L’ultimo sondaggio di Gallup mostra che quegli americani ossessionati dalla Russia sono una minoranza marginale, di Andrew Korybko

Il fatto che solo l’1% degli americani consideri la Russia come il “problema più importante” degli Stati Uniti mostra quanto i media mainstream siano estranei agli interessi del loro pubblico mirato. Ciò a sua volta aggiunge credito alla speculazione secondo cui il loro governo gli ha ordinato di condurre questa campagna di guerra dell’informazione senza precedenti contro la Russia nonostante sia popolare solo tra una minoranza marginale.

Il Mainstream Media (MSM) ha condotto una campagna di guerra dell’informazione senza precedenti contro la Russia già da quasi sei mesi, ma l’ultimo sondaggio di Gallup mostra che letteralmente solo l’1% degli americani lo considera il “problema più importante” degli Stati Uniti nonostante il loro governo già inviando a Kiev decine di miliardi di dollari a loro nome come parte della sua guerra per procura contro quella Grande Potenza eurasiatica. Ciò conferma che quegli americani ossessionati dalla Russia sono una minoranza marginale.

La società di sondaggi ha anche notato nel loro rapporto che l’1% di coloro che considerano la Russia il “problema più importante” del proprio paese è un forte calo rispetto a marzo, quando il 9% di loro condivideva tale opinione. Ciò suggerisce che gli americani sono stati influenzati in modo più potente all’inizio della campagna di guerra dell’informazione anti-russa del MSM, ma da allora sono diventati insensibili ad essa, con questioni interne come l’inflazione, la leadership disfunzionale e l’aborto considerati molto più importanti da loro al giorno d’oggi.

Questa è una cattiva notizia per i guerrafondai di Washington che presumevano erroneamente che il loro pubblico mirato potesse continuare a vedere la Russia come il “problema più importante” del loro paese fino all’estate. Quello che sembra essere successo è che i loro proxy MSM hanno esagerato e quindi hanno inflitto danni irreparabili alle loro operazioni di guerra dell’informazione dopo che il 99% degli americani non si preoccupa più del conflitto ucraino .

In assenza di una grande provocazione volta a fabbricare artificialmente un’altra falsa narrativa allarmante sulla Russia, potrebbe benissimo finire per essere il caso che questa tendenza sia irreversibile. In poche parole, l’MSM ha condiviso troppe affermazioni sulla Russia troppo in fretta al punto che la maggior parte delle persone ha iniziato a rinunciare dopo aver realizzato che tutto ciò che gli veniva detto su quale fosse una minaccia per il loro paese non è mai finito per essere esaurito.

La Russia non ha mai attaccato la NATO, la terza guerra mondiale non è scoppiata e nessuna spaventosa apocalisse nucleare si è mai verificata a differenza di ciò che il MSM aveva avvertito che stava per accadere. Il conflitto ucraino rimane contenuto e gli americani si sono presto resi conto di avere cose molto più importanti di cui preoccuparsi, come l’inflazione, di cui nessuno incolpa seriamente la Russia. “L’aumento dei prezzi di Putin” di cui Biden non si stanca mai di parlare non ha preso piede ed è ampiamente deriso come propaganda intellettualmente offensiva.

Probabilmente non c’è nulla che il governo degli Stati Uniti possa fare per far sì che la sua gente si prenda più cura, poiché molto probabilmente non morderebbe l’esca anche se i loro servizi di intelligence hanno progettato una grande provocazione come era stato precedentemente previsto. Ciò suggerisce che i Democratici non possono realisticamente fare campagna per il sostegno dell’amministrazione Biden a Kiev poiché il 99% degli elettori non pensa che abbia affrontato il “problema più importante del loro paese”. Al contrario, un numero crescente lo considera un’operazione di riciclaggio di denaro.

Il fatto che solo l’1% degli americani consideri la Russia come il “problema più importante” degli Stati Uniti mostra anche quanto l’MSM non sia in contatto con gli interessi del proprio pubblico mirato. Ciò a sua volta aggiunge credito alla speculazione secondo cui il loro governo gli ha ordinato di condurre questa campagna di guerra dell’informazione senza precedenti contro la Russia nonostante sia popolare solo tra una minoranza marginale. Basandosi su questa osservazione, si può concludere che i media americani non sono così “indipendenti” come affermano di essere.

In vista del futuro, è improbabile che le ossessive diffamazioni di MSM contro la Russia finiscano presto, anche se il 99% degli americani non lo considera il “problema più importante del proprio Paese”. Questo perché il governo degli Stati Uniti vuole segnalare falsamente ai suoi vassalli transatlantici che il loro stesso popolo presumibilmente non ha perso interesse in questa guerra per procura nella speranza che questa bugia convincerà i loro leader a non vacillare nel loro sostegno a Kiev come si preoccupano i funzionari americani già in atto.

Come l’autore ha notato la scorsa settimana, ” Il servizio fotografico di Vogue di Zelenskys ha esposto ciò che è diventato una sciarada il conflitto ucraino “, mentre l’ultimo sondaggio di Gallup ha appena confermato quell’osservazione con fatti statistici che nessuno può negare poiché quella società è considerata la più rispettabile al mondo nella sua campo. Questo sviluppo “politicamente scomodo” dimostra quale fallimento sia stata la campagna di guerra dell’informazione contro la Russia gestita dal governo statunitense del MSM.

https://korybko.substack.com/p/gallups-latest-poll-shows-that-those

LE MANI SULL’UCRAINA, SU TAIWAN E SUL KOSOVO: SINO A CHE PUNTO SI STANNO SPINGENDO GLI USA?_di Marco Giuliani

Intanto, in Italia, i maggiori partiti si raccomandano alla Casa Bianca per paura di perdere voti

 

La delicatissima fase in tema di relazioni internazionali che sta attraversando il pianeta (tutto) in questo 2022 sembra degenerare di giorno in giorno, senza soluzione di continuità. Ma qualcuno, in particolare, non si accontenta del conflitto russo-ucraino, tanto meno dello stato di enorme difficoltà che sta passando l’Unione Europea a fronte delle sanzioni inflitte a Mosca e del conseguente taglio delle forniture dei materiali energetici da parte del Cremlino. Viene spontaneo porsi alcune domande e tentare, previa analisi della situazione in divenire e dei relativi dati, di fornire delle risposte, che per altro appaiono sempre più come delle conclusioni fondate anziché delle supposizioni. Nel superare, infatti, la cosiddetta “linea rossa” citata da diversi capi di Stato sparsi nel mondo, gli Stati Uniti stanno gettando benzina sul fuoco della tensione già presente in diverse aree alimentando uno scontro che talvolta essi stessi hanno innescato senza ragioni apparenti. Quali sono gli obiettivi reali non tanto di Joe Biden – ormai in piena fase senile – quanto dell’establishment politico-finanziario-statunitense, oltre a quello di rimpinguare le casse delle grandi multinazionali che producono armi?

Andiamo per ordine. L’Europa orientale sta vivendo il suo sesto mese di guerra, e le dinamiche sono più o meno rimaste le stesse: i russi si allargano e gli ucraini reagiscono come possono grazie all’invio di armi da parte di UE e Washington e facendosi scudo con strutture residenziali. I caduti, tra militari e civili, potrebbero essere oggi qualcosa come 40-50.000, anche se le stime, per vari motivi, non possono (e non potranno, se non tra diversi anni) essere precise. A Bruxelles non importa, tanto meno alla Casa Bianca; i due soggetti terzi, di fatto, continuano a “dirigere” le ostilità con una regia che Zelensky – mentre fornisce previsioni cervellotiche per cui Putin attaccherà anche altri paesi – asseconda tout court dalle stanze del “grande fratello” di Kiev.

Contemporaneamente, nell’emisfero opposto del globo si inasprisce la tensione tra la Cina e i soliti Usa per la questione-Taiwan, presso cui ha transitato la Pelosi, facendo arrabbiare di brutto Pechino. Anche in questa circostanza, sembra abbastanza chiaro l’intento degli americani di mostrare i muscoli e dare dimostrazione di poter fare il loro comodo ingerendo dall’Atlantico al Pacifico tramite la ormai ben nota guerra ibrida. Ma attenzione, i cinesi non sono gli afghani, e visto il coinvolgimento del nucleare, la lite potrebbe diventare spiacevole per tutti. Ora, rispetto allo status dei rapporti tra le due superpotenze, rientra probabilmente il disegno di creare una lacerazione profonda tra l’Occidente e suoi dirimpettai orientali fornendo arsenali e denaro a coloro che l’Occidente stesso vorrebbe diventassero alleati strettissimi. Contrapponendosi, in omnibus et pro omnibus, ai paesi che al contrario sta trasformando in nemici senza che in tempi recenti abbiano operato delle mosse per diventarlo. A margine di una politica del genere, anche Ronald Reagan avrebbe potuto sembrare un moderato.

 

Terza questione: Kosovo. Provincia autonoma storicamente a grande maggioranza albanese, fa parte del reclutamento di quanti più paesi europei possano entrare a far parte dell’alleanza atlantica, forzatura che Nato e Usa vogliono per creare un punto di contatto tra la crisi ucraina e l’instabilità nei Balcani; stavolta, il nemico inquadrato è la Serbia, vicina a Vladimir Putin e guarda caso uno dei pochi stati dell’area che non ha chiuso lo spazio aereo a Mosca. In più c’è la minaccia diretta: «Se i serbi prevaricano, la Nato interverrà con la forza», fanno sapere dal KFOR, missione militare interforze a presidio dell’area, che conta la presenza di quasi mille unità italiane sul campo. In forma più leggera, ma analogamente a quanto è successo dai primi anni Duemila in Ucraina nei confronti dei russofoni, le autorità kosovare stanno operando un graduale ma continuo smantellamento di tutto ciò che contrassegna l’identità serba (targhe, documenti, simboli). Il risultato è che i serbi kosovari protestano inducendo le autorità locali a opporre un controllo di polizia, il quale ha provocato già diversi scambi a fuoco presso il confine. È una strategia rozza della Nato? Forse, o forse no. Annotiamo esclusivamente che alcuni giorni fa ha avuto luogo un incontro tra il Segretario di Stato statunitense Blinken e il premier kosovaro Kurti per definire la futura integrazione euro-atlantica del Kosovo.

Dalle nostre parti, intanto, in vista delle politiche di settembre, in un clima da mercato delle vacche, si pensa più alle poltrone che al fabbisogno dei cittadini. Tra i maggiori partiti italiani, in relazione all’appiattimento che da mesi contraddistingue la loro propaganda, si è formata la fila per raccomandarsi a Washington, ribadendo fedeltà – per non dire asservimento – al Patto Atlantico in fatto di rapporti bilaterali e fornitura di armi (più soldi) agli ucraini. Ergo: anziché manifestare apertamente una propria autonomia di pensiero e anteporre la salvaguardia degli interessi nazionali, il grande centro allineato preferisce l’endorsement della Casa Bianca. L’Italia politica del terzo millennio è arrivata anche a questo.

                               MG

 

BIBLIOGRAFIA

AA.VV., The Last of the Whampoa Breed: Stories of the Chinese Diaspora, Columbia University Press, 2003 –

  1. Biagini, Storia dell’Albania, Milano, Bompiani, 1998 –

 

SITOGRAFIA

www.tag24.it, pagina del 04/08/2022 consultata il 04/08/2022 –

www.lantidiplomatico.it, pagina del 04/08/2022 consultata il 04/08/2022 –

Tra Serbia e Kosovo è ancora guerra delle targhe, articolo pubblicato il 01/08/2022 sulla pagina www.ispionline.it, consultata il 05/08/2022 –

Segretario Blinken incontra il presidente kosovaro Osmani e il Primo Ministro Kurti, articolo pubblicato il 26/07/2022 su www.state.gov, sito del Dipartimento di Stato Usa, consultato il 05/08/2022 –

Una guida alla teoria delle relazioni internazionali alla luce della guerra in Ucraina, di Stephen M. Walt

Una “originale” interpretazione della reazione “equilibrata” del mondo occidentale all’intervento russo in Ucraina, densa comunque di spunti sui quali riflettere. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Una guida alla teoria delle relazioni internazionali alla luce della guerra in Ucraina

Una considerazione su quali teorie sono state confermate e quali sono fallite.

Di  , editorialista di Foreign Policy e Robert e Renée Belfer, professore di relazioni internazionali all’Università di Harvard.

Fare clic su + per ricevere avvisi via e-mail per le nuove storie scritte da  Stephen M. Walt

Il mondo è infinitamente complesso e, per necessità, ci affidiamo tutti a varie credenze o teorie su “come funziona il mondo” per cercare di dare un senso a tutto ciò. Poiché tutte le teorie sono semplificazioni, nessun approccio unico alla politica internazionale può tenere conto di tutto ciò che sta accadendo in un dato momento, prevedere esattamente cosa accadrà nelle settimane e nei mesi a venire o offrire un piano d’azione preciso di cui è garantito il successo. Anche così, il nostro bagaglio di teorie può ancora aiutarci a capire come è avvenuta la tragedia in Ucraina, spiegare alcuni di ciò che sta accadendo ora, segnalarci opportunità e potenziali insidie ​​e suggerire alcune ampie linee d’azione per il futuro. Poiché anche le migliori teorie delle scienze sociali sono rozze e ci sono sempre eccezioni anche a regolarità consolidate, gli analisti saggi guarderanno a più di uno per intuizioni e manterranno un certo scetticismo su ciò che ognuno di loro può dirci.

Alla luce di quanto sopra, cosa hanno da dire alcune note teorie sulle relazioni internazionali sui tragici eventi in Ucraina? Quali teorie sono state rivendicate (almeno in parte), che sono state ritenute carenti e quali potrebbero evidenziare questioni chiave mentre la crisi continua a svilupparsi? Ecco un’indagine provvisoria e tutt’altro che completa di ciò che gli studiosi hanno da dire su questo pasticcio.

Realismo e liberalismo

Non sono certo un osservatore obiettivo qui, ma è ovvio per me che questi eventi preoccupanti hanno riaffermato la rilevanza duratura della prospettiva realista sulla politica internazionale. A livello più generale, tutte le teorie realistiche descrivono un mondo in cui non esiste alcuna agenzia o istituzione in grado di proteggere gli stati gli uni dagli altri e in cui gli stati devono preoccuparsi se un pericoloso aggressore potrebbe minacciarli in futuro. Questa situazione costringe gli stati, in particolare le grandi potenze, a preoccuparsi molto della loro sicurezza e a competere per il potere. Sfortunatamente, queste paure a volte portano gli stati a fare cose orribili. Per i realisti, l’invasione russa dell’Ucraina (per non parlare dell’invasione americana dell’Iraq nel 2003) ci ricorda che le grandi potenze a volte agiscono in modi terribili e sciocchi quando credono che i loro interessi di sicurezza fondamentali siano in gioco. Quella lezione non giustifica tale comportamento, ma i realisti riconoscono che la condanna morale da sola non lo impedirà. È difficile immaginare una dimostrazione più convincente dell’importanza dell’hard power, in particolare del potere militare.Anche la Germania postmoderna sembra aver recepito il messaggio .

Purtroppo, la guerra illustra anche un altro concetto realista classico: l’idea di un “dilemma di sicurezza”. Il dilemma sorge perché i passi che uno stato compie per rendersi più sicuro spesso rende gli altri meno sicuri. Lo stato A si sente insicuro e cerca un alleato o acquista altre armi; Lo Stato B si allarma per questo passaggio e risponde a tono, i sospetti si approfondiscono ed entrambi i paesi finiscono per essere più poveri e meno sicuri di prima. Aveva perfettamente senso che gli stati dell’Europa orientale volessero entrare nella NATO (o il più vicino possibile ad essa), date le loro preoccupazioni a lungo termine sulla Russia. Ma dovrebbe anche essere facile capire perché i leader russi, e non solo Putin, hanno considerato questo sviluppo allarmante. Ora è tragicamente chiaro che la scommessa non ha dato i suoi frutti, almeno non per quanto riguarda l’Ucraina e probabilmente la Georgia.

Vedere questi eventi attraverso la lente del realismo non significa sostenere le azioni brutali e illegali della Russia; è semplicemente riconoscere tale comportamento come un aspetto deplorevole ma ricorrente delle vicende umane. I realisti da Tucidide in giù attraverso EH Carr, Hans J. Morgenthau, Reinhold Niebuhr, Kenneth Waltz, Robert Gilpin e John Mearsheimer hanno tutti condannato la natura tragica della politica mondiale, avvertendo allo stesso tempo che non possiamo perdere di vista i pericoli che il realismo mette in evidenza, compresi i rischi che sorgono quando si minaccia ciò che un altro stato considera un interesse vitale. Non è un caso che i realisti abbiano da tempo sottolineato i pericoli dell’arroganza e i pericoli di una politica estera eccessivamente idealistica, sia nel contesto della guerra del Vietnam, dell’invasione dell’Iraq nel 2003, sia del perseguimento ingenuo dell’allargamento aperto della NATO . Purtroppo, in ogni caso i loro avvertimenti sono stati ignorati, solo per essere vendicati da eventi successivi.

La risposta straordinariamente rapida all’invasione della Russia è anche coerente con una comprensione realistica della politica delle alleanze. I valori condivisi possono rendere le alleanze più coese e durature, ma i seri impegni per la difesa collettiva derivano principalmente dalla percezione di una minaccia comune . Il livello di minaccia, a sua volta, è una funzione del potere, della vicinanza e del nemico con capacità offensive e intenzioni aggressive. Questi elementi spiegano molto il motivo per cui l’Unione Sovietica ha dovuto affrontare forti coalizioni di bilanciamento in Europa e in Asia durante la Guerra Fredda: aveva una grande economia industriale, il suo impero confinava con molti altri paesi, le sue forze militari erano grandi e progettate principalmente per operazioni offensive e sembrava avere un carattere altamente revisionista ambizioni (cioè la diffusione del comunismo). Oggi, le azioni della Russia hanno aumentato notevolmente la percezione della minaccia in Occidente e il risultato è stato un’esibizione di un comportamento equilibrato che pochi si sarebbero aspettati solo poche settimane fa.

Al contrario, le principali teorie liberali che hanno informato gli aspetti chiave della politica estera occidentale negli ultimi decenni non sono andate bene. Come filosofia politica, il liberalismo è una base ammirevole per organizzare la società, e io per primo sono profondamente grato di vivere in una società in cui quei valori continuano a dominare. È anche incoraggiante vedere le società occidentali riscoprire le virtù del liberalismo, dopo aver flirtato con i propri impulsi autoritari. Ma come approccio alla politica mondiale e guida alla politica estera, le carenze del liberalismo sono state nuovamente smascherate.

Come in passato, il diritto internazionale e le istituzioni internazionali si sono rivelate una debole barriera al comportamento rapace delle grandi potenze. L’interdipendenza economica non ha impedito a Mosca di lanciare la sua invasione, nonostante i notevoli costi che di conseguenza dovrà affrontare. Il soft power non è riuscito a fermare i carri armati russi e il voto sbilenco 141-5 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite (con 35 astenuti) che condanna l’invasione non avrà molto impatto.

Come ho notato in precedenza , la guerra ha demolito la convinzione che la guerra non fosse più “pensabile” in Europa e la relativa affermazione che l’allargamento della NATO verso est creerebbe una “zona di pace” in continua espansione. Non fraintendetemi: sarebbe stato meraviglioso se quel sogno si fosse avverato, ma non è mai stata una possibilità probabile e tanto più dato il modo arrogante in cui è stato perseguito. Non sorprende che coloro che hanno creduto e venduto la storia liberale ora vogliono attribuire tutta la colpa al presidente russo Vladimir Putin e affermare che la sua invasione illegale “dimostra” che l’allargamento della NATOnon aveva nulla a che fare con la sua decisione. Altri ora si scagliano scioccamente contro quegli esperti che hanno correttamente previsto dove potrebbe portare la politica occidentale. Questi tentativi di riscrivere la storia sono tipici di un’élite di politica estera che è riluttante ad ammettere errori oa ritenersi responsabile.

Che Putin abbia la responsabilità diretta dell’invasione è fuori discussione, e le sue azioni meritano tutta la condanna che possiamo raccogliere. Ma gli ideologi liberali che hanno respinto le ripetute proteste e avvertimenti della Russia e hanno continuato a promuovere un programma revisionista in Europa con scarsa considerazione per le conseguenze sono tutt’altro che irreprensibili. Le loro motivazioni possono essere state del tutto benevole, ma è evidente che le politiche che hanno adottato hanno prodotto l’opposto di ciò che intendevano, si aspettavano e avevano promesso. E difficilmente possono dire oggi di non essere stati avvertiti in numerose occasioni in passato.

Le teorie liberali che enfatizzano il ruolo delle istituzioni se la cavano un po’ meglio, aiutandoci a comprendere la rapida e straordinariamente unitaria risposta occidentale. La reazione è stata rapida in parte perché gli Stati Uniti ei loro alleati della NATO condividono una serie di valori politici che ora vengono sfidati in modo particolarmente vivido e crudele. Ancora più importante, se istituzioni come la NATO non esistessero e una risposta doveva essere organizzata da zero, è difficile immaginare che sia altrettanto rapida o efficace. Le istituzioni internazionali non possono risolvere conflitti di interesse fondamentali o impedire alle grandi potenze di agire come desiderano, ma possono facilitare risposte collettive più efficaci quando gli interessi statali sono per lo più allineati.

Il realismo può essere la migliore guida generale alla triste situazione che ora dobbiamo affrontare, ma difficilmente ci racconta l’intera storia. Ad esempio, i realisti sottovalutano giustamente il ruolo delle norme come forti vincoli al comportamento delle grandi potenze, ma le norme hanno svolto un ruolo nello spiegare la risposta globale all’invasione della Russia. Putin sta calpestando la maggior parte se non tutte le norme relative all’uso della forza (come quelle contenute nella Carta delle Nazioni Unite), e questo è uno dei motivi per cui i paesi, le società, e individui in gran parte del mondo hanno giudicato le azioni della Russia in modo così duro e hanno risposto in modo così vigoroso. Niente può impedire a un paese di violare le norme globali, ma trasgressioni chiare e palesi influenzeranno invariabilmente il modo in cui le sue intenzioni vengono giudicate dagli altri. Se le forze russe agiranno con ancora maggiore brutalità nelle settimane e nei mesi a venire, gli attuali sforzi per isolarla e ostracizzarla sono destinati ad intensificarsi.

Errata percezione e calcolo errato

È anche impossibile comprendere questi eventi senza considerare il ruolo della percezione errata e dell’errore di calcolo. Le teorie realistiche sono meno utili qui, poiché tendono a ritrarre gli stati come attori più o meno razionali che calcolano freddamente i loro interessi e cercano opportunità invitanti per migliorare la loro posizione relativa. Anche se tale presupposto è per lo più corretto, i governi e i singoli leader operano ancora con informazioni imperfette e possono facilmente giudicare male le proprie capacità e le capacità e le reazioni degli altri. Anche quando le informazioni sono abbondanti, le percezioni e le decisioni possono ancora essere distorte per ragioni psicologiche, culturali o burocratiche. In un mondo incerto pieno di esseri umani imperfetti, ci sono molti modi per sbagliare.

In particolare, la vasta letteratura sull’errata percezione, in particolare il lavoro seminale del defunto Robert Jervis , ha molto da dirci su questa guerra. Ora sembra ovvio che Putin abbia sbagliato i calcoli su diverse dimensioni: ha esagerato l’ostilità occidentale nei confronti della Russia, ha sottovalutato gravemente la determinazione ucraina, ha sopravvalutato la capacità del suo esercito di ottenere una vittoria rapida e senza costi e ha interpretato male la risposta dell’Occidente. La combinazione di paura e sicurezza eccessiva che sembra essere stata all’opera qui è tipica; è quasi scontato dire che gli stati non iniziano le guerre a meno che non si siano convinti di poter raggiungere i loro obiettivi rapidamente e a costi relativamente bassi. Nessuno inizia una guerra che credono sarà lunga, sanguinosa, costosa e che probabilmente finirà con la loro sconfitta. Inoltre, poiché gli esseri umani sono a disagio nell’affrontare i compromessi, c’è una forte tendenza a vedere l’andare in guerra come fattibile una volta che hai deciso che è necessario. Come scrisse una volta Jervis , “quando il decisore arriva a considerare la sua politica come necessaria, è probabile che creda che la politica possa avere successo, anche se una tale conclusione richiede la distorsione delle informazioni su ciò che faranno gli altri”. Questa tendenza può essere aggravata se le voci dissenzienti vengono escluse dal processo decisionale, o perché tutti nel circuito condividono la stessa visione del mondo imperfetta o perché i subordinati non sono disposti a dire ai superiori che potrebbero sbagliarsi.

Teoria del prospetto, che sostiene che gli esseri umani sono più disposti a correre rischi per evitare perdite che per ottenere guadagni, potrebbe aver lavorato anche qui. Se Putin credeva che l’Ucraina si stesse gradualmente allineando con gli Stati Uniti e la NATO – e c’erano ampie ragioni per farlo pensare così – allora prevenire quella che considera una perdita irrecuperabile potrebbe valere un enorme tiro di dadi. Allo stesso modo, anche il pregiudizio di attribuzione – la tendenza a vedere il nostro comportamento come una risposta alle circostanze ma ad attribuire il comportamento degli altri alla loro natura di base – è probabilmente rilevante: molti in Occidente ora interpretano il comportamento russo come un riflesso del carattere sgradevole di Putin e in nessun modo una risposta alle azioni precedenti dell’Occidente. Da parte sua, Putin sembra pensare che le azioni degli Stati Uniti e della NATO derivino da un’arroganza innata e da un desiderio profondamente radicato di mantenere la Russia debole e vulnerabile e che gli ucraini stiano resistendo perché o vengono fuorviati o sono sotto l’influenza di elementi “fascisti”

La fine della guerra e il problema dell’impegno

La moderna teoria IR sottolinea anche il ruolo pervasivo dei problemi di impegno . In un mondo di anarchia, gli stati possono farsi promesse a vicenda ma non possono essere certi che verranno mantenute. Ad esempio, la NATO avrebbe potuto offrire di togliere per sempre l’adesione dell’Ucraina dal tavolo (sebbene non l’abbia mai fatto nelle settimane prima della guerra), ma Putin avrebbe potuto non credere alla NATO anche se Washington e Bruxelles avessero messo quell’impegno per iscritto. I trattati contano, ma alla fine sono solo pezzi di carta.

Inoltre, la letteratura scientifica sulla fine della guerra suggerisce che i problemi di impegno incomberanno ampi anche quando le parti in guerra avranno rivisto le loro aspettative e cercheranno di porre fine ai combattimenti. Se Putin si fosse offerto di ritirarsi dall’Ucraina domani e avesse giurato su una pila di Bibbie ortodosse russe che l’avrebbe lasciato in pace per sempre, poche persone in Ucraina, in Europa o negli Stati Uniti avrebbero preso le sue assicurazioni per valore nominale. E a differenza di alcune guerre civili, dove a volte gli accordi di pace possono essere garantiti da estranei interessati, in questo caso non esiste un potere esterno che possa minacciare in modo credibile di punire i futuri trasgressori di qualsiasi accordo che potrebbe essere raggiunto. A parte la resa incondizionata, qualsiasi accordo per porre fine alla guerra deve lasciare tutte le parti sufficientemente soddisfatte da non sperare segretamente di modificarla o abbandonarla non appena le circostanze saranno più favorevoli. E anche se una parte capitola completamente, imporre una “pace del vincitore” può gettare i semi di un futuro revanscismo. Purtroppo, oggi sembra che siamo molto lontani da qualsiasi tipo di accordo negoziato.

Inoltre, altri studi su questo problema, come il classico di Fred Iklé Every War Must End e Peace at What Price?: Leader Culpability and the Domestic Politics of War Termination di Sarah Croco—evidenziano gli ostacoli interni che rendono difficile porre fine a una guerra. Patriottismo, propaganda, costi irrecuperabili e un odio sempre crescente per il nemico si combinano per inasprire gli atteggiamenti e far andare avanti le guerre molto tempo dopo che uno stato razionale potrebbe fermarsi. Un elemento chiave in questo problema è ciò che Iklé ha chiamato il “tradimento dei falchi”: coloro che sono favorevoli alla fine della guerra sono spesso liquidati come antipatriottici o peggio, ma gli intransigenti che prolungano inutilmente una guerra possono alla fine fare più danni alla nazione che pretendono di difendere. Mi chiedo se c’è una traduzione russa disponibile a Mosca. Applicato all’Ucraina, un’implicazione preoccupante è che un leader che inizia una guerra senza successo potrebbe essere riluttante o incapace di ammettere di aver sbagliato e portarla a termine. Se è così, poi la fine dei combattimenti arriva solo quando emergono nuovi leader che non sono legati alla decisione iniziale per la guerra.

Ma c’è un altro problema: gli autocrati che affrontano la sconfitta e il cambio di regime possono essere tentati di ” giocare per la risurrezione “. I leader democratici che presiedono alle debacle della politica estera possono essere costretti a lasciare l’incarico alle prossime elezioni, ma raramente, se non mai, rischiano la reclusione o peggio per i loro errori o crimini. Gli autocrati, al contrario, non hanno una via d’uscita facile, soprattutto in un mondo in cui hanno motivo di temere il perseguimento penale del dopoguerra per crimini di guerra. Se stanno perdendo, quindi, hanno un incentivo a combattere o intensificare anche di fronte a probabilità schiaccianti, nella speranza di un miracolo che invertirà le loro fortune e risparmierà loro la cacciata, la prigionia o la morte. A volte questo tipo di scommessa dà i suoi frutti (es. Bashar al-Assad), a volte no (es. Adolf Hitler, Muammar al-Gheddafi), ma l’incentivo a continuare a raddoppiare nella speranza di un miracolo può mettere fine a una guerra ancora più difficile di quanto potrebbe essere.

