accordi li avevano firmati. Putin non vagheggiava di diventare il nuovo zar di tutte le Russia e gli ucraini avevano ingoiato il rospo della Crimea senza neanche un ruttino, ai tempi?
La verità è che tali questioni “prima” hanno margini di manovra diplomatica stante che secondo logica reale e non fittizia, ucraini e russi sapevano che trovare una quadra era ben meglio che ficcarsi nel pasticcio che oggi vediamo compiersi, “dopo” no.
La conclusione dell’esercizio allora ci sembra esser che Francia e Germania, ai tempi pure convinte che loro erano l’Europa e gli altri erano comparse di secondo piano, hanno fallito tragicamente. L’Europa ha fallito tragicamente, le sue élite, le sue opinioni pubbliche, i suoi intellettuali privi di intelletto e soprattutto onestà intellettuale nel riconoscere le ampie voragini di conoscenza che fanno di questo intelletto contemporaneo un emmenthal svizzero con più buchi che formaggio, più forma che sostanza.
Una meta-conclusione dell’esercizio ci dice anche un’altra cosa utile: noi siamo irriflessivi. Noi esuberiamo nell’esercizio critico, ma se l’esercizio critico non lo applichiamo mai a sé stesso, se cioè non critichiamo la facoltà critica per vedere dove ha sbagliato, cosa non ha considerato, cosa ci siamo dimenticati di considerare, noi ci perdiamo il contenuto del nostro pensare e del nostro dire. Non apprendiamo dagli errori e così, come diceva Santayana: “Chi non conosce la storia è destinato a ripeterla”.
Un bel modo per affrontare l’era complessa, una vera e propria garanzia di catastrofe annunciata. Ah, dimenticavo, gli Accordi di Minsk scadevano il 22 febbraio 2022.

 

Kaliningrad e Ucraina! Ovvero, la mancanza di senso della tragedia_con Augusto Sinagra

Questa settimana ha conosciuto un fatto di inaudita e provocatoria evidenza: il blocco del transito di merci dirette a Kaliningrad e soggette a sanzioni. Un atto provocatorio, di fatto una dichiarazione di guerra alla Russia, senza alcun fondamento giuridico pur nella logica, essa stessa discutibile, delle sanzioni alla Russia. Una aperta violazione degli accordi di transito che garantiscono l’accesso all’enclave dal territorio russo, sottoscritti negli anni ’90. Il livello delle provocazioni si è ulteriormente alzato; gli agenti sempre più esposti sono gli staterelli baltici e la Polonia, interlocutori privilegiati e maggiormente beneficiati dal sostegno statunitense, in grado di trascinare il resto della NATO e della UE in questa politica avventurista. L’ennesima riprova dell’effettiva ragione di esistere di organizzazioni come la NATO e la UE. Colpisce l’assoluta mancanza di senso della tragedia che dovrebbe guidare scelte così gravi. Per alcuni è vera e propria inconsapevolezza delle implicazioni; per altri puro e semplice cinismo volto ad alimentare un conflitto nel quale sacrificare i propri “amici” europei. In quale categoria dovremo inserire i vari decisori, responsabili di tali condotte? Un utile esercizio necessario a contrastare l’eventuale successo di future probabili operazioni trasformistiche a disastro compiuto. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v19tipd-kaliningrad-ovvero-la-mancanza-di-senso-della-tragedia-con-augusto-sinagra.html

19 giugno 2022 Crisi di regime: 2022 come 1877, di André Larané

Gli Amici di Herodote.net hanno potuto intravedere nel nostro editoriale del 19 gennaio 2022 il terremoto politico che sta scuotendo la Francia. Herodote.net aveva quindi anticipato l’elezione di un’Assemblea senza maggioranza. Cinque mesi dopo, questa Assemblea è in vigore. Segue de facto la fine del regime presidenziale stabilito dal generale de Gaulle. Questa situazione è paragonabile a quella della Terza Repubblica dopo la crisi del 16 maggio 1877, che vide il presidente Mac-Mahon rinunciare alle sue prerogative a favore della Camera dei Deputati…

La presidenza Macron come la presidenza Mac-Mahon?Il 19 gennaio scrivevo: «Non è affatto certo che il presidente riacquisti la maggioranza parlamentare perché non beneficerà più di alcuno stato di grazia e i candidati del suo partito saranno giudicati sul loro curriculum e su quello del precedente durata quinquennale. »

Concludo l’analisi con queste parole: “Dopo le elezioni presidenziali che si preannunciano molto noiose, non si può escludere a giugno un risveglio della democrazia con accesi dibattiti in ciascuna delle 577 circoscrizioni. Il confronto tra Emmanuel Macron e il suo lontano predecessore Patrice de Mac-Mahon assumerebbe poi il suo pieno significato se, per caso, il presidente dovesse confrontarsi con un’Assemblea meno conciliante di quella attuale. »

La situazione incombente, infatti, non ha nulla a che vedere con le precedenti convivenze della Quinta Repubblica. Ciò ha portato a un’opposizione tra due blocchi ben strutturati: sinistra e destra, con leader assertivi alla testa: Mitterrand e Chirac, Chirac e Jospin.

Niente del genere oggi. Non sta emergendo alcuna coalizione di governo in stile tedesco o italiano. A sinistra, il Nupes (142 seggi) agglomera partiti che non smettono mai di disgregarsi (socialisti, comunisti, ecologisti, nuova sinistra razzista); a destra, i repubblicani (64 seggi), troppo pochi per governare, sono divisi sull’atteggiamento da assumere nei confronti del presidente. All’estrema destra, il  Raduno Nazionale , con i suoi 89 posti, sarà in posizione di arbitro sulle fatture delicate.

L’alleanza centrista Insieme! (246 seggi) rimane lontana dalla maggioranza assoluta (289 seggi). Al suo interno, il partito presidenziale LREM (170 seggi) dovrà fare i conti con i suoi alleati, il Modem di François Bayrou e gli Orizzonti di Édouard Philippe. A peggiorare le cose, questo partito è destinato a scomparire al termine del mandato di cinque anni, quando il suo leader Emmanuel Macron si ritirerà dalla competizione come previsto dalla Costituzione. Questa prospettiva non può motivare i suoi vice…

Nessun leader di partito è un leader. Jean-Luc Mélenchon , abile stratega, disdegnava di essere eletto all’Assemblea e rischia di essere superato dall’età (70). Quanto a Marine Le Pen, leader del Rassemblement National , il suo tratto più sorprendente non è la rabbia per vincere nonostante l’indefettibile sostegno delle classi lavoratrici, disorientate dall’accelerato degrado del Paese. Emmanuel Macron , infine, non avrà altra scelta che “sottomettersi” come il maresciallo Patrice de Mac-Mahon e tutti i suoi successori della Terza Repubblica prima di lui.

Siamo entrati in un sistema parlamentare senza maggioranza. La Francia dovrà essere gestita a pezzi, senza visione né prospettiva (non osiamo immaginare cosa sarebbe successo con un voto proporzionale ). Questa è la configurazione peggiore nella multiforme crisi che la Francia e l’Europa stanno vivendo.

Il 22 gennaio 2015, Herodote.net si chiedeva se il 2015 avrebbe segnato una nuova rottura storica come l’Europa sperimenta ogni secolo (1914, 1815, 1713, 1618, 1519…). In effetti, eccoci qui. Testata dalle  ondate migratorie  (agosto 2015), l’Unione Europea da allora è entrata in un susseguirsi di shock: crisi greca, Brexit, Covid-19, ecc. La guerra in Ucraina ha oscurato ancora un po’ il quadro: la Russia, saldamente radicata nelle sue posizioni, ha trascinato l’Europa in una lunga guerra con conseguenze che minacciano di essere disastrose per le classi lavoratrici: penuria, inflazione, ecc.

Di fronte a tutte queste sfide, la Francia, per mancanza di un governo stabile, sarà impotente come lo è stata la Quarta Repubblica di fronte alla guerra in Algeria. Dovrà anche fare i conti con i suoi fallimenti interni: il collasso dei sistemi sanitari e educativi, il comunitarismo, la violenza. Da diversi anni, la mortalità infantilecomincia a crescere e anche indicatori sanitari come l’aspettativa di vita potrebbero deteriorarsi nei prossimi mesi (questo sarebbe senza precedenti per due secoli in tempo di pace). La violenza del 28 maggio 2022, allo Stade de France, fa temere il peggio per i Giochi Olimpici del 2024, che si svolgeranno nello stesso luogo, alle porte di Parigi. Olimpiadi sotto assedio? Sarebbe il colpo di grazia per un regime e un Paese senza fiato… Speriamo che la percezione di queste difficoltà ci porti a reagire e faccia sì che le minacce non si concretizzino.

18 ottobre 2018

Francia: dalla sovranità alla servitù volontaria?

Diciassette mesi dopo la sua elezione, il presidente Macron, come i suoi predecessori, sta cadendo nell’impopolarità. I suoi tratti caratteriali e il suo metodo di governo hanno una parte di responsabilità. Ma il malessere deriva soprattutto dall’incompatibilità tra una funzione presidenziale quasi monarchica e una libertà d’azione fortemente limitata dalle autorità europee e, in misura minore, dalla NATO e dagli Stati Uniti. In questo modo il Paese può accontentarsi di un buon manager. Non c’è bisogno che il presidente possieda, come il fondatore della Quinta Repubblica (de Gaulle), un carisma eccezionale o una visione politica a lungo termine…

Dall’affare Benalla e dalla rivelazione dell’impunità di cui gode la guardia del corpo dell’Eliseo, Emmanuel Macron sembra essere sfortunato. Dimenticato la sua intronizzazione reale nel cortile del Louvre, il ricevimento di Putin a Versailles e la stretta di mano virile a Trump. Il presidente passa di errore in errore, dal rimprovero esagerato a uno scolaro che lo aveva salutato con un familiare “Manu” al selfie tra due giovani indiani occidentali, per una volta francamente irrispettosi e volgari.

Il presidente Macron in televisione il 16 ottobre 2018Colto alla sprovvista dalle brutali dimissioni di due ministri di Stato, Nicolas Hulot (Ambiente) e Gérard Collomb (Interni), ha impiegato due settimane per ricomporre la squadra ministeriale con i “secondi coltelli” .

Queste difficoltà ricordano quelle di Nicolas Sarkozy e François Hollande. Questi presidenti hanno, per sfiga, debolezze che li rendono inadatti ad assumere la loro funzione? Anche i primi presidenti della V Repubblica avevano le loro debolezze, ma non impedivano loro di condurre fino in fondo il carro di Stato con più o meno fermezza. Solo gli ultimi due anni del secondo mandato di François Mitterrand e Jacques Chirac sono stati segnati da una grave crisi di autorità.

Ego o arbitro? Paradosso del “noi di maestà”

Abusando del  “me, io” dell’autorità ( “io voglio” , “ho deciso” ), Emmanuel Macron si pone al centro della scena con il rischio di essere accusato di tutti i fallimenti del governo. Ricordiamoci che l’unico monarca che ha così usato il “me, io” è Luigi XVI, di fronte ai deputati degli Stati Generali. Prima di lui, Luigi XIV era attento a usare sempre il “noi di maestà” , che designava non la sua persona fisica ma la sua persona morale, cioè il Trono e l’intera Nazione. Quando il re proclamò: “Abbiamo deciso…”, i suoi ascoltatori compresero che egli parlava come portavoce e arbitro di tutte le istituzioni rappresentative del regno, anche se ciò significava contraddirle in tutto o in parte. Nessuno si sognava allora di fissare la persona regale, le sue debolezze e i suoi tic, il suo umile involucro carnale. Ci siamo inchinati davanti alla figura della Nazione.
Ci rammarichiamo quindi che il Presidente della Repubblica non utilizzi più spesso il “noi” falsamente qualificato come “maestà” . Apparirebbe quindi come un arbitro che esprime un’opinione consensuale e non personale. Le sue decisioni sarebbero state accettate più facilmente ei suoi errori e passi falsi sarebbero più facilmente perdonati.

Un potere privo di contenuti

In questo 21° secolo, i presidenti possono ostentare la loro autorità a colpi di mento ai loro ministri e ai loro concittadini, ma la loro impotenza non è meno flagrante sulla scena internazionale e in materia di politica economica. Più decisivo dei tratti caratteriali l’uno dell’altro, c’è stato uno sconvolgimento a partire dagli anni ’90 che ha trasformato la presidenza della Repubblica in “missione impossibile” .

La Francia, come le altre democrazie dell’Unione Europea, ha sacrificato la propria sovranità, svuotando di sostanza i mandati elettivi e in primo luogo quello del Presidente della Repubblica. A che serve in queste condizioni un presidente che ha più potere di Luigi XIV (almeno per cinque anni) ma non può farci nulla?

In termini di valuta, politica industriale e commerciale, diritto civile, protezione delle frontiere e cittadinanza, il presidente e il suo governo non hanno praticamente alcun margine di manovra. Lo stesso in materia diplomatica, militare e strategica.

– politica non monetaria:

La moneta unica ha diviso più che mai gli Stati della zona euro. Questa moneta unica era stata voluta da François Mitterrand. Nel 1989, legato a una visione superata dell’Europa (è nato nel 1916), il presidente temeva che la Germania federale si stesse allontanando dalla Francia e dall’Europa occidentale per fondare una nuova Mitteleuropa . Ha ritenuto intelligente trattenerlo dissolvendo il marco nell’euro, come ci ricorda il filosofo Marcel Gauchet ( Capire la disgrazia francese ).

Questa moneta unica, infatti, ha avuto effetti disastrosi sulle economie europee ( Come la moneta unica sta uccidendo l’Europa ): sopravvalutata rispetto alla Francia e sottovalutata rispetto alla Germania, è responsabile di uno squilibrio commerciale tra i due paesi che continua a crescere .

Incapace di ristabilire l’equilibrio con un semplice adeguamento dei tassi di cambio, il governo francese si riduce da un lato a promettere aiuti ai contadini sovraindebitati per dissuaderli dal suicidio, dall’altro ad aiutare i lavoratori a negoziare al meglio il loro TFR!

Dovendo peraltro colmare il deficit monetario causato dall’eccesso di importazioni, dovette indebitarsi massicciamente dall’estero e si consolava dicendo che la buona immagine dei banchieri di Francoforte con fondi speculativi gli permetteva di ottenere tassi di interesse moderati. Ci confortiamo a vicenda come meglio possiamo.

Questo non basta per accrescere il prestigio della classe politica, tanto più che è stata largamente ingannata dalle promesse della moneta unica: convergenza delle economie europee e prosperità per tutti! È successo tutto il contrario e, per due decenni, la macchina europea ha avuto un solo obiettivo: garantire la sopravvivenza dell’euro contro ogni previsione. Ha rinunciato a lanciare nuovi progetti di mobilitazione come in passato Airbus, Ariane, Erasmus… L’Europa muore se l’euro sopravvive. Anche il giornalista Jean Quatremer, fervente sostenitore dell’Europa, ha perso le illusioni su questa Europa e non si aspetta più nulla da essa ( nota ).

– politica non industriale e commerciale:

A metà degli anni Ottanta, i leader europei, in primis i socialisti francesi, si convertirono all’ideologia neoliberista apparsa poco prima nel mondo anglosassone (ne abbiamo dettagliato origine e contenuto in Histoire of the European Crisis, l’esplosione di gli anni ’80 ).

Facendo l’apprendista stregone, hanno fatto dell’Europa un laboratorio del neoliberismo applicandone i principi senza alcuna restrizione: non si tratta di autorizzare politiche industriali che favoriscano un campione nazionale o addirittura europeo; non si tratta di bloccare l’ offensiva di Gafa mettendo i concorrenti locali contro questi colossi di Internet, come hanno già fatto con successo russi e cinesi (Bruxelles riesce a malapena a far pagare loro le tasse!)…

È così che i nostri leader hanno aperto l’Europa alle burrasche della globalizzazione e del libero scambio ( nota ) senza preoccuparsi che i loro principali concorrenti mantenessero solide protezioni.

• Gli Stati Uniti usano e abusano del loro potere militare e monetario. Lo hanno appena dimostrato ancora una volta rinunciando al trattato con l’Iran e costringendo le aziende europee a rinunciare a questo mercato promettente.

Stanno trasformando il trattato commerciale tra il Canada e l’Unione Europea ( CETA ) in un vaglio, costringendo il Canada a firmare con loro un trattato bilaterale di libero scambio più vantaggioso. Quali vantaggi possono aspettarsi gli imprenditori europei dal CETA quando i loro concorrenti statunitensi beneficiano di migliori condizioni doganali in Canada? Gli europei avranno tutti gli svantaggi del trattato e nessuno dei vantaggi previsti.

• Dovremmo insistere sulla Cina? Questa economia, che è diventata la prima al mondo, è anche la meno liberale che ci sia. Tutte le banche e le imprese strategiche sono controllate dal governo di Xi Jinping.

Grazie alle valute estere recuperate dal settore bancario statale e subito prestate al governo americano, il governo cinese è riuscito a mantenere artificialmente la sottovalutazione dello yuan. Questo dumping monetario le ha permesso di favorire le sue esportazioni e di devastare le industrie occidentali a basso valore aggiunto ( l’arma monetaria di Pechino ). Ora sta usando le sue eccedenze commerciali per acquistare società high-tech occidentali attraverso le proprie società, per quanto in bancarotta e in perdita.

– politica non estera e militare:

L’irruzione di Donald Trump sulla scena internazionale ha messo a nudo l’impotenza di Europa e Francia ( Il lato oscuro dell’impero americano ). Il presidente americano ha rinnegato il trattato COP21 firmato dal suo predecessore e ha voltato le spalle agli impegni ambientali presi da tutti gli altri governi del pianeta senza che nessuno potesse opporsi.

Anche lui, come abbiamo visto, ha rinnegato il trattato faticosamente concluso con l’Iran. Il presidente Macron, lucido, ha percepito il significato di questo gesto: «Se accettiamo che altre grandi potenze, alleati compresi, amici compresi nelle ore più dure della nostra storia, si mettano nelle condizioni di decidere per noi la nostra diplomazia, la nostra sicurezza, a volte facendoci correre i rischi peggiori, allora non siamo più sovrani» (Aix-la-Chapelle, 10 maggio 2018). Il presidente francese ei suoi colleghi europei hanno agito di conseguenza? Anzi. Sono andati a letto e anche noi. La conclusione è chiara e lo stesso Emmanuel Macron lo ha espresso pubblicamente: non siamo più sovrani!

