Il peccato originale della politica estera di Biden, di John Kampfner

Il peccato originale della politica estera di Biden

Tutte le debolezze diplomatiche dell’amministrazione erano già visibili nel ritiro dall’Afghanistan.

Di , autore di Why the Germans Do It Better: Note da un Paese adulto.

Qualche settimana fa, a Toronto, ho incontrato una giovane donna afghana di circa 20 anni. Aveva lavorato per un’agenzia di aiuti internazionali in Afghanistan per aiutare le donne con problemi di salute mentale. Nel 2021, quando le forze talebane hanno attraversato il Paese, ha cercato disperatamente di fuggire, sapendo che sarebbe stata punita per aver lavorato con gli stranieri. Alla fine è riuscita a fuggire, insieme al fratello e alla sorella minori, passando prima per l’Iran e poi per il Brasile. Poi ha intrapreso un’odissea insidiosa attraverso il Sud America, la giungla di Panama, il muro dell’ex presidente americano Donald Trump, gli Stati Uniti e infine il Canada.

La sua storia è straordinaria per il suo coraggio, ma non è affatto unica. Innumerevoli afghani hanno fatto tutto il possibile per sfuggire a omicidi, torture, stupri e matrimoni forzati. Alcuni fortunati sono stati portati in salvo dalle forze occidentali mentre evacuavano l’aeroporto di Kabul. Molti altri sono stati abbandonati al loro destino. Altri hanno intrapreso pericolose odissee. I più fortunati hanno iniziato una nuova vita; molti altri sono bloccati nei campi profughi. Un numero incalcolabile di persone è morto durante i loro viaggi insidiosi.

Sono tutte statistiche e tutte vittime di un gioco di potere più grande. Sono stati delusi dagli Stati Uniti e dai loro alleati che, dal momento dell’invasione nel 2001 fino alla loro disastrosa uscita di scena 20 anni dopo, hanno affermato di sapere cosa fosse meglio per l’Afghanistan. L’operazione Enduring Freedom, in cui sono stati uccisi anche più di 3.500 membri del personale di servizio internazionale, non ha fornito alcuna libertà duratura, ma solo la fugace speranza degli afghani di una vita migliore, che è stata improvvisamente e brutalmente spenta.

Per tutto questo tempo, un solo uomo è stato tenace. Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dato seguito alla politica avviata da Trump, il suo predecessore. Molto prima di entrare alla Casa Bianca, Biden aveva criticato l’impegno di centinaia di migliaia di forze statunitensi per quelle che da tempo sembravano essere futili operazioni militari in Afghanistan e in Iraq. Questa è stata una delle numerose aree della politica estera e di sicurezza degli Stati Uniti in cui Biden ha continuato il lavoro di Trump, anche se nessuna delle due parti ha ritenuto di avere interesse a sottolineare questa continuità. Anche in mezzo alle terribili scene che si sono verificate all’aeroporto internazionale di Kabul nell’agosto 2021, che ricordano la caduta di Saigon mezzo secolo prima, Biden è rimasto fedele alla sua valutazione: “Non avrei prolungato questa guerra per sempre, e non avrei prolungato un’uscita per sempre”.

Tra le recriminazioni, sono state avviate numerose inchieste del Congresso e sono stati pubblicati rapporti nei primi mesi successivi alla disfatta. Da allora sono stati girati film e scritti libri che cercano di spiegare cosa è successo e chi è più colpevole. Per contro, i responsabili politici e i capi militari hanno rapidamente voltato pagina. La loro attenzione si è rivolta all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e poi all’imbroglio Israele-Hamas-Medio Oriente. Nel frattempo, la Cina è vista come la più grande minaccia strategica a lungo termine per gli interessi occidentali. Ad essere onesti, sembra inconcepibile che Washington o i suoi alleati abbiano le risorse o il sostegno politico per mantenere una presenza in Afghanistan.

Tuttavia, è utile tornare su ciò che è andato storto in Afghanistan proprio da una prospettiva politica e non solo morale. Come molte delle crisi incessanti che hanno avvolto il mondo da allora, il ritiro dall’Afghanistan è stata una storia di buone intenzioni e di sforzi onesti di diplomatici e militari che hanno fatto il possibile per proteggere quante più persone possibile. Ma è stata anche una storia di fatali errori di valutazione sul campo e tra i decisori politici.

Un nuovo resoconto dell’ambasciatore britannico dell’epoca (di prossima pubblicazione negli Stati Uniti, ma già uscito in Gran Bretagna), Laurie Bristow, fornisce ulteriori importanti informazioni sul disastro che si è verificato.

Già prima di arrivare a Kabul il 14 giugno 2021, Bristow sapeva che il suo mandato sarebbe stato breve. L’accordo per “portare la pace in Afghanistan” che l’amministrazione Trump aveva firmato a Doha, in Qatar, con i Talebani il 29 febbraio 2020, era uno degli accordi più disdicevoli dei tempi moderni. Non solo era ingenuo nel credere che i Talebani avrebbero rispettato il calendario concordato e che, in qualche modo, incredibilmente, si fossero riformati in qualcosa di più moderno, ma escludeva ostentatamente altri partecipanti chiave – nessuno escluso – come lo stesso governo afghano e i principali alleati degli americani durante la campagna, non ultimi i britannici.

Per tutta la prima metà del 2021, mentre gli Stati Uniti mantenevano la loro parte dell’accordo con il ritiro delle truppe, un senso di timore portò rapidamente al panico. I Talebani non hanno incontrato quasi nessuna resistenza mentre attraversavano il Paese.

Per l’Ambasciata britannica, uno dei compiti principali era quello di individuare gli afghani idonei all’emigrazione nell’ambito della politica di assistenza e trasferimento in Afghanistan (ARAP). Nel suo resoconto, scritto in forma di diario, Bristow descrive i difficili incontri con i dipendenti e i consulenti locali, tutti consapevoli di ciò che sarebbe accaduto loro se fossero stati abbandonati al loro destino.

“Ci siamo seduti in cerchio nel giardino dell’ambasciata accanto al monumento ai caduti, con uno degli uomini che traduceva per chi ne aveva bisogno. Ho invitato tutti a dire la loro, uno alla volta”, scrive Bristow il 5 agosto. “Le donne hanno parlato per prime, con coerenza e a lungo. Una di loro, una donna anziana, era sicura di sé e parlava con naturale autorevolezza, senza sottomettersi affatto agli uomini. C’erano paura e rabbia nell’aria, e alcune lacrime sono state asciugate, ma mitigate dalla naturale cortesia e dignità degli afghani”. Bristow osserva che: “Era impossibile per me guardarli negli occhi e dire loro che ritenevo giustificate le decisioni di rifiutare le loro richieste di reinsediamento”.

Alcuni sono stati fortunati, la maggior parte no. In ogni caso, la situazione stava sfuggendo al controllo e per i burocrati in patria era impossibile tenere il passo con le domande. In pochi giorni, i britannici e le altre forze internazionali si prepararono a evacuare le loro ambasciate per l’aeroporto. Si sbarazzarono di tutto ciò che poteva offrire ai Talebani una vittoria propagandistica. “Immagini della Regina, bandiere, l’enoteca ufficiale, tutto doveva essere rimosso o distrutto. Tutto doveva essere rimosso o distrutto”.

Le scene caotiche di quegli ultimi giorni, tra la dichiarazione di presa di potere da parte dei Talebani il 15 agosto e l’evacuazione finale del 21 agosto, sono impresse nella memoria. Bristow ricorda: “L’aeroporto stava cedendo, sopraffatto dall’enorme quantità di persone. Solo gli americani avevano circa 14.500 persone sul campo d’aviazione, in attesa di essere trasportate fuori da Kabul. Ai gate e intorno al terminal nord, ovunque si andasse e si guardasse, c’era gente: sotto le tende, all’aperto, nelle porte. Con bambini, genitori anziani, bagagli strazianti, intere vite racchiuse in una valigia malconcia o in un sacchetto di plastica del supermercato”.

A casa, a Whitehall, era il periodo di punta delle vacanze estive. Il ministro degli Esteri, Dominic Raab, era con la famiglia in Grecia e insisteva con rabbia sul fatto che non doveva essere disturbato. Mentre le squadre lavoravano 24 ore su 24 a Kabul e a Londra per far uscire quante più persone possibile, gli operatori politici avevano altre priorità. Bristow ha descritto la situazione come “un brutto gioco di recriminazioni e di scaricabarile”, aggiungendo: “Mi è sembrato che la priorità di alcuni a Londra fosse quella di risparmiare ai ministri e ai loro stretti consiglieri… l’imbarazzo personale e politico”. … Il consiglio, la valutazione e il benessere delle persone sul campo erano di secondaria importanza”. Uno dei ministri più sfortunati dell’era di Boris Johnson – e c’era molta concorrenza per questo mantello – Raab ha visto la sua carriera politica dissolversi poco dopo.

Vale la pena soffermarsi sulla valutazione complessiva di Bristow: “Il fallimento della campagna in Afghanistan non è dovuto alla mancanza di risorse. Nel 2011, al culmine dell'”Obama Surge”, la NATO aveva più di 130.000 truppe in Afghanistan. Il Regno Unito ha speso oltre 30 miliardi di sterline per la campagna militare e gli aiuti all’Afghanistan tra il 2001 e il 2021. La spesa degli Stati Uniti è stata di dimensioni davvero bibliche: tra i 1.000 e i 2.000 miliardi di dollari in 20 anni, più dell’intero PIL cumulativo dell’Afghanistan in quel periodo. Eppure queste immense spese, effettuate nell’arco di quasi due decenni, non hanno portato in Afghanistan né pace né stabilità né buon governo”.

L’accordo di Doha è, aggiunge, “un forte candidato al titolo di peggior accordo della storia se inteso come un serio tentativo di raggiungere una soluzione negoziale. Ma non lo è stato. L’accordo di Trump è stato guidato da qualcosa di molto diverso: il calendario elettorale degli Stati Uniti”. Tutti coloro che ha incontrato e che hanno familiarità con l’Afghanistan sono rimasti “sbigottiti di fronte al disastroso accordo di Trump con i talebani e poi al pasticcio di Biden nell’esecuzione del ritiro”.

Nel vortice delle numerose crisi del 2024, l’Afghanistan sembra già una nota a piè di pagina della storia. Una delle molte lezioni del suo fallimento, scrive Bristow, è la natura della cooperazione tra gli Stati Uniti e i suoi alleati. “Il Regno Unito era un partner minore e non aveva voce in capitolo nel processo decisionale degli Stati Uniti. Il fatto che ritenessimo il ritiro militare poco saggio e mal concepito non ha cambiato la politica statunitense”. In altre parole, questa è stata la prima grande prova dell'”America First”, in stile Trump e Biden, e tutti gli altri sono rimasti a bocca asciutta. E senza dubbio ce ne saranno altri in altri teatri di conflitto, che Biden vinca o meno la rielezione.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Da che parte, GOP?_di James W. Carden

Da che parte, GOP?

La Convention nazionale repubblicana di luglio sarà il palcoscenico della resa dei conti tra l’ala America First del GOP e i Warhawks.

Nelle due settimane successive all’approvazione dei pacchetti di aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan, i contorni di una spaccatura emergente all’interno del Partito Repubblicano sono diventati troppo evidenti per essere ignorati.

Da una parte ci sono i soliti sospetti come il senatore Lindsey Graham della Carolina del Sud e il senatore Tom Cotton dell’Arkansas, che non hanno mai incontrato una guerra che non fossero desiderosi di finanziare, infiammare e mandare a combattere i giovani americani. In un ridicolo (anche per i suoi standard) discorso in aula prima del voto del 23 aprile sul pacchetto di aiuti, Graham, affiancato da una foto di grandi dimensioni delle Torri Gemelle avvolte dalle fiamme, ha tentato di dipingere un voto a favore di miliardi per l’Ucraina, Israele e Taiwan come il modo più sicuro per prevenire, sì, un altro 11 settembre.

Si può dire che l’ala Graham-Cotton del Partito Repubblicano abbia il vento in poppa, grazie alle recenti vittorie legislative ottenute con un entusiastico sostegno bipartisan. Il più recente convertito alla causa della guerra perpetua per i contratti di difesa perpetui è niente meno che il presidente della Camera Mike Johnson. Come deputato, Johnson poteva essere ragionevolmente descritto come favorevole all’America First, ma ora non più. Johnson si trova ora ad essere solo il più recente funzionario eletto ad essere sedotto dal canto delle sirene dell’intelligence politicizzata, commentando dopo il voto della Camera,

Credo davvero alle informazioni e ai briefing che abbiamo ricevuto…. Credo che Vladimir Putin continuerebbe a marciare in Europa se gli fosse permesso.

Nel frattempo, il collega di Johnson nell’ala nord del Campidoglio, Tom Cotton, continua a trovare modi nuovi e inventivi per promuovere gli interessi israeliani, questa settimana minacciando i membri della Corte penale internazionale (un organismo di cui gli Stati Uniti non riconoscono la giurisdizione) di imporre sanzioni qualora avessero la temerarietà di emettere mandati di arresto per funzionari israeliani. Ha scritto, alla maniera di Rambo, “Prendete di mira Israele e noi prenderemo di mira voi”.

Tutto ciò solleva la questione: Si può essere contemporaneamente America First, Ucraina First e Israele First? Sembra poco plausibile e, comunque, l’ala Graham-Cotton del GOP ha dimostrato quali sono le sue vere priorità.

Dall’altra parte del dibattito, il senatore dell’Ohio J.D. Vance si è assunto il compito, sgradevole ma del tutto necessario, di affrontare i neoconservatori come Graham. L’opposizione di principio di Vance al finanziamento della disastrosa guerra in Ucraina indica la strada da seguire in un’epoca in cui l’establishment democratico è ancora più irresponsabilmente falco dei repubblicani.

