L’abbraccio di DragonBear segnala un’espansione senza precedenti dei legami, di SIMPLICIUS

Putin è arrivato a Pechino per quello che è un incontro epocale:

Non solo si tratta del simbolico primo viaggio all’estero del suo ultimo mandato presidenziale, ma scavando sotto il cofano, scopriamo che c’è ancora più importanza nel viaggio per distinguerlo dalla mera routine.

In primo luogo, Putin ha portato con sé praticamente tutte le figure più importanti del governo russo, in particolare il nuovo ministro della Difesa Belousov, anche se Shoigu è rimasto significativamente al suo fianco:

Ciò ha portato molti esperti ad analizzare il viaggio a un livello più profondo del solito.

Questo thread di un ufficiale di riserva ucraino elenca il seguente entourage:

Inoltre, della delegazione allargata fanno parte importanti rappresentanti del mondo economico e degli oligarchi.

– Oleg Deripaska, oligarca e fondatore di RUSAL

– Igor Sechin, oligarca, amministratore delegato di Rosneft

– Herman Gref, presidente del comitato esecutivo di Sberbank

– Andrey Kostin, Presidente-Presidente della Banca VTB

– Kirill Dmitriev, CEO del Fondo russo per gli investimenti diretti

– Leonid Mikhelson, Presidente di NOVATEK

– Igor Shuvalov, Presidente di VEB.RF

– Alexander Shokhin, Presidente dell’Unione russa degli industriali e degli imprenditori (RSPP)

A questi si aggiungono Lavrov, Peskov, Shoigu, Belousov e altri.

Si tratta di un tutto esaurito e rappresenta la conclusione di importanti accordi. L’ufficiale ucraino è d’accordo:

Un simile elenco di decisori del settore finanziario ed economico suggerisce che questa delegazione non è ordinaria ma piuttosto uno sforzo ambizioso e serio per approfondire la cooperazione economica e finanziaria con la Cina.

Data la presenza del nuovo ministro della Difesa e del direttore del Servizio federale per la cooperazione tecnico-militare, dovremmo anticipare anche le discussioni sulla cooperazione militare-industriale. Questo non dovrebbe essere considerato un evento di routine.

L’ultima volta che Shoigu ha visitato la Corea del Nord, la Russia ha ricevuto milioni di proiettili di artiglieria e missili balistici. Tuttavia, a differenza di quella delegazione, questa è fortemente rappresentata dai settori finanziario ed economico, suggerendo la seria intenzione della Russia di affrontare i problemi economici e finanziari causati dalla guerra.

Leggi non solo il grassetto, ma anche l’ultimo paragrafo sopra.

Ci sono altri indicatori e voci secondo cui la Russia, in particolare, stringerà una sorta di importante partnership legata alla tecnologia dei droni.

L’altro evento più significativo è stato il discorso di Putin davanti al suo consiglio di gabinetto, che ha fatto debuttare Belousov e Shoigu nelle loro nuove posizioni:

Da notare anche la posizione di rilievo del generale Lapin al fianco di Belousov: si dice che Lapin sia il comandante del nuovo distretto di Leningrado, le cui unità, secondo alcuni rapporti, comprendono la maggior parte dei combattenti attivi sul nuovo fronte settentrionale di Kharkov.

Nel discorso, Putin fa un’importante concessione, che si perde un po’ nella traduzione AI di cui sopra. In sostanza, ammette che la Russia, come tutti gli altri nel mondo, non sapeva pienamente cosa stava facendo all’inizio dell’OMS. Molto probabilmente si riferisce principalmente all’anticipazione di alcuni sviluppi dei droni.

“Molte cose non ci erano chiare all’inizio della SMO. Né a noi né a nessuno”.

L’altro punto estremamente importante è duplice. In primo luogo, rafforza le nostre precedenti relazioni secondo cui l’assunzione di Belousov è interamente incentrata sulla gestione dell’integrazione economica russa nei settori civile e della difesa.

Come si può vedere dalla citazione sopra, Putin dà priorità alla salute dell’economia complessiva del Paese . In breve: il compito di Belousov è quello di garantire che le ripercussioni economiche a lungo termine del conflitto militare non incidano negativamente sull’economia generale e sulla vita civile.

Egli sottolinea questo punto menzionando la prossima grande “bomba”: la spesa combinata per la difesa e la sicurezza della Russia si sta già avvicinando al 9% del PIL, mentre quella dell’Unione Sovietica negli anni ’80 era a nord del 13%. Ecco solo quella clip:

Si tratta ovviamente di una cifra sconcertante che attualmente nessun paese al mondo spende. Ciò significa che Putin ha riconosciuto che la Russia sta lentamente scivolando nella zona di pericolo e non si deve risparmiare alcuno sforzo nel coreografare con competenza queste forze economiche. Nessun uomo migliore, a detta di tutti, sembra più adatto a questo di Belousov. Ho visto diversi suoi ex colleghi occidentali ora lodarlo con elogi.

Ecco uno degli esempi più recenti , i cui pensieri molto rivelatori meritano di essere letti; L’economista francese Jacques Sapir:

Andrei Belousov è stato appena nominato Ministro della Difesa. È un appuntamento importante sia per l’uomo che per quello che significa politicamente. #Discussione su questo argomento.

Conosco Andrei Belousov dall’inizio degli anni ’90. All’epoca era un brillante direttore di ricerca presso l’Istituto per le previsioni economiche e partecipò ai primi seminari franco-russi tenutisi a Mosca.

Chiamarlo “liberale” è fuorviante. Era “liberale” nel senso che aveva notato il fallimento della pianificazione centrale sovietica ed era a favore della privatizzazione, ma lo eravamo anche tutti noi al seminario FR!

Nel 1995-1996 rimase scioccato e scandalizzato dalla situazione in Russia e dalla collusione con gli oligarchi, e fu uno di quelli che mi parlò della necessità di una reazione delle “forze sane” se si voleva salvare il Paese.

Era tenuto in grande stima dai due direttori successivi dell’IPE, e in particolare da Victor Ivanter, che fu il vero direttore dell’Istituto dal 1996 fino alla sua morte nel 2019, e che sostenne di essere stato l’unico a comprendere il concetto di PIL.

Ha poi avviato la riforma ROSSTAT e, in questa veste, ho avuto ulteriori opportunità di incontrarlo quando ho preso parte al programma di assistenza INSEE -ROSSTAT. Si è guadagnato rapidamente il rispetto dei nostri colleghi dell’INSEE.

È entrato nell’amministrazione presidenziale alla fine del 2000, quando Putin è stato eletto, ed è diventato rapidamente uno dei suoi consiglieri per l’economia e l’innovazione, mettendo a frutto tutte le sue competenze (economia e matematica) nel suo nuovo ruolo.

In questo periodo ho scritto due rapporti per l’amministrazione presidenziale (2002 e 2007), che sono stati successivamente pubblicati sulla rivista “Problemy Prognozirovanija” dell’IPE-ASR.

Ha capito (e capisce) perfettamente che la sopravvivenza della Russia dipendeva dalla sua economia E dalla sua capacità di sviluppare un regime di innovazione che coinvolgesse un intero ecosistema nonché un sistema finanziario.

Ha svolto un ruolo importante nella stesura della legislazione e dei regolamenti che hanno consentito lo sviluppo di tecno-parchi in collaborazione con importanti università come Novosibirsk (il seminario franco-russo ha trasferito lì una delle sue sessioni nel 2015).

Entra nel governo come Ministro dello Sviluppo Economico (mantenendo i collegamenti con l’IPE-ASR). Già allora era convinto che gli investimenti e la costruzione di grandi gruppi innovativi fossero la chiave del successo della Russia.

Considerarlo un pianificatore ha senso solo se intendiamo la pianificazione come il processo attuato in Francia all’inizio degli anni Sessanta o in Giappone dal 1957 al 1971. Lo scopo è quello di orientare le attività di gruppi pubblici e privati.

Per troppo tempo è stato bloccato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e dalla Banca Centrale. È stato solo con la crisi del COVID (2020) che è riuscito a emanciparsi e a iniziare a realizzare le sue idee.

Fu a questo punto che Belousov, che era diventato anche vice primo ministro, sembra aver preso una svolta positiva. Nel 2022 e nel 2023 ha accompagnato e coordinato la forte crescita degli investimenti delle imprese private e la conseguente crescita dell’economia.

La sua nomina al Ministero della Difesa è di notevole importanza. Segna la trasformazione di questo ministero in un’agenzia di produzione, progettazione, ricerca e innovazione per le forze armate.

L’impatto sulle aziende dell’industria militare sarà considerevole. Vedranno le loro attività snellite, e soprattutto dovranno essere attenti al collegamento tra breve e lungo termine attraverso i processi di innovazione.

Ciò significa anche che un certo numero di aziende provenienti da parchi tecnologici e start-up saranno integrate in questo processo per promuovere l’innovazione. È probabile che la Russia istituirà un equivalente della DARPA per garantire i contatti civili/militari.

Le funzioni puramente “militari” del Ministero potrebbero essere poste sotto l’autorità di uno Stato Maggiore allargato, comprendente anche quelli responsabili degli affari economici, dei trasporti, dei servizi segreti, ecc., sul modello della STAVKA della Seconda Guerra Mondiale.

Questa nuova STAVKA verrebbe quindi logicamente collegata all’amministrazione presidenziale. Dovremo tenere d’occhio le novità di questa possibile riorganizzazione nei prossimi mesi.

Andrei Belousov è convinto che lo sviluppo della produzione militare NON DEVE avvenire a scapito della produzione civile. È lecito ritenere che manterrà il rapporto 40/60 per la produzione militare/civile.

Tuttavia, la sua nomina indica che il governo russo guarda ben oltre le attuali ostilità e prevede un periodo di 10-20 anni di confronto “freddo” con i paesi della NATO.

Sa che, in questa logica, la capacità della Russia di resistere, o addirittura di vincere, non dipende solo dalla sola produzione militare, ma anche dalla vitalità della sua economia e dai processi di innovazione che si sviluppano al suo interno.

Rileggi l’ultima parte in grassetto:

“Andrei Belousov è convinto che lo sviluppo della produzione militare NON DEVE avvenire a scapito della produzione civile. È lecito ritenere che manterrà il rapporto 40/60 per la produzione militare/civile.”

Questo rientra in ciò che potrebbe rappresentare l’importante viaggio di Putin in Cina. Putin ha recentemente parlato specificamente di “tecnologie a duplice uso”, che i media occidentali hanno colto nelle loro nuove minacce di sanzioni contro la Cina. Questo è probabilmente ciò a cui si riferisce quanto sopra: Belousov ottimizzerà le efficienze spingendo per una serie di nuove capacità produttive a duplice uso che possono avvantaggiare sia il settore civile che quello militare. Il lato positivo della tecnologia a duplice uso è che elude le sanzioni poiché è classificata come importazione civile piuttosto che militare, ma ovviamente gli Stati Uniti e l’Europa stanno cercando di reprimere questo problema mentre parliamo.

Nota anche sulle prospettive a lungo termine. Certo, si legge che la Russia si aspetta che questo conflitto duri a lungo in virtù di queste ultime mosse. Tuttavia, si tratta di un semplice pensiero pragmatico: che duri a lungo o meno, Putin sa che questo è il passo saggio da compiere per garantire lo sviluppo futuro della Russia. Ha avuto due anni per accumulare dati sulla SMO: i fallimenti, i successi, cosa sta andando bene, cosa si potrebbe fare meglio. Ora sta semplicemente agendo in base a ciò, indipendentemente dalle “prospettive future” per la stessa SMO.

Detto questo, ovviamente è possibile che l’Ucraina continui a resistere se i suoi sforzi di reclutamento avranno anche un discreto successo – e tra l’altro, non hanno altra scelta se non quella di avere successo se vengono applicate sufficiente coercizione e costrizione. Continuo a sostenere che il conflitto ha maggiori probabilità di terminare entro la metà del 2025 circa, ma esiste la possibilità che possa andare avanti ben oltre se alcune cose si mettessero a posto. Ho detto che, nonostante le perdite relativamente elevate, l’Ucraina è rimasta sulla difensiva e conserva ancora le sue forze molto meglio di prima.

Pensa a questo esperimento mentale: l’Ucraina ha circa 27 regioni, il che significa che ciascuna regione deve produrre circa 1000 uomini al mese. 1000 diviso 30 giorni fanno scendere a circa 30 uomini al giorno. Questo è ciò che ciascuna regione deve reclutare per mantenere la forza complessiva delle AFU a circa 30.000 reclute al mese. Di recente, infatti, potrebbe addirittura essere notevolmente inferiore. 30 uomini reclutati al giorno da grandi regioni equivalgono a soli 4-5 uomini per città o meno. Non è esattamente impossibile.

Detto questo, man mano che la Russia estende il fronte e apre nuove direzioni, le perdite potrebbero diventare davvero insostenibili poiché ci saranno innumerevoli punti caldi in cui le AFU subiranno fughe di manodopera.

E a questo proposito, le voci su Sumy continuano a circolare.

La posta ucraina afferma che la Russia sta avvicinando sempre più le sue attrezzature alla linea di contatto al confine di Sumy. Un’altra nuova notizia Reuters allo stesso modo cita Sumy come un fronte imminente:

Nel frattempo, SkyNews diventa allarmista sull’urgenza di Zelenskyj:

Altri articoli MSM continuano a mantenere le prospettive pessimistiche:

L’Economist ha persino iniziato a ricordare minacciosamente alla gente che il mandato di Zelenskyj scadrà presto ufficialmente:

Perché dovrebbe essere così, ci si chiede?

Sul fronte, l’Ucraina e l’Occidente celebrano il rallentamento dell’avanzata settentrionale della Russia. Ma questo era previsto, ovviamente: l’apertura è sempre stata programmata per essere rapida fino all’arrivo delle riserve. Ora si trasformerà in un altro po’ di fatica, ma accelererà a scatti man mano che si formeranno nuove crepe e si troveranno scoperte. La Russia sta ancora trattenendo la maggior parte delle sue forze ausiliarie.

Diverse fonti ora riportano il vasto mosaico di forze coinvolte per arrestare le perdite:

La maggior parte di loro vengono semplicemente selezionati da varie unità e non rappresentano interi battaglioni con personale completo.

Un articolo più esaustivo riporta le seguenti unità di entrambe le parti attive sul fronte di Kharkov:

Secondo l’organizzazione militare pro-AFU le unità coinvolte a Kharkov sono le seguenti.

****************************

Direzione Lyptsi:

****************************

Unità russe:

– 9° reggimento motorizzato

– 7° reggimento motorizzato

– 79° reggimento motorizzato

Unità ucraine:

– 42a brigata meccanizzata

– “Omega Kharkov” della guardia nazionale

– “Unità dell’istituto militare delle truppe corazzate”

– Forse la 113a brigata di difesa

****************************

Direzione Volchansk

****************************

Unità russe:

– 153° reggimento carri armati

– 138a brigata motorizzata

– 1° reggimento motorizzato

Unità ucraine:

– 13a brigata con incarico operativo Kharkiv

– 7° distaccamento di frontiera

– 82a brigata d’assalto aereo

– 1° battaglione fucilieri, 57a brigata motorizzata

– Battaglione Timur del GUR MO

– 117esimo battaglione d’assalto della 57a brigata motorizzata

– 125a Brigata Difesa Territoriale

– Corpo dei volontari bielorussi

– Corpo dei volontari russi.

– forse il 36° battaglione fucilieri della 61a brigata meccanizzata

****************************

Appunti

****************************

Sappiamo che i Krakeniti sono coinvolti, ma la loro ubicazione non è specificata.

– è coinvolta anche l’unità missilistica antiaerea con sede a Kharkov, anch’essa in fase di distruzione.

Le ultime mappe di Suriyak vedono Volchansk controllato per il 20-30% dalle forze russe, più o meno:

L’altro grande aggiornamento:

Negli ultimi due giorni l’Ucraina ha lanciato due attacchi di massa consecutivi dell’ATACMS contro la base aerea di Belbek in Crimea.

Fonti russe hanno affermato che sono stati utilizzati più di 10-16 missili ATACMS e che presumibilmente tutti tranne 1 o 2 sono stati abbattuti. Quelli non abbattuti provocarono danni significativi, spazzando via un’intera unità S-400, compresi i lanciatori e il costosissimo radar 92N6E Gravestone:

Oltre a una serie di jet russi:

Sono arrivate le immagini ad alta risoluzione di Belbek di Maxar Tech.

1 ha distrutto il Su-27 (credo)

2 MiG-31 distrutti (iterazione sconosciuta)

1 probabilmente danneggiò il MiG-29

Anche il deposito di carburante è stato raso al suolo.

Il Mig-29 danneggiato e forse gli aerei distrutti avrebbero potuto essere evitati con bunker di cemento

Ora, lasciatemi sottolineare: questo è l’unico posto su Internet dove potrete avere un punto di vista non propagandistico su questioni così delicate; ottieni sia il buono, il cattivo e il brutto con un’analisi imparziale.

Analizziamolo quindi con un approccio davvero imparziale e lungimirante.

La prima cosa da notare è che, appena una settimana fa , l’8 maggio, in questo articolo ho riferito che la Russia aveva già iniziato a spostare le sue risorse aeree più importanti fuori portata, una volta che l’ATACMS aveva iniziato a essere spedito in Ucraina. Quindi, tutto ciò che resta nel raggio d’azione dell’ATACMS non è generalmente parlando dei più importanti caccia in prima linea , ma piuttosto di cose come Su-27 e Mig-29 che non vengono utilizzati affatto, o usati con parsimonia sul Mar Nero, semplicemente per la ricognizione o la lotta contro droni, ecc.

L’eccezione ovviamente sono i MiG-31, anch’essi utilizzati per gli scopi di cui sopra, ma sono molto più preziosi poiché la Russia non li costruisce più e ne restano relativamente pochi. Pertanto, la perdita di più MiG-31 nell’attacco è uno scioccante atto di disattenzione da parte del Ministero della Difesa russo. Da due anni le persone avvertono che sono necessari rifugi rinforzati per gli aerei: questi potrebbero facilmente fermare le munizioni a grappolo dell’ATACMS, che non possono perforare alcuna superficie rinforzata. Ma per qualche ragione, in questo ambito, il Ministero della Difesa russo rimane ostinatamente lassista.

L’Ucraina, per ragioni di assoluta necessità, si è evoluta per portare avanti la guerra in modo più difensivo, responsabile ed efficace in termini di preservazione dei suoi aerei, sollevandoli in aria al primo segno di attacco. La Russia, avendo un relativo eccesso di aerei, svolge le operazioni in modo un po’ più imprudente, senza preoccuparsi troppo se una parte di essi viene logorata. Oppure si aspettavano la totale superiorità dei sistemi di difesa aerea più avanzati della Russia rispetto all’ATACMS, cosa che si è rivelata non vera.

Tuttavia, va detto che si sospetta che alcuni degli aerei distrutti fossero in realtà non operativi perché erano vecchie fusoliere utilizzate per trapianti di parti o semplicemente in fase di riparazione e incapaci di decollare. Ci sono alcune prove di ciò: ad esempio alcuni dei MiG-29/Su-27 “distrutti” sono posizionati nelle aree posteriori solitamente destinate ai velivoli inattivi piuttosto che posizionati vicino alle piste:

Ci sono segni che alcuni aerei solitari non operativi siano rimasti mentre quelli negli ormeggi accanto a loro sono stati messi fuori pericolo.

In ogni caso, l’S-400 ha dimostrato di avere difficoltà a fermare in modo decisivo le saturazioni ATACMS su larga scala . Questo è il secondo S-400 in solo un mese che è stato distrutto, il precedente era stato nella base Dzhankoi, nel nord della Crimea, il mese scorso, di cui avevo già parlato in precedenza:

Tieni presente che alcune fonti sostengono che l’attacco prevedeva altri sistemi come i missili francesi AASM Hammer e altre “esche”, ma questo è difficile da credere dato che la portata di questi missili è estremamente breve e un aereo ucraino avrebbe dovuto raggiungere direttamente la Crimea lanciarli, il che in ogni caso rappresenterebbe un enorme fallimento dell’AD russo.

La base colpita di Belbek è troppo distante per essere raggiunta da quasi tutte le altre munizioni ucraine data la sua posizione sulla punta meridionale della Crimea vicino a Sebastopoli, motivo per cui l’ATACMS è l’unico colpevole. Per non parlare del fatto che parti dell’ATACMS sono state trovate in tutta la base, sia le munizioni inesplose che lo stadio del razzo scartato:

Nella nota sopra ho specificato attacchi su larga scala. Sembra che gli S-400 ne abbiano abbattuti un buon numero, dato che il danno alla base è stato limitato a un’area relativamente piccola che corrisponde all’incirca alla “diffusione” del frammento di uno o due missili ATACMS.

Mappa termica delle aziende della NASA

Dal momento che sono state trovate molte munizioni a grappolo inesplose, in particolare nelle aree rivendicate dalla Russia come villaggi molto a nord della base di Belbek, è ragionevole supporre che molti dei missili siano stati abbattuti. Quindi potrebbe ancora rappresentare uno sforzo rispettabile da parte dei sistemi AD: abbattere la maggior parte degli oggetti in arrivo è un successo. Il vero fallimento qui è l’incapacità di prendere precauzioni per proteggere gli aerei, come costruire rifugi per aerei.

Come ho scritto diversi rapporti fa, una cosa è chiara: nessun paese al mondo possiede attualmente la comprovata capacità ripetibile di fermare completamente i missili balistici . Né la Russia, né gli Stati Uniti, né Israele. I missili balistici, anche quelli non ipersonici come l’ATACMS, si stanno dimostrando superiori a tutti i sistemi antiaerei attualmente in campo. Tuttavia, come ho già affermato in precedenza, mi aspetto che la capacità russa migliori man mano che profilano l’ATACMS attraverso più impegni e aggiornano i loro sistemi. Due “lanciatori” distrutti su dozzine di scontri in cui dozzine di missili sono stati potenzialmente abbattuti rappresentano ancora un compromesso rispettabile.

Come ho scritto diversi rapporti fa, una cosa è chiara: nessun Paese al mondo possiede attualmente la capacità ripetibile e comprovata di fermare completamente i missili balistici. Né la Russia, né gli Stati Uniti o Israele. I missili balistici, anche quelli non personali come l’ATACMS, si stanno dimostrando un’arma vincente per tutti i sistemi antiaerei attualmente in campo. Tuttavia, come ho già detto in precedenza, mi aspetto che le capacità russe migliorino man mano che il profilo dell’ATACMS viene tracciato attraverso un maggior numero di scontri e che i sistemi vengano aggiornati. Due “lanciatori” distrutti su decine di combattimenti in cui decine di missili sono stati potenzialmente abbattuti è ancora un compromesso rispettabile.

Inoltre, va notato che l’Ucraina ha lanciato in precedenza un massiccio attacco navale con i droni, che è stato interamente fermato dalle forze navali russe, con la maggior parte dei droni distrutti e i pochi rimasti che sono tornati indietro verso Odessa. Questo dimostra che la Russia sta migliorando, cosa che probabilmente accadrà anche con gli ATACMS.

Infine, ecco il risultato più importante:

Molti lettori pro-UA stanno esultando per questo grande fallimento russo. Ma in realtà, alla fine, si tratta di un fallimento ucraino.

Perché?

Perché all’Ucraina sono stati forniti per ora solo circa 100 ATACMS, e ne hanno utilizzati circa il 25-30% per attaccare obiettivi russi di nessuna importanza strategica per il conflitto attuale, che non faranno alcuna differenza nella guerra. Ancora una volta, gli ATACMS vengono utilizzati per creare incidenti di “alto profilo” destinati a rafforzare l’immagine internazionale e il morale dell’Ucraina, ma che non stanno facendo nulla contro le forze effettivamente schierate contro di loro.

1. La Crimea, come già sappiamo e come è stato ammesso di recente anche dalla stampa, non è più nemmeno un punto di transito per le armi militari russe. La Crimea ha poca rilevanza militare per l’attuale guerra di terra che si sta svolgendo in tutto il Donbass, e in particolare ora nella regione settentrionale di Kharkov. Attaccare obiettivi in Crimea non serve letteralmente a nulla per il vostro sforzo bellico.

2. Come ho detto, la Russia ha rimosso i suoi beni più preziosi da quelle basi: i Su-35, i Ka-52, cioè le cose che servono effettivamente in prima linea e contribuiscono alla guerra. I bersagli colpiti rappresentano per lo più sistemi AD – che, ancora una volta, si limitano a sorvegliare un’area già strategicamente irrilevante – così come vecchi jet utilizzati in funzioni secondarie come la sorveglianza del Mar Nero. Certo, i Mig-31 sono un po’ un’eccezione. Ma dato che gli ATACMS costano più di 1 milione di dollari l’uno per missile, lanciarne 16 su una base per lo più irrilevante è una spesa piuttosto frivola.

In breve: pur essendo un occhio nero sulla reputazione dei sistemi AD russi, questi attacchi non servono a nulla di più dei tanto celebrati attacchi alle navi russe di mesi fa, che ora possiamo chiaramente vedere non hanno avuto alcun effetto sulla guerra.

Anzi, possiamo addirittura dire che, invece di non avere alcun effetto, gli attacchi hanno un effetto negativo sullo sforzo bellico ucraino, perché – come ho scritto sopra – l’Ucraina sta sprecando le sue poche e preziose “wunderwaffe” in attacchi insignificanti, quando quegli ATACMS avrebbero potuto essere utilizzati molto meglio per colpire obiettivi militari significativi, come nodi C2, siti di munizioni, eccetera, nelle retrovie russe, da qualche parte più vicino al fronte effettivo nel Donbass.

Inoltre, va notato che mentre gli attacchi erano in corso, gli Iskander russi sono piovuti a pochi chilometri di distanza sulla regione ucraina di Nikolayev, colpendo diversi presunti depositi di munizioni, che sono obiettivi molto più importanti per la guerra di terra in corso.

Tuttavia, anche se questi attacchi non avranno un grande effetto sulla guerra reale per l’Ucraina, dovrebbero servire come un grande allarme per la Russia in relazione a qualsiasi futuro conflitto NATO. Gli Stati Uniti, con le loro centinaia di lanciatori HIMARS e le migliaia di missili ATACMS, sanno che la Russia non ha modo di fermarli e probabilmente si stanno leccando i baffi. Ma ricordate: vale per entrambe le parti. Anche gli Stati Uniti non hanno alcuna capacità di fermare gli Iskander, i Kinzhal e gli altri missili russi. Ciò significa che in una battaglia tra i due giganti, nessuno dei due riuscirebbe a fermare nulla e si distruggerebbero a vicenda a piacimento. Dopodiché, la guerra di logoramento, che si basa sulla produzione, sul morale, sul coraggio e sull’amido del capitale umano, si ridurrebbe a una guerra di logoramento, e sappiamo già chi ha un vantaggio empirico in questo campo.

Qualcuno di recente ha detto questa ovvietà, parafrasando: la guerra moderna sarà tutta incentrata sull’attacco, poiché i sistemi difensivi non hanno raggiunto lo sviluppo di quelli offensivi. Il vincitore sarà colui che riuscirà a riversare sull’avversario la maggiore “quantità” di sistemi offensivi come i droni.

E ricordate, gli Stati Uniti continuano a sottolineare chi ha il vantaggio tecnologico in molti dei campi più importanti:

Come ultimo punto:

Alcuni ritengono che questo fallimento dell’AD significhi che l’Ucraina è ora in grado di distruggere facilmente il ponte di Kerch nel prossimo futuro, dal momento che gli S-400 chiaramente “non possono abbattere il missile ATACMS”.

Mi permetto di dissentire.

Poiché l’AD russo ha dimostrato di abbattere la maggior parte di essi, credo che l’Ucraina non abbia alcuna possibilità di far passare un numero sufficiente di missili attraverso la rete dell’AD per danneggiare in modo critico il ponte. Se la Russia abbatte il 70-90% degli ATACMS in ogni lotto, significa che l’Ucraina potrebbe riuscire a colpirne solo alcuni, il che semplicemente non è sufficiente per fare qualcosa di diverso da un danno estetico.

Certo, potrebbero aggiungere Storm Shadows e altre cose che complicheranno la questione, ma nonostante ciò, nonostante quello che stiamo vedendo in Crimea, rimango abbastanza fiducioso su questo argomento perché il ponte di Kerch rappresenta un obiettivo molto più complicato da una varietà di angolazioni.

Alla fine, però, non fa alcuna differenza: al massimo possono danneggiare alcune sezioni del ponte più lungo d’Europa, che la Russia sostituirà facilmente in due mesi. L’effetto sulla guerra sarebbe nullo, come sempre.

Ultimi video interessanti.

Un’interazione involontariamente umoristica tra Putin e la sicurezza di Xi durante la visita:

Nel frattempo, in un rarissimo segno di affetto personale che va al di là della mera politica, il Presidente Xi si è spinto fino a iniziare un abbraccio con Putin:

Lo chiamo l’abbraccio dell’orso dragone ed è il simbolo della relazione storicamente stretta tra Russia e Cina.

