ELEZIONI EUROPEE IN UN CONTESTO DI GUERRA NUCLEARE (Jean Goychman)

ELEZIONI EUROPEE IN UN CONTESTO DI GUERRA NUCLEARE (Jean Goychman)

Élections européennes 2024 - Ambassade de France en Espagne / Embajada de Francia en España

Tra pochi giorni i cittadini dell’Unione europea si recheranno alle urne. Finora, queste elezioni “di routine” non hanno quasi smosso le folle e l’affluenza alle urne è stata modesta.

L’apparente guerra tra Russia e Ucraina è solo una maschera che si sta sempre più incrinando, rivelando la realtà di un confronto tra Russia e NATO.

Ma l’osservatore astuto allargherà l’orizzonte a un conflitto molto più universale, poiché contrappone due visioni del mondo futuro: quella di un mondo monopolistico sotto il dominio occidentale o quella di un mondo multipolare che manterrebbe la sovranità nazionale.

Questa guerra in Ucraina era latente dalla fine dell’URSS e Zbignew Brzezinski l’aveva prevista, se non intravista, in “The Grand Chessboard” pubblicato nel 1997. Egli descrisse l’Ucraina come l’ariete che avrebbe permesso agli Stati Uniti di spezzare la Russia, la cui ripresa era ben avviata, in modo da rimanere soli nella corsa al dominio del mondo.

Interamente preoccupati, persino ipnotizzati dalla Russia, gli strateghi americani hanno preferito ignorare gli sviluppi di un mondo che, ai loro occhi, non aveva importanza. Peggio ancora, la loro unica bussola era la visione di John MacKinder, una sorta di eredità intellettuale tramandata dalla diplomazia (e dalla finanza) britannica. Il pensiero di MacKinder si può riassumere in due punti: le potenze marittime devono dominare il mondo e i continenti non devono mai avere infrastrutture che possano distogliere le merci dal trasporto marittimo.

Un continente in particolare è stato preso di mira: l’Europa.

I britannici hanno sempre temuto un riavvicinamento tra i Paesi dell’Europa occidentale e orientale e dal XIX secolo hanno sempre fatto in modo, soprattutto con le guerre successive, che i Paesi europei fossero sempre in guerra.

Alla fine della Seconda guerra mondiale, la guerra fredda ha preso il sopravvento, concretizzandosi in un’impenetrabile “cortina di ferro” e, dopo la fine dell’URSS, è stata la NATO che, estendendosi progressivamente verso est, ha impedito qualsiasi tentativo di riavvicinamento, in particolare tra Germania e Russia.

ERA NELL’INTERESSE DELL’UNIONE EUROPEA?

Appena tornato in carica nel 1958, de Gaulle, che era sinceramente europeo, si oppose alla sottomissione dell’Europa da parte degli Stati Uniti, perché capiva perfettamente che il progetto americano per l’Europa era nell’interesse esclusivo degli Stati Uniti.

Convinti, a ragione, di perseguire un unico obiettivo, quello di trasformare l’Unione Europea in uno spazio senza confini interni o esterni, facendo scomparire gli Stati nazionali.

e fondere i popoli in una sorta di melting pot in cui le culture e le identità sarebbero state sommerse, facendo perdere ogni riferimento nazionale, si opponeva a ogni integrazione europea sapendo che era dettata unicamente dagli interessi americani. Tutti i tentativi di convincere i tedeschi che l’Europa doveva costruirsi da sola e assumersi la responsabilità dei suoi settori “sovrani”, come la difesa, l’indipendenza energetica e le risorse industriali, furono respinti a priori dai tedeschi, che a quanto pare avevano più fiducia negli americani che nei francesi. Questo è uno dei motivi principali per cui l’Unione Europea è ora intrappolata in una trappola diabolica da cui non potrà mai uscire.

Questa morsa americana è stata fatta propria da un gran numero di leader europei ed è cresciuta sempre di più perché questi leader non hanno visto (o non hanno voluto vedere) il pericolo che questa perdita totale di autonomia avrebbe comportato. Nel suo libro L’Amérique-Empire, Nikola Mircovic scrive: “Piuttosto che colonizzare i Paesi, gli americani hanno preferito colonizzare le loro élite”.

Il postulato di un’America dominante, se non per l’eternità, almeno per i decenni a venire, ha preso piede e, con esso, la nozione di miglior interesse delle nazioni e degli Stati è semplicemente scomparsa, lasciando il posto alla falsa sicurezza della servitù.

Va detto che il popolo americano ha ben poco a che fare con tutto questo. In realtà, solo una piccola élite finanziario-globalista che, nel tempo, ha colonizzato essa stessa gli Stati Uniti, è riuscita a imporre la sua visione di un mondo globale sotto il suo dominio.

Questo è ciò che Donald Trump chiama “Stato profondo”, al quale ha dichiarato una guerra che promette di essere spietata se verrà rieletto.

È proprio questa dipendenza dai nostri “alleati americani” che rischia di farci precipitare in un conflitto a cui non abbiamo nulla a che fare e che potrebbe trasformarsi in un confronto nucleare tra Russia ed Europa, il che sarebbe paradossale…

UNA STRATEGIA GEOPOLITICA IN LINEA CON QUELLA DEL REGNO UNITO

È questa morsa che ha impedito anche qualsiasi tentativo di creare un'”Europa delle patrie”, che si sarebbe logicamente estesa dall'”Atlantico agli Urali”, combinando il dinamismo industriale dell’Europa occidentale con le immense risorse naturali della Russia.

La politica americana di isolamento dell’Europa orientale e occidentale doveva essere completata da una strategia di isolamento della Russia e della Cina, ma è fallita.

La Russia si sta invece rivolgendo all’Asia e sta costruendo quelle che probabilmente saranno le fondamenta di una nuova geopolitica che riunirà tre quarti della popolazione mondiale.

LE ELEZIONI DEL 2024, UNA SCELTA CRUCIALE PER IL POPOLO FRANCESE.

Logicamente, il rifiuto del referendum del 2005 sul progetto di Trattato costituzionale avrebbe dovuto porre fine al progetto federalista a favore di un’Europa che garantisca la sovranità nazionale.

Ma così non è stato e sotto il presidente Sarkozy, grazie a un discutibile emendamento alla Costituzione, nel 2009 il parlamento francese ha adottato un trattato che riprende parola per parola il testo respinto, sotto forma di trattato europeo.

Le elezioni del 2024 potrebbero essere l’occasione per il popolo francese di rinnovare la propria ostilità alla creazione di uno Stato federale europeo che rovinerebbe la sovranità dei popoli e delle nazioni che compongono l’Unione Europea. Gli eurofederalisti hanno sempre avanzato sotto un “falso mantello” che mascherava le loro reali intenzioni. È giunto il momento di dire loro “no”, proprio come ha fatto il popolo francese nel 2005.

E non importa quale lista venga scelta, purché sia in linea con la sovranità della nazione. Per ingannare gli elettori, si parla di “sovranismo europeo”, ma è solo una cortina di fumo che non ha alcuna realtà. Non esiste un popolo europeo o una nazione europea, e non ce n’è bisogno se vogliamo costruire un’Europa di nazioni e patrie che lavorano insieme in reciproca cooperazione. È questo tipo di cooperazione, voluta da de Gaulle, a livello di imprese e non di Stati, che ha reso possibile l’Airbus.

L’Europa federale non è altro che un’esca progettata per inventare un nuovo tipo di territorio che diventerà il fiore all’occhiello della futura globalizzazione monopolistica.

La maggioranza dei popoli del mondo sembra preferire la prospettiva di un mondo “multipolare”.

ed è questa nuova architettura che ha tutte le possibilità di avere la meglio.

Optare per il federalismo europeo oggi equivarrebbe a metterci in “disparte” facendo a meno delle nostre nazioni, con tutto ciò che ne consegue.

L’analisi del voto va interpretata soprattutto come un nuovo referendum pro o contro il federalismo europeo.

Jean Goychman

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Il petrodollaro è morto? Le voci si susseguono mentre le potenze monetarie puntano tutto sull’ultimo colpo di scena, di SIMPLICIUS

Si stanno verificando sviluppi davvero interessanti per quanto riguarda la situazione bancaria e finanziaria in Russia e nel mondo.

In primo luogo, per preparare il terreno: si dice che l’Arabia Saudita abbia rifiutato di rinnovare il suo presunto “accordo petrodollaro di 50 anni”, firmato – di nuovo, presumibilmente – il 9 giugno 1974.

Il problema è che non esiste una fonte valida che riporti questa notizia: se si risale alle sue origini, essa proviene da un gruppo di falsi siti web oscuri, come i vecchi Sorcha Faal whatdoesitmean dot com.

Certo, alcuni siti abbastanza legittimi come Gateway Pundit lo stanno riportando, ma si limitano a fare l’eco della storia senza una fonte valida. Quindi, purtroppo, questa storia sembra essere per lo più falsa. Tuttavia, credo che si tratti principalmente di una rielaborazione di eventi reali che hanno già avuto luogo. Non sembra esserci una scadenza precisa di 50 anni che è scaduta pochi giorni fa, ma piuttosto l’Arabia Saudita ha già segnalato che l’accordo è di fatto nullo nel corso degli ultimi anni. .

Ma il motivo per cui la storia è estremamente rilevante in entrambi i casi, nonostante sia una formulazione un po’ fasulla di eventi reali in corso, è dovuto agli altri enormi sviluppi che si stanno verificando in questo momento, e al modo in cui il petrodollaro saudita gioca criticamente in tutto questo. .

Ora la grande storia ruota attorno alla riunione del G7 e all’improvviso nuovo pacchetto di sanzioni imposte ai mercati azionari russi con l’intento di farli crollare:

Una nuova serie di sanzioni statunitensi contro il Moscow Exchange (MOEX), il National Clearing Centre e il National Settlement Depository della Russia minerà ulteriormente il ruolo del dollaro.

Invece, la Russia ha messo completamente fuori gioco il dollaro e l’euro e sembra che si stia preparando una grande tempesta sui mercati finanziari globali.

Sulla scia della mossa del Tesoro statunitense, la Banca centrale russa ha annunciato la sospensione delle operazioni di cambio e di regolamento degli strumenti consegnabili in dollari ed euro, aggiungendo che tali operazioni sarebbero proseguite “over-the-counter (OTC)”, ossia direttamente tra le banche russe e i loro clienti. La banca ha chiarito ai russi che i loro depositi in valuta estera rimangono sicuri nonostante le sanzioni.

Insieme al fatto che in questo momento chiave i partecipanti al G7 hanno deciso di iniziare a utilizzare i fondi sovrani rubati dalla Russia per darli all’Ucraina. Ma, innanzitutto, c’è una fregatura: non stanno usando i fondi in sé, ma piuttosto gli “interessi maturati” dalla detenzione di quei fondi, che per ora ammontano a 50 miliardi di dollari. Inoltre, a quanto pare, il denaro è costituito per lo più da prestiti, per i quali i fondi sono utilizzati come garanzia.

Ursula ha annunciato con orgoglio il furto di fondi sovrani:

Secondo alti funzionari dell’amministrazione Biden, il prestito diventerà attivo entro la fine dell’anno e farà pagare la Russia contro i contribuenti statunitensi e i Paesi del G7.

“La Russia paga”, ha detto un funzionario. “Le entrate derivano dal flusso di interessi sui beni immobilizzati, e questo è l’unico modo giusto per essere ripagati. Il principio è intatto per ora. Ma abbiamo la possibilità di sequestrare il capitale in un secondo momento, se c’è la volontà politica”.

Come si può vedere, non stanno toccando il principio, ma piuttosto creando uno strumento di prestito; il classico trucco del mestiere della schifosa cabala dell’usura.

Ma anche questo sforzo sta già incontrando ostacoli:

Qui la situazione si fa interessante. Come ho detto, la Russia si è immediatamente vendicata ritirando l’euro e il dollaro, con una serie di ripercussioni. In primo luogo, il Rublo per ora è salito drammaticamente a 87 contro il dollaro. Poi, la Russia ha annunciato un’altra iniziativa a favore dello Yuan per sostituire completamente il dollaro:

Ecco il lungo ma dettagliatissimo riassunto di un analista:

La Banca di Russia e la Borsa di Mosca si stanno preparando alle sanzioni dal marzo 2022, i protocolli di risposta sono stati formalizzati nel settembre 22, implementati nell’ottobre 22 e adattati per tutto il 2023. Le revisioni sono in corso dal 2024, quindi non ci sono sorprese e tutto dovrebbe svolgersi in modo relativamente indolore.

Il principale adattamento ha riguardato la creazione di conti di corrispondenza con le banche cinesi, la realizzazione di infrastrutture per la negoziazione dello yuan e l’espansione del mercato over-the-counter.

La quota dello yuan a maggio ha raggiunto un altro massimo storico nella struttura del mercato dei cambi, raggiungendo il 53,6% rispetto all’1% di inizio 2022. Oltre il 99% del volume di scambi è occupato da yuan, dollaro ed euro.

La quota del mercato over-the-counter sul volume totale delle contrattazioni in valuta estera è stata del 58,1% a maggio (ad aprile – 56,4%). Nel mercato over-the-counter, la quota dello yuan è salita al 39,2%.

Non ci sarà una paralisi del mercato dei cambi, perché il fatturato si sposterà nel circuito ombra del mercato over-the-counter – la trasparenza diminuirà, gli spread si allargheranno, le commissioni aumenteranno e la liquidità peggiorerà. Non c’è nulla di buono e non c’è un solo aspetto positivo, ma dal punto di vista della sopravvivenza del sistema, i rischi fondamentali sono coperti.

Nel breve termine, il panico potrebbe aumentare la domanda di dollari ed euro, ma nel medio termine la domanda probabilmente diminuirà.

La parte più significativa dell’analisi:

Nel 1T24, le esportazioni in valuta dei Paesi non amici hanno rappresentato il 21,5% rispetto all’86% all’inizio del 2022, e le importazioni il 27,8% rispetto al 66% all’inizio del 2022. Nei prossimi 6 mesi, la domanda di valute di Paesi non amici nelle attività di commercio estero potrebbe diminuire ulteriormente, ma non azzerarsi, perché la posizione di principio di molte controparti è quella di regolare esclusivamente in “valuta forte”.

Quindi l’utilizzo di valute non amichevoli è già crollato dall’86% al 21,5% dal 2022, e ora crollerà ulteriormente con le ultime azioni.

Ma prima di passare agli sviluppi convergenti, i rischi a breve e medio termine sono reali:

Quali conseguenze possono derivare dalla cessazione del commercio di dollari ed euro in Russia?

Il rischio di un crollo delle esportazioni e delle importazioni aumenterà del 10-25% nei prossimi sei mesi a causa dell’incapacità di pagare le transazioni commerciali con l’estero in dollari ed euro, che potrebbe portare a una carenza di importazioni critiche, rallentando l’attività di investimento. I ricavi delle esportazioni potrebbero diminuire. Scenario dell’Iran nei primi anni dopo le dure sanzioni.

Una carenza di importazioni può esacerbare i processi inflazionistici all’interno della Federazione Russa a causa di un eccesso di massa monetaria in rubli e dell’assenza di punti di distribuzione della massa monetaria.

In teoria, i regolamenti dei contratti commerciali con l’estero possono essere effettuati al di fuori della Borsa di Mosca attraverso vari meccanismi del mercato over-the-counter, ma tutto dipende dalle specifiche dei contratti. Le grandi controparti eviteranno tali schemi.

Non c’è intesa sul funzionamento del Fondo nazionale di previdenza, sulla regola fiscale e sui meccanismi di intervento sui cambi – siamo in attesa di chiarimenti da parte della Banca di Russia.

Esiste il rischio di un degrado delle transazioni in valuta estera con la Cina a causa del timore di sanzioni secondarie. C’è una probabilità non nulla che le grandi banche cinesi evitino qualsiasi interazione con la Borsa di Mosca, la NCC e la NSD, avendo esperienza di una partecipazione limitata all’integrazione valutaria in assenza di sanzioni. È probabile che nelle singole banche cinesi di piccole dimensioni vengano assegnati uffici di rappresentanza speciali per le comunicazioni finanziarie con la Russia.

Gli Stati Uniti stanno rafforzando il controllo extraterritoriale sul rispetto delle sanzioni, che include le controparti dei Paesi della CSI, degli Emirati Arabi Uniti, della Turchia e di Hong Kong, che, a differenza della Cina, rispettano il regime di sanzioni con maggiore attenzione.

C’è il rischio di instaurare una dittatura da parte della Cina, in quanto unica controparte attraverso la quale la Russia avrà contatti con il mondo esterno, che limiterà la sovranità della Russia nel quadro della determinazione del commercio estero e dell’attività economica estera. Una tale disposizione impone restrizioni alle operazioni commerciali e di investimento della Russia nel mondo esterno, quando quasi tutte le transazioni esterne possono avvenire con l’approvazione diretta di funzionari cinesi.

I costi di cambio aumenteranno e i tempi delle transazioni si allungheranno, il che si ripercuoterà direttamente su ritardi significativi nelle consegne e nei pagamenti (accumulo di crediti nei confronti delle controparti russe).

La carenza di dollari ed euro può influire sulla capacità di adempiere agli obblighi esterni nei confronti di creditori e investitori, che sono poco meno che completamente denominati nelle valute di Paesi non amici (debito estero). Sebbene il debito estero sia diminuito di oltre il 40% dall’inizio del 2022 (353 -> 208 miliardi), questo fattore non può essere cancellato. Prima delle sanzioni, dollari ed euro erano difficili da trovare durante il giorno, e lo sono ancora di più adesso.

L’esperienza del blocco delle sanzioni su un grande Paese (l’Iran) non ha portato a nulla di buono: transazioni di baratto e scambio diretto di merci, schemi finanziari ombra e intermediari che aumentano i costi, contrabbando, ma l’uso delle criptovalute è in aumento. In ogni caso, le conseguenze sono evidenti: rallentamento del fatturato commerciale, contrabbando, aumento dei costi.

La crescita del commercio estero in valuta nazionale (rubli) è inevitabile, ma con le sue specificità – ci sono pochi soggetti disposti ad accettare rubli e in un volume limitato – i Paesi della CSI, la Cina, in parte l’India, l’Iran, alcuni Paesi dell’Africa e dell’America Latina (questi ultimi hanno un fatturato commerciale insignificante).

C’è il rischio che si crei un mercato dei cambi “a due livelli”: il tasso di cambio ufficiale e il tasso di cambio “nero”.

Il sistema di pagamento dei BRICS porterà sicuramente a un miglioramento quando sarà operativo.

Come si può vedere da quanto sopra, ci sono una serie di preoccupazioni a medio termine. Tuttavia, l’opportunità d’oro risiede nel fatto che ci troviamo in un grande punto di snodo della storia, la quarta svolta come la chiamano alcuni. La Russia ha la presidenza dei BRICS e si prevede che spingerà l’iniziativa per una moneta BRICS e una nuova riformulazione dell’intero sistema globale.

I ministri BRICS si sono riuniti a Nizhny Novgorod il 10 giugno e ha rilasciato i seguenti punti chiave per darci un assaggio di ciò che verrà, riassunto da Arnaud Bertrand:

  1. Riforma globale dell’ONU: Essi “sostengono una riforma globale delle Nazioni Unite, compreso il suo Consiglio di Sicurezza” al fine di renderlo più democratico e “aumentare la rappresentanza dei Paesi in via di sviluppo tra i membri del Consiglio” .
  2. Riforma globale del sistema finanziario: “Riconoscono la necessità di una riforma globale dell’architettura finanziaria globale per rafforzare la voce dei Paesi in via di sviluppo e la loro rappresentanza nelle istituzioni finanziarie internazionali”. Hanno inoltre “sottolineato l’importanza di un maggiore uso delle valute locali nelle transazioni commerciali e finanziarie tra i Paesi BRICS”. .
  3. Condanna delle “misure coercitive unilaterali” e del protezionismo: Non hanno nominato gli Stati Uniti, ma questa sezione non lascia dubbi su chi si riferissero: “[I ministri] hanno espresso preoccupazione per l’uso di misure coercitive unilaterali, che sono incompatibili con i principi della Carta delle Nazioni Unite e producono effetti negativi sulla crescita economica, sul commercio, sull’energia, sulla salute e sulla sicurezza alimentare, in particolare nei Paesi in via di sviluppo”. Allo stesso modo si sono anche “opposti a misure protezionistiche unilaterali, che deliberatamente interrompono le catene di approvvigionamento e di produzione globali e distorcono la concorrenza”.

