Scattata la ritorsione di Israele all’Iran_Aggiornamenti

Come prevedile la ritorsione di Israele contro l’Iran è partita. Si tratta della risposta alla replica dell’Iran, la quale se dal punto di vista dell’efficacia nei danni non ha raggiunto risultati visibili, ammesso che sia stato questo l’obbiettivo, ha rivelato la dipendenza estrema di Israele dal sostegno diretto occidentale. Colpisce il sostegno scontato di buona parte del mondo occidentale e di parte dei regimi del mondo arabo; ancora di più il silenzio, ancora più spettrale rispetto a quello subito dalla chiamata alla crociata antirussa, del resto del mondo. Tutte fratture che si allargano. Si tratta di una iniziativa del Governo di Israele e di Netanyhau, confidando sulla debolezza e insignificanza di Biden e della libertà di azione dei centri più avventuristi ed oltranzisti della sua amministrazione. Una decisione che lascerà, nell’immediato, ampia libertà di azione al Governo e all’esercito israeliano dentro e fuori il proprio territorio e imporrà ulteriore chiarezza negli schieramenti internazionali, soprattutto ai paesi arabi sunniti. Sarà, però, un ulteriore duro colpo alla credibilità strategica degli Stati Uniti nell’agone internazionale, sempre più in difficoltà nella sua veste di arbitro delle dinamiche geopolitiche e di “pacificatore”.

Image

08:01

Guerra di Gaza  Esplosioni nell’Iran centrale, possibile attacco israeliano (Haaretz)

07:55

Il Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir ha suggerito in un post di venerdì mattina X che l’attacco aereo israeliano contro l’Iran era una risposta troppo limitata allo sbarramento che gli iraniani hanno lanciato contro Israele dalla notte alla domenica. Fonti militari israeliani affermano invece che l’operazione deve ritenersi conclusa (Haaretz)

07:40

Funzionario israeliano al Washington Post: “Lo sciopero intende segnalare all’Iran che Israele ha la capacità di colpire all’interno del paese” (Haaretz)

07:28

L’ambasciata americana in Israele annuncia la limitazione dei viaggi del proprio personale (L’orient le jour)

07:02

Attacchi israeliani su postazioni militari nel sud della Siria (OSDH) (L’orient le jour)

06:42

Iran  I voli sono ripresi dagli aeroporti di Teheran (L’orient le jour)

06:00

USA: Solo Israele ha partecipato all’attacco.

Al momento sembra che sia l’Iran che Israele pretendono di far finta che l’attacco di rappresaglia di questa notte non sia mai avvenuto, anche se Israele rilascia una dichiarazione ufficiale, l’Iran sarà probabilmente costretto a riconoscere che almeno un qualche tipo di azione ha avuto luogo.

Questo attacco potrebbe essere stato “uno e veloce” Si spera che la situazione si sia tranquillizzata, anche se provocare la risposta delle difese aeree dell’Iran e ottenere cosi l’ordine di battaglia e le tracce aggiornate, prima di un attacco molto più grande, è una tattica reale usata in guerra, specialmente verso esche piu`vulnerabili…

05:35

I media di Stato iraniani hanno dichiarato che i siti nucleari iraniani hanno la massima sicurezza e non hanno subito danni dall’attacco di stanotte da parte di Israele.

FOX – Gli attacchi israeliani all’Iran sono “limitati”.

CNN- L’obiettivo in Iran “non è nucleare”.

NBC- Le forze israeliane hanno allertato i funzionari statunitensi prima dell’attacco di oggi.

Una confusione totale e dichiarazioni contraddittorie. Di sicuro sembra che l’attacco all’Iran sia stato limitato nella portata e nell’azione. Stareme a vedere…

05:31

Segnalazioni di attacchi informatici contro i siti web dello Stato iraniano

05:30

Alti funzionari degli Emirati Arabi Uniti (EAU) e dell’Arabia Saudita avrebbero detto agli Stati Uniti di aver bisogno delle stesse garanzie di sicurezza che gli Stati Uniti hanno con Israele se vogliono aumentare la loro partecipazione all’Alleanza regionale.

05:25

Image

ATTACCO CON RAZZI E DRONI SUL NORD DI ISRAELE

05:22

Sinceramente, fino ad ora questa risposta di Israele e molto “sottotono…”

05:20

Israele ha lanciato un attacco all’Iran nel giorno del compleanno della Guida Suprema Khamenei.

Image

05:18

L’Iran ha avvertito che se Israele avesse colpito il suo territorio, la risposta sarebbe stata più forte e immediata.

Vedremo cosa succederà nelle prossime ore.

05:11

I funzionari e gli organi di informazione iraniani affermano che tutte le esplosioni udite questa notte sono dovute a intercettazioni e che non si sono verificate esplosioni “a terra”.

05:06

I funzionari e gli organi di informazione iraniani affermano che tutte le esplosioni udite questa notte sono dovute a intercettazioni e che non si sono verificate esplosioni “a terra”.

L’Agenzia spaziale iraniana (ISA) sostiene che le batterie di difesa aerea sono state in grado di intercettare almeno 3 obiettivi ostili questa mattina sopra la provincia di Isfahan, nell’Iran centrale.

04:55

L’agenzia di stampa Fars riferisce che tre esplosioni sono state udite nei pressi di una base militare a nord-ovest di Isfahan. Fars aggiunge che potrebbe essere stato preso di mira un sito radar.

04:49

Secondo quanto riferito dai funzionari israeliani, gli Stati Uniti avrebbero comunicato all’inizio di oggi la loro intenzione di lanciare attacchi di rappresaglia contro l’Iran entro le prossime 24-48 ore.

04:36

L’aeroporto internazionale Imam Khomeini (IKA) di Teheran comunica ai passeggeri che tutti i voli sono stati cancellati e che devono uscire dall’aeroporto.

04:35

I luoghi finora presi di mira dagli aerei da guerra nella campagna di Daraa, in Siria:

– Aeroporto agricolo di Izraa
– Battaglione radar tra Izraa e Qarfa
– Aeroporto militare di Al-Thalaa, a ovest di Suwayda

I media statali iraniani riferiscono che l’attacco aereo di questa notte da parte dell’aviazione israeliana potrebbe aver preso di mira l’ottava base aerea tattica all’interno dell’aeroporto internazionale di Isfahan.

La base, che ospita diverse squadriglie di caccia F-14 “Tomcat”, è ora un punto focale del conflitto in corso.

04:32

L’IRGC dichiara lo stato di massima allerta in tutte le sue basi e campi in tutto l’Iran.

ABC News conferma che le forze israeliane hanno colpito un sito in Iran.

Image

04:10

Israele ha lanciato attacchi missilistici contro il programma nucleare iraniano

Sono state segnalate esplosioni nei pressi delle città di Isfahan e Natanz, nel centro dell’Iran, entrambe contenenti importanti strutture del programma nucleare iraniano.

Attacchi anche in Siria (sito radar a Suwayda) e in Iraq.

Meglio fare il pieno di benzina, il petrolio sta per salire alle stelle. L’Iran probabilmente chiuderà lo stretto di Hormuz.

Image

03:49

L’Iran ha sgomberato il suo spazio aereo.

Image

03:33

Esplosioni segnalate in Iran. Siamo in onda con le notizie dell’ultima ora.

Israele sta bombardando contemporaneamente Iran, Siria e Iraq.

Image

Crisi Iran-Israele-Gaza- Stati Uniti. Aggiornamenti con commento di Korybko

Apriamo una rubrica con gli aggiornamenti sulla situazione in Medio Oriente a seguito dell’attacco aereo su Israele

ore 08:45 del 14 aprile

Alcune considerazioni di Andrew Korybko a margine dell’attacco iraniano. Quanto alle dichiarazioni di Biden riguardo al mancato supporto statunitense ad una eventuale replica israeliana possono essere interpretate in più modi, non solo come presa effettiva di distanza. Ricordiamo che il bersaglio grosso di Israele (e Stati Uniti) rimangono gli impianti nucleari iraniani. A sua volta il Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate iraniane: Se il regime sionista risponde all’operazione di ieri sera in Iran, la nostra prossima risposta sarà sicuramente molto più ampia dell’operazione di ieri sera.

(TasnimNews)

Con il testo qui sotto sospendiamo, al momento, gli aggiornamenti. Giuseppe Germinario

Ciascuna scuola di pensiero ha argomenti convincenti a proprio sostegno, quindi è possibile che entrambe abbiano ragione a modo loro.

Sabato notte l’Iran ha lanciato uno sbarramento di droni e missili contro obiettivi militari in Israele in risposta al bombardamento da parte del sedicente Stato ebraico del suo consolato a Damasco all’inizio di questo mese. La Missione Permanente della Repubblica Islamica presso le Nazioni Unite aveva precedentemente avvertito X che il loro Paese sarebbe stato costretto a reagire per questa palese violazione del diritto internazionale dopo che il Consiglio di Sicurezza non avesse agito. Lo stesso resoconto ha poi scritto, dopo gli scioperi di sabato, che “la questione può ritenersi conclusa”.

Biden in seguito affermò che i militari americani “aiutarono Israele ad abbattere quasi tutti i droni e i missili in arrivo”, con rapporti che affermavano anche che anche la Giordania e il Regno Unito fornirono assistenza rilevante. Allo stato attuale della situazione di domenica mattina, ora di Mosca, Israele deve ancora rispondere allo sbarramento della notte precedente, ma Axios ha riferito che Biden ha detto a Bibi che gli Stati Uniti non parteciperanno alle operazioni offensive contro l’Iran. Secondo loro, gli ha detto: “Hai vinto. Prendi la vittoria.

È impossibile determinare in modo indipendente se l’Iran abbia inflitto gravi danni alle risorse militari israeliane o se si sia trattato solo di un attacco simbolico inteso a infliggere gravi danni psicologici alla sua popolazione. Sui social media infuria ora il dibattito sul fatto se questa risposta sia stata più un disastro che altro. I sostenitori di questo punto di vista credono che l’Iran abbia voluto solo “salvare la faccia” dopo il bombardamento del suo consolato a Damasco e che abbia telegrafato i suoi piani di attacco per evitare un’escalation.

Per questo motivo, ritengono che la decisione di lanciare questo sbarramento di droni e missili dal territorio iraniano fosse tacitamente intesa a dare a Israele e ai suoi alleati abbastanza tempo per intercettarne alcuni. Per quanto riguarda gli altri che sono riusciti a passare, hanno preso di mira solo risorse militari, quindi la nebbia di guerra potrebbe essere sfruttata dall’Iran e dai suoi sostenitori sui social media per affermare che Israele sta nascondendo gravi danni. Questa teoria è plausibile, ma anche i suoi oppositori, che credono che la risposta dell’Iran non sia stata un fallimento, hanno alcuni punti validi.

Dopotutto, questa è la prima volta che l’Iran attacca Israele dal suo territorio, il cui impatto psicologico non può essere esagerato. L’intento potrebbe quindi essere stato quello di segnalare ciò che è in grado di fare su scala molto più ampia in caso di un’altra provocazione, in modo da ripristinare una parvenza di deterrenza piuttosto che infliggere danni militari significativi questa volta. Se il rapporto di Axios è accurato, allora gli Stati Uniti hanno ricevuto questo segnale e capiscono molto bene che l’Iran potrebbe fare molto peggio, se lo volesse.

Ciascuna scuola di pensiero ha argomenti convincenti a proprio sostegno, quindi è possibile che entrambe abbiano ragione a modo loro. Perciò, avrebbe potuto benissimo essere vero che l’impatto militare della risposta iraniana fosse stato appositamente concepito per essere un fallimento, ma l’impatto psicologico è stato significativo poiché ha lasciato sbalordita la popolazione israeliana. Inoltre, Bibi non si sarebbe aspettato che Biden gli dicesse di dimettersi, il che era certamente pragmatico se vero, ma anche guidato dalla sua antipatia politica nei suoi confronti.

I prossimi giorni saranno cruciali. La possibile conformità di Israele alla richiesta degli Stati Uniti di non attuare ritorsioni convenzionali all’interno dell’Iran suggerirebbe che una parvenza di deterrenza sia stata effettivamente ripristinata, dando così credito alle affermazioni secondo cui la Repubblica Islamica ha ottenuto una vittoria strategica. Se Israele dovesse andare contro la richiesta degli Stati Uniti, tuttavia, ciò suggerirebbe che la deterrenza non è stata ripristinata o che Bibi sta intensificando la sua azione per ragioni personali e/o politiche, con grande rischio per Israele.

È anche possibile che Israele possa telegrafare la sua risposta convenzionale all’interno dell’Iran per scopi simili di controllo dell’escalation in modo da “salvare la faccia” e poi chiudere la questione per ora. In tal caso, non si può dare per scontato che l’Iran lascerebbe tutto così e non si sentirebbe obbligato a effettuare un altro attacco per ragioni di “salvataggio della faccia” in quello scenario, rischiando così una spirale di escalation incontrollabile. La risposta più razionale è che Israele si ritiri, ma è prematuro prevederlo.

ore 08:00

Biden: “L’Iran e i suoi delegati in Yemen, Siria e Iraq hanno lanciato un attacco aereo senza precedenti contro obiettivi militari in Israele. Condanno questi attacchi nella maniera più ferma possibile.
Dietro mio ordine, per sostenere le difese di Israele, l’esercito americano ha schierato nella regione nella scorsa settimana aerei da difesa missilistica e cacciatorpediniere. Grazie a questo dispiegamento e all’eccezionale abilità delle nostre truppe, abbiamo aiutato Israele a distruggere quasi tutti i droni e i missili in arrivo.
Ho appena parlato con il Primo Ministro Netanyahu per riaffermare il fermo impegno dell’America nei confronti della sicurezza di Israele.
Domani [oggi] riunirò i miei colleghi leader del G7 per coordinare una risposta diplomatica unitaria allo sfacciato attacco dell’Iran. Il mio team interagirà con i colleghi in tutta la regione. E manterremo stretti contatti con i leader israeliani. Anche se oggi non abbiamo assistito ad alcun attacco alle nostre forze o installazioni, rimarremo vigili contro tutte le minacce e non esiteremo ad adottare tutte le misure necessarie per proteggere la nostra gente”.

Image

Image

Image

 

14 aprile 2024 (ora italiana)

Medio Oriente in diretta: Video in HD in tempo reale da Israele, Gaza e il Medio Oriente

 

05:07

La situazione e per il momento calma, ma secondo alcune fonti, Israele dovrebbe attaccare direttamemte l’Iran nelle prossime 24 ore.

 

05:00

Biden suggerisce di dare “una risposta diplomatica unitaria all’attacco dell’Iran” – Ecco la dichiarazione:

Image

Image

04:39

Il canale israeliano N12News riferisce che l’esercito saudita ha avuto un ruolo nel fermare gli attacchi contro Israele questa notte. Sarà interessante vedere nelle prossime settimane cosa hanno fatto esattamente i sauditi questa notte.

04:35

Il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Lloyd Austin, ha chiesto al Ministro della Difesa israeliano, Yoav Gallant, durante una telefonata avvenuta poco prima dopo l’attacco iraniano, di aggiornare gli Stati Uniti prima che Israele decida di lanciare una risposta militare contro l’Iran.

04:32

Nonostante la fine dell’attacco di rappresaglia iraniano contro Israele, lo spazio aereo sopra Israele, Libano, Giordania, Iraq e Iran occidentale rimane vuoto di voli commerciali e molti sono ancora chiusi, probabilmente a causa del timore che Israele possa presto lanciare la sua risposta contro l’Iran.

Image

04:22

Gli alti funzionari statunitensi sono preoccupati che Israele risponda rapidamente all’attacco di rappresaglia iraniano di questa notte senza pensare alle potenziali conseguenze regionali e globali che potrebbero causare un conflitto di grandi dimensioni; il presidente Biden avrebbe già espresso ai suoi consiglieri la sua preoccupazione per il primo ministro israeliano Netanyahu, che ritiene stia cercando di “trascinare” gli Stati Uniti in un’altra guerra su larga scala in Medio Oriente.

 

03:55

Comunicato del Presidente Argentino

Image

03:52

La Casa Bianca afferma che la telefonata tra il Presidente degli Stati Uniti Biden e il Primo Ministro israeliano Netanyahu è terminata dopo 25 minuti, presto sarà pubblicato il resoconto della telefonata.

03:47

DA CONFERMARE: Sarebbero stati appena lanciati nuovi missili dalla provincia di Alborz, in Iran.

03:40

Allarme rosso per diverse comunità nelle alture del Golan, nel nord-est di Israele, probabilmente a causa del lancio di razzi da parte di Hezbollah in Libano.

Image

03:37

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite terrà una riunione d’emergenza domenica alle 16:00 (NewYork) in merito all'”attacco iraniano senza precedenti” di questa notte contro Israele, dopo che la riunione è stata richiesta dalla missione israeliana presso le Nazioni Unite.

03:11

Il gabinetto di sicurezza israeliano ha deciso di autorizzare il primo ministro Netanyahu, il ministro della Difesa Gallant e il ministro Gantz a prendere decisioni sulla questione iraniana.

02:40

Israele chiede una riunione d’emergenza del Consiglio di sicurezza dell’ONU per l’attacco iraniano

Image

02:38

Il Presidente degli Stati Uniti Biden e il Primo Ministro israeliano Netanyahu stanno tenendo una telefonata per discutere le opzioni di risposta all'”attacco iraniano senza precedenti” di questa notte contro Israele.

02:36

L’Arabia Saudita invita tutte le parti ad eviitare alla regione i pericoli della guerra

Image

02:31

Finora il Comando del fronte interno dell’IDF ha emesso 726 allarmi in seguito all’attacco iraniano contro Israele.

Image

 

02:30

Il ministro della Difesa Yoav Gallant sta parlando con il suo omologo americano, il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin, a seguito dell’attacco iraniano contro Israele.

Image

 

02:28

Il portavoce dell’IDF, il contrammiraglio Daniel Hagari, ha dichiarato che l’Iran ha lanciato decine di missili balistici contro Israele, causando lievi danni a una base militare.

La maggior parte dei missili è stata intercettata dal sistema di difesa aerea a lungo raggio Arrow. I missili sono stati abbattuti per lo più al di fuori dello spazio aereo israeliano.

Un impatto ha causato il ferimento di una ragazza nel Negev e altri impatti hanno causato “lievi danni alle infrastrutture” di una base militare, ha dichiarato Hagari.

I jet da combattimento hanno abbattuto anche decine di missili da crociera e decine di droni.

In totale, l’Iran ha lanciato più di 200 proiettili contro Israele, secondo Hagari.

 

02:19

Kim Jong Un ha ordinato di innalzare il livello di preparazione dell’esercito nordcoreano

02:14

I funzionari della Difesa israeliana riportano finora solo danni minori alla base aerea di Nevatim, nel sud di Israele, nonostante sia stata colpita da 2-7 missili balistici a medio raggio iraniani.

02:12

Resti di un missile iraniano a Baghdad, Iraq.

Image

02:09

Un alto funzionario statunitense ha dichiarato che l’Iran ha lanciato un’altra ondata di 70 missili da crociera e balistici da attacco terrestre contro Israele, portando il totale dei missili lanciati finora dall’Iran a 150.

Image

01:52

Diversi missili balistici iraniani sembrano aver colpito la zona del Negev; qui si vedono le riprese vicino al luogo dell’impatto.

 

01:44

Ho appena incontrato la mia squadra di sicurezza nazionale per un aggiornamento sugli attacchi dell’Iran contro Israele. Il nostro impegno per la sicurezza di Israele contro le minacce dell’Iran e dei suoi proxy è ferreo.” Biden

 

 

01:39

I funzionari israeliani hanno dichiarato che ci sarà una risposta significativa contro l’Iran per questo attacco.

 

01:35

Missile iraniano abbattuto in Giordania

01:33

Missili iraniani avvistati nel cielo sopra il palazzo della Knesset nella capitale israeliana di Gerusalemme; questo attacco cambierà la direzione della risposta israeliana e potrebbe da vita ad una incontrollabile escalation.

Image

01:26

Siria. Le difese aeree abbattono i missili nei pressi dell’aeroporto di Damasco

https://x.com/AlArabiya_Brk/status/1779286653502132492

 

01:20

Ci sono nuovi allarmi rossi nelle aree del Golan, della Cisgiordania meridionale e del Negev per attacchi di droni e razzi dall’Iran.

Image

01:17

I sistemi SAM IronDome, David’s Sling, Arrow-2, Arrow-3 e Patriot PAC-2 GEM-T delle Forze di Difesa israeliane che questa sera hanno abbattuto missili da crociera, missili balistici e droni delle Forze Aerospaziali dell’IRGC lanciati da Iran contro Israele.

01:14

Funzionari regionali hanno riferito che gli aerei della Royal Jordanian Air Force hanno abbattuto più di una dozzina di droni “suicidi” iraniani a senso unico sopra la Giordania settentrionale e centrale.

01:08

La situazione attuale su Jenin

Image

01:02

Dopo che gli Stati Uniti hanno colpito Soleimani, Trump ha detto di aver capito che l’Iran doveva rispondere per salvare la faccia. Così ha gestito l’escalation per evitare una guerra. Biden è capace di pensare in questo modo?”

01:00

Abbiamo la risposta alla domanda precedente:

Israele è sotto attacco significativo da parte dei missili balistici iraniani.
Altri missili da crociera e missili balistici a medio raggio hanno sorvolato la città settentrionale irachena di Erbil, dirigendosi verso Israele.
Esplosioni sono state udite sopra la città di Haifa, nel nord-ovest di Israele.
Esplosioni segnalate sopra la città di Gerusalemme, nell’est di Israele.
Segnalate intercettazioni multiple sopra Israele nord-orientale.

 

00:49

Le ultime due dichiarazioni dell’Iran potrebbero indicare che gli attacchi a Isreale sono finiti?

 

00:48

La missione del governo iraniano presso le Nazioni Unite invoca l’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite per giustificare l’attacco contro Israele come “legittima difesa”.

 

00:45

L’Iran sostiene di aver agito secondo la legge per autodifesa e afferma che i suoi attacchi sono stati “condotti sulla base dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite relativo alla legittima difesa”.

E aggiunge: “L’azione militare dell’Iran è stata una risposta all’aggressione del regime sionista contro la nostra sede diplomatica a Damasco. La questione può considerarsi conclusa. Tuttavia, se il regime israeliano dovesse commettere un altro errore, la risposta dell’Iran sarà molto più severa. Si tratta di un conflitto tra l’Iran e il regime canaglia israeliano, da cui gli Stati Uniti devono tenersi lontani”.

Image

00:37

l’Israel Defense Force ha dichiarato che l’aviazione israeliana, con l’assistenza di Stati Uniti, Gran Bretagna e altri alleati, ha già intercettato almeno 100 droni “suicidi” iraniani  che erano in rotta verso Israele.

 

00:31

Mentre il Medio Oriente è in fiamme e Biden e alle prese con una crisi profonda: Il comizio di Trump in Pennsylvania è assolutamente elettrico. Le persone continuano a presentarsi, sono ben oltre la capacità di accoglienza.

 

00:25

Le compagnie aeree non sorvolano gli spazi aerei chiusi. Il disturbo e lo spoofing del GPS sono diffusi nella regione e particolarmente intensi in questo momento. Questo può far apparire sulla mappa aerei che in realtà non sono presenti.

Image

 

00:15

Funzionari della Difesa e dell’Intelligence statunitensi hanno ora dichiarato che l’attacco in corso da parte dell’Iran è lo “scenario peggiore” a cui Israele si stava preparando e che potrebbe provocare una grande guerra in tutto il Medio Oriente.

23:59

I media di Stato iraniani affermano che il Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche (IRGC) ha lanciato missili balistici a medio raggio contro Israele.

Iran inaugurates medium-range ballistic missile: report - World - DAWN.COM

23:55

L’Iran avrebbe lanciato decine di missili balistici negli ultimi minuti.

23:50

Israele si sta preparando a diversi giorni di combattimenti contro l’Iran, con una risposta israeliana attesa a breve.

23:47
ABC : Secondo le stime dei funzionari americani, l’Iran dovrebbe lanciare fino a 500 droni e missili da Iran, Iraq, Siria, Libano e Yemen.

23:45

Leggete la mia dichiarazione sullo sconsiderato attacco del regime iraniano contro Israele.” Rishi Sunak

Statement card with the words: “I condemn in the strongest terms the Iranian regime’s reckless attack against Israel. These strikes risk inflaming tensions and destabilising the region. Iran has once again demonstrated that it is intent on sowing chaos in its own backyard. “The UK will continue to stand up for Israel’s security and that of all our regional partners, including Jordan and Iraq. Alongside our allies, we are urgently working to stabilise the situation and prevent further escalation. No one wants to see more bloodshed.”

23:44

L’Iran avrebbe minacciato di attaccare qualsiasi Paese del Medio Oriente che apra il suo spazio aereo per un attacco israeliano contro l’Iran.

23:41
L’account ufficiale di Khamenei su X ha pubblicato un video in cui la Guida suprema iraniana afferma che “il regime malvagio sarà punito”.

Image

23:40

La rabbia è evidente alla riunione del Gabinetto di guerra israeliano a Tel Aviv.

Image

23:37

Funzionari della sicurezza hanno dichiarato che le difese aeree in Giordania sono in stato di massima allerta e pronte a intercettare qualsiasi obiettivo ostile che entri nello spazio aereo giordano.

Image

23:35

Il presidente Biden ha interrotto il suo weekend di relax a Rehoboth Beach ed è tornato alla Casa Bianca per “consultarsi con il suo team di sicurezza nazionale sugli eventi in Medio Oriente”, dopo che l’Iran ha sequestrato una nave che a suo dire era collegata a Israele.

 

23:34

I rifugi antiatomici pubblici hanno iniziato ad aprire nella città israeliana nord-occidentale di Haifa e in diverse altre comunità del nord di Israele.

23:32

L’USAF ha alcuni dei suoi F-15E Strike Eagles in servizio di pattugliamento armato su Iraq e Siria. Si prevede che assisteranno la Forza aerea israeliana nell’abbattere i droni iraniani in arrivo.

23:05 del 13 aprile 2024 (ora italiana)

L’Iran lancia un attacco diretto ad Israele con decine di droni e missili. I lanci sono partiti anche dall’Iraq, dallo Yemen e dal Libano. Si registrano forti esplosioni in Libano

23:08

L’aviazione militare giordana annuncia che cercherà di abbattere tutti i velivoli che dovessero attraversare il proprio spazio aereo

23:10

Un aereo cisterna Boeing KC-135R Stratotanker dell’aeronautica americana ha emesso un segnale di soccorso (7700: incidente o altra emergenza a bordo) sopra l’Iraq meridionale ed è sceso bruscamente. fonte milchronicles Ancora sconosciute le cause dell’incidente

23:18

Possibili rivolte in Cis-Giordania a seguito delle uccisioni di un ragazzo israeliano e di civili palestinesi

23:20

Chiuso lo spazio aereo del Libano

23:30

L’affollamento dello spazio aereo sul Medio Oriente secondo FlightRadar (Ria Novosti)

Stati Uniti! Riposizionamenti e resa dei conti_con Gianfranco Campa

Le dimissioni di Victoria Nuland sanciscono definitivamente il riposizionamento della leadership statunitense su due aspetti: il fronte principale del confronto geopolitico è sempre meno collocato in Europa e il suo epicentro in Ucraina ha rivelato soprattutto le debolezze e l’avventurismo di una ostinazione russofobica che lascerà nude ed esposte soprattutto le élites europee. Di fatto si sta cercando una via di uscita che comporterà comunque il pagamento di un prezzo particolarmente elevato o di un azzardo dagli esiti catastrofici. Il conflitto interno agli Stati Uniti detterà sempre di più le dinamiche geopolitiche; la gran parte delle energie della attuale dirigenza statunitense dovrà essere spesa all’interno. La Nuland promette di essere uno dei personaggi chiave incaricato alla bisogna. Sentiremo parlare meno di lei, ma non vorrà dire che cesserà di fare danni. Fa parte di un élite che si sente sempre più minacciata e riterrà di lottare per la propria stessa sopravvivenza anche a scapito della sicurezza e stabilità del proprio paese. L’anno terribile è iniziato in queste ultime settimane. Buon ascolto, Giuseppe Germinario
NB_segnalo che è possibile accelerare la velocità di trasmissione del video andando sulle impostazioni del filmato.

https://rumble.com/v4jr3a6-stati-uniti-riposizionamenti-e-resa-dei-conti-con-gianfranco-campa.html

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

Stati Uniti! Ambizioni soppresse, ambizioni represse_Con Gianfranco Campa

Con l’avvio delle primarie è iniziato il torneo elettorale che porterà, a novembre prossimo, all’elezione del prossimo presidente statunitense. Nella girandola di comparse, vere e proprie meteore di luce riflessa, destinate a scomparire malinconicamente, rimangono fissi nel cielo, come previsto, due astri secondo i dettami della cosmologia aristotelica. L’uno, Trump, bersaglio ambito da impallinare ad opera di predatori sempre più rabbiosi, ma sempre sfuggente; l’altro, Biden, predestinato per volontà superiore all’investitura, ma destinato a spegnersi tra i fumi della mente prima di raggiungere la meta. Si attende il momento propizio per far uscire dal cilindro il coniglio, o la coniglietta in grado di incantare con le buone o le cattive la platea. Una platea, però, che in gran parte ha scoperto il trucco, troppe volte ripetuto, troppe volte esibito con eccessiva sicumera. Non è detto che questa volta il gioco si riesca a ricomporre o il pubblico si contenti a faccia finta di chiudere gli occhi. Sarà un anno cruciale; di speranze, poche, di dolore, tanto. Ascoltate con attenzione Gianfranco Campa. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4ewkwc-stati-uniti-ambizioni-soppresse-ambizioni-represse-con-gianfranco-campa.html

Stati Uniti! Isterismo, istigazione,esecuzione Con Gianfranco Campa

Gli Stati Uniti si stanno candidando ad entrare a pieno titolo nel gruppo nutrito delle repubbliche delle banane. Qualcuno in Centro America lo ha prontamente fatto notare; gente che evidentemente sa bene di cosa si parla. Una sorta di nemesi, di ritorsione della storia. Il dispositivo della Corte Suprema del Colorado ai danni di Trump sta dando un contributo decisivo alla credibilità e alla presentabilità della DEMOCRAZIA per antonomasia. Se non stoppato in tempi rapidi dalla Corte Suprema Federale potrà servire da precedente per altri stati. Colpi di mano che si accompagnano alla progressiva perdita di credibilità di qualsiasi candidato interno o esterno al partito, alternativo a Trump. Da qui l’allarmismo crescente giustificato dalle argomentazioni più inverosimili; l’istigazione ad atti inconsulti. Una isterica fibrillazione di un ceto politico e di una classe dirigente disposta a fomentare lo scontro fisico pur di salvaguardare la propria permanenza al potere. Un vuoto che sta innescando una accelerazione decisamente ostile del confronto geopolitico senza una dirigenza lucida, in grado di assumere apertamente la responsabilità di decisioni così laceranti. L’ingresso di truppe ed armamenti statunitensi in Finlandia, l’eventualità di colpi di mano in Moldova, zeppa di agenti statunitensi, il conflitto sempre più esteso nel Vicino Oriente sono ulteriori micce pronte ad innescare il peggio in un contesto sempre più temerario che vede stati belligeranti candidarsi all’ingresso nella Unione Europea; quella stessa Unione che nell’articolo 42 del trattato, si allinea pedissequamente ai voleri e ai vincoli della NATO. Un altro tabù, rigorosamente rispettato nella fase bipolare, che cade; altri popoli europei disposti a sacrificare, con la compiacenza delle proprie classi dirigenti, le proprie vite agli interessi egemonici anglostatunitensi. Una parodia che si tramuta in farsa e in tragedia. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v42f0z6-stati-uniti-isterismo-istigazioneesecuzione-con-gianfranco-campa.html

 

Stati Uniti, San Francisco! Dietro le quinte dell’APEC Con Gianfranco Campa

Se un presidente deve rappresentare il volto della propria nazione, l’immagine offerta da Biden trasmette inquietudine e smarrimento, una grande perplessità sull’adeguatezza del leader e sul senso di responsabilità di una leadership. Di fatto, in casa statunitense, il vertice ha segnato probabilmente l’eclissi definitiva di Biden e l’investitura a leader di Newson. Eppure il summit di San Francisco ha rivelato soprattutto la dimensione delle incognite e la gravità dei problemi legati alla transizione verso un mondo multipolare. Da qui la spinta a riconsiderare la dimensione e le modalità di separazione di mondi fortemente intrecciati. Tra le velleità di ripristino dei fasti della globalizzazione e il tentativo sornione di instaurare una gestione bipolare che semplifichi la conduzione delle dinamiche geopolitiche e la coltivazione di ambizioni egemoniche, si frappongono le spinte di nuovi attori tutt’altro che disposti a ripiegare nel ruolo di comparse. Apparentemente i due principali attori sembrano vivere lo stesso dilemma e gli stessi problemi, le stesse inquietudini; non è così. L’instabilità e la volubilità daranno l’impronta ai prossimi decenni durante i quali nessuno potrà sentirsi al sicuro. Gianfranco Campa, presente nei corridoi di quel consesso, ci offre per il momento le sue sensazioni in attesa di poter approfondire meglio quello che ha osservato. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v3w797g-stati-uniti-san-francisco-dietro-le-quinte-dellapec-con-gianfranco-campa.html

 

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

Guerra a Gaza! Le truppe di terra israeliane entrano nella striscia. Aggiornamenti

Guerra a Gaza! Le truppe israeliane entrano nella striscia di Gaza. Iniziato l’attacco via terra. Parte degli aggiornamenti sono presi dal sito L’Orient le jour

 

20:10
Forse è stato hackerato?
Telegram ha limitato l’accesso a diversi canali strettamente associati o gestiti da Hamas.
Il canale Telegram delle Brigate Al-Qassam aveva oltre 675.000 follower.
Image
Image
20:01
Il premier israeliano Netanyahu: “Questa è la nostra seconda guerra di indipendenza”.
20:00
Le forze di terra dell’esercito iraniano terminano la loro esercitazione militare di due giorni. Il comandante in capo dell’esercito iraniano ha dichiarato che l’esercitazione ha inviato un messaggio ai “nemici che le forze armate iraniane sono pienamente pronte a difendersi e a combattere per affrontare qualsiasi minaccia”.
19:41
L’aviazione israeliana sta bombardando pesantemente Gaza in risposta al massiccio attacco missilistico di Hamas contro TelAviv e altre città di Israele avvenuto oggi.
19:32
È stato segnalato un incidente di sicurezza al confine tra Giordania e Israele.
19:20
L’ex primo ministro pakistano Imran Khan: “Il mondo musulmano non deve solo alzare la voce contro tutto questo, ma deve muoversi per garantire la fine del genocidio di Gaza”.
19:09
Israele afferma che la guerra è entrata in una nuova fase, mentre le truppe si muovono rapidamente nella Striscia di Gaza.
Rocket damage, Gaza City, Gaza, Oct. 12, 2023 | Ahmad Hasaballah/Getty Images
18:51
Parole forti di Scott Ritter:
“Israele è morto con Yitzhak Rabin. Ciò che è emerso all’indomani del suo assassinio è un abominio, non degno di essere difeso né riconosciuto, una nazione definita dall’odio e alimentata dal sangue delle sue vittime innocenti. Palestina, sì. Israele, mai più.”
18:46
Il missile terra-aria che Hezbollah ha usato senza successo contro un drone dell’aviazione israeliana che sorvolava il Libano oggi si è rivelato essere un Sadid 358 di fabbricazione iraniana. Il missile è stato recentemente consegnato a Hezbollah attraverso la Siria.
Image
Image
Image
Image
18:33

Commissionata nel 1977, la USS Dwight D. Eisenhower (CVN-69) sta navigando nel Mar Mediterraneo.

Cosa significa “CVN”? “Portaerei, Volplano, Nucleare”.

“V” (per vol plané) è l’abbreviazione navale di lunga data che significa “più pesante dell’aria”, applicata alle denominazioni di aerei, squadriglie e navi.