Per sottolineare ulteriormente questo aspetto, Putin non solo ha ricordato che l’URSS è stato il primo Paese a riconoscere la Cina, ma ha anche ricordato la popolare canzone sovietica di fratellanza tra i due popoli:

Infine, nella mostra dei trofei della NATO, questo soldato russo è diventato un fulgido esempio di umiltà quando gli è stato chiesto di parlare delle sue numerose medaglie. Ha fatto una battuta dicendo che era solo per l’amore per la patria, ma si è scoperto che l’umile guerriero nascondeva il fatto di essere responsabile della distruzione di diversi Leopard e Bradley, tra gli altri:

L’umile soldato russo non vuole raccontare le sue storie di guerra.-> Ha colpito un Leopard e un paio di Bradley.Ecco la sua storia più lunga: – Il 24 luglio 2023, vicino al villaggio di Rabotino, Ivan ha fornito rapidamente assistenza medica a un compagno ferito e poi lo ha evacuato in un luogo sicuro.- Il 26 luglio 2023, alla guida di un equipaggio di missili anticarro Kornet, il tenente maggiore Zharsky ha assunto una posizione preparata e ha colpito un carro armato Leopard 2A6, facendone esplodere le munizioni. Dopo aver cambiato posizione, Ivan ha colpito un IFV Bradley a distanza ravvicinata, distruggendone l’equipaggio. Durante la seconda ondata dell’assalto nemico, la squadra di Zharsky ha distrutto abilmente altri sei BMP-2 in battaglia. Di conseguenza, il nemico si è ritirato. (Video) – Il 27 luglio 2023, le guardie hanno continuato a distruggere carri armati e veicoli blindati nemici. Un altro carro armato Leopard, un IFV Bradley e un BMP-1 sono stati colpiti.


Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: buymeacoffee.com/Simplicius


SITREP 14/5/24: Putin fa pulizia mentre Volchansk arriva sull’orlo del baratro, di SIMPLICIUS

Gli eventi continuano a svilupparsi rapidamente.

Putin ha sigillato il suo nuovo governo, con Belousov che ha dato i suoi primi ordini di marcia.

Prima che potesse a malapena mettere piede nell’aula della Duma, è arrivata la notizia che un altro funzionario del MOD era stato ammanettato per corruzione, l’alto rango Yuri Kuznetsov. Nel frattempo si è dimessa la deputata della cerchia ristretta di Shoigu Tatyana “Capo contabile” Shevtsova, così come il portavoce Konashenkov, il primo viceministro della difesa Tsalikov e altri. Sembra trattarsi di un’epurazione senza precedenti.

Si sta svolgendo come la fine del Padrino 1. Sotto l’unzione innale del salvatore appena prestato giuramento, una schiera di corrotti cancri dell’eredità vengono issati dai loro stessi petardi e trascinati in prigione. Anche se le porte delle celle continuavano a chiudersi, come se fosse stato progettato, Belousov ha simbolicamente proclamato “Puoi commettere errori, ma non puoi mentire” suscitando gli applausi della Duma:

Dopotutto, sembra sempre più un rinnovamento primaverile.

Ecco come il canale informato, sebbene sesto editorialista, ChK-OGPU ha riempito lo spazio vuoto riguardo al procedimento:

“Il sistema non poteva più resistere al livello proibitivo di corruzione del Ministero della Difesa, che ha portato all’arresto del vice ministro della Difesa Timur Ivanov, alla rimozione del “costruttore Sergei Shoigu” e alla promozione dell’economista Andrei Belousov. È noto che i viceministri Ruslan Tsalikov e Alexey Krivoruchko, ex proprietario della ditta Kalashnikov e grande fan di Miami, hanno scritto rapporti sulle dimissioni; si parla delle dimissioni di Yuri Sadovenko. Ci aspettiamo nel prossimo futuro una pulizia radicale delle “scuderie augustee” di Shoigu e possibili nuovi casi e arresti di alto profilo. Proprio ieri è stato arrestato il capo del dipartimento del personale del Ministero della Difesa, Yuri Kuznetsov.

I “cavalli oscuri” nella scuderia di Shoigu rimangono il viceministro della Difesa Tatyana Shevtsova, responsabile delle finanze, che, per definizione, a causa delle sue responsabilità lavorative, dovrebbe sapere più di chiunque altro su possibili abusi e appropriazione indebita di fondi, Alexander Fomin, Viktor Goremykin.

Alexander Fomin è stato nominato “supervisore” da Igor Sechin, che conosce Fomin da quando ha prestato servizio come studente di due anni in Angola dopo essersi laureato all’Università di Leningrado, quindi c’è un’alta probabilità che Fomin manterrà la sua posizione.

Un altro vice ministro della Difesa, Viktor Goremykin, responsabile del lavoro politico e del personale, ha avuto stretti rapporti amichevoli con Timur Ivanov e ha giocato a hockey con lui nella squadra delle Stelle Rosse. Le perquisizioni e gli interrogatori del subordinato di Viktor Goremykin, il capo del dipartimento del personale Yuri Kuznetsov, che è stato portato nella sua villa immodesta proprio nel suo letto, possono portare a seri problemi per il capo.”

Tutto questo è stato seguito dalla notizia che Putin ha elevato sia Patrushev che l’astro nascente Aleksey Dyumin a suoi personali “aiutanti presidenziali”.

Alla fine di dicembre 2020, il leader dell’LDPR Vladimir Zhirinovsky ha nominato Dyumin uno dei politici che potrebbero diventare il successore di Vladimir Putin alla presidenza della Federazione Russa

Controlla ancora una volta la fisiologia e la fisionomia: giovane e sano, vigile e con la vista acuta, non sciatto, scarmigliato e geriatrico, come è diventato così tristemente comune tra troppi dei vertici del MOD russo.

In breve: Putin sembra aver effettuato un colpo di stato eliminando un ceppo molto malato all’interno del MOD, rafforzando la sua posizione esecutiva con un gruppo di lealisti ultra-intransigenti con comprovata esperienza. E giusto in tempo, ora circolano voci secondo cui Surovikin è finalmente arrivato a Mosca, questa volta per davvero , o almeno così sostiene Rybar; si sarebbe svolto un incontro al Cremlino. Ciò potrebbe far presagire un grande appuntamento imminente per lui, se fosse vero.

Scott Ritter ha pubblicato un nuovo post su Twitter che riassume gli sviluppi in modo così succinto e completo che lo pubblico qui al posto del mio resoconto:

Scott Ritter

Una nuova rivoluzione negli affari militari La nomina di Andrei Belousov da parte del presidente russo Vladimir Putin va oltre il semplice tentativo di portare struttura economica e disciplina ad una base industriale militare espansiva ed in espansione.

È vero, la rapida crescita dell’industria della difesa russa nel corso degli ultimi due anni ha creato preoccupazioni sul fatto che un settore economico civile russo, fragile ma in espansione, si sta ancora riprendendo dallo shock delle severe sanzioni statunitensi ed europee in seguito all’avvio da parte della Russia del piano militare speciale. L’operazione (SMO) in Ucraina potrebbe trovarsi tenuta in ostaggio da una spesa per la difesa illimitata che ha distorto artificialmente le catene di approvvigionamento e i prezzi in un modo che potrebbe vedere l’economia russa seguire la strada del suo predecessore sovietico, fortemente caratterizzato dall’industria della difesa.

Belousov, un affermato economista a pieno titolo, è stato incaricato di gestire l’intersezione tra difesa ed economia civile per garantire che l’industria civile rimanga sana e vitale anche se la necessità di una solida produzione dell’industria della difesa rimane elevata.

Ma forse l’aspetto più importante della nomina di Belousov è il suo ruolo di innovatore industriale.

La Russia si sta dirigendo verso una nuova Rivoluzione negli Affari Militari (RMA) che sarà definita dal nesso di uno sviluppo tecnologico portato dalle esperienze dell’SMO (guerra con droni, guerra elettronica, maggiore letalità delle munizioni), b) Innovazione dottrinale che è emerso man mano che le lezioni apprese sul campo di battaglia dell’SMO venivano studiate e richiedeva cambiamenti incorporati nei sistemi formali di istruzione militare responsabili della produzione di dottrine aggiornate; e c) Adattamento organizzativo che comporta importanti cambiamenti strutturali e intellettuali che riflettono la realtà delle nuove tecnologie e dottrine.

Sotto Sergei Shoigu, l’esercito russo ha fatto importanti progressi nelle prime due tappe del trio RMA. Ma il tipo di innovazione strutturale necessaria all’esercito russo per trasformare i cambiamenti sistemici in una vera RMA è il punto di forza di Belousov. La Russia è sul punto di implementare una nuova RMA che trasformerà il campo di battaglia moderno tanto quanto la Blitzkrieg tedesca fu per la condotta della Seconda Guerra Mondiale.

Questa è una buona notizia se sei russo. Per l’Occidente collettivo, di fronte alla prospettiva di intraprendere una costosa espansione della NATO, un RMA guidato dalla Russia equivarrebbe a un disastro.

Sul fronte, l’Ucraina sta affrontando uno dei crolli più rapidi della guerra finora. Non ci sono due modi per minimizzare le cose: fonti russe riferiscono perdite catastrofiche per le AFU che sono tristemente a corto di personale e senza armi. La più grande scala di catture di prigionieri di guerra nell’ultimo anno è attualmente in corso, con oltre una dozzina di nuovi video solo a partire da oggi che mostrano dozzine di prigionieri ucraini, tra cui molti Kraken:

Anche le paramediche ucraine chiedono aiuto per le perdite:

Anche nel momento in cui scriviamo, lo Stato Maggiore ucraino ha annunciato il ritiro di Volchansk, la città più grande e roccaforte della regione settentrionale di Kharkov, anche se non è ancora chiaro se si tratterà di un ritiro totale o parziale, poiché la formulazione è ambigua:

Le truppe in prima linea schiumano di rabbia al comando:

Le forze russe ora sono arrivate persino nel raggio d’azione dell’artiglieria della stessa città di Kharkov, e ci sono rapporti che stanno martellando le posizioni delle AFU alla periferia di Kharkov da circa 22-24 km a Glyboke/Hlyboke.

Ci sono anche segnalazioni di distaccamenti di blocco che ora aspettano nelle retrovie per intercettare le truppe in fuga:

Nella regione di Kharkov è stato introdotto un piano di intercettazione a causa dell’esodo di massa dei soldati delle forze armate ucraine

Sulle strade principali della regione sono posti di blocco rinforzati con “uomini armati senza contrassegni di identificazione” che cercano i soldati ucraini in fuga in massa dal campo di battaglia. Questa dichiarazione, citando le sue stesse fonti, è stata fatta da un esperto militare, tenente colonnello in pensione della Repubblica popolare di Lugansk (LPR), Andrei Marochko.

Secondo lui, i dipendenti del Ministero degli Affari Interni e del Servizio di Sicurezza dell’Ucraina “controllano i documenti di tutti e ispezionano i veicoli”, motivo per cui in molte zone ci sono “ingorghi lunghi chilometri”.

E se pensavate che potesse trattarsi di propaganda fantasiosa, secondo quanto riferito le forze russe hanno catturato una delle truppe incaricate di eseguire ordini di blocco di questo tipo, che attesta il fatto:

In ogni caso, sono già stati segnalati combattimenti verso il centro della città, mentre ieri le forze russe avevano appena raggiunto la periferia. Alcuni rapporti affermano che le forze russe hanno catturato gli edifici amministrativi vicino al centro:

Ma quello non era nemmeno il rumore più importante. Le rivelazioni più scioccanti arrivano attraverso un’intervista al NYT con Budanov, che ha visitato vivacemente la linea del fronte di Kharkov devastata dalla guerra per fare la sua valutazione della situazione:

Innanzitutto afferma francamente che all’Ucraina non sono rimaste riserve per Kharkov:

Nota: utilizzo la versione Telegraph della storia sopra poiché il collegamento NYT si comporta in modo instabile per qualche motivo.

❗️ “Non abbiamo riserve” 🇺🇦

Il capo dell’intelligence militare ucraina Budanov ha ammesso al New York Times che la situazione è grave:

“La situazione è al limite”, ha detto il generale Kyrylo Budanov, capo dell’agenzia di intelligence militare ucraina in una videochiamata da un bunker a Kharkiv. “Ogni ora questa situazione diventa critica.”

“Tutte le nostre forze sono qui o a Chasiv Yar. Ho usato tutto quello che avevamo. Purtroppo non abbiamo nessun altro nelle riserve”.

Che ne dici di un’ammissione schietta?

Ma come se ciò non bastasse, Budanov ammette inoltre che la Russia inizierà la tanto attesa operazione Sumy entro pochi giorni :

Di conseguenza, i sussurri provenienti dal confine di Sumy sono diventati assordanti.

Non solo i canali militari russi postano teaser come i seguenti:

Ma circolano voci continue di importanti aumenti nell’azione dei DRG russi, nei droni, negli attacchi di artiglieria e altro ancora, in tutta la regione di Sumy:

⚡🔥⚡️Dopo che squadre di guardie di frontiera e soldati ucraini hanno iniziato a scomparire nella regione di Sumy, il lavoro dei nostri OMD e ROSN nelle aree di confine e dell’art. scioperi, le forze armate ucraine evacuano diversi insediamenti a nord-ovest della città di Sumy. Le barriere minerarie e ingegneristiche sono già state rimosse e la concentrazione delle forze nemiche è minima⚡🔥⚡

Un’altra presa in giro premonitrice afferma che le barricate verranno smantellate al confine di Bryansk, al checkpoint di Seredina-Buda, proprio di fronte a Sumy:

⚠️ E il temporale è già così vicino, mi fa venire la pelle d’oca, c’è un netto odore di ozono nell’aria, all’orizzonte sono apparsi neri cumuli.

Nelle dure foreste di Bryansk , non solo i terroristi perdono le orecchie, le potenti forze forestali sanno sottilmente dove si trova il nemico e si stanno preparando per l’imminente temporale; nell’ambito di questa iniziativa hanno eliminato le barriere antimine al posto di controllo di Seredina-Buda.

Inoltre, depositi di munizioni e forze d’assalto aviotrasportate di militanti ucraini decollano lungo tutta la profondità della formazione operativa.

Nell’oscurità della foresta di Bryansk, guerrieri epici preparano i loro strumenti, altri sguainano violini e contrabbassi.

Una mazza è già stata sollevata sulla testa del nemico; presto crollerà.

✈️ Esplorazione NGP🦇

Un’analisi ha analizzato alcuni numeri:

⚡🔥⚡️Kirill Budanov ha lasciato Kharkov con uno scandalo e si sta dirigendo a Sumy.

Lì organizzerà la contrazione dei DRG russi e schiererà distaccamenti per TRO e OMBR, che Syrsky sta trasferendo dalle riserve.

Le forze armate ucraine ne hanno in riserva poco meno di 54.000, da Kherson, che potrebbe tornare nelle mani delle forze armate russe, a Sumy e Chernigov.

12.000 di questa riserva sono già stati ritirati a Kharkov, poi altri 17.000 saranno trasferiti a Sumy⚡🔥⚡

Interessante la parte relativa al checkpoint di Seredina-Buda. La domanda era sempre se la Russia sarebbe arrivata sul lato est o ovest di Sumy. Se si concentrasse a est, forse anche nella regione di Grayvoron, ciò comporterebbe una gigantesca tenaglia della città di Kharkov. Ma il checkpoint di cui sopra è molto più a ovest di Sumy, anzi, quasi più vicino a Kiev:

Se la Russia fosse davvero entrata così in profondità, sembrerebbe necessaria una spinta da parte di Kiev. La verità è che l’assedio di Kiev potrebbe essere uno dei colpi di grazia più fatalmente inaspettati, dato che la Russia ha pochissimo territorio da coprire da quella parte e l’Ucraina – come ha ammesso lo stesso Budanov – ha poche riserve. Le forze russe che avanzano alla periferia di Kiev causerebbero il panico non solo in Ucraina ma in tutto l’Occidente, destabilizzando potenzialmente la situazione in modo catastrofico.

Mettiamola in questo modo: la Russia non deve catturare Kiev, né tentare di farlo. Semplicemente portando le sue forze in periferia, potrebbe seminare abbastanza caos e panico, fuga di civili, ecc., in modo da spodestare finalmente Zelenskyj con una sorta di colpo di stato destabilizzante, o costringerlo a mostrare la sua mano fuggendo con un governo governativo. -l’esilio, a Lvov o altrove, il che sarebbe di per sé politicamente fatale. Ci sono molte potenziali giocate qui.

Ma per il momento qualsiasi mossa potenziale di questo tipo è probabilmente molto lontana, poiché gli obiettivi immediati ruotano semplicemente intorno alla divisione delle forze ucraine e all’assottigliamento delle linee al fine di creare scoperte volte a generare perdite catastrofiche di materiale, personale e morale.

Nel mezzo del collasso in corso, Blinken si è precipitato a Kiev per fornire un’altra serie di insulse “rassicurazioni” per evitare che il morale ucraino precipitasse catastroficamente. Questa “rassicurazione” finì per consistere in nient’altro che Blinken che dava un’interpretazione edificante di “Rockin’ In a Free World” di Neil Young in un bar di Kiev:

“Cosa, volevi armi e soldi? Sono venuto invece a darti una canzone.

Può l’impero americano diventare ancora più patetico o imbarazzante?

A Kiev c’era il tutto esaurito poiché il rampollo del male incarnato non poteva lasciare che Blinken si divertisse e ha deciso di unirsi al conclave:

I titoli dei giornali rimangono cupi come sempre, anche se a volte raggiungono nuovi minimi di disperazione:

Uno di essi include persino questo pratico grafico per il presunto calo dei tassi di intercettazione dei missili russi da parte dell’Ucraina:

Come ricorderete, qualche mese fa avevo riferito che l’Ucraina sta reintegrando solo il 50% delle sue perdite attraverso la sua scarsa mobilitazione. Secondo gli ultimi dati, la percentuale è scesa a un disastroso 25%. Tuttavia, il 18 maggio entrerà in vigore la legge sulla mobilitazione appena firmata, che potrebbe dare il via a una campagna di portata molto più ampia e pesante per recuperare i corpi dalle strade.

È interessante notare che questo coincide quasi esattamente con la scadenza del 21 maggio per la legittimazione di Zelensky, dopo la quale si teme che la situazione possa diventare piuttosto libera per tutti. In effetti, le voci su questo fronte già abbondano, come la seguente – anche se prendetela con un granello di sale, poiché molto probabilmente è falsa, ma è intesa più che altro come un esempio dimostrativo dei problemi che si stanno preparando:

Alcune ultime notizie:

Tra le polemiche sul crollo della regione di Kharkov, sta venendo alla luce sempre più chiaramente quale sia la portata della corruzione che ha portato al grave tradimento:

Ecco un altro esempio del miracolo di fortificazione dell’Ucraina. Un soldato ucraino stufo descrive le opere di trincea totalmente inefficaci su uno dei fronti, un problema endemico:

Un’unità cecena dell’Akhmat Zapad (Ovest) è stata avvistata tra le forze di Kharkov intorno a Ogurtsovo, a nord-ovest di Volchansk, e ha lanciato un grido rivelatore ad alcune brigate operative nell’offensiva del nord:

A 1:46 vengono nominati il 153° reggimento carri e il 41° reggimento fucilieri motorizzati. Il 153° fa parte della 47ª Divisione carri sotto la 1ª Armata carri della Guardia, ed è un reggimento di nuova formazione dal 2023, quando Shoigu ha rafforzato la 1ª Armata carri della Guardia con 5 nuovi reggimenti. Il 41° Reggimento Fucilieri non è ancora certo, ma si dice che provenga dalla Carelia.

Infine, qualcuno potrebbe averlo già postato, ma ecco una buona versione sottotitolata di un nuovo finto annuncio di reclutamento ucraino, ormai sempre più accurato:


Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Freund Todd, tra disfatta e decadenza 2a parte Con Roberto Buffagni e Teodoro Klitsche de la Grange

Siamo alla seconda parte della conversazione con Buffagni e Klitsche de la Grange. Il tema della decadenza di una civiltà non è nuovo tra politologi e filosofi. Julien Freund ne è un acuto osservatore. La tesi assume contorni più nitidi e chiari a partire da metà ‘800. Al giorno d’oggi appare drammaticamente attuale anche se paradossalmente la percezione risulta più acuta tra le classi popolari e nel ménage quotidiano piuttosto che tra le élites e le classi dirigenti europee e statunitensi, non ostante tale processo stia assumendo le caratteristiche e le dimensioni di una vera e propria catastrofe. Emmanuel Todd lo ha sottolineato con certosina accuratezza. Ci soffermiamo su questo aspetto in questo secondo appuntamento. Due autori e due loro testi caduti sotto la lente di osservazione di Roberto Buffagni e Teodoro Klitsche de la Grange. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4uhus2-freund-todd-tra-disfatta-e-decadenza-2a-parte-con-roberto-buffagni-e-teodor.html

Da che parte, GOP?_di James W. Carden

Da che parte, GOP?

La Convention nazionale repubblicana di luglio sarà il palcoscenico della resa dei conti tra l’ala America First del GOP e i Warhawks.

Nelle due settimane successive all’approvazione dei pacchetti di aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan, i contorni di una spaccatura emergente all’interno del Partito Repubblicano sono diventati troppo evidenti per essere ignorati.

Da una parte ci sono i soliti sospetti come il senatore Lindsey Graham della Carolina del Sud e il senatore Tom Cotton dell’Arkansas, che non hanno mai incontrato una guerra che non fossero desiderosi di finanziare, infiammare e mandare a combattere i giovani americani. In un ridicolo (anche per i suoi standard) discorso in aula prima del voto del 23 aprile sul pacchetto di aiuti, Graham, affiancato da una foto di grandi dimensioni delle Torri Gemelle avvolte dalle fiamme, ha tentato di dipingere un voto a favore di miliardi per l’Ucraina, Israele e Taiwan come il modo più sicuro per prevenire, sì, un altro 11 settembre.

Si può dire che l’ala Graham-Cotton del Partito Repubblicano abbia il vento in poppa, grazie alle recenti vittorie legislative ottenute con un entusiastico sostegno bipartisan. Il più recente convertito alla causa della guerra perpetua per i contratti di difesa perpetui è niente meno che il presidente della Camera Mike Johnson. Come deputato, Johnson poteva essere ragionevolmente descritto come favorevole all’America First, ma ora non più. Johnson si trova ora ad essere solo il più recente funzionario eletto ad essere sedotto dal canto delle sirene dell’intelligence politicizzata, commentando dopo il voto della Camera,

Credo davvero alle informazioni e ai briefing che abbiamo ricevuto…. Credo che Vladimir Putin continuerebbe a marciare in Europa se gli fosse permesso.

Nel frattempo, il collega di Johnson nell’ala nord del Campidoglio, Tom Cotton, continua a trovare modi nuovi e inventivi per promuovere gli interessi israeliani, questa settimana minacciando i membri della Corte penale internazionale (un organismo di cui gli Stati Uniti non riconoscono la giurisdizione) di imporre sanzioni qualora avessero la temerarietà di emettere mandati di arresto per funzionari israeliani. Ha scritto, alla maniera di Rambo, “Prendete di mira Israele e noi prenderemo di mira voi”.

Tutto ciò solleva la questione: Si può essere contemporaneamente America First, Ucraina First e Israele First? Sembra poco plausibile e, comunque, l’ala Graham-Cotton del GOP ha dimostrato quali sono le sue vere priorità.

Dall’altra parte del dibattito, il senatore dell’Ohio J.D. Vance si è assunto il compito, sgradevole ma del tutto necessario, di affrontare i neoconservatori come Graham. L’opposizione di principio di Vance al finanziamento della disastrosa guerra in Ucraina indica la strada da seguire in un’epoca in cui l’establishment democratico è ancora più irresponsabilmente falco dei repubblicani.

In questo contesto vale la pena ricordare che l’ultima volta che il Partito Repubblicano è stato così diviso sul ruolo dell’America nel mondo ha coinciso con un anno di elezioni presidenziali. Il 1952 vide uno scontro per la nomination tra un altro repubblicano figlio dell’Ohio, il senatore Robert Taft, e il generale Dwight D. Eisenhower. Allora come oggi, l’establishment democratico accusò di “isolazionismo” Taft e il collega John Bricker, senatore repubblicano dell’Ohio, uno dei principali oppositori della politica Truman-Acheson di dislocare sempre più truppe in Europa. La rivista The Nation paventava lo spettro di un “diffuso revival di cieco isolazionismo”, mentre Arthur M. Schlesinger, storico di Harvard e consigliere del portabandiera democratico Adlai Stevenson, denunciava l’emergere di “un nuovo isolazionismo, votato a quello che promette di essere un attacco fondamentale alla politica estera in cui gli Stati Uniti e il mondo libero sono attualmente impegnati”.

Taft, uno dei primi sostenitori del Comitato America First, si oppose alla creazione della NATO e criticò la portata del Piano Marshall e della Dottrina Truman. Ma Eisenhower arrivò alla nomina e infine alla presidenza con il sostegno dell’establishment internazionalista del dopoguerra, quel nesso tra Wall Street, il Pentagono e il nascente apparato di intelligence che comprendeva, tra gli altri, Allen e John Foster Dulles.

Il discorso di commiato di Eisenhower, otto anni dopo il suo trionfo su Taft (e, nelle elezioni generali, su Stevenson), metteva in guardia dai pericoli che un simile nesso rappresentava per il benessere del Paese; anzi, potrebbe essere ragionevolmente considerato come il tacito riconoscimento da parte di Ike che Taft avrebbe potuto avere ragione, dopo tutto.

Dopo 70 anni, sembra che siamo tornati al punto di partenza. Ma la domanda ora è: Dove si colloca l’attuale portabandiera repubblicano in tutto questo?

È una domanda che, ahimè, non ha una risposta valida, perché Trump sembra intenzionato a placare entrambi i lati della frattura e a tenere in sospeso i suoi critici. L’altra possibilità, estremamente plausibile, è che non conosca bene se stesso.

Tuttavia, nel considerare la posizione di Trump in tutto questo, potrebbe essere utile tenere a mente che egli è sempre stato una sorta di mutaforma politico.

Questo è certamente vero se si guarda a chi lo consiglia in politica estera. Numerosi rapporti indicano che il sancta sanctorum di Trump è composto da persone che rappresentano un ampio spettro di opinioni, dai campioni dell’America First come Steve Bannon e Richard Grenell, ai repubblicani mainstream come l’ex consigliere per la sicurezza nazionale Robert C. O’Brien, fino agli irriducibili della linea dura come il generale in pensione Keith Kellogg e l’ex segretario di Stato Mike Pompeo.

Qual è la posizione dell’ex e forse futuro presidente su questioni come Israele e Ucraina?

In una noiosa intervista rilasciata alla rivista TIME all’inizio di aprile, Trump ha limitato le sue critiche alla furia dell’IDF: “Penso che Israele abbia fatto una cosa molto male: le relazioni pubbliche”.

Quando gli è stato chiesto se avrebbe appoggiato Israele se fosse scoppiata una guerra tra Israele e Iran, ha risposto,

Sono stato molto fedele a Israele, più di qualsiasi altro Presidente. Ho fatto di più per Israele di qualsiasi altro presidente. Sì, proteggerò Israele.

Non sembrava che ci volesse un attimo per arrivare al “sì”?

Sulla questione dei finanziamenti all’Ucraina, Trump è stato, beh, Trump. Alla domanda di Eric Cortellessa del TIME se avrebbe continuato a fornire aiuti all’Ucraina, Trump ha risposto,

Cercherò di aiutare l’Ucraina, ma anche l’Europa deve andare lì e fare il suo lavoro. Non stanno facendo il loro lavoro. L’Europa non sta pagando la sua parte.

L’imminente Convention nazionale repubblicana di luglio offrirà a Trump l’opportunità, tralasciata nell’intervista al TIME, di chiarire da che parte sta realmente nel dibattito sulla politica estera del GOP.

Che cos’è la geopolitica critica globale?_di Vladislav B. Sotirovic

Che cos’è la geopolitica critica globale?

Per la stragrande maggioranza degli analisti politici occidentali, dei giornalisti, degli scienziati e così via, la scomparsa dell’URSS nel 1990/91 è stata simboleggiata in modo drammatico dalla distruzione fisica del Muro di Berlino, seguita dalla rimozione/distruzione degli status/monumenti dedicati ai leader comunisti e all’ideologia comunista. Questo cambiamento geopolitico ha richiesto un nuovo ordine mondiale nelle relazioni internazionali (IR) e, di fatto, ha annunciato la pace globale, la democrazia internazionale e la sicurezza e stabilità mondiale negli affari esteri dopo la Guerra Fredda 1.0 (1949-1989). Il periodo della Guerra Fredda è stato un periodo storico che va dall’istituzione del patto NATO nel 1949 alla distruzione del Muro di Berlino nel 1989. In quel periodo, la politica globale era strutturata attorno a una geografia politica binaria che opponeva il capitalismo globale guidato dagli Stati Uniti al comunismo di tipo sovietico. Tuttavia, sebbene il mondo non abbia affrontato in quel periodo un confronto militare diretto (come nel 1962 durante la Crisi di Cuba) tra Est e Ovest, il periodo della Guerra Fredda 1.0 è stato testimone di gravi rivalità economiche, finanziarie, militari, politiche e soprattutto ideologiche tra le due superpotenze (nucleari) di allora (USA e URSS) e i loro alleati (NATO e Patto di Varsavia).

