Trump, ora più che mai!_di Roger Stone

Qui sotto pubblichiamo l’appello lanciato da Roger Stone a sostegno della ricandidatura di Donald Trump a Presidente degli Stati Uniti. Roger Stone è stato, assieme al Generale Flynn, una figura chiave della prima elezione di Trump. Non tutti lo hanno compreso nel movimento MAGA; forse nemmeno appieno lo stesso Trump, almeno sino a quando lo ha graziato dalla persecuzione giudiziaria allo scadere del suo mandato presidenziale. Lo hanno capito benissimo al contrario i suoi avversari portandolo con ferocia e spietatezza alla rovina economica e ad una condizione di salute precaria. Non ostante, assieme a qualche altro fondatore, abbia scelto di mettersi saggiamente in disparte al momento dell’insediamento di Trump alla Casa Bianca, è rimasto comunque nel mirino spietato dei suoi avversari. Ricordiamo tutti la vergognosa spettacolarità della vera e propria operazione militare che lo ha condotto agli arresti in piena notte nella sua abitazione. Roger Stone è stato un alto funzionario dello stato federale con incarichi chiave sin dalla lontana amministrazione Nixon. Conosce benissimo i meccanismi di funzionamento delle dinamiche politiche americane ed ha intuito, tra i primi, la via del disastro verso la quale stavano conducendo il paese le varie amministrazioni, a partire da quella di Bush Senior e i centri decisori presenti negli apparati nevralgici. A settanta anni Stone getta sul terreno il peso della sua autorevolezza per sostenere ancora una volta Trump e diradare almeno in parte la cortina fumogena stesa sulle candidature alternative, o presunte tali che stanno emergendo. Non conoscendo bene, nei particolari, le dinamiche interne al movimento, nutriamo qualche dubbio, però, sulla giustezza di questa ricandidatura di un personaggio dai limiti, pari alla sua tenacia, evidenti e sulla maturità di eventuali candidature realmente alternative. Tanto più che, alla sua seconda riproposizione, non sembra disporre del sostegno e del supporto di un gruppo ben organizzato, strutturato ed esperto. La dinamica dello scontro politico negli Stati Uniti vive una fase di stallo, ma solo apparente. Di fatto la polarizzazione geografica del conflitto interno si è ulteriormente accentuata con l’ulteriore fattore dirompente di un movimento che continua ad estendersi nei ceti popolari produttivi delle varie etnie. L’alterazione dei risultati elettorali con brogli ormai su scala industriale sta facendo il resto, insinuando il dubbio sulla effettiva efficacia di un impegno politico fondato e dettato esclusivamente sulle scadenze elettorali in un movimento che ha compreso l’importanza di un radicamento nei centri amministrativi e di potere e di una connessione con quelle élites dissenzienti con l’attuale politica avventurista. Il movimento MAGA vive all’interno profonde contraddizioni tra chi punta ad una azione tendente semplicemente a dividere il fronte geopolitico avversario che si sta compattando, più per la costrizione esterna americana che per affinità dei componenti, attorno al polo russo-sino-indiano e chi, mosso probabilmente da una impostazione economicista e un po’ ingenua, tende a ridurre le dinamiche geopolitiche ad una serie di relazioni bilaterali mutevoli. Una interpretazione, quest’ultima, probabilmente accettabile e praticabile solo in una fase temporanea di transizione verso una ricomposizione multipolare degli schieramenti e non a caso sostenuta, paradossalmente, anche dalla attuale leadership cinese. Un aspetto che avrebbe dovuto far riflettere meglio la dirigenza cinese, riguardo al suo comportamento nei confronti di Trump. Un movimento il cui successo, però, potrebbe condurre ad una dinamica meno tragica le relazioni geopolitiche e spostare più all’interno degli Stati Uniti un conflitto che, altrimenti, coinvolgerà il mondo intero. Una classe dirigente e un ceto politico serio e legato agli interessi fondamentali dei paesi europei più importanti dovrebbe sostenere ed agevolare convintamente la strada di questo movimento proprio per gli spazi che un suo successo definitivo aprirebbe ad una condizione più autonoma ed indipendente dell’Europa. Il carattere miserabile, stupido, insipiente e compradore di questi, già visibile in quei quattro anni, sta emergendo, purtroppo, sempre più alla luce del sole condannando, con poche eccezioni, un intero continente al disastro inconsapevole ed autolesionistico a vantaggio di una élite sempre più arroccata. Buona lettura, Giuseppe Germinario

 

ROGER STONE: TRUMP, ORA PIÙ CHE MAI

Trump non è accettato o sostenuto dai membri titolari di tessera dell’establishment repubblicano di Washington. Questa è una virtù, non una pecca.

 

Nel suo discorso di annuncio alle sua corsa alle presidenziali 2024, un discorso ordinato e perfettamente disciplinato, Donald Trump si è riformulato come un outsider politico pronto a tornare alle guerre politiche di vecchia stagione e a sfidare gli interessi politici e mediatici radicali che hanno sistematicamente ribaltato e neutralizzato il progressi fatti durante la sua prima presidenza.

Quelli del movimento MAGA riescono a percepire, attraverso la narrativa accuratamente orchestrata, implacabile e completamente falsa, la tesi che cerca di incolpare l’ex presidente per la sottoperformance del partito repubblicano nelle elezioni di medio termine. Com’è conveniente che la vittoria relativamente facile del candidato appoggiato da Trump J.D. Vance in Ohio, così come la dura, ma riuscita rielezione del senatore Ron Johnson (forse il più grande difensore di Trump al Senato degli Stati Uniti) in Wisconsin sono così facilmente trascurate dai media.

Quelli della cabala corporativa/governativa/mediatica ora elevano lo spettro di una candidatura del governatore della Florida Ron DeSantis. La scelta di De Santis come principale nemico di Trump è un riconoscimento del fatto che il collegio elettorale dell’America Prima (MAGA) è ancora dominante alla base del Partito Repubblicano. DeSantis, nonostante il suo pedigree, ha governato in Florida seguendo il manuale del MAGA.

L’establishment, che ora cerca di distruggere Trump, ha già riconosciuto la non fattibilità di presentare come alternativa a Trump l’ex vicepresidente Mike Pence o l’ex direttore della CIA e segretario di Stato Mike Pompeo, tutte e due potenziali candidature assolutamente impopolari tra la base di MAGA. L’ascesa di una potenziale candidatura di De Santis, toglie prezioso ossigeno che una delle loro candidature richiederebbe.

L’unico altro potenziale candidato, dietro cui la cabala repubblicana/mediatica poteva schierarsi, il senatore della Florida Marco Rubio, è stato sostanzialmente neutralizzato da Trump quando l’ex presidente ha tenuto un comizio caloroso a favore di Rubio, in Florida, nel momento in cui  la rielezione del Senatore Rubio era in bilico. La sfida contro la candidata Democratica si presentava problematica poiché la deputata della sinistra radicale; Val Demings era ben finanziata e organizzata. L’intervento di Trump ha tolto dalla pentola bollente Rubio forzando poi Rubio ad essere in debito con Trump e quindi ora fedele all’ex presidente.

Prima del comizio di Trump a Miami, i sondaggi mostravano che Rubio era in vantaggio su Demings di soli tre punti, ma dopo il comizio di Trump, il senatore Rubio ha ottenuto una vittoria finale di 16 punti rispetto alla Demings.

Con Pence e Pompeo che mancano del necessario appeal nella base repubblicana e con Rubio dipendente ora da Trump,altro non rimane che DeSantis.

Ieri sera ho partecipato allo storico annuncio del presidente Trump a Mar-a-Lago della sua candidatura per le presidenziali del 2024. C’era elettricità nell’aria che non vedevo né sentivo dall’inizio del 2016. I media hanno rapidamente sottolineato che mentre io e Mike Liddell, descritti come “i sostenitori di Trump”, eravamo tra il pubblico, nessun membro del nuovo Congresso era presente . Ancora una volta, i media giudicano male l’umore degli elettori;  il fatto che Trump non sia appoggiato o sostenuto da membri tesserati dell’establishment repubblicano di Washington è un pregio, non un difetto.

L’assalto organizzato dall impero mediatico NewsCorp di Rupert Murdoch, tra cui Fox News, il Wall Street Journal e il New York Post, mette in mostra una chiara impressione errata del ruolo svolto da Fox e dalle altre testate giornalistiche di Murdoch nell’ascesa iniziale di Trump.

Fox News ha cercato sistematicamente di promuovere più sfidanti a Trump nelle primarie del 2016. Tuttavia, ha visto svanire quegli sforzi quando hanno scoperto che trasmettere dall’inizio alla fine i comizi di Trump faceva guadagnare gli indici più alti di ascolto mai registrati prima nella storia di Fox News, consentendo così a Murdoch di addebitare molto di più per la pubblicità sulla sue reti. Fox News ha  beneficiato della nomina e dell’elezione di Donald Trump più che Trump abbia beneficiato delle dirette fatte dalle emittenti di Murdoch.

Qualcuno crede che qualsiasi candidato diverso da Donald Trump potrebbe affrontare coloro che traggono grandi profitti dall’immigrazione illegale e frontiere aperte?

Qualcuno crede che qualsiasi candidato diverso da Donald Trump smaschererà e correggerà la corruzione nelle nostre agenzie di intelligence e negli uffici delle forze dell’ordine, come la CIA e l’FBI?

Qualcuno crede che qualsiasi candidato diverso da Donald Trump organizzerà una campagna nazionale per porre un limite temporale per  i membri eletti del Congresso?

Qualcuno crede che qualsiasi candidato diverso da Donald Trump imporrebbe il divieto agli ex membri del Congresso, o del ramo esecutivo, di esercitare pressioni dopo aver lasciato le alte cariche del governo?

Qualcuno crede che qualsiasi candidato diverso da Donald Trump sfiderà il duopolio bipartitico che sta cercando di cancellare la nostra eredità, cancellare la nostra Costituzione e distruggere le stesse libertà che garantiscono lo stile di vita americano?

Ecco perché sono con Trump, ora più che mai.

 

Roger Stone

Ucraina, il conflitto 21a puntata_azioni coordinate Con Stefano Orsi e Max Bonelli

La mano del generale Surovikin comincia a farsi notare anche sul campo di battaglia oltre che sul più esteso teatro di guerra. Dopo il grande ripiegamento, pressoché indolore, da Kherson, compresa la protezione della popolazione filorussa, questa volta l’impronta è impressa sulla capacità di sostenere, in maniera dinamica, il confronto con l’esercito ucraino su di un fronte ormai ben definito e disegnato. Ormai l’esito del confronto sarà determinato dall’esaurimento di una delle forze in campo piuttosto che dall’avvio di una azione diplomatica, sempre sul punto di emergere, ma senza riuscire ad imporsi. In Ucraina hanno preso piede ormai un vero e proprio regime di guerra ed una economia altrettanto di guerra che ormai procedono per inerzia, per quanto spaventosa. Dal canto loro, gli Stati Uniti, l’attuale leadership, si sono troppo compromessi finanziariamente e politicamente per poter fare un passo indietro. In venti anni hanno creato in Ucraina una vera e propria zona franca nella quale il riciclaggio di denaro, il commercio illegale, le spericolate sperimentazioni di laboratorio fanno da supporto ed incentivo prosaico al disegno di neutralizzazione ed annichilimento della Russia. Una zona franca diventata terreno di pascolo di buona parte del ceto politico responsabile di queste scelte. Nell’altro versante quello che è iniziato come una ipotesi di collaborazione sempre più stretta tra la Russia, la Cina, l’Iran e, un po’ più a latere, l’India si sta tramutando in prime forme di integrazione del complesso militare industriale, nella fattispecie tra Russia ed Iran. Da un mondo unipolare e tendenzialmente bipolare si sta passando ad una fase multipolare sempre più definita. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v1wyfq2-ucraina-il-conflitto-21a-puntata-azioni-coordinate-con-stefano-orsi-e-max-b.html

In “Competizione sistemica” con gli USA, di German-Foreign-Policy

Lo stiamo ripetendo da tempo. Ora c’è la conferma ufficiale. Non è però solo guerra commerciale. Le modalità di azione della guerra economica non si limitano ai dazi, alla politica monetaria, alla guerra dei tassi, alla regolamentazione dei flussi commerciali. Le sanzioni e le stesse scelte geopolitiche agiscono sulle scelte economiche. Queste ultime sono sempre più parte integrante delle dinamiche geopolitiche. Più la base egemonica si restringe, più i sottomessi sentiranno sulla propria pelle il peso del dominio.

Giuseppe Germinario

Si espande la guerra commerciale tra l’UE e gli Stati Uniti sui programmi di investimento statunitensi che attirano le industrie del futuro lontano dall’Europa. I manager avvertono di un “esodo industriale” negli Stati Uniti.

23
NOV
2022

BERLINO/WASHINGTON restringendo l’UE ai negoziati con gli USA. Secondo gli economisti, alla fine sono in gioco “un gran numero di industrie del futuro”. L’ex CEO di Siemens Joe Kaeser avverte persino di un “esodo industriale e di capitali dall’Europa” verso gli Stati Uniti.

“Compra americano”

I programmi di investimento statunitensi, del valore di centinaia di miliardi, che l’amministrazione statunitense ha lanciato nell’ultimo anno, sono ancora al centro del conflitto. Attualmente il dibattito si concentra sull’Inflation Reduction Act, che prevede quasi 400 miliardi di dollari USA per la decarbonizzazione, in particolare per l’energia verde e le auto elettriche.[1] Questi fondi sono estremamente attraenti per l’industria. L’acquisto di auto elettriche viene sovvenzionato con 7.500 dollari USA ciascuna. Tuttavia, solo le auto prodotte negli Stati Uniti sono sovvenzionate. Questo vale anche per i componenti, come le batterie. Anche le loro materie prime devono essere inizialmente estratte e lavorate al 40 e – a lungo termine – all’80 per cento negli Stati Uniti, o in alternativa in un Paese legato agli USA da un accordo di libero scambio. Ciò esclude la Cina, ma anche Germania e UE – non solo per singoli prodotti ma anche per intere catene di fornitura. Per poter beneficiare di questi programmi di investimento unici, alcune aziende hanno già iniziato ad espandersi all’interno oa creare nuovi siti negli Stati Uniti: si profila un trasferimento sistematico di segmenti significativi delle strutture produttive in Nord America.

„Un aspirapolvere per investimenti”

Ciò non riguarda solo l’industria automobilistica, compresi i suoi subappaltatori e la produzione di batterie. Si profilano già i primi ritardi nella costruzione pianificata di entrambe, una fabbrica di batterie Northvolt a Heide e l’espansione dello stabilimento Tesla a Grünheide vicino a Berlino, perché entrambe le società stanno dando la priorità alle loro attività negli Stati Uniti. I produttori di turbine eoliche possono anche sperare in sovvenzioni dall’Inflation Reduction Act se producono negli Stati Uniti. Secondo i rapporti, gli esperti della Commissione europea prevedono che le principali aziende di questo settore trasferiranno i loro siti produttivi negli Stati Uniti.[2] Christian Bruch, CEO di Siemens Energy, ha affermato che le risorse del settore per la transizione energetica saranno distribuite nei prossimi dodici mesi e “se l’Europa non reagisce, si investirà di più negli Stati Uniti che qui. ”[3] Uno sviluppo identico sta diventando evidente nell’industria dell’idrogeno, a causa degli alti sussidi e dell’energia molto più economica negli Stati Uniti. Jorgo Chatzimarkakis, segretario generale di Hydrogen Europe, prevede che gli Stati Uniti attireranno “investimenti… come un aspirapolvere”. potenziale è particolarmente problematico. Gli Stati Uniti potrebbero invece ora diventare i pionieri globali. l’UE vuole trasformarsi in industrie di punta della transizione energetica con un potenziale di espansione globale è particolarmente problematico. Gli Stati Uniti potrebbero invece ora diventare i pionieri globali. l’UE vuole trasformarsi in industrie di punta della transizione energetica con un potenziale di espansione globale è particolarmente problematico. Gli Stati Uniti potrebbero invece ora diventare i pionieri globali.

Cooperazione costosa

I programmi di investimento statunitensi potrebbero avere conseguenze ancora più gravi nell’Asia orientale, dove avranno un impatto su due stretti alleati degli Stati Uniti: il Giappone e la Corea del Sud. Considerando che almeno alcune delle case automobilistiche tedesche possono già beneficiare di questi sussidi, perché stanno producendo negli Stati Uniti – ad esempio la BMW 330e o presto la Mercedes EQS – questo varrà solo per la Nissan Leaf, tra le case automobilistiche asiatiche. Il governo giapponese ha presentato una protesta attraverso i canali diplomatici, senza alcun risultato. Tuttavia, i principali produttori giapponesi come Toyota e Honda hanno da tempo in programma di creare impianti di auto elettriche e batterie negli Stati Uniti. La Corea del Sud è più gravemente colpita. Hyundai, ad esempio, ha alcuni modelli di auto elettriche di successo, con i quali l’azienda è in competizione con la statunitense Tesla. Tuttavia, questi non vengono prodotti negli Stati Uniti e, pertanto, sono totalmente esclusi dai programmi di sovvenzione.[5] Ciò si è rivelato motivo di imbarazzo per il presidente della Corea del Sud Yoon Suk-Yeol. Da quando è entrato in carica lo scorso maggio, ha sostenuto le misure di Washington di ogni tipo, ad esempio favorendo la produzione di chip statunitense, correndo così il rischio di tensioni con la Cina. Ora si rende conto che la cooperazione con gli Stati Uniti è economicamente costosa per il suo paese.[6] C’è una rabbia enorme a Seoul. Ora si rende conto che la cooperazione con gli Stati Uniti è economicamente costosa per il suo paese.[6] C’è una rabbia enorme a Seoul. Ora si rende conto che la cooperazione con gli Stati Uniti è economicamente costosa per il suo paese.[6] C’è una rabbia enorme a Seoul.

“Compra europeo”

Un approccio deciso e consolidato, adottato da tutti gli Stati interessati, finora non ha avuto successo a causa della disunione all’interno dell’UE. La Francia preme per un’azione risoluta. A ottobre, il presidente Emmanuel Macron, in reazione alle normative statunitensi “Buy American”, aveva lanciato un appello per legiferare un “Buy European Act”, per proteggere il mercato dell’UE dalla concorrenza statunitense, o almeno fino a quando Washington lo sostiene il suo corso.[7] Il commissario francese per il mercato interno dell’UE, Thierry Breton, si è espresso a favore della “gestione del problema nell’ambito dell’OMC”, possibilmente anche presentando una denuncia all’OMC.[8] Tuttavia, il governo tedesco sta minimizzando. Ad esempio, il ministro dell’Economia tedesco, Robert Habeck, avrebbe affermato che “sono state avviate discussioni con gli americani”, in modo da “non entrare in una sorta di guerra commerciale. ”[9] Il ministro delle finanze tedesco, Christian Lindner, ha avvertito che una guerra commerciale crea solo perdenti, “nessuno ne trarrà vantaggio”.[10] Il commissario europeo per il commercio Valdis Dombrovskis sta seguendo la linea di Berlino. “Vogliamo un accordo negoziato”, ha dichiarato Dombrovskis. “Sono favorevole a procedere per gradi. Ora stiamo discutendo”. Solo allora, quando “i risultati non soddisfano le nostre aspettative”, “prepariamo il passo successivo”. Naturalmente, forse allora sarebbe troppo tardi.[11] ” sarà “prepariamo il passo successivo”. Naturalmente, forse allora sarebbe troppo tardi.[11] ” sarà “prepariamo il passo successivo”. Naturalmente, forse allora sarebbe troppo tardi.[11]

Colloqui senza alcun risultato

Dal 4 novembre, infatti, si riunisce regolarmente una task force transatlantica, per trovare il modo di evitare danni all’Ue, fino ad ora – per quanto si sa – senza risultati tangibili. Un emendamento all’Inflation Reduction Act è considerato fuori discussione, anche perché il Congresso Usa dovrebbe essere favorevole, cosa ancora meno ipotizzabile ora, visti i risultati degli ultimi mid-term, in cui i repubblicani hanno ottenuto la maggioranza al Camera dei Rappresentanti. Teoricamente, sarebbero possibili modifiche ai regolamenti di attuazione, ma non c’è nulla che indichi che Washington sarebbe d’accordo su qualsiasi cosa al di là di semplici aggiustamenti estetici. Il 5 dicembre, il Consiglio per il commercio e la tecnologia (TTC) UE-USA dovrebbe riunirsi per affrontare la questione, ma le aspettative sono basse.

“Esodo industriale negli USA”

Nel frattempo, diversi economisti e manager hanno commentato le dimensioni della disputa commerciale. Ad esempio, Gabriel Felbermayr, direttore dell’Istituto austriaco di ricerca economica (WIFO) di Vienna, ritiene che questo conflitto offuschi la controversia sui sussidi Airbus-Boeing,[12] che aveva coinvolto solo “un singolo settore”, mentre nell’attuale conflitto , sono in gioco “molte industrie del futuro”.[13] Si dice che l’ex capo della Siemens Joe Kaeser abbia affermato che “in una certa misura” l’UE non è solo in “concorrenza sistemica” con la Cina, ma anche con gli Stati Uniti. Se si guarda ai programmi di investimento degli Stati Uniti e al dissenso all’interno dell’UE, si profila chiaramente “un esodo industriale e di capitali dall’Europa verso gli USA”.[14]

 

[1] Vedi anche Lotte di potere dietro il fronte (II) .

[2] Silke Wettach: Der falsche Freund. WirtschaftsWoche 18.11.2022.

[3], [4] Warum ein Handelskrieg zwischen USA und EU droht. spiegel.de 18.11.2022.

[5] Martin Kölling: „Verräter, Bastarde“ – Wie die USA enge Verbündete gegen sich aufbringen. www.handelsblatt.com 14.10.2022.

[6] Ellen Kim: la legge sulla riduzione dell’inflazione viene messa a fuoco all’UNGA. csis.org 22.09.2022.

[7] Clea Caulcutt: Emmanuel Macron chiede un “Buy European Act” per proteggere le case automobilistiche regionali. politico.eu 26.10.2022.

[8] Moritz Koch: „Die USA eröffnen faktisch ein Subventions-Rennen“ – Il commissario dell’UE ha detto a Washington. www.handelsblatt.com 03.11.2022.

[9] Dana Heide, Silke Kersting, Moritz Koch, Annett Meiritz, Klaus Stratmann: USA stemmen „größte Investitionen aller Zeiten“ fürs Klima – und lösen in Europa Ängste aus. www.handelsblatt.com 03.11.2022.

[10] Lindner befürchtet Blockbildung durch US-Gesetz. n-tv.de 17.11.2022.

[11] Markus Becker, Michael Sauga: Rechnen Sie mit einem Handelskrieg, Herr Dombrovskis? spiegel.de 18.11.2022.

[12] Cfr. anche Die nächste Strafzollrunde .

[13], [14] Warum ein Handelskrieg zwischen USA und EU droht. spiegel.de 18.11.2022.

https://www.german-foreign-policy.com/en/news/detail/9092

Le trappole del Medio Oriente_con Antonio de Martini

Il pendolo dei focolai di crisi continua ad oscillare tra l’Europa e Taiwan con una tappa obbligata, ormai da decenni, in Medio Oriente. L’Iran e la Turchia tornano alla ribalta con l’emergere di pesanti crisi interne, ma con alcune novità determinanti: la capacità di reazione e di movimento delle classi dirigenti dominanti e del ceto politico da queste espresso; il contesto geopolitico che vede emergere nuovi grandi attori e che riesce ad offrire una sponda meno precaria a questa volontà di resistenza e di intraprendenza. Gli schemi adottati in Libia e in Siria si rivelano quindi meno efficaci, non ostante la serietà dei problemi interni ai rispettivi paesi. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v1wmlja-le-trappole-del-medio-oriente-con-antonio-de-martini.html

Stati Uniti, il dopo elezioni_Con Gianfranco Campa

Nella prima parte di questa conversazione abbiamo esaminato il voto, accennato ad una analisi sociologica, stigmatizzato le troppe manipolazioni che hanno alterato significativamente i risultati e contraddetto le previsioni. http://italiaeilmondo.com/2022/11/18/… E’ il momento di trarre alcune valutazioni sulle conseguenze di questo voto, partendo dalla incomparabile capacità organizzativa messa in campo dai democratici nel bene e, soprattutto, nel male per finire con le dinamiche che si innescheranno da questo esito. Mani sapienti agiscono intorno al bersaglio grosso da neutralizzare. Il bersaglio a sua volta non sembra attraversare un momento di particolare lucidità. Potrebbe costare caro ad un movimento molto più maturo e disincantato, altrimenti in grado di ostacolare l’avventurismo dell’attuale leadership statunitense. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v1vwu6k-stati-uniti-il-dopo-elezioni-con-gianfranco-campa.html

Ucraina, il conflitto_20a puntata. Punti deboli e punti forti_con Max Bonelli e Stefano Orsi

L’arretramento dell’esercito russo da Kherson ha lasciato perplessi alcuni. I più hanno manifestato entusiasmo per la vittoria decisiva degli ucraini e in particolare del loro regime, giacchè sono pure ucraini la parte consistente di popolazione sulla quale infieriscono i sodali di Zelensky; altri, con fare sornione, intravedono una trappola geniale in un arretramento, in perfetto ordine e con nessuna perdita, comunque difensivo e seguito al precedente arretramento sulla parte settentrionale del fronte. Il protrarsi del conflitto, come ogni evento bellico, sta mettendo a nudo i punti dolenti e i punti di forza di ogni schieramento. Nella sostanza strategica gli uni hanno capovolto al momento le sorti al prezzo della progressiva distruzione del proprio paese, per meglio dire del paese del quali detengono le redini, in condizioni di spossatezza. Gli altri, con ampie risorse ancora da gestire, contengono la pressione sul campo giocando un conflitto su più piani e con interlocutori, di fatto i reali decisori della sorte del regime. Inizia ad intravedersi una prima lacerazione tra i beneficiari di una economia di guerra e gli strateghi del gioco geopolitico che devono conciliare le esigenze di un confronto multipolare con i più prosaici interessi di bottega a corollario. Vedremo se l’inverno porterà consiglio. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v1vizk0-ucraina-20a-puntata-debolezze-e-punti-forti-con-max-bonelli-e-stefano-orsi.html

Stati Uniti! Una partita truccata_con Gianfranco Campa

Tra aspettative deluse, partite truccate, corti dei miracoli, manipolazioni e reale polarizzazione del confronto politico, l’esito delle elezioni di medio termine influenzerà pesantemente il decorso politico dei prossimi due anni e le dinamiche geopolitiche nel mondo. Non nel senso però auspicato dal movimento MAGA e strombazzato a bella posta dal sistema mediatico. Ha certamente spostato ulteriormente lo scontro politico all’interno dei due partiti. Qualche aggiustamento avverrà anche nelle dinamiche geopolitiche, soprattutto nei punti di crisi più pericolosi. In questa prima parte ci siamo divertiti a mettere a nudo la “creatività” che ormai condiziona pesantemente la gestione e l’esito delle consultazioni elettorali. Nella seconda parte, a breve giro, ne analizzeremo con maggiore solennità le implicazioni politiche. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v1v96j4-stati-uniti-una-partita-truccata-con-gianfranco-campa.html

L’Ucraina è una cartina tornasole_con Antonio de Martini

L’Ucraina si sta rivelando una vera e propria cartina di tornasole in grado di rivelare gli interessi di fondo, la coerenza dell’azione dei vari attori rispetto a questi e la postura e statura di questi nell’agone internazionale. La Russia, l’Ucraina, la Turchia e l’Italia sono l’oggetto di attenzione di questa conversazione con Antonio de Martini. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v1tdr6y-lucraina-una-cartina-tornasole-con-antonio-de-martini.html

ELEZIONI MIDTERMS-LA DIRETTA

INIZIA LA DIRETTA SULLE ELEZIONI DEL MIDTERM AL CONGRESSO AMERICANO. LA DIRETTA CONTINUERÀ FINO ALLO SPOGLIO FINALE DELLE SCHEDE

Mercoledì 9 Novembre,  Ore 17:15

Manca il responso ancora in cinque stati per sancire il risultato finale al Senato. Il conseguimento della maggioranza a favore dei due partiti si deciderà nelle prossime 48 ore, se non addirittura con il probabile ballottaggio in Georgia, in quanto difficilmente uno dei due candidati riuscirà a superare il 50% dei consensi. Alla Camera la maggioranza in mano ai repubblicani è praticamente acquisita nella sostanza, ma non nelle dimensioni. Il dato finale, probabilmente, confermerà le nostre previsioni di un saldo favorevole tra i 10 e i 20 rappresentanti. Il movimento MAGA, quindi Trump, ha consolidato notevolmente il proprio controllo nel partito ed ora al Congresso. Non ha sfondato, ma questa previsione correva soprattutto nella narrazione dei suoi avversari interni ed esterni, pronti a rappresentare un esito positivo come una cocente sconfitta e a creare, quindi, il terreno favorevole ad una candidatura alternativa a Trump alle prossime presidenziali. Acquisita, purtroppo, la notizia della opacità delle operazioni di voto nei distretti chiave, già riscontrata nelle elezioni passate e non ostante il sistema di controllo più capillare messo all’opera da MAGA. Lo scontro politico futuro, probabilmente, si concentrerà maggiormente all’interno dei due partiti. Nel Partito Repubblicano si concentrerà nella ricerca di un competitore, al quale, comunque, Trump, in fase ascendente, potrebbe essere in grado di offrire qualcosa di sufficiente a rinviare la resa dei conti a dopo le presidenziali; nel Partito Democratico, invece, il prezzo da pagare per una eventuale defenestrazione del duo Biden-Harris si rivelerà molto più sanguinoso e salato. Con queste note chiudiamo la rubrica e proseguiamo con la programmazione normale delle pubblicazioni. Entro la settimana pubblicheremo la consueta videointervista di approfondimento con a disposizione i dati definitivi e con considerazioni più approfondite; nel prosieguo probabilmente qualche scritto.

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 14:00

Cleta Mitchell,
il grande occhio di Trump sugli scrutini degli stati-chiave
L’avvocato gestisce una vasta rete di attivisti responsabili di garantire
l’integrità delle elezioni di medio termine

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 11:45

Seggi in bilico al Senato

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 10:45

Risultati totali parziali (grafica):

rilevati alle 04:46

alla Camera

 

al Senato

al Senato (in evidenza gli stati critici in bilico)

 

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 06:15

Risultati totali parziali:

 

Senato

Democratici

46 seggi

Republicani

46 seggi

 

Camera

Democratici

184 seggi

Republicani

207 seggi

 

Governatori

Democratici

18 sedie

Republicani

24 sedie

 

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 05:35

Risultati totali parziali:

 

Senato

Democratici

46 seggi

Republicani

46 seggi

 

Camera

Democratici

178 seggi

Republicani

204 seggi

 

Governatori

Democratici

16 sedie

Republicani

24 sedie

 

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 05:30

Una veloce analisi fin qui del voto:

Il Senato non appare al momento in pericolo per i Democratici, se i Repubblicani vincono il controllo del senato lo faranno al massimo di un seggio, non di più, tutto ciò in linea con quello che avevamo previsto.

Alla Camera invece, la scia elettorale appare fermamente favorire i Repubblicani, l’unico punto interrogativo è vedere di quanti seggi vinceranno i Repubblicani. I numeri che certi analisti politici prevedevano di 35-40 seggi guadagnati dai repubblicani alla camera, appare un miraggio. Probabilmente se vittoria sarà,  il guadagno repubblicano sarà più in linea con le nostre previsioni di 10-20 seggi massimo.

 

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 05:16

Il repubblicano JD Vance vince la corsa al Senato degli Stati Uniti in Ohio

 

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 05:15

Risultati totali parziali:

 

Senato

Democratici

44 seggi

Republicani

46 seggi

 

Camera

Democratici

173 seggi

Republicani

202 seggi

 

Governatori

Democratici

14 sedie

Republicani

24 sedie

 

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 05:00

Risultati totali parziali:

 

Senato

Democratici

43 seggi

Republicani

45 seggi

 

Camera

Democratici

173 seggi

Republicani

202 seggi

 

Governatori

Democratici

13 sedie

Republicani

23 sedie

 

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 04:35

Risultati totali parziali:

 

Senato

Democratici

41 seggi

Republicani

41 seggi

 

Camera

Democratici

126 seggi

Republicani

188 seggi

 

Governatori

Democratici

11 sedie

Republicani

22 sedie

 

 

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 04:23

Risultati totali parziali:

 

Senato

Democratici

40 seggi

Republicani

41 seggi

 

Camera

Democratici

122 seggi

Republicani

181 seggi

 

Governatori

Democratici

10 sedie

Republicani

18 sedie

 

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 04:11

Il repubblicano Chuck Grassley sconfigge il democratico Michael Franken in Iowa per il senato.

Il repubblicano Kevin Stitt vince la rielezione a governatore dell’Oklahoma. 

Il democratico Michael Bennet vince la rielezione al Senato degli Stati Uniti dal Colorado.

Il democratico Jared Polis vince la rielezione a governatore del Colorado.

Il repubblicano Phil Scott vince la rielezione per il governatore del Vermont.

Il repubblicano Eric Schmitt vince le elezioni per il Senato degli Stati Uniti dal Missouri.

I democratici Jerry Nadler, Alexandra Ocasio-Cortez e Ilhan Omar vincono la rielezione alla Camera degli Stati Uniti.

Il senatore democratico Chuck Schumer vince la rielezione a New York.

 

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 04:07

Risultati totali parziali:

 

Senato

Democratici

40 seggi

Republicani

41 seggi

 

Camera

Democratici

122 seggi

Republicani

181 seggi

 

Governatori

Democratici

10 sedie

Republicani

18 sedie

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 03:15

Risultati totali parziali:

 

Senato

Democratici

38 seggi

Republicani

39 seggi

 

Camera

Democratici

120 seggi

Republicani

180 seggi

 

Governatori

Democratici

8 sedie

Republicani

15 sedie

 

 

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 03:00

Risultati totali parziali:

 

Senato

Democratici

37 seggi

Republicani

37 seggi

 

Camera

Democratici

77 seggi

Republicani

116 seggi

 

Governatori

Democratici

7 sedie

Republicani

14 sedie

 

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 02:45

Il senatore repubblicano Marco Rubio ha vinto la rielezione in Florida.

Il repubblicano Chris Sununu vince la rielezione a governatore del New Hampshire.

La democratica Maura Healey è diventata la prima governatrice gay nella storia del Massachusetts. È anche la prima donna eletta governatore del Massachusetts.

La repubblicana Sarah Huckabee Sanders è stata eletta governatore dell’Arkansas, diventando la prima donna governatrice dello stato.

 

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 02:16

Il repubblicano Ron DeSantis vince la rielezione a governatore della Florida.

Il repubblicano Bill Lee vince la rielezione a governatore del Tennessee.

Il democratico Richard Blumenthal vince la rielezione al Senato degli Stati Uniti dal Connecticut.

La repubblicana Katie Britt vince le elezioni per il Senato degli Stati Uniti dall’Alabama.

Il repubblicano Kay Ivey vince la rielezione a governatore dell’Alabama.

Il democratico JB Pritzker vince la rielezione a governatore dell’Illinois.

Il democratico Tammy Duckworth vince la rielezione al Senato degli Stati Uniti dall’Illinois.

Il democratico Chris Van Hollen vince la rielezione al Senato degli Stati Uniti dal Maryland.

Il democratico Wes Moore vince le elezioni per il governatore del Maryland.

La democratica Maura Healey vince le elezioni per il governatore del Massachusetts.

Il repubblicano James Lankford vince la rielezione al Senato degli Stati Uniti dall’Oklahoma.

Il repubblicano Markwayne Mullin vince le elezioni per il Senato degli Stati Uniti in Oklahoma.

 

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 01:46

Risultati del Senato in Indiana: Il repubblicano Todd Young vince le elezioni

Il democratico Peter Welch vince le elezioni per il Senato degli Stati Uniti nel Vermont.

 

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 01:22

Marjorie Taylor-Greene (R) vince la rielezione

Il repubblicano Rand Paul vince la rielezione al Senato degli Stati Uniti dal Kentucky

 

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 00:30

Senato: Kentucky

Candidati % Voti
Rand Paul

REPUBBLICANO ATTUALE SENATORE

72.0% 3,366

 

Booker

DEMOCRATICO SFIDANTE

28.0% 1,309

 

Mercoledi 9 Novembre,  Ore 00:23

Le supposizioni sono finite, arrivano i primi risultati:

Senato: Indiana

 

Candidati % Voti
Young

REPUBBLICANO ATTUALE SENATORE

64.0%  

22,945

 

McDermott

DEMOCRATICO SFIDANTE

32.9% 11,775

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 23:24

La calma prima della tempesta. Ora siamo solo in attesa dei primi risultati alla chiusura dei primi seggi.

Sotto gli orari di chiusura dei seggi, in alcuni stati i seggi hanno chiusure diverse, ecco perché lo stesso stato può avere due orari di chiusura diversi:

24:00 

  • Indiana 
  • Kentucky

01:00 

  • Georgia 
  • Indiana
  • Kentucky 
  • South Carolina 
  • Vermont 
  • Virginia 
  • Florida 

01:30

  • North Carolina 
  • Ohio 
  • West Virginia

02:00

  • Alabama 
  • Connecticut 
  • Delaware 
  • Florida 
  • Illinois 
  • Kansas
  • Maine 
  • Maryland 
  • Massachusetts
  • Michigan
  • Mississippi
  • Missouri 
  • New Hampshire 
  • New Jersey 
  • Oklahoma 
  • Pennsylvania 
  • Rhode Island
  • Tennessee
  • Texas

02:30 

  • Arkansas 

03:00 

  • Arizona
  • Colorado
  • Iowa
  • Kansas 
  • Louisiana 
  • Michigan 
  • Minnesota
  • Nebraska 
  • New Mexico 
  • New York 
  • North Dakota
  • South Dakota 
  • Texas 
  • Wisconsin 
  • Wyoming 

04:00 

  • Idaho:
  • Montana 
  • Nevada 
  • Utah 

 

05:00 

  • California 
  • Idaho 
  • Oregon 
  • Washington

 

06:00 

  • Hawaii

07:00

               Alaska 

 

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 22:51

Il 98,7% delle donazioni dei dipendenti di Twitter ai candidati politici, nelle elezioni di medio termine del 2018, è stato destinato ai candidati del Partito Democratico.

Image

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 22:37

“Quello di cui mi preoccupa… se i repubblicani prenderanno il controllo… ci saranno udienze… indagheranno su Hunter Biden… vorranno fare l’impeachment a Biden… mi preoccupo che sarà molto, molto brutto”.

Martedì 8 Novembre,  Ore 22:32

Il funzionario elettorale della contea di Maricopa (Arizona), Stephen Richer,  si scusa pubblicamente per problemi ai seggi.

Promette che tutti i voti legali verranno conteggiati

Image

Martedì 8 Novembre,  Ore 22:25

Un uomo di 38 anni, armato di coltello, ha cercato di fermare il processo di voto a uno dei seggi elettorali in West Bend, Wisconsin.

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 22:11

Quasi 1,2 milioni di persone hanno votato a New York fino alle 15:00 ora locale. 

Nel 2018, il numero finale dei votanti di New York era stato di 2,1 milioni.

Questo potrebbe essere un buon dato per i Democratici. Vuol dire che la paurosa onda rossa non si sta`materializzando.

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 22:02

La marijuana potrebbe diventare legale in quasi la metà degli Stati Uniti dopo le elezioni di oggi, se gli elettori di cinque stati approvano oggi i rispettivi referendum.

Martedì 8 Novembre,  Ore 22:00

I primi risultati parziali dovrebbero cominciare ad uscire nei prossimi minuti in seggi di stati come la Carolina del Nord

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 21:46

Le autorità di Filadelfia, responsabili del voto, hanno dichiarato che ritarderanno il conteggio di migliaia di schede cartacee a causa di una citazione in giudizio che li accusa di conteggiare doppiamente alcune schede.

Image

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 21:36

Il presidente Trump alla protesta dopo che sono stati segnalati problemi di voto in molti stati e città incluso Detroit, Arizona, Pennsylvania: 

Image

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 21:19

Il giornalista chiede a Kari Lake; “Se eletta ha intenzione di terminare il suo mandato come governatore in caso Trump le chiedesse di diventare la vicepresidente?”

“Non solo sarò governatore dell’Arizona per quattro anni, ma farò anche due mandati e sarò il vostro peggior incubo”

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 21:10

La California fa quello che sa fare meglio…

“I risultati delle elezioni in california saronno soggetti a ritardo di giorni, nell’area di Los Angeles, in alcuni casi, anche settimane ”

Image

Martedì 8 Novembre,  Ore 20:46

Appello accorato del Senatore Warnock:

“Andiamo gente, non posso avere Herschel Walker che rappresenta mia madre!”

Martedì 8 Novembre,  Ore 20:38

L’Onda Rossa parte da Guam! La prima vittoria per i repubblicani in 32 anni. Il repubblicano James Moylan prossimo delegato al Congresso degli Stati Uniti.

Questo è un delegato senza diritto di voto, ma è comunque un segno dei guai che aspettano i democratici stanotte…

James Camacho Moylan announces candidacy for Guam Legislature

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 20:25

Ecco trovato il motivo dei “problemi” alle apparecchiature di voto in Arizona…

Aggiornamento sull’affluenza alle elezioni dell’Arizona alle 13:00 ora locale

Gli aventi diritto al voto repubblicani superano di gran lungo i Democratici nel voto ai seggi

I seggi chiuderanno in Arizona alle 22:00 ora locale

Image

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 20:25

La “battaglia” per il conteggio dei voti in Pennsylvania potrebbe protrarsi per molti giorni, Migliaia di voti potrebbe essere in limbo…

img

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 20:11

Gli elettori di Harveys Lake, contea di Luzerne, Pennsylvania, in fila che aspettano di votare. Già alle 9:30, questo seggio elettorale, ha esaurito i tabulati delle schede da inserire nelle macchine Dominion. Agli  elettori è stata consegnata una scheda provvisoria da compilare a mano causando apprensione tra gli elettori. 

Guarda caso la Pennsylvania e uno stato Battleground…

Image

Image

 

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 20:05

Le lunghe file a Maricopa County (Arizona), quella dei problemi con i Dominion. Questa è una foto fatta a Scottsdale alle 9:00 ore locali. L’affluenza nei vari stati appare altissima a livelli di elezioni presidenziali.

Image

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 19:59

La storia ci dice che le elezioni di medio termine sono negative, a volte molto negative, per il partito che controlla la Casa Bianca.

Ecco uno sguardo indietro ad alcuni momenti importanti.

https://www.npr.org/2014/10/30/360133533/the-devastating-history-of-midterm-elections

Martedì 8 Novembre,  Ore 19:50

“La Florida sta cercando di impedire agli osservatori del Dipartimento di Giustizia di entrare nei seggi elettorali in diverse città.”

Qualcuno per caso vuole spiegare a Politico che il monitoraggio e le leggi che regolano il voto sono prerogativa dei singoli stati non del governo federale? Basta leggersi la costituzione…

https://www.politico.com/news/2022/11/08/florida-elections-doj-election-security-2022-midterms-00065649

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 19:38

Joe Biden non ha pianificato nessuna apparizione pubblica in questo giorno di elezioni. Lo nascondo perche`?

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 19:37

In circa il 20% dei 223 centri elettorali nella contea di Maricopa in Arizona, le macchine per la tabulazione delle votazioni non funzionano correttamente e non accettano le schede completate. Roba da terzo mondo, con tutto il rispetto per le nazioni più povere. Questi sono gli stessi che vogliono esportare la democrazia altrove…

https://www.wsj.com/livecoverage/election-midterms-2022/card/voting-machine-problems-arise-in-arizona-s-maricopa-county-HtzdafVJdspR2jyU39Dc?mod=e2tw

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 19:30

Notizia dell’ultimo minuto: un giudice della Pennsylvania ha deciso di consentire il conteggio delle schede che vengono ricevute dopo le elezioni, fino al 14 novembre. Accogliendo di fatto l’appello di una causa intentata, all’ultimo minuto (ieri) dalla campagna elettorale di Fetterman. Ora la palla passa alla Corte Suprema della Pennsylvania. Questo intendevano i Democratici quando parlano di molti giorni per contare il numero dei voti…

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 19:24

Un seggio elettorale in una scuola di Kenner, in Louisiana, è stato evacuato a causa di una minaccia minatoria. Problemi si stanno registrando in molti seggi nei vari stati. Da problemi di tabulazioni con le macchine, a minacce ai seggi elettorali e agli ufficiali elettorali. Si registrano anche confronti abbastanza accesi tra agenti ispettori federali e agenti statali.

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 19:22

Nella mappa gli stati con una popolazione più piccola della contea di Los Angeles. Questo per mettere in risalto il perché dell’importanza dei seggi elettorali come metro di misura per aggiudicare le elezioni Presidenziali, invece che del voto popolare. La differenza di popolazione evidenzia anche il perche`delle diverse interpretazioni della costituzione americana fra centri metropolitani e zone rurali, tra stati costieri e stati interni.

Image

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 19:15

Il New York Post sostiene Lee Zeldin

Image

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 19:03

Marjorie Taylor Greene ha votato!

img

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 19:02

Aggiornamento sull’affluenza alle elezioni in Florida 12:00 ora locale

1,2 milioni di voti contati nelle prime cinque ore, ecco a che punto siamo.

Registrati al partito Repubblicano – 657.288 (54,02%)

Registrati al partito Democratico – 294.092 (24,17%)

Registrati come Indipendenti – 265.356 (21,81%)

L’attuale vantaggio per i repubblicani nello stato è di 679.000 voti.

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 19:00

Il governatore della Florida, Ron De Santis, ha bloccato gli agenti del Dipartimento di Giustizia mandati dal procuratore generale Garland per monitorare il voto, dall’entrare nei seggi elettorali in Florida.

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 18:46

Quasi 4,8 milioni di schede elettorali sono già state tabulate in Florida. Gli iscritti al partito repubblicano superano i democratici per più di 321.000 nel voto anticipato. Il GOP spera di eleggere il governatore Ron De Santis, che è anche un probabile contendente alle elezioni presidenziali del 2024.

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 18:34

“Avremo una grande notte, penso che sarà grandiosa per il Paese”.

L’ex presidente Donald Trump si rivolge ai giornalisti dopo aver espresso il suo voto in Florida.

img

Martedì 8 Novembre,  Ore 18:23

Pubblicità dell’American Museum of Natural History di New York:

“Marte non è cioccolato, anche la Via Lattea non è cioccolato, un buco nero è un tizio ucraino”. Hahahahahaha, sono stati per caso hackerati…?

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 18:21

L’Ucraina osserva nervosamente i risultati delle elezioni degli Stati Uniti,  mentre gli aiuti militari sono ora in bilico. Staremo a vedere…

https://nypost.com/2022/11/08/ukraine-nervously-watching-us-midterms-as-military-aid-hangs-in-balance/

Martedì 8 Novembre,  Ore 18:20

Questa elettrice di Biden, in Georgia, dice che quest’anno voterà repubblicano.

“Quando è troppo è troppo”

La Georgia è un altro stato importante per la conquista del senato e della camera.

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 18:08

Il dottor Oz ha votato.

Dr. Oz casts his ballot in midterm election

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 18:06

L’addetto a uno dei seggi nella contea di Maricopa conferma che “non funziona niente” Spiega che le schede rigettate dalle macchine verranno conteggiate stasera…C’e da fidarsi…

 

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 18:03

Diverse “importanti” testate mediatiche hanno pubblicato articoli nelle ultime ore sulle elezioni del 2022 sostenendo, senza prove, che hacker e bot russi interferiranno con le elezioni di medio termine. Tra questi ci sono il The New York Times, Politico, and Reuters.

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 17:52

Le “favolose” macchine dominion di tabulazione del voto continuano ad essere tutte bloccate nella contea di Mercer nel New Jersey!

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 17:50

Aggiornamento sull’affluenza alle urne nella contea di Clark, Nevada ( 8:12 ora locale)

Il Nevada e` importante per il controllo del Senato

Affluenza Totale 12,543

Iscritti al partito Democratico; 2,971 (23,7%)

Repubblicani; 6,332 (50,5%) +3.361

Indipendenti;  3,240 (25,8%)

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 17:41

Code massicce di votanti nella contea di Maricopa. La gente dice di non aver mai visto niente del genere. Sarà forse questo il motivo del problema con i Dominion machine..?

Voters wait to cast their midterm election ballots at Burton Barr Library, a polling station in Phoenix, Ariz., on Nov. 6, 2018. (Nicole Neri/Reuters)

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 17:40

SI REGISTRA UN NUMERO ALTISSIMO DI MALFUNZIONAMENTO DELLE MACCHINE DOMINION NELLA IMPORTANTISSIMA CONTEA DI MARICOPA, ARIZONA!

BREAKING: Voting machines down in New Jersey's Mercer County

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 17:33

Ieri sera delle buste piene di polvere bianca sospetta e alcuni messaggi  “minacciosi” sono stati inviati al quartier generale della campagna elettorale di Kari Lake, la candidata Repubblicana per governatore dell’Arizona.  La polizia di Phoenix e l’FBI, stanno indagando per individuare i colpevoli.

Per molti Kari Lake e la vera rappresentate ed erede del movimento di MAGA. 

 

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 17:26

“Dì NO agli aiuti militari all’Ucraina”

“Noi, come repubblicani, ci preoccuperemo solo dei nostri confini.”

“L’Ucraina dovrà rendere conto di ogni dollaro che gli Stati Uniti hanno inviato.”

Cartelli pubblicitari distribuiti dai repubblicani prima delle elezioni.

Image

 

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 17:11

In questo giorno, nel 2018, la percentuale  di approvazione di Trump era di 6 punti superiore a quella di Biden oggi. Per il Rasmussen Reports

img

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 17:05

Macchine per il voto a Trenton, New Jersey

Image

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 17:02

Tutte le macchine di voto sono attualmente bloccate, fuori servizio in ogni distretto della contea di Mercer, nel New Jersey. Gli elettori possono ancora votare utilizzando una scheda elettorale tradizionale nei seggi elettorali. I famosi dominion machine…

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 16:36

Ecco la fila al voto a Boro Park, New York. Nessun consulente politico avrebbe potuto prevedere un’affluenza così alta nei quartieri ebraici ortodossi. Gli ebrei ortodossi sostengono il candidato Repubblicano Lee Zeldin. Ci sono sondaggi che vedono addirittura Lee Zeldin in vantaggio sulla democratica e attuale governatore dello stato di New York; Kathy Hochul. 

A testimoniare la debolezza di Houchul in questa tornata legislativa, si è dovuto smuovere Bill Clinton, Hillary Clinton e Kamala Harris che ha tenuto un comizio in sostegno alla Hochul. Non credo che i Repubblicani possano vincere il governatorato di New York, ma ciò dovesse avvenire sarebbe uno shock politico storico.

 

Image

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 16:24

Ecco i maggiori donatori delle medio termine del 2022:

– George Soros: $ 120 milioni di dollari

– Elizabeth e Richard Uihlein: 80 milioni di dollari

– Ken Griffin della Cittadella: $ 70 milioni

– Sam Bankman di FTX: $ 50 milioni

– Michael Bloomberg: $ 20 milioni

Image

 

Martedì 8 Novembre,  Ore 16:07

Varie testimonianze che arrivano da Maricopa County, la contea più famosa e popolosa dell’Arizona, dove praticamente si decideranno queste elezioni in una stato che in questa tornata elettorale è di un’importanza enorme, ci dicono di diversi problemi già di mattina presto. Giusto per ricordarvi che nelle elezioni del 2020 Maricopa County ha contato 20,000 voti senza verificare le firme nelle schede per corrispondenza…

Martedì 8 Novembre,  Ore 16:00

Cominciano i primi problemi: Lunghe file ad Anthem, Arizona, con un lavoratore di seggio che spiega ai cittadini che le macchine che tabulano il voto sono fuori servizio, i famosi Dominion Machine…L’Arizona e uno stato Battleground. Sono cominciati i primi brogli?

Martedì 8 Novembre,  Ore 13:00

Aprono i primi seggi negli stati della costa dell’est. I primi risultati dovrebbero arrivare intorno alla mezzanotte.

Martedì 8  Novembre,  Ore 12:20

I 36 seggi che potrebbero determinare la nuova composizione della Camera del Congresso Statunitense. Tratto dal sito www.theepochtimes.com

 

Martedì 8  Novembre,  Ore 12:00

Il periodico democratico statunitense “Politico” rivela che “Il problema che il presidente JOE BIDEN sta affrontando con gli elettori latini non è che si siano rivolti a lui, affermano i sostenitori.

È che il suo messaggio non sta raggiungendo abbastanza di loro.

Il 44% degli elettori latini ha affermato di non essere stato contattato da nessun partito politico, da una campagna o da qualsiasi altra organizzazione, secondo gli ultimi dati dell’Associazione nazionale dei funzionari eletti e nominati latini.”

La mancanza o l’errore di comunicazione è un ritornello che sentiamo spesso dalla voce dei perdenti di una qualsivoglia elezione. Vedremo se anche questa volta il presagio si allineerà alla realtà

Martedì 8  Novembre,  Ore 08:00

Buone notizie per i Democratici: pare che la partecipazione al voto della generazione di fascia dai 18 ai 35 anni sia stata fino adesso abbastanza corposa. Questa generazione è quella che vota in grande maggioranza per i democratici. Staremo a vedere…

Lunedì 7 Novembre,  Ore 17:00

Gli ultimi sondaggi ci dicono che i repubblicani potrebbero vincere alla Camera; si parla di un vantaggio tra i 10 e i 25 seggi. Se ciò fosse vero, la vittoria Repubblicana sarebbe meno eclatante di quella ottenuta nel 2010 con il movimento Tea Party.  Sempre secondo i sondaggi , il Senato dovrebbe rimanere sotto il controllo dei Democratici. Domani notte avremo le idee più chiare.

Queste sono le corse negli Stati “Battlegrounds” che probabilmente decideranno il controllo del Senato:

ARIZONA:

Mark Kelly (Democratico, attuale senatore)

Mark Kelly Announces Campaign for U.S. Senate | Space

Blake Masters (Repubblicano, sfidante)

AZ Candidate Blake Masters: Conservatives Can't Take the Senate Without Taking Back Arizona

 

GEORGIA:

Raphael Warnock (Democratico, attuale senatore)

 Raphael Warnock May Become 11th Black Senator in Georgia Cliffhanger Shaped by Trump

Herschel Walker (Repubblicano, sfidante)

 Ex-NFL player Herschel Walker says Black Americans shouldn't get reparations - REVOLT

 

NEVADA:

Catherine Cortez Masto (Democratica, attuale senatrice)

 Nevada Sen. Catherine Cortez Masto withdraws from Biden VP consideration - POLITICO

Adam Laxalt (Repubblicano, sfidante)

 Trump Endorses Ex-Nevada GOP AG Adam Laxalt for Senate | Newsmax.com

 

OHIO:

Tim Ryan (D) e JD Vance (R) sono i candidanti alle elezioni per il Senato in Ohio.  Rob Portman (R), eletto per la prima volta nel 2010, non è in corsa per la rielezione perché ha deciso di non ricandidarsi.

Tim Ryan (Democratico)

 Opinion: I'm an elected Democrat, and I know Tim Ryan is a fraud

JD Vance (Repubblicano)

 JD Vance Is Deleting All His Anti-Trump Tweets - Web Celeb Live

 

PENNSYLVANIA:

John Fetterman (Democratico) In corsa per sostituire il senatore in carica prossimo alla pensione; Pat Toomey (R) 

 Braddock mayor John Fetterman campaigns as Senate candidate for change | Times Leader

Mehmet Oz (Repubblicano) In corsa per sostituire il senatore in carica prossimo alla pensione; Pat Toomey (R) 

 Dr. Oz defends weight-loss advice at Senate hearing on diet scams - CBS News

 

WISCONSIN:

Ronald Harold Johnson (Repubblicano, attuale senatore)

Senator Ron Johnson - How did an accountant become a politician? - contactsenators 

Mandela Barnes (Democratico, sfidante)

 Wisconsin Lt. Gov. Mandela Barnes announces run for U.S. Senate

 

 

Queste sono le sfide più importanti che decideranno il controllo della Camera:

 

ALASKA:

Mary Peltola (Democratica, attuale deputata)

Nicholas Begich (Repubblicano, sfidante)

Sarah Palin (Repubblicana. Guarda chi si rivede! Sfidante)

 

CALIFORNIA (22esimo Distretto):

David G. Valadao (Repubblicano, attuale deputato)

Rudy Salas (Democratico, sfidante)

 

COLORADO (Ottavo distretto-Un distretto congressuale di nuova creazione):

Yadira Caraveo (Democrática)

Barbara Kirkmeyer (Repubblicana)

 

NEW HAMPSHIRE (Primo Disretto):

Chris Pappas (Democratico, deputato attuale)

Karoline Leavitt (Repubblicana, sfidante)

 

OHIO (Primo distretto):

Steve Chabot (Repubblicano, attuale deputato)

Greg Landsman (Democratico, sfidante)

 

OREGON (Quinto distretto):

Jamie McLeod-Skinner (Democratica, sfidante)

Lori Chavez-DeRemer (Repubblicana, sfidante)

 

Ci sono infine 36 seggi da governatori in gioco. 20 seggi da governatore sono attualmente repubblicani e 16 democratici Sotto gli stati dove si terranno le elezioni governative:

Alabama 

Alaska

Arizona

Arkansas

California

Colorado

Connecticut

Florida

Georgia

Hawaii

Idaho

Illinois

Iowa

Kansas

Maine

Maryland

Massachusetts

Michigan

Minnesota

Nebraska

Nevada

New Hampshire

New Mexico

New York

Ohio

Oklahoma

Oregon

Pennsylvania

Rhode Island

South Carolina

South Dakota

Tennessee

Texas

Vermont

Wisconsin

Wyoming

 

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 17:27 

Nella foto l’indice di approvazione degli ultimi presidenti alla vigilia delle elezioni di Medio Termine, con a fianco i seggi persi oppure guadagnati.

I democratici, nel 1994, con Clinton (indice di approvazione 44%), hanno perso 54 seggi. 

I repubblicani, nel 2002, con Bush alla Casa Bianca  (indice di approvazione al 63%), guadagnarono 8 seggi. L’Indice alto di approvazione di Bush è dovuto all’onda emotiva degli attacchi alle torri gemelle dell’11 di settembre.

Vogliamo mettere in risalto i dati del 2010 che sotto la leadership di Barack Obama vede la perdita di ben 63 seggi da parte del partito Democratico, travolto dalla famosa onda dei Tea Party. 

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 17:51 

Elon Musk esorta gli elettori indipendenti a votare per i repubblicani nelle elezioni di medio termine.

Elon Musk Is Cash Broke, Uses Burner Phones: Pedo-Guy Lawsuit Shockers | Observer

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 17:58 

Una notizia geopolitica, ma visto che ci siamo… Il Pentagono ha annunciato che sta istituendo un nuovo comando, con sede in Germania, per supervisionare l’addestramento e l’equipaggiamento dell’esercito ucraino durante la guerra con la Russia.

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 18:03

Il Rasmussen Reports, una delle migliori agenzie di sondaggi, nel suo ultimissimo rapporto pubblicato un’ora fa contiene i seguenti dati: Il 42% degli elettori statunitensi approva l’operato del presidente Biden. Il 56% disapprova. L’85% dei probabili elettori degli indipendenti “voterà sicuramente”.I repubblicani sono in testa tra gli indipendenti di 13 punti. Solo il 29% degli elettori pensa che il Paese stia andando nella giusta direzione.

https://www.rasmussenreports.com/public_content/politics

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 18:08 

Si è conclusa la campagna elettorale democratica in Pennsylvania. Per sostenere i candidati democratici, al senato John Fetterman, e per governatore Josh Shapiro, si sono scomodati sia Biden che Obama. Obama era rimasto dietro le quinte fino a una decina di giorni prima delle elezioni, poi si è messo in moto implorato da molti per salvare il salvabile.

La presenza di Obama ci dice che la Pennsylvania è di un’importanza fondamentale e che i Democratici in Pennsylvania sono in difficoltà.

Biden, Obama and Trump converge on Pennsylvania | FREE the WORDS

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 18:20 

Per rimanere in tema Pennsylvania: Un memorandum della campagna elettorale del candidato al Senato della Pennsylvania Fetterman avverte che  “bisogna abituarsi a una lunga settimana elettorale” e prevede che potrebbero volerci “diversi giorni” prima che i risultati siano noti. Stanno mettendo le mani avanti. Brogli elettorali in vista?

Image

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 18:42

Secondo Politico le elezioni presidenziali del 2020 sono state piene di false accuse di brogli elettorali e di macchine di voto hackerate senza nessun fondamento reale.

Sempre per Politico in queste elezioni di Medio Termine ci sono rischi reali che gli hacker possano entrare nelle apparecchiature elettorali e in altre infrastrutture elettorali per cercare di minare il voto di martedì.

Quindi per Politico hackerare le apparecchiature di voto era “impossibile” nel 2020, quando Biden ha vinto; ora che i Democratici rischiano di perdere, diventa magicamente possibile che queste macchine vengano hackerate e manipolate. Secondo gli “esperti” le elezioni del 2020 sono state le elezioni più sicure e le accuse di brogli erano infondate…Tutto di un colpo però le elezioni del 2022 sono minacciate dagli hacker…

https://www.politico.com/news/2022/11/07/6-election-security-threats-to-watch-for-on-election-day-00065277

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 19:35

Un’analisi del Washington Post mostra che il filantropo miliardario George Soros ha investito più soldi in questa campagna politica più di chiunque altro donatore.

Secondo l’analisi, i 50 maggiori donatori hanno contribuito con circa 1,1 miliardi di dollari donati ai vari comitati elettorali e ad altri gruppi politici.

Il Post ha compilato la sua lista dei principali donatori utilizzando i dati della Commissione elettorale federale. Soros ha donato un totale di 128,5 milioni di dollari, per lo più ai candidati Democratici, sorpassando di $ 60 milioni di dollari il secondo donatore della lista.

Hungarian official retracts comparing George Soros to Hitler | KTAB - BigCountryHomepage.com

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 19:42

In Pennsylvanie e in Ohio, hanno esaurito le scorte di diesel. Nelle prossime settimane si annunciano enormi problemi per le approvvigionamenti del diesel su scala nazionale. Un problema questo già annunciato e conosciuto un mese fa, ma che per ragioni di narrativa politica, per non mettere in cattiva luce l’amministrazione Biden alla vigilia delle elezioni di medio termine, i media lo hanno completamente ignorato. Ora l’appuntamento con la catastrofe è arrivato, dopo le elezioni questo problema verrà finalmente “scoperto” dai mass media…

Image

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 20:00

Ultimi sondaggi, ultime previsione, ormai siamo in dirittura di arrivo. Previsione: Repubblicani 234 seggi alla Camera. Mi sembra troppo ottimistica come previsione in favore dei Repubblicani. I seggi apriranno fra qualche ora, stiamo a vedere…

Image

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 20:07

Ultimissimi sondaggi nella corsa per il controllo al Senato; Democratici  51 Repubblicani 49. Personalmente non condividiamo questa previsione. Riteniamo che il Nevada, la Georgia, l’Arizona, e la Pennsylvania potrebbero riservarci delle sorprese…

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 20:21

Secondo fonti non confermate Trump ha detto a i suoi alleati che potrebbe annunciare la sua candidatura per le presidenziali del 2024 già domani!

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 20:34

La deputata della Georgia, una delle poche deputate appartenenti al movimento MAGA, Marjorie Taylor Greene ha promesso che “non un centesimo andrà all’Ucraina” se i repubblicani riprenderanno il controllo del Congresso. “Sotto i repubblicani, Il nostro paese viene prima di tutto”. Una vittoria di molti dei candidati MAGA potrebbe avere un impatto importante sulla Geopolitica americana.

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 20:55

Giusto per per non dimenticare: Il New York Times alla vigilia delle elezioni presidenziali del 2020 pubblica una foto con le previsione di quando sarebbero stati disponibili i voti nei vari stati: È solo una coincidenza che ogni stato battlegrounds avrebbe impiegato giorni o settimane per ‘contare’ completamente i voti mentre il resto degli stati avrebbe avuto i risultati a disposizione già la stessa notte alla chiusura dei seggi..

Image

 

 Lunedì 7 Novembre,  Ore 21:05

Un sondaggio della NBC dice che e` al 28%, il tasso di approvazione di Biden tra gli elettori indipendenti. “Questa percentuale è al minimo storico tra gli indipendenti”.

Non sono buone notizie per i democratici, di solito i voti degli indipendenti sono quelli che spostano l’ago della bilancia elettorale.

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 21:17

Ormai è chiaro che stanno mettendo le mani avanti: La portavoce della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre, sulle elezioni di medio termine negli Stati Uniti: “Potremmo non conoscere i risultati completi delle elezioni per alcuni giorni, ci vuole tempo per contare tutti i voti legittimi in modo legale e ordinato.”

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 21:23

Una rara dose di onestà su come il Russiagate fosse la forma di “negazionismo elettorale” dei Democratici. In uno sprazzo di onestà giornalistica la NBC ammette che la persecuzione incessante, con le varie inchieste su Trump, durante la sua amministrazione ha portato gli elettori repubblicani a diffidare dei risultati. 

Io aggiungerei che i brogli elettorali del 2020 hanno fatto il resto

“Milioni di elettori Repubblicani sono pronti a diffidare dei risultati delle elezioni di medio termine, scrive Lev Golinkin. Ma i democratici devono essere onesti sulle conseguenze delle loro azioni dopo le elezioni del 2016”

https://www.nbcnews.com/think/opinion/trumps-denial-second-big-lie-ask-hillary-clinton-rcna55764

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 21:30

Secondo il New York Times, se eletto, il dottor Mehmet Oz sarebbe il primo senatore musulmano degli Stati Uniti. Però a detta sempre del New York Times i musulmani della Pennsylvania lo hanno invitato a eventi nelle moschee  aspettando di discutere dell’impatto della sua fede sulla sua vita. Oz però si è astenuto ad accettare gli inviti dalla comunità musulmana. 

https://www.nytimes.com/2022/11/06/us/politics/dr-oz-muslim-religion.html?smtyp=cur&smid=tw-nytimes

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 21:39

E arrivato il momento di pubblicare le previsioni nostre, di Italia e il Mondo, sulle elezioni di domani: 

Crediamo che i Repubblicani quadegnaranno + 24 sedie alla Camera. Il totale sara` 237 – 198

+1 Seggio al Senato (51 R- 49 D)

+1 Sedia da governatore (29 R -21 D)

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 22:06

Più di 10 milioni di persone hanno finora votato per posta. Altri 5 milioni circa hanno votato in anticipo e di persona.

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 22:20

Notizia importante che potrebbe influire sull’esito delle elezioni: 5,5 milioni di immigrati illegali hanno attraversato il confine con gli Stati Uniti da quando è in carica Joe Biden. Uno dei punti di discussioni in queste medio termine, insieme all’economia, l’inflazione la sicurezza e appunto l’immigrazione illegale.

Lunedì 7 Novembre,  Ore 22:31

Un segno che la sconfitta dei Democratici alla camera sia ormai certa:

Secondo la CNN, il presidente della Camera e la rappresentante della California Nancy Pelosi hanno annunciato il suo ritiro e pensionamento!

Alla vigilia del giorno delle elezioni, quando si prevede che i Democratici saranno sconfitti dai repubblicani alla Camera, il presidente della Camera ha affermato che l’attacco al marito, Paul Pelosi, ha influenzato la sua decisione di ritirarsi.

In un’intervista esclusiva con il giornalista della CNN Anderson Cooper, Pelosi ha affermato che “si è discusso molto sull’opportunità di ritirarsi se i democratici perdessero la Camera”.

Probabilmente quindi Pelosi, non sarà la presidentessa della camera nel 2023 poiché si prevede che i repubblicani riconquisteranno la maggioranza alla Camera.

Abbiamo la sensazione che la decisione del ritiro della Pelosi abbia più a che fare con la sconfitta preannunciata alle elezioni piuttosto che l’attacco al marito…

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 22:37

Ignorando diversi sondaggi che indicano come i repubblicani stanno aumentando il vantaggio su i Democratici, il senatore democratico Chuck Schumer ha previsto che il suo partito continuerà a controllare il Senato.

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 22:45

“Quello che abbiamo visto nel 2020 e in altre elezioni è che le schede elettorali per corrispondenza sono state espresse più spesso dai democratici che dai repubblicani e in molte giurisdizioni sono state contate dopo il voto di persona…” – Morgan Stanley.

In altre parole il voto per posta favorisce i brogli elettorali e di conseguenza il voto democratico sopprimendo quello Repubblicano…

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 22:46

Il Dipartimento di Giustizia ha annunciato che monitorerà i seggi di voto in 24 Stati per garantire il rispetto della legge sul voto. Con questo dipartimento di giustizia super politicizzato cosa può andare storto…?

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 23:10

L’impianto chimico di Symrise in Georgia scosso da “multiple esplosioni”

Fateci capire; una grande area geografica nello stato della Georgia verrà evacuata, per un enorme incendio chimico un giorno prima delle elezioni ? 

Un film già visto Gorgia, mi sembra di rivivere il 2020, con i tubi dell’acqua che esplodo nei seggi elettorali causando la chiusura dei seggi stessi nel mezzo dei conteggio del voto… 

https://www.foxnews.com/us/symrise-chemical-plant-georgia-rocked-multiple-explosions-fire-police

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 23:18

Le unità di sicurezza cibernetica della Guardia Nazionale saranno attivate in 14 Stati per aiutare a contrastare qualsiasi minaccia alle reti dei funzionari elettorali prima, durante e dopo le imminenti elezioni. I 14 stati includono Arizona, Iowa e Pennsylvania, oltre a Colorado, Connecticut, Delaware, Hawaii, Illinois, Louisiana, North Carolina, New Mexico, New York, Washington e West Virginia.

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 23:29

Più di 41 milioni di voti pre-elettorali sarebbero già stati espressi alle elezioni di medio termine. Numeri in linea, fino ad ora, con la partecipazione al voto delle medio termine del 2018. Vedremo Domani se la partecipazione al voto aumenta rispetto al 2018.

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 23:40

Ricordatevi di votare…Hahaha

 

Lunedì 7 Novembre,  Ore 23:51

Articolo del Wall Street Journal.

https://www.wsj.com/articles/gop-gaining-support-among-black-and-latino-voters-wsj-poll-finds-11667822481

L’analisi del WSJ viene confermata anche da John Anzalone un sondaggista che lavora per il partito democratico: “In in questa tornata elettorale si potrebbe osservare ad un cambio di paradigma, in cui i repubblicani non solo fanno breccia con il voto latino, ma ora stanno facendo breccia anche con il voto afroamericano”.

Cominciano a rendersi conto solo ora che il paradigma è cambiato. È dalle elezioni del 2016 di Trump che il partito repubblicano, o meglio la corrente di MAGA, sta facendo, lentamente, ma inesorabilmente braccio nelle comunità minoritarie americane. Come si dice in gergo hanno scoperto l’acqua santa…

 

Martedi 8 Novembre,  Ore 00:05

Tutto d’un colpo il Washington Post si ricorda improvvisamente che dovrebbe verificare le notizie prima di accettare come verità. E così come per miracolo, subito prima delle  medio termini, dà del Pinocchio a Biden, per una serie di dichiarazioni false. 

La cronica mancanza di serietà da parte di Biden, compromessa anche dal suo stato di salute mentale e fisico, sarebbe dovuta venire alla luce molto tempo fa, se solo avessero applicato lo stesso metro di misura come hanno fatto con Trump.

Avrebbero potuto tranquillamente scrivere questo articolo 2 anni fa. Il tempismo è a dir poco sospetto… 

BIDEN COME PRESIDENTE E` FINITO. I DEMOCRATICI SI PREPARANO A METTERLO DA PARTE! 

Vediamo quanto ci vuole ai geni dei giornalisti Italiani ad aggiornarsi..

 

Image

 

Martedi 8 Novembre,  Ore 00:22

Katy Perry ha votato per Rick Caruso come sindaco di Los Angeles.

Sarebbe veramente scioccante se  l’ex repubblicano Rick Caruso vincesse le elezioni a sindaco di Los Angeles.

Image

 

Martedi 8 Novembre,  Ore 00:28

Neanche un centesimo  in più` per  l’Ucraina, il nostro paese e il nostro confine vengono prima: La deputata Marjorie Taylor Greene (R-GA) 

 

Martedi 8 Novembre,  Ore 01:12

“Martedì si verificherà probabilmente un “miraggio rosso”, un vantaggio artificiale del voto dei Repubblicani.”  E cioè che dice la ABC, in altre parole, sembrerà inizialmente che stanno vincendo i Repubblicani, per poi nelle ore e giorni successivi, a seguito delle conteggio delle schede per posta, ci sarà il ribaltone…

https://abcnews.go.com/Politics/early-election-night-results-final-tallies/story?id=92762835&cid=social_twitter_abcn

 

Martedi 8 Novembre,  Ore 01:44

La sorsa notte, nel Maryland, almeno tre individui sono stati rimossi per aver contestato il presidente Biden durante un comizio per i candidati democratici.

Il presidente Biden si è unito al governatore democratico Wes Moore in una sala teatrale della Bowie State University, un college storicamente nero, per dare un’ultima spinta ai candidati del partito in vista delle elezioni di metà mandato di oggi.

I manifestanti hanno cominciato immediatamente ad urlare interrottompendo il discorso di Biden. Dope essere stati rimossi il presidente a continuato senzauleriori problemi il suo comizio.

 

Martedi 8 Novembre,  Ore 02:15

Lunedì sera, la campagna elettorale del candidato al Senato della Pennsylvania, John Fetterman, ha citato in giudizio i funzionari elettorali della Pennsylvania, chiedendo ad un giudice federale di ordinare che tutte le schede elettorali per corrispondenza vengano contate indipendentemente dal fatto che abbiano compilato correttamente la data sulla busta o meno.

Lo scorso 1 ° novembre, la Corte Suprema della Pennsylvania aveva stabilito che le schede elettorali inviate per posta senza la data richiesta sulla busta esterna non potevano essere contate.

 

Martedi 8 Novembre,  Ore 02:39

Si e ufficialmente chiusa la campagna elettorale di Kathy Houchul. A testimoniare la debolezza di Houchul in questa tornata legislativa, si èsono dovuti scomodare Bill Clinton, Hillary Clinton e Kamala Harris che hanno tenuto un comizio in sostegno alla Hochul. Non credo che i Repubblicani possono vincere il governatorato di New York, ma ciò dovesse avvenire sarebbe uno shock politico storico.

Image

 

Martedi 8 Novembre,  Ore 03:50

TRUMP chiudendo in Idaho la campagna elettorale Repubblicana: “Siamo a poche ore dalle medio termine più importanti della storia americana e abbiamo bisogno di una onda così grande che i democartici non puo truccarla o rubarla. Tutti devono andare e votare! “

 

Martedi 8 Novembre,  Ore 04:19

Il presidente Donald J. Trump  stanotte ha detto: “Farò un annuncio molto importante martedì 15 novembre a Mar-A-Lago a Palm Beach, FL”. “Non vogliamo che nulla sminuisca l’importanza del voto di domani…”

Annuncia` la sua candidatura alle presidenziali del 2024?

https://gettr.com/post/p1xby1j9241

 

Martedi 8 Novembre,  Ore 05:30

Secondo un sondaggio del Wall Street Journal:

“Alla vigilia delle elezioni di medio termine, l’inflazione sta mettendo a dura prova gli elettori a tutti i livelli di reddito”

Mentre gli americani a basso reddito ne risentono maggiormente dell’impatto dell’inflazione, anche le famiglie con reddito più alto stanno ora soffrendo l’alto indice dei prezzi. 

https://www.wsj.com/articles/inflation-strains-voters-across-income-levels-ahead-of-midterm-elections-11667817001

 

 

Martedi 8 Novembre,  Ore 06:41

Altro importante sondaggio del WSJ: “Dal 2020, i repubblicani hanno aumentato la loro influenza sui elettori neri e latini, un altro segno dei problemi che incombono sulle medio termine per i democratici”

Chi vuole dire a quelli del Wall Street Journal che la crescente popolarità del partito Repubblicano tra i latini e gli afro-americani è farina del sacco di Trump, non del partito Repubblicano?

https://www.wsj.com/articles/gop-gaining-support-among-black-and-latino-voters-wsj-poll-finds-11667822481

 

Stati Uniti! Elezioni di Medio Termine_di Gianfranco Campa

Domenica, 6 novembre  ELEZIONI DI MEDIO TERMINE – I CAMBIAMENTI STORICI – IL FUTURO POLITICO, di Gianfranco Campa

Iniziamo la nostra lunga diretta sulle importantissime elezioni di Medio Termine, le cosiddette Midterms, al Congresso Americano. Gli aggiornamenti proseguiranno a partire da lunedì pomeriggio

Le midterms di martedì sono considerate da molti esperti politici come elezioni “storiche.”

Le dinamiche della propaganda tendono a descrivere tutte le elezioni politiche come “storiche”; l’importanza di queste medio termine non può essere sminuita, ricondotta ad enfasi giornalistica.

Sul nostro sito avevamo da tempo previsto che le elezioni presidenziali del 2020 sarebbero state epocali, non solo per l’America, anche per il resto del mondo. Adesso che siamo qui a contemplare l’abisso con una potenziale guerra mondiale o una guerra atomica che bussano alle porte e una crisi economica mondiale che incombe, constatiamo che quelle previsioni erano, purtroppo, giuste. A suggello dell’importanza di queste medio termine basta sapere che 10 miliardi di dollari sono stati finora spesi per annunci politici e campagne elettorali varie, la gran parte parte dai democratici. Un record assoluto per quanto riguarda le medio termine; la mostruosità della cifra basterebbe da sola a cogliere l’importanza di queste elezioni.

Sono in gioco tutti i seggi alla Camera; 435, e 35 seggi al Senato, per un totale di 470 congressisti. Sono in gioco anche i seggi di cinque dei sei membri senza diritto di voto, cioè i seggi dei distretti dell’ American Samoa, District of Columbia, Northern Mariana Islands, U.S. Virgin Islands, Puerto Rico, Guam.

Le elezioni del 2022 saranno le prime a svolgersi dopo la ripartizione e la riorganizzazione dei distretti elettorali a seguito del censimento del 2020.

Come risultato della ripartizione, sei stati: Texas, Colorado, Florida, Montana, Carolina del Nord e Oregon, hanno incrementato i seggi alla Camera a scapito di altri sette stati: California, Illinois, Michigan, New York, Ohio, Pennsylvania e West Virginia, che al contrario ne hanno perso. Il censimento del 2020 riflette il movimento migratorio della popolazione interno agli Stati Uniti. Stati come la California, New York, Michigan hanno perso residenti che si sono trasferiti in altri, quali la Florida, il Texas e il Montana.

Una tendenza che ultimamente si è accelerata. California e New York hanno perso popolazione con numeri mai prima registrati.

Emblematico è il caso della California. La sua popolazione è diminuita nel 2020, per la prima volta da quando sono iniziati i censimenti. Tra gennaio 2020 e gennaio 2021, la California ha perso più di 182.000 residenti, portando la popolazione totale a 39.466.855. Ciò rappresenta un calo dello 0,46%.

Uno shock per uno Stato che fin dalla sua fondazione ha visto la sua popolazione aumentare costantemente.

Questi movimenti sono sintomo di ciò che ormai molti in America definiscono immigrazione politica. Residenti di Stati come appunto la California, dopo il Covid, hanno deciso di lasciare lo Stato del Golden Gate per trasferirsi in Stati come la Florida, l’Arizona, l’Idaho, definendosi di fatto “rifugiati politici”. Un trend che continua inesorabile e sembra inarrestabile. Molti lasciano Stati sotto il controllo dei Democratici e si trasferiscono in Stati sotto il controllo dei Repubblicani. Quelli repubblicani sono Stati che la gente percepisce come meglio governati, dove generalmente i diritti individuali sono tutelati, le tasse sono più basse, il livello di sicurezza maggiore. Molte di queste percezioni sono però di fatto false, poiché anche gli stati Repubblicani hanno le loro, seppur differenti, problematiche.

Sull’onda di questo movimento migratorio, le elezioni di Medio Termine non sono importanti solo per la composizione del Congresso nazionale, ma anche per i singoli Stati dove sono in gioco la composizione delle sedi legislative e giudiziarie statali e le sedie dei governatori.

Gli esecutivi statali in gioco in questa scadenza includono 36 posti da governatore, 30 posti da vice governatore, 30 posti da procuratore generale e 27 posti di segretari di stato. Ci sono inoltre da scegliere 307 seggi ai vari congressi statali per un totale di 44 stati. Se si includono anche le posizioni statali che richiedono conferma, tramite le elezioni, come per esempio i sovrintendenti alle scuole, i commissari assicurativi, i commissari all’agricoltura, i commissari al lavoro, i commissari ai servizi pubblici ed etc. si arriva in totale a 748 seggi dirigenziali, soggetti a votazioni in queste elezioni.

I cambiamenti in atto a livello locale hanno enormi risvolti nelle dinamiche politiche nazionali. Le elezioni locali sono cresciute di importanza negli anni, poiché i risultati a livello locale dettano, come ho menzionato prima, anche i flussi di movimento migratorio, cambiando di conseguenza anche il volto di tutto il paese. Le divisioni e le fratture all’interno del tessuto sociale fra i diversi Stati si sono negli anni accentuati, contribuendo al caos e alla polarizzazione politica, configurata sempre più anche geograficamente. Una America in fermento, che si agita e che si piega pericolosamente al vento, investita da correnti epocali sia politiche, sia economiche, sia sociali. Queste elezioni ci diranno dove andrà questa nazione piena di risorse, opportunità, bellezze, contraddizioni, paure, pericoli e malvagità.

Le elezioni da seguire più attentamente saranno quelle condotte in alcuni Stati chiave, i cosiddetti battleground states. In questi di fatto si gioca il controllo del Congresso.

Sono il: Nevada, l’Arizona, la Georgia, l’Iowa e la Pennsylvania. Questi stati e pochi altri voti decideranno se il Congresso cambierà di mano e quanti seggi solcheranno il divario tra i partiti.

Non ci rimane che seguire con apprensione e speranza quelli che saranno i risultati del Midterms. I sondaggi ci dicono che i repubblicani dovrebbero ritornare al controllo della Camera, nonostante la possibilità concreta di brogli elettorali su larga scala.

Questa volta i brogli elettorali non dovrebbero sovvertire del tutto il responso, ma solo limitare ciò che si preannuncia come una vittoria rossa (Repubblicana).

Un’eventuale vittoria dei Repubblicani darà una spinta determinante al vento rivoluzionario di MAGA, il movimento dell’america prima di Donald Trump che ha ormai preso il controllo del partito Repubblicano.

Italia e Il Mondo seguirà in diretta con continui aggiornamenti queste storiche elezioni.

I risultati di queste elezioni determineranno la condotta politica e geopolitica degli USA nei prossimi due anni, marchiata comunque dalla presenza di Joe Biden alla Casa Bianca. Una presenza destinata ad essere “mummificata” mentre si prepara lo sdoganamento di zio Joe da parte degli stessi Democratici. Intanto, a seconda dei risultati delle medio termine, Donald Trump si appresta a rimettersi in pista con tutta la drammaticità che questo comporterà alla persona, al paese, al mondo.

1 2 3 52