In questo contesto vale la pena ricordare che l’ultima volta che il Partito Repubblicano è stato così diviso sul ruolo dell’America nel mondo ha coinciso con un anno di elezioni presidenziali. Il 1952 vide uno scontro per la nomination tra un altro repubblicano figlio dell’Ohio, il senatore Robert Taft, e il generale Dwight D. Eisenhower. Allora come oggi, l’establishment democratico accusò di “isolazionismo” Taft e il collega John Bricker, senatore repubblicano dell’Ohio, uno dei principali oppositori della politica Truman-Acheson di dislocare sempre più truppe in Europa. La rivista The Nation paventava lo spettro di un “diffuso revival di cieco isolazionismo”, mentre Arthur M. Schlesinger, storico di Harvard e consigliere del portabandiera democratico Adlai Stevenson, denunciava l’emergere di “un nuovo isolazionismo, votato a quello che promette di essere un attacco fondamentale alla politica estera in cui gli Stati Uniti e il mondo libero sono attualmente impegnati”.

Taft, uno dei primi sostenitori del Comitato America First, si oppose alla creazione della NATO e criticò la portata del Piano Marshall e della Dottrina Truman. Ma Eisenhower arrivò alla nomina e infine alla presidenza con il sostegno dell’establishment internazionalista del dopoguerra, quel nesso tra Wall Street, il Pentagono e il nascente apparato di intelligence che comprendeva, tra gli altri, Allen e John Foster Dulles.

Il discorso di commiato di Eisenhower, otto anni dopo il suo trionfo su Taft (e, nelle elezioni generali, su Stevenson), metteva in guardia dai pericoli che un simile nesso rappresentava per il benessere del Paese; anzi, potrebbe essere ragionevolmente considerato come il tacito riconoscimento da parte di Ike che Taft avrebbe potuto avere ragione, dopo tutto.

Dopo 70 anni, sembra che siamo tornati al punto di partenza. Ma la domanda ora è: Dove si colloca l’attuale portabandiera repubblicano in tutto questo?

È una domanda che, ahimè, non ha una risposta valida, perché Trump sembra intenzionato a placare entrambi i lati della frattura e a tenere in sospeso i suoi critici. L’altra possibilità, estremamente plausibile, è che non conosca bene se stesso.

Tuttavia, nel considerare la posizione di Trump in tutto questo, potrebbe essere utile tenere a mente che egli è sempre stato una sorta di mutaforma politico.

Questo è certamente vero se si guarda a chi lo consiglia in politica estera. Numerosi rapporti indicano che il sancta sanctorum di Trump è composto da persone che rappresentano un ampio spettro di opinioni, dai campioni dell’America First come Steve Bannon e Richard Grenell, ai repubblicani mainstream come l’ex consigliere per la sicurezza nazionale Robert C. O’Brien, fino agli irriducibili della linea dura come il generale in pensione Keith Kellogg e l’ex segretario di Stato Mike Pompeo.

Qual è la posizione dell’ex e forse futuro presidente su questioni come Israele e Ucraina?

In una noiosa intervista rilasciata alla rivista TIME all’inizio di aprile, Trump ha limitato le sue critiche alla furia dell’IDF: “Penso che Israele abbia fatto una cosa molto male: le relazioni pubbliche”.

Quando gli è stato chiesto se avrebbe appoggiato Israele se fosse scoppiata una guerra tra Israele e Iran, ha risposto,

Sono stato molto fedele a Israele, più di qualsiasi altro Presidente. Ho fatto di più per Israele di qualsiasi altro presidente. Sì, proteggerò Israele.

Non sembrava che ci volesse un attimo per arrivare al “sì”?

Sulla questione dei finanziamenti all’Ucraina, Trump è stato, beh, Trump. Alla domanda di Eric Cortellessa del TIME se avrebbe continuato a fornire aiuti all’Ucraina, Trump ha risposto,

Cercherò di aiutare l’Ucraina, ma anche l’Europa deve andare lì e fare il suo lavoro. Non stanno facendo il loro lavoro. L’Europa non sta pagando la sua parte.

L’imminente Convention nazionale repubblicana di luglio offrirà a Trump l’opportunità, tralasciata nell’intervista al TIME, di chiarire da che parte sta realmente nel dibattito sulla politica estera del GOP.

Stati Uniti! La coperta troppo corta di un impero Con Gianfranco Campa

La leadership statunitense dominante inizia a presagire che la coperta di cui dispone non è sufficiente a coprire l’attuale impero. Una crisi, quindi, da sovraestensione cui porre in qualche maniera rimedio. I dilemmi da risolvere sono drammatici. Si tratta di consolidare con polso ferreo il controllo sull’area accessibile del proprio impero sul quale esercitare egemonia diretta ed estrazione spietata di risorse; il capro espiatorio designato è, a questo punto, l’Europa con la piena accondiscendenza delle sue élites. Si tratta di ridurre e concordare con i nuovi contendenti nell’agone internazionale, in primo luogo la Cina, le dinamiche di una globalizzazione dalla quale la formazione sociale degli Stati Uniti non può prescindere in tempi storicamente ragionevoli, pena il collasso interno, ma dalla quale anche la Cina potrebbe subire sconquassi traumatici in caso di collasso della intera rete costruita in questi ultimi decenni. La recente intervista alla Segretaria all’economia Raimondo, recentemente pubblicata, dietro la maschera dell’oltranzismo parossistico, cerca di delimitare, appunto, i confini di questo scontro http://italiaeilmondo.com/2024/04/23/cina-stati-uniti-capire-la-dottrina-raimondo-di-alessandro-aresu/ , in verità troppo ristretti per l’attuale leadership cinese. Un nodo gordiano quasi impossibile da sciogliere e del quale sembra approfittare sul piano dei consensi popolari Donald Trump parallelamente però al crescere della stretta soffocante della piovra tentacolare dei centri di potere che cercherà di soffocarlo presto o tardi. Nel frattempo sia in Europa, il polacco Duda oltre allo scontato Orban, che il leader liberale in Giappone, figure politiche inaspettate sembrano cogliere il vento che spira oltreatlantico. Opportunismo e trasformismo di chi? Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4rz4m5-stati-uniti-la-coperta-troppo-corta-di-un-impero-con-gianfranco-campa.html

 

Zhou Bo: perché la Cina non è preoccupata di un’altra presidenza Trump negli Stati Uniti

Zhou Bo: perché la Cina non è preoccupata di un’altra presidenza Trump negli Stati Uniti

2024-03-31 09:04:20Dimensione dei caratteri: A- A A+Fonte: OsservatoreLeggi 153197
Ultimo aggiornamento: 2024-04-01 11:06:28

Nota dell’editore: Se Trump sarà rieletto, cosa succederà alla politica degli Stati Uniti nei confronti della Cina? Il 21 marzo Zhou Bo, ricercatore presso il Centro per la strategia e la sicurezza dell’Università Tsinghua, ha pubblicato sul South China Morning Post un commento in lingua inglese intitolato “Perché la Cina può stare tranquilla se Trump viene rieletto presidente degli Stati Uniti”.

Zhou Bo ritiene che anche se Trump dovesse vincere nuovamente le elezioni, la sua politica nei confronti della Cina sarà probabilmente molto simile a quella del governo Biden, rendendo difficile avere un impatto sostanziale sulla Cina, ma piuttosto esacerbando la sua frattura interna e gli alleati centrifughi, rendendo più difficile per gli Stati Uniti recuperare la credibilità e l’autorità morale perse a causa dell’adozione di due pesi e due misure.

[Articolo dell’editorialista di Observer.com Zhou Bo, traduzione di Xinyu Yang

Mentre gli Stati Uniti si preparano a votare per il loro prossimo presidente, Trump è in leggero vantaggio su Biden in alcuni sondaggi nazionali. Se Trump sarà rieletto, quale sarà la politica degli Stati Uniti nei confronti della Cina? La mia risposta: una versione 2.0 dell’amministrazione Trump sarebbe molto simile all’attuale amministrazione Biden.

Dopo l’insediamento di Trump nel 2017, la politica degli Stati Uniti nei confronti della Cina ha subito un cambiamento di 180 gradi, ma la sua principale eredità non è la politica di “disaccoppiamento” proposta da Trump, che è stata continuata da Biden dopo l’arrivo al potere in nome del “de-risking”, ma piuttosto il consenso bipartisan anti-Cina che si è formato nell’ambito ideologico dei due partiti. Il principale lascito di questo cambiamento non è la politica di “disaccoppiamento” di Trump, proseguita dopo l’arrivo al potere di Biden in nome del “de-risking”, ma il consenso ideologico bipartisan contro la Cina.

A dire il vero, Trump non è un fan dell’ideologia. Tuttavia, una volta che le relazioni bilaterali vengono rapite dall’ideologia, il margine di flessibilità si riduce drasticamente. Trump cambierà la sua posizione? L’ex presidente degli Stati Uniti Richard Nixon è un caso perfetto. Nixon era una volta un irriducibile anticomunista di destra, ma è noto soprattutto per il suo viaggio in Cina che ha rotto il ghiaccio.

Tuttavia, mentre Nixon era riconosciuto come stratega, Trump si autoproclama “commerciante”. Nella sua prima autobiografia, The Art of Doing Business, Trump ha scritto: “Faccio affari in modo semplice e diretto. Mi pongo obiettivi elevati e poi alzo un po’ l’asticella finché non ho successo”.

Ironia della sorte, questa strategia sembra funzionare ancora meglio per gli alleati statunitensi. Trump ha dichiarato di incoraggiare la Russia a “fare quello che vuole” a qualsiasi Paese della NATO che non rispetti gli obblighi di spesa militare, un commento che ha lasciato di stucco gli alleati statunitensi.

Se Trump vincerà un secondo mandato, è quasi certo che altri membri della NATO accelereranno la spesa per la difesa fino al 2% del PIL per evitare lo scenario peggiore: l’uscita degli Stati Uniti dalla NATO. Se la politica di Trump è un “bastone”, sarà molto più efficace della “carota” di Biden.

Tuttavia, questo “bastone” non ha alcun effetto sulla Cina. Trump ha promesso di imporre tariffe del 60% o più sulle merci cinesi. Ma questa misura farà sì che la quota di importazioni statunitensi in Cina si riduca quasi a zero, l’industria manifatturiera americana in Cina sarà colpita duramente, i mercati finanziari statunitensi saranno turbolenti e gli americani dovranno pagare prezzi più alti per i beni importati.

È prevedibile che la politica di Trump di limitare il flusso di alta tecnologia verso la Cina non sarà molto diversa dalla politica dell’amministrazione Biden di “piccoli cantieri e alte mura”. Ma nessuna delle due sarà in grado di fermare il flusso di talenti high-tech da tutto il mondo, compresi quelli formati negli Stati Uniti, verso la Cina. Il governo cinese sta investendo massicciamente nell’innovazione ed entro il 2022 la Cina avrà presentato più domande di brevetto di tutto il resto del mondo.

La principale preoccupazione del governo cinese è se l’approccio di Trump a Taiwan sarà diverso. A differenza di Biden, Trump non ha mai dichiarato pubblicamente di voler “difendere Taiwan”, ma il governo cinese non lo prenderà alla leggera.2022 Dopo la visita di Nancy Pelosi a Taiwan, l’Esercito Popolare di Liberazione (PLA) ha condotto esercitazioni a fuoco vivo nelle acque intorno all’isola. La risposta del governo cinese si intensificherà sicuramente con l’intensificarsi delle provocazioni e con ogni risposta si crea un nuovo status quo. Oggi gli aerei militari cinesi attraversano regolarmente la linea centrale dello Stretto di Taiwan, nonostante le proteste delle autorità taiwanesi.

La politica cinese di Trump dipende anche dal modo in cui otterrà il sostegno interno e internazionale. L’anno scorso, un sondaggio ABC News/Ipsos ha mostrato che tre quarti degli americani ritengono che gli Stati Uniti si stiano muovendo nella direzione sbagliata. Un’America divisa non potrà mai avere una diplomazia forte.

Il conflitto in Ucraina e le guerre in Medio Oriente distrarranno certamente il prossimo presidente degli Stati Uniti da Pechino. Trump ha affermato che se sarà rieletto presidente, potrà risolvere il conflitto tra Russia e Ucraina in un giorno. Questo è un vanto trumpiano, ma dimostra anche che il sostegno di Washington a Kiev è la chiave per risolvere il conflitto.

Nonostante il pieno sostegno della NATO, la controffensiva ucraina si è conclusa con un fallimento, perdendo ogni speranza di riguadagnare il terreno perduto, mentre la Russia ha dovuto sopportare una NATO allargata. L’esito più probabile del conflitto russo-ucraino è un accordo di cessate il fuoco nel cuore dell’Europa che non soddisfa nessuno.

In Medio Oriente, il più importante risultato diplomatico di Trump – gli Accordi di Abramo, progettati per migliorare le relazioni di Israele con diversi Stati arabi – è stato messo in secondo piano. A differenza di Biden, che ha un rapporto freddo con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, Trump e i due sono stati i più stretti alleati politici durante i quattro anni di sovrapposizione dei mandati con Netanyahu. Trump avrebbe un approccio più morbido nei confronti di Israele rispetto a Biden, anche se ciò potrebbe esacerbare il conflitto regionale.

Se Trump verrà rieletto, la questione del nucleare iraniano non potrà che peggiorare. Al momento, Teheran non ha preso la decisione politica di produrre una bomba nucleare, ma più la situazione in Medio Oriente diventa instabile, maggiore è la tentazione per l’Iran di svilupparne una. L’Iran ha accelerato la produzione di uranio arricchito al 60% e presto sarà in grado di aumentare l’arricchimento del 60% al 90% necessario per produrre una bomba nucleare. L’Arabia Saudita ha minacciato che se l’Iran svilupperà una bomba nucleare, anche l’Arabia Saudita ne costruirà una.