Secondo il noto concetto di “fine della storia”, che riflette la fine della Guerra Fredda 1.0, la battaglia globale dei quarant’anni precedenti – agli occhi della propaganda occidentale, la battaglia finale tra le libertà (occidentali) e l'”Impero del Male” (orientale) – era finita (almeno per qualche tempo). Il mondo sembrava unificato sotto il Nuovo Ordine Mondiale (diretto da Washington). Subito dopo il 1989, qualsiasi combinazione di multipolarità dell’ordine 1.0 post-Guerra Fredda in IR è stata intesa come un pericolo reale per la sicurezza globale.

Tuttavia, dal punto di vista della geopolitica critica, è stato suggerito che il mondo avrebbe presto perso la stabilità nelle IR che esisteva durante la Guerra Fredda 1.0 a causa dell’opposizione militare, politica e ideologica di due superpotenze e dei loro alleati. In altre parole, secondo questi critici, il Nuovo Ordine Mondiale dopo il 1989 perderà la chiarezza e la stabilità che aveva l’epoca della Guerra Fredda 1.0. Pertanto, il mondo post-1989 per quanto riguarda l’IR, secondo S. P. Huntington, sarebbe stato un mondo di affari esteri più simile a una giungla e con molteplici pericoli per la sicurezza globale, con trappole nascoste, spiacevoli sorprese e ambiguità morali. Un nuovo mantra in IR è iniziato dopo l’11/9 (2001), quando il Presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha posto linee chiare di bene e male sulla mappa politica globale.

Durante la Guerra Fredda 1.0, il mondo capitalistico “libero” combatteva contro il mondo comunista “non libero” (soprattutto se si viveva nella “terra promessa” degli Stati Uniti). L’Occidente “promesso” dimostrava l’inevitabilità della caduta dei Paesi sotto il “diavolo” comunista come un domino (un “effetto domino”), a meno che l’URSS non fosse contenuta dietro la cortina di ferro. Tuttavia, dopo il 1989, alcuni teorici politici offrirono nuove visioni della politica globale basate sul caos e sulla frammentazione, sostenendo che le minacce e i pericoli provenivano da più parti. Questa geopolitica globale critica è stata incorporata nella geografia immaginaria della guerra al terrorismo proclamata da G. W. Bush dopo l’11 settembre, quando l’amministrazione statunitense ha diviso nettamente il mondo in due metà, il che significa che ogni Stato era o per gli Stati Uniti o per i terroristi. Non c’era, infatti, uno spazio intermedio. Da una prospettiva più ampia, l’uso di immaginari geografici nella formazione di modelli politici globali (come quelli durante e dopo la Guerra Fredda 1.0) è solitamente inteso come geopolitica.

Dal punto di vista della geografia umana come disciplina accademica, la geopolitica è intesa come un elemento della pratica e dell’analisi dello statecraft che considera la geografia e le relazioni spaziali, che giocano entrambe un impatto cruciale nel processo di creazione delle IR. La realtà politica che riguarda l’IR deve prendere in seria considerazione alcuni quadri di leggi sia della geografia che della politica: per quanto riguarda la geografia, la distanza, la prossimità e la localizzazione, si intende che esse influenzano lo sviluppo dell’azione politica (ad esempio, la guerra). Dal punto di vista delle argomentazioni geopolitiche, l’impatto della geografia sulla politica si fonda sulla realtà geofisica, ma non sull’ideologia. Nella pratica storica sembra che la scienza geografica abbia un impatto prevedibile sull’azione politica.

Queste argomentazioni sono contestate da coloro che sostengono che le relazioni e le entità geografiche sono specifiche degli ambienti storici e culturali. Ciò significa che la natura dell’influenza della geografia sugli eventi politici può cambiare.

Dobbiamo ricordare che il termine geopolitica è stato storicamente utilizzato per la prima volta dal politologo svedese Rudolf Kjellen nel 1899. Tuttavia, il termine non era molto utilizzato prima dell’inizio del XX secolo. Tuttavia, la promozione da parte del geografo e stratega politico britannico Halford Mackiner dello studio della geografia come disciplina accademica per aiutare lo statecraft ha stimolato l’idea che la geopolitica possa influenzare i geografi a offrire un modo per influenzare l’IR. In sostanza, la geopolitica come disciplina di ricerca accademica si occupa della questione di quali fattori geografici possono plasmare le IR. Fondamentalmente, questi fattori geografici includono lo spazio continentale, seguito dalla distribuzione del paesaggio fisico e delle risorse umane. Per quanto riguarda la ricerca geografica, si prevede che alcuni territori siano più facili o più difficili da difendere. Inoltre, la nozione di distanza influenza la politica e alcune caratteristiche topografiche possono partecipare in modo significativo agli sforzi di sicurezza dello Stato, ma possono anche portare alla sua vulnerabilità.

Non si può mai dimenticare che la questione della sicurezza è sempre stata e sarà in futuro fondamentale per lo studio della geopolitica. Essa, in sostanza, significa il mantenimento dello Stato di fronte alle minacce, di solito provenienti da potenze esterne (aggressioni dall’esterno). Il punto cruciale è che i geopolitici sostengono di poter sostenere il concetto di sicurezza nazionale (statale) spiegando gli effetti della geografia di un Paese (e di quelli circostanti) e di potenziali conquistatori, sulle future relazioni politico-politiche di potere. In altre parole, gli esperti di geopolitica devono essere in grado di prevedere quali aree potrebbero rendere uno Stato più forte, aiutandolo a salire alla ribalta, e quali potrebbero lasciarlo vulnerabile. I geopolitici sostengono che la geografia è il fattore più importante dell’IR proprio perché è il più permanente. Di conseguenza, lo studio della geopolitica è considerato di natura molto pratica e il più oggettivo in materia di IR. Da questo punto di vista, è ben distinto dalla teoria politica.

Di solito, i geopolitici presentano il mondo e l’IR come un sistema chiuso fondato su relazioni interdipendenti tra attori politici, fondamentalmente Stati indipendenti. Accidentalmente o meno, l’interesse per la geopolitica come disciplina accademica in grado di spiegare il mondo e il sistema delle IR è nato in un momento in cui il mondo intero è stato esplorato dai colonizzatori imperialisti occidentali. Pertanto, ora il mondo è diventato disponibile per l’espansione territoriale ed economica degli Stati nazionali. Ben presto, intorno al 1900, la politica coloniale dell’Europa occidentale raggiunse il suo apice. In linea di principio, il colonialismo è inteso come il dominio di uno Stato nazionale (o di un’altra potenza politica) su un altro territorio occupato e subordinato e sul suo popolo. In origine, la geopolitica era intesa come lo studio che spiega e addirittura legittima la politica di colonizzazione e la creazione di imperi d’oltremare. In pratica, prima del 1945 la geopolitica in molti casi offriva agli Stati nazionali un modo per proteggere i loro possedimenti territoriali nel momento in cui (prima del processo di de-colonizzazione) le “terre vuote” (e la “terra incognita”) venivano occupate dagli Stati e dalle potenze dell’Europa occidentale (e di altri Paesi).

Dal punto di vista pan-globale, la tesi geopolitica più nota è quella del britannico Mackinder – “Heartland Thesis”. Secondo questa tesi, l'”Heartland” asiatico è un’area cardine della geopolitica globale. Chi controlla quest’area si assicura una posizione di primo piano nella politica mondiale e, quindi, il dominio globale. Questa “Pivot Area” è circondata dall'”Outer Rim” delle terre divise in due territori: 1) “Mezzaluna interna o marginale”; e 2) “Terre della mezzaluna esterna o insulare”). Se non ci fosse la resistenza dell’area dell'”Outer Rim”, che è vicina all'”Heartland”, una potenza occupante potrebbe facilmente arrivare a controllare prima l’Europa e poi il mondo. Secondo la tesi di Mackinder del 1919, il prerequisito per comandare l'”Heartland” è governare l’Europa orientale. Tuttavia, chi governa l'”Heartland” comanda l’Isola del Mondo, che è una precondizione per governare il Mondo.

L’analisi geopolitica di Mackinder sulla politica mondiale, tuttavia, aveva un compito molto pratico: aiutare l’imperialismo coloniale globale britannico. In altre parole, suggerì ai responsabili politici britannici di diffidare delle potenze che occupano l'”Heartland” e di stabilire una “zona cuscinetto” intorno al territorio dell'”Heartland” per prevenire l’accumulo di potenze che in futuro avrebbero potuto sfidare l’egemonia dell’Impero britannico sia all’interno che all’esterno della “Mezzaluna”. Il ragionamento geopolitico di Mackinder ebbe una certa influenza sia sulla politica estera britannica sia sull’immaginario popolare. Tuttavia, non tutti i geopolitici concordano con la conclusione di Mackinder secondo cui il luogo del potere globale è la terraferma: ad esempio, il geopolitico statunitense Mahan, invece del potere della terraferma, promosse il concetto di potere del mare, mentre altri più tardi promossero l’importanza del potere aereo. Ciononostante, ognuno di questi tre gruppi ha individuato diverse aree centrali da cui imporre il dominio politico, militare ed economico.

La nozione di geopolitica nel secondo dopoguerra era piuttosto negativa, poiché agli occhi di molti era associata alle politiche naziste di occupazione territoriale, espansionismo, Lebensraum, colonizzazione, olocausto e atrocità di guerra. In pratica, durante la Guerra Fredda 1.0, la geopolitica, espressa in puri modelli spaziali (geografici), è diventata obsoleta e fuori uso, almeno nella sua forma originale. Tuttavia, la teoria occidentale (americana) dell’Effetto Domino (reazione a catena di Stati che cadono in mano ai comunisti, come una fila di domino che cade) era essenzialmente legata al fattore territorio (geografia), in quanto la diffusione del comunismo/socialismo non era vista come un complesso processo politico di adattamento e conflitti, ma principalmente come un risultato diretto della vicinanza a un territorio governato dall’URSS. Il processo di reazione a catena non si sarebbe fermato, secondo questa teoria, finché non avesse raggiunto l’ultimo domino in piedi (gli Stati Uniti), facendo apparire inevitabile un’azione politica futura, a meno che non venisse intrapresa un’azione proattiva come un attacco preventivo.

Tuttavia, dopo il 1989 sono apparsi nuovi approcci alla geopolitica, solitamente definiti “geopolitica critica”. Per tutti loro, la questione comune è il rifiuto dell’oggettività e dell’atemporalità dell’effetto della geografia su alcuni processi politici, tra cui l’IR. A differenza dei geopolitici tradizionali, i sostenitori della geopolitica critica prendono in considerazione un ampio spettro di fattori che influenzano l’azione politica e le IR. Inoltre, la geopolitica tradizionale viene criticata perché prende in considerazione solo lo Stato o principalmente lo Stato come attore principale o addirittura unico nella politica internazionale, soprattutto al tempo della “turbo globalizzazione” dopo il 1989/1990 quando, chiaramente, altri attori e poteri sono coinvolti sia a livello sub-statale (come i gruppi etnici, regionali o basati sul luogo), sia a livello sovrastatale (come le corporazioni transnazionali o le organizzazioni internazionali come la NATO, l’UE, l’ONU, l’ASEAN, il NAFTA, i BRICS, l’OPEC, l’Unione Araba, l’Unione Africana, il Consiglio d’Europa, ecc. ).

Va sottolineato che i geopolitici critici sono particolarmente interessati a mettere in discussione il linguaggio della geopolitica, ovvero il cosiddetto “discorso geopolitico”. Per i geopolitici, il discorso è un modo di parlare, scrivere o rappresentare in altro modo il mondo e le sue geografie. Il discorso è semplicemente visto come un modo di rappresentare il mondo – il modo in cui sta, di fatto, plasmando la realtà del mondo, piuttosto che essere solo un modo di presentare una realtà che esiste al di fuori del linguaggio. L’espressione linguistica può essere problematica in quanto il linguaggio è metaforico e, quindi, in primo luogo viene compreso in modo diverso dagli ascoltatori/lettori e in secondo luogo orienta l’opinione degli altri. Esiste sempre una scelta di parole, espressioni e metafore e il tipo di termini utilizzati influisce sul significato di ciò che viene descritto. Per esempio, i membri di alcune organizzazioni possono essere descritti come “terroristi” o “combattenti per la libertà”. Per comprendere correttamente il carattere e gli obiettivi della loro attività politica, quindi, molto dipende dalla descrizione linguistica che se ne fa. Di conseguenza, esiste una politica del linguaggio.

La geopolitica critica si fonda sulle preoccupazioni postmoderne per la politica della rappresentazione. Per i sostenitori di questo approccio, la geografia politica non è una raccolta di fatti indiscutibili ma, al contrario, riguarda il potere. Ciò significa che la geografia politica non è un ordine o un fatto, ma che gli ordini geopolitici sono creati da individui di spicco e dalle principali istituzioni e poi imposti in tutto il mondo. La geografia politica è il prodotto di un contesto culturale seguito da una motivazione politica. Uno dei punti focali della geografia critica di oggi è che esamina la questione del perché la politica internazionale sia solitamente compresa dal punto di vista dello spazio o semplicemente attraverso gli occhi della geografia. Di conseguenza, la geopolitica critica cerca di scoprire le politiche coinvolte nella scrittura della geografia dello spazio globale. Questo processo è chiamato “geo-grafismo” (scrittura della terra) per utilizzare il processo di ragionamento geografico al servizio pratico di poteri politici e non.

La geopolitica critica non è tanto interessata ai problemi geopolitici classici, come i veri effetti della geografia sulle relazioni internazionali (ad esempio se le potenze terrestri, marittime o aeree sono le più influenti). Piuttosto, i geografi critici indagano su quali modelli di geografia internazionale vengono utilizzati e, soprattutto, su quali interessi questi modelli servono. Per loro, il potere dipende essenzialmente dalla conoscenza e, quindi, la conoscenza ha un impatto cruciale sull’azione politica. Esempi di come la scienza (la conoscenza) possa essere usata in politica sono i casi di Mackinder, che voleva contribuire a mantenere le colonie imperiali britanniche d’oltremare e, quindi, la sua egemonia sugli affari mondiali, e di Mahan, uno storico navale, che era interessato a costruire la Marina degli Stati Uniti per favorire la creazione dell’Impero americano.

I sostenitori della geopolitica critica tendono ad analizzare l’impatto della geografia in qualsiasi descrizione del mondo o delle sue parti da un punto di vista politico: ad esempio, descrivere o prevedere la politica estera di uno Stato nazionale significa, di fatto, essere impegnati nella geopolitica. Qualsiasi descrizione geopolitica può influenzare la percezione politica. Ad esempio, la conoscenza di altre regioni e del carattere dei loro abitanti, descritta in un particolare modo politico-ideologico, può essere significativa per l’azione politica: usare costantemente i termini “Impero del Male” o “Asse del Diavolo” per descrivere un paese e la sua leadership politica, serve a legittimare la sua politica estera e le sue azioni militari.

L’affermazione principale dei sostenitori della geopolitica critica è che le argomentazioni geopolitiche convenzionali o tradizionali sono troppo di natura pro-geografica. Contrariamente ai geopolitici tradizionali, i loro colleghi della geopolitica critica preferiscono ridurre il fattore spazio e luogo (il che significa non preoccuparsi in modo cruciale di comprendere e analizzare i processi geografici) a concetti o ideologie. L’ideologia, nella prospettiva stessa della geografia critica, può essere intesa come un significato che serve a creare e/o mantenere relazioni di dominio e subordinazione, attraverso forme simboliche. Per quanto riguarda la politica internazionale, la geopolitica critica sostiene che la geopolitica non è semplicemente legata alla funzione di descrivere o prevedere la forma delle IR. Tuttavia, la geopolitica deve essere focalizzata sul modo in cui l’identità si forma e si sostiene nelle società contemporanee (multi e ibride).

In conclusione, possiamo dire che la geopolitica continua a essere una potente forma di ragionamento geografico, ma utilizzata a sostegno di potenti interessi politici. La geopolitica può creare mappe “morali” del mondo e individuare i nemici dello Stato-nazione. Tuttavia, la geopolitica critica rappresenta una sfida significativa all’immaginario geopolitico tradizionale dell’IR e della politica globale, offrendo un altro modo per immaginare connessioni alternative tra i diversi gruppi umani nel mondo.

Dr. Vladislav B. Sotirovic
Ex professore universitario
Ricercatore presso il Centro di Studi Geostrategici
Belgrado, Serbia
www.geostrategy.rs11
sotirovic1967@gmail.com © Vladislav B. Sotirovic 2024

Disclaimer personale: l’autore scrive per questa pubblicazione a titolo privato e non rappresenta nessuno o nessuna organizzazione, se non le sue opinioni personali. Nulla di quanto scritto dall’autore deve essere confuso con le opinioni editoriali o le posizioni ufficiali di altri media o istituzioni.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Ge Zhaoguang: immaginare una narrazione storica globale

Ge Zhaoguang: immaginare una narrazione storica globale

  • 葛兆光Charles Ge Shao GuangDirettore dell’Istituto di letteratura e storia dell’Università Fudan, Taoismo e cultura cinese, Casa della Cina

[Testo/George Siu-kwong]

Il programma audio “Storia globale dalla Cina”, iniziato nel giugno 2019 e durato due anni e mezzo, è stato trasmesso. Oggi vorrei parlare di “Storia globale dalla Cina: immaginare una narrazione della storia globale”.

Perché abbiamo bisogno di “prevedere una narrazione della storia globale”? In primo luogo, perché in Cina non abbiamo ancora una storia globale relativamente completa scritta da noi stessi; in secondo luogo, tra le varie storie globali del mondo, non ce n’è ancora una che parta dalla Cina o che la guardi attraverso gli occhi dei cinesi; in terzo luogo, stiamo ancora brancolando nel processo e abbiamo ancora molti rimpianti e problemi. Ecco perché è “previsto”.

1. Introduzione: dalla congettura di Samsungdui

Innanzitutto, vorrei iniziare con lo scavo archeologico di Sanxingdui, che di recente ha attirato particolare attenzione. Come tutti sappiamo, nel marzo 2021 la China Central Television (CCTV) trasmetterà in diretta lo scavo di Sanxingdui. In Cina, con l’irradiazione e l’influenza dell’emittente televisiva nazionale per riferire sullo scavo di un sito con così tanta potenza, ci deve essere un retroscena e uno scopo dietro. Questo non ci interessa.

Tuttavia, come avrete notato, negli scavi archeologici del sito di Sanxingdui, le statue di bronzo di figure in piedi, le maschere longitudinali di bronzo, le maschere d’oro e gli scettri d’oro di cui ci occupiamo ora sono molto diversi dagli oggetti portati alla luce nei siti dello Yin Shang e dello Zhou occidentale, che in passato si trovavano nell’area centrale delle pianure centrali. Oppure, in effetti, ci sono molte sorprese, tra cui l’avorio e altri oggetti portati alla luce in questa fossa sacrificale, che riteniamo molto interessante.

Manufatti appena scavati in mostra al restauro del Museo di Sanxingdui a Guanghan, nella provincia di Sichuan, 5 dicembre 2021; nella foto una maschera d’oro appena scavata (parziale)

Permettetemi di introdurre brevemente Sanxingdui. Quello che forse non sapete è che i primi scavi di Sanxingdui coinvolsero degli stranieri; nel 1934, un uomo di nome David Crockett Graham (1884-1962), che all’epoca si trovava a Huaxi, collaborò con un cinese, Lin Mingjun, e trovò qualcosa di molto sconvolgente. Gli scavi sono poi proseguiti nel 1958, non solo ora. Naturalmente, è stato nel 1980-1981 che è stato chiamato Sanxingdui e gli è stata dedicata un’attenzione particolare. Solo nel 1986 fece scalpore il ritrovamento di bronzi molto strani nella prima e nella seconda fossa sacrificale.

La domanda è: come definire la cultura di Sanxingdui? È una cultura Shu, un ramo della cultura delle Pianure Centrali o una cultura regionale sotto l’influenza di culture straniere? Si tratta di un dibattito molto ampio. Come forse sapete, il Sichuan è un luogo molto strano, e sono sempre stato curioso di sapere se i cosiddetti barbari sud-occidentali dello Yunnan, del Guizhou e del Sichuan non siano così strettamente legati alle Pianure Centrali e se, al contrario, abbiano maggiori interazioni con alcuni luoghi esterni alla regione. Forse ne abbiamo sentito parlare, “I registri del Grande Storico” registrano la missione di Zhang Qian nelle regioni occidentali, che ha scoperto che nel Sichuan ci sono canne di bambù Qiong e stoffe Shu. Pertanto, Zhang Qian suggerì all’imperatore Wu di Han che poteva esserci un’altra via dal Sichuan all’India, così l’imperatore Wu di Han inviò quattro missioni attraverso lo Yunnan per cercare una via per l’India. Naturalmente, queste quattro missioni non riuscirono a portare a termine la loro missione e tornarono indietro invano. Ma questo dimostra esattamente che durante la dinastia Han occidentale, o anche prima, poteva esserci un passaggio dal Sichuan alla Birmania e all’India, e che questo passaggio avrebbe portato a una cultura nel Sichuan che potrebbe non essere la stessa di quella delle pianure centrali?

Se siete stati a Meishan, forse saprete che nelle tombe a rupe di Pengshan si trovano le prime statue buddiste in pietra della Cina, che secondo gli archeologi sono addirittura precedenti a quelle delle pianure centrali. Non provengono forse dall’Asia centrale, dalla regione occidentale? Pertanto, la comunità accademica ha la Via della Seta sud-occidentale. Si dice che la Via della Seta sud-occidentale passi attraverso due strade: una da Chengdu, attraverso la strada Lin Qiong, la strada Shiyang fino allo Yunnan, attraverso l’Aigong verso sud; l’altra da Yibin, attraverso la strada Bo fino a Juti, e poi a Dali, Yongchang. Come tutti sappiamo, la strada che porta dal Sichuan allo Yunnan, passando per il Myanmar e l’India, non è uguale a quella di qualsiasi altro luogo della Cina: le sue catene montuose, come i monti Hengduan, sono orientate in direzione nord-sud e i tre fiumi, il fiume Nu, il fiume Lancang e il fiume Jinsha, sono anch’essi orientati in direzione nord-sud, a differenza dell’orientamento est-ovest di montagne e fiumi in altre parti della Cina.

Pertanto, lungo la cosiddetta “Tea Horse Road” e, più tardi, lungo strade come la Stilwell Highway, tutte le strade possono condurre verso l’esterno in direzione nord-sud. Ecco perché alcuni hanno concluso che questo luogo, il Sichuan, aveva qualcosa a che fare con l’ovest e il sud in una fase molto, molto precoce. C’è un’altra cosa che posso menzionare: forse i colleghi non hanno letto “La storia dello zucchero” di JI Xianlin. La Storia dello zucchero” racconta un fatto molto importante, ovvero uno degli snodi più importanti della produzione di zucchero in Cina. La leggenda narra che durante la dinastia Tang medio, un monaco straniero chiamato Monk Zou venne nel Sichuan e fu lui a portare in Cina l’avanzatissima tecnologia di produzione dello zucchero, che era la migliore dell’India. Pertanto, in termini di collegamenti esterni, la Cina sud-occidentale, compreso il Sichuan, ha sempre avuto qualcosa di diverso dalle pianure centrali.

Il motivo per cui voglio parlare così tanto di Sanxingdui è che voglio dire che quando le persone si trovano di fronte alle rovine di Sanxingdui, ci sono due tipi di premesse di giudizio in Cina, sia nel circolo accademico, che in quello politico o nei media. Sappiamo tutti che Fei Xiaotong ha detto “pluralismo e unità”, ma si tratta soprattutto di pluralismo o di unità? Esiste una premessa di giudizio che si concentra sull'”unità”. In altre parole, fin dai tempi antichi, la nazione cinese ha una lunga storia, non solo uno sviluppo indipendente, ci sono molti rami, Ba Shu è un ramo, questo è un tipo. Tuttavia, c’è un altro tipo di attenzione alla “pluralità”, che sottolinea come la pluralità significhi che questo gruppo etnico, questa cultura proviene da tutte le parti, ed è composta da una varietà di culture diverse che si mescolano, si intrecciano e si fondono costantemente. Entrambi sembrano parlare di “unità nella diversità”.

Nel 1990, l’invenzione di Fei Xiaotong di questo concetto è stata notevole in quanto ha incorporato le connotazioni del conflitto nello stesso concetto. Ma in realtà, dopo tutto, questa è solo una teoria, gli storici cinesi hanno sempre due facce: una parte sottolinea l’indipendenza, l’inclusività e l’universalità della nazione e della cultura cinese, e usa la successiva “nazione cinese” per guardare indietro alla storia; l’altra parte cosa sottolinea? Sottolinea la diversità della cultura cinese, l’esotismo e l’integrazione, e la nazione cinese, la civiltà cinese come processo storico. Quindi, qual è l’impatto o l’illuminazione maggiore che lo scavo di Sanxingdui ha dato alla storia globale o alla storiografia? Si tratta di considerare queste domande: quanto non sappiamo delle antiche connessioni umane nel corso della storia e se abbiamo sottovalutato le antiche connessioni e i movimenti umani.

Ovviamente, la controversia o il dibattito causati da Sanxingdui, non importa se si tratta di addetti ai lavori o di esterni, la preoccupazione principale nel cuore di molte persone è da dove provengono queste strane cose a Sanxingdui? È legato all’Asia occidentale? Non è legato all’Asia meridionale? Vedete che lo scettro non è mai stato, non ha nulla a che fare con lo scettro dell’Asia occidentale e del Nord Africa? Questa maschera non sembra essere come le nostre cose tradizionali cinesi, è influenzata da paesi stranieri? Pertanto, lo scavo di Sanxingdui, a prescindere dalle conclusioni, ha un grande significato: forse la prima connessione globale non è così scarsa come si pensava all’inizio, ci possono essere molte, molte connessioni tra le diverse parti del mondo, e questo è un punto che voglio sottolineare.

Questo ha a che fare con la storia globale.

2. Il globo è collegato da molto tempo, solo che la storia non l’ha registrato.

La domanda successiva è quindi la seguente: in realtà, il globo è stato a lungo connesso l’uno con l’altro, solo che la storia non ne ha registrato la presenza.

Come tutti sappiamo, “storia” ha due significati: uno è qualcosa che è accaduto prima e l’altro è qualcosa che è stato registrato. Se non è stata registrata, non c’è storia? In effetti, c’è.

A proposito, qual è uno dei temi più caldi della comunità accademica internazionale, o della comunità archeologica internazionale, negli ultimi 20 o 30 anni? Si tratta di un sito in Turchia chiamato Çatalhüyük, noto anche come l’antico tumulo di Gatay. Quanto è antico questo sito? Non possiamo nemmeno pensarci, ha un’età compresa tra i 9.200 e gli 8.400 anni. Siamo impressionati da quanto sia bello e quanto sia più sviluppato di quanto pensassimo.

Situata nell’attuale Turchia, la città diCatalan Moundscopre un’area di 6 ettari. È composta da 1.000 case vicine tra loro e non ha strade (Foto: Internet)

Come può qualcosa di 9.000 anni fa essere così bello e così sviluppato? Per esempio, c’è una statua di una donna con due ghepardi in mano. In Cina esistono anche le cosiddette statue di dee, come la dea della gravidanza nella cultura di Hongshan, ma sono troppo rozze, mentre questa statua di Kataiguqiu è così squisita che è difficile immaginare quanto fosse avanzata la cultura di 9.000 anni fa. Alcuni studiosi affermano che lo scavo del tumulo di Kataiguchi ha portato un impatto molto grande sugli ambienti storici attuali, è vero che molte culture dell’Asia centrale, dell’Asia orientale, del Nord Africa e persino dell’Europa hanno molto a che fare con la cosiddetta zona della mezzaluna in Asia occidentale, in Turchia e nel bacino dei Due Fiumi?

Non osiamo dirlo perché non abbiamo le prove, ma ora abbiamo visto alcuni frammenti di informazioni che dimostrano che l’antica Cina aveva molti collegamenti con il mondo esterno. Nel programma “Storia globale dalla Cina”, abbiamo parlato del grano proveniente dall’Asia occidentale, della fusione del bronzo proveniente dalle steppe settentrionali e di altre cose.

Facciamo un esempio. In una tomba Zhou occidentale riportata alla luce a Xi’an, c’era un oggetto in bronzo con immagini di animali a spirale posti su un carro che in realtà era quasi identico a un ornamento in bronzo sulla testa di un cavallo riportato alla luce in un altopiano del Luristan in Iran nel 1000 a.C.. Nello Shanxi, anche i fili di perline di onice e giada portati alla luce nella tomba del marchese di Jin a Qucun-Tianma sono molto simili a quelli trovati nelle prime tombe dei popoli nomadi della steppa. Lo studioso americano Rechard Barnhart ha raccontato una storia affascinante nel 1999. Nella tomba del re di Nan Yue a Guangzhou (morto nel 122 a.C., probabilmente contemporaneo di Zhang Qian e Sima Qian), c’è una scatola d’argento in stile persiano simile ai vasi trovati nella tomba del re Mida di Frigia, costruita nel 700 a.C. e scavata nell’attuale Turchia; e c’è anche una coppa di giada angolare in stile persiano-greco, simile alle coppe di giada dei contemporanei greci e iraniani. Anch’essa è nello stesso stile dei vasi di giada dei contemporanei greci e iraniani. Secondo l’autore, i percorsi e le cronache dei primi anni dell’Oriente e dell’Occidente sono una delle storie più interessanti per il futuro dell’archeologia cinese.

Se si esaminano questi frammenti di prove, si può notare che forse stiamo sottovalutando la capacità di movimento delle persone in quell’epoca e la capacità di diffusione della tecnologia e della conoscenza in quell’epoca.

