Gli Stati Uniti e la Russia devono ristabilire il libro dei giochi della Guerra Fredda per evitare un’escalation nucleare, dice un alto generale Di JOHN VANDIVER

6h 17 tweets 4 min read
Alcuni punti salienti del discorso piuttosto sorprendente – e terrificante – del Gen. Christopher Cavoli, comandante supremo alleato della NATO e leader della U.S. Army in Europa.
1/17
stripes.com/theaters/europ…
Image

2/ Gli Stati Uniti e la Russia NON dispongono praticamente più di una linea diretta nucleare attiva, che era stata uno dei punti fermi della politica nucleare della Guerra Fredda. Questo nel bel mezzo di una guerra calda per procura.

– un trattato MAI ratificato da Washington👇

3/ Cavoli ha esortato gli Stati Uniti a riattivare le linee di comunicazione con Mosca che hanno aiutato entrambi i Paesi a evitare il conflitto nucleare durante la Guerra Fredda.

– 🧵 lungo thread, erano stati avvertiti

4/ “[All’epoca] era possibile leggere i segnali dell’altro. Sapevamo come inviarci segnali a vicenda… quasi tutto questo non esiste più”.
5/ “I miglioramenti nella prontezza di combattimento della NATO non hanno trovato riscontro a livello strategico, riguardo al garantire che le potenze nucleari non fraintendano le reciproche intenzioni. Quindi il rischio di fraintendimento delle reciproche intenzioni è alto.”
6/ “Tali linee di comunicazione sono difficili da ripristinare #macchédavvero perché, beh, la Russia è in guerra, non solo con l’Ucraina, ma anche con gli Stati Uniti e la NATO” (anche se Cavoli lo omette, mica si può pretendere troppo).

7/ “Alla NATO sono in corso sforzi per aggiornare alcune delle vecchie pratiche. Ma ci sono complicazioni, perché stiamo cercando di ristabilirle durante una guerra calda”.

– complici di attentati terroristici, altrimenti detti “complicazioni” 🤔

8/ I principali strumenti di deterrenza nucleare sono andati perduti. Durante la Guerra Fredda, esisteva un “vocabolario molto fine e reciprocamente compreso tra l’Occidente e l’Unione Sovietica.
9/ “Sapevamo come comunicare verbalmente e non verbalmente le nostre intenzioni in modo da dare prevedibilità e comprensione all’altra parte. Questo era stato uno degli elementi principali impiegati per gestire l’escalation e ottenere la deterrenza senza rischi significativi”.
10/ Una delle ragioni principali dell’attuale rischio nucleare senza precedenti è l’abbandono di vari trattati nucleari (avviato unilateralmente dagli Stati Uniti, anche se Cavoli lo omette).
11/ “Altri fattori del passato che sono stati efficaci erano i vari trattati nucleari, gli accordi e le ispezioni in loco che hanno contribuito a mantenere aperte le linee di comunicazione. Abbiamo perso l’abitudine di utilizzare questi meccanismi di segnalazione e…

12/ collettivamente abbiamo abbandonato molti degli accordi e dei trattati che in precedenza ci davano la possibilità di farlo”.

– sono le amnesie selettive che colpiscono da sempre gli esponenti di Washington e della Nato

13/ L’aggressivo atteggiamento anti-Russia della NATO è il principale ostacolo alla riapertura delle linee di comunicazione nucleare.
14/ Ogni illusione di migliorare le modalità di comunicazione tra Stati Uniti e NATO e Mosca naufragherebbe alla luce delle manovre in corso degli Stati Uniti (& NATO) per rafforzare il fianco orientale a ridosso della Russia.

15/ Da anni il Cremlino ha intensificato le critiche alla NATO per la minaccia costituita dal crescente numero di forze posizionate negli Stati baltici e in Polonia puntate contro la Russia.

– a ogni azione corrisponde una reazione 👇

16/ A prescindere dalle reali intenzioni della NATO, esiste il rischio concreto di innescare accidentalmente un conflitto nucleare.

– vedi 🧵

17/ “Come possiamo procedere per risolvere questo dilemma e ristabilire la nostra capacità di difesa collettiva senza essere minacciosi e senza ottenere accidentalmente l’effetto opposto che vorremmo?”, si domanda Cavoli.

– smantellare la baracca e sparire tanto per iniziare

• • •

 

Gli Stati Uniti e la Russia devono ristabilire il libro dei giochi della Guerra Fredda per evitare un’escalation nucleare, dice un alto generale

Di JOHN VANDIVER STARS AND STRIPES

Read more at: https://www.stripes.com/theaters/europe/2024-04-09/cavoli-nato-russia-nuclear-13516988.html
Source – Stars and Stripes – 9 aprile 2024

Il Gen. dell’Esercito degli Stati Uniti Christopher Cavoli, capo del Comando europeo degli Stati Uniti, incontra il Presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy in Germania, il 14 dicembre 2023, per discutere del sostegno militare statunitense e internazionale in corso per aiutare l’Ucraina. Lunedì Cavoli ha chiesto di ripristinare i metodi di comunicazione della Guerra Fredda con la Russia. (Susanne Goebel/Comando europeo degli Stati Uniti)

STUTTGART, Germania – Gli Stati Uniti devono riattivare le linee di comunicazione con Mosca che hanno aiutato i due Paesi a evitare il conflitto nucleare durante la Guerra Fredda, ha dichiarato questa settimana il più alto generale americano in Europa. “Potevamo leggere i segnali dell’altro. Sapevamo come inviarci segnali l’un l’altro… quasi tutto questo non c’è più”, ha detto lunedì il generale Christopher Cavoli, comandante supremo alleato della NATO e capo del Comando europeo degli Stati Uniti. Cavoli, parlando durante un evento all’Università di Georgetown in occasione del 75° anniversario della NATO, ha elencato numerosi aggiornamenti dell’alleanza per contrastare la Russia. Il numero di truppe NATO a disposizione di Cavoli in caso di crisi è aumentato di circa il 700% nell’ultimo anno. Ma la trasformazione della prontezza di combattimento non sembra essere stata accompagnata a livello strategico, quando si tratta di garantire che le potenze nucleari non fraintendano le reciproche intenzioni. Dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022, la retorica nucleare del Cremlino è diventata quasi di routine e probabilmente più provocatoria che durante la Guerra Fredda. Cavoli, che parla correntemente il russo ed è un ufficiale di area straniera di formazione, ha detto che presso il suo quartier generale della NATO sono in corso sforzi per aggiornare alcune delle vecchie pratiche ai tempi moderni. Ma ci sono complicazioni. “Prima di tutto, stiamo cercando di ristabilirlo durante una guerra calda” condotta dalla Russia contro l’Ucraina, ha detto. A differenza della Guerra Fredda, il maggior peso della Cina la rende un fattore di gestione dell’escalation delle tensioni. “Non ci sono più solo due parti principali a determinare la questione”, ha detto Cavoli. “C’è la Cina sullo sfondo e il modo in cui tutto questo interagirà su una base a tre sarà una questione molto importante”. Durante la Guerra Fredda, Cavoli ha affermato che esisteva un “vocabolario molto fine e reciprocamente compreso” tra l’Occidente e l’Unione Sovietica. “Sapevamo come comunicare verbalmente e non verbalmente le nostre intenzioni in modo da dare prevedibilità all’altra parte, comprensione all’altra parte”, ha detto Cavoli. “E questo è stato uno degli elementi principali che abbiamo utilizzato per gestire l’escalation e per ottenere la deterrenza senza rischi significativi”. Altri fattori del passato che si sono rivelati efficaci sono stati i vari trattati nucleari, gli accordi e le ispezioni in loco che hanno contribuito a mantenere aperte le linee di comunicazione. “Abbiamo perso l’abitudine di utilizzare questi meccanismi di segnalazione e… collettivamente ci siamo allontanati da molti degli accordi e dei trattati che in precedenza ci davano la possibilità di farlo”, ha dichiarato. Qualsiasi spinta a migliorare il modo in cui gli Stati Uniti e la NATO comunicano con Mosca potrebbe essere messa in discussione dai continui sforzi dell’alleanza per rafforzare il suo fianco orientale con la Russia. Negli ultimi anni il Cremlino ha intensificato le critiche alla NATO e al crescente numero di forze dell’Alleanza posizionate in luoghi come gli Stati baltici e la Polonia, che ha definito una minaccia. Gli alleati hanno sostenuto che queste mosse sono difensive e sono arrivate solo in risposta all’aggressione della Russia in Ucraina. “Come possiamo procedere per fare tutto questo e ristabilire la nostra capacità di difesa collettiva senza essere minacciosi e senza ottenere accidentalmente l’effetto che non vogliamo?”. ha chiesto Cavoli. “Penso che il primo passo sia descriverci apertamente come ciò che siamo: un’alleanza difensiva”. JOHN VANDIVER John si occupa delle attività militari statunitensi in Europa e in Africa. Con sede a Stoccarda, in Germania, ha lavorato in precedenza per giornali del New Jersey, della Carolina del Nord e del Maryland. Si è laureato all’Università del Delaware.

Read more at: https://www.stripes.com/theaters/europe/2024-04-09/cavoli-nato-russia-nuclear-13516988.html
Source – Stars and Stripes

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

SITREP 4/11/24: Zelensky sotto shock per i massicci attacchi alla più grande centrale elettrica di Kiev, di SIMPLICIUS THE THINKER

SITREP 4/11/24: Zelensky sotto shock per i massicci attacchi alla più grande centrale elettrica di Kiev

La giornata inizia con un massiccio attacco missilistico russo che ha spazzato via un’altra parte della restante capacità energetica ucraina. È ora confermato che la Russia sta colpendo proprio le sale delle turbine, causando danni di lunga durata, se non permanenti.

L’azienda energetica ucraina Centernergo ha dichiarato che è stato il giorno peggiore della sua storia, poiché la centrale termica di Trypil, nella regione di Kiev, è stata distrutta:

Ecco un prima e un dopo:

Gli apologeti del regime sono in fibrillazione per questo:

Sono stati colpiti anche l’impianto di Kharkov e diversi altri. Rapporto completo:

Attacco missilistico sul territorio dell’Ucraina l’11 aprile: i dettagli

I vettori missilistici 🔺Tu-95MS e le munizioni Geran-2 hanno colpito molti obiettivi, tra cui strutture militari e infrastrutture/energia.

Quali oggetti sono stati colpiti?

▪️Tripolye (regione di Kiev). Centrale termica di Trypilska.

▪️Kharkov, CHPP-3.

▪️Kharkov, stabilimento che porta il suo nome. Malysheva, officina n. 510 ed edificio n. 400.

▪️Chuguev (regione di Kharkov). Magazzino centrale di munizioni tecniche dell’unità militare A-2467.

▪️Kharkov, impianto Turboatom. Officina di fonderia ed edificio KEMZ.

▪️Stry (regione di Lviv), punto di raccolta del gas n. 2.

▪️Susk (regione di Rivne). 1448ª Base d’artiglieria centrale.

▪️Chervonograd (regione di Lviv). 72° battaglione separato di meccanizzazione delle Forze Armate ucraine.

▪️Chervonograd (regione di Lviv), sottostazione “Chervonograd-2” 110/35/6 kV.

▪️Odessa, sottostazione 330/110/10 kV “Usatovo”.

È degno di nota il fatto che durante gli attacchi alle strutture di produzione di energia elettrica, i testimoni oculari hanno registrato arrivi multipli, come nel caso del recente abbattimento della centrale idroelettrica del Dnieper. Indirettamente, ciò indica che le forze aerospaziali russe sono state incaricate di distruggere completamente o danneggiare gravemente TUTTI i grandi impianti di generazione non nucleare sul territorio dell’Ucraina.

Tenendo conto del fatto che gli attacchi al sistema energetico ucraino sono di natura sistemica (e alcune strutture, come il CHPP-3 e le sottostazioni di Odessa, sono state colpite non per la prima volta), l’effetto cumulativo di una forte carenza di produzione di elettricità potrebbe manifestarsi nel prossimo futuro.

È difficile stimare realmente quanto la situazione stia diventando catastrofica, perché ogni opinione degli “esperti” sembra differire e molti sono rimasti delusi dagli attacchi alla rete energetica dello scorso anno. Tuttavia, una cosa che si può dire oggettivamente è che la Russia ha colpito in modo evidente le sale macchine, come abbiamo visto in un video reale della stazione idroelettrica HES di Dnipro. Nella nota di Centernergo sopra riportata, si ammette anche un “grande incendio” nell'”officina delle turbine”.

A proposito, per coloro che si chiedono perché la Russia non abbia iniziato una campagna così devastante in inverno, ecco cosa Putin avrebbe detto a Lukashenko durante la loro riunione di oggi:

La Russia non ha colpito il settore energetico ucraino in inverno per motivi umanitari – Vladimir Putin

Vladimir Putin, durante un incontro con Lukashenko, ha dichiarato che la Russia è stata costretta a rispondere alla serie di attacchi ucraini al settore energetico. Il nostro Paese non ha effettuato tali attacchi in inverno per motivi umanitari, per non lasciare ospedali e scuole senza elettricità.

Se solo Netanyahu avesse lo 0,01% della compassione.

Ora che le cose si stanno scaldando in questo modo, l’Ucraina è in fibrillazione per i sistemi Patriot:

In effetti, Roepcke della Bild sembra affermare che l’Ucraina abbia completamente esaurito i missili AD di punta :

Aggiornamento:

Purtroppo, ecco la risposta della tedesca Annalena Baerbock:

Se volete capire quanto sia davvero disperata la situazione, date un’occhiata a questo sproloquio del pazzoide dell’UE Guy Verhofstadt:

Durante tutti questi appelli urgenti per l’invio di nuovi Patriot, qualcuno si è preoccupato di chiedere dove sono finiti i in precedenza Patriot consegnati? Ci è stato detto che erano completamente intatti dopo aver fermato tutti quei Kinzhal. Sembra che forse non fosse del tutto esatto.

Nel frattempo, il MOD russo ha pubblicato un altro video di un nuovo S-300 ucraino che viene abbattuto da quello che probabilmente è un Iskander o un Tornado-S vicino a Odessa:

Ma è qui che la situazione si fa interessante. Ciò che è iniziato come una semplice voce improbabile settimane fa sta lentamente iniziando a trasformarsi in un filo conduttore di qualcosa che sta accadendo nella direzione di Kharkov. I miei lettori sanno che sono molto aperto e onesto su queste cose: quando qualcosa sembra speculativo e basato solo su “voci”, lo dico prontamente, perché odio i clickbait e le voci senza fondamento proprio come voi.

Ma quando si raggiunge una certa massa critica di voci e informazioni, a volte le nostre orecchie si drizzano e siamo costretti a prestare attenzione. Kharkov è un punto particolarmente dolente da questo punto di vista, solo perché per tanto tempo abbiamo sentito voci su tutte le possibili offensive delle “grandi frecce” che potrebbero scendere da nord. Tuttavia, dobbiamo oggettivamente ammettere che la Russia non ha mai attaccato le infrastrutture energetiche ucraine con tanto impegno come sta facendo ora.

Quindi, per ravvivare la tavola, ecco che il capo dell’amministrazione di Kharkov annuncia di aver preso la decisione di evacuare quasi 50 insediamenti e villaggi nella regione di Kharkov nord, vicino al confine con la Russia:

Ricordate il thread parallelo che ho seguito qui, con molti cittadini che hanno iniziato a fuggire lentamente da Kharkov, percependo ciò che potrebbe essere in arrivo. Ricordate anche le mie informazioni personali sul campo, di cui ho scritto diverse settimane fa, che dicevano che i villaggi russi al confine con Sumy venivano tranquillamente evacuati, e che le autorità russe offrivano ai residenti denaro per andarsene entro due mesi.

L’ex generale russo e attuale membro della Duma ha commentato proprio questo:

L’opinionista ucraino Max Feigin ha persino dichiarato in diretta che Kharkov rischia di essere evacuata e sembra che i servizi comunali stiano già rimuovendo i documenti segreti – se ho capito bene – per evitare che cadano nelle mani dei russi in caso di caduta di Kharkov:

Anche Josep Borrell sembrava segnalare l’imminenza di qualcosa di grosso:

Ma la notizia più illuminante è arrivata dall’ultimo articolo dell’Economist dedicato a Kharkov:

Innanzitutto, vorrei ricordare che l’articolo inizia con questa citazione abbastanza tematica che mostra la natura di ciò che la Russia sta affrontando:

Mentre descrivono l’enorme aumento degli attacchi alla “seconda città” dell’Ucraina, fanno la prima ammissione degna di nota: la Russia potrebbe cercare di forzare effettivamente l’evacuazione della città, come riferito da “fonti militari” di Kiev:

L’escalation ha fatto sì che fonti militari di Kiev suggerissero che la Russia ha deciso di rendere la città una “zona grigia”, inabitabile per i civili.

Questo è importante perché tutte le anticipazioni che ho menzionato in precedenza sembrano dipingere il quadro di una campagna crescente per spegnere la città e ripulirla dai civili in vista di un potenziale attacco di terra su larga scala di qualche tipo.

Sembrano inoltre ammettere che la Russia ha distrutto i sistemi Patriot a guardia di Kharkov:

Ma poi arriva il grande appuntamento che ho preparato:

Quindi: secondo loro la Russia si sta preparando per una “grande offensiva estiva” e sta addestrando un massiccio esercito da campo a due corpi di sei divisioni nella “Siberia orientale”, secondo un alto funzionario ucraino.

Questo è estremamente interessante perché ci fornisce le prime potenziali informazioni su cosa potrebbero fare alcuni dei nuovi corpi d’armata di Shoigu. Ma la cosa più importante, e che ai più sfuggirà di questa notizia, è la seguente:

Il numero di 120 mila uomini corrisponde quasi esattamente al numero di truppe che la Russia ha indicato per ogni settore o fronte. Ad esempio, il teatro di Kupyansk-Kremennaya è stato indicato con circa 120-150 mila uomini. Anche il teatro di Zaporozhye avrebbe avuto all’incirca quella cifra; e poi anche il Donetsk. La maggior parte di queste informazioni sono state raccolte da varie fonti, come le fughe di notizie del Pentagono, che hanno fornito le disposizioni delle truppe russe. Ma a titolo di esempio, ecco un vecchio grafico non aggiornato che mi è capitato di trovare nella mia collezione per dare un’idea approssimativa:

Si può vedere il teatro di Kupyansk con ~130k, il gruppo centrale con 50k + 60k, e Zaporozhye con 50k che in seguito è cresciuto fino a diventare molto di più, senza contare il raggruppamento della vicina regione di Kherson.

Il punto è che questo numero corrisponde grosso modo a quello che la Russia ha utilizzato per un intero fronte o settore principale. Quindi se dobbiamo assumere, ipoteticamente, che questa potenziale nuova struttura di 120.000 uomini sia addestrata come un unico gruppo coeso – un’ipotesi basata sul fatto che, secondo quanto riferito, si stanno addestrando insieme nella stessa regione – sotto un unico comando, ergo possiamo fare l’estensione logica che questo raggruppamento è destinato a un nuovo teatro. E quale nuovo fronte o teatro potrebbe essere aperto con un raggruppamento così grande? Non c’è spazio da nessuna parte per iniettare un tale gruppo se non nel nord.

Certo, si tratta di ipotesi molto preliminari. Nessuno sa ancora nulla: il raggruppamento potrebbe benissimo essere inteso come riserva per sostituire e ruotare gli uomini lungo il fronte, oppure il “rapporto” dell’Economist potrebbe essere del tutto falso. Ci sono state altre voci secondo cui la Russia intendeva iniettare un’enorme quantità di nuovi uomini nel fronte di Zaporozhye e spingere lì una nuova grande offensiva. Ma mi sembra davvero una “coincidenza” e i miei sospetti personali sono rivolti a una potenziale direzione di Kharkov.

Tuttavia, una cosa da dire è che anche se ciò dovesse accadere, non mi aspetto necessariamente che accada a breve, o addirittura necessariamente quest’anno. Oggi vediamo che la Russia si muove in modo abbastanza metodico al proprio ritmo. L’imminente “offensiva estiva” potrebbe benissimo essere un aumento del ritmo delle azioni lungo il fronte attuale, e il fantomatico gruppo di 120.000 uomini potrebbe essere destinato ad aprire il teatro di Kharkov per l’inverno o addirittura la primavera dell’anno prossimo, per esempio. Dopotutto, una cosa da ricordare è che ci vuole fino a un anno per addestrare correttamente una nuova recluta. Non si sa quale sia il livello di addestramento di tutti questi arruolamenti, che sono arrivati nell’ultimo anno a un ritmo di ~30k al mese. Molti di loro potrebbero rimanere in addestramento per molto tempo prima di poter entrare in azione.

E nel caso in cui qualcuno lo chieda: Ho parlato a lungo del nuovo esercito di Shoigu, composto da 500.000 uomini e destinato ad essere una riserva contro un potenziale attacco della NATO. Ma hanno già raccolto tutti i 500.000 uomini e non hanno ancora smesso di reclutarli. Ciò significa che solo quest’anno ne hanno già reclutati altri 50.000 – come da ultimo comunicato da Medvedev e Shoigu alcune settimane fa – e quindi, potenzialmente, prelevare 120.000 uomini dalle riserve per le azioni SMO non sarebbe una grande riduzione, dato che, con 30.000 uomini al mese, in pochi mesi possono già ricostituire il totale.

La Russia sembra sapere qualcosa: ecco l’ultima dichiarazione del rappresentante ONU Nebenzya alla commissione:

“Molto presto, l’unico argomento di qualsiasi incontro internazionale sull’Ucraina sarà la resa incondizionata del regime di Kiev, consiglio a tutti voi di prepararvi a questo” – Nebenzya

Alcuni altri interessanti elementi adiacenti:

I membri del Congresso americano hanno ammesso che gli Stati Uniti hanno speso ben 300 miliardi di dollari per l’Ucraina dal 2014:

Anche il resto dello scambio è affascinante, in particolare l’ammissione di 12 basi della CIA in Ucraina.

E a proposito di buffonate del Congresso, si è scatenato un grande putiferio nel commentario ucraino dopo che l’amministrazione di Biden ha finalmente rivelato in modo definitivo che, a quanto pare, non appoggia l’Ucraina a colpire le infrastrutture petrolifere e del gas della Russia per il timore di influire sui “mercati energetici globali”:

È chiaro che questo non è corretto o è stato frainteso. Ho già spiegato come colpire le raffinerie russe non influisca realmente sul petrolio globale, poiché le raffinerie lavorano per raffinare la benzina per l’uso interno della Russia. Il vero motivo per cui l’amministrazione di Biden è preoccupata per i mercati “globali” è la minaccia implicita di ritorsioni da parte della Russia. Ci sono ovviamente degli accordi dietro le quinte in cui la Russia ha chiarito il suo regime di escalation nel caso in cui l’Ucraina fosse aiutata dalla NATO a colpire alcune strutture critiche della “linea rossa”.

Tali misure di escalation potrebbero essere la minaccia della Russia di colpire strutture nei Paesi della NATO, ad esempio, come misura di ritorsione, soprattutto se si considera che i droni britannici vengono ora utilizzati per alcune di queste incursioni. Oppure ci possono essere mezzi più asimmetrici con cui la Russia ha espresso le sue minacce, come fornire vari “aiuti” all’Iran e ai suoi proxy per aumentare la pressione sull’attuale situazione del Mar Rosso. Esiste una varietà di metodi a disposizione della Russia per fornire all’Iran e agli Houthi qualsiasi cosa, dagli armamenti alle informazioni e ai dati di puntamento satellitare, che potrebbero rendere le cose estremamente dolorose per gli Stati Uniti e che sicuramente porterebbero a una destabilizzazione dei “mercati globali”.

Questo è, come sempre, l’ambito che l’opinionismo pro-USA semplicemente non comprende, perché richiede una sottile comprensione della danza delle ombre della realpolitik dietro le quinte, che è sempre il vero motore degli eventi. Ho spiegato molte volte che in Ucraina esiste un delicato equilibrio di “intese” tra Russia e Occidente. Ognuno ha le sue linee rosse, e in articoli precedenti ho anche fornito la prova, tramite le ammissioni della CIA, che questo è il caso:

Sotto il radar: Importanti rivelazioni della CIA svelano accordi e confini segreti in Ucraina

Under the Radar: Major CIA Revelations Expose Secret Agreements and Boundaries in Ukraine

Lo scorso luglio, uno degli articoli più significativi dell’intera guerra ucraina è passato sotto silenzio. L’ho avuto sulla mia scheda per settimane, ma non sono mai riuscito a inserire le informazioni. È così illuminante, e sfata così tante narrazioni occidentali, che ho pensato che meritasse un articolo tutto suo; soprattutto perché è passato così sotto silenzio…

A proposito, come ultimo punto, questo scambio sull’argomento è stato notevole per dimostrare quanto gli Stati Uniti siano realmente coinvolti nel conflitto “per procura”. Ascoltate solo gli ultimi secondi in cui il deputato dice letteralmente “we dovremmo distruggere [le infrastrutture russe per il petrolio e il gas]”:

Noi, signor deputato? Sono gli Stati Uniti in guerra o è solo un lapsus della vecchia lingua biforcuta?

E a proposito di congressi corrotti, secondo quanto riferito, quello ucraino ha finalmente approvato una legge di mobilitazione rinnovata con grande furore e stridore di denti:

Tuttavia, per essere approvato completamente, necessita ancora della ratifica di Zelensky.

C’è stato un tale tumulto e una tale controversia che ci vorrebbe un articolo a parte per elencarli tutti. Ma il punto più spinoso riguarda la rimozione di una disposizione che permetteva ai militari ucraini di essere smobilitati dopo 3 anni di combattimenti. Ora, a quanto pare, la mobilitazione è “permanente”, cioè fino alla morte.