Image
18:30
Allarme razzi vicino al confine con il Libano meridionale
Image
18:28
Il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, sta incontrando le famiglie di alcuni dei circa 250 ostaggi ancora trattenuti da Hamas nella Striscia di Gaza.
18:20
Barrage di razzi ancora una volta verso il sud di Tel Aviv.
Image
18:15

Mappa aggiornata della Marina statunitense e degli alleati nel Mediterraneo e nel Mar Rosso.

Navi da guerra dei seguenti Paesi in navigazione o dispiegate

USS Mount Whitney LCC-20

Gruppo d’assalto portaerei Ford
USS Gerald R. Ford CVN-78
USS Thomas Hudner DDG-116
USS Ramage DDG-61
USS Carney DDG-64
USS Roosevelt DDG-80
USS Normandy CG-60

Gruppo d’assalto portaerei Ike
USS Dwight D. Eisenhower CVN-69
USS Gravely DDG-107
USS Mason DDG-87
ITS Virginio Fasan F-591
USS Philippine Sea CG-58

Bataan ARG
USS Bataan LHD-5
USS Mesa Verde LPD-19
USS Carter Hall LSD-50

Non assegnato
USS Stethem DDG-63
USS McFaul DDG-74
USS Arleigh Burke DDG-51
USS Paul Ignatius DDG-117
USS Bulkeley DDG-84

Navi USNS
USNS Laramie T-AO 203
USNS Medgar Evers T-AKE 13
USNS Yuma T-EPF-8
USNS Trenton T-EFP-5

Task Force marittima UNIFIL
HS Adrias F-459
TCG Heybeliada F-511
FGS Erfurt F-262
FGS Oldenburg F-263
BNS Sangram F-113
KRI Sultano Iskandar Muda 367

In rotta FGS Baden-Wuerttemberg (F-125) che sostituirà FGS Erfurt. Quando ciò avverrà, l’FGS Erfurt passerà al Gruppo Marittimo Permanente NATO 2.

Gruppo marittimo permanente NATO 2
HMS Duncan D-37
ITS Carlo Margottini F-592
ESPS Méndez Núñez F-104
TCG Yavuz F-240
HDMS Niels Juel F-363
HS Psara F-454
FGS Francoforte sul Meno A-1412
ESPS Patiño A-14

Gruppo di Risposta Litoraneo Sud
RFA Argus A-135
RFA Lyme Bay L-3007

Tonnerre “ARG”
FS Tonnerre L-9014
FS Surcouf F-711
FS Alsazia D-656

Insieme a sottomarini e altre navi di supporto

Image
18:06
Israele espelle tutti i diplomatici turchi dopo le dichiarazioni odierne di Erdogan, valuterà le future relazioni tra Israele e Turchia
18:05
Il capo di Stato Maggiore delle Forze di Difesa israeliane, il tenente generale Herzi Halevia, ha annunciato oggi in una dichiarazione: “Sono passate tre settimane dall’inizio della guerra. Questa guerra ha delle fasi e oggi siamo entrati in una nuova fase. Le nostre forze di terra stanno attualmente conducendo operazioni di terra nella Striscia di Gaza, che servono a raggiungere tutti gli obiettivi della guerra, lo smantellamento di Hamas, la sicurezza ai confini e gli sforzi più importanti per riportare tutti gli ostaggi alle loro case. Gli obiettivi della guerra hanno richiesto l’ingresso a terra. Non ci sono risultati senza rischi e non c’è vittoria senza prezzi da pagare. Per smascherare il nemico e distruggerlo, non c’è altro modo che entrare nel suo territorio con grande forza. Questa azione serve a tutti gli obiettivi della guerra”.
18:02
Israele ha annunciato il ritiro di tutti i funzionari diplomatici in Turchia per consentire una “rivalutazione delle relazioni turco-israeliane”.
17:51
I razzi arrivati a Tel Aviv hanno causato pochi istanti fa un impatto diretto. Hamas ha attaccato con una raffica di razzi.
Image
Image
Image
17:37
Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha lanciato un appello urgente per un cessate il fuoco umanitario a Gaza. Sottolinea la necessità che questo cessate il fuoco venga attuato immediatamente, insieme al rilascio incondizionato degli ostaggi e all’invio di aiuti che rispondano ai terribili bisogni della popolazione della regione. Il Segretario generale sottolinea la catastrofe umanitaria in atto a Gaza e chiede un’azione rapida per affrontare la situazione.
Image
17:22
Grande attacco di razzi ora verso la città di Tel Aviv e il centro di Israele.
Image
17:10
Durante un comizio a sostegno della Palestina, il presidente turco Erdoğan ha detto: “Possiamo arrivare in qualsiasi momento della notte inaspettatamente”, e centinaia di migliaia di cittadini turchi hanno cantato: “I militari turchi a Gaza” in risposta.
17:00
L’IDF ha lanciato un “appello urgente” in lingua araba ai residenti della Striscia di Gaza settentrionale, chiedendo loro di evacuare temporaneamente verso sud.
Image
Image
16:55
Allarmi razzi ora per le città a sud-est di Be’er Sheva.
Image
16:50
Un numero significativo di aerei da trasporto C-17A Globemaster lll e C-5M Super Galaxy del Comando di Mobilità Aerea dell’Aeronautica Militare degli Stati Uniti sono arrivati in Medio Oriente e nell’Europa sud-orientale nelle ultime 48 ore, a dimostrazione del fatto che gli Stati Uniti continuano a prepararsi per un’eventuale grave esplosione delle ostilità nella regione.
16:49
Pochi minuti fa: Colpi multipli israeliani vicino alla barriera di confine nel sud della Striscia di Gaza.
16:45
Ufficialmente oggi la portaerei USS Eisenhower è entrata nel Mediterraneo insieme alle sue scorte. Tra pochi giorni il dispiegamento di tutti gli assetti americani sarà completo.
Si uniscono alla massiccia portaerei attraverso Gibilterra, i cacciatorpediniere a missili guidati Mason e Gravely. Nel 2016, il Mason è diventato la prima nave da guerra statunitense nella storia ad abbattere missili da crociera in combattimento al largo delle coste dello Yemen. La seconda volta che gli SM-2 sono stati sparati con rabbia è stato la settimana scorsa nel Mar Rosso, anche in questo caso per abbattere missili da crociera provenienti dallo Yemen.
Image
16:41
Le forze di difesa israeliane stanno bombardando i terroristi di Hezbollah nell’area di Jal al-Allam, a Naqoura, nel Libano meridionale.
16:40
I miliziani di Hezbollah hanno tentato invano di abbattere un drone di sorveglianza dell’aviazione israeliana che sorvolava il Libano meridionale. Hanno fallito perché il loro missile terra-aria non ha raggiunto il drone.
16:07Persone partecipano a una manifestazione di solidarietà con i palestinesi di Gaza a Istanbul, in Turchia, il 28 ottobre 2023..
(Photo: Dilara Senkaya/REUTERS)15:56 16:56 ora di Beirut
Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha dichiarato che la guerra contro Hamas è “entrata in una nuova fase”. “Ieri la terra a Gaza ha tremato”, ha dichiarato Gallant in un video pubblicato dai suoi servizi.
15:49

Persone camminano in una strada dopo gli attacchi aerei israeliani a Gaza City, 28 ottobre 2023. Gli attacchi aerei israeliani hanno distrutto centinaia di edifici nella Striscia di Gaza durante la notte, ha dichiarato il 28 ottobre il servizio di difesa civile del territorio palestinese controllato da Hamas. Foto Mohammed Abed/AFP

15:30 16:30 ora di Beirut
Ecco alcuni dei commenti fatti sul posto dal nostro corrispondente Mohammad Yassine:

Mamoun Malak: Siamo qui per dire che la causa palestinese non è solo una causa araba o musulmana. È la giusta causa di un popolo che è stato cacciato dalla propria terra e la cui terra è stata violata da un nemico che è anche il nemico di tutte le religioni monoteiste.

Siamo qui anche per dire “No alla guerra in Libano, sì alla sicurezza e alla pace in Libano”, un Paese che è la perla dell’Oriente e che ha pagato un prezzo molto alto per la causa palestinese. Il Libano non può più sopportare tutto questo. Così come Gaza è accerchiata dal nemico sionista, che le sta tagliando l’acqua e l’elettricità, anche il Libano è accerchiato e occupato dall’occupante iraniano. Non abbiamo acqua, elettricità, istruzione e assistenza sanitaria.

Edmond Rabbat: Bisogna avere il coraggio di sostenere il popolo palestinese, opponendosi a Hamas e Hezbollah.

Nelly Kandil: Siamo qui anche per dire che ci impegniamo per lo Stato, che dovrebbe essere l’unico a decidere della guerra o della pace in Libano.

15:30 16:30 Ora di BeirutEcco alcuni dei commenti fatti sul posto dal nostro corrispondente Mohammad Yassine:

Mamoun Malak: Siamo qui per dire che la causa palestinese non è solo una causa araba o musulmana. È la giusta causa di un popolo che è stato cacciato dalla propria terra e la cui terra è stata violata da un nemico che è anche il nemico di tutte le religioni monoteiste.

Siamo qui anche per dire “No alla guerra in Libano, sì alla sicurezza e alla pace in Libano”, un Paese che è la perla dell’Oriente e che ha pagato un prezzo molto alto per la causa palestinese. Il Libano non può più sopportare tutto questo. Così come Gaza è accerchiata dal nemico sionista, che le sta tagliando l’acqua e l’elettricità, anche il Libano è accerchiato e occupato dall’occupante iraniano. Non abbiamo acqua, elettricità, istruzione e assistenza sanitaria.

Edmond Rabbat: Bisogna avere il coraggio di sostenere il popolo palestinese, opponendosi a Hamas e Hezbollah.

Nelly Kandil: Siamo qui anche per dire che ci impegniamo per lo Stato, che da solo dovrebbe essere in grado di decidere sulla guerra o sulla pace in Libano.

15:24 16:24 Ora di Beirut

Una manifestazione “contro la guerra” a Beirut

Oggi pomeriggio, durante una manifestazione davanti al Museo Nazionale di Beirut, alcuni manifestanti si sono riuniti sotto lo slogan “L’unità nazionale prima di tutto… Musulmani e cristiani, proteggiamo il Libano evitando la guerra”.

(Credit: Mohammad Yassine, durante una manifestazione “contro la guerra” davanti al Museo Nazionale di Beirut, 28 ottobre)

15:13 16:13 Ora di Beirut

I diplomatici sauditi affermano che Riyadh condanna tutte le operazioni di terra israeliane che potrebbero minacciare la vita dei civili palestinesi, come riporta la Reuters.

15:12 16:12 Ora di Beirut

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani ha dichiarato sabato di temere che un’operazione militare israeliana su larga scala sulla terraferma di Gaza possa “causare altre migliaia di morti tra i civili”, secondo quanto riportato dall’AFP.

15:04 16:04 ora di Beirut

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha dichiarato che l’operazione (israeliana) continuerà a Gaza fino a nuovo ordine, secondo quanto riportato da Reuters.

14:58 15:58 ora di Beirut

Il portavoce dell’esercito israeliano Avichay Adraee ha dichiarato su X (ex Twitter) che dal Libano sono stati lanciati proiettili di mortaio e anticarro verso città israeliane e siti militari di confine. Questi proiettili sono caduti apparentemente in aree aperte.

L’esercito israeliano ha risposto bombardando le infrastrutture di Hezbollah nel sud del Libano.

14:49 15:49 Ora di Beirut

Non c’è carenza di farina in Libano, ha dichiarato l’associazione dei distributori di farina del sud del Libano in un comunicato pubblicato dall’agenzia di stampa nazionale, riferendosi a “voci infondate” secondo cui le scorte sarebbero finite e le consegne dal Paese sarebbero state interrotte via mare.

14:48 15:48 ora di Beirut

L’esercito israeliano ha nuovamente invitato i gazesi ad evacuare il nord della Striscia a causa di un’imminente operazione israeliana, secondo quanto riportato da Reuters.

14:45 15:45 Ora di Beirut

Non c’è alcuna carenza di farina in Libano, ha dichiarato l’associazione dei distributori di farina del sud del Libano in un comunicato pubblicato dall’agenzia di stampa nazionale, riferendosi a “voci infondate” secondo cui le scorte sarebbero esaurite e le consegne via mare dal Paese sarebbero state interrotte.

14:23 15:23 Ora di Beirut

Nel pomeriggio sono riprese le ostilità nel sud del Libano. I bombardamenti israeliani hanno colpito la periferia del villaggio di Naqoura, nel sud del Libano, ha confermato a L’Orient Today Andrea Tenenti, portavoce della Forza interinale delle Nazioni Unite in Libano (UNIFIL). I video che circolano sui social network mostrano il fumo che si alza nelle zone colpite. Un’immagine condivisa dall’agenzia di stampa ufficiale nazionale (Ani) mostra una granata israeliana inesplosa nel giardino di un residente di Naqoura.

Più tardi nel corso della giornata, Israele ha bombardato la periferia del villaggio di Houla, nel sud del Libano, come rappresaglia per i razzi lanciati contro il sito israeliano di Ibad, hanno riferito fonti della sicurezza al nostro corrispondente nel sud, Mountasser Abdallah. Più di quindici razzi sono caduti alla periferia dei villaggi di Houla, Markaba e Mays el-Jabal, ha aggiunto. Una fonte ha anche detto che i razzi lanciati dal Libano hanno preso di mira la caserma di Hounine in Israele. Ani ha riferito di bombardamenti israeliani alla periferia del villaggio di Marwahine.

Un corrispondente dell’Agenzia nazionale di stampa del Libano meridionale ha confermato che l’esercito israeliano ha nuovamente sparato munizioni al fosforo bianco nei pressi di Naqoura.

Infine, secondo Haaretz, le sirene hanno suonato nel nord di Israele circa mezz’ora fa.

14:09 15:09 ora di Beirut

La USS Dwight D. Eisenhower, la portaerei del secondo gruppo da battaglia di portaerei inviato dagli Stati Uniti per sostenere l’esercito israeliano nella sua guerra contro Hamas, sarebbe entrata nel Mediterraneo.

Secondo i dati del sito web marinetraffic.com, che fornisce un monitoraggio in diretta del traffico marittimo in tutto il mondo, la nave sembra aver attraversato lo Stretto di Gibilterra in mattinata. L’informazione è stata riportata anche da Haaretz e da diversi account su X, che citano anche siti di dati sul traffico marittimo.

Per saperne di più sulle forze navali dispiegate dall’esercito statunitense nel Mediterraneo orientale, leggere l’articolo di Lisa GOURSAUD.

13:53 14:53 Ora di Beirut

Il boss della piattaforma X (ex-Twitter) Elon Musk ha dichiarato che “Starlink supporterà la connettività per le organizzazioni umanitarie riconosciute a livello internazionale a Gaza”.

Questo annuncio, fatto su X, arriva dopo che due diplomatici hanno denunciato sulla piattaforma il fatto che internet e le telecomunicazioni sono state interrotte a Gaza dal giorno precedente.

13:42 14:42 heure de Beyrouth

Le bilan humain à Gaza toujours plus haut, Erdogan demande à Israël d’arrêter « cette folie » : on fait le point à 14h30.

13:30 14:30 heure de Beyrouth

Le ministère de la Santé du Hamas a annoncé que 7.703 personnes avaient été tuées dans la bande de Gaza depuis le 7 octobre. Le dernier bilan communiqué vendredi faisait état de 7.326 morts.

Plus de 3.500 enfants figurent parmi les morts recensées, a ajouté le ministère.

12:46 13:46 heure de Beyrouth

Un uomo spinge la sua bicicletta davanti ai resti di un edificio distrutto dai bombardamenti israeliani a Gaza City, a nord dell’enclave, sabato.

Mohammad Abed/AFP

12:39 13:39 Ora di Beirut

Un alto funzionario di Hamas, Moussa Abou Marzouk, in visita a Mosca, ha dichiarato sabato che il movimento palestinese sta cercando di determinare il luogo in cui si trovano otto ostaggi con doppia nazionalità russa e israeliana per poterli liberare, secondo quanto riportato dall’AFP.

“Stiamo cercando le persone che sono state segnalate dalla parte russa. È difficile, ma stiamo cercando. Non appena le troveremo, le rilasceremo”, ha dichiarato il funzionario, citato dall’agenzia di stampa statale russa Ria Novosti.

12:08  13:08 ora di Beirut
Hamas e Jamaa Islamiya hanno indetto una manifestazione per domenica alle 12.30 in piazza Azariye, nel centro di Beirut, a sostegno della “resistenza” palestinese e del suo diritto a “liberare le sue terre e i suoi luoghi sacri”. La manifestazione è stata annunciata dall’ufficio stampa di Hamas in Libano.

11:12 12:12 ora di Beirut
I residenti di diverse località della caza di Tiro (Libano meridionale) hanno dichiarato a L’Orient-Le Jour di aver “sentito e visto” una “esplosione nel cielo” pochi istanti fa, senza poterne identificare la causa.

11:05 12:05 ora di Beirut
Centinaia di edifici sono stati “completamente distrutti” nella Striscia di Gaza durante i bombardamenti israeliani della notte, ha dichiarato sabato la Protezione civile.

“Centinaia di edifici e case sono stati completamente distrutti e migliaia di altre abitazioni sono state danneggiate”, ha dichiarato all’AFP il portavoce della Difesa civile di Gaza, Mahmoud Bassal, aggiungendo che l’intenso bombardamento della notte ha “cambiato il paesaggio” della Striscia di Gaza settentrionale.

11:01 12:01 ora di Beirut
Secondo la Reuters, l’esercito israeliano ha intercettato un missile lanciato dal Libano e sta effettuando una rappresaglia.

L’informazione è stata comunicata su X da Avichay Adraee, portavoce dell’esercito israeliano per i media. Secondo lui, il missile lanciato ha preso di mira un drone israeliano.

09:54 10:54 ora di Beirut
In un messaggio pubblicato su X e ripreso dall’AFP, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha invitato sabato Israele a “fermare immediatamente questa follia” e a porre fine ai suoi attacchi.

“I bombardamenti israeliani che si sono intensificati ieri sera su Gaza hanno preso di mira ancora una volta donne, bambini e civili innocenti e hanno aggravato la crisi umanitaria in corso. Israele deve immediatamente fermare questa follia e porre fine ai suoi attacchi”, ha dichiarato il leader turco, invitando a una manifestazione a sostegno dei palestinesi organizzata dal suo partito a Istanbul sabato.

09:50 10:50 ora di Beirut
Le famiglie degli ostaggi, per la maggior parte israeliani, detenuti da Hamas nella Striscia di Gaza hanno espresso sabato la loro “preoccupazione” e hanno chiesto spiegazioni al governo dopo l’intenso bombardamento dell’esercito sul territorio palestinese.

“Le famiglie sono preoccupate per la sorte dei loro cari e attendono spiegazioni. Ogni minuto sembra un’eternità. Chiediamo che il ministro della Difesa Yoav Gallant e i membri del gabinetto di guerra ci incontrino questa mattina”, si legge in un comunicato stampa dell’associazione che rappresenta le famiglie degli oltre 220 ostaggi rapiti da Hamas il 7 ottobre.

09:49 10:49 ora di Beirut
Il blackout delle comunicazioni e i bombardamenti continuano nella Striscia di Gaza, secondo il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus. Parlando sul suo account X, ha dichiarato che in queste condizioni non è più possibile “evacuare i pazienti” o “mettersi al riparo”.

“I contatti con il nostro personale e con i centri di cura sono ancora interrotti. Sono preoccupato per la loro sicurezza”, ha concluso.

09:32 10:32 ora di Beirut
Un’altra manifestazione, annunciata nell’agenda dell’Agenzia nazionale di informazione (Ani, ufficiale), è prevista per le 15.30 davanti al Museo nazionale di Beirut, con lo slogan “L’unità nazionale prima di tutto… Musulmani e cristiani, proteggiamo il Libano evitando la guerra”. L’Ani non ha rivelato l’identità degli organizzatori.

09:00 Editoriale de L’Orient le jour

Il tempio di vetro
OLJ / Di Issa GORAIEB, 28 ottobre 2023 alle 00h00

Gaza e New York: due palcoscenici, due teatri, due palcoscenici sotto due tensostrutture ai lati opposti del mondo, ma con lo stesso tema in cartellone: qui le infinite risorse della crudeltà umana, e lì le non meno agghiaccianti risorse del cinismo governativo.

Questo non vuol dire che in questi giorni di apocalisse non ci sia lavoro da fare al Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite. Ma mentre l’Assemblea Generale ha finalmente adottato un testo non vincolante, il Consiglio di Sicurezza non ha visto altro che vuota retorica e sterili giostre oratorie. Banali incontri tra bozze di risoluzione rivali senza alcuna ambizione se non quella di un’umile e misericordiosa tregua umanitaria. Quale instancabile agitazione dell’aria, quali interminabili flussi di saliva, quando a ogni ora del giorno e della notte, è in torrenti furiosi che il sangue della popolazione di Gaza scorre da tre settimane.

L’ONU, che una volta de Gaulle definì un “marchingegno”, appartiene dunque al passato? Certo che no. Fortunatamente, le voci dei guardiani del tempio si distinguono da questa cacofonia di voci che chiamiamo concerto delle nazioni.

Il capo dell’agenzia Onu per i rifugiati palestinesi (Unrwa), ad esempio, e quindi la persona più qualificata al mondo per tracciare un quadro tanto accurato quanto terrificante della catastrofe sanitaria senza precedenti che minaccia, nell’immediato futuro, la sfortunata popolazione civile di Gaza. “Nessun crimine di guerra può giustificare i crimini attualmente perpetrati”, sottolinea Philippe Lazzarini, “e la storia ci giudicherà tutti per non aver posto fine a questo inferno sulla terra”.

Soprattutto, rendiamo omaggio al Segretario Generale delle Nazioni Unite, che ha avuto l’immenso coraggio di dire ad alta voce ciò che molti dei potenti pensavano, senza dubbio, nel loro cuore, quando hanno proclamato il loro totale sostegno a Israele. Antonio Guterres ci ha ricordato che il sanguinoso terremoto del 7 ottobre non è emerso dal vuoto, non è nato spontaneamente, ma è stato l’inevitabile risultato di decenni di occupazione, oppressione e colonizzazione. Le rimostranze dei palestinesi, ha tenuto a precisare, non possono giustificare gli atti terribili commessi da Hamas; ma, a loro volta, questi atti non possono giustificare la punizione collettiva inflitta al popolo palestinese.Si dice che solo la verità fa male, da qui la reazione isterica degli israeliani che hanno immediatamente chiesto le dimissioni del Segretario Generale.Quando vedremo la classica, rituale, infamante accusa di antisemitismo?

Il fatto è che Guterres ha messo il dito sulla piaga: quella aperta il 7 ottobre e di cui lo Stato ebraico si lamenta a gran voce; soprattutto, quella che sta usando abusivamente per centuplicare il colpo e completare la sua presa di possesso della Palestina. Persino i più stretti alleati di Israele hanno avvertito della natura oltraggiosamente sproporzionata della risposta all’operazione “Diluvio di al-Aqsa”, senza arrivare a sconfessarla chiaramente. Per quanto colpevole possa essere tale compiacimento, non è questo il vero problema. Il problema sta nel diritto all’autodifesa che le democrazie occidentali riconoscono costantemente a Israele e per il quale l’America ha dovuto usare il suo veto.

Eppure, questo è uno Stato che ha conquistato militarmente territori arabi.Ne ha annessi alcuni e ne sta colonizzando metodicamente altri come parte di un’annessione strisciante. E sta sottoponendo le popolazioni occupate a un’odiosa discriminazione etnica e razziale che ha tutte le caratteristiche dell’apartheid, come indicato nell’ultimo rapporto del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite.

Sì, come possiamo riconoscere una qualche legittimità alle brutali rappresaglie a cui ogni esercito di occupazione è invariabilmente sottoposto? Come si può concedere a una potenza occupante – per di più colpevole di crimini di guerra – lo stesso diritto all’autodifesa degli Stati che rispettano il diritto internazionale? Perseverare in questa mostruosa aberrazione non equivale forse a concedere all’oppressore lo status esclusivo di vittima e a fare dell’oppresso l’unico cattivo della storia?

Questo ritornello sull’autodifesa non è l’unico che merita di essere buttato via.
È incredibile, vergognoso e rivoltante che i governi e i media di tutto il mondo continuino, il più delle volte, a citare placidamente, senza il minimo clamore, come se si trattasse di banali fatti compiuti, tutti gli insediamenti che dal 1967 si moltiplicano nella Cisgiordania occupata. Questa banalizzazione dell’espropriazione è tanto più odiosa se si considera che, nel primo quarto del XXI secolo, sono ormai lontani i tempi in cui i pionieri potevano insediarsi tranquillamente su terre dichiarate vergini o popolate da indigeni percepiti come un branco di selvaggi.

Indissociabile dal martirio di Gaza e dalla puzza di trasferimento di popolazione che ne deriva, è la versione israeliana della conquista dell’Occidente firmata dallo psicopatico Netanyahu. Le grandi democrazie non potranno usare il fumo dell’inferno come scusa per fingere di non averlo previsto. Issa GORAIEB
igor@lorientlejour.com

 

DA SEGUIRE:

“Posterò qui i video grezzi tra le riprese dal vivo. Non ho tempo per le descrizioni. Sto facendo un reportage lungo il confine tra Israele e Gaza.”

Video di ieri mattina:

Image

 

Gli Stati Uniti hanno bloccato per 90 giorni le esportazioni della maggior parte delle armi da fuoco civili e delle munizioni per tutti gli utenti non governativi.

Secondo Reuters, il Dipartimento del Commercio non ha fornito ulteriori dettagli sulla sospensione, che include anche fucili da caccia e mirini ottici, ma ha detto che una revisione urgente valuterà il “rischio che le armi da fuoco vengano dirottate verso entità o attività che promuovono l’instabilità regionale, violano i diritti umani o alimentano attività criminali”.

Le licenze di esportazione per l’Ucraina e Israele, così come per alcuni altri stretti alleati, saranno esentate dal blocco temporaneo delle esportazioni.

 

08:49

“Questa notte è iniziata l’espansione delle operazioni di terra, le forze dell’IDF sono entrate nelle profondità della Striscia di Gaza.

Durante l’avanzata ci sono stati diversi incidenti con i terroristi, non ci sono state vittime tra i combattenti dell’IDF.

Allo stesso tempo, l’aviazione ha attaccato oltre 150 obiettivi a Gaza”.

Fonte: canale 11

 

08:47

Questa mattina nel nord della Striscia di Gaza si sentono ancora pesanti combattimenti con armi di piccolo calibro e artiglieria, anche se al momento non si sa se le forze di terra isrealiane si siano già ritirate da Gaza.

 

08:45

Secondo l’Israel Defense Force, oltre 150 obiettivi sotterranei sono stati distrutti ieri sera nella Striscia di Gaza da aerei israeliani che hanno utilizzato munizioni ad alto impatto “Bunker Busting”, mentre un ufficiale militare dell’IDF ha dichiarato: “Stiamo usando un fuoco mai visto prima nella Striscia di Gaza. Dall’aria, dal suolo o dal sottosuolo – l’IDF eliminerà ogni terrorista senior o junior e ogni infrastruttura terroristica di Hamas”.

Abu Raffa, Hamas head of air command. Eliminated.

Abu Raffa was responsible for managing the UAV arrays, the drones, the aerial detection, the paragliders, and the air defense of the Hamas organization. Directed the paraglider infiltration of the October 7 massacre.

 

08:25

Le Forze di Difesa Israeliane hanno annunciato che ieri sera, in un’operazione congiunta con lo Shin Bet, sono riuscite a colpire ed eliminare con successo il capo delle schiere aeree di Hamas, Asem Abu Rakaba, nella sua casa nella Striscia di Gaza; si sostiene che Rakaba sia stato determinante nella pianificazione dell’attacco a sorpresa del 7 ottobre con l’utilizzo di droni, parapendii e difese aeree.

08:22

I carri armati e i veicoli blindati israeliani sono ancora all’interno della Striscia di Gaza settentrionale questa mattina, dopo oltre 11 ore dall’attraversamento del confine.

07:17

Le forze di terra isrealiane non hanno subito perdite durante l’avanzata di ieri sera nel nord della Striscia di Gaza, vicino alla città di Beit Hanoun.

 

06:16

Sono le 6 del mattino in Israele, circa 9 ore da quando, secondo quanto riferito, migliaia di truppe israeliane e centinaia di carri armati e veicoli blindati hanno attraversato ieri sera la barriera di confine con il nord di Gaza e ancora non abbiamo alcuna idea di cosa stia accadendo o sia accaduto esattamente.

 

06:15

Il presidente turco Erdoğan si è offerto di mediare il conflitto tra Israele e Hamas.

Sperava davvero che Washington, se non Israele, avrebbero accettato la sua offerta.

Ora ha posto le basi per un eventuale intervento militare turco nel conflitto regionale israeliano.

Erdoğan sta avvertendo gli israeliani e gli Americani, che ci sarà una guerra su larga scala.

 

06:06

“Sono riuscito a connettermi per un minuto con molta difficoltà e volevo farvi sapere che internet, l’elettricità e tutto il resto sono stati interrotti.

Ogni strada è colpita. La gente trasporta i propri morti e feriti con i metodi più elementari… su carrelli e tuk-tuk.

È molto pericoloso ovunque: ci stanno bombardando dal cielo e da terra. Pochi minuti fa gli aerei da guerra hanno bombardato luoghi vicini a noi”.

Fonte: NBC News

Image

06:00

Le truppe israeliane si sono ritirate dopo alcune schermaglie. Non è chiaro se siano mai entrate nella Striscia di Gaza o se si siano impegnate al di là della recinzione, né quanto efficacemente si siano comportate le rispettive parti.

Il problema fondamentale che l’IDF e il governo israeliano in generale si trovano ad affrontare in questo momento è che per raggiungere l’obiettivo dichiarato di distruggere Hamas, i bombardamenti e le incursioni corazzate nelle aree aperte della Striscia di Gaza (a cui si erano limitati nelle precedenti tornate di combattimenti) non saranno sufficienti. A un certo punto gli APC israeliani dovranno avvicinarsi alla prima linea di blocchi abitativi di cemento in frantumi, sganciare le rampe e smontare la fanteria. E quei fanti dovranno proteggersi dietro i loro fucili d’assalto e mettersi al lavoro. Blocco dopo blocco, edificio dopo edificio, stanza dopo stanza, attraversando un esercito di nemici e un oceano di civili, fino a quando il lavoro non sarà finito.

 

05:20

Le truppe israeliane si sono ritirate dopo alcune schermaglie. Non è chiaro se siano mai entrate nella Striscia di Gaza o se si siano impegnate al di là della recinzione, né quanto bene si siano comportate le rispettive parti.

Il problema fondamentale che l’IDF e il governo israeliano in generale si trovano ad affrontare in questo momento è che per raggiungere l’obiettivo dichiarato di distruggere Hamas, i bombardamenti, i bombardamenti e le incursioni corazzate nelle aree aperte della Striscia di Gaza (a cui si erano limitati nelle precedenti tornate di combattimenti) non saranno sufficienti. A un certo punto gli APC israeliani dovranno avvicinarsi alla prima linea di blocchi abitativi di cemento in frantumi, sganciare le rampe e smontare la fanteria. E quei fanti dovranno mettersi dietro i loro fucili d’assalto e mettersi al lavoro. Blocco dopo blocco, edificio dopo edificio, stanza dopo stanza, attraverso un esercito di nemici e un oceano di civili, fino a quando il lavoro non sarà finito.

Credo che a questo punto Netanyahu abbia ordinato al macellaio un bagno di sangue e ora non voglia pagare il conto.

 

05:20

Stiamo ampliando le nostre operazioni di terra e non voglio commentare se si tratta di un attacco di terra o meno – i giorni a venire saranno lunghi e difficili.

– Portavoce del governo israeliano

 

05:11

Sembra che Israele impegnerà le fazioni gazane in una lunga ed estenuante maratona di scontri successivi e di operazioni “hit&run”. In questo modo creerà sacche militari in 3 aree (a est di al-Bureij-Beit Hanoun-Beit Lahya) che potrà rafforzare per l’operazione finale di terra.

 

05:09

Sembra che l’attacco israeliano sia avvenuto in tre aree nel nord di Gaza. I combattimenti tra l’IDF e i militanti a nord di Al-Bureij e forse vicino a Beit Hanoun sono ancora in corso, secondo le notizie locali.

Image

 

05:05

Notizie: Il tenente generale dell’USMC James Glynn, inviato dal Pentagono per consigliare Israele sui rischi inerenti a un’invasione della Striscia di Gaza, è tornato negli Stati Uniti.

“Non fraintendete: quello che sta accadendo, è accaduto o accadrà a Gaza è una decisione puramente israeliana”. -Il comandante dell’USMC, Gen. Eric Smith, ha dichiarato ai giornalisti.

 

05:01

Il ministro degli Esteri iraniano afferma che se i crimini israeliani continuano, l’espansione della guerra e l’apertura di nuovi fronti nella regione sono molto possibili.

 

04:49

Un alto funzionario israeliano ha dichiarato che l’incursione dell’IDF è per lo più nel nord della Striscia di Gaza ed è molto più grande e significativa rispetto alle incursioni limitate che hanno avuto luogo negli ultimi giorni e il numero di soldati che partecipano all’incursione è molto maggiore – Axios

 

04:40

“Oggi è un giorno che passerà alla storia. Siamo tutti testimoni del fatto che l’ONU
non ha più nemmeno un briciolo di legittimità o di rilevanza.

Israele rifiuta categoricamente la risoluzione dell’Assemblea Generale approvata questo pomeriggio che non nomina nemmeno Hamas – nemmeno una volta! Come se questa guerra fosse iniziata da sola! Anche quando si è parlato dei nostri ostaggi, i redattori non sono riusciti a nominare i terroristi di Hamas responsabili di questo palese crimine di guerra.

Israele continuerà a difendersi. Israele farà ciò che deve essere fatto per sradicare le capacità di Hamas e riportare a casa gli ostaggi.”

04:31

Il Presidente Biden ha inviato al Congresso una notifica sui poteri di guerra per spiegare gli attacchi mirati degli Stati Uniti contro le strutture nella Siria orientale utilizzate dall’IRGC e da gruppi affiliati all’IRGC la notte del 26 ottobre 202.

“Ho diretto gli attacchi per proteggere e difendere il nostro personale, per degradare e interrompere la serie di attacchi in corso contro gli Stati Uniti e i nostri partner e per dissuadere l’Iran e i gruppi di miliziani sostenuti dall’Iran dal condurre o sostenere ulteriori attacchi. Gli Stati Uniti sono pronti a intraprendere ulteriori azioni, se necessarie e appropriate, per affrontare ulteriori minacce o attacchi“.

Image

 

 

03:28

“Oggi pomeriggio ho avuto un altro incontro sostanziale con il direttore Wang Yi. Abbiamo discusso delle relazioni bilaterali tra Stati Uniti e Cina, del conflitto tra Israele e Hamas, della guerra della Russia contro l’Ucraina e delle questioni relative allo Stretto. Continueremo a mantenere aperto il nostro canale di comunicazione.” Jake Sullivan

Image

03:14

“La raffica odierna di attacchi israeliani intensificati in vista di un’imminente invasione di terra – insieme alla richiesta degli Stati Uniti di una pausa umanitaria – è stata uno strumento di negoziazione per spingere al rilascio degli ostaggi.

In pratica, un’ultima grande spinta per liberare gli ostaggi prima dell’inizio dell’invasione di terra.

A partire da questa mattina, il piano di Israele prevedeva l’invio di una divisione a Gaza con l’intensificarsi degli attacchi, a partire da mezzogiorno.

Nelle ultime ore, Israele ha rinunciato a un’offensiva di terra su larga scala, inviando invece forze più limitate, mentre gli Stati Uniti hanno intensificato le richieste di pausa per far uscire gli ostaggi.

L’obiettivo era quello di dare un’ultima possibilità ad Hamas di convincersi che è giunto il momento di scambiare/ discutere seriamente le concessioni.
Al momento non è stato annunciato alcun progresso nelle discussioni sugli ostaggi.

Detto cio`, questo tempo ha permesso a Israele di conoscere meglio l’ambiente, di raccogliere informazioni e di prepararsi a fare di più.

