SITREP 19/5/24: Strade ucraine deserte mentre arriva una nuova mobilitazione, di SIMPLICIUS

Non c’è un grande sviluppo oggi, ma una serie di elementi più piccoli ma comunque rilevanti da aggiornare per mantenere le cose nell’ambito mentre il quadro generale continua ad aggravarsi nella guerra in Ucraina e altrove. Quindi, questo rapporto sarà un po’ dispersivo poiché tratterò molti argomenti.

La notizia più importante è che ieri, 18 maggio, le nuove restrizioni ucraine sulla mobilitazione sono entrate ufficialmente e finalmente in vigore. Ciò ha provocato un’ondata di video che mostrano strade deserte, in cui si sostiene che gli uomini ora si nascondono come mai prima d’ora.

La compilazione seguente inizia con Poltava, quindi prosegue verso altre città:

Inoltre, i camionisti ucraini hanno persino organizzato una protesta di massa, bloccando le strade. Non sarà solo “interessante” vedere dove andrà a finire e quanto successo avrà, ma in realtà sarà uno degli indicatori cruciali per l’Ucraina nel suo insieme. Sappiamo che la questione della manodopera è fondamentale e che l’intero futuro di questa guerra dipende dal successo – o meno – di questa mobilitazione.

Nei prossimi mesi, dopo aver abbassato la leva a 25 anni, altri 100mila uomini nati nel periodo 1998-1999 saranno arruolati nelle forze armate ucraine. In questi anni sono nati 416.349 maschi. Circa la metà di loro sono già all’estero. Evoca la metà rimanente.

Inoltre, ovviamente converge con la fine della legittimità di Zelenskyj tra soli due giorni, cosa che anche le grandi società mediatiche occidentali come Economist stanno ora iniziando a seminare nella coscienza pubblica per un motivo. Ciò è significativo perché se la “mobilitazione rafforzata” prende una piega sbagliata, la mancanza di legittimità di Zelenskyj costituirà un capro espiatorio facile e pronto, e le cose potrebbero degenerare molto rapidamente contro di lui.

In effetti, ci sono ulteriori prove del fatto che tale potenzialità è in corso di preparazione. Come ho detto, l’ultima volta è stato il pezzo dell’Economist a “ricordarci” che il mandato di Zelenskyj è quasi scaduto.

Ma ora abbiamo qualcosa di ancora più insidioso:

Esatto: il Washington Post ora rivela apertamente che Yermak è la mano ombra che governa segretamente l’Ucraina. Ma soprattutto, così facendo mettono in discussione il vero potere e la legittimità di Zelenskyj, indebolendolo di fatto. Perché WaPo in questo preciso momento, pochi giorni prima della fine della presidenza di Zelenskyj, dovrebbe scrivere cose come queste:

La vicinanza di Yermak al presidente – e l’evidente influenza su di lui – ha suscitato una raffica di accuse: di aver consolidato in modo antidemocratico il potere nell’ufficio del presidente; ha supervisionato un’epurazione non necessaria degli alti funzionari, compreso il comandante in capo, generale Valery Zaluzhny; accesso limitato a Zelenskyj; e cercò il controllo personale su quasi ogni grande decisione in tempo di guerra.

E sul tema della legittimità avvertono apertamente:

Ora, tuttavia, la legittimità del presidente e del suo principale consigliere si trovano ad affrontare sfide ancora più grandi poiché il mandato quinquennale di Zelenskyj scade ufficialmente il 20 maggio. La costituzione ucraina vieta le elezioni sotto la legge marziale. Ma finché Zelenskyj rimarrà in carica, sarà vulnerabile alle accuse di aver usato la guerra per erodere la democrazia, prendendo il controllo sui media, mettendo da parte critici e rivali ed elevando Yermak, il suo amico non eletto, al di sopra dei funzionari pubblici e dei diplomatici di carriera.

Sembra che la stampa occidentale gestita dalla CIA stia cercando di ridurre il potere di Zelenskyj in modo da poterlo portare al tavolo delle trattative nel prossimo futuro, poiché i segnali in tal senso stanno già aumentando altrove nella stampa occidentale. Zelenskyj, tuttavia, sa che il suo potere dipende interamente dalla continuazione della guerra: non appena qualcosa viene congelato, perde immediatamente credibilità e persino rilevanza. Il canale Rezident_UA ha riferito che Zelenskyj è ora al terzo posto dietro Zaluzhny e persino Budanov nei sondaggi nazionali.

Il piano di Zelenskyj per espandere la guerra per ora consiste in cose come le seguenti:

Sono d’accordo con questo thread X sulle recenti dichiarazioni di Anatoli Shari sull’argomento:

Il giornalista e blogger ucraino in esilio Anatolii Sharii sulla recente tendenza con gli appelli a consentire all’Ucraina di colpire i confini della Russia riconosciuti a livello internazionale con armi straniere e le spaventose prospettive:

“E se Kiev provocasse deliberatamente un attacco, almeno tattico (nucleare), almeno una piccola bomba nucleare, anche una piccola bomba nucleare e le perdite che si stanno verificando ora sul campo di battaglia e che sono chiaramente collegate alla corruzione, al furto , con la stupidità di Zelenskyj, con l’abominio del suo entourage e così via. La riformatteranno (la guerra) in qualcosa di nuovo. Quindi, quando avverrà l’attacco, se Dio non voglia che ci sia un attacco con armi nucleari tattiche, tutti dimenticheranno di nuovo che Zelenskyj è un pazzo, che quelli intorno a lui sono ladri, che hanno rubato tutto e così via. Tutto sarà dimenticato. Tutti i discorsi riguarderanno le armi nucleari, l’apertura del vaso di Pandora e così via. Forse lo fanno apposta… … Capite, provocare un attacco nella Federazione Russa in questo modo è vantaggioso per il governo. Aumenteranno la mobilitazione. Quindi ci sarà proprio una scusa: “guarda, e adesso?” Non c’è più niente che possiamo fare. Ora dobbiamo lanciargli tutto. Reclutiamo i ventenni”. Di cui già parlano e così via. Pensaci.”

Fa un punto interessante. Metterei nella stessa categoria anche gli attacchi alla Crimea e in particolare il recente attacco al porto di Novorossiysk, il più critico in Russia, con Zelenskyj che cerca una risposta importante dalla Russia. Finché la Russia non uccide direttamente Zelenskyj, qualsiasi altra ritorsione va bene per Zelenskyj. Utilizzerebbe questa opportunità per chiedere più armi, denaro e maggiore sostegno.

In breve: Zelenskyj cerca disperatamente di usare qualsiasi scusa per intensificare la guerra e invitare la NATO a parteciparvi. Sa che l’unico modo per fermare la Russia è coinvolgere gli Stati Uniti nel conflitto, e può farlo spingendo ripetutamente le linee rosse contro la Russia per costringerla a reagire contro la NATO. Ma ci sono poche possibilità che funzioni, dato che la NATO ha finora dimostrato una sorprendente avversione al rischio di fronte alla prospettiva di affrontare la Russia.

D’altro canto, va detto che rimane un gruppo di falchi intransigenti all’interno dei paesi della NATO che stanno chiaramente spingendo anche per una maggiore escalation:

Dal nuovo pezzo del NYT sopra:

La carenza di manodopera dell’Ucraina ha raggiunto un punto critico e la sua posizione sul campo di battaglia nelle ultime settimane è seriamente peggiorata poiché la Russia ha accelerato i suoi progressi per trarre vantaggio dai ritardi nelle spedizioni di armi americane. Di conseguenza, i funzionari ucraini hanno chiesto alle loro controparti americane e della NATO di contribuire ad addestrare 150.000 nuove reclute più vicine alla linea del fronte per un dispiegamento più rapido.

A ciò è seguito un gran rumore come il seguente, con presunti parlamentari tedeschi che volevano posizionare missili sul confine polacco per creare una “no fly zone” sull’Ucraina occidentale:

Il problema è che tutte queste cose sono cicliche e sono state “espresse” una dozzina di volte nel momento che la NATO comincia a preoccuparsi e a disperarsi. Ad esempio, guarda la data di questo rapporto identico:

E, naturalmente, anche questo non è andato da nessuna parte, come molto probabilmente succederà per le nuove “minacce”. Possiamo vedere che i falchi da guerra più strettamente allineati o direttamente controllati dalla cabala Davos/Bilderberg stanno abbaiando più forte con minacce di collasso esistenziale:

Ad esempio, ci sono rapporti continui come il seguente:

🇫🇷La Francia sta preparando ufficiali dell’intelligence “super segreti” da inviare in Ucraina

❗️Le Forze Armate francesi stanno sperimentando un gruppo da ricognizione creato per supportare le operazioni offensive. Questi “soldati super furtivi” potrebbero essere utili in Ucraina, ha riferito la stazione radio tedesca RTL.

Stiamo parlando del gruppo FRAN. Il livello di abilità dei suoi combattenti è stato dimostrato nell’ambito delle esercitazioni NATO in Estonia.

“La Francia sta testando le competenze di una nuova unità che sarebbe utile in Ucraina”, si legge nel materiale.

Come nota RTL, grazie al camuffamento, gli esploratori dell’unità possono sedersi tra i cespugli per ore e utilizzare i droni per monitorare il nemico. Le loro responsabilità includono l’identificazione delle roccaforti nemiche, la ricerca degli ingressi alle trincee e il coordinamento dei gruppi d’assalto.

Per non parlare di questo video piuttosto interessante di un soldato della Legione Straniera francese catturato che afferma di essere stato in servizio attivo , avendo semplicemente ottenuto il via libera dai superiori per “fare volontariato” in Ucraina. Fa alcune rivelazioni illuminanti e costituisce una prova positiva di precedenti rapporti secondo cui le “truppe francesi” stavano già combattendo in Ucraina, in un modo o nell’altro:

Su questo argomento, molte delle voci più “audaci” o semplicemente irriverenti in Occidente stanno ora apertamente dicendo ad alta voce la parte tranquilla. Ecco una diatriba assolutamente affascinante dell’oligarca in esilio Khodorkovsky, che fornisce date precise per l’imminente sconfitta dell’Ucraina:

Secondo lui, l’Ucraina perderà Kharkov nel 2024, Odessa nel 2025 e il resto del paese entro il 2026.

Penso che in un certo senso sia molto idealistico, a seconda della situazione politica in Ucraina. Se la nuova mobilitazione dell’Ucraina raccoglie abbastanza uomini e Zelenskyj riesce a spegnere i fuochi politici che minacciano di travolgere il suo regime, allora la caduta di Kharkov nel 2024 è improbabile, soprattutto ora che vediamo quante poche forze la Russia sta effettivamente impegnando nell’offensiva settentrionale in questo momento.

Un’altra confessione così toccante è arrivata dal portavoce del CFR David Sanger, che allo stesso modo sottolinea la precedente teoria secondo cui Zelenskyj non sarebbe sopravvissuto alla cessazione del conflitto:

Il NYT lancia ancora una volta la previsione per la fine della guerra nel prossimo futuro:

▪️The New York Times: Russia e Ucraina possono negoziare e congelare il conflitto secondo lo scenario coreano.

Secondo la pubblicazione, all’interno dell’amministrazione Biden cresce la sensazione che i prossimi mesi potrebbero essere decisivi poiché ad un certo punto le due parti potrebbero finalmente passare ad una tregua negoziata simile a quella che pose fine alle ostilità attive in Corea nel 1953.

Il problema è che Putin ha ora confermato le sue teorie e ha espresso apertamente l’idea che la legittimità di Zelenskyj è un problema al cospetto dei negoziati per la Russia. Guarda la fine di questo video:

“Tali documenti devono essere firmati dalla leadership legittima”.

Nel frattempo, il primo ministro estone Kaja Kallas afferma ad alta voce un altro degli aspetti più tranquilli: la Russia dovrebbe essere completamente smembrata:

Lei sostiene che va benissimo che i paesi siano separati in unità più piccole di nazioni. Oh veramente? Pertanto, anche l’indipendenza delle Repubbliche del Donbass dall’Ucraina era del tutto accettabile secondo l’“Ordine basato sulle regole” e lo “Stato di diritto”. È bello saperlo.

Scherzi a parte, mostra il tipo di burattini vili, inetti, senza scrupoli e totalmente amorali in cima alla piramide di governo dell’Occidente. Non ci sono principi, solo ipocrisia e bugie.

Alcuni altri articoli vari.

Per prima cosa aggiorniamoci sull’attacco alla base di Belbek in Crimea. L’ultima volta ho scritto un lungo rapporto sui fallimenti della Russia in quel paese, ma nuove informazioni sembrano suggerire che potrebbe non essere stato un fallimento così grande come pensavamo. Vedete, è diventato più evidente che gli aerei distrutti alla base erano probabilmente vecchi donatori di parti e già inutilizzabili, quindi non potevano essere smontati:

Le immagini satellitari hanno confermato: l’Ucraina ha speso l’ATACMS per un barile di cherosene. I media ucraini hanno pubblicato immagini satellitari delle conseguenze di due attacchi missilistici sull’aeroporto militare Belbek a Sebastopoli. Sarebbero stati colpiti due aerei e una struttura vicino alla pista (preliminarmente un serbatoio di carburante per aerei). Per confronto, viene fornita la fissazione del satellite dal 1 maggio al 16 maggio.

Tuttavia, se si confrontano le foto più recenti con quelle vecchie del 2023, ci si può convincere che entrambi gli aerei interessati si trovavano nello stesso posto da molto tempo – quindi si trattava di aerei fuori servizio da molto tempo, esposti sulle piste. Nelle fotografie si possono vedere anche immagini false di combattenti applicate sulla striscia per ingannare il nemico.

A parte le foto appena emerse che mostrano vecchi aerei demoliti, la prova più importante è stata la scoperta di foto satellitari dell’ottobre 2023 che sembravano mostrare gli stessi due aerei più o meno in una posizione simile a quella in cui erano stati appena “distrutti”. Annotare la data nella foto qui sotto:

Questo filo capito:

Afferma che la base russa in realtà dispone di rifugi per aerei rinforzati proprio accanto a dove erano di stanza i MiG-31:

E sottolinea un’altra foto satellitare che mostra che l’intera base è stata abbandonata praticamente da tutti i mezzi solo poche settimane fa (proprio come avevo riferito), ma stranamente i due MiG-31 sono rimasti nella stessa posizione:

Notate la data sopra e confrontatela con la foto di loro “distrutti”:

Conclude:

Allora i russi sono davvero stupidi? Oppure sta succedendo qualcos’altro? La chiara possibilità è che i MiG-31 fossero esche progettate per attirare l’attacco ATACM. I russi hanno un sacco di MiG-31 non funzionanti da usare come esche. Negli anni ’80 ne furono costruiti centinaia, ma furono ritirati negli anni ’90 perché erano costosi da gestire e avevano una durata di servizio limitata.

I MiG-31 attualmente in servizio sono prodotti ricondizionando quelli vecchi presso lo stabilimento Sokol Aviation Plant di Nizhny Novgorod. Il processo di ristrutturazione aggiunge circa 1000 ore di vita utile agli aerei. Ora, 1000 ore equivalgono a 200 pattuglie da 5 ore, quindi è facile vedere che i MiG-31 scaduti potrebbero essere disponibili per essere utilizzati come esche oltre a quelli vecchi e non aggiornati.

Detto questo, anche se è vero che probabilmente nessun aereo veramente prezioso fu distrutto, l’attacco penetrò comunque nell’AD e fece saltare in aria un grande magazzino di carburante proprio dietro il punto in cui si trovavano i MiG-31. Inoltre, il sistema S-400 è stato comunque colpito.

Tuttavia, ieri sera l’Ucraina ha lanciato quello che è stato definito un altro attacco assolutamente massiccio alla Crimea, con i canali UA che affermavano che letteralmente ogni singola base della Crimea era sotto pesante attacco.

Ora fonti russe affermano che tutto si è svolto con successo, con numerosi ATACMS abbattuti. Ma gli ucraini sostengono che due navi, un dragamine e una corvetta, siano state colpite e distrutte dall’ATACMS nella baia di Sebastopoli. Quindi: i russi lo hanno imparato rapidamente dai loro errori? Dovremo aspettare i BDA satellitari e vedere.

Anche un attacco su larga scala a Novorossiysk si è riflesso nell’abbattimento di dozzine – o, secondo alcuni rapporti, centinaia – di droni. Questo è stato l’ unico danno noto fatto:

Una piccola bruciatura sopra una delle raffinerie lì.

La difesa aerea è apparsa davvero straordinaria nell’abbattimento dei droni:

Il principale OSINT pro-UA non ha confermato alcun danno al porto di Novorossiysk:

Nel frattempo, si ritiene che l’attacco russo a Lvov abbia spazzato via un importante impianto di gas:

La seconda stazione di compressione e stoccaggio del gas più grande d’Europa, la stazione Bilche-Volitsa, ha cessato di esistere.

La sala di controllo principale (gestione), la SERB (funzionamento e attrezzature), l’edificio amministrativo e gli edifici di sicurezza sono stati distrutti.

Nota interessante:

Forbes scrive della preoccupante accelerazione della “catena di eliminazione” dell’esercito russo, il processo che va dal rilevamento del bersaglio alla sua eliminazione. Pertanto, nelle ultime settimane, diversi elicotteri delle forze armate ucraine sono stati distrutti contemporaneamente. Prima gli attacchi venivano eseguiti con diverse ore di ritardo, ora invece vengono contati minuti. Ciò è dovuto in gran parte all’introduzione di nuovi sistemi di comunicazione nelle Forze Armate della Federazione Russa. La pubblicazione parla anche della grave carenza di missili di difesa aerea delle forze armate ucraine.

Ciò consegue alla nascita di un altro nuovo satellite militare russo

Sono emerse informazioni sul carico utile del veicolo di lancio Soyuz-2.1b, lanciato il 17 maggio dal cosmodromo di Plesetsk.

Oltre alla navicella spaziale lanciata nell’interesse del Ministero della Difesa russo, sono state lanciate in orbita sei navicelle spaziali prodotte dalla società privata russa Sputniks.

Due di loro sono satelliti di telerilevamento terrestre Zorkiy-2M e gli altri quattro sono satelliti del sistema di identificazione automatica SITRO-AIS, che traccia le navi marittime.

Sono apparse immagini satellitari che, secondo quanto riferito, mostrano la misura in cui la NATO viene smilitarizzata dal conflitto ucraino. Un grande deposito di armamenti in Italia è stato quasi svuotato da varie cose come M113, M109L, ecc.:

La Russia continua ad avanzare su Kharkov e su altri fronti. La parte pro-UA sostiene che la spinta ha rallentato a Kharkov dimenticando che questo è proprio il piano russo: non effettuare una guerra lampo nel nord ma semplicemente usarla per deviare le forze ucraine da altri fronti mentre si catturano aree lì. Ciò ha già dato i suoi frutti poiché si diceva che Rabotino fosse stato finalmente riconquistato per intero:

Cosa che non è passata inosservata ai MSM occidentali:

Alcuni altri successi degni di nota di “Jihad Julian”:

Ora circolano notizie secondo cui anche Klescheevka vicino a Bakhmut è stata completamente riconquistata. I canali ucraini nel frattempo lamentano “pesanti perdite” nella battaglia di Volchansk nel nord di Kharkov:

Secondo le mappe più recenti, Volchansk appare occupato per il 40-50%, con le forze russe che si dice abbiano iniziato ad attraversare il fiume Vovcha che scorre attraverso il suo centro:

Lo stesso Syrsky ha commentato, confermando alcune delle nuove unità russe attivate in questa regione:

Nomina la 6a Armata, con l’11o e il 44o Corpo d’Armata. Il 6° è il principale elemento di combattimento del nuovo distretto militare di Leningrado. L’11° Corpo d’Armata è quello con sede a Kaliningrad, e comprende essenzialmente le truppe della Flotta Baltica. Il 44esimo è apparentemente un altro nuovo corpo del distretto di Leningrado, di cui l’intelligence britannica ha commentato più di un mese fa:

Sembra che alla domanda precedente sia stata data risposta se la Russia utilizzerà effettivamente questo corpo.

E:

Attualmente nella direzione di Kharkiv sono impegnate 12 brigate delle Forze armate ucraine e della Direzione principale dell’intelligence e lo Stato maggiore del nemico sta già valutando la situazione come critica. I due problemi principali sono la scarsa prontezza delle fortificazioni difensive e la mancanza di collegamenti. Non è noto quanto dureranno i nazisti Kraken e le forze speciali GUR. Al momento, Kiev si trova ad affrontare una realtà: in ogni brigata non più di due battaglioni hanno la massima capacità di combattimento.

Infine, le voci su Sumy continuano senza sosta:

La regione ucraina di Sumy si sta preparando alla difesa.

Ci sono stati scatti delle prossime discariche “a dente di drago”, come se nessuno le avesse notate prima. Ma ora, in previsione dell’offensiva russa da un giorno all’altro, le Forze Armate dell’Ucraina si pongono la domanda – e quando saranno schierate?

Le guardie di frontiera di Sumy sono state spinte nelle fortificazioni, hanno ricevuto un BC aggiuntivo e armi. Vsushnikam in questa direzione per la maggior parte pagano 10 mila grivna invece di 100, dicono che i soldi da Washington non sono ancora arrivati, e come vengono – ci saranno stipendi pieni. Davvero, e spiegare il selyukam di ieri.

La polizia e gli Sbushniki evacuano le loro famiglie dalla regione e a loro stessi è vietato lasciare il territorio in cui prestano servizio.

Lo stesso canale russo mil che ha annunciato “presto” l’incursione di Kharkov giorni prima che le truppe attraversassero il confine di Kharkov, ora ha anche pubblicato questa notizia provocatoria:

Ma la voce più interessante di tutte è la seguente :

Un’altra fonte:

Le forze armate russe stanno potenziando la propria forza aerea nella Repubblica di Bielorussia. Stanno anche accumulando forze e risorse nella direzione meridionale (ucraina).

Ricordiamo che le uniche due città reali verso cui la Russia potrebbe utilizzare la Bielorussia come area di sosta e trampolino di lancio sono Kiev o Chernigov:

Potrebbe essere tutto maskirovka, ovviamente, ma certamente stimola la riflessione. È nell’interesse della Russia allungare il più possibile il fronte e spezzare totalmente la capacità di resistenza dell’Ucraina, esaurendo le sue unità. L’unica domanda è: con quante delle forze appena reclutate il comando russo osa impegnarsi in un’operazione a lungo termine, e quanti armamenti pesanti ed equipaggiamenti ha la Russia per equipaggiare un’altra forza così grande.

È interessante notare che, nel nuovo editoriale del NYTimes di Rob Lee e Michael Kofman, ammettono apertamente che l’ultima tattica sta esaurendo le migliori brigate ucraine proprio per il motivo che ho delineato per mesi: vengono sbattute avanti e indietro, volenti o nolenti, per colmare le lacune perché l’agilità logistica russa è superiore:

Gli analisti Harry e Lloyd spiegano correttamente l’obiettivo della Russia:

L’obiettivo della Russia non è prendere Kharkiv, ma minacciarla avanzando verso la città e minacciandola con l’artiglieria. Sebbene la Russia non abbia le forze per assaltare la città stessa, l’operazione è progettata per creare un dilemma. Le forze ucraine sono già relativamente limitate; attirando le riserve e le unità migliori dell’Ucraina a difesa di Kharkiv, l’attacco russo indebolisce altre parti della linea del fronte. La Russia rimane concentrata sull’occupazione del resto della regione di Donetsk a est, cercando di impadronirsi dei principali snodi di transito e dei centri abitati.

Un paio di video sul problema delle fortificazioni in corso in Ucraina; un soldato ucraino ispeziona furiosamente le retrovie:

Un altro dice che è stato tutto rubato:

Un video russo che dimostra il motivo per cui le fortificazioni erano tali fallimenti: i droni Lancet continuavano a far saltare in aria tutte le attrezzature ucraine per la costruzione di trincee nel nord:

E quello più dimostrativo di tutti: i lavoratori ucraini si lamentano del fatto che la Russian Lancets ha fatto fuori tutti i suoi escavatori di trincee:

Un errore freudiano da parte di Cookie Monster:

E un ultimo pezzo dal contenuto eccellente: un nuovo mini-doc sulla presa del famigerato Terrikon o Mucchio di scorie ad Avdeevka da parte dell’eroica 114a Brigata (ex DPR). Questo pezzo è estremamente rivelatore su alcune delle cose di cui ho scritto così tanto, in particolare sull’autonomia e l’iniziativa delle unità di cui dispongono nel più ampio quadro delle forze armate russe. Ciò dovrebbe dissipare da solo qualsiasi menzogna della NATO sul “comando centralizzato” che si limita a ordinare la morte agli insensati soldati “lavoratori di droni”. In effetti, il comandante del battaglione qui rivela apertamente che il suo superiore di brigata gli ha dato totale libertà di agire di conseguenza, impostando il proprio piano per la cattura di questo importantissimo nodo.


Il tuo supporto è prezioso. Se ti è piaciuta la lettura, apprezzerei molto se sottoscrivessi un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo che io possa continuare a fornirti rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, puoi dare la mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Pascoli più verdi, di SIMPLICIUS

Molte persone provenienti da paesi occidentali notano qualcosa di intangibilmente attraente quando si recano nel “terzo mondo”. Qualcosa che non riescono a definire con precisione, una qualità di vita che non è “migliore” in superficie, nel senso classico del termine, ma che si fa sentire sempre di più, come un bambino indisciplinato che all’inizio può sembrare fastidioso, ma che in breve tempo diventa pittorescamente adorabile.

La persona comune non è in grado di descrivere con precisione questa differenza. Ma la sente nelle ossa, la beve nell’aria e nell’atmosfera, e la lascia presa da una passione inaspettata dopo che le braci del viaggio si sono raffreddate; si forma presto un’urgenza di nostalgia per viverla di nuovo.

Che cos’è questo indescrivibile magnetismo che sembra attirare le persone verso paesi cuciti apparentemente nel caos e nel disordine? Un recente thread su Twitter ha evocato elegantemente questa umwelt :

Il fatto di essere in Messico per lavoro mi ha ricordato come ci siano dei compromessi, buoni e cattivi, nelle società a bassa e alta fiducia. Guadalajara è una bella città e, a differenza di luoghi turistici come Cancun, che sono stati progettati per essere molto navigabili e accessibili agli stranieri, è solo un luogo pieno di persone che vivono e lavorano.

Ci sono segnali che ricordano che non è del tutto sicuro ovunque, come l’elevato numero di poliziotti e di addetti alla sicurezza, o misure fisiche come cancelli, recinzioni e muri. Ma dall’altro lato c’è una certa sensazione rinfrescante nell’assenza di una regolamentazione di massa. Gli Stati Uniti si sentono molto finti e inorganici in confronto alle loro catene di franchising sempre presenti.

Più vicino alla zona industriale, i quartieri residenziali hanno caffè e piccoli ristoranti aperti nei vialetti residenziali sotto le tettoie. Tutti sono in giro, camminano, mangiano o chiacchierano al telefono. Tutte le auto che ho visto sono manuali, le moto sono ovunque e la città sembra un po’ più viva, ma allo stesso tempo più pigra e rilassata rispetto alla maggior parte delle città americane.

Anche se, a seconda di dove si va, ci sono simboli di povertà schiacciante quando ci si allontana dalle aree economicamente redditizie. Ma ciò che più mi colpisce è il modo in cui la manodopera sembra lavorare nelle aziende. Ci sono persone che si occupano diligentemente di tutto, ovunque. È molto inefficiente dal punto di vista dei costi, ma è molto più bello; anche al lavoro c’è una donna che lavora tutto il giorno per gestire la mensa nella sala ristoro e cucinare, mentre per il resto spazza continuamente tutto.

Ho l’impressione che la manodopera fosse così in America prima degli anni ’50. McKinsey e le sue conseguenze sono state un disastro per gli americani. Le inefficienze tollerabili possono costare, ma fanno sentire l’atmosfera meno sotto pressione. Mi sembra che negli Stati Uniti abbiamo il peggio dei due mondi. L’attenzione a spremere ogni centesimo da ogni cosa, il minmaxxing dell’efficienza totale e la pesante cattura normativa. Forse non ci godiamo le cose, le consumiamo e basta.

Cosa c’è al centro di questa riflessione? È una sensazione generale di rilassamento e di bassa ansia, la libertà dallo stress che sta descrivendo? È la mancanza fisica di “catene di franchising” e della loro sgradevole presenza nell’ambiente, che sembra alimentare i suoi piaceri estetici come un bouquet purificante?

I sentimenti espressi sono in effetti fugaci e difficili da equiparare o da sciogliere, ma sono quelli che molte persone hanno sempre più provato e cercato di trasmettere. Il manifesto adotta un approccio più strutturalista, indicando come colpevole il “minmaxing” aziendale, con McKinsey come figura iconica la cui influenza sulla cultura aziendale americana – e per estensione sulla società stessa – è profonda e indelebile.

Un altro modo per descrivere praticamente ciò che è accaduto in molte società occidentali è: sovraottimizzazione.

Questa settimana il pensiero del collega Freddie deBoer, scrittore di Substack, ha coinciso con il mio:

Freddie de Boer
Conosco un ragazzo che si guadagnava da vivere come rivenditore eBay. Cioè, trovava qualcosa su eBay che pensava fosse sottoprezzo fintanto che l’asta non superava X dollari, lo comprava, poi lo rivendeva per più di quanto lo aveva pagato. Il classico import-export, in realtà, un digitale rigattiere. Alla fine è arrivato al punto in cui, con alcuni oggetti, non riusciva nemmeno…
13 giorni fa · 393 mi piace · 106 commenti · Freddie deBoer

Il suo pezzo cerca di tracciare il filo invisibile della sovraottimizzazione che ha lentamente pervaso ogni crepa della nostra società negli ultimi decenni. Dalle cose più evidenti, come i rivenditori di Ebay che diventano freddi perché gli algoritmi sono stati modificati per far fallire le boutique, fino agli incantesimi più insidiosi e inespressi che questi cambiamenti hanno fatto su di noi.

È vero, come scrive l’autore, che un tempo anche le app di incontri come Tinder offrivano una sorta di innocenza pittoresca nell’inciampare tra i campi dei corteggiatori, in modo più organico e forse stocastico. Ora è stato gamificato con “tattiche” di minmaxing da usare per sfondare le saracinesche algoritmiche che eliminano l’elemento “umano” dall’equazione e trasformano il “dating” in qualcosa che sembra sinteticamente “by-the-numbers”. Alcuni hanno persino progettato applicazioni per automatizzare la messaggistica di massa del più ampio bacino di ragazze, al fine di ridurle a quelle attive.

Anche i viaggi e le visite turistiche sono stati “sovra-ottimizzati” per creare esperienze “taglia-biscotti” destinate a radunare e “processare” il maggior numero possibile di esseri umani attraverso una gamma preconfezionata di “attrazioni”, progettate più che altro per dare ai turisti la loro agognata foto su Instagram, per poi spingerli avanti. Il Monte Everest, come cita Freddie, è diventato un’epitome, anzi, una vetta, di tutto ciò. Negli ultimi anni, la “montagna sacra” si è trasformata in una trappola per turisti, che ha attirato migliaia di pensionati a malapena qualificati e di amanti del brivido per ottenere il loro “momento di gloria” artificiale sulla vetta, anche quando ciò comporta lo scavalcamento dei cadaveri irrigiditi dei loro compagni di viaggio meno fortunati.