(I perdenti in queste due guerre (in Ucraina e in Medio Oriente) non sono solo le parti in conflitto, ma anche gli Stati Uniti. I doppi standard diametralmente opposti adottati dagli Stati Uniti nei confronti dell’Ucraina e di Gaza li hanno lasciati con poca credibilità e autorità morale. L’estrema ipocrisia degli Stati Uniti è stata ampiamente criticata anche nel Sud globale. Un danno del genere è difficile da riparare, soprattutto quando il leader del Paese è un “commerciante” che non si preoccupa di ciò che accade ai cuori e alle menti delle persone.

Se Donald Trump sarà rieletto presidente, quello che la deputata Marjorie Taylor Greene ha definito “il grande divorzio delle nazioni” si aggraverà ulteriormente. Chiunque diventi il prossimo presidente degli Stati Uniti troverà sempre più difficile promuovere il cosiddetto “ordine internazionale basato sulle regole”; pochi Paesi del Sud globale si identificheranno con il cosiddetto “duello tra democrazia e autoritarismo”; persino gli alleati degli Stati Uniti saranno riluttanti a scegliere da che parte stare. Ci saranno più cose da discutere e da cooperare con la Cina.

Quindi di cosa deve preoccuparsi la Cina?

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

La minaccia di Trump all’Europa, di Di Liana Fix e Michael Kimmage

La minaccia di Trump all’Europa
Il suo primo mandato ha messo alla prova le relazioni transatlantiche, ma il suo secondo potrebbe romperle
Di Liana Fix e Michael Kimmage
22 marzo 2024

Il candidato alle presidenziali americane Donald Trump durante un comizio elettorale a Richmond, Virginia, marzo 2024
Jay Paul / Reuters

A febbraio, l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha incoraggiato la leadership russa a fare “quello che diavolo vogliono” a tutti i membri della NATO che non spendono il 2% del PIL per la difesa. Trump ha già fatto commenti incendiari simili in passato. L’Europa dovrebbe prendere sul serio le sue minacce. È di nuovo il candidato repubblicano presunto alla presidenza degli Stati Uniti e in molti sondaggi recenti è in vantaggio su Joe Biden, il presidente in carica.

Se dovesse essere eletto per un secondo mandato, gli atteggiamenti di Trump verso l’Ucraina, la Russia e la NATO – e la sua mentalità mercuriale ed egoista – saranno determinanti per la guerra in Ucraina. Trump probabilmente sconvolgerà l’intera relazione transatlantica molto più di quanto abbia fatto durante la sua prima presidenza. Sebbene i leader europei abbiano accolto la sua elezione nel 2016 con panico, le politiche da lui perseguite sono state più o meno convenzionali. Non si è ritirato dalla NATO e la sua amministrazione ha fornito aiuti militari letali all’Ucraina, che si sono rivelati fondamentali per l’autodifesa del Paese dopo l’invasione russa. Tra il 2017 e il 2021, non ci sono state rotture definitive nelle relazioni transatlantiche.

I rischi di un secondo mandato di Trump sarebbero più pericolosi. Risiederebbero nella diminuzione degli Stati Uniti come credibile garante della sicurezza per l’Europa. Anche se Trump mantenesse il sostegno militare degli Stati Uniti all’Ucraina, cosa improbabile, la sua politica estera altamente transazionale incoraggerebbe il presidente russo Vladimir Putin e ostacolerebbe lo sforzo bellico dell’Ucraina. L’Europa non avrebbe abbastanza tempo per unirsi e armarsi per resistere a una Russia espansionistica. Con Trump alla presidenza, Putin potrebbe ottenere molto presto ciò che vuole: il controllo di ampie zone del territorio ucraino. Un simile sviluppo avrebbe effetti a catena in tutto il continente, lasciando agli europei un controllo sempre minore sul proprio destino geopolitico.

I timori per un secondo mandato di Trump si cristallizzano spesso intorno alle decisioni concrete che potrebbe prendere. Potrebbe decidere di uscire dalla NATO. Potrebbe decidere di gettare l’Ucraina sotto l’autobus. Potrebbe decidere di perseguire la partnership con Putin di cui ha spesso parlato con affetto. La realtà, però, è che Trump non è deciso. Raramente dà seguito alle sue idee più avventate. Ma è la natura mercuriale di Trump, più che i suoi ideali, che potrebbe creare scompiglio. Senza dubbio impasterebbe il suo gabinetto, e persino i vertici militari degli Stati Uniti, con dei lealisti.

E il mondo è più infiammabile ora di quanto non lo fosse nel 2016. Una guerra alle porte dell’Europa, una guerra in Medio Oriente e la possibilità di un grande conflitto in Asia farebbero da sfondo a una seconda presidenza Trump. Uomo volubile, Trump si fa convincere da altri leader, tra cui Putin, Kim Jong Un della Corea del Nord e Xi Jinping della Cina. Ha trasformato il Partito Repubblicano a sua immagine e somiglianza, cosa che non è avvenuta nel 2016. Tra i repubblicani sono rimasti sempre meno atlantisti. All’interno del partito, l’idea che gli Stati Uniti non debbano essere responsabili della sicurezza dell’Europa è diventata mainstream. Le minacce che emergono dal comportamento di Trump perseguiteranno l’Europa anche se Trump non dovesse vincere a novembre.

QUASI IMPOSSIBILE
Dopo l’elezione di Trump nel 2016, molti leader stranieri hanno fatto delle scommesse, anticipando un cambiamento nella politica estera degli Stati Uniti, ma anche operando in una modalità di attesa. La possibilità che gli atteggiamenti di Trump si rivelassero un’eccezione allo spirito tradizionale della politica statunitense era molto reale. È vero, Trump è stato eletto. Ma aveva perso il voto popolare. Questa copertura era saggia. Nelle elezioni di midterm del 2018, il Partito Democratico ha fatto breccia e, per tutta la durata della sua presidenza, l’amministrazione di Trump ha trovato il modo di sfidare le direttive meno gradite del presidente.

I cosiddetti adulti nella stanza – funzionari come il Segretario alla Difesa Jim Mattis, il Consigliere per la Sicurezza Nazionale H. R. McMaster e il Segretario di Stato Rex Tillerson – hanno smorzato gli impulsi più dirompenti di Trump. Sebbene la retorica di Trump sia stata spesso anti-NATO – ha dichiarato l’alleanza “obsoleta” nel gennaio 2017 – la NATO non è appassita durante il suo primo mandato, ma è cresciuta. Trump ha fatto entrare nell’alleanza due nuovi Paesi, il Montenegro e la Macedonia del Nord. Insieme al comportamento bellicoso della Russia, la continua messa in discussione da parte di Trump dell’impegno degli Stati Uniti nei confronti dell’Europa ha stimolato i Paesi europei ad aumentare leggermente le spese per la difesa.

La Russia ha gettato un’ombra sulla prima presidenza Trump. Il Cremlino si è intromesso nelle elezioni del 2016, cercando di far pendere la bilancia a favore di Trump. Scandali, cause giudiziarie e un’indagine di un procuratore indipendente hanno mantenuto la relazione tra Trump e la Russia nei titoli dei giornali. Alcune parti di questo spettacolo mediatico sono state coltivate da Trump, che ama fare la vittima, mentre altri aspetti sono stati alimentati dal sospetto, discusso all’infinito durante la sua presidenza, che Trump fosse un agente russo. In effetti, Trump è stato più amico di Putin di quanto non lo sia mai stato nessuno ai vertici della politica statunitense. Ma non si è mai verificato alcun cambiamento nelle relazioni degli Stati Uniti con la Russia: nessun accordo per accettare l’annessione della Crimea da parte della Russia, nessun accordo per porre fine alla guerra nell’Ucraina orientale alle condizioni della Russia, nessun accordo per espandere l’influenza della Russia sull’Europa. Trump non ha revocato le sanzioni contro la Russia imposte dalle precedenti amministrazioni presidenziali. Durante la sua presidenza, i legislatori repubblicani hanno votato per ampliarle.

Tra gli atti più significativi della presidenza Trump c’è stata l’assistenza militare letale fornita all’Ucraina. Le sue motivazioni erano tutt’altro che pure. Aiutare l’Ucraina con armi letali era qualcosa che il presidente Barack Obama si era rifiutato di fare, e Trump non è mai stato così felice come quando ha potuto rovesciare una politica dell’era Obama. Nel 2017, Trump ha dato il via libera agli aiuti militari letali all’Ucraina, tra cui i missili anticarro Javelin, un atto che riteneva positivo per l’industria della difesa statunitense. Nel 2019, ha bloccato le consegne mentre i suoi inviati sollecitavano il governo ucraino a infangare la reputazione di Biden. Ma alla fine gli aiuti hanno continuato ad arrivare. Nelle prime settimane dopo l’invasione russa del 2022, i sistemi anticarro Javelin avrebbero giocato un ruolo cruciale nella capacità dell’Ucraina di difendersi dall’avanzata della Russia verso Kiev.

COSTI DI TRANSAZIONE
Questi precedenti, tuttavia, dovrebbero fornire poche rassicurazioni. Un secondo mandato di Trump sarebbe quasi certamente più radicale. Trump e i suoi accoliti sanno bene come governare il ramo esecutivo. La sua squadra ha preparato una revisione del governo federale progettata per installare i lealisti di Trump in posti per lo più occupati, durante il suo primo mandato, da funzionari pubblici e incaricati apartitici che non avevano una forte affinità ideologica con il trumpismo. Gli elettori delle primarie repubblicane e i funzionari del partito si sono schierati a favore di Trump come candidato per il 2024, il che significa che i capricci e le idee di Trump, che possono cambiare di giorno in giorno, avrebbero maggiori probabilità di essere eseguiti se egli dovesse riprendere il potere.

Un secondo mandato di Trump dimostrerebbe che i principi alla base della politica estera degli Stati Uniti sono davvero cambiati. Con Trump incoronato come presunto candidato repubblicano alle presidenziali del 2024, questo cambiamento di percezione è già iniziato. La sua rielezione rappresenterebbe un cambiamento radicale nella politica interna ed estera: un allontanamento duraturo dalla costruzione di alleanze e dalla convinzione che gli Stati Uniti siano l’alleato naturale e il garante della sicurezza dell’Europa. Trump probabilmente perseguirebbe una serie caleidoscopica di partnership a breve termine, la maggior parte delle quali con Paesi extraeuropei e alcune con Paesi ostili all’Europa. Egli considera l’atlantismo come una sciocca preoccupazione dei democratici, e questo non può più essere inteso come un’anomalia temporanea. Al contrario, il capitolo iniziato nel 1945 si sarebbe chiuso. Diventerebbe storia. La Russia concluderebbe sicuramente che l’atlantismo è un punto di vista moribondo.

Il transazionalismo è stato l’unico filo conduttore coerente del primo mandato di Trump. Un secondo mandato di Trump si orienterebbe probabilmente su un transazionalismo meno contenuto, lasciando la politica estera americana subordinata all’interesse personale di Trump e ai suoi tentativi di dominare i cicli di notizie statunitensi in rapida evoluzione. Una caratteristica distintiva della prima presidenza Trump è stata l’assenza di guerre su larga scala in Europa o in Asia. Per quattro anni, la retorica incendiaria di Trump ha trovato poca carne al fuoco. Ma questa prospettiva globale è cambiata. Nel gennaio 2025, il miglior risultato che si potrebbe plausibilmente ottenere nella guerra tra Israele e Hamas sarebbe un cessate il fuoco nervoso. Non è da escludere che prima di allora scoppino crisi legate alla Corea del Nord o a Taiwan.

E soprattutto, la guerra in Ucraina quasi certamente non sarà finita. L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha spinto gli europei a investire maggiormente nella propria difesa. Entro il prossimo anno, 18 Stati membri della NATO raggiungeranno finalmente una spesa per la difesa pari al 2% del PIL. Agli occhi di Trump, questi investimenti sono destinati a non essere all’altezza.

Le sue lamentele sul fatto che gli alleati europei “sono in ritardo” rispetto agli Stati Uniti nella spesa militare non sono mai state sincere. In realtà, egli non vede affatto il valore della partecipazione degli Stati Uniti alla NATO. Le sue bordate contro l’alleanza non riguardano solo disaccordi politici, ma sono anche teatro populista per il consumo interno. Se questo teatro sembrava essenzialmente innocuo nel suo primo mandato, sarà molto più pericoloso nei prossimi quattro anni. Un semplice cenno di approvazione verso le ambizioni destabilizzanti della Russia al di là dell’Ucraina potrebbe essere disastroso per l’Europa. Nel 2016, la Russia rappresentava una presenza militare indesiderata in Ucraina, ma i contorni delle sue ambizioni globali erano solo vagamente visibili. Ora, una Russia iperattiva a livello internazionale vuole rifare l’intera architettura di sicurezza dell’Europa attraverso la guerra.

ROULETTE RUSSA
Scrivendo su Foreign Affairs di febbraio, un gruppo di leader e analisti europei ha sostenuto che una seconda amministrazione Trump potrebbe avviare la transizione dell’Europa verso la piena autonomia strategica. I Paesi europei hanno la possibilità di emettere un debito congiunto per incrementare la produzione di difesa del continente, come hanno fatto durante la pandemia COVID-19. Ma tali sforzi, anche se tutte le parti necessarie li accettassero, richiederebbero tempo. L’Europa avrebbe bisogno di almeno un decennio per prepararsi a difendersi con successo contro una Russia che aumenta continuamente il suo budget per la difesa.

Trump potrebbe anche costringere i singoli Paesi europei ad andare per la loro strada invece di unire le forze, provocando un momento di divisione e di “ricerca del rifugio”. Rendendosi conto che gli Stati Uniti si stanno allontanando dall’Europa, ogni Paese europeo potrebbe reagire alla minaccia russa in modo diverso. Un secondo mandato di Trump potrebbe dividere l’Europa invece di rafforzarla, proprio l’esito che la Russia vorrebbe vedere.