Poi c’è stato un video postato da uno dei rappresentanti della Rada che ha mostrato che solo 40 membri circa hanno partecipato, su un quorum di oltre 400

:

❗️Breaking notizie dalla Casa dei matti 404🚨

⚡️The La Verkhovna Rada adotta la legge più anti-popolare e criminale della storia dell’Ucraina. Dei 450 deputati del popolo richiesti, nella Rada ci sono circa 45 persone.

⚡️But la cosa più interessante è che questo non impedisce loro di fare gli emendamenti necessari per conservare i loro seggi.

Non so bene cosa pensare, se non ricordarvi le numerose segnalazioni che ho fatto in passato su come la Rada si sia deteriorata, con “voci” che sostengono che si sia trasformata in un caos totale, con molti membri che hanno tentato di fuggire dal Paese e non partecipano più alle sessioni. Questa sembra una delle prime conferme visive di ciò.

Nel frattempo le cose peggiorano:

E nessun oggetto ha generato un’ampiezza di chiacchiere superiore a quella delle bombe a collisione russe, che stanno diventando un problema assolutamente insormontabile per l’AFU:

Così come il Lancet è stato la star dell’anno scorso, ora sembra che la bomba a planare si sia spostata sotto i riflettori. Il motivo è semplice: L’Ucraina non usa quasi più blindati o veicoli, dato che si è rintanata e si è messa completamente sulla difensiva. Pertanto, al momento non c’è molto da fare per i Lancet. Ma le bombe glide sono proprio il rimedio per la posizione difensiva e di trincea dell’Ucraina, in quanto fanno a pezzi le trincee e le spaccano anche con impatti non diretti. E dato l’esaurimento della difesa aerea in prima linea dell’Ucraina, i cacciabombardieri russi sono in grado di operare in piena impunità, lanciando le bombe-glide in ogni momento e in ogni direzione.

L’ho scritto su X, ma lo ripeto qui come punto finale. Ora che la Russia sta producendo in massa bombe a effetto radente, non c’è quasi più modo per l’Ucraina di tenere il terreno. Solo in luoghi come Avdeevka, con enormi sotterranee strutture fortificate , sono stati in grado di resistere all’assalto. Ma quasi ovunque sia rimasto, come ad esempio a Chasov-Yar, le bombe glide distruggeranno le fortificazioni e le trincee in superficie, accartocciandole anche a distanza. Gli ucraini hanno riferito che la Fab-500 strappa le porte dai cardini a 1 km di distanza. Non c’è modo di tenere le trincee quando i Fab iniziano ad arrivarci sopra. Al momento in cui scriviamo, si dice che sia un massiccio in corsoassalto Kab/Fab a Chasov Yar. Ecco come appare sopra la città:

Un resoconto militare ucraino è “scioccato” dalla velocità con cui le forze russe stanno avanzando a Chasov Yar, e si dice persino che la Brigata Azov abbia nuovamente “rifiutato” l’ordine di combattere lì:

E un altro dalla 46ª Brigata AFU. Leggete con attenzione cosa fanno i Fabs delle bombe a collisione:

Il canale Rezident UA lo conferma:

#Inside
La nostra fonte nello Stato Maggiore ha detto che le Forze Armate non possono costruire una difesa adeguata contro le nuove tattiche di attacco russe. In tutte le direzioni, succede lo stesso, prima vengono sganciati 70-90 KAB sulle nostre posizioni, e poi arrivano piccoli gruppi d’assalto con postazioni di artiglieria, che con calma si dirigono verso le posizioni bruciate delle Forze Armate. L’unica possibilità di mantenere il fronte è quella di riempire le posizioni con i carri armati con due o tre sfoghi al giorno, ma questo metodo non fa altro che disperdere le nostre forze.

Beh, cos’altro possiamo dire?

Ultimi oggetti vari:

I robot terrestri UGV russi visti per la prima volta di recente operare all’assalto nei pressi di Berdychi sono stati finalmente mostrati più da vicino:

Il primo filmato dei test del Courier (“Курьер”) #UGV al campo di allenamento.

Questi droni sono già stati testati in operazioni di combattimento reali nell’area di Avdeevka (sono state utilizzate versioni con AGS-17 e mitragliatrici da 12,7 mm), mostrando buoni risultati pratici.

Per la prima volta sono state presentate le specifiche del prodotto, con l’utilizzo di un’ampia gamma di armi: AGS-17, AGS-30, RPO, RPG, ATGM, mitragliatrici da 12,7 mm, mine anticarro, sistemi EW. E la questione non si limita a questo.

Nel prossimo futuro, droni di questo tipo prenderanno il loro posto sul campo di battaglia, proprio come hanno fatto i droni aerei e marini sotto i nostri occhi.

Il progetto è sostenuto da Boris Rozhin e Chingis Dambiev.

L’ulteriore robotizzazione della guerra sembra inevitabile.

Per non parlare di una serie di altri già utilizzati sul campo:

Il prossimo:

Micron si è orgogliosamente vantato di una sorta di nuova “dinamica” che sta attraversando l’Europa e che lui ha avviato:

In realtà, alle sue spalle, i giornali francesi riportano il contrario. Da Le Monde:

A ciò ha fatto seguito l’affermazione dell’ex tenente colonnello britannico Glen Grant, secondo cui se la Francia invia truppe in Ucraina, allora anche il Regno Unito deve farlo, per evitare di diventare una “nazione perduta” (come se non lo fosse già):

Il povero Grant deve averlo dimenticato:

Nel frattempo:

Infine, per chi fosse interessato, ecco un nuovo illuminante episodio della famosa officina 130 di Uralvagonzavod, che ora produce in serie i carri armati T-90M “Proryv” (“Breakthrough”).

Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: Tip Jar

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Russia Ucraina, il conflitto 55a puntata Vita sotto le bombe a Donetsk Con M Bonelli, Olga M, Anna B

Da oltre dieci anni la città di Donetsk è martoriata dalla guerra e dalle bombe. Ha conosciuto tutte le fasi della guerra civile e del confronto militare tra NATO e Russia, sino alle pratiche terroristiche che stanno sempre più caratterizzando le azioni militari ucraine man mano che il fronte si allontana dalla città. Inizialmente l’obbiettivo del regime ucraino, nel suo particolare nazionalismo etnico e nazistoide, era quello di svuotare quel territorio dalla popolazione russa; adesso a motivare quegli atti è rimasto lo spirito di vendetta e la frustrazione. Sono i nuovi valori europei che stanno inquinando il clima delle nazioni europee. Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

https://rumble.com/v4okd9h-russia-ucraina-il-conflitto-55a-puntata-vita-sotto-le-bombe-a-donetsk-con-m.html

Edward Luttwak: E’ tempo di inviare truppe NATO, di SIMPLICIUS THE THINKER

Edward Luttwak: E’ tempo di inviare truppe NATO

La notizia di spicco del fine settimana è quella di Edward Luttwak, uno dei cosiddetti “principali teorici militari” dell’Occidente, che chiede apertamente l’intervento della NATO in Ucraina, per evitare che l’Occidente subisca una “sconfitta catastrofica “:

Luttwak è stato consulente dei presidenti e delle forze armate degli Stati Uniti e di altri eserciti mondiali. Ha anche prestato servizio nell’IDF, il che potrebbe spiegare il suo sfacciato machismo e la mancanza di preoccupazione per la moralità o la sicurezza globale. Molti nell’ambiente lo considerano una sorta di moderno Clausewitz, anche se sembra più che altro la versione militare dell’Alan Dershowitz del diritto costituzionale, cioè una mediocrità elevata a divinità per motivi razziali a causa del suo valore per la supremazia sionista.

Ma a dispetto di ciò che posso pensare di lui, il suo apprezzabile appello per la presenza di truppe NATO in Ucraina deve essere sottoposto alla tribuna dell’analisi, se non altro per la sua influenza nei centri politici e nei meccanismi di controllo di Washington che potrebbero rendere possibile una tale mossa. In un precedente articolo dello Spectator si legge: “Quando Edward Luttwak parla, i leader mondiali lo ascoltano – e ora devono considerare di ascoltare i suoi consigli sull’Ucraina”. E quindi anche noi dobbiamo ascoltare.

Ma più importante della citazione che ha fatto parlare di sé è l’affermazione di Luttwak secondo cui i Paesi della NATO sono già nelle prime fasi di pianificazione di vari tipi di contingenti da inviare in Ucraina:

L’aritmetica di questa situazione è ineluttabile: I Paesi della Nato dovranno presto inviare soldati in Ucraina, altrimenti accetteranno una sconfitta catastrofica. Gran Bretagna e Francia, insieme ai Paesi nordici, si stanno già preparando in sordina a inviare truppe – sia piccole unità d’élite che personale logistico e di supporto – che possano rimanere lontano dal fronte. Questi ultimi potrebbero svolgere un ruolo essenziale liberando le loro controparti ucraine per riqualificarle in ruoli di combattimento. Le unità Nato potrebbero anche alleggerire gli ucraini attualmente impegnati nel recupero e nella riparazione di equipaggiamenti danneggiati e potrebbero assumere le parti tecniche dei programmi di addestramento esistenti per le nuove reclute. Questi soldati Nato potrebbero non vedere mai il combattimento – ma non devono farlo per aiutare l’Ucraina a sfruttare al meglio la sua scarsa forza lavoro.

È interessante notare che egli inquadra tutto intorno all’urgenza di un imminente attacco cinese a Taiwan, il che dimostra ulteriormente le sue scarse capacità analitiche. Questo frammento di un precedente articolo su Luttwak dice tutto quello che c’è da sapere su di lui:

In ogni caso, alla luce delle sue dichiarazioni sui membri della NATO che preparano contingenti per l’Ucraina, abbiamo quanto segue da Stephen Bryen:

Scrive che le truppe statunitensi e rumene si trovano attualmente in Moldavia per un addestramento congiunto di scambio di comandi ed estrapola la teoria secondo cui la Moldavia viene preparata come area di sosta per prendere potenzialmente Odessa in futuro. Questo avviene dopo che ieri un altro drone ha attaccato un’installazione radar in Pridnestrovie.

Per non parlare di questa voce:

L’altro giorno, nei commenti, avevo accennato alle voci secondo cui la Russia starebbe preparando una campagna per quest’estate, utilizzando per la prima volta i Su-34 per lanciare attacchi di massa con bombe alogene UMPK sulle regioni di Odessa e Ochakov dal Mar Nero. Si tratta di un’indiscrezione interessante alla luce di questi sviluppi, perché porta a chiedersi se sia la Russia ad alzare la posta in gioco dopo gli ultimi segnali di crescente insoddisfazione della NATO per Odessa o se, viceversa, la NATO si stia innervosendo proprio perché si rende conto che la Russia è pronta ad aumentare la pressione su Odessa.

Due giorni fa il ministro degli Esteri polacco Sikorski ha dichiarato che la NATO avrebbe istituito una “missione” ufficiale in Ucraina:

Il che, a suo dire, non significa necessariamente che intendano inviare truppe, ma piuttosto che possono iniziare a coordinarsi ufficialmente tra loro come alleanza per aiutare l’Ucraina – o almeno così dice.

Pochi giorni prima del pezzo di Luttwak, Unherd ha pubblicato quest’altra perla:

L’articolo nasconde subdolamente la richiesta che la NATO assuma il controllo di tutto ciò che si trova a ovest del fiume Dnieper, mascherandola con la semplice fornitura di copertura aerea. L’autore pensa che la NATO dovrebbe difendere tutte le città ucraine a ovest del Dnieper con vere e proprie truppe NATO e sistemi di difesa aerea. L’autore sostiene che questo non rappresenta una grande minaccia per la Russia, in quanto si limiterebbero ad abbattere i missili e i sistemi senza pilota russi, senza uccidere i piloti russi, che non si allontanano oltre il Dnieper.

Per molti versi, tutti questi recenti appelli sembrano essere tentativi mascherati – in una forma o nell’altra – di far galleggiare il pallone di prova della divisione dell’Ucraina. Perché lo fanno in questo modo? Perché apertamente pronunciare la parola “spartizione” sarebbe un colpo devastante e demoralizzante per l’Ucraina e verrebbe subito respinto da Zelensky e soci. Ma per far passare l’idea in modo sottile e diplomatico, l’hanno vestita come un atto eroico di lealtà e fedeltà, mentre in realtà si sentono i borbottii dei colloqui che stanno crescendo di recente sull’inevitabilità della divisione come unica soluzione realistica.

Ricordo che avevo già riferito che, ancora una volta, un nuovo vertice della NATO quest’estate mira a far penzolare l’adesione davanti a Zelensky – proprio come hanno fatto l’estate scorsa – e questa volta si vocifera che verranno fatti “accenni” sempre più pesanti alla separazione dell’Ucraina in cambio di tali promesse. Quando Macron ha ventilato per la prima volta l’ipotesi di un dispiegamento francese, abbiamo scritto che una parte del ragionamento potrebbe essere quella di mettere in sicurezza il Dnieper per imporre a un Putin recalcitrante una spartizione della DMZ in stile coreano. In un certo senso, sarebbe una perfetta “vittoria” per la NATO, che potrebbe vendere il fatto di aver fermato Putin sulle sue tracce senza sparare un colpo.

Questo filo conduttore si inserisce in ciò che ho scritto l’ultima volta a proposito della presunta “sorpresa di ottobre”, in cui l’Ucraina potrebbe dichiarare i suoi nuovi confini senza il Donbass. Sembra che molti movimenti si stiano dirigendo verso questo tentativo, sostenuto dalla NATO, di costringere la Russia a una DMZ. Quando accadrebbe? Precisamente quando le forze russe inizieranno a “sfondare” le linee ucraine in forze, presumibilmente se e quando la Russia lancerà le offensive molto più pesanti che tutti si aspettano tra qualche mese.

Ma ciò che è importante notare è che nessun Paese vuole essere lasciato solo a subire il peso della rappresaglia dell’Orso, e nemmeno due o tre insieme. Ciò significa che un’azione di questo tipo si verificherebbe probabilmente solo se si formasse una coalizione di fifoni, e le probabilità che ciò accada non sono molte.

A questo proposito, Luttwak conclude il suo stesso articolo precedente con la seguente ammissione acquosa:

Quindi, gli Stati Uniti potrebbero fornire un massimo di 40.000 truppe – ricordiamo che la maggior parte del 101° di stanza in Romania è già stata trasferita in Giordania l’anno scorso. Luttwak concorda sul fatto che per far funzionare questo piano occorrerebbe la maggior parte dei principali paesi della NATO, che hanno già segnalato il loro no. Tutti insieme, questi Paesi potrebbero fornire al massimo 150-250 mila truppe, e questo è un dato ottimistico. Nel frattempo, la Russia ha già un intero esercito fresco di 500.000 uomini, allevato da Shoigu, che è stato creato proprio per contrastare le nuove minacce della NATO, come ho riferito tempo fa. Per non parlare di altre centinaia di migliaia di truppe di riserva, comprese le forze di leva e la guardia nazionale, che la Russia potrebbe mettere in campo se la situazione dovesse peggiorare.

A questo proposito, c’è un breve argomento che volevo trattare e chiarire. Quando Macron ha dato il via alla sua performance indecorosa, il ragionamento che ha usato per giustificare la spavalderia dell’invio di truppe contro la Russia è stato che “la Francia è una potenza nucleare” e quindi non ha nulla di cui preoccuparsi da parte della Russia. A questo sono seguite molte risposte di incoraggiamento da parte dei francesi sui social media, che hanno sottolineato l’impressionante quarto posto della Francia tra le potenze nucleari mondiali, dopo Russia, Stati Uniti e Cina. La Francia ha circa 300 armi nucleari che, a loro dire, sono sufficienti a “distruggere la Russia”, ma non il mondo intero.

C’è un grande equivoco che i non addetti ai lavori hanno sulle armi nucleari. 300 missili sembrano tanti, perché la maggior parte delle persone pensa che si tratti di 300 missili singoli. In realtà, l’armamento nucleare della Francia non è così impressionante come sembra.

Negli anni ’70 e ’80, la Francia ha eliminato completamente la componente terrestre della sua triade nucleare, ossia i missili intercontinentali silo. Ora ha solo una componente balistica sottomarina e una limitata componente aerea, di cui non vale nemmeno la pena parlare, in quanto si tratta di una piccola quantità di missili da crociera nucleari ASMP-A, con gittata limitata (~300 km), lanciati da jet Dassault Rafale. È molto improbabile che un jet di questo tipo possa anche solo avvicinarsi alle difese aeree russe, e ancor meno che possa colpire città o siti importanti della Russia con un missile di così breve gittata, quindi questo rappresenta una minaccia molto limitata al di là del fronte tattico, e può essere scartato ai fini di questa discussione.

L’unica minaccia moderata della Francia è quindi rappresentata dai suoi sottomarini con missili balistici. Ne ha un totale di 4, e solo uno è solitamente attivo in qualsiasi momento. Questi sottomarini hanno ciascuno 16 missili nucleari M51, simili ai Trident statunitensi. Ognuno di questi missili può trasportare fino a 10 testate MIRV, anche se si dice che il carico normale sia di 6 testate. Questa è l’intera capacità nucleare francese: 4 sottomarini con 16 missili ciascuno = 64 missili totali. E ognuno di questi missili con circa 6 testate nucleari indipendenti, per un totale di 290 testate navali elencate (il che significa che alcune imbarcazioni hanno meno missili/testate).

Ergo: l’unica minaccia nucleare che la Francia può rappresentare per la Russia risiede interamente in 4 battelli missilistici di vecchia generazione, ognuno dei quali può lanciare 16 missili. In uno scenario di guerra nucleare, o in uno scenario in cui la Russia sospetti che la Francia stia per attaccare, dobbiamo tenere in considerazione la possibilità, non nulla, che la Russia segua i sottomarini francesi con i propri sottomarini d’attacco hunter-killer e possa eliminarli prima ancora che lancino i loro missili. Naturalmente, i sottomarini a missili balistici sono progettati secondo la filosofia della furtività e dell’elusione dei predatori, ma 1) le capacità sottomarine della Russia non possono essere sottovalutate e 2) la Russia ha circa 35 sottomarini d’attacco contro i 4 boomers della Francia: le probabilità sono fortemente a sfavore di questi 4 sottomarini.

Quello che voglio dire è che c’è la possibilità che in un simile scenario Macron non riesca a lanciare nemmeno un missile, o forse solo il 25-75% dei suoi missili, perché i suoi sottomarini verrebbero eliminati prima ancora di essere pronti a partire.

Ma supponiamo, per amor di discussione, che i sottomarini siano in grado di lanciare la maggior parte dei loro missili. Sia la Russia che gli Stati Uniti hanno i cosiddetti intercettori di media gittata. Si tratta di missili intercettori che hanno lo scopo di abbattere i missili balistici nella fase di spinta o a metà percorso, anche prima che possano scaricare le loro testate MIRV, cosa che di solito avviene nella fase finale a metà percorso o nella fase terminale.

Della famiglia Almaz Antey, la Russia ha un contingente del nuovo S-500 Prometheus, oltre alle famiglie S-300VM e -P e alle varianti dell’S-400 destinate ai missili balistici; la Russia sostiene che l’S-500, in particolare, è in grado di abbattere i missili balistici intercontinentali anche nella prima fase di spinta a metà percorso.

Ma la vera sorpresa finale è il vero sistema di difesa missilistica strategica della Russia: l’A-135 e l’A-235, chiamato anche NudolL’A-135 è stato specificamente progettato per abbattere i missili intercontinentali nucleari, piuttosto che essere un sistema di difesa universale come gli S-400/500. Ma è un sistema di ripiego finale, perché i missili A-135, che si chiamano 53T6, sono a loro volta nucleari. Ma sono bombe a neutroni invece che bombe atomiche a fissione. Si alzano con un’accelerazione impressionante da 0 a Mach ~10 (alcune fonti, come Wiki, parlano di Mach 17, ma credo che 10 sia più realistico, come da fonti interne russe) in soli 3-4 secondi, con un peso di 200 grammi. Una volta raggiunta l’altitudine di oltre 80 km in cui si stanno avvicinando i missili nucleari ICBM o le testate MIRV, la bomba al neutrone esplode, causando essenzialmente l’inertizzazione degli RV (veicoli di rientro) nucleari del nemico disinnescandoli chimicamente :

Chi fosse interessato a maggiori informazioni sul funzionamento della testata AA-84 “bomba al neutrone” può trovare maggiori informazioni qui.

Come funziona il sistema nel suo complesso? L’A-135 riceve informazioni di tracciamento dai più potenti e diffusi radar russi del sistema di allerta precoce dei missili, che sono posizionati in tutto il Paese – e nello spazio, sotto forma di satelliti – e sono collegati in rete con l’A-135, oltre che con gli intercettori S-500/400:

Tra questi, enormi schiere come queste, in grado di rilevare lanci di missili a migliaia di chilometri di distanza:

missiliA-135 hanno 5 siti di lancio principali, ciascuno con circa 12-16 silos di missili, per un totale di 68 missili:

Ci sono almeno 68 lanciatori attivi di missili intercettori nucleari a corto raggio 53T6 endoatmosferici, 12 o 16 missili ciascuno, dislocati in cinque siti di lancio. Questi vengono testati circa ogni anno presso il sito di prova di Sary Shagan. Inoltre, 16 lanciatori in pensione di missili intercettori nucleari a lungo raggio 51T6 esoatmosferici, 8 missili ciascuno, si trovano in due siti di lancio.

Tra l’altro, la Russia ne aveva molti di più, circa 21 siti totali invece di 5, ma la componente di missili a più lunga gittata 51T6 del sistema A-135 è stata smantellata negli anni 2000. In futuro, tuttavia, è probabile che la Russia torni a espandersi con i nuovi sistemi in cantiere, anche se la quantità attuale è comunque molto superiore a quella degli Stati Uniti, che hanno un totale di 44 intercettori.

Quindi, la Russia dispone di 68 intercettori strategici armati con armi nucleari (bombe al neutrone), ognuno dei quali può abbattere non solo un ICBM, ma anche decine di testate MIRV, se sono già state rilasciate. Senza entrare troppo nei dettagli, perché ci sono differenze tra MIRV (Multiple Independently Targetable Reentry Vehicles) e MRV (Multiple Reentry Vehicles), ma il succo è che i missili 53T6 del sistema A-135 hanno ovviamente un ampio raggio d’azione quando la loro testata nucleare esplode. A seconda che il missile nemico sia un MIRV o un MRV, e quando i MIRV sono stati rilasciati, è possibile che un singolo 53T6 possa colpire più veicoli di rientro indipendenti, se non tutti, dato che l’esplosione ad effetto neutronico del 53T6 “irradia” un’ampia area nella zona endoatmosferica. I MIRV non si separano così ampiamente come si pensa: ecco una foto in timelapse di un test MIRV Peacemaker degli Stati Uniti che ne illustra diversi che scendono a chilometri di distanza:

Ciò significa che un singolo 53T6 russo può potenzialmente eliminare tutti i 6-10 MIRV di un missile SLBM francese M51.

Se tutti e 4 i sottomarini balistici francesi lanciano i loro SLBM, avremo 4 x 16 = 64 missili totali. L’A-135 russo ha 68 intercettori, ognuno dei quali può potenzialmente abbattere più oggetti, se non sono lontani l’uno dall’altro. Questo è ovviamente supportato da molti altri sistemi russi, come l’S-500, che si occuperà delle questioni in sospeso. Se la Russia riesce a individuare per tempo i lanci, il sistema A-135 iper-accelerato può potenzialmente abbattere tutti gli SLBM francesi prima ancora che abbiano disperso i loro MIRV nella fase finale di discesa.

Se alcuni MIRV vengono rilasciati, è molto probabile che l’effetto neutronico li uccida se sono relativamente vicini, il che è molto probabile nella fase iniziale, prima che si disperdano verso obiettivi individuali più ampi. Alcuni potrebbero passare, ma solo se: 1) gli A-135 russi non avessero abbattuto i missili in fase intermedia prima ancora che aprissero i MIRV e 2) se i sottomarini d’attacco russi non avessero abbattuto almeno uno o due dei sottomarini francesi, limitando enormemente la saturazione dell’attacco.

In conclusione: dato che l’intero arsenale nucleare francese risiede in appena 4 miseri sottomarini balistici, e dato che questi sottomarini possono sparare 64 missili in totale, che contengono virtualmente l’intero arsenale nucleare francese utilizzabile; e considerando inoltre che il sistema russo A-135 ha da solo 68 missili, sostenuti da altre centinaia di ridondanze secondarie come l’S-500 e le varianti speciali ABM dell’S-300/400, nonché forse alcune versioni esistenti dell’A-235 Nudol, destinato a sostituire il sistema A-135; tutto questo dà in definitiva una probabilità abbastanza elevata che la Russia possa in gran parte fermare o smorzare un attacco nucleare francese di primo impatto.

Certamente, la Francia non sarebbe in grado di “distruggere tutta la Russia”, nemmeno lontanamente. Anche se gli A-135 neutralizzassero il 75% dei MIRV, con alcuni che riuscirebbero a passare – e gli S-500 a ripulire alcuni dei rimanenti – ma anche se alcuni MIRV francesi TN-75 riuscissero a passare, ognuno di essi ha una potenza di 100 kilotoni; e anche se ciò provocherebbe un discreto numero di danni, non è abbastanza per distruggere intere grandi città, per non parlare dell’intero paese. La Francia, ovviamente, cesserebbe di esistere, mentre la Russia subirebbe relativamente danni minori. Naturalmente, nessun danno nucleare è “minore” nel senso classico del termine, ma rispetto al fatto che l’avversario cessi letteralmente di esistere come civiltà, sarebbe relativamente insignificante.

Non dimentichiamo che alcuni test di missili SLBM M51 della Francia sono falliti in passato, e che la NATO in generale sta arretrando notevolmente in questo senso: ricordiamo il recente fallimento dei missili delle fregate tedesche del mese scorso. Quindi, anche se i sottomarini d’attacco russi non trovassero per primi i boomers francesi, non c’è alcuna garanzia che gli SLBM riescano a uscire dai loro tubi decrepiti.

Tutto questo per dire che le spacconate di Macron non sono supportate da molta sostanza. La Francia è esattamente la dimensione della potenza nucleare che la Russia potrebbe affrontare abbastanza tranquillamente in uno scenario di scambio nucleare. La capacità di saturazione di massa degli Stati Uniti sarebbe per lo più inarrestabile, ma i 4 miseri sottomarini della Francia, il cui tasso di prontezza è altamente discutibile, con uno solo di essi attivo in qualsiasi momento? Non è una minaccia sufficiente a giustificare la scommessa di Macron.

In ogni caso, ricordiamo che nessuno di questi Paesi ha la capacità di sostentamento degli armamenti per un conflitto ad alta intensità e di lunga durata:

Per andare avanti, pubblicherò un paio di nuovi articoli senza alcun commento, solo per coloro che sono interessati, dato che per lo più ripropongono le stesse preoccupazioni attuali, ma i titoli almeno daranno un’idea continua dell’umore attuale:

C’è un’osservazione interessante nel secondo articolo di cui sopra, da cui ho tratto il grafico dei proiettili d’artiglieria. L’articolo sottolinea come l’Occidente non sia in grado di accendere l’abilità manifatturiera necessaria per competere con la Russia.

Una cosa che mi ha fatto capire è che la maggior parte delle persone sembra considerare il sostentamento dell’Ucraina con i proiettili da 155 mm come una sorta di “dato di fatto”, anche se i tanto sbandierati finanziamenti statunitensi non si concretizzano. L’articolo cita come gli Stati Uniti producano attualmente 28.000 proiettili al mese anche a pieno regime, con un funzionamento 24 ore su 24 delle loro fabbriche. Tuttavia, ci sono piani per la presunta apertura di un’altra fabbrica – uno stabilimento della General Dynamics Ordnance a Garland, in Texas – che, a quanto mi risulta, è “bloccata” nello sviluppo con una “revisione ambientale” in sospeso, che probabilmente è un modo legale per qualcuno dell’amministrazione Biden di bloccarne l’apertura.

Ma anche se dovesse aprire e gli Stati Uniti ottenessero il previsto aumento a 80 o addirittura 100 mila gusci al mese nel corso del prossimo anno. Il prezzo attuale dei gusci sembra essere di circa 3000 dollari:

La cifra di 8489 dollari credo sia quanto Rheinmetall paga in Germania.

Quindi, anche l’attuale produzione di 28.000 proiettili al mese x 3000 dollari costa 84 milioni di dollari al mese, o 1 miliardo di dollari all’anno. 100.000 proiettili al mese a questo ritmo – e il prezzo potrebbe anche aumentare in futuro – costerebbero ben 300.000.000 di dollari al mese, e quasi 4 miliardi di dollari all’anno. Senza un consistente pacchetto di aiuti e continuativo, è semplicemente impossibile che gli Stati Uniti continuino a versare furtivamente 4 miliardi di dollari solo per i proiettili da 155 mm dell’Ucraina, senza contare gli innumerevoli altri armamenti di cui hanno bisogno quotidianamente. Questo è un aspetto che ho la sensazione che nessuno abbia preso in considerazione: semplicemente “si aspettano” che, qualunque cosa accada, l’Ucraina continuerà a ricevere i suoi proiettili di artiglieria di base, come minimo; ma chi ha detto che questo è scontato? Semplicemente, non esiste un meccanismo per cui 4 miliardi di dollari all’anno possano essere elargiti gratuitamente senza uno speciale accordo con il Congresso: dopotutto, l’autorità presidenziale di prelievo non esiste più.

Questo potrebbe spiegare alcune delle ragioni alla base del recente panico e dei discorsi sul dispiegamento della NATO.

La situazione dei finanziamenti continua comunque a sembrare disperata:

Come ultimo argomento:

Un altro punto di urgenza: ricordate tutti i discorsi sul riscaldamento di Kharkov. Ora anche l’eminenza grigia di Zelensky, Yermak, ammette la possibilità che le forze russe si muovano presto su Kharkov:

La cosa interessante è che hanno rapidamente ritirato la dichiarazione con una “correzione”, sostenendo che il portavoce di Yermak ha detto che le sue parole sono state male interpretate e che non intendeva dire che la Russia avrebbe lanciato un assalto di terra a Kharkov, ma piuttosto attacchi aerei. Tuttavia, sono scettico perché nelle dichiarazioni originali Yermak ha anche parlato di una nuova “mobilitazione” russa, che sarebbe in linea con l’ipotesi di un assalto di terra. Sospetto che si sia reso conto dopo il fatto che le sue parole avrebbero creato troppo “panico” e abbia deciso di ridimensionarle, anche se il ridimensionamento non ha senso se si considera che la Russia ha già scatenato attacchi di massa su Kharkov, compresi attacchi con missili da crociera sulle sue infrastrutture elettriche.

Ciò è rafforzato da un flusso continuo di video provenienti da Kharkov che mostrano i cittadini in fuga:

Ultimi oggetti vari:

Controllate le date di questo toccante prima e dopo:

Ecco il video del vicesegretario di Stato Kurt Campbell che rilascia la dichiarazione che ha dato origine al titolo qui sopra:

Nel corso degli ultimi due mesi abbiamo valutato che la Russia si è quasi completamente ricostituita militarmente”, ha dichiarato il vicesegretario di Stato Kurt Campbell durante un evento organizzato dal Center for a New American Security.

In realtà, si limitano a inventare qualsiasi valutazione che si adatti al modello di narrazione o all’agenda che è conveniente portare avanti. Quando l’agenda richiedeva la valorizzazione dell’Ucraina, hanno definito la Russia debole e “distrutta”. Ma ora che vedono che l’unico modo per fermare la Russia è quello di coinvolgere l’Europa unificata, caratterizzano la Russia non solo come totalmente “ricostruita”, ma addirittura – come si legge nella seconda parte della sua dichiarazione – come dotata di “capacità ritrovate ” che ora – sorpresa, sorpresa – sembrano rappresentare una minaccia per l’Europa anche!

Altri Bradley e altre attrezzature della NATO arrivano a Mosca: presto la Russia potrebbe avere più Bradley, Abrams e Leopard della stessa Ucraina:

Infine, in passato ho scritto molto per sfatare l’idea errata comunemente diffusa in Occidente che la Russia abbia un sistema di comando “centralizzato dall’alto verso il basso di tipo sovietico”, che viene caricaturizzato come un’ape operaia di soldati droni che si limitano a seguire senza pensieri gli ordini del quartier generale centrale. Ho ripetuto più volte che la Russia non solo ha un sistema di sottufficiali, ma che ai soldati stessi viene insegnata l’iniziativa e la capacità di leadership, proprio come l’Occidente sostiene di insegnare alle proprie truppe “superiori”.

Ecco un esempio recente: un soldato russo di nome Rodimir Maximov, presentato come “soldato semplice”, è stato appena insignito degli onori di Stato durante un assalto nella zona di Novomikhailovka. Il suo comandante è stato ferito proprio all’inizio dell’assalto e Maximov ha preso immediatamente il comando, impartendo ordini alla squadra in totale autonomia. Ancor più significativo è il fatto che, una volta contattato via radio il quartier generale, questi gli disse sostanzialmente di non mollare la presa e gli lasciò la libertà di agire come meglio credeva, anche quando il nemico lanciò diversi contrattacchi: non c’erano ordini di marcia unidirezionali “alla sovietica”, come vorrebbero far credere gli stupidi “esperti” militari occidentali. Il comando gli diede piena autonomia per due giorni interi, secondo la storia, mentre coordinavano i rinforzi per venire a dare il cambio al gruppo d’assalto che aveva preso il forte AFU.

Dopo l’intervista che segue, si può vedere il vice comandante del gruppo e poi il filmato dell’eroismo di Maximov durante l’inizio dell’assalto. Durante il filmato, si può chiaramente vedere il semplice “soldato semplice” che mostra chiari segni di capacità di comando ben studiate, senza alcun segno di comportamento “da drone”:

L’impresa del soldato Maximov:

Un soldato del corpo d’armata del gruppo di forze Vostok, il soldato Rodimir Maksimov, ha distrutto 27 militanti ucraini durante la cattura e il mantenimento di una roccaforte delle Forze armate ucraine nell’area di Novomikhailovka. Agire come parte di un’unità d’assalto durante la cattura di un caposaldo delle Forze Armate ucraine nell’area dell’insediamento. Novomikhailovka in direzione Maryinsky, il soldato Rodimir Maksimov è riuscito ad aggirare il nemico e a infliggergli danni da fuoco, uccidendo personalmente tre militari delle Forze Armate ucraine, il che ha permesso al gruppo d’assalto di entrare nelle posizioni nemiche.

Nonostante le ferite ricevute durante la battaglia, il militare ha continuato a svolgere la missione di combattimento. Quando il nemico, a bordo di un veicolo blindato con forze fino alla squadra, ha tentato un contrattacco sulla linea occupata dal nostro gruppo d’assalto, egli, permettendo al nemico di raggiungere la distanza di distruzione garantita dal fuoco, ha distrutto il gruppo d’attacco delle Forze Armate dell’Ucraina nella sua interezza con il fuoco di una mitragliatrice Kalashnikov.

Nel corso di due giorni, Rodimir Maksimov, distruggendo la fanteria idonea delle Forze Armate ucraine, con il fuoco pesante del PKM ha sventato altri tre tentativi del nemico con forze superiori che utilizzavano carri armati e veicoli corazzati da combattimento per riconquistare le posizioni tenute dal nostro gruppo d’assalto e ha impedito la perdita del punto di forza difeso.

In uno degli episodi della battaglia, Rodimir, superando il dolore per le ferite riportate, ha distrutto personalmente un gruppo di militari delle Forze armate ucraine smontati da un veicolo blindato MaxPro di fabbricazione americana con il fuoco delle mitragliatrici. L’equipaggio del MaxPro ha iniziato a manovrare per ritirarsi ed è caduto nella zona di uccisione del nostro equipaggio ATGM, a seguito del quale è stato distrutto.

Fino all’arrivo dei rinforzi e alla successiva evacuazione, il combattente ha continuato a difendere e tenere saldamente la roccaforte occupata, distruggendo personalmente fino a 27 truppe nemiche. Per l’eroismo e il coraggio dimostrati durante le missioni di combattimento, il soldato Rodimir Maksimov è stato insignito dal comando di un alto riconoscimento statale.

Confrontatela con quella qui sotto e decidete voi quale parte ha i soldati migliori:


Il vostro sostegno è inestimabile. Se vi è piaciuta la lettura, vi sarei molto grato se vi abbonaste a un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo da poter continuare a fornirvi rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, potete lasciare una mancia qui: Barattolo delle mance

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

LE CONSEGUENZE PROBABILI DI UN INTERVENTO NATO IN UCRAINA, di Michael Vlahos

 

LE CONSEGUENZE PROBABILI DI UN INTERVENTO NATO IN UCRAINA

di Michael Vlahos

 

Ciò che rende interessante la filippica[1] di Luttwak non è ciò che Luttwak dice – ma piuttosto la straordinaria distanza dalla realtà effettiva che lui e la classe dei cortigiani occidentali ora abitano. [Ed è stato un amico e un collega: Cioè, lo conosco da 40 anni, quasi sempre in un’accesa polemica accademica, e le nostre conversazioni esuberanti sono sempre state amichevoli – ma in quasi tutti i casi sono stato in disaccordo. Come adesso]. Il punto chiave della sua argomentazione, che nessuno dovrebbe ignorare o sottovalutare, è questo: Luttwak ci dice esplicitamente che ora crede – improvvisamente, come molti altri privilegiati della Corte Imperiale – che una guerra tra NATO/Ucraina e Russia/Bielorussia non potrebbe mai degenerare in un conflitto nucleare.

La pecca nell’argomento è questa: Una guerra di questo tipo si intensificherebbe rapidamente, e inevitabilmente, all’interno del quadro convenzionale in espansione del conflitto.

Le conseguenze sarebbero le seguenti:

PRIMO: non si tratterebbe più di una guerra in Ucraina, ma piuttosto di una guerra che verrebbe combattuta in tutta Europa. La rete di basi NATO verrebbe colpita dagli ipersonici (e da altri efficaci penetratori). Anche le concentrazioni di truppe della NATO – dentro e fuori l’Ucraina – verrebbero colpite. Migliaia di soldati NATO morirebbero. Inoltre, la guerra si espanderebbe rapidamente ai mari costieri, e poi agli oceani. Gli accessi ai porti dell’UE sarebbero minati e molte navi occidentali sarebbero affondate. Le installazioni militari nelle città europee verrebbero colpite (come nel Regno Unito), scatenando un’incontenibile “follia di folla”.

SECONDO: le forze della NATO si troverebbero ad affrontare non solo una sconfitta sul campo in Ucraina, ma anche una disfatta a più livelli. L’escalation in questo caso porta inevitabilmente a una sconfitta più grande e storicamente più umiliante che lasciare che l’Ucraina faccia la pace alle condizioni della Russia.

TERZO: la coscrizione NATO porterebbe a rivoluzioni che rovescerebbero i governi di tutta l’Europa, seguite dalla caduta della NATO e dell’UE. Si veda quanto accadde nel tardo autunno del 1918, in tutta Europa.

Nel panico e nell’isteria assoluta che ne deriverebbero, i “leader” statunitensi potrebbero benissimo arrivare all’impiego del nucleare.

In altre parole: oggi,  la minaccia di un passaggio al nucleare, molto probabilmente, si trova in Occidente (proprio come in un’altra “regione” in difficoltà di cui alimentiamo il grido di guerra – e in questo caso non si trova in Iran, ma in Israele).

Luttwak è solo uno dei componenti la nostra classe elitaria di “sonnambuli” che, come nel 1914, sta portando la civiltà sull’orlo del baratro: E oltre!

 

[1] https://unherd.com/2024/04/its-time-to-send-nato-troops-to-ukraine/...

4 aprile 2024 6 min

Nel 1944, Leslie Groves, il generale dell’esercito americano che gestì il Progetto Manhattan, chiese al suo capo scienziato, J. Robert Oppenheimer, quanto potente potesse essere la loro nuova bomba. Sarebbe 10 volte più potente della più grande bomba dell’epoca, la “bomba antisismica” Tallboy della RAF? O 50 volte, o anche 100 volte? Oppenheimer rispose che non poteva esserne sicuro – all’epoca si temeva addirittura che la reazione a catena esplosiva non potesse mai fermarsi – ma si aspettava una bomba molto più potente di 100 Tallboys. Groves rispose immediatamente che un’arma così potente non sarebbe stata di grande utilità per nessuno, perché i “politici” non avrebbero mai osato usarla.

Nel breve periodo, Groves aveva torto, mentre l’ipotesi di Oppenheimer era corretta. La bomba all’uranio di Hiroshima era infatti più potente di 1.000 Tallboys, con la bomba al plutonio di Nagasaki che superava anche quella. Ma solo cinque anni dopo, la previsione di Groves si avverò. Prima gli Stati Uniti, poi l’Unione Sovietica, e poi tutte le potenze nucleari successive si resero conto che le loro armi nucleari erano troppo potenti per essere usate in combattimento. Ciò è rimasto vero nei decenni successivi, fino all’invasione dell’Ucraina. Perché, nonostante le minacce atomiche di Putin, anche lui è soggetto alla logica della previsione di Groves. Decenni dopo la sua conversazione con Oppenheimer, un breve riassunto storico della guerra nucleare ha molto da insegnarci sulla situazione in Ucraina – e su come la vittoria potrebbe essere ottenibile lì solo con mezzi molto più convenzionali.

La prima prova dell’era nucleare arrivò con la guerra di Corea. Nel dicembre del 1950, centinaia di migliaia di soldati cinesi attraversarono il fiume Yalu per sostenere i loro alleati nordcoreani contro gli Stati Uniti. Con l’America in immediato pericolo di perdere decine di migliaia di uomini, il generale Douglas MacArthur decise che avrebbe dovuto usare le armi nucleari per fermare i cinesi. Di gran lunga il leader militare statunitense più rispettato dell’epoca – aveva guidato le forze americane nel Pacifico dall’umiliante sconfitta alla vittoria totale, e poi aveva agito come imperatore de facto del Giappone riformando il paese – MacArthur si aspettava che Truman acconsentisse al suo giudizio militare superiore. . Invece la risposta è stata un netto no. MacArthur ha insistito ed è stato licenziato.

Truman riconobbe che la natura della guerra era radicalmente cambiata dopo Hiroshima e Nagasaki. Quando autorizzò quegli attacchi, né lui né nessun altro sapeva che le esplosioni avrebbero causato anche una ricaduta di radiazioni, che avrebbe fatto ammalare e persino uccidere migliaia di persone a miglia di distanza dal luogo della detonazione. Inoltre, nel 1945, Truman si trovò di fronte alla prospettiva di perdere molte più truppe americane nella conquista del Giappone che nell’intera Seconda Guerra Mondiale fino a quel momento. I giapponesi combatterono davvero fino all’ultimo uomo e avevano ancora 2 milioni di soldati da spendere. Truman sarebbe stato cacciato dalla Casa Bianca se avesse permesso la morte di centinaia di migliaia di americani rifiutandosi di usare la bomba.

Ma cinque anni dopo, la situazione era molto diversa. Di fronte alla catastrofe in Corea, Truman aveva l’alternativa di evacuare le truppe americane in Giappone se tutto il resto avesse fallito – e quindi non prese nemmeno in considerazione l’uso di armi atomiche. Sotto il successivo presidente, le sue bombe a fissione si sono evolute in bombe a fusione termonucleare almeno 100.000 volte più potenti di Tallboy. Ma ciò non fece altro che rendere il “No” di Truman del 1950 ancora più definitivo. L’astinenza dal nucleare è diventata l’unica scelta possibile sia per gli americani che per i russi, come ha dimostrato in modo precario ma definitivo la crisi missilistica cubana.

Tuttavia, occorrerebbe molto più tempo perché questa logica si trasformi in una dottrina definitiva. Dopo la creazione della Nato, 75 anni fa, e soprattutto negli anni Sessanta e Settanta, furono compiuti sforzi esaustivi per trarre qualche ulteriore vantaggio dalle armi nucleari e in qualche modo ottenere il sopravvento sulla nuova alleanza occidentale. Le cosiddette armi nucleari “tattiche” non furono realizzate più, ma molto meno potenti, presumibilmente per consentirne l’uso sul campo di battaglia. I loro sostenitori sostenevano che avrebbero potuto fornire potenza di fuoco a un prezzo molto basso, con piccole testate nucleari che replicavano l’effetto di centinaia di obici. Sia le forze armate statunitensi che quelle sovietiche acquisirono debitamente migliaia di armi nucleari: non solo “piccole” bombe per cacciabombardieri, ma anche razzi da bombardamento (alcuni abbastanza piccoli da poter essere trasportati in una jeep), missili antiaerei, siluri e persino cariche di demolizione mobili.

Ma questa illusione non poteva essere sostenuta. I pianificatori militari arrivarono a capire che se i comandanti statunitensi avessero tentato di difendere il territorio della NATO attaccando le forze d’invasione sovietiche con piccole armi nucleari “tattiche”, i russi avrebbero usato il proprio arsenale per distruggere le forze occidentali in difesa. Lo stesso varrebbe per qualsiasi tentativo di sostituire la forza militare convenzionale con armi nucleari. E così si è capito che, sebbene le armi nucleari siano un utile deterrente, possono essere utilizzate solo per contrattaccare un precedente attacco nucleare – e mai per ottenere alcun tipo di vittoria. Così negli anni Settanta, quando gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica erano impegnati negli elaborati e molto pubblicizzati negoziati sulla “Limitazione delle Armi Strategiche”, i funzionari di entrambe le parti concordarono rapidamente di interrompere silenziosamente lo sviluppo, la produzione e la messa in campo di nuove armi nucleari “tattiche”, prima che smontando altrettanto silenziosamente decine di migliaia di queste armi.

Lettura consigliata

Perché la Russia non vince in Ucraina

Di Rajan Menon

Ma alla fine, sono state le più recenti potenze nucleari, India e Pakistan, a dimostrare in modo definitivo la ridondanza delle proprie armi nucleari per qualsiasi cosa oltre la deterrenza reciproca. Nella guerra di Kargil del 1999, che comportò numerose battaglie su vasta scala e migliaia di vittime, nessuna delle due parti tentò nemmeno di minacciare sottovoce un attacco nucleare. E questo è vero ancora oggi. Quando il cane da attacco più forte di Putin, Dmitry Medvedev, ha iniziato ad abbaiare sull’uso di armi nucleari “tattiche” dopo il fallimento dell’invasione russa iniziale nel 2022, sono stati solo i giornalisti meno competenti e quelli obbedienti a Mosca a fare eco ai suoi avvertimenti. Alla fine, dopo diversi mesi di questa follia, Putin è uscito allo scoperto e lo ha detto : la Russia utilizzerà le armi nucleari solo “quando l’esistenza stessa dello Stato sarà messa in pericolo” – intendendo con una corrispondente minaccia nucleare.

La situazione in Ucraina è cambiata di nuovo, ma vale la stessa logica. Invece di frustrati russi impantanati nelle loro trincee, ora è la posizione ucraina a sembrare precaria. Kiev presenta tutto ciò come una questione di materiale e chiede continuamente all’Occidente armi sempre migliori. Tuttavia, anche se potrebbero essere inviati più cannoni e missili, è chiaro che ciò che sta costringendo Kiev a ritirarsi passo dopo passo non è la mancanza di potenza di fuoco, ma la mancanza di soldati.

Fino a questa settimana, la coscrizione obbligatoria in Ucraina iniziava solo all’età di 27 anni, a differenza della norma globale di 18 anni. Zelenskyj ora l’ha ridotta a 25 ; ma con molti ucraini esentati dal servizio, le sue forze armate totali ammontano a meno di 800.000 effettivi attivi. L’Ucraina è ostacolata dalla distribuzione per età della sua popolazione, con bambini e anziani sovrarappresentati rispetto ai giovani nella fascia di età 19-35 anni. Ma il totale delle sue truppe è ancora troppo basso per una popolazione che, secondo la maggior parte delle stime, supera i 30 milioni, considerando che Israele può rapidamente schierare un esercito di circa 600.000 uomini su una popolazione di circa 8 milioni. Ciò significa che, a meno che Putin non decida di porre fine alla guerra, le truppe ucraine verranno respinte ancora e ancora, perdendo soldati che non potranno essere sostituiti. La Russia non ha nemmeno bisogno di inviare le sue migliori truppe per raggiungere questo obiettivo: semplicemente soldati volontari a contratto attratti da una buona paga, o prigionieri russi che scontano condanne penali ordinarie, reclutati direttamente dalle loro celle di prigione. Indipendentemente dalla qualità, però, l’esercito russo supera già quello ucraino e il divario diventa ogni giorno più ampio.

“I paesi della NATO dovranno presto inviare soldati in Ucraina, altrimenti accetteranno una sconfitta catastrofica”.

Questa aritmetica è inevitabile: i paesi della NATO dovranno presto inviare soldati in Ucraina, altrimenti accetteranno una sconfitta catastrofica. Gli inglesi e i francesi, insieme ai paesi nordici, si stanno già preparando silenziosamente a inviare truppe – sia piccole unità d’élite che personale logistico e di supporto – che possano rimanere lontane dal fronte. Questi ultimi potrebbero svolgere un ruolo essenziale rilasciando i loro omologhi ucraini per la riqualificazione in ruoli di combattimento. Le unità della NATO potrebbero anche dare il cambio agli ucraini attualmente impegnati nel recupero e nella riparazione delle attrezzature danneggiate, e potrebbero farsi carico delle parti tecniche dei programmi di formazione esistenti per le nuove reclute. Questi soldati della NATO potrebbero non assistere mai al combattimento, ma non sono obbligati a farlo per aiutare l’Ucraina a sfruttare al meglio la sua scarsa manodopera.

Fondamentalmente, con la Cina sempre più vicina ad un attacco a Taiwan, gli Stati Uniti non possono fornire più truppe delle circa 40.000 già presenti in Europa. Per gli altri membri della Nato, soprattutto per i più popolosi: Germania, Francia, Italia e Spagna, si prospetta quindi una decisione importante. Se l’Europa non sarà in grado di fornire truppe sufficienti, la Russia prevarrà sul campo di battaglia, e anche se la diplomazia dovesse intervenire con successo per evitare una debacle completa, la potenza militare russa sarebbe tornata vittoriosamente nell’Europa centrale. A quel punto, le potenze dell’Europa occidentale dovranno ricostruire le proprie forze armate, che lo vogliano o no, a cominciare dal ritorno del servizio militare obbligatorio. Forse in quelle circostanze potremmo addirittura assistere a un’esplosione di nostalgia nucleare, rifacendoci scioccamente all’illusione che le armi apocalittiche potrebbero essere sufficienti a mantenere la pace.


Il professor Edward Luttwak è uno stratega e storico noto per i suoi lavori su grande strategia, geoeconomia, storia militare e relazioni internazionali.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

Gli Stati Uniti hanno scoperto per primi l’attacco terroristico al Crocus spiando Kiev?_di ANDREW KORYBKO

Gli Stati Uniti hanno scoperto per primi l’attacco terroristico al Crocus spiando Kiev?

Questo spiega perché gli Stati Uniti hanno trasmesso alla Russia solo informazioni vaghe, dato che si presumeva che il GUR non avrebbe portato avanti il complotto Crocus dopo avergli ordinato di annullarlo, ma Washington voleva comunque screditare il governo e i servizi di sicurezza del suo rivale, per cui l’ambasciata ha lanciato un avvertimento provocatorio all’epoca.

il New York Times Giovedì (NYT) ha citato fonti senza nome per riferire che “le relazioni conflittuali tra Washington e Mosca hanno impedito ai funzionari statunitensi di condividere qualsiasi informazione sul complotto (dell’attacco terroristico Crocus) al di là del necessario, per paura che le autorità russe potessero venire a conoscenza delle loro fonti o dei loro metodi di intelligence”. Questo scagiona il Presidente Putin, che secondo l’ Occidente avrebbe minimizzato le minacce terroristiche nel periodo precedente a uno dei peggiori attacchi della storia russa.

Senza un’intelligence concreta e informati solo del vago avvertimento degli Stati Uniti che grandi raduni come i concerti avrebbero potuto essere presto presi di mira, i suoi servizi di sicurezza non sono stati in grado di fermare i complottisti, il che significa che Washington è parzialmente responsabile di quanto è accaduto, avendo taciuto informazioni specifiche al riguardo. In modo altrettanto scandaloso, questa notizia bomba ha suscitato anche speculazioni sulle fonti e sui metodi esatti che l’America ha utilizzato per venire a conoscenza di questo attacco.

Sebbene sia possibile che gli Stati Uniti siano venuti a conoscenza di questo fatto spiando il canale radicale Telegram i cui curatori avrebbero reclutato i colpevoli, ad esempio se la CIA avesse una talpa all’interno della squadra del predicatore, si può affermare in modo convincente che questo fatto potrebbe essere stato portato alla sua attenzione dallo spionaggio di Kiev. Le fughe di notizie del Pentagono della scorsa primavera hanno confermato che gli Stati Uniti hanno spiato Zelensky, cosa che i funzionari ucraini hanno dichiarato alla CNN come “non sorprendente”, ma che li ha comunque lasciati “profondamente frustrati”.

Questi documenti hanno anche confermato che gli Stati Uniti stavano spiando anche il servizio di intelligence militare ucraino GUR, dal quale hanno appreso di un complotto per attaccare il porto russo di Novorossijsk nel primo anniversario dell’speciale operazione e hanno quindi ordinato loro di ritirarsi per evitare di provocare Mosca. Dato che il Washington Post (WaPo) ha riferito mezzo anno dopo che la CIA ha ricostruito il GUR dalle fondamenta dopo il 2014, è ovvio che ha inserito delle talpe all’interno di questa istituzione fin dall’inizio.

Non sempre vengono a conoscenza di complotti terroristici in anticipo, dato che la loro infiltrazione nel GUR e in altre agenzie governative ucraine non è totale, ma di solito sono in grado di concludere qualche tempo dopo che Kiev è responsabile ogni volta che un grave attacco avviene in Russia. Così è stato lo scorso maggio, quando il NYT hariportato che Kiev era responsabile dell attacco con i droni del Cremlino, ricordando ai lettori che era dietro ad altri attacchi fino a quel momento.

Tra questi, gli omicidi di Darya Dugina e Vladlen Tatarsky, le incursioni terroristiche transfrontaliere nella regione russa di Belgorod e l attentato al Nord Stream IIA proposito di quest’ultimo, l’affermazione della complicità ucraina potrebbe benissimo essere un depistaggio premeditato per sviare il coinvolgimento americano, dopo che Seymour Hersh ha fatto da tramite per i membri dissidenti della Comunità di intelligence (CI) per informare il pubblico che il loro Paese era il mandante dell’attacco.

Tuttavia, ciò che è importante notare in questo contesto narrativo più ampio è che il Wall Street Journal ha affermato l’estate scorsa che gli Stati Uniti sono venuti a conoscenza dei piani dell’Ucraina di far saltare il gasdotto da fonti olandesi e hanno poi detto a Kiev di non andare fino in fondo. A prescindere dal fatto che l’Ucraina fosse davvero coinvolta e nonostante il modo in cui gli Stati Uniti avrebbero ottenuto le informazioni, per non parlare del fatto che ciò sia avvenuto, il punto è che la CI voleva che gli americani sapessero che aveva detto all’Ucraina di ritirarsi.

Il WaPo ha poi riportato lo scorso novembre che un ex funzionario di alto livello della GUR ha coordinato l’attentato al Nord Stream II con altri funzionari di alto livello, che avrebbero preso ordini dall’ex comandante in capo Valery Zaluzhny, e che tutto questo sarebbe avvenuto alle spalle di Zelensky. Non è importante se tutto ciò sia vero, poiché il significato sta nel fatto che il WaPo, collegato alla IC, ha introdotto questa narrazione nel discorso globale di membri apparentemente disonesti della IC ucraina che complottano attacchi di tale portata.

Per ricapitolare tutto ciò che è stato condiviso finora dai media mainstream: gli Stati Uniti spiano Zelensky, il GUR e altre istituzioni ucraine; attraverso questi mezzi hanno appreso che Kiev era responsabile di precedenti attacchi terroristici; a volte ne vengono a conoscenza in anticipo e ordinano ai loro proxy di ritirarsi; cosa che è riuscita nel febbraio 2023, quando l’Ucraina ha deciso di non attaccare Novorossijsk; ma che è fallita nell’estate 2022, quando membri presumibilmente disonesti dell’IC ucraina hanno bombardato il Nord Stream II.

Alla luce di ciò, il sospetto che gli Stati Uniti abbiano nascosto informazioni possibilmente utili sull’imminente attacco terroristico Crocus per non rivelare le loro fonti e i loro metodi ucraini ha molto più senso. I capi dell’FSB e del Consiglio di Sicurezza sospettavano già il coinvolgimento dell’Ucraina, il Presidente Putin aveva informato la nazione che i contatti dei terroristi in quel Paese avevano preparato una “finestra”per far loro attraversare il confine, e gli investigatori hannoappena scoperto le prove che Kiev li ha pagati tramite criptovaluta.

Il vicepresidente del partito di governo turco ha inoltre recentemente affermato che “è ovvio che è impossibile portare avanti un’azione così professionale senza il sostegno dell’intelligence di qualsiasi Stato. Questi eventi hanno sempre degli sponsor, delle lobby che vogliono che la guerra (ucraina) continui”. Visto che il suo Paese è membro della NATO, arma l’Ucraina, vota contro la Russia alle Nazioni Unite e non riconosce la riunificazione della Crimea, non ci sono ragioni per sospettare che abbia secondi fini, quindi le sue parole vanno prese sul serio.

Di fronte a queste accuse, gli Stati Uniti hanno febbrilmente raddoppiato l’affermazione che l’Ucraina non fosse responsabile, che il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha definito “sospettosamente” “ossessiva”. La sua portavoce Maria Zakharova aveva in precedenza definito “la madre di tutte le falsificazioni la notizia di Bloomberg secondo la quale insider del Cremlino dubitavano del coinvolgimento dell’Ucraina, che era probabilmente una deviazione della narrazione architettata dalla CIA. La tendenza è che gli Stati Uniti stanno disperatamente cercando di convincere tutti che Kiev non è responsabile.

Tutto ciò suggerisce che gli Stati Uniti sanno che l’Ucraina è coinvolta, ma temono ciò che la Russia potrebbe fare una volta che le prove diventeranno indiscutibili. Ad esempio, queste potrebbero essere condivise con il mondo per giustificare la trasformazione legale dell’operazione speciale russa in una guerra totale, che potrebbe precedere un’altra offensiva. Alla fine potrebbe verificarsi una svolta e il governo potrebbe crollare subito dopo, esattamente come il Comitato ucraino di intelligence ha avvertito a fine febbraio che potrebbe accadere entro l’estate.

Questa intuizione aggiunge un contesto alla notizia bomba del NYT, poiché potrebbe benissimo essere che la CIA sia venuta a conoscenza del complotto Crocus spiando i suoi protetti del GUR, il che , comequesta analisi , spiega potrebbe aver orchestrato tutto, ma poi ha detto loro di annullare l’operazione. Proprio come il GUR ha riferito di aver ritardato l’attentato a Nord Stream II, così sembra, col senno di poi, che abbia ritardato questo bagno di sangue, per poi portare a termine entrambi, indipendentemente dal fatto che siano stati formalmente approvati o che siano stati compiuti da membri disonesti della CI.

La suddetta versione dei fatti spiega perché gli Stati Uniti abbiano trasmesso alla Russia solo informazioni vaghe, dato che si presumeva che il GUR non avrebbe portato avanti il complotto di Crocus, ma Washington voleva comunque screditare il governo e i servizi di sicurezza del suo rivale, per cui l’ambasciata ha lanciato un avvertimento provocatorio all’epoca. Dopo l’attacco terroristico e l’accumularsi delle prove del coinvolgimento dell’Ucraina, gli Stati Uniti hanno prontamente cercato di interferire con i propri proxy, temendo le conseguenze di una possibile reazione militare della Russia.

Non è chiaro a cosa pensassero i membri della CI statunitense che hanno parlato con il NYT quando hanno detto a quell’organo di informazione di riferire che i loro servizi avevano nascosto alla Russia i dettagli dell’allora imminente attacco terroristico Crocus per non tradire le loro fonti e i loro metodi, ma il contesto narrativo più ampio all’interno del quale questo dettaglio cruciale è entrato nel discorso globale getta ulteriori asperità sull’Ucraina. Sembra sempre più evidente il coinvolgimento di Kiev e probabilmente è solo questione di tempo prima che venga trovata una pistola fumante.

Affinché la Russia abbia utilizzato con successo un’arma mobile ad energia diretta più di 1.500 volte, anche contro il “5% dei migliori agenti della Defense Intelligence Agency” degli Stati Uniti, allora deve essere penetrata in profondità nel governo degli Stati Uniti per scoprire quelle armi. identità e posizioni degli obiettivi d’élite.

CBS News, The Insider e Der Spiegel hanno pubblicato domenica i risultati della loro indagine congiunta che accusa la Russia di “sindrome dell’Avana”, che si riferisce al misterioso dolore all’orecchio e alla testa che oltre 1.500 membri dello staff del governo americano (USG) in tutto il mondo affermano di avere. sperimentato dal 2016. Sembrava che coincidesse con l’intenzione del Congresso di votare sugli aiuti all’Ucraina alla fine di questo mese, con l’intento ovviamente di spaventare i legislatori e indurli ad approvare più fondi per il procuratore americano. guerra alla Russia.

Potrebbe avere l’effetto opposto del previsto, tuttavia, dal momento che le drammatiche affermazioni di questi organi di stampa dipingono un quadro di profonda penetrazione dell’intelligence russa nei servizi diplomatici e di sicurezza degli Stati Uniti a cui non è possibile porre rimedio semplicemente inviando più denaro in Ucraina. Se quello che hanno scritto è vero, allora la Russia ha creato un’arma mobile ad energia diretta (DEW) che è già stata utilizzata con successo più di 1.500 volte, anche contro il “5% dei migliori agenti della Defense Intelligence Agency” degli Stati Uniti.

Questa sorprendente statistica proviene dal tenente colonnello dell’esercito recentemente in pensione che ha condotto l’indagine del Pentagono sulla questione. Ha affermato che questa élite di vittime aveva tutte “lavorato contro la Russia, si era concentrata sulla Russia e si era comportata molto bene”, ma era stata poi “neutralizzata” dopo le ferite. Le sue accuse contraddicono la revisione ufficiale dell’Intelligence Community (IC) dello scorso anno secondo cui nessun DEW né avversari stranieri erano responsabili di questi “incidenti sanitari anomali”.

Coloro che prendono per oro colato la revisione ufficiale dell’IC sospettano che l’isteria precedente sulla “sindrome dell’Avana” fosse solo un mezzo per allarmare la Russia, che naturalmente credono anche essere il motivo dietro i risultati dell’ultima indagine congiunta. Nel frattempo, coloro che sospettavano che la revisione ufficiale dell’IC fosse un insabbiamento prendono per oro colato i risultati delle ultime indagini congiunte, il che significa che credono veramente che la Russia sia penetrata profondamente nei servizi diplomatici e di sicurezza degli Stati Uniti.

Non ci sono prove credibili che suggeriscano che sia così, soprattutto perché la Russia sarebbe stata presumibilmente molto più preparata a rispondere alle provocazioni diplomatiche e militari dell’America nel corso della guerra per procura in corso se avesse avuto talpe in entrambi. Tuttavia, l’unico modo per credere che stia prendendo di mira sistematicamente i membri di quelle istituzioni che in passato avevano lavorato contro di essa “estremamente bene” è se sapesse chi erano e dove vivevano.

Ciò a sua volta obbliga a credere che debba essere penetrato in profondità per ottenere queste informazioni altamente riservate, il che significa che le spie russe occupano una posizione più alta di quanto si pensasse anche dopo la caccia alle streghe che seguì l’isteria del Russiagate. Ancora una volta, non ci sono prove credibili che questo sia il caso, e un altro argomento contro questa teoria è che la Russia non sta prendendo di mira diplomatici o funzionari di sicurezza ucraini altrettanto importanti nonostante sia in “guerra” con il loro paese .

Riflettendo su quanto sopra, è molto più probabile che la Russia non abbia nulla a che fare con la “sindrome dell’Avana” e che i risultati delle ultime indagini congiunte siano solo un disperato tentativo di spaventare i legislatori e indurli ad approvare ulteriori aiuti all’Ucraina prima del voto previsto alla fine di questo mese. Qualsiasi penetrazione dell’IC al livello suggerito da questa teoria del complotto avrebbe portato gli ultimi due anni a svolgersi in un modo molto diverso e la Russia non sarebbe stata colta di sorpresa dalla guerra per procura scoppiata.

Fa parte dei piani degli Stati Uniti preparare l’opinione pubblica al “Pivot (back) to Asia” dopo la fine del conflitto ucraino, durante il quale le migliaia di truppe che sono state dispiegate in Europa negli ultimi due anni per contenere la Russia verranno gradualmente a redistribuirsi in Asia per contenere invece la Cina.

Sabato la CNN ha pubblicato un pezzo intitolato “ Questo stato americano non è coperto dal trattato NATO. Alcuni esperti dicono che questo deve cambiare ”, il che aumenta la consapevolezza del fatto che le Hawaii non sono coperte dall’articolo 5 della NATO poiché non si trovano all’interno degli Stati Uniti continentali che raggiungono il Nord Atlantico come gli altri 49 stati. È improbabile che ciò venga corretto poiché un portavoce del Dipartimento di Stato ha affermato che anche altri membri della NATO hanno territori situati al di là di quello specchio d’acqua e vorrebbero che anche questi facessero parte dell’Articolo 5.

Tuttavia, gli Stati Uniti non hanno sostenuto il Regno Unito durante la guerra del 1982 con l’Argentina per le Isole Falkland/Malvinas nel Pacifico meridionale, quindi a Londra potrebbe esserci un certo risentimento persistente su questo problema. La Francia ha anche territori geograficamente estesi nel Pacifico meridionale che non sono coperti dalla NATO, ma anche gli Stati Uniti potrebbero non sentirsi a proprio agio nell’impegnarsi legalmente a difenderli. A questo proposito, l’articolo 5 non impone l’invio di truppe, ma solo ciò che ciascun membro ritiene necessario.

Tuttavia, la percezione popolare è che qualsiasi membro che richieda sostegno attraverso questi mezzi riceverà il livello più realistico possibile, motivo per cui la persona media potrebbe immaginare che l’esclusione geografica delle Hawaii dall’Articolo 5 potrebbe quindi portare a una minore assistenza. Due esperti del think tank Pacific Forum , parzialmente finanziato dal governo statunitense, sono citati nel rapporto della CNN allarmando il fatto che la sua esclusione e quella di Guam rimuovono “un elemento di deterrenza” e “incoraggiano” i nemici.

L’ovvia insinuazione è che la Cina potrebbe prendere in considerazione un primo attacco simile a Pearl Harbor, il cui scenario è accennato proprio all’inizio dell’articolo senza menzionare quel paese, contro uno o entrambi sulla base del presunto fatto che non sarebbe obbligato a farlo. combattere tutta la NATO in seguito. A merito della CNN, hanno concluso il loro articolo citando la valutazione di un esperto europeo che contraddiceva quella degli altri due esperti prevedendo che una “coalizione di volenterosi” si sarebbe formata a sostegno dell’America se ciò fosse accaduto.

Anche così, il lettore medio potrebbe non arrivare alla fine dell’articolo prima di perdere interesse presumendo di aver già compreso il punto principale trasmesso, vale a dire che i paesi della NATO tecnicamente non sarebbero obbligati a fornire alcun sostegno agli Stati Uniti se la Cina attaccasse. Hawaii e/o Guam. Potrebbero quindi essere portati a credere erroneamente che in tali scenari non sarebbe previsto alcun sostegno da parte di tali paesi, il che ha lo scopo di alimentare il sentimento anticinese nella società.

Sebbene queste due superpotenze abbiano cercato di gestire in modo più responsabile la loro competizione sistemica dal vertice Xi-Biden di novembre, è chiaro che gli Stati Uniti stanno pianificando di “ritornare verso l’Asia” dopo la fine del conflitto ucraino . Conflitto , ecco perché sta contribuendo a costruire la “ Fortezza Europa ” in questo momento. Questo concetto guidato dalla Germania vedrà Berlino guidare il contenimento della Russia nel continente dopo aver subordinato completamente la Polonia , sebbene anche la Francia potrebbe svolgere un ruolo chiave.

In ogni caso, il punto è che gli Stati Uniti stanno già precondizionando l’opinione pubblica ad aspettarsi un inasprimento della dimensione sino-americana della Nuova Guerra Fredda una volta che quella russo-americana si sarà calmata, spiegando così perché “ Gli Stati Uniti stanno mettendo alla prova la pazienza della Cina Dispiegamento di forze speciali a sole sei miglia dalla terraferma ”. Questa mossa è stata rivelata il mese scorso dal “ministro della Difesa” taiwanese, anche se la Cina ha scelto di non abboccare all’esca reagendo in un modo che avrebbe potuto alimentare la campagna di allarme degli Stati Uniti.

È in questo contesto, e in quello più ampio in cui l’America sta costruendo un’alleanza militare asiatica simile alla NATO attraverso AUKUS+, in particolare attraverso il Giappone e le Filippine , che dovrebbe essere analizzato l’ultimo articolo della CNN. Questo sbocco sta creando una falsa controversia sul fatto che le Hawaii non siano coperte dall’Articolo 5 della NATO, al fine di ravvivare il sentimento anti-cinese nella società americana attraverso l’insinuazione che questo stato di cose presumibilmente “incoraggia” la Cina ad attaccare quello stato e anche Guam.

In altre parole, fa parte dei piani degli Stati Uniti per preparare l’opinione pubblica al “Pivot (back) to Asia” dopo la fine del conflitto ucraino, durante il quale le migliaia di truppe che sono state dispiegate in Europa negli ultimi due anni per contenere La Russia si ridistribuirà gradualmente in Asia per contenere la Cina . Dato che questo cavillo legale che esclude Hawaii e Guam dall’Articolo 5 della NATO probabilmente non verrà risolto per le ragioni precedentemente menzionate, l’opinione pubblica potrebbe quindi sostenere questa mossa su tale base.

Non importa che nessun membro della NATO abbia nemmeno lontanamente le capacità militari degli Stati Uniti, quindi il loro sostegno in qualsiasi guerra calda tra quelle superpotenze non farà alcuna differenza poiché l’America media può facilmente essere spaventata e pensare che questo stato di cose rimuove “un elemento di deterrenza”. Qui sta il vero scopo dell’ultimo articolo della CNN: precondizionare il pubblico per un’imminente, ma non necessariamente imminente, esacerbazione della dimensione sino-americana della Nuova Guerra Fredda.

Quei migranti che rifiutano di assimilarsi e integrarsi minacciano l’unità nazionale provocando una reazione negativa da parte dei loro ospiti, mentre quei russi che esprimono discorsi di odio etno-religioso (soprattutto contro tagiki, migranti e musulmani) minacciano la stessa cosa provocando una reazione negativa da parte di paesi non -Russi.

Il terrorista della settimana scorsa L’attacco al municipio Crocus di Mosca, compiuto da islamici radicali ma che secondo il capo dell’FSB Bortnikov avrebbe potuto essere ordinato dall’Ucraina con l’assistenza anglo-americana , è stato uno dei peggiori della storia russa. Il fatto che quattro migranti tagiki siano stati i più diretti responsabili di quanto accaduto ha aumentato il rischio di una reazione ultranazionalista tra alcuni membri della società, che potrebbe minacciare l’unità di questo stato-civiltà storicamente cosmopolita a vantaggio dei suoi nemici.

Il presidente Putin ha immediatamente ricordato al suo popolo, il giorno dopo l’attacco, nel suo discorso nazionale che “i terroristi, gli assassini, quegli individui disumani che non hanno nazionalità e non possono averne una, affrontano la stessa triste prospettiva: punizione e oblio. Non hanno futuro. Il nostro dovere comune ora, condiviso dai nostri compagni d’armi al fronte e da tutti i cittadini del nostro Paese, è quello di restare uniti come uno”. Ciò indica che lo Stato applicherà rigorosamente l’articolo 282 del codice penale russo .

Questo atto legislativo vieta l’istigazione all’odio etnico-religioso. È progettato per proteggere la Russia da questa ideologia tossica che è ancora diffusa da alcuni elementi marginali all’interno della società e promossa in modo aggressivo tra la popolazione da agenzie di intelligence straniere come quella ucraina e occidentale. L’articolo 282 è più attuale che mai poiché alcune persone potrebbero ora essere tentate di abbracciare l’ultranazionalismo e potrebbero quindi cadere sotto l’influenza di quelle forze sopra menzionate che vogliono “balcanizzare” la Russia .

Per dare l’esempio più positivo possibile, il presidente Putin ha poi affermato martedì che “è estremamente importante per noi ora, quando affrontiamo quello che è successo venerdì scorso, fare affidamento su questi valori di creatività, umanesimo e misericordia. Ci uniscono nel sostenere tutte le vittime, nella nostra determinazione a rimanere forti e uniti”. Il messaggio inviato è che il discorso sociale deve rimanere calmo e non scivolare verso discorsi di sfrenata sete di sangue o di ritorsioni generalizzate contro determinati gruppi identitari.

Ha implicitamente rafforzato questo messaggio mercoledì successivo, chiarendo che “Non abbiamo nazioni ostili, abbiamo delle élite ostili in quelle nazioni”, aggiungendo che la Russia “non ha mai cercato di cancellare” la cultura di nessuno. Sebbene ne abbia già parlato in passato, il contesto in cui ha riaffermato ancora una volta questa politica suggerisce un collegamento con eventi recenti e non solo perché quel giorno aveva incontrato dei professionisti della cultura.

Il patriarca Kirill, che alla fine dell’anno scorso aveva avvertito che ” l’intero mondo russo è minacciato ” dal rifiuto di alcuni migranti di assimilarsi e integrarsi nella società e che questo ” minaccia la pace e l’armonia interreligiosa e interetnica “, è intervenuto sulla stessa cosa. anche il giorno. Ha dichiarato al Consiglio mondiale del popolo russo che “Molti considerano la migrazione una minaccia, ma la minaccia non risiede solo nella migrazione, ma nella riluttanza di alcuni migranti a rispettare la cultura del paese in cui sono venuti a lavorare”.

Dopo aver ripetuto il suo messaggio della fine dell’anno scorso, ha poi aggiunto in modo importante che “Attorno a noi vivono popoli fraterni, con i quali abbiamo sempre cercato di costruire rapporti di buon vicinato, comprendendo la difficile situazione economica che si è creata in numerosi paesi dell’ex Unione Sovietica. Unione. Nessuno ci spaventi con il nazionalismo russo. Il nazionalismo russo non esiste in natura, lo sanno tutti”. In altre parole, i migranti devono assimilarsi e integrarsi, e i russi devono abbracciare coloro che lo fanno.

Quei migranti che rifiutano di assimilarsi e integrarsi minacciano l’unità nazionale provocando una reazione negativa da parte dei loro ospiti, mentre quei russi che esprimono discorsi di odio etno-religioso (soprattutto contro tagiki, migranti e musulmani) minacciano la stessa cosa provocando una reazione negativa da parte di paesi non -Russi. L’unico modo per la Russia di rimanere unita è che i russi non etnici (Rossiyskiye) e quelli etnici russi (Russkiye) seguano il consiglio del presidente Putin e del patriarcato Kirill, cosa che la stragrande maggioranza già fa.

Questa narrazione viene spinta per deviare dalle prove che legano l’Ucraina all’attacco terroristico Crocus e per screditare i servizi di sicurezza russi.

Reuters ha citato tre fonti anonime per riferire esclusivamente lunedì che l’Iran avrebbe presumibilmente informato la Russia di un imminente grande attacco terroristico dopo averne appreso dai terroristi di etnia tagica dell’ISIS-K che erano stati arrestati dopo l’attacco del gruppo all’inizio di gennaio a Kerman. Le informazioni mancavano di dettagli specifici, ma il quotidiano ha scritto in un editoriale che “è più difficile… per la Russia respingere l’intelligence dell’alleato diplomatico Iran sull’attacco” che dell’Occidente, il quale sostiene di aver minimizzato.

Di conseguenza, Reuters ha scritto che ciò “ha sollevato dubbi sull’efficacia dei servizi di sicurezza russi”, esponendo così i secondi fini dietro questo rapporto. L’Occidente ha fatto tutto il possibile per deviare dalle accuse della Russia secondo cui l’Ucraina era collegata a questo attacco terroristico attraverso le prove scoperte dalle sue indagini. Ciò include l’affermazione che il vago avvertimento che gli Stati Uniti hanno trasmesso alla Russia è stato ottenuto dallo spionaggio dell’ISIS-K, non di Kiev, come sostiene in modo convincente questa analisi .

Includendo una dimensione iraniana nella narrativa emergente dei primi allarmi prima dell’attacco terroristico Crocus , l’Occidente attraverso Reuters vuole deviare ulteriormente dal coinvolgimento proprio e dell’Ucraina in quanto accaduto, screditando allo stesso tempo i servizi di sicurezza russi. Questa analisi sfata la falsa narrativa secondo cui il presidente Putin avrebbe minimizzato le minacce dell’ISIS-K nel periodo precedente all’attacco, ma l’Occidente sta raddoppiando tale affermazione, in gran parte in risposta alle prove che implicano Kiev.

A dire il vero, c’è la possibilità che uno o alcuni di quei terroristi di etnia tagica dell’ISIS-K che l’Iran ha arrestato a gennaio possano aver sentito parlare dei piani del gruppo per attaccare la Russia, ma questo è del tutto diverso dal fatto che fossero a conoscenza dell’allora imminente complotto Crocus. . La Russia sa già di essere nel mirino di quel gruppo dopo aver bombardato la sua ambasciata a Kabul nel settembre 2022. Senza informazioni specifiche, provenienti dall’Iran o da chiunque altro, nulla sul fronte interno sarebbe cambiato in risposta a ciò.

Ad esempio, la Russia, il Regno Unito, o anche una persona a caso sui social media, potrebbero vagamente affermare che l’ISIS-K sta pianificando di attaccare gli Stati Uniti, cosa di cui gli stessi funzionari americani sono già a conoscenza ma che non farebbero nulla di diverso sul fronte interno se venissero informati. informato delle ultime indiscrezioni. Allo stesso modo, non è realistico immaginare che la Russia rafforzerebbe la sicurezza in tutti i grandi raduni, anche se l’Iran avesse detto loro che un terrorista ISIS-K di etnia tagica detenuto avrebbe potuto affermare che il gruppo sta pianificando di attaccarlo.

Per quello che vale, RT ha citato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov che ha detto: “Non ne so nulla” quando gli è stato chiesto del rapporto di Reuters, quindi gli osservatori obiettivi dovrebbero essere scettici al riguardo. O non è stato informato prima della conferenza stampa che informazioni così vaghe sarebbero state trasmesse alla Russia dall’Iran, oppure semplicemente non è successo. Non importa quale di questi due sia vero, poiché non avrebbe fatto la differenza in ogni caso per le ragioni spiegate.

La promozione di questo rapporto non verificato da fonti anonime citate dai media occidentali viene quindi fatta solo per il secondo motivo di deviare dalle prove che collegano l’Ucraina all’attacco terroristico Crocus e di screditare i servizi di sicurezza russi. Considerando la forza trainante dietro questo ultimo rapporto, ci si può aspettare che presto seguiranno altre storie simili, e tutti dovrebbero essere ugualmente scettici anche nei loro confronti, tenendo presente gli obiettivi narrativi che mirano a promuovere.

Gli effetti di secondo e terzo ordine del loro lavoro potrebbero influenzare lo stato profondo e le dinamiche elettorali americane una volta che il loro rapporto finale sarà pubblicato e inavvertitamente amplificato dai media mainstream nel disperato tentativo di screditarlo.

L’ indagine del comitato investigativo russo sul coinvolgimento ucraino e occidentale negli attacchi terroristici sul territorio del loro paese è più importante che mai dopo che il Washington Post (WaPo) ha citato funzionari americani anonimi per riferire che gli Stati Uniti avevano informato l’FSB all’inizio di marzo che Crocus sarebbe stato attaccato. Questa affermazione contraddice ciò che altri funzionari americani anonimi hanno detto al New York Times (NYT) su come gli Stati Uniti abbiano nascosto informazioni specifiche su quel complotto per non bruciare le loro fonti e i loro metodi.

Sia il NYT che il WaPo sono considerati giornali di cronaca di cui ci si può fidare per non inventare fonti o dichiarazioni anche se quanto sopra alla fine risulta essere fattivamente errato. Di conseguenza, non c’è motivo di dubitare che entrambi i mezzi di informazione siano effettivamente serviti da canali per funzionari americani anonimi per introdurre le loro rispettive narrazioni nell’ecosistema informativo globale, anche se non è chiaro il motivo per cui si contraddicono a vicenda. La ragione più probabile è che ci siano profonde divisioni interne su questo tema.

Ciascuno di questi due principali punti vendita ha riferito a metà novembre sul lettera firmata da più di 500 funzionari dell’amministrazione Biden in circa 40 agenzie governative che esprimono un dissenso di principio sulla politica americana nei confronti dell’ultima guerra tra Israele e Hamas . Questo precedente dimostra che non è una cosiddetta “teoria del complotto” speculare su profonde divisioni interne su questioni delicate come esattamente cosa sapevano gli Stati Uniti prima dell’attacco Crocus e quanto di ciò effettivamente passò alla Russia.

Con questo in mente, è stato probabilmente il caso che le fonti del NYT abbiano spifferato il fatto che gli Stati Uniti nascondessero informazioni specifiche su questo complotto terroristico, ma poi le fonti di WaPo hanno effettuato il controllo dei danni alla reputazione dopo che la verità precedente ha fatto sembrare l’America terribile agli occhi di molte persone. Tuttavia, ciò che il NYT ha riportato è ormai “bucato nella memoria”, mentre l’affermazione contraddittoria di WaPo sta rapidamente diventando la narrativa ufficiale, il che contribuisce a screditare i servizi di sicurezza russi.

Subito dopo l’attacco, i media mainstream (MSM) hanno decontestualizzato due frasi dell’incontro del presidente Putin con l’FSB pochi giorni prima dell’incidente per sostenere disonestamente di aver minimizzato le minacce dell’ISIS-K nel periodo precedente all’accaduto, ma questo l’analisi qui lo sminuisce. Nel frattempo, questa analisi cita i resoconti dello stesso MSM dell’ultimo anno per ipotizzare che gli Stati Uniti siano venuti a conoscenza di questo complotto spiando Kiev, il che spiega perché sono così ossessionati dall’incolpare solo l’ISIS-K.

Le intuizioni raccolte dalle precedenti analisi con collegamenti ipertestuali danno credito a ciò che hanno affermato le fonti americane del NYT secondo cui gli Stati Uniti avrebbero nascosto informazioni specifiche sull’attacco, ma le prove e la logica in esse contenute non hanno sfondato il “Great Western Firewall” della censura MSM. La gente media in Occidente potrebbe quindi essere incline a dare falso credito a ciò che hanno appena affermato le fonti americane di WaPo, manipolando così le loro opinioni su ciò che è accaduto prima dell’attacco al Crocus.

Il modo più efficace per sfondare il suddetto firewall è che il comitato investigativo russo completi il ​​lavoro in corso sul coinvolgimento occidentale negli attacchi terroristici sul territorio del proprio paese, come la serie di omicidi, attacchi di droni e i numerosi attacchi al ponte di Crimea. Il loro rapporto finale e le prove associate potrebbero quindi diventare un tale successo mediatico globale che i media sarebbero costretti a riferirlo proprio come hanno riferito sulle affermazioni della Russia Crocus.

Ciò non solo proteggerebbe l’integrità della Russia in mezzo all’affermazione delle fonti americane di WaPo secondo cui avrebbe inspiegabilmente ignorato i presunti avvertimenti secondo cui Crocus sarebbe stato preso di mira, ma darebbe anche una mano alla fazione dello Stato profondo comparativamente più responsabile rappresentata dalle fonti americane del NYT. Le profonde divisioni interne su Gaza e ora, a quanto pare, anche su Crocus hanno il potenziale per spostare l’equilibrio politico interno tra di loro e influenzare anche le percezioni degli elettori prima di novembre.

Se la fazione dello Stato Profondo, relativamente più irresponsabile, rappresentata dalle fonti di WaPo è in grado di mantenere il dominio sulla narrazione ufficiale su questo tema, allora gli elettori indecisi nelle prossime elezioni testa a testa potrebbero pensare che la Russia sia stata quella irresponsabile, non l’amministrazione Biden. Coloro che apprendono la verità sul coinvolgimento dell’amministrazione Biden negli attacchi terroristici sul suolo russo, tuttavia, potrebbero poi votare per terzi o sostenere Trump per evitare la terza guerra mondiale.

L’ex presidente ha accusato l’attuale presidente di aver alterato lo scenario peggiore con un errore di calcolo lo stesso giorno in cui è stato pubblicato il rapporto di WaPo, e questa preoccupazione è diventata un segno distintivo della sua campagna, ma non si tratta di allarmismo sconsiderato come potrebbero sostenere i critici. Il lavoro in corso del comitato investigativo russo dimostrerà quanto irresponsabile sia stata l’amministrazione Biden a questo riguardo, anche se è prematuro speculare sulle prove esatte che potrebbero presto portare alla luce.

Per lo meno, il finanziamento da parte degli Stati Uniti dell’agenzia di intelligence militare (GUR) e della polizia segreta (SBU) dell’Ucraina è sufficiente per implicarla indirettamente nei loro crimini, dal momento che Washington avrebbe potuto tagliare i cordoni della borsa per protestare contro i loro attacchi terroristici molto tempo fa se avesse davvero non li ho approvati. Il rapporto di WaPo dello scorso autunno che citava fonti americane anonime per vantarsi di come la CIA abbia ricostruito il GUR da zero a partire dal 2014 in poi è ancora più schiacciante poiché suggerisce fortemente che il GUR è sempre stato il rappresentante della CIA.

Questi fatti e altri confluiranno probabilmente nei risultati dell’indagine, che presumibilmente saranno così scandalosi che i media si sentiranno obbligati a riferirli dopo aver già riferito in particolare sull’affermazione relativamente meno scandalosa del coinvolgimento americano nell’attacco terroristico Crocus. Anche se l’intento di questi organi di stampa sarà quello di screditare le conclusioni dell’indagine proprio come il loro articolo sull’ultima affermazione menzionata avrebbe dovuto fare lo stesso, amplificherà comunque inavvertitamente questa notizia.

Rifiutarsi di parlarne significherebbe autoscreditarsi e apparire sospetto, ecco perché è stata presa la decisione di contestare l’affermazione della Russia di collegamenti americani e ucraini con l’attacco Crocus. Dopo aver riferito sul rapporto finale del comitato investigativo russo, tuttavia, il MSM darebbe involontariamente una mano alla fazione dello Stato profondo comparativamente più responsabile rappresentata dalle fonti del NYT e informerebbe gli elettori dell’attività terroristica in cui è coinvolta l’amministrazione Biden.

Per essere chiari, la Russia ha il diritto di indagare sul coinvolgimento di chiunque in attacchi terroristici sul suo territorio e di condividere ciò che ha imparato con il mondo, proprio come ha fatto qualsiasi paese. Gli effetti di secondo e terzo ordine che si prevede si manifesteranno dopo che i mass media inavvertitamente amplificano tutto ciò nel tentativo di screditarlo una volta che il rapporto finale diventa un fenomeno mediatico globale, non sono pianificati ma sono semplicemente prevedibili. Questa è una differenza cruciale poiché pianificare di influenzare lo Stato profondo e le dinamiche elettorali equivarrebbe a un’ingerenza.

Il dilemma dei mass media è lo stesso che dovettero affrontare otto anni fa dopo le fughe di notizie del DNC, in quanto furono costretti a riferirli dopo che queste notizie divennero troppo grandi per essere ignorate, ma così facendo finirono per influenzare lo stato profondo e le dinamiche elettorali. Qualcosa di simile sta accadendo anche oggigiorno, anche se invece di un’altra serie di fughe di notizie del DNC, una fazione dello stato profondo relativamente più responsabile ha fatto trapelare al NYT che gli Stati Uniti hanno nascosto informazioni specifiche che avrebbero potuto prevenire l’attacco terroristico Crocus.

A differenza di otto anni fa, tuttavia, i loro rivali relativamente più irresponsabili hanno molto più potere a seguito dell’epurazione dell’amministrazione Biden che ha neutralizzato politicamente la maggior parte delle forze dello Stato profondo contrarie alla Nuova Guerra Fredda contro la Russia. Questa fazione dissidente esiste ancora, come evidenziato da ciò che hanno detto al NYT, ma i loro rivali sono molto più potenti, come dimostrato dalla loro risposta con l’ultima falsa narrativa spinta da WaPo secondo cui gli Stati Uniti avrebbero presumibilmente trasmesso informazioni specifiche alla Russia.

È in questo contesto più ampio che il comitato investigativo russo sta portando avanti il ​​suo lavoro in corso, i cui effetti di secondo e terzo ordine potrebbero influenzare lo Stato profondo e le dinamiche elettorali americane una volta che il loro rapporto finale sarà pubblicato e inavvertitamente amplificato dai mass media nel disperato tentativo di screditarlo. . Per questi motivi, le loro scoperte potrebbero avere un impatto enorme non solo sugli eventi interni agli stessi Stati Uniti, ma anche in tutto il mondo, considerando quanto sia ancora fondamentale il ruolo di quel paese negli affari globali.

Anche se Macron fosse troppo orgoglioso per richiedere assistenza, il blocco nel suo insieme potrebbe comunque schierarsi dietro la Francia, o una “coalizione dei volenterosi” potrebbe riunirsi a sostegno di Parigi.

Mercoledì il Wall Street Journal ha citato un anonimo funzionario statunitense per riferire che “Macron ha detto agli alleati che non ci sarebbe stato bisogno di coinvolgere la NATO o gli Stati Uniti se la Russia avesse preso di mira le truppe francesi” che potrebbero convenzionalmente schierarsi in Ucraina nel prossimo futuro secondo la sua famigerata proposta. da fine febbraio. Anche se avrebbe potuto effettivamente dirlo, non si può dare per scontato che il blocco o il suo leader americano si sarebbero fatti da parte e avrebbero lasciato che la Russia polverizzasse le forze del loro partner in quella ex repubblica sovietica.

Sarebbe un brutto colpo per loro se uno dei più grandi membri della NATO venisse sconfitto dal loro tradizionale avversario sul territorio di una nazione vicina. Anche se un funzionario francese ha affermato che Macron aveva in mente solo missioni di addestramento, sistemi di difesa e guerra informatica quando ha presentato la sua proposta, la Russia ha già promesso di prendere di mira tutte le sue truppe lì. Il precedente stabilito dalla Russia che ha ucciso dozzine di mercenari francesi in un attacco missilistico a fine gennaio suggerisce che neanche lei stia bluffando.

Questa analisi sostiene che l’obiettivo strategico-militare della Francia nello scenario di un intervento convenzionale sarebbe quello di prendere il controllo della costa del Mar Nero fino al Dnepr, il che potrebbe portare alla creazione di un fronte franco-russo lungo quel fiume che attraversa la regione divisa di Kherson. Nonostante Macron abbia affermato che non richiederebbe l’assistenza degli alleati se le sue truppe fossero prese di mira dalla Russia, è estremamente improbabile che rifiuterebbe di farlo se gli impedissero di raggiungere questo obiettivo.

Il presidente del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev ha recentemente affermato in un’intervista che “Gli Stati Uniti e la NATO coltivano piani per mantenere l’Ucraina, o almeno parte di essa, come territorio anti-russo da loro interamente controllato [e] concentrato sul servire gli interessi del paese. Blocco Nord Atlantico”. Nel caso in cui la Russia sfondasse la linea del fronte e forzasse la smilitarizzazione dell’Ucraina della riva sinistra (orientale) controllata da Kiev, allora la NATO nel suo insieme probabilmente darebbe il suo pieno sostegno a questa missione francese.

Ci sarebbe troppa pressione sul blocco da parte delle sue élite politiche anti-russe affinché non facesse nulla per fermare la possibilità che il loro tradizionale avversario attraversi il Dnepr e blocchi l’accesso dell’Ucraina al mare facendo un’importante mossa militare su Odessa . Le forze francesi in Romania potrebbero tentare di impedire che ciò accada prima che si verifichi la svolta sopra menzionata o subito dopo. Se gli attacchi missilistici russi ostacolassero il loro progresso, tuttavia, allora la NATO probabilmente farebbe un tintinnio di sciabola in segno di solidarietà.

Anche se Macron fosse troppo orgoglioso per richiedere assistenza, il blocco nel suo insieme potrebbe comunque schierarsi dietro la Francia, o una “ coalizione dei volenterosi ” potrebbe riunirsi a sostegno di Parigi. Il fatto è che le rassicurazioni da lui riportate secondo cui lo scenario di scontri franco-russi in Ucraina non rischierebbero una terza guerra mondiale non dovrebbero essere prese sul serio poiché le dinamiche strategico-militari potrebbero diventare incontrollabili se le sue forze venissero polverizzate e il blocco cerca di “salvare la faccia” intensificando la risposta.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

SITREP 4/3/24: Zelensky si avvicina alla mobilitazione in mezzo ad avvertimenti disastrosi, di SIMPLICIUS THE THINKER

SITREP 4/3/24: Zelensky si avvicina alla mobilitazione in mezzo ad avvertimenti disastrosi

La situazione continua a sembrare una calma prima dell’avvicinarsi della tempesta. Non c’è molta attività palese nello spazio di battaglia, ma vari rumori di una grande escalation incombente continuano a trapelare dalla vite.

In un recente articolo ho ricordato come la stampa occidentale e i commenti d’élite abbiano iniziato per la prima volta a usare la parola tabù “C”, cioè “collasso”, per l’Ucraina. Ora questo ha aperto le porte, inducendo un numero sempre maggiore di pubblicazioni preoccupate a spegnere il loro precedente filtro narrativo e a iniziare a descrivere la situazione ucraina con urgenza e verità.

Ad esempio:

L’articolo si apre ammettendo che Musk potrebbe averci azzeccato quando di recente ha detto che l’Ucraina avrebbe perso tutto ciò che si trova a est del fiume Dnieper e anche Odessa, se avesse continuato a combattere.

Ma ecco uno dei punti chiave dell’articolo da approfondire:

Ovviamente, gli avvertimenti di Zelenskyy fanno parte di un ampio sforzo diplomatico per liberare gli aiuti militari di cui le sue forze hanno disperatamente bisogno e di cui sono a corto da mesi – dai proiettili di artiglieria da 155 millimetri ai sistemi di difesa aerea Patriot e ai droni. Ma la triste verità è che, anche se il pacchetto venisse approvato dal Congresso degli Stati Uniti, un massiccio rifornimento potrebbe non essere sufficiente a prevenire un grave sconvolgimento del campo di battaglia.

Si tratta di una questione centrale su cui gli opinionisti pro-UA sorvolano deliberatamente. Si affannano e si infuriano per i tentativi di finanziamento saltuari, concentrandosi mesmericamente sulla grande cifra di 60 miliardi di dollari come se volessero distoglierci da qualsiasi domanda scomoda. Ma cosa dovrebbero comprare esattamente quei 60 miliardi di dollari per l’Ucraina?

Gli Stati Uniti hanno già svuotato quasi tutto il loro magazzino di armi principali in eccedenza utilizzabili per l’Ucraina, cioè carri armati, artiglieria, armature leggere, senza contare le munizioni. A riprova di ciò, anche i più accaniti sostenitori americani dell’Ucraina lo hanno ammesso nei giorni scorsi:

Quello che sta dicendo è che, anche se i 60 miliardi di dollari dovessero passare, gli Stati Uniti hanno poco valore effettivo da inviare all’Ucraina, a parte le munizioni per armi leggere e cose di questo tipo. Non ci sono più Bradley in eccedenza e non se ne possono costruire, dato che la fabbrica ha chiuso decenni fa.

Eppure l’Ucraina basa il suo intero futuro su questo supporto mitizzato, come se si trattasse di una sorta di aggiornamento istantaneo simile a quello dei videogiochi, un “power-up” che rienergizzerà e sovraccaricherà immediatamente l’AFU: semplicemente non è così.

Sembra invece che Zelensky voglia semplicemente questo pacchetto di aiuti come una spinta al morale per continuare a guadagnare tempo per sé e per il suo esercito, evitando il collasso. L’aiuto sarebbe ovviamente un segnale del fatto che il sostegno degli Stati Uniti è di nuovo sul tavolo, invece di essere completamente abbandonato come è stato fatto, a livello ottico.

Il pezzo di Politico prosegue:

E secondo gli ufficiali militari ucraini di alto livello che hanno servito sotto il generale Valery Zaluzhny – il comandante in capo delle forze armate ucraine fino a quando è stato sostituito a febbraio – il quadro militare è desolante.

Gli ufficiali hanno detto che c’è un grande rischio di crollo delle linee del fronte ovunque i generali russi decidano di concentrare la loro offensiva. Inoltre, grazie a un peso numerico molto maggiore e alle bombe aeree guidate che da settimane stanno distruggendo le posizioni ucraine, la Russia sarà probabilmente in grado di “penetrare la linea del fronte e di farla crollare in alcune parti”, hanno detto.

Hanno parlato a condizione di anonimato per poter parlare liberamente.

“Non c’è nulla che possa aiutare l’Ucraina in questo momento, perché non ci sono tecnologie serie in grado di compensare l’Ucraina per la grande massa di truppe che la Russia probabilmente ci scaglierà contro. Non abbiamo queste tecnologie e l’Occidente non le ha in numero sufficiente”, ha dichiarato a POLITICO una delle fonti militari di alto livello.

Leggete molto attentamente le parti evidenziate, in particolare l’ultimo paragrafo. Ufficiali militari di alto rango hanno dichiarato in segreto a Politico, sotto anonimato, che: “Non c’è nulla che possa aiutare l’Ucraina… l’Occidente non ha le tecnologie in numero sufficiente”.

Ciò si ricollega precisamente al mio punto precedente sul grande fondo di “salvezza” glamorizzato da 60 miliardi di dollari.

Leggete le mie labbra, è abbastanza semplice: L’Ucraina non ha più alcuna possibilità di intervenire militarmente in questa guerra. L’unica possibilità di sopravvivenza per l’Ucraina e Zelensky è spingere la Russia a un confronto con la NATO. tentano Ogni giornodisperatamente di farlo lanciando attacchi terroristici di massa in tutta la Russia.

L’ultimo si è verificato ieri a Yelabuga, dove l’Ucraina ha fatto letteralmente schiantare un gigantesco aereo simile a un Cessna contro un dormitorio pieno di studenti che, a loro dire, era una fabbrica di droni:

Il problema è che non solo è evidente dai video e dalle foto che si tratta di un dormitorio:

Ma in realtà si trattava di un dormitorio per studenti di scambio, uno dei quali può essere visto parlare dell’incidente qui:

Sembra una fabbrica di droni?

Mentre la Russia sta schiacciando il potenziale di combattimento delle forze armate ucraine sul campo di battaglia reale, il disperato Zelensky assolda l'”ISIS” per massacrare i civili russi, attacca i grattacieli di Belgorod con i droni e l’artiglieria, e carica letteralmente i Cessna con le bombe e li fa volare contro gli edifici con gli studenti africani in scambio: ecco a che punto è il suo putrido regime terroristico.

Ecco un recente attacco palese e chiaramente intenzionale a un complesso di appartamenti di Belgorod:

Come ho detto prima, sa di non poter nemmeno intaccare le forze armate russe, quindi deve puntare tutto sulla guerra ibrida del terrore per far sì che la Russia perda il controllo, reagisca in modo eccessivo e possa attirare la NATO nel conflitto. Ecco perché per la Russia è meglio continuare a ignorare questi attacchi e portare avanti con metodo le operazioni sul campo di battaglia. A proposito, nel suo nuovo discorso, Shoigu ha dichiarato che dopo il massacro del Crocus Mall, 16.000 nuove reclute russe si sono arruolate nell’esercito il giorno dopo. Questo siaggiunge ai normali 30 mila che si arruolano ogni mese, per un totale di oltre 100 mila persone per il 2024.

Come nota a margine, ricordate quando la cifra di 30.000 dollari al mese era ampiamente derisa e sbeffeggiata dall’Occidente? Ora lo ammettono apertamente, come al solito:

Il Ministero della Difesa russo hapersino pubblicato un video che mostra le reclute in fila negli uffici di tutto il Paese. Tra loro c’era anche un americano:

“Dobbiamo sostenere la Russia”: un americano ha firmato un contratto di servizio militare presso il Patriot Center di Khanty-Mansiysk.

L’uomo con il nome di battaglia “Will” ha prestato servizio nelle Forze armate statunitensi, ma, avendo capito cosa stava realmente accadendo in Ucraina, è entrato come volontario nell’operazione militare speciale diversi mesi fa. Insieme ai ragazzi russi, spalla a spalla, ha partecipato alla liberazione di Avdeevka.

I compagni di Will – militari di Pyt-Yakh (Regione Autonoma di Khanty-Mansiysk) e un volontario serbo, anch’egli passato all’operazione militare speciale attraverso Yugra – hanno convinto l’uomo che era meglio firmare un contratto di servizio nelle Forze Armate della RF a Khanty-Mansiysk con il loro esempio personale.

La loro logica era la seguente: pagamento di 745.000 rubli sul posto e di 150.000 rubli a cadenza bimestrale, equipaggiamento completo fornito sul posto e fornitura di tutto il necessario durante il servizio.

In questo video, Will l’americano firma un contratto presso il Centro dei patrioti russi nella regione autonoma di Khanty-Mansi.

L’Ucraina sta facendo di tutto per destabilizzare la Russia, fomentando il malcontento al suo interno: persino i giornali occidentali ammettono la recente ondata di tensioni etniche provocate dai servizi ucraini:

Ma tornando all’articolo di Politico, c’è un’ultima osservazione perspicace:

Zaluzhny la chiamava “la guerra dell’unica possibilità””, ha detto uno degli ufficiali. “Con questo intendeva dire che i sistemi di armamento diventano ridondanti molto rapidamente perché vengono rapidamente contrastati dai russi. Per esempio, abbiamo usato con successo i missili da crociera Storm Shadow e SCALP [forniti da Gran Bretagna e Francia], ma solo per un breve periodo. I russi studiano sempre. Non ci danno una seconda possibilità. E in questo hanno successo”.

“Non credete alle illazioni sul fatto che buttano le truppe nel tritacarne per massacrarle”, ha aggiunto. “Fanno anche questo, naturalmente – massimizzando ancora di più l’impatto della loro superiorità numerica – ma imparano anche e si perfezionano”.

Che ve ne pare di questa ammissione?

A questo proposito, l’estrema urgenza continua ad essere aumentata in Occidente. Sembra davvero che “sappiano” qualcosa che noi non sappiamo sulle reali condizioni dell’Ucraina: tutti sembrano aspettarsi che l’Ucraina crolli alla minima spinta russa:

L’articolo di cui sopra inizia con un ritratto ancora più cupo:

Gli alleati occidentali sono sempre più consapevoli che l’Ucraina sta perdendo la guerra di terra contro la Russia e che entro l’estate potrebbe andare incontro alla sconfitta.

La Russia sta bombardando le linee del fronte con artiglieria, razzi e droni, a una velocità cinque volte superiore a quella con cui l’esercito ucraino può rispondere. Le truppe di Volodymyr Zelensky sono esauste, dopo aver sopportato in alcuni settori una concentrazione di artiglieria più pesante di quella della Somme nel 1916 o del Bocage in Normandia dopo il D-Day del 1944.

Il documento prosegue illustrando la situazione disastrosa degli armamenti dell’Occidente:

La risposta occidentale è stata discontinua alla prospettiva di un’avanzata russa nel giro di poche settimane. Le scorte di artiglieria, anche per i propri arsenali nel caso di Gran Bretagna, Germania e Stati Uniti, non saranno completamente rifornite prima di due anni. La Germania ha aumentato la spesa per la difesa, ma si rifiuta di inviare armi rivoluzionarie come il missile Taurus.

È interessante notare che, ignorando i numeri falsi e ridicoli della Russia, sembrano fare un’ammissione sulle perdite dell’Ucraina:

Putin ha già perso 405.000 uomini in due anni di combattimenti, con 1,3 milioni di soldati impegnati nella guerra – con la prospettiva di richiamarne altri 1,5 milioni entro il 2027. L’Ucraina ne ha persi circa 385.000.

Si conclude con una nota fatalista:

Se questo non è stato abbastanza disastroso per voi, e se state ancora pensando: “Beh, questi sono casi fortuiti, forse il resto dei commentatori non è così pessimista…”. vi presento il vero e proprio magnum opus delle tempeste di panico di questa settimana:

“Si sta delineando uno scenario da incubo”. Interessante!

L’articolo inizia con una prova generale di ciò che l’autore immagina possa accadere:

È luglio e l’esercito russo è alle porte di Kiev. Il Presidente Zelensky trasmette una trasmissione d’emergenza per ripetere le sue parole di sfida, pronunciate per la prima volta nel febbraio 2022, che non ha bisogno di un passaggio per lasciare l’Ucraina. No, ha bisogno di munizioni per restare e combattere i russi.

Se solo l’Occidente avesse ascoltato e fatto di più quando i coraggiosi ucraini chiedevano aiuto, avrebbe potuto fare la differenza. Mentre gli alleati si accapigliavano e gli Stati Uniti alla fine fornivano altri 60 miliardi di dollari in aiuti, mentre laprimavera si trasformava in estate, le truppe di Putin sfondavano le linee a sud e a est. Le forze ucraine in ritirata sono riuscite solo a rallentare l’avanzata. Quando i russi si sono avvicinati alla capitale, una nuova ondata di rifugiati è fuggita dall’Ucraina in cerca di sicurezza dagli incessanti bombardamenti.

Accidenti, come sono cambiati i tempi. Siamo passati da “La Russia è condannata” a “È una situazione di stallo” a…questo, nel giro di pochi mesi.

Ma non si tratta di una visione di crisi lontana dell’autore, bensì di ciò che i politici occidentali seri stanno discutendo:

Questo è lo scenario da incubo che i responsabili politici occidentali stanno contemplando. Gli eventi stanno costringendo i leader militari e civili di Londra, Washington, Parigi e Bruxelles a tracciare una mappa del collasso catastrofico delle forze ucraine a cui vengono negate le armi e le munizioni di cui hanno bisogno.

Woah.

Il disperato tentativo di Macron di far uscire i membri della NATO dal loro torpore per mettere in guardia Putin dall’avanzare ha ora molto più senso, alla luce di queste nuove rivelazioni su ciò che l’Occidente sta discutendo segretamente a porte chiuse riguardo alle possibilità dell’Ucraina.

L’autore fa addirittura eco alle mie parole, scrivendo che “contrariamente all’opinione predominante secondo cui si tratta di un conflitto perennemente congelato”, l’Ucraina, in realtà, corre il rischio concreto di essere ricacciata indietro. Continua poi ad affermare assurdamente che potrebbe esserci ancora un piccolo barlume di speranza, che forse Putin potrebbe essere “rovesciato” da un colpo di Stato. Questi idioti seguono almeno le notizie russe o sanno qualcosa della società russa? L’élite, la classe politica e i cittadini russi non sono mai stati così uniti come ora. Non c’è alcuna possibilità di un auspicato “colpo di Stato”: sono discorsi da bambini.

Zelensky conferma tutto ciò:

Nel pezzo del WaPo sopra citato, ammette che le forze russe potrebbero presto sfondare nelle “grandi città”:

Zelensky offre questa curiosa chicca nel descrivere Putin:

Zelensky ha offerto una caratterizzazione agghiacciante del suo avversario. “Putin è astuto, ma non è intelligente”, ha detto. “Quando si combatte con una persona intelligente, è una lotta con delle regole. Ma quando si combatte con una persona astuta, è sempre pericoloso”.

Cos’è che li terrorizza, in particolare, ultimamente? La maggior parte sembra essere di due tipi: La mano sempre più pesante della Russia nell’attaccare la rete elettrica ucraina e le voci di un assalto di massa in primavera-estate:

Ricordo che agli inizi di questo blog, una delle domande più frequenti e costanti era: “Pensi che il tempo sia dalla parte della Russia o dell’Occidente?”. Il sentimento di molti dei dubbiosi, degli sventurati o dei preoccupati era che il tempo fosse contro la Russia, poiché la NATO sarebbe diventata più forte, avrebbe prodotto di più, l’Ucraina avrebbe raccolto molti più uomini, perché questi commentatori non credevano alle affermazioni della Russia sulle vittime ucraine.

Vi chiedo: Cosa ne pensate ora? Credete ancora che il tempo sia dalla parte della NATO e dell’Ucraina?

Non sembra proprio che sia così in questi giorni. Dico questo come premessa al fatto che la Russia sta lentamente prendendo tempo, continuando a costruire i suoi armamenti e il suo potenziale, e chiudendo molto gradualmente la stretta sull’Ucraina da tutti i lati. Recenti voci indicano che l’Ucraina non è in grado di determinare dove la Russia potrebbe scegliere di sferrare un assalto più importante per rompere le linee, a causa della natura degli attacchi aerei russi che non si limitano a un teatro particolare, ma distruggono le infrastrutture dell’Ucraina in modo diffuso.

Rezident UA:

L’MI6 ha trasmesso informazioni all’Ufficio presidenziale e allo Stato Maggiore che l’Esercito russo ha accumulato un gran numero di missili/lancette/scafi e bombe aeree per la controffensiva estiva. L’intelligence britannica ipotizza che il Cremlino voglia organizzare un attacco dimostrativo di massa su diversi settori del fronte per distruggere il maggior numero possibile di militari ucraini. L’obiettivo principale di tale attacco sarà un fattore psicologico per dimostrare il pieno potenziale dell’esercito russo e rompere il confronto con le Forze Armate dell’Ucraina.

Questo fa parte delle nuove voci sulla riattivazione del fronte russo di Svatovo-Kremennaya e di altre voci sul prossimo assalto a Chasov Yar. Il punto è sottolineare il fatto che la Russia sta giocando con il senso di incertezza dell’Ucraina e può scegliere di colpire sia a Kupyansk che a Bakhmut o a Zaporozhye, e l’Ucraina non sarà preparata.

Abbiamo descritto in precedenti rapporti come la Russia utilizzi i suoi mezzi di mobilità logistica di gran lunga superiori per colpire costantemente l’Ucraina su diversi assi attraverso la strategia della “morte per mille tagli”, e l’Ucraina non è in grado di spostare le proprie difese e riserve abbastanza velocemente. Nuovi rapporti lo sottolineano, ad esempio:

Le brigate “meccanizzate” dell’Ucraina vengono letteralmente declassate a orde di soldati a piedi a causa della mancanza di veicoli.

La Russia ha compiuto recenti progressi nelle aree a ovest di Bakhmut e si sta preparando a lanciare l’assalto a Chasov Yar.

Da un canale affiliato all’esercito russo:

Le forze russe sono pronte ad iniziare il fondamentale assalto di Chasov Yar: “Le nostre mappe per Chasov Yar sono già state disegnate, i ruoli sono stati assegnati, gli esecutori sono stati nominati. Tutto è pronto, non appena la testa di ponte sul Canale sarà pronta – inizieremo”.

Sputnik spiega perché questa città è critica:

In breve, spiegano che Chasov Yar è un nodo ferroviario fondamentale e si trova su una collina che domina l’intero agglomerato difensivo dell’AFU della regione, che in precedenza comprendeva Bakhmut, ma ora è incentrato su Kramatorsk-Slavyansk-Konstantinovka.

Nel frattempo, si sussurra sempre più spesso di un’eventuale evacuazione totale della città di Kharkov. Non solo a causa dei problemi di elettricità dopo i colpi della Russia alla centrale elettrica della regione, ma anche in previsione dell’apertura di un nuovo potenziale fronte da nord.

Strada che lascia Kharkov:

Esodo della popolazione da Kharkov. Dopo le dichiarazioni dell’amministrazione locale secondo cui l’intera infrastruttura della città era distrutta, i continui problemi con l’elettricità, è iniziato l’esodo della popolazione dalla città. I bombardamenti regolari da parte dell’aviazione russa e le voci sull’imminente inizio dei combattimenti hanno certamente aggravato la situazione.

E qui i principali account ucraini parlano dell’impensabile, con i funzionari della città che affermano che non c’è ancora bisogno dievacuare….:

E anche al momento in cui scriviamo, è in corso un vasto attacco a Kharkov, con video che mostrano attacchi nella città già depotenziata.

Con una situazione così disastrosa, si dice che Zelensky abbia finalmente inghiottito la pillola e premuto il grilletto sul primo passo principale della tanto temuta legge di mobilitazione per abbassare l’età da 27 a 25 anni:

La CNN conferma:

CNN –

IlPresidente ucraino Volodymyr Zelensky ha firmato una legge che abbasserà l’età minima di leva del Paese da 27 a 25 anni, aumentando potenzialmente il numero di uomini disponibili a combattere l’invasione russa.

Tuttavia, non è ancora tutto come sembra :

La legge firmata martedì da Zelensky abbassa l’età di arruolamento a 25 anni, ma lascia l’età di mobilitazione a 27. Tuttavia, anche il Parlamento ucraino sta valutando una proposta di legge che ridurrebbe l’età di mobilitazione a 25 anni.

Questo permette loro di essere arruolati a 25 anni, ma non ancora mobilitati in prima linea. Si presume che la Rada voterà in aprile per abbassare anche l’età di mobilitazione completa a 25 anni. Quindi, questo non significa ancora nulla.

Non è chiaro quale sia l’obiettivo, se non altro, di questo provvedimento. Ricordo che avevo appena pubblicato un video di un alto funzionario ucraino che affermava che una riduzione a 25 non servirà a nulla, visto l’esaurimento delle forze ucraine; diceva che bisognava scendere subito a 19.

Lo stesso Zelensky si rifiuta di divulgare il numero di persone che saranno mobilitate, attribuendo la responsabilità di questa necessità alla Russia, sostenendo che la stessa Russia ha intenzione di effettuare un nuovo massiccio richiamo a giugno:

Le risposte dei senatori russi Kartapolov e Gurulev? “La cocaina è una droga infernale”.

In uno dei precedenti articoli, Zelensky ha dichiarato che intende mobilitare altri uomini per preparare un’altra offensiva per la fine dell’anno. Il motivo è rivelatore: se l’Ucraina non attacca per prima, lo farà la Russia.

La sua spiegazione svela la strategia dell’Ucraina. Nel 2023 la Russia si è seduta e si è difesa dalla grande “offensiva” dell’Ucraina, quindi qui Zelensky sembra credere che se l’Ucraina riuscirà a lanciare una parvenza di un altro attacco, ritarderà o annullerà l’offensiva di massa della Russia, che tutti sembrano aspettarsi per quest’anno. Questo sarebbe lo stratagemma dell’Ucraina per continuare a guadagnare tempo: lanciare un altro attacco di carne inutile e infruttuoso con perdite massicce, scambiando decine di migliaia di vite per qualche altro mese preso in prestito per evitare che il regime illegittimo di Zelensky vada al patibolo.

Secondo un’interessante analisi dell'”American Spectator”, l’Ucraina sta pianificando una grande sorpresa per il mese di ottobre:

L’intera tesi è la seguente:

Come finisce la guerra Ucraina-Russia? Con una sorpresa di ottobre. L’Ucraina, divenuta indipendente il 24 agosto 1991, sarà sciolta e nascerà una Nuova Ucraina in virtù di una dichiarazione unilaterale dell’attuale governo ucraino, con il sostegno dell’alto comando militare. I confini de jure della Nuova Ucraina rifletteranno e saranno co-terminati con il territorio attualmente sotto il controllo amministrativo de facto dell’attuale governo ucraino. La Nuova Ucraina sarà compatta; coesa e ben integrata politicamente, economicamente e socialmente (cioè etnicamente, linguisticamente e culturalmente); e avrà confini dimostrabili e difendibili. Di conseguenza, la Nuova Ucraina avrà l’autonomia strategica per sganciarsi dalla sfera di influenza della Russia senza aderire a blocchi economici e militari come l’UE e la NATO.

È certamente una direzione interessante, supportata da alcune prove, come le recenti dichiarazioni occidentali che indicano che l’Ucraina non è in grado di riconquistare i territori precedenti, e persino l’inizio di discussioni che giustificano o vendono l’idea che il Donbass non sia davvero ucraino, dopo tutto.

Una cosa del genere potrebbe essere un’ultima disperata offerta dell’Occidente all’Ucraina: rinunciate a tutti i territori controllati dalla Russia, dichiarate una nuova Ucraina unificata e noi vi faremo penzolare la carota della NATO/UE più vicina che mai.

Nel frattempo, il quotidiano francese Le Figaro sostiene il nostro reportage sulla strategia della Russia di morire in mille modi:

L’esercito russo ha adottato la strategia del “morso” o del “pungolo”: effettua piccoli attacchi su più segmenti contemporaneamente. L’Ucraina non è in grado di reggere l’intera lunghezza della linea del fronte, quindi tali attacchi la esauriscono e portano alla Russia, seppur piccoli, risultati, scrive Le Figaro.

Ulteriori elaborazioni:

“I russi hanno ripreso l’iniziativa. Sono in grado di “tormentare” l’avversario sul campo. È la tecnica delle mille tacche. L‘obiettivo è quello di dissanguare gli ucraini per indebolire le loro riserve”, spiega l’esperto militare francese in un’intervista a un giornalista. Secondo lui, gli ucraini possono contrastare i tentativi di evasione in diversi punti, ma non saranno in grado di rimanere su una dozzina di fronti. Allo stesso tempo, la Russia sta accumulando potenziale per sfruttare le opportunità che si sono aperte.

Inoltre, ammettono ciò che abbiamo sempre detto: le azioni dell’Ucraina sul confine non sono altro che distrazioni:

L’Ucraina non ha abbastanza uomini e munizioni. Pertanto, Kiev deve passare alla “difesa elastica”. Di conseguenza, compie azioni simboliche, ad esempio invadendo il territorio russo nelle regioni di Kursk e Belgorod o lanciando missili forniti dall’Occidente, ma non è in grado di ottenere un reale effetto strategico.

Infine, la loro conclusione ci fa chiudere il cerchio:

I prossimi mesi promettono ancora di essere critici, scrive l’autore dell’articolo. “Non possiamo escludere un’offensiva russa in primavera per costringere gli ucraini a negoziare in una posizione difficile”, avverte l’esperto Jerome Pellistrandi. Secondo lui, i russi hanno imparato la lezione, sono diventati più manovrabili e usano intensamente la guerra elettronica. Pertanto, alcune delle attrezzature consegnate l’anno scorso dall’Occidente vengono ora neutralizzate da interferenze elettroniche.

Un paio di ultimi elementi:

Ecco un rapido sguardo prima e dopo la sala di controllo della centrale termica di Ladyzhenskaya, per dare un’idea del tipo di danni provocati dagli attacchi russi:

La prima foto potrebbe essere un’immagine di repertorio a scopo illustrativo, ma rende l’idea; non credo che verrà riparata a breve.

Come ultimo argomento, sono venuto a conoscenza del fatto che Andrei Martyanov ha scritto un intero pezzo presumibilmente “sfatando” il mio recente rapporto in cui il colonnello Falichev scriveva per il Digesto ufficiale dell’esercito russo. La principale lamentela di Martyanov sembra ruotare intorno al fatto che non riesce a trovare alcuna credenziale importante per Falichev, dato che Martyanov è un grande sostenitore del pedigree militare, come molti di voi sanno.

Sebbene non gli rimproveri certo una tale accuratezza e standard esigenti, mi limiterò a notare che nulla di ciò che Falichev ha detto è stato sfatato, ma piuttosto la sua posizione militare è stata semplicemente messa in discussione. Questa non è una risposta diretta a Martyanov, di cui sono un ammiratore anche se lui sembra esserlo meno di me, ma piuttosto una risposta alle poche richieste del mio pubblico che mi sono state rivolte. Mi piace che le persone abbiano la loro mente e la loro capacità di prendere decisioni, quindi le uniche cose che dirò sono che, in primo luogo, il pezzo di Falichev è stato ovviamente pubblicato sulla rivista ufficiale dell’esercito russo, ospitata sul loro sito ufficiale:

Il suo comitato editoriale è composto da molti alti dirigenti, tra cui i comandanti in capo di tutte le forze di terra russe:

Troverei estremamente sconcertante che una rivista così prestigiosa, diretta dall’attuale comandante delle forze di terra dell’intero esercito russo, sia così poco professionale da ospitare gli sproloqui di una persona totalmente incompetente o disinformata. Si potrebbe pensare che questo si rifletta negativamente su di loro, no?

In secondo luogo, anche se non ritengo Martyanov responsabile di non averlo visto, poiché dubito che sia un abbonato pagante, ma il numero precedente della mia serie a pagamento includeva un’analisi di un altro thinktank russo, in cui il generale Baluyevsky riecheggiava molte delle stesse preoccupazioni di Falichev, nella sua prefazione intitolata Algoritmi di fuoco e acciaio .

Non credo che qualcuno possa mettere in dubbio le credenziali di Baluyevsky, considerando che è stato letteralmente il capo dello Stato Maggiore di tutte le forze armate russe, la posizione che attualmente ricopre Gerasimov:

In quel secondo rapporto mio, ho evidenziato le rivelazioni di Baluyevsky su alcune carenze critiche nelle forze russe, per esempio:

Alcuni sembrano credere che l’esercito russo sia infallibile e non possa avere punti deboli. Ma dubito che qualcuno possa mettere in dubbio lo stesso Capo di Stato Maggiore, che ha avuto una carriera ricca di storia e ha frequentato tutte le più importanti scuole di comando.

Baluyevsky prosegue con molte altre accuse, tra cui una che si scontra direttamente con le affermazioni di Martyanov sulle capacità onniscienti dell’ISR russo:

“Deve essere costruito in un complesso di un unico sistema di controllo…” – questo implica chiaramente che la Russia non ha ancora un sistema di questo tipo, nonostante sia proprio quello che Martyanov, nel suo articolo, sostiene essere il punto di forza della Russia. Senza offesa per Martyanov, che rispetto, ma credo che mi fiderò della parola del Capo di Stato Maggiore russo su questo argomento.

Ho voluto fare questa breve difesa non solo per onorare le richieste dei seguaci più curiosi, ma anche per assicurarmi che la mia ricerca non subisse alcuna macchia. So che Martyanov non mi stava attaccando, ma dato il suo grande seguito, a volte critiche come queste possono dipingere un quadro incompleto o addirittura dannoso. In questo caso, per esempio, la stroncatura di Falichev potrebbe far pensare che io non usi buone fonti nelle mie ricerche, ma si vede chiaramente il contrario. Non solo la rivista dell’Esercito russo che ho usato è una fonte di prim’ordine, ma il suo stesso caporedattore ha una carriera inattaccabile, essendosi laureato in tre diverse scuole di comando:

Ed è stato anche un dirigente del comitato editoriale di un’altra delle più famose riviste militari russe, Military Thought.

Infine, l’episodio mi ha aperto gli occhi su una cosa importante: che qui ho davvero il miglior pubblico possibile. Sfogliando la “sezione commenti” dell’articolo di Martyanov mi sono divertito a scoprire che molti dei miei detrattori mi rimproverano di essere critico nei confronti della Russia, o al massimo “neutrale”. Questo mi dice una cosa importante: che molti in questo campo purtroppo coltivano un’eco-camera nel rifiutare di trovare qualsiasi difetto, limite o debolezza nell’esercito russo o nel suo approccio alla guerra.

Mi ha fatto piacere rendermi conto di aver coltivato un ampio seguito di persone di mentalità aperta che vogliono la vera verità “con tutte le sue verruche” e non sono qui semplicemente per essere coccolati o massaggiati con conferme di pregiudizi che fanno piacere. Ciò ha semplicemente rafforzato la mia convinzione che questo blog sia davvero il posto migliore in cui si possa ottenere la vera verità senza punti ciechi distorti, pensieri velleitari e simili.

Ringrazio quindi il mio pubblico per essere quello che è, perché a quanto pare l’avevo dato un po’ per scontato, pensando che altri pubblici paralleli fossero altrettanto attenti alla verità e all’accuratezza delle informazioni, piuttosto che alla mera ricerca di un rafforzamento delle credenze.

Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: Tip Jar

 

LA STRAGE DEL CROCUS CITY HALL DI MOSCA E IL RUOLO DELL’ISIS NELLE STRATEGIE DEGLI STATI UNITI D’AMERICA, di Luigi Longo

LA STRAGE DEL CROCUS CITY HALL DI MOSCA E IL RUOLO DELL’ISIS NELLE STRATEGIE DEGLI STATI UNITI D’AMERICA

di Luigi Longo

 

 

Sul sito “Italiaeilmondo” è stato pubblicato, il 24/3/2024, un dialogo sulla strage al Crocus City Hall di Mosca (bilancio ufficiale di oltre 143 morti e 180 feriti), dal titolo “Russia, strage al Krokus”, coordinato da Giuseppe Germinario, con Flavio Basari, Max Bonelli, Roberto Buffagni, Giacomo Gabellini e Dmitry Kuznetsov.

Avanzo alcune riflessioni che per comodità elenco per punti senza ordine di priorità. Riporto prima una breve premessa sull’inquadramento dell’Isis, che ho già sviluppato in un mio precedente scritto del 2015, riguardante la distruzione della Libia ad opera degli USA tramite la NATO (Luigi Longo, Che ci fa l’Islamic State (IS) in Libia? Perché non lo chiediamo agli USA, apparso sia sul sito di conflittiestrategie sia su Italiaeilmondo).

La strage al Crocus City Hall di Mosca è stata rivendicata dall’Isis-k (una articolazione dell’Isis egemone in Afghanistan). L’Isis è una organizzazione presente a livello mondiale nei luoghi e nei territori chiave del conflitto strategico per il dominio (Asia centrale, Africa, Medio Oriente, eccetera) tra le potenze mondiali (USA, Russia, Cina, per ora).

Il fondamentalismo islamico non è più concepito come “frangia impazzita” di un vasto movimento << che costituisce la moderna militanza islamica. Le loro rivendicazioni sono politiche ma articolate in termini religiosi e fanno riferimento a una visione del mondo religiosa. Il movimento affonda le proprie radici in contingenze sociali, economiche e politiche >>, ma è visto come il portabandiera e << […] il loro linguaggio è oggi l’idioma dominante nel moderno attivismo politico islamico. Il loro svilito, violento, nichilistico millenarismo antirazionale è diventato l’ideologia standard cui aspirano i giovani musulmani arrabbiati. Questa è una tragedia. >>. La citata tragedia è un capolavoro degli agenti strategici pre-dominanti del conflitto mondiale (in primis degli USA in quanto potenza mondiale egemone che si vede minacciata dal formarsi di nuove potenze), ma anche degli agenti strategici sub-dominanti delle diverse aree occidentali e orientali ( per esempio l’Europa, il Vicino e Medio Oriente, l’Africa) che configureranno nella fase policentrica, tramite le zone di influenza, i poli delle potenze mondiali in lotta per la supremazia; sono gli stessi agenti strategici che hanno agevolato e avallato ( se non creato in alcuni casi) il costituirsi delle frange “impazzite” del fondamentalismo islamico, per le proprie strategie di conflitto per l’egemonia mondiale. L’uso strumentale dei movimenti islamisti funzionali alla strategia atlantica non è terminato con il ritiro dell’Armata Rossa dall’Afghanistan. Il patrocinio fornito dall’Amministrazione Clinton al separatismo bosniaco ed a quello kosovaro, l’appoggio statunitense e britannico al terrorismo wahhabita nel Caucaso, il sostegno ufficiale di Brzezinski ai movimenti fondamentalisti armati in Asia centrale, gli interventi a favore delle bande sovversive in Libia ed in Siria, sono gli episodi successivi di una guerra contro l’Eurasia in cui gli USA e i loro alleati si avvalgono della collaborazione islamista.

Quindi l’Isis è una organizzazione usata dagli Stati Uniti per le loro strategie di dominio e, nello specifico, nella guerra contro la Russia tramite NATO-Europa-Ucraina (si legga la filiera del comando della strage di Mosca costruita da Pepe Escobar, Il legame Nuland-Budanov-Tagik-Crocus, www.comedonchisciotte.org, del 27/3/2024). Ricordo che Noam Chomsky definì gli Stati Uniti: uno dei principali Stati terroristici (Noam Chomsky, Chi sono i padroni del mondo, Ponte alle Grazie, Milano, 2018, pp.237-241).

 

Finita la premessa inizio le riflessioni.

 

Prima: l’Occidente. Non interessa qui discutere l’aspetto geografico, storico, politico, sociale, economico, filosofico, religioso, territoriale, eccetera dell’Occidente, ma interessa recuperare l’idea dell’Occidente attraverso il gramsciano senso comune. Cosa intende il senso comune con l’Occidente: l’Europa e gli Stati Uniti d’America.

La domanda che si pone è: chi ha dichiarato guerra alla Russia? L’Europa? O gli Stati Uniti?

Non può essere l’Europa (Unione Europea, UE) diventata una espressione geografica in piena servitù volontaria verso gli USA. Essa si sta autodistruggendo per la sua stupida servitù! (l’ultimo capolavoro di stupidità sono le sanzioni alla Russia). D’altronde la UE è un progetto statunitense nato verso il 1929, realizzato nel secondo dopoguerra (come affermazione della potenza statunitense che sostituisce definitivamente la potenza inglese e diventa egemone nel campo occidentale) e finito nel 1989-1991 (con l’implosione dell’URSS).

Credo che bisogna dire con chiarezza che gli USA, potenza egemone mondiale in relativo declino a partire dal 2011, hanno dichiarato guerra alla Russia (via Europa-NATO-Ucraina) perché la ritengono (insieme alla Cina) una potenza mondiale in grado di mettere in discussione il loro dominio.

Quindi non è tutto l’Occidente che ha scatenato la guerra contro la Russia ma sono gli USA che l’hanno provocata perché hanno una concezione del dominio mondiale monocentrica e non multicentrica come la Russia (e la Cina).

 

Seconda: la Nato. La NATO è lo strumento della strategia USA. E’ uno strumento importante presente sull’intera scena mondiale per creare caos e per costruire ordine statunitense. Essa si occupa non solo della sfera militare ma interviene in tutte le sfere sociali dei territori interessati alle strategie. Non c’è nella NATO nessuna strategia alternativa a quella statunitense (né francese, né inglese, né tedesca). Per dirla con Noam Chomsky: quando si dice Nato si intende USA!

Gli USA e la NATO stanno costruendo basi militari a ridosso del confine russo da Nord (Norvegia, 12 basi militari) a Sud (in Romania, nella contea di Costanza vicino al Mar Nero, stanno costruendo la più grande base aerea in Europa) per non parlare delle esercitazioni quasi realistiche che stanno effettuando (l’esercitazione addestrativa nel Mediterraneo centrale “Dynamic Manta”, le esercitazioni nei rifugi della Polonia, le esercitazioni in Lettonia denominate “Cristal Arrow” parte della più grande esercitazione della NATO, la “Steadfast Defender”). Tengono sotto pressione e fanno la guerra alla Russia perché rappresenta la potenza che, nel medio periodo, può incrinare il declino degli USA con l’apertura della rotta artica (ne accenno nella terza riflessione). Così si esprime lo storico svizzero Daniele Ganser :<< Per tanti anni ho seguito a distanza varie guerre e con sgomento sono giunto alla conclusione seguente: negli ultimi settant’anni sono stati in massima parte i paesi della NATO, la maggior alleanza militare del mondo, guidata dagli Stati Uniti, ad avviare guerre illegali, riuscendo però sempre a farla franca. Gli USA e la NATO sono un pericolo per la pace nel mondo, hanno ignorato molte volte il divieto dell’uso della forza stabilito dalle Nazioni Unite. >> (Daniele Ganser, Le guerre illegali della NATO, Fazi editore, Roma, 2022, pp. 22-23).

La Nato ha sostituito il progetto UE e coordina l’Europa nella fase multicentrica caratterizzata dal conflitto strategico tra le potenze mondiali: sappiamo poco dei processi di americanizzazione dei territori europei e niente dei territori e delle città NATO, a cominciare dal nostro bel Paese.

 

Terzo: il polo asiatico. La forte preoccupazione degli USA è quella rappresentata dall’alleanza tra le due grandi potenze mondiali (Cina e Russia, ormai potenze consolidate, e l’India in forte ascesa che si candida ad essere una potenza di peso nella scacchiera mondiale) che possono mettere in discussione il loro dominio che è in declino relativo soprattutto per la mancanza di sintesi nazionale (espressione di un modello di sviluppo sociale) tra gli agenti strategici egemoni, che è la base di proiezione mondiale di una potenza. Viene meno la logica del divide et impera della politica statunitense nei riguardi della Cina e della Russia (per esempio Nixon-Kissinger, fine anni sessanta e inizio anni settanta del secolo scorso, continuata in diverse forme fino al 2011) e avanza la logica del coordinamento tra la Cina e la Russia che supera le tensioni del passato e trova convergenza nella loro politica di potenza, con un diverso modello di sviluppo sociale e territoriale a partire dalla propria sovranità e autodeterminazione, per costruire un mondo multicentrico in equilibrio dinamico, dove possono esserci anche gli USA se la smetteranno di considerarsi la nazione indispensabile con mandato divino (Sic!).

Sono le mutate condizioni storiche e la convergenza degli interessi tra la Cina e la Russia che hanno fatto nascere il polo asiatico allargato. A tale riguardo riporto alcune considerazioni avanzate in precedenti scritti. Un polo asiatico allargato imperniato, per ora, su due grossi centri di grande valenza nella storia mondiale come la Russia e la Cina. La Russia ha decisamente cambiato le relazioni con l’Occidente non fidandosi più degli Stati Uniti né tantomeno della vassalla Europa dopo la continua aggressione statunitense (via NATO-Europa-Ucraina), il sabotaggio del Nord Stream 1 e 2, le sanzioni europee, il furto delle riserve auree russe depositate nelle banche europee, la trappola dei protocolli di Minsk, eccetera. Ha riallacciato, con strategie tendenti alla cooperazione e al coordinamento che la fase multicentrica impone, la relazione con l’Oriente (soprattutto con la Cina, affermata potenza con una crescita straordinaria negli ultimi trenta anni e con l’India potenza in ascesa), con i Paesi dell’Africa, dell’Asia, dell’America latina, del Medio Oriente e del mondo islamico. Inoltre, la Russia è la coprotagonista, insieme alla Cina, nella creazione degli strumenti per raggiungere l’obiettivo del costituendo polo asiatico allargato: l’associazione interstatale dei BRICS, l’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO), la Comunità degli Stati Indipendenti (CSI), l’Unione Economica Eurasiatica (UEE), l’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO), la RIC (Russia, India, Cina) e di altre associazioni interstatali e organizzazioni internazionali.

Al termine di queste considerazioni voglio sottolineare la questione della regione artica che riguarda la rotta artica, sempre più libera dai ghiacci, che aprirà una nuova e più breve via di comunicazione tra l’Estremo Oriente e l’Europa (Karin Kneissl, La Russia e la rotta artica: le frontiere commerciali si spostano sempre più ad Est, www.comedonchisciotte.org, 16/1/2023). Questo passaggio marittimo a Nord-Est, sviluppato dalla Russia, è destinato a rivoluzionare le relazioni mondiali che libererà la Cina dalle strettoie militari e logistiche statunitensi dell’Oceano Pacifico (i vari Stretti: Luzon, Mindoro, eccetera) oltre a gestire con flessibilità le strozzature presenti nell’Oceano Indiano e nel Mediterraneo (il canale di Suez). Una rotta che sposta gli equilibri geoeconomici ma, soprattutto, quelli geopolitici tra le potenze a favore della Russia e della Cina mettendo seriamente in discussione le strategie militari e territoriali degli Usa sia nel Pacifico sia nell’Atlantico. Sarà uno scenario mondiale molto delicato e pericoloso (più di quello della guerra in Ucraina) e potrebbe significare il passaggio dalla fase multicentrica a quella policentrica, cioè la terza guerra mondiale.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

SitRep Ucraina: Intervista a Syrski – Mobilitazione – Deenergizzazione

In calce il resoconto commentato del sito Moon of Alabama _ Giuseppe Germinario

Oleksandr Syrskyi, comandante in capo delle forze armate ucraine:

L’unità e la forza dell’Ucraina sono la condizione per la vittoria sulla Russia
29.03.2024 08:35

Oleksandr Syrskyi è stato nominato Comandante in capo delle Forze armate ucraine con un decreto presidenziale del febbraio 2024. Questa nomina, così come i successivi cambiamenti nella leadership militare del Paese, il ritiro delle truppe ucraine da Avdiivka, l’offensiva duratura degli invasori russi e la transizione dell’Ucraina verso la difesa strategica sono diventati oggetto di grande attenzione, e non solo in Ucraina. Gli alleati e i partner occidentali hanno iniziato a esprimere pensieri allarmanti sul fatto che l’Ucraina stia perdendo terreno e capacità di continuare la lotta contro il nemico. Il comandante in capo delle forze armate ucraine, il colonnello generale Oleksandr Syrskyi, ha dichiarato a Ukrinform quanto siano giustificate tali valutazioni, quale sia la reale situazione sul campo di battaglia e cosa significhi una nuova strategia delle forze ucraine.

– Oleksandr Stanislavovych, continuano ad arrivare notizie inquietanti dal fronte. Il nemico continua a fare pressione sulle posizioni ucraine, tentando di avanzare nei settori di Kupiansk e Lyman e ponendo minacce a Yampil e Siversk. La situazione sull’asse di Avdiivka rimane difficile. Sappiamo che il nemico paga ogni passo di questo tipo con pesanti perdite. Tuttavia, cosa sta succedendo? Le Forze Armate ucraine hanno le risorse e le capacità per fermare una simile avanzata nemica?

 

– La situazione al fronte è davvero difficile. Tuttavia, non può essere diversa. Senza dubbio, ogni giorno richiede il massimo sforzo da parte dei nostri soldati e ufficiali. Ma non solo siamo sulla difensiva, ma avanziamo anche in direzioni diverse ogni giorno. Recentemente, il numero di posizioni che abbiamo recuperato supera quello delle posizioni perse. Il nemico non è riuscito ad avanzare in modo significativo nelle aree strategiche e i suoi guadagni territoriali, se ci sono, sono di importanza tattica. Stiamo monitorando la situazione.

Va riconosciuto che la situazione attuale in alcuni settori rimane tesa. Gli occupanti russi continuano ad aumentare i loro sforzi e hanno un vantaggio numerico in termini di uomini. Tradizionalmente non contano sulle perdite e continuano a utilizzare la tattica degli assalti massicci. In alcune aree, le unità delle Forze di Difesa ucraine hanno respinto diverse decine di attacchi.

L’esperienza degli ultimi mesi e delle ultime settimane dimostra che il nemico ha aumentato in modo significativo l’attività degli aerei, utilizzando le KAB, bombe aeree guidate che distruggono le nostre posizioni. Inoltre, il nemico ricorre a un fitto fuoco di artiglieria e mortai. Alcuni giorni fa, il vantaggio del nemico in termini di munizioni era di circa sei a uno.

Tuttavia, abbiamo imparato a combattere non con la quantità di munizioni, ma con l’abilità di usare le armi che abbiamo. Inoltre, sfruttiamo al massimo i vantaggi dei veicoli aerei senza pilota, anche se il nemico sta cercando di raggiungerci in questa efficace arma.

Il nemico continua a condurre operazioni offensive su un ampio fronte, cercando di raggiungere ad ogni costo i confini delle regioni di Donetsk e Luhansk e respingendoci sulla riva sinistra [orientale] del Dnipro nella regione di Zaporizhzhia.

In alcune zone del fronte, siamo riusciti a pareggiare la situazione con l’artiglieria, e questo ha immediatamente influenzato la situazione nel suo complesso. I nostri artiglieri usano munizioni di alta precisione per distruggere le aree di concentrazione nemiche anche decine di chilometri dietro le linee del fronte. Ogni giorno, il nemico non solo subisce perdite significative in termini di uomini ed equipaggiamenti, compresi i sistemi di artiglieria, ma non può mai sentirsi al sicuro in nessun luogo, compresi i territori temporaneamente occupati dell’Ucraina. Questo è un importante fattore psicologico. Non avranno pace nella nostra terra. Mai. E ogni occupante dovrebbe esserne consapevole.

È chiaro che si tratta di statistiche, ma è importante sapere che solo nel periodo febbraio-marzo di quest’anno (al 26 marzo), il nemico ha perso più di 570 carri armati, circa 1.430 veicoli corazzati da combattimento, quasi 1.680 pezzi di artiglieria e 64 sistemi di difesa aerea. Allo stesso tempo, le Forze di Difesa ucraine continuano a tenere sotto controllo le alture e le aree di difesa chiave. Il nostro obiettivo è quello di prevenire la perdita del nostro territorio, esaurire il più possibile il nemico, infliggergli le maggiori perdite e formare e preparare le riserve per le operazioni offensive.

È inoltre molto significativo che anche l’attività aerea del nemico sia stata ridotta, ovviamente grazie alle capacità delle nostre unità di difesa aerea. In soli dieci giorni di febbraio, hanno abbattuto 13 aerei nemici, tra cui due A50 di importanza strategica per l’allerta precoce e il controllo.

Pertanto, siamo soddisfatti dell’abilità del personale militare. Speriamo di ricevere dai nostri partner un maggior numero di sistemi di difesa aerea e, soprattutto, di missili, soprattutto se si considera che il nemico è passato alla tattica degli attacchi aerei massicci contro le truppe ucraine, le infrastrutture civili e le pacifiche città ucraine. Abbiamo il dovere di proteggerle.

Continuiamo a cambiare le tattiche anche in mare. Gli attacchi dei droni navali alle navi nemiche sono così efficaci che ci permettono di parlare di cambiamenti nella strategia delle operazioni di combattimento in mare nel suo complesso. Stiamo distruggendo di proposito la flotta russa del Mar Nero. E continueremo a farlo. L’ultima distruzione di diverse navi a Sebastopoli ne è solo un altro esempio.

– La sua nomina è avvenuta dopo le dimissioni, rumorose e, diciamolo pure, non del tutto comprensibili, del generale Valerii Zaluzhnyi. A cosa sono legati questi cambiamenti e la riorganizzazione di quasi tutta la leadership militare? Qual è stata la reazione delle truppe a questo rimpasto?

– I militari hanno un solo dovere: non discutono gli ordini, li eseguono. Quindi, se il presidente del Paese – il Comandante supremo in capo – aveva ragioni per una tale sostituzione, soprattutto durante la fase attiva della guerra, significa che le ragioni erano valide.

Valerii Fedorovych [Zaluzhnyi] e io abbiamo lavorato fianco a fianco nei momenti più difficili dall’inizio dell’invasione russa su larga scala, e anche prima. Abbiamo lavorato come una sola squadra. Gli auguro di avere successo nel suo nuovo incarico di grande responsabilità.

Da parte mia, posso dire che tutte le nostre conoscenze ed esperienze, acquisite durante la guerra a tutto campo nelle battaglie con le forze superiori del nemico, saranno finalizzate ad aumentare l’efficacia delle nostre azioni e ad infliggere il massimo danno ai gruppi d’attacco del nemico.

Su questa base, stiamo elaborando gli algoritmi degli organi di amministrazione militare a tutti i livelli. Si tratta di una pianificazione dettagliata e attenta delle azioni delle formazioni e delle unità, naturalmente tenendo conto delle esigenze del fronte. Non solo il successo di ogni operazione militare, ma anche la vita delle persone dipende dal lavoro chiaro di questa verticale, che copre la pianificazione e il supporto delle operazioni militari, dalla fornitura tempestiva di armi e munizioni di ultima generazione dai nostri partner occidentali. I comandanti di tutti i livelli dovrebbero ricordarlo e noi lo ricordiamo costantemente ai nostri alleati occidentali.

Il nostro personale deve conoscere tutte le esigenze del fronte senza eccezioni e comprendere la situazione in ogni sua parte. In questo caso, le competenze degli ufficiali che fanno parte dell’amministrazione militare vengono in primo piano.

Posso confermare che la composizione dello Stato Maggiore e degli altri organi di amministrazione militare sarà aggiornata a spese di ufficiali combattenti con una vasta esperienza pratica di operazioni di combattimento, acquisita sul campo di battaglia di questa guerra.

– Quali cambiamenti avverranno sul campo di battaglia dopo la sua nomina?

– La situazione sul campo di battaglia non dipende solo dal Comandante in Capo, come lei sa. La guerra moderna richiede determinazione e iniziativa sul campo, proprio dove si combatte. Il successo delle operazioni di combattimento è deciso da ufficiali, sergenti e soldati che si trovano nelle trincee e nei punti di forza: sono loro a portare sulle spalle questo pesante carico di combattimento.

Possiamo definire una strategia, coordinare le azioni e rispondere prontamente ai cambiamenti della situazione e alle esigenze del fronte. Allo stesso tempo, la filosofia dell’impiego delle truppe – almeno questa è la mia posizione – dovrebbe basarsi sulla formula principale. La cosa più preziosa che le nostre Forze Armate hanno sono le persone. Il nostro compito è proteggere le loro vite e, allo stesso tempo, infliggere le massime perdite al nemico.

L’attuazione di questo principio richiede il mantenimento di un equilibrio tra l’esecuzione delle missioni di combattimento e il ripristino delle formazioni e delle unità militari. I nostri uomini sono eroi, ma i loro poteri non sono illimitati, hanno bisogno anche di recupero e riposo.

Pertanto, già oggi è stato avviato il processo di rotazione delle unità militari in prima linea, che ci consente di ripristinare pienamente la capacità di combattimento degli equipaggiamenti e, innanzitutto, di garantire il riposo e il recupero dei nostri membri del servizio.

Abbiamo bisogno di persone che garantiscano questo processo. Per questo vorrei che tutti gli uomini in età militare in Ucraina si rendessero conto che la sopravvivenza dell’Ucraina dipende dalla loro volontà e dalle loro azioni.

Questo processo non si limita solo alle attività dei centri di reclutamento militare. Si tratta di un intero insieme di questioni, che comprende la formazione delle persone, l’equipaggiamento e la fornitura di ciò di cui hanno bisogno. Tali sforzi includono anche misure di protezione sociale per i membri del servizio e le loro famiglie. È necessario preoccuparsi della vita di un membro del servizio dopo il rilascio o la smobilitazione. Naturalmente, è impossibile risolvere tutti questi compiti solo grazie agli sforzi delle Forze armate ucraine. Vediamo che lo Stato non rimane in disparte e sta già creando meccanismi per risolvere tutti questi problemi.

Gli ucraini continuano ad andare a difendere il loro Paese, anche tornando dall’estero. Abbiamo molti combattenti volontari, e non è un’esagerazione. Non dico che non ci siano problemi, ma sottolineo che stiamo facendo di tutto per risolverli.

– I rapporti precedenti dicevano che dovevano essere mobilitate altre 500.000 persone per mantenere la capacità di combattimento e garantire la rotazione delle unità e delle formazioni delle Forze armate ucraine al fronte. Quanto è realistica una simile cifra?

– In seguito alla revisione delle nostre risorse interne e al chiarimento della composizione delle Forze armate, questa cifra è stata significativamente ridotta. Ci aspettiamo di avere un numero sufficiente di persone in grado di difendere la patria. Non parlo solo dei mobilitati, ma anche dei combattenti volontari.

È necessario tenere conto del fatto che le persone non sono robot. Sono esauste, fisicamente e psicologicamente, soprattutto in condizioni di combattimento. Ad esempio, coloro che si sono presentati ai centri di reclutamento militare nel febbraio 2022 – queste persone hanno bisogno di riposo e di cure. Basti pensare che la 110ª brigata da combattimento è stata impegnata nel settore di Avdiivka fin dall’inizio dell’invasione su larga scala. Hanno bisogno di recuperare e riposare, e questa è una necessità oggettiva. E ci sono molte altre unità di questo tipo.

Attualmente stiamo rivedendo la forza e il numero delle singole unità non di combattimento sulla base di un audit delle loro attività. Questo ci ha permesso di inviare migliaia di membri del servizio alle unità di combattimento.

Ma in questo caso è necessario astenersi dagli estremi. In tutti gli eserciti del mondo, c’è personale che non partecipa alle operazioni di combattimento, ma supporta le unità di combattimento. Questa è una parte altrettanto importante del lavoro. La guerra che siamo costretti a condurre contro gli invasori russi è una guerra di logoramento, una guerra logistica. Pertanto, l’importanza dell’efficacia delle unità di retrovia non può essere sottovalutata. Si tratta del sistema di rifornimento delle truppe di cibo e munizioni, delle unità di riparazione, delle strutture mediche e di molte altre cose. Queste persone contribuiscono all’efficacia delle operazioni di combattimento.

Voglio sottolineare che i cittadini che entrano nell’esercito come parte della mobilitazione non vanno immediatamente al fronte. Ci sono solo eccezioni molto particolari quando, ad esempio, le persone hanno già esperienza di combattimento. La maggior parte di queste persone arriva alle unità e ai centri militari di addestramento. A febbraio di quest’anno, il numero di persone sottoposte a questo tipo di addestramento rappresentava l’84% del totale dei mobilitati. Una volta completato l’addestramento, possono essere inviate alle unità militari per ripristinare la loro capacità di combattimento.

– Quando le truppe ucraine si sono ritirate da Avdiivka, la propaganda russa ha parlato di migliaia di ucraini catturati. Cosa è successo lì?

– Abbiamo ritirato le nostre forze da Avdiivka perché il nemico aveva un vantaggio significativo in termini di forze e mezzi delle unità d’assalto. Il bombardamento ininterrotto con bombe aeree guidate ha rotto l’integrità della nostra difesa, permettendo al nemico di avanzare gradualmente. Anche l’insufficiente quantità di munizioni per la nostra artiglieria ha giocato un ruolo negativo. Questo ci ha impedito di condurre un efficace combattimento di controbatteria in tali condizioni. Per evitare l’accerchiamento e salvare la vita delle persone, è stato deciso di lasciare Avdiivka.

Purtroppo, durante queste battaglie, i russi hanno catturato 25 soldati ucraini. Questa è la guerra… I propagandisti russi stanno cercando di utilizzare vari video con soldati ucraini catturati per screditare le Forze di Difesa ucraine, fare pressione psicologica e diffondere il panico tra gli ucraini.

Voglio dire a questi soldati, se mi sentono, e alle loro famiglie che non abbiamo dimenticato nessuno e che stiamo facendo di tutto per liberare questi militari dalla prigionia nemica. La leadership del nostro Stato, la Direzione principale dell’intelligence del Ministero della Difesa e il Comando delle Forze Armate sono pienamente coinvolti in questi sforzi.

Vale anche la pena ricordare che l’offensiva su Avdiivka ha comportato perdite significative per il nemico, e difficilmente ne parleranno alla televisione “russa”. Dal 10 ottobre 2023 al 17 febbraio 2024, sull’asse di Avdiivka, gli invasori russi hanno perso 47.186 uomini, 364 carri armati, 748 veicoli blindati da combattimento, 248 sistemi di artiglieria e 5 aerei. Dall’inizio dell’operazione difensiva di Avdiivka, le Forze di Difesa ucraine hanno catturato 95 invasori russi in questo settore.

– Fin dall’inizio della guerra totale, che dura ormai da due anni, lei è stato responsabile della difesa di Kiev e ha guidato le truppe durante la liberazione della regione di Kharkiv. Secondo alcuni media occidentali, si profila nuovamente la minaccia di un’offensiva russa su Charkiv. Quanto è reale questa minaccia?

– Non possiamo ignorare alcuna informazione sui preparativi del nemico per le operazioni offensive, quindi stiamo prendendo tutte le misure per rispondere adeguatamente a questa possibilità. Stiamo realizzando un intero complesso di lavori di fortificazione dei territori e delle posizioni, installando un complesso sistema di recinzioni e pianificando l’impiego delle nostre truppe in caso di tali azioni.

Abbiamo già l’esperienza delle operazioni di combattimento nella regione di Kharkiv. Siamo riusciti a liberare la maggior parte della regione di Kharkiv. È stato allora che si è verificato il crollo su larga scala del fronte russo. Se i russi si muoveranno di nuovo in quella zona, Charkiv diventerà per loro una città fatale.

Naturalmente, ogni operazione militare è unica a modo suo e la sua semplice ripetizione nella prossima situazione sul campo di battaglia non funzionerà in nessun caso. La guerra moderna è un problema matematico con centinaia di variabili, in cui ognuna delle componenti può essere decisiva.

– Dove sono le linee di fortificazione verso le quali le nostre truppe avrebbero dovuto ritirarsi da Avdiivka?

– Comincerò con il principale. Siamo riusciti a fermare il nemico nei pressi di Avdiivka, utilizzando le posizioni che sono state attrezzate durante la battaglia. La linea principale di fortificazioni è stata attrezzata e si trova molto più in profondità della nostra difesa. La preparazione di potenti linee di difesa è in corso in quasi tutte le aree minacciate. Per la leadership dello Stato, le Forze Armate, le amministrazioni locali, ecc. la costruzione di linee e strutture di fortificazione è attualmente una priorità assoluta.

Le fortificazioni preparate salvano la vita dei nostri soldati. La costruzione di un ampio sistema di strutture ingegneristiche e di fortificazione non è solo compito delle unità ingegneristiche delle Forze di supporto delle Forze armate dell’Ucraina e delle unità militari. Anche le amministrazioni militari regionali e le unità del Servizio statale di trasporto speciale sono coinvolte in questo processo. Il lavoro è in corso.

– Quanto è importante l’assistenza alle forze armate ucraine da parte dei nostri alleati e partner occidentali?

– Siamo molto grati ai nostri alleati occidentali, alla NATO, all’Unione Europea e agli altri partner per il loro sostegno. Senza questo sostegno, senza la fornitura di armi, munizioni, sistemi di difesa aerea e hardware militare, sarebbe molto più difficile per noi combattere contro un nemico insidioso e potente.

Saremmo ancora più grati se questa assistenza arrivasse più velocemente e in quantità sufficiente. Vale la pena ammettere che non abbiamo potuto ottenere maggiori successi durante l’offensiva di Kharkiv perché non avevamo risorse sufficienti. La mancanza di risorse e della quantità necessaria di munizioni ha permesso ai russi di scavare in profondità a sud, nella regione di Zaporizhzhia, e l’assalto a queste posizioni, senza un efficace supporto aereo, ci è costato perdite di personale e di attrezzature. L’ultimo caso è Avdiivka. Avremmo sicuramente mantenuto queste posizioni se ci fosse stato un numero sufficiente di sistemi di difesa aerea e di proiettili di artiglieria.

Non si tratta di un’affermazione, ma di un dato di fatto. Credo che i nostri alleati abbiano già capito con chi hanno a che fare in Russia e vorrebbero vedere il nostro successo nella lotta contro il nemico. Ci mancano le armi e possiamo fare tutto il resto da soli. Siamo grati ai nostri partner per ogni proiettile, per ogni tonnellata di carburante. Tuttavia, la pianificazione efficace delle operazioni richiede la prevedibilità di tali forniture.

Attualmente, le Forze di Difesa stanno svolgendo compiti su tutta la vasta linea del fronte, infatti, tra una carenza di armi e munizioni. In queste condizioni, il passaggio alla difesa strategica è una decisione logica. Ma è altrettanto logico il contrario: se l’Occidente, come sostiene, fornirà all’Ucraina tutto ciò di cui le sue Forze Armate hanno bisogno, ci permetterà di respingere il nemico, indipendentemente dal numero di persone mobilitate dalla Russia, e, infine, di porre fine a questa guerra con una vittoria militare sul nemico.

Ma non ce ne stiamo con le mani in mano. Stiamo sviluppando le capacità dell’industria della difesa nazionale. Se gli europei si uniranno al suo sviluppo nei volumi promessi, credo che alla fine risolveremo il problema della “fame di conchiglie”. L’Ucraina è tra i leader in termini di numero di innovazioni e sviluppi propri di armi ed equipaggiamenti militari e, soprattutto, in termini di utilizzo pratico sul campo di battaglia.

In questo contesto, è possibile menzionare il riarmo delle unità di artiglieria con l’obice Bohdana da 155 mm di fabbricazione ucraina, dotato di un sistema di fuoco automatico. Si può anche prevedere che alcuni campioni di obici occidentali e di mortai a canna rigata nazionali saranno prodotti in Ucraina nel prossimo futuro. Lo stesso vale per lo sviluppo di moderne armi missilistiche e sistemi di controbatteria. La società è già ben consapevole della produzione di droni. Tutte queste misure possono fornire un vantaggio operativo sul nemico in prima linea nel prossimo futuro.

Un buon esempio è il restauro e la revisione degli obici M777 di produzione statunitense. Abbiamo avviato la produzione di alcuni pezzi di ricambio qui in Ucraina. In particolare, durante il restauro di ciascuno di questi obici, viene utilizzato il 40% dei pezzi di ricambio prodotti per le Forze Armate ucraine presso imprese nazionali. La spesa per la fornitura, la manutenzione, la riparazione e il recupero è diminuita di molte volte e il fronte avverte questi cambiamenti qualitativi.

– Qual è la cosa più importante per il comandante in capo Syrskyi?

– Come ho detto, la cosa principale per noi in questo momento è salvare le persone. Il metallo può essere ripristinato, ma le persone che sono morte non possono essere riportate indietro.

C’è un’altra priorità. È l’unità della società. È l’assenza di discordia politica. Dobbiamo ricordare le tragiche pagine della nostra storia. Sono convinto che la Russia non sarà mai in grado di sconfiggerci sul campo di battaglia finché gli ucraini manterranno l’unità e la forza d’animo. Se sprecate energie e forze in vuote dispute politiche tra di voi, questa è una strada che non porta alla sconfitta, ma alla morte.

Voglio che ogni ucraino lo capisca. La Russia nega a tutti noi il diritto di esistere. Per questo la sconfitta e la morte sono identiche. Ora è arrivato il momento che il Paese diventi un pugno forte e unito. Il compito principale dell’Ucraina è quello di preservare l’unità. Questa è la componente principale della nostra vittoria.

Dmytro Shkurko

Crediti fotografici: Oleksiy Bobovnikov, Dipartimento di Relazioni Pubbliche delle Forze Armate dell’Ucraina, e Roman Chop, Gruppo Operativo e Tattico di Soledar.

 

SitRep Ucraina: Intervista a Syrski – Mobilitazione – Deenergizzazione

Il generale Syrski, comandante in capo dell’esercito ucraino, ha rilasciato un’intervista a una piattaforma mediatica ucraina.

La sua descrizione della guerra sembra eccessivamente ottimistica:

La situazione al fronte è davvero difficile. Tuttavia, non può essere diversa al fronte. Senza dubbio, ogni giorno richiede il massimo sforzo da parte dei nostri soldati e ufficiali. Ma non solo siamo sulla difensiva, ma avanziamo anche in direzioni diverse ogni giorno. Recentemente, il numero di posizioni che abbiamo recuperato supera quello delle posizioni perse. Il nemico non è riuscito ad avanzare in modo significativo nelle aree strategiche e i suoi guadagni territoriali, se ci sono, sono di importanza tattica. Stiamo monitorando la situazione.

Le varie persone che mappano le prime linee sembrano non essere d’accordo con lui.

1 febbraio 2024

più grande
29 marzo 2024

più grande

Più Syrski:

L’esperienza degli ultimi mesi e delle ultime settimane dimostra che il nemico ha aumentato in modo significativo l’attività degli aerei, utilizzando le KAB, bombe aeree guidate che distruggono le nostre posizioni. Inoltre, il nemico ricorre a un fitto fuoco di artiglieria e mortai. Alcuni giorni fa, il vantaggio del nemico in termini di munizioni era di circa sei a uno.

Tuttavia, abbiamo imparato a combattere non con la quantità di munizioni, ma con l’abilità di usare le armi che abbiamo. Inoltre, sfruttiamo al massimo i vantaggi dei veicoli aerei senza pilota, anche se il nemico sta cercando di raggiungerci in questa efficace arma.

Con un vantaggio dell’artiglieria di 6 a 1, non importa quanto siano bravi gli artiglieri. La parte con più colpi vincerà evidentemente. Anche la supremazia dei droni ucraini è un’affermazione molto dubbia.

Questi numeri, però, sono ancora peggiori:

È chiaro che si tratta di statistiche, ma è importante sapere che solo nel periodo febbraio-marzo di quest’anno (al 26 marzo), il nemico ha perso più di 570 carri armati, circa 1.430 veicoli corazzati da combattimento, quasi 1.680 pezzi di artiglieria e 64 sistemi di difesa aerea. Allo stesso tempo, le Forze di Difesa ucraine continuano a tenere sotto controllo le alture e le aree di difesa chiave. Il nostro obiettivo è prevenire la perdita del nostro territorio, esaurire il più possibile il nemico, infliggergli le maggiori perdite e formare e preparare le riserve per le operazioni offensive.

È molto significativo che anche l’attività aerea del nemico sia stata ridotta, naturalmente grazie alle capacità delle nostre unità di difesa aerea. In soli dieci giorni di febbraio hanno abbattuto 13 aerei nemici, tra cui due A50 di importanza strategica per l’allerta e il controllo.

Dal 1° febbraio 2024 il Ministero della Difesa russo ha rivendicato la distruzione di 202 carri armati ucraini, 550 veicoli corazzati da combattimento ucraini e 686 pezzi di artiglieria ucraini. Syrski sostiene che le perdite russe sono da due a tre volte superiori? Ho più che seri dubbi che le sue cifre siano giuste. Un comandante non dovrebbe ingannare le sue truppe in questo modo.

Per quanto riguarda i velivoli, è probabile che solo un A-50 sia caduto e che altri due aerei abbiano subito perdite confermate. In realtà i numeri di febbraio sono stati ampiamente derisi e da allora l’aeronautica ucraina ha smesso di rilasciare tali dichiarazioni.

A Syrski viene chiesto quale sia la patata bollente dell’attuale politica ucraina:

D: I rapporti precedenti dicevano che dovevano essere mobilitate altre 500.000 persone per mantenere la capacità di combattimento e garantire la rotazione delle unità e delle formazioni delle Forze armate ucraine al fronte. Quanto è realistica questa cifra ora?

R: In seguito alla revisione delle nostre risorse interne e al chiarimento della composizione di combattimento delle Forze armate, questa cifra è stata significativamente ridotta. Ci aspettiamo di avere un numero sufficiente di persone in grado di difendere la propria madrepatria. Non parlo solo dei mobilitati, ma anche dei combattenti volontari.

A prescindere dalla riduzione del numero di uomini necessari, le possibilità di convincere un numero sufficiente di ucraini che il loro servizio e le loro vite sono necessari per salvare il Paese sono prossime allo zero.

Ivan Katchanovski @I_Katchanovski – 15:43 UTC – 28 marzo 2024

Questo suggerisce che oltre 1.000.000 di uomini in Ucraina sono sulle liste dei ricercati dalla polizia per aver evitato la leva, anche prima dell’entrata in vigore della nuova drastica legge sulla mobilitazione: “Nella regione di Poltava, circa 30.000 persone non si sono presentate ai dipartimenti TCC e SP. Il TCC si è rivolto alla polizia con l’appello di consegnare queste persone al commissariato militare”. E circa 40.000 uomini sono sulla lista dei ricercati per lo stesso motivo nella regione di Ivano-Frankivsk.

https://www.pravda.com.ua/news/…

Il contratto sociale in Ucraina prevede che chi è al potere sia autorizzato a saccheggiare purché non dia fastidio a chi sta sotto di lui. Questa non è una società che permette di arruolare persone per scopi che sono sostenuti solo da una minoranza della popolazione. Su sei bandi di leva inviati solo uno riceve risposta. La nuova legge sulla coscrizione che si sta lentamente insinuando tra le procedure parlamentari non sarà in grado di cambiare questa situazione.

Da notare che l’Economist dà la colpa a Zelenski:

Ma in Ucraina i tentativi di raccogliere nuove reclute sono ancora bloccati nelle spire del processo democratico; secondo quanto riferito, sono stati presentati più di 1.000 emendamenti a un disegno di legge in Parlamento che darebbe al governo più spazio per raccogliere l’esercito di cui ha bisogno. A corto di denaro e temendo l’impopolarità, il presidente Volodymyr Zelensky non si è impegnato abbastanza per ottenere il suo scopo.

Sono stati infatti presentati oltre 6.000 emendamenti al disegno di legge, di cui circa 4.300 sono passati in commissione e altri ne arriveranno. Ci vorranno ancora mesi prima che la legge venga promulgata. È probabile che abbia un effetto limitato.

Il governo ucraino aveva annunciato che in futuro sarebbe stato il Paese stesso a produrre le armi necessarie per la guerra. La risposta russa è una nuova campagna per depotenziare le regioni ucraine con il maggior numero di impianti industriali:

Venerdì l’Ucraina ha dichiarato di aver imposto blackout di emergenza in tre regioni dopo che la Russia ha sparato decine di missili e droni contro le sue centrali elettriche durante la notte.

Nelle ultime settimane Mosca ha intensificato i bombardamenti aerei sull’Ucraina, prendendo di mira le infrastrutture energetiche in risposta ai micidiali assalti ucraini alle regioni di confine della Russia.

L’operatore di rete nazionale Ukrenergo ha dichiarato che il suo centro di dispacciamento è stato “costretto ad applicare programmi di blackout di emergenza nelle regioni di Dnipropetrovsk, Zaporizhzhia e Kirovograd fino a sera”.

Le restrizioni erano già in vigore nelle principali città di Kharkiv e Kryvyi Rih a seguito di uno sciopero russo la scorsa settimana.

In Ucraina sono rimasti solo pochi sistemi di difesa aerea. Sono necessari per coprire il fronte, per proteggere le strutture energetiche e i centri politici. Attualmente non possono fare né l’uno né l’altro. Anche se gli Stati Uniti riprendessero il loro sostegno all’Ucraina, non ci sarebbero abbastanza sistemi disponibili per mantenere l’Ucraina coperta.

Ci sono voci di un’imminente grande offensiva russa. Non le credo ancora. L’esercito ucraino è ancora sufficiente per continuare il lento processo di macinazione che ha già eliminato gran parte di esso.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Jacques Baud e lo stile di guerra russo, di SIMPLICIUS THE THINKER

Volevo fare un post relativamente breve dedicato principalmente a questo nuovo straordinario discorso di Jacques Baud con i Duran, Mercouris e Christoforou:

Se non l’avete ancora visto, guardate almeno la prima mezz’ora, o poco più, che è la parte più profondamente significativa. Per inciso, secondo la sua wiki, oggi è proprio il compleanno del signor Baud, quindi tanti auguri a lui.

Jacques Baud ha lavorato nell’intelligence militare, studiando il modo di combattere sovietico durante la Guerra Fredda, e racconta le sue osservazioni più toccanti sulle differenze tra il modo in cui la Russia e l’Occidente conducono la guerra. Il motivo per cui l’ho trovato particolarmente divertente è perché si accorda così bene con le mie teorie, in particolare in articoli come questo:

Nello spirito della “guerra totale” russa

·
22 FEBBRAIO 2023
Nello spirito della “guerra totale” russa
Un’importante distinzione era attesa da tempo per essere fatta, per quanto riguarda un argomento di molta confusione e interpretazione errata per moltissime persone. C’è un malinteso intrinseco sulle differenze concettuali tra i sistemi militari sovietici/russi (leggi: armi) e quelli equivalenti NATO/occidentali. È stato fatto un dibattito infinito non solo su w…

E quindi mi sembra una sorta di rivendicazione, in quanto a volte ho sentito la canna solitaria piegarsi al vento, ed è spesso scoraggiante o almeno estenuante rendersi conto che la stragrande maggioranza dei commentatori semplicemente non comprende le filosofie contrastanti, che inevitabilmente mina le loro analisi.

Baud conferma in modo eloquente l’approccio olistico russo alla guerra, sottolineando che esso non è cambiato molto dai tempi dell’Unione Sovietica. Secondo lui si tratta di un approccio molto metodico e analitico, ma anche, quasi contraddittorio, trattato e studiato come una forma d’arte, da qui il soprannome di “Arte Operativa”.

Le sue valutazioni più rivoluzionarie ruotano attorno al modo in cui la Russia affronta la pianificazione delle guerre attorno a un quadro strategico e operativo, mentre l’Occidente annaspa senza timone “nel momento”, e ha mostrato una scarsa concezione delle operazioni militari oltre l’aspetto tattico. I punti chiarificatori includono la spiegazione di Baud delle azioni dell’Occidente in vari teatri africani e del Medio Oriente come semplici ragazzi che vanno in giro a sparare con le armi, con poca profondità strategica o focalizzazione su obiettivi finali oltre a questo.

Naturalmente, può o meno non notare il fatto che questo è in una certa misura previsto, nello spirito delle famose battute sulle guerre americane in Medio Oriente che non vengono combattute per essere vinte, ma piuttosto per fare soldi per gli appaltatori della difesa. Ma qualunque sia la vera ragione originaria , non si esclude il fatto che il senso strategico e operativo dell’Occidente per il campo di battaglia si sia probabilmente atrofizzato di conseguenza. Che tu stia facendo qualcosa “intenzionalmente” o meno, se lo fai abbastanza a lungo, degraderai la tua capacità istituzionale di operare diversamente.

L’unica cosa contraria che dirò, nello sforzo di stemperare eventuali esagerazioni da una parte o dall’altra, è che le cose non sono così chiare e uniformi come semplicemente: “La Russia è la migliore, l’Occidente è totalmente all’oscuro.”

Sappiamo che ci sono gradazioni di ciascuno su entrambi i lati. Ci sono alcuni generali russi che fanno sembrare Napoleone anche i moderni generali occidentali, e la guerra ha rivelato una corrosione incredibilmente profonda all’interno di segmenti delle forze armate russe. Abbiamo assistito a infiniti errori e calcoli errati da parte delle forze russe a ogni livello di comando, e ci sono molte lacune e punti ciechi nell’approccio russo alla guerra. Nessuno dispone di un sistema perfetto adatto a tutti: se lo facessero, quel paese probabilmente governerebbe il mondo incontrastato.

Ma è nel senso cumulativo delle forze armate nel loro complesso, organismo vivente e che respira, possiamo dire senza troppa esagerazione che, nell’attuale quadro storico, la Russia sembra cogliere molto meglio i precetti più fondamentali e importanti per vincere le guerre reali rispetto ad ovest. Lo vediamo categoricamente dimostrato, ad esempio, nella visione russa della guerra che vince costantemente e si dimostra superiore all’approccio dell’Occidente nell’SMO.

Ad esempio, la filosofia occidentale di concentrarsi sul prestigio e sui sistemi di precisione per le vittorie “chirurgiche” è stata ora senza dubbio superata dalla rinascita russa della convenzionale “guerra della produzione di massa”.

Nello scontro tra filosofie in armatura, anche l’approccio della Russia ai suoi carri armati ha apparentemente dimostrato la sua superiorità, poiché i carri armati occidentali sono ora ampiamente ritenuti inadeguati per il moderno combattimento tra pari. Lo stesso vale per molti altri sistemi d’arma avanzati e costosi.

Nello scontro delle filosofie organizzative ciò potrebbe essere meno chiaro, ma l’approccio occidentale, a lungo celebrato, alla “leadership di piccole unità” composta da sottufficiali non ha chiaramente mostrato alcun vantaggio rispetto alla struttura di forza presumibilmente più “centralizzata” della Russia.

La più chiara di tutte, ovviamente, è stata la questione dell’approccio strategico e operativo. Ho già scritto in passato di come le forze ucraine guidate dall’Occidente non siano riuscite nemmeno una volta ad avvolgere i russi in un unico calderone. Nel frattempo, i generali russi in qualche modo riescono continuamente a intrappolare la forza per procura della NATO nei calderoni praticamente in ogni grande battaglia, portando a perdite incalcolabilmente sproporzionate.

Questo è tutto per dire che, anche se le differenze non sono così nette come potrebbe suggerire l’appassionato appello di Baud, si può dire con certezza che il taglio generale dei suoi confronti è nel complesso abbastanza accurato. E a dire il vero, probabilmente diventerà sempre più accurato col passare del tempo. Questo perché le forze russe stanno imparando e solo migliorando la loro conoscenza storica e la cultura strategica, mentre in Occidente i pilastri di questa conoscenza vengono abbattuti quotidianamente, sostituiti con l’indottrinamento dei DEI e altri espedienti moderni distrattamente degradanti.

Per esempio:

E guardiamo ulteriormente al cast di clown e mostri che l’Occidente continua a nominare alle più alte posizioni di leadership. Anche a dispetto di tutte le sue debolezze e corruzioni intransigente, non è possibile che la Russia abbia la peggio quando si tratta del precipitoso degrado della cultura militare da parte dell’Occidente.

La veridicità facilmente dimostrabile di ciò è testimoniata quotidianamente. Ogni nuovo giorno porta con sé nuove notizie scioccanti: ieri un’altra nave della Marina americana ha preso fuoco , oggi è stato il quarto incidente di un elicottero Apache negli ultimi 2 mesi. solo; per non parlare dello stato generale delle cose: il ponte di Baltimora, qualcuno?

E così, per concludere questo piccolo riassunto, voglio presentare questo nuovo eccezionale articolo che sta facendo il giro, che si integra perfettamente con l’obiettivo generale della tesi di Jacques Baud:

L’autore, David P. Goldman, racconta la sua partecipazione lo scorso fine settimana a una sorta di incontro in stile Bilderberg sull’Ucraina – con un riferimento indiretto alle regole di Chatham House – tra vari ex membri del governo, alti funzionari militari, accademici, ecc.

Il conclave lo lasciò inquieto:

Posso dire che non ero così spaventato dall’autunno del 1983, quando ero un giovane ricercatore a contratto che svolgevo lavori saltuari per l’allora Assistente Speciale del Presidente Norman A Bailey presso il Consiglio di Sicurezza Nazionale. Quello fu il culmine della Guerra Fredda e l’esercitazione troppo realistica Able Archer 83 quasi scatenò una guerra nucleare.

Prosegue riferendo la coltre di delirio isterico che avvolge l’incontro:

“I russi subiscono enormi perdite, tra 25.000 e 30.000 al mese”, ha aggiunto l’ex funzionario. “Non riescono a sostenere la volontà di combattere sul campo di battaglia. I russi sono vicini a un punto di rottura. Riusciranno a sostenere la loro volontà nazionale? Non se le elezioni truccate [di Vladimir Putin questo mese] fossero indicative. La loro economia presenta una reale vulnerabilità. Dobbiamo raddoppiare le sanzioni e l’interdizione finanziaria sulle forniture che arrivano alla Russia. I russi hanno una rappresentazione della forza alla Potemkin”.

L’autore smentisce gli stridenti proclami di cui sopra:

Tutto quanto sopra è palesemente falso e noto come falso al relatore in questione. L’idea che la Russia subisca dalle 25.000 alle 30.000 vittime al mese è ridicola. L’artiglieria rappresenta circa il 70% delle vittime di entrambe le parti e, secondo ogni stima, la Russia sta sparando cinque o dieci volte più proiettili dell’Ucraina. La Russia ha accuratamente evitato attacchi frontali per preservare la manodopera.

Conclude con questo ultimo punto emblematico, che chiude il cerchio e rafforza l’intera tesi di Jacques Baud:

Nessuno ha contestato i dati che ho presentato. E nessuno credeva che la Russia subisse 25.000 vittime al mese. Il problema non erano i fatti: i dignitari riuniti, un campione rappresentativo della leadership intellettuale ed esecutiva dell’establishment della politica estera, semplicemente non riuscivano a immaginare un mondo in cui l’America non desse più gli ordini. 

Sono abituati a gestire le cose e scommetteranno il mondo per mantenere la loro posizione.

In breve, non esiste alcun piano B, né un vero piano strategico per sconfiggere la Russia. Si tratta semplicemente di una corsa frenetica per assicurarsi che l’Occidente rimanga al potere attraverso qualsiasi assortimento di mezzi casuali e, a volte, reciprocamente antitetici.

Proprio come Jacques Baud descriveva la portata della pianificazione strategica dell’Occidente in Africa e nel Medio Oriente semplicemente come individui che mirano e sparano con le loro armi, anche qui sembra che l’Occidente sia a corto di idee e stia cercando disperatamente di ripescare una vittoria dal cesso con un piano progettato “dal comitato” – l’unico problema è che il comitato è composto da apparatchik polli senza testa senza alcun senso di reale coesione o addirittura di lealtà uniforme; sono semplicemente uniti dalla paura vagamente risonante di perdere il loro primato in un mondo in cui l’Oriente nascente li mette sempre più in ombra. Contro una Russia che riemerge unita da una minaccia esistenziale alla madrepatria, questo semplicemente non è sufficiente.

Un paio di elementi di aggiornamento casuali.

Coloro che hanno letto il mio ultimo rapporto sul paywall, sapranno che ho raccontato la storia del primo assalto robotizzato di terra meccanizzato. Ora, come promesso, la storia è stata aggiornata:

Il primo attacco d’assalto con droni della storia!

A Berdychi, ora occupata dalle truppe russe, hanno avuto luogo i test sul campo di una nuova promettente piattaforma robotica russa.

Nell’ambito della missione di combattimento, un gruppo di droni d’assalto ha preso parte al supporto delle operazioni d’assalto, assicurando la soppressione delle posizioni ucraine nel villaggio utilizzando i moduli lanciagranate AGS-17 installati, sparando diverse centinaia di granate. Durante l’uso in combattimento, i droni hanno mostrato buoni risultati. I droni sono stati in grado di continuare a operare anche in condizioni in cui sarebbero state inevitabili perdite di personale e costose attrezzature a causa del fuoco nemico.

L’esperienza acquisita nell’uso in combattimento verrà presa in considerazione per l’ulteriore produzione e sviluppo delle piattaforme robotiche d’assalto. L’uso in combattimento di tali droni a Berdychi è in realtà simile al primo attacco di carri armati durante la prima guerra mondiale.

Una base cingolata di successo ha un grande potenziale per lo sviluppo di una piattaforma robotica per l’assalto con l’installazione di vari moduli di combattimento e operazioni di supporto come il trasporto e l’installazione di mine, l’evacuazione dei feriti, il trasporto di merci e attrezzature.

In futuro, tali piattaforme prenderanno il loro posto sul campo di battaglia. Nonostante ci siano sviluppi simili negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e in Cina, è stata la Russia la prima a utilizzare un gruppo di droni d’assalto in una vera guerra.

Il futuro è già arrivato.

Si scopre che il progetto russo ne sta producendo molti più di quanto pensassi:

Possiamo ufficialmente affermare che l’era del combattimento robotico terrestre è ormai iniziata, con la Russia che l’ha inaugurata con questa storica prima incursione. Sfortunatamente, è chiaro il tipo di follia che riserverà il prossimo futuro, dato che gli FPV ucraini sono stati in grado di tendere un agguato agli UGV robotici con la stessa facilità con cui fanno i pigri fanti:

Sebbene i risultati rimangano inconcludenti, è chiaro che il combattimento terrestre dovrà costantemente passare agli assalti potenziati UGV in ogni caso. La grande preoccupazione, come sempre, è che le cose si trasformino in un’altra serie di situazioni di stallo posizionali simili alla Prima Guerra Mondiale, proprio questa volta con i robot.

E infine, rafforzando sempre più le sue capacità, come ho scritto nell’ultimo articolo, oggi la Russia ha lanciato con successo un altro nuovo satellite da ricognizione per il rilevamento della Terra, il Resurs-P, dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan:


Il tuo supporto è prezioso. Se ti è piaciuta la lettura, apprezzerei molto se sottoscrivessi un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo che io possa continuare a fornirti rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, puoi lasciare la mancia qui: Tip Jar

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

1 2 3 57