I funzionari statunitensi e israeliani hanno indicato che l’incursione di terra di questa notte non è un’offensiva su larga scala”  (Jacqui Heinrich Corrispondente dalla Casa Bianca per la FoxNews)

 

03:10

Il ministro degli Esteri iraniano afferma che se i crimini israeliani continuano, l’espansione della guerra e l’apertura di nuovi fronti nella regione sono molto possibili

 

03:00

“Non siamo coinvolti in alcuna operazione di terra israeliana. Il nostro obiettivo è lavorare con i nostri partner israeliani per sostenere la loro autodifesa. Gli Stati Uniti non vogliono vedere il conflitto espandersi nella regione. Vogliamo quindi inviare un messaggio di deterrenza. Non siamo interessati a un conflitto con l’Iran. L’invio delle nostre forze nella regione ha lo scopo di dimostrare la nostra prontezza e di dissuadere qualsiasi parte che volesse intensificare il conflitto”, ha dichiarato ad Al Jazeera il portavoce del Pentagono Pat Ryder.

 

Image

 

02:55

Migliaia di persone si sono riunite per chiudere la Grand Central Station di New York e chiedere che Israele interrompa la sua guerra contro Hamas dopo gli attacchi terroristici e i rapimenti.

 

02:50

GLI STATI UNITI INVITANO A NON INVADERE GAZA

L’amministrazione Biden chiede a Israele di non invadere Gaza via terra, mentre le forze israeliane sono entrate questa sera a Gaza nell’ambito di quella che Israele chiama “operazione allargata” per preparare un’invasione di terra.

Sono in corso violenti scontri e venti carri armati israeliani sono stati distrutti.

Fonte: Il Washington Post

 

02:07

La Resistenza islamica in Iraq ha annunciato di aver effettuato questa notte un attacco utilizzando 2 droni “Kamikaze” contro la base operativa statunitense di Al-Tanf, nel sud della Siria, vicino al confine con la Giordania e l’Iraq.

 

01:50

L’artiglieria e gli attacchi aerei israeliani si sentono e si vedono da Gaza City questa sera.

Le Truppe di Terra sono in movimento:

Dentro Gaza, stanotte:

 

01:41

Aerei da combattimento israeliani ed egiziani sono stati segnalati in volo sul Golfo di Aqaba, nel Mar Rosso settentrionale.

 

01:40

Nonsolo Gaza:
Questa sera sono in corso scontri tra i membri di Hamas e le forze israeliane in tutta la Cisgiordania, con intense sparatorie nei pressi della città di Gerico.

 

01:32

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione non vincolante che chiede un “cessate il fuoco umanitario immediato, duraturo e sostenibile” nella Striscia di Gaza che porti alla “cessazione delle ostilità”.

– 120 Paesi hanno votato a favore, 14 contro e 45 si sono astenuti.

– Rappresentante israeliano: “L’ONU non significa nulla”.

Image

01:23

Durante la significativa escalation di combattimenti di questa notte nella Striscia di Gaza e nel sud di Israele, il Dipartimento di Stato americano ha diffuso un altro avviso di viaggio per il Libano, continuando a dichiarare che i cittadini americani dovrebbero tentare di lasciare il Paese mentre i voli commerciali e le imbarcazioni sono ancora disponibili; tuttavia, ciò che è diverso in questo avviso è che le evacuazioni assistite dai militari vengono menzionate con una serie di regole per questo tipo di evacuazioni, tra cui, ma non solo: Non sono ammessi animali domestici, il trasporto verso i luoghi di partenza è vietato o inaffidabile e l’obbligo di rimborsare il governo degli Stati Uniti per l’evacuazione.

Image

Image

 

01:22

L’esercito israeliano ha dichiarato alle organizzazioni giornalistiche internazionali Reuters e Agence France Presse che non può garantire la sicurezza dei loro giornalisti che operano nella Striscia di Gaza, sottoposta a bombardamenti e assedio israeliano da quasi tre settimane.

 

01:20

Lo spazio aereo sopra Israele e il Libano è completamente vuoto di aerei commerciali in questo momento.

Image

 

01:19

Aggiornamento sugli Eurofighetrs: Sembra che gli Eurofighter si stiano preparando ad atterrare a Cipro, forse insieme a un KC2 Voyager Refueling Tanker “RRR9961” della RAF, anch’esso in partenza dalla Turchia; potrebbe trattarsi di un preposizionamento di risorse più vicine al Libano e a Israele.

Image

01:11

2 caccia multiruolo Eurofighter Typhoon della Royal Air Force britannica “BRUISE22” e “RRR9959X” sono partiti da una base aerea in Turchia e si stanno dirigendo a sud del Mediterraneo orientale.

Image

01:05

I media israeliani riferiscono che migliaia di truppe israeliane, insieme a centinaia di carri armati e veicoli blindati, sono entrate questa notte nel nord della Striscia di Gaza, vicino alla città di Beit Hanoun, dove sono in corso pesanti e difficili combattimenti contro le forze terroristiche.

 

01:03

“Sembra che Anthony Blinken sia ora un membro del Gabinetto israeliano e del Consiglio di Difesa Nazionale.

Questo è a dir poco insolito.

Molti dicono che siamo noi a controllare tutto ciò che accade in Israele.

La verità è che mi chiedo se la leadership israeliana sia o meno responsabile di tutto ciò che portiamo nell’arena.” (Colonnello Douglas Macgregor)

 

00:52

Aggiornamento dispiegamento attuale delle forze Americane nell’area mediorientale:

Il Pentagono sta dispiegando in Medio Oriente due gruppi d’attacco di portaerei, undici cacciatorpediniere della classe Burke, alcuni incrociatori della classe Ticonderoga, navi d’assalto anfibio, sistemi di difesa missilistica THAAD e Patriot, diversi squadroni di caccia, bombardieri strategici e mezzi non rivelati.

Qual è la probabilità che questa situazione degeneri in una guerra tra Stati Uniti e Iran?

PENTAGONO: “Tra il 17 e il 24 ottobre, le forze statunitensi e della coalizione sono state attaccate almeno dieci volte in Iraq e tre volte in Siria con un mix di droni e razzi a senso unico…

Sappiamo che i gruppi che conducono questi attacchi sono sostenuti dall’IRGC e dal regime iraniano. Vediamo la prospettiva di un’escalation più significativa contro le forze e il personale degli Stati Uniti in tutta la regione nel breve termine, proveniente da forze per procura iraniane e, in ultima analisi, dall’Iran”.

Image

 

00:47

Sembra che sia in corso una sorta di evacuazione dalla capitale libanese di Beirut, dato che un C-17A Globemaster lll “CFC4024” dell’aeronautica canadese è appena partito dalla città in direzione di Pafos, Cipro.

Image

 

00:29

Due funzionari israeliani hanno dichiarato ad Axios che la decisione di espandere le operazioni di terra nella Striscia di Gaza è stata presa ieri sera dal Gabinetto di guerra israeliano insieme al Primo Ministro Netanyahu, dopo che i diplomatici avevano riferito che i negoziati per gli ostaggi in Qatar avevano raggiunto una situazione di stallo.

Image

 

23:10

Ieri fonti militari in Eritrea hanno riferito che le forze nemiche israeliane di stanza nella base di Dahlak, dalla quale fungono da posto di osservazione sul Mar Rosso, sono state sottoposte ad un “attacco armato” che ha portato all’uccisione di un alto ufficiale. in mezzo alla stretta segretezza del nemico

23:05

ESPLOSIONI, FUOCO DI CARRI ARMATI E ARTIGLIERIA PESANTE A GAZA
https://cedarnews.net/?p=649263

22:58

Media egiziani: Aerei da guerra egiziani hanno sorvolato Taba e Nuweiba dall’alba fino ad ora

22:30

movimenti di forze corazzate israeliane

22:00
URGENTE: L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione non giuridicamente vincolante che chiede una “tregua umanitaria immediata” a Gaza. La risoluzione è stata presentata dalla Giordania a nome del gruppo arabo. La risoluzione condanna inoltre tutti gli atti di violenza contro israeliani e palestinesi. Ci sono stati 120 voti a favore, 14 contrari e 45 astensioni. La risoluzione non è legalmente vincolante, ma ha un peso politico.

21:52
URGENTE: In un’intervista rilasciata al canale americano ABC News, il portavoce dell’esercito israeliano, Peter Lerner, ha negato che le operazioni ampliate di venerdì costituiscano un’invasione di terra della Striscia di Gaza, come era stato annunciato dall’inizio della guerra.

21:41
URGENTE: “Hamas pagherà per i suoi crimini contro l’umanità e questa sera cominciamo a fare giustizia”, ha dichiarato il consigliere del primo ministro israeliano Regev, secondo quanto riportato da Reuters.

21:37
L’Egitto dice che sta “intensificando gli sforzi” per mettere in sicurezza il suo spazio aereo, secondo un portavoce militare citato da Reuters.

Sei persone sono rimaste leggermente ferite quando venerdì “un drone non identificato è caduto” su una città egiziana al confine con Israele, ha dichiarato l’esercito egiziano in un comunicato.

Un drone è stato colpito al di fuori dello spazio aereo egiziano, causando la caduta di detriti in un’area disabitata di Noueiba. Il secondo è caduto a Taba. La dichiarazione ha aggiunto che i droni provenivano “dal sud del Mar Rosso verso il nord”.

Da parte sua, Lior Haiat, ministro degli Esteri israeliano, ha affermato su X (ex Twitter) che i missili e i droni sono stati “lanciati dall’organizzazione terroristica Houthi con l’obiettivo di danneggiare Israele”. La notizia non è stata confermata.

Gli Houthi sono un movimento ribelle dello Yemen sostenuto dall’Iran, coinvolto in una guerra civile che dura da otto anni contro le forze governative sostenute dall’Arabia Saudita.

21:20
URGENTE: “Quando tutto questo sarà finito, Gaza sarà molto diversa”, ha dichiarato venerdì sera Mark Regev, consigliere del primo ministro israeliano, secondo quanto riportato da Reuters. “Stiamo intensificando la pressione su Hamas e le nostre operazioni militari sono in corso”, ha aggiunto.

21:19
URGENTE: Un alto funzionario palestinese di Hamas ha dichiarato che il suo movimento è “pronto” ad affrontare un’eventuale offensiva di terra israeliana contro la Striscia di Gaza, dopo che venerdì sera l’esercito israeliano ha annunciato che stava “estendendo” le sue operazioni di terra in quella zona.

“Se Netanyahu deciderà di entrare a Gaza stasera, la resistenza è pronta”, ha dichiarato Ezzat al-Risheq su Telegram, aggiungendo che “la terra di Gaza inghiottirà i brandelli dei soldati israeliani”.

21:12
URGENTE: “Gaza è attualmente bombardata dal mare, e il ritmo dei bombardamenti sta gradualmente aumentando dopo un breve periodo di relativa calma. Israele continua a bombardare la stessa area: la parte settentrionale di Gaza”, dice il corrispondente di Al-Jazeera a Gaza, Wael al-Dahdouh, che sembra aver recuperato il segnale dopo un blackout delle comunicazioni.

21:09
URGENTE: Hamas è “pronto” se Israele lancia un’offensiva di terra, ha dichiarato un funzionario di Hamas citato dall’AFP.

21:03
Comunicazioni e internet interrotti a Gaza:

Al-Jazeera, Al-Ghad TV, BBC, Vice News e Washington Post hanno perso i contatti con i loro corrispondenti a Gaza.

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa e la Mezzaluna Rossa Palestinese affermano di aver perso i contatti con le loro squadre a Gaza.

Anche L’Orient Today ha perso il contatto con il portavoce dell’UNRWA a Gaza e non è riuscito a raggiungere i suoi contatti nell’enclave.

20:56
URGENTE: Le ambulanze non riescono a raggiungere i siti bombardati a causa dell’intensità dei bombardamenti su Gaza, dice Wael al-Dahdouh, corrispondente di al-Jazeera su X.

20:55
URGENTE: il ministro degli Esteri della Giordania ha dichiarato che Israele ha appena lanciato una guerra di terra su Gaza e che il risultato sarà un grave disastro umanitario, riporta Reuters.

20:54
Gli Stati Uniti sostengono una pausa per fornire aiuti umanitari, carburante ed elettricità ai civili di Gaza, ha dichiarato venerdì il portavoce della Casa Bianca John Kirby.

Kirby ha anche detto che se il rilascio degli ostaggi a Gaza richiedesse una pausa temporanea localizzata, gli Stati Uniti la sosterrebbero.

20:53
Nuove dichiarazioni di Daniel Hagari, portavoce dell’esercito israeliano:

“Continueremo ad attaccare Gaza e i suoi dintorni (…) Abbiamo chiesto alla popolazione di Gaza di spostarsi verso sud”, ha dichiarato.

Ha inoltre ribadito le affermazioni dell’esercito israeliano secondo cui Hamas starebbe usando l’ospedale al-Shifa come scudo per tunnel sotterranei e “attività terroristiche”, cosa che Hamas ha negato. Al-Shifa è il più grande ospedale della Striscia di Gaza, dove si sono rifugiati migliaia di sfollati.

“Non permetteremo alcun attacco contro Israele attraverso le infrastrutture sottostanti un ospedale. Questo è qualcosa che lo Stato di Israele non tollererà”, ha dichiarato Hagari. “Questa è la guerra psicologica di Hamas contro il popolo di Israele. Non cederemo a nessuna delle ciniche manipolazioni di Hamas”.

20:34

Bombardements « sans précédent », depuis le début de la guerre, sur le nord de Gaza : Ce que l’on sait à 21h30

Le Hamas appelle le monde à « agir immédiatement » pour faire cesser ces bombardements.

Bombardements « sans précédent », depuis le début de la guerre, sur le nord de Gaza : Ce que l’on sait à 21h30

Une vue de Gaza, le 27 octobre 2023 au soir, alors que l’enclave palestinienne est soumise à d’intensifs bombardements israéliens. REUTERS TV via REUTERS

L’armée israélienne menait vendredi soir des bombardements d’une intensité « sans précédent » depuis le début de la guerre, sur le nord de la bande de Gaza, notamment à Gaza-ville, selon des images de l’AFP et selon le Hamas. Les communications et l’internet ont été coupés dans la bande de Gaza, selon le gouvernement du Hamas au pouvoir dans le territoire palestinien. La société des…

Una veduta di Gaza, la sera del 27 ottobre 2023, mentre l’enclave palestinese è sottoposta a intensi bombardamenti israeliani. REUTERS TV via REUTERS

Venerdì sera, l’esercito israeliano ha effettuato bombardamenti di un’intensità “senza precedenti” dall’inizio della guerra, nel nord della Striscia di Gaza, in particolare a Gaza City, secondo le immagini dell’AFP e secondo Hamas. Le comunicazioni e internet sono state interrotte nella Striscia di Gaza, secondo il governo di Hamas al potere nel territorio palestinese. La società…

20:27
URGENTE: sei esplosioni a Tel Aviv in seguito a missili lanciati da Gaza e intercettati da Iron Dome, riferisce Al-Jazeera.

20:16 

Una esplosione registrata alla frontiera tra Israële e Gaza, il 27 ottobre 2023.

Photo Reuters

20:11
URGENTE: Hamas chiede al mondo di “agire immediatamente” per fermare gli attacchi di Israele su Gaza. “Chiediamo ai Paesi arabi e musulmani e alla comunità internazionale di assumersi le proprie responsabilità e di agire immediatamente per fermare i crimini e i massacri contro il nostro popolo”, ha dichiarato il movimento palestinese in un comunicato.

20:09
URGENTE: Secondo il corrispondente di Al-Jazeera a Gaza, Wael Dahdouh, e sulla base di un video del suo cameraman Hamdan Dahdouh, Hamas sta attualmente lanciando una raffica di razzi da Gaza verso Israele.

20:06
Il capo della diplomazia iraniana, Hossein Amir-Abdollahian, ha avvertito venerdì in un discorso alle Nazioni Unite che i gruppi armati libanesi e palestinesi hanno “il dito sul grilletto”, tra i timori di un’escalation nella guerra tra Israele e Hamas. Questi gruppi “hanno i loro calcoli per la loro sicurezza e (…) decidono da soli”. “Non vogliamo che il conflitto si allarghi”, ha aggiunto.

19:41
Parlando venerdì alle Nazioni Unite, il capo diplomatico iraniano Hossein Amir-Abdollahian ha avvertito che i gruppi armati libanesi e palestinesi hanno “il dito sul grilletto”, temendo un’escalation nella guerra tra Israele e Hamas. Questi gruppi “hanno i loro calcoli per la loro sicurezza e (…) decidono da soli”. “Non vogliamo che il conflitto si allarghi”, ha aggiunto.

19:34
URGENTE: la Società della Mezzaluna Rossa Palestinese afferma di aver perso i contatti con il suo team all’interno di Gaza e con la sua “sala operativa principale” nell’enclave.

19:26
L’esercito israeliano ha confermato di aver esteso le operazioni di terra questa sera a Gaza.

“Nelle ultime ore abbiamo intensificato gli attacchi aerei a Gaza. L’aviazione sta effettuando un attacco su larga scala contro obiettivi sotterranei e infrastrutture terroristiche in particolare”, ha scritto Avichay Adraee, portavoce di lingua araba dell’esercito israeliano, su X (ex Twitter).

Continuando le operazioni militari che abbiamo condotto negli ultimi giorni, le forze di terra hanno ampliato le operazioni di terra questa sera”, ha aggiunto. L’esercito israeliano sta lavorando con la massima forza su tutti i fronti per raggiungere gli obiettivi della guerra”.

19:22
URGENTE: un portavoce dell’esercito israeliano ha dichiarato che le forze di terra stanno ampliando le loro operazioni questa sera, come riporta la Reuters.

Stati Uniti! Elezioni e terzo incomodo, il clima di guerra Con Gianfranco Campa

Nella campagna presidenziale ormai in corso quel che avrebbe dovuto essere una reale alternativa sta calzando le vesti del terzo incomodo a salvaguardia dello statu quo; di una leadership protagonista e ostaggio di una dinamica bellicista dalle basi mai così incerte e contraddittorie all’interno stesso del proprio territorio. Biden sarà pure un patetico e grottesco incidente di percorso nel firmamento presidenziale; appare sempre più l’incarnazione, la rappresentazione fisica della condizione di un intero ceto politico. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure
PayPal.Me/italiaeilmondo
Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

https://rumble.com/v3qnivy-stati-uniti-elezioni-e-terzo-incomodo-il-clima-di-guerra-con-gianfranco-cam.html

Nuovo fronte di guerra con il Libano?

Iniziano a diffondersi e moltiplicarsi notizie dell’apertura di un nuovo fronte alla frontiera del Libano. Di certo gli attacchi e le repliche si stanno intensificando e accompagnano le smentite più o meno ufficiali

 

ore 18:00 di Roma

Con la notizia del bombardamento israeliano degli aeroporti di Damasco e Aleppo, in Siria, chiudiamo questa seconda finestra di informazione. Ci riserviamo di riaprirla in caso di recrudescenza o di allargamento del conflitto

 

05:00 Ora di Roma

Il Mossad lancia accuse contro Huawei. Hamas ha utilizzato smartphone Huawei senza alcuna backdoor occidentale.

 

04:36 Ora di Roma

Donald Trump attacca Israele, dice che Netanyahu “lo ha deluso” e che “non dimenticherà mai”, e definisce Israele debole durante un discorso a West Palm Beach.

Trump non dimenticherà mai che Netanyahu si è congratulato con Biden anche quando i voti erano ancora in fase di conteggio

Image

 

04:35 Ora di Roma

Il gruppo d’assalto della portaerei USS Gerald R. Ford si posizionerà al largo delle coste del Libano e del nord di Israele.

Image

 

04:27 Ora di Roma

Violenti scontri tra la resistenza e le forze dell’IDF alla rotonda Al-Zayed nella città di Jenin, West Bank.

 

04:25 Ora di Roma

La corda dei finanziamenti all’Ucraina sta finendo:

Non si può iniziare a pianificare un sostegno a lungo termine se si è alla fine della corda. E nel finanziamento dell’Ucraina stiamo arrivando alla fine della corda. Oggi abbiamo annunciato 200 milioni di dollari e continueremo ad aiutare l’Ucraina per quanto possibile, ma non a tempo indeterminato”, ha dichiarato il portavoce della Casa Bianca John Kirby.”

Per quanto la corda si attorcigli, finirà comunque.

 

04:12 Ora di Roma

Il Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, via X:

“Sono preoccupato per il recente scambio di fuoco lungo la Linea Blu e per gli attacchi segnalati dal Libano meridionale.

Faccio appello a tutte le parti – e a coloro che hanno un’influenza su di esse – affinché evitino qualsiasi ulteriore escalation e ricaduta”.

 

04:08 Ora di Roma

Gli aerei israeliani stanno colpendo diversi obiettivi di Hamas nel sud di Gaza.

 

03:51 Ora di Roma

Nessuna infiltrazione da Gaza stanotte.

Sembra che l’IDF abbia un certo controllo sul confine, il che significa che siamo molto più vicini a una guerra di terra.

 

03:50 Ora di Roma

Conduttore della CNN: “Sta dicendo che vorrebbe che gli Stati Uniti e Israele bombardassero l’Iran anche in assenza di prove dirette del loro coinvolgimento in questo attacco?”.

Lindsey Graham: “Sì”.

 

03:10 Ora di Roma

Il neocon Lindsey non si smentisce mai.

“Siamo in una guerra di religione. Io sono senza remore dalla parte di Israele, qualunque cosa debbano fare, compreso il radere al suolo Gaza.”

03:00 Ora di Roma

Un video di 3 minuti diffuso dalla Jihad islamica mostra la preparazione di attacchi missilistici e il loro lancio

 

02:52 Ora di Roma

Bernie Sanders critica l’offensiva di Israele a Gaza, definendola “una grave violazione del diritto internazionale”.

02:45 Ora di Roma

Matthias Kennes, rappresentante di Medici Senza Frontiere a Gaza, afferma che l’ospedale più grande della Striscia di Gaza, l’Al-Shifa Hospital, ha abbastanza carburante per mantenere la sua fornitura energetica per soli tre giorni.

 

02:39 Ora di Roma

Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman conferma durante una telefonata con il presidente francese la necessità di lavorare per fermare le operazioni militari che hanno ucciso persone innocenti a Gaza.

Fonte: Sky News

Image

 

02:35 Ora di Roma

Si alzano forte i tamburi di guerra:

“Teheran probabilmente sapeva che Hamas stava pianificando un attacco contro Israele, ma non conosceva i tempi precisi o la portata dell’attacco, secondo una valutazione preliminare non classificata delle agenzie di intelligence statunitensi.”

Fonte: Wall Street Journal

 

02:26 Ora di Roma

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato:

“La terra su cui vivono i palestinesi è storicamente la loro terra, e avrebbe dovuto stabilire uno stato palestinese indipendente che includesse Gaza”.

Fonte: Sky News Arabia

 

02:18 Ora di Roma

Sembra che le forze israeliane si stiano preparando per una grande guerra. Nei territori che circondano Gaza, un parcheggio sotterraneo è stato trasformato in un ospedale con centinaia di letti e attrezzature mediche.

Image

Image

Image

 

02:14 Ora di Roma

Sono in corso le operazioni di ricerca e soccorso tra le macerie di ciò che resta della città meridionale di Gaza, Khan Yunis, colpita questa notte dagli attacchi israeliani.

 

01:01 Ora di Roma

I MEMBRI DELLE FORZE DI DIFESA ISRAELIANE AUMENTANO DEL 300%

Numero di soldati attivi dell’IDF la scorsa settimana: 170,000
Numero di soldati attivi dell’IDF oggi: 530,000

 

00:54 Ora di Roma

“Il mondo potrebbe cambiare radicalmente a seguito della guerra tra Israele e Hamas.

Per Israele, la questione è mortalmente seria.

Se Hezbollah resterà in disparte, l’IDF schiaccerà sistematicamente Gaza. Attacchi seri dal Libano meridionale porteranno le forze di terra dell’IDF al limite.

È possibile che la rabbia e il disgusto del mondo musulmano per la distruzione di Gaza e del suo popolo provochino una guerra più ampia che potrebbe coinvolgere l’Iran e persino la Turchia.

L’Egitto non sarà in grado di resistere. La Giordania potrebbe crollare sotto la pressione dei disordini interni.”  (Douglas Macgregor)

 

00:19 Ora di Roma

Dalle telecamere in diretta da Gaza e da fonti ufficali sembra che sia la Marina che l’Aeronautica israeliane stiano bombardando la Striscia di Gaza da circa un’ora.

 

23:24 Ora di Roma

Secondo quanto riferito, un drone sconosciuto è stato avvistato nel cielo vicino all’insediamento di Nachal Oz, a est della Striscia di Gaza, e di conseguenza è stato annunciato un “allarme di penetrazione aerea”.

Sembra che l’App Red Alert stia funzionando di nuovo.

Image

 

23:21 Ora di Roma

Il presidente Joe Biden ha annunciato che gli Stati Uniti invieranno altri F-18 e F-35 in Medio Oriente, in seguito all’aumento delle tensioni. Siamo in piena modalità escalation…

 

23:20 Ora di Roma

Il Presidente iraniano Ebrahim Raisi e il Principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman hanno avuto la loro prima telefonata in assoluto, discutendo della Palestina.

La telefonata è durata circa 45 minuti. Hanno discusso dell’unità dei Paesi musulmani di fronte agli sviluppi in Palestina.

Image

 

23:18 Ora di Roma

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto stasera, durante un discorso alle organizzazioni ebraico-americane: “Ho detto agli iraniani… state attenti”.

Image

 

23:14 Ora di Roma

Durante una conferenza stampa del nuovo governo d’emergenza israeliano, l’attuale ministro della Difesa, Yoav Gallant, ha dichiarato: “Cancelleremo Hamas dalla faccia della Terra”, mentre l’ex ministro della Difesa, Benny Gantz, ha detto: “Hamas è un nemico che deve essere sterminato con ogni mezzo”.

Image

 

22:18 Ora di Roma

La Casa Bianca:

La portaerei “Eisenhower” partirà per il Mar Mediterraneo, diretta dal Comando europeo dell’esercito statunitense. Non è stato escluso l’invio di un’altra portaerei.

Dopo la Ford e la Eisenhower, un’altra portaerei sarebbe la terza nella regione.

È dall’invasione dell’Iraq che non vediamo questo grande dispiegamento. Un’altra guerra, questa volta in Iran, è alle porte…?

 

22:11 Ora di Roma

QUI IL WEBCAM DEL CIELO DI GAZA:

 

22:02 Ora di Roma

Gli israeliani, dovrebbero essere preoccupati per come che il sistema di allarme (Red Alert) per le intrusioni nello spazio aereo sia stato apparentemente hackerato e illuminato come un albero di Natale.

Image

 

21:55 Ora di Roma

Canale 12 in Israele ha appreso che il governo israeliano sta attualmente discutendo e valutando due opzioni:

1: combattimenti duri, ma limitati. L’IDF si ritirerebbe dalla Striscia di Gaza senza eliminare completamente le capacità militari di Hamas. Questa opzione potrebbe essere preferibile se Hezbollah si unisse alla guerra.

2: L’IDF occupa la Striscia di Gaza e distrugge completamente Hamas. Si discute se l’IDF debba mantenere il controllo di Gaza, affidarsi all’Autorità Palestinese o permettere a una forza internazionale con la cooperazione dei Paesi arabi di sorvegliare la Striscia di Gaza.

 

21:35 Ora di Roma

Il Bataan Amphibious-Ready Group, composto dalla USS Bataan (LHD-5), dalla USS Mesa Verde (LPD-19), dalla USS Carter Hall (LSD-50) e da circa 3.000 Marines della 26esima Marine Expeditionary Unit, si trova in questo momento al largo delle coste del Bahrein e si sta dirigendo verso il Mar Arabico, dopo che è stato costretto a concludere in anticipo un’esercitazione in Kuwait per “prepararsi a ulteriori incarichi a seguito di eventi emergenti”.

Image

 

19:47 Ora di Roma

I leader iraniani potrebbero essere stati sorpresi dall’offensiva di Hamas, riporta il NYT citando rapporti dell’intelligence statunitense

Secondo i primi rapporti dell’intelligence statunitense, i vertici iraniani sono stati sorpresi dall’offensiva senza precedenti lanciata sabato da Hamas contro Israele, ha riferito mercoledì il New York Times, citando affermazioni di esponenti della Amministrazione Statunitense. (Un segnale probabilmente della cautela statunitense che però smentisce precedenti dichiarazioni della dirigenza iraniana)

 

19:20 Ora di Roma

L’APP “RED ALERT” È STATA HACKERATA.

 

19:18 Ora di Roma

Sembra che gli iraniani avessero ragione:

I media israeliani:

“Numerosi avvertimenti dal Comando del Fronte Interno nel nord che hanno causato uno stato di panico in tutto “Israele” sono stati sospettati di essere causati da un incidente informatico.”

 

19:15 Ora di Roma

L’ordine di mettersi al riparo in tutto il nord di Israele è stato appena revocato e anche l’IDF lo attribuisce a un errore.

 

19:15 Ora di Roma

Il Comando del fronte interno dell’IDF ha annunciato che gli “allarmi di penetrazione aerea” sul nord di Israele sono stati causati da un errore e che non c’erano droni o parapendii nel cielo sopra il Paese.

Bisogna vedere se “l’errore” è stato un attacco hacker come dicono gli iraniani.

 

19:05 Ora di Roma

Questo è quanto riferiscono gli Iraniani:

“Finora non c’è stata alcuna intercettazione o conflitto con il drone o con qualsiasi altro obiettivo. I jet israeliani stanno sorvolando le alture occupate del Golan. Sembra che il sistema di allarme dell’attacco missilistico sia stato violato e che sia stata condotta un’operazione di guerra elettronica. Questo ha provocato panico e paura tra gli israeliani, soprattutto nel nord, causando diversi feriti tra coloro che correvano nei rifugi per la paura.”

 

19:01 Ora di Roma

Il Comando del fronte interno dell’IDF ha annunciato che gli “allarmi di penetrazione aerea” sul nord di Israele sono stati causati da un errore e che non c’erano droni o parapendii nel cielo sopra il Paese.

 

19:00 Ora di Roma

L’esercito israeliano è in attesa di un’invasione completa di terra.

 

18:47 Ora di Roma

Il Dipartimento di Stato americano ha rilasciato un aggiornamento sul numero di americani uccisi dall’attacco a sorpresa di Hamas nel sud di Israele: ora si sa che almeno 22 americani sono morti nell’attacco.

 

18:47 Ora di Roma

Dopo le segnalazioni di intrusioni nello spazio aereo libanese in territorio israeliano, finora non sono stati rilevati incidenti in territorio israeliano e non sono state segnalate vittime.
Le forze dell’IDF stanno controllando l’area da terra e dall’aria.

https://x.com/idfonline/status/1712142739037380935?s=20

 

18:41 Ora di Roma

Le Forze di Difesa israeliane hanno confermato che l’allarme aereo per la città settentrionale di Haifa è stato causato dal lancio di un missile/razzo a lunga gittata dalla Striscia di Gaza, che sarebbe atterrato in un campo vuoto a sud della città.

Portavoce dell’esercito israeliano:

“In seguito alle segnalazioni di una violazione dello spazio aereo dal territorio libanese, finora non sono state rilevate vittime e non sono stati segnalati feriti – Le forze dell’esercito israeliano stanno setacciando l’area da terra e dall’aria – Inoltre, in seguito alla segnalazione di un’allerta attivata nell’area di Carmel Beach è stato rilevato un lancio di missili dalla Striscia di Gaza. Non sono stati lanciati missili intercettori.”

Continueremo a monitorare la situazione.

 

18:28 Ora di Roma

Riporteremo SOLO aggiornamenti confermati. Ci asterremo dal pubblicare qualsiasi cosa che non sia ufficialmente confermata.

 

18:26 Ora di Roma

Notizie di incursione di terra da parte di soldati Hezbollah nel nord di Israele non e` confermato. Sembra che sia in corso solo un attacco con i droni.

 

18:11 Ora di Roma

Da fonti ufficiali: È confermato l’attacco massiccio di droni da parte di Hezbollah al nord di Israele.

Image

 

17:53 Ora di Roma

Gli Stati Uniti non vedono alcun segno di altri Paesi o “attori” che vogliano unirsi all’assalto di Hamas contro Israele, ha dichiarato mercoledì a Bruxelles il Capo di Stato Maggiore congiunto Charles Brown.

“Non ho visto alcuna indicazione di ulteriori attori impegnati a scapito di Israele”, ha dichiarato Brown in una conferenza stampa.

 

17:45
La guerra di Israele deve “sradicare” Hamas per scoraggiare l’islamismo violento in tutto il mondo, ha dichiarato il ministro dell’Intelligence israeliano Gila Gamliel all’AFP in un’intervista esclusiva.

“Dobbiamo sradicarlo in modo che non si ripeta, in modo che non ci sia alcuna opzione o idea per altri nel mondo”, ha detto, riferendosi agli attacchi senza precedenti di Hamas contro Israele.

 

17:39
URGENTE: alcuni proiettili sono atterrati nel nord di Israele, riferisce la Reuters, citando l’emittente pubblica israeliana Kan.

 

17:38
URGENTE: l’esercito israeliano afferma di aver ricevuto segnalazioni di un’infiltrazione nello spazio aereo israeliano dal Libano, riferisce la Reuters.

 

17:28 ora di Beirut
Il Segretario di Stato americano Antony Blinken sarebbe dovuto partire mercoledì per Israele nell’ambito di una missione in Medio Oriente volta a prevenire lo scoppio di una guerra più ampia, secondo quanto riportato dalla Reuters.

In segno di solidarietà con il più stretto alleato di Washington in Medio Oriente, Blinken dovrebbe incontrare alti funzionari israeliani, tra cui probabilmente il Primo Ministro Benjamin Netanyahu, per discutere di un maggiore sostegno militare.

 

17:00 ora di Beirut
URGENTE: allarme per dispositivi aerei ostili nel nord di Israele, annuncia la radio dell’esercito israeliano, secondo quanto riportato da Reuters.

 

16:55 Ora di Beirut
L’Egitto ha avvertito Israele del rischio di possibili violenze “tre giorni” prima dell’assalto di Hamas, secondo l’influente politico americano Michael McCaul, capo della Commissione Affari Esteri della Camera dei Rappresentanti.

“Sappiamo che l’Egitto ha avvertito gli israeliani tre giorni prima che qualcosa di simile sarebbe potuto accadere”, ha dichiarato dopo un briefing al Congresso degli Stati Uniti.

 

16:51 Ora di Beirut
URGENTE: Nove dipendenti dell’agenzia ONU per i rifugiati palestinesi uccisi in attacchi aerei su Gaza, secondo la Reuters.

 

16:48 ora di Beirut

Infografica: Gaza sotto assedio. Un’infografica del nostro giornalista Guilhem Dorandeu.

 

16:47

Secondo

oltre 20 droni sono entrati nello spazio aereo israeliano dal Libano

dal Comando dell’Esercito Israeliano

Immagine

 

Guerra a GAZA

Da questa notte sono iniziati veri e propri combattimenti all’esterno e all’interno della striscia di Gaza. Non sono scontri episodici o rivolte, ma un vero e proprio conflitto pianificato ed organizzato con modalità complesse ed articolate da Hamas. Suscita qualche perplessità e dubbio, però, il fatto che il comando militare e i servizi di Israele non abbiano nemmeno percepito la gravità e la portata di quanto stava maturando. Il contesto interno, con il sabotaggio e la progressiva occupazione ed esproprio di terre di proprietà di arabi, ha la sua importanza. La ulteriore porosità del mercato nero delle armi consentita dal conflitto in Ucraina ha alimentato sicuramente le capacità militari di Hamas anche di strumenti complessi. Quanto sta accadendo si muove, però, in un contesto nel Vicino e Medio Oriente particolarmente dinamico ed originale. Le iniziative diplomatiche della Cina tese ad un avvicinamento di Iran e Arabia Saudita; il sostegno determinante della Russia al regime vittorioso di Assad; il dinamismo della Turchia in quell’area in una posizione sempre più conflittuale con gli Stati Uniti e di confronto circospetto con Russia ed Iran; le ambiguità sempre più evidenti dei rapporti occidentali con i settori più radicali dell’integralismo islamico, il risveglio dell’Egitto; la parallela iniziativa dell’amministrazione Biden per un avvicinamento tra Arabia Saudita e Israele in funzione antiraniana. Un contesto nel quale si stanno delineando nuovi equilibri ed assetti e prospettive di soluzione diplomatica di antichi contenziosi. Un contesto, quindi, di progressivo ridimensionamento dell’esclusivo ruolo statunitense in quell’area. Apriamo una finestra sugli eventi.