Trump non può distruggere l’UE, ma può minare drasticamente la NATO. Non è necessario che si ritiri dall’alleanza, cosa che sarebbe disordinata dal punto di vista procedurale. Potrebbe riempire le posizioni di vertice con lealisti che disprezzano l’atlantismo, erodendo la fiducia degli alleati europei degli Stati Uniti. (Una di queste figure è Richard Grenell, suo ex ambasciatore in Germania, che potrebbe diventare Segretario di Stato). In qualità di presidente, Trump avrebbe il potere di ridurre il numero di truppe statunitensi di stanza in Europa e di minacciare che Washington potrebbe non onorare gli impegni assunti ai sensi dell’articolo 5. Il piacere che Trump prova nell’annullare le conquiste dei suoi predecessori è eloquente: si è divertito a ritirarsi dall’accordo con Obama sull’Iran e dagli accordi di Parigi sul clima del 2015. Nel 2025, Trump potrebbe cercare di annullare proprio i metodi che l’amministrazione Biden ha utilizzato per rassicurare l’Europa dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, come lo stazionamento di ulteriori truppe in Europa e l’aiuto a coprire i paesi europei che stavano fornendo attrezzature militari all’Ucraina.

Un secondo mandato di Trump renderebbe molto più facile per la Russia minare la NATO dall’interno.
L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia non ha disturbato Trump. A volte la definisce una prova della debolezza americana, colpa diiden. Altre volte, invece, elogia l’aggressione di Putin. Piuttosto che ritirare immediatamente gli aiuti militari e di intelligence degli Stati Uniti dall’Ucraina, Trump potrebbe cercare di contrattare con Putin se pensa che la Russia possa offrirgli qualcosa in cambio, materialmente o politicamente: una “pace nel nostro tempo” per la quale potrebbe prendersi il merito o una proposta più banale come un prezzo del petrolio più basso. Trump potrebbe quindi affermare di stare difendendo il popolo americano. Potrebbe sostenere, in modo accurato o impreciso, che i soldi un tempo destinati all’Ucraina saranno spesi per mettere in sicurezza il confine meridionale degli Stati Uniti. Trump potrebbe anche cercare di usare gli aiuti statunitensi all’Ucraina come leva sull’Europa, da dare o togliere in proporzione a quanto l’Europa può dare agli Stati Uniti.

Nel complesso, un’Ucraina in guerra non ha nulla di concreto da offrire né alle aziende di Trump né alla sua posizione politica. Trump non crede che l’Ucraina aiuti gli Stati Uniti difendendosi, rafforzando la sicurezza europea o incrementando la produzione di armi statunitensi. Non ha argomenti sul valore intrinseco della sovranità, dell’integrità territoriale e della sicurezza europea dell’Ucraina. Per lui, questi principi sono solo materia di negoziazione.

Se il futuro dell’Ucraina dovesse diventare la merce di scambio di Trump, ciò potrebbe provocare una serie di effetti a catena sconvolgenti. Se la Russia consolida il suo controllo sull’Ucraina, un’incursione in Moldavia sarebbe una scelta naturale. Trump si preoccupa della Moldavia tanto quanto dell’Ucraina, cioè molto poco. La minaccia per gli Stati orientali dell’Europa aumenterebbe esponenzialmente. E se Trump togliesse il tappeto da sotto i piedi alla NATO, Putin potrebbe sviluppare ambizioni espansionistiche anche oltre la Moldavia e l’Ucraina. Potrebbe mettere alla prova la risolutezza della NATO lanciando incursioni non attribuite di truppe senza insegne, ad esempio, negli Stati baltici o in Polonia, non per conquistare il territorio della NATO, ma per instillare paura nei membri della NATO dimostrando che l’alleanza è vuota.

Senza il forte sostegno degli Stati Uniti alla NATO, tali mosse del Cremlino rappresenterebbero un terribile dilemma per Francia, Germania, Regno Unito e altri alleati della NATO. Per paura, alcuni Stati europei potrebbero essere tentati di placare la Russia invece di rispondere a queste incursioni con la forza militare. Paesi come l’Ungheria potrebbero addirittura schierarsi con la Russia pur rimanendo nella NATO, passando informazioni a Mosca, deridendo l’idea di un’alleanza unificata e intralciando le decisioni europee che si basano sul consenso. In questo modo, la Russia potrebbe minare la NATO dall’interno.

EFFETTI DI CARATTERE
Più probabile di un attacco diretto della Russia alla NATO sarebbe un accordo siglato da Trump che dia a Putin il controllo di ampie zone dell’Ucraina e, attraverso il ritiro delle truppe statunitensi di stanza in Europa, una voce non banale nella sicurezza europea. Con un accordo di questo tipo, Putin cercherebbe una partecipazione permanente alla sicurezza europea, riportando ad esempio la NATO alla sua configurazione del 1997, come ha chiesto nel dicembre 2021. Per aumentare la pressione sull’Europa, la Russia potrebbe anche minacciare attacchi nucleari contro l’Europa. Lo ha già fatto in passato. Questa volta, le sue minacce avrebbero un peso maggiore, perché l’Europa non potrebbe più dipendere dall’ombrello nucleare statunitense. Trump potrebbe quindi ricattare gli europei con l’influenza che ha acquisito sulla loro sicurezza, chiedendo che la protezione degli Stati Uniti sia pagata con concessioni sul commercio o sull’approccio dell’Europa alla Cina.

Trump non ha la pazienza di portare a termine la maggior parte dei suoi programmi diplomatici. La sua tendenza è quella di sommergere le sue reali intenzioni in una marea di dichiarazioni contraddittorie. È improbabile che riesca a imporre una nuova architettura di sicurezza europea o una soluzione alla guerra in Ucraina di sua iniziativa. Non ne ha la visione.

Tuttavia, i suoi piani saranno meno importanti del suo carattere. Profondamente amorale, Trump farà tutto ciò che pensa possa attirare l’attenzione, fargli guadagnare soldi o rafforzare il suo potere e la sua posizione. Poiché sarà più svincolato in un secondo mandato, poiché gli sforzi dei Paesi europei per rafforzarsi sono stati insufficienti e poiché l’audacia di Putin sta crescendo, in un batter d’occhio Trump potrebbe distruggere le relazioni transatlantiche. Se riuscisse a vendere come una vittoria la distruzione dei legami storici degli Stati Uniti con l’Europa, lo farebbe, lasciando gli ucraini e gli europei nei guai, improvvisamente vulnerabili alle ambizioni incontrollate della Russia. L’Europa si troverebbe intrappolata tra la Scilla di una Russia aggressiva e la Cariddi di Stati Uniti ambivalenti, incerti se preferire ignorare o sfruttare l’Europa. Non è una fantasia che, invece di una pace perpetua – e anzi, persino di una cortina di ferro – il caos possa nuovamente scendere su un continente fin troppo familiare con la guerra.

  • LIANA FIX is a Fellow for Europe at the Council on Foreign Relations and an Adjunct Professor at the Center for German and European Studies and the Center for Eurasian, Russian, and East European Studies at Georgetown University.
  • MICHAEL KIMMAGE is Professor of History at the Catholic University of America and a Nonresident Senior Associate in the Europe, Russia, and Eurasia Program at the Center for Strategic and International Studies. He is the author of Collisions: The War in Ukraine and the Origins of the New Global Instability.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Allons enfants, di Francesco Dall’Aglio_Non saprei, di Daniele Lanza

Mentre i francesi fanno avanti e indietro sulla questione delle truppe, incassano altre defezioni (Kaja Kallas ha detto che a Parigi non si è mica parlato di mandare truppe, c’è stata solo un po’ di confusione dovuta al fatto che si discuteva in inglese e quindi i termini non erano accurati…) e sui canali Telegram si lanciano le notizie più assurde, tra cui quella del contingente francese già in viaggio verso Sofia per poi trasferirsi in Romania e da lì a Odessa (ma perché non atterrare a Bucarest, nel caso?), in tanti paragonano la situazione attuale a quella precedente allo scoppio della prima guerra mondiale, per lo stesso livello di apparente “sonnambulismo” dei governi. Ora, la questione del sonnambulismo pre-1914 dà il titolo a un libro molto bello (Cristopher Clark, “I sonnambuli. Come l’Europa arrivò alla Grande Guerra”, Laterza 2016) ma certo non spiega la prima guerra mondiale, che fu ben più di un colpo di sonno e che, come la guerra di oggi, aveva radici molto profonde e intendeva trovare soluzioni a problemi ritenuti di fondamentale importanza. Soprattutto, le analogie sono in genere interessanti e stimolanti, ma non si deva mai commettere l’errore di credere che le situazioni storiche siano davvero paragonabili in toto. Senza nemmeno pensarci troppo, che abbiamo tutti da fare, mi vengono in mente tre differenze sostanziali.
La prima è la quantità di truppe che parteciperebbero al conflitto, molto più bassa (sia in termini assoluti che in percentuale sulla popolazione) di quelle che sono partite più o meno con entusiasmo nel 1914-15 (o 1916, per alcuni, o addirittura 1918). I nostri eserciti (e pure quello russo, alla fine) hanno un numero di effettivi piuttosto basso, non tutti gli effettivi sono ovviamente impiegabili al fronte e, come se non bastasse, almeno dalle nostre parti non hanno più tutta questa voglia di restarci, nell’esercito, anche in tempo di pace (vedi ad esempio questo preoccupato articolo di Politico di due giorni fa, “i soldati europei continuano a licenziarsi”: https://www.politico.eu/…/nato-russia-ukraine-war…/). Certo, al numero si ovvia con la mobilitazione, ma qui ci si scontra sia con la piramide demografica europea, che non rassicura molto chi vuole creare un baluardo di giovani petti contro l’orda tataro-bolscevica, sia con I SOLDI, che non ci sono per rimettere in piedi nemmeno la leva a meno di non modificare radicalmente l’organizzazione europea (che questo sia il sogno dei nostri governanti è ormai chiaro, ma sogni e realtà purtroppo per loro e per nostra fortuna non sono la stessa cosa). Non è un caso che da parte statunitense, e non solo, si moltiplichino gli appelli perché l’Ucraina faccia ciò che deve fare, ossia finire di estinguersi mandando al fronte non più solo chi ha 27 anni o più, come al momento prevede la legge, ma un po’ tutti, abbassando l’età dei mobilitati. Lindsey Graham, che odia la Russia ma evidentemente molto di più l’Ucraina, lo ha ribadito l’altro ieri a Kiev (https://www.washingtonpost.com/…/lindsey-graham…/): “non posso credere che sia 27 [l’età in cui si può essere mobilitati]. State combattendo per la vostra vita, dovreste arruolarvi — non a 25 o 27 anni. Abbiamo bisogno [eh? ABBIAMO?] di più gente al fronte”.
La seconda è la questione delle alleanze, che nella prima guerra mondiale ha coinvolto a catena un bel po’ di paesi. Ora la situazione è piuttosto diversa. L’Ucraina non fa parte né della NATO né dell’UE (non che far parte dell’UE le garantirebbe qualcosa, da questo punto). I trattati bilaterali firmati da vari governi (tra cui il nostro) con l’Ucraina non prevedono un ingresso nel conflitto ma solo soldi e armi, e il famigerato Articolo 5 del Trattato Nord Atlantico, tanto amato dai nostri interventisti e tanto poco letto nella sua interezza, non solo non è automatico nelle contromisure ma, soprattutto, riguarda solo gli attacchi al territorio dei paesi membri, non al bombardamento delle loro truppe in giro per il mondo, Ucraina inclusa. Visto che appunto lo si cita a sproposito, lo cito qui:
“Le parti convengono che un attacco armato contro una o più di esse in Europa o nell’America settentrionale sarà considerato come un attacco diretto contro tutte le parti, e di conseguenza convengono che se un tale attacco si producesse, ciascuna di esse, nell’esercizio del diritto di legittima difesa, individuale o collettiva, riconosciuto dall’ari. 51 dello Statuto delle Nazioni Unite, assisterà la parte o le parti così attaccate intraprendendo immediatamente, individualmente e di concerto con le altre parti, l’azione che giudicherà necessaria, ivi compreso l’uso della forza armata, per ristabilire e mantenere la sicurezza nella regione dell’Atlantico settentrionale. Ogni attacco armato di questo genere e tutte le misure prese in conseguenza di esso saranno immediatamente portate a conoscenza del Consiglio di Sicurezza. Queste misure termineranno allorché il Consiglio di Sicurezza avrà preso le misure necessarie per ristabilire e mantenere la pace e la sicurezza internazionali.”
Quindi, un attacco contro le parti (ovvero i paesi firmatari), non contro contingenti mandati chissà dove, e ogni altra parte farà quello che ritiene più opportuno, IVI COMPRESO l’utilizzo della forza armata, non A PARTIRE dalla forza armata. Per cui se qualcuno ha immaginato, o scritto o detto, che queste ipotetiche truppe sarebbero intoccabili per via dell’Articolo 5, ha immaginato male (da cui, credo, tutti i distinguo che sono venuti a cascata negli ultimi giorni).
La terza, banalmente, è la bomba atomica. E non penso ci sia bisogno di spiegare cosa succederebbe se il piano geniale andasse in porto. Quindi non mi preoccuperei più di tanto del fatto che “alla televisione francese” (ma su quale canale? A che ora? Chi?) intervistano un colonnello che dice che sì, si può fare, la Russia non farebbe niente. Alla fine vogliono solo metterci le mani in tasca: questo sì, come la prima guerra mondiale.

