Lo scontro di civiltà? Di Samuel P. Huntington

Un importante e significativo articolo apparso nel 1993. Concomitante con la breve illusione di un dominio unipolare statunitense, ha avviato un intenso dibattito sul nuovo mondo in procinto di sorgere dalle ceneri del sistema bipolare. Nel giro di pochi mesi, però, la narrazione dominante fece scomparire il punto interrogativo dal titolo del saggio, travisandone in buona parte il senso. Quello che avrebbe potuto essere uno spunto proficuo di riflessione sul rapporto tra i panismi e la storia e la territorialità che lega l’azione politica si è rapidamente trasformato in una interpretazione schematica tesa ad affermare la superiorità di un sistema in grado di unificare il mondo. Non fu certo un caso. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Lo scontro di civiltà?

IL PROSSIMO MODELLO DI CONFLITTO

La politica mondiale sta entrando in una nuova fase e gli intellettuali non hanno esitato a proliferare visioni di ciò che sarà: la fine della storia, il ritorno delle tradizionali rivalità tra stati nazione e il declino dello stato nazione dalle spinte contrastanti del tribalismo e globalismo, tra gli altri. Ognuna di queste visioni coglie aspetti della realtà emergente. Eppure a tutti loro manca un aspetto cruciale, anzi centrale, di ciò che probabilmente sarà la politica globale nei prossimi anni.

È mia ipotesi che la fonte fondamentale del conflitto in questo nuovo mondo non sarà principalmente ideologica o principalmente economica. Le grandi divisioni tra l’umanità e la fonte dominante del conflitto saranno culturali. Gli stati nazione rimarranno gli attori più potenti negli affari mondiali, ma i principali conflitti della politica globale si verificheranno tra nazioni e gruppi di diverse civiltà. Lo scontro di civiltà dominerà la politica globale. Le linee di frattura tra le civiltà saranno le linee di battaglia del futuro.

Il conflitto tra civiltà sarà l’ultima fase nell’evoluzione del conflitto nel mondo moderno. Per un secolo e mezzo dopo l’emergere del moderno sistema internazionale con la pace di Westfalia, i conflitti del mondo occidentale furono in gran parte tra principi: imperatori, monarchi assoluti e monarchi costituzionali che tentavano di espandere le loro burocrazie, i loro eserciti, la loro attività economica mercantilista forza e, soprattutto, il territorio che governavano. Nel processo crearono stati nazione e, a partire dalla Rivoluzione francese, le principali linee di conflitto erano tra le nazioni piuttosto che tra i principi. Nel 1793, come disse RR Palmer, “Le guerre dei re erano finite; le guerre dei popoli erano iniziate”. Questo modello del diciannovesimo secolo durò fino alla fine della prima guerra mondiale. Poi, come risultato della Rivoluzione russa e della reazione contro di essa, il conflitto delle nazioni cedette al conflitto di ideologie, prima tra comunismo, fascismo-nazismo e democrazia liberale, e poi tra comunismo e democrazia liberale. Durante la Guerra Fredda, quest’ultimo conflitto si concretizzò nella lotta tra le due superpotenze, nessuna delle quali era uno stato nazione nel senso classico europeo e ognuna delle quali definiva la propria identità in termini di propria ideologia.

Questi conflitti tra principi, stati nazione e ideologie erano principalmente conflitti all’interno della civiltà occidentale, “guerre civili occidentali”, come le ha definite William Lind. Questo era vero per la Guerra Fredda come lo era per le guerre mondiali e le prime guerre del diciassettesimo, diciottesimo e diciannovesimo secolo. Con la fine della Guerra Fredda, la politica internazionale esce dalla sua fase occidentale e il suo fulcro diventa l’interazione tra l’Occidente e le civiltà non occidentali e tra le civiltà non occidentali. Nella politica delle civiltà, i popoli ei governi delle civiltà non occidentali non rimangono più gli oggetti della storia come bersagli del colonialismo occidentale, ma si uniscono all’Occidente come motori e plasmatori della storia.

LA NATURA DELLE CIVILTÀ

Durante la guerra fredda il mondo era diviso in Primo, Secondo e Terzo Mondo. Tali divisioni non sono più rilevanti. È molto più significativo ora raggruppare i paesi non in termini di sistemi politici o economici o in termini di livello di sviluppo economico, ma piuttosto in termini di cultura e civiltà.

Cosa intendiamo quando parliamo di civiltà? Una civiltà è un’entità culturale. Villaggi, regioni, gruppi etnici, nazionalità, gruppi religiosi, hanno tutti culture distinte a diversi livelli di eterogeneità culturale. La cultura di un villaggio dell’Italia meridionale può essere diversa da quella di un villaggio dell’Italia settentrionale, ma entrambi condivideranno una cultura italiana comune che li distingue dai villaggi tedeschi. Le comunità europee, a loro volta, condivideranno caratteristiche culturali che le distinguono dalle comunità arabe o cinesi. Arabi, cinesi e occidentali, tuttavia, non fanno parte di alcuna entità culturale più ampia. Costituiscono civiltà. Una civiltà è quindi il più alto raggruppamento culturale di persone e il più ampio livello di identità culturale che le persone hanno a corto di ciò che distingue gli esseri umani dalle altre specie. È definito sia da elementi oggettivi comuni, come la lingua, la storia, la religione, i costumi, le istituzioni, sia dall’autoidentificazione soggettiva delle persone. Le persone hanno livelli di identità: un residente a Roma può definirsi con vari gradi di intensità un romano, un italiano, un cattolico, un cristiano, un europeo, un occidentale. La civiltà a cui appartiene è il livello più ampio di identificazione con cui si identifica intensamente. Le persone possono e lo fanno ridefinire le loro identità e, di conseguenza, la composizione ei confini delle civiltà cambiano. un europeo, un occidentale. La civiltà a cui appartiene è il livello più ampio di identificazione con cui si identifica intensamente. Le persone possono e lo fanno ridefinire le loro identità e, di conseguenza, la composizione ei confini delle civiltà cambiano. un europeo, un occidentale. La civiltà a cui appartiene è il livello più ampio di identificazione con cui si identifica intensamente. Le persone possono e lo fanno ridefinire le loro identità e, di conseguenza, la composizione ei confini delle civiltà cambiano.

Le civiltà possono coinvolgere un gran numero di persone, come con la Cina (“una civiltà che finge di essere uno stato”, come diceva Lucian Pye), o un numero molto piccolo di persone, come i Caraibi anglofoni. Una civiltà può includere diversi stati nazione, come nel caso delle civiltà occidentali, latinoamericane e arabe, o solo uno, come nel caso della civiltà giapponese. Le civiltà ovviamente si fondono e si sovrappongono e possono includere subciviltà. La civiltà occidentale ha due varianti principali, europea e nordamericana, e l’Islam ha le sue suddivisioni arabe, turche e malesi. Le civiltà sono comunque entità significative e, sebbene i confini tra loro siano raramente netti, sono reali. Le civiltà sono dinamiche; salgono e scendono; si dividono e si fondono. E, come ogni studioso di storia sa,

Gli occidentali tendono a pensare agli stati nazione come ai principali attori negli affari globali. Lo sono stati, tuttavia, solo per pochi secoli. I tratti più ampi della storia umana sono stati la storia delle civiltà. In A Study of History , Arnold Toynbee ha identificato 21 grandi civiltà; solo sei di loro esistono nel mondo contemporaneo.

PERCHE’ LE CIVILTA’ SI SCONTRANNO

L’identità della civiltà sarà sempre più importante in futuro e il mondo sarà modellato in larga misura dalle interazioni tra sette o otto principali civiltà. Questi includono civiltà occidentale, confuciana, giapponese, islamica, indù, slavo-ortodossa, latinoamericana e forse africana. I conflitti più importanti del futuro si verificheranno lungo le faglie culturali che separano queste civiltà l’una dall’altra.

Perché sarà così?

Primo, le differenze tra le civiltà non sono solo reali; sono basilari. Le civiltà si differenziano l’una dall’altra per storia, lingua, cultura, tradizione e, soprattutto, religione. Le persone di diverse civiltà hanno opinioni diverse sulle relazioni tra Dio e l’uomo, l’individuo e il gruppo, il cittadino e lo stato, genitori e figli, marito e moglie, nonché opinioni diverse sull’importanza relativa dei diritti e delle responsabilità, libertà e autorità, uguaglianza e gerarchia. Queste differenze sono il prodotto di secoli. Non scompariranno presto. Sono molto più fondamentali delle differenze tra ideologie politiche e regimi politici. Le differenze non significano necessariamente conflitto e conflitto non significa necessariamente violenza. Nel corso dei secoli, però,

In secondo luogo, il mondo sta diventando un posto più piccolo. Le interazioni tra popoli di diverse civiltà sono in aumento; queste interazioni crescenti intensificano la coscienza della civiltà e la consapevolezza delle differenze tra le civiltà e dei punti in comune all’interno delle civiltà. L’immigrazione nordafricana in Francia genera ostilità tra i francesi e allo stesso tempo una maggiore ricettività all’immigrazione da parte dei “buoni” polacchi cattolici europei. Gli americani reagiscono in modo molto più negativo agli investimenti giapponesi che ai maggiori investimenti dal Canada e dai paesi europei. Allo stesso modo, come Donald Horowitz ha sottolineato: “Un Ibo potrebbe essere… un Owerri Ibo o un Onitsha Ibo in quella che era la regione orientale della Nigeria. A Lagos, è semplicemente un Ibo. A Londra è nigeriano. A New York è africano”.

In terzo luogo, i processi di modernizzazione economica e cambiamento sociale in tutto il mondo stanno separando le persone dalle identità locali di lunga data. Indeboliscono anche lo stato nazione come fonte di identità. In gran parte del mondo la religione è intervenuta per colmare questa lacuna, spesso sotto forma di movimenti etichettati come “fondamentalisti”. Tali movimenti si trovano nel cristianesimo occidentale, nel giudaismo, nel buddismo e nell’induismo, nonché nell’Islam. Nella maggior parte dei paesi e nella maggior parte delle religioni le persone attive nei movimenti fondamentalisti sono giovani, diplomati, tecnici della classe media, professionisti e uomini d’affari. La “non secolarizzazione del mondo”, ha osservato George Weigel, “è uno dei fatti sociali dominanti della vita alla fine del ventesimo secolo”. La rinascita della religione, “la revanche de Dieu”,

In quarto luogo, la crescita della coscienza della civiltà è accresciuta dal duplice ruolo dell’Occidente. Da un lato, l’Occidente è al culmine del potere. Allo stesso tempo, però, e forse di conseguenza, si sta verificando un fenomeno di ritorno alle radici tra le civiltà non occidentali. Sempre più spesso si sentono riferimenti alle tendenze verso l’introspezione e alla “asiatizzazione” in Giappone, la fine dell’eredità di Nehru e l'”induizzazione” dell’India, il fallimento delle idee occidentali di socialismo e nazionalismo e quindi la “re-islamizzazione” del Medio Est, e ora un dibattito sull’occidentalizzazione contro la russizzazione nel paese di Boris Eltsin. Un Occidente al culmine del suo potere si confronta con i non occidentali che hanno sempre più il desiderio, la volontà e le risorse per plasmare il mondo in modi non occidentali.

In passato, le élite delle società non occidentali erano solitamente le persone più coinvolte con l’Occidente, avevano studiato a Oxford, alla Sorbona oa Sandhurst e avevano assorbito atteggiamenti e valori occidentali. Allo stesso tempo, la popolazione dei paesi non occidentali è rimasta spesso profondamente imbevuta della cultura indigena. Ora, tuttavia, queste relazioni vengono invertite. Una de-occidentalizzazione e indigenizzazione delle élite si sta verificando in molti paesi non occidentali nello stesso momento in cui le culture, gli stili e le abitudini occidentali, solitamente americane, diventano più popolari tra la massa della gente.

Quinto, le caratteristiche e le differenze culturali sono meno mutevoli e quindi meno facilmente compromesse e risolte rispetto a quelle politiche ed economiche. Nell’ex Unione Sovietica i comunisti possono diventare democratici, i ricchi possono diventare poveri ei poveri ricchi, ma i russi non possono diventare estoni e gli azeri non possono diventare armeni. Nei conflitti di classe e ideologici, la domanda chiave era “Da che parte stai?” e le persone potevano e hanno fatto scegliere da che parte stare e cambiare schieramento. Nei conflitti tra civiltà, la domanda è “Cosa sei?” Questo è un dato che non può essere cambiato. E come sappiamo, dalla Bosnia al Caucaso al Sudan, la risposta sbagliata a questa domanda può significare una pallottola in testa. Ancor più dell’etnia, la religione discrimina nettamente ed esclusivamente tra le persone. Una persona può essere metà francese e metà araba e contemporaneamente anche cittadina di due paesi. È più difficile essere per metà cattolici e per metà musulmani.

Infine, il regionalismo economico è in aumento. Le proporzioni del commercio totale intraregionale sono aumentate tra il 1980 e il 1989 dal 51% al 59% in Europa, dal 33% al 37% in Asia orientale e dal 32% al 36% in Nord America. È probabile che l’importanza dei blocchi economici regionali continui ad aumentare in futuro. Da un lato, il successo del regionalismo economico rafforzerà la coscienza della civiltà. D’altra parte, il regionalismo economico può avere successo solo quando è radicato in una civiltà comune. La Comunità Europea poggia sulle fondamenta condivise della cultura europea e del cristianesimo occidentale. Il successo dell’area di libero scambio nordamericana dipende dalla convergenza in corso delle culture messicana, canadese e americana. Il Giappone, al contrario, incontra difficoltà nel creare un’entità economica comparabile nell’Asia orientale perché il Giappone è una società e una civiltà uniche a se stesso. Per quanto forti siano i legami commerciali e di investimento che il Giappone può svilupparsi con altri paesi dell’Asia orientale, le sue differenze culturali con quei paesi inibiscono e forse precludono la sua promozione dell’integrazione economica regionale come quella in Europa e Nord America.

La cultura comune, al contrario, sta chiaramente facilitando la rapida espansione delle relazioni economiche tra la Repubblica popolare cinese e Hong Kong, Taiwan, Singapore e le comunità cinesi d’oltremare in altri paesi asiatici. Con la fine della Guerra Fredda, le comunanze culturali superano sempre più le differenze ideologiche e la Cina continentale e Taiwan si avvicinano. Se la comunanza culturale è un prerequisito per l’integrazione economica, è probabile che il principale blocco economico dell’Asia orientale del futuro sarà incentrato sulla Cina. Questo blocco, infatti, sta già nascendo. Come ha osservato Murray Weidenbaum,

Nonostante l’attuale predominio giapponese nella regione, l’economia cinese dell’Asia sta rapidamente emergendo come un nuovo epicentro per l’industria, il commercio e la finanza. Questa area strategica contiene notevoli quantità di tecnologia e capacità manifatturiere (Taiwan), eccezionale acume imprenditoriale, marketing e servizi (Hong Kong), una rete di comunicazione raffinata (Singapore), un enorme pool di capitale finanziario (tutti e tre) e dotazioni molto grandi di terra, risorse e lavoro (Cina continentale)… Da Guangzhou a Singapore, da Kuala Lumpur a Manila, questa rete influente, spesso basata sull’estensione dei clan tradizionali, è stata descritta come la spina dorsale dell’economia dell’Asia orientale. [1]

Cultura e religione sono anche alla base dell’Organizzazione per la cooperazione economica, che riunisce dieci paesi musulmani non arabi: Iran, Pakistan, Turchia, Azerbaigian, Kazakistan, Kirghizistan, Turkmenistan, Tagikistan, Uzbekistan e Afghanistan. Un impulso alla rinascita e all’espansione di questa organizzazione, fondata originariamente negli anni ’60 da Turchia, Pakistan e Iran, è la consapevolezza, da parte dei leader di molti di questi paesi, di non avere alcuna possibilità di ammissione alla Comunità Europea. Allo stesso modo, Caricom, il Mercato comune centroamericano e il Mercosur poggiano su basi culturali comuni. Gli sforzi per costruire una più ampia entità economica caraibico-centroamericana che colmi il divario anglo-latino, tuttavia, sono finora falliti.

Quando le persone definiscono la propria identità in termini etnici e religiosi, è probabile che vedano una relazione “noi” contro “loro” esistente tra loro e persone di diversa etnia o religione. La fine degli stati ideologicamente definiti nell’Europa orientale e nell’ex Unione Sovietica consente alle tradizionali identità etniche e animosità di emergere. Le differenze di cultura e religione creano differenze su questioni politiche, che vanno dai diritti umani all’immigrazione al commercio e al commercio all’ambiente. La vicinanza geografica dà origine a rivendicazioni territoriali contrastanti dalla Bosnia a Mindanao. Più importante, gli sforzi dell’Occidente per promuovere i suoi valori di democrazia e liberalismo come valori universali, mantenere il suo predominio militare e far avanzare i suoi interessi economici genera risposte contrastanti da parte di altre civiltà. Sempre più in grado di mobilitare sostegno e formare coalizioni sulla base dell’ideologia, governi e gruppi cercheranno sempre più di mobilitare sostegno facendo appello alla religione comune e all’identità della civiltà.