Si tratta, come sempre, della mercificazione dell'”esperienza”.

Ma questo non vuole essere il tipico discorso di circostanza sui problemi della mercificazione di tutto ciò che è sacro da parte della modernità. Voglio piuttosto esplorare i misteri più profondi del perché le società occidentali hanno iniziato a farci sentire come se mancassequalcosa .

La precedente riflessione di Aristofene parlava di una città appena sull’orlo del pericolo, priva di una “cattura normativa di massa”, tanto che le attività commerciali operano con un lassismo sufficiente a far sentire le cose organiche e naturali; caffè accoglienti sui marciapiedi o che operano all’interno di garage senza che gli sciacalli si accaniscano su ogni piccola violazione del codice. Naturalmente, alcuni occidentali si arrabbiano, preferendo i loro rigorosi standard di sicurezza e sterilità puritana. Ci sono degli estremi, la cui repulsione è comprensibile: mi vengono in mente i famigerati video di venditori di cibo di strada in India che servono poco più che brodaglia.

Mettendo da parte gli estremi, sembra esserci una via di mezzo: una società con un piede nel “pericolo” senza caderci dentro. La Russia, in molti casi, può essere descritta in questo modo: Espatriati americani come Tim Kirby si sono lamentati del fatto che le città rurali russe possono a volte ritrovarsi disseminate di deiezioni canine dopo il disgelo invernale, perché i regolamenti municipali locali non sono severi nel ripulire il proprio cane come negli Stati Uniti. Con il tempo, però, si è ritrovato ad apprezzare la libertà di un ambiente a bassa regolamentazione; la serenità di non essere perseguitati con la tracotanza dell’applicazione dello “statuto” che strangola e soffoca le città americane come un modo per fare la cresta sulle tasche dei cittadini per arricchire gli sciacalli burocratici.

Riflettendo più a fondo, non si può fare a meno di chiedersi perché le città americane si sentano così diverse. Lo stile di vita americano ruota attorno al progresso perpetuo: l’eterna ricerca del favoloso “sogno americano”, che si riduce essenzialmente alla banalità della ricchezza materiale. In quelli che sono comunemente considerati paesi del “terzo mondo”, la mancanza di “opportunità” diffuse per carriere redditizie sintonizza la vita su una cadenza diversa. Le persone sono inclini ad “accontentarsi” di lavori di base e di livello inferiore come stile di vita e ad essere soddisfatte per questo; la mancanza di alternative porta una tranquilla soddisfazione.

Ciò significa che i venditori ambulanti e i camerieri dei caffè sono più felici di fare il loro lavoro e i loro spazi offrono un’atmosfera più amichevole, invitante e rilassata. Negli Stati Uniti, il “servizio” al giorno d’oggi è spesso poco amichevole o disimpegnato, perché la cameriera di quartiere è in realtà una “starlette di Hollywood” sotto mentite spoglie, il cassiere del supermercato è un aspirante rapper con sogni sfarzosi da grande città; persino lo scorbutico autista dell’autobus sta solo “lavorando in nero” – è solo una cosa temporanea, dice, mentre snocciola mentalmente i suoi lavoretti secondari piuttosto che concentrarsi su quella che considera una carriera “al di sotto di lui”.

A volte questi esami derivano da una mentalità privilegiata, elitaria o colonialista: “Boohoo, quei camerieri messicani mi servono con molto più rispetto dei poveri americani della mia città”. Ecco perché il mio tentativo è quello di abbozzare un paragone sociale più ampio e più applicabile rispetto al semplice contrasto, per quanto superficiale, della qualità del servizio. La distinzione più sottile è che nella grande rincorsa all’ormai illusorio “sogno americano” si perde qualcosa di vitale. Le persone sono inculcate ad essere sempre insoddisfatte della loro sorte e questo ha generato una cultura priva di tranquillità, di apprezzamento per la presenza del momento. Tutti sono impegnati a inseguire mentalmente quei sogni lontani, mentre si affannano a rastrellare le loro vite aritmiche, scontente per la vergogna. È il motivo per cui i venditori ambulanti appassionati come questo sono una vista rara negli Stati Uniti:

Negli Stati Uniti, in particolare, i lavori di livello inferiore sono associati alla vergogna e al fallimento. Questo si riflette su tutta la catena, con i “migliori” della classe superiore che guardano dall’alto verso il basso i commercianti al di sotto di loro. Il ciclo di feedback crea una sorta di egregore culturale di vergogna nascosta che si manifesta in perversione, disillusione, anomia, stratificazione, ecc. I gradini più bassi sono costretti a dissimulare, spesso mentendo sulle loro professioni; ho conosciuto persone che, alla domanda su come vivono, elencavano le loro aspirazioni piuttosto che il loro lavoro quotidiano.

Nei cosiddetti Paesi sottosviluppati, la gente è orgogliosa del proprio lavoro, qualunque esso sia: ecco quindi l’ubiquità degli artigiani di strada sorridenti, come nel video qui sopra. Queste persone non hanno molto di cui vergognarsi: la cultura e la società non diffondono quotidianamente denigrazioni sulla levatura del loro lavoro. Negli Stati Uniti ci sono molte fonti di questa propaganda, in particolare la tossica macchina di corrosione culturale di Hollywood. In America, i film e la cultura pop esaltano e glorificano i ricchi e i famosi, deridendo gli oppressi e i colletti blu, rafforzando il mito del “successo”. In altri Paesi, queste professioni hanno ricchi legami culturali e storici e sono rispettate all’interno della famiglia e della comunità. La “comunità” occidentale ha quasi cessato di esistere a causa dell’afflusso di immigrati forzati e di altre odiose politiche progressiste; anche le piccole imprese sono state abbattute dai monopoli sfrenati delle Big Corp. Naturalmente il lavoro del calzolaio di quartiere perderà la sua lucentezza quando le scarpe saranno progettate per l’obsolescenza da giganteschi conglomerati che coltivano in fabbrica, destinati a pompare oceani di robaccia a basso costo e non riparabile a prezzi stracciati.

La “sovraottimizzazione” ci spinge in una corsa fiscale senza fine verso l’arricchimento degli azionisti, privandoci del dono del “momento”. Rimaniamo scontenti dei nostri magri guadagni, con una cultura strangolata dalla presunzione imposta di un bisogno e di una necessità perpetui. Le istituzioni sono state progettate per farci soffrire con la scarsità, la privazione e la FOMO, abituandoci a un intruglio controllante di tensione e angoscia. Dal momento che gli stravolgitori della cultura hanno usurpato anche i valori tradizionali, come l’importanza della famiglia, il vuoto lasciato nelle nostre vite viene invariabilmente riempito con la vuota lotta per avere successo nel gioco del “progresso perpetuo“. Tutti sono sempre “diretti da qualche parte“, anche se non sanno dove.

Nei Paesi “sottosviluppati” questo fenomeno è attenuato. Poiché le persone non sono alimentate da illusioni senza speranza, sono inclini a stabilirsi semplicemente in un’esistenza di contentezza: la tranquillità della vita presente. Sanno che non c’è nulla di “più grande” ad attenderli, quindi si accontentano di ciò che hanno, apprezzando le piccole cose e i momenti fugaci. Per questo motivo, quando visitano questi Paesi, gli occidentali sperimentano spesso un rallentamento del tempo, che di solito non hanno il vocabolario o la preparazione per articolare. Utilizzeranno eufemismi come “le cose sembrano sognanti” o “rilassate”, comprendendo a livello istintivo e cellulare che questo è il modo in cui le cose dovevano essere, come la vita doveva essere vissuta.

Alcuni potrebbero paragonarlo al buddismo, o almeno a come viene superficialmente inteso dagli occidentali alla moda: la liberazione dal “desiderio e dall’ambizione”. Ma non c’è bisogno di sfruttare gli estremi; non si tratta di un semplicistico dualismo Occidente: male, sottosviluppo: bene. Si tratta di ciò che si può togliere, di ciò che si impara. È vero, il sistema occidentale è in gran parte costruito su una sovraottimizzazione di stampo McKinsey, la cui etica privilegia l’efficienza senza alcuna considerazione per i costi sociali o della società.

Si potrebbe sostenere che il miglioramento dell’efficienza aziendale abbia una sorta di effetto a cascata, arricchendo l’economia e rendendo i cittadini più prosperi. Ma se non viene controllato, questo processo prosegue a cascata fino all’assurdo, quando i benefici per gli “stakeholder” sono già stati esauriti da tempo. Per esempio, quanto segue fa certamente aumentare i profitti della società madre, ma come potrebbe mai giovare ai cittadini locali?

I lavoratori virtuali dei fast food provenienti dalle Filippine vengono assunti per 3 dollari l’ora, rispetto al salario minimo di New York di 16 dollari l’ora. “Si possono assumere 5 lavoratori virtuali al prezzo di un lavoratore in carne e ossa” Questo dimostra quanto politiche sbagliate come questa danneggino le classi medie e basse in America.

L’altra questione, molto più ampia, è semplicemente quella della cultura, del nomos stesso. Sappiamo che una classe elitaria di ingegneri sociali parassiti lavora instancabilmente per derattizzare e sradicare la cultura, i legami storici e le tradizioni in Occidente, per creare vasi vuoti programmati a forza di inseguire la ricchezza materiale perché non conoscono altro. I legami storici vengono cancellati, la tradizione viene denigrata e scoraggiata, creando una perfetta tabula rasa da programmare per lo sfruttamento da parte della classe predatoria degli avvoltoi capitalisti. E non lo intendo in senso dialettico marxista – sappiamo che le élite non aderiscono al vero capitalismo o al marxismo, e io stesso non sono un sostenitore di nessuno dei due. Lo uso semplicemente come identificativo dei finanzieri globali in cerca di rendita, le Vecchie Famiglie che, in virtù del loro potere generazionale, della loro ricchezza e della loro influenza, fungono effettivamente da tiratori di fili del nostro mondo in crisi.

In Occidente, queste élite di comprador hanno lavorato instancabilmente per elidere la tradizione, sublimare l’istinto e rimitologizzarci come idolatri rotti che cercano di soddisfare gli impulsi materiali e libidici più superficiali, che per caso si adattano ai loro schemi di arricchimento e al monopolio del potere. I Paesi “sottosviluppati” conservano le loro radici, i loro legami con la tradizione e i legami familiari, le loro mitologie. Non sono divisi da divisioni artificiali come quelle della politica dell’identità, che lascia le loro società in uno stato di relativa concretezza. Naturalmente, sono spesso afflitti da altri problemi, come la criminalità organizzata nel caso del Messico; quindi questa non vuole essere un’apologia idealistica del Terzo Mondo. Anche il thread originale su Twitter menziona i compromessi tra queste allettanti provincialità e l’albatros della “povertà schiacciante” e della criminalità che le avvolge.

Il suo scopo è piuttosto quello di evocare la sensazione che viviamo in una costruzione artificiale che cerca continuamente di levigare le nostre vestigia grezze, di lucidarci e plasmarci in Noviops del futuro, organi perfettamente docili di estrazione di rendita. Quando ci spingiamo verso le inospitali terre di confine dell’Impero, ci ritroviamo inebriati dalla sensazione di atemporalità, dal galleggiamento della libertà dalla grande accelerazione, dalla progressione pilotata dell’ inesorabile psicomacchina della modernità. Probabilmente è per questo che sempre più pensionati si ritirano all’estero. Sembra che le cose vadano un po’ più al loro ritmo, ricordando loro un tempo lontano, prima che l’America e l’Occidente venissero inghiottiti dall’avidità corporativa, spazzati via dalla gigantesca ruspa succhia-vita della finanza e del capitale globali.

Avete avuto esperienze simili viaggiando all’estero? O questi capricci sono solo gli idealismi selettivamente impuri di una nostalgia sbagliata e retrograda?

Se siete occidentali e vivete – o avete vissuto – in un Paese incatenato dall’etica imposta dalla cabala bancaria globale, condividete i vostri pensieri e le vostre esperienze di viaggio nelle regioni periferiche dell’Impero. Siete d’accordo che c’è un’aura intangibilmente irresistibile nel modo di vivere lì? O stiamo solo feticizzando la povertà, proiettando i nostri ideali disperati su una tela comoda e pronta?


Se ti è piaciuta la lettura, apprezzerei molto se sottoscrivessi un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo che io possa continuare a fornirti rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, puoi lasciare la mancia qui: Tip Jar

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

L’abbraccio di DragonBear segnala un’espansione senza precedenti dei legami, di SIMPLICIUS

Putin è arrivato a Pechino per quello che è un incontro epocale:

Non solo si tratta del simbolico primo viaggio all’estero del suo ultimo mandato presidenziale, ma scavando sotto il cofano, scopriamo che c’è ancora più importanza nel viaggio per distinguerlo dalla mera routine.

In primo luogo, Putin ha portato con sé praticamente tutte le figure più importanti del governo russo, in particolare il nuovo ministro della Difesa Belousov, anche se Shoigu è rimasto significativamente al suo fianco:

Ciò ha portato molti esperti ad analizzare il viaggio a un livello più profondo del solito.

Questo thread di un ufficiale di riserva ucraino elenca il seguente entourage:

Inoltre, della delegazione allargata fanno parte importanti rappresentanti del mondo economico e degli oligarchi.

– Oleg Deripaska, oligarca e fondatore di RUSAL

– Igor Sechin, oligarca, amministratore delegato di Rosneft

– Herman Gref, presidente del comitato esecutivo di Sberbank

– Andrey Kostin, Presidente-Presidente della Banca VTB

– Kirill Dmitriev, CEO del Fondo russo per gli investimenti diretti

– Leonid Mikhelson, Presidente di NOVATEK

– Igor Shuvalov, Presidente di VEB.RF

– Alexander Shokhin, Presidente dell’Unione russa degli industriali e degli imprenditori (RSPP)

A questi si aggiungono Lavrov, Peskov, Shoigu, Belousov e altri.

Si tratta di un tutto esaurito e rappresenta la conclusione di importanti accordi. L’ufficiale ucraino è d’accordo:

Un simile elenco di decisori del settore finanziario ed economico suggerisce che questa delegazione non è ordinaria ma piuttosto uno sforzo ambizioso e serio per approfondire la cooperazione economica e finanziaria con la Cina.

Data la presenza del nuovo ministro della Difesa e del direttore del Servizio federale per la cooperazione tecnico-militare, dovremmo anticipare anche le discussioni sulla cooperazione militare-industriale. Questo non dovrebbe essere considerato un evento di routine.

L’ultima volta che Shoigu ha visitato la Corea del Nord, la Russia ha ricevuto milioni di proiettili di artiglieria e missili balistici. Tuttavia, a differenza di quella delegazione, questa è fortemente rappresentata dai settori finanziario ed economico, suggerendo la seria intenzione della Russia di affrontare i problemi economici e finanziari causati dalla guerra.

Leggi non solo il grassetto, ma anche l’ultimo paragrafo sopra.

Ci sono altri indicatori e voci secondo cui la Russia, in particolare, stringerà una sorta di importante partnership legata alla tecnologia dei droni.

L’altro evento più significativo è stato il discorso di Putin davanti al suo consiglio di gabinetto, che ha fatto debuttare Belousov e Shoigu nelle loro nuove posizioni:

Da notare anche la posizione di rilievo del generale Lapin al fianco di Belousov: si dice che Lapin sia il comandante del nuovo distretto di Leningrado, le cui unità, secondo alcuni rapporti, comprendono la maggior parte dei combattenti attivi sul nuovo fronte settentrionale di Kharkov.

Nel discorso, Putin fa un’importante concessione, che si perde un po’ nella traduzione AI di cui sopra. In sostanza, ammette che la Russia, come tutti gli altri nel mondo, non sapeva pienamente cosa stava facendo all’inizio dell’OMS. Molto probabilmente si riferisce principalmente all’anticipazione di alcuni sviluppi dei droni.

“Molte cose non ci erano chiare all’inizio della SMO. Né a noi né a nessuno”.

L’altro punto estremamente importante è duplice. In primo luogo, rafforza le nostre precedenti relazioni secondo cui l’assunzione di Belousov è interamente incentrata sulla gestione dell’integrazione economica russa nei settori civile e della difesa.

Come si può vedere dalla citazione sopra, Putin dà priorità alla salute dell’economia complessiva del Paese . In breve: il compito di Belousov è quello di garantire che le ripercussioni economiche a lungo termine del conflitto militare non incidano negativamente sull’economia generale e sulla vita civile.

Egli sottolinea questo punto menzionando la prossima grande “bomba”: la spesa combinata per la difesa e la sicurezza della Russia si sta già avvicinando al 9% del PIL, mentre quella dell’Unione Sovietica negli anni ’80 era a nord del 13%. Ecco solo quella clip:

Si tratta ovviamente di una cifra sconcertante che attualmente nessun paese al mondo spende. Ciò significa che Putin ha riconosciuto che la Russia sta lentamente scivolando nella zona di pericolo e non si deve risparmiare alcuno sforzo nel coreografare con competenza queste forze economiche. Nessun uomo migliore, a detta di tutti, sembra più adatto a questo di Belousov. Ho visto diversi suoi ex colleghi occidentali ora lodarlo con elogi.

Ecco uno degli esempi più recenti , i cui pensieri molto rivelatori meritano di essere letti; L’economista francese Jacques Sapir:

Andrei Belousov è stato appena nominato Ministro della Difesa. È un appuntamento importante sia per l’uomo che per quello che significa politicamente. #Discussione su questo argomento.

Conosco Andrei Belousov dall’inizio degli anni ’90. All’epoca era un brillante direttore di ricerca presso l’Istituto per le previsioni economiche e partecipò ai primi seminari franco-russi tenutisi a Mosca.

Chiamarlo “liberale” è fuorviante. Era “liberale” nel senso che aveva notato il fallimento della pianificazione centrale sovietica ed era a favore della privatizzazione, ma lo eravamo anche tutti noi al seminario FR!

Nel 1995-1996 rimase scioccato e scandalizzato dalla situazione in Russia e dalla collusione con gli oligarchi, e fu uno di quelli che mi parlò della necessità di una reazione delle “forze sane” se si voleva salvare il Paese.

Era tenuto in grande stima dai due direttori successivi dell’IPE, e in particolare da Victor Ivanter, che fu il vero direttore dell’Istituto dal 1996 fino alla sua morte nel 2019, e che sostenne di essere stato l’unico a comprendere il concetto di PIL.

Ha poi avviato la riforma ROSSTAT e, in questa veste, ho avuto ulteriori opportunità di incontrarlo quando ho preso parte al programma di assistenza INSEE -ROSSTAT. Si è guadagnato rapidamente il rispetto dei nostri colleghi dell’INSEE.

È entrato nell’amministrazione presidenziale alla fine del 2000, quando Putin è stato eletto, ed è diventato rapidamente uno dei suoi consiglieri per l’economia e l’innovazione, mettendo a frutto tutte le sue competenze (economia e matematica) nel suo nuovo ruolo.

In questo periodo ho scritto due rapporti per l’amministrazione presidenziale (2002 e 2007), che sono stati successivamente pubblicati sulla rivista “Problemy Prognozirovanija” dell’IPE-ASR.

Ha capito (e capisce) perfettamente che la sopravvivenza della Russia dipendeva dalla sua economia E dalla sua capacità di sviluppare un regime di innovazione che coinvolgesse un intero ecosistema nonché un sistema finanziario.

Ha svolto un ruolo importante nella stesura della legislazione e dei regolamenti che hanno consentito lo sviluppo di tecno-parchi in collaborazione con importanti università come Novosibirsk (il seminario franco-russo ha trasferito lì una delle sue sessioni nel 2015).

Entra nel governo come Ministro dello Sviluppo Economico (mantenendo i collegamenti con l’IPE-ASR). Già allora era convinto che gli investimenti e la costruzione di grandi gruppi innovativi fossero la chiave del successo della Russia.

Considerarlo un pianificatore ha senso solo se intendiamo la pianificazione come il processo attuato in Francia all’inizio degli anni Sessanta o in Giappone dal 1957 al 1971. Lo scopo è quello di orientare le attività di gruppi pubblici e privati.

Per troppo tempo è stato bloccato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e dalla Banca Centrale. È stato solo con la crisi del COVID (2020) che è riuscito a emanciparsi e a iniziare a realizzare le sue idee.

Fu a questo punto che Belousov, che era diventato anche vice primo ministro, sembra aver preso una svolta positiva. Nel 2022 e nel 2023 ha accompagnato e coordinato la forte crescita degli investimenti delle imprese private e la conseguente crescita dell’economia.

La sua nomina al Ministero della Difesa è di notevole importanza. Segna la trasformazione di questo ministero in un’agenzia di produzione, progettazione, ricerca e innovazione per le forze armate.

L’impatto sulle aziende dell’industria militare sarà considerevole. Vedranno le loro attività snellite, e soprattutto dovranno essere attenti al collegamento tra breve e lungo termine attraverso i processi di innovazione.

Ciò significa anche che un certo numero di aziende provenienti da parchi tecnologici e start-up saranno integrate in questo processo per promuovere l’innovazione. È probabile che la Russia istituirà un equivalente della DARPA per garantire i contatti civili/militari.

Le funzioni puramente “militari” del Ministero potrebbero essere poste sotto l’autorità di uno Stato Maggiore allargato, comprendente anche quelli responsabili degli affari economici, dei trasporti, dei servizi segreti, ecc., sul modello della STAVKA della Seconda Guerra Mondiale.

Questa nuova STAVKA verrebbe quindi logicamente collegata all’amministrazione presidenziale. Dovremo tenere d’occhio le novità di questa possibile riorganizzazione nei prossimi mesi.

Andrei Belousov è convinto che lo sviluppo della produzione militare NON DEVE avvenire a scapito della produzione civile. È lecito ritenere che manterrà il rapporto 40/60 per la produzione militare/civile.

Tuttavia, la sua nomina indica che il governo russo guarda ben oltre le attuali ostilità e prevede un periodo di 10-20 anni di confronto “freddo” con i paesi della NATO.

Sa che, in questa logica, la capacità della Russia di resistere, o addirittura di vincere, non dipende solo dalla sola produzione militare, ma anche dalla vitalità della sua economia e dai processi di innovazione che si sviluppano al suo interno.

Rileggi l’ultima parte in grassetto:

“Andrei Belousov è convinto che lo sviluppo della produzione militare NON DEVE avvenire a scapito della produzione civile. È lecito ritenere che manterrà il rapporto 40/60 per la produzione militare/civile.”

Questo rientra in ciò che potrebbe rappresentare l’importante viaggio di Putin in Cina. Putin ha recentemente parlato specificamente di “tecnologie a duplice uso”, che i media occidentali hanno colto nelle loro nuove minacce di sanzioni contro la Cina. Questo è probabilmente ciò a cui si riferisce quanto sopra: Belousov ottimizzerà le efficienze spingendo per una serie di nuove capacità produttive a duplice uso che possono avvantaggiare sia il settore civile che quello militare. Il lato positivo della tecnologia a duplice uso è che elude le sanzioni poiché è classificata come importazione civile piuttosto che militare, ma ovviamente gli Stati Uniti e l’Europa stanno cercando di reprimere questo problema mentre parliamo.

Nota anche sulle prospettive a lungo termine. Certo, si legge che la Russia si aspetta che questo conflitto duri a lungo in virtù di queste ultime mosse. Tuttavia, si tratta di un semplice pensiero pragmatico: che duri a lungo o meno, Putin sa che questo è il passo saggio da compiere per garantire lo sviluppo futuro della Russia. Ha avuto due anni per accumulare dati sulla SMO: i fallimenti, i successi, cosa sta andando bene, cosa si potrebbe fare meglio. Ora sta semplicemente agendo in base a ciò, indipendentemente dalle “prospettive future” per la stessa SMO.

Detto questo, ovviamente è possibile che l’Ucraina continui a resistere se i suoi sforzi di reclutamento avranno anche un discreto successo – e tra l’altro, non hanno altra scelta se non quella di avere successo se vengono applicate sufficiente coercizione e costrizione. Continuo a sostenere che il conflitto ha maggiori probabilità di terminare entro la metà del 2025 circa, ma esiste la possibilità che possa andare avanti ben oltre se alcune cose si mettessero a posto. Ho detto che, nonostante le perdite relativamente elevate, l’Ucraina è rimasta sulla difensiva e conserva ancora le sue forze molto meglio di prima.

Pensa a questo esperimento mentale: l’Ucraina ha circa 27 regioni, il che significa che ciascuna regione deve produrre circa 1000 uomini al mese. 1000 diviso 30 giorni fanno scendere a circa 30 uomini al giorno. Questo è ciò che ciascuna regione deve reclutare per mantenere la forza complessiva delle AFU a circa 30.000 reclute al mese. Di recente, infatti, potrebbe addirittura essere notevolmente inferiore. 30 uomini reclutati al giorno da grandi regioni equivalgono a soli 4-5 uomini per città o meno. Non è esattamente impossibile.

Detto questo, man mano che la Russia estende il fronte e apre nuove direzioni, le perdite potrebbero diventare davvero insostenibili poiché ci saranno innumerevoli punti caldi in cui le AFU subiranno fughe di manodopera.

E a questo proposito, le voci su Sumy continuano a circolare.

La posta ucraina afferma che la Russia sta avvicinando sempre più le sue attrezzature alla linea di contatto al confine di Sumy. Un’altra nuova notizia Reuters allo stesso modo cita Sumy come un fronte imminente:

Nel frattempo, SkyNews diventa allarmista sull’urgenza di Zelenskyj:

Altri articoli MSM continuano a mantenere le prospettive pessimistiche:

L’Economist ha persino iniziato a ricordare minacciosamente alla gente che il mandato di Zelenskyj scadrà presto ufficialmente:

Perché dovrebbe essere così, ci si chiede?

Sul fronte, l’Ucraina e l’Occidente celebrano il rallentamento dell’avanzata settentrionale della Russia. Ma questo era previsto, ovviamente: l’apertura è sempre stata programmata per essere rapida fino all’arrivo delle riserve. Ora si trasformerà in un altro po’ di fatica, ma accelererà a scatti man mano che si formeranno nuove crepe e si troveranno scoperte. La Russia sta ancora trattenendo la maggior parte delle sue forze ausiliarie.

Diverse fonti ora riportano il vasto mosaico di forze coinvolte per arrestare le perdite:

La maggior parte di loro vengono semplicemente selezionati da varie unità e non rappresentano interi battaglioni con personale completo.

Un articolo più esaustivo riporta le seguenti unità di entrambe le parti attive sul fronte di Kharkov:

Secondo l’organizzazione militare pro-AFU le unità coinvolte a Kharkov sono le seguenti.

****************************

Direzione Lyptsi:

****************************

Unità russe:

– 9° reggimento motorizzato

– 7° reggimento motorizzato

– 79° reggimento motorizzato

Unità ucraine:

– 42a brigata meccanizzata

– “Omega Kharkov” della guardia nazionale

– “Unità dell’istituto militare delle truppe corazzate”

– Forse la 113a brigata di difesa

****************************

Direzione Volchansk

****************************

Unità russe:

– 153° reggimento carri armati

– 138a brigata motorizzata

– 1° reggimento motorizzato

Unità ucraine:

– 13a brigata con incarico operativo Kharkiv

– 7° distaccamento di frontiera

– 82a brigata d’assalto aereo

– 1° battaglione fucilieri, 57a brigata motorizzata

– Battaglione Timur del GUR MO

– 117esimo battaglione d’assalto della 57a brigata motorizzata

– 125a Brigata Difesa Territoriale

– Corpo dei volontari bielorussi

– Corpo dei volontari russi.

– forse il 36° battaglione fucilieri della 61a brigata meccanizzata

****************************

Appunti

****************************

Sappiamo che i Krakeniti sono coinvolti, ma la loro ubicazione non è specificata.

– è coinvolta anche l’unità missilistica antiaerea con sede a Kharkov, anch’essa in fase di distruzione.

Le ultime mappe di Suriyak vedono Volchansk controllato per il 20-30% dalle forze russe, più o meno:

L’altro grande aggiornamento:

Negli ultimi due giorni l’Ucraina ha lanciato due attacchi di massa consecutivi dell’ATACMS contro la base aerea di Belbek in Crimea.

Fonti russe hanno affermato che sono stati utilizzati più di 10-16 missili ATACMS e che presumibilmente tutti tranne 1 o 2 sono stati abbattuti. Quelli non abbattuti provocarono danni significativi, spazzando via un’intera unità S-400, compresi i lanciatori e il costosissimo radar 92N6E Gravestone:

Oltre a una serie di jet russi:

Sono arrivate le immagini ad alta risoluzione di Belbek di Maxar Tech.

1 ha distrutto il Su-27 (credo)

2 MiG-31 distrutti (iterazione sconosciuta)

1 probabilmente danneggiò il MiG-29

Anche il deposito di carburante è stato raso al suolo.

Il Mig-29 danneggiato e forse gli aerei distrutti avrebbero potuto essere evitati con bunker di cemento

Ora, lasciatemi sottolineare: questo è l’unico posto su Internet dove potrete avere un punto di vista non propagandistico su questioni così delicate; ottieni sia il buono, il cattivo e il brutto con un’analisi imparziale.

Analizziamolo quindi con un approccio davvero imparziale e lungimirante.

La prima cosa da notare è che, appena una settimana fa , l’8 maggio, in questo articolo ho riferito che la Russia aveva già iniziato a spostare le sue risorse aeree più importanti fuori portata, una volta che l’ATACMS aveva iniziato a essere spedito in Ucraina. Quindi, tutto ciò che resta nel raggio d’azione dell’ATACMS non è generalmente parlando dei più importanti caccia in prima linea , ma piuttosto di cose come Su-27 e Mig-29 che non vengono utilizzati affatto, o usati con parsimonia sul Mar Nero, semplicemente per la ricognizione o la lotta contro droni, ecc.

L’eccezione ovviamente sono i MiG-31, anch’essi utilizzati per gli scopi di cui sopra, ma sono molto più preziosi poiché la Russia non li costruisce più e ne restano relativamente pochi. Pertanto, la perdita di più MiG-31 nell’attacco è uno scioccante atto di disattenzione da parte del Ministero della Difesa russo. Da due anni le persone avvertono che sono necessari rifugi rinforzati per gli aerei: questi potrebbero facilmente fermare le munizioni a grappolo dell’ATACMS, che non possono perforare alcuna superficie rinforzata. Ma per qualche ragione, in questo ambito, il Ministero della Difesa russo rimane ostinatamente lassista.

L’Ucraina, per ragioni di assoluta necessità, si è evoluta per portare avanti la guerra in modo più difensivo, responsabile ed efficace in termini di preservazione dei suoi aerei, sollevandoli in aria al primo segno di attacco. La Russia, avendo un relativo eccesso di aerei, svolge le operazioni in modo un po’ più imprudente, senza preoccuparsi troppo se una parte di essi viene logorata. Oppure si aspettavano la totale superiorità dei sistemi di difesa aerea più avanzati della Russia rispetto all’ATACMS, cosa che si è rivelata non vera.

