IMPORTANTE: La Russia diventa ufficialmente la quarta economia mondiale, superando il Giappone, di SIMPLICIUS

Molti ricorderanno la notizia dell’anno scorso secondo cui la Russia aveva superato la Germania per il 5° posto nel PPP del PIL. Allo SPIEF, Putin ha annunciato che la Russia ha ufficialmente superato il Giappone per il 4° posto, secondo la Banca Mondiale:

Ma prima un po’ di background:

Questa può sembrare una notizia vecchia, dato che diversi mesi fa le persone hanno pubblicato il presunto sorpasso della Russia sull’economia giapponese. Tuttavia, c’è stata molta confusione poiché la fonte più utilizzata era un sito web del Regno Unito chiamato World Economics , che hanno confuso con la Banca Mondiale ma che in realtà non è una fonte “ufficiale” di alcun tipo.

Quello che è successo ora è che la Banca Mondiale ha annunciato la scorsa settimana di aver rivisto i dati sul PIL dal 2021 in poi, e in quelle revisioni ha scoperto che la Russia aveva già superato il Giappone già nel 2021, e ha continuato ad avanzare fino a Ora.

Ecco il loro comunicato ufficiale: https://www.worldbank.org/en/news/press-release/2024/05/30/global-purchasing-power-parities-data-released-for-2021

WASHINGTON, 30 maggio 2024 — Le nuove parità di potere d’acquisto (PPP), che forniscono un modo standardizzato per valutare il potere d’acquisto relativo di diverse economie, sono state rilasciate oggi dall’International Comparison Program (ICP) per l’anno di riferimento 2021.

Hanno una varietà di collegamenti a vari grafici e visualizzazioni.

E in effetti, la Russia ora sta sempre più superando la Germania, lasciandola nella polvere con 6,45 t contro 5,9 t. Per non parlare del fatto che la cifra dell’India è di 10,9 t, con la Russia che ha solo 1/10 della popolazione indiana ma più della metà del suo potere economico. Inoltre, fonti ufficiali riferiscono che la Russia ha un’economia sommersa di circa il 40%, che non può essere spiegata, praticamente la più alta del mondo:

Ecco un intero articolo russo dell’inizio di quest’anno che ne parla in dettaglio:

Tenete presente che ciò avvenne anche prima dell’annuncio ufficiale della Banca Mondiale del superamento del Giappone da parte della Russia. L’articolo rileva:

L’altro giorno, la Banca Mondiale ha pubblicato un rapporto sull’economia sommersa per paese, secondo il quale essa rappresenta circa il 5% del PIL totale in Giappone, l’8% in America e fino al 39% nel nostro paese, la Russia.

L’indice dell’economia sommersa in Russia è uno dei più alti al mondo, quasi l’84% più alto della media globale. Solo l’Ucraina (46% del PIL, ovvero 1.100 miliardi di UAH), la Nigeria (48% del PIL) e l’Azerbaigian (67% del PIL) hanno un’economia più grande nell’ombra. Al quinto posto c’è lo Sri Lanka con un indicatore del 38%.

Si prosegue spiegando aneddoticamente che molti russi guadagnano fino a un terzo dei loro stipendi dai mercati grigi clandestini, con milioni di annunci per servizi “non ufficiali” che lo attestano.

Ciò significa che la vera potenza economica nascosta della Russia potrebbe essere addirittura molto più elevata e addirittura più vicina a quella dell’India. Ho già sostenuto a lungo che la Russia, essendo il paese più sanzionato, indebolito e terrorizzato economicamente sulla terra, attraverso embarghi e veri e propri sabotaggi industriali come gli attacchi Nordstream, potrebbe non ottenere risultati soddisfacenti, per ora, nascondendo al contempo un’economia molto più potente di qualsiasi altra economia attuale. i registri mostrano. Se si eliminano quegli handicap artificiali che danneggiano ingiustamente l’economia russa, allora è quasi certo che la vera potenza economica non misurata della Russia è quella del terzo posto dietro Cina e Stati Uniti. È notevole che anche sotto un attacco senza pari, la Russia sia in grado di comandare uno dei paesi più veloci economie in crescita e più robuste del mondo.

L’economista Stefan Demetz nota inoltre correttamente che la struttura del debito particolarmente bassa della Russia e l’autosufficienza sotto forma di surplus commerciale rendono il suo valore economico ancora più alto di quanto sembri:

La Banca Mondiale ha recentemente riclassificato i dati relativi al PIL PPA e la Russia è diventata quarta davanti a Giappone e Germania.

Ma considerando il debito molto basso a fronte di alti livelli di riserva e l’autosufficienza in campo energetico, alimentare e militare, la Russia appare migliore di quanto indichino questi grafici.

Ci sono molti che dubitano del significato dell’indice PPP rispetto al PIL nominale, credendo alla menzogna inculcata in Occidente secondo cui il PIL regolare è quello “reale” mentre il PPP è solo una riformulazione “creativa” ma in definitiva spuria. Ma questo è lontano dalla verità, almeno per quanto riguarda i paesi in surplus commerciale, in particolare: per loro la PPP è il vero indicatore economico.

Questo perché il PIL nominale è prezzato in dollari (USD) e quindi è rilevante solo se si utilizzano quei dollari principalmente per acquistare cose, che è ciò che fanno i paesi che importano molte delle loro merci, dal momento che la maggior parte delle merci sui mercati mondiali sono acquistati nella “valuta di riserva” globale del dollaro statunitense. Ma la Russia è in surplus commerciale, il che significa che esporta molto più di quanto importa. È autosufficiente e non ha bisogno di fissare i prezzi in dollari, ma piuttosto nella propria valuta. Fatto ciò, il PIL “nominale” espresso in dollari diventa irrilevante e non si applica. E le poche cose che la Russia importa, ora le regola in altre valute native, come lo Yuan con la Cina, ecc. In breve: per paesi come la Russia, il PIL PPA è l’ unica misura accurata della dimensione e del potere economico, è il PIL nominale che valuta ingannevolmente l’economia del paese target in termini di valuta estera (USD) che non utilizza nemmeno nei suoi mercati interni e che distorce i numeri in base alle fluttuazioni delle valutazioni del cambio valutario.

Puoi leggere molto di più a riguardo nel mio precedente articolo sull’argomento:

La verità sul potere economico della Russia: è davvero così piccolo e debole come sostiene l’Occidente?

·
3 APRILE 2023
La verità sul potere economico della Russia: è davvero così piccolo e debole come sostiene l’Occidente?
Prefazione: Il seguente articolo è basato su uno che avevo precedentemente pubblicato sul Saker in questo esatto anniversario, che credo abbia maggiore importanza nel clima odierno. Quindi ho deciso di rivederlo pesantemente e aggiornarlo con i dati più recenti, triplicandone la lunghezza, per renderlo il più attuale possibile. Credo che questo sia io…
Leggi la storia completa

Questa sarà la fine della parte gratuita dell’articolo. Dopo il salto, seguiremo gli attuali sviluppi economici globali, con un focus sugli Stati Uniti in particolare, giustapponendo l’ascesa dei BRICS a quella dell’Occidente in declino, con particolare attenzione ai numeri economici fraudolenti recentemente rilasciati da l’amministrazione Biden e le cupe prospettive che proietta per il futuro dell’intero ordine finanziario occidentale.

Cominciamo con i dati sull’occupazione appena diffusi dal BLS (Bureau of Labor Statistics). I democratici hanno pubblicizzato centinaia di migliaia di “nuovi posti di lavoro creati”, e invece hanno sminuito il fatto che ogni singolo nuovo lavoro è andato ai clandestini, mentre i lavoratori nativi hanno perso l’incredibile cifra di 600.000 posti di lavoro:

L’altra notizia bomba era che tutti i nuovi lavori erano part-time, mentre quelli a tempo pieno continuavano ad essere schiacciati:

Questo è il motivo per cui i rapporti distinguono tra l’uso delle “buste paga” e quello dei “lavoratori”, poiché è possibile aggiungere 10 nuove buste paga con solo 4 nuovi lavoratori se molti di questi “lavoratori” hanno semplicemente ottenuto più lavori part-time.

ZeroHedge illustrato con le visualizzazioni più illuminanti:

Ecco un’altra visualizzazione della composizione del lavoro nell’ultimo anno: 1,2 milioni di posti di lavoro a tempo pieno sono stati persi, sostituiti da 1,5 milioni di posti di lavoro part-time!

Per non parlare dei posti di lavoro federali saliti alle stelle, gonfiando artificialmente l’immagine di un mercato del lavoro in crescita:

Come molti sanno, il governo degli Stati Uniti può indorare artificialmente i rapporti sui posti di lavoro nei momenti chiave semplicemente dando vita a una corsa alle assunzioni. Il governo può schioccare le dita e assumere decine di migliaia di lavoratori dell’IRS o addirittura creare un dipartimento o una divisione completamente nuovi al solo scopo di sostenere i lavoratori temporanei per portare i titoli dei giornali a un momentaneo ottimismo sul lavoro; ma è tutta una farsa, perché tali lavori distorcono il quadro economico reale e organico.

Ecco Chris Hedges che analizza percettivamente il tutto e riconosce la falsità:

Sottolinea inoltre astutamente che anche i dati sulla disoccupazione sono fraudolenti in base all’utilizzo dei dati ufficiali U3 rispetto a U6.

I numeri U3 “ufficiali” del governo non contano nessuno come “disoccupato” se non ha cercato lavoro nelle ultime 4 settimane, il che significa che è una cifra inutile e fraudolenta. L’U6 è leggermente migliore, ma arriva fino al limite di 1 anno. Chiunque non si sia preso la briga di cercare lavoro per 1 anno è considerato un “lavoratore scoraggiato a lungo termine” e non viene più conteggiato nelle statistiche sulla disoccupazione. Sfortunatamente, una parte enorme della forza lavoro si è arresa in questo modo, il che significa che anche i numeri dell’U6 sono fantastici.

In combinazione con il fatto che l’U3 considera i part-time come pienamente occupati mentre molte persone ora devono trovare più lavori, il che gonfia enormemente la percezione della “crescita occupazionale”, dipinge un quadro totalmente fraudolento dell’economia statunitense e della sua presunta ripresa della “salute”. ‘.

Infatti, ZeroHedge riferisce che gli Stati Uniti hanno aggiunto un totale netto pari a zero di posti di lavoro per i lavoratori nativi dal 2018:

Dire che questo è scioccante sarebbe un eufemismo.

È una tempesta perfetta di malessere economico e distruzione sociale: inflazione alle stelle, la maggior parte della crescita occupazionale è costituita da lavori part-time, zero posti di lavoro aggiunti per i lavoratori nativi, ecc.

In altre parole, la “forte crescita dell’occupazione” per i cittadini americani è sempre stata e rimane una favola, e l’ unica crescita di posti di lavoro negli Stati Uniti è per i clandestini, che lavoreranno per un salario inferiore al minimo , il che spiega anche perché l’inflazione non è aumentata. l’anno scorso sono stati assunti milioni di clandestini.

Non c’è da meravigliarsi che debbano fare questo:

Ciò che sta diventando chiaro è che il piano dell’establishment per il prossimo anno prevede di confondere i numeri a un livello storico solo per salvare la reputazione dell’amministratore Biden mentre si carica il massiccio crollo per farlo cadere in grembo alla nuova amministrazione Trump come ultimo gioco di sabotaggio di ultima istanza.

Se dovesse vincere, non appena Trump entrerà in carica, le chiuse si apriranno e l’intero armadio pieno di orrori nascosti verrà fuori per affogare il suo mandato nella crisi. Ciò sarà aiutato dalla maturazione di un’ampia fascia del debito nazionale, che si dice sarà rinnovata con un interesse molto più elevato proprio in quel momento:

Gran parte dei nostri 35.000 miliardi di dollari di debito nazionale sono a breve termine e devono essere rifinanziati al 5% o più entro 12 mesi. Gran parte del debito era inferiore al 2%, ora rifinanziato a oltre il 5%. Il pagamento degli interessi sul debito ammonta a 1,1 trilioni di dollari all’anno. Probabilmente raggiungerà 1,5 trilioni di dollari all’anno nel 2025.

Dall’istituto Kobeissi:

Questo è interessante: un debito federale americano record di 9,3 trilioni di dollari maturerà e dovrà essere rifinanziato a tassi molto più alti nei prossimi 12 mesi. Questo è aumentato di ben 4,7 trilioni di dollari o del 102% in soli 4 anni. Ciò avviene nel momento in cui il Tesoro americano passa all’emissione di obbligazioni con scadenze più brevi con interessi inferiori. Di conseguenza, una quota record pari a circa il 33% del debito in circolazione ha una scadenza inferiore a un anno. Nel frattempo, la Fed ha scaricato circa 1,3 trilioni di dollari di titoli del Tesoro (QT) dal suo bilancio in 2 anni, mentre la domanda dei governi esteri per le obbligazioni statunitensi è diminuita. Chi finanzierà tutto questo debito?

Tutti hanno visto il famoso grafico del debito americano crescere allo stesso livello negli ultimi 4 anni che nei 220 anni precedenti:

Ma la maggior parte continua a credere che non sia un grosso problema – dopo tutto, questo porta il rapporto debito/PIL degli Stati Uniti a un livello record del 123% circa, ma non è nemmeno vicino a quello della Grecia – che è intorno al 170% – o del Giappone, a un livello record. un enorme ~270%. Ma il debito del Giappone è strutturato in modo diverso: con un importo molto maggiore posseduto a livello intragovernativo, il che lo rende un tipo di debito molto più “sicuro” rispetto a quello posseduto da istituzioni straniere.

In secondo luogo, come osserva il blog GlobalMarketInvestor, uno studio del FMI ha rilevato che dal 1800, 51 paesi su 52 con un rapporto debito/PIL superiore al 130% sono andati in default, con il Giappone che è l’ unica eccezione:

Normalmente, questo sarebbe probabilmente rimasto fluttuante negli anni passati, dato che gli Stati Uniti godono dello status di valuta di riserva globale, che consente loro non solo di esportare all’infinito il proprio debito e l’inflazione, ma di garantire che il debito non minacci mai l’Imperium poiché la valuta che lo sostiene rimane sempre suprema. e richiesto. Ma sembra che la situazione sia sempre più destinata a cambiare.

Allo SPIEF (Forum economico internazionale di San Pietroburgo) in corso, Putin ha nuovamente annunciato che i BRICS stanno ufficialmente lavorando su un sistema internazionale di regolamento dei pagamenti e su una valuta:

Secondo quanto riferito, ora ci sono più di 60 paesi che cercano di aderire ai BRICS, la maggior parte dei quali aspira a un nuovo sistema globale equo:

‼️🇷🇺 59 paesi intendono aderire a BRICS, SCO e EAEU, – Consigliere del Presidente della Russia

▪️Circa 30 delegazioni vogliono venire al vertice dei BRICS che si terrà a Kazan dal 22 al 24 ottobre, ha osservato Anton Kobyakov allo SPIEF.

▪️BRICS è attualmente composto da 10 paesi: Russia, Brasile, India, Cina, Sud Africa, Emirati Arabi Uniti, Iran, Egitto, Arabia Saudita ed Etiopia.

Alcuni stanno addirittura adottando misure profilattiche:

Anche l’India ha appena rimpatriato 100 tonnellate del suo oro dalla Banca d’Inghilterra, e altre arriveranno presto:

Per non parlare di:

 

Gli ultimi dati (https://finbold.com/russia-dumps-4-5-billion-in-u-s-bonds-in-2-years/) mostrano che la Russia, membro dei BRICS, ha scaricato un totale di 4,5 miliardi di dollari in obbligazioni statunitensi in due anni. Il sell-off è in linea con il programma dei BRICS di de-dollarizzazione e di taglio dei legami con l’economia statunitense. La mossa aggiunge pressione sul dollaro americano se i Paesi in via di sviluppo iniziano a prendere le distanze dall’economia americana.

Ascoltate il discorso della presidente della banca di sviluppo BRICS Dilma Rousseff allo SPIEF, in cui delinea la visione del mondo sull’orlo della transizione:

Sottolinea l’iniziativa di creare una finanza decentralizzata, cioè lontana dal modello unipolare occidentale, attraverso una distribuzione di centri regionali, piuttosto che l’intero globo governato dalla City di Londra.

Anche l’economista russo e vicepresidente della Duma Alexander Zhukov ha sottolineato l’importanza delle valute nazionali e di un nuovo sistema di pagamento:

Stabilire meccanismi di pagamento all’interno dei BRICS che non dipendano dal sistema bancario occidentale è uno dei temi più urgenti oggi, ha dichiarato il primo vicepresidente della Duma di Stato russa Alexander Zhukov alla sessione SPIEF “Obiettivi dei BRICS nel contesto del nuovo ordine mondiale” sulla cooperazione economica tra i Paesi membri dell’organizzazione.

Anche il presidente boliviano Luis Arce ha invocato la parola d’ordine del multipolarismo, parlando dell’importanza dell’espansione delle valute nazionali. Egli afferma chiaramente che non si può permettere a un’unica banca centrale mondiale di dettare la politica all’intero globo:

Il presidente Luis Arce: “Oggi si sta creando un mondo multipolare. Dobbiamo diffondere le nostre valute nazionali a fini di regolamento tra i diversi Paesi. Non possiamo permettere che un solo Paese diventi la banca centrale del mondo, dettando la politica monetaria in tutto il mondo. Quei tempi sono passati da tempo”.

“Le economie del blocco BRICS sono state in grado di distruggere l’egemonia degli Stati Uniti”, ha dichiarato Arce, sottolineando come il gruppo sia un faro di speranza per la cooperazione internazionale e la complementarità economica. Il Presidente boliviano ha sottolineato che l’ordine mondiale si sta spostando verso un sistema più equo, equilibrato, multipolare e multilaterale. Arce ha inoltre rivelato l’interesse della Bolivia ad aderire ai BRICS, citando le “enormi prospettive di trasformazione e trasfigurazione del blocco e l’accelerazione dell’industrializzazione”.

Si tratta di una rivoluzione degli affari economici, con il mondo che si sveglia di fronte al Golia predatorio dell’ordine monetario occidentale.

Può sembrare un deja vu senza fine, perché per anni abbiamo sentito parlare dello stesso unicorno del multipolarismo e le aspettative sono state naturalmente ridimensionate. Ogni anno si parla della presunta “morte del dollaro” e della spirale del debito e dell’inflazione, che non sembra mai concretizzarsi.

Ma non si può fare a meno di pensare che le cose si stiano davvero muovendo. Uno dei motivi è che per anni si sono limitati a pochi attori chiave che si sono espressi a parole per queste iniziative, ma ora, in occasione di eventi come lo SPIEF, è chiaro che l’intero Sud del mondo sta chiedendo a gran voce questi profondi cambiamenti fondamentali e la transizione globale. Il mondo intero si è stancato della schiavitù economica imposta dall’Occidente e ora anche loro vogliono sedersi alla mangiatoia per avere una possibilità di sviluppo equo.

Di recente ho scritto di come l’intero Occidente anglo-atlantico sia costruito sui principi codificati della sovversione e del sabotaggio per impedire al resto del mondo di svilupparsi parallelamente e a tutti i potenziali concorrenti di essere “messi fuori gioco”; ad esempio il Memorandum 200. È da tempo che i funzionari americani ammettono apertamente che se la Cina dovesse impadronirsi di Taiwan, gli Stati Uniti “eliminerebbero” o “metterebbero fuori uso” il gigante dei chip TSMC.

Questo è palese terrorismo economico ed è il motivo per cui il mondo ne ha abbastanza del “modello occidentale” imperiale.

Pertanto, l’ascesa dei BRICS non può più essere ignorata, in quanto presenta un percorso concreto verso un’etica completamente nuova di sviluppo della civiltà, che sarà delineata nei video che seguono. È solo questione di tempo prima che si raggiunga una “massa critica”, in cui venga adottato un nuovo sistema di insediamenti e un numero sufficiente di Paesi sotto la bandiera dei BRICS scelga di abbandonare in gran parte il dollaro. Questo, unito al grafico parabolico del debito statunitense e alle cifre economiche speculative, porterà alla completa erosione dell’unico strumento di levaglobale degli Stati Uniti .

Nel video dello SPIEF qui sopra, l’ex membro del Bundestag tedesco Hansjorg Muller afferma che in questo momento in tutta la Russia si sta diffondendo un’inequivocabile eccitazione da “corsa all’oro”, mai vista prima. Cita l’iniziativa di Putin di concentrarsi sullo sviluppo dell’economia russa a livello locale e regionale, che Putin ha annunciato nel suo stesso discorso. È una chiara eco di un Piano Marshall del dopoguerra, solo che la visione di Putin inizia a metà della guerra – anche se forse, dalla sua posizione, può vedere l’orizzonte della guerra molto più chiaramente di noi.

Uno dei modi in cui gli Stati Uniti sono stati in grado di rilanciare la propria economia alla fine della Seconda Guerra Mondiale è stato il passaggio graduale di tutte le industrie belliche sovralimentate, le cui fabbriche erano diventate enormi motori di produzione a doppio uso, alla produzione di beni civili, ma con un’infrastruttura notevolmente ampliata. Sembra che la Russia stia facendo la stessa cosa, il che garantirà il suo sviluppo economico a un ritmo accelerato; Putin sta semplicemente “dirigendo” e incanalando questo sviluppo nelle aree giuste, diversificandolo in tutte le regioni necessarie in modo che la crescita sia distribuita in modo uniforme e non centralizzata in zone metropolitane favorite.

A questo proposito, nessun oracolo della transizione è intervenuto allo SPIEF meglio di Sergei Glazyev. Ecco una sintesi delle sue riflessioni come punto finale del percorso:

  • Il sistema americano sta finendo

  • Attualmente stiamo lavorando a un nuovo sistema valutario internazionale che eliminerà la possibilità di usare sanzioni unilaterali e altri tipi di terrore economico contro le nazioni.

  • La Russia, in qualità di presidente dell’organizzazione BRICS per il 2024, contribuirà a promuovere questa iniziativa.

  • Il modello degli Stati Uniti sta vivendo un’agonia mortale: non può più offrire nulla al mondo, né un modello di governance né dei valori.

  • Quest’anno è un anno di svolta, la nostra previsione è che dopo le elezioni americane sarà chiaro che la Pax Americana è giunta al termine.

  • Il rischio principale rimane quello che gli Stati Uniti debbano creare una piccola guerra nucleare locale in Europa per mantenere la loro egemonia.

Consiglio vivamente di guardare il video completo.

Le parole di Glazyev sul fatto che il modello statunitense si è completamente esaurito e non ha più nulla da offrire al mondo in termini di ispirazione per il futuro sono state riprese da Putin in un discorso del 2023, in cui ha detto:

“Senza esagerare, non si tratta nemmeno di una crisi sistemica, ma dottrinale del modello neoliberale di ordine internazionale di stampo statunitense. Non hanno idee per il progresso e lo sviluppo positivo. Semplicemente non hanno nulla da offrire al mondo, se non perpetuare il loro dominio”. – Putin

Come video bonus, anche il presidente e senatore russo Aleksey Pushkov ha approfondito questa traccia, dichiarando che il sistema statunitense sta marcendo a causa del degrado sociale interno, della perdita di competenze istituzionali e di élite, in breve: una decadenza totale. Il video è molto lungo, quindi è adatto solo a chi è particolarmente interessato, ma il relatore ha sollevato molti punti importanti e ha dato un’occhiata all’interno della comprensione penetrante e senza fronzoli della realpolitik che le élite russe hanno dei fallimenti terminali dell’Occidente; per esempio, ha affermato che non sono rimaste figure di un certo calibro in Europa, che ora si trova in un ambiente “a basso livello intellettuale, educativo e politico”.

E un ultimo video bonus dallo stesso panel, con Konstantin Malofeev di Tsargrad che riprende molti degli stessi punti:

Malofeev: La Pax Americana ha pianificato il caos; hanno bisogno del caos in Medio Oriente; Israele è la loro fortezza; il dollaro USA è il principale strumento di egemonia; Taiwan sarà una continuazione della politica del caos

Per concludere, gli Stati Uniti continuano a crollare internamente con licenziamenti di massa e chiusure di catene di negozi, supermercati e altro:

Con un elenco crescente di banche statunitensi sull’orlo del collasso:

Una delle cose fondamentali che gli ultimi decenni di “globalizzazione” hanno messo in luce in Occidente è che l’emigrazione di massa ha rovinato il futuro degli Stati Uniti e dell’Europa: non c’è modo di competere a lungo termine con società etnicamente e culturalmente omogenee come la Russia e la Cina. Le prospettive per gli Stati Uniti e l’Europa sono quelle del Sudafrica: società divise, culturalmente fratturate, il cui capitale umano è ancora meno efficiente e competitivo della somma delle sue parti a causa delle forti incompatibilità e delle divisioni razziali. Ho detto più volte che gli Stati Uniti sono appesi solo al filo sottile dei loro visti H1-B, oltre i quali tutta l’innovazione si esaurirà con l’arrivo degli immigrati.