Queste intuizioni ci richiamano ad essere molto, molto attenti a ciò che desideriamo. Il desiderio di punire e persino umiliare Putin è comprensibile, ed è allettante vedere la sua cacciata come una soluzione facile e veloce per l’intero terribile disastro. Ma mettere in un angolo il leader autocratico di uno stato dotato di armi nucleari sarebbe estremamente pericoloso, non importa quanto atroci possano essere state le sue azioni precedenti. Solo per questo motivo, coloro che in Occidente chiedono l’assassinio di Putin o che hanno affermato pubblicamente che i russi comuni dovrebbero essere ritenuti responsabili se non si sollevano e rovesciano Putin sono pericolosamente irresponsabili. Vale la pena ricordare il consiglio di Talleyrand: “Soprattutto, non troppo zelo”.

Sanzioni economiche

Chiunque cerchi di capire come andrà a finire, dovrebbe studiare anche la letteratura sulle sanzioni economiche . Da un lato, le sanzioni finanziarie imposte la scorsa settimana ricordano la straordinaria capacità dell’America di “ armare l’interdipendenza ”, soprattutto quando il Paese agisce di concerto con altre importanti potenze economiche. D’altra parte, una notevole quantità di studi seri mostra che le sanzioni economiche raramente costringono gli stati a cambiare rapidamente rotta. Il fallimento della campagna di “massima pressione” dell’amministrazione Trump contro l’Iran è un altro esempio lampante. Le élite al potere sono in genere isolate dalle conseguenze immediate delle sanzioni e Putin sapeva che le sanzioni sarebbero state imposte e credeva chiaramente che gli interessi geopolitici in gioco valessero il costo previsto. Potrebbe essere stato sorpreso e sconcertato dalla velocità e dalla portata della pressione economica, ma nessuno dovrebbe aspettarsi che Mosca inverta presto la rotta.

Questi esempi non fanno altro che graffiare la superficie di ciò che la borsa di studio IR contemporanea potrebbe contribuire alla nostra comprensione di questi eventi. Non ho menzionato l’enorme letteratura sulla deterrenza e la coercizione, un numero qualsiasi di opere importanti sulle dinamiche dell’escalation orizzontale e verticale , o le intuizioni che si potrebbero ricavare considerando gli elementi culturali (comprese le nozioni di mascolinità e in particolare il culto della personalità maschilista di Putin ”).

La conclusione è che la letteratura scientifica sulle relazioni internazionali ha molto da dire sulla situazione che stiamo affrontando. Sfortunatamente, è probabile che nessuno in una posizione di potere presti molta attenzione ad esso, anche quando accademici esperti offrono i loro pensieri nella sfera pubblica. Il tempo è la merce più scarsa in politica, specialmente durante una crisi, e Jake Sullivan, Antony Blinken e i loro numerosi subordinati non inizieranno a sfogliare i numeri arretrati della Sicurezza internazionale o del Journal of Conflict Resolution per trovare la roba buona.

Anche la guerra ha una sua logica e scatena forze politiche che tendono a soffocare voci alternative, anche in società in cui la libertà di parola e il dibattito aperto rimangono intatti. Poiché la posta in gioco è alta, in tempo di guerra i funzionari pubblici, i media e la cittadinanza dovrebbero impegnarsi al massimo per resistere agli stereotipi, pensare con freddezza e attenzione, evitare iperboli e cliché semplicistici e soprattutto rimanere aperti alla possibilità che possano sbagliarsi e che è necessaria una diversa linea di condotta. Una volta che i proiettili iniziano a volare, tuttavia, ciò che di solito si verifica è un restringimento della vista, una rapida discesa nei modi di pensiero manichei, l’emarginazione o la soppressione delle voci dissenzienti, l’abbandono delle sfumature e un’ostinata attenzione alla vittoria a tutti i costi. Questo processo sembra essere ben avviato all’interno della Russia di Putin, ma una forma più mite è evidente anche in Occidente . Tutto sommato, questa è una ricetta per peggiorare una situazione terribile.

https://foreignpolicy.com/2022/03/08/an-international-relations-theory-guide-to-ukraines-war/

Perché la guerra fallisce, di Lawrence Freedman

Proseguiamo con la rassegna dei punti di vista di analisti prossimi al convitato di pietra del conflitto ucraino. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Perché la guerra fallisce

L’invasione russa dell’Ucraina e i limiti del potere militare

Il 27 febbraio, pochi giorni dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina, le forze russe hanno lanciato un’operazione per impadronirsi dell’aeroporto di Chornobaivka vicino a Kherson, sulla costa del Mar Nero. Kherson è stata la prima città ucraina che i russi sono riusciti ad occupare e, poiché era anche vicino alla roccaforte russa della Crimea, l’aeroporto sarebbe stato importante per la fase successiva dell’offensiva. Ma le cose non sono andate secondo i piani. Lo stesso giorno in cui i russi hanno preso il controllo dell’aeroporto, le forze ucraine hanno iniziato a contrattaccare con droni armati e presto hanno colpito gli elicotteri che volavano con rifornimenti dalla Crimea. All’inizio di marzo, secondo fonti della difesa ucraina, i soldati ucraini hanno compiuto un devastante raid notturno sulla pista di atterraggio, distruggendo una flotta di 30 elicotteri militari russi. Circa una settimana dopo, le forze ucraine ne distrussero altri sette. Entro il 2 maggio L’Ucraina aveva effettuato 18 attacchi separati all’aeroporto, che, secondo Kiev, aveva eliminato non solo dozzine di elicotteri ma anche depositi di munizioni, due generali russi e quasi un intero battaglione russo. Tuttavia, durante questi attacchi, le forze russe hanno continuato a muoversi in equipaggiamento e materiale con elicotteri. In mancanza di una strategia coerente per difendere la pista di atterraggio e di una valida base alternativa, i russi si sono semplicemente attenuti ai loro ordini originali, con risultati disastrosi.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha descritto la battaglia di Chornobaivka come un simbolo dell’incompetenza dei comandanti russi, che stavano spingendo “il loro popolo al massacro”. In effetti, ci sono stati numerosi esempi simili dalle prime settimane dell’invasione. Sebbene le forze ucraine fossero costantemente sconfitte, hanno usato la loro iniziativa con grande vantaggio , poiché le forze russe hanno ripetuto gli stessi errori e non sono riuscite a cambiare tattica. Fin dall’inizio, la guerra ha fornito un notevole contrasto negli approcci al comando. E questi contrasti possono aiutare molto a spiegare perché l’esercito russo ha così sottoperformato le aspettative.

Nelle settimane precedenti l’invasione del 24 febbraio, i leader e gli analisti occidentali e la stampa internazionale erano naturalmente fissati sulle forze schiaccianti che il presidente russo Vladimir Putin stava accumulando ai confini dell’Ucraina. Ben 190.000 soldati russi erano pronti a invadere il paese. Organizzato in ben 120 gruppi tattici di battaglione, ciascuno aveva armature e artiglieria ed era sostenuto da un supporto aereo superiore. Pochi immaginavano che le forze ucraine avrebbero potuto resistere a lungo contro il rullo compressore russo. La domanda principale sui piani russi era se includessero forze sufficienti per occupare un paese così grande dopo che la battaglia fu vinta. Ma le stime non avevano tenuto conto dei molti elementi che determinano una vera misura delle capacità militari.

Il potere militare non riguarda solo gli armamenti di una nazione e l’abilità con cui vengono usati. Deve tenere conto delle risorse del nemico, nonché dei contributi di alleati e amici, sotto forma di assistenza pratica o di interventi diretti. E sebbene la forza militare sia spesso misurata in potenza di fuoco, contando gli inventari di armi e le dimensioni di eserciti, marine e forze aeree, molto dipende dalla qualità dell’equipaggiamento, dal modo in cui è stato mantenuto e dall’addestramento e dalla motivazione di il personale che lo utilizza. In qualsiasi guerra, la capacità di un’economia di sostenere lo sforzo bellico e la resilienza dei sistemi logistici per garantire che i rifornimenti raggiungano le linee del fronte secondo necessità, sono di importanza crescente con il progredire del conflitto. Così è il grado in cui un belligerante può mobilitare e mantenere il sostegno per la propria causa, sia internamente che esternamente, e minare quella del nemico, compiti che richiedono la costruzione di narrazioni avvincenti in grado di razionalizzare le battute d’arresto e di anticipare le vittorie. Soprattutto, però, il potere militare dipende da un comando efficace. E ciò include sia i leader politici di un paese, che agiscono come comandanti supremi, sia coloro che cercano di raggiungere i loro obiettivi militari come comandanti operativi.

L’invasione dell’Ucraina da parte di Putin ha sottolineato il ruolo cruciale del comando nel determinare il successo militare finale. La forza grezza delle armi può fare solo così tanto per uno stato. Come i leader occidentali hanno scoperto in Afghanistan e in Iraq, l’equipaggiamento militare e la potenza di fuoco superiori possono consentire alle forze armate di ottenere il controllo del territorio, ma sono molto meno efficaci nell’amministrazione di successo di quel territorio. In Ucraina Putin ha lottatoanche per ottenere il controllo del territorio, e il modo in cui le sue forze hanno condotto la guerra ha già assicurato che qualsiasi tentativo di governare, anche nel presunto est filo-russo dell’Ucraina, sarà accolto da animosità e resistenza. Per lanciare l’invasione, Putin ha commesso l’errore familiare ma catastrofico di sottovalutare il nemico, presumendo che fosse debole nel suo nucleo, pur avendo un’eccessiva fiducia in ciò che le sue stesse forze potrebbero ottenere.

IL DESTINO DELLE NAZIONI

I comandi sono ordini autorevoli, a cui obbedire senza fare domande. Le organizzazioni militari richiedono forti catene di comando perché commettono violenza disciplinata e mirata. In tempo di guerra, i comandanti affrontano la sfida speciale di persuadere i subordinati ad agire contro i propri istinti di sopravvivenza e superare le normali inibizioni sull’uccisione dei loro simili. La posta in gioco può essere estremamente alta. I comandanti possono avere il destino dei loro paesi nelle loro mani e devono essere profondamente consapevoli del potenziale di umiliazione nazionale se dovessero fallire, così come di gloria nazionale se ci riuscissero.

Il comando militare è spesso descritto come una forma di leadership e, come delineato nei trattati sul comando, le qualità ricercate nei leader militari sono spesso quelle che sarebbero ammirevoli in quasi tutti i contesti: profonda conoscenza professionale, capacità di utilizzare le risorse in modo efficiente, buona comunicazione abilità, la capacità di andare d’accordo con gli altri, un senso di scopo morale e di responsabilità e la volontà di prendersi cura dei subordinati. Ma l’alta posta in gioco della guerra e lo stress del combattimento impongono le proprie esigenze. Qui, le qualità rilevanti includono un istinto a mantenere l’iniziativa, un’attitudine a vedere chiaramente situazioni complesse, una capacità di creare fiducia e la capacità di rispondere agilmente a condizioni mutevoli o impreviste. La storica Barbara Tuchman ha identificato la necessità di una combinazione di risoluzione – “la determinazione a vincere” – e giudizio, o la capacità di usare la propria esperienza per leggere le situazioni. Un comandante che combina la determinazione con un’acuta intelligenza strategica può ottenere risultati impressionanti, ma la determinazione combinata con la stupidità può portare alla rovina.

Non tutti i subordinati seguiranno automaticamente i comandi. A volte gli ordini sono inappropriati, forse perché si basano su informazioni datate e incomplete e possono quindi essere ignorati anche dall’ufficiale sul campo più diligente. In altri casi, la loro attuazione potrebbe essere possibile ma poco saggia, forse perché esiste un modo migliore per raggiungere gli stessi obiettivi. Di fronte a ordini che non amano o diffidano, i subordinati possono cercare alternative alla totale disobbedienza. Possono procrastinare, eseguire gli ordini con noncuranza o interpretarli in un modo che si adatta meglio alla situazione che devono affrontare.

Per evitare queste tensioni, tuttavia, la moderna filosofia di comando seguita in Occidente ha cercato sempre di più di incoraggiare i subordinati a prendere l’iniziativa per affrontare le circostanze; i comandanti si fidano di coloro che sono vicini all’azione per prendere le decisioni vitali, ma sono pronti a intervenire se gli eventi vanno storti. Questo è l’approccio adottato dalle forze ucraine. La filosofia di comando della Russia è più gerarchica. In linea di principio, la dottrina russa consente l’iniziativa locale, ma le strutture di comando in atto non incoraggiano i subordinati a rischiare di disobbedire ai loro ordini. Sistemi di comando rigidi possono portare a un’eccessiva cautela, a una fissazione su determinate tattiche anche quando sono inappropriate e alla mancanza di “verità di base”, poiché i subordinati non osano segnalare problemi e invece insistono sul fatto che tutto va bene.

I problemi della Russia con il comando in Ucraina sono meno una conseguenza della filosofia militare che dell’attuale leadership politica. Nei sistemi autocratici come quello russo, funzionari e ufficiali devono pensarci due volte prima di sfidare i superiori. La vita è più facile quando agiscono in base ai desideri del leader senza fare domande. I dittatori possono certamente prendere decisioni coraggiose sulla guerra, ma è molto più probabile che queste siano basate su presupposti mal informati ed è improbabile che siano state contestate in un attento processo decisionale. I dittatori tendono a circondarsi di consiglieri che la pensano allo stesso modo e ad apprezzare la lealtà al di sopra della competenza nei loro alti comandanti militari.

DAL SUCCESSO ALLO STALLO

La disponibilità di Putin a fidarsi del proprio giudizio in Ucraina rifletteva il fatto che le sue decisioni passate sull’uso della forza avevano funzionato bene per lui. Lo stato dell’esercito russo negli anni ’90 prima che prendesse il potere era terribile, come dimostrato dalla guerra del presidente russo Boris Eltsin del 1994-1996 in Cecenia. Alla fine del 1994, il ministro della Difesa russo Pavel Grachev rassicurò Eltsin che avrebbe potuto porre fine allo sforzo della Cecenia di separarsi dalla Federazione Russa spostando rapidamente le forze russe a Grozny, la capitale cecena. Il Cremlino considerava la Cecenia uno stato artificiale infestato da gangster per il quale ci si poteva aspettare che pochi dei suoi cittadini sacrificassero la propria vita, soprattutto di fronte all’esplosione del potere militare russo: ipotesi fuorvianti in qualche modo simili a quelle fatte su scala molto più ampia nell’attuale invasione dell’Ucraina. Le unità russe includevano molti coscritti con poco addestramento e il Cremlino non riuscì ad apprezzare quanto i difensori ceceni sarebbero stati in grado di sfruttare il terreno urbano. I risultati furono disastrosi. Il primo giorno dell’attacco, l’esercito russo ha perso oltre 100 veicoli corazzati, compresi i carri armati; I soldati russi furono presto uccisi al ritmo di 100 al giorno. Nelle sue memorie, Eltsin ha descritto la guerra come il momento in cui la Russia “si è separata da un’altra illusione eccezionalmente dubbia ma affettuosa: sulla potenza del nostro esercito . . . sulla sua indomabilità”. compresi i serbatoi; I soldati russi furono presto uccisi al ritmo di 100 al giorno. Nelle sue memorie, Eltsin ha descritto la guerra come il momento in cui la Russia “si è separata da un’altra illusione eccezionalmente dubbia ma affettuosa: sulla potenza del nostro esercito . . . sulla sua indomabilità”. compresi i serbatoi; I soldati russi furono presto uccisi al ritmo di 100 al giorno. Nelle sue memorie, Eltsin ha descritto la guerra come il momento in cui la Russia “si è separata da un’altra illusione eccezionalmente dubbia ma affettuosa: sulla potenza del nostro esercito . . . sulla sua indomabilità”.

La prima guerra cecena si è conclusa in modo insoddisfacente nel 1996. Alcuni anni dopo, Vladimir Putin, che nel settembre 1999 è diventato primo ministro malato di Eltsin, ha deciso di combattere di nuovo la guerra, ma questa volta si è assicurato che la Russia fosse preparata. Putin era stato in precedenza a capo del Servizio di sicurezza federale, o FSB, il successore del KGB, dove iniziò la sua carriera. Quando nel settembre 1999 i condomini a Mosca e altrove furono bombardati, Putin incolpò i terroristi ceceni (sebbene vi fossero buone ragioni per sospettare che l’FSB stesse cercando di creare un pretesto per una nuova guerra) e ordinò alle truppe russe di prendere il controllo della Cecenia da “tutti mezzi a disposizione”. In questa seconda guerra cecena, la Russia procedette con più deliberazione e spietatezza finché non riuscì ad occupare Grozny. Nonostante la guerra si trascinasse per un po’ di tempo, l’impegno visibile di Putin per porre fine alla ribellione cecena è stato sufficiente a fornirgli una vittoria decisiva nelle elezioni presidenziali della primavera del 2000. Mentre Putin stava facendo una campagna, i giornalisti gli hanno chiesto quali leader politici ha trovato “più interessanti”. Dopo aver citato Napoleone – che i giornalisti hanno preso per scherzo – ha offerto Charles de Gaulle, una scelta naturale forse per qualcuno che voleva ripristinare l’efficacia dello stato con una forte autorità centralizzata.

Entro il 2013, Putin era andato in qualche modo verso il raggiungimento di tale scopo. Gli alti prezzi delle materie prime gli avevano dato un’economia forte. Aveva anche emarginato la sua opposizione politica in patria, consolidando il suo potere. Eppure le relazioni della Russia con l’Occidente erano peggiorate, in particolare per quanto riguarda l’Ucraina. Fin dalla rivoluzione arancionedel 2004-2005, Putin era preoccupato che un governo filo-occidentale a Kiev potesse cercare di entrare a far parte della NATO, un timore aggravato quando la questione è stata affrontata al vertice della NATO di Bucarest del 2008. La crisi, tuttavia, è arrivata nel 2013, quando Victor Yanukovich, presidente filorusso dell’Ucraina, stava per firmare un accordo di associazione con l’UE. Putin ha esercitato forti pressioni su Yanukovich fino a quando non ha accettato di non firmare. Ma il capovolgimento di Yanukovich ha portato esattamente a ciò che Putin aveva temuto, una rivolta popolare – il movimento Maidan – che alla fine ha fatto cadere Yanukovich e ha lasciato l’Ucraina completamente nelle mani dei leader filo-occidentali. A questo punto Putin ha deciso di annettere la Crimea .

Nel lanciare il suo piano, Putin ha avuto i vantaggi di una base navale russa a Sebastopoli e un notevole sostegno alla Russia tra la popolazione locale. Eppure continuò a procedere con cautela. La sua strategia, che ha seguito da allora, era quella di presentare qualsiasi mossa russa aggressiva come nient’altro che una risposta alle suppliche di persone che avevano bisogno di protezione. Schierando truppe con uniformi e equipaggiamento standard ma senza contrassegni, che divennero noti come i “piccoli uomini verdi”, il Cremlino convinse con successo il parlamento locale a indire un referendum sull’incorporazione della Crimea in Russia. Con l’evolversi di questi eventi, Putin era pronto a trattenersi nel caso in cui l’Ucraina o i suoi alleati occidentali avessero affrontato una sfida seria. Ma l’Ucraina era allo sbando – aveva solo un ministro della difesa ad interim e nessuna autorità decisionale in grado di rispondere – e l’Occidente non ha intrapreso alcuna azione contro la Russia oltre a sanzioni limitate. Per Putin, la presa della Crimea, con pochissime vittime e con l’Occidente in gran parte in disparte, ha confermato il suo status di astuto comandante supremo.

Ma Putin non si accontentava di andarsene con questo chiaro premio; invece, quella primavera e quell’estate, permise alla Russia di essere coinvolta in un conflitto molto più intrattabile nella regione del Donbas, nell’Ucraina orientale. Qui, non poteva seguire la formula che aveva funzionato così bene in Crimea: il sentimento filo-russo nell’est era troppo debole per implicare un diffuso sostegno popolare alla secessione. Molto rapidamente, il conflitto si è militarizzato, con Mosca che ha affermato che le milizie separatiste agivano indipendentemente dalla Russia. Tuttavia, entro l’estate, quando sembrava che i separatisti di Donetsk e Luhansk, le due enclavi filo-russe nel Donbas, avrebbero potuto essere sconfitte dall’esercito ucraino, il Cremlino ha inviato forze russe regolari. Sebbene i russi non abbiano avuto problemi contro l’esercito ucraino, Putin è stato comunque cauto. Non ha annesso le enclavi,

Per alcuni osservatori occidentali, la guerra russa nel Donbas sembrava una nuova potente strategia di guerra ibrida. Come descritto dagli analisti, la Russia è stata in grado di mettere in secondo piano i suoi avversari riunendo forze regolari e irregolari e attività palesi e segrete e combinando forme consolidate di azione militare con attacchi informatici e guerra dell’informazione. Ma questa valutazione ha sopravvalutato la coerenza dell’approccio russo. In pratica i russi avevano messo in moto eventi dalle conseguenze imprevedibili, guidati da individui che faticavano a controllare, per obiettivi che non condividevano del tutto. L’accordo di Minsk non è mai stato attuato e i combattimenti non si sono mai fermati. Al massimo, Putin aveva tratto il meglio da un pessimo lavoro, contenendo il conflitto e, mentre sconvolgeva l’Ucraina, dissuadendo l’Occidente dal farsi coinvolgere troppo. A differenza della Crimea,l’Occidente .

FORZA TRAVOLGENTE

Nell’estate del 2021, la guerra del Donbas era in una situazione di stallo per più di sette anni e Putin ha deciso un piano audace per portare a termine le cose. Non essendo riuscito a utilizzare le enclavi per influenzare Kiev, ha cercato di sfruttare la loro difficile situazione per sostenere il cambio di regime a Kiev, assicurandosi che sarebbe rientrata nella sfera di influenza di Mosca e non avrebbe mai più preso in considerazione l’adesione alla NATO o all’UE. Pertanto, avrebbe intrapreso un’invasione su vasta scala dell’Ucraina.

Un tale approccio richiederebbe un enorme impegno delle forze armate e una campagna audace. Ma la fiducia di Putin è stata rafforzata dal recente intervento militare russo in Siria, che ha sostenuto con successo il regime di Bashar al-Assad, e dai recenti sforzi per modernizzare le forze armate russe. Gli analisti occidentali avevano ampiamente accettato le affermazioni russe sulla crescente forza militare del paese, inclusi nuovi sistemi e armamenti, come le “armi ipersoniche”, che almeno suonavano impressionanti. Inoltre, le sane riserve finanziarie russe limiterebbero l’effetto di eventuali sanzioni punitive. E l’Occidente è apparso diviso e turbato dopo la presidenza di Donald Trump, un’impressione che è stata confermata dal ritiro fallito degli Stati Uniti dall’Afghanistan nell’agosto 2021.

Quando Putin ha lanciato quella che ha definito “operazione militare speciale” in Ucraina , molti in Occidente hanno temuto che potesse avere successo. Gli osservatori occidentali avevano osservato per mesi il massiccio accumulo di forze russe al confine ucraino e, quando è iniziata l’invasione, le menti degli strateghi statunitensi ed europei sono andate avanti alle implicazioni di una vittoria russa che minacciava di incorporare l’Ucraina in una Grande Russia rivitalizzata. Sebbene alcuni paesi della NATO, come gli Stati Uniti e il Regno Unito, avessero affrettato rifornimenti militari in Ucraina, altri, in seguito a questo pessimismo, erano più riluttanti. È probabile che l’equipaggiamento aggiuntivo, conclusero, sarebbe arrivato troppo tardi o addirittura sarebbe stato catturato dai russi.

Meno notato è stato che l’accumulo di truppe russe, nonostante le sue dimensioni formidabili, era tutt’altro che sufficiente per prendere e tenere tutta l’Ucraina. Anche molti all’interno o collegati all’esercito russo potrebbero vedere i rischi. All’inizio di febbraio 2022, Igor “Strelkov” Girkin, uno dei primi leader separatisti russi nella campagna del 2014, ha osservato che l’esercito ucraino era più preparato di quanto non fosse otto anni prima e che “non ci sono quasi abbastanza truppe mobilitate, o essere mobilitato”. Eppure Putin non ha consultato esperti sull’Ucraina, affidandosi invece ai suoi più stretti consiglieri – vecchi compagni dell’apparato di sicurezza russo – che hanno fatto eco alla sua opinione sprezzante secondo cui l’Ucraina potrebbe essere facilmente presa.

Non appena l’invasione iniziò, divennero evidenti le debolezze centrali della campagna di Russia. Il piano prevedeva una guerra breve, con avanzamenti decisivi in ​​diverse parti del paese il primo giorno. Ma l’ottimismo di Putin e dei suoi consiglieri significava che il piano era modellato in gran parte attorno a operazioni rapide da parte di unità di combattimento d’élite. È stata data poca considerazione alla logistica e alle linee di rifornimento, che hanno limitato la capacità della Russia di sostenere l’offensiva una volta che si è fermata, e tutto l’essenziale della guerra moderna, inclusi cibo, carburante e munizioni, ha iniziato a essere rapidamente consumato. In effetti, il numero di assi di avanzamento ha creato una serie di guerre separate che vengono combattute contemporaneamente, tutte presentando le proprie sfide, ciascuna con le proprie strutture di comando e senza un meccanismo appropriato per coordinare i propri sforzi e allocare risorse tra di loro.

Il primo segnale che le cose non stavano andando secondo i piani di Putin è stato quello che è successo all’aeroporto di Hostomel, vicino a Kiev. Detto che avrebbero incontrato poca resistenza, i paracadutisti d’élite che erano stati inviati a trattenere l’aeroporto per gli aerei da trasporto in arrivo furono invece respinti da un contrattacco ucraino. Alla fine, i russi riuscirono a prendere l’aeroporto, ma a quel punto era troppo danneggiato per avere un qualche valore. Altrove, unità di carri armati russi apparentemente formidabili furono fermate da difensori ucraini molto più leggermente armati. Secondo un resoconto, un’enorme colonna di carri armati russi destinata a Kiev fu inizialmente fermata da un gruppo di soli 30 soldati ucraini, che si avvicinò di notte su quad e riuscì a distruggere alcuni veicoli in testa alla colonna, lasciando il resto bloccato su una carreggiata stretta e aperto a ulteriori attacchi. Gli ucraini hanno ripetuto con successo tali imboscate in molte altre aree.

Le forze ucraine, con l’assistenza occidentale, avevano intrapreso riforme energiche e pianificato attentamente le loro difese. Erano anche molto motivati, a differenza di molti dei loro omologhi russi , che non erano sicuri del perché fossero lì. Le unità ucraine agili, attingendo prima ad armi anticarro e droni e poi all’artiglieria, colsero di sorpresa le forze russe. Alla fine, quindi, il corso iniziale della guerra non fu determinato da un numero maggiore e potenza di fuoco, ma da tattiche, impegno e comando superiori.

ERRORI CUMULATIVI

Fin dall’inizio dell’invasione, il contrasto tra gli approcci al comando russo e ucraino è stato netto. L’errore strategico originale di Putin era di presumere che l’Ucraina fosse sufficientemente ostile da impegnarsi in attività anti-russe e incapace di resistere alla potenza russa. Mentre l’invasione si bloccava, Putin sembrava incapace di adattarsi alla nuova realtà, insistendo sul fatto che la campagna era nei tempi previsti e procedeva secondo i piani. Impedito di menzionare l’alto numero di vittime russe e le numerose battute d’arresto sul campo di battaglia, i media russi hanno rafforzato incessantemente la propaganda del governo sulla guerra. Al contrario, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, l’obiettivo iniziale dell’operazione russa, ha rifiutato le offerte degli Stati Uniti e di altre potenze occidentali di essere portate in salvo per formare un governo in esilio. Non solo è sopravvissuto, ma è rimasto a Kiev, visibile e loquace, radunando il suo popolo e facendo pressioni sui governi occidentali per un maggiore sostegno, finanziario e militare. Dimostrando l’impegno schiacciante del popolo ucraino a difendere il proprio paese, ha incoraggiato l’Occidente a imporre sanzioni molto più severe alla Russia di quanto avrebbe potuto fare altrimenti, nonché a fornire forniture di armi e materiale bellico all’Ucraina. Mentre Putin si ripeteva ostinatamente mentre la sua “operazione militare speciale” vacillava, Zelensky crebbe in fiducia e statura politica. ha incoraggiato l’Occidente a imporre sanzioni molto più severe alla Russia di quanto avrebbe potuto fare altrimenti, nonché a fornire forniture di armi e materiale bellico all’Ucraina. Mentre Putin si ripeteva ostinatamente mentre la sua “operazione militare speciale” vacillava, Zelensky crebbe in fiducia e statura politica. ha incoraggiato l’Occidente a imporre sanzioni molto più severe alla Russia di quanto avrebbe potuto fare altrimenti, nonché a fornire forniture di armi e materiale bellico all’Ucraina. Mentre Putin si ripeteva ostinatamente mentre la sua “operazione militare speciale” vacillava, Zelensky crebbe in fiducia e statura politica.