Tuttavia, va detto che si sospetta che alcuni degli aerei distrutti fossero in realtà non operativi perché erano vecchie fusoliere utilizzate per trapianti di parti o semplicemente in fase di riparazione e incapaci di decollare. Ci sono alcune prove di ciò: ad esempio alcuni dei MiG-29/Su-27 “distrutti” sono posizionati nelle aree posteriori solitamente destinate ai velivoli inattivi piuttosto che posizionati vicino alle piste:

Ci sono segni che alcuni aerei solitari non operativi siano rimasti mentre quelli negli ormeggi accanto a loro sono stati messi fuori pericolo.

In ogni caso, l’S-400 ha dimostrato di avere difficoltà a fermare in modo decisivo le saturazioni ATACMS su larga scala . Questo è il secondo S-400 in solo un mese che è stato distrutto, il precedente era stato nella base Dzhankoi, nel nord della Crimea, il mese scorso, di cui avevo già parlato in precedenza:

Tieni presente che alcune fonti sostengono che l’attacco prevedeva altri sistemi come i missili francesi AASM Hammer e altre “esche”, ma questo è difficile da credere dato che la portata di questi missili è estremamente breve e un aereo ucraino avrebbe dovuto raggiungere direttamente la Crimea lanciarli, il che in ogni caso rappresenterebbe un enorme fallimento dell’AD russo.

La base colpita di Belbek è troppo distante per essere raggiunta da quasi tutte le altre munizioni ucraine data la sua posizione sulla punta meridionale della Crimea vicino a Sebastopoli, motivo per cui l’ATACMS è l’unico colpevole. Per non parlare del fatto che parti dell’ATACMS sono state trovate in tutta la base, sia le munizioni inesplose che lo stadio del razzo scartato:

Nella nota sopra ho specificato attacchi su larga scala. Sembra che gli S-400 ne abbiano abbattuti un buon numero, dato che il danno alla base è stato limitato a un’area relativamente piccola che corrisponde all’incirca alla “diffusione” del frammento di uno o due missili ATACMS.

Mappa termica delle aziende della NASA

Dal momento che sono state trovate molte munizioni a grappolo inesplose, in particolare nelle aree rivendicate dalla Russia come villaggi molto a nord della base di Belbek, è ragionevole supporre che molti dei missili siano stati abbattuti. Quindi potrebbe ancora rappresentare uno sforzo rispettabile da parte dei sistemi AD: abbattere la maggior parte degli oggetti in arrivo è un successo. Il vero fallimento qui è l’incapacità di prendere precauzioni per proteggere gli aerei, come costruire rifugi per aerei.

Come ho scritto diversi rapporti fa, una cosa è chiara: nessun paese al mondo possiede attualmente la comprovata capacità ripetibile di fermare completamente i missili balistici . Né la Russia, né gli Stati Uniti, né Israele. I missili balistici, anche quelli non ipersonici come l’ATACMS, si stanno dimostrando superiori a tutti i sistemi antiaerei attualmente in campo. Tuttavia, come ho già affermato in precedenza, mi aspetto che la capacità russa migliori man mano che profilano l’ATACMS attraverso più impegni e aggiornano i loro sistemi. Due “lanciatori” distrutti su dozzine di scontri in cui dozzine di missili sono stati potenzialmente abbattuti rappresentano ancora un compromesso rispettabile.

Come ho scritto diversi rapporti fa, una cosa è chiara: nessun Paese al mondo possiede attualmente la capacità ripetibile e comprovata di fermare completamente i missili balistici. Né la Russia, né gli Stati Uniti o Israele. I missili balistici, anche quelli non personali come l’ATACMS, si stanno dimostrando un’arma vincente per tutti i sistemi antiaerei attualmente in campo. Tuttavia, come ho già detto in precedenza, mi aspetto che le capacità russe migliorino man mano che il profilo dell’ATACMS viene tracciato attraverso un maggior numero di scontri e che i sistemi vengano aggiornati. Due “lanciatori” distrutti su decine di combattimenti in cui decine di missili sono stati potenzialmente abbattuti è ancora un compromesso rispettabile.

Inoltre, va notato che l’Ucraina ha lanciato in precedenza un massiccio attacco navale con i droni, che è stato interamente fermato dalle forze navali russe, con la maggior parte dei droni distrutti e i pochi rimasti che sono tornati indietro verso Odessa. Questo dimostra che la Russia sta migliorando, cosa che probabilmente accadrà anche con gli ATACMS.

Infine, ecco il risultato più importante:

Molti lettori pro-UA stanno esultando per questo grande fallimento russo. Ma in realtà, alla fine, si tratta di un fallimento ucraino.

Perché?

Perché all’Ucraina sono stati forniti per ora solo circa 100 ATACMS, e ne hanno utilizzati circa il 25-30% per attaccare obiettivi russi di nessuna importanza strategica per il conflitto attuale, che non faranno alcuna differenza nella guerra. Ancora una volta, gli ATACMS vengono utilizzati per creare incidenti di “alto profilo” destinati a rafforzare l’immagine internazionale e il morale dell’Ucraina, ma che non stanno facendo nulla contro le forze effettivamente schierate contro di loro.

1. La Crimea, come già sappiamo e come è stato ammesso di recente anche dalla stampa, non è più nemmeno un punto di transito per le armi militari russe. La Crimea ha poca rilevanza militare per l’attuale guerra di terra che si sta svolgendo in tutto il Donbass, e in particolare ora nella regione settentrionale di Kharkov. Attaccare obiettivi in Crimea non serve letteralmente a nulla per il vostro sforzo bellico.

2. Come ho detto, la Russia ha rimosso i suoi beni più preziosi da quelle basi: i Su-35, i Ka-52, cioè le cose che servono effettivamente in prima linea e contribuiscono alla guerra. I bersagli colpiti rappresentano per lo più sistemi AD – che, ancora una volta, si limitano a sorvegliare un’area già strategicamente irrilevante – così come vecchi jet utilizzati in funzioni secondarie come la sorveglianza del Mar Nero. Certo, i Mig-31 sono un po’ un’eccezione. Ma dato che gli ATACMS costano più di 1 milione di dollari l’uno per missile, lanciarne 16 su una base per lo più irrilevante è una spesa piuttosto frivola.

In breve: pur essendo un occhio nero sulla reputazione dei sistemi AD russi, questi attacchi non servono a nulla di più dei tanto celebrati attacchi alle navi russe di mesi fa, che ora possiamo chiaramente vedere non hanno avuto alcun effetto sulla guerra.

Anzi, possiamo addirittura dire che, invece di non avere alcun effetto, gli attacchi hanno un effetto negativo sullo sforzo bellico ucraino, perché – come ho scritto sopra – l’Ucraina sta sprecando le sue poche e preziose “wunderwaffe” in attacchi insignificanti, quando quegli ATACMS avrebbero potuto essere utilizzati molto meglio per colpire obiettivi militari significativi, come nodi C2, siti di munizioni, eccetera, nelle retrovie russe, da qualche parte più vicino al fronte effettivo nel Donbass.

Inoltre, va notato che mentre gli attacchi erano in corso, gli Iskander russi sono piovuti a pochi chilometri di distanza sulla regione ucraina di Nikolayev, colpendo diversi presunti depositi di munizioni, che sono obiettivi molto più importanti per la guerra di terra in corso.

Tuttavia, anche se questi attacchi non avranno un grande effetto sulla guerra reale per l’Ucraina, dovrebbero servire come un grande allarme per la Russia in relazione a qualsiasi futuro conflitto NATO. Gli Stati Uniti, con le loro centinaia di lanciatori HIMARS e le migliaia di missili ATACMS, sanno che la Russia non ha modo di fermarli e probabilmente si stanno leccando i baffi. Ma ricordate: vale per entrambe le parti. Anche gli Stati Uniti non hanno alcuna capacità di fermare gli Iskander, i Kinzhal e gli altri missili russi. Ciò significa che in una battaglia tra i due giganti, nessuno dei due riuscirebbe a fermare nulla e si distruggerebbero a vicenda a piacimento. Dopodiché, la guerra di logoramento, che si basa sulla produzione, sul morale, sul coraggio e sull’amido del capitale umano, si ridurrebbe a una guerra di logoramento, e sappiamo già chi ha un vantaggio empirico in questo campo.

Qualcuno di recente ha detto questa ovvietà, parafrasando: la guerra moderna sarà tutta incentrata sull’attacco, poiché i sistemi difensivi non hanno raggiunto lo sviluppo di quelli offensivi. Il vincitore sarà colui che riuscirà a riversare sull’avversario la maggiore “quantità” di sistemi offensivi come i droni.

E ricordate, gli Stati Uniti continuano a sottolineare chi ha il vantaggio tecnologico in molti dei campi più importanti:

Come ultimo punto:

Alcuni ritengono che questo fallimento dell’AD significhi che l’Ucraina è ora in grado di distruggere facilmente il ponte di Kerch nel prossimo futuro, dal momento che gli S-400 chiaramente “non possono abbattere il missile ATACMS”.

Mi permetto di dissentire.

Poiché l’AD russo ha dimostrato di abbattere la maggior parte di essi, credo che l’Ucraina non abbia alcuna possibilità di far passare un numero sufficiente di missili attraverso la rete dell’AD per danneggiare in modo critico il ponte. Se la Russia abbatte il 70-90% degli ATACMS in ogni lotto, significa che l’Ucraina potrebbe riuscire a colpirne solo alcuni, il che semplicemente non è sufficiente per fare qualcosa di diverso da un danno estetico.

Certo, potrebbero aggiungere Storm Shadows e altre cose che complicheranno la questione, ma nonostante ciò, nonostante quello che stiamo vedendo in Crimea, rimango abbastanza fiducioso su questo argomento perché il ponte di Kerch rappresenta un obiettivo molto più complicato da una varietà di angolazioni.

Alla fine, però, non fa alcuna differenza: al massimo possono danneggiare alcune sezioni del ponte più lungo d’Europa, che la Russia sostituirà facilmente in due mesi. L’effetto sulla guerra sarebbe nullo, come sempre.

Ultimi video interessanti.

Un’interazione involontariamente umoristica tra Putin e la sicurezza di Xi durante la visita:

Nel frattempo, in un rarissimo segno di affetto personale che va al di là della mera politica, il Presidente Xi si è spinto fino a iniziare un abbraccio con Putin:

Lo chiamo l’abbraccio dell’orso dragone ed è il simbolo della relazione storicamente stretta tra Russia e Cina.

Per sottolineare ulteriormente questo aspetto, Putin non solo ha ricordato che l’URSS è stato il primo Paese a riconoscere la Cina, ma ha anche ricordato la popolare canzone sovietica di fratellanza tra i due popoli:

Infine, nella mostra dei trofei della NATO, questo soldato russo è diventato un fulgido esempio di umiltà quando gli è stato chiesto di parlare delle sue numerose medaglie. Ha fatto una battuta dicendo che era solo per l’amore per la patria, ma si è scoperto che l’umile guerriero nascondeva il fatto di essere responsabile della distruzione di diversi Leopard e Bradley, tra gli altri:

L’umile soldato russo non vuole raccontare le sue storie di guerra.-> Ha colpito un Leopard e un paio di Bradley.Ecco la sua storia più lunga: – Il 24 luglio 2023, vicino al villaggio di Rabotino, Ivan ha fornito rapidamente assistenza medica a un compagno ferito e poi lo ha evacuato in un luogo sicuro.- Il 26 luglio 2023, alla guida di un equipaggio di missili anticarro Kornet, il tenente maggiore Zharsky ha assunto una posizione preparata e ha colpito un carro armato Leopard 2A6, facendone esplodere le munizioni. Dopo aver cambiato posizione, Ivan ha colpito un IFV Bradley a distanza ravvicinata, distruggendone l’equipaggio. Durante la seconda ondata dell’assalto nemico, la squadra di Zharsky ha distrutto abilmente altri sei BMP-2 in battaglia. Di conseguenza, il nemico si è ritirato. (Video) – Il 27 luglio 2023, le guardie hanno continuato a distruggere carri armati e veicoli blindati nemici. Un altro carro armato Leopard, un IFV Bradley e un BMP-1 sono stati colpiti.


Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: buymeacoffee.com/Simplicius


SITREP 14/5/24: Putin fa pulizia mentre Volchansk arriva sull’orlo del baratro, di SIMPLICIUS

Gli eventi continuano a svilupparsi rapidamente.

Putin ha sigillato il suo nuovo governo, con Belousov che ha dato i suoi primi ordini di marcia.

Prima che potesse a malapena mettere piede nell’aula della Duma, è arrivata la notizia che un altro funzionario del MOD era stato ammanettato per corruzione, l’alto rango Yuri Kuznetsov. Nel frattempo si è dimessa la deputata della cerchia ristretta di Shoigu Tatyana “Capo contabile” Shevtsova, così come il portavoce Konashenkov, il primo viceministro della difesa Tsalikov e altri. Sembra trattarsi di un’epurazione senza precedenti.

Si sta svolgendo come la fine del Padrino 1. Sotto l’unzione innale del salvatore appena prestato giuramento, una schiera di corrotti cancri dell’eredità vengono issati dai loro stessi petardi e trascinati in prigione. Anche se le porte delle celle continuavano a chiudersi, come se fosse stato progettato, Belousov ha simbolicamente proclamato “Puoi commettere errori, ma non puoi mentire” suscitando gli applausi della Duma:

Dopotutto, sembra sempre più un rinnovamento primaverile.

Ecco come il canale informato, sebbene sesto editorialista, ChK-OGPU ha riempito lo spazio vuoto riguardo al procedimento:

“Il sistema non poteva più resistere al livello proibitivo di corruzione del Ministero della Difesa, che ha portato all’arresto del vice ministro della Difesa Timur Ivanov, alla rimozione del “costruttore Sergei Shoigu” e alla promozione dell’economista Andrei Belousov. È noto che i viceministri Ruslan Tsalikov e Alexey Krivoruchko, ex proprietario della ditta Kalashnikov e grande fan di Miami, hanno scritto rapporti sulle dimissioni; si parla delle dimissioni di Yuri Sadovenko. Ci aspettiamo nel prossimo futuro una pulizia radicale delle “scuderie augustee” di Shoigu e possibili nuovi casi e arresti di alto profilo. Proprio ieri è stato arrestato il capo del dipartimento del personale del Ministero della Difesa, Yuri Kuznetsov.

I “cavalli oscuri” nella scuderia di Shoigu rimangono il viceministro della Difesa Tatyana Shevtsova, responsabile delle finanze, che, per definizione, a causa delle sue responsabilità lavorative, dovrebbe sapere più di chiunque altro su possibili abusi e appropriazione indebita di fondi, Alexander Fomin, Viktor Goremykin.

Alexander Fomin è stato nominato “supervisore” da Igor Sechin, che conosce Fomin da quando ha prestato servizio come studente di due anni in Angola dopo essersi laureato all’Università di Leningrado, quindi c’è un’alta probabilità che Fomin manterrà la sua posizione.

Un altro vice ministro della Difesa, Viktor Goremykin, responsabile del lavoro politico e del personale, ha avuto stretti rapporti amichevoli con Timur Ivanov e ha giocato a hockey con lui nella squadra delle Stelle Rosse. Le perquisizioni e gli interrogatori del subordinato di Viktor Goremykin, il capo del dipartimento del personale Yuri Kuznetsov, che è stato portato nella sua villa immodesta proprio nel suo letto, possono portare a seri problemi per il capo.”

Tutto questo è stato seguito dalla notizia che Putin ha elevato sia Patrushev che l’astro nascente Aleksey Dyumin a suoi personali “aiutanti presidenziali”.

Alla fine di dicembre 2020, il leader dell’LDPR Vladimir Zhirinovsky ha nominato Dyumin uno dei politici che potrebbero diventare il successore di Vladimir Putin alla presidenza della Federazione Russa

Controlla ancora una volta la fisiologia e la fisionomia: giovane e sano, vigile e con la vista acuta, non sciatto, scarmigliato e geriatrico, come è diventato così tristemente comune tra troppi dei vertici del MOD russo.

In breve: Putin sembra aver effettuato un colpo di stato eliminando un ceppo molto malato all’interno del MOD, rafforzando la sua posizione esecutiva con un gruppo di lealisti ultra-intransigenti con comprovata esperienza. E giusto in tempo, ora circolano voci secondo cui Surovikin è finalmente arrivato a Mosca, questa volta per davvero , o almeno così sostiene Rybar; si sarebbe svolto un incontro al Cremlino. Ciò potrebbe far presagire un grande appuntamento imminente per lui, se fosse vero.

Scott Ritter ha pubblicato un nuovo post su Twitter che riassume gli sviluppi in modo così succinto e completo che lo pubblico qui al posto del mio resoconto:

Scott Ritter

Una nuova rivoluzione negli affari militari La nomina di Andrei Belousov da parte del presidente russo Vladimir Putin va oltre il semplice tentativo di portare struttura economica e disciplina ad una base industriale militare espansiva ed in espansione.

È vero, la rapida crescita dell’industria della difesa russa nel corso degli ultimi due anni ha creato preoccupazioni sul fatto che un settore economico civile russo, fragile ma in espansione, si sta ancora riprendendo dallo shock delle severe sanzioni statunitensi ed europee in seguito all’avvio da parte della Russia del piano militare speciale. L’operazione (SMO) in Ucraina potrebbe trovarsi tenuta in ostaggio da una spesa per la difesa illimitata che ha distorto artificialmente le catene di approvvigionamento e i prezzi in un modo che potrebbe vedere l’economia russa seguire la strada del suo predecessore sovietico, fortemente caratterizzato dall’industria della difesa.

Belousov, un affermato economista a pieno titolo, è stato incaricato di gestire l’intersezione tra difesa ed economia civile per garantire che l’industria civile rimanga sana e vitale anche se la necessità di una solida produzione dell’industria della difesa rimane elevata.

Ma forse l’aspetto più importante della nomina di Belousov è il suo ruolo di innovatore industriale.

La Russia si sta dirigendo verso una nuova Rivoluzione negli Affari Militari (RMA) che sarà definita dal nesso di uno sviluppo tecnologico portato dalle esperienze dell’SMO (guerra con droni, guerra elettronica, maggiore letalità delle munizioni), b) Innovazione dottrinale che è emerso man mano che le lezioni apprese sul campo di battaglia dell’SMO venivano studiate e richiedeva cambiamenti incorporati nei sistemi formali di istruzione militare responsabili della produzione di dottrine aggiornate; e c) Adattamento organizzativo che comporta importanti cambiamenti strutturali e intellettuali che riflettono la realtà delle nuove tecnologie e dottrine.

Sotto Sergei Shoigu, l’esercito russo ha fatto importanti progressi nelle prime due tappe del trio RMA. Ma il tipo di innovazione strutturale necessaria all’esercito russo per trasformare i cambiamenti sistemici in una vera RMA è il punto di forza di Belousov. La Russia è sul punto di implementare una nuova RMA che trasformerà il campo di battaglia moderno tanto quanto la Blitzkrieg tedesca fu per la condotta della Seconda Guerra Mondiale.

Questa è una buona notizia se sei russo. Per l’Occidente collettivo, di fronte alla prospettiva di intraprendere una costosa espansione della NATO, un RMA guidato dalla Russia equivarrebbe a un disastro.

Sul fronte, l’Ucraina sta affrontando uno dei crolli più rapidi della guerra finora. Non ci sono due modi per minimizzare le cose: fonti russe riferiscono perdite catastrofiche per le AFU che sono tristemente a corto di personale e senza armi. La più grande scala di catture di prigionieri di guerra nell’ultimo anno è attualmente in corso, con oltre una dozzina di nuovi video solo a partire da oggi che mostrano dozzine di prigionieri ucraini, tra cui molti Kraken:

Anche le paramediche ucraine chiedono aiuto per le perdite:

Anche nel momento in cui scriviamo, lo Stato Maggiore ucraino ha annunciato il ritiro di Volchansk, la città più grande e roccaforte della regione settentrionale di Kharkov, anche se non è ancora chiaro se si tratterà di un ritiro totale o parziale, poiché la formulazione è ambigua:

Le truppe in prima linea schiumano di rabbia al comando:

Le forze russe ora sono arrivate persino nel raggio d’azione dell’artiglieria della stessa città di Kharkov, e ci sono rapporti che stanno martellando le posizioni delle AFU alla periferia di Kharkov da circa 22-24 km a Glyboke/Hlyboke.

Ci sono anche segnalazioni di distaccamenti di blocco che ora aspettano nelle retrovie per intercettare le truppe in fuga:

Nella regione di Kharkov è stato introdotto un piano di intercettazione a causa dell’esodo di massa dei soldati delle forze armate ucraine

Sulle strade principali della regione sono posti di blocco rinforzati con “uomini armati senza contrassegni di identificazione” che cercano i soldati ucraini in fuga in massa dal campo di battaglia. Questa dichiarazione, citando le sue stesse fonti, è stata fatta da un esperto militare, tenente colonnello in pensione della Repubblica popolare di Lugansk (LPR), Andrei Marochko.

Secondo lui, i dipendenti del Ministero degli Affari Interni e del Servizio di Sicurezza dell’Ucraina “controllano i documenti di tutti e ispezionano i veicoli”, motivo per cui in molte zone ci sono “ingorghi lunghi chilometri”.

E se pensavate che potesse trattarsi di propaganda fantasiosa, secondo quanto riferito le forze russe hanno catturato una delle truppe incaricate di eseguire ordini di blocco di questo tipo, che attesta il fatto:

In ogni caso, sono già stati segnalati combattimenti verso il centro della città, mentre ieri le forze russe avevano appena raggiunto la periferia. Alcuni rapporti affermano che le forze russe hanno catturato gli edifici amministrativi vicino al centro:

Ma quello non era nemmeno il rumore più importante. Le rivelazioni più scioccanti arrivano attraverso un’intervista al NYT con Budanov, che ha visitato vivacemente la linea del fronte di Kharkov devastata dalla guerra per fare la sua valutazione della situazione:

Innanzitutto afferma francamente che all’Ucraina non sono rimaste riserve per Kharkov:

Nota: utilizzo la versione Telegraph della storia sopra poiché il collegamento NYT si comporta in modo instabile per qualche motivo.

❗️ “Non abbiamo riserve” 🇺🇦

Il capo dell’intelligence militare ucraina Budanov ha ammesso al New York Times che la situazione è grave:

“La situazione è al limite”, ha detto il generale Kyrylo Budanov, capo dell’agenzia di intelligence militare ucraina in una videochiamata da un bunker a Kharkiv. “Ogni ora questa situazione diventa critica.”

“Tutte le nostre forze sono qui o a Chasiv Yar. Ho usato tutto quello che avevamo. Purtroppo non abbiamo nessun altro nelle riserve”.

Che ne dici di un’ammissione schietta?

Ma come se ciò non bastasse, Budanov ammette inoltre che la Russia inizierà la tanto attesa operazione Sumy entro pochi giorni :

Di conseguenza, i sussurri provenienti dal confine di Sumy sono diventati assordanti.

Non solo i canali militari russi postano teaser come i seguenti:

Ma circolano voci continue di importanti aumenti nell’azione dei DRG russi, nei droni, negli attacchi di artiglieria e altro ancora, in tutta la regione di Sumy:

⚡🔥⚡️Dopo che squadre di guardie di frontiera e soldati ucraini hanno iniziato a scomparire nella regione di Sumy, il lavoro dei nostri OMD e ROSN nelle aree di confine e dell’art. scioperi, le forze armate ucraine evacuano diversi insediamenti a nord-ovest della città di Sumy. Le barriere minerarie e ingegneristiche sono già state rimosse e la concentrazione delle forze nemiche è minima⚡🔥⚡

Un’altra presa in giro premonitrice afferma che le barricate verranno smantellate al confine di Bryansk, al checkpoint di Seredina-Buda, proprio di fronte a Sumy:

⚠️ E il temporale è già così vicino, mi fa venire la pelle d’oca, c’è un netto odore di ozono nell’aria, all’orizzonte sono apparsi neri cumuli.

Nelle dure foreste di Bryansk , non solo i terroristi perdono le orecchie, le potenti forze forestali sanno sottilmente dove si trova il nemico e si stanno preparando per l’imminente temporale; nell’ambito di questa iniziativa hanno eliminato le barriere antimine al posto di controllo di Seredina-Buda.

Inoltre, depositi di munizioni e forze d’assalto aviotrasportate di militanti ucraini decollano lungo tutta la profondità della formazione operativa.

Nell’oscurità della foresta di Bryansk, guerrieri epici preparano i loro strumenti, altri sguainano violini e contrabbassi.

Una mazza è già stata sollevata sulla testa del nemico; presto crollerà.

✈️ Esplorazione NGP🦇

Un’analisi ha analizzato alcuni numeri:

⚡🔥⚡️Kirill Budanov ha lasciato Kharkov con uno scandalo e si sta dirigendo a Sumy.

Lì organizzerà la contrazione dei DRG russi e schiererà distaccamenti per TRO e OMBR, che Syrsky sta trasferendo dalle riserve.

Le forze armate ucraine ne hanno in riserva poco meno di 54.000, da Kherson, che potrebbe tornare nelle mani delle forze armate russe, a Sumy e Chernigov.

12.000 di questa riserva sono già stati ritirati a Kharkov, poi altri 17.000 saranno trasferiti a Sumy⚡🔥⚡

Interessante la parte relativa al checkpoint di Seredina-Buda. La domanda era sempre se la Russia sarebbe arrivata sul lato est o ovest di Sumy. Se si concentrasse a est, forse anche nella regione di Grayvoron, ciò comporterebbe una gigantesca tenaglia della città di Kharkov. Ma il checkpoint di cui sopra è molto più a ovest di Sumy, anzi, quasi più vicino a Kiev:

Se la Russia fosse davvero entrata così in profondità, sembrerebbe necessaria una spinta da parte di Kiev. La verità è che l’assedio di Kiev potrebbe essere uno dei colpi di grazia più fatalmente inaspettati, dato che la Russia ha pochissimo territorio da coprire da quella parte e l’Ucraina – come ha ammesso lo stesso Budanov – ha poche riserve. Le forze russe che avanzano alla periferia di Kiev causerebbero il panico non solo in Ucraina ma in tutto l’Occidente, destabilizzando potenzialmente la situazione in modo catastrofico.

Mettiamola in questo modo: la Russia non deve catturare Kiev, né tentare di farlo. Semplicemente portando le sue forze in periferia, potrebbe seminare abbastanza caos e panico, fuga di civili, ecc., in modo da spodestare finalmente Zelenskyj con una sorta di colpo di stato destabilizzante, o costringerlo a mostrare la sua mano fuggendo con un governo governativo. -l’esilio, a Lvov o altrove, il che sarebbe di per sé politicamente fatale. Ci sono molte potenziali giocate qui.

Ma per il momento qualsiasi mossa potenziale di questo tipo è probabilmente molto lontana, poiché gli obiettivi immediati ruotano semplicemente intorno alla divisione delle forze ucraine e all’assottigliamento delle linee al fine di creare scoperte volte a generare perdite catastrofiche di materiale, personale e morale.

Nel mezzo del collasso in corso, Blinken si è precipitato a Kiev per fornire un’altra serie di insulse “rassicurazioni” per evitare che il morale ucraino precipitasse catastroficamente. Questa “rassicurazione” finì per consistere in nient’altro che Blinken che dava un’interpretazione edificante di “Rockin’ In a Free World” di Neil Young in un bar di Kiev:

“Cosa, volevi armi e soldi? Sono venuto invece a darti una canzone.

Può l’impero americano diventare ancora più patetico o imbarazzante?

A Kiev c’era il tutto esaurito poiché il rampollo del male incarnato non poteva lasciare che Blinken si divertisse e ha deciso di unirsi al conclave:

I titoli dei giornali rimangono cupi come sempre, anche se a volte raggiungono nuovi minimi di disperazione:

Uno di essi include persino questo pratico grafico per il presunto calo dei tassi di intercettazione dei missili russi da parte dell’Ucraina:

Come ricorderete, qualche mese fa avevo riferito che l’Ucraina sta reintegrando solo il 50% delle sue perdite attraverso la sua scarsa mobilitazione. Secondo gli ultimi dati, la percentuale è scesa a un disastroso 25%. Tuttavia, il 18 maggio entrerà in vigore la legge sulla mobilitazione appena firmata, che potrebbe dare il via a una campagna di portata molto più ampia e pesante per recuperare i corpi dalle strade.

È interessante notare che questo coincide quasi esattamente con la scadenza del 21 maggio per la legittimazione di Zelensky, dopo la quale si teme che la situazione possa diventare piuttosto libera per tutti. In effetti, le voci su questo fronte già abbondano, come la seguente – anche se prendetela con un granello di sale, poiché molto probabilmente è falsa, ma è intesa più che altro come un esempio dimostrativo dei problemi che si stanno preparando:

Alcune ultime notizie:

Tra le polemiche sul crollo della regione di Kharkov, sta venendo alla luce sempre più chiaramente quale sia la portata della corruzione che ha portato al grave tradimento:

Ecco un altro esempio del miracolo di fortificazione dell’Ucraina. Un soldato ucraino stufo descrive le opere di trincea totalmente inefficaci su uno dei fronti, un problema endemico:

Un’unità cecena dell’Akhmat Zapad (Ovest) è stata avvistata tra le forze di Kharkov intorno a Ogurtsovo, a nord-ovest di Volchansk, e ha lanciato un grido rivelatore ad alcune brigate operative nell’offensiva del nord:

A 1:46 vengono nominati il 153° reggimento carri e il 41° reggimento fucilieri motorizzati. Il 153° fa parte della 47ª Divisione carri sotto la 1ª Armata carri della Guardia, ed è un reggimento di nuova formazione dal 2023, quando Shoigu ha rafforzato la 1ª Armata carri della Guardia con 5 nuovi reggimenti. Il 41° Reggimento Fucilieri non è ancora certo, ma si dice che provenga dalla Carelia.

Infine, qualcuno potrebbe averlo già postato, ma ecco una buona versione sottotitolata di un nuovo finto annuncio di reclutamento ucraino, ormai sempre più accurato:


Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Il riassetto del governo di Putin mette in ginocchio l’intellighenzia occidentale, di SIMPLICIUS

Come molti sospettavano da giorni, Putin ha avviato un grande rivolgimento nel suo gabinetto. La più notevole è stata la rimozione dello storico ministro della Difesa Shoigu, per essere sostituito con un uomo del quale molti non hanno sentito parlare: Andrey Belousov, un economista di mestiere e di formazione.

Alcuni hanno considerato questo un deliberato errore di direzione da parte di Putin, dal quale molti si aspettavano la sostituzione di Shoigu con l’astro nascente Dyumin.

Ci sono molti punti di vista da cui affrontare questo argomento, ma prendiamone alcuni dei più importanti.