Ci sono molte domande tante ombre negli eventi che si stanno svolgendo in Israele e Palestina, soprattutto nella fase iniziale nell’attacco a Israele:

-Israele ha il più avanzato sistema antiaereo del mondo.

-Viene infiltrato da militanti paracadutati di Hamas

-Perde l’intera difesa del confine meridionale con Gaza

Come è potuto accadere?

Dove era Mossad con i suoi rapporti di intelligence?

Uno dei siti di riferimento ( https://www.lorientlejour.com/article/1352137/washington-met-en-garde-le-hezbollah-gaza-sous-un-siege-total-jour-iv-de-la-guerre-hamas-israel-en-direct.html )

 

Image

Image

Image

Image

19:16 ora di Beirut
Riferendosi all’offensiva scatenata contro Israele dal movimento islamista Hamas, Abbas Ibrahim, ex capo della Sicurezza generale libanese, ha dichiarato lunedì sera che “è stata presa la decisione di aprire tutti i fronti se Israele oserà entrare a Gaza con la forza”. Ha parlato durante un incontro con i giornalisti a Parigi.

19:08 ora di Beirut
Urgente Libano del Sud: secondo due fonti di sicurezza libanesi citate dalla Reuters, Hezbollah ha preso di mira un carro armato israeliano con un missile guidato.

19:07 ora di Beirut
Urgente Libano del Sud: l’esercito israeliano ha sparato contro i posti di osservazione di Hezbollah in risposta al lancio di razzi, come riporta Haaretz.

18:29 ora di Beirut
“La spettacolare offensiva di Hamas contro Israele ha mandato in frantumi tutte le certezze. Ora siamo nella zona grigia, quella in cui tutto può accadere”. L’analisi di Anthony Samrani: Nasrallah e Khamenei di fronte all’abisso.

18:19 ora di Beirut
Commentando il lancio di razzi dal Libano verso Israele, l’UNIFIL ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Pochi minuti fa, intorno alle 17:30, l’UNIFIL ha rilevato il lancio di razzi da sud di Tiro. Restiamo in contatto con le autorità su entrambi i lati della Linea Blu per disinnescare questa situazione molto pericolosa. Invitiamo tutti alla moderazione in questo momento critico”.

18:16 ora di Beirut
Commentando le affermazioni israeliane secondo cui circa 1.500 corpi di combattenti di Hamas sono stati trovati dall’esercito israeliano da sabato, un portavoce di Hamas ha negato l’informazione. “Loro (Israele) vogliono aumentare il loro morale diffondendo queste notizie”, ha dichiarato a L’Orient Today.

17:59 ora di Beirut
URGENTE: L’esercito israeliano risponde con l’artiglieria ai razzi provenienti dal Libano, riporta Reuters.

17:49 Ora di Beirut
URGENTE: Diversi razzi sono stati lanciati pochi istanti fa dal Libano verso Israele, ha confermato alla nostra testata il portavoce dell’UNIFIL Andrea Tenenti.

Secondo una fonte dell’esercito libanese, 9 razzi sono stati lanciati dal villaggio di Qlaileh, nel sud del Libano. Il gruppo Telegram di Hezbollah ha riportato un totale di 12 razzi.

Tenenti ha dichiarato che i razzi sono stati lanciati da un’area vicina al villaggio di Naqoura, nel sud del Paese, ma non ha potuto confermare se abbiano raggiunto Israele.

Contattato dal nostro giornale, un portavoce di Hezbollah ha rifiutato di commentare l’incidente.

17:35 ora di Beirut
URGENTE: Secondo l’esercito israeliano, nel nord di Israele, al confine con il Libano, si sono udite delle sirene che segnalavano la presenza di possibili razzi.

17:31 Ora di Beirut
Il presidente della Banca Mondiale Ajay Banga ha dichiarato in un’intervista alla Reuters che il conflitto tra Israele e Hamas è una “tragedia umanitaria” e uno “shock economico” di cui il mondo “non ha bisogno”.

Ha aggiunto che l’organizzazione sta “facendo del suo meglio” per fornire aiuti nelle zone di conflitto. Ha anche detto che la BM ha sospeso le sue operazioni nella Striscia di Gaza, ma le ha mantenute in Cisgiordania.

17:19 ora di Beirut
“L’attuale escalation è molto pericolosa e ha conseguenze che potrebbero avere un impatto sulla sicurezza e sulla stabilità della regione”, ha dichiarato il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sissi.

All’inizio della giornata, il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che la situazione è “un chiaro esempio del fallimento della politica statunitense in Medio Oriente”.

17:18 ora di Beirut
Hamas ha iniziato a bombardare Ashkelon, nel nord della Striscia di Gaza, secondo quanto riportato da Haaretz e Al Jazeera. All’inizio della giornata, il movimento islamista aveva invitato sul suo canale Telegram i residenti di questa città nel sud di Israele ad “andarsene” prima delle 17:00 ora locale (14:00 GMT).

16:47 ora di Beirut
Il valico di frontiera di Rafah con l’Egitto, l’unica uscita dalla Striscia di Gaza non controllata da Israele, è stato bombardato tre volte dall’aviazione israeliana nelle ultime 24 ore, come hanno dichiarato martedì una ONG e un fotografo dell’AFP.

16:43 Ora di Beirut
30 persone disperse sono state ritrovate sane e salve nei pressi di Ein Hashlosha, vicino al confine con la Striscia di Gaza, ha annunciato l’unità di crisi dell’esercito israeliano, secondo quanto riportato da diversi media israeliani.

16:18 ora di Beirut
L’ala armata di Hamas, le Brigate al-Qassam, sostiene di aver lanciato missili verso l’aeroporto Ben Gourion di Tel Aviv, secondo quanto riportato da Al Jazeera. Un portavoce dell’aeroporto ha negato che l’aeroporto Ben Gurion sia stato colpito, ha aggiunto il canale.

In un messaggio separato sul suo canale ufficiale Telegram, il gruppo armato ha affermato di aver preso di mira anche Tel Aviv. Secondo i media israeliani, le sirene sono state udite alla periferia di Tel Aviv.

16:06 ora di Beirut
Due membri dell’ufficio politico di Hamas, Jawad Abou Chammala – che è anche ministro dell’Economia del movimento islamista palestinese – e Zakaria Abou Maamar, sono stati uccisi in un attacco aereo israeliano a Khan Younes, nel sud della Striscia di Gaza, ha dichiarato martedì a Reuters un funzionario del gruppo. La notizia è stata ripresa da diversi media.

15:51 Ora di Beirut
Il bilancio delle vittime in Israele è salito a più di 1.000, secondo l’ambasciata israeliana negli Stati Uniti, citata da Reuters.

15:26 Ora di Beirut

Nelle immagini: una donna palestinese reagisce all’arrivo dei corpi delle persone uccise durante i bombardamenti israeliani a Khan Younès, nel sud della Striscia di Gaza, il 10 ottobre 2023. Foto SAID KHATIB / AFP

15:17 ora di Beirut
Una prima tranche di aiuti alla sicurezza è in arrivo in Israele e altri aiuti statunitensi sono in arrivo, ha dichiarato martedì il portavoce della Casa Bianca per la sicurezza nazionale John Kirby in un’intervista alla MSNBC.

 

15:16 Ora di Beirut
“Non abbiamo mai assistito a una tale barbarie”: i gazesi ci raccontano il loro calvario. Leggi qui l’articolo di Ghadir Hamadi.

15:14 Ora di Beirut
Le forniture di carburante al Libano hanno ripreso il loro normale corso, dopo un momento di pausa dovuto alla situazione della sicurezza in Israele e nel Libano meridionale.

Due fonti della direzione delle società importatrici di carburante hanno dichiarato a L’Orient-Le Jour che le autocisterne che riforniscono il Libano di benzina e gasolio continueranno a operare normalmente.

Secondo queste stesse fonti, che desiderano rimanere anonime e non rivelare i nomi delle società per cui lavorano, almeno una nave ha sospeso il suo viaggio a Cipro, in attesa di decidere se proseguire o meno verso il porto di Beirut.

L’Associazione degli importatori di carburante in Libano non ha rilasciato commenti e il rappresentante dei distributori di carburante, Fadi Abou Chacra, ha assicurato che il mercato libanese è “sufficientemente rifornito di benzina e olio da riscaldamento”.

15:14 Ora di Beirut
Le forniture di carburante al Libano hanno ripreso il loro corso normale, dopo un momento di pausa dovuto alla situazione della sicurezza in Israele e nel Libano meridionale.

Due fonti della direzione delle società importatrici di carburante hanno dichiarato a L’Orient-Le Jour che le autocisterne che riforniscono il Libano di benzina e gasolio continueranno a operare normalmente.

Secondo queste stesse fonti, che desiderano rimanere anonime e non rivelare i nomi delle società per cui lavorano, almeno una nave ha sospeso il suo viaggio a Cipro, in attesa di decidere se proseguire o meno verso il porto di Beirut.

L’Associazione degli importatori di carburante in Libano non ha rilasciato commenti, mentre il rappresentante dei distributori di carburante, Fadi Abou Chacra, ha assicurato che il mercato libanese è “sufficientemente rifornito di benzina e olio da riscaldamento”.

14:50 ora di Beirut
Le autorità israeliane ritengono che a Gaza siano detenuti fino a 150 ostaggi, ha dichiarato Gilad Erdan, ambasciatore di Israele presso le Nazioni Unite, al canale americano CNN.

14:13 Ora di Beirut
Hezbollah sarà coinvolto direttamente nel conflitto? Il parere degli esperti:

Imad Salamey, professore associato di politica mediorientale presso l’Università libanese americana di Beirut, ha dichiarato al nostro giornale che “è molto improbabile che Hezbollah venga coinvolto direttamente nel conflitto”. “Tuttavia, nei prossimi giorni, il confine meridionale del Libano sarà teso perché entrambe le parti (Libano e Israele) saranno in allerta, e dovremmo aspettarci scambi di fuoco transfrontalieri, ma entro certi limiti”.

Mohanad Hage Ali, ricercatore presso il Malcolm H. Kerr Carnegie Middle East Center, ha dichiarato al nostro giornale che “se Israele effettuerà l’invasione di terra di Gaza che ha annunciato, Hezbollah interverrà. Tuttavia, se Israele invertirà la sua decisione, non ci si aspetta che Hezbollah intervenga nel conflitto”.

14:04 ora di Beirut

In immagini: barriere di ferro posizionate dall’esercito israeliano su una strada nei pressi del kibbutz Yiftah, vicino al confine con il Libano, il 10 ottobre 2023. Foto Jalaa MAREY / AFP

14:01 ora di Beirut
Sabato Hamas ha stupito il mondo lanciando i suoi combattenti in parapendio motorizzato dalla Striscia di Gaza assediata, aprendo la strada a un attacco via terra, aria e mare contro Israele. Come hanno imparato a volare in parapendio i combattenti di Hamas? Il nostro giornalista Ghadir Hamadi vi racconta tutto.

13:59 Ora di Beirut
Un uomo è stato ucciso e altri tre sono stati feriti quando gli spari hanno preso di mira una marcia di solidarietà con Gaza organizzata lunedì nel campo profughi palestinese di Ain el-Heloue, nel sud del Libano, riferisce il nostro corrispondente Mountasser Abdallah, citando fonti mediche e palestinesi.

13:49 Ora di Beirut
Il bilancio delle vittime è salito a 788 e 4.100 feriti da parte palestinese, riferisce l’agenzia di stampa ufficiale palestinese Wafa. Questa cifra comprende sia Gaza che la Cisgiordania occupata.

“I tagli a Internet e alla rete nella Striscia di Gaza stanno causando un ritardo nel conteggio”, ha aggiunto l’agenzia.

13:48 Ora di Beirut
Il capo della diplomazia dell’Unione Europea, Josep Borrell, ha invitato i ministri degli Esteri israeliano e palestinese a una riunione d’emergenza dei loro omologhi europei questo pomeriggio.

13:47 Ora di Beirut
È “probabile” che Hamas abbia ricevuto “aiuti” nelle sue operazioni contro Israele, secondo quanto dichiarato martedì dal presidente francese Emmanuel Macron. Tuttavia, ha sottolineato di non avere “tracce formali” di “coinvolgimento diretto” da parte dell’Iran.

13:25 ora di Beirut
Mercoledì 11 ottobre, alle 11 ora di Beirut, il nostro condirettore Anthony Samrani risponderà alle vostre domande in diretta sul nostro sito web.
Potete già inviarle al seguente indirizzo: livechatolj@lorientlejour.com

Collegatevi qui alle 11 di mercoledì per seguire la discussione con Anthony Samrani.

13:24 ora di Beirut
Il portavoce dell’UNIFIL (United Nations Interim Force in Lebanon) Andrea Tenenti ha dichiarato a L’Orient-Le Jour che “nonostante gli eventi molto preoccupanti degli ultimi giorni, la situazione nell’area di operazione dell’UNIFIL è attualmente stabile. Fortunatamente gli scambi di fuoco tra il territorio libanese e quello israeliano non sono degenerati in conflitto”. “Stiamo facendo tutto il possibile per evitare un’escalation”, ha aggiunto.

“I nostri peacekeepers stanno continuando la loro missione. Abbiamo anche intensificato i pattugliamenti e le operazioni per individuare il lancio di razzi”.

“Le nostre attività sono coordinate con le Forze armate libanesi, con le quali conduciamo molte operazioni. Siamo attivamente impegnati con le autorità di entrambi i lati della Linea Blu per disinnescare la situazione ed evitare malintesi”, ha aggiunto.

13:18 ora di Beirut

In foto: soldati israeliani in posizione a Kfar Aza, nel sud di Israele vicino al confine con la Striscia di Gaza, il 10 ottobre 2023. Foto Thomas COEX / AFP

13:05 ora di Beirut
Una marcia a sostegno dei palestinesi di Gaza si terrà mercoledì alle 11 a Beirut, vicino alla sede della Croce Rossa nel quartiere di Hamra. L’informazione è stata fornita a OLJ da un funzionario del movimento Hamas in Libano.

12:53 ora di Beirut
Un attacco ha avuto luogo vicino al valico di frontiera di Rafah tra la Striscia di Gaza e la Penisola del Sinai in Egitto, secondo fonti della sicurezza egiziana citate dall’agenzia di stampa Reuters.

12:46 ora di Beirut
Il dossier degli ostaggi non sarà aperto fino a quando la guerra non sarà finita, ha dichiarato il leader di Hamas Ismail Haniyeh, secondo il canale ufficiale di Hamas su Telegram.

12:40 Ora di Beirut

In immagini: un giovane palestinese siede davanti a un edificio carbonizzato mentre all’interno divampa un incendio, in seguito agli attacchi aerei israeliani nel quartiere di Rimal, a Gaza City, il 10 ottobre 2023. Foto Mahmud HAMS/AFP

12:34 ora di Beirut
Scopri il commento della nostra giornalista Stéphanie Khouri: Per una resistenza (veramente) palestinese.

12:11 ora di Beirut
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha chiesto martedì l’apertura di un corridoio umanitario nella Striscia di Gaza, che è stata isolata e bombardata dalle forze israeliane in seguito agli attacchi di Hamas che hanno causato la morte di centinaia di israeliani.

“È necessario un corridoio umanitario per far arrivare le forniture mediche essenziali alla popolazione”, ha dichiarato un portavoce dell’OMS durante un briefing delle Nazioni Unite a Ginevra, aggiungendo che l’organizzazione è in trattative con le varie parti.

12:07 ora di Beirut
Il governo libanese annuncia che il Consiglio dei ministri si terrà giovedì 12 ottobre alle ore 16.00. In un comunicato stampa ufficiale, il Gran Serraglio afferma che il Consiglio discuterà “gli attuali sviluppi nel contesto dell’evoluzione della situazione a tutti i livelli”, senza fornire ulteriori dettagli. Il testo non menziona il conflitto scoppiato sabato tra Hamas e Israele.

Il Consiglio affronterà anche la questione dei migranti siriani in Libano. Il primo ministro uscente Nagib Mikati sta esortando tutti i ministri a partecipare, “soprattutto nelle delicate circostanze che il Paese sta attraversando”.

11:59 ora di Beirut
Secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (UNRWA), 18 dei suoi edifici sono stati danneggiati a Gaza.

11:57 ora di Beirut
L’esercito israeliano chiarisce la situazione: non sono state rilevate infiltrazioni dalla Siria o dal Libano, riporta Haaretz.

11:49 Ora di Beirut

La guerra tra il movimento islamista palestinese Hamas e Israele ha fatto sfollare più di 187.500 persone all’interno della Striscia di Gaza da sabato, secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA), citato dall’AFP.

“Il numero di sfollati nella Striscia di Gaza è aumentato considerevolmente, arrivando a più di 187.500 da sabato. La maggior parte di loro si sta rifugiando nelle scuole dell’UNRWA”, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, ha dichiarato martedì il portavoce dell’Ocha, Jens Laerke, durante un briefing con la stampa a Ginevra.

Foto: Una giovane palestinese attraversa una scuola distrutta dagli attacchi israeliani a Gaza, 9 ottobre 2023. Foto MOHAMMED ABED / AFP

11:37 ora di Beirut
Tre giornalisti palestinesi sono stati uccisi nelle prime ore di martedì da un attacco aereo israeliano che ha colpito un edificio residenziale vicino al porto di pesca di Gaza City, secondo quanto riferito da un sindacato dei giornalisti e da un funzionario dell’AFP.

Il sindacato locale dei giornalisti ha annunciato in un comunicato “il martirio di tre giornalisti nella Striscia di Gaza durante l’attuale aggressione israeliana”. Il capo dell’ufficio media del governo di Hamas, Salameh Maarouf, ha fornito le identità delle vittime: Said al-Taweel, Mohammed Sobboh e Hisham Nawajhah.

11:31 ora di Beirut

Nelle immagini: donne palestinesi piangono durante il funerale delle vittime degli attacchi israeliani a Khan Younès, nel sud della Striscia di Gaza, 10 ottobre 2023. Foto REUTERS/Ibraheem Abu Mustafa

11:27 ora di Beirut
Secondo Haaretz, l’esercito israeliano ha segnalato un incidente di sicurezza nel nord di Israele al confine con il Libano; potrebbe trattarsi di un’infiltrazione aerea vicino alle alture del Golan.

11:22 ora di Beirut
URGENTE: L’assedio totale di Gaza è “proibito” dal diritto umanitario internazionale, afferma l’ONU.

“L’imposizione di assedi che mettono in pericolo la vita dei civili privandoli di beni essenziali per la loro sopravvivenza è proibita dal diritto internazionale umanitario”, ha dichiarato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, Volker Türk, in un comunicato.

11:20 ora di Beirut
Secondo il quotidiano israeliano Haaretz, che cita un messaggio diffuso da un’amministrazione locale, i residenti del nord di Israele, al confine con il Libano, hanno ricevuto l’ordine di rifugiarsi nei rifugi.

11:13 ora di Beirut
URGENTE La Guida Suprema iraniana Ali Khamenei nega che l’Iran sia dietro l’attacco di Hamas in Israele.

“I sostenitori del regime sionista e altri hanno diffuso voci negli ultimi due o tre giorni, tra cui quella che l’Iran islamico sia dietro questa azione. Sono false”, ha detto l’ayatollah Khamenei in un discorso a un’accademia militare.

11:00 ora di Beirut
Aggiornamento alle 11:00:

1 – Gaza è sotto “assedio totale” da lunedì, come ordinato dal Ministro della Difesa israeliano. Le forniture di elettricità, acqua e cibo sono state interrotte. Il portavoce dell’esercito israeliano ha inoltre dichiarato in una conferenza stampa martedì che il parlamento e i ministeri civili di Gaza sono obiettivi legittimi. Israele ha anche annunciato in mattinata di aver ripreso il controllo della barriera di confine con Gaza, che era stata attraversata dai combattenti di Hamas sabato.

2 – Il valico di frontiera tra Gaza e l’Egitto è ora chiuso, ha annunciato l’esercito israeliano. “Il valico di Rafah era aperto ieri (lunedì), ma ora è chiuso”, ha dichiarato un portavoce. Questo ha seguito i movimenti di persone in fuga dagli attacchi di Gaza verso l’Egitto, che confina con l’enclave.

3 – Circa 1.500 corpi di combattenti di Hamas sono stati trovati dall’esercito israeliano in territorio israeliano da sabato, ha dichiarato un portavoce dell’esercito. Ha aggiunto che “potrebbero ancora verificarsi infiltrazioni”, anche se ha precisato che “nessuno è entrato” in territorio israeliano da Gaza dalle prime ore di ieri sera. Dall’inizio del conflitto, sabato, sono stati uccisi almeno 900 israeliani e più di 700 palestinesi.

4 – Washington ha minacciato ieri sera Hezbollah, avvertendolo di non prendere “la decisione sbagliata” di aprire un secondo fronte contro Israele al confine con il Libano, per voce di un alto funzionario della difesa americana. In mattinata, una decina di razzi sono stati sparati da Israele su Maïs el-Jabal, nel sud del Libano, secondo il corrispondente del canale Hezbollah al-Manar. In questa fase, il partito sciita ha annunciato ufficialmente tre morti tra i suoi membri in seguito ai bombardamenti israeliani di lunedì.

5 – In un comunicato stampa, Hamas ha dichiarato venerdì (13 ottobre) una giornata di mobilitazione generale per i musulmani e per il mondo arabo, chiamandola “venerdì del diluvio di al-Aqsa” e invitando tutti i suoi sostenitori a mobilitarsi e ad attaccare i soldati israeliani. Lunedì, il braccio armato di Hamas ha annunciato che “qualsiasi operazione nemica contro il [suo] popolo” sarà seguita dall’esecuzione di uno degli ostaggi civili detenuti.

10:54 ora di Beirut
Secondo funzionari israeliani citati da Haaretz, questa mattina è stato avvistato un parapendio sulle alture del Golan, vicino al confine con la Siria. Hanno messo in guardia da una possibile infiltrazione. Una fonte della sicurezza ritiene che il parapendio possa essere tornato indietro.

10:49 ora di Beirut
L’esercito israeliano afferma che non ci sono eventi insoliti sul fronte settentrionale (con Libano e Siria), secondo quanto riportato da Reuters.

10:42 Ora di Beirut
3/3 Testimonianza da Gaza:

Mohammad Abou Lobda, un cittadino di Gaza che vive a Rafah, ci dice: “Non so davvero cosa dirvi, non ho parole per descrivere quello che stiamo passando. La nostra città viene rasa al suolo. Le famiglie ricevono telefonate dagli israeliani pochi minuti prima che le loro case vengano bombardate, avvertendole che i loro residenti saranno colpiti. Cosa si può fare in pochi minuti?”, chiede.

“Niente! Non si ha il tempo di fare i bagagli o di avvertire i vicini di andarsene, molti non hanno nemmeno il tempo di uscire dall’edificio prima che venga colpito”, spiega.

“Non abbiamo acqua, né cibo, né carburante, ve lo immaginate? Israele sta cercando di paralizzarci”, ha continuato.

10:40 ora di Beirut

In immagini: palestinesi esaminano le macerie dopo gli attacchi israeliani a Khan Younès, nel sud della Striscia di Gaza, 10 ottobre 2023. Foto REUTERS/Ibraheem Abu Mustafa

10:34 ora di Beirut
2/3 Testimonianze da Gaza:

Omar al-Qatta, un fotografo di Gaza, ha dichiarato al nostro giornale che la situazione “è molto, molto brutta, è indescrivibile. Non si può immaginare la gravità della situazione; siamo nel bel mezzo di un genocidio”.

“Le case vengono bombardate sopra le teste dei loro abitanti, i palazzi vengono distrutti, interi quartieri non hanno più alcun punto di riferimento (a causa dei bombardamenti), la popolazione è stata sfollata da intere aree”, ha aggiunto.

“Non c’è elettricità e internet è interrotto in moltissimi quartieri e, se è disponibile, è molto lento. Ieri l’occupazione (Israele) ci ha tagliato l’accesso all’acqua. I punti di passaggio sono chiusi e nessun cibo o rifornimento entra nel territorio”, racconta.

“Il rumore degli aerei e dei missili non si ferma quasi mai e l’occupazione (Israele) usa diversi tipi di proiettili e bombe contro di noi”, aggiunge, aggiungendo che la rete è andata persa.

10:32 ora di Beirut
1/3 Testimonianza da Gaza:

“Avichay Adraee, il portavoce dell’esercito israeliano, ieri ha detto agli abitanti della zona di Rimal, a Gaza, di andarsene. Io vivo lì, ma non ho un altro posto dove andare”, ha dichiarato lunedì al nostro giornale Rasha Abou Shaban, un operatore umanitario di 37 anni di Gaza.

“Tutta Gaza è pericolosa in questo momento. Ho vissuto molte guerre in passato, ma non ho mai visto nulla di simile. L’isolato in cui vivo è stato colpito da 200 missili. Il quartiere di Rimal è composto principalmente da case, scuole, università e ministeri”, spiega.

“La principale società di telecomunicazioni di Gaza si trova accanto a casa mia e ieri è stata bombardata. Gli abitanti della Striscia di Gaza sono stati tagliati fuori dal mondo”, ha aggiunto, aggiungendo che la sua linea proviene da un’altra compagnia di telecomunicazioni più piccola.

10:20 ora di Beirut
Lunedì l’Unione Europea ha annunciato la “sospensione immediata” del suo programma di aiuti allo sviluppo per la Palestina. Diversi Paesi membri hanno reagito in seguito:

– L’Irlanda ha chiesto una giustificazione legale per tale decisione;

– La Spagna ha dichiarato che gli aiuti alla Palestina “devono continuare”;

– la Francia ha dichiarato di “non essere favorevole” a tale sospensione.

L’Unione Europea ha poi fatto marcia indietro, annunciando che non avrebbe sospeso il suo sostegno alla Palestina.

10:03 ora di Beirut
Il canale di Hezbollah al-Manar annuncia che Hamas dichiarerà venerdì (13 ottobre) una giornata di mobilitazione generale per i musulmani e il mondo arabo, chiamandola “Venerdì del diluvio di al-Aqsa”.

10:00 Ora di Beirut
La situazione nel sud del Libano “è calma per il momento”, ha dichiarato questa mattina a L’Orient-Le Jour un’alta fonte dell’esercito libanese.

“Ci stiamo coordinando direttamente con la Forza interinale delle Nazioni Unite in Libano (UNIFIL) e siamo in allerta in caso di escalation”, ha aggiunto.

09:53 ora di Beirut
Il portavoce dell’esercito israeliano ha dichiarato che il parlamento e i ministeri civili di Gaza sono obiettivi legittimi durante la conferenza stampa di martedì.

“Se un uomo armato spara razzi da un luogo del genere, diventa un obiettivo militare”.

09:48 ora di Beirut
Wissam el-Makousi, un giornalista di Gaza che studia in Libano da un anno, racconta al nostro inviato Ghadir Hamadi di aver perso ogni contatto con la sua famiglia in patria.

“L’ultima cosa che so è che la nostra casa, nel centro di Gaza, non è stata bombardata direttamente. Ma ha subito danni materiali significativi, dopo il pesante bombardamento degli edifici circostanti”.

el-Makousi insiste sul fatto che il morale dei gazesi è “molto alto nonostante la pressione che l’occupazione (Israele) sta esercitando su di loro, e la stragrande maggioranza dei cittadini rimane nella resistenza”.

09:47 Ora di Beirut

In immagini: carri armati israeliani vicino al confine con il Libano la mattina del 10 ottobre 2023. Foto REUTERS/Lisi Niesner

09:25 Ora di Beirut

In immagini: palestinesi seduti tra le macerie dopo gli attacchi israeliani a Gaza, 10 ottobre 2023. Foto REUTERS/Mohammed Salem

09:21 Ora di Beirut
Il sito web statunitense Axios sostiene che gli Emirati Arabi Uniti hanno avvertito il presidente siriano Bashar al-Assad “di non intervenire nella guerra tra Hamas e Israele e di non autorizzare attacchi contro Israele dal suolo siriano”, citando due fonti diplomatiche emiratine.

09:16 ora di Beirut
Se ve lo siete perso ieri, vi consigliamo di leggere o rileggere questo servizio: In Libano, la paura di rivivere lo scenario del 2006

09:15 Ora di Beirut
A seguito di questa dichiarazione, un portavoce dell’esercito israeliano afferma ora che il valico di frontiera tra Gaza e l’Egitto è chiuso.

“Chiarimento: il valico di Rafah era aperto ieri (lunedì), ma ora è chiuso”.

09:12 ora di Beirut
L’esercito israeliano suggerisce che i gazesi in fuga dagli attacchi si stiano dirigendo verso l’Egitto, che confina con l’enclave.

“Il valico di Rafah (al confine tra Gaza e l’Egitto) è ancora aperto”, ha dichiarato il capo portavoce militare ai media stranieri durante una conferenza stampa. Consiglio a tutti coloro che possono di uscire di farlo”.

09:04 ora di Beirut
URGENTE Il corrispondente del canale Hezbollah al-Manar riferisce che stamattina Israele ha sparato dieci razzi su Maïs el-Jabal, nel sud del Libano.

08:59 ora di Beirut
L’esercito israeliano ha dichiarato martedì mattina di aver trovato “circa 1.500 corpi” di combattenti di Hamas in Israele dall’attacco lanciato sabato mattina dal movimento islamista palestinese dalla Striscia di Gaza.

Al quarto giorno di ostilità, “l’esercito ha più o meno ripreso il controllo della barriera di confine” con Gaza “ma le infiltrazioni possono ancora avvenire”, ha aggiunto un portavoce militare. Tuttavia, “sappiamo che dall’inizio della scorsa notte nessuno è entrato in Israele” da Gaza.

08:49 Ora di Beirut
In un comunicato di lunedì sera, la Jihad islamica ha annunciato di aver ucciso 2 ufficiali israeliani, tra cui un capo brigata, in un attacco avvenuto lunedì durante un’infiltrazione dal Libano. Due membri delle Brigate al-Quds, l’ala armata del Jihad islamico, sono morti nell’operazione.

Ci sono stati anche 5 feriti. La notizia è stata pubblicata su X anche dal portavoce in lingua araba dell’esercito israeliano, che ha confermato la morte di un alto ufficiale israeliano nell’attacco.

08:24 ora di Beirut
Mentre la tensione è alta nel sud del Libano, dove Hezbollah ha riferito che tre dei suoi membri sono stati uccisi nei bombardamenti israeliani di lunedì, Jeanine Jalkh si chiede cosa possa fare l’UNIFIL in caso di escalation in Libano.

08:22 Ora di Beirut
Un po’ di lettura prima che le notizie sfuggano di mano…
In Libano, il Consiglio dei ministri dimissionario non si è più riunito dall’inizio dell’operazione “Diluvio di al-Aqsa”. Il che porta Yara Abi Akl a chiedersi: dov’è finito il governo libanese?

08:19 ora di Beirut
L’esercito israeliano annuncia di aver effettuato questa mattina nuovi attacchi contro la Striscia di Gaza.

07:56 Ora di Beirut
Israele ha ripreso il controllo della barriera di confine con Gaza, attraversata sabato dai combattenti di Hamas, ha dichiarato un portavoce dell’esercito israeliano. In dichiarazioni trasmesse dalla radio dell’esercito israeliano, l’ufficiale Daniel Hagari ha affermato che non ci sono state nuove infiltrazioni da Gaza da lunedì. In quella che è sembrata una risposta alle voci secondo cui i combattenti avrebbero utilizzato tunnel transfrontalieri, ha affermato che l’esercito non ha scoperto alcun tunnel di questo tipo.

07:51 Ora di Beirut
Secondo le Nazioni Unite, circa 187.000 persone hanno dovuto abbandonare le loro case a Gaza, che è stata pesantemente bombardata da sabato.
Da parte palestinese, dall’inizio del conflitto sono state uccise più di 680 persone. Le autorità israeliane hanno inoltre imposto un “assedio totale” su Gaza.
Qui potete vedere le terribili immagini del calvario dei civili palestinesi sotto i bombardamenti israeliani a Gaza.

07:48 ora di Beirut
Martedì l’esercito israeliano ha reso noti i nomi di 38 soldati uccisi negli scontri con Hamas.

Dall’inizio dell’offensiva di Hamas sono stati uccisi più di 900 israeliani.

07:47 ora di Beirut
Sullo stesso tema, vi invitiamo a leggere l’articolo di Mounir Rabih: Come Hamas, Hezbollah e l’Iran hanno pianificato meticolosamente l’offensiva contro Israele da Beirut.

Secondo le informazioni esclusive ottenute da diversi alti membri dell’asse della Resistenza (Hezbollah-Hamas-Al-Quds Forces-Islamic Jihad), l’operazione è stata preparata mesi fa da Beirut. Ma come? Quali erano gli obiettivi? Vi porta dietro le quinte di un piano che ha messo sottosopra il Medio Oriente.

07:44 Ora di Beirut
Nella notte, un alto funzionario della difesa statunitense ha avvertito che Hezbollah non deve prendere la “decisione sbagliata” di aprire un secondo fronte contro Israele al confine con il Libano. “Siamo profondamente preoccupati che Hezbollah prenda la decisione sbagliata e apra un secondo fronte in questo conflitto”, iniziato sabato, ha dichiarato il funzionario a Washington. Dettagli qui

07:33 ora di Beirut
Salve,

Siamo tornati con la copertura in diretta della guerra tra Hamas e Israele dall’inizio dell’offensiva “Deluge to al-Aqsa”, sabato mattina. Un conflitto che va oltre, con il lancio di razzi e bombardamenti nel sud del Libano che lunedì hanno causato la morte di tre membri di Hezbollah.

22:24 ora di Beirut
Grazie per averci seguito durante la giornata.

Il team continuerà a seguire i principali sviluppi delle notizie, ma si prenderà una breve pausa per raggiungervi domani mattina.

22:19 Ora di Beirut
Il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sissi e il principe ereditario saudita Mohammad Ben Salman discutono degli sviluppi a Gaza. Hanno dichiarato che la “voce della ragione” deve prevalere, secondo la presidenza egiziana.

22:08 ora di Beirut
URGENTE: l’esercito libanese annuncia in un comunicato stampa che uno dei suoi ufficiali è stato leggermente ferito vicino a Rmeich, nel sud del Libano, dai bombardamenti israeliani.

22:03 ora di Beirut
Almeno 100 corpi sono stati ritrovati nella città israeliana di Be’eri (nel sud di Israele), sequestrata da Hamas nell’attacco di sabato, secondo quanto riferiscono i canali televisivi israeliani, citando i soccorritori.

22:01 ora di Beirut
Hezbollah ha annunciato in un comunicato: “In seguito al martirio di tre nostri fratelli combattenti oggi a causa degli attacchi israeliani contro località libanesi, i gruppi della Resistenza islamica hanno risposto” attaccando due postazioni militari israeliane “con missili e colpi di mortaio che hanno colpito i loro obiettivi e causato feriti”.

21:56 ora di Beirut
URGENTE: l’artiglieria israeliana risponde al fuoco proveniente dal sud del Libano, secondo l’agenzia di stampa Reuters.

21:35 Ora di Beirut
Urgente: Due fonti di sicurezza riferiscono a Reuters che Hezbollah sta lanciando razzi verso il nord di Israele, dopo la morte di almeno quattro suoi membri nel sud del Libano.

21:26 ora di Beirut
Urgente: una fonte di Hamas conferma a L’Orient-Le Jour che 13 razzi sono stati lanciati verso Israele.

Haaretz riferisce che l’esercito israeliano ha registrato il lancio di razzi, che non ha causato vittime da parte israeliana.

21:18 ora di Beirut
URGENTE: Hezbollah ha annunciato attraverso il suo canale al-Manar che tre dei suoi membri sono stati uccisi “nell’aggressione israeliana contro il Libano meridionale”.

21:06 ora di Beirut
Il ministro dell’Istruzione libanese uscente Abbas Halabi ha annunciato la chiusura delle scuole primarie e secondarie, pubbliche e private, e degli istituti professionali, martedì 10 ottobre 2023, nei “distretti adiacenti al confine meridionale” del Paese, a causa della “tensione in questi villaggi e regioni”, riferisce l’agenzia di stampa nazionale.

Il comunicato del ministero spiega che la decisione è stata presa a causa delle “preoccupazioni per la sicurezza di insegnanti, alunni e residenti in queste aree”. Si invita inoltre la popolazione a “seguire regolarmente i comunicati del ministero per tenersi aggiornati sugli sviluppi in loco e garantire il regolare svolgimento dell’anno scolastico”.

20:38 Ora di Beirut
I residenti delle città israeliane vicine al confine libanese possono lasciare i loro rifugi, annuncia il Comando del fronte interno israeliano.

20:18 Ora di Beirut
URGENTE: “D’ora in poi, qualsiasi operazione nemica che prenda di mira il nostro popolo, che vive pacificamente nelle proprie case, senza preavviso, sarà seguita dall’esecuzione di un ostaggio civile tra quelli che abbiamo in custodia. E lo trasmetteremo con audio e video”: questo l’avvertimento lanciato da Abu Obeida, portavoce delle Brigate Ezzedine Al-Qassam, braccio armato di Hamas, a Israele, che lunedì ha bombardato pesantemente la Striscia di Gaza.

“Il nemico sionista non capisce né il linguaggio dell’umanità né quello della moralità. Quindi gli parleremo nella lingua che capisce”, ha dichiarato in un messaggio su Telegram, insistendo sul fatto che Israele “si assume la responsabilità” di questa decisione.

20:14 Ora di Beirut
ESCLUSIVA: “Il Libano è ancora più coinvolto di quanto non sembri nell’operazione “diluvio di al-Aqsa””. Secondo informazioni esclusive ottenute da L’Orient-Le Jour da diversi alti membri dell’asse della Resistenza (Hezbollah-Hamas-Forze al-Qods-Jihad islamica), l’operazione è stata preparata per mesi da Beirut. Ma come? Quali erano gli obiettivi? Mounir Rabih vi porta dietro le quinte di un piano che ha messo sottosopra il Medio Oriente.

20:00 Ora di Beirut
Secondo il ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen, più di 100 ostaggi sono detenuti da Hamas.

19:59 Ora di Beirut

In immagini: soldati israeliani si abbracciano durante il funerale di un soldato a Tel Aviv, 9 ottobre 2023. Foto REUTERS/Hadas Parush

19:55 Ora di Beirut
Il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, riconoscendo le “legittime preoccupazioni di Israele in materia di sicurezza”, si è detto “profondamente addolorato” per l’annuncio delle autorità israeliane di un “assedio completo” della Striscia di Gaza.

“Pur riconoscendo le legittime preoccupazioni di Israele per la sua sicurezza, ricordo a Israele che le operazioni militari devono essere condotte in conformità con il diritto umanitario internazionale”, ha dichiarato Guterres alla stampa, ribadendo la sua condanna degli “attacchi spregevoli” del movimento islamista palestinese Hamas.

19:41 Ora di Beirut
Dov’è stato il governo libanese dall’inizio dell’operazione “Inondazione di al-Aqsa”? Leggi qui il focus di Yara Abi Akl.

19:31 Ora di Beirut
Secondo il Ministero francese per l’Europa e gli Affari Esteri, circa dieci cittadini francesi non sono ancora stati rintracciati in Israele. Il censimento dei cittadini francesi in Israele è ancora in corso.

19:21 ora di Beirut
Aggiornamento poco dopo le 19:00:

1 – Il terzo giorno di scontri tra Israele e il braccio armato di Hamas si sta concludendo e la situazione è cambiata significativamente rispetto a sabato. Sebbene la Knesset non abbia ancora approvato lo stato di guerra decretato due giorni fa dal gabinetto di sicurezza israeliano, lo Stato ebraico ha mobilitato 300.000 riservisti, un numero mai raggiunto nella sua storia e che potrebbe far pensare a una fase precedente all’invasione.

2 – Innanzitutto, la situazione rimane tesa nel sud del Libano, al confine con Israele, a seguito di scontri a fuoco e di un’operazione di infiltrazione, entrambi rivendicati da un ramo armato della Jihad islamica, che hanno spinto l’esercito israeliano a reagire con colpi di artiglieria e attacchi aerei. Hezbollah ha affermato di non essere coinvolto nell’operazione. In serata, Hezbollah ha comunicato che uno dei suoi membri era stato ucciso da un bombardamento israeliano nel sud del Libano.

3 – Contemporaneamente, l’esercito israeliano ha continuato a bombardare la Striscia di Gaza, colpendo in particolare la città di Shuja’iyya e il campo di Jabalia, due aree densamente popolate. Il ministro della Difesa israeliano ha annunciato di aver “ordinato l’assedio totale di Gaza”, dove sono stati tagliati i rifornimenti di elettricità, acqua e cibo. Infine, nel pomeriggio, l’esercito israeliano ha annunciato di aver ripreso il controllo delle città israeliane ai margini della Striscia.

4 – Dall’altra parte, il braccio armato di Hamas ha annunciato di aver lanciato diverse decine di missili contro le città di Ashkelon e Sderot. Il movimento ha anche affermato che i bombardamenti israeliani su Gaza tra domenica notte e lunedì mattina hanno causato la morte di quattro ostaggi israeliani e dei loro rapitori.

5 – Il bilancio umano continua a salire: almeno 800 morti e 2.400 feriti da parte israeliana e non meno di 560 morti e 2.700 feriti da parte palestinese. Più di 120.000 palestinesi sono sfollati.

6 – Sulla scena internazionale, Qatar ed Egitto stanno lavorando dietro le quinte per fare progressi sulla questione degli ostaggi israeliani detenuti da Hamas, anche se le autorità israeliane hanno dichiarato che “nessun negoziato” è in corso. I mediatori del Qatar avrebbero avuto colloqui con i funzionari di Hamas in vista di uno scambio di prigionieri palestinesi con gli ostaggi israeliani, in coordinamento con gli Stati Uniti. Funzionari egiziani hanno riferito che Israele ha chiesto aiuto all’Egitto per condurre i negoziati per il rilascio degli ostaggi israeliani.

7 – Sulla scia dei ripetuti appelli di diversi Paesi, tra cui gli Stati Uniti, a condannare fermamente Hamas, l’Unione Europea ha sospeso tutti i pagamenti dei suoi aiuti allo sviluppo ai palestinesi e ha deciso di rivalutare tutti i suoi programmi attuali. Il Regno Unito ha consigliato ai suoi cittadini di evitare tutti i viaggi non essenziali in Israele e nei territori palestinesi. La Cina continua a invitare alla calma e l’Iran, sospettato di aver aiutato Hamas a preparare l’offensiva, chiede una riunione d’emergenza dell’Organizzazione della Cooperazione Islamica.

19:06 ora di Beirut
Il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno fatto sapere che lunedì sera terranno dei colloqui telefonici con il presidente statunitense Joe Biden e il primo ministro britannico Rishi Sunak sul tema del Medio Oriente, riporta l’AFP.

“La Germania e la Francia sono al fianco del popolo israeliano in questo tragico momento”, ha dichiarato Emmanuel Macron al suo arrivo in Germania. Accanto a lui, Olaf Scholz ha insistito sulla necessità di evitare una “deflagrazione nella regione”.

19:02 ora di Beirut

Residenti fuggono dalle loro case a Khan Younès, nella Striscia di Gaza, durante gli attacchi israeliani, 9 ottobre 2023. Foto REUTERS/Ibraheem Abu Mustafa

18:58 ora di Beirut
A due giorni dall’inizio dei combattimenti tra Hamas e Israele, i libanesi temono che si ripeta lo scenario del 2006. Leggete cosa dice Gabriel Blondel.

18:52 Ora di Beirut
Urgente: Hezbollah ha confermato a L’Orient-Le Jour che un suo membro è stato ucciso lunedì nel sud del Libano durante un bombardamento israeliano.

18:41 ora di Beirut

Testimonianza da Gaza: “Sono confinato in casa, ascoltando i bombardamenti regolari nel quartiere vicino. Tutta Gaza è sotto shock. Gli israeliani possono colpire qualsiasi casa. Prego che si fermino. Il mio quartiere potrebbe essere il prossimo. I parenti si sono trasferiti a casa mia da zone più minacciate per essere un po’ più al sicuro. Ci stiamo preparando a evacuare il nostro appartamento da un momento all’altro se il quartiere inizia a essere bombardato, ma non c’è nessun posto sicuro. Potremmo rifugiarci al piano terra se i bombardamenti si intensificano…”, dice Alaa, una giovane donna palestinese che vive a Gaza City.

(Immagine: un palestinese corre tra le rovine di un edificio bombardato nel campo di Jabalia, nella Striscia di Gaza. Foto Mohammed ABED / AFP)

18:34 Ora di Beirut
Il Ministro della Difesa israeliano ha ordinato un’intensificazione degli attacchi aerei sulla Striscia di Gaza, secondo quanto riferito dal suo ufficio. Tutti i piloti di riserva sono stati richiamati ai loro posti.

18:30 ora di Beirut
Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu promette di usare “una forza enorme” e di “cambiare il Medio Oriente”, rivolgendosi a funzionari nel sud di Israele.

“Quello che Hamas dovrà affrontare sarà difficile e terribile. Questo è solo l’inizio, li sconfiggeremo con la forza”.

18:26 Ora di Beirut

Testimonianza da Gaza: “Abbiamo sentito che ci sarà un’offensiva di terra nelle prossime 24-48 ore… Sto pregando che non accada. Mi sono rifugiato nel seminterrato del mio appartamento con la mia famiglia e quella di mia sorella. I bombardamenti non si sono fermati. Siamo terrorizzati. Cerco di distrarre i miei due figli, di 2 e 5 anni, come posso, con libri da colorare e giocattoli. A Gaza siamo occupati e sotto assedio da anni. Tutto il popolo palestinese aspettava il giorno della liberazione. L’operazione di Hamas da sabato non è altro che la normalità. Arriva dopo mesi di avvertimenti sulle azioni del governo israeliano. La resistenza è stata chiara nel dire che non sarebbe rimasta in silenzio su questo tema”, ha dichiarato a L’Orient-Le Jour Said, un attivista palestinese trentenne del campo profughi di Bureij, a metà strada tra Gaza City e Khan Younès.

(Immagine: un palestinese tra le rovine di un edificio bombardato da Israele, a Gaza, 9 ottobre 2023. REUTERS/Yasser Qudih NO)

18:16 ora di Beirut
URGENTE: un funzionario di Hamas in Libano ha riferito a OLJ che anche le Brigate al-Quds hanno rivendicato la responsabilità degli attacchi missilistici da sud. “Gli attacchi israeliani hanno preso di mira aree libanesi da cui si erano infiltrati i combattenti”, ha continuato, senza confermare questa informazione. Non sono stati segnalati feriti a seguito degli attacchi israeliani, ha concluso.

18:09 ora di Beirut
Notizie urgenti: Le Brigate al-Quds del Jihad islamico hanno rivendicato la responsabilità dell’infiltrazione di diversi individui armati dal Libano in Israele. L’esercito israeliano ha dichiarato di aver ucciso alcuni di questi individui.

In un messaggio pubblicato su Telegram, le brigate al-Quds hanno rivendicato “la responsabilità dell’operazione condotta oggi pomeriggio nel sud del Libano al confine con la Palestina occupata”. Sostengono che “sette soldati israeliani sono stati feriti, tra cui uno in condizioni critiche”. Questa cifra non è stata confermata dalle autorità israeliane.

17:59 ora di Beirut

L’artiglieria israeliana spara verso il Libano meridionale il 9 ottobre 2023. Foto Jalaa MAREY/AFP

17:56 Ora di Beirut
L’attacco di Hamas è l’ultimo chiodo nella bara dell’Autorità Palestinese? Scoprite qui cosa ne pensa Noura Doukhi.

17:54 Ora di Beirut
I suoceri del primo ministro scozzese intrappolati a Gaza: il primo ministro scozzese Humza Yousaf ha espresso lunedì la sua preoccupazione per i suoi suoceri, che sono attualmente intrappolati nella Striscia di Gaza in visita alla loro famiglia, senza possibilità di partire. La moglie del leader scozzese, Nadia El-Nakla, è di origine palestinese e i suoi genitori, che vivono in Scozia, stavano visitando la nonna paterna di 92 anni a Gaza quando Hamas ha lanciato l’offensiva contro Israele. “Notte dopo notte, giorno dopo giorno, non sappiamo se mia suocera e mio suocero, che come la maggior parte dei gazesi non hanno nulla a che fare con Hamas o con qualsiasi attacco terroristico, supereranno la notte o meno”, ha dichiarato Yusaf alla stampa.

17:48 Ora di Beirut
Urgente: Le autorità israeliane hanno ordinato ai residenti delle località vicine al confine con il Libano di recarsi nei rifugi e di rimanervi fino a nuovo ordine.

17:45 Ora di Beirut
Urgente: L’esercito libanese invita i cittadini “a prendere le massime misure precauzionali e a non recarsi nelle zone di confine” tra Libano e Israele. L’esercito conferma che le località di Dhaïra e Aïta el-Chaab sono state colpite da “attacchi aerei e fuoco di artiglieria del nemico israeliano”, così come altre località di confine.
Il comandante in capo dell’esercito, Joseph Aoun, ha ricevuto d’urgenza il capo dell’UNIFIL, Aroldo Lazaro.

17:42 ora di Beirut
Funzionari israeliani affermano che “nessun negoziato è in corso” dopo l’annuncio dell’agenzia di stampa Reuters di colloqui su un potenziale scambio di prigionieri.

All’inizio della giornata, funzionari egiziani avevano indicato che Israele aveva chiesto aiuto all’Egitto per condurre i negoziati per il rilascio degli israeliani tenuti in ostaggio da Hamas.

Questa mattina, una fonte ha riferito a Reuters che i mediatori del Qatar hanno avuto colloqui con funzionari di Hamas per negoziare il rilascio di donne e bambini israeliani catturati da Hamas e detenuti a Gaza, in cambio del rilascio di 36 bambini e donne palestinesi detenuti in Israele.

17:34 Ora di Beirut

Testimonianza dal Sud del Libano:

“I proiettili israeliani cadono ininterrottamente da più di un’ora sulle zone limitrofe [vicino a dove vivo]”, ha raccontato a L’Orient-Le Jour, poco prima delle 16, un uomo di 50 anni che vive nella regione di Rmeich, nel Libano meridionale. “Ho portato con me la mia famiglia e attualmente ci stiamo dirigendo verso Beirut per fuggire dalla regione. Siamo in uno stato di forte stress, non capiamo cosa stia succedendo”, spiega.

17:31 Ora di Beirut
Aggiornamento del bilancio provvisorio delle vittime:

Parte israeliana: almeno 800 morti secondo diversi media e 2.400 feriti.

Parte palestinese: almeno 560 morti e 2.700 feriti, secondo il Ministero della Sanità palestinese.

17:27 ora di Beirut
A Gerusalemme sono suonate le sirene di allarme per i razzi, secondo quanto riportato dall’AFP, seguite da diverse detonazioni.

Secondo Haaretz, che cita il Magen David Adom, l’equivalente israeliano della Croce Rossa, “squadre si stanno recando nell’area di Gerusalemme in seguito a segnalazioni di vittime a seguito di un attacco missilistico”.

La Reuters ha riferito che il braccio armato di Hamas ha lanciato un razzo verso Gerusalemme in risposta ai bombardamenti di Israele sulle case civili.

17:23 ora di Beirut
“L’Italia è pronta a continuare a dare il suo contributo alla sicurezza e alla stabilità del Libano in questa delicata situazione”, ha dichiarato il primo ministro italiano Georgia Meloni al suo omologo libanese Nagib Mikati, secondo l’agenzia di stampa nazionale. Nel corso di una conversazione telefonica, ha espresso “l’auspicio che il conflitto si plachi rapidamente e che non si estenda, con conseguenze incalcolabili per tutta la regione”.

17:03 ora di Beirut
Secondo un portavoce dell’esercito israeliano, gli elicotteri israeliani stanno sparando in territorio libanese. Il canale di Hezbollah al-Manar riferisce che l’artiglieria israeliana sta sparando su posizioni vicino ad Aïta el-Chaab, nel sud del Libano. “Gli aerei da guerra nemici hanno attaccato una casa abbandonata a Dhaïra e il fuoco dell’artiglieria ha colpito la zona intorno a Raheb”, ha proseguito il canale del partito sciita.

16:59 ora di Beirut
Alcune notizie dal Sud del Libano:

– A Qaouzah: Béatrice, una residente di questa località, ha raccontato a L’Orient-Le Jour di aver visto e sentito “molte granate” e di essersi affrettata a cercare un riparo. Ha sentito il primo bombardamento intorno alle 15.30.

– A Qana: un altro testimone ha raccontato a L’OLJ di aver sentito i bombardamenti. Ali Atwi, un pensionato dell’esercito libanese di 57 anni che vive anch’egli nella regione di Qana, ha detto di aver sentito i colpi di artiglieria. “Il fuoco è iniziato intorno alle 15:00. I suoni sono lontani, direi in zone a circa 25 minuti di macchina dal nostro villaggio”.

– A Btaichiyé: il proprietario di un negozio ha detto di aver sentito i bombardamenti. Poi ha detto che si è affrettato a chiudere il negozio e a lasciare la zona.

16:57 Ora di Beirut
Confine tra Libano del Sud e Israele: cosa si sa finora sulle segnalazioni di colpi di mortaio e infiltrazioni

Il portavoce dell’esercito israeliano Avichay Adraee ha dichiarato su X che “diverse persone armate che hanno attraversato il confine tra Libano e Israele” sono state uccise dall’esercito israeliano. Inoltre, l’esercito israeliano sostiene che due proiettili di mortaio sono stati sparati in Israele dal Libano, senza fare vittime. Anche la Reuters, citando il corrispondente del canale televisivo Al-Manar di Hezbollah, ha riferito di colpi d’arma da fuoco e di scambi di colpi al confine meridionale libanese.

UNIFIL: Questo pomeriggio, l’UNIFIL ha dichiarato in un comunicato che le forze di pace hanno rilevato esplosioni nei pressi di Al-Boustan, nel sud-ovest del Libano. “Siamo in contatto con le parti coinvolte, esortandole a esercitare la massima moderazione e a utilizzare i meccanismi di collegamento e coordinamento dell’UNIFIL per evitare ulteriori escalation e perdite di vite umane”.

Nord di Israele: Haaretz riporta che la città di Kiryat Shmona, nel nord di Israele, ha invitato i residenti “a rifugiarsi nei rifugi fino a nuovo avviso”, citando il comune locale.

Hezbollah: Hezbollah ha dichiarato a L’Orient Le Jour alle 16:00 ora di Beirut di non aver lanciato un attacco contro Israele lunedì.

Hamas: Una fonte di Hamas in Libano ha confermato a L’Orient-Le Jour che sono stati lanciati razzi dal sud del Libano verso Israele. La fonte non è stata in grado di dire chi ci fosse dietro il lancio.

16:47 ora di Beirut
Il braccio armato di Hamas ha dichiarato sul suo canale Telegram che, in risposta al bombardamento dei civili, ha sparato 80 missili contro la città israeliana di Ashkelon, nel nord della Striscia di Gaza.

Dall’inizio delle ostilità, iniziate sabato da Hamas, Israele ha ripetutamente bombardato la Striscia di Gaza.

16:37 Ora di Beirut
Nel nord di Israele, la città di Kiryat Shmona chiede ai suoi residenti di rifugiarsi nei rifugi fino a nuovo ordine.

16:34 Ora di Beirut
L’Unione Europea ha sospeso tutti i pagamenti dei suoi aiuti allo sviluppo ai palestinesi e ha deciso di rivalutare tutti i suoi programmi attuali, che rappresentano un totale di 691 milioni di euro, ha annunciato lunedì su X (ex-Twitter) il commissario europeo Oliver Varhelyi.

“Tutti i pagamenti sono immediatamente sospesi, tutti i progetti riesaminati e tutti i bilanci dei progetti, compresi quelli per il 2023, rinviati fino a nuovo avviso. Si tratta di una rivalutazione dell’intero programma”, ha dichiarato il Commissario ungherese per il Vicinato e l’Allargamento.

16:28 Ora di Beirut
Sul suo canale Telegram, il braccio armato di Hamas annuncia di aver lanciato 90 missili verso la città israeliana di Sderot, colpendo anche aerei israeliani al largo delle coste di Gaza.

16:10 ora di Beirut
Aggiornamento: un funzionario di Hezbollah ha confermato a Reuters che il partito non è coinvolto in alcuna operazione contro Israele lunedì. I commenti arrivano dopo che funzionari militari israeliani hanno dichiarato che diversi infiltrati dal sud del Libano sono stati uccisi dall’esercito israeliano.
Prima di questi dettagli, una portavoce di Hezbollah aveva dichiarato a L’Orient-Le Jour che il partito non era coinvolto in alcun tentativo di infiltrazione in territorio israeliano.

16:08 ora di Beirut
Il portavoce dell’esercito israeliano Avichay Adraee ha dichiarato su X che “diverse persone armate che avevano attraversato il confine tra Israele e Libano” sono state uccise dall’esercito israeliano. “I soldati continuano a pattugliare il confine”, ha continuato.

16:05 ora di Beirut
Analisi dell’offensiva di Hamas contro Israele a cura di Yeghia Tashjian, ricercatore senior presso l’Istituto Issam Fares dell’Università americana di Beirut:

– Secondo Yeghia Tashjian, il contesto dell’ultima offensiva di Hamas contro Israele “potrebbe essere legato a un conflitto regionale molto più ampio, il cui obiettivo sarebbe quello di ostacolare il nuovo corridoio ferroviario che collega l’India all’Europa, promosso dagli Stati Uniti e che passa per l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e l’India”.

– Questo progetto, che è stato oggetto di discussioni tra questi Paesi, è stato approvato da un accordo firmato il 9 settembre da Stati Uniti, India e diversi Paesi del Medio Oriente. Si tratta di un concorrente diretto della rete di trasporto multimodale inaugurata nel giugno 2022 da Mosca, Teheran e Nuova Delhi (il Trasporto Nord-Sud o INSTC).

– Se la nuova rete dovesse vedere la luce, rischierebbe di risucchiare una parte significativa degli investitori che erano interessati al progetto INSTC”, spiega Yeghia Tashjian. Yeghia Tashjian aggiunge che l’altro potenziale attore che potrebbe opporsi al corridoio India-Medio Oriente-Europa è la Turchia, che questa rete bypassa.

15:57 Ora di Beirut
Mohammad Atwi, 26enne residente nella regione di Qana, nel sud del Libano, ha raccontato a L’Orient-Le Jour di aver “sentito il rumore di un bombardamento” alle 15 di lunedì.

15:49 ora di Beirut
Urgente Libano: la Reuters, citando fonti militari, riferisce che i soldati israeliani, supportati da elicotteri, hanno ucciso diverse persone che tentavano di infiltrarsi in Israele dal sud del Libano.

Secondo il media israeliano Channel 13, almeno due persone che si erano infiltrate dal sud del Libano sono state uccise in scontri al confine con Israele.

La radio dell’esercito israeliano ha dichiarato che il tentativo di infiltrazione è avvenuto ad Adamit, una città israeliana di fronte ai villaggi libanesi di Alma el-Chaab e Zahajra.

Queste informazioni sono in corso di verifica.

15:42 ora di Beirut
La risposta di Israele all’attacco di Gaza “cambierà il Medio Oriente”, ha avvertito il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu in un discorso ai sindaci delle città del confine meridionale colpite dall’attacco.

15:35 Ora di Beirut
Urgente: una fonte di Hamas in Libano conferma che sono stati lanciati razzi dal sud del Libano verso Israele. La fonte ha aggiunto che il lancio non è stato ancora rivendicato.

15:29 ora di Beirut
Urgente: Secondo Haaretz, il portavoce dell’esercito israeliano ha dichiarato che diverse persone si sono infiltrate in Israele dal Libano. L’esercito israeliano si sta attualmente dispiegando sul terreno, ha aggiunto. Contattata da L’Orient-Le Jour, una portavoce di Hezbollah ha dichiarato di non essere a conoscenza di alcuna infiltrazione.

15:18 ora di Beirut
Sul suo canale Telegram, l’ala armata di Hamas ha condiviso la foto di un ostaggio israeliano, che dice di essere stato ucciso in un bombardamento israeliano sulla Striscia di Gaza. Oltre alla foto dell’ostaggio, la foto ne riporta il nome, il numero di matricola, l’età, la città di provenienza e la posizione nell’esercito.

15:10 Ora di Beirut
A Beirut, decine di manifestanti, soprattutto studenti dell’Università americana di Beirut (AUB), si sono riuniti in Bliss Street (quartiere di Hamra) per esprimere il loro sostegno ai palestinesi in questo terzo giorno di conflitto tra Israele e Hamas, secondo diversi messaggi pubblicati sul social network X (ex Twitter).

15:09 ora di Beirut
Cipro ha deciso di mantenere i collegamenti aerei con Israele, distante 250 chilometri, nonostante la guerra in corso, ha annunciato lunedì il ministro dei Trasporti Alexis Vafeades, citato dall’AFP.

Cipro ospita una grande comunità israeliana e accoglie molti turisti israeliani.

14:59 Ora di Beirut
Ali Barakeh, membro della leadership di Hamas all’estero, ha dichiarato a L’Orient Today che per poter portare a termine l’offensiva e, in particolare, inviare i suoi combattenti in parapendio in territorio israeliano, Hamas “ha fatto ricorso all’aiuto dei suoi alleati e amici”.

“Abbiamo preparato questa operazione per due anni”, ha aggiunto.

14:53 ora di Beirut
Le autorità israeliane hanno ordinato l’interruzione “immediata” delle forniture di acqua alla Striscia di Gaza. Israele fornisce il 10% del consumo annuale di acqua del territorio palestinese.

14:50 Ora di Beirut
Aggiornamento sul Libano del Sud: in riferimento alle “voci” di un possibile lancio di razzi dal Libano del Sud verso Israele, il canale televisivo di Hezbollah, al-Manar, ha affermato che si tratta solo di “confusione” da parte israeliana.
Un’ora fa, Haaretz ha riferito che le sirene di avvertimento sono state attivate al confine settentrionale di Israele con il Libano.

14:41 ora di Beirut
I mediatori del Qatar hanno avuto colloqui urgenti con i funzionari di Hamas per negoziare il rilascio di donne e bambini israeliani catturati da Hamas e detenuti a Gaza, in cambio del rilascio di 36 bambini e donne palestinesi detenuti nelle carceri israeliane, ha dichiarato una fonte a Reuters.

Questi negoziati sono condotti in coordinamento con gli Stati Uniti e stanno “procedendo positivamente”, secondo la fonte di Reuters, che ha aggiunto, tuttavia, che per il momento non c’è stata alcuna svolta.

14:08 ora di Beirut
Il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov ritiene che “il rischio di coinvolgimento di forze terze” nel conflitto tra Israele e Hamas sia “alto”. Secondo le agenzie russe Ria Novosti e Tass, ha quindi chiesto l’avvio di un “processo negoziale il prima possibile”.

Queste dichiarazioni sono arrivate dopo gli scambi di razzi rivendicati da Hezbollah domenica mattina. E dopo la pubblicazione di un articolo del Wall Street Journal che riporta il coinvolgimento iraniano nella preparazione dell’offensiva di Hamas.

14:03 ora di Beirut
Urgente: secondo Haaretz, sono scattate le sirene di allarme al confine settentrionale di Israele con il Libano.

L’esercito israeliano parla di un possibile lancio di razzi verso Israele. Al momento nessuna conferma da entrambe le parti.

13:58 ora di Beirut

Immagine: un corpo viene evacuato dalle macerie di un edificio bombardato da Israele lunedì nel campo di Jabalia, nella Striscia di Gaza. (Foto REUTERS/Mahmoud Issa)

13:42 Ora di Beirut

Sulla mappa: la situazione al terzo giorno di conflitto.

(Credit: Guilhem Dorandeu, L’Orient-Le Jour)

13:28 Ora di Beirut
Secondo il Ministero della Sanità palestinese, decine di palestinesi sono stati uccisi e feriti nei colpi israeliani di lunedì sul campo profughi di Jabalia, il più grande degli 8 campi della Striscia di Gaza.

13:10 ora di Beirut
URGENTE: il portavoce del braccio armato di Hamas annuncia sul suo canale ufficiale Telegram che “i bombardamenti israeliani di ieri sera e di questa mattina sulla Striscia di Gaza hanno causato la morte di quattro ostaggi israeliani e dei loro rapitori tra i combattenti palestinesi”.

12:54 ora di Beirut
Il deputato Mohammad Raad, capo del blocco parlamentare di Hezbollah, ha parlato lunedì da Kfar Melki (Libano meridionale): “È tempo che l’entità temporanea (Israele, ndr) scompaia. La superiorità militare di Israele sulla resistenza sta per finire”.

12:51 ora di Beirut
Secondo un portavoce dell’Autorità aeroportuale israeliana, lunedì una salva di razzi ha preso di mira la regione di Tel Aviv, ma non ha avuto “alcun impatto” sull’aeroporto Ben Gurion, la principale porta internazionale di Israele, senza fornire ulteriori dettagli.

12:35 ora di Beirut
Il ministro della Difesa israeliano annuncia di aver “ordinato l’assedio totale di Gaza. Niente elettricità, niente cibo, niente gas, tutto è chiuso. Stiamo combattendo contro animali umani e agiamo di conseguenza”.

12:27 ora di Beirut
2/2 La reazione della diplomazia libanese alla situazione:

Il ministro ritiene infine che la situazione non cambierà finché Israele si “difenderà”, ma che “Dio solo sa” cosa potrebbe accadere nel caso in cui Tel Aviv decidesse di “prolungare la guerra”.

È la prima volta dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas che un membro del governo libanese si esprime pubblicamente sull’argomento. In generale, i leader politici libanesi hanno mantenuto un profilo basso. Hezbollah, invece, ha dichiarato pubblicamente il suo sostegno all’offensiva di Hamas e ha scambiato brevemente razzi e artiglieria con l’esercito israeliano domenica mattina, senza che da allora ci siano stati sviluppi importanti.

12:26 ora di Beirut
1/2 I diplomatici libanesi reagiscono alla situazione:

In un’intervista al quotidiano panarabo Asharq al-Awsat, il ministro uscente degli Affari Esteri e degli Emigrati in Libano, Abdallah Bou Habib, ha dichiarato che Hezbollah ha dato garanzie al governo libanese di mantenere le distanze dagli eventi in Israele, a patto che lo Stato ebraico non provochi il Libano.

“Oggi sono all’estero, ma sono ancora in contatto con il Primo Ministro (uscente) Nagib Mikati, al quale Hezbollah ha promesso che non interferirà con quanto sta accadendo (in Israele)”, ha dichiarato il Ministro, prima di continuare: “Se Israele non ci molesta, non sarà molestato a sua volta, e (Hezbollah) non interverrà per il momento”.

ore 12:30 di Roma

Sfatare la teoria del complotto secondo cui Netanyahu avrebbe voluto gli attacchi della scorsa fine settimana

ANDREW KORYBKO
9 OTT 2023

Gli osservatori possono ancora essere contrari alla barriera di confine in particolare, alla politica israeliana verso la Palestina in generale e a Netanyahu personalmente, pur riconoscendo che è un leader talmente ossessionato dalla sicurezza che non ha senso affermare che avrebbe lasciato che Hamas minasse potentemente tutte e tre le cose per qualsiasi motivo.

L’attacco furtivo di Hamas contro Israele durante il fine settimana ha suscitato la speculazione, da parte di alcuni social media, che quest’ultimo fosse a conoscenza di questi piani in anticipo, ma che presumibilmente avesse interesse a lasciarli accadere. Secondo i sostenitori di questa teoria del complotto, il primo ministro Netanyahu, in difficoltà, voleva unire il suo popolo politicamente diviso e/o creare il pretesto per distruggere Hamas, ergo il motivo per cui avrebbe lasciato che questi attacchi si svolgessero. Questo però non ha molto senso se ci si pensa bene.

Oggi è di moda affermare che i leader a volte provocano conflitti esteri per distrarre dai problemi politici interni, ma questo non è probabilmente il caso dell’ultima guerra tra Israele e Hamas. In realtà, Netanyahu stava perseguendo l’approccio esattamente opposto fino allo scorso fine settimana, come suggerito da rapporti credibili che si sono susseguiti nel corso dei mesi, secondo i quali era impegnato in colloqui segreti con l’Arabia Saudita per il riconoscimento di Israele. L’obiettivo era quello di unire gli israeliani intorno a lui e di liberare il potenziale geoeconomico del Paese.

Se questi sforzi avessero dato i loro frutti, non solo i suoi più accaniti avversari sarebbero stati costretti a lodarlo per questo risultato diplomatico, ma Israele avrebbe potuto trarre vantaggio dal suo ruolo centrale nel Corridoio economico India-Medio Oriente-Europa (IMEC), presentato il mese scorso. Entrambi gli obiettivi richiedevano il riconoscimento saudita di Israele, che Netanyahu sperava di ottenere senza riconoscere l’indipendenza della Palestina, ma che ora è in dubbio poiché Riyadh potrebbe congelare i colloqui dopo il bombardamento di Gaza da parte di Israele.

Coloro che sostengono che egli sapesse in anticipo dei piani di Hamas, ma che li abbia comunque lasciati accadere, o non sono a conoscenza dei suoi colloqui segreti con l’Arabia Saudita, o minimizzano la loro grande importanza strategica, o pensano che siano stati tutti uno stratagemma in preparazione di questo contorto complotto per creare il pretesto per distruggere Hamas. A proposito di questa dimensione della loro teoria del complotto, è difficile immaginare che Netanyahu, ossessionato dalla sicurezza, abbia lasciato che i nemici del suo Paese infliggessero un danno senza precedenti a Israele per questo scopo.

Avrebbe sempre potuto semplicemente sfruttare un lancio di razzi relativamente minore per giustificare una campagna di bombardamenti sproporzionata contro quel gruppo, senza dover prima perdere letteralmente centinaia di civili e soldati. La violazione della barriera di confine da parte di Hamas è stata anche un duro colpo per la psiche israeliana, da cui la popolazione potrebbe non riprendersi mai dopo aver dato per scontato che la sua costruzione li avrebbe protetti per sempre. Lo stesso vale per il raddoppio del territorio sotto il suo controllo durante il culmine dei suoi attacchi.

Gli osservatori possono ancora essere contrari alla barriera di confine in particolare, alla politica israeliana verso la Palestina in generale e a Netanyahu in prima persona, pur riconoscendo che è un leader talmente ossessionato dalla sicurezza che non ha senso affermare che avrebbe permesso ad Hamas di minare potentemente tutte e tre le cose per qualsiasi motivo. Egli appare estremamente debole dopo quanto accaduto, la politica israeliana nei confronti della Palestina è ora messa in discussione da entrambe le parti come mai prima d’ora e la barriera di confine non è più considerata una difesa credibile.

Questi tre risultati rappresentano la somma dei peggiori incubi di Netanyahu, per non parlare del probabile fallimento dei suoi piani per ottenere il riconoscimento saudita di Israele, che a sua volta sbloccherebbe il potenziale geoeconomico del Paese tramite l’IMEC, tutti elementi che contraddicono indiscutibilmente gli interessi israeliani. Non è ancora chiaro come tutti i sistemi di sicurezza israeliani si siano guastati nello stesso momento durante gli attacchi dello scorso fine settimana, e nessuno ha spiegato i fallimenti dell’intelligence fino a quel momento, ma è proprio quello che è successo.

La teoria della cospirazione che ipotizza che Netanyahu fosse a conoscenza di tutto questo in anticipo, ma che abbia comunque lasciato che accadesse, non regge all’esame di questo pezzo ed è praticamente solo basata sulla falsa percezione che i servizi segreti di Israele siano onnipotenti. Sono gestiti da esseri umani e sono quindi naturalmente imperfetti, ma chi sostiene il contrario attribuisce al Mossad un potere divino. In questo modo si dà troppo credito a Israele e si nega la capacità autonoma di Hamas di organizzare attacchi di questa portata.