Giovanni Vinci

Le parole de Medvedev sull”attentanto a Mosca:
Non importa chi ha commesso l’attacco terroristico a Mosca.
Bastardi dell’RDK, bastardi della Legione Russia Libera. O islamisti. O un gruppo militante puramente ucraino.
Tutte le persone coinvolte verranno comunque trovate e uccise. Questo è già successo nella storia russa. E tutti gli organizzatori di tutti i principali attacchi terroristici furono eliminati senza pietà.
Aggiunge:
Bene, lasciatemi ricordarvi che l’8 marzo
gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno avvertito i loro cittadini della minaccia di attacchi contro “grandi raduni” a Mosca.
L’ambasciata americana in Russia ha avvertito i suoi cittadini che nel prossimo futuro potrebbe verificarsi un attacco terroristico a Mosca.
“L’ambasciata sta monitorando le notizie secondo cui gli estremisti stanno pianificando di attaccare grandi raduni a Mosca, compresi concerti, nel prossimo futuro, e i cittadini statunitensi dovrebbero evitare grandi raduni per le prossime 48 ore”.
In altre parole, i paesi occidentali sapevano dell’imminente attacco terroristico. Dove?
L’hai cucinato tu stesso? Non ho nessun’altra versione.
Francesco Dall’Aglio
Allora: della strage a Mosca non si sa nulla, nel senso che non si sa chi sia stato, quanti erano, di dov’erano e che volevano, a parte che erano molto bene addestrati e che non hanno agito da soli, perché non bastano due molotov per dar fuoco al tetto. Per ora il bollettino dell’FSB segnala 40 morti e 130 feriti, ma non si sa se ci sia ancora gente dentro. Il tetto continua a bruciare ed è in parte crollato, ma tutto sommato tiene. Ci sono degli arresti, ma non si sa chi è stato arrestato e perché. Non ci sono dichiarazioni ufficiali del governo russo, a parte alcuni commenti di Medveded e Zaharova, ma ufficialmente non ci sono prese di posizione. Un sacco di gente si è affrettata a dire che loro non c’entrano niente o meglio ancora, che sono stati i russi da soli. Tutto il resto sono notizie non confermate e non verificabili, quindi inutile scriverle.
Le ultime ore ci hanno consegnato una escalation abbastanza marcata da parte russa, che da un lato è una risposta alle precedenti escalation di NATO e Ucraina (discorsi sull’invio delle truppe e sulla necessità che “la Russia non vinca”, incursioni nella regione di Belgorod con annessi bombardamenti della città, attacchi alle raffinerie russe anche a grande distanza dal fronte) e dall’altro potrebbe (il condizionale è d’obbligo) segnalare la volontà di aumentare il livello dello scontro, o quantomeno di certificare che sarebbe possibile senza troppo sforzo. L’escalation è sia verbale che militare. Dal punto di vista verbale, Peskov (che, ricordo, è il portavoce del Cremlino) ha utilizzato per la prima volta il termine “guerra” specificando che quella che era partita come una ‟operazione militare speciale” si è ormai trasformata in guerra a causa dell’intervento occidentale, e che la Russia “non può permettere” ai suoi confini l’esistenza di uno stato che ha intenzione di usare “qualsiasi metodo” per prendere la Crimea. Non si tratta ovviamente di una dichiarazione di guerra (non è certo Peskov che può dichiararla) ma appunto di una escalation verbale che si allontana di molto dalle precedenti dichiarazioni sulla volontà russa di trattare e di arrivare a soluzioni diplomatiche.
Dal punto di vista militare, all’alba c’è stata una pesantissima incursione missilistica su vari bersagli, sia industriali che energetici. La cosa potrebbe sembrare una riedizione della campagna di bombardamenti sulle strutture energetiche dell’inverno 2022-2023, ma I bersagli sono diversi e molto più importanti. Nella campagna precedente venivano prese di mira soprattutto le sottostazioni, I nodi energetici secondari. La loro distruzione portava ovviamente conseguenze anche gravi per la popolazione e le FFAA ucraina, ma in genere erano conseguenze di breve durata, perché le sottostazioni danneggiate potevano essere bypassate grazie alla straordinaria abbondanza di linee di distribuzione di cui l’Ucraina, per retaggio sovietico, gode. Questa volta invece (oltre a stabilimenti industriali come la Motor Sich di Zaporož’e la Malyshev di Kharkiv) sono state attaccate le centrali principali, con particolare accanimento sulla DneproHES, la più grande delle centrali idroelettriche sul Dnepr, che si trova sempre a Zaporož’e (vedi le due immagini, una in dettaglio e l’altra che mostra la posizione). L’attacco era mirato alla sala turbine della DneproHES-2 (la più moderna delle due, costruita tra il 1969 e il 1980), che è andata distrutta, e alla gru a portale che ne regola il funzionamento delle valvole (foto); la gru a portale dal lato opposto della diga, che gestisce le chiuse che regolano il deflusso dell’acqua del bacino, non è stata toccata – e con buona ragione, visto che la sua distruzione sarebbe una catastrofe. I danni sembrano essere molto gravi e non è chiaro quando (e se, finché dura il conflitto) la centrale riprenderà a funzionare. Al di là dell’importanza pratica dell’aver disabilitato metà della DneproHES nel giro di mezz’ora, il significato simbolico dell’operazione non è trascurabile; la diga e la centrale erano uno dei simboli dell’industrializzazione sovietica e averla messa fuori uso riporta al passaggio più minaccioso del discorso di Putin del 21 febbraio 2022, quello sulla “decomunistizzazione” dell’Ucraina. Se la vogliono, aveva detto, a noi sta bene, ma perché fermarsi a metà (ovvero solo alle statue di Lenin)? Vedremo cosa succederà stanotte e se le incursioni continueranno. Si spera di no, visto che il comunicato odierno del Ministero della Difesa russo riferisce che gli attacchi delle ultime due notti sono stati condotti per rappresaglia, cosa che non diceva ieri: quindi forse la considerano terminata, a meno di ulteriori attacchi. E a questo proposito Putin ha trovato un imprevisto alleato negli USA che, stando a quanto scrive il Financial Times ( https://www.ft.com/…/98f15b60-bc4d-4d3c-9e57-cbdde122ac0c) hanno detto più volte all’Ucraina di smetterla di colpire le raffinerie russe, perché la cosa rischia di avere ripercussioni sul prezzo del petrolio e “potrebbe portare a rappresaglie”, come appunto è successo.
 
Non saprei_di Daniele Lanza
PREMESSA = Trump sembrerebbe avere il vantaggio (sembra), ma il contesto gioca ancora contro di lui: se fossimo nella cornice di un ordinario stato europeo non avrei dubbi sull’esito………ma ci troviamo negli U.S.A. un mega-stato nazionale a vocazione imperiale con inderogabili obblighi internazionali derivanti dal proprio status. Significa che se la posizione del candidato alla presidenza fosse per davvero – testualmente – quella riportata nell’immagine, le forze d’opposizione democratica e l’intero estabilishment neocon metteranno in atto qualcosa di analogo ad un MAREMOTO, durante e dopo la campagna elettorale: in primo luogo per alterare l’esito (ricorrendo a quasi qualsiasi cosa) ed in secondo luogo facendo ostruzionismo dopo (perchè non è affatto scontato che Trump – pur regolarmente eletto – abbia poi la facoltà di fare tutto quello che dichiara adesso………….).
Il problema di fondo è che l’AMERICA si è esposta in maniera tale nel biennio di guerra in corso, da trovarsi ora in un vicolo cieco: la “soluzione Trump” ammesso che vi si arrivi, comporterebbe l’ammissione che l’Alleanza Atlantica ha fallito. Un grande esercito (quello ucraino), armato ed addestrato secondo standard NATO è stato sconfitto in un grande conflitto terrestre: l’occidente è stato incapace di prevalere militarmente in una guerra convenzionale sul suolo europeo, ripiegando mestamente su una soluzione diplomatica che da ragione all’opponente e questo è un fatto senza veri precedenti nell’ultimo secolo, al di là del valore effettivo dell’Ucraina in sè (della quale a nessuno importa veramente nell’ambito UE/USA). Una conseguenza di immagine, di quelle veramente imponderabili: non è mai accaduto che il “BENE” e la “GIUSTIZIA” fallissero sul campo (per come l’etica statunitense vede le cose……).
Ma c’è di più, purtroppo.
La “soluzione Trump” – come illustrata in basso – non soddisferebbe probabilmente più nemmeno il Cremlino. La condizioni – seppur ragionevoli – potevano andare bene 2 anni fa, PRIMA che il conflitto deflagrasse: Trump sarebbe dovuto essere sul posto 2 anni orsono come presidente e proporre ALLORA questo piano e probabilmente le cose sarebbero andate diversamente. Adesso è un po tardi……le cose sono cambiate: ci sono oltre mezzo milione di vite bruciate sul tavolo da gioco (la maggior parte di certo ucraini, ma ormai anche i russi ne incassano una quantità notevole) e regioni conquistate (Zhaporizha, Donetsk e Lugansk) che in nessun caso torneranno sotto Kiev, in quanto – per antica legge di guerra – il loro prezzo in sangue è già stato ampiamente pagato da parte russa.
Putin NON darà indietro nulla di quanto è stato già preso al costo di gravi perdite (non lo farebbe alcun leader di uno stato geopoliticamente sovrano).
Infine ma non ultimo…………in merito ai debiti di Kiev con gli USA: l’economia ucraina, o quanto ne resta, non è minimamente in condizione di ripagare i 300 miliardi di dollari ricevuti direttamente o meno da Washington (se non per le prossime 3 generazioni, ovvero quanto rimane del secolo in corso). Questa è la nota più significativa di tutte alla fine: che sia Trump o che sia Biden o chiunque altro……esiste un DEBITO da saldare e non si sfugge: i numeri sono quelli e qualcuno deve pagare. Lo stato ucraino ha già cessato di esistere in quanto entità sovrana sul piano geopolitico, trovandosi nella condizione di debitore insolvente per il secolo a venire. I nazionalisti ucraini (e chi li sostiene) si battono per quello che è già da ora un cadavere.
GUANTO DI SFIDA PER LO TSAR (lanciato da chi ?), di Daniele Lanza
L’Isis sì, ma quest’ultimo manovrato da chi ?
Da stamane sul presto, su tutti i media la rivendicazione ufficiale dell’ISIS, un attore violento e imprevedibile che non ha bisogno di presentazione alcuna: garantito che nelle prossime ore e giorni emergeranno tanti altri elementi a convalida della cosa.
Spiegazione cristallina, mistero risolto.
Cristallina al punto tale da sorvolare, o quasi, un fattore – di quelli di natura macroscopica al limite dell’imbarazzo – che si può tradurre in un interrogativo basilare:
COSA DIAVOLO C’ENTRA l’ISIS CON LA RUSSIA.
(…)
Quale sarebbe il movente ?? Perché avrebbero deciso di colpire la capitale di un paese che è assai meno coinvolto di quelli occidentali nell’area mediorientale ?? (la Russia non ha un passato coloniale, né post-coloniale nella regione, non fa parte dell’ensemble classico di attori preminenti sullo scacchiere arabo – tipo UK, Francia, U.S. – né fa parte di quella civiltà del benessere – l’Unione Europea – che per sua natura costituisce provocazione per il terrorismo islamico diventandone quindi bersaglio usuale.
Mosca è una grande metropoli, geopoliticamente cruciale, ma in tutto e per tutto lontana in termini di immagine e significato dagli obiettivi classici di qualsiasi terrorismo di matrice araba (fa eccezione l’Islam del Caucaso russo – Dagestan, Cecenia et affini – che però è una questione del tutto “domestica”, che non ha a che fare col terrorismo islamico internazionale).
In prospettiva araba, la Russia in generale è sì un’entità estranea (non musulmana cioè), ma anche lontana e marginale rispetto ai maggiori interpreti della politica estera d’occidente (Francia, Germania, etc.), non degna di particolare attenzione: un’area grigia, di valore strategico e simbolico pressoché nullo nell’ottica di un ipotetico “affondo all’occidente”.
Rendiamoci conto che MOSCA, di fatto, è una capitale ancor più periferica di quanto lo sia ISTANBUL, rispetto all’epicentro della vita europeo/occidentale, per voler fare una comparazione (dato che comunque la Turchia è comunque parte della Nato e trampolino per accedere al vicino oriente, la sua capitale un trafficato punto di contatto con l’Europa, laddove la capitale russa, sin dall’era sovietica si trovava in uno spazio fuori dei flussi ordinari: a maggior ragione poi, dopo 2 anni di guerra nel corso dei quali è stato praticamente tagliato ogni collegamento tra Mosca e il mondo esterno…..).
Quindi, riassumendo: PERCHE’ prendersi il disturbo e il rischio (sacrificare uomini e materiale) di recarsi fino ad una zona periferica della capitale di uno stato che poco ha storicamente poco a che fare col confronto tra occidente/mondo arabo ed organizzarvi una strage di queste proporzioni ? In assenza di qualsivoglia provocazione ?
Soprattutto, che senso ha farlo proprio ADESSO, considerando che la Russia dopo 2 anni di guerra feroce in Ucraina è letteralmente bandita dall’ordine internazionale d’occidente, con il quale è tranciato qualsivoglia contatto o rapporto (siamo alle soglie del primo conflitto mondiale del XXI sec.) e che quindi non farebbe certo piangere UE, USA etc. ?!?
Perché organizzare un colpo che non avrebbe alcuna significato o ricaduta positiva per la propria causa ?
E’ tutto molto anomalo persino per lo standard di un attore violento e imprevedibile come lo è l’ISIS. Troppo.
CONCLUSIONE: investigazioni accurate potranno far emergere con grande precisione la dinamica dell’evento che tuttavia è solo la parte più superficiale del problema.
La VERA domanda, ossia chi sia il mandante dell’azione è destinata a rimanere irrisolta (…).
Mi duole avvicinarmi a dietrologie e cospirazionismi (in particolare i più grossolani), ma a questo proposito mi è impossibile non sottolineare – di nuovo – ciò che è macroscopico: che il colpo avviene in coincidenza del fatto che:
1 – l’Ucraina ha dichiaratamente perso la guerra, ritrovandosi nella condizione di non poter proseguire senza diretto intervento estero.
2 – Intervento estero che NON avverrà, non può avvenire, in quanto necessariamente delegato all’UE – proxy tramite il quale Washington deve condurre la guerra, non potendo sbarcare direttamente in Ucraina senza un’escalation nucleare – : soluzione che tuttavia drammaticamente naufraga a fronte di una realtà materiale che vede il continente essere un cadavere politico/militare dal 1945)
3 – Il capo di stato in carica della Fed. Russa è stato confermato (e democraticamente), meno di una settimana fa, con livelli di partecipazione e consenso impensabili in qualsiasi sistema partitocratico al di qua e al di là dell’Atlantico.
In pratica la Russia è FORTE: forte sullo scacchiere bellico sul quale sta prevalendo – lentamente ma inesorabilmente – e ancor più forte nel suo ordine interno (motivo ultimo di imbarazzo per la narrativa “dittatoriale” con cui l’occidente dipinge paese).
Washington, non è in grado di dare una risposta nell’immediato, impegnata su 4 fronti diversi (tra cui anche l’inconcludenza dei propri stessi alleati europei…) ritrovandosi dunque nella prospettiva di vedersi semplicemente bagnare il naso, trincea dopo trincea progressivamente distrutte con tanto di costosi materiali inviati, senza poter fare nulla. Uno schiaffo d’immagine di risonanza planetaria che fa affondare nella bile: OCCORRE rispondere in qualche modo….qualsiasi modo. Perlomeno mandare un messaggio (…).
Non mi avventuro – non oso farlo – nella narrativa che vede nell’ISIS uno strumento parzialmente finanziato ed eterodiretto dalla CIA…..ma il contesto è tale che la banalità più pedissequa può davvero rivelarsi vera.
STOP.
ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Stati Uniti! Riposizionamenti e resa dei conti_con Gianfranco Campa