Infatti, Parigi ha abbandonato ad altri (Bruxelles, Francoforte, Berlino, Washington, ecc.) le grandi politiche e il dominio sovrano: valuta, commercio, politica industriale, protezione delle frontiere, alleanze strategiche, ecc.

A poco a poco, la Francia e gli altri stati europei barattarono la loro sovranità con una “servitù volontaria” (l’espressione è tratta da La Boétie, 1576). Per questo i politici francesi e lo stesso presidente non possono più farsi sentire. L’ospite dell’Eliseo non ha più poteri di un sindaco di villaggio: distribuisce aiuti e permessi; aumenta le tasse qui, le diminuisce là; lui “fa social”  o “social” e mette i suoi uomini in posizioni chiave per rafforzare la sua autorità e assicurarne la rielezione… Non sorprende che Gérard Collomb abbia lasciato il ministero dell’Interno per il suo municipio a Lione, cosa che non sarebbe accaduta nel secolo precedente quando la Francia era ancora la Francia, uno stato sovrano e ovunque rispettato. Il ministero dell’Interno era allora molto più ricco di significato di un comune, anche quello di Lione.

Questa servitù è definitiva? Diciamo che la “Grande Nazione” ha ancora una grande risorsa: a differenza della Grecia (poveri) o del Regno Unito (marginale), occupa una posizione centrale nell’Unione Europea. Senza di essa, l’Unione scompare.

Se il presidente francese sollevasse la minaccia di un referendum sul Frexit (uscita dall’Unione Europea), gli altri leader europei sarebbero obbligati ad ascoltarlo con rispetto e a riflettere con lui, perché no? la fine della moneta unica e la sua sostituzione con monete nazionali facenti capo a una moneta comune ( vedi la nostra analisi ), la protezione delle attività e delle imprese europee contro il dumping cinese o nordamericano, il ritorno a grandi progetti di mobilitazione, la creazione di un’Europa di difesa indipendente dagli Stati Uniti…

https://www.herodote.net/Crise_de_regime_2022_comme_1877-article-2813.php

https://www.herodote.net/De_la_souverainete_a_la_servitude_volontaire-article-2716.php?ID_dossier=74

La finanziarizzazione e il problema della distruzione reciproca del capitale, di Marc Rohatyn

Il secondo di due saggi sul ruolo degli strumenti finanziari nel determinare le caratteristiche e le tendenze delle formazioni economiche cinese e statunitense. Strutture profondamente diverse e con tendenze e problemi di natura diversa, ma con un una questione di base comune: quello di stabilizzare e rendere autopropulsiva la propria base industriale diffusa. Se per i cinesi si tratta di consolidare definitivamente la propria condizione in una fase ascendente, per gli americani si pone il problema di una vera e propria ricostruzione industriale su basi più equilibrate. E’ uno dei termini fondamentali del feroce dibattito che ha interessato gli Stati Uniti dal 2016, con l’arrivo di Trump. Una discussione altrettanto seria presente in Cina, della quale conosciamo ancora poco i termini e le dinamiche di confronto politico e le implicazioni geopolitiche. Buona lettura, Giuseppe Germinario

La scienza, così come la tecnologia, nel prossimo e nel lontano futuro si trasformeranno sempre più da problemi di intensità, sostanza ed energia, a problemi di struttura, organizzazione, informazione e controllo.

—John von Neumann, 1949

Il matematico John von Neumann prevedeva come la modellizzazione economica sempre più sofisticata e l’intelligenza artificiale automatizzata avrebbero portato al primato dei giochi di informazioni. In effetti, von Neumann inventò uno dei primi computer elettronici, lavorò al Progetto Manhattan e sviluppò il campo della teoria economica dei giochi, che avrebbe utilizzato per sviluppare la teoria della “Mutually Assured Destruction” come consigliere degli Stati Uniti sulla sua strategia nucleare. In tal modo, ha visto in prima persona come la logica economica della teoria dei giochi fosse in grado di rendere conto del comportamento che coinvolge le armi più distruttive inventate dall’umanità.

Un problema meno apocalittico di “struttura, organizzazione, informazione e controllo” – eppure centrale nell’ordine sociopolitico del ventunesimo secolo – è affrontato dagli allocatori di capitale e dai manager d’impresa che mirano a massimizzare il valore per gli azionisti. La quota crescente di risorse e la gamma di strategie, in particolare quelle che cercano di aumentare i valori delle azioni facendo affidamento su nessuna o solo modifiche accidentali alla produttività sottostante delle operazioni delle aziende, impiegate nella gestione patrimoniale e nella governance esemplifica la tendenza secolare prevista da von Neumann.

Quali sono le conseguenze dell’ascesa di un settore che cerca di massimizzare il valore dei portafogli di attività in modo più efficiente? Al livello più superficiale, il settore finanziario ha catturato una quota crescente del PIL, dei profitti e del capitale umano. L’influenza di una base di investitori sofisticata sulla natura dell’allocazione del capitale aziendale, tuttavia, ha avuto conseguenze maggiori rispetto alle rendite che ricava. I critici della finanziarizzazione hanno illustrato in modo convincente come un paradigma di asset governance progettato per massimizzare il valore per gli azionisti abbia creato un cuneo tra crescita del valore degli asset e produttività, investimento netto e crescita salariale. I profitti aziendali si sono sempre più concentrati all’interno di aziende superstar a basso contenuto di risorse e ad alto margine, e gli eccessi di profitto che una volta erano investiti in capitale fisico e utilizzati per produrre una prosperità più ampia sono stati dirottati verso l’acquisto di attività esistenti nei mercati pubblici e privati.

Politici come Elizabeth Warren possono incolpare la semplice avidità per questo approccio estrattivo all’allocazione del capitale, ma senza un resoconto strutturale della relazione tra finanziarizzazione e concorrenza, argomenti che denigrano riacquisti, acquisizioni con leva finanziaria, asset stripping, concentrazione del settore e altre forme di ingegneria finanziaria possono essere respinto sulla base del fatto che non vi è motivo di ritenere che l’efficienza sociale dei mercati sia stata ridotta. La dislocazione tra i valori degli asset e la crescita della produttività potrebbe semplicemente essere il risultato di un’allocazione del capitale più dinamica che aumenterà la prosperità a lungo termine.

Un esame del modo in cui i mercati odierni e gli incentivi gestionali modellano l’allocazione del capitale, tuttavia, rivela che la più potente forza economica che la finanziarizzazione ha scatenato a vantaggio degli azionisti non è l’avidità, ma il consenso. Creando incentivi per massimizzare i profitti complessivi del settore e ridurre al minimo gli investimenti competitivi, un modello di asset governance incentrato sugli azionisti ha minato la competitività dei mercati e incoraggiato un coordinamento de facto tra le imprese a vantaggio dei proprietari di asset a scapito di una più ampia prosperità.

Spostare il focus della concorrenza

Negli ultimi quattro decenni, i mercati statunitensi sono passati da un modello di allocazione del capitale basato sui valori delle singole imprese a uno basato sui valori di portafoglio dei gestori patrimoniali. Nel primo modello, i manager aziendali guidano l’economia cercando di massimizzare la crescita dei valori delle rispettive aziende. Nella seconda, il ruolo di primo piano è assunto dagli asset manager che riequilibrano le asset allocation e influenzano i comportamenti delle singole imprese per massimizzare il valore aggregato del portafoglio. Questo cambiamento è stato reso possibile da due innovazioni fondamentali.

Il primo è la crescita di un complesso di asset management, composto da fondi comuni, gestori patrimoniali alternativi e fondi indicizzati passivi, che ha aumentato la trasparenza delle informazioni e l’efficienza con cui la ricchezza dei proprietari può essere ribilanciata attraverso un più ampio universo di asset per massimizzare il portafoglio valore. In quanto clienti, i proprietari di asset guidano la finanziarizzazione attraverso la loro richiesta di un’allocazione del portafoglio più ottimale tra gli asset. Dagli anni ’80, la quota di proprietà degli investitori istituzionali è cresciuta dal 20% all’80% poiché la quota di partecipazione diretta da parte degli individui è diminuita. L’aumento dei piani pensionistici a contribuzione definita ha originariamente alimentato la crescita dei fondi comuni di investimento a gestione attiva. Le dotazioni e gli stanziamenti dei fondi pensione si sono spostati sempre più verso classi di attività alternative, storicamente al centro di individui con un patrimonio netto elevato, alla ricerca di rendimenti più elevati, e questa domanda è stata soddisfatta da un’industria in crescita di hedge fund, società di private equity e venture capitalist. Insieme a un’industria di banchieri, avvocati e consulenti, questi gestori patrimoniali alternativi strutturano le risorse, ne determinano il valore e consentono scommesse concentrate sulle singole aziende nei mercati pubblici e privati. Più recentemente, la crescita della gestione istituzionale è stata trainata dall’aumento degli indici passivi e dei fondi negoziati in borsa, che dal 1990 hanno aumentato gli asset in gestione da quasi zero a oltre $ 10 trilioni. I principali gestori di indici passivi e di fondi comuni di investimento (BlackRock , Vanguard, State Street, Fidelity e Capital Group) ora gestiscono asset per oltre 34 trilioni di dollari. Parallelamente, la crescita e la digitalizzazione dei mercati dei capitali, insieme all’espansione dell’universo degli asset investibili, ha ridotto i costi e aumentato le opportunità di ribilanciamento dei portafogli di asset.

Un secondo, correlato e in gran parte simultaneo, strutturalel’innovazione è la proliferazione di meccanismi che consentono una maggiore influenza sulla governance dell’impresa da parte di sofisticati proprietari e allocatori di asset. O, in altre parole, meccanismi che assicurino un maggiore allineamento della governance e dei comportamenti delle singole imprese agli interessi degli azionisti, che in pratica spesso significano interessi degli asset manager. Sebbene l’influenza degli azionisti sulle operazioni delle imprese sia sempre stata un meccanismo fondamentale dei mercati capitalistici, la portata di tale controllo è cresciuta rapidamente ed è più ampia di quanto non sia mai stata a causa dell’ascesa della governance istituzionale degli asset. Ciò include l’influenza degli hedge fund attivisti nel dettare le priorità ai team di gestione delle società pubbliche in cui hanno accumulato partecipazioni concentrate, o l’influenza diretta dei partner di private equity sui consigli di amministrazione delle società in portafoglio che possiedono a titolo definitivo. O, in modo diverso, l’influenza di Vanguard, State Street e BlackRock sui loro componenti dell’indice; collettivamente i principali gestori di indici hanno una quota media di quasi il 20 percento nelle società S&P 500 ed esercitano un’influenza attraverso riunioni private con i team di gestione e voti per delega. Inoltre, la proliferazione di compensi basati su azioni e un consenso instillato dall’MBA per dare la priorità al valore per gli azionisti ha creato incentivi e culture all’interno delle aziende che sono allineate con l’influenza istituzionale dall’alto verso il basso.

La combinazione di queste innovazioni ha sostituito le forze competitive di un’economia incentrata sull’impresa, in cui le imprese competono tra loro per servire i clienti, con gli incentivi di un’economia incentrata sugli azionisti, in cui gli asset allocators competono tra loro per servire meglio gli asset proprietari. Mentre in passato le aziende possono aver investito in modo eccessivo in asset fisici e ricerca e sviluppo a scapito dell’efficienza del capitale e dei rendimenti finanziari, oggi è probabile che privilegino questi ultimi, sapendo che è improbabile che le imprese rivali, operando anche secondo le priorità stabilite dai gestori patrimoniali competere aumentando gli investimenti.

Quindi, nonostante la crescita record dei valori degli asset, il tasso al quale le aziende americane hanno accresciuto la base di capitale che crea ricchezza e valore sociale più ampio è stagnante. L’attenzione alla massimizzazione dei rendimenti per gli azionisti, anziché alla massimizzazione dei profitti operativi e della produttività delle imprese, porta i manager ad applicare soglie di ritorno per gli investimenti, o tassi limite, molto al di sopra del loro costo del capitale e restituire profitti in eccesso invece di investirli.

Tuttavia, l’esodo di capitali dalle industrie consolidate non è sufficiente per incriminare i mercati. Un paradigma di “massimizzazione del valore dell’impresa”, in cui le aziende investono solo nelle opportunità più attraenti a livello locale, porterebbe al sequestro arbitrario del capitale all’interno delle industrie. Ma servire gli interessi degli azionisti richiede di valutare le opportunità locali rispetto al rendimento marginale più elevato disponibile in un universo di investimento più ampio. Se le aziende hanno storicamente investito in modo eccessivo nei rispettivi settori in aggregato, non sorprende che il risultato dell’applicazione di un approccio più rigoroso all’allocazione del capitale aggiusterà gli hurdle rate al rialzo rispetto al costo del capitale per indirizzare le risorse verso usi più efficienti altrove. Ma va notato che la transizione da un approccio di allocazione del capitale orientato all’impresa verso un approccio di allocazione del capitale “efficiente” spingerà meccanicamente verso il basso i livelli di investimento competitivo nei settori “maturi” fino a quando i rendimenti degli investimenti competitivi in ​​questi settori non saranno uguali ai più alti rendimenti marginali disponibili altrove. Un passaggio dalla massimizzazione del valore dell’impresa alla massimizzazione del valore per gli azionisti è, quindi, un riequilibrio della concorrenza e dovrebbe riguardarci dove la concorrenza viene diminuita e dove sta aumentando.

L’evidenza suggerisce che il luogo della concorrenza nell’economia statunitense oggi è nel mercato dell’acquisto di attività con leva, che fornisce agli investitori i rendimenti marginali più elevati (corretti per il rischio) e continua ad attrarre capitali. Le attività di private equity in gestione hanno raggiunto i 9,8 trilioni di dollari a luglio 2021 e il capitale non ancora utilizzato (“polvere secca”) continua ad accumularsi. Gli ultimi quattro decenni hanno visto la crescita esplosiva di un’industria di acquisto di attività con leva, amplificata dal credito a basso costo, che fa salire i prezzi di attività con affitti elevati.

Una relativa mancanza di informazioni e liquidità tra le imprese private ha anche portato a opportunità di acquisto a sconto rispetto ai mercati pubblici. Nei mercati privati, l’esistenza di attività sottocomprate significa che i rendimenti marginali rimangono elevati e che i profitti in eccesso vengono reinvestiti in una maggiore attività di acquisto; questo passaggio dalla costruzione all’acquisto potrebbe persistere per qualche tempo. L’acquisto di asset non è una serie di trasferimenti di denaro istantanei che lasciano il capitale libero di essere immediatamente ridistribuito per investimenti produttivi; il repricing al rialzo degli asset è un processo che richiede tempo e risorse che sottrae capitale finanziario alla costruzione di asset produttivi, aumentando la domanda di beni fisici e manodopera, e lo dirige verso l’attività di creazione di informazioni.

Inoltre, le attività con potere di mercato che possono trarre profitto dagli affitti non sono solo sottocomprate; sono anche sotto-leva. Un resoconto popolare fornito dai critici dell’ingegneria finanziaria è che la leva applicata dagli investitori per aumentare i rendimenti azionari ha un impatto negativo sugli altri stakeholder aumentando le possibilità di insolvenza. Ma questo fenomeno non si limita alle decisioni di leva finanziaria; in nome della massimizzazione del valore per gli azionisti, le aziende effettuano compromessi analoghi tra investimenti di riduzione del rischio (ad es. sicurezza, cybersecurity, integrità del prodotto, eccesso di capacità della catena di approvvigionamento, resilienza delle infrastrutture) e restituzione di denaro agli azionisti. Su un lasso di tempo sufficientemente lungo, i fornitori di tecnologia critica che non investono nella sicurezza informatica verranno violati; le aziende che non investono in resilienza e sicurezza ingegneristiche subiranno malfunzionamenti (ad es. aerei che cadono dal cielo, linee elettriche guaste, dighe che crollano); e le imprese sovraindebitate falliranno nelle flessioni cicliche. Con il 100% di capitale a rischio, questi eventi possono manifestarsi come una distruzione catastrofica della ricchezza per i proprietari e compromettere i rendimenti futuri, ma non se un fallimento critico ha un impatto solo sul 5% del portafoglio di uno sponsor finanziario.

La capacità dei proprietari di asset di diversificare significa che i risparmi derivanti dalla riduzione degli investimenti di riduzione del rischio in un intero portafoglio possono compensare i fallimenti relativamente rari ma catastrofici subiti dalle singole società. Questo incentivo è ulteriormente esagerato se l’aumento del rischio non è immediatamente osservabile su un orizzonte di investimento di private equity da tre a cinque anni e ha un impatto limitato sul prezzo delle azioni. Questo è un fattore fondamentale per i rendimenti del private equity: gli investitori incentivano la gestione delle singole aziende ad assumere livelli di rischio che massimizzano i rendimenti aggregati del portafoglio, ma sarebbero subottimali o addirittura catastrofici per un proprietario-operatore completamente investito, o anche un manager aziendale legato a una società . Fondamentalmente, la capacità di diversificare è un vantaggio unico per i proprietari di asset.

Quando gli investitori o le imprese consolidate effettuano investimenti fisici, l’eccezione conferma la regola: gli investimenti devono avere un’elevata efficienza patrimoniale (ricavi per dollaro di attività fisiche) e potere di mercato (capacità di addebitare più dei costi marginali). Sebbene a un certo livello sembri naturale deridere le critiche ai sani principi di investimento, l’impatto di un ribilanciamento di massa delle attività verso modalità di produzione finanziariamente ottimali è un problema per le parti interessate che non sono proprietari di attività e per l’economia nel suo insieme. Ogni dollaro di capitale successivamente investito ricostruisce la base di capitale americana a un tasso ridotto e in una forma che avvantaggia un minor numero di persone (asset-light) ed estrae maggiori rendite (margini più elevati).