I numeri 1 e 2, in particolare, sono in linea con altri punti riguardanti la riforma dell’OMC e del G20 – che sarà presieduto dai Paesi BRICS da ora fino al 2025 – nonché l’attenzione all’uso delle valute nazionali:

I Ministri hanno sottolineato l’importanza di un maggiore utilizzo delle valute locali nelle transazioni commerciali e finanziarie tra i Paesi BRICS. Hanno ricordato il paragrafo 45 della Dichiarazione di Johannesburg II che incarica i Ministri delle Finanze e i Governatori delle Banche Centrali dei Paesi BRICS di esaminare la questione delle valute locali, degli strumenti e delle piattaforme di pagamento e di riferire ai Leader dei BRICS.

In questo momento cruciale, quindi, l’attenzione si concentra sempre più sulla dedollarizzazione, proprio mentre il mondo è testimone della criminalità finanziaria e della condotta immorale dell'”Ordine basato sulle regole”. Questo avviene anche in un momento in cui decine di nuove nazioni chiedono di entrare a far parte dei BRICS e al 16° vertice dei BRICS, che si terrà a ottobre di quest’anno, si prevede che un’altra sfilza di Paesi sarà accettata come membro.

Come possiamo vedere, il BRICS sta attualmente tenendo la propria versione dei giochi olimpici in Russia – la più grande mai realizzata finora – parallelamente ai giochi estivi di Parigi che inizieranno a breve. A poco a poco, i BRICS stanno creando una visione alternativa più equa del mondo, in cui non esistono coercizione, cancellazione e furto di fondi sovrani. Il ritmo sta iniziando a salire rapidamente, e nel giro di pochi anni il modello occidentale potrebbe essere in grave difficoltà, mentre il mondo intero si affolla alla visione positiva offerta dall’ordine guidato da Cina e Russia.

Ora il FT riporta che a causa della precaria arma finanziaria dell’Occidente, i Paesi hanno tagliato i loro asset in euro del 5%:

La quota di valuta estera detenuta dall’euro a livello mondiale è diminuita lo scorso anno a causa dei timori che i piani di utilizzo dei beni russi congelati per finanziare l’Ucraina potessero erodere ulteriormente l’appeal della moneta unica europea.

In un rapporto pubblicato mercoledì, la Banca Centrale Europea ha dichiarato che l’anno scorso gli altri Paesi hanno ridotto le attività in euro delle loro riserve bancarie centrali di circa 100 miliardi di euro, con un calo di quasi il 5%. L’euro è sceso al minimo di tre anni del 20%, dal 25%. La sua quota di scambi commerciali è scesa dello 0,7%.

La BCE avverte che “armare” le valute non fa che renderle meno attraenti, mettendo in pericolo la capacità dell’UE di emettere debito a basso costo. I membri dell’UE detengono 13.800 miliardi di euro (14.700 miliardi di dollari). Mezzo punto percentuale (50 pb) equivale a quasi 70 miliardi di euro in più che i Paesi dell’UE spenderebbero in un anno per pagare gli interessi.

Ora, con una notizia bomba, il rappresentante della Camera Thomas Massie riferisce che Trump sta ventilando l’abolizione completa dell’imposta sul reddito se entrerà in carica:

Improvvisamente le vecchie teorie kook di Nesara/Gesara non sembrano più così assurde.

In breve, tutti gli eventi in corso si stanno preparando per potenzialmente provocare un enorme momento di cigno nero nel 2025, che potrebbe scuotere le fondamenta dell’intero sistema finanziario occidentale. Ed è qui che entra in gioco la situazione saudita: La KSA è ora membro a pieno titolo dei BRICS e in precedenza ha segnalato la disponibilità ad accettare lo yuan per le vendite di petrolio alla Cina, per cui sappiamo – almeno – che il suggerimento della scomparsa del petrodollaro non è una teoria cospirativa:.

La grande domanda non è dove andranno le cose, ma quanto velocemente: la loro traiettoria è quasi certa, resta solo da vedere quanto velocemente i Paesi vicini ai BRICS riusciranno a concordare i meccanismi e a raccogliere l’iniziativa per metterli in pratica. .

Per decenni l’idea di abbandonare il dollaro è sembrata ridicola, soprattutto per le nazioni più piccole e meno potenti che non hanno la stessa capacità di azione di una superpotenza come la Russia. Ma ora che la Russia sta mostrando loro la strada, facendo da pioniere e dimostrando che non c’è nulla di spaventoso nell’infrangere la barriera mentale della schiavitù coloniale imposta e dell’egemonia finanziaria, possiamo aspettarci che il resto del mondo segua rapidamente l’esempio della Russia; una volta infranto lo spettro, è come sfondare un pavimento di supporto psicologico o un tetto di resistenza nel mercato azionario, dopo di che le cose possono precipitare o salire con una velocità imprevedibile.

In sostanza, l’idea che viene trasmessa è che stiamo arrivando a un momento in cui sembra che tutti stiano raddoppiando, puntando tutto sulle loro carte vincenti e “mostrando la mano” nella guerra finanziaria parallela che infuria sotto la superficie di quella cinetica. La Russia non sta chiaramente implorando il perdono e ha invece raddoppiato l’accelerazione della dedollarizzazione. È solo una questione di tempo prima che le cose comincino a complicarsi per la parte che ha in mano le carte più scarne, o il cui bluff viene scoperto. Dato che i fondamentali di Russia e Cina sono eccellenti rispetto a quelli dell’Occidente – e in particolare degli Stati Uniti, con il loro scandaloso 126% di debito/PIL – per quanto riguarda la struttura del debito, la crescita economica, la disoccupazione, l’inflazione e tutte le altre metriche chiave, è chiaro chi sarà lasciato con i pantaloni abbassati nel prossimo futuro. Per non parlare del bagno di sangue a cui stiamo assistendo nella politica globale, con la parte controllata dallo Stato profondo che si sta nascondendo e che culminerà solo con la sconfitta dei Democratici alle presidenziali del 2024. In quasi tutti i modi possibili, il 2025 sarà un anno di svolta storica.

Come ultima grande sintesi dell’assoluta assurdità della follia terminale dell’Occidente in decadenza, mentre sovvertono disperatamente le norme più fondamentali del loro regime finanziario avvelenato nel modo più egregiamente illogico e insensato, mentre annegano nella tossicità auto-creata della loro follia criminale, da SwanEconomy su TG:

La truffa finanziaria del secolo è alle porte: l’UE è pronta a diventare la principale responsabile per volontà degli USA

Il mondo assisterà presto al più grande furto di denaro della storia. Davanti ai nostri occhi, il principale cliente (gli Stati Uniti) e l’esecutore (l’Unione Europea) stanno cercando di mascherare il più possibile il furto della parte “congelata” dei beni sovrani della Russia come una transazione legale.

Esiste già un consenso preliminare di tutti i membri del G7.

Cosa sta succedendo? Gli Stati Uniti intendono concedere un prestito di 50 miliardi di dollari al regime di Kiev. Il compito degli europei è quello di trasferire i beni “congelati” della Federazione Russa per un ammontare di circa 260 miliardi di dollari allo status di garanzia finanziaria (pegno) nell’ambito del prestito americano.

Non si può prendere sul serio il ragionamento secondo cui solo il reddito degli asset da 260 miliardi di dollari sarà usato per garantire il prestito degli Stati Uniti: l’ammontare della garanzia deve essere almeno pari all’entità del prestito. È ovvio che il reddito degli asset è molto inferiore a 50 miliardi di dollari.

Allo stesso tempo, Washington non intende trasferire denaro a Kiev. I soldi verranno dati al complesso militare-industriale americano per la produzione di armi.

In questo caso, gli europei dovranno assumersi il compito più sporco: si tratta essenzialmente di rubare i beni della Federazione Russa, per poi trasferirli negli Stati Uniti, ma nel quadro di uno schema presumibilmente “legale”. Tutti i rischi connessi, così come l’azione penale, come credono a Washington, riguarderanno solo gli europei, ma non gli americani.

Dopotutto, cosa vediamo dal punto di vista degli specialisti dei mercati finanziari? Gli Stati Uniti intendono concedere un prestito a un Paese il cui rating del debito sovrano è inferiore allo zoccolo. Cioè, stanno consapevolmente concedendo un prestito a un debitore che non lo restituirà. Si tratta di una follia o di una sorta di truffa per il riciclaggio di denaro.

Tuttavia, i tempi di garanzia più elevati dovrebbero, dal punto di vista di Washington, rendere tale prestito come se non fosse discutibile. Ma perché ciò avvenga, le autorità statunitensi hanno bisogno che gli europei cambino lo status dei beni “congelati” della Russia in quello di garanzia.

In una situazione in cui la capacità di credito del Paese è in crisi, nessuno, a meno che non si tratti di un piano criminale, concederà un prestito solo a fronte di un “reddito da attività” se non c’è alcuna garanzia che il creditore possa ottenere le attività nel caso in cui il debitore non riesca a rimborsare il prestito.

Il mondo ricorda molto bene che dopo il 2014 le autorità ucraine non hanno concesso alla Russia un prestito sovrano di 3 miliardi di dollari con interessi. Naturalmente, Kiev lo ha poi fatto per decisione di Washington per mano della Corte Suprema del Regno Unito. Ma quando i debiti devono essere restituiti a Washington, ecco che le “regole” sono diverse, o meglio, gli accordi con i banditi.

Ora le ancelle delle autorità statunitensi in Europa devono “trascinare” i beni dalla Russia al “punto” legale necessario, dal quale saranno messi in tasca alle autorità statunitensi.

I politici europei si rendono ridicoli, perché la decisione per la stessa Euroclear belga, dove si trova la maggior quantità di denaro russo, non viene presa nemmeno dalle autorità belghe, né dalla leadership dell’UE.

La decisione è presa dal G7, che non comprende il Belgio e non ha il diritto di decidere su questioni che riguardano la reputazione dell’intera UE. Gli Stati Uniti continuano a umiliare i loro vassalli, ma li stanno già portando al limite, scontentando ulteriormente gli europei. E l’inizio del cambiamento politico sta sorgendo in Europa.

Pensa che gli Stati Uniti e l’Unione Europea perderanno la fiducia dell’intero mondo non occidentale dopo la truffa?

In breve: gli Stati Uniti vogliono che l’Europa si assuma tutti i rischi e le responsabilità in proporzione alla quantità di fondi sovrani russi che detengono, mentre questi vengono utilizzati come garanzia per trasferire il prestito agli appaltatori della difesa statunitensi, che si arricchiranno per conto degli europei impoveriti – che bel piano:

Non posso tralasciare il colpo più forte di tutta l’occasione. Da parte di Dmitry Medvedev, una delle sue invettive più truculente e spumeggianti:

🇷🇺💬Dmitry Medvedev:

“Ecco le nuove sanzioni americane. Presto ce ne saranno di nuove europee. Dobbiamo rispondere a queste sanzioni? Sembra di no, il loro numero si misura già in decine di migliaia. Abbiamo imparato a convivere e a svilupparci con esse.

D’altra parte, è necessario. Non solo per le autorità, per lo Stato, ma per tutto il nostro popolo in generale. Per tutti coloro che amano la nostra Madrepatria – la Russia. Dopo tutto, loro – gli Stati Uniti e i loro maledetti alleati – ci hanno dichiarato guerra senza regole!

Come reagire? Ne ho già parlato una volta, ma vale la pena ripeterlo.

Ogni giorno dobbiamo cercare di infliggere il massimo danno a quei Paesi che hanno imposto queste restrizioni al nostro Paese e a tutti i nostri cittadini. Un danno a tutto ciò che può essere danneggiato. Danni alle loro economie, alle loro istituzioni e ai loro governanti. Il benessere dei loro cittadini. La loro fiducia nel futuro. Per fare questo, dobbiamo continuare a cercare le vulnerabilità critiche delle loro economie e colpirle in tutti i settori. Causare danni in tutti i luoghi, paralizzando il lavoro delle loro aziende e agenzie governative. Trovare problemi nelle loro tecnologie più importanti e colpirli senza pietà. Distruggere letteralmente l’energia, l’industria, i trasporti, le banche e i servizi sociali. Instillare la paura di un imminente collasso di tutte le infrastrutture critiche.

Hanno paura di consegnare le nostre armi ai nemici del mondo occidentale? Dobbiamo trasferire loro tutti i tipi di armi possibili, tranne quelle nucleari (per ora)!

Hanno paura dell’anarchia e dell’esplosione della criminalità nelle grandi città? Dobbiamo aiutare a disorganizzare le loro amministrazioni comunali!

Hanno paura della guerra nello spazio? Questo significa che la riceveranno anche loro. Che tutto si fermi per loro, che tutto si deteriori, che tutto vada all’inferno!

Hanno paura delle esplosioni sociali? Organizziamole! Dobbiamo gettare nella loro sfera mediatica tutti i più inquietanti incubi notturni e utilizzare tutti i loro terribili dolori fantasma. Non c’è più bisogno di risparmiare la loro psiche! Lasciamoli rabbrividire nelle loro case accoglienti, lasciamoli rabbrividire sotto le coperte.

Stanno urlando per l’uso che facciamo delle fake news? Trasformiamo la loro vita in un incubo completamente folle in cui non saranno in grado di distinguere la finzione selvaggia dalla realtà del giorno, il male infernale dalla routine della vita.

E nessuna regola per quanto riguarda il nemico! Che ricevano tutto per intero per aver danneggiato la Russia e nel modo più doloroso possibile! Tutti possono contribuire!

Ricorda:

Quid pro quo!

Un po’ di fortuna!

“frattura per frattura, occhio per occhio, dente per dente; qualsiasi ferita abbia dato a una persona sarà data a lui”.

(Levitico 24:20)”.

Infatti, Medvedev ha scritto un intero articolo per l’occasione per Rossiskaya Gazeta, facendo eco all’abnegazione di Putin del famigerato Ballo del vampiro:

“L’umanità deve finalmente liberarsi dell’eredità del sistema coloniale. Il tempo delle metropoli è scaduto”.

Apocalypseos riassume su X:

  • Gli Stati Uniti sono diventati una neo-metropoli di sanzioni globali, violando la sovranità di Paesi terzi, e le sanzioni secondarie sono tentativi di distruggere interi Paesi;
  • L’Occidente crea artificialmente le crisi economiche, usa l’agenda verde per mantenere l’elitarismo e, attraverso il monopolio delle corporazioni informatiche, soffoca coloro le cui opinioni contraddicono le sue linee guida;
  • Sarà possibile liberare l’Ucraina dalle catene neocoloniali dell’Occidente solo dopo aver completato tutti i compiti dell’operazione speciale;
  • Il Sud globale non vuole seguire la “formula Zelensky” e interrompere i legami a lungo termine con la Russia;
  • L’Occidente utilizza il “neocolonialismo del debito” per mantenere la propria influenza nel Sud del mondo;
  • All’Armenia vengono promesse “montagne d’oro” in cambio di una completa lealtà, ma le porte del “club dell’élite” non si apriranno a Yerevan;
  • Parigi cercherà di mantenere il più a lungo possibile la sua presenza in Africa come moneta nascosta, il che è fondamentale per Macron;
  • La Russia spera che la cooperazione nel formato BRICS-Unione Africana raggiunga un nuovo livello qualitativo;
  • L’Occidente si opporrà allo sradicamento del neocolonialismo; è necessario aumentare l’interazione di tutte le forze nella lotta contro questo fenomeno;
  • Le ex metropoli vogliono ancora parassitare i Paesi che dipendono da loro, solo in modo più sofisticato;
  • L’Occidente ha reagito ferocemente al movimento di lotta al neocolonialismo “Per la libertà delle nazioni!”, cercando di interrompere il congresso di fondazione;
  • La formazione di un nuovo sistema di relazioni internazionali è una questione del prossimo futuro; in esso non ci sarà posto per le sanzioni, lo sfruttamento e la menzogna;
  • Sempre più Paesi vogliono vivere in pace, senza l’eredità del sistema coloniale e secondo i principi dell’uguaglianza sovrana;
  • Il nuovo ordine mondiale policentrico sarà pragmatico, la diversificazione delle connessioni è la chiave della stabilità economica.

Le forze russe continuano a conquistare territori e insediamenti, mentre i soliti sospetti si lamentano con angoscia:

La strategia di Kharkov sta chiaramente funzionando: Si dice che l’Ucraina abbia trasferito alcune delle sue migliori unità dalla direzione di Chasov Yar a Kharkov, per cui è probabile che la Russia faccia presto grandi guadagni anche lì. Nonostante le affermazioni ucraine, la Russia ha fatto progressi anche nella zona di Kharkov-Volchansk, che comprende un’ampia avanzata laterale, dichiarata di 4 km, a est verso Bochkove:

Un Su-34 russo, nel frattempo, ha usato un missile Kh-38MLE per far saltare il ponte di Staryi Saltov, che collega Kharkov al fronte di Volchansk, ostacolando notevolmente la logistica dell’AFU:

Posizione del ponte (50.07742223091243, 36.81082376840926) sul fiume Siverski Donets in relazione a Volchansk e alla sua MSR verso Kharkov:

La situazione della rete elettrica in Ucraina comincia a preoccupare seriamente i curatori occidentali:

L’articolo della BBC sopra riportato afferma che gli ucraini già soffrono di interruzioni di corrente per 8 ore e potrebbero presto dover affrontare 20 ore al giorno senza elettricità o riscaldamento, se la Russia continuasse i suoi attacchi di de-elettrificazione:

La TV ucraina ora definisce addirittura “criminale” far funzionare l’aria condizionata durante il giorno:

Per chi fosse interessato, il giornalista John Helmer ha un paio di buoni articoli su questo argomento, il primo è principalmente un collegamento a una discussione in podcast sull’argomento, in cui afferma:

In questo momento la campagna della guerra russa all’elettricità in Ucraina prende di mira gli ultimi impianti di produzione di energia funzionanti e le linee di trasmissione dell’Unione Europea che sostituiscono l’elettricità che gli ucraini non possono più produrre da soli. Vengono colpite le torri del microonde e della telefonia mobile, così che la rete cellulare del paese crolla parallelamente alla rete elettrica.

“Si tratta di una battaglia profonda russa”, commenta una fonte militare statunitense, “che viene combattuta di fatto dallo Stato Maggiore Generale mentre le sue operazioni continuano ad essere limitate a Mosca per ragioni politiche. Presto l’impatto sarà impossibile da nascondere. Per ora, sappiamo quanto la situazione stia peggiorando perché non si discute su quanto stia peggiorando”.

Il secondo è dove spiega la sua opinione secondo cui la “guerra elettrica” della Russia mira a sconfiggere totalmente l’Ucraina de-energizzandola:  https://johnhelmer.net/buzzer-beater-russian-general-staff- goes-at-ending- la guerra -ucraina- elettrica

L’ultima volta ho menzionato nella sezione commenti: l’Ucraina ha un sistema ereditato dall’Unione Sovietica che prevede l’utilizzo delle sue centrali termoelettriche (TPP) come sistemi di “riscaldamento centrale” attraverso una rete di tubi di trasporto del vapore. Quindi la perdita di quello che ora ammonta a circa il 73% dei loro TPP ( il 73% delle centrali termoelettriche in Ucraina non sono operative, 62 unità di potenza nelle centrali termoelettriche e nelle centrali idroelettriche non funzionano, – il primo ministro ucraino Denys Shmyhal. ) significa non solo la massiccia perdita di produzione di energia, ma la totale mancanza di calore prodotta quest’inverno. Ciò significa che il prossimo inverno sarà un inverno che durerà per secoli e supporta solo la teoria secondo cui l’Ucraina potrebbe essere all’ultima tappa nel 2025.

Helmer ha anche un altro nuovo affascinante articolo che consiglio di leggere, che copre i nuovi sondaggi russi Levada che mostrano che il sostegno della popolazione sia a Putin che all’SMO sta effettivamente aumentando anche alla luce delle recenti rivelazioni di Putin sulla crescente lista delle vittime della Russia.

Secondo un sondaggio condotto a livello nazionale con interviste faccia a faccia nelle case russe tra il 23 e il 29 maggio, il Centro Levada di Mosca, un’organizzazione elettorale indipendente, riferisce : “La metà degli intervistati ritiene che sia necessario passare ai negoziati di pace – Il 43% è favorevole al proseguimento delle operazioni militari, la loro quota è cresciuta negli ultimi mesi. Tuttavia, la maggioranza non è pronta a fare concessioni nei confronti dell’Ucraina e questa quota è in aumento.

L’altro enorme takeaway:

Ciò significa anche che gli attacchi missilistici, di artiglieria e di droni ucraini contro civili, raffinerie e altri obiettivi sul territorio russo non hanno alcun impatto sull’impegno nazionale nella guerra e sui suoi obiettivi strategici. Al contrario, le minacce da parte dei leader della NATO di intensificare questi attacchi ed estendere il loro raggio d’azione alla Russia stanno aumentando il sostegno pubblico russo alla revoca delle restrizioni del Cremlino sui piani operativi dello Stato Maggiore per porre fine alla guerra al e oltre il confine polacco.