Lo scontro di civiltà avviene dunque su due livelli. A livello micro, i gruppi adiacenti lungo le linee di faglia tra le civiltà lottano, spesso violentemente, per il controllo del territorio e tra di loro. A livello macro, stati di diverse civiltà competono per il relativo potere militare ed economico, lottano per il controllo delle istituzioni internazionali e di terzi e promuovono in modo competitivo i loro particolari valori politici e religiosi.

LE LINEE DI FACOLTA TRA CIVILTA’

Le linee di frattura tra le civiltà stanno sostituendo i confini politici e ideologici della Guerra Fredda come punti di infiammabilità per crisi e spargimenti di sangue. La Guerra Fredda iniziò quando la cortina di ferro divise l’Europa politicamente e ideologicamente. La Guerra Fredda terminò con la fine della cortina di ferro. Con la scomparsa della divisione ideologica dell’Europa, è riemersa la divisione culturale dell’Europa tra il cristianesimo occidentale, da un lato, e il cristianesimo ortodosso e l’Islam, dall’altro. La linea di demarcazione più significativa in Europa, come ha suggerito William Wallace, potrebbe essere il confine orientale del cristianesimo occidentale nell’anno 1500. Questa linea corre lungo quelli che oggi sono i confini tra Finlandia e Russia e tra gli stati baltici e la Russia, attraversa la Bielorussia e l’Ucraina separando l’Ucraina occidentale più cattolica dall’Ucraina orientale ortodossa, oscilla verso ovest separando la Transilvania dal resto della Romania, e poi attraversa la Jugoslavia quasi esattamente lungo la linea che ora separa la Croazia e la Slovenia dal resto della Jugoslavia. Nei Balcani questa linea, ovviamente, coincide con il confine storico tra l’impero asburgico e quello ottomano. I popoli a nord e ad ovest di questa linea sono protestanti o cattolici; hanno condiviso le esperienze comuni della storia europea: il feudalesimo, il Rinascimento, la Riforma, l’Illuminismo, la Rivoluzione francese, la Rivoluzione industriale; generalmente stanno economicamente meglio dei popoli dell’est; e ora possono aspettarsi un maggiore coinvolgimento in un’economia europea comune e il consolidamento dei sistemi politici democratici. I popoli a est ea sud di questa linea sono ortodossi o musulmani; storicamente appartenevano agli imperi ottomano o zarista e furono solo leggermente toccati dagli eventi plasmanti nel resto d’Europa; sono generalmente meno avanzati economicamente; sembrano molto meno propensi a sviluppare sistemi politici democratici stabili. La cortina di velluto della cultura ha sostituito la cortina di ferro dell’ideologia come la linea di demarcazione più significativa in Europa. Come dimostrano gli eventi in Jugoslavia, non è solo una linea di differenza; a volte è anche una linea di sanguinoso conflitto. storicamente appartenevano agli imperi ottomano o zarista e furono solo leggermente toccati dagli eventi plasmanti nel resto d’Europa; sono generalmente meno avanzati economicamente; sembrano molto meno propensi a sviluppare sistemi politici democratici stabili. La cortina di velluto della cultura ha sostituito la cortina di ferro dell’ideologia come la linea di demarcazione più significativa in Europa. Come dimostrano gli eventi in Jugoslavia, non è solo una linea di differenza; a volte è anche una linea di sanguinoso conflitto. storicamente appartenevano agli imperi ottomano o zarista e furono solo leggermente toccati dagli eventi plasmanti nel resto d’Europa; sono generalmente meno avanzati economicamente; sembrano molto meno propensi a sviluppare sistemi politici democratici stabili. La cortina di velluto della cultura ha sostituito la cortina di ferro dell’ideologia come la linea di demarcazione più significativa in Europa. Come dimostrano gli eventi in Jugoslavia, non è solo una linea di differenza; a volte è anche una linea di sanguinoso conflitto. non è solo una linea di differenza; a volte è anche una linea di sanguinoso conflitto. non è solo una linea di differenza; a volte è anche una linea di sanguinoso conflitto.

Il conflitto lungo la linea di faglia tra la civiltà occidentale e quella islamica va avanti da 1.300 anni. Dopo la fondazione dell’Islam, l’ondata araba e moresca verso ovest e verso nord terminò solo a Tours nel 732. Dall’XI al XIII secolo i crociati tentarono con temporaneo successo di portare il cristianesimo e il dominio cristiano in Terra Santa. Dal quattordicesimo al diciassettesimo secolo, i turchi ottomani rovesciarono l’equilibrio, estesero il loro dominio sul Medio Oriente e sui Balcani, conquistarono Costantinopoli e due volte assediarono Vienna. Nel diciannovesimo e all’inizio del ventesimo secolo, con il declino del potere ottomano, Gran Bretagna, Francia e Italia stabilirono il controllo occidentale sulla maggior parte del Nord Africa e del Medio Oriente.

Dopo la seconda guerra mondiale, l’Occidente, a sua volta, iniziò a ritirarsi; gli imperi coloniali scomparvero; si manifestarono prima il nazionalismo arabo e poi il fondamentalismo islamico; l’Occidente è diventato fortemente dipendente dai paesi del Golfo Persico per la sua energia; i paesi musulmani ricchi di petrolio divennero ricchi di denaro e, quando lo desideravano, ricchi di armi. Diverse guerre si sono verificate tra arabi e Israele (creato dall’Occidente). La Francia ha combattuto una guerra sanguinosa e spietata in Algeria per la maggior parte degli anni ’50; Le forze britanniche e francesi invasero l’Egitto nel 1956; Le forze americane entrarono in Libano nel 1958; successivamente le forze americane tornarono in Libano, attaccarono la Libia e si impegnarono in vari scontri militari con l’Iran; Terroristi arabi e islamici, sostenuti da almeno tre governi mediorientali, impiegò l’arma dei deboli e bombardò aerei e installazioni occidentali e sequestrò ostaggi occidentali. Questa guerra tra arabi e Occidente culminò nel 1990, quando gli Stati Uniti inviarono un imponente esercito nel Golfo Persico per difendere alcuni paesi arabi dall’aggressione di un altro. In seguito, la pianificazione della NATO è sempre più diretta a potenziali minacce e instabilità lungo il suo “livello meridionale”.

È improbabile che questa secolare interazione militare tra l’Occidente e l’Islam diminuisca. Potrebbe diventare più virulento. La Guerra del Golfo ha lasciato alcuni arabi orgogliosi del fatto che Saddam Hussein avesse attaccato Israele e si fosse opposto all’Occidente. Ha anche lasciato molti umiliati e risentiti per la presenza militare dell’Occidente nel Golfo Persico, per lo schiacciante dominio militare dell’Occidente e per la loro apparente incapacità di plasmare il proprio destino. Molti paesi arabi, oltre agli esportatori di petrolio, stanno raggiungendo livelli di sviluppo economico e sociale in cui le forme di governo autocratiche diventano inadeguate e gli sforzi per introdurre la democrazia diventano più forti. Si sono già verificate alcune aperture nei sistemi politici arabi. I principali beneficiari di queste aperture sono stati i movimenti islamisti. Nel mondo arabo, insomma, La democrazia occidentale rafforza le forze politiche anti-occidentali. Questo può essere un fenomeno passeggero, ma sicuramente complica le relazioni tra i paesi islamici e l’Occidente.

Tali relazioni sono complicate anche dalla demografia. La spettacolare crescita della popolazione nei paesi arabi, in particolare nel Nord Africa, ha portato a un aumento della migrazione verso l’Europa occidentale. Il movimento all’interno dell’Europa occidentale verso la riduzione al minimo dei confini interni ha acuito le sensibilità politiche rispetto a questo sviluppo. In Italia, Francia e Germania il razzismo è sempre più aperto e dal 1990 le reazioni politiche e le violenze contro i migranti arabi e turchi sono diventate più intense e diffuse.

Da entrambe le parti l’interazione tra l’Islam e l’Occidente è vista come uno scontro di civiltà. Il “prossimo confronto” dell’Occidente, osserva MJ Akbar, uno scrittore musulmano indiano, “verrà sicuramente dal mondo musulmano. È nell’ambito delle nazioni islamiche dal Maghreb al Pakistan che la lotta per un nuovo ordine mondiale sarà inizio.” Bernard Lewis giunge a una conclusione simile:

Siamo di fronte a uno stato d’animo e un movimento che trascendono di gran lunga il livello delle questioni e delle politiche e dei governi che le perseguono. Questo non è altro che uno scontro di civiltà: la reazione forse irrazionale ma sicuramente storica di un antico rivale contro la nostra eredità giudaico-cristiana, il nostro presente secolare e l’espansione mondiale di entrambi.[2]

Storicamente, l’altra grande interazione antagonista della civiltà araba islamica è stata con i popoli neri pagani, animisti e ora sempre più cristiani a sud. In passato, questo antagonismo era incarnato nell’immagine dei trafficanti di schiavi arabi e degli schiavi neri. Si è riflesso nella guerra civile in corso in Sudan tra arabi e neri, nei combattimenti in Ciad tra i ribelli sostenuti dalla Libia e il governo, le tensioni tra cristiani ortodossi e musulmani nel Corno d’Africa e i conflitti politici, rivolte ricorrenti e violenze comunitarie tra musulmani e cristiani in Nigeria. È probabile che la modernizzazione dell’Africa e la diffusione del cristianesimo aumentino le probabilità di violenza lungo questa linea di faglia. Sintomatico dell’intensificarsi di questo conflitto fu il Papa Giovanni Paolo II’

Al confine settentrionale dell’Islam, il conflitto è sempre più esploso tra i popoli ortodossi e musulmani, tra cui la carneficina della Bosnia e Sarajevo, la violenza ribollente tra serbi e albanesi, i tenui rapporti tra i bulgari e la loro minoranza turca, la violenza tra osseti e ingusci, l’incessante massacro reciproco da parte di armeni e azeri, le relazioni tese tra russi e musulmani in Asia centrale e il dispiegamento di truppe russe per proteggere gli interessi russi nel Caucaso e nell’Asia centrale. La religione rafforza la rinascita delle identità etniche e restimola i timori russi sulla sicurezza dei loro confini meridionali. Questa preoccupazione è ben catturata da Archie Roosevelt:

Gran parte della storia russa riguarda la lotta tra i popoli slavi e turchi ai loro confini, che risale alla fondazione dello stato russo più di mille anni fa. Nel confronto millenario degli slavi con i loro vicini orientali si trova la chiave per comprendere non solo la storia russa, ma anche il carattere russo. Per comprendere la realtà russa oggi bisogna avere un’idea del grande gruppo etnico turco che ha preoccupato i russi nel corso dei secoli.[3]

Il conflitto di civiltà è profondamente radicato altrove in Asia. Lo storico scontro tra musulmani e indù nel subcontinente si manifesta ora non solo nella rivalità tra Pakistan e India, ma anche nell’intensificarsi del conflitto religioso all’interno dell’India tra gruppi indù sempre più militanti e la consistente minoranza musulmana indiana. La distruzione della moschea di Ayodhya nel dicembre 1992 ha portato alla ribalta la questione se l’India rimarrà uno stato democratico laico o diventerà uno stato indù. Nell’Asia orientale, la Cina ha controversie territoriali in sospeso con la maggior parte dei suoi vicini. Ha perseguito una politica spietata nei confronti del popolo buddista del Tibet e sta perseguendo una politica sempre più spietata nei confronti della sua minoranza turco-musulmana. Con la Guerra Fredda finita, le differenze di fondo tra Cina e Stati Uniti si sono riaffermate in settori quali i diritti umani, il commercio e la proliferazione delle armi. È improbabile che queste differenze si moderino. Una “nuova guerra fredda”, avrebbe affermato Deng Xaioping nel 1991, è in corso tra Cina e America.

La stessa frase è stata applicata alle relazioni sempre più difficili tra Giappone e Stati Uniti. Qui la differenza culturale esacerba il conflitto economico. La gente da una parte sostiene il razzismo dall’altra, ma almeno da parte americana le antipatie non sono razziali ma culturali. I valori di base, gli atteggiamenti, i modelli comportamentali delle due società non potrebbero essere più diversi. Le questioni economiche tra Stati Uniti ed Europa non sono meno gravi di quelle tra Stati Uniti e Giappone, ma non hanno la stessa rilevanza politica e intensità emotiva perché le differenze tra cultura americana e cultura europea sono molto minori di quelle tra Civiltà americana e civiltà giapponese.

Le interazioni tra le civiltà variano notevolmente nella misura in cui è probabile che siano caratterizzate dalla violenza. La concorrenza economica predomina chiaramente tra le subciviltà americane ed europee dell’Occidente e tra entrambe e il Giappone. Nel continente eurasiatico, tuttavia, la proliferazione del conflitto etnico, riassunto all’estremo nella “pulizia etnica”, non è stata del tutto casuale. È stato più frequente e più violento tra gruppi appartenenti a civiltà diverse. In Eurasia le grandi linee di faglia storiche tra le civiltà sono di nuovo in fiamme. Ciò è particolarmente vero lungo i confini del blocco islamico di nazioni a forma di mezzaluna dal rigonfiamento dell’Africa all’Asia centrale. La violenza si verifica anche tra musulmani, da un lato, e serbi ortodossi nei Balcani, ebrei in Israele, Indù in India, buddisti in Birmania e cattolici nelle Filippine. L’Islam ha confini sanguinosi.

CIVILIZZAZIONE RALLYING: LA SINDROME DEL PAESE KIN

Gruppi o stati appartenenti a una civiltà che vengono coinvolti in guerre con persone di una civiltà diversa cercano naturalmente di raccogliere il sostegno di altri membri della propria civiltà. Con l’evolversi del mondo del dopo Guerra Fredda, la comunanza di civiltà, ciò che HDS Greenway ha definito la sindrome del “paese parentale”, sta sostituendo l’ideologia politica e le tradizionali considerazioni sull’equilibrio di potere come base principale per la cooperazione e le coalizioni. Può essere visto emergere gradualmente nei conflitti del dopo Guerra Fredda nel Golfo Persico, nel Caucaso e in Bosnia. Nessuna di queste è stata una guerra su vasta scala tra civiltà, ma ognuna ha coinvolto alcuni elementi di raduno di civiltà, che sembravano diventare più importanti man mano che il conflitto continuava e che potrebbero fornire un assaggio del futuro.

In primo luogo, nella Guerra del Golfo uno stato arabo ha invaso un altro e poi ha combattuto una coalizione di stati arabi, occidentali e altri. Mentre solo pochi governi musulmani sostenevano apertamente Saddam Hussein, molte élite arabe in privato lo incoraggiavano ed era molto popolare tra ampi settori del pubblico arabo. I movimenti fondamentalisti islamici hanno sostenuto universalmente l’Iraq piuttosto che i governi appoggiati dall’Occidente del Kuwait e dell’Arabia Saudita. Rinunciando al nazionalismo arabo, Saddam Hussein ha esplicitamente invocato un appello islamico. Lui ei suoi sostenitori hanno tentato di definire la guerra come una guerra tra civiltà. “Non è il mondo contro l’Iraq”, come ha scritto Safar Al-Hawali, decano di studi islamici all’Università Umm Al-Qura della Mecca, in un nastro ampiamente diffuso. “E’ l’Occidente contro l’Islam”. Ignorando la rivalità tra Iran e Iraq, il principale leader religioso iraniano, l’Ayatollah Ali Khamenei, ha chiesto una guerra santa contro l’Occidente: “La lotta contro l’aggressione, l’avidità, i piani e le politiche americane sarà considerata una jihad e chiunque venga ucciso su quella strada è un martire. ” “Questa è una guerra”, ha affermato il re Hussein di Giordania, “contro tutti gli arabi e tutti i musulmani e non solo contro l’Iraq”.

Il raduno di sezioni sostanziali delle élite e del pubblico arabo dietro Saddam Hussein ha indotto quei governi arabi nella coalizione anti-irachena a moderare le loro attività e ad attenuare le loro dichiarazioni pubbliche. I governi arabi si sono opposti o hanno preso le distanze dai successivi sforzi occidentali per esercitare pressioni sull’Iraq, inclusa l’applicazione di una no-fly zone nell’estate del 1992 e il bombardamento dell’Iraq nel gennaio 1993. La coalizione occidentale-sovietica-turca-araba anti-Iraq del 1990 nel 1993 era diventata una coalizione di quasi solo l’Occidente e il Kuwait contro l’Iraq.

I musulmani hanno contrastato le azioni occidentali contro l’Iraq con l’incapacità dell’Occidente di proteggere i bosniaci dai serbi e di imporre sanzioni a Israele per aver violato le risoluzioni delle Nazioni Unite. L’Occidente, hanno affermato, stava usando un doppio standard. Un mondo di civiltà in conflitto, tuttavia, è inevitabilmente un mondo di doppi standard: le persone applicano uno standard ai propri parenti e uno standard diverso agli altri.