Gli antichi cinesi hanno un’abitudine, sentono sempre che io sono Huaxia, è la discendenza dell’Imperatore Giallo, la comunità è dai primi vecchi lentamente allevata, voi siete i figli e i nipoti dell’Imperatore Çu, lui è i figli e i nipoti di Zhuanxu, e anche quei “barbari” sono anche contati come i figli e i nipoti di Chi, comunque, dall’Imperatore Giallo, in modo che siamo tutti una serie di bambini. Questa immaginazione storica è il modo in cui Sima Qian fa le cose, perché ha scritto i “Registri storici” nel periodo dell’unificazione degli Han occidentali, quindi tutti i luoghi della Cina, tutte le culture sono scritte come una famiglia dello stesso respiro. I Registri del Grande Storico costituiscono una narrazione unificante della prima razza cinese, ma in realtà non è così semplice: le origini dei vari gruppi etnici sono probabilmente molto complesse, e il flusso di culture e la mescolanza di nazionalità sono molto forti, non tutti provengono dall’Imperatore Giallo, e “raccomando Xuan Yuan con il mio sangue” è solo un’immaginazione letteraria.

La tradizione della storiografia giapponese non è proprio uguale a quella cinese. Nel 2020 ho trascorso otto mesi all’Università di Tokyo e ho chiacchierato spesso con studiosi giapponesi. Gli studiosi di storia giapponese sono concordi nell’affermare che i giapponesi dell’epoca Jomon erano asiatici del sud-est e quelli dell’epoca Yayoi erano asiatici del nord-est e che i primi giapponesi provenivano dal sud-est asiatico. Ecco una domanda: attraverso il vasto oceano, come ha fatto un gran numero di asiatici del sud-est a raggiungere il Giappone e a diventare gli antenati dei giapponesi? Non preoccupiamoci di questo. Infatti, vediamo che un po’ più tardi nella storia giapponese si registrano i secoli VI e VII del Giappone e del Sud-Est asiatico: per esempio, nel 654, ci sono dall’odierna India meridionale e dall’odierna Thailandia, vicino a Bangkok, alcune persone, dal mare al Giappone Chikushi, cioè Fukuoka, Kyushu.

Gli archeologi, gli antropologi e gli storici giapponesi affermano inoltre che i primi Jomon avevano qualcosa in comune con i popoli del Sud-Est asiatico: pelle scura, doppie palpebre, orecchie più corte e umide. Ma gli Yayoi sono arrivati dall’Asia nordorientale attraverso la Corea del Nord e sono molto legati alla Cina. Queste persone sono più alte, hanno la pelle più chiara, hanno una sola palpebra e il cerume è secco. Questi due tipi di persone si mescolano costantemente per formare l’attuale popolo giapponese. Gli studiosi giapponesi ritengono che gli asiatici del sud-est e gli asiatici del nord-est si siano mescolati per formare il successivo popolo Yamato nel III secolo a.C., che equivale alla fine del periodo degli Stati Combattenti in Cina. Abbiamo quindi sottovalutato l’abilità marinara degli esseri umani dell’epoca, che furono effettivamente in grado di viaggiare in lungo e in largo per raggiungere il Giappone e infine stabilirsi?

Una delle affermazioni più influenti è che gli accademici giapponesi sono soliti suggerire che nel quinto e sesto secolo anche il popolo giapponese ha subito un grande cambiamento, e che anzi il popolo giapponese successivo è stato in gran parte il risultato di questo grande cambiamento. In cosa consisteva questo cambiamento? Il fatto che gran parte dei giapponesi proveniva da popoli che praticavano l’equitazione; in Giappone esiste un libro molto famoso, “Stati-nazione che praticavano l’equitazione”, scritto da un famoso studioso, Hideo Egami (1906-2002). Egli ha visto sulle ceramiche giapponesi del V secolo circa esattamente gli stessi segni presenti sulle ceramiche dei Paesi della steppa. Pertanto, secondo Hideo Egami, il Giappone ha subito un battesimo di popoli a cavallo prima della formazione dell’antico Stato giapponese nel VI e VII secolo. Pertanto, i giapponesi si sono formati dalla sovrapposizione di asiatici del Sud-Est, asiatici del Nord-Est e popoli che cavalcavano.

Unacoppa Kotobuko rinvenuta nel VI secolo presso il tumulo di Haku Sore Shinzuka, città di Maono, prefettura di Nagano(Foto: Tokyo National Museum)

Se ci pensate, nella storia della formazione del popolo giapponese potete vedere che in realtà gli esseri umani erano piuttosto mobili e che i primi esseri umani erano molto interconnessi.

Prendiamo un esempio successivo. Ho menzionato il globo di Zamaruddin nella conclusione della sesta stagione, che è registrato nello Yuan Shi – Astronomical Records come “Bitter Laiyi A Son”, che è probabilmente la lingua degli occidentali. Il mappamondo di Zamaruddin è precedente a tutti i mappamondi che si possono vedere in epoca moderna e i documenti sono molto chiari: il legno viene trasformato in una palla rotonda, poi si disegnano tre parti della terra e sette parti dell’acqua e si tracciano piccoli pozzi quadrati come linee di latitudine e longitudine. Quindi, pensiamoci bene, quando Zamaruddin realizzò questo mappamondo, la dinastia Song meridionale non era ancora caduta, negli anni ’60 del XIII secolo. Ma a quell’epoca, è possibile che una conoscenza così avanzata dell’universo provenisse dall’Occidente? Il primo mappamondo che vediamo oggi è di duecento anni successivo a questo, nascosto a Norimberga, realizzato da un cartografo tedesco. Questo mappamondo aveva la terra nell’emisfero orientale, mentre l’emisfero occidentale era ancora un mare. Allora mi sono chiesto: questo persiano di nome Zamaruddin, da dove ha preso queste conoscenze? Le sue conoscenze provenivano dall’Arabia? L’idea della terra esisteva già in Arabia a quel tempo? Non capiamo un po’ meno della diffusione della conoscenza del mondo in quell’epoca?

Ebbene, ora ci concentreremo su un esempio, ovvero la “Mappa delle capitali della dinastia Joseon” della dinastia Joseon. Si tratta di una mappa molto importante, che fu disegnata nel 1402, quarto anno del regno di Jianwen della dinastia Ming. La mappa si basa su due mappe della dinastia Yuan, ma quali sono le meraviglie di queste due mappe?

La mappa delle capitali delle dinastie successive del Jiyi Keri, oggi conservata presso la Biblioteca dell’Università di Ryukoku (Fonte: Internet)

Quando si guarda questa mappa, bisogna osservare in particolare il lato sinistro. C’è l’Africa nella mappa e si può vedere questo triangolo rovesciato, anche se non è disegnato con precisione, è disegnato più piccolo, ma la condizione del triangolo rovesciato è chiara, e alcuni dicono che la parte con l’acqua è la regione dei Grandi Laghi nell’Africa meridionale, e questa è un’ipotesi. Ma la parte superiore, con l’aggiunta della penisola arabica simile a un naso, è disegnata con precisione. Anche il Nilo, l’Eufrate e il Tigri sono chiaramente disegnati. Ancora più sorprendente è la presenza di Roma e Parigi.

Questa mappa ha fatto particolarmente scalpore. Perché? Perché a quell’epoca Zheng He non era ancora salpato verso l’Occidente; Zheng He salpò verso l’Occidente nel 1405, ma questa mappa fu disegnata nel 1402, e molti dei nomi dei luoghi qui riportati possono essere verificati uno per uno. Ad esempio, Roma è scritta come Marou e Parigi è scritta come Farnese. Alcuni si chiedono anche come faccia a sapere che l’Africa è un triangolo rovesciato. All’epoca, gli europei non avevano ancora doppiato il Capo di Buona Speranza, quindi questa mappa è oggi un grande mistero. La mappa è ora conservata presso l’Università Ryukoku di Kyoto, in Giappone, e alcuni hanno ipotizzato che la mappa possa essere stata presa dai giapponesi in Corea durante la guerra di Imjin. Quella che stiamo utilizzando è una copia realizzata da Takuji Ogawa (1870-1941), professore dell’Università Imperiale di Kyoto. Forse non conoscete Ogawa Takuji, ma forse conoscete uno dei suoi figli, Hideki Yukawa (1907-1981), il primo premio Nobel giapponese per la fisica.

Questa mappa ci dice che nell’antichità si diffondeva molta conoscenza e che nell’antichità c’erano molte persone che diffondevano ogni tipo di conoscenza in tutto il mondo. In realtà, le connessioni globali esistono da molto tempo, solo che non sono state notate o registrate. Ci sono sempre più esempi di questo tipo, se si presta attenzione. Per esempio, se andate a Samarcanda, in Uzbekistan, e nella Sala degli Ambasciatori di Samarcanda c’è un murale dell’imperatore Gaozong della dinastia Tang e di Wu Zetian, ci credereste? E temo che questo murale sia ancora della dinastia Tang, ed è ancora lì.

Nel 1965, un’équipe archeologica sovietica ha scavato le pitture murali della Sala degli Ambasciatori del re Fu Huaman di Suat nella stanza del sito di Samarcanda Afrasiab 23. Secondo la ricerca, le pitture murali della parete nord raffigurano l’imperatore Gaozong della dinastia Tang a caccia di leopardi e la barca a forma di drago di Wu Zetian, raffiguranti scene di vita reale della dinastia Tang (Photo credit: National Geographic Chinese)

Prendiamo l’ultimo e più recente esempio dell’ampiezza delle connessioni globali. Come abbiamo detto nella sesta stagione del programma, l’olandese Grozio scrisse La libertà dei mari, che, come tutti sappiamo, ha avuto una fortissima influenza sul successivo diritto del mare, un evento importante nella storia globale. A quel tempo, Spagna e Portogallo, sotto l’egida del Papa, dividevano il mondo in due parti, con un paese che governava una parte. Ma l’ascesa degli olandesi ha abbandonato, perché la Spagna e il Portogallo a dividere il mare, sono venuto anche. Grozio scrisse una “Teoria della libertà del mare”, cioè che il mare era aperto a tutti i commerci.

Ma dobbiamo sapere perché Grozio scrisse “Un trattato sulla libertà dei mari” e dove si trova l’origine della questione. È successo nel Mar Cinese Meridionale, nell’Asia orientale. A quel tempo, i portoghesi stavano facendo affari con la Cina e avevano ricevuto molte cose su una nave chiamata “Santa Catarina”. La nave salpò dalla Cina per Malacca e fu sequestrata dagli olandesi. Gli olandesi portarono la nave ad Amsterdam e la misero all’asta, perché il mare è libero, quindi se lo prendo, lo prendo, giusto? Di conseguenza, i portoghesi e gli spagnoli si fermarono e vollero combattere con voi. Grozio scrisse “Sulla libertà dei mari” per questa questione. Come si può vedere, la libertà dei mari, che fu cruciale per l’Europa, e naturalmente la successiva Pace di Westfalia, erano tutte legate a Grozio. Il motivo per cui Grozio ebbe questa idea fu un evento accaduto in Oriente.

Pertanto, dobbiamo ricordare che lo scopo della nostra storia globale è quello di dimostrare che fin da tempi molto, molto remoti, noi esseri umani siamo stati connessi gli uni con gli altri e che abbiamo condiviso un mondo prima dell’era della globalizzazione ed eravamo persone sullo stesso pianeta. Per questo motivo ho sottolineato che la storiografia in origine aveva due obiettivi, ma oggi diamo importanza solo a uno. Qual era la cosa principale di cui si parlava nella storia? Narrare la storia degli Stati-nazione, costruire l’identità degli Stati-nazione e coltivare il patriottismo nel nostro linguaggio comune. Tuttavia, forse abbiamo trascurato il fatto che la storia ha anche un altro ideale, che è quello di dirvi che gli esseri umani sono interconnessi, che condividono lo stesso pianeta e che dovreste avere un senso di cittadinanza globale, che è il significato della storia globale.

Ecco perché, in questo programma “Storia globale dalla Cina”, poniamo un’enfasi particolare su questa connessione globale.

3. La storia globale come distinta dalla storia mondiale: al di là degli imperi, delle nazioni e delle comunità.

Quando si è formata la storiografia moderna, si è iniziato a scrivere la storia del proprio popolo e del proprio Paese, ma come descrivere la storia al di là del proprio Paese? Parleremo ora del perché la storia globale è diversa dalla storia mondiale e perché la storia globale è una storia che trascende gli imperi, le nazioni e i gruppi etnici.

La tradizione di scrivere la storia incentrata sullo Stato o sulla dinastia è molto antica, ma la tradizione di scrivere una storia globale del mondo è molto tardiva. Nella storiografia cinese tradizionale, la storia era principalmente incentrata sulla Cina e la storia dei Paesi vicini era posta in una posizione subordinata. Pertanto, ritengo che a partire dallo Shiji (Registri del Grande Storico), la storiografia cinese abbia creato una tradizione di “prendere la dinastia centrale come centro e i quattro popoli vicini come subordinati”. Sima Qian scrisse “I resoconti del Grande Storico”, principalmente sulla storia della dinastia centrale tradizionale fin dai tempi antichi, ma scrisse anche degli Unni, dei Dawan, della Corea, del Vietnam del Sud e dei Barbari del Sud-Ovest, ma il mondo circostante è molto piccolo e l’inchiostro non è molto. È una tradizione dei libri di storia cinesi, soprattutto della storia principale, che la descrizione della storia straniera non sia così adeguata e sia spesso stereotipata.

Ma alla fine della dinastia Qing, quando arrivarono le navi e le armi occidentali e la Cina fu costretta a impegnarsi nel mondo, le cose cominciarono a cambiare. Chi furono le persone che portarono in Cina la tradizione della storia mondiale? In primo luogo, furono i missionari occidentali, come Guo Shilah agli inizi, che pubblicarono il Compendio delle nazioni antiche e moderne nel 1838. In seguito, Morrison scrisse anche A Brief History of Foreign Countries (Breve storia dei Paesi stranieri) e nel 1880 la Shanghai Declaration House pubblicò le Historical Records of Ten Thousand Nations del giapponese Okamoto Supervisor (1839-1904), che portò in Cina la moderna storia del mondo occidentale.

Che cos’è la moderna tradizione occidentale della storia mondiale? Come tutti sappiamo, anche la storia mondiale dell’Occidente è una tradizione che si è formata in epoca moderna, incentrata sui moderni Paesi europei e che sintetizza la storia di ogni Paese nella storia di tutte le nazioni. Questa tradizione ha avuto una grande influenza sulla Cina e in seguito la storia mondiale in Cina è stata scritta e insegnata in questo modo. Una storia generale del mondo, ad esempio, è una narrazione della Gran Bretagna, della Francia, degli Stati Uniti, della Russia o di altri paesi, in un’unica epoca, in un’unica regione, in un unico paese. Questa tradizione è arrivata in Cina anche attraverso Lin Zexu, Xu Jiyu e Wei Yuan, come i Quattro continenti di Lin Zexu, Yinghuan Zhiliao di Xu Jiyu e Hai Guo Tu Zhi di Wei Yuan. Con la riforma del sistema accademico alla fine della dinastia Qing, la storia del mondo insegnata nelle università e nelle scuole secondarie cinesi aveva probabilmente questa forma, che ha lentamente formato la nostra successiva tradizione di storia del mondo. Questo modo di scrivere la storia, nella descrizione di alcuni studiosi, viene definito un cielo pieno di stelle, cioè si vede un cielo immenso, e nel cielo ci sono stelle una per una, e insieme costituiscono un universo.

Ma il problema è che dopo gli anni Ottanta la storia globale è diventata sempre più fiorente e la storia globale è del tipo palla da biliardo-scontro; alcuni paragonano la storia a un tavolo di palle da biliardo; una palla viene colpita e tutte le palle sul tavolo rotolano, e la storia si influenza e si scontra. Se in passato la storia del mondo era piena di stelle, oggi la storia globale è uno scontro di palle da biliardo, per cui nella storia globale l’interazione, l’influenza, la connessione e la collisione diventano l’orientamento principale della storia. Pertanto, entrando nello studio della storia globale, le principali affermazioni della storia iniziano a cambiare. In primo luogo, non si concentra più sulla storia politica delle nazioni, ma sulla storia delle civiltà che si sono influenzate reciprocamente; in secondo luogo, non si concentra più sull’evoluzione e sullo sviluppo lineare, ma sull’influenza reciproca e sulla commistione; in terzo luogo, non sottolinea più solo l’identità delle singole nazioni, ma il significato della cittadinanza globale, il che rappresenta un grande cambiamento nella storiografia.

Per questo motivo, includendo la nostra “Storia globale dalla Cina”, è in realtà più importante sottolineare lo scambio di materiali e merci, lo scambio di conoscenze e cultura, la migrazione di persone via terra e via mare, il modo in cui le guerre hanno causato lo spostamento di popolazioni e comunità, il modo in cui le religioni si sono diffuse, comprese le missioni, i pellegrinaggi e l’interazione di credenze, e naturalmente il modo in cui le malattie, i climi e le catastrofi hanno influenzato la storia umana. Come le malattie, il clima e le catastrofi hanno influenzato la storia dell’umanità. Ciò che sottolineiamo in particolare è l’interconnessione globale e l’attenzione è rivolta alla connettività, al trasporto e alla convergenza. Forse qualcuno potrebbe chiedersi: “Che cosa c’è di diverso rispetto alla storia dei trasporti sino-stranieri del passato? Dobbiamo capire che la storia del trasporto sino-estero si concentra principalmente sugli scambi reciproci. Qual è l’obiettivo della nostra attuale storia globale? Si tratta dei risultati degli scambi. Spesso uso un’analogia: in passato, la storia del trasporto sino-estero descriveva le persone che si innamoravano, mentre l’attuale storia globale descrive le persone che si innamorano e hanno un figlio, e cosa è successo al bambino. Questo è il punto che ci rende diversi dalla storia dei trasporti cinesi e stranieri del passato. Quindi, si può notare che molte cose che diamo per scontate, che sembrano essere così dall’inizio dei tempi, in realtà, se si risale con attenzione, si può scoprire che provengono da un luogo lontano.

Dato che ora mi trovo a Shanghai, faccio questo esempio: gli abitanti di Shanghai amano mangiare la testa d’erba, ma cos’è la testa d’erba? Il primo è l’erba medica che viene data in pasto ai cavalli. Nell’antichità, il cavallo era la cosa più importante in guerra e Chen Yin Ke diceva che era pari a un moderno carro armato. Han Wu Di e Xiong Nu, per cercare un buon cavallo, inviarono emissari e truppe nelle regioni occidentali, e Li Guangli ottenne il cavallo celeste. Il cavallo celeste della regione occidentale è buono, ma ha anche bisogno di mangiare erba; l’erba medica ha seguito il cavallo celeste in Cina ed è diventata l’erba da pascolo della Cina. Quando ero giovane, ho piantato questo tipo di erba medica e, in primavera, l’ho rivoltata sotto il terreno e l’ho bagnata con acqua, come fertilizzante. Ma la gente di Shanghai vuole mangiare questa cosa, mangiare questa erba cavallina, e diventare uno dei piatti famosi di Shanghai, è prendere il vino per friggere una testa fritta di questa erba. Se si pensa al passato, si scopre che anche quest’erba ha una storia di mobilità e scambio globale.

Capolini di erba profumata al vino (credito fotografico: Visual China)

Ci sono due libri che consiglio sempre di leggere. Uno è Le edizioni cinesi iraniane di Laufer. Parla degli scambi tra l’antica Cina e l’Iran, soprattutto in termini di piante, e di quali piante sono arrivate dall’Iran alla Cina, ad esempio i cetrioli, e naturalmente l’uva, che tutti conosciamo, che è arrivata dall’Occidente. C’è anche un libro, “La pesca d’oro di Samarcanda”, il cui autore si chiama Xue Aihua, che racconta come molti oggetti, persone, medicine e merci circolassero tra la Persia, l’Asia centrale e le regioni occidentali fino alla Cina durante la dinastia Tang. I mercanti del popolo Sut dell’Asia centrale, che oggi è l’Uzbekistan, erano molto potenti e gettavano un ponte tra le due estremità del continente asiatico, continuando a collegare l’Europa all’Asia.

Ma questi due diversi modi di scrivere e raccontare la storia del mondo, la storia mondiale, che è una storia del mondo in termini di somma di Paesi, e la storia globale, che è una storia globale che descrive le connessioni globali, possono comunicare tra loro? Credo che, in effetti, possano farlo. Abbiamo esplorato questo approccio. Jürgen Osterhammel, uno storico tedesco che conosco, ha insistito molto sulla necessità di una storia globale che tenga conto delle nazioni, che parli delle connessioni e delle disconnessioni tra di esse, soprattutto in ambito politico. Poiché la politica forma lo Stato, e lo Stato enfatizza l’ordine, e l’ordine si basa sulle istituzioni, e le istituzioni gestiscono la comunicazione, lo Stato è anche un’unità importante nella storia globale, e non si può non riconoscere il ruolo importante dello Stato nel colmare o bloccare la comunicazione umana. Pertanto, sono d’accordo sul fatto che una storia globale che includa lo Stato è una delle direzioni che stiamo perseguendo, e abbiamo esplorato questa forma in “Storia globale dalla Cina”.

Detto questo, il significato più importante della storia globale è quello di sostituire la “storia politica” con la “storia della civiltà”, in altre parole, in primo luogo, cambiare la posizione “eurocentrica”, in secondo luogo, sostituire la forma “basata sullo Stato” e, in terzo luogo, sostituire la “storia politica” come metodo principale di scrittura. In altre parole, in primo luogo si dovrebbe cambiare la posizione “eurocentrica”, in secondo luogo si dovrebbe sostituire la forma “basata sullo Stato” e in terzo luogo si dovrebbe sostituire lo stile di scrittura basato sulla “storia politica”.

Innanzitutto, l’uso della civiltà come asse principale della narrazione storica ha preso gradualmente piede dopo Toynbee, Spengler e Huntington. Dobbiamo ammettere che questo è il risultato dell’autoriflessione dell’Occidente. La storia globale, in larga misura, raffigura le diverse civiltà come ugualmente importanti, con l’obiettivo di riflettere sull’eurocentrismo originario e sulla visione storica passata dello sviluppo unilineare. Ricordo che, quando ho visitato gli Stati Uniti qualche anno fa, ho parlato con molti studiosi americani del perché ponessero così tanta enfasi sulla visione globale della storia. In realtà, l’enfasi sulla visione globale della storia è principalmente per dire che il globo è collegato come un tutt’uno e non è eurocentrico, e questo è l’aspetto notevole di loro.

Barack Obama alla Casa Bianca, mentre sfoglia una tipica mappa del mondo in stile occidentale (Foto: Internet)

Perché è necessario rompere con la narrazione “statalista”? Perché molte delle nostre attuali storie nazionali sono state ricondotte dal presente al passato, ma lo Stato è davvero un essere essenziale dall’inizio dei tempi? È davvero un’unità inevitabile di scrittura della storia? Non necessariamente. Per esempio, in Francia, un anno ho partecipato a una conferenza a Parigi e gli studiosi francesi hanno parlato di una cosa: nel 1900, in Francia c’era ancora il 20% della popolazione che non parlava francese. Quindi, su quali basi questo Paese è diventato un Paese celeste e ha avuto una storia di unificazione? Un altro esempio è il Belgio, che è un Paese sintetizzato da tre gruppi etnici, quello di lingua tedesca, quello di lingua francese e quello di lingua fiamminga, quindi questo Paese è un’unità storica naturale? Se si scrive una storia del Belgio, si prende il Belgio attuale e lo si estrapola dai diversi gruppi etnici del passato, di cui si deve scrivere una storia unitaria, giusto?

Lo stesso vale per noi in Cina. È vero che quando scriviamo la storia ora, dobbiamo scrivere questa storia a ritroso dal territorio della Repubblica Popolare Cinese di 9,6 milioni di chilometri quadrati? Tuttavia, questa affermazione è contraddittoria. Se così fosse, dovremmo scrivere dei Monti Xingan esterni? Anch’essi un tempo erano territorio della Cina. Dovremmo scrivere la storia del Mar Tangnouuliang? Un tempo era anche un nostro territorio. Perché è di 9,6 milioni di chilometri quadrati e non di 11,5 milioni di chilometri quadrati? Oppure diciamo che c’erano tempi in cui il Regno di Mezzo era molto piccolo, quindi dovremmo scrivere la storia secondo i confini di una piccola Cina? Questa domanda diventa un punto molto difficile per noi. La visione della storia basata sul paese è in realtà problematica da scrivere, ed è un problema non solo in Cina, ma anche in Europa, compresi gli Stati Uniti. Quando si parla di Stato, si ha l’impressione che lo Stato sia essenziale e non ci si preoccupa mai di pensare al fatto che lo Stato è costruito dai processi storici. Pertanto, se sosteniamo una visione globale della storia, possiamo evitare questi fastidiosi problemi.

In secondo luogo, come abbiamo appena detto, per rompere il “purismo civile” delle “civiltà/gruppi etnici/nazioni” di “da sempre”, “collegando”, “interagendo”, “costruendo”, non possiamo mettere in discussione il “purismo civile” di “unilineare” ed “evolutivo”. Non dobbiamo essenzializzare le civiltà, le comunità e le nazioni “collegando”, “interagendo”, “costruendo”, e rompere il “purismo civile” di “civiltà/comunità/nazioni”, che è “unilineare” ed “evolutivo”. Non possiamo essenzializzare le civiltà, i gruppi etnici e le nazioni, cioè separarli in una serie di blocchi che si escludono a vicenda e sono storicamente non correlati tra loro. Lo studioso taiwanese WANG Mingke ha sottolineato che molti gruppi etnici della Cina moderna non sono essenziali, non esistono dall’antichità e sono stati costruiti identificandosi l’uno con l’altro. Per esempio, la regione Qiang nel Sichuan, la gente di questa regione, molto identità dal “un taglio maledire un taglio”. Cosa significa “una sezione che rimprovera una sezione”? Ad esempio, i cinesi Han vivono ai piedi di una montagna, ma chi sono gli abitanti delle colline? Secondo gli Han, sono i Qiang, ma questi ultimi non ammettono di essere Qiang, dicendo che quelli sopra di loro sono barbari; ma che dire di quelli sopra di loro? E quelli sopra di loro? Neanche loro si riconoscono come Qiang, dicendo che quelli sopra di loro sono i barbari e i Qiang. Molte comunità sono come palle di neve. All’inizio può esserci una piccola palla di neve al centro, ma più viene fatta rotolare, più diventa grande e più diventa una grande palla di neve, che in realtà si costruisce in un processo storico continuo. L’aspetto positivo della visione globale della storia è che enfatizza la connessione, la mescolanza e il cambiamento, senza considerarli elementi essenziali.

Infine, dovremmo sostituire la prospettiva storica del passato basata sul progresso “materiale, tecnologico, intellettuale e culturale” di una certa regione con una prospettiva storica basata sulla graduale formazione di un nuovo “consenso”, di una nuova “omogeneità” e di un nuovo “mondo” attraverso la “compenetrazione”. “In altre parole, la storia non si basa più sul progresso materiale, tecnologico, intellettuale e culturale di una certa regione. In altre parole, la storia non è più divisa in forme tradizionali antiche, medievali, moderne e contemporanee, né in forme sociali primitive, schiaviste e feudali. Come è noto, dal XX secolo una delle teorie più importanti della storia è la teoria dell’evoluzione. La teoria dell’evoluzione ha assunto migliaia di incarnazioni e si è trasformata in varie visioni della storia. Ma dietro tutte queste visioni della storia c’è questo significato, cioè che chi è più progressista, più civilizzato e più potente è la linea principale della storia, e chi è lo standard con cui la storia viene giudicata. In questo modo, la storia è tagliata fuori e non è più una storia interconnessa e mescolata l’una con l’altra.

La storia globale richiede una visione ampia, ma le storie dei Paesi e le storie del mondo, in cui i Paesi vengono sommati, spesso tagliano la storia in modo da non riuscire a vedere il panorama. Faccio un esempio: dalla dinastia Song del Nord alla prima dinastia Yuan in Cina, se si guarda solo alla storia cinese, ci sono la dinastia Song del Nord, la dinastia Song del Sud e la prima dinastia Yuan, giusto? Ma come tutti sappiamo, nello stesso periodo sono accadute molte cose nel mondo, come le Crociate. Le crociate sono iniziate nel 1096, perché per l’impero cristiano c’era un enorme impero islamico, quindi c’era una guerra da combattere. Ma poi, in seguito, questo impero si è trovato coinvolto con i Mongoli in ascesa, che si sono fatti strada in Europa, e il Papa cristiano ha cercato di raggiungere un compromesso con le orde mongole, forse cercando di farsi aiutare dalle orde mongole per venire a lottare con l’impero islamico. A proposito delle orde mongole, naturalmente è di nuovo coinvolto il lato cinese della storia. Se ci si limita a guardare le storie dei Paesi o delle regioni, non si vede l’insieme, giusto? E poi, per esempio, sto ponendo particolare enfasi sull’anno 1405. Se parliamo solo di storia cinese, non prestiamo attenzione all’anno 1405, quando Timur morì. Se non fosse morto, avrebbe dovuto partire per una spedizione in Oriente. Tuttavia, in quell’anno Zheng He si recò in Occidente e la dinastia Ming si affacciò a est. Se si considerano tutte queste cose insieme, la storia potrebbe avere qualcosa di molto diverso. Ma se la si divide, non è forse vero che la storia non può essere vista chiaramente?