Salvando l’episodio migliore e più emozionante per ultimo:

Alcuni potrebbero aver visto diversi giorni fa una battaglia secolare avvenuta a ovest di Avdeevka, proprio vicino a Sokol, dove le forze russe stanno attivamente prendendo d’assalto. Un BTR-82A russo che smontava si imbatté a capofitto in un M2A2 ODS-SA Bradley della 47a Brigata ucraina, scambiando fuoco con esso a bruciapelo, con quello che all’epoca sembrò un finale inconcludente. Il filmato deve essere visto per crederci:

Geolocalizzazione intorno a 48.23277240262418, 37.55843949959025 a Sokol:

Il pubblico pro-UA ha esultato per l’apparente vittoria dell’infaticabile Bradley mentre io ho subito sottolineato il fatto che il Bradley appariva disabile e incapace di rispondere al fuoco, mentre il BTR-82A ha effettivamente completato la sua missione trasportando i suoi uomini proprio al punto di trasferimento a Sokol intorno al 48.23202953164239, 37.554706221481055 .

Sorprendentemente, ora abbiamo la piena conferma dal Washington Post , che ha coperto la resa dei conti e ha parlato con il comandante Bradley in questione:

Grande sorpresa: si scopre che il Bradley è stato completamente disabilitato dal vecchio ferro sovietico: il BTR-82A è riuscito a mettere a segno 3 colpi netti del suo cannone automatico da 30 mm superiore sul sistema di controllo del fuoco e sui mirini del Bradley, disabilitandoli e costringendo il comandante Bradley a disperarsi. provare a “speronare” il veicolo russo.

L’equipaggio del Bradley era in condizioni peggiori dopo aver colpito una mina in un incidente non specificato, che li ha lasciati con le gambe rotte tra le altre ferite nonostante le affermazioni del Bradley di una protezione superiore:

Ma ecco le attestazioni secondo cui il veicolo del comandante Bradley Victor è stato disattivato con 3 colpi del BTR vittorioso:

Ciò che è notevole è che il BTR aveva una scusa per non avere consapevolezza della situazione, poiché era attrezzato con una copertura anti-drone che blocca gran parte dell’ottica e dei sensori, lasciando visibile solo uno stretto campo anteriore. Ma il Bradley non aveva tale scusa, e quindi l’episodio ha dimostrato che i tanto decantati “sensori” e “ottica” della NATO – che si dice siano molto superiori rispetto alle controparti russe, e in particolare a quelle sovietiche, oltretutto – si sono rivelati essere inutili in quanto il BTR non solo si è avvicinato di soppiatto al Brad in difesa, ma è anche riuscito a eliminarlo. Il Bushmaster da 25 mm del Brad si è rivelato inutile contro il sottile ferro sovietico, mentre il 2A72 Shipunov da 30 mm di quest’ultimo ha praticato fori grandi quanto una ciambella attraverso gli occhiali inzuppati di sudore del Brad.

Sembra che l’equipaggio abbia salvato la faccia nel puffpiece WaPo, sostenendo di essere riuscito a tornare a casa e di aver perso il Bradley in un’altra battaglia due giorni dopo, ma il filmato li mostra disabili e in fuga dopo essere stati falciati dal BTR infernale.

A proposito, il BTR non ha nulla a che fare con un Brad: è un APC leggero che pesa quasi la metà di un Bradley: 15t contro 25t. Il Bradley è un IFV in piena regola pensato per il combattimento in prima linea.

Ciò dimostra semplicemente che le vere battaglie non si vincono sulle statistiche sterili e sui dibattiti sperg del forum WarThunder: in realtà, qualsiasi veicolo può sconfiggerne un altro a seconda delle circostanze, dell’addestramento dell’equipaggio, del supporto tattico locale, ecc. Ecco perché si sono celebrati mesi fa quando un branco di Bradley che presumibilmente “ha fatto fuori” un T-90M e di ciò non ne hanno idea: lo stesso comandante Bradley di quell’episodio ha poi ammesso in video che il suo Bradley è stato successivamente distrutto da un altro carro armato russo.

A proposito, prendi nota della posizione di Sokol nella mia foto di geolocalizzazione qui sopra, che mostra il serbatoio sullo sfondo. Nella stessa identica area, circa una mezza dozzina di Abrams e Bradley furono distrutti oltre a quello sopra, dimostrando quanto ferocemente e disperatamente il 47esimo stesse cercando di difendere Sokol dagli assalti russi.

Le attestazioni:

Abrams colpisce la siepe pochi metri a est lungo la strada: nota il serbatoio con la stessa forma che puoi vedere chiaramente, per un momento nella parte superiore dello schermo:

Posizione di quanto sopra:

Un altro Bradley distrutto nello stesso punto:

Posizione di questo sulla X gialla, con il cerchio rosso che mostra il primo Bradley che ha affrontato il BTR:

E un altro Abrams distrutto nel campo appena a sud di quelle siepi:

Per riferimento, ecco Sokol (Sokil) in riferimento a Ochertino e Avdeevka per coloro che non riescono a immaginare dove sia esattamente:

Infine, vi lascio con questa feroce critica alla grossolana e avida salivazione di Lindsay Graham sui preziosi trilioni dell’Ucraina da parte nientemeno che di Maria Zakharova:


Il tuo supporto è prezioso. Se ti è piaciuta la lettura, apprezzerei molto se sottoscrivessi un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo che io possa continuare a fornirti rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, puoi dare la mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Stati Uniti, elezioni presidenziali! L’arma della giustizia Con Gianfranco Campa

Questione di giorni per conoscere il destino di Donald Trump, degli Stati Uniti, dello stesso Biden, in apparenza il beneficiario della trappola ordita. L’amministrazione della giustizia si sta confermando l’arma definitiva dello scontro politico in atto sino ad assumere aspetti talmente pretestuosi tali da delegittimare pesantemente le istituzioni. Una leadership disposta a tutto pur di sopravvivere. Sa che, in caso di avvicendamento del presidente, questa volta il ricambio traumatico di interi apparati può essere perseguibile o, quantomeno, il suo tentativo può destabilizzare definitivamente gli assetti di potere. Una situazione che apre la strada a colpi di mano, dentro e fuori a quel paese, sempre più avventuristici. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v513cxm-stati-uniti-elezioni-presidenziali-larma-della-giustizia-con-gianfranco-cam.html

 

SITREP 6/11/24: Panoramica degli sviluppi più caldi, di SIMPLICIUS

Si tratta per lo più di una giornata di aggiornamenti leggeri, in quanto non ci sono sviluppi di rilievo; quindi, facciamo tabula rasa con una carrellata irregolare di elementi di interesse che pubblicherò e commenterò brevemente.

La notizia più importante, ovviamente, è il bagno di sangue delle elezioni parlamentari europee.

Macron ha dovuto respingere le voci secondo cui starebbe pensando di dimettersi a causa dell’umiliazione elettorale:

Arnaud Bertrand riferisce:

La destra repubblicana francese, il partito di Chirac e Sarkozy, chiede un’alleanza con Le Pen per le elezioni (rendendo più probabile la sua vittoria). La diga era già molto incrinata, ma ora è completamente rotta: non c’è più alcun tabù sulla Le Pen in Francia.

Certo, non significa quanto vorremmo, dato che la Le Pen è stata per lo più “catturata” dalla macchina globalista a questo punto, ma è comunque qualcosa.

La Reggia di Versailles ha preso fuoco anche oggi… simbolico?

Una flottiglia russa si trova attualmente a poche miglia dalla costa della Florida, dando agli Stati Uniti un assaggio della propria medicina rispetto ai droni che ronzano quotidianamente intorno alla Crimea:

I P-8 Poseidon della U.S. Navy cercano il sottomarino russo di classe Yasen “Kazan” armato di SLBM nucleari.

Gli Stati Uniti non riescono a trovare il sottomarino Kazan al largo di Miami.

Gli esperti stranieri affermano che il sottomarino russo “Kazan” progetto 885M si trova attualmente a circa 100 chilometri da Miami, nelle acque dello stretto della Florida.

Due aerei da pattugliamento P8 Poseidon e due cacciatorpedinieri guidati della classe Arleigh Burke sono stati dispiegati per cercare il Kazan.

Il 10 giugno, il vettore di missili ipersonici “Zircon”, fregata “Admiral Gorshkov”, è arrivato nella capitale di Cuba. Ad essa si sono aggiunti in seguito un sottomarino russo a propulsione nucleare, un vettore di missili ipersonici e da crociera.

Non si sa dove si trovi attualmente il sottomarino.

Un nuovo interessante rapporto di MediaZona sta facendo il giro del mondo “confermando” che Wagner ha perso 20.000 soldati a Bakhmut. Il problema è che “conferma” anche che 17.000 di loro erano prigionieri/conclusi:

Se è vero, è evidente che la Russia sta alleggerendo le sue forze trasferendo in larga misura le perdite dagli operatori professionali non spendibili.

Inoltre, la folla pro-UA celebra i numeri, ma stranamente dimentica che lo stesso Prigozhin ha rivelato un rapporto di uccisioni di 2,5-3 a 1 contro l’AFU:

Cosa c’è da festeggiare? Wagner ha svuotato le prigioni e ha subito solo 2.000 perdite tra le truppe Wagner effettive, mentre l’AFU ha perso 50-60.000 morti tra i suoi guerrieri professionisti più elitari. Un bel compromesso, eh?

A proposito, per coloro che sono ancora scettici su questi numeri, e che forse Prigozhin stesso ha mentito anche sulle proprie perdite, gli account pro-UA amano postare la famosa piramide nera di Wagner che, secondo loro, mostra “i numeri di identificazione di 20.000 truppe Wagner morte”:

Ho inserito l’immagine in un’intelligenza artificiale e le ho chiesto di stimare quanti numeri ci sono: ha indovinato circa 1000. Ho provato a contare io stesso una sezione e poi l’ho estrapolata, ottenendo qualcosa come forse 1500 su una faccia triangolare. Ci sono 3 facce, quindi ci sono circa 4500 ID, più o meno, per l’intera piramide: da dove hanno preso 20.000?

Tuttavia, avrebbe senso se la piramide onorasse i morti Wagner a Bakhmut solo e non contasse i prigionieri dei battaglioni penali, il che confermerebbe che Wagner soffrì solo qualcosa come 3-5k perdite a Bakhmut, con il resto che andò ai distaccamenti stile Storm-Z che usarono come avanguardia.

Le forze russe continuano a guadagnare nel Donbass.

Una serie di suggestivi reportage dal canale ufficiale TG della 79ª Brigata d’Assalto Aereo dell’Ucraina ci offre uno sguardo viscerale su quanto sta accadendo.

Innanzitutto, le perdite:

Si rimprovera al comando di non aver capito come devono essere utilizzate le formazioni di assalto aereo:

Qui si lamentano del fatto che le unità inviate a supporto non hanno alcun addestramento e muoiono all’istante, e a quanto pare l’intero battaglione di foraggio per la difesa del territorio è stato completamente spazzato via:

D’altra parte, gli ucraini continuano a pubblicare fantasie su un’unità russa chiamata 1009 Reggimento che avrebbe subito “pesanti perdite” nel nord, nella battaglia di Kharkov-Volchansk. Tuttavia, questa si è rivelata una falsa campagna ucraina di TSIPSO, come ha scritto lo stesso 1009°:

I canali Telegram del nemico hanno diffuso notizie false sulla distruzione del 1009° reggimento di fucilieri motorizzati delle Forze Armate russe nei pressi di Volchansk. Tutti i canali nemici fanno riferimento a una fonte falsa creata dagli ucraini: il “Canale del Nord”, che fa parte della rete TSIPSO e si traveste da russo. La risorsa è stata inizialmente creata come canale ucraino, ma poi è stata rinominata per screditare il comando del gruppo Nord. Il nemico vi pubblica video di attacchi alle nostre attrezzature ed elabora citazioni disfattiste per conto del nostro soldato. Un lavoro simile in Ucraina viene svolto nel TSYPSO della regione di Zhytomyr, a Lviv, e parte degli uffici del centro per le operazioni psicologiche si trovano a Kiev. Il 1009° reggimento sta combattendo, non è stato ritirato da nessuna parte, i ragazzi continuano a battere il nemico.

La principale spinta russa negli ultimi giorni è apparsa intorno a Novoaleksandrovka, a ovest di Ochertino e Avdeevka:

Ma la Russia è riuscita a catturare altri insediamenti, tra cui la rivendicata riconquista di Staromayorsk, che era caduta come parte della “controffensiva” dello scorso anno.

L’altro episodio degno di nota è stato l’annuncio da parte di molti che la tanto attesa campagna di Sumy era finalmente iniziata, dato che le forze cecene hanno superato il confine e, secondo quanto riferito, hanno catturato la città di Ryzhivka sul lato ucraino del confine:

Hanno scattato foto davanti all’edificio amministrativo, ma sembra che si sia trattato solo di un raid delle DRG, simile a quello che le forze ucraine dell’RDK hanno fatto a Belgorod per molto tempo. Le unità speciali cecene sono sembrate “catturare” brevemente la città in zona grigia per un’operazione fotografica e poi si sono ritirate. Ma ovviamente questo fa presagire qualche attività futura in quella zona, poiché afferma che la Russia ha forze attive posizionate su quel lato.

Il deputato della Rada Revchuk ha dichiarato che la Russia ha nuovamente radunato 50 mila militari al confine. Non sa dove andranno

I droni ucraini sono riusciti a penetrare in una base aerea russa a Akhtubinsk, danneggiando presumibilmente un Su-57:

Tuttavia, si è scoperto che si trattava di prototipi per i test di volo e non di Su-57 in servizio attivo:

Il Su-57 danneggiato è un prototipo, come abbiamo detto, questa base è sede del 929° Centro Statale di Test di Volo.

Dimostra che l’Ucraina continua a prendere di mira aree più oscure e meno protette per ottenere grandi opportunità di prestigio a livello di pubbliche relazioni, con poche conseguenze effettive sul campo di battaglia.

Detto questo, è comunque preoccupante la scarsa difesa di cui disponeva la base: secondo un rapporto dichiarato, non sono stati lanciati missili di alcun tipo contro i droni e la sicurezza della base si è limitata a sparare contro di loro in modo inefficace con armi di piccolo calibro.

A questo proposito, il ministro della Difesa Belousov ha incontrato un intero entourage dei migliori corrispondenti russi in prima linea, attivamente coinvolti nella SMO, per raccogliere tutte le lamentele e i suggerimenti necessari dal fronte, in modo che problemi come questo possano continuare a essere minimizzati e risolti:

Il Ministro della Difesa Belousov ha incontrato i corrispondenti militari che coprono i progressi del Distretto Militare del Nord. Il Ministero della Difesa russo ha aggiunto che la conversazione è stata franca e costruttiva. Il dicastero ha anche promesso che incontri di questo tipo con gli ufficiali militari si terranno su base regolare.

“Noi, ufficiali militari, abbiamo incontrato il Ministro della Difesa Andrei Removich Belousov. Voglio dire a ciascuno dei nostri soldati, a ciascuno dei ragazzi al fronte: abbiamo consegnato tutto quello che ci avete chiesto. Sia in bene che in male. Tutto. Ci aspettano grandi cambiamenti. Al servizio della Patria.“. .

Quanti dei corrispondenti riconoscete? Tutti sembrano essere stati identificati nella foto:

Agranovich Katya (maglia Potupchik)
Gromov (AP)
Gadziev (corrispondente militare, RT)
Ragazza della RIA
Konashenkov (Ministero della Difesa RF)
Kots (corrispondente militare, Komsomolskaya Pravda)
corrispondente Izvestia (con una bella chioma folta)
Kulko (corrispondente militare, Canale Uno)
Pegov (corrispondente militare, progetto WarGonzo)
Poddubny (corrispondente militare, VGTRK)
Podolyaka (blogger)
Rudenko (corrispondente militare, VGTRK)
Steshin (corrispondente militare, Komsomolskaya Pravda)
Sladkov (corrispondente militare, Russia)

Ha anche dedicato del tempo a premiare alcuni eroi:

Le forze russe continuano a sperimentare nuove invenzioni EW sul fronte:

La società continua a insorgere contro le mobilitazioni forzate in Ucraina. I commissari sono venuti a mobilitare un gruppo di paramedici di emergenza e sono stati attaccati, scatenando una lunga scazzottata:

Ci sono così tanti video come questo che non riesco a pubblicarli tutti, questi sono solo i due più evocativi. Un altro:

È interessante notare che una fonte ucraina ha affermato che dall’inizio della mobilitazione, l’Ucraina ha raccolto più carne nuova solo nell’ultimo mese che nell’intero periodo precedente di sei mesi.

Ma Rezident UA riporta:

Residente

#Inside
La nostra fonte nell’OP ha detto che gli ucraini continuano a sabotare la mobilitazione, nel primo mese solo il 7% di un altro 20% del piano è arrivato al TCK con la forza. Lo Stato Maggiore chiede di stringere il più possibile il processo di mobilitazione e di creare una polizia militare a questo scopo.

La seconda fase delle esercitazioni nucleari tattiche della Russia è iniziata come messaggio alla NATO:

È iniziata la seconda fase delle esercitazioni delle forze nucleari non strategiche di Russia e Bielorussia, ha riferito il Ministero della Difesa russo. Il dicastero ha ricordato che le manovre hanno lo scopo di mantenere la prontezza del personale e delle attrezzature per garantire la sovranità e l’integrità territoriale dello Stato dell’Unione. In precedenza, durante la prima fase delle esercitazioni, i militari si sono esercitati a procurarsi munizioni speciali da addestramento per il sistema missilistico tattico Iskander, ad equipaggiarne i veicoli di lancio e ad avanzare segretamente verso l’area di posizione designata in preparazione al lancio dei missili. Il personale delle Forze aerospaziali russe si è esercitato ad equipaggiare le armi dell’aviazione con unità speciali da combattimento in addestramento, compresi i missili ipersonici aerobalistici Kinzhal, e ad effettuare voli verso le aree di pattugliamento designate.

In vista dell’imminente vertice di pace svizzero, Zelensky si è rivolto al parlamento tedesco con reazioni entusiastiche, anche se del tutto condizionate:

I partiti AfD e BSW hanno boicottato completamente il discorso e non erano presenti. I leader dell’AfD hanno infatti dichiarato quanto segue:

Quattro minuti dopo che Zelensky è salito sul podio, i leader dell’AfD Alice Weidel e Tino Chrupalla hanno dichiarato in un comunicato scritto: “Il mandato di Zelensky è finito. Rimane in carica solo come presidente bellicoso e impoverito”. La maggior parte della fazione ha boicottato il discorso. “Ci rifiutiamo di ascoltare un oratore in uniforme da combattimento”, hanno dichiarato Weidel e Khrupalla. “Quello di cui l’Ucraina ha bisogno ora non è un presidente militare, ma un presidente disposto a negoziare la pace per fermare l’estinzione e perché il Paese abbia un futuro”.

La conferenza è stata piena di banalità così insincere e saccenti che mi addolora anche solo postare le vuote sciocchezze che questi vituperati burocrati hanno vomitato a orecchie sorde:

Se pensavate che questo fosse ridicolo, la stampa occidentale continua sulla sua strada di totale irrilevanza buffonesca e di propalazione di assolute confusioni di realtà alternative:

Lindsey “Coccinella” Graham ci ha dato la prima indicazione veramente onesta del perché i neocon assetati di sangue vogliono così tanto l’Ucraina. Ironia della sorte, non ha fatto altro che confermare quanto più ricca e potente sarà presto la Russia una volta conquistata l’Ucraina:

Secondo quanto riferito, l’Ucraina ha perso altri 9 gigawatt dei 18 gigawatt di capacità energetica totale del picco dello scorso inverno:

L’Ucraina dovrà affrontare almeno due anni “neri”: il sistema energetico ha subito gravi danni dagli attacchi missilistici russi. Così, secondo il direttore del Centro per la ricerca energetica Alexander Kharchenko, il Paese ha perso più di 9 gigawatt dei 18 gigawatt che erano in precedenza. Lo ha detto in un commento al canale 24.

Link.

Ma considerando la capacità totale dell’Ucraina prima della guerra, la Russia avrebbe distrutto 30 gigawatt totali, facendo scendere l’Ucraina a meno di 20GW:

Durante la guerra totale, la Russia ha distrutto più della metà della capacità energetica del nostro Stato. La produzione di energia elettrica è scesa a meno di 20 gigawatt. In altre parole, l’Ucraina ha perso più di 30 gigawatt di capacità.
https://24tv.ua/vidklyuchennya-svitla-koli-ne-bude-vidklyuchen-yakoyu-bude-zima_n2572163

Se ho capito bene questi numeri, l’Ucraina ha iniziato con circa 55GW totali e ora è scesa a 9GW.