Il consenso anticoncorrenziale

Ma anche un passaggio aggregato dall’edilizia all’acquisto non è una prova che i mercati siano rotti; nonostante sia descritto come pura speculazione, l’acquisto di asset ha un valore economico. Man mano che il capitale finanziario scorre tra i proprietari di asset, lascia informazioni aggiornate sui prezzi invece di asset fisici. L’aumento dei prezzi delle attività in un determinato settore dovrebbe consentire una maggiore concorrenza segnalando l’esistenza di profitti in eccesso e diminuendo il costo del capitale per i partecipanti competitivi.

La mancanza di informazioni che provoca costi di capitale più elevati è la barriera all’ingresso nella maggior parte degli scenari di investimento, non il costo iniziale fisso in sé e per sé. Considera che i concorrenti di Tesla sono stati in grado di raccogliere enormi quantità di capitale sulla scia del successo di Tesla sui mercati dei capitali. In questo senso, gli investimenti competitivi nella costruzione della capacità produttiva sono a valle della trasparenza dei prezzi per gli incumbent. In teoria, il capitale alla fine ritornerà verso l’investimento fisico dopo che gli asset sono stati offerti nella misura in cui costruirne di nuovi diventi relativamente più attraente. In altre parole, il legame tra valore patrimoniale e sottostante crescita della produttività e prosperità del lavoro può essere stato allungato, ma non è necessariamente interrotto. I critici che sottolineano l’attuale stagnazione nella crescita della produttività in mezzo alla crescita incontrollata dei prezzi delle attività devono affrontare l’intrinseca non falsificabilità dell’efficienza del mercato a lungo termine. Chi può provare che la mancanza di investimenti che si traduce in una rinuncia all’innovazione e l’erosione della base industriale statunitense non sarà compensata dalla futura crescita della produttività sbloccata da un’allocazione di capitale più efficiente?

Tuttavia, il fatto che le valutazioni siano ai massimi ciclici e che i margini di profitto siano sani suggerirebbe che gli investimenti competitivi dovrebbero essere altamente attraenti. Eppure, le aziende con rendite elevate e asset light che hanno visto aumenti fulminei delle valutazioni, in generale, non stanno vedendo un afflusso di concorrenti e investimenti per competere con profitti elevati.

Nei mercati privati, le società di private equity raramente effettuano investimenti competitivi in ​​capacità e innovazione anche nei mercati in cui trovano asset con un potere di mercato interessante, nonostante livelli record di polvere secca. Allo stesso modo in cui l’aumento dei prezzi della carne bovina nonostante i prezzi più bassi del bestiame può segnalare una mancanza di concorrenza nella lavorazione della carne, un divario persistente tra il costo del capitale e le hurdle rate segnala un approccio anticoncorrenziale agli investimenti.

L’economia neoclassica sostiene che la collusione oligopolistica è instabile nonostante sia più vantaggiosa della concorrenza, ma non ha tenuto conto dell’ascesa di un sofisticato settore della gestione patrimoniale dedito alla massimizzazione dei valori degli asset. Qualsiasi critica sostanziale o difesa della finanziarizzazione deve quindi riguardare se abbia creato condizioni che incentivino una mancanza di concorrenza o consentano comportamenti anticoncorrenziali. E infatti, mercati più efficienti e trasparenti possono rendere la concorrenza meno attraente.

L’idea che mercati efficienti rendano la concorrenza meno attraente dal punto di vista finanziario non è un concetto esoterico. In effetti, è la tesi di testi divulgativi sulla gestione strategica. In “Che cos’è la strategia?” di Michael Porter e Zero to One di Peter Thiel, gli autori sostengono che i rendimenti fuori misura sono guidati dalla creazione di un vantaggio competitivo attraverso innovazioni rivoluzionarie invece che dalla concorrenza incrementale nei settori esistenti. Un regime competitivo in cui le imprese possono confrontarsi reciprocamente con le innovazioni rende gli investimenti equivalenti a una tassa. È quindi improbabile che le innovazioni o le strategie operative che possono essere facilmente copiate vengano finanziate perché non forniscono un vantaggio competitivo duraturo e mercati efficienti dal punto di vista informativo facilitano l’accertamento e la copia del comportamento competitivo. La diffusione delle informazioni riflesse nei prezzi delle attività rende più difficile trattenere i profitti derivanti dagli investimenti in efficienze produttive incrementali e innovazioni di prodotto.

La prospettiva più preoccupante è che ci siamo spostati verso una struttura di mercato in cui la concorrenza tra imprese di qualsiasi tipo non è solo meno vantaggiosa, ma addirittura dannosa per i proprietari di asset. Si consideri un mercato in cui i proprietari di asset hanno partecipazioni uniformi in tutti gli asset investibili e i gestori d’impresa sono perfettamente incentivati ​​ad operare nel migliore interesse degli azionisti. Cosa significa massimizzare il valore per gli azionisti in questo contesto? In quali casi un investimento competitivo sarebbe vantaggioso per i proprietari di asset?

In questo scenario, l’unico incentivo a competere verrebbe dalla minaccia dei nuovi entranti che cercano di catturare la propria quota del pool di profitti. Ma perché le aziende dovrebbero sprecare denaro nel tentativo di interrompere preventivamente se stesse se i loro azionisti possono semplicemente ottenere esposizione ai perturbatori attraverso allocazioni al capitale di rischio? In questa ipotesi, ci si aspetterebbe una cessazione dell’attività competitiva a favore dell’acquisto di attività e una sempre maggiore esternalizzazione dell’innovazione dalle imprese mature. Certo, nessun mercato è interamente definito da queste caratteristiche, ma questi effetti sono oggi sempre più presenti.

Le industrie con una maggiore concentrazione e una proprietà più comune investono meno, anche dopo aver controllato le attuali condizioni di mercato e gli intangibili. All’interno di ciascun settore, il divario di investimento è guidato da imprese di proprietà di quasi-indicizzatori e ubicate in settori con maggiore concentrazione e proprietà più comuni. Queste aziende restituiscono agli azionisti una quantità sproporzionata di flussi di cassa gratuiti.

Ma anche questa linea di argomentazione sminuisce la portata degli incentivi anticoncorrenziali trascurando il potere dei mercati di stabilire una conoscenza comune e coordinare i comportamenti senza l’influenza diretta dei grandi azionisti. Il mercato azionario non è solo un mezzo per trasmettere informazioni sui prezzi, ma anche per coordinare i comportamenti creando un circolo vizioso di feedback immediato tra proprietari e gestori di asset. Nello stesso articolo in cui prevedeva una svolta verso “problemi di struttura, organizzazione, informazione e controllo”, von Neumann fornisce una definizione per i meccanismi di feedback:

[Feedback] osserva la relazione di un meccanismo con l’ambiente circostante, percepisce continuamente la direzione in cui i controlli del meccanismo devono essere regolati per avvicinarlo a una certa relazione desiderata con quelli circostanti, effettua la regolazione di questi controlli in la direzione indicata, e quindi fa sì che il meccanismo trovi gradualmente la posizione desiderata mediante questa procedura automatica.

In questo senso, le forze economiche che hanno plasmato l’economia americana negli ultimi quattro decenni sono simili a quelle che hanno dettato la traiettoria della corsa agli armamenti nucleari del ventesimo secolo. Proprio come gli stati-nazione avvieranno un primo attacco solo se la ritorsione sarà inefficace, i proprietari di asset perseguiranno investimenti solo dove possono creare un vantaggio competitivo duraturo. Per gli stati-nazione, lo sviluppo di arsenali nucleari grandi e più sofisticati ha neutralizzato qualsiasi potenziale vantaggio di primo colpo e questa distruzione reciprocamente assicurata ha stabilito le condizioni per una sorta di equilibrio pacifico. Così anche mercati più efficienti hanno minato la capacità delle imprese di mantenere il vantaggio competitivo nei mercati maturi. Ma la risposta delle aziende non è massimizzare gli investimenti, come le scorte di armi, ma piuttosto, in base al feedback degli asset manager, minimizzare il più possibile gli investimenti competitivi.

Rispetto alla capacità dei proprietari di asset distribuiti di punire collettivamente il comportamento dell’impresa che diminuisce i profitti complessivi del settore, la preoccupazione di Adam Smith che gli incontri tra concorrenti si tradurrebbero in una “cospirazione contro il pubblico, o in qualche espediente per aumentare i prezzi” sembra bizzarra. Il consenso nei mercati moderni opera secondo i principi di John von Neumann, non di Adam Smith, ed è più minaccioso dell’avidità a breve termine per l’efficienza sociale del capitalismo. Le aziende sanno che loro e i loro concorrenti hanno ricevuto lo stesso mandato per raggiungere obiettivi di guadagno successivi e applicare tassi di ostacolo elevati nella valutazione degli investimenti. Il consenso comune per evitare comportamenti concorrenziali è stabilito dalla reciproca conoscenza dei gestori che loro e i loro colleghi sono compensati da azioni che diminuiranno di valore se il mercato percepisce un rischio di concorrenza che diminuirebbe i profitti complessivi del settore. In questo senso, i margini operativi S&P in costante aumento, piuttosto che derivati ​​sempre più complessi, sono il volto più sinistro di un’economia finanziarizzata.

La decisione se investire o restituire il capitale dovrebbe idealmente essere presa dai gestori caso per caso. Ma con un feedback immediato del mercato e una compensazione basata su azioni, i manager devono anche convincere il mercato che le decisioni di allocazione del capitale sono valide. Solo una minoranza di gestori ha il mandato del mercato di perseguire investimenti significativi, di solito CEO-fondatori (come Elon Musk e Jeff Bezos) che operano in mercati in rapida crescita in cui ampie fette di quote di mercato sono ancora in palio. Questo consenso anticoncorrenziale reso possibile dall’allineamento degli incentivi per gli azionisti e dall’immediato ciclo di feedback dei mercati dei capitali fornisce una spiegazione fondamentale di come le società S&P 500 possono evitare investimenti competitivi ed espandere meccanicamente i margini ogni anno. Ma questo problema strutturale è spesso erroneamente caratterizzato dai critici come “breve termine, quando sia le motivazioni che gli effetti sono più profondi e complessi.

Alcuni apologeti dello status quo hanno interpretato il fatto che le imprese pubbliche investono più delle imprese private come prova che la compensazione basata su azioni e i riacquisti non sono la causa alla base del sottoinvestimento perché il minor investimento delle imprese private non può essere spiegato dal “breve termine” indotto dal mercato .” Ma questo ragionamento confonde un consenso anticoncorrenziale indotto dal mercato con un “breve termine” comportamentale tra i singoli dirigenti. L’assenza di obblighi di informativa al pubblico non significa che le imprese private siano meno soggette alla pressione degli investitori per perseguire comportamenti anticoncorrenziali.

Si consideri l’approccio adottato dalle società di private equity nella valutazione dei potenziali investimenti In genere, i fondi di private equity intrattengono solo l’acquisto di società leader di mercato oppure perseguono “giochi di piattaforma”, utilizzando fusioni e acquisizioni aggressive per raggruppare società più piccole in settori non consolidati. Sebbene la logica delle sinergie di costo e di altre efficienze di scala rendano i roll-up sempre più attraenti, gli investitori sono principalmente interessati alla quota di mercato relativa, alle dimensioni del mercato e alla crescita del mercato dell’obiettivo e alla capacità di aumentare i prezzi in modo coerente anno dopo anno.

Inoltre, le grandi società private che competono tra loro sono spesso di proprietà di società di private equity rivali e un consenso anticoncorrenziale è molto più facile da stabilire nei settori dominati da società di investimento che competono per fornire una soglia minima di ritorno sull’investimento ai propri clienti. Quando tutti i partecipanti al gioco sanno che i loro obiettivi di rendimento comprendono aumenti annuali dei prezzi e spese in conto capitale ridotte, le guerre dei prezzi e l’innovazione competitiva vengono effettivamente escluse come strategie plausibili. Questo approccio è esemplificato dal fatto che le società di private equity, durante la diligenza, in genere si concentrano sulla determinazione della misura in cui gli attori del settore target sono “razionali”, ovvero se eviteranno collettivamente di impegnarsi in concorrenza sui prezzi. Aneddoticamente, gli MBA riferiscono che la conoscenza del loro programma educativo più rilevante per il loro ruolo di investitori è meglio riassunta come “investi in imprese con un alto grado di potere di mercato”.

Pertanto, l’espansione di un’influenza più diretta degli investitori sulle singole imprese attraverso la compensazione basata su azioni e il consolidamento della proprietà privata ha incentivato un cessate il fuoco degli investimenti che consente alle imprese di evitare la distruzione del capitale reciprocamente assicurata, assicurando una pace più redditizia per gli azionisti. La finanziarizzazione non solo ha reindirizzato il capitale verso l’acquisto di attività, ma ha spostato l’equilibrio aggregato dei mercati della teoria dei giochi dalla concorrenza al consenso, consentendo alle imprese di servire meglio gli interessi ristretti dei proprietari di attività.

Lo stimolo monetario in un mondo finanziarizzato

Un resoconto strutturale dei meccanismi che producono consenso tra le imprese fornisce anche informazioni su come politiche monetarie e fiscali più flessibili influiscano sul comportamento delle imprese e trasferiscano ricchezza ai proprietari di attività. Gli analisti che si fanno beffe dell’idea che l’avidità delle imprese stia alimentando l’inflazione dei prezzi al consumo trascurano che, sebbene l’inflazione monetaria non sia il prodotto di un comportamento anticoncorrenziale, quest’ultima contribuisce a un consenso che consente alle imprese di coordinare gli aumenti dei prezzi in modo più efficace. Naturalmente, le aziende non sono diventate unicamente avide; invece, un regime inflazionistico ha consolidato un equilibrio cooperativo di aumenti dei prezzi.

In un’economia finanziarizzata, una politica monetaria accomodante non solo rafforza ulteriormente un consenso anticoncorrenziale, ma costituisce anche un trasferimento di ricchezza diretto ai proprietari di attività. Tassi di interesse più bassi influenzano l’attività economica reale riducendo gli oneri finanziari sulla premessa che questo minor costo del capitale sarà trasmesso in tutta l’economia sotto forma di maggiori spese in conto capitale, e quindi avvierà un ciclo di feedback positivo di domanda e offerta. La politica monetaria accomodante, tuttavia, costituisce anche un trasferimento economico ai proprietari di attività oa chiunque cerchi di acquistare attività con leva finanziaria. Di conseguenza, la politica della Fed ha contribuito a un boom dell’attività di acquisto di attività e la valutazione delle società si è adeguata al rialzo per riflettere il sostegno della banca centrale. Criticamente, però, in un regime di inflazione monetaria, chiunque sia più vicino al rubinetto della creazione monetaria riceverà enormi benefici. Considera uno scenario in cui la Federal Reserve ti fornisce personalmente un trilione di dollari per stimolare l’economia generale. Man mano che spendi il tuo stimolo, i prezzi si adegueranno gradualmente al rialzo, ma alla fine della tua follia di acquisto tu e coloro a cui hai assegnato prima il capitale (attraverso il consumo o l’investimento) avrete ricevuto il massimo beneficio. Questa proprietà eterogenea della trasmissione monetaria è nota come effetto Cantillon, e Matt Stoller ha descritto come esso mina sia l’economia a cascata che la politica monetaria accomodante. i prezzi si adegueranno gradualmente al rialzo, ma alla fine della tua follia di acquisto tu e coloro a cui hai assegnato prima il capitale (attraverso il consumo o l’investimento) avrete ricevuto il massimo beneficio. Questa proprietà eterogenea della trasmissione monetaria è nota come effetto Cantillon, e Matt Stoller ha descritto come esso mina sia l’economia a cascata che la politica monetaria accomodante. i prezzi si adegueranno gradualmente al rialzo, ma alla fine della tua follia di acquisto tu e coloro a cui hai assegnato prima il capitale (attraverso il consumo o l’investimento) avrete ricevuto il massimo beneficio. Questa proprietà eterogenea della trasmissione monetaria è nota come effetto Cantillon, e Matt Stoller ha descritto come esso mina sia l’economia a cascata che la politica monetaria accomodante.

Inoltre, in un’economia finanziarizzata, l’effetto Cantillon è amplificato. hurdle rate elevati al di sopra del costo del capitale e margini di profitto più elevati consentono ai gestori patrimoniali di ottenere un rendimento maggiore per ogni dollaro investito. Un consenso a restituire il capitale invece di investirlo significa che la maggior parte dello stimolo monetario rimane sequestrato nell’acquisto di attività per un periodo di tempo più lungo e lontano dagli investimenti produttivi; il valore non scenderà fino a quando i prezzi delle attività non saranno stati offerti in modo omogeneo per riflettere l’inflazione monetaria. Al suo interno, un mondo finanziarizzato è un mondo di inflazione degli asset, in cui i profitti in eccesso derivanti dai margini estesi e gli investimenti ridotti consentiti dalla mancanza di concorrenza vengono continuamente ribilanciati tra gli asset esistenti e il trasferimento di ricchezza dello stimolo monetario è catturato in modo più efficiente da proprietari di beni.

Aggiornamento dei modelli di concorrenza d’impresa

Negli ultimi decenni, le innovazioni dei mercati finanziarizzati hanno incentivato un consenso anticoncorrenziale all’interno del settore aziendale. Una tendenza alla riduzione della concorrenza spiega la persistenza del divario tra il costo del capitale e gli ostacoli agli investimenti, che ha portato a una riduzione aggregata degli investimenti complessivi, insieme al consolidamento in molti settori e all’espansione dei margini. Le questioni relative alla concorrenza nei mercati e ai fattori che consentono un consenso tra le aziende e i proprietari di attività introducono una linea di critica più seria rispetto all’accusa di “avidità aziendale” o “breve termine” e forniscono un quadro per comprendere l’impatto del comportamento dell’impresa e politiche macroeconomiche.

Molti dibattiti economici contemporanei rimangono fondati su modelli più vecchi di concorrenza tra imprese. Ma l’economia odierna è in gran parte caratterizzata da un consenso tra le imprese indotto dal feedback del mercato che riflette le priorità dei gestori patrimoniali e gli interessi dei proprietari di patrimoni. Il riconoscimento di questo fatto è il primo passo verso una migliore comprensione del capitalismo odierno e verso politiche che affrontino le sue principali debolezze, in particolare incentivi contro gli investimenti competitivi in ​​molti settori.