Basta guardare l’intervista dimostrativa a un politico tedesco che viene interrogato sul sentimento prevalente dei suoi elettori secondo cui i politici non stanno facendo alcun progresso nel migliorare le condizioni sociali. Sorprendentemente, risponde che si sbagliano perché lui sta lavorando duramente per aumentare il flusso di immigrazione in Germania e creare così un “governo progressista”:

La sordità di tono e il distacco sono sbalorditivi e incredibili.

Questo è lo stato della politica occidentale di oggi: ogni Paese è gestito da un’élite criminale interamente catturata e sovvertita da interessi corporativi transnazionali che odiano i propri cittadini, ignorando sprezzantemente i loro bisogni e le loro preoccupazioni.

Le politiche di migrazione di massa servono solo a frenare momentaneamente il collasso sistemico della decadente frode finanziaria Ponzi dell’ordine bancario occidentale, ma porteranno alla totale perdita di competitività dell’Occidente nei confronti dell’Oriente. La demografia è il destino: l’uniformità culturale e la sua cugina unità sociale prevarranno sempre in modo naturale sulle società lacerate dalle distorsioni sociali e dalla discordia endemica delle politiche di “frontiere aperte” imposte all’Occidente.

L’unica luce alla fine del tunnel per gli Stati Uniti è una potenziale vittoria di Trump, se seguita dall’applicazione della sua promessa di deportare in massa milioni di immigrati clandestini di Biden, ma ovviamente questo risolverebbe solo una parte dei problemi sistemici.

Per quanto riguarda l’Europa, oggi c’è stato un piccolo segnale di potenziale speranza: proprio mentre scriviamo, i partiti di destra europei stanno ottenendo importanti vittorie elettorali nelle elezioni parlamentari europee:

I partiti di destra stanno vincendo le elezioni del Parlamento europeo con un ampio margine in tutta Europa.

CNN a pezzi:

Il bagno di sangue sembra essere appena iniziato: Macron ha persino sciolto l’Assemblea nazionale e ha chiesto elezioni generali anticipate, mentre il premier belga De Croo ha rassegnato le dimissioni:

Il popolo ne ha chiaramente abbastanza. Ma, come altri hanno notato, è ancora troppo presto per entusiasmarsi, poiché le elezioni parlamentari europee non riflettono necessariamente l’andamento delle elezioni nazionali; ma è certamente un forte segnale dei prossimi venti contrari per il progetto globalista.

Purtroppo, ciò significa che i globalisti sono con le spalle al muro, il che fa presagire un periodo di instabilità e di pericolo estremamente accentuato. Quando si renderanno conto che il loro tempo è scaduto e che dovranno affrontare i tribunali nel caso in cui la “sfera della resistenza” ottenga una vittoria schiacciante, non avranno altra scelta che esercitare tutte le loro risorse per fomentare la guerra e fare piazza pulita. Sanno che solo la guerra può assolvere tutti i peccati, perdonare le mostruose malefatte in modo retroattivo – se dovessero essere la parte vincente. Quindi rappresenterà per loro l’occasione perfetta per abbattere l’albero della rivolta populista e reazionaria, sradicando una volta per tutte l’opposizione politica.

Purtroppo per loro, li vedo fallire miseramente e la vittoria senza precedenti della Russia in Ucraina nel 2025 sarà il colpo di grazia che distruggerà le ultime vestigia dell’ordine globalista e segnerà un cambiamento epocale per tutta la storia dell’umanità in una nuova direzione, ma aspettiamo e vediamo cosa succede.


Siete arrivati alla fine dell’articolo riservato agli abbonati a pagamento. Non è una bella sensazione non dover leggere un nuovo appello per i soldi, sporco e lamentoso? Avete già offerto il vostro contributo! Ed è per questo che siete qui, a sfogliare gli scarabocchi davvero esclusivi e privilegiati di questo santuario interno VIP. Quindi, invece di un appello, che ne dite di un grande grazie a voi?

Il barattolo delle mance rimane un anacronismo, un’arcaica e spudorata forma di doppio gioco, per coloro che non possono fare a meno di elargire i loro umili autori preferiti.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Putin fornisce la prima idea ufficiale delle perdite russe dall’inizio dell’SMO, + ulteriori informazioni dallo SPIEF_di SIMPLICIUS

Ieri allo SPIEF ufficiale (Forum economico internazionale di San Pietroburgo) Putin ha tenuto una tavola rotonda aperta di 3 ore estremamente rivelatrice con giornalisti stranieri. Farò un’analisi di alcune delle clip e degli estratti sonori più interessanti, anche se puoi vedere l’ intero incontro importante qui.

Ma prima parliamo della più interessante delle rivelazioni:

Il MOD russo ha smesso di elencare le perdite ufficiali intorno a maggio del 2022, probabilmente dopo che è diventato evidente che il conflitto si sarebbe trascinato e le perdite sarebbero cresciute a un livello inadeguatamente doloroso.

Ora allo SPIEF, Putin ha dato la prima indicazione da allora sulle perdite russe quando ha affermato che la Russia perde 1 soldato ogni 5 ucraini, oltre a fornire una cifra esatta per i prigionieri di guerra, che afferma come segue:

Ci sono 1.348 soldati e ufficiali #russi prigionieri in #Ucraina, e 6.465 di questi #ucraini in #Russia, ha detto #Putin.

C’è molto da digerire e disfare qui, quindi facciamolo una cosa alla volta.

Innanzitutto spieghiamo esattamente cosa dice:

  • Entrambi i paesi perdono 50.000 uomini al mese perdite irrecuperabili e sanitarie, ovvero le vittime totali includevano feriti, KIA, ecc.
  • Il rapporto tra i loro feriti e KIA è 50/50, il che significa che su 50.000, 25.000 di loro sono effettivamente KIA. (nota: questa è un’elevata percentuale di KIA rispetto ai feriti a causa della relativa mancanza di medicine sul campo di battaglia dell’Ucraina che causa la morte di molti più feriti, per non parlare dell’uso da parte della Russia di potenti attacchi aerei/bombe che in proporzione uccidono semplicemente molti più soldati sul colpo)
  • L’Ucraina mobilita 30.000 nuovi uomini al mese dalla strada.
  • Il rapporto tra le perdite russe e ucraine è di 1:5 a favore della Russia.
  • Il rapporto tra i prigionieri di guerra è di 1.348 a 6.465 a favore della Russia.

Ora iniziamo a scomporlo:

Il conteggio ufficiale del MOD russo delle perdite totali ucraine è di circa 500.000 secondo l’ultimo rapporto, poco più di un mese fa:

Pertanto, dato che la cifra di 500.000 è una cifra ufficiale del MOD russo che Putin presumibilmente non contraddirebbe, possiamo solo supporre che le perdite russe siano quindi 1/5 di quella cifra, che sarebbe di circa 100.000.

Ricordiamo che MediaZona/BBC hanno i nomi russi presumibilmente confermati di quelli che ora sono circa 54.000 KIA. Affermano che si tratta solo di truppe russe e non contano DPR/LPR, che secondo loro sono altri circa 23.000 morti. Hanno inoltre estrapolato il conteggio dei nomi confermati di 54.000 per un totale di circa 84.000 morti, basandosi sul presupposto che non possono confermare ogni morte effettiva.

Pertanto, utilizzando quanto sopra, possiamo supporre che il KIA da parte russa potrebbe essere qualcosa del tipo: 54k (Russia) + 23k (LDNR) = 77k; o la loro stima estrapolata di 84k + 23k = ~107k.

Tuttavia, questo è solo KIA. Ciò non tiene conto delle “perdite irrecuperabili” della Russia, che sono persone mutilate o troppo ferite per combattere ancora. Gli irrecuperabili della Russia sono molto più piccoli di quelli dell’Ucraina a causa della medicina russa sul campo di battaglia di gran lunga superiore e della capacità di evacuare le truppe ferite in tempo per salvarne gli arti, ecc. Ciò è dovuto alla maggiore disponibilità di elicotteri e altri mezzi di trasporto. Anche così, possiamo stimare che ci debbano essere almeno altri 20-40.000 irrecuperabili, se non di più, e ho visto alcune cifre credibili correlate che indirettamente mi portano a credere che non sia molto di più.

Quindi, se si calcola che i KIA/irrecuperabili rappresentano tipicamente circa il 25-35% di tutti i feriti, possiamo supporre che i feriti totali possano essere altri 150-250.000, il che ovviamente si riferisce non solo a persone ferite così leggermente da ritornare in guerra, ma che contano anche due, tre o più volte nel conteggio perché vengono feriti più volte nel corso della guerra. Pertanto, ad esempio, 300.000 “feriti” potrebbero in realtà rappresentare solo 100-200.000 persone reali; ci sono molte persone che possono ottenere più “cuori viola”.

Il punto che sto cercando di sottolineare è che il numero ufficiale delle “vittime” statunitensi per la Russia è qualcosa come 350.000, e contando i feriti leggeri questo potrebbe benissimo essere relativamente accurato. Tuttavia, se si contano anche i feriti in Ucraina, il totale delle “vittime” di ogni tipo potrebbe superare il milione. L’Ucraina potrebbe avere 350.000 morti con probabilmente altri 150.000 irrecuperabili/disabili (costituendo così le 500.000 perdite totali “irrecuperabili” dei dati ufficiali del MOD russo), e poi altre centinaia di migliaia di feriti regolari che sono costretti a tornare in combattimento. Ricordiamo che Putin ha affermato che il rapporto è 50/50, il che comporterebbe 500.000 feriti aggiuntivi per un totale di vittime di 1 milione.

POW

Secondo Putin, la disparità ufficiale dei prigionieri di guerra è di 1.348 soldati russi prigionieri in Ucraina e 6.465 soldati ucraini prigionieri in Russia.

Primo: questo numero sembra stranamente basso dato che abbiamo avuto molti numeri precedenti che indicavano un numero molto più alto di prigionieri di guerra ucraini, che ho riportato qui – quindi cosa succede?

Ad esempio, anche l’agenzia di stampa ufficiale russa TASS ha riferito che ben 10.000 prigionieri di guerra ucraini sono stati catturati subito dopo la messa in onda del canale Volga nell’estate 2023, durante la grande “controffensiva”:

Secondo questo, si tratta di ben 10.000 persone che si arrendono in soli 3 mesi.

Proprio il mese scorso, ho trattato questo rapporto in cui si afferma che la Russia ha oltre 20.000 prigionieri dell’AFU mentre l’Ucraina ha 800 prigionieri di guerra russi e 5.000 LDPR:

Allora perché questa discrepanza?

Diverse ragioni possibili:

  1. Putin si riferisce solo ai prigionieri ucraini che la Russia ha, cioè sul territorio nominale russo .

È noto da tempo che i prigionieri di guerra ucraini vengono tenuti separati sia nel Donbass dalle autorità LPR/DPR che in Russia, a seconda delle accuse e di chi li ha catturati. Nonostante ora l’LDPR faccia ufficialmente parte della Russia, Putin potrebbe ancora riferirsi solo ai prigionieri di guerra sul territorio russo. Per vago ricordo, l’ultima volta che ho sentito cifre credibili molto tempo fa è stato detto che nel Donbass c’erano migliaia di prigionieri di guerra ucraini e che ce n’erano altre migliaia anche in Russia.

  1. La Russia spesso effettuava scambi sfavorevoli, ad esempio da 100 a 50, ecc., quindi potrebbe aver ridotto il conto alla rovescia dei prigionieri AFU molto di più rispetto ai prigionieri di guerra russi prigionieri ucraini.
  2. La Russia ha concesso l’amnistia a molti prigionieri di guerra quando il loro background è stato controllato e si è scoperto che non erano radicali/nazionalisti ideologici, e sono stati rimossi dalla lista o addirittura concesso asilo e cittadinanza in Russia.

Ad esempio, ecco una storia commovente di Pasha, un prigioniero ucraino che si rifiutò di essere riportato in Ucraina. Invece, ha giurato fedeltà alla Russia e gli è stato permesso di trasferirsi a Mosca con la sua euforica fidanzata:

E ce n’erano molti altri come questo.

  1. In relazione a quanto sopra, come molti sanno, la Russia ha formato diversi battaglioni – e forse anche molto di più – interamente di prigionieri dell’AFU che scelgono di combattere ora per la Russia e sono ora considerati uomini liberi – o almeno dopo il loro servizio.

Uno di questi famosi battaglioni ha anche una propria wiki e una propria fonte di dati: https://en.wikipedia.org/wiki/Bogdan_Khmelnitsky_Battalion

Il battaglione Bogdan Khmelnitsky (russo: Батальон Богдана Хмельницкого), o battaglione Bohdan Khmelnytsky, è, secondo i media statali russi, un “battaglione di volontari” russo formato nel febbraio 2023, presumibilmente da prigionieri di guerra ucraini che hanno disertato passando all’esercito russo.

E ce n’è un altro conosciuto chiamato battaglione Maxim Krivonos, anch’esso composto interamente da disertori dell’AFU, che ha appena pubblicato un nuovo video questa settimana e ha il proprio canale Telegram .

⚡⚡⚡️ Esclusivo!

Squadra che prende il nome da Maxim Krivonos.

Il personale militare delle Forze armate ucraine passato dalla parte della Federazione Russa, insieme ad un’altra unità, fa prigionieri altri militari delle Forze armate ucraine.

Un combattente con il nominativo “Bianco” racconta l’intera storia attraverso il prisma di un uomo che è stato dall’altra parte e ora sta combattendo per questo…

Anche un altro combattente della stessa squadra ha rilasciato un’intervista al nostro amico.

Dato che un battaglione può avere fino a 400-800 uomini e la Russia ne ha potenzialmente formati diversi, possiamo concludere che diverse migliaia di prigionieri di guerra ucraini furono rimossi dal conteggio dei prigionieri in questo modo.

  1. Ci sono centinaia, e forse anche migliaia, di prigionieri di guerra dell’AFU che sono già stati giudicati colpevoli e condannati al carcere per i loro crimini, in particolare i vari soldati Azov di Mariupol. In effetti, proprio questa settimana è arrivata la notizia di un altro gruppo condannato al carcere. Questi ovviamente non sono più prigionieri di guerra e ora sono soggetti a titolo definitivo dei penitenziari federali.

Come potete vedere, con una combinazione dei metodi di cui sopra, la Russia avrebbe eliminato almeno diverse migliaia di prigionieri di guerra dal conteggio ufficiale.

In ogni caso, la cifra di Putin da 1.348 a 6.465 corrisponde alla disparità generale di 1:5 delle vittime che ovviamente corrisponde perfettamente e ci dà più fiducia che le vittime regolari siano davvero 1:5 a favore della Russia.

Mobilitazione

Questa parte è molto interessante e forse più pertinente alla guerra in corso.

Putin ha annunciato che l’Ucraina perde 50.000 persone al mese, con un rapporto di 25.000 feriti irrecuperabili e 25.000 feriti recuperabili. Ma afferma che l’Ucraina è riuscita a mobilitare efficacemente circa 30.000 uomini al mese.

Ciò ovviamente significa che l’Ucraina è, per ora, in grado di mantenere il suo potenziale di combattimento, anche se con qualità delle truppe progressivamente peggiori.

Ricordiamo come i rapporti precedentemente dichiarati dagli stessi funzionari dell’AFU concordano con ciò. Ad esempio, Zaluzhny ha affermato che l’Ucraina ha bisogno di 20.000 uomini al mese solo per tenere il passo, mentre altri come Budanov hanno dichiarato più di 30.000 uomini:

Molti altri ufficiali e funzionari ucraini hanno affermato che l’Ucraina ha bisogno di mobilitare un totale di 250.000 per l’intero anno 2024, ovvero circa 20.000 al mese, come ha fatto il comandante dell’unità d’élite dei Lupi di Da Vinci:

Mentre un nuovo dispaccio di un parlamentare ucraino afferma che servono 110mila:

Siamo a metà anno e, poiché si tratta di una nuova versione, possiamo supporre che intenda 110.000 in più oltre a quanto già mobilitato nella prima metà dell’anno, che avrebbe potuto già essere 5 x 20-30.000 .

A proposito, l’Ucraina ha più di 21 “regioni”, ciascuna con dozzine di paesi, città, villaggi, ecc. Se si analizza questa cifra di 20-30.000 al mese, ogni regione deve mobilitare 1.000 uomini al mese, ovvero circa 30 al giorno.

Considera quanto sia fattibile: ogni regione ha dozzine di paesi/città e necessita solo di 30 uomini al giorno in totale. Ciò significa che in ogni città i commissari devono solo trovare uno o due uomini e gettarli sul retro dell’autobus. Moltiplicalo per una dozzina di città e avrai 30 città nella regione. Moltiplicalo per 30 giorni e avrai i tuoi 1000 per quel mese. Moltiplicalo per 20 regioni e avrai i tuoi 20.000 al mese.

Il problema è che le persone hanno reagito in massa : ecco l’ultima raccolta di proprio ieri:

Un esempio di rapporto di oggi che mostra l’intensità della caccia al foraggio:

A Chernivtsi la situazione è critica , a causa della mobilitazione la città rischia di crollare nei servizi pubblici. Il sindaco Klitschukh ha detto che solo nell’ultima settimana Vodokanal ha ricevuto 52 convocazioni, 25 convocazioni al dipartimento filobus e 70 convocazioni al mercato. Nelle stazioni ferroviarie e degli autobus, gli spazzini danno la caccia alle persone con tale attività che presto nessuno verrà in città.

Per quanto riguarda le perdite, considera questa ripartizione:

I 25.000 KIA mensili dell’Ucraina equivalgono a circa 800 KIA al giorno.

Nella guerra, ci sono circa 5 fronti principali: la zona di Kupyansk-Kremennaya-Seversk, la nuova regione rivoluzionaria di Kharkov, la zona di Donetsk (che comprende Bakhmut, l’area di Avdeevka e altre), il fronte di Zaporozhye e il fronte di Crimea/Kherson.

Esempio dimostrativo, meno Kharkov:

Ciascuno di questi 5 fronti principali è composto da circa 15-20 brigate ucraine per una lunghezza totale del fronte di circa 1.200 km. Questo si riduce a circa 100+ brigate che coprono spazi di 10 km ciascuna.

Ora quei 5 fronti divisi per 800 perdite equivalgono a circa 160 KIA per fronte al giorno. Poiché ogni fronte ha circa 15-20 brigate, possiamo dire in modo molto approssimativo che questo distribuisce circa 8-10 KIA per brigata.

Ora pensiamo un po’ più a fondo a quante reali battaglie granulari, assalti, ecc. hanno luogo su ogni particolare fronte.

Prendiamo ad esempio il fronte di Donetsk:

Mentre parliamo, a Chasov Yar sono in corso importanti battaglie che coinvolgono più brigate, reggimenti, dozzine di battaglioni separati ecc. Ci sono assalti quotidiani lì con ciascuna parte che combatte aspramente e perde uomini. Stessa cosa poi nella zona di Avdeevka, attorno a Ochertino, con gli assalti che ieri sono avvenuti a Sokol e in altri villaggi vicini.

Un po’ più in basso, ieri abbiamo avuto diverse battaglie intorno a Karlovka vicino a Neteilove, a Krasnogorovka più a sud, a Georgievka nelle vicinanze e a Konstantinovka vicino a Novomikhailovka.

Questa è solo una regione, tutte con le proprie brigate separate in combattimento attivo, che dovrebbe avere 160 KIA totali secondo i nostri numeri. Ci sono battaglie più piccole che non ho nemmeno elencato, ma anche solo tra quelle sopra indicate, significa che l’AFU deve subire solo circa 20-30 vittime per battaglia. Ciò può essere fatto con un singolo lancio di una bomba FAB o solo con pochi minuti di lavoro con i droni; e ricordate, la Russia sta ora lanciando centinaia di Fab al giorno, con alcuni fronti che ne dichiarano 40-80 solo sul proprio fronte, come recentemente a Kharkov. Ricordiamo che solo diversi giorni fa in uno dei miei articoli recenti ho pubblicato due rapporti diretti in prima linea dell’AFU che elencavano “diverse dozzine” di vittime proprio per quel battaglione proprio in quel giorno segnalato. Ricorda, un singolo BMP/portatruppe fatto saltare in aria può causare istantaneamente circa 10 vittime.

Espandilo a tutte le battaglie granulari di ciascuna regione e puoi facilmente arrivare a 160 KIA per regione e ~ 800 KIA in totale per la giornata.

Per convalidare la spiegazione di cui sopra, ecco le perdite ucraine ufficiali del MOD russo per oggi, 6 giugno: nota come i numeri della ripartizione regionale corrispondono a ciò che ho descritto:

Dal riepilogo del Ministero della Difesa della Federazione Russa del 6 giugno 2024 Le perdite del nemico ieri ammontavano a:

⏺1.490 militari 12 veicoli corazzati, inclusi 2 carri armati 26 sistemi di artiglieria, di cui 5 cannoni semoventi

⏺25 unità di veicoli speciali

⏺48 UAV

⏺stazione di guerra elettronica “Bukovel-AD”

➖ Sono stati distrutti due depositi di munizioni dell’AFU in direzione di Donetsk.

➖ Sono interessati: un magazzino di stoccaggio per imbarcazioni senza equipaggio, un luogo per l’addestramento e il lancio di veicoli aerei senza equipaggio del tipo di un aeroporto, nonché luoghi temporanei per mercenari stranieri.

➖ Sette razzi HIMARS e Alder, nonché un missile antinave Neptune, sono stati abbattuti da mezzi di difesa aerea.

Anche:

L’Ucraina potrebbe semplicemente tenere il passo con le perdite, secondo i numeri di Putin, ma ciò significherebbe che si sta ancora effettivamente riducendo rispetto alla Russia. Questo perché l’esercito russo sta crescendo poiché sta reclutando un numero netto positivo di soldati rispetto alle proprie perdite. Ciò può essere facilmente confermato da tutti i recenti rapporti dell’UA secondo cui la Russia sta stazionando centinaia di migliaia di nuovi uomini nel nord, per non parlare delle richieste, in preda al panico, della NATO di inviare truppe per liberare tutti gli ucraini che non sono in prima linea. Che, a proposito: si dice che il rapporto baionetta/truppe da combattimento rispetto alle truppe di retroguardia/non combattenti ( rapporto denti-coda ) dell’Ucraina sia già del 50%, il che è estremamente anomalo. Gli eserciti moderni in genere hanno un rapporto di truppe da combattimento del 10-30% circa. Ciò significa che l’Ucraina ha già sfruttato gran parte dei suoi ruoli essenziali non combattenti in prima linea. Detto questo, l’Ucraina è in grado di mantenere un rapporto così folle grazie al fatto che la NATO agisce effettivamente come “coda” delle AFU, in particolare nella critica operazione logistica di retroguardia polacca dove transita la stragrande maggioranza dei rifornimenti dell’Ucraina.

In definitiva, ciò significa che man mano che l’esercito russo cresce, la parità delle forze peggiorerà sempre di più per l’Ucraina poiché è in grado di pareggiare le perdite solo ogni mese mentre le forze armate russe accumulano un importante netto positivo.

Come ultimo esperimento mentale, ora che disponiamo di cifre credibili sulle perdite dell’Ucraina, possiamo teoricamente calcolare quando l’Ucraina potrebbe rimanere senza uomini disponibili. Ho pubblicato questi numeri qualche rapporto fa:

Nei prossimi mesi, dopo aver abbassato la leva a 25 anni, altri 100mila uomini nati nel periodo 1998-1999 saranno arruolati nelle forze armate ucraine. In questi anni sono nati 416.349 maschi. Circa la metà di loro sono già all’estero. Evoca la metà rimanente.

Ricerche superficiali mi mostrano che l’Ucraina ha avuto una media di circa 100-150.000 nascite maschili all’anno durante la maggior parte degli anni ’90.

Possiamo quindi dedurre che passando da 25 a 18, come Putin dice di voler fare, renderemmo disponibili altri 7 x 100.000 = 700.000 uomini, o 7 x 150.000, otteniamo ~ 1 milione.

All’attuale tasso di consumo di 30.000 al mese, ci vorrebbero 33 mesi o circa 2,5 anni per ridurre la quantità “generosa” del loro potenziale di combattimento maschile. Per il numero 700k ci vorrebbero solo 23 mesi o poco meno di 2 anni. Inoltre, questo non tiene conto, come afferma la citazione sopra, del presupposto che la metà o più di questi siano già fuggiti da tempo, il che ridurrebbe tali cifre a meno di 1 anno o circa un anno e qualche mese, nel caso generoso.

Naturalmente, molte altre ragioni sociali, economiche e morali potrebbero probabilmente portare a un collasso ancora più rapido se anche solo una parte di quel gruppo rimanente di uomini fosse divorata dall’esercito russo.