La nefasta influenza di Putin incombeva anche su altre decisioni strategiche chiave della Russia. La prima, dopo le battute d’arresto iniziali, è stata la decisione dell’esercito russo di adottare le tattiche brutali utilizzate in Cecenia e Siria: prendere di mira le infrastrutture civili, inclusi ospedali ed edifici residenziali. Questi attacchi hanno causato immense sofferenze e difficoltà e, come si poteva prevedere, hanno solo rafforzato la determinazione ucraina. Le tattiche erano controproducenti anche in un altro senso. Insieme alle rivelazioni su possibili crimini di guerra da parte delle truppe russe nelle aree intorno a Kiev, come Bucha, gli attacchi della Russia a obiettivi non militari hanno convinto i leader di Washington e di altre capitali occidentali che era inutile cercare di mediare un accordo di compromesso con Putin. Invece, i governi occidentali hanno accelerato il flusso di armi verso l’Ucraina, con una crescente enfasi sui sistemi offensivi e difensivi. Questa non era la guerra tra Russia e NATO rivendicata dai propagandisti di Mosca, ma stava rapidamente diventando la cosa più vicina.

Una seconda decisione strategica chiave è arrivata il 25 marzo, quando la Russia ha abbandonato il suo obiettivo massimalista di prendere Kiev e ha annunciato che si stava concentrando invece sulla “completa liberazione” della regione del Donbas. Questo nuovo obiettivo, sebbene promettesse di portare maggiore miseria a est, era più realistico, e lo sarebbe stato ancora di più se fosse stato l’obiettivo iniziale dell’invasione. Il Cremlino ora nominò anche un comandante russo in generale per guidare la guerra, un generale il cui approccio sarebbe stato più metodico e impiegherebbe artiglieria aggiuntiva per preparare il terreno prima che l’armatura e la fanteria si muovessero in avanti. Ma l’effetto di questi cambiamenti è stato limitato perché Putin aveva bisogno di risultati rapidi e non ha dato alle forze russe il tempo di riprendersi e prepararsi per questo secondo round della guerra.

Lo slancio era già passato dalla Russia all’Ucraina e non poteva essere invertito abbastanza rapidamente per rispettare il calendario di Putin. Alcuni analisti hanno ipotizzato che Putin volesse qualcosa che potrebbe chiamare una vittoria il 9 maggio, la festa russa che segna la fine della Grande Guerra Patriottica, la vittoria della Russia sulla Germania nazista. Altrettanto probabile, tuttavia, era il desiderio suo e dei suoi alti comandanti militari di ottenere guadagni territoriali nell’est prima che l’Ucraina potesse assorbire nuove armi dagli Stati Uniti e dall’Europa. Di conseguenza, i comandanti russi inviarono di nuovo in combattimento unità che erano state appena ritirate dal nord a est; non c’era tempo per ricostituire le truppe o rimediare alle mancanze mostrate nella prima fase della guerra.

Nella nuova offensiva, iniziata sul serio a metà aprile, le forze russe hanno ottenuto pochi guadagni, mentre i contrattacchi ucraini hanno rosicchiato le loro posizioni. Ad aumentare l’imbarazzo, l’ammiraglia russa del Mar Nero, la Moskva, è stato affondato in un audace attacco ucraino. Entro il 9 maggio non c’era molto da festeggiare a Mosca. Anche la città costiera di Mariupol, che la Russia aveva attaccato senza pietà dall’inizio della guerra e ridotta in macerie, non fu completamente catturata fino a una settimana dopo. A quel punto, le stime occidentali suggerivano che un terzo della forza di combattimento russa iniziale, sia personale che equipaggiamento, era andato perso. Erano circolate voci secondo cui Putin avrebbe sfruttato le vacanze per annunciare una mobilitazione generale per soddisfare il bisogno di manodopera dell’esercito, ma non è stato fatto alcun annuncio del genere. Tanto per cominciare, una mossa del genere sarebbe stata profondamente impopolare in Russia. Ma ci sarebbe voluto anche del tempo per portare coscritti e riservisti al fronte, e la Russia avrebbe comunque dovuto affrontare una cronica carenza di attrezzature.

Dopo una serie ininterrotta di decisioni di comando sbagliate, Putin stava esaurendo le opzioni. Quando l’offensiva in Ucraina ha completato il suo terzo mese, molti osservatori hanno iniziato a notare che la Russia era rimasta bloccata in una guerra impossibile da vincereche non osava perdere. I governi occidentali e alti funzionari della NATO hanno cominciato a parlare di un conflitto che potrebbe continuare per mesi, e forse anni, a venire. Ciò dipenderebbe dalla capacità dei comandanti russi di continuare a combattere con forze esaurite e dal morale basso e anche dalla capacità dell’Ucraina di passare da una strategia difensiva a una offensiva. Forse l’esercito russo potrebbe ancora salvare qualcosa dalla situazione. O forse Putin a un certo punto avrebbe visto che potrebbe essere prudente chiedere un cessate il fuoco in modo da poter incassare i guadagni realizzati all’inizio della guerra prima che una controffensiva ucraina li portasse via, anche se ciò significherebbe ammettere il fallimento.

POTERE SENZA SCOPO

Bisogna stare attenti quando si traggono grandi lezioni dalle guerre con le loro caratteristiche speciali, in particolare da una guerra le cui conseguenze non sono ancora note. Analisti e pianificatori militari studieranno sicuramente la guerra in Ucrainaper molti anni come esempio dei limiti del potere militare, alla ricerca di spiegazioni sul perché una delle forze armate più forti e più grandi del mondo, con una formidabile forza aerea e marina e nuovi equipaggiamenti e con esperienza di combattimento recente e di successo, ha vacillato così malamente. Prima dell’invasione, quando l’esercito russo veniva confrontato con le forze di difesa più piccole e meno armate dell’Ucraina, pochi dubitava di quale parte avrebbe preso il sopravvento. Ma la vera guerra è determinata da fattori qualitativi e umani, e furono gli ucraini che avevano tattiche più acute, riunite da strutture di comando, dal più alto livello politico ai comandanti sul campo più bassi, che erano adatte allo scopo.

La guerra di Putin in Ucraina, quindi, è soprattutto un caso di studio in un fallimento del comando supremo. Il modo in cui vengono fissati gli obiettivi e le guerre lanciate dal comandante in capo modella ciò che segue. Gli errori di Putin non erano unici; erano tipici di quelli fatti da leader autocratici che arrivano a credere alla propria propaganda. Non ha messo alla prova le sue ipotesi ottimistiche sulla facilità con cui avrebbe potuto ottenere la vittoria. Si fidava delle sue forze armate per la consegna. Non si rendeva conto che l’Ucraina rappresentava una sfida su una scala completamente diversa dalle precedenti operazioni in Cecenia, Georgia e Siria. Ma faceva anche affidamento su una struttura di comando rigida e gerarchica che non era in grado di assorbire e adattarsi alle informazioni da terra e, soprattutto, non consentiva alle unità russe di rispondere rapidamente al mutare delle circostanze.

Il valore dell’autorità delegata e dell’iniziativa locale sarà una delle altre lezioni chiave di questa guerra. Ma affinché queste pratiche siano efficaci, i militari in questione devono essere in grado di soddisfare quattro condizioni. In primo luogo, deve esserci fiducia reciproca tra coloro che sono ai livelli senior e più giovani. Quelli al più alto livello di comando devono avere fiducia che i loro subordinati abbiano l’intelligenza e la capacità di fare la cosa giusta in circostanze difficili, mentre i loro subordinati devono avere fiducia che l’alto comando fornirà tutto il sostegno possibile. In secondo luogo, coloro che combattono devono avere accesso alle attrezzature e alle forniture di cui hanno bisogno per andare avanti. Ha aiutato gli ucraini che stavano usando armi portatili anticarro e di difesa aerea e stavano combattendo vicino alle loro basi,

Terzo, coloro che forniscono la leadership ai livelli di comando più giovani devono essere di alta qualità. Sotto la guida occidentale, l’esercito ucraino aveva sviluppato il tipo di corpo di sottufficiali in grado di garantire che le esigenze di base di un esercito in movimento saranno soddisfatte, dalla manutenzione dell’equipaggiamento all’effettiva preparazione al combattimento. In pratica, ancora più rilevante è stato il fatto che molti di coloro che sono tornati nei ranghi quando l’Ucraina si è mobilitata erano veterani esperti e avevano una comprensione naturale di ciò che doveva essere fatto.

Ma questo porta alla quarta condizione. La capacità di agire efficacemente a qualsiasi livello di comando richiede un impegno per la missione e la comprensione del suo scopo politico. Questi elementi mancavano da parte russa a causa del modo in cui Putin aveva lanciato la sua guerra: il nemico che le forze russe erano state indotte ad aspettarsi non era quello che avevano di fronte e la popolazione ucraina non era, contrariamente a quanto era stato detto loro, incline essere liberato. Più il combattimento è futile, più basso è il morale e più debole è la disciplina di coloro che combattono. In queste circostanze, l’iniziativa locale può semplicemente portare all’abbandono o al saccheggio. Al contrario, gli ucraini stavano difendendo il loro territorio contro un nemico intento a distruggere la loro terra. C’era un’asimmetria di motivazione che ha influenzato i combattimenti fin dall’inizio. Il che ci riporta alla follia della decisione originale di Putin. È difficile comandare alle forze di agire a sostegno di un’illusione.

https://www.foreignaffairs.com/articles/russian-federation/2022-06-14/ukraine-war-russia-why-fails

Ucraina, il conflitto_11a puntata, con Stefano Orsi e Max Bonelli

La 11a puntata inizia con un documento interno all’esercito ucraino che conferma le crescenti difficoltà, evidenti ormai sul campo, nel sostenere e contenere la pressione costante dell’esercito russo. Una nota che segue numerosi atti di protesta della truppa riguardo la conduzione della guerra e il comportamento dei comandi e della dirigenza politica ucraini. Alle difficoltà sul campo corrisponde una netta accentuazione del carattere terroristico della reazione ucraina sempre più rivolta a ritorsioni verso la popolazione civile e al sacificio dissennato delle proprie forze militari. Un aspetto sempre più difficile da nascondere anche per i media meglio disposti verso una causa sbagliata quale è la reazine della dirigenza ucraina. E’ sempre più evidente il paradosso di una forza che si proclama paladina dell’indipendenza di un paese, ma che in realtà si sta rivelando uno spietato esercito di occupazione al momento della vasta componente ostile della popolazione, ma che non tarderà a manifestare la propria indole anche verso le componenti favorevoli e passive. Emerge sempre più chiaramente la natura di un regime tanto ottuso e spietato ideologicamente, quanto portatore diretto di interessi e dinamiche geopolitiche esterne; dinamiche dalle generalità conosciute, ormai sparse ai quattro venti, che non tarderanno a dover rendere conto anche nel proprio paese, gli Stati Uniti. L’ennesimo frutto marcio portato dalle tante rivoluzioni colorate che hanno infestato questo ventennio. Avrebbero dovuto scompigliare i propositi di un mondo multipolare; stanno costringendo, in realtà, le forze emergenti a coalizzarsi non ostante i vecchi e nuovi contenziosi che attraversano un mondo sempre più disarticolato. Il finale non è scritto, ma non è scontato come poteva apparire appena venti anni fa. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v1eu231-ucraina-il-conflitto-11a-p-con-max-bonelli-e-stefano-orsi.html

Il fianco della guerra, di: George Friedman

Pensieri dentro e intorno alla geopolitica.

L’arena della guerra russo-ucraina è ovviamente l’Ucraina. Ma come nella maggior parte delle guerre, l’arena principale non definisce la guerra nel suo insieme. Questa guerra non è iniziata con l’invasione russa dell’Ucraina. È in corso da anni come basso livello di pressione. Ha iniziato a intensificarsi nel 2020.

Come abbiamo affermato, l’obiettivo principale della Russia è creare barriere geografiche che proteggano il suo nucleo dagli attacchi, in particolare lungo le linee storiche di invasione. Non è sempre necessario raggiungere fini politici – e tutte le guerre hanno fini politici attraverso l’uso diretto della forza. I fini politici possono essere raggiunti anche economicamente, attraverso azioni segrete o minacce. C’è un principio di base della guerra: attaccare un nemico sui fianchi. La forza principale è solitamente concentrata al centro delle linee. La parte posteriore è difficile da raggiungere. Ma i fianchi del nemico sono probabilmente punti vulnerabili in cui un attacco, se riuscito, può spezzare la forza avversaria.

I fianchi non sono solo tatticamente significativi. Possono essere strategicamente critici, proteggendo la nazione stessa eliminando una linea di attacco; per l’attaccante creano una linea di attacco, costringendo alla dispersione delle forze in difesa e creando aperture. Per la Russia, il primo attacco di fianco si è verificato a seguito di elezioni contestate e proteste a metà del 2020 in Bielorussia, lungo il confine settentrionale dell’Ucraina, con il confine occidentale che bloccava la pianura nordeuropea. Significava quindi che qualsiasi attacco dalla Polonia, ad esempio, sarebbe stato bloccato dalla Russia con la forza in Bielorussia, deviando l’attacco attraverso l’Ucraina. Va sottolineato che uno stratega prudente schiera le forze non sulla base di un apprezzamento delle intenzioni del nemico al momento, ma piuttosto sulla base di possibili azioni. E per la Russia, un attacco da o dalla Polonia era considerato possibile, e chiudere quella linea di attacco imperativo. La soluzione è stata un intervento morbido per aiutare a sedare le proteste antigovernative. I russi hanno cementato il presidente Alexander Lukashenko e hanno ottenuto l’opportunità di attaccare il fianco settentrionale dell’Ucraina.

La seconda area in cui i russi hanno cercato di proteggere i loro fianchi era nel Caucaso meridionale. Il Caucaso meridionale era una linea di attacco utilizzata dalla Turchia nel corso dei secoli. La Russia ha bloccato l’area assicurandosi un accordo tra Armenia e Azerbaigian che ha portato le forze di pace russe dispiegate nella regione, proteggendola dalle minacce immediate.

Gli Stati Uniti stanno ora contrastando la difesa del fianco meridionale della Russia. La mossa russa si basava sulla fine del conflitto azerbaigiano-armeno e sul diventare l’arbitro tra di loro. Con la Russia preoccupata per l’Ucraina, questa settimana, il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha visitato sia l’Armenia che l’Azerbaigian, offrendo di mediare i problemi esistenti tra di loro e ovviamente discutendo di energia in Azerbaigian. La Georgia è già ostile alla Russia e relativamente vicina agli Stati Uniti. Gli Stati Uniti stanno chiaramente cercando di creare un solido blocco filoamericano nel Caucaso meridionale e di costringere i russi a preoccuparsi per il Caucaso settentrionale e possibilmente dirottare le forze lì. Dal momento che questo era un percorso di invasione in una volta e poiché gli Stati Uniti hanno il potenziale per agire su di esso, la Russia non può ignorare il suo fianco meridionale.

Allo stesso tempo, la Russia sta cercando di costruire un fianco a sud-ovest dell’Ucraina in Moldova. La Moldova è un paese indipendente di lingua rumena. La sua politica è complessa e imprevedibile. La Russia ha cercato di creare una Moldova filo-russa per un po’ di tempo, ma in generale non è riuscita a spostare l’allineamento della Moldova. Ora i russi stanno pressando più forte, vedendo una possibile manovra di fianco in cui potrebbero minacciare l’Ucraina da sud, in un’area in cui la conquista significherebbe il taglio delle linee di rifornimento ucraine. Il trucco è eleggere un governo filo-russo, magari offrendo alla Moldova un pezzo di Ucraina che ridurrebbe la vulnerabilità e la dipendenza della Moldova dalla Romania come incentivo. Ciò creerebbe una minaccia per l’Ucraina difficile da tollerare. La Romania, alleata degli Stati Uniti, ha cercato di gestire la Moldova dalla caduta dell’Unione Sovietica in un ambiente in cui non c’era una guerra significativa in corso. Ora, la Russia ha un motivo fondamentale per cercare di prevalere e gli Stati Uniti hanno un motivo schiacciante per bloccarlo. Questa manovra di accompagnamento è sufficientemente significativa per un grande sforzo russo, mentre distoglie Ucraina e Stati Uniti da richieste di risorse più immediate, semplicemente per mantenere lo status quo.

La guerra in Ucraina iniziò con un tentativo della Russia di allearsi con la Cina e distogliere l’attenzione americana dall’Europa. Il tentativo di forzare gli Stati Uniti su un fianco asiatico è fallito. Una delle cose interessanti delle manovre di accompagnamento negli affari internazionali è che le intese su larga scala tendono a fallire perché la scala dei poteri è così ampia da essere piena di complessità. Affiancare è una manovra che richiede agilità. Una grande potenza può tentare di manovrare; una potenza minore può al massimo allearsi con una potenza maggiore, ma raramente può manovrarla nella posizione desiderata.

Ci sono, naturalmente, molti altri tentativi fatti per reclutare nazioni da entrambe le parti in guerra. Ma la manovra di fiancheggiamento è diversa. In primo luogo, si cerca una posizione geografica, in modo che i paesi in questa discussione siano tutti vicini o vicini al confine ucraino. Rappresentano una minaccia di un’azione militare che potrebbe influenzare la realtà militare all’interno dell’Ucraina. La stessa minaccia rappresentata dalla manovra di fiancheggiamento – la possibilità di un attacco – potrebbe costringere uno dei combattenti a ridistribuire le forze necessarie per il combattimento in una posizione statica, indebolendo la forza nel suo insieme. Le normali alleanze possono rafforzare materialmente una parte o l’altra, ma a meno che non siano contigue non possono minacciare direttamente l’altra parte. Fare in modo che l’Iran o la Nuova Zelanda dichiarino il loro sostegno potrebbe essere soddisfacente e forse significare l’acquisizione di alcune attrezzature, ma non cambierebbe nulla.

La guerra sembra essere statica in questo momento, anche se può cambiare in qualsiasi momento. E quando le guerre diventano statiche, cambiare la forma del campo di gioco diventa importante. In questo momento sia gli americani che i russi sono impegnati in manovre di fiancheggiamento che potrebbero cambiare la forma del campo di battaglia e mettere una parte in svantaggio. Più a lungo durerà la guerra, più la battaglia per i fianchi avrà importanza.

https://geopoliticalfutures.com/the-flank-of-war/?tpa=YWQwNDA3NDllMjcwMGNmZGU2ZGY1MzE2NjAyMzIxODU0MjIyNTY&utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_term=https://geopoliticalfutures.com/the-flank-of-war/?tpa=YWQwNDA3NDllMjcwMGNmZGU2ZGY1MzE2NjAyMzIxODU0MjIyNTY&utm_content&utm_campaign=PAID%20-%20Everything%20as%20it%27s%20published

DALLA FANTASIA ALLA REALTÀ, DALL’ILLUSIONE ALLA DISILLUSIONE_ del generale Antoine Martinez

Un importante dossier in circolazione tra le fila delle forze armate francesi. L’ennesima conferma di come il dibattito sull’andamento e sulle implicazioni del conflitto in Ucraina sia molto più aperto oltre confine. Contribuisce a spiegare le frequenti oscillazioni che hanno segnato i comportamenti di alcuni leader europei a differenza del tetragono atteggiamento del nostro funzionario, attualmente ancora al governo sia pure in attesa di più confortevole rifugio. Buona lettura, Giuseppe Germinario

 

UCRAINA-RUSSIA-UCRAINA

DALLA FANTASIA ALLA REALTÀ, DALL’ILLUSIONE ALLA DISILLUSIONE

Generale(2s) Antoine Martinez

 

CONFLITTUALITÀ UCRAINA-RUSSIERUSSIA:: DAL FANTASMA ALLA LALA REALTÀ,REALTÀ, DALL’ILLUSIONE AA LALA DISILLUSIONE DISILLUSIONE

***

Di fronte alla guerra in Ucraina che avrebbe potuto e dovuto essere evitata, abbiamo ancora il diritto, in un mondo così libero, di cogliere questa situazione drammatica con una griglia di lettura non manichea o siamoci viene ordinato di sottometterci alla sola verità dispensata ufficialmente, pena l’invezione e l’insulto?

 

Perché sì, questo conflitto poteva essere evitato ammettendo oggettivamente, dopo la continua espansione della NATO dalla fine della guerra fredda verso i confini russi – un’ossessione diventata patologica per alcuni – che l’ammissione dell’Ucraina in questa organizzazione non è accettabile in quanto costituisce un casus Belli per la Russia.

 

Le questioni di sicurezza della Russia, tanto legittime quanto quelle degli Stati membri dell’UE, non possono essere ignorate e vogliono escluderla, pur essendo parte in causa, un’architettura sulla sicurezza europea che riguarda tutto il continente europeo non sembra né ragionevole né responsabile.

 

Una situazione di questo tipo crea tensioni inutili e pericolose.

 

Allora, fare oggi un calcolo sbagliato, dopo aver creato le condizioni per lo scoppio di questo conflitto, sottovalutando la determinazione della Russia sarebbe un errore colpevole dalle conseguenze drammatiche per l’Europa intera.

 

Quando Vladimir Putin afferma che la questione dell’Ucraina è diventata una questione esistenziale, bisogna crederlo. Quindi andrà fino in fondo.

 

La mancanza di cultura storica di molti dirigenti attuali e di moltissimi giornalisti, o addirittura la loro mancanza di discernimento o la loro ignoranza possono portare a derive mortali.

 

Cinque mesi dopo l’impegno delle truppe russe in territorio ucraino, è importante cercare di fare il punto della situazione e di condurre una riflessione su questa guerra che in realtà si rivela non essere solo una guerra militare tra due Stati.

 

Un certo numero di argomenti devono essere evocati, sviluppati e analizzati per mettere in evidenza le vere poste in gioco e i rischi di un confronto generalizzato che non è nell’interesse degli europei.

 

 

CONFLITTUALITÀ UCRAINA-RUSSIERUSSIA:: DAL FANTASMA ALLA LALA REALTÀ,REALTÀ, DALL’ILLUSIONE AA LALA DISILLUSIONE DISILLUSIONE

 

  • PROMEMORIA DELL’OPPOSIZIONE AL BLOCCO OCCIDENTALE CONTRO IL BLOCCO ORIENTALE

 

 

  • LA REALTÀ SULLA SITUAZIONE MILITARE E LE CONSEGUENZE

 

 

  • LELE REGNEREGNE ASSOLUTO DEI MEDIA

 

 

  • L’UOMO CHE HA SACRIFICATO L’UCRAINA

 

 

  • L’UCRAINA FIRMERÀ LALA MORTE DELL’OTAL NATO

 

 

 

  • GLI STATI UNITI PRETSPRETS AA TUTTI I PAESI

 

  • L’UNIONE l’UNIONE EUROPEA FIRMA È IL SUO SUICIDESUICIDA GEOPOLITICAEGEOPOLITICA E GEOSTRATEGICA GEOSTRATEGICA

 

  • FRANCIA, UN APPUNTAMENTO MANCATO CON LA STORIA

 

 

  • UNA RAGIONE INDICIBILE DI QUESTA GUERRA

 

  • CONCLUSIONI

 

PROMEMORIA DELL’OPPOSIZIONE AL BLOCCO OCCIDENTALE CONTRO IL BLOCCO ORIENTALE

 

In un primo momento, è necessario ricordare il contesto. La Guerra Fredda, che contrapponeva dalla fine della seconda guerra mondiale il blocco dell’Occidente (NATO) a quello dell’Est (Patto di Varsavia), si è conclusa all’inizio degli anni novanta con la vittoria della prima conquista finalmente senza combattimento, che ha portato al crollo e alla scomparsa dell’Unione Sovietica. Le conseguenze di questo sconvolgimento furono immediate con la scomparsa delle forti tensioni che avevano segnato per decenni la regione Centro-Europa, portando allora molta speranza tra i popoli europei (soppressione della cortina di ferro, la distruzione del muro di Berlino essendo il simbolo più emblematico). Queste conseguenze geopolitiche si sono tradotte nella dissoluzione del Patto di Varsavia, con la riunificazione della Germania e l’uscita dei paesi dell’Europa dell’Est dal grembo sovietico per quello dell’Europa dell’Ovest con la volontà rapidamente espressa da questi ex satelliti dell’Unione Sovietica di entrare nella NATO prima ancora di prevedere la loro adesione all’Unione europea (UE). Sul piano geostrategico e politico-militare, bisogna riconoscere che gli sforzi dedicati alla difesa – che pure hanno permesso di vincere la Guerra Fredda – sono stati rapidamente dimenticati. Era tempo, infatti, secondo la parola rimasta famosa, «di raccogliere i dividendi della pace» (L. Fabius). Così, per più di trent’anni, i paesi europei hanno continuato a ridurre pericolosamente e irresponsabilmente i loro mezzi destinati alla difesa. La Francia, ad esempio, è passata dal 3,5% del PIL alla fine della guerra fredda all’1,2% alla fine del quinquennio di François Hollande! Quindi, quando si verifica una grave crisi, come quella che stiamo vivendo nel continente europeo, è impossibile per l’UE, collettivamente o per uno qualsiasi dei suoi membri, anche per la Francia, di avere la minima influenza o la minore capacità di dare un contributo sul piano diplomatico o di esercitare una pressione per permettere la de-escalation. La diplomazia è resa impotente nella misura in cui non dispone di un braccio armato adatto a pesare in una crisi maggiore. Il mantenimento della NATO – organizzazione originariamente difensiva ma divenuta rapidamente offensiva – dopo lo scioglimento del Patto di Varsavia è all’origine di questa impotenza dei paesi europei che hanno ceduto la propria protezione agli Stati Uniti. La NATO si è così trasformata in un’organizzazione più politica che militare ed è così diventata uno strumento di controllo dei paesi europei e di difesa degli interessi degli Stati Uniti. Più di trent’anni dopo la fine della guerra fredda, questi ultimi sono contrari e si opporranno con tutti i mezzi a un riavvicinamento dei paesi europei con la Russia. Ecco perché l’autonomia strategica europea – per non parlare dell’industria di difesa europea o di un ipotetico esercito europeo – evocata da alcuni, e in particolare dalla Francia, non potrà mai esistere, la NATO costituisce un ostacolo insormontabile alla nostra sovranità e a quella degli europei.

 

 

Questo preambolo sul contesto è importante perché pone il problema della rinuncia e della debolezza dei paesi europei e quindi della loro impotenza sul piano diplomatico e militare. La prossima adesione della Svezia e della Finlandia alla NATO non fa altro che consacrare – oltre a mettere benzina sul fuoco – la vassallazione dell’Europa agli Stati Uniti. Tuttavia, il conflitto tra Russia e Ucraina potrebbe, paradossalmente, essere all’origine di una schiacciante sconfitta della NATO, ponendo il problema della propria sopravvivenza, quando l’Ucraina sarà costretta ad ammettere la propria sconfitta. Perché la Russia, spinta all’aggressione, è condannata a non perdere.

 

LA REALTÀ SULLA SITUAZIONE MILITARE E LE CONSEGUENZE

 

 

 

Ricordando e analizzando la situazione militare, occorre

 

ricordare innanzitutto che l’operazione lanciata il 24 febbraio scorso dal presidente russo non è il punto di partenza di questo conflitto, ma è una conseguenza logica di una guerra preparata dagli Stati Uniti. Questi ultimi sono alla manovra in Ucraina da molti anni poiché sono all’origine del colpo di Stato del febbraio 2014 che ha portato al rovesciamento del presidente ucraino filo-russo Victor Yanukovich. Questa cosiddetta rivoluzione di Maidan ha provocato forti tensioni con la Russia e la stessa Ucraina e ha portato a una scissione tra l’ovest del paese che sostiene il nuovo potere rivolto verso l’UE e la sua parte orientale dove risiede la maggior parte delle popolazioni di lingua russa. È da allora che l’odio degli ucraini contro la popolazione filo-russa si è scatenato. Lo status della lingua russa come seconda lingua ufficiale è stato soppresso nel febbraio 2014. Questa decisione provoca una tempesta nella popolazione di lingua russa che provoca rapidamente una feroce repressione contro le regioni di lingua russa (Odessa, Dniepropetrovsk, Kharkov, Lugansk, Donetsk) e porta alla militarizzazione della situazione e ai massacri (Odessa, Marioupol, Donbass). Bisogna ascoltare la violenza delle parole pronunciate nel dicembre 2014 dal presidente ucraino Petro Porochenko, eletto il 7 giugno, qualche mese prima, contro gli abitanti dell’est del paese e il suo modo di trattarli per sottometterli: Avremo lavoro e loro no. Avremo le pensioni e loro non. Avremo vantaggi per i pensionati e i bambini, loro no. Nostri

I bambini andranno a scuola e all’asilo, i loro figli rimarranno nelle cantine… Ed è così, proprio così che vinceremo questa guerra! » Da allora, è una guerra all’ultimo sangue combattuta dal potere centrale di Kiev contro una parte del suo popolo, russofono, con truppe formate dalla NATO. Si tratta addirittura di una guerra civile, con circa 14.000 vittime in otto anni. Tutto questo in un silenzio mediatico assordante. Bisogna ascoltare i media occidentali e soprattutto francesi tacere!

in seguito, la decisione di Vladimir Putin di impegnare le sue truppe sul territorio ucraino, il 24 febbraio, ha stranamente provocato un tuono all’interno delle stesse forze armate francesi con la destituzione del generale comandante della Direzione dell’intelligence militare (DRM) a cui è stato rimproverato di «insufficienze nel lavoro del

informazione durante la crisi ucraina, mancanza di informazione e scarsa conoscenza dell’argomento». In realtà, sembra che una divergenza di analisi del DRM

 

– quindi dalla Francia – con i servizi di intelligence americani – quindi dagli Stati Uniti – sulle vere intenzioni di Vladimir Putin sia all’origine. Il capo di stato maggiore delle forze armate francesi (CEMA) aveva ammesso a Le Monde delle divergenze di analisi tra Parigi e Washington sulla questione di una possibile invasione dell’Ucraina. I nostri servizi pensavano che la conquista dell’Ucraina avrebbe avuto un costo mostruoso e che i russi avessero altre opzioni per rovesciare il presidente Volodymyr Zelensky. Gli americani dicevano che i russi avrebbero attaccato, avevano ragione». Una tale dichiarazione («avevano ragione»), a posteriori bisogna sottolinearlo, cioè dopo l’attacco russo, permette di «giustificare» questo limogeage e, conseguenza spiacevole, di gettare il discredito sulla competenza degli esperti del DRM. Ma questo licenziamento non è forse dovuto, in realtà, al rifiuto della DRM di aderire all’analisi che gli Stati Uniti volevano imporre a tutti i membri della NATO? Perché, in questo caso, l’analisi del DRM presentata alle autorità politiche era perfettamente fondata. La prima fase dell’attacco dell’esercito russo lo testimonia del resto con il costo umano che ha pagato e che certamente non voleva Vladimir Putin. Inoltre, ci si può chiedere perché quest’ultimo non abbia proceduto prima al rimpatrio dei beni della banca centrale russa detenuti nell’UE se la sua decisione di attaccare fosse stata presa ben prima del 24 febbraio. Ma questo

 

  • avevano ragione» del CEMA, al di là del seguito sistematico dei dirigenti del nostro paese, traduce il cinismo e il machiavellismo degli Stati Uniti, alla manovra in Ucraina, che hanno fatto proprio tutto per spingere il presidente russo ad attaccare, Si tratta di una scadenza che è stata accuratamente preparata e annunciata per giorni e settimane. Alla fine è successo perché non poteva non accadere, perché Vladimir Putin è stato spinto in una trappola meticolosamente elaborata. Non si tratta con questo «avevano ragione» del risultato di un’analisi e di un’iniziativa razionali e intellettualmente oneste che caratterizzano l’intelligence, ma di una manovra di disinformazione e di deplorevole manipolazione.