Marc Rohatyn è lo pseudonimo di uno scrittore che lavora nel settore finanziario.

https://americanaffairsjournal.org/2022/05/financialization-and-the-problem-of-mutually-assured-capital-destruction/

Guidare la finanza: la strategia cinese per il finanziamento della produzione avanzata, di David Adler

 

I fondi di orientamento [del governo cinese] hanno la missione di concentrarsi su tecnologie strategiche piuttosto che semplicemente generare rendimenti. . . . Al contrario, i modelli di finanziamento nella Silicon Valley hanno avuto la tendenza a favorire le società rivolte ai consumatori con una tecnologia meno innovativa ma una tempistica più breve per la redditività.

—Commissione di revisione economica e di sicurezza USA-Cina 1

Il primo di due saggi sul ruolo degli strumenti finanziari nel determinare le caratteristiche e le tendenze delle formazioni economiche cinese e statunitense. Strutture profondamente diverse e con tendenze e problemi di natura diversa, ma con un una questione di base comune: quello di stabilizzare e rendere autopropulsiva la propria base industriale diffusa. Se per i cinesi si tratta di consolidare definitivamente la propria condizione in una fase ascendente, per gli americani si pone il problema di una vera e propria ricostruzione industriale su basi più equilibrate. E’ uno dei termini fondamentali del feroce dibattito che ha interessato gli Stati Uniti dal 2016, con l’arrivo di Trump. Una discussione altrettanto seria presente in Cina, della quale conosciamo ancora poco i termini e le dinamiche di confronto politico e le implicazioni geopolitiche. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Qual è lo scopo della finanza e il suo rapporto con l’economia reale? In che modo il settore finanziario può sostenere meglio l’innovazione e la crescita nazionale? Quali strumenti di finanziamento possono portare a una migliore competitività nazionale? Quale ruolo dovrebbe svolgere lo stato, se del caso, nella guida del capitale?

Queste domande non sono dibattute negli Stati Uniti, almeno non in generale. La prima domanda non è dibattuta neanche in Cina, perché la risposta è salda: la finanza dovrebbe sostenere l’economia reale. Ma la Cina è vigorosamente alle prese con gli altri punti dell’economia politica e sta sviluppando nuove teorie e istituzioni – e il suo governo sta sperimentando molti nuovi meccanismi di finanziamento – per sostenere molte diverse politiche industriali. Questi nuovi strumenti politici combinano il capitale statale con i meccanismi di mercato. Tali esperimenti offrono informazioni su come gli Stati Uniti potrebbero risolvere i propri fallimenti di mercato che affliggono il finanziamento delle industrie hardware avanzate e la mancanza di capitale paziente in America. 2

Il più grande di questi nuovi veicoli di finanziamento cinesi, misurato dagli asset under management (AUM), sono i fondi di orientamento del governo, a volte chiamati fondi di orientamento industriale. Si tratta di fondi di capitale di rischio pubblico-privato (VC) sponsorizzati dallo stato con il duplice mandato di sostenere gli obiettivi di politica industriale fornendo al contempo rendimenti sugli investimenti. Mirano a portare la concorrenza di mercato alle imprese statali (SOE) mentre convogliano contemporaneamente finanziamenti governativi alle imprese private. La loro portata è enorme, con un obiettivo di raccolta fondi fino a 1,6 trilioni di dollari.

I fondi di orientamento industriale possono finanziare le start-up, ma a differenza dei fondi VC statunitensi, forniscono anche capitale paziente per l’aumento delle tecnologie hardware e della produzione avanzata ad alto capitale. L’economista Barry Naughton scrive che lo scopo del più grande di questi fondi cinesi di orientamento industriale, il National Integrated Circuit Fund (chiamato anche “Big Fund”), è quello di “aiutare le aziende a crescere. . . . L’obiettivo [è] di prendere società e progetti esistenti e fornire loro ampi finanziamenti per completare rapidamente progetti su larga scala”. 3  Cita il Ministero delle Finanze, che descrive il fondo come “una combinazione organica di strategia nazionale e meccanismo di mercato”.

Wall Street e l’industria VC statunitense hanno per lo più ignorato questi nuovi fondi. Ma chiunque sia interessato al futuro della concorrenza economica tra USA e Cina  , o  forse solo al  futuro,  non dovrebbe. I fondi di orientamento implicano sussidi all’industria attraverso investimenti azionari; a differenza dei precedenti metodi cinesi di erogazione di sussidi attraverso prestiti a basso costo o sovvenzioni a titolo definitivo, implicano un certo coinvolgimento del mercato. I fondi di orientamento mostrano anche le enormi risorse che la Cina sta indirizzando verso la politica industriale e le ambizioni del paese non solo di raggiungere, ma di superare effettivamente, gli Stati Uniti nella tecnologia avanzata.

La Cina può essere l’officina del mondo e l’attore centrale nelle catene di approvvigionamento manifatturiere globali, ma non ha ancora ottenuto successi comparabili nell’innovazione locale, anche se questo sta cambiando. Essendo un paese ancora in via di sviluppo, deve affrontare molti ostacoli all’innovazione, principalmente non finanziari.

In realtà sono gli Stati Uniti, più della Cina, che potrebbero trarre vantaggio dall’introduzione di una struttura di tipo fondi di orientamento. Gli Stati Uniti devono affrontare gravi vincoli finanziari quando si tratta di ridimensionare le innovazioni nazionali nella tecnologia hardware. L’industria VC degli Stati Uniti, nonostante i suoi immensi successi nel software, nel settore farmaceutico e nelle biotecnologie, rimane in gran parte piatta quando si tratta di supportare l’innovazione nell’hardware e l’aumento della produzione. 4 Finora gli Stati Uniti non sono stati in grado di fornire un nuovo e solido modello di finanziamento per fornire il capitale paziente necessario per competere contro le ambizioni e le risorse della Cina destinate alla produzione avanzata, sebbene siano in corso numerosi sforzi legislativi. I fondi di orientamento potrebbero offrire miglioramenti rispetto a queste proposte perché coinvolgono la concorrenza del mercato e, in modo critico, incentivano la partecipazione del settore finanziario privato, amplificando eventuali investimenti governativi.

A dire il vero, i fondi cinesi di orientamento industriale non possono e non devono essere replicati direttamente nella loro forma attuale negli Stati Uniti. La loro esistenza è specifica del contesto economico cinese e del panorama politico del Partito Comunista Cinese; sono in gran parte incomprensibili al di fuori di esso. E i fondi di orientamento hanno una logica politica oltre che economica: convogliando gli investimenti statali verso il settore privato, forniscono al governo un’ulteriore finestra attraverso cui monitorare la stabilità finanziaria delle imprese private. Questo monitoraggio ha il potenziale per essere coercitivo. Tuttavia, nonostante i loro vari problemi, vale la pena dare un’occhiata più da vicino ad alcune caratteristiche dei fondi di orientamento in quanto suggeriscono nuovi modi per fornire il capitale paziente necessario per costruire capacità manifatturiere e industrie strategiche.

Le origini dei fondi di orientamento

Una manciata di fondi di orientamento del governo cinese sono stati istituiti intorno all’inizio degli anni 2000, ma hanno iniziato a diventare un importante strumento di finanziamento della politica industriale intorno al 2014. 5  Questo è quando il Consiglio di Stato ha pubblicato le “Linee guida per la promozione dello sviluppo del circuito nazionale integrato Industria.” 6  Il rapporto ha messo in evidenza l’uso dei tradizionali strumenti di finanziamento della politica industriale, come le banche di sviluppo nazionali e le banche commerciali. Ma richiedeva anche qualcosa di nuovo: un fondo di investimento nazionale per l’industria dei circuiti integrati,  un  fondo di orientamento industriale che realizza  investimenti azionari, dedicato a questo settore. Il fondo si concentrerebbe “sul sostegno alla produzione di circuiti integrati con operazioni orientate al mercato. . . [e] incoraggiare vari capitali di rischio sociale e fondi di investimento azionario a entrare nel settore”.

La causa immediata di questa spinta improvvisa da parte della Cina a sviluppare la sua industria dei circuiti integrati (IC) sono state le rivelazioni di Edward Snowden. Snowden ha rivelato che la NSA aveva violato i server cinesi e poteva spiare la Cina. Ha anche offerto dettagli sugli attacchi di Stuxnet all’Iran. Queste informazioni hanno portato un gruppo di alti dirigenti tecnologici cinesi a esprimere la loro preoccupazione per il fatto che la dipendenza della Cina dalla tecnologia statunitense fosse una minaccia alla sicurezza. La soluzione, hanno affermato in una lettera congiunta, era che la Cina sviluppasse la propria industria dei circuiti integrati. Erano in gioco anche altri fattori interni, tra cui le ambizioni di lunga data della Cina nell’IC e gli sforzi più ampi sotto Xi Jinping per creare un nuovo modello di sviluppo, che coinvolgesse sia le forze di mercato che la guida dello stato, per consentire all’economia cinese di raggiungere l’Occidente.

Questa  cronologia,  ampiamente accettata dagli osservatori della Cina occidentale 7 , è in contrasto con la narrativa a volte ascoltata in America secondo cui la Cina è stata indotta a intraprendere azioni di politica industriale più aggressive dalle “tariffe di Trump”, come elaborata dal rappresentante commerciale Robert Lighthizer. Questa argomentazione sostiene che, senza la guerra commerciale iniziata dagli Stati Uniti, le relazioni economiche con la Cina sarebbero rimaste collegiali. In effetti, i massicci sforzi della Cina per aggiornare la sua industria dei circuiti integrati sono antecedenti alle tariffe. Inoltre, l’episodio mostra che allo stesso modo in cui i politici statunitensi sono preoccupati per la dipendenza dalla Cina, i funzionari cinesi sono preoccupati per la dipendenza dagli Stati Uniti.

Struttura dei Fondi di orientamento industriale

“Un ‘fondo di orientamento’ non è necessariamente un’entità giuridicamente definita, è più una caratteristica analitica. È un fondo con un forte coinvolgimento dello stato in esso, attraverso risorse finanziarie e umane, che investe in settori strategici emergenti”, afferma François Chimits del think tank merics di Berlino. (Merics, il principale think tank europeo sulla Cina, è stato sanzionato nel 2021 dal ministero degli Esteri cinese insieme ad altre tre istituzioni europee come rappresaglia per le sanzioni europee nei confronti di funzionari cinesi nello Xinjiang accusati di violazioni dei diritti umani.)

I fondi di orientamento sono spesso incentrati sul sostegno di un settore specifico, come i materiali avanzati, o di un’attività, come la riqualificazione industriale. 8  All’interno di questo quadro descrittivo, emergono diversi modelli: i fondi seguono grosso modo un modello di private equity (PE) o un modello VC (in Cina le distinzioni tra VC e PE sono sfumate 9), con un socio accomandatario responsabile della gestione del fondo e soci accomandanti che sono gli investitori. Lo sponsor del fondo, che fornisce il finanziamento iniziale, opera direttamente sotto gli auspici del governo nazionale, provinciale o locale e il fondo è amministrato da un’agenzia di gestione correlata. La maggior parte del capitale proviene dai soci accomandanti che sono chiamati investitori di “capitale sociale” e tendono ad essere SOE o banche governative; Il coinvolgimento occidentale è stato finora minimo.

Sebbene i fondi per l’orientamento siano sponsorizzati dallo stato, un obiettivo è che la gestione interna abbia un background nel settore privato. In un quasi riconoscimento del detto di Lawrence Summers secondo cui “il governo è un pessimo venture capitalist”, i fondi cercano di assumere capitalisti di rischio del settore privato professionisti piuttosto che dipendenti statali a lungo termine per gestirli, anche se lo stato sta guidando la direzione di i loro investimenti.

Il vantaggio dell’utilizzo di questa struttura di private equity o di tipo VC è di portare la concorrenza di mercato nella politica industriale. Lo stato ha ancora il sopravvento e determina il settore o l’attività in cui investire, ma i fondi portano alla concorrenza del mercato, anche se a volte è solo tra diverse imprese statali. Dice Chimits, “sebbene sia difficile per molti in Occidente concepire, in Cina la liberalizzazione del mercato in pratica significa più concorrenza tra gli attori sostenuti dallo stato”.

Il Center for Security and Emerging Technology (CSET) di Georgetown, nella sua relazione sui fondi di orientamento, osserva: “I fondi di orientamento consentono allo stato cinese di sfruttare la disciplina e le risorse del mercato. I responsabili politici cinesi hanno iniziato a riconoscere i difetti dei regimi di sovvenzione e di altri strumenti tradizionali di politica industriale. Portando il motivo del profitto nella politica industriale, i fondi di orientamento mirano a evitare questi problemi”. 10  I fondi possono perseguire una varietà di tecniche di investimento, compresi gli investimenti diretti, o molto spesso fungere da “fondo di fondi” per altri fondi di orientamento.

Sebbene i fondi siano a scopo di lucro, il loro universo di potenziali investimenti è strettamente prescritto. I fondi “non investiranno in azioni del mercato secondario, futures, immobili, fondi di investimento mobiliari. . . piani assicurativi e altri derivati ​​finanziari”, secondo un regolamento del Ministero delle Finanze. Piuttosto che speculare all’interno dell’economia finanziaria in cerca di rendimenti, il loro scopo principale è sostenere lo sviluppo industriale nell’economia reale.

In particolare, possono fornire il capitale paziente necessario per superare la “valle della morte” associata all’aumento della produzione quando il fabbisogno di capitale è elevato ma non ci sono entrate per gli anni a venire. La guida del governo cinese chiarisce che i fondi sono destinati a colmare questa lacuna. Un quotidiano statale citato da CSET spiega la logica di uno strumento di finanziamento sostenuto dallo stato: gli investitori privati ​​preferiscono rendimenti rapidi “rispetto alle aree strategiche nazionali che richiedono un sostegno finanziario a lungo termine”.

I gestori di fondi riconoscono questo obiettivo a lungo termine e usano effettivamente l’espressione “valle della morte”. Liu Kefeng, presidente del Beijing Science and Technology Innovation Fund, in un discorso del 2019 a una conferenza sugli investimenti di Pechino, ha dichiarato:

Nell’attuale situazione tra Cina e Stati Uniti, per cosa competono le maggiori potenze? Non solo l’aggregato economico, ma in realtà le cose più dure, che è la nostra tecnologia hard.

Il nostro primo posizionamento è quello di essere capitale paziente. Qual è la funzione centrale del capitale del paziente? Dovrebbe coprire l’intero processo di trasformazione dei risultati scientifici e tecnologici e aiutare le imprese di innovazione scientifica e tecnologica ad attraversare la valle della morte. Questa è la prima strategia di investimento e posizionamento del Beijing Science and Technology Investment Fund. 11

Prodotto in Cina 2025

I fondi di orientamento industriale sono entrati in un periodo di crescita massiccia dopo l’annuncio del 2015 del “Made in China 2025” (MIC2025). Ciò ha richiesto la leadership cinese in dieci settori avanzati, inclusi veicoli elettrici, robotica, intelligenza artificiale e dispositivi medici. I fondi di orientamento industriale sono stati visti e rimangono il principale strumento di finanziamento per l’attuazione del MIC2025. 12

Presto è seguita una fioritura di fondi di orientamento industriale, raggiungendo un totale di 1.741 entro l’inizio del 2020, 13  sebbene il trend di crescita sia in termini di nuovi fondi lanciati che di asset raccolti sia in rallentamento dal 2018. L’obiettivo di raccolta fondi pianificato per questi fondi è di $ 1,6 trilioni, con quasi tutti i comuni e le province che ne annunciano uno. L’importo effettivamente raccolto, tuttavia, è inferiore a questo e l’importo distribuito è ancora inferiore. Alcune stime mettono l’importo totale raccolto al 60 percento dell’obiettivo, o poco meno di $ 1 trilione, una cifra ancora considerevole. 14

“L’espansione dei fondi di orientamento a questi ulteriori settori prioritari si è basata sull’esperimento riuscito di utilizzarli per IC. L’apprendimento, la flessibilità, l’adattamento e l’aumento dei successi sono tipici della politica economica cinese”, afferma Meg Rithmire della Harvard Business School. Il modello cinese non è esattamente dal basso verso l’alto, ma una volta che lo stato ha fissato un obiettivo tecnologico, ad esempio nella tecnologia di ricarica dei veicoli elettrici, questo viene in genere implementato tramite la sperimentazione regionale, seguita dal potenziamento dei piloti di successo. Questo approccio è notevolmente diverso dall’approccio dall’alto verso il basso della politica economica americana. L’approccio politico americano è molto meno flessibile e in genere non si basa su tale sperimentazione. Invece, la politica è tipicamente elaborata tra i legislatori e il loro personale e quindi formalmente redatta senza prima utilizzare progetti pilota regionali per identificare i successi. (Naturalmente, la flessibilità cinese non si estende al governo politico, dove il sistema politico autoritario cinese è stato descritto come “congelato”, con il potere centralizzato nelle mani di Xi Jinping.15 )

Rithmire afferma che il modo in cui funzionano in pratica i fondi per l’orientamento è che “il PCC annuncia un obiettivo per un fondo per l’orientamento, semina il capitale dei pazienti e si aspetta che i LP lo corrispondano”. Il calcolo quantistico è un esempio. Rithmire afferma: “Il calcolo quantistico non avverrà a meno che lo stato non sia coinvolto. Lo stato ha inviato un segnale al settore privato che ora questo è un investimento sicuro e che avrebbero dovuto seguire l’esempio. Tutti a Pechino lo capivano”. Aneddoticamente, Rithmire ha notato un cambiamento tra i gestori di VC e di private equity che conosceva in Cina. Mentre in precedenza avevano investito nel canale dell’innovazione dei consumatori, come servizi di consegna di trucchi o app di noleggio biciclette, hanno riorientato i loro investimenti verso i settori prioritari dal MIC2025.

L’uso dei fondi di orientamento ha segnato anche un importante cambiamento nel modo in cui il governo sostiene l’industria. 16  In passato, le sovvenzioni del governo cinese per l’industria pesante erano tradizionalmente sotto forma di “debito al di sotto del mercato”, sotto forma di prestiti a basso costo da banche statali o sovvenzioni a titolo definitivo. L’industria cinese dell’alluminio, ad esempio, è ricca di sussidi lungo tutta la catena del valore dell’alluminio, compresa l’elettricità sovvenzionata da centrali a carbone e prestiti da banche statali a società di alluminio di proprietà statale. La Cina non ha vantaggi naturali quando si tratta di fusione dell’alluminio, come le risorse idroelettriche che si trovano in Islanda o in Siberia. Tuttavia, ora domina questo settore, rappresentando quasi il 60% della produzione mondiale.

I fondi di orientamento, in contrasto con queste forme precedenti di sovvenzione, utilizzano il finanziamento tramite capitale proprio. Qui le sovvenzioni a titolo definitivo sono difficili da identificare. 17  Alcuni in Occidente ritengono che i fondi per l’orientamento siano semplicemente un modo per aggirare gli accordi dell’OMC in materia di sovvenzioni. Questo era il punto di vista del rapporto sulla catena di approvvigionamento della Casa Bianca, che affermava: “è chiaro che il governo cinese ha progettato il suo modello di ‘venture capital’ per facilitare una massiccia campagna di sussidi per sviluppare la sua capacità di semiconduttori domestici per evitare qualsiasi supervisione dell’OMC”. 18  Ma date le dimensioni del mercato interno cinese e la continua sperimentazione del suo modello di sviluppo, non tutto ciò che fa la Cina è incentrato sulle istituzioni occidentali.

Ciò non significa che non siano coinvolti sussidi, che l’OCSE ha tentato di quantificare. Per utilizzare la definizione dell’OCSE, se il governo tollera rendimenti più bassi rispetto agli investitori privati, l’investimento è considerato “sotto il mercato azionario”. Ha intrapreso uno studio per misurare le potenziali distorsioni introdotte dalla “finanza al di sotto del mercato” (sia debito che azionario) nella catena del valore dei semiconduttori in molti paesi. L’OCSE ha rilevato:

Il sostegno del governo fornito attraverso il canale azionario (“below-market equity”) ha avvantaggiato in modo schiacciante le imprese cinesi nel campione. I grandi investimenti che i fondi del governo cinese hanno fatto in aziende nazionali di semiconduttori hanno profondamente rimodellato l’industria cinese dei semiconduttori. In particolare, sembra esserci un collegamento diretto tra le iniezioni di azioni da parte dei fondi governativi cinesi e la costruzione di nuove fabbriche di semiconduttori nel paese. 19

Valutazione dell’impatto dei fondi di orientamento

I fondi per l’orientamento riescono effettivamente a raggiungere i loro obiettivi? C’è una tensione intrinseca nella “doppia linea di fondo” dei fondi di orientamento (un’espressione usata negli investimenti ESG per riferirsi a obiettivi di performance e sostenibilità), qui riferiti alla loro performance e agli obiettivi strategici. I rendimenti attesi e la cronologia delle prestazioni dei fondi di orientamento non sono chiari. Naughton ha scoperto che il “‘Big Fund’ mira a un rendimento del 5%, ma per raggiungere questo obiettivo ha dovuto dividersi in due, un comparto strategico che mira a nessun rendimento e un ‘comparto commerciale'”. 20

I fondi devono offrire rendimenti positivi ai loro investitori, anche se questi investitori sono SOE o banche statali. Gli stessi gestori di fondi sono finanziariamente incentivati ​​ad aumentare l’AUM ea sovraperformare, ma anche a rimanere all’interno delle linee guida di politica industriale prescritte. I fondi di orientamento industriale sono progettati per essere un investimento a basso rischio. Ciò è ottenuto dal governo fornendo diversi tipi di garanzie. Lo sponsor del governo potrebbe assorbire le prime perdite, rinunciare al pagamento degli interessi o accettare di acquistare azioni di soci accomandanti a un prezzo concordato. 21

La principale critica ai fondi di orientamento da parte degli osservatori cinesi con sede in Occidente (gli analisti di Wall Street tendono a non coprirli) è che sono altamente inefficienti e allocano male le risorse. Questa stessa accusa potrebbe essere mossa contro i precedenti programmi di sovvenzione cinesi, tuttavia, come per l’alta velocità ferroviaria o per Huawei. Il  Wall Street Journal  ha riferito: “Huawei ha avuto accesso a fino a 75 miliardi di dollari di sostegno statale negli ultimi 25 anni, comprese sovvenzioni (1,6 miliardi di dollari), facilitazioni di credito (46,3 miliardi di dollari), agevolazioni fiscali (25 miliardi di dollari) e terreni sovvenzionati acquisti ($ 2 miliardi).” 22 Questi programmi, che coinvolgevano anche pratiche mercantiliste, non furono messi in atto per ragioni di efficienza economica. L’obiettivo era invece quello di far crescere i settori prioritari. Questo obiettivo è stato raggiunto, con la Cina che ha ottenuto la leadership strategica di entrambi i settori. I fondi di orientamento industriale non sono efficienti, ma ciò non significa che non possano essere efficaci.

I dispositivi di protezione individuale (DPI) durante la pandemia offrono un altro esempio più recente. Durante i primi giorni della pandemia, i produttori cinesi sono stati accusati di aver inondato il mercato statunitense con mascherine chirurgiche a basso costo. I restanti produttori statunitensi sono stati cacciati dal mercato. Sebbene sia opinione diffusa che il basso costo del lavoro rappresenti la competitività cinese, queste maschere sono state vendute a prezzi inferiori al costo delle materie prime. Come di consueto, i sussidi specifici coinvolti sono opachi e possono coinvolgere fondi di orientamento nonché altre fonti di finanziamento. Ma i risultati sono chiari: questo modello incentrato sui sussidi si è dimostrato efficace a livello globale. Se nel 2019, il primo anno della pandemia, il 21% delle esportazioni globali di DPI proveniva dalla Cina, entro il 2020 il 43% delle esportazioni globali di DPI proveniva dalla Cina. Quasi nessuno di questi è stato donato,23

Tuttavia, gli analisti occidentali hanno identificato diversi difetti specifici dei fondi di orientamento. Innanzitutto, ci sono troppi fondi. I fondi duplicano gli sforzi, portando alla sovraccapacità in alcuni settori favoriti. I fondi locali possono finire per sovvenzionare industrie locali non strategiche e possono esserci tensioni tra lo sviluppo provinciale e gli obiettivi di sviluppo nazionale. Vi sono ampie prove di corruzione, ma poche prove di disciplina di mercato.

Ngor Luong, un autore dello studio CSET sui fondi di orientamento, afferma: “Spesso non raccolgono quanto previsto e non investono come dovrebbero perché i loro investitori SEO non hanno propensione al rischio . Invece di assumere manager professionisti, reclutano regolarmente funzionari locali. I fondi di orientamento possono effettivamente escludere altri tipi di investimenti”. Aggiunge, tuttavia, che “ci sono anche una manciata di fondi che riescono a raccogliere capitali e investire in progetti”.

L’esperienza del National IC Fund, o Big Fund, esemplifica alcune di queste vulnerabilità e rivela le sfide più ampie che la Cina deve affrontare nello sviluppo di tecnologie avanzate. La Cina ha un grande deficit commerciale nei semiconduttori ed è molto indietro rispetto alla frontiera tecnologica in settori come l’automazione della progettazione elettronica, il software e la fabbricazione di beni strumentali. Anche la sua fonderia più avanzata è indietro di generazioni, TSMC, leader del settore. Douglas B. Fuller della City University di Hong Kong fornisce una spiegazione della continua incapacità della Cina di generare una vera trasformazione tecnologica in IC nonostante le enormi risorse lanciate all’industria. Dice, “essenzialmente, i fondi di orientamento ‘allocano male’ le risorse gettando risorse a società statali non efficienti”.

Nel suo libro,  Paper Tigers, Hidden Dragons: Firms and the Political Economy of China’s Technological Development , Fuller raggruppa l’industria cinese dei circuiti integrati in tre tipi di aziende: le SOE, le multinazionali straniere con impianti di produzione in Cina e quelle che lui chiama aziende “ibride”, che sono società private gestite da investitori stranieri di etnia cinese. 24  Esistono differenze critiche nelle capacità di ciascuna categoria di imprese, che è al centro della cattiva allocazione del capitale da parte dei fondi di orientamento.

Secondo Fuller, le SOE hanno avuto un successo molto limitato nell’adozione di nuove tecnologie o nell’intercettare nuovi mercati. Queste aziende continuano ad andare avanti con appalti statali garantiti, mentre i loro manager “evitano  attività rischiose, inclusa la sperimentazione  tecnologica  , che  potrebbero esporle a future accuse di perdita o distruzione di beni statali”. Tuttavia, “le iniziative politiche continuano a elargire risorse alle lente aziende statali”.

Né le multinazionali straniere che operano in Cina sono una fonte di vera innovazione tecnologica nel settore dei circuiti integrati. Sono estremamente cauti nel collocare impianti di produzione all’avanguardia in Cina.

D’altra parte, Fuller sostiene che la Cina dimostra abilità tecnologica e commerciale nella terza categoria di imprese, le imprese ibride gestite da emigrati, che sono state i veri motori dello sviluppo tecnologico. Ma queste non sono le aziende sostenute dal Fondo Nazionale IC, tranne quando occasionalmente vengono rilevate. Ad esempio, SMIC, una delle principali fonderie di semiconduttori a conduzione ibrida, è stata rilevata dal National IC Fund nel 2015. Fuller scrive: “l’acquisizione dell’azienda da parte dello stato mette in dubbio la sua sostenibilità competitiva”. Aggiunge: “La Cina non manca di investimenti industriali, ha troppi investimenti industriali e allocazioni inefficienti”.

Tuttavia, gli sforzi della Cina nel settore dei circuiti integrati non sono l’intera storia dei fondi di orientamento. Vi sono altri settori, spesso sostenuti da fondi di orientamento, dove la distanza dalla frontiera tecnologica è molto minore. Questi settori hanno meno operatori storici nazionali da frenare il progresso, o operatori storici occidentali da recuperare. Nei veicoli a nuova energia (NEV), nelle batterie e nelle tecnologie quantistiche, la Cina potrebbe ora essere in vantaggio.

“Tutti i settori non SOE ad alta priorità industriale sono fondamentalmente inondati di capitale guidato dallo stato”, afferma Chimits di Merics, tra cui il calcolo quantistico e l’intelligenza artificiale. Le informazioni sulle effettive attività dei fondi di orientamento sono molto limitate, ma ci sono stati alcuni evidenti successi.

Ad esempio, il governo locale di Hefei, nel 2020, ha effettuato un investimento attraverso un fondo di orientamento in NIO, il principale rivale cinese di Tesla. NIO stava lottando nel 2020. Non più. Hefei ha realizzato un ritorno di 5,5 volte il suo investimento iniziale. “Dal nostro investimento in Nio, abbiamo guadagnato soldi senza pietà”, ha detto Yu Aihua, il massimo funzionario comunista della città,   ha riferito il South China Morning Post . 25

Hefei è emblematico dei modelli mutevoli del sostegno del governo locale cinese all’industria. Storicamente, Hefei offriva agevolazioni fiscali o prestiti a società private, seguite in seguito da un approccio di investimento diretto. Più recentemente, ha perseguito un approccio di investimento indiretto utilizzando fondi di orientamento gestiti da manager professionisti.

I successi di Hefei con NIO hanno favorito un intero ecosistema di veicoli elettrici centrato nella città. Volkswagen ha reso Hefei uno dei suoi principali centri di produzione di componenti per veicoli elettrici, comprese le batterie. Il caso di studio di NIO mostra che i fondi di orientamento possono fornire rendimenti finanziari in stile VC insieme agli obiettivi di crescita economica dello stato.

Fondi di orientamento nelle campagne economiche cinesi

Il MIC2025 è stato seguito da politiche più ambiziose, tra cui, più recentemente, il programma “prosperità comune”. Finora, l’iniziativa più visibile di questo programma è stata una repressione del settore immobiliare e della tecnologia di consumo, ma non è ancora chiaro cosa comporterà la “prosperità comune”. Nis Grünberg, analista capo di merics, afferma: “Non è ancora molto esplicitato sia i meccanismi specifici volti a raggiungere la prosperità comune, sia, più fondamentalmente, cosa significhi effettivamente ‘prosperità comune’ in termini di obiettivi concreti”.

Parte della confusione che circonda i grandi programmi economici cinesi è che in realtà sono “campagne”, il tradizionale metodo di mobilitazione e propaganda del PCC. “Le campagne e i loro meccanismi di attuazione raramente sono completamente definiti”, afferma Rithmire. “Ma quando c’è una campagna, tutti sanno cosa fare e come saltare sul carro. Sia gli attori politici che quelli sociali hanno attraversato campagne”.

Il grande balzo, i cento fiori, la politica del figlio unico e Belt and Road erano tutte campagne. E sebbene non sia ampiamente riconosciuto in Occidente, lo sono anche i fondi di orientamento. “I fondi di orientamento sono una campagna. Con le campagne, non c’è un ufficio centrale”, afferma Rithmire. “Non esiste un elenco centrale di comandi o persone.” La qualità amorfa, decentralizzata e mutevole delle campagne spiega perché gli analisti occidentali hanno avuto difficoltà a capire Belt and Road. Il modello cinese non è solo una versione più ampia degli stati di sviluppo dell’Asia orientale del Giappone e delle ex colonie di Corea o Taiwan di quest’ultimo. Sebbene possa prendere in prestito da ciascuno, è anche radicato nella tradizione del PCC.

Le campagne seguono una traiettoria familiare di accelerazione ed esuberanza, seguita da un periodo di decelerazione e rivalutazione, secondo Rithmire. I fondi di orientamento si trovano ora nelle ultime fasi di questa traiettoria.

La stessa organizzazione teorica del PCC ha recentemente offerto ulteriori approfondimenti su ciò che il futuro potrebbe riservare in un documento intitolato “Date pieno gioco al ruolo della finanza politica nel sostenere la prosperità comune”, scritto da ricercatori del Centro di ricerca di Pechino per il pensiero di Xi Jinping sul socialismo con caratteristiche cinesi per una nuova era. 26  “L’espressione ‘finanza politica’ e il documento [nel suo insieme] descrivono il panorama in Cina in cui si stanno sviluppando diversi veicoli finanziari oltre ai fondi di orientamento”, afferma Grünberg. “La finanza pubblica è un concetto più ampio dei fondi di orientamento, ma li include”.

I meccanismi di mercato svolgono ancora un ruolo nel finanziamento delle politiche, a differenza degli approcci tradizionali in materia di sovvenzioni. I teorici del Beijing Research Center scrivono:

Afferrare la relazione tra finanziamento delle politiche e operazioni orientate al mercato. Le istituzioni finanziarie politiche sono ancora essenzialmente istituzioni finanziarie legali con rischi operativi, piuttosto che dipartimenti governativi, e devono anche aderire ai principi del mantenimento del capitale e della realizzazione di piccoli profitti nel processo di allocazione delle risorse. Pertanto, le istituzioni finanziarie politiche non dovrebbero utilizzare il modello della “trasfusione di sangue”. . . nel processo di aiuto alle imprese. . . ma dovrebbero “creare il proprio sangue” per formare un meccanismo finanziario a lungo termine per sostenere la prosperità comune. 27

La metafora medica qui, secondo Grünberg, è un avvertimento contro il supporto vitale delle casse pubbliche (“trasfusioni di sangue”). Al contrario, il documento invita gli istituti di finanza pubblica a sfruttare i mercati finanziari per generare il proprio capitale, o “creare il proprio sangue”, nel linguaggio del documento.

L’anaconda nel candeliere

I fondi di orientamento del governo non finanziano solo le SOE, ma forniscono anche capitale statale alle aziende del settore privato, cosa che non è stata una pratica standard nella strategia industriale cinese. 28  Questo finanziamento allinea maggiormente le imprese private con le priorità economiche e strategiche dello Stato.

L’investimento del fondo guida in un’impresa privata offusca la distinzione tra il settore statale e il settore privato. L’autonomia delle imprese private è diminuita e il controllo statale aumenta, e con esso può derivare un maggiore monitoraggio da parte del governo autoritario, sia per verificare la presenza di segnali di instabilità finanziaria che per il rispetto delle direttive politiche. 29  In effetti, il binario privato/stato potrebbe non avere più senso come modo per descrivere le operazioni di questi fondi e le società in cui investono.

I fondi di orientamento sono solo un tipo di meccanismo per imporre un maggiore controllo statale sulle imprese private. Altri includono l’investimento diretto in azioni quotate in borsa attraverso “società di gestione di capitali di proprietà statale” e la crescente influenza delle cellule di partito all’interno di società private.

Il PCC di solito non deve disciplinare esplicitamente il settore privato; la sola minaccia è spesso sufficiente. Nella memorabile metafora dello studioso cinese Perry Link, il governo cinese e la sua capacità di esercitare il controllo assomigliano a “un’anaconda gigante arrotolata in un lampadario in alto. Normalmente il grande serpente non si muove. Non è necessario. Non sente il bisogno di essere chiaro sui suoi divieti. Il suo costante messaggio silenzioso è “Decidi tu stesso”, dopo di che, il più delle volte, tutti nella sua ombra fanno degli aggiustamenti”. 30

Dove sta andando tutto questo? I fondi di orientamento saranno utilizzati principalmente per scopi politici, per tenere a freno il settore privato al fine di sottoporlo a un maggiore controllo e direzione statale? I fondi di orientamento si tradurranno solo in risorse allocate in modo errato?

O riusciranno nel loro scopo dichiarato? Porteranno la disciplina del mercato nella strategia di sviluppo della Cina, consentendo al paese non solo di mettersi al passo, ma di superare l’Occidente nella tecnologia avanzata? Anche se ci sono molti sprechi, la Cina sta investendo enormi risorse in questa ambizione. E attraverso l’innovazione finanziaria unica dei fondi di orientamento, che forniscono sia capitale iniziale che capitale paziente, è certamente possibile che la prossima rivoluzione tecnologica abbia luogo non negli Stati Uniti ma in Cina.

Nessuno conosce le risposte a queste domande; per fare eco alla valutazione di Zhou Enlai sulla Rivoluzione francese, è troppo presto per dirlo. 31  E parte della risposta dipenderà da come risponderà l’Occidente.

Carenze dell’approccio occidentale

I migliori risultati si ottengono presso le aziende che richiedono risorse minime per condurre attività ad alto margine e offrire beni o servizi che amplieranno il volume delle vendite con solo minori esigenze di capitale aggiuntivo.

—Warren Buffett, Lettera del 2020 agli azionisti di Berkshire Hathaway 32

La principale risposta occidentale ai fondi di orientamento cinesi è guardare al loro impatto attraverso una lente di politica commerciale: qual è la vera portata dei sussidi coinvolti e del danno per l’industria occidentale o del beneficio per i consumatori? Le raccomandazioni politiche standard includono costringere la Cina a rispettare i suoi impegni in seno all’OMC, migliorare le regole commerciali dell’OMC relative al finanziamento al di sotto del mercato o creare del tutto un’alternativa all’OMC. La prima risposta presuppone che la Cina possa essere cambiata, e le altre che gli attori occidentali vogliano che l’OMC cambi, il che non è necessariamente vero, dato che Wall Street e le multinazionali hanno beneficiato degli accordi attuali. La profonda ostilità ideologica alle tariffe e l’incrollabile impegno per il libero scambio da parte degli economisti occidentali tradizionali ostacola ulteriormente i cambiamenti materiali nella politica commerciale.

Una risposta meno comune è guardare i fondi di orientamento da un  obiettivo di politica industriale: quali  lezioni traggono e quali delle loro caratteristiche potrebbero essere applicate al di fuori della Cina? Dopotutto, i fondi di orientamento sono strumenti finanziari sostenuti dallo stato, non strumenti commerciali. Mostrano l’entità delle risorse, comprese le risorse del governo, che saranno necessarie agli Stati Uniti per competere con successo con la Cina nei settori della tecnologia avanzata. È improbabile che le tariffe funzionino se gli Stati Uniti non hanno ancora un’industria nazionale da proteggere o piani per crearne una. I fondi di orientamento sottolineano la necessità di nuove e migliori soluzioni di finanziamento e di nuove istituzioni negli Stati Uniti.

Il sistema VC statunitense è “impaziente”, privilegiando settori come il software con alti canoni di proprietà intellettuale e scalabilità a basso costo, e il mercato azionario favorisce anche le società a basso capitale. Nessuno dei due metodi di finanziamento è adatto a fornire le risorse richieste dalla tecnologia avanzata o dalle industrie manifatturiere ad alto capitale, una delle ragioni per cui queste industrie sono diminuite drasticamente negli Stati Uniti negli ultimi decenni. Né il sistema di prestito bancario esistente è all’altezza del compito. Produce le proprie allocazioni errate a causa della sua dipendenza da  garanzie, che  spesso non esistono per i settori emergenti. 33 Le frontiere dell’innovazione finanziaria statunitense, come la fintech e l’elaborazione dei pagamenti, non finanziano nemmeno l’industria pesante o i progressi tecnologici nell’hardware, nonostante le narrazioni futuristiche e trionfalistiche che queste industrie utilizzano nel loro marketing.

La strategia americana sembra essere quella di finanziare le università o il National Institutes of Health e poi sperare per il meglio. Gli americani non si fanno scrupoli riguardo ai finanziamenti governativi per la ricerca di base, ma c’è una maggiore opposizione ideologica al sostegno statale per una particolare industria o tecnologia e alla politica industriale in generale. Ad esempio, la costruzione navale commerciale, un’industria ad alta intensità di capitale, è un gioco internazionale di sovvenzioni competitive. 34 Sotto l’amministrazione Reagan, gli Stati Uniti cessarono di sovvenzionare questa industria. Di conseguenza, sebbene un tempo l’America fosse leader di mercato, ora rappresenta solo lo 0,35% della costruzione globale di navi commerciali. È fuori gioco. Questo è un problema perché gli Stati Uniti costruiscono ancora navi militari ma non possono beneficiare della fertilizzazione incrociata con la costruzione navale commerciale.

Gli Stati Uniti offrono prestiti, sovvenzioni e altri sussidi alle imprese, ma tali politiche tendono ad essere sparse e irregolari. Sono spesso molto piccoli. Ad esempio, c’è stata una proposta legislativa per fornire capitale paziente attraverso il programma Small Business Investment Company (SBIC). 35  Il totale: $ 10 miliardi  di dollari: un  gesto. Ma questa e altre recenti proposte legislative suggeriscono che i responsabili politici stanno finalmente diventando più aperti alla politica industriale. Un’altra proposta creerebbe una Industrial Finance Corporation per investire nella produzione. 36  Ci sono discussioni altrettanto promettenti sull’utilizzo della US Export-Import Bank per i prestiti interni per il settore manifatturiero. 37 Il Senato e la Camera degli Stati Uniti hanno ora approvato atti che fornirebbero sovvenzioni all’industria dei semiconduttori statunitense. 38

Le sfide che deve affrontare l’industria dei semiconduttori statunitense dimostrano come funziona nella pratica la sovvenzione competitiva e dove gli Stati Uniti non sono all’altezza. Costruire una nuova fabbrica negli Stati Uniti costa molto di più che in Cina. Ma dal 40 al 70 per cento del differenziale di costo è spiegato dai sussidi cinesi, secondo l’analisi citata dalla Casa Bianca. 39  La stessa analisi ha rilevato che gli Stati Uniti erano effettivamente competitivi nella tassazione, ma non nel fornire sovvenzioni o denaro diretto per la costruzione di nuove fabbriche.

Contrariamente alla Cina, dove ci sono quasi troppi soldi da spendere per costruire fabbriche di semiconduttori, negli Stati Uniti ce n’è troppo poco, osserva Jimmy Goodrich, vicepresidente della politica globale presso la Semiconductor Industry Association (SIA). “Ci mancano incentivi finanziari competitivi per incoraggiare la produzione onshore. Nell’era moderna non c’è mai stata una fabbrica costruita da nessuna parte a livello globale senza il supporto del governo”.

Goodrich aggiunge: “quando guardi oltre gli Stati Uniti, ogni altro attore chiave viene sovvenzionato”. Sottolinea che senza sussidi, gli Stati Uniti diventeranno sempre meno competitivi nella produzione di semiconduttori, più vulnerabili nella loro catena di approvvigionamento e vedranno un declino della loro base industriale.

La legge sui chip (e la successiva legislazione) potrebbe ricostruire la produzione nazionale di semiconduttori. Ci sono, tuttavia, molte altre industrie tecnologiche avanzate oltre ai semiconduttori che richiederanno il sostegno finanziario del governo per avere successo. Dato che queste industrie sono nascenti o potrebbero anche non esistere, non hanno alcun potere legislativo per costruire questo supporto, a differenza dell’industria dei semiconduttori.

In generale, l’approccio statunitense alle sovvenzioni è ancora allo stadio di “trasfusione di sangue”  – mantenendo in vita  il paziente  – per  usare la metafora del documento di teoria cinese. Oppure, come nel caso dell’industria cantieristica, la preferenza degli Stati Uniti è stata quella di far morire il paziente. Il paese ha bisogno di un approccio più nuovo e più ampio ai sussidi che integri il capitale privato e la disciplina di mercato. Per continuare con la metafora cinese, una tale strategia consentirebbe alle industrie che richiedono sussidi di “creare il proprio sangue”.

L’inadeguatezza del finanziamento delle sovvenzioni

La macchina del credito è progettata in modo da servire al miglioramento dell’apparato produttivo ea punire ogni altro uso. Tuttavia, questo giro di parole non deve essere interpretato nel senso che quel design non può essere modificato. Certo, può. . . la macchina esistente può essere fatta funzionare in uno qualsiasi dei tanti modi diversi”.

—Joseph Schumpeter 40

Per affrontare le carenze di cui sopra, gli Stati Uniti hanno bisogno di strutture di investimento e istituzioni finanziarie aggiornate o nuove. Una soluzione potrebbe essere un adattamento o un’estensione dell’attuale sistema VC/PE, incentivato a finanziare hardware e produzione avanzata, vale a dire un sistema di fondi di orientamento americano. Questi fondi sarebbero strutturati come partenariati pubblico-privato tra il governo e intermediari simili a VC.

L’identificazione dei settori prioritari per il finanziamento, nonché di chi ha il potere di prendere questa decisione di finanziamento delle politiche, può sembrare una questione controversa e politicamente irrisolvibile. Ma c’è una via pragmatica da seguire. Alcune agenzie federali finanziano già la ricerca di base e, nel caso del Dipartimento del Commercio, hanno la missione di “creare le condizioni per la crescita economica e le opportunità”. Sono consapevoli di specifici fallimenti del mercato quando si tratta di aumentare o commercializzare nuove tecnologie. Tali agenzie sono naturali “verticali” lungo le quali organizzare gli obiettivi di finanziamento delle politiche. Anche i governi statali interessati allo sviluppo regionale sono disposti a perseguire una “doppia linea di fondo” (di ritorno degli investimenti e crescita locale).

In questo modello proposto, le agenzie o i governi statali fisserebbero gli obiettivi politici per i fondi. Avrebbero ridotto il rischio di investire fornendo capitale iniziale, prestiti al di sotto del tasso di interesse di mercato e garanzie. Ciò incoraggerebbe gli investitori a partecipare, che fornirebbero la maggior parte del capitale. Potrebbero essere richiesti anche vantaggi fiscali. La gestione effettiva del fondo sarebbe nelle mani di un intermediario in grado di selezionare varie opportunità di investimento e fornire disciplina di investimento. Il coinvolgimento del mercato e il movente del profitto sono fondamentali: questi forniscono la disciplina definitiva contro il fondo che favorisce le società nepotistiche e politicamente collegate. Il fallimento è davvero un’opzione.

La logica per stabilire un tale meccanismo di finanziamento è che i mercati dei capitali da soli non sono disposti a fornire il capitale necessario per aumentare le tecnologie hardware, mentre il governo da solo non può farlo in modo plausibile. Un fondo di orientamento americano adeguatamente strutturato amplificherebbe qualsiasi investimento iniziale del governo con la partecipazione del settore privato fornendo allo stesso tempo disciplina di mercato, consentendo al mercato di scegliere i vincitori.

Questo schizzo preliminare mostra alcune delle caratteristiche di un’entità del tipo di fondo di orientamento statunitense: governo che fornisce capitale di de-risking e seed, un intermediario che gestisce cose e concorrenza di mercato. Anche un probabile acquirente per la tecnologia in cui il fondo sta investendo sarebbe utile, con il governo che ricoprirà nuovamente questo ruolo. I vari  input (prestiti,  sgravi fiscali, impegni di mercato avanzati da parte del  governo) devono  essere titolati per assicurarsi che il fondo raggiunga i suoi obiettivi e che tutti i partecipanti condividano sia i rischi che i rendimenti. Le legioni americane di ingegneri finanziari sono lì per far sì che ciò accada.

Eppure ci sono problemi e incertezze più profondi che circondano la progettazione ottimale di nuove strutture di finanziamento che vanno oltre la semplice ingegneria finanziaria. Questi si trovano nel regno della politica.

Diversi tipi di sussidi hanno impatti diversi sull’economia reale. Questa è un’area di ricerca arcana ma importante. I sussidi sono disponibili in molte forme e dimensioni e non sono perfetti sostituti l’uno dell’altro. L’OCSE ha condotto una ricerca preliminare in questo settore, che dovrebbe informare le attuali proposte politiche per il finanziamento della produzione, nonché la progettazione di politiche future. Ad esempio, è possibile che le sovvenzioni, come utilizzate nella legge sui chip, potrebbero non essere ottimali se l’obiettivo è costruire la produzione nazionale, sebbene potrebbero essere ideali per finanziare la ricerca e lo sviluppo. Invece, i “prestiti al di sotto del mercato” (prestiti statali offerti a tassi agevolati o con garanzie) sono più strettamente legati agli investimenti in capacità manifatturiere. (Azioni al di sotto del mercato come si trova nei fondi di orientamento  : azionile infusioni con rendimenti  attesi inferiori al mercato   non sono state analizzate.)

In particolare, secondo l’OCSE (che rileva scrupolosamente che la correlazione non è causale), i contributi pubblici non sono associati a investimenti netti in immobilizzazioni materiali, a differenza dei prestiti al di sotto del mercato:

In generale, i contributi pubblici non sembrano essere correlati agli investimenti come i prestiti al di sotto del mercato, indipendentemente dalla specificazione utilizzata. Nella maggior parte dei casi, la correlazione tra sovvenzioni e investimenti è piccola e statisticamente non diversa da zero. Ciò supporta la presunzione che i prestiti al di sotto del mercato influiscano sugli investimenti in modo più diretto rispetto ad altre forme di sostegno che non prendono di mira il costo del capitale delle società. Un minor costo del capitale dovrebbe a sua volta incitare le imprese a investire più di quanto farebbero altrimenti, a parità di condizioni. 41

Questi risultati devono essere replicati e incorporati in qualsiasi nuova struttura proposta per il fondo di orientamento americano. Questo nuovo approccio deve anche essere paragonato a modelli come Ex-Im Bank, Finance Corporation, Chip Act o Infrastructure Law che finanzieranno progetti relativi alle batterie. Quale modello comporta la maggiore concorrenza di mercato? Qual è il più aperto ai non incumbent che non sono addetti ai lavori di Washington? Quale modello richiede meno risorse governative e fornisce la maggiore  leva finanziaria, ovvero  offre il maggior rapporto qualità-prezzo?

Il governo cinese, che ha avuto anni di esperienza con gli approcci tradizionali alle sovvenzioni, è passato a questo modello più conforme al mercato per un motivo. I politici americani dovranno trovare le proprie risposte. Ma è molto probabile che un tale modello segnerà un miglioramento rispetto al modello basato sulle sovvenzioni sempre più favorito negli Stati Uniti, che premia le aziende che sono brave a scrivere sovvenzioni piuttosto che quelle con una tecnologia migliore.

Caso di studio: tecnologia del vaccino mRNA

L’operazione Warp Speed ​​(OWS) ha avuto successo nella produzione e distribuzione di enormi volumi di un efficace vaccino contro il Covid in una tempistica notevolmente accelerata. Ma la storia più lunga della tecnologia fondamentale dell’mRNA rivela anche i fallimenti del modello statunitense per il finanziamento dello sviluppo, dell’ampliamento e della produzione di tecnologie rivoluzionarie. La tecnologia dell’mRNA sottostante, infatti, precede da tempo Warp  Speed, uno motivo per cui è stato possibile produrre vaccini così rapidamente nel 2020. E nonostante i notevoli sforzi del governo per promuovere la tecnologia, nel settore privato l’attività languiva prima che OWS ne consentisse il rapido ampliamento e implementazione. La saga più complicata della tecnologia mRNA invita quindi a prendere in considerazione una storia alternativa, in cui i fondi di orientamento potrebbero essere stati utilizzati per supportare la proliferazione dei vaccini mRNA molto  prima, e  senza richiedere l’eroismo  di Warp  Speed.

La possibilità teorica dei vaccini mRNA è stata scoperta già nel 1950. Nel 2005, gli scienziati dell’Università della Pennsylvania hanno scoperto un modo per alterare l’mRNA per aumentarne il potenziale terapeutico. Le loro scoperte nella ricerca e il lavoro parallelo sull’utilizzo delle nanoparticelle lipidiche come meccanismo di rilascio, hanno creato le basi per l’odierna tecnologia del vaccino mRNA.

Il governo federale è stato coinvolto direttamente negli anni successivi, quando darpa (la Defense Advanced Research Projects Agency) ha iniziato a finanziare il lavoro sul vaccino mRNA nel 2010. Nel 2013, darpa ha assegnato una sovvenzione di 25 milioni di dollari a Moderna, allora una nuova start-up biotecnologica, che alla fine svilupperebbe un vaccino Covid di successo e otterrebbe un enorme successo commerciale.

Eppure prima di Covid e OWS, la tecnologia del vaccino mRNA non è riuscita a guadagnare terreno nel settore farmaceutico, nonostante le sovvenzioni governative e nonostante il successo nella raccolta di finanziamenti VC del settore privato. Come ha spiegato il dottor Dan Wattendorf, che ha fondato un programma all’interno di darpa per perseguire gli sforzi dell’mRNA e in seguito è diventato direttore della Gates Foundation, ” I primi investimenti di Darpa hanno ridotto il rischio del problema tecnico. Ma non hanno risolto il fondamentale spostamento di capitale di cui avevamo bisogno”. 42

Sebbene l’mRNA apparisse tecnologicamente promettente, le aziende farmaceutiche tradizionali non erano interessate a fare i grandi investimenti necessari per sviluppare e ottenere l’approvazione normativa per un nuovo  processo di produzione: uno ciò interromperebbe solo le loro attività di vaccini legacy. E mentre le start-up e i loro sostenitori di VC potrebbero essere desiderosi di sviluppare nuove tecnologie, non sono adatte a costruire reti di produzione e distribuzione ad alta intensità di capitale. I vaccini in generale non sono un sottosettore particolarmente interessante del settore farmaceutico commerciale. L’industria dei vaccini negli Stati Uniti è altamente concentrata, con una manciata di produttori, e la prevenzione delle malattie infettive generalmente non è un buon modello di business: i vaccini non richiedono l’uso quotidiano. Per tutti questi motivi, l’adozione diffusa di vaccini mRNA per combattere il Covid ha richiesto gli interventi dell’Operazione Warp Speed.

Ma cosa accadrebbe se, invece delle sole sovvenzioni, il governo degli Stati Uniti avesse sostenuto la tecnologia mRNA attraverso la formazione di un “fondo guida” mRNA negli anni 2010? Un tale fondo, utilizzando capitali sia del settore pubblico che privato, avrebbe sicuramente potuto investire in start-up di mRNA come Moderna e BioNtech. In effetti, potrebbe aver seminato un ecosistema molto più ampio di tali aziende. Ancora più importante, in questo caso, un fondo di orientamento potrebbe aver effettuato investimenti in funzioni critiche adiacenti allo  sviluppo farmaceutico di mRNA, ma  che non offrono il potenziale di rendimento simile a un “unicorno” delle  start-up di IP biotecnologiche, come produttori a contratto in grado di produrre in serie vaccini mRNA o i sistemi logistici speciali di cui hanno bisogno (ad esempio, celle frigorifere). Un ecosistema ampliato di questo tipo avrebbe potuto avere più successo nel fare pressione sugli incumbent farmaceutici del settore privato affinché abbracciassero la nuova  tecnologia o  affrontare la concorrenza su vasta scala. Potrebbe anche aver creato un collegio elettorale a Washington per incoraggiare le agenzie governative al di fuori della  darpa, non ultime le agenzie di  regolamentazione  , a  interessarsi maggiormente alle tecnologie promettenti prima che colpisse una crisi.

Questa storia alternativa è interamente speculativa, ovviamente. Eppure è chiaro a questo punto che i contributi pubblici da soli sono insufficienti. Possono essere fondamentali per lo sviluppo di nuove tecnologie, ma spesso non sono sufficienti per motivare il settore privato a sviluppare nuove industrie attorno a tecnologie rivoluzionarie, all’effettiva commercializzazione necessaria per realizzare i vantaggi economici, di sicurezza nazionale e di altro tipo di queste tecnologie.

Oggi, attraverso una varietà di  tecnologie promettenti – dalle  batterie, alla lavorazione dei minerali, alla robotica, ai  farmaci generici – il  dibattito politico è spesso inquadrato come una scelta tra sovvenzioni o altre forme di puro sussidio o nessun tipo di supporto. È assolutamente necessario un nuovo strumento politico in grado di sfruttare il settore privato per fornire “finanziamenti al di sotto del mercato”.

Sostegno finanziario del governo all’industria:
una tradizione americana

Alcuni americani vedono il sostegno finanziario del governo per far crescere i settori industriali prioritari come antiamericani, una violazione dello spirito pionieristico o dei principi del libero mercato. C’è anche il recente fiasco di Solyndra da considerare. (Solyndra, il produttore di pannelli solari a film sottile che ha ricevuto garanzie sui prestiti federali, è fallito. È stato minato da concorrenti cinesi ancora più pesantemente sovvenzionati che stavano producendo una tecnologia molto meno avanzata. Forse la lezione qui è la necessità di politiche di protezione del settore nascente ad accompagnare eventuali garanzie di prestito.) 43 Meno comunemente discusso del fallimento di Solyndra è il successo di Tesla utilizzando prestiti governativi: nel 2010, Tesla ha ricevuto allo stesso modo un prestito di 456 milioni di dollari emesso dal DOE. Il prestito, che ha aiutato Tesla in un momento critico, ha permesso all’azienda di costruire un impianto di produzione in California. Il prestito è stato rimborsato anticipatamente.

Questi due esempi recenti potrebbero sembrare valori anomali dalla tradizione americana. In effetti, tuttavia, contratti governativi, prestiti, garanzie e altri sussidi hanno costruito gran parte dell’industria americana. Prendete le ferrovie: lo storico Richard White, nel suo libro  Railroaded , scrive: “Le ferrovie transcontinentali sono emerse in mercati modellati da grandi sussidi pubblici e particolari privilegi legali”. 44  Le linee transcontinentali sono state costruite in anticipo rispetto alla domanda del mercato e il governo ha essenzialmente creato nuovi mercati. Gli stati degli Stati Uniti avevano precedentemente sovvenzionato la costruzione di canali. Con le ferrovie transcontinentali, i sussidi ora provenivano dal governo federale.

I Pacific Railway Acts del 1862 e 1864 fornivano prestiti e donazioni a titolo definitivo alle ferrovie per costruire linee transcontinentali, con livelli di generosità quasi simili ai sussidi cinesi di oggi. Il Congresso ha prestato alle ferrovie 50 milioni di dollari in titoli di stato, con il governo federale che garantisce il capitale e gli interessi. Il Congresso ha anche donato terreni alle ferrovie (mentre il governo federale ha mantenuto una uguale quantità di terreno circostante). Entrambi hanno beneficiato dell’aumento di valore della terra quando è entrata la ferrovia. L’entità delle sovvenzioni fondiarie è sbalorditiva. White osserva che la Union Pacific ha ricevuto sovvenzioni fondiarie equivalenti all’area del New Jersey più il New Hampshire; il Pacifico centrale ha ricevuto l’equivalente del Maryland. Per inciso, lo stesso meccanismo di finanziamento per  lo sviluppo: la  terra  pubblicavendite: è stato  utilizzato nel Land-Grant College Act del 1862 (il Morrill Act). Il MIT è un’istituzione per la concessione di terreni. 45

La costruzione delle ferrovie è stata anche caratterizzata da pratiche aziendali discutibili che oggi difficilmente sembrano estranee: lobbying, monopolizzazione e  “finanziarizzazione” estesi , che qui  significano pagamenti di dividendi non basati sulla performance effettiva effettuata per sostenere i prezzi delle azioni e pagare i proprietari. L’intero settore è stato caratterizzato da “allocazioni errate”, per usare un linguaggio contemporaneo, inclusa una tecnologia notevolmente scarsa. Ma nonostante queste inefficienze, le sovvenzioni sono state efficaci: le ferrovie transcontinentali sono state completate con successo. Il bianco conclude:

Nell’America del Nord occidentale del XIX secolo, le ferrovie e lo stato moderno erano coproduzioni. La litania del lavoro che hanno fatto insieme è impressionante. I governi del Nord America sovvenzionarono generosamente le corporazioni, e le corporazioni assistettero nei grandi progetti statali di portare mezzo continente sotto il dominio dei governi centrali. 46

Il più recente grande  progetto statale, l’Operazione  Warp  Speed, è stato allo stesso modo una coproduzione con l’industria. Anch’esso comportava il finanziamento del governo, sebbene gli interventi di politica industriale di Warp Speed ​​andassero ben oltre la finanza e includessero la costruzione di nuove fabbriche, l’organizzazione di studi clinici, la mappatura delle catene di approvvigionamento, la logistica e la distribuzione di vaccini. Warp Speed ​​ha strutturato le partnership pubblico-privato in un modo molto migliore rispetto alla maggior parte degli sforzi contemporanei, utilizzando un tipo di contratto di condivisione dei costi noto come “altra autorità di transazione”. Warp Speed ​​ha anche offerto “impegni di mercato avanzati”, ovvero contratti di acquisto, a Pfizer se il suo vaccino avesse ricevuto l’autorizzazione della FDA. Ciò ha incentivato la produzione di vaccini eliminando i rischi finanziari.

La mano visibile (e la ricchezza delle nazioni)

L’ascesa della Cina ha comunque rappresentato uno shock per l’economia statunitense, ed è anche uno shock intellettuale. Piuttosto che fare affidamento sulla mano invisibile, la Cina usa una mano molto visibile. E così facendo, il partito-stato non solo ha rimodellato l’economia cinese, ma ha anche rimodellato i mercati americani, un fatto che molti americani, in particolare i fondamentalisti del mercato, hanno difficoltà a digerire. Proclamare la superiorità dei “mercati” non è una risposta adeguata quando le politiche industriali cinesi modellano il mercato.

Per lo meno, l’ascesa della Cina dovrebbe causare un rimescolamento, o un aggiornamento, delle istituzioni e delle politiche americane, per comprendere meglio questo nuovo modello economico e per elaborare una risposta più efficace. Ciò è particolarmente vero a livello federale, dove molte agenzie sono state progettate per combattere la Guerra Fredda, la Seconda Guerra Mondiale o la Grande Depressione, ma non l’impatto economico del modello di sviluppo cinese.

L’ascesa della Cina significa anche un ripensamento delle discipline accademiche. L’economia non è adatta a condurre un simile compito, dato che è intensamente ideologica piuttosto che pragmatica, e la sua metodologia privilegia le astrazioni semplificatrici rispetto alle complessità delle aziende e delle istituzioni reali. C’è anche la sua scarsa esperienza da considerare, come i suoi fallimenti nel prevedere la grande crisi finanziaria, o la guida dei catastrofici consigli di privatizzazione degli economisti di Harvard all’ex Unione Sovietica. 47  È necessario un approccio analitico completamente nuovo e le università potrebbero essere il posto sbagliato per perseguirlo. 48

L’attenzione, inoltre, non dovrebbe essere principalmente sulle lezioni della Cina, ma piuttosto sulle lezioni del passato dell’America e dei primi periodi di dinamismo economico del paese. Durante questi periodi, il governo federale, le società e il settore finanziario si sono allineati per sostenere l’economia reale, a differenza di oggi.

L’attuale repertorio di politica economica americana è estremamente limitato. C’è bisogno di una nuova ampia serie di politiche negli Stati Uniti incentrate sulla guida della finanza verso i settori produttivi. Le politiche di orientamento del credito utilizzano molti  strumenti (i sussidi  sono solo  uno), ma  l’idea generale è di indirizzare le risorse verso settori capaci di produrre innovazione e posti di lavoro ad alto salario. Dopo la liberalizzazione finanziaria negli anni ’80, è avvenuto il contrario. Il credito negli Stati Uniti è fluito sempre più per finanziare i consumi, gli immobili o il settore finanziario stesso piuttosto che per sostenere le imprese non finanziarie. 49 La narrativa convenzionale di ciascuna parte su come far crescere l’economia raramente implica l’utilizzo della finanza guidata per sostenere industrie strategicamente importanti con un alto potenziale salariale. (Alcune eccezioni sono il supporto bipartisan per l’industria dei semiconduttori e il supporto democratico per la tecnologia verde.)

Allo stesso modo, le discussioni sulla politica dell’innovazione, il reshoring e lo sviluppo economico regionale sono in genere incentrate su istruzione, crediti d’imposta, cluster, ricerca e sviluppo, connettività digitale, dati migliori, scorecard, maggiore trasparenza, governance migliorata, infrastrutture, crescita inclusiva, regolamentazione semplificata, coinvolgimento con le parti interessate , abbattere silos, ecc. L’elenco è infinito. Ma meno comunemente discusse (e preventivate) sono le risorse finanziarie necessarie, compreso il sostegno finanziario del governo, alla scala richiesta per far crescere nuovi settori ad alta intensità di capitale. È inoltre necessario più lavoro per comprendere gli effetti distintivi dei diversi tipi di sussidi, ad esempio sovvenzioni rispetto al debito al di sotto del mercato o al finanziamento tramite capitale proprio.

I politici statunitensi sembrano privi di idee: il governatore dello Stato di New York, Kathy Hochul, ha in programma di portare nuovi posti di lavoro a New York City e di aumentare le entrate aprendo più casinò. Questo ha il “potenziale di generare migliaia di nuovi posti di lavoro nel sindacato”, secondo un dirigente del casinò. Nel frattempo, Shanghai ha recentemente pubblicato il suo piano per guidare lo sviluppo dell’industria spaziale. L’attuazione includerà “la costruzione di costellazioni satellitari. Le capacità di produzione digitale e intelligente, i razzi riutilizzabili, le piattaforme di ricerca e sviluppo di veicoli spaziali, il software satellitare intelligente, i terminali di terra, le applicazioni e la produzione di satelliti commerciali e le linee di assemblaggio di razzi sono altre priorità”. 50

Le  istituzioni americane – il suo  governo, le università, i media e il  sistema finanziario – sembrano  bloccate su strumenti politici riscaldati dagli anni ’80 e ’90. Ciò che può essere ancora più dannoso della perdita di industrie e tecnologie strategiche è questo fallimento dell’immaginazione.

Questo articolo è apparso originariamente in American Affairs Volume VI, Numero 2 (estate 2022): 17–40.

Appunti

1 Commissione di revisione economica e sicurezza USA-Cina,  rapporto 2021 al Congresso  (Washington, DC: US ​​Government Publishing Office, 2021).2 Elisabeth B. Reynolds, Hiram M. Samel e Joyce Lawrence, “Learning by Building: Complementary Assets and the Migration of Capabilities in US Innovative Firms”, in  Production in the Innovation Economy , ed. Richard M. Locke e Rachel L. Wellhausen (Cambridge: MIT Press, 2014), 81–108.

3 Barry Naughton,  The Rise of China’s Industrial Policy, 1978–2020  (Città del Messico: Universidad Nacional Autónoma de México, 2021), 117.

4 Naughton,  La politica industriale cinese , 100.

5 Per una storia dettagliata dei fondi di orientamento, vedere Meg Rithmire e Yihao Li, ” Lattice Semiconductor and the Future of Chinese High-Tech Acquisitions in the United States “, Caso 719-059 della Harvard Business School (giugno 2019).

6 Consiglio di Stato della Repubblica popolare cinese, ” Linee guida per la promozione dello sviluppo dell’industria dei circuiti integrati nazionali ” (2014), 4.

7 Margaret Pearson, Meg Rithmire e Kellee S. Tsai, “Party-State Capitalism in China,”  Current History  120, n. 827 (settembre 2021), 207–13.

8 Per maggiori dettagli, vedere François Chimits, “Chasing the Ghost of Transatlantic Cooperation to Level the Playing Field with China: Time for Action”,  Merics  China Monitor , 19 ottobre 2021.

9 Cfr. Anton Malkin,  “China’s Experience in Building a Venture Capital Sector: Four Lessons for Policy Makers”,  CIGI Papers  248 (gennaio 2021), 12.

10 Ngor Luong, Zachary Arnold e Ben Murphy,  Capire i fondi di orientamento del governo cinese: un’analisi delle fonti in lingua cinese , Brief sul problema del Center for Security and Emerging Technology, marzo 2021, 9.

11 Luong, Arnold e Murphy,  Chinese Government Guidance Funds , 10, citando Wang Xiaohui, [Il saldo di 40 miliardi di RMB dei fondi di venture capital spesi solo per oltre un miliardo, ‘Sleeping’ Government Guidance Funds],  Huaxia shíbao , 15 gennaio 2016 .

12 Meg Rithmire,  “The Resurgent Role of the State in China’s Economy:  Experimentation, Domestic Politics, and US Policy”  (documento di lavoro, Progetto Penn sul futuro delle relazioni USA-Cina, primavera 2021), 25.

13 Zero2IPO contava 1.741 fondi di orientamento del governo a tutti i livelli di governo nel primo trimestre del 2020. Vedi ” Zhengfu yindao jijin dongtai ” [Trend dei fondi di orientamento del governo], Zero2IPO Research, 10 aprile 2020.

14 Naughton,  La politica industriale cinese , 81.

15 Cfr. Carl Minzner,  End of an Era: How China’s Authoritarian Revival Is Undermining its Rise  (New York: Oxford University Press, 2018).

16 Per ulteriori dettagli su questi mutevoli modelli di finanziamento, vedere Chimits, “Chasing the Ghost”.

17 Sul perché questa forma di sussidio è difficile da quantificare, vedi Chimits, “Chasing the Ghost”.

18 Casa Bianca,  costruzione di catene di approvvigionamento resilienti, rivitalizzazione della produzione americana e promozione di una crescita su vasta scala, revisione di 100 giorni ai sensi dell’ordine esecutivo 14017, giugno 2021, 61.

19 Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economici,  misurazione delle distorsioni nei mercati internazionali: la catena del valore dei semiconduttori , OECD Trade Policy Papers 234, 12 dicembre 2019 (Parigi: OECD Publishing, 2019).

20 Naughton,  La politica industriale cinese , 119–20.

21 Lance Noble, “Paying For Industrial Policy”, Gavekal Dragonomics, 4 dicembre 2018.

22 Citato in Robert D. Atkinson, “ Comments on the European Commission’s White Paper on Foreign Subsidies ,” Information Technology and Innovation Foundation, 2 settembre 2020.

23 Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico,  Misurare le Distorsioni nei Mercati Internazionali: Under-Market Finance , OECD Trade Policy Papers 247, 12 maggio 2021 (Parigi: OECD Publishing, Parigi).

24 Douglas B. Fuller,  Paper Tigers, Hidden Dragons: Firms and the Political Economy of China’s Technological Development  (Oxford: Oxford University Press, 2016).

25 ” Scommettere su aziende tecnologiche come NIO e BOE ripaga i funzionari comunisti nella città orientale cinese di Hefei “,  South China Morning Post , 7 febbraio 2022.

26 Qiu Zhaoxiang e Liu Yongyuan,  “Fahui zhengce xing jinrong zai zhichi gongtong fuyu zhong de zuoyong”  [Dai pieno gioco al ruolo della finanza politica nel sostenere la prosperità comune],  Guangming ribao , 6 gennaio 2022.

27 Qiu e Liu, “Fahui zhengce xing”, traduzione di Google e Nis Grünberg.

28 Barry Naughton,  “Grand Steerage”,  intervistato da Jude Blanchette,  Pekingology: On Chinese Politics , Center for Strategic & International Studies, 11 febbraio 2021.

29 Testimonianza di Meg Rithmire ,  US Investment in China’s Capital Markets and Military-Industrial Complex , US-Cina Economic and Security Review Commission, 19 marzo 2021.

30 Perry Link,  “China: The Anaconda in the Chandelier”,  New York Review of Books , 11 aprile 2002.

31 Il riferimento nella dichiarazione di Zhou è controverso. Nel racconto standard, Zhou disse a Kissinger nel 1972 “era troppo presto per dire” se la Rivoluzione francese avesse avuto successo o meno. Il lavoro revisionista sostiene che Zhou stesse parlando delle rivolte studentesche di Parigi del 1968, non della Rivoluzione francese.

32 Warren E. Buffett,  2020 Berkshire Hathaway Lettera agli azionisti , 27 febbraio 2021, 13.

33 Joseph E. Stiglitz e Andrew Weiss, “Credit Rationing in Markets with Imperfect Information”,  American Economic Review  71, n. (giugno 1981), 393–410.

34 Michael Lind,  “Chi ha paura della politica industriale?” ,  Salon , 13 gennaio 2012.

35 Claudia Tenney,  Community Opportunity: A Vision for Renewal , dicembre 2021.

36 Industrial Finance Corporation Act del 2021, S. 2662, 117° Congresso (2021),  sintesi .

37 Casa Bianca, ” Il piano Biden-Harris per rivitalizzare la produzione americana e proteggere le catene di approvvigionamento critiche nel 2022 “, comunicato stampa, 24 febbraio 2022.

38 Per una panoramica più ampia degli sforzi di politica industriale negli Stati Uniti, si veda William B. Bonvillian,  Emerging Industrial Policy Approaches in the United States , Information Technology and Innovation Foundation, 4 ottobre 2021.

39 Casa Bianca,  filiere resilienti , 68.

40 Joseph A. Schumpeter,  Cicli economici: un’analisi teorica, storica e statistica del processo capitalista , vol. 1 (New York: McGraw-Hill, 1939), 153, citato in Dirk Bezemer et al.,  “Credit Where It’s Due: A Historical, Theoretical, and Empirical Review of Credit Guidance Policies in the 20th Century,”  Institute for Innovation and Public Purpose Working Papers Series 2018-11, University College London, 2.

41 Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economici,  misurazione delle distorsioni nei mercati internazionali: finanziamento al di sotto del mercato , documenti di politica commerciale dell’OCSE 247 (Parigi: OECD Publishing, 2021).

42 David Adler, ” Inside Operation Warp Speed: A New Model for Industrial Policy “,  Affari americani  5, n. 2 (estate 2021): 3–32.

43 Ci sono molte altre controversie che circondano Solyndra, comprese le pressioni politiche e l’incapacità del DOE di monitorare adeguatamente il prestito. Congresso degli Stati Uniti, House, Majority Staff Report, Committee on Energy and Commerce,  The Solyndra Failure , 112° Congresso, 2° sess., 2 agosto 2012.

44 Richard White,  Railroaded: The Transcontinentals and the Making of Modern America  (New York: Norton, 2011), xxvi. Vedi anche William G. Thomas,  The Iron Way: Railroads, the Civil War, and the Making of Modern America  (New Haven: Yale University Press, 2013).

45 Sono grato a William Bonvillian per aver evidenziato questo parallelo storico nell’uso delle concessioni fondiarie.

46 Bianco,  Ferrovia , 511.

47 Ci sono alcune eccezioni al modello generale di fallimento predittivo. Ad esempio, la Banca dei regolamenti internazionali ha avvertito di un’imminente crisi finanziaria e Lawrence Summers ha avvertito dell’inflazione. Ma questi erano valori anomali per il consenso.

48 Il politologo bulgaro Ivan Krastev ha ritenuto che il cambiamento sarebbe arrivato all’interno delle business school: “Un mio amico lavora in una delle più grandi business school. Gli ho detto: tutto quello che stai insegnando è inutile. Tanto inutile quanto lo era insegnare studi di socialismo nel 1990. Il mondo della globalizzazione e del libero scambio, in cui l’economia era interessata solo ai profitti e non alla politica, sarà finito”. Vedi Ivan Krastev, intervistato da Lothar Gorris,  “Putin Lives in Historic Analogies and Metaphors”,  Der Spiegel , 17 marzo 2022.

49 Bezemer et al., “Credito dove è dovuto”.

50 Andrew Jones,  “Shanghai firma un accordo con il gruppo cinese Megaconstellation, mira a promuovere l’hub spaziale commerciale”,  SpaceNews , 17 febbraio 2022.

 

Stati Uniti! Il nuovo che avanza, il vecchio che annaspa_con Gianfranco Campa

Negli Stati Uniti il dibattito sul confronto geopolitico con la Russia in Ucraina sta coinvolgendo sempre più gli analisti e i decisori; non ha ancora coinvolto seriamente l’opinione pubblica. Diventerà centrale se e quando le implicazioni della sua conduzione appariranno più chiaramente nella economia e nella vita quotidiana degli americani; tanto più che ad essa si aggiungeranno gli enormi squilibri e paradossi creati dal dogmatismo ambientalista e dalla politica di conversione energetica. Un cumulo di contraddizioni che sta preparando le condizioni per una tempesta perfetta. Le prime vittime designate sono i paesi della Unione Europea. Gli Stati Uniti partono comunque da una posizione migliore ed ancora recuperabile, ma rischiano di seguire la stessa direzione se all’acceso confronto politico non dovesse corrispondere una effettiva svolta politica. In questo scenario stiamo assistendo ad un radicale ricambio del ceto politico del Partito Repubblicano e a un ceto politico democratico, per lo più attempato, aggrappato disperatamente alle leve di potere. Il punto di approdo risolutivo saranno le elezioni presidenziali del 2024; in funzione di quella scadenza procede la trappola giudiziaria tesa a liquidare definitivamente Donald Trump. Non è detto che l’eventuale successo della trama, si risolva favorevolmente per le cariatidi attualmente sulla scena. Sarebbe un colpo terribile per gli orfanelli smarriti in Europa. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

 

https://rumble.com/v19dgpv-stati-uniti-il-vecchio-annaspa-il-nuovo-avanza-con-gianfranco-campa.html

 

GRAHAM E. FULLER, ALCUNE RIFLESSIONI DIFFICILI SUL POST-UCRAINA

Un dibattito sempre più aperto. Buona lettura, Giuseppe Germinario

GRAHAM E. FULLER ALCUNE RIFLESSIONI DIFFICILI SUL POST-UCRAINA

https://cf2r.org/tribune/quelques-reflexions-difficiles-sur-lapres-ukraine/

La guerra in Ucraina si è trascinata abbastanza a lungo da rivelare alcune traiettorie chiare. Innanzitutto due fatti fondamentali:

Putin deve essere condannato per aver iniziato questa guerra, come praticamente qualsiasi leader che inizia una guerra. Putin può essere definito un criminale di guerra, in buona compagnia di George W. Bush, che ha ucciso molte più persone di Putin.

Condanna secondaria va agli Stati Uniti (NATO) che hanno deliberatamente provocato una guerra con la Russia spingendo incessantemente la loro organizzazione militare ostile, nonostante le ripetute notifiche da Mosca di attraversare le linee rosse, proprio alle porte della Russia. Questa guerra non avrebbe dovuto aver luogo se la neutralità ucraina, come la Finlandia e l’Austria, fosse stata accettata.

Invece, Washington ha chiesto una netta sconfitta per la Russia.

Mentre la guerra volge al termine, come andranno le cose?

Contrariamente alle dichiarazioni trionfalistiche di Washington, la Russia sta vincendo la guerra e l’Ucraina ha perso la guerra. Qualsiasi danno a lungo termine alla Russia è discutibile.

Le sanzioni statunitensi contro la Russia si sono rivelate molto più devastanti per l’Europa che per la Russia. L’economia globale ha subito un rallentamento e molti paesi in via di sviluppo si trovano ad affrontare gravi carenze alimentari e il rischio di una diffusa carestia.

Profonde crepe stanno già comparendo nella facciata europea della cosiddetta “Unità NATO”. L’Europa occidentale rimpiangerà amaramente il giorno in cui ha seguito ciecamente il pifferaio magico americano nella sua guerra contro la Russia. In effetti, questa non è una guerra ucraino-russa, ma una guerra americano-russa condotta per procura contro l’ Ucraina .

Contrariamente alle dichiarazioni ottimistiche, la NATO potrebbe, infatti, emergere indebolita. Gli europei occidentali rifletteranno a lungo sulla rilevanza e sui costi significativi degli scontri a lungo termine con la Russia o altri “concorrenti” degli Stati Uniti.

L’Europa prima o poi tornerà ad acquistare energia russa a buon mercato. La Russia è alle sue porte e una relazione economica naturale con essa alla fine avrà un senso schiacciante.

L’Europa percepisce già gli Stati Uniti come una potenza in declino la cui “visione” di politica estera erratica e ipocrita si basa sul disperato bisogno di preservare la “leadership americana” nel mondo. La volontà dell’America di entrare in guerra per questo scopo è sempre più pericolosa per gli altri.

Washington ha anche chiarito che l’Europa deve impegnarsi in una lotta “ideologica” contro la Cina, in una sorta di lotta proteiforme della “democrazia contro l’autoritarismo”. Eppure questa è davvero una classica lotta per il potere nel mondo. E l’Europa può permettersi ancora meno di virare nel confronto con la Cina, una “minaccia” percepita principalmente da Washington ma poco convincente per molti stati europei e gran parte del mondo.

L’iniziativa cinese “Belt and Road” è forse il progetto economico e geopolitico più ambizioso della storia mondiale. Collega già la Cina all’Europa via ferrovia e via mare. L’esclusione dell’Europa dal progetto “Belt and Road” le costerà cara. Si noti che “Belt and Road” attraversa la Russia. È impossibile per l’Europa chiudere le porte alla Russia pur mantenendo l’accesso a questo megaprogetto eurasiatico. Quindi un’Europa che percepisce gli Stati Uniti come già in declino ha pochi incentivi a unirsi al carro contro la Cina. La fine della guerra in Ucraina farà sì che l’Europa riconsideri seriamente i meriti di sostenere il disperato tentativo di Washington di mantenere la sua egemonia globale.

L’Europa dovrà affrontare una crescente crisi di identità nel determinare il suo futuro ruolo globale. Gli europei occidentali saranno stanchi di essere soggetti al dominio americano sulla politica estera europea, che dura da 75 anni. Attualmente, la NATO è la politica estera europea e l’Europa resta inspiegabilmente timida nell’affermare una voce indipendente. Quanto durerà?

Ora stiamo vedendo come le massicce sanzioni statunitensi contro la Russia, inclusa la confisca di fondi russi alle banche occidentali, stiano inducendo la maggior parte dei paesi del mondo a riconsiderare se scommettere interamente sul dollaro USA in futuro. La diversificazione degli strumenti economici internazionali è già all’ordine del giorno e non farà che indebolire la posizione economica un tempo dominante di Washington e la sua strumentalizzazione egemonica del dollaro.

Una delle caratteristiche più inquietanti di questa lotta russo-americana in Ucraina è la totale corruzione dei media indipendenti. Infatti, Washington ha vinto la top della guerra dell’informazione e della propaganda, orchestrando tutti i media occidentali a cantare lo stesso ritornello sulla guerra in Ucraina. L’Occidente non ha mai assistito a un’imposizione così generale della prospettiva geopolitica e ideologica di un Paese nel suo spazio. Naturalmente, non ci si può fidare nemmeno della stampa russa. In mezzo a una raffica di virulenta propaganda anti-russa come non ho mai visto nei miei anni della Guerra Fredda, analisti seri hanno bisogno di scavare a fondo in questi giorni per ottenere una comprensione oggettiva di ciò che sta realmente accadendo in Ucraina. .

Ma l’implicazione più pericolosa è che mentre ci dirigiamo verso future crisi globali, una stampa veramente libera e indipendente sta scomparendo, cadendo nelle mani dei media dominati dalle multinazionali vicini ai circoli politici, ora supportati dai social media elettronici, che manipolano tutti la narrativa per i propri fini. Mentre ci dirigiamo verso una crisi di instabilità sempre più grande e pericolosa dovuta al riscaldamento globale, ai flussi di profughi, ai disastri naturali e forse a nuove pandemie, lo stretto controllo dei media occidentali da parte di stati e società diventa molto pericoloso per il futuro della democrazia. Oggi non sentiamo più voci alternative sull’Ucraina.

Infine, è molto probabile che il carattere geopolitico della Russia si sia ora spostato decisamente verso l’Eurasia. Per secoli i russi hanno cercato accoglienza in Europa, ma sono sempre stati tenuti a distanza. L’Occidente non vuole discutere di una nuova architettura strategica e di sicurezza. L’Ucraina ha solo intensificato questa tendenza. Le élite russe non hanno altra scelta che accettare che il loro futuro economico risieda nel Pacifico, dove Vladivostok è a solo un’ora o due di aereo dalle vaste economie di Pechino, Tokyo e Seoul. Cina e Russia sono state decisamente spinte ad avvicinarsi sempre più l’una all’altra, anche a causa della loro comune preoccupazione di bloccare la libertà di intervento militare ed economico unilaterale degli Stati Uniti nel mondo. La Russia ha energia in abbondanza ed è ricca di minerali e metalli rari. La Cina ha i capitali, i mercati e la forza lavoro per contribuire a quella che sta diventando una partnership naturale in tutta l’Eurasia.

Sfortunatamente per Washington, quasi tutte le sue aspettative su questa guerra si rivelano errate e la maggior parte del resto del mondo – America Latina, India, Medio Oriente e Africa – trova scarso interesse nazionale in questa guerra fondamentalmente americana contro la Russia.

GRAHAM E. FULLER

Ex ufficiale dell’intelligence americana, avendo successivamente prestato servizio presso la CIA – era capo posto a Kabul – e poi al National Intelligence Council, di cui era vicepresidente. È poi entrato a far parte della Rand Corporation come politologo senior specializzato in Medio Oriente. Ora è professore di storia alla Simon Fraser University. Graham E. Fuller è autore di diversi libri dedicati alle questioni geopolitiche del mondo arabo.

https://centrostudistrategicicarlodecristoforis.wordpress.com/2022/06/21/graham-e-fuller-alcune-riflessioni-difficili-sul-post-ucraina/?fbclid=IwAR2vY_HsuSnmdyAZ27tamKOJ5FYK_KIQrBO-sPRNuOwA45J8WOxGZEROO1o

https://grahamefuller.com/some-hard-thoughts-about-post-ukraine/?fbclid=IwAR1h89nRgRqBSa-8kPJbgXugNgu5fqkdQByilgKhjvCiFJ0CjvoyPc0Q8UM

BUONI E CATTIVI, di Marco Giuliani

BUONI E CATTIVI

Analogie tra l’attacco Nato del 1999 alla Serbia e la guerra russo-ucraina del 2022

Il luogo comune con cui si dice che il “fine giustifica i mezzi”, qui da noi, in Italia, sembra acquistare una valenza solo se si distingue chi sta compiendo cosa. In questo primo semestre del 2022, critici, analisti e media hanno riproposto più volte alcuni parallelismi tra la guerra del Kosovo degli anni Novanta e l’attacco russo all’Ucraina, omettendo però, molto spesso, di aggiungere che i due casus belli hanno molti punti in comune, se non altro dal punto di vista contestuale e geopolitico. Ma soprattutto, hanno usato due pesi e due misure, pretendendo (stupidamente) di stabilire chi fosse nel giusto e chi no. Premesso che la guerra è sempre un evento negativo, ci si chiede: se la Nato fu dalla parte del giusto (evidentemente qualcuno ha ritenuto che le bombe atlantiche fossero democratiche) poiché nella ex Jugoslavia era in corso un genocidio, perché Mosca, che in fin dei conti ha stoppato le barbarie subite dai russi ucrainofoni, viene annoverata tra i cattivi e tacciata di imperialismo? Cerchiamo di decifrarne i motivi, di valutare le menzogne di certa informazione e di riflettere sui perché.

Già dall’inizio degli anni Novanta, nella ex Jugoslavia appena smembrata e divisa nei sei stati che in precedenza le attribuivano un ordinamento federativo, si manifestano gravi tensioni etniche e un crescente nazionalismo che determina da un lato la volontà di proteggere la propria autonomia e dall’altro il desiderio di mantenere la centralizzazione del potere nelle mani di Belgrado. Nella vecchia federazione crescono i separatismi (arriveranno a interessare la vicina Albania) e così anche le tensioni; la situazione peggiore la vive il Kosovo, provincia autonoma, in cui sono presenti minoranze serbe e albanesi. Gli scontri tra fazioni, anche per motivi religiosi, si moltiplicano e la repressione delle autorità serbe nei confronti dei cittadini di origine kosovara si fa sempre più dura, facendo presupporre la messa in atto di una vera e propria pulizia etnica. Balza alle cronache il massacro di Račak del 15 gennaio 1999, quando un gruppo di contadini albanesi viene catturato e massacrato a sangue freddo durante un rastrellamento. Le violenze degenerano, e la comunità internazionale legata al Patto Atlantico decide che il tempo delle mediazioni diplomatiche si è esaurito. Di lì, i raid Nato sugli obiettivi serbi, stante la variabile con cui gli Usa annunciano che “nell’area, in ballo anche gli interessi atlantici”. Nel XX secolo, uno scenario visto e rivisto decine di volte.

Come nell’Est ucraino, dove da prima del 2014 i nazionalisti e i neonazisti paramilitari (con l’assenso, e talvolta l’appoggio del governo di Kiev) stanno perpetrando una serie di spedizioni punitive contro le minoranze russe, anche nella deposta federazione jugoslava fu guerra civile. Il parallelismo e le allitterazioni tra le due condizioni geopolitiche – Kosovo e Donbass – si rivelano dunque più che attendibili, se non palesi. Anche allora, come oggi, l’Onu e l’Ocse hanno inviato sul posto i loro osservatori, i quali altro non hanno potuto fare che dichiarare lo stato di emergenza per il susseguirsi di massacri indiscriminati e di crimini di guerra verso i civili. E come più di vent’anni fa in Kosovo, anche in Donbass le migliaia di rifugiati e di sfollati hanno peggiorato una crisi umanitaria già di per sé drammatica e resa ancor più cruenta dalla diretta responsabilità dei rispettivi governi. Da notare che i numeri delle vittime stimate sono molto simili: tra le 10.000 e le 14.000 nel Kosovo, tra le 14.000 e le 15.000 quelle nel Donbass. Ricapitolando: la Nato (compresa l’Italia, che fornì anche le sue basi) bombarda la Serbia e la Russia attacca gli ucraini. La Nato interviene – secondo la logica filo-occidentale – per motivi umanitari. La Russia, invece, sempre secondo la logica filo-occidentale, attacca solo per espandere i suoi confini. Congettura non plausibile, visto che gli ucraini, oltre a sparare addosso ai civili del Donbass da almeno 8 anni, da ben prima del febbraio 2022 ricevono armi e personale d’addestramento dalla Nato. In hoc signo vinces, dunque. Ci sono buoni e cattivi? Tra le due cause, qual è la differenza tra lo scopo militare e la motivazione da cui si è generato il conflitto? Non pervenuta. Inoltre, e ce lo chiediamo ancora una volta (come ormai la maggioranza degli italiani): il copioso e incessante invio di armi al regime di Kiev, servirà a creare i presupposti per una pace duratura? I fatti dicono di no. Anche perché il cerchio nel Donbass si è quasi chiuso.

 

 

 

BIBLIOGRAFIA & SITOGRAFIA

www.ansamed.info /serbia23

Giardina-Sabbatucci-Vidotti, L’età contemporanea, Roma/Bari, Laterza, 2000 –

www.agi.it

www.limesonline.com –

Wayback machine, da web.archive.org, 23 maggio 2001 –

 

 

 

 

1 2 3 94