In primo luogo, si è trattato di una retrocessione o di una promozione per Shoigu? RYBAR, per esempio, la definisce una promozione , dato che la sua nuova posizione di Segretario del Consiglio di Sicurezza è piuttosto prestigiosa e silovik Patrushev, uno degli uomini più potenti del Cremlino, ricopre da quasi due decenni:

Il Ministro della Difesa Sergei Shoigu è stato promosso al Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa. Non si sa ancora dove andrà esattamente Nikolai Patrushev. Forse, proprio come per Medvedev ai suoi tempi, verrà inventata per lui una posizione aggiuntiva e un’area separata di cui si occuperà. O forse Nikolai Platonovich ha semplicemente ricevuto la tanto attesa pensione. Cosa significherà l’arrivo di Shoigu per il Consiglio di Sicurezza: un aggiornamento e un rimpasto (saranno necessari i quadri fedeli a Shoigu). In questa fase nella struttura del Consiglio di Sicurezza si è sviluppato un certo sistema quasi di caste, senza possibilità di crescita verso l’alto per i singoli dipendenti. Forse, nelle condizioni attuali, ciò significherà una ristrutturazione del meccanismo di lavoro del Consiglio di Sicurezza su un piano leggermente diverso. Forse.

Altri naturalmente credono che si tratti di un colpo di stato di lunga durata contro Shoigu e i “suoi quadri”. Il recente arresto di Timur Ivanov è in cantiere da 5 anni, come ci hanno detto i pubblici ministeri russi. Avrebbero potuto arrestarlo in qualsiasi momento, ma hanno scelto di farlo in modo molto simbolico non solo prima della rielezione di Putin, ma addirittura letteralmente lo stesso giorno in cui sedeva accanto a Shoigu nel consiglio di difesa. Anche se a prima vista non credo necessariamente ad alcuna teoria del complotto, noto che non esistono coincidenze nel grande gioco della politica di potere.

Per Timur Ivanov essere stato considerato uno stretto alleato di Shoigu – che fu colui che lo nominò – è stato significativo. Si vociferava addirittura che l’accusa di appropriazione indebita fosse una copertura per uno spionaggio molto più serio. Alcuni arrivano addirittura a ipotizzare che l’intera operazione sia un grande abbattimento a lungo termine del clan Shoigu. come scrive questo analista :

Timur Ivanov è una delle persone di cui Prigozhin voleva che Putin si liberasse. Una delle risorse vicine al gruppo “Wagner” ha appena postato questo :

”A nome della PMC “Wagner” vorremmo esprimere la nostra profonda gratitudine al Presidente del Comitato Investigativo della Federazione Russa ad Alexander Ivanovich Bastrykin per l’arresto di un funzionario corrotto a livello statale, il Vice Ministro della Difesa della Federazione Russa Timur Ivanov. Grazie al dipartimento da lei diretto, è stata fermata la fuoriuscita di ingenti risorse materiali dal tesoro statale, che sono così necessarie ora per mantenere la stabilità economica del paese in un momento in cui c’è un’enorme pressione da parte di paesi a noi ostili. Nel corso degli anni di attività corrotta, questo funzionario ha causato danni colossali non solo al nostro esercito, ma anche al comune popolo russo. Crediamo nella giustizia della legge e speriamo che questo e altri furfanti corrotti ricevano una meritata severa punizione nella misura massima consentita dal diritto penale della Federazione Russa.”

Un’altra teoria lungo il taglio della cospirazione:

“Forse questo non è un accordo definitivo. Mentre la battaglia in alto continua. Questa è la prima fase della vittoria del clan Kovalchuk. È stata effettuata un’operazione brillante per eliminare Shoigu. Ovviamente volerà più in basso. Persone da il suo entourage verrà preso. Non ha più un potere reale.

Shoigu rappresentava il clan più numeroso. I successivi, logicamente, sono i pesci più piccoli, come i Rotenberg. O dovranno piegarsi sotto i Kovalčuk o verranno divorati. E per prima cosa, persone della loro cerchia, come Kolokoltsev. Penso che non resterà a lungo e ci saranno cambiamenti al Ministero degli Interni per sei mesi. Penso anche che con l’FSB ci possa essere una sostituzione entro sei mesi, anche questo è legato alle fasi di lotta interna”.

Infine, cosa più plausibile: “Il commentatore politico di Tsargrad, Andrey Perla, è sicuro che, mettendo Belousov a capo del Ministero della Difesa, Vladimir Putin vuole risolvere due compiti” :

Il primo è stroncare sul nascere tutte le discussioni sulla possibilità stessa di corruzione nel dipartimento della Difesa.

Il secondo è quello di dividere la leadership delle truppe durante le operazioni di combattimento e il sostegno organizzativo ed economico dell’esercito e della marina.

Perla si chiedeva quanto l’agenzia avrebbe cambiato Belousov, perché, presumibilmente, ora una parte significativa dello staff è composta da Shoigu.

Le macchinazioni richiedono molto tempo per svilupparsi a livello di élite. Lo stesso Prigozhin mancò gravemente di rispetto alla Russia e non “pagò” per questo se non molti mesi dopo. È quindi possibile che Putin, non volendo agitare la barca per ragioni comprensibili, abbia preferito aspettare fino al momento in cui un riassetto fosse naturale e atteso, opportunità offerta dal consueto rimpasto di governo post-elettorale; portare a termine le cose difficili gradualmente senza creare troppe ondate è una scienza astuta.

Ma qualunque siano le vere ragioni, una cosa che personalmente credo è che la Russia, come molti paesi del mondo, soffra della malattia strisciante della gerontocrazia, come la stessa Unione Sovietica. Probabilmente non è così grave come quello degli Stati Uniti, ma ci sono molte vecchie figure, Sovok e simili, che avrebbero dovuto essere messe da parte e andare in pensione molto tempo fa. Non necessariamente a causa della corruzione di per sé, ma semplicemente per la mancanza di passione e vitalità nel migliorare il Paese.

Per quanto mi riguarda, sottoscrivo l’importanza della fisionomia, e uno sguardo a molti dei riporti più anziani e dei funzionari perenni mostra un gruppo a volte invecchiato, dall’aspetto impoverito e privo di ispirazione. Shoigu non è poi così vecchio, ma ultimamente ha effettivamente avuto un aspetto pessimo per l’usura, smunto ed esausto. Belousov, con i suoi 65 anni, è praticamente un pulcino per gli standard gerontocratici globali.

L’aspetto e la fisionomia possono certamente ingannare, ma a prima vista sembra acuto, adatto e con gli occhi lucidi. Un video dimostrativo in giro ha lo scopo di mostrare la sua acuta comprensione e la schiettezza diretta riguardo alla produzione di droni russi e ai suoi limiti intrinseci:

Inoltre, si dice che sia un tecnologo severo e un appassionato di tecnologia dei droni che concentrerà la produzione della difesa russa nelle direzioni necessarie. Nella recente tavola rotonda con i comandanti in prima linea, ricorderete che Putin ha affermato espressamente che la Russia intende concentrarsi sullo sviluppo dei robot terrestri UGV.

Non è un caso che il “ragazzo dei droni” venga improvvisamente assunto per il lavoro. Aspettatevi che questo appuntamento sia molto rialzista per il progresso dei droni russi.

Peskov ha approfondito la nomina con una precisazione estremamente significativa:

Leggi la parte in grassetto del riepilogo di seguito:

🇷🇺 Il commento completo di Dmitry Peskov sulle ragioni della nomina di Andrei Belousov a Ministro della Difesa

❗️ Il budget del Ministero della Difesa e del blocco sicurezza era recentemente ancora intorno al 3%, ma recentemente è cresciuto fino al 6,7%. Questa non è ancora una cifra critica, ma a causa delle ben note circostanze geopolitiche, ci stiamo gradualmente avvicinando alla situazione della metà degli anni ’80, quando la quota delle spese per il blocco della sicurezza nell’economia era al livello del 7,4%.

❗️ È molto importante integrare l’economia del blocco di potere nell’economia del paese. Scrivilo per adattarlo al momento attuale. Oggi, il vincitore sul campo di battaglia è colui che è aperto all’innovazione, più aperto all’implementazione più rapida. Pertanto è naturale che nella fase attuale il presidente abbia deciso che il Ministero della Difesa sarà guidato da un civile.

❗️ E questo non è solo un civile, ma una persona che ha guidato con grande successo il Ministero dello Sviluppo Economico, che per lungo tempo è stato assistente del presidente sulle questioni economiche. E nel precedente gabinetto dei ministri era stato primo vice primo ministro.

❗️ Il Ministero della Difesa deve essere assolutamente aperto all’innovazione, per introdurre tutte le idee avanzate.🇷🇺

Come potete vedere, la nomina di Belousov ha lo scopo di semplificare l’ integrazione economica delle industrie della difesa e dell’economia generale del paese. Si potrebbe scrivere un intero saggio su cosa significhi esattamente questo solo punto . Alcuni lo hanno addirittura interpretato come un qualche tipo di colpo di stato neoliberale, poiché alcuni sostengono che Belousov sia un “liberale” che una volta era assistente del tedesco Gref della banca Sber, e quindi “saccheggerà” l’economia russa aggiogando le preoccupazioni della difesa recentemente sequestrate dallo stato vengono reintegrate nel “settore privato” – in sostanza, restituendo le chiavi del futuro della Russia ai grandi oligarchi delle armi.

Dovremo aspettare e vedere, ma non credo che significhi questo. Questo sviluppo può essere accolto solo positivamente in quanto dimostra la serietà di Putin nell’affrontare le questioni dell’integrazione e del sollievo economico-difensivo. Credo che tutto ciò ruoterà attorno al ridimensionamento dei processi produttivi e alla creazione di un settore della difesa più agile, flessibile e innovativo, consentendo alle aziende private di integrarsi meglio con gli sviluppi attualmente realizzati dalle potenze industriali “di proprietà statale”. È così che funziona negli Stati Uniti e ci sono grandi vantaggi nel velocizzare i processi di sviluppo di nuovi progetti innovativi.

Mentre la Russia ha ottenuto risultati molto positivi in ​​alcuni settori dall’inizio dell’OMU, in molti altri è rimasta molto indietro. Ad esempio, il ridimensionamento e la commercializzazione dei sistemi di guerra elettronica basati sul personale lasciano molto a desiderare. La maggior parte dei sistemi a terra sono imitazioni cinesi a buon mercato e requisiti ad hoc, un processo estremamente obsoleto e inefficace, che causa la morte di massa di militari russi a causa dei droni nemici. Qualcosa in questo circuito ha un serio bisogno di essere snellito, inclusa la “localizzazione” che lo stesso Belousov ha sottolineato nel video qui sopra.

Per quanto riguarda la preoccupazione che sia un civile in tutto e per tutto, questa è ormai diventata una tradizione sotto Putin e infatti gli ultimi quattro ministri della difesa, tutti, non sono stati militari. Shoigu, come molti sanno, era un ministro delle emergenze; prima di lui, Serdyukov era un esattore delle tasse, chiamato da Putin appositamente per essere un “outsider” in grado di sgomberare le ragnatele dell’apparato militare incapace di auto-controllarsi; e prima ancora di lui c’era Sergei Ivanov, un capo dell’FSB specializzato in diritto, senza esperienza militare. Dopotutto, Peskov ha affermato che ancora una volta Belousov è stato coinvolto in virtù, piuttosto che malgrado, del suo background non militare.

Alcune considerazioni finali sulla nomina di un altro analista:

La nomina di Belousov promette una verifica totale di tutti i flussi finanziari del Ministero della Difesa. È un manager abbastanza duro ed efficace noto per il suo approccio pratico agli affari. Aveva spesso un punto di vista impopolare sul lavoro delle strutture responsabili, che è probabilmente ciò di cui ha bisogno ora il Ministero della Difesa.

E c’è sempre questo, per i credenti:

Il nuovo ministro della Difesa russo, Andrey Belousov, è un cristiano ortodosso praticante. Ha personalmente donato e costruito un monastero nell’oblast di Vladimir: “La Russia deve diventare la custode delle tradizioni della civiltà cristiana. L’era del globalismo è finita”.

I conoscenti di Andrei Belousov hanno detto a The Bell (agente straniero) che periodicamente presta servizio come chierichetto in una delle chiese, presumibilmente nella regione di Vladimir.

In generale, lo considero con cautela come uno sviluppo molto positivo. In passato ho espresso apertamente il fatto che gran parte della struttura militare russa all’inizio dell’SMO era un residuo arrugginito, a volte decrepito e persino corrotto, del passato. Anni di operazioni a bassa intensità o senza ostilità generalmente si traducono in un accumulo di pigrizia, generali inutili che si riempiono le tasche o si siedono su posizioni che considerano sinecure piuttosto che guadagnarsi meritoriamente il mantenimento.

Tutto questo viene ripulito in virtù della necessità – e un conflitto esistenziale porta necessità come nessun altro. Fin dall’inizio, Putin ha lentamente ripulito le strutture calcificate, promuovendo e mobilitando uomini meritevoli per sostituire i parassiti delle epoche polverose del lungo passato. Si tratta di un processo continuo e senza fine, ma ha dato i suoi frutti e oggi vediamo la sua continua progressione. Il rinnovamento primaverile del cambiamento e dell’adattamento è una buona cosa.

Come ultimo rapido accenno all’offensiva in corso a Kharkov, abbiamo ora visto l’introduzione ufficiale del simbolo tattico operativo del gruppo settentrionale:

Un confronto tra l’operazione attuale e il tentativo del 2022 di conquistare la regione di Kharkhov

2022: le truppe russe avanzarono principalmente lungo le strade e in pochi giorni raggiunsero i confini della città di Kharkhov. Entrarono le truppe principali

2024: le truppe russe evitano lo stiramento delle linee e si muovono attraverso foreste e campi al confine, ancora un’operazione guidata dalla DRG

2022: i simboli V, O, Z (che guarda caso sono le iniziali di Volodymyr Oleksandrovych Zelenskyy) iniziano ad apparire pochi giorni prima dell’inizio dell’attacco principale

2024: il nuovo simbolo tattico è stato svelato solo dopo l’inizio dell’attacco

2022: i russi, a causa dell’avanzata troppo rapida, diventano anche preda di imboscate, subendo perdite maggiori rispetto agli ucraini che si nascondevano

2024: i russi hanno schierato più droni e mezzi per distruggere i rinforzi ucraini in arrivo, per ora le perdite possono essere uguali o addirittura superiori per gli ucraini 

Allo stesso tempo, con armi come i droni FPV e i FAB, anche lo stile di combattimento è diverso 

Sebbene non sia così grandioso come il tentativo del 2022 in termini di accaparramento di terre, questo è più sostenibile per l’esercito della RU e crea dilemmi strategici per il comando ucraino

In aggiunta a quanto sopra, ora si dice che la Russia stia sminando interi campi dando loro fuoco e bruciando tutte le mine:

E le cose continuano a muoversi a ritmo sostenuto, con le forze russe che si impadroniscono di altri villaggi e che ora sono entrate nella vera città di Volchansk, la più grande roccaforte della regione settentrionale:

Molti canali militari ucraini sono nel panico o nel disordine e ora accusano apertamente la leadership ucraina di non aver costruito alcuna difesa nel nord. È chiaro che quello che era iniziato come un tentativo di minimizzare l’avanzata del nord si sta ora trasformando in una debacle aperta:

Volontari ucraini lamentano che le formazioni naziste della GUR (“Kraken”, “Sonechko”, “Fratellanza”, ecc.)* hanno bloccato l’evacuazione della popolazione locale da Volchansk e utilizzano i residenti della città come scudi umani 

I residenti locali hanno stretto un accordo con i volontari, ma non hanno lasciato entrare né lasciare nessuno fuori città.

A giudicare dalle notizie, la lotta per la città è già iniziata. Abbi cura di te, carissimi! – chiede Dill Fresh

L’AFU sta ora cercando di tappare i buchi indirizzando le sue unità più d’élite verso nord, con GUR spetsnaz e Kraken che, secondo quanto riferito, stanno arrivando in soccorso. Sfortunatamente per loro, diversi gruppi Kraken sono già stati catturati dalle forze russe. Di seguito le loro interviste:

Militante catturato del battaglione “Fratellanza” della direzione principale dell’intelligence del regime di Kiev. Questa formazione è stata creata dal bastardo Korczynski, che è andato a uccidere i russi in Cecenia, come membro dell’UNA-UNSO ha combattuto dalla parte dei terroristi di Duday.

2° video:

Catturato Gurovtsy in direzione Kharkiv. GUR del Ministero della Difesa ucraino “Kraken”, Gut Ilya Romanovich

Starshe Edda fornisce alcuni dettagli:

Il secondo giorno dopo l’inizio dell’offensiva del gruppo di truppe Nord. Il numero delle AFU catturate ha già superato le 50 unità , c’è anche un prigioniero del Kraken. È troppo presto per stimare le perdite del nemico; nelle roccaforti giacciono probabilmente 100 persone, queste sono quelle che i soldati delle forze armate ucraine in fuga non sono riusciti a trascinare via. Al momento non è chiaro quanti nemici siano stati distrutti a causa degli incessanti attacchi di artiglieria e aerei, ma è ovvio che ce ne sono molti.

Strelechye, Gatishchi, Pylnaya, Borisovka, Pletenevka, Krasnoye, Ogurtsovo, così come i reggimenti forestali adiacenti e le fortificazioni nemiche, sono sotto il nostro controllo; le battaglie si stanno svolgendo nell’area di Glubokoe, così come alla periferia di Volchansk. È molto importante notare che le nostre perdite sono minime , Storm of the North agisce in modo molto competente, Lancets, equipaggi FPV, artiglieri, tank aprono loro la strada, spazzando via le fortificazioni del nemico e i suoi veicoli corazzati. 

L’AFU non può mostrare nulla ai suoi ohlos (che significa mostrare i successi sul campo di battaglia), quindi registrano video con rappresentanti del corpo dei volontari dei galli, in cui parlano delle nostre grandi perdite. Spero che i combattenti del Corpo dei Galli smettano di pisciare sulle recinzioni di Kharkov e vengano già in aiuto degli ucraini, dove li scacceremo. Il nemico scarica tutti i suoi fallimenti sui civili di Belgorod, bombardando le zone residenziali. È questo il problema che i nordisti d’acciaio stanno ora risolvendo, rilassando il nemico.

Fa una nota importante che ho visto sottolineata da altri: per una volta, questa offensiva è stata contrassegnata da un’enfasi specifica sul fatto che le forze russe stanno utilizzando efficaci tattiche di armi combinate, con diversi rapporti in prima linea che si preoccupano di notare che l’utilizzo di artiglieria e droni è buono, le comunicazioni sono notevolmente coordinate e funzionano in modo fluido, ecc. Questo al contrario di molti altri fronti come Kherson dove le lamentele sul coordinamento tra questi aspetti menzionati sono diffuse. Sembra che chiunque gestisca il “Vento del Nord”, come lo chiamano alcuni, finora stia svolgendo un lavoro molto competente.

Naturalmente il merito va anche alle unità stesse, per le quali il quadro diventa sempre più chiaro. L’ultima volta ho menzionato alcune delle unità sospettate di essere coinvolte, ma ora vengono menzionate alcune altre unità degne di nota:

La 138a Brigata di fucilieri motorizzata delle guardie scelte, che appartiene alla 6a Armata di armi combinate del distretto di Leningrado; una fonte afferma che si tratti dell’80° reggimento carri armati, anche se non ho visto conferma di ciò.

Poi c’è, secondo quanto riferito, la 18a divisione di fucilieri a motore della guardia, come parte dell’11° corpo d’armata delle truppe della flotta baltica di cui ho già parlato l’ultima volta, con il 79° reggimento di fucilieri a motore che opera come parte della 18a divisione.

Uno dei pochi punti in comune prevalenti è che la maggior parte delle unità utilizzate sembrano provenire dal neonato “Distretto Militare di Leningrado”.

Questo messaggio in preda al panico da parte di un resoconto della 57a Brigata ucraina elenca anche le ormai leggendarie truppe penali “Storm-Z” come partecipanti, mentre nomina anche le 125a truppe di difesa territoriale ucraine che hanno abbandonato le loro posizioni a Volchansk per fuggire:

Ancora crisi di cuore in preda al panico da parte delle truppe ucraine sul fronte di Volchansk:

Allo stesso modo è già stato confermato da altri resoconti militari ucraini che l’AFU è stata costretta a ritirare le unità tanto necessarie dai fronti Avdeevka e Chasov Yar per rafforzare il peggioramento della direzione di Kharkov:

Le prime conseguenze dello sfondamento delle truppe russe nella regione di Kharkov. Le cronache militari riferiscono che le forze armate ucraine ritirarono parte delle unità della 42a brigata di fanteria meccanizzata dal fronte vicino a Chasov Yar e trasferirono frettolosamente le truppe a Volchansk, temendo un’ulteriore espansione della testa di ponte e l’introduzione di forze più grandi delle forze armate russe.

Così come Forbes:

Il dilemma, per i leader ucraini, è che una finta può trasformarsi in un’offensiva con poco preavviso, purché i russi riescano a risparmiare le forze dalle loro operazioni a est. “Si tratta di un approccio accorto, considerando i limiti di manodopera dell’Ucraina”, ha scritto l’analista finlandese Joni Askola.

L’esercito ucraino non vuole correre rischi. Elementi di diverse brigate, tra cui la 59a Brigata Motorizzata e la 92a Brigata d’Assalto, sono già a Vovchansk, o in arrivo. In particolare, la 92a Brigata d’assalto porterà con sé i suoi migliori veicoli da combattimento di fanteria CV90.

Il comandante in capo ucraino Oleksandr Syrskyi ha insistito sul fatto che le sue truppe si sarebbero schierate e ridistribuite per adeguarsi alle mosse dei russi. “Siamo consapevoli dei piani del nemico e possiamo rispondere in modo flessibile a tutte le sue azioni”, ha detto Syrskyi.

Nel frattempo, le stesse fonti dell’AFU riferiscono che la Russia ha iniziato utilizzando solo il 7% delle sue forze regionali, aumentando successivamente la percentuale al 15%, il che dovrebbe dare un’idea di ciò che deve ancora venire:

Post Ucraina: C’è molta pressione sui ragazzi. Il profondo è molto difficile, Vovchansk è sotto controllo, ma ci sono tentativi di sfondare. L’occupante sta attirando sempre più forze. Se ieri era coinvolto il 7-8% del totale delle forze schierate nell’area operativa, oggi la percentuale arriva al 15%. Gran parte dell’equipaggiamento nemico fu bruciato. Ma non si fermeranno finché non saranno completamente distrutti.

Ecco una visualizzazione dei combattimenti di una delle unità AFU nelle foreste vicino a Volchansk mentre vengono bombardate dall’artiglieria russa:

Il portavoce del gruppo tattico ucraino Khortitsa, Nazar Voloshin, afferma che oggi la Russia ha lanciato oltre 22 bombe guidate su Volchansk:

L’ISW ha inoltre confermato le avanzate russe e le lamentele dell’AFU:

Continuano ad esserci molti altri progressi russi anche su altri fronti, ma ne parleremo la prossima volta.


Il tuo supporto è prezioso. Se ti è piaciuta la lettura, apprezzerei molto se sottoscrivessi un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo che io possa continuare a fornirti rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa puoi dare un suggerimento qui: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Rapporto speciale: Le forze russe sfondano il confine di Kharkov, di SIMPLICIUS

Oggi saremo brevi, arrivando ai dettagli degli eventi in corso sul campo.

Secondo le informazioni che da molti mesi riferiamo sui disordini nel nord, la Russia ha finalmente lanciato l’assalto alla regione di Kharkov. Ma è importante chiarire molti malintesi sugli obiettivi.

In primo luogo, l’assalto è stato probabilmente più piccolo di quanto potesse sembrare all’inizio: più una ricognizione tramite fuoco o un gruppo di ricognizione avanzata, con la maggior parte dei danni causati dai fuochi e dai droni russi a lungo raggio. Tuttavia, ha catturato una mezza dozzina di piccoli insediamenti, per lo più abbandonati, sul lato ucraino del confine:

(Conosce la definizione di controffensiva?)

Non è ancora chiaro nemmeno quali unità russe abbiano partecipato, poiché ciò ci direbbe molto sul carattere e sulla natura degli eventi. Tuttavia, sembra possibile che fosse coinvolto il 1009° reggimento fucilieri a motore, che è subordinato all’11° corpo d’armata di Kaliningrad. Sono fondamentalmente truppe della flotta baltica e sono sul fronte di Belgorod almeno dall’inizio del 2023, avendo combattuto nella difesa di Kharkov prima di quella del 2022.

Dato che sono motorizzati e non meccanizzati, ciò che abbiamo visto oggi corrispondeva alla descrizione, poiché dal poco filmato disponibile sembrava che utilizzassero solo veicoli leggeri e pochissima armatura, con alcuni BMP. Inoltre, sappiamo che il Generale Lapin è al comando dell’intero fronte settentrionale, come ho riferito l’ultima volta che ha controllato le unità proprio prima che avvenisse questo attacco.

Di fronte a loro c’è la 42a Brigata Meccanizzata ucraina in difesa. Il 42esimo ha pubblicato video che distruggevano alcuni dei veicoli leggeri russi, che in realtà erano stati geolocalizzati ancora più in profondità rispetto alle sole città di confine catturate:

Le città al confine erano già per lo più nella zona grigia, quindi hanno incontrato per la maggior parte una leggera resistenza, anche se fonti russe hanno affermato che l’AFU ha subito molte vittime e, secondo quanto riferito, quasi due dozzine di prigionieri di guerra, con foto che mostrano alcune delle truppe catturate.

Si dice che le nuove fortificazioni ucraine che Zelenskyj stesso ha ispezionato a nord di Kharkov circa un mese fa siano molto più vicine alla città stessa, e quindi le forze russe non hanno dovuto nemmeno avvicinarsi a loro.

In effetti, fonti ucraine affermano che l’attacco consisteva semplicemente di 4-5 battaglioni:

Il fatto che sia stato utilizzato questo reggimento motorizzato senza molti equipaggiamenti pesanti è rivelatore. Ciò conferma le notizie secondo cui la Russia non è affatto vicina all’introduzione della sua “forza principale” nella regione, cosa che potrebbe avvenire molto più tardi, dopo che la Russia avrà testato le difese ucraine, rivelato le loro posizioni tramite ricognizione con il fuoco e poi ammorbidite con l’attacco aereo e attacchi con altri mezzi.

Fonti militari ucraine riferiscono che non solo la Russia ha forse una forza molto più grande che intende introdurre in seguito, ma che un’altra si sta radunando anche nella regione di Sumy:

Pettegolezzo:

⚡🇷🇺⚡️IMPORTANTE

🔴 Sembra che nelle prossime ore verrà aperta un’altra direzione per Sumy.

Le forze nemiche sono in piena prontezza al combattimento.

Stanno trascinando le riserve verso il confine.

🔴 Nel frattempo, il nostro esercito sta lavorando sulle concentrazioni nemiche.

Nelle prossime ore è previsto un assalto.

I nostri DRG hanno già iniziato a lavorare.

Preghiamo per i nostri Ragazzi⚡🇷🇺⚡

Ricordate che esattamente due mesi fa ho detto che avevo le mie fonti personali sul terreno che dicevano che il governo russo stava tranquillamente sgombrando i villaggi russi al confine di Sumy, con l’istruzione specifica di avere due mesi di tempo? L’ articolo è qui, del 25 febbraio , scrivevo:

Bene, quasi esattamente due mesi dopo, sembra che le cose stiano dando i loro frutti. Ritengo che l’azione attuale sia articolata in più fasi e a lungo termine. Ciò significa che non assisterete ad una guerra lampo lampo o a un tuono, ma piuttosto ad un’introduzione molto metodica di forze dal nord in punti chiave come girare le viti in una morsa.

La Russia probabilmente vedrà come l’Ucraina reagirà all’incursione di Kharkov, osserverà dove dispiegherà le sue riserve e agirà di conseguenza, con potenziali contingenti di Sumy e/o Chernigov che arriveranno molto più tardi.

L’obiettivo qui non è prendere Kharkov in tempi brevi. Ciò può accadere molto, molto più tardi in modo organico come sottoprodotto di obiettivi molto più urgenti, come tagliare il corridoio di Kupyansk per l’AFU. A poco a poco, la Russia si farà strada e circonderà Kharkov, che sarà assediata e probabilmente cadrà molto lentamente, forse anche entro la metà del 2025 circa. Non hanno fretta di catturarlo in tempi brevi poiché farlo non è necessario per il momento, né fornirebbe alcun vantaggio strategico riconoscibile.

Ricordate: gli obiettivi in ​​questo momento sono degradare e distruggere la manodopera delle AFU, non “conquistare il territorio” – tutto ciò avverrà come un sottoprodotto secondario naturale.

Nel frattempo, la Russia sta lentamente degradando la logistica nella regione:

Nuove immagini satellitari confermano la distruzione del ponte sul fiume Seversky-Donets presso la diga di Stary Saltov nella regione di Kharkov.

Coordinate: 50.07710811888536, 36.81177840025569

Questo ponte è stato fatto saltare in aria durante il ritiro delle forze russe dall’insediamento nel 2022, ma è stato restaurato e utilizzato dalle forze ucraine. Ora è stato nuovamente distrutto, il che influirà in modo significativo sulla logistica dell’esercito ucraino in questa direzione, poiché per aggirarlo dovrà o costruire attraversamenti più a monte del fiume o fare una deviazione di 20 chilometri.

E un altro nelle vicinanze a 50.305850, 37.074000:

Nel frattempo, i comandanti ucraini notano saggiamente che le azioni del nord sono semplicemente distrazioni e operazioni di riparazione per una campagna rafforzata attraverso il centro nella regione di Donetsk:

Questo è vero fino a un certo punto. Ma la guerra non è in bianco e nero. L’incursione a nord è di fatto per ora un’operazione di blocco , ma non è tutto. Fa parte della strategia del grande boa constrictor o “morte per mille tagli” che descrivo ormai da più di un anno, e su di essa verranno costantemente riversate più risorse finché il rivolo non si trasformerà in un diluvio. Dopodiché, sarà un fronte completamente formato e l’Ucraina avrà grossi problemi nella scelta di dove inviare le riserve.

Ma tutto ciò potrebbe verificarsi in un periodo di tempo più lungo. La Russia potrebbe anche congelarla qui per ora, a seconda di quante forze ha a sua disposizione, e semplicemente tenere occupate le AFU, oppure esercitare molta più pressione. È difficile saperlo con certezza poiché le stime variano su quanto sia realmente grande la forza totale “di retroguardia” nella regione di Belgorod, ma alcuni sostengono che ci sia una forza “nascosta” grande quanto 100-150.000 in attesa di essere spinta dentro e trasformata in una forza una vera e propria operazione di massa.

▪️“La Russia non ha le risorse per raggiungere Kharkov”

“Possono solo aggravare la situazione al confine”, rassicura gli ucraini Kovalenko, capo del Centro per la lotta alla disinformazione.

Per ora, i funzionari ucraini rimangono “fiduciosi”: non è molto, anche se ovviamente potrebbe essere solo una facciata di forza, nella speranza di evitare che il morale crolli.

Nel frattempo, l’asse Avdeevka-Ocheretino si sta deteriorando rapidamente, ed è proprio per questo che la Russia ha deciso di “girare ancora di più le viti”:

‼️POST UCRAINO‼️

La nostra fonte nello Stato Maggiore ha detto che la situazione nella direzione di Avdeevka continua a peggiorare, nei prossimi giorni saremo costretti a lasciare tre insediamenti per non cadere in un accerchiamento tattico. Il nemico continua a creare una testa di ponte che verrà utilizzata per un’operazione di accerchiamento del raggruppamento delle forze armate ucraine a Toretsk e Niu-York.