In secondo luogo, la sindrome del paese di parentela è apparsa anche nei conflitti nell’ex Unione Sovietica. I successi militari armeni nel 1992 e nel 1993 hanno stimolato la Turchia a sostenere sempre più i suoi fratelli religiosi, etnici e linguistici in Azerbaigian. “Abbiamo una nazione turca che prova gli stessi sentimenti degli azeri”, ha detto un funzionario turco nel 1992. “Siamo sotto pressione. I nostri giornali sono pieni di foto di atrocità e ci chiedono se siamo ancora seriamente intenzionati a perseguire la nostra neutralità forse dovremmo mostrare all’Armenia che c’è una grande Turchia nella regione”. Il presidente Turgut Özal è d’accordo, sottolineando che la Turchia dovrebbe almeno “spaventare un po’ gli armeni”. La Turchia, minacciato di nuovo da Özal nel 1993, avrebbe “mostrato le zanne”. Jet dell’aeronautica militare turca hanno effettuato voli di ricognizione lungo il confine armeno; La Turchia ha sospeso le spedizioni di generi alimentari e i voli aerei per l’Armenia; e la Turchia e l’Iran hanno annunciato che non avrebbero accettato lo smembramento dell’Azerbaigian. Negli ultimi anni della sua esistenza, il governo sovietico ha sostenuto l’Azerbaigian perché il suo governo era dominato da ex comunisti. Con la fine dell’Unione Sovietica, però, le considerazioni politiche cedettero il passo a quelle religiose. Le truppe russe hanno combattuto dalla parte degli armeni e l’Azerbaigian ha accusato il “governo russo di aver girato di 180 gradi” verso il sostegno dell’Armenia cristiana. il governo sovietico ha sostenuto l’Azerbaigian perché il suo governo era dominato da ex comunisti. Con la fine dell’Unione Sovietica, però, le considerazioni politiche cedettero il passo a quelle religiose. Le truppe russe hanno combattuto dalla parte degli armeni e l’Azerbaigian ha accusato il “governo russo di aver girato di 180 gradi” verso il sostegno dell’Armenia cristiana. il governo sovietico ha sostenuto l’Azerbaigian perché il suo governo era dominato da ex comunisti. Con la fine dell’Unione Sovietica, però, le considerazioni politiche cedettero il passo a quelle religiose. Le truppe russe hanno combattuto dalla parte degli armeni e l’Azerbaigian ha accusato il “governo russo di aver girato di 180 gradi” verso il sostegno dell’Armenia cristiana.

Terzo, per quanto riguarda i combattimenti nell’ex Jugoslavia, l’opinione pubblica occidentale ha manifestato simpatia e sostegno per i musulmani bosniaci e per gli orrori che hanno subito per mano dei serbi. Tuttavia, è stata espressa relativamente poca preoccupazione per gli attacchi croati ai musulmani e la partecipazione allo smembramento della Bosnia-Erzegovina. Nelle prime fasi della disgregazione jugoslava, la Germania, con un’insolita dimostrazione di iniziativa e muscoli diplomatici, ha indotto gli altri 11 membri della Comunità europea a seguire il suo esempio nel riconoscere la Slovenia e la Croazia. Come risultato della determinazione del papa di fornire un forte sostegno ai due paesi cattolici, il Vaticano ha esteso il riconoscimento ancor prima che lo facesse la Comunità. Gli Stati Uniti hanno seguito la guida europea. Così i principali attori della civiltà occidentale si sono radunati dietro i loro correligionari. Successivamente è stato riferito che la Croazia ha ricevuto notevoli quantità di armi dall’Europa centrale e da altri paesi occidentali. Il governo di Boris Eltsin, d’altra parte, ha tentato di perseguire una via di mezzo che sarebbe stata in sintonia con i serbi ortodossi ma non avrebbe alienato la Russia dall’Occidente. I gruppi conservatori e nazionalisti russi, tuttavia, inclusi molti legislatori, hanno attaccato il governo per non essere stato più disponibile nel suo sostegno ai serbi. All’inizio del 1993 diverse centinaia di russi apparentemente prestavano servizio con le forze serbe e circolavano notizie di armi russe fornite alla Serbia. ha tentato di perseguire una via di mezzo che sarebbe stata in sintonia con i serbi ortodossi ma non avrebbe alienato la Russia dall’Occidente. I gruppi conservatori e nazionalisti russi, tuttavia, inclusi molti legislatori, hanno attaccato il governo per non essere stato più disponibile nel suo sostegno ai serbi. All’inizio del 1993 diverse centinaia di russi apparentemente prestavano servizio con le forze serbe e circolavano notizie di armi russe fornite alla Serbia. ha tentato di perseguire una via di mezzo che sarebbe stata in sintonia con i serbi ortodossi ma non avrebbe alienato la Russia dall’Occidente. I gruppi conservatori e nazionalisti russi, tuttavia, inclusi molti legislatori, hanno attaccato il governo per non essere stato più disponibile nel suo sostegno ai serbi. All’inizio del 1993 diverse centinaia di russi apparentemente prestavano servizio con le forze serbe e circolavano notizie di armi russe fornite alla Serbia.

Governi e gruppi islamici, d’altra parte, hanno castigato l’Occidente per non essere venuto in difesa dei bosniaci. I leader iraniani hanno esortato i musulmani di tutti i paesi a fornire aiuto alla Bosnia; in violazione dell’embargo sulle armi delle Nazioni Unite, l’Iran ha fornito armi e uomini ai bosniaci; I gruppi libanesi sostenuti dall’Iran hanno inviato guerriglie per addestrare e organizzare le forze bosniache. Nel 1993 fino a 4.000 musulmani provenienti da oltre due dozzine di paesi islamici avrebbero combattuto in Bosnia. I governi dell’Arabia Saudita e di altri paesi si sono sentiti sotto pressione crescente da parte dei gruppi fondamentalisti nelle loro stesse società per fornire un sostegno più vigoroso ai bosniaci. Entro la fine del 1992, l’Arabia Saudita avrebbe fornito ingenti finanziamenti per armi e rifornimenti ai bosniaci,

Negli anni ’30 la guerra civile spagnola provocò l’intervento di paesi politicamente fascisti, comunisti e democratici. Negli anni ’90 il conflitto jugoslavo sta provocando l’intervento di paesi musulmani, ortodossi e cristiani occidentali. Il parallelo non è passato inosservato. “La guerra in Bosnia-Erzegovina è diventata l’equivalente emotivo della lotta contro il fascismo nella guerra civile spagnola”, ha osservato un editore saudita. “Coloro che sono morti lì sono considerati martiri che hanno cercato di salvare i loro compagni musulmani”.

Conflitti e violenze si verificheranno anche tra stati e gruppi all’interno della stessa civiltà. Tali conflitti, tuttavia, saranno probabilmente meno intensi e meno propensi ad espandersi rispetto ai conflitti tra civiltà. L’appartenenza comune a una civiltà riduce la probabilità di violenza in situazioni in cui potrebbe altrimenti verificarsi. Nel 1991 e nel 1992 molte persone erano allarmate dalla possibilità di un conflitto violento tra Russia e Ucraina sul territorio, in particolare la Crimea, la flotta del Mar Nero, le armi nucleari e le questioni economiche. Se ciò che conta è la civiltà, tuttavia, la probabilità di violenze tra ucraini e russi dovrebbe essere bassa. Sono due popoli slavi, principalmente ortodossi, che da secoli intrattengono stretti rapporti tra loro. Dall’inizio del 1993, nonostante tutte le ragioni di conflitto, i leader dei due paesi stavano effettivamente negoziando e disinnescando le questioni tra i due paesi. Sebbene ci siano stati seri combattimenti tra musulmani e cristiani in altre parti dell’ex Unione Sovietica e molte tensioni e alcuni combattimenti tra cristiani occidentali e ortodossi negli stati baltici, non ci sono state praticamente violenze tra russi e ucraini.

La manifestazione della civiltà fino ad oggi è stata limitata, ma è cresciuta e ha chiaramente il potenziale per diffondersi molto ulteriormente. Mentre i conflitti nel Golfo Persico, nel Caucaso e in Bosnia continuavano, le posizioni delle nazioni e le divisioni tra di loro erano sempre più lungo linee di civiltà. Politici populisti, leader religiosi e media lo hanno trovato un potente mezzo per suscitare il sostegno di massa e per esercitare pressioni sui governi esitanti. Nei prossimi anni, i conflitti locali che molto probabilmente sfoceranno in grandi guerre saranno quelli, come in Bosnia e nel Caucaso, lungo le linee di frattura tra le civiltà. La prossima guerra mondiale, se ce ne sarà una, sarà una guerra tra civiltà.

L’OVEST CONTRO IL RESTO

L’Occidente è ora a uno straordinario picco di potere in relazione alle altre civiltà. Il suo avversario superpotente è scomparso dalla mappa. Il conflitto militare tra gli stati occidentali è impensabile e la potenza militare occidentale non ha rivali. A parte il Giappone, l’Occidente non deve affrontare alcuna sfida economica. Domina le istituzioni politiche e di sicurezza internazionali e con le istituzioni economiche internazionali del Giappone. Le questioni politiche e di sicurezza globali sono effettivamente risolte da una direzione di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia, le questioni economiche mondiali da una direzione di Stati Uniti, Germania e Giappone, che mantengono tutte relazioni straordinariamente strette tra loro ad esclusione di minori e in gran parte paesi non occidentali. Decisioni prese all’ONU Consiglio di Sicurezza o nel Fondo Monetario Internazionale che riflettono gli interessi dell’Occidente sono presentati al mondo come un riflesso dei desideri della comunità mondiale. La stessa frase “la comunità mondiale” è diventata il nome collettivo eufemistico (che sostituisce “il mondo libero”) per dare legittimità globale ad azioni che riflettono gli interessi degli Stati Uniti e delle altre potenze occidentali.[4] Attraverso il FMI e altre istituzioni economiche internazionali, l’Occidente promuove i suoi interessi economici e impone ad altre nazioni le politiche economiche che ritiene appropriate. In qualsiasi sondaggio tra i popoli non occidentali, il FMI otterrebbe senza dubbio il sostegno dei ministri delle finanze e di pochi altri, ma otterrebbe una valutazione schiacciante sfavorevole da quasi tutti gli altri, che sarebbero d’accordo con Georgy Arbatov’

Il dominio occidentale del Consiglio di sicurezza dell’ONU e le sue decisioni, mitigato solo dall’occasionale astensione della Cina, hanno prodotto la legittimazione da parte dell’ONU dell’uso della forza da parte dell’Occidente per cacciare l’Iraq dal Kuwait e la sua eliminazione delle armi sofisticate e della capacità dell’Iraq di produrre tali armi. Ha anche prodotto l’azione senza precedenti da parte di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia nel convincere il Consiglio di sicurezza a chiedere alla Libia di consegnare i sospetti di attentati Pan Am 103 e quindi a imporre sanzioni quando la Libia ha rifiutato. Dopo aver sconfitto il più grande esercito arabo, l’Occidente non ha esitato a gettare il suo peso nel mondo arabo. L’Occidente in effetti sta usando le istituzioni internazionali, la potenza militare e le risorse economiche per governare il mondo in modi che manterranno il predominio occidentale,

Questo almeno è il modo in cui i non occidentali vedono il nuovo mondo, e c’è un significativo elemento di verità nel loro punto di vista. Le differenze di potere e le lotte per il potere militare, economico e istituzionale sono quindi una fonte di conflitto tra l’Occidente e le altre civiltà. Le differenze di cultura, ovvero i valori e le credenze di base, sono una seconda fonte di conflitto. VS Naipaul ha affermato che la civiltà occidentale è la “civiltà universale” che “si adatta a tutti gli uomini”. A un livello superficiale, gran parte della cultura occidentale ha infatti permeato il resto del mondo. A un livello più elementare, tuttavia, i concetti occidentali differiscono fondamentalmente da quelli prevalenti in altre civiltà. Idee occidentali di individualismo, liberalismo, costituzionalismo, diritti umani, uguaglianza, libertà, stato di diritto, democrazia, libero mercato, la separazione tra chiesa e stato, spesso hanno poca risonanza nelle culture islamica, confuciana, giapponese, indù, buddista o ortodossa. Gli sforzi occidentali per diffondere tali idee producono invece una reazione contro “l’imperialismo dei diritti umani” e una riaffermazione dei valori indigeni, come si può vedere nel sostegno al fondamentalismo religioso da parte delle giovani generazioni nelle culture non occidentali. L’idea stessa che ci possa essere una “civiltà universale” è un’idea occidentale, direttamente in contrasto con il particolarismo della maggior parte delle società asiatiche e la loro enfasi su ciò che distingue un popolo dall’altro. In effetti, l’autore di una rassegna di 100 studi comparativi sui valori in diverse società ha concluso che “i valori più importanti in Occidente sono meno importanti in tutto il mondo”.[5] In ambito politico, ovviamente, queste differenze sono più evidenti negli sforzi degli Stati Uniti e di altre potenze occidentali per indurre altri popoli ad adottare idee occidentali in materia di democrazia e diritti umani. Il governo democratico moderno ha avuto origine in Occidente. Quando si è sviluppato in società non occidentali, di solito è stato il prodotto del colonialismo o dell’imposizione occidentale.

L’asse centrale della politica mondiale in futuro sarà probabilmente, secondo l’espressione di Kishore Mahbubani, il conflitto tra “l’Occidente e il resto” e le risposte delle civiltà non occidentali al potere e ai valori occidentali.[6] Tali risposte generalmente assumono una o una combinazione di tre forme. Ad un estremo, gli stati non occidentali possono, come la Birmania e la Corea del Nord, tentare di perseguire un percorso di isolamento, isolare le loro società dalla penetrazione o dalla “corruzione” dell’Occidente e, in effetti, rinunciare alla partecipazione al Comunità globale dominata dall’Occidente. I costi di questo corso, tuttavia, sono elevati e pochi stati lo hanno perseguito esclusivamente. Una seconda alternativa, l’equivalente del “carrozzone” nella teoria delle relazioni internazionali, è tentare di unirsi all’Occidente e accettarne i valori e le istituzioni. La terza alternativa è tentare di “bilanciare” l’Occidente sviluppando il potere economico e militare e cooperando con altre società non occidentali contro l’Occidente, preservando i valori e le istituzioni indigene; in breve, modernizzare ma non occidentalizzare.

I PAESI STRATI

In futuro, poiché le persone si differenziano per civiltà, paesi con un gran numero di popoli di diverse civiltà, come l’Unione Sovietica e la Jugoslavia, sono candidati allo smembramento. Alcuni altri paesi hanno un discreto grado di omogeneità culturale ma sono divisi sul fatto che la loro società appartenga a una civiltà oa un’altra. Questi sono paesi lacerati. I loro leader in genere desiderano perseguire una strategia del carrozzone e rendere i loro paesi membri dell’Occidente, ma la storia, la cultura e le tradizioni dei loro paesi non sono occidentali. Il paese lacerato più ovvio e prototipo è la Turchia. I leader turchi della fine del ventesimo secolo hanno seguito la tradizione di Attatürk e hanno definito la Turchia uno stato nazionale moderno, laico e occidentale. Hanno alleato la Turchia con l’Occidente nella NATO e nella Guerra del Golfo; hanno chiesto l’adesione alla Comunità Europea. Allo stesso tempo, tuttavia, elementi della società turca hanno sostenuto una rinascita islamica e hanno sostenuto che la Turchia è fondamentalmente una società musulmana mediorientale. Inoltre, mentre l’élite turca ha definito la Turchia una società occidentale, l’élite occidentale si rifiuta di accettare la Turchia come tale. La Turchia non entrerà a far parte della Comunità Europea, e il vero motivo, come ha detto il presidente Özal, “è che noi siamo musulmani e loro sono cristiani e non lo dicono”. Dopo aver rifiutato la Mecca, e poi essere stata respinta da Bruxelles, dove guarda la Turchia? Tashkent potrebbe essere la risposta. La fine dell’Unione Sovietica offre alla Turchia l’opportunità di diventare il leader di una civiltà turca rianimata che coinvolge sette paesi dai confini della Grecia a quelli della Cina.

Nell’ultimo decennio il Messico ha assunto una posizione in qualche modo simile a quella della Turchia. Proprio come la Turchia ha abbandonato la sua storica opposizione all’Europa e ha tentato di unirsi all’Europa, il Messico ha smesso di definirsi con la sua opposizione agli Stati Uniti e sta invece tentando di imitare gli Stati Uniti e di unirsi ad essi nell’area di libero scambio nordamericana. I leader messicani sono impegnati nel grande compito di ridefinire l’identità messicana e hanno introdotto riforme economiche fondamentali che alla fine porteranno a un cambiamento politico fondamentale. Nel 1991 un alto consigliere del presidente Carlos Salinas de Gortari mi descrisse a lungo tutti i cambiamenti che il governo di Salinas stava facendo. Quando ha finito, ho osservato: “È davvero impressionante. Mi sembra che in fondo tu voglia cambiare il Messico da paese latinoamericano a paese nordamericano.” Mi guardò sorpreso ed esclamò: “Esattamente! Questo è esattamente ciò che stiamo cercando di fare, ma ovviamente non potremmo mai dirlo pubblicamente”. Come indica la sua osservazione, in Messico come in Turchia, elementi significativi della società resistono alla ridefinizione dell’identità del loro paese. In Turchia, i leader a orientamento europeo devono fare gesti all’Islam (il pellegrinaggio di Özal alla Mecca), così anche i leader nordamericani del Messico devono fare gesti a coloro che considerano il Messico un paese latinoamericano (vertice iberoamericano di Guadalajara a Salinas).

Storicamente la Turchia è stata il paese più profondamente lacerato. Per gli Stati Uniti, il Messico è il paese lacerato più immediato. A livello globale, il paese lacerato più importante è la Russia. La questione se la Russia faccia parte dell’Occidente o sia il leader di una distinta civiltà slavo-ortodossa è stata ricorrente nella storia russa. Tale questione è stata oscurata dalla vittoria comunista in Russia, che ha importato un’ideologia occidentale, l’ha adattata alle condizioni russe e poi ha sfidato l’Occidente in nome di quell’ideologia. Il predominio del comunismo ha chiuso il dibattito storico sull’occidentalizzazione contro la russificazione. Con il comunismo screditato, i russi affrontano ancora una volta questa domanda.

Il presidente Eltsin sta adottando i principi e gli obiettivi occidentali e sta cercando di fare della Russia un paese “normale” e una parte dell’Occidente. Eppure sia l’élite russa che il pubblico russo sono divisi su questo tema. Tra i dissidenti più moderati, Sergei Stankevich sostiene che la Russia dovrebbe rifiutare il corso “atlantista”, che la porterebbe “a diventare europea, a entrare a far parte dell’economia mondiale in modo rapido e organizzato, a diventare l’ottavo membro dei Sette , e di porre un’enfasi particolare su Germania e Stati Uniti come i due membri dominanti dell’alleanza atlantica”. Pur rifiutando anche una politica esclusivamente eurasiatica, Stankevich sostiene comunque che la Russia dovrebbe dare priorità alla protezione dei russi in altri paesi, sottolineare i suoi legami turchi e musulmani e promuovere ” Un sondaggio d’opinione nella Russia europea nella primavera del 1992 ha rivelato che il 40% della popolazione aveva atteggiamenti positivi nei confronti dell’Occidente e il 36% aveva atteggiamenti negativi. Come è stato per gran parte della sua storia, la Russia all’inizio degli anni ’90 è davvero un paese lacerato.

Per ridefinire la propria identità di civiltà, un paese lacerato deve soddisfare tre requisiti. In primo luogo, la sua élite politica ed economica deve essere generalmente favorevole ed entusiasta di questa mossa. In secondo luogo, il suo pubblico deve essere disposto ad acconsentire alla ridefinizione. Terzo, i gruppi dominanti nella civiltà ricevente devono essere disposti ad abbracciare il convertito. Tutti e tre i requisiti esistono in gran parte rispetto al Messico. I primi due esistono in gran parte rispetto alla Turchia. Non è chiaro se qualcuno di loro esista rispetto all’adesione della Russia all’Occidente. Il conflitto tra democrazia liberale e marxismo-leninismo era tra ideologie che, nonostante le loro principali differenze, apparentemente condividevano obiettivi finali di libertà, uguaglianza e prosperità. Una Russia tradizionale, autoritaria e nazionalista potrebbe avere obiettivi ben diversi. Un democratico occidentale potrebbe portare avanti un dibattito intellettuale con un marxista sovietico. Sarebbe praticamente impossibile per lui farlo con un tradizionalista russo. Se, poiché i russi smetteranno di comportarsi come i marxisti, rifiutano la democrazia liberale e cominciano a comportarsi come i russi ma non come gli occidentali, le relazioni tra la Russia e l’Occidente potrebbero tornare di nuovo lontane e conflittuali.[8]

LA CONNESSIONE CONFUCIANA-ISLAMICA

Gli ostacoli all’adesione di paesi non occidentali all’Occidente variano considerevolmente. Sono meno per i paesi dell’America Latina e dell’Europa orientale. Sono maggiori per i paesi ortodossi dell’ex Unione Sovietica. Sono ancora maggiori per le società musulmane, confuciane, indù e buddiste. Il Giappone ha stabilito una posizione unica per se stesso come membro associato dell’Occidente: è in Occidente per alcuni aspetti ma chiaramente non in Occidente in dimensioni importanti. Quei paesi che per ragioni di cultura e di potere non vogliono o non possono entrare a far parte dell’Occidente competono con l’Occidente sviluppando il proprio potere economico, militare e politico. Lo fanno promuovendo il loro sviluppo interno e collaborando con altri paesi non occidentali.

Quasi senza eccezioni, i paesi occidentali stanno riducendo la loro potenza militare; sotto la guida di Eltsin lo è anche la Russia. Cina, Corea del Nord e diversi stati del Medio Oriente, tuttavia, stanno ampliando notevolmente le proprie capacità militari. Lo stanno facendo importando armi da fonti occidentali e non occidentali e sviluppando industrie di armi indigene. Un risultato è l’emergere di quelli che Charles Krauthammer ha chiamato “Stati delle armi” e gli Stati delle armi non sono stati occidentali. Un altro risultato è la ridefinizione del controllo degli armamenti, che è un concetto occidentale e un obiettivo occidentale. Durante la Guerra Fredda lo scopo principale del controllo degli armamenti era quello di stabilire un equilibrio militare stabile tra gli Stati Uniti ei suoi alleati e l’Unione Sovietica ei suoi alleati. Nel mondo successivo alla Guerra Fredda l’obiettivo primario del controllo degli armamenti è impedire lo sviluppo da parte di società non occidentali di capacità militari che potrebbero minacciare gli interessi occidentali. L’Occidente tenta di farlo attraverso accordi internazionali, pressioni economiche e controlli sul trasferimento di armi e tecnologie delle armi.

Il conflitto tra l’Occidente e gli stati confucio-islamici si concentra in gran parte, anche se non esclusivamente, su armi nucleari, chimiche e biologiche, missili balistici e altri mezzi sofisticati per trasportarli, e la guida, l’intelligence e altre capacità elettroniche per raggiungere tale obiettivo. L’Occidente promuove la non proliferazione come norma universale ei trattati e le ispezioni di non proliferazione come mezzo per realizzare tale norma. Minaccia anche una serie di sanzioni contro coloro che promuovono la diffusione di armi sofisticate e propone alcuni vantaggi per coloro che non lo fanno. L’attenzione dell’Occidente si concentra, naturalmente, su nazioni che sono effettivamente o potenzialmente ostili all’Occidente.

Le nazioni non occidentali, d’altra parte, affermano il loro diritto di acquisire e di schierare qualsiasi arma ritengano necessaria per la loro sicurezza. Hanno anche assorbito, fino in fondo, la verità della risposta del ministro della Difesa indiano quando gli è stato chiesto quale lezione avesse imparato dalla Guerra del Golfo: “Non combattere gli Stati Uniti se non hai armi nucleari”. Armi nucleari, armi chimiche e missili sono visti, probabilmente erroneamente, come il potenziale equalizzatore del potere convenzionale occidentale superiore. La Cina, ovviamente, ha già armi nucleari; Il Pakistan e l’India hanno la capacità di schierarli. Sembra che la Corea del Nord, l’Iran, l’Iraq, la Libia e l’Algeria stiano tentando di acquisirli. Un alto funzionario iraniano ha dichiarato che tutti gli stati musulmani dovrebbero acquisire armi nucleari,

Di fondamentale importanza per lo sviluppo delle capacità militari contro-occidentali è l’espansione sostenuta della potenza militare cinese e dei suoi mezzi per creare potenza militare. Sostenuta da uno spettacolare sviluppo economico, la Cina sta aumentando rapidamente le sue spese militari e sta procedendo vigorosamente con la modernizzazione delle sue forze armate. Sta acquistando armi dagli ex stati sovietici; sta sviluppando missili a lungo raggio; nel 1992 ha testato un ordigno nucleare da un megaton. Sta sviluppando capacità di proiezione di potenza, acquisendo tecnologia di rifornimento aereo e tentando di acquistare una portaerei. Il suo rafforzamento militare e l’affermazione della sovranità sul Mar Cinese Meridionale stanno provocando una corsa agli armamenti regionale multilaterale nell’Asia orientale. La Cina è anche un importante esportatore di armi e tecnologia delle armi. Ha esportato materiali in Libia e Iraq che potrebbero essere utilizzati per produrre armi nucleari e gas nervino. Ha aiutato l’Algeria a costruire un reattore adatto alla ricerca e alla produzione di armi nucleari. La Cina ha venduto all’Iran la tecnologia nucleare che secondo i funzionari americani potrebbe essere utilizzata solo per creare armi e apparentemente ha spedito in Pakistan componenti di missili con una portata di 300 miglia. La Corea del Nord ha avviato da tempo un programma di armi nucleari e ha venduto missili avanzati e tecnologia missilistica a Siria e Iran. Il flusso di armi e tecnologia delle armi è generalmente dall’Asia orientale al Medio Oriente. Vi è, tuttavia, qualche movimento nella direzione inversa; La Cina ha ricevuto missili Stinger dal Pakistan. Ha aiutato l’Algeria a costruire un reattore adatto alla ricerca e alla produzione di armi nucleari. La Cina ha venduto all’Iran la tecnologia nucleare che secondo i funzionari americani potrebbe essere utilizzata solo per creare armi e apparentemente ha spedito in Pakistan componenti di missili con una portata di 300 miglia. La Corea del Nord ha avviato da tempo un programma di armi nucleari e ha venduto missili avanzati e tecnologia missilistica a Siria e Iran. Il flusso di armi e tecnologia delle armi è generalmente dall’Asia orientale al Medio Oriente. Vi è, tuttavia, qualche movimento nella direzione inversa; La Cina ha ricevuto missili Stinger dal Pakistan. Ha aiutato l’Algeria a costruire un reattore adatto alla ricerca e alla produzione di armi nucleari. La Cina ha venduto all’Iran la tecnologia nucleare che secondo i funzionari americani potrebbe essere utilizzata solo per creare armi e apparentemente ha spedito in Pakistan componenti di missili con una portata di 300 miglia. La Corea del Nord ha avviato da tempo un programma di armi nucleari e ha venduto missili avanzati e tecnologia missilistica a Siria e Iran. Il flusso di armi e tecnologia delle armi è generalmente dall’Asia orientale al Medio Oriente. Vi è, tuttavia, qualche movimento nella direzione inversa; La Cina ha ricevuto missili Stinger dal Pakistan. La Corea del Nord ha avviato da tempo un programma di armi nucleari e ha venduto missili avanzati e tecnologia missilistica a Siria e Iran. Il flusso di armi e tecnologia delle armi è generalmente dall’Asia orientale al Medio Oriente. Vi è, tuttavia, qualche movimento nella direzione inversa; La Cina ha ricevuto missili Stinger dal Pakistan. La Corea del Nord ha avviato da tempo un programma di armi nucleari e ha venduto missili avanzati e tecnologia missilistica a Siria e Iran. Il flusso di armi e tecnologia delle armi è generalmente dall’Asia orientale al Medio Oriente. Vi è, tuttavia, qualche movimento nella direzione inversa; La Cina ha ricevuto missili Stinger dal Pakistan.

Si è così creato un collegamento militare confuciano-islamico, volto a promuovere l’acquisizione da parte dei suoi membri delle armi e delle tecnologie armate necessarie per contrastare il potere militare dell’Occidente. Può durare o non durare. Al momento, tuttavia, è, come ha detto Dave McCurdy, “un patto di mutuo sostegno dei rinnegati, gestito dai proliferatori e dai loro sostenitori”. Si sta così verificando una nuova forma di competizione armata tra gli stati islamo-confuciani e l’Occidente. In una corsa agli armamenti vecchio stile, ciascuna parte ha sviluppato le proprie braccia per bilanciare o per raggiungere la superiorità rispetto all’altra parte. In questa nuova forma di competizione armata, una parte sta sviluppando le proprie armi e l’altra parte sta tentando di non bilanciare ma di limitare e prevenire l’accumulo di armi riducendo allo stesso tempo le proprie capacità militari.

IMPLICAZIONI PER L’OCCIDENTE

Questo articolo non sostiene che le identità di civiltà sostituiranno tutte le altre identità, che gli stati nazione scompariranno, che ogni civiltà diventerà un’unica entità politica coerente, che i gruppi all’interno di una civiltà non entreranno in conflitto e nemmeno combatteranno tra loro. Questo documento espone le ipotesi che le differenze tra le civiltà siano reali e importanti; la coscienza della civiltà sta aumentando; il conflitto tra le civiltà soppianta le forme ideologiche e di altro tipo di conflitto come forma di conflitto globale dominante; le relazioni internazionali, storicamente un gioco svolto all’interno della civiltà occidentale, saranno sempre più de-occidentalizzate e diventeranno un gioco in cui le civiltà non occidentali sono attori e non semplici oggetti; politico di successo, la sicurezza e le istituzioni economiche internazionali hanno maggiori probabilità di svilupparsi all’interno delle civiltà che tra le civiltà; i conflitti tra gruppi di civiltà diverse saranno più frequenti, più sostenuti e più violenti dei conflitti tra gruppi di una stessa civiltà; i conflitti violenti tra gruppi di diverse civiltà sono la fonte più probabile e più pericolosa di escalation che potrebbe portare a guerre globali; l’asse fondamentale della politica mondiale saranno i rapporti tra “l’Occidente e il Resto”; le élite in alcuni paesi lacerati non occidentali cercheranno di rendere i loro paesi parte dell’Occidente, ma nella maggior parte dei casi si trovano ad affrontare grandi ostacoli per raggiungere questo obiettivo; un fulcro centrale del conflitto per l’immediato futuro sarà tra l’Occidente e diversi stati islamo-confuciani.

Non si tratta di sostenere l’opportunità di conflitti tra civiltà. Si tratta di formulare ipotesi descrittive su come potrebbe essere il futuro. Se queste sono ipotesi plausibili, tuttavia, è necessario considerare le loro implicazioni per la politica occidentale. Queste implicazioni dovrebbero essere divise tra vantaggio a breve termine e accomodamento a lungo termine. Nel breve termine è chiaramente nell’interesse dell’Occidente promuovere una maggiore cooperazione e unità all’interno della propria civiltà, in particolare tra le sue componenti europee e nordamericane; incorporare nell’Occidente società dell’Europa orientale e dell’America Latina le cui culture sono vicine a quelle dell’Occidente; promuovere e mantenere relazioni di cooperazione con Russia e Giappone; prevenire l’escalation dei conflitti tra le civiltà locali in grandi guerre tra le civiltà; limitare l’espansione della forza militare degli stati confuciani e islamici; moderare la riduzione delle capacità militari occidentali e mantenere la superiorità militare nell’Asia orientale e sudoccidentale; sfruttare differenze e conflitti tra stati confuciani e islamici; sostenere in altre civiltà gruppi in sintonia con i valori e gli interessi occidentali; rafforzare le istituzioni internazionali che riflettono e legittimare gli interessi e i valori occidentali e promuovere il coinvolgimento di stati non occidentali in tali istituzioni. sostenere in altre civiltà gruppi in sintonia con i valori e gli interessi occidentali; rafforzare le istituzioni internazionali che riflettono e legittimare gli interessi e i valori occidentali e promuovere il coinvolgimento di stati non occidentali in tali istituzioni. sostenere in altre civiltà gruppi in sintonia con i valori e gli interessi occidentali; rafforzare le istituzioni internazionali che riflettono e legittimare gli interessi e i valori occidentali e promuovere il coinvolgimento di stati non occidentali in tali istituzioni.

A più lungo termine sarebbero necessarie altre misure. La civiltà occidentale è sia occidentale che moderna. Le civiltà non occidentali hanno tentato di diventare moderne senza diventare occidentali. Ad oggi solo il Giappone è riuscito pienamente in questa ricerca. Le civiltà non occidentali continueranno a tentare di acquisire la ricchezza, la tecnologia, le abilità, le macchine e le armi che fanno parte dell’essere moderni. Tenteranno anche di conciliare questa modernità con la loro cultura e valori tradizionali. La loro forza economica e militare rispetto all’Occidente aumenterà. Quindi l’Occidente dovrà sempre più accogliere queste civiltà moderne non occidentali il cui potere si avvicina a quello dell’Occidente ma i cui valori e interessi differiscono significativamente da quelli dell’Occidente. Ciò richiederà all’Occidente di mantenere il potere economico e militare necessario per proteggere i propri interessi in relazione a queste civiltà. Tuttavia, richiederà anche all’Occidente di sviluppare una comprensione più profonda dei presupposti religiosi e filosofici di base alla base di altre civiltà e dei modi in cui le persone in quelle civiltà vedono i propri interessi. Richiederà uno sforzo per identificare elementi di comunanza tra l’Occidente e le altre civiltà.

[1] Murray Weidenbaum,  Grande Cina: la prossima superpotenza economica?  St. Louis: Washington University Center for the Study of American Business, Contemporary Issues, Series 57, February 1993, pp. 2-3.

[2] Bernard Lewis, “Le radici della rabbia musulmana”,  The Atlantic Monthly , vol. 266, settembre 1990, pag. 60; Time , 15 giugno 1992, pp. 24-28.

[3] Archie Roosevelt,  Per Lust of Knowing , Boston: Little, Brown, 1988, pp. 332-333.

[4] Quasi invariabilmente i leader occidentali affermano di agire per conto della “comunità mondiale”. Un piccolo errore si è verificato durante il periodo precedente alla Guerra del Golfo. In un’intervista a “Good Morning America”, il 21 dicembre 1990, il primo ministro britannico John Major ha fatto riferimento alle azioni che “l’Occidente” stava intraprendendo contro Saddam Hussein. Si corresse rapidamente e in seguito si riferì alla “comunità mondiale”. Tuttavia, aveva ragione quando ha sbagliato.

[5] Harry C. Triandis,  The New York Times , 25 dicembre 1990, p. 41 e “Studi interculturali dell’individualismo e del collettivismo”, Nebraska Symposium on Motivation, vol. 37, 1989, pp. 41-133.

[6] Kishore Mahbubani, “The West and the Rest”,  The National Interest , estate 1992, pp. 3-13.

[7] Sergei Stankevich, ”  La Russia alla ricerca di se stessa”, L’interesse nazionale , estate 1992, pp. 47-51; Daniel Schneider, “Un movimento russo rifiuta l’inclinazione occidentale”,  Christian Science Monitor , 5 febbraio 1993, pp. 5-7.

[8] Owen Harries ha sottolineato che l’Australia sta cercando (non saggiamente a suo avviso) di diventare un paese lacerato al contrario. Sebbene sia stato un membro a pieno titolo non solo dell’Occidente, ma anche del nucleo militare e dell’intelligence dell’ABCA dell’Occidente, i suoi attuali leader stanno in effetti proponendo di disertare dall’Occidente, ridefinirsi come paese asiatico e coltivare stretti legami con suoi vicini. Il futuro dell’Australia, sostengono, è con le economie dinamiche dell’Asia orientale. Ma, come ho suggerito, una stretta cooperazione economica richiede normalmente una base culturale comune. Inoltre, è probabile che nessuna delle tre condizioni necessarie affinché un paese lacerato si unisca a un’altra civiltà esista nel caso dell’Australia.

  • SAMUEL P. HUNTINGTON è Eaton Professor of the Science of Government e Direttore del John M. Olin Institute for Strategic Studies dell’Università di Harvard. Questo articolo è il prodotto del progetto dell’Olin Institute su “The Changing Security Environment and American National Interests”.

https://www.foreignaffairs.com/articles/united-states/1993-06-01/clash-civilizations?utm_medium=newsletters&utm_source=fa100&utm_content=20220521&utm_campaign=FA%20100_052122_The%20Clash%20of%20Civilizations&utm_term=fa-100

SI APRE IL SECONDO ATTO DELLA TRAGEDIA UCRAINA. IPOTESI E PREVISIONI, di Roberto Buffagni

SI APRE IL SECONDO ATTO DELLA TRAGEDIA UCRAINA. IPOTESI E PREVISIONI

 

Raccomando di seguire con attenzione l’intervista a Scott Ritter, (ex ufficiale di intelligence militare del Corpo dei Marines) che linko sotto.

Ritter risponde alle critiche che gli sono state rivolte da PIù parti, nel campo dei media dissidenti, per la sua recente analisi della situazione militare e politica in Ucraina. Replicando ai suoi critici, Ritter precisa e articola le sue posizioni, che a mio avviso sono sostanzialmente corrette.

Le riassumo con la massima brevità, integrando con mie considerazioni:

  1. Si sta concludendo la seconda fase delle ostilità in Ucraina con la conquista russa del Donbass e della striscia costiera del Mar Nero. La Russia raggiunge uno degli obiettivi politico-strategici dichiarati: sicurezza del Donbass, e dal pdv militare l’importante obiettivo di garantirsi un passaggio terrestre tra Crimea e Donbass e rendere il Mar Nero un mare interno russo.
  2. Non sono stati raggiunti gli obiettivi di “denazificazione” e “demilitarizzazione dell’Ucraina, né è stato raggiunto l’obiettivo politico-strategico essenziale della “neutralizzazione” dell’Ucraina, o l’altro obiettivo politico-strategico più complessivo di ridisegnare il sistema di sicurezza europeo così che tenga conto delle esigenze russe.
  3. La “denazificazione” non è stata raggiunta; anzi, il governo ucraino ha messo fuori legge tutti i partiti non di estrema destra, e le milizie di destra radicale integrate nelle FFAA ucraine continuano ad esistere nell’Ucraina occidentale. L’influenza delle formazioni politico-militari di destra radicale sul governo ucraino è aumentata, non diminuita rispetto alla situazione precedente l’attacco russo.
  4. La “demilitarizzazione”, ossia la distruzione o lo sbandamento delle FFAA ucraine non è stata raggiunta; anzi il governo ucraino, con l’appoggio della NATO, sta formando, addestrando, armando su territorio ucraino, polacco e tedesco numerosi contingenti di nuove truppe, calcolabili nell’ordine delle centinaia di migliaia tra veterani e coscritti.
  5. Per di più, la Polonia a quanto pare disporrà la partecipazione diretta alle ostilità in Ucraina di due battaglioni di volontari polacchi, formati da truppe polacche addestrate a livello NATO che si dimettono dalle FFAA nazionali e prendono parte al conflitto ucraino. Probabilmente, altre truppe polacche seguiranno.
  6. La legge Lend-Lease varata dal Congresso e dal Senato americano invierà agli ucraini 50 miliardi di dollari circa in armamenti, parte dei quali sarà composta da materiale bellico NATO state of the art. L’enorme quantità di rifornimenti consentirà agli ucraini anche di trascurare il serio problema della capacità di manutenzione del materiale bellico, compromessa dalle distruzioni di fabbriche e depositi (quando qualcosa non funziona, la sostituisci). Parte di questo materiale bellico sarà intercettato dai russi prima di giungere sul campo di battaglia, ma un’altra parte vi giungerà, come già vi giunge. Su territorio polacco e tedesco, veterani ucraini si stanno addestrando all’impiego dei nuovi sistemi d’arma.
  7. Perduto il Sudest, l’Ucraina conserva la profondità strategica per continuare la guerra; una profondità strategica accresciuta in modo qualitativamente importante dal fatto che i santuari logistici ucraini si trovano in territorio NATO (Polonia, Germania, Stati baltici), intoccabile per i russi senza rischiare un conflitto diretto con la NATO, con la possibilità di escalation nucleare.
  8. La NATO accerchia la Russia di più, non di meno rispetto alla situazione precedente l’attacco preventivo russo. Finlandia e Svezia hanno chiesto di entrare nell’Alleanza Atlantica. Fallito dunque anche l’obiettivo politico-strategico russo di ridisegnare in proprio favore il sistema di sicurezza europeo.
  9. Dunque, se la Russia concluderà le ostilità con la conquista del Sudest ucraino e si disporrà alla sola difensiva del Donbass, otterrà una vittoria tattica e subirà una sconfitta strategica, esponendosi a una guerra interminabile che la dissanguerà. Il progetto americano è proprio questo: dissanguare la Russia per destabilizzarla e infine frammentarla politicamente.
  10. Dal pdv strettamente militare, la risposta simmetrica russa a questa situazione sarebbe la mobilitazione generale, e la dichiarazione di guerra all’Ucraina. Questo provvedimento consentirebbe alla Russia di schierare sul campo fino a tre milioni di uomini, e di sferrare un’offensiva generale in Ucraina volta a distruggere le FFAA nemiche e a rovesciare il governo ucraino. Ovvie le conseguenze negative sull’economia russa, e i contraccolpi politici negativi sia all’interno, sia soprattutto all’esterno, con un prevedibile consolidamento dell’Alleanza Atlantica e dell’Occidente.
  11. Ritter avanza l’ipotesi che la direzione russa preferisca reagire gradualmente, per così dire “al rallentatore” alla minaccia. Consolidamento difensivo del Sudest ucraino, mobilitazione parziale e progressiva dei riservisti e dei coscritti; attesa del decisivo summit NATO di fine giugno, quando si constaterà se la Turchia resterà ferma nella sua scelta di opporsi all’ingresso nell’Alleanza di Finlandia e Svezia oppure no; tentativo di far leva sulle linee di faglia dell’Occidente, soprattutto in Europa, dove il prossimo autunno-inverno farà toccare con mano alle popolazioni europee il costo devastante delle sanzioni economiche alla Russia. (Mi sembra un’ipotesi ben fondata, il presidente Putin è uno statista molto cauto).
  12. In sostanza (mia considerazione), dopo la conclusione delle due prime fasi della guerra con la conquista del Sudest ucraino, che formano il Primo Atto della guerra, si apre il Secondo Atto. La Russia si trova di fronte a una vera e propria minaccia esistenziale, e lo sa. Reagirà di conseguenza, sul piano politico e sul piano militare; probabilmente, la reazione russa sarà graduale, e tenterà di evitare un impegno militare totale contro l’Ucraina e i suoi alleati. Se sarà impossibile evitarlo, si impegnerà a fondo, con tutte le sue risorse. In quest’ultimo caso, si aprirà il Terzo Atto di questa tragedia.

https://youtu.be/UnZU4n9lurg

 

La stretta mortale degli Stati Uniti sull’Europa è inaccettabile Di Jacques Myard

Di Jacques Myard, sindaco di Maisons-Laffitte

Tribuna. Gli Stati Uniti sono appena riusciti a perfezionare il loro vecchio sogno di dominio sull’Europa, impresa compiuta con determinazione e soprattutto con il vile sollievo delle vecchie nazioni europee che «stanche di sforzi troppo lunghi preferiscono farsi ingannare fintanto che ci mettiamo farli riposare” secondo il giudizio di Tocqueville.

Questa stretta americana sull’Europa è stata condotta in nome della democrazia, con le famose rivoluzioni colorate in tutti i satelliti ex sovietici le cui popolazioni aspiravano legittimamente a respirare aria di libertà ritrovata o di libertà senza precedenti.

La democrazia si è insediata in molti paesi dell’ex URSS, Polonia, Bulgaria, Romania, paesi baltici per citare solo i principali. Tuttavia, la democrazia ha una dimensione speciale, è accoppiata con l’adesione alla NATO, che avviene ancor prima dell’ingresso nell’Unione Europea.

In Romania è sintomatico vedere all’ingresso del Ministero degli Affari Esteri la bandiera rumena con l’emblema dell’UE e l’emblema della Nato. La Romania è entrata a far parte della NATO il 29 marzo 2004 e dell’UE il 1 gennaio 2007.

In Ucraina, i manifestanti che indossavano striscioni “arancioni” nel novembre 2014 in piazza Maidan denunciano la frode elettorale presidenziale del presidente filo-russo e ottengono nuove elezioni. Si è scoperto che i manifestanti hanno ricevuto un sostegno attivo dagli americani. Fu in questa data che l’Ucraina si rivolse alla NATO e all’UE e ricevette armamenti e informazioni da Washington, per non parlare di molti consiglieri.

La riconosciuta combattività degli ucraini non è estranea a questo multiplo aiuto americano, non c’è miracolo, Washington ha così la ferma volontà di far avanzare le sue pedine in Europa!

Ma con le richieste di adesione alla NATO di Finlandia e Svezia, il controllo americano ha compiuto un passo decisivo e tutti i paesi europei sono passati sotto la tutela di Washington.

Addio politica estera indipendente, addio difesa europea, ascolta, vai a piedi nudi, lo zio Sam pensa a tutto e pensa per te, è molto più efficace dei tuoi eterni battibecchi…

Gli Stati Uniti, dopo la loro disfatta afgana, stanno così riacquistando una relativa credibilità a poco prezzo grazie ai loro vassalli europei che credono fermamente nell’alleanza con questo potente, che pensa prima di tutto ai suoi interessi politici, militari ed economici.

È il ritorno dei bei tempi andati, il nemico rosso – la Russia – è il nemico perfetto, va punito, indebolito poiché te lo dico, zio Sam!

E se avete ancora dubbi sulla stretta mortale americana sull’Europa, rallegratevi brava gente nell’apprendere che il vicesegretario generale della NATO Mircea Geoana è contento della vittoria della canzone ucraina all’Eurovision… OTAN si occupa anche della canzoncina… CQFD!

La Francia può accettare questa vassalizzazione? Ovviamente no; ma Emmanuel Macron non dice una parola e ulula con i lupi. Peggio ancora, sostiene la logica della guerra della NATO quando dovrebbe fare tutto il possibile per trovare una soluzione diplomatica, anche se questo dispiace ai guerrafondai che, sognando una vittoria militare, contribuiscono all’escalation, a un ingranaggio che va contro il muro!

Per una buona comprensione del processo in corso “vassallo” deriva dal latino medioevale “vassalus” e dal latino “vassus” che significa… servo, senza commento!

“Non essere vassallo di nessun’anima, dipende solo da te stesso” Honoré de Balzac

Jacques Myard
Membro Onorario del Parlamento
Sindaco di Maisons-Laffitte
Presidente del Cercle Nation et République
Presidente dell’Accademia del Gaullismo

https://www-entreprendre-fr.translate.goog/la-mainmise-des-etats-unis-sur-leurope-est-inacceptable/?_x_tr_sl=auto&_x_tr_tl=it&_x_tr_hl=it

LA GUERRA SU DELEGA E IL RUOLO DELL’OCCIDENTE, di Marco Giuliani

LA GUERRA SU DELEGA E IL RUOLO DELL’OCCIDENTE

La crisi tra Kiev e Mosca, ma non solo, è ormai una questione di logoramento

 

C’è ancora qualcuno che crede a Zelensky quando, collegandosi con le tv di mezzo mondo, sostiene di trattare (per modo di dire) personalmente le condizioni riguardo al conflitto? C’è ancora chi è disposto a pensare che i contatti – sia quelli bilaterali con la Russia, sia quelli a livello consultivo con i suoi alleati (per modo di dire) occidentali – siano intrapresi in base alle sue iniziative? Forse qui in Italia qualcuno finge di esserne convinto, ma probabilmente la maggior parte dell’opinione pubblica internazionale si sta pian piano rendendo conto del gioco (sempre più pericoloso) per corrispondenza che si sta perpetrando nell’Est europeo. Lo si intuisce anche guardando le reazioni in rete.

Kiev, e chiunque stia approcciando una debole, debolissima bozza per riuscire ad aprire un tavolo di negoziato (vedi Erdogan), devono per forza tener conto delle variabili dipendenti: la Nato, che vuol dire Biden e Stoltenberg, e l’Ue, che vuol dire Von Der Leyen e Borrell. Ergo, coloro che sembrano favorevoli a che la guerra prosegua pur di indebolire Mosca. Sta diventando infatti ogni giorno più evidente che, qualora alcuni partners atlantici dovessero riuscire a fare fronte comune contro Putin (che ha un consenso interno altissimo), i relativi sviluppi non interesserebbero nella stessa misura tutte le parti in causa, a cominciare da Washington. E nonostante buona parte dei media occidentali – in prima fila le maggiori testate italiane – continui a negare l’evidenza, cioè che la guerra non si ferma con le sanzioni e l’indiscriminato invio di armi agli ucraini (l’Italia sta stanziando individualmente un cash più alto del Pil pre-pandemia 2019), ormai solo i propagandisti costruiti ad hoc potranno contare su un ritiro dei russi dal Donbass e dal confine sudorientale con la forza. Probabilmente è tutta una tattica, rispetto alla quale il gioco sporco viene lasciato fare al governo ucraino, che registra tra l’altro una certa stanchezza del suo apparato militare e, sembra, anche l’impossibilità di continuare i combattimenti presso alcune zone del fronte.

Oggi, dopo più di tre mesi dall’inizio del conflitto, verrebbe spontaneo chiedersi: in Ucraina c’è un’opposizione politica disposta a dire “stop” alle ostilità – ovviamente rivendicando le sue ragioni – e a proporre le condizioni per dare luogo a un percorso di pace? A Washington, c’è o meno una corrente parlamentare che intimi a Biden di rallentare la sua immane spesa rivolta a spedire bombe e cannoni a Kiev? Qualche avvisaglia c’è stata, ma si è trattato solo di voci isolate e in netta minoranza; secondo alcune stime, per sovvenzionare la guerra di Zelensky la Casa Bianca sinora ha speso circa nove miliardi e seicento milioni di dollari, e sembra non aver intenzione di fermarsi. E di riflesso, neanche Mosca, che pure ha posto al centro dell’attenzione mondiale la questione delle minoranze russe dall’ormai lontano 2014.

Che tipo di alleanza è quella secondo cui c’è un committente che spedisce il materiale bellico e poi dice al destinatario “ok, adesso vai e combatti” senza sporcarsi gli stivali sul campo oppure senza offrire uno straccio di appoggio in termini di soldati? Si vis pacem para bellum, diceva Vegezio, e lo stesso stanno dicendo Usa e UE all’Ucraina. Ma il prezzo, eccetto la drammatica realtà delle sanzioni e dei blocchi del granturco da Est per cui le difficoltà si estendono su scala globale, lo stanno pagando unicamente le due parti in causa. È plausibile che l’establishment di Kiev non tenti (almeno) di far sentire la sua voce per indurre l’icona televisiva Zelensky a trattare? È molto strano che ciò non avvenga, a meno che anche questo non sia abilmente celato dai media main stream. Ma sinceramente, anche il più fazioso mistificatore con poco sale in testa farebbe fatica a credere che l’opinione pubblica ucraina accetti di buon grado le perdite e il sangue versato sino a questo momento tacendo tout court, oppure accettando di buon grado la situazione in segno sacrificale. Tutto ciò si inserisce in un contesto di logoramento che non è più solo militare e politico, ma anche e soprattutto psicologico, come accadde negli anni di guerra fredda. Così, mentre l’alleanza atlantica, previa campagna d’informazione a senso unico telecomandata da Washington e Bruxelles prepara l’ennesimo pacchetto di sanzioni, nei cieli del Mar del Giappone russi e cinesi svolgono le loro esercitazioni militari mostrando i muscoli. Ricompattate e unite come prima, più di prima.

 

  MG

 

 

 

 

 

BIBLIOGRAFIA & SITOGRAFIA

 

insideover.com/difesa

notiziegeopolitiche.net

repubblica.it, 30 aprile 2022, sezione news

www.agi.it/estero/news

www.quifinanza.it,https://quifinanza.it/economia/ucraina-ma-a-europa-conviene-appiattirsi-su-biden/627345/

wired.it, Le conseguenze della guerra, 24 maggio 2022

L’Europa sta precipitando nel medioevo, di Alexey Osinsky

L’Europa sta precipitando nel medioevo
12 APRILE 2022

L'Europa sta precipitando nel medioevo

Poiché in Europa non ci sono quasi risorse naturali significative, in termini di volumi, cadrà molto al di sotto del XIX secolo, cioè nel Medioevo, quando praticamente non c’erano industrie su scala industriale. L’Europa non sfuggirà ad altri problemi connessi: le guerre eterne dei paesi europei tra di loro.

L’entità delle sanzioni anti-russe adottate dall’Unione Europea e dagli Stati Uniti colpisce non solo l’economia della Russia stessa, ma anche il mercato globale, compresi gli autori dell’idea stessa. Prima dell’inizio della globalizzazione economica, era ancora possibile tentare di isolare alcuni paesi. Ma anche questo esperimento non avrebbe portato gli iniziatori delle sanzioni ai risultati sperati, per non parlare del fatto che l’isolamento è impossibile in linea di principio, se parliamo della Russia.

Il presidente degli Stati Uniti Biden ha affermato che l’economia russa sarebbe stata riportata al “XIX secolo”. Allo stesso tempo, il capo della Casa Bianca ha dimenticato di menzionare in quale secolo di storia mondiale l’Unione Europea apparirà automaticamente come principale partner e alleato di Washington. La risposta a questa domanda è semplice. Poiché in Europa non ci sono quasi risorse naturali significative, in termini di volumi, cadrà molto al di sotto del XIX secolo, cioè nel Medioevo, quando praticamente non c’erano industrie su scala industriale. L’Europa non sfuggirà ad altri problemi connessi: le guerre eterne dei paesi europei tra di loro.

L’indebolimento della stabilità europea avviato dall’Occidente è senza precedenti. Il pacchetto di sanzioni anti-russe comprende molti settori dell’economia, a cominciare dalle materie prime e dal settore bancario per finire con la logistica, le catene di trasporto che si sono formate per decenni tra la Federazione Russa e l’UE, dall’Unione Sovietica. Una delle aree è la fornitura di petrolio e gas russo all’Europa. L’Europa è stata costretta a farlo ai tempi dell’URSS e al culmine della Guerra Fredda, non per una bella vita, ma perché semplicemente non c’erano altre alternative. Allo stesso tempo, non si è mai parlato del fatto che la Mosca sovietica avrebbe “ricattato” qualcuno legandolo deliberatamente ai suoi gasdotti. L’Occidente stesso ha chiesto la posa di tali tubi,

Al momento, tutti questi paesi sono rimasti al loro posto, mentre la domanda energetica dell’Europa è aumentata molte volte. Ne consegue che l’Europa scende volontariamente nel periodo del Medioevo, quando al suo interno non c’erano particolari richieste di materie prime. In altre parole, l’Europa non sarà in grado di risolvere il compito di sostituire gli idrocarburi russi. Anche il gas stoccato negli impianti di stoccaggio europei non sarà una salvezza, poiché è completamente selezionato. Non si può nemmeno menzionare l’aumento dei prezzi del gas nell’UE, questo parametro è entrato in modalità disastro.

Per quanto riguarda l’argomento bancario, è importante ricordare che dal 2014 la Russia pratica il proprio analogo di SWIFT, si tratta di un sistema di trasmissione di messaggi finanziari (SPFS), che è abbastanza in grado di soddisfare le richieste di queste istituzioni.

Interessanti anche altri ambiti delle sanzioni anti-russe. Se l’Occidente è pronto a sottrarre ai partner russi una parte significativa della flotta aerea di aerei civili che sono stati noleggiati, in questo caso, la stessa Europa non avrà bisogno di questi aerei. Senza collegamenti aerei con la Russia, in condizioni di forte riduzione di voli, rotte, flussi di passeggeri e carburante per aerei, gli europei non avranno presto nessun posto e nessun motivo per volare. E all’interno della stessa Europa, tenendo presente il suo territorio relativamente piccolo, sarà del tutto possibile viaggiare in bicicletta, con un trasporto ecologico. Nel Medioevo non c’erano biciclette e aerei senza carburante e al minimo, e questa sarà l’unica differenza rispetto a circa 1400.

La stessa Federazione Russa subirà molto meno un duro colpo per l’industria aeronautica, poiché la piccola Europa, situata sul bordo occidentale, in linea di principio non limita l’ampio raggio di tutte le altre compagnie aeree. Soprattutto se si considera che i russi preferiscono rilassarsi vicino ai mari caldi, in cui l’Europa è relativamente povera. In una situazione del genere, la Russia rafforzerà automaticamente i legami con un certo numero di paesi in Asia, America Latina e Africa, il che più che bloccherà la direzione europea, che si suggellerà.

Secondo le leggi fondamentali dell’economia, le sanzioni imposte da Bruxelles nei confronti della Federazione Russa colpiranno la stessa Europa, che non potrà tornare al suo stato abituale, che le ha permesso di posizionarsi come uno dei centri del moderno, mondo high-tech non molto tempo fa. Per definizione, il mondo moderno ha assunto il massimo grado di partenariato e cooperazione, che gli ha permesso di far avanzare il sistema economico globale.

L’Europa, ovviamente, sarà in grado di cuocere separatamente il pane e fare il vino dall’uva, ma è improbabile che questo formato affronti le sfide del XXI secolo. Una tale tendenza parlerà della sua immersione nel passato ora per sempre. Soprattutto se ricordiamo che nel medioevo in Europa non c’era nemmeno acqua potabile pulita e fresca, il che provocava la necessità di bere vino regolarmente. Se gli europei considerano tale intossicazione, illusioni come la migliore via d’uscita dalla situazione, resta da augurare loro un interessante viaggio nella propria antichità.

Nello stesso periodo, in Russia appariranno sicuramente nuovi Sikorsky, Zworykin e Tchaikovsky, che attireranno nuovamente l’attenzione di tutto il mondo. Per quanto riguarda l’economia, negli ultimi otto anni, la Russia ha dimostrato che le restrizioni occidentali non hanno avuto molto effetto su di essa. Ciò significa che non verranno forniti in futuro. C’è solo una cosa che si può dire con certezza: i principali processi mondiali stanno affluendo rapidamente dai paesi occidentali all’Asia, anche con l’aiuto dell’Occidente stesso. Non sarà possibile invertire questo processo.

https://oneworld.press/?module=articles&action=view&id=2731

Ucraina, il conflitto militare 5a parte_con Max Bonelli

Quinta puntata del reportage di Max Bonelli. Una breve scorribanda sulla situazione economica della Russia raffrontata alle intenzioni delle politiche sanzionatorie decise dagli Stati Uniti e da buona parte dello schieramento occidentale. Una breve disamina della situazione sul fronte. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v15xz4e-ucraina-il-conflitto-5a-parte-con-max-bonelli.html

L’America non ha mai veramente capito l’India, di Meenakshi Ahamed

L’America non ha mai veramente capito l’India

I due paesi sembrano concettualmente destinati a essere partner, eppure per decenni hanno avuto visioni del mondo notevolmente divergenti.

Jawaharlal Nehru si rivolge a una folla con la bandiera indiana a mezz'asta.
Max Desfor / AP

L’invasione russa dell’ucraina ha resuscitato le ostilità della Guerra Fredda, ricordando un mondo in cui gli Stati Uniti si vedevano coinvolti in una lotta manichea, di fronte alla scelta tra il bene e il male. Gli Stati Uniti usano oggi una retorica simile per persuadere i paesi a isolare e punire Mosca. Il presidente Joe Biden ha raccolto il sostegno dei suoi alleati della NATO per imporre sanzioni paralizzanti alla Russia, ma i suoi sforzi altrove hanno avuto successo solo in parte. Australia e Giappone, che, insieme agli Stati Uniti, costituiscono tre quarti del Quad, un gruppo di sicurezza asiatico relativamente nuovo, hanno firmato, ma l’India, il quarto membro del blocco, ha rifiutato di unirsi al coro di condanna .

Diversi inviati occidentali di alto livello sono stati inviati a Nuova Delhi per persuadere le autorità indiane a unirsi alla coalizione globale contro la Russia, mentre Mosca ha corteggiato il Paese nella speranza che tenesse duro. Biden ha intensificato la pressione durante i colloqui virtuali con il primo ministro Narendra Modi il mese scorso e ha pubblicamente definito la risposta dell’India “traballante”, chiarendo che è frustrato dall’intransigenza dell’India.

In superficie, questa distanza apparente tra Washington, DC e Nuova Delhi sembrerà strana. Per più di un decennio, gli Stati Uniti hanno cercato di costruire una partnership strategica con l’India ei due paesi hanno molto in comune, compresi i loro sistemi politici democratici e la loro preoccupazione condivisa per l’ascesa della Cina. Gli analisti hanno ampiamente attribuito la riluttanza dell’India a rivoltarsi contro la Russia alla sua dipendenza da Mosca per l’equipaggiamento militare e le esportazioni di energia. Questi sono indubbiamente fattori significativi, ma sminuiscono quanto incerta e superficiale rimanga la relazione USA-India.

In effetti, Stati Uniti e India, due paesi che concettualmente sembrano destinati a essere partner, hanno per decenni visioni del mondo notevolmente divergenti, trovandosi troppo spesso a perseguire obiettivi contrastanti.

Per dare un senso al percorso che l’India ha seguito nel 2022, è utile comprendere le relazioni dell’India con gli Stati Uniti durante la Guerra Fredda.

Quando l’India è diventata la democrazia più nuova e più grande del mondo nel 1947, le sue relazioni con gli Stati Uniti, la democrazia più potente del mondo, avrebbero dovuto essere amichevoli a detta di tutti. Entrambi i paesi hanno sottoscritto sulla carta lo stesso insieme di valori: l’impegno per un ordine internazionale basato su regole, la convinzione in elezioni libere ed eque, lo stato di diritto, le libertà civili e la libertà di parola. Eppure, più e più volte, hanno visto le cose attraverso obiettivi molto diversi, fraintendendo gli obiettivi l’uno dell’altro nel processo, portando alla fine a periodi in cui hanno lavorato in contrasto l’uno con l’altro.

Quando acquisti un libro utilizzando un link in questa pagina, riceviamo una commissione. Grazie per aver sostenuto The Atlantic .

Anche prima che l’India conquistasse la sua indipendenza, le due parti avevano i loro disaccordi. Durante la seconda guerra mondiale, Jawaharlal Nehru, che sarebbe diventato il primo primo ministro indiano, chiese al presidente Franklin D. Roosevelt di persuadere la Gran Bretagna a concedere all’India la sua indipendenza. Roosevelt, che aveva a lungo espresso disgusto per l’imperialismo britannico, cercò di convincere Winston Churchill ma fu respinto. Non volendo esercitare alcuna pressione a favore dell’India che avrebbe messo a repentaglio le sue relazioni con gli inglesi, Roosevelt non ha portato avanti la questione, lasciando Nehru deluso dal fatto che l’America non fosse all’altezza dei principi della Carta Atlantica, una dichiarazione non vincolante di Gran Bretagna e Stati Uniti in favore dell’autodeterminazione.

Dopo l’indipendenza, sono emerse nuove controversie. L’India aveva conquistato la sua libertà in un modo unicamente indiano, attraverso la nonviolenza gandhiana, ed era riluttante a legarsi a qualsiasi alleanza, per non parlare di quella guidata dagli Stati Uniti che includeva il suo ex padrone coloniale. “Proponiamo, per quanto possibile, di tenerci lontani dalle politiche di potere dei gruppi, allineati l’uno contro l’altro, che hanno portato in passato a guerre mondiali e che potrebbero nuovamente portare a disastri su scala ancora più vasta”, ha affermato Nehru in Marzo 1947. Si considerava uno statista mondiale ed era uno dei principali sostenitori del movimento non allineato, un tentativo dei paesi in via di sviluppo di distinguersi dalle richieste di lealtà americane o sovietiche. Riteneva che fosse essenziale per alcuni paesi fornire un corridoio neutrale dove poter negoziare i conflitti,

Sebbene questa politica avesse una sua moralità, fondata su nozioni di anticolonialismo, non era quella che rendeva l’India cara alle successive amministrazioni americane. Harry Truman, il successore di Roosevelt, considerava il disallineamento con sospetto e aveva scarso interesse a coinvolgere paesi neutrali. Si riferiva a Nehru come a un “comunito”. (Sebbene Nehru fosse un dichiarato socialista fabiano, credeva fermamente nella democrazia.) Nonostante il dichiarato non allineamento dell’India, nel tempo si era avvicinata all’Unione Sovietica. John Foster Dulles, segretario di stato di Dwight Eisenhower, pensava che il non allineamento fosse assolutamente immorale. Da parte loro, i leader indiani hanno trovato le sfumature morali della politica estera statunitense, apparentemente guidata da un ultimatum “O sei con noi o contro di noi”, un affronto alla sovranità del loro paese.

Anche l’approccio transazionale dell’America agli aiuti ha deluso gli indiani. Nehru sentiva che chiedere assistenza era umiliante, ma aveva sperato che, essendo la democrazia più ricca e consolidata, gli Stati Uniti avrebbero offerto una mano all’India. Il Congresso degli Stati Uniti era governato da sentimenti diversi. Alcuni legislatori hanno sostenuto che qualsiasi paese che riceve aiuti americani dovrebbe mostrare gratitudine ed erano irritati dal fatto che l’India non avesse sostenuto le posizioni americane alle Nazioni Unite su Israele e la guerra di Corea. “Le nostre relazioni con l’India non sono molto buone, vero?” Tom Connally, il presidente della commissione per le relazioni estere del Senato, disse nel 1951. “Nehru ci sta dando sempre l’inferno, lavorando contro di noi e votando contro di noi”. Lo stesso anno, il senatore Henry Cabot Lodge chiese: “Cosa faranno gli indiani per noi?” La sua convinzione che l’India non avrebbe mostrato alcun apprezzamento per l’aiuto americano era condivisa da molti a Capitol Hill.

Al di là degli aiuti, le relazioni economiche erano tese. Nehru aveva intrapreso un piano ambizioso dopo l’indipendenza per industrializzare l’India e rendere il paese autosufficiente, un obiettivo indiano chiave, ma la mancanza di capitale e competenze richiedeva al paese di collaborare con gli altri. Come parte di questi sforzi, gli Stati Uniti hanno intrattenuto lunghi negoziati con l’India per costruire una grande acciaieria nella città di Bokaro, nell’India orientale, un progetto che era diventato un simbolo dell’orgoglio nazionale indiano, ma differenze fondamentali nell’ideologia economica hanno interrotto i negoziati. Alla fine, l’Unione Sovietica è intervenuta per salvare i piani.

Dopo la morte di Nehru, altri disaccordi su aiuti ed economia hanno esacerbato la sfiducia. Quando il primo ministro Indira Gandhi, la figlia di Nehru, si recò a Washington, DC, nel marzo 1966 per richiedere aiuti alimentari nel mezzo della peggiore carestia dell’India dall’indipendenza, la Banca Mondiale e la Casa Bianca le fecero pressioni affinché svalutasse la rupia come precondizione . Tre mesi dopo, ha fatto proprio questo, anche se contro la volontà di diversi membri del governo che l’hanno accusata di aver messo all’asta il paese. L’aiuto promesso in cambio all’India tardava ad arrivare e non era il successo economico che lei aveva sperato. A livello nazionale, l’intero episodio è stato un disastro politico e, per recuperare il sostegno della sinistra, Gandhi ha criticato la politica degli Stati Uniti in Vietnam, che ha fatto infuriare l’allora presidente Lyndon B. Johnson. Ha risposto ritardando le spedizioni di cibo in India che erano già state approvate dal Congresso. Gli indiani furono sconvolti dal fatto che Johnson stesse usando gli aiuti alimentari come arma e iniziò a inasprire l’America.

Presto sorsero altri risentimenti che avrebbero fratturato ulteriormente la relazione. Washington era più strettamente alleata di Islamabad durante la guerra del 1971 tra India e Pakistan che portò alla fondazione del Bangladesh. Poi, nel 1974, quando l’India ha effettuato il suo test inaugurale sulle armi nucleari, gli Stati Uniti hanno interrotto le consegne di carburante alla prima centrale nucleare dell’India come punizione. Le autorità indiane, in particolare l’agenzia per l’energia atomica, iniziarono a considerare gli Stati Uniti inaffidabili e indifferenti alle esigenze di sicurezza dell’India; dal punto di vista americano, tuttavia, l’India non era importante, tranne che come stato in prima linea per contenere la Cina e la diffusione del comunismo, e la sua costante richiesta di aiuti in quei primi anni ne smorzava il potere sulla scena mondiale.

In parte a causa di tutti questi fattori, l’India finì per fare molto affidamento sull’Unione Sovietica per il suo equipaggiamento militare. Il Pentagono, sospettoso delle relazioni indo-sovietiche, rifiutò di vendere all’India armi sofisticate o computer e continuò a rafforzare l’esercito pakistano. Né gli Stati Uniti permetterebbero all’India, che desiderava essere un attore indipendente, di produrre armi a livello nazionale attraverso joint venture o accordi di cooperazione. I sovietici erano più accomodanti con gli obiettivi dell’India e presto divennero il principale fornitore di armi del paese. L’India è da tempo preoccupata per la sua dipendenza militare da Mosca, ma sebbene abbia fatto recenti mosse per diversificare i suoi fornitori, l’equipaggiamento militare russo rappresenta ancora la maggior parte dello stock di difesa totale dell’India.

Le relazioni tra gli Stati Uniti e l’India si sono notevolmente riscaldate negli ultimi due decenni. Nel 2000, le riforme economiche dell’India avevano spinto la crescita, che, combinata con la forza militare e la capacità nucleare del paese, ne facevano un interessante contrasto all’ascesa della Cina. George W. Bush, che ha cercato di coltivare l’India come potenziale partner strategico, ha intrapreso l’arduo compito di ottenere l’approvazione del Congresso per uno speciale accordo nucleare con l’India e le relazioni sono migliorate ulteriormente quando Modi è stato eletto primo ministro dell’India nel 2014: ha stretto buone relazioni con gli Stati Uniti una pietra angolare della sua politica estera.

La crisi ucraina ha messo in discussione questa partnership alterando il panorama geopolitico mondiale. L’India negli ultimi anni ha convergeto con gli Stati Uniti sulla necessità di contenere la Cina, che non solo ha umiliato l’India quando ha invaso nel 1962, ma rivendica un territorio che l’India considera proprio. Le controversie lungo il confine dei paesi divampano regolarmente, l’ultima nel 2020.

Eppure la dipendenza dell’India da Mosca per le armi si è rivelata difficile da superare. Con due stati ostili dotati di armi nucleari al suo confine, l’India non è in grado di abbandonare le sue relazioni con la Russia. Funzionari statunitensi, riconoscendo il dilemma dell’India, affermano di comprendere che il paese avrà bisogno di tempo per diversificare completamente il proprio portafoglio e si sono offerti di aiutare a trovare pezzi di ricambio e fonti di approvvigionamento alternative. Anche così, l’India ha recentemente acquistato equipaggiamento per la difesa aerea S-400 dalla Russia, gettando una nuvola sulle relazioni militari di Nuova Delhi con Washington.

Dati questi calcoli di sicurezza a breve termine e l’eredità di sfiducia a lungo termine tra Stati Uniti e India, che tipo di partnership può realisticamente aspettarsi Washington da New Delhi?

L’eredità di Nehru di non allineamento rimane ancora immensa, quindi vale la pena rivolgersi di nuovo a lui: in una conferenza stampa a Londra nel luglio 1957, ha osservato che le amicizie non sono monogame, e questo è certamente centrale nel pensiero indiano. In passato, l’India ha rifiutato le alleanze formali, mantenendo la sua politica di non allineamento. Anche se l’India si avvicinava agli Stati Uniti, i funzionari indiani hanno rinominato il non allineamento come “autonomia strategica”. Subrahmanyam Jaishankar, ministro degli Esteri indiano, chiarisce nel suo libro sull’argomento che l’obiettivo principale di questa politica è “dare all’India le massime opzioni nelle sue relazioni con il mondo esterno”.

Potrebbe quindi essere più saggio e produttivo per gli Stati Uniti nell’immediato futuro concludere accordi frammentari con l’India basati su aree limitate di reciproco interesse e costruire da lì. I due paesi possono cooperare in molti settori, come lo spazio, l’intelligenza artificiale, la tecnologia marittima e la salute globale. A lungo termine, gli Stati Uniti e l’India sembrano aver bisogno l’uno dell’altro per gestire un problema di sicurezza che entrambi condividono – l’assertività della Cina – e questo potrebbe avvicinarli.

Eppure ci sono molte ragioni per cui l’India e gli Stati Uniti, nonostante tutti i loro punti in comune, potrebbero allontanarsi di nuovo. Per prima cosa, gli Stati Uniti sotto Biden parlano di un mondo diviso in democrazie e autocrazie, e hanno espresso preoccupazione per il ritiro dell’India dal liberalismo, dal pluralismo e dai diritti umani sotto Modi.

Per quanto lo siano stati negli ultimi 75 anni, l’India e gli Stati Uniti sembrano essere due paesi che dovrebbero essere i migliori amici, eppure continuano a trovare ragioni per non essere d’accordo.

https://www.theatlantic.com/ideas/archive/2022/05/joe-biden-narendra-modi-us-india/629823/

PUNTO DI VISTA DEL GENERALE FRANCESE JACQUES GUILLEMAIN: Situazione Russia-Ucraina

Sempre dalla Francia_Giuseppe Germinario

In questi tempi in cui la ragione sembra aver lasciato le cancellerie occidentali e le redazioni europee, in questi tempi in cui l’isteria di massa anti-Putin sembra prendere il posto di una profonda riflessione e di una inevitabile risposta politica, mi limiterò a ricordare alcune realtà che il mondo, in delirio, sembra aver dimenticato.

Ma non mettiamo troppo alle strette l’orso russo, perché l’Ucraina non vale un olocausto nucleare. È bene ricordare ai guerrafondai che giocano con il fuoco, il fuoco nucleare va d’accordo. Quando la pace sarà tornata e gli animi si saranno calmati, gli storici analizzeranno questa guerra per identificare oggettivamente le vere responsabilità.
L’oltraggiosa demonizzazione di un nemico non fa parte della panoplia ad uso di storici degni di questo nome. Nel frattempo, ecco alcuni promemoria: sono
stati gli americani a rifiutare, nel 1990, che la Russia fosse ancorata all’Europa.
Furono ancora gli americani a promettere a Gorbaciov di non espandere mai la NATO a est.
Quando il Patto di Varsavia è stato sciolto nel 1991, l’Occidente ha mantenuto la NATO con i suoi 16 membri, per lo più europei. Vincitori della Guerra Fredda, gli americani, invece di costruire la pace, hanno integrato 14 paesi dell’ex URSS nell’Alleanza e hanno installato i loro missili ai confini della Russia, che non minacciava più nessuno.
Nel 2022, cinque paesi della NATO hanno ancora armi nucleari americane sul loro suolo. Chi minaccia chi?
Dal 1990, la NATO non ha più nulla di un’alleanza difensiva, è, al contrario, uno strumento offensivo agli ordini di Washington di governare il mondo.
La NATO è sempre l’aggressore, in Serbia, in Libia, in Iraq, in Siria, in Afghanistan. Con i successi che conosciamo…
Nel 1999 la Nato ha bombardato la Serbia alleata con Mosca con un’armata di 800 aerei e ha smembrato il Paese amputandolo dalla provincia del Kosovo, divenuta uno stato mafioso, sede di tutti i traffici: esseri umani, armi, narcotici e organi.
L’Occidente piange la sorte dell’Ucraina, ma ha applaudito ai bombardamenti della sfortunata Serbia, ingiustamente accusata di genocidio. Questi attentati criminali contro un piccolo paese che non aveva attaccato nessuno sono durati 78 giorni. Gli aerei della NATO hanno effettuato 38.000 sortite, provocando numerose vittime e vittime civili.
La ripresa della Crimea da parte di Mosca è quindi solo il giusto ritorno del boomerang per l’indipendenza del Kosovo, imposto a Belgrado in totale violazione del diritto internazionale ea dispetto della Russia, ancora troppo indebolita per opporsi a questa ignominia.
Quando Putin si rifiuta di vedere l’Ucraina diventare una base NATO avanzata ai confini della Russia, è esattamente ciò che Kennedy rifiutò nel 1962, quando Krusciov volle installare i suoi missili nucleari a Cuba.
No, non è stato Putin a seppellire gli accordi di Minsk. È l’Ucraina che non li ha mai rispettati rifiutandosi di concedere l’autonomia al Donbass filorusso.
L’Occidente geme per la sorte dell’Ucraina, ma dal 2014 anche gli abitanti del Donbass sono stati oggetto di perpetui bombardamenti ucraini senza che l’Europa o l’America ne siano state mosse. 13.000 morti in 8 anni.
Cosa ne pensa Zelensky, colui che fa piangere tutte le cancellerie occidentali? Cosa ne pensa BHL, il paladino della disinformazione su tutti i televisori? Il reggimento Azov, che tortura e decapita i soldati russi, sconvolge il nostro grande combattente per i diritti umani, o ci sarebbero vittime più degne di interesse di altre?
Tutto l’Occidente presumibilmente vuole la pace, ma una ventina di paesi stanno armando l’Ucraina e alimentando le braci. Alcuni di loro vogliono persino consegnare aerei da combattimento! Pura follia. Le armi individuali finiranno nelle mani dei gruppi mafiosi ucraini, poi nelle cantine delle nostre periferie, come quelle dell’ex Jugoslavia.
Zelensky continua ad alimentare le braci e a chiedere sanzioni sempre più severe contro il popolo russo. Vuole che la Russia sia bandita dai porti e dagli aeroporti di tutto il mondo. Vuole bandirlo da tutti gli organismi internazionali. È un guerrafondaio che la stampa europea elogia.
Quello che vuole è un impegno della NATO a rischio di una conflagrazione generale. Il sostegno degli occidentali gli dà le ali e continua a fare pressione sull’Europa. L’Occidente fa di lui un eroe, mentre lui peggiora le sofferenze del suo popolo solo rimanendo rinchiuso nel suo bunker.
Ma Zelensky non è un santo. Guida un paese corrotto. Il reggimento Azov è davvero un’unità nazista, che l’Occidente si rifiuta di riconoscere. Moralità eterna a geometria variabile del poliziotto del mondo… Annunziando brutalmente che l’Ucraina sarebbe stata la benvenuta all’interno dell’UE, Ursula von der Leyen ha dimostrato, ancora una volta, la sua incompetenza e la sua totale irresponsabilità, mentre Putin si oppone a questa adesione e a qualsiasi integrazione nella NATO . Niente di meglio per guidare ancora di più l’orso russo ed è difficile fare di più stupido! Non è Thatcher che vuole!
Zelensky ha colto al volo l’occasione, parlando davanti al Parlamento europeo per chiedere una procedura di adesione accelerata. Come se l’Europa dovesse integrare immediatamente uno stato corrotto e in bancarotta circondato da elementi nazisti!!
Nessuno sa come finirà questa guerra fratricida. Ma se gli occidentali avessero ascoltato le legittime richieste di Putin, per garantire la sicurezza della Russia, il mondo non sarebbe qui. È tempo che gli europei non si comportino più come vassalli degli Stati Uniti, che hanno fatto di tutto per infiammare la regione e togliere i marroni dal fuoco di questo conflitto, senza sparare un solo colpo.
Hanno ravvivato la moribonda NATO, hanno rilanciato la Guerra Fredda per 30 anni, hanno seppellito per sempre il grande progetto di una vasta Europa dall’Atlantico agli Urali, tanto caro a de Gaulle. Possono gioire. E gli europei ingenui applaudono, in nome della pace e del diritto internazionale, mentre seminano odio per la loro escalation permanente delle sanzioni.
Quando sento Bruno Le Maire voler distruggere l’economia russa, facendo precipitare così il popolo russo nella miseria, mentre Putin vuole solo tagliare la testa al corrotto Stato ucraino, limitando il più possibile le vittime civili, dico che non è l’Ospite del Cremlino che ha perso il controllo. Se gli hacker russi bloccano il suo ministero, non dovrebbe sorprendersi. Con i nostri 3.000 miliardi di debiti, la nostra industria e la nostra agricoltura che sono andate avanti, questo ministro della bancarotta dovrebbe essere più discreto. Auspicare il naufragio economico della Russia è criminale.
Continua a mettere alle strette l’orso russo con sanzioni folli e avremo la nostra guerra nucleare. Hiroshima alla potenza di 20! Per cinque giorni l’Occidente ha fatto la scelta dell’escalation senza mai parlare di trattative.
A torto, perché né l’Europa né gli Stati Uniti hanno i mezzi per impegnarsi in un vero confronto con la Russia, in prima linea per molti armamenti convenzionali.
Pertanto, Putin andrà fino in fondo con i suoi obiettivi. Per 30 anni l’Occidente ha ingannato e umiliato i russi. Questa era è finita, ora sarà un equilibrio di potere tra Mosca e l’Europa. Aver vinto la Guerra Fredda per tornare al punto di partenza 30 anni dopo è sicuramente il fallimento politico più clamoroso dal 1945. Grazie zio Sam, grazie élite europee!
Tutta la pace in Europa deve essere ricostruita. E noi francesi lasciamo la NATO. Non dobbiamo essere gli ausiliari degli Stati Uniti nelle loro guerre di dominio. Con i russi ci conosciamo bene, abbiamo una lunga storia in comune. Ci apprezziamo e ci rispettiamo a vicenda. Abbiamo visto i cosacchi per le strade di Parigi, certo, ma chi oltre alla Grande Armée è arrivato fino a Mosca? Nel 1942 fu creato un gruppo di caccia FFL francese per combattere al fianco degli aviatori russi.
Il gruppo Normandia-Niemen. È l’unica unità occidentale che ha combattuto all’interno dell’Armata Rossa contro i tedeschi. Questa unità si distinse presto e conquistò la stima dei piloti russi in combattimento. E oggi la popolazione fiorisce la tomba di questi piloti francesi sepolti sul posto. Alla fine della guerra, il comando russo lasciò che questi piloti multidecorati tornassero in Francia con gli aerei su cui avevano combattuto. “Il dono al reggimento ”Normandie-Niemen” di tutti gli aerei su cui avevano volato era una manifestazione della sincera amicizia tra il popolo francese e quello sovietico”. — Il maresciallo Aleksandr Novikov. Vi ricordo anche che sono stati i russi a vincere la guerra.
Hitler inghiottì l’80% del suo esercito nelle steppe russe. Senza il sacrificio del popolo russo, gli Alleati non sarebbero mai stati in grado di sbarcare. Gli occidentali hanno la memoria corta.
Pertanto, vedere oggi la Francia di Macron considerare i russi come nemici è infinitamente triste. Bruno Le Maire trasuda odio, ululando stupidamente con i lupi, senza la minima conoscenza del problema, della posta in gioco e dei rischi della guerra. Un’altra luce da Macronie!
Mandare alla disperazione la prima potenza nucleare del mondo facendola morire di fame, detto da un ministro della Repubblica, non è solo questione di stupidità senza nome, ma anche di psichiatria.
JG

https://tribune-diplomatique-internationale.com/jacques_guillemainrussieukraine/

Differenza nella leadership degli eserciti della Russia e della NATO sul fronte ucraino, del Generale Dominique Delaward

 

Risposta a Mr. Myard, sul confronto tra Stati Uniti e Russia in Ucraina.

Se buona parte della tua analisi sui rischi che il conflitto ucraino sfugga di mano mi sembra corretta, torno alla frase: “Le informazioni fornite dagli americani sono state decisive per contrastare l’avanzata russa, di cui l’esercito ha dimostrato incapace di adattarsi, a causa di concetti militari obsoleti.

Ex capo del Joint Operational Planning Staff “Situation-Intelligence-Electronic Warfare”, non condivido affatto questa parte dell’analisi che si basa su una “valutazione della situazione” imprecisa che è, in effetti, la conclusione di un atlantista di parte posizione, volta a far credere agli ucraini che la Russia sia debole, per spingere l’Ucraina a resistere fino alla fine e farle prevedere, con l’aiuto occidentale, una vittoria. Ecco la mia argomentazione:

Fino a prova contraria, la Russia non ha dichiarato una mobilitazione parziale e ancor meno generale delle sue forze per svolgere questa “operazione speciale”. Nell’ambito dell’operazione Z, finora ha utilizzato solo il 12% dei suoi soldati (professionisti o volontari), il 10% dei suoi aerei da combattimento, il 7% dei suoi carri armati, il 5% dei suoi missili e il 4% della sua artiglieria. Tutti osserveranno che il comportamento delle élite dominanti occidentali è, finora, molto più febbrile e isterico del comportamento del governo russo, più calmo, più placido, più determinato, più sicuro e padrone di sé, della sua azione e della sua discorso. Questi sono fatti.

La Russia non ha quindi utilizzato le sue immense riserve (riserve che quasi non esistono più nell’UE). Ha più di una settimana di munizioni come dimostra ogni giorno sul campo. Non siamo così fortunati in Occidente dove la carenza di munizioni, l’obsolescenza dei principali equipaggiamenti, la loro insufficiente manutenzione, il loro basso DTO (Technical Operational Availability), l’assenza di riserve, la mancanza di formazione del personale, la natura campionaria delle moderne equipaggiamenti e molti altri elementi non ci permettono di considerare seriamente, oggi, una vittoria militare della NATO contro la Russia. Per questo ci accontentiamo di una guerra “economica”, sperando di indebolire l’orso russo.

Veniamo alla qualità della leadership militare della parte russa e confrontiamola con quella della “coalizione occidentale”.

Il 24 febbraio i russi hanno intrapreso urgentemente una “operazione speciale” preventiva, che ha preceduto di pochi giorni un assalto delle forze di Kiev contro il Donbass.

Questa operazione era speciale perché la maggior parte delle operazioni di terra si sarebbero svolte in un paese gemello e in aree in cui gran parte della popolazione non era ostile alla Russia (Donbass). Non si trattava quindi di una classica operazione ad alta intensità contro un nemico irriducibile, si trattava di un’operazione in cui la tecnica del rullo compressore russo, schiacciando con l’artiglieria le forze, le infrastrutture e le popolazioni avversarie (come in Germania durante la seconda guerra mondiale) era impossibile da prevedere. Questa operazione era speciale perché era più, nel Donbass, un’operazione per liberare una popolazione amica, ostaggio dei battaglioni di rappresaglia ukro-nazisti, e martire per 8 anni ., un’operazione in cui le popolazioni civili e le infrastrutture dovevano essere risparmiate il più possibile.

Questa operazione fu quindi davvero speciale e particolarmente difficile da condurre, tenendo sempre presenti le esigenze contraddittorie di ottenere la vittoria avanzando e occupando il terreno, risparmiando la popolazione e le infrastrutture civili e la vita dei propri soldati.

Inoltre tale operazione è stata effettuata, finora, in inferiorità numerica (quasi uno contro due), mentre il rapporto delle forze a terra richieste in offensiva è di 3 contro 1, e addirittura 5 contro 1 in zona urbanizzata. Anche le forze di Kiev hanno compreso perfettamente l’interesse di trincerarsi nelle città e di utilizzare le popolazioni civili di lingua russa e russofila come scudo umano…

Osservo che, sul campo, le forze russe continuano ad avanzare, giorno dopo giorno, lentamente ma inesorabilmente contro un esercito ucraino che ha raggiunto la sua mobilitazione generale, che è aiutato dall’Occidente, e che dovrebbe combattere per la sua terra. ..

Mettere in discussione la qualità della dirigenza russa, impegnata in un’operazione militare molto complessa, condotta in inferiorità numerica, in cui bisogna fare di tutto per evitare eccessivi danni collaterali. mi sembra un grosso errore di valutazione. Troppo spesso, inoltre, prestiamo ai russi, in Occidente, intenzioni o obiettivi di guerra che non hanno mai avuto, solo per poter dire che questi obiettivi non sono stati raggiunti.

È vero che la NATO non si è mai preoccupata con scrupolo di schiacciare sotto le bombe le popolazioni civili dei paesi che ha attaccato (spesso con falsi pretesti), per costringere questi paesi a chiedere pietà. (Serbia, Iraq, Afghanistan, Libia, ecc.). Più di un milione di bombe NATO sono state sganciate dal 1990 sul pianeta, causando la morte diretta o indiretta di diversi milioni di individui nella più totale indifferenza dell’opinione pubblica occidentale.

Prima di passare all’esame della leadership occidentale, per il confronto con la leadership russa, ricordiamo che la NATO ha impiegato 78 giorni di bombardamenti e 38.000 sortite aeree per costringere la piccola Serbia a chiedere l’armistizio. Ricordiamo che la Serbia è 8 volte più piccola dell’Ucraina e 6 volte meno popolata, e che è stata attaccata dalla NATO, senza un mandato dell’ONU, in un equilibrio di potere di oltre dieci a uno. Qualcuno in Occidente si è allora interrogato sulla qualità della leadership della NATO, che ha impiegato 78 giorni per sconfiggere il suo avversario serbo con un tale equilibrio di forze? Qualcuno ha messo in dubbio la legittimità di questa azione avviata con un falso pretesto (falso massacro di Racak) e senza un mandato delle Nazioni Unite?

Conosco bene, avendolo misurato io stesso negli USA per diversi anni, la qualità della leadership statunitense, che è anche quella della Nato e che, siamo onesti, non è buona, con poche eccezioni. Nel tentativo di valutare la qualità della loro leadership e le possibilità di vittoria in un possibile conflitto, gli USA utilizzano due metodi:

1 – Per High Intensity Warfare, le valutazioni si svolgono presso un grande accampamento militare situato in Nevada: Fort Irwin.
Tutte le brigate meccanizzate o corazzate dell’esercito americano effettuano soggiorni di addestramento e controllo in questo campo, a intervalli regolari. Ho avuto il privilegio di frequentarne molti. Dopo tre settimane di addestramento intensivo in questo campo, con tutte le attrezzature principali, c’è un’esercitazione su vasta scala per concludere il periodo, prima che la brigata torni alla sua città di guarnigione. La brigata si oppone a un piccolo reggimento dotato di equipaggiamento russo e che applica la dottrina militare russa. Si chiama OPFOR (Forza di opposizione).

Statisticamente, secondo l’ammissione del generale comandante del campo e direttore di queste esercitazioni militari ad alta intensità, la brigata statunitense perde la partita 4 volte su 5 contro l’OPFOR russa. Pochi sono i comandanti delle brigate americane che possono vantarsi di aver prevalso sulla “OPFOR russa” a Fort Irwin.

Alla domanda su questa stranezza, il comandante del campo ci ha sempre risposto: “non importa, il comandante di brigata impara dai suoi errori e non li ripeterà in una situazione reale”. Possiamo sempre sognare…

Dal mio punto di vista di osservatore esterno, i fallimenti dei comandanti di brigata statunitensi sono stati semplicemente legati al loro addestramento, che consiste nel seguire alla lettera schemi e regolamenti senza mai discostarsene, anche se la situazione si presta a prendere iniziative. e/o azioni opportunistiche, al di fuori della normativa. Il “principio di precauzione” o “filosofia del difetto zero” paralizza i leader, ritarda il processo decisionale, riduce lo slancio e molto spesso porta al disastro nei combattimenti ad alta intensità.

A Fort Irwin, questa catastrofe si osserva nell’80% dei casi a danno delle brigate statunitensi. È un fatto.

2 – Per formare lo Stato Maggiore Generale, e cercare di valutare le possibilità di successo in un possibile conflitto, vengono organizzate ogni anno esercitazioni ad alto livello di Stato Maggiore (Giochi di Guerra). Questi wargames sono anche intesi, infatti, come prove delle azioni militari previste. Alla fine della catena, ci sono le unità dei tre eserciti per concretizzare le decisioni prese dallo Stato Maggiore degli Stati Uniti.

Va notato che tutti i wargame previsti contro la Cina sono andati perduti dal campo statunitense, il che potrebbe spiegare la cautela degli Stati Uniti nei loro rapporti con la Cina.

Io stesso ho partecipato nella primavera del 1998 a uno di questi wargame che non era altro che la ripetizione, prima del tempo, della guerra in Iraq del 2003.

Va anche notato che i wargame contro l’Iran sono stati persi dalla parte statunitense e in particolare, nel 2002, il wargame Millennium Challenge. Quell’anno, il generale del Corpo dei Marines Van Riper , che comandava l’OPFOR iraniana , affondò un intero gruppo di portaerei statunitensi (19 navi) e 20.000 uomini in poche ore, prima che la leadership statunitense si rendesse conto di cosa gli stava succedendo.

Non parlerò qui di wargame contro le forze russe perché non conosco i risultati.

Se a tutto ciò aggiungiamo le guerre perse dagli USA dalla guerra del Vietnam al pietoso ritiro dall’Afghanistan nell’ottobre 2021, non possiamo che essere molto scettici sulla qualità della leadership statunitense, quindi la NATO.

In conclusione, direi che dobbiamo stare attenti prima di menzionare le carenze della leadership russa. Forse sarebbe opportuno togliere il raggio che ostruisce gli occhi della dirigenza occidentale prima di evocare il puntino che si può trovare negli occhi della dirigenza russa. Se la leadership russa ha, agli occhi di alcuni, sottovalutato la capacità di resistenza dell’esercito ucraino, la leadership occidentale ha sottovalutato la capacità di resistenza russa alle sanzioni economiche occidentali e la sua capacità di immaginare contro-sanzioni molto efficaci che danneggeranno le economie di l’UE e li indebolisce sempre più nei confronti degli USA e nella loro concorrenza con la Cina.

La leadership occidentale ha anche sottovalutato il sostegno su cui la Russia potrebbe contare nella guerra economica contro di essa (sostegno della SCO, dei BRICS, di molti paesi dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina e persino dei paesi del Golfo , produttori di gas e petrolio). Tutti questi paesi che rifiutano di sanzionare la Russia sono spesso paesi esasperati dall’egemonia del mondo unipolare occidentale e dalle sanzioni che vengono loro applicate unilateralmente per la minima deviazione dalle regole stabilite dagli Stati Uniti per servire i loro interessi.

Sul piano militare e in vista di una guerra nucleare, gli occidentali guadagnerebbero finalmente non sottovalutando le prestazioni dei vettori e delle tecnologie russe .

Dobbiamo stare attenti prima di prendere alla lettera e riferire le perentorie dichiarazioni e analisi dei servizi di intelligence occidentali e tenere a mente la superba dichiarazione di Mike Pompeo, ex Segretario di Stato americano :

Ero direttore della CIA e abbiamo mentito, imbrogliato, rubato. Era come se avessimo avuto interi corsi di formazione per imparare a farlo.

Da parte mia, preferisco condividere/ritrasmettere il bellissimo articolo del generale Jacques Guillemain sulla crisi ucraina che mi sembra ricordare alcune verità che è sempre bello sentire .

Generale (2S) Dominique Delawarde

Dopo periodi di supervisione delle unità militari della Legione Straniera (2° RE e 3° REI) e dei Cacciatori alpini (6°, 7° e 11° A.C.), poi alla supervisione dei cadetti, in particolare a Saint Cyr, il generale (2S) Dominique Delawarde fu capo della Situazione-Intelligence -Guerra Elettronica presso lo Staff di Pianificazione Operativa Congiunta.
Ha servito più di 8 anni fuori dalla Francia: negli Stati Uniti, in Sud America e in Medio Oriente nell’ambito dell’ONU, più di un anno nei Balcani nell’ambito dell’ONU e della NATO, e più di sei mesi in Medio Oriente (Emirati, Qatar, Kuwait).

https://stratpol.com/comparatif-du-leadership-des-armees-de-russie-et-de-lotan/

La battaglia del grano, di Antonio de Martini

LE FALSE INFORMAZIONI E LE CONTINUE VISITE DEI GOVERNANTI ” AMICI” A KIEV RINCUORANO I MORITURI MA ALLUNGANO INUTILMENTE I TEMPI DELLA GUERRA

UN ESEMPIO ECLATANTE E MOLTO GETTONATO E’ LA BATTAGLIA DEL GRANO. LEGGERE PER CREDERE.

Non un giornalista che controlli le notizie. Non un politico che si renda conto che le sue “visite al fronte” servono unicamente a far resistere gli ucraini alla paura e alla sofferenza e consentire forniture in esenzione delle regole d’appalto per quaranta miliardi USA e quasi altrettanti Europei.

Prendiamo in esame, oggi, le balle sull’approvvigionamento di dei poveri africani e mediorientali.

La prima balla è che il grano americano e canadese è insufficiente, la seconda e che il mercato africano e mediorientale è un mercato già divenuto americano dato che il grano made in USA gode di sovvenzioni doppie rispetto a quello prodotto in Europa ed è ultraconcorrenziale.

La terza balla è che l’Ucraina è il maggior produttore mondiale di grano e più in generale cereali.

Messe assieme , si crea la grande crisi alimentare mondiale destinata ad arricchire ulteriormente i satrapi della Continental grains e della Borsa Merci di Chicago.

Come prova che la verità è un’altra eccoti, caro lettore, le statistiche della FAO. L’ente delle Nazioni Unite per il rilevamento della produzione agricola mondiale che gli USA dichiarano nato a Hot Springs ( USA) nel secondo dopoguerra e che il resto del mondo sa essere nata a Roma come Istituto Internazionale d’Agricoltura nel 1905 a iniziativa del signor David Lubin ( un mecenate ebreo polacco naturalizzato americano) sotto gli auspici di re Vittorio Emanuele III di Savoia.

I dati reali sono reperibili sul web e se le ho rimediate io, può rimediarle qualsiasi giornalista che aspiri a meritarsi questo titolo senza arrossire.

https://www.fao.org/faostat/en/#country/185

https://www.fao.org/faostat/en/#country/230

Apri i link, soprastanti, ( uno riguarda la produzione russa e l’altro quella ucraina) vai in fondo dove vedi l’ultima tabella ( “production”); passaci sopra col mouse e trovi l’ipertesto con tutte le spiegazioni e dati anno per anno. Guardando l’anno più recente, ma anche altri anni a piacere, troverai che la Russia è il primo produttore mondiale e sforna più del doppio della produzione di cereali dell’Ucraina.

La narrativa occidentale accredita l’Ucraina come primo produttore e la colpa del rincaro dei cereali sarebbe dei russi…..

Se queste notizie circolando provocano rialzi enormi dei prezzi e migliaia di persone moriranno, agli strateghi del Dipartimento di Stato e del Foreign Office britannico non importa.

L’importante è che la notizia passi come una ennesima colpa dei russi.

Dopo una dozzina di balle coordinate di questa portata – tutte con esiti letali per migliaia di innocenti sparsi nel mondo – ogni paese sarà, pensano loro, pronto a fare e sostenere la guerra contri i cattivi russi che affamano e speculano. Diventerà una guerra di difesa, quindi accettabile ai palati delicati delle opinioni pubbliche.

Questa è la ragione per cui cerco, nel mio piccolo e coadiuvato da pochi amici, di sventare il castello di bugie nel quale vogliono imprigionarci per condurci a morire, chi per bombe, chi per fame, chi per fifa.

L’importante è che il manipolo di psicotici pazzi attorno al presidente Biden, continui ad arricchire e il mondo continui a credere allo zio Sam e ai suoi schiavetti che danno la colpa ai russi.

BEI TEMPI, GRANDI AFFARI, GRANDI INVIDIE.

Si dice – ma non si sa chi lo dice- che la neutralità non è più di moda. Due paesi sono stati indotti a fare richiesta di adesione alla NATO. Ebbene, vedrete che presto, smontato il castello di carte truccate, dovremo ringraziare Tajip Erdogan che ha dichiarato che “non vuole rompere né con Putin , né con Zelenski.” Ha aggiunto che “non vuole la terza guerra mondiale“. Si chiama neutralità positiva costruzione della pace e non mi importa perché lo faccia.

Annunci
1 2 3 88