I punti salienti di Putin

Diamo un’occhiata ad alcuni dei suoni più importanti:

Sul tema della mobilitazione, Putin afferma che l’amministrazione statunitense sta ora facendo pressioni sull’Ucraina affinché abbassi l’età di mobilitazione fino a 18 anni e, cosa più critica, che hanno solo bisogno di Zelenskyj come capro espiatorio per approvare la legge per farlo. Una volta che lo costringeranno ad abbassarlo a 18, si libereranno di lui. Putin fornisce anche la tempistica esatta: crede che ci vorrà circa un anno a partire da oggi, ed entro la prossima primavera cacceranno Zelenskyj poiché ci sono molti “altri candidati” che hanno in mente:

Inoltre va notato che nella sezione immediatamente successiva, egli afferma che tutto ciò è dovuto alle perdite in corso e che le 50.000 mensilità citate in precedenza sono “solo le perdite che possiamo vedere (confermare) sul campo di battaglia”. Afferma che probabilmente ci sono molte più perdite anche più in profondità nella profondità strategica dove la Russia non può stimarle:

E ricordate, implicito nella proiezione di un anno di Putin per la caduta di Zelenskyj è il messaggio che Putin crede che la guerra ucraina andrà avanti anche più a lungo. Se crede che ci vorrà un anno solo perché scendano a 18 anni, allora ci vorrà un po’ di tempo prima che la Russia possa superare l’ultima fase di mobilitazione. Detto questo, la mia previsione a lungo termine per la fine della guerra era da qualche parte nel secondo trimestre o a metà del 2025, quindi potrebbe essere in linea con questo.

Putin chiarisce che, sebbene la Russia non “agiti il ​​testimone nucleare”, la sua dottrina nucleare è lì per una ragione e la Russia di fatto utilizzerebbe armi nucleari se la sua dottrina venisse violata:

In una nota umoristica, Putin dice che è positivo che l’Occidente lo veda come un mostro: “Lascia che abbiano paura”.

Putin dice che gli specialisti francesi e britannici devono inserire tutte le coordinate e “automatizzare” i compiti di volo dei missili da crociera franco-britannici per l’Ucraina, il che implica la loro partecipazione alla guerra:

Ciò ovviamente ha portato al segmento più discusso di tutti. Putin ha proposto lo scacco matto asimmetrico all’impero anglo-occidentale affermando che se l’escalation continua, la Russia sarà libera di fornire le proprie armi a qualsiasi avversario ostile degli Stati Uniti e dei suoi vassalli. Ciò ovviamente implica missili da crociera balistici avanzati o assassini di navi destinati agli Houthi per distruggere una volta per tutte le risorse della Marina americana nel Mar Rosso, ecc.:

Il pensiero di un analista:

Dove può mettere la Federazione Russa i suoi sistemi a lungo raggio, ecc.?
Sì, nello stesso Yemen o Libano, ecc.
Lo Yemen li batterà nel commercio marittimo, il Libano in Israele, ecc.

C’è ancora il Venezuela. Molto scomodo per gli Stati Uniti in momenti diversi.
Supponiamo che più razzi vadano a Cuba o in Africa.
Sì, in futuro ci saranno nuove guerre in cui si combatterà contro qualcuno e poi, seguendo l’esempio della crisi ucraina della Federazione Russa o di altri paesi, gli avversari potranno trasferire ufficialmente le armi.

Ci sono opzioni.
Ricordate, abbiamo scritto che l’Occidente ha violato gli accordi taciti del kuloir per i casi militari. Permettere colpi alla Russia è solo da qui.

Parte di questa azione di escalation è già stata vista poiché la Russia ha ora annunciato una flottiglia navale a Cuba e nei Caraibi, dove verranno eseguite esercitazioni di carattere ovviamente dimostrativo proprio accanto agli Stati Uniti.

Che a quanto pare includerà il sottomarino nucleare di classe Yasen con capacità ipersonica Zircon:

Due ultime parti di interesse:

Putin rimprovera l’Occidente per i suoi pregiudizi:

Putin spiega cosa significa la denazificazione per l’Ucraina:

Putin paragona la situazione del Kosovo a quella del Donbass, citando l’ipocrisia e i doppi standard della NATO nel rispondere alle due crisi:

Per la cronaca, rispetto alla situazione delle armi occidentali, un Biden dall’aspetto decrepito ha ora chiarito di aver autorizzato l’uso di armi americane solo nella regione russa delle ostilità vicino al confine, non nelle profondità della Russia:

Allo stesso modo, anche se non ho ancora visto una verifica completa, Macron avrebbe autorizzato l’uso di Storm Shadows sul territorio russo, ma “solo per colpire siti da cui provengono gli stessi missili/attacchi russi”.


Il tuo supporto è prezioso. Se ti è piaciuta la lettura, apprezzerei molto se sottoscrivessi un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo che io possa continuare a fornirti rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, puoi dare la mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Anton Neeleman: Dov’è l'”autonomia strategica” promessa quando l’Europa ha seguito l’esempio degli Stati Uniti nel bloccare la Cina?_da GuanCha

Anton Neeleman: Dov’è l'”autonomia strategica” promessa quando l’Europa ha seguito l’esempio degli Stati Uniti nel bloccare la Cina?

2024-05-31 07:53:19

[Articolo/colonnista dell’Observer Anton Niemann]

Nel passato vertice dei ministri delle Finanze del G7, anche il ministro dell’Economia e delle Finanze francese Bruno Le Maire ha cantato la cosiddetta “teoria della sovraccapacità” cinese, proprio come gli Stati Uniti, e ha chiesto che “il G7 deve essere unito, e anche l’Europa deve essere unita, e l’Europa deve affermare la propria forza economica”.

Sostenendo la “sovraccapacità della Cina” in questa materia, l’Europa continua a seguire le orme degli Stati Uniti, il che rende più o meno ironica la recente visita di Macron in Germania che ha ripetutamente sottolineato la cosiddetta “autonomia strategica” europea.

L’imposizione di tariffe del 100% da parte degli Stati Uniti su un gran numero di merci cinesi è probabilmente il più grande evento nel commercio globale degli ultimi anni, forse superando persino le sanzioni occidentali contro la Russia e la “crisi dei container” del 2021. Segna un fondamentale abbandono dei principi del libero mercato da parte degli Stati Uniti a favore del protezionismo commerciale.

Ora questo conflitto commerciale potrebbe continuare su un altro fronte, con un conflitto commerciale sino-europeo all’orizzonte. I prodotti provenienti dalla Cina (soprattutto auto elettriche) stanno entrando rapidamente nel mercato dell’UE e l’Europa sta pensando di prendere esempio dagli Stati Uniti e imporre dazi alla Cina. La mossa dell’Europa non ha solo una valenza economica, ma anche politica. La Cina dovrebbe prendere sul serio la mossa dell’Europa?

Ovvi scopi politici

I dazi statunitensi sulle merci cinesi non sono una novità assoluta, infatti gli Stati Uniti hanno preso di mira l’economia cinese con provocazioni mirate per mesi, ma pochi credevano che gli Stati Uniti fossero davvero così “pazzi” fino a quando gli stivali non hanno toccato terra.

Quando l’amministrazione Biden è entrata in carica, ha promesso di ripristinare il normale “ordine economico e commerciale internazionale”, ovvero il libero scambio nelle relazioni economiche internazionali. Nonostante la retorica, è chiaro che la maggior parte delle mosse ostili alla Cina adottate durante l’amministrazione Trump non sono state invertite dai Democratici. Tuttavia, se da un lato ci si aspettava che l’amministrazione Biden ereditasse le politiche dell’era Trump nei confronti della Cina, dall’altro non ci si aspettava che si spingesse così oltre, come si può vedere osservando l’entità degli aumenti tariffari annunciati il 14 maggio:

Acciaio – 25 per cento (le cifre tra parentesi sono le tariffe precedenti; l’acciaio aveva una tariffa precedente dello 0-7,5 per cento)

Semiconduttori – 50 per cento (25 per cento)

Batterie agli ioni di litio – 25 per cento (7,5 per cento)

Celle solari – 25 per cento (0 per cento)

Siringhe e aghi – 50% (0%)

Veicoli elettrici – 100 per cento (25 per cento)

Le tariffe imposte dagli Stati Uniti questa volta sono accompagnate da una clausola di “obbligo proibitivo”, che ha raggiunto nuove vette in termini di stretto controllo e di sfumature politiche. In passato, per la cosiddetta “rettitudine” degli Stati Uniti, la maggior parte delle loro politiche economiche erano legate all'”energia verde” e ai settori correlati in un modo o nell’altro. Ma questa volta è diverso: per proteggere le proprie industrie, gli Stati Uniti sono persino disposti a sacrificare l’attuazione del programma di trasformazione “verde” come prezzo per sopprimere la Cina.

Ciò dimostra che l’ostilità degli Stati Uniti nei confronti della Cina in ambito economico ha raggiunto nuove vette. Recentemente è stato rivelato che la BMW ha importato negli Stati Uniti circa 8.000 Mini Cooper dotate di componenti elettronici provenienti dal gruppo cinese Sichuan Jingwei Da Technology. Gli americani hanno immediatamente preso provvedimenti nei confronti dei fornitori di auto occidentali che si avvalgono dei servizi di questa società cinese, tra cui figurano anche Jaguar Land Rover, Volvo e Volkswagen. Tutti i loro prodotti sono stati individuati e messi in “quarantena” e la polizia ha sequestrato migliaia di auto nei porti.

Ancora oggi, gli Stati Uniti rimangono un “modello” per molti Paesi occidentali: il loro comportamento è spesso seguito o avallato da altri Paesi occidentali. Gli americani, che un tempo promuovevano l’idea del libero scambio universale, oggi favoriscono il protezionismo, che ha iniziato a diffondersi sotto l’egida americana. L’Unione Europea, ad esempio, ha già guardato oltreoceano e sta valutando la possibilità di imporre ai prodotti cinesi sul proprio mercato tariffe simili a quelle imposte dagli Stati Uniti.

visitatori osservano i veicoli a nuova energia del marchio automobilistico cinese BYD al Salone Internazionale dell’Automobile 2023 di Monaco, Germania, il 6 settembre 2023 ora locale. (Fonte: Visual China)

Le ragioni per cui l’UE vuole provocare un conflitto commerciale tra Cina ed Europa sono complesse. In primo luogo, l’UE e le sue industrie hanno subito enormi perdite a causa dello scoppio del conflitto tra Russia e Ucraina e delle sanzioni occidentali contro la Russia. La perdita di energia a basso costo dalla Russia ha portato a un aumento di diverse decine di punti percentuali dei costi di produzione dell’industria europea e la Germania, la locomotiva dell’economia europea, ha sofferto molto.

In secondo luogo, il lato produttivo dell’industria europea è stato fortemente sostenuto dal lato della domanda cinese fin dall’epidemia della Nuova Corona. La Cina è stata per molti anni un acquirente attivo di attrezzature e prodotti ingegneristici europei e sembra che questa tendenza continuerà, dato che il mercato cinese è un “pozzo senza fondo” di domanda. Tuttavia, il fatto è che la Cina e le aziende cinesi stanno più spesso “comprando per il futuro”, importando prodotti europei per facilitare l’apprendimento tecnologico, promuovere la concorrenza e consentire ai propri prodotti di sostituire quelli importati dall’estero, compresa l’UE. Gli effetti di questo fenomeno sono stati visibili già nel 2023, quando le esportazioni europee verso la Cina sono improvvisamente calate del 3%, le importazioni sono diminuite ancora di più e la bilancia commerciale tra Cina ed Europa è rimasta in territorio relativamente negativo, il che è alla base della preferenza dell’Unione Europea per la cosiddetta “equità” nel commercio sino-europeo.

Nell’industria automobilistica, ad esempio, l’Unione Europea vuole replicare il “miracolo produttivo” delle auto europee anche nel campo dei veicoli a nuova energia, ma il risultato ha causato seri problemi alla produzione automobilistica europea ed è difficile per le aziende automobilistiche locali europee competere con le auto cinesi, molto più economiche. Allo stesso tempo, la tecnologia dei veicoli elettrici annulla il vantaggio decennale dell’Europa in termini di tecnologia e competenze. Entro la fine del 2023, il 20% di tutte le auto elettriche vendute sul mercato europeo sarà prodotto in Cina. Questa cifra dovrebbe raggiungere il 25% nel 2024. Inoltre, se le tendenze attuali continueranno, i marchi cinesi raddoppieranno la loro quota del mercato europeo delle auto elettriche, raggiungendo il 50% entro il 2027. Questa “prospettiva spaventosa” ha spaventato le case automobilistiche europee, già in difficoltà, alcune delle quali hanno addirittura creato delle joint venture con i produttori di auto cinesi nel tentativo di rallentare il loro declino.

Ci sono due modi per uscire da questa situazione: o l’UE rinuncia all’ambizione meno realistica di competere con la Cina nel settore dei tram e continua ad approfondire il proprio settore di nicchia delle auto a combustibile, oppure cerca di erigere elevate barriere tariffarie e protezioni commerciali. Per proteggere efficacemente le aziende automobilistiche europee, l’UE dovrebbe imporre tariffe di almeno il 25% sui prodotti automobilistici cinesi. Solo in questo caso le auto elettriche e ibride prodotte in Cina sarebbero più costose di quelle prodotte dalle aziende automobilistiche europee. Altri sostengono che le tariffe dovrebbero essere aumentate a più del 55% per essere efficaci, ma sia il 25% che il 50% sarebbero molto più alti dell’attuale livello tariffario del 10%.

Chiaramente, l’UE preferisce la seconda opzione: la protezione del commercio. Oltre a sostenere che i sussidi cinesi per le auto elettriche sono “ingiusti”, l’UE ha anche affermato di voler avviare “indagini commerciali” sull’energia solare, sui parchi eolici, sulle ferrovie, sulle attrezzature mediche e su altri settori. Dopo aver incontrato i leader cinesi il 6 maggio di quest’anno, la Presidente della Commissione europea Von der Leyen ha minacciato di imporre una serie di restrizioni commerciali alla Cina per non aver fornito un accesso equo al mercato e di “utilizzare tutti gli strumenti commerciali a sua disposizione” contro la Cina per adempiere al suo impegno di rendere l’UE “un attore politico più influente sulla scena globale”. L’UE deve “utilizzare tutti gli strumenti commerciali a sua disposizione” contro la Cina per rispettare l’impegno di rendere l’UE “un attore politico più influente sulla scena mondiale”.

Ciò riflette la posizione sempre più dura dell’UE nei confronti della Cina. La minaccia della Von der Leyen di adottare misure commerciali restrittive nei confronti della Cina potrebbe bloccare i legami di quest’ultima con il mercato europeo e portare a un conflitto commerciale. Ma, secondo le parole dei funzionari dell’UE, si tratta di un’iniziativa dell’UE “per rendere di nuovo equo il commercio internazionale”.

La Vestager, responsabile della concorrenza dell’UE, ha dichiarato in un’intervista: “Riconosciamo che la Cina sta giocando d’astuzia. Sapere di essere presi in giro significa stare attenti e agire meglio”. I funzionari europei, tra cui l’ex presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi, ritengono che le “violazioni commerciali” della Cina siano alla base dei maggiori problemi sociali e politici che hanno afflitto l’Europa e gli Stati Uniti negli ultimi 20 anni. La mancanza di regole internazionali e di meccanismi di risoluzione delle controversie ha creato una concorrenza sleale e ha portato gli elettori a rifiutare i valori democratici, ha detto Draghi in un discorso, ed essi stanno “giustamente reagendo”.

L’approccio dell’UE è in realtà in linea con quello degli Stati Uniti, che mirano ad assumere congiuntamente una posizione più dura nei confronti della Cina per rafforzare l’effetto della pressione. Le questioni della cosiddetta “sovraccapacità” e dei “sussidi irragionevoli” sono state sollevate dal Segretario del Tesoro statunitense Yellen durante la sua visita in Cina. Il ministro ha affermato che la “sovraccapacità” della Cina è diventata un problema globale e ha dichiarato che gli Stati Uniti non “rinunceranno a nessuna possibilità” di utilizzare qualsiasi mezzo, comprese le tariffe, per fermare l’afflusso di merci cinesi.

In seguito, durante la sua visita in Cina, anche il cancelliere tedesco Wolfgang Schulz ha affermato che la Cina deve affrontare il problema della “sovraccapacità” e ha chiesto che la Cina favorisca ulteriormente le aziende occidentali, affermando che “la concorrenza deve essere equa”. “Non siamo favorevoli a un sistema universale di tariffe, quote, ecc. perché alla fine, se le misure commerciali non sono abbastanza sagge e ponderate, tendono a fare più male che bene”. ha dichiarato il Segretario di Stato tedesco per il Clima Sven durante una riunione dei ministri dell’energia dell’UE, “ma allo stesso tempo non dobbiamo essere troppo ingenui”.

Cantano all’unisono, al passo con gli altri, con uno scopo evidente. Ovviamente, l’Unione Europea e gli Stati Uniti stanno speculando sulla questione della cosiddetta “concorrenza sleale”, e le loro manovre politiche e la soppressione dell’influenza economica della Cina sono estremamente chiare.

perdere competitività

Il motivo fondamentale per cui l’Unione Europea e gli Stati Uniti speculano sulla cosiddetta “concorrenza sleale” è che le loro industrie locali stanno gradualmente perdendo la loro competitività.

Il settore delle tecnologie pulite è il più caldo dell’UE e la tendenza alla protezione commerciale è anche la più evidente. Dalle auto elettriche ai pannelli solari, la competitività delle aziende dell’UE in questi settori è stata superata dalle loro controparti cinesi e addirittura lasciata indietro. La mancanza di competitività del “nuovo status quo” ha scatenato l’ansia nell’UE.

Nell’ultimo decennio, la Cina è emersa come attore dominante nel mercato delle tecnologie pulite e le industrie correlate stanno crescendo a passi da gigante. Nel settore dell’energia eolica, ad esempio, le aziende cinesi sono in grado di vendere i loro prodotti a un prezzo mediamente inferiore del 20% rispetto alle loro controparti europee e statunitensi, grazie a un’eccellente governance amministrativa, a prezzi più bassi per i componenti e a effetti cluster; l’anno scorso il deficit commerciale dell’Unione Europea con la Cina in questo settore è stato di 462 milioni di euro.

Le aziende cinesi rimangono la principale fonte di approvvigionamento di materie prime per l’Europa, rappresentando circa il 22% delle importazioni europee nei primi quattro mesi del 2024. La dipendenza dell’Europa dalla Cina è particolarmente elevata, soprattutto per quanto riguarda le materie prime necessarie all’UE per la transizione energetica; ad esempio, più di quattro quinti delle batterie agli ioni di litio dell’UE sono importate dalla Cina.

Gli investimenti cinesi nell’Unione europea sono diventati ancora più visibili. Nell’ultimo decennio, gli ingenti investimenti hanno dato alle imprese cinesi una forte posizione nel settore delle infrastrutture europee, con la Cina che ha investito in infrastrutture chiave come molti porti europei, reti elettriche (in Portogallo, Italia e Grecia) e cavi di telecomunicazione sottomarini (ad esempio, il Peace Cable, che collega il Pakistan alla Francia). Negli ultimi tre anni, gli investimenti cinesi in Europa hanno subito un rallentamento, poiché le aziende cinesi hanno concentrato la loro attenzione su progetti di alta qualità, in particolare nelle tecnologie pulite. Tuttavia, gli investimenti cinesi in Europa rimangono generalmente stabili, con 8,21 miliardi di dollari di nuovi investimenti nell’UE nei primi due mesi del 2024, con un aumento del 17,4% rispetto all’anno precedente.

Lo smantellamento della competitività ha portato l’UE a rilanciare il bastone della protezione commerciale. L’anno scorso, l’UE ha introdotto il Net Zero Emissions Industry Act, un disegno di legge progettato per garantire che il 40% del fabbisogno di cleantech dell’UE sia prodotto internamente, con un chiaro obiettivo di cercare di contrastare l’enorme pacchetto di sostegno offerto dagli Stati Uniti con l’Inflation Reduction Act. Da allora, l’attenzione dell’UE si è spostata nuovamente sulla Cina, ad esempio inserendo una serie di clausole restrittive nella legge sugli investimenti della Nuova Zelanda per garantire che sia più difficile per le aziende cinesi presentare offerte per progetti legati alle energie rinnovabili in Europa. Tuttavia, il rifiuto della tecnologia pulita cinese a basso costo ha avuto un costo enorme per l’UE, a scapito delle sue attuali “ambizioni a basse emissioni di carbonio” di ridurre le emissioni di carbonio del 55% entro il decennio in corso.

Dopo lo scoppio del conflitto tra Russia e Ucraina, l’industria high-tech dell’Unione Europea si è allontanata dal normale percorso. L’industria dell’auto elettrica o dei chip dell’UE potrebbe incontrare un destino simile a quello dell’industria fotovoltaica, dato che più di 10 anni fa le imprese fotovoltaiche dell’UE non solo non sono riuscite a recuperare l’influenza sul mercato, ma hanno anche perso completamente la capacità di competere con le imprese fotovoltaiche cinesi. Oggi la Cina detiene il 90% della capacità produttiva mondiale di fotovoltaico.

L’industria fotovoltaica è un microcosmo dell’attuale industria automobilistica dell’UE. L’UE non può competere con i prodotti cinesi e le auto elettriche sono certamente la manifestazione più evidente della perdita di competitività dell’UE. A causa della scarsa apertura del mercato statunitense, le aziende automobilistiche cinesi sono particolarmente impegnate nello sviluppo del mercato europeo, il che ha intensificato i sentimenti protezionistici nell’UE. A questo proposito, l’UE ha creato elevate barriere commerciali e ha reso le cose difficili in termini di standard di accesso. Tuttavia, le auto cinesi si sono ancora prese il loro pezzo di cielo e di terra nell’UE, il che dimostra ancora una volta che la causa principale del protezionismo dell’UE è che le aziende automobilistiche europee hanno perso la loro competitività in termini di prezzo e qualità.

Di fronte alla forte concorrenza cinese, cresce l’ansia dell’Unione Europea. Il Presidente della Commissione europea Von der Leyen ha dichiarato in precedenza che ci sono “prove sufficienti” che le nuove auto elettriche importate dalla Cina sono sovvenzionate dal governo cinese, anche attraverso trasferimenti diretti di fondi, agevolazioni fiscali o la vendita di beni o servizi pubblici a prezzi inferiori a quelli di mercato. Ciò suggerisce che l’UE potrebbe imporre tariffe temporanee sulle importazioni cinesi entro luglio e decidere se imporre tariffe formali entro novembre.

Recentemente, l’UE ha anche utilizzato un nuovo strumento: il regolamento sulle sovvenzioni estere per reprimere le offerte delle imprese cinesi per le gare d’appalto ferroviarie bulgare e per i parchi solari rumeni. Inoltre, l’UE ha annunciato l’avvio di indagini preliminari sulla partecipazione cinese a gare d’appalto per progetti di parchi eolici in Spagna, Grecia, Francia, Romania e Bulgaria.

Un conflitto commerciale tra la Cina e l’Europa sembra essere sul punto di sfociare in una crisi.

Le esportazioni di veicoli elettrici cinesi verso l’UE hanno subito un calo significativo a causa dell’indagine antisovvenzioni dell’Unione Europea

Diverse percezioni tra Cina ed Europa

La Cina definisce l’attrito tra la Cina e l’UE come un “conflitto commerciale” piuttosto che strutturale, ma l’UE chiaramente non la vede in questo modo.

L’Unione Europea non ha gradito la politica della Cina di “garantire l’apertura al mondo esterno”. Sul fronte economico, la principale “accusa” dell’UE nei confronti della Cina è un deficit commerciale di oltre 200 miliardi di euro, dovuto, secondo l’Unione, all’esclusione delle merci europee dal mercato cinese e all’afflusso di merci cinesi in Europa grazie ai sussidi di Pechino per le auto elettriche e altri prodotti.

All’inizio di maggio 2024, in occasione della visita del leader cinese in Francia, i massimi dirigenti di Cina ed Europa si sono incontrati faccia a faccia al più alto livello. Ma la Presidente della Commissione europea Von der Leyen ha “avvertito” la Cina che l’UE “ha a disposizione gli strumenti per proteggere i nostri mercati” e, in particolare, che è pronta ad adottare misure per limitare l’accesso della Cina al mercato europeo delle apparecchiature mediche.

L’antenato dell’UE è l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Trump ha causato da solo un conflitto commerciale tra Stati Uniti e Cina nel 2018, che si è concluso con un fallimento. Se l’Europa decide di lanciare una “guerra” simile, si troverà di fronte allo stesso risultato. Il successo manifatturiero della Cina non è legato ai sussidi, ma all’efficienza e alla competitività dei prodotti cinesi.

La situazione dimostra ora che l’UE è pronta a intraprendere nuove azioni per controbilanciare la Cina. A questo seguirà la pubblicazione della nuova strategia di sicurezza economica dell’UE, che continuerà a porre l’accento sulla protezione delle industrie chiave e sull’esclusione degli investimenti cinesi e russi. L’obiettivo è eliminare i “rischi per la sicurezza economica dell’UE” nelle relazioni con i partner che “non condividono i valori dell’UE”. Le tecnologie chiave includono i semiconduttori, l’intelligenza artificiale e le biotecnologie. Tra le possibili misure vi sono l’inasprimento delle regole per l’approvazione degli investimenti diretti esteri, l’armonizzazione dei controlli sulle esportazioni e lo sviluppo di nuovi meccanismi per controllare “la fuga di tecnologie sensibili verso gli avversari dell’UE attraverso gli investimenti esteri”.