E a proposito, oggi sono state fatte nuove conquiste sul fronte di Kupyansk verso la città di Pishchane, il che rafforza l’idea che presto questo fronte potrebbe essere maggiormente attivato in conformità con la breccia settentrionale.

ISW ha definito i guadagni finora tatticamente “significativi”:

NOVITÀ: le forze russe hanno iniziato un’operazione offensiva lungo il confine russo-ucraino nell’oblast settentrionale di Kharkiv la mattina del 10 maggio e hanno ottenuto vantaggi tatticamente significativi. Questa è probabilmente la fase iniziale di un’operazione offensiva a nord della città di Kharkiv che ha obiettivi operativi limitati ma è destinata a ottenere l’effetto strategico di attirare manodopera e materiale ucraini da altri settori critici del fronte nell’Ucraina orientale.

Alcuni dalla parte dell’UA sottolineano il fatto che questo era ben noto in anticipo, con l’Ucraina che disponeva di buone ricognizioni e informazioni sulle disposizioni delle forze russe e sulle traiettorie generali degli obiettivi. Ciò intende sottolineare che l’Ucraina ha il controllo, poiché la Russia non ha “elemento sorpresa”.

Il problema con questo modo di pensare è che tutta la guerra moderna, ora lo sappiamo, non dipende più dall’elemento sorpresa. La Russia sa che l’Ucraina lo sa, e l’Ucraina sa che la Russia sa che l’Ucraina lo sa. È quel tipo di situazione e non importa. Nonostante il preavviso e le informazioni accurate, l’Ucraina non può fare nulla per gli eventi che stanno per accadere. Questa è una partita a scacchi e un gioco di numeri; puoi “sapere” molto bene che il costrittore ti sta stringendo sul petto, ma ci sarà poco che puoi fare al riguardo. L’Ucraina non avrà i mezzi per rispondere al costante aumento delle truppe e degli armamenti russi su ogni singola linea del fronte, che non potrà che estendersi sempre più a lungo man mano che la Russia introdurrà potenzialmente nuove brecce a Sumy, Chernigov e forse anche altrove: alcuni canali russi continuano a commerciare voci di una potenziale spinta dalla Bielorussia nella regione di Kiev come eventuale parte della cascata ormai iniziata.

Quindi sì, l’Ucraina saprà benissimo cosa sta facendo la Russia, ma questo non le consente in alcun modo di avere la situazione “sotto controllo”. Possono mandare le loro riserve a Kharkov, poi verranno inseguite in direzione di Pokrovsk. Se dovessero scegliere di “dividere la differenza” e fare metà e metà, allora si logorerebbero e travolgerebbero in entrambe le direzioni; è davvero così semplice. Ricordiamo tutte le citazioni degli ufficiali ucraini che ho pubblicato di recente in cui ammettevano di non avere la mobilità necessaria per eguagliare le tattiche russe di “colpisci la talpa”. La Russia può trasferire unità da una regione all’altra e ipnotizzare le AFU con “mille tagli” da ogni angolazione, e l’Ucraina semplicemente non ha l’infrastruttura logistica per continuare a tappare ogni buco. Più si allunga la parte anteriore, peggiore diventa il problema.

Tutto sommato, le cose si stanno svolgendo secondo i tempi previsti. Sembra che le offensive di primavera stiano iniziando proprio come tutti pensavamo, e ci sono buone probabilità che siano tempestive per esercitare la massima pressione su Zelenskyj che sarà in pericolo politico nel giro di pochi giorni/settimane, una volta che la sua legittimità si esaurirà. del mese.

Come nota finale, contrariamente alle prime notizie, il MOD russo non ha nemmeno riconosciuto ufficialmente né annunciato in alcun modo l’assalto di Kharkov, il che significa che per ora è chiaramente destinato a essere minimizzato e non è nemmeno vicino all’attacco principale. È un’ulteriore prova che questo è solo il primo sforzo di ricognizione e rimane ancora la questione se verrà effettuata presto una spinta molto più ampia, o invece un accumulo graduale e più moderato e la distruzione di incendi a lungo raggio per tenere occupate le AFU qui.

Continueremo a monitorare la situazione.

Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Giorno della Vittoria: l’ansia cresce tra le agitazioni del Nord_di SIMPLICIUS

Nota veloce: non mi è mai venuto in mente che il mio link “Tip Jar” potesse essere un po’ oscuro e sepolto in fondo, poiché ho ricevuto diverse e-mail da persone che non sapevano come donare. Permettimi di inserire il link completo come promemoria, questo è il mio Tip Jar ufficiale: buymeacoffee.com/Simplicius

Grazie a tutti i contributori che mettono qualche moneta lì, poiché è un grande aiuto mensile. Ora torniamo alla nostra programmazione regolarmente programmata.


L’ultimo pezzo dell’Economist ci porta in un bunker ucraino fuori dalla città assediata di Chasov Yar. Contiene alcuni elementi interessanti che convergono con gli avvenimenti attuali.

Chasov Yar è un fronte unico perché, a differenza della maggior parte degli altri fronti, dove esiste una grande disparità tra le truppe d’élite di una parte e i difensori mobilitati dell’altra, qui sono alla pari. Una delle brigate più d’élite dell’Ucraina, la 92a Brigata d’assalto, si sta difendendo dalla 98a Divisione aviotrasportata d’élite russa, rendendo i combattimenti particolarmente infernali e spietati. La 92a è stata una delle brigate più importanti che hanno preso parte all’offensiva di Kharkov della fine del 2022, guadagnandosi molte medaglie e onori di stato mentre cacciavano le forze russe da Izyum e Kupyansk.

L’articolo descrive il loro battaglione di difesa aerea, composto da 250 soldati, come dotato di un proprio terminale radar che mostra tutta l’attività aerea russa nelle loro vicinanze. Se fosse vero, fornirebbe un resoconto illuminante di ciò che possono vedere e tracciare: missili Smerch che passano sopra di loro a 900 miglia orarie, jet russi che lanciano bombe plananti a una profondità di 50 km, che il loro radar presumibilmente traccia, anche se non hanno modo di abbatterli.

Un punto degno di nota dell’articolo sottolinea qualcosa che ho scritto l’ultima volta, ovvero che a questo punto la maggior parte degli ufficiali e funzionari ucraini non stanno più combattendo per i confini del 2022 o del 1991, ma piuttosto per la semplice sopravvivenza:

Un anno fa, mentre l’Ucraina si preparava alla controffensiva, il semplice mantenimento delle proprie posizioni era considerato lo scenario più pessimistico. Ora, mentre la Russia si prepara a una nuova spinta, è considerata la situazione migliore. Dai soldati ai generali, tutti quelli con cui The Economist ha parlato la scorsa settimana sanno che all’Ucraina non mancano le risorse per tornare ai confini del 1991, come hanno promesso i suoi politici. “Suggerisco a chiunque parli dei confini del 1991 di arrivare fino a Bakhmut”, dice il colonnello Timchenko, riferendosi a una città che l’Ucraina ha perso un anno fa dopo mesi di selvaggi combattimenti.

La posta in gioco ora non è l’integrità territoriale dell’Ucraina, ma la sua sopravvivenza.

Il comandante della brigata afferma inoltre che se Konstantinovka cade, i russi raggiungeranno molto rapidamente il Dnepr; Konstantinovka è il prossimo grande centro strategico dopo Chasov Yar, la cui importanza probabilmente eclissa addirittura quella di Bakhmut, poiché Konstantinovka e la vicina Druzhkovka sono state classicamente il quartier generale dell’intera ATO/JFO ucraina dal 2014:

Il colonnello Pavlo Fedosenko, comandante del 92°, che ha contribuito a liberare la provincia di Kharkiv nel settembre 2022, sta ora combattendo a circa 350 km a sud-est della città. “Tutti sanno che se non combattiamo per Kostiantynivka e Druzhkivka [probabile prossimo obiettivo della Russia], le forze russe saranno a Dnipro, Kharkiv, Kryvyi Rih poche settimane dopo”, dice.

Pensa che ci sia un “70% di possibilità” che la Russia possa occupare il resto della regione del Donbass. La domanda è: quanto tempo ci vorrà e quanti danni l’Ucraina potrà infliggere in questo processo.

Nota quanto sopra in grassetto.

L’articolo lamenta che gli alleati non hanno fornito armi sufficienti all’Ucraina, lasciando intendere che se lo facessero, l’Ucraina vincerebbe magicamente. Il comandante dice che riceve 5 proiettili al giorno per i suoi cannoni di artiglieria American Paladin. Ma abbiamo appena visto i Paladini americani usare i proiettili coreani durante l’addestramento. L’Economist non lo capisce? Non c’è più niente da dare: la produzione è al limite.

Ecco una delle parti più rivelatrici dell’articolo:

Circa il 70% dei soldati russi coinvolti in questi attacchi sono ex detenuti, dice il colonnello Fedosenko. Vede anche mercenari tagiki, uzbeki, turkmeni, cubani e somali. Molti soldati non hanno mai combattuto prima. “Le nostre intercettazioni suggeriscono che stanno raschiando il barile, usando chiunque possano costringere in battaglia: cuochi, costruttori, meccanici, chiunque.”

Ciò è correlato a l’ultimo rapporto della BBC di giorni fa mostra che la Russia è riuscita a trasferire con successo la maggior parte delle sue perdite su unità di volontari e prigionieri:

Si noti come la stragrande maggioranza di coloro che sono morti durante l’operazione Bakhmut dall’inizio del 2023 fino alla sua conclusione nel maggio 2023 erano prigionieri, ovvero unità Storm-Z. Poi notate come, esattamente in corrispondenza dell’inizio dell’assalto ad Avdeevka, all’inizio di ottobre 2023, le barre di colore verde che rappresentano le vittime dei volontari saltarono e cominciarono a dominare.

Perché questo è importante? Chi legge il mio ultimo articolo a pagamento capirà proprio il motivo. La Russia sta portando avanti una gestione metodica delle forze da manuale, impiegando i suoi soldati professionisti a contratto più esperti e utilizzando le forze più “sacrificabili” in assalti pericolosi con maggiori rischi di vittime. Sembra insensibile dirlo in questo modo, ma questa è guerra, e vince la parte che utilizza le proprie risorse in modo più intelligente. La Russia sta stagionando i suoi migliori guerrieri, preservandoli mentre accumulano una vasta esperienza che può essere condivisa e assorbita dall’intera struttura delle forze armate.

Al termine dell’assalto ad Avdeevka ho descritto come è andata a finire. Le unità del 1° Corpo d’Armata DPR come il 114° potenziato con unità Storm-Z guidarono gli assalti d’avanguardia ad alto numero di vittime, e solo dopo che le linee ucraine iniziarono a rompersi la Russia iniziò a introdurre Spetsnaz d’élite e altre unità rinforzate come forze successive e rivoluzionarie che davano la caccia gli ucraini in ritirata, tagliandoli fuori e, in generale, scatenando l’inferno sulle loro linee.

Breve introduzione ai volontari

L’unica domanda è: cosa sono esattamente i volontari? Nessuno sembra saperlo o capirlo chiaramente. La ragione di ciò è che la definizione è cambiata drasticamente.

Vedete, all’inizio della guerra, e in particolare nell’era successiva al 2014, un “volontario” era qualcuno come Russell Bentley che arriva di sua volontà, si iscrive con poca o nessuna formazione, spesso o di solito non lo fa nemmeno vieni pagato e rimani bloccato in una posizione da qualche parte. Anche nei primi giorni del “selvaggio west” dell’SMO del 2022, le cose erano più caotiche, disordinate e rilassate. Le persone potrebbero semplicemente fare “volontà” e combattere gratuitamente, praticamente senza alcuna formazione.

Questo non esiste più. Le cose sono state drammaticamente inasprite e sistematizzate. Ma allora qual è esattamente la differenza tra un volontario e un contraente o kontraktniki regolarmente retribuito? Vedete, un volontario è una persona che entra in un ufficio di arruolamento dell’esercito e si arruola per arruolarsi nell’esercito russo. Ma questo non fa di lui un soldato regolare dell’esercito russo? I volontari ora ricevono anche tariffe standard, ecc.

Le differenze ora sono più sottili. In primo luogo, l’esercito russo vero e proprio preferisce reclutare internamente i propri soldati a contratto tra i coscritti effettivamente richiamati che hanno appena completato il servizio di addestramento obbligatorio. Come sapete, in Russia è prevista la leva di leva sia in primavera che in autunno. Una certa percentuale di questi si limiterà a svolgere i 12 mesi di addestramento obbligatorio e tornerà a casa, mentre una percentuale firmerà un contratto per arruolarsi nell’esercito e verrà inviata alla SMO.

I “volontari” invece sono generalmente persone che hanno prestato servizio obbligatorio molto tempo fa, ma ora sono più anziane e hanno vissuto la loro vita, hanno avuto una carriera, ecc., e hanno scelto di arruolarsi per senso del dovere o semplicemente per la buona paga. Tuttavia, una delle differenze principali è che tali volontari spesso vanno in gruppi, battaglioni, brigate, ecc., di “volontari” separati, che, sebbene tecnicamente sotto gli auspici ufficiali delle forze armate russe, sono talvolta più simili a gruppi paramilitari o ausiliari. struttura. Cioè, piuttosto che essere all’interno di formazioni/brigate russe reali, consolidate e classiche, possono operare come una sorta di Rosgvardia/Guardia Nazionale, o unità “speciali” di Akhmat, ecc.

Uno dei motivi è che il loro addestramento è diverso e non necessariamente “standard” rispetto a quello che l’esercito russo nominale conduce sui propri coscritti/reclute annuali. Ovviamente questa formazione è spesso molto accelerata e forse ancora più permissiva dato che molti volontari sono già più anziani, sebbene esistano molti tipi diversi di unità di “volontario” specializzate come le BARS , che sono essenzialmente vecchi veterani.

Tuttavia, non è necessariamente molto chiaro e potrebbe esserci una certa interoperabilità o mescolanza tra i due, ad esempio forse alcuni volontari sono in grado di trasferirsi in unità nominali dell’esercito russo come soldati a contratto regolari, ecc.

Ma il punto principale è che, in misura superficiale, non esiste alcuna differenza tra “volontari” e truppe regolari. Sono entrambe truppe da combattimento ufficialmente riconosciute e ricevono entrambe la tariffa standard. Ma ci sono differenze fondamentali nel modo in cui i volontari vengono reclutati e formati, e nei tipi di unità in cui entrano. Questo perché provengono da “fuori dal sistema”. I coscritti che vengono richiamati in servizio annuale, invece, prestano già servizio nelle formazioni nominali delle unità russe, cioè unità classiche, storiche (anche se non all’interno della SMO, ovviamente) con le quali potranno successivamente stipulare contratti ed arruolarsi. al completamento del servizio di leva/campo di addestramento.

Inoltre, molte unità di volontari finiscono per essere subordinate alla struttura DPR/LPR e fanno quindi parte del 1° o 2° AK (Corpo d’Armata) piuttosto che delle Forze Armate russe ufficiali. Sì, il 1° e il 2° sono ora ufficialmente sotto la Russia, ma poiché ciò era solo semi-recente, significa che i capricci organizzativi sono ancora per molti versi più DPR che Russia, per così dire, il che a volte significa regole e standard più permissivi. , condotta, ecc.

Ora torniamo all’articolo, che afferma ancora una volta in modo esilarante che Putin punta come sempre a qualche appuntamento mistico:

Per ora, tuttavia, le forze russe continuano ad avanzare. Sebbene l’Ucraina non stia crollando, sta perdendo circa 20 km quadrati a settimana. Putin potrebbe voler infliggere il massimo danno prima della festa del 75° anniversario della NATO a luglio, per umiliare l’Occidente e costringere l’Ucraina ai negoziati.

Non imparano mai?

Ma l’ultimo argomento chiave torna a Kharkov, dove si sottolinea la possibilità che la Russia attaccherà presto la “seconda città” dell’Ucraina in un modo o nell’altro:

Con circa 50.000 soldati russi freschi che si stanno radunando oltre il confine a circa 40 km di distanza, i comandanti di Kharkiv sanno che potrebbero essere un obiettivo nella prossima offensiva della Russia. Uno scenario potrebbe essere quello di isolare la città tagliando la strada principale per Kiev. Un’altra sarebbe quella di avvicinarsi di circa 10 km, mettendo la periferia orientale della città nel raggio d’azione dell’artiglieria e creando una zona cuscinetto per proteggere Belgorod, una città russa che viene colpita dai droni ucraini.

Ciò è stato ripetuto ancora una volta dalle autorità ucraine della regione di Kharkov proprio ieri:

Ricordi come ho detto qualche tempo fa che non avrei iniziato a credere a queste storie fino a quando non fossero apparsi resoconti ucraini credibili di effettivi insediamenti russi? Bene, sembra che ora stiano iniziando ad apparire.

Ecco quanto più dettagliato è arrivato ieri da un canale militare ucraino:

Il nemico continua ad accumularsi nella fascia di confine delle regioni temporaneamente occupate di Belgorod e Kursk.

Nella prima si sono già radunati circa 33-35mila orchi e nella seconda altri 13-14. Il numero è in aumento.

Come potete capire, il numero di basi militari e mezzi di distruzione (~430 carri armati, 135 unità di artiglieria semovente e 388 unità di artiglieria semovente e trainata) non è sufficiente per condurre un’operazione militare combinata e raggiungere anche solo un obiettivo tattico-operativo.

Per fare un confronto, al culmine dell’operazione Avdiiv, c’erano più di 115.000 effettivi degli occupanti.

Si tratta di una sezione del fronte larga meno di 40 km (da Krasnohorivka a Krasnohorivka).

Anche il nemico lo capisce. Pertanto, il significato delle azioni degli occupanti può essere ridotto a quanto segue:

a) un attacco a Vovchansk per entrare nelle retrovie del nostro gruppo Kupyan

b) incursioni in direzione di Kharkiv e Sumy/Glukhov

Ed entrambe le opzioni sono abbastanza realistiche. Differiscono solo nell’obiettivo finale.

Esiste ancora una terza opzione: le battaglie di confine sul nostro territorio.

Nessuno sa cosa accadrà loro.

Ma posso dire con certezza che i nostri ragazzi sono pronti a qualsiasi sviluppo. Arrabbiato e motivato a distruggere il nemico

Cos’altro si può dire: potrebbero esserci ancora più attacchi indiscriminati a Kharkiv/Sumy. Il nemico ha molti missili anticarro fino a S-300 e RSZV. Così come quelli più accurati (shahedy/9m723/х-59/69). E fab/taxi/altri tipi di armi tattiche per l’aviazione. Questo deve essere capito.

Credi in ZSU e fai una donazione a ZSU! Solo i nostri guerrieri sono i garanti della nostra sicurezza e dei piani falliti del nemico!

Quindi, secondo lui ci sono 35-50.000 truppe e sono in crescita, con “ ~430 carri armati, 135 unità di artiglieria semovente e 388 unità di artiglieria semovente e trainata”.

Si tratta praticamente di un paio di divisioni corazzate ed è più o meno la quantità di mezzi corazzati che l’Ucraina ha utilizzato in totale nella grande controffensiva di Zaporozhye, a quanto ricordo.

Sono d’accordo che l’importo attuale probabilmente non è sufficiente per prendere Kharkov, ma per quanto riguarda gli altri obiettivi, dipende davvero da quanto saranno forti i rinforzi ucraini. Ad esempio, anche Wiki ammette che la Russia aveva Kiev interamente aggiogata con un piccolo contingente di 15-30.000 truppe.

Nella sezione “Battaglia di Kiev 2022” :

L’anno scorso avevo già scritto a lungo sulla possibilità che la Russia entrasse da Vovchansk per esercitare pressione sulle retrovie del gruppo di Kupyansk:

Con la strategia del boa constrictor, la Russia può rendere Kupyansk estremamente instabile e le AFU molto più propense a una ritirata di massa.

L’articolo dell’Economist termina con il comandante del Kraken che concorda anch’egli sul fatto che la Russia attaccherà Kharkov già a “metà maggio”, ma ritiene che fallirà:

Konstantin Nemichev è il comandante del famoso reggimento Kraken, un gruppo di forze speciali formato nei primi giorni dell’invasione del 2022 che difendeva Kharkiv. Si aspetta che il nemico attacchi nuovamente la provincia a metà maggio, ma ritiene che non riuscirà ad avvicinarsi alla città. Intervistato all’esterno di un edificio scolastico in rovina nella parte orientale della città, teatro di un intenso scontro a fuoco nel 2022 in cui i soldati invasori furono spazzati via, il comandante afferma che ora la difesa è molto più forte. Ha tre linee di fortificazioni e una brigata completa per fermare i russi. “Possono spostarsi di qualche chilometro all’interno della provincia”, dice, “ma non credo che possano arrivare fino a 10 chilometri”.

Una brigata al completo per fermare i russi?

L’altra cosa interessante è che continuano ad abbondare voci di “attività” molto elevate ai confini di Kharkov e Sumy. Ogni giorno i canali circolano con nuove voci su qualcosa di straordinario che sta accadendo. Ieri, gli ucraini hanno effettivamente fatto saltare in aria un ponte a Vovchansk, che è proprio uno dei pochi punti di ingresso chiave che la Russia può utilizzare per attraversare il confine:

A ciò sono seguite voci secondo cui l’attività russa dei DRG è aumentata nelle “retrovie” delle unità AFU sia nelle regioni di Sumy che di Kharkov.

E poi questo oggi:

Infine, è interessante notare che la Russia ha pubblicato oggi una foto del generale Lapin mentre fa un “controllo di preparazione” delle truppe del Gruppo Nord al confine di Kursk, da lui comandate:

Il colonnello generale Aleksandr Lapin ha verificato la prontezza delle truppe e ha “fornito assistenza pratica” al comando del gruppo che copriva il confine di stato in direzione di Kursk.

Nel frattempo, la Russia continua i suoi attacchi alle infrastrutture, di cui uno di grandi dimensioni è avvenuto due notti fa. L’autorità ucraina per la rete energetica Ukrenergo ha ammesso che diverse centrali elettriche importanti sono state nuovamente colpite, questa volta nella parte occidentale del paese, e “estesamente danneggiate”:

Un articolo conteneva i seguenti dettagli:

La Russia continua a condurre un approccio sistematico alla distruzione mediante incendio di oggetti del complesso energetico dell’Ucraina. Pertanto, nel TPP Burshtyn, solo 10 turbogeneratori avevano il controllo della velocità della turbina secondaria, per un totale di 12 turbine. Dopo gli scioperi precedenti, 4 turbine sono rimaste in funzione, e questo è stato più che sufficiente per regolare le deviazioni di frequenza dal valore nominale nei picchi serali di consumo di elettricità. A quanto pare, sono stati uccisi ieri sera.

Al Dobrotvorskaya TPP è stato terminato il turbogeneratore n. 1, prima era stato distrutto solo il secondo turbogeneratore. Entrambi sono stati distrutti dopo gli scioperi mattutini.

Probabilmente un altro colpo è stato inferto al Ladyzhinskaya TPP, dopo gli ultimi attacchi del 3 aprile, e un mese dopo, il 3 maggio, ha iniziato a funzionare. Inoltre, il Kryvyi Rih TPP non è stato ancora “calibrato”.

Come potete vedere, gli attacchi missilistici vengono effettuati principalmente su centrali termoelettriche con apparecchiature di controllo della frequenza secondaria. Permettono di regolare la frequenza da un valore preimpostato di 50 Hz. E due dei tre TPP sopra elencati dispongono di tali apparecchiature.

E ancora uno:

Dettagli del massiccio sciopero alle centrali elettriche la mattina presto dell’8 maggio.
A Poltava è stato attaccato l’ultimo autotrasformatore 330/110 kV, il precedente è stato distrutto in aprile. Tuttavia, a giudicare dal fatto che la luce a Poltava non è scomparsa, in città c’è un altro autotrasformatore che deve essere distrutto.

Nel Ladyzhinskaya TPP, la sesta unità di potenza è stata distrutta e la quinta unità di potenza è stata danneggiata. Nella centrale idroelettrica di Kremenchug, un razzo si è schiantato contro la copertura dell’unità idroelettrica n. 4 e ha danneggiato uno dei trasformatori dell’unità idroelettrica n. 4.6. Gli obiettivi da colpire sono pesanti.

Un rapporto separato afferma che “tutte le principali centrali termoelettriche controllate dall’Ucraina sono state distrutte o gravemente danneggiate” e che “gli impianti di generazione idroelettrica sono i prossimi a ridurre la flessibilità della rete ucraina. Dopodiché l’Ucraina farà affidamento su 3 centrali nucleari e sulle importazioni dai paesi dell’UE”.

È difficile verificarlo poiché alcuni di essi potrebbero essere solo colpi parziali e ne sarebbero necessari altri per eliminare turbine aggiuntive.

Per la cronaca, queste erano le cifre ufficiali dell’Ucraina sugli abbattimenti dei missili russi durante l’attacco, fittizi o meno:

▪ 33/45 X-101 / X-555;
▪ Calibro 4/4;
▪ 20/21 droni Shahed/Geran;
▪ Pugnale 0/1 (Kinzhal);
▪ 0/2 Iskander-M;
▪ 2/2 X-59 / X-69;
▪ 0/1 Iskander-K.

Nella notte sono state attaccate tre centrali termoelettriche della DTEK . L’apparecchiatura è gravemente danneggiata. Riuscito ad abbattere tutti gli obiettivi aerei nell’area della capitale.

E le forze russe continuano ad avanzare ogni giorno. L’ultima a Krasnogorovka, ormai quasi completamente avvolta in un calderone:

A nord di esso, si dice che Umanske, a ovest di Avdeevka, sia stata completamente o quasi catturata, con un rapporto che afferma che le truppe ucraine hanno già iniziato a ritirarsi a Skuchne, a ovest di esso:

Inoltre, appena a sud di esso, le truppe russe avanzarono nel centro di Netalove.

Ciò è significativo perché rappresenta proprio la linea di difesa sul fiume Vovcha di cui abbiamo parlato così a lungo come l’ultima linea difensiva di sostegno dell’Ucraina nella regione.

Quindi, Paraskoovka fu quasi catturata a ovest di Novomikhailovka, che a sua volta fu presa solo di recente:

Questo è importante perché le forze russe sono vicine a tagliare la principale via di rifornimento di Ugledar verso i più grandi quartier generali regionali:

Ciò significa che il tempo di Ugledar è quasi scaduto. Dopo che quella strada sarà tagliata, le cose inizieranno a diventare sempre più difficili e ad andare in rovina per l’Ucraina a Ugledar, che sarà sempre più isolata e vulnerabile.

ISW ha confermato la maggior parte di questi progressi:

Infine, le prese di coscienza si stanno lentamente realizzando e i dati ucraini condizionano l’opinione pubblica per l’eventualità:

“Potremmo perdere l’intera regione di Donetsk, ma questo non significa che la guerra sia persa” Il volontario ucraino Taras Chmut sta preparando i cittadini a un nuovo scenario per il suo Paese.

Alcuni ultimi elementi.

Ecco il discorso completo di Putin nel Giorno della Vittoria del 9 maggio:

Durante i lavori, Putin si è seduto tra molti degli eroi dell’SMO. Comprendeva questo volto familiare proprio dietro di lui a sinistra, il famoso comandante di plotone dell’810a brigata marina dell’assedio di Mariupol, Red Backpackman, alias  ‘Struna’:

In effetti, in seguito Putin ha onorato in un altro modo importante l’ 810° , che ora combatte sul fronte di Kherson intorno a Khrynki, in un altro modo importante. In una tavola rotonda con tutti i principali comandanti, Putin ha ascoltato l’appello ufficiale dello stesso comandante di brigata dell’810°, il Maggiore Generale Vlasov, e ha deciso di espandere ufficialmente l’810° – che ora è passato da 2.500 uomini a oltre 11.000 – in una Divisione completa :

Non è interessante il fatto che le brigate ucraine abbiano iniziato con 5000-6000 uomini e ora operino per lo più con 1000-2500 uomini al massimo, mentre le brigate russe hanno un numero di uomini che va da 2500 a 11k? Eppure ci dicono che è la Russia a subire “perdite insostenibili”.

Alla parata si è assistito a uno spettacolo inaspettatamente raro. Una formazione russa medagliata, composta da veri veterani dell’OMD, ha partecipato alla parata. Considerate il significato: questi sono tra gli unici soldati decorati veramente viventi al mondo che possono vantare di aver combattuto e sopravvissuto a una vera guerra. Nessun altro Paese attualmente può far sfilare eroi decorati in servizio attivo che hanno vissuto un vero combattimento di questo tipo:

Infine:

Putin ha onorato la sua insegnante di liceo Vera Gurevich, ancora in vita a 91 anni. La professoressa ha raccontato un ricordo molto approfondito di Putin da giovane, descrivendolo come un umile guerriero della giustizia:


Il tuo supporto è prezioso. Se ti è piaciuta la lettura, apprezzerei molto se sottoscrivessi un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo che io possa continuare a fornirti rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, puoi dare la mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Numeri reali: buzz sulle munizioni ucraine, reale o esagerazione?_di Simplicius

Ci sono stati alcuni nuovi aggiornamenti sulla produzione, quindi ho voluto fare una piccola analisi per vedere quanto siano realmente plausibili le affermazioni dell’Occidente di significativi aumenti di produzione.

Inizieremo con i proiettili di artiglieria da 155 mm. L’ultimo grande annuncio è che gli Stati Uniti hanno finalmente superato il loro precedente tetto di circa 28.000 colpi al mese attraverso la famigerata fabbrica logora di Scranton. Il nuovo importo dichiarato: 36.000 conchiglie al mese, secondo l’ultimo:

Ciò ha dato il via a gioiosi festeggiamenti tra la folla pro-UA con pretese di numeri come 80-100.000 “entro la fine dell’anno”.

Video più vecchio come riferimento:

Sfortunatamente, per far scoppiare la loro bolla, Sono state rivelate le proiezioni ufficiali dell’esercito americano per l’incremento della produzione :

Cosa possiamo vedere nel grafico? Si suppone che l’esercito stia andando leggermente meglio rispetto alle proiezioni più vecchie del 2022, ma non è nemmeno vicino a tenere traccia delle più recenti e speranzose proiezioni del 2023, che sembrano essere un pio desiderio. Tali proiezioni indicano circa ~ 60.000 al mese entro la fine dell’anno, tuttavia il percorso reale sembra essere diretto verso un deludente ~ 45.000 al massimo.

Due problemi con questo:

  1. Questo è un numero pietoso e a quel ritmo non raggiungerei nemmeno i 100.000 al mese per diversi anni.
  2. Anche quei miseri ~45mila non sarebbero tutti destinati all’Ucraina.

Per quanto riguarda il secondo punto di cui sopra, con Israele che, secondo quanto riferito, sta iniziando l’operazione a Rafah, e molti altri focolai incombenti, come una potenziale incursione libanese, non si può dire quante di quelle munizioni l’Ucraina potrebbe ricevere. Finora gli Stati Uniti hanno inviato in media in Israele circa 10.000 proiettili al mese, che rappresentano circa il 33% di tutta la produzione.

Ora, le cose sono andate così male che si vocifera che gli Stati Uniti stiano riducendo le proprie scorte a causa della carenza:

Una relazione:

La settimana scorsa, l’amministrazione Joe Biden ha sequestrato un carico di munizioni effettuato negli Stati Uniti d’America per Israele.

Secondo alcuni, ciò potrebbe essere dovuto alla carenza interna di munizioni e alla spedizione delle munizioni disponibili in Ucraina.

Quel che è peggio, è circolata un’immagine scioccante che mostrava che gli stessi artiglieri dell’esercito degli Stati Uniti stavano sparando colpi coreani in allenamento :

Ciò significa che la situazione dei 155 mm degli Stati Uniti e dell’Occidente è così grave che gli Stati Uniti non hanno nemmeno abbastanza proiettili per condurre un addestramento di base di routine per i propri equipaggi, che consuma una certa percentuale di proiettili al mese durante tutto l’anno.

Ma ora l’ultima affermazione che viene tirata fuori è che la tedesca Rheinmetall intende inviare all’Ucraina “milioni” di colpi:

Sono tutte crudeli sciocchezze. È difficile capire perché torturano gli ucraini con queste bugie.

Ma per motivi di trasparenza elenchiamo le loro affermazioni ufficiali dall’articolo sopra:

Prima della guerra su vasta scala della Russia contro l’Ucraina, la capacità annuale della Rheinmetall era di quasi 70.000 colpi. Quest’anno il gruppo prevede di arrivare a 700.000, e nel medio termine punta a 1,1 milioni. A tal fine Rheinmetall sta costruendo uno stabilimento a Unterluss. In Lituania viene allestita una nuova linea di produzione. In Ucraina l’azienda prevede anche di costruire una fabbrica di munizioni.

Come si può vedere, questi numeri dipendono da una serie di lontane improbabilità fluttuanti in illusioni. Innanzitutto, se scavi nella “nuova fabbrica” ​​che presumibilmente stanno costruendo a Unterluss, trovi le seguenti specifiche ufficiali :

In futuro la Werk Niedersachsen produrrà munizioni per artiglieria, esplosivi e componenti per razzi. La fabbrica produrrà infine circa 200.000 proiettili di artiglieria all’anno, insieme a un massimo di 1.900 tonnellate di esplosivo RDX e, facoltativamente, altri componenti per la produzione di cariche di munizioni. Inoltre qui potrebbe aver luogo la produzione di motori a razzo ed eventualmente di testate, che saranno necessari, ad esempio, per il previsto progetto di artiglieria missilistica tedesca.

Non solo è più un impianto per scopi generali per varie cose – il che potrebbe significare che sarà molto grande e richiederà molto tempo per essere costruito – ma qui dice che alla fine raggiungerà il massimo di 200.000 proiettili di artiglieria all’anno . L’inclusione di quella qualificazione significa che, anche dopo il suo completamento, dovrà salire lentamente fino a un “ideale” molto improbabile di 200k. Potremmo parlare di una proiezione di 5-10 anni, se non di più. La precedente promessa di 700.000 e 1,1 milioni di proiettili all’anno sembra ridicola a un esame più attento.

Questo è un bel punto che si impara solo attraverso l’esperienza di molti anni studiando le astute parole dei politici; sono molto abili nel mascherare grossolane esagerazioni e altre bugie mediante omissioni.

Ad esempio, lo stesso articolo ammette liberamente:

Secondo la valutazione del direttore generale della Rheinmetall, ci vorrà quasi un decennio perché l’industria della difesa ricostituisca le scorte della Bundeswehr al livello adeguato dopo che queste sono state esaurite, anche a seguito delle donazioni di attrezzature all’Ucraina.

Quindi forniscono la sequenza temporale esatta:

La priorità assoluta per il nuovo stabilimento è l’avvio della produzione il più presto possibile. Dopo un periodo di costruzione di circa dodici mesi – a partire dalla data del contratto – la capacità annua sarà di 50.000 proiettili all’anno. La quota iniziale del valore aggiunto della Germania sarà pari al 50%, per poi aumentare gradualmente nel secondo anno di produzione fino all’80% e nel terzo al 100%. A questo punto, la Germania avrà una fornitura completamente autarchica di munizioni per artiglieria, con valore aggiunto generato interamente in patria.

In termini di volume, la capacità annua raggiungerà i 100.000 proiettili nel secondo anno di produzione, per poi salire a 200.000 all’anno.

È uno scherzo? 100.000 proiettili entro il secondo anno? Dovrebbero essere numeri mensili . Si dice che la Russia produca almeno 250-350.000 proiettili al mese.

Ed è quasi offensivo anche solo commentare l’affermazione della Rheinmetall di costruire una fabbrica di munizioni in Ucraina : questo non è altro che un atteggiamento infantile. Sanno benissimo che una fabbrica del genere riceverebbe una visita soleggiata da Iskander e dal suo amico Kinzhal e sarebbe prontamente ridotta al costituente silice.

Per non parlare delle aziende di difesa della NATO che continuano ad andare in fiamme, con rapporti che affermano che lo stabilimento tedesco di Diehl è bruciato per giorni:

Sono sempre le stesse bugie: proprio come la Repubblica Ceca ha affermato di aver trovato 1 milione di colpi, solo per abrogarli a circa 100.000 con la promessa che troveranno il resto “da qualche parte” non specificato.

Vedete questi politici usano la stessa strategia di promesse ambigue per infondere speranza in ovvie esagerazioni.

Un altro: il trambusto è scoppiato dopo gli ultimi commenti di Macron sull’invio di un’enorme SPG “75 Caesar” all’Ucraina. Sembra incredibile sulla carta, dato che i Caesar si sono dimostrati piuttosto formidabili, probabilmente il cannone d’artiglieria più potente dell’intera guerra fino ad ora, ma in numero molto limitato.

Ma quando si dà un’occhiata alla capacità produttiva del Caesar si scopre che la stessa Francia ne ha solo 40-60 in totale, a seconda della fonte. E per costruire ogni unità ci vogliono ben 30 mesi : ci sono voluti qualcosa come 8 anni solo per costruire le poche dozzine di cui dispongono.

Ovviamente questo non significa che ne costruiscano uno alla volta, e da allora il tempo di produzione è stato presumibilmente “dimezzato”—ne possono costruire alcuni contemporaneamente nei mesi necessari, ma significa comunque che il totale “75” è anni di distanza.

Un rivolo di qualche Cesare all’anno non servirà a molto quando l’Ucraina si trova ad affrontare il collasso.

Il Regno Unito si trova in un dilemma simile:

ATACMS Shoptalk

Ora l’ultima ingiustificata eccitazione circonda l’annuncio che gli Stati Uniti hanno anche “aumentato” la produzione di ATACMS a un’enorme quantità di “dozzine al mese”

Il sito qui sopra fornisce una ripartizione illuminante delle attuali potenziali scorte ATACMS:

Ma secondo stime di terzi, Lockheed Martin aveva prodotto un totale di 4.000 missili, circa 600 dei quali furono utilizzati durante le ostilità e le esercitazioni. Ma dire che ne restano 3.400 sarebbe troppo affrettato.

Stimare il numero reale sulla base di dati pubblici è in realtà del tutto possibile. Qui, ad esempio, le informazioni sull’attuale stock di missili all’aprile 2007 non sono un segreto. Secondo il foglio informativo, all’epoca negli arsenali dell’esercito americano erano immagazzinati circa 2100 missili di diverse versioni.

Continuano calcolando che gli Stati Uniti producevano più o meno 100 missili all’anno o meno; ad esempio:

Tuttavia, dobbiamo prestare particolare attenzione alla scadenza del 2020 perché quell’anno Lockheed Martin annunciò di aver ricevuto un ordine del valore di 426 milioni di dollari per la produzione di oltre 400 missili entro il 31 marzo 2023. Molto probabilmente, la cifra comprendeva sia il marchio -missili nuovi e vecchi elaborati, assumiamo provvisoriamente 50/50.

Quindi, nel 2020, Lockheed ha firmato un accordo per produrre circa 400 missili entro il 2023, ma probabilmente si tratterà solo del 50% di nuovi missili e del 50% di ristrutturazioni. Tenendo conto di entrambi, il loro ritmo più veloce è qualcosa come 130 missili all’anno, più o meno, ovvero circa 11 missili al mese.

Dato che affermano di aver “incrementato” e che sappiamo dalla loro produzione di 155 mm che “l’incremento” è probabilmente un processo molto graduale e non del tutto drammatico, le “dozzine” ora prodotte al mese possono probabilmente riferirsi al massimo a 2 o 3 dozzina. Questo perché senza costruire una struttura completamente nuova, tutto ciò su cui puoi contare è aggiungere un altro turno alla tua fabbrica, o due turni extra al massimo per 3 turni x 8 ore. Quindi calcola una certa perdita di efficienza in quella derivante da più linee di produzione simultanee: puoi ottenere 11 x 2 o 11 x 3 = 22/33, sottratto dalla perdita di efficienza, e otteniamo un massimo di 20-25 missili al mese, e molto probabilmente nemmeno quello. .

L’articolo sopra giunge a una conclusione simile, anche se in modo più sottile.

Può quel numero di missili fare una grande differenza nella guerra? Diciamo che dà all’Ucraina la possibilità di lanciare circa 20-25 ATACM al mese, quindi considerare un tasso di intercettazione/guasto/disturbo compreso tra il 25 e il 75%, per amor di discussione. Ciò significa che l’Ucraina può aspettarsi di ottenere forse una mezza dozzina di colpi al mese da qualche parte, non esattamente un cambiamento delle regole del gioco.

A proposito, gli “ultimi dati” dell’Ucraina sul numero di missili della Russia, anche se dovrebbero essere presi con le pinze, ma almeno vale la pena guardarli:

Una cosa che trasmette in modo abbastanza accurato, e che si vede anche nella produzione dell’ATACMS, è che la maggior parte delle nazioni leader può in realtà produrre solo 10-20 di questi missili di fascia alta al massimo al mese. Il vantaggio della Russia è che ha molti tipi diversi di sistemi missilistici prodotti in modo indipendente da varie società come Novator Design, Raduga, United Missile Corp, NPO Mash, Zvezda Strela, JSC Tactical Missiles Corp, ecc.

Anche se l’elenco sopra è semi-accurato, mancano molti altri tipi di missili prodotti attivamente, come Iskander-M e K, Kh-101, Kh-59, Kh-35 lanciati dai lanciatori Bal, ecc. iniziano persino ad affrontare le bombe plananti che svolgono un ruolo simile, anche se più tattico in prima linea:

A proposito, quanto sopra contraddice chiaramente l’elenco precedente che ammontava a soli circa 50 missili russi prodotti al mese. Se la Russia sta colpendo l’Ucraina con più di 300 missili al mese, allora questo è probabilmente un indicatore più grande della loro produzione mensile, anche se ciò potrebbe includere la dozzina o più di missili tattici di prima linea come LMURS, Kh-36/38, ecc., che hanno una gittata solo intorno a 15-50 km circa.

Detto questo, credo che l’Ucraina abbia ricevuto una somma forfettaria iniziale di circa 100 ATACM che consentirà un ritmo di lanci più elevato per l’immediato futuro e poi probabilmente si ridurrà all’indennità mensile molto più bassa rappresentata nei dati di produzione di cui sopra.

In un nuovo articolo, l’ufficiale ucraino Ivan Stupak ha detto a Newsweek che l’Ucraina ha solo un breve periodo per utilizzare questi missili poiché i russi si adatteranno molto rapidamente e li neutralizzeranno nel giro di pochi mesi, come ora hanno fatto con i GLSDB, JDAM-ER, Krasnopols e, in larga misura, HIMARS, sebbene questi ultimi missili siano ancora occasionalmente utilizzati con successo per colpire bersagli solitari, ma non sono mai in grado di colpire nodi C2 ben protetti o centri industriali di alcun tipo.

“I russi sono in grado di adattarsi in un periodo di tempo molto breve, quindi abbiamo fino a due mesi prima che le forze armate russe si adattino all’ATACMS , afferma Ivan Stupak, ex ufficiale del servizio di sicurezza ucraino e ora consigliere dell’esercito ucraino. commissione parlamentare per la sicurezza nazionale, la difesa e l’intelligence.

La Russia si adatterà per contrastare i missili tattici-operativi dell’ATACMS entro un paio di mesi, ha affermato Ivan Stupak, consigliere del comitato ucraino per la sicurezza nazionale della Verkhovna Rada.

“Come sappiamo, i russi possono adattarsi in un periodo di tempo molto breve”, ha detto Stupak a Newsweek, suggerendo che l’Ucraina “ha fino a due mesi” prima che l’esercito russo si adatti all’ATACMS.

Solo un mese o due fa, le forze missilistiche russe avevano dichiarato che erano già al lavoro per capire la situazione:

Secondo uno dei comandanti della difesa aerea delle Forze Armate della Federazione Russa, stanno imparando ad abbattere gli ATACMS.

Cioè Creazione di contromisure, algoritmi operativi, studio di traiettorie, manovre e velocità di volo, monitoraggio dei lanci pratici.

Gli equipaggi dei sistemi di difesa aerea delle Forze Armate della Federazione Russa hanno già ricevuto le prime informazioni sui missili.

Detto questo, non sono ancora così ottimista come alcuni dei miei colleghi riguardo alle capacità della Russia di difendersi finora dall’ATACMS. Non hanno ancora dimostrato la capacità di abbattere costantemente i missili. Ci sono state numerose segnalazioni recenti di attacchi che la parte russa ha affermato di aver completamente respinto, ma le BDA satellitari hanno successivamente mostrato che gli aeroporti russi sono stati effettivamente colpiti, come il recente caso del campo di Dzhankoi in Crimea:

Tuttavia, nel caso di cui sopra, nessuna delle due parti è stata del tutto sincera. Sembrava che gli ATACM avessero colpito l’aerodromo ma in realtà non avessero distrutto alcun S-300/400 come affermato dall’Ucraina. Sì, le foto satellitari giorni prima mostravano una batteria AD presente lì, ma la BDA post-attacco mostra chiaramente gli impatti nel terreno, cioè buchi di terra piuttosto che missili TEL o radar distrutti, anche se potrebbe esserci dell’attrezzatura lì, è difficile dirlo. per certo. Inoltre, è possibile che la Russia abbia abbattuto i missili molto tardi, il che li ha indotti a lanciare le munizioni a grappolo a casaccio sul campo, ma questo è ancora problematico per un motivo che approfondirò in seguito.

Inoltre, c’è questo, anche se dal lato UA e non verificato:

La mia ipotesi è che la Russia sapesse che l’attacco era in entrata e avesse spostato i sistemi in anticipo. Perché spostarli invece di abbattere i missili? Perché fai entrambe le cose: li muovi prima per assicurarti che non siano nell’involucro dell’attacco, poi puoi ancora tentare di abbattere i missili dalla tua nuova posizione. Vedete, per quanto impressionanti siano i segnali ISR ​​dell’Ucraina alimentati dalla NATO, operano con un ritardo abbastanza lungo. Spesso le risorse SIGINT, come gli RC-135 Rivet Joints britannici o gli RQ-4 statunitensi, volano la notte prima dell’attacco, o almeno ore prima, ottenendo informazioni sulla posizione dei sistemi russi. Le coordinate vengono fornite ai missili ucraini per lanciarli, ma se tali risorse si spostano successivamente, i missili non hanno modo di puntarle nuovamente. In breve, l’intelligence ucraina di solito è vecchia di circa 4-24 ore. Lo stesso vale per la ricognizione satellitare che non è proprio onnipresente.

Quindi l’Ucraina lancerebbe missili sul sito sperando che rimangano risorse AD russe, ma la Russia potrebbe facilmente trasferirli in una posizione diversa nelle vicinanze ed essere comunque pronta a cercare di abbattere gli ATACM. Tuttavia, dato che i missili hanno avuto un impatto dimostrabile sull’aerodromo, significa che la Russia non ha ancora imparato a eliminarli in modo coerente. Detto questo, se fosse stato utilizzato un attacco di saturazione di 10-12 come sostengono RYBAR e altri, allora la Russia avrebbe potuto abbattere il 70-85% per cento, lasciando uno o due missili all’impatto, il che sembra probabile dati i pochi segni di butteratura visti , soprattutto perché i missili utilizzano munizioni a grappolo.

Inoltre, a differenza dei missili da crociera che volano bassi sotto le reti radar e quindi almeno danno all’AD russo la scusa di non essere in grado di rilevarli a grande distanza, gli ATACMS volano con un arco balistico elevato che dovrebbe essere in piena vista del più potente S-300V russo. /400 radar.

Ecco il problema:

Vedete come l’ATACMS deve sorvolare una tonnellata di reti AD russe solo per raggiungere Dzhankoi e altre basi? Non esistono scuse predefinite per volare “sotto” il radar. L’ATACMS è a decine di chilometri di altezza nel cielo, esattamente alla distanza balistica che i sistemi russi dovrebbero essere in grado di localizzare e abbattere facilmente. In teoria, l’ATACMS dovrebbe essere impegnato da qualche parte nella regione di Kherson molto prima ancora di arrivare in Crimea, nella fase intermedia piuttosto che in quella terminale. Il fatto che stiano aspettando il terminale è un brutto segno che potrebbe indicare l’incapacità russa di tracciare correttamente i missili, il che potrebbe essere semplicemente un problema di addestramento piuttosto che un difetto meccanico/tecnico dei sistemi stessi.

Un analista in realtà si è occupato delle capacità BMD (Ballistic Missile Defense) della Russia:

Primo: i tiratori. Attualmente i sistemi BMD più comuni sarebbero (a) S-300PM/S-400 e Buk-M2/M3. Dopo questi c’è (b) l’S-300V3/4. Esistono anche sistemi di nuova generazione in servizio limitato (c) – S-350 e S-500.

La sfida della categoria (a) è la capacità di ricerca BMD. Buk, anche le modifiche attuali, ha prestazioni BMD molto limitate, l’S-400 può fare di meglio, ad esempio con il suo radar di gestione della battaglia, ma anche questo è piuttosto deludente. Per il resto, nonostante l’area protetta limitata, funziona.

Quindi la sfida è, come spesso nel caso della BMD, nei sensori e nel C3. Sebbene sia possibile integrare diversi sistemi SAM, ad esempio avere un’unità S-300V4 che supporta diverse unità S-400 con il suo radar BMD, i comuni sistemi C3 legacy hanno cicli lunghi, ovvero circa 10 secondi per Pyramid.

Potete leggere il resto del thread per maggiori dettagli, ma in sostanza quello che sta dicendo è che utilizzando un ibrido di sistemi più vecchi/più nuovi, l’infrastruttura russa C3 (Comando, Controllo e Comunicazioni) per la rete di difesa aerea non è così integrata come si vorrebbe e quindi si potrebbe lottare contro l’ATACMS.

Ora, questa è solo l’opinione di una persona. È difficile sapere quanto sia vero con precisione, ma sappiamo da tutti i recenti incidenti di fuoco amico riguardanti gli A-50 o Il-76 russi, che c’è qualche tipo di problema lì. Qualunque cosa sia stata abbattuta mesi fa, non solo abbiamo il filmato del relitto del velivolo abbattuto, ma anche un video dei sistemi missilistici russi che letteralmente impegnano l’atterraggio dell’Il-76/A-50 vicino a Krasnodar. Quindi sappiamo che ci sono grossi problemi con IFF e forse C3, come professa il thread sopra.

Inoltre, sappiamo che l’ATACMS ha avuto almeno in parte successo in molti dei suoi tentativi precedentemente degni di nota, come l’attacco all’aeroporto per elicotteri di Berdiansk. Certo, potrebbero non aver distrutto tutti quei Ka-52/Mi-28 come affermavano, ma i missili sono riusciti a passare e abbiamo filmati di Mi-8 in fiamme come minimo.

Proprio il 4 maggio si è verificato un altro presunto attacco ATACMS su un sistema Iskander russo. Ancora una volta, la BDA mostra danni a un piccolo giacimento, ma l’effettiva distruzione di qualsiasi risorsa è inconcludente e discutibile. Ma il punto è che il missile è comunque riuscito a raggiungere qualcosa.

Due giorni prima, l’ATACMS aveva colpito con successo una concentrazione di truppe russe vicino al confine tra Lugansk e la Russia, sorvolando nuovamente una vasta quantità di copertura AD russa, il che dimostra che non sono ancora in grado di tracciare o ingaggiare costantemente il missile.

E nel momento in cui scrivo, un sospetto attacco dell’ATACMS ha colpito stasera una raffineria di petrolio a Lugansk:

Ora tieni presente:

L’Ucraina utilizza ancora i missili in modo molto selettivo in aree con scarsa copertura. Se l’ATACMS fosse davvero in grado di penetrare nelle regioni stratificate più dense, vedremmo andare tutto in fumo a Sebastopoli e in molti altri posti.

Quindi non sto dicendo che questo sia un problema critico, ma piuttosto dimostro che l’AD della Russia può essere penetrato in certi posti.

Presumibilmente, la Russia ne sta prendendo atto e sta agendo di conseguenza, perché gli ultimi rapporti affermano che con l’arrivo di più ATACMS, in particolare quelli più recenti a lungo raggio, la Russia ha iniziato a ritirare alcune risorse verso aeroporti più lontani .

71 Comments

Fledr Maus

3 hrs ago

😉

REPLY
SHARE

 

founding

New Frontiers, Old mannerisms.

REPLY
SHARE

 

69 more comments…

Top
Latest
Discussions

 

❗️Destroying the Crimean Bridge on the eve of May 9 is the idea of the West, (https://www.politnavigator.net/razrushit-krymskijj-most-nakanune-9-maya-ideya-zapada-azerbajjdzhanskijj-analitik.html)- Azerbaijani analyst.

Strikes on the Crimean Bridge do not have any practical significance, and are a stupid waste of scarce resources for Ukraine rockets. Azerbaijani military expert Agil Rustamzade stated this on the air of the Direct TV channel, the PolitNavigator correspondent reports.

Recent headlines trumpeted what we’ve long known—that Russia no longer even uses the Kerch for military transport, and now has a whole network of newly built road and railways overland to Crimea:

But should Ukraine attempt to strike the Kerch with ATACMS, I don’t think they’ll have much success apart from damaging some of the flattop at most, which would need to be repaved, or maybe even dropping a span segment or two, but it doesn’t have the accuracy to hit the actual supports, which are the key bridge anchors. Numerous missiles would have to hit the same exact support to ensure destruction, and there’s very low chance of that in a highly AD/EW contested environment. The reason is: the ATACMS uses exclusively GPS/INS, which means it’s screwed in a jammed environment, while missiles like Storm Shadows have advanced TERCOM/DSMAC (Digital Scene Matching Area Correlation) that allows an onboard camera to match the target to pre-stored satellite photos when GPS fails.

Recall, in the secret audio, the German generals estimated needing 20-40 Taurus missiles for the job.

And by the way, the ATACMS with the unitary warhead (rather than cluster munitions) has a relatively small 214kg warhead—this is half the size of even a Storm Shadow warhead, and 1/4 the size of the largest Iskander warhead variants. And recall, Storm Shadows hit the Crimean Chongar Bridge:

The Kerch is much larger, wider, and sturdier than the tiny Chongar local civil bridge. You do the math. The ATACMS’ real threat is the cluster munition variant, which can cover a wide field and destroy a lot of soft targets. But this is completely useless against hardened targets like bridges, to which it would do no damage. The ATACMS unitary warhead variant is not very impressive.

In conclusion: I remain unconvinced Ukraine can effectively do anything to the Kerch with ATACMS. Secondly, as time goes by the ATACMS will likely get increasingly effective as Russia adapts its systems and tactics to it, and AD operators master its signatures.

To summarize the mood: ATACMS and all the other aid won’t save Ukraine, but rather “a whole new army” is what will do the trick. And even then, the best case scenario is to “force Moscow to negotiate”—goodbye to 1991 and 2022 dreams.

In closing, here is the full speech by Vladimir Putin at his inauguration today:

Or the English transcript version: http://en.kremlin.ru/events/president/news/73981

As most speeches go, it was a bit boilerplate. However, one key aspect was the focus on economic and societal development, the all-important stability of the people under the shadow of war. A few weeks back there was another key interview Putin gave where he gave a small answer that flew under the radar, but which was extremely revealing as to his general strategic outlook for the SMO.

In essence, he expressed that the most important goal is to maintain societal stability and economic development. While it may sound self-evident or obvious, it was one of the few times he expressly enunciated it in such a way in relation to the goals of the SMO. In other words—as I understood it—he was basically saying: societal stability and development is supreme, and the SMO is subordinate to that.

This answers the big question many have had on their minds since the beginning: why the slow-walking of the conflict, why no “total war” declaration, forced conscriptions, massive provocations and escalations against NATO (like shooting down their craft in the Black Sea, etc). This is why: Putin believes the most important virtue by far is shielding society from the effects of the SMO, and keeping the SMO on a sort of parallel but insulated track. We may not agree with that view, but that’s what it is. But know that this view can only really be born of the knowledge that the goals of the SMO are achievable by way of this ‘low intensity’ conflict management. If Putin’s internal metrics told him otherwise, then he would likely have no choice but to institute a WWII-style total war economy.

So far, though, it’s working.


Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: Tip Jar

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Macron ancora una volta si pavoneggia, paranoia delle truppe NATO e altro ancora, di SIMPLICIUS

Lo sviluppo più interessante riguarda il fatto che il Cremlino abbia designato lo stesso Zelenskyj – così come molti altri alti funzionari e generali ucraini – come “ricercati”, anche se, stranamente, il motivo legale preciso non è chiaro e non è elencato sul sito del ministero degli Interni russo.

Le conseguenze più immediate di ciò sono:

  • La Russia potrebbe inviare un segnale e gettare le basi per la revoca di qualsiasi “accordo di pace” con Zelenskyj, poiché inserirlo nella lista dei ricercati garantisce che lo Stato russo non possa negoziare legalmente con un criminale ricercato.
  • Ancora più oscuramente, ciò pone potenzialmente le basi per la Russia per eliminarlo in seguito alla sua totale perdita di legittimità il 21 maggio, quando avrebbe avuto luogo l’insediamento presidenziale ucraino.

Per quanto riguarda il primo punto, ci sono stati molti segnali sia dall’Occidente che dalla stessa Ucraina riguardo al ritorno ad altri “negoziati” nell’ambito della modalità Istanbul, in particolare in vista dell’imminente “Vertice per la pace” globale che si terrà in Svizzera il 15 giugno. La Russia potrebbe inviare all’Occidente il messaggio che, indipendentemente da ciò che verrà fuori durante questo vertice, sarà impossibile trattare con un uomo considerato non solo illegittimo ma addirittura un criminale ricercato a livello statale. Ricordiamo che proprio il mese scorso Peskov stesso aveva accennato a ciò, e Lukashenko fu l’unico a sollevare l’ostacolo dell’illegittimità.

Ora ci sono stati segnali crescenti da parte dell’Occidente e degli stessi funzionari ucraini che il ritorno ai confini “pre-2022”, tanto meno ai confini del 1991, non è nemmeno più un obiettivo, ma piuttosto l’Ucraina punta semplicemente a mantenere ciò che attualmente ha nella migliore delle ipotesi.

Ad esempio, il membro del Congresso Adam Smith ha affermato che la cosa migliore che l’Ucraina può sperare è mantenere l’accesso al Mar Nero e non perdere Kiev:

Smith – il massimo esponente democratico dei servizi armati interni – ha affermato che l’Ucraina deve mantenere circa l’82% del paese – e non perdere l’accesso al Mar Nero o far minacciare Kiev – per considerare la fine dei giochi un successo. L’amministratore di Biden è stato riluttante a dirlo perché nessuno vuole ammettere che potrebbe dover cedere terreno, ha aggiunto.

E poi c’è questo:

Il vice capo dell’intelligence militare dell’UA, afferma Skibitsky chiaramente che:

La sua affermazione, tuttavia, si basa sulla convinzione che la produzione di armi della Russia si fermerà all’inizio del 2026 a causa della “mancanza di ingegneri e materiali”, e apparentemente questo indurrà la Russia a cercare preventivamente la pace. Non ci conterei. Aggiunge inoltre:

Il Magg. Gen. Skibitsky ha avvertito che l’esercito russo non è più la marmaglia disorganizzata che l’Ucraina ha respinto da alcune regioni con tanto successo nelle prime fasi della guerra.

Ora si tratta di un “organismo unico, con un piano chiaro e sotto un unico comando”, ha affermato.

Date queste potenziali aperture di pace, la Russia potrebbe reprimere Zelenskyj per creare il precedente legale secondo cui non intraprenderà i negoziati. Ciò accelererà dopo la scadenza del mandato di Zelenskyj alla fine di maggio, momento in cui la Russia potrebbe assumere una posizione ufficiale molto più solida non riconoscendolo nemmeno come leader del paese; nel peggiore dei casi, ciò potrebbe anche portare la Russia a eliminarlo durante gli scioperi, se necessario, anche se penso che terranno da parte questa carta vincente per i tempi difficili.

La conclusione più interessante che il generale Skibitsky fa nella sua nuova intervista all’Economist riguarda l’offensiva in corso nella regione di Kharkov:

Guardando ad un orizzonte più ampio, il capo dell’intelligence suggerisce che la Russia si sta preparando per un assalto attorno alle regioni di Kharkiv e Sumy nel nord-est. I tempi dipenderanno dalla robustezza delle difese ucraine nel Donbass, dice. Ma egli presume che la spinta principale della Russia inizierà “alla fine di maggio o all’inizio di giugno”. La Russia ha un totale di 514.000 soldati di terra impegnati nell’operazione ucraina, dice, superiore alla stima di 470.000 fornita il mese scorso dal generale Christopher Cavoli, massimo comandante della NATO. Il capo dello spionaggio ucraino afferma che il gruppo settentrionale della Russia, con sede oltre il confine di Kharkiv, conta attualmente 35.000 uomini, ma è destinato ad espandersi fino a raggiungere un numero compreso tra 50.000 e 70.000 soldati. La Russia sta anche “generando una divisione delle riserve” (cioè tra 15.000 e 20.000 uomini) nella Russia centrale, che può aggiungere allo sforzo principale.

Questo “non è sufficiente” per un’operazione volta a conquistare una grande città, dice – un giudizio condiviso dai funzionari militari occidentali, ma potrebbe essere sufficiente per un compito più piccolo. «Un’operazione veloce per entrare e uscire: forse. Ma un’operazione per conquistare Kharkiv, o anche la città di Sumy, è di ordine diverso. I russi lo sanno. E questo lo sappiamo”. In ogni caso, si prospettano giorni bui per Kharkiv, una città di 1,2 milioni di abitanti che ha respinto i primi attacchi della Russia nel 2022.

Mentre scrivo da un po’ di tempo, egli riconosce che la Russia potrebbe cercare di creare un’altra operazione di aggiustamento nel nord e poi giocare a orecchio a seconda di dove l’AFU impegna le sue riserve e forze fatiscenti. Se dovessero impegnarsi eccessivamente nella potenziale breccia di Kharkov, la Russia potrebbe sferrare un’offensiva attraverso il fronte centrale attorno a Donetsk per creare sfondamenti.

A questo hanno fatto eco ancora una volta gli ufficiali ucraini:

Il vice comandante della Navoz Zhorin ha dichiarato oggi che la Russia lancerà un’offensiva su Kharkiv e poi lancerà immediatamente un’offensiva più ampia nel sud

Un altro marine ucraino con un popolare account Twitter è d’accordo :

Leggi attentamente la parte evidenziata: “semplicemente non abbiamo abbastanza brigate per manovrare e reagire”.

Questo riassume i potenziali piani della Russia. Introducendo una grande forza in una nuova direzione possono davvero sbilanciare le AFU. Tuttavia, ci sono anche buone probabilità che la Russia stia semplicemente giocando con la possibilità di introdurre le forze del nord proprio per il motivo di tenere l’Ucraina nel dubbio e nell’impossibilità di schierare completamente le riserve nel Donbass, poiché devono essere in attesa di essere schierate a Kharkov. Solo mantenendo una grande forza al confine settentrionale, la Russia può tenere sotto controllo l’Ucraina critica.

Come viene accolta questa notizia negli ambienti occidentali?

Sfortunatamente, l’amministratore di Biden non sembra essere interessato perché ora ha ammesso che, dopo aver adempiuto alla sua “responsabilità” di gettare un osso all’Ucraina, Biden ora intende spostare completamente l’attenzione su cose più importanti, come concentrarsi sulle elezioni:

Infine, Medvedev ha condiviso sul suo account Telegram i suoi pensieri sull’imminente cosiddetta conferenza di pace svizzera:

Qual è il vantaggio per la Russia dalla “conferenza di pace” svizzera?

Il vantaggio è triplo.

In primo luogo, sarà un’altra prova del crollo del cosiddetto piano di pace dell’idiota Zelenskyj. Allo stesso tempo, sarebbe auspicabile che il bastardo di Bandera la visitasse di persona e confermasse ancora una volta la sua inutilità intellettuale.

In secondo luogo, diventerà la prova visibile della totale impotenza delle attuali élite occidentali, che hanno commesso una dolorosa autocastrazione delle proprie capacità per porre fine al conflitto militare. Inoltre, su ordine diretto di un gruppo di medici senili di Washington.

In terzo luogo, consentirà alle nostre Forze Armate di continuare a ripulire il territorio della Piccola Russia dai neonazisti senza interferenze o riguardo per le stronzate “iniziative di pace” di qualcuno, e a tutti noi di svolgere un lavoro scrupoloso verso il crollo finale del regime politico b. . L’Ucraina e il rapido ritorno dei nostri territori ancestrali alla Federazione Russa.

Grazie, paese del formaggio e degli orologi!

Schermata di diversione delle truppe NATO

Considerati i continui sviluppi di cui sopra, ancora una volta siamo colpiti dalla minaccia dello spiegamento di truppe NATO:

Nell’ultimo articolo dell’Economist, Macron riaccende ancora una volta le vanterie spinte dalla spavalderia nell’inviare truppe:

Molti sono rimasti ancora una volta “scioccati” quando Macron ha sostanzialmente affermato che se la Russia riuscisse a sfondare in Ucraina e l’Ucraina richiedesse aiuti, allora la Francia prenderebbe in considerazione l’invio di truppe. Ma in realtà sta semplicemente ripetendo la stessa cosa che ha già detto in precedenza, sperando di suscitare i titoli dei giornali e mantenere la sua immagine di “uomo forte d’Europa”.

Il deputato ucraino della Rada Goncharenko, tuttavia, ha colto l’occasione e ha rafforzato il gioco affermando che l’Ucraina potrebbe effettivamente invitare truppe europee in un simile scenario:

“Se la situazione al fronte ci mostra che l’Ucraina non può fermare Putin da sola, senza il sostegno militare e le truppe europee, sì, credo che sia assolutamente possibile che possiamo chiedere truppe…”, ha detto il politico.

In mezzo a tutto questo, il quotidiano italiano Repubblica ha fatto scalpore apprendendo delle due linee rosse che avrebbero portato un intervento diretto della NATO nella guerra.

L’articolo stesso è protetto da paywall anche se puoi leggere i commenti su di esso da Forbes.ru tra gli altri :

La NATO, sullo sfondo della preoccupazione occidentale per i fallimenti delle forze armate ucraine al fronte, “in forma molto confidenziale”, “ha stabilito” per sé due “linee rosse”, che potrebbero essere seguite da un intervento diretto dell’alleanza nel conflitto, scrive il quotidiano italiano Repubblica.

La prima “linea rossa”, sostiene Repubblica, “ruota attorno alla possibilità di penetrazione russa attraverso le linee di difesa di Kiev” e riguarda il “coinvolgimento diretto o indiretto di terzi” nel conflitto in Ucraina. La pubblicazione scrive che le forze armate ucraine “non possono più controllare completamente” il confine, il che, secondo il giornale, crea le condizioni affinché le forze armate russe possano sfondare nel corridoio tra Ucraina e Bielorussia. Come suggerisce il giornale, “allora Minsk sarà direttamente coinvolta nella disputa militare” e “le sue truppe e il suo arsenale saranno di importanza decisiva per Mosca”. “E questa circostanza non può che rafforzare la difesa (della NATO) a favore dell’Ucraina”, si legge nell’articolo.

La seconda “linea rossa”, scrive il giornale, “implica una provocazione militare contro i paesi baltici o la Polonia o un attacco mirato alla Moldavia”. Repubblica rileva inoltre la profonda preoccupazione delle autorità occidentali per la situazione al fronte e le “condizioni sfavorevoli” per Kiev.

Ciò è estremamente interessante perché, come sempre, esprime le intenzioni provocatorie della NATO. La prima linea rossa non è chiara, ma si riferisce ad una svolta russa forse attraverso la Bielorussia, che equivarrebbe al coinvolgimento della Bielorussia nella guerra. In termini più fini, questo sembra solo un modo indiretto per dire: “Se la Russia minaccia Kiev”.

Perché? Perché le forze russe che potenzialmente mirano a circondare Kharkov non hanno bisogno del territorio bielorusso. Solo per prendere Kiev avrebbero bisogno di venire dalla Bielorussia, quindi leggendo tra le righe, significa che la NATO sta tranquillamente lasciando intendere che interverrebbero solo per salvare Kiev.

La seconda linea rossa è più preoccupante: una provocazione sulla Moldavia, sulla Polonia o sui Paesi Baltici è un’area facile per la NATO per creare false flag per incolpare la Russia ed entrare nel conflitto. Basta far esplodere qualcosa con un missile e affermare che è stata la Russia. Oppure potrebbero ovviamente spingere i paesi baltici a indurre la Russia ad agire, proprio come hanno cominciato a fluttuare nella saga dei treni di Kaliningrad qualche tempo fa.

Come scrive il canale Legitimny:

Questo è il motivo per cui l’ex segretario del Consiglio di sicurezza nazionale dell’Ucraina Danilov è stato inviato in Moldavia ora, e il telegramma moldavo comunica all’interno un certo disaccordo tra Sandu e Zelenskyj, secondo i tempi dello scongelamento del conflitto nella PMR, dove Maya lo respinge per il 2025 e Zelenskyj ha bisogno di lui nell’autunno del 2024.

Gli italiani affermano che “100.000 soldati della NATO” potrebbero prendere parte a un simile intervento; non proprio contro il nuovo secondo esercito russo da 500.000 uomini, ma certamente abbastanza per bloccare almeno un particolare corridoio.

Alla fine, però, la maggior parte di questo è solo un atteggiamento. Il gioco è stato ancora una volta svelato dallo stesso Macron nella precedente intervista, e anche da altri. Macron ha detto:

Ciò che volevo riaprire anche il 26 febbraio era questa famosa ambiguità strategica, che dovrebbe convincere Putin che siamo determinati e che dovrà contare sulla nostra determinazione.

Ed ecco il ministro degli Esteri polacco Sikorsky che sottolinea ancora una volta il fatto che questa provocazione europea coordinata è intesa semplicemente come una cortina di fumo per “tenere la Russia nel dubbio” tramite “ambiguità strategica”:

Anche la foglia di fico dell’F-16 viene utilizzata in questo gioco di ambiguità per ampliare i confini della Russia e testarne i limiti. Probabilmente cercheranno deliberatamente di creare una cortina fumogena dove gli F-16 potranno eventualmente essere stazionati o da dove arriveranno per dare l’impressione che la NATO possa essere coinvolta al fine di mantenere un senso di tensione che credono scoraggerà la Russia. Ma se si ascoltano le autorità russe e i siloviki, non sembrano molto spaventati.

Ad esempio, i commenti del colonnello della SVR, professore MGIMO Andrei Bezrukov sull’intervista di Macron sono assolutamente da ascoltare:

Il colonnello potrebbe avere ragione, poiché le prospettive non sembrano buone per Macron e il suo partito per le prossime elezioni del Parlamento europeo:

Macron LREM/ENS, Le Pen RN:

Come nota finale, ha fatto scalpore un nuovo articolo di Stephen Bryen, in cui afferma che la Francia ha già iniziato ufficialmente a schierare truppe in Ucraina:

Ne parlo solo perché sta circolando sui social media, ma per ora non ne vedo alcuna prova reale. Bryen non ci dice dove ha ricevuto queste informazioni, per quanto ho potuto vedere, ma ovviamente, se iniziassero a schierare truppe, potrebbe benissimo assomigliare a questo: un’iniezione silenziosa di unità per aiutare nelle retrovie delle zone più critiche fronti. Quindi possiamo stare attenti alle possibilità, ma in questo caso non ci sono ancora prove a sostegno di queste nuove affermazioni.

Ma tieni presente che credo che le truppe francesi siano comunque già da tempo in Ucraina. Alcuni potrebbero ricordare che già durante la battaglia di Mariupol le forze russe continuavano a trovare berretti e spille militari francesi tra i rottami. Ecco un residente recente della liberata Avdeevka che dice di aver visto le truppe francesi sparare sui civili (nota: il 1923 dovrebbe essere il 2023):

Georgy Nekrasov, residente ad Avdeevka , ha detto che nel 2023, i carri armati francesi sotto il controllo di equipaggi francesi dalle posizioni delle forze armate ucraine hanno bombardato le aree pacifiche di Avdeevka.

Considerato quanto è dettagliato il suo resoconto e la sua buona memoria, penso che sia una fonte abbastanza affidabile e credibile.

Alla fine non si tratta di inviare truppe, che probabilmente sono già state sul posto, ma di inviarle ufficialmente e in gran numero.

Inoltre, ecco il colonnello svizzero di stato maggiore e vice capo di stato maggiore del capo di stato maggiore militare-strategico (MSS) delle forze armate svizzere, Alexander Vautraver: leggi la parte evidenziata di seguito:

L’esercito francese rappresenterebbe “una goccia nel mare” in termini di sostegno alle forze armate ucraine, afferma Alexander Vautraver, colonnello svizzero in pensione e redattore capo della Rivista militare svizzera (RMS+).

“Questa è una goccia nell’oceano, solo una piccola parte di ciò che serve. Bisogna porsi la domanda: l’esercito francese è sufficientemente attrezzato in termini di addestramento e di armi moderne per contribuire alle operazioni offensive contro un nemico numericamente superiore? ?” – ha detto l’ex militare al canale televisivo francese LCI.

“Le forze che potremmo schierare sono due brigate di 5-6mila soldati, con una durata di schieramento massima di 1-3 mesi. Ma se parliamo di un periodo più lungo, come, ovviamente, nel caso dell’Ucraina, si tratta solo di 2 battaglioni che oggi si trovano nei paesi baltici e in Romania. La cattiva notizia è che queste forze non sono assolutamente sufficienti per affrontare il mezzo milione di eserciti russi”, ha detto. Secondo Vautraver, queste forze, situate fuori dalla Francia, sono ora sotto il comando della NATO, il che è “ancora più problematico”.

Per concludere, ecco altri due video degni di nota realizzati da ufficiali militari di alto rango:

Il tenente colonnello in pensione dell’esercito americano Daniel Davis:

E l’ex generale dell’esercito francese Dominique Delavard:

Ora alcuni altri importanti oggetti vari, come vuole la tradizione.

Molte volte nei sacchi di posta mi è stato chiesto di commentare lo stato dei veterani disabili ucraini. Ora, un nuovo articolo di Le Monde tratta l’argomento in modo piuttosto cupo:

Nel documento si legge che il 70% degli ucraini disabili è costretto a badare a se stesso, poiché lo Stato ha “rinunciato a loro”.

A questo si aggiungono le nuove procedure di mobilitazione che permettono ai malati e persino agli incapaci mentali di essere richiamati da Zelensky:

Ho trattato a lungo il tema della disparità dei prigionieri tra l’Ucraina e la Russia, che è un ovvio analogo al rapporto generale delle vittime. Rezident UA ora fornisce la sua opinione sui numeri:

#Inside
La nostra fonte presso l’OP ha affermato che il processo di scambio di prigionieri è in fase di stallo a causa dell’avvicinamento alle liste. Ora in Russia ci sono più di 20mila prigionieri del personale militare, e abbiamo solo 800 e quasi 5000mila separatisti, che stiamo cercando di scambiare allo stesso modo.

Secondo loro, l’Ucraina detiene 800 prigionieri di guerra russi e 5.000 novorossiiani, mentre la Russia ne detiene oltre 20.000 ucraini, il che si rifletterebbe allo stesso modo nel rapporto generale delle vittime tra i due.

Josep Borrell ribadisce ancora una volta che l’Ucraina si arrenderebbe entro 2 settimane senza aiuti:

Dopo le notizie dell’ultima volta secondo cui i carri armati Abrams erano stati ritirati dal campo di battaglia, la 47a brigata ucraina ha smentito con veemenza e ha detto che non sono andati da nessuna parte. Come se volessero cancellare la vergogna, hanno dato spettacolo, rischiando ancora una volta gli Abrams in difesa delle aree a ovest di Avdeevka, il che ha portato alla distruzione di due nuovi Abrams oggi, oltre a un altro Bradley. Secondo quanto riferito, questo porta a 6-8 gli Abrams distrutti finora, secondo la maggior parte dei calcoli:

Infine, come nuovo aggiornamento sulla situazione Bentley:

L’avvocato della vedova dell’assassinato “Texas” ha detto che gli assassini di Russell Bentley sono stati arrestati e stanno confessando. Il caso è sotto il controllo del comitato investigativo della Federazione Russa.

Di seguito l’avvocato spiega che Mosca avrebbe attribuito grande importanza al caso con un investigatore speciale e che tutto sta andando di conseguenza:

E Lyudmila offre alcune riflessioni per l’occasione religiosa:

POLL
Will NATO really dare send troops to save Ukraine?
No, they’re bluffing.
Yes, they’re that desperate.

Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: Tip Jar

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Il rapporto RUSI convalida silenziosamente la superiorità strategica della Russia: un crollo_di SIMPLICIUS

Questo è l’ultimo della mia serie di articoli a pagamento circa bimestrale. È uno di quelli da non perdere poiché i risultati di questo rapporto mi hanno addirittura lasciato senza fiato per ragioni che scoprirai alla fine dell’articolo.

Copre l’ultimo comunicato della RUSI su come le guerre moderne dovrebbero essere combattute e vinte, e sul perché l’Occidente è anni luce indietro rispetto alla Russia, sebbene quest’ultimo punto sia sempre implicito.

È un altro fermaporta di dimensioni, con quasi ~ 6800 parole, e ho reso circa i primi ~ 1900 gratuiti al pubblico.


Non capita spesso di adornarmi vanagloriosamente del mio berretto, ma questa occasione sarà annoverata tra le rare che necessariamente dovranno evidenziare le molte esattezze dei nostri precedenti resoconti, la cui convalida viene solo ora alla luce dalle tardive verifiche degli esperti militari occidentali.

Quella che segue è la ripartizione di uno degli ultimi rapporti RUSI sulle lezioni apprese dalla guerra in Ucraina:

Come promemoria, RUSI è il Royal United Services Institute e afferma di essere “il più antico think tank di difesa e sicurezza del Regno Unito e il più antico del mondo”. E da non confondere con un importante politico russo con lo stesso nome in servizio alla Duma, le credenziali dell’autore dell’articolo Alex Vershinin sono elencate come segue:

Il tenente colonnello (in pensione) Alex Vershinin ha 10 anni di esperienza in prima linea in Corea, Iraq e Afghanistan. Negli ultimi dieci anni prima del suo pensionamento, ha lavorato come addetto alla modellazione e alle simulazioni nello sviluppo e nella sperimentazione di concetti per la NATO e l’esercito americano.

L’etica stessa delle argomentazioni che sostengono è dichiarata apertamente fin dall’inizio:

L’intero rapporto ruota attorno a un appello urgente all’Occidente affinché rimodelli il suo concetto strategico di guerra, gravemente degradato e superato dai tempi a causa di diversi decenni di pigra allocazione errata delle risorse e di riorientamento verso azioni di polizia coloniale.

Nel paragrafo successivo l’autore definisce con precisione la differenza tra guerre di “manovra” e guerre di logoramento classiche, rilevante per comprendere il resto dell’esegesi:

Le guerre di logoramento richiedono una propria “Arte della Guerra” e sono combattute con un approccio “incentrato sulla forza”, a differenza delle guerre di manovra “focalizzate sul terreno”. Sono radicati in una massiccia capacità industriale per consentire la sostituzione delle perdite, in una profondità geografica per assorbire una serie di sconfitte e in condizioni tecnologiche che impediscono rapidi movimenti del terreno. Nelle guerre di logoramento, le operazioni militari sono modellate dalla capacità di uno stato di sostituire le perdite e generare nuove formazioni, non da manovre tattiche e operative. La parte che accetta la natura logorante della guerra e si concentra sulla distruzione delle forze nemiche piuttosto che sulla conquista del terreno ha maggiori probabilità di vincere.

In particolare rileggi l’ultima affermazione:

La parte che accetta la natura logorante della guerra e si concentra sulla distruzione delle forze nemiche piuttosto che sulla conquista del terreno ha maggiori probabilità di vincere.

Ciò sembra un’importante ammissione della strategia russa. Dopotutto, ricordiamo come la strategia dell’Ucraina sia notoriamente incentrata sul “non un passo indietro”, perché anche un solo metro perduto rappresenta un costo reputazionale insopportabile per la tanto ammirata “comunità internazionale” di Zelenskyj. Ciò ha portato generali come Syrsky ad essere soprannominati “Generale 200” per il suo atteggiamento senza passi indietro nel perseguire difese come quella di Bakhmut e Avdeevka, tra gli altri.

La Russia, d’altro canto, ha utilizzato la ritirata strategica in misura così vasta da lasciare perplessi i commentatori militari, come nel caso dei ritiri consecutivi su larga scala di Kherson e della regione di Kharkov, per non parlare di quello di fine marzo 2022. deviare l’azione da tutto il nord delle regioni di Kiev, Sumy e Chernigov.

Ciò equivale all’amara ammissione che la Russia, di fatto, è stata in vantaggio per tutto questo tempo. Nonostante i tentativi a tutto campo di denigrare le scelte militari della Russia nel corso della guerra, solo ora in retrospettiva è diventato evidente agli “esperti” che la Russia ha di fatto utilizzato la strategia del buon senso da sempre, mentre conduceva la guerra giusta .

A quanto è ammontato? Si vede subito: basta leggere i titoli. Per la Russia, i titoli dei giornali parlano incessantemente di “eccesso di abbondanza” di manodopera e materiale. Nel caso dell’Ucraina è l’esatto contrario, la totale mancanza di uomini. Una parte ha perseguito con competenza la strategia delineata sopra dal RUSI: “La parte che accetta la natura logorante della guerra e si concentra sulla distruzione delle forze nemiche piuttosto che sul guadagno di terreno ha maggiori probabilità di vincere”.

Ho detto fin dall’inizio che la maggior parte degli obiettivi della Russia nella guerra saranno raggiunti non attraverso conquiste territoriali ma attraverso il logoramento. Ad esempio, non esiste quasi alcun modo realisticamente fattibile per la Russia di “catturare” Odessa attraverso un attacco fisico cinetico e diretto. Attraversare il fiume è improbabile e dover scendere da nord a Kiev richiederebbe ipoteticamente anni. Ma semplicemente inducendo l’Ucraina a gettare tutto il suo sangue e i suoi tesori nella killbox e nel tritacarne del Donbass, la Russia rischia di logorare le AFU sia militarmente, materialmente, economicamente e moralmente fino al punto di esaurimento e collasso, consentendo la successiva cattura del territorio richiesto attraverso Capitolazione ucraina.

RUSI prosegue con un’altra grande ammissione:

L’Occidente non è preparato per questo tipo di guerra. Per la maggior parte degli esperti occidentali, la strategia di logoramento è controintuitiva. Storicamente, l’Occidente ha preferito il breve scontro “il vincitore prende tutto” tra eserciti professionisti. I recenti giochi di guerra come la guerra del CSIS su Taiwan hanno coperto un mese di combattimenti. La possibilità che la guerra continuasse non venne mai messa in discussione. Questo è un riflesso di un atteggiamento comune occidentale. Le guerre di logoramento sono trattate come eccezioni, qualcosa da evitare a tutti i costi e generalmente sono il prodotto dell’inettitudine dei leader. Sfortunatamente, è probabile che le guerre tra potenze vicine alla pari siano logoranti, grazie all’ampia riserva di risorse disponibili per compensare le perdite iniziali. La natura logorante del combattimento, inclusa l’erosione della professionalità dovuta alle vittime, livella il campo di battaglia indipendentemente da quale esercito abbia iniziato con forze meglio addestrate. Mentre il conflitto si protrae, la guerra viene vinta dalle economie, non dagli eserciti. Gli stati che capiscono questo e combattono una guerra del genere attraverso una strategia di logoramento mirata a esaurire le risorse nemiche preservando le proprie hanno maggiori probabilità di vincere. Il modo più veloce per perdere una guerra di logoramento è concentrarsi sulla manovra, spendendo risorse preziose su obiettivi territoriali a breve termine. Riconoscere che le guerre di logoramento hanno una loro propria arte è vitale per vincerle senza subire perdite paralizzanti.

C’è molta verità da svelare proprio in questa affermazione di cui sopra. Ma manteniamolo minimale evidenziando i punti più salienti:

  • L’Occidente continua a pensare che le lunghe guerre di logoramento siano un’eccezione piuttosto che la regola nei conflitti tra pari.

Ciò sembra indicare che le strutture militari occidentali non sono più sistematicamente e istituzionalmente in grado di affrontare la guerra in un modo che va oltre quello radicato in loro negli anni di azione COIN/polizia a bassa intensità degli ultimi decenni. Ciò è stato evidenziato di recente man mano che la consapevolezza inizia lentamente, ad esempio da ieri:

I mercenari occidentali che hanno visitato l’Ucraina hanno ammesso che le loro abilità di combattimento si erano “atrofizzate” 

Lo riporta il portale Business Insider con riferimento all’esercito americano.

“Ci siamo così abituati all’idea di combattere guerre di guerriglia, di combattere i terroristi e chiunque altro, che abbiamo dimenticato cosa significhi veramente combattere una guerra tra pari”, ha detto un mercenario americano.

Nell’articolo sopra, il mercenario americano afferma che nessun soldato americano viene addestrato o preparato adeguatamente per una guerra moderna come l’Ucraina:

Ha detto di aver visto molti soldati occidentali lottare in Ucraina perché “hanno già un’idea precisa su come dovrebbero essere le cose e tutto il resto, e semplicemente non è così in Ucraina”. 

Un altro veterano americano in Ucraina ha detto a BI questo mese di avere preoccupazioni simili. Ha detto che i suoi amici ancora nell’esercito americano gli chiedono consigli su come combattere con i droni o in trincea, poiché non ricevono un addestramento che rifletta pienamente ciò che sta accadendo in Ucraina.

Spiega la differenza fondamentale e poi fa eco alle mie stesse parole:

Ha detto che in molti posti dove ha combattuto in Ucraina, “non c’è nessun posto che sia sicuro”, mentre quando era in Afghanistan e Iraq, a mezzo miglio dietro la linea del fronte, “potresti stare fuori e fare un barbecue”. , un panino e da bere.”

Sfortunatamente per l’Occidente, una volta che un’azione è stata ripetuta per così tanto tempo, diventa riflessiva e istituzionalizzata a un livello così profondamente radicato che non sembra quasi esserci modo di uscirne.

Il motivo è che a più generazioni di leader e militari è stato inculcato un particolare insieme di abilità, mentalità e approcci al punto che è diventato assiomatico per natura. Inoltre, le appendici istituzionali accessorie che funzionano come condotti simbiotici al corpus della struttura militare si sono tutte similmente atrofizzate o sono state semplicemente reindirizzate verso paradigmi di funzionamento totalmente nuovi, del tutto antitetici all’approccio logorante della “guerra totale”.

In termini semplici, ciò significa ovviamente che tutti i fornitori e produttori di MIC hanno costruito le loro architetture, linee di produzione e catene di fornitura attorno ai concetti inerenti allo stile “occidentale” della guerra coloniale: bassa quantità, alta precisione, sistemi ad alto costo che eccellono nel prendere di mira individualmente leader terroristici e simili, ma sono troppo delicati e costosi da mantenere nei conflitti di logoramento. Ciò si è calcificato all’interno delle loro strutture a livello istituzionale.

Ne ho parlato diffusamente prima:

Nello spirito della “guerra totale” russa

·
22 FEBBRAIO 2023
Nello spirito della “guerra totale” russa
Un’importante distinzione era attesa da tempo per essere fatta, per quanto riguarda un argomento di molta confusione e interpretazione errata per moltissime persone. C’è un malinteso intrinseco sulle differenze concettuali tra i sistemi militari sovietici/russi (leggi: armi) e quelli equivalenti NATO/occidentali. È stato fatto un dibattito infinito non solo su w…
Leggi la storia completa

Uno dei concetti chiave trascurati che ho menzionato sopra non è semplicemente che i sistemi russi sono più economici e più facili da mantenere, ma piuttosto che sono costruiti attorno a un paradigma filosofico di guerra completamente diverso.

Il più importante di questi è che i sistemi sono costruiti con l’espressa consapevolezza e aspettativa che un giorno dovranno essere gestiti da coscritti poco addestrati, e quindi dovranno essere progettati attorno alla filosofia di estrema facilità d’uso e intuitività. Il famoso esempio che ho usato per evidenziare questo è come, dai rapporti dell’esercito americano di Fort Benning, il Javelin avesse un’efficacia di combattimento inferiore al 19%, principalmente a causa del suo uso complicato e dell’incapacità delle reclute di interiorizzare completamente i suoi parametri di combattimento, come distanze minime di innesto, procedure di bloccaggio, ecc.:

Ho condiviso video di prigionieri di guerra dell’AFU che lamentavano che i loro “fragili” javelin si erano rotti prima dell’uso, o semplicemente erano stati scartati perché gli ucraini non riuscivano a capirne il complesso utilizzo. I sistemi russi sono progettati per essere raccolti e lanciati. Questo è il concetto di “guerra totale”: radicato nella filosofia è il presupposto di base secondo cui un pesante logoramento delle truppe alla fine degraderà la qualità dei coscritti, il che avrà un effetto a catena sull’uso efficace di macchinari “complessi”. L’Ucraina sta attualmente sperimentando questo, con una risorsa di manodopera già totalmente degradata che viene presa in giro con offerte come l’F-16 e altri sistemi altamente complessi che richiederebbero enormi sforzi per imparare anche a un veterano esperto in tempo di pace.

Ho inoltre sottolineato come i sistemi russi siano fatti per essere interoperabili e versatili proprio per questo motivo: quando il tuo capitale umano viene ridotto, vuoi sistemi che possano essere utilizzati da chiunque, comprese, se necessario, truppe provenienti da altri ruoli di combattimento adiacenti.

Per riassumere: se prendiamo come esempio la Seconda Guerra Mondiale, l’Occidente considera la sua dottrina di combattimento come se ruotasse intorno al 1941 come un’eterna primavera. La Russia si avvicina alla guerra con la mentalità che dovrà combattere nel 1944 e nel ’45: la consapevolezza intrinseca che il materiale sarà esaurito, le armature e i veicoli logori, le risorse umane saranno logorate e degradate in termini di qualità.

Basta ricordare tutte le recenti rivelazioni bomba che abbiamo avuto sull’equipaggiamento occidentale, e in particolare americano. Questa settimana è stato rivelato che l’F-35 ha una prontezza al combattimento senza precedenti pari al 29%, un fatto che nemmeno Lloyd Austin metterebbe in discussione:

Ciò è stato sottolineato non solo dalle rivelazioni sul fallimento totale dei GLSDB e dei JDAM-ER statunitensi, ma ora anche degli Excalibur, di cui ho scritto nel mio ultimo rapporto:

Le notizie di oggi ci portano la notizia bomba che anche gli intercettori americani hanno completamente fallito durante gli attacchi iraniani:

Chi può dimenticare la valanga di rapporti convalidati sui guasti dei mezzi corazzati occidentali in Ucraina per una serie di ragioni, dimostrando che sono semplicemente troppo ingegnerizzati per il combattimento moderno? Abrams, Leopards e Challenger sono stati tutti creati per dare priorità alla sicurezza a scapito di quasi ogni altro attributo possibile. Creando giganteschi relitti “impenetrabili”, hanno realizzato carri armati che non possono essere prodotti in serie e sono pieni di così tante complessità inutili che non possono essere mantenuti e sostenuti in una guerra di logoramento totale.

Gli Stati Uniti, ad esempio, sono orgogliosi delle proprie capacità di operazioni logistiche di massa, e i sostenitori affermeranno che hanno le risorse necessarie per sostenere il pieno dispiegamento dei suoi macchinari più avanzati come l’Abrams. Certo, richiedono molte ore di lavoro di manutenzione e aggiustamento per ogni ora di combattimento di schieramento, e i loro filtri devono essere cambiati letteralmente dopo ogni breve marcia, come hanno rivelato molte volte gli operatori ucraini, ma gli Stati Uniti hanno l’infrastruttura per gestire questa situazione durante azioni di polizia in stile COIN a bassa intensità.

Ma cosa accadrebbe, ad esempio, in uno scontro con la Russia? Immaginate alcuni Iskander russi che eliminano i centri di manutenzione delle retrovie che sono essenziali per mantenere operativi gli Abrams, grandi hub che non possono essere nascosti o dispersi? Cosa succede allora? Una forza NATO sotto un attacco così dirompente si ritirerebbe rapidamente, perché i suoi macchinari non sono fatti per un rapido sostentamento al volo. I carri armati russi, d’altro canto, possono essere rapidamente potenziati e mantenuti letteralmente in prima linea. Certo, potrebbero essere leggermente meno precisi, leggermente meno protetti, leggermente meno belli, ma sono fatti per resistere e sostenere una lunga guerra di logoramento totale.