Prima dell’invasione su larga scala della Russia, l’Ucraina aveva una capacità di circa 55 gigawatt. Si tratta di uno dei maggiori indicatori in Europa.

Ciò significa che se la Russia continuerà ad attaccare la rete elettrica per i prossimi 6 mesi, entro il prossimo inverno l’Ucraina dovrebbe essere completamente priva di energia elettrica, ad eccezione di quella che può importare dall’Europa attraverso linee di trasmissione ad alta velocità, una soluzione rapida e piena di difficoltà.

Un nuovo articolo del FT lo conferma:

“Se non si prendono misure, secondo i nostri modelli, probabilmente la popolazione avrà solo due o quattro ore di elettricità [al giorno] a gennaio”, ha detto Dodonov.

Un’altra statistica fondamentale:

Il 73% delle centrali termiche in Ucraina è inattivo, 62 unità di potenza delle centrali termiche e idroelettriche non funzionano, – ha dichiarato il primo ministro ucraino Denys Shmyhal.

Le fabbriche di armi della NATO continuano ad esplodere “misteriosamente”:

Un’esplosione in una fabbrica di armamenti in Polonia ha provocato un incendio che ha causato la morte di una persona e il ferimento di altre, ha riferito lunedì la radio RMF.

L’esplosione nell’impianto di Mesko è avvenuta nel centro di produzione di combustibile per razzi, ha dichiarato l’emittente sul suo sito web, citando un funzionario dell’azienda. L’azienda, situata nel sud-est della Polonia, è di proprietà della società statale Polska Grupa Zbrojeniowa SA.

Lavrov spiega la tesi che ho recentemente esposto, secondo cui gli Stati Uniti vorrebbero istigare una guerra nucleare limitata in Europa per salvarsi dal collasso distruggendo prima i concorrenti:

Infine, una potenziale buona notizia.

Ricordate il sottomarino russo Rostov-on-Don che è stato colpito da Storm Shadows a Sebastopoli l’anno scorso mentre si trovava in un’area di riparazione?

Ho riferito mesi fa che la Russia aveva annunciato la tempistica per la riparazione dei danni entro giugno. Ebbene, siamo a giugno e le ultime foto satellitari indicano che la Rostov-on-Don è scomparsa dal suo bacino di carenaggio speciale:

Gli OSINT sostengono che sia stato spostato in un’altra posizione, ma le loro prove sono molto discutibili, poiché il sottomarino non è più visibile: “suppongono” che sia sotto una rete sospesa tra due chiatte che hanno trovato altrove. Quindi, o il Rostov è già in libertà, o ha lasciato il bacino di carenaggio e ora galleggia sotto una rete per le ultime riparazioni in superficie, non lo sappiamo con certezza.


Il vostro sostegno è inestimabile. Se vi è piaciuta la lettura, vi sarei molto grato se vi abbonaste a un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo da poter continuare a fornirvi rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, è possibile lasciare una mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

Michael Brenner: Ancora impensabile?

Michael Brenner: Ancora impensabile?

dall’EDITORE8 giugno 2024

14 Commenti a Michael Brenner: Ancora impensabile?

Le azioni provocatorie degli Stati Uniti sono la ragione principale per cui la possibilità “impensabile” di una guerra nucleare sta diventando sempre più probabile.

 

Di Michael Brenner

L’impensabile sta diventando pensabile: la guerra nucleare. Le azioni provocatorie degli Stati Uniti ne sono la ragione principale. Nel disperato tentativo di rimanere l’egemone supremo globale, l’establishment che dirige la nostra politica estera si è imbarcata in un’impresa sempre più pericolosa. Nel vano tentativo di preservare la propria posizione egemonica contro le maree della storia, l’America sta mettendo in pericolo se stessa e il resto del mondo.

Con scenari di conflitto che prevedono la prospettiva di una guerra tra potenze dotate di armi nucleari, è opportuno fare qualche sobria riflessione. Ecco una serie di fatti sulla vita nucleare che vale la pena considerare.

I.

L’avvento dell’era nucleare ha imposto un cambiamento fondamentale nel modo di pensare alla guerra e al confronto strategico. Alla fine degli anni Sessanta, quasi tutte le persone ponderate e responsabili erano giunte ad accettare due precetti chiave che si intersecavano. 1) L’unica utilità delle armi nucleari è la deterrenza nei confronti di un’altra potenza dotata di simili capacità, tenendo conto di considerazioni politiche oltre che strettamente militari. 2) I calcoli del rischio nei rapporti tra le potenze nucleari portano a concludere che la scelta di una politica che comporti anche solo l’1-2% di possibilità di portare alla detonazione di bombe nucleari dovrebbe essere esclusa, poiché il valore negativo di tale evento è infinito. Questa logica vale anche per le cosiddette armi nucleari tattiche (TNW), poiché il loro uso per combattere sul campo di battaglia o in prossimità di esso comporta un elevato rischio di escalation. Inesorabilmente, il teatro delle operazioni si estenderà in profondità nelle retrovie. I centri abitati non resteranno indenni. Non c’è un chiaro punto di rottura nella scala dell’escalation…* Comprensibilmente, è stata adottata la massima cautela per evitare di affrontare scelte ad alta posta in gioco che potrebbero aumentare la possibilità di questa opzione.

Negli ultimi anni, questi principi sono stati implicitamente modificati da funzionari e analisti. Senza l’esperienza della gestione dei delicati rapporti tra le superpotenze durante la Guerra Fredda; credendo che un nuovo giorno strategico fosse sorto quando essi stessi avevano affrontato le principali questioni internazionali; incoraggiati dal trionfalismo che ha prevalso dopo il 1991 a pensare che gli Stati Uniti gestissero il mondo; le loro nozioni sulle questioni nucleari dedotte da obiettivi geopolitici dogmatici e generali; e spinti a un approccio aggressivo e proattivo alla politica estera dalle passioni dell’11 settembre – sono arrivati a ignorare i pericoli apocalittici intrinseci alle armi nucleari. Sono inclini a ignorare la saggezza acquisita secondo cui quando sono potenzialmente coinvolte armi nucleari non si gioca, non si bluffa, non si scommette che l’altra parte stia bluffando, si evitano come la peste gli ottimismi e si resiste assiduamente alle lusinghe dei mondi fantastici che oggi sono una tentazione facilmente disponibile. Eppure, oggi ci sono persone influenti che fanno tutte queste cose.

II.

Washington ci si scalda molto per i legami di sicurezza che si stanno creando tra la Russia e la Corea del Nord, che hanno fatto guadagnare a Pyongyang un posto nell’ultima versione dell’Asse del Male: Russia-Cina-Iran-Corea del Nord. Una bella compagnia per lo Stato isolato nel remoto angolo nord-orientale dell’Asia. È già visto come una minaccia immediata per gli Stati Uniti a causa delle sue capacità nucleari in espansione combinate con un antagonismo implacabile. La saggezza consolidata è che l’abbraccio militare di Mosca e la rinnovata associazione con la Cina aggravano il pericolo che corriamo e aumentano l’urgenza di intervenire.

Tuttavia, riflettendoci, si può sostenere in modo convincente che una Corea del Nord che esce dal freddo per impegnarsi in scambi con la Russia e la Cina è uno sviluppo positivo che dovrebbe essere accolto con favore. Il punto di partenza per un tale giudizio contrario è la specificazione di cosa esattamente temiamo dalla Corea del Nord. Ovviamente, la capacità tecnica di colpire il continente con armi nucleari costituisce una minaccia esistenziale. Ma come e perché questa minaccia latente potrebbe concretizzarsi? Il regime di Kim è stato definito uno Stato ribelle in mano a un tiranno eccentrico il cui comportamento è imprevedibile. Inoltre, egli è presumibilmente paranoico. Non potrebbe interpretare le parole o le azioni di Washington – magari in combinazione con quelle provenienti da Seoul – come segnali di un attacco pianificato dai suoi nemici dichiarati? Di conseguenza, non dovremmo preoccuparci di una sua decisione avventata di prevenire l’attacco lanciando i suoi missili intercontinentali? Esiste l’ulteriore possibilità che egli diventi totalmente pazzo e si scateni in un suicida dernier cri.

In entrambi gli scenari peggiori, le probabilità che le azioni ipotizzate si verifichino sono aumentate dall’estremo isolamento della Corea del Nord – e di Kim – a livello politico e personale. Ne consegue che più è impegnato con altre potenze e leader, meglio è. Essi hanno una presa più sicura sulla realtà. Sono pienamente consapevoli dei gravi rischi insiti in qualsiasi confronto con gli Stati Uniti. Possono distinguere tra minacce reali e immaginarie alla sicurezza della Corea del Nord. Possono fungere da moderatori dell’angoscia e da mediatori tra la Corea del Nord e i suoi nemici.

La cooperazione russo-coreana nel settore nucleare presenta un altro vantaggio pratico. I russi stanno probabilmente fornendo consulenza tecnica sui meccanismi di comando e controllo. Tali meccanismi, come i Permissive Action Links (PALS), hanno un ruolo fondamentale nel ridurre al minimo i rischi di attivazione accidentale o non autorizzata delle armi nucleari. Tutti hanno interesse a metterle in sicurezza. È per questo che all’inizio degli anni Sessanta gli Stati Uniti hanno assistito clandestinamente la Francia nell’installazione di tali meccanismi sul suo arsenale nucleare in fase embrionale, pur prendendo pubblicamente le distanze dal loro sviluppo.

La questione della cooperazione di sicurezza tra Mosca e Pyongyang deve essere inserita in un contesto strategico più ampio. La collaborazione tra i quattro membri dell’Asse del Male II è stata incoraggiata dalla profonda ostilità dell’America nei loro confronti. Un allentamento delle crescenti tensioni tra Washington, da un lato, e Russia/Cina, dall’altro, faciliterebbe una maggiore trasparenza e comprensione reciproca dei piani nucleari di tutte le parti. Un conflitto militare vero e proprio, tuttavia, aumenta le possibilità di un’escalation a livello nucleare; in tal caso, la Corea del Nord potrebbe diventare il jolly che complica la sfida della gestione della crisi.

L’atteggiamento diffuso nei confronti della Corea del Nord è che qualsiasi accordo non sia possibile a causa della truculenta antipatia di Kim. La storia recente, però, non conferma questa tesi. In effetti, sono stati negoziati due accordi provvisori: il primo sotto l’amministrazione Clinton nel 1994, poi sotto quella Trump. Il primo si è sciolto soprattutto a causa della negligenza di Washington nel rispettare gli impegni presi. Il secondo è stato vittima delle macchinazioni dello “Stato profondo” della sicurezza che ha silurato un accordo sfumato elaborato nell’incontro tra Trump e Kim a Singapore nel 2018. L’accordo prevedeva una serie di passi reciproci da compiere per gradi. Tuttavia, nel giro di poche settimane è stato reso nullo da dichiarazioni unilaterali americane secondo le quali la Corea del Nord doveva eseguire i suoi impegni prima che potesse avvenire qualsiasi reciprocità americana. L’accordo siglato da Trump era stato ferocemente osteggiato dal consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton e da altri alti funzionari. Essi hanno semplicemente imposto il loro giudizio a un Presidente distratto e incapace.

III.

Nella misura in cui prendiamo sul serio i requisiti tecnici e psicologici della deterrenza, la logica ci dice che la strategia più efficace per la deterrenza è quella che non si vuole assolutamente che venga messa in atto in caso di ostilità. Esempio: il tripwire, o il meccanismo “Giudizio Universale” [due meccanismi di risposta nucleare automatica a un attacco nucleare, N.d.C.]. Funziona benissimo come deterrente, ma… Ecco perché lo sviluppo dei missili balistici lanciati dai sottomarini (SLBM) ha dato un tale impulso a una stabile deterrenza.

Due cose dissuadono: la certezza della ritorsione e l’incertezza totale (ad esempio, lo stato d’animo del vostro interlocutore). La certezza può assumere la forma di “tripwire“: ad esempio, armi nucleari tattiche in Europa dispiegate sul campo di battaglia che quasi sicuramente si intensificherebbero in scambi strategici intercontinentali. La certezza potrebbe assumere un’altra forma: “lancio su allarme”. Vale a dire, non appena vengono rilevati missili in arrivo – in qualsiasi numero e su qualsiasi traiettoria – i missili ICBM e SLBM vengono attivati e lanciati. In questo modo si evita anche il rischio che un attacco in arrivo possa “decapitare” la leadership del governo preso di mira, paralizzandone la risposta. La consapevolezza che tali accordi sono in vigore dovrebbe essere il deterrente finale per un primo attacco intenzionale. Tuttavia, nell’eventualità di un lancio accidentale o limitato, avete commesso un suicidio da entrambe le parti. Il governo degli Stati Uniti non ha mai dichiarato di avere in atto un accordo di questo tipo che fornisca un collegamento diretto tra il sistema di allerta e il lancio di missili intercontinentali – ma ci sono affermazioni ricorrenti che in realtà esistono fin dai tempi di Jimmy Carter.

C’è una soluzione a questo rompicapo: trasmettere un abbassamento della soglia nucleare, lasciando però intatti i piani di emergenza più conservativi e la disposizione delle forze. Questa sembra essere la tattica seguita dai russi. Medvedev avverte ripetutamente della prospettiva che un ulteriore coinvolgimento della NATO nel conflitto ucraino potrebbe facilmente portare a un ricorso alle armi nucleari (ora ribadito in modo più discreto da Putin), vengono condotte esercitazioni militari che incorporano le TNW. Tuttavia, non ci sono prove che il Cremlino sia così avventato da prepararsi a un ricorso relativamente rapido alle armi nucleari, dati gli scenari probabili.

.

Lo Stato nucleare inferiore può dissuadere quello superiore dal lanciare attacchi convenzionali direttamente contro di lui? Non abbiamo molti dati al riguardo, soprattutto perché non ci sono casi in cui lo Stato superiore abbia tentato di farlo. Un Iran con un arsenale nucleare rudimentale sarebbe in grado di dissuadere un assalto americano o israeliano alla stregua dell’Iraq, minacciando concentrazioni di truppe e/o mezzi navali nel Golfo Persico? Tutto ciò che possiamo dire è che aumenterà la cautela. Esempio attuale: la prospettiva di introdurre truppe NATO (americane) in Ucraina sarà annullata dal timore che, in caso di successo, la conseguenza potrebbe essere un abbassamento delle probabilità di un ricorso russo alle armi nucleari? Gli Stati Uniti o la Cina sarebbero dissuasi dal ricorrere all’opzione nucleare in extremis quando perdessero una guerra convenzionale intorno a Taiwan?

Ciò che separa questi due scenari dalle crisi della Guerra Fredda è che le parti sono in diretta ostilità. Logicamente, questo dovrebbe rafforzare il già potente istinto di cautela instillato in passato. Tuttavia, oggi ci sono cosiddetti strateghi che ipotizzano seriamente scenari in cui si gioca con le TNW. Naturalmente, la verità ineluttabile è che qualsiasi guerra con la Cina cancellerebbe Taiwan. Il destino di qualche milione di taiwanesi non ha un peso maggiore nell’equazione di quanto ne abbia il destino di qualche milione di ucraini. Se lo Stato inferiore (ad esempio la Corea del Nord) ha la capacità di lanciare un’arma nucleare contro la patria del superiore, questo elemento di cautela aumenta di diversi fattori di grandezza.

CaIV. Può lo Stato nucleare fornire un ombrello di deterrenza credibile a un alleato che è convenzionalmente inferiore a un nemico armato in modo superiore? (Europa occidentale di fronte all’Armata Rossa). L’esperienza della NATO e della Corea del Sud dice di sì. Cioè, se la posta in gioco è molto importante per lo Stato che fornisce l'”ombrello nucleare”, ad esempio l’integrità dell’Europa occidentale o del Giappone. Questa logica non si applica, tuttavia, a un’eventuale garanzia di difesa NATO/USA a un’entità statale ucraina. L’Ucraina, infatti, non è né membro di un’alleanza di difesa reciproca che comporta impegni e obblighi legali, né ha un accordo bilaterale con gli Stati Uniti come il Giappone. Inoltre, l’Ucraina non ha la stessa importanza intrinseca per gli Stati Uniti.

Una questione correlata riguarda l’ipotesi che la Russia in Ucraina possa ricorrere alle armi nucleari nell’improbabile caso in cui si trovasse sull’orlo di una sconfitta decisiva. Poiché non esiste un trattato di difesa tra il governo di Kiev e la NATO – o gli Stati Uniti a livello bilaterale – il timore di una risposta nucleare potrebbe essere relativamente basso. Inoltre, non sono in gioco interessi fondamentali per la sicurezza. Ci sarebbero però ripercussioni diffuse – altrove, nel tempo, indirette – che potrebbero infliggere danni molto significativi alla posizione globale della Russia, una perdita equivalente o superiore a quella che si verificherebbe nella guerra in Ucraina. La vaga allusione di Putin alle armi nucleari non deve essere intesa come una minaccia di un possibile ricorso alle TNW, ma piuttosto come un rafforzamento del messaggio che qualsiasi conflitto militare aperto tra potenze nucleari (Stati Uniti e Russia) comporta rischi catastrofici. Lo ha detto chiaramente nella conferenza stampa del 5 giugno a San Pietroburgo. Pertanto, Washington è avvertita di escludere a priori qualsiasi ipotesi di intervento armato. Il dispiegamento di TNW in Bielorussia ha lo stesso scopo di deterrenza: gettare un ombrello nucleare su un partner vicino che potrebbe essere preso di mira dall’Occidente.

Putin ha affrontato la questione nucleare in modo sfumato durante la conferenza stampa del 5 giugno (verbali 221 – 223):

E il tabù nucleare? Non esisteva all’epoca di Hiroshima/Nagasaki, per due motivi. Gli effetti devastanti delle armi nucleari non erano ancora stati dimostrati; eravamo nel bel mezzo di una guerra totale con il Giappone. Questo tabù esiste ancora oggi e inibisce chiunque sia tentato di usare le armi nucleari in modo coercitivo. Tuttavia, tale tabù si è gradualmente affievolito negli ultimi anni per le ragioni illustrate nell’introduzione di questo saggio.

*Le TNW sono un nome con più sostantivi antecedenti. Esiste un’ampia gamma di TNW in termini di forza esplosiva e sistemi di lancio. Quelle con la resa più bassa sono state configurate per essere impiegate come proiettili d’artiglieria o mine. Le rese esatte sono classificate. Durante la Guerra Fredda, si suppone che le più piccole avessero una resa inferiore a 1 chilotone. Tuttavia, sono stati disattivate per paura che finissero nelle mani dei terroristi. I proiettili di artiglieria (ad esempio l’M777 da 155 mm) possono avere una resa tra i 10 e i 20 chilotoni. La bomba sganciata su Hiroshima, “Little Boy”, aveva una potenza di 20 chilotoni. La gittata dell’M777 è di 20-25 miglia. Anche se si spara da dietro la linea del fronte, questo metterebbe le truppe a una certa distanza dalla detonazione, con un grado incerto di protezione dall’impatto dell’esplosione e dalle radiazioni (queste ultime dipendono dalla direzione del vento). Bisogna poi considerare gli attacchi TNW da parte del nemico, che potrebbe non essere così premuroso da astenersi dal disturbarvi.

Nell’inventario del TNW ci sono anche bombe al neutrone: esplosivi progettati per uccidere gli esseri viventi attraverso le radiazioni, mentre causano danni relativamente bassi alle strutture. Questi dettagli indicano come sarebbe estremamente difficile limitare gli effetti del loro uso sul campo di battaglia o nelle sue vicinanze. Realisticamente, l’effetto netto finale sarà probabilmente l’annientamento reciproco. L’unico vantaggio è quello di avere qualche ora o giorno in più per prepararsi a incontrare il proprio Creatore. Un’Apocalisse più gentile e delicata.

Michael Brenner

Michael Brenner è professore emerito di Affari internazionali all’Università di Pittsburgh e collaboratore del Centro per le relazioni transatlantiche del SAIS/Johns Hopkins. È stato direttore del programma di relazioni internazionali e studi globali dell’Università del Texas. Brenner è autore di numerosi libri e di oltre 80 articoli e pubblicazioni. I suoi lavori più recenti sono: Democracy Promotion and IslamFear and Dread In The Middle EastToward A More Independent Europe; Narcissistic Public Personalities & Our Times. Tra i suoi scritti figurano libri per la Cambridge University Press(Nuclear Power and Non-Proliferation), per il Center For International Affairs dell’Università di Harvard(The Politics of International Monetary Reform) e per la Brookings Institution(Reconcilable Differences, US-French Relations In The New Era).

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

Covid e Vaccini! Il coraggio e il prezzo della verità Con la professoressa Ute Kruger e Max Bonelli

La gestione della recente pandemia ha avuto i suoi eroi, ha mietuto le proprie vittime illustri. Non c’è stata, però, alcuna consacrazione semplicemente perché eroi e vittime si trovano dalla parte di coloro che hanno contestato quella conduzione; ancora gli artefici tentano di coprire con il velo dell’omertà e della rimozione l’intricata rete di interessi, connivenze ed intenti manipolatori che ha guidato quelle scelte. E’ stato il primo tentativo manifesto e ostentato di manipolazione e conculcamento di una opinione pubblica negli ultimi decenni, seguito a ruota dall’evento bellico in Ucraina. Ha reso evidente la potenza, la pervasività dei mezzi a disposizione di queste élites dominanti, ma anche i limiti della loro capacità di penetrazione nel tempo. Il tempo, però, è il fattore chiave; è nell’immediato che tali comportamenti spianano la strada alle corrispondenti scelte politiche; è nell’immediato che l’esperienza deve educare a tempi e modi di reazione adeguati e tempestivi. Nel tempo lungo gli effetti sono più subdoli, ma ingenerano anche un sentimento di diffidenza direttamente proporzionale al contrasto della narrazione rispetto alla realtà che si vuole soffocare. La vicenda della professoressa Kruger rappresenta un caso emblematico. Ne avevamo già discusso in due registrazioni; offriamo adesso una testimonianza diretta che ci farà toccare con mano la crudezza della realtà. Non è purtroppo un caso isolato, in Svezia come altrove. https://www.gospanews.net/2024/06/07/scandalo-sul-turbo-cancro-da-vaccini-nellue-universita-di-stoccolma-costringe-accademici-a-ritirare-studio-shock-sui-danni-mrna/ Buon ascolto, Giuseppe Germinario

NB_Il video integrale è disponibile solo su rumble

 

https://rumble.com/v50wmfu-covid-e-vaccini-il-coraggio-e-il-prezzo-della-verit-con-la-professoressa-ut.html

LA GUERRA IN UCRAINA, SINTOMO DI UN OCCIDENTE MALATO, di YANN MARQUAND

LA GUERRA IN UCRAINA, SINTOMO DI UN OCCIDENTE MALATO

YANN MARQUAND

Laureato in filosofia e storia (Sorbona). Documentarista e insegnante

Alcuni osservatori hanno accolto e continuano ad accogliere con favore la condanna (quasi) universale dell’aggressione russa nella risoluzione delle Nazioni Unite del 2 marzo 2022. La Russia sembrerebbe essere sola, con 5 voti di scarto e 35 astensioni contro 141 Stati a favore della risoluzione su un totale di 193 membri. Ma la realtà politica non è chiaramente in questo voto non vincolante dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Al di là dei simboli e delle belle intenzioni che ci lasciano sospesi nell’etere inebriante della superficialità, la realtà vera, dura e spigolosa deve essere analizzata nelle profondità del materialismo attraverso il prisma delle sanzioni economiche. Qual è dunque la nuova mappa in questo senso? È quella di un Occidente che si ritrova abbastanza solo, accompagnato da Corea del Sud, Singapore, Taiwan e Giappone.

La guerra economica, in particolare l’esclusione delle banche russe dalla piattaforma di messaggistica finanziaria SWIFT, su istigazione degli Stati Uniti e con Eurolandia al seguito, aveva l’obiettivo di inchiodare la Russia e di ridurla a uno Stato fantoccio. Questa intenzione, sfacciatamente dichiarata subito dopo l’invasione russa, tra gli altri, dai ministri francesi Jean-Yves Le Drian e Bruno Lemaire, ci sembrava allora più una questione di entusiastico guerrafondaio che di realismo economico. Come potevamo immaginare che il Paese più grande del mondo (9 fusi orari), traboccante di risorse internazionali essenziali (grano, fertilizzanti, uranio arricchito, petrolio, gas), che vanta tecnologie nucleari, militari e spaziali all’avanguardia che vengono esportate, che è sotto sanzioni dal 2014 e quindi preparato a un loro eventuale inasprimento, si sarebbe trovato asfittico, incapace di commerciare con il resto del mondo? Al contrario, come non immaginare che tali sanzioni non accelerino un movimento fondamentale in atto da un buon decennio, la creazione di un sistema finanziario alternativo che sfugga alla dollarizzazione del sistema finanziario internazionale?

Come nota Alexis Collomb: “Sulla scia delle minacce del 2014 dopo l’invasione della Crimea, Mosca ha lanciato un sistema di trasferimento di messaggi finanziari (SPFS) e ha preso provvedimenti per affermare ulteriormente la propria autonomia finanziaria. Nel settore delle carte di pagamento, dopo il congelamento dell’uso delle reti Visa e Mastercard sul territorio russo, è stata creata la carta di credito Mir”. 1] L’autore continua: “Le sanzioni volte a escludere la maggior parte delle principali banche internazionali russe da SWIFT fanno parte di una strategia per isolare la Russia economicamente, finanziariamente e tecnologicamente dal mondo occidentale. Dovrebbero contribuire a creare una “cortina di ferro finanziaria”, non tra la Russia e il resto del mondo, ma tra la Russia e l’Occidente”[2].

Quindi non sarà tanto la Russia a soffrire di questo tentativo di isolamento, quanto l’Europa a soffrire della sua stessa politica. Dopo la crisi dei subprime del 2008, la crisi sanitaria del 2020 e infine le sanzioni sull’energia russa, l’approccio “whatever it takes” di Giove rischia di rivelarsi davvero molto costoso e l’Europa si prepara a un futuro molto cupo. Jean de Gliniasty aggiunge: “Con il mercato russo, l’Unione europea perde un’importante area di sviluppo economico per i decenni a venire . La sua crescita e la sua prosperità probabilmente ne risentiranno” [3] Le previsioni del FMI sono a favore della Russia per il 2024. Le economie europee sembrano essere arrivate al capolinea: aumentare i tassi di interesse di riferimento per frenare l’inflazione significa rendere insostenibile il debito nazionale; iniettare ulteriori aiuti significa alimentare esplosioni inflazionistiche. Quale potrebbe essere la nuova risposta in una situazione del genere? Quali nuove sorprese ci riservano i commissari di Eurolandia e gli altri tecnocrati?

Come sottolinea giustamente George-Henri Soutou[4], l’Europa è diventata fondamentalmente dipendente dagli Stati Uniti per la sua sicurezza militare e, dagli anni 2000[5], dalla Russia per la sua sicurezza energetica. Sul fronte militare, come abbiamo visto, questa alienazione europea è iniziata con la fondazione della NATO (1949), richiesta a gran voce dall’Europa occidentale. Hubert Védrine, in visita al Club 44 di La Chaux-de-Fonds, in Svizzera[6], conferma questo persistente desiderio europeo, soprattutto tra i nuovi arrivati dall’Est, di essere sotto la protezione americana. E se le recenti decisioni di aumentare i bilanci militari continentali smentiscono in misura molto limitata questa tesi, George-Henri Soutou sostiene che “nonostante i 100 miliardi di euro iniettati quest’anno, il riarmo tedesco richiederà molto tempo per concretizzarsi, così come quello degli altri Paesi europei, che si sono ampiamente smilitarizzati dopo la fine della Guerra Fredda “.”7] Nel frattempo, quindi, l’Europa ha scelto Washington che, nel tentativo di spezzare la dipendenza dell’Europa dal gas russo, sta avviando sanzioni radicali con la zelante approvazione della Commissione europea, sacrificando così la sua capacità industriale e quindi la sua economia. Questo ci porta ragionevolmente a credere, in linea con la tesi di Seymour Hersh, che dietro il sabotaggio dei gasdotti Nord Stream 1 e 2 ci siano gli Stati Uniti. Ovviamente, questo tipo di ipotesi, che deve essere taciuta, è destinata a scontentare alcune cancellerie europee – in particolare la Germania – che si troverebbero fondamentalmente ingannate dal loro “protettore”. Un “protettore” che può vantare un’operazione redditizia. A questo proposito, Hélène Richard riporta le osservazioni del ministro Le Maire: “Il conflitto in Ucraina non deve tradursi in un dominio economico americano e in un indebolimento dell’Unione”, sembra aver scoperto tardivamente il ministro dell‘Economia Bruno Le Maire davanti all’Assemblea nazionale. Non possiamo accettare che il nostro partner americano venda il suo GNL a un prezzo quattro volte superiore a quello a cui lo vende ai suoi produttori” [8].

In questo malessere diplomatico che circonda il sabotaggio dei gasdotti, dove nessuno si lascia ingannare ma tutti tacciono, l’8 marzo 2023 le indagini, ancora in corso, hanno dato un accenno poco serio al coinvolgimento ucraino, subito respinto dal governo di Kiev. A proposito del gas russo, non dimentichiamo la forte opposizione già espressa da Obama e ribadita dal suo successore Trump, che ha minacciato di imporre sanzioni alla Germania. Secondo la corrispondente Johanna Luyssen[9], Trump ha accusato “la Germania di essere ‘completamente controllata dalla Russia’”, usando addirittura il termine “prigioniera”. La Germania, ha detto, “paga miliardi di dollari alla Russia per le sue forniture energetiche e noi dobbiamo pagare per proteggerla dalla Russia. Come si spiega questo? Non è giusto“. Dobbiamo anche ricordare che Trump voleva disimpegnare gli Stati Uniti dalla NATO o almeno “condividere il peso” di questa organizzazione “obsoleta” in modo più efficace. Questa crisi ci è valsa la diagnosi realistica di Macron il 7 novembre 2019 in un’intervista a The Economist“Non c’è coordinamento della decisione strategica degli Stati Uniti con i partner della NATO e stiamo assistendo all’aggressione guidata da un altro partner della NATO, la Turchia, in un’area in cui sono in gioco i nostri interessi, senza coordinamento”. Macron si riferisce alle Forze Democratiche Siriane, a maggioranza curda, che costituivano un’autentica forza di resistenza contro Daesh e che tuttavia sono state abbandonate dagli Stati Uniti di Trump nel 2018 e congiuntamente attaccate unilateralmente dalla Turchia di Erdogan. Inoltre, cosa succede all’articolo 5 in una situazione del genere, se la Siria dovesse fare una rappresaglia contro la Turchia? Questo è ciò che ha portato Macron a parlare di “morte cerebrale della NATO”. In questa prospettiva, il Presidente francese chiede una “Europa della difesa” e vuole riaprire “un dialogo strategico” con la Russia. Ha chiesto che l’Europa “si svegli, prenda coscienza di questa situazione e decida di affrontarla”, altrimenti “c’è il grande rischio che, a lungo termine, scompariremo geopoliticamente, o comunque che non saremo più padroni del nostro destino”.

Le decisioni prese di recente sono in contrasto con questo desiderio: rinunciare al gas russo e rimanere asserviti al padrino americano, “a qualunque costo”. L’articolo di George-Henri Soutou, “La grande rottura”[10], fornisce un’analisi che ci sembra di buon senso e conferma molte delle nostre ipotesi. Queste poche righe riassumono perfettamente l’attuale squilibrio: “Alcuni hanno previsto un rapido collasso economico della Russia. Tuttavia, è l’Occidente, e l’Europa in particolare, che è entrato in una crisi (inflazione e carenza di materie prime) in gran parte causata dalla guerra e dalle sanzioni, ma che è anche un nuovo episodio dello sconvolgimento dell’economia occidentale a cui abbiamo assistito dal 2008, compreso un notevole lassismo da parte delle banche centrali”[11 ]. Il destino dell’Europa sembra essere stato deciso. E seguendo il suo stesso deleterio esempio, si è condannata da sola a breve termine: “L’esito finale del conflitto è ancora imprevedibile, ma in ogni caso l’Unione Europea si troverebbe comunque di fronte a giganteschi problemi energetici ed economici”[12].

Ma gli Stati Uniti non sono da meno. Vediamo questa guerra come un disperato tentativo dei democratici americani, eredi del messianismo neoconservatore, di tenere a galla il loro imperialismo unipolare ereditato dalla fine della Guerra Fredda, un imperialismo già finito e in declino. In questo brutto gioco del doppio o del nulla, gli americani vogliono certamente fare la guerra alla Russia riducendo il suo potenziale economico, destabilizzando il suo potere e creando così una grande crisi politica interna di cui potrebbero raccogliere i frutti. Ma dietro la Russia, è la coppia sino-russa ad essere presa di mira e quindi, in ultima analisi, la Cina. Quello che gli Stati Uniti vogliono evitare a tutti i costi è lo scenario che si sta delineando sotto i nostri occhi, come dice Soutou: “È abbastanza possibile che emerga una nuova costellazione internazionale: un raggruppamento occidentale intorno agli Stati Uniti contro un raggruppamento sotto la guida sino-russa, basato su sistemi politici, economici e di “valori” molto diversi. Questo è più complesso dello slogan occidentale “democrazie contro autocrazie”, che è una semplificazione eccessiva[13 ] L’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (2001) e i BRICS (2009) sono chiare manifestazioni del desiderio di riequilibrare le relazioni internazionali e di rompere con l’unilateralismo americano. Va notato che tre attori si sovrappongono in queste due organizzazioni e formano un importante asse geopolitico: Russia, Cina e India.

Questa resistenza americana in extremis è confermata dalla testimonianza di Naftali Bennett, ex primo ministro israeliano e mediatore durante la prima fase del conflitto nel marzo 2022: “Ho avuto l’impressione che entrambi [Russia e Ucraina] volessero un cessate il fuoco”, ha dichiarato durante un’intervista al canale israeliano Channel 12 il 4 febbraio 2023. Le concessioni stavano andando bene: Zelenski era pronto a rinunciare all’adesione dell’Ucraina alla NATO e Putin avrebbe rinunciato alla smilitarizzazione dell’Ucraina. Poi l’Occidente, soprattutto Stati Uniti e Regno Unito, ha interrotto i negoziati di pace tra Kiev e Mosca: “Li hanno bloccati e ho pensato che avessero torto “, aggiunge.

Ma nonostante questa implacabile belligeranza da parte dell’Occidente, riteniamo ancora una volta che il punto di svolta sia già stato raggiunto e che il sintomo più significativo di questo nuovo mondo sia la fondamentale messa in discussione della supremazia del dollaro statunitense nel sistema monetario internazionale. Questa diagnosi è confermata dalle parole di Alexis Collomb: “Il dominio del dollaro sul commercio internazionale, basato sulla potenza economica e militare americana, sembra disturbare sempre più, non solo i grandi rivali Cina e Russia, ma anche in Europa, dove l’uso del biglietto verde per scopi politici e l’extraterritorialità delle sanzioni americane sono sempre più messi in discussione “[14].

Il dollaro come valuta di riferimento fu sancito alla conferenza di Bretton Woods del luglio 1944. Ma un altro evento ci sembra ancora più decisivo per l’attuazione di questo imperium della moneta americana. Si tratta del PattoUSS Quincy del 14 febbraio 1945 tra il presidente Roosevelt e il re Ibn Saud. Questo accordo viene spesso riassunto nella frase: petrolio in cambio di protezione. In altre parole, in cambio del monopolio sulla produzione di petrolio in tutta l’Arabia Saudita da parte di Aramco(Arabian American Oil Company), gli Stati Uniti garantivano la protezione della famiglia Saud. In realtà, la garanzia di questo patto va oltre e può essere riassunta in un’altra frase: petrolio in cambio di dollari. Gli Stati Uniti garantivano che il mercato mondiale dell’energia sarebbe stato quotato e denominato in dollari, così come tutto il commercio internazionale, rendendo il dollaro la valuta di riserva universale. L’Accordo di Quincy è stato rinnovato per sessant’anni dall’amministrazione Bush nel 2005.

Questa supremazia del dollaro non è stata messa in discussione dalla decisione del 15 agosto 1971, che ha suonato la campana a morto degli accordi di Bretton Woods, data in cui gli Stati Uniti, nel pieno delle turbolenze del Vietnam, si sono svincolati dalla convertibilità del dollaro in oro, si sono permessi di svalutare la loro moneta e hanno potuto contrarre prestiti a basso costo. Con un gioco di prestigio sillogistico, gli americani si permisero di vivere a credito: il loro debito era in dollari e il dollaro era la valuta internazionale, quindi il loro debito era internazionale. Per questo motivo John Connaly, segretario al Tesoro americano nell’amministrazione Nixon, disse a una delegazione europea: “Il dollaro è la nostra moneta, ma è un vostro problema “. Eppure questo debito è cresciuto costantemente negli anni fino a raggiungere livelli stratosferici, trasformando gradualmente questo strumento economico in una moneta scimmiottata, pur rimanendo la valuta di riferimento. L’articolo di Myret Zaky[15 ], pubblicato nel febbraio 2004, fa riferimento alla volontà dell’OPEC di sfidare un dollaro svalutato a favore della nuova moneta europea. Nell’ottobre 2000, Saddam Hussein ha annunciato di voler fatturare il suo petrolio in euro. Tuttavia, come sottolinea Myret Zaky, se, come ritiene William Clark della John Hopkins University, l’intervento americano del 2003 deve essere interpretato come una continuazione di questa decisione del presidente iracheno – che pagherà con la vita – possiamo ipotizzare che questo intervento avesse anche lo scopo di calmare l’ardore indipendentista dell’OPEC. Allo stesso modo, nel 2009, Gheddafi voleva creare una moneta panafricana per sostituire il dollaro, il dinaro d’oro, utilizzato per denominare le transazioni petrolifere. L’intervento della NATO nel 2011 dovrebbe essere visto come una continuazione di questo desiderio? Alain Chouet[16 ], ad esempio, elenca i vari Paesi produttori di petrolio che hanno cercato di ritirarsi dal dollaro, ma che hanno incontrato grossi problemi con gli americani: Venezuela, Nigeria, Angola, Iran e, naturalmente, Iraq, Libia e anche Russia. Non è una buona idea attaccare il dollaro americano che, come dice Alexis Collomb, consolida il suo dominio con la sua potenza militare.

Tuttavia, a dimostrazione che i tempi stanno cambiando, il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salmane (MBS) sta prendendo chiaramente le distanze dal padrino americano dopo 80 anni di stretta collaborazione, nonostante la crisi del 1973. Biden non ha usato mezzi termini durante la sua campagna presidenziale, promettendo di trattare MBS come un “paria”. Il principe è infatti sospettato dall’intelligence statunitense di essere il mandante dell’omicidio e dello smembramento di Khashoggi nell’ottobre 2018 presso il consolato del Regno a Istanbul. Ma a ben vedere, dopo l’evento del 24 febbraio 2022 che ci riguarda, il nuovo inquilino della Casa Bianca è pronto a liberarsi del suo moralismo e a cambiare casacca per convincere MBS ad attaccare le finanze russe, la sua rendita di idrocarburi, tanto più che la Russia è un partner OPEC+. Tuttavia, secondo un articolo del Wall Street Journal dell’8 marzo 2022, MBS e il suo vicino Mohammed ben Zayed (MBZ), Presidente degli Emirati Arabi Uniti, non si sono degnati di rispondere agli appelli del Presidente Biden. Imperterrito, il vecchio Presidente ha preso il suo bastone da pellegrino ed è volato a Riyadh a metà luglio, non senza critiche da parte della stampa americana e del suo stesso campo. Va sottolineato che, a pochi mesi dalle elezioni presidenziali di metà mandato, i prezzi del petrolio erano ai massimi e l’obiettivo era quello di convincere MBS ad aumentare la produzione per ridurre la pressione inflazionistica che gravava sul popolo americano. Non funzionò nulla. Il giovane principe ha fatto quello che voleva e il 5 ottobre, in occasione di un vertice dell’OPEC, ha concordato con Putin un taglio della produzione di 2 milioni di barili al giorno, che ha mantenuto alti i prezzi e favorito le casse del Cremlino. Il 12 ottobre, alla CNN, il vecchio si è infuriato: “Ci saranno conseguenze per quello che hanno fatto con la Russia “. Il 4 dicembre, visto l’andamento dei prezzi del petrolio, i membri dell’OPEC+ hanno confermato la loro decisione e hanno mantenuto le loro quote. Come misura di ritorsione, il governo degli Stati Uniti ha concesso al principe l’immunità dai procedimenti giudiziari a causa della sua posizione. Infatti, alla fine di settembre, per decreto reale, MBS è stato nominato Primo Ministro. La denuncia presentata contro di lui negli Stati Uniti per il presunto omicidio di Khashoggi è stata archiviata.

Ma il giovane piantagrane saudita non si ferma qui. Il 15 marzo 2022 il Wall Street Journal ha riportato la notizia che l’Arabia Saudita stava conducendo colloqui con la Cina per commerciare il petrolio in yuan. Il 17 gennaio 2023, in occasione del Forum di Davos, il ministro delle Finanze Mohammed Al-Jadaan ha dichiarato ai media Bloomberg che il Regno è pronto a commerciare in valute diverse dal dollaro. C’è stato un tempo, non molto lontano, in cui un simile affronto avrebbe potuto finire nel sangue, o almeno essere severamente rimproverato. Ma i tempi stanno cambiando e gli Stati Uniti non godono più della stessa impunità. Qual è dunque il senso delle minacce di Biden? Quali conseguenze potrebbe avere in serbo per MBS e l’Arabia Saudita?

Questo riequilibrio delle forze geopolitiche, che sta gradualmente mettendo un freno all’arroganza statunitense, è previsto da Alexis Collomb in relazione al sistema SWIFT: “In un mondo sempre più conflittuale, con una crescente ‘regionalizzazione’, alla fine dovremmo avere altrettante grandi infrastrutture di messaggistica finanziaria e di pagamento interbancario come zone di influenza, che possono essere interoperabili ma sono autonome nella loro sfera geopolitica. Con il conflitto in Ucraina e la riconfigurazione degli scambi commerciali della Russia con la Cina, l’India e altri partner asiatici e africani, lo sviluppo di alternative regionali a SWIFT sembra inevitabile, insieme a un riequilibrio del sistema finanziario globale “[17 ] Quanto detto sul sistema di transazioni internazionali può essere detto anche sui mezzi di scambio: le valute.

Così, cercando di staccare la Russia dal sistema finanziario internazionale per prosciugarne le capacità economiche e militari, l’Occidente è riuscito a saldare il resto del mondo attorno alla Russia e ad accelerare il proprio declino, con conseguenze indubbiamente molto gravi ma difficili da misurare. Se vuole ancora esistere, l’Europa dovrà ripensare radicalmente la propria strategia politica, militare ed economica, prendendo le distanze dagli Stati Uniti. Le prossime elezioni presidenziali americane, con una vittoria repubblicana, potrebbero rappresentare un’opportunità per dare il via a questo processo.

Per quanto riguarda il dollaro universale, cosa possiamo dire? L’economia è una questione di fiducia. Certo, la moneta americana si basa su un’economia ancora oggi reattiva e su un esercito potente. Ma l’astronomico indebitamento del suo Tesoro ha sfruttato in modo sconsiderato l’interdipendenza globale della sua moneta. In effetti, la loro moneta è “il nostro problema” e il debito degli Stati Uniti è, in un certo senso, il nostro debito. Ma cosa succederebbe se il dollaro americano subisse una crisi di fiducia? La Cina sembra aver anticipato – o creato – questa situazione per alcuni anni e si è notevolmente disimpegnata vendendo i suoi titoli del Tesoro USA, un debito che viene in particolare riacquistato dalla Federal Reserve statunitense. Il punto più alto di possesso cinese del debito pubblico statunitense è stato nel 2011[18]. Un altro argomento che può essere aggiunto al quadro è che, secondo Alexis Toulon, dopo le sanzioni del 2014, la Russia si è ovviamente avvicinata alla Cina e alle sue linee di credito. E conclude: “Di passaggio, la Cina sta approfittando di queste operazioni per mettere in cortocircuito il dollaro negli scambi commerciali tra i due Paesi e rafforzare la posizione dello yuan come moneta di scambio internazionale “[19] Indebitamento faraonico del Tesoro statunitense, messa in discussione dei petrodollari, perdita della supremazia della moneta statunitense nel commercio internazionale, i segni del movimento altalenante sono evidenti.

Come sottolinea Soutou[20 ]: “Le nuove realtà geopolitiche stanno diventando più chiare: la Cina e la Russia si stanno avvicinando in modo decisivo e dall’Asia all’America Latina, passando per l’Africa e il Medio Oriente, molti Paesi si rifiutano di condannare la Russia” . E aggiunge: “L’ambizione dichiarata di Putin di costruire un sistema internazionale alternativo con la Cina e altri partner non sembra più di per sé irraggiungibile “. Aggiungeremmo che questo scenario sembra inevitabile. In effetti, in due articoli, Émile Bouvier ci mostra, nel contesto della guerra in Ucraina, quanto gli Stati Uniti stiano perdendo terreno in Medio Oriente[21], mentre la Russia sta approfondendo l’influenza iniziata nel 2015 con l’intervento in Siria, per salvaguardare il regime di Bashar al-Assad[22]. Dal 2019, la diplomazia americana è riuscita a incidere profondamente nel tradizionale rapporto di fiducia con questa regione (Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto, Giordania, Libano). La Russia, da parte sua, sta stringendo legami politici ed economici e si sta appropriando di mercati, in particolare quello militare, che erano appannaggio degli americani.

Il riavvicinamento tra Russia e Cina è un fatto ovvio che alcuni osservatori sono stati riluttanti a riconoscere. Eppure ci sono stati molti segnali che indicano che potrebbe avvenire. Durante una videoconferenza del 30 dicembre 2022, Putin e Xi Jinping hanno discusso delle loro relazioni, che il presidente russo ha definito “le migliori della storia”. Propaganda, dicono gli scettici. Tuttavia, al centro di questa propaganda c’è la questione della cooperazione tecnico-militare e di una più stretta interazione tra le forze armate russe e cinesi, settori che occupano un posto speciale in questa cooperazione bilaterale. Si parla anche di coordinare l’azione di Mosca e Pechino nella politica internazionale all’interno del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, dei BRICS e del G20. Si osserva inoltre che il volume economico annuale degli affari reciproci ha raggiunto il livello record di 180 miliardi di dollari e che, a questo ritmo, l’obiettivo di 200 miliardi di dollari per il 2024 sarà raggiunto prima del tempo. Poco prima, il 29 novembre 2022, in occasione del Forum d’affari Cina-Russia sull’energia, Xi ha dichiarato che “la Cina è disposta a lavorare con la Russia per forgiare una partnership più stretta nella cooperazione energetica[23 ] e ha sottolineato che, in un contesto internazionale difficile che sta sfidando il mondo, la cooperazione sino-russa è stata rafforzata con una partnership strategica globale che ha portato i due Paesi in una nuova era. In concreto, per quanto riguarda l’energia, nel 2024 inizieranno i lavori per il gasdotto Siberian Force 2, con una capacità di 50 miliardi di metri cubi all’anno, a complemento del primo gasdotto, attivo dal 2019. Il 25 ottobre 2022, il quotidiano Les Echos ha riportato che dall’inizio della guerra in Ucraina, le importazioni cinesi di energia dalla Russia hanno superato i 50 miliardi di dollari. Si parla anche di cooperazione nella costruzione di centrali nucleari in Cina e nella produzione di gas naturale liquefatto nell’Artico russo[24]. L’ultimo evento, la visita di Stato di Xi Jinping in Russia dal 20 al 22 marzo 2024, mette a fuoco la realtà della situazione. In questa occasione, i due presidenti hanno dato prova di un’indiscutibile unità, ed è interessante vedere il loro scambio il 20 marzo e l’allestimento del palco davanti alla stampa. Dietro il protocollo diplomatico, vediamo la natura performativa delle dichiarazioni, in particolare quando Xi si rivolge a Putin: “Signor Presidente, la chiamo sempre mio caro amico “, o ancora: “Sono lieto di venire in Russia in visita ufficiale su suo invito, dopo la mia rielezione a Presidente. Questo è il primo Paese straniero che visito. Ho scelto la Russia “.

Durante la sua visita[25], ha discusso della conclusione degli accordi sul gas, della proposta di pace cinese avanzata il 24 febbraio in merito alla guerra in Ucraina – proposta a cui gli Stati Uniti si rifiutano di dare seguito – della sicurezza e dell’attivismo “preoccupante” dell’Occidente ai confini della Russia e nella regione Asia-Pacifico, della guerra nucleare che “non deve mai essere scatenata”, delle attività militari biologiche condotte dagli Stati Uniti sul proprio territorio e oltre, e del dispiegamento dei propri missili.Nella stessa dichiarazione, la Cina ha parlato di sicurezza e dell’attivismo “preoccupante” dell’Occidente ai confini della Russia e nella regione Asia-Pacifico, della guerra nucleare che “non deve mai essere scatenata”, delle attività militari biologiche degli Stati Uniti sul suo territorio e oltre, e del dispiegamento dei suoi missili in diverse regioni del mondo per “mantenere un vantaggio militare unilaterale”. Ciò fa eco alla dichiarazione rilasciata il 30 gennaio da Mao Ning, portavoce del Ministero degli Affari Esteri cinese: “Se gli Stati Uniti vogliono davvero una rapida fine della crisi e hanno a cuore la vita del popolo ucraino, devono smettere di inviare armi e di approfittare dei combattimenti. Gli Stati Uniti devono agire responsabilmente aiutando a smorzare la situazione il prima possibile e creando l’ambiente e le condizioni necessarie per i colloqui di pace tra le parti interessate “. Infine, e questo ci sembra un punto cruciale, Putin difende lo yuan come moneta di scambio contro il dollaro: “Sosteniamo l’uso dello yuan cinese nei pagamenti tra la Russia e i Paesi dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina” [26]. Ha inoltre osservato che due terzi degli scambi commerciali tra Mosca e Pechino avvengono in rubli e yuan, una pratica che dovrebbe essere ulteriormente incoraggiata. Questa affermazione è stata sostenuta il 29 marzo dal vicepresidente della Duma di Stato, Alexander Babakov, secondo il quale è necessario stabilire un nuovo rapporto finanziario tra India, Russia e Cina, non legato al dollaro e all’euro. 27 ] Lo stesso giorno, la compagnia petrolifera russa Rosneft ha firmato un accordo con Indian Oil per aumentare le forniture di petrolio all’India e diversificare le sue qualità. 28]Secondo il Ministero del Commercio indiano, nel 2022 la Russia sarà uno dei cinque principali partner commerciali dell’India, con un volume di scambi tra i due Paesi di 38,4 miliardi di dollari.

 

ROTTURA MULTIPOLARE O NUOVA BIPOLARIZZAZIONE DEL MONDO?

 

Questo tentativo di riflessione ci porta alla questione iniziale della rottura storica del conflitto in Ucraina. Sebbene questa guerra abbia assunto una dimensione spettacolare per il suo carattere internazionale, per la copertura mediatica che ha ricevuto e per le grandi questioni che ha cristallizzato, ci sembra molto delicato affermare che siamo di fronte a una rottura fondamentale che, in un rapporto comparativo, porrebbe questo evento al di sopra di tutti gli altri.

Per avere un quadro più chiaro, proviamo a fare un breve riassunto delle date che ci sembrano decisive e che possono costituire altrettanti momenti di rottura. Innanzitutto, il discorso del Presidente Putin del 10 febbraio 2007 alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco ha rappresentato una svolta intellettuale che ha preannunciato la futura agenda geopolitica della Russia. La “primavera” siriana del 2011 è stata l’occasione per Russia e Cina di opporsi all’interventismo occidentale utilizzando il loro diritto di veto nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. In questo episodio vediamo una rottura politica e l’inizio di una sfida all’unipolarismo americano. È la prima volta che gli Stati Uniti affrontano un’opposizione decisiva dalla fine della Guerra Fredda. L’Euromaidan ha fatto precipitare gli eventi e ha portato la Russia ad annettere la Crimea nel 2014, innescando il primo episodio di sanzioni occidentali contro l’economia russa. Per questo motivo, analizziamo questo evento cruciale come una rottura economica che ha spinto la Russia verso il mondo asiatico e, più in generale, verso il mondo non occidentale. Non ci siamo concentrati abbastanza sul 2015. Il 30 settembre, su richiesta di Bashar al-Assad, la Russia è intervenuta militarmente in Siria – che aveva vissuto la propria “primavera araba” – contro i vari eserciti salafiti e i loro sostenitori. – contro i vari eserciti salafiti e soprattutto Daech. Questa operazione russa è riuscita a mantenere Assad al potere, spingendo l’Alleanza Atlantica alla periferia di questa “guerra globale” e bloccando l’azione geopolitica russa in Medio Oriente. A differenza del devastante interventismo dell’Occidente, che ha causato il caos in Iraq (2003) e in Libia (2011), ha favorito l’emergere del mostro Daech con tragiche conseguenze in Siria (2011) e ha portato ad azioni terroristiche in Europa, la Russia è vista come una forza stabilizzatrice, un partner affidabile e non ingerente. Per la prima volta dalla fine della Guerra Fredda, la Russia interviene oltre il perimetro ex-sovietico, oltre il suo “estero vicino”. – Pensiamo alla guerra di prossimità in Georgia (2008) – e vediamo il 2015 come una rottura militare con il passato. Infine, l’anno 2022 è segnato dall’inizio della guerra in Ucraina, che aggiunge un’altra dimensione a quelle già individuate. A nostro avviso, si tratta fondamentalmente di una rottura finanziaria, poiché sanzionando la Russia per la sua capacità commerciale, l’Occidente sta accelerando la fine dell’egemonia del dollaro.

È vero che il conflitto ucraino sembra essere il culmine di una precedente serie di eventi-rotture. Inoltre, sembra condensare dialetticamente tutti i precedenti momenti di crisi (intellettuale, politica, economica, militare), agendo al contempo come un drammatico acceleratore. Infine, questa rottura finanziaria, o meglio monetaria, ci sembra ancora più profonda delle altre rotture analizzate per il suo carattere irreversibile. Qualunque sia l’esito di questa guerra, l’azzardo di Putin ha già dato i suoi frutti: l’ordine americano e il regno universale della sua moneta sono già stati ampiamente messi in discussione. E non sembra esserci modo di fermare questo movimento fondamentale. Più gli Stati Uniti persevereranno in questa guerra, più il loro credito, già fortemente intaccato, si eroderà, dando luogo a un massiccio disconoscimento e a una crescente ostilità anti-occidentale[29], dato che l’Europa sembra fermamente impegnata in questa politica suicida.

Ma la domanda che sorge spontanea, se c’è una rottura, è quella del dopo. Cosa ci riserva il mondo dopo? Avremo a che fare con un mondo multipolare, come chiedono Russia e Cina, o ci stiamo dirigendo verso una nuova bipolarizzazione con l’Occidente relegato alla periferia del mondo? Per rispondere a questa domanda, vorremmo citare Georges-Henri Soutou: “Per i nostri scopi qui, ciò che è essenziale non è l’esito imprevedibile della guerra in Ucraina, ma la prospettiva di vedere il mondo riorganizzato, sulla scia del conflitto, in due grandi gruppi, un gruppo occidentale intorno a Washington e un gruppo sino-russo. Se la Russia segnerà dei punti, l’Occidente si stringerà ancora di più attorno agli Stati Uniti. Se fallirà, sarà ancora più tentato di rafforzare i suoi legami con la Cina e con altri Paesi insoddisfatti della preminenza occidentale, come l’India “[30].

È sorprendente che il 10 marzo 2023 i due nemici giurati del mondo musulmano, l’Iran e l’Arabia Saudita, abbiano annunciato la ripresa delle loro relazioni diplomatiche, interrotte dal 2016, sotto la discreta sponsorizzazione di Pechino, che da due anni partecipa segretamente ai negoziati. La Cina sta così emergendo come nuovo interlocutore in Medio Oriente, un’area tradizionalmente occupata dagli Stati Uniti, che stanno perdendo terreno anche su questo tema.

Contrariamente a certi timori sul mondo del futuro, timori che giustificano la retorica più bellicosa e semplicistica (“la guerra del mondo democratico contro il mondo autocratico”), riteniamo che il riequilibrio delle forze geopolitiche sia necessario e che alla fine sarà benefico. La sfida non è ovviamente la scomparsa dell’Occidente, ma la sua regionalizzazione. La guerra fredda è forse un buon modello per immaginare il futuro rapporto tra due blocchi. Questo episodio storico, costellato di crisi (Berlino nel 1948 e nel 1961, Cuba nel 1962), è stato fondamentalmente un periodo di stabilizzazione delle relazioni internazionali e geopolitiche. Secondo Soutou,[31 ] prevalse una certa prudenza e questo periodo beneficiò di una dialettica Est-Ovest. Con la fine della Guerra Fredda, il mondo fu preso dall’ebbrezza occidentale della vittoria suprema del 1991 e dal suo delirio universalistico. Per tre decenni, questo folle Occidente è sprofondato in una patologia egoistica, chiuso in se stesso e senza bussola. Vediamo quindi il riequilibrio delle forze che si sta svolgendo sotto i nostri occhi come un rimedio. Poco importa se l’antidoto sarà bipolare o multipolare nel prossimo futuro. Ciò che conta è la presenza di un’alterità forte e rispettata. Essa crea una dialettica assolutamente indispensabile per un buon rapporto con l’Altro e quindi con se stessi. D’ora in poi dovremo fare i conti con questo quartiere.

 

 

 


[1] Collomb, Alexis. “SWIFT: da neutralità ad arma geopolitica”, Politique étrangère, vol. 3, 2022, pp. 46-47.

[2] Ibidem, p. 47

[3] de Gliniasty, Jean. “L’Europa vittima collaterale dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia?”, Revue Défense Nationale, vol. 850, n° 5, 2022, pag. 18.

[4] Soutou, Georges-Henri. “Non, la crisi ucraina non è un ritorno alla guerra fredda, ma è sempre un conflitto Est-Ouest”, Revue Défense Nationale, vol. 849, n° 4, 2022, p. 10.

[5] Grekou, Carl, et al. “La dépendance de l’Europe au gaz russe : état des lieux et perspectives”, Revue d’économie financière, vol. 147, n. 3, 2022, pag. 228.

[6] Védrine, Hubert, “Une remise en cause de la vision occidentale de la mondialisation? Una mondializzazione frammentata”, Club 44, 25 ottobre 2022

[7] Soutou, Georges-Henri. “La grande rottura”, Stratégique, vol. 129, n. 2, 2022, p. 28

[8] Hélène Richard, “Des sanctions à double tranchant”, Le Monde diplomatique, martedì 1 novembre 2022, p.17

[9] https://www.liberation.fr/planete/2019/01/14/gazoduc-nord-stream-2-les-etats-unis-accentuent-la-pression-contre-l-allemagne_1702787/

[10] Soutou, G-H. “La grande rottura”, op. cit. pp. 11-30.

[11] Ibidem, pag. 14

[12] Ibidem, p. 29

[13] Ibidem, p. 28

[14] Collomb, Alexis. “SWIFT: dalla neutralità all’arma geopolitica”, Politique étrangère, vol. 3, 2022, pag. 48.

[15] Zaky, Miret, “Scénario catastrophe américain: et si le pétrole se payait en euros?”, Le Temps, 11 febbraio 2004 https://www.letemps.ch/economie/scenario-catastrophe-americain-petrole-se-payait-euros

[16] Chouet, Alain, “Alain Chouet, 35 anni di DGSE, una punta di diamante?”, Thinkerview, 18 maggio 2022 https://www.thinkerview.com/alain-chouet35-ans-de-dgse-une-pointe-de-diamant/

[17] Collomb, Alexis. “SWIFT: dalla neutralità all’arma geopolitica”, Foreign Policy, vol. 3, 2022, p. 49.

[18] https://www.letemps.ch/economie/finance/chine-japon-se-detournent-dette-americaine

https://www.lemonde.fr/economie/article/2019/05/29/pour-la-chine-l-arme-de-la-dette-americaine-reste-difficile-a-activer_5469079_3234.html

http://french.china.org.cn/foreign/txt/2023-01/20/content_85070117.htm#:~:text=A%20ce%20jour%2C%20la%20Chine,plus%20faible%20depuis%20juin%202010.

[19] Tolone, Alexis. “La Russie mise sur la Chine”, Alternatives Économiques, vol. 342, n. 1, 2015, pag. 44.

[20] Soutou, G-H. “La grande rottura”, op. cit. p. 27.

[21] Bouvier, Émile, “La guerra in Ucraina, rivelatrice dell’influenza crescente di Mosca nel Medio Oriente (1/2): una perdita di velocità notevole degli Stati Uniti nella regione”, Les clés du Moyen-Orient, 18 marzo 2022, https://www.lesclesdumoyenorient.com/La-guerre-en-Ukraine-revelatrice-de-l-influence-croissante-de-Moscou-au-Moyen.html#nh17

[22] Bouvier, Émile, “La guerra in Ucraina, rivelatrice dell’influenza crescente di Mosca nel Moyen-Orient (2/2): una presenza russa protettiva”, Les clés du Moyen-Orient, 18 marzo 2022, https://www.lesclesdumoyenorient.com/La-guerre-en-Ukraine-revelatrice-de-l-influence-croissante-de-Moscou-au-Moyen-3502.html#nh27

[23] http://fr ench.xinhuanet.com/20221129/c62d5b87417242b5b85c3ca71331723d/c.html

[24] https://francais.rt.com/economie/102704-chine-entend-renforcer-son-partenariat-energetique-russie

[25] https://francais.rt.com/international/104968-xi-jinping-moscou-chine-russie

[26] https://francais.rt.com/international/104977-poutine-soutient-dedollarisation-echanges-mondiaux

[27] https://t ass.com/economy/1596017

[28] https://francais.rt.com/economie/105163-rosneft-indian-oil-signent-pour-augmenter-livraisons-brut-russe-inde

[29] Alain Gresh, op. cit.

[30] Soutou, G-H, “La grande rottura”, op. cit. p. 13.

[31] Soutou, G-H, La guerre de cinquante ans, op. cit.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Salvatore Vassallo e Rinaldo Vignati, Fratelli di Giorgia, a cura di Teodoro Klitsche de la Grange

Salvatore Vassallo e Rinaldo Vignati, Fratelli di Giorgia, Il Mulino, Bologna 2023, pp. 291, € 18,00.

Il saggio di Vassallo e Vignati a partire dagli albori della Repubblica analizza l’evoluzione della destra: dal MSI, passando per AN ed arrivare all’oggi, ossia a Fratelli d’Italia. Il tutto realizzato sia attraverso l’analisi di programmi, flussi elettorali, dichiarazioni dei leaders che mediante informazioni raccolte da vari esponenti.

Gli autori distinguono tre fasi, caratterizzate da diverse classi dirigenti. La prima, quella del MSI, dove la classe dirigente del partito era formato da ex appartenenti al PNF e, in particolare da reduci della RSI: cioè un insieme fortemente connotato, distinto dai partiti ciellenisti, ostracizzato e, anche per questo consolidato nella continuità con i valori del fascismo, sia del regime che della fase terminale. Nella seconda, di AN, la classe dirigente è nella totalità o quasi costituita da persone che, per motivi anagrafici – essendo quasi tutti nati dopo il 1945 – col fascismo non avevano avuto rapporti come Fini, Gasparri, La Russa, Alemanno; altri che al massimo erano stati balilla (come Matteoli e Tatarella).

Quanto a FdI “i fratelli di Giorgia erano diventati militanti del MSI all’inizio degli anni Novanta, durante la crisi della Prima Repubblica, e avevano fatto pratica della politica come professione dopo la svolta di Fiuggi in epoca bipolare. Sono loro (la terza generazione della Fiamma) a costituire l’ossatura organizzativa di FdI”. Pur nella continuità con la propria storia “oggi nel codice di condotta di FdI sono esclusi i saluti romani, i pellegrinaggi collettivi a Predappio o l’uso del termine «camerata»”. Soprattutto non c’è in vista alcun pericolo di deriva autoritaria e gli esami e le accuse di fascismo alla Meloni sono del tutto infondati “L’attribuzione a FdI di quella categoria (o di suoi derivati) si fonda sull’uso di definizioni metastoriche, soggettive e concettualmente dilatate del «fascismo»”.

Per cui, scrivono gli autori “a chi si domanda «quanto fascismo c’è oggi in FdI?» suggeriamo di distinguere tra fascisti, neofascisti, postfascisti e afascisti. La prima generazione di fondatori del MSI era formata da fascisti (da persone che avevano avuto un ruolo, piccolo o grande, nel regime, e soprattutto nella sua ultima incarnazione, la RSI) e da neofascisti”. Con la svolta di AN si “compie il passaggio dal neofascismo (via via ridotto, a partire dagli anni ottanta, a puro nostalgismo testimoniale) al postfascismo: afferma cioè la piena integrazione nel sistema democratico”. Con FdI “la generazione di Giorgia Meloni è piuttosto definibile come formata da democratici afascisti: il processo di integrazione democratico è proseguito e il fascismo ha smesso completamente di esercitare una funzione di ispirazione. È stato ormai definitivamente relegato a momento storico di un passato irripetibile, che ha poco o niente da offrire per orientare l’azione politica, che così viene percepito anche dall’elettorato a cui oggi FdI si rivolge”.

Quanto alla democrazia interna, FdI lascia (molto) a desiderare “In pratica l’intera intelaiatura organizzativa è posta nelle mani del presidente e dell’Esecutivo nazionale, dei Presidenti dei Coordinamenti regionali e provinciali”. Per cui “Il sostanziale dissolvimento delle strutture territoriali e degli organi assembleari del partito si accompagna a una direzione fortemente centralizzata nelle mani del leader”.

Per l’appartenenza ideologica, FdI è stata classificata come “destra estrema”, come populista, ma appare meglio riconducibile ad un  partito nazionale conservatore “Giorgia Meloni e i suoi Fratelli, hanno appreso che il patriottismo nazionalista e il conservatorismo, già di fatto elementi chiave del loro bagaglio ideologico, potevano diventare un appropriato/utile «marchio». L’etichetta di conservatore consente di dare un nome alla destra all’interno del campo più largo del centrodestra italiano, conferendole una identità distintiva rispetto alle altre componenti”. Oltretutto il meglio “spendibile” in Europa.

Il saggio è accurato e non partigiano: due caratteri per consigliarne la lettura.

Quello che manca, anche se in un paragrafo gli autori valutano l’incidenza della fortuna e della virtù (le “categorie” machiavelliche) nella valutazione del rapido e travolgente successo di FdI è quanto vi abbia concorso la decadenza sia della società che del sistema politico italiano. Se l’Italia è stata il primo paese dell’Europa occidentale ad avere un governo totalmente anti-establishment (il Conte 1), le levatrici di tale successo, proseguito in quello di FdI sono la peggiore crescita economica dell’Europa, ossia quella italiana e l’incapacità della classe dirigente a garantirla (così come le altre crisi). Un buon favore della Fortuna al governo Meloni.

Teodoro Klitsche de la Grange

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

TABULA RASA, di Pierluigi Fagan

Cosa fa una “altra-egemonia”? Assume la posizione dell’egemone, ma col proprio punto di vista, con la propria visione del mondo. C’è una NON sottile differenza tra l’invitare ad uscire dalla NATO e dall’UE e chiederne lo scioglimento ed è nel riferimento. Nel primo caso il riferimento rimane l’egemone, rispetto ad esso che è e rimarrà tale, si marca una distinzione, ma è una distinzione minoritaria per forza di cose, che non intacca la radice dell’egemone, per certi versi la rinforza prevedendone la continuazione di potere. Nel secondo caso, invece, il riferimento è direttamente il potere, ci si pone in forma competitiva con l’egemone per il potere, si avanza una idea di diverso potere o la posizione dell’egemone o la posizione altro-egemonica cha a questo punto perde la sua origine “contro” e diventa “per”. Per un nuovo assetto di potere.
Con quelle sincronie intellettive che promanano dagli invisibili movimenti dentro le immateriali immagini di mondo, pochi giorni fa, Marco Tarquinio, ex direttore di Avvenire, ha invocato con grande tranquillità come fosse evidenza logica improcrastinabile, lo scioglimento dell’alleanza implicita con Israele e lo scioglimento della NATO. Forse Tarquinio candidato PD alle europee, originato in un partitino (DemoS) a suo tempo scisso dai tranquilli Popolari per l’Italia, è diventato un trinariciuto antimperialista? Non necessariamente.
Semplicemente ha preso atto che a tempi nuovi debbono corrispondere assetti nuovi ed è ora di chiudere il dopoguerra saldato ampiamente il debito e con gli americani e con gli ebrei-israeliani. Quindi Tarquinio non ha chiesto all’Italia di uscire da certe alleanze, ha chiesto di sciogliere quelle alleanze.
Così l’articolo di Agamben da me postato e la cui posizione mi son sentito di far mia e così vedo per altri che si sono espressi qui e lì e non solo in Italia, non ha chiesto di uscire dall’euro e dalla UE in occasione delle ultime elezioni di questo week end, ha chiesto di sciogliere queste istituzioni, negargli il riconoscimento. Cominciando dal mandare a vuoto l’invito a votare
>>(ha votato poco meno del 50% in Italia e poco più in Europa)<<
poiché non partecipi ad una cosa che secondo te non dovrebbe esistere. Forse Agamben o io stesso, siamo diventati “sovranisti” stante che da Macron a Scholz in giù sono tutti sovranisti? Non necessariamente.
Semplicemente s’è preso atto che a tempi nuovi debbono corrispondere assetti nuovi ed è ora di chiudere, anche qui, il dopoguerra che impose all’Europa di diventare in blocco un sub-sistema americano contrapposto all’URSS. La diade USA-UE andava forse bene nella guerra fredda anche perché Europa non era minimamente in grado di essere e fare alcunché di diverso. Fu questo allineamento a forzare il processo di ripristino della convivenza subcontinentale, vero una qualche forma prima di mercato comune e poi di “unione”, per quanto il termine stesso sia ambiguo. Ma quella storia è finita, ne è iniziata un’altra con la quale siamo fuori sincrono.
In quei decenni ogni stato convergeva verso la NATO che li riceveva passivamente, oggi è la NATO a decidere cosa, come, quando e perché fare una certa strategia e gli stati, in funzione del legame di alleati, debbono seguire. Il che porta, come rilevato dall’ineffabile Tarquinio, a trasformare una alleanza meramente difensiva che non ha sparato neanche un mortaretto per settantatré anni contro un nemico ideologico manifesto, in una alleanza offensiva contro un nemico neanche ideologico, un semplice competitor geopolitico da fase multipolare. Neanche un competitor degli europei che fino a poco tempo fa vedevano reti comuni da Lisbona a Vladivostok, dei soli americani.
Viepiù se si stanno cambiando i termini dell’alleanza, come fanno gli israeliani trasformandosi nel popolo oggi meno amato delle Terra visto i crimini contro i livelli minimi di umanità reclamati dall’intero parterre delle Nazioni Unite o come fanno gli americani trasformando la NATO in una SuperLeague contro tutto il mondo che si ribella al lungo dominio occidentale volendo dedicarsi ad un proprio futuro di pacifico commercio à la Montesquieu, queste alleanze non possono ritenersi più valide. Come i contratti non sono più validi se si cambiano i termini pattuiti, l’oggetto stesso del patto.
A questo punto, una posizione altro-egemonica deve dichiarare di voler fare tabula rasa, azzerare alleanze, accordi, patti, trattati. Per? Si vedrà, prima si torna all’ora zero, poi si ricomincia a contare daccapo, su altre basi, con altri intenti, chiarendo bene i fini e le proporzioni di potere tra i contraenti nuovi patti. Mi sembra un buon punto da cui ripartire per cercare una strategia adattativa ad un mondo che sta cambiando molto profondamente e molto velocemente. Una posizione altro-egemonica deve dichiarare e pretendere la tabula rasa per poi avanzare una propria idea di come stare nel mondo nuovo. Sciogliere UE, euro e NATO, questo l’inizio delle costruzione di una posizione altro-egemonica. Bisogna cominciare ad aprire spazio per un nuovo pensiero politico.
+ Un approfondimento specifico:
La natura cataclismatica delle ultime elezioni europee, a livello sistemico quindi europeo, è data: 1) affluenza di circa solo il 50% aventi diritto, molti paesi sono sotto questo requisito minimo (Germania e Belgio hanno raggiunto Austria e Malta che hanno sfondato l’età minima del voto a 16 anni, hanno avuto quindi nuovi votanti che hanno mantenuto un po’ l’indice di partecipazione in quei paesi); 2) partito opposizione in Francia ottiene il doppio dei voti di quello di governo, fatto che porterà a nuove elezioni; 3) partito di opposizione in Germania che arriva allo stesso livello dei tre partiti di governo sommati, il che dovrebbe portare a nuove elezioni, le porti poi effettivamente o meno; 4) a seggi, i due partiti che perdono più vistosamente sono liberali e verdi, cuore del New Green Deal neoliberale; 5) c’è una marcata radicalizzazione sbilanciata a destra e questo sembra essere l’unico tratto comune di un sistema che in comune non ha altro sul quale fondarsi. Tale situazione è strutturale ovvero non mostra caratteri contingenti, quindi inutile sperare si riequilibri. L’UE è arrivata al capolinea della sua traiettoria, va sciolta.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

IMPORTANTE: La Russia diventa ufficialmente la quarta economia mondiale, superando il Giappone, di SIMPLICIUS

Molti ricorderanno la notizia dell’anno scorso secondo cui la Russia aveva superato la Germania per il 5° posto nel PPP del PIL. Allo SPIEF, Putin ha annunciato che la Russia ha ufficialmente superato il Giappone per il 4° posto, secondo la Banca Mondiale:

Ma prima un po’ di background:

Questa può sembrare una notizia vecchia, dato che diversi mesi fa le persone hanno pubblicato il presunto sorpasso della Russia sull’economia giapponese. Tuttavia, c’è stata molta confusione poiché la fonte più utilizzata era un sito web del Regno Unito chiamato World Economics , che hanno confuso con la Banca Mondiale ma che in realtà non è una fonte “ufficiale” di alcun tipo.

Quello che è successo ora è che la Banca Mondiale ha annunciato la scorsa settimana di aver rivisto i dati sul PIL dal 2021 in poi, e in quelle revisioni ha scoperto che la Russia aveva già superato il Giappone già nel 2021, e ha continuato ad avanzare fino a Ora.

Ecco il loro comunicato ufficiale: https://www.worldbank.org/en/news/press-release/2024/05/30/global-purchasing-power-parities-data-released-for-2021

WASHINGTON, 30 maggio 2024 — Le nuove parità di potere d’acquisto (PPP), che forniscono un modo standardizzato per valutare il potere d’acquisto relativo di diverse economie, sono state rilasciate oggi dall’International Comparison Program (ICP) per l’anno di riferimento 2021.

Hanno una varietà di collegamenti a vari grafici e visualizzazioni.

E in effetti, la Russia ora sta sempre più superando la Germania, lasciandola nella polvere con 6,45 t contro 5,9 t. Per non parlare del fatto che la cifra dell’India è di 10,9 t, con la Russia che ha solo 1/10 della popolazione indiana ma più della metà del suo potere economico. Inoltre, fonti ufficiali riferiscono che la Russia ha un’economia sommersa di circa il 40%, che non può essere spiegata, praticamente la più alta del mondo:

Ecco un intero articolo russo dell’inizio di quest’anno che ne parla in dettaglio:

Tenete presente che ciò avvenne anche prima dell’annuncio ufficiale della Banca Mondiale del superamento del Giappone da parte della Russia. L’articolo rileva:

L’altro giorno, la Banca Mondiale ha pubblicato un rapporto sull’economia sommersa per paese, secondo il quale essa rappresenta circa il 5% del PIL totale in Giappone, l’8% in America e fino al 39% nel nostro paese, la Russia.

L’indice dell’economia sommersa in Russia è uno dei più alti al mondo, quasi l’84% più alto della media globale. Solo l’Ucraina (46% del PIL, ovvero 1.100 miliardi di UAH), la Nigeria (48% del PIL) e l’Azerbaigian (67% del PIL) hanno un’economia più grande nell’ombra. Al quinto posto c’è lo Sri Lanka con un indicatore del 38%.

Si prosegue spiegando aneddoticamente che molti russi guadagnano fino a un terzo dei loro stipendi dai mercati grigi clandestini, con milioni di annunci per servizi “non ufficiali” che lo attestano.

Ciò significa che la vera potenza economica nascosta della Russia potrebbe essere addirittura molto più elevata e addirittura più vicina a quella dell’India. Ho già sostenuto a lungo che la Russia, essendo il paese più sanzionato, indebolito e terrorizzato economicamente sulla terra, attraverso embarghi e veri e propri sabotaggi industriali come gli attacchi Nordstream, potrebbe non ottenere risultati soddisfacenti, per ora, nascondendo al contempo un’economia molto più potente di qualsiasi altra economia attuale. i registri mostrano. Se si eliminano quegli handicap artificiali che danneggiano ingiustamente l’economia russa, allora è quasi certo che la vera potenza economica non misurata della Russia è quella del terzo posto dietro Cina e Stati Uniti. È notevole che anche sotto un attacco senza pari, la Russia sia in grado di comandare uno dei paesi più veloci economie in crescita e più robuste del mondo.

L’economista Stefan Demetz nota inoltre correttamente che la struttura del debito particolarmente bassa della Russia e l’autosufficienza sotto forma di surplus commerciale rendono il suo valore economico ancora più alto di quanto sembri:

La Banca Mondiale ha recentemente riclassificato i dati relativi al PIL PPA e la Russia è diventata quarta davanti a Giappone e Germania.

Ma considerando il debito molto basso a fronte di alti livelli di riserva e l’autosufficienza in campo energetico, alimentare e militare, la Russia appare migliore di quanto indichino questi grafici.

Ci sono molti che dubitano del significato dell’indice PPP rispetto al PIL nominale, credendo alla menzogna inculcata in Occidente secondo cui il PIL regolare è quello “reale” mentre il PPP è solo una riformulazione “creativa” ma in definitiva spuria. Ma questo è lontano dalla verità, almeno per quanto riguarda i paesi in surplus commerciale, in particolare: per loro la PPP è il vero indicatore economico.

Questo perché il PIL nominale è prezzato in dollari (USD) e quindi è rilevante solo se si utilizzano quei dollari principalmente per acquistare cose, che è ciò che fanno i paesi che importano molte delle loro merci, dal momento che la maggior parte delle merci sui mercati mondiali sono acquistati nella “valuta di riserva” globale del dollaro statunitense. Ma la Russia è in surplus commerciale, il che significa che esporta molto più di quanto importa. È autosufficiente e non ha bisogno di fissare i prezzi in dollari, ma piuttosto nella propria valuta. Fatto ciò, il PIL “nominale” espresso in dollari diventa irrilevante e non si applica. E le poche cose che la Russia importa, ora le regola in altre valute native, come lo Yuan con la Cina, ecc. In breve: per paesi come la Russia, il PIL PPA è l’ unica misura accurata della dimensione e del potere economico, è il PIL nominale che valuta ingannevolmente l’economia del paese target in termini di valuta estera (USD) che non utilizza nemmeno nei suoi mercati interni e che distorce i numeri in base alle fluttuazioni delle valutazioni del cambio valutario.

Puoi leggere molto di più a riguardo nel mio precedente articolo sull’argomento:

La verità sul potere economico della Russia: è davvero così piccolo e debole come sostiene l’Occidente?

·
3 APRILE 2023
La verità sul potere economico della Russia: è davvero così piccolo e debole come sostiene l’Occidente?
Prefazione: Il seguente articolo è basato su uno che avevo precedentemente pubblicato sul Saker in questo esatto anniversario, che credo abbia maggiore importanza nel clima odierno. Quindi ho deciso di rivederlo pesantemente e aggiornarlo con i dati più recenti, triplicandone la lunghezza, per renderlo il più attuale possibile. Credo che questo sia io…
Leggi la storia completa

Questa sarà la fine della parte gratuita dell’articolo. Dopo il salto, seguiremo gli attuali sviluppi economici globali, con un focus sugli Stati Uniti in particolare, giustapponendo l’ascesa dei BRICS a quella dell’Occidente in declino, con particolare attenzione ai numeri economici fraudolenti recentemente rilasciati da l’amministrazione Biden e le cupe prospettive che proietta per il futuro dell’intero ordine finanziario occidentale.

Cominciamo con i dati sull’occupazione appena diffusi dal BLS (Bureau of Labor Statistics). I democratici hanno pubblicizzato centinaia di migliaia di “nuovi posti di lavoro creati”, e invece hanno sminuito il fatto che ogni singolo nuovo lavoro è andato ai clandestini, mentre i lavoratori nativi hanno perso l’incredibile cifra di 600.000 posti di lavoro:

L’altra notizia bomba era che tutti i nuovi lavori erano part-time, mentre quelli a tempo pieno continuavano ad essere schiacciati:

Questo è il motivo per cui i rapporti distinguono tra l’uso delle “buste paga” e quello dei “lavoratori”, poiché è possibile aggiungere 10 nuove buste paga con solo 4 nuovi lavoratori se molti di questi “lavoratori” hanno semplicemente ottenuto più lavori part-time.

ZeroHedge illustrato con le visualizzazioni più illuminanti:

Ecco un’altra visualizzazione della composizione del lavoro nell’ultimo anno: 1,2 milioni di posti di lavoro a tempo pieno sono stati persi, sostituiti da 1,5 milioni di posti di lavoro part-time!

Per non parlare dei posti di lavoro federali saliti alle stelle, gonfiando artificialmente l’immagine di un mercato del lavoro in crescita:

Come molti sanno, il governo degli Stati Uniti può indorare artificialmente i rapporti sui posti di lavoro nei momenti chiave semplicemente dando vita a una corsa alle assunzioni. Il governo può schioccare le dita e assumere decine di migliaia di lavoratori dell’IRS o addirittura creare un dipartimento o una divisione completamente nuovi al solo scopo di sostenere i lavoratori temporanei per portare i titoli dei giornali a un momentaneo ottimismo sul lavoro; ma è tutta una farsa, perché tali lavori distorcono il quadro economico reale e organico.

Ecco Chris Hedges che analizza percettivamente il tutto e riconosce la falsità:

Sottolinea inoltre astutamente che anche i dati sulla disoccupazione sono fraudolenti in base all’utilizzo dei dati ufficiali U3 rispetto a U6.

I numeri U3 “ufficiali” del governo non contano nessuno come “disoccupato” se non ha cercato lavoro nelle ultime 4 settimane, il che significa che è una cifra inutile e fraudolenta. L’U6 è leggermente migliore, ma arriva fino al limite di 1 anno. Chiunque non si sia preso la briga di cercare lavoro per 1 anno è considerato un “lavoratore scoraggiato a lungo termine” e non viene più conteggiato nelle statistiche sulla disoccupazione. Sfortunatamente, una parte enorme della forza lavoro si è arresa in questo modo, il che significa che anche i numeri dell’U6 sono fantastici.

In combinazione con il fatto che l’U3 considera i part-time come pienamente occupati mentre molte persone ora devono trovare più lavori, il che gonfia enormemente la percezione della “crescita occupazionale”, dipinge un quadro totalmente fraudolento dell’economia statunitense e della sua presunta ripresa della “salute”. ‘.

Infatti, ZeroHedge riferisce che gli Stati Uniti hanno aggiunto un totale netto pari a zero di posti di lavoro per i lavoratori nativi dal 2018:

Dire che questo è scioccante sarebbe un eufemismo.

È una tempesta perfetta di malessere economico e distruzione sociale: inflazione alle stelle, la maggior parte della crescita occupazionale è costituita da lavori part-time, zero posti di lavoro aggiunti per i lavoratori nativi, ecc.

In altre parole, la “forte crescita dell’occupazione” per i cittadini americani è sempre stata e rimane una favola, e l’ unica crescita di posti di lavoro negli Stati Uniti è per i clandestini, che lavoreranno per un salario inferiore al minimo , il che spiega anche perché l’inflazione non è aumentata. l’anno scorso sono stati assunti milioni di clandestini.

Non c’è da meravigliarsi che debbano fare questo:

Ciò che sta diventando chiaro è che il piano dell’establishment per il prossimo anno prevede di confondere i numeri a un livello storico solo per salvare la reputazione dell’amministratore Biden mentre si carica il massiccio crollo per farlo cadere in grembo alla nuova amministrazione Trump come ultimo gioco di sabotaggio di ultima istanza.

Se dovesse vincere, non appena Trump entrerà in carica, le chiuse si apriranno e l’intero armadio pieno di orrori nascosti verrà fuori per affogare il suo mandato nella crisi. Ciò sarà aiutato dalla maturazione di un’ampia fascia del debito nazionale, che si dice sarà rinnovata con un interesse molto più elevato proprio in quel momento:

Gran parte dei nostri 35.000 miliardi di dollari di debito nazionale sono a breve termine e devono essere rifinanziati al 5% o più entro 12 mesi. Gran parte del debito era inferiore al 2%, ora rifinanziato a oltre il 5%. Il pagamento degli interessi sul debito ammonta a 1,1 trilioni di dollari all’anno. Probabilmente raggiungerà 1,5 trilioni di dollari all’anno nel 2025.

Dall’istituto Kobeissi:

Questo è interessante: un debito federale americano record di 9,3 trilioni di dollari maturerà e dovrà essere rifinanziato a tassi molto più alti nei prossimi 12 mesi. Questo è aumentato di ben 4,7 trilioni di dollari o del 102% in soli 4 anni. Ciò avviene nel momento in cui il Tesoro americano passa all’emissione di obbligazioni con scadenze più brevi con interessi inferiori. Di conseguenza, una quota record pari a circa il 33% del debito in circolazione ha una scadenza inferiore a un anno. Nel frattempo, la Fed ha scaricato circa 1,3 trilioni di dollari di titoli del Tesoro (QT) dal suo bilancio in 2 anni, mentre la domanda dei governi esteri per le obbligazioni statunitensi è diminuita. Chi finanzierà tutto questo debito?

Tutti hanno visto il famoso grafico del debito americano crescere allo stesso livello negli ultimi 4 anni che nei 220 anni precedenti:

Ma la maggior parte continua a credere che non sia un grosso problema – dopo tutto, questo porta il rapporto debito/PIL degli Stati Uniti a un livello record del 123% circa, ma non è nemmeno vicino a quello della Grecia – che è intorno al 170% – o del Giappone, a un livello record. un enorme ~270%. Ma il debito del Giappone è strutturato in modo diverso: con un importo molto maggiore posseduto a livello intragovernativo, il che lo rende un tipo di debito molto più “sicuro” rispetto a quello posseduto da istituzioni straniere.

In secondo luogo, come osserva il blog GlobalMarketInvestor, uno studio del FMI ha rilevato che dal 1800, 51 paesi su 52 con un rapporto debito/PIL superiore al 130% sono andati in default, con il Giappone che è l’ unica eccezione:

Normalmente, questo sarebbe probabilmente rimasto fluttuante negli anni passati, dato che gli Stati Uniti godono dello status di valuta di riserva globale, che consente loro non solo di esportare all’infinito il proprio debito e l’inflazione, ma di garantire che il debito non minacci mai l’Imperium poiché la valuta che lo sostiene rimane sempre suprema. e richiesto. Ma sembra che la situazione sia sempre più destinata a cambiare.

Allo SPIEF (Forum economico internazionale di San Pietroburgo) in corso, Putin ha nuovamente annunciato che i BRICS stanno ufficialmente lavorando su un sistema internazionale di regolamento dei pagamenti e su una valuta:

Secondo quanto riferito, ora ci sono più di 60 paesi che cercano di aderire ai BRICS, la maggior parte dei quali aspira a un nuovo sistema globale equo:

‼️🇷🇺 59 paesi intendono aderire a BRICS, SCO e EAEU, – Consigliere del Presidente della Russia

▪️Circa 30 delegazioni vogliono venire al vertice dei BRICS che si terrà a Kazan dal 22 al 24 ottobre, ha osservato Anton Kobyakov allo SPIEF.

▪️BRICS è attualmente composto da 10 paesi: Russia, Brasile, India, Cina, Sud Africa, Emirati Arabi Uniti, Iran, Egitto, Arabia Saudita ed Etiopia.

Alcuni stanno addirittura adottando misure profilattiche:

Anche l’India ha appena rimpatriato 100 tonnellate del suo oro dalla Banca d’Inghilterra, e altre arriveranno presto:

Per non parlare di:

 

Gli ultimi dati (https://finbold.com/russia-dumps-4-5-billion-in-u-s-bonds-in-2-years/) mostrano che la Russia, membro dei BRICS, ha scaricato un totale di 4,5 miliardi di dollari in obbligazioni statunitensi in due anni. Il sell-off è in linea con il programma dei BRICS di de-dollarizzazione e di taglio dei legami con l’economia statunitense. La mossa aggiunge pressione sul dollaro americano se i Paesi in via di sviluppo iniziano a prendere le distanze dall’economia americana.

Ascoltate il discorso della presidente della banca di sviluppo BRICS Dilma Rousseff allo SPIEF, in cui delinea la visione del mondo sull’orlo della transizione:

Sottolinea l’iniziativa di creare una finanza decentralizzata, cioè lontana dal modello unipolare occidentale, attraverso una distribuzione di centri regionali, piuttosto che l’intero globo governato dalla City di Londra.

Anche l’economista russo e vicepresidente della Duma Alexander Zhukov ha sottolineato l’importanza delle valute nazionali e di un nuovo sistema di pagamento:

Stabilire meccanismi di pagamento all’interno dei BRICS che non dipendano dal sistema bancario occidentale è uno dei temi più urgenti oggi, ha dichiarato il primo vicepresidente della Duma di Stato russa Alexander Zhukov alla sessione SPIEF “Obiettivi dei BRICS nel contesto del nuovo ordine mondiale” sulla cooperazione economica tra i Paesi membri dell’organizzazione.

Anche il presidente boliviano Luis Arce ha invocato la parola d’ordine del multipolarismo, parlando dell’importanza dell’espansione delle valute nazionali. Egli afferma chiaramente che non si può permettere a un’unica banca centrale mondiale di dettare la politica all’intero globo:

Il presidente Luis Arce: “Oggi si sta creando un mondo multipolare. Dobbiamo diffondere le nostre valute nazionali a fini di regolamento tra i diversi Paesi. Non possiamo permettere che un solo Paese diventi la banca centrale del mondo, dettando la politica monetaria in tutto il mondo. Quei tempi sono passati da tempo”.

“Le economie del blocco BRICS sono state in grado di distruggere l’egemonia degli Stati Uniti”, ha dichiarato Arce, sottolineando come il gruppo sia un faro di speranza per la cooperazione internazionale e la complementarità economica. Il Presidente boliviano ha sottolineato che l’ordine mondiale si sta spostando verso un sistema più equo, equilibrato, multipolare e multilaterale. Arce ha inoltre rivelato l’interesse della Bolivia ad aderire ai BRICS, citando le “enormi prospettive di trasformazione e trasfigurazione del blocco e l’accelerazione dell’industrializzazione”.

Si tratta di una rivoluzione degli affari economici, con il mondo che si sveglia di fronte al Golia predatorio dell’ordine monetario occidentale.

Può sembrare un deja vu senza fine, perché per anni abbiamo sentito parlare dello stesso unicorno del multipolarismo e le aspettative sono state naturalmente ridimensionate. Ogni anno si parla della presunta “morte del dollaro” e della spirale del debito e dell’inflazione, che non sembra mai concretizzarsi.

Ma non si può fare a meno di pensare che le cose si stiano davvero muovendo. Uno dei motivi è che per anni si sono limitati a pochi attori chiave che si sono espressi a parole per queste iniziative, ma ora, in occasione di eventi come lo SPIEF, è chiaro che l’intero Sud del mondo sta chiedendo a gran voce questi profondi cambiamenti fondamentali e la transizione globale. Il mondo intero si è stancato della schiavitù economica imposta dall’Occidente e ora anche loro vogliono sedersi alla mangiatoia per avere una possibilità di sviluppo equo.

Di recente ho scritto di come l’intero Occidente anglo-atlantico sia costruito sui principi codificati della sovversione e del sabotaggio per impedire al resto del mondo di svilupparsi parallelamente e a tutti i potenziali concorrenti di essere “messi fuori gioco”; ad esempio il Memorandum 200. È da tempo che i funzionari americani ammettono apertamente che se la Cina dovesse impadronirsi di Taiwan, gli Stati Uniti “eliminerebbero” o “metterebbero fuori uso” il gigante dei chip TSMC.

Questo è palese terrorismo economico ed è il motivo per cui il mondo ne ha abbastanza del “modello occidentale” imperiale.

Pertanto, l’ascesa dei BRICS non può più essere ignorata, in quanto presenta un percorso concreto verso un’etica completamente nuova di sviluppo della civiltà, che sarà delineata nei video che seguono. È solo questione di tempo prima che si raggiunga una “massa critica”, in cui venga adottato un nuovo sistema di insediamenti e un numero sufficiente di Paesi sotto la bandiera dei BRICS scelga di abbandonare in gran parte il dollaro. Questo, unito al grafico parabolico del debito statunitense e alle cifre economiche speculative, porterà alla completa erosione dell’unico strumento di levaglobale degli Stati Uniti .

Nel video dello SPIEF qui sopra, l’ex membro del Bundestag tedesco Hansjorg Muller afferma che in questo momento in tutta la Russia si sta diffondendo un’inequivocabile eccitazione da “corsa all’oro”, mai vista prima. Cita l’iniziativa di Putin di concentrarsi sullo sviluppo dell’economia russa a livello locale e regionale, che Putin ha annunciato nel suo stesso discorso. È una chiara eco di un Piano Marshall del dopoguerra, solo che la visione di Putin inizia a metà della guerra – anche se forse, dalla sua posizione, può vedere l’orizzonte della guerra molto più chiaramente di noi.

Uno dei modi in cui gli Stati Uniti sono stati in grado di rilanciare la propria economia alla fine della Seconda Guerra Mondiale è stato il passaggio graduale di tutte le industrie belliche sovralimentate, le cui fabbriche erano diventate enormi motori di produzione a doppio uso, alla produzione di beni civili, ma con un’infrastruttura notevolmente ampliata. Sembra che la Russia stia facendo la stessa cosa, il che garantirà il suo sviluppo economico a un ritmo accelerato; Putin sta semplicemente “dirigendo” e incanalando questo sviluppo nelle aree giuste, diversificandolo in tutte le regioni necessarie in modo che la crescita sia distribuita in modo uniforme e non centralizzata in zone metropolitane favorite.

A questo proposito, nessun oracolo della transizione è intervenuto allo SPIEF meglio di Sergei Glazyev. Ecco una sintesi delle sue riflessioni come punto finale del percorso:

  • Il sistema americano sta finendo

  • Attualmente stiamo lavorando a un nuovo sistema valutario internazionale che eliminerà la possibilità di usare sanzioni unilaterali e altri tipi di terrore economico contro le nazioni.

  • La Russia, in qualità di presidente dell’organizzazione BRICS per il 2024, contribuirà a promuovere questa iniziativa.

  • Il modello degli Stati Uniti sta vivendo un’agonia mortale: non può più offrire nulla al mondo, né un modello di governance né dei valori.

  • Quest’anno è un anno di svolta, la nostra previsione è che dopo le elezioni americane sarà chiaro che la Pax Americana è giunta al termine.

  • Il rischio principale rimane quello che gli Stati Uniti debbano creare una piccola guerra nucleare locale in Europa per mantenere la loro egemonia.

Consiglio vivamente di guardare il video completo.

Le parole di Glazyev sul fatto che il modello statunitense si è completamente esaurito e non ha più nulla da offrire al mondo in termini di ispirazione per il futuro sono state riprese da Putin in un discorso del 2023, in cui ha detto:

“Senza esagerare, non si tratta nemmeno di una crisi sistemica, ma dottrinale del modello neoliberale di ordine internazionale di stampo statunitense. Non hanno idee per il progresso e lo sviluppo positivo. Semplicemente non hanno nulla da offrire al mondo, se non perpetuare il loro dominio”. – Putin

Come video bonus, anche il presidente e senatore russo Aleksey Pushkov ha approfondito questa traccia, dichiarando che il sistema statunitense sta marcendo a causa del degrado sociale interno, della perdita di competenze istituzionali e di élite, in breve: una decadenza totale. Il video è molto lungo, quindi è adatto solo a chi è particolarmente interessato, ma il relatore ha sollevato molti punti importanti e ha dato un’occhiata all’interno della comprensione penetrante e senza fronzoli della realpolitik che le élite russe hanno dei fallimenti terminali dell’Occidente; per esempio, ha affermato che non sono rimaste figure di un certo calibro in Europa, che ora si trova in un ambiente “a basso livello intellettuale, educativo e politico”.

E un ultimo video bonus dallo stesso panel, con Konstantin Malofeev di Tsargrad che riprende molti degli stessi punti:

Malofeev: La Pax Americana ha pianificato il caos; hanno bisogno del caos in Medio Oriente; Israele è la loro fortezza; il dollaro USA è il principale strumento di egemonia; Taiwan sarà una continuazione della politica del caos

Per concludere, gli Stati Uniti continuano a crollare internamente con licenziamenti di massa e chiusure di catene di negozi, supermercati e altro:

Con un elenco crescente di banche statunitensi sull’orlo del collasso:

Una delle cose fondamentali che gli ultimi decenni di “globalizzazione” hanno messo in luce in Occidente è che l’emigrazione di massa ha rovinato il futuro degli Stati Uniti e dell’Europa: non c’è modo di competere a lungo termine con società etnicamente e culturalmente omogenee come la Russia e la Cina. Le prospettive per gli Stati Uniti e l’Europa sono quelle del Sudafrica: società divise, culturalmente fratturate, il cui capitale umano è ancora meno efficiente e competitivo della somma delle sue parti a causa delle forti incompatibilità e delle divisioni razziali. Ho detto più volte che gli Stati Uniti sono appesi solo al filo sottile dei loro visti H1-B, oltre i quali tutta l’innovazione si esaurirà con l’arrivo degli immigrati.

Basta guardare l’intervista dimostrativa a un politico tedesco che viene interrogato sul sentimento prevalente dei suoi elettori secondo cui i politici non stanno facendo alcun progresso nel migliorare le condizioni sociali. Sorprendentemente, risponde che si sbagliano perché lui sta lavorando duramente per aumentare il flusso di immigrazione in Germania e creare così un “governo progressista”:

La sordità di tono e il distacco sono sbalorditivi e incredibili.

Questo è lo stato della politica occidentale di oggi: ogni Paese è gestito da un’élite criminale interamente catturata e sovvertita da interessi corporativi transnazionali che odiano i propri cittadini, ignorando sprezzantemente i loro bisogni e le loro preoccupazioni.

Le politiche di migrazione di massa servono solo a frenare momentaneamente il collasso sistemico della decadente frode finanziaria Ponzi dell’ordine bancario occidentale, ma porteranno alla totale perdita di competitività dell’Occidente nei confronti dell’Oriente. La demografia è il destino: l’uniformità culturale e la sua cugina unità sociale prevarranno sempre in modo naturale sulle società lacerate dalle distorsioni sociali e dalla discordia endemica delle politiche di “frontiere aperte” imposte all’Occidente.

L’unica luce alla fine del tunnel per gli Stati Uniti è una potenziale vittoria di Trump, se seguita dall’applicazione della sua promessa di deportare in massa milioni di immigrati clandestini di Biden, ma ovviamente questo risolverebbe solo una parte dei problemi sistemici.

Per quanto riguarda l’Europa, oggi c’è stato un piccolo segnale di potenziale speranza: proprio mentre scriviamo, i partiti di destra europei stanno ottenendo importanti vittorie elettorali nelle elezioni parlamentari europee:

I partiti di destra stanno vincendo le elezioni del Parlamento europeo con un ampio margine in tutta Europa.

CNN a pezzi:

Il bagno di sangue sembra essere appena iniziato: Macron ha persino sciolto l’Assemblea nazionale e ha chiesto elezioni generali anticipate, mentre il premier belga De Croo ha rassegnato le dimissioni:

Il popolo ne ha chiaramente abbastanza. Ma, come altri hanno notato, è ancora troppo presto per entusiasmarsi, poiché le elezioni parlamentari europee non riflettono necessariamente l’andamento delle elezioni nazionali; ma è certamente un forte segnale dei prossimi venti contrari per il progetto globalista.

Purtroppo, ciò significa che i globalisti sono con le spalle al muro, il che fa presagire un periodo di instabilità e di pericolo estremamente accentuato. Quando si renderanno conto che il loro tempo è scaduto e che dovranno affrontare i tribunali nel caso in cui la “sfera della resistenza” ottenga una vittoria schiacciante, non avranno altra scelta che esercitare tutte le loro risorse per fomentare la guerra e fare piazza pulita. Sanno che solo la guerra può assolvere tutti i peccati, perdonare le mostruose malefatte in modo retroattivo – se dovessero essere la parte vincente. Quindi rappresenterà per loro l’occasione perfetta per abbattere l’albero della rivolta populista e reazionaria, sradicando una volta per tutte l’opposizione politica.

Purtroppo per loro, li vedo fallire miseramente e la vittoria senza precedenti della Russia in Ucraina nel 2025 sarà il colpo di grazia che distruggerà le ultime vestigia dell’ordine globalista e segnerà un cambiamento epocale per tutta la storia dell’umanità in una nuova direzione, ma aspettiamo e vediamo cosa succede.


Siete arrivati alla fine dell’articolo riservato agli abbonati a pagamento. Non è una bella sensazione non dover leggere un nuovo appello per i soldi, sporco e lamentoso? Avete già offerto il vostro contributo! Ed è per questo che siete qui, a sfogliare gli scarabocchi davvero esclusivi e privilegiati di questo santuario interno VIP. Quindi, invece di un appello, che ne dite di un grande grazie a voi?

Il barattolo delle mance rimane un anacronismo, un’arcaica e spudorata forma di doppio gioco, per coloro che non possono fare a meno di elargire i loro umili autori preferiti.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

1 2 3 333