Le dimissioni di Victoria Nuland sanciscono definitivamente il riposizionamento della leadership statunitense su due aspetti: il fronte principale del confronto geopolitico è sempre meno collocato in Europa e il suo epicentro in Ucraina ha rivelato soprattutto le debolezze e l’avventurismo di una ostinazione russofobica che lascerà nude ed esposte soprattutto le élites europee. Di fatto si sta cercando una via di uscita che comporterà comunque il pagamento di un prezzo particolarmente elevato o di un azzardo dagli esiti catastrofici. Il conflitto interno agli Stati Uniti detterà sempre di più le dinamiche geopolitiche; la gran parte delle energie della attuale dirigenza statunitense dovrà essere spesa all’interno. La Nuland promette di essere uno dei personaggi chiave incaricato alla bisogna. Sentiremo parlare meno di lei, ma non vorrà dire che cesserà di fare danni. Fa parte di un élite che si sente sempre più minacciata e riterrà di lottare per la propria stessa sopravvivenza anche a scapito della sicurezza e stabilità del proprio paese. L’anno terribile è iniziato in queste ultime settimane. Buon ascolto, Giuseppe Germinario
NB_segnalo che è possibile accelerare la velocità di trasmissione del video andando sulle impostazioni del filmato.

https://rumble.com/v4jr3a6-stati-uniti-riposizionamenti-e-resa-dei-conti-con-gianfranco-campa.html

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

Michelle Obama: Salvatore di settembre o “missione suicida”?_di Peter Van Buren

Michelle Obama: Salvatore di settembre o “missione suicida”?
Quanto sono disperati i Democratici per togliere Biden dalle urne?

Peter Van Buren
26 febbraio 2024
12:05
Non voglio votare per Michelle Obama.

Joe Biden è, come candidato, un morto che cammina. Dimenticate i medici; chiunque si sia preso cura di un genitore anziano con un declino cognitivo può vedere tutti i segni e sa cosa sta per succedere. Joe non ricorda parole, nomi o date e cammina rigidamente con le braccia bloccate. Cade spesso. Si arrabbia e impreca. È tutto lì.

Sappiamo tutti cosa viene nascosto, proprio come quando la mamma rifiuta il cibo o si arrabbia perché qualcuno vuole i suoi soldi. Non è piacevole assistere a questa infantilizzazione di una persona che un tempo si ammirava, ma il declino è evidente, e il declino è una strada a senso unico. Fa male, davvero, che si tratti della mamma o di Joe Biden, assistere a tutto questo sapendo che non si può fare nulla.

Naturalmente, il problema è che Joe Biden è il Presidente degli Stati Uniti. È incaricato di gestire la nazione per conto di tutti noi, un lavoro come nessun altro. Il rapporto di quasi 400 pagine del consulente speciale Robert Hur è pieno di prove schiaccianti della negligenza di Biden nei confronti di segreti vitali per la sicurezza nazionale.

La sua difesa di Biden è che l’uomo è troppo vecchio e smemorato per essere ritenuto responsabile delle sue azioni. Una cosa è spiegare il comportamento della mamma a tavola, un’altra quando si parla di sicurezza nazionale. Nelle riunioni di famiglia c’è spazio per “un uomo simpatico, ben intenzionato, anziano e con poca memoria”, ma non alla Casa Bianca. Se Joe non è in grado di affrontare un processo per l’uso disinvolto di documenti riservati, allora non è in grado di essere presidente.

L’opinione pubblica sembra aver capito. Quasi tutti i sondaggi mostrano Biden indietro, spesso di diversi punti. Il suo indice di gradimento è fermo a 30 punti. Sta perdendo contro Trump; persino Nikki Haley batte Biden in alcuni sondaggi. “I numeri del presidente Biden nei sondaggi sembrano essere nelle sabbie mobili”, ha scritto un commentatore. Un recente sondaggio di ABC News ha rilevato che l’86% degli americani ritiene che Biden sia troppo vecchio per ricoprire un altro mandato. Potremmo sentirci male per Joe, ma ci sentiremmo tutti meglio se si fosse ritirato su una sedia a sdraio nel Delaware a mangiare un gelato invece di stare in piedi sopra il pulsante nucleare (e voi vi preoccupate di Trump).

Il problema è che, per tradizione, Joe Biden ha il “diritto” di candidarsi per un secondo mandato, cosa che in teoria sta facendo. Niente primarie, niente discussioni pubbliche, solo l’ipotesi che a Joe siano concessi due tentativi. La tradizione è abbastanza forte da consegnare la Casa Bianca a un vecchio rimbambito per altri quattro anni? Oppure l’eredità di Joe Biden tra i democratici sarà quella di essere l’uomo che ha riportato Trump al potere? Considerate l’infame valutazione di Barack Obama: “Non sottovalutate la capacità di Joe di mandare tutto a puttane”.

L’alternativa ovvia è che Biden si faccia da parte con un pretesto e che la vicepresidente Kamala Harris si faccia avanti come candidata democratica. Harris, che è entrata in carica come vincitrice della lotteria DEI dopo aver umiliato Biden in faccia nei dibattiti del 2020, non ha il fascino pubblico di Joe e, nei suoi giorni no, ha poco delle sue capacità cognitive. Sondaggio dopo sondaggio la vedono perdente, la sua mancanza di esperienza (tra le altre cose) è un ostacolo alla sua ascesa allo Studio Ovale. Harris ha un indice di gradimento del 37%, addirittura inferiore al 39% di Biden.

Ma cosa succederebbe se Harris ottenesse quell’esperienza attraverso il 25° emendamento? È dubbio che questo stratagemma sia possibile. Il 25° emendamento stabilisce la successione presidenziale quando il capo dell’esecutivo è “incapace”. Richiede una sorta di mini-corteo, poiché il processo prevede che sia il vicepresidente stesso a dare il via alle operazioni insieme al Gabinetto. Dovrebbero dichiarare che il presidente è “incapace di adempiere ai poteri e ai doveri del suo ufficio” e notificare al Congresso che il vicepresidente intende prendere il suo posto. Se la vicepresidente Kamala Harris riuscisse a convincere otto funzionari del Gabinetto a sottoscrivere una lettera al Congresso, il suo status di “presidente ad interim” sarebbe comunque di breve durata. Biden dovrebbe solo dichiarare che “non esiste alcuna incapacità” e poi riprendere il suo incarico.

Harris dovrebbe poi inviare entro quattro giorni un’altra dichiarazione al Presidente pro tempore del Senato e al Presidente della Camera, respingendo le affermazioni di Biden. Il Congresso avrebbe 21 giorni per votare la rimozione, che richiederebbe una maggioranza di due terzi in entrambe le camere. Se il Congresso non votasse entro 21 giorni, il Presidente riprenderebbe il potere. Come per le numerose richieste di invocare il 25° durante la prima amministrazione Trump, l’emendamento concepito per far fronte alla morte del presidente o a una vera e propria incapacità temporanea, come un intervento chirurgico, non può essere spremuto e solleticato in un ammutinamento del vicepresidente per salvare la sconfitta del suo partito a novembre.

Come ha scritto lo studioso di diritto costituzionale Jonathan Turley, invocare il 25° emendamento “richiederebbe molto di più di semplici vuoti di memoria e conferenze stampa “fuori dal mio prato””. L’unica domanda da porsi è se sia in grado di svolgere i doveri del suo ufficio. Il criterio non è se sia in grado di svolgere bene tali funzioni”. La preoccupazione per Biden (e Harris) è reale, ma il 25° emendamento non è la soluzione.

Rimane l’opzione nucleare: Michelle Obama, la sorpresa di settembre.

Immaginate una primavera mediocre che si trascina in un’estate poco brillante. L’Ucraina si trascina con Biden. Israele si trascina con Biden. L’economia si trascina con Biden. La convention nazionale democratica è senza spirito e il calendario cede all’autunno. Trump è in testa in quasi tutti i sondaggi e, mentre i Never Trumpers fanno ancora la loro parte, sembra che i Democratici resteranno a casa dalle urne e consegneranno la Casa Bianca. Se solo ci fosse qualcuno che non si chiama Harris in grado di farsi avanti come Grande Speranza.

Immaginate, dice Heather Higgins di RealClearPolitics,

se Biden dovesse essere incentivato a dichiarare improvvisamente un nuovo problema di salute che lo porti ad annunciare una o due settimane dopo la convention che continuerà il suo mandato ma non si candiderà, improvvisamente ci troveremmo di fronte a una di quelle crisi che non dovrebbero essere sprecate. Al di sopra di tutto questo, e per placare i mercanteggiamenti, Michelle – con il suo 91% di popolarità tra i democratici e il 68% a livello nazionale quando ha lasciato la Casa Bianca, e con la rete di raccolta fondi, la rete politica e l’esperienza degli Obama – può accettare, quando le viene richiesto, per il bene del Paese, di accettare gentilmente la candidatura del suo grato partito.

Chi altro potrebbe essere? Gavin Newsom? Hillary?

Michelle Obama ha la popolarità e la riconoscibilità del nome e del volto per sostituirsi all’ultimo minuto a uno stanco segnaposto come Joe. Settembre è “l’ultimo minuto”, viste le 50 leggi che regolano il tempo necessario per aggiungere un candidato alla scheda elettorale e rispettare le scadenze per l’invio del voto per corrispondenza. La sua mancanza di esperienza è mitigata dagli otto anni di Barack e, in effetti, un punto di forza tranquillo tra i Democratici sarebbe che questo è davvero un terzo mandato per una sorta di amministrazione Obama.

Con la popolarità di Obama e l’impermeabilità alle accuse di razzismo, nessuno si preoccuperà di mettere da parte Kamala Harris, magari con la promessa di un bel lavoro universitario per non mostrare rancore. Le celebrità si riverserebbero in massa su Oprah e Taylor Swift e qualcuno quasi immune allo stile di campagna elettorale di Trump, fatto di insulti personali, salirebbe sul palco contro di lui. Sarebbe un’elezione combattuta.

L’ex candidato presidenziale del GOP, Vivek Ramaswamy, ha dichiarato: “Se la razza e il genere sono le basi per la scelta di un candidato, non è possibile che il candidato sia un uomo,

Se la razza e il genere sono la base per selezionare qualcuno per un lavoro, e l’identità del tuo partito è legata a quel tempio della politica identitaria, allora rischiano di sembrare ipocriti se la mettono da parte [Harris] dopo aver messo da parte Biden. E credo che Michelle Obama offra loro una comoda via d’uscita da questo problema, qualcuno che risponda alle caselle che devono essere spuntate per la loro ideologia, selezionando al contempo un’alternativa a Biden che potrebbero considerare più appetibile in un’elezione generale…. Sembra sempre più che non sarà Biden il candidato. E penso che non dovrebbe essere scioccante vedere qualcuno come Michelle Obama assumere il ruolo di candidato.

Obama, da parte sua, ha dichiarato di essere “terrorizzata” dal potenziale esito delle elezioni del 2024, elencando la gara presidenziale di novembre tra le paure che la tengono sveglia la notte. Che ne dite di questa motivazione?

Le regole del Comitato Nazionale Democratico che si applicano sono in realtà semplici, e dicono: “Il Comitato Nazionale Democratico avrà la responsabilità generale degli affari del Partito Democratico tra le Convenzioni Nazionali…. Tale responsabilità comprende la copertura dei posti vacanti nelle nomine per la carica di Presidente e Vicepresidente”. Il presidente si confronta con la leadership del Congresso Democratico e con l’Associazione dei Governatori Democratici e porta la decisione al voto di tutti i 483 membri del DNC.

RCP ricorda al lettore che è già stato fatto in passato. Nel 1972, i Democratici si accorsero settimane dopo la loro convention che l’uomo che avevano nominato vicepresidente, il senatore Thomas Eagleton, aveva subito una terapia d’urto un decennio prima. Eagleton si ritirò dalla lista e lasciò al DNC il compito di scegliere un sostituto. I due hanno convinto il consuocero di Kennedy, Sargent Shriver, ad accettare quella che è diventata una “missione suicida”.

Quindi la vera domanda è: votereste per Michelle Obama? Molto dipende dalla risposta.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Stati Uniti! Ambizioni soppresse, ambizioni represse_Con Gianfranco Campa

Con l’avvio delle primarie è iniziato il torneo elettorale che porterà, a novembre prossimo, all’elezione del prossimo presidente statunitense. Nella girandola di comparse, vere e proprie meteore di luce riflessa, destinate a scomparire malinconicamente, rimangono fissi nel cielo, come previsto, due astri secondo i dettami della cosmologia aristotelica. L’uno, Trump, bersaglio ambito da impallinare ad opera di predatori sempre più rabbiosi, ma sempre sfuggente; l’altro, Biden, predestinato per volontà superiore all’investitura, ma destinato a spegnersi tra i fumi della mente prima di raggiungere la meta. Si attende il momento propizio per far uscire dal cilindro il coniglio, o la coniglietta in grado di incantare con le buone o le cattive la platea. Una platea, però, che in gran parte ha scoperto il trucco, troppe volte ripetuto, troppe volte esibito con eccessiva sicumera. Non è detto che questa volta il gioco si riesca a ricomporre o il pubblico si contenti a faccia finta di chiudere gli occhi. Sarà un anno cruciale; di speranze, poche, di dolore, tanto. Ascoltate con attenzione Gianfranco Campa. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4ewkwc-stati-uniti-ambizioni-soppresse-ambizioni-represse-con-gianfranco-campa.html

La vera sfida di Trump 2.0 Il mondo avrà bisogno di nuovi modi per affrontare le solite vecchie tattiche Di Peter D. Feaver

La vera sfida di Trump 2.0
Il mondo avrà bisogno di nuovi modi per affrontare le solite vecchie tattiche
Di Peter D. Feaver
19 febbraio 2024

https://www.foreignaffairs.com/united-states/real-challenge-trump-20

I commenti dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump sulla NATO all’inizio di febbraio hanno provocato un rimprovero insolitamente rapido da parte dei leader di tutto il mondo. Parlando a un comizio elettorale in South Carolina, Trump ha detto che, da presidente, avrebbe incoraggiato la Russia a “fare quello che diavolo vuole” a qualsiasi membro dell’alleanza che non spenda il 2% del PIL per la difesa, un obiettivo che tutti i membri della NATO hanno concordato nel 2014. Charles Michel, presidente del Consiglio europeo, ha definito l’osservazione “sconsiderata”. Il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha detto che “mina tutta la nostra sicurezza”. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden l’ha definita “antiamericana”.

L’apparente invito alla guerra è stato scioccante, ma il disprezzo di fondo per la NATO non è stato particolarmente sorprendente: Trump ha da tempo reso nota la sua insoddisfazione per gli altri membri della NATO. Inoltre, ha una storia di amicizia con i leader autoritari, forse nessuno più ardentemente del Presidente russo Vladimir Putin. Piuttosto che segnare una nuova indignazione, quindi, le chiacchiere di Trump sulla NATO sembravano sottolineare un punto più ampio sul suo possibile secondo mandato: avendo vissuto il Trump 1.0, tutti hanno un’idea abbastanza buona di ciò che potrebbe accadere nel 2.0, ma poiché le condizioni intorno a Trump sono cambiate, il 2.0 sarà un’esperienza molto più tumultuosa.

Trump non ha cambiato molto le sue idee da quando ha lasciato l’incarico, ma il suo ambiente, in patria e all’estero, è cambiato e forse anche la sua comprensione di come esercitare il potere esecutivo. La situazione di Washington è molto più pericolosa di quanto non fosse durante gli anni della sua amministrazione, con guerre multiple sul piatto, l’intensificarsi della rivalità tra grandi potenze e un ordine liberale che si sta sfilacciando. Inoltre, mentre è fuori dal potere, la squadra di Trump ha fatto il lavoro di transizione che non ha fatto la prima volta; sarà potenziata da un Partito Repubblicano trasformato e dotata di un elenco molto dettagliato di amici e nemici – e quindi sarà meglio posizionata per piegare la politica burocratica alla sua volontà. Gli Stati che potrebbero prosperare con un secondo mandato di Trump sono i rivali e gli avversari degli Stati Uniti, come la Cina e la Russia; quelli che probabilmente ne soffrirebbero sono i tradizionali amici degli Stati Uniti, come i Paesi europei, il Giappone e i partner dell’emisfero occidentale.

Naturalmente, le politiche precise di una futura amministrazione Trump sono impossibili da prevedere, anche perché avrebbero le caratteristiche di un presidente emotivo, indisciplinato e facilmente distraibile. Ma ci sono buone ragioni per pensare che Trump 2.0 sarebbe Trump 1.0 con gli steroidi. Il suo ritorno porterebbe a Stati Uniti più unilaterali, più distaccati e talvolta più aggressivi, meno impegnati a sostenere le strutture geopolitiche e i valori liberali che sono già sottoposti a crescenti pressioni.

A meno di un’impennata sorprendente dell’ambasciatore Nikki Haley, Trump è sulla buona strada per diventare il candidato repubblicano alla presidenza ed è testa a testa con il presidente Biden nei sondaggi nazionali. Dato che gli esperti di sicurezza nazionale compiono ogni giorno sforzi considerevoli per valutare le conseguenze di potenziali shock geopolitici che hanno una probabilità di gran lunga inferiore, è fondamentale cercare di pianificare un’altra Casa Bianca di Trump e comprendere le sfide che una tale amministrazione porrebbe agli affari internazionali.

NESSUN ADULTO NELLA STANZA
La visione generale di Trump sul mondo oggi è poco diversa da quella che aveva durante il suo primo mandato. A quanto pare, continua a credere che la rete di alleanze globali di Washington sia un ostacolo, non una risorsa; che distruggere i regimi commerciali globali sia la strada migliore per la sicurezza e la prosperità economica; che gli Stati Uniti abbiano più da guadagnare da alleanze diplomatiche con i dittatori che da relazioni profonde con alleati democratici di lunga data; e che una politica estera unilaterale e ipertransazionale sia il modo migliore per trattare sia con i nemici che con gli amici. Continua inoltre a confondere gli interessi degli Stati Uniti con i propri interessi, sia politici che economici.

Ciò che è cambiato è che i membri di una nuova amministrazione Trump saranno molto meno propensi a frenare i suoi peggiori impulsi. Nel primo mandato di Trump, molti dei membri più importanti della sua squadra di sicurezza nazionale, così come gli alleati repubblicani a Capitol Hill, avevano opinioni repubblicane più tradizionali. Quando Trump ha espresso il desiderio di andare in una direzione diversa, hanno avuto accesso e potere per spiegare perché questa potrebbe essere una cattiva idea, e spesso lo hanno convinto. Questo è ciò che si è verificato, ad esempio, nella revisione della strategia per l’Afghanistan del 2017. Altrettanto importante, per le molte questioni su cui Trump semplicemente non si impegna, i suoi tradizionali incaricati sono stati in grado di condurre una politica normale sotto il suo radar, come nel caso della Strategia di Difesa Nazionale del 2018. Infine, nei pochi settori in cui sono stati utilizzati rallentamenti e scorciatoie e altri normali espedienti burocratici per ostacolare una determinata politica trumpiana, la scarsità di veri guerrieri MAGA a ogni livello della burocrazia ha reso difficile per Trump esaudire i suoi capricci. È tutt’altro che chiaro che questa volta ci saranno tali guardrail.

Trump ha già sviluppato piani per intimidire la burocrazia riclassificando i dipendenti in modo da negare loro le tutele del servizio civile e rendere possibile il licenziamento in massa. I suoi alleati parlano di usare i poteri della presidenza per estirpare i membri delle forze armate che non mostrano una sufficiente inclinazione MAGA. Di certo Trump non ripeterà l’errore commesso al primo mandato di nominare alti funzionari e militari, come i generali in pensione Jim Mattis e John Kelly, che sono stati irremovibili nell’anteporre la loro fedeltà alla Costituzione alla fedeltà personale a Trump. E molti lealisti del MAGA che hanno servito nella prima amministrazione ora hanno una migliore comprensione delle burocrazie che un tempo li frustravano – e saranno meglio posizionati per attuare cambiamenti più radicali se dovessero riprendere il potere.

In teoria, il Congresso potrebbe ancora limitare un presidente distruttivo. Se i Democratici riuscissero a mantenere il controllo del Senato o a riprendere il controllo della Camera, sarebbero in grado di usare il potere della borsa per indirizzare ciò che il ramo esecutivo può o non può fare. Ma questi strumenti legislativi sono più deboli di quanto sembri. Il Congresso, ad esempio, ha approvato una legge che rende più difficile per un presidente ritirarsi formalmente dalla NATO. Ma la legge è di dubbia costituzionalità. E un presidente che semplicemente disconosce queste alleanze come questione politica – ad esempio, riducendo a zero il numero di truppe statunitensi dispiegate nella NATO o insistendo ad alta voce che non interverrà in difesa dei Paesi se la Russia li attacca – può effettivamente minare l’alleanza anche senza un ritiro formale degli Stati Uniti. Semplicemente, non c’è un modo valido per il Congresso di rendere la politica estera degli Stati Uniti a prova di Trump, dati i considerevoli poteri del ramo esecutivo. Trump si troverebbe inoltre di fronte a un Congresso meno incline a imporre tali vincoli, avendo acquisito la padronanza ideologica del Partito Repubblicano, le cui vecchie élite non possono più sostenere che il suo programma sia aberrante e debba essere contrastato.

Ma forse il motivo più importante per cui Trump 2.0 sarà diverso da Trump 1.0 sono i cambiamenti dell’ambiente geopolitico all’estero. Se tornasse nello Studio Ovale, Trump agirebbe in un mondo molto più disordinato. Nel 2017, Trump è entrato in carica mentre l’era post-Guerra Fredda stava finendo. C’erano tensioni con la Cina e guerre calde in Medio Oriente contro i Talebani e lo Stato Islamico, noto come ISIS, ma oggi la situazione è molto più grave. Ora si candida per un secondo mandato in mezzo a grandi guerre calde in Europa orientale e in Medio Oriente, a un crescente rischio di conflitto attraverso lo Stretto di Taiwan e nel Mar Cinese Meridionale, all’escalation delle tensioni con l’Iran e la Corea del Nord e ad altre crisi. Un mondo in disordine richiede un maggiore impegno internazionale e la leadership che Washington ha spesso fornito dal 1945, l’opposto di ciò che probabilmente otterrà con il ritorno di Trump.

PIÙ KABUKI, PIÙ CAOS
La politica estera di una seconda amministrazione Trump sarà probabilmente un insolito mix di continuità e cambiamento. Alcune delle sue politiche, in un primo momento, sembrerebbero differire da quelle di Biden solo per gradi. Trump intensificherebbe sicuramente la competizione economica con la Cina, anche se concentrandosi sulla riduzione del deficit commerciale bilaterale e sulla delocalizzazione delle catene di approvvigionamento critiche. Potrebbe annunciare un programma di “pace attraverso la forza” di stampo reaganiano che aumenti la spesa per la difesa degli Stati Uniti, un obiettivo che potrebbe dividere i falchi dalle colombe all’interno del Partito Democratico, proprio come gli aiuti all’Ucraina ora dividono gli internazionalisti dai neoisolazionisti all’interno del Partito Repubblicano.

Ma tali politiche sarebbero naturalmente accompagnate da un’interpretazione trumpiana. Un rafforzamento militare sarebbe probabilmente accompagnato da un’aggressiva politicizzazione delle forze armate, in quanto Trump cercherebbe di estirpare gli alti dirigenti che ritiene abbiano dimostrato una lealtà inadeguata nei suoi confronti in passato. La competizione economica con la Cina andrà probabilmente di pari passo con una rinnovata ricerca di un accordo commerciale “storico”, come quello che Trump ha cercato di ottenere, senza riuscirci, tra il 2017 e il 2020. E nel trattare con molti avversari, Trump ripiegherà ancora una volta su una strategia di competizione kabuki: retorica calda e tensioni crescenti, ma senza una politica coerente o un chiaro scopo strategico.

Cosa ancora più importante, Trump probabilmente perseguirebbe una versione più netta delle politiche della sua prima amministrazione. Come la sua campagna elettorale ha già chiarito, sembra certo che intensificherà i suoi attacchi alle alleanze statunitensi, in particolare alla NATO: l’ex consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton ha avvertito che Trump si sarebbe ritirato dall’alleanza se avesse vinto un secondo mandato nel 2020. Indipendentemente dal fatto che Trump si spinga fino a questo punto, potrebbe facilmente, da solo, porre ulteriori condizioni all’effettiva partecipazione degli Stati Uniti alla NATO e alla partnership con gli alleati del trattato in Asia orientale, chiedere tributi finanziari esorbitanti agli altri Stati membri o semplicemente minare le relazioni all’interno di questi gruppi multilaterali alimentando le tensioni su questioni come la politica climatica e il commercio. Trump ha già proposto una tariffa universale, che farebbe a pezzi il regime commerciale internazionale esistente tassando unilateralmente tutte le importazioni negli Stati Uniti.

Alcune delle politiche di Trump differiranno da quelle di Biden solo di poco.
Nel frattempo, gli Stati europei che si trovano in prima linea nella NATO e i governi asiatici come Taiwan e la Corea del Sud dovranno fare i conti con uno Stato americano più transazionale e meno impegnato. Trump ha già ipotizzato di porre fine alla guerra in Ucraina in 24 ore, e il suo tentativo al primo mandato di tenere in ostaggio la sicurezza dell’Ucraina per perseguire una vendetta contro Biden potrebbe indicare la disponibilità a imporre a Kiev un accordo di pace sfavorevole. Trump sarebbe anche meno impegnato nella sicurezza di Taiwan. Se Pechino attacca l’isola, ha osservato una volta, “non c’è un cazzo di niente che possiamo fare”.