RUSI passa al fattore economico:

Le armi di fascia alta hanno prestazioni eccezionali ma sono difficili da produrre, soprattutto quando necessarie per armare un esercito rapidamente mobilitato e soggetto a un alto tasso di logoramento. Ad esempio, durante la Seconda Guerra Mondiale i Panzer tedeschi erano carri armati eccellenti, ma utilizzando all’incirca le stesse risorse produttive, i sovietici lanciarono otto T-34 per ogni Panzer tedesco. La differenza di rendimento non giustificava la disparità numerica nella produzione. Le armi di fascia alta richiedono anche truppe di fascia alta. Questi richiedono molto tempo per essere addestrati, tempo che non è disponibile in una guerra con alti tassi di attrito.

L’ultima riga in particolare rafforza tutto ciò che ho appena trattato riguardo alla qualità e all’addestramento delle truppe. E ancora una volta, ribadiscono il punto più importante, evidenziato di seguito:

È più facile e veloce produrre un gran numero di armi e munizioni a basso costo, soprattutto se i loro sottocomponenti sono intercambiabili con beni civili, garantendo quantità di massa senza l’espansione delle linee di produzione. Le nuove reclute assimilano anche le armi più semplici più velocemente, consentendo la rapida generazione di nuove formazioni o la ricostituzione di quelle esistenti.

Questo è il motivo per cui ho detto che sarebbe stata la mia rara occasione per vantarmi: stanno praticamente trascrivendo il mio articolo sopra pubblicato pensiero per pensiero, eppure qui avevamo capito tutto molto tempo fa, e i ritardatari think tank occidentali stanno iniziando solo ora a capire questa idea rivoluzionaria. Ci vorranno ancora anni prima che la conoscenza arrivi a livello istituzionale, e a quel punto probabilmente sarà troppo tardi.

Apparentemente è di tale importanza critica che continuano a approfondire il punto anche nella sezione successiva. Con Force Generation tentano di distinguere tra i due modelli mondiali in competizione, la quintessenza della scuola “NATO” rispetto a quella “sovietica”. In tal modo espongono alcuni punti molto essenziali e penetranti riguardo all’argomento di cui sopra.

A questo punto stanno semplicemente copiando i miei compiti. Questo è il motivo per cui posso affermare con sicurezza che i lettori qui sono ben più avanti rispetto a tutti i think tank e le istituzioni politiche occidentali di almeno 6 mesi o un anno. Tutti i progressi più all’avanguardia e dirompenti vengono svelati e discussi qui molto prima che gli esperti della critica occidentale mettano le mani sulle nostre briciole.

Praticamente tutto ciò che scrivono sulle differenze NCO fa eco a ciò che ho già ampiamente delineato non solo nell’articolo precedente, ma anche in questo:

Miti e realtà dei sistemi NCO russi/NATO

·
3 SETTEMBRE 2023
Miti e realtà dei sistemi NCO russi/NATO
Qualche giorno fa il corrispondente di guerra russo Sladkov ha pubblicato un post interessante in cui mostrava due nuovi video di esperti militari occidentali/filo-ucraini che entrano nel dettaglio nel descrivere le tattiche e le forze militari russe nel conflitto ucraino.
Leggi la storia completa

Ma questa non è la fine della storia, continuano a toccare ancora di più i nostri punti precedenti:

L’Unione Sovietica ha costruito il suo esercito per un conflitto su larga scala con la NATO. Doveva essere in grado di espandersi rapidamente richiamando riserve ammassate. Ogni maschio nell’Unione Sovietica seguiva due anni di formazione di base subito dopo la scuola superiore. Il costante turnover del personale arruolato precludeva la creazione di un corpo sottufficiali in stile occidentale, ma generava un enorme bacino di riserve semi-addestrate disponibili in tempo di guerra. L’assenza di sottufficiali affidabili ha creato un modello di comando incentrato sugli ufficiali, meno flessibile di quello della NATO ma più adattabile all’espansione su larga scala richiesta dalla guerra di logoramento. 

Tuttavia, man mano che la guerra avanza oltre la soglia di un anno, le unità di prima linea acquisiranno esperienza ed è probabile che emerga un corpo sottufficiali migliorato, dando al modello sovietico una maggiore flessibilità. Nel 1943 l’ Armata Rossa aveva sviluppato un robusto corpo di sottufficiali , che poi scomparve dopo la seconda guerra mondiale con la smobilitazione delle formazioni di combattimento. Una differenza fondamentale tra i modelli è che la dottrina della NATO non può funzionare senza sottufficiali ad alte prestazioni. La dottrina sovietica era rafforzata da sottufficiali esperti ma non li richiedeva.

Che ne dici di un’ammissione mostruosa?

“La NATO non può funzionare senza sottufficiali ad alte prestazioni” … che già avevano detto non esisterebbero in una “guerra totale” logorante perché verrebbero lentamente logorati.

La “scuola sovietica”, invece, era “arricchita da” sottufficiali esperti, ma “non ne aveva bisogno”.

Guardandola in questo modo, la NATO tratta i suoi sottufficiali allo stesso modo dei suoi macchinari meticolosi e sovraingegnerizzati. Sono fantastici all’inizio, ma una volta che le cose iniziano a deteriorarsi nei mesi e negli anni logoranti di lunghi combattimenti su scala paritaria, sei SOL.

Certo, non ho mai detto che un sistema sia incomparabilmente superiore all’altro: se leggi gli articoli che ho pubblicato, mi sono sempre preso la briga di sottolineare che è un atto di equilibrio e ognuno ha i suoi pro e contro. Il mio approccio talvolta aggressivo nei confronti del sistema NATO è semplicemente una reazione all’ingiustificata spavalderia dell’Occidente riguardo al dominio supremo del proprio sistema.

In effetti, nella loro conclusione, la RUSI è d’accordo, il che rappresenta un grande shock per un’istituzione occidentale così autorevole ammettere finalmente che il loro sistema non è semplicemente superiore prima facie:

Il modello più efficace è un misto dei due , in cui uno Stato mantiene un esercito professionale di medie dimensioni, insieme ad una massa di reclute disponibili per la mobilitazione. Ciò porta direttamente a una miscela alto/basso. Le forze professionali prebelliche costituiscono la fascia alta di questo esercito, diventando vigili del fuoco e spostandosi di settore in settore in battaglia per stabilizzare la situazione e condurre attacchi decisivi. Le formazioni di fascia bassa mantengono la linea e acquisiscono esperienza lentamente, aumentando la loro qualità finché non acquisiscono la capacità di condurre operazioni offensive. La vittoria si ottiene creando formazioni di fascia bassa della massima qualità possibile. 

La trasformazione di nuove unità in soldati capaci di combattere invece che in mob civili avviene attraverso l’addestramento e l’esperienza di combattimento. Una nuova formazione dovrebbe addestrarsi per almeno sei mesi e solo se composta da riservisti con precedente addestramento individuale. I coscritti impiegano più tempo.

Si noti che ciò che descrivono sopra è letteralmente ciò che la Russia ha fatto nell’SMO fino alla parola.

Usare le forze contrattualizzate esperte come vigili del fuoco/di manovra mentre i mobik verdi sono per lo più scalda-trincee di secondo livello? Controllo.

Addestrare i mobiks per circa 6 mesi prima della distribuzione? Controllo. Anche se ovviamente c’erano alcune eccezioni, molti dei quali venivano schierati più rapidamente, ma ciò era spesso dovuto al fatto che avevano esperienza o livelli di formazione più urgenti. Ma ricordate i miei primi articoli in cui insistevo senza fiato sul motivo per cui la Russia non stava lanciando l’attesa “offensiva della grande freccia” all’inizio del 2023, poiché spiegavo che potrebbero volerci dai 6 ai 9 mesi prima che le truppe mobilitate nel settembre 2022 siano pienamente formate, suddividendo la formazione in step precisi; 1-2 mesi per il combattimento e la ricertificazione delle armi; 1-2 mesi di acclimatazione di piccole unità; poi 1-2 mesi per l’assorbimento e l’orientamento di formazioni/brigate più grandi.

La sezione successiva concorda anche con il modo in cui la Russia ha trattato la mobilitazione e la gestione delle forze:

Queste unità dovrebbero anche avere soldati professionisti e sottufficiali portati dall’esercito prebellico per aggiungere professionalità. Una volta completata la formazione iniziale, dovrebbero essere inseriti nella battaglia solo nei settori secondari. Nessuna formazione dovrebbe poter scendere al di sotto del 70% della forza. Il ritiro anticipato delle formazioni consente all’esperienza di proliferare tra i nuovi rimpiazzi man mano che i veterani trasmettono le loro abilità. In caso contrario, si perderà preziosa esperienza e il processo ricomincerà da capo. Un’altra implicazione è che le risorse dovrebbero dare priorità ai rimpiazzi rispetto alle nuove formazioni, preservando il vantaggio di combattimento sia nell’esercito prebellico (alto) che nelle formazioni appena reclutate (basse). È consigliabile sciogliere diverse formazioni prebelliche (di fascia alta) per distribuire soldati professionisti tra le formazioni di fascia bassa appena create al fine di aumentare la qualità iniziale.

Non solo abbiamo la conferma dai think tank occidentali e dalle più alte cariche della stessa Ucraina che la Russia si attiene a rigide politiche di reclutamento e ripristino del personale delle brigate, ruotando costantemente le truppe e non lasciando mai che le brigate si esauriscano in modo critico come le AFU sono costrette a fare, ma ricordiamo come La Russia ha utilizzato veterani esperti di Wagner esattamente nel modo sopra descritto. Hanno “distribuito” Wagner e altre unità esperte in tutta la formazione, aggiungendoli sia alle forze Akhmat che a Rosgvardia, portandoli persino ad addestrare le truppe bielorusse. Ad esempio, ricordiamo questo rapporto dell’ISW dell’inizio di quest’anno che, a malincuore, attestava le rotazioni del personale professionale in Russia:

In breve, la Russia aderisce rigorosamente al programma di gestione ideale sia delle forze che della conoscenza, della saggezza e dell’esperienza sul campo di battaglia, facendo tutto il possibile per assicurarsi che la conoscenza assolutamente vitale acquisita dai guerrieri più esperti non venga mai sprecata ma sempre moltiplicata e utilizzata. al massimo.

Questa “etica” si riflette anche nelle più alte cariche statali, ad esempio nei recenti decreti di Putin secondo cui le redini dell’intero stato russo dovrebbero essere ereditate dagli eroi e dai veterani di combattimento dell’SMO:

Vale a dire, i beni immateriali essenziali acquisiti dall’SMO vengono investiti di una qualità sacra in Russia, e questo si riflette su tutta la struttura dell’apparato statale e delle forze armate.

Nella penultima sezione, premettono un importante punto imminente descrivendo innanzitutto il “campo di battaglia moderno” come un ambiente integrato composto da vari tipi di armi e altri sistemi elettronici, ripetendo il noto aforisma secondo cui è “più facile ammassare incendi che forze. ”

La manovra in profondità, che richiede l’accumulo di potenza di combattimento, non è più possibile perché qualsiasi forza ammassata verrà distrutta da fuochi indiretti prima che possa raggiungere il successo in profondità. Invece, un’offensiva di terra richiede una stretta bolla protettiva per respingere i sistemi d’attacco nemici. Questa bolla viene generata attraverso la stratificazione di risorse di contro-fuoco amichevole, difesa aerea ed EW. Lo spostamento di numerosi sistemi interdipendenti è estremamente complicato e difficilmente avrà successo. Gli attacchi superficiali lungo la linea anteriore delle truppe hanno maggiori probabilità di avere successo a un rapporto di costo accettabile; i tentativi di penetrazione profonda saranno esposti a fuochi ammassati nel momento in cui escono dalla protezione della bolla difensiva.

La premessa di cui sopra è familiare alla maggior parte di noi.

Proseguono affermando che l’integrazione riuscita di tutti i sistemi complessi necessari per avanzare sul campo di battaglia moderno richiede molto lavoro e formazione:

L’integrazione di queste risorse sovrapposte richiede una pianificazione centralizzata e personale eccezionalmente ben addestrato , in grado di integrare molteplici capacità al volo. Ci vogliono anni per addestrare tali ufficiali e anche l’esperienza di combattimento non genera tali abilità in breve tempo. Liste di controllo e procedure obbligatorie possono alleviare queste carenze, ma solo su un fronte statico e meno complicato. Le operazioni offensive dinamiche richiedono tempi di reazione rapidi, che gli ufficiali semiaddestrati non sono in grado di eseguire.

La parte successiva è in accordo con qualcos’altro che ho sottolineato in passato, in articoli come questo e altri all’epoca della controffensiva ucraina, quando sorsero domande su come una moderna forza combattente avrebbe dovuto superare i principali ostacoli “insormontabili” del moderno campo di battaglia: mine, droni, ISR onnisciente, armi guidate altamente precise, ecc.

Ho spiegato che non esiste un unico proiettile d’argento, come sembravano cercare molti esperti occidentali o ucraini, ad esempio Zaluzhny con i suoi piani di robot sotterranei che sparano al plasma e che potrebbero aggirare i campi minati.

No, il modo per risolvere il dilemma moderno è disporre di una forza armata combinata altamente addestrata e altamente integrata che possa simultaneamente effettuare l’applicazione con successo di tutte le modalità delle operazioni sul campo di battaglia da EW, ricognizione/ISR, manovra corazzata combinata, assistenza alle operazioni speciali e anche effetti psicologici diversivi.

In sostanza, ciò significa essere in grado di identificare al volo nidi anti-corazzati, batterie e unità droni nemici tramite ISR mentre il proprio pugno corazzato si fa strada. Ma ciò richiede un’incredibile quantità di coordinamento, che si basa sul funzionamento assolutamente fluido delle risorse netcentriche che consentono agli elementi avanzati di comunicare informazioni al volo, come le posizioni dei nemici o delle batterie appena avvistate, alle batterie posteriori, alle squadre di droni, ecc., in ordine per neutralizzarli molto rapidamente prima che possano distruggere il gruppo corazzato amico che avanza. Ciò si estende ulteriormente agli EW amichevoli che possono comunicare efficacemente con le risorse droni vicine per condurre con successo la negazione dell’area sulle risorse nemiche senza annullare totalmente quelle amichevoli nel processo.

Tutto quanto sopra, che ho spiegato in dettaglio più volte in precedenza, ora trova una straordinaria eco nel team RUSI, quasi parola per parola. Lo dico non per vantarmi ma semplicemente per ribadire il fatto che queste tattiche vengono di fatto ora convalidate dai massimi “esperti” occidentali.

Dalla loro sezione successiva:

Un esempio di questa complessità è un attacco da parte di un plotone di 30 soldati. Ciò richiederebbe che i sistemi EW bloccassero i droni nemici; un altro sistema EW per disturbare le comunicazioni nemiche impedendo la regolazione dei fuochi nemici; e un terzo sistema EW per bloccare i sistemi di navigazione spaziale negando l’uso di munizioni guidate di precisione. Inoltre, gli incendi richiedono radar di controbatteria per sconfiggere l’artiglieria nemica. A complicare ulteriormente la pianificazione è il fatto che l’EW nemico localizzerà e distruggerà qualsiasi radar amico o emettitore EW che emette per troppo tempo. Gli ingegneri dovranno liberare i percorsi attraverso i campi minati, mentre i droni amichevoli forniranno ISR sensibile al tempo e supporto antincendio, se necessario. (Questo compito richiede un grande addestramento con le unità di supporto per evitare di sganciare munizioni sulle truppe amiche attaccanti.) Infine, l’artiglieria deve fornire supporto sia sull’obiettivo che sulle retrovie nemiche, prendendo di mira le riserve e sopprimendo l’artiglieria. Tutti questi sistemi devono funzionare come una squadra integrata solo per supportare 30 uomini su diversi veicoli che attaccano altri 30 uomini o meno. Una mancanza di coordinamento tra queste risorse si tradurrà in attacchi falliti e perdite orribili senza nemmeno vedere il nemico. Con l’aumento delle dimensioni delle operazioni di gestione della formazione, aumentano anche il numero e la complessità delle risorse che devono essere integrate.

Ma la sezione finale è semplicemente sconvolgente. È difficile immaginare che gli autori RUSI siano in grado di battere i tasti senza che un estremo dispiacere arrossisca le loro guance e inumidisca le loro fronti.

Perché, esattamente? Perché, dopo aver spiegato come la forza di combattimento moderna ideale può condurre efficacemente un’offensiva sul campo di battaglia moderno, ormai incomprensibile e spinoso, il team RUSI in effetti ammette che le forze armate russe hanno effettivamente applicato con successo praticamente tutti i precetti delineati, il che li rende l’unica forza combattente al mondo in grado finora di risolvere con successo il paradosso del moderno campo di battaglia.

Ma prima di arrivare a questo punto, alla fine della sezione, si comincia con un’altra prefazione.

Gli incendi profondi – oltre 100-150 km (la portata media dei razzi tattici) dietro la linea del fronte – prendono di mira la capacità del nemico di generare potenza di combattimento. Ciò include impianti di produzione, depositi di munizioni, depositi di riparazione e infrastrutture energetiche e di trasporto. Di particolare importanza sono gli obiettivi che richiedono notevoli capacità produttive e che sono difficili da sostituire/riparare, poiché la loro distruzione causerebbe danni a lungo termine. Come per tutti gli aspetti della guerra di logoramento, tali attacchi richiederanno molto tempo per avere effetto, con tempistiche che durano anni.

Innanzitutto, l’ultima frase evidenziata da sola è una grande ammissione. Qui delineano letteralmente la strategia della Russia, che non solo loro stessi hanno già criticato in passato, ma lo hanno fatto anche tutti i loro colleghi della stampa occidentale. La narrativa corrente era che la Russia stesse “lottando” in uno “stallo posizionale”, ma cosa abbiamo qui? All’improvviso, stanno ammettendo che la Russia in realtà sta perseguendo un metodico degrado da manuale delle infrastrutture produttive critiche dell’Ucraina attraverso incendi profondi, come prescritto precisamente dal loro stesso manuale di cui sopra. Ci vogliono diversi anni , dicono, per degradare le strutture critiche del tuo avversario in una vera guerra di logoramento. Questo è esattamente ciò che sta facendo la Russia: all’improvviso quella “linea di contatto a movimento lento” non è più così degna di critica, vero?

Proseguono con la bomba successiva, ancora più grande, dando credito a ciò che abbiamo appena detto:

Il successo di una guerra di logoramento si concentra sulla preservazione della propria potenza di combattimento. Questo di solito si traduce in un fronte relativamente statico interrotto da limitati attacchi locali per migliorare le posizioni, utilizzando l’artiglieria per la maggior parte dei combattimenti. Fortificare e nascondere tutte le forze, compresa la logistica, è la chiave per ridurre al minimo le perdite. Il lungo tempo necessario per costruire le fortificazioni impedisce significativi movimenti del terreno. Una forza attaccante che non può trincerarsi rapidamente subirà perdite significative a causa del fuoco dell’artiglieria nemica. 

Le operazioni difensive fanno guadagnare tempo per sviluppare formazioni di combattimento di basso livello, consentendo alle truppe appena mobilitate di acquisire esperienza di combattimento senza subire pesanti perdite in attacchi su larga scala. La creazione di formazioni di combattimento esperte di basso livello genera la capacità per future operazioni offensive.

Questo è stupefacente.

Dopo due anni passati a rastrellare le forze armate russe sulla brace dell’invidia, i più prestigiosi think tank occidentali ora ammettono apertamente che la Russia sta seguendo esattamente le regole della guerra di logoramento perseguita con successo?

Qui ammettono che tale “guerra di logoramento di successo” consiste in realtà in un “fronte relativamente statico” interrotto solo da “attacchi limitati” con l’artiglieria che fa la maggior parte dei combattimenti, cioè uccide.

Ciò conferma ciò che molti altri si sono finalmente resi conto e hanno detto, ad esempio il comandante dei carri armati dell’esercito americano di cui ho recentemente parlato nell’intervista . Se ricordate, ha anche ammesso che la NATO avrebbe dovuto passare all’attuazione della tattica russa, nota per nota, con attacchi limitati di piccole dimensioni per limitare le vittime di massa.

Ma c’è di più: è un’ammissione implicita che la Russia in realtà sta logorando la manodopera ucraina proprio come tutti noi affermiamo. Ogni punto descritto finora è praticamente un manuale preciso delle operazioni russe in corso. La Russia avanza lentamente preservando la propria potenza di combattimento attraverso attacchi limitati e localizzati, degradando nel contempo la capacità produttiva delle retrovie del nemico attraverso fuochi profondi, che secondo la RUSI ci vogliono anni per realizzare.

Hanno letteralmente scritto il manuale per vincere la guerra moderna, e la Russia ha spuntato accuratamente ogni punto della lista di controllo. È una confessione notevole per l’Occidente.

La seconda metà del segmento finale descrive analogamente parola per parola l’apertura dell’SMO russo, per poi fare la sorprendente ammissione finale che deve essere letta per crederci. Notiamoli ciascuno a turno:

Le prime fasi di una guerra di logoramento vanno dall’inizio delle ostilità al punto in cui le risorse mobilitate sono disponibili in gran numero e pronte per le operazioni di combattimento.

Controllo.

Nel caso di un attacco a sorpresa, può essere possibile una rapida offensiva da parte di una parte finché il difensore non riesce a formare un fronte solido. Successivamente, il combattimento si assesta. Questo periodo dura almeno un anno e mezzo o due anni.

Controllo.

Durante questo periodo, dovrebbero essere evitate importanti operazioni offensive. Anche se i grandi attacchi hanno successo, provocheranno perdite significative, spesso per guadagni territoriali insignificanti.

Controllo. Ricordate come hanno criticato la Russia per aver combattuto posizionalmente mentre logorava le AFU? Ora entra in prospettiva.

E infine, il filone materno:

Un esercito non dovrebbe mai accettare una battaglia a condizioni sfavorevoli. Nella guerra di logoramento, qualsiasi terreno che non abbia un centro industriale vitale è irrilevante. È sempre meglio ritirarsi e preservare le forze, indipendentemente dalle conseguenze politiche. Combattere su terreni svantaggiosi brucia le unità, perdendo soldati esperti che sono fondamentali per la vittoria.

Esiste un facepalm abbastanza grande da sopportare l’Occidente collettivo?

Dopo aver urlato per due anni in giro per il fatto che la Russia avesse abbandonato le posizioni svantaggiose di Kherson e Kharkov, ora ammettono tranquillamente nei piccoli scantinati polverosi dei loro think tank che la Russia stava in realtà conducendo un ritiro da manuale in una guerra di logoramento, preservando le proprie unità chiave. e forza di combattimento combattendo solo su condizioni e terreni favorevoli .

Continuano anche a sottolineare il punto con un esempio storico:

L’ossessione tedesca per Stalingrado nel 1942 è un ottimo esempio di lotta su terreno sfavorevole per ragioni politiche. La Germania bruciò unità vitali che non poteva permettersi di perdere, semplicemente per catturare una città che portava il nome di Stalin.

Suona familiare? Mariupol, Bakhmut, Avdeevka e altri vi dicono qualcosa?

E il kicker?

Quando inizia la seconda fase, l’offensiva dovrebbe essere lanciata su un ampio fronte, cercando di sopraffare il nemico in più punti utilizzando attacchi superficiali. L’intento è quello di rimanere all’interno della bolla stratificata dei sistemi protettivi amici, mentre si sfruttano le riserve nemiche esaurite fino al collasso del fronte.

Può essere più selvaggio di così? Stanno letteralmente descrivendo nota per nota l’attuale strategia russa fino all’ultimo minuto, fingendo tuttavia di attribuirla a una saggezza strategica astratta più ampia, come se fossero loro a capirlo, mentre Gerasimov ha già cantato casualmente queste istruzioni fin dall’inizio. Dall’inizio.

Si verifica un effetto a cascata in cui una crisi in un settore costringe i difensori a spostare le riserve da un secondo settore, solo per generare a loro volta una crisi lì. Mentre le forze iniziano a ritirarsi e ad abbandonare le fortificazioni preparate, il morale crolla, con l’ovvia domanda: “Se non riusciamo a mantenere la mega-fortezza, come possiamo mantenere queste nuove trincee?” La ritirata si trasforma poi in disfatta. Solo allora l’offensiva dovrebbe estendersi verso obiettivi più profondi nelle retrovie nemiche. L’offensiva degli Alleati del 1918 ne è un esempio. Gli Alleati attaccarono lungo un ampio fronte, mentre i tedeschi non avevano risorse sufficienti per difendere l’intera linea. Una volta che l’esercito tedesco iniziò a ritirarsi, si rivelò impossibile fermarsi.

Beh, sì. Ora stanno descrivendo la fase successiva dell’operazione russa. Le linee ucraine stanno finalmente rasentando un punto di rottura in cui l’introduzione di una nuova direzione e un avanzamento più profondo potrebbero far precipitare un effetto di collasso a valanga, nel caso in cui l’Ucraina non riuscisse a invertire la tendenza mobilitando un gran numero di nuove riserve.

Infine, descrivono la strategia russa incentrata in particolare sull’offensiva estiva dell’Ucraina del 2023. È per questo motivo che Shoigu – denigrato da molti – ha riferito casualmente che l’intero anno era stato dedicato semplicemente al logoramento delle AFU a Zaporozhye, Khrynki-Kherson, ecc.

La strategia di logoramento, incentrata sulla difesa, è controintuitiva per la maggior parte degli ufficiali militari occidentali. Il pensiero militare occidentale vede nell’offensiva l’unico mezzo per raggiungere l’obiettivo strategico decisivo di costringere il nemico a sedersi al tavolo delle trattative a condizioni sfavorevoli. La pazienza strategica necessaria per creare le condizioni per un’offensiva va contro l’esperienza di combattimento acquisita nelle operazioni di controinsurrezione all’estero.

Inoltre, completano il tutto ammettendo che l’Occidente è incapace di condurre la guerra in un modo tale che i loro ufficiali ritengono che quanto sopra sia controintuitivo rispetto al loro “addestramento”.

In sostanza, concludono che l’Occidente non ha la minima idea della guerra moderna e che la Russia non sta solo scrivendo le regole, ma sta anche istruendo l’Occidente affetto da ADHD.

Concludono con questi pensieri finali:

Sfortunatamente, molti in Occidente hanno un atteggiamento molto sprezzante secondo cui i futuri conflitti saranno brevi e decisivi. Ciò non è vero proprio per le ragioni sopra esposte. Anche le potenze globali di medie dimensioni dispongono sia della geografia che della popolazione e delle risorse industriali necessarie per condurre una guerra di logoramento. Il pensiero che una grande potenza si ritirerebbe nel caso di una sconfitta militare iniziale è, nella migliore delle ipotesi, un pio desiderio. Qualsiasi conflitto tra grandi potenze sarebbe visto dalle élite avversarie come esistenziale e perseguito con tutte le risorse a disposizione dello Stato. La guerra che ne risulterà diventerà logorante e favorirà lo Stato che possiede l’economia, la dottrina e la struttura militare più adatte a questa forma di conflitto.

Se l’Occidente è serio riguardo a un possibile conflitto tra grandi potenze, deve esaminare attentamente la propria capacità industriale, la dottrina della mobilitazione e i mezzi per condurre una guerra di lunga durata, piuttosto che condurre giochi di guerra che coprano un solo mese di conflitto e sperare che la guerra finisca, non terminare dopo. Come ci ha insegnato la guerra in Iraq, la speranza non è un metodo.

Il “potere medio” si riferisce chiaramente a paesi come l’Iran e la Corea del Nord, che possono apparire economicamente deboli rispetto all’Occidente finanziarizzato e inflazionato, ma che hanno vaste capacità produttive per le armi più basilari ed essenziali, come i proiettili di artiglieria, che possono sostenere un guerra di logoramento a tempo indeterminato. Questo è un ovvio avvertimento per l’Occidente che l’Iran è pienamente in grado di portare avanti una guerra attraverso i suoi delegati nello Yemen e altrove, che sommergerebbe le potenze egemoniche militarmente ed economicamente per generazioni, trasformando i principali punti di strozzatura globale in infiniti e intrattabili campi di battaglia di logoramento.

Questo rapporto RUSI rappresenta l’apoteosi epistemologica finale, il “raggiungimento della maggiore età” di tutte le attualizzazioni occidentali sulla vera natura dell’approccio militare russo – e nonostante molti singhiozzi, si potrebbe anche dire brillante – nel conflitto ucraino e, per estensione, in tutta la guerra moderna. . La domanda più grande che ci lascia, che enunciano pienamente nel paragrafo finale, è cosa può fare l’Occidente per mettersi al passo con queste necessità assiomatiche. Sfortunatamente per loro, tutte le misure prescritte dalla RUSI sono in contrasto con la direzione generale dello sviluppo dell’Occidente, sia a livello economico che sociale.

Ad esempio, si concentrano sulla mobilitazione per una guerra di lunga durata – ovvero che l’Occidente istituisca la coscrizione obbligatoria – sulla capacità industriale e sulla cultura MIC; ma queste sono tutte cose troppo lontane per essere corrette. Sono proprio questi i settori in cui l’Occidente ha rinunciato a combattere. Il loro capitale umano è a un livello storico di declino, con la nascente generazione di giovani occidentali che odiano allo stesso modo il governo e il servizio militare, per non parlare del fatto che sono del tutto mentalmente e fisicamente inadatti a questo a causa di una cultura di decadenza. Anche le loro economie stanno crollando, con le industrie della difesa svuotate da un rictus finanziarizzato che serve solo ad alimentare i golosi giganti delle aziende della difesa i cui portafogli e filosofie di progettazione ora ruotano interamente attorno al mero profitto e all’arricchimento azionario. Tali comportamenti, consolidatisi nel corso di diverse generazioni, non possono essere annullati rapidamente: occorrerebbero altrettante generazioni per invertire il danno e cambiare rotta.

Intendiamoci, anche la Russia ha i suoi problemi e la sua corruzione: ma li combatte molto più attivamente. Non ultima la prova è la recente tempesta di fuoco che ha circondato il viceministro della Difesa Timur Ivanov e una serie di personaggi associati che continuano a essere arrestati per corruzione mentre parliamo. Proprio la scorsa settimana sono stati arrestati diversi esponenti del governo russo per aver truffato fondi, dimostrando che la Russia sta reprimendo duramente la corruzione, mentre l’Occidente la premia. Ancora una volta, vi rimando al video precedente di Putin, che espone chiaramente la sua visione della società e della governance russa dopo la fine del suo regno. La sua visione è quella di costruire un nuovo Stato russo basato sui pilastri di comprovata lealtà e servizio alla nazione e al suo popolo.

Naturalmente, un Occidente combinato in decadenza rappresenta ancora una grave minaccia per la Russia, indipendentemente dai vantaggi filosofici e strategicamente concettuali di cui gode la Russia; ed è per questo che la situazione resterà pericolosa anche nel prossimo futuro.


Sei arrivato alla fine dell’unico articolo dell’abbonato a pagamento. Non è bello non dover leggere un nuovo appello sporco e lamentoso per i soldi? Hai già promesso! Ed è per questo che sei qui, a sfogliare gli scarabocchi davvero esclusivi e privilegiati di questo sancta sanctorum dei VIP. Quindi, invece di una supplica, che ne dici di un grande ringraziamento a te?

The Tip Jar rimane un anacronismo, un pezzo arcaico e spudorato di double-dipping, per coloro che proprio non possono fare a meno di elargire i loro umili autori preferiti.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

1 2 3 16