 

questa transizione permette di affrontare l’avvio dell’operazione militare. In realtà, non è impegnata il 24 febbraio da Vladimir Putin ma il 16 febbraio dall’esercito ucraino che ha cominciato a bombardare le popolazioni civili del Donbass, mettendo Vladimir Putin davanti a una scelta difficile. Il massiccio aumento del fuoco contro la popolazione del Donbass da questa data indica ai russi che è imminente una grande offensiva. Questo massiccio aumento dei tiri è peraltro dimostrato dai rapporti giornalieri degli osservatori dell’OSCE (cfr. allegato 1). Tali relazioni costituiscono quindi elementi di informazione indiscutibili. Tuttavia, né i media, né l’Unione europea, né la NATO, né alcun governo occidentale reagiscono. Di fatto, passano sotto silenzio il massacro delle popolazioni russofone del Donbass perché sanno che questo non può che provocare un intervento russo. Si tratta, infatti, di una provocazione organizzata – che potrebbe anche essere definita un crimine di guerra (bombardamento di popolazioni civili) – destinata a spingere la Russia alla colpa intervenendo. Per convincersene, ma è sorprendente, il presidente americano Joe Biden annuncia il 17 febbraio, con una rassicurazione machiavellica, che la Russia attaccherà l’Ucraina nei prossimi giorni. Ovviamente ha ragione, poiché la situazione si evolverà secondo la sceneggiatura scritta. Il CEMA lo confermerà (a posteriori) nella sua dichiarazione al giornale Le Monde parlando degli Stati Uniti: «avevano ragione». Ciò che sarebbe stato sorprendente è che la Russia non reagisce. Un altro punto importante, tuttavia, deve essere menzionato. I preparativi ucraini che hanno preceduto questi massicci bombardamenti hanno spinto il parlamento russo molto preoccupato a chiedere a Vladimir Putin di riconoscere l’indipendenza delle repubbliche del Donbass, cosa che inizialmente rifiuta. Fu solo il 21 febbraio, di fronte all’aggravarsi della situazione, che accettò la richiesta del parlamento e riconobbe l’indipendenza delle due repubbliche del Donbass. In seguito firmò con loro un trattato di amicizia e di assistenza. Pertanto, il segnale lanciato dalla Russia è un chiaro avvertimento sul rischio di un intervento in caso di ulteriori bombardamenti massicci e mortali. Con l’aumento dei bombardamenti ucraini sulle popolazioni del Donbass, le due repubbliche del Donbass chiesero il 23 febbraio l’aiuto militare della Russia. Il 24, Vladimir Putin, invocando l’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite (mutua assistenza militare nel quadro di un’alleanza difensiva), decide di intervenire in Ucraina (CQFD). È stato fatto di tutto per innescare questo intervento. Gli Stati Uniti hanno un’immensa responsabilità in questa aggressione russa che hanno provocato.

 

Per quanto riguarda gli obiettivi fissati per questa operazione, sono precisati da Vladimir Putin nel suo discorso del 24 febbraio: smilitarizzare e denazificare l’Ucraina. Non si tratta di impadronirsi dell’Ucraina, né di occuparla o distruggerla. Questa operazione fu lanciata con urgenza il 24 febbraio, otto giorni dopo l’inizio dei massicci bombardamenti della popolazione civile del Donbass, che precedeva di alcuni giorni l’assalto delle forze di Kiev. Per questo è stata definita un’operazione speciale perché non è una classica guerra ad alta intensità contro un nemico irriducibile ma piuttosto un’operazione di liberazione di una popolazione amica (Donbass) martirizzata per otto anni nel silenzio assordante dei leader e dei media occidentali . Per questo la Russia ha deciso di impegnare solo dal 12% al 15% dei suoi soldati, senza utilizzare le sue

immense riserve e senza dichiarare mobilitazioni parziali e ancor meno generali. L’operazione, infatti, viene svolta in inferiorità numerica con rapporto di potenza di 1 contro 2 mentre gli esperti ammettono che il rapporto di forze a terra richiesto nella fase offensiva deve essere 3 contro 1, anche 5 contro 1 in urbanizzato la zona. L’esercito russo era quindi impegnato con forze stimate in 150.000 uomini nel primo scaglione con altri 50.000 uomini nel secondo scaglione che costituivano una riserva teatrale. Le forze ucraine schierano dalla loro parte circa 210.000 uomini attivi rinforzati da 250.000 riservisti operativi. Queste forze ucraine sono state addestrate dal 2014 da quadri americani e britannici.

 

in termini di interpretazione delle intenzioni e delle azioni russe , i media occidentali, che danno il tono con una pletora di esperti nominati ed esercitano grande influenza e pressione sulle decisioni che prendono i leader, hanno commesso una grave colpa fin dall’inizio. Stabilendo in linea di principio l’esistenza in questo conflitto di un bravo ragazzo e un cattivo ragazzo e concludendo rapidamente, senza reale competenza o obiettività ma selezionando le informazioni che diffondono, che la Russia non è in grado di vincere questa guerra, hanno diffuso il idea che l’Ucraina vincerà, ingannando così pericolosamente l’opinione pubblica e il popolo ucraino perché il risveglio sarà doloroso. Devi capire il punto di partenza. Dal 2014, con la divisione del Paese tra Occidente e Oriente e la volontà di autonomia espressa dalle repubbliche di lingua russa del Donbass, le forze armate ucraine si sono stazionate ed evolvono, per la maggior parte, di fronte a questa regione dove si sono organizzate incessantemente e si fortificarono con la prospettiva di lanciare un giorno una grande operazione di bonifica contro i separatisti. La città di Kramatorsk, nel centro-est del paese, ospita il comando di queste forze. Data questa situazione e la geografia del paese, i russi hanno intrapreso abbastanza logicamente e simultaneamente tre assi strategici, da sud a nord, da est a ovest, da nord a sud, per far convergere e chiudere questo movimento a tenaglia, neutralizzare il Le forze ucraine lì, liberano il Donbass e smilitarizzano l’intera regione. Questo è l’obiettivo strategico della Russia fissato da Vladimir Putin. Un quarto asse strategico è stato avviato, da nord-ovest a sud, verso la capitale kiev. Contrariamente alle analisi parziali delle emittenti televisive, l’intenzione dei russi non era di impadronirsi della capitale, ma di fissare per un certo tempo il resto dell’esercito ucraino in questa regione per evitare che arrivasse a rinforzare la parte fissata ad est del paese di fronte alle truppe russe al momento del loro impegno. Dobbiamo sempre tenere presente questo principio dell’equilibrio di forze. Con 1 contro 1 o 1 contro 2, è fuori questione impegnarsi in un combattimento urbano. È suicida per l’attaccante. Questo è il motivo per cui i russi sono rimasti lontani dalla capitale. D’altra parte, anche se sono riusciti a neutralizzare rapidamente le forze aeree ucraine e ottenere così un certo controllo dello spazio aereo, i russi hanno commesso un doppio errore di valutazione nel loro impegno a terra: hanno sottovalutato la guerra e la reazione del loro avversario capacità e, di conseguenza, ha trascurato il principio dell’equilibrio di potere. Ciò ha guadagnato loro pesanti perdite umane nella prima fase di questo conflitto. Ma questo non conferma la validità dell’analisi del DRM che riteneva che la Russia avesse altre opzioni oltre all’aggressione contro l’Ucraina perché riteneva che il costo umano sarebbe stato troppo alto? Questa analisi ha offerto opportunità alla diplomazia per cercare di calmare le cose, ma non poteva essere accettata dai guerrafondai che volevano che questo conflitto scoppiasse.

 

di fronte all’isteria mediatica che persiste, alimentata da informazioni selezionate, quindi parziali, anche di parte, e dall’esibizione di analisi di esperti selezionati per la maggior parte per la loro fedeltà alla NATO, non è finalmente il momento di smettere di fantasticare e tornare alla realtà? Perché bisogna ammettere, cinque mesi dopo l’inizio di questa operazione, che spingendo la Russia all’aggressione, gli Stati Uniti e la NATO, accecati da

la loro ossessiva russofobia, hanno fatto un pessimo calcolo dal quale – non c’è dubbio – l’Ucraina soffrirà seriamente. È inoltre prevedibile che l’Ucraina, non solo sarà abbandonata dai suoi attuali “protettori” o “agenti” che l’hanno utilizzata per applicare la loro strategia bellicosa con il solo scopo di indebolire permanentemente la Russia, ma sarà purtroppo costretta, quando verrà il momento , di sottostare alla dura legge applicata ai vinti. Sarebbe stato più saggio rinunciare a cercare di portare l’Ucraina nella NATO. Perché chi può pensare che dopo aver raggiunto gli obiettivi prefissati dall’avvio di questa operazione, la Russia – per la quale questa è una questione esistenziale – dopo aver pagato a caro prezzo, potrà tornare alle frontiere prima del 24 febbraio 2022?? L’annessione dei territori che ha deciso di occupare è una prospettiva tanto più credibile in quanto le zone conquistate o in via di conquista militare sono di lingua russa, per alcuni addirittura russofila. L’Ucraina uscirà quindi da questo conflitto amputata da parte del suo territorio. Inoltre, anche il segretario generale della Nato ha menzionato di recente lo smantellamento dell’Ucraina: “La pace è possibile, l’unica domanda è quale prezzo siete disposti a pagare per la pace? Quanto territorio, quanta indipendenza, quanta sovranità sei disposto a sacrificare per la pace? Se gli Stati Uniti riusciranno a riprendersi da questo amaro fallimento – non sarà la prima volta – probabilmente non sarà lo stesso per la Nato che avrà dimostrato la propria incapacità di difendere il proprio protetto e quindi la propria inutilità, firmando così la sua condanna a morte. È la sua stessa esistenza, infatti, che d’ora in poi è in gioco: quanto all’Ue, volendo sanzionare economicamente la Russia, in realtà riuscirà solo a penalizzarsi ea mostrare le sue divisioni future e le sue debolezze. Inoltre, perseverando sulla strada della NATO, rinuncerà di fatto alla sua “sovranità europea” tanto auspicata dal Presidente della Repubblica, e quindi all’autonomia strategica europea, all’industria europea della difesa, in una parola alla difesa europea. È quindi tempo di riconoscere la realtà sul campo perché il risveglio rischia di essere brutale e crudele.

 

bisogna fareun punto oggettivo della situazione militare e delle sue conseguenze tenendo conto delle cause di questo conflitto, degli obiettivi e della strategia perseguita dai belligeranti, e infine concretamente della dura realtà dei combattimenti, una realtà straniera, alla fine riguarda , alle versioni fornite dai canali televisivi. Dobbiamo, infatti, smettere di mentire e di dissimulare la verità (vedi appendice 2).

 

Dopo aver fallito nel tentativo di riportare in sé il regime di Kiev e coloro che lo sostengono (Stati Uniti, NATO, UE) rinunciando all’ammissione dell’Ucraina nella NATO, considerata un casus belli , la Russia ha deciso inizialmente di impegnarsi in e operazioni militari mirate (difesa delle repubbliche del Donbass). Tuttavia, le difficoltà incontrate (scarsa valutazione delle capacità belliche delle truppe ucraine, addestrate dal 2014 dalla NATO) e gli errori commessi (ingaggio con un incomprensibile equilibrio di forze di 1 contro 2, probabile mancanza di coordinamento tra le grandi unità impegnate su i tre assi strategici nella prima fase delle operazioni (sud, centro, nord) mirate alla regione centro-orientale dell’Ucraina dove gran parte delle forze ucraine stazionano di fronte al Donbass), senza dimenticare i numerosi aiuti occidentali (consegne di equipaggiamento ma anche l’intelligence in tempo reale sul campo fornita da Stati Uniti e NATO) ha costretto le forze russe a rivedere il loro impegno sul piano operativo e a tornare a procedure più tradizionali costruite su una strategia di shock volta a sistematicamente mettere fuori combattimento e demoralizzare l’avversario limitando le proprie perdite. Questa è la strategia applicata dall’inizio della seconda fase del conflitto: intensi attacchi di artiglieria, assalti immediati, crollo delle unità ucraine con la loro resa, ritiri tattici nei settori scelti per portare le unità ucraine fuori dalla loro zona di difesa e schiacciarle in l’aperta campagna (emblematico in questo senso l’esempio dell’operazione svolta nel settore di Kharkov), il mantenimento

di forte pressione continua impedendo qualsiasi ritirata organizzata delle unità intrappolate (l’operazione svolta nell’area della fabbrica Asovstal a Mariupol costituisce un caso da manuale: ritirata dei combattenti ucraini impossibile via terra, aria o mare: le forze russe hanno aspettato abilmente per la loro resa). Questa modalità operativa – che consiste nel facilitare, a seconda dell’ubicazione delle unità ucraine, la formazione di calderoni per intrappolarle meglio accerchiandole alla fine con la morte o la resa – porta i suoi frutti e si traduce in regolari avanzamenti territoriali più o meno importanti. a seconda dei settori interessati. Va ricordato che le difficoltà incontrate sono dovute da un lato all’insediamento di gran parte delle truppe ucraine più stagionate nella regione orientale del Paese, alla loro organizzazione e alle loro infrastrutture difensive decise fin dal 2014, e dall’altro mano alla decisione della Russia di impegnarsi in questa operazione con un equilibrio di potere di 1 contro 1, addirittura 1 contro 2, una decisione a dir poco coraggiosa.

 

Pertanto, se le forze ucraine sono riuscite a mantenere le loro posizioni e a opporre una feroce resistenza nella sacca di Severodonetsk, alla fine si è chiusa e questa battaglia è ora persa per gli ucraini. Lo scenario Mariupol si è ripetuto con la resa delle forze che non sono ricadute a ovest del fiume Donest quando c’era ancora tempo. Inoltre, in questo caso, le truppe ucraine abbandonarono l’equipaggiamento a terra e due cannoni autoportanti, del tipo Caesar consegnati dalla Francia, sarebbero stati distrutti e altri due sarebbero stati recuperati dai russi. Questa faticosa spinta delle forze russe in questo settore ha permesso loro di sfondare un’importante chiusa che le stava bloccando e dovrebbe consentire loro di continuare il loro avanzamento e chiudere altre chiuse un po’ più a sud in cui le forze ucraine rischiano di rimanere intrappolate se non lo fanno iniziare il loro ritiro in tempo, comunque in condizioni molto difficili. Questa spinta nelle tasche di Severodonetsk/Lyssytchansk dovrebbe aprire la strada alle forze russe soprattutto a Kramatorsk, che ospita il comando di tutte le forze ucraine operanti nell’est del Paese (vedi appendice 3). Kramatorsk, punto cruciale del piano strategico per entrambe le parti, diventa quindi ora l’obiettivo da raggiungere per i russi. La caduta di Severodonetsk e Lyssytchansk potrebbe simboleggiare il passaggio a una terza fase dell’impegno delle forze russe in Ucraina. Possiamo quindi pensare che non appena Kramatorsk cade, le forze ucraine non potranno più riconquistare i territori occupati dalle forze russe, la cui priorità sarà probabilmente quella di avanzare rapidamente nella parte meridionale dell’Ucraina per impadronirsi di Mikolaîv e di Odessa. È anche probabile che alle forze russe verrà ordinato di impadronirsi di Kharkov e della regione circostante a nord-est. Quest’ultimo fornisce il 44% della produzione di gas ucraina. La visita a sorpresa del ministro della Difesa russo, Sergei Shoigu, alle truppe russe in questo settore a fine giugno non è di poco conto e costituisce un segnale forte che potrebbe corrispondere sul piano militare a un chiaro spostamento della situazione a favore dei russi . Questa visita potrebbe anche segnare la fine della seconda fase dei combattimenti dal 24 febbraio e simboleggiare l’inizio della terza fase di questa guerra.

 

La smilitarizzazione e quindi la neutralizzazione dell’Ucraina orientale sarà così raggiunta e il Mar d’Azov e il Mar Nero saranno d’ora in poi totalmente sotto il controllo russo. Le gravi perdite subite dalle forze ucraine per diverse settimane (200 morti al giorno secondo fonti vicine al regime di kyiv, alcuni parlano addirittura di oltre 500 morti al giorno; a Severodonesk il numero dei combattenti ucraini messi fuori combattimento (morti e feriti) avrebbero raggiunto i 1000/giorno) sollevano la questione dello stato in cui si troveranno se la guerra dovesse continuare a lungo perché diversi mesi di ingenti perdite stanno inesorabilmente e considerevolmente erodendo la loro forza di combattimento e il loro morale. Inoltre, il presidente ucraino ha firmato una legge che consente l’invio di combattenti da

difesa del territorio nelle zone di combattimento mentre la loro vocazione è quella di rimanere nella loro città e regione per difenderle. Inoltre, l’alto livello di vittime ucraine potrebbe avere un effetto deterrente sul reclutamento di mercenari in futuro. Ma i funzionari ei media occidentali preferiscono non menzionare questi argomenti, non esitando a parlare dei problemi delle forze russe. Vi sono, tuttavia, notizie crescenti di proteste collettive da parte di combattenti ucraini per il loro armamento e le condizioni di vita in combattimento, e persino di diserzioni. Vanno inoltre presi in considerazione due gravi problemi legati alle munizioni: il loro trasporto nelle zone di combattimento e il livello delle scorte che si stanno esaurendo. Il ritorno alla realtà sarà doloroso e amaro per tutti coloro che in televisione hanno profetizzato che la Russia avrebbe perso mentre sta dimostrando la sua forza impassibile e determinata.

 

LELE REGNEREGNE ABSOLUABSOLU DESDES MEDIASMEDIAS

 

 

 

Va denunciato il ruolo disastroso, pietoso e angosciante dei media, in particolare dei continui notiziari televisivi. Definite comunemente come la quarta potenza, esse non sono di fatto diventate la prima potenza, quella che forma, che plasma le menti a sottometterle per renderle in linea con il pensiero dominante eretto nell’ideologia, anche che influenza pesantemente le decisioni prese dai dirigenti a causa della terribile pressione che esercita su di loro sfruttando eccessivamente l’aspetto emotivo dell’informazione a scapito dei fatti?

 

Questo comportamento scandaloso, che peraltro minaccia i principi della democrazia ei principi etici della loro funzione/missione, deve essere solennemente denunciato e condannato. Gli esempi di menzogne ​​e parodia della verità sono numerosi in questo conflitto tra Ucraina e Russia e meritano di essere menzionati e sottolineati perché rischiano di creare disgrazie.

 

Perché, sì, è una vera isteria, un’escalation e un’escalation mediatica a cui abbiamo assistito e continuiamo a testimoniare. Anche oggi, con questo conflitto, ci troviamo in una situazione del tutto inedita dal punto di vista storico. È, infatti, la prima volta in una guerra aperta dove non sono i governanti ei diplomatici a manovrare ma i media che impongono una lettura della situazione, anche della storia. Questo atteggiamento, che consiste nel gettare olio sul fuoco, non è in grado di calmare le tensioni e modellare tendenzialmente l’opinione pubblica. Il risultato disastroso è che la stretta illegittima e dannosa che essi esercitano sulla condotta della situazione mettendo sotto pressione chi detiene il potere impedisce alla diplomazia di agire. Nei conflitti che abbiamo vissuto in precedenza, anche durante i combattimenti, la diplomazia è rimasta attiva e ha svolto il suo ruolo nel tentativo di abbassare la tensione e sviluppare proposte per uscire dalla crisi; i belligeranti, al più alto livello, si parlavano. Nelle circostanze attuali, non è più così, le due parti sono spinte da questo capovolgimento di ruoli tra media e diplomatici verso un “approccio duro” estremamente pericoloso che potrebbe andare oltre l’attuale quadro geografico. L’Europa è in prima linea e l’UE dovrebbe occuparsene invece di alimentare il conflitto fornendo armamenti all’Ucraina. Così facendo, i paesi europei interessati, e in particolare la Francia, stanno diventando sempre più cobelligeranti e la domanda che si pone è sapere fino a che punto può spingersi la moderazione della Russia prima di decidere, se ritiene indispensabile colpire direttamente il basi posteriori di quella che potrebbe essere considerata un’interferenza militare occidentale. La diplomazia deve quindi riguadagnare rapidamente i suoi diritti.

 

Inoltre, quello che i media non dicono è che Volodymyr Zelensky è stato eletto nel 2019 sul tema della pace! Petro Poroshenko, il suo predecessore, aveva firmato gli accordi di Minsk II che non sono stati applicati. Il presidente Zelensky ha quindi dovuto fare di tutto per applicarli e riportare la pace con l’est del Paese. Questa regione dell’Ucraina ha vissuto dalla rivoluzione di Maidan nel 2014, fomentata dalla CIA, un inferno sotto le bombe dell’esercito ucraino. Fu, infatti, una guerra civile, con migliaia di morti, ignorata dai media occidentali. Questo aspetto fa nascere due osservazioni che i media sono attenti a non menzionare.

 

➢             La prima è che gli oligarchi ucraini, che in realtà guidano la politica del Paese, non vogliono la pace. Neanche i militari, da parte loro, lo vogliono, perché volevano impedire l’adesione all’autonomia del Donbass. Da qui questa guerra

impegnata dal 2014 contro questa parte del popolo ucraino tradizionalmente più rivolto alla Russia che all’Occidente. Inoltre, alcuni di questi ucraini si sono naturalmente rifugiati in Russia in questi ultimi anni, i media non ne hanno mai parlato ma cercano oggi di farci credere che sono stati deportati. Non è quindi difficile comprendere il fallimento del presidente Zelensky in questa “marcia verso la pace” e in definitiva la scelta impostagli, quella di far parlare i fucili. Ha, infatti, seguito solo la decisione del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, che ha fatto la scelta delle armi.

 

➢              La seconda è che gli accordi di Minsk sono stati sabotati consapevolmente dagli Stati Uniti. Tali accordi, firmati l’11 febbraio 2015 dai leader di Ucraina, Russia, Francia e Germania sotto l’egida dell’OSCE, stabiliscono un certo numero di decisioni da applicare in merito al Donbass . Così facendo, nominando Francia e Germania, firmatarie di questi accordi ma soprattutto garanti della loro applicazione, si trattava di rimettere gli europei al centro del dibattito, cosa che gli Stati Uniti palesemente non vogliono, che cerca, nella sua ossessione anti-russa, per controllare l’Ucraina, confine con la Russia. Possiamo, inoltre, notare l’immensa responsabilità di Francia e Germania nell’attuale situazione con la loro rinuncia o mancanza di volontà – e questo per otto anni – a seguire e garantire l’applicazione di questi accordi che poi ne erano i garanti. Si può addirittura affermare che, avendo peraltro oggi optato per la causa di uno dei due belligeranti, si sono squalificati per un eventuale ruolo di mediatore, cosa deplorevole in particolare per la Francia che, assicurando la Presidenza dell’UE in prima metà del 2022, avrebbe potuto beneficiarne enormemente per sé diplomaticamente e per la pace in Europa. Bisogna ritenere che gli europei, e in particolare la Francia, siano pienamente soddisfatti del loro status di vassalli degli Stati Uniti.

 

Di tutt’altro argomento il presidente russo ha parlato, evocando gli obiettivi della Russia nell’intraprendere questa operazione, di denazificazione delle forze armate ucraine. I media hanno subito sequestrato questa dichiarazione di Vladimir Putin per accusarlo di disinformazione o informazione infondata (fake news). Bisogna però ammettere che un certo numero di fatti, alcuni storici, possono solo richiamare, ma i media non praticano una censura selettiva (cfr. appendice 4)?

 

➢            Ad esempio, ogni anno, il 1° gennaio, gli ucraini celebrano la memoria del loro eroe Stepan Bandera, un eroe a dir poco controverso. Il titolo di “Eroe dell’Ucraina” gli è stato conferito nel gennaio 2010 da Viktor Yushchenko, all’epoca presidente dell’Ucraina, un gesto che ha provocato la furia di Polonia e Israele considerando questo nazionalista un criminale di guerra. Stepan Bandera nasce nel 1909 in Galizia, regione dell’Impero Austro-Ungarico recuperata nel 1918 dalla Polonia. Appartenente alla minoranza ucraina in Polonia, si unì a una giovanissima organizzazione nazionalista ucraina (l’OUN), molto antipolacca, che moltiplicò gli omicidi politici. Affascinato dai nazisti, Bandera assunse la causa di questo movimento politico tedesco ancor prima che prendesse il potere in Germania (secondo un rapporto delle Nazioni Unite, scritto nel 1947, Stepan Bandera, dal 1934, era un agente dei servizi segreti a favore della Germania nazista, e opera nella sezione speciale della Gestapo). A causa del suo attivismo, Bandera finisce per essere imprigionato in Polonia, verrà rilasciato dai tedeschi durante l’invasione della Polonia nel 1939. Si mette subito al servizio della Germania nazista e crea una Legione ucraina che partecipa, nel 1941, a in particolare al massacro degli ebrei di Leopoli e all’assassinio di diverse decine di professori dell’università della città dove aveva studiato. L’esercito rivoluzionario popolare ucraino (UPA) ha quindi combattuto contro i sovietici insieme ai nazisti. Oltre alla sua partecipazione all’Olocausto, è anche accusato del massacro di circa 50-100.000 polacchi in Volinia, una regione che

ora è in Ucraina. Infine, va ricordato che Stepan Bandera è molto popolare tra i soldati ucraini che stanno combattendo nel Donbass contro i separatisti.

 

➢            Un altro esempio, mai citato dai media, ogni 28 aprile si celebra a kyiv la divisione Waffen SS della Galizia, una delle tante divisioni delle Waffen SS durante la seconda guerra mondiale operanti per il Reich tedesco, composta da ucraini della Galizia. Inoltre, molte milizie (Svoboda, Azov, Settore Destro) di gruppi di estrema destra che hanno guidato la rivoluzione di Maidan nel 2014 sono composte da individui fanatici e brutali. Il più noto di questi è il reggimento Azov, il cui stemma ricorda quello della 2a Divisione SS Panzer Das Reich, oggetto di vera venerazione in Ucraina, per aver liberato Kharkov dai sovietici nel 1943, prima, forse non dovrebbe essere dimenticato, di perpetrare il massacro di Oradour-sur-Glane nel 1944, in Francia! Queste milizie sono presenti anche all’interno della Guardia Nazionale che non fa parte dell’esercito ma costituisce una forza di difesa territoriale. Queste milizie paramilitari sono conosciute con il nome evocativo di “battaglioni di rappresaglia”, formati principalmente per il combattimento urbano e la difesa delle città.

 

➢             Infine, le immagini trasmesse dopo la resa delle unità ucraine a Mariupol sono edificanti e rivelano l’ideologia in cui operano queste forze armate. E questa ideologia non è nata nel 2014! Queste immagini mostrano, infatti, i corpi dei soldati ucraini coperti di tatuaggi nazisti. D’altronde i media non hanno cercato di scoprire le ragioni della presenza di civili nella fabbrica dell’Azovstal, probabilmente per non dover rispondere a una domanda fastidiosa: questi civili non erano ostaggi? (scudi umani) di combattenti ucraini ?

 

Come possiamo vedere, c’è indiscutibilmente uno spirito nazista in parte della popolazione ucraina e all’interno delle forze armate e paramilitari. Tutti questi “valori”, opposti a quelli di una democrazia, non sono un ostacolo implacabile e paralizzante per la candidatura dell’Ucraina all’Ue? I nostri media potrebbero esprimersi su questo argomento? Con quale diritto il Presidente della Commissione Europea, che non è stato eletto, decide su una procedura di ammissione accelerata? Non è sconcertante che la Francia possa sostenere un progetto del genere, non solo irresponsabile sul piano politico e geopolitico, ma riprovevole sul piano morale e giuridico? Quanto agli aiuti forniti all’Ucraina, cosa giustifica dal 2014, quindi prima dell’attuale conflitto, la mobilitazione delle istituzioni finanziarie dell’UE di sovvenzioni e prestiti per 17 miliardi di euro?

 

Se i nostri media non esitano a nascondere la verità quando li infastidisce, sono maestri del passato nella disinformazione, nella manipolazione e nella menzogna ponendosi come un pubblico ministero sempre contro colui che hanno classificato dalla parte sbagliata secondo i propri criteri. L’esempio delle accuse di crimini di guerra presentate senza alcuna prova diversa da informazioni non verificate fornite da chiunque abbiano classificato a destra è molto istruttivo. Devono essere menzionati almeno due casi di impazienza dei media di convalidare informazioni dubbie fornite dalla parte ucraina perché i media hanno imposto ancora una volta la loro griglia di lettura che il governo francese, come i suoi alleati, ha trasmesso. Quest’ultimo non ha nemmeno istituzionalizzato la calunnia dello stato e quindi la manipolazione e il condizionamento delle menti dei francesi soggetti a un’unica verità dopo aver deciso di bandire i media russi che potrebbero portare contraddizione e può essere un’altra verità?

 

➢             Il primo caso riguarda gli eventi accaduti a Butcha e che è più simile a una versione ucraina “Timisoara” che allo scenario accettato dal

media e leader occidentali. Perché quello che i francesi non sanno è che dopo l’ordinato ritiro delle forze russe da Butcha il 30 marzo, il sindaco Anatoli Fedorouk ha gioito il giorno successivo, 31 marzo, davanti alle telecamere di questa partenza, aggiungendo: “siamo tutti sani e sicuro”. In nessun momento nel video viene menzionato il massacro di civili. Dalle informazioni disponibili, a patto di volerle consultare e analizzare, è possibile stabilire uno scenario di questo terribile episodio che sembra molto più verosimile della versione servita. Il pubblico francese non sa, infatti, che l’esercito ucraino ha continuato a bombardare la città per due giorni prima di sapere che l’esercito russo si era ritirato. Ignora inoltre che la polizia nazionale, entrata il 2 aprile, ha trasmesso un video delle strade deserte (un solo corpo in un veicolo colpito dai bombardamenti). Allo stesso tempo, il canale Telegram Bucha Live che riporta la notizia di Butcha, e dovrebbe essere a conoscenza di quanto sta accadendo a livello locale, non menziona alcun massacro di civili né il 29 marzo, né il 30 marzo, né il marzo 31. . Non c’è niente su questa catena prima dello scoppio dello scandalo, il 3 aprile, quando la stampa internazionale è invitata a filmare le decine di morti che ricoprono alcune strade dove le vittime sono state giustiziate con le mani legate. Abbiamo quindi il diritto di avere seri dubbi sulla versione servita? Tanto più che questa polizia ha annunciato sulla sua pagina Facebook l’avvio di un’operazione di bonifica “dei sabotatori e complici dell’esercito russo”, secondo le sue stesse parole. La vera domanda che sorge allora, e che ogni vero giornalista dovrebbe porsi, non è questa: questa epurazione non è stata operata da un’unità paramilitare appartenente a questi famosi “battaglioni di rappresaglia” di cui si conoscono i sinistri metodi? Diverse informazioni puntano in questa direzione. Infatti, il capo della difesa territoriale, noto per aver combattuto nel reggimento Azov, da parte sua ha pubblicato, il 2 aprile, diversi video del lavoro dei suoi uomini. In uno di essi, sentiamo chiaramente uno dei suoi subordinati che chiede se può sparare agli uomini che non hanno le fasce blu. La risposta è altrettanto chiara: sì. Inoltre, sul canale Telegram del capo della Difesa del Territorio, possiamo vedere che le prime foto di persone morte e legate risalgono solo al 2 aprile, quando cioè sul posto questo battaglione rappresaglia (difesa del territorio) con la polizia ucraina per ripulire la città “da sabotatori e complici delle forze russe”.

 

➢             Il secondo caso riguarda il drammatico evento dell’8 aprile, quando un missile è caduto sulla stazione di Kramatorsk dove c’erano migliaia di civili che stavano cercando di fuggire dalla città provocando più di 50 morti e più di 100 feriti. Molto rapidamente le autorità ucraine hanno accusato la Russia, sostenendo prima che si trattasse di un missile Iskander, un’accusa ripresa da tutti i leader e dai media occidentali nonostante la smentita russa. L’esame dei resti di questo missile, tuttavia, ha rivelato che non si trattava di un Iskander ma di un Tochka U che trasportava 20 submunizioni. Sorgono quindi domande legittime perché l’esercito russo non ha più un Tochka U dal 2019. Il lavoro di riferimento, “The Military Balance” , pubblicato ogni anno, mostra chiaramente che non c’è più un Tochka nell’esercito russo. Arsenale russo. D’altra parte, l’Ucraina ne ha alcuni. Questo è davvero un primo dubbio da gettare sulla versione ufficiale di questo dramma. Inoltre, l’esame dei resti del missile ha permesso anche di aumentare il numero di serie di questo missile. Tuttavia, quest’ultimo è elencato nell’inventario ucraino. Non ci sarebbe qui un serio secondo dubbio, anche una contraddizione con la versione ufficiale? Come spiegare allora questa isteria mediatica trasmessa dai leader occidentali se non era in definitiva parte di un approccio antirusso ponderato e intenzionale contrario alla ricerca della verità?

 

Tutto il potere acceca chi lo esercita senza controllo e i media di oggi, i grandi mass media che influenzano e modellano le menti, hanno un potere incontrollabile che permette loro di imporre un pensiero dominante e una griglia per leggere gli eventi che seguono in tempo reale e continuamente. L’acquisizione di questo potere ha

ha comportato un cambiamento di approccio al trattamento delle informazioni fornite al pubblico. In effetti, il ruolo o la missione del giornalismo sembra ora, in collusione con il potere politico che lo sovvenziona, garantire che il pubblico pensi come dovrebbe piuttosto che cercare la verità. Agendo in questo modo, la carta etica (carta di Monaco) che regola la missione e quindi i doveri del giornalista viene totalmente tradita e tradita. L’attuale conflitto tra Ucraina e Russia è un esempio emblematico di questa deriva.

 

L’HOMMEL’HOMME QUIQUI AA SACRIFIESACRIFIE L’UKRAINEL’UKRAINE

 

 

 

 

In questo conflitto, che va ricordato, si sarebbe potuto evitare, nessuno può negare che l’aggressore sia la Russia. Ma questo aggressore non aveva esposto per diversi anni la sua linea rossa sulle inclinazioni mostrate dalla NATO nella sua continua marcia di conquista verso l’Est, fino ai confini della Russia? Essendo diventato l’argomento una questione esistenziale per la Russia, Vladimir Putin ha stimato che un grande attacco al Donbass sia stato commesso a metà febbraio 2022 dalle forze ucraine. Ha poi considerato che quando un combattimento è inevitabile, devi prima colpire. Questo è ciò che ha fatto il 24 febbraio.

 

Ma il regime di Kiev non è altrettanto riprovevole, se non più della Russia, nell’iniziare questa guerra? Questo regime è incarnato oggi da Volodymyr Zelensky, presidente eletto nel 2019 con la promessa di allentare le tensioni con la Russia e risolvere la crisi nelle repubbliche separatiste dell’Ucraina orientale. Tuttavia, questo presidente non solo non ha mantenuto nessuna delle sue due promesse ma, al contrario, non ha mai smesso di alimentare la crisi interna dell’Ucraina e ha costantemente provocato la Russia. Ecco perché l’isteria antirussa che si è rapidamente affermata è del tutto sproporzionata e infondata vista la situazione che regna da almeno otto anni.

 

Volodymyr Zelensky è però oggi adorato dall’Occidente e considerato un eroe di fronte all’orso russo. Tutto ciò è, in effetti, una manipolazione accuratamente elaborata da parte degli Stati Uniti e della NATO, alimentata e orchestrata dai media occidentali. Questa adulazione, oltre ogni ragionevolezza, dà al presidente ucraino un tale grado di certezza nelle decisioni che prende da dimenticare la realtà della guerra sul campo e gli consente, in un processo che può essere descritto come arrogante, di tenere lezioni ai leader occidentali e in particolare la Francia e il Presidente della Repubblica. Anche l’esempio dell’intervento davanti alla nostra Assemblea nazionale di Volodymyr Zelensky è edificante su questo fenomeno ormai radicato dell’adulazione. Non ha ottenuto, dopo aver denunciato la presenza di grandi società francesi in Russia per le quali chiedeva sanzioni se mantenute, una standing ovation di tutti i nostri deputati? Vale a dire il grado di sottomissione in questa guerra che è diventata anche non solo mediatica ma anche psicologica.

 

Bisogna però ammettere – questi i fatti – che in realtà Volodymyr Zelensky ha fallito nel ripristino dell’unità nazionale e nell’attuazione degli accordi di Minsk, un piano di pace che doveva consentire la riconciliazione. Era stato eletto proprio per questo nel 2019. Ma, da un lato, gli Stati Uniti hanno sabotato questi accordi di Minsk perché hanno riportato l’Europa al centro del dibattito, cosa per loro impensabile, dall’altro, gli oligarchi e l’esercito ucraino è contrario.

 

È la dimostrazione che il presidente ucraino è solo un burattino nelle mani di Washington. Questo conflitto tra Ucraina e Russia è, infatti, una guerra per procura dichiarata dagli Stati Uniti contro la Russia. Gli Stati Uniti hanno voluto e fatto di tutto per trascinare la Russia in una guerra con un obiettivo: indebolirla con tutti i mezzi in modo permanente, anche definitivo, per potersi dedicare alla crescente minaccia rappresentata dalla Cina. Per raggiungere questo obiettivo, cercano da un lato di demonizzare Vladimir Putin, al potere da vent’anni, pensando che la sua partenza potrebbe cambiare la posizione della Russia, il che costituisce un errore grossolano. Cercano anche di imporre severe sanzioni economiche per causare un collasso dell’economia russa.

Questa strategia di Washington è in vigore in Ucraina dal 2014 e Volodymyr Zelensky, convinto dagli Stati Uniti che sarebbe diventato un membro della NATO, sacrifica il proprio Paese per portare avanti gli interessi americani e aiutarli a raggiungere i loro obiettivi. . Volodymyr Zelensky è, infatti, diventato lo strumento degli Stati Uniti in questa guerra per procura in cui lo hanno ingaggiato.

 

Il risveglio sarà doloroso perché l’esito di questo conflitto non è mai stato messo in dubbio e Volodymyr Zelensky passerà alla storia come colui che ha sacrificato inutilmente l’Ucraina. Perché non poteva ignorare la promessa fatta nel 2007 da Vladimir Putin alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco: “Non permetteremo l’espansione della Nato al punto da

 

La NATO tocca il nostro confine, in particolare in Ucraina e Georgia. Consideriamo questi paesi come cavalli di Troia della potenza militare della NATO e dell’influenza degli Stati Uniti. »

 

Già nel 2008 la Georgia, spinta dalla NATO, aveva fallito il suo tentativo nelle condizioni che conosciamo, avendo la Russia immediatamente reagito militarmente. Ovviamente la lezione non è stata appresa. Questo episodio serve a ricordare che la Francia ha poi presieduto l’UE. Bisogna riconoscere che il Presidente della Repubblica, Nicolas Sarkozy, con il suo intervento misurato nei confronti dei due partiti, è riuscito ad abbassare la tensione ea riportarli in sé, in particolare rifiutando l’ingresso della Georgia nella Nato. È deplorevole che con l’Ucraina il presidente Emmanuel Macron, a sua volta alla presidenza dell’UE, non sia intervenuto nelle stesse disposizioni.

 

Mentre questo conflitto era evitabile, l’atteggiamento irresponsabile di Volodymyr Zelensky, sotto la pressione di Stati Uniti e NATO, ha permesso che accadesse, per disgrazia dell’Ucraina, che ne uscirà contusa, indebolita e soprattutto amputata parte del suo territorio , non ci sono dubbi. Perché se dopo le prime tre o quattro settimane di combattimento era ancora possibile negoziare per limitare le conseguenze di un simile confronto, oggi è troppo tardi.

 

Attraverso la sua intransigenza, le sue pretese politiche e militari esacerbate dall’aura mediatica acquisita artificialmente, il suo rifiuto di ammettere la realtà della situazione, la sua mancanza di qualsiasi reale desiderio di impegnarsi in negoziati, Volodymyr Zelensky non ha esitato a inviare la morte di decine di migliaia di soldati, per non parlare del pesante tributo pagato dalla popolazione civile. Perché lo ha fatto per un posto nella NATO quando tutti sapevano che la Russia non lo avrebbe permesso?

 

Volodymyr Zelensky ha un’immensa responsabilità in questo dramma che si sta svolgendo per l’Ucraina e che alla fine finirà con un naufragio per questo paese. Peggio che irresponsabile, è imperdonabile! Come si qualifica un politico che manda uomini a morire in una guerra che sa che non possono vincere? Come qualificare un tale leader politico che infligge considerevoli sofferenze e ferite al proprio popolo senza motivo? Come qualificare un personaggio del genere che avrà spianato la strada alla disintegrazione e alla dislocazione dell’Ucraina, perché è ciò che accadrà quando Volodymyr Zelensky sarà costretto ad ammettere la sconfitta?

 

Questo momento sarà terribile perché l’Ucraina, senza dubbio, sarà poi abbandonata da coloro che l’hanno spinta in questo vicolo cieco. Gli ucraini accetteranno la sconfitta senza reagire quando gli è stato fatto credere che avrebbero vinto contro la Russia? Volodymyr Zelensky potrebbe dover affrontare la rabbia in particolare degli oligarchi e dei soldati, alcuni dei quali già stanno facendo commenti violenti nei suoi confronti. La storia è tragica e Volodymyr Zelensky rimarrà colui che ha sacrificato inutilmente l’Ucraina. Potrebbe pagarlo a caro prezzo. Potrebbe anche pagare con la vita.

LA SCONFITTA DELL’UCRAINA L’UCRAINA FIRMERA ‘ LA MORTE LA MORTE DELLA NATO NATO

 

 

 

La NATO, un’alleanza difensiva formata per far fronte alla minaccia rappresentata dal Patto di Varsavia durante il periodo della Guerra Fredda, è stata fino alla fine degli anni ’80/inizio degli anni ’90 una solida alleanza militare antisovietica. La fine della Guerra Fredda e il crollo dell’ex Unione Sovietica nel 1991 portarono allo scioglimento del Patto di Varsavia. Di conseguenza, si poneva l’esistenza stessa della NATO, essendo scomparsa la minaccia all’origine della sua creazione, che avrebbe dovuto essere a sua volta dissolta. Tuttavia, questa alleanza originariamente difensiva è stata trasformata, dopo un periodo che può essere descritto come espansione negli anni ’90/2000, in un’organizzazione offensiva tentacolare priva di significato. La NATO ha così esteso i suoi confini di quasi 1300 km verso est, incorporando Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovacchia e Slovenia.

 

Questo periodo successivo alla Guerra Fredda, con questo allargamento agli ex satelliti dell’ex Unione Sovietica desiderosi di aderire all’alleanza, ha allo stesso tempo corrisposto a un rilassamento di tutti i paesi europei in termini di sicurezza e difesa. Hanno quindi deciso che era giunto il momento di “raccogliere i dividendi della pace” , il che si è tradotto in continue riduzioni del loro budget per la difesa. Agendo in questo modo, hanno di fatto delegato la loro protezione agli Stati Uniti, i veri padroni della NATO. Comprendiamo meglio come la NATO sia diventata un’organizzazione offensiva che difende soprattutto gli interessi degli Stati Uniti.

 

Oggi, dopo l’impegno delle forze russe sul territorio dell’Ucraina, Svezia e Finlandia hanno in programma di unirsi a questa alleanza che è diventata decisamente anti-russa. Nel 2021, la NATO ha ufficialmente riconosciuto la stessa Ucraina come “aspirante membro”. Inoltre, il 10 novembre 2021 è stato firmato un accordo di partenariato strategico e militare tra gli Stati Uniti e l’Ucraina. Questo accordo che suggella un’alleanza tra i due paesi è chiaramente diretto contro la Russia perché prometteva l’ingresso dell’Ucraina nella NATO.

 

Tutto ciò dimostra la politica di ingerenza della NATO negli affari mondiali, o più precisamente di ingerenza degli Stati Uniti poiché la NATO serve gli interessi di questi ultimi. Non dissolvendo, dopo la Guerra Fredda, questa organizzazione militare originariamente difensiva, gli Stati Uniti scelsero di farla evolvere per ottenere uno strumento organizzato e chiamato in realtà a soddisfarne le esigenze. Il presente esempio con l’Ucraina è l’esempio stesso dell’uso della NATO al servizio di questa ossessione antirussa dell’amministrazione americana dalla fine della Guerra Fredda, con l’eccezione della presidenza Trump. L’obiettivo degli Stati Uniti resta l’indebolimento duraturo, persino definitivo della Russia, con tutti i mezzi. Essendo il principio delle relazioni internazionali basato sull’equilibrio delle forze, non deve sorprendere che la Russia abbia voluto difendere i propri interessi intervenendo in Ucraina, ritenendo legittimo il suo intervento, e quindi abbia scelto di sfidare la Nato che la minacciava. Il messaggio è chiaro: la Russia non è la Serbia.

 

Infatti, nel 1999, la NATO aveva deciso, violando il diritto internazionale, di bombardare la Serbia durante la guerra nell’ex Jugoslavia. La campagna aerea è durata 78 giorni. Incarnava il nuovo concetto offensivo dell’occupazione nella NATO. Voler fare lo stesso oggi con la Russia sarebbe un suicidio in primo luogo per i paesi partner europei della NATO sul loro stesso suolo.

 

Detto questo, è vero che dall’aumento della tensione in Ucraina e soprattutto dall’intervento russo deciso il 24 febbraio 2022, la NATO è stata molto attiva, al punto

che alcuni hanno potuto affermare che Vladimir Putin era riuscito a cristallizzare tutta l’opposizione nel mondo occidentale ed era così riuscito a resuscitare questa organizzazione che, non molto tempo fa, il presidente della Repubblica, Emmanuel Macron, aveva detto essere cerebralmente morta . Bisogna riconoscere che, dall’episodio della Serbia nel 1999, i vari interventi della Nato nella sua nuova versione offensiva, sia in Iraq, Libia, Siria, Afghanistan, si sono finalmente conclusi con clamorosi fallimenti. L’entusiasmo per questa alleanza è, dopo l’attacco all’Ucraina, così rumoroso che i media e gli stessi leader politici occidentali sembrano aver dimenticato che la vocazione della NATO era, in origine, quella di dissuadere la Russia da qualsiasi aggressione e di garantire la pace in Europa. Certo, la sua proclamata resurrezione è l’ennesimo fallimento poiché la Russia non è stata dissuasa dall’attaccare l’Ucraina – nonostante lo status di “candidato” della NATO e l’accordo di partenariato strategico e militare tra Stati Uniti e Ucraina firmato nel novembre 2021 – e che questa resurrezione potrebbe persino annunciare e precedere la sua morte imminente. Perché la sconfitta dell’Ucraina, quando – non c’è dubbio – ammessa, segnerà inesorabilmente la morte della Nato. I partner europei della NATO, e la Francia in particolare, devono comprendere chiaramente che non è solo l’Ucraina a perdere la guerra, ma loro stessi dopo essersi ciecamente schierati in un conflitto che è quello degli Stati Uniti e non il loro.

 

E non è il vertice Nato organizzato a Madrid il 29 e 30 giugno 2022 che potrebbe calmare le tensioni, anzi. Le dichiarazioni del suo Segretario generale, Jens Stoltenberg, che hanno preceduto il vertice: “decideremo anche su un nuovo concetto strategico per la Nato, fissando la nostra posizione sulla Russia, sulle nuove sfide e, per la prima volta, sulla Cina” danno un serio indicazione della volontà di estensione aggressiva di questa organizzazione alle imprese di tutto il mondo. La NATO aveva perso la sua ragion d’essere quando il Patto di Varsavia è stato sciolto. Oggi sta entrando in una fase delirante di estensione planetaria. Accettare questo sviluppo, questo nuovo concetto che stabilisce ufficialmente una vocazione risolutamente interventista e quindi offensiva, significa alienare la nostra indipendenza nazionale e accettare di intraprendere una guerra permanente nel mondo che potrebbe, a un certo punto, degenerare in un conflitto nucleare. Accettare questo nuovo concetto comporterebbe di trascinarci, nostro malgrado, in conflitti che non sono nostri, ma anche di impedirci di impegnarci in operazioni a difesa dei nostri interessi. Ma la NATO non è diventata uno strumento al servizio degli interessi esclusivi degli Stati Uniti? I paesi europei sono soddisfatti del loro status di vassalli degli Stati Uniti?

 

Le folli conclusioni di questo vertice di Madrid devono essere un’occasione per la Francia di decidere di lasciare la NATO perché l’obiettivo è, ovviamente, trasformare l’UE in un’alleanza militare impegnata in una cultura di guerra. Occorre anche essere consapevoli che questa NATO costituisce, in realtà, un grande ostacolo all’espressione della sovranità dei paesi europei e quindi della sovranità della Francia (della sovranità europea, come direbbe il Presidente della Repubblica francese, Emanuele Macron). In un contesto di totale sottomissione a questa organizzazione, e quindi agli Stati Uniti, non c’è infatti dubbio che l’UE possa accedere alla sua autonomia strategica, pur essendo uno dei suoi obiettivi politici, concetto approvato dal Consiglio europeo e citato più volte dal presidente francese. Questo concetto di autonomia strategica corrisponde in particolare alla capacità dell’UE di difendere l’Europa e di agire con mezzi militari indipendentemente dagli Stati Uniti.

 

Nel contesto attuale, la NATO rappresenta infatti un grosso ostacolo a questa autonomia strategica, ma anche un grosso ostacolo allo sviluppo dell’industria europea della difesa. La lobby americana delle armi è qui, ancora una volta

di più, per manovrare contro i nostri interessi. Senza una ferma volontà di spingere per un’industria europea della difesa veramente efficiente, non ci sarà mai autonomia strategica europea. E senza l’autonomia strategica europea non ci sarà mai una difesa europea, cioè una capacità specifica dei paesi europei di unirsi per difendere i propri interessi e la pace solo sul suolo europeo, cioè mezzi organizzati e comandati dagli europei in completa indipendenza, con mezzi dotati di equipaggiamenti e armamenti europei. Non capirlo significa rinunciare a qualsiasi capacità di prendere decisioni indipendenti e sovrane. D’altra parte, è accettare tutte le conseguenze di un allineamento cieco e dell’appartenenza a un’organizzazione guerrafondaia. La Francia non può condividere né gli interessi strategici né la visione del mondo di questa NATO sottomessa agli Stati Uniti.

 

Detto questo, lo svolgimento di questo vertice Nato a Madrid, quattro mesi dopo l’inizio delle operazioni, conferma la sua incapacità, la sua impossibilità, nonostante le minacce formulate contro la Russia, di dissuadere quest’ultima dall’impegnarsi in Ucraina. Né potrà impedirgli di vincere questa guerra che inevitabilmente si concluderà con la dislocazione dell’Ucraina. È quindi una vera umiliazione per la NATO che sta subendo un schiacciante fallimento di fronte a

a   determinazione russa. La NATO aveva vinto la guerra contro il Patto di Varsavia una trentina di anni fa. Oggi il Patto di Varsavia è scomparso, ma la NATO ha perso la guerra che ha condotto contro la Russia. Questo fallimento potrebbe benissimo materializzare il suo canto del cigno e alla fine segnare la sua morte programmata.

 

GLI STATI UNITI GLI STATI UNITI PRONTI A TUTTO QUALSIASI COSA PER IMPORTARE I LORO LORO

 

EGEMONISMO EGEMONISMO

 

 

 

 

La situazione che stiamo vivendo oggi in Europa è il risultato di un’oltraggiosa e mortale vassallizzazione dei paesi europei verso gli onnipotenti Stati Uniti dalla fine della Guerra Fredda, poco più di trent’anni fa. Gli europei hanno poi abbandonato i problemi di sicurezza e di difesa propri del continente europeo delegandoli, di fatto, agli Stati Uniti attraverso la NATO. Gli ultimi tre decenni sono stati quindi caratterizzati da una totale mancanza di riflessione e di seria analisi da parte dell’UE su questa nuova situazione di pace che si andava affermando nel continente europeo.

 

L’Ue, e in particolare la Francia, hanno mancato l’appuntamento con la storia negli anni 2000 non prendendo iniziative per stabilire nuove relazioni con la Russia, il cui territorio è peraltro in buona parte europeo (“L’Europa dall’Atlantico agli Urali”). Inoltre, l’intervento della Russia in Siria che ha provocato la sconfitta dello Stato islamico mostra che abbiamo interessi comuni su alcuni temi e in particolare sulla minaccia islamista. Con la sua azione, la Russia ha impedito il crollo della Siria evitando così la presa del potere da parte degli islamisti che avrebbe causato per effetto domino la stessa cosa in Libano e Giordania con una nuova ondata di profughi verso l’Europa. Al contrario, l’azione intrapresa da Stati Uniti e Francia fino ad allora mirava a mantenere un conflitto a bassa intensità il cui obiettivo era quello di indebolire le forze armate siriane fino al rovesciamento del regime siriano. Ricordiamoci: “Al Nosrah fa un buon lavoro” ! (L. Fabius, Ministro degli Affari Esteri)

 

In tutta obiettività, sarà necessario un giorno avviare un dialogo con la Russia, anche solo per lavorare su una nuova architettura per la sicurezza del continente europeo da cui non può essere esclusa in quanto stakeholder. Ma questo sarà possibile solo quando i paesi europei diventeranno adulti e si libereranno dalla tutela degli Stati Uniti. Perché dalla fine della Guerra Fredda, la Russia è diventata un’ossessione per lo stato profondo americano, che rifiuta in particolare qualsiasi relazione tra i Paesi europei e questo Paese. Faranno di tutto perché questo non cambi, anche provocando situazioni che possono degenerare in conflitto armato sul territorio europeo. Questo è quello che hanno fatto con l’Ucraina. La situazione diventa tanto più pericolosa poiché la Russia è sulla strada per ottenere la sua vittoria nonostante gli aiuti materiali forniti dalla NATO all’Ucraina. È chiaro che questo Deep State americano, ostacolato da una vittoria russa incombente, sta diventando più radicale perché non vuole assolutamente che l’egemonia degli Stati Uniti venga messa in discussione.

 

Certo, la Russia ha attaccato l’Ucraina, ma gli Stati Uniti hanno fatto di tutto per farlo accadere al fine di indebolirla permanentemente nella prospettiva di poter poi dedicarsi interamente alla crescente minaccia rappresentata dalla Cina. Si tratta quindi di una strategia aggressiva che è stata perseguita dagli Stati Uniti contro la Russia per trent’anni. Questa strategia aggressiva è oggi approvata e accompagnata dalla follia sconsiderata di questa UE – la maggior parte dei cui membri si evolve all’interno della NATO – che è diventata guerrafondaia quando dalla fine della Guerra Fredda non ha smesso di disarmarsi e che il confronto con la Russia sarebbe quindi essere suicida. I nostri leader politici farebbero bene a tornare in sé, perché “stiamo infatti camminando verso la guerra nucleare come sonnambuli” (Henri Gaino).

 

Gli Stati Uniti hanno un’immensa e piena responsabilità nell’impegno del conflitto

tra Ucraina e Russia che stavano preparando dal 2014 con la rivoluzione di Maidan, un vero e proprio colpo di stato fomentato dalla CIA. Inoltre, non è difficile dimostrare questa ossessione antirussa che è diventata addirittura patologica.

 

Non era questa strategia, questa politica deliberatamente aggressiva nei confronti della Russia, ideata e presentata da Zbignew Brzezinski e inclusa nel suo libro “Le grand échiquier” nel 1997? “L’America ha assolutamente bisogno di conquistare l’Ucraina, perché l’Ucraina è il fulcro della potenza russa in Europa. Una volta che l’Ucraina sarà separata dalla Russia, la Russia non sarà più una minaccia” . In una frase, ciò che viene designato come obiettivo da raggiungere può essere inteso solo come una dichiarazione di guerra. Alla luce di questa sentenza, si comprendono meglio, infatti, le ragioni che hanno portato, da un lato al non scioglimento della NATO, dall’altro alla sua infinita espansione verso est fino ai confini della Russia. Ma poi, in queste condizioni, i nostri leader politici non possono non capire che la Russia non può permettersi di perdere l’Ucraina, né strategicamente, né demograficamente, né linguisticamente, né economicamente, né storicamente. L’attuale guerra è più di un semplice conflitto tra Ucraina e Russia. Per la Russia questa è una questione esistenziale e questa guerra è per lei, in realtà, una guerra difensiva e preventiva.

 

L’analisi dei fatti porta a mostrare che ci siamo trovati di fronte a uno scenario dalle forti connotazioni mediatiche sviluppatosi a Washington che ricorda peraltro quello che aveva legittimato l’invasione dell’Iraq nel 2003. Per gli Stati Uniti, la Russia doveva essere spinta nel torto e gli europei si sono mobilitati dietro di loro e dietro la NATO. Hanno costruito una minaccia che non esisteva e si sono impegnati in un’importante operazione psicologica sperando che le loro profezie si sarebbero avverate e che la Russia avrebbe commesso l’errore. Va ricordato che nel 2003, dopo un intenso e ingannevole bombardamento mediatico, dopo aver ignorato la decisione dell’Onu, hanno attaccato Saddam Hussein, cosa che oggi non possono fare con Vladimir Putin. La Russia non è né Iraq né Serbia. Tuttavia, dobbiamo rimanere vigili perché sono pronti a tutto, anche a creare un incidente reale o falso da incolpare dei russi. Non dobbiamo dimenticare che per spingere in errore la Russia, hanno convalidato l’offensiva ucraina sul Donbass lanciata il 16 febbraio. È stata lei a provocare l’intervento russo in Ucraina il 24 febbraio.

 

Per confermare anche questa guerra dichiarata contro la Russia dagli Stati Uniti, guerra per procura attraverso l’Ucraina, ma guerra lo stesso, bisogna aggiungere alla lunga lista di controversie, l’accordo di partenariato strategico e tra Washington e kyiv firmato il 10 novembre 2021 , tre mesi prima dell’offensiva ucraina sul Donbass del 16 febbraio 2022 e della risposta russa del 24 febbraio. Questo accordo, che suggellò un’alleanza tra Stati Uniti e Ucraina, era diretto contro la Russia e prometteva l’ingresso di Kiev nella NATO. Questo passo non costituiva una vera provocazione, ancora una volta, per spingere Mosca alla colpa? Devi essere disonesto per negarlo!

 

Inoltre, dopo il colpo di stato di Maidan organizzato nel 2014 dalla CIA per rimuovere un leader filo-russo democraticamente eletto, gli Stati Uniti hanno consigliato gli ucraini, assumendo anche il controllo in alcune aree. Dopo la drammatica svolta della situazione a Odessa, Mariupol e Donbass, e la rivolta delle popolazioni di lingua russa provocata da alcune decisioni del regime di Kiev, Minsk I (5 settembre 2014) e Minsk II (12 febbraio 2015) accordi intesi a portare la pace nel paese sono stati firmati sotto l’egida dell’OSCE, Francia e Germania che ne hanno garantito l’applicazione. Tuttavia, questi accordi non furono mai applicati, poiché il regime di Kiev era piuttosto recalcitrante, Francia e Germania passive perché sotto l’influenza americana. Furono, in realtà, sabotati dagli Stati Uniti che non volevano l’Europa con la

Francia e Germania sono in movimento. D’altra parte, era nell’interesse degli Stati Uniti, nella loro strategia, che persistessero tensioni tra la parte occidentale dell’Ucraina filoeuropea e la parte orientale filorussa.

 

Infine, è necessario che i dirigenti europei – e in particolare i francesi – di cui guidano i popoli siano domani le prime vittime se una guerra fosse iniziata sul proprio territorio da apprendisti stregoni machiavellici, pronti a tutto per preservare e imporre la loro egemonia, deve rendersi conto che se continuiamo a provocare Mosca, rafforziamo solo il nazionalismo russo e la sua ostilità

a   verso Ovest. Non è nell’interesse dell’Europa. “Penso che la scelta di continuare l’allargamento della NATO sia stata un errore, e la posizione che la NATO ha preso a Bucarest nel 2008, promettendo a Ucraina e Georgia che un giorno sarebbero diventate membri, sia stato il peggior compromesso: preoccupava i russi senza dare sicurezza ai due paesi interessati. Dopo la fine della Guerra Fredda, sarebbe stato necessario ripensare a fondo l’ordine europeo, ed era ipocrita sostenere che l’allargamento della NATO fosse compatibile con lo sviluppo di un vero rapporto di amicizia con la Russia. (Jean-Marie Guéhenno, ex vicesegretario generale del Dipartimento per le operazioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite ) .

 

Questa affermazione è improntata al buon senso. Ma non corrisponde alla visione degli Stati Uniti. Per questi ultimi, questo continuo allargamento della NATO, che può essere considerato, con il senno di poi, un errore, è solo il filo conduttore della loro strategia di guerra dichiarata da più di trent’anni contro la Russia. Mantenere la NATO era quindi un imperativo per gli Stati Uniti poiché faceva parte della loro strategia antirussa del dopo Guerra Fredda. Si potrebbe dire che questo è, in effetti, un errore per coloro che sostengono la pace nel continente europeo. Chi va in guerra, al contrario, crede che sia una questione di ragione o di chiaroveggenza.

 

Per questo dobbiamo smettere di pensare che gli Stati Uniti siano una potenza disinteressata, pacifica e benefattore. Dalla fine della Guerra Fredda, hanno dimostrato un’egemonia senza precedenti imponendo senza ritegno, anche con violenza, le sue leggi sul resto del mondo. Conducono, infatti, una politica che risponde solo ai propri interessi che non sono i nostri. Non dovresti mai dimenticarlo.

L’UNIONE EUROPEA L’ UNIONE EUROPEA FIRMA IL SUO SUICIDIO SUICIDIO

 

GEOPOLITICO GEOPOLITICO E GEOSTRATEGICO GEOSTRATEGICO

 

Per quanto riguarda l’UE, settimo punto, il 24 febbraio 2022, giorno dell’avvio delle operazioni russe in territorio ucraino, i suoi leader si sono incontrati in un vertice straordinario e hanno deciso nuove sanzioni contro la Russia (relative al settore finanziario, quelle dell’energia e dei trasporti , sanzioni aggiuntive contro i cittadini russi, politica dei visti, …) dopo quelle stabilite nel 2014 e tuttora attive. In una dichiarazione congiunta, hanno condannato l’aggressione militare affermando che, “con le sue azioni militari non provocate e ingiustificate, la Russia viola gravemente il diritto internazionale e mette a repentaglio la sicurezza e la stabilità europea e globale. L’insistenza nell’usare la dicitura “azioni militari non provocate” chiarisce che la provocazione statunitense era reale e ammessa da alcuni dei leader. Ma riconoscerlo ufficialmente significava mostrare una certa incoerenza con la decisione di adottare sanzioni contro la Russia. Questa dichiarazione congiunta segna quindi il primo passo nella sottomissione dell’UE agli Stati Uniti in questo conflitto. Nel corso delle settimane sono state adottate altre serie di sanzioni, tra cui quella di sospendere la trasmissione dei media russi nell’UE o di fornire assistenza all’Ucraina e persino di dotarla di equipaggiamento militare. Inoltre, il Consiglio europeo del 23 giugno ha concesso all’Ucraina lo status di candidato per l’UE.

 

Respingendo fin dall’inizio la diplomazia e assumendo la causa dell’Ucraina senza tener conto della storia e in particolare, dopo il colpo di stato di Maidan fomentato dagli Stati Uniti, l’evoluzione di questo paese corrotto e concedendogli, inoltre, lo status ufficiale di candidato per l’ingresso nell’Unione Europea bisogna ammettere che l’Ue sta creando una grande e pericolosa rottura geostrategica con la Russia.

 

L’atteggiamento della Francia, che ha presieduto questa Unione durante la prima metà dell’anno 2022, è stato particolarmente biasimevole perché ha mancato questo appuntamento nella storia che avrebbe potuto consentire all’Europa di svolgere un ruolo importante e decisivo nell’allentare le tensioni soprattutto a livello inizio del conflitto, ancor prima che scoppiasse nei giorni o nelle settimane che lo hanno preceduto. Bisogna ritenere che l’UE non sia in grado di districarsi da questa paralizzante tutela americana che le impedisce di comprendere quali siano i propri interessi.

 

Aver seguito ciecamente gli Stati Uniti che volevano la guerra e hanno fatto di tutto perché scoppiasse è imperdonabile! Eppure la politica estera dovrebbe basarsi rigorosamente sul calcolo delle forze e dell’interesse nazionale. Questo principio sembra essere stato dimenticato. Gli europei non hanno alcun interesse a confrontarsi sul proprio suolo con la Russia. È suicida! Dalla fine della Guerra Fredda, una nuova architettura di sicurezza in Europa avrebbe dovuto essere sviluppata con la Russia. Questo è un principio di buon senso e nell’interesse delle parti interessate. Inoltre, lo stesso Henry Kissinger non ci ha ricordato: “Non abbiamo fatto alcuno sforzo serio per associare la Russia a una nuova architettura di sicurezza in Europa”?

 

Eppure all’inizio degli anni 2000, e durante il suo primo mandato, Vladimir Putin era disposto ad aprirsi all’Europa e all’Occidente. La mancanza di risposta da parte degli europei, direttamente interessati dall’instaurazione o, almeno, dall’avvio di nuove relazioni con la Russia, è del tutto incomprensibile. Possiamo solo deplorare, da un lato, la cecità degli europei alimentata dal loro allineamento incondizionato con gli Stati Uniti e la NATO ostili a questo riavvicinamento, dall’altro, e soprattutto, la loro mancanza di visione geopolitica e di lungo termine

geostrategico. La Russia infatti potrebbe diventare e avrebbe potuto diventare un partner, anche un prezioso alleato di fronte alle sfide geopolitiche dell’Europa diverse da quelle degli Stati Uniti con sfide particolarmente immense, per noi europei, domani nel Mediterraneo, confine del Vecchio Continente con l’Africa e il Medio Oriente. L’intervento della Russia in Siria a fine settembre 2015, ad esempio – difendendo il regime siriano stava, di fatto, difendendo i propri interessi – è stato decisivo nella sconfitta inflitta allo Stato islamico. Questa minaccia islamica ci è molto comune e quindi nutre interessi comuni. Questo intervento russo è stato avviato anche dopo la sommersione migratoria subita dall’Europa nell’estate del 2015. Un’invasione che non è stata altro che un attacco senza precedenti ai paesi europei provocato dallo Stato Islamico che aveva promesso nel dicembre 2014. Peccato che l’UE lo abbia fatto non lo capisci in quel modo o non volevi capirlo in quel modo! Ma gli europei non sono in grado di designare il vero nemico, che in termini di relazioni internazionali è un errore, anche una colpa che può essere fatale.

 

Tuttavia, nel caso di questo conflitto, l’UE, commettendo il suo suicidio geopolitico e geostrategico, ha anche avviato il decadimento e il regresso delle sue capacità di sviluppo a causa delle sanzioni imposte alla Russia, sanzioni con effetti molto dannosi, in realtà, per l’Europa economie, perché va ricordato che, agendo in questo modo, l’UE perde uno dei suoi principali partner commerciali. L’allineamento degli europei con la logica bellicosa della NATO e degli Stati Uniti e la loro guerra economica contro la Russia sta portando l’Europa al disastro. Perché queste sanzioni non hanno in alcun modo fermato il conflitto o indebolito Vladimir Putin. Al contrario, l’hanno rafforzata e stanno aggravando le crisi socio-economiche che stanno colpendo e che colpiranno duramente i cittadini europei, a cui si aggiunge una grave e duratura crisi energetica con, in particolare, carenza di gas e petrolio, di cui gli europei sono già le principali vittime. L’isteria non solo nei media che queste sanzioni hanno provocato, ma anche quella specifica dei leader occidentali manifestata in dichiarazioni deliranti mostra la follia, anche la perversione che sembra abitarli. Su questo boomerang e effetto devastante causato dalla risposta russa che priva gli europei della loro fornitura di gas, la palma della perversione e del cinismo potrebbe essere assegnata al presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, pronto a sacrificare gli europei sull’altare della sua guerra contro la Russia e che ha affermato senza scrupoli: “Tagliare il gas russo danneggerà l’Europa, ma questo è il prezzo che sono pronto a pagare” ! (sic).

 

La risposta russa alle sanzioni europee ha messo in luce anche grandi differenze di politica energetica da parte degli europei e la dipendenza molto marcata dalla Russia in quest’area di alcuni paesi come la Germania. Questa mancanza di coerenza europea è ovviamente fonte di divisione, soprattutto quando si verifica una crisi come quella che stiamo vivendo oggi ed è quindi un segno di debolezza. È in un tale contesto che il ministro francese dell’Economia e delle Finanze, Bruno Le Maire, ha dichiarato, incautamente, che le sanzioni decise dovrebbero mirare al collasso dell’economia russa: “Faremo una guerra economica e la finanza totale per Russia. Causeremo il collasso dell’economia russa” . In termini di crollo dell’economia russa, il risultato di oggi è piuttosto inaspettato con in particolare un euro ai minimi contro il dollaro ma anche contro il rublo russo che ha superato il livello pre-crisi. L’Europa deve ora affrontare gravi conseguenze che avranno un impatto serio e duraturo sulla vita quotidiana degli europei. Le tensioni sui prezzi dell’energia, delle materie prime e dei generi alimentari, aggravate dal rischio di penuria, avranno effetti disastrosi, tanto più che questo conflitto ha portato alla stagflazione globale, combinando un’elevata inflazione e una stagnazione economica o addirittura recessione.

Infine, non possiamo discutere dell’UE nel contesto di questo conflitto tra Ucraina e Russia senza affrontare la decisione della Commissione europea, approvata dal Consiglio europeo del 23 giugno 2022, di concedere all’Ucraina lo status di candidato all’UE.

 

Ancora una volta i vertici europei e la Commissione Europea nella persona del suo Presidente si stanno liberando dalle regole stabilite per l’avvio del processo di richiesta di adesione all’Unione Europea. Infatti, l’aspetto emotivo del contesto imposto dal presidente ucraino costituisce una deriva e un’ingerenza inaccettabili e insopportabili nelle regole di funzionamento dell’UE. È vero, l’Ucraina è stata attaccata dalla Russia. Ma ciò non conferisce a Volodymyr Zelensky il diritto di dettare ai leader europei ciò che dovrebbe essere fatto oa questi ultimi di affrancarsi dai principi e dai regolamenti che regolano il funzionamento dell’UE. In effetti, questi dirigenti, nessuno dei quali osa dirgli di no, sembrano paralizzati dall’arroganza, dall’impertinenza e dal coraggio di questo presidente, che è però corrotto come gli oligarchi che lo sostengono. La Commissione europea e i leader europei hanno già dimenticato il dossier Pandora Papers, pubblicato sulla rivista Forbes nell’ottobre 2021 da un consorzio di giornalisti investigativi accusandolo di grave corruzione?

 

Ma questa corruzione è in realtà consustanziale alla stessa Ucraina, un Paese totalmente corrotto che non rispetta nessuna delle regole imposte a un candidato all’Unione Europea. Inoltre, fino ad ora, l’UE ha ammesso tra le sue fila i paesi “pacificati” per evitare di importare ogni sorta di conflitto che indebolirebbe l’istituzione e le relazioni tra i suoi membri. Tuttavia, per quanto riguarda l’Ucraina, questo Paese non è solo corrotto ma è un’aggravante, è in guerra! Inoltre, l’Ucraina ha capito che, essendo stata brutalmente chiusa la porta della NATO il 24 febbraio 2022, è imperativo aggirare l’ostacolo per entrare nell’UE, secondo Volodymyr Zelensky, a torto oa ragione – piuttosto giustamente – che l’UE ha la NATO come sua struttura difensiva. Vladimir Poutine fa la stessa analisi, anche se ha dichiarato – per ragioni non riconosciute – di non essere contrario al principio dell’ammissione dell’Ucraina nell’UE. I leader europei non possono quindi accettare questo processo di ammissione dell’Ucraina nell’UE. Questo paese importerebbe quindi una pericolosa controversia e genererebbe disordini nell’UE per il futuro.

 

L’UE e i leader dei paesi membri farebbero quindi bene nell’immediato futuro a non perseguire un percorso dominato dall’emozione e dall’assenza di analisi a freddo della situazione e di non liberarsi dalle regole stabilite. . Attraverso le decisioni finora prese, l’UE si sta infatti allineando dietro due potenze esterne fortemente impegnate contro la Russia, gli Stati Uniti e il Regno Unito. Coinvolge così nella guerra che viene dai paesi che non hanno espresso la loro opinione, una guerra che non è la loro.

 

FRANCIA, FRANCIA, UN RENDEZ RENDEZ– MI MANCHI MI MANCHI CON LA STORIA

 

 

 

La fredda analisi della posizione della Francia – membro dell’UE e della NATO – in questo conflitto è essenziale e importante per diverse ragioni, tra cui in particolare il fatto che il nostro Paese ha presieduto l’Unione Europea durante la prima metà di quest’anno 2022 e perché noi erano nel bel mezzo della campagna per le elezioni presidenziali. Questi due elementi sono, inoltre, correlati. Il Presidente della Repubblica uscente li ha integrati a calcolo nella sua campagna presidenziale che in realtà è stata una non campagna, una scelta deliberata volta a non parlare dei suoi risultati. In effetti, il fatto di non aver chiesto il rinvio della presidenza dell’Ue per motivi di elezione presidenziale è indicativo dei calcoli dei politici, compreso quello di evitare di fare campagna elettorale e di avvalersi di tale carica per facilitarne la rielezione. . È facile far credere ai cittadini che una simile accusa è incompatibile con i vincoli di una campagna elettorale. Ma è anche indicativo della volontà di apparire, al termine di un mandato turbolento, l’unico in grado di salvare i francesi da una guerra che incombeva a causa delle tensioni tra Ucraina e Russia. In queste circostanze, il popolo tende sempre, sotto l’effetto del dubbio e della paura, specie quando viene mantenuto, a preferire non cambiare nulla alla testa dello Stato. Questo è il motivo della rielezione del presidente, Emmanuel Macron, una rielezione di default. Ne è prova l’insolita dissociazione operata dagli elettori tra le elezioni presidenziali e quelle legislative. Il presidente questa volta non ha ottenuto una vera maggioranza nell’Assemblea nazionale.

 

Stabilito il contesto politico francese, la posizione ufficiale della Francia è stata data dal Ministero per l’Europa e gli Affari Esteri: otto anni dopo l’annessione illegale

 

Crimea e l’inizio del conflitto nell’Ucraina orientale nel 2014, la Federazione Russa ha lanciato un’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio 2022. Di fronte a questa situazione, la Francia si è mobilitata per ottenere un cessate il fuoco immediatamente dalla Russia. Resta solidale con gli ucraini e si impegna, insieme agli altri Stati membri dell’Unione europea, ad adottare sanzioni contro la Russia, ad aumentare il prezzo della guerra e ad influenzare le scelte del presidente russo Vladimir Putin.

 

Vediamo, leggendo questo testo, che mentre la Francia fa riferimento all’anno 2014, non lo fa oggettivamente poiché, a seguito della guerra civile scatenata nell’Ucraina orientale dal regime di kyiv (l’annessione della Crimea) ne è l’origine . Quindi, possiamo capire che dopo “l’invasione dell’Ucraina del 24 febbraio 2022 dalla Russia” la Francia si sta mobilitando per ottenere un cessate il fuoco immediato da parte della Russia. Tuttavia, questo per dimenticare cosa ha causato questa invasione, ovvero la campagna di massicci bombardamenti sul Donbass dal 16 febbraio 2022 completamente nascosta e che doveva precedere un’importante operazione di pulizia in questo settore. Infine,

” impegnarsi insieme agli altri Stati membri dell’Unione Europea (membri peraltro della NATO) ad adottare sanzioni contro la Russia” , non è forse schierarsi sin dall’inizio e di conseguenza, nel decidere le sanzioni, chiudere brutalmente ogni prospettiva diplomatica?

 

Tuttavia, presiedendo l’Unione Europea, la Francia ha avuto l’opportunità di svolgere un ruolo di primo piano – per sé e per l’Europa – nel provocare, anche prima dello scoppio del conflitto, a partire da gennaio 2022, discussioni tra ucraini e russi ai massimi livelli, addirittura provocare e organizzare una Conferenza di Pace volta a ridurre le tensioni ea far ragionare le due parti contrapposte.

 

La Francia ha dovuto rifiutare questa spirale quando c’era ancora tempo e prendere l’iniziativa

mediare in questo conflitto. Il suo status di potenza nucleare e di membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite le conferisce responsabilità. Il fatto di presiedere l’Unione Europea gli ha conferito altri. Potrebbe farlo, però, solo avendo il coraggio di ritrovare una certa indipendenza nell’analisi e nelle proposte da presentare nell’interesse della pace nel continente europeo, cioè affrancandosi dalla tutela del Regno Stati e rifiutando l’allineamento con l’orientamento bellico della NATO. L’indipendenza nella gestione di una crisi come questa è una necessità se vogliamo che la Francia possa svolgere il ruolo di mediatore e possa rendersi utile nella ricerca della sua soluzione. Sfortunatamente, questa non è la scelta che è stata fatta. È deplorevole che il Presidente della Repubblica abbia privato la Francia di tale ruolo mancando a questo appuntamento con la Storia.

 

Dall’inizio di questa presidenza dell’UE, l’approccio del Presidente della Repubblica non si è inserito in una prospettiva di mediazione ma ha confermato il suo allineamento con la posizione degli Stati Uniti e della NATO, ovvero il rifiuto di tutte le cause dell’attuale crisi sulla Russia. Il suo viaggio a Mosca il 7 febbraio, in condizioni insolite (nessuna accoglienza ufficiale in aeroporto, gelida accoglienza di Vladimir Putin, colloquio a distanza di quasi sei ore, assenza di consulenti durante l’intervista, ecc.) è l’illustrazione di disaccordi già formulati tra i due Capi di Stato prima di questo incontro (da qui le condizioni gelide dell’intervista) e quindi di un approccio poco diplomatico a questa crisi del nostro Paese. Di conseguenza, la Francia non poteva imporsi come mediatore neutrale e imparziale. Del resto, come intendere il colloquio telefonico tra il presidente americano e il presidente francese tenuto il giorno prima della trasferta a Mosca di quest’ultimo se non la conferma di un cieco allineamento della Francia sugli Stati Uniti, eppure dietro questa crisi? Sorge allora una domanda: il 7 febbraio, a Mosca, il presidente francese ha rappresentato la Francia, l’UE, la NATO o gli Stati Uniti?

 

Un altro episodio, che stavolta tocca gli eserciti francesi, attesta questa sottomissione del nostro paese agli Stati Uniti. In effetti, il licenziamento del Direttore generale dell’intelligence militare (DRM) non testimonia l’incapacità dei nostri leader di accettare e difendere le analisi dei nostri servizi di intelligence, che sono perfettamente fondate, con il pretesto che differiscono da quelle dei servizi segreti americani Servizi? Reato di lesa maestà nel caso di specie, gli Stati Uniti “avevano ragione” nelle conclusioni tratte dai loro servizi di intelligence. Solo che in seguito “avevano ragione” per un motivo molto semplice: non potevano non avere ragione poiché facevano di tutto per realizzare le loro conclusioni. Al di là della palese disonestà intellettuale, è la negazione stessa dell’Intelligenza e il coronamento del cinismo, della manipolazione e della disinformazione più abietti. Sanzionare questo generale, l’esempio stesso di un vero servitore dello Stato, dopo l’aggressione russa del 24 febbraio, che non era lo scenario favorito dal DRM, non aiuta chi ha preso questa decisione. Hanno anche gettato, scaricando le proprie responsabilità, un discredito ingiustificato e immeritato sui nostri servizi di intelligence!

 

È chiaro che questo conflitto è un’occasione per comprendere meglio la personalità e il comportamento del presidente francese messo a dura prova di fronte a una situazione delicata che può degenerare in qualsiasi momento sul territorio europeo a causa di decisioni sbagliate o reazioni incomprese o provocatorie. La decisione di aiutare l’Ucraina e dotarla di armamenti pesanti, ad esempio, è un segnale forte che può essere inteso dalla Russia come un atto di cobelligeranza da parte della Francia, che ha presieduto l’UE nel corso della prima metà del 2022 La mancanza di reazione da parte della Russia non significa che non reagirà se lo riterrà necessario. Ancora una volta, questa guerra Ucraina-Russia è una guerra americana, non nostra o dell’UE. È qui

Ecco perché la posizione della Francia in questo conflitto avrebbe dovuto essere ben diversa, favorendo la pace nel continente europeo. Inoltre, Emmanuel Macron, come il suo predecessore François Hollande, ha un’immensa responsabilità – come i suoi omologhi tedeschi ma ancor di più la Francia, potenza nucleare e membro permanente del Consiglio di sicurezza dell’Onu con compiti aggiuntivi – nell’innescare questa guerra. Francia e Germania sono state, infatti, firmatarie e garanti dell’applicazione degli accordi di Minsk firmati nel 2014 e nel 2015. La Francia avrebbe dovuto fare di tutto per costringere un’Ucraina recalcitrante ad applicare tali accordi. Con la sua rinuncia, dal 2014 ha permesso agli Stati Uniti di fare di tutto perché questa guerra scoppiasse.

 

Questo conflitto, inoltre, è anche testimone di una deriva oscena nella politica di comunicazione prediletta da Emmanuel Macron, che non esita a infrangere i codici della diplomazia per, in uno sfrenato impulso narcisistico, inscenare se stesso in un servizio televisivo in cui rivela conversazioni reputate essere discreti, anche segreti, in particolare con Vladimir Putin, il 20 febbraio, quattro giorni prima dell’inizio dell’operazione russa. Contravviene quindi deliberatamente alle regole e ai costumi stabiliti nella diplomazia, che non viene esibita ma viene solitamente esercitata con discrezione. Questo esercizio dell’azione del Presidente della Francia, che esercita la presidenza dell’UE, è riprovevole per diversi motivi.

 

In primo luogo, dà l’impressione di ritenere che questa diplomazia a cielo aperto costituisca un mezzo efficace per esercitare pressioni su Vladimir Putin. Crede che rendere pubblico uno o più passaggi della conversazione tenuta con il presidente russo – passaggio scelto perché lo ritiene dannoso e devastante per Vladimir Putin – renda possibile prendere a testimoniare l’opinione pubblica e possa far piegare quest’ultima. È patetico.

 

Poi, ovviamente, sta commettendo una grande imprudenza affrancandosi dalle regole della diplomazia perché, non solo le cancellerie di tutto il mondo possono solo essere sorprese, anche offese da un simile comportamento del rappresentante di un grande paese come la Francia, ma Lo stesso Vladimir Putin non sarà indotto a rifiutare d’ora in poi qualsiasi conversazione telefonica con il presidente francese? È un rischio certo che indebolisce tutte le nostre relazioni esterne e un rischio pericoloso di rompere il dialogo, anche difficile, instaurato con Vladimir Putin in un periodo di estrema crisi. In ogni caso, è la Francia ad essere screditata. La domanda che sorge allora è questa: cosa cerca davvero Emmanuel Macron adottando un metodo così provocatorio? L’innesco di un incidente che porta a uno scontro militare con la Russia? Il potere in genere inebria chi lo detiene, ma la situazione attuale non è quella di una crisi di tipo sanitario come quella vissuta negli ultimi due anni e durante la quale il Presidente della Repubblica l’ha esercitato in modo brutale. Sembra, in questo caso, comportarsi come un bambino immerso in un gioco di strategia in cui manipola i suoi soldatini di piombo. “Guai alla Città il cui principe è a

 

bambino ! »

 

In questo episodio inquietante e inquietante, i nostri media si sono affrettati a prendere il posto di France 2 dopo la messa in onda del documentario, intitolato “Scambio surrealista tra Poutine e Macron” . Secondo i media, i commenti di Vladimir Putin sono surreali. Tuttavia, se vogliamo analizzare, dal punto di vista diplomatico o delle relazioni internazionali in questo contesto esplosivo, lo scambio di osservazioni tra il presidente russo e quello francese, sarebbero piuttosto quelle di quest’ultimo ad essere surreali e per di più potenzialmente devastanti alla sua credibilità. In effetti, il suo “Non ci interessano le proposte dei separatisti” testimonia o di una mancanza di conoscenza del fascicolo e in particolare degli accordi di Minsk, oppure, per l’aggressività delle sue osservazioni, di un tentativo di destabilizzazione e abbattimento il presidente russo o un calcolo volto ad escluderlo definitivamente

questi accordi di Minsk che non sono stati applicati dalla loro firma nel 2014 e 2015. Ciò che è quindi surreale e sconvolgente è la dichiarazione di Emmanuel Macron che conferma, infatti, il suo totale disinteresse per gli accordi di Minsk di cui era comunque responsabile far rispettare e, di conseguenza, la sua responsabilità, quindi la responsabilità della Francia (firmataria e garante della loro applicazione) nell’aggravarsi della situazione che ha portato all’aggressione della Russia. Inoltre, veniamo a capire che lo scopo della sua chiamata era convincere Vladimir Putin ad accettare un incontro con il presidente americano, Joe Biden, a Ginevra per tentare una de-escalation al vertice. Emmanuel Macron conferma così la sua impotenza e il fatto di non essere l’interlocutore giusto nella composizione di questa crisi che, di fatto, contrappone gli Stati Uniti alla Russia. Strabiliante e surreale che non abbia tratto le conseguenze per l’UE che stava presiedendo!

 

D’altra parte, la sua affermazione relativa alla legge sfrenata, durante questa intervista, in tono ironico e sarcastico “Non so dove il tuo avvocato ha imparato la legge” sta rivelando questa tendenza a voler imporre certi principi agli altri. che non si applica a se stessi. L’area sensibile della vendita, esportazione o fornitura di armamenti, soprattutto pesanti, è soggetta a vincoli molto severi. La consegna dei fucili Caesar rispetta le regole imposte dalle decisioni dell’Unione Europea che vietano la fornitura di armi

a   un paese belligerante senza essere in grado di assumerne il controllo e l’uso legale? L’interrogazione è stata posta al Presidente della Repubblica dalla Federazione francese Opex con lettera del 10 maggio 2022 inviata in copia al Ministro delle Forze armate e al Capo di Stato Maggiore Generale delle Forze Armate. Risponderà? Questo è un argomento che dovrebbe mobilitare gli avvocati.

 

Inoltre, durante il G7 svoltosi in Germania, a fine giugno 2022, il Presidente della Repubblica ha dichiarato, durante la conferenza stampa di chiusura, che la Russia “non può e non deve vincere la guerra contro l’Ucraina. » Questo tipo di dichiarazioni non è idonea, da un lato a rafforzare l’ardore della Russia, dall’altro a far credere all’Ucraina, indebolita dopo diversi mesi di combattimenti, di vincere? Se la Francia non è in guerra con la Russia, come indica con molta cautela Emmanuel Macron, come interpretare o interpretare questa affermazione “la Russia non deve vincere questa guerra” vista la situazione sul terreno oggi sfavorevole all’Ucraina di oggi? Dobbiamo capire che la Francia si farà coinvolgere quando la situazione diventa critica per l’Ucraina? È questo il senso di questo dispiegamento piuttosto frettoloso delle forze francesi in Romania, esempio di una gesticolazione politica non solo inefficace per il volume delle forze schierate, ma inutile e soprattutto costosa (su entrambi i fronti, peraltro, poiché i nostri eserciti devono affrontare un taglio al loro budget di 340 milioni di euro nell’ambito della solidarietà del governo per l’accoglienza dei rifugiati ucraini e una riduzione del personale nel 2021 che si traduce in un disavanzo di 785 posizioni mentre hanno dovuto aumentare). Questa nuova operazione di comunicazione non è certo destinata a rassicurare sulle conseguenze a lungo termine di tali dichiarazioni o decisioni.

 

Infine, nella sua intervista del 14 luglio, Emmanuel Macron, pur confermando la necessità di mantenere o addirittura rafforzare ulteriormente le sanzioni, accusa la Russia di usare l’energia come arma di guerra. Ciò è di fatto falso poiché la Russia continua a transitare gas, in particolare attraverso l’Ucraina, che incidentalmente lo utilizza in transito. Si immagina davvero dove sarebbe l’Europa se Vladimir Putin avesse chiuso il rubinetto del gas? Ma può il Presidente della Repubblica rispondere a una semplice domanda: chi è stato il primo a parlare di dichiarare una guerra economica totale alla Russia finalizzata al suo crollo se non il suo ministro dell’Economia e delle Finanze, Bruno Le Maire? È la Francia, vero? Come può essere offeso dal fatto che la Russia reagisca? Questa affermazione non lo fa

non riflette la realtà o la responsabilità di un leader politico. Lei è una bugia.

 

In ogni caso, avendo scelto di allinearsi ciecamente con gli Stati Uniti e la politica bellica della NATO chiudendo le porte alla diplomazia e decidendo sanzioni, Emmanuel Macron non ha forse privato la Francia di uno storico incontro per la pace in Europa? Durante la Guerra Fredda eravamo pronti a morire per difendere la nostra libertà contro il Patto di Varsavia guidato dall’ex Unione Sovietica. I nostri soldati che hanno la responsabilità di difendere e proteggere la nazione, il suo territorio e gli interessi della Francia domani sono pronti a dare la vita per l’Ucraina in una guerra che non è la loro, che non è la nostra?

UN MOTIVO INAVVOCABILE INAVVOCABILE PER QUESTA GUERRA GUERRA

 

 

 

 

 

La guerra militare iniziata il 24 febbraio 2022 dalla Russia che ha attaccato l’Ucraina non è stata a lungo preparata dagli Stati Uniti per ragioni diverse da quelle comunemente citate? Non è, in realtà, un pretesto pazientemente costruito fin dall’inizio degli anni 2000 dal deep state americano per difendere la propria egemonia e soprattutto il primato della sua moneta, il dollaro, prima valuta di riserva mondiale nei paesi sviluppati? Paesi?

 

Sono passati quasi vent’anni da quando la Russia ha iniziato un movimento per liberarsi dalle catene della valuta statunitense. Fu così che la Banca Centrale Russa si sbarazzò progressivamente delle sue pretese statali in dollari e della maggior parte dei suoi buoni del tesoro americani accumulati (circa cento miliardi di dollari) sostituendoli con oro in particolare (più di 1.900 tonnellate acquistate dal 2005), ma anche con altre valute ritenute solide. Questo movimento è anche parte di un processo volto a liberarsi dall’extraterritorialità abusiva della legge americana imposta a qualsiasi detentore della sua valuta nel mondo. La Cina, da parte sua, ha compiuto un passo simile per un decennio e ha aggiunto al fastidio degli Stati Uniti gravemente sconvolti perché l’acquisto di oro fisico da parte delle banche centrali è segno di una perdita di fiducia nella capacità del dollaro per mantenere il suo ruolo di conservazione del valore.

 

È in questo contesto che negli ultimi anni Russia e Cina hanno notevolmente ridotto l’uso del dollaro negli scambi bilaterali. Nel 2015 circa il 90% delle transazioni bilaterali è stato effettuato in dollari. Dopo lo scoppio della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e la spinta concertata di Mosca e Pechino ad allontanarsi dal dollaro, questa cifra è scesa al 51% nel 2019.

 

Gli Stati Uniti sono quindi molto arrabbiati con la Russia, che è riuscita ad emanciparsi dalla pressione esercitata dal dollaro sull’economia mondiale, ma anche perché il suo approccio potrebbe diffondere petrolio e quindi sconvolgere l’egemonia e gli interessi americani. Ecco perché il desiderio di indipendenza russa nei confronti della moneta americana costituisce per gli Stati Uniti un atto ostile sul piano monetario, economico e finanziario, perché è tutto il primato mondiale di cui godono abusivamente del suo dollaro ad essere messo in discussione .

 

Sappiamo anche fino a che punto possono spingersi gli Stati Uniti quando i loro interessi sono minacciati quando i paesi che si confrontano con loro cercano di emanciparsi dal dominio del dollaro. Possono diventare molto violenti.

 

Iran, Iraq e Libia, ad esempio, sono stati brutalmente schiacciati per aver tentato di sbarazzarsi delle loro pretese sul Tesoro degli Stati Uniti a causa dei dubbi sulla forza del dollaro. Volevano semplicemente consolidare la ricchezza fornita dai loro proventi petroliferi convertendola in oro. Di fronte alla potenza militare americana al servizio della loro egemonia, questi paesi non hanno saputo difendersi. Sappiamo cosa è successo ai regimi iracheno e libico e ai loro leader. È stato spesso sottolineato come sia stata innescata la guerra in Iraq del 2003: Saddam Hussein ha semplicemente annunciato le transazioni petrolifere in euro. L’ha pagato con la vita. Anche l’esempio del colonnello Gheddafi è edificante. Si era riconciliato con l’Occidente ma il

la guerra è iniziata nel 2011 dopo il suo annuncio della creazione di un dinaro africano basato sull’oro. L’ha anche pagato con la vita.

 

Ma la Russia non è né Iran, né Iraq, né Libia. È una potenza nucleare allo stesso modo degli Stati Uniti che ha la capacità di difendersi. Tuttavia, gli Stati Uniti sono pronti a tutto pur di neutralizzare definitivamente la Russia, anche se non possono attaccarla frontalmente. Né possono essere visti come l’aggressore rivelando al mondo intero la vera causa della guerra, finanziaria e monetaria. Dovevano quindi trovare una soluzione per dichiarare guerra alla Russia, una guerra per procura. Hanno lavorato lì dalla fine della Guerra Fredda attraverso la NATO e la sua politica di continua espansione verso est. Il loro progetto ha preso forma con l’organizzazione di un colpo di stato nel 2014 in Ucraina, paese al confine con la Russia. Da otto anni si fa di tutto per creare le condizioni per un conflitto armato tra Ucraina e Russia. Dovevamo semplicemente trovare un modo perché la Russia lo attivasse. E Vladimir Putin è caduto nella trappola.

 

Questa colpa – perché è un attacco – era però inevitabile. Vladimir Putin non è caduto stupidamente in questa trappola, perché non aveva intenzione di appiccare il fuoco. Sapeva che il costo di un simile conflitto poteva essere pesante. Tuttavia, fu costretto a farlo dal machiavellismo degli Stati Uniti che spinse il regime ucraino a bombardare le popolazioni civili che avrebbero dovuto precedere un’operazione di ripulitura della regione del Donbass. Il presidente russo non poteva non intervenire a protezione delle popolazioni civili, di lingua russa peraltro. Tutto è stato fatto, infatti, per farlo accadere in quel modo e se porta alla morte da entrambe le parti, questo non è certo ciò che preoccupa gli americani che si preoccupano solo dei loro interessi.

 

Non dimentichiamo che gli Stati Uniti sono pronti a tutto per difendere la propria supremazia, compresa la guerra, direttamente o per procura come in questo conflitto. Il rischio di una guerra totale oggi non è dovuto alla Russia ma agli Stati Uniti. La situazione potrebbe cambiare radicalmente nella misura in cui militarmente, sul campo, l’Ucraina sta perdendo la partita nonostante il sostegno dell’Occidente. Gli Stati Uniti non possono non capirlo e il pericolo sta nella radicalizzazione del discorso dei leader americani poco inclini ad accettare la sconfitta del loro progetto, tanto più che l’ondata di sanzioni finanziarie e monetarie decise sarebbe stata devastante per la Russia . Tuttavia, oggi la valuta russa, il rublo, è al massimo. Inoltre, la Russia ha finanze sane. Ha pochi debiti e nessun deficit di bilancio. Inoltre, la sua bilancia commerciale è in attivo, il che non è di gran lunga il caso di tutti i paesi che gravitano attorno e sotto il dominio forzato del dollaro. Bisogna riconoscere che è entrata

 

a   quasi tutte le aree la capacità di autosufficienza, capacità rafforzata nel tempo dalle precedenti sanzioni. D’altra parte, i paesi europei sono duramente colpiti e saranno duramente colpiti dalle conseguenze delle sanzioni che hanno deciso contro la Russia. Questi ultimi dovrebbero, prima che sia troppo tardi, ammettere che questa guerra non è loro.

 

Detto questo, procedendo in questo modo, gli Stati Uniti non hanno forse aperto il vaso di Pandora? Non hanno essi stessi messo in dubbio in molti paesi la sostenibilità del primato del dollaro, perché il sequestro di parte delle riserve russe in dollari ed euro detenute presso le banche occidentali conferma o riesce a convincere il resto del mondo della necessità di non dipende dagli americani e dagli europei.

 

La guerra in Ucraina e le sanzioni innescate dall’Occidente potrebbero così accelerare la riorganizzazione del mondo sul piano monetario. Inoltre, i BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa) stanno già lavorando alla creazione di a

valuta di riserva che verrebbe calcolata da un paniere di tutte le loro valute. Gli stessi paesi hanno anche avviato la creazione di un sistema di pagamento alternativo a Swift. Questo approccio potrebbe attrarre altri paesi e il gruppo BRICS potrebbe espandersi per includere Iran e Argentina, che hanno presentato domanda. Sarebbero interessati anche Messico e Indonesia.

 

Come possiamo vedere, il mondo potrebbe oscillare con questa guerra tra Ucraina e Russia, in realtà una guerra dichiarata alla Russia dagli Stati Uniti, e il regno incontrastato del dollaro potrebbe essere finito o in procinto di esistere. Gli Stati Uniti lo accetteranno? Non sono pronti a scatenare l’impensabile per opporvisi? La domanda è posta.

 

CONCLUSIONI RISULTATI

 

 

 

 

 

In questo conflitto, nessuno nega che la Russia sia l’aggressore. Questa aggressione va condannata. Ma il regime di Kiev va condannato anche per non aver voluto applicare gli accordi di Minsk che ha comunque firmato nel 2014 e nel 2015. Non dobbiamo dimenticare che Volodymyr Zelensky è stato eletto nel 2019 su un programma di pace con la promessa di allentare le tensioni con la Russia e risolvere la crisi nell’Ucraina orientale. Anche Francia e Germania sono colpevoli di non aver rispettato la loro firma che ha reso questi due paesi i garanti dell’applicazione di questi accordi di Minsk. Gli Stati Uniti e la NATO, per la loro azione svolta per tre decenni contro la Russia e in particolare per la loro azione per dieci anni in Ucraina, devono essere condannati. Infine, gli Stati Uniti hanno fatto di tutto all’inizio del 2022 perché questo conflitto scoppiasse. “Le guerre non sono coloro che le danno inizio, ma coloro che le hanno rese inevitabili”. Questa formula attribuita a Montesquieu illustra perfettamente l’attuale conflitto. I russi hanno iniziato questa guerra, ma gli Stati Uniti l’hanno resa inevitabile.

 

Oggi l’Occidente si affretta a condannare la Russia demonizzando il suo presidente, Vladimir Putin. Sebbene questo conflitto non sia solo militare – ma è anche, tra le altre cose, mediatico – i media e la stragrande maggioranza dei commentatori impongono la loro griglia di lettura per analizzare la situazione e le questioni riprendendo la narrativa sviluppata dal regime di Kiev e trasmessa dagli anglosassoni, oscurando completamente quanto accaduto prima del 24 febbraio 2022.

 

È quindi un’analisi parziale e unilaterale che domina e che rifiuta risolutamente di prendere in considerazione le ragioni storiche che hanno portato a questa tragedia, perché mettono in evidenza il ruolo e la responsabilità degli Stati Uniti, della NATO e del regime di kyiv in questo conflitto che – va ricordato – non avrebbe mai dovuto aver luogo.

 

Inoltre, come interpretare questa isteria totalmente sproporzionata e divenuta patologica antirussa che costituisce in definitiva l’asse maggiore della politica americana, un’isteria meno marcata ma comunque condivisa dai paesi europei il cui interesse è tuttavia l’instaurazione di relazioni pacificate nel continente europeo? Questa stessa isteria, questa stessa condanna si sono manifestate contro gli Stati Uniti che hanno attaccato la Serbia nel 1999 e l’Iraq nel 2003, per fare solo questi due esempi, violando così il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite? Abbiamo condannato i loro numerosi interventi decisi unilateralmente e le loro conseguenze che hanno provocato decine, anche centinaia di migliaia di morti e ingenti distruzioni? Come capire questo ovvio doppio standard?

 

Per chi ha servito la Francia in divisa e ha partecipato alla Guerra Fredda contro il Patto di Varsavia e quindi contro l’ex URSS che l’ha persa, ha poi partecipato alla gestione di altre grandi crisi tra cui quella dell’attacco all’Iraq nel 2003 da parte degli Stati Uniti all’interno un organismo interministeriale che riferisce al Presidente del Consiglio, tutto ciò che riguarda la protezione e la difesa dei nostri connazionali, e quindi della nazione e del territorio nazionale, tutto ciò che lede gli interessi della Francia e quindi le minacce che possono colpire il nostro Paese resta fonte di interesse e preoccupazione. Inoltre, provenendo dalla comunità dell’Intelligence, ritengo di aver acquisito una certa esperienza su come apprendere e gestire una crisi. L’indipendenza in questo ambito è un fattore chiave ed è la capacità di monitorare la situazione il più da vicino possibile e di orientare la propria

fonti (immagini satellitari, ricognizioni aeree, fonti tecniche, molteplici fonti umane di cui bisogna conoscere il livello di affidabilità di ciascuna), determinate dal bisogno espresso, che permette di raccogliere informazioni poi analizzate dagli esperti. Questo lavoro di analisi porta poi alla produzione di sintesi nazionali che vengono messe a disposizione del capo, in questo caso nell’attuale crisi il Presidente della Repubblica che ne tiene conto nelle decisioni che è chiamato a prendere, oppure no. È possibile arricchire questi ultimi attraverso scambi con partner o alleati. Tuttavia, dobbiamo rimanere cauti e mantenere sempre una mente critica per evitare qualsiasi tentativo di evasione o manipolazione da parte di un alleato come gli Stati Uniti quando in determinate aree mostriamo una mancanza e quindi una dipendenza. Non dobbiamo, per mancanza di informazioni per mancanza di risorse nazionali, lasciarci trascinare in azioni che rispondano agli interessi di un alleato come gli Stati Uniti, che può risiedere nelle informazioni fornite. Non si tratta qui di fantasia, ma di un’osservazione vissuta durante la guerra nell’ex Jugoslavia.

 

Inoltre, aggiungo che durante la Guerra Fredda il nemico era proprio il Patto di Varsavia guidato dall’ex Unione Sovietica. Abbiamo vinto questa guerra più di trent’anni fa. Ma da allora sono cambiate molte cose che avrebbero potuto portare a nuove relazioni politiche tra i paesi europei, e in particolare l’Unione Europea, da un lato, e la Russia dall’altro. Del resto, in termini di commercio, questo è proprio quello che è successo dall’inizio degli anni 2000. Ma le sanzioni economiche decretate dopo l’aggressione in Ucraina riflettono la negazione di tutto il lavoro intrapreso da molti anni nel continente europeo nel ben inteso interesse di tutti. È deplorevole che non si sia cercato un riavvicinamento più concreto con la Russia, in particolare nel campo dell’analisi e della lotta all’islamismo, una grave minaccia che grava sull’intero continente europeo e che è comune. Inoltre, è questa minaccia che ha portato la Russia a intervenire efficacemente in Siria alla fine del 2015, evitando così il crollo di questo Paese che avrebbe portato gli islamisti alla presa del potere. Quest’ultimo avrebbe poi provocato per effetto domino la destabilizzazione del Libano e della Giordania, portando a una nuova grande ondata di profughi. Ma è vero che gli europei vassalli non sono capaci né di capire quali siano i propri interessi né di indicare il nemico.

 

L’esempio del conflitto Ucraina-Russia è emblematico di questa incapacità. La narrativa fornita dal regime ucraino e trasmessa o addirittura imposta dagli Stati Uniti è l’unica presentata dai media sovvenzionati ei loro giornalisti denigrano e tradiscono la Carta di Monaco. Questa narrazione non è in alcun modo il prodotto di servizi di intelligence professionali e scrupolosi, ma piuttosto quella di un’impresa distorcente la realtà intrapresa da attori prevenuti, il minimo che possiamo dire è che non sono sempre stati ugualmente virulenti nei confronti di un altro aggressore, gli Stati Uniti . Non è lecito interrogarsi sulle reali motivazioni di chi cerca di imporre questa lettura parziale e di impedire ogni riflessione autonoma e seria? Ovviamente esistono e per noi francesi bisogna porsi delle domande: chi ha deciso di destituire il generale al comando del DRM? È stato sollevato dal suo comando perché il DRM non ha aderito alla versione degli eventi che gli Stati Uniti volevano imporre? Perché abbiamo scelto di allinearci all’analisi americana e rifiutare quella del DRM, che è perfettamente fondata e che, non assecondando l’ipotesi di un attacco russo, ha offerto l’opportunità ai nostri leader di cercare di ridurre le tensioni provocando discussioni? Perché i nostri media continuano a iniziare certe osservazioni con “secondo i servizi di intelligence americani” ? Perché non parlare mai dal punto di vista dei nostri servizi di intelligence? Ai nostri esperti di intelligence è stato chiesto di tacere dopo il discutibile licenziamento del generale al comando del DRM?

Questa guerra è una grande disgrazia per l’Europa, i cui leader purtroppo non sanno come imparare le lezioni della storia perché sono ciecamente sottomessi agli Stati Uniti, il cui obiettivo è impedire qualsiasi riavvicinamento con la Russia. Questa guerra è infatti quella degli americani e non è assolutamente nell’interesse degli europei che si stanno suicidando economico e geopolitico a causa delle sanzioni decise contro la Russia. La Francia non ha alcun interesse da difendere in Ucraina o nel Mar Nero.

 

Gli interessi ben compresi della Francia sono avere e difendere un’analisi indipendente per condurre una politica estera sovrana che non sia dettata da un potente alleato come gli Stati Uniti con cui possiamo avere punti di accordo, ma anche disaccordi, o dalla NATO che ha diventare un’organizzazione non solo offensiva, ma bellicosa al servizio degli interessi americani e non certo europei. Ciò è tanto più ovvio e necessario in quanto prima o poi si dovranno ristabilire nuove relazioni con la Russia per ricostruire uno spazio di sicurezza in cui essa abbia, piaccia o no, il suo pieno posto. Questo riguarda direttamente noi europei e in particolare i francesi. Dobbiamo garantire la protezione dei popoli d’Europa e la stabilità del continente europeo. Questo è l’interesse dell’Europa e quindi dell’UE, chiaramente non quello degli Stati Uniti.

 

Perché il rischio di una conflagrazione oggi sta nel fatto che la situazione militare non si evolve nella direzione prevista dagli Stati Uniti, nonostante i massicci aiuti forniti all’Ucraina, che vanificano fortemente gli obiettivi di quest’ultima e la portano a radicalizzare il proprio discorso . Un’aggravante, questo conflitto in realtà contrappone gli Stati Uniti alla Russia, le due maggiori potenze nucleari del mondo e i leader americano e russo non si parlano! E non sarà certo il presidente francese che d’ora in poi potrà fare da intermediario. Non è riuscito a farlo perché il suo approccio è stato partigiano fin dall’inizio e perché la sua visione della diplomazia a cielo aperto, insieme alle indiscrezioni sulle conversazioni tenute con Vladimir Putin, lo hanno screditato. Possiamo ricordare che durante la crisi dei missili cubani del 1962, fu proprio un negoziato – quindi un dialogo – tra gli Stati Uniti e l’ex URSS a mettere fine all’escalation? Senza questo dialogo sarebbe potuta scoppiare una guerra nucleare. L’ex Unione Sovietica aveva capito che questa questione era considerata esistenziale dagli Stati Uniti e il loro progetto era stato saggiamente abbandonato. Riusciranno oggi gli Stati Uniti a riconoscere, a loro volta, che la questione dell’Ucraina è una questione esistenziale per la Russia e che è tempo di rinunciare alla loro impresa? Quanto all’Unione Europea, si rende conto che non solo sta sacrificando economicamente i popoli che dovrebbe proteggere, ma che li sta mettendo in prima linea in caso di straripamento del combattimento militare al di fuori del campo attuale quando questa guerra non è suo? Grande è la sua responsabilità nell’evoluzione della situazione delle ultime settimane precedenti il ​​24 febbraio scorso.

 

Non volendo ammettere che l’Ucraina non ha potuto aderire alla NATO dopo la continua espansione di quest’ultima ai confini russi dalla fine della Guerra Fredda, non avendo osato tentare di convincere gli Stati Uniti della legittimità della posizione della Russia in materia, il L’Unione Europea ha commesso una colpa imperdonabile. Perché questa colpa risulterà, oltre alle drammatiche conseguenze delle sanzioni economiche che subiranno i popoli europei, da un suicidio geopolitico e geostrategico e dallo smembramento dell’Ucraina che si sarebbe potuto evitare.

 

Infatti, dopo il pesante prezzo pagato dalla Russia durante la prima fase di questa guerra, pensare che i negoziati, quando si svolgeranno, consentirebbero all’Ucraina di tornare alla situazione prima del 24 febbraio 2022 è un grosso errore. La determinazione degli Stati Uniti, della NATO e dell’UE a prolungare un conflitto perduto in anticipo e

la testardaggine del presidente ucraino ha effettivamente messo la Russia in una posizione di forza. Il tempo stringe per quest’ultimo, che ora potrebbe cercare di ricostituire Novorossiya (appendice 5) dando vita a un nuovo Stato che rimarrebbe sotto la guida di Mosca, o che sarebbe annesso alla Russia.

 

Vediamo le conseguenze per noi europei di un allineamento pavloviano di un’Unione europea totalmente sottomessa agli Stati Uniti pronta a sacrificare vite europee per raggiungere obiettivi contrari ai nostri interessi nel continente europeo. Non è forse ora che la ragione si riaffermi e che l’Ue si emancipa finalmente dalla vigilanza impropriamente esercitata dagli onnipotenti Stati Uniti, che le impedisce di decidere da sola? È tempo di adottare un approccio politico ai problemi di natura geopolitica e geostrategica secondo gli imperativi legati alla realtà.

 

I prossimi mesi saranno decisivi per l’Unione Europea.

 

O si rende conto che questa guerra tra Ucraina e Russia era in gran parte evitabile e che ha commesso un errore seguendo ciecamente gli Stati Uniti e la NATO in una mossa contraria ai propri interessi nel continente europeo. Ciò potrebbe comportare uno sconvolgimento collettivo che potrebbe essere provocato anche dalle conseguenze disastrose delle sanzioni decise contro la Russia che subiranno i popoli d’Europa.

 

O l’Unione Europea persiste nel suo errore che traduce, di fatto, un approccio essenzialmente antirusso a questa crisi. Ciò farebbe poi precipitare la sua caduta e la sua perdita di credibilità e influenza, in particolare nel continente europeo. I popoli d’Europa dovrebbero allora soffrire molto più duramente e duramente della Russia per le molte conseguenze delle sanzioni economiche decise.

 

Aggiungo che la Francia ha presieduto l’Unione Europea durante la prima metà del 2022. Purtroppo, ha mancato l’appuntamento cruciale che la Storia le ha offerto con questa crisi, prima e dopo il suo scoppio. Potrebbe anche farci pagare per questo.

 

20 luglio 2022

Generale (2s) Antoine MARTINEZ

annexe 1

annexe 2

Point de situation des combats en Ukraine

 

 

Sources : Liveuamap, Wikipédia

 

annexe 3

Le front dans le Dombass

 

Sources : Openstreetmap.org et @Militarylandnet, Wikipédia, Liveuamap

 

annexe 4

annexe 5

La Novorossiya

En octobre 2014, les rebelles du sud de l’Ukraine joignent leurs forces pour créer les « Forces conjointes de Novorossiya ». La rébellion est rapidement matée par les nouvelles autorités de Kiev. Cet épisode est oublié de nos médias, car il montre que la résistance au coup d’Etat de Maïdan n’était pas limitée au Donbass, mais concernait presque tout le sud du pays. C’est probablement à l’intérieur de ces frontières (à rapprocher de la carte (cf. annexe 6) sur l’usage de la langue russe) que pourrait émerger un nouvel État, sous la houlette de Moscou.

annexe 6

Usage de la langue russe en Ukraine (2003)

https://www.minurne.org/wp-content/uploads/2022/07/ukraine-russie-du-fantasme-a-la-realite.pdf

Ucraina, il conflitto 10a puntata_con Stefano Orsi e Max Bonelli

Nel caso il video non sia accessibile oppure ostacolato nella visione su You Tube, gli ascoltatori possono accedere al canale di Italia e il mondo su rumble.com , precisamente al seguente indirizzo: https://rumble.com/v1e3hsr-stefano-orsi-e-max-bonelli-ucraina-il-conflitto-10a-p.html, come in calce allo scritto.

Siamo alla decima puntata. A Max Bonelli si è aggiunto Stefano Orsi a completare il quadro e gli spunti analitici di un conflitto della cui narrazione non si riesce a intravedere quale sarà l’ultima puntata. E’ una guerra di logoramento, apparentemente statica; è una delle parti però a manifestare crescenti segni di usura. Lo stesso regime inizia a conoscere momenti di convulsione sino a sacrificare pezzi importanti dei centri decisori. L’evidenza conferma che non è Zelensky a dettare le mosse e i suoi tempi. Il regime, del resto sta esaurendo completamente le proprie risorse e dipende totalmente dal sostegno esterno e da disegni estranei agli interessi del paese. Continuerà la recita almeno sino all’arrivo del generale inverno. Nel frattempo si vedrà sino a quando e sino a quanto i suoi mentori, specie quelli europei, saranno in grado di sostenere lo sforzo e le pesantissime implicazioni del loro impegno. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v1e3hsr-stefano-orsi-e-max-bonelli-ucraina-il-conflitto-10a-p.html

Le ultime notizie sull’Ucraina da Jacques Baud

Thomas Kaiser (TK): Nelle ultime due settimane, la narrazione dei media mainstream è leggermente cambiata. Si sente parlare sempre meno direttamente della guerra, non si parla più delle alte perdite dei russi e dei successi militari degli ucraini. Che cosa è cambiato?

Jacques Baud (JB): In realtà non è cambiato nulla. Si tratta di un cambiamento di percezione. È noto da diverse settimane che la situazione dell’Ucraina e delle sue forze armate è catastrofica. Le perdite umane e materiali del paese sono molto elevate. Inizialmente, l’Ucraina e i nostri media hanno minimizzato queste perdite per sviluppare una narrazione su una sconfitta russa e una vittoria ucraina. Oggi, la realtà sul campo di battaglia costringe l’Ucraina a riconoscere queste perdite. Allo stesso tempo, Zelensky ha capito che queste perdite potevano essere usate come argomento per fare pressione sull’Occidente per ottenere ulteriori aiuti.

TK: D’altra parte, il problema è sempre quello della consegna delle armi richieste. Chi dovrebbe far funzionare le armi quando la maggior parte dell’esercito è accerchiata nel Donbass?

JB: Prima di tutto, è importante capire che le consegne di armi occidentali pongono diversi problemi. In primo luogo, nemmeno le agenzie d’intelligence statunitensi sanno se e dove finiranno le armi consegnate. Il capo dell’Interpol avverte che alcune di queste armi potrebbero finire nelle mani di organizzazioni criminali. Già alcuni missili anticarro Javelin sono stati offerti sulla Darknet per 30.000 dollari. A quanto pare, queste armi sono rivendute non appena arrivano a Kiev. In secondo luogo, le armi sono spesso distribuite in base all’ordine di arrivo e non sempre raggiungono coloro che ne hanno più bisogno sul campo. Infine, spesso finiscono nelle mani della coalizione russa.

TK: Come possiamo dirlo?

JB: Attualmente, le milizie della Repubblica di Donetsk sono equipaggiate con missili Javelin, che provengono dalle scorte ucraine catturate dall’esercito russo. Ricordiamo che gli elicotteri ucraini che erano andati ad esfiltrare i combattenti da Azovstal sono stati abbattuti con missili Stinger forniti dagli Stati Uniti. Inoltre, le armi fornite dall’Occidente costituiscono solo una frazione di quelle distrutte dai russi. Per esempio, la Gran Bretagna e la Germania stanno inviando all’Ucraina tre lanciarazzi multipli M270 ciascuno, ma all’inizio della guerra l’Ucraina aveva diverse centinaia di sistemi equivalenti. In altre parole, queste armi non cambieranno nulla, ma prolungheranno solo il conflitto e ritarderanno il tempo dei negoziati, come ha spiegato Davyd Arakhamia, capo negoziatore e stretto consigliere di Zelensky.

TK: È davvero incredibile. Si è sempre parlato d’ingenti perdite russe. Possono essere verificate e quali sono le perdite da parte ucraina?

JB: In realtà, il numero di soldati uccisi non è noto, né ai russi né agli ucraini. I numeri citati dai media occidentali sono quelli diffusi dalla propaganda ucraina. Tuttavia, all’inizio di giugno, il presidente Zelensky ha svelato il tasso di mortalità delle forze armate ucraine e ha parlato di 60-100 soldati uccisi al giorno. Una settimana dopo, Mykhailo Podoliak, consigliere di Zelensky, ha dichiarato che le forze armate ucraine perdevano dai 100 ai 200 uomini al giorno. Oggi, Arakhamia parla di 200-500 morti al giorno e di un totale di 1000 perdite (morti, feriti, catturati, disertori) il giorno. Non è chiaro se queste cifre siano corrette.

TK: Ci sono osservazioni in base alle quali si può avere un quadro realistico dei numeri?

JB: Gli esperti vicini all’intelligence ritengono che queste cifre siano molto al di sotto della realtà. D’altra parte, le cifre ucraine sono ancora più alte delle stime dell’esercito russo. Alcuni sostengono che le forze ucraine abbiano 60.000 morti e 50.000 dispersi. Tuttavia, questi numeri non sono al momento verificabili.

TK: Perché gli ucraini riportano solo ora cifre così alte di vittime?

JB: È molto probabile che gli ucraini stiano riportando cifre elevate per fare pressione sull’Occidente affinché aumenti le sue forniture di armi. Tuttavia, questo non spiega tutto. La questione fondamentale è il modo in cui la leadership ucraina conduce le sue operazioni. Invece di avere un approccio dinamico al campo di battaglia e di trarre vantaggio spostando le truppe, l’Ucraina – e Zelensky in particolare – ordina alle sue truppe di “alzarsi e combattere”. Una situazione non dissimile da quella della Francia durante la Prima Guerra Mondiale. Questa è la principale differenza tra l’Ucraina e la Russia: in Ucraina le operazioni sono gestite dalla leadership politica, mentre in Russia sono gestite dallo Stato Maggiore. Questo spiega il fallimento dell’approccio ucraino. Anche i militari statunitensi sembrano aver individuato questo problema.

TK: In che modo?

JB: Secondo Arakhamia, i tentativi di guadagnare terreno contro l’esercito russo servono solo a garantire in seguito una migliore posizione di partenza per i negoziati con i russi. Si tratta di una guerra puramente politica, senza alcun riguardo per le vite dei soldati. Quest’approccio è sostenuto dai paesi occidentali e dalla nostra diplomazia. È molto preoccupante.

TK: All’inizio della guerra si sottolineava la volontà di resistenza degli ucraini. Non esiste più?

JB: Penso che i soldati ucraini stiano facendo il loro lavoro con coraggio. Combattono da posizioni rinforzate e dalle trincee che hanno scavato nel 2014 intorno al Donbass. Purtroppo, una volta di fronte all’artiglieria e a un nemico mobile, le loro possibilità di successo sono scarse. Sembra che lo Stato Maggiore ucraino volesse ritirare questi uomini in posizioni di combattimento più favorevoli, ma la leadership politica del paese si è rifiutata. In questo contesto, i nostri media e i politici hanno giocato un ruolo perverso perpetuando l’illusione di una vittoria ucraina e la promessa di forniture di armi su larga scala.

TK: Così facendo, hanno preso per il naso l’opinione pubblica, compresi gli ucraini.

JB: Sì. Oggi è chiaro che gli ucraini e l’Occidente si sono mentiti a vicenda solo per mettere nei guai la Russia. Gli ucraini sono ora costretti a inviare le loro unità territoriali mal equipaggiate e mal preparate dall’ovest del paese al Donbass. Questo crea malcontento e ci sono state numerose manifestazioni contro Zelensky nella parte occidentale del paese e a Kiev. A causa di ciò, Kiev ha dovuto emanare nuove leggi per mettere a tacere coloro che non sono d’accordo con il governo. La nostra diplomazia ha chiaramente contribuito attivamente alla morte di migliaia di militari ucraini. Tuttavia, oggi sembra che siano i militari occidentali a cercare di riportare alla ragione il modo in cui affrontiamo questo conflitto.

TK: Ma non ci sono movimenti di resistenza nei territori occupati dalla Russia?

JB: È interessante notare che non ci sono movimenti di resistenza popolare alla presenza russa. La narrazione occidentale di un’eroica resistenza popolare contro la Russia si basa essenzialmente sulle dichiarazioni dei nazionalisti della parte occidentale del paese. In realtà, le aree occupate dalla coalizione russa nella parte orientale e meridionale del paese sono abitate da russofoni. Gli ucraini non hanno mai considerato questa popolazione come ucraina, come dimostra la legge sui popoli indigeni dell’Ucraina, adottata all’inizio del luglio 2021. Dopo essere stata bombardata regolarmente dal 2014 dal proprio esercito, come a Donetsk, la popolazione russofona del sud del Paese non si oppone più di tanto alla presenza russa. Anzi, tende a vedere i russi come dei liberatori.

TK: Su questa base, possiamo già prevedere cosa intende fare la Russia in Ucraina?

JB: I russi sono molto discreti sulle loro intenzioni, in quanto adattano i loro obiettivi alla volontà degli ucraini di negoziare. Finché gli ucraini rifiuteranno di negoziare, i russi continueranno ad avanzare e a guadagnare territorio. A marzo erano pronti a negoziare sulla base delle proposte di Zelensky. Tuttavia, su pressione di Boris Johnson, Zelensky ha ritirato la sua offerta. Dopodiché, i russi hanno continuato a fare progressi.

TK: Che cosa significa ora?

JB: Non rimetteranno sul tavolo dei negoziati ciò che gli ucraini avrebbero potuto recuperare a marzo. A questo punto, è probabile che i russi si spingano ulteriormente verso Odessa per stabilire un collegamento con la Transnistria. Non è improbabile che si verifichi una “ri-creazione” della Novorussia nell’Ucraina meridionale. La conseguenza più importante delle azioni russe è che l’Ucraina perderà l’accesso al mare.

TK: Ultimamente i nostri media hanno riportato la notizia che la Russia è responsabile dell’aumento dei prezzi del grano e della conseguente carestia. Ha qualche informazione in merito?

JB: Le accuse contro la Russia fanno parte della narrativa occidentale per isolare la Russia dal resto del mondo e per assolvere l’Occidente dai propri errori. Innanzitutto, l’aumento globale dei prezzi dei cereali non è direttamente dovuto alla guerra, ma è il risultato delle misure adottate per affrontare il CoViD-19 e delle condizioni create dalle sanzioni occidentali, cercando deliberatamente di drammatizzare la situazione. Lo stesso fenomeno si può osservare nei prezzi del petrolio.

L’attuale aumento dei prezzi dei cereali è il risultato di diversi fattori. In primo luogo, le restrizioni ai pagamenti che inducono gli acquirenti a temere le sanzioni statunitensi nei loro confronti. In secondo luogo, le spedizioni sono diventate troppo costose perché il mercato del petrolio si è ridotto a causa delle sanzioni occidentali. In terzo luogo, le sanzioni occidentali impediscono ai fertilizzanti di entrare nel mercato; questi prodotti non sono soggetti a sanzioni, ma ci sono state restrizioni sui mezzi di pagamento che hanno indotto gli acquirenti a temerli.

TK: Tuttavia, si accusa l’Ucraina di non poter fornire grano a causa dei russi. È davvero così?

JB: No, non è vero, per due motivi principali. Il primo è che i nostri media, ovviamente, non riportano che i porti del Mar Nero sono stati minati dall’Ucraina perché temeva un attacco dal Mar Nero. A causa delle tempeste, molte di queste mine si sono staccate e si muovono liberamente. Sono diventate un pericolo per la navigazione marittima. La Marina turca ha dovuto disinnescarne alcune che avevano raggiunto il Bosforo.

La seconda ragione è che la Russia non blocca i porti ucraini. Al contrario, permette ai convogli navali di rifornire i porti ucraini; garantisce persino corridoi marittimi le cui coordinate sono trasmesse a intervalli regolari sulle frequenze radio marittime internazionali. Il problema è che questi corridoi non vengono utilizzati a causa delle mine ucraine. Per inciso, Davyd Arakhamia ha chiarito che l’Ucraina non ha alcuna intenzione di rimuovere le sue mine dal Mar Nero. È diventato un po’ di moda incolpare Putin per le decisioni dell’Occidente che non sono state pensate a fondo e non sono inserite in una strategia coerente.

TK: Questo ha effettivamente creato una carenza nel mercato? O si tratta di un processo artificiale per far salire i prezzi?

JB: Non sono un esperto di commercio di cereali. Ma da un lato l’Ucraina non è riuscita a vendere il suo raccolto di grano del 2021 prima dell’offensiva russa, dall’altro la Russia sembra aspettarsi un raccolto eccezionale per il 2022. Di conseguenza, non sembra che ci sia una carenza di grano. Il problema è che il grano non riesce a raggiungere il mercato. Ciò è dovuto principalmente alle sanzioni occidentali contro la Russia e la Bielorussia. Naturalmente, questa situazione ha suscitato l’interesse degli speculatori, ma non sono in grado di valutare quest’aspetto.

TK: La Polonia ha ripetutamente mostrato di essere piuttosto preoccupata che un attacco russo sul suo territorio possa avvenire presto. Quanto è realistico questo scenario?

JB: La Polonia ha ripetutamente gettato benzina sul fuoco di questo conflitto. Sogna di realizzare il vecchio progetto dell’Intermarium, voluto dal maresciallo Pilsudski negli anni Trenta, che avrebbe unito i paesi tra il Mar Baltico e il Mar Nero. Questo ricorda la nostalgia del Regno di Polonia del XVII secolo. La Polonia sogna un conflitto aperto con la Russia perché crede, come l’Ucraina, che con l’aiuto della NATO potrebbe sferrare il colpo finale per sconfiggere la Russia una volta per tutte, in modo da realizzare questo vecchio sogno. Questo dimostra, tra l’altro, che l’interesse della Polonia per l’Europa è solo superficiale.

TK: Perché i paesi europei non si accorgono del gioco sporco che si sta facendo?

JB: L’obiettivo dei paesi occidentali (tra cui ovviamente la Svizzera) è quello di destabilizzare il governo russo in un modo o nell’altro. Per questi paesi, il fine giustifica i mezzi. Pertanto, non abbiamo alcuna remora ad attaccare la popolazione russa (anche nei nostri paesi) e a sacrificare quella ucraina. Come ha detto Andrés Manuel López Obrador, presidente del Messico, a proposito della politica della NATO nei confronti dell’Ucraina: “Noi forniamo le armi, voi fornite i cadaveri! Questo è immorale”.

TK: Signor Baud, grazie mille per questa intervista.

*****

 Intervista di Thomas Kaiser a Jacques Baud pubblicata su The Postil Magazine il 1° luglio 2022
Traduzione in italiano di Confab per SakerItalia

http://sakeritalia.it/ucraina/le-ultime-notizie-sullucraina-da-jacques-baud/?fbclid=IwAR3WptXsdYrrmXMQt91WCvdOEjt03LuvbFDddT_xsZw3jRab-vfL4IJMCGc

La guerra segreta di Zelensky tra purghe e complotti, di Gianandrea Gaiani

https://www.analisidifesa.it/2022/07/la-guerra-segreta-di-zelensky-tra-purghe-e-complotti/

(aggiornato alle 13,55)

Le “purghe” senza precedenti negli ambienti dei servizi di sicurezza ucraini (SBU) sembrano allargarsi anche a magistratura, vertici militari ed esponenti politici.

Il 17 luglio il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha licenziato il capo del Servizio di sicurezza nazionali (SBU), Ivan Bakanov, e la procuratrice generale, Irina Venediktova in base dell’articolo 47 della Carta disciplinare delle forze armate ucraine. L’articolo recita che un ufficiale o un funzionario può essere rimosso per “mancato esercizio delle funzioni, che ha provocato vittime umane o altre gravi conseguenze” o ha creato situazioni tali da poter portare a queste conseguenze.

Circa Bakanov, il presidente ha dichiarato che “questa persona è stata licenziata da me all’inizio dell’invasione su vasta scala e, come si può vedere, tale decisione era assolutamente giustificata”, ha dichiarato il presidente ucraino. “Sono state raccolte prove sufficienti per la notifica, a questa persona, di sospetto tradimento. Tutte le sue azioni criminali sono documentate.

Tutto ciò che ha fatto in questi mesi e anche prima riceverà un’adeguata valutazione legale. Il presidente ha aggiunto che “saranno ritenuti responsabili anche tutti coloro che assieme a lui facevano parte di un gruppo criminale che ha lavorato nell’interesse della Federazione russa”. Il riferimento è al passaggio di informazioni segrete al nemico e ad altre forme di collaborazione coi servizi speciali russi. “Sono state prese decisioni sul personale nei confronti dei capi regionali del settore della sicurezza Kherson, Kharkiv.

06fe42cd5a5143f92800044c06d5dbed_1656004525_extra_large-e1656054633344 (2)

Il presidente ucraino ha reso noto che sono stati avviati 651 procedimenti criminali per tradimento e collaborazionismo. “In particolare, oltre 60 impiegati dell’ufficio del procuratore e dell’SBU sono rimasti nel territorio occupato e stanno lavorando contro il nostro Stato”.

Queste rimozioni hanno dato il via a “purghe” che starebbero colpendo molti ufficiali dello SBU accusati di collusione con i russi nelle zone occupate dalle truppe russe e dai secessionisti del Donbass accompagnati da rastrellamenti in tutte le aree a ridosso del fronte (quindi Mikolayv, Odessa, Kharkhiv, Dniptro, Zaporizhzhia e altre regioni dove la precisione dei raid missilistici russi (soprattutto contro i depositi di armi e munizioni giunte dall’Occidente) induce gli ucraini a ritenere vi siano molti “collaborazionisti” tra i civili e i funzionari pubblici.

Rastrellamenti e rappresaglie nei confronti di “collaborazionisti” o supposti tali erano già stati segnalati nelle aree intorno a Kiev e Sumy da dove le truppe russe si erano ritirate a fine marzo .

Oggi l’SBU ha reso noto di aver identificato “tutti i collaboratori che si sono uniti alla direzione principale del Ministero degli affari interni della regione di Kherson creata dall’amministrazione dell’occupazione. Sono stati raccolti i dati di ciascun collaboratore, documentata l’attività criminale e stabilite posizioni e movimenti: 26 rappresentanti del dipartimento regionale del Ministero degli Affari Interni che si nascondono nel territorio temporaneamente occupato della regione di Kherson, hanno già ricevuto avvisi di garanzia. 14 di loro sono ex dipendenti della polizia nazionale”.

Zelensky aveva annunciato nei giorni scorsi il licenziamento di altri 28 membri dell’SBU, epurazione che potrebbe indicare che qualcosa di grave sta succedendo a Kiev anche se le voci diffusesi nei giorni scorsi di un tentato golpe e attentato contro il presidente non hanno trovato conferme.

Oggi il presidente ha cacciato  Ruslan Demchenko, primo vice segretario del Consiglio di Sicurezza e Difesa Nazionale già accusato dal giornalista ucraino Yurii Butusov di essere un agente russo.

Diverse le possibili interpretazioni della situazione attuale: Zelensky potrebbe voler punire i vertici dei servizi di sicurezza a causa del pessimo andamento della guerra e soprattutto per l’elevato numero di civili che restano nelle zone interessate dall’avanzata russa.

Non si può escludere che il presidente cerchi capri espiatori per giustificare gli insuccessi recenti e quelli forse imminenti, oppure che punti a consolidare il suo potere rimuovendo periodicamente funzionari divenuti troppo potenti e quindi potenzialmente pericolosi.

32ccdd5abfeafb372cfe361c52b10dde2e756213

Al di là del linguaggio propagandistico e della retorica sull’unità nazionale contro l’invasore, non va dimenticato che il conflitto in corso è anche una guerra civile con parte della popolazione delle regioni orientali e oltre 50 mila combattenti ucraini schierati al fianco dei russi.

Da quanto apprendiamo da fonti ucraine, in molti negli ambienti militari, di sicurezza e politici di Kiev trovano sempre di più ingiustificato combattere, subire ampie perdite e vedere devastata l’intera Ucraina nel vano tentativo di mantenere il controllo su Donbass e altri territori dove gran parte della popolazione guarda con ostilità (ricambiata) a Kiev.

Un accordo con i russi porterebbe alla perdita di almeno il 25 per cento del territorio nazionale ma consentirebbe all’Ucraina di sopravvivere e di puntare a ricevere aiuti militari dalla NATO ed economici dalla UE in vista di una possibile adesione a quest’ultima organizzazione.

Per evitare contestazioni Zelensky ha già messo fuorilegge 12 partiti, incluso quello Comunista a cui sono stati confiscati beni mobili e immobili: di fatto ogni forma di opposizione viene gestita con le leggi entrate in vigore dopo l’inizio della “operazione speciale” russa in Ucraina come “tradimento” e “complicità con gli invasori” anche se in molti casi il sospetto è che si tratti di una faida tra Zelensky e l’ex presidente Petro Poroshenko a cui da fine maggio sembra venga impedito di lasciare l’Ucraina.

Le recenti purghe sono state accolte con sarcasmo a Mosca dove la portavoce del ministero degli Esteri, Maria Zakharova, sul suo canale Telegram ha commentato che “la denazificazione è in pieno svolgimento”.

Del resto le citate rimozioni sono solo le ultime in ordine di tempo di una lunga serie. Il 18 luglio è stata rimossa dal Parlamento la ministra per le Politiche sociali Maryna Lasebna, mentre è stato arrestato l’ex capo del servizio di sicurezza in Crimea Oleh Kulinich.

Recentemente era stato rimosso il difensore civico Lyudmila Denisova (considerata politicamente vicina a Poroshenko) licenziata con l’accusa di inventare reati falsi o di aggravarne altri.

sbu

Nei giorni scorsi Zelensky aveva licenziato il capo dell’SBU di Kharkiv, Roman Dudin mentre il 28 giugno era stato rimosso il capo dell’amministrazione militare regionale di Kherson, Hennadii Lahuta e il vice ministro per il Digitale Senik Dmytro Yurievic.

Il 14 giugno era stato licenziato il capo dell’amministrazione militare di Chernivtsi e al capo dell’agenzia dei Progetti per le infrastrutture Kryvoruchko Olena. A fine marzo era stata la volta del capo del dipartimento sicurezza interna Andriy Olehovych Naumov e il capo dell’SBU a Kherson (città conquista rapidamente dai russi a fine febbraio), Serhiy Oleksandrovych Kryvoruchko.

Per tutti l’accusa è di tradimento. Le ‘purghe’ di Zelensky non hanno risparmiato neppure il corpo diplomatico: il 25 giugno il presidente ucraino aveva rimosso dal loro posto gli ambasciatori di Georgia, Slovacchia, Portogallo, Iran, Libano. Il 9 luglio era stata invece la volta degli ambasciatori in Germania, Ungheria, Repubblica Ceca, Norvegia e India.

Un parlamentare vicino all’ex presidente Poroshenko (nazionalista e ostile alla Russia), Oleg Sinyutka, ha dichiarato in parlamento che “il paese sta scivolando gradualmente verso una forma di governo dittatoriale” come riporta l’agenzia Adnkronos anche se tali valutazioni vengono solitamente ignorate dalla gran parte dei media occidentali, sempre più “militanti”.

Al di là delle comprensibili esigenze di mantenere la compattezza in una nazione in guerra, va rilevato che l’Ucraina neppure prima dell’attacco russo brillava per democrazia e trasparenza, come abbiamo recentemente illustrato su Analisi Difesa citando le classifiche stilate da importanti centri studi internazionali.

Foto Ministero della Difesa Ucraino

 

https://www.analisidifesa.it/2022/07/smettiamo-di-fingere-di-non-essere-anche-noi-in-guerra-contro-la-russia/

Smettiamo di fingere di non essere anche noi in guerra contro la Russia

ilyustratyvne-foto-2

 

 

C’è una immagine che continua a tornarmi alla mente ogni volta che si parla del terribile scontro in atto fra la Russia e l’Ucraina, nonché del ruolo, ad esso strettamente connesso, che viene svolto in questo periodo dagli Stati europei.
L’immagine è purtroppo quella manzoniana dei capponi che Renzo Travaglino porta in regalo all’avvocato Azzeccagarbugli e che, benché legati a testa in giù e chiaramente avviati ad un triste destino, continuano, incapaci di fare altro, a beccarsi ferocemente fra di loro.

È una immagine che si fa poi ancora più vivida quando dalla condizione Europea si passa ad esaminare quella di una Italia che a tutt’oggi continua imperterrita ad adottare moduli di comportamento, soprattutto politici, già discutibili allorché le cose andavano bene ad assolutamente inaccettabili per chi invece si trova nel bel mezzo di una guerra.

Anche se non vogliamo ammetterlo ufficialmente e ci appigliamo ad ogni bizantinismo disponibile per negarlo, è infatti l’Occidente, l’intero Occidente in tutte le sue componenti e non soltanto l’Ucraina, che sta combattendo contro la Russia in questo momento.

-5893060937227810457_120 (002)

Si tratta di un fatto di cui il nostro avversario si è reso pienamente conto, come ci ricordano ogni giorno le sue azioni sul terreno, le sue scelte in ambito internazionale ed infine le dichiarazioni, sempre in quel senso, dei suoi esponenti politici di rilievo.

Anche se Il Presidente Putin fosse pazzo – e non lo è – vi sarebbe sempre da riconoscergli una adamantina coerenza perlomeno nel mantenere questo atteggiamento.

Dall’altra parte invece noi abbiamo adottato un comportamento schizofrenico , tirando il sasso ma cercando nel contempo di nascondere la mano, forse sperando che il tutto possa alla fine risolversi in una limitata ” proxy war ” , vale a dire in uno scontro che si esaurisca entro i confini dell’unico stato della nostra parte per il momento direttamente coinvolto e comporti invece per la grande maggioranza di noi soltanto uno sforzo di supporto , che potrà magari rivelarsi molto oneroso sotto molti aspetti ma non ci costerà  mai quell’insieme di lutti, rovine e lacrime che produce un vero conflitto.

aczauczuaczu
È abbastanza logico che ciò avvenga, considerato come, sulla scia degli Stati Uniti, anche l’Europa avesse finito nei decenni successivi al crollo del Muro di Berlino con l ‘adottare progressivamente un sistema di confronto bellico che limitava il vero intervento dell’Occidente soltanto all’erogazione del fuoco e ad altri compiti connessi al suo elevato livello tecnologico, lasciando invece invariabilmente a sole forze locali il privilegio di scendere sul terreno, di combattere ….e di conseguenza di morire.

Così nella ex Jugoslavia ci siamo prima battuti contro i Serbi lasciando che fossero i Croati ad affrontarli da soli sul terreno, poi più a sud abbiamo utilizzato i Kosovari, ma curandoci bene di non mettere un solo “boot on the ground ” sino alla firma della tregua.

DONETSK REGION, UKRAINE - MAY 22, 2022: Servicemen of the People's Militia of the Donetsk People's Republic at a military vehicle in Mariupol which is controlled by the Donetsk People's Republic. Tension began to escalate in Donbass in February 2022. The Russian Armed Forces are conducting a special military operation in Ukraine following requests for assistance from the leaders of the Donetsk People's Republic and Lugansk People's Republic. Vladimir Gerdo/TASS Óêðàèíà. Äîíåöêàÿ îáëàñòü. Ìàðèóïîëü. Âîåííîñëóæàùèå Íàðîäíîé ìèëèöèè ÄÍÐ ó âîåííîé òåõíèêè. Â îòâåò íà îáðàùåíèå ðóêîâîäèòåëåé ðåñïóáëèê Äîíáàññà ñ ïðîñüáîé î ïîìîùè Âîîðóæåííûå ñèëû ÐÔ ïðîâîäÿò ñïåöèàëüíóþ âîåííóþ îïåðàöèþ íà Óêðàèíå. Âëàäèìèð Ãåðäî/ÒÀÑÑ

In Afghanistan infine l’onore di travolgere i talebani dopo gli attentati delle Torri Gemelle + stato lasciato ai  tagiki, agli uzbeki, agli hazara e alle altre minoranze della “Alleanza del Nord”, mentre la NATO ha scelto di entrare nel quadro soltanto in un momento decisamente successivo, allorché sembravano esistere  ragionevoli speranze di ricostruire il paese in tempi accettabili.

Questo significa che anche nel conflitto in atto  noi saremmo disposti a combattere ” sino all’ultimo soldato ucraino ” e non oltre?  Un timore che sempre più di frequente comincia a trasparire dai discorsi del Presidente Zelensky.

Probabilmente se potessimo lo faremmo e forse questa era l’idea iniziale di molti dei protagonisti coinvolti, ivi compresa una Italia che almeno a parole si incancrenisce in quel rifiuto della “guerra come mezzo di soluzione delle controversie internazionali” sancito dalla nostra Costituzione al punto tale da rifiutare di rendersi conto di alcune delle realtà che ha vissuto o da camuffarle, se del caso, sotto circonlocuzioni giuridiche estremamente precise soltanto nel non dire nulla.

FWpYp2oXgAIS9cq
Così siamo andati alla prima guerra del Golfo nel quadro di “una operazione di polizia internazionale condotta sotto l’egida delle Nazioni Unite per il ripristino della sovranità kuwaitiana”, mentre successivamente, prima nel caso del Kosovo, poi in quello della Libia, la parola “guerra ” non è stata mai pronunciata e almeno in una occasione il Governo Italiano è arrivato a negare anche un coinvolgimento delle nostre forze che in effetti invece era avvenuto.
Rifiutare di accettare di essere in realtà coinvolti in una grande guerra anche questa volta è molto più difficile, anche se forse non del tutto impossibile, almeno per qualche tempo ancora.

Sta comunque divenendo progressivamente sempre più chiaro come questo non sia solo un conflitto limitato che abbia come posta la definizione delle frontiere della Ucraina ma si configuri invece come l’inizio di un cambiamento epocale destinato a condizionare in maniera diversa da quella attuale i futuri equilibri di potere del mondo.
Come tale esso è uno scontro di giganti che assume sempre di più, giorno dopo giorno una configurazione in tal senso.

3-22

Ricordate quali fossero sino a pochi anni fa i “rogue states”, ossia le nazioni considerate dall’Occidente come “Stati canaglia “?

Erano la Corea del Nord, l’Iran, lo Yemen, la Siria, la Libia, tutti paesi di limitato rilievo, con l’unica eccezione dell’Iran.  Ora, come indicato dagli USA e confermato di recente dal nuovo Concetto Strategico approvato a Madrid dalla Nato, sono invece la Russia, la Cina e un Iran cui pare riservato il privilegio di essere sempre presente in liste di questo genere.

Inoltre la guerra non è più soltanto quella di un tempo, vale a dire la guerra guerreggiata da combattere con il fucile in mano, l’elmetto in testa e le bombe a mano nel tascapane.

ukrn3-305-550

Si tratta invece di un fenomeno ben più complesso, che va sotto il nome di “guerra ibrida ” ed investe tutti i settori in cui un attacco comunque condotto potrebbe indebolire l’avversario, anche soltanto potenziale.

Nel complesso si tratta di un tipo di Guerra in cui già da parecchio tempo la Russia si è scelta l’intero Occidente come avversario, scatenando offensive informatiche mirate, corrompendo, uccidendo, cercando di falsare i risultati di democratiche elezioni. Siamo in guerra da tempo dunque: una guerra non dichiarata ma nel contempo estremamente dura, guerra per la sopravvivenza ….quella guerra che con una visione ben più precisa della nostra il Santo Padre aveva da tempo individuata e definita come ” una guerra mondiale a pezzi”.

Come se ciò non bastasse da quando abbiamo iniziato a sostenere l’Ucraina fra noi e la Russia sono intercorsi una serie di atti che non sono certo stati di cortesia e che in altri tempi avrebbero costituito un preciso ed inequivocabile casus belli.

russians-demining-azovstal-plant-mariupol

Abbiamo deciso contro Mosca una pesantissima serie di sanzioni economiche? Non dimentichiamoci che anche se gli USA tendono a passare la cosa sotto silenzio l’attacco di Pearl Harbour altro non fu che la reazione di Tokyo ad analoghe sanzioni decise da Washington nei riguardi del Giappone.

Da tempo poi vi è un flusso continuo di armi, munizioni, materiali ed istruttori che parte dai nostri paesi ed è diretto in Ucraina. Per tacere poi dei volontari che vanno nella medesima direzione senza essere minimamente ostacolati … e c’è da chiedersi quanta parte del famoso “Battaglione Azov” fosse composta da cittadini dei nostri paesi.
Si aggiunga a questo una efficace, articolata ed onnipresente attività informativa che dal locale, al tattico ed allo strategico copre tutti i settori di interesse delle forze ucraine ed il quadro del nostro pressoché totale coinvolgimento diverrà completo.

Possiamo quindi ancora sostenere con un filo di logica di non essere in guerra? Di sicuro no, e sarebbe probabilmente bene che anche noi arrivassimo ad accettare in pieno questa scomoda verità. Se non altro per essere pronti domani ad affrontarne eventualmente le sgradite conseguenze!

Foto: Ministero della Difesa Ucraino, Ministero della Difesa Russo e TASS

1 2 3 16