12:35 ora di Beirut
Il ministro della Difesa israeliano annuncia di aver “ordinato l’assedio totale di Gaza. Niente elettricità, niente cibo, niente gas, tutto è chiuso. Stiamo combattendo contro animali umani e agiamo di conseguenza”.

12:27 ora di Beirut
2/2 La reazione della diplomazia libanese alla situazione:

Il ministro ritiene infine che la situazione non cambierà finché Israele si “difenderà”, ma che “Dio solo sa” cosa potrebbe accadere nel caso in cui Tel Aviv decidesse di “prolungare la guerra”.

È la prima volta dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas che un membro del governo libanese si esprime pubblicamente sull’argomento. In generale, i leader politici libanesi hanno mantenuto un profilo basso. Hezbollah, invece, ha dichiarato pubblicamente il suo sostegno all’offensiva di Hamas e ha scambiato brevemente razzi e artiglieria con l’esercito israeliano domenica mattina, senza che da allora ci siano stati sviluppi importanti.

12:26 ora di Beirut
1/2 I diplomatici libanesi reagiscono alla situazione:

In un’intervista al quotidiano panarabo Asharq al-Awsat, il ministro uscente degli Affari Esteri e degli Emigrati in Libano, Abdallah Bou Habib, ha dichiarato che Hezbollah ha dato garanzie al governo libanese di mantenere le distanze dagli eventi in Israele, a patto che lo Stato ebraico non provochi il Libano.

“Oggi sono all’estero, ma rimango in contatto con il primo ministro (uscente) Nagib Mikati, al quale Hezbollah ha promesso che non interferirà con quanto sta accadendo (in Israele)”, ha detto il ministro, prima di continuare: “Se Israele non ci molesta, non sarà molestato a sua volta, e (Hezbollah) non interverrà per il momento”.

12:09 ora di Beirut
Secondo Al-Jazeera, la città di Shuja’iyya, una delle aree più densamente popolate di Gaza, è stata oggetto di intensi bombardamenti israeliani nelle ultime ore.

Già nel luglio 2014, durante un’offensiva militare israeliana, questo quartiere fu pesantemente bombardato, come ricorda Al-Jazeera, e più di 70 palestinesi furono uccisi. I palestinesi hanno descritto l’offensiva come un “massacro all’alba”.

11:41 ora di Beirut
Il portavoce dell’esercito israeliano Daniel Hagari ha dichiarato che 300.000 riservisti sono stati mobilitati in 48 ore. “Non abbiamo mai mobilitato così tanti riservisti su una tale scala”, ha dichiarato. Per la Reuters, la portata di questa mobilitazione fa pensare ai preparativi per una possibile invasione, anche se nessun piano è stato ufficialmente confermato.

11:30 ora di Beirut
L’agenzia di stampa cinese Xinhua riferisce, citando “una fonte di Hamas”, che il Qatar sta cercando di lanciare un’operazione di scambio di prigionieri.

L’accordo di scambio comporterebbe il rilascio di prigionieri palestinesi in Israele in cambio di donne israeliane prese in ostaggio dai combattenti di Hamas nell’ambito dell’offensiva lanciata sabato. Nessuna fonte ufficiale ha ancora confermato queste informazioni.

11:23 ora di Beirut
Urgente: L’esercito israeliano afferma di aver ripreso il controllo delle città israeliane ai margini di Gaza.

Combattenti palestinesi potrebbero essere ancora presenti, ha dichiarato il portavoce dell’esercito israeliano Daniel Hagari.

Secondo gli annunci fatti finora dagli israeliani e da Hamas, almeno 7 o 8 fronti erano ancora aperti lunedì mattina.

11:02 ora di Beirut
Leggi anche questo reportage: “Rapiti” in Israele: decine di famiglie alla ricerca dei parenti scomparsi

11:01 ora di Beirut

Rapporto, in parole e immagini: “Terrificante”: migliaia di gazesi fuggono dalle loro case di fronte ai bombardamenti israeliani

10:54 ora di Beirut
Continuano le reazioni internazionali:

– Il Regno Unito consiglia ai suoi cittadini di evitare tutti i viaggi non essenziali in Israele e nei territori palestinesi.

– La Spagna continua a definire terroristico l’attacco di Hamas contro Israele.

– Il Nepal conferma che almeno 10 suoi cittadini sono stati uccisi nel conflitto.

– La Cina afferma che sta monitorando da vicino la situazione e chiede alla comunità internazionale di intervenire per calmare la situazione, auspicando una soluzione a due Stati.

– L’Iran chiede una riunione d’emergenza dell’Organizzazione della Cooperazione Islamica.

10:30 ora di Beirut
Aggiornamento alle 10:30:

1 – La guerra tra Israele e Hamas, scatenata sabato dall’offensiva del movimento islamista palestinese, è entrata nel suo terzo giorno. Il bilancio delle vittime è salito ulteriormente, con oltre 1.100 morti in tutto, di cui almeno 700 israeliani e più di 400 palestinesi, senza contare le migliaia di feriti da entrambe le parti. Si ritiene che Hamas e la Jihad islamica tengano almeno un centinaio di ostaggi israeliani a Gaza, un numero che non è ancora stato confermato. Secondo l’agenzia umanitaria delle Nazioni Unite, OCHA, dall’inizio del conflitto nella Striscia di Gaza sono sfollate più di 123.000 persone.

2 – Sul terreno, domenica sera sono scoppiati nuovamente scontri tra soldati israeliani e 70 combattenti palestinesi alla periferia del kibbutz Be’eri, nel sud di Israele, con l’esercito israeliano che sospetta la presenza di tunnel nell’area. Secondo gli annunci israeliani e di Hamas, almeno 7 o 8 fronti sono ancora aperti. I bombardamenti sono continuati nella Striscia di Gaza e l’esercito israeliano ha annunciato di aver bombardato più di 500 nuovi obiettivi di Hamas e della Jihad islamica nella Striscia di Gaza nella notte di domenica. Gli israeliani hanno tagliato l’elettricità a Gaza, neutralizzando anche la rete idrica.

3- L’offensiva di Hamas sembra aver spinto Israele in un angolo. Mentre la Knesset dovrebbe confermare oggi lo “stato di guerra” approvato domenica dal gabinetto di sicurezza israeliano, decine di migliaia di soldati israeliani stanno continuando il loro dispiegamento lunedì nelle regioni desertiche vicino alla Striscia di Gaza nel tentativo di riprendere il controllo, mentre 100.000 riservisti dell’esercito israeliano sono stati schierati nel sud di Israele.

4 – Sul fronte economico, il conflitto ha fatto deragliare lo shekel, che è sceso al livello più basso in quasi otto anni rispetto al dollaro – tenendo presente che la valuta israeliana aveva già subito una grave flessione anche prima dell’inizio del conflitto. Lunedì la Banca centrale israeliana ha iniettato almeno 30 miliardi di dollari dalle sue riserve nel tentativo di stabilizzare lo shekel. Sui mercati internazionali, i prezzi del petrolio iniziano a salire.

5 – La riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di domenica sera non ha permesso ai suoi membri di trovare una posizione comune. Da un lato, gli Stati Uniti hanno chiesto una ferma condanna di Hamas, mentre dall’altro Russia e Cina hanno rinnovato l’appello al cessate il fuoco e al dialogo. Gli Emirati Arabi Uniti, la cui diplomazia ha criticato con veemenza la presa di ostaggi da parte di Hamas, hanno sostenuto una posizione più consensuale durante il Consiglio, che deve riunirsi d’urgenza ancora oggi. Lunedì mattina, le Nazioni Unite hanno infine chiesto la creazione di corridoi umanitari per portare cibo a Gaza.

6 – Infine, la possibilità di un coinvolgimento iraniano nel conflitto non è ancora stata confermata. Domenica sera, il Wall Street Journal ha riportato, citando alti funzionari di Hamas e Hezbollah, che funzionari della sicurezza iraniana avevano contribuito a pianificare l’attacco di Hamas. Poche ore dopo, la missione iraniana presso le Nazioni Unite ha assicurato che Teheran non era coinvolta. Nel Libano meridionale, area di influenza degli Hezbollah sostenuti dall’Iran, la situazione è rimasta relativamente calma dopo lo scambio di fuoco tra il partito sciita e l’esercito israeliano, nonostante alcuni falsi allarmi nella notte.

7 – Gli Stati Uniti hanno iniziato domenica a inviare aiuti militari a Israele, insieme a nuove munizioni, e ad avvicinare il proprio gruppo aereo navale nel Mediterraneo, segnando una rapida dimostrazione di sostegno allo storico alleato sorpreso dagli attacchi di Hamas.

10:18 ora di Beirut
2/2 La situazione a Gaza:

Secondo Middle East Eye, le interruzioni dell’energia elettrica a Gaza hanno compromesso anche le forniture di acqua corrente.

Un corrispondente della BBC a Gaza riferisce che lunedì mattina i negozi erano chiusi, a parte alcune panetterie dove si sono formate lunghe code. Gli ospedali hanno lanciato un appello per le donazioni di sangue.

10:18 ora di Beirut
1/2 La situazione a Gaza:

Secondo la stampa, l’ospedale di Gaza potrebbe presto cessare di funzionare, dopo che sabato il ministro dell’Energia israeliano, Israel Katz, ha deciso di tagliare l’elettricità alla zona.

Secondo un articolo pubblicato domenica dal sito web Middle East Eye, l’ospedale continua a produrre elettricità utilizzando generatori di emergenza, mentre i pazienti continuano ad arrivare.

La maggior parte di questi generatori sono usurati e consumano molto carburante, prosegue il sito, aggiungendo che le riserve di carburante sono insufficienti e che i generatori potrebbero fermarsi in qualsiasi momento, con conseguenze per molti pazienti.

10:16 Ora di Beirut
Più di 123.000 persone sono state sfollate nella Striscia di Gaza dall’inizio del conflitto, secondo l’agenzia umanitaria delle Nazioni Unite, OCHA.

09:50 Ora di Beirut
Secondo un portavoce militare israeliano, sono in corso combattimenti in “sette o otto” punti della Striscia di Gaza.

09:45 Ora di Beirut
Le Nazioni Unite chiedono la creazione di corridoi umanitari per portare cibo a Gaza. Almeno 70.000 palestinesi si sono rifugiati nelle scuole gestite dall’ONU.

Image

09:30 Ora di Beirut
L’esercito israeliano ritiene che un gran numero di militanti di Hamas stia continuando a entrare in Israele. Secondo i media israeliani, sono in corso ricerche lungo il confine.

09:29 Ora di Beirut
“Il prezzo che la Striscia di Gaza pagherà sarà molto pesante e cambierà la realtà per le generazioni a venire”, ha dichiarato il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant nella città di Ofakim.

09:16 Ora di Beirut
2/2

– L’ambasciatore israeliano presso le Nazioni Unite, Guilad Erdan, ha accusato Hamas di commettere crimini di guerra e ha chiesto la distruzione delle sue “infrastrutture del terrore”. L’ambasciatore palestinese, Riyad Mansour, ha invitato il Consiglio di Sicurezza a concentrarsi sulla fine dell’occupazione israeliana dei territori palestinesi, deplorando che “per alcuni media la storia inizia quando vengono uccisi degli israeliani”.

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite terrà un’altra riunione d’emergenza lunedì.

09:15 ora di Beirut
1/2: La riunione urgente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite su Gaza di domenica sera si è conclusa con un dialogo tra sordi. I dibattiti sono durati un’ora e mezza e non hanno permesso all’organo di concordare all’unanimità una dichiarazione congiunta, secondo le agenzie di stampa.

– Gli Stati Uniti hanno spinto per una risoluzione di forte condanna di Hamas.

– La Russia intende invece concentrarsi sull’ottenimento di un cessate il fuoco e sull’avvio di un serio processo negoziale.

– Anche la Cina ha sostenuto questa posizione, insistendo sulla necessità di evitare un’escalation del conflitto.

Gli Emirati Arabi Uniti, che hanno normalizzato le relazioni con Israele, hanno sottolineato che la situazione è “molto preoccupante” e che “molti membri del Consiglio” sostengono una soluzione “a due Stati”.

09:02 ora di Beirut
L’esercito israeliano annuncia la morte di altri 16 soldati e ne pubblica i nomi.

È il quarto annuncio di questo tipo. Sale così a 73 il numero totale di morti nell’esercito israeliano dall’inizio della guerra tra Hamas e Israele.

08:43 Ora di Beirut
La Banca d’Israele ha annunciato la vendita di 30 miliardi di dollari di valuta estera dalle sue riserve per mantenere la stabilità della moneta nazionale, lo shekel, mentre la guerra contro Hamas entra nel suo terzo giorno.

08:36 Ora di Beirut
L’Ungheria ha evacuato in aereo 215 cittadini dal territorio israeliano, secondo quanto comunicato dal Ministero degli Esteri.

08:16 Ora di Beirut
Leggi l’editoriale di Anthony Samrani, condirettore de L’Orient-Le Jour: In Medio Oriente, ci sarà un prima e un dopo il 7 ottobre.

07:58 Ora di Beirut
Sul terreno: i soldati israeliani si sono scontrati di nuovo domenica sera con 70 combattenti palestinesi alla periferia del kibbutz Be’eri, nel sud di Israele, ha dichiarato lunedì mattina l’esercito israeliano, citato da Haaretz. L’esercito israeliano sospetta la presenza di tunnel nella zona.

07:50 ora di Beirut
“Più di 500 obiettivi di Hamas e della Jihad islamica palestinese sono stati colpiti da attacchi aerei e dal fuoco dell’artiglieria nella Striscia di Gaza nella notte di domenica”, ha annunciato l’esercito israeliano. “Durante la notte, jet da combattimento, elicotteri, aerei e artiglieria hanno colpito più di 500 obiettivi terroristici di Hamas e della Jihad islamica”, ha dichiarato l’esercito in un comunicato.

07:47 ora di Beirut
Notizie flash: i prezzi del petrolio sono saliti di oltre il 4% lunedì dopo che il movimento islamista palestinese Hamas ha lanciato un’offensiva a sorpresa contro Israele nel fine settimana, sollevando preoccupazioni sulle conseguenze per le forniture dalla regione ricca di petrolio. Il Brent è balzato del 4,7% a 86,65 dollari e il West Texas Intermediate è salito del 4,5% a 88,39 dollari nei primi scambi asiatici.

07:42 Ora di Beirut

Promemoria: domenica gli Stati Uniti hanno iniziato a inviare aiuti militari a Israele con nuove munizioni e ad avvicinare il loro gruppo da battaglia a Israele nel Mediterraneo, in una rapida dimostrazione di sostegno al loro storico alleato, sorpreso dagli attacchi di Hamas.

Per saperne di più sugli aiuti, che comprendono l’invio del gruppo da battaglia della USS Gerald Ford, la nave da guerra più grande del mondo, nel Mediterraneo orientale.

07:39 Ora di Beirut
Domenica sera, diversi membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite hanno condannato l’offensiva di Hamas, anche se gli Stati Uniti hanno deplorato la mancanza di unanimità in questa riunione d’emergenza.

07:34 Ora di Beirut
Domenica sera, il Wall Street Journal ha riportato, citando alti funzionari di Hamas e Hezbollah, che funzionari della sicurezza iraniana avrebbero contribuito a pianificare l’attacco di Hamas contro Israele di sabato e avrebbero dato il via libera all’operazione “Inondazione di Al-Aqsa” durante una riunione a Beirut lunedì. Poche ore dopo la pubblicazione di questo articolo, la missione iraniana presso le Nazioni Unite ha dichiarato domenica sera che Teheran non era coinvolta nell’attacco. Dettagli qui

07:31 ora di Beirut
Sempre lunedì mattina, oltre ai bombardamenti su Gaza, Haaretz ha riferito che dopo cinque ore di calma da parte israeliana, sono ripresi i lanci di razzi dalla Striscia di Gaza.

07:29 ora di Beirut
A Gaza continuano i bombardamenti. Domenica il portavoce dell’esercito israeliano ha dichiarato che dall’inizio dell’offensiva di Hamas sono stati bombardati 800 obiettivi nella Striscia di Gaza.

07:28 Ora di Beirut
Cercando di riprendere il controllo, le forze israeliane continuano a dare la caccia ai membri di Hamas nel sud di Israele, dove sono stati ammassati 100.000 riservisti, secondo un portavoce dell’esercito.

07:27 Ora di Beirut
L’esercito israeliano sta cercando di salvare gli ostaggi israeliani ancora a Gaza e di evacuare tutti gli abitanti della regione, mentre il prezzo del petrolio è salito lunedì. Domenica sera, un funzionario di Hamas avrebbe avanzato la cifra di un centinaio di ostaggi nelle mani del movimento a Gaza. In precedenza, un funzionario della Jihad islamica aveva affermato che il suo movimento deteneva trenta ostaggi a Gaza.

07:26 Ora di Beirut
Da sabato i combattimenti hanno causato più di 1.100 morti da entrambe le parti.

07:26 Ora di Beirut
Decine di migliaia di soldati israeliani hanno continuato il loro dispiegamento nelle regioni desertiche vicino alla Striscia di Gaza lunedì nel tentativo di riprendere il controllo dai combattenti di Hamas, nel terzo giorno degli scontri più mortali sul territorio israeliano dalla sua creazione.

07:26 Ora di Beirut
Salve,

Siamo tornati con la nostra copertura in diretta della guerra tra Hamas e Israele.

 

 

 

ore 03:18 di Roma

L’IDF annuncia la mobilitazione di 100.000 soldati per la prossima operazione di terra volta a smilitarizzare Hamas e a rimuoverlo dal potere a Gaza.

 

ore 03:12 di Roma

Il bilancio dei morti americani uccisi durante il recente attacco di Hamas in Israele è salito a 4 e i funzionari statunitensi hanno dichiarato di aspettarsi che il numero continui a salire nei prossimi giorni e settimane.

 

ore 02:19 di Roma

Mentre il mondo è in fiamme, musica ad alto volume alla Casa Bianca questa sera, il Presidente Biden e la First Lady Jill Biden ospitano un barbecue per il personale della Residenza Esecutiva della Casa Bianca e le loro famiglie.

President Biden: Turning Your Back on Your Granddaughter Is Inexcusable | Opinion

Image

 

ore 02:19 di Roma

“L’USCENTCOM è fermamente al fianco dei nostri partner israeliani e regionali per affrontare i rischi di qualsiasi parte che cerchi di espandere il conflitto”, ha dichiarato il generale Michael “Erik” Kurilla, Comandante del Comando Centrale degli Stati Uniti.

https://www.centcom.mil/MEDIA/PRESS-RELEASES/Press-Release-View/Article/3551728/us-moves-carrier-strike-group-to-eastern-mediterranean/

 

Image

ore 02:13 di Roma

Autostrada della morte. Questo è il luogo del festival musicale all’aperto che Hamas ha attaccato massacrando decine di civili in Israele.

 

ore 02:00 di Roma

42 ore dall’inizio Operazione Swords of Iron (Spade di Ferro)

Questi sono i numeri.

Questa è la realtà di Israele in questo momento.

Image

 

https://x.com/IDF/status/1711133993364521334?s=20

 

ore 01:45 di Roma

Nei prossimi giorni l’aeronautica statunitense schiererà in Medio Oriente altri 20-25 caccia multiruolo F-15 e F-35, con l’obiettivo di impedire che la guerra in Israele si estenda al resto del Medio Oriente e di fungere da deterrente contro qualsiasi tipo di interferenza o aggressione iraniana.
Sul sentiero di guerra contro l’Iran….

Iran claims to detect F-35s over the Persian Gulf. Here's why it could be true | Sandboxx

 

 

 

ore 01:33 di Roma

Il deputato repubblicano del Texas neocon Dan Crenshaw: “La guerra che porrà fine alle guerre” 

È quello che dissero le banche e il complesso militare industriale a proposito della prima guerra mondiale.

Image

 

ore 01:22 di Roma

Il senatore statunitense Graham: se Hezbollah interviene, Israele e Stati Uniti dovrebbero attaccare le infrastrutture petrolifere iraniane

“Un attacco di Hezbollah e di altri satelliti iraniani avrebbe conseguenze devastanti per i sistemi di difesa di Israele. Se si verificasse un tale attacco, Israele e gli Stati Uniti dovrebbero attaccare le raffinerie e le infrastrutture petrolifere iraniane, che sono la linfa vitale dell’economia iraniana”, ha dichiarato Graham.

 

ore 01:00 di Roma

Il generale David Zini si è scontrato con molti terroristi nell’area della Freccia Nera. Tutti sono stati eliminati.

 

ore 00:55 di Roma

“Anche dopo 4 miliardi di dollari di aiuti militari americani all’anno, Israele ha bisogno di un intero gruppo da battaglia di portaerei statunitensi per proteggersi da bande di guerriglieri che irrompono da un ghetto assediato con armi fatte in casa. Una dimostrazione di forza che denota debolezza e vulnerabilità.” Max Blumenthal

 

ore 00:40 di Roma

Secondo le prime notizie, l’aviazione israeliana sta conducendo attacchi aerei con “Bunker Busters” contro le reti di tunnel di Hamas vicino al quartiere di Al-Atatra, nella zona nord-occidentale di Gaza.

 

ore 23:26 di Roma

Il presidente turco Erdogan: “Avverto l’America di stare alla larga, difenderemo la Palestina ad ogni costo”.

 

ore 23:30 di Roma

“L’Iran ha aiutato a pianificare l’attacco a Israele per diverse settimane.” Wall Sreet Journal

Image

ore 23:26 di Roma

Hamas sta cercando di colpire l’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv.

Questo avviene mentre due C-130 dell’aviazione polacca sono in fase di avvicinamento finale.

Oltre 150 razzi lanciati dalla Striscia di Gaza; le batterie Iron Dome stanno cercando di intercettare il maggior numero possibile di razzi.

 

ore 22:49 di Roma

Hamas ha pubblicato un video del loro quartier generale. Appare una dimostrazione di quanto siano moderni.

ore 22:10 di Roma

I civili israeliani salutano i combattenti dell’IDF, che presumibilmente parteciperanno all’operazione di terra a Gaza.

ore 21:53 di Roma

L’unità Shayetet 13 della Marina israeliana ha catturato Muhammad Abu Ghali.
Era il vice comandante della forza navale di Hamas.

 

ore 21:30 di Roma

Il rappresentante palestinese all’ONU critica l’Occidente:

“Non si può dire che nulla giustifica l’uccisione degli israeliani e poi fornire una giustificazione per l’uccisione dei palestinesi, non siamo subumani, ripeto, non siamo subumani. Non accetteremo mai una retorica che denigra la nostra umanità e rinnega i nostri diritti, una retorica che ignora l’occupazione della nostra terra e l’oppressione del nostro popolo”.

 

ore 21:30 di Roma

Un alto funzionario della Difesa statunitense ha dichiarato di ritenere probabile l’inizio di un’invasione terrestre israeliana della Striscia di Gaza nelle prossime 48-72 ore.

 

ore 18:09 di Roma

È confermato: La Marina statunitense sposterà nei prossimi giorni il Carrier Strike Group 12 nel Mediterraneo in una massiccia dimostrazione di sostegno a Israele.

https://pbs.twimg.com/media/F77p51JbwAAzAKN?format=jpg&name=small

https://www.c2f.usff.navy.mil/csg12/

 

ore 18:05 di Roma

L’esercito statunitense sposta una portaerei vicino a Israele per dimostrare il sostegno di Washington. Dovrebbe essere la Gerald Ford.

Image

Image

ore 18:00 di Roma

“Una delle cose più speranzose che ho scoperto è che quasi tutte le guerre che sono iniziate negli ultimi 50 anni sono state il risultato delle bugie dei media”…

~ Julian Assange

 

ore 17:49 di Roma

Haaretz riferisce che ci sono ritardi e problemi nella catena di approvvigionamento dei supermercati. Sembra che gli israeliani si stiano rifornendo di beni di prima necessità

 

ore 17:45 di Roma

Scontri armati tra palestinesi e forze israeliane ad Abu Dis, città orientale di Gerusalemme.

 

ore 17:40 di Roma

L’esercito degli Stati Uniti sta pianificando di spostare le navi e gli aerei militari statunitensi più vicini a Israele come dimostrazione di sostegno – NBC News

 

ore 16:17 di Roma

da Atlantico e Andrew Korybko

RIPERCUSSIONI E RISPOSTE

Israele: cosa c’è dietro lo scoppio della guerra di Simhat Torah (e gli tsunami che sta preparando)

Sabato 7 ottobre 2023, Israele è stato attaccato da Hamas. Sono stati lanciati migliaia di razzi e i combattenti si sono infiltrati nel territorio. Hanno preso in ostaggio diversi civili. I combattimenti continuano anche questa domenica.

Dov Zerah

Israele: cosa c’è dietro lo scoppio della guerra di Simhat Torah (e lo tsunami che sta preparando)

con Dov Zerah

Atlantico: Il 7 ottobre 2023, Israele ha subito attacchi che hanno avuto un terribile bilancio umano. Uno shock storico pari all’11 settembre 2001 o alla guerra dello Yom Kippur del 1973. Come possiamo comprendere questi attacchi? Come si inseriscono questi attacchi in un contesto internazionale molto più ampio di quello che sta accadendo a Gaza o in Cisgiordania?

Dov Zerah: Lanciando un’operazione su vasta scala per terra, per mare e per aria, HAMAS persegue diversi obiettivi:

Recuperare i propri prigionieri dalle carceri israeliane. Al di là di questo obiettivo ufficiale dichiarato, è possibile individuare diversi obiettivi nascosti.

Silurare la prospettiva di un accordo tra Israele e Arabia Saudita. La reazione iniziale del principe ereditario Mohammed ben Salmane, che ha condannato Israele, suggerisce che l’accordo potrebbe essere messo in discussione. Tuttavia, è probabile che si tratti di una dichiarazione di circostanza, dato l’interesse vitale della Mecca per l’accordo.

Approfittando della situazione interna fratturata in Israele con la questione della riforma giudiziaria; da un anno a questa parte, gli scambi tra politici e cittadini israeliani sono stati violenti, le manifestazioni hanno riunito decine di migliaia di persone… e, come se non bastasse, i volontari si sono rifiutati di scontare i loro periodi di riserva… Queste divisioni sono state probabilmente interpretate come un segno di debolezza. Tuttavia, non appena sono stati lanciati i primi allarmi, tutti i riservisti si sono recati nei loro centri e un gran numero di cittadini si è recato negli ospedali per donare il sangue… Tutta la società si è mobilitata.

Cogliere l’opportunità offerta dai segnali di debolezza dell’Occidente: l’impeachment del Presidente del Congresso degli Stati Uniti, la messa in discussione degli aiuti all’Ucraina sia in Europa che negli Stati Uniti, l’invasione azera del Nagorno-Karabakh, le tensioni in Kosovo… La concomitanza di tutti questi eventi fa pensare a una volontà coordinata di Putin, Erdogan e Khamenei di segnare punti, di sconvolgere le frontiere…

commemorare la guerra dello Yom Kippur, iniziata il 6 ottobre 1973, con un giorno di anticipo per operare lo Shabbat e approfittare del giorno libero e dell’assenza dei militari dalle loro basi.

Per la prima volta in diversi decenni, la parola guerra fu usata da Benjamin Netanyahu. Israele è stato fratturato sia politicamente che umanamente dalla formazione del governo Netanyahu. Quale impatto politico interno possiamo aspettarci? Quali conseguenze a breve termine possiamo aspettarci?

Questa guerra avrà conseguenze importanti per Israele nel breve e medio termine. Possiamo persino aspettarci un vero e proprio tsunami.

Le incredibili mancanze dei servizi segreti porteranno inevitabilmente alla creazione di una commissione d’inchiesta, come dopo la guerra dello Yom Kippur. Senza parlare dell’affare LAVON, ogni volta che Israele ha dovuto affrontare una crisi di questo tipo, ci sono state conseguenze politiche. Si comincia a parlare delle difficoltà del Capo di Stato Maggiore a incontrare il Primo Ministro.

La prospettiva di un governo di unità nazionale è stata sollevata sia da Benjamin Netanyahu che da Yair Lapid.

In attesa di questo possibile sviluppo politico, per il momento ci si preoccupa di mettere in sicurezza tutte le località occupate dai terroristi di HAMAS, di ripristinare la barriera di sicurezza e di reagire… Naturalmente, gli ostaggi civili e militari saranno al centro dell’attenzione, anche se è improbabile che vengano recuperati a meno che non vengano rilasciati tutti i prigionieri palestinesi, il che creerebbe una vera e propria bomba a orologeria.

La reazione sarà violenta, perché Israele deve ottenere una vittoria chiara e lampante per scoraggiare qualsiasi nuova iniziativa di questo tipo. Sarà totalmente diversa da quelle viste negli ultimi dieci anni circa, cioè una sorta di “gioco del gatto e del topo”, con attacchi missilistici intercettati da “Iron Dome” a cui Israele rispondeva bombardando ed evitando di inviare truppe a Gaza. Ieri sera, alla televisione israeliana, qualcuno non ha esitato a dire: “Smettiamola di parlare occidentale. Parliamo in arabo”.

È ancora troppo presto per dire se il Governo si porrà l’obiettivo di eliminare i leader di HAMAS. La risposta dovrà trovare un equilibrio tra il tentativo di recuperare gli ostaggi il più rapidamente possibile e il prendersi il tempo necessario per evitare una conflagrazione nel Nord con Hezbollah, a Gerusalemme o addirittura nelle città arabe israeliane…

Di fronte alla sorpresa rappresentata da questa offensiva di HAMAS, possiamo dire che gli israeliani si sono addormentati sugli allori della loro certezza di superiorità militare? O forse i dubbi del Paese sulla propria natura dopo l’ascesa dell’estrema destra – come abbiamo visto con il ritiro di alcuni riservisti, ad esempio – hanno indebolito le strutture stesse dello Stato?

Sì, come nel 1973, gli israeliani hanno sbagliato a confidare troppo nell’Iron Dome (che, come tutti sappiamo, può essere saturato dal lancio simultaneo di un gran numero di razzi) e nella forza della barriera di sicurezza (nonostante il fatto che sia la barriera che separa Israele da Gaza sia quella a est mostrassero crepe da diversi mesi).

Molto probabilmente, la situazione politica ha indebolito le strutture statali, ma l’apparenza del pericolo sembra cancellare momentaneamente le differenze e le opposizioni.

Pensa che anche i palestinesi della Cisgiordania si sentiranno in guerra? E gli arabi israeliani? Il 7 ottobre 2023 ha il potenziale per andare molto oltre nel crescente confronto tra democrazie occidentali e regimi autoritari?

Un’estensione del conflitto a Hezbollah è possibile e potrebbe portare a un confronto con l’Iran. È molto probabile che HAMAS abbia ricevuto supporto logistico e tecnico da Hezbollah e dall’Iran (alcuni suggeriscono un attacco informatico che ha paralizzato le comunicazioni e spiega alcuni dei fallimenti). Questo potrebbe portare lo Stato ebraico di Israele a cogliere l’opportunità di colpire i siti nucleari iraniani… In questo scenario, si aprirebbe il vaso di Pandora e il Medio Oriente sarebbe collegato a tutti i conflitti esistenti o potenziali in Europa e Asia.

https://atlantico.fr/article/decryptage/israel-ce-qui-se-cache-derriere-le-declenchement-de-la-guerre-de-simhat-torah-et-les-tsunamis-qu-elle-prepare-israel-hamas-guerre-palestine-dov-zerah?utm_source=sendinblue&utm_campaign=Isral_:%20Ce%20qui%20se%20cache%20derri%C3%A8re%20le%20d%C3%A9clenchement%20de%20la%20guerre%20de%20Simhat%20Torah%20(et%20les%20tsunamis%20qu%E2%80%99elle%20pr%C3%A9pare)&utm_medium=email

Interpretare la reazione ufficiale della Russia all’ultima guerra tra Israele e Hamas

ANDREW KORYBKO

8 OTT 2023

Lungi dall’essere a favore della Palestina, come molti media alternativi pensano erroneamente, la Russia ritiene di essere responsabile di tutto quanto Israele.

La portavoce del Ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha rilasciato sabato la seguente dichiarazione in risposta all’ultima guerra tra Israele e Hamas, scoppiata dopo l’attacco furtivo su larga scala del gruppo:

“La Russia è gravemente preoccupata per la forte escalation del conflitto israelo-palestinese.

A questo proposito, vorremmo riaffermare la nostra posizione di principio e coerente sul fatto che questo conflitto, che continua da 75 anni, non può essere risolto con la forza e può essere risolto esclusivamente con mezzi politici e diplomatici, impegnandosi in un processo negoziale completo basato sul noto quadro giuridico internazionale che prevede la creazione di uno Stato palestinese indipendente all’interno dei confini del 1967 con capitale a Gerusalemme Est che coesista con Israele in pace e sicurezza.

Consideriamo l’attuale escalation su larga scala come un’altra manifestazione estremamente pericolosa di un circolo vizioso di violenza derivante dalla cronica inosservanza delle relative risoluzioni dell’ONU e del suo Consiglio di Sicurezza e dal blocco da parte dell’Occidente del lavoro del Quartetto di mediatori internazionali per il Medio Oriente composto da Russia, Stati Uniti, UE e ONU.

Chiediamo alle parti palestinese e israeliana di attuare un cessate il fuoco immediato, di rinunciare alla violenza, di esercitare la moderazione e di avviare, con l’assistenza della comunità internazionale, un processo negoziale volto a stabilire una pace globale, duratura e a lungo attesa in Medio Oriente”.

Pur essendo conciso, rivela comunque molto sull’approccio della Russia a questo conflitto, che potrebbe sorprendere molti membri della comunità Alt-Media (AMC) che pensavano erroneamente che favorisse la Palestina.

Per cominciare, è importante sottolineare che la Zakharova ha sottolineato la coerenza della posizione del suo Paese, che è la creazione pacifica di uno Stato palestinese indipendente in linea con il diritto internazionale. Il secondo dettaglio è che prevede la coesistenza di entrambi gli Stati in pace e sicurezza. Leggendo tra le righe, la Russia implica che la Palestina non dovrebbe rappresentare alcuna minaccia credibile per la sicurezza di Israele che possa indurre quest’ultimo a intraprendere un’azione militare, anche preventiva.

Pochi tra i membri dell’AMC ne sono consapevoli, ma il Presidente Putin sostiene con forza il diritto di Israele a difendersi, soprattutto da ciò che la sua leadership considera terrorismo, ma che i sostenitori della Palestina considerano mezzi legittimi per perseguire la liberazione nazionale dopo decenni di occupazione. Questo articolo ha raccolto decine di dichiarazioni del leader russo su Israele, tratte dal sito ufficiale del Cremlino tra il 2000 e il 2018, per dimostrare quanto sia appassionato il suo pensiero in merito.

Aggiunge un contesto al resto della dichiarazione riguardante il “circolo vizioso della violenza” e la conseguente richiesta di “attuare un cessate il fuoco immediato”, la cui formulazione è stata criticata dai sostenitori della Palestina in quanto attribuisce la stessa colpa alla loro parte ogni volta che scoppiano gli scontri, ogni volta che qualcuno lo dice. Chi ha letto l’articolo sopra citato, tuttavia, apprenderà che il massimo responsabile politico russo non ha assolutamente simpatia per i mezzi controversi con cui alcuni palestinesi hanno cercato l’indipendenza.

Il Presidente Putin ritiene che la loro lotta debba rimanere pacifica, ma se la violenza è inevitabile, entrambe le parti devono rispettare il diritto internazionale. Uccidere e rapire coloni-civili disarmati, in particolare bambini, è a suo avviso inaccettabile. Lo considera terrorismo e ritiene che abbia giocato un ruolo nel perpetuare il conflitto. Questo non vuol dire che Israele sia innocente, ma solo che la Russia non potrà mai avallare queste tattiche dopo che sono state utilizzate contro di lei negli anni ’90-2000.

Nonostante alcuni palestinesi abbiano commesso quelli che il Presidente Putin considera sinceramente attacchi terroristici, il governo russo non pensa che questo screditi la loro causa di liberazione nazionale. Questi crimini non definiscono il movimento e, sebbene non possano mai essere giustificati dal punto di vista del Cremlino, si può sostenere che siano in parte il risultato della disperazione di queste persone. Questo spiega perché la Russia chiede regolarmente a Israele di attuare le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per alleviare le loro sofferenze.

Il rifiuto di Israele di farlo aggrava la disperazione dei palestinesi, creando terreno fertile per alcuni che sfruttano la loro situazione reclutandoli per compiere attacchi terroristici, alimentando così il “circolo vizioso della violenza” che Israele sfrutta come scusa per non attuare quelle stesse risoluzioni. I lettori hanno il diritto di dare la propria interpretazione degli eventi, ma quella precedente riassume la posizione della Russia e mostra perché ritiene che entrambe le parti siano colpevoli ogni volta che scoppia la violenza.

L’AMC è stata ingannata sulla posizione della Russia nei confronti del conflitto israelo-palestinese da influencer guidati da un’agenda che hanno mentito per anni su questo punto per generare peso, spingere un’ideologia e/o sollecitare donazioni. Lungi dall’essere a favore della Palestina, come molte di queste persone pensano erroneamente, la Russia ritiene di essere responsabile di tutto tanto quanto Israele. Per questo ha nuovamente invitato entrambe le parti “a implementare un cessate il fuoco immediato, a rinunciare alla violenza e a esercitare la moderazione”, non solo Israele.

https://korybko.substack.com/p/interpreting-russias-official-reaction?utm_source=post-email-title&publication_id=835783&post_id=137774767&utm_campaign=email-post-title&isFreemail=true&r=9fiuo&utm_medium=email

16:09 ora di Beirut

Salah Hijazi, giornalista politico de L’Orient-Le Jour, analizza il discorso di Hezbollah durante la manifestazione tenutasi nel primo pomeriggio nella periferia sud di Beirut:

Il presidente del Consiglio esecutivo di Hezbollah, Hachem Safieddine, ha dichiarato che il suo partito ha “inviato un messaggio al nemico questa mattina a Kfarchouba”. Questa dichiarazione del probabile successore dell’attuale Segretario Generale, Hassan Nasrallah, arriva mentre domenica mattina si è verificato uno scambio di fuoco su entrambi i lati della Linea Blu tra il gruppo e l’esercito israeliano, nella regione contesa delle fattorie di Shebaa e delle colline di Kfarchouba.

“Abbiamo il diritto di attaccare l’occupante della nostra terra, e questo è un messaggio che gli israeliani devono prendere sul serio”, ha aggiunto in questa manifestazione a sostegno dei palestinesi, 24 ore dopo l’inizio dei combattimenti tra Hamas e Israele. Se oltrepassate la linea, la Nazione (musulmana) si abbatterà su di voi”, ha minacciato. Queste parole sembrano indicare che, nonostante i bombardamenti di questa mattina, Hezbollah non ha alcuna intenzione di intensificare il conflitto a meno che Israele non superi determinate linee rosse.

Con Tel Aviv che minaccia la Striscia di Gaza con una sanguinosa operazione di terra, questo spingerà il partito filo-iraniano verso un attacco frontale?

16:05 ora di Beirut

Bilancio provvisorio delle vittime a Gaza, in Israele, Egitto e Libano, secondo le informazioni disponibili intorno alle 16:00:

– Da parte israeliana, più di 600 morti e più di 2.000 feriti, secondo un bilancio ufficiale provvisorio.

– Da parte palestinese, il Ministero della Sanità ha confermato almeno 313 morti e 1.990 feriti.

– In Egitto, due turisti israeliani e la loro guida egiziana sono stati uccisi domenica da un poliziotto ad Alessandria, secondo i media locali.

– In Libano, due bambini di 5 e 2 anni sono stati feriti da schegge di vetro nella città di Kfarchouba e sono stati ricoverati in ospedale, secondo il nostro corrispondente.

15:48 ora di Beirut

Il presidente iraniano Ebrahim Raissi ha avuto domenica colloqui telefonici separati con i leader dei movimenti armati palestinesi Hamas e Jihad islamica, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa ufficiale iraniana Irna, riporta AFP.

“Il presidente Raissi ha parlato al telefono con il segretario generale della Jihad, Ziad al-Nakhala, sugli sviluppi in Palestina”, e poi con “il capo dell’ufficio politico del movimento di resistenza islamica Hamas, Ismail Haniyeh”, ha detto l’Irna.

15:48 ora di Beirut

Il presidente iraniano Ebrahim Raissi ha avuto domenica colloqui telefonici separati con i leader dei movimenti armati palestinesi Hamas e Jihad islamica, secondo quanto riportato dall’agenzia ufficiale iraniana Irna, AFP.

“Il presidente Raissi ha parlato al telefono con il segretario generale della Jihad, Ziad al-Nakhala, sugli sviluppi in Palestina”, e poi con “il capo dell’ufficio politico del movimento di resistenza islamica Hamas, Ismail Haniyeh”, ha detto l’Irna.

15:44 ora di Beirut

24 ore dopo l’inizio degli attacchi di Hamas contro Israele, anche Hezbollah ha attaccato lo Stato ebraico nelle prime ore di domenica 8 ottobre. Le immagini.

15:38 heure de Beyrouth

Foto: Soldati libanesi di guardia nel villaggio di Khiam, al confine con Israele, questo pomeriggio. Foto REUTERS/Aziz Taher

15:29 ora di Beirut

Il gabinetto di sicurezza israeliano ha votato sabato sera per dichiarare ufficialmente il Paese in guerra e consentirgli di svolgere “attività militari significative”, ha annunciato l’ufficio del Primo Ministro Benjamin Netanyahu, citato dai media israeliani.

La dichiarazione sarà sottoposta all’approvazione della Commissione Affari Esteri e Difesa della Knesset, il parlamento israeliano, lunedì.

15:22 Ora di Beirut

URGENTE: Almeno un proiettile israeliano ha colpito la città di Khraibe, nel sud del Libano, hanno confermato a L’Orient-Le Jour una portavoce di Hezbollah e diversi residenti locali. Al momento non sono disponibili ulteriori informazioni.

15:06 ora di Beirut

Secondo i media israeliani, il bilancio provvisorio delle vittime da parte israeliana ha raggiunto le 600 unità.

15:04 Ora di Beirut

“La nostra storia, le nostre armi e i nostri razzi sono con voi. Tutto ciò che abbiamo è con voi”, ha dichiarato lo sceicco Hachem Safieddine, presidente del Consiglio esecutivo di Hezbollah, durante una manifestazione in solidarietà con i combattenti palestinesi.

15:04 ora di Beirut

Testimonianze dalla manifestazione nella periferia sud di Beirut:

Durante la manifestazione a sostegno dell’offensiva di Hamas in Israele, organizzata davanti alla moschea di Al-Qaem, nella periferia sud di Beirut, una manifestante, Walida Osman, ha parlato con il nostro inviato speciale sul posto, Richard Salamé.

“Siamo qui perché il popolo di Gaza è oppresso da Israele. La Terra Santa è importante per noi. Ci aspettavamo un’operazione come questa”, ha detto Walida Osman.

“Non hanno ancora visto nulla, scopriranno cosa è capace di fare la resistenza islamica [Hezbollah e i suoi alleati]”, ha aggiunto l’amico di Walida Osman, che ha voluto rimanere anonimo. “Noi non siamo terroristi. Sono gli Stati Uniti, che sfruttano il gas e le risorse della regione, e la loro “figlia” Israele, ad essere terroristi”, ha concluso.

14:45 ora di Beirut

Durante la manifestazione organizzata davanti alla moschea Al-Qaem, nella periferia sud di Beirut, il presidente del Consiglio esecutivo di Hezbollah, Hachem Safieddine, ha affermato che le armi utilizzate dall’ala armata di Hamas – “razzi e artiglieria” – e la strategia di “infiltrazione” messa in atto, dimostrano il livello avanzato delle loro truppe in campo militare. Questi commenti sono stati riportati dal nostro inviato speciale sul posto, Richard Salamé.

“(Il primo ministro israeliano Benjamin) Netanyahu pensava che le sue decisioni radicali gli permettessero di fare ciò che voleva a Gerusalemme, alla Moschea di Al-Aqsa o in Cisgiordania (…) Ma la risposta è arrivata sotto forma di tornado”, ha scandito il leader del partito sciita.

“La risposta è che Gerusalemme ha i suoi protettori e al-Aqsa ha i suoi uomini, e che la resistenza può riservare molte sorprese, dure e forti, di fronte alle aggressioni degli ultimi mesi e anni”, ha aggiunto.

14:40 ora di Beirut

Immagine: una folla si è radunata davanti alla moschea di Al-Qaem, nella periferia meridionale di Beirut, esponendo bandiere di Hezbollah, palestinesi e libanesi questo pomeriggio.

(Foto João Sousa)

14:29 ora di Beirut

Per maggiori informazioni sull’attentato in Egitto che ha causato tre morti, due turisti israeliani e la loro guida egiziana, clicca qui.

14:24 ora di Beirut

Bilancio provvisorio delle vittime: le televisioni israeliane parlano di oltre 400 morti e più di 2.000 feriti da parte israeliana.

14:09 ora di Beirut

Aggiornamento sulla situazione nel sud di Israele, in base alle informazioni diffuse dai media israeliani:

– Continuano gli scontri sul terreno tra le forze armate israeliane e i combattenti palestinesi che si sono infiltrati in diverse località. Secondo l’esercito israeliano, i combattenti palestinesi si sono recentemente infiltrati nel kibbutz Magen.

– Diversi edifici sono stati colpiti da razzi lanciati contro la città di Sderot e quattro residenti sono rimasti feriti.

– Alcuni residenti dell’area vicino al confine con Gaza sono ancora sotto assedio e in attesa di aiuto da parte delle forze israeliane.

– Secondo l’esercito israeliano, diversi kibbutz sono stati evacuati nella zona di confine con Gaza. In precedenza, l’esercito israeliano aveva dichiarato che avrebbe evacuato tutti gli abitanti delle città vicine al confine con Gaza.

14:06 ora di Beirut

Mentre diverse compagnie aeree hanno cancellato i voli per l’aeroporto internazionale di Tel Aviv da sabato, a causa degli scontri tra l’ala armata di Hamas e l’esercito israeliano, il traffico verso l’aeroporto internazionale di Beirut non è stato per il momento influenzato, nonostante lo scambio di colpi di artiglieria su entrambi i lati del confine tra Libano e Israele. Lo hanno confermato a L’Orient-Le Jour una fonte dell’Autorità libanese per l’aviazione civile e Jean Abboud, presidente dell’Unione delle associazioni di viaggio e turismo in Libano.

“Non abbiamo ricevuto alcuna richiesta da parte delle compagnie aeree di cancellare i voli per Beirut”, ha dichiarato la fonte dell’Autorità per l’aviazione civile. Jean Abboud ha detto che le agenzie di viaggio aspetteranno fino a lunedì per valutare l’impatto degli eventi attuali sulle prenotazioni dei viaggiatori.

Un altro tour operator, che opera in Germania e che desidera rimanere anonimo, ha dichiarato che alcune compagnie aeree stanno seguendo da vicino gli eventi e sono pronte a reagire.

13:45 ora di Beirut

L’esercito israeliano annuncia i nomi di altri 18 soldati uccisi.

All’inizio della mattinata, l’esercito aveva già rivelato i nomi di 26 soldati uccisi negli scontri.

13:39 Ora di Beirut

La polizia di Londra ha aumentato le pattuglie in alcune aree della capitale britannica domenica dopo “incidenti” legati alla guerra tra Israele e Hamas. Secondo l’AFP, il Ministro degli Interni ha chiesto “tolleranza zero” contro “la glorificazione del terrorismo”.

13:38 Ora di Beirut

Secondo il nostro corrispondente nel sud del Libano, Mountasser Abdallah, il direttore dell’ospedale governativo di Marjeyoun ha confermato il ricovero di due bambini, uno di 5 e uno di 2 anni, feriti da schegge di vetro nella località di Kfarchouba, vicino alla quale sono caduti i proiettili dell’artiglieria israeliana durante lo scambio di fuoco di questa mattina con Hezbollah al confine meridionale.

Sempre secondo il nostro corrispondente, diversi residenti della stessa località hanno confermato che tre granate sono cadute in questa regione nella tarda mattinata, molto tempo dopo la fine dello scambio di fuoco di questa mattina tra le due parti. Contattata, l’UNIFIL non ha ancora fornito alcuna informazione su questo incidente.

13:34 Ora di Beirut

Air France sospende i voli verso Israele in seguito allo scoppio della guerra con Gaza.

13:24 Ora di Beirut

In risposta alla guerra tra Israele e Hamas, Papa Francesco ha chiesto la fine degli attacchi e della violenza, affermando che il terrorismo e la guerra non risolvono nulla, secondo quanto riportato da AFP e Reuters.

13:20 Ora di Beirut

Secondo il nostro inviato speciale Richard Salamé, circa 500 persone si sono radunate davanti alla moschea di Al-Qaem, nella periferia meridionale di Beirut, sventolando bandiere di Hezbollah, palestinesi e libanesi.

13:14 ora di Beirut

Aggiornamento: il Ministro degli Esteri israeliano ha confermato che due turisti israeliani e la loro guida egiziana sono stati uccisi domenica ad Alessandria d’Egitto.

13:13 Ora di Beirut

In un comunicato pubblicato attraverso i suoi canali ufficiali, il braccio armato di Hamas ha affermato che “cinque imbarcazioni che trasportavano combattenti del commando navale Qassami” sono approdate “con successo” sulla costa della città di Ashkelon, nel nord della Striscia di Gaza, nell’ambito dell’operazione “Inondazione di Al Aqsa”.

Secondo la stessa dichiarazione, le truppe sbarcate sono riuscite a prendere il controllo di diverse aree della città e “hanno inflitto pesanti perdite al nemico” e stanno attualmente continuando la loro operazione.

Un’ora prima, il portavoce dell’ala armata di Hamas, Abu Obeida, ha dichiarato che il movimento ha “ricostituito le (sue) forze nei territori israeliani” ed è “riuscito a fornire aiuti” ai soldati che combattono sul terreno.

13:04 ora di Beirut

Foto: Donne in lacrime al funerale dei membri della famiglia Abu Qutah, uccisi da un attacco israeliano, l’8 ottobre 2023 a Rafah, nella Striscia di Gaza. Foto SAID KHATIB/AFP

12:40 ora di Beirut

Secondo il canale al-Jazeera, l’artiglieria israeliana ha iniziato a bombardare “le spiagge della Striscia di Gaza”.

12:38 ora di Beirut

Aggiornamento: due fonti della sicurezza egiziana hanno riferito a Reuters che due turisti israeliani e un egiziano sono stati uccisi domenica ad Alessandria. Un poliziotto sospettato di aver effettuato la sparatoria, nel quartiere Sawari della città egiziana, è stato preso in custodia, hanno detto le stesse fonti.

12:38 ora di Beirut

Poliziotti israeliani a terra a Sderot l’8 ottobre 2023 dopo un attacco missilistico palestinese da Gaza. Foto JACK GUEZ / AFP

12:13 ora di Beirut

Informazioni in sviluppo: secondo i media arabi, tra cui Al-Arabiya, due turisti israeliani sono stati uccisi ad Alessandria d’Egitto. Questa informazione non è stata confermata da fonti ufficiali. RT Arabic riferisce che uno o due turisti israeliani potrebbero essere stati uccisi dagli spari della polizia.

12:10 ora di Beirut

L’esercito israeliano afferma di aver sparato contro dei sospetti nel sito di una tenda di Hezbollah nel sud del Libano.

12:06 ora di Beirut

L’Autorità Palestinese ha presentato domenica un memorandum che chiede una riunione d’emergenza della Lega Araba a livello di ministri degli Esteri, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa palestinese WAFA.

La richiesta di riunione arriva alla luce della “continua e brutale aggressione israeliana contro il popolo palestinese, compresa l’escalation dell’assalto alla Moschea di Al-Aqsa da parte di migliaia di coloni”, ha dichiarato l’ambasciatore della Lega Araba Muhannad al-Aklouk, citato da WAFA.

12:06 ora di Beirut

Le autorità della città di Kiryat Shmona, vicino al confine israelo-libanese, stanno consigliando ai residenti di evacuare la città per diversi giorni. Si tratta solo di una raccomandazione.

11:57 ora di Beirut

Se ve lo siete perso ieri, vi invitiamo a leggere l’approfondimento del nostro direttore Anthony Samrani: Perché l’attacco di Hamas a Israele potrebbe cambiare le carte in tavola nella regione.

11:56 ora di Beirut

Il bilancio provvisorio delle vittime è di quasi 12.00:

Parte israeliana: secondo diversi media israeliani e stranieri, tra cui Channel 12, il bilancio delle vittime è di “almeno 350” e più di 1.864 feriti.

Parte palestinese: il Ministero della Sanità pubblica palestinese ha confermato 313 morti e 1.990 feriti.

11:43 ora di Beirut

Il canale televisivo Al Mayadeen ha annunciato che Hezbollah ha eretto una nuova tenda sul sito che Israele ha attaccato in risposta ai colpi di mortaio sparati dal partito sciita dal Libano verso il Monte Dov.

11:38 ora di Beirut

Immagine: Palestinesi cercano questa mattina i sopravvissuti tra le macerie di un edificio a Khan Younis, Gaza, bersaglio di un attacco israeliano. Foto REUTERS/Ibraheem Abu Mustafa

10:30 ora di Beirut

Immagine: fumo da Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, dopo un attacco israeliano questa mattina presto. Foto Menahem KAHANA/AFP

10:25 ora di Beirut

I soldati israeliani sono in missione per 24 ore per evacuare tutti gli abitanti delle aree israeliane intorno alla Striscia di Gaza, dove sono in corso “eroiche battaglie per liberare gli ostaggi”, ha dichiarato domenica il portavoce dell’esercito israeliano Daniel Hagari.

“La nostra missione per le prossime 24 ore è di evacuare tutti i residenti intorno a Gaza”, ha dichiarato il generale Daniel Hagari in una conferenza stampa il giorno dopo che Hamas palestinese ha lanciato un’offensiva contro Israele. “Decine di migliaia di soldati combattenti” sono dispiegati in quest’area, “e raggiungeremo ogni settore uno per uno finché non avremo ucciso tutti i terroristi in Israele”, ha assicurato.

10:22 ora di Beirut

Immagine: Una donna e un soldato israeliano, l’8 ottobre, davanti a una stazione di polizia israeliana in una località non specificata, danneggiata durante i combattimenti con i militanti di Hamas infiltrati. Foto Menahem KAHANA/AFP

10:08 ora di Beirut

Il braccio armato di Hamas ha dichiarato che i suoi combattenti sono impegnati in “7” fronti nella zona lungo il confine tra la Striscia di Gaza e Israele: Ofakim, Sderot, Yad Mordechai, Kfar Aza, Be’eri, Yeted e Kissufim.

10:03 ora di Beirut

Testimonianza dal Sud del Libano:

“Ci aspettavamo che succedesse qualcosa dal Libano. Non abbiamo paura, siamo orgogliosi. Affermiamo la nostra solidarietà con i nostri fratelli palestinesi e sosteniamo qualsiasi intervento contro l’occupazione. Ma non pensiamo che le cose peggioreranno al confine per il momento”, afferma Hassib Abdel Hamid, ex prigioniero libanese nelle carceri israeliane e segretario generale del centro Khiam per la riabilitazione delle vittime di tortura.

“Stiamo seguendo da vicino la questione dei prigionieri catturati e questo sarà probabilmente l’episodio più importante dal nostro punto di vista, affinché i prigionieri palestinesi possano riacquistare la libertà”, aggiunge.

10:02 ora di Beirut

Le forze di pace delle Nazioni Unite in Libano confermano lo scambio di fuoco avvenuto questa mattina tra le forze israeliane e libanesi, invitando “tutti alla moderazione”.

La Forza interinale delle Nazioni Unite in Libano (UNIFIL) ha dichiarato in un comunicato stampa che diversi razzi sono stati lanciati dal sud del Libano verso il territorio occupato da Israele nella regione di Kafr Chouba, e che in risposta sono stati sparati proiettili di artiglieria da Israele verso il Libano.

“Siamo in contatto con le autorità di entrambi i lati della Linea Blu, a tutti i livelli, per contenere la situazione ed evitare un’escalation più grave”, ha dichiarato l’UNIFIL.

E ha aggiunto: “I nostri peacekeepers rimangono ai loro posti e in servizio. Continuano a lavorare, alcuni da rifugi per la loro sicurezza”.

Hezbollah ha rivendicato la responsabilità dell’attacco in mattinata.

09:54 heure de Beyrouth

Foto: Situazione tesa al confine tra Libano e Israele. In questa foto, carri armati israeliani, dotati di cannoni di artiglieria, posizionati questa mattina in una località non specificata di fronte al Libano. Foto JALAA MAREY/AFP

09:49 ora di Beirut

Aggiornamento della domenica poco prima delle 10:

1/ Iniziamo con un promemoria: sabato Hamas ha lanciato a sorpresa un’offensiva militare su larga scala su diversi fronti all’interno del territorio israeliano. L’esercito israeliano ha risposto bombardando le postazioni di Hamas nella Striscia di Gaza e schierando truppe di terra per contrastare l’offensiva.

2/ Il bilancio provvisorio delle vittime: domenica mattina i media israeliani, citando l’esercito israeliano, hanno parlato di “oltre 250 morti” e “almeno 1.800 feriti” da parte israeliana, accusando Hamas di aver “massacrato i civili” anche nelle loro case. Un numero “significativo” di ostaggi sarebbe nelle mani di Hamas. L’esercito israeliano ha anche reso noti i nomi dei 26 soldati uccisi nel primo giorno dell’offensiva. Nella Striscia di Gaza, il Ministero della Sanità di Hamas ha riferito di 256 morti – tra cui 20 bambini – e più di 1.800 feriti. Secondo Al-Jazeera, il bilancio delle vittime israeliane ha raggiunto i 300 morti.

3/ Domenica mattina presto, un portavoce dell’esercito israeliano ha annunciato che 426 postazioni di Hamas erano state bombardate e che gli israeliani che vivevano al confine con la Striscia di Gaza erano stati evacuati. Ha anche detto che erano ancora in corso scontri “con i militanti nel kibbutz di Be’eri”, a est della Striscia di Gaza, e nella città di Sderot, a nord-est.

4/ Sabato, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha assicurato che l’esercito israeliano avrebbe usato “tutte le sue forze” per “distruggere le capacità di Hamas”. A metà mattinata di domenica, l’esercito israeliano ha dichiarato di aver attaccato le infrastrutture militari nella casa del capo del dipartimento di intelligence di Hamas.

5/ In Libano, Hezbollah ha rilasciato una dichiarazione in cui rivendica la responsabilità dei razzi e dei proiettili di artiglieria sparati dal sud del Libano verso Israele. Il partito sciita, annunciando di aver agito in solidarietà con “il popolo palestinese”, ha affermato di aver preso di mira “tre posizioni del nemico sionista nelle fattorie occupate di Shebaa: la posizione di Radar, la posizione di Zebdine e la posizione di Roueissat el-Aalam” e ha assicurato di aver colpito i suoi obiettivi. Secondo Haaretz, non ci sono state vittime israeliane a causa del fuoco. L’esercito israeliano ha risposto con l’artiglieria. Ai residenti della comunità di Mateh Asher, nel nord di Israele, è stato chiesto di evacuare.

6/ Da parte israeliana, la proposta del leader dell’opposizione israeliana, Yaïr Lapid, di istituire un “governo di emergenza” per gestire “la difficile e complessa operazione che ci attende”, non ha ancora avuto seguito.

7/ Sul fronte internazionale, domenica alle 19.00 GMT (22.00 Beirut) è prevista una riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Sabato molti capi di Stato e cancellerie hanno reagito allo scoppio delle ostilità. Alcuni, come Stati Uniti, Unione Europea e Francia, hanno condannato Hamas, mentre altri, come Qatar e Arabia Saudita, hanno sottolineato la responsabilità della politica israeliana nell’attuale escalation. Cina e Russia hanno invitato i belligeranti a dare prova di “moderazione”.

8/ Infine, molte compagnie aeree hanno cancellato o rinviato i voli verso l’aeroporto internazionale di Tel Aviv e la FAA (Federal Aviation Administration) ha invitato alla “cautela” nel sorvolare lo spazio aereo israeliano.

09:45 ora di Beirut

L’ala armata di Hamas, le Brigate Al-Qassam, afferma che i suoi combattenti sono ancora impegnati in “feroci scontri” in diverse città israeliane lungo il confine con la Striscia di Gaza.

Queste includono le città di Ofakim, Sderot, Yad Mordechai e Kfar Azza, Be’eri e Kissufim, secondo una dichiarazione del gruppo armato sul suo canale Telegram.

 

ore 14:00 08/10/2023

I dieci elementi principali dell’attacco furtivo di Hamas contro Israele
ANDREW KORYBKO
8 OTTOBRE

Tutto ciò che è accaduto finora ha aperto gli occhi a tutti.

Nel fine settimana Hamas ha lanciato un attacco furtivo senza precedenti contro Israele, che ha colto completamente di sorpresa il sedicente Stato ebraico dopo che tutti i suoi sistemi di sicurezza si sono inaspettatamente guastati nello stesso momento. Il muro di confine è stato violato, alcune basi militari sono state catturate e decine di ostaggi sono stati riportati a Gaza. Israele ha risposto lanciando attacchi aerei all’interno della Striscia e preparando un’operazione di terra. Ecco la top ten di tutto ciò che è accaduto finora nell’ultima guerra tra Israele e Hamas:

———-

1. La presunta invincibilità di Israele è stata smentita come un’illusione

Per cominciare, nessuno si illude più che Israele sia invincibile. Fino all’attacco di sorpresa di questo fine settimana, alcuni avevano continuato a sostenere che le sue capacità tecnico-militari convenzionali e i massicci aiuti americani ne facessero l’egemone regionale, ma questa percezione è stata appena infranta.

2. Era del tutto impreparata alle tattiche di guerra ibrida di Hamas

Con la violazione del muro di confine, risultato di un colossale errore di intelligence e del conseguente collasso di tutti i sistemi di sicurezza, Israele ha dimostrato di essere totalmente impreparato a contrastare le tattiche di guerra ibrida di Hamas, che prevedono assalti di squadra fulminei e attacchi rudimentali con i droni.

3. Le lotte politiche hanno probabilmente contribuito al fallimento dell’intelligence

Se i servizi militari e di intelligence israeliani non fossero stati coinvolti nella disputa politica sulle riforme giudiziarie pianificate da Netanyahu, esacerbata dall’intromissione dell’amministrazione Biden come spiegato qui, avrebbero potuto individuare in anticipo i piani di Hamas e quindi sventarli.

4. Non ha aiutato nemmeno il fatto che le spie statunitensi siano distratte con l’Ucraina

Israele deve assumersi la piena responsabilità dei suoi fallimenti di intelligence, ma non ha aiutato nemmeno il fatto che le spie del suo alleato americano siano state distratte dall’Ucraina. Se non fossero state così concentrate su quel conflitto, avrebbero potuto tenere almeno un satellite su Gaza che avrebbe potuto scoprire l’accumulo militare di Hamas.

5. L’America si trova ora in un dilemma su chi riceve un aiuto militare finito

Business Insider ha attirato l’attenzione sul nuovo dilemma dell’America se dare aiuti militari finiti, in particolare proiettili di artiglieria, all’Ucraina come previsto o se invece reindirizzare queste risorse a Israele. La decisione potrebbe avere importanti implicazioni per entrambi i conflitti, poiché la scelta tra i due è a somma zero.

6. L’Arabia Saudita probabilmente congelerà i colloqui di pace con Israele

L’Arabia Saudita è sottoposta a forti pressioni da parte della comunità musulmana internazionale affinché congeli i colloqui di pace con Israele dopo gli attacchi di quest’ultimo contro obiettivi civili a Gaza. Probabilmente si adeguerà a queste richieste, il che rovinerebbe i piani dell’amministrazione Biden per un accordo prima delle elezioni.

7. Anche il megaprogetto IMEC sarà probabilmente messo in ghiaccio per qualche tempo

Il Corridoio economico India-Medio Oriente-Europa (IMEC) non potrà essere completato se l’Arabia Saudita e/o soprattutto la Giordania congeleranno il loro ruolo nella sua costruzione per protestare contro il coinvolgimento di Israele nell’ultimo conflitto, anche se questo non danneggerà gli scambi commerciali dell’India con nessuna delle parti interessate, dato che si svolgono interamente via mare.

8. Le dichiarazioni equilibrate di Russia e Cina hanno sorpreso alcuni osservatori

Molti nella comunità dei media alternativi pensavano erroneamente che la Russia e la Cina favorissero la Palestina, per cui le dichiarazioni equilibrate di queste due nazioni, qui e qui, li hanno sorpresi. Ancora meno sanno che il Presidente Putin sostiene pienamente l’IDF, come dimostrato dalle sue dichiarazioni ufficiali nel corso degli anni, documentate qui.

9. Si è riaperto il dibattito sulla giustificazione dei fini e dei mezzi

L’uccisione da parte di Hamas di coloni-civili addestrati dall’IDF e il rapimento di bambini, donne e anziani per scambiarli con prigionieri sono stati giustificati da alcuni sostenitori palestinesi come mezzi legittimi per perseguire la liberazione nazionale, mentre altri sostenitori hanno criticato queste tattiche per aver minato la moralità della loro causa.

10. Hezbollah è il jolly dell’ultima guerra tra Israele e Hamas

L’attacco furtivo di Hamas contro Israele ha fatto rivivere uno dei peggiori incubi di quest’ultimo, che potrebbe diventare ancora più grave se Hezbollah decidesse di iniziare ostilità su larga scala. In tal caso, il Libano e forse anche la Siria potrebbero essere trascinati nella mischia, che potrebbe facilmente diventare esistenziale per tutte le parti.

———-

Tutto ciò che è accaduto finora ha aperto gli occhi a tutti. La reputazione dei servizi di sicurezza israeliani è andata in frantumi, quella di Hamas non è mai stata migliore agli occhi della maggior parte degli osservatori non occidentali e molti di questi ultimi hanno finalmente capito che né la Russia né la Cina sono favorevoli alla Palestina. Se l’ultimo conflitto dovesse prolungarsi, per non parlare dell’espansione in un conflitto regionale, c’è la possibilità concreta che gli Stati Uniti congelino il conflitto ucraino per reindirizzare gli aiuti militari finiti a Israele.

09:49 ora di Beirut (fonte L’Orient le jour)
Aggiornamento della domenica poco prima delle 10:

1/ Iniziamo con un promemoria: sabato Hamas ha lanciato a sorpresa un’offensiva militare su larga scala su diversi fronti all’interno del territorio israeliano. L’esercito israeliano ha risposto bombardando le postazioni di Hamas nella Striscia di Gaza e dispiegando truppe di terra per contrastare l’offensiva.

2/ Il bilancio provvisorio delle vittime: domenica mattina i media israeliani, citando l’esercito israeliano, hanno parlato di “oltre 250 morti” e “almeno 1.800 feriti” da parte israeliana, accusando Hamas di aver “massacrato i civili” anche nelle loro case. Un numero “significativo” di ostaggi sarebbe nelle mani di Hamas. L’esercito israeliano ha anche reso noti i nomi dei 26 soldati uccisi nel primo giorno dell’offensiva. Nella Striscia di Gaza, il Ministero della Sanità di Hamas ha riferito di 256 morti – tra cui 20 bambini – e più di 1.800 feriti. Secondo Al-Jazeera, il bilancio israeliano è salito a 300 morti.

3/ Domenica mattina presto, un portavoce dell’esercito israeliano ha annunciato che 426 postazioni di Hamas erano state bombardate e che gli israeliani che vivevano al confine con la Striscia di Gaza erano stati evacuati. Ha anche detto che erano ancora in corso scontri “con i militanti nel kibbutz di Be’eri”, a est della Striscia di Gaza, e nella città di Sderot, a nord-est.

4/ Sabato, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha assicurato che l’esercito israeliano avrebbe usato “tutte le sue forze” per “distruggere le capacità di Hamas”. A metà mattinata di domenica, l’esercito israeliano ha dichiarato di aver attaccato le infrastrutture militari nella casa del capo del dipartimento di intelligence di Hamas.

5/ In Libano, Hezbollah ha rilasciato una dichiarazione in cui rivendica la responsabilità dei razzi e dei proiettili di artiglieria sparati dal sud del Libano verso Israele. Il partito sciita, annunciando di aver agito in solidarietà con “il popolo palestinese”, ha affermato di aver preso di mira “tre posizioni del nemico sionista nelle fattorie occupate di Shebaa: la posizione di Radar, la posizione di Zebdine e la posizione di Roueissat el-Aalam” e ha assicurato di aver colpito i suoi obiettivi. Secondo Haaretz, non ci sono state vittime israeliane a causa del fuoco. L’esercito israeliano ha risposto con l’artiglieria. Ai residenti della comunità di Mateh Asher, nel nord di Israele, è stato chiesto di evacuare.

6/ Da parte israeliana, la proposta del leader dell’opposizione israeliana, Yaïr Lapid, di istituire un “governo di emergenza” per gestire “la difficile e complessa operazione che ci attende”, non ha ancora avuto seguito.

7/ Sul fronte internazionale, domenica alle 19.00 GMT (22.00 Beirut) è prevista una riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Sabato molti capi di Stato e cancellerie hanno reagito allo scoppio delle ostilità. Alcuni, come Stati Uniti, Unione Europea e Francia, hanno condannato Hamas, mentre altri, come Qatar e Arabia Saudita, hanno sottolineato la responsabilità della politica israeliana nell’attuale escalation. Cina e Russia hanno invitato i belligeranti a dare prova di “moderazione”.

8/ Infine, molte compagnie aeree hanno cancellato o rinviato i voli verso l’aeroporto internazionale di Tel Aviv e la FAA (Federal Aviation Administration) ha invitato alla “cautela” nel sorvolare lo spazio aereo israeliano.

09:45 ora di Beirut
L’ala armata di Hamas, le Brigate Al-Qassam, afferma che i suoi combattenti sono ancora impegnati in “feroci scontri” in diverse città israeliane lungo il confine con la Striscia di Gaza.

Queste includono le città di Ofakim, Sderot, Yad Mordechai e Kfar Azza, Be’eri e Kissufim, secondo una dichiarazione del gruppo armato sul suo canale Telegram.

09:43 Ora di Beirut
Soldati israeliani trasportano un carro armato dotato di un cannone di artiglieria da 155 mm vicino alla Striscia di Gaza, in una località non specificata, l’8 ottobre 2023. Foto Menahem KAHANA/AFP

ore 06:00 del 8/10/2023

In questi tempi difficili, la vista della chiesa dell’Annunciazione a Nazareth, accende il desiderio di pace.

“E quando sentirete di guerre e di rumori di guerre, non allarmatevi; deve avvenire, ma non è ancora la fine. 8Si solleverà infatti nazione contro nazione e regno contro regno; vi saranno terremoti in diversi luoghi e vi saranno carestie: questo è l’inizio dei dolori.”

Image

Image

 

ore 05:45 del 8/10/2023

Un attacco aereo israeliano colpisce la torre Al-Watan a Gaza City, facendola crollare

ore 05:42 del 8/10/2023

Netanyahu annuncia l’inizio del blocco di Gaza e l’interruzione di tutti i servizi di elettricità, carburante e merci provenienti da Israele.

Image

 

ore 05:21 del 8/10/2023

L’Empire State Building è stato illuminato con i colori della bandiera israeliana.

Friends and allies honor Israel's Independence Day: '75 years ago a dream was realize

 

ore 05:19 del 8/10/2023

L’Afghanistan nel destino:

Il Ministero degli Affari Esteri dell’Emirato Islamico dell’Afghanistan (Taliban) ha rilasciato una dichiarazione ufficiale sulla scia della recente guerra tra Israele e Hamas. La dichiarazione delinea la posizione dei Talebani sulla questione e invita i Paesi islamici e le organizzazioni internazionali ad agire contro Israele.

Il Ministero degli Affari Esteri dell’Emirato Islamico dell’Afghanistan (MoFA) è il ministero di gabinetto responsabile della gestione delle relazioni estere dell’Afghanistan. L’attuale ministro degli Esteri ad interim è Mawlawi Amir Khan Muttaqi. Muttaqi è un politico afghano di spicco e un membro di spicco del Movimento islamico talebano.

Secondo la dichiarazione, il Ministero ha monitorato da vicino gli eventi che si stanno svolgendo nella Striscia di Gaza e ha attribuito il conflitto alla “violazione dei diritti del popolo palestinese oppresso da parte dei sionisti israeliani e ai ripetuti insulti e mancanze di rispetto ai luoghi santi dei musulmani”.

La dichiarazione prosegue affermando che i Talebani considerano “ogni tipo di difesa e resistenza del popolo palestinese per la libertà della loro terra e dei loro santuari come un loro legittimo diritto”.

Nel frattempo, sempre in Afghanistan:

Almeno 320 persone sono morte a causa di forti terremoti che hanno colpito l’Afghanistan nordoccidentale sabato, secondo quanto riferito dalle Nazioni Unite.

Due scosse di magnitudo 6,3 hanno colpito un’area a 25 miglia a nord-ovest della città di Herat e sono state seguite da quattro forti scosse di assestamento, ha riferito il Servizio geologico degli Stati Uniti (USGS).

La folla di persone è fuggita dagli edifici dopo la prima scossa, avvenuta intorno alle 11.00 ora locale.

 

ore 05:10 del 8/10/2023

Ex soldato dell’IDF spiega che gli eventi che si sono verificati oggi sono strani.

Ha servito come  soldato di frontiera con a disposizione la più alta tecnologia disponibile.

“Se un uccello si avvicinava lo sapevamo”.

“Anche se uno scarafaggio si avvicinava al nostro confine, lo sapevamo”.

“Come hanno fatto 400 hamas a passare oggi”?

https://twitter.com/i/status/1710770625751457952

 

ore 05:04 del 8/10/2023

The Chief of the Israeli Defense Force’s Northern Command has stated that they are preparing for Hezbollah to Join the War once Ground Operations begin in the Gaza Strip and that they are moving Forces to the North to Defend against that Eventuality.

 

ore 05:01 del 8/10/2023

“Come mai i valichi di frontiera erano spalancati?

“Ho prestato servizio nell’IDF 25 anni fa nelle forze di intelligence… non è possibile, a mio avviso, che Israele non sapesse cosa stava per accadere… C’è qualcosa di molto sbagliato qui”.

“… questo attacco a sorpresa sembra un attacco pianificato su tutti i fronti…”.

“Sembra che il popolo di Israele e il popolo della Palestina siano stati venduti ancora una volta dai poteri superiori…”.

“Questo attacco a sorpresa sembra un’operazione pianificata su tutti i fronti… Se fossi un teorico della cospirazione, direi che sembra opera dello Stato profondo. Sembra che il popolo di Israele e il popolo della Palestina siano stati venduti ancora una volta ai poteri superiori”.

Image

 

ore 04:29 del 8/10/2023

La Torre Azadi di Teheran è illuminata con la bandiera palestinese.

Image

 

ore 04:15 del 8/10/2023

Gli autobus che trasportano i riservisti israeliani hanno iniziato ad arrivare alle basi nel sud del Paese.

 

ore 04:07 del 8/10/2023

“Il centro medico di Barzilai, nel sud di Israele, è stato preso di mira dal lancio di razzi di Hamas.

Alcune ore prima dell’attacco, il dottor Chezy Levy, direttore del centro medico, e il suo staff avevano portato i pazienti al sicuro.

Questo è un fuoco indiscriminato contro i civili. L’IDF non resterà a guardare.”

ore 04:04 del 8/10/2023

Un portavoce di Hamas ha dichiarato alla BBC che il gruppo ha ricevuto il sostegno dell’Iran per l’attacco a sorpresa contro Israele.

 

ore 03:55 del 8/10/2023

A Safed (Israele settentrionale) è stato avvistato un convoglio militare israeliano che comprendeva diversi obici semoventi M109A5 e veicoli di supporto. Sono stati avvistati anche MBT Merkeva.

Non è chiaro dove siano diretti, ma è probabile che siano collegati al Comando settentrionale dell’IDF, che è stato messo in condizioni di maggiore prontezza e consolidamento delle forze settentrionali.

L’IDF sta prendendo provvedimenti nel caso in cui le forze Hezbollah in Libano intervengano.

 

ore 03:49 del 8/10/2023

L’ambasciata israeliana in Grecia è riuscita a noleggiare una ventina di voli da Atene a Tel Aviv che riporteranno in Israele circa 5.000 riservisti israeliani che si trovano attualmente in Grecia e che sono stati chiamati al servizio militare attivo per assistere la guerra in corso a Gaza.

Anche le ambasciate israeliane di altri Paesi, tra cui Stati Uniti, Germania e Regno Unito, stanno organizzando questo tipo di voli per i loro riservisti.

Image

El Al e altre compagnie aeree israeliane sono molto impegnate questa sera. I cieli della Grecia e del Mediterraneo orientale sono costellati di voli da e per Tel Aviv.

Image

 

ore 03:41 del 8/10/2023

La situazione degli ostaggi nella città di Ofakim si è finalmente conclusa con il salvataggio degli ostaggi da parte delle squadre di tattica speciale e l’eliminazione dei terroristi; 2 soldati sono rimasti leggermente feriti durante l’operazione.

 

ore 03:25 del 8/10/2023

L’ex capo del Mossad, Efraim Halevy, ha dichiarato alla CNN:

– “Non abbiamo avuto alcun tipo di preavviso, ed è stata una sorpresa totale che la guerra sia scoppiata questa mattina”.

– “Questo va oltre la nostra immaginazione, non sapevamo che avessero una tale quantità di missili, e certamente non ci aspettavamo che sarebbero stati così efficaci come lo sono stati oggi”.

– “Non avevamo la minima idea di cosa stesse accadendo”.

 

ore 03:16 del 8/10/2023

Hamas sostiene che l’Ucraina ha venduto loro le armi utilizzate nell’attacco di oggi contro Israele.

 

ore 02:01 del 8/10/2023

Una notevole raffica di razzi è stata lanciata verso la città di Ashkelon e altri insediamenti a nord della Striscia di Gaza.

Image

 

ore 01:45 del 8/10/2023

La Banca nazionale islamica di Gaza, che è legata a Hamas e che si sostiene fornisca finanziamenti, è stata distrutta oggi da un attacco aereo israeliano.

Image

 

ore 01:23 del 8/10/2023

L’IDF ha evacuato in sicurezza circa 50 ostaggi che erano detenuti nella sala da pranzo del Kibbutz Be’eri.

 

ore 01:07 del 8/10/2023

Si segnalano disordini nel nord di Israele, arabi israeliani hanno iniziato attaccando le infrastrutture e, secondo notizie non confermate, i civili israeliani oltre ad appiccicare incendi.

 

ore 01:04 del 8/10/2023

La 4a Divisione corazzata e la 7a Divisione di fanteria dell’esercito siriano sarebbero state poste in uno stato di massima allerta a causa del conflitto in corso in Israele.

 

ore 00:22 del 8/10/2023

Secondo alcune fonti, i cittadini israeliani all’estero hanno iniziato a ricevere telefonate per notificare la loro chiamata al servizio militare attivo.

 

ore 00:16 del 8/10/2023

Attacco israelianoqualche minuto fa su obiettivi nel nord di Gaza

 

ore 00:06 del 8/10/2023

Rocket launches just to the Northeast of the Gaza Strip.

Image

 

ore 23:58 del 7/10/2023

Le soldatesse israeliane rapite oggi dal gruppo terroristico di Hamas.

Image

 

ore 23:56 del 7/10/2023

“Quattro elicotteri d’attacco israeliani sono già stati colpiti dal fuoco antiaereo dell’esercito palestinese.” – Il giornalista israeliano Itay Blumenthal

Questo significa che i palestinesi hanno i Manpad, che probabilmente acquistano dall’Ucraina sul mercato nero.

 

ore 23:50 del 7/10/2023

“Netanyahu ha alimentato un’industria da miliardi di dollari vendendo strumenti di spionaggio ai despoti che li usano per entrare negli iPhone di critici, oppositori eletti, avvocati per i diritti umani e persino studenti (sono tutti esempi reali).

Si è scoperto però che non sono molto utili per spiare Hamas.”

https://x.com/Snowden/status/1710750427405336661?s=20

 

ore 23:19 del 7/10/2023

Navi israeliane stanno bombardando obiettivi nella Striscia di Gaza.

 

ore 23:18 del 7/10/2023

Il comandante della 993esima Brigata Nahal delle Forze di Difesa israeliane, il tenente colonnello Yonatan Steinberg, è stato ucciso oggi durante i pesanti combattimenti con i terroristi di Hamas nella città di Kerem Shalom, nel sud di Israele.

Image

 

ore 23:13 del 7/10/2023

Netanyahu ha chiesto a Biden di ottenere finanziamenti d’emergenza dagli Stati Uniti per rafforzare il sistema di difesa Iron Dome, secondo un funzionario israeliano.

 

ore 23:08 del 7/10/2023

Dal Bronx alla Palestina

Image

Image

Image

 

ore 23:08 del 7/10/2023

L’aviazione israeliana ha bombardato l’edificio del Ministero dell’Interno nella città di Beit Hanoun, nel nord-est di Gaza.

 

ore 23:06 del 7/10/2023

Dati secondo IDF:

“Dalle 6 di oggi in Israele:

🔺 3.000+ razzi lanciati da Hamas a Gaza verso Israele.
🔺20+ comunità nel sud di Israele invase da agenti terroristici di Hamas.
🔺I terroristi si sono scatenati e hanno fatto irruzione nelle case massacrando i civili.
🔺Civili e soldati israeliani sono stati rapiti in Israele e presi in ostaggio a Gaza.
🔺200+ vittime.
🔺 Oltre 1.000 feriti.”

https://x.com/IDF/status/1710747199993217080?s=20

 

ore 23:00 del 7/10/2023

Questa enorme guerra è solo all’inizio

 

ore 22:59 del 7/10/2023

È stata identificata la donna il cui corpo è stato visto in un video nel retro di un pick-up guidato da terroristi palestinesi verso Gaza.

Shani Louk, 30 anni, era una cittadina tedesca in visita in Israele per partecipare al festival musicale per la pace che si tiene vicino alla barriera di Gaza.

Image

Image

 

 

ore 22:58 del 7/10/2023

Aerei israeliani hanno bombardato due moschee nel nord e nel sud della Striscia di Gaza – 8 minuti fa

Immagine sotto: Moschea di Al-Habib Muhammad a Khan Younis

Image

 

ore 21:50 del 7/10/2023

due articoli che aiutano a cogliere la complessità delle dinamiche in quell’area:

Perché l’attacco di Hamas a Israele potrebbe cambiare la situazione nella regione
L’offensiva è incomparabile con i precedenti scontri tra Israele e il movimento islamista.

OLJ / Di Anthony SAMRANI, 07 ottobre 2023 alle 13:02

Perché l’attacco di Hamas a Israele potrebbe cambiare la situazione nella regione
Fumo dopo il fuoco israeliano su Gaza, 7 ottobre 2023. Foto Mohammed Salem/REUTERS

Il confronto è nella mente di tutti da questa mattina. Il giorno dopo il 50° anniversario della guerra dell’ottobre 1973, Hamas ha lanciato un’offensiva a sorpresa su Israele.

Ci sono diversi fattori che rendono questo attacco, se non senza precedenti, incomparabile con i più recenti scontri tra Hamas e Israele.

Il primo è che rivela le falle dell’intelligence israeliana, che sembra del tutto obsoleta, almeno inizialmente. È la prima volta in decenni che lo Stato ebraico dà una tale sensazione di fragilità.

Il secondo fattore, che rafforza questa sensazione, è la notizia che diverse decine di combattenti di Hamas si sono infiltrati in territorio israeliano e hanno preso in ostaggio dei civili. Le immagini che circolano da questa mattina, che mostrano un giornalista gazanese sul lato israeliano e civili in fuga, lasceranno un’impressione duratura. Il mito della fortezza impenetrabile ha subito un duro colpo.

Il terzo fattore è che in poche ore i primi dati parlano di almeno 250 morti e più di 1.000 feriti da parte israeliana.

Qui la nostra diretta:
Tel Aviv colpita dal lancio di razzi… Segui la guerra tra Hamas e Israele in diretta
Anche se il paragone con il 1973 può sembrare esagerato al momento, è probabile che questa offensiva abbia conseguenze che vanno oltre la questione di Gaza. E a ragione: avviene in un contesto regionale di rafforzamento dell’asse Hamas-Hezbollah-Teheran e di potenziale normalizzazione tra Israele e Arabia Saudita.

L’attacco è stato probabilmente preparato e coordinato mesi fa con Hezbollah e l’Iran. In nome dell'”unità dei fronti”, Hamas e Hezbollah hanno rafforzato notevolmente i loro legami negli ultimi due anni. Alcuni leader di Hamas si sono rifugiati in Libano e il capo dell’ufficio politico del movimento, Ismail Haniyeh, si reca regolarmente in Libano, in particolare per tenere colloqui con il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah. Lo scorso aprile, diversi razzi sono stati lanciati contro Israele dal sud del Libano in un attacco attribuito ad Hamas.

Hezbollah può partecipare all’attuale offensiva? Questo è il grande interrogativo del confronto. Per il momento, il Partito di Dio si è limitato a una dichiarazione di sostegno. Tuttavia, se avesse voluto davvero creare un effetto sorpresa, Hezbollah avrebbe lanciato un attacco contemporaneamente ad Hamas. L’anno scorso, il partito sciita ha appoggiato la firma di un accordo sulla demarcazione del confine marittimo tra Libano e Israele. Dal 2006 non ha più avuto un confronto diretto con lo Stato ebraico e il contesto libanese e regionale non gli è favorevole. Ma il semplice fatto che sia emersa la questione della sua partecipazione all’offensiva cambia parte dell’equazione.

Le conseguenze

Nell’ottobre 1973, Israele riprese il sopravvento nel confronto e alla fine ottenne una vittoria militare. Sebbene uno scenario simile dovrebbe logicamente ripetersi, le prime immagini del fallimento di Israele rimarranno probabilmente nella mente di tutti, dando ad Hamas l’opportunità di rivendicare una “vittoria” storica.

Vedi anche
50 anni fa, perché Sadat e Assad attaccarono Israele
Questo potrebbe avere conseguenze a diversi livelli. In primo luogo, rischia di rafforzare ulteriormente Hamas a scapito dell’Autorità Palestinese. Il movimento islamista vuole presentarsi come l’unico in grado di occupare lo spazio locale della rappresentanza palestinese di fronte a un Fateh allo stremo. Anche se Hamas rischia di subire perdite molto pesanti a causa della risposta israeliana, la cosa più importante per il movimento è altrove. Si tratta di sfruttare il contesto palestinese e regionale per “eliminare” Fateh dall’equazione. Questi eventi non possono essere completamente scollegati da quanto sta accadendo da diverse settimane nel campo di Ain el-Heloue in Libano, dove fazioni vicine ad Hamas stanno conducendo una guerra di eliminazione contro Fateh.

In seguito all’attacco, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso che “Hamas pagherà un prezzo senza precedenti”. Tuttavia, il leader israeliano rischia di essere indebolito dal fallimento dell’apparato di intelligence e sicurezza del suo Paese. A capo di una coalizione di estrema destra, Benjamin Netanyahu subirà enormi pressioni dalle frange più radicali del suo governo. Come dovrebbe rispondere a un simile attacco? Può l’esercito israeliano lanciare un’offensiva di terra contro Gaza e occupare nuovamente il territorio che ha lasciato nel 2005? Anche in questo caso, la risposta di Israele avrà conseguenze che vanno ben oltre Gaza, non solo per la continua colonizzazione della Cisgiordania, ma anche per il processo di normalizzazione.

La terza possibile conseguenza è regionale. L’Arabia Saudita ha chiesto di “fermare immediatamente l’escalation” ed è sembrata incolpare la politica israeliana per l’offensiva. Questo nuovo conflitto silurerà il processo di normalizzazione? In ogni caso, questo è probabilmente uno degli obiettivi dell’attacco e una delle spiegazioni del suo tempismo.

È ancora troppo presto per rispondere a queste domande, ma possiamo già dire che la normalizzazione si sta allontanando. In questo contesto sarà più difficile per l’Arabia Saudita firmare un accordo di pace con Israele, soprattutto perché lo Stato ebraico non farebbe chiaramente alcuna concessione ai palestinesi. Questo è il messaggio principale dell’attacco: Teheran sta facendo capire a Riyadh che la pace con Israele avrà un prezzo elevato.

COMMENTI (6)
Se Hamas pensa che l’entità sionista gli farà il regalo di una “vittoria divina” come ha fatto con Hezbollah nel 2006, sta commettendo l’errore della sua vita e della vita del popolo palestinese. Hezbollah sa benissimo cosa accadrà ad Hamas, ed è per questo che non si bagnerà nemmeno la punta delle dita. Hamas sarà servito solo come carne da macello per l’entità neo-safavide, che ha fatto all’entità sionista il regalo della sua vita, permettendole di eliminare definitivamente ogni resistenza palestinese. Tutto questo è stato fatto innanzitutto per impedire la normalizzazione tra l’entità sionista e l’Arabia Saudita.

Cittadino libanese

Gli ultimi rapporti di Tasnim News dimostrano che i legami tra Iran e Azerbaigian stanno effettivamente migliorando

ANDREW KORYBKO
7 OTT 2023

Esiste un’indiscutibile discrepanza tra la percezione popolare e la realtà oggettiva.

La vittoria decisiva dell’Azerbaigian nel conflitto del Karabakh il mese scorso ha provocato reazioni molto forti da parte di molti commentatori iraniani e di quegli stranieri che sostengono la visione del mondo della Repubblica islamica. La maggior parte di loro ha iniziato a diffamare il Paese come un fantoccio israeliano e/o turco, il cui ripristino dell’ordine costituzionale in quella regione un tempo separatista rappresenterebbe una minaccia per la sicurezza dell’Iran. Gli osservatori inconsapevoli hanno quindi avuto l’impressione che i legami bilaterali si fossero drammaticamente deteriorati.

Da allora, tuttavia, i legami tra Iran e Azerbaigian sono migliorati, come dimostrano le ultime notizie di Tasnim News:

* “Delegazione iraniana osserverà le esercitazioni congiunte del Caspio tra Azerbaigian e Kazakistan”.

* “L’Iran guarda a una cooperazione regionale più forte mentre l’Azerbaigian reclama il Karabakh”.

* “Gli scambi di merci tra Iran e Azerbaigian via ferrovia crescono del 44%”.

* “Inizia la costruzione del ponte di Aghband sul fiume Aras al confine tra Iran e Azerbaigian”.

Questo indiscutibile scollamento tra la percezione popolare e la realtà oggettiva verrà ora analizzato.

Come in tutte le società, anche all’interno dell’Iran e tra i suoi sostenitori all’estero esiste una pluralità di opinioni sulla politica estera, che in questo contesto riguarda coloro che vedono l’Azerbaigian come amico o nemico. Questo Paese occupa un posto molto speciale nella coscienza nazionale iraniana per ragioni storiche. Di conseguenza, ci sono opinioni molto forti sulla decisione della sua leadership di allearsi formalmente con la Turchia, di fare informalmente lo stesso con Israele e di collaborare con la NATO.

I critici accusano l’Azerbaigian di cospirare con questi tre paesi per contenere l’Iran, mentre altri interpretano queste mosse attraverso il paradigma neorealista delle relazioni internazionali e le considerano quindi una risposta prevedibile al loro dilemma di sicurezza. I primi sono quindi convinti che l’Azerbaigian sia un nemico intrattabile con cui non è possibile alcuna cooperazione pragmatica, mentre i secondi ritengono che tale cooperazione debba comunque essere perseguita nel tentativo di ridurre i sospetti reciproci attraverso questi mezzi.

Entrambe le prospettive hanno i loro meriti e i rispettivi sostenitori all’interno della comunità politica iraniana e la complessa interazione tra queste fazioni spiega perché la Repubblica islamica invia talvolta segnali contrastanti sul suo approccio all’Azerbaigian. Queste dinamiche competitive sono naturali e non esclusive dell’Iran, poiché le comunità corrispondenti di tutti i Paesi hanno al loro interno diversi gruppi che competono per influenzare la formulazione delle politiche verso gli altri.

In questo caso particolare, la fazione geoeconomica che favorisce l’espansione dei legami commerciali come mezzo per gestire i dilemmi della sicurezza regionale sembra essere oggi quella che comanda in Iran, non quella incentrata sulla sicurezza che preclude tale cooperazione per principio. Questa valutazione si basa sul riavvicinamento irano-saudita mediato dalla Cina in primavera, reso possibile dal fatto che la Repubblica Popolare ha convinto entrambi i Paesi a mettere finalmente da parte le loro differenze per il bene comune.

Seppellendo l’ascia di guerra, i due Paesi sono stati in grado di sbloccare il pieno potenziale geoeconomico dell’intera regione, il che è reciprocamente vantaggioso in quanto porterà maggiore prosperità ai rispettivi popoli, accelerando al contempo l’integrazione multipolare dell’Eurasia attraverso la successiva creazione di nuovi corridoi di connettività. Qualcosa di simile sembra essere in corso con l’Azerbaigian, come dimostrato dalla cerimonia inaugurale di venerdì che ha celebrato la costruzione del ponte Aghand sul fiume Aras che divide questi due Paesi.

Una volta completato, questo progetto collegherà l’Azerbaigian con il Nakhchivan e quindi anche con la Turchia attraverso l’Iran, facendo avanzare gli interessi geoeconomici condivisi di tutte le parti interessate. Inoltre, rappresenta una valida alternativa al Corridoio Zangezur attraverso l’Armenia, bloccato da quasi tre anni dall’ostinazione di Erevan, nonostante il premier abbia accettato l’iniziativa nel cessate il fuoco del novembre 2020 mediato da Mosca. Questa intuizione sfata le speculazioni secondo cui l’Iran teme la connettività azero-turca.

Al contrario, la fazione politica geoeconomica oggi probabilmente predominante nella Repubblica islamica vuole che il proprio Paese tragga profitto da questo commercio dopo aver visto quanto sia stato vantaggioso per la vicina Georgia, attraverso la quale è stato finora condotto. I loro rivali, incentrati sulla sicurezza, si oppongono a questi piani poiché considerano tutti i corridoi azero-turchi come “cavalli di Troia” per la NATO, il panturchismo e/o il sionismo, ma non sono riusciti a convincere i politici di queste preoccupazioni.

Visto che l’Iran ha risolto i suoi problemi con l’Arabia Saudita, che fino a quel momento era stata considerata una minaccia alla sicurezza del Paese molto più grande di quanto non lo fosse l’Azerbaigian, è logico che Teheran promulghi una politica simile anche nei confronti di Baku. Qualsiasi preoccupazione la fazione incentrata sulla sicurezza abbia nei confronti dell’Azerbaigian impallidisce rispetto a quelle che aveva in precedenza nei confronti dell’Arabia Saudita, per cui era un fatto compiuto che il miglioramento dei legami con quest’ultima avrebbe portato a un miglioramento dei legami con la prima.

Detto questo, entrambi i riavvicinamenti potrebbero comunque essere vanificati da sviluppi imprevisti, compreso lo scenario in cui la fazione politica incentrata sulla sicurezza riacquisti la sua precedente influenza e convinca i decisori a prendere le distanze da questi due Paesi. Non si deve quindi dare per scontato né il riavvicinamento guidato dalla geoeconomia né il ruolo di primo piano della rispettiva fazione nella formulazione delle politiche, ma comunque tutto ciò che è stato spiegato finora riflette la realtà attuale.

Queste osservazioni aggiungono un contesto cruciale al fatto che le relazioni tra Iran e Azerbaigian sono effettivamente migliorate, nonostante le speculazioni popolari sui social media secondo cui sarebbero peggiorate dopo la fine del conflitto del Karabakh. L’indiscutibile scollamento tra queste due realtà si rivela ora come il risultato dell’interazione tra queste fazioni concorrenti, dopo che quella incentrata sulla sicurezza ha incoraggiato la suddetta campagna di guerra informativa nel tentativo di fare pressione sui rivali incentrati sulla geoeconomia.

Che sia voluto o meno, questo ha avuto l’effetto di screditare la politica del governo di impegnarsi proattivamente con l’Azerbaigian nel tentativo, ben intenzionato, di ridurre i sospetti reciproci derivanti dal dilemma della sicurezza, confondendo così alcuni dei sostenitori dell’Iran in patria e all’estero. Dopotutto, coloro che sono stati influenzati dalla fazione incentrata sulla sicurezza a pensare che tutti i corridoi azero-turchi costituiscano un “cavallo di Troia” non capiscono perché l’Iran li stia ora facilitando attraverso il suo territorio.

Se questa stessa fazione non ridimensiona presto la sua campagna di guerra informativa, c’è il rischio che alcune persone siano indotte a pensare che il governo iraniano si sia “venduto” o sia stato “infiltrato” dalla NATO/Panoturchi/Sionisti. Entrambe le percezioni sono dannose per i suoi interessi nazionali, ed è per questo che si consiglia alla fazione incentrata sulla sicurezza di riconsiderare la saggezza di propagandare narrazioni paurose sull’Azerbaigian, almeno in questo particolare momento.

 

ore 21:42 del 7/10/2023

“Siamo profondamente scioccati dalla notizia degli attacchi terroristici in Israele. I nostri pensieri e le nostre preghiere sono rivolti alle vittime innocenti e alle loro famiglie. Siamo solidali con Israele in questo momento difficile.”

https://x.com/narendramodi/status/1710614655620534296?s=20

 

ore 21:38 del 7/10/2023

L’IDF sta conducendo diversi attacchi aerei a Gaza, mentre sono state segnalate esplosioni a Beit Lahia e Rafah.

 

ore 21:38 del 7/10/2023

DICHIARAZIONE DEL PREMIER ISRAELIANO BENJAMIN NETANYAHU:

“Quello che è successo oggi non si vedrà mai piu` in Israele e farò in modo che non si ripeta.

L’IDF userà immediatamente tutta la sua forza per distruggere le capacità di Hamas.

Vendicheremo questo giorno nero.

Trasformeremo in rovine tutti i luoghi di questa città (Gaza) malvagia in cui Hamas si nasconde.

Residenti di Gaza, uscite subito da lì”.

Image

 

ore 21:36 del 7/10/2023

Secondo quanto riferito, le Forze di Difesa israeliane si stanno preparando a utilizzare i bulldozer per demolire la stazione di polizia nella città di Sderot, dove forse sono ancora rintanati alcuni terroristi di Hamas dopo una serie di tentativi di riconquista dell’edificio da parte della polizia e dell’esercito.

 

ore 21:26 del 7/10/2023

Biden pronuncia un discorso sul conflitto tra Palestina e Israele

“Siamo pronti a offrire sostegno a Israele”.

 

ore 21:25 del 7/10/2023

Donald Trump reagisce all’attacco di Hamas contro Israele: “L’attacco a Israele è stato fatto perché siamo percepiti come deboli e inefficaci e con un leader davvero debole”.

 

ore 21:21 del 7/10/2023

“Oggi il mondo intero ha visto video orribili provenienti da Israele. I terroristi umiliano donne e uomini, trattengono anche gli anziani e non mostrano alcuna pietà.

Di fronte a un simile attacco terroristico, tutti coloro che tengono alla vita devono essere solidali.

Noi in Ucraina proviamo un sentimento particolare per quello che è successo. Migliaia di razzi nel cielo di Israele… Persone uccise per strada… autovetture civili distrutte… Detenuti umiliati…

La nostra posizione è chiarissima: chiunque provochi terrore e morte in qualsiasi parte del pianeta deve essere ritenuto responsabile.

L’attacco terroristico di oggi contro Israele è stato ben pianificato e il mondo intero sa quali sponsor del terrorismo possono averne avallato e permesso l’organizzazione.

Israele ha il pieno diritto di difendersi dal terrorismo. Come qualsiasi altro Stato. Ed è fondamentale che il mondo intero risponda al terrorismo in modo unitario e con principi.”

https://x.com/ZelenskyyUa/status/1710723464414282183?s=20

 

ore 21:20 del 7/10/2023

Alcuni giorni fa, la Jihad islamica ha annunciato la formazione di battaglioni di combattimento in Cisgiordania, Libano e Siria. Riteniamo che questo messaggio sia stato trasmesso prima dell’attacco e che sia un avvertimento del fatto che probabilmente nei prossimi giorni saranno coinvolti più fronti.

 

ore 21:11 del 7/10/2023

Soldati dell’IDF schierati vicino al confine con Gaza.

 

ore 21:09 del 7/10/2023

Membri di Hamas festeggiano in Cisgiordania dopo l’attacco a sorpresa nel sud di Israele.

 

ore 21:06 del 7/10/2023

Foto non confermata di civili rapiti all’interno di tunnel sotto la Striscia di Gaza.

Image

 

ore 20:59 del 7/10/2023

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant: “Oggi abbiamo visto il volto del male. L’organizzazione terroristica di Hamas ha lanciato un attacco brutale contro i cittadini dello Stato di Israele – attaccando indiscriminatamente uomini, donne, bambini e anziani. Hamas capirà molto presto di aver commesso un errore, un grave errore, e pagherà un prezzo [pesante].

Quindici anni fa, come capo del Comando Sud, sono arrivato ad un passo dalla distruzione di Hamas. Sono stato fermato dai vertici politici. Questo fenomeno non continuerà. Cambieremo la realtà sul terreno a Gaza per i prossimi 50 anni. Quello che c’era prima non ci sarà più. Opereremo a pieno regime.

Chiedo ai cittadini israeliani di rimanere determinati e di sostenere le nostre forze di sicurezza”.

 

ore 20:52 del 7/10/2023

Il ministero della Sanità palestinese riferisce che secondo i dati preliminari:

161 persone sono state uccise e 931 ferite a seguito dell’attacco israeliano alla Striscia di Gaza.

Il governo israeliano ha dichiarato che almeno 200 israeliani sono morti e 750 sono rimasti feriti.

 

ore 20:45 del 7/10/2023

Hamas ha diffuso un filmato dei suoi combattenti che assaltano il checkpoint di Erez dell’IDF questa mattina. Il video mostra diversi soldati israeliani presi in ostaggio dal gruppo.

 

ore 20:39 del 7/10/2023

Hamas ha diffuso un filmato di combattenti che si addestrano a volare da Gaza verso gli insediamenti israeliani con il parapendio. Questa mattina alcuni combattenti sono entrati nel sud di Israele utilizzando questa tattica.

 

ore 20:31 del 7/10/2023

Aggiornamento attacco missilistico su Tel Aviv. Video di danni a Tel Aviv cominciano a comparire sui social media:

Image

 

ore 20:31 del 7/10/2023

Israele: Le armi statunitensi lasciate in Afghanistan raggiungono Gaza – Middle East Monitor

 

Image

 

ore 20:25 del 7/10/2023

Le Forze di Difesa israeliane sono ancora impegnate con i terroristi di Hamas in circa 22 località nel sud di Israele e 2 sono considerate incidenti attivi con ostaggi.

 

ore 20:24 del 7/10/2023

Il Presidente Trump rilascia una risposta piccata al regime di Biden e agli attacchi contro Israele.

“Purtroppo i dollari dei contribuenti americano ha aiutato a finanziare questi attacchi, che secondo molti rapporti provengono dall’amministrazione Biden”.

 

ore 20:21 del 7/10/2023

La polizia di New York ha aumentato la sorveglianza e la sicurezza intorno alle sinagoghe e agli altri centri ebraici della città a causa della guerra in Israele e della minaccia di Hamas di intensificare le operazioni contro gli ebrei all’estero.

 

ore 20:20 del 7/10/2023

Ministero degli Affari Esteri russo Sergey Lavrov:

“Chiediamo un immediato cessate il fuoco e un piano di pace basato sulla creazione di uno Stato palestinese indipendente entro i confini del 1967, con Gerusalemme Est come capitale”

Image

 

ore 20:14 del 7/10/2023

Blinken: “Siamo solidali” con Israele

https://thehill.com/homenews/administration/4243519-blinken-we-stand-in-solidarity-with-israel/

 

ore 20:11 del 7/10/2023

Un gruppo di terroristi di Hamas è stato arrestato dalla polizia speciale israeliana vicino alla Striscia di Gaza.

Image

 

ore 18:30 del 7/10/2023

Immagine satellitare del teatro di scontri

 

 

ore 18:35 del 7/10/2023

attacco missilistico su Gaza

 

ore 19:05 del 7/10/2023

Il leader del partito di opposizione israeliano, Yair Lapid, dopo il colloquio con il Primo Ministro Netanyahu, ha chiesto la creazione di un governo di emergenza per mettere da parte tutte le differenze tra le parti e consentire la gestione della difficile e lunga campagna elettorale che ci attende.

 

ore 19:06 del 7/10/2023

Il comandante israeliano Nimrod Aloni è stato catturato da Hamas nella guerra in corso nelle zone di confine con Gaza. Aloni è un comandante del “Corpo di profondità”, l’unità per le operazioni in profondità dell’IDF che opera in territorio palestinese. È anche l’ex comandante della divisione di Gaza.

Image

Image

 

ore 19:10 del 7/10/2023

Hamas sostiene che le incursioni nel sud di Israele sono state precedute da un “disturbo di massa delle comunicazioni e dei sistemi di sorveglianza israeliani” lungo il confine con la Striscia di Gaza, che ha permesso ai combattenti di entrare nel Paese praticamente inosservati.

 

ore 19:15 del 7/10/2023

I riservisti israeliani, tra cui l’ex primo ministro Naftali Bennett, si stanno preparando per un immediato dispiegamento in prima linea nel sud del Paese.
I funzionari della Difesa israeliana hanno dichiarato di aspettarsi e prepararsi a una guerra su più fronti, con oltre 100.000 riservisti in grado di essere ordinati al servizio attivo in poche ore, se necessario.

 

ore 19:19 del 7/10/2023

Filmato che mostra 100 razzi lanciati da Hamas nella Striscia di Gaza verso Tel Aviv.

 

ore 19:20 del 7/10/2023

Dichiarazione di Kennedy:

“Questo attacco ignominioso, non provocato e barbaro contro Israele deve essere accolto con una condanna mondiale e un sostegno inequivocabile al diritto di autodifesa dello Stato ebraico. Dobbiamo fornire a Israele tutto ciò di cui ha bisogno per difendersi – ora. Come Presidente, mi assicurerò che la nostra politica sia inequivocabile, in modo che i nemici di Israele ci pensino a lungo prima di tentare qualsiasi tipo di aggressione.

Plaudo alle forti dichiarazioni di sostegno della Casa Bianca di Biden a Israele nel momento del bisogno. Tuttavia, la portata di questi attacchi significa che probabilmente Israele dovrà intraprendere una campagna militare prolungata per proteggere i suoi cittadini. Le dichiarazioni di sostegno vanno bene, ma dobbiamo passare all’azione con un’azione incrollabile, risoluta e concreta. L’America deve essere al fianco del nostro alleato durante questa operazione e oltre, mentre esercita il suo diritto sovrano all’autodifesa.”

 

ore 19:21 del 7/10/2023

Edifici residenziali a Gaza sono stati distrutti da bombe aeree mentre Hamas continua a colpire Israele.

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato guerra in risposta agli attacchi, affermando che “il nemico pagherà un prezzo che non ha mai conosciuto prima”.

Anche Biden ha rilasciato una dichiarazione, affermando che: “Israele ha il diritto di difendere se stesso e il suo popolo. Gli Stati Uniti mettono in guardia da qualsiasi altra parte ostile a Israele che cerchi di trarre vantaggio da questa situazione”.

 

ore 19:24 del 7/10/2023

Il ministro israeliano dell’Energia e delle Infrastrutture, Israel Katz, ha firmato un ordine che impone alla National Electric Company di interrompere la fornitura di elettricità all’Autorità palestinese nella Striscia di Gaza.

 

ore 19:45 del 7/10/2023

Un altro massiccio lancio di razzi verso Tel Aviv!

Image

1 2 3 21