Quindi, la storia globale ha i suoi vantaggi.

Il Kunyi Wan Guo Quan Tu di Matteo Ricci, il primo mappamondo che pone la Cina al centro del mondo (Foto: Visual China)

4. La ricerca di storia globale in Cina dagli anni ’90

La prossima osservazione che vorrei fare è: cosa sta succedendo allo studio della storia globale in Cina?

Ricordo che nel novembre 2018 ero in visita all’Università di Gottinga, in Germania, e ho trovato il tempo di andare a Friburgo e incontrare lo storico Osthammer di cui abbiamo parlato prima. Ha una trilogia di storia del XIX secolo (The Evolution of the World: A History of the 19th Century), che potete trovare e leggere, ed è un libro meraviglioso. Si dice che quando Angela Merkel, l’allora cancelliere tedesco, fu ricoverata in ospedale, lesse il libro di Osthammer. Quando Osthammer mi parlò di storia globale, improvvisamente tirò fuori tre libri, due dei quali ricordo ancora, uno di Chen Xulu e uno di Fan Wenlan. Me li portò e disse: “Penso che entrambi i vostri libri siano molto buoni, ma come possono questi contenuti essere integrati nella storia globale e diventare parte di essa? Mi vergognavo molto perché, sebbene Osterhammer avesse studiato anche le relazioni tra la Cina e il mondo, in fondo non era uno storico puramente cinese. Tuttavia, quando mi ha mostrato questi due libri, mi sono sentito molto imbarazzato, come se non avessimo prestato molta attenzione alla loro storia, ma loro avessero invece prestato molta attenzione a noi, sollevando una questione molto importante, cioè come la storia cinese possa entrare nella storia globale.

Non è che gli studiosi cinesi non prestino attenzione alla storia globale. In realtà, la teoria della storia globale è molto popolare in Cina dagli anni Novanta ed è stata introdotta da molti. Ad esempio, nel 2005 la rivista Academic Research ha pubblicato un articolo intitolato “The Impact of Global History on Chinese Historiography” (L’impatto della storia globale sulla storiografia cinese); nel 2013 anche l’autorevole rivista Historical Research ha pubblicato una serie di interventi di penna sulla storia globale; nel 2014 c’è stato anche chi ha scritto saggi in cui si chiedeva con particolare forza di scoprire la storia al di fuori dello Stato, cioè di sostenere lo studio della storia globale; nel 2015, l’Università di Shandong ha tenuto il Nel 2015 l’Università di Shandong ha tenuto il Congresso mondiale di scienze storiche e una delle sessioni del congresso ha discusso della Cina nella storia globale. Ma la mia domanda è: perché discutiamo tutti di teorie e di come si dovrebbe studiare la storia globale, ma non c’è alcun tentativo di scrivere una storia globale della Cina?

Come tutti sappiamo, le storie del mondo più influenti nei circoli accademici cinesi sono queste due serie: una è la Storia generale del mondo in quattro volumi compilata da Zhou Yiliang (1913-2001) e Wu Yuchen (1913-1993), nostri insegnanti ai tempi dell’università, prima della “Rivoluzione culturale”. Prima della Rivoluzione culturale, i due hanno compilato la Storia generale del mondo in quattro volumi, che è una notevole e importante storia del mondo scritta da cinesi. Dopo la Rivoluzione culturale, Wu Yuchen e Qi Shirong (1926-2015) hanno coedito una Storia generale del mondo in sei volumi, anch’essa una storia generale del mondo molto autorevole. In particolare, Qi Shirong, che in seguito è diventato presidente della Capital Normal University, e il suo studente Liu Xincheng, che è poi diventato presidente della Capital Normal University, hanno sostenuto la storia globale.

Ma la mia domanda è: dopo tutti i discorsi sulla storia globale, perché non ne scrivete una voi stessi? Perché c’è tanto fragore, tante chiacchiere e poca azione? Sembra che oggi abbiamo questo problema. Siamo sempre fermi a parlare di teorie, ma la storia globale non è ancora stata scritta. Tuttavia, il fatto è che abbiamo già introdotto abbastanza informazioni sulla storia mondiale straniera o sulla storia globale. Per esempio, diverse opere che hanno aperto la strada allo studio della storia globale, come A History of the World di McNeil, come Guns, Germs, and Steel di Raymond; inoltre, caso per caso, come A Global History of Pepper di Marjorie Schaeffer, dove persino il pepe è stato incluso nella storia globale, e una storia globale del cotone, e una storia globale della porcellana bianca, ma sfortunatamente sono tutte scritte da stranieri. Ma finora non esiste una storia globale in Cina, per non parlare di una storia globale dalla Cina, dal punto di vista della Cina, dalla prospettiva della Cina, dalla posizione della Cina, che è il nostro problema, e questo è anche l’intento originale del nostro programma audio “Storia globale dalla Cina”.

Ma in tutta franchezza, anche la scrittura e la narrazione della storia globale in Cina incontra delle difficoltà.

In parole povere, la prima difficoltà è che, a causa della separazione tra storia mondiale e storia cinese, la nostra visione, le nostre conoscenze e la nostra formazione sono tutte inadeguate. Come ho detto l’altro ieri, al giorno d’oggi esistono davvero “professioni specializzate”: per noi che ci occupiamo di storia cinese, la nostra conoscenza della storia mondiale è probabilmente equivalente a quella di un laureato, ma che dire di chi si occupa di storia mondiale? Francamente, la sua conoscenza della storia cinese è probabilmente equivalente a quella di un laureato. Ci sono pochissime persone in grado di integrare molte conoscenze come Osterhammer, di cui abbiamo appena parlato.

Perché Zhou Yiliang è diventato redattore capo della Storia generale del mondo? Zhou Yiliang dovrebbe essere considerato anche il mio maestro: il mio primo lavoro accademico è stato raccomandato da Zhou Yiliang al Peking University Newspaper, il che mi ha permesso di essere il primo studente universitario a pubblicare il mio lavoro sul Peking University Newspaper dopo la “Rivoluzione culturale”. Tuttavia, come tutti sappiamo, Zhou Yiliang era in grado di fare ricerche sulla storia del mondo come uno studioso di storia cinese, perché è cresciuto imparando il giapponese e poi l’inglese, ha scritto la sua tesi di laurea sulla storia giapponese all’Università Tsinghua, ha fatto il dottorato all’Università di Harvard, ha studiato il sanscrito per fare ricerche sul buddismo tantrico nella dinastia Tang e ha insegnato il giapponese all’esercito americano durante la “Seconda guerra mondiale”. Inoltre, è uno dei migliori esperti di storia cinese, e solo una persona del genere può fare ricerca sulla storia mondiale.

Tuttavia, nelle università cinesi di oggi, la storia cinese e la storia mondiale sono molto separate e la storia cinese e la storia mondiale sono rispettivamente discipline di prima classe. In questo modo, la conoscenza della storia è diventata ancora più specializzata e ristretta. Per coloro che hanno fatto un buon lavoro nella storia mondiale, che ne è della loro storia cinese? Quanto ne sanno di storia mondiale coloro che hanno fatto bene la storia cinese? Una volta ho esaminato i miei dottorandi e ho chiesto loro di contare uno per uno tutti i Paesi intorno al Mar Cinese Meridionale a occhi chiusi, ma praticamente nessuno di loro è riuscito a farlo. Quindi c’è un grosso problema. Un anno ho avuto una lezione con He Fangchuan alla City University di Hong Kong. He Fangchuan era uno studioso di storia mondiale e un tempo era il vicepresidente dell’Università di Pechino, ma è morto nel 2006, così abbiamo avuto una lezione insieme, lui ha ascoltato la mia lezione e io la sua e ho sospirato dopo averlo ascoltato. Gli ho detto: “Sono un ricercatore di storia cinese e sento che la mia storia mondiale è scarsa dopo aver ascoltato la sua lezione”. Anche lui ha detto la stessa cosa, è un ricercatore di storia mondiale e, ascoltando questa lezione di storia cinese, ha sentito che il livello della sua storia cinese è troppo scarso. Ma He Fangchuan è il figlio di He Ziquan, un grande studioso di storia cinese, e ritiene che la sua conoscenza della storia cinese non sia sufficiente, quindi non parliamo di altri. Pertanto, è difficile per noi scrivere la storia globale perché la storia mondiale è separata dalla storia cinese e la visione, la conoscenza e la formazione di entrambe le parti sono insufficienti.

La seconda difficoltà è che la nostra storia mondiale è molto debole a causa dell’influenza di una visione della storia centrata sul cielo. Non so quanto si conosca la comunità storiografica cinese. Inoltre, coloro che studiano la storia cinese hanno sempre guardato dall’alto in basso coloro che studiano la storia mondiale, pensando che coloro che studiano la storia mondiale siano solo dei compilatori, cioè che prendano materiali di seconda mano di altre persone e li inventino, ma in realtà la storia mondiale è davvero una grande materia. Ma in realtà la storia mondiale è davvero una grande materia: se non capiamo la storia mondiale, non saremo in grado di fare un buon lavoro nella storia cinese.

La terza difficoltà è che, a causa del passato, ci sono legami storici narrativi molto ostinati che non possono essere sciolti. Un tempo avevamo un’intera serie di narrazioni storiche molto potenti, ma molto poco adatte a raccontare una storia globale connessa. Che si trattasse della visione eurocentrica della storia moderna con il Rinascimento, la Riforma e la Rivoluzione industriale come assi principali, o della visione rivoluzionaria antimperialista, anticoloniale e antifeudale della storia, o della visione unitaria del Terzo Mondo Asia-Africa-America Latina, nessuna di queste era in realtà ideale. Fino ad oggi, quando guardiamo alla storia del mondo, guardiamo ancora al Quadro della storia del mondo di Wells. Tuttavia, il Quadro della storia del mondo di Wells è stato pubblicato per più di novant’anni, e il mondo è già cambiato molto, e anche il mondo accademico è cambiato molto, e questa trasformazione della storia del mondo in storia globale è diventata una tendenza importante.

Come abbiamo visto, nell’ultimo decennio la pubblicazione di storia mondiale, storia globale e storia straniera è stata molto calda e, se avete prestato attenzione, saprete che in questi anni sono stati pubblicati molti libri. Ho elencato alcuni libri molto buoni, come la serie “Rise and Fall of World History” di Ideal Country, che è molto buona, e la New Global History e la General History of the Globe della Peking University Press, anch’esse molto buone. Anche la Penguin Global History dell’Oriental Publishing Centre merita un’occhiata. In effetti, la serie di libri della Penguin, a rigor di termini, dovrebbe chiamarsi “Penguin World History”, non “Penguin Global History” nella traduzione, ma quando viene trasformata in storia globale, evidentemente pensa che la storia globale sia molto calda. Quindi, come la serie M di Ideal Country, alcuni libri di Social Science Document Oracle, la Storia dell’Impero Persiano della Sanlian Bookstore, la Storia degli Imperi Mondiali della Commercial Press e il Racconto delle Tre Città di Istanbul della Shanghai Sanlian Bookstore, e così via, sono tutti buoni libri, compresa la trilogia di storie del XIX secolo che ho appena citato.

Allora perché i libri stranieri sulla storia del mondo e sulla storia globale sono così caldi? Per esempio, la gente si preoccupa di come la civiltà si sia trasformata in barbarie e la democrazia in dittatura. Per questo motivo, la storia del Giappone durante la Seconda Guerra Mondiale, cioè la storia del Giappone da Taisho a Showa, e la storia della Germania durante l’era nazista, sono state tradotte in gran numero. Ci preoccupa anche il fatto che il mondo non è solo la Cina e che ci sono civiltà in diverse parti del mondo, quindi se le civiltà si scontreranno o meno è una questione che ci preoccupa, e quindi i libri sulle civiltà esotiche vendono molto bene. Ha notato che negli ultimi anni molti dei dieci o venti migliori libri che abbiamo valutato sono traduzioni e che ci sono pochissimi libri originali cinesi di questo tipo?

Il problema in Cina, quindi, è che ci sono tanti libri di storia tradotti, così caldi, ma che dire degli scritti dei cinesi stessi?

5. Non posizioni e azioni, ma solo prospettive e luoghi: perché dalla Cina?

Quindi credo che il punto sia: gli studiosi cinesi possono scrivere da soli una buona storia globale?

Come scrivere una storia globale dalla Cina? Qui sorge un altro problema, perché quando si enfatizza l’espressione “dalla Cina”, spesso si viene scambiati come se si stesse dalla parte della Cina, impegnandosi nello statalismo o nel nazionalismo, come se si volesse lottare per la quota della Cina nella storia globale. In effetti, anche gli accademici cinesi tendono ad avere l’idea di competere per una parte. Ricordo che un anno gli studiosi cinesi hanno criticato la nuova Cambridge Modern World History, sostenendo che la parte della Cina è troppo esigua e che il suo status di grande Paese non è commisurato. Ma in realtà, ora stiamo parlando di “dalla Cina”, solo per usare gli occhi cinesi per vedere il mondo, piuttosto che nel mondo per la quota della Cina, o secondo la posizione cinese per descrivere la storia.

Vorrei citare un ritratto dell’imperatore Qianlong dipinto da Lang Shining. Come potete vedere, si tratta di un dipinto completamente occidentale dell’imperatore Qianlong visto con gli occhi di un occidentale. Questo imperatore Qianlong non sembra più un grande imperatore del Regno Celeste, ma un uomo comune, e questa è la Cina vista con gli occhi di un occidentale. Ora, noi vediamo il mondo con gli occhi cinesi e vorremmo sottolineare che partire dalla Cina non significa in alcun modo discutere la storia globale dal punto di vista del nazionalismo o dello statalismo cinese.

Ritratto dell’imperatore Qianlong in abito di corte, opera di Lang Shining, pittore di corte della dinastia Qing di Milano, Italia (credito fotografico: Internet)

Credo che ci siano tre punti da sottolineare.

In primo luogo, come ho detto nell’introduzione all’inizio del programma, il mondo è troppo grande e la storia è troppo lunga perché uno storico possa essere onnisciente e onnipotente e guardare la storia come fa Dio a 360 gradi senza alcun angolo morto. Quindi gli storici devono ammettere che possiamo guardarla solo da una prospettiva. Penso che a volte gli storici abbiano una sorta di arroganza, pensando che la storia che descrivo sia tutta la storia, il che non è vero. In realtà, ogni storico ha dei limiti, così come gli storici di ogni Paese. Nel corso degli anni, ho spesso discusso di storia globale con studiosi stranieri, come l’americano Jeremy Adelman, l’europeo Osterhammer e il giapponese Masaru Hada, in particolare Masaru Hada, che si è appena dimesso dalla carica di vicepresidente esecutivo dell’Università di Tokyo. Non appena parlavo di “Storia globale dalla Cina”, mi chiedeva immediatamente e con sensibilità: “Hai intenzione di raccontare la storia globale dal punto di vista della nazione e dello Stato cinese? Ho risposto di no. Dovete capire che gli storici non possono essere onniscienti, quindi possono guardare solo da una prospettiva. Ammetto che sappiamo troppo poco di altre parti del mondo, compreso il nostro programma di storia globale, e abbiamo i nostri problemi, per esempio, parliamo raramente dell’Africa, parliamo raramente dell’Australia e parliamo raramente del Sud America, non è vero? È vero che non possiamo essere onniscienti, quindi la nostra enfasi sul partire dalla Cina è in realtà un atteggiamento di umiltà.

In secondo luogo, guardiamo alla storia globale dalla posizione e dalla prospettiva della Cina. Dobbiamo ammettere che la nostra prospettiva può essere complementare a quella del Giappone, dell’Europa, degli Stati Uniti e dell’Australia, e insieme possiamo formare una storia panoramica. Sono arrivato a Shanghai da Pechino più di dieci anni fa per promuovere una direzione di ricerca chiamata “Cina dalla periferia”.

Perché dovremmo guardare la Cina dalla periferia? In passato, la Cina tradizionale aveva il problema di immaginare la propria storia da un punto di vista egocentrico, senza confronti e contrasti, conoscendo sempre se stessa attraverso l’auto-immaginazione. Dopo l’era moderna, è stato facile avere lo specchio dell’Europa e guardarsi dallo specchio dell’Europa. Ma questo non basta: se guardiamo dalla periferia, la Cina può essere in grado di guardarsi da specchi di angolazioni diverse. Chiunque abbia tagliato i capelli sa che non si può vedere la nuca da davanti, ma se si tiene un altro specchio dietro di sé e i due specchi sono uno di fronte all’altro, si può vedere la nuca. Se si dispone di più specchi, è possibile vedere chiaramente la nuca e i capelli. Pertanto, lo scopo di guardare la Cina dalla periferia è quello di liberare un modo di capire la Cina.

Tuttavia, non appena ho avanzato questa proposta, è stata osteggiata da alcuni studiosi giapponesi e coreani, che hanno detto: “Perché noi siamo la periferia e voi il centro? Non siete forse l’imperialismo cinese? Ho spiegato loro faticosamente che in realtà possiamo guardare al Giappone dalla periferia e alla Corea dalla periferia. Lo studioso coreano Baek Yong-seo, ad esempio, sostiene una duplice prospettiva periferica, nel senso che io sono la vostra periferia e voi siete la mia periferia. Ho detto che non sono in disaccordo, non è contraddittorio guardare la Cina dalla periferia e anche la Corea dalla periferia. Quindi, quando diciamo che guardiamo la storia globale dalla Cina, stiamo solo dicendo con molta umiltà che la guardiamo solo da questa prospettiva, e la storia che vediamo porta inevitabilmente con sé il pregiudizio della comprensione e della consapevolezza di stampo cinese. Ad esempio, quando i cinesi parlano di “Oriente”, si riferiscono alla Corea, al Giappone, al vasto oceano e, ancora più lontano, all’altra sponda dell’Oceano Pacifico; quando noi vediamo “Occidente”, si tratta dell’Asia Centrale, dell’Asia Occidentale, del Bacino dei Due Fiumi, dell’Europa e persino delle Americhe. Per gli europei, invece, “Oriente” è il Vicino Oriente, il Medio Oriente e l’Estremo Oriente, quindi noi ci troviamo nel lontano Oriente.

Pertanto, dobbiamo capire che la storia globale da diverse prospettive deve essere messa insieme per formare una storia globale che sia accettata da tutto il mondo. Se avessimo una posizione Cina-centrica, sarebbe come ha detto l’inglese Martin Jacques, secondo cui nella storia globale dovremmo scrivere della scoperta del mondo intero da parte di Zheng He, che ha aperto l’era dei grandi viaggi. Tuttavia, come ho detto più volte nella conclusione della sesta stagione, non consideriamo Zheng He come l’inizio della storia globale, perché Zheng He voleva soprattutto proclamare il prestigio nazionale del Regno Celeste e non considerava lo scambio culturale e l’interdipendenza materiale con l’estero come l’obiettivo più importante. Pertanto, riconosciamo ancora Magellano e Colombo, che hanno dato inizio all’era dei grandi viaggi e alla storia della globalizzazione. Per questo motivo, diciamo che una storia globale della Cina non significa stare sulla posizione e sul valore della Cina, ma guardare alla storia dalla posizione e dalla prospettiva della Cina.

In terzo luogo, quando parliamo di partire dalla Cina, teniamo conto anche dell’esperienza e delle abitudini del pubblico cinese nell’accettare la storia. Che tipo di narrazione storica può avere un senso di intimità e come raccontare la storia in modo che possa essere accettata e compresa? Ad esempio, quando parliamo del commercio dell’argento, sappiamo tutti che c’è stata la cosiddetta Età dell’argento e che l’estrazione e il commercio dell’argento, dopo il XV secolo, è stato un evento importante che ha coinvolto le Americhe, l’Europa e l’Asia. Se andiamo a parlare di come gli spagnoli nelle Americhe estraggono l’argento, forse il pubblico cinese si sentirà distante e strano, quindi abbiamo scelto di partire dall’affondamento dell’argento a Jiangkou, perché il pubblico cinese così sembra molto vicino a noi, possiamo capire. Come tutti sappiamo, l’argento affondato a Jiangkou è una cosa particolarmente popolare negli ultimi anni, la leggenda vuole che Zhang Xianzhong non sia riuscito a ritirarsi sul lato del fiume Dadu del bambino, e quindi un gran numero di argento affondato nel fondo del fiume, che in origine era solo una leggenda. Tuttavia, ora gli scavi archeologici hanno davvero trovato una grande quantità di argento sul fondo del fiume; parlando da qui, sappiamo che nella tarda dinastia Ming l’argento è molto importante; e poi da qui in poi, sappiamo che la tarda dinastia Ming con l’argento come moneta di base, è una cosa molto grande. E poi, tornando indietro, l’argento che i coloni europei estraevano dalle Americhe e l’importanza dell’argento proveniente dal Giappone, quante merci potevano essere scambiate con l’Europa, in modo da rendere più chiaro il concetto. Forse un pubblico cinese sarebbe interessato a sentirlo in questo modo.

Zhang Xianzhong Jiangkou Argento affondato Esame scientifico riuscito (fonte: Internet)

Credo che per gli accademici cinesi ci siano ancora alcune questioni da considerare nello studio e nella scrittura della storia globale, e abbiamo riflettuto su questo dopo le sei stagioni del programma.

In primo luogo, nella storia globale, sia cinese che straniera, dominano il commercio, le migrazioni, le malattie e il clima, le guerre e la diffusione della religione, ma come trattare la storia politica, che è di assoluta importanza nella storiografia tradizionale? Il commercio delle merci, la diffusione della religione, la guerra e le migrazioni hanno creato un’unità globale, mentre i sistemi politici, la gestione dello Stato e l’ideologia hanno creato una divisione globale; come integrarli in una storia globale comune è una questione molto problematica. Pertanto, la questione di come inserire lo Stato e la politica nella storia globale è un aspetto che abbiamo preso in considerazione.

In secondo luogo, come può una storia globale completa coprire meglio le narrazioni di regioni, civiltà e gruppi etnici? Abbiamo appena detto che non stiamo cercando di competere per ottenere una parte della Cina, ma la storia mondiale del passato è stata caratterizzata dall’eurocentrismo e dal centrismo moderno; la storia globale attuale può evitare questo tipo di pregiudizi e di negligenza? Al giorno d’oggi, le varie storie globali si basano ancora sulla distribuzione delle quote di narrazioni tra le principali civiltà, ma la quantità di materiali storici determina la quota di narrazioni della storia globale. Poiché ci sono luoghi in cui non ci sono abbastanza dati scritti o archeologici, non è possibile raccontare la storia. Per esempio, cosa succede se non abbiamo abbastanza informazioni sulla civiltà indiana delle origini, a parte i Veda, il buddismo e l’induismo? Un altro esempio è l’Impero persiano: molti dei nostri studiosi paragonano l’Impero persiano alla Cina tradizionale, ma molte delle informazioni storiche sull’Impero persiano provengono da narrazioni successive, soprattutto europee, che riportano la storia dell’Impero persiano come intesa dagli europei. Che fare? Cosa fare per risolvere questo squilibrio nelle narrazioni storiche globali? Questo è il secondo problema di cui ci siamo resi conto.

In terzo luogo, la nuova storia culturale è, ovviamente, quella più ovvia nella storiografia, che si basa sul concetto di “cultura” ed evita fattori come lo Stato, la politica e le istituzioni, nonché giudizi come progresso e arretratezza. Tuttavia, possiamo ora delineare la direzione generale e il percorso della storia umana attraverso la storia globale nel suo complesso? Stiamo narrando la storia globale e non vogliamo narrarla come una storia frammentata e a compartimenti stagni. Ma come vedere un insieme attraverso queste cose? La storia globale vuole una spina dorsale coerente o no? Questo non è ancora chiaro e non siamo ancora in grado di coglierlo appieno.

6. Conclusioni che non sono conclusioni: l’atteggiamento degli storici cinesi di fronte alla storia globale

Infine, vorrei spendere qualche parola sulla mia comprensione. Sono tre anni che portiamo avanti questo programma e abbiamo molte sensazioni dopo di esso.

In primo luogo, credo che ogni storico debba affrontare il grande e vasto campo della storia globale con umiltà, con la consapevolezza di avere una conoscenza troppo scarsa, davvero troppo scarsa.

In secondo luogo, ogni studioso di storia deve anche sapere di non saltare a conclusioni affrettate di fronte a nuove e sorprendenti scoperte sulle connessioni globali, perché le nuove scoperte sfidano costantemente il nostro senso comune. Non dobbiamo rinunciare alla nostra immaginazione, perché è possibile che nuove scoperte mettano costantemente in discussione i resoconti tradizionali.

In terzo luogo, nell’ampio quadro della storia globale, ogni studioso di storia dovrebbe fare attenzione a minimizzare l’arroganza del proprio “gruppo etnico” o “Paese” e a non pensare a se stesso come a una “dinastia” o a un “centro”. Non dobbiamo pensare a noi stessi come alla “dinastia celeste” o alla “nazione suprema” o al “centro”. La Cina ha sempre avuto una visione molto ostinata del centro, cioè ritiene di essere la dinastia, di essere un grande Paese, di essere il grande centro del Paese. In realtà, come diceva il missionario Ai Julius, “la terra è rotonda, non c’è nessun posto che non sia dentro”, la terra è un cerchio, dove sono i centri, senza contare che la terra ha cinque continenti, la Cina si trova solo in uno dei continenti di un Paese. Pertanto, non dobbiamo pensare a noi stessi come a un Paese al centro di un mondo onnicomprensivo e sconfinato che può coprire l’intero globo. La storia è fluida. Come dice l’antico proverbio, il vento e l’acqua cambiano, dobbiamo comprendere la storia dalla prospettiva del cambiamento, anziché limitarci a guardare la storia globale dalla nostra posizione e dai nostri valori, che la trasformerebbero in una storia globale nazionalistica, il che non sarebbe corretto.

In retrospettiva, pensiamo che negli ultimi tre anni il nostro programma “Storia globale dalla Cina” non solo abbia dato ai nostri ascoltatori delle conoscenze, ma ci abbia anche trasmesso molti sentimenti. Abbiamo imparato molto in questi tre anni di produzione di programmi di storia globale. Quello di cui parliamo oggi è in realtà una sorta di introspezione. Ad essere sinceri, siamo preoccupati per la lentezza dei progressi e la debolezza delle basi della ricerca e della scrittura di storia globale in Cina. Ora che siamo riusciti a produrre un primo racconto di storia globale, ci sentiamo confortati dal fatto che almeno abbiamo fatto una storia globale da una prospettiva cinese.

Ge Zhaoguang ha curato la Storia globale dalla Cina, prodotta da Ideal Country, Yunnan People’s Publishing House, edizione 2024.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Giorno della Vittoria: l’ansia cresce tra le agitazioni del Nord_di SIMPLICIUS

Nota veloce: non mi è mai venuto in mente che il mio link “Tip Jar” potesse essere un po’ oscuro e sepolto in fondo, poiché ho ricevuto diverse e-mail da persone che non sapevano come donare. Permettimi di inserire il link completo come promemoria, questo è il mio Tip Jar ufficiale: buymeacoffee.com/Simplicius

Grazie a tutti i contributori che mettono qualche moneta lì, poiché è un grande aiuto mensile. Ora torniamo alla nostra programmazione regolarmente programmata.


L’ultimo pezzo dell’Economist ci porta in un bunker ucraino fuori dalla città assediata di Chasov Yar. Contiene alcuni elementi interessanti che convergono con gli avvenimenti attuali.

Chasov Yar è un fronte unico perché, a differenza della maggior parte degli altri fronti, dove esiste una grande disparità tra le truppe d’élite di una parte e i difensori mobilitati dell’altra, qui sono alla pari. Una delle brigate più d’élite dell’Ucraina, la 92a Brigata d’assalto, si sta difendendo dalla 98a Divisione aviotrasportata d’élite russa, rendendo i combattimenti particolarmente infernali e spietati. La 92a è stata una delle brigate più importanti che hanno preso parte all’offensiva di Kharkov della fine del 2022, guadagnandosi molte medaglie e onori di stato mentre cacciavano le forze russe da Izyum e Kupyansk.

L’articolo descrive il loro battaglione di difesa aerea, composto da 250 soldati, come dotato di un proprio terminale radar che mostra tutta l’attività aerea russa nelle loro vicinanze. Se fosse vero, fornirebbe un resoconto illuminante di ciò che possono vedere e tracciare: missili Smerch che passano sopra di loro a 900 miglia orarie, jet russi che lanciano bombe plananti a una profondità di 50 km, che il loro radar presumibilmente traccia, anche se non hanno modo di abbatterli.

Un punto degno di nota dell’articolo sottolinea qualcosa che ho scritto l’ultima volta, ovvero che a questo punto la maggior parte degli ufficiali e funzionari ucraini non stanno più combattendo per i confini del 2022 o del 1991, ma piuttosto per la semplice sopravvivenza:

Un anno fa, mentre l’Ucraina si preparava alla controffensiva, il semplice mantenimento delle proprie posizioni era considerato lo scenario più pessimistico. Ora, mentre la Russia si prepara a una nuova spinta, è considerata la situazione migliore. Dai soldati ai generali, tutti quelli con cui The Economist ha parlato la scorsa settimana sanno che all’Ucraina non mancano le risorse per tornare ai confini del 1991, come hanno promesso i suoi politici. “Suggerisco a chiunque parli dei confini del 1991 di arrivare fino a Bakhmut”, dice il colonnello Timchenko, riferendosi a una città che l’Ucraina ha perso un anno fa dopo mesi di selvaggi combattimenti.

La posta in gioco ora non è l’integrità territoriale dell’Ucraina, ma la sua sopravvivenza.

Il comandante della brigata afferma inoltre che se Konstantinovka cade, i russi raggiungeranno molto rapidamente il Dnepr; Konstantinovka è il prossimo grande centro strategico dopo Chasov Yar, la cui importanza probabilmente eclissa addirittura quella di Bakhmut, poiché Konstantinovka e la vicina Druzhkovka sono state classicamente il quartier generale dell’intera ATO/JFO ucraina dal 2014:

Il colonnello Pavlo Fedosenko, comandante del 92°, che ha contribuito a liberare la provincia di Kharkiv nel settembre 2022, sta ora combattendo a circa 350 km a sud-est della città. “Tutti sanno che se non combattiamo per Kostiantynivka e Druzhkivka [probabile prossimo obiettivo della Russia], le forze russe saranno a Dnipro, Kharkiv, Kryvyi Rih poche settimane dopo”, dice.

Pensa che ci sia un “70% di possibilità” che la Russia possa occupare il resto della regione del Donbass. La domanda è: quanto tempo ci vorrà e quanti danni l’Ucraina potrà infliggere in questo processo.

Nota quanto sopra in grassetto.

L’articolo lamenta che gli alleati non hanno fornito armi sufficienti all’Ucraina, lasciando intendere che se lo facessero, l’Ucraina vincerebbe magicamente. Il comandante dice che riceve 5 proiettili al giorno per i suoi cannoni di artiglieria American Paladin. Ma abbiamo appena visto i Paladini americani usare i proiettili coreani durante l’addestramento. L’Economist non lo capisce? Non c’è più niente da dare: la produzione è al limite.

Ecco una delle parti più rivelatrici dell’articolo:

Circa il 70% dei soldati russi coinvolti in questi attacchi sono ex detenuti, dice il colonnello Fedosenko. Vede anche mercenari tagiki, uzbeki, turkmeni, cubani e somali. Molti soldati non hanno mai combattuto prima. “Le nostre intercettazioni suggeriscono che stanno raschiando il barile, usando chiunque possano costringere in battaglia: cuochi, costruttori, meccanici, chiunque.”

Ciò è correlato a l’ultimo rapporto della BBC di giorni fa mostra che la Russia è riuscita a trasferire con successo la maggior parte delle sue perdite su unità di volontari e prigionieri:

Si noti come la stragrande maggioranza di coloro che sono morti durante l’operazione Bakhmut dall’inizio del 2023 fino alla sua conclusione nel maggio 2023 erano prigionieri, ovvero unità Storm-Z. Poi notate come, esattamente in corrispondenza dell’inizio dell’assalto ad Avdeevka, all’inizio di ottobre 2023, le barre di colore verde che rappresentano le vittime dei volontari saltarono e cominciarono a dominare.

Perché questo è importante? Chi legge il mio ultimo articolo a pagamento capirà proprio il motivo. La Russia sta portando avanti una gestione metodica delle forze da manuale, impiegando i suoi soldati professionisti a contratto più esperti e utilizzando le forze più “sacrificabili” in assalti pericolosi con maggiori rischi di vittime. Sembra insensibile dirlo in questo modo, ma questa è guerra, e vince la parte che utilizza le proprie risorse in modo più intelligente. La Russia sta stagionando i suoi migliori guerrieri, preservandoli mentre accumulano una vasta esperienza che può essere condivisa e assorbita dall’intera struttura delle forze armate.

Al termine dell’assalto ad Avdeevka ho descritto come è andata a finire. Le unità del 1° Corpo d’Armata DPR come il 114° potenziato con unità Storm-Z guidarono gli assalti d’avanguardia ad alto numero di vittime, e solo dopo che le linee ucraine iniziarono a rompersi la Russia iniziò a introdurre Spetsnaz d’élite e altre unità rinforzate come forze successive e rivoluzionarie che davano la caccia gli ucraini in ritirata, tagliandoli fuori e, in generale, scatenando l’inferno sulle loro linee.

Breve introduzione ai volontari

L’unica domanda è: cosa sono esattamente i volontari? Nessuno sembra saperlo o capirlo chiaramente. La ragione di ciò è che la definizione è cambiata drasticamente.

Vedete, all’inizio della guerra, e in particolare nell’era successiva al 2014, un “volontario” era qualcuno come Russell Bentley che arriva di sua volontà, si iscrive con poca o nessuna formazione, spesso o di solito non lo fa nemmeno vieni pagato e rimani bloccato in una posizione da qualche parte. Anche nei primi giorni del “selvaggio west” dell’SMO del 2022, le cose erano più caotiche, disordinate e rilassate. Le persone potrebbero semplicemente fare “volontà” e combattere gratuitamente, praticamente senza alcuna formazione.

Questo non esiste più. Le cose sono state drammaticamente inasprite e sistematizzate. Ma allora qual è esattamente la differenza tra un volontario e un contraente o kontraktniki regolarmente retribuito? Vedete, un volontario è una persona che entra in un ufficio di arruolamento dell’esercito e si arruola per arruolarsi nell’esercito russo. Ma questo non fa di lui un soldato regolare dell’esercito russo? I volontari ora ricevono anche tariffe standard, ecc.

Le differenze ora sono più sottili. In primo luogo, l’esercito russo vero e proprio preferisce reclutare internamente i propri soldati a contratto tra i coscritti effettivamente richiamati che hanno appena completato il servizio di addestramento obbligatorio. Come sapete, in Russia è prevista la leva di leva sia in primavera che in autunno. Una certa percentuale di questi si limiterà a svolgere i 12 mesi di addestramento obbligatorio e tornerà a casa, mentre una percentuale firmerà un contratto per arruolarsi nell’esercito e verrà inviata alla SMO.

I “volontari” invece sono generalmente persone che hanno prestato servizio obbligatorio molto tempo fa, ma ora sono più anziane e hanno vissuto la loro vita, hanno avuto una carriera, ecc., e hanno scelto di arruolarsi per senso del dovere o semplicemente per la buona paga. Tuttavia, una delle differenze principali è che tali volontari spesso vanno in gruppi, battaglioni, brigate, ecc., di “volontari” separati, che, sebbene tecnicamente sotto gli auspici ufficiali delle forze armate russe, sono talvolta più simili a gruppi paramilitari o ausiliari. struttura. Cioè, piuttosto che essere all’interno di formazioni/brigate russe reali, consolidate e classiche, possono operare come una sorta di Rosgvardia/Guardia Nazionale, o unità “speciali” di Akhmat, ecc.

Uno dei motivi è che il loro addestramento è diverso e non necessariamente “standard” rispetto a quello che l’esercito russo nominale conduce sui propri coscritti/reclute annuali. Ovviamente questa formazione è spesso molto accelerata e forse ancora più permissiva dato che molti volontari sono già più anziani, sebbene esistano molti tipi diversi di unità di “volontario” specializzate come le BARS , che sono essenzialmente vecchi veterani.

Tuttavia, non è necessariamente molto chiaro e potrebbe esserci una certa interoperabilità o mescolanza tra i due, ad esempio forse alcuni volontari sono in grado di trasferirsi in unità nominali dell’esercito russo come soldati a contratto regolari, ecc.

Ma il punto principale è che, in misura superficiale, non esiste alcuna differenza tra “volontari” e truppe regolari. Sono entrambe truppe da combattimento ufficialmente riconosciute e ricevono entrambe la tariffa standard. Ma ci sono differenze fondamentali nel modo in cui i volontari vengono reclutati e formati, e nei tipi di unità in cui entrano. Questo perché provengono da “fuori dal sistema”. I coscritti che vengono richiamati in servizio annuale, invece, prestano già servizio nelle formazioni nominali delle unità russe, cioè unità classiche, storiche (anche se non all’interno della SMO, ovviamente) con le quali potranno successivamente stipulare contratti ed arruolarsi. al completamento del servizio di leva/campo di addestramento.

Inoltre, molte unità di volontari finiscono per essere subordinate alla struttura DPR/LPR e fanno quindi parte del 1° o 2° AK (Corpo d’Armata) piuttosto che delle Forze Armate russe ufficiali. Sì, il 1° e il 2° sono ora ufficialmente sotto la Russia, ma poiché ciò era solo semi-recente, significa che i capricci organizzativi sono ancora per molti versi più DPR che Russia, per così dire, il che a volte significa regole e standard più permissivi. , condotta, ecc.

Ora torniamo all’articolo, che afferma ancora una volta in modo esilarante che Putin punta come sempre a qualche appuntamento mistico:

Per ora, tuttavia, le forze russe continuano ad avanzare. Sebbene l’Ucraina non stia crollando, sta perdendo circa 20 km quadrati a settimana. Putin potrebbe voler infliggere il massimo danno prima della festa del 75° anniversario della NATO a luglio, per umiliare l’Occidente e costringere l’Ucraina ai negoziati.

Non imparano mai?

Ma l’ultimo argomento chiave torna a Kharkov, dove si sottolinea la possibilità che la Russia attaccherà presto la “seconda città” dell’Ucraina in un modo o nell’altro:

Con circa 50.000 soldati russi freschi che si stanno radunando oltre il confine a circa 40 km di distanza, i comandanti di Kharkiv sanno che potrebbero essere un obiettivo nella prossima offensiva della Russia. Uno scenario potrebbe essere quello di isolare la città tagliando la strada principale per Kiev. Un’altra sarebbe quella di avvicinarsi di circa 10 km, mettendo la periferia orientale della città nel raggio d’azione dell’artiglieria e creando una zona cuscinetto per proteggere Belgorod, una città russa che viene colpita dai droni ucraini.

Ciò è stato ripetuto ancora una volta dalle autorità ucraine della regione di Kharkov proprio ieri:

Ricordi come ho detto qualche tempo fa che non avrei iniziato a credere a queste storie fino a quando non fossero apparsi resoconti ucraini credibili di effettivi insediamenti russi? Bene, sembra che ora stiano iniziando ad apparire.

Ecco quanto più dettagliato è arrivato ieri da un canale militare ucraino:

Il nemico continua ad accumularsi nella fascia di confine delle regioni temporaneamente occupate di Belgorod e Kursk.

Nella prima si sono già radunati circa 33-35mila orchi e nella seconda altri 13-14. Il numero è in aumento.

Come potete capire, il numero di basi militari e mezzi di distruzione (~430 carri armati, 135 unità di artiglieria semovente e 388 unità di artiglieria semovente e trainata) non è sufficiente per condurre un’operazione militare combinata e raggiungere anche solo un obiettivo tattico-operativo.

Per fare un confronto, al culmine dell’operazione Avdiiv, c’erano più di 115.000 effettivi degli occupanti.

Si tratta di una sezione del fronte larga meno di 40 km (da Krasnohorivka a Krasnohorivka).

Anche il nemico lo capisce. Pertanto, il significato delle azioni degli occupanti può essere ridotto a quanto segue:

a) un attacco a Vovchansk per entrare nelle retrovie del nostro gruppo Kupyan

b) incursioni in direzione di Kharkiv e Sumy/Glukhov

Ed entrambe le opzioni sono abbastanza realistiche. Differiscono solo nell’obiettivo finale.

Esiste ancora una terza opzione: le battaglie di confine sul nostro territorio.

Nessuno sa cosa accadrà loro.

Ma posso dire con certezza che i nostri ragazzi sono pronti a qualsiasi sviluppo. Arrabbiato e motivato a distruggere il nemico

Cos’altro si può dire: potrebbero esserci ancora più attacchi indiscriminati a Kharkiv/Sumy. Il nemico ha molti missili anticarro fino a S-300 e RSZV. Così come quelli più accurati (shahedy/9m723/х-59/69). E fab/taxi/altri tipi di armi tattiche per l’aviazione. Questo deve essere capito.

Credi in ZSU e fai una donazione a ZSU! Solo i nostri guerrieri sono i garanti della nostra sicurezza e dei piani falliti del nemico!

Quindi, secondo lui ci sono 35-50.000 truppe e sono in crescita, con “ ~430 carri armati, 135 unità di artiglieria semovente e 388 unità di artiglieria semovente e trainata”.

Si tratta praticamente di un paio di divisioni corazzate ed è più o meno la quantità di mezzi corazzati che l’Ucraina ha utilizzato in totale nella grande controffensiva di Zaporozhye, a quanto ricordo.

Sono d’accordo che l’importo attuale probabilmente non è sufficiente per prendere Kharkov, ma per quanto riguarda gli altri obiettivi, dipende davvero da quanto saranno forti i rinforzi ucraini. Ad esempio, anche Wiki ammette che la Russia aveva Kiev interamente aggiogata con un piccolo contingente di 15-30.000 truppe.

Nella sezione “Battaglia di Kiev 2022” :

L’anno scorso avevo già scritto a lungo sulla possibilità che la Russia entrasse da Vovchansk per esercitare pressione sulle retrovie del gruppo di Kupyansk:

Con la strategia del boa constrictor, la Russia può rendere Kupyansk estremamente instabile e le AFU molto più propense a una ritirata di massa.

L’articolo dell’Economist termina con il comandante del Kraken che concorda anch’egli sul fatto che la Russia attaccherà Kharkov già a “metà maggio”, ma ritiene che fallirà:

Konstantin Nemichev è il comandante del famoso reggimento Kraken, un gruppo di forze speciali formato nei primi giorni dell’invasione del 2022 che difendeva Kharkiv. Si aspetta che il nemico attacchi nuovamente la provincia a metà maggio, ma ritiene che non riuscirà ad avvicinarsi alla città. Intervistato all’esterno di un edificio scolastico in rovina nella parte orientale della città, teatro di un intenso scontro a fuoco nel 2022 in cui i soldati invasori furono spazzati via, il comandante afferma che ora la difesa è molto più forte. Ha tre linee di fortificazioni e una brigata completa per fermare i russi. “Possono spostarsi di qualche chilometro all’interno della provincia”, dice, “ma non credo che possano arrivare fino a 10 chilometri”.

Una brigata al completo per fermare i russi?

L’altra cosa interessante è che continuano ad abbondare voci di “attività” molto elevate ai confini di Kharkov e Sumy. Ogni giorno i canali circolano con nuove voci su qualcosa di straordinario che sta accadendo. Ieri, gli ucraini hanno effettivamente fatto saltare in aria un ponte a Vovchansk, che è proprio uno dei pochi punti di ingresso chiave che la Russia può utilizzare per attraversare il confine:

A ciò sono seguite voci secondo cui l’attività russa dei DRG è aumentata nelle “retrovie” delle unità AFU sia nelle regioni di Sumy che di Kharkov.

E poi questo oggi:

Infine, è interessante notare che la Russia ha pubblicato oggi una foto del generale Lapin mentre fa un “controllo di preparazione” delle truppe del Gruppo Nord al confine di Kursk, da lui comandate:

Il colonnello generale Aleksandr Lapin ha verificato la prontezza delle truppe e ha “fornito assistenza pratica” al comando del gruppo che copriva il confine di stato in direzione di Kursk.

Nel frattempo, la Russia continua i suoi attacchi alle infrastrutture, di cui uno di grandi dimensioni è avvenuto due notti fa. L’autorità ucraina per la rete energetica Ukrenergo ha ammesso che diverse centrali elettriche importanti sono state nuovamente colpite, questa volta nella parte occidentale del paese, e “estesamente danneggiate”:

Un articolo conteneva i seguenti dettagli:

La Russia continua a condurre un approccio sistematico alla distruzione mediante incendio di oggetti del complesso energetico dell’Ucraina. Pertanto, nel TPP Burshtyn, solo 10 turbogeneratori avevano il controllo della velocità della turbina secondaria, per un totale di 12 turbine. Dopo gli scioperi precedenti, 4 turbine sono rimaste in funzione, e questo è stato più che sufficiente per regolare le deviazioni di frequenza dal valore nominale nei picchi serali di consumo di elettricità. A quanto pare, sono stati uccisi ieri sera.

Al Dobrotvorskaya TPP è stato terminato il turbogeneratore n. 1, prima era stato distrutto solo il secondo turbogeneratore. Entrambi sono stati distrutti dopo gli scioperi mattutini.

Probabilmente un altro colpo è stato inferto al Ladyzhinskaya TPP, dopo gli ultimi attacchi del 3 aprile, e un mese dopo, il 3 maggio, ha iniziato a funzionare. Inoltre, il Kryvyi Rih TPP non è stato ancora “calibrato”.

Come potete vedere, gli attacchi missilistici vengono effettuati principalmente su centrali termoelettriche con apparecchiature di controllo della frequenza secondaria. Permettono di regolare la frequenza da un valore preimpostato di 50 Hz. E due dei tre TPP sopra elencati dispongono di tali apparecchiature.

E ancora uno:

Dettagli del massiccio sciopero alle centrali elettriche la mattina presto dell’8 maggio.
A Poltava è stato attaccato l’ultimo autotrasformatore 330/110 kV, il precedente è stato distrutto in aprile. Tuttavia, a giudicare dal fatto che la luce a Poltava non è scomparsa, in città c’è un altro autotrasformatore che deve essere distrutto.

Nel Ladyzhinskaya TPP, la sesta unità di potenza è stata distrutta e la quinta unità di potenza è stata danneggiata. Nella centrale idroelettrica di Kremenchug, un razzo si è schiantato contro la copertura dell’unità idroelettrica n. 4 e ha danneggiato uno dei trasformatori dell’unità idroelettrica n. 4.6. Gli obiettivi da colpire sono pesanti.

Un rapporto separato afferma che “tutte le principali centrali termoelettriche controllate dall’Ucraina sono state distrutte o gravemente danneggiate” e che “gli impianti di generazione idroelettrica sono i prossimi a ridurre la flessibilità della rete ucraina. Dopodiché l’Ucraina farà affidamento su 3 centrali nucleari e sulle importazioni dai paesi dell’UE”.

È difficile verificarlo poiché alcuni di essi potrebbero essere solo colpi parziali e ne sarebbero necessari altri per eliminare turbine aggiuntive.

Per la cronaca, queste erano le cifre ufficiali dell’Ucraina sugli abbattimenti dei missili russi durante l’attacco, fittizi o meno:

▪ 33/45 X-101 / X-555;
▪ Calibro 4/4;
▪ 20/21 droni Shahed/Geran;
▪ Pugnale 0/1 (Kinzhal);
▪ 0/2 Iskander-M;
▪ 2/2 X-59 / X-69;
▪ 0/1 Iskander-K.

Nella notte sono state attaccate tre centrali termoelettriche della DTEK . L’apparecchiatura è gravemente danneggiata. Riuscito ad abbattere tutti gli obiettivi aerei nell’area della capitale.

E le forze russe continuano ad avanzare ogni giorno. L’ultima a Krasnogorovka, ormai quasi completamente avvolta in un calderone:

A nord di esso, si dice che Umanske, a ovest di Avdeevka, sia stata completamente o quasi catturata, con un rapporto che afferma che le truppe ucraine hanno già iniziato a ritirarsi a Skuchne, a ovest di esso:

Inoltre, appena a sud di esso, le truppe russe avanzarono nel centro di Netalove.

Ciò è significativo perché rappresenta proprio la linea di difesa sul fiume Vovcha di cui abbiamo parlato così a lungo come l’ultima linea difensiva di sostegno dell’Ucraina nella regione.

Quindi, Paraskoovka fu quasi catturata a ovest di Novomikhailovka, che a sua volta fu presa solo di recente:

Questo è importante perché le forze russe sono vicine a tagliare la principale via di rifornimento di Ugledar verso i più grandi quartier generali regionali:

Ciò significa che il tempo di Ugledar è quasi scaduto. Dopo che quella strada sarà tagliata, le cose inizieranno a diventare sempre più difficili e ad andare in rovina per l’Ucraina a Ugledar, che sarà sempre più isolata e vulnerabile.

ISW ha confermato la maggior parte di questi progressi:

Infine, le prese di coscienza si stanno lentamente realizzando e i dati ucraini condizionano l’opinione pubblica per l’eventualità:

“Potremmo perdere l’intera regione di Donetsk, ma questo non significa che la guerra sia persa” Il volontario ucraino Taras Chmut sta preparando i cittadini a un nuovo scenario per il suo Paese.

Alcuni ultimi elementi.

Ecco il discorso completo di Putin nel Giorno della Vittoria del 9 maggio:

Durante i lavori, Putin si è seduto tra molti degli eroi dell’SMO. Comprendeva questo volto familiare proprio dietro di lui a sinistra, il famoso comandante di plotone dell’810a brigata marina dell’assedio di Mariupol, Red Backpackman, alias  ‘Struna’:

In effetti, in seguito Putin ha onorato in un altro modo importante l’ 810° , che ora combatte sul fronte di Kherson intorno a Khrynki, in un altro modo importante. In una tavola rotonda con tutti i principali comandanti, Putin ha ascoltato l’appello ufficiale dello stesso comandante di brigata dell’810°, il Maggiore Generale Vlasov, e ha deciso di espandere ufficialmente l’810° – che ora è passato da 2.500 uomini a oltre 11.000 – in una Divisione completa :

Non è interessante il fatto che le brigate ucraine abbiano iniziato con 5000-6000 uomini e ora operino per lo più con 1000-2500 uomini al massimo, mentre le brigate russe hanno un numero di uomini che va da 2500 a 11k? Eppure ci dicono che è la Russia a subire “perdite insostenibili”.

Alla parata si è assistito a uno spettacolo inaspettatamente raro. Una formazione russa medagliata, composta da veri veterani dell’OMD, ha partecipato alla parata. Considerate il significato: questi sono tra gli unici soldati decorati veramente viventi al mondo che possono vantare di aver combattuto e sopravvissuto a una vera guerra. Nessun altro Paese attualmente può far sfilare eroi decorati in servizio attivo che hanno vissuto un vero combattimento di questo tipo:

Infine:

Putin ha onorato la sua insegnante di liceo Vera Gurevich, ancora in vita a 91 anni. La professoressa ha raccontato un ricordo molto approfondito di Putin da giovane, descrivendolo come un umile guerriero della giustizia:


Il tuo supporto è prezioso. Se ti è piaciuta la lettura, apprezzerei molto se sottoscrivessi un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo che io possa continuare a fornirti rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, puoi dare la mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Giochi che le nazioni disputano, di AURELIEN


Giochi che le nazioni disputano.

Ma dimenticano le persone e la strada.

Anche se questi saggi saranno sempre gratuiti, potete comunque sostenere il mio lavoro mettendo like e commentando e, soprattutto, trasmettendo i saggi ad altri e i link ad altri siti che frequentate. Ho anche creato una pagina Buy Me A Coffee, che potete trovare qui.☕️.

E grazie ancora a coloro che continuano a fornire traduzioni. Le versioni in spagnolo sono disponibili qui, e alcune versioni italiane dei miei saggi sono disponibili here. Marco Zeloni sta pubblicando anche alcune traduzioni in italiano e ha creato un sito web dedicato qui.Grazie infine ad altri che postano occasionalmente traduzioni e riassunti in altre lingue. Sono sempre felice che ciò avvenga: chiedo solo che me lo diciate in anticipo e che me ne diate atto. Quindi, ora ….

Questa settimana ho pensato di fare una pausa dallo scrivere di guerre e conflitti e di concentrarmi invece su un argomento che di recente ha suscitato straordinarie passioni e ha portato i governi di tutto il mondo a introdurre leggi repressive per controllare la disponibilità di informazioni. Si tratta dei modi in cui i governi cercano di influenzare altri Paesi e altri governi indirettamente attraverso le informazioni, e di impedire che altri Paesi influenzino le proprie popolazioni. Si tratta di un argomento che, a mio avviso, non è così complicato o difficile come a volte viene fatto credere e, come spesso accade in questi saggi, il mio scopo è quello di esporre in termini semplici le questioni che ritengo siano effettivamente rilevanti.

Nell’insieme, questi sforzi sono stati talvolta descritti come “soft power”, ma non credo che questo sia un modo particolarmente utile di metterli in pratica. Il “potere”, dopo tutto, non è qualcosa di esistenziale: non ha alcuna importanza finché non viene usato per cercare di fare qualcosa, e riesce o fallisce, ed è sempre relativo ad altri tipi di potere provenienti da altre direzioni. C’è anche l’implicazione che sia deliberatamente ricercato, il che non è necessariamente vero. Per fare un semplice esempio, dagli anni ’80 la cultura occidentale è stata inondata dalla cultura popolare giapponese, così come dall’arte e dalla cucina. Oggi si trovano sushi bar in ogni piccola città di provincia. Ma qual è stato l’effetto reale di tutto ciò? Forse quello di migliorare l’immagine del Giappone agli occhi del pubblico occidentale, ma al di là di questo è molto difficile mostrare qualche risultato pratico. In effetti, il fascino della cultura giapponese è in gran parte un fenomeno di “attrazione” piuttosto che di “spinta”, qualcosa che è cresciuto organicamente in Occidente piuttosto che essere deliberatamente organizzato dall’esterno. E se è vero che in tutto il mondo l’intrattenimento popolare e i fast-food sono dominati da aziende americane, non sono sicuro che si possa dimostrare che, in pratica, ciò sia effettivamente andato a vantaggio degli Stati Uniti. Allo stesso modo, il fatto che gli adolescenti della classe operaia europea si vestano oggi con felpe universitarie americane non ha la stessa risonanza politica dell’élite politica della Gallia che si veste con le toghe romane.

Voglio invece concentrarmi sui tentativi deliberati di influenza di ogni tipo, e qui scopriremo che non solo le grandi nazioni lo fanno, ma anche che alcuni Stati meno probabili – la Turchia, per esempio, o il Qatar – hanno avuto un successo sorprendente, spesso in modi molto discreti, mentre l’Occidente è stato spesso inefficace. Ma prima di entrare nei dettagli, ricordiamo le basi del funzionamento del sistema internazionale con le informazioni.

È importante innanzitutto respingere i rozzi stereotipi realisti che vedono il mondo come una struttura anarchica dominata dagli scontri tra Stati nazionali in cerca di potere. Come ho sottolineato più volte, il sistema internazionale funziona molto più per cooperazione che per conflitto, e in molti casi gli interessi dei piccoli Stati e quelli dei grandi Stati sono complementari, piuttosto che in conflitto. Un piccolo Paese africano potrebbe accogliere con favore una base militare straniera o un progetto di investimento cinese, come contributo alla sua sicurezza e come mossa nei giochi di potere regionali in cui è coinvolto. Ne consegue che i piccoli Stati possono, e spesso lo fanno, utilizzare tecniche non conflittuali per influenzare il comportamento delle grandi potenze, per ottenere ciò che vogliono. (Le grandi potenze non sempre se ne rendono conto).

Potrebbe quindi essere utile analizzare i modi in cui le nazioni cercano di influenzarsi reciprocamente in modo sottile, un processo che per definizione esclude le minacce e i tentativi di coercizione. Il più banale, ovviamente, è una semplice dichiarazione pubblica delle posizioni o degli obiettivi nazionali, il genere di cose che le nazioni fanno di continuo. Inevitabilmente, queste dichiarazioni saranno parziali. L’ambasciatore cinese all’ONU non presenterà un’analisi ponderata della posizione del suo Paese su una certa questione, evidenziando in modo utile le debolezze e le contraddizioni che possono essere sfruttate da altre nazioni. Se chiedete a un diplomatico, durante un cocktail, cosa pensa di una determinata questione, otterrete la posizione del suo governo in merito. Qualcuno che conoscete bene potrebbe poi farvi notare che la posizione del suo Paese è esagerata o irrealistica, o potrebbe addirittura cambiare, ma è una questione di rapporti personali. Non c’è nulla di strano in questo, e riflette il modo in cui funziona il mondo nel suo complesso. Un avvocato in tribunale non ammetterà gratuitamente i punti deboli dell’argomentazione del proprio cliente, così come, se si stesse chiedendo un prestito in banca, si rivelerebbero spontaneamente le proprie preoccupazioni sulla possibilità di restituirlo.

Tutte le posizioni ufficiali del governo sono quindi parziali e riflettono il desiderio di sostenere gli obiettivi e gli interessi nazionali. Naturalmente, quindi, parte del lavoro consiste nel presentare un’immagine positiva del proprio Paese all’estero. L’ambasciata russa locale non sponsorizzerà una mostra sul massacro di Katyn, così come l’ambasciatore turco rifiuterà cortesemente di essere tirato in ballo, a un evento sociale, sulla storia della tratta degli schiavi ottomana. Le ambasciate lavorano per garantire una copertura positiva nei media locali, promuovono le celebrità in visita, incoraggiano le delegazioni commerciali e così via. A loro volta, i governi nazionali, e attraverso di essi le Ambasciate e le altre rappresentanze estere, spingeranno sui media e in privato con altri governi particolari interpretazioni di eventi e questioni che ritengono vantaggiose per loro.

Quindi, anche negli scambi più elementari tra Stati, vige il principio della selettività. In altre parole, gli Stati danno l’interpretazione che più gli conviene ai fatti che hanno, enfatizzano gli aspetti positivi e minimizzano quelli negativi. In generale, però, ciò che gli Stati dicono può essere selettivo, ma è generalmente “vero” nel senso di essere un’interpretazione ammissibile dei fatti così come sono conosciuti. Gli Stati quindi spesso si parlano addosso, perché selezionano i fatti e favoriscono le interpretazioni, che sono diverse, ma sinceramente credute in ogni caso. Sia l’Occidente che la Russia sostengono che l’altro ha agito in malafede sull’Ucraina, soprattutto dopo gli accordi di Minsk, sulla base di prove che ritengono convincenti, anche se la controparte non lo fa. E naturalmente dimentichiamo troppo facilmente che non esiste una “interpretazione” degli eventi, al singolare. Solo chi è irrimediabilmente ingenuo potrebbe supporre che gli eventi in Ucraina siano visti esattamente allo stesso modo in Cina, Brasile o Egitto, e ancor meno che le loro diverse interpretazioni assomiglino a quelle dominanti in Occidente. La vita è così.

E’ questa selettività, e la presentazione dei fatti per adattarli a un argomento, che qualifica la maggior parte delle dichiarazioni del governo come propaganda. Il punto sull’intento è importante, perché, come disse George Orwell con la sua caratteristica schiettezza, tutta la propaganda è menzogna anche quando è vera. Ciò che suggerisce è che, per il propagandista, la verità o meno di ciò che viene detto è irrilevante; ciò che conta è l’effetto desiderato. Così, un discorso di un ministro delle Finanze può contenere solo affermazioni accurate sull’economia della nazione, ma lo scopo è comunque strumentale – fare un punto, vincere una discussione – non educativo. E naturalmente vale il corollario: la critica non è mai più efficace di quando è basata sui fatti. Recentemente qualcuno mi ha detto che la “propaganda russa” descrive il sistema elettorale degli Stati Uniti come irrimediabilmente corrotto e disfunzionale. Ma poiché questa descrizione è di fatto corretta (e sarebbe accettata come tale, credo, dalla maggior parte degli americani), questo è in realtà un buon esempio di uno dei tipi essenziali di propaganda: la verità come arma. .

La “propaganda” non è nata come un processo di deliberata falsità. Le sue origini, come molti sanno, risalgono alla Congregazione per la Propagazione della Fede, fondata dal Vaticano nel 1622, essenzialmente come organizzazione missionaria. La propaganda era “ciò che doveva essere propagato”. In questo caso, coloro che svolgevano il lavoro credevano implicitamente che ciò che dicevano fosse vero e che fosse essenziale che anche il loro pubblico lo credesse, affinché le loro anime potessero essere salvate.

In senso moderno, si può dire che la propaganda sia iniziata con i bolscevichi, e in particolare con Lenin nel suo pamphlet del 1902 Cosa bisogna fare? Lenin sosteneva che, lasciate a se stesse, le classi lavoratrici non avrebbero mai acquisito la coscienza di classe e non si sarebbero ribellate. Occorreva sia la propaganda, cioè l’uso di argomentazioni ragionate per convincere le persone istruite, sia l’agitazione, cioè l’uso di slogan e argomenti molto semplificati (se non addirittura fuorvianti) per convincere le persone non istruite. Lenin coniò il termine “agitprop” per la combinazione dei due, e questa politica fu portata avanti durante la Rivoluzione e nell’era dei partiti comunisti di massa. Presupponeva la maggiore (anzi, infallibile) saggezza del Partito sovietico e l’accettazione della sua leadership incontrastata da parte di un insieme obbediente di partiti nazionali, ai quali a sua volta la classe operaia di ogni nazione avrebbe doverosamente obbedito. Il fine giustificava praticamente qualsiasi mezzo. (Con l’affievolirsi dell’attrattiva del marxismo ortodosso negli anni ’80, lo stesso metodo è stato ripreso da vari gruppi identitari, prima le femministe, poi altri, che cercavano di creare una clientela fedele, convinta di essere oppressa e di fungere da base di potere per le ambizioni dei leader). L’argomentazione dei marxisti era essenzialista: i lavoratori di tutti i Paesi erano sfruttati e avevano interessi comuni oggettivi, che andavano oltre le differenze di identità nazionale, cultura e religione, e dovevano unirsi sotto la guida di Mosca. In questo senso non avevano “nessun Paese”. Questa tesi non è mai stata completamente accettata e ha iniziato a crollare irrimediabilmente con l’ascesa dell’eurocomunismo negli anni Settanta. Il suo successore, degenerato e basato sull’identità, è ora ulteriormente degenerato, in un’indecorosa corsa all’imposizione di varie etichette identitarie concorrenti su gruppi disparati, per ottenere il loro sostegno e la loro obbedienza.

L’esempio più noto, o almeno più famigerato, di propaganda del XX secolo è quello del Partito Nazista, soprattutto dopo il 1933. (La sua propaganda non sembra essere stata responsabile della rapida crescita dei suoi consensi dopo il 1930). La propaganda nazista fu certamente spettacolare e i recenti studi accademici la ricerca ha dimostrato quanto fosse ampiamente basata sull’abile manipolazione della mitologia germanica e del simbolismo occulto tradizionale. Come la propaganda comunista, anche quella nazista era essenzialista, ma costruita secondo una logica razziale piuttosto che economica. Il mondo era diviso in varie “razze”, condannate a un’eterna competizione in cui i più deboli venivano sterminati. La razza ariana, circondata da potenti nemici, sarebbe stata essa stessa sterminata se non avesse agito insieme. Si era quindi intrinsecamente ariani prima di essere intellettuali, uomini d’affari o operai. (In effetti, una costante della propaganda nazista era il ritratto del sindacalista comunista che vede la luce e si unisce al Partito nazista).

Tuttavia, vi è qualche dubbio sull’effettiva efficacia di tale propaganda. La propaganda comunista era almeno legata a criteri oggettivi. Proponeva un quadro intellettualmente impegnativo e coerente, che in alcuni periodi, come gli anni Trenta, sembrava fornire una buona spiegazione di ciò che stava realmente accadendo nel mondo, nonché un sostituto funzionale alla fede e all’osservanza religiosa. E ha mantenuto una base di potere di massa perché parlava alle preoccupazioni oggettive della gente comune (essere poveri o disoccupati è uno stato oggettivo, dopo tutto) e perché un gruppo dedicato di membri del partito lavorava, spesso senza retribuzione, per migliorare le loro vite. Ma la propaganda sembra aver avuto molto meno successo nei Paesi in cui i comunisti erano effettivamente al potere.

Per tutto il suo fascino e la sua ingegnosità, e per quanto Goebbels sia stato acclamato all’epoca e da allora come una sorta di mente satanica (notare questa parola), la propaganda nazista non sembra aver avuto il successo che si pensava all’epoca. Il sostegno al partito nazista e a Hitler personalmente era molto più legato alla trasformazione dell’economia tedesca e al desiderio di cancellare l’umiliazione di Versailles, oltre che alla tradizionale minaccia delle folli orde asiatiche a est. Sociologico studi hanno dimostrato che il rapporto effettivo del popolo tedesco con i suoi leader era estremamente sfumato e complesso, e che essi erano tutt’altro che strumenti obbedienti della macchina del partito.

Ciononostante, i trattamenti sensazionali di questi due episodi hanno contribuito a diffondere l’idea che la propaganda moderna potesse essere una forza irresistibile e che la gente comune, solo per il fatto di esservi esposta, potesse essere portata a rivoltarsi e a rovesciare i governi. Storicamente, si presumeva che tale propaganda provenisse dall’estero – da qui, in parte, il suo carattere minaccioso – e che fosse finalizzata alla corruzione della società e al rovesciamento delle istituzioni. Probabilmente fu l’invenzione della stampa a scatenare per la prima volta questi timori, in quanto libri e opuscoli divennero armi nella guerra tra cattolici e protestanti, e diversi Stati li vietarono, imprigionando e persino giustiziando coloro che li stampavano e li distribuivano. Almeno la posta in gioco era seria a quei tempi: dopo tutto, credenze sbagliate potevano consegnare all’inferno per sempre. (Ricordiamo che nel Vangelo di Giovanni, Satana è descritto come “il padre della menzogna”: alcuni memi ideologici hanno una vita molto lunga).

Per molto tempo si è creduto che la Rivoluzione francese fosse stata innescata essenzialmente dalla propaganda, in questo caso dalla marea di libri e pamphlet associati all’Illuminismo apparsi alla fine del XVIII secolo, e persino dal famoso Encyclopaedia a cura di Denis Diderot. Chi fosse dietro questa ondata di sovversione non è mai stato del tutto accertato (gli Illuminati? i massoni?), ma molte persone influenti erano convinte che la Rivoluzione fosse stata causata da un’abile propaganda e altri Paesi europei, in particolare la Gran Bretagna, fecero di tutto per impedire ai loro cittadini di accedere a materiale pro-rivoluzionario. In realtà, le idee illuministe furono severamente sfiducia anche all’epoca, ma era una buona storia.

Ma fu durante la Guerra Fredda che questo tipo di pensiero raggiunse il suo apogeo. Sebbene pochi Paesi occidentali vietassero esplicitamente il materiale politico marxista, e anzi il marxismo fosse intellettualmente di moda in certi ambienti, si riteneva comunque che “Mosca” fosse dietro la diffusione di libri e film destinati a minare il “nostro stile di vita”, compresa la monarchia e la religione organizzata, e a far marcire la fibra morale della nazione. In Gran Bretagna, la BBC fu spesso accusata dai partiti di destra di trasmettere “propaganda comunista”. Inoltre, “Mosca” era vista come responsabile del dissenso politico, come le manifestazioni contro la guerra del Vietnam o i movimenti pacifisti e antimilitaristi, così come i gruppi terroristici come l’Esercito Repubblicano Irlandese e persino i partiti politici nazionalisti. (Il blocco sovietico mise al bando una grande quantità di letteratura che considerava “decadente”, anche se non affermò mai che l’Occidente fosse impegnato in una campagna organizzata simile.

L’apogeo dell’apogeo, se vogliamo, è stato il Sudafrica dell’apartheid, dove l’interessante nome Legge sulla soppressione del comunismo (1950, modificata, integrata e successivamente sostituita)  ha permesso al governo di definire “comunista” praticamente chiunque, o l’espressione di qualsiasi opinione o pubblicazione.” Ciò includeva in particolare libri e film che criticassero l’apartheid stesso o che offendessero in altro modo le convinzioni dell’establishment politico e religioso afrikaner. (Ma poi il governo ritenne che il Sudafrica fosse il bersaglio di un diabolico assalto totale (letteralmente) diretto da Mosca, che comprendeva non solo l’opposizione violenta e pacifica all’apartheid, ma anche ogni tipo di ONG e gruppo della società civile, molti giornali, sindacati e partiti di sinistra, nonché libri e film provenienti dal mondo esterno. L’intento era presumibilmente quello di provocare quella che oggi definiremmo senza dubbio una Rivoluzione Colore, consegnando il Sudafrica nelle mani dei comunisti e destabilizzando l’intero continente. È divertente, per noi che abbiamo una certa età, vedere lo stesso tipo di accuse riproposte oggi, anche se più normalmente rivolte agli Stati Uniti. In verità, alcuni memi ideologici hanno una vita molto lunga.

Quindi, se accettiamo in primo luogo che i governi, come le persone, cercheranno di dare il volto migliore agli eventi e di presentarli in modo da soddisfare e promuovere i loro interessi, e in secondo luogo che è giusto descrivere questo processo come “propaganda” in senso non giudicante, possiamo passare a considerare i meccanismi di come i governi trattano tra loro e come cercano di influenzare l’opinione in tutto il mondo. Detto questo, e nonostante le affermazioni eccitanti dei media, poco di ciò che i governi dicono, direttamente o indirettamente, è consapevolmente falso, anche se spesso è esagerato e spesso equivale a un’implorazione speciale. Infatti, una delle regole fondamentali della politica è evitare di fare dichiarazioni che si rivelano sbagliate e che possono essere usate contro di voi in seguito. È per questo che i governi dicono cose come “la nostra posizione è stata coerente su questo tema: abbiamo sempre detto…” e qualsiasi dichiarazione su un argomento controverso includerà normalmente un’ambiguità sufficiente per adattarsi al cambiamento della situazione.

In uno Stato adeguatamente organizzato, questi temi saranno diffusi per uso generale, in modo che idealmente ogni persona che lavora per il governo X che si incontra dica la stessa cosa. Nel mondo reale ci saranno sempre delle sfumature, poiché i governi rappresentano necessariamente un compromesso tra diversi interessi istituzionali e politici, ma l’idea di base è che ci sia un’unica linea di governo a cui tutti si attengono, indipendentemente dalle loro opinioni private. In molte società, soprattutto in quelle più nazionalistiche, questa comunanza va oltre e al di fuori dei governi, che possono effettivamente rifletterla, piuttosto che avviarla. Si possono sentire le stesse cose dagli accademici e persino dai giornalisti. Non è passato molto tempo da quando, in occasione di incontri accademici, i partecipanti francesi dicevano cose come “la posizione francese è che…”.

Per molti versi, questo non è sorprendente, anche se offende i presupposti di separazione dei poteri dell’ideologia liberale, e non significa che venga necessariamente esercitato un controllo ideologico diretto (d’accordo, il caso iraniano, per esempio, potrebbe essere diverso). Ma il fatto è che i diplomatici, i funzionari pubblici, gli ufficiali militari, i giornalisti, gli accademici e gli operatori delle ONG hanno sempre avuto la tendenza a provenire dagli stessi strati sociali, e al giorno d’oggi è quasi universalmente vero. Nella maggior parte delle nazioni occidentali, oggi, avranno frequentato le stesse università, studiato le stesse materie, socializzato insieme e forse si saranno anche sposati. Non c’è da stupirsi che le loro opinioni sul mondo siano simili. Un tempo era un po’ diverso per i giornalisti, soprattutto quando venivano chiamati “reporter” e spesso provenivano dai livelli più umili della società. Oggi sono tutti laureati in giornalismo e si considerano i legislatori non riconosciuti del mondo.

Per questo motivo, molte delle accuse di storie “piazzate” nei media o di ONG in qualche modo collegate a oscuri programmi governativi sono, come minimo, esagerate. I giornalisti scrivono storie che riflettono la loro visione del mondo e riproducono le interpretazioni degli eventi a loro congeniali. A loro volta, queste interpretazioni riflettono idee e presupposti comuni nella bolla intellettuale in cui la maggior parte di loro vive. Un giornalista occidentale all’estero, che ha raccolto qualcosa da Twitter, chiamerà un contatto in patria o presso l’ambasciata locale, ed è probabile che l’interpretazione che riceverà sarà convincente, perché proviene dallo stesso background con gli stessi presupposti. Mentre scrivo questo articolo, è emerso un mini-scandalo sul doping nello sport cinese, che è stato trattato negativamente dai media occidentali. Alcuni hanno subito parlato di “operazione psicologica”, ma la verità è probabilmente molto più prosaica: i giornalisti occidentali credono semplicemente alle fonti che hanno il loro stesso aspetto e la loro stessa voce. (Non posso fare a meno di osservare quanto sia bizzarro che l’Occidente spenda una fortuna all’estero per cercare di promuovere un giornalismo indipendente, ONG e gruppi della società civile forti e critici e parlamenti potenti che chiedano conto ai governi, mentre l’omogeneità della classe dirigente occidentale fa sì che, in patria, questi siano tutti allineati gli uni agli altri).

Va aggiunto, però, che un certo grado di omogeneità tra le élite è un fenomeno culturale pervasivo, non limitato all’Occidente e non necessariamente legato a posizioni politiche individuali. Per esempio, nella mia esperienza i giornalisti del mondo arabo, dei Balcani e dell’Africa riflettono spesso la mentalità culturale della loro classe d’élite e dicono al loro pubblico cose che non ripeterebbero mai agli occidentali. Questo è particolarmente vero nei Paesi dell’ex Impero Ottomano, dove la consapevolezza di essere governati a distanza ha minato molto tempo fa la fiducia nella capacità del popolo di governarsi da solo. Come ha sottolineato il grande scrittore egiziano-libanese Amin Malouf, questo radicato sentimento storico di impotenza e inferiorità si è ora trasferito alle relazioni con i Paesi occidentali. Si ritiene (traduzione mia) che

 sono onnipotenti e non ha senso resistere. Si ritiene che siano necessariamente d’accordo tra loro e che sia inutile sfruttare le loro contraddizioni. E si ritiene che abbiano elaborato piani molto dettagliati per il futuro delle nazioni, che non possono certo essere cambiati, e tutto ciò che si può fare è capire quali potrebbero essere. Ne consegue che la più piccola osservazione di un funzionario della Casa Bianca viene esaminata come se fosse un messaggio dal cielo.

A sua volta, questa ideologia disfattista, autolesionista e depotenziante si fa strada un po’ alla volta nel mainstream del pensiero internazionale, e persino gli occidentali di certe convinzioni politiche possono caderne vittime, immaginando che rifletta la vita reale. Inutile dire che ciò complica enormemente gli sforzi occidentali per una vera comunicazione con questi Paesi, poiché tutte le azioni e tutte le dichiarazioni rischiano di essere assimilate a questa vasta e inarrestabile cospirazione, di cui le stesse nazioni occidentali, ovviamente, non sono consapevoli. .

Infatti, mentre le interazioni occidentali con il Sud globale e i tentativi di promuovere programmi sono aperti a molte critiche (ingenuità, ipocrisia, ignoranza delle condizioni locali, credenza in regole universali), i tentativi collettivi disciplinati di influenzare o rovesciare i governi sono raramente tra questi. In parte, ciò è dovuto alla confusione tra coerenza di superficie e rivalità nascosta. Da un lato, l’omogeneità della classe dirigente moderna e della classe professionale e manageriale di cui fanno parte le rappresentanze e le relazioni con l’estero è tale che, senza essere chiamati in causa, i suoi rappresentanti spesso suonano allo stesso modo quando parlano di varie questioni. Il consigliere politico, il capo dell’ufficio per lo sviluppo, il capo dell’ufficio commerciale, l’addetto ai diritti umani, l’addetto legale, i visitatori delle capitali e tutti gli altri (persino l’addetto alla difesa) hanno probabilmente frequentato le stesse università, studiato più o meno le stesse materie e hanno le stesse opinioni generali. (Del resto, se all’Ambasciata c’è un funzionario dell’intelligence, probabilmente anche lui condivide le stesse esperienze e gli stessi atteggiamenti generali).

D’altro canto, però, una certa dose di divisione è inevitabile, semplicemente perché tutti i governi hanno relazioni complesse con altri governi e i vari fattori spesso tirano in direzioni diverse. Un classico è che le relazioni commerciali e politiche possono soffrire se ci sono dichiarazioni e azioni performative sui diritti umani, ma la lobby dei diritti umani nella vostra capitale può essere temporaneamente dominante, il che significa che non potete ottenere qualche concessione politica o commerciale che volete e di cui avete bisogno. Diverse fazioni si contendono il tempo e l’attenzione dell’ambasciatore e spesso riferiscono a diversi padroni nella capitale. La misura in cui questo è un problema dipende dal Paese in questione: come ci si può aspettare, le rappresentanze estere degli Stati Uniti sono talvolta caratterizzate da feroci guerre intestine.

È anche una questione di chi ha i soldi. Ad esempio, è abbastanza comune che i dipartimenti per lo sviluppo siano finanziati in modo sontuoso, ma anche molto limitati nella spesa. Come dico sempre, non si possono ottenere fondi per addestrare adeguatamente i poliziotti, ma si possono facilmente ottenere fondi per creare una ONG che raccolga le denunce sul cattivo comportamento della polizia. Questo non è così bizzarro come sembra, perché per molti Paesi la priorità è rappresentata da iniziative allegre che non rischiano di avere ripercussioni se le cose vanno male. Può essere essenziale per un Paese avere una polizia o un esercito adeguatamente addestrati, ma c’è sempre il timore che da qualche parte ci siano denunce di comportamenti corrotti o violenti e che qualche giornalista intraprendente o ricercatore di ONG scopra che, anni prima, il vostro Paese ha inviato una missione di formazione tecnica nel Paese. Ah-ha. La storia è qui. Spesso i donatori si oppongono a queste iniziative e preferiscono cose belle ma inutili. Inoltre, mentre i rappresentanti della maggior parte delle nazioni occidentali cantano dallo stesso inno, quello dell’estremo liberalismo sociale ed economico, ci sono abbastanza sfumature che li distinguono, in gran parte derivanti da diverse preoccupazioni in patria, da farli spesso inciampare l’uno nei piedi dell’altro. Non c’è da stupirsi che i locali si confondano, ascoltando i diversi attori occidentali. .

Al di là di questi tentativi palesi di influenza, naturalmente, e a un livello completamente diverso, ci sono tutte le storie sulle “operazioni di informazione”, la “guerra psicologica”, la “disinformazione” e così via, nonché l’uso dei media e delle ONG per raccogliere e diffondere informazioni e influenza. Cosa dobbiamo pensare di tutto questo? Esiste un modo realistico e non isterico di guardare a tutto questo? In parte, credo, è una questione di lealtà Come i lettori abituali sapranno, questo sito si occupa soprattutto di come funzionano le cose e di capire cosa succede nel mondo. Non sono molto interessato ai giudizi di valore, né mi considero particolarmente attrezzato per formularli. Eppure la maggior parte delle persone, consapevolmente o meno, vede le relazioni internazionali un po’ come una competizione sportiva, in cui la Nostra Squadra deve essere sostenuta a prescindere. Per alcune persone, le accuse che il loro governo possa comportarsi in un certo modo sono inaccettabili. Per un numero minore di persone, che trovano motivi per detestare il proprio governo, l’idea che un altro governo possa comportarsi in modo altrettanto discutibile è altrettanto inaccettabile.

La cosa più vicina a una regola generale, credo, è dire che tutti i governi hanno bisogno di informazioni e perseguono vantaggi politici attraverso il loro uso. Pertanto, i governi agiranno se ritengono che (1) ci siano vantaggi da ottenere (2) ciò che vogliono fare possa essere difeso legalmente nel loro sistema e (3) le conseguenze in caso di fallimento siano accettabili. Questo vale per tutti i governi, ovunque e da sempre. Quindi la domanda da porsi rispetto a una particolare accusa è: un governo razionale potrebbe pensare di trarre vantaggio da un comportamento di questo tipo? In altre parole, se ipotizziamo che i servizi segreti di un altro Paese siano minimamente competenti (dato che di solito sono loro a essere coinvolti), cosa farebbero?

Questo forse ci aiuta a risolvere alcune delle inutili discussioni su, ad esempio, la Cina. Se assumiamo che il Ministero della Pubblica Sicurezza sia minimamente competente, allora supponiamo che vorrà approfittare di qualsiasi vantaggio che gli si presenti. Ovviamente manderanno scienziati all’estero per cercare di scoprire segreti e reclutare potenziali collaboratori. Ovviamente si avvarranno della diaspora e degli studenti all’estero per raccogliere informazioni e diffondere influenza. Ovviamente studieranno i mezzi tecnici per utilizzare computer e altre attrezzature prodotte in Cina per raccogliere informazioni. Ovviamente cercheranno di finanziare indirettamente ricerche e pubblicazioni utili. Perché non dovrebbero? Se non lo facessero, e io fossi il presidente Xi, vorrei sapere cosa fanno i miei servizi segreti tutto il giorno: giocano ai videogiochi? Non è un giudizio morale, è un giudizio molto pratico.

Lo stesso vale per le attività meno aggressive. Tutti i governi cercano di coltivare relazioni con i giornalisti, per cercare di garantire che il loro punto di vista e la loro interpretazione degli eventi si riflettano nei media. In alcuni casi, ciò può comportare l’inserimento deliberato di informazioni che possono essere vere, parzialmente vere o, a volte, del tutto false. Quest’ultimo caso, tuttavia, è meno comune di quanto spesso si creda, perché rischia di ritorcersi contro di noi. Ma come ho detto sopra, non è difficile per i governi individuare giornalisti simpatici che crederanno a tutto ciò che di positivo si dice loro sul proprio Paese, o che per questo motivo potrebbero essere così disincantati da credere a tutto ciò che di negativo si dice loro sul proprio Paese.

I governi sponsorizzano anche, direttamente e indirettamente, siti Internet e organizzazioni presumibilmente indipendenti. Non c’è nulla di nuovo in questo: cinquant’anni fa, le Unioni studentesche in Europa erano inondate di manifesti patinati e pubblicità della Federazione internazionale degli studenti. Se non trovavate significativo che l’organizzazione avesse sede a Praga, avreste potuto pensare che i manifesti che esortavano alla “Solidarietà con la lotta per l’indipendenza dei lavoratori della Guinea-Bissau”  dessero qualche indizio sull’origine dei finanziamenti. I Paesi occidentali hanno tentato di fare cose simili, ma in genere su scala minore e meno organizzata. Da allora le cose non sono cambiate molto. La pervasiva influenza occidentale nelle organizzazioni presunte indipendenti tende oggi a essere abbastanza facile da scoprire, e molti siti, legati a interessi occidentali e talvolta direttamente finanziati dal governo, sono comunque gestiti da persone che accettano i precetti della bolla in cui vivono. Allo stesso modo, ci sono siti in Medio Oriente il cui finanziamento è a dir poco opaco, e altri siti, come Cultura Strategica, che mostra segni di essere finanziato dal governo russo. Ma una volta che ci si rende conto di questo, che importa? Si tratta, come ha detto Alice, di un gioco che si svolge in tutto il mondo.

Quanto tutto questo abbia un valore effettivo, è lecito dubitare. Da una generazione a questa parte, dopo l’invasione dell’Afghanistan, l’Occidente combatte guerre virtuali, usando l’informazione come arma. Quanto denaro è stato sprecato per le “operazioni informative” in Afghanistan, rabbrividisco al pensiero. Come ha ampiamente dimostrato l’Ucraina, però, non serve a nulla vincere la guerra dell’informazione se poi si perde quella reale, per cui sospetto che una parte dell’isteria sulla “propaganda”, sulla “disinformazione” e sulle “rivoluzioni colorate” sia ormai in via di estinzione, dato che i limiti di queste tecniche diventano terribilmente chiari. A sua volta, questo significa che è tempo per i governi occidentali di calmarsi un po’ sulla “propaganda” proveniente da altri paesi, e forse di essere più realistici sulla propria.

E comunque, non siamo gli unici a giocare questo gioco, e forse alcuni lo stanno giocando in modo diverso e migliore. Poiché l’Occidente si rivolge ai decisori e alle élite con le sue attività di informazione, è relativamente cieco alle iniziative di base della gente comune e non sa come raggiungerle. Eppure, se ci pensiamo bene, molte organizzazioni potenti sono cresciute in questo modo. La Chiesa cristiana è nata come movimento tra i poveri e gli analfabeti, con molte donne tra i suoi membri. Il protestantesimo ha ricevuto il suo impulso iniziale dalla gente comune. I movimenti politici di sinistra hanno quasi sempre avuto origini di base, nelle fabbriche e nelle comunità locali. Il liberalismo, tuttavia, che è una dottrina politica d’élite, non ha mai compreso veramente i movimenti politici dal basso. Vuole solo seguaci obbedienti.

Ecco perché il successo elettorale dei partiti legati ai Fratelli Musulmani in Egitto e Tunisia ha stupito gli esperti occidentali. Eppure non avrebbe dovuto: questi movimenti avevano lavorato per decenni, addirittura per generazioni, costruendo pazientemente reti locali basate sulle moschee e sugli imam che predicavano la necessità di uno Stato teocratico gestito interamente secondo la legge islamica. Gli intellettuali e i politici laici amici dell’Occidente (e che, tra l’altro, avevano ripetutamente avvertito di ciò che sarebbe potuto accadere) sono stati considerati dall’Occidente come rappresentativi, e si è supposto che costituissero l’essenza della resistenza a Ben Ali e Mubarak, e che fossero i loro probabili successori. Ma il liberalismo non si è mai interessato molto a ciò che pensa la gente comune.

Da diversi decenni ormai, le stesse tattiche sono state estese all’Europa. I predicatori islamici provenienti dalla Turchia, dal Qatar e da altri Paesi sono ormai ben radicati e da una generazione lavorano per radicalizzare le comunità musulmane in Europa, con l’incoraggiamento discreto degli Stati che li inviano. Hanno avuto un certo successo: i musulmani più giovani in Europa tendono a essere più pii e più radicali dei loro genitori, che spesso, ironia della sorte, sono venuti in Europa per allontanarsi da società in cui la religione aveva troppa influenza. Gli islamisti non sono interessati a conquistare lo Stato laico: vogliono abolirlo. (Nell’ultimo secolo si sono dimostrati pensatori strategici a lungo termine e ora stanno cercando di creare blocchi elettorali nei Paesi europei che voteranno secondo le loro indicazioni, costringendo gli Stati europei, passo dopo passo, ad accettare un ruolo politico per la religione organizzata che fino a poco tempo fa si pensava appartenesse al passato. A tal fine, sono disposti a stringere alleanze tattiche con gruppi “antirazzisti” o con chiunque serva ai loro scopi. In Francia ci sono almeno due seminari in cui si formano predicatori islamisti e un partito politico esplicitamente islamista è apparso per la prima volta alle elezioni del 2022.