In generale, un’amministrazione Trump sembra destinata ad allontanarsi ulteriormente dal Medio Oriente. Poiché Trump non ha alcun interesse a garantire la sicurezza degli Stati Uniti nel mondo, la sua amministrazione sarebbe presumibilmente meno disposta a prendere provvedimenti, come ha fatto l’amministrazione Biden, insieme al Regno Unito, per proteggere le rotte di navigazione vitali dagli attacchi degli Houthi.

È difficile immaginare che l’amministrazione Trump si impegni come l’amministrazione Biden a raggiungere una pace stabile che tenga conto degli interessi sia israeliani che palestinesi. Il desiderio di un grande accordo con l’Arabia Saudita potrebbe spingere Trump ad affrontare la questione palestinese, che era fuori dal tavolo degli accordi di Abraham ma che non può essere ignorata dopo gli attacchi del 7 ottobre e la guerra a Gaza. Ci sono pochi scenari plausibili per un risultato favorevole in Medio Oriente e nessuno che non richieda un impegno significativo degli Stati Uniti. È quindi difficile capire come Trump potrebbe conciliare il suo sostegno a Israele con il desiderio di liberarsi degli impegni statunitensi in Medio Oriente.

Tuttavia, un secondo mandato di Trump comporterebbe probabilmente anche un’ulteriore incoerenza politica in Medio Oriente, poiché potrebbe anche essere disposto a combinare un ritiro dalla regione con qualche azione militare drammatica mentre esce dalla porta. Dato l’ordine di Trump di assassinare Qasem Soleimani, il capo del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie iraniane, nel 2020 – una mossa rischiosa che molti nell’amministrazione temevano potesse innescare una spirale di escalation con Teheran – potrebbe dimostrarsi più disposto di quanto non lo sia stato Biden a condurre attacchi letali contro l’Iran e i suoi proxy se questi prendono di mira il personale statunitense, o a tornare a quella che l’amministrazione Trump ha definito una politica di “massima pressione” volta a ottenere un accordo nucleare migliore di quello ereditato nel 2017.

Una nuova amministrazione Trump quasi certamente declasserà ulteriormente la democrazia e i diritti umani come obiettivi politici. E così come Trump ha parlato all’infinito di migranti e della costruzione di un muro al confine con il Messico durante il suo primo mandato, probabilmente adotterà un approccio più estremo nel suo secondo: un confine più militarizzato e politiche più restrittive sui rifugiati, unite a un’intensificazione della guerra alla droga.

ABBRACCI, COPERTURE E ALTRI HACKING
Durante la prima amministrazione Trump, molti leader stranieri hanno sviluppato “trucchi Trump” per trattare con questo presidente così insolito. Il primo approccio consisteva nel nascondersi e nel coprirsi, una strategia che piaceva a Paesi come Francia e Germania che avevano più da perdere se Trump avesse smantellato l’ordine internazionale a guida americana. Così, il presidente francese Emmanuel Macron e la cancelliera tedesca Angela Merkel hanno cercato di mantenere una certa distanza da Washington per minimizzare i punti di attrito con Trump, ma allo stesso tempo hanno cercato di riempire il vuoto di leadership nelle istituzioni transatlantiche e di affermare un ruolo maggiore per organismi come l’Unione Europea. Sebbene abbiano evitato una vera e propria crisi transatlantica, non hanno potuto impedire a Trump di scatenare numerosi insulti e schermaglie diplomatiche che sono state in qualche modo mitigate dalle rassicurazioni delle fazioni più favorevoli all’amministrazione Trump e dei repubblicani al Congresso. Inoltre, non disponevano dell’intera gamma di strumenti – militari, politici, economici e diplomatici – per compensare l’abdicazione di Trump al tradizionale ruolo di leadership dell’America.

Il secondo approccio per affrontare Trump prevedeva l’abbraccio e l’assecondamento, una strategia che faceva appello a leader con personalità ben assortite a quelle di Trump. Il primo ministro britannico Boris Johnson si è adoperato per adulare Trump e per accarezzare il suo ego, al fine di migliorare le relazioni. Allo stesso modo, il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha fatto di tutto per corteggiare Trump, regalandogli persino un golf club placcato in oro dopo la sua vittoria elettorale nel novembre 2016. Questi sforzi hanno dato i loro frutti: Il Giappone è andato meglio di altri alleati degli Stati Uniti nell’Asia-Pacifico durante la presidenza di Trump e Trump non ha riservato a Johnson il trattamento di prepotenza riservato al suo predecessore. Tuttavia, pochi altri leader stranieri hanno avuto il mix di audacia e sostegno interno per rischiare un simile approccio.

Un terzo approccio prevedeva emulazione ed emolumenti per entrare nelle sue grazie. Questa tattica è piaciuta ai leader che condividono le inclinazioni autoritarie di Trump e comprendono il suo bisogno di risultati apparentemente spettacolari: Viktor Orban in Ungheria, Recep Tayyip Erdogan in Turchia, Mohammed bin Salman in Arabia Saudita e persino Benjamin Netanyahu in Israele. Il risultato diplomatico più significativo di Trump, gli accordi di Abraham, ha mostrato le possibilità e i limiti di questo approccio. Netanyahu è riuscito a convincere l’amministrazione Trump a mediare un accordo – la normalizzazione tra Israele e diversi Stati arabi – che è stato a lungo immaginato come una parte cruciale di un accordo di pace globale in Medio Oriente, ma la variante di Trump non prevedeva che Israele facesse alcuna delle concessioni richieste o che riconoscesse la questione palestinese. Questa strategia sembrava funzionare meglio di quanto ci si aspettasse, finché Hamas non l’ha mandata all’aria con il suo feroce attacco terroristico del 7 ottobre contro Israele. (Probabilmente, l’approccio di emulazione e di emolumenti ha funzionato anche per la Russia, anche se in quel caso era chiaro che Putin era il leader da corteggiare e Trump quello che lo faceva).

I governi che hanno adottato una posizione dura sono stati spesso in grado di fare affari con Trump.
Infine, un quarto approccio adottato da alcuni leader stranieri è stato quello di mantenere una posizione avversaria e sfidare Trump a mettere in pratica le sue minacce. I Paesi che hanno causato più problemi a Trump (Iran, Corea del Nord, Venezuela) hanno tutti perseguito questa linea in qualche misura. Sebbene ciascuno di essi abbia ricevuto alcune delle forme più intense di diplomazia coercitiva da parte di Trump – nel caso dell’Iran, fino all’uccisione mirata di Soleimani nel gennaio 2020 – tutti hanno concluso il primo mandato di Trump in una posizione di sfida più forte, non avendo fatto concessioni significative alle sue richieste. Probabilmente, questo è l’approccio su cui si è basata anche la Cina, soprattutto quando Trump ha iniziato a inasprire la guerra dei dazi.

Da questo record emergono diverse lezioni. Abbracciare, assecondare ed emulare può essere umiliante, perché il comportamento erratico di Trump richiede frequenti cambi di rotta. Inoltre, potrebbe non funzionare nel lungo periodo: Il Giappone ha dovuto affrontare la richiesta di quadruplicare la somma di denaro pagata per compensare il costo di ospitare le forze statunitensi, nonostante l’ardente corteggiamento di Abe nei confronti di Trump. La copertura e la clandestinità sono una strategia praticabile solo per gli Stati i cui interessi non sono molto influenzati dal potere degli Stati Uniti o che possono plausibilmente compensare il disimpegno degli Stati Uniti dalle strutture di alleanza esistenti. Al momento, solo la Cina ha il potenziale per riempire il vuoto di potere lasciato dagli Stati Uniti, che hanno smesso di svolgere il loro tradizionale ruolo geopolitico di punto focale per le alleanze, ma l’economia statunitense rimane troppo importante per la prosperità della Cina per rendere praticabile una vera strategia di occultamento e copertura.

D’altra parte, i governi come la Cina che hanno adottato una posizione negoziale dura sono stati spesso in grado di fare affari con Trump a loro vantaggio. Questo perché Trump si è dimostrato così desideroso di un accordo da minare la sua stessa leva negoziale: l’accordo che Trump stava disperatamente cercando di finalizzare con la Cina all’inizio del 2020 avrebbe offerto pochi benefici, a parte un aumento a breve termine delle esportazioni di soia. Infine, i leader che hanno sfidato apertamente Trump hanno sopportato molte tensioni, ma di solito ne sono usciti con i loro interessi intatti. Ciò è stato particolarmente vero per gli Stati che condividevano il disprezzo di Trump per l’ordine internazionale liberale. Persino il gruppo terroristico ISIS ha visto risultati positivi nel tenere duro: Trump ha interrotto bruscamente la lotta contro l’ISIS prima che fosse raggiunta una vittoria decisiva, l’equivalente del lancio della palla sulla linea delle cinque iarde.

EVITARE UNA SCONFITTA
Per gli alleati degli Stati Uniti, ci sono molte ragioni per cui sarà più difficile affrontare Trump durante un secondo mandato che durante il primo. Innanzitutto, sarà molto più difficile sostenere che Trump sia un’aberrazione rispetto al modello tradizionale di leadership degli Stati Uniti. Allo stesso tempo, la maggior parte degli alleati liberaldemocratici troverà sgradevole avvolgere le buone politiche in emolumenti cattivi ma esigenti per convincere Trump a seguirle. Poiché i repubblicani tradizionali che occupano posti chiave sono molto meno numerosi, i governi stranieri avrebbero pochi sostenitori e partner all’interno dell’amministrazione che li aiutino a mitigare gli impulsi anti-ali di Trump. Ciò lascerebbe molti alleati liberali impegnati a preservare il maggior numero possibile di vantaggi del vecchio sistema internazionale basato sulle regole, senza che il potere degli Stati Uniti li sostenga. Di conseguenza, una seconda presidenza Trump potrebbe approfondire la regionalizzazione, includendo, ad esempio, una maggiore cooperazione tra Giappone e Australia o tra Regno Unito e Paesi dell’Europa orientale, ma senza gli Stati Uniti come connettore diplomatico e militare. Francia e Germania potrebbero tentare di rilanciare una versione della visione di Macron di un sistema di sicurezza a guida europea, nonostante le prospettive non siano migliori di prima.

Paradossalmente, se la diagnosi di Trump sull’ordine internazionale è corretta – cioè se tutti i benefici dell’ordine guidato dagli Stati Uniti possono essere preservati senza la leadership americana se gli alleati smettono di fare il free-riding – allora le conseguenze di una restaurazione di Trump sarebbero gestibili. È possibile che una combinazione di altre medie potenze che si facciano avanti e perseguano una copertura prudente possa essere sufficiente a tenere insieme l’ordine esistente, almeno per un certo periodo. Ma una ritirata degli Stati Uniti guidata da Trump potrebbe rapidamente trasformarsi in una disfatta, con il crollo dell’ordine che per quasi 80 anni ha garantito una relativa prosperità globale senza una conflagrazione tra grandi potenze. Molto dipenderebbe dal vantaggio che avversari tradizionali come Cina e Russia cercheranno di ottenere, e quanto velocemente.

Come nella prima presidenza Trump, i maggiori beneficiari di una seconda presidenza saranno probabilmente gli avversari degli Stati Uniti, perché avranno una serie di nuove opportunità per sconvolgere l’ordine esistente. La Cina potrebbe sfruttare il fatto che Trump non si preoccupa di difendere Taiwan e perseguire un’azione rapida per riconquistare la provincia “ribelle”. Il leader cinese Xi Jinping potrebbe sedersi e lasciare che Trump incendi le alleanze statunitensi in Asia a vantaggio della Cina in un secondo momento. Putin potrebbe assecondare l’accordo di “pace” proposto da Trump sull’Ucraina come modo per far sì che l’Occidente santifichi i suoi guadagni a spese dell’Ucraina. Potrebbe anche fare ostruzionismo nella speranza che Trump interrompa del tutto gli aiuti all’Ucraina, lasciando la Russia libera di marciare ancora una volta su Kiev. Indipendentemente dalla strada scelta, gli avversari potranno probabilmente contare su Trump come strumento utile nei loro sforzi per minare il tradizionale sistema di alleanze guidato dagli Stati Uniti, che è stato a lungo il principale limite al loro potere.

Anche un altro paniere di Stati, alleati arretrati e partner ipertransazionali, accoglierà con favore una replica di Trump. Se l’assediato Netanyahu è ancora aggrappato al potere dopo l’insediamento di Trump, la promessa di quest’ultimo di sostenere incondizionatamente Israele potrebbe servire come ancora di salvezza per evitare di dover rendere conto della sua catastrofica gestione della sicurezza israeliana. I regimi arabi che hanno contribuito alla realizzazione degli Accordi di Abraham probabilmente accoglieranno con favore il ritorno della diplomazia transazionale, anche se potrebbero essere molto meno propensi a perseguire ulteriori accordi di normalizzazione in assenza di un piano di pace palestinese realizzabile. Anche i leader populisti in Argentina, Ungheria e forse anche in India apprezzerebbero la copertura fornita da una nuova presidenza Trump nei loro sforzi di resistere alle pressioni internazionali per sostenere i diritti delle minoranze.

Nel complesso, queste diverse reazioni al ritorno di Trump alla Casa Bianca porterebbero a un sistema internazionale altamente volatile, caratterizzato da una straordinaria instabilità geopolitica e da un vuoto di potere al suo centro. In una ritirata caotica degli Stati Uniti, gli alleati e i partner tradizionali di Washington rimarrebbero per lo più senza approcci praticabili per gestire le loro relazioni. E gli avversari tradizionali avrebbero il sopravvento nei loro rapporti con gli Stati Uniti. Uno degli interrogativi più interessanti nelle relazioni internazionali contemporanee è quanto l’ordine internazionale esistente sia in grado di resistere: quanto a lungo possa continuare a funzionare senza l’impegno attivo e costruttivo della potenza più forte del mondo. Dal 1945, la risposta a questa domanda è sconosciuta. Se Trump vincerà a novembre, tuttavia, il mondo potrebbe scoprirlo rapidamente.

1 2 3 28