La Cina considera questi attriti economici come “conflitti commerciali” senza alcun elemento politico. Ma l’Unione Europea ha chiaramente innalzato la bandiera della “diplomazia dei valori”. È evidente che il dialogo tra Cina e UE non è più sullo stesso canale, ed è difficile che l’UE ascolti seriamente le esortazioni della Cina.

Nel considerare le dinamiche delle relazioni Cina-UE, non dobbiamo concentrarci solo sugli eventi degli ultimi anni. Già negli anni 2010, l’UE ha iniziato a sentirsi sempre più in ansia per i piani della Cina di accelerare lo sviluppo delle industrie ad alta tecnologia attraverso sussidi governativi. È in questo contesto che le relazioni sino-europee hanno iniziato a complicarsi perché l’UE, a differenza degli Stati Uniti, non è in grado di perseguire politiche efficaci nel campo dell’innovazione. Se l’UE non interviene sull’attuale tendenza, l’Europa perderà il suo dominio sul mercato mondiale. Tuttavia, la Cina non cederà a questo comportamento irragionevole perché ha bisogno di mantenere il circolo virtuoso tra scienza, tecnologia e mercati, ed è improbabile che la Cina collabori con la posizione dell’UE su questioni come il conflitto russo-ucraino impegnandosi nella “diplomazia dei valori”.

Nel frattempo, la Cina sta ancora cercando di migliorare le sue relazioni con l’Unione Europea, privilegiando la diplomazia bilaterale. Durante la visita del presidente francese Emmanuel Macron in Cina nel 2023, le aziende francesi hanno firmato numerosi contratti commerciali del valore di miliardi di dollari con aziende cinesi in 14 settori diversi. Durante la visita del leader cinese in tre Paesi europei all’inizio di maggio di quest’anno, sono stati firmati 13 accordi con la parte francese, il che dimostra pienamente la sincerità della Cina nel migliorare le relazioni Cina-UE.

Negli ultimi anni, la Cina ha avviato un dialogo con l’UE su base paritaria e inclusiva che, secondo la Cina, aiuta a prevenire lo scoppio di un conflitto commerciale tra Cina e UE, ma questo comportamento può, in una certa misura, portare a problemi inutili. Ad esempio, alla fine del 2020, la Cina e l’UE sono riuscite a concordare i termini dell’Accordo globale sugli investimenti Cina-UE (CECA), ma poi il Parlamento europeo ha imposto sanzioni alla Cina e congelato il CECA a tempo indeterminato a causa della cosiddetta risoluzione sulle questioni dei diritti umani nello Xinjiang.

Vi sono anche profonde ragioni politiche alla base di questa scelta. Tradizionalmente, la relazione tra gli Stati Uniti e l’UE (nonostante i suoi alti e bassi) è stata la più forte sulla scena internazionale. Gli Stati Uniti sono il principale alleato dell’UE in materia di difesa, politica, economia e diplomazia, e viceversa. La condivisione di modelli economici, politici e culturali, nonché di un quadro di alleanze militari comuni (NATO), ha reso l’UE estremamente dipendente dagli Stati Uniti, costringendola a cedere alla politica estera statunitense su alcune questioni che, insieme alla necessità dell’UE di salvaguardare i propri interessi, hanno creato una diversa percezione delle questioni commerciali tra Cina ed Europa.

Il processo di continua politicizzazione delle questioni commerciali da parte dell’UE nel passato, nel presente e nel futuro non si fermerà. La dipendenza dell’UE dagli Stati Uniti e la necessità di salvaguardare i propri interessi determinano che essa sarà certamente coerente con gli Stati Uniti sulle questioni commerciali, sulla politica estera e su altri orientamenti generali, il che è inevitabile. A meno che l’UE non riesca a liberarsi degli Stati Uniti, per raggiungere una vera indipendenza e autonomia, ma per il momento, per fare questo, l’UE ha ancora bisogno di tempo e di sforzi.

Questo articolo è un articolo esclusivo di Observer.com, il contenuto dell’articolo è puramente il punto di vista personale dell’autore, non rappresenta il punto di vista della piattaforma, senza autorizzazione, non può essere riprodotto, o sarà ritenuto legalmente responsabile. Prestare attenzione alla micro lettera dell’Observer guanchacn, leggere articoli interessanti ogni giorno.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Russia Ucraina, il conflitto 61a puntata Una diversa determinazione Con Max Bonelli

Due sono gli aspetti che emergono particolarmente dalle immagini e dalle parole in questa puntata con Max Bonelli: l’azzardo sempre più alto e sempre più rischioso che caratterizza le scelte del campo occidentale, in particolare dall’attuale leadership statunitense. Una nuova versione, più cinica, del “armiamoci e partite” rivolta agli europei con la complicità ottusa e criminale della quasi totalità delle proprie élites. Un azzardo che arriva a confondere e a sostituire alla cruda realtà dei fatti sul terreno il messaggio comunicativo e la schermaglia verbale. Per altri aspetti, la diversa determinazione delle forze in campo in Ucraina. Dalla parte russa lo scontro sta sempre più assumendo le caratteristiche della “guerra patriottica” e la postura di un confronto esistenziale di lunga durata. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4ypnjw-russia-ucraina-il-conflitto-61a-puntata-una-diversa-determinazione-con-max-.html

Le truppe dovranno essere inviate in Ucraina, Jean-Baptiste Noé

Le truppe dovranno essere inviate in Ucraina
Jean-Baptiste Noé

Le truppe francesi dovranno probabilmente essere inviate in Ucraina, ma non per i motivi citati dal Presidente Macron. È difficile che l’esercito francese si metta in mezzo alla Russia per sostenere l’esercito ucraino. A prescindere dai meriti dei suoi soldati, l’esercito francese non ha l’equipaggiamento o le armi per un’operazione del genere. Le scorte sono vuote e i reggimenti sono stati spogliati, in particolare per aiutare l’esercito ucraino. Di fronte all’offensiva russa in corso, Kiev è da sola e non può essere aiutata.

Tuttavia, sarà probabilmente necessario inviare truppe francesi in Ucraina per mettere in sicurezza il Paese e, soprattutto, la Francia e il resto d’Europa. Con la fine della guerra in corso, o almeno con la fine dei combattimenti, l’Ucraina sperimenterà due fenomeni che tutti i Paesi in guerra hanno sperimentato prima di lei: il rischio di disintegrazione e la vendita di armi in circolazione. Questo fenomeno si è verificato in Afghanistan, Jugoslavia e Libia. Non c’è motivo per cui non debba accadere anche in Ucraina.

Disintegrazione

Con l’aiuto della guerra, c’è stata una totale unità nazionale intorno a Volodymyr Zelensky. Una volta terminati i combattimenti, questa unità è scomparsa e le tensioni politiche e sociali sono state elevate. Abbiamo già visto le tensioni tra l’attuale Presidente e il suo Capo di Gabinetto, che hanno portato alla sua estromissione e sostituzione. Tutto il malcontento della popolazione, la sconfitta, le frontiere mal negoziate, la disoccupazione e i morti saranno imputati a Zelensky. A ciò si aggiunge lo stato endemico di corruzione del Paese, che era già diffuso prima del 2022 e che il conflitto ha solo esacerbato, e il decadimento delle strutture sociali.

Non è escluso che alcuni generali vogliano intraprendere una carriera politica e fare cessioni parziali di territorio, sostenuti dai loro reggimenti. O che bande criminali attacchino le zone di guerra, terrorizzando i civili. O che scoppi una guerra civile, facendo precipitare il Paese nel caos. Questi scenari, per quanto improbabili, non possono essere esclusi. È quello che è successo in Jugoslavia e in Libia, è quello che è quasi successo in Egitto ed è quello che si sta consumando in Libano. Un Paese debole, con una debole unità nazionale, può facilmente crollare dopo lo shock della guerra. Più indietro nella storia, la guerra civile postbellica ha colpito la Grecia nel 1945 e la Germania nel 1918 (si veda I reprobi di Ernst von Salomon).

Certo, c’era un’ideologia concorrente (il comunismo) che era in grado di strutturare i movimenti di opposizione e organizzare la guerra civile. Questo non è il caso dell’Ucraina ed è ciò che potrebbe salvare il Paese. Perché scoppi una guerra civile, la popolazione deve essere così divisa che la guerra sembra essere la soluzione meno peggiore. Questa divisione può essere basata su principi etnici (Libia, Jugoslavia) o politici (Germania, Grecia).

In Afghanistan, c’è stata una combinazione di principi etnici (Pashtun/Tajik) e politici (islamismo). Anche la guerra in Ucraina oggi è una forma di guerra civile, tra l’ovest di lingua ucraina e l’est di lingua russa, ed è anche una guerra civile basata su principi politici, tra gli ucraini attratti dall’Occidente e quelli che si schierano con la Russia. La parte dell’Ucraina non occupata dalla Russia ha il vantaggio dell’omogeneità etnica, religiosa e linguistica, oltre che politica, che limita i rischi di guerra civile. Ma in ogni caso, per garantire la sicurezza interna del Paese e combattere le bande criminali e mafiose che potrebbero abbattersi sulla popolazione civile, non si può escludere il dispiegamento di contingenti francesi.

Destabilizzazione

Il secondo problema posto dall’Ucraina, di cui abbiamo parlato fin dall’inizio dell’invasione russa, è quello degli stock di armi in circolazione nel Paese. Anche in questo caso, come in Afghanistan, Jugoslavia e Libia, il problema è sempre stato lo stesso: le armi vengono recuperate da reti criminali che le rivendono ad altre reti. Dato lo stato di corruzione del Paese, c’è da temere che le pistole in circolazione vengano vendute a reti europee e poi utilizzate dalla criminalità organizzata e dalle reti mafiose. Questo sta già accadendo in Francia. Una sparatoria a Marsiglia nel maggio 2023 è stata effettuata con armi provenienti dall’Ucraina. Fenomeni simili sono stati osservati a Grenoble. Nel giugno 2023, i24 News ha riferito che le armi sono state dirottate e vendute all’Iran, ad Hamas e ad Hezbollah. Sarebbe interessante sapere se qualcuna di queste armi è stata utilizzata nell’attacco del 7 ottobre 2023. Non si può escludere che i fucili d’assalto utilizzati nell’attacco al furgone della prigione provenissero dall’Ucraina. L’indagine potrebbe essere in grado di determinare la loro origine.

Date le grandi scorte e il bisogno di denaro, la vendita illegale di queste armi non potrà che aumentare una volta terminati i combattimenti, inondando il mercato europeo. È quindi urgente mettere al sicuro le scorte, distruggerle e proteggere i confini ucraini per limitare il deflusso di queste armi. Questa potrebbe essere una missione per l’esercito francese. L’Ucraina sarà l’avamposto della sicurezza in Francia e in Europa. L’esercito francese potrebbe avere un ruolo da svolgere nel contribuire a rendere sicuro il territorio ucraino e quindi quello francese.

Non si tratta di fantascienza. Ciò che è stato descritto è accaduto in tutti i Paesi che hanno vissuto una guerra. Lo stesso vale per la Francia, dove una delle prime azioni del generale de Gaulle fu quella di recuperare le armi dai comunisti per evitare che guidassero una rivolta civile (cosa che avvenne nel 1947, costringendo il socialista Paul Ramadier a usare l’esercito contro gli scioperanti). Anche in questo caso, come spesso accade, l’anticipo è essenziale per evitare la destabilizzazione.

Autore: Jean-Baptiste Noé

Jean-Baptiste Noé ha conseguito un dottorato in storia economica. È direttore di Orbis. School of Geopolitics. È autore di diversi libri: Géopolitique du Vatican. La puissance de l’influence (Puf, 2015), Le défi migratoire. L’Europe ébranlée (2016) e, recentemente, un libro dedicato alla Monarchia di luglio: La parenthèse libérale. Dix-huit années qui ont changé la France (2018).

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Wang Wen| L’Europa riflette: dopo aver perso la Russia, non può perdere nuovamente la Cina

Il linguaggio diplomatico, parte di quello politico, è finalizzato al conseguimento di obbiettivi. La rappresentazione della realtà e l’immagine che si vuol offrire degli interlocutori quasi sempre non corrisponde alla realtà considerata delle relazioni. Giuseppe Germinario

Cui Hongjian: l’autonomia strategica dell’Europa sta toccando il fondo, e la cooperazione con la Cina può identificare meglio la sua direzione

2024-05-08 10:31:54Dimensione dei caratteri: A- A A+Fonte: OsservatoreLeggi 177905
Ultimo aggiornamento: 2024-05-08 10:49:20

[文/观察者网 王慧、房佶宜】11 ore, attraverso le montagne e il mare, la diplomazia del capo di Stato cinese inizia un nuovo viaggio. La destinazione è l’Europa.

Dal 5 al 10 maggio, il Presidente Xi Jinping ha effettuato una visita di Stato in Francia, Serbia e Ungheria. È stato il suo primo viaggio nel 2024 e la sua seconda visita in Europa dopo cinque anni, scelta anche per il primo viaggio del presidente Xi cinque anni fa (2019).

“Ora che le relazioni Cina-UE sono in una fase in cui devono essere energizzate e orientate, la decisione del presidente Xi di fare dell’Europa la meta della sua prima visita di quest’anno riflette l’importanza che egli attribuisce alle relazioni Cina-UE e la sua profonda comprensione della legge di sviluppo delle relazioni Cina-UE”. Cui Hongjian, direttore del Centro per gli studi sull’Unione europea e lo sviluppo regionale dell’Università degli studi esteri di Pechino, ha dichiarato all’Observer.

Il “tour europeo” del leader cinese ha attirato molta attenzione, e anche la scelta della prima tappa in Francia ha un significato profondo.

“Il rapporto tra Cina e Francia è sempre stato in prima linea nelle relazioni Cina-Europa e Cina e Francia, in quanto due grandi Paesi, hanno la responsabilità di mantenere congiuntamente il normale e sano sviluppo delle relazioni Cina-Europa”. Secondo Cui Hongjian, la visita del presidente Xi in Francia è stata molto fruttuosa: le due parti non solo hanno rafforzato ulteriormente il loro consenso strategico, ma hanno anche ampliato la cooperazione economica e commerciale, ottenendo molti risultati negli scambi umanistici, nella cultura e nel turismo, che forniranno una base più positiva e attiva per le prossime visite in Serbia e Ungheria, entrambe previste.

Perché Macron ha sottolineato che “il rafforzamento della cooperazione con la Cina è una questione che riguarda il futuro dell’Europa”?

Incontro tripartito tra i leader di Cina, Francia ed Europa, cerimonia di benvenuto, colloqui tra i capi di Stato di Cina e Francia, incontro congiunto con i giornalisti, cerimonia di chiusura del 6° incontro del Consiglio imprenditoriale Cina-Francia, banchetto di benvenuto, visita ai Pirenei ……

Da Parigi a Tabou, il Presidente Xi ha svolto un programma ricco e fitto in Francia.

Durante un incontro tra i leader tripartiti di Cina, Francia ed Europa, Macron ha affermato che il mondo sta attualmente affrontando grandi sfide, la situazione internazionale è a un punto di svolta critico e la Francia e l’UE hanno bisogno più che mai di rafforzare la cooperazione con la Cina, che è una questione di futuro per l’Europa.

“In realtà, per i Paesi europei, compresa la Francia, c’è sempre stata la necessità di rafforzare la cooperazione con la Cina, solo che il presidente Macron ritiene che l’attuale necessità sia più urgente”. Cui Hongjian ha analizzato che la dichiarazione di Macron si basa su tre elementi:

La mattina del 6 maggio, ora locale, il presidente Xi Jinping è stato invitato a tenere un incontro tripartito tra i leader cinesi, francesi ed europei con il presidente francese Emmanuel Macron e la presidente della Commissione europea Von der Leyen. Fonte della foto: Agenzia di stampa Xinhua

In primo luogo, l’Europa si trova ora nel mezzo dei conflitti russo-ucraino e palestinese-israeliano e la sua ansia per il deterioramento dell’ambiente di sicurezza è in aumento. La Cina è un grande Paese responsabile e i Paesi europei hanno bisogno della Cina più che mai per mantenere la stabilità strategica globale, cessare il fuoco in tempi brevi e risolvere i conflitti regionali.

In secondo luogo, i Paesi europei, compresa la Francia, stanno affrontando una serie di sfide economiche, soprattutto alla luce dell’attuale incertezza sull’esito delle elezioni americane, e l’Europa deve prepararsi ad affrontare un ambiente economico più difficile in futuro. La cooperazione economica e commerciale tra Cina, Francia e Cina-Europa non solo ha le basi, ma ha anche il potenziale e lo spazio per farlo. Quindi, per lo sviluppo sostenibile dell’economia europea, il mercato, i capitali, la tecnologia e la cooperazione con la Cina sono più che mai necessari.

In terzo luogo, ha a che fare con le proprie considerazioni sulla stabilità politica. Le elezioni del Parlamento europeo di quest’anno e le elezioni politiche negli Stati Uniti potrebbero entrambe portare scosse e ripercussioni politiche in Europa. In questo contesto, la scelta di un partner più affidabile è particolarmente importante per i Paesi europei come la Francia. Rafforzare la cooperazione con la Cina può aiutare l’Europa ad affrontare meglio le sfide populiste, di estrema destra e di altro tipo provenienti dai suoi confini. Una solida relazione con la Cina è diventata una condizione esterna molto importante per la politica mainstream in Europa per rafforzarsi e portare avanti le riforme europee il prima possibile.

Per quanto riguarda le elezioni del Parlamento europeo, la politica mainstream in Europa è più preoccupata che, una volta rafforzato il potere dei partiti con elementi populisti o di estrema destra, possa esacerbare ulteriormente la natura di destra e conservatrice della politica europea.

“La politica populista o i partiti di estrema destra pongono maggiormente l’accento sulla priorità dei propri interessi nazionali, il che non solo continuerà a erodere e minare le fondamenta politiche dell’integrazione europea dall’interno, ma influirà anche sulle relazioni estere dell’Europa o sull’ambiente internazionale a causa della sua natura xenofoba”, ha affermato Cui Hongjian, aggiungendo che per le elezioni statunitensi, la principale preoccupazione dell’Europa è che se la fazione anti-establishment all’interno del Partito Repubblicano dovesse salire al potere, potrebbe riportare l’Europa ai dolorosi ricordi del 2016. potrebbe riportare l’Europa ai dolorosi ricordi del 2016.

“Nella visione dell’ala anti-establishment all’interno del Partito Repubblicano, l’ala di Trump, tutto è incentrato sul mettere gli interessi dell’America al primo posto, e le cosiddette alleanze con l’Europa devono essere rivalutate nel contesto della garanzia degli interessi dell’America stessa. In questo modo, organizzazioni come la NATO e l’UE, che incarnano i legami politici, militari ed economici tra Europa e Stati Uniti, saranno sotto attacco”.

In questo contesto, Cui Hongjian ritiene che l’Europa abbia bisogno di una visione più ampia del mondo e che non possa limitarsi ad assumere la cosiddetta alleanza con gli Stati Uniti come punto di partenza per tutta la politica estera e le relazioni esterne. “L’Europa ha bisogno di raggiungere una vera autonomia strategica, e questa autonomia dovrebbe iniziare con l’avere una personalità politica veramente indipendente”.

Il Presidente Xi Jinping a colloquio con il Presidente Macron all’Eliseo. Credito fotografico: Agenzia di stampa Xinhua

“L’autonomia strategica europea sta toccando il fondo “.

Negli ultimi anni si sono levate voci che chiedono una “autonomia strategica” europea e molti Paesi europei hanno risposto favorevolmente, anche se non mancano dichiarazioni contraddittorie.

Il presidente francese Emmanuel Macron è stato uno dei principali sostenitori di queste richieste, e nel 2019 ha notoriamente avvertito che la NATO era “cerebralmente morta” e che l’Europa avrebbe dovuto sforzarsi di ottenere una maggiore autonomia strategica.

La Cina ha sempre sostenuto l’adesione dell’Europa all’autonomia strategica e lo sviluppo delle relazioni e della cooperazione con la Cina in modo realmente indipendente. Tuttavia, nell’attuale complessa situazione internazionale, come può l’Europa essere “strategicamente autonoma”? Può sviluppare in futuro le sue relazioni con la Cina indipendentemente dagli Stati Uniti?

Cui Hongjian ha affermato che, nel contesto del conflitto russo-ucraino e di quello palestinese-israeliano, la spinta a breve termine dell’Europa a rafforzare la propria autonomia strategica e a ridurre la propria dipendenza dagli Stati Uniti in una serie di settori specifici sta regredendo, soprattutto in materia di sicurezza ed energia. Tuttavia, l’Europa è anche consapevole che si tratta di una tendenza più pericolosa, che il prossimo conflitto geopolitico potrebbe intensificarsi e che la dipendenza dell’Europa dagli Stati Uniti rischia di rendere l’Europa, per molti aspetti, un vassallo degli Stati Uniti.

“Pertanto, compreso il presidente Macron, alcuni politici europei sostengono con forza la pressione sul potere, la stimolazione inversa dello sviluppo dell’autonomia strategica, sia dal punto di vista concettuale che politico, l’Europa sembra ora essere uno stato di bottoming out”. Cui Hongjian ha affermato che l’Europa era una volta la forza centrale sulla scena mondiale, e la maggior parte dei Paesi europei ha anche una forte autostima nazionale. Nel contesto dello sviluppo futuro del mondo multipolare, il costante adeguamento della politica verso gli Stati Uniti, il debugging e la distanza tra gli Stati Uniti e l’Europa sono la tendenza generale.

Ritiene che i tre Paesi visitati dal Presidente Xi questa volta abbiano mostrato diversi gradi di indipendenza e autonomia all’interno dell’Europa, dimostrando l’intenzione di rafforzare le relazioni con i Paesi non occidentali.

“Penso che in futuro questi Paesi diventeranno la forza principale per promuovere e mantenere l’autonomia strategica dell’Europa. In questo contesto, da un lato, l’Europa stessa sta accumulando l’energia per realizzare una vera autonomia strategica e, dall’altro, attraverso la cooperazione con la Cina, li aiuterà a individuare ulteriormente la direzione della realizzazione dell’autonomia strategica e a trovare la strada giusta per realizzarla.”

Il Presidente Xi Jinping e il Presidente Macron incontrano i giornalisti. Fonte della foto: Agenzia di stampa Xinhua

“La Cina sta trasmettendo al mondo esterno il messaggio di una continua ottimizzazione delle politiche “.

Il 6 maggio, Macron ha chiarito che la parte europea non è d’accordo con il “disaccoppiamento” e accoglie le imprese cinesi per investire e cooperare in Europa. Allo stesso tempo, però, vediamo che l’Unione europea ha recentemente promosso attivamente i veicoli a nuova energia, le turbine eoliche e l’indagine compensativa della Cina.

Cui Hongjian ha sottolineato che alcune delle contraddizioni emerse nella politica europea verso la Cina negli ultimi due anni sono causate principalmente dal cosiddetto “triplo posizionamento” verso la Cina proposto nel 2019.

Il cosiddetto “triplo posizionamento” si riferisce al posizionamento simultaneo dell’Unione Europea nei confronti della Cina come “partner, concorrente e rivale istituzionale”. Si tratta di una combinazione autocontraddittoria, che ha causato molti problemi nelle relazioni Cina-UE.

“Ad esempio, nel campo dell’economia e del commercio, l’Europa non può essere separata dalla Cina, per cui il presidente Macron ha sottolineato di non impegnarsi nel ‘disaccoppiamento e nella rottura della catena’, ma allo stesso tempo vogliono costruire la loro politica verso la Cina sulla base di una serie di principi protezionistici, per cui la Cina e l’Europa si trovano ora nel campo dell’economia e del commercio a formare una sorta di rapporto paradossale sia di cooperazione che di competizione. “

Cui Hongjian ha affermato che questo fenomeno ha un certo grado di ragionevolezza, perché dopo anni di sviluppo, la forza della Cina e dell’Europa nell’economia, nella scienza e nella tecnologia e in altri campi sta cambiando, e in alcuni settori specifici lo sviluppo scientifico e tecnologico della Cina esercita una pressione competitiva sull’Europa.

“Ma per l’Europa, la questione principale ora non è incolpare la Cina per il tipo di concorrenza che sta portando avanti nei suoi confronti, ma trovare il modo di migliorarsi, di discutere con la Cina e di lavorare insieme per trasformare la concorrenza in cooperazione. Questa visita del Presidente Xi e la prossima serie di scambi e dialoghi tra Cina ed Europa stanno aiutando entrambe le parti a muoversi in questa direzione”.

Il 7 maggio, ora locale, su invito speciale del presidente Macron, il presidente Xi Jinping ha preso un aereo speciale per visitare il dipartimento degli Hautes-Pyrénées, nel sud-ovest della Francia. Fonte: Agenzia di stampa Xinhua

Durante la sua visita in Francia, il Presidente Xi Jinping ha fatto particolare riferimento al cosiddetto “problema della sovraccapacità cinese”.

Ha sottolineato che l’industria cinese delle nuove energie ha affinato le proprie competenze in una competizione aperta e ha rappresentato una capacità produttiva avanzata, che non solo ha arricchito l’offerta globale e allentato la pressione inflazionistica mondiale, ma ha anche dato un grande contributo alla risposta globale al cambiamento climatico e alla trasformazione verde. Sia dal punto di vista del vantaggio comparativo che della domanda del mercato globale, non esiste un “problema di sovraccapacità della Cina”.

L’essenza della cooperazione Cina-UE è quella di integrare i reciproci punti di forza e di ottenere vantaggi reciproci e risultati vantaggiosi per entrambe le parti. Le due parti hanno ampi interessi comuni e un enorme spazio per la cooperazione nella trasformazione verde e digitale, quindi entrambe le parti dovrebbero gestire adeguatamente le frizioni economiche e commerciali attraverso il dialogo e la consultazione e prendersi cura delle ragionevoli preoccupazioni di entrambe le parti.

Secondo Cui Hongjian, la cosiddetta “sovraccapacità” è un’invenzione dei politici statunitensi, che poi continuano a promuovere un concetto in Europa che, in larga misura, è un modo per trasferire le loro contraddizioni interne al mondo esterno, con una forte motivazione politica.

Prendendo come esempio i veicoli a nuova energia, secondo i calcoli dell’Agenzia Internazionale dell’Energia, la domanda globale di veicoli a nuova energia nel 2030 raggiungerà i 45 milioni, ovvero 4,5 volte quella del 2022; e la domanda globale di nuovi impianti fotovoltaici raggiungerà gli 820 gigawatt (GW), ovvero circa quattro volte quella del 2022. L’attuale capacità produttiva è ben lungi dall’essere in grado di soddisfare la domanda del mercato, in particolare l’enorme domanda potenziale di nuovi prodotti energetici in molti Paesi in via di sviluppo.

“Pertanto, alcuni Paesi europei e americani stanno giocando a rubare i concetti attribuendo la colpa del declino della loro competitività in settori specifici alla cosiddetta ‘sovraccapacità’ cinese, e ciò che è necessario ora è lavorare insieme per trovare una soluzione al problema”. Cui Hongjian ha ricordato che oggi esistono chiari esempi di integrazione reciproca tra Cina, Francia e Germania nell’industria verde, che formano una capacità mista tra Cina ed Europa.

In un incontro congiunto con i giornalisti dopo i loro colloqui, il Presidente Xi e il Presidente Macron hanno dichiarato che la Cina ha raggiunto la piena liberalizzazione dell’accesso al settore manifatturiero e accelererà l’apertura del mercato delle telecomunicazioni, del settore medico e di altri settori di servizi. Incoraggiamo l’espansione degli investimenti nei due sensi e ci impegniamo a fornire un ambiente commerciale favorevole alle imprese dell’altro Paese.

“Penso che questa apertura generale aumenterà ulteriormente la fiducia delle imprese europee. Come si può vedere dalla crescita degli investimenti francesi in Cina negli ultimi due anni, le aziende francesi hanno colto con attenzione i segnali della continua apertura della Cina e hanno aumentato i loro investimenti nel mercato cinese in modo molto tempestivo”. Ha dichiarato Cui Hongjian.

Le statistiche del Ministero del Commercio cinese mostrano che gli investimenti diretti della Francia in Cina hanno raggiunto 1,34 miliardi di dollari nel 2023, con un aumento del 77% rispetto al 2022. Nel periodo gennaio-febbraio di quest’anno, gli investimenti diretti della Francia in Cina sono cresciuti del 585,8% rispetto all’anno precedente.

“La Cina sta trasmettendo il messaggio che le sue politiche vengono costantemente ottimizzate, tra cui l’espansione dell’apertura e l’adesione al multilateralismo. Usando l’Europa come palcoscenico, la Cina sta mostrando al mondo che siamo pronti ad affrontare i cambiamenti”. Ha aggiunto Cui Hongjian.

 

Wang Wen| L’Europa riflette: dopo aver perso la Russia, non può perdere nuovamente la Cina

[Articolo/colonnista dell’Observer Wang Wen]

Cinque giorni prima della visita del presidente Xi Jinping in Francia, ho approfittato dell’ora di pranzo per fare jogging lungo la Torre Eiffel, l’Arco di Trionfo, Place de la Concorde, il Louvre, Notre Dame, il “percorso del triangolo d’oro”, e lungo la strada ho visto il viavai dei cinesi che hanno approfittato delle vacanze del Primo Maggio per viaggiare, e l’intera Parigi ha gradualmente ripristinato la situazione pre-epidemica, “i cinesi sono ovunque”. L’intera Parigi è gradualmente tornata alla situazione pre-epidemica “ovunque è cinese”, anche i venditori di libri della riva sinistra della Senna mi hanno accolto amichevolmente, dopo giorni di pioggia, il sole rende il “blu di Parigi” più bello.

Questa atmosfera rilassata è stata presente anche durante gli otto scambi umanistici, i forum e i dialoghi dei think tank a Parigi. Rispetto alle due visite in Francia degli ultimi sei mesi, un’atmosfera simile di relax, scambio paritario e ascolto reciproco è piuttosto rara.

“Prima o poi il mainstream francese capirà le vostre buone intenzioni “.

Nel settembre 2023 ho visitato per la prima volta dopo l’epidemia alcuni think tank francesi e istituzioni affini. A quel tempo, c’erano ancora pochi turisti cinesi per le strade di Parigi e gli studiosi cinesi a Parigi erano ancora più rari. Non li vedevo da quattro anni, il che faceva sembrare i loro scambi reciproci arrugginiti e tesi, insieme al conflitto russo-ucraino, che ha portato all’inflazione nei Paesi europei, i francesi si scervellavano e mi portavano le loro rimostranze, lamentando la parzialità della Cina a favore della Russia e criticando i diritti umani della Cina, lo Xinjiang, il Tibet, e a volte anche un bicchiere d’acqua non era disponibile alla reception, e alcuni studiosi francesi, dopo aver ascoltato la mia risposta pacata, mi hanno contro-accusato di non essere umile.

A dicembre si è recato nuovamente in Francia per partecipare al quinto dialogo di alto livello Cina-Francia Track II e la situazione è migliorata. In questo periodo, le due parti della guerra di parole, l’una offensiva e l’altra difensiva, per partecipare al dialogo di più di 20 delegati francesi per la parte cinese per parlare del miglioramento del contesto imprenditoriale della Cina, lo sviluppo a basse emissioni di carbonio, e promuovere la pace e promuovere i negoziati, non ha più reagito con veemenza, ma ha iniziato a calmarsi per ascoltare la parte cinese della situazione e l’analisi sincera delle proposte, molti diranno anche che il raccolto è molto grande.

Questa volta è stato molto diverso. La scena più interessante è stata quando, in occasione del secondo Forum sino-francese sulla governance globale, ho fatto alcune osservazioni schiette che normalmente sarebbero state considerate “politicamente scorrette” in Francia:

“Sono l’unico studioso in questa sala che è stato sul campo di battaglia russo-ucraino, e dopo più di 70 giorni di sei studi sul campo in 21 città russe, devo dire ai miei amici francesi la verità, che l’Europa e gli Stati Uniti non dovrebbero fantasticare di poter sconfiggere la Russia dando all’Ucraina alcune armi militari”.

“La cosa fondamentale ora è una tregua. La Cina ha già fatto molto per questo e, oltre ai suoi buoni uffici ufficiali, ci sono molti imprenditori cinesi che commerciano nell’Ucraina orientale, provvedendo al consumo quotidiano di beni da parte degli ucraini. Inoltre, la Cina non sta dando armi alla Russia come gli Stati Uniti stanno dando armi all’Ucraina. Circa il 70% dei droni del mondo sono prodotti in Cina, ma i controlli cinesi sulle esportazioni di droni russi sono molto severi”.

“Quello che la Cina sta facendo con la Russia è solo un normale commercio. Se stesse davvero dando alla Russia un sostegno in termini di armi, forse il campo di battaglia non sarebbe come è ora. Da questo punto di vista, solo la Cina sta davvero convincendo alla pace e promuovendo i colloqui”.

A questo punto, alcuni partecipanti francesi tra il pubblico hanno annuito spesso. Dopo che mi sono seduto, un ospite dei media francesi accanto a me mi ha sussurrato tranquillamente: “Hai ragione, prima o poi il gruppo mainstream francese capirà le tue buone intenzioni”. L’ospite francese mi ha poi aiutato a fare l’analisi dei cambiamenti psicologici nella società francese negli ultimi sei mesi, facendo eco al sentimento comune di oltre 30 studiosi ed esperti francesi contattati in Francia per cinque giorni: Europa in riflessione.

La strategia statunitense di “tirare l’Europa per frenare la Cina” non avrà successo

A venticinque mesi dalla crisi ucraina, l’Europa sta chiaramente esaurendo la pazienza. Sebbene la “correttezza politica” e i “gesti aristocratici” abbiano permesso al mainstream della società nei principali Paesi dell’UE, come Francia e Germania, di mantenere una posizione di sostegno illimitato all’Ucraina, sempre più riflessioni da parte di think tank e media si fanno sentire di tanto in tanto nei media pubblici e negli scambi privati.

Alcuni media europei criticano gli Stati Uniti per l’ingerenza negli affari europei e per le conseguenze nefaste delle cinque espansioni della NATO verso est; altri riflettono sull’inefficacia delle sanzioni contro la Russia e sull’impossibilità di sconfiggerla in fin dei conti; molti riflettono sul fatto che la crisi ha portato all’aumento dei prezzi dell’energia e a una grave crisi inflazionistica in Europa, che ha aggravato il peso sul sostentamento delle persone. Una ricerca dell’agenzia di ricerca francese Ipsos Group mostra che il 70% degli intervistati francesi non mangia più frutta e verdura fresca, perché “troppo costosa”. Un sondaggio condotto dal quotidiano Le Figaro ha mostrato che alcuni consumatori francesi non acquistano più abbigliamento di marca di lusso, optando invece per i marchi dei supermercati a basso prezzo.

Le importazioni di gas dell’Europa dipendono fortemente dalla Russia prima del conflitto Russia-Ucraina nel 2022

Economia! Economia! Economia! L’Europa è più che mai desiderosa di ripresa economica, ed è proprio questo il motivo per cui sempre più turisti cinesi tornano a Parigi, Berlino, Roma, rendendo il settore culturale e turistico europeo entusiasta per gli importanti motivi. I membri dell’Unione Europea nel 2024 non supereranno l’1,5% di crescita economica, e sempre più europei si rendono conto che il ritorno alla crescita economica e al benessere dei cittadini è oggi la priorità assoluta dell’Europa.

Nella prima settimana di maggio ho partecipato a più di una dozzina di eventi in Francia, Germania e Belgio. Mi ha fatto piacere constatare che quasi nessun europeo ha parlato di “disaccoppiamento dalla Cina” e che il termine alternativo “de-risking” è stato raramente menzionato. Francia e Germania hanno spesso menzionato la “sovraccapacità” della Cina.

Alla Cina non piace questo termine, che non corrisponde alla realtà dei fatti e non favorisce la futura cooperazione tra Cina ed Europa. Tuttavia, a mio avviso, la sostituzione di “overcapacity” con i termini “decoupling” e “de-risking” rivela l’ansia e il compromesso degli europei. La rapida ascesa della Cina nel settore dei veicoli a nuova energia e dell’industria fotovoltaica ha fatto vergognare gli europei, che si sono sempre considerati a basse emissioni di carbonio.

L’Europa deve ammettere che la Cina sta diventando un leader globale nella lotta al cambiamento climatico. L’energia pulita cinese (rinnovabile e nucleare) supera già il 40% del totale mondiale, la produzione e le vendite di veicoli a nuova energia superano il 60% del totale mondiale, i pannelli solari cinesi superano l’80% del totale mondiale e la Cina ha costruito il più grande sistema di finanziamento verde del mondo.

Nonostante l’assalto ideologico e geopolitico al commercio e agli investimenti sino-europei, nelle conversazioni con i miei amici europei non sento parlare di critiche senza fondo alla Cina, ma di una domanda illimitata nei suoi confronti.

L’Europa spera che un maggior numero di turisti cinesi venga in Europa, che la Cina partecipi alla mediazione della crisi ucraina e che collabori con la Cina per promuovere lo sviluppo a basse emissioni di carbonio e la lotta al cambiamento climatico, nonché la cooperazione con terzi in Africa, la rapida attuazione dell’accordo di investimento Cina-UE, la cooperazione nei veicoli a nuova energia e nel fotovoltaico, e così via.

Nonostante il fatto che di tanto in tanto i politici europei agitino apertamente i pugni contro la Cina in modo eclatante, in cuor loro sanno benissimo che l’Europa non può fare a meno del contributo della cooperazione economica con la Cina.

Sempre più europei si rendono conto che, dopo aver perso la Russia, non possono permettersi di perdere la Cina.

Queste riflessioni stanno contribuendo all’accelerazione dello “spostamento a destra” in Europa, con i partiti populisti di estrema destra che guadagneranno terreno nelle elezioni del Parlamento europeo del 2024. Nei Paesi Bassi, in Svezia e in Italia sono già al potere o vi partecipano figure o partiti che sono sempre stati visti come rappresentanti del populismo di estrema destra. In Francia, Germania, Finlandia, Portogallo e Danimarca, il sostegno ai partiti populisti di estrema destra ha continuato a crescere.

La stragrande maggioranza dei cinesi non capisce cosa significhi per l’Europa virare a destra o a sinistra ed è ancora più riluttante a intervenire nelle elezioni politiche europee. Tuttavia, vale la pena riconoscere il desiderio della destra europea di tornare al proprio sviluppo e promuovere la crescita economica.

Ciò che è ancora più preoccupante per la maggior parte degli europei è che se Trump tornasse alla Casa Bianca nel 2024, sarebbe uno shock enorme. Ma d’altra parte, ciò significherebbe anche che l’Europa continuerebbe il suo percorso verso l’autonomia strategica, annunciando inoltre il fallimento dei tentativi dell’amministrazione Biden di unire l’Europa per contenere la Cina.

Alla sede dell’OCSE a Parigi e alla Adenauer Stiftung in Germania, ho posto la domanda: credete davvero nella cosiddetta “teoria del picco economico cinese” e che l’economia cinese non supererà quella degli Stati Uniti in futuro? Gli investimenti europei vogliono davvero lasciare la Cina? Le risposte sono state tutte negative.

Ciò rafforza la mia convinzione che scambi interpersonali sempre più frequenti consentiranno agli europei, compresa la Francia, di allontanarsi da una mentalità americana nei confronti della Cina e di tornare sulla giusta strada del pragmatismo. Per questo sono cautamente ottimista sul futuro delle relazioni sino-europee.

L’Europa è diversa dagli Stati Uniti.

Anche se ci sono ancora molte opinioni secondo cui l’UE sotto la von der Leyen è un vassallo degli Stati Uniti, nella ricerca sul campo sia i francesi che i tedeschi sono molto sensibili a questo punto e insistono molto sulla loro autonomia strategica.

Oggettivamente, sebbene l’Europa e gli Stati Uniti appartengano alla stessa cerchia di civiltà occidentale, l’Europa e gli Stati Uniti sono effettivamente attori internazionali diversi, anche se esistono ancora molte differenze di comportamento internazionale all’interno dell’Unione Europea, e le differenze tra Europa e Stati Uniti sono ancora notevoli.

In particolare, se tra Cina e Stati Uniti esistono conflitti strutturali di competizione strategica e molte differenze difficili da colmare, tra Cina ed Europa non ci sono molti conflitti strategici sostanziali e ancor più differenze che possono essere ricucite. Ad esempio, sia la Cina che l’Europa hanno una lunga tradizione di civiltà, entrambe prediligono lo sviluppo verde, entrambe si sforzano di promuovere la pace e la stabilità regionale ed entrambe perseguono un ordine internazionale giusto, equo e razionale. In sostanza, all’Europa manca la forza trainante sufficiente per costruire una relazione strategica competitiva globale con la Cina.

Nei media cinesi, “Europa e Stati Uniti” sono spesso indicati collettivamente come “l’Occidente”. Se “Occidente” è solo un riferimento a un oggetto di critica e a una forza esterna, il termine è certamente valido; ma se è visto come un riferimento a una politica, la nozione di “Occidente” è di fatto vuota. A rigore, non esiste una “politica occidentale nei confronti della Cina”. Tuttavia, se non si distingue tra Europa e Stati Uniti, è facile invertire le due cose in un’unica “politica occidentale verso la Cina”.

In quest’ottica, la ricerca e la risposta della Cina all’Europa dovrebbero porre maggiore enfasi sul cambiamento e orientare la propria politica verso l’Europa in funzione di un cambiamento immediato.

Ad esempio, durante questa ricerca sul campo, ho scoperto che le aspettative francesi sull’esito della guerra in Ucraina sono generalmente passate da “la Russia deve perdere” a “l’Ucraina non può perdere”.

In passato, molti francesi pensavano che la Russia sarebbe stata sconfitta con il pieno sostegno della NATO e decine di migliaia di sanzioni, ma con grande sorpresa la Russia non solo ha resistito a più di 10 cicli di sanzioni, ma si è anche difesa da diversi cicli di controffensive ucraine dal settembre 2022 in poi. Al momento, con gli Stati Uniti e la NATO che rendono un servizio a parole e il conflitto israelo-palestinese dopo l’ottobre 2023 che sposta l’attenzione sul sostegno degli Stati Uniti, le difese e le controffensive ucraine sono in una fase di stallo. Nonostante la dichiarazione del Presidente francese Macron di inviare truppe di terra in guerra, i francesi ritengono in generale che ci siano poche speranze di sconfiggere la Russia sul campo di battaglia e che l’obiettivo attuale sia “l’Ucraina non può perdere”.

Ma questo obiettivo non può essere portato in superficie e la Francia continua a mantenere gesti di pieno sostegno all’Ucraina, che servono solo a garantire che l’Ucraina non possa perdere troppo. Da questo livello, ciò che la Cina può fare per persuadere e promuovere lo spazio negoziale diventa più grande.

Ad esempio, le lamentele, le critiche e persino l’odio della Francia nei confronti dell’ambiente economico interno, dello sviluppo dei diritti umani e del cosiddetto “sostegno alla Russia” si stanno gradualmente trasformando in richieste di promozione della cooperazione di terzi e in aspettative di un contributo positivo della Cina.

In totale contrasto con le due precedenti occasioni in cui la Francia ha criticato la politica epidemica della Cina, si è lamentata del disinvestimento di alcune aziende francesi dalla Cina e ha odiato il sostegno della Cina alla Russia, in molti dei colloqui di questa volta ho spesso sentito francesi chiedere agli accademici cinesi il loro punto di vista sulla cooperazione con le terze parti, sugli effetti di ricaduta della ripresa economica cinese nel 2024, sul prossimo passo della politica verde e a basse emissioni di carbonio della Cina e sull’impatto globale dello sviluppo cinese di veicoli a nuova energia. L’impatto dello sviluppo dei veicoli a nuova energia in Cina. A questo proposito, c’è anche molto spazio per il coordinamento e la cooperazione tra Cina e Paesi europei.

Nel complesso, a maggio ho ascoltato molte più opinioni sulla fila europea di quanto mi aspettassi. Molti dei nuovi spostamenti richiederanno tempi più lunghi e più fini per essere digeriti. Il primo viaggio del presidente cinese Xi Jinping in Europa nel 2024 deve avere considerazioni strategiche a lungo termine. Per i cinesi, la comprensione dettagliata dei micro-cambiamenti in Europa è una finestra importante per comprendere in modo oggettivo, completo e profondo i progressi dei nuovi cambiamenti nel mondo.

Questo articolo è un articolo esclusivo di Observer.com, il contenuto dell’articolo è puramente il punto di vista personale dell’autore, non rappresenta il punto di vista della piattaforma, senza autorizzazione, non può essere riprodotto, o sarà ritenuto legalmente responsabile. Prestare attenzione alla micro lettera dell’Observer guanchacn, leggere articoli interessanti ogni giorno.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Numeri reali: buzz sulle munizioni ucraine, reale o esagerazione?_di Simplicius

Ci sono stati alcuni nuovi aggiornamenti sulla produzione, quindi ho voluto fare una piccola analisi per vedere quanto siano realmente plausibili le affermazioni dell’Occidente di significativi aumenti di produzione.

Inizieremo con i proiettili di artiglieria da 155 mm. L’ultimo grande annuncio è che gli Stati Uniti hanno finalmente superato il loro precedente tetto di circa 28.000 colpi al mese attraverso la famigerata fabbrica logora di Scranton. Il nuovo importo dichiarato: 36.000 conchiglie al mese, secondo l’ultimo:

Ciò ha dato il via a gioiosi festeggiamenti tra la folla pro-UA con pretese di numeri come 80-100.000 “entro la fine dell’anno”.

Video più vecchio come riferimento:

Sfortunatamente, per far scoppiare la loro bolla, Sono state rivelate le proiezioni ufficiali dell’esercito americano per l’incremento della produzione :

Cosa possiamo vedere nel grafico? Si suppone che l’esercito stia andando leggermente meglio rispetto alle proiezioni più vecchie del 2022, ma non è nemmeno vicino a tenere traccia delle più recenti e speranzose proiezioni del 2023, che sembrano essere un pio desiderio. Tali proiezioni indicano circa ~ 60.000 al mese entro la fine dell’anno, tuttavia il percorso reale sembra essere diretto verso un deludente ~ 45.000 al massimo.

Due problemi con questo:

  1. Questo è un numero pietoso e a quel ritmo non raggiungerei nemmeno i 100.000 al mese per diversi anni.
  2. Anche quei miseri ~45mila non sarebbero tutti destinati all’Ucraina.

Per quanto riguarda il secondo punto di cui sopra, con Israele che, secondo quanto riferito, sta iniziando l’operazione a Rafah, e molti altri focolai incombenti, come una potenziale incursione libanese, non si può dire quante di quelle munizioni l’Ucraina potrebbe ricevere. Finora gli Stati Uniti hanno inviato in media in Israele circa 10.000 proiettili al mese, che rappresentano circa il 33% di tutta la produzione.

Ora, le cose sono andate così male che si vocifera che gli Stati Uniti stiano riducendo le proprie scorte a causa della carenza:

Una relazione:

La settimana scorsa, l’amministrazione Joe Biden ha sequestrato un carico di munizioni effettuato negli Stati Uniti d’America per Israele.

Secondo alcuni, ciò potrebbe essere dovuto alla carenza interna di munizioni e alla spedizione delle munizioni disponibili in Ucraina.

Quel che è peggio, è circolata un’immagine scioccante che mostrava che gli stessi artiglieri dell’esercito degli Stati Uniti stavano sparando colpi coreani in allenamento :

Ciò significa che la situazione dei 155 mm degli Stati Uniti e dell’Occidente è così grave che gli Stati Uniti non hanno nemmeno abbastanza proiettili per condurre un addestramento di base di routine per i propri equipaggi, che consuma una certa percentuale di proiettili al mese durante tutto l’anno.

Ma ora l’ultima affermazione che viene tirata fuori è che la tedesca Rheinmetall intende inviare all’Ucraina “milioni” di colpi:

Sono tutte crudeli sciocchezze. È difficile capire perché torturano gli ucraini con queste bugie.

Ma per motivi di trasparenza elenchiamo le loro affermazioni ufficiali dall’articolo sopra:

Prima della guerra su vasta scala della Russia contro l’Ucraina, la capacità annuale della Rheinmetall era di quasi 70.000 colpi. Quest’anno il gruppo prevede di arrivare a 700.000, e nel medio termine punta a 1,1 milioni. A tal fine Rheinmetall sta costruendo uno stabilimento a Unterluss. In Lituania viene allestita una nuova linea di produzione. In Ucraina l’azienda prevede anche di costruire una fabbrica di munizioni.

Come si può vedere, questi numeri dipendono da una serie di lontane improbabilità fluttuanti in illusioni. Innanzitutto, se scavi nella “nuova fabbrica” ​​che presumibilmente stanno costruendo a Unterluss, trovi le seguenti specifiche ufficiali :

In futuro la Werk Niedersachsen produrrà munizioni per artiglieria, esplosivi e componenti per razzi. La fabbrica produrrà infine circa 200.000 proiettili di artiglieria all’anno, insieme a un massimo di 1.900 tonnellate di esplosivo RDX e, facoltativamente, altri componenti per la produzione di cariche di munizioni. Inoltre qui potrebbe aver luogo la produzione di motori a razzo ed eventualmente di testate, che saranno necessari, ad esempio, per il previsto progetto di artiglieria missilistica tedesca.

Non solo è più un impianto per scopi generali per varie cose – il che potrebbe significare che sarà molto grande e richiederà molto tempo per essere costruito – ma qui dice che alla fine raggiungerà il massimo di 200.000 proiettili di artiglieria all’anno . L’inclusione di quella qualificazione significa che, anche dopo il suo completamento, dovrà salire lentamente fino a un “ideale” molto improbabile di 200k. Potremmo parlare di una proiezione di 5-10 anni, se non di più. La precedente promessa di 700.000 e 1,1 milioni di proiettili all’anno sembra ridicola a un esame più attento.

Questo è un bel punto che si impara solo attraverso l’esperienza di molti anni studiando le astute parole dei politici; sono molto abili nel mascherare grossolane esagerazioni e altre bugie mediante omissioni.

Ad esempio, lo stesso articolo ammette liberamente:

Secondo la valutazione del direttore generale della Rheinmetall, ci vorrà quasi un decennio perché l’industria della difesa ricostituisca le scorte della Bundeswehr al livello adeguato dopo che queste sono state esaurite, anche a seguito delle donazioni di attrezzature all’Ucraina.

Quindi forniscono la sequenza temporale esatta:

La priorità assoluta per il nuovo stabilimento è l’avvio della produzione il più presto possibile. Dopo un periodo di costruzione di circa dodici mesi – a partire dalla data del contratto – la capacità annua sarà di 50.000 proiettili all’anno. La quota iniziale del valore aggiunto della Germania sarà pari al 50%, per poi aumentare gradualmente nel secondo anno di produzione fino all’80% e nel terzo al 100%. A questo punto, la Germania avrà una fornitura completamente autarchica di munizioni per artiglieria, con valore aggiunto generato interamente in patria.

In termini di volume, la capacità annua raggiungerà i 100.000 proiettili nel secondo anno di produzione, per poi salire a 200.000 all’anno.

È uno scherzo? 100.000 proiettili entro il secondo anno? Dovrebbero essere numeri mensili . Si dice che la Russia produca almeno 250-350.000 proiettili al mese.

Ed è quasi offensivo anche solo commentare l’affermazione della Rheinmetall di costruire una fabbrica di munizioni in Ucraina : questo non è altro che un atteggiamento infantile. Sanno benissimo che una fabbrica del genere riceverebbe una visita soleggiata da Iskander e dal suo amico Kinzhal e sarebbe prontamente ridotta al costituente silice.

Per non parlare delle aziende di difesa della NATO che continuano ad andare in fiamme, con rapporti che affermano che lo stabilimento tedesco di Diehl è bruciato per giorni:

Sono sempre le stesse bugie: proprio come la Repubblica Ceca ha affermato di aver trovato 1 milione di colpi, solo per abrogarli a circa 100.000 con la promessa che troveranno il resto “da qualche parte” non specificato.

Vedete questi politici usano la stessa strategia di promesse ambigue per infondere speranza in ovvie esagerazioni.

Un altro: il trambusto è scoppiato dopo gli ultimi commenti di Macron sull’invio di un’enorme SPG “75 Caesar” all’Ucraina. Sembra incredibile sulla carta, dato che i Caesar si sono dimostrati piuttosto formidabili, probabilmente il cannone d’artiglieria più potente dell’intera guerra fino ad ora, ma in numero molto limitato.

Ma quando si dà un’occhiata alla capacità produttiva del Caesar si scopre che la stessa Francia ne ha solo 40-60 in totale, a seconda della fonte. E per costruire ogni unità ci vogliono ben 30 mesi : ci sono voluti qualcosa come 8 anni solo per costruire le poche dozzine di cui dispongono.

Ovviamente questo non significa che ne costruiscano uno alla volta, e da allora il tempo di produzione è stato presumibilmente “dimezzato”—ne possono costruire alcuni contemporaneamente nei mesi necessari, ma significa comunque che il totale “75” è anni di distanza.

Un rivolo di qualche Cesare all’anno non servirà a molto quando l’Ucraina si trova ad affrontare il collasso.

Il Regno Unito si trova in un dilemma simile:

ATACMS Shoptalk

Ora l’ultima ingiustificata eccitazione circonda l’annuncio che gli Stati Uniti hanno anche “aumentato” la produzione di ATACMS a un’enorme quantità di “dozzine al mese”

Il sito qui sopra fornisce una ripartizione illuminante delle attuali potenziali scorte ATACMS:

Ma secondo stime di terzi, Lockheed Martin aveva prodotto un totale di 4.000 missili, circa 600 dei quali furono utilizzati durante le ostilità e le esercitazioni. Ma dire che ne restano 3.400 sarebbe troppo affrettato.

Stimare il numero reale sulla base di dati pubblici è in realtà del tutto possibile. Qui, ad esempio, le informazioni sull’attuale stock di missili all’aprile 2007 non sono un segreto. Secondo il foglio informativo, all’epoca negli arsenali dell’esercito americano erano immagazzinati circa 2100 missili di diverse versioni.

Continuano calcolando che gli Stati Uniti producevano più o meno 100 missili all’anno o meno; ad esempio:

Tuttavia, dobbiamo prestare particolare attenzione alla scadenza del 2020 perché quell’anno Lockheed Martin annunciò di aver ricevuto un ordine del valore di 426 milioni di dollari per la produzione di oltre 400 missili entro il 31 marzo 2023. Molto probabilmente, la cifra comprendeva sia il marchio -missili nuovi e vecchi elaborati, assumiamo provvisoriamente 50/50.

Quindi, nel 2020, Lockheed ha firmato un accordo per produrre circa 400 missili entro il 2023, ma probabilmente si tratterà solo del 50% di nuovi missili e del 50% di ristrutturazioni. Tenendo conto di entrambi, il loro ritmo più veloce è qualcosa come 130 missili all’anno, più o meno, ovvero circa 11 missili al mese.

Dato che affermano di aver “incrementato” e che sappiamo dalla loro produzione di 155 mm che “l’incremento” è probabilmente un processo molto graduale e non del tutto drammatico, le “dozzine” ora prodotte al mese possono probabilmente riferirsi al massimo a 2 o 3 dozzina. Questo perché senza costruire una struttura completamente nuova, tutto ciò su cui puoi contare è aggiungere un altro turno alla tua fabbrica, o due turni extra al massimo per 3 turni x 8 ore. Quindi calcola una certa perdita di efficienza in quella derivante da più linee di produzione simultanee: puoi ottenere 11 x 2 o 11 x 3 = 22/33, sottratto dalla perdita di efficienza, e otteniamo un massimo di 20-25 missili al mese, e molto probabilmente nemmeno quello. .

L’articolo sopra giunge a una conclusione simile, anche se in modo più sottile.

Può quel numero di missili fare una grande differenza nella guerra? Diciamo che dà all’Ucraina la possibilità di lanciare circa 20-25 ATACM al mese, quindi considerare un tasso di intercettazione/guasto/disturbo compreso tra il 25 e il 75%, per amor di discussione. Ciò significa che l’Ucraina può aspettarsi di ottenere forse una mezza dozzina di colpi al mese da qualche parte, non esattamente un cambiamento delle regole del gioco.

A proposito, gli “ultimi dati” dell’Ucraina sul numero di missili della Russia, anche se dovrebbero essere presi con le pinze, ma almeno vale la pena guardarli:

Una cosa che trasmette in modo abbastanza accurato, e che si vede anche nella produzione dell’ATACMS, è che la maggior parte delle nazioni leader può in realtà produrre solo 10-20 di questi missili di fascia alta al massimo al mese. Il vantaggio della Russia è che ha molti tipi diversi di sistemi missilistici prodotti in modo indipendente da varie società come Novator Design, Raduga, United Missile Corp, NPO Mash, Zvezda Strela, JSC Tactical Missiles Corp, ecc.

Anche se l’elenco sopra è semi-accurato, mancano molti altri tipi di missili prodotti attivamente, come Iskander-M e K, Kh-101, Kh-59, Kh-35 lanciati dai lanciatori Bal, ecc. iniziano persino ad affrontare le bombe plananti che svolgono un ruolo simile, anche se più tattico in prima linea:

A proposito, quanto sopra contraddice chiaramente l’elenco precedente che ammontava a soli circa 50 missili russi prodotti al mese. Se la Russia sta colpendo l’Ucraina con più di 300 missili al mese, allora questo è probabilmente un indicatore più grande della loro produzione mensile, anche se ciò potrebbe includere la dozzina o più di missili tattici di prima linea come LMURS, Kh-36/38, ecc., che hanno una gittata solo intorno a 15-50 km circa.

Detto questo, credo che l’Ucraina abbia ricevuto una somma forfettaria iniziale di circa 100 ATACM che consentirà un ritmo di lanci più elevato per l’immediato futuro e poi probabilmente si ridurrà all’indennità mensile molto più bassa rappresentata nei dati di produzione di cui sopra.

In un nuovo articolo, l’ufficiale ucraino Ivan Stupak ha detto a Newsweek che l’Ucraina ha solo un breve periodo per utilizzare questi missili poiché i russi si adatteranno molto rapidamente e li neutralizzeranno nel giro di pochi mesi, come ora hanno fatto con i GLSDB, JDAM-ER, Krasnopols e, in larga misura, HIMARS, sebbene questi ultimi missili siano ancora occasionalmente utilizzati con successo per colpire bersagli solitari, ma non sono mai in grado di colpire nodi C2 ben protetti o centri industriali di alcun tipo.

“I russi sono in grado di adattarsi in un periodo di tempo molto breve, quindi abbiamo fino a due mesi prima che le forze armate russe si adattino all’ATACMS , afferma Ivan Stupak, ex ufficiale del servizio di sicurezza ucraino e ora consigliere dell’esercito ucraino. commissione parlamentare per la sicurezza nazionale, la difesa e l’intelligence.

La Russia si adatterà per contrastare i missili tattici-operativi dell’ATACMS entro un paio di mesi, ha affermato Ivan Stupak, consigliere del comitato ucraino per la sicurezza nazionale della Verkhovna Rada.

“Come sappiamo, i russi possono adattarsi in un periodo di tempo molto breve”, ha detto Stupak a Newsweek, suggerendo che l’Ucraina “ha fino a due mesi” prima che l’esercito russo si adatti all’ATACMS.

Solo un mese o due fa, le forze missilistiche russe avevano dichiarato che erano già al lavoro per capire la situazione:

Secondo uno dei comandanti della difesa aerea delle Forze Armate della Federazione Russa, stanno imparando ad abbattere gli ATACMS.

Cioè Creazione di contromisure, algoritmi operativi, studio di traiettorie, manovre e velocità di volo, monitoraggio dei lanci pratici.

Gli equipaggi dei sistemi di difesa aerea delle Forze Armate della Federazione Russa hanno già ricevuto le prime informazioni sui missili.

Detto questo, non sono ancora così ottimista come alcuni dei miei colleghi riguardo alle capacità della Russia di difendersi finora dall’ATACMS. Non hanno ancora dimostrato la capacità di abbattere costantemente i missili. Ci sono state numerose segnalazioni recenti di attacchi che la parte russa ha affermato di aver completamente respinto, ma le BDA satellitari hanno successivamente mostrato che gli aeroporti russi sono stati effettivamente colpiti, come il recente caso del campo di Dzhankoi in Crimea:

Tuttavia, nel caso di cui sopra, nessuna delle due parti è stata del tutto sincera. Sembrava che gli ATACM avessero colpito l’aerodromo ma in realtà non avessero distrutto alcun S-300/400 come affermato dall’Ucraina. Sì, le foto satellitari giorni prima mostravano una batteria AD presente lì, ma la BDA post-attacco mostra chiaramente gli impatti nel terreno, cioè buchi di terra piuttosto che missili TEL o radar distrutti, anche se potrebbe esserci dell’attrezzatura lì, è difficile dirlo. per certo. Inoltre, è possibile che la Russia abbia abbattuto i missili molto tardi, il che li ha indotti a lanciare le munizioni a grappolo a casaccio sul campo, ma questo è ancora problematico per un motivo che approfondirò in seguito.

Inoltre, c’è questo, anche se dal lato UA e non verificato:

La mia ipotesi è che la Russia sapesse che l’attacco era in entrata e avesse spostato i sistemi in anticipo. Perché spostarli invece di abbattere i missili? Perché fai entrambe le cose: li muovi prima per assicurarti che non siano nell’involucro dell’attacco, poi puoi ancora tentare di abbattere i missili dalla tua nuova posizione. Vedete, per quanto impressionanti siano i segnali ISR ​​dell’Ucraina alimentati dalla NATO, operano con un ritardo abbastanza lungo. Spesso le risorse SIGINT, come gli RC-135 Rivet Joints britannici o gli RQ-4 statunitensi, volano la notte prima dell’attacco, o almeno ore prima, ottenendo informazioni sulla posizione dei sistemi russi. Le coordinate vengono fornite ai missili ucraini per lanciarli, ma se tali risorse si spostano successivamente, i missili non hanno modo di puntarle nuovamente. In breve, l’intelligence ucraina di solito è vecchia di circa 4-24 ore. Lo stesso vale per la ricognizione satellitare che non è proprio onnipresente.

Quindi l’Ucraina lancerebbe missili sul sito sperando che rimangano risorse AD russe, ma la Russia potrebbe facilmente trasferirli in una posizione diversa nelle vicinanze ed essere comunque pronta a cercare di abbattere gli ATACM. Tuttavia, dato che i missili hanno avuto un impatto dimostrabile sull’aerodromo, significa che la Russia non ha ancora imparato a eliminarli in modo coerente. Detto questo, se fosse stato utilizzato un attacco di saturazione di 10-12 come sostengono RYBAR e altri, allora la Russia avrebbe potuto abbattere il 70-85% per cento, lasciando uno o due missili all’impatto, il che sembra probabile dati i pochi segni di butteratura visti , soprattutto perché i missili utilizzano munizioni a grappolo.

Inoltre, a differenza dei missili da crociera che volano bassi sotto le reti radar e quindi almeno danno all’AD russo la scusa di non essere in grado di rilevarli a grande distanza, gli ATACMS volano con un arco balistico elevato che dovrebbe essere in piena vista del più potente S-300V russo. /400 radar.

Ecco il problema:

Vedete come l’ATACMS deve sorvolare una tonnellata di reti AD russe solo per raggiungere Dzhankoi e altre basi? Non esistono scuse predefinite per volare “sotto” il radar. L’ATACMS è a decine di chilometri di altezza nel cielo, esattamente alla distanza balistica che i sistemi russi dovrebbero essere in grado di localizzare e abbattere facilmente. In teoria, l’ATACMS dovrebbe essere impegnato da qualche parte nella regione di Kherson molto prima ancora di arrivare in Crimea, nella fase intermedia piuttosto che in quella terminale. Il fatto che stiano aspettando il terminale è un brutto segno che potrebbe indicare l’incapacità russa di tracciare correttamente i missili, il che potrebbe essere semplicemente un problema di addestramento piuttosto che un difetto meccanico/tecnico dei sistemi stessi.

Un analista in realtà si è occupato delle capacità BMD (Ballistic Missile Defense) della Russia:

Primo: i tiratori. Attualmente i sistemi BMD più comuni sarebbero (a) S-300PM/S-400 e Buk-M2/M3. Dopo questi c’è (b) l’S-300V3/4. Esistono anche sistemi di nuova generazione in servizio limitato (c) – S-350 e S-500.

La sfida della categoria (a) è la capacità di ricerca BMD. Buk, anche le modifiche attuali, ha prestazioni BMD molto limitate, l’S-400 può fare di meglio, ad esempio con il suo radar di gestione della battaglia, ma anche questo è piuttosto deludente. Per il resto, nonostante l’area protetta limitata, funziona.

Quindi la sfida è, come spesso nel caso della BMD, nei sensori e nel C3. Sebbene sia possibile integrare diversi sistemi SAM, ad esempio avere un’unità S-300V4 che supporta diverse unità S-400 con il suo radar BMD, i comuni sistemi C3 legacy hanno cicli lunghi, ovvero circa 10 secondi per Pyramid.

Potete leggere il resto del thread per maggiori dettagli, ma in sostanza quello che sta dicendo è che utilizzando un ibrido di sistemi più vecchi/più nuovi, l’infrastruttura russa C3 (Comando, Controllo e Comunicazioni) per la rete di difesa aerea non è così integrata come si vorrebbe e quindi si potrebbe lottare contro l’ATACMS.

Ora, questa è solo l’opinione di una persona. È difficile sapere quanto sia vero con precisione, ma sappiamo da tutti i recenti incidenti di fuoco amico riguardanti gli A-50 o Il-76 russi, che c’è qualche tipo di problema lì. Qualunque cosa sia stata abbattuta mesi fa, non solo abbiamo il filmato del relitto del velivolo abbattuto, ma anche un video dei sistemi missilistici russi che letteralmente impegnano l’atterraggio dell’Il-76/A-50 vicino a Krasnodar. Quindi sappiamo che ci sono grossi problemi con IFF e forse C3, come professa il thread sopra.

Inoltre, sappiamo che l’ATACMS ha avuto almeno in parte successo in molti dei suoi tentativi precedentemente degni di nota, come l’attacco all’aeroporto per elicotteri di Berdiansk. Certo, potrebbero non aver distrutto tutti quei Ka-52/Mi-28 come affermavano, ma i missili sono riusciti a passare e abbiamo filmati di Mi-8 in fiamme come minimo.

Proprio il 4 maggio si è verificato un altro presunto attacco ATACMS su un sistema Iskander russo. Ancora una volta, la BDA mostra danni a un piccolo giacimento, ma l’effettiva distruzione di qualsiasi risorsa è inconcludente e discutibile. Ma il punto è che il missile è comunque riuscito a raggiungere qualcosa.

Due giorni prima, l’ATACMS aveva colpito con successo una concentrazione di truppe russe vicino al confine tra Lugansk e la Russia, sorvolando nuovamente una vasta quantità di copertura AD russa, il che dimostra che non sono ancora in grado di tracciare o ingaggiare costantemente il missile.

E nel momento in cui scrivo, un sospetto attacco dell’ATACMS ha colpito stasera una raffineria di petrolio a Lugansk:

Ora tieni presente:

L’Ucraina utilizza ancora i missili in modo molto selettivo in aree con scarsa copertura. Se l’ATACMS fosse davvero in grado di penetrare nelle regioni stratificate più dense, vedremmo andare tutto in fumo a Sebastopoli e in molti altri posti.

Quindi non sto dicendo che questo sia un problema critico, ma piuttosto dimostro che l’AD della Russia può essere penetrato in certi posti.

Presumibilmente, la Russia ne sta prendendo atto e sta agendo di conseguenza, perché gli ultimi rapporti affermano che con l’arrivo di più ATACMS, in particolare quelli più recenti a lungo raggio, la Russia ha iniziato a ritirare alcune risorse verso aeroporti più lontani .

71 Comments

Fledr Maus

3 hrs ago

😉

REPLY
SHARE

 

founding

New Frontiers, Old mannerisms.

REPLY
SHARE

 

69 more comments…

Top
Latest
Discussions

 

❗️Destroying the Crimean Bridge on the eve of May 9 is the idea of the West, (https://www.politnavigator.net/razrushit-krymskijj-most-nakanune-9-maya-ideya-zapada-azerbajjdzhanskijj-analitik.html)- Azerbaijani analyst.

Strikes on the Crimean Bridge do not have any practical significance, and are a stupid waste of scarce resources for Ukraine rockets. Azerbaijani military expert Agil Rustamzade stated this on the air of the Direct TV channel, the PolitNavigator correspondent reports.

Recent headlines trumpeted what we’ve long known—that Russia no longer even uses the Kerch for military transport, and now has a whole network of newly built road and railways overland to Crimea:

But should Ukraine attempt to strike the Kerch with ATACMS, I don’t think they’ll have much success apart from damaging some of the flattop at most, which would need to be repaved, or maybe even dropping a span segment or two, but it doesn’t have the accuracy to hit the actual supports, which are the key bridge anchors. Numerous missiles would have to hit the same exact support to ensure destruction, and there’s very low chance of that in a highly AD/EW contested environment. The reason is: the ATACMS uses exclusively GPS/INS, which means it’s screwed in a jammed environment, while missiles like Storm Shadows have advanced TERCOM/DSMAC (Digital Scene Matching Area Correlation) that allows an onboard camera to match the target to pre-stored satellite photos when GPS fails.

Recall, in the secret audio, the German generals estimated needing 20-40 Taurus missiles for the job.

And by the way, the ATACMS with the unitary warhead (rather than cluster munitions) has a relatively small 214kg warhead—this is half the size of even a Storm Shadow warhead, and 1/4 the size of the largest Iskander warhead variants. And recall, Storm Shadows hit the Crimean Chongar Bridge:

The Kerch is much larger, wider, and sturdier than the tiny Chongar local civil bridge. You do the math. The ATACMS’ real threat is the cluster munition variant, which can cover a wide field and destroy a lot of soft targets. But this is completely useless against hardened targets like bridges, to which it would do no damage. The ATACMS unitary warhead variant is not very impressive.

In conclusion: I remain unconvinced Ukraine can effectively do anything to the Kerch with ATACMS. Secondly, as time goes by the ATACMS will likely get increasingly effective as Russia adapts its systems and tactics to it, and AD operators master its signatures.

To summarize the mood: ATACMS and all the other aid won’t save Ukraine, but rather “a whole new army” is what will do the trick. And even then, the best case scenario is to “force Moscow to negotiate”—goodbye to 1991 and 2022 dreams.

In closing, here is the full speech by Vladimir Putin at his inauguration today:

Or the English transcript version: http://en.kremlin.ru/events/president/news/73981

As most speeches go, it was a bit boilerplate. However, one key aspect was the focus on economic and societal development, the all-important stability of the people under the shadow of war. A few weeks back there was another key interview Putin gave where he gave a small answer that flew under the radar, but which was extremely revealing as to his general strategic outlook for the SMO.

In essence, he expressed that the most important goal is to maintain societal stability and economic development. While it may sound self-evident or obvious, it was one of the few times he expressly enunciated it in such a way in relation to the goals of the SMO. In other words—as I understood it—he was basically saying: societal stability and development is supreme, and the SMO is subordinate to that.

This answers the big question many have had on their minds since the beginning: why the slow-walking of the conflict, why no “total war” declaration, forced conscriptions, massive provocations and escalations against NATO (like shooting down their craft in the Black Sea, etc). This is why: Putin believes the most important virtue by far is shielding society from the effects of the SMO, and keeping the SMO on a sort of parallel but insulated track. We may not agree with that view, but that’s what it is. But know that this view can only really be born of the knowledge that the goals of the SMO are achievable by way of this ‘low intensity’ conflict management. If Putin’s internal metrics told him otherwise, then he would likely have no choice but to institute a WWII-style total war economy.

So far, though, it’s working.


Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: Tip Jar

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Russia Ucraina, il conflitto 59a puntata à la guerre comme à la guerre Con Max Bonelli

Macron è sicuramente un uomo immensamente consapevole di se stesso, in una misura tanto più spropositata, pari solo ai disastri che è riuscito a realizzare nella sua Africa Francofona. E’ un uomo coltivato sin dalla sua infanzia; più che da se stesso, dagli ambienti che ben conosciamo e al quale è legato sopra ogni cosa. E’ l’uomo giusto, purtroppo di una nutrita pattuglia, per trascinare la Francia e l’intero continente europeo verso il compimento definitivo della distruzione avviata con la prima e seconda guerra mondiale. Si è candidato nel ruolo di promotore di una Europa unita sì, protagonista, disposta ad offrire il proprio sangue in nome di un vassallaggio attivo, non più di retroguardia. Come leggere altrimenti l’ipotesi suicida di invio di milizie regolari in Ucraina, ormai, a quanto pare, divenuta realtà con già i primi cadaveri sul terreno? Vedremo sino a che punto riusciremo a farci trascinare come babbei intorpiditi contro un nemico inventato e costruito dagli stranamore di oltreatlantico. La speranza sulla quale poggiarsi è che arrivi troppo tardi. Buon Ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

https://rumble.com/v4tmesr-russia-ucraina-il-conflitto-59a-puntata-la-guerre-comme-la-guerre-con-max-b.html

Macron ancora una volta si pavoneggia, paranoia delle truppe NATO e altro ancora, di SIMPLICIUS

Lo sviluppo più interessante riguarda il fatto che il Cremlino abbia designato lo stesso Zelenskyj – così come molti altri alti funzionari e generali ucraini – come “ricercati”, anche se, stranamente, il motivo legale preciso non è chiaro e non è elencato sul sito del ministero degli Interni russo.

Le conseguenze più immediate di ciò sono:

  • La Russia potrebbe inviare un segnale e gettare le basi per la revoca di qualsiasi “accordo di pace” con Zelenskyj, poiché inserirlo nella lista dei ricercati garantisce che lo Stato russo non possa negoziare legalmente con un criminale ricercato.
  • Ancora più oscuramente, ciò pone potenzialmente le basi per la Russia per eliminarlo in seguito alla sua totale perdita di legittimità il 21 maggio, quando avrebbe avuto luogo l’insediamento presidenziale ucraino.

Per quanto riguarda il primo punto, ci sono stati molti segnali sia dall’Occidente che dalla stessa Ucraina riguardo al ritorno ad altri “negoziati” nell’ambito della modalità Istanbul, in particolare in vista dell’imminente “Vertice per la pace” globale che si terrà in Svizzera il 15 giugno. La Russia potrebbe inviare all’Occidente il messaggio che, indipendentemente da ciò che verrà fuori durante questo vertice, sarà impossibile trattare con un uomo considerato non solo illegittimo ma addirittura un criminale ricercato a livello statale. Ricordiamo che proprio il mese scorso Peskov stesso aveva accennato a ciò, e Lukashenko fu l’unico a sollevare l’ostacolo dell’illegittimità.

Ora ci sono stati segnali crescenti da parte dell’Occidente e degli stessi funzionari ucraini che il ritorno ai confini “pre-2022”, tanto meno ai confini del 1991, non è nemmeno più un obiettivo, ma piuttosto l’Ucraina punta semplicemente a mantenere ciò che attualmente ha nella migliore delle ipotesi.

Ad esempio, il membro del Congresso Adam Smith ha affermato che la cosa migliore che l’Ucraina può sperare è mantenere l’accesso al Mar Nero e non perdere Kiev:

Smith – il massimo esponente democratico dei servizi armati interni – ha affermato che l’Ucraina deve mantenere circa l’82% del paese – e non perdere l’accesso al Mar Nero o far minacciare Kiev – per considerare la fine dei giochi un successo. L’amministratore di Biden è stato riluttante a dirlo perché nessuno vuole ammettere che potrebbe dover cedere terreno, ha aggiunto.

E poi c’è questo:

Il vice capo dell’intelligence militare dell’UA, afferma Skibitsky chiaramente che:

La sua affermazione, tuttavia, si basa sulla convinzione che la produzione di armi della Russia si fermerà all’inizio del 2026 a causa della “mancanza di ingegneri e materiali”, e apparentemente questo indurrà la Russia a cercare preventivamente la pace. Non ci conterei. Aggiunge inoltre:

Il Magg. Gen. Skibitsky ha avvertito che l’esercito russo non è più la marmaglia disorganizzata che l’Ucraina ha respinto da alcune regioni con tanto successo nelle prime fasi della guerra.

Ora si tratta di un “organismo unico, con un piano chiaro e sotto un unico comando”, ha affermato.

Date queste potenziali aperture di pace, la Russia potrebbe reprimere Zelenskyj per creare il precedente legale secondo cui non intraprenderà i negoziati. Ciò accelererà dopo la scadenza del mandato di Zelenskyj alla fine di maggio, momento in cui la Russia potrebbe assumere una posizione ufficiale molto più solida non riconoscendolo nemmeno come leader del paese; nel peggiore dei casi, ciò potrebbe anche portare la Russia a eliminarlo durante gli scioperi, se necessario, anche se penso che terranno da parte questa carta vincente per i tempi difficili.

La conclusione più interessante che il generale Skibitsky fa nella sua nuova intervista all’Economist riguarda l’offensiva in corso nella regione di Kharkov:

Guardando ad un orizzonte più ampio, il capo dell’intelligence suggerisce che la Russia si sta preparando per un assalto attorno alle regioni di Kharkiv e Sumy nel nord-est. I tempi dipenderanno dalla robustezza delle difese ucraine nel Donbass, dice. Ma egli presume che la spinta principale della Russia inizierà “alla fine di maggio o all’inizio di giugno”. La Russia ha un totale di 514.000 soldati di terra impegnati nell’operazione ucraina, dice, superiore alla stima di 470.000 fornita il mese scorso dal generale Christopher Cavoli, massimo comandante della NATO. Il capo dello spionaggio ucraino afferma che il gruppo settentrionale della Russia, con sede oltre il confine di Kharkiv, conta attualmente 35.000 uomini, ma è destinato ad espandersi fino a raggiungere un numero compreso tra 50.000 e 70.000 soldati. La Russia sta anche “generando una divisione delle riserve” (cioè tra 15.000 e 20.000 uomini) nella Russia centrale, che può aggiungere allo sforzo principale.

Questo “non è sufficiente” per un’operazione volta a conquistare una grande città, dice – un giudizio condiviso dai funzionari militari occidentali, ma potrebbe essere sufficiente per un compito più piccolo. «Un’operazione veloce per entrare e uscire: forse. Ma un’operazione per conquistare Kharkiv, o anche la città di Sumy, è di ordine diverso. I russi lo sanno. E questo lo sappiamo”. In ogni caso, si prospettano giorni bui per Kharkiv, una città di 1,2 milioni di abitanti che ha respinto i primi attacchi della Russia nel 2022.

Mentre scrivo da un po’ di tempo, egli riconosce che la Russia potrebbe cercare di creare un’altra operazione di aggiustamento nel nord e poi giocare a orecchio a seconda di dove l’AFU impegna le sue riserve e forze fatiscenti. Se dovessero impegnarsi eccessivamente nella potenziale breccia di Kharkov, la Russia potrebbe sferrare un’offensiva attraverso il fronte centrale attorno a Donetsk per creare sfondamenti.

A questo hanno fatto eco ancora una volta gli ufficiali ucraini:

Il vice comandante della Navoz Zhorin ha dichiarato oggi che la Russia lancerà un’offensiva su Kharkiv e poi lancerà immediatamente un’offensiva più ampia nel sud

Un altro marine ucraino con un popolare account Twitter è d’accordo :

Leggi attentamente la parte evidenziata: “semplicemente non abbiamo abbastanza brigate per manovrare e reagire”.

Questo riassume i potenziali piani della Russia. Introducendo una grande forza in una nuova direzione possono davvero sbilanciare le AFU. Tuttavia, ci sono anche buone probabilità che la Russia stia semplicemente giocando con la possibilità di introdurre le forze del nord proprio per il motivo di tenere l’Ucraina nel dubbio e nell’impossibilità di schierare completamente le riserve nel Donbass, poiché devono essere in attesa di essere schierate a Kharkov. Solo mantenendo una grande forza al confine settentrionale, la Russia può tenere sotto controllo l’Ucraina critica.

Come viene accolta questa notizia negli ambienti occidentali?

Sfortunatamente, l’amministratore di Biden non sembra essere interessato perché ora ha ammesso che, dopo aver adempiuto alla sua “responsabilità” di gettare un osso all’Ucraina, Biden ora intende spostare completamente l’attenzione su cose più importanti, come concentrarsi sulle elezioni:

Infine, Medvedev ha condiviso sul suo account Telegram i suoi pensieri sull’imminente cosiddetta conferenza di pace svizzera:

Qual è il vantaggio per la Russia dalla “conferenza di pace” svizzera?

Il vantaggio è triplo.

In primo luogo, sarà un’altra prova del crollo del cosiddetto piano di pace dell’idiota Zelenskyj. Allo stesso tempo, sarebbe auspicabile che il bastardo di Bandera la visitasse di persona e confermasse ancora una volta la sua inutilità intellettuale.

In secondo luogo, diventerà la prova visibile della totale impotenza delle attuali élite occidentali, che hanno commesso una dolorosa autocastrazione delle proprie capacità per porre fine al conflitto militare. Inoltre, su ordine diretto di un gruppo di medici senili di Washington.

In terzo luogo, consentirà alle nostre Forze Armate di continuare a ripulire il territorio della Piccola Russia dai neonazisti senza interferenze o riguardo per le stronzate “iniziative di pace” di qualcuno, e a tutti noi di svolgere un lavoro scrupoloso verso il crollo finale del regime politico b. . L’Ucraina e il rapido ritorno dei nostri territori ancestrali alla Federazione Russa.

Grazie, paese del formaggio e degli orologi!

Schermata di diversione delle truppe NATO

Considerati i continui sviluppi di cui sopra, ancora una volta siamo colpiti dalla minaccia dello spiegamento di truppe NATO:

Nell’ultimo articolo dell’Economist, Macron riaccende ancora una volta le vanterie spinte dalla spavalderia nell’inviare truppe:

Molti sono rimasti ancora una volta “scioccati” quando Macron ha sostanzialmente affermato che se la Russia riuscisse a sfondare in Ucraina e l’Ucraina richiedesse aiuti, allora la Francia prenderebbe in considerazione l’invio di truppe. Ma in realtà sta semplicemente ripetendo la stessa cosa che ha già detto in precedenza, sperando di suscitare i titoli dei giornali e mantenere la sua immagine di “uomo forte d’Europa”.

Il deputato ucraino della Rada Goncharenko, tuttavia, ha colto l’occasione e ha rafforzato il gioco affermando che l’Ucraina potrebbe effettivamente invitare truppe europee in un simile scenario:

“Se la situazione al fronte ci mostra che l’Ucraina non può fermare Putin da sola, senza il sostegno militare e le truppe europee, sì, credo che sia assolutamente possibile che possiamo chiedere truppe…”, ha detto il politico.

In mezzo a tutto questo, il quotidiano italiano Repubblica ha fatto scalpore apprendendo delle due linee rosse che avrebbero portato un intervento diretto della NATO nella guerra.

L’articolo stesso è protetto da paywall anche se puoi leggere i commenti su di esso da Forbes.ru tra gli altri :

La NATO, sullo sfondo della preoccupazione occidentale per i fallimenti delle forze armate ucraine al fronte, “in forma molto confidenziale”, “ha stabilito” per sé due “linee rosse”, che potrebbero essere seguite da un intervento diretto dell’alleanza nel conflitto, scrive il quotidiano italiano Repubblica.

La prima “linea rossa”, sostiene Repubblica, “ruota attorno alla possibilità di penetrazione russa attraverso le linee di difesa di Kiev” e riguarda il “coinvolgimento diretto o indiretto di terzi” nel conflitto in Ucraina. La pubblicazione scrive che le forze armate ucraine “non possono più controllare completamente” il confine, il che, secondo il giornale, crea le condizioni affinché le forze armate russe possano sfondare nel corridoio tra Ucraina e Bielorussia. Come suggerisce il giornale, “allora Minsk sarà direttamente coinvolta nella disputa militare” e “le sue truppe e il suo arsenale saranno di importanza decisiva per Mosca”. “E questa circostanza non può che rafforzare la difesa (della NATO) a favore dell’Ucraina”, si legge nell’articolo.

La seconda “linea rossa”, scrive il giornale, “implica una provocazione militare contro i paesi baltici o la Polonia o un attacco mirato alla Moldavia”. Repubblica rileva inoltre la profonda preoccupazione delle autorità occidentali per la situazione al fronte e le “condizioni sfavorevoli” per Kiev.

Ciò è estremamente interessante perché, come sempre, esprime le intenzioni provocatorie della NATO. La prima linea rossa non è chiara, ma si riferisce ad una svolta russa forse attraverso la Bielorussia, che equivarrebbe al coinvolgimento della Bielorussia nella guerra. In termini più fini, questo sembra solo un modo indiretto per dire: “Se la Russia minaccia Kiev”.

Perché? Perché le forze russe che potenzialmente mirano a circondare Kharkov non hanno bisogno del territorio bielorusso. Solo per prendere Kiev avrebbero bisogno di venire dalla Bielorussia, quindi leggendo tra le righe, significa che la NATO sta tranquillamente lasciando intendere che interverrebbero solo per salvare Kiev.

La seconda linea rossa è più preoccupante: una provocazione sulla Moldavia, sulla Polonia o sui Paesi Baltici è un’area facile per la NATO per creare false flag per incolpare la Russia ed entrare nel conflitto. Basta far esplodere qualcosa con un missile e affermare che è stata la Russia. Oppure potrebbero ovviamente spingere i paesi baltici a indurre la Russia ad agire, proprio come hanno cominciato a fluttuare nella saga dei treni di Kaliningrad qualche tempo fa.

Come scrive il canale Legitimny:

Questo è il motivo per cui l’ex segretario del Consiglio di sicurezza nazionale dell’Ucraina Danilov è stato inviato in Moldavia ora, e il telegramma moldavo comunica all’interno un certo disaccordo tra Sandu e Zelenskyj, secondo i tempi dello scongelamento del conflitto nella PMR, dove Maya lo respinge per il 2025 e Zelenskyj ha bisogno di lui nell’autunno del 2024.

Gli italiani affermano che “100.000 soldati della NATO” potrebbero prendere parte a un simile intervento; non proprio contro il nuovo secondo esercito russo da 500.000 uomini, ma certamente abbastanza per bloccare almeno un particolare corridoio.

Alla fine, però, la maggior parte di questo è solo un atteggiamento. Il gioco è stato ancora una volta svelato dallo stesso Macron nella precedente intervista, e anche da altri. Macron ha detto:

Ciò che volevo riaprire anche il 26 febbraio era questa famosa ambiguità strategica, che dovrebbe convincere Putin che siamo determinati e che dovrà contare sulla nostra determinazione.

Ed ecco il ministro degli Esteri polacco Sikorsky che sottolinea ancora una volta il fatto che questa provocazione europea coordinata è intesa semplicemente come una cortina di fumo per “tenere la Russia nel dubbio” tramite “ambiguità strategica”:

Anche la foglia di fico dell’F-16 viene utilizzata in questo gioco di ambiguità per ampliare i confini della Russia e testarne i limiti. Probabilmente cercheranno deliberatamente di creare una cortina fumogena dove gli F-16 potranno eventualmente essere stazionati o da dove arriveranno per dare l’impressione che la NATO possa essere coinvolta al fine di mantenere un senso di tensione che credono scoraggerà la Russia. Ma se si ascoltano le autorità russe e i siloviki, non sembrano molto spaventati.

Ad esempio, i commenti del colonnello della SVR, professore MGIMO Andrei Bezrukov sull’intervista di Macron sono assolutamente da ascoltare:

Il colonnello potrebbe avere ragione, poiché le prospettive non sembrano buone per Macron e il suo partito per le prossime elezioni del Parlamento europeo:

Macron LREM/ENS, Le Pen RN:

Come nota finale, ha fatto scalpore un nuovo articolo di Stephen Bryen, in cui afferma che la Francia ha già iniziato ufficialmente a schierare truppe in Ucraina:

Ne parlo solo perché sta circolando sui social media, ma per ora non ne vedo alcuna prova reale. Bryen non ci dice dove ha ricevuto queste informazioni, per quanto ho potuto vedere, ma ovviamente, se iniziassero a schierare truppe, potrebbe benissimo assomigliare a questo: un’iniezione silenziosa di unità per aiutare nelle retrovie delle zone più critiche fronti. Quindi possiamo stare attenti alle possibilità, ma in questo caso non ci sono ancora prove a sostegno di queste nuove affermazioni.

Ma tieni presente che credo che le truppe francesi siano comunque già da tempo in Ucraina. Alcuni potrebbero ricordare che già durante la battaglia di Mariupol le forze russe continuavano a trovare berretti e spille militari francesi tra i rottami. Ecco un residente recente della liberata Avdeevka che dice di aver visto le truppe francesi sparare sui civili (nota: il 1923 dovrebbe essere il 2023):

Georgy Nekrasov, residente ad Avdeevka , ha detto che nel 2023, i carri armati francesi sotto il controllo di equipaggi francesi dalle posizioni delle forze armate ucraine hanno bombardato le aree pacifiche di Avdeevka.

Considerato quanto è dettagliato il suo resoconto e la sua buona memoria, penso che sia una fonte abbastanza affidabile e credibile.

Alla fine non si tratta di inviare truppe, che probabilmente sono già state sul posto, ma di inviarle ufficialmente e in gran numero.

Inoltre, ecco il colonnello svizzero di stato maggiore e vice capo di stato maggiore del capo di stato maggiore militare-strategico (MSS) delle forze armate svizzere, Alexander Vautraver: leggi la parte evidenziata di seguito:

L’esercito francese rappresenterebbe “una goccia nel mare” in termini di sostegno alle forze armate ucraine, afferma Alexander Vautraver, colonnello svizzero in pensione e redattore capo della Rivista militare svizzera (RMS+).

“Questa è una goccia nell’oceano, solo una piccola parte di ciò che serve. Bisogna porsi la domanda: l’esercito francese è sufficientemente attrezzato in termini di addestramento e di armi moderne per contribuire alle operazioni offensive contro un nemico numericamente superiore? ?” – ha detto l’ex militare al canale televisivo francese LCI.

“Le forze che potremmo schierare sono due brigate di 5-6mila soldati, con una durata di schieramento massima di 1-3 mesi. Ma se parliamo di un periodo più lungo, come, ovviamente, nel caso dell’Ucraina, si tratta solo di 2 battaglioni che oggi si trovano nei paesi baltici e in Romania. La cattiva notizia è che queste forze non sono assolutamente sufficienti per affrontare il mezzo milione di eserciti russi”, ha detto. Secondo Vautraver, queste forze, situate fuori dalla Francia, sono ora sotto il comando della NATO, il che è “ancora più problematico”.

Per concludere, ecco altri due video degni di nota realizzati da ufficiali militari di alto rango:

Il tenente colonnello in pensione dell’esercito americano Daniel Davis:

E l’ex generale dell’esercito francese Dominique Delavard:

Ora alcuni altri importanti oggetti vari, come vuole la tradizione.

Molte volte nei sacchi di posta mi è stato chiesto di commentare lo stato dei veterani disabili ucraini. Ora, un nuovo articolo di Le Monde tratta l’argomento in modo piuttosto cupo:

Nel documento si legge che il 70% degli ucraini disabili è costretto a badare a se stesso, poiché lo Stato ha “rinunciato a loro”.

A questo si aggiungono le nuove procedure di mobilitazione che permettono ai malati e persino agli incapaci mentali di essere richiamati da Zelensky:

Ho trattato a lungo il tema della disparità dei prigionieri tra l’Ucraina e la Russia, che è un ovvio analogo al rapporto generale delle vittime. Rezident UA ora fornisce la sua opinione sui numeri:

#Inside
La nostra fonte presso l’OP ha affermato che il processo di scambio di prigionieri è in fase di stallo a causa dell’avvicinamento alle liste. Ora in Russia ci sono più di 20mila prigionieri del personale militare, e abbiamo solo 800 e quasi 5000mila separatisti, che stiamo cercando di scambiare allo stesso modo.

Secondo loro, l’Ucraina detiene 800 prigionieri di guerra russi e 5.000 novorossiiani, mentre la Russia ne detiene oltre 20.000 ucraini, il che si rifletterebbe allo stesso modo nel rapporto generale delle vittime tra i due.

Josep Borrell ribadisce ancora una volta che l’Ucraina si arrenderebbe entro 2 settimane senza aiuti:

Dopo le notizie dell’ultima volta secondo cui i carri armati Abrams erano stati ritirati dal campo di battaglia, la 47a brigata ucraina ha smentito con veemenza e ha detto che non sono andati da nessuna parte. Come se volessero cancellare la vergogna, hanno dato spettacolo, rischiando ancora una volta gli Abrams in difesa delle aree a ovest di Avdeevka, il che ha portato alla distruzione di due nuovi Abrams oggi, oltre a un altro Bradley. Secondo quanto riferito, questo porta a 6-8 gli Abrams distrutti finora, secondo la maggior parte dei calcoli:

Infine, come nuovo aggiornamento sulla situazione Bentley:

L’avvocato della vedova dell’assassinato “Texas” ha detto che gli assassini di Russell Bentley sono stati arrestati e stanno confessando. Il caso è sotto il controllo del comitato investigativo della Federazione Russa.

Di seguito l’avvocato spiega che Mosca avrebbe attribuito grande importanza al caso con un investigatore speciale e che tutto sta andando di conseguenza:

E Lyudmila offre alcune riflessioni per l’occasione religiosa:

POLL
Will NATO really dare send troops to save Ukraine?
No, they’re bluffing.
Yes, they’re that desperate.

Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: Tip Jar

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

L’Occidente ha semplicemente fatto spallucce mentre i rivoltosi tentavano di assaltare il Parlamento georgiano in un J6 Redux, di ANDREW KORYBKO

L’Occidente ha semplicemente fatto spallucce mentre i rivoltosi tentavano di assaltare il Parlamento georgiano in un J6 Redux

L’agenda geopolitica più ampia in gioco è quella di sostituire il governo georgiano con fantocci occidentali per facilitare la logistica militare della NATO verso la vicina Armenia, priva di sbocchi sul mare, che il blocco prevede di trasformare nel suo nuovo bastione regionale per dividere e governare il Caucaso meridionale.

I servizi di sicurezza georgiani hannosventato un tentativo di assalto al parlamento da parte dei rivoltosi mercoledì, in risposta all’imminente legge sugli agenti stranieri del Paese, modellata su quella statunitense, ma che i media occidentali hanno definito di “ispirazione russa”. Questo J6 redux è stato accolto con un’alzata di spalle da Stati Uniti e Unione Europea, in un tacito segno di sostegno alle manifestazioni sempre più violente dei manifestanti. Ecco alcune informazioni di base su questa Rivoluzione Colorata per aggiornare tutti su questo tema:

* 8 marzo 2023: “LaGeorgia è bersaglio di un cambio di regime per il suo rifiuto di aprire un ‘secondo fronte’ contro la Russia“.

* 9 marzo 2023: “Ilritiro da parte della Georgia della legge sugli agenti stranieri ispirata dagli Stati Uniti non porrà fine alle pressioni occidentali“.

* 11 March 2023: “Russia Called The US Out For Double Standards Towards Georgia-Moldova & Bosnia-Serbia

* 3 July 2023: “Georgia’s Ruling Party Chairman Discredited The ‘False Flag Coup’ Conspiracy Theory

* 4 October 2023: “Armenia’s Impending Defection From The CSTO Places Georgia Back In The US’ Crosshairs

In sostanza, il tentativo di cambio di regime dell’Occidente contro il governo georgiano è guidato dall’odio del primo verso l’approccio equilibrato del secondo nei confronti della guerra per procura tra NATO e Russia in Ucraina. Il rifiuto di Tbilisi di imporre sanzioni contro Mosca, che schiaccerebbero la sua stessa economia, viene interpretato come una presunta prova che la sua leadership prende ordini dal Cremlino. Idem per la legge sugli agenti stranieri di ispirazione americana, che ha il solo scopo di informare la popolazione su chi finanzia quali prodotti informativi.

L’agenda geopolitica più ampia in gioco è quella di sostituire il governo georgiano con fantocci occidentali per facilitare la logistica militare della NATO verso la vicina Armenia, priva di sbocchi sul mare, che il blocco prevede di trasformare nel suo nuovo bastione regionale per dividere e governare il Caucaso meridionale. L‘incapacità di rovesciare il partito georgiano al potere ha indotto il leader armeno ad avere paura e ad avviare finalmente la delimitazione del confine del suo Paese con l’Azerbaigian, che, se completata con successo, ostacolerà i piani della NATO.

Ecco il motivo per cui l’Occidente ha rilanciato la sua Rivoluzione Colorata contro la Georgia in questo preciso momento, non solo perché la sua legge sugli agenti stranieri dovrebbe entrare in vigore entro questo mese, ma anche per segnalare all’Armenia che dovrebbe congelare le trattative sui confini, dato che gli aiuti della NATO potrebbero essere in arrivo. Questo tempestivo pretesto legale viene quindi sfruttato a fini geopolitici, anche se non è chiaro se riuscirà a far cadere il governo georgiano e/o a influenzare i negoziati in corso tra Armenia e Azerbaigian.

Gli ultimi disordini a Tbilisi sono stati preceduti dalla presentazione da parte del Congresso della “Legge di revisione delle sanzioni all’Azerbaigian“, un ulteriore segnale all’Armenia di resistere fino all’arrivo degli aiuti della NATO. In poche parole, quello che sta avvenendo è il riorientamento geostrategico della regione lontano dall’egemonia occidentale, accelerato dall’avvio da parte dell’Armenia dei colloqui di confine con l’Azerbaigian, a lungo rimandati. Se la NATO non riuscirà a “strappare” l’Armenia alla CSTO, la sua intera politica regionale crollerà.

Gli evidenti due pesi e due misure mostrati per quanto riguarda le false affermazioni dell’Azerbaigian sulla “pulizia etnica” degli armeni dalle regioni occidentali precedentemente occupate e la scrollata di spalle di fronte all’ultimo J6 redux della Georgia sono la prova delle ulteriori motivazioni geopolitiche dell’Occidente nella regione. L’obiettivo è quello di “estromettere” l’Armenia dalla CSTO parallelamente al rovesciamento del governo georgiano, anche se gli ultimi sviluppi suggeriscono che questo obiettivo sarà molto più difficile da raggiungere di quanto l’Occidente si aspettasse.

Non c’è modo che la Russia possa fare una differenza positiva con la Cina, anche se lo volesse, né che rischi la Terza Guerra Mondiale per un’isola dall’altra parte dell’Eurasia, tanto meno dopo che la Cina ha rifiutato di aiutarla a battere la NATO in Ucraina.

Direttore della National Intelligence Avril Haines ha dichiarato al Congresso la scorsa settimana che “vediamo Cina e Russia, per la prima volta, esercitarsi insieme in relazione a Taiwan e riconoscere che questo è un luogo in cui la Cina vuole assolutamente che la Russia lavori con loro, e non vediamo alcun motivo per cui non dovrebbero farlo”.” Questa è una bugia bella e buona per diverse ragioni che verranno toccate in questo pezzo, prima fra tutte il fatto che la Russia farebbe fatica ad assistere la Cina in qualsiasi operazione di riunificazione forzata con quell’isola anche se lo volesse.

proxy guerra in Ucraina, che è di interesse integrale per la sicurezza nazionale, quindi è improbabile che rischi per Taiwan.

In secondo luogo, anche nella fantasia politica che la Russia decida di rischiare la Terza Guerra Mondiale per un’isola a metà del supercontinente che una nazione vicina rivendica come propria, semplicemente non ha le capacità convenzionali in quel teatro per fare una differenza positiva dalla parte della Cina. A meno che non decida di lanciare un primo attacco nucleare, cosa che è contraria alla sua dottrina poiché nessuno dei criteri sarebbe soddisfatto, il numero di forze che potrebbe impegnare in quella campagna impallidirebbe rispetto a quello di tutti gli altri.

La Cina ha già la più grande marina militare del mondo per stessa ammissione degli Stati Uniti, mentre gli Stati Uniti stessi hanno un numero considerevole di forze aeree, terrestri e marittime in Giappone, Corea del Sud e, sempre più spesso, nella vicina Philippines. La sua crescente militarizzazione della “prima catena di isole” rappresenta la stringendo un cappio di contenimento intorno alla Cina che non sarà spezzato da alcune navi, aerei e sottomarini russi come è stato spiegato in precedenza. È inimmaginabile che la Russia rischi la morte quasi certa dei suoi equipaggi solo per dare un segnale di sostegno alla Cina.

E infine, sarebbe una decisione estremamente sbilenca farlo in ogni caso dopo che la Cina non ha fatto nulla di significativo per aiutare la Russia a raggiungere i suoi obiettivi militari nell’operazione speciale. Il mese scorso è stato spiegato che “Il presunto aiuto militare cinese & Intelligence Aid to Russia Isn’t What Bloomberg Does It Out To Be“, e sia il sito vietato ai russi Insider e il sito Washington Post in precedenza ha affermato che Taiwan è in realtà la principale fonte di macchine utensili della Russia al giorno d’oggi, non la Cina.

Inoltre, si può sostenere che i grandi interessi strategici della Russia riposano cinicamente nel fronte sino-statunitense del Nuova guerra fredda che continua ad accendersi, ma che rimane al di sotto della soglia di una guerra calda, che contribuirebbe ad allontanare gradualmente l’attenzione dell’America dall’Europa e a riportarla verso l’Asia-Pacifico. Allo stesso modo, la Cina si riposa cinicamente sul fatto che il fronte russo della NATO continui ad accendersi ma rimanga al di sotto della soglia di una guerra calda, spiegando così perché Pechino non aiuterà in modo significativo Mosca a vincere.

giustificare una maggiore spesa per la Marina americana.

Tutto il clamore mediatico sulle ragioni per cui ciò è accaduto (es: “influenza russa”) e le conseguenze previste (es: “un’impennata del terrorismo”) distrae dal fatto che ciò era del tutto evitabile e si è verificato solo perché gli Stati Uniti hanno inesplicitamente mancato di rispetto al Niger. nonostante abbia perso la sua influenza su di esso la scorsa estate.

Reuters ha citato un anonimo funzionario statunitense per riferire giovedì che le truppe russe hanno sede nella stessa struttura militare nigerina di quelle americane, cosa che il segretario alla Difesa Austin ha successivamente confermato. Altri organi di informazione hanno riferito la stessa cosa citando le proprie fonti, e non è chiaro se la stessa persona abbia parlato anche con loro. In ogni caso, ciò che è più interessante nel loro rapporto è il resto di ciò che hanno detto che è stato rivelato loro riguardo al contesto più ampio all’interno del quale si sta verificando quest’ultimo sviluppo.

Secondo loro, “la mossa del Niger di chiedere il ritiro delle truppe statunitensi è arrivata dopo un incontro a Niamey a metà marzo, quando alti funzionari statunitensi hanno espresso preoccupazioni tra cui il previsto arrivo delle forze russe e rapporti secondo cui l’Iran cercava materie prime nel paese, compreso l’uranio. Sebbene il messaggio degli Stati Uniti ai funzionari nigerini non fosse un ultimatum, ha detto il funzionario, è stato chiarito che le forze statunitensi non potevano trovarsi in una base con le forze russe. “Non l’hanno presa bene”, ha detto il funzionario.”

In altre parole, la delegazione militare americana ha detto con arroganza ai suoi ospiti che non vogliono le truppe russe nelle immediate vicinanze delle loro, cosa che li ha spinti a chiederne successivamente il ritiro. Il Niger voleva ridurre i costi e il tempo necessari per ricevere i consiglieri russi , ecco perché ha cercato di sistemarli in un hangar separato nella stessa struttura delle truppe statunitensi fuori dalla capitale invece di costruire una nuova base. Questa mossa pragmatica rientrava nei diritti sovrani del Niger in quanto Stato riconosciuto dalle Nazioni Unite.

L’America, tuttavia, la pensava diversamente, anche se aveva già perso la sua influenza negoziale con quel paese dopo il colpo di stato militare patriottico della scorsa estate. Inoltre, gli Stati Uniti avevano iniziato a spostare alcune delle loro truppe dalla base fuori dalla capitale a quella da 100 milioni di dollari che avevano precedentemente costruito nel profondo del deserto del Sahara, e in teoria avrebbero potuto semplicemente trasferirsi lì per intero. Invece i suoi rappresentanti hanno chiesto che i russi non venissero ospitati in quelle vicinanze, il che è stato un errore.

Nessuno Stato che si rispetti, per non parlare di uno il cui nuovo governo è salito al potere attraverso un colpo di stato militare patriottico con il preciso scopo di riequilibrare le relazioni precedentemente sbilanciate con l’Occidente, si adeguerebbe a questa audace richiesta. Il Niger voleva mantenere la sua presenza militare americana, molto probabilmente per evitare di essere preso di mira da un ibrido franco- americano La campagna di guerra cacciò entrambe le truppe dal paese, ma fu costretto a chiedere il loro ritiro per “salvare la faccia” dopo che ciò accadde.

Tutto il clamore mediatico sulle ragioni per cui ciò è accaduto (es: “influenza russa”) e le conseguenze previste (es: “un’impennata del terrorismo”) distrae dal fatto che ciò era del tutto evitabile e si è verificato solo perché gli Stati Uniti hanno inesplicitamente mancato di rispetto al Niger. pur avendo perso la sua influenza. Se i suoi rappresentanti si fossero comportati rispettosamente, alle truppe del loro paese probabilmente non sarebbe mai stato chiesto di andarsene, ma hanno ampiamente oltrepassato i loro confini e hanno reso questo risultato inevitabile.

Reuters non si rendeva conto dell’enormità di ciò che la sua fonte anonima aveva detto loro, altrimenti la decisione editoriale avrebbe potuto essere presa per cancellare quella parte dal loro rapporto. È imbarazzante che gli Stati Uniti non abbiano imparato nulla sul Sud del mondo negli ultimi due anni, da quando quell’insieme di paesi è diventato un obiettivo prioritario per l’Occidente. Le precedenti aspettative di un ritrovato pragmatismo furono screditate in un istante da questa candida ammissione e la percezione dei suoi politici di conseguenza peggiorò.

La denigrazione dell’India da parte di Biden come “xenofoba” sulla base di pretesti economici di fatto falsi ha rappresentato un nuovo minimo anche per lui e mostra fino a che punto arriveranno ora gli Stati Uniti nella loro nuova crociata contro la reputazione internazionale di quel paese.

Biden ha alzato le sopracciglia all’inizio di questa settimana quando ha criticato i partner americani, Giappone e India, definendoli “xenofobi” per non aver importato milioni di immigrati come i 7,2 milioni di clandestini che ha importato finora negli ultimi tre anni. Nelle sue parole : “Perché la Cina è in così grave stallo economico? Perché il Giappone è in difficoltà? Perché la Russia? Perché l’India? Perché sono xenofobi. Non vogliono gli immigrati”. Non esiste alcuna base economica fattuale per ciò che ha appena scandalosamente affermato.

Il tasso di crescita recentemente ridotto della Cina è attribuibile al suo passaggio sistemico da un’economia in via di sviluppo a un’economia sviluppata, i problemi del Giappone sono dovuti ai suoi problemi valutari , mentre le difficoltà incipienti della Russia – nonostante la sua notevole resilienza dal 2022 – sono legate alle sanzioni contro le industrie strategiche. L’immigrazione non c’entra niente con tutto questo. Inoltre, è palesemente falso raggruppare l’India tra questi tre, dal momento che la sua economia sta crescendo a passi da gigante, come dimostrano indiscutibilmente queste cinque notizie:

* 3 settembre 2022: “ L’India supera il Regno Unito diventando la quinta economia più grande del mondo ”

* 24 agosto 2023: “ L’India registrerà il tasso di crescita più alto tra le prime 5 economie globali nel prossimo futuro: il segretario alle Finanze TV Somanathan ”

* 5 dicembre 2023: “ L’India diventerà la terza economia mondiale – S&P ”

* 1 marzo 2024: “ L’India è “facilmente” l’economia in più rapida crescita, afferma il direttore esecutivo del FMI, poiché la crescita del PIL supera le stime ”

* 24 aprile 2024: “ La popolazione giovane dell’India genererà il 30% della ricchezza globale – capo della borsa ”

L’India è anche il paese più popoloso del mondo e non presenta carenza di manodopera, ecco perché non c’è bisogno di importare immigrati. In effetti, il BJP al potere ha fatto della repressione degli immigrati clandestini una parte importante della sua agenda interna, anche se per questo è stato bollato come “xenofobo” dai liberal-globalisti occidentali così come dai loro compagni di viaggio nel mondo accademico e nei media indiani. Come dimostrato dalle notizie sopra riportate, questa politica non ha avuto assolutamente alcun impatto negativo sulla crescita economica.

Con questo in mente, l’affermazione di Biden si rivela di fatto falsa e guidata da secondi fini, in particolare per screditare il primo ministro Narendra Modi mentre le relazioni bilaterali continuano a peggiorare. In breve, il rifiuto dell’India di subordinarsi agli Stati Uniti come partner minore del paese sta guidando questa tendenza, che ha preso la forma di una feroce campagna di guerra dell’informazione che si è intensificata dalla fine di novembre. Le seguenti analisi metteranno al corrente i lettori ignari se sono interessati a saperne di più:

* 23 novembre 2023: “ La luna di miele dell’India con l’Occidente potrebbe finalmente finire ”

* 28 marzo 2024: “ L’India non permetterà alla Germania, agli Stati Uniti o a nessun altro di immischiarsi nei suoi affari interni ”

* 8 aprile 2024: “ Gli esperti americani non ammetteranno che il loro Paese è responsabile dei fragili legami indo-americani ”

* 29 aprile 2024: “ Gli evangelici americani stanno tessendo la recinzione al confine tra India e Myanmar in quanto anticristiano ”

* 2 maggio 2024: ” L’articolo WaPo sull’assassinio degli indiani è un colpo di fortuna da parte delle agenzie di intelligence americane ”

Accomunare l’economia indiana a quella cinese, giapponese e russa non era solo falso nei fatti, ma voleva anche essere offensivo. L’India è in una feroce competizione multidimensionale con la Cina e quindi si offende per essere paragonata al suo vicino in qualsiasi modo, per non parlare di quello negativo. Per quanto riguarda il Giappone, l’India è contraria all’insinuazione che la sua traiettoria di crescita sia sul punto di arrestarsi come è successo a quella nazione insulare, mentre il paragone russo allude minacciosamente all’imminente status di paria in Occidente.

La retorica ostile di Biden contro l’India ha rappresentato un nuovo minimo anche per lui e mostra fino a che punto arriveranno gli Stati Uniti nella loro nuova crociata contro la reputazione internazionale di quel paese. La rapida ascesa dell’India come polo di influenza indipendente nell’ordine mondiale in evoluzione accelera il declino dell’egemonia americana, spiegando così perché gli Stati Uniti sono così ossessionati dal punirlo per aver rifiutato di diventare un vassallo. Dopo quest’ultimo sviluppo, non si può dire quali altre bugie gli Stati Uniti potrebbero presto diffondere sull’India.

Ciò rappresenta l’ultima fase delle tendenze centrifughe storiche all’interno di quella che la Polonia considera la sua “sfera di influenza etno-culturale”. Proprio come gli Slesiani emersero come un’identità separata dalle loro radici polacche condivise durante la dinastia Piast, così anche gli ucraini emersero come un’identità separata dalle loro radici russe condivise durante il periodo della Rus’ di Kiev.

Il Sejm ha appena approvato un disegno di legge che riconoscerà la Slesia come seconda lingua regionale della Polonia dopo il Kashubiano se il presidente Andrzej Duda lo approverà. Alcuni, tuttavia, insistono sul fatto che la Slesia sia solo un dialetto polacco formatosi dalla storia della regione al crocevia tra Polonia, Repubblica Ceca e Germania. Qualunque sia l’opinione su questo argomento, questa mossa dovrebbe stimolare una profonda riflessione da parte dei polacchi poiché il dibattito sulla lingua e l’identità della Slesia è simile al dibattito sulla lingua e l’identità ucraina.

Per spiegare, molti in Russia considerano gli ucraini un popolo fraterno a causa delle loro origini etno-linguistiche condivise dall’antica Rus’ di Kiev, gran parte della quale fu poi rilevata dalla Lituania e successivamente polonizzata una volta che il sistema politico medievale si unì al suo vicino occidentale. . Di conseguenza, la lingua e la cultura di questi discendenti della Rus’ di Kiev furono influenzate nel corso dei secoli durante i quali furono separati dai loro parenti orientali, determinando così alla fine la formazione dell’identità ucraina.

Allo stesso modo, mentre la maggior parte dei polacchi considera gli slesiani parte del proprio gruppo etnico, alcuni slesiani ritengono di appartenere a un gruppo etnico-linguistico distinto per ragioni storiche, anche se sono disinteressati al separatismo. Le influenze ceche e soprattutto tedesche hanno portato alla trasformazione della loro identità nel corso dei secoli al punto che ora vogliono ostentare la loro unicità proprio come fanno gli ucraini. Se i polacchi non hanno problemi con il fatto che gli ucraini facciano questo, allora non dovrebbero preoccuparsi che gli slesiani facciano lo stesso.

A differenza degli ucraini, però, gli slesiani non hanno precedenti di terrorismo contro lo Stato polacco. Anche la formazione della loro identità non ha raggiunto il livello in cui si agitano per ottenere uno stato. È improbabile che lo facciano nell’immediato futuro, dal momento che le condizioni geopolitiche a questo punto del loro sviluppo sono molto diverse da quelle degli ucraini nelle tre occasioni del secolo scorso in cui hanno cercato di raggiungere tale obiettivo (1917, 1941, 1991), ma alcuni temono che concedere loro lo status regionale linguistico potrebbe collocarli su quella strada.

Tuttavia, ciò che è innegabile è che l’identità della Slesia è un’identità composita simile nello spirito all’identità ucraina, tranne per il fatto che la prima è stata formata dall’interazione storica tra polacchi e russi mentre la seconda è stata formata dall’interazione tra polacchi, cechi e tedeschi. Entrambi sono organici ma sono stati sfruttati anche da altri per perseguire i propri obiettivi geopolitici, il primo dalla Polonia contro la Russia e il secondo dalla Germania contro la Polonia. Ciò però non scredita ciascuna delle loro esistenze.

Il motivo per cui i polacchi dovrebbero riflettere profondamente sull’approvazione della legge del Sejm che riconosce la Slesia come seconda lingua regionale del loro paese è perché questa rappresenta l’ultima fase delle tendenze centrifughe storiche all’interno di quella che la Polonia considera la sua “sfera di influenza etno-culturale”. Proprio come gli Slesiani emersero come un’identità separata dalle loro radici polacche condivise durante la dinastia Piast, così anche gli ucraini emersero come un’identità separata dalle loro radici russe condivise durante il periodo della Rus’ di Kiev.

Come accennato in precedenza, gli Slesiani non desiderano uno stato separato e sono orgogliosi di essere parte integrante della società polacca, quindi non c’è alcuna possibilità che la Polonia si “balcanizzi” secondo le linee dialettali in tempi brevi. Anche così, è comprensibile che alcuni polacchi patriottici si sentano sconvolti da questo simbolico disfacimento dell’identità del loro popolo attraverso il riconoscimento della Slesia come seconda lingua regionale della Polonia. Quelli con tali punti di vista ora potrebbero essere in grado di simpatizzare un po’ di più con la versione russa della storia ucraina

Divinizzare Israele e tutti gli ebrei criminalizzando potenzialmente qualsiasi critica nei loro confronti, non importa quanto legittima, come ad esempio le politiche del primo nei confronti dei palestinesi, e chiedersi se l’appartenenza sproporzionata del secondo all’amministrazione Biden influenzi le sue politiche, è antiamericano.

L’approvazione da parte della Camera dell’“ Antisemitism Awareness Act ” è uno sviluppo sorprendentemente antidemocratico. Il disegno di legge impone che il governo federale utilizzi la definizione di antisemitismo della “ International Holocaust Remembrance Alliance ”, che Matt Walsh del Daily Wire ha giustamente notato potrebbe potenzialmente criminalizzare le critiche rivolte a Israele. Il suo capo Ben Shapiro è uno dei più importanti sionisti americani, quindi sta letteralmente rischiando il suo sostentamento condannando questo audace attacco contro il Primo Emendamento.

Non c’è niente di “antisemita” nel descrivere il trattamento riservato da Israele ai palestinesi come razzista, né nel richiamare l’attenzione su come la formazione di quello Stato abbia portato alla pulizia etnica di molti arabi musulmani. Allo stesso modo, accusarlo di sfruttare l’Olocausto per vantaggi socio-politici non è antisemita. Lo stesso vale nel sottolineare il numero sproporzionato di ebrei nell’amministrazione Biden e nel chiedersi se ciò influenzi la politica della sua squadra nei confronti della regione.

Gli ebrei non sono gli unici bersagli del bigottismo nel mondo, e il loro genocidio durante la seconda guerra mondiale non li colloca in cima a una gerarchia immaginaria di vittimismo con tutti gli speciali privilegi che ciò comporta nella società. Lo Stato di Israele, fondato in loro nome come santuario per loro, non è al di sopra delle legittime critiche. Divinizzare esso e la sua gente è una scelta personale che non dovrebbe mai diventare un obbligo legale in America. Il fatto stesso che ciò potrebbe benissimo, tuttavia, alimentare inavvertitamente l’antisemitismo.

Dopotutto, criminalizzare potenzialmente le critiche a Israele e negare agli ebrei i privilegi speciali che alcuni di loro credono che la società debba loro concedere per sempre a seguito dell’Olocausto presta falso credito alle teorie del complotto secondo cui essi controllano il governo degli Stati Uniti. La suddetta speculazione viene però facilmente screditata osservando che Israele stesso non ha sanzionato la Russia né armato l’Ucraina, tra gli altri esempi come l’ appoggio di Biden all’appello di Schumer per un cambio di regime contro Bibi, eppure molti ci credono ancora.

Sarà molto difficile per i veri attivisti anti-fanatici discutere contro questa teoria del complotto se l’“Antisemitism Awareness Act” entrerà in legge. Coloro che la sfidano potrebbero anche diventare martiri della libertà di parola se vengono puniti, compresi i veri antisemiti che esprimono indiscutibili discorsi di odio contro gli ebrei, portando così ad alleanze empie tra i gruppi disparati contrari a questa legislazione. Quella coalizione potrebbe anche organizzare proteste a livello nazionale che potrebbero sfociare in rivolte sulla falsariga di quelle dell’estate 2020.

Inoltre, gli avversari stranieri dell’America potrebbero indicare l’“Antisemitism Awareness Act” come prova dei doppi standard del Paese nei confronti della libertà di parola, cosa che danneggerebbe i suoi interessi nazionali oggettivi ancor più di quanto abbiano già fatto i doppi standard esistenti verso una serie di altre questioni. Il pretesto per trasformare questo disegno di legge in legge è il campus proteste per la Palestina, ma il problema che molti hanno con loro è la loro tattica aggressiva, non il fatto di sfruttare la propria libertà di parola per gridare vari slogan.

Non importa quanto alcuni possano essere arrabbiati per ciò che dicono quegli studenti, non devono lasciare che le loro emozioni vengano manipolate per sostenere l’audace attacco del Congresso contro il Primo Emendamento. Divinizzare Israele e tutti gli ebrei criminalizzando potenzialmente qualsiasi critica nei loro confronti, non importa quanto legittima, come ad esempio le politiche del primo nei confronti dei palestinesi, e chiedersi se l’appartenenza sproporzionata del secondo all’amministrazione Biden influenzi le sue politiche, è antiamericano.

La Russia ha già sofferto gli effetti del fuorviante attivismo filo-palestinese orchestrato dall’estero alla fine di ottobre e dell’incitamento all’odio incoraggiato dagli stranieri all’interno della sua società dopo l’attacco al Crocus, quindi non li userà contro altri per timore che il Cremlino rischi di screditarsi in patria. davanti.

NBC News ha citato due fonti anonime che hanno familiarità con l’intelligence americana per riferire in esclusiva che la Russia sta presumibilmente approfittando delle proteste nei campus per la Palestina “con l’obiettivo di aggravare le tensioni politiche negli Stati Uniti e offuscare l’immagine globale di Washington”. Solo la seconda parte è vera per metà, e questo solo perché le piattaforme mediatiche internazionali russe finanziate con fondi pubblici stanno sensibilizzando il mondo sui doppi standard americani nei confronti del diritto internazionale, dell’incitamento all’odio e delle rivolte.

Prima di procedere, è importante che il lettore sia informato della politica russa nei confronti di questi tre temi interconnessi: l’ ultima guerra tra Israele e Hamas , l’incitamento all’odio e le rivolte. Nell’ordine in cui sono state citate, la Russia si mantiene in equilibrio tra le parti in conflitto con l’obiettivo di mediare una risoluzione, vieta severamente qualsiasi incitamento all’odio etnico-nazionale o religioso e ha tolleranza zero per le proteste non autorizzate, soprattutto su larga scala e violente. quelli. Ecco alcuni briefing di base:

* “ Il Presidente Putin su Israele: citazioni dal sito web del Cremlino (2000-2018) ”

* “ Le rivolte a sostegno della Palestina screditano la causa dell’indipendenza del suo popolo ”

* “ Chiarire il paragone di Lavrov tra l’ultima guerra tra Israele e Hamas e l’operazione speciale della Russia ”

* “ Putin e il Patriarca hanno ricordato ai russi che l’incitamento all’odio etnico-religioso è inaccettabile ”

* “ La richiesta della Russia di sanzioni da parte del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite contro Israele è una mossa di soft power basata su principi ”

In breve, il presidente Putin è un orgoglioso filosemita da sempre che sostiene con zelo Israele, ma capisce che gli interessi nazionali oggettivi del suo paese stanno nel bilanciamento tra questo e la Palestina. A tal fine, il Cremlino ha condannato sia il famigerato attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre, sia la successiva punizione collettiva dei palestinesi da parte di Israele. Si suggerisce inoltre ufficialmente di esplorare sanzioni contro Israele per aver violato la risoluzione 2728 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite rifiutandosi di attuare un cessate il fuoco.

Il pezzo che chiarisce il confronto di Lavrov elenca quasi due dozzine di pezzi di ottobre-dicembre che elaborano maggiormente la politica russa a questo riguardo. Per quanto riguarda il fronte interno, i servizi di sicurezza hanno disperso una folla filo-palestinese che si era ribellata in un aeroporto del Daghestan a fine ottobre dopo essere stata indotta da fake news a credere che gli ebrei israeliani stessero per arrivare lì. Dopo l’ attacco al Crocus , il presidente Putin e il Patriarca hanno anche tacitamente ricordato a tutti il ​​severo divieto dell’articolo 282 sull’incitamento all’odio.

Qualunque cosa i lettori possano pensare sui meriti della politica estera e interna della Russia, è un suo diritto sovrano promulgarla in conformità con il modo in cui i politici credono che gli oggettivi interessi nazionali del loro paese possano essere meglio portati avanti. I gestori della percezione americana, però, li hanno costantemente sfruttati per screditare il sincero interesse della Russia nel mediare la pace e per etichettarla come una dittatura. La base giuridica internazionale della prima politica e la sicurezza nazionale della seconda vengono sempre ignorate.

Allo stesso tempo, tuttavia, gli Stati Uniti violano palesemente il diritto internazionale dando a Israele un assegno in bianco per punire collettivamente i palestinesi e ignorando la già citata risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che chiede di attuare un cessate il fuoco con Hamas. Ha anche disperso alcune proteste universitarie per la Palestina con il pretesto, accurato o meno, che stanno lanciando discorsi di odio contro gli ