L’AGOSTINISMO DI JOSH HAWLEY ALLE RADICI TEOLOGICO-POLITICHE DEL TRUMPISMO, di JEAN-BENOÎT POULLE

L’AGOSTINISMO DI JOSH HAWLEY ALLE RADICI TEOLOGICO-POLITICHE DEL TRUMPISMO

” La campagna per cancellare la religione americana dalla piazza pubblica è semplicemente una continuazione della lotta di classe con altri mezzi. “

Vicina a Trump e a J. D. Vance, la figura di Josh Hawley ci immerge in una particolare mistica, sia conservatrice che sociale, che incarna una nuova generazione dell’estrema destra americana – meglio articolata, meglio preparata, vuole conquistare i voti degli elettori poveri con un semplice programma: il nazionalismo cristiano. Traduciamo il suo ultimo importante discorso e lo commentiamo, paragrafo per paragrafo.

AUTORE
JEAN-BENOÎT POULLE

IMMAGINE
© BONNIE CASH/UPI/SHUTTERSTOCK

Tra la nuova guardia conservatrice del Partito Repubblicano, il senatore trumpiano Josh Hawley, 44 anni, non è il più conosciuto in Francia. Tuttavia, il testo che segue lo rivela come la punta di diamante dei repubblicani ultraconservatori, quelli per cui le battaglie sociali superano di gran lunga i programmi di risanamento economico.

In questo, come J.D. Vance, è altamente rappresentativo di una nuova generazione in cui il trumpismo della ragione o dell’aderenza non cancella lo sforzo di riflettere sui fondamenti del Grand Ole Party. 

Nato in Arkansas da una famiglia benestante e laureato a Yale e Stanford in legge e storia, Josh Hawley è diventato procuratore generale del Missouri nel 2017 ed è stato eletto senatore dello stesso Stato nel 2018. Non è nuovo a commenti controversi, che gli sono valsi condanne indignate anche al di fuori del campo democratico. Trumpista sfegatato, sembrava addirittura approvare i disordini che hanno portato all’assalto al Campidoglio. Questi pochi elementi basterebbero a caratterizzarlo come una testa calda del Congresso che, come Marjorie Taylor-Green, non si ferma davanti a nulla per portare il dibattito pubblico agli estremi;

Ma il suo ultimo discorso alla 4ª edizione della Conferenza Nazionale del Conservatorismo, il grande rave della destra neo-nazionalista, dimostra qualcosa di molto diverso. Mostra, come raramente prima d’ora, le basi teologiche e politiche della “guerra culturale” che si sta combattendo tra le due Americhe. Mitt Romney, repubblicano moderato, ha riconosciuto in lui uno dei senatori più intelligenti, ma anche uno dei più chiusi al dialogo;

Per Josh Hawley, i principi su cui i Padri fondatori degli Stati Uniti hanno costruito il Paese si basano in ultima analisi sulla dottrina agostiniana delle due città   riscoprire i veri valori degli Stati Uniti significherebbe quindi assumere il cristianesimo messianico come vera religione civile dell’America, e rivendicare un “nazionalismo cristiano ” al suo centro, con un programma in tre punti  Lavoro, Famiglia, Dio. Leggendo, appare chiaro che un simile trittico richiederebbe una rottura radicale con le politiche economiche neoliberiste dell’ultimo mezzo secolo, sia democratiche che repubblicane, e, sullo sfondo, una rottura altrettanto radicale con il liberalismo politico e i diritti delle minoranze, a favore di una visione comunitaria e organicista della nazione.

È sorprendente notare come nelle declinazioni di Josh Hawley del “cristianesimo identitario di fedeltà” si ritrovino molte risonanze con la storia europea dei nazionalismi, e persino soffocati echi della vecchia polemica tra Charles Maurras e Jacques Maritain sul ruolo politico del cristianesimo. L’intervento di Hawley è, insomma, la risposta di un Maurras americano al difensore del Primato dello spirituale.

Stasera voglio parlarvi del futuro, del futuro del movimento conservatore e del futuro del Paese. Naturalmente, ogni futuro è radicato in un passato. Come avrebbe detto Seneca, “ogni nuovo inizio deriva dalla fine di un altro inizio”.

Questo primo riferimento filosofico – ne seguiranno altri – dà subito il tono di un discorso altamente intellettuale. Ciò rende ancora più interessante commentarlo.

Permettetemi di iniziare con l’anno 410 di nostro Signore. L’anno della caduta. È stato l’anno, forse lo ricorderete, in cui la città ritenuta eterna, immutabile, invincibile, la capitale del mondo antico, Roma, si è infine piegata all’invasione dei Visigoti.

Con la caduta di Roma, l’età dell’impero e l’antico mondo pagano finirono in un colpo solo.

Da un lato, la presa di Roma nel 410 da parte dei Visigoti di Alarico non pose fine all'”antico mondo pagano”, poiché l’Impero romano era già ufficialmente cristiano dal 392 (editto dell’imperatore Teodosio) e il cristianesimo era la religione dominante da Costantino, poco meno di un secolo prima. Il sacco di Roma da parte di Alarico fu un evento importante, poiché era la prima volta che Roma veniva presa da 800 anni, ma non segnò la fine dell’Impero Romano d’Occidente, che viene convenzionalmente datato dalla deposizione dell’imperatore Romolo Augustolo nel 476. Nel frattempo, Roma era stata nuovamente presa e saccheggiata nel 455 dai Vandali di Genserico. In generale, attualmente gli storici danno più importanza alle continuità civili del mondo della Tarda Antichità – dal IV al VI secolo, e anche oltre – che alle brusche rotture indotte dalla nozione un po’ fuorviante ” di invasioni barbariche “.

D’altra parte, Josh Hawley sa come far leva sul dramma.

Eppure la fine di Roma segnò un inizio, il nostro inizio, l’inizio dell’Occidente. Infatti, mentre Roma giaceva distrutta e fumante a migliaia di chilometri di distanza, sull’altra sponda del Mar Tirreno, il vescovo cristiano di Ippona, un certo Agostino, prendeva in mano la penna per descrivere una nuova era.

Agostino (354-430), vescovo di Ippona in Nord Africa, uno dei quattro Padri della Chiesa latina e uno dei principali riferimenti intellettuali della cristianità medievale, è rimasto una figura chiave del pensiero cristiano.

Attualmente sembra essere molto di moda tra gli intellettuali conservatori americani, oltre che tra i politici : il senatore J. D. Vance, che Donald Trump ha appena scelto come candidato repubblicano alla vicepresidenza, si è convertito al cattolicesimo dopo aver letto Sant’Agostino, che ha scelto come patrono per la cresima. Josh Hawley è pienamente in linea con questa dinamica.

Per migliaia di anni, la sua visione ha ispirato l’Occidente. Ha contribuito a plasmare il destino di questo Paese. Egli chiamò la sua opera – il suo capolavoro – La Città di Dio. L’ambizione principale di Agostino in questo manoscritto era quella di difendere i cristiani, accusati di aver provocato la caduta di Roma.

In questo caso, Hawley è pienamente in linea con quello che è stato definito “l’augustinisme politique ” (Mons. Arquillière, 1934), che avrebbe costituito il quadro concettuale di fondo della teoria politica medievale, anche se la rilevanza di questa nozione è stata contestata.

Va notato che l’interesse della filosofia politica conservatrice americana per le opere agostiniane non è nuovo: si ritrova tanto in Hannah Arendt quanto in Leo Strauss o Allan Bloom.

Si diceva che la religione cristiana, con le sue nuove virtù come l’umiltà e la servitù, con la sua glorificazione delle cose comuni come il matrimonio e il lavoro, con la sua lode dei poveri di spirito, della gente comune, avesse ammorbidito l’impero e lo avesse reso vulnerabile ai suoi nemici. Ma Agostino sapeva che era vero il contrario; che la religione cristiana era l’unica forza vitale rimasta a Roma quando era crollata.

Agostino vedeva questa religione sorgere dalle rovine del vecchio mondo per forgiare una civiltà nuova e migliore. Quale sarebbe stato il segreto di questo nuovo ordine? Sarebbe stato l’amore. Amore era una parola importante per Agostino: conteneva tutta la sua scienza politica. Ogni persona”, diceva, “è definita da ciò che ama. Ogni società è guidata da ciò che ama “.

Una nazione non è altro che, per citare Agostino, “una moltitudine di creature razionali associate da un comune accordo sulle cose che amano “. Il problema di Roma era che amava le cose sbagliate. E quando i suoi affetti si corruppero, la Repubblica romana cadde in rovina.

Roma iniziò amando la gloria e praticando l’abnegazione. Finì per amare il piacere e praticare ogni forma di autoindulgenza. È così che Roma è diventata marcia nel cuore.

Ma in mezzo alle rovine di Roma, Agostino immaginava una nuova civiltà animata da affetti migliori. Non i vecchi desideri romani di gloria e onore, ma gli amori più forti della Bibbia: l’amore per la moglie e i figli, l’amore per il lavoro, il prossimo e la casa, l’amore per Dio.

Questo paragrafo, come i precedenti, è un riassunto abbastanza fedele dei primi libri de La città di Dio (De civitate Dei), l’opera principale di Agostino, che di fatto intendeva rispondere alle accuse dei pagani, secondo i quali sarebbe stato l’abbandono degli dei tradizionali della città a causare la caduta di Roma nel 410. Agostino contrappone la concupiscenza, l’amore di sé, che è il principio fondante di tutte le città terrene, all’amore di Dio, principio della città celeste. Se l’amore di sé e della gloria è ciò che assicura la nascita e la perpetuazione degli imperi, esso li mina anche surrettiziamente e, in una seconda fase, è la causa della loro rovina. L’amore per Dio e per il prossimo, invece, fa sì che il regno di Dio e la città celeste siano invisibili, indistinguibili nel mondo ma mescolati a tutte le città terrene; la città di Dio fondata sul vero amore è diretta verso la fine dei tempi, quando troverà finalmente la sua piena realizzazione.

Il senatore Josh Hawley parla ai media presso il Campidoglio degli Stati Uniti a Washington, D.C., martedì 14 maggio 2024. Graeme Sloan/Sipa USA

Mentre Agostino affermava che tutte le nazioni sono costituite da ciò che amano, la sua filosofia descriveva in realtà un’idea completamente nuova di nazione, sconosciuta al mondo antico: un nuovo tipo di nazionalismo – un nazionalismo cristiano, organizzato intorno agli ideali cristiani. Un nazionalismo motivato non dalla conquista, ma da un obiettivo comune  unito non dalla paura, ma dall’amore comune  una nazione fatta non per i ricchi o i forti, ma per i ” poveri di spirito “, gli uomini comuni.

Si tratta di uno stravolgimento dell’opera agostiniana: Agostino, che ragionava all’interno di un Impero multietnico e di una Chiesa cattolica per definizione universale, non poteva essere a conoscenza dell’idea di nazione, che è una creazione molto più tarda, e nemmeno dell’ideologia nazionalista – che è ancora più tarda – apparsa solo alla fine del XIX secolo.

Il suo sogno è diventato la nostra realtà.

Mille anni dopo gli scritti di Agostino, circa 20.000 agostiniani praticanti si avventurarono su queste coste per formare una società basata sui suoi principi. La storia li conosce come i Puritani. Ispirati dalla Città di Dio, fondarono la Città sulla collina.

Josh Hawley riattiva qui un mito alla base della vita politica americana di lungo periodo, il messianismo del nuovo popolo eletto: si riferisce ai 20.000 britannici che, durante la Grande Migrazione (1621-1642), si riversarono nelle colonie del New England. Per la maggior parte questi Pilgrim Fathers erano rigorosi protestanti puritani – per questo Hawley li definisce anche ” agostiniani “, nel senso che una visione agostiniana radicalizzata si trova alla base del protestantesimo – e il loro mondo era davvero saturo di riferimenti biblici : nella loro vita, pensavano di rivivere la storia del popolo eletto dell’antico Israele o dei seguaci di Cristo. “The Shining City upon the Hill ” si riferisce quindi alla città di Boston, nella quale i Puritani speravano di fondare una nuova Gerusalemme, una città che avrebbe vissuto secondo lo spirito del Vangelo.

Siamo una nazione forgiata dalla visione di Agostino. Una nazione definita dalla dignità dell’uomo comune, come ci è stata data nella religione cristiana; una nazione unita dagli affetti familiari espressi nella fede cristiana – amore per Dio, per la famiglia, per il prossimo, per la casa e per il Paese.

Qualcuno dirà che sto facendo dell’America una nazione cristiana. È così. E alcuni diranno che sto sostenendo il nazionalismo cristiano. È quello che sto facendo. Esiste un altro tipo di nazionalismo che valga la pena di praticare?

Il nazionalismo di Roma ha portato alla sete di sangue e alla conquista; il vecchio tribalismo pagano ha portato all’odio etnico. Gli imperi orientali hanno schiacciato l’individuo e il sanguinoso nativismo europeo degli ultimi due secoli ha portato alla barbarie e al genocidio;

Nei paragrafi precedenti, Hawley contrappone il “nazionalismo cristiano” aperto e inclusivo – che è una contraddizione in termini, poiché la Chiesa o il messaggio cristiano non fanno distinzione di etnia o cultura – a tutte le altre forme di “nazionalismo”, o anche di organizzazione collettiva della società, che hanno fallito: il vecchio paganesimo degli “dei cittadini” sarebbe incapace di pensare a un vero universalismo e porterebbe inevitabilmente alla conquista e alla sottomissione violenta dei popoli da parte di qualcun altro; gli “imperi orientali” sono un’allusione al comunismo sovietico; il “sanguinario nativismo” dell’Europa è una chiara allusione al razzismo, in particolare al nazismo. E tuttavia si vendica: il “nativismo” in senso stretto è un’ideologia specificamente americana, nata e cresciuta negli Stati Uniti.

Ma il nazionalismo cristiano di Agostino è stato l’orgoglio dell’Occidente. È stato la nostra bussola morale e ci ha fornito i nostri ideali più cari. Pensateci: quei severi puritani, seguaci di Agostino, ci hanno dato un governo limitato, la libertà di coscienza e la sovranità del popolo.

Una nuova scorciatoia storica : Hawley qui confonde i Pilgrim Fathers dei Puritani del XVII secolo con i Padri fondatori della Dichiarazione d’indipendenza americana del XVIII secolo (1776). Tuttavia, questa teleologia non è del tutto irrilevante: la libertà di coscienza divenne gradualmente un valore cardinale nelle tredici colonie americane perché i puritani e i non conformisti vi fuggivano dalle persecuzioni delle confessioni stabilite in Gran Bretagna (anglicanesimo) e altrove in Europa, anche se le loro società fortemente teocratiche non lasciavano spazio al dissenso religioso – tranne che in alcune isole, come il Rhode Island. Allo stesso modo, i principi organizzativi delle comunità congregazionaliste del New England erano molto più democratici di quelli delle società europee dell’epoca.

Grazie alla nostra eredità cristiana, proteggiamo la libertà di ciascuno di praticare il proprio culto secondo coscienza. Grazie alla nostra tradizione cristiana, accogliamo persone di tutte le razze e origini etniche per unirsi a una nazione fatta di amore condiviso.

Josh Hawley combina l’idea della nazione come comunità di destino eletto con l’universalismo del messaggio cristiano, ma trascura anche un’altra fonte della libertà di coscienza, garantita dal Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti: il pensiero dell’Illuminismo e il moderno concetto di tolleranza che ne deriva. Come Jefferson, molti dei “Padri fondatori” degli Stati Uniti erano deisti piuttosto che credenti nella Rivelazione cristiana.

Il nazionalismo cristiano non è una minaccia per la democrazia americana. Ha fondato la democrazia americana, la migliore forma di democrazia mai concepita dall’uomo: la più giusta, la più libera, la più umana e la più lodevole.

È giunto il momento di riscoprire i principi della nostra tradizione politica cristiana, per il bene del nostro futuro. Questo vale sia che siate cristiani o meno, sia che abbiate un’altra fede o nessuna. La tradizione politica cristiana è la nostra tradizione, è la tradizione americana, è la più grande fonte di energia e di idee della nostra politica, e lo è sempre stata. Questa tradizione ha ispirato conservatori e liberali, riformatori e attivisti, moralisti e sindacalisti nel corso della nostra storia. Oggi abbiamo di nuovo bisogno di questa grande tradizione.

In questo paragrafo, Josh Hawley delinea una fedeltà identitaria al cristianesimo come tradizione politica propria degli Stati Uniti; sottolinea che tale fedeltà non richiede l’adesione personale a una confessione cristiana, che rimane una questione privata garantita dalla libertà di coscienza, ma che non ci si può definire americani senza riconoscere il posto degli Stati Uniti nella tradizione cristiana. Questa idea non è dissimile dal ruolo che Charles Maurras attribuisce al cattolicesimo nella storia della Francia.

L’amore comune che sostiene questa nazione si sta sgretolando. E nel processo, la nazione stessa rischia di crollare.

Conoscete la litania dei nostri mali quanto me; sapete leggere i segni dei tempi.

Le nostre strade sono insicure, anche perché il nostro confine è completamente aperto. Milioni di immigrati clandestini si riversano nel nostro Paese, senza alcun interesse per il nostro patrimonio comune e senza alcun impegno per i nostri ideali condivisi.

Ci sono troppo pochi posti di lavoro stabili e di qualità. La nostra economia è entrata in una nuova, decadente età dell’oro, in cui i posti di lavoro della classe operaia stanno scomparendo, i salari dei lavoratori si stanno erodendo, le famiglie dei lavoratori e i quartieri si stanno disintegrando, mentre i membri della classe superiore vivono una vita claustrale dietro cancelli e sicurezza privata e i padroni dell’economia di libero mercato rastrellano milioni di dollari in salari.

Siamo tornati a un discorso politico molto più convenzionale e a un elenco poco originale di problemi individuati dalla destra americana: immigrazione massiccia, insicurezza, impoverimento, ecc.

Nel frattempo, la religione viene espulsa dalla pubblica piazza. E i fanatici siedono nei campus cantando “Morte a Israele! – proprio perché disprezzano la tradizione biblica che lega la nazione di Israele alla nostra Repubblica americana.

Il messianismo del ” nuovo popolo eletto ” viene riproposto, questa volta al servizio di un tema caro alla destra evangelica : la difesa dell’alleanza con lo Stato di Israele per ragioni politico-religiose di sostegno al progetto sionista, che si dice essere manifestazione della volontà divina e dell’avvicinarsi della fine dei tempi.

Al centro di ognuna di queste tendenze, e al centro del caos e della divisione, c’è un attacco all’amore che condividiamo, agli affetti che ci derivano dalla nostra eredità cristiana.

Dio, il lavoro, il prossimo, la casa. I grandi affetti dell’Occidente. Si stanno disintegrando sotto i nostri occhi.

Perché? Non è una coincidenza. La sinistra moderna vuole distruggere le cose che amiamo in comune e sostituirle con altre, distruggere i nostri legami comuni e sostituirli con un’altra fede, dissolvere la nazione come la conosciamo e rifarla a sua immagine e somiglianza. Questo è il suo progetto da oltre cinquant’anni.

Eppure è la destra che in questo momento sta fallendo in questo Paese. Conosciamo il programma della sinistra. Ci aspettiamo questa minaccia. E sono i conservatori che dovrebbero difendere questa nazione, difendere ciò che ci rende una nazione. E invece? In questo momento di crisi, sono troppo impegnati ad alimentare le braci morenti del neoliberismo, con gli occhi puntati sulle loro copie di John Stuart Mill e Ayn Rand. Stanno ancora discutendo del fusionismo e del suo trittico.

Per i conservatori americani, il ” fusionismo ” è la dottrina che intende coniugare il filone sociale e quello tradizionalista del conservatorismo. È stata teorizzata in particolare sulle pagine della National Review negli anni Cinquanta dal filosofo Frank Meyer (1909-1972). Il ” tryptic ” a cui Hawley allude è il difficile connubio tra libertarismo, conservatorismo sociale e un atteggiamento da ” falco ” (hawkish) in politica estera. Ciò che chiede è infatti il superamento di questo vecchio trilemma da parte del nazionalismo cristiano.

Per i conservatori, questo non è più sufficiente.

In questo momento di caos e di crisi, l’unica speranza per i conservatori – e per la nazione – è quella di ricollegarsi alla tradizione cristiana su cui questa nazione sopravvive. La nostra unica speranza è rinnovare ciò che amiamo in comune.

Josh Hawley partecipa a un’udienza della Commissione giudiziaria del Senato degli Stati Uniti sul diritto di voto a Capitol Hill a Washington, D.C., U.S.A., 20 aprile 2021 © Evelyn Hockstein / Pool via CNP

Oggi non abbiamo bisogno dell’ideologia di Rand, Mill o Milton Friedman. Abbiamo bisogno della visione di Agostino.

Josh Hawley offre una critica a tutto campo delle politiche perseguite dal partito repubblicano a partire da Ronald Reagan e dalla “svolta neoliberista” degli anni Ottanta: Per Hawley, l’economicismo di cui questi ultimi sarebbero testimoni deriva in buona sostanza dalle filosofie utilitaristiche, di cui John Stuart Mill (1806-1873) è uno dei padri fondatori e Ayn Rand (1905-1982) una versione popolarizzata e radicalizzata, ma anche molto antireligiosa. Anche Milton Friedman (1912-2006), il principale esponente del neoliberismo nella teoria economica, è stato liquidato. La critica di Josh Hawley è molto vicina al movimento paleoconservatore, che subordina il liberismo economico alla difesa dei valori tradizionali della famiglia in una società organica.

Per il futuro, per salvare questo Paese, questa deve essere la nostra missione: difendere l’amore che lega il nostro Paese, che ci rende un Paese – difendere il lavoro dell’uomo comune, la sua casa e la sua religione.

Temo che i miei colleghi repubblicani siano vittime di un malinteso;

La strategia della sinistra, il suo obiettivo principale, non è semplicemente quello di rallentare la nostra economia attraverso la regolamentazione. Non si tratta nemmeno di aumentare il peso del governo: la concentrazione del potere è solo una piccola parte del loro programma.

Sono i “conservatori fiscali” e poi i libertari a essere presi di mira: per Hawley, la crescita dello Stato federale non è il pericolo principale, ma piuttosto uno degli effetti deleteri del programma della sinistra.

L’obiettivo primario della sinistra è attaccare la nostra unità spirituale e le cose che amiamo in comune. Vuole distruggere gli affetti che ci legano e sostituirli con una serie di ideali completamente diversi.

La sinistra sta predicando il proprio vangelo: un credo di intersezionalità che implica la liberazione dalla tradizione, dalla famiglia, dal sesso biologico e, naturalmente, da Dio. Vede la fede dei nostri padri come un ostacolo da abbattere e la nostra comune eredità morale come un motivo di pentimento.

Hawley sa che un potente tema di mobilitazione è l’attacco a quello che egli identifica come un progetto nascosto della sinistra, che risiederebbe nelle cosiddette lotte sociali ” woke “. – tenendo conto dei non-pensieri coloniali e del “razzismo strutturale”, dell’intersezionalità delle lotte, delle politiche di genere, ecc. Per lui, è questa la minaccia fondamentale, che identifica con il rifiuto globale dell’eredità e quindi con la dissoluzione della nazione, anche se l’unità di queste diverse istanze “wokes ” non sembra ovvia.

Come è stato sottolineato, si potrebbe obiettare che queste manifestazioni sono forse meno intrinsecamente antireligiose di quanto non siano esse stesse eredi dei vari revival pietisti della storia americana, se non altro alla maniera delle ” idee cristiane impazzite ” (G. K. Chesterton)  non sono meno prodotto della storia americana della sua proposta di ” nazionalismo cristiano “. K. Chesterton)  sono un prodotto della storia americana non meno della sua proposta di “nazionalismo cristiano” .

Invece del Natale, vogliono un “Mese dell’Orgoglio”. Invece della preghiera nelle scuole, adorano la bandiera trans. Diversità, equità e inclusione sono le loro parole d’ordine, la loro nuova santa trinità.

Hawley gioca la carta della “guerra culturale” tra una sinistra “woke” e una destra ultraconservatrice, attraverso la sua critica ai diritti LGBT e ai dipartimenti DEI (Diversity, Equity, Inclusion) nelle amministrazioni – ancora una volta un nuovo cavallo di battaglia della destra.

E si aspettano che la loro predicazione venga rispettata. Possono parlare di tolleranza, ma sono fondamentalisti. Chi si oppone viene etichettato come “deplorevole”. Coloro che contestano sono descritti come minacce alla democrazia.

Claire allude alle parole di Hillary Clinton durante la campagna elettorale del 2016, molto note e stigmatizzate come segni di disprezzo di classe.

Ecco perché oggi i progressisti hanno così poca pazienza con i lavoratori, troppo legati alle vecchie abitudini, alla vecchia fede in Dio, nella famiglia, nel Paese e nella nazione.

Questa è la vera teoria della Grande Sostituzione della sinistra, il suo vero programma: sostituire gli ideali cristiani su cui è stata fondata la nostra nazione e mettere a tacere gli americani che ancora osano difenderli.

Allusione questa volta alla teoria della Grande Sostituzione di Renaud Camus, importata oltreoceano dall’ultradestra; per Hawley, tuttavia, il “pericolo migratorio” sembra secondario rispetto alla questione dei valori.

Purtroppo, il Partito Repubblicano degli ultimi 30 anni non è stato in grado di resistere a questo assalto. Invece di difendere gli affetti che ci uniscono, i repubblicani di Bush-Romney hanno difeso l’economia libertaria e gli interessi corporativi. La loro fede nel fusionismo è diventata un mantra: prima i soldi, poi le persone.

In nome del “mercato”, questi repubblicani hanno esultato per gli sgravi fiscali alle imprese e per l’abbassamento delle barriere commerciali, per poi assistere alla delocalizzazione di posti di lavoro americani all’estero e all’utilizzo dei profitti per assumere esperti della DEI.

In nome del capitalismo, questi repubblicani hanno cantato le lodi dell’integrazione globale mentre Wall Street scommetteva contro l’industria americana e comprava case individuali, in modo che, una volta che le banche avevano tolto il lavoro all’operaio, quest’ultimo non poteva più permettersi di comprare una casa per la sua famiglia. Poi Wall Street ha fatto crollare l’economia mondiale – ripetutamente – e il mercato immobiliare, e quegli stessi repubblicani hanno continuato a fare gli spocchiosi. E a sovvenzionare.

Era tutto troppo grande per fallire.

Questi repubblicani hanno dimenticato che l’economia riguarda innanzitutto le persone e ciò che amano. Si tratta di provvedere alla famiglia. Si tratta di indipendenza personale. Si tratta di avere una casa e un lavoro che vi rendano orgogliosi.

Si potrebbe dire che il libero mercato è utile solo nella misura in cui sostiene le cose che amiamo insieme. Altrimenti è solo un freddo profitto.

Qui, e nei paragrafi precedenti, vediamo un nuovo verso antieconomicista: Hawley si pone molto abilmente dalla parte della ” gente comune “, a livello umano, e critica il neoliberismo e il ” wokismo ” in nome dei valori cristiani, in un discorso morale che risuona quasi con armonici di sinistra.

In un certo senso, i repubblicani si sono innamorati del profitto fine a se stesso. E sembrano quasi imbarazzati dal fatto che i loro elettori più impegnati e affidabili siano persone di fede.

Siamo onesti. Nel trittico fusionista – conservatori religiosi, libertari e falchi della sicurezza nazionale – sono sempre i religiosi ad aver portato i voti. Ed è la nostra tradizione religiosa condivisa che ha trasmesso le idee più convincenti del conservatorismo – governo costituzionale, libertà individuale o diritti dei lavoratori.

Anche in questo caso, la preferenza per i tradizionali “conservatori religiosi” è chiaramente espressa, in quanto sono visti come i beniamini di una farsa elettorale che avvantaggerebbe solo le altre due componenti dei repubblicani, i “libertari” e i “neo-conservatori”. La retorica populista di Hawley mette la base elettorale del Partito Repubblicano contro i suoi leader, alla maniera di Trump.

Ancora oggi, gli americani che frequentano la chiesa, sono sposati e allevano figli – siano essi bianchi, ispanici, asiatici o di altro tipo – sono la spina dorsale del Partito Repubblicano. Se i Repubblicani hanno un futuro, è grazie a loro.

Una chiara indicazione che il “nazionalismo cristiano” di Hawley non è né razzismo né nativismo, anche se l’assenza di qualsiasi riferimento a neri o indiani può sorprendere – un ritorno del represso?

E sono proprio queste persone che il partito dà più spesso per scontate e che serve meno bene.

Bisogna riconoscere alla sinistra che almeno sa che sono le persone a fare la politica e premia il suo elettorato: basti pensare alla bandiera transgender su ogni edificio federale e ai fondi federali destinati ai progetti sul cambiamento climatico.

Ma che dire dei repubblicani? Stanno dando ai loro elettori la scelta di Hobson, cioè un’alternativa che non è un’alternativa. In sostanza, i cittadini possono scegliere tra il globalismo ad alta tassazione e alta regolamentazione della sinistra e il globalismo a bassa tassazione e bassa regolamentazione della destra. Una scelta tra il liberismo sociale aggressivo della sinistra e il liberismo sociale accomodante della destra.

Qui troviamo una costante nel discorso ultraconservatore: la sinistra è in grado di affermare i propri valori, mentre la destra è sempre ” vergognata “, complessata dai propri.

E poi i repubblicani si chiedono perché sono riusciti a vincere il voto popolare solo due volte nelle ultime nove elezioni presidenziali.

Hanno bisogno di un’ancora. Hanno bisogno di un futuro da offrire al nostro Paese. E per i conservatori che vogliono salvare questa Repubblica, c’è solo un posto dove stare e una visione da proporre: la tradizione cristiana del nazionalismo che ci unisce.

Lavoro, famiglia e Dio. Sono queste le tre forme di amore che definiscono l’America. E sono questi ideali che il Partito Repubblicano deve ora difendere.

Un lettore europeo potrebbe vederlo come una fusione del motto di Vichy ” Lavoro, Famiglia, Patria ” e del motto nazional-cattolico ” Dio, Famiglia, Patria “, recentemente adottato da Giorgia Meloni o Jair Bolsonaro. Ma non è chiaro se Josh Hawley abbia in mente tutti questi riferimenti.

I repubblicani possono iniziare a difendere il lavoro dell’uomo comune. Nella scelta tra lavoro e capitale, tra denaro e persone, è ora che i repubblicani tornino alle loro radici cristiane e nazionaliste e comincino a mettere al primo posto l’uomo che lavora.

Il Partito Repubblicano degli anni Novanta ha fatto tutto il possibile per favorire le classi più abbienti. Adattando le politiche pubbliche a loro vantaggio. Riducendo il codice fiscale. Elogiando il loro atteggiamento. Pensate a tutta la retorica sui tagli alle tasse delle imprese. Pensate a tutta la retorica sull’allocazione efficiente delle risorse. Tutto ciò ha significato in realtà maggiori profitti per Wall Street.

Nel frattempo, i lavoratori erano abbandonati a se stessi: le loro fabbriche chiudevano, i loro salari ristagnavano, i loro mutui aumentavano e il valore delle loro case crollava. Dovevano spiegare ai loro figli perché avevano dovuto lasciare la casa in cui erano cresciuti, perché non potevano più andare dal medico mentre i loro padri cercavano di trovare lavoro.

A tutto questo, i repubblicani hanno risposto che era nella natura delle cose.

Vorrei solo far notare che questa non è la tradizione nazionalista e cristiana di questo Paese.

È stato Abraham Lincoln ad esprimerla meglio quando ha detto che “il capitale non è che il frutto del lavoro, che è superiore al capitale e merita maggiore considerazione “.

In questo paragrafo e nei precedenti ricorre la stessa tendenza sociale: anteporre le persone al denaro, le vite al profitto e, in breve, il lavoro al capitale. Questo discorso attinge a diverse fonti: in primo luogo, una tradizione di cristianesimo sociale, alimentata dalla dottrina sociale della Chiesa, che garantisce protezione ai lavoratori e rifiuta la ricerca sfrenata del profitto; ma anche una tradizione propriamente di estrema destra, più corporativa, che pretende di difendere i diritti dei lavoratori contro la finanza anonima e gli ambienti imprenditoriali, ecc. Quest’ultima tradizione può avere sfumature antisemite.

Theodore Roosevelt si fece portavoce di questa stessa tradizione quando disse: “Sono per gli affari, sì. Ma sono prima di tutto per l’uomo – e per gli affari come sostituto dell’uomo”.

Si noti che Josh Hawley ha scritto una biografia di Theodore Roosevelt quando studiava legge a Yale.

Questo è lo spirito giusto.

Il Partito Repubblicano di domani, un partito che sarà in grado di unire la nazione, deve mettere le persone prima dei soldi. E il modo per farlo è mettere al primo posto gli interessi dei lavoratori.

La più grande sfida economica del nostro tempo non è il debito, il deficit o il valore del dollaro: è il numero impressionante di uomini abili che non hanno un lavoro di qualità.

Per dare loro un lavoro, dobbiamo cambiare politica.

Stiamo per avere un grande dibattito sull’estensione degli sgravi fiscali. Forse dovremmo iniziare con questa domanda: perché il lavoro dovrebbe essere tassato più del capitale? Non dovrebbe esserlo. Perché le famiglie dovrebbero avere meno sgravi fiscali delle imprese? Le famiglie dovrebbero essere sempre al primo posto.

Sono secoli che non sentiamo la parola “usura”. Eppure ha occupato molti pensatori cristiani nel corso degli anni – e dovrebbe occupare ancora noi. Non c’è alcun motivo per cui le società di carte di credito o le banche che le sostengono debbano essere autorizzate ad addebitare ai lavoratori interessi del 30-40%. Nessun profitto al mondo può giustificare questo tipo di estorsione. Nessuna somma di denaro può giustificare il fatto di trarre profitto dalla sofferenza altrui. I tassi di interesse delle carte di credito dovrebbero essere limitati per legge.

Josh Hawley riprende le antiche condanne cristiane dell’usura, ad esempio nel Medioevo da parte di scolastici come Tommaso d’Aquino. Egli rifiuta i tassi di interesse usurari che priverebbero i lavoratori dei loro mezzi di sostentamento. In questo è vicino alle idee di René de La Tour du Pin (1834-1924), che fece da ponte tra il cattolicesimo sociale e il maurrasimo.

È ora che i repubblicani sostengano i sindacati dei lavoratori. Non parlo di sindacati governativi o del settore pubblico, ma di sindacati che si battono per i lavoratori e le loro famiglie.

Ho partecipato ai picchetti dei Teamsters. Ho votato per aiutarli a sindacalizzare presso Amazon. Ho sostenuto lo sciopero dei ferrovieri e quello dei lavoratori dell’auto. E ne sono orgoglioso.

Se volete cambiare le priorità delle aziende americane, rendetele di nuovo responsabili nei confronti dei lavoratori americani. Ridate il potere ai lavoratori e cambierete le priorità del capitale”.

Quest’ultima ingiunzione definisce il quadro del pensiero socio-economico di Hawley – non a favore dell’anticapitalismo, ma di una più equa distribuzione dei frutti del capitalismo – che può essere paragonato alle idee corporativistiche o a quelle che promuovono la partecipazione dei lavoratori e la condivisione dei profitti nelle loro aziende.

Forse uno dei motivi per cui i repubblicani non hanno messo al primo posto il lavoratore negli ultimi anni è che non hanno voluto mettere al primo posto la famiglia del lavoratore.

Il senatore Josh Hawley ride mentre parla ai media al Campidoglio degli Stati Uniti a Washington, martedì 6 dicembre 2022. Graeme Sloan/Sipa USA

Il partito di una nazione cristiana deve difendere la famiglia.

Questo ci porta alla seconda parte del trittico, il discorso familista: la famiglia, “unità di base della società”, dovrebbe anche proteggere dalla decadenza delle società moderne.

Il discorso di Hawley, innegabilmente conservatore, diventa qui decisamente sociale, molto incentrato sulle difficoltà materiali degli americani medi nel creare una famiglia, e pone meno enfasi su temi strettamente pro-life. Va notato che sembra riprendere l’antifona del salario familiare – sull’esempio dei progetti dello Stato francese di Vichy – che implica l’idea che le donne debbano rimanere a casa, anche se ciò non viene esplicitamente dichiarato. Hawley sembra inoltre mettere in relazione il lavoro femminile con una relativa diminuzione del reddito familiare.

È vero che i repubblicani hanno parlato della famiglia. Non hanno mai smesso di parlarne. Ma i repubblicani come Bush raramente si sono fermati un attimo a chiedersi perché così pochi dei loro compatrioti mettono su famiglia. Le persone felici e speranzose hanno figli. Ma sempre meno americani li hanno. Perché? Forse perché l’economia difesa dai repubblicani – l’economia globalista e corporativa che hanno contribuito a creare – è negativa per la famiglia?

Un tempo un lavoratore poteva provvedere alla propria famiglia – moglie e figli – lavorando con le proprie mani. Quei tempi sono ormai lontani. Oggi gli americani si affannano in lavori senza prospettive, lavorando per le multinazionali e pagando cifre esorbitanti per l’alloggio e l’assistenza sanitaria.

Non hanno una famiglia perché non possono permettersela.

Non c’è da stupirsi che siano ansiosi. Non c’è da stupirsi che siano depressi.

Peggio ancora: chi ha figli non può permettersi di stare a casa con loro. Oggi due genitori devono lavorare per guadagnare la stessa cifra, con lo stesso potere d’acquisto che 50 anni fa garantiva un solo stipendio. Gli asili nido pubblici plasmano la visione del mondo dei nostri figli. Gli schermi insegnano ai nostri figli a stimarsi o a svalutarsi. I media e l’industria pubblicitaria informano il loro senso del bene e del male.

Volete mettere la famiglia al primo posto? Rendere facile l’avere figli. E rimettere mamma e papà a casa. Fate in modo che la politica di questo Paese sia una politica di salario familiare per i lavoratori americani – un salario che permetta a un uomo di mantenere la propria famiglia e a una coppia sposata di crescere i propri figli come meglio credono.

Perché la vera misura della forza americana è la prosperità della casa e della famiglia.

I conservatori devono difendere la religione dell’uomo comune.

Tra tutti gli affetti che legano una società, nessuno è più potente dell’affetto religioso: una visione condivisa della verità trascendente.

Quando le nostre teste pensanti si degnano di riconoscere la religione, di solito insistono sul fatto che è la libertà religiosa a unire gli americani. A rigore, questo non è vero. La religione unisce gli americani – e questo è il motivo principale per cui la libertà di praticarla è così importante.

Nell’ultima sezione del trittico, dedicata ai valori religiosi, Hawley compie un sottile spostamento: dalla “libertà religiosa” sancita dalla Costituzione americana, e di fatto un valore cardinale negli Stati Uniti, alla celebrazione della “religione” – che non viene definita, anche se è sottinteso il solo cristianesimo – come principio effettivo della vita comunitaria. Ora, se la libertà religiosa è effettivamente la libertà di praticare la propria religione, essa implica anche la libertà di cambiare religione o di non averne una, un punto che Hawley qui omette consapevolmente.

Ogni grande civiltà conosciuta dall’uomo è nata da una grande religione. La nostra non è diversa. Sebbene per decenni gli opinionisti abbiano detto agli americani che la religione li divideva, distruggeva la pace civile, li spingeva fuori dai loro confini, la maggior parte degli americani condivide ampie e fondamentali convinzioni religiose : teistiche, bibliche, cristiane.

Anche in questo caso, passiamo da giudizi di fatto a giudizi di diritto : infatti, la società americana – oggi e a maggior ragione ai tempi dei Padri fondatori – non è una società laica, e Dio è onnipresente nel discorso pubblico. Da questa implicita impregnazione del quadro di riferimento cristiano, sembra che Hawley voglia passare a una sorta di quadro normativo, che è proprio ciò che i Padri fondatori si sono preoccupati di escludere, perché sapevano che le questioni confessionali avrebbero potuto effettivamente dividerli. Tutti i riferimenti religiosi e “pubblici” che Hawley adduce sono corretti – ma non affermano tanto norme quanto descrivono le convinzioni dei loro autori.

La nostra fede nazionale è sancita dalla Dichiarazione di Indipendenza: “Tutti gli uomini sono creati uguali, dotati dal loro Creatore di alcuni diritti inalienabili “.

La nostra fede nazionale è scritta sulla nostra moneta: “In God We Trust”. Il Presidente Eisenhower ha riassunto bene il concetto quando nel 1954 ha detto di questo motto: “Questa è la terra dei liberi – e la terra che vive in soggezione della misericordia dell’Onnipotente su di noi”.

Il consenso delle élite sulla religione è completamente sbagliato. La religione è uno dei grandi fattori unificanti della vita americana, uno dei nostri grandi affetti comuni. I lavoratori credono in Dio, leggono la Bibbia, vanno in chiesa – alcuni spesso, altri no. Ma tutti si considerano membri di una nazione cristiana. E comprendono questa verità fondamentale: i loro diritti vengono da Dio, non dal governo.

Hawley si inserisce chiaramente nella tradizione del giusnaturalismo, che negli Stati Uniti è molto viva e vegeta; anche in questo caso, dà valore normativo a uno stato di cose della società americana, che è molto più religiosa di quella francese, per esempio.

Gli sforzi compiuti negli ultimi settant’anni per eliminare tutte le vestigia dell’osservanza religiosa dalla nostra vita pubblica sono esattamente l’opposto di ciò di cui la nazione ha bisogno. Abbiamo bisogno di più religione civile, non di meno. Abbiamo bisogno di un riconoscimento aperto dell’eredità religiosa e della fede che unisce gli americani.

Per Hawley, un cristianesimo non confessionale potrebbe svolgere il ruolo di “religione civile” negli Stati Uniti. Ma a parte il fatto che in un certo senso è già così – soprattutto rispetto al secolarismo di stampo francese ” – si potrebbe obiettare che questa è una singolare restrizione della portata e del valore del cristianesimo – anche in questo caso, l’analogia con il ruolo assegnato al cattolicesimo da Maurras è preoccupante.

La campagna per cancellare la religione americana dalla pubblica piazza non è altro che la continuazione della lotta di classe con altri mezzi: l’élite contro l’uomo della strada, la classe atea dei ricchi contro i lavoratori americani. E non si tratta di eliminare la religione, ma di sostituire una religione con un’altra.

A questo punto il discorso assume toni complottistici, nel senso che il declino religioso osservato negli ultimi decenni negli Stati Uniti non è tanto il risultato di un presunto disprezzo per la religione da parte delle ” élite “, con effetti sociali tutto sommato limitati, quanto un fenomeno di secolarizzazione specifico di molte altre società.

Questa radicalizzazione dell’opposizione è evidente anche quando la “religione delle élite ” viene equiparata a una “religione LGBT ” che sostituirebbe quella vecchia.

Ogni nazione ha una religione civile. Per ogni nazione esiste un’unità spirituale. La sinistra vuole una religione: la religione della bandiera del Pride. Noi vogliamo la religione della Bibbia.

Ho quindi un suggerimento da dare: rimuovere le bandiere trans dai nostri edifici pubblici e iscrivere invece su ogni edificio di proprietà o gestito dal governo federale il nostro motto nazionale: “In God We Trust “.

I simboli sono importanti.

La maggior parte degli americani, la maggior parte degli americani che lavorano duramente, prova un senso di solidarietà con la fede cristiana. Credono che Dio abbia benedetto l’America; credono che Dio abbia un piano per l’America – e vogliono farne parte. È questa convinzione che dà loro la sensazione che, come scrisse Burke, la nazione sia un “legame tra coloro che vivono, coloro che sono morti e coloro che nasceranno”.

La filosofia di Edmund Burke (1729-1797), altro grande punto di riferimento per il pensiero conservatore, si interroga sulla nazione e sul suo necessario rapporto con la trascendenza come comunità di destino, rompendo con l’illusione del contrattualismo immediato e dell’autoistituzione della società. In questo senso, la comunità politica deve necessariamente fare spazio alla religione come tradizione. È qui che la visione di Hawley, quando si ricollega ai fondamenti del conservatorismo classico, si dimostra più articolata e abile.

Decenni di sentenze sbagliate e di propaganda delle élite non hanno cancellato le convinzioni religiose degli americani. Non ancora. E questo è uno dei motivi principali per cui abbiamo ancora una nazione. I conservatori devono difendere la nostra religione nazionale e il suo ruolo nella nostra vita nazionale. Devono difendere il più fondamentale e antico dei legami morali – per dirla con Macaulay, “le ceneri dei [nostri] padri e i templi del [nostro] Dio “.

Il riferimento a Macaulay (1800-1859) è tanto più fine nel discorso di Hawley in quanto il filosofo utilitarista viene qui usato controcorrente, per difendere una forma di valore trascendente.

Lavoro, casa, Dio. Sono le cose che amiamo insieme. Sono le cose che sostengono la nostra vita insieme. Ci rendono una nazione e sono il fondamento della nostra unità.

Ecco cosa significa nazionalismo cristiano, nel senso più vero e profondo del termine. Non tutti i cittadini americani sono cristiani, naturalmente, e non lo saranno mai. Ma ogni cittadino è erede delle libertà, della giustizia e dello scopo comune che la nostra tradizione biblica e cristiana ci offre.

In questa assimilazione di valori nazionali e cristiani, di tradizioni democratiche e agostiniane, troviamo un’immagine speculare, in stile americano, del vivace dibattito degli anni Duemila sulle ” radici cristiane dell’Europa ” e sulla loro possibile inclusione nel preambolo della ” Costituzione europea “.

Josh Hawley parla durante le audizioni della Commissione giudiziaria del Senato per la nomina del giudice Kentanji Brown Jackson alla Corte Suprema, a Capitol Hill a Washington, martedì 22 marzo 2022. Graeme Sloan/Sipa USA

Questa tradizione è il motivo per cui crediamo nella libertà di espressione. È per questo che crediamo nella libertà di coscienza. È anche per questo che deploriamo il virulento antisemitismo che si manifesta nelle nostre istituzioni d’élite e nei nostri campus.

Il concetto innominato ma sotteso di “civiltà giudeo-cristiana” serve ad affermare l’idea dell’alleanza con il popolo ebraico – e quindi dell’alleanza americano-israeliana – e illustra anche l’idea di un’identità cristiana intrinsecamente aperta, poiché lascia spazio nella sua narrazione a un’altra comunità. Come terzo “grande monoteismo”, l’Islam, rispetto agli altri due, è un grande sconosciuto in questo testo. È forse per configurarlo come un implicito avversario dei valori nazionali?

Infine, noto che alcuni di coloro che si definiscono “nazionalisti cristiani” offrono un tono diverso, un sermone di disperazione. Le loro parole fanno presagire la fine dei tempi. Tutto sarebbe perduto, ci dicono. L’America non potrebbe essere salvata – o non varrebbe la pena di salvarla.

Chi viene preso di mira qui ? Forse il complottismo apocalittico di Mons. Viganò; forse anche il comunitarismo radicale di Rod Dreher, l’autore di L’opzione Benedetto, che sostiene una netta separazione tra le piccole comunità cristiane e la maggioranza della società abbandonata al male. Questo rappresenterebbe una rottura con i principi dell’agostinismo politico.

E da questo luogo di paura, raccomandano politiche spaventose: una chiesa istituita, l’etnocentrismo – un “franco-protestante ” per governarci. Che stupidità!

Anche in questo caso, Josh Hawley prende le distanze dai nazionalisti più estremi, rifiutando ogni razzismo e ogni idea di “religione di Stato”, il che dimostra che, nonostante il suo conservatorismo radicale, potrebbe, in una certa misura, essere inserito nella tradizione liberale americana, in senso originalista.

Non è la nostra tradizione. Non è ciò in cui crediamo. Non lasciamoci controllare dalla paura. Non torniamo al nazionalismo etnico del vecchio mondo o all’ideologia autoritaria del sangue e del suolo. Non è questo che ci ha lasciato l’eredità cristiana. In questo Paese, difendiamo la libertà di tutti. In questa nazione, pratichiamo l’autonomia del popolo.

Torniamo invece a ciò che ci unisce, in comunione. La dignità del lavoro. La santità della casa. L’amore per la famiglia e per Dio.

Questa è la nostra civiltà. Questa è l’America.

In conclusione, Josh Hawley torna all'”amore”, inteso nel suo senso più immediato – e quindi in grado di parlare agli elettori comuni -: l’amore per i propri cari, per il proprio lavoro, per la propria bandiera, come fondamento di ogni comunità politica. Questo filone agostiniano sottolinea quanto sia stato meditato e articolato questo vero e proprio corso di filosofia politica. Se venisse attuato – il che, in un certo senso, è una sfida, a causa della vaghezza dei suoi aspetti pratici – il programma di civiltà che Josh Hawley delinea significherebbe comunque una rottura con le pratiche politiche dei repubblicani per decenni.

Le cose che amiamo in comune e su cui è stata fondata la nostra nazione non sono venute meno. Sono avvincenti oggi come lo erano quando Agostino le descrisse per la prima volta. Sono vivi oggi come lo erano quando i primi puritani sbarcarono su queste coste.

Dobbiamo solo impegnarci a difenderli, a rafforzarli e a riaccendere la nostra devozione nei loro confronti;

Quando lo faremo, salveremo la nazione.

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI COPRONO UNA PARTE DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

Cina : Xi  sta recuperando terreno? La strategia del terzo plenum in 10 punti_di Neil Thomas, Jing Qian

Da lunedì in Cina, dietro spesse mura e porte chiuse, il massimo organo del Partito preparerà una decisione.

Cosa aspettarsi dalla ventesima edizione del ” terzo plenum ” del Partito comunista cinese ? Perché è interessante per gli investitori? Che cosa ha in mente Xi Jinping? In 10 punti, gli esperti del Centro di analisi cinese di Asia Society ci aiutano a decodificare la ricchezza di segnali deboli che provengono da un incontro mitico.

Iscriviti per scaricare questo articolo in formato PDF

Sottoscrizione

PUNTI CHIAVE
  • Il 27 giugno, durante una riunione del Politburo, Xi Jinping ha annunciato che il Terzo Plenum del 20° Comitato centrale del Partito si sarebbe tenuto a Pechino dal 15 al 18 luglio1.
  • Sebbene il Terzo Plenum sia una riunione molto attesa dal 1978, la sua importanza non dovrebbe essere sopravvalutata.
  • I segnali provenienti da Pechino suggeriscono che questa riunione si concentrerà sugli obiettivi precedentemente dichiarati da Xi: autonomia tecnologica e gestione del rischio finanziario – tra gli altri.
  • La decisione (” jueding “) che emergerà da questo terzo plenum sarà particolarmente esaminata dagli investitori  in base ai termini di questa riunione, Pechino potrebbe infatti allentare le condizioni imposte al settore privato e agli investimenti stranieri nel settore dell’alta tecnologia.
  • Infine, si prevede che questo terzo plenum darà luogo a movimenti di personale all’interno del Comitato Centrale.

CHE COS’È UN ” TERZO PLENUM ” ? 

Un plenum è una riunione plenaria del Comitato centrale del Partito comunista cinese, la massima autorità del Partito, che conta 205 membri eletti per cinque anni e 171 sostituti senza diritto di voto;

Durante questi cinque anni, ogni Comitato si riunisce sette volte in plenaria – una plenaria “tematica” all’anno, con la prima plenaria corrispondente all’insediamento della nuova leadership del Partito e l’ultima al Congresso del Partito, che si svolge ogni cinque anni. L’attuale Comitato è il 20° nella storia del Partito Comunista Cinese e la riunione convocata da Xi dal 15 al 18 luglio è la terza del Comitato. Si tratta quindi del 20° ” terzo plenum ” (si veda la tabella infra che elenca i vari plenum per tema dal 1992).

Secondo la tradizione, questo plenum avrebbe dovuto riunirsi alla fine del 2023, ma è stato ritardato a causa delle indagini disciplinari menzionate e dell’incertezza su come rispondere a una ripresa post-Covida più debole del previsto. È inoltre raro che i plenum si tengano in estate, l’ultimo risale al luglio 1989. Tuttavia, lo statuto del partito stabilisce solo che il segretario generale deve convocare almeno un plenum all’anno – un requisito che Xi ha sempre rispettato – e non dice nulla su quando debba svolgersi.

Questa riunione è importante sotto diversi aspetti. Il Comitato centrale emetterà un’autorevole “decisione” (jueding) che guiderà il processo politico per gli anni a venire. In un momento in cui emergono preoccupazioni – sia in patria che all’estero – sulla capacità del Partito di gestire lo sviluppo economico, geopolitico e sociale della Cina, questo documento si concentrerà sull'”approfondimento delle riforme e della modernizzazione in stile cinese “. Per capire cosa aspettarsi in termini di risultati concreti, alla fine di questi dieci punti rimandiamo a un elenco di documenti e annunci da tenere d’occhio quando il plenum si concluderà il 18 luglio.

1 – Perché non dovremmo sopravvalutare l’importanza dei terzi plenum

Molti osservatori della Cina attribuiscono ai terzi plenum una qualità mitologica. Dal terzo plenum dell’11° Comitato centrale, nel dicembre 1978, si è sperato che questi eventi avrebbero portato a riforme istituzionali storiche. La storiografia del Partito venera questo incontro come il lancio della “riforma e apertura” dell’economia cinese orientata al mercato da parte dell’ex leader supremo Deng Xiaoping.

Eppure questo leggendario plenum si era limitato ad approvare le politiche approvate da una conferenza di lavoro centrale un mese prima2, a novembre, quando Deng aveva consolidato il suo ascendente politico su Hua Guofeng – successore designato di Mao Zedong e leader titolare del partito dal 1976 al 1981. In effetti, il Terzo Plenum del dicembre 1978 non menzionava nemmeno ” riforma e apertura “, un programma che si è poi evoluto nel corso di molti anni3.

Molti osservatori della Cina attribuiscono ai terzi plenum una qualità mitologica.

NEIL THOMAS E JING QIAN

Pochi altri terzi plenum sono paragonabili (si veda la nostra tabella infra). La riunione del 1984 ha esteso le riforme economiche dalle aree rurali a quelle urbane. Ma nel 1988 il Partito rimise l’accento sulla stabilità e frenò le riforme dei prezzi e dei salari a causa dell’inflazione dilagante. Il primo Terzo Plenum dell’era Jiang Zemin, nel 1993, consolidò il rinnovamento delle riforme di Deng dopo Tiananmen, attuando la decisione presa l’anno precedente al 14° Congresso del Partito di instaurare una “economia socialista di mercato”. Hu Jintao ha iniziato il suo mandato con un terzo plenum nel 2003, durante il quale le riforme strutturali sono state bloccate da interessi acquisiti all’interno del governo e delle imprese statali. I terzi plenum del 1998 e del 2008, invece, si sono concentrati sullo sviluppo rurale.

Durante il mandato del 19° Comitato centrale, dal 2017 al 2022, Xi non ha tenuto un terzo plenum incentrato sulla politica economica. Il 19° terzo plenum, nel febbraio 2018, ha affrontato argomenti solitamente associati a un secondo plenum: le nomine a capo del Consiglio di Stato e le riforme istituzionali. Ha fatto seguito a un secondo plenum speciale del gennaio 2018 che ha discusso gli emendamenti costituzionali, tra cui la rimozione dei limiti di durata del ruolo di Xi come presidente della Repubblica Popolare Cinese. Il 19° quarto plenum si è riunito 20 mesi dopo, nell’ottobre 2019, per affrontare questioni di governance4.

Questa breve panoramica suggerisce che l’importanza di un terzo plenum è spesso sopravvalutata. In realtà, solo l’edizione del 1978 è stata davvero epocale, e per ragioni politiche più che economiche. Sebbene i successivi Terzi Plenum abbiano introdotto politiche che hanno contribuito a migliorare la governance economica cinese, in genere hanno attuato direttive di riforma già delineate dalla leadership del partito. Nel complesso, quindi, è improbabile che Xi cambi radicalmente rotta al 20° Terzo Plenum.

2 – Il precedente del terzo plenum del 2013: un’esca economica per fini politici

Il terzo plenum più importante dal 1978 è stato probabilmente il primo del regno di Xi, il Terzo plenum del 18° Comitato centrale, tenutosi nel novembre 2013. Lo stesso Xi ha poi fatto esplicitamente questo paragone5, descrivendoli entrambi6 come eventi ” che hanno segnato la loro epoca “7 – il primo perché lancia Deng il secondo perché lancia la ” nuova era ” di Xi, quella dell'” approfondimento globale delle riforme “.

In effetti, il plenum del 2013 aveva suscitato un certo ottimismo sulla riforma economica8, soprattutto dopo i conflitti tra fazioni, la stasi politica e la corruzione endemica dell’era Hu Jintao. Molti osservatori hanno identificato la ” Decisione su diverse questioni importanti riguardanti l’approfondimento generale della riforma ” 9 del plenum come la promessa che i mercati avrebbero ora svolto un ruolo ” decisivo ” piuttosto che solo ” fondamentale ” nell’allocazione delle risorse. Il lungo documento prometteva la liberalizzazione in aree quali i tassi di interesse, i diritti di proprietà, i mercati finanziari e gli investimenti esteri.

Tuttavia, i risultati ottenuti da Xi nell’attuazione della decisione del plenum del 2013 sono contrastanti. Le promesse mantenute includono la fine della politica del figlio unico, la riduzione della burocrazia per le imprese, l’introduzione di prezzi dell’energia più basati sul mercato, il rafforzamento della politica di concorrenza, l’autorizzazione alle banche private, la liberalizzazione dei tassi d’interesse e l’istituzionalizzazione della protezione ambientale e dell’azione per il clima. Ma accanto a queste implementazioni, molte proposte sono state abbandonate o annacquate, come l’introduzione di una tassa sulla proprietà, l’aumento dell’età pensionabile, l’attribuzione di un ruolo più importante alle ONG e la sperimentazione della divulgazione finanziaria obbligatoria per i dirigenti. Soprattutto, negli ultimi undici anni Xi ha rafforzato e non diminuito il ruolo del Partito nell’economia cinese.

I risultati ottenuti da Xi nell’attuazione della decisione del plenum del 2013 sono contrastanti.

NEIL THOMAS E JING QIAN

La decisione del plenum del 2013 ha quindi effettivamente gettato le basi per il dominio politico di Xi. Ha istituito quella che oggi è la Commissione centrale per le riforme radicali (Zhongyang Shen’gai Wei, 中央深改委), il potente organismo che coordina il programma di politica interna di Xi, e la Commissione centrale per la sicurezza nazionale, che lo ha aiutato a controllare l’apparato di sicurezza – e a portare a Pechino il suo attuale braccio destro, Cai Qi. Pochi mesi dopo, la Commissione centrale per le riforme approfondite ha giustificato la creazione della Commissione centrale per gli affari del cyberspazio, che Xi ha utilizzato per censurare e armare internet, e del Gruppo direttivo centrale per la riforma militare, che ha coordinato la vasta riorganizzazione militare del 2015. Ha inoltre rafforzato l’autorità della Commissione centrale per l’ispezione disciplinare, intensificando notevolmente la campagna anticorruzione di Xi, consentendo all’organo di controllo interno del Partito di incorporare gruppi di ispezione nelle agenzie statali.

Xi ha anche compiuto uno sforzo concertato per togliere il controllo della politica economica all’allora premier Li Keqiang, un rivale politico la cui visione di riforma e apertura è più simile a quella di Deng. Xi stesso ha supervisionato il team responsabile della stesura della decisione – un ruolo che il predecessore di Li, Wen Jiabao, aveva svolto nel 2003 e nel 2008. I suoi vice erano Liu Yunshan e Zhang Gaoli, ma il leader de facto del team era Liu He, lo ” zar dell’economia ” di Xi10. In particolare, Xi è stato anche il primo segretario generale del PCC a fornire una “spiegazione” ufficiale su una decisione11, lasciando intendere le sue prospettive economiche più stataliste. Le righe più rivelatrici del suo discorso sono le seguenti: “Dobbiamo continuare a insistere sulla superiorità del nostro sistema socialista e sul ruolo attivo del Partito e del governo. Il mercato svolge un ruolo decisivo nell’allocazione delle risorse, ma in nessun caso ha un ruolo totale”.

A posteriori, il primo Terzo Plenum di Xi può essere visto come un pretesto economico per promuovere obiettivi politici. L’incontro si è svolto nei primi giorni della leadership di Xi, quando egli era solo primum inter pares nel Comitato permanente del Politburo e i suoi colleghi e rivali detenevano ancora un certo potere e influenza. Ma Xi ha giocato d’astuzia, usando le promesse di riforma economica per giustificare la creazione di istituzioni politiche che alla fine lo hanno aiutato a dominare lo Zhongnanhai – il complesso di oltre 600 ettari, adiacente alla Città Proibita, dove si concentra il potere della Repubblica Popolare nel cuore di Pechino. Il consolidamento del potere di Xi significa che le politiche definite al Terzo Plenum di quest’anno hanno molte più probabilità di riflettere le vere priorità economiche di Xi.

Xinhua/Liu Weibing

3 – Cosa possiamo aspettarci dal Terzo Plenum?

Al 20° Terzo Plenum, lo sviluppo delle politiche pubbliche seguirà una logica politica piuttosto che economica.

Xi ha spiegato di aver adottato l’espressione ” approfondire la riforma in modo globale ” perché voleva ” non promuovere la riforma in un solo settore… ma promuovere la riforma in tutti i settori “. L’obiettivo è “far progredire la modernizzazione del sistema e della capacità di governo della Cina ” nel suo complesso, un tema già articolato nei plenum del 2013 e del 2019. L’obiettivo principale di questo plenum non è quindi quello di rilanciare la crescita, ma di portare avanti il suo progetto politico.

Le decisioni della plenaria sono in linea con le priorità indicate dal Capo dello Stato. Egli afferma che ” l’approfondimento delle riforme ” sosterrà la sua strategia di ” sviluppo di alta qualità “12, che ha introdotto al 19° congresso del partito nel 201713 e dettagliata al 20° congresso del partito nel 202214. Si tratta di uno spostamento dell’attenzione della politica economica dalla crescita rapida alla crescita di qualità, e comprende un ” nuovo concetto di sviluppo ” che segue l’obiettivo di una crescita più innovativa, coordinata, verde, aperta ed equa, nonché un ” nuovo paradigma di sviluppo ” che promuove i mercati interni, le tecnologie locali – e le dipendenze estere dalla Cina. La modernizzazione in stile cinese è la metodologia incentrata sul Partito che Xi ha introdotto al 20° Congresso del Partito per raggiungere il ” ringiovanimento nazionale ” della Cina come Paese che ” domina il mondo in termini di potenza nazionale complessiva e influenza internazionale “.

Sebbene sia improbabile che Xi Jinping cambi le sue priorità in modo significativo al plenum, i suoi interessi politici potrebbero portarlo a prestare maggiore attenzione all’economia. Nel suo discorso di Capodanno, ha fatto una rara ammissione : ammettendo che ” alcune imprese sono cadute in tempi difficili ” e che ” alcune persone hanno avuto difficoltà a trovare lavoro e a soddisfare i loro bisogni primari “15. Queste dichiarazioni dimostrano che egli è consapevole, in superficie, del pessimismo che prevale nella società cinese e che desidera porvi rimedio almeno in parte. Il discorso è stato pronunciato solo due settimane dopo che Xi aveva sollevato per la prima volta il tema dell'”approfondimento delle riforme e della modernizzazione in stile cinese ” alla Conferenza centrale per il lavoro economico del dicembre 202316.

La crescita economica non è più la priorità assoluta di Pechino, ma Xi potrebbe riconoscere che la sicurezza nazionale e l’autonomia tecnologica devono coesistere con un livello di crescita di base in grado di sostenere i consumi, gli investimenti, la stabilità sociale e la sua stessa sicurezza politica. In un articolo introduttivo al plenum, Han Wenxiu, economista e alto funzionario, sottolinea l’impegno di Xi a rendere la Cina un “Paese moderatamente sviluppato ” entro il 203517 – una categoria generalmente associata a un PIL pro capite di almeno 20.000 dollari. Questo obiettivo richiederebbe a Pechino di raggiungere un tasso di crescita economica medio annuo di quasi il 5% fino al 203518, il che sembra estremamente ambizioso ma dimostra che i leader puntano ancora ad aumentare il tenore di vita.

Al 20° Terzo Plenum, lo sviluppo delle politiche pubbliche seguirà una logica politica piuttosto che economica.

NEIL THOMAS E JING QIAN

Xi potrebbe proporre nuove idee per raggiungere questo equilibrio;

In un discorso di dicembre, ha dichiarato che “la riforma e l’apertura sono un’importante arma magica (…) e una misura chiave per determinare il successo o il fallimento della modernizzazione in stile cinese “. Xi può non essere un riformatore nel senso “occidentale” del termine  o anche nel senso di Deng – ma è un riformatore nel senso cinese del termine “. – o anche nel senso di Deng – vuole rendere il Partito-Stato un’organizzazione più efficace per costruire un Paese potente, con un’economia forte e una società stabile. In altre parole, gli unici aspetti della riforma e dell’apertura che gli interessano e che sostiene sono quelli che si adattano ai suoi piani di ristrutturazione dell’economia cinese.

È sicuro che Xi continuerà a dare priorità al controllo del Partito, alla riduzione del rischio finanziario, all’autosufficienza tecnologica e a una politica industriale basata sugli investimenti. Ma potrebbe anche avere delle “sorprese positive”. – per usare le parole di un ex alto funzionario che abbiamo incontrato a Pechino – per affrontare problemi come la bassa produttività, le restrizioni geoeconomiche, il settore immobiliare in difficoltà e la sofferenza fiscale dei governi locali. Queste sorprese, tuttavia, saranno probabilmente modeste e si concentreranno su miglioramenti graduali piuttosto che su svolte improvvise.

4 – Il ruolo centrale di nuove forze produttive di alta qualità

La scienza e la tecnologia saranno al centro del Terzo Plenum. Il 24 giugno Xi ha dichiarato a una conferenza nazionale sulla scienza e la tecnologia che “la modernizzazione in stile cinese dipende dalla modernizzazione della scienza e della tecnologia come supporto ” e che ” lo sviluppo di alta qualità dipende dall’innovazione scientifica e tecnologica per dare nuovo impulso “19. Xi ritiene che il mondo stia vivendo ” un nuovo ciclo di rivoluzione scientifica e tecnologica e di cambiamento industriale ” incentrato su ” tecnologie trasversali ” come l’intelligenza artificiale, la tecnologia quantistica e la biotecnologia. Tuttavia, ritiene anche che ” l’alta tecnologia è diventata la prima linea e il principale campo di battaglia della competizione internazionale ” e che ” alcune tecnologie chiave rimangono controllate da altri “, per cui Pechino deve rafforzare le proprie capacità di innovazione per ” cogliere il campo della competizione scientifica e tecnologica e dello sviluppo futuro “.

Xi vuole che la Cina diventi una “grande potenza scientifica e tecnologica” entro il 2035, con “capacità scientifiche e tecnologiche di punta e capacità di innovazione” che le consentiranno di raggiungere “un alto livello di autosufficienza” e “un salto olistico nel nostro potere economico, nel potere di difesa e nel potere nazionale complessivo”. Egli ritiene che il Partito debba migliorare il suo “sistema di comando politico” e il suo “sistema di attuazione organizzativa” per “rafforzare la progettazione di alto livello e la pianificazione globale” delle politiche, dei mercati e delle industrie scientifiche e tecnologiche. Ha sottolineato l’importanza dei “colli di bottiglia e dei vincoli” nei chip, nel software, nelle sementi, nei materiali avanzati, nelle macchine utensili e negli strumenti di ricerca scientifica. Per Xi, queste sono priorità assolute per raggiungere l’autosufficienza industriale.

Lo status speciale accordato alla scienza e alla tecnologia si riflette nel concetto di ” nuove forze produttive di alta qualità “, introdotto da Xi nel settembre 2023 e descritto come ” un requisito intrinseco ” per uno sviluppo di alta qualità. In un discorso al Politburo del 31 gennaio20, Xi ha definito le nuove forze produttive di alta qualità come ” quelle in cui l’innovazione gioca un ruolo di primo piano ” e che sono ” catalizzate da scoperte tecnologiche rivoluzionarie, da un’allocazione innovativa dei fattori produttivi e da una profonda trasformazione e riqualificazione dell’industria “. Si tratta anche di “forze produttive verdi” che richiedono “l’ottimizzazione degli strumenti di politica economica per sostenere lo sviluppo verde e a basse emissioni di carbonio”, in particolare nei settori dell’innovazione, dell’industria e della finanza. La “misura centrale” di questo piano è un “significativo aumento della produttività totale dei fattori”, che risolverebbe sia il problema economico del rallentamento della crescita sia quello strategico della dipendenza della Cina dalle tecnologie occidentali.

È probabile che le riforme che saranno annunciate su questo tema nel Terzo Plenum forniranno risorse significative per la ricerca di base e lo sviluppo di prodotti in “tecnologie comuni essenziali, tecnologie all’avanguardia, tecnologie ingegneristiche moderne e tecnologie dirompenti “. Anche le politiche industriali volte a “trasformare e modernizzare le industrie tradizionali, coltivare e sviluppare le industrie emergenti e pianificare e costruire le industrie del futuro” saranno al centro dell’attenzione. I consulenti politici di Pechino ci hanno detto che altre riforme si concentreranno probabilmente sul miglioramento delle strutture di incentivazione per stimolare l’innovazione all’avanguardia nelle istituzioni scientifiche e tecnologiche avverse al rischio, per premiare meglio i contributi individuali all’innovazione, per attrarre talenti internazionali nel settore dell’alta tecnologia e per scoraggiare le violazioni della proprietà intellettuale.

L’attenzione di Xi per l’industria manifatturiera di fascia alta continua a favorire la crescita dal lato dell’offerta, che sta contribuendo a frenare i consumi interni e a creare capacità in eccesso. I responsabili politici cinesi ci hanno recentemente detto che non vedono ” alcuna sovraccapacità ” nelle industrie verdi come batterie, <a-dl-uid=”195″ data-dl-translated=”true”>veicoli elettrici e pannelli solari, che sono al centro delle attuali guerre commerciali tra Stati Uniti e Cina. </a-dl-uid=”195″>

Lo status speciale accordato alla scienza e alla tecnologia si riflette nel concetto di ” nuove forze produttive di alta qualità ” che Xi ha introdotto nel settembre 2023 e che ha descritto come ” un requisito intrinseco ” per uno sviluppo di alta qualità.

NEIL THOMAS E JING QIAN

Le esportazioni sono anche il motore della crescita cinese, data la bassa fiducia dei consumatori e le difficoltà del settore immobiliare, che riducono ulteriormente gli incentivi a tagliare la produzione. È possibile che le tariffe occidentali raggiungano un livello tale da indurre Pechino a ridurre questa sovraccapacità, ma l’agenda del Terzo Plenum rischia di esacerbare le tensioni commerciali. Dopo tutto, anche considerazioni non di mercato – come l’occupazione nazionale e la sicurezza geoeconomica – entrano in gioco per Pechino e contribuiscono alla sovraccapacità.

Wang Huning, membro del Comitato permanente dell’Ufficio politico del Comitato centrale del Partito comunista cinese (PCC), presidente del Comitato nazionale della Conferenza consultiva politica del popolo cinese (CPPCC) e segretario del suo gruppo dirigente di membri del Partito, presiede e pronuncia un discorso in occasione di una riunione convocata dal gruppo di studio teorico del Comitato nazionale del CPPCC per studiare un importante discorso pronunciato da Xi Jinping, Xi Jinping, segretario generale del Comitato centrale del PCC, alla terza sessione plenaria della 20esima Commissione centrale per l’ispezione della disciplina del Partito, e i principi guida del plenum, il 10 gennaio 2024, durante una riunione dell’Ufficio politico del Comitato centrale del Partito. Xinhua/Yin Bogu

5 – Verso un uso strategico delle forze di mercato e del settore privato

Con l’avvicinarsi del plenum, i segnali politici più sorprendenti sono quelli che suggeriscono la possibilità di politiche più favorevoli alle imprese che contribuiscano agli obiettivi di Xi in materia di scienza, tecnologia, innovazione e industria. Xi ha usato il suo discorso alla conferenza sulla scienza e la tecnologia per dichiarare per la prima volta che il Partito dovrebbe “dare pieno spazio al ruolo decisivo del mercato nell’allocazione delle risorse scientifiche e tecnologiche”. Vuole inoltre “rafforzare lo status delle imprese come organo principale dell’innovazione scientifica e tecnica ” 21 e afferma che22 ” approfondire le riforme “23 comporta ” promuovere lo sviluppo e la crescita delle imprese private ” e ” rimuovere gli ostacoli che limitano la giusta partecipazione delle imprese private alla competizione di mercato “. Il discorso che ha tenuto al Politburo a gennaio merita di essere citato in dettaglio:

Lo sviluppo di nuove forze produttive di qualità richiede un approfondimento globale della riforma e la formazione di nuovi tipi di rapporti di produzione compatibili con esse. Le nuove forze produttive di qualità richiedono non solo una pianificazione, una guida e un sostegno scientifico senza precedenti da parte del governo, ma anche una costante innovazione nei meccanismi e nelle normative di mercato e negli agenti microeconomici come le imprese. Esse sono plasmate dalla cultura e dalla spinta congiunta della “mano visibile” del governo e della “mano invisibile” del mercato. Pertanto, dobbiamo approfondire la riforma del sistema economico e del sistema scientifico e tecnologico, sforzarci di rimuovere gli ostacoli che limitano lo sviluppo di nuove forze produttive di qualità, stabilire un sistema di mercato di alto livello e proporre nuove idee per le modalità di distribuzione dei fattori di produzione, in modo che tutti i tipi di fattori di produzione avanzati e di alta qualità possano circolare verso lo sviluppo di nuove forze produttive di qualità.

Naturalmente, il precedente del 2013 dimostra che quando si tratta del Terzo Plenum, non ci si deve fermare alle parole ma aspettare i fatti. Tuttavia, l’accresciuta autorità di Xi significa che è più probabile che le sue parole riflettano indicazioni politiche che possono essere messe in pratica. La citazione supra suggerisce che egli non è insensibile al valore dei mercati o dell’impresa privata. Il 23 maggio ha ascoltato diverse informazioni politiche da parte di leader aziendali ed economisti riformisti a Jinan24, in un evento che il People’s Daily ha descritto come ” preparazione ” al terzo plenum25 (vedi tabella infra). Possiamo quindi aspettarci che il settore privato venga incoraggiato, ma solo entro i limiti della leadership economica del Partito e delle indicazioni ufficiali sulle priorità industriali di Xi. Il contenuto della prossima “legge sulla promozione dell’economia privata”26 sarà un test decisivo delle promesse fatte in questo terzo plenum.

In questo terzo plenum, Xi cercherà di sfruttare i mercati e gli imprenditori piuttosto che liberarli. Intende utilizzare il potere statale e le finanze pubbliche per indirizzarle verso lo sviluppo di tecnologie strategiche e la produzione di manufatti all’avanguardia. Come ha detto a Ding Shizhong, capo di un’azienda di articoli sportivi: “Gestire un’impresa o fare carriera non significa solo guadagnare qualche dollaro. Il dovere di tutti è concentrarsi in modo affidabile e completo sull’industria “27. Xi è particolarmente preoccupato che le aziende di successo si trasformino in conglomerati finanziarizzati che perdono di vista l’obiettivo e smettono di innovare, come accade a molti produttori statunitensi, compresi quelli di automobili. Ha ricordato le aziende tessili che ha visitato come leader provinciale nel Fujian e nello Zhejiang e le ha elogiate per la loro “concentrazione, coerenza e solidità nel loro core business”.

Il plenum dovrebbe anche apportare un certo grado di riforma alle imprese statali. L’11 giugno, Xi ha approfittato di una riunione della Commissione centrale per le riforme profonde per annunciare riforme del ” moderno sistema di imprese con caratteristiche cinesi ” volte a rafforzare il controllo del Partito sulle imprese statali28. Queste riforme migliorerebbero la ” moderna corporate governance ” e la ” gestione del capitale statale ” per aumentare le entrate, i profitti e i dividendi che alimentano il bilancio centrale. È meno chiaro come queste riforme si applicheranno alle aziende private, che sono già preoccupate per il crescente intervento dei partiti nelle loro attività e nei loro mercati. Un maggiore interventismo danneggerebbe ulteriormente la fiducia delle imprese.

Wang Huning, membro del Comitato permanente dell’Ufficio politico del Comitato centrale del Partito comunista cinese (PCC) e presidente del Comitato nazionale della Conferenza consultiva politica del popolo cinese (CPPCC), partecipa alla riunione di chiusura della settima sessione del Comitato permanente del 14° Comitato nazionale della CPPCC a Pechino, capitale della Cina, il 6 giugno 2024. Xinhua/Zhai Jianlan

Xi vuole che i mercati, gli imprenditori e le imprese di ogni tipo operino in modo più efficiente nel quadro delle linee guida prioritarie e dei vincoli normativi del Partito. Il terzo plenum vedrà quindi riforme volte a costruire un “mercato nazionale unificato” e a rafforzare lo “sviluppo regionale coordinato”, riducendo il protezionismo locale, integrando i cluster urbani e riducendo i costi logistici. Dalle due sessioni di marzo29, Xi ha sottolineato la necessità di ” adattarsi alle condizioni locali ” nello sviluppo di nuove forze produttive di qualità, con le località che si specializzano in determinate tecnologie per ridurre l’inefficienza di una “corsa all’azione “30 e creare bolle di crescita nelle industrie prioritarie. Fonti vicine alla questione a Pechino ci hanno recentemente suggerito che il plenum potrebbe portare a una maggiore commercializzazione dei fattori di produzione – facilitando lo scambio di dati e le transazioni di terreni agricoli, ad esempio – e a riforme per razionalizzare la proprietà pubblica nei mercati dei fattori e al di fuori dei mercati dei prodotti.

Il plenum dovrebbe portare un certo grado di riforma alle imprese statali.

NEIL THOMAS E JING QIAN

6 – Riforma fiscale e gestione del rischio finanziario

Di fronte ai crescenti rischi finanziari che la Cina deve affrontare, la riforma fiscale sarà probabilmente un altro tema importante del Terzo Plenum. La riduzione dei rischi finanziari è stata un pilastro del programma economico di Xi sin dal crollo del mercato azionario del 2015-2016 e ha assunto una dimensione ulteriore quando la politica delle “tre linee rosse” nel 2020 ha avviato il doloroso smantellamento del massiccio sovraindebitamento del settore immobiliare. Il rischio maggiore è la sofferenza fiscale delle amministrazioni locali, che forniscono la maggior parte dei servizi pubblici ma raccolgono meno tasse del governo centrale. Molti di essi stanno soffrendo per il calo dei prezzi degli immobili e per le costose misure di controllo dell’inflazione. Se le autorità locali finiscono i soldi e tagliano drasticamente i servizi o aumentano le tasse, la stabilità sociale e politica dell’intera Cina potrebbe risentirne.

Nel dicembre 2023 Xi ha affermato che il Partito dovrebbe “programmare un nuovo ciclo di riforme del sistema fiscale e tributario “31. La riunione del Politburo di aprile ha accennato all’attuazione di un “programma di risoluzione del rischio di indebitamento degli enti locali ” e alla rapida creazione di un ” nuovo modello di sviluppo immobiliare “, entrambi i quali potrebbero essere estesi al terzo plenum32. È probabile anche un maggiore sostegno al capitale di rischio e al “capitale paziente” a lungo termine per le industrie ad alta tecnologia, sulla base delle misure adottate dal Consiglio di Stato33.

Pechino eviterà di effettuare massicci stimoli economici. Tuttavia, da recenti colloqui avuti con funzionari cinesi, è emerso che il governo centrale potrebbe emettere più strumenti di debito, come obbligazioni speciali del Tesoro a lunghissimo termine, per raccogliere fondi da destinare alla svalutazione del settore immobiliare e aiutare i governi locali a colmare le lacune nelle entrate per i servizi pubblici. Xi prenderebbe anche in considerazione la possibilità di consentire ai governi locali di trattenere maggiori entrate fiscali, come l’imposta sui consumi e l’imposta sul valore aggiunto34. Il governo centrale potrebbe anche contribuire ad alleggerire la spesa sanitaria degli enti locali e introdurre un regime pensionistico nazionale. Sono possibili riforme fiscali importanti, come l’aumento delle imposte sui consumi o l’introduzione di un’imposta sulla proprietà, ma è improbabile che vengano attuate rapidamente a causa dell’impatto che potrebbero avere sulla fiducia nell’economia.

7 – Promuovere il benessere sociale e garantire il “senso di guadagno” della gente

L’aumento del tenore di vita aiuta Xi a mantenere la stabilità sociale e a garantire la sicurezza politica.

Al simposio di Jinan, Xi ha promesso di “fare più cose pratiche che favoriscano il sostentamento delle persone, scaldino i loro cuori e siano in linea con i loro desideri”. Ha sottolineato che l’occupazione35, l’istruzione, l’assistenza sanitaria, l’alloggio e l’assistenza all’infanzia sono aree in cui ” trovare slancio nelle riforme e fare passi avanti ” nel terzo plenum.

Le politiche volte a incoraggiare le nascite e a ridurre i costi di allevamento dei figli ne sono un esempio. Sembra probabile anche un ulteriore allentamento del sistema di registrazione delle famiglie36. Ciò contribuirebbe a stimolare i consumi e la crescita dando a un maggior numero di residenti urbani l’accesso ai servizi pubblici e incoraggiando un’ulteriore urbanizzazione. Xi insiste sul fatto che i cinesi devono essere guidati da un “sentimento di guadagno” (huo de gan) dallo sviluppo del loro Paese.

Gli interlocutori cinesi ci hanno detto che il plenum probabilmente porterà a un’ulteriore riduzione della lista nera degli investimenti stranieri e offrirà maggiori incentivi al commercio nelle zone di libero scambio del Paese.

NEIL THOMAS E JING QIAN

8 – Rassicurare le aziende straniere e offrire vantaggi ad alcune multinazionali

Durante il suo tour europeo, Xi ha detto al presidente francese Emmanuel Macron37 e ai leader economici statunitensi38 che il terzo plenum sarebbe positivo per le multinazionali e gli investitori stranieri.

Al simposio di Jinan ha detto a Xu Daquan, responsabile per la Cina dell’azienda metalmeccanica tedesca Bosch: “Siamo determinati a creare condizioni di parità e non escluderemo le aziende dal mercato cinese solo perché sono finanziate da capitali stranieri”;

A gennaio ha dichiarato al Politburo che la Cina deve “sviluppare un alto livello di apertura verso l’esterno per creare un ambiente internazionale favorevole allo sviluppo di nuove forze produttive di qualità”. Gli interlocutori cinesi ci hanno detto che il plenum probabilmente porterà a un’ulteriore riduzione della lista nera degli investimenti stranieri e offrirà maggiori incentivi al commercio nelle zone di libero scambio del Paese. Con questo cambiamento, Xi sembra volere che le multinazionali dell’alta tecnologia aiutino la Cina a svilupparsi attraverso il trasferimento di tecnologia, la formazione delle competenze e la competizione con le aziende nazionali. Il suo obiettivo, tuttavia, rimane quello di far sì che i campioni nazionali cinesi finiscano per superare i rivali stranieri.

9 – Migliorare l’attuazione delle politiche e la gestione esecutiva

Secondo Xi, le riforme “dovrebbero concentrarsi sulla pianificazione e, soprattutto, sull’attuazione”.

La decisione emessa dal Terzo Plenum descriverà in dettaglio le opinioni del partito su molte aree politiche e potrebbe istituire nuove istituzioni per coordinare il processo decisionale. Tuttavia, c’è ragione di credere che fornirà pochi dettagli precisi su specifici aggiustamenti politici.

Un test chiave per la sostenibilità delle riforme del Terzo Plenum sarà quindi la loro codifica legislativa e il loro inserimento nel 15° Piano quinquennale per il 2026-2030, che sarà sostanzialmente redatto l’anno prossimo. Xi ha anche criticato aspramente alcuni alti dirigenti per aver ostacolato lo sviluppo della qualità con il loro modo di pensare “all’antica”39  questo suggerisce che il programma del Terzo Plenum potrebbe includere più misure disciplinari. Questi colpi di bastone saranno comunque accompagnati da carote, visto che lo scorso dicembre Xi ha detto ai suoi più stretti collaboratori che avrebbero dovuto “migliorare i metodi di valutazione dei risultati politici per promuovere uno sviluppo di qualità”40. La recente pubblicazione dello ” schema di pianificazione per la creazione di gruppi dirigenti nazionali di partito e di governo (2024-2028) “41 riflette la crescente enfasi sulla competenza e sulla lealtà.

Il presidente cinese Xi Jinping, che è anche segretario generale del Comitato centrale del Partito comunista cinese e presidente della Commissione militare centrale, incontra i rappresentanti degli ufficiali e dei soldati presso l’Università di medicina dell’esercito il 23 aprile 2024. Xinhua/Li Gang

10 – Il Comitato Centrale ripulirà i suoi quadri?

Agli osservatori interni, la convocazione di questo terzo plenum può essere sembrata particolarmente lenta. Questo ritardo può forse essere spiegato dalla lunghezza delle indagini disciplinari su diversi membri del Comitato centrale. Lo scorso luglio, Pechino ha licenziato Qin Gang dal suo incarico di ministro degli Esteri, a seguito di accuse di indiscrezioni personali che avrebbero potuto avere ripercussioni sulla sicurezza nazionale. Nello stesso mese, Li Yuchao, comandante della Forza missilistica dell’Esercito Popolare di Liberazione, che comprende la componente terrestre dell’arsenale nucleare cinese, e Xu Zhongbo, commissario politico, sono stati destituiti dai loro incarichi, presumibilmente per corruzione in relazione all’assegnazione di contratti nucleari. Li Shangfu ha perso il posto di ministro della Difesa lo scorso ottobre ed è stato ufficialmente espulso dal partito per aver accettato e ricevuto tangenti il 27 giugno42. A maggio, la Commissione centrale per l’ispezione disciplinare ha aperto un’indagine su Tang Renjian, allora ministro dell’Agricoltura e degli Affari rurali.

Il terzo plenum potrebbe essere l’occasione per Xi di espellere questi funzionari dal Comitato centrale.

L’articolo 42 della Carta del Partito stabilisce che il Comitato centrale deve confermare a maggioranza dei due terzi qualsiasi decisione di imporre sanzioni disciplinari a un membro effettivo o supplente che comportino il licenziamento, la sospensione condizionale o l’espulsione43. Sebbene anche il Politburo possa prendere tali decisioni, nella maggior parte dei casi esse devono essere approvate a posteriori dal Comitato centrale. A questo proposito, è quasi certo che il Plenum espellerà Li Shangfu e potrebbe anche licenziare gli altri quattro quadri sopra citati, ma l’assenza di annunci ufficiali riguardanti Qin, Xu e Li Yuchao crea incertezza sul loro destino. È possibile, ad esempio, che Qin non venga escluso ma “messo alla prova”. – o che non venga nemmeno nominato perché l’indagine su di lui è ancora in corso.

L’era Xi ha reso la logica dei rimpasti sempre più imprevedibile;

NEIL THOMAS E JING QIAN

Sappiamo già chi dovrebbe sostituire questi leader come membri effettivi del Comitato centrale.

L’articolo 22 della Carta del Partito prevede che ” i posti vacanti nel Comitato Centrale saranno occupati da membri supplenti nell’ordine del numero di voti ottenuti “44. Dato che i primi 159 quadri della lista ufficiale dei 171 deputati sono elencati in ordine alfabetico per cognome45, è lecito pensare che siano stati tutti eletti all’unanimità al XX Congresso del partito. Ma le persone in cima a questa lista hanno ancora la priorità per i posti vacanti. I primi cinque deputati sarebbero Ding Xiangqun, direttore del dipartimento organizzativo del Pcc nella provincia di Anhui; Ding Xingnong, vice commissario politico della Forza missilistica dell’Esercito Popolare di Liberazione; Yu Lijun, direttore del dipartimento organizzativo del Pcc nella provincia di SichuanYu Jihong, presidente dell’Università Normale di Pechino; Yu Huiwen, viceministro dell’Ecologia e dell’Ambiente.

Un’altra possibile mossa a livello personale è l’elevazione del sostituto di Li Shangfu, Dong Jun, alla Commissione militare centrale del Partito. Il nuovo ministro della Difesa non è ancora stato nominato per riempire il posto vacante creato dal licenziamento di Li dalla principale organizzazione militare del Paese, ma secondo l’articolo 14 del regolamento sul lavoro del Comitato centrale, il plenum è l’unica riunione che può aggiungere nuovi membri alla Commissione militare centrale46. Questo ripristinerebbe un certo grado di normalità nella gerarchia militare cinese. È significativo che Pechino non abbia colto l’occasione per promuovere Dong all’altra posizione di Li – quella di consigliere di Stato – in modo che Xi potesse degradare il ministro della Difesa47 per punire i militari per gli scandali di corruzione.

Nel complesso, l’era Xi ha reso la logica dei rimpasti sempre più imprevedibile. Le ipotesi di cambiamento del personale che abbiamo avanzato seguirebbero una logica politica ragionevole – ma rimangono soggette a un processo decisionale opaco che spesso produce sorprese.

Documenti e momenti chiave da tenere d’occhio

Ecco un elenco dei principali punti da tenere d’occhio dopo la conclusione della sessione plenaria di mercoledì 18 luglio.

IL COMUNICATO STAMPA (GONGBAO)

Si tratta di un resoconto relativamente breve del plenum e dei suoi risultati, che non sempre riflette accuratamente il tenore generale della decisione. Di norma viene pubblicato il giorno stesso o il giorno successivo alla conclusione del plenum.

LA DECISIONE (JUEDING)

È l’autorevole piano d’azione completo pubblicato dalla plenaria. Dovrebbe includere linee guida politiche, obiettivi specifici e istruzioni per l’attuazione. Sarà pubblicata qualche giorno dopo la fine della plenaria.

LA SPIEGAZIONE (SHUOMING)

Questo è il ragionamento autorizzato di Xi Jinping sul contenuto e sul contesto della decisione e sarà pubblicato il giorno stesso della decisione.

IL RAPPORTO DI ELABORAZIONE (DANSHENGJI)

Uno o due giorni dopo la decisione, viene pubblicato un lungo resoconto, piuttosto approssimativo, del processo attraverso il quale si è giunti alla decisione. Fornisce sempre interessanti elementi di analisi.

NOTE A MARGINE (CEJI)

Ulteriori dettagli, sotto forma di brevi ma utili note, sul plenum, spesso comprendenti commenti fatti da Xi che non si riflettono nei documenti e nei verbali più formali, potrebbero essere pubblicati un giorno o due dopo la conclusione del plenum.

INTERPRETAZIONI POST-PLENUM

È probabile che diversi dipartimenti del Partito tengano una conferenza stampa congiunta per fornire un contesto aggiuntivo e interpretazioni più specifiche della decisione. Le pubblicazioni del Partito pubblicheranno numerosi articoli che riassumono, interpretano o elaborano la decisione – i più autorevoli sono generalmente gli editoriali del People’s Daily e le ” interviste ” sotto forma di domande e risposte con alti funzionari. I comitati del Partito in tutte le istituzioni e in tutto il Paese inizieranno un’intensa campagna di studio per apprendere e applicare la decisione.

ALTRI SEGNALI DA TENERE D’OCCHIO

La riunione mensile del Politburo alla fine di luglio condividerà l’analisi dei leader sull’economia cinese e darà istruzioni per il lavoro economico nella seconda metà dell’anno, offrendo probabilmente uno sguardo all’attuazione della decisione presa al Terzo Plenum.

Qualche settimana o mese dopo, la rivista teorica del Partito Qiushi (letteralmente : ” Cercando la verità “) potrebbe pubblicare uno o più discorsi interni pronunciati da Xi Jinping al plenum

Dagli anni ’90, il Comitato Centrale ha sempre tenuto sette plenum durante il suo mandato quinquennale. Tuttavia, l’eccezionale tempistica di questo terzo plenum solleva la possibilità di un quarto plenum più avanti nel corso dell’anno, che potrebbe occuparsi in generale di questioni relative alla governance del Partito.

FONTI
  1. 任佳晖、王潇潇, ” 中共中央政治局召开会议 讨论拟提请二十届三中全会审议的文件 中共中央总书记习近平主持会议 “, CPCNews.cn, 27 giugno 2024.
  2. Joseph Torigan, ” Prestigio, manipolazione e coercizione : lotte per il potere delle élite in Unione Sovietica e in Cina dopo Stalin e Mao “, Yale UP, 2022.
  3. Chris Buckley, ” Il ritratto di Deng come riformatore nel plenum del 1978 ignora la storia “, The New York Times, 9 novembre 2013.
  4. Neil Thomas, « Party All the Time : Xi Jinping’s Governance Reform Agenda After the Fourth Plenum », MacroPol, 14 novembre 2019.
  5. 新华社, « 习近平主持召开中央全面深化改革委员会第六次会议 », Gov.cn, 23 janvier 2019.
  6. Xinhua, ” Autorizzato a pubblicare) Xi Jinping: Spiegazione sulla “Decisione del Comitato centrale del PCC su diverse questioni importanti riguardanti l’adesione e il miglioramento del sistema socialista con caratteristiche cinesi e l’avanzamento della modernizzazione del sistema di governo dello Stato e della capacità di governo”.Note sulla decisione “, Xinhuanet, 05 novembre 2019.
  7. Neil Thomas, ” Party All the Time : Xi Jinping’sGovernance Reform Agenda After the Fourth Plenum “, MacroPol, 14 novembre 2019.
  8. Bettina Wassener, ” Gli analisti salutano il piano cinese di revisione dell’economia “, The New York Times, 18 novembre 2013.Economy “, The New York Times, 18 novembre 2013.
  9. Comitato del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese, ” Decisione del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese su una serie di questioni importanti riguardanti l’approfondimento delle riforme “, <emdata-dl-uid=”506″ data-dl-translated=”true”>Wikisource, 15 novembre 2013.</emdata-dl-uid=”506″>
  10. Bob David et Lingling Wei, ” Meet Liu He, Xi Jinping’s Choice to Fix a FalteringCHinese Economy “, The Wall Street Journal, 6 octobre 2013.
  11. Xi Jinping, ” Nota sulla decisione del Comitato centrale del PCC su una serie di questioni importanti riguardanti l’approfondimento completo delle riforme “, <emdata-dl-uid=”515″ data-dl-translated=”true”>Wikisource, 9 novembre 2013.</emdata-dl-uid=”515″>
  12. Peng Xiaoling e Wang Xiaoxia, ” Sviluppare una nuova produttività di qualità in base alle condizioni locali “, CPCNews.co.uk, 6 mars 2024.
  13. Xi Jinping, ” Decidendo di costruire una società moderatamente prospera sotto tutti gli aspetti e di cogliere la grande vittoria del socialismo con caratteristiche cinesi nella nuova era – alRapporto sul 19° Congresso nazionale del Partito comunista cinese “, Wikisource, 18 octobre 2017.
  14. Xi Jinping, ” Tenendo alta la grande bandiera del socialismo con caratteristiche cinesi e impegnandosi unitariamente per la costruzione di un Paese socialista moderno sotto tutti gli aspetti -.-Relazione al 20° Congresso nazionale del Partito Comunista Cinese “, Wikisource, 16 octobre 2022.
  15. Xi Jinping, ” Il presidente Xi Jinping consegna il messaggio di Capodanno per il 2024 “, CPCNews.it, 31 décembre 2023..”535″>CPCNews.co.uk, 31 dicembre 2023.
  16. Neil Thomas, ” Xi segnala più crescita ma stessa strategia alla Conferenza centrale del lavoro economico della Cina& .’s Central Economic Work Conference “, Asia Society Policy Institute, 14 décembre2023.
  17. Dipendente dell’Ufficio centrale delle finanze incaricato del lavoro quotidiano, ” Promuovere lo sviluppo di alta qualità approfondendo la riforma “, Qstheory.co.uk, 16 juin 2024.
  18. Bloomberg News, ” L’economia cinese deve raddoppiare per soddisfare i piani ambiziosi di Xi.Meet Xi’s Ambitious Plans “, Bloomerg, 27 octobre 2022.
  19. Xi Jinping, ” Xi Jinping: Osservazioni alla Conferenza Nazionale della Scienza e della Tecnologia, alla Conferenza Nazionale delle Ricompense della Scienza e della Tecnologia e al Congresso degli Accademici delle Due Accademie “,Gov.cn, 24 juin 2024.
  20. Peng Xiaoling e Wang Xiaoxia, ” Lo sviluppo della produttività di nuova qualità è un requisito intrinseco e un punto di attenzione importante per promuovere lo sviluppo di alta qualità “, <emdata-dl-uid=”560″ data-dl-translated=”true”>CPCNews.cn, 31 mai 2024.</emdata-dl-uid=”560″>
  21. Peng Xiaoling e Qin Hua, ” Speech at a Symposium Commemorating the 130th Anniversary of the Birth of Comrade Mao Zedong “, CPCNews.cn, 27 dicembre 2023.
  22. Zhou Chuqing, ” Conferenza di lavoro sull’economia centrale tenuta a Pechino, Xi Jinping tiene un importante discorso “, News.cn, 12 dicembre 2023.
  23. Peng Xiaoling e Wang Xiaoxia, ” Profondare la riforma e l’apertura su tutta la linea, continuando a imprimere un forte slancio alla modernizzazione in stile cinese “, <emdata-dl-uid=”575″ data-dl-translated=”true”>CPCNews.cn, 15 mai 2024.</emdata-dl-uid=”575″>
  24. Peng Jing e Deng Zhihui, ” Xi Jinping ospita un forum per le imprese e gli esperti, sottolinea il rafforzamento del tema dell’avanzamento della modernizzazione in stile cinese per approfondire ulteriormente le riforme a tutto tondo ” CPCNews.cn, 23 mai 2024.
  25. Peng Xiaoling e Ren Yilin, ” “Guarda il giusto e afferralo con determinazione” .”, CPCNews.cn, 28 mai 2024.
  26. ” Legge sulla promozione dell’economia privata : Legge della Repubblica Popolare Cinese sulla promozione dell’economia privata .Repubblica Popolare Cinese sulla promozione dell’economia privata – Legge della Repubblica Popolare Cinese sulla promozione dell’economia privata “, NPC Observer, février 2024.
  27. Zhang Xiaosong, Zhu Jichai, Du Shangze et Wang Bixue, ” Il vento è giusto per alzare la vela– Il Segretario Generale Xi Jinping visita lo Shandong e ospita un forum di imprese ed esperti “, People.cn, 25 mai 2024.
  28. Xinhua, ” Xi Jinping ha presieduto la quinta riunione del Comitato centrale per l’approfondimento delle riforme con misure globali, sottolineando che il miglioramento del moderno sistema di imprese con caratteristiche cinesi e la costruzione di un ambiente aperto per l’innovazione scientifica e tecnologica con competitività globale.a> “, Gov.cn, 11 juin 2024.
  29. ” Cosa è successo alle due sessioni cinesi del 2024 ? “, Asia Society Policy Institute, 14 mars 2024.
  30. Peng Xiaoling e Ren Yilin, ” “Quando vedi la cosa giusta da fare, la afferri senza esitazione” .”, CPCNews.co.uk, 28 maggio 2024.
  31. Zhou Chuqing , ” Conferenza sul lavoro economico centrale tenuta a Pechino, Xi Jinping pronuncia un importante discorso “, News.cn, 12 dicembre 2023.
  32. Peng Jing, Ren Yilin, ” L’Ufficio politico del Comitato centrale del PCC si riunisce e decide di convocare la Terza sessione plenaria del 20° Comitato centrale del Partito comunista cinese (PCC) per analizzare e studiare l’attuale situazione economica e il lavoro economico Considerazione dei “Pareri su come continuare a promuovere profondamente l’integrazione del Delta del fiume Yangtze”.Pareri su diverse politiche e misure per promuovere in modo continuo e profondo l’integrazione del Delta del fiume Yangtze e lo sviluppo di alta qualità” Xi Jinping, Segretario generale del Comitato centrale del PCC, presiede la riunione “, CPCNews.com, 30 Avril 2024.
  33. Foster Wong, ” La Cina pianifica nuove misure per attrarre gli investimenti di capitale di rischioInvestment “, Bloomberg, 19 juin 2024.
  34. Kevin Yao et Ellen Zhang, ” Il plenum chiave della Cina mira a correggeredecades-old tax revenue imbalance “, Reuters, 21 juin 2024.
  35. Bo Chendi e Deng Zhihui, ” Xi Jinping sottolinea la promozione della piena occupazione di alta qualità e il continuo miglioramento del senso di guadagno, felicità e sicurezza della maggioranza dei lavoratori alla 14a sessione di studio collettivo dell’Ufficio politico del Comitato centrale del PCC “, CPCNews, 28 maggio 2024.
  36. Zichen Wang, ” 4th Plenum Pulse : What to Expect (3) “, Pekinology, 16 juin 2024.
  37. Peng Xiaoling e Deng Zhihui, ” Xi Jinping e Macron partecipano alla cerimonia di chiusura del sesto incontro del Comitato imprenditoriale Cina-Francia e pronunciano un discorso “, CPCNews.co.uk, 5 juillet 2024.
  38. Tang Song e Deng Zhihui, ” Xi Jinping incontra i rappresentanti delle imprese e delle accademie strategiche statunitensi “, CPCNews.co.uk, 27 mars 2024.
  39. 彭晓玲、王潇潇, « 发展新质生产力是推动高质量发展的内在要求和重要着力点 », CPCNews.cn, 31 mai 2024.
  40. Xinhua, ” L’Ufficio politico del Comitato centrale del PCC tiene una riunione speciale sulla vita democratica Xi Jinping presiede la riunione e pronuncia un importante discorso “, Gov., 22 dicembre 2023.
  41. 新华社, ” 新时代新征程高质量推进党政领导班子建设的指导性文件–中央组织部负责人就《全国党政领导班子建设规划纲要(2024-2028年)》答记者问 “, Gov.cn, 13 giugno 2024.
  42. Liu Yang [刘阳], ” 中央[委原委员、原国务委员兼国防部长李尚福受到开除党籍处分 “, 26 giugno 2024.
  43. ” 中国共产党中央委员会工作条例 “, Wikisource, 28 settembre 2020.
  44. ” 中国共产党中央委员会工作条例 “, Wikisource, 28 settembre 2020.
  45. 新华社字, ” 中国共产党第二十届中央委员会候补委员名单 “, Gov.cn, 22 ottobre 2022.
  46. ” 标题无效 “, Wikisource, 2022.
  47. Christopher K. Johnson, ” Politica d’élite “, Asia Society Policy Institute, 14 marzo 2024.

 

CREDITI
Questo studio è stato prodotto da Asia Society. Oltre agli autori, hanno contribuito anche gli esperti Lobsang Tsering, Haolan Wang e Shengyu Wang, membri del Center for China Analysis. Ringraziamo Philippe Le Corre per averci fornito questo link.

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Basare l’aggressione sulla ragione: la nuova dottrina di politica estera della Russia, di VJAČESLAV MOROZOV

Basare l’aggressione sulla ragione: la nuova dottrina di politica estera della Russia

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

VJAČESLAV MOROZOV – “La politica estera russa ha una sua logica, un suo linguaggio. Finché non li comprendiamo, ci asteniamo dall’attuare una vera politica di contenimento”. In questa intervista introdotta da Guillaume Lancereau, Vjačeslav Morozov analizza l’aggiornamento del documento strategico di riferimento di Mosca e ci aiuta a forgiare un’arma: l’intelligenza della guerra.

Quella che segue è la prima traduzione di un’intervista a Vjačeslav Morozov sulla dottrina della politica estera russa. Già professore di Relazioni internazionali presso l’Università statale di San Pietroburgo, dal 2010 insegna relazioni UE-Russia presso l’Istituto di Scienze politiche dell’Università di Tartu in Estonia.

Questa intervista è stata pubblicata originariamente il 6 maggio 2023 sullecolonne del media in lingua russa Posle (“Dopo”), apparso sulla scia dell’aggressione russa in Ucraina . Il collettivo Posle è radicalmente critico nei confronti della guerra in corso e della sua scia di massacri e distruzioni, ma anche dell’ondata di repressione che ha colpito contemporaneamente la Russia con una violenza decuplicata . Posle dà la parola a ricercatori, giornalisti, attivisti e testimoni che, con le loro osservazioni e riflessioni, contribuiscono a fare chiarezza su questi tempi difficili e a delinearei contorni del mondo “Dopo”.

Vjačeslav Morozov si concentra su un documento finora poco studiato: la Dottrina di politica estera della Federazione RussaIn un certo senso, questo testo può essere visto come l’equivalente funzionale, negli Stati Uniti e in Francia, dei “libri bianchi” sulla difesa e sulle relazioni internazionali che sono la Quadrennial Defense Review – e la Strategia di Difesa Nazionale che ne è seguita dal 2018 – o la Strategic Review of Defence and National Security. La stessa logica, inestricabilmente analitica e pragmatica, permea tutti questi documenti, il cui scopo è definire la posizione di uno Stato rispetto all’ambiente strategico globale e regionale, inviando al contempo segnali più o meno espliciti ai propri partner o potenziali concorrenti. Nel caso della Russia, questa Dottrina è passata attraverso sei versioni successive, da quella relativamente liberale ed eurofila firmata da Boris Eltsin nel 1993 all’ultima edizione, pubblicata nel 2023, che mostra una retorica minacciosa e bellicosa, con il pretesto dell’anti-imperialismo e della risposta alle minacce esterne.

Questa Dottrina non è insensibile ai limiti o alle aporie della variante strettamente “difensiva” del discorso russo, secondo cui l’attuale “operazione militare speciale” in Ucraina è solo un gesto preventivo contro la ” guerra ibrida” scatenata dagli Stati Uniti attraverso il loro fantoccio ucraino.La Dottrina 2023 si astiene anche dalla posizione implausibile di accusare apertamente l’Ucraina di aggressione contro la Russia. Gli autori della Dottrina hanno invece optato per una strategia alternativa e più abile, che consiste nello sfruttare a vantaggio della Russia le tensioni che permeano il diritto internazionale, i principi delle Nazioni Unite e l’ordine internazionale esistente.

I leader russi si inseriscono così nellalinea di faglia che attraversa la Carta delle Nazioni Unite, divisa tra le ambizioni di cooperazione e il rispetto della sovranità degli Stati, da un lato, e la necessità di equilibrio tra le grandi potenze, dall’altro. Allo stesso modo, la Dottrina russa è libera di sostenere che la nozione di “ordine internazionale basato sulle regole”, teorizzata dagli Stati Uniti negli anni ’40, nasconde a malapena un progetto politico di regolazione delle relazioni internazionali da cui traggono i maggiori benefici pochi Paesi occidentali. La Russia sa bene di poter contare sulla Cina per sostenere questo approccio critico all’ordine internazionale liberale. Infine, Vjačeslav Morozov sottolinea che la Russia si sente tanto più in diritto di presentarsi come una potenza diplomaticamente ragionevole e aperta alle discussioni sul controllo internazionale degli armamenti, dato che gli stessi Stati Uniti si sono ritirati dal Trattato ABM del 1972, volto a limitare le armi strategiche, più di vent’anni fa.

Infine, la nuova Dottrina di politica estera incorpora una serie di elementi forgiati negli ultimi decenni dai principali ideologi del regime per sviluppare una concezione civilistica dello Stato russo – definito “Stato-civiltà” – e della sua sfera di influenza – il “mondo russo”. – e della sua sfera di influenza – il “mondo russo”. Prendendo formalmente le distanze da qualsiasi forma di nazionalismo etnico, la nuova logica imperiale russa difende invece una rappresentazione identitaria, culturale o di civiltà della vasta area che comprende l’Ucraina, la Bielorussia, l’Asia centrale e i vari popoli della Federazione Russa – che ufficialmente conta 193 nazionalità. Sulla base di questo assioma, la Dottrina russa proclama che questi diversi popoli non hanno altra scelta se non quella di entrare volontariamente nella sfera di influenza del “mondo russo” per sfuggire all’inghiottimento da parte dell’Occidente e all’inevitabile dissoluzione delle loro identità che ne deriverebbe. È dunque una battaglia di valori o una “guerra culturale” quella che si sta delineando, tra la cosiddetta ideologia “neoliberista” che l’Occidente minaccia di diffondere in tutto il mondo, scardinando a suo piacimento le culture esistenti, e il baluardo russo della civiltà, punta di diamante dei “valori tradizionali”.

Mettendo in luce queste dimensioni, l’intervista solleva una serie di domande ancora più cruciali: lo Stato russo crede nei suoi miti? I suoi miti, se di miti si tratta, sono privi di effetto? In effetti, le categorie fondamentali di comprensione del mondo proprie dell’apparato statale della Russia in guerra sostengono una vera e propria costruzione escatologica. Secondo le visioni di questa apocalisse, la Russia si erge a baluardo contro i tentativi di dominio mondiale del Dragone americano e delle altre bestie occidentali – ipocriti, ingannatori, distruttori di disastri e di morte, falsi usurai di falsi valori. È sufficiente denunciare queste visioni come artefatti retorici per disinnescarne magicamente l’efficacia? Rompendo con questo infruttuoso ottimismo, Vjačeslav Morozov sottopone le categorie in questione a un’approfondita analisi semantica e politica, rivelandone la coerenza e il possibile appeal per i critici dell’attuale ordine internazionale. Non basta quindi dichiarare l’inanità delle nozioni e dei valori che infestano il discorso strategico, giuridico e politico che le autorità russe rivolgono ai loro avversari, ai potenziali partner e alla stessa popolazione russa.

Affondando nel cuore di questa abissale impresa di giustificare la guerra, questo testo fornisce armi indispensabili. Dire che sono tempestive è ancora troppo poco. Ciò di cui abbiamo bisogno oggi è un’intelligenza della guerra – non intelligenze della guerra: visioni più nitide, visioni più chiare, finché la guerra non avrà conquistato ogni ultima intelligenza. (GL)

[Leggi anche: il nostro ultimo aggiornamento sulla situazione in Ucraina].

***

Che cos’è la Dottrina di politica estera della FederazioneRussa? Quali sono il ruolo e gli obiettivi di questo documento e a chi è destinato?

La Dottrina di politica estera della Russia è un documento destinato principalmente agli altri Paesi. Porta alla loro attenzione le coordinate fondamentali del corso della politica estera della Russia. È quindi uno strumento di comunicazione, come alcuni dei discorsi caratteristici di Vladimir Putin. Viene in mente il discorso di Monaco del 2007, che fornisce una panoramica della situazione internazionale e degli interessi della Russia, nonché alcune linee guida per l’azione del Paese nel prossimo futuro.

Tuttavia, la Dottrina aveva un’altra funzione. Una volta trasmessa alla burocrazia, forniva ai suoi dirigenti una raccolta di citazioni, piuttosto che una guida pratica all’azione. Ogni volta che si presenta una situazione che richiede di esprimere a parole la posizione della politica estera russa, qualsiasi burocrate può sfogliare questo testo e scegliere termini o espressioni adatti al caso specifico.

Ogni volta che si presenta una situazione che richiede di esprimere a parole la posizione della politica estera russa, qualsiasi burocrate può sfogliare questo testo e scegliere termini o espressioni adatti al caso specifico.

VJAČESLAV MOROZOV

Questo documento è quindi, come minimo, un elemento decisivo della stessa politica estera russa, soprattutto perché il processo decisionale è altamente centralizzato. Tutte le decisioni prese sulla scala coperta dalla Dottrina di politica estera sono prerogativa del Presidente della Federazione Russa. Poiché il Presidente può essere considerato un vero e proprio sovrano assoluto, è in suo potere determinare la direzione strategica della politica estera. La Dottrina non stabilisce questo indirizzo, ma lo esplicita.

La Dottrina di politica estera ha sempre svolto questo ruolo o è cambiata negli ultimi anni?

La prima Dottrina di politica estera fu adottata nel 1993. All’epoca, svolgeva la funzione tradizionalmente assegnata ai documenti strategici: quella di definire una rotta e una guida per i diplomatici. La Dottrina del 1993 aveva un carattere marcatamente filo-occidentale. Fortemente eurocentrica, annunciava la cooperazione della Russia con i Paesi più sviluppati, i principali Paesi dell’Occidente, e allo stesso tempo dipingeva le periferie del mondo – tutti i Paesi del Sud – come una zona di conflitto da cui potevano emergere potenziali minacce.

Non dobbiamo dimenticare quanto sia stata caotica la politica russa negli anni Novanta, che oscillava bruscamente tra un occidentalismo ingenuo e una politica di autosufficienza – fin dai tempi di Primakov. Se la prima Dottrina aveva inizialmente definito un orientamento strategico per la politica estera, questo è stato molto rapidamente invertito.

Non dobbiamo dimenticare quanto sia stata caotica la politica russa negli anni ’90, oscillando bruscamente tra un ingenuo occidentalismo e una politica di autosufficienza – fin dai tempi di Primakov.

VJAČESLAV MOROZOV

Con l’ascesa al potere di Vladimir Putin, la natura della Dottrina di politica estera è cambiata, diventando uno strumento concepito principalmente per inviare segnali all’Occidente. Il primo aggiornamento risale al 2000, ma è rimasto relativamente vicino alla versione precedente. Solo nel 2008, dopo il discorso di Vladimir Putin a Monaco, è stata pubblicata una nuova Dottrina, questa volta molto diversa nei contenuti. C’è stato un chiaro spostamento verso una politica anti-occidentale. Da quel momento in poi, la funzione stessa del testo è cambiata: da quel momento in poi, come ho detto, si trattava di inviare segnali ai Paesi occidentali sulla politica estera russa.

L’orientamento anti-occidentale rimane presente in questa Dottrina, ma soprattutto è decuplicata la dose di retorica aggressiva. Parole dure ed espressioni estremamente forti caratterizzano la concezione che la Russia ha delle sue relazioni con l’Occidente. Come ha fatto questa retorica, che veniva dai propagandisti delle televisioni, a finire in una produzione ufficiale dello Stato?

L’unica spiegazione è la guerra. Questo cambiamento di retorica può essere spiegato dal fatto che la Russia ora sostiene di essere obbligata a difendersi da attacchi imminenti contro di essa. Il testo non è diverso, affermando che è in corso un nuovo tipo di guerra ibrida, in cui gli Stati Uniti stanno usando l’Ucraina come meccanismo per la propria aggressione contro la Russia. Stiamo quindi assistendo a uno spostamento verso una retorica sempre più aggressiva, basata sui concetti di “Stato di civiltà”, “mondo russo” e “mondo multipolare”. Questa retorica riflette la posizione di uno Stato che sente di essere stato trattato ingiustamente per troppo tempo, che questa ingiustizia si è infine trasformata in aggressione e che ha bisogno di difendersi da questa aggressione.

Soprattutto, va notato che il livello di aggressività della retorica ufficiale è aumentato dal 2008. Il tono delle Dottrine 2008 e 2013 conservava ancora un certo grado di correzione. La Dottrina 2016 ha iniziato ad allontanarsi da questo, mentre la Dottrina 2023 non prende alcuna precauzione nella scelta delle parole. Esprime senza mezzi termini le presunte intenzioni aggressive dell’Occidente e la politica che la Russia deve adottare per difendersi.

L’aggressività della retorica ufficiale è aumentata dal 2008.

VJAČESLAV MOROZOV

La nuova dottrina di politica estera della FederazioneRussa afferma la necessità di agire in conformità con la Carta delle Nazioni Unite, rifiutando l’idea di un “ordine mondiale basato su regole”. Si legge: “Il meccanismo per stabilire le norme giuridiche internazionali deve essere basato sulla libera volontà degli Stati sovrani. Le Nazioni Unite devono rimanere la principale piattaforma per il progressivo sviluppo e la codificazione del diritto internazionale. Perseverare nella promozione di un ordine mondiale basato su regole rischia di portare alla distruzione del sistema giuridico internazionale e ad altre pericolose conseguenze per l’umanità”. È una contraddizione in termini?

Non c’è contraddizione, né dal punto di vista della Dottrina né da quello della retorica russa. L’idea di un “ordine mondiale basato sulle regole” è apparsa relativamente di recente nel linguaggio della politica estera russa per tradurre il concetto inglese di rule-based order. Il suo significato è esposto nel paragrafo 9 della Dottrina, che fa riferimento alle Nazioni Unite prima di affermare che “la solidità del sistema giuridico internazionale è messa alla prova: una ristretta cerchia di Stati sta cercando di sostituirlo con una concezione dell’ordine mondiale basata sulle regole (cioè l’imposizione di regole, standard e norme, il cui sviluppo non ha garantito la partecipazione paritaria di tutti gli Stati interessati) “. Questo passaggio recupera un concetto del lessico politico occidentale, in cui svolge un ruolo simile ma più sottile, affermando che l’ordine mondiale così come esiste oggi, pur essendo nel complesso favorevole all’Occidente, va comunque a vantaggio di tutti gli Stati e contribuisce alla loro prosperità.

Cosa fa il testo russo? Si basa sulla nozione di “ordine mondiale basato su regole” per denunciare la vana retorica dell’Occidente, che si affanna a imporre a tutto il mondo una visione del mondo che avvantaggia esclusivamente gli Stati Uniti e i loro satelliti. In sostanza, anche se questo termine non viene utilizzato (sebbene il testo contenga numerose critiche al neocolonialismo), si tratta di una denuncia di un sistema imperialista.

Questa concezione di un “ordine mondiale basato su regole” descrive una politica statunitense di dominio unilaterale. Tuttavia, secondo la Dottrina, gli Stati Uniti non sarebbero più in grado di mantenere questo ordine mondiale in un mondo che è diventato multipolare. Ignorando questa realtà, gli Stati Uniti continuerebbero ad aggrapparsi alla loro egemonia – “egemonia” è anche un’innovazione linguistica nella Dottrina del 2023.

Dal punto di vista del Cremlino, la formula “un ordine mondiale basato sulle regole” non è altro, per dirla in termini semplicemente marxisti, che una “falsa coscienza” che gli Stati Uniti vorrebbero imporre all’intero pianeta per ottenere l’accettazione del loro dominio. La Russia si oppone a tutto ciò e sostiene quindi di essere un difensore di un “vero ordine mondiale”, in cui tutti gli Stati sono veramente uguali, come garantito dalla Carta delle Nazioni Unite. Poiché la Russia è membro permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite con diritto di veto, questo ordine è principalmente nel suo interesse.

La Russia sostiene quindi di difendere un “vero ordine mondiale”, in cui tutti gli Stati sono veramente uguali, come garantito dalla Carta delle Nazioni Unite.

VJAČESLAV MOROZOV

Gli statuti delle Nazioni Unite sanciscono alcuni principi normativi che non possono essere violati dagli Stati membri, in particolare il divieto di invadere il territorio di uno Stato sovrano. Questo ordine normativo e la funzione deterrente del Consiglio di Sicurezza sono stati messi in discussione dall’intervento degli Stati Uniti in Iraq. D’altra parte, la struttura dell’ONU è chiaramente basata su un principio di dominio delle “grandi potenze” e su un equilibrio dei loro interessi. Possiamo dire che la Russia ha fatto la sua scelta tra questi due modelli disponibili?

Sì, la Russia è chiaramente a favore di uno dei principi dell’ONU. Una delle caratteristiche del diritto internazionale è l’alto grado di incertezza, poiché si basa su un compromesso tra i principi di sovranità e la necessità di cooperazione internazionale – che può arrivare a limitare la sovranità nell’interesse della pace e della sicurezza internazionale. Allo stesso tempo, i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza occupano una posizione specifica, legata al loro diritto di veto. Questa regola deriva dall’idea di un “concerto delle grandi potenze”, ovvero di un ordine internazionale basato sul consenso dellegrandi potenze(great power management). Nel suo libro The Anarchical Society: A Study of Order in World Politics, Hedley Bull descrive il “Concerto delle grandi potenze” come una delle istituzioni della società internazionale, al pari del diritto internazionale, della diplomazia, della guerra e dell’equilibrio di potenza. Questo concetto risale al Congresso di Vienna del 1815 ed è stato sancito dalla Carta delle Nazioni Unite all’indomani della Seconda guerra mondiale, quando i vincitori hanno consolidato il loro dominio sugli affari mondiali.

L’idea di un “concerto di grandi potenze” si adatta perfettamente alla Russia, soprattutto perché implica che ciascuna delle potenze interessate mantenga l’ordine all’interno della propria sfera di influenza, negoziando al contempo con le altre potenze su scala globale e cercando di non invadere le proprie sfere di influenza. Poiché questo è uno stato di cose ideale per la Russia, essa non può che sostenere la Carta delle Nazioni Unite. Inoltre, l’articolo 51 della Carta garantisce agli Stati il diritto all’autodifesa. Questa nozione compare due volte nella Dottrina 2023, ma senza essere esplicitamente collegata all'”operazione militare speciale”. – Chiaramente, gli estensori del testo non hanno osato accusare apertamente l’Ucraina di aggressione contro la Russia. Tuttavia, è chiaramente questa l’idea in gioco quando la Russia afferma di essere vittima di un nuovo tipo di guerra ibrida e di essere costretta a proteggersi dall’aggressione dell’Occidente attraverso un Paese dipendente. I riferimenti all’articolo 51 devono essere intesi in questo preciso contesto.

Pochi Paesi al di fuori dell’Occidente sono disposti a declassare apertamente le loro relazioni con la Russia.

VJAČESLAV MOROZOV

La Carta delle Nazioni Unite, tuttavia, sancisce altri principi: l’uguaglianza sovrana di tutti gli Stati, il principio di non ingerenza, il divieto di atti di aggressione, ecc. Tutti ne sono consapevoli, ma pochi Stati al di fuori dell’Occidente sono disposti a declassare apertamente le loro relazioni con la Russia. Inoltre, qualsiasi progetto di riforma dell’ONU è condannato fin dall’inizio a causa degli interessi inconciliabili delle grandi potenze, ognuna delle quali cerca di assicurarsi la posizione più favorevole – il che spiega perché continuano a usare il loro diritto di veto. Detto questo, sono pochissimi gli Stati che sostengono apertamente le azioni della Russia, come dimostrano i risultati delle votazioni all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

[Abbonati per leggere le nostre analisi dei dati e scoprire ogni giorno nuove mappe e grafici].

L’ultima versione del testo fa numerosi riferimenti a un “mondo multipolare”. Perché non era così nelle Dottrine precedenti? Inoltre, questa espressione è accompagnata da quella di “civiltà statale”. Come deve essere intesa?

Il concetto di “mondo multipolare” compare nella Dottrina 2000, ma solo come obiettivo strategico. Nel 2008 è stata utilizzata l’espressione “multipolarità emergente”. Successivamente è stata sostituita dal termine “policentrismo”, che compare in tutte le Dottrine fino al 2023.

Il contenuto di questa nozione è in continua evoluzione, ma si può dire che, secondo questo approccio, la trasformazione del pianeta in uno spazio policentrico provocherebbe l’esasperazione degli Stati Uniti e dei loro alleati. Vedendo la loro influenza indebolirsi, si aggrapperebbero ancora di più al loro potere passato, a costo di una destabilizzazione generale. Dal punto di vista della Russia, quindi, questo concetto riflette il contenuto essenziale della politica mondiale: l’Occidente si oppone alla creazione di un mondo multipolare e la Russia, insieme alla Cina e ad altri Paesi, promuove il multipolarismo per ottenere pari diritti per tutti gli Stati sulla scena internazionale.

Nel 2008 ci siamo imbattuti nell’espressione “multipolarità emergente”. In seguito è stata sostituita dal termine “policentrismo”, che si ritrova in tutte le Dottrine fino al 2023.

VJAČESLAV MOROZOV

La nozione di “Stato-civiltà” va di pari passo con quella di multipolarità. Per la Russia, lo Stato-civiltà corrisponde a una rappresentazione di se stessa come entità che riunisce popoli diversi, legati da una comune identità civile. Da un lato, il discorso civilistico della Dottrina conferma che le autorità russe contemporanee hanno poca simpatia per il nazionalismo etnico. I recenti discorsi di Vladimir Putin mostrano che sta cercando di evitare questa retorica nazionalista, sottolineando costantemente la diversità dei popoli che compongono il Paese. Quando si rivolge al popolo ucraino, mostra un certo rispetto, ma si riferisce a lui come parte integrante della stessa unità civile. In questo testo, quindi, il concetto di “mondo russo” è effettivamente utilizzato in senso civile: il mondo russo comprende tutti coloro che sono legati alla Russia, non solo coloro che sono etnicamente russi.

Non è altro che un tentativo di costruire una nuova identità su base imperiale. Questa identità presuppone una gerarchia tra i vari gruppi e culture esistenti, al cui vertice si trova la cultura russa. Tuttavia, questa identità, come tutte le identità imperiali, si dichiara aperta e pronta a incorporare altri popoli e culture se questi riconoscono la supremazia della cultura e del popolo russo, pilastri della formazione dello Stato. Questo concetto si oppone all’idea di sovranità nazionale delle “piccole nazioni”, per usare un termine politicamente scorretto. Anche se il popolo ucraino non corrisponde in alcun modo alla definizione di “piccola nazione”, è così che viene rappresentato dall’imperialismo russo. Secondo questa logica, il popolo ucraino potrebbe esistere solo formando un legame di civiltà esclusivo con il popolo russo. Se prendessero le distanze dalla Russia, gli ucraini diventerebbero un’appendice dell’Occidente – di cui nessuno ha veramente bisogno – e perderebbero la loro identità. Questa diagnosi non vale solo per l’Ucraina, ma anche per la Bielorussia, il Kazakistan e tutta l’Asia centrale, nonché per i vari popoli che vivono sul territorio della Federazione Russa. Il messaggio è che la loro storia, la loro identità e la loro memoria sono intrinsecamente legate alla Russia e alla sua civiltà, mentre al di fuori della Russia perderebbero la loro personalità civile e nazionale, verrebbero colonizzati e poi semplicemente smetterebbero di esistere.

In questo testo, il concetto di “mondo russo” è effettivamente utilizzato in senso civilistico: il mondo russo comprende tutti coloro che sono legati alla Russia, non solo coloro che sono etnicamente russi. Non è altro che un tentativo di costruire una nuova identità su base imperiale.

VYACHESLAV MOROZOV

Infine, vale la pena sottolineare l’uso nella Dottrina del termine “vicino all’estero”, che per un certo periodo era stato escluso dal linguaggio politico ufficiale. Questa espressione, che negli anni ’90 poteva ancora pretendere di riflettere in qualche misura le realtà concrete ereditate dall’era sovietica, ora può solo assumere un significato imperiale e servire ad affermare la supremazia russa.

Un ritratto del Presidente russo Vladimir Putin durante il voto inscenato in un seggio elettorale nella città occupata di Tavriysk, vicino alla linea del fronte. Alexei Konovalov/TASS/Sipa USA

In altre parole, nella tensione che esiste tra il principio imperiale e il principio di nazionalità, è il lato imperiale a prevalere oggi. La dichiarazione di Vladimir Putin secondo cui “i confini della Russia non si fermano da nessuna parte” è un’espressione perfettamente chiara di questo principio imperiale.

Nella tensione che esiste tra il principio imperiale e il principio delle nazionalità, oggi è il lato imperiale a prevalere.

VJAČESLAV MOROZOV

Si può dire che gli Stati Uniti, l’impero a cui la Russia pretende di opporsi, siano l’obiettivo principale della Dottrina di politica estera?

Certo che sì. Se osserviamo la struttura del documento, vediamo che l’elenco delle priorità regionali inizia con “l’estero vicino”, seguito da una serie di Stati più o meno amici, mentre gli Stati europei sono citati solo alla fine, come satelliti degli Stati Uniti – l’Unione Europea in quanto tale non è nemmeno menzionata. All’Europa viene riconosciuta una certa soggettività potenziale, che realizzerà pienamente solo quando si sarà liberata dal potere americano e avrà dato ragione alla Russia. Infine, il testo fa riferimento ai Paesi anglosassoni, cioè agli Stati Uniti e ai loro alleati: Gran Bretagna, Canada, Australia e Nuova Zelanda.

Non appena il tema si sposta sui Paesi del Sud, inizia a emergere una retorica anticoloniale ed emancipatrice. Questo cambiamento nel discorso è iniziato con il discorso di Vladimir Putin del 30 settembre 2022, in cui ha usato la parola “egemonia” almeno cinque volte e ha parlato a lungo di colonialismo, cercando di stabilire un legame tra la lotta della Russia contro la dominazione occidentale in Ucraina e quella dei Paesi del Sud contro il colonialismo. In linea con la sua dottrina di politica estera, la Russia sostiene di essere all’avanguardia del movimento anticoloniale globale, appropriandosi di parte dell’eredità sovietica in questo campo. Va inoltre notato che l’Unione Sovietica, in quanto sostenitrice della decolonizzazione, viene ritratta in questo testo come una sorta di Russia eterna e immutabile, mentre il suo internazionalismo e la sua dimensione ideologica progressista vengono accuratamente ignorati.

L’Unione europea in quanto tale non è nemmeno menzionata nella Dottrina di politica estera.

VJAČESLAV MOROZOV

L’immagine che emerge è quella di una lotta tra l’impero statunitense e i popoli amanti della libertà. Tuttavia, c’è stato un cambiamento ideologico. Secondo la Dottrina, questi popoli non difendono tanto la loro autonomia, la loro libera capacità di autogoverno o la democrazia, quanto la loro identità civile. Se a prima vista la critica all’imperialismo statunitense può sembrare anticoloniale, in realtà assume i toni della destra conservatrice, impreziosita da motivi di civiltà e da elementi culturali e religiosi – la famiglia tradizionale, l’omofobia e altri “valori” che lo Stato russo sta cercando di imporre alla sua popolazione e non solo. Il presupposto fondamentale per la Russia è che su questa base sia possibile costruire un certo grado di solidarietà internazionale.

Tuttavia, non direi che si tratta di vuota retorica – anche se si tratta ovviamente di espedienti retorici. Dal punto di vista dei leader russi di oggi, si tratta di un approccio piuttosto razionale, poiché queste idee possono trovare sostegno o eco tra alcuni leader dei Paesi del Sud, tra i critici del liberalismo, degli Stati Uniti, della NATO, dell’Unione Europea e così via. Allo stesso tempo, questa retorica anticoloniale nasconde una politica imperiale da parte della Russia, che ha un interesse diretto a sviluppare un sistema di relazioni neocoloniali. Le élite russe sono i primi beneficiari di questo sistema e hanno tutte le intenzioni di tornare a uno stato di cose in cui le grandi potenze decidono su tutti gli affari mondiali e ognuna agisce come meglio crede nella propria periferia. La logica è quella del controllo coloniale e ideologico, unito allo sfruttamento economico delle risorse naturali e umane.

Di quali “dispositivi neoliberali” parla Vladimir Putin? Vladimir Putin sta parlando e perché li critica – critiche che si possono trovare nel passaggio in cui la Dottrina afferma che “una forma diffusa di interferenza negli affari interni degli Stati sovrani consiste nell’imposizione di dispositivi ideologici neoliberali, distruttivi dei valori spirituali e morali tradizionali”?

Innanzitutto, ho la sensazione che la Dottrina di politica estera 2023 sia stata scritta da persone nuove, che in precedenza non avevano avuto un ruolo così attivo. Rispetto alle versioni precedenti, questa è scritta in un linguaggio leggermente meno burocratico e il suo flusso è più coerente. Ma il punto chiave è che questo nuovo testo registra una serie di decisioni deliberate, che non possono essere lasciate al caso, a partire dal ricorso alla retorica anticoloniale di cui sopra, o dall’uso di termini come “egemonia” o “neoliberismo”.

Ho la sensazione che la Dottrina di politica estera 2023 sia stata scritta da nuovi autori che non avevano mai avuto un ruolo così attivo.

VJAČESLAV MOROZOV

Immagino che gli autori di questa Dottrina leggano abbastanza da avere un’idea della portata e della diffusione delle attuali critiche al neoliberismo, soprattutto a sinistra. È certamente possibile che non capiscano esattamente cosa sia il neoliberismo, o che facciano finta di non capirlo. Resta il fatto che hanno deciso di sviluppare una critica del neoliberismo che prende di mira l’Occidente, nell’interesse della Russia. In realtà, le critiche esistenti al neoliberismo sono spesso rivolte all’imperialismo occidentale, al tipo di globalizzazione e alle crescenti disuguaglianze globali che lo accompagnano. Ma in questo caso, gli autori della Dottrina fingono di non vedere che la Russia incarna il tipico esempio di egemone locale, pienamente integrato nella struttura neoliberale globale.

Facendo dell’Occidente l’unico ricettacolo della sua critica al neoliberismo, il significato stesso del concetto viene trasformato. Nella Dottrina di politica estera della Russia, il neoliberismo è presentato come un insieme di valori occidentali che si suppone siano imposti alla Russia dall’esterno: la distinzione tra “genitore 1” e “genitore 2”, la “propaganda dell’omosessualità”, il femminismo e così via. Il neoliberismo non è quindi altro che una nuova variante del liberalismo, rifocalizzata su un certo numero di valori culturali occidentali, un mero riflesso delle guerre culturali in corso legate al genere, all’identità queer, alla disuguaglianza razziale, al marxismo culturale e alla sua eredità e al post-colonialismo. Per gli autori del testo, tutti i valori “occidentali”, compresi i diritti umani, i diritti delle donne e delle minoranze, rientrano nella categoria del neoliberismo.

Tuttavia, vale la pena di sottolineare quanto la dottrina della politica estera russa sia essa stessa impregnata di spirito neoliberale. In concreto, questo testo tenta di articolare sia la visione neoconservatrice che quella neoliberale – in un modo che non è poi così nuovo, se ricordiamo l’esempio di Ronald Reagan.

Questo testo tenta di articolare sia il punto di vista neo-conservatore che quello neo-liberale – in un modo che non è poi così nuovo, se ricordiamo l’esempio di Ronald Reagan.

VJAČESLAV MOROZOV

Uno dei concetti al centro della Dottrina è quello di “concorrenza leale”, utilizzato nel testo per denunciare, al contrario, la concorrenza sleale dell’Occidente. Questo concetto è uno dei punti nodali della terminologia neoliberista, alla base dell’idea che lo stato normale delle cose sia una competizione tra tutti contro tutti. Secondo questo concetto, gli individui, gli Stati e le nazioni devono investire nel loro sviluppo e accumulare capitale per superare gli altri. È proprio l’Occidente che, secondo il Cremlino, interrompe il normale corso della competizione tra Stati, civiltà e imprese, ad esempio quando impone sanzioni o impedisce alle aziende russe di accedere al mercato internazionale.

Nel mondo immaginato dagli autori della Dottrina, non c’è spazio per la cooperazione; la competizione di tutti contro tutti deve portare alla sottomissione del più debole al più forte. La questione dei valori, in ultima analisi, è formale: i valori evocati servono solo a legare gli agglomerati civili. In queste condizioni, il “neoliberismo” si riduce a un significante vuoto. Si potrebbe dire che questo termine è ora utilizzato nel lessico politico russo più o meno come lo era “democrazia” qualche anno fa. All’epoca di Vladislav Surkov, la Russia criticava l’Occidente per aver imposto la sua concezione di democrazia al resto del mondo. Oggi è diventato più difficile discutere la nozione di democrazia, anche quella di “democrazia sovrana”, per cui si torna a criticare l’Occidente per il suo “liberalismo”. Per quanto assurda possa sembrare, questa critica al “neoliberismo” proviene dalle posizioni più indiscutibilmente neoliberiste.

Un altro punto importante da notare, non estraneo a quanto detto sopra, è l’eurocentrismo delle Dottrine di politica estera della Russia nel loro complesso. È vero che la Dottrina 2023, come tutti i suoi predecessori tranne il 1993, è un testo anti-occidentale. Ma allo stesso tempo mostra fino a che punto la Russia consideri ancora l’Occidente il suo principale interlocutore. Nonostante i suoi sforzi per sviluppare un dialogo con i Paesi del Sud, questo si riduce ancora una volta a una critica dell’Occidente e della politica occidentale. In altre parole, si tratta ancora una volta di un messaggio all’Occidente: se rinsavisce e adotta una politica “costruttiva” nei confronti della Russia, quest’ultima sarà pronta a cooperare con l’Europa e a tornare a rapporti di buon vicinato. In breve, la Russia non è riuscita a emanciparsi dal suo eurocentrismo: sta ancora cercando di farsi accettare e riconoscere dall’Europa.

La Dottrina 2023 è, come tutti i suoi predecessori tranne il 1993, un testo anti-occidentale. Ma dimostra fino a che punto la Russia consideri ancora l’Occidente il suo principale interlocutore.

VJAČESLAV MOROZOV

Come dobbiamo interpretare il fatto che la nuova Dottrina non faccia più riferimento alla necessità del controllo degli armamenti o, più in generale, del disarmo?

Questo non è del tutto vero: la Dottrina del 2023 fa riferimento al controllo degli armamenti. Tuttavia, viene presentata nel modo seguente: l’Occidente è responsabile di tutto, non abbiamo nulla da rimproverarci, poiché non abbiamo violato alcun accordo e siamo pronti a ristabilire tutti i trattati.

Storicamente, questo è vero anche solo in parte: lo smantellamento del sistema di controllo degli armamenti è iniziato con il ritiro degli Stati Uniti dal Trattato sul controllo degli armamenti sotto George W. Bush Jr. e, negli anni successivi, la questione è stata ben lontana dall’essere una delle priorità di Washington. Nel contesto delle attuali tensioni, è improbabile che questo sistema venga ripristinato nella sua forma precedente, ma la Dottrina indica comunque che la Russia è aperta al dialogo sulla questione degli armamenti, che sarà probabilmente una delle prime questioni da affrontare se la situazione militare si risolverà o si stabilizzerà, o se si aprirà un dialogo tra la Russia e l’Occidente. Per il momento, però, è la guerra a rimanere in primo piano e nessuna discussione seria tra Russia e Occidente potrà avere luogo finché l’Ucraina non sarà sicura.

Questa comunicazione da parte della Russia, riluttante al compromesso e che lancia ultimatum, la sta aiutando a raggiungere i suoi obiettivi?

I leader russi sono probabilmente convinti dell’efficacia di questa forma di comunicazione. Dopo tutto, l’hanno sperimentata nel dicembre 2021, quando hanno lanciato un ultimatum agli Stati Uniti e alla NATO. In effetti, è stato il rifiuto di Stati Uniti e NATO di negoziare alle condizioni della Russia a fornire il principale pretesto per lo scoppio della guerra. Oggi la leadership russa persiste su questa linea. Tuttavia, è chiaro che questo metodo di comunicazione non raggiungerà mai gli obiettivi prefissati, soprattutto ora che la guerra è in corso. Quando all’inizio del secolo 2021-2022 si discuteva dell’ultimatum russo, si sentivano voci che chiedevano alla Russia di essere ascoltata e di impegnarsi nel dialogo. Tutti temevano ciò che da allora è diventato perfettamente chiaro: la Russia non è così terrificante come sembrava.

È chiaro a tutti che la Russia non può vincere la guerra. Non può vincere una guerra contro un’Ucraina sostenuta dall’Occidente. Non uscirà vittoriosa da una guerra su larga scala contro gli Stati Uniti. Potrebbe essere in grado di conquistare alcune porzioni di territorio, ma in nessun modo una vittoria clamorosa. In queste circostanze, il tono da ultimatum della Russia è perfettamente improduttivo: solo una piccola parte della comunità di esperti prende sul serio i suoi proclami. L’opinione prevalente su queste dichiarazioni russe è che si tratti di propaganda o semplicemente di irrazionalità.

La Russia non è riuscita a emanciparsi dal suo eurocentrismo: sta ancora cercando di farsi accettare e riconoscere dall’Europa.

VJAČESLAV MOROZOV

In realtà, come ho detto, la retorica russa non è priva di significato, e il suo significato si riflette nella nuova Dottrina di politica estera. Possiamo non essere d’accordo con il suo contenuto, ma dobbiamo lavorare sulla base di questo testo per definire una politica nei confronti della Russia, con la quale tutti devono ancora fare i conti, per il momento. La retorica aggressiva della Russia è studiata per renderla difficile da capire. Tuttavia, gli esperti devono essere in grado di analizzare il contenuto di questi discorsi, prescindendo dalla loro dimensione aggressiva.
Tutti speriamo che la Russia subisca cambiamenti favorevoli nel prossimo futuro, ma non possiamo aspettare quel momento per definire una politica nei suoi confronti. Non chiedo assolutamente di adottare ora una “posizione costruttiva”, per usare il linguaggio della Dottrina. Tuttavia, è essenziale capire che le azioni del Cremlino sono guidate da una certa logica e che questa logica gli permette di ottenere un parziale successo diplomatico. Senza adottare o approvare questa logica, resta il fatto che, finché non la comprenderemo, non potremo mettere in atto una vera politica di contenimento, né tantomeno piani d’azione più ambiziosi.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

“Le elezioni europee del 2024 hanno segnato la fine del sovranismo dei padri”, la valutazione e le prospettive di Pascal Lamy

Le elezioni europee del 2024 hanno segnato la fine del sovranismo dei padri”, la valutazione e le prospettive di Pascal Lamy

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO
Quali sono i risultati delle elezioni europee? Pascal Lamy traccia le coordinate di una “elezione ibrida”, tra grandi tendenze e inerzia. Nella fase di incertezza in cui si trova la Francia prima delle elezioni legislative e dopo il fragore dello scioglimento, avverte che “un governo Bardella vorrà lasciare il segno su alcuni progetti europei”.

L’intervista è disponibile anche in inglese sul sito del Groupe d’études géopolitiques.

Dal 2019 abbiamo aiutato più di 25 milioni di persone a capire l’Europa. Questo lavoro ha un costo. Per sostenerlo e contribuire allo sviluppo della rivista, abbonatevi a Le Grand Continent.

Dieci giorni dopo, mentre inizia il processo di nomina dei Top Jobs a livello europeo e lo scioglimento della Francia scuote il panorama politico, cosa si può trarre da questa importante elezione europea?

Le elezioni europee sono un ibrido. Per interpretarle bisogna considerare una traiettoria in due fasi, un po’ come un aereo che decolla e sale di quota. Si attraversa una zona di turbolenza nazionale, poi si continua a salire e a quel punto ci si trova in una zona dove la navigazione è più tranquilla e le linee più chiare.

A livello nazionale esistono casi specifici – in Francia siamo in una buona posizione per rendersene conto – che dipendono dall’equilibrio delle forze politiche e dai tempi del ciclo politico nazionale, il che rende difficile trarre conclusioni generali da questo livello. La situazione è diversa a livello europeo. Poiché lo scenario europeo è il risultato di un’aggregazione, i cambiamenti sono inevitabilmente più lenti, più attenuati, con vantaggi e svantaggi nazionali che in parte si compensano.

Puisque la scène européenne est la résultante d’une agrégation, les évolutions sont inévitablement plus lentes, plus amorties avec des plus et des moins nationaux qui se compensent en partie.

PASCAL LAMY

L’épicentre de Paris n’a pas provoqué de tremblement à Bruxelles ? 

L’approche continentale montre qu’il n’y a pas eu d’à-coup, mais une lente dérive continue. Quand vous regardez les chiffres depuis 1979 sur 50 ans, il y a toujours eu un léger déport à droite.

Questa volta è stato un po’ di più del solito, poiché il PPE e i due gruppi di estrema destra hanno ottenuto più seggi. Ma non siamo nelle previsioni estreme in cui ognuno di questi gruppi sarebbe riuscito a conquistare 30 eurodeputati in più.

In questo contesto, ritiene che l’opzione di un secondo mandato della von der Leyen sia quella giusta?

La governance europea si basa su un sistema parlamentare bicamerale, con una camera alta, quella degli Stati, e una camera bassa, quella del Parlamento. Per quanto riguarda la camera bassa, è probabile, anche se incerto, che venga rinnovata la coalizione di cristiano-democratici, socialdemocratici e centristi che ha sostenuto la Commissione nella precedente legislatura.

On en saura plus dans les prochains jours, mais cette configuration donne à Ursula von der Leyen de bonnes chances de devenir la prochaine présidente de la Commission, c’est-à-dire de se succéder à elle-même. Une continuité bienvenue, je crois, en ces temps terriblement chahutés.

Avec la dissolution, ou la disparition apparente du Frexit comme option revendiquée par la droite historiquement eurosceptique, les Européennes 2024 marquent-elles une accélération vers l’européanisation de la politique nationale ?

Sì, è un’interpretazione interessante che condivido. L’ibridazione tra elezioni nazionali ed europee ha avuto conseguenze interne particolarmente eclatanti, almeno nel caso della Francia e forse, dopo l’estate – con l’effetto domino delle elezioni nei Länder – nel caso della Germania. Interpreto questo processo, che ha una dimensione sia politica che antropologica, come una tappa della costruzione di un unico spazio europeo.

L’intreccio tra i due livelli sta diventando troppo intenso per essere ignorato. Non ha senso dire che le elezioni europee non sono nazionali se in pratica Emmanuel Macron scioglie l’Assemblea e Alexander De Croo si dimette dopo i rispettivi fallimenti.

L’intreccio tra le due scale sta diventando troppo intenso per essere ignorato.

PASCAL LAMY

Dalle maledette midterm – in Francia il vincitore ha sistematicamente perso le elezioni presidenziali e le successive elezioni legislative – le elezioni europee stanno cambiando il loro ruolo ?

Questa ibridazione è anche dinamica. Le elezioni europee, pur essendo a turno unico, avranno un secondo turno che sarà puramente nazionale, – e poi forse un terzo turno, se il risultato di queste elezioni nazionali porterà a una diversa posizione del governo francese nel Consiglio dei Ministri.

Naturalmente, in Francia il regime presidenziale mantiene il controllo sugli affari internazionali, sulla diplomazia e sull’Europa. Tuttavia, i rapporti di forza possono cambiare. È ipotizzabile che un governo Bardella – ipotesi che non sembra, ahimè, dal mio punto di vista, improbabile – voglia lasciare il segno su alcuni progetti europei.

Questa volta, l’intreccio non sarebbe statico, ma dinamico, creando una situazione che si riverbera a livello nazionale e, senza dubbio, a livello europeo. A prescindere dalle vicissitudini del momento o dalle preferenze politiche, la costruzione di uno spazio democratico europeo ibrido, cioè nazionale e sovranazionale, è in corso.

È ipotizzabile che un governo Bardella voglia lasciare il segno su alcuni progetti europei.

PASCAL LAMY

Prima di tornare al caso francese, concentriamoci sull’idea di un cambiamento che non avrebbe alcun effetto rilevante e che anzi stabilirebbe una forma di continuità con la rielezione del Presidente della Commissione. Lei stesso ha dimostrato in una delle nostre interviste che l’asse strutturante della von der Leyen – e forse anche dell’inerzia europea che l’ha preceduta – è stato il Patto Verde. Nonostante gli effetti di superficie e la continuità, non siamo di fronte a un cambiamento di rotta?

Non credo che questo spostamento riguardi tanto la direzione quanto la derivata, nel senso matematico del termine. In altre parole, la direzione non cambierà, ma la sua attuazione potrebbe essere rallentata.

Perché?

Per due motivi. Il primo è di natura giuridica: la maggior parte dei blocchi legislativi del Green Deal sono già pronti, compresa la traiettoria di decarbonizzazione entro il 2050. E con la miracolosa adozione questa settimana della legge sul ripristino della natura, grazie alla coraggiosa indisciplina di Léonore Gewesler in Austria, siamo ora più che mai in fase di attuazione. Certo, questo processo potrebbe essere più o meno rallentato a seconda delle opinioni del nuovo Parlamento europeo. Ma credo che i cambiamenti si esprimeranno in altri modi. Ad esempio, nella composizione della Commissione.

Il Consiglio dei Ministri è molto più a destra rispetto a cinque anni fa: in Europa ci sono ormai solo quattro governi socialdemocratici, due dei quali – Germania e Spagna – hanno un peso notevole, ma non sono in una posizione comoda. Gli altri sono liberali, democristiani o forze più a destra dei democristiani, a partire da Giorgia Meloni.

Il Consiglio dei ministri è chiaramente più di destra rispetto a cinque anni fa.

PASCAL LAMY

Qual è il secondo motivo?

Un recente studio del Centro Jacques Delors di Berlino ha dimostrato che l’ambiente rimane un tema chiave nella struttura dell’opinione europea. È vero che non è stato il principale argomento di dibattito a livello di elezioni europee. Ma le ragioni di ciò risiedono nella sua natura ibrida. L’unica questione emersa, contro la quale ha votato l’estrema destra, è stata il divieto di vendita di nuove auto a combustione interna nel 2035. Lo vedo più come il risultato di una cristallizzazione causata da una scadenza: è comprensibile che ci siano persone che non vogliono essere costrette a cambiare la propria auto. Ma per quanto riguarda le altre misure, i sondaggi e le inchieste mostrano che la popolazione europea, nelle sue strutture ideologiche radicate, rimane favorevole all’ambiente, alla decarbonizzazione e anche alla biodiversità, anche se ne parliamo meno.

Eliot Blondet/SIPA

Lei parla di uno spostamento graduale e a lungo termine verso destra. Ma se osserviamo da vicino queste forze, possiamo notare un cambiamento tettonico: i gruppi che erano a destra del Partito Popolare Europeo avevano un’evidente dimensione euroscettica. Oggi il RN di Bardella ha raggiunto un risultato storico non sostenendo più esplicitamente la Frexit, mentre le uniche forze favorevoli alla Frexit rappresentano meno del 3%. Come spiega questa conversione all’Europa? Pensa che sia puramente tattica e retorica? Cambia gli equilibri all’interno del Parlamento?

È la conferma di un movimento che, per suo merito, il Grande Continente ha individuato prima degli altri, evidenziando il ruolo gramsciano di Viktor Orbán in questo cambiamento.

È stato lui a spostare l’estrema destra dalle posizioni antieuropee del sovranismo di stampo paterno: “fuori dall’Europa, abbasso l’Europa, viva la nazione”, a “il nostro obiettivo è partecipare al potere europeo, esercitare il potere europeo, e quindi lo faremo dall’interno, invece di pretendere di stare fuori”.

Orbán ha allontanato l’estrema destra dalle posizioni antieuropee del sovranismo vecchio stile.

PASCAL LAMY

Alcuni euroscettici di destra sono passati dalla Brexit a Make Europe Great Again…

La melonizzazione dell’ estrema destra a livello europeo è stata effettivamente provocata da Orbán, che è la vera forza trainante di questo sviluppo. Non è un caso che il primo ministro ungherese abbia scelto “Make Europe Great Again” come motto per la presidenza di turno del Consiglio. Una parte dell’estrema destra europea cercherà ora di influenzare l’esercizio del potere europeo cercando di penetrarvi attraverso alleanze parlamentari o nomine alla Commissione.

Esiste un punto di incontro tra il Partito Popolare e la sua ala destra?

Sì, assume forme diverse nei vari Paesi. In alcuni casi, la destra del PPE – perché all’interno del PPE esistono una destra, un centro e una sinistra – può essere tentata di votare con l’ECR. Come dimostra l’esame dettagliato dei voti al Parlamento europeo pubblicato dall’Istituto Delors di Parigi, ciò è molto meno probabile da parte dell’ID e di altri raggruppamenti che non appartengono né all’ECR né all’ID di estrema destra.

Ci sono anche Paesi in cui questa possibile continuità sta emergendo. L’Italia, ad esempio, e ora anche la Francia. In Germania, il fatto che la CDU e la CSU siano nello stesso gruppo significa che tutti si uniscono ai cristiano-democratici, mentre in Baviera potrebbero forse avere una posizione diversa se le preferenze sugli assi politici fossero misurate correttamente. In un sistema parlamentare si devono fare dei compromessi; quindi dobbiamo essere forti, avere peso e occupare il maggior numero possibile di posizioni che contano nella definizione dell’ordine del giorno o nella conduzione dei lavori in commissione o in plenaria, e la forza viene dai numeri.

In alcuni casi, l’ala destra del PPE potrebbe essere tentata di votare con l’ECR.

PASCAL LAMY

Come descrivere questo movimento? È un rafforzamento dell’inerzia europea al di fuori del quadro comunitario?

Questo è uno degli ingredienti della graduale politicizzazione dello spazio sovranazionale e della sua articolazione con lo spazio nazionale. È una conferma di questa ibridazione: non si tratta di esercitare una forma di democrazia parlamentare a livello nazionale e un’altra forma di democrazia parlamentare a livello europeo. Il coinvolgimento dell’estrema destra in questa fase è anche un momento di progresso nella costituzione, di lento emergere di questo spazio politico europeo. Queste elezioni sono una tappa di questo processo.

Un tema che non è stato al centro della campagna, ma che sta guidando l’agenda strategica e la profonda inerzia delle istituzioni, è la questione della difesa.È un ingrediente chiave di questa ibridazione?

Sì, soprattutto per ragioni legate all’invasione russa dell’Ucraina. Se c’è una questione su cui l’opinione europea è sempre stata molto d’accordo – anche in Ungheria – è il sostegno a un esercito europeo. La percentuale di europei a favore di un esercito europeo è enorme. Questo desiderio è completamente scollegato dalla realtà di cosa significherebbe avere un esercito europeo in termini di trasmutazione di questo spazio politico – perché se avessimo un esercito europeo, significherebbe che lo spazio democratico sovranazionale è diventato più forte dello spazio democratico nazionale.

Se c’è una questione su cui l’opinione pubblica europea è sempre stata molto d’accordo – anche in Ungheria – è il sostegno a un esercito europeo.

PASCAL LAMY

Come si spiega questo paradosso?

Questo desiderio è una sorta di utopia. Le opinioni sono favorevoli, ma siamo bloccati dalla straordinaria difficoltà di portare le questioni militari a un livello sovranazionale, che implica un’unica strategia, armi intercambiabili, morti comuni, comandi unificati, ordini rapidi e un unico leader. Ma le forze che bloccano stanno diminuendo sotto la pressione del pericolo. L’Ucraina ha cambiato la situazione. Se rieletto, Donald Trump potrebbe agire come un secondo shock.

Non si può dire che questo sia stato un problema emerso durante la campagna elettorale…

Sì, ma se la difesa non è stata oggetto di controversia o di dibattito nelle elezioni europee, non è che la gente non voglia parlarne, è che è d’accordo. Tutto sommato, la preferenza dell’opinione pubblica per la difesa europea è simile al consenso sull’ambiente. Quando parlo di Europa con i non addetti ai lavori, sento molti di loro lamentarsi della mancanza di una difesa europea. Rispetto pienamente questa opinione; noto solo che trascura o ignora i passi che devono essere fatti per arrivarci, sia tecnicamente che politicamente. Se siete a favore di un esercito europeo, dovete accettare il fatto che il capo di tale esercito probabilmente non sarà qualcuno del vostro Paese.

In proporzione, la preferenza dei cittadini per la difesa europea è simile al consenso sull’ambiente.

PASCAL LAMY

Non siamo forse di fronte a un “consenso morbido”, come lo definisce Jean-Yves Dormagen nelle nostre pagine sulla transizione ecologica? In astratto, tutti sembrano d’accordo, ma non appena guardiamo alle conseguenze concrete e srotoliamo il sillogismo, troviamo subito nuove divisioni e fratture.

L’invasione dell’Ucraina ha creato un’energia politica che prima non c’era. Le crisi sono motori di energia politica. Grazie a questa energia, saremo in grado di andare avanti. Da quello che possiamo leggere dei segnali politici inviati dalle elezioni europee e dalle conseguenze per il Parlamento e il Consiglio, non vedo perché questo slancio, che sarà lento, debba essere interrotto. Anche perché all’interno dell’ECR non c’è una resistenza considerevole su questo tema e Orbán non è fondamentalmente contrario.

Sarebbe difficile non chiederle di approfondire l’effetto politico interno più impressionante di queste elezioni europee: lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale. Pensa che un governo Bardella segnerebbe una rottura con l’integrazione europea?

Non ne sono sicuro, perché, a parte la sua posizione nazionalista di principio, la RN si è guardata bene dal precisare la sua posizione, per mantenere la sua strategia “catch-all”. Quindi parlo con cautela, ma nel sistema istituzionale e costituzionale francese la questione europea è in gran parte di competenza del Presidente della Repubblica. Emmanuel Macron, eletto 7 anni fa, ha saputo creare e continua a creare una dinamica di integrazione europea, con la Sorbona 1 e ora con la Sorbona 2, anche se l’albero di Natale è ancora un po’ pieno.

A parte la sua posizione nazionalista di principio, la RN si è guardata bene dall’esplicitare la sua posizione, rimanendo fedele alla sua strategia “catch-all”.

PASCAL LAMY

Questo non vuol dire che non ci saranno cambiamenti, perché ci sono molte decisioni quotidiane e compromessi che devono essere presi a livello governativo, in particolare con la macchina del Segretariato Generale per gli Affari Europei (SGAE), che prepara, fa adottare e poi trasmette le istruzioni sulle posizioni francesi alla Rappresentanza Permanente a Bruxelles, che le difende. Questi arbitrati saranno diversi con un governo Bardella rispetto a un governo Attal. Se la Commissione ha bisogno di una maggioranza per approvare un testo in Consiglio dei Ministri e la posizione della Francia è decisiva per ottenere tale maggioranza, le cose possono cambiare.

Su quali questioni vedrebbe una possibile rottura?

Sulla questione cruciale della difesa dell’Ucraina, o su questioni future come la riforma della politica agricola comune, il bilancio europeo e il ritmo della transizione ecologica, un Primo Ministro RN potrebbe imprimere una svolta.

D’altra parte, per quanto riguarda l’immigrazione, ci sono relativamente poche possibilità che il tema venga ripreso a breve termine a livello europeo, perché abbiamo appena modificato in modo sostanziale la politica migratoria rendendo più rigidi gli accordi di Dublino.

Per quanto riguarda l’immigrazione, le possibilità che il tema venga ripreso a livello europeo nel breve periodo sono relativamente scarse, perché abbiamo appena apportato modifiche sostanziali alla politica migratoria con l’inasprimento degli accordi di Dublino.

PASCAL LAMY

Il movimento fondamentale di questo spostamento non potrebbe aprire una fase in cui la Frexit torna ad essere un’ipotesi?

Non credo. Le circostanze e i vincoli esterni – le vicende di un mondo dilaniato da molteplici crisi – spingono nella direzione opposta.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

SOSTITUIRE L’OCCIDENTE: UN CAMBIAMENTO NELLA DOTTRINA PUTIN, di LE GRAND CONTINENT

Il commento all’intervento corrisponde integralmente alla linea editoriale dell’influente sito francese. Giuseppe Germinario

SOSTITUIRE L’OCCIDENTE: UN CAMBIAMENTO NELLA DOTTRINA PUTIN

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

Di fronte alla macchina tecnocratica della diplomazia russa, Vladimir Putin ha tenuto venerdì un importante discorso che ha aggiornato il concetto strategico della Russia: dall’armamento del Sud globale a una nuova apertura ai “popoli europei” e alle forze politiche che avrebbero vinto le elezioni europee del 9 giugno – fino a una “proposta di cessate il fuoco” che gli permetterebbe di inghiottire un quarto del territorio ucraino.

AUTORE
LE GRAND CONTINENT
– IMMAGINE
© AP PHOTO/ALEXANDER ZEMLIANICHENKO, POOL

Venerdì scorso, per la prima volta dal 2021, Vladimir Putin ha partecipato a una riunione con la direzione del Ministero degli Esteri russo. Abbiamo deciso di tradurre e commentare questo importante discorso.

In primo luogo, ha creato un momento tecnocratico all’interno del corpo diplomatico russo: Putin ha parlato davanti a diversi membri chiave dell’amministrazione e del governo presidenziale, dell’Assemblea federale e di altre autorità esecutive russe. Questo momento di allineamento e coordinamento ha avuto luogo dopo le artificiose elezioni di marzo e, un anno dopo, ha permesso di aggiornare il concetto di politica estera 1 attorno a una priorità: la de-occidentalizzazione del mondo, stringendo nuovi legami diplomatici ed economici con i Paesi della “Maggioranza Mondiale “.

Successivamente, questa dichiarazione è un’ovvia reazione ai risultati delle elezioni europee del 2024. L’Europa, presente con quasi quaranta citazioni dirette, è oggetto di un’attenzione relativamente inedita dopo l’invasione del febbraio 2022, e persino di un invito a una nuova considerazione del rapporto: “Il vero pericolo per l’Europa non viene dalla Russia. La minaccia principale per gli europei risiede nella loro dipendenza critica e crescente, quasi totale, dagli Stati Uniti, sia in ambito militare che politico, tecnologico, ideologico o informativo. L’Europa si trova sempre più emarginata sulla scena economica mondiale, deve affrontare il caos della migrazione e altri problemi urgenti, mentre viene privata della propria voce internazionale e della propria identità culturale. A volte sembra che i politici europei al potere e i rappresentanti della burocrazia europea abbiano più paura di irritare Washington che di perdere la fiducia dei propri cittadini. Le recenti elezioni del Parlamento europeo lo testimoniano.

Infine, Putin ha pronunciato questo discorso alla vigilia di un vertice al Bürgenstock in Svizzera a cui hanno partecipato i rappresentanti di oltre 90 Paesi. Per la prima volta, ha esposto le condizioni per un cessate il fuoco in Ucraina, condizioni impossibili da accettare così come sono: secondo i nostri calcoli, comporterebbero l’annessione di oltre il 22% del territorio ucraino: “Le nostre condizioni sono semplici: Le truppe ucraine devono essere completamente ritirate dalle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, così come dalle regioni di Kherson e Zaporijjia, e questo ritiro deve riguardare l’intero territorio di queste regioni all’interno dei loro confini amministrativi così come esistevano al momento della loro integrazione in Ucraina. Non appena Kiev dichiarerà la sua volontà di prendere tale decisione e inizierà il ritiro effettivo delle sue truppe da queste regioni, oltre a notificare ufficialmente l’abbandono dei suoi piani di adesione alla NATO, ordineremo immediatamente un cessate il fuoco e avvieremo i colloqui. Lo faremo immediatamente. Naturalmente, garantiremo anche il ritiro sicuro e senza ostacoli delle unità e delle formazioni ucraine.

Grazie mille per il suo tempo.

Il Presidente russo ha preso la parola dopo Sergei Lavrov. Il Ministro degli Esteri, in carica dal 9 marzo 2004, ha introdotto il discorso presidenziale ringraziando Putin per la sua “incrollabile attenzione alla politica estera” e indicando che questo discorso dovrebbe consentire all’intera amministrazione di “cooperare e coordinarsi strettamente nel perseguimento di una politica estera comune, che è determinata dal Presidente della Russia e definita nel Concetto di politica estera del nostro Paese”.

PER SAPERNE DI PIÙ

Signore e signori, buongiorno!

Sono lieto di darle il benvenuto e, all’inizio del nostro incontro, vorrei ringraziarla per il suo duro lavoro, che è nell’interesse della Russia e del nostro popolo.

Ci siamo già incontrati nel novembre 2021. In questo periodo si sono verificati molti eventi cruciali, senza iperboli, sia a livello nazionale che internazionale. Ritengo quindi importante valutare la situazione attuale alla luce delle vicende globali e regionali e stabilire responsabilità adeguate e proporzionate al Ministero degli Affari Esteri. Tutto ciò sarà subordinato al nostro obiettivo principale: creare le condizioni per lo sviluppo sostenibile del Paese, garantire la sua sicurezza e migliorare il benessere delle famiglie russe.

Lavorare in questo campo, circondato da realtà complesse e mutevoli, ci impone di concentrare i nostri sforzi, le nostre iniziative e la nostra perseveranza in modo sempre più costante, di rispondere alle sfide attuali e di prevedere al contempo un programma realizzabile a lungo termine, di mantenere le relazioni con i nostri partner e di mantenere un dialogo aperto e costruttivo per tracciare potenziali soluzioni a queste questioni fondamentali, che riguardano non solo noi, ma anche la comunità internazionale.

Ripeto: il mondo è in continuo cambiamento. La politica mondiale, l’economia e la competizione tecnologica si stanno evolvendo in modo considerevole. Sempre più Stati si sforzano di rafforzare la propria sovranità, la propria autosufficienza, la propria identità nazionale e culturale. I Paesi del Sud e dell’Est si stanno affermando sulla scena politica mondiale e l’influenza dell’Africa e dell’America Latina continua a crescere. Fin dall’epoca sovietica, l’importanza di queste regioni è sempre stata un tema ricorrente, ma oggi questa dinamica è percepibile. Anche il ritmo del cambiamento in Eurasia, dove si stanno realizzando attivamente diversi progetti di integrazione su larga scala, ha subito una forte accelerazione.

I contorni di un ordine mondiale multipolare e multilaterale stanno prendendo forma sulla base di questa nuova realtà politica ed economica. Questo processo oggettivo riflette la diversità culturale e civile che rimane organicamente insita negli esseri umani, nonostante tutti i tentativi di unificazione artificiale.

Questi cambiamenti profondi e sistemici ispirano senza dubbio ottimismo e speranza. L’affermazione dei principi del multipolarismo e del multilateralismo negli affari internazionali, tra cui il rispetto del diritto internazionale e l’ampia rappresentanza, consente di risolvere collettivamente i problemi più complessi nell’interesse comune. Inoltre, favorisce la costruzione di relazioni reciprocamente vantaggiose e la cooperazione tra Stati sovrani per il benessere e la sicurezza dei loro popoli.

Questa prospettiva per il futuro corrisponde alle aspirazioni della grande maggioranza dei Paesi del mondo. Lo vediamo in particolare nel crescente interesse per il lavoro di un’organizzazione universale come i BRICS, che si basa su una cultura speciale di dialogo fiducioso, uguaglianza sovrana dei partecipanti e rispetto reciproco. Nell’ambito della presidenza russa di quest’anno, ci impegniamo a facilitare l’integrazione dei nuovi membri nelle strutture operative dell’associazione.

Invito il governo e il Ministero degli Affari Esteri a proseguire le discussioni e il dialogo approfondito con i nostri partner, in vista del vertice BRICS previsto a Kazan in ottobre. Il nostro obiettivo è quello di raggiungere un insieme significativo di decisioni concordate, che definiscano la direzione della nostra cooperazione nei settori della politica, della sicurezza, dell’economia, della finanza, della scienza, della cultura, dello sport e degli scambi umanitari.

Nel complesso, sono convinto che i BRICS abbiano il potenziale per diventare una delle principali istituzioni che regolano l’ordine mondiale multipolare.

A questo proposito, è importante sottolineare che sono già in corso discussioni internazionali sulle modalità di interazione tra gli Stati in un mondo multipolare e sulla democratizzazione dell’intero sistema di relazioni internazionali. Ad esempio, con i nostri colleghi della Comunità degli Stati Indipendenti, abbiamo concordato e adottato un documento congiunto sulle relazioni internazionali in un mondo multipolare. Abbiamo anche incoraggiato i nostri partner ad affrontare questo tema in altri forum internazionali, in particolare all’interno della SCO e dei BRICS.

Il Segretario di Stato russo – Vice Ministro degli Affari Esteri Evgeny Ivanov (secondo da sinistra), il Capo della Direzione principale dello Stato Maggiore delle Forze Armate russe – Vice Capo dello Stato Maggiore delle Forze Armate russe Igor Kostyukov (secondo da destra) e il rappresentante presso il Consiglio della Federazione Russa dell’organo esecutivo del potere statale della regione di Sakhalin Grigory Karasin (a destra) prima dell’inizio della riunione. Dmitry Azarov/Kommersant/Sipa USA

Aspiriamo ad approfondire seriamente questo dialogo all’interno delle Nazioni Unite, affrontando questioni fondamentali e vitali per tutti come la creazione di un sistema di sicurezza indivisibile. In altre parole, intendiamo affermare negli affari mondiali il principio che la sicurezza di ciascun individuo non può essere garantita a scapito della sicurezza degli altri.

Vorrei ricordare che verso la fine del XX secolo, dopo la risoluzione di un intenso confronto militare-ideologico, la comunità mondiale si è trovata di fronte a un’opportunità unica di stabilire un ordine di sicurezza affidabile ed equo. A tal fine sarebbe bastato poco: la semplice disponibilità ad ascoltare i punti di vista di tutte le parti interessate e la reciproca volontà di tenerne conto. Il nostro Paese è fermamente impegnato in questo tipo di lavoro costruttivo.

Tuttavia, prevalse un approccio diverso. Le potenze occidentali, guidate principalmente dagli Stati Uniti, ritenevano di aver vinto la Guerra Fredda e di avere il diritto di determinare unilateralmente l’organizzazione del mondo. Questa prospettiva si è concretizzata nel progetto di espansione illimitata della NATO, sia dal punto di vista geografico che temporale, sebbene siano emerse anche altre idee per garantire la sicurezza in Europa.

Le nostre legittime domande sono state accolte con scuse: nessuno aveva intenzione di attaccare la Russia e l’espansione della NATO non era diretta contro di essa. Gli impegni presi con l’Unione Sovietica – e poi con la Russia alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90 – di non espandere il blocco sono stati rapidamente dimenticati. E anche quando sono stati ricordati, sono stati spesso derisi sottolineando che queste assicurazioni erano puramente verbali e quindi non vincolanti.

Negli anni Novanta e in seguito, abbiamo costantemente messo in guardia sulla strada sbagliata scelta dalle élite dell’Occidente, non ci siamo limitati a criticare e a mettere in guardia, ma abbiamo proposto opzioni, soluzioni costruttive e abbiamo sottolineato l’importanza di sviluppare un meccanismo per la sicurezza europea e globale che fosse adatto a tutti – e sottolineo tutti. Un semplice elenco delle iniziative proposte dalla Russia nel corso degli anni occuperebbe più di un paragrafo.

Ricordiamo almeno l’idea di un trattato sulla sicurezza europea che abbiamo proposto nel 2008. Le stesse questioni sono state affrontate nel memorandum del Ministero degli Esteri russo, inviato agli Stati Uniti e alla NATO nel dicembre 2021.

Nonostante i numerosi tentativi – che non posso elencare tutti – di far ragionare i nostri interlocutori attraverso spiegazioni, esortazioni, avvertimenti e richieste da parte nostra, i nostri appelli sono rimasti senza risposta. I Paesi occidentali, convinti non solo della loro legittimità ma anche del loro potere e della loro capacità di imporre la loro volontà al resto del mondo, hanno semplicemente ignorato le opinioni divergenti. Nel migliore dei casi, sembravano disposti a discutere di questioni minori che, in realtà, erano di scarsa rilevanza, o di argomenti favorevoli solo all’Occidente.

Nel frattempo, è diventato chiaro che il modello occidentale, presentato come l’unico garante della sicurezza e della prosperità in Europa e nel resto del mondo, non funziona davvero. Basti pensare alla tragedia dei Balcani. I problemi interni dell’ex Jugoslavia, per quanto latenti, sono stati notevolmente aggravati da una palese ingerenza esterna. Anche in quel caso erano evidenti i limiti del grande principio della diplomazia della NATO, che si è rivelato fallace e inefficace nella risoluzione di complessi conflitti interni. Questo principio consiste nell’accusare una delle parti, spesso senza fondamento, e mobilitare contro di essa tutto il potere politico, mediatico e militare, oltre a sanzioni e restrizioni economiche.

Successivamente, questi stessi approcci sono stati applicati in diverse parti del mondo, come ben sappiamo: in Iraq, Siria, Libia, Afghanistan e così via. Tutto ciò che hanno portato è l’aggravarsi dei problemi esistenti, i destini distrutti di milioni di persone, la distruzione di interi Stati, l’aumento dei disastri umanitari e sociali e la proliferazione di enclavi terroristiche. Nessun Paese al mondo è al sicuro dall’aggiungersi a questa triste lista.

Oggi l’Occidente si intromette sfacciatamente negli affari mediorientali. Un tempo monopolizzavano quest’area, e il risultato è ormai chiaro ed evidente. Poi ci sono il Caucaso meridionale e l’Asia centrale. Due anni fa, al vertice NATO di Madrid, è stato annunciato che l’Alleanza si sarebbe d’ora in poi occupata di questioni di sicurezza non solo nella regione euro-atlantica, ma anche in quella indo-pacifica. Si sostiene di non potersi esimere dal farlo anche lì. È chiaro che si tratta di un tentativo di aumentare la pressione sui Paesi della regione che hanno scelto di rallentare il loro sviluppo. Come sappiamo, il nostro Paese, la Russia, è in cima a questa lista.

Vorrei anche ricordarvi che è stata Washington a sconvolgere la stabilità strategica ritirandosi unilateralmente dai trattati sulla difesa missilistica, sull’eliminazione dei missili a raggio intermedio e a corto raggio e dal Trattato sui cieli aperti. Inoltre, insieme ai suoi alleati della NATO, ha smantellato il sistema di misure di fiducia e di controllo degli armamenti in Europa che era stato accuratamente costruito nel corso di decenni.

In definitiva, sono l’egoismo e l’arroganza degli Stati occidentali che hanno portato alla situazione estremamente pericolosa che ci troviamo ad affrontare oggi.

Siamo inaccettabilmente vicini a un punto di non ritorno.

Gli appelli alla sconfitta strategica della Russia, che detiene il più grande arsenale di armi nucleari, dimostrano l’estremo avventurismo dei politici occidentali: o sottovalutano la minaccia che essi stessi rappresentano, o sono semplicemente ossessionati dalla convinzione della propria impunità ed eccezionalità. In entrambi i casi, la situazione potrebbe rivelarsi tragica.

È chiaro che il sistema di sicurezza euro-atlantico sta crollando. Attualmente è praticamente inesistente e deve essere praticamente ricostruito. Tutto ciò significa che dobbiamo elaborare strategie per garantire la sicurezza in Eurasia, in collaborazione con i nostri partner, con tutti i Paesi interessati, che sono molti, e poi sottoporle a un ampio dibattito internazionale.

Questo è l’obiettivo indicato nel Discorso all’Assemblea federale. A breve termine, l’obiettivo è creare un quadro di sicurezza equo e indivisibile, basato sulla cooperazione e sullo sviluppo equo e reciprocamente vantaggioso del continente eurasiatico.

Per raggiungere questo obiettivo, quali azioni dovremmo intraprendere e su quali principi dovremmo basarci?

Innanzitutto, dobbiamo avviare un dialogo con tutti i potenziali attori di questo futuro sistema di sicurezza. Vi chiedo di iniziare a risolvere le questioni necessarie con quegli Stati che sono aperti a una cooperazione costruttiva con la Russia.

Durante la mia recente visita nella Repubblica Popolare Cinese, abbiamo discusso di questi temi con il Presidente cinese Xi Jinping. Abbiamo sottolineato che la proposta russa non va contro, ma integra e rispetta pienamente i principi fondamentali dell’iniziativa cinese per la sicurezza globale.

In secondo luogo, è fondamentale partire dal principio che la futura architettura di sicurezza è aperta a tutti i Paesi eurasiatici interessati a partecipare alla sua creazione. Con “tutti ” intendiamo ovviamente anche i Paesi europei e i membri della NATO. Condividiamo un unico continente e, a prescindere dalla situazione, siamo legati dalla geografia comune; dobbiamo quindi coesistere e collaborare in un modo o nell’altro.

Il vice capo di gabinetto del governo russo, Elmir Tagirov (a sinistra), prima dell’inizio dell’incontro. Dmitry Azarov/Kommersant/Sipa USA

È vero che le relazioni tra la Russia e l’Unione, così come con alcuni Paesi europei, si sono deteriorate – e ho sottolineato in molte occasioni che non è colpa nostra. È in corso una campagna di propaganda antirussa, che coinvolge anche alti esponenti europei, alimentando la speculazione che la Russia stia per attaccare l’Europa. L’ho già detto in diverse occasioni e non c’è bisogno di ripeterlo: sappiamo tutti che si tratta di un’assurdità assoluta, una semplice giustificazione per una corsa agli armamenti.

Permettetemi di divagare per un momento.

Il vero pericolo per l’Europa non viene dalla Russia. La minaccia principale per gli europei risiede nella loro dipendenza critica e crescente, quasi totale, dagli Stati Uniti, sia in ambito militare che politico, tecnologico, ideologico o informativo. L’Europa si trova sempre più emarginata sulla scena economica mondiale, deve affrontare il caos della migrazione e altri problemi urgenti, mentre viene privata della propria voce internazionale e della propria identità culturale.

A volte sembra che i politici europei al potere e i rappresentanti della burocrazia europea abbiano più paura di irritare Washington che di perdere la fiducia dei propri cittadini. Le recenti elezioni del Parlamento europeo lo testimoniano. Questi politici europei sopportano umiliazioni, scortesie e scandali con una palpabile rassegnazione nei confronti dei leader americani, mentre gli Stati Uniti li manipolano per servire i propri interessi: li costringono a comprare il loro gas a prezzi esorbitanti – il prezzo del gas in Europa è da tre a quattro volte superiore a quello degli Stati Uniti – o, come attualmente, chiedono ai Paesi europei di aumentare le loro forniture di armi all’Ucraina. Queste richieste sono implacabili e le sanzioni contro le aziende europee vengono imposte senza la minima esitazione.

Attualmente li stanno costringendo ad aumentare le forniture di armi all’Ucraina e a potenziare la loro capacità di produzione di proiettili d’artiglieria. Ma ponetevi questa domanda: a chi serviranno questi proiettili una volta terminato il conflitto in Ucraina? Come può questo garantire la sicurezza militare dell’Europa? Non è ancora chiaro. Nel frattempo, gli Stati Uniti stanno investendo molto nella tecnologia militare e nelle tecnologie di domani, come lo spazio, i moderni droni e i sistemi di attacco basati su nuovi principi fisici. Si tratta di settori che plasmeranno il futuro dei conflitti armati e determineranno il potenziale militare e politico delle nazioni, nonché il loro posizionamento globale. E ora a queste nazioni viene assegnato il ruolo di investire denaro dove serve. Ma questo non serve a rafforzare il potenziale dell’Europa. Lasciamo che facciano quello che vogliono.

Questo potrebbe sembrare nel nostro interesse, ma in realtà è il contrario.

Se l’Europa vuole mantenere la sua posizione di centro indipendente dello sviluppo globale e conservare il suo ruolo di centro culturale e civile del mondo, deve assolutamente coltivare buone relazioni con la Russia. Noi siamo pronti soprattutto a questo.

Questa semplice e ovvia verità è stata colta appieno da politici di levatura veramente paneuropea e globale, patrioti dei loro Paesi e dei loro popoli, che pensano in termini storici e non come semplici statistici che seguono la volontà e i suggerimenti di altri. Charles de Gaulle ne ha parlato a lungo nel dopoguerra. Ricordo bene anche una conversazione alla quale ho avuto il privilegio di partecipare personalmente nel 1991, quando il cancelliere tedesco Helmut Kohl sottolineò l’importanza del partenariato tra Europa e Russia. Sono convinto che, prima o poi, le nuove generazioni di leader europei torneranno a fare tesoro di questa eredità.

Gli stessi Stati Uniti sembrano essere intrappolati negli sforzi incessanti delle élite liberali-globaliste al potere di propagare la loro ideologia su scala globale con ogni mezzo possibile, cercando di preservare il loro status imperiale e il loro dominio. Queste azioni servono solo ad accentuare il declino del Paese, portandolo inesorabilmente verso il degrado, e sono in flagrante contraddizione con i veri interessi del popolo americano. Senza questa impasse ideologica, senza questo messianismo aggressivo, intriso della convinzione della propria superiorità ed esclusività, le relazioni internazionali avrebbero già da tempo trovato una gradita stabilità.

In terzo luogo, per promuovere l’idea di un sistema di sicurezza eurasiatico, è indispensabile intensificare notevolmente il processo di dialogo tra le organizzazioni multilaterali che già operano in Eurasia. Dobbiamo concentrarci principalmente sull’Unione Statale di Russia e Bielorussia, sull’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva, sull’Unione Economica Eurasiatica, sulla Comunità degli Stati Indipendenti e sull’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai.

Vediamo la prospettiva che altre influenti associazioni eurasiatiche, dal Sud-Est asiatico al Medio Oriente, siano maggiormente coinvolte in questi processi in futuro.

In quarto luogo, riteniamo che sia giunto il momento di avviare un’ampia discussione su un nuovo sistema di garanzie bilaterali e multilaterali di sicurezza collettiva in Eurasia. Allo stesso tempo, nel lungo periodo, è necessario ridurre gradualmente la presenza militare di potenze esterne nella regione eurasiatica.

Riconosciamo che questa proposta può sembrare idealistica nel contesto attuale. Ma il momento di agire è adesso. Stabilendo un sistema di sicurezza affidabile per il futuro, ridurremo gradualmente – se non elimineremo – la necessità di dispiegare contingenti militari extraregionali. In effetti, ad essere sinceri, oggi non c’è bisogno di una tale presenza; non è altro che un’occupazione.

In definitiva, riteniamo che sia responsabilità degli Stati eurasiatici e delle strutture regionali identificare aree specifiche di cooperazione nella sicurezza collettiva. Su questa base, dovrebbero sviluppare un insieme di istituzioni, meccanismi e accordi di lavoro che servano realmente gli obiettivi comuni di stabilità e sviluppo.

A questo proposito, sosteniamo l’iniziativa dei nostri partner bielorussi di sviluppare un documento programmatico – una carta sul multipolarismo e la diversità nel XXI secolo. Questo documento potrebbe non solo definire i principi guida dell’architettura eurasiatica basata sulle norme fondamentali del diritto internazionale, ma anche offrire una visione strategica più ampia della natura e dell’essenza del multipolarismo e del multilateralismo come nuovo sistema di relazioni internazionali destinato a sostituire il mondo centrato sull’Occidente. Ritengo fondamentale che questo documento sia sviluppato in modo approfondito in collaborazione con i nostri partner e con tutti gli Stati interessati. È inoltre essenziale garantire la massima rappresentanza e considerazione di approcci e posizioni diverse quando si discutono questioni così complesse e impegnative.

In quinto luogo, una parte essenziale del sistema eurasiatico di sicurezza e sviluppo dovrebbe indubbiamente comprendere questioni economiche, benessere sociale, integrazione e cooperazione reciprocamente vantaggiosa. Ciò include l’affrontare problemi comuni come la povertà, la disuguaglianza, le sfide climatiche e ambientali, nonché lo sviluppo di meccanismi per affrontare le minacce di pandemie e crisi nell’economia globale. Tutti questi aspetti sono di fondamentale importanza.

Con le sue azioni, l’Occidente non solo ha minato la stabilità militare e politica nel mondo, ma ha anche screditato e indebolito le principali istituzioni di mercato attraverso sanzioni e guerre commerciali. Utilizzando istituzioni come il FMI e la Banca Mondiale e influenzando l’agenda climatica, ha ostacolato lo sviluppo dei Paesi del Sud. Perdendo la competizione, anche all’interno delle regole che esso stesso aveva stabilito, l’Occidente ricorre ora a barriere proibitive e a varie forme di protezionismo. Ad esempio, gli Stati Uniti hanno di fatto minato il ruolo dell’Organizzazione mondiale del commercio come regolatore del commercio internazionale. Tutto sta ristagnando. Stanno esercitando pressioni non solo sui loro concorrenti, ma anche sui loro alleati – basta vedere come stanno sfruttando le economie europee, già fragili e sull’orlo della recessione.

I Paesi occidentali hanno congelato parte dei beni e delle riserve valutarie della Russia e ora intendono legittimarne l’appropriazione definitiva. Tuttavia, nonostante tutte le manovre, il furto è un furto e non resterà impunito.

Il problema va oltre questi atti specifici. Sequestrando i beni russi, l’Occidente è un passo più vicino a distruggere il sistema che esso stesso ha creato e che, per decenni, ha garantito la sua prosperità permettendogli di consumare più di quanto guadagnasse e attirando fondi da tutto il mondo attraverso debiti e impegni. Oggi sta diventando chiaro a tutti i Paesi, le imprese e i fondi sovrani che i loro beni e le loro riserve non sono del tutto sicuri, né dal punto di vista legale né da quello economico. Il prossimo ad essere espropriato dagli Stati Uniti e dall’Occidente potrebbe essere chiunque: anche i fondi sovrani stranieri potrebbero essere presi di mira.

Il sistema finanziario, basato sulle valute di riserva occidentali, è sempre più soggetto a sfiducia. C’è ora sfiducia nei confronti dei titoli di debito e delle obbligazioni occidentali, nonché di alcune banche europee, che un tempo erano considerate luoghi sicuri in cui depositare i capitali. Gli investitori si rivolgono ora all’oro e adottano misure per proteggere i loro beni.

È indispensabile intensificare seriamente lo sviluppo di meccanismi economici bilaterali e multilaterali efficaci e sicuri, in alternativa a quelli controllati dall’Occidente. Ciò include lo sviluppo di regolamenti nelle valute nazionali, la creazione di sistemi di pagamento indipendenti e la creazione di catene di approvvigionamento che aggirino i canali ostacolati o compromessi dall’Occidente.

Allo stesso tempo, è essenziale proseguire gli sforzi per sviluppare corridoi di trasporto internazionali in Eurasia, di cui la Russia è il nucleo geografico naturale.

Esorto il Ministero degli Esteri a fornire il massimo sostegno allo sviluppo di accordi internazionali in tutti questi settori. Questi accordi sono di vitale importanza per rafforzare la cooperazione economica tra il nostro Paese e i nostri partner, e potrebbero anche dare nuovo impulso alla costruzione di un vasto partenariato eurasiatico. È questo partenariato che potrebbe fungere da base socio-economica per un nuovo sistema di sicurezza indivisibile in Europa.

Il presidente della commissione della Duma di Stato russa per gli affari della Comunità degli Stati Indipendenti, l’integrazione eurasiatica e le relazioni con i compatrioti, Leonid Kalashnikov (al centro), prima dell’inizio della riunione. Dmitry Azarov/Kommersant/Sipa USA

Cari colleghi,

L’obiettivo delle nostre proposte è quello di creare un sistema in cui tutti gli Stati possano avere fiducia nella propria sicurezza. Solo in un ambiente di questo tipo possiamo prevedere un approccio veramente costruttivo per risolvere i numerosi conflitti che esistono oggi. I deficit di sicurezza e di fiducia reciproca non sono limitati al continente eurasiatico; ci sono tensioni crescenti in tutto il mondo. Siamo consapevoli della crescente interconnessione e interdipendenza del globo – la crisi ucraina ne è un tragico esempio, con ripercussioni sull’intero pianeta.

È essenziale sottolineare che la crisi in Ucraina non è semplicemente un conflitto tra due Stati, e ancor meno tra due popoli in conflitto. Se così fosse, russi e ucraini – che condividono storia, cultura e legami familiari e umani – avrebbero probabilmente trovato una soluzione equa alle loro differenze.

Le radici di questo conflitto non risiedono nelle tensioni bilaterali: gli eventi in Ucraina sono il risultato diretto degli sviluppi nel mondo e in Europa alla fine del XX secolo e all’inizio del XXI, il risultato di una politica occidentale aggressiva, avventata e spesso avventurosa, perseguita molto prima dell’avvio di qualsiasi operazione militare.

Come ho già sottolineato, le élite dei Paesi occidentali hanno posto le basi per una nuova ristrutturazione geopolitica del mondo dopo la fine della Guerra Fredda, creando e imponendo un ordine basato su regole in cui gli Stati forti, sovrani e autonomi sono spesso emarginati.

Per giungere a soluzioni efficaci e durature, è indispensabile riconoscere queste realtà. Ciò richiede un dialogo aperto, la comprensione reciproca e l’impegno a costruire un ordine internazionale basato sul rispetto reciproco, sulla sovranità degli Stati e sulla cooperazione pacifica. Solo così potremo veramente aspirare a una sicurezza e a una stabilità globali durature.

Questo dà alla politica di contenimento il suo pieno significato. Gli obiettivi di questa politica sono apertamente dichiarati da alcune personalità negli Stati Uniti e in Europa, che si riferiscono alla nozione di “decolonizzazione della Russia”. In realtà, si tratta di un tentativo di fornire una base ideologica per lo smembramento della nostra patria secondo linee nazionali. Il progetto di smembrare l’Unione Sovietica e la Russia è in discussione da molto tempo ed è una realtà che tutti i membri di questo Parlamento conoscono bene.

Per realizzare questa strategia, i Paesi occidentali hanno adottato una politica di assorbimento e sviluppo politico-militare dei territori a noi vicini. Hanno lanciato cinque, ora sei ondate di espansione della NATO, cercando di fare dell’Ucraina la loro testa di ponte e di polarizzarla contro la Russia. A tal fine, hanno investito ingenti fondi e risorse, comprato politici e interi partiti, riscritto la storia e i programmi educativi, sostenendo e coltivando gruppi neonazisti e radicali. Il loro obiettivo era minare i nostri legami interstatali, dividere i nostri popoli e metterli l’uno contro l’altro.

Il sud-est dell’Ucraina, una regione che per secoli ha fatto parte della Grande Russia storica, ha resistito con determinazione a questa politica. Anche dopo la dichiarazione di indipendenza dell’Ucraina nel 1991, gli abitanti di questa regione hanno continuato a intrattenere strette relazioni con il nostro Paese. Sono russi e ucraini, rappresentanti di varie nazionalità, uniti dalla lingua, dalla cultura, dalle tradizioni e dalla memoria storica russa.

I milioni di persone che vivono nel sud-est dell’Ucraina meritavano un’attenta considerazione della loro posizione, del loro stato d’animo, dei loro interessi e del loro voto, così come i presidenti e i politici ucraini dell’epoca nella loro corsa al potere. Purtroppo, invece di rispettare queste voci, le autorità optarono per l’astuzia, le manovre politiche e spesso l’inganno, promettendo una cosiddetta scelta europea ed evitando una rottura completa con la Russia, consapevoli dell’importanza del sostegno dell’Ucraina sudorientale, una regione politicamente influente. Questa ambivalenza è perdurata per anni dopo la dichiarazione di indipendenza.

L’Occidente ha chiaramente riconosciuto questa realtà molto tempo fa. I suoi rappresentanti hanno compreso le sfide persistenti in questa regione e si sono resi conto che, nonostante i loro sforzi, nessuna propaganda avrebbe potuto cambiare radicalmente la situazione. Anche dopo aver tentato varie manovre politiche, è apparso chiaro che era difficile trasformare radicalmente le opinioni profondamente radicate e le identità storiche della maggioranza della popolazione dell’Ucraina sudorientale, in particolare tra le generazioni più giovani, che avevano stretti legami con la Russia.

Di fronte a questa resistenza, alcuni hanno scelto di usare la forza, emarginare la regione e ignorare le sue opinioni. Hanno fomentato e finanziato un colpo di Stato armato, approfittando dei disordini politici interni all’Ucraina per raggiungere i loro obiettivi.

Un’ondata di violenza, pogrom e omicidi ha investito le città ucraine in seguito alla presa di potere dei radicali a Kiev. I loro slogan aggressivi e nazionalisti, tra cui la riabilitazione degli scagnozzi nazisti, sono stati elevati al rango di ideologia di Stato. Hanno lanciato un programma per eliminare la lingua russa dallo Stato e dalla sfera pubblica, mentre hanno intensificato la pressione sui credenti ortodossi e interferito negli affari della Chiesa, portando infine a uno scisma. Questa interferenza sembra essere accettata come normale, mentre altre distrazioni artistiche distolgono l’attenzione, il tutto con il pretesto di opporsi alla Russia.

In opposizione a questo colpo di Stato, milioni di persone in Ucraina, soprattutto nelle regioni orientali, hanno resistito, nonostante le minacce di rappresaglie e di terrore. Di fronte ai preparativi delle nuove autorità di Kiev per un attacco alla Crimea russofona, che era stata trasferita all’Ucraina nel 1954 in violazione delle norme legali e procedurali, i Crimeani e gli abitanti di Sebastopoli sono stati sostenuti. La loro scelta è stata chiara e nel marzo 2014 è avvenuta la storica riunificazione della Crimea e di Sebastopoli alla Russia.

In città come Kharkiv, Kherson, Odessa, Zaporizhia, Donetsk, Luhansk e Mariupol, le manifestazioni pacifiche contro il colpo di Stato sono state represse, scatenando il terrore del regime di Kiev e dei gruppi nazionalisti. I tragici eventi di queste regioni sono impressi nella nostra memoria collettiva e testimoniano le conseguenze di questo periodo tumultuoso.

Nel maggio 2014 si sono svolti i referendum sullo status delle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, dove la maggioranza assoluta dei residenti ha votato a favore dell’indipendenza e della sovranità. La legittimità di questa espressione di volontà solleva immediatamente una domanda: i residenti avevano il diritto di fare questa dichiarazione di indipendenza? Voi che siete presenti in questa sala ovviamente capite che è così, che avevano tutti i diritti e la legittimità di farlo, in conformità con il diritto internazionale, compreso il diritto dei popoli all’autodeterminazione, come sancito dall’articolo 1, paragrafo 2, della Carta delle Nazioni Unite.

A questo proposito, è importante ricordare il precedente del Kosovo. Abbiamo già discusso di questo precedente in diverse occasioni e lo ripropongo ora. Gli stessi Paesi occidentali hanno riconosciuto la secessione del Kosovo dalla Serbia nel 2008 in una situazione simile. Il 22 luglio 2010, la Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite ha confermato che non esiste un divieto generale nel diritto internazionale contro una dichiarazione unilaterale di indipendenza, come stabilito dall’articolo 1(2) della Carta delle Nazioni Unite. Ha inoltre affermato che le parti di un Paese che decidono di dichiarare la propria indipendenza non sono obbligate a consultare gli organi centrali del loro ex Stato.

Quindi queste repubbliche – Donetsk e Luhansk – avevano il diritto di dichiarare la loro indipendenza? Certo che sì. La questione non può essere affrontata in altro modo.

Il regime di Kiev ha ignorato completamente la scelta del popolo e ha lanciato una guerra totale contro i nuovi Stati indipendenti, le Repubbliche popolari del Donbass, utilizzando aerei, artiglieria e carri armati. Queste città pacifiche sono state bombardate, bombardate e intimidite. Di fronte a questa aggressione, il popolo del Donbass ha preso le armi per difendere le proprie vite, le proprie case, i propri diritti e i propri legittimi interessi.

Negli ambienti occidentali persiste la tesi che la Russia abbia iniziato questa guerra e sia quindi l’aggressore, giustificando azioni come colpire il suo territorio con sistemi d’arma occidentali, mentre l’Ucraina viene dipinta come legittimamente in grado di difendersi.

È fondamentale sottolineare ancora una volta che non è stata la Russia a iniziare questa guerra, ma il regime di Kiev. Dopo che la popolazione di una parte dell’Ucraina ha dichiarato la propria indipendenza in conformità con il diritto internazionale, è stato il regime di Kiev a iniziare le ostilità e a continuare a perpetrarle. Questa è un’aggressione, a meno che non si riconosca il diritto di questi popoli a dichiarare la propria indipendenza. Coloro che hanno sostenuto la macchina da guerra del regime di Kiev sono quindi complici dell’aggressore.

Il ricorso a principi derivati dalla Carta delle Nazioni Unite è tipico della retorica di Putin, che consiste nel distorcere i fatti – e il diritto – mobilitando un riferimento implicitamente presentato come occidentale. Come ha sottolineato Alain Pellet sulle nostre pagine, “raramente, con l’eccezione della Germania nazista ai suoi tempi, uno Stato ha violato così tanti principi e regole del diritto internazionale in un lasso di tempo così breve. Non c’è dubbio che si tratti di una politica deliberata, che fa parte del desiderio del dittatore russo di sfidare l’ordine giuridico internazionale del dopoguerra – fingendo di volerlo riportare alla sua purezza originaria”.

Nel 2014, la popolazione del Donbass ha resistito a questa situazione. Le milizie locali hanno tenuto duro, respingendo gli aggressori da Donetsk e Luhansk. Speravamo che questo avrebbe dato tregua a coloro che avevano iniziato il conflitto. Per porre fine allo spargimento di sangue, la Russia ha chiesto l’avvio di negoziati, che sono iniziati con la partecipazione di Kiev e dei rappresentanti delle repubbliche del Donbass, con il sostegno di Russia, Germania e Francia.

Nonostante le difficoltà incontrate, nel 2015 sono stati conclusi gli accordi di Minsk. Abbiamo preso sul serio questi accordi e abbiamo sperato di risolvere la situazione in conformità con il processo di pace e il diritto internazionale. Ritenevamo che ciò avrebbe portato a tenere in considerazione gli interessi legittimi del Donbass e a inserire nella Costituzione uno status speciale per queste regioni, preservando al contempo l’unità territoriale dell’Ucraina. Eravamo pronti a farlo e a convincere la popolazione di queste regioni a risolvere i loro problemi in questo modo. In diverse occasioni, abbiamo proposto diversi compromessi e soluzioni.

Tuttavia, tutto questo è stato rifiutato. Gli accordi di Minsk sono stati semplicemente rifiutati da Kiev. Come hanno ammesso in seguito i vertici ucraini, nessuno degli articoli di questi accordi faceva al caso loro. Hanno semplicemente mentito e distorto la realtà il più possibile.

Anche i co-autori e garanti degli accordi di Minsk, l’ex cancelliere tedesco e l’ex presidente francese, hanno infine ammesso che non c’erano piani per la loro attuazione. Hanno ammesso di aver semplicemente cercato di mantenere lo status quo per guadagnare tempo e rafforzare le forze armate ucraine equipaggiandole. Ci hanno semplicemente ingannato ancora una volta.

Invece di impegnarsi in un vero processo di pace e di perseguire la politica di reintegrazione e riconciliazione nazionale che sosteneva di promuovere, Kiev ha bombardato il Donbass per otto anni. Sono stati organizzati atti terroristici, omicidi e un blocco brutale. Per tutti questi anni, gli abitanti del Donbass, compresi donne, bambini e anziani, sono stati disumanizzati, trattati come cittadini di seconda classe e minacciati di rappresaglie. Questa situazione equivale a un genocidio nel cuore dell’Europa del XXI secolo. Eppure l’Europa e gli Stati Uniti hanno fatto finta di non vedere e di non notare.

Tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022, il processo di Minsk è stato definitivamente insabbiato da Kiev e dai suoi alleati occidentali ed è stata pianificata una nuova massiccia offensiva contro il Donbass. Una grande forza armata ucraina si stava preparando a lanciare una nuova offensiva su Luhansk e Donetsk, con la chiara intenzione di effettuare una pulizia etnica e di provocare enormi perdite di vite umane, con la conseguenza di centinaia di migliaia di rifugiati. Siamo stati costretti ad agire per evitare questa catastrofe, per proteggere i civili – non avevamo altra scelta.

La Russia ha finalmente riconosciuto le Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk. Dopo otto anni di mancato riconoscimento, abbiamo sempre sperato di raggiungere un accordo. Il risultato è ora noto. Il 21 febbraio 2022 abbiamo firmato i trattati di amicizia, cooperazione e assistenza reciproca con queste repubbliche, che ora abbiamo riconosciuto. Le Repubbliche popolari avevano il diritto di rivolgersi a noi per ottenere sostegno se avevamo riconosciuto la loro indipendenza? E noi avevamo il diritto di riconoscere la loro indipendenza così come loro avevano il diritto di dichiarare la loro sovranità in conformità con gli articoli che ho citato e con le decisioni della Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite? Avevano il diritto di dichiarare la loro indipendenza? Sì, lo avevano. Ma se avevano questo diritto e lo hanno usato, allora significa che avevamo il diritto di concludere un trattato con loro – e lo abbiamo fatto, ripeto, nel pieno rispetto del diritto internazionale e dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite.

Grigory Karasin (a destra), rappresentante presso il Consiglio della Federazione Russa dell’organo esecutivo del potere statale nella regione di Sakhalin, e Igor Kostyukov (a sinistra), Capo della Direzione principale dello Stato Maggiore delle Forze Armate russe – Vice Capo dello Stato Maggiore delle Forze Armate russe, prima dell’inizio dell’incontro © Dmitry Azarov/Kommersant/Sipa USA

Allo stesso tempo, abbiamo fatto appello alle autorità di Kiev affinché ritirassero le loro truppe dal Donbass. Ci siamo messi in contatto e abbiamo detto loro immediatamente: ritirate le truppe e potremo risolvere la crisi in modo pacifico. Purtroppo, questa proposta è stata rapidamente respinta e semplicemente ignorata, anche se offriva una reale possibilità di trovare una soluzione pacifica alla situazione.

Il 24 febbraio 2022, la Russia è stata costretta ad annunciare l’inizio di un’operazione militare speciale. Ho spiegato gli obiettivi di questa operazione: proteggere la popolazione del Donbass, ripristinare la pace, smilitarizzare e denazificare l’Ucraina, riducendo così le minacce al nostro Stato e ripristinando l’equilibrio della sicurezza in Europa.

Nonostante ciò, abbiamo continuato a dare priorità alla risoluzione di questi obiettivi con mezzi politici e diplomatici. Non appena è iniziata l’operazione, il nostro Paese ha avviato negoziati con i rappresentanti del regime di Kiev. I colloqui si sono svolti prima in Bielorussia e poi in Turchia. Il nostro messaggio principale è stato chiaro: rispettate la scelta del Donbass e la volontà dei suoi abitanti, ritirate le truppe e smettete di bombardare città e villaggi pacifici. Abbiamo dichiarato che avremmo affrontato il resto delle questioni in futuro. Ma la risposta è stata un rifiuto categorico di cooperare. Era chiaro che questo ordine proveniva dai padroni occidentali, e parlerò anche di questo.

All’epoca, le nostre truppe si sono effettivamente avvicinate a Kiev nel febbraio-marzo 2022. Ci sono molte speculazioni in merito, sia in Ucraina che in Occidente, sia allora che oggi.

Vorrei sottolineare che le nostre formazioni si sono effettivamente posizionate vicino a Kiev e che i dipartimenti militari e il blocco di potere hanno discusso varie proposte per le nostre possibili azioni future. Tuttavia, non c’è stata alcuna decisione politica di prendere d’assalto una città di tre milioni di persone, nonostante le voci e le speculazioni.

In realtà, si è trattato di un’operazione per incoraggiare il regime ucraino a negoziare per la pace. Le truppe erano lì per spingere la parte ucraina verso il tavolo dei negoziati, con l’obiettivo di trovare soluzioni accettabili e porre fine alla guerra iniziata da Kiev contro il Donbass nel 2014, risolvendo al contempo i problemi che minacciano la sicurezza del nostro Paese, della Russia.

Sorprendentemente, è stato possibile raggiungere accordi che, in linea di principio, erano accettabili sia per Mosca che per Kiev. Questi accordi sono stati messi su carta e siglati a Istanbul dal capo della delegazione negoziale ucraina. Ciò indica che le autorità di Kiev erano soddisfatte di questa soluzione.

Il documento si chiamava Trattato sulla neutralità permanente e sulle garanzie di sicurezza per l’Ucraina. Sebbene si trattasse di un compromesso, i suoi punti essenziali erano in linea con le nostre esigenze di principio e permettevano di risolvere i compiti principali, anche all’inizio dell’operazione militare speciale. Tra questi, sorprendentemente, la smilitarizzazione e la denazificazione dell’Ucraina. Siamo riusciti a trovare alcuni punti di convergenza difficili, anche se complessi. Ad esempio, l’Ucraina doveva adottare una legge che bandisse l’ideologia nazista e tutte le sue manifestazioni.

In cambio di garanzie di sicurezza internazionali, l’Ucraina avrebbe accettato di limitare le dimensioni delle proprie forze armate, di non aderire ad alleanze militari, di non autorizzare basi militari straniere sul proprio territorio e di non organizzare esercitazioni militari. Tutto questo è stato stabilito nel documento.

Comprendendo anche le preoccupazioni dell’Ucraina in materia di sicurezza, abbiamo accettato che l’Ucraina, pur non entrando formalmente nella NATO, beneficiasse di garanzie quasi simili a quelle dei membri della NATO. Sebbene non sia stata una decisione facile per noi, abbiamo riconosciuto la legittimità delle preoccupazioni dell’Ucraina in materia di sicurezza. Queste formulazioni sono state proposte da Kiev e noi le abbiamo generalmente accettate, rendendoci conto che l’obiettivo principale era quello di porre fine allo spargimento di sangue e alla guerra nel Donbass.

Il 29 marzo 2022 abbiamo ritirato le nostre truppe da Kiev con la garanzia che era necessario creare condizioni favorevoli al completamento del processo di negoziazione politica. Ci è stato spiegato che era impossibile che una delle parti firmasse tali accordi, come sostenevano i nostri colleghi occidentali, sotto la minaccia delle armi. Siamo stati d’accordo.

Tuttavia, il giorno dopo il ritiro delle truppe russe da Kiev, i leader ucraini hanno sospeso la loro partecipazione al processo negoziale, inscenando una nota provocazione a Boutcha, e hanno abbandonato la versione preparata degli accordi. È ormai chiaro che questa vile provocazione era necessaria per giustificare il rifiuto dei risultati raggiunti durante i negoziati. La via della pace è stata ancora una volta rifiutata.

Ora sappiamo che ciò è avvenuto per volere dei manipolatori occidentali, tra cui l’ex Primo Ministro britannico, durante la sua visita a Kiev, dove ha dichiarato esplicitamente: nessun accordo, dobbiamo sconfiggere la Russia sul campo di battaglia per ottenere la sua sconfitta strategica. Hanno iniziato ad armare l’Ucraina e hanno parlato apertamente della necessità di infliggerci una sconfitta strategica. Poco dopo, il Presidente dell’Ucraina ha emanato un decreto che vieta ai suoi rappresentanti, e persino a se stesso, di condurre negoziati con Mosca. Questo tentativo di risolvere il problema con mezzi pacifici è stato un altro fallimento.

In questo passaggio, Putin riscrive completamente il corso degli eventi affermando di rendere pubblico un rapporto sui progressi dei negoziati – ovviamente non verificabili – che erano stati sospesi dai “manipolatori occidentali”. Sappiamo che il motivo principale per cui le truppe russe non sono entrate a Kiev è la loro inferiorità tattica. Tuttavia, è interessante notare che questo discorso è uno dei pochi, se non il primo, in cui Vladimir Putin si preoccupa di entrare nei dettagli – fuorvianti – dei primi mesi di guerra.

A proposito di negoziati, vorrei rendere pubblico un altro episodio potenzialmente rilevante. Non ne ho parlato prima, ma alcuni qui ne sono a conoscenza. Dopo che l’esercito russo ha occupato parti delle regioni di Kherson e Zaporijjia, alcuni politici occidentali si sono offerti di mediare per una fine pacifica del conflitto. Uno di loro era in visita di lavoro a Mosca il 5 marzo 2022. Abbiamo accettato i suoi sforzi di mediazione, soprattutto perché ha menzionato di aver ricevuto il sostegno dei leader di Germania e Francia, nonché di alti rappresentanti degli Stati Uniti, durante i nostri colloqui.

Durante la nostra conversazione, il nostro ospite straniero ha sollevato una domanda intrigante: perché le truppe russe sono presenti nell’Ucraina meridionale, in particolare nelle regioni di Kherson e Zaporijia, se il nostro obiettivo è aiutare il Donbass? La nostra risposta è stata che si trattava di una decisione che spettava allo Stato Maggiore russo al momento della pianificazione dell’operazione. Oggi posso aggiungere che questa strategia mirava ad aggirare alcune delle zone fortificate che le autorità ucraine avevano eretto negli otto anni precedenti nel Donbass, soprattutto per liberare Mariupol.

Poi, un altro collega straniero ha posto una domanda precisa – molto professionale, devo ammettere: le truppe russe rimarranno nelle regioni di Kherson e Zaporijia? E cosa è previsto per queste regioni una volta raggiunti gli obiettivi delle forze strategiche di difesa? Ho risposto dicendo che, nel complesso, non respingo l’idea di mantenere la sovranità ucraina su questi territori, a condizione che la Russia mantenga un solido collegamento terrestre con la Crimea.

Kiev dovrebbe cioè garantirci una servitù, ovvero un diritto di accesso legalmente formalizzato per la Russia alla penisola di Crimea attraverso le regioni di Kherson e Zaporijia. Questa decisione politica è fondamentale. Naturalmente, nella sua forma definitiva, non sarà presa unilateralmente, ma solo dopo consultazioni con il Consiglio di Sicurezza e altri organi competenti, e dopo averne discusso con la popolazione russa e ucraina, e in particolare con la popolazione delle regioni di Kherson e Zaporijia.

Alla fine abbiamo ascoltato le voci dei cittadini e indetto referendum per conoscere le loro opinioni. Abbiamo rispettato le decisioni prese dal popolo, sia nelle regioni di Kherson e Zaporizhia che nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov introduce il discorso di Putin. Dmitry Azarov/Kommersant/Sipa USA

A quel punto, nel marzo 2022, il nostro partner negoziale aveva espresso l’intenzione di recarsi a Kiev per continuare i colloqui con le controparti ucraine. Abbiamo accolto con favore questa iniziativa, così come tutti i tentativi di trovare una soluzione pacifica al conflitto, consapevoli che ogni giorno di combattimenti portava nuove e tragiche perdite. Tuttavia, in seguito abbiamo appreso che le autorità ucraine hanno rifiutato l’offerta di mediazione occidentale e hanno persino accusato il mediatore di assumere una posizione filo-russa, per così dire in modo categorico. Ma questa è ormai una questione di dettagli.

Oggi, come ho già sottolineato, la situazione è radicalmente cambiata. I cittadini di Kherson e Zaporijia hanno espresso la loro volontà attraverso i referendum e queste regioni, insieme alle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, sono ora parte integrante della Federazione Russa. L’unità del nostro Stato è inviolabile e la volontà del popolo di unirsi alla Russia è incrollabile. La questione è ormai definitivamente chiusa e non si può più tornare indietro.

Nella sua introduzione, Lavrov ha sottolineato l’azione del suo ministero: “Vorrei anche sottolineare che stiamo contribuendo attivamente a stabilire relazioni estere in Crimea e nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, nelle regioni di Zaporijjia e Kherson. A tal fine, il Ministero degli Affari Esteri ha già istituito i suoi uffici di rappresentanza a Donetsk e Luhansk e ha rafforzato le capacità dell’ufficio di rappresentanza a Simferopol”.

Voglio ribadire ancora una volta che è stato l’Occidente a contribuire a creare e ad aggravare la crisi ucraina, e ora sembra volerla prolungare all’infinito, indebolendo così i popoli russo e ucraino.

Le incessanti consegne di munizioni e armi ne sono un esempio lampante. Alcuni politici europei parlano addirittura della possibilità di dispiegare le loro truppe regolari in Ucraina. Tuttavia, è importante ricordare che oggi sono i veri leader dell’Ucraina – purtroppo non il popolo ucraino, ma le élite globaliste d’oltreoceano – a esercitare la loro influenza, cercando di scaricare sull’esecutivo ucraino il peso di decisioni impopolari, come l ‘ulteriore abbassamento dell’età di leva.

Oggi, come sappiamo, l’età di leva in Ucraina è di 25 anni, ma potrebbe essere ridotta a 23, o addirittura a 20, o addirittura a 18 per tutti. Allora, coloro che prendono queste decisioni impopolari sotto la pressione dell’Occidente saranno estromessi e sostituiti da altri, ugualmente dipendenti dall’Occidente ma non ancora macchiati da una reputazione negativa.

Forse è per questo che si sta pensando di annullare le prossime elezioni presidenziali in Ucraina. Coloro che sono attualmente al potere faranno tutto il possibile per rimanere al potere, per poi essere rimossi e sostituiti, continuando il loro lavoro secondo i piani.

A questo proposito, vorrei ricordarvi qualcosa che Kiev e l’Occidente preferiscono ignorare. Nel maggio 2014, la Corte costituzionale ucraina ha stabilito che il Presidente è eletto per un mandato di cinque anni, sia con elezioni straordinarie che regolari. Inoltre, la Corte ha osservato che lo status costituzionale del Presidente non prevedeva un mandato diverso da cinque anni. La decisione è stata definitiva e irrevocabile. Si tratta di un fatto giuridico indiscutibile.

Cosa significa questo per la situazione attuale?

Il mandato presidenziale del capo dell’Ucraina precedentemente eletto è scaduto, insieme alla sua legittimità, che non può essere ristabilita con manovre politiche. Non entrerò nei dettagli del contesto di questa decisione della Corte Costituzionale, ma è chiaro che era legata ai tentativi di legittimare il colpo di Stato del 2014. Tuttavia, questa decisione esiste e deve essere presa in considerazione. Mette in discussione qualsiasi tentativo di giustificare l’annullamento delle elezioni in corso.

In realtà, l’attuale tragedia dell’Ucraina è iniziata con un colpo di Stato incostituzionale nel 2014. Ripeto: l’attuale regime di Kiev ha origine da un putsch armato. E ora questa situazione si ripresenta come un boomerang: il potere esecutivo in Ucraina è ancora una volta usurpato e detenuto illegalmente, e quindi illegittimo.

Andrei anche oltre: l’annullamento delle elezioni è la manifestazione stessa della natura dell’attuale regime di Kiev, nato dal colpo di Stato del 2014. Rimanere al potere dopo l’annullamento delle elezioni è esplicitamente vietato dall’articolo 5 della Costituzione ucraina, che afferma che il diritto di determinare e modificare l’ordine costituzionale appartiene esclusivamente al popolo. Inoltre, queste azioni violano l’articolo 109 del Codice penale ucraino, che vieta espressamente di modificare o rovesciare con la forza l’ordine costituzionale dello Stato.

Anche il ricorso a convoluzioni pseudo-giuridiche è un luogo comune nei discorsi di Putin, che non è affatto infastidito dalle numerose contraddizioni che costellano le sue osservazioni nel tempo: in precedenti discorsi, ha semplicemente negato l’esistenza e la sovranità del Paese di cui si dichiara esperto costituzionale.

Nel 2014, questa usurpazione è stata giustificata in nome della rivoluzione. Oggi viene perpetrata con azioni militari. Ma la natura di queste azioni rimane invariata. Quello a cui stiamo assistendo è una collusione tra il ramo esecutivo del governo ucraino, la leadership della Verkhovna Rada e la maggioranza parlamentare sotto il suo controllo, finalizzata alla presa di potere dello Stato, che è un reato penale secondo la legge ucraina.

Inoltre, la Costituzione ucraina non prevede la possibilità di annullare o rinviare le elezioni presidenziali in caso di legge marziale, come si sta attualmente discutendo. La legge fondamentale ucraina prevede invece che, durante la legge marziale, le elezioni della Verkhovna Rada possano essere rinviate, ai sensi dell’articolo 83 della Costituzione del Paese.

La legislazione ucraina prevede quindi un’unica eccezione, che consente di estendere i poteri di un organo statale durante la legge marziale, ma questo riguarda solo la Verkhovna Rada. Di conseguenza, è stato stabilito lo status del Parlamento ucraino come organo che opera permanentemente sotto la legge marziale.

In altre parole, la Verkhovna Rada è oggi l’organo legittimo, a differenza dell’esecutivo. L’Ucraina non è una repubblica presidenziale, ma una repubblica parlamentare semipresidenziale. Questo è il punto principale.

Inoltre, il Presidente della Verkhovna Rada, che è il Presidente in carica, ha poteri speciali, in particolare nell’area della difesa, della sicurezza e del Comandante Supremo delle Forze Armate, ai sensi degli articoli 106 e 112. È tutto lì, nero su bianco.

Inoltre, nella prima metà di quest’anno, l’Ucraina ha concluso una serie di accordi bilaterali sulla cooperazione nel campo della sicurezza e del sostegno a lungo termine con diversi Paesi europei e con gli Stati Uniti d’America. Ma dal 21 maggio di quest’anno sono naturalmente sorti interrogativi sull’autorità e la legittimità dei rappresentanti ucraini che firmano tali documenti. Che firmino quello che vogliono: è ovvio che si tratta di una manovra politica e propagandistica. Gli Stati Uniti e i loro alleati stanno cercando di dare peso e legittimità ai loro protetti.

Se in un secondo momento gli Stati Uniti dovessero intraprendere una seria revisione legale di questo accordo – non parlo del suo contenuto, ma della sua validità giuridica – emergerebbe inevitabilmente la questione dell’autorità dei firmatari. A quel punto diventerebbe chiaro che è tutto fumo e niente arrosto: se la situazione fosse esaminata da vicino, l’intero edificio crollerebbe e l’accordo sarebbe invalido. Si può continuare a fingere che tutto sia normale, ma in realtà non lo è affatto: i documenti che ho citato e la Costituzione lo confermano.

Vorrei anche ricordarvi che dopo l’inizio dell’operazione militare speciale, l’Occidente ha lanciato una campagna aggressiva e poco diplomatica per isolare la Russia sulla scena internazionale. È ormai chiaro a tutti che questo tentativo è fallito, ma l’Occidente non ha abbandonato il suo piano di formare una coalizione internazionale anti-russa e di fare pressione sulla Russia. Ne siamo ben consapevoli.

Come sapete, hanno promosso attivamente l’idea ditenere in Svizzera una cosiddetta conferenza internazionale di alto livello sulla pace in Ucraina. Hanno intenzione di organizzarla subito dopo il vertice del G7, che è proprio il gruppo che ha scatenato il conflitto in Ucraina con le sue politiche. Ciò che gli organizzatori di questo incontro in Svizzera propongono non è altro che un’altra strategia per distogliere l’attenzione di tutti, ribaltare le cause e gli effetti della crisi ucraina e dare una certa legittimità alle attuali autorità esecutive in Ucraina.

È quindi logico che in Svizzera non verranno discusse questioni fondamentali riguardanti l’attuale crisi della sicurezza e della stabilità internazionale, né le vere radici del conflitto ucraino, nonostante tutti i tentativi di rendere più o meno accettabile l’agenda della conferenza.

Si tratterà probabilmente di una retorica demagogica generale e di una nuova serie di accuse contro la Russia. L’idea è ovvia: attirare il maggior numero possibile di Stati, per dare l’impressione che le prescrizioni e le regole occidentali siano condivise dall’intera comunità internazionale, il che significherebbe che il nostro Paese dovrebbe accettarle incondizionatamente.

Come sapete, naturalmente non siamo stati invitati a questo incontro in Svizzera. Non si tratta di un vero e proprio negoziato, ma del tentativo di un gruppo di Paesi di perseguire la propria linea politica e di risolvere a modo loro questioni che riguardano direttamente i nostri interessi e la nostra sicurezza.

Vorrei sottolineare che senza la partecipazione della Russia e un dialogo onesto e responsabile con noi, è impossibile raggiungere una soluzione pacifica in Ucraina e per la sicurezza globale in generale.

Se è vero che la Svizzera non ha inviato un invito alla parte russa – prevedendo un’opposizione di principio – il Ministro degli Affari Esteri della Confederazione Ignazio Cassis ha dichiarato che “non ci sarebbe stato alcun processo di pace senza la Russia”.

Attualmente, l’Occidente ignora i nostri interessi e proibisce a Kiev di negoziare con noi, mentre ci esorta ipocritamente a farlo. È semplicemente idiota: da un lato, vietano a Kiev di negoziare con noi, dall’altro, ci chiamano ai colloqui e insinuano che ci rifiutiamo di farlo. È completamente assurdo, ma purtroppo questa è la realtà in cui viviamo.

In primo luogo, chiediamo a Kiev di revocare il divieto autoimposto di negoziare con la Russia; in secondo luogo, siamo pronti a sederci al tavolo dei negoziati domani. Comprendiamo le particolarità della loro situazione giuridica, ma ci sono autorità legittime, in conformità con la loro Costituzione, come ho appena detto, e ci sono persone con cui possiamo negoziare. Siamo pronti. Le nostre condizioni per avviare una conversazione di questo tipo sono semplici e possono essere riassunte come segue.

Vorrei ripercorrere la sequenza degli eventi per chiarire che quanto sto per dire non è una reazione alla situazione attuale, ma piuttosto una posizione costante da parte nostra, incentrata sulla ricerca della pace.

Le nostre condizioni sono semplici: le truppe ucraine devono essere completamente ritirate dalle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, nonché dalle regioni di Kherson e Zaporijjia, e tale ritiro deve riguardare l’intero territorio di queste regioni all’interno dei loro confini amministrativi così come esistevano al momento della loro integrazione nell’Ucraina.

Contrariamente alle affermazioni di Putin, le sue richieste in cambio di un cessate il fuoco sembrano essere strettamente legate alla situazione sul campo.

Prima dell’invasione su larga scala, l’esercito russo controllava circa il 7% del territorio ucraino. Con 25.961 km², la Crimea rappresenta da sola il 4,33% della superficie totale del Paese. Ad oggi, Mosca è presente su 80.098 km² nei quattro oblast’ del sud e dell’est del Paese interessati dalle rivendicazioni russe: Kherson, Zaporijia, Luhansk e Donetsk. Dal 17,71% del territorio ucraino, la proposta di Mosca porterebbe il suo controllo al 21,92%, secondo i nostri calcoli – più di un quinto della superficie totale del Paese. Putin chiede quindi a Kiev di cedere 131.222 km² di territorio (compresa la Crimea), pari alla superficie della Grecia.

In realtà, l’avanzata dell’esercito russo in Ucraina è relativamente stagnante – occupando circa il 18% del territorio – dalla fine del 2022. Con le sue richieste, Putin vorrebbe chiaramente tornare ai livelli precedenti l’offensiva ucraina nella regione di Kharkiv del settembre-ottobre 2022.

Non appena Kiev dichiarerà la sua volontà di prendere tale decisione e inizierà il ritiro effettivo delle sue truppe da queste regioni, oltre a notificare ufficialmente l’abbandono dei suoi piani di adesione alla NATO, ordineremo immediatamente un cessate il fuoco e avvieremo i colloqui. Lo faremo immediatamente. Naturalmente, garantiremo anche il ritiro sicuro e senza ostacoli delle unità e delle formazioni ucraine.

Ci auguriamo sinceramente che Kiev prenda una decisione indipendente, basata sulle realtà attuali e guidata dai veri interessi nazionali del popolo ucraino, e non sotto l’influenza dell’Occidente, anche se nutriamo seri dubbi al riguardo.

Tuttavia, è importante ricordare la cronologia degli eventi per comprendere meglio il contesto. Permettetemi di soffermarmi su questi punti.

Durante gli eventi di Maïdan a Kiev nel 2013-2014, la Russia si è ripetutamente offerta di contribuire a una risoluzione costituzionale della crisi, che in realtà era orchestrata dall’esterno. Ripensiamo agli eventi di fine febbraio 2014.

Il 18 febbraio, a Kiev sono scoppiati scontri armati provocati dall’opposizione. Diversi edifici, tra cui il municipio e la Casa dei sindacati, sono stati incendiati. Il 20 febbraio, ignoti cecchini hanno aperto il fuoco su manifestanti e polizia, indicando chiaramente l’intenzione di radicalizzare la situazione e portare alla violenza. Le persone che sono scese in piazza a Kiev per esprimere il loro malcontento nei confronti del governo sono state deliberatamente usate come carne da cannone. È una tattica che si ripete oggi, quando si mobilitano le persone per mandarle al macello. Eppure, all’epoca, c’era l’opportunità di risolvere la crisi in modo civile.

Incontro tra il Presidente russo Vladimir Putin e i capi del Ministero degli Affari Esteri russo (MAE) presso il centro stampa del MAE russo. Zamir Kabulov (a sinistra), direttore del secondo dipartimento asiatico del Ministero degli Esteri russo, e Yuri Ushakov (a destra), assistente del Presidente russo, prima dell’incontro © Dmitry Azarov/Kommersant/Sipa USA

Il 21 febbraio è stato firmato un accordo tra l’allora Presidente dell’Ucraina e l’opposizione per risolvere la crisi politica. I garanti di questo accordo erano, come noto, i rappresentanti ufficiali di Germania, Polonia e Francia. L’accordo prevedeva il ritorno a una forma di governo parlamentare-presidenziale, l’indizione di elezioni presidenziali anticipate, la formazione di un governo di fiducia nazionale, nonché il ritiro delle forze dell’ordine dal centro di Kiev e la consegna delle armi da parte dell’opposizione.

È importante notare che la Verkhovna Rada ha approvato una legge che esclude qualsiasi procedimento penale contro i manifestanti. Un simile accordo avrebbe potuto porre fine alle violenze e riportare la situazione all’interno del quadro costituzionale. Questo accordo è stato firmato, anche se a Kiev e in Occidente spesso si preferisce dimenticarlo.

Oggi vorrei condividere un altro fatto cruciale che finora non è stato reso pubblico. Si tratta di una conversazione avvenuta il 21 febbraio, su iniziativa degli Stati Uniti. Durante questo colloquio, il leader americano ha sostenuto con forza l’accordo raggiunto tra le autorità e l’opposizione a Kiev. Lo ha addirittura descritto come un vero passo avanti, che offre al popolo ucraino la possibilità di porre fine alla violenza che minacciava di intensificarsi.

Durante i nostri colloqui, abbiamo concordato una formula comune: la Russia si sarebbe impegnata a persuadere il Presidente ucraino a dare prova di moderazione, evitando di usare l’esercito e le forze dell’ordine contro i manifestanti. In cambio, gli Stati Uniti si sarebbero impegnati a richiamare all’ordine l’opposizione, incoraggiandola a liberare gli edifici amministrativi e a calmare la situazione nelle strade.

L’obiettivo era creare le condizioni per un ritorno alla normalità nel Paese, all’interno del quadro costituzionale e legale. Abbiamo rispettato i nostri impegni. Il Presidente ucraino dell’epoca, Yanukovych, che non aveva intenzione di usare l’esercito, mantenne un atteggiamento di moderazione e ritirò persino altre unità di polizia da Kiev.

E i nostri colleghi occidentali? Nella notte del 22 febbraio e per tutto il giorno successivo, mentre il Presidente Yanukovych si recava a Kharkiv per un congresso dei deputati delle regioni sud-orientali dell’Ucraina e della Crimea, i radicali hanno preso il controllo dell’edificio della Rada, dell’amministrazione presidenziale e del governo con la forza. Nonostante tutti gli accordi e le garanzie occidentali, né gli Stati Uniti né l’Europa hanno agito per impedire questa escalation. Nessun garante dell’accordo politico ha chiesto all’opposizione di restituire le strutture amministrative sequestrate e di rinunciare alla violenza. Sembra addirittura che abbiano approvato il modo in cui si sono svolti gli eventi.

Inoltre, il 22 febbraio 2014, la Verkhovna Rada ha approvato una risoluzione che annunciava le presunte dimissioni del Presidente Yanukovych, in palese violazione della Costituzione ucraina, e ha fissato elezioni straordinarie per il 25 maggio. Si è trattato di un colpo di Stato armato, orchestrato dall’esterno. I radicali ucraini, con il tacito consenso e il sostegno diretto dell’Occidente, hanno deliberatamente sabotato tutti i tentativi di risolvere la situazione in modo pacifico.

All’epoca, abbiamo implorato Kiev e le capitali occidentali di dialogare con la popolazione dell’Ucraina sud-orientale, insistendo sul rispetto dei loro interessi, diritti e libertà. Ma il regime emerso dal colpo di Stato ha preferito la strada della guerra, lanciando operazioni punitive contro il Donbass nella primavera e nell’estate del 2014. Ancora una volta, la Russia ha chiesto la pace.

Abbiamo fatto ogni sforzo per risolvere questi problemi acuti attraverso gli accordi di Minsk, ma l’Occidente e le autorità di Kiev, come ho sottolineato, si sono rifiutati di onorarli. Nonostante le loro assicurazioni verbali sull’importanza degli accordi di Minsk e il loro impegno per la loro attuazione, hanno organizzato un blocco del Donbass e preparato un’offensiva militare per schiacciare le Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk.

Gli accordi di Minsk sono stati definitivamente insabbiati dal regime di Kiev e dall’Occidente. Permettetemi di sottolineare ancora una volta questo punto cruciale. Di conseguenza, nel 2022, la Russia è stata costretta a lanciare un’operazione militare speciale per porre fine alla guerra nel Donbass e proteggere i civili dal genocidio.

Nonostante ciò, fin dall’inizio abbiamo continuato a proporre soluzioni diplomatiche alla crisi, compresi i negoziati in Bielorussia e Turchia, nonché il ritiro delle truppe da Kiev per facilitare la firma degli accordi di Istanbul, che sono stati sostanzialmente accettati da tutte le parti. Tuttavia, anche questi tentativi sono stati respinti. L’Occidente e Kiev hanno persistito nel loro desiderio di sconfiggerci. Ma come sappiamo, tutte le loro manovre sono fallite.

Oggi presentiamo una nuova proposta di pace, concreta e realizzabile. Se Kiev e le capitali occidentali la rifiutano come prima, in definitiva sono affari loro. È loro responsabilità politica e morale continuare lo spargimento di sangue. È chiaro che le realtà sul terreno e in prima linea continueranno a evolversi in modo sfavorevole per il regime di Kiev e le condizioni per avviare i negoziati saranno diverse.

Vorrei sottolineare il punto principale: la nostra proposta non è una semplice tregua temporanea o un cessate il fuoco, come vorrebbe l’Occidente, per consentire al regime di Kiev di recuperare le perdite, riarmarsi e prepararsi a una nuova offensiva. Ripeto: l’obiettivo non è congelare il conflitto, ma porvi definitivamente fine.

L’Ucraina ha immediatamente annunciato che non accetterà le richieste russe, che considera ultimatum “sentiti molte volte”. Esponendo pubblicamente condizioni che Kiev ha ritenuto inaccettabili in passato, Putin sta cercando di sminuire l’importanza del vertice di pace che l’Ucraina ha organizzato questo fine settimana in Svizzera.

E ripeto ancora una volta: non appena Kiev accetterà un processo simile a quello che proponiamo oggi, accettando il ritiro completo delle sue truppe dalle regioni della DNR e della LNR [le repubbliche separatiste di Donetsk e Luhansk], di Zaporijjia e di Kherson, e inizierà effettivamente questo processo, saremo pronti ad avviare i negoziati senza indugio.

La nostra posizione di principio è chiara: lo status neutrale, non allineato e non nucleare dell’Ucraina, la sua smilitarizzazione e denazificazione, in particolare come abbiamo ampiamente concordato nei colloqui di Istanbul del 2022. Tutti i dettagli della smilitarizzazione sono stati chiaramente stabiliti in quei colloqui.

Naturalmente, i diritti, le libertà e gli interessi dei cittadini di lingua russa in Ucraina devono essere pienamente garantiti e le nuove realtà territoriali, compreso lo status della Crimea, di Sebastopoli, delle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk e delle regioni di Kherson e Zaporijia come entità costitutive della Federazione Russa, devono essere riconosciute. In futuro, tutte queste disposizioni e principi fondamentali dovranno essere formalizzati in accordi internazionali. Ciò include naturalmente la cancellazione di tutte le sanzioni occidentali contro la Russia.

Sono fermamente convinto che la Russia stia proponendo un modo concreto per porre fine alla guerra in Ucraina. Aspiriamo a voltare la tragica pagina della storia e a cominciare a ristabilire relazioni di fiducia e buon vicinato tra Russia e Ucraina, e più in generale tra tutti i Paesi europei. Anche se ciò si rivelerà difficile, siamo pronti a procedere gradualmente, passo dopo passo.

Una volta risolta la crisi ucraina, potremmo pensare, in collaborazione con i nostri partner della CSTO e della SCO, nonché con gli Stati occidentali, compresi quelli europei, aperti al dialogo, di affrontare il compito fondamentale che ho sottolineato all’inizio del mio intervento: la creazione di un sistema di sicurezza eurasiatico indivisibile che tenga conto degli interessi di tutti gli Stati del continente, senza eccezioni.

Naturalmente, un ritorno rigoroso alle proposte di sicurezza che abbiamo presentato 25, 15 o anche due anni fa è impossibile, visti gli eventi che si sono verificati e i cambiamenti avvenuti da allora. Tuttavia, i principi di base e l’oggetto stesso del dialogo rimangono invariati. La Russia riconosce la propria responsabilità per la stabilità globale ed è disposta a dialogare con tutti i Paesi. Tuttavia, questo non dovrebbe essere una simulazione di un processo di pace per servire gli interessi egoistici o particolari di qualcuno, ma una conversazione seria e approfondita su tutte le questioni relative alla sicurezza globale.

Cari colleghi,

Sono convinto che lei comprenda la portata delle sfide che la Russia deve affrontare e ciò che dobbiamo fare, in particolare nel campo della politica estera.

Vi auguro sinceramente di riuscire in questo arduo compito di garantire la sicurezza della Russia, difendere i nostri interessi nazionali, rafforzare la posizione del Paese sulla scena mondiale, promuovere i processi di integrazione e sviluppare le relazioni bilaterali con i nostri partner.

Da parte nostra, il governo continuerà a fornire al dipartimento diplomatico e a tutti coloro che sono coinvolti nell’attuazione della politica estera della Russia il sostegno necessario.

Vi ringrazio ancora una volta per il vostro impegno, la vostra pazienza e per aver ascoltato le mie parole. Sono sicuro che insieme avremo successo.

Vorrei esprimere la mia sincera gratitudine.

Vladimir Putin al termine del suo discorso. Foto AP/Alexander Zemlianichenko

SERGEI LAVROV

Caro Presidente, vorrei innanzitutto esprimere la mia gratitudine per l’apprezzamento del nostro lavoro.

Ci stiamo impegnando, le circostanze ci spingono a raddoppiare gli sforzi e continueremo a farlo, perché tutti riconoscono l’importanza cruciale delle nostre azioni per il futuro del Paese, per il benessere del nostro popolo e, in una certa misura, per il futuro del mondo. Prenderemo a cuore le direttive che avete indicato, in particolare dettagliando il concetto di sicurezza eurasiatica con i nostri colleghi di altre agenzie in modo molto concreto.

Nella nostra ricerca di costruire un nuovo sistema di sicurezza che sia equo, come lei ha sottolineato, indivisibile e basato sugli stessi principi, continueremo a contribuire alla risoluzione delle singole crisi, tra cui quella ucraina rimane la nostra priorità assoluta.

Integreremo certamente la vostra nuova iniziativa in vari contesti, comprese le nostre interazioni all’interno dei BRICS, dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, con la Repubblica Popolare Cinese, nonché con le nazioni dell’America Latina e dell’Africa, che hanno anch’esse presentato le loro proposte, finora ignorate dai leader ucraini.

Grazie ancora una volta! Stiamo perseverando nei nostri sforzi.

VLADIMIR PUTIN

Grazie per il suo tempo.

 17:47

Le osservazioni del ministro degli Esteri Sergey Lavrov e le sue risposte alle domande dei media dopo l’incontro del presidente Vladimir Putin con gli alti funzionari del ministero degli Esteri, Mosca, 14 giugno 2024.

1140-14-06-2024

 

Avete tutti ascoltato le osservazioni del Presidente Vladimir Putin e l’approfondita analisi che ha fatto sulla sicurezza globale, europea ed eurasiatica. Ancora una volta, il Presidente Vladimir Putin ha offerto un resoconto dettagliato che dimostra la coerenza della nostra politica sull’Ucraina. Finora, l’Occidente non è stato ricettivo a questa politica, nemmeno una volta. Ha invece deciso di utilizzare l’Ucraina come strumento per sopprimere la Federazione Russa, anche ricorrendo a metodi militari, economici e di altro tipo.

Parlando di sicurezza, Vladimir Putin ha affermato che il modello euro-atlantico è ormai un ricordo del passato. In questo contesto, vorrei notare che dopo la fine dell’Unione Sovietica, e anche nei suoi ultimi anni, eravamo pronti a cooperare, e il Presidente della Russia ce lo ricorda anche oggi, ma solo a parità di condizioni e a condizione di mantenere un equilibrio di interessi. Ma l’Occidente ha deciso di vincere la Guerra Fredda e ha optato per il mantenimento delle sue posizioni dominanti su tutti i fronti. Per i primi due decenni abbiamo fatto sostanzialmente parte dell’architettura euro-atlantica. Alla fine degli anni ’90 abbiamo formato il Consiglio Russia-NATO. Esisteva anche un meccanismo sviluppato ed esteso di collaborazione con l’Unione Europea: due vertici all’anno, quattro spazi comuni e una pletora di progetti comuni. Va da sé che anche l’OSCE, nonostante il suo nome, è nata dalla dimensione di sicurezza euro-atlantica. Ma la politica degli Stati Uniti di dominare tutto e tutti e di costringere tutti a sottostare alla loro volontà ha reso inefficaci e svalutato tutte queste e altre strutture appartenenti, in un modo o nell’altro, al quadro euro-atlantico.

L’Europa è stata una delle vittime di questa politica. Ha perso la sua indipendenza. In questo senso, l’idea di raggiungere la sicurezza nel contesto euro-atlantico non è più rilevante per noi. Come ha detto il Presidente Vladimir Putin, il nostro obiettivo è garantire la sicurezza eurasiatica. Questo ha senso. Dopo tutto, condividiamo lo stesso continente e non ci sono oceani, canali inglesi o altro a separarci.

In questo continente esistono già diverse associazioni di integrazione, molte delle quali si occupano di questioni di sicurezza. Mi riferisco alla CSTO, alla CSI e alla SCO, nonché all’EAEU e all’ASEAN, che si occupano di questioni economiche. Tutti operano all’interno di un unico spazio eurasiatico. Durante il primo vertice Russia-ASEAN, tenutosi a Sochi nel 2015, il Presidente Vladimir Putin ha suggerito di esplorare le opportunità per coordinare e armonizzare i processi di integrazione in tutto il nostro continente per costruire il Grande Partenariato Eurasiatico.

Oltre alle organizzazioni appena citate, esistono altre strutture di integrazione in questo continente, anche in Asia meridionale. Il Golfo Persico ha il suo Consiglio di Cooperazione del Golfo, il CCG. Anche la Lega Araba copre una parte sostanziale del continente eurasiatico.

Tutto questo funziona come un unico Grande Partenariato Eurasiatico, proprio come ha detto oggi il Presidente della Russia. Può costruire una base socioeconomica tangibile per il quadro di sicurezza che vogliamo per noi, purché si concentri su catene economiche, di trasporto e finanziarie che siano immuni dai dettami imposti dagli Stati Uniti e dai loro satelliti. Il Presidente Vladimir Putin ha posto particolare enfasi sul fatto che questo quadro è aperto a tutti i Paesi e le organizzazioni del continente eurasiatico, senza eccezioni. Naturalmente, ciò include la possibilità di lasciare la porta aperta all’Europa e ai Paesi europei che finalmente si rendono conto di dover costruire il loro futuro concentrandosi sugli interessi fondamentali dei loro popoli invece di servire solo gli interessi degli Stati Uniti e dell’Occidente collettivo guidato dagli USA.

Per raggiungere questi obiettivi, dobbiamo iniziare a specificare il concetto di Grande Partenariato Eurasiatico e di sicurezza eurasiatica in tutte le sue dimensioni, comprese quelle militari e politiche, economiche e umanitarie. Come sapete, nel nostro continente si svolgono già una serie di eventi eurasiatici e addirittura globali in risposta ai tentativi dell’Occidente di monopolizzare lo sport e la cultura internazionali. Mi riferisco ai Giochi del futuro, ai Giochi BRICS che si sono aperti a Kazan, ai prossimi Giochi mondiali dell’amicizia, al Forum culturale internazionale e al Concorso canoro internazionale Intervision.

Il Presidente del Kazakistan Kassym-Jomart Tokayev ha avviato la creazione di un’Organizzazione internazionale per la lingua russa. L’organizzazione servirà anche come importante elemento unificante nel continente eurasiatico, dove tante persone, paesi e nazioni parlano e amano la lingua russa e hanno un’affinità con la cultura russa.

Per quanto riguarda l’Ucraina, non ho nulla da aggiungere su questo argomento. Il Presidente della Russia Vladimir Putin ha elencato i gesti di buona volontà (in una certa misura possono essere considerati come concessioni parziali) che abbiamo intrapreso dopo le rivolte di Maidan e il colpo di Stato del febbraio 2014. La Russia ha compiuto molti passi nel suo approccio costruttivo e ha dimostrato il suo impegno a preservare lo Stato ucraino e a rimanere in rapporti amichevoli con esso, solo per essere respinta in modo coerente, fermo e categorico.

Oggi siamo arrivati a un punto in cui il Presidente della Russia Vladimir Putin chiede ancora una volta agli altri di ascoltare il nostro messaggio. Dopo tutto, negli ultimi dieci anni, ogni volta che l’Occidente ha rifiutato le nostre proposte, non ne è uscito nulla di buono.

Domanda: Il Presidente Vladimir Putin ha posto condizioni concrete per l’avvio di colloqui di pace con l’Ucraina. Cosa intende fare in concreto il Ministero degli Esteri per adempiere a queste disposizioni? Possiamo aspettarci dei contatti, soprattutto alla luce della situazione relativa alla legittimità delle attuali autorità ucraine?

Sergey Lavrov: Il Presidente Vladimir Putin ha affrontato la questione della legittimità in tutti i suoi aspetti. Non è stata la prima volta che ha parlato di questo argomento. Tutto è abbondantemente chiaro a questo proposito. Nelle sue precedenti dichiarazioni su questo tema, il Presidente ha affermato che il quadro politico e giuridico dell’Ucraina deve definire le decisioni finali. Qualsiasi esperto di diritto giungerà alla stessa conclusione dopo aver letto la Costituzione ucraina. Se tutti dovessero ancora una volta chiudere gli occhi di fronte a questo segnale, per noi sarebbe l’ennesima esperienza deludente nei confronti dei nostri partner occidentali.

Per quanto riguarda il ruolo del Ministero degli Esteri, non abbiamo intenzione di correre dietro a chi chiede qualcosa. I nostri ambasciatori nelle capitali corrispondenti condivideranno le osservazioni del Presidente della Russia Vladimir Putin e offriranno ulteriori spiegazioni sul loro contenuto, compreso il modo in cui si è arrivati a questo punto. Attenderemo una risposta. Non ho dubbi che i Paesi della Maggioranza Globale comprendano tutto questo. Abbiamo discusso il tema dell’Ucraina con molti dei loro rappresentanti, anche l’11 giugno 2024 a Nizhny Novgorod – mi riferisco ai partecipanti alla riunione dei ministri degli Esteri dei BRICS Plus. Lo capiscono molto bene.

Per quanto riguarda i responsabili delle decisioni, essi si trovano attualmente in Italia, alla riunione del Gruppo dei Sette. Anche Vladimir Zelensky è nelle vicinanze. Domani o forse dopodomani si terrà anche un evento discutibile in Svizzera, anche se non si sa ancora chi vi parteciperà. Spero che le osservazioni del Presidente Vladimir Putin diano loro qualcosa da discutere.

Domanda: Come sapete, tra poche settimane si terranno le elezioni in Francia. Può dirci come state monitorando la situazione? Cosa si aspetta? Cosa spera?

Sergey Lavrov: Certamente seguiamo gli sviluppi politici nei Paesi in cui abbiamo ambasciatori e ambasciate. Essi riferiscono sull’agenda interna e internazionale di un determinato Paese, proprio come gli ambasciatori francesi, americani e di altri Paesi riferiscono su ciò che accade in Russia.

Per quanto riguarda le aspettative, per quanto mi riguarda, già da tempo non mi aspetto nulla da nessun luogo, soprattutto dai principali Paesi europei. Mi dispiace per loro – questo è quello che posso dire – perché, come ha confermato oggi il Presidente della Russia Vladimir Putin nel suo discorso, non sono indipendenti. Il Presidente francese Emmanuel Macron ha ripetutamente sbandierato lo slogan dell’autonomia strategica. Guardate cosa sta succedendo nella vita reale.

Domanda: Le proposte di pace avanzate dal Presidente si basano su condizioni che l’Ucraina deve rispettare. Ma non dovrebbe essere la Russia a fare la prima mossa e a ritirare le sue truppe?

Sergey Lavrov: Avete ascoltato il Presidente? Per due volte, a metà del suo discorso e alla fine, ha detto: Voglio ripetere la sequenza. Il discorso verrà diffuso e la sequenza è lì.

Se lo leggesse per la terza volta, capirebbe che la Russia ha fatto tutto il possibile sulla base di accordi raggiunti e poi disattesi da Boris Johnson e da una serie di altri politici.

Domanda: Se, ad esempio, l’Ucraina soddisfa queste condizioni, cosa significa che la Russia si ferma lì? Perché l’Occidente dovrebbe fidarsi di voi?

Sergey Lavrov: Sa, non chiediamo all’Occidente di fidarsi di noi. La fiducia non è qualcosa che illustra le posizioni e le azioni dell’Occidente. Oggi, ci sono stati molti esempi – non voglio recitare tutti questi fallimenti nel mantenere le promesse, questi fallimenti nel mantenere gli obblighi legali.

Francamente, non mi interessa se l’Occidente si fida o meno di noi. L’Occidente deve capire la situazione reale. Non capiscono nulla, se non la realpolitik. Lasciateli andare dal popolo. Siete delle democrazie, giusto? Chiedete alla gente cosa dovrebbe fare l’Occidente in risposta alle proposte di Putin.

Domanda: Se non abbiamo bisogno che l’Occidente ci creda, ma continuiamo a fare queste proposte. Supponiamo che siano d’accordo e che noi ritiriamo le nostre truppe…

Sergey Lavrov: Mi permetta di interromperla. Non ho intenzione di speculare su questo argomento. Penso che lei capisca che fare queste dichiarazioni “e se” non ha alcun senso in questo momento. Ci siamo già passati.

Domanda: Ma possiamo aspettarci che non ci ingannino ancora una volta?

Sergey Lavrov: Naturalmente, non possiamo farlo. Ecco perché tutto questo è stato inquadrato in questo modo. Siamo pronti a lavorare su una soluzione basata sulle condizioni poste dal Presidente della Russia. Interromperemo le azioni di combattimento non appena capiremo che queste condizioni sono state attuate. Cesseremo le ostilità nel momento stesso in cui ciò avverrà, proprio come ha detto il Presidente.

Domanda: Abbiamo in programma di inviare questa iniziativa alle Nazioni Unite? Quali canali utilizzerà il Presidente Vladimir Putin per comunicare queste proposte all’Ucraina, se deciderà di farlo?

Sergey Lavrov: Penso che tutti stiano già leggendo queste proposte e le conoscano. Il Presidente ha presentato le sue osservazioni, il che non ci obbliga a renderle pubbliche come un documento o una proposta ufficiale o un’iniziativa.

Si tratta di una questione tecnica. Non mi interessa come questa informazione viene diffusa. Tutti lo sanno già. Vedremo come reagiranno.

Domanda: Se non sbaglio, l’ultima volta che ha parlato con il massimo diplomatico statunitense è stato nel gennaio 2022. All’epoca, come lei ha detto, gli Stati Uniti hanno ignorato tutte le nostre proposte. L’operazione militare speciale è in corso da due anni. Considerando la situazione attuale, gli Stati Uniti sentono la necessità o il desiderio di avere contatti ufficiali con il Ministero degli Esteri russo?

Sergey Lavrov: Non so cosa vogliano, e tanto meno di cosa abbiano bisogno gli Stati Uniti, a prescindere da come la si veda.

Domanda: Non crede che le proposte di avviare colloqui di pace siano più simili a un ultimatum che richiede la capitolazione?

Sergey Lavrov: Credo che questo sia un modo sbagliato di inquadrare la questione.

Prima di concludere il suo discorso, il Presidente Vladimir Putin ha fatto un’osservazione speciale sulla presentazione dell’intero quadro. Abbiamo sostenuto il documento che preserva l’integrità territoriale dell’Ucraina all’interno dei suoi confini del 1991. È successo il 21 febbraio 2014. L’Europa nel suo complesso ha garantito che l’accordo tra il presidente ucraino Viktor Yanukovich e l’opposizione sarebbe stato portato a termine. L’ex ambasciatore di Barack Obama ha chiamato Vladimir Putin chiedendogli di non interferire con questo accordo. Ma dopo il nostro sostegno, il mattino dopo si è verificato un colpo di Stato. Se non fosse stato così, l’Ucraina sarebbe esistita ancora nei suoi confini del 1991.

In seguito, hanno designato come terroristi le regioni che si rifiutavano di riconoscere i risultati di questo sanguinoso colpo di Stato anticostituzionale. Ciò ha portato a una guerra lunga un anno. Rispondendo alle richieste provenienti da tutte le parti (tedeschi e francesi), abbiamo facilitato la firma degli accordi di Minsk. Essi prevedevano il mantenimento dell’integrità territoriale dell’Ucraina, meno la Crimea. Potrei continuare a parlare all’infinito di questo argomento.

Il Presidente Vladimir Putin ha articolato la questione nel modo più chiaro possibile. Credo che lei abbia uno spirito critico, il che significa che può decidere se si tratta di un ultimatum. Se nel suo reportage lo presenta come un ultimatum, la prego di non dimenticare come si è arrivati a questo punto. Nei suoi rapporti lei parla spesso di annullamento della cultura, traendo conclusioni senza menzionare le cause primarie.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

DOPO PUTIN E LA GUERRA IN UCRAINA, L’ARCHITETTURA DI SICUREZZA EUROPEA VISTA DA MOSCA, di MARLÈNE LARUELLE

DOPO PUTIN E LA GUERRA IN UCRAINA, L’ARCHITETTURA DI SICUREZZA EUROPEA VISTA DA MOSCA

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

La prospettiva della pace può sembrare remota, ma a Mosca si pensa già al dopo. La domanda che si pone silenziosamente nei circoli di potere è: come vivere a fianco dell’Europa dopo l’Ucraina? Mentre il centro di gravità della diplomazia russa si sposta verso est e verso sud, il modello di coesistenza pacifica della Guerra Fredda potrebbe avere un futuro.

AUTORE
MARLÈNE LARUELLE
– IMMAGINE
CARRI ARMATI RUSSI DISTRUTTI E COPERTI DI NEVE IN UN CAMPO NELLA REGIONE DI KHARKIV, UCRAINA, SABATO 14 GENNAIO 2023 © AP PHOTO/EVGENIY MALOLETKA

Nella percezione politica e identitaria russa, l’Europa è sempre stata l’alter ego della Russia. Dal crollo dell’Unione Sovietica, l’architettura di sicurezza europea è diventata il nodo gordiano di questo rapporto, segnato da una Russia insoddisfatta di non essere riconosciuta come co-creatrice – su un piano di parità con l’Occidente – di un nuovo mondo strategico. Nella logica di questa rappresentazione, il conflitto si sarebbe cristallizzato sull’Ucraina, tassello centrale nella costruzione dell’identità russa ma anche terreno di scontro per l’influenza tra Occidente e Russia.

Tra i maggiori esperti russi di questioni strategiche, Andrei Kortunov offre una voce ricca di sfumature, in dissonanza con il discorso ufficiale spesso più radicale. Dal 2011 al 2023 è stato direttore generale del Consiglio russo per le relazioni internazionali (RIAC), uno dei principali think tank di politica estera del Paese, e ha avviato numerose cooperazioni internazionali, ben oltre il mondo occidentale.

In questo articolo, scritto nella primavera del 2024, Kortunov rivisita la visione russa dell’architettura di sicurezza europea. Invoca il modello – certo imperfetto – della Guerra Fredda come modalità di coesistenza pacifica e passa in rassegna le varie aree strategiche in cui una nuova architettura potrebbe prendere forma in un’Ucraina postbellica che sembra molto lontana.

Nell’attuale fase del conflitto militare in corso tra Russia e Ucraina, qualsiasi tentativo di promuovere una nuova architettura di sicurezza europea sarebbe prematuro, se non del tutto assurdo. Le priorità immediate per la sicurezza europea si sono spostate dalla promozione di un sistema di sicurezza euro-atlantico inclusivo e completo alla prevenzione di un confronto militare diretto tra la Russia e la NATO, nonché alla prevenzione dell’escalation delle ostilità militari fino al livello nucleare 1. Il resto dell’agenda di sicurezza europea tradizionale è stato temporaneamente messo in attesa. Il resto dell’agenda tradizionale della sicurezza europea è stato temporaneamente accantonato. Possiamo solo sperare che questa agenda ritorni in discussione nel prossimo futuro e che l’esperienza acquisita nella gestione dell’impasse Est-Ovest nel vicinato comune europeo venga nuovamente utilizzata.

Molto dipenderà da quando e come finirà il conflitto, cosa difficile da prevedere al momento. Purtroppo, oggi, anche un cessate il fuoco, un armistizio o misure significative di de-escalation sembrano quasi irraggiungibili e la situazione sul campo potrebbe peggiorare prima di migliorare. Tuttavia, è chiaro che l’esito della crisi – qualunque esso sia in termini pratici – avrà un profondo impatto sui nuovi accordi di sicurezza che potranno o meno emergere all’interno dell’area euro-atlantica negli anni a venire.

Questi accordi dovrebbero riflettere un nuovo equilibrio di potere tra i principali attori, non solo in Europa, ma anche a livello globale. Secondo alcuni esperti russi, potrebbero essere necessari fino a dieci anni per stabilire tale equilibrio 2. Se questa ipotesi è corretta, l’Europa rimarrà a lungo in un limbo strategico, con opportunità molto limitate di stabilire un nuovo equilibrio. Se questa ipotesi è corretta, l’Europa rimarrà a lungo in un limbo strategico, con opportunità molto limitate di risolvere i suoi problemi sistemici di sicurezza.

L’Europa nel concetto di politica estera della Russia nel 2023

Nonostante le molte incertezze, sembra pertinente esaminare l’interpretazione generale e provvisoria che i funzionari russi e gli analisti influenti stanno attualmente dando di un nuovo ordine europeo. Per tutto il 2022-2023, su questo tema cruciale si sono svolte discussioni attive, a volte molto delicate e politicamente parziali. Nonostante le ambiguità, alcune tendenze a lungo termine dello sviluppo europeo sono evidenti a qualsiasi osservatore imparziale. Ad esempio, nelle relazioni transatlantiche, gli Stati Uniti si stanno rafforzando, mentre l’Europa si sta indebolendo. La NATO sta guadagnando potere relativo e l’Unione Europea sta accantonando le sue ambizioni di autonomia strategica. All’interno dell’Unione, l’equilibrio di potere tra la Nuova Europa e la Vecchia Europa si sta spostando a favore della prima e a scapito della seconda.

Questa analisi è interessante perché contraddice la visione europea del conflitto russo-ucraino che ha ravvivato il dibattito sull’autonomia strategica europea in previsione di un possibile parziale disimpegno degli Stati Uniti dalla scena europea. Ma è più accurata nella sua visione di una “Vecchia Europa” continentalista che perde contro una “Nuova Europa” chiaramente atlantista.

Senza dubbio, il nuovo concetto di politica estera della Russia, pubblicato nel marzo 2023, è il più importante documento ufficiale contemporaneo che affronta l’agenda emergente della sicurezza europea 4. Vale la pena notare che la prima versione del nuovo concetto era stata preparata nel 2021 5, ma l’avvio dell’operazione militare speciale in Ucraina e il successivo drammatico deterioramento delle relazioni della Russia con l’Occidente hanno reso necessarie modifiche significative al documento e ulteriori consultazioni interministeriali appropriate che ne hanno ritardato la pubblicazione di almeno un anno.

I funzionari russi attribuiscono grande importanza al Concetto, che spesso presentano come un documento di consenso che riflette le posizioni di vari gruppi all’interno della leadership del Paese. La versione precedente del Concetto è stata adottata alla fine di novembre 2016, il che suggerisce che il nuovo documento è destinato ad avere una vita relativamente lunga. Se non accadrà nulla di drammatico all’interno del sistema politico del Paese, il nuovo Concetto potrebbe servire alla leadership russa fino alla fine del 2020.

Il nuovo concetto è prevedibilmente molto critico nei confronti dei Paesi europei, accusando direttamente la maggior parte di essi di perseguire “una politica aggressiva nei confronti della Russia, volta a creare minacce alla sicurezza e alla sovranità della Federazione Russa, a ottenere vantaggi economici unilaterali, a minare la stabilità politica interna e a erodere i tradizionali valori spirituali e morali russi, nonché a creare ostacoli alla cooperazione della Russia con i suoi alleati e partner7. Non sorprende che l’Occidente sia ritenuto l’unico responsabile dello stato disastroso delle sue relazioni con Mosca. Ha quindi la responsabilità di cambiare lo status quo abbandonando la sua politica anti-russa, compresa l’interferenza negli affari interni della Russia, e adottando una politica di buon vicinato e di cooperazione a lungo termine reciprocamente vantaggiosa. Finché non avverrà questo cambiamento, non potrà esistere un’architettura di sicurezza comune europea e l’Europa rimarrà divisa o spaccata tra Occidente e Oriente.

“Le condizioni oggettive per la formazione di un nuovo modello di convivenza con gli Stati europei sono la vicinanza geografica e i radicati legami culturali, umanitari ed economici tra i popoli e gli Stati della parte europea dell’Eurasia. Il principale fattore che complica la normalizzazione delle relazioni tra la Russia e gli Stati europei è l’orientamento strategico degli Stati Uniti e dei loro alleati, volto a tracciare e approfondire le linee di demarcazione nella regione europea al fine di indebolire e minare la competitività delle economie della Russia e degli Stati europei, nonché di limitare la sovranità degli Stati europei e garantire il dominio globale degli Stati Uniti… La consapevolezza da parte degli Stati europei che non esiste alternativa alla coesistenza pacifica e alla cooperazione reciprocamente vantaggiosa con la Russia, l’aumento del livello di indipendenza della politica estera e la transizione verso una politica di buon vicinato con la Federazione Russa avranno un effetto positivo sulla sicurezza e sul benessere della regione europea. Aiuterà inoltre gli Stati europei a occupare il posto che spetta loro nel Grande Partenariato Eurasiatico e in un mondo multipolare8

Tuttavia, al di là della stridente retorica del Concetto, vi sono alcuni accenni a posizioni più sfumate e calibrate. Ad esempio, l’Europa continentale viene trattata separatamente dagli Stati Uniti e dagli altri Paesi anglosassoni, visti come la causa principale del confronto in corso tra Russia e Occidente. I primi sono criticati soprattutto per la loro presunta incapacità o non volontà di resistere alle pressioni statunitensi e di opporsi all’egemonia degli Stati Uniti.

Nella tradizione della politica estera russa, infatti, le relazioni bilaterali con i principali Paesi dell’Europa occidentale sono dissociate – e preservate – dai più difficili rapporti con gli organismi transatlantici e le istituzioni dell’Unione. La guerra ha quindi portato a un importante cambiamento di percezione da parte russa, in seguito alle inaspettate tensioni con la Germania e, ancor più, all’escalation con la Francia. Ma nel discorso pubblico russo permane una netta dissociazione tra il mondo anglosassone – percepito come nemico storico – e l’Europa continentale, vista in modo più positivo.

“Non abbiamo mai rifiutato di impegnarci nel dialogo con i nostri partner europei su un piano di parità, o di cercare modi per risolvere i problemi di sicurezza. Rimaniamo fiduciosi che prima o poi vedremo le forze politiche in Europa guidate dai loro interessi nazionali piuttosto che dal desiderio di seguire le direttive provenienti dall’altra parte dell’oceano. Allora avremo degli interlocutori con i quali potremo sederci e parlare.10

I leader russi attendono con ansia i prossimi cambiamenti politici in Europa, che renderebbero le principali nazioni europee più aperte a un dialogo produttivo con Mosca. Questi cambiamenti potrebbero essere innescati da crescenti problemi economici e sociali, da cambiamenti nell’opinione pubblica sul conflitto russo-ucraino, da una nuova crisi migratoria, da un aumento del populismo di destra e da una nuova amministrazione repubblicana alla Casa Bianca. Potrebbero verificarsi anche altri eventi imprevisti di natura sociale, politica o economica, sia all’interno dell’Europa che nel sistema globale delle relazioni internazionali.

Kortounov cita qui un elemento chiave da parte russa: l’aspettativa di un cambiamento dell’opinione pubblica sufficiente a modificare le decisioni politiche dei principali attori europei e americani. L’ascesa di correnti illiberali o nazional-populiste, molte delle quali si oppongono a un maggiore coinvolgimento nel conflitto, appare a Mosca come una delle principali vie per la de-escalation.

Il dibattito sull’autonomia strategica dell’Europa

Il futuro dell’autonomia strategica europea è spesso considerato a Mosca come una delle più importanti variabili indipendenti che definiscono non solo il probabile futuro dell’architettura di sicurezza europea, ma anche quello dell’ordine mondiale emergente nel suo complesso. Se l’attuale coesione occidentale si rivelerà tattica, limitata principalmente alla crisi ucraina e, in ultima analisi, di breve durata, il mondo si evolverà rapidamente verso un nuovo sistema multipolare – e policentrico – in cui gli Stati Uniti e l’Unione Europea costituiranno due distinti centri di potere.

Tuttavia, se la nuova unità occidentale acquisita si rivelerà strategica nel lungo periodo, andando ben oltre una crisi specifica in Europa, allora il concetto di multipolarismo maturo dovrà essere messo da parte. Il sistema internazionale rischia allora di strutturarsi nel contesto del confronto tra Occidente e Resto del Mondo. La più recente dichiarazione sulla cooperazione firmata dalla NATO e dall’Unione all’inizio del 2023 va nella seconda direzione12, ma resta da vedere fino a che punto le intenzioni dichiarate nella dichiarazione si tradurranno in azioni specifiche al di là dell’Ucraina.

  • Dicembre 1991 – La Russia entra a far parte del Consiglio di Cooperazione Nord Atlantico.
  • Giugno 1994 – La Russia entra a far parte del programma Partnership for Peace (PfP).
  • Maggio 1997 – Firma dell’Atto costitutivo della NATO-Russia.
  • Marzo 1998 – Creazione della Missione permanente della Russia presso la NATO.
  • Settembre 2000 – Apertura dell’Ufficio informazioni della NATO a Mosca.
  • Maggio 2002 – Creazione del Consiglio Russia-NATO.
  • Aprile 2008 – Vertice della NATO a Bucarest. La NATO proclama che l’Ucraina e la Georgia diventeranno membri della NATO.
  • Agosto 2008 – Operazione di peace enforcement russa nel conflitto tra Georgia e Ossezia del Sud. Vengono sospese le riunioni del Consiglio Russia-NATO e l’attuazione dei programmi congiunti.
  • Luglio 2016 – Vertice della NATO a Varsavia. La Russia è stata identificata come la principale minaccia per la NATO.
  • Ottobre-novembre 2021 – Espulsione di diplomatici russi dalla missione russa presso la NATO. In risposta, la Russia sospende la sua missione presso la NATO e ordina la chiusura dell’ufficio NATO a Mosca.
  • Dicembre 2021-Gennaio 2022 – La Russia presenta un progetto di trattato tra la Federazione Russa e gli Stati Uniti d’America sulle garanzie di sicurezza, nonché un accordo sulle misure per garantire la sicurezza della Federazione Russa e degli Stati membri della NATO. La NATO li respinge.13

Analogamente, l’atteggiamento del Cremlino nei confronti delle varie istituzioni europee e transatlantiche non è identico. Sono esplicitamente negativi nel caso dell’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico, dell’Unione Europea e del Consiglio d’Europa, mentre sono generalmente positivi, anche se con qualche riserva, nel caso dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). Per tutto il 2022-2023, molti analisti hanno previsto che la Russia avrebbe presto posto fine alla sua adesione all’OSCE – in particolare dopo che Sergei Lavrov si è visto rifiutare la partecipazione al Consiglio ministeriale dell’OSCE nel dicembre 2022 dal Presidente polacco dell’Organizzazione – ma questa cessazione non è mai avvenuta. Ciononostante, a Mosca c’è molto scetticismo sul futuro dell’OSCE e le aspettative sul ruolo che può svolgere nella ricostruzione della sicurezza europea non sono molto alte.

Tuttavia, l’elenco delle richieste della Russia all’Occidente non è cambiato molto dall’inizio dell’operazione militare speciale – almeno non ufficialmente. Nel dicembre 2022, Sergei Lavrov ha ricordato alle sue controparti occidentali che l’unico modo per ripristinare un dialogo significativo tra la Russia e l’Occidente sarebbe stato quello di tornare alle proposte di Mosca, che erano state rese pubbliche alla fine del 2021. Le bozze di accordo Russia-USA16 e Russia-NATO17, pubblicate nel dicembre 2021, chiedevano un’inversione completa delle decisioni chiave in materia di sicurezza prese da Washington e dai suoi alleati europei dal 1997, tra cui il dispiegamento delle infrastrutture militari della NATO negli ex Stati membri del Patto di Varsavia e nelle ex repubbliche sovietiche, nonché un impegno giuridicamente vincolante della NATO a non espandersi verso est.

Kortounov ci ricorda che per molto tempo le richieste russe sono state interamente di natura strategica (non espansione della NATO), senza essere accompagnate da richieste di natura “identitaria” (non legittimità dell’Ucraina come Stato e nazione e assorbimento nella Russia), almeno nei testi ufficiali – essendo i media televisivi russi molto orientati al discorso identitario.

È chiaro che questa posizione non ha alcuna possibilità di essere accettata dagli Stati Uniti o dai suoi alleati europei, anche se la Russia dovesse prevalere sul campo di battaglia. Al contrario, l’attuale crisi ha portato a un ulteriore allargamento della NATO e a nuovi dispiegamenti delle infrastrutture dell’alleanza sul suo fianco orientale. Il profondo divario tra le visioni russe e occidentali di un futuro europeo auspicabile preclude qualsiasi piano pratico congiunto per muoversi verso uno spazio di sicurezza comune europeo o euro-atlantico. E sebbene l’Ucraina rimanga il fulcro dei disaccordi tra Est e Ovest, essi non si limitano ad essa. Come ha sottolineato il ministro Sergei Lavrov in una delle sue recenti interviste, “il nostro Paese rifiuterà qualsiasi costruzione geopolitica o geoeconomica in cui non abbiamo la capacità di proteggere i nostri interessi18. Il centro di gravità della politica estera russa si sta spostando verso Est e Sud, mentre l’Occidente sta rapidamente perdendo la sua posizione di priorità della politica estera di Mosca.

Un ritorno all’ordine della Guerra Fredda

Molti autorevoli analisti russi sostengono che, nelle circostanze attuali, il miglior scenario possibile per la sicurezza europea sarebbe il ritorno al vecchio sistema che ha regnato durante la Guerra Fredda, anche se molti aspetti pratici saranno probabilmente molto diversi da quelli in vigore durante i quattro decenni del conflitto. Infatti, pur con tutti i suoi difetti e le sue carenze, il sistema della Guerra Fredda, soprattutto negli anni Settanta e Ottanta, ha garantito un certo grado di chiarezza, prevedibilità e persino fiducia tra l’Europa orientale e occidentale. L’area di sicurezza europea, in via di disintegrazione, oggi non può vantare questo risultato. Tuttavia, non è detto che il modello della Guerra Fredda in generale, anche se opportunamente modificato e adattato, possa servire all’Europa una volta superata la crisi ucraina.

Ad oggi, la Russia ha risposto al cambiamento dell’ambiente geostrategico rafforzando le proprie capacità militari in Europa. Ciò ha comportato la ristrutturazione dei distretti militari russi, la creazione di nuovi eserciti e l’aumento delle dimensioni delle forze armate. È stata posta maggiore enfasi sulla continua modernizzazione delle forze strategiche nazionali. Inoltre, il Cremlino ha annunciato la decisione di schierare armi nucleari tattiche in Bielorussia e di concludere un accordo di condivisione nucleare con Minsk. Sebbene queste misure siano significative, non riportano il confronto Est-Ovest esattamente al livello di 50 o 60 anni fa.

Da parte sua, la NATO ha deciso di procedere a un aumento relativamente limitato della sua presenza militare sul fianco orientale. Passare da quattro battaglioni di stanza a rotazione a otto battaglioni o addirittura a otto brigate non dovrebbe cambiare radicalmente la dinamica della sicurezza in Europa. Tuttavia, molte nazioni europee, in particolare quelle dell’Europa centrale, vorrebbero spingersi molto più in là, sia per quanto riguarda i propri sforzi di difesa sia per quanto riguarda il dispiegamento di altre forze dell’alleanza, comprese potenzialmente le armi nucleari, sul proprio territorio. Se queste aspirazioni si trasformeranno in una nuova norma di sicurezza europea, il compito di sviluppare un nuovo equilibrio militare sul continente diventerà probabilmente molto più complicato.

Qualunque sia l’esito del conflitto russo-ucraino e qualunque siano gli ulteriori passi che l’alleanza NATO potrà compiere sul suo fianco orientale nei prossimi anni, il nuovo panorama della sicurezza in Europa sarà caratterizzato da nuove sfide. Queste includono una maggiore densità di forze armate in posizione avanzata nell’Europa centrale e orientale, nonché un traffico militare marittimo e aereo più intenso in spazi marittimi e aerei già molto congestionati. È probabile anche un aumento della portata e della frequenza delle esercitazioni militari da entrambe le parti, che si svolgono in stretta prossimità geografica. Queste tendenze aumentano inevitabilmente la probabilità di incidenti e inconvenienti militari, con molteplici rischi di escalation involontaria, compresa l’escalation verso una grande guerra europea – convenzionale o addirittura nucleare.

Kortounov solleva una questione importante: la centralità dell’asse Mar Baltico-Mar Nero nelle relazioni Russia-Europa nel lungo periodo e ben oltre la guerra in Ucraina. A suo avviso, questo aspetto deve essere considerato a lungo termine e su una base multiscalare.

Un’illustrazione particolarmente spettacolare di questa preoccupante tendenza è la recente decisione della NATO di condurre le esercitazioni militari Steadfast Defender nel 2024, considerate le più grandi dalla fine della Guerra Fredda, con la partecipazione di oltre 40.000 soldati e più di 50 navi militari21. È facile prevedere esercitazioni russe su vasta scala lungo la linea di contatto con le forze dell’alleanza in risposta a questa iniziativa della NATO 22. È facile prevedere esercitazioni russe su larga scala lungo la linea di contatto con le forze dell’Alleanza in risposta a questa iniziativa della NATO22. Uno degli sviluppi più preoccupanti del nuovo discorso sui dilemmi della sicurezza europea è la crescente accettazione, da parte di una parte della comunità di esperti russi, della possibilità dell’uso di armi nucleari tattiche in qualche fase del conflitto in corso.

Tuttavia, come accadeva durante la Guerra Fredda, l’attuale divisione dell’Europa non significa che non vi siano interessi comuni o sovrapposti perseguiti da Est e Ovest, dalla Russia e dalla NATO, o dalla Russia e dall’Unione Europea. La convergenza di interessi più evidente è quella di ridurre i rischi di un’escalation incontrollata e i probabili costi di un continuo confronto politico e militare. In altre parole, entrambe le parti hanno bisogno di meccanismi di stabilità in caso di crisi e di meccanismi di stabilità in caso di corsa agli armamenti, soprattutto perché non possono escludere crisi future o una corsa agli armamenti sfrenata in Europa e dintorni. Il Concetto di politica estera della Russia per il 2023 sostiene implicitamente questo punto di vista, sostenendo un nuovo modello di coesistenza tra Russia e Occidente. In esso si afferma che “i presupposti oggettivi per la formazione di un nuovo modello di coesistenza con gli Stati europei sono la vicinanza geografica e i profondi legami culturali, umanitari ed economici storicamente sviluppati tra i popoli e gli Stati della parte europea dell’Eurasia23.

Si tratta di un punto importante, forse troppo spesso trascurato da parte occidentale: la visione russa di una possibile coesistenza pacifica e di interessi comuni che frenerebbero i rischi di escalation. La questione principale, ovviamente, è come funzionerebbe questa coesistenza pacifica se la Russia continuasse a chiedere una revisione dell’intera architettura di sicurezza europea.

L’idea di una futura coesistenza non è esplicitata in dettaglio nel testo del Concetto e possiamo solo ipotizzarne le implicazioni concrete. Tuttavia, dal punto di vista terminologico riecheggia la vecchia nozione sovietica di coesistenza pacifica di due sistemi socio-economici. Sebbene la Russia contemporanea non sia più uno Stato comunista, il riemergere di questo concetto di coesistenza suggerisce che il profondo divario di percezioni, narrazioni, interessi e, soprattutto, valori tra Est e Ovest rimane reale come lo era circa cinquant’anni fa e persisterà ancora a lungo.

Va notato che la nozione di valori russi diversi da quelli occidentali rimane vaga e ambigua. Ad esempio, l’attuale Costituzione russa del 1993 si basa in gran parte sulle leggi fondamentali dei principali Paesi occidentali, che pongono grande enfasi sulla democrazia rappresentativa, sui controlli e sugli equilibri, sui diritti individuali, ecc. In termini di struttura sociale, stile di vita della classe media, livello di istruzione e urbanizzazione, la Russia di oggi è molto più vicina ai suoi vicini occidentali che ai Paesi del Sud. Il concetto popolare di Russia comeStato-civiltà rimane piuttosto generico e indubbiamente dichiarativo24, richiedendo un’elaborazione concettuale per evitare di definire la Russia esclusivamente in base alla sua opposizione politica all’Occidente in generale o all’Europa in particolare25. In questa fase, è difficile prevedere se la divisione dei valori tra Est e Ovest rimarrà principalmente a livello retorico o se inizierà a influenzare sempre più le istituzioni statali e politiche, i meccanismi economici e le tendenze sociali in Russia.

A parte questa questione fondamentale, per ridurre il divario di sicurezza più specifico tra Russia e Occidente, il primo passo logico dovrebbe essere quello di ristabilire le linee di comunicazione che ora sono interrotte o congelate. Oltre a porre fine alla guerra diplomatica in corso e a riportare le ambasciate di entrambe le parti a una normale modalità operativa, è fondamentale che entrambe le parti riprendano diversi contatti militari, non solo al più alto livello, ma anche a diversi livelli operativi. Va ricordato che la dimensione militare operativa del Consiglio NATO-Russia (NRC) ha cessato di esistere nel 2014, quando la parte NATO ha concluso che la sua continuazione avrebbe indicato la presunta volontà dell’Occidente di continuare a fare affari come al solito e accettare de facto il cambiamento dello status giuridico della penisola di Crimea. Questa decisione è stata criticata in Russia, sostenendo che le comunicazioni non dovrebbero essere viste come un favore che una parte può fare all’altra o riprendersi per risentimento o delusione.

Misure di fiducia e sicurezza (CSBM): un primo passo

Una volta ristabilite le linee di comunicazione, le due parti potrebbero mettere in atto diverse misure di rafforzamento della fiducia per rendere più trasparenti e prevedibili le rispettive attività militari, i piani e le posizioni di difesa. Se Mosca e le capitali occidentali dimostreranno la volontà politica, alcuni dei collaudati meccanismi multilaterali attualmente dormienti o congelati, come il Documento di Vienna o il Trattato sui cieli aperti, potrebbero forse essere riutilizzati in forma riveduta e modernizzata. Un altro risultato multilaterale meno noto, ma comunque molto importante, merita attenzione: la Cooperative Airspace Initiative (CAI), istituita da un gruppo di lavoro NATO-Russia nel 2002 in risposta agli attacchi terroristici dell’11 settembre negli Stati Uniti.

L’obiettivo dell’IAC era quello di migliorare la trasparenza, fornire una rapida notifica di attività aeree sospette – compresa la perdita di comunicazione – e garantire un rapido coordinamento e risposte unitarie agli incidenti di sicurezza nello spazio aereo europeo26. Un altro documento degno di nota è l’accordo del 2017 tra Russia e NATO sull’uso dei transponder durante i voli militari sul Mar Baltico; è stato negoziato all’interno di un gruppo di progetto che opera sotto l’egida dell’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile (ICAO).

È chiaro, tuttavia, che sarebbe estremamente difficile tornare ad accordi multilaterali, anche se progressivi e tecnici, almeno nel prossimo futuro. Si può affermare che qualsiasi accordo multilaterale basato sul consenso di più parti in Europa rimane irrealistico. Ad esempio, l’OSCE conta 57 Stati membri che rappresentano tre continenti e una popolazione totale di oltre un miliardo di persone. Anche la NATO rappresenta un gruppo eterogeneo di nazioni, ognuna delle quali potrebbe teoricamente porre il veto a qualsiasi potenziale accordo con la Russia, anche se si trattasse di un accordo tecnico.

Non dobbiamo nemmeno dimenticare che, accanto a una serie di successi nelle CSBM multilaterali in Europa e altrove, questo formato ha avuto anche alcuni amari fallimenti. Ad esempio, la Russia e la NATO sono da tempo ai ferri corti sulla questione degli osservatori per le esercitazioni militari, in particolare quelle rapide. Non è stata trovata una soluzione di compromesso, in parte a causa della fine della comunicazione operativa tra le forze armate nel quadro del Consiglio Russia-NATO. Anche se la questione potrà essere riesaminata una volta che le due parti saranno tornate al tavolo dei negoziati, è probabile che in un contesto geostrategico più difficile sarà ancora più difficile trovare una soluzione soddisfacente a questo problema.

Allo stesso tempo, esiste un’ampia gamma di accordi bilaterali, principalmente tra Mosca e Washington, che potrebbero servire come base per la costruzione di accordi più ambiziosi. Si pensi all’Accordo USA-Sovietico del 1972 sugli incidenti in mare e nello spazio aereo sopra il mare (INCSEA). Accordi simili esistono tra la Russia e alcuni altri Stati membri della NATO (Canada, Francia, Germania, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Spagna, Turchia e Regno Unito), ma purtroppo non con la maggior parte dei Paesi geograficamente vicini alla Russia nel Mar Baltico (Stati baltici e Polonia) o nella regione del Mar Nero (Bulgaria, Romania). L’utilità dell’INCSEA è stata testata in molti casi e la sua estensione ad altri Stati membri della NATO sarebbe molto opportuna, anche se le attuali realtà politiche nella maggior parte degli Stati dell’Europa centrale e orientale rendono tali accordi difficili da vendere a livello nazionale.

Un altro esempio interessante è l’accordo USA-Sovietico del 1989 sulla prevenzione delle attività militari pericolose (DMA), che obbliga le truppe a comportarsi con cautela nella zona di confine. Entrambe le parti hanno anche l’esperienza positiva del meccanismo di risoluzione post-conflitto USA-Russia in Siria, lanciato nell’autunno 2015. Questo formato potrebbe essere particolarmente utile ora e in futuro, in quanto consente un impegno militare professionale discreto sotto il radar politico. È facile immaginare accordi discreti simili per altre aree volatili, comprese le zone europee.

Va da sé che la maggior parte delle CSBM sovietiche concluse durante la Guerra Fredda necessiterebbero di un ammodernamento significativo. Non sarà facile, anche se ci sono la volontà politica e l’impegno professionale. Ad esempio, l’INCSEA avrebbe dovuto aiutare a prevenire le collisioni tra aerei e passeggeri. Oggi, però, i cieli delle zone di conflitto sono pieni di numerosi veicoli aerei senza pilota. Naturalmente, nel 1972 o nel 1989, nessuno avrebbe potuto prevedere la comparsa dei droni. Una comunicazione efficace tra due operatori di droni, che possono trovarsi in due angoli lontani del mondo, è una vera sfida.

Sebbene gli accordi bilaterali – formali o informali – siano più facili da concludere rispetto ad analoghi accordi multilaterali, essi presentano dei limiti. In particolare, qualsiasi accordo futuro dovrebbe tenere conto della tendenza emergente in Occidente a fare sempre più affidamento su forze multilaterali piuttosto che sulle forze di un singolo membro dell’alleanza. Questa multilateralizzazione della difesa porta inevitabilmente alla multilateralizzazione di tutte le future CSBM. Analogamente, l’accelerazione del processo di integrazione della sicurezza tra Russia e Bielorussia potrebbe richiedere a Mosca e Minsk di impegnarsi in varie CSBM specifiche lungo la linea di contatto con la NATO. In alcuni casi, non sembra esserci un’alternativa valida a un’interazione multilaterale in stile NATO-CSTO (Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva), anche se molti esperti della NATO e del CSTO potrebbero trovare politicamente più facile cercare di andare avanti con gli strumenti più inclusivi dell’OSCE29.

Prospettive fosche per il controllo degli armamenti convenzionali

In termini di formato, sembra che in questa fase qualsiasi accordo bilaterale giuridicamente vincolante sulle CSBM tra la Russia e i singoli Stati membri della NATO sarebbe quasi altrettanto difficile da concludere quanto simili accordi multilaterali tra la Russia e la NATO nel suo complesso. Allo stesso tempo, poiché non c’è fiducia tra le due parti, qualsiasi accordo informale sarebbe soggetto a critiche e opposizioni a Mosca e nelle capitali occidentali. In effetti, la Russia insiste ora su un approccio molto legalistico nelle sue relazioni con l’Occidente in generale, sostenendo che gli Stati Uniti e i loro alleati hanno ripetutamente violato accordi informali e impegni presi in precedenza.

Questa tensione potrebbe complicare la correlazione tra CSBM e controllo degli armamenti in Europa. Si sarebbe tentati di suggerire che il nuovo regime europeo di controllo degli armamenti si svilupperebbe da solo sulla base di CSBM efficaci che costruiscono gradualmente la prevedibilità e la fiducia tra le parti in conflitto. Tuttavia, questa logica viene ora messa in discussione da alcuni esperti, che sostengono che il controllo degli armamenti va generalmente di pari passo con una verifica intrusiva, mentre le CSBM non sono generalmente accompagnate da tali meccanismi. Se così fosse, il lento progresso verso nuove CSBM e un nuovo controllo degli armamenti dovrebbe essere simultaneo piuttosto che sequenziale.

A lungo termine, un’architettura di sicurezza europea divisa, almeno in teoria, potrebbe persino arrivare a includere qualcosa come il CFE-2, un accordo paneuropeo giuridicamente vincolante che potrebbe fissare limiti ai tipi di armi dispiegate in territori specifici del continente europeo. Oggi è facile sottolineare le numerose imperfezioni e persino le carenze del Trattato sulle Forze Armate Convenzionali in Europa (CFE), firmato nel 1990. È vero che la versione iniziale del Trattato è diventata obsoleta molto rapidamente, subito dopo la disintegrazione del blocco sovietico e della stessa Unione Sovietica. Tuttavia, non si può negare che dopo il 1990 gli arsenali militari e le forze dispiegate dai partecipanti in Europa siano stati drasticamente ridotti; gran parte del merito di questo processo va all’OSCE piuttosto che ai meccanismi bilaterali di consultazione tra Russia e NATO. La leadership russa riconosce pienamente che l’assenza del Trattato CFE crea un vuoto nell’agenda della sicurezza europea che dovrà essere colmato prima o poi da nuovi accordi legali.

Naturalmente, un nuovo accordo dovrebbe essere molto diverso dal Trattato CFE originale firmato più di trentatré anni fa. Anche il Trattato CFE adattato nel 1999 al Vertice OSCE di Istanbul sembra più che superato. La Russia ha sospeso la sua partecipazione al Trattato CFE nel 2007, ben prima dello scoppio del conflitto in Ucraina nel 2022 e prima ancora delle crisi in Crimea (2014) e nel Caucaso meridionale (2008). Pertanto, anche se l’attuale conflitto tra Russia e Ucraina venisse in qualche modo risolto, è improbabile che la sua risoluzione spinga Mosca ad aderire a un accordo simile al Trattato CFE originale del 1990 o al Trattato CFE adattato del 1999. È ipotizzabile che la Russia possa essere tentata di perseguire una politica di isolazionismo in materia di difesa, rifiutando qualsiasi accordo che preveda un limite rigido alle sue forze armate di stanza in Europa.

“…In particolare, la fornitura di informazioni e autorizzazioni e la conduzione di ispezioni sono sospese. Durante il periodo di sospensione, la Russia non sarà vincolata da restrizioni, anche laterali, sul numero delle sue armi convenzionali. Allo stesso tempo, non prevediamo un accumulo o una concentrazione massiccia di queste armi ai confini nelle circostanze attuali. In seguito, le quantità nette e l’ubicazione di armi ed equipaggiamenti dipenderanno dalla specifica situazione militare e politica, e in particolare dalla volontà dei nostri partner di mostrare moderazione.

Questa decisione è dovuta a circostanze eccezionali relative al contenuto del Trattato CFE, che riguardano la sicurezza della Russia e richiedono un’azione immediata. Avevamo informato i nostri partner in diverse occasioni e in modo dettagliato.

Il trattato, firmato durante la Guerra Fredda, ha smesso da tempo di riflettere le realtà europee contemporanee e i nostri interessi di sicurezza. La sua versione adattata non può entrare in vigore da otto anni perché i Paesi della NATO condizionano la sua ratifica al rispetto da parte della Russia di requisiti inverosimili che non hanno nulla a che fare con il Trattato CFE. Inoltre, hanno adottato una serie di misure incompatibili con la lettera e lo spirito del Trattato, minando gli equilibri che ne sono alla base. Il mantenimento del rispetto del Trattato da parte della Russia in una tale situazione di incertezza giuridica metterebbe a repentaglio i suoi interessi nazionali nel campo della sicurezza militare.

La sospensione non è un fine in sé, ma un mezzo per la Federazione Russa per ripristinare la vitalità del regime di controllo degli armamenti convenzionali in Europa, al quale non vediamo alcuna alternativa ragionevole. Questo passo è politicamente giustificato, ben fondato da un punto di vista legale e renderà possibile, data la volontà politica dei partner della Russia, riprendere l’applicazione del Trattato CFE in tempi abbastanza brevi con una semplice decisione del Presidente della Federazione Russa32

Allo stesso modo, una nuova serie di incentivi dovrebbe essere offerta ai Paesi dell’Europa centrale e orientale, in particolare a Polonia, Romania e Stati baltici (questi ultimi non hanno mai partecipato né al Trattato CFE originale né a quello adattato). È chiaro che a Varsavia, Bucarest e Vilnius la profonda sfiducia nei confronti di Mosca rimarrà anche dopo la fine del conflitto in Ucraina. Superare questa opposizione a qualsiasi accordo di controllo degli armamenti firmato con la Russia lungo la linea di contatto sarà un compito difficile. Infine, bisognerà trovare il modo di incorporare nell’accordo nuovi tipi di armi, come i missili da crociera o i droni, per tenere conto delle tecnologie emergenti e dirompenti e del più ampio contesto geopolitico (ad esempio, un ruolo più attivo della Cina negli affari europei).

Una differenza ancora più importante tra il Trattato CFE originale e qualsiasi futuro accordo sul controllo degli armamenti convenzionali in Europa è che nel 1990 esisteva ancora un certo grado di parità tra Europa occidentale e orientale. Oggi questa parità non esiste più ed è improbabile che ricompaia nel prossimo futuro. Basti pensare che nel 1990 la NATO contava 16 Stati membri, mentre nell’estate del 2023 il numero era salito a 31, per arrivare a 32 con l’ingresso della Svezia nel 2024. È possibile integrare queste asimmetrie in un nuovo accordo? I negoziatori saranno in grado di definire livelli ragionevoli per ciascuno degli Stati partecipanti? Come si può tenere conto di una maggiore mobilità o di una maggiore potenza di fuoco da entrambe le parti?

Un’opzione potrebbe essere quella di porre l’accento nei nuovi accordi non tanto sui limiti quantitativi applicati ai tipi di armamenti, quanto piuttosto sulla massima trasparenza delle forze armate degli Stati partecipanti, compresi i dispiegamenti di truppe e di armi, le esercitazioni militari, i programmi di modernizzazione, le dottrine di difesa e così via. In questo caso, le differenze tra CSBM e controllo degli armamenti scompariranno gradualmente: entrambi i percorsi si fonderanno in un formato di gestione degli armamenti più completo e versatile, basato su un’abile combinazione di accordi unilaterali, bilaterali, minilaterali e multilaterali.

Problemi nucleari e altre complicazioni

L’ambiguità del legame tra armi convenzionali e nucleari nella sicurezza europea rimarrà probabilmente uno dei principali ostacoli a qualsiasi futuro accordo in Europa. Gli Stati Uniti hanno annunciato un nuovo concetto di deterrenza integrata33, spesso interpretato come un impegno a lungo termine che fonde mezzi convenzionali e nucleari e pone l’accento su capacità avanzate non nucleari, come missili ipersonici armati convenzionalmente, strumenti spaziali e informatici che dovrebbero aiutare gli Stati Uniti a mantenere il loro vantaggio “in tutti i settori”. Da parte russa, potrebbe verificarsi il cambiamento opposto. Se Mosca ritiene di non essere più in grado di mantenere un solido deterrente convenzionale in Europa, potrebbe essere tentata di affidarsi maggiormente alle armi nucleari tattiche e sfumare la linea rossa tra la dimensione nucleare e convenzionale della deterrenza. Questa tendenza, se dovesse continuare, potrebbe mettere in discussione gli approcci tradizionali al controllo degli armamenti in Europa, che in precedenza prevedevano una netta separazione tra dimensione nucleare e non nucleare.

Nel suo discorso presidenziale all’Assemblea federale del 2023, il Presidente Vladimir Putin ha commentato la decisione del Cremlino di sospendere la partecipazione della Russia al trattato New START con gli Stati Uniti. Una delle precondizioni per la ripresa del meccanismo di controllo degli armamenti strategici tra Stati Uniti e Russia era quella di far rientrare nell’equazione la potenza d’attacco combinata della NATO, cioè le capacità nucleari di Regno Unito e Francia. Data l’opposizione ben nota e di lunga data di Stati Uniti, Regno Unito e Francia a questa idea, possiamo concludere che la ripresa di un dialogo strategico a pieno titolo tra Mosca e Washington non è probabile che avvenga a breve. Gli Stati Uniti, da parte loro, sono sempre più preoccupati per le crescenti capacità nucleari della Cina; qualsiasi tentativo di inserire la Cina nell’equazione del controllo strategico degli armamenti tra Stati Uniti e Russia complicherebbe notevolmente il dialogo tra Washington e Mosca.

Ci sono almeno altri due fattori di complicazione direttamente legati all’Europa. In primo luogo, gli Stati Uniti stanno esercitando una certa pressione per affrontare la questione delle armi nucleari tattiche russe dislocate nella parte europea del loro territorio (si sospetta che Washington solleverà ora anche la questione delle armi nucleari russe stazionate in Bielorussia). D’altra parte, la Russia continuerà a insistere sui sistemi di difesa missilistica statunitensi dispiegati in Romania e Polonia, il che potrebbe complicare le questioni della stabilità europea e dell’equilibrio strategico tra Stati Uniti e Russia.

Tuttavia, tutti questi ostacoli e complicazioni non impediscono necessariamente alle due parti di intraprendere azioni unilaterali ma coordinate che dimostrerebbero la loro intenzione di evitare una corsa incontrollata agli armamenti nucleari. Nel contesto europeo, ciò potrebbe significare, ad esempio, che la Russia e gli Stati Uniti potrebbero decidere di rispettare i limiti stabiliti dal Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF) tra Stati Uniti e Unione Sovietica del 1987, anche se entrambe le parti hanno formalmente terminato la loro partecipazione all’accordo nel 2019. Secondo i funzionari russi, l’estensione della moratoria unilaterale sul dispiegamento di missili a medio raggio in Europa annunciata da Mosca a partire dal 2019 dipenderà dalla reciprocità degli Stati Uniti. A un certo punto, l’amministrazione Biden ha espresso l’interesse a discutere la questione nell’ambito delle consultazioni di stabilità strategica tra Stati Uniti e Russia avviate nel 2021, ma queste sono state congelate dopo che la Russia ha lanciato la sua operazione militare speciale in Ucraina nel febbraio 2022.

Allo stesso modo, il futuro incerto del Trattato per la messa al bando totale degli esperimenti nucleari (CTBT) potrebbe avere un effetto negativo sulla situazione della sicurezza in Europa. Gli Stati Uniti hanno firmato il CTBT e si sono conformati alle sue disposizioni, ma non lo hanno mai ratificato, e questo è uno dei motivi per cui non è entrato in vigore. La Russia ha firmato e ratificato il CTBT, ma Mosca ha deciso di ritirare la ratifica in risposta alla posizione degli Stati Uniti. Se Washington e Mosca riprenderanno i loro test nucleari, anche lontano dal continente europeo, l’effetto negativo di queste misure sul panorama della sicurezza europea sarà più che sostanziale.

Per affrontare le questioni di sicurezza nelle sottoregioni europee più volatili e potenzialmente esplosive, come il Mar Nero, il Mar Baltico e l’Artico, sarà necessaria una serie di accordi separati. Ciascuna di queste sottoregioni ha caratteristiche proprie e richiede un approccio specifico. Non tutti i problemi di sicurezza subregionali dell’Europa devono essere visti solo in termini di confronto tra Russia e Occidente. Ad esempio, i problemi di sicurezza nei Balcani occidentali o nel Caucaso meridionale hanno profonde radici autoctone e probabilmente persisteranno anche se la dimensione Est-Ovest dell’agenda di sicurezza europea sarà in qualche modo risolta o attenuata.

L’idea di dividere le diverse regioni per preservare zone di non scontro – o addirittura di dialogo – è vecchia e sembrava funzionare bene anno dopo anno fino alla guerra del 2022, quando tutte le carte sono state rimescolate. Se al momento è difficile immaginare l’esistenza di zone o aree in cui il dialogo possa essere ripreso, sarebbe un errore non prevederle nel medio-lungo termine.

Un’altra sfida è rappresentata dal numero crescente di minacce non convenzionali alla sicurezza in Europa. Queste includono dimensioni come il cambiamento climatico, la migrazione illegale, il terrorismo internazionale, la criminalità informatica e molte altre. La potenziale cooperazione in questi settori potrebbe emergere in un formato dal basso verso l’alto, evolvendo gradualmente dalle forme più elementari (ad esempio, lo scambio di informazioni) a quelle più avanzate (progetti comuni a diversi livelli). Anche in questo caso, il processo potrebbe essere avviato inizialmente a livello di track 2, passando gradualmente al track 1.5 e infine al livello ufficiale. Per certi versi, alcune questioni di sicurezza non convenzionali sembrano meno controverse e politicamente tossiche; se ciò si rivelasse vero, potrebbero costituire l’avanguardia di un nuovo dialogo sulla sicurezza tra Europa orientale e occidentale.

È ragionevole supporre che i progressi verso accordi più stabili e prevedibili in un’Europa divisa saranno lenti e precari. L’inerzia politica, istituzionale e persino psicologica del confronto in corso resterà un ostacolo anche per accordi molto modesti negli anni a venire. Qualsiasi ulteriore escalation intorno all’Ucraina o altrove lungo la linea di contatto tra la Russia e l’Occidente potrebbe rimandare qualsiasi progresso pratico nella definizione delle nuove regole del gioco, anche se queste regole servono gli interessi strategici di entrambe le parti.

Oltre l’orizzonte della guerra

È possibile riunire di nuovo l’Europa? Questo è ancora da vedere, ma di certo non accadrà. Potrebbe essere necessaria un’altra generazione in Russia e in Occidente per superare le ripercussioni dell’attuale conflitto e rilanciare il processo avviato insieme quasi quarant’anni fa. È fondamentale ricordare che le posizioni di partenza, anche tra dieci o vent’anni, saranno probabilmente più basse rispetto alla fine degli anni Ottanta, quando entrambe le parti erano disposte a concedersi il beneficio del dubbio e ad avere una visione romantica dell’Europa unita. Tuttavia, anche a distanza di molti anni, il ricordo del fallimento della costruzione di uno spazio di sicurezza comune europeo alimenterà probabilmente lo scetticismo e i dubbi sulla possibilità di realizzare l’unificazione europea in linea di principio.

Kortounov ha ragione nel sottolineare un elemento cruciale che differenzia il periodo contemporaneo da quello sovietico: durante la Guerra Fredda, i sovietici erano segnati dal mito dell'”Occidente da raggiungere”, che ha permesso di attuare la perestrojka e di invitare i leader occidentali al dialogo e poi alla caduta del Muro. Oggi in Russia non c’è più il mito dell’Occidente, ma una profonda disillusione nei confronti di ciò che l’Europa è diventata, sia essa reale o immaginaria. Nella stessa Europa, molti Paesi hanno fatto del muro contro la Russia una parte integrante della loro costruzione nazionale, rendendo ancora più difficile immaginare un futuro diverso dall’attuale conflitto.

È anche ipotizzabile che la maggior parte dei nuovi accordi di sicurezza a lungo termine in Europa emergeranno come elementi organici di un sistema di sicurezza eurasiatico molto più ampio, che finirebbe per espandere geograficamente l’Europa fino a includere la vasta terraferma eurasiatica. Già oggi è in atto un processo di fusione tra programmi di sicurezza europei e globali precedentemente separati. I leader del Giappone, della Repubblica di Corea, dell’Australia e della Nuova Zelanda partecipano ai recenti vertici della NATO e l’alleanza si sta sempre più posizionando come un partenariato di difesa globale piuttosto che regionale. Allo stesso tempo, Russia e Cina stanno organizzando esercitazioni navali congiunte nel Mediterraneo e nel Mar Baltico e Mosca sta intensificando la cooperazione in materia di sicurezza con i Paesi africani, il che potrebbe avere un impatto diretto sulla sicurezza europea.

Non ci sono indicazioni che questa tendenza si fermerà presto. Se continua, l’agenda di sicurezza dell’Europa potrebbe diventare ostaggio degli sviluppi in altre parti del mondo, come l’Asia orientale o il Medio Oriente e il Nord Africa. L’approccio alla sicurezza indivisibile sarà l’unica soluzione ai problemi di sicurezza dell’Europa, anche se si rivelerà estremamente difficile da realizzare.

FONTI
  1. Mizin V., Sevostyanov P. L’architettura della sicurezza europea dopo il 2023, Nezavisimaya gazeta, 7 mars 2023.
  2. Gromyko A. La Russia e l’Occidente devono prepararsi alla coesistenza postbellica, Consiglio russo per gli affari esteri, 7 luglio 2023.
  3. Kortunov A. Una nuova coesione occidentale e un nuovo ordine mondiale, Consiglio russo per gli affari internazionali, 27 settembre 2023.
  4. Il concetto di politica estera della Federazione Russa, 2023, Ministero degli Esteri russo, 31 marzo 2023.
  5. Putin ha discusso con il Consiglio di sicurezza l’aggiornamento del Concetto di politica estera della Russia, Kommersant, 28 gennaio 2022.
  6. Decreto del Presidente della Federazione Russa “Sull’approvazione del concetto di politica estera della Federazione Russa” del 30 novembre 2016, Sito ufficiale del Presidente della Russia, 30 novembre 2016.
  7. Il concetto di politica estera della Federazione Russa, 2023, Ministero degli Esteri russo, 31 marzo 2023.
  8. Concetto di politica estera russa 2023. Fonte: Ministero degli Affari Esteri russo.
  9. Allo stesso tempo, il concetto afferma chiaramente che gli Stati Uniti rimangono l’interlocutore chiave della Russia su tutte le questioni nucleari e strategiche: “La Federazione Russa desidera mantenere la parità strategica, la coesistenza pacifica con gli Stati Uniti e la creazione di un equilibrio di interessi tra la Russia e gli Stati Uniti, tenendo conto del loro status di grandi potenze nucleari e della loro speciale responsabilità per la stabilità strategica e la sicurezza internazionale in generale”. Si veda: Il concetto di politica estera della Federazione Russa, 2023, Ministero degli Esteri russo, 31 marzo 2023.
  10. Sergueï Lavrov, Ministro russo degli Affari esteri, il 30 gennaio 2023. Fonte : Ministère russe des affaires étrangères.
  11. Accademico Dynkin: L’estonizzazione dell’Europa. Perché la sicurezza europea è scomparsa?, Interfax, 20 luglio 2022.
  12. LaNato e l’Unione europea si uniscono in una “nuova fase” della cooperazioneDie Presse, 10 gennaio 2023.
  13. Fonte : OTAN.
  14. Ministero degli Esteri russo: il “reset” del sistema di sicurezza europeo è destinato a verificarsi, TASS, 24 marzo 2023.
  15. Conferenza stampa del Ministro degli Affari Esteri della Federazione Russa, Sergey Lavrov, sulle questioni di sicurezza europea, Mosca, 1° dicembre 2022, Ministero degli Esteri russo, 1° dicembre 2023.
  16. Trattato tra gli Stati Uniti d’America e la Federazione Russa sulle garanzie di sicurezza, bozza, Ministero degli Esteri russo, 17 dicembre 2021.
  17. Accordo sulle misure per garantire la sicurezza della Federazione Russa e degli Stati membri dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, bozza, Ministero degli Esteri russo, 17 dicembre 2021.
  18. Intervista del ministro degli Esteri Sergey Lavrov al giornale online Lenta.ru, Ministero degli Esteri russo, 13 luglio 2023.
  19. LoStato Maggiore ha annunciato la creazione di due eserciti e due distretti militari in Russia, RBC, 2 luglio 2023.
  20. Lapresenza militare della NATO nell’Est dell’Alleanza, NATO, 28 luglio 2023.
  21. Conferenza stampa congiunta del presidente del Comitato militare, ammiraglio Rob Bauer, e del capo della difesa norvegese, generale Eirik Kristoffersen, a seguito della riunione del Comitato militare nella sessione dei capi della difesa, Oslo, Norvegia, NATO, 16 settembre 2023.
  22. Il Ministero degli Esteri russo ha definito le esercitazioni della NATO del 2024 come preparativi per un’azione militare contro la Russia, TASS, 20 settembre 2023.
  23. Il concetto di politica estera della Federazione Russa, 2023, Ministero degli Esteri russo, 31 marzo 2023.
  24. Stato-Civiltà e teoria politica, Consiglio russo per gli affari esteri, 18 maggio 2023.
  25. Kosachev K. Russia: “Stato-Civiltà o Anti-Occidente“, Russia in Global Politics, 22 mai 2023.
  26. Frear T. Diplomatic Salvage: Making the Case for the Cooperative Airspace Initiative, Russian International Affairs Council, 21 luglio 2016.
  27. Più in generale, vale la pena ricordare che le CSBM possono essere concordate e attuate con successo solo se entrambe le parti ritengono che una maggiore chiarezza e prevedibilità contribuisca alla loro sicurezza. Se una o entrambe le parti ritengono che un certo grado di ambiguità strategica e di deliberata incertezza sulle loro intenzioni, piani e azioni rafforzi la loro posizione e agisca da deterrente, le prospettive di sostanziali CSBM diventano molto più limitate.
  28. Россия и Белоруссия работают над совместной концепцией безопасности, РИА Новости, 21 settembre 2023.
  29. Борисов Т. ВОДКБ обсудили проблемы европейской безопасности, Российская газета, 22 febbraio 2023.
  30. Кремль призвал ” заполнить вакум ” после денонсации договора об армиях, РБК, 29 mai 2023.
  31. Косачев : ДенонсациейДОВСЕ Россия убирает с повестки не отвечающий реалиям документ, Российская газета, 10 mai 2023.
  32. Déclaration du ministère russe des affaires étrangères concernant la suspension par la Fédération de Russie du Traité sur les forces armées conventionnelles en Europe (Traité FCE), 12 dicembre 2007. Fonte : Ministère russe des affaires étrangères.
  33. Osservazioni del Consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan per il Forum annuale dell’Associazione per il controllo delle armi (ACA), Sala riunioni della Casa Bianca, 2 giugno 2023.
  34. Discorso presidenziale all’Assemblea federale, Sito ufficiale del Presidente russo, 21 febbraio 2023.
  35. Ryabkov: le ragioni per mantenere la moratoria russa sulle RSMD scompaiono a causa delle azioni degli Stati Uniti, TASS, 2 ottobre 2023.
  36. Putin permette alla Russia di ritirare la ratifica del trattato per la messa al bando dei test nucleari, Vedomosti, 5 ottobre 2023. Il 18 ottobre 2023, i membri del Consiglio di Stato russo hanno votato all’unanimità l’adozione del progetto di legge sul ritiro della ratifica del TICE nelle due e tre lezioni. Il 2 novembre 2023, il Presidente Vladimir Poutine ha firmato una loi per mantenere ufficialmente la ratifica del TICE da parte della Russia.

 

CRÉDITS
Fonte : https://russiancouncil.ru/en/analytics-and-comments/analytics/beyond-the-conflict-in-ukraine-towards-new-european-security-architecture/

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Molto più di un mercato, di Enrico Letta

Un rapporto di natura integralmente agiografica, come nel carattere e nella formazione dell’autore che merita, comunque, una lettura ed una critica da curare appena possibile. Intanto alcune domande:

  • è casuale che i due rapporti che dovrebbero contribuire a rifondare la UE siano stati affidati a due italiani?
  • le politiche comunitarie sono state effettivamente fattori di sviluppo del continente?
  • sono state fattori piuttosto di polarizzazione che di equilibrio interno alle economie?
  • quale collocazione e quali interessi hanno garantito nel contesto internazionale?

Giuseppe Germinario

Molto più di un mercato

La pietra angolare sta tremando. Sulla scia della pandemia, con la guerra che dilaga da Gaza a Kiev, per liberare la linfa vitale dell’integrazione europea, dobbiamo avere il coraggio di operare sul cuore dell’Europa: il mercato unico. Un pezzo di dottrina di Enrico Letta

Iscriviti per scaricare questo articolo in formato PDF

Abbonarsi

Nella riunione del Consiglio di oggi, Enrico Letta presenterà ai capi di Stato e di governo dell’UE il rapporto di 147 pagine Much more than a Market, che gli è stato commissionato il 15 settembre. Egli ci ha affidato questa versione sintetica, un pezzo di dottrina da leggere e discutere nelle lingue di 1. Se avete i mezzi per sostenere il nostro lavoro di costruzione di un dibattito politico, strategico e intellettuale su scala continentale,prendete in considerazione la possibilità di abbonarvi.

Il nostro mercato unico è nato in un mondo più piccolo

Il mercato unico è il prodotto di un’epoca in cui l’Unione e il mondo erano più piccoli, più semplici e meno integrati, e in cui molti dei protagonisti di oggi non erano ancora entrati in scena. Quando Jacques Delors concepì e presentò il mercato unico europeo nel 1985, l’Unione era ancora solo le Comunità europee. Il numero di Stati membri era meno della metà di quello attuale. La Germania era divisa e l’Unione Sovietica era ancora una realtà. Cina e India insieme rappresentavano meno del 5% dell’economia mondiale e l ‘acronimo BRICS non esisteva ancora. All’epoca l’Europa, come gli Stati Uniti, era al centro dell’economia mondiale, in testa per peso e capacità di innovazione: un terreno fertile per lo sviluppo e la crescita.

Il quadro generale è profondamente cambiato. È urgente un aggiornamento. Dobbiamo sviluppare un nuovo mercato unico per il mondo di oggi.

ENRICO LETTA

Il mercato unico è stato creato per rafforzare l’integrazione europea eliminando gli ostacoli al commercio, garantendo una concorrenza leale e promuovendo la cooperazione e la solidarietà tra gli Stati membri. Ha facilitato la libera circolazione di beni, servizi, persone e capitali attraverso l’armonizzazione e il riconoscimento reciproco, rafforzando così la concorrenza e incoraggiando l’innovazione. Per garantire che tutte le regioni possano beneficiare in egual misura delle opportunità di mercato, sono stati istituiti i fondi di coesione. Questo approccio globale ha svolto un ruolo essenziale nell’integrazione economica e nello sviluppo dell’Unione.

Progettato per essere efficace nel mondo in cui è stato costruito, il mercato unico ha dimostrato fin dall’inizio di essere un formidabile motore per l’economia europea, oltre che un potente fattore di attrattiva. Oggi, a più di trent’anni dalla sua creazione, rimane una pietra miliare dell’integrazione e dei valori europei, un potente catalizzatore di crescita, prosperità e solidarietà.

Ma il contesto più ampio è profondamente cambiato. Un aggiornamento sta diventando urgente. Dobbiamo sviluppare un nuovo mercato unico per il mondo di oggi.

Il mercato unico è sempre stato intrinsecamente legato agli obiettivi strategici dell’Unione. Spesso percepito come un progetto tecnico, è in realtà intrinsecamente politico. Il suo futuro è legato agli obiettivi profondi dell’Unione europea come vera e propria costruzione. Sarebbe un errore considerarlo un’impresa finita. È piuttosto un progetto che ogni generazione deve rinnovare.

Proprio per la sua natura e la sua costante evoluzione, è sempre stata chiamata ad adattarsi ai cambiamenti europei e globali. Dalla fine degli anni Ottanta, quando è stato redatto l’Atto unico europeo, si è assistito a un costante e progressivo processo di riflessione concettuale, che ha comportato la stesura di relazioni e piani d’azione, portati avanti in particolare dalla Commissione europea e dai suoi commissari. Nel 2010, il rapporto Monti ha fornito una rivalutazione critica e ha formulato raccomandazioni per il suo rilancio. Il lavoro della mia relazione si inserisce in questo continuum, con l’obiettivo di esaminare in profondità il futuro del mercato unico dopo una serie di crisi e di sfide esterne che ne hanno messo a dura prova la tenuta.

Un nuovo mercato unico per un mondo più ampio

L’Europa è cambiata radicalmente dal lancio del mercato unico, in gran parte grazie al suo stesso successo. L’integrazione ha raggiunto livelli elevati in molti settori dell’economia e della società, ma non in tutti, e l’80% della legislazione nazionale è il risultato di decisioni prese a Bruxelles. Tuttavia, con 27 Stati membri, la diversità e la complessità del sistema giuridico sono aumentate notevolmente, così come i potenziali vantaggi. Questi sviluppi significano che non possiamo più fare affidamento solo sulla semplice convergenza delle leggi nazionali e sul riconoscimento reciproco, che sono diventati troppo lenti o insufficienti per beneficiare delle economie di scala.

Diversi fattori depongono a favore di un aggiornamento dei punti cardine del mercato unico, per adeguarli alla nuova visione del ruolo dell’Unione in un mondo che si è “allargato” e ha subito grandi cambiamenti strutturali.

Il panorama demografico ed economico mondiale è cambiato radicalmente. Negli ultimi tre decenni, la quota dell’UE nell’economia globale è diminuita e la sua rappresentanza tra le maggiori economie mondiali si è ridotta drasticamente a favore delle economie asiatiche in forte espansione. Questa tendenza può essere spiegata in parte dai cambiamenti demografici, con l’UE che si trova ad affrontare una popolazione in calo e in via di invecchiamento.

In contrasto con la crescita registrata in altre regioni, il tasso di natalità nell’UE sta diminuendo ad un ritmo allarmante, con 3,8 milioni di nuovi nati nel 2022, rispetto ai 4,7 milioni del 2008.

Inoltre, anche senza tener conto delle economie asiatiche, il mercato unico è in ritardo rispetto a quello statunitense. Nel 1993, le dimensioni dei due erano paragonabili. Ma mentre il PIL pro capite è cresciuto di quasi il 60% negli Stati Uniti tra il 1993 e il 2022, è cresciuto solo del 30% in Europa.

L’ordine internazionale è entrato in una fase caratterizzata dalla rinascita della politica di potenza. L’UE è tradizionalmente impegnata nel multilateralismo, nel libero scambio e nella cooperazione internazionale, principi che hanno costituito la base della sua governance e delle sue strategie economiche.

Questi valori hanno guidato le interazioni dell’Unione sulla scena internazionale, promuovendo un ordine normativo che è stato al centro del suo ethos fondativo e del suo quadro operativo. Oggi, guerre e conflitti commerciali stanno minando sempre più queste basi. La guerra di Vladimir Putin contro l’Ucraina rappresenta una rottura radicale. Il 24 febbraio 2022 segna l’inizio di una nuova era per l’Europa. Molto presto ha preso forma una nuova linea europea, con la Dichiarazione di Versailles del marzo 2022, seguita dalla Dichiarazione di Granada dell’ottobre 2023 e dalla strategia di sicurezza economica recentemente aggiornata dalla Commissione europea.

Il 24 febbraio 2022 segna l’inizio di una nuova era per l’Europa.

ENRICO LETTA

Tuttavia, il successo dell’Unione poggia sui pilastri del libero scambio e dell’apertura. Compromettere questi ideali significa minare le fondamenta stesse su cui è costruita l’Unione. Dobbiamo quindi trovare una via d’uscita che ci permetta di continuare a svolgere un ruolo in un mondo sempre più complesso, puntando al contempo a preservare la pace e a sostenere un ordine internazionale basato sulle regole, garantendo la nostra sicurezza economica. In questa difficile impresa, è essenziale continuare a investire nel miglioramento e nella promozione degli standard, rafforzando il ruolo del mercato interno come solida piattaforma che sostiene l’innovazione, protegge gli interessi dei consumatori e promuove lo sviluppo sostenibile.

Un’altra dimensione cruciale da affrontare riguarda il perimetro del mercato unico. All’inizio, tre settori sono stati deliberatamente esclusi dal processo di integrazione, considerati troppo strategici perché il loro funzionamento e la loro regolamentazione si estendessero oltre i confini nazionali: finanza, telecomunicazioni ed energia. Questa esclusione era motivata dalla convinzione che il controllo nazionale di questi settori avrebbe servito meglio i nostri interessi strategici. Tuttavia, i mercati nazionali, concepiti per proteggere le industrie nazionali, rappresentano oggi un freno importante alla crescita e all’innovazione in settori in cui la concorrenza globale e la sicurezza economica richiedono un rapido passaggio a una scala europea. Anche all’interno del perimetro originario, il mercato unico necessita di una revisione: in particolare, la fornitura di servizi all’interno dell’Unione continua a incontrare ostacoli significativi che devono essere affrontati e rimossi per liberare il pieno potenziale del mercato comune.

Per questo mondo più ampio, abbiamo bisogno di un impegno politico e di un nuovo quadro in grado di proteggere le libertà fondamentali sulla base di condizioni di parità, sostenendo al contempo una politica industriale comune dinamica ed efficace. Per raggiungere questi obiettivi ambiziosi, abbiamo bisogno di velocità, di scala e, soprattutto, di risorse finanziarie sufficienti.

D’un grand tour: una conversazione a livello continentale per progettare il nuovo mercato unico

Durante i viaggi in Europa che hanno accompagnato la preparazione di questo rapporto, dal settembre 2023 all’aprile 2024, ho visitato 65 città europee e partecipato a oltre 400 incontri in cui ho avuto l’opportunità di interagire, ascoltare e discutere con migliaia di persone. Il dialogo ha coinvolto tutti i governi nazionali e le principali istituzioni europee, nonché tutti i gruppi politici del Parlamento europeo. Al di fuori dell’UE, si è discusso con i Paesi che condividono il mercato unico ma non sono membri dell’Unione e con tutti i Paesi candidati. Le parti sociali – sindacati e associazioni imprenditoriali – così come il terzo settore, i datori di lavoro dei servizi di interesse generale e i gruppi della società civile sono stati consultati, spesso in più occasioni, sia a Bruxelles che nelle varie capitali nazionali. Sono stati inoltre organizzati numerosi incontri con i cittadini e dibattiti nelle università o all’interno di think tank, non solo nelle grandi città, ma anche in regioni lontane dai principali centri integrati.

Questo percorso ha contribuito allo sviluppo di una riflessione collettiva. In quanto autore del rapporto, mi assumo naturalmente la piena responsabilità delle analisi e delle proposte. Tuttavia, per formularle, è stato fondamentale ascoltare e interagire con persone di tutta Europa.

Durante questo viaggio, ho anche sperimentato in prima persona il paradosso più evidente delle infrastrutture europee: l’impossibilità di viaggiare in treno ad alta velocità tra le capitali europee. Si tratta di una profonda contraddizione, emblematica dei problemi del mercato unico. Il nostro continente ha sviluppato un sistema ferroviario ad alta velocità in modo rapido ed efficiente, ma, ad eccezione della tratta Parigi-Bruxelles-Amsterdam, è rimasto all’interno dei confini nazionali. Non siamo nemmeno riusciti a collegare le tre principali capitali europee, Bruxelles, Strasburgo e Lussemburgo.

Durante questo viaggio, ho anche sperimentato in prima persona il paradosso più evidente delle infrastrutture dell’Unione: l’impossibilità di viaggiare in treno ad alta velocità tra le capitali europee.

ENRICO LETTA

Sebbene l’alta velocità ferroviaria abbia trasformato il panorama economico e sociale di molti Paesi europei, migliorando la mobilità e le opportunità di sviluppo, questi benefici non si sono estesi all’intero mercato unico. Ciò è dovuto agli incentivi fiscali, che sono principalmente nazionali e mettono in difficoltà gli operatori internazionali. Il settore è pronto e ha lanciato diverse iniziative di successo, ma è necessario un approccio europeo alla regolamentazione e agli incentivi fiscali, piuttosto che nazionale. I prossimi anni dovranno dare priorità alla pianificazione, al finanziamento e all’attuazione di un grande piano di collegamento delle capitali con treni ad alta velocità. Questo progetto deve diventare uno dei pilastri della transizione giusta, verde e digitale. Può mobilitare energie e risorse e, soprattutto, dare risultati progressivi che andranno a beneficio non solo delle generazioni future, ma anche di quelle attuali.

Le ispirazioni per il mio viaggio in Europa sono state molte e incoraggianti. Tuttavia, tra i tanti temi affrontati nei dibattiti europei e nazionali, uno è emerso ovunque come predominante: la questione del sostegno e del finanziamento degli obiettivi che, insieme, abbiamo identificato come centrali per gli anni a venire e che l’Unione sembra ormai aver abbracciato in modo irreversibile.

Si tratta di scelte coraggiose e positive che accompagneranno la vita europea per almeno un decennio e che saranno fondamentali per noi e per i futuri cittadini europei. Queste scelte, pur offrendo notevoli opportunità, saranno inevitabilmente accompagnate da costi significativi.

  • In primo luogo, l’impegno per una transizione ecologica e digitale equa. Questa scelta riflette un impegno a lungo termine per trasformare la società e l’economia europea in modo sostenibile ed equo. Il prossimo ciclo politico sarà cruciale per garantire l’attuazione e il successo di questa transizione globale.
  • In secondo luogo, la decisione di perseguire l’allargamento. L’enfasi non è solo sull’obiettivo in sé, ma anche sulla meticolosa esecuzione della sua realizzazione. Definire una chiara direzione per l’integrazione dei nuovi membri è una delle principali sfide dei prossimi anni.
  • In terzo luogo, la necessità di rafforzare la nostra sicurezza. Nel nuovo disordine globale, in questo “mondo spezzato” descritto dal Grande Continente, caratterizzato da una profonda e sistemica instabilità, il futuro dell’Unione non può prescindere dalla necessità di garantire la sicurezza dei cittadini europei. Ciò ha un’implicazione fondamentale: posizioni e decisioni più impegnative nel campo della difesa.

Sembra ormai certo che questi tre grandi orientamenti strategici guideranno l’Unione negli anni a venire. La questione non è più se l’Europa li perseguirà, ma come. Il dibattito sarà certamente vivace. Ne ho avuto una chiara percezione durante i numerosi incontri organizzati durante il mio viaggio. Ho avuto anche un’altra netta impressione: per i cittadini europei è chiaro che perseguire questa strada comporterà alti costi collettivi. Finché non ci sarà chiarezza e trasparenza su come verranno individuati questi fondi e su chi li pagherà, le preoccupazioni dei cittadini e delle forze trainanti delle nostre società cresceranno. Per evitare contraccolpi politici, la questione del sostegno finanziario e della condivisione dei costi per la transizione, l’allargamento e le nuove politiche di difesa deve trovare una risposta chiara, diretta e trasparente.

La costruzione del mercato unico di domani sarà una delle condizioni essenziali per soddisfare queste esigenze di finanziamento. La mia analisi non va volutamente oltre il mandato ricevuto dal Consiglio dell’Unione Europea e dalla Commissione – redatto sotto l’attuale trio di presidenze belga, spagnola e ungherese – e mira a dare un contributo il più possibile concreto e operativo ai programmi di lavoro di queste istituzioni e alla relazione di Mario Draghi sul futuro della competitività europea.

Il mercato unico ci riguarda tutti: ognuno deve fare la sua parte

Il mercato unico non è solo un concetto astratto: è la pietra angolare del processo di integrazione dell’Unione. Per sviluppare un mercato efficace in grado di creare le condizioni per la prosperità, è necessario che tutti – istituzioni europee, Stati membri, imprese, cittadini, lavoratori e società civile – facciano la loro parte. Altrimenti, l’intero edificio crollerà.

Il prossimo quadro finanziario pluriennale rappresenta un momento critico per le ambiziose proposte illustrate nel presente rapporto e invita tutte le parti interessate a riaffermare il proprio impegno e a sviluppare un nuovo mercato unico. La prossima legislatura, dal 2024 al 2029, offre un’opportunità strategica per portare avanti questa visione. Tenendo conto delle nuove tendenze economiche e della concorrenza globale, questo periodo potrebbe catalizzare una significativa trasformazione del mercato unico in un vero e proprio “mercato europeo”, aprendo la strada a un grande balzo in avanti del nostro quadro economico integrato.

Una quinta libertà per un nuovo mercato unico

Il quadro del mercato unico, ancorato alla definizione delle quattro libertà – la libera circolazione di persone, beni, servizi e capitali – si basa fondamentalmente su principi teorici del XX secolo. Le dinamiche mutevoli di un mercato sempre più plasmato dalla digitalizzazione, dall’innovazione e dalle incertezze legate al cambiamento climatico e al suo impatto sulla società richiedono un cambio di paradigma: la distinzione tra beni e servizi è diventata sempre più sfumata, con i servizi che spesso vengono sussunti ai beni, rendendo impossibile cogliere gli aspetti immateriali dell’economia digitale.

In un momento in cui la tecnologia è al centro di tutte le transizioni, l’UE deve affrontare la sfida di tenere il passo con i rapidi progressi a livello globale. Tuttavia, il continente non ha sviluppato un’industria solida o ecosistemi coerenti in grado di trarre vantaggio dalla nuova ondata di innovazione. Il risultato è una dipendenza da tecnologie esterne che sono ormai vitali per le imprese europee.

Perché è successo? La difficoltà dell’UE di convertire il proprio potenziale di ricerca in industrie europee in grado di competere sui mercati mondiali è dovuta a una serie di fattori.

Una politica tecnologica comune coordinata e completa consentirebbe di intraprendere i necessari investimenti a lungo termine per sostenere uno sviluppo tecnologico ambizioso ma costoso. Negli ultimi anni, l’UE ha attuato in modo efficace una regolamentazione digitale sostanziale, evitando la potenziale frammentazione che avrebbe potuto derivare dall’introduzione di norme proprie da parte degli Stati membri e proteggendoci dall’influenza di forze normative esterne. Tuttavia, una strategia che si basasse esclusivamente sul pilastro normativo sarebbe inadeguata a raggiungere il livello di innovazione necessario per realizzare i nostri obiettivi. Attualmente, l’UE dispone di un vasto serbatoio di dati, competenze e start-up che non vengono sufficientemente sfruttati. Questa ricchezza di risorse rischia di andare a beneficio di altri attori globali che sono in una posizione migliore per trarne vantaggio. È un rischio che non possiamo correre: la nostra autonomia strategica e la nostra sicurezza economica ne risulterebbero gravemente compromesse.

La costruzione di una solida infrastruttura tecnologica europea è una sfida strategica che richiede un cambiamento nella governance. Ciò significa dare maggiore autorità a una politica industriale collettiva su scala europea, superando i confini nazionali.

ENRICO LETTA

Dobbiamo invece sviluppare l’intelligenza collettiva del XXI secolo, combinando le conoscenze e le competenze dei singoli, le nuove forme di dati e lo sfruttamento del potere della tecnologia, tutti elementi che hanno il potenziale di trasformare il modo in cui comprendiamo il futuro e il modo in cui agiamo. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo stimolare l’innovazione e promuovere lo sviluppo di ecosistemi industriali all’avanguardia in grado di produrre entità di importanza globale. La costruzione di una solida infrastruttura tecnologica europea è una sfida strategica che richiede un cambiamento nella governance. Occorre dare maggiore autorità a una politica industriale collettiva su scala europea, superando i confini nazionali. È indispensabile attuare strategie caratterizzate da una visione chiara e da un coordinamento centralizzato, in grado di attrarre ingenti investimenti privati. Senza la presenza di grandi aziende tecnologiche europee, l’Europa sarà sempre più esposta a minacce alla sicurezza informatica, a campagne di disinformazione e persino al rischio di potenziali scontri militari sul proprio territorio.

È quindi essenziale sfruttare appieno il potenziale dei nostri punti di forza nella ricerca e nello sviluppo e massimizzare le opportunità offerte dal mercato unico. È indispensabile che l’Europa dia priorità alla creazione di una base tecnologica che promuova la conoscenza e l’innovazione, dotando gli individui, le imprese e gli Stati membri delle competenze, delle infrastrutture e degli investimenti che garantiranno una prosperità diffusa e una leadership industriale.

Verso la fine del suo mandato, Jacques Delors parlò della necessità di esplorare una nuova dimensione del mercato unico. Egli prevedeva di aggiungere una quinta libertà per rafforzare la ricerca, l’innovazione e l’istruzione. L’integrazione di questa quinta libertà nel quadro del mercato unico ne rafforzerebbe il ruolo di pietra angolare dell’integrazione europea. Trasformerebbe le conoscenze disperse, le frammentazioni e le disparità esistenti in opportunità convergenti di crescita, innovazione e inclusione. Un ambiente competitivo per la ricerca e nuovi modelli economici che incoraggino gli investimenti nelle nuove tecnologie sono due elementi essenziali per massimizzare la condivisione dell’interesse pubblico e limitare la concentrazione del valore privato derivante dalla raccolta e dalla profilazione dei dati.

La quinta libertà non si limita quindi a facilitare la circolazione dei risultati della ricerca e dell’innovazione, ma comporta l’integrazione dei motori della ricerca e dell’innovazione nel cuore del mercato unico, favorendo così un ecosistema in cui la diffusione della conoscenza stimola la vitalità economica, il progresso sociale e l’arricchimento culturale. In questo quadro, l’Unione potrà posizionarsi non solo come leader mondiale nella definizione di standard etici per l’innovazione e la diffusione della conoscenza, ma anche come creatrice e produttrice di nuove tecnologie – e dei loro modelli di evoluzione – sviluppate e utilizzate nel rispetto della libertà, della privacy e della sicurezza, e a beneficio del maggior numero di persone.

L’attuazione della quinta libertà richiede un approccio sfaccettato che comprenda iniziative politiche, miglioramenti infrastrutturali, strutture collaborative e un forte impegno per l’innovazione, la scienza aperta e l’alfabetizzazione digitale. Nel rapporto presento sia idee che proposte concrete da esplorare. Tra le sue prime iniziative faro, la prossima Commissione europea dovrebbe sviluppare, in consultazione con tutte le istituzioni dell’UE e gli Stati membri, un piano d’azione completo e ambizioso per delineare e attuare la quinta libertà.

È indispensabile che l’UE intraprenda un’azione decisiva per promuovere l’integrazione nel settore sanitario, garantendo un accesso sostenibile a tutti i suoi cittadini.

ENRICO LETTA

Tra i vari settori che potranno beneficiare della sua attuazione, il settore sanitario occupa una posizione centrale. La sua importanza critica, sottolineata dalla pandemia di Covid-19, significa che può trarre il massimo vantaggio da questo nuovo quadro, che promette di rafforzare la cooperazione e stimolare l’innovazione. Questa iniziativa è tanto più vitale se si considera l’urgente necessità di rivitalizzare l’assistenza sanitaria europea. La crescente dipendenza dell’UE da fornitori esterni per i principi attivi di sintesi chimica, i componenti e i prodotti finiti ha portato a un forte calo della produzione europea, passata dal 53% dei primi anni 2000 a meno del 25% attuale. La migrazione dei talenti europei in cerca di opportunità al di fuori dell’UE sta seriamente compromettendo la nostra capacità di innovazione.

Alla luce di questi problemi, nonché dei cambiamenti demografici e delle potenziali crisi future, è indispensabile che l’UE intraprenda un’azione decisiva per promuovere l’integrazione nel settore sanitario, garantendo un accesso sostenibile a tutti i suoi cittadini.

Un mercato unico per cambiare scala

I cambiamenti demografici e la trasformazione dell’economia mondiale rischiano di compromettere il ruolo dell’Unione su scala globale per molto tempo ancora. Questo declino non è irreversibile. Possiamo affrontarlo, a patto di elaborare una strategia di adattamento basata sulla constatazione che, se oggi l’Unione beneficia ancora di risorse ad alto impatto, presto queste non saranno più sufficienti. La nostra influenza futura dipenderà dalle prestazioni e dalla capacità di trasformazione delle nostre imprese, che oggi soffrono di un preoccupante deficit dimensionale rispetto ai loro concorrenti globali, soprattutto Stati Uniti e Cina.

Questa disparità ci penalizza in molti ambiti: innovazione, produttività, creazione di posti di lavoro e, in ultima analisi, sicurezza. È quindi essenziale aiutare le grandi imprese europee a diventare più grandi e competitive sulla scena mondiale. In questo modo è possibile diversificare le catene di approvvigionamento, attrarre investimenti esteri, sostenere gli ecosistemi dell’innovazione e proiettare un’immagine forte dell’UE. Un’economia fiorente sostenuta da imprese forti mette l’Unione nel suo complesso nella posizione di negoziare accordi commerciali più favorevoli, di definire standard internazionali e di affrontare con successo crisi e sfide globali senza precedenti.

Possiamo affrontarlo se elaboriamo una strategia di adattamento basata sulla constatazione che, se oggi l’Unione beneficia ancora di risorse ad alto impatto, presto queste non saranno più sufficienti.

ENRICO LETTA

Consentire alle imprese europee di svilupparsi all’interno del mercato unico non è solo un imperativo economico, ma anche strategico. Non è solo una questione di dimensioni. Non dobbiamo imitare modelli che sono sistematicamente diversi dai nostri e che non corrispondono alla realtà europea.

Il nostro modello, che si basa sul legame essenziale tra grandi e piccole imprese e garantisce attivamente condizioni di parità, deve essere preservato. Si tratta di un punto di forza fondamentale e della base della nostra economia sociale di mercato. Non si deve permettere a nessuna azienda di svilupparsi in modo da minare la concorrenza leale, che è alla base della protezione dei consumatori e del progresso economico. Ma l’attuazione del principio della concorrenza leale non deve portare al dominio di grandi aziende straniere che beneficiano di regole favorevoli sui loro mercati nazionali.

La mancanza di integrazione nei settori finanziario, energetico e delle telecomunicazioni è una delle ragioni principali del declino della competitività europea. È urgente recuperare e rafforzare la dimensione del mercato unico per i servizi finanziari, l’energia e le telecomunicazioni. Ciò richiede la creazione di un quadro integrato tra il livello europeo e quello nazionale.

La mancanza di integrazione nei settori finanziario, energetico e delle telecomunicazioni è una delle ragioni principali del declino della competitività europea.

ENRICO LETTA

Questo modello prevede un approccio a due livelli, con un’autorità europea centralizzata incaricata di garantire la coerenza delle regole con una dimensione di mercato unico, mentre le questioni che, per la loro rilevanza, rimangono nazionali, dovrebbero essere trattate da autorità nazionali indipendenti all’interno di un quadro comune, in cui ogni entità deve avere un ruolo definito, con una forte collaborazione tra il livello europeo e quello nazionale a garanzia dell’efficacia del sistema. I mercati in questione devono evolvere verso una dimensione europea, superando i limiti nazionali che attualmente impediscono una concorrenza sostanziale con i conglomerati americani, cinesi o indiani. Identificando il mercato europeo come mercato rilevante, possiamo permettere alle forze di mercato di guidare il consolidamento e la crescita di scala, nel pieno rispetto dei principi, degli obiettivi e delle regole europee.

Una serie di decisioni chiave recentemente esposte in documenti ufficiali – tra cui la dichiarazione del Consiglio direttivo della BCE sui progressi verso l’Unione dei mercati dei capitali, la dichiarazione dell’Eurogruppo in formato inclusivo sul futuro dell’Unione dei mercati dei capitali e il Libro bianco della Commissione “Come soddisfare le esigenze dell’Europa in materia di infrastrutture digitali” – si muovono in una direzione favorevole, riflettendo un consenso crescente. – si stanno muovendo in una direzione favorevole, riflettendo un consenso crescente. Questa tendenza è evidente anche nelle scelte critiche fatte dalle istituzioni europee in materia di indipendenza energetica e di ristrutturazione della struttura dei mercati dell’elettricità e del gas.

Identificando il mercato europeo come mercato rilevante, possiamo consentire alle forze di mercato di guidare il consolidamento e la crescita di scala, nel pieno rispetto dei principi, degli obiettivi e delle regole europee.

ENRICO LETTA

Per sfruttare appieno i vantaggi del mercato unico dell’energia, nei prossimi anni sarà necessario un ulteriore salto di qualità nell’interconnettività, oltre a massicci investimenti nelle reti infrastrutturali europee, dalla modernizzazione delle reti di trasmissione e distribuzione dell’elettricità alla costruzione di un’infrastruttura per l’idrogeno. In questo modo si massimizzerà il potenziale rinnovabile dell’Europa, si garantirà un’energia sicura e conveniente e si amplieranno le possibilità di approvvigionamento per l’industria.

Anche se l’UE sarà sempre più in grado di produrre l’energia di cui ha bisogno per la sua crescita, man mano che si avvia verso un futuro a zero emissioni di carbonio, l’economia europea avrà ancora bisogno di importare parte dell’energia dal resto del mondo e dovrà quindi sviluppare strategicamente una rete di infrastrutture che la colleghi a partner affidabili nei Paesi limitrofi a est, a sud e oltre.

Propongo tabelle di marcia concrete per accelerare l’integrazione nei settori della finanza, dell’energia e delle telecomunicazioni, sottolineando la necessità di compiere progressi nella prossima legislatura (2024-2029). Senza questi risultati essenziali, l’obiettivo della sicurezza economica europea e la creazione di una politica industriale comune sono fuori portata. Le lezioni apprese dalle recenti crisi sottolineano l’urgente necessità di passare dalla deliberazione all’azione.

Un grande mercato comune contribuirà a rendere più europeo il mercato mondiale.

ENRICO LETTA

Ci sono molti esempi di come le decisioni e le politiche definite a livello europeo abbiano determinato le politiche in altre parti del mondo. Un mercato unico più forte stabilirà standard che diventeranno punti di riferimento globali, rendendo più facile per le aziende europee fornire beni e servizi a livello mondiale. Un grande mercato comune contribuirà a rendere il mercato globale più europeo.

Un mercato unico efficiente per le reti e i servizi di telecomunicazione

Le telecomunicazioni sono uno dei settori in cui le politiche di liberalizzazione, sostenute da una regolamentazione favorevole alla concorrenza a livello europeo, hanno funzionato meglio: i nuovi operatori hanno sfidato gli operatori storici, i prezzi al dettaglio sono diminuiti, il passaggio a una rete in fibra ottica è progredito e l’evoluzione dalle reti 3G a quelle 5G prosegue, anche se lentamente. Tuttavia, a causa delle notevoli differenze tra gli Stati membri, anche in termini di investimenti, siamo lontani dal raggiungere gli obiettivi della strategia 2030 dell’UE per rispondere adeguatamente alle esigenze di connettività. Persistono forti disparità in termini di organizzazione, sviluppo dell’industria e del mercato e copertura territoriale dellabanda ultralarga.

La frammentazione delle norme e dei settori a livello nazionale sta ostacolando l’ultimo passo fondamentale verso un mercato unico delle telecomunicazioni.

Nonostante l’attuazione del “regolamento sul mercato unico delle telecomunicazioni”, che ha introdotto il “paradigma dell’Internet aperto” nell’acquis comunitario, l’UE ha ancora 27 mercati nazionali separati nel settore. Questa frammentazione ostacola la crescita degli operatori paneuropei, limitando la loro capacità di investire, innovare e competere con le loro controparti globali. L’entità delle disparità è impressionante: l’operatore europeo medio serve solo cinque milioni di abbonati, rispetto ai 107 milioni degli Stati Uniti e ai 467 milioni della Cina. Inoltre, un confronto in termini di investimenti mostra livelli pro capite corretti per il PIL di 104 euro in Europa nel 2021, rispetto ai 260 euro del Giappone, ai 150 euro degli Stati Uniti e ai 110 euro della Cina.

Le tendenze a lungo termine sono caratterizzate da un persistente calo dei ricavi, con solo lievi miglioramenti nei servizi di rete fissa in mercati nazionali limitati. La sostenibilità economica dell’intero settore delle telecomunicazioni dell’UE è a rischio se non si interviene immediatamente, con costi a carico dei lavoratori e dei cittadini.

Emergono una serie di questioni critiche. Se da un lato si riconosce che la regolamentazione europea pro-concorrenziale ha portato negli anni maggiori benefici agli utenti finali in termini di accesso (prezzo) ai servizi (rispetto ad esempio agli Stati Uniti), dall’altro molti operatori del settore lamentano un eccessivo ingresso di operatori nel mercato, favorito da un approccio di liberalizzazione e regolamentazione che potrebbe aver generato forti incentivi per un “eccessivo ingresso” di piccoli operatori basati sul territorio e, di conseguenza, equilibri di mercato insostenibili con scarsi incentivi all’innovazione.ingresso eccessivo” di operatori piccoli e radicati sul territorio e, di conseguenza, equilibri di mercato insostenibili con scarsi incentivi all’investimento innovativo.

La sostenibilità economica dell’intero settore delle telecomunicazioni dell’UE è a rischio se non si interviene immediatamente, e i costi sono a carico dei lavoratori e dei cittadini.

ENRICO LETTA

Oggi, in un mercato europeo con più di 100 operatori, concentrarsi esclusivamente sulla regolamentazione a favore dell’accesso sarebbe dannoso per la transizione tecnologica verso reti avanzate che richiedono investimenti massicci. Nei mercati della telefonia mobile, in cui l’accesso non è regolamentato, un approccio antitrust orientato all’ingresso nella valutazione delle concentrazioni ha portato allo stesso risultato 2.

Nel panorama globale, le tecnologie digitali sono alla base della produttività industriale e del benessere dei cittadini. Un settore delle comunicazioni elettroniche sano e sicuro è essenziale per la transizione ecologica, l’innovazione e la resilienza dell’Unione, soprattutto in termini di sicurezza informatica. L’instabilità della redditività economica degli operatori può essere dannosa per il futuro benessere dei consumatori a causa della minore qualità del servizio, della sicurezza e della distribuzione non uniforme dell’accesso alla rete. Inoltre, ostacola la digitalizzazione delle industrie e dei servizi, determinando una minore crescita e competitività per l’Europa nel suo complesso e per ciascun mercato nazionale.

Lo sviluppo di reti e servizi di telecomunicazione efficienti può contribuire a colmare molte delle attuali carenze in modo coerente con i valori europei, i diritti dei cittadini e i principi dell’economia di mercato. Il processo per raggiungere questo obiettivo è complesso ed è meglio adottare un approccio graduale: dovrebbe essere sviluppato in relazione ad alcune questioni chiave.

Un mercato unico per promuovere politiche energetiche e climatiche efficaci

L’energia non era uno dei settori più dinamici quando il progetto del mercato unico è stato lanciato nel 1992. Come ha osservato il rapporto Monti nel 2011, “il settore energetico è uno degli ultimi arrivati nel mercato unico”. Il 2012 non segnerà il 20° anniversario del mercato unico dell’energia. Piuttosto, segnerà l’inizio del consolidamento di un mercato comune dell’energia”. Tuttavia, nel corso degli anni, l’integrazione del mercato dell’energia è progredita in modo significativo, diventando una delle pietre miliari del mercato unico dell’Unione. Oggi il mercato unico dell’energia potrebbe essere la migliore risorsa dell’Europa per garantire il suo successo in un nuovo ordine mondiale.

Uscita da una crisi energetica di una gravità senza precedenti, l’Europa si trova ad affrontare sfide di notevole portata e urgenza in un panorama energetico geopolitico radicalmente nuovo. In un momento in cui la competizione globale per la supremazia nelle tecnologie pulite si intensifica, l’UE non può permettersi di perdere tempo. Deve trasporre nelle sue attività quotidiane il senso di urgenza e di azione dimostrato durante le recenti crisi, apportando cambiamenti in tutto il suo sistema energetico e portando rapidamente a compimento progetti concreti.

L’invasione militare dell’Ucraina da parte della Russia ha rappresentato un momento decisivo per il panorama energetico europeo. Ha cambiato relazioni commerciali di lunga data e ha ridisegnato le dinamiche geopolitiche dell’approvvigionamento e del commercio di energia.

All’interno del mercato unico, la direzione dei flussi commerciali di gas ha subito una trasformazione sostanziale: l’offerta si è diversificata a scapito della Russia e l’Unione è ora più dipendente dai mercati del gas naturale liquefatto (GNL), che sono ampiamente influenzati dagli Stati Uniti in termini di offerta e dalla Cina in termini di domanda, e che sono più volatili. Al di là dei confini europei, le principali economie mondiali e quelle emergenti stanno accelerando la loro transizione energetica e intensificando gli investimenti nelle tecnologie pulite, aumentando la pressione sugli ecosistemi industriali europei.

La gravità senza precedenti della crisi ha portato il mercato energetico dell’UE sull’orlo del collasso. Alcuni Stati membri hanno preso in considerazione la possibilità di introdurre, o addirittura hanno introdotto, restrizioni temporanee alle esportazioni di gas, al fine di salvaguardare la sicurezza degli approvvigionamenti dei propri clienti. I governi si sono precipitati nei Paesi esportatori di gas per assicurarsi forniture critiche di gas da fonti affidabili, facendo offerte più alte gli uni degli altri. Hanno istituito regimi nazionali di tasse e sussidi per contenere l’aumento dei prezzi e alleggerire l’onere per le famiglie e le imprese. La struttura del mercato dell’elettricità è stata a lungo al centro di un acceso dibattito come possibile fattore di crisi dei prezzi dell’energia.

Eppure il mercato unico ha resistito alle pressioni. Al contrario, è stato una leva potente nel garantire la capacità dell’Europa di superare la crisi con successo. Anzi, ha dimostrato la sua forza. Il mercato dell’elettricità è riuscito a evitare blackout o carenze di approvvigionamento. Anche il mercato del gas, nonostante un’interruzione delle forniture senza precedenti, ha funzionato in modo molto efficace. L’allocazione del gas tra i mercati è stata gestita in modo efficiente, senza la necessità di complesse negoziazioni tra gli Stati membri sull’allocazione dei volumi o di decisioni politiche sul razionamento per i consumatori domestici. I segnali di prezzo hanno svolto un ruolo essenziale, incoraggiando la riduzione della domanda e i cambiamenti nel comportamento dei consumatori. Hanno agito da catalizzatore per nuovi investimenti nelle infrastrutture dei terminali GNL e per la modernizzazione dei sistemi di trasporto del gas.

Nel complesso, la risposta dell’Europa alla crisi energetica del 2022 è stata più efficace e unitaria rispetto a qualsiasi altra crisi energetica precedente, in primo luogo grazie a un maggiore coordinamento centrale delle politiche energetiche nazionali, con ad esempio il regolamento sullo stoccaggio nel maggio 2022 e il regolamento sulla riduzione coordinata della domanda nel luglio 2022, poi attraverso una risposta comune a livello europeo, utilizzando regolamenti di emergenza, con interventi nei mercati dell’elettricità e del gas e regole comuni sull’autorizzazione accelerata per le energie rinnovabili. In meno di un anno di negoziati è stata adottata anche una riforma della struttura del mercato dell’elettricità.

Nonostante questa risposta unitaria, c’è ora il rischio concreto che l’integrazione dei mercati si esaurisca, con un possibile contraccolpo all’orizzonte. Gli effetti della crisi persistono e si riflettono in diverse misure nazionali che rischiano di mettere a repentaglio la coesione del mercato unico. Inoltre, il settore industriale è sempre più preoccupato che l’eredità della crisi e la complessità e la frammentazione della regolamentazione possano portare alla deindustrializzazione.

È vero che i costi dell’energia in Europa rimangono più alti di quelli dei suoi principali concorrenti. Durante la crisi energetica, l’UE, come altre regioni dipendenti dalle importazioni di gas fossile (Regno Unito, Giappone, Corea del Sud), ha registrato una tendenza all’aumento dei differenziali di prezzo con altre parti del mondo. I prezzi del gas erano da 3 a 6 volte superiori a quelli degli Stati Uniti, rispetto a 2 o 3 volte in passato, e sono ancora oggi significativamente più alti. I prezzi al dettaglio dell’elettricità industriale nell’UE sono quasi il doppio di quelli degli Stati Uniti e stanno gradualmente diventando più alti di quelli della Cina. Questa situazione persisterà fino a quando il prezzo marginale sarà determinato principalmente da fonti di elettricità rinnovabili e a basse emissioni di carbonio piuttosto che dal gas. La limitata autosufficienza energetica del continente aumenta anche la sua vulnerabilità agli shock improvvisi dei prezzi. Nel 2021, la dipendenza dell’Unione dalle importazioni di energia era elevata: 91,7% per il petrolio, 83,4% per il gas e 37,5% per i combustibili fossili solidi, contribuendo a un indice di dipendenza energetica complessiva di circa il 55,5%. Solo nel 2022, il conto delle importazioni di combustibili fossili in Europa ammonterà a 640 miliardi di euro, pari a circa il 4,1% del PIL. Nel 2023, anche con prezzi più bassi, questa fattura rimarrà vicina al 2,4% del PIL dell’Unione.

Inoltre, la crisi ha esacerbato le divergenze dei prezzi dell’elettricità tra gli Stati membri. Ciò pone problemi alle imprese ad alta intensità energetica, alle industrie a valle, alle industrie delle tecnologie pulite e alle PMI in diverse regioni europee.

Anche il settore manifatturiero deve affrontare la sfida di integrare in questo difficile contesto tecnologie e processi puliti, spesso costosi o non ancora disponibili in quantità sufficienti. Anche in settori in cui l’Europa è tradizionalmente in vantaggio, come l’eolico offshore, i produttori europei si trovano ora ad affrontare forti pressioni competitive in una corsa globale alla supremazia tecnologica. La nuova dipendenza dai combustibili nucleari e dai materiali critici rappresenta un’ulteriore minaccia alla fattibilità della transizione pulita, rendendo l’economia europea vulnerabile alle pressioni esterne.

Ancora una volta, è il mercato unico che può fornire le leve e il peso economico necessari per affrontare efficacemente le sfide dell’Europa. Nessuno Stato membro può competere con gli Stati Uniti sui prezzi del gas o del petrolio, dato che è il maggior produttore mondiale di combustibili fossili. Né l’Europa può replicare alcuni dei vantaggi offerti dall ‘economia statale cinese. Tuttavia, l’UE dispone di un mercato energetico su scala continentale, unito da un quadro normativo moderno e sofisticato che non ha eguali al mondo. Senza mettere in discussione il diritto di ogni Stato membro di scegliere il proprio mix energetico, un passo decisivo verso l’integrazione del mercato e un’azione congiunta possono creare un sistema energetico più sicuro, più accessibile e più sostenibile al servizio di una base industriale moderna. Nell’energia, come in altri settori, un mercato unico dinamico significa maggiore libertà per le imprese di rimanere in Europa e per i lavoratori di prosperare in posti di lavoro di alta qualità.

Più l’UE si muove verso un sistema energetico a basse emissioni di carbonio, maggiore è la necessità di integrazione del mercato. I benefici dell’integrazione, in termini assoluti, aumentano con la crescita delle rinnovabili nel sistema, rafforzando il valore della sua flessibilità e resilienza complessiva. In primo luogo, i mercati integrati a livello continentale garantiscono che la nuova generazione di energia pulita possa essere distribuita nel modo più rapido ed economico possibile. Le fonti di energia rinnovabile variano nei loro modelli di produzione e nel loro potenziale in Europa.

Sfruttando il suo mercato unico, l’Europa può trasformare la diversità dei suoi sistemi energetici in un vantaggio competitivo. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo raccogliere la volontà politica di intraprendere azioni decisive in aree strategiche.

ENRICO LETTA

Inoltre, i modelli di domanda sono diversi in Europa. Uno scambio transfrontaliero trasparente di energia elettrica significa che è necessario installare un numero molto inferiore di turbine e moduli solari, che possono essere collocati rispettivamente nelle zone più ventose e più soleggiate. In secondo luogo, poiché l’Europa punta a un sistema elettrico al 70% a fonti rinnovabili variabili entro il 2030, mercati ben interconnessi sono essenziali per ridurre al minimo i costi associati allo sviluppo della rete, allo stoccaggio, alle soluzioni di flessibilità o alle centrali elettriche a gas di riserva. L’interconnettività riduce i rischi per gli investitori e incoraggia l’afflusso di capitali privati. Inoltre, i mercati integrati attenuano l’impatto degli shock esterni che colpiscono selettivamente uno o più Paesi. Se il sistema di uno Stato membro è sotto pressione, può importare l’elettricità in eccesso a costi inferiori da un altro Stato membro, garantendo così la sicurezza energetica e la stabilità economica. Infine, un mercato unico continentale aumenta la scelta dei consumatori e fornisce un ambiente ideale per la fioritura dell’industria delle tecnologie pulite, incoraggiando l’innovazione nelle tecnologie pulite e nelle soluzioni digitali per il settore energetico.

Sfruttando il suo mercato unico, l’Europa può trasformare la diversità dei suoi sistemi energetici in un vantaggio competitivo. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo raccogliere la volontà politica di intraprendere azioni decisive in aree strategiche.

Un mercato unico che promuova la creazione di posti di lavoro e semplifichi la vita delle imprese

Il mercato unico, così come era stato originariamente concepito, era profondamente radicato in una concezione convenzionale del processo produttivo. Questo modello di sviluppo possedeva una caratteristica essenziale che è venuta meno negli ultimi decenni: il mercato unico rappresentava l’unica opzione possibile per le imprese europee, sia come base produttiva o sede centrale che come mercato principale. Nel contesto globale dell’epoca, mentre l’esportazione era una strategia praticabile, l’idea di delocalizzare le attività al di fuori del mercato unico era quasi inconcepibile. Oggi questa alternativa non solo esiste, ma è sempre più diffusa e adottata. Una moltitudine di Paesi in tutto il mondo si presenta oggi come un’opzione interessante per le aziende europee che desiderano delocalizzare le proprie attività, in tutto o in parte.

Lo snellimento delle normative in vari settori essenziali per il ciclo di vita di un’azienda gioca un ruolo decisivo nella scelta della sede. In particolare, molti Paesi al di fuori dell’Unione Europea hanno messo a punto modalità specifiche per accelerare le risposte alle esigenze burocratiche e amministrative, rendendole più attraenti per le imprese. Molti degli imprenditori con cui ho parlato durante il mio viaggio hanno espresso preoccupazioni al riguardo, sottolineando che le alternative stanno diventando sempre più attraenti rispetto ai notevoli oneri burocratici che le imprese devono affrontare in vari Paesi europei. Gran parte di questi oneri burocratici sono dovuti alla sovrapposizione di normative e alle complessità amministrative generate dal complesso sistema di governance multilivello dell’Unione. Troppo spesso la frammentazione del mercato unico, l’eccesso di regolamentazione e la compartimentazione a livello di attuazione nazionale e regionale, per non parlare delle asimmetrie tra territori e sistemi giuridici e fiscali, finiscono per aumentare le difficoltà e moltiplicare gli ostacoli all’attività produttiva.

La sfida della semplificazione del quadro normativo è uno dei principali ostacoli al futuro mercato unico.

ENRICO LETTA

Il mondo imprenditoriale è sempre più preoccupato per la mancanza di una cultura di sostegno e facilitazione delle attività economiche. Troppo spesso questo malcontento porta alla tentazione di delocalizzare le attività in Paesi al di fuori del mercato unico dell’UE, che oggi rappresentano un’alternativa credibile. Si tratta di una sfida importante che richiede risposte solide. La Commissione ha compiuto progressi significativi nei settori della tassazione delle imprese, della semplificazione e della riduzione della burocrazia. Le proposte avanzate dalla Presidente della Commissione Ursula Von der Leyen rappresentano un impegno importante che deve essere perseguito come priorità assoluta nei prossimi anni. La bussola del nuovo mercato unico deve sottolineare l’importanza cruciale della proporzionalità e della sussidiarietà, in particolare nel contesto del suo quadro normativo.

La sfida della semplificazione del quadro normativo è uno dei principali ostacoli al futuro mercato unico. Da qui emerge una proposta essenziale: riaffermare e adottare il metodo Delors della massima armonizzazione unita al riconoscimento reciproco, pienamente sancito dalle sentenze della Corte di giustizia europea. Questo metodo sottolinea l’importanza fondamentale delle normative come pietra angolare per raggiungere tale armonizzazione nel mercato unico. Esso postula che le istituzioni dell’Unione debbano dare inequivocabilmente priorità all’uso dei regolamenti nella formulazione delle norme vincolanti del mercato unico. Nei casi in cui il ricorso alle direttive rimane inevitabile o preferibile, è necessario operare due scelte fondamentali per garantirne l’effettiva attuazione.

  • In primo luogo, gli Stati membri devono dare prova di maggiore disciplina, evitando di includere misure che vadano oltre lo stretto necessario.
  • In secondo luogo, si dovrebbe sempre utilizzare la base giuridica del quadro del mercato unico, in particolare l’articolo 114 del Trattato. Questa disposizione sostiene la piena armonizzazione, che è fondamentale per mantenere la coerenza tra gli Stati membri, mentre altre disposizioni del Trattato consentono un’armonizzazione minima, permettendo agli Stati membri di adottare misure più severe che potrebbero portare alla frammentazione e danneggiare il mercato unico.

Riteniamo inoltre che un Codice europeo di diritto commerciale rappresenterebbe un passo avanti verso un mercato unico più unificato, offrendo alle imprese un 28° regime per operare all’interno del mercato unico 3. Il Codice affronterebbe e supererebbe direttamente l’attuale mosaico di normative nazionali, agendo come strumento chiave per liberare il pieno potenziale della libera circolazione all’interno dell’Unione. Affronterebbe direttamente e supererebbe l’attuale mosaico di normative nazionali, agendo come strumento chiave per sbloccare il pieno potenziale della libera circolazione all’interno dell’Unione.

Allo stesso tempo, l’importanza di un’applicazione coerente delle norme del mercato unico non può essere sopravvalutata. Un’applicazione efficace garantisce che le norme vadano a beneficio di tutti gli Stati membri in modo equo, evitando la frammentazione del mercato e mantenendo condizioni di parità, il che è fondamentale per la competitività delle nostre imprese e per il dinamismo economico dell’Unione. Certamente, se non si affrontano questi problemi, il rischio di deindustrializzazione del continente – che, come abbiamo visto, non è irreversibile – diventa una minaccia reale. Possiamo essere decisamente proattivi, chiedendo la più ampia azione possibile su questo tema. Nell’attuale contesto globale, l’Europa non può e non deve cedere ad altri il suo ruolo di leader manifatturiero. All’inizio del secolo e per tutto il decennio successivo, questa era considerata un’opzione fattibile e persino vantaggiosa. È stato un errore.

La transizione equa, verde e digitale come catalizzatore di un nuovo mercato unico: verso una “Unione del risparmio e degli investimenti”.

La scorsa legislatura ha gettato le basi per una transizione equa, verde e digitale introducendo proposte legislative cruciali. Ora che quasi tutte le norme sono in vigore, l’attenzione deve concentrarsi sull’attuazione. È essenziale passare dalla progettazione delle politiche all’applicazione pratica, assicurando che queste misure siano integrate e attuate in modo trasparente per produrre benefici ambientali tangibili.

Di conseguenza, uno dei principali obiettivi del nuovo mercato unico deve essere quello di rendere la capacità industriale europea compatibile con gli obiettivi della transizione equa, verde e digitale. A tal fine, nel corso della prossima legislatura, sarà necessario indirizzare tutte le energie verso il sostegno finanziario alla transizione, convogliando verso questo obiettivo tutte le risorse pubbliche e private necessarie per rendere possibile la trasformazione del sistema produttivo europeo. In questo sforzo, il mercato unico può e deve giocare un ruolo centrale.

Una tendenza preoccupante è il dirottamento annuale di circa 300 miliardi di euro di risparmi delle famiglie europee dai mercati dell’UE all’estero, principalmente verso l’economia statunitense, a causa della frammentazione dei nostri mercati finanziari.

ENRICO LETTA

La prima priorità dovrebbe essere la mobilitazione del capitale privato, un passo cruciale che getta le basi per un quadro di finanziamento più inclusivo ed efficiente, poiché questo è il settore in cui l’Unione è rimasta più indietro. Nel nostro Paese sono presenti ben 33.000 miliardi di euro di risparmi privati, detenuti principalmente sotto forma di valuta estera e depositi. Tuttavia, questa ricchezza non viene sfruttata appieno per soddisfare le esigenze strategiche dell’Unione. Una tendenza preoccupante è il dirottamento annuale di circa 300 miliardi di euro di risparmi delle famiglie europee dai mercati dell’UE all’estero, principalmente verso l’economia statunitense, a causa della frammentazione dei nostri mercati finanziari.

Questo fenomeno evidenzia una significativa inefficienza nell’utilizzo delle risorse economiche dell’Unione che, se riorientate efficacemente all’interno delle proprie economie, potrebbero contribuire in modo sostanziale al raggiungimento dei suoi obiettivi strategici. In questo contesto, chiedo una trasformazione significativa: la creazione di un’Unione del Risparmio e degli Investimenti, sviluppata a partire dall’Unione dei Mercati dei Capitali, che non è ancora completa. Integrando pienamente i servizi finanziari nel mercato unico, l’Unione del Risparmio e degli Investimenti mira non solo a mantenere il risparmio privato europeo all’interno dell’Unione, ma anche ad attrarre ulteriori risorse dall’estero.

Per creare una fiorente Unione del Risparmio e degli Investimenti all’interno del Mercato Unico è necessario intervenire con urgenza in tre aree strutturali: l’offerta di capitale, la domanda di capitale, il quadro istituzionale e la struttura di mercato che regolano i movimenti di capitale. È indispensabile che qualsiasi pacchetto di riforme tenga conto di tutte e tre queste aree. Esse sono parte integrante di un ecosistema più ampio e non possono quindi essere affrontate in modo isolato. Richiedono un’azione congiunta delle istituzioni europee, degli Stati membri e degli operatori di mercato.

È essenziale perseguire in parallelo sia le soluzioni tecniche – che possono teoricamente essere attuate in tempi relativamente brevi – sia gli sforzi strutturali a più lungo termine. Anche se nella maggior parte dei casi sono affidati a enti e autorità diverse, la loro attuazione combinata è essenziale per raggiungere l’obiettivo finale a lungo termine.

Il passo successivo è affrontare il dibattito sugli aiuti di Stato. Dovremmo sviluppare soluzioni coraggiose e innovative che trovino un equilibrio tra, da un lato, la necessità di mobilitare rapidamente un sostegno pubblico nazionale mirato per l’industria, nella misura in cui affronta i fallimenti del mercato in modo proporzionato, e, dall’altro, la necessità di evitare la frammentazione del mercato unico. Se da un lato il graduale allentamento degli aiuti di Stato in risposta alle recenti crisi ha contribuito a limitare gli effetti negativi sull’economia reale e i successivi quadri temporanei hanno introdotto concetti innovativi per tenere conto del mutevole contesto internazionale, dall’altro ha portato a distorsioni della concorrenza. Con il tempo, questo approccio rischia di amplificare le distorsioni nelle condizioni di concorrenza all’interno del mercato unico, a causa del diverso margine di manovra fiscale a disposizione degli Stati membri. Un modo per superare questo dilemma potrebbe essere quello di trovare un equilibrio tra un’applicazione più rigorosa degli aiuti di Stato a livello nazionale e la graduale espansione del sostegno finanziario a livello europeo. In particolare, si potrebbe prevedere un meccanismo di contribuzione agli aiuti di Stato, che richieda agli Stati membri di destinare parte dei loro fondi nazionali al finanziamento di iniziative e investimenti paneuropei.

È essenziale stabilire un solido legame tra la transizione equa, verde e digitale e l’integrazione finanziaria all’interno dei mercati unici.

ENRICO LETTA

Liberando gli investimenti privati e affinando il nostro approccio agli aiuti di Stato, sarà più facile creare le condizioni politiche necessarie per liberare un’altra dimensione essenziale: gli investimenti pubblici europei. Per allentare la tensione tra i nuovi approcci industriali e il quadro del mercato unico, la strategia industriale dell’Unione deve adottare un approccio più europeo, basandosi sul modello dei Progetti Importanti di Interesse Comune Europeo (IPCEI) e sviluppandolo ulteriormente, garantendo al contempo che la parità di condizioni non sia compromessa da sussidi dannosi. Di fronte alla forte concorrenza globale, l’UE deve intensificare gli sforzi per sviluppare una strategia industriale competitiva in grado di contrastare gli strumenti recentemente adottati da altre potenze mondiali, come l’Inflation Reduction Act statunitense.

È essenziale stabilire un solido legame tra la transizione equa, verde e digitale e l’integrazione finanziaria all’interno dei mercati unici. Questo legame è essenziale per rendere la transizione una possibilità reale. Senza risorse adeguate, i progressi rischiano di essere bloccati. I costi della transizione sono sistemici e devono essere condivisi collettivamente. Se si scarica l’onere solo su settori specifici, si finisce per ostacolare il processo anziché agevolarlo. L’incapacità di compiere questo sforzo collettivo potrebbe portare alla resistenza di diversi gruppi sociali – gli agricoltori di oggi, i lavoratori dell’auto di domani – che sentono di sostenere in modo sproporzionato i costi della trasformazione senza un sostegno sufficiente.

Il sostegno strutturale alla transizione è un obiettivo fondamentale del quadro strategico dell’Unione europea.

ENRICO LETTA

Per raggiungere questi obiettivi, presento una proposta chiave. Questo legame funziona anche nella direzione opposta, poiché il finanziamento della transizione equa, verde e digitale può incoraggiare un’ulteriore integrazione all’interno del mercato unico. Il tentativo di creare un’Unione dei mercati dei capitali nell’ultimo decennio non ha avuto successo, in parte perché è stato visto come un fine in sé. Una vera integrazione dei mercati finanziari europei non sarà raggiunta finché i cittadini e i politici europei non riconosceranno che tale integrazione non è solo positiva per la finanza in sé, ma è fondamentale per raggiungere obiettivi globali altrimenti irraggiungibili, come una transizione equa, verde e digitale.

Il sostegno strutturale alla transizione è un obiettivo fondamentale del quadro strategico dell’Unione Europea. Tuttavia, le discussioni non devono concentrarsi esclusivamente sui costi associati a questa transizione. È essenziale riconoscere i notevoli benefici che questa transizione offre ai cittadini, alle imprese e ai lavoratori. Investire e finanziare questa transizione non è solo una decisione finanziaria; è probabilmente la scelta più strategica che l’Unione possa fare per assicurarsi un significativo vantaggio competitivo sulla scena mondiale, preservando e sviluppando al contempo gli standard sociali di cui l’Europa va fiera. Questo vantaggio diventa particolarmente rilevante vista la crescente importanza della sostenibilità nell’ordine mondiale emergente. Fornendo un sostegno strutturale alla transizione, l’Unione rafforza il suo impegno per la prosperità economica a lungo termine e per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile. La Banca europea per gli investimenti svolge un ruolo centrale in questo senso, fornendo finanziamenti e competenze essenziali per progetti allineati con questi obiettivi di sostenibilità e trasformazione in tutti gli Stati membri. Inoltre, la promozione di una maggiore integrazione nei mercati degli appalti pubblici è fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi strategici dell’UE; i mercati degli appalti pubblici per l’innovazione, in particolare nelle tecnologie verdi e digitali, potrebbero essere una delle leve più importanti per sostenere le start-up, le grandi imprese e le PMI nello sviluppo di nuovi prodotti e servizi.

In sintesi, è necessario mobilitare assi per l’integrazione finanziaria europea che siano esterni al settore finanziario e che si concentrino su obiettivi che riguardano il futuro dei cittadini piuttosto che la finanza stessa. Il sostegno strutturale alla transizione è, in questo senso, un dovere sistemico. È fondamentale, tanto più che senza le risorse private che emergeranno dalla creazione di una forte e autentica Unione del Risparmio e degli Investimenti, le divisioni interne agli Stati membri sull’allocazione delle risorse pubbliche nazionali ed europee necessarie a coprire i costi della transizione rischiano di diventare intrattabili.

Allargamento: benefici e responsabilità

Una visione strategica simile, basata sul principio della condivisione dei vantaggi relativi, deve essere applicata anche agli altri due grandi processi che caratterizzeranno l’Unione nel prossimo decennio, ossia l’allargamento e la sfida della sicurezza.

Per quanto riguarda il primo, è essenziale riconoscere alcuni pilastri concettuali fondamentali. Gli allargamenti passati sono stati scelte vantaggiose per l’Unione. In particolare, hanno compensato la relativa perdita di peso causata dalla trasformazione geopolitica e geoeconomica dopo la guerra fredda.

Gli allargamenti hanno esteso il mercato unico e i suoi benefici sia ai vecchi che ai nuovi membri. Un’Unione allargata è lo strumento migliore per proteggere gli interessi e la prosperità dell’Unione, sostenere i principi dello Stato di diritto e difendere i cittadini dalle minacce esterne.

Il prossimo allargamento dovrebbe essere affrontato con lo stesso spirito e la stessa visione. Il dibattito non dovrebbe concentrarsi solo sull’obiettivo in sé, ma piuttosto sul metodo e sul calendario. L’interazione con il mercato unico solleva questioni complesse che richiedono un’attenta considerazione. È necessario trovare un approccio sfumato, che faciliti l’estensione graduale ma significativa dei suoi benefici ai Paesi candidati, salvaguardando al contempo la stabilità delle loro economie e quella del mercato comune.

Una condizione rimane cruciale: dato che il mercato unico è il cuore e il motore dell’integrazione europea, lo strumento deve rimanere almeno in parte sotto il controllo dei negoziatori di Bruxelles durante tutto il processo e soprattutto nelle sue prime fasi, per evitare di perdere il più potente strumento negoziale. È essenziale riaffermare in modo inequivocabile che qualsiasi Paese che voglia ottenere una sostanziale partecipazione al mercato unico in fase di preadesione deve aderire pienamente a tutti gli aspetti del primo criterio di Copenaghen, dimostrando un chiaro e incrollabile rispetto per i principi non negoziabili di “democrazia, stato di diritto, diritti umani e rispetto e protezione delle minoranze”. In un momento in cui questi stessi principi vengono messi in discussione e il modello democratico europeo è sempre più minato da minacce esterne e sfide interne, non ci possono essere ambiguità: è all’interno dell’Unione e di ogni Stato membro che questi valori fondamentali devono essere pienamente praticati e difesi. Ogni Paese candidato che voglia intraprendere la sua graduale integrazione nel mercato unico – o in qualsiasi altra dimensione dell’Unione – deve allinearsi pienamente ad essi.

Né l’allargamento deve essere percepito, né dai governi né dai cittadini, come una rottura con il sostegno alla crescita e alla convergenza – in particolare per i Paesi di recente adesione – fornito dalla politica di coesione e dalla politica agricola comune.

Saranno sicuramente decisive le politiche di accompagnamento per gli Stati membri e una riforma della politica di coesione, che è sempre stata e continuerà ad essere una condizione essenziale per il successo del mercato unico. A questo proposito, la creazione di un meccanismo di solidarietà per l’allargamento, dotato delle risorse finanziarie necessarie per gestire le esternalità, potrebbe essere uno strumento essenziale per sostenere il processo.

Promuovere la pace e difendere lo Stato di diritto: un mercato comune per l’industria della sicurezza e della difesa

Il terzo grande orientamento strategico per il prossimo decennio, accanto alla transizione e all’allargamento, riguarda la sfida della sicurezza. La guerra di aggressione di Vladimir Putin contro l’Ucraina ha cambiato il corso della storia e ridisegnato il destino dell’Europa. “Il suolo dell’Europa sta cambiando sotto i nostri piedi”. L’Unione ha immediatamente deciso collettivamente che la componente sicurezza e difesa, che storicamente ha avuto un peso minore rispetto ad altre politiche comuni ed è stata in gran parte ancorata a livello nazionale, deve ora assumere una maggiore importanza. La risposta unitaria e decisiva deve ora essere sostenuta da coerenza e continuità, attingendo al potenziale non sfruttato dell’Unione in questo settore.

La logica è semplice: la sicurezza deve essere affrontata da una prospettiva globale e deve influenzare le politiche energetiche così come quelle finanziarie, le minacce informatiche, le scelte infrastrutturali, la connettività, lo spazio, la salute e la tecnologia. È quanto emerge anche dalle dichiarazioni di Versailles e di Granada, nonché dalla Strategia europea di sicurezza economica presentata dalla Commissione europea. Questa definizione ampia e senza precedenti di sicurezza avrà inevitabilmente ripercussioni su tutti gli aspetti dell’economia e della vita delle persone. È quindi essenziale trovare un equilibrio con i diritti fondamentali dell’individuo, posizionando l’Europa ancora una volta come leader nella regolamentazione dei nuovi progressi tecnologici.

La nostra capacità industriale nei settori della sicurezza e della difesa deve subire una trasformazione radicale se vogliamo evitare di ripetere la dinamica osservata nel periodo 2022-2024, quando l’80% dei fondi spesi per sostenere la difesa ucraina sono stati spesi per attrezzature non europee. Al contrario, gli Stati Uniti hanno acquistato circa l’80% delle loro attrezzature militari direttamente da fornitori americani. Sostenere i posti di lavoro e le industrie in Europa, piuttosto che finanziare lo sviluppo industriale dei nostri partner o rivali, deve essere un obiettivo prioritario quando si spende denaro pubblico. Non è mai stato così urgente sviluppare le nostre capacità industriali per essere autonomi in aree strategiche. Poiché l’applicazione del quadro del mercato unico non è oggi possibile a causa della natura intrinseca del settore, è essenziale progredire verso lo sviluppo di un “mercato comune per l’industria della sicurezza e della difesa”, al fine di fornire all’Unione i mezzi necessari per affrontare le sfide attuali e future della difesa.

Allo stesso tempo, la sicurezza deve essere oggetto di scelte coerenti in termini di finanziamento. La continuità delle politiche passate non è più possibile. L’Unione Europea sta valutando diverse opzioni di finanziamento innovative per sostenere un mercato unificato della difesa. Per modernizzare le nostre capacità, dobbiamo sviluppare misure e strumenti innovativi che integrino efficacemente le risorse finanziarie pubbliche e private. Questi sforzi devono essere allineati con l’appartenenza all’Alleanza Atlantica e con gli impegni corrispondenti di quasi tutti gli Stati membri.

Libertà di circolazione e di soggiorno: un mercato unico sostenibile per tutti

Il mercato comune è la pietra angolare di una crescita economica senza precedenti, del progresso sociale e del miglioramento del tenore di vita in tutto il continente. Ha agito da catalizzatore per la convergenza tra gli Stati membri – come evidenziato anche dal FMI – favorendo un ambiente in cui l’innovazione prospera, le economie fioriscono e i cittadini beneficiano di una più ampia gamma di opportunità.

In mezzo a questi successi, sta emergendo un dibattito sulla distribuzione dei benefici. Si è diffusa l’idea che i benefici del mercato unico andrebbero soprattutto alle persone che hanno già i mezzi e le competenze per sfruttare le opportunità transfrontaliere, o alle grandi imprese che possono facilmente espandere le loro attività. Incoraggiando la concorrenza, il mercato unico stimola l’innovazione, di cui beneficiano indirettamente le persone altamente qualificate: le aziende sono incoraggiate a investire in ricerca e sviluppo, creando una domanda di competenze in settori all’avanguardia. Allo stesso modo, la conoscenza delle lingue straniere è essenziale per sfruttare appieno le opportunità formative e occupazionali offerte dal mercato unico. La situazione per le imprese è simile: le grandi aziende sono generalmente in una posizione migliore rispetto alle PMI per trarre il massimo vantaggio dal mercato comune, in quanto dispongono delle risorse e delle infrastrutture necessarie per sfruttare i minori costi di produzione, ottimizzare la distribuzione transfrontaliera, superare le barriere e accedere all’enorme base di consumatori. I marchi affermati e le grandi aziende dispongono già di ampie reti di fornitori, partner e clienti; il mercato unico può amplificare questi effetti di rete, rafforzando la loro posizione sul mercato.

Se non affrontata, questa percezione potrebbe erodere il sostegno pubblico e politico che è vitale per il continuo successo del mercato unico. Fin dall’inizio, il mercato comune è stato concepito tenendo conto dei potenziali effetti differenziati su lavoratori, imprese e regioni e con il chiaro obiettivo di affrontarli. Per questo motivo, la politica di coesione è stata introdotta come elemento fondamentale.

Tuttavia, l’UE opera ora in un ambiente globale radicalmente trasformato, generando nuove sfide di distribuzione che richiedono soluzioni innovative. L’impatto della pandemia di Covid-19 non è stato uniforme tra i settori, i territori e i gruppi socio-economici. L’impatto della perturbazione delle catene del valore varia notevolmente tra le economie locali. Le transizioni verdi e digitali avranno impatti diversi su regioni e settori economici diversi.

I costi dell’inflazione ricadono in modo sproporzionato su famiglie e imprese, che già si trovano ad affrontare difficoltà economiche. Inoltre, la ristrutturazione in corso della politica industriale rischia di ampliare involontariamente le disuguaglianze regionali all’interno dell’Unione. Come sottolinea la recente relazione del Gruppo di alto livello sul futuro della politica di coesione, “entro il 2023, più di 60 milioni di cittadini dell’UE vivranno in regioni in cui il PIL pro capite è inferiore a quello del 2000. Altri 65 milioni vivranno in regioni in cui la crescita sarà prossima allo zero. In totale, circa 135 milioni di persone, quasi un terzo della popolazione dell’UE, vivono in regioni che sono rimaste indietro negli ultimi due decenni. I residenti delle aree in declino sentono di non avere altra scelta se non quella di trasferirsi a causa della mancanza di posti di lavoro, di accesso a un’istruzione di qualità e di servizi adeguati necessari per coltivare uno stile di vita indipendente e dignitoso all’interno della propria comunità. Allo stesso modo, le PMI sentono il peso delle normative europee, ma traggono solo benefici limitati dal mercato unico, spesso a causa di modelli di business o capacità non adatti all’espansione transfrontaliera.

Secondo Eurobarometro, un’ampia e stabile maggioranza di europei (61%) afferma che l’appartenenza all’Unione è vantaggiosa e che il proprio Paese ne ha tratto beneficio (72%). Tuttavia, quasi un cittadino su due ritiene che le cose stiano andando nella direzione sbagliata, mentre solo uno su tre ritiene che stiano andando nella direzione giusta. In sedici Paesi, la maggioranza degli intervistati ritiene che le cose stiano andando nella direzione sbagliata.

Per mantenere la sua promessa di prosperità condivisa, il mercato unico deve soddisfare una serie di esigenze vitali che si rafforzano a vicenda.

ENRICO LETTA

Le difficoltà socio-economiche continuano a incidere sulla vita quotidiana degli europei: il 73% ritiene che il proprio tenore di vita diminuirà nel corso del prossimo anno, mentre il 47% afferma di aver già registrato un calo. Più di un terzo (37%) ha difficoltà a pagare le bollette a volte o per la maggior parte del tempo. Non è un caso che i cittadini ritengano che la lotta alla povertà e all’esclusione sociale e la salute pubblica siano le questioni cruciali a cui il Parlamento europeo dovrebbe dare priorità nella prossima legislatura, seguite dalla lotta al cambiamento climatico e dal sostegno all’economia.

Per mantenere la sua promessa di prosperità condivisa, il mercato unico deve soddisfare una serie di esigenze vitali che si rafforzano a vicenda.

Dobbiamo continuare a garantire la libera circolazione delle persone, ma anche la “libertà di restare”. Il mercato unico dovrebbe dare potere alle persone, anziché creare circostanze in cui si sentano obbligate a spostarsi per realizzare il proprio potenziale. La libera circolazione è un bene prezioso, ma deve essere una scelta, non una necessità.

Il mercato unico è un potente motore di crescita e prosperità, ma può anche essere fonte di disuguaglianza e povertà se i suoi benefici non sono ampiamente condivisi o, peggio, se porta a una corsa al ribasso degli standard sociali.

ENRICO LETTA

Come ha detto Jacques Delors in un’intervista del 2012, “ogni cittadino dovrebbe essere in grado di controllare il proprio destino”. Gli obiettivi del mercato unico dovrebbero essere allineati alla libertà di circolazione e alla libertà di rimanere nella comunità di propria scelta.

Il mercato unico è un potente motore di crescita e prosperità, ma può anche essere fonte di disuguaglianza e povertà se i suoi benefici non sono ampiamente condivisi o, peggio, se porta a una corsa al ribasso negli standard sociali. Una forte dimensione sociale del mercato comune può promuovere una prosperità inclusiva, garantendo opportunità eque e diritti dei lavoratori e contribuendo al contempo alla crescita.

Se vogliamo che l’Unione trovi il suo posto in questo “mondo più ampio”, dobbiamo facilitare una maggiore partecipazione delle piccole e medie imprese – la spina dorsale dell’economia dell’Unione – al mercato unico, per evitare che lo vedano come un ostacolo anziché come un’opportunità. Le PMI impiegano quasi due terzi della forza lavoro europea e rappresentano poco più della metà del suo valore aggiunto. Tuttavia, devono affrontare procedure burocratiche complesse, elevati oneri amministrativi e una mancanza di informazioni e servizi di supporto. Semplificare le procedure, fornire una consulenza adeguata e rendere le informazioni più facilmente accessibili contribuirebbe notevolmente alla prosperità delle PMI all’interno del mercato comune.

Inoltre, nonostante i recenti progressi, la frammentazione fiscale rimane un ostacolo importante. Un migliore allineamento attraverso un quadro fiscale armonizzato è essenziale per facilitare la libera circolazione di lavoratori, beni e servizi e per sostenere la crescita e gli investimenti privati. La lotta alla pianificazione fiscale aggressiva, all’evasione e alla frode fiscale è essenziale per garantire il finanziamento continuo di beni pubblici essenziali e di strumenti sociali adeguati. Infine, il rafforzamento delle norme di protezione dei consumatori è essenziale per costruire un mercato unico che funzioni per tutti. Non solo garantisce un accesso equo a beni e servizi in tutti gli Stati membri, ma favorisce anche un ambiente competitivo a vantaggio sia dei consumatori che delle imprese. Mentre l’UE continua ad adattarsi alle mutevoli preferenze dei consumatori e alle sfide economiche, forti tutele garantiranno la resilienza e l’integrità del mercato unico, assicurando che rimanga una pietra miliare della prosperità e dell’innovazione.

Un invito all’azione

È tempo di sviluppare una nuova bussola per guidare il mercato unico in questo complesso contesto internazionale. Le potenti forze del cambiamento – demografico, tecnologico, economico e geopolitico – richiedono risposte politiche innovative ed efficaci. Date le crisi e i conflitti in corso, è diventato urgente agire, soprattutto perché la finestra di opportunità per intervenire e rilanciare l’economia rischia di chiudersi nel prossimo futuro.

Questa relazione, che contiene raccomandazioni politiche per il futuro del mercato unico, mira a ispirare un vero e proprio appello all’azione tra l’opinione pubblica europea. Per ottenere il massimo impatto, dovrebbe essere attuato a livello di istituzioni europee, Stati membri, parti sociali e cittadini.

Queste conclusioni intendono sottolineare l’urgenza e l’importanza delle raccomandazioni proposte, nonché la necessità di un ampio impegno e di azioni concrete.

Data l’importanza cruciale del mercato unico per il rafforzamento della competitività europea, è essenziale che il Consiglio europeo svolga un ruolo decisivo nel portare avanti le riforme necessarie al suo completamento. Questa iniziativa dovrebbe essere un punto centrale dell’agenda della prossima legislatura, sottolineando il nostro impegno comune a rivitalizzare l’economia europea. Il Consiglio è invitato a delegare alla Commissione il compito di elaborare una strategia globale per il mercato unico. Questo piano dovrebbe articolare le azioni per eliminare le barriere esistenti, promuovere il consolidamento e rafforzare la competitività, in linea con le proposte della relazione. È essenziale che gli orientamenti politici fungano da catalizzatore per un rapido accordo tra il Consiglio e il Parlamento su un piano ambizioso, che comprenda una dettagliata valutazione d’impatto e un approfondito lavoro parlamentare a sostegno del processo. È inoltre necessario che il Comitato economico e sociale europeo e il Comitato europeo delle regioni diano priorità a queste iniziative di riforma nel loro ruolo consultivo, garantendo che il processo legislativo sia guidato da un’analisi completa e orientata alla pratica. Questo impegno collettivo non solo rafforzerà il mercato comune, ma garantirà anche che esso rimanga un pilastro della nostra resilienza economica e della nostra competitività globale.

Questa iniziativa dovrebbe essere un punto chiave dell’agenda della prossima legislatura, sottolineando il nostro impegno comune a rivitalizzare l’economia europea.

ENRICO LETTA

Al centro del modello sociale europeo, inaugurato da Jacques Delors con il dialogo di Val Duchesse nel 1985, c’era l’impegno a un forte dialogo sociale. Negli ultimi anni, l’essenza di questi dialoghi si è un po’ indebolita. Tuttavia, il dialogo sociale e la contrattazione collettiva rimangono strumenti unici che consentono ai governi e alle parti sociali di trovare soluzioni mirate ed eque. È essenziale riconoscere l’importante ruolo svolto dalle parti sociali nell’affrontare le sfide odierne, dal cambiamento climatico alla digitalizzazione. Promuovere condizioni di lavoro eque nel contesto del cambiamento dei modelli produttivi è essenziale per garantire che le transizioni siano ampiamente condivise e accettate. Il rinnovato impegno a rafforzare il dialogo sociale a livello dell’UE, illustrato dal rilancio del vertice di Val Duchesse promosso da Ursula von der Leyen nel suo discorso sullo Stato dell’Unione del 2023, rappresenta un cambiamento importante. Per trarre vantaggio da queste dinamiche, le norme che regolano il mercato unico devono lasciare spazio alla contrattazione collettiva e alle strutture di rappresentanza locale, e incoraggiare – o almeno non scoraggiare – l’auto-organizzazione di lavoratori e datori di lavoro. Lo stesso deve valere, a maggior ragione, per il processo legislativo.

Il mercato unico riflette le aspirazioni collettive dei suoi cittadini, che sono al centro della sua struttura. Dal 6 al 9 giugno, le elezioni europee forniranno un quadro chiaro della visione dei cittadini europei per il futuro. Il risultato non solo guiderà la direzione strategica, ma darà anche forma alle raccomandazioni dettagliate in questo rapporto. In questo momento critico, il Parlamento europeo ha la profonda responsabilità di guidare lo sviluppo e l’attuazione di un nuovo quadro forte per il mercato unico, garantendo che esso incarni pienamente i valori democratici e soddisfi le esigenze in evoluzione dei suoi cittadini.

Se il mercato comune deve rimanere il cuore e la forza trainante dell’integrazione europea, nessuna riforma, nessun concetto innovativo, nessun progresso reale sarà possibile, compreso e accettato senza la partecipazione attiva e l’impegno genuino dei cittadini.

ENRICO LETTA

Per rafforzare questo processo, sarebbe utile istituire una conferenza permanente dei cittadini per informare e sostenere il seguito di questa relazione. La Conferenza sul futuro dell’Europa ha indicato il desiderio dei cittadini di essere sistematicamente coinvolti nello sviluppo e nell’attuazione delle politiche pubbliche europee. In particolare, una delle proposte avanzate durante la sessione plenaria suggeriva di organizzare regolarmente assemblee di cittadini. Questo aspetto è stato ripreso dalla Presidenza della Commissione europea con le iniziative dei Pannelli dei cittadini, che sono destinate a diventare parte integrante della vita democratica europea, contribuendo a rafforzare le nostre democrazie. La Conferenza dei Cittadini potrebbe mettersi in contatto con le tre principali istituzioni dell’Unione e formulare raccomandazioni su come attuare questa relazione, offrendo così una prospettiva preziosa, sicuramente più ampia e fondata.

Se il mercato comune deve rimanere il cuore e la forza trainante dell’integrazione europea, nessuna riforma, nessun concetto innovativo, nessun progresso reale sarà possibile, compreso e accettato senza la partecipazione attiva e l’impegno genuino dei cittadini.

Il momento di agire è adesso. Dobbiamo lavorare tutti insieme per rafforzare il mercato unico e l’Unione europea.

FONTI
  1. Una versione inglese di questo testo può essere letta qui.
  2. Le politiche di gestione dello spettro per le frequenze utilizzate per i servizi mobili e fissi sono ancora frammentate. Mentre l’uso delle bande di frequenza è armonizzato a livello europeo, l’assegnazione delle frequenze segue ancora le regole nazionali, in termini di tempi, capacità e ripartizione dello spettro tra gli operatori e criteri di assegnazione (compresi i requisiti di copertura). Anche le norme sui livelli di emissione elettromagnetica e le politiche relative alle infrastrutture delle torri sono frammentate. Ciò impedisce la creazione di un mercato unico dello spettro e di operatori paneuropei su larga scala, riducendo gli investimenti e i benefici per gli utenti finali. Due possibili azioni per affrontare questi problemi nel breve e medio termine sono: garantire la convergenza dei limiti di esposizione sulla base della raccomandazione CE del 1999 sui livelli massimi di esposizione ai campi elettromagnetici (che deve essere regolarmente rivista per tenere conto delle evidenze scientifiche e dell’evoluzione delle linee guida internazionali) e l’adozione di una posizione unificata dell’UE sulle prossime decisioni riguardanti la banda superiore dei 6 GHz.

    Un’altra questione fondamentale è l’evoluzione dei mercati digitali globali e dell’architettura di Internet, e il conseguente rapporto sbilanciato tra gli operatori di TLC e le principali piattaforme online. Mentre la regolamentazione ha continuato a presupporre il dominio degli operatori di TLC nel mondo digitale, altri attori – come le grandi piattaforme online – hanno svolto il ruolo di gatekeeper dei servizi online e quindi di motori della domanda. In altre parole, l’attuale regolamentazione del settore ha introdotto significative asimmetrie normative tra gli operatori di TLC e i grandi gatekeeper in molti mercati emergenti rilevanti. I nuovi regolamenti sui servizi e i mercati digitali (DSA e DMA) hanno iniziato ad affrontare efficacemente questo squilibrio.

  3. Nel diritto europeo, i cosiddetti “28° regimi” sono quadri giuridici di norme dell’Unione che non sostituiscono le norme nazionali, ma possono costituire un’alternativa facoltativa ad esse.

CINA-STATI UNITI: CAPIRE LA DOTTRINA RAIMONDO, di ALESSANDRO ARESU

Una intervista molto significativa ed illuminante, tutta concentrata sugli aspetti di potenza della politica economica statunitense, ma che ignora completamente i problemi di coesione interna determinati da queste scelte. La conferma di una élite autoreferenziale. Giuseppe Germinario

CINA-STATI UNITI: CAPIRE LA DOTTRINA RAIMONDO

Non c’è alcuna distensione nella guerra dei capitalismi politici tra Stati Uniti e Cina. Questa settimana, Gina Raimondo, segretario al Commercio, ha tenuto un discorso molto aggressivo in cui ha illustrato la sua dottrina sulla protezione della conoscenza e della tecnologia americana nello scontro con la Cina. l’idea di fondo è che questa sia «la più grande minaccia» che gli Stati Uniti abbiano mai affrontato. Da leggere per capire le ambizioni e i paradossi della nuova strategia statunitense.

AUTORE
ALESSANDRO ARESU

COVER
© ERIC RISBERG/AP/SIPA

Ecco un discorso di grande rilievo per la comprensione del capitalismo politico degli Stati Uniti e delle sue sfide. Gina Raimondo, segretaria al Commercio degli Stati Uniti, e Jensen Huang, presidente e CEO di Nvidia, di cui si parla a lungo in questa intervista realizzata al Reagan National Defence Forum, saranno tra i protagonisti del mio libro sull’intelligenza artificiale, che sarà pubblicato nel 2024.

Anzitutto, un aspetto significativo di per sé è la presenza di Gina Raimondo al Reagan National Defense Forum, un appuntamento col motto «promoting peace through strength» ispirato all’eredità del presidente Reagan, e che nel 2023 festeggia il suo decennale. La stessa evoluzione del Reagan National Defense Forum in questi 10 anni è importante per comprendere l’evoluzione degli Stati Uniti: all’inizio popolato soprattutto da generali, esperti di strategia militare e aziende della base industriale della difesa, nel corso del tempo si è aperto sempre di più alla tecnologia, ospitando tra l’altro imprenditori come Jeff Bezos e Alex Karp di Palantir. Gina Raimondo, qui intervistata da Morgan Brennan (una delle presentatrici più famose di CNBC) è il primo segretario al Commercio a intervenire al Reagan National Defense Forum e, come dice lei stessa, non è certo l’ultimo.

La sua retorica offensiva mette in crisi qualsiasi idea di distensione tra Stati Uniti e Cina. Se da un lato sottolinea la necessità di mantenere aperti i canali di comunicazione tra i due Paesi, per evitare una pericolosa escalation, dall’altro ciò che conta è soprattutto proteggere la sicurezza nazionale americana, difendendosi dallo spionaggio e dall’acquisizione tecnologica cinese. Ma questa esigenza di protezione si scontra con un altro imperativo dell’economia americana: la libertà e l’indipendenza concesse alle aziende per innovare e cercare nuovi mercati. È su questa linea di faglia che si sviluppa la dottrina Raimondo, che l’autrice descrive dettagliatamente in questa intervista fondamentale per comprendere le nuove prospettive della guerra dei capitalismi politici.

Questa è la prima volta che un segretario al Commercio partecipa al Reagan National Defense Forum, una delle conferenze più importanti dell’anno in materia di difesa. Credo che la sua presenza qui evidenzi il crescente legame tra le politiche industriali, economiche e tecnologiche in materia di sicurezza nazionale. Pertanto, vorrei iniziare chiedendo perché il dipartimento del Commercio dovrebbe assumere una responsabilità più ampia nelle questioni di sicurezza nazionale.

È ampiamente riconosciuto che la capacità di difesa del nostro Paese va ben oltre gli armamenti militari come cannoni, missili, carri armati e droni. I progressi della tecnologia e dell’innovazione, così come la collaborazione con i nostri alleati, sono allo stesso titolo parte integrante della nostra difesa nazionale. In tutta franchezza, la nostra sicurezza nazionale dipende dalla nostra sicurezza economica. Una nazione non può essere considerata potente in materia di difesa se non possiede l’economia più competitiva del mondo e se non è leader in termini di innovazione.

Non è solo in patria che la nostra presenza è desiderata, ma anche all’estero. I nostri alleati di tutto il mondo ci cercano per scopi militari e di impiego in regioni come l’Indo-Pacifico e il Sud America. Ho avuto il piacere di unirmi al generale Richardson in una recente visita a Panama e l’anno prossimo mi recherò nelle Filippine con il comandante Aquilino. Nel frattempo, i nostri concorrenti, in particolare la Cina, continuano a fornire sostegno finanziario, infrastrutture e opportunità di lavoro. E se vogliamo vincere, dobbiamo farci vedere.  Infatti, sono stato felice di andare a Panama con il generale Richardson qualche mese fa. L’anno prossimo andrò nelle Filippine con il comandante Aquilino. La competizione sulla prosperità economica e sulle opportunità è importante tanto quanto la pura potenza militare, per proteggere la nostra sicurezza nazionale e mantenere il nostro posto nel mondo.

La visione espressa nei suoi interventi da Gina Raimondo torna spesso sulla sicurezza economica come fondamento della sicurezza nazionale. Ormai è chiaro a tutti che l’amministrazione Biden ha fornito grandi enfasi a concetti sempre presenti nel dibattito statunitense ma sottovalutati. Per esempio, ancora nel 2016 in War by other means: geoeconomics and statecraft, l’ambasciatore Robert Blackwill e Jennifer Harris, già special adviser del Presidente e senior director sull’economia internazionale nel National Security Council nell’amministrazione Biden, osservavano quanto l’arte della sicurezza economica fosse stata dimenticata nella politica estera recente degli Stati Uniti. Dopo Made in China 2025 e la sua risposta, viviamo ormai in un’epoca completamente diversa, dove il tema è piuttosto la presenza onnicomprensiva della sicurezza economica, che diviene anche, come nella riflessione di Raimondo, la «cassetta degli attrezzi» principale nella politica estera e nella politica di difesa, nel rapporto con gli alleati e con alcune aree contese nella grande sfida con Pechino.

È un riflesso di quanto il mondo sia cambiato o del fatto che la politica degli Stati Uniti avrebbe dovuto essere più aggressiva già da tempo per quanto riguarda questa intersezione?

È una domanda importante. Credo che la sicurezza nazionale si sia sempre basata sulla sicurezza economica. Detto questo, la tecnologia è più importante che mai per la nostra sicurezza nazionale e il dipartimento del Commercio è al centro della politica dell’amministrazione in materia di tecnologia e innovazione. Man mano che le forze armate statunitensi fanno sempre più affidamento sulla tecnologia – in settori quali intelligenza artificiale, spectrum strategy, supercomputing, cybersicurezza e semiconduttori – cresce l’importanza della tecnologia per la nostra sicurezza nazionale. Il dipartimento del Commercio, che gestisce la politica governativa sull’intelligenza artificiale, controlla le esportazioni e impedisce alla Cina e ad altri avversari di accedere alle tecnologie più avanzate del Paese. Inoltre, siamo a capo della politica governativa sulle tecnologie spectrum. Poiché la tecnologia si intreccia sempre più con la difesa nazionale, è fondamentale investire nella capacità dei semiconduttori e impedire alla Cina l’accesso alla tecnologia. Il dipartimento del Commercio guida questi sforzi: questo è più importante che mai perché la tecnologia è oggi più importante di quanto sia mai stata.

Come state istituzionalizzando questo ruolo di sicurezza nazionale? Come assicurate che queste politiche abbiano un impatto duraturo o almeno che stabiliscano le basi o un precedente per le discussioni, i dibattiti e gli approcci futuri tra le varie amministrazioni, indipendentemente dalle affiliazioni politiche?

Potrei essere il primo segretario al Commercio in questa posizione, ma di certo non sarò l’ultimo. Credo che il nostro approccio ai controlli sulle esportazioni non sia una tendenza passeggera. Abbiamo attuato una strategia innovativa e assertiva su questo tema. Nell’ottobre dello scorso anno, il Bureau of Industry and Security, guidato dal Sottosegretario Estevez, ha stabilito un regolamento senza precedenti: per la prima volta abbiamo negato alla Cina l’accesso a una serie di semiconduttori e apparecchiature.

Continueremo a procedere in questa direzione: stiamo costruendo un team. Ora lavorano per me persone che non lavoravano nel dipartimento del Commercio e che si occupavano semplicemente di semiconduttori. Stiamo aumentando la nostra capacità tecnica presso il BIS per quanto riguarda l’intelligenza artificiale. Penso quindi che stiamo rafforzando il dipartimento del Commercio per affrontare queste sfide, e penso che questo sforzo sia destinato a rimanere.

La visione di Raimondo porta nel concreto dell’attività di policy le riflessioni sull’allargamento della sicurezza nazionale sviluppate tra l’altro da Jake Sullivan e riprese da Le Grand Continent nella riflessione sulle fratture della guerra estesa. Va nel concreto perché mostra il ruolo che deve avere una burocrazia statale per perseguire obiettivi di politica industriale e sicurezza nazionale. Il dipartimento del Commercio degli Stati Uniti si trova da tempo al centro delle tensioni con la Cina, con una enorme produzione di attività regolatoria relativa in particolare ai controlli sulle esportazioni e con la sperimentazione di politica industriale del Chips and Science Act in particolare, ma in futuro anche con le attività sugli standard e su altri temi richiesti dalle politiche sull’intelligenza artificiale. Si tratta di compiti molto ampi e che richiedono competenze tecniche profonde. Qui Raimondo fa un’operazione allo stesso tempo di trasparenza e di debolezza. Trasparenza perché dice chiaramente che per avere questo nuovo ruolo, lo Stato deve avere più risorse e più soldi. Debolezza perché la rivendicazione di 100 persone che lavorano sui semiconduttori non sembra poi granché rispetto all’entità della sfida. E perché chiedere più risorse in questo modo genera un forte rischio: che agli annunci non seguano i fatti. Da un lato, è vero che forse l’unico punto di vero consenso della politica statunitense, al Congresso, è il contrasto con la Cina. Dall’altro lato, una cosa è andare contro la Cina negli annunci roboanti dei politici, un’altra è alimentare una burocrazia statale, fatto che in particolare tra i Repubblicani genera sempre resistenze. Non a caso Global Times, nel suo commento alle parole di Raimondo, ha notato il punto dei fondi federali.

MOSTRA DI PIÙ

Per i membri del Congresso che sono qui presenti, dirò che il BIS ha lo stesso budget di dieci anni fa. Abbiamo il doppio delle richieste di licenza. Ricevo continuamente telefonate da membri del Congresso, democratici e repubblicani: perché non fate di più? Perché non state vigilando di più sull’intelligenza artificiale? Perché non controllate di più i semiconduttori? Sono d’accordo con voi. Ho un budget di 200 milioni di dollari, che è paragonabile al costo di qualche jet da combattimento. Se vogliamo seriamente proteggere gli Stati Uniti, dobbiamo finanziare questa operazione in modo adeguato per adempiere alle nostre necessarie responsabilità.

Lei ha parlato di controlli sulle esportazioni e proprio di recente avete introdotto nuove regole aggiornate per i controlli sulle esportazioni di chip. Perché si è reso necessario?

Non possiamo permettere alla Cina di ottenere questi chip. Punto. Ascoltate, ecco la cosa sorprendente: so che qui ci sono molti membri del settore privato e molti imprenditori. L’America è leader mondiale nell’intelligenza artificiale. Punto. L’America è leader mondiale nella progettazione di semiconduttori avanzati. Punto. Questo grazie al nostro settore privato. Perché abbiamo grandi innovatori. Ed è anche merito del nostro settore pubblico, che investe in questi campi.

Siamo un paio d’anni avanti alla Cina. Non possiamo permettere che ci raggiungano. Non possiamo permetterle di raggiungerci. Quindi negheremo loro la nostra tecnologia più avanzata. So che tra il pubblico ci sono amministratori delegati di aziende produttrici di chip che erano un po’ irritati quando l’ho fatto, perché stavano perdendo entrate: proprio come la vita, la protezione della nostra sicurezza nazionale è più importante delle entrate a breve termine. Ed è questo che faremo.

Il punto del rapporto tra pubblico e privato è centrale nel capitalismo politico americano e ancor più in questa fase storica, nella guerra dei chip. Da un lato, gli Stati Uniti contro la Cina, nei loro provvedimenti, fanno leva sulla loro grande forza nella filiera: aziende leader mondiali che operano su Electronic Design Automation, sul design dei chip, sui macchinari. Un primato che Raimondo apprezza e rivendica. Allo stesso tempo, a queste stesse aziende la sicurezza nazionale chiede un pesante sacrificio: quello del mercato cinese, che per la centralità della Cina nella manifattura e nell’assemblaggio dell’elettronica, ha un peso significativo. Anche se varia a seconda dei casi, il mercato cinese può pesare il 20-30% dei ricavi, ma molto di più come mercato di passaggio. La sicurezza nazionale è superiore ma ha questo vincolo.

MOSTRA DI PIÙ

Vi dirò: questa roba – e con «questa roba» intendo supercomputer, tecnologia AI, chip per l’AI – nelle mani sbagliate è letale quanto qualsiasi arma che potremmo fornire. Perciò dobbiamo essere seri se vogliamo affrontare questa minaccia ed essere seri nell’applicazione della legge. L’altra cosa per cui abbiamo bisogno di risorse al dipartimento del Commercio è l’applicazione della legge. Ogni minuto di ogni giorno, la Cina si sveglia cercando di capire come aggirare i nostri controlli sulle esportazioni. Questo ci impone di rafforzare continuamente i nostri controlli e di aumentare gli sforzi di applicazione insieme ai nostri alleati, tra cui gli olandesi, i giapponesi e gli europei.

Il nostro approccio deve includere anche una strategia multilaterale simile a quella della Cocom durante la Guerra Fredda per combattere la minaccia rappresentata dalla Cina. Un approccio multilaterale ai controlli sulle esportazioni è essenziale per affrontare efficacemente questa sfida.

Il discorso di Raimondo, nel riferimento al multilateralismo dei controlli sulle esportazioni, fa anche un riferimento al COCOM e ai meccanismi della guerra fredda. Come ha dimostrato Hugo Meijer nei suoi studi fondamentali, tra cui in particolare «Trading with the Enemy», il caso del commercio con la Cina è comunque profondamente diverso. Ma è interessante considerare i vari riferimenti al multilateralismo e agli alleati nella dottrina di Gina Raimondo. I suoi discorsi menzionano in modo esplicito alcune delle principali «potenze» della filiera dei semiconduttori, il Giappone, la Corea del Sud, i Paesi Bassi e la Germania, per la presenza di alcune aziende chiave. A questi alleati si chiede una maggiore collaborazione e una sorta di «prova» della fedeltà agli Stati Uniti.

MOSTRA DI PIÙ

Si è criticato il fatto che i controlli sulle esportazioni si siano spinti oltre il necessario. Si è anche criticato il fatto che non si siano spinti abbastanza in là. Che fatto influenzano il processo decisionale in materia? È ancora in fase di revisione? State pensando di cambiarlo o di adattarlo in tempo reale?

È difficile trovare un equilibrio. Alan [Davidson, Assistente segretario al Commercio per le Comunicazioni e l’Informazione dal 14 gennaio 2022] ed io discutiamo spesso di questo problema. Se si esagera con i controlli sulle esportazioni, si ostacolano i flussi di reddito delle imprese statunitensi, impedendo loro di innovare. Inoltre, è doppiamente problematico se queste misure vengono attuate senza i nostri alleati. A cosa serve limitare le entrate delle imprese americane se la Cina ottiene la stessa tecnologia dai tedeschi, dagli olandesi, dai giapponesi o dai coreani?

Se non riusciamo a tracciare una linea di demarcazione, la Cina può ottenere la nostra tecnologia e usarla per la simulazione nucleare o per qualsiasi altra cosa voglia. Le capacità tecnologiche delle forze di combattimento di oggi sono più grandi di quanto siano mai state. Ecco perché il commercio è così importante. Tuttavia, devo ammettere che non so se possiamo mai essere perfetti o se siamo già a quel punto. Per questo dico al mio team che dobbiamo mantenere un dialogo costante con l’industria. Manteniamo una conoscenza aggiornata della tecnologia attraverso un dialogo continuo con i nostri colleghi del Pentagono. Devo fare un grande applauso al segretario Austin, che è stato un partner straordinario per me. Dobbiamo solo essere fedeli e disciplinati nel nostro processo per essere certi di metterci costantemente alla prova: stiamo facendo abbastanza? Non stiamo facendo abbastanza? Inoltre, una delle cose che sto facendo al dipartimento del Commercio è quella di rafforzare la nostra capacità tecnica, in modo da conoscere la tecnologia come chiunque altro.

I produttori di chip cinesi stanno accumulando apparecchiature. Per averne la prova, basta guardare il nuovo smartphone di Huawei uscito un paio di mesi fa per capire che si stanno muovendo rapidamente in questo senso. Quanto velocemente potete contrastarli quando dovete adottare un approccio ponderato? State parlando con l’industria e avete un team che sta crescendo con un budget di 200 milioni di dollari. Ma c’è un limite alla vostra velocità?

L’evoluzione della natura della minaccia richiede un cambiamento corrispondente nel nostro approccio. In passato, il BIS si è basato sulla Entity list: Huawei, ad esempio, è un campione nazionale cinese, quindi è presente nella Entity list. Inoltre, è stato verificato che SMIC (Semiconductor Manufacturing International Corporation) e altre aziende cinesi sostengono l’esercito cinese e quindi sono anch’esse presenti nella lista. Tuttavia, il problema di questo approccio è che porta a un costante «acchiappa la talpa» in cui è vietato a vendere a un’azienda, quindi Huawei crea un’altra azienda.

Parlando di Huawei e SMIC, Raimondo ricorda che i controlli sulle esportazioni e le «liste» del dipartimento del Commercio e della sua fondamentale agenzia, il Bureau of Industry and Security, sono strumenti potenti, con effetti rilevanti sul mercato sulla base di esigenze di sicurezza nazionale, ma non sono onnipotenti. Le sanzioni e i controlli sulle esportazioni creano sempre incentivi per il loro aggiramento e, per quanto riguarda la Cina, per il rafforzamento di una filiera interna, con una «chiusura del cerchio» rispetto ai mercati di riferimento (smartphone, apparecchiature di telecomunicazione, data center, attività industriali e di automazione, automotive) dove la Cina ha un ruolo di primo piano. L’aggiramento avviene attraverso il dinamismo delle aziende che vengono colpite, come Huawei e SMIC: le aziende si collocano all’interno di un ecosistema dove «vengono fuori» ulteriori attori, ignoti alle liste nere, e che creano nuovi rapporti commerciali interni alla Cina ma anche nuove opportunità di mercato, fuori dalla sicurezza nazionale, per le aziende degli Stati Uniti. In sintesi: nessuna lista è onnipotente e autosufficiente.

MOSTRA DI PIÙ

Il nostro obiettivo, come dimostrato il 7 ottobre, è quindi quello di implementare controlli a livello nazionale. Dobbiamo essere più intelligenti sulle tecnologie in cui siamo più avanti rispetto alla Cina. Sono in grado di fare cose molto dannose e noi vogliamo impedire all’intero Paese l’accesso a questa classe di apparecchiature. Questo è un esempio di come stiamo innovando il nostro approccio per far fronte alla minaccia, perché se ci si limita a un approccio di tipo «acchiappa la talpa», sappiamo che non appena un’azienda finisce nell’elenco, la Cina creerà un’altra filiale nel giro di una settimana.

Penso che stiamo diventando più seri per quanto riguarda i controlli a livello nazionale e, non lo dirò mai abbastanza, dobbiamo diventare ancora più seri nel lavorare con i nostri alleati. Non va bene se neghiamo qualcosa alla Cina e i giapponesi o i tedeschi vendono loro componenti per realizzare strumenti EUV (litografia ultravioletta estrema). Dobbiamo quindi agire più seriamente, in modo che sia più difficile. Niente è perfetto: i cinesi faranno di tutto per trovare scappatoie, ma noi dobbiamo essere più veloci, più agili e pensare in modo diverso alle nostre strategie.

Un’altra domanda prima di andare avanti: l’industria o la semi-industria statunitense è d’accordo? L’ho chiesto perché non voglio citare nessuna azienda in particolare, ma questa settimana è stata diffusa la notizia che l’enfant prodige dell’intelligenza artificiale, Hoster, e Nvidia hanno sviluppato un nuovo chip conforme alle regole per le esportazioni, l’H20, per la Cina. Il chip dovrebbe essere lanciato all’inizio del prossimo anno e soddisfare i requisiti di controllo delle esportazioni. Ma quando si vede l’adattabilità di questa dinamica in un mercato globale per le aziende americane, significa che la conversazione con l’industria deve cambiare o evolversi più di quanto non abbia fatto attualmente?

Questo è un punto valido. Vorrei rivolgermi all’industria presente. L’industria è allineata con questa prospettiva? Sì, ma il loro obiettivo primario è la generazione di entrate. Sono convinta che la democrazia sia vantaggiosa per le imprese, comprese quelle del settore. Lo stato di diritto qui e nel mondo è positivo per le aziende. Potrebbe doverci essere una brutta telefonata agli azionisti, ma a lungo termine vale la pena che lavoriate con noi per difendere la sicurezza nazionale del nostro Paese. Se tra dieci anni non venderete più in Cina, non sarà a causa dei nostri controlli sulle esportazioni, ma perché la Cina vi sta escludendo perché vuole compiere il decoupling, non a causa del mio operato.

Dobbiamo quindi tenere gli occhi ben aperti sulla minaccia rappresentata dalla Cina e collaborare per garantire la forza delle nostre aziende e la protezione della nostra sicurezza nazionale. Sebbene l’industria si sia dimostrata collaborativa e disponibile e le nostre relazioni siano buone, dobbiamo riconoscere la naturale tensione insita nel nostro lavoro.

Per quanto riguarda i controlli sulle esportazioni, vorrei sottolineare la necessità di andare oltre i tradizionali metodi di coinvolgimento del settore. Storicamente, il dipartimento del Commercio traccia una linea di demarcazione. Come abbiamo fatto con Nvidia: abbiamo tracciato una particolare linea di demarcazione. Non sorprende che nel giro di pochi mesi Nvidia abbia rilasciato un nuovo chip appena al di sotto di quella linea di demarcazione. Bene, questo è ciò che fa l’industria, questo è ciò che abbiamo insegnato loro, questo è il modo in cui funziona il controllo delle esportazioni.

Qui arriviamo al cuore della riflessione di Gina Raimondo e al vero dilemma del capitalismo politico degli Stati Uniti. Il segretario al Commercio cerca un nemico che non potrà mai battere: Jensen Huang, co-fondatore e amministratore delegato di NVIDIA, l’azienda divenuta leader dei semiconduttori non solo per una capitalizzazione che l’ha proiettata oltre i 1. 000 miliardi (quello che in inglese si chiama «trillion company») ma anche per i ricavi, almeno in questa fase del 2023, quindi sopra Intel, Samsung e TSMC. La potenza di NVIDIA nell’era dell’intelligenza artificiale non può essere sottovalutata. Inoltre, l’azienda non deve nulla del suo successo ai sussidi e agli incentivi degli Stati Uniti. Jensen Huang, così come gli altri operatori, riconosce l’esistenza della sicurezza nazionale ma vuole continuare a vendere in Cina. Finché il governo degli Stati Uniti porrà limiti tecnici, i tecnici di NVIDIA, con capacità immensamente superiori a quelle molto limitate dei tecnici del governo, sapranno adattarsi a quei limiti, per tenere un mercato e fornire prodotti, perché hanno paura (una paura relativa, vista la potenza di NVIDIA, ma sempre esistente) che decine di aziende in Cina, potenzialmente concorrenti, possano insediarle. È quello che NVIDIA sperimenta già, perlomeno in parte, con Huawei. Questo continuerà ad essere un problema, che non può essere risolto dalla «dottrina Raimondo».

La politica degli Stati Uniti dirà «dobbiamo impedire gli avanzamenti di intelligenza artificiale dell’esercito cinese». Ma NVIDIA spiegherà loro che l’intelligenza artificiale può essere abilitata da qualunque scheda grafica delle loro generazioni attuali, e di quelle precedenti, quindi questo contrasto è destinato a rimanere.

Se arrivano gli ingegneri del dipartimento del Commercio che lavorano per Gina Raimondo a dire a NVIDIA «collaboriamo insieme, lavoriamo per la sicurezza nazionale», a loro sarà sempre riservato il trattamento della battuta resa celebre proprio da Ronald Reagan: «Le parole più terrificanti della lingua inglese sono: Sono del governo e sono qui per aiutare». L’era del capitalismo politico non ha cambiato questo fatto e non lo cambierà perché il governo non saprà mai fare quello che ha saputo fare e che sa fare Jensen Huang.

MOSTRA DI PIÙ

Questo approccio non è produttivo. Invece, Alan e io stiamo sviluppando un nuovo modo di avere un dialogo continuo con l’industria, in cui i nostri ingegneri possono confrontarsi con i loro ingegneri. Il nostro messaggio è chiaro: vogliamo limitare la tecnologia che può consentire alla Cina di svolgere le attività XYZ. Quindi vi dico che se riprogettate un chip per superare una particolare linea di demarcazione e che permette alla CIna di fare IA, io lo controllerò il giorno dopo. Dobbiamo quindi arrivare a dire all’industria: il nostro obiettivo di sicurezza nazionale è quello di non avere la «salsa speciale» all’AI all’interno del vostro chip, ad esempio, quindi non fatelo e basta.

Si tratta quindi di una nuova discussione, in quanto il semplice tracciare una linea e far lavorare l’ingegnere intorno ad essa è insufficiente. Dobbiamo stabilire un continuo scambio di informazioni con l’industria, in cui comunicare chiaramente le nostre intenzioni e gli effetti desiderati, quasi come l’intenzione del comandante. Dobbiamo instaurare un continuo botta e risposta con l’industria, in cui comunichiamo chiaramente le nostre intenzioni e gli effetti desiderati, quasi come l’intenzione del comandante. Poi, l’industria deve adeguarsi.

Il dipartimento del Commercio sta svolgendo un ruolo cruciale nell’innovativo ordine esecutivo del Presidente sull’intelligenza artificiale, che ci porta al centro della conversazione sull’IA. Nonostante le discussioni sulle minacce di accelerazione e sulla competizione tra grandi potenze, in cui sappiamo che questa tecnologia sarà importante non solo oggi ma anche in futuro, è essenziale garantire che vengano posti dei guard rail per regolamentare la capacità dell’IA. Abbiamo parlato con lei il giorno in cui è stato presentato l’ordine esecutivo; con quale rapidità verrà attuato e quanto è significativo fornire questi guard rail?

Il dipartimento del Commercio è al centro della strategia del Presidente per l’IA. Abbiamo due ruoli. Il primo è quello di negare alla Cina l’accesso alla nostra IA, come discusso in precedenza con il BIS. Tuttavia, ritengo che il nostro ruolo più significativo sia quello di essere proattivi, investendo nell’industria attraverso il Chips Act e collaborando con loro per aiutarli a correre più velocemente in modo da superare la Cina.

Circa un mese fa, mi sono recata all’Istituto per la sicurezza dell’IA presso il dipartimento del Commercio con l’obiettivo di collaborare con l’industria, il Congresso e i responsabili politici per determinare i guard rail necessari. Vale la pena notare che nella Silicon Valley esiste una prospettiva che favorisce la filosofia del «move fast and break things». Quando si ha a che fare con l’IA, rompere le cose non è un’opzione, perché è pericoloso.

Il chiaro riferimento è al famoso motto di Facebook «move fast and break things» e ai danni che ha generato. Ma è rivolto anche all’attuale dibattito sulle regole dell’intelligenza artificiale, e la posizione di influenti figure della Silicon Valley, a partire da Marc Andreessen, co-fondatore e General Partner della società di venture capital Andreessen Horowitz, che manifesta e argomenta una posizione in cui, per creare ricchezza e trainare l’innovazione, le aziende del motore tecnologico americano devono essere lasciate in pace dal governo.

MOSTRA DI PIÙ

Dobbiamo quindi trovare un equilibrio di guard rail, assicurandoci che questi modelli non finiscano nelle mani di attori non statali e di malintenzionati. Dobbiamo anche assicurarci che i modelli facciano ciò che pensiamo che faranno. È una cosa enorme che persino gli sviluppatori non siano consapevoli di ciò che i modelli possono fare. Quindi serve sicurezza, ma dobbiamo essere molto attenti, perché non possiamo esagerare altrimenti soffochiamo l’innovazione e l’America ha raggiunto la sua posizione di leader grazie all’innovazione e dobbiamo continuare a coltivare questo approccio. L’Europa è molto indietro rispetto a noi, la Cina è ancora indietro. Ancora una volta, è delicato e complicato.

Importante e interessante che Raimondo, anche se cita Germania e Paesi Bassi come potenze dei semiconduttori, ribadisca la questione che gli europei sottovalutano sistematicamente, ovvero l’enorme ritardo europeo sulla tecnologia. Raimondo dice «l’Europa è dietro di noi» sull’intelligenza artificiale e in questo modo esprime una posizione pressoché unanime nel dibattito degli Stati Uniti, e che Eric Schmidt a Harvard in dialogo con Graham Allison ha espresso molto nettamente l’11 ottobre 2023, deridendo sostanzialmente l’Europa per il suo approccio all’intelligenza artificiale, privo di capacità industriale.

MOSTRA DI PIÙ

Lo dico: quando mi guardo allo specchio, mi chiedo costantemente come posso gestire un dipartimento del Commercio più innovativo nell’era dell’IA. Penso che tutti i membri del governo debbano farlo. Il governo in generale è troppo lento nel capire come acquistare software, come acquistare l’IA e come utilizzare positivamente l’IA in ciò che facciamo. E in qualche momento penso ancora un po’ che ci troviamo di fronte a un gioco a somma zero: cosa vogliamo fare: rendere possibile l’innovazione e l’industria o proteggere la nostra sicurezza nazionale? È un modo di pensare antiquato. Non possiamo avere questo gioco a somma zero. Dobbiamo fare entrambe le cose: far sì che l’industria possa continuare a superarsi per innovazione e proteggere la nostra sicurezza nazionale.

Quindi cosa significa nella pratica? Perché la Cina potrebbe essere in ritardo rispetto a noi in termini di adesione agli stessi standard etici, alle stesse barriere di sicurezza o allo stesso approccio ai dati.

Non vogliamo essere il minimo comune denominatore. Siamo un Paese che dà valore alla privacy, ai diritti, ai diritti umani. Nulla di tutto ciò sta cambiando. Quindi possiamo fare entrambe le cose. È questo che rende grande l’America. Possiamo fare entrambe le cose e le faremo. Dobbiamo investire in ricerca e sviluppo, formazione professionale e capacità tecnica, collaborando con l’industria per promuovere l’innovazione. Inoltre, dobbiamo implementare dei guardrail per evitare di impegnarci in pratiche non etiche e per proteggere la nostra tecnologia.

Lo spionaggio sponsorizzato dallo Stato per avere accesso alla nostra tecnologia è reale, ma dobbiamo sviluppare un nuovo modello per affrontare la minaccia che la Cina rappresenta. Dobbiamo avere un nuovo modello di collaborazione tra il dipartimento del Commercio e il Pentagono, tra il governo e l’industria, tra le università e la base industriale della difesa. Deve essere un modello più moderno se vogliamo affrontare le sfide necessarie.

In questo passaggio del suo intervento, Raimondo fa riferimento al «nuovo modello» di cui c’è bisogno a suo avviso per fare fronte alla minaccia cinese. Siccome la minaccia cinese è in continua evoluzione, perché usa le capacità industriali e di ecosistema, nel rapporto col governo, per adattarsi ai controlli sulle esportazioni degli Stati Uniti, allora gli Stati Uniti non possono avere un modello di capitalismo politico a silos, dove ogni attore del sistema persegue solamente i suoi interessi, ma devono lavorare sull’integrazione: tra il Commercio e il Pentagono, appunto, ma anche tra pubblico e privato e nel circolo della comunicazione tra le aziende della difesa e le capacità del mondo della ricerca e dell’università.

MOSTRA DI PIÙ

Questo ci porta al pacchetto di pianto del Chips Act. Credo che in questa sala ci siano molte persone che sono molto curiose di sapere quando inizieranno a essere erogati i finanziamenti.

A questo punto, da un giorno all’altro. Ho un’intera squadra a casa che sta lavorando in questo momento e mi sono messa in contatto con tutti loro stamattina presto. Lo dico in tutta serietà: sono entusiasta di fare un annuncio prima della fine dell’anno, con un flusso continuo di annunci previsti per il primo trimestre o la prima metà del prossimo anno.

Il dipartimento del Commercio, al momento dell’approvazione della legge, non era attrezzato per gestire questo compito. Di conseguenza, abbiamo dovuto licenziare 110 dipendenti eccezionali, tra cui alcuni dei migliori investitori, analisti del mercato del credito, analisti industriali e ingegneri d’America. Come già accennato, la tempistica dovrebbe essere soddisfacente. Abbiamo costruito tutto questo partendo da zero e sono estremamente orgogliosa del lavoro di alta qualità che stiamo svolgendo per proteggere il denaro dei contribuenti.

Voglio dire questo, soprattutto ai membri del pubblico che potrebbero fare domanda per i fondi del Chips Act: vi darò delusioni, perché i fondi non sono sufficienti. Abbiamo solo 39 miliardi di dollari per questi incentivi alle imprese e io ho una missione di sicurezza nazionale da onorare.

Sì, vogliamo creare posti di lavoro in America, sì, abbiamo bisogno della produzione in America. Fondamentalmente, questa è un’iniziativa di sicurezza nazionale. Oggi gli Stati Uniti d’America non producono chip all’avanguardia sulle nostre coste. Avete citato Nvidia: tutti i loro chip sono prodotti a Taiwan. Tutti. Non c’è bisogno di dire a nessuno dei presenti i rischi legati a Taiwan o alla Cina. Quindi, alla fine della giornata, farò del mio meglio per allungare questo capitale, essere creativo e dare a tutti un buon numero. Ma alla fine della giornata, per poter dormire la notte, devo soddisfare la missione di sicurezza nazionale e questo significa assicurarci di produrre abbastanza chip Leading Edge, di avere abbastanza packaging avanzato, abbastanza chip maturi per la base industriale della difesa negli Stati Uniti d’America, è una missione di sicurezza nazionale che dobbiamo realizzare con questo denaro.

Ha citato i rischi legati a Taiwan, che avrebbero un impatto su aziende come Nvidia, Apple e numerose altre economie se la Cina intervenisse nel prossimo futuro. Inoltre, se si verificasse un’inflazione della catena di approvvigionamento a seguito di una pandemia, l’interruzione economica sarebbe molto più grave in quella situazione. Quindi, sareste in grado di avviare rapidamente la produzione nazionale, soprattutto perché le fabbriche sono complesse e richiedono anni per essere realizzate?

Ancora una volta ha colto nel segno. Non possiamo muoverci abbastanza velocemente. Non so se e quando la Cina farà una mossa su Taiwan e per molti versi non posso verificarlo se il nostro dipartimento della Difesa fa uno straordinario lavoro di deterrenza. Quello che posso controllare è la velocità con cui corriamo in America. Quindi devo pensare al peggio e andare il più veloce possibile, ed è per questo che inizieremo a far circolare questi soldi all’inizio del prossimo anno. Ci stiamo lavorando.

Vorrei esprimere la mia gratitudine a tutte le aziende marittime presenti che hanno voluto partecipare. Abbiamo partner fantastici che lavorano con noi in modo collaborativo. Non si tratta semplicemente di presentare domande e ricevere risposte. C’è un continuo andirivieni tra noi, mentre discutiamo i loro progetti e come possono essere perfezionati per soddisfare le nostre esigenze di sicurezza nazionale. Per questo motivo ho citato l’Advanced packaging come esempio. Sono molto soddisfatto della situazione e il nostro atteggiamento è chiaro. Ne abbiamo bisogno per la sicurezza nazionale dell’America, quindi cerchiamo di determinare il modo più rapido ed efficiente per raggiungere l’obiettivo e portarlo a termine.

Ho altre due domande per lei. La prima è che stiamo parlando molto di chip. Ci sono altri prodotti o tipi di tecnologie di origine statunitense a cui state guardando in modo simile in questo momento?

Sicuramente, nei settori delle biotecnologie, dei modelli di IA, dei prodotti di IA, del cloud computing e del supercalcolo, la risposta è sì. Ancora una volta, man mano che la tecnologia diventa sempre più avanzata e l’intelligenza artificiale ne guida lo sviluppo, credo che il BIS diventerà presto – se non lo è già – il posto più entusiasmante in cui lavorare nel governo federale. La nostra attenzione si concentrerà su come far progredire e controllare efficacemente l’IA e tutto ciò che ne deriva, per avere successo.

Il Bureau of Industry and Security, un tempo un’oscura agenzia del dipartimento del Commercio dedicata in prevalenza ai controlli sulle esportazioni che non interessavano a nessuno, è stata catapultata al centro dell’attenzione dal conflitto tra Stati Uniti e Cina, come ho mostrato dal 2018 nelle mie analisi sul capitalismo politico (prima, quindi, del ruolo ancora più centrale portato dalle nuove azioni dell’amministrazione Biden e dai controlli sulle esportazioni del 7 ottobre 2022 e dalle mostre conseguenti). Anche questo punto, tuttavia, merita un «reality check»: il BIS è veramente un posto di lavoro «eccitante» per i giovani americani, ad esempio per i grandi talenti della tecnologia? Esiste davvero qualcuno che vuole lavorare per il BIS e non per NVIDIA o per SpaceX? Non è facile capirlo. Sicuramente, il BIS ha avuto per anni un sito con una grafica assolutamente penosa e poco comprensibile e proprio in questo periodo la grafica viene rifatta, quindi preparando probabilmente un ruolo pubblico un po’ più ampio, nonostante sia di fatto un pezzo di «Stato profondo»

MOSTRA DI PIÙ

Qualche mese fa, durante un incontro con le controparti cinesi, lei era presente all’incontro del Presidente Biden all’APEC. Durante lo stesso incontro APEC, lei ha incontrato anche le sue controparti cinesi. Sulla base dei recenti miglioramenti nella comunicazione e nelle relazioni, come definirebbe oggettivamente l’attuale rapporto tra i nostri due Paesi?

La comunicazione è fondamentale perché la sua mancanza può portare rapidamente a un’escalation, a tensioni e a errori di calcolo. Tuttavia, è importante non confondere la comunicazione con la debolezza o la mollezza. C’è una notevole opportunità economica con la Cina che non danneggerà la nostra sicurezza nazionale e genererà posti di lavoro negli Stati Uniti – una realtà che dovremmo considerare.

È fondamentale notare che la reciprocità è fondamentale: se chiedono l’accesso ai nostri mercati, devono fornire l’accesso ai loro. Se Unionpay e Alipay funzionano in America, MasterCard e Visa dovrebbero essere autorizzate in Cina. In condizioni di parità, competeremo e commerceremo, e questo è positivo. Per quanto riguarda la sicurezza nazionale, dobbiamo essere consapevoli della minaccia e prenderla sul serio. È la più grande minaccia che abbiamo mai affrontato e dobbiamo essere all’altezza della sfida. La comunicazione è fondamentale e dobbiamo collaborare su questioni come la finanza e il cambiamento climatico. Non desideriamo tensioni o escalation, e il mondo conta su di noi per gestire in modo responsabile le nostre relazioni con la Cina ed evitare un’ulteriore escalation. Dobbiamo assolutamente fare tutto il possibile.

Ma non illudetevi, la Cina non è nostra amica e dobbiamo tenere gli occhi ben aperti sulla portata di questa minaccia.

Raimondo conclude l’intervento sulla sua «dottrina» ribadendo che c’è una profonda differenza tra il fatto che Biden e Xi Jinping si parlano e hanno canali di comunicazione, e l’aspetto strutturale, che è la competizione sistemica tra Cina e Stati Uniti. Per questo, con un linguaggio netto, dice che «la Cina non è nostra amica». Pertanto, gli elementi di riduzione della tensione e di comunicazione che si realizzano attraverso i contatti dei leader non possono cambiare questa realtà strutturale.

MOSTRA DI PIÙ

C’è qualcos’altro che vuole aggiungere prima di concludere questa conversazione?

L’unica cosa che vorrei dire, a parte il fatto che sono davvero felice di essere qui, è una sfida a tutti noi a pensare in modo diverso. La tecnologia sta cambiando a un ritmo che non abbiamo mai visto e questo significa che dobbiamo cambiare il modo di pensare alla spectrum strategy, non può essere un gioco a somma zero, dobbiamo rendere disponibile questa tecnologia in modo da poter innovare il mondo e assicurarci che il Dipartimento della Difesa abbia ciò di cui ha bisogno. Abbiamo già parlato di IA: dobbiamo cambiare il modo in cui ci procuriamo la tecnologia, dobbiamo cambiare il modo in cui assumiamo, come possiamo ottenere gli ingegneri e i tecnici geniali di cui abbiamo bisogno per svolgere il lavoro, come possiamo attrarre e reclutare giovani nel governo, per svolgere il lavoro di cui abbiamo bisogno. E questo vale per tutti noi. Voglio dire, qui sta la sfida, l’eccitazione, ma è tempo di aprirci a nuovi orizzonti e di mettere in discussione il modo in cui abbiamo finora operato su tutti i livelli, se vogliamo affrontare la minaccia che la Cina rappresenta e se vogliamo fare ciò che deve essere fatto con questa tecnologia.

Capitalismo politico contro politica socialista

di David Edgerton

E se l’Europa stesse commettendo un errore cercando di emulare i modelli di capitalismo politico emersi in Cina e negli Stati Uniti? Questa è la seria domanda posta da David Edgerton in questo testo, che considera come l’economia del quotidiano – la Foundational Economy – potrebbe essere molto più incisiva nel migliorare lo standard di vita degli europei nel medio e lungo termine.

Dobbiamo sviluppare le industrie del futuro: intelligenza artificiale, quantistica e biotecnologia! Se non ci dotiamo di una strategia industriale ambiziosa e forte, saremo relegati dietro gli Stati Uniti e la Cina. Questo è il mantra che si ripete oggi in Europa, nel Regno Unito e nell’Unione Europea. Nel Regno Unito, questi mantra sono ripetuti in particolare da chi propone la visione del Paese come grande potenza globalizzata dopo l’uscita dall’Unione Europea – in altre parole, i sostenitori della «Global Britain». Nel continente, queste idee sono al centro del progetto di Europa geopolitica. La volontà di potenza si combina con la politica economica. Il capitalismo politico, per usare la terminologia proposta da Alessandro Aresu, esercita quindi un vero fascino a Londra, Parigi e Bruxelles.

Vorrei confrontare quello che considero un approccio standard al capitalismo politico e il suo strumento principale, ossia la strategia industriale, con un approccio all’economia del quotidiano1 volto a rispondere alle sfide del miglioramento della vita delle persone e della decarbonizzazione. Esiste una profonda differenza tra questi due approcci, non solo in termini di obiettivi, ma anche di teoria, di modo di conoscere e di agire2. Qualsiasi sovrapposizione o allineamento tra loro è quindi difficile.

La differenza principale è tra questi programmi: da una parte, una politica di crescita del PIL, attraverso la stabilità finanziaria e una politica industriale incentrata sull’innovazione e sulle start-up, nonché una politica fiscale e di spesa, integrata da un’innovazione guidata dal settore privato per aumentare l’efficienza del settore pubblico; dall’altro, una politica incentrata sugli imperativi fondamentali di una vita dignitosa per le famiglie, che include questioni di distribuzione, nonché l’accesso a beni e servizi, sia pubblici che privati, sia personali che infrastrutturali. L’obiettivo di questa politica non è quindi quello di aumentare il PIL o il peso geopolitico, ma di migliorare la vita delle persone.

La politica o strategia industriale è tornata di moda. La tesi principale a loro favore è che la globalizzazione è finita, che la lotta contro il cambiamento climatico richiede un’azione industriale diretta, così come la sfida posta dalla Cina e forse anche possibili pandemie. Si tratta di una politica che si concentra in modo fantasioso su una parte dell’industria manifatturiera, sulla ’tecnologia’ e sulla competizione internazionale, con l’obiettivo di essere leader mondiale, o addirittura di imporsi sul resto del mondo.

La maggior parte delle riflessioni sulla strategia industriale presuppone che, in termini assoluti, questo sia un bene, che produca di per sé risultati positivi. Ma ovviamente questo dipende dalla politica e dal contesto. La politica industriale viene presentata come una buona scelta politica per tutti i Paesi. Ma ciò che può valere per gli Stati Uniti o la Cina può non valere, ad esempio, per il Regno Unito o l’Unione Europea. Infatti, se tutti i Paesi, grandi o piccoli, ricchi o poveri, seguissero la stessa strategia, applicheremmo una ricetta per un fallimento massiccio piuttosto che per un successo generale. È quindi piuttosto preoccupante che molti discorsi sulla politica industriale si basino sull’idea di imitare gli Stati Uniti.

La politica o strategia industriale è tornata di moda

DAVID EDGERTON

Per di più, queste politiche si basano su un’idea che è falsa e inadeguata. Il presupposto è che l’Europa – sia il Regno Unito che l’Unione Europea – sia, o meglio dovrebbe e potrebbe essere, una superpotenza scientifica e che le nuove industrie si svilupperanno su scala massiccia se le cose saranno finalmente organizzate correttamente. Questo è particolarmente evidente nel Regno Unito, dove il potere dell’innovazione è sopravvalutato, ma dove l’intero modello di trasformazione nazionale attraverso l’innovazione ha poca credibilità.

Quanto controllo può sperare di avere un Paese che rappresenta solo il 2% della spesa mondiale in R&S, ma anche della produzione manifatturiera globale, e i cui livelli di produttività non si avvicinano ai leader mondiali? Prendiamo il caso di British volt, una start-up che avrebbe dovuto incarnare il genio britannico nel settore delle batterie e battere l’industria asiatica, che è molto consolidata e più che dominante in questo settore. Questo progetto è un esempio perfetto di una politica basata ossessivamente sull’idea che bisogna insistere fino a quando non si ottiene il risultato giusto. In questo caso, non è andata così: il progetto si è fermato nell’agosto 2022 e la start-up è fallita nel gennaio 2023, prima di essere rilevata da un acquirente australiano3.

Questo non significa che il modello di start-up non abbia dei meriti. Il vaccino britannico AstraZeneca, ad esempio, è stato sviluppato dall’Università di Oxford. Ma è in India che è stato prodotto su larga scala per i Paesi poveri. Quindi, nonostante questa innovazione interna, il Regno Unito è stato un importatore netto di vaccini, soprattutto dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea. E il vaccino di AstraZeneca non era nemmeno il principale vaccino utilizzato nel Regno Unito. Il successo del Regno Unito nel campo dell’immunizzazione si è quindi basato su acquisti molto rapidi di diversi tipi di vaccini da tutto il mondo, consentendo di gestire il rischio e l’incertezza e di sfruttare l’esperienza globale. Il Regno Unito ha acquistato vaccini sia da start-up che da grandi aziende farmaceutiche. In altre parole, nel campo delle batterie come in quello dei vaccini, il Regno Unito dipende dal resto del mondo.

Nonostante AstraZeneca, il Regno Unito è stato un importatore netto di vaccini, soprattutto dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea

DAVID EDGERTON

Al di là della retorica, va notato che alcune misure chiave di politica industriale hanno comportato il sostegno alle aziende straniere. A luglio, il Governo ha annunciato un sostegno di 500 milioni di sterline per il gruppo automobilistico indiano Tata Motors, con l’obiettivo di costruire una fabbrica di batterie utilizzando una tecnologia di origine cinese. Sono stati concessi importanti sussidi a EDF per la costruzione di una centrale nucleare con tecnologia francese e a un’azienda indiana di produzione di acciaio (sempre Tata) per la conversione a forni elettrici.

Questa esperienza e le lezioni del passato offrono alcuni insegnamenti salutari in termini di possibilità di una strategia industriale e di innovazione.

In primo luogo, è molto più facile perseguire una strategia industriale di autonomia nazionale che una strategia di conquista dei mercati mondiali. Il Regno Unito è stato il principale produttore di energia nucleare al mondo negli anni ’70, con reattori di progettazione britannica, ma erano venduti per l’esportazione. La Francia, invece, ha sviluppato un grande insieme di reattori, ma utilizzando la tecnologia americana su licenza.

In secondo luogo, essere indipendenti in un settore non rende indipendenti o sovrani in generale. Che senso ha per il Regno Unito progettare e produrre i propri aerei se poi dipende dalle testate nucleari e dai missili americani? Perché mantenere un’industria nazionale per progettare e produrre ali di aerei, ma non semiconduttori? Perché non essere autosufficienti nel campo delle armi e delle navi?

È molto più facile perseguire una strategia industriale di autonomia nazionale che una strategia di conquista dei mercati mondiali

DAVID EDGERTON

In terzo luogo, che cos’è la sovranità in un’industria o in una tecnologia? Significa utilizzare, mantenere, produrre o progettare? A che punto possiamo considerarci autosufficienti? Sarebbe chiaramente assurdo, e persino impossibile, per un Paese o un gruppo di Paesi come l’Unione Europea, progettare e produrre tutto ciò che viene consumato al loro interno. Se così fosse, quale dovrebbe essere l’obiettivo di produzione?

In quarto luogo, la sovranità significa che vogliamo solo aziende nazionali sul nostro territorio? Vogliamo che queste aziende non sviluppino alcuna capacità produttiva all’estero? Oppure la sovranità industriale significa commerciare con gli amici, con aziende amiche che operano in Paesi amici? Se sì, di quali amici e di quale tipo di interdipendenza stiamo parlando? Tutto questo fa un’enorme differenza.

La gamma di politiche industriali che emerge dalle varie risposte a queste domande è immensa. La maggior parte è anche molto costosa. La più economica, quella che è stata applicata per decenni e rimane la più popolare – il sostegno pubblico all’innovazione e alle start-up – non è stata un grande successo, e non dobbiamo aspettarci che lo diventi improvvisamente.

E anche se questo tipo di politica, o un’altra più plausibile e più costosa, dovesse funzionare, è importante riconoscerne i limiti. Innanzitutto, la politica industriale riguarda solo una parte molto piccola dell’economia. Un modo molto migliore di pensare all’economia è quello di partire dalle aree in cui la maggior parte delle persone effettivamente lavora e consuma, e chiedersi cosa si debba fare per cambiare le cose in un tempo ragionevole. Se vogliamo garantire posti di lavoro di qualità, dobbiamo riconoscere che l’80% dell’economia è costituito da servizi e che molti di questi lavori possono essere migliorati e meglio retribuiti. Se vogliamo davvero produrre batterie in casa – o acciaio, o altro – dobbiamo pagare per questo. Il punto di partenza di queste due politiche è radicalmente diverso.

La politica industriale riguarda solo una parte molto piccola dell’economia

DAVID EDGERTON

Il nuovo libro del gruppo della Foundational Economy rappresenta uno degli sviluppi più importanti dell’economia politica da qualche tempo a questa parte4. Suggerisce nuovi modi di pensare e concepire il mondo. Suggerisce anche nuovi modi di agire, molto diversi da quelli attualmente proposti dai partiti politici.

Gli autori criticano la politica di «crescita del PIL tramite la strategia industriale». Quelli che chiamano tecno-centristi e i sostenitori del libero mercato vogliono entrambi una crescita del PIL più elevata e salari più alti (cioè una maggiore produttività). I tecno-centristi favoriscono le azioni dal lato dell’offerta a favore dell’innovazione e degli imprenditori. Questi programmi sono integrati da misure per ridurre le differenze di produttività regionali, ovviamente incoraggiando l’innovazione e l’imprenditorialità locale. Si tratta dell’applicazione a livello regionale di un programma che ha sostanzialmente fallito a livello nazionale e che è ancora più probabile che fallisca in futuro, dati i vincoli delle emissioni di carbonio. Si tratta inoltre di un programma che non affronta gli elementi essenziali dell’economia odierna e delle sue sfide.

Quali sono dunque gli elementi di questo nuovo approccio? In primo luogo, c’è una rinnovata attenzione alla famiglia piuttosto che all’individuo, alla distribuzione dei redditi familiari e a come questa sia cambiata nel tempo. Questo porta alla consapevolezza che, in linea di massima, la famiglia monoparentale oggi implica la povertà per le persone a carico, e che se dovessimo tornare ai livelli di disuguaglianza di reddito degli anni ’70, la maggior parte delle famiglie oggi sarebbe notevolmente più ricca. In altre parole, viviamo in un mondo in cui il salario familiare è scomparso e il capitale ha conquistato una fetta molto più grande della torta del PIL.

In secondo luogo, quello che gli autori chiamano empirismo fondamentale mostra l’importanza dell’acquisto di servizi essenziali (da internet agli autobus al cibo) e di servizi gratuiti come la salute e l’istruzione, che per le persone più povere hanno un peso maggiore rispetto ai salari o alle indennità, così come le infrastrutture sociali che non possono essere acquistate. Un’economia degna di questo nome non deve limitarsi al reddito degli individui (anche se aggregato), ma guardare alle strutture in cui le persone vivono (le famiglie) e alle molteplici infrastrutture che consentono loro di condurre una vita dignitosa. Questo mostra una serie di problemi sfaccettati, che vanno ben oltre la stagnazione del PIL pro capite. Mostra gli effetti del calo dei salari e delle prestazioni sociali, gli sforzi di riduzione dei costi sulla qualità e la quantità dei servizi e il caos causato dalla tendenza estrattivista di gran parte del capitalismo contemporaneo, in particolare in relazione alla proprietà della casa e al finanziamento degli alloggi. Evidenzia inoltre l’importanza della qualità dei servizi, sia pubblici che privati, da cui dipendiamo.

Quali sono le implicazioni per la politica economica? Innanzitutto, non è sufficiente concentrarsi sulla crescita del PIL (anche tenendo conto della ridistribuzione). Dobbiamo pensare meno a queste astrazioni e più alla fornitura di beni e servizi concreti e alla qualità di vita reale delle persone. Dobbiamo pensare in termini di principi classici della socialdemocrazia, che puntano alla massimizzazione dell’efficacia, dell’efficienza e dell’uguaglianza allo stesso tempo. Ciò richiede un’azione collettiva per affrontare gli interessi privati e settoriali che insistono solo sull’efficienza locale e non si preoccupano di un’efficacia o di un’uguaglianza più ampie. Un calcolo nazionale più ampio che tenga conto di queste altre dimensioni è al centro degli approcci socialdemocratici. In secondo luogo, abbiamo bisogno di questo tipo di approccio quando pensiamo alla decarbonizzazione, che richiede chiaramente un’azione incentrata sulla trasformazione delle infrastrutture. Ciò influisce direttamente sui costi delle famiglie e sulla qualità dei servizi, oltre che sui collegamenti fisici con le famiglie e le apparecchiature domestiche. Dobbiamo prendere in considerazione direttamente l’interconnessione dei sistemi di riscaldamento, di trasporto e di altro tipo, e la sfida della transizione senza imporre costi insopportabili. La strategia industriale non tiene in conto nulla di tutto questo. La decarbonizzazione dell’elettricità e delle automobili, che è al centro della strategia industriale, è la parte più facile. Per il resto, avremo bisogno di un intervento coordinato e di investimenti su una scala ancora più ampia di quella che ha caratterizzato la straordinaria trasformazione dell’infrastruttura energetica europea dagli anni ’50 agli anni ’70. Non possiamo pensare semplicemente a un programma o a sovvenzioni per i produttori di nuove attrezzature, o a una rivoluzione industriale verde, o a un piano per nuovi programmi di ricerca e sviluppo e nuove imprese.

> Un’economia degna di questo nome non dovrebbe limitarsi al reddito degli individui (anche in aggregato), ma dovrebbe considerare le strutture in cui le persone vivono (famiglie) e le molteplici infrastrutture che consentono loro di condurre una vita dignitosa.

Quali sono le implicazioni per la concezione dell’industria in generale? Prima di tutto, dobbiamo porre fine alla nostra ossessione per l’industria come esisteva in passato. Questo ci aiuterà a concentrarci meglio sulla realtà della produzione, non solo sui settori più visibili, riconoscendo, ad esempio, l’importanza della produzione alimentare al suo interno. Dovremmo anche concentrarci su ciò che produciamo e consumiamo, e sulla sua qualità. Dovremmo anche intervenire sulla qualità, sui costi e sui profitti spaventosi dell’industria edilizia, ad esempio. Potremmo concentrarci sull’installazione, la manutenzione e la riparazione di nuove infrastrutture e preoccuparci meno della provenienza di acciaio, cavi e turbine. Ma se lo facciamo, deve essere sulla base di un obiettivo ben ponderato.

Ciò suggerisce di concentrarsi seriamente su ciò che funziona bene, piuttosto che su particolari modelli di sviluppo guidati dalla novità. Ad esempio, vale la pena notare l’enorme differenza tra il sistema privato «Test and Trace» nel Regno Unito, che non è riuscito a rintracciare e isolare un solo paziente Covid, e un sistema sanitario pubblico degno di questo nome, implementato sul campo. Allo stesso modo, l’AI e la ricerca biomedica non sono la risposta alla profonda crisi dell’assistenza sanitaria e sociale che stiamo vivendo (a lungo termine, la riduzione della povertà è importante per la salute quanto le innovazioni mediche). Più in generale, ci permette di non concentrarci su una politica di innovazione che probabilmente fallirà, ma su una politica di emulazione e imitazione che ha molte più probabilità di successo.

L’approccio quotidiano implica anche una politica universitaria molto diversa da quella che ha continuamente fallito negli ultimi quarant’anni. La politica di R&S finanziata dallo Stato dovrebbe concentrarsi maggiormente sullo sviluppo di prodotti e processi specifici per le esigenze locali, che non possono essere forniti altrove, e sulla produzione di conoscenze che consentano al pubblico nel suo complesso di pensare e agire meglio, piuttosto che sul sostegno ai venture capitalist e alle grandi imprese. Più in generale, dobbiamo generare nuove forme di competenze, in particolare quelle economiche, anziché affidarci a esperti con dietro altri interessi. Lo Stato, centrale e locale, deve essere democratizzato e creare nuove forme di competenza.

Abbiamo disperatamente bisogno di una politica più modesta, una politica di miglioramento e di imitazione, più che di che una politica di eccessi retorici e peggioramento della miseria sociale

DAVID EDGERTON

Infine, concentrandoci sulle persone, sulle famiglie, sulla vita quotidiana, possiamo allontanarci dalle fantasie che ostacolano una politica sensata. Ciò che emerge dall’approccio dell’economia del quotidiano è la necessità di capire dove siamo realmente, e questo include non solo il problema, ma anche le possibili soluzioni. Questo è importante perché troppe delle nostre politiche ruotano intorno alla finzione. Abbiamo bisogno di una politica che punti a fare meglio, non a pretendere falsamente di essere la migliore. Abbiamo disperatamente bisogno di una politica più modesta, una politica di miglioramento e di imitazione, più che di una politica di eccessi retorici e peggioramento della miseria sociale. Pensare con l’economia della vita quotidiana ci aiuterà a fare tutto questo.

NOTE
  1. In inglese Foundational economy, che indica un collettivo apparso negli anni 2010 che cerca di prendere in considerazione e mettere al centro della riflessione le infrastrutture e gli indicatori del benessere quotidiano. Proponiamo la traduzione «economia del quotidiano», che si sembra la più vicina all’idea di fondo.
  2. Ho discusso l’idea di economia del quotidiano altrove,  cfr. David Edgerton, «How and why the idea of a national economy is radical», Renewal, vol. 29, p. 17-22, 2021 ; «Why the everyday economy is the innovation labour needs», The Political Quarterly, vol. 93, p. 683-690, 2022
  3. David Edgerton, «The woes of startup Britishvolt should shock the UK out of its Brexit self-delusion», The Guardian, 11 novembre 2022.
  4. Luca Calafati, Julie Froud, Colin Haslam, Sukhdev Johal, Karel Williams, When nothing worksFrom cost of living to foundational liveability, Manchester, Manchester University Press, 2023.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

MARIO DRAGHI: “PROPONGO UN CAMBIAMENTO RADICALE”_da Le Grand Continent

Pare ormai statisticamente accertato che ad ogni uscita pubblica di Mario Draghi, nel tempo particolarmente dosata, sugli organi di stampa corrisponda la possibilità di un suo importante incarico. Tutto lascia presagire che anche questa volta siamo alla vigilia prossima, non proprio immediata, di qualche candidatura ai massimi vertici istituzionali, nella fattispecie europei. Il personaggio è conosciuto e temuto, con una sua statura riconosciuta. Non può essere definito un mercenario, nemmeno un missionario; un funzionario di alto rango sì, di stretta osservanza e fedeltà. Negli scritti  qui sottoposti, specie il primo, il più puntuale ed attuale, si propone come l’innovatore, il timoniere in grado di indicare la rotta e condurre la nave verso una direzione certa. Parla di regole e deregolamentazioni comuni del mercato unico europeo necessarie a creare un contesto paragonabile a quello dei mercati americano e cinese; osserva che lo spazio concorrenziale sul quale misurarsi è il mercato mondiale e a quello va commisurata l’azione europea; poiché le regole universali della concorrenza sono a suo dire saltate per responsabilità soprattutto della Cina e per conseguente reazione degli Stati Uniti, l’Europa sta subendo una fase di stallo, se non di vera e propria regressione, alla quale si deve reagire con una azione attiva e diretta delle istituzioni pubbliche, nella fattispecie europee. Da buon discepolo gesuita, però, Mario Draghi glissa elegantemente su alcune questioni cruciali ed ignora distrattamente alcuni aspetti fondamentali delle politiche e delle dinamiche europee. In politica, ivi compresa quella economica, non esistono scelte neutre a beneficio ecumenico. A suo riguardo sarebbe corretto, prima di tutto, rispondere a due domande fondamentali per inquadrare i propri propositi: per conto di chi si agisce e per fare cosa.
La vita professionale di Mario Draghi ha conosciuto tre brillanti tappe fondamentali: le grandi privatizzazioni degli anni ’90 in Italia, la presidenza della BCE nel secondo decennio del XXI secolo, la Presidenza del Consiglio Italiano nel 2021. Nella prima è riuscito a privare della propria spina dorsale economica, in verità già un po’ malconcia, l’Italia; nella seconda, mettendo sotto capestro la Grecia e mantenendo sotto giogo l’Italia, è riuscito a salvaguardare sul proscenio i sistemi bancari di Francia e Germania, particolarmente esposti sui debiti sovrani in crisi, nelle retrovie, aspetto ben più rilevante, il circuito finanziario che, con la particolare e lucrosa intermediazione tedesca, riusciva e riesce tuttora a garantire costantemente i flussi finanziari dall’Europa verso gli Stati Uniti; nella terza è riuscito a riportare nuovamente a livelli allarmanti l’esposizione all’estero del debito pubblico italiano e, soprattutto, ha svolto brillantemente il compito di vigilare e ricondurre all’ordine le possibili, quanto sprovvedute, bizze del cancelliere tedesco e del “Napoleone” di Francia sul conflitto in Ucraina. A meno di una improbabile folgorazione sulla via di Damasco, intelligibile nel testo e della quale sottolineerò in seguito, la risposta alla domanda “per conto di chi?” non potrebbe essere più scontata.
Quanto al “che fare” occorre addentrarsi maggiormente nelle sue argomentazioni. Il declino dell’Europa, compresa la Germania, non ha coinciso, come sostiene Draghi, ma è iniziato decenni prima della emersione della Cina e della sua sagacia tattica e si è accentuato irreversibilmente con l’implosione del blocco sovietico, l’allargamento della Unione Europea, parallelo e complementare a quello della NATO e l’illusione statunitense dell’assenza epocale di avversari paragonabili per potenza; da qui la spinta esogena al ricambio di classe dirigente nei tre principali paesi, nefasto già nell’immediato per il continente, ma strategicamente, con ragionevole probabilità, per gli stessi Stati Uniti.
Mario Draghi, nella sua ambiguità, cerca di accattivarsi un consenso ecumenico su alcuni principi di azione generale apparentemente inoppugnabili, perché generici e generali. Propugna il superamento della logica della competizione esasperata interna al mercato europeo per acquisire una logica di competizione del Sistema Europa nell’agone mondiale. Un obbiettivo da raggiungere individuando prima di tutto i settori sui quali concentrare l’attenzione, nella fattispecie le tecnologie verdi, la difesa, il digitale e l’energia; creando di conseguenza piattaforme di acquisto comuni tali da favorire le economie di scala nella spesa e indirettamente nella produzione e nella concentrazione delle aziende; puntando sulla disponibilità di capitali al momento in gran parte immobilizzati nelle banche.
Nessun accenno alle modalità di mobilizzazione dei capitali che hanno portato alla creazione del mostro Deutsch Bank del tutto funzionale alla trasmigrazione di capitali negli Stati Uniti con modalità speculative di tipo predatorio e alla resistenza, in verità sempre più fragile, opposta alla trasformazione del regime giuridico delle Lands Bank tedesche, che ha consentito un minimo di autonomia decisionale nelle scelte economiche. In mano a quali fondi deve cadere questa ulteriore riorganizzazione e con quale libertà di movimento all’interno e all’esterno della UE?
La creazione di stazioni di appalto comune di acquisto di forniture militari non comporta di per sé, secondo astratte leggi di mercato, una espansione del complesso militare-industriale europeo senza tener conto che equipaggiamenti comuni, comportano modelli di difesa e di esercito comuni, che a loro volta implicano una politica estera comune. A tutt’oggi l’unica parvenza di politica estera comune europea è dettata dalla linea russofobica degli Stati Uniti, dalla invenzione del nemico russo, dal disastro euro-atlantico in Africa. Mario Draghi non pare perseguire alternative, né smentire se stesso e il suo operato.
Mario Draghi propugna il modello federativo della Unione Europea, ma pragmaticamente sostiene gli accordi di cooperazione rafforzata tra gruppi di stati, di fatto il riconoscimento del ruolo fondamentale e crescente dei governi, quindi degli stati nazionali. Un ossimoro sino ad ora reso praticabile dall’allineamento atlantico, di fatto una promanazione, sia degli apparati della UE che delle élites che dispongono delle leve degli stati nazionali.
Sin dalla nascita dei progetti unitari è stata sempre presente una componente federalista europea, tanto chiassosa, quanto velleitaria nel propugnare gli ideali di una Europa unita e indipendente. Si è sempre ridotta, pur di sopravvivere, ad essere la mosca cocchiera ed il paravento del dominio atlantista scaturito dal disastro della seconda guerra mondiale sin dagli albori della sua formazione. La stessa CED (Comunità Europea di Difesa), cavallo di battaglia e prima illusione di quella retorica negli anni ’50, fallì quando fu chiaro che né la Francia e la Gran Bretagna avrebbero potuto disporre dei comandi di quell’esercito e che alla Francia veniva richiesto il sacrificio dell’esercito coloniale da schierare, piuttosto sulla cortina di ferro antisovietica. Oggi Mario Draghi si rifà, concludendo il sermone, alla retorica dei “padri fondatori” della CECA (Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio). Ma quell’accordo prevedeva la suddivisione delle quote di produzione tra i sei stati aderenti e la salvaguardia di una industria pesante a supporto soprattutto dello sforzo antisovietico, precedente di anni alla costituzione del Patto di Varsavia e in subordine ad una politica di consenso che spegnesse il miraggio bolscevico tra la gente. Attendiamo dal nostro risposte chiare e coraggiose; soprattutto risposte a quanto dichiarato da Raimondo, nell’articolo a fianco http://italiaeilmondo.com/2024/04/23/cina-stati-uniti-capire-la-dottrina-raimondo-di-alessandro-aresu/  Cominciano anche noi a porci domande giuste e risposte sui problemi ineludibili su quali modalità di relazioni tra paesi europei occorrerebbe costruire. Giuseppe Germinario
il coraggio che manca
 
MARIO DRAGHI: “PROPONGO UN CAMBIAMENTO RADICALE”

Il modo in cui siamo organizzati, i nostri processi decisionali e i nostri meccanismi di finanziamento sono progettati per il mondo di ieri: pre-Covid, pre-Ucraina, pre-conflagrazione in Medio Oriente, pre-ritorno delle ostilità tra grandi potenze. Ma a noi serve un’Unione europea che sia adeguata al mondo di oggi e di domani. Ecco perché quel che proporrò nella relazione che la Presidente della Commissione mi ha chiesto di preparare è un cambiamento radicale: perché è di un cambiamento radicale che abbiamo bisogno.

Con il suo accordo, pubblichiamo la versione italiana (approvata dall’autore) del testo dell’intervento di Mario Draghi alla High-level Conference on the European Pillar of Social Rights (Bruxelles, 16 aprile 2024). Il testo originale in inglese può essere letto a questo link.

Questa è, in sostanza, la prima volta in cui ho l’occasione di iniziare a condividere con voi, se non proprio la filosofia — non ci siamo ancora arrivati —, almeno il modo in cui si vanno delineando il disegno d’insieme e la filosofia complessiva del report.

La competitività è da molto tempo una questione controversa per l’Europa.

Nel 1994, l’economista e futuro premio Nobel Paul Krugman etichettò come “pericolosa ossessione” la tendenza a concentrarsi sulla competitività. A suo dire, una crescita a lungo termine si ottiene aumentando la produttività – che va a beneficio di tutti – e non tentando di migliorare la propria posizione relativa rispetto ad altri e di catturare la loro quota di crescita.

L’approccio alla competitività che abbiamo adottato in Europa dopo la crisi del debito sovrano sembrerebbe avergli dato ragione. Abbiamo deliberatamente perseguito una strategia basata sul tentativo di ridurre i costi salariali l’uno rispetto all’altro, in aggiunta a una politica fiscale prociclica, con l’unico risultato di indebolire la nostra stessa domanda interna e minare il nostro modello sociale.

Non è la competitività a essere viziata come concetto. È l’Europa che si è concentrata sulle cose sbagliate.

Ci siamo rivolti verso l’interno, vedendo noi stessi come concorrenti, anche in settori come la difesa e l’energia in cui abbiamo profondi interessi comuni. Allo stesso tempo, non abbiamo guardato abbastanza verso l’esterno: con una bilancia commerciale in fin dei conti positiva, non abbiamo considerato la nostra competitività esterna come una questione di policy seria.

In un ambiente internazionale favorevole, abbiamo fatto affidamento sulla parità di condizioni a livello globale e su un ordine internazionale basato sulle regole, aspettandoci che gli altri facessero lo stesso. Ma ora il mondo sta cambiando velocemente, e siamo stati colti di sorpresa.

Altre regioni, in particolare, hanno smesso di rispettare le regole e sono attivamente impegnate a elaborare politiche volte a migliorare la loro posizione competitiva. Nel migliore dei casi, queste politiche hanno l’obiettivo di riorientare gli investimenti verso le proprie economie a scapito della nostra; nel peggiore, sono progettate per rendere permanente la nostra dipendenza da loro.

La Cina, ad esempio, punta a catturare e internalizzare tutte le parti delle catene di approvvigionamento legate alle tecnologie verdi e avanzate, e sta facendo in modo di assicurarsi l’accesso alle risorse necessarie. Questa rapida espansione dell’offerta sta portando a un eccesso di capacità in numerosi settori e minaccia di indebolire le nostre industrie.

Gli Stati Uniti, da parte loro, utilizzano la politica industriale su larga scala per attrarre entro i propri confini la capacità produttiva interna di maggior valore, compresa quella delle imprese europee, ricorrendo al protezionismo per tagliare fuori la concorrenza e impiegando il loro potere geopolitico per riorientare e proteggere le catene di approvvigionamento.

Come Unione europea non abbiamo mai avuto un analogo “Industrial Deal”, anche se la Commissione continua a fare tutto quanto è in suo potere per colmare questa lacuna. Sta di fatto che, nonostante una serie di iniziative positive in corso, ci manca ancora una strategia complessiva sulle risposte da dare nei diversi settori.

Ci manca una strategia su come tenere il passo nella corsa, sempre più spietata, per la leadership nelle nuove tecnologie. Oggi i nostri investimenti in tecnologie digitali e avanzate, anche per la difesa, sono inferiori rispetto a quelle di Stati Uniti e Cina, e solo quattro dei primi 50 player tecnologici al mondo sono europei.

Ci manca una strategia su come proteggere le nostre industrie tradizionali da condizioni di disparità globali dovute ad asimmetrie nella regolamentazione, nei sussidi e nelle politiche commerciali. Un caso esemplare è quello delle industrie ad alta intensità energetica.

In altre regioni, queste industrie non solo devono sostenere costi energetici più bassi, ma sono anche soggette a minori oneri normativi e, in alcuni casi, ricevono pesanti sovvenzioni che rappresentano una minaccia diretta alla possibilità per le imprese europee di competere.

In assenza di politiche pianificate e coordinate strategicamente, la logica conseguenza è che alcune delle nostre industrie finiscano per ridurre la capacità produttiva o si trasferiscano al di fuori dell’UE.

E ancora, ci manca una strategia su come assicurarci le risorse e gli input di cui abbiamo bisogno per realizzare le nostre ambizioni, senza accrescere la nostra dipendenza da altri.

In Europa abbiamo giustamente un’agenda climatica ambiziosa e obiettivi impegnativi per i veicoli elettrici. Ma in un mondo in cui i nostri concorrenti controllano molte delle risorse di cui abbiamo bisogno, una simile agenda non può che essere accompagnata da un piano per mettere in sicurezza le nostre catene di approvvigionamento — dai minerali critici alle batterie, passando per le infrastrutture di ricarica.

Finora la nostra risposta è stata limitata perché il modo in cui siamo organizzati, i nostri processi decisionali e i nostri meccanismi di finanziamento sono progettati per il mondo di ieri: pre-Covid, pre-Ucraina, pre-conflagrazione in Medio Oriente, pre-ritorno delle ostilità tra grandi potenze.

Ma a noi serve un’Unione europea che sia adeguata al mondo di oggi e di domani. Ecco perché quel che proporrò nella relazione che la Presidente della Commissione mi ha chiesto di preparare è un cambiamento radicale: perché è di questo che c’è bisogno.

In ultima analisi, sarà necessario completare una trasformazione che attraversi tutta l’economia europea. Dobbiamo poter contare su sistemi energetici decarbonizzati e indipendenti; un sistema di difesa integrato e adeguato a livello di UE; produzione nazionale nei settori più innovativi e in più rapida espansione; e una posizione di leadership nell’innovazione deep-tech e digitale, che sia vicina alla nostra base produttiva.

Tuttavia, vista la velocità alla quale si muovono i nostri concorrenti, è altrettanto importante stabilire delle priorità. È necessario agire immediatamente nei settori maggiormente esposti alle sfide verdi, digitali e di sicurezza. Il mio report si concentrerà su dieci di questi macro-settori dell’economia europea.

Ogni settore richiede riforme e strumenti specifici, ma dalla nostra analisi emergono tre fili conduttori, comuni ai diversi interventi di policy.

Il primo è favorire le economie di scala. I nostri principali concorrenti stanno approfittando della propria dimensione continentale per generare economie di scala, aumentare gli investimenti e catturare quote di mercato nei settori in cui questo conta di più. In Europa avremmo naturalmente lo stesso vantaggio, ma la frammentazione ci frena.

Nell’industria della difesa, ad esempio, la mancanza di economie di scala ostacola lo sviluppo di una capacità industriale europea: un problema riconosciuto anche dalla recente Strategia industriale europea per la difesa. Negli USA, ai cinque soggetti principali fa capo l’80% del mercato statunitense nel suo complesso, mentre in Europa si arriva solo al 45%.

Questa differenza si spiega in gran parte con la frammentazione della spesa per la difesa nell’UE.

I governi non ricorrono molto spesso agli acquisti congiunti — gli appalti collaborativi rappresentano meno del 20% della spesa — e non si concentrano abbastanza sul mercato interno: negli ultimi due anni quasi l’80% degli acquisti è stato effettuato da paesi terzi.

Per soddisfare le nuove esigenze in materia di difesa e sicurezza, dobbiamo intensificare gli approvvigionamenti congiunti, rafforzare il coordinamento della spesa e l’interoperabilità delle attrezzature, ridurre notevolmente la dipendenza da fornitori internazionali.

Un altro ambito in cui non stiamo perseguendo economie di scala sono le telecomunicazioni. Nell’UE abbiamo un mercato di 445 milioni di consumatori, ma gli investimenti pro capite sono solo la metà di quelli negli Stati Uniti e siamo in ritardo nella diffusione del 5G e della fibra.

Uno dei motivi di questa lacuna è che abbiamo 34 gruppi di reti mobili in Europa — e 34 è una stima prudente, in realtà ne abbiamo molti di più — che spesso operano solo su scala nazionale, contro i tre degli Stati Uniti e i quattro della Cina. Per produrre maggiori investimenti, dobbiamo razionalizzare e armonizzare ulteriormente la normativa in materia di telecomunicazioni in tutti gli Stati membri e sostenere — non ostacolare — il consolidamento.

E le economie di scala sono fondamentali anche in un altro senso, per le imprese giovani che generano le idee più innovative. Il loro modello di business dipende dalla capacità di crescere rapidamente e commercializzare le proprie idee, il che a sua volta presuppone l’esistenza di un grande mercato interno. E la scala è essenziale anche per lo sviluppo di nuovi medicinali innovativi, attraverso la standardizzazione dei dati dei pazienti dell’Unione europea e l’uso dell’intelligenza artificiale, che ha bisogno di tutta la ricchezza di dati di cui disponiamo— se solo riuscissimo a standardizzarli.

In Europa siamo tradizionalmente molto forti nella ricerca di base, ma non riusciamo a portare l’innovazione sul mercato e a potenziarla.

Per affrontare questo ostacolo potremmo, tra le altre cose, rivedere l’attuale normativa prudenziale sul credito bancario e istituire un nuovo regime normativo comune per le start-up nel settore tecnologico.

Il secondo filo conduttore è la fornitura di beni pubblici. Ci sono investimenti di cui tutti beneficiamo, ma che nessun paese può sostenere da solo: in questi casi avremmo tutte le ragioni per agire insieme, pena il rischio di non essere all’altezza delle nostre esigenze— ad esempio sul fronte del clima, nel campo della difesa e anche in altri.

Nell’economia europea ci sono varie strozzature, punti in cui la mancanza di coordinamento si traduce in inefficienze dovute proprio al basso livello di investimenti. Un esempio è rappresentato dalle reti energetiche, e in particolare dalle interconnessioni.

Che si tratti di un bene pubblico è chiaro: un mercato integrato dell’energia ridurrebbe i costi energetici per le nostre imprese e ci renderebbe più resilienti di fronte alle crisi future— un obiettivo che la Commissione persegue nel contesto di REPowerEU.

Ma l’interconnessione richiede decisioni in materia di pianificazione, finanziamento, approvvigionamento di materiali e governance, e queste decisioni sono difficili da coordinare. Di conseguenza, non saremo in grado di costruire una vera Unione dell’energia fintanto che non ci accorderemo su un approccio comune.

Un altro esempio è la nostra infrastruttura di super computing. L’UE dispone di una rete pubblica di computer ad alte prestazioni (high-performance computers o HPC) di livello mondiale, ma le ricadute sul settore privato sono al momento molto, molto limitate.

Questa rete potrebbe essere utilizzata dal settore privato — ad esempio dalle start-up di intelligenza artificiale e dalle PMI — e in cambio, i vantaggi finanziari conseguiti potrebbero essere reinvestiti per aggiornare gli stessi HPC e sostenere l’espansione del cloud nell’UE.

Una volta identificati questi beni pubblici, dobbiamo anche dotarci dei mezzi per finanziarli. Il settore pubblico ha un ruolo importante da svolgere, e in passato ho già parlato di come potremmo fare un uso migliore della capacità di prestito comune dell’UE, in particolare in settori, come la difesa, in cui la frammentazione della spesa riduce la nostra efficacia complessiva.

La maggior parte del fabbisogno di investimenti, tuttavia, dovrà essere coperta da investimenti privati. L’UE dispone di risparmi privati molto elevati, che sono però per lo più incanalati nei depositi bancari e finiscono per non finanziare la crescita quanto potrebbero in un mercato dei capitali più ampio. Per questo motivo il progresso dell’Unione dei mercati dei capitali è una parte indispensabile della strategia complessiva per la competitività.

Il terzo filo conduttore è garantire l’approvvigionamento di risorse e input essenziali.

Se vogliamo raggiungere i nostri obiettivi in materia di clima senza aumentare la nostra dipendenza da paesi sui quali non possiamo più contare, avremo bisogno di una strategia globale che copra tutte le fasi della catena di approvvigionamento dei minerali critici.

Al momento, in quest’ambito stiamo per lo più lasciando campo libero agli attori privati, mentre altri governi hanno scelto di guidare in prima persona, o comunque di coordinare fortemente, l’intera catena. Abbiamo bisogno di una politica economica estera che produca, per la nostra economia, questo stesso risultato.

La Commissione ha già avviato questo processo con il Regolamento europeo sulle materie prime critiche, ma occorrono misure complementari per rendere più concreto il suo obiettivo. Ad esempio, potremmo prevedere una apposita piattaforma mineraria critica dell’UE, principalmente a fini di approvvigionamento congiunto, diversificazione e sicurezza dell’offerta, messa in comune delle fonti di finanziamento e costituzione di scorte.

Un altro contributo fondamentale che dobbiamo garantire — e che riveste un’importanza particolare per voi, le parti sociali — è la disponibilità di forza lavoro qualificata.

Nell’UE, tre quarti delle imprese segnalano difficoltà nell’assumere dipendenti con le giuste competenze, e per 28 profili professionali – che rappresentano il 14% della nostra forza lavoro – sono attualmente identificati come carenti di manodopera.

Con l’invecchiamento della società e un atteggiamento meno favorevole nei confronti dell’immigrazione, dovremo trovare queste competenze al nostro interno. Sarà necessario lavorare da più parti per assicurare la disponibilità delle skill necessarie e definire percorsi flessibili di miglioramento delle competenze.

Uno degli attori più importanti al riguardo sarete voi, le parti sociali. Siete sempre stati fondamentali nelle fasi di cambiamento e l’Europa farà affidamento su di voi per contribuire ad adattare il nostro mercato del lavoro all’era digitale e rafforzare i nostri lavoratori.

Questi tre filoni ci impongono una riflessione profonda sulla nostra organizzazione, su cosa vogliamo fare insieme e cosa mantenere a livello nazionale. Considerata l’urgenza della sfida che abbiamo davanti, tuttavia, non possiamo concederci il lusso di rimandare a una futura revisione del Trattato le risposte a tutte queste importanti questioni.

Per garantire la coerenza tra i diversi strumenti di policy dovremmo essere in grado di sviluppare ora un nuovo strumento strategico per il coordinamento delle politiche economiche.

E se dovessimo constatare che ciò non è fattibile, in casi specifici, dovremmo essere pronti a prendere in considerazione la possibilità di procedere con un sottoinsieme di Stati membri. Una cooperazione rafforzata sotto forma di 28° regime, ad esempio, potrebbe essere una strada percorribile per l’Unione dei mercati dei capitali, con l’obiettivo di mobilitare gli investimenti.

Come regola generale, tuttavia, credo che la coesione politica della nostra Unione ci imponga di agire insieme, possibilmente sempre. Dobbiamo essere consapevoli che oggi la nostra stessa coesione politica è minacciata dai cambiamenti in atto nel resto del mondo.

Ripristinare la nostra competitività non è un obiettivo che possiamo raggiungere da soli, o battendoci l’un l’altro. Ci impone di agire come Unione europea, come mai prima d’ora.

I nostri concorrenti sono in vantaggio perché possono agire ciascuno come un paese unico con un’unica strategia, allineando dietro quest’ultima tutti gli strumenti e le politiche necessarie.

Se vogliamo raggiungerli, avremo bisogno di un nuovo partenariato tra gli Stati membri, una ridefinizione della nostra Unione non meno ambiziosa di quella operata dai Padri Fondatori 70 anni fa con la creazione della Comunità europea del carbone e dell’acciaio.

Grazie.

 

La politica economica in un mondo che cambia

Nel prossimo futuro la politica fiscale sarà chiamata a svolgere un ruolo più significativo

di Mario Draghi

Il fermo immagine mostra Mario Draghi in un’intervista a Washington dopo aver ricevuto il premio Volcker alla carriera, 15 febbraio 2024 - Ansa
Il fermo immagine mostra Mario Draghi in un’intervista a Washington dopo aver ricevuto il premio Volcker alla carriera, 15 febbraio 2024 – Ansa

12′ di lettura

Vi proponiamo il discorso integrale che Mario Draghi ha tenuto al Nabe, Economic Policy Conference di Washington, durante il conferimento del premio Paul A. Volcker Lifetime Achievement Award

Tutti i governi, fino a non molto tempo fa, nutrivano grandi aspettative sulla globalizzazione, intesa come integrazione dinamica dell’economia mondiale.

Si pensava che la globalizzazione avrebbe aumentato la crescita e il benessere a livello mondiale, grazie a un’organizzazione più efficiente delle risorse mondiali. Man mano che i Paesi sarebbero diventati più ricchi, più aperti e più orientati al mercato, si sarebbero diffusi i valori democratici insieme allo Stato di diritto. E tutto ciò avrebbe reso le economie emergenti più produttive nelle istituzioni multilaterali, legittimando ulteriormente l’ordine globale.

Lo stato d’animo prevalente è stato ben colto da George H.W. Bush nel 1991, quando ha affermato che “nessuna nazione sulla Terra ha scoperto un modo per importare i beni e i servizi del mondo fermando le idee alla frontiera”.

Scopri di più

Questo circolo virtuoso porterebbe anche a una “uguaglianza per difetto”, nel senso che non sarebbe necessaria alcuna politica governativa specifica per raggiungerla. Piuttosto, avremmo una convergenza armoniosa verso standard di vita più elevati, valori universali e stato di diritto internazionale. Non c’è dubbio che alcune di queste aspettative si siano realizzate. L’apertura dei mercati globali ha portato decine di Paesi nell’economia mondiale e ha fatto uscire dalla povertà milioni di persone – 800 milioni solo in Cina negli ultimi 40 anni. Ha generato il più ampio e rapido miglioramento della qualità della vita mai visto nella storia.

Ma il nostro modello di globalizzazione conteneva anche una debolezza fondamentale. La persistenza del libero scambio fra Paesi necessita che vi siano regole internazionali e regolamenti delle controversie recepite da tutti i Paesi partecipanti. Ma in questo nuovo mondo globalizzato, l’impegno di alcuni dei maggiori partner commerciali a rispettare le regole è stato ambiguo fin dall’inizio. A differenza del mercato unico dell’UE, dove il rispetto delle regole è intrinseco e avviene attraverso la Corte di giustizia europea, le organizzazioni internazionali create per supervisionare l’equità del commercio globale non sono mai state dotate di indipendenza e poteri equivalenti.

Pertanto, l’ordine commerciale mondiale globalizzato è sempre stato vulnerabile a una situazione in cui qualsiasi paese o gruppo di paesi poteva decidere che il rispetto delle regole non sarebbe servito ai propri interessi a breve termine.

Per fare solo un esempio, nei primi 15 anni di adesione all’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC), la Cina non ha notificato all’OMC alcun sussidio del governo sub-centrale, nonostante la maggior parte dei sussidi sia erogata dai governi provinciali e locali. Questa inadempienza era nota da anni: già nel 2003 si era notato che gli sforzi della Cina per l’attuazione dell’OMC avevano “perso un notevole slancio”, ma l’indifferenza ha prevalso e non è stato fatto nulla di concreto per affrontarla.

Le conseguenze di questa scarsa conformità a regole condivise sono state economiche, sociali e politiche.

La globalizzazione ha portato a grandi squilibri commerciali, ed i responsabili politici hanno tardato a riconoscerne le conseguenze. Questi squilibri sono sorti in parte perché l’apertura del commercio avveniva tra Paesi con livelli di sviluppo molto diversi, il che ha limitato la capacità dei Paesi più poveri di assorbire le importazioni da quelli più ricchi e ha dato loro la giustificazione per proteggere le industrie domestiche nascenti dalla concorrenza estera.

Ma riflettono anche scelte politiche deliberate in ampie parti del mondo per accumulare avanzi commerciali e limitare l’aggiustamento del mercato. Dopo la crisi del 1997, le economie dell’Asia orientale hanno utilizzato le eccedenze commerciali per accumulare grandi riserve valutarie e autoassicurarsi contro gli shock della bilancia dei pagamenti, soprattutto impedendo l’apprezzamento dei tassi di cambio, mentre la Cina ha perseguito una strategia deliberata a lungo termine per liberarsi dalla dipendenza dall’Occidente per i beni capitali e la tecnologia.

Dopo la crisi dell’eurozona del 2011, anche l’Europa ha perseguito una politica di accumulo deliberato di avanzi delle partite correnti, anche se in questo caso attraverso le errate politiche fiscali procicliche sancite dalle nostre regole che hanno depresso la domanda interna e il costo del lavoro. In una situazione in cui i meccanismi di solidarietà dell’UE erano limitati, questa posizione poteva persino essere comprensibile per i paesi che dipendevano dai finanziamenti esterni. Ma anche quelli con posizioni esterne forti, come la Germania, hanno seguito questa tendenza. Queste politiche hanno fatto sì che le partite correnti dell’area dell’euro siano passate da un sostanziale equilibrio prima della crisi a un massimo di oltre il 3% del PIL nel 2017. A questo picco, si trattava in termini assoluti del più grande avanzo delle partite correnti al mondo. In percentuale del PIL mondiale, solo la Cina nel 2007-08 e il Giappone nel 1986 hanno registrato un avanzo più elevato.

L’accumulo di eccedenze ha portato a un aumento del risparmio globale in eccesso e a un calo dei tassi reali globali, un fenomeno rilevato da Ben Bernanke già nel 2005. A questo non è corrisposto un aumento della domanda di investimenti. Gli investimenti pubblici sono diminuiti di quasi due punti percentuali nei Paesi del G7 dagli anni ’90 al 2010, mentre gli investimenti del settore privato si sono bloccati una volta che le imprese hanno ridotto la leva finanziaria dopo la grande crisi finanziaria.

Il fermo immagine mostra Mario Draghi in un’intervista a Washington dopo aver ricevuto il premio Volcker alla carriera, 15 febbraio 2024. Ansa

Questo calo dei tassi reali ha contribuito in modo sostanziale alle sfide incontrate dalla politica monetaria negli anni 2010, quando i tassi di interesse nominali sono stati schiacciati sul limite inferiore. La politica monetaria è stata ancora in grado di generare occupazione attraverso misure non convenzionali e ha prodotto risultati migliori di quanto molti si aspettassero. Ma queste misure non sono state sufficienti per eliminare completamente il rallentamento del mercato del lavoro. Le conseguenze sociali si sono manifestate in una perdita secolare di potere contrattuale nelle economie avanzate, poiché i posti di lavoro sono stati spostati dalla delocalizzazione o le richieste salariali sono state contenute dalla minaccia della delocalizzazione. Nelle economie del G7, le esportazioni e le importazioni totali di beni sono aumentate di circa 9 punti percentuali dall’inizio degli anni ’80 alla grande crisi finanziaria, mentre la quota di reddito del lavoro è scesa di circa 6 punti percentuali in quel periodo. Si è trattato del calo più marcato da quando i dati relativi a queste economie sono iniziati nel 1950.

Ne sono seguite le conseguenze politiche. Di fronte a mercati del lavoro fiacchi, investimenti pubblici in calo, diminuzione della quota di manodopera e delocalizzazione dei posti di lavoro, ampi segmenti dell’opinione pubblica dei Paesi occidentali si sono giustamente sentiti “lasciati indietro” dalla globalizzazione.

Di conseguenza, contrariamente alle aspettative iniziali, la globalizzazione non solo non ha diffuso i valori liberali, perché la democrazia e la libertà non viaggiano necessariamente con i beni e i servizi, ma li ha anche indeboliti nei Paesi che ne erano i più forti sostenitori, alimentando invece l’ascesa di forze orientate verso l’interno. La percezione dell’opinione pubblica occidentale è diventata quella che i cittadini comuni stessero giocando in un gioco imperfetto, che aveva causato la perdita di milioni di posti di lavoro, mentre i governi e le imprese rimanevano indifferenti.

Al posto dei canoni tradizionali di efficienza e ottimizzazione dei costi, i cittadini volevano una distribuzione più equa dei benefici della globalizzazione e una maggiore attenzione alla sicurezza economica. Per ottenere questi risultati, ci si aspettava un uso più attivo dello “statecraft” (l’arte di governare), che si trattasse di politiche commerciali assertive, protezionismo o redistribuzione.

Una serie di eventi ha poi rafforzato questa tendenza. In primo luogo, la pandemia ha sottolineato i rischi di catene di approvvigionamento globali estese per beni essenziali come farmaci e semiconduttori. Questa consapevolezza ha portato al cambiamento di molte economie occidentali verso il re-shoring delle industrie strategiche e l’avvicinamento delle catene di fornitura critiche.La guerra di aggressione in Ucraina ci ha poi indotto a riesaminare non solo dove acquistiamo i beni, ma anche da chi. Ha messo in luce i pericoli di un’eccessiva dipendenza da partner commerciali grandi e inaffidabili che minacciano i nostri valori. Ora, ovunque vediamo che la sicurezza degli approvvigionamenti – di energia, terre rare e metalli – sta salendo nell’agenda politica. Questo cambiamento si riflette nell’emergere di blocchi di nazioni che sono in gran parte definiti dai loro valori comuni e sta già portando a cambiamenti significativi nei modelli di commercio e investimento globali. Dall’invasione dell’Ucraina, ad esempio, il commercio tra alleati geopolitici è cresciuto del 4-6% in più rispetto a quello con gli avversari geopolitici. Anche la quota di IDE che si svolge tra Paesi geopoliticamente allineati è in aumento.

E, nel frattempo, è aumentata l’urgenza di affrontare il cambiamento climatico. Raggiungere lo zero netto in tempi sempre più brevi richiede approcci politici radicali in cui il significato di commercio sostenibile viene ridefinito. L’Inflation Reduction Act degli Stati Uniti e, in prospettiva, il Carbon Border Adjustment Mechanism dell’UE danno entrambi la priorità agli obiettivi di sicurezza climatica rispetto a quelli che in precedenza erano considerati effetti distorsivi sul commercio.

Questo periodo di profondi cambiamenti nell’ordine economico globale comporta sfide altrettanto profonde per la politica economica. In primo luogo, cambierà la natura degli shock a cui sono esposte le nostre economie. Negli ultimi trent’anni, le principali fonti di disturbo della crescita sono state gli shock della domanda, spesso sotto forma di cicli del credito. La globalizzazione ha causato un flusso continuo di shock positivi dell’offerta, in particolare aggiungendo ogni anno decine di milioni di lavoratori al settore commerciale delle economie emergenti. Ma questi cambiamenti sono stati per lo più fluidi e continui.

Ora, con l’avanzamento della Cina nella catena del valore, non sarà sostituita da un altro esportatore di rallentamento del mercato del lavoro globale. Al contrario, è probabile che si verifichino shock negativi dell’offerta più frequenti, più gravi e anche più consistenti, mentre le nostre economie si adattano a questo nuovo contesto.

È probabile che questi shock dell’offerta derivino non solo da nuovi attriti nell’economia globale, come conflitti geopolitici o disastri naturali, ma ancor più dalla nostra risposta politica per mitigare tali attriti. Per ristrutturare le catene di approvvigionamento e decarbonizzare le nostre economie, dobbiamo investire un’enorme quantità di denaro in un orizzonte temporale relativamente breve, con il rischio che il capitale venga distrutto più velocemente di quanto possa essere sostituito.

In molti casi, stiamo investendo non tanto per aumentare lo stock di capitale, quanto per sostituire il capitale che viene reso obsoleto da un mondo in continua evoluzione. Per illustrare questo punto, si pensi ai terminali di GNL costruiti in Europa negli ultimi due anni per alleviare l’eccessiva dipendenza dal gas russo. Non si tratta di investimenti destinati ad aumentare il flusso di energia nell’economia, ma piuttosto a mantenerlo.

Gli investimenti nella decarbonizzazione e nelle catene di approvvigionamento dovrebbero aumentare la produttività nel lungo periodo, soprattutto se comportano una maggiore adozione della tecnologia. Tuttavia, ciò implica una temporanea riduzione dell’offerta aggregata mentre le risorse vengono rimescolate all’interno dell’economia.Il secondo cambiamento chiave nel panorama macroeconomico è che la politica fiscale sarà chiamata a svolgere un ruolo maggiore, il che significa – mi aspetto – deficit pubblici persistentemente più elevati. Il ruolo della politica fiscale è classicamente suddiviso in allocazione, distribuzione e stabilizzazione, e su tutti e tre i fronti è probabile che le richieste di spesa pubblica aumentino.

La politica fiscale sarà chiamata a incrementare gli investimenti pubblici per soddisfare le nuove esigenze di investimento. I governi dovranno affrontare le disuguaglianze di ricchezza e di reddito. Inoltre, in un mondo di shock dell’offerta, la politica fiscale dovrà probabilmente svolgere anche un ruolo di stabilizzazione maggiore, un ruolo che in precedenza avevamo assegnato principalmente alla politica monetaria.

Abbiamo assegnato questo ruolo alla politica monetaria proprio perché ci trovavamo di fronte a shock della domanda che le banche centrali sono in grado di gestire. Ma un mondo di shock dell’offerta rende più difficile la stabilizzazione monetaria. I ritardi della politica monetaria sono in genere troppo lunghi per frenare l’inflazione indotta dall’offerta o per compensare la contrazione economica che ne deriva, il che significa che la politica monetaria può al massimo concentrarsi sulla limitazione degli effetti di secondo impatto.

Pertanto, la politica fiscale sarà naturalmente chiamata a svolgere un ruolo maggiore nella stabilizzazione dell’economia, in quanto le politiche fiscali possono attenuare gli effetti degli shock dell’offerta sul PIL con un ritardo di trasmissione più breve. Lo abbiamo già visto durante lo shock energetico in Europa, dove i sussidi hanno compensato le famiglie per circa un terzo della loro perdita di benessere – e in alcuni Paesi dell’UE, come l’Italia, hanno compensato fino al 90% della perdita di potere d’acquisto per le famiglie più povere.

Nel complesso, questi cambiamenti indicano una crescita potenziale più bassa man mano che si svolgono i processi di aggiustamento e una prospettiva di inflazione più volatile, con nuove pressioni al rialzo derivanti dalle transizioni economiche e dai persistenti deficit fiscali. Inoltre, abbiamo un terzo cambiamento: se stiamo entrando in un’epoca di maggiore rivalità geopolitica e di relazioni economiche internazionali più transazionali, i modelli di business basati su ampi avanzi commerciali potrebbero non essere più politicamente sostenibili. I Paesi che vogliono continuare a esportare beni potrebbero dover essere più disposti a importare altri beni o servizi per guadagnarsi questo diritto, pena l’aumento delle misure di ritorsione.

Questo cambiamento nelle relazioni internazionali inciderà sull’offerta globale di risparmio, che dovrà essere riallocato verso gli investimenti interni o ridotto da un calo del PIL. In entrambi gli scenari, la pressione al ribasso sui tassi reali globali che ha caratterizzato gran parte dell’era della globalizzazione dovrebbe invertirsi.

Questi cambiamenti comportano conseguenze ancora molto incerte per le nostre economie. Un’area di probabile cambiamento sarà la nostra architettura di politica macroeconomica.

Per stabilizzare il potenziale di crescita e ridurre la volatilità dell’inflazione, avremo bisogno di un cambiamento nella strategia politica generale, che si concentri sia sul completamento delle transizioni in corso dal lato dell’offerta, sia sullo stimolo alla crescita della produttività, dove l’adozione estesa dell’IA