Tutto questo è passato sotto il radar delle élite occidentali, perché coinvolge lingue che non parlano, concetti che non capiscono, un insieme di credenze chiliastiche che avrebbero dovuto scomparire generazioni fa e, soprattutto, le opinioni della gente comune. Nel 2011 al Cairo e a Tunisi c’erano ONG finanziate dall’Occidente, giornalisti, intellettuali, politici, persino ufficiali militari, formati in Occidente e generalmente ricettivi alle nostre idee. Ma non avevano il sostegno dell’unico gruppo elettorale che contava: la strada. La strada è in ultima analisi decisiva in qualsiasi conflitto politico, non come singolo attore, ma come risorsa critica per coloro che sanno come usarla e mobilitarla. Colpi di Stato e dittature non durano a lungo se non hanno un vero e proprio sostegno popolare. Il liberalismo politico elitario, con il suo disprezzo per la gente comune, non capirà mai l’importanza della strada e non si preoccuperà mai di parlare con la gente, ma alla fine la strada avrà l’ultima parola. Lo fa sempre.

Numeri reali: buzz sulle munizioni ucraine, reale o esagerazione?_di Simplicius

Ci sono stati alcuni nuovi aggiornamenti sulla produzione, quindi ho voluto fare una piccola analisi per vedere quanto siano realmente plausibili le affermazioni dell’Occidente di significativi aumenti di produzione.

Inizieremo con i proiettili di artiglieria da 155 mm. L’ultimo grande annuncio è che gli Stati Uniti hanno finalmente superato il loro precedente tetto di circa 28.000 colpi al mese attraverso la famigerata fabbrica logora di Scranton. Il nuovo importo dichiarato: 36.000 conchiglie al mese, secondo l’ultimo:

Ciò ha dato il via a gioiosi festeggiamenti tra la folla pro-UA con pretese di numeri come 80-100.000 “entro la fine dell’anno”.

Video più vecchio come riferimento:

Sfortunatamente, per far scoppiare la loro bolla, Sono state rivelate le proiezioni ufficiali dell’esercito americano per l’incremento della produzione :

Cosa possiamo vedere nel grafico? Si suppone che l’esercito stia andando leggermente meglio rispetto alle proiezioni più vecchie del 2022, ma non è nemmeno vicino a tenere traccia delle più recenti e speranzose proiezioni del 2023, che sembrano essere un pio desiderio. Tali proiezioni indicano circa ~ 60.000 al mese entro la fine dell’anno, tuttavia il percorso reale sembra essere diretto verso un deludente ~ 45.000 al massimo.

Due problemi con questo:

  1. Questo è un numero pietoso e a quel ritmo non raggiungerei nemmeno i 100.000 al mese per diversi anni.
  2. Anche quei miseri ~45mila non sarebbero tutti destinati all’Ucraina.

Per quanto riguarda il secondo punto di cui sopra, con Israele che, secondo quanto riferito, sta iniziando l’operazione a Rafah, e molti altri focolai incombenti, come una potenziale incursione libanese, non si può dire quante di quelle munizioni l’Ucraina potrebbe ricevere. Finora gli Stati Uniti hanno inviato in media in Israele circa 10.000 proiettili al mese, che rappresentano circa il 33% di tutta la produzione.

Ora, le cose sono andate così male che si vocifera che gli Stati Uniti stiano riducendo le proprie scorte a causa della carenza:

Una relazione:

La settimana scorsa, l’amministrazione Joe Biden ha sequestrato un carico di munizioni effettuato negli Stati Uniti d’America per Israele.

Secondo alcuni, ciò potrebbe essere dovuto alla carenza interna di munizioni e alla spedizione delle munizioni disponibili in Ucraina.

Quel che è peggio, è circolata un’immagine scioccante che mostrava che gli stessi artiglieri dell’esercito degli Stati Uniti stavano sparando colpi coreani in allenamento :

Ciò significa che la situazione dei 155 mm degli Stati Uniti e dell’Occidente è così grave che gli Stati Uniti non hanno nemmeno abbastanza proiettili per condurre un addestramento di base di routine per i propri equipaggi, che consuma una certa percentuale di proiettili al mese durante tutto l’anno.

Ma ora l’ultima affermazione che viene tirata fuori è che la tedesca Rheinmetall intende inviare all’Ucraina “milioni” di colpi:

Sono tutte crudeli sciocchezze. È difficile capire perché torturano gli ucraini con queste bugie.

Ma per motivi di trasparenza elenchiamo le loro affermazioni ufficiali dall’articolo sopra:

Prima della guerra su vasta scala della Russia contro l’Ucraina, la capacità annuale della Rheinmetall era di quasi 70.000 colpi. Quest’anno il gruppo prevede di arrivare a 700.000, e nel medio termine punta a 1,1 milioni. A tal fine Rheinmetall sta costruendo uno stabilimento a Unterluss. In Lituania viene allestita una nuova linea di produzione. In Ucraina l’azienda prevede anche di costruire una fabbrica di munizioni.

Come si può vedere, questi numeri dipendono da una serie di lontane improbabilità fluttuanti in illusioni. Innanzitutto, se scavi nella “nuova fabbrica” ​​che presumibilmente stanno costruendo a Unterluss, trovi le seguenti specifiche ufficiali :

In futuro la Werk Niedersachsen produrrà munizioni per artiglieria, esplosivi e componenti per razzi. La fabbrica produrrà infine circa 200.000 proiettili di artiglieria all’anno, insieme a un massimo di 1.900 tonnellate di esplosivo RDX e, facoltativamente, altri componenti per la produzione di cariche di munizioni. Inoltre qui potrebbe aver luogo la produzione di motori a razzo ed eventualmente di testate, che saranno necessari, ad esempio, per il previsto progetto di artiglieria missilistica tedesca.

Non solo è più un impianto per scopi generali per varie cose – il che potrebbe significare che sarà molto grande e richiederà molto tempo per essere costruito – ma qui dice che alla fine raggiungerà il massimo di 200.000 proiettili di artiglieria all’anno . L’inclusione di quella qualificazione significa che, anche dopo il suo completamento, dovrà salire lentamente fino a un “ideale” molto improbabile di 200k. Potremmo parlare di una proiezione di 5-10 anni, se non di più. La precedente promessa di 700.000 e 1,1 milioni di proiettili all’anno sembra ridicola a un esame più attento.

Questo è un bel punto che si impara solo attraverso l’esperienza di molti anni studiando le astute parole dei politici; sono molto abili nel mascherare grossolane esagerazioni e altre bugie mediante omissioni.

Ad esempio, lo stesso articolo ammette liberamente:

Secondo la valutazione del direttore generale della Rheinmetall, ci vorrà quasi un decennio perché l’industria della difesa ricostituisca le scorte della Bundeswehr al livello adeguato dopo che queste sono state esaurite, anche a seguito delle donazioni di attrezzature all’Ucraina.

Quindi forniscono la sequenza temporale esatta:

La priorità assoluta per il nuovo stabilimento è l’avvio della produzione il più presto possibile. Dopo un periodo di costruzione di circa dodici mesi – a partire dalla data del contratto – la capacità annua sarà di 50.000 proiettili all’anno. La quota iniziale del valore aggiunto della Germania sarà pari al 50%, per poi aumentare gradualmente nel secondo anno di produzione fino all’80% e nel terzo al 100%. A questo punto, la Germania avrà una fornitura completamente autarchica di munizioni per artiglieria, con valore aggiunto generato interamente in patria.

In termini di volume, la capacità annua raggiungerà i 100.000 proiettili nel secondo anno di produzione, per poi salire a 200.000 all’anno.

È uno scherzo? 100.000 proiettili entro il secondo anno? Dovrebbero essere numeri mensili . Si dice che la Russia produca almeno 250-350.000 proiettili al mese.

Ed è quasi offensivo anche solo commentare l’affermazione della Rheinmetall di costruire una fabbrica di munizioni in Ucraina : questo non è altro che un atteggiamento infantile. Sanno benissimo che una fabbrica del genere riceverebbe una visita soleggiata da Iskander e dal suo amico Kinzhal e sarebbe prontamente ridotta al costituente silice.

Per non parlare delle aziende di difesa della NATO che continuano ad andare in fiamme, con rapporti che affermano che lo stabilimento tedesco di Diehl è bruciato per giorni:

Sono sempre le stesse bugie: proprio come la Repubblica Ceca ha affermato di aver trovato 1 milione di colpi, solo per abrogarli a circa 100.000 con la promessa che troveranno il resto “da qualche parte” non specificato.

Vedete questi politici usano la stessa strategia di promesse ambigue per infondere speranza in ovvie esagerazioni.

Un altro: il trambusto è scoppiato dopo gli ultimi commenti di Macron sull’invio di un’enorme SPG “75 Caesar” all’Ucraina. Sembra incredibile sulla carta, dato che i Caesar si sono dimostrati piuttosto formidabili, probabilmente il cannone d’artiglieria più potente dell’intera guerra fino ad ora, ma in numero molto limitato.

Ma quando si dà un’occhiata alla capacità produttiva del Caesar si scopre che la stessa Francia ne ha solo 40-60 in totale, a seconda della fonte. E per costruire ogni unità ci vogliono ben 30 mesi : ci sono voluti qualcosa come 8 anni solo per costruire le poche dozzine di cui dispongono.

Ovviamente questo non significa che ne costruiscano uno alla volta, e da allora il tempo di produzione è stato presumibilmente “dimezzato”—ne possono costruire alcuni contemporaneamente nei mesi necessari, ma significa comunque che il totale “75” è anni di distanza.

Un rivolo di qualche Cesare all’anno non servirà a molto quando l’Ucraina si trova ad affrontare il collasso.

Il Regno Unito si trova in un dilemma simile:

ATACMS Shoptalk

Ora l’ultima ingiustificata eccitazione circonda l’annuncio che gli Stati Uniti hanno anche “aumentato” la produzione di ATACMS a un’enorme quantità di “dozzine al mese”

Il sito qui sopra fornisce una ripartizione illuminante delle attuali potenziali scorte ATACMS:

Ma secondo stime di terzi, Lockheed Martin aveva prodotto un totale di 4.000 missili, circa 600 dei quali furono utilizzati durante le ostilità e le esercitazioni. Ma dire che ne restano 3.400 sarebbe troppo affrettato.

Stimare il numero reale sulla base di dati pubblici è in realtà del tutto possibile. Qui, ad esempio, le informazioni sull’attuale stock di missili all’aprile 2007 non sono un segreto. Secondo il foglio informativo, all’epoca negli arsenali dell’esercito americano erano immagazzinati circa 2100 missili di diverse versioni.

Continuano calcolando che gli Stati Uniti producevano più o meno 100 missili all’anno o meno; ad esempio:

Tuttavia, dobbiamo prestare particolare attenzione alla scadenza del 2020 perché quell’anno Lockheed Martin annunciò di aver ricevuto un ordine del valore di 426 milioni di dollari per la produzione di oltre 400 missili entro il 31 marzo 2023. Molto probabilmente, la cifra comprendeva sia il marchio -missili nuovi e vecchi elaborati, assumiamo provvisoriamente 50/50.

Quindi, nel 2020, Lockheed ha firmato un accordo per produrre circa 400 missili entro il 2023, ma probabilmente si tratterà solo del 50% di nuovi missili e del 50% di ristrutturazioni. Tenendo conto di entrambi, il loro ritmo più veloce è qualcosa come 130 missili all’anno, più o meno, ovvero circa 11 missili al mese.

Dato che affermano di aver “incrementato” e che sappiamo dalla loro produzione di 155 mm che “l’incremento” è probabilmente un processo molto graduale e non del tutto drammatico, le “dozzine” ora prodotte al mese possono probabilmente riferirsi al massimo a 2 o 3 dozzina. Questo perché senza costruire una struttura completamente nuova, tutto ciò su cui puoi contare è aggiungere un altro turno alla tua fabbrica, o due turni extra al massimo per 3 turni x 8 ore. Quindi calcola una certa perdita di efficienza in quella derivante da più linee di produzione simultanee: puoi ottenere 11 x 2 o 11 x 3 = 22/33, sottratto dalla perdita di efficienza, e otteniamo un massimo di 20-25 missili al mese, e molto probabilmente nemmeno quello. .

L’articolo sopra giunge a una conclusione simile, anche se in modo più sottile.

Può quel numero di missili fare una grande differenza nella guerra? Diciamo che dà all’Ucraina la possibilità di lanciare circa 20-25 ATACM al mese, quindi considerare un tasso di intercettazione/guasto/disturbo compreso tra il 25 e il 75%, per amor di discussione. Ciò significa che l’Ucraina può aspettarsi di ottenere forse una mezza dozzina di colpi al mese da qualche parte, non esattamente un cambiamento delle regole del gioco.

A proposito, gli “ultimi dati” dell’Ucraina sul numero di missili della Russia, anche se dovrebbero essere presi con le pinze, ma almeno vale la pena guardarli:

Una cosa che trasmette in modo abbastanza accurato, e che si vede anche nella produzione dell’ATACMS, è che la maggior parte delle nazioni leader può in realtà produrre solo 10-20 di questi missili di fascia alta al massimo al mese. Il vantaggio della Russia è che ha molti tipi diversi di sistemi missilistici prodotti in modo indipendente da varie società come Novator Design, Raduga, United Missile Corp, NPO Mash, Zvezda Strela, JSC Tactical Missiles Corp, ecc.

Anche se l’elenco sopra è semi-accurato, mancano molti altri tipi di missili prodotti attivamente, come Iskander-M e K, Kh-101, Kh-59, Kh-35 lanciati dai lanciatori Bal, ecc. iniziano persino ad affrontare le bombe plananti che svolgono un ruolo simile, anche se più tattico in prima linea:

A proposito, quanto sopra contraddice chiaramente l’elenco precedente che ammontava a soli circa 50 missili russi prodotti al mese. Se la Russia sta colpendo l’Ucraina con più di 300 missili al mese, allora questo è probabilmente un indicatore più grande della loro produzione mensile, anche se ciò potrebbe includere la dozzina o più di missili tattici di prima linea come LMURS, Kh-36/38, ecc., che hanno una gittata solo intorno a 15-50 km circa.

Detto questo, credo che l’Ucraina abbia ricevuto una somma forfettaria iniziale di circa 100 ATACM che consentirà un ritmo di lanci più elevato per l’immediato futuro e poi probabilmente si ridurrà all’indennità mensile molto più bassa rappresentata nei dati di produzione di cui sopra.

In un nuovo articolo, l’ufficiale ucraino Ivan Stupak ha detto a Newsweek che l’Ucraina ha solo un breve periodo per utilizzare questi missili poiché i russi si adatteranno molto rapidamente e li neutralizzeranno nel giro di pochi mesi, come ora hanno fatto con i GLSDB, JDAM-ER, Krasnopols e, in larga misura, HIMARS, sebbene questi ultimi missili siano ancora occasionalmente utilizzati con successo per colpire bersagli solitari, ma non sono mai in grado di colpire nodi C2 ben protetti o centri industriali di alcun tipo.

“I russi sono in grado di adattarsi in un periodo di tempo molto breve, quindi abbiamo fino a due mesi prima che le forze armate russe si adattino all’ATACMS , afferma Ivan Stupak, ex ufficiale del servizio di sicurezza ucraino e ora consigliere dell’esercito ucraino. commissione parlamentare per la sicurezza nazionale, la difesa e l’intelligence.

La Russia si adatterà per contrastare i missili tattici-operativi dell’ATACMS entro un paio di mesi, ha affermato Ivan Stupak, consigliere del comitato ucraino per la sicurezza nazionale della Verkhovna Rada.

“Come sappiamo, i russi possono adattarsi in un periodo di tempo molto breve”, ha detto Stupak a Newsweek, suggerendo che l’Ucraina “ha fino a due mesi” prima che l’esercito russo si adatti all’ATACMS.

Solo un mese o due fa, le forze missilistiche russe avevano dichiarato che erano già al lavoro per capire la situazione:

Secondo uno dei comandanti della difesa aerea delle Forze Armate della Federazione Russa, stanno imparando ad abbattere gli ATACMS.

Cioè Creazione di contromisure, algoritmi operativi, studio di traiettorie, manovre e velocità di volo, monitoraggio dei lanci pratici.

Gli equipaggi dei sistemi di difesa aerea delle Forze Armate della Federazione Russa hanno già ricevuto le prime informazioni sui missili.

Detto questo, non sono ancora così ottimista come alcuni dei miei colleghi riguardo alle capacità della Russia di difendersi finora dall’ATACMS. Non hanno ancora dimostrato la capacità di abbattere costantemente i missili. Ci sono state numerose segnalazioni recenti di attacchi che la parte russa ha affermato di aver completamente respinto, ma le BDA satellitari hanno successivamente mostrato che gli aeroporti russi sono stati effettivamente colpiti, come il recente caso del campo di Dzhankoi in Crimea:

Tuttavia, nel caso di cui sopra, nessuna delle due parti è stata del tutto sincera. Sembrava che gli ATACM avessero colpito l’aerodromo ma in realtà non avessero distrutto alcun S-300/400 come affermato dall’Ucraina. Sì, le foto satellitari giorni prima mostravano una batteria AD presente lì, ma la BDA post-attacco mostra chiaramente gli impatti nel terreno, cioè buchi di terra piuttosto che missili TEL o radar distrutti, anche se potrebbe esserci dell’attrezzatura lì, è difficile dirlo. per certo. Inoltre, è possibile che la Russia abbia abbattuto i missili molto tardi, il che li ha indotti a lanciare le munizioni a grappolo a casaccio sul campo, ma questo è ancora problematico per un motivo che approfondirò in seguito.

Inoltre, c’è questo, anche se dal lato UA e non verificato:

La mia ipotesi è che la Russia sapesse che l’attacco era in entrata e avesse spostato i sistemi in anticipo. Perché spostarli invece di abbattere i missili? Perché fai entrambe le cose: li muovi prima per assicurarti che non siano nell’involucro dell’attacco, poi puoi ancora tentare di abbattere i missili dalla tua nuova posizione. Vedete, per quanto impressionanti siano i segnali ISR ​​dell’Ucraina alimentati dalla NATO, operano con un ritardo abbastanza lungo. Spesso le risorse SIGINT, come gli RC-135 Rivet Joints britannici o gli RQ-4 statunitensi, volano la notte prima dell’attacco, o almeno ore prima, ottenendo informazioni sulla posizione dei sistemi russi. Le coordinate vengono fornite ai missili ucraini per lanciarli, ma se tali risorse si spostano successivamente, i missili non hanno modo di puntarle nuovamente. In breve, l’intelligence ucraina di solito è vecchia di circa 4-24 ore. Lo stesso vale per la ricognizione satellitare che non è proprio onnipresente.

Quindi l’Ucraina lancerebbe missili sul sito sperando che rimangano risorse AD russe, ma la Russia potrebbe facilmente trasferirli in una posizione diversa nelle vicinanze ed essere comunque pronta a cercare di abbattere gli ATACM. Tuttavia, dato che i missili hanno avuto un impatto dimostrabile sull’aerodromo, significa che la Russia non ha ancora imparato a eliminarli in modo coerente. Detto questo, se fosse stato utilizzato un attacco di saturazione di 10-12 come sostengono RYBAR e altri, allora la Russia avrebbe potuto abbattere il 70-85% per cento, lasciando uno o due missili all’impatto, il che sembra probabile dati i pochi segni di butteratura visti , soprattutto perché i missili utilizzano munizioni a grappolo.

Inoltre, a differenza dei missili da crociera che volano bassi sotto le reti radar e quindi almeno danno all’AD russo la scusa di non essere in grado di rilevarli a grande distanza, gli ATACMS volano con un arco balistico elevato che dovrebbe essere in piena vista del più potente S-300V russo. /400 radar.

Ecco il problema:

Vedete come l’ATACMS deve sorvolare una tonnellata di reti AD russe solo per raggiungere Dzhankoi e altre basi? Non esistono scuse predefinite per volare “sotto” il radar. L’ATACMS è a decine di chilometri di altezza nel cielo, esattamente alla distanza balistica che i sistemi russi dovrebbero essere in grado di localizzare e abbattere facilmente. In teoria, l’ATACMS dovrebbe essere impegnato da qualche parte nella regione di Kherson molto prima ancora di arrivare in Crimea, nella fase intermedia piuttosto che in quella terminale. Il fatto che stiano aspettando il terminale è un brutto segno che potrebbe indicare l’incapacità russa di tracciare correttamente i missili, il che potrebbe essere semplicemente un problema di addestramento piuttosto che un difetto meccanico/tecnico dei sistemi stessi.

Un analista in realtà si è occupato delle capacità BMD (Ballistic Missile Defense) della Russia:

Primo: i tiratori. Attualmente i sistemi BMD più comuni sarebbero (a) S-300PM/S-400 e Buk-M2/M3. Dopo questi c’è (b) l’S-300V3/4. Esistono anche sistemi di nuova generazione in servizio limitato (c) – S-350 e S-500.

La sfida della categoria (a) è la capacità di ricerca BMD. Buk, anche le modifiche attuali, ha prestazioni BMD molto limitate, l’S-400 può fare di meglio, ad esempio con il suo radar di gestione della battaglia, ma anche questo è piuttosto deludente. Per il resto, nonostante l’area protetta limitata, funziona.

Quindi la sfida è, come spesso nel caso della BMD, nei sensori e nel C3. Sebbene sia possibile integrare diversi sistemi SAM, ad esempio avere un’unità S-300V4 che supporta diverse unità S-400 con il suo radar BMD, i comuni sistemi C3 legacy hanno cicli lunghi, ovvero circa 10 secondi per Pyramid.

Potete leggere il resto del thread per maggiori dettagli, ma in sostanza quello che sta dicendo è che utilizzando un ibrido di sistemi più vecchi/più nuovi, l’infrastruttura russa C3 (Comando, Controllo e Comunicazioni) per la rete di difesa aerea non è così integrata come si vorrebbe e quindi si potrebbe lottare contro l’ATACMS.

Ora, questa è solo l’opinione di una persona. È difficile sapere quanto sia vero con precisione, ma sappiamo da tutti i recenti incidenti di fuoco amico riguardanti gli A-50 o Il-76 russi, che c’è qualche tipo di problema lì. Qualunque cosa sia stata abbattuta mesi fa, non solo abbiamo il filmato del relitto del velivolo abbattuto, ma anche un video dei sistemi missilistici russi che letteralmente impegnano l’atterraggio dell’Il-76/A-50 vicino a Krasnodar. Quindi sappiamo che ci sono grossi problemi con IFF e forse C3, come professa il thread sopra.

Inoltre, sappiamo che l’ATACMS ha avuto almeno in parte successo in molti dei suoi tentativi precedentemente degni di nota, come l’attacco all’aeroporto per elicotteri di Berdiansk. Certo, potrebbero non aver distrutto tutti quei Ka-52/Mi-28 come affermavano, ma i missili sono riusciti a passare e abbiamo filmati di Mi-8 in fiamme come minimo.

Proprio il 4 maggio si è verificato un altro presunto attacco ATACMS su un sistema Iskander russo. Ancora una volta, la BDA mostra danni a un piccolo giacimento, ma l’effettiva distruzione di qualsiasi risorsa è inconcludente e discutibile. Ma il punto è che il missile è comunque riuscito a raggiungere qualcosa.

Due giorni prima, l’ATACMS aveva colpito con successo una concentrazione di truppe russe vicino al confine tra Lugansk e la Russia, sorvolando nuovamente una vasta quantità di copertura AD russa, il che dimostra che non sono ancora in grado di tracciare o ingaggiare costantemente il missile.

E nel momento in cui scrivo, un sospetto attacco dell’ATACMS ha colpito stasera una raffineria di petrolio a Lugansk:

Ora tieni presente:

L’Ucraina utilizza ancora i missili in modo molto selettivo in aree con scarsa copertura. Se l’ATACMS fosse davvero in grado di penetrare nelle regioni stratificate più dense, vedremmo andare tutto in fumo a Sebastopoli e in molti altri posti.

Quindi non sto dicendo che questo sia un problema critico, ma piuttosto dimostro che l’AD della Russia può essere penetrato in certi posti.

Presumibilmente, la Russia ne sta prendendo atto e sta agendo di conseguenza, perché gli ultimi rapporti affermano che con l’arrivo di più ATACMS, in particolare quelli più recenti a lungo raggio, la Russia ha iniziato a ritirare alcune risorse verso aeroporti più lontani .

71 Comments

Fledr Maus

3 hrs ago

😉

REPLY
SHARE

 

founding

New Frontiers, Old mannerisms.

REPLY
SHARE

 

69 more comments…

Top
Latest
Discussions

 

❗️Destroying the Crimean Bridge on the eve of May 9 is the idea of the West, (https://www.politnavigator.net/razrushit-krymskijj-most-nakanune-9-maya-ideya-zapada-azerbajjdzhanskijj-analitik.html)- Azerbaijani analyst.

Strikes on the Crimean Bridge do not have any practical significance, and are a stupid waste of scarce resources for Ukraine rockets. Azerbaijani military expert Agil Rustamzade stated this on the air of the Direct TV channel, the PolitNavigator correspondent reports.

Recent headlines trumpeted what we’ve long known—that Russia no longer even uses the Kerch for military transport, and now has a whole network of newly built road and railways overland to Crimea:

But should Ukraine attempt to strike the Kerch with ATACMS, I don’t think they’ll have much success apart from damaging some of the flattop at most, which would need to be repaved, or maybe even dropping a span segment or two, but it doesn’t have the accuracy to hit the actual supports, which are the key bridge anchors. Numerous missiles would have to hit the same exact support to ensure destruction, and there’s very low chance of that in a highly AD/EW contested environment. The reason is: the ATACMS uses exclusively GPS/INS, which means it’s screwed in a jammed environment, while missiles like Storm Shadows have advanced TERCOM/DSMAC (Digital Scene Matching Area Correlation) that allows an onboard camera to match the target to pre-stored satellite photos when GPS fails.

Recall, in the secret audio, the German generals estimated needing 20-40 Taurus missiles for the job.

And by the way, the ATACMS with the unitary warhead (rather than cluster munitions) has a relatively small 214kg warhead—this is half the size of even a Storm Shadow warhead, and 1/4 the size of the largest Iskander warhead variants. And recall, Storm Shadows hit the Crimean Chongar Bridge:

The Kerch is much larger, wider, and sturdier than the tiny Chongar local civil bridge. You do the math. The ATACMS’ real threat is the cluster munition variant, which can cover a wide field and destroy a lot of soft targets. But this is completely useless against hardened targets like bridges, to which it would do no damage. The ATACMS unitary warhead variant is not very impressive.

In conclusion: I remain unconvinced Ukraine can effectively do anything to the Kerch with ATACMS. Secondly, as time goes by the ATACMS will likely get increasingly effective as Russia adapts its systems and tactics to it, and AD operators master its signatures.

To summarize the mood: ATACMS and all the other aid won’t save Ukraine, but rather “a whole new army” is what will do the trick. And even then, the best case scenario is to “force Moscow to negotiate”—goodbye to 1991 and 2022 dreams.

In closing, here is the full speech by Vladimir Putin at his inauguration today:

Or the English transcript version: http://en.kremlin.ru/events/president/news/73981

As most speeches go, it was a bit boilerplate. However, one key aspect was the focus on economic and societal development, the all-important stability of the people under the shadow of war. A few weeks back there was another key interview Putin gave where he gave a small answer that flew under the radar, but which was extremely revealing as to his general strategic outlook for the SMO.

In essence, he expressed that the most important goal is to maintain societal stability and economic development. While it may sound self-evident or obvious, it was one of the few times he expressly enunciated it in such a way in relation to the goals of the SMO. In other words—as I understood it—he was basically saying: societal stability and development is supreme, and the SMO is subordinate to that.

This answers the big question many have had on their minds since the beginning: why the slow-walking of the conflict, why no “total war” declaration, forced conscriptions, massive provocations and escalations against NATO (like shooting down their craft in the Black Sea, etc). This is why: Putin believes the most important virtue by far is shielding society from the effects of the SMO, and keeping the SMO on a sort of parallel but insulated track. We may not agree with that view, but that’s what it is. But know that this view can only really be born of the knowledge that the goals of the SMO are achievable by way of this ‘low intensity’ conflict management. If Putin’s internal metrics told him otherwise, then he would likely have no choice but to institute a WWII-style total war economy.

So far, though, it’s working.


Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: Tip Jar

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Russia Ucraina, il conflitto 59a puntata à la guerre comme à la guerre Con Max Bonelli

Macron è sicuramente un uomo immensamente consapevole di se stesso, in una misura tanto più spropositata, pari solo ai disastri che è riuscito a realizzare nella sua Africa Francofona. E’ un uomo coltivato sin dalla sua infanzia; più che da se stesso, dagli ambienti che ben conosciamo e al quale è legato sopra ogni cosa. E’ l’uomo giusto, purtroppo di una nutrita pattuglia, per trascinare la Francia e l’intero continente europeo verso il compimento definitivo della distruzione avviata con la prima e seconda guerra mondiale. Si è candidato nel ruolo di promotore di una Europa unita sì, protagonista, disposta ad offrire il proprio sangue in nome di un vassallaggio attivo, non più di retroguardia. Come leggere altrimenti l’ipotesi suicida di invio di milizie regolari in Ucraina, ormai, a quanto pare, divenuta realtà con già i primi cadaveri sul terreno? Vedremo sino a che punto riusciremo a farci trascinare come babbei intorpiditi contro un nemico inventato e costruito dagli stranamore di oltreatlantico. La speranza sulla quale poggiarsi è che arrivi troppo tardi. Buon Ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

https://rumble.com/v4tmesr-russia-ucraina-il-conflitto-59a-puntata-la-guerre-comme-la-guerre-con-max-b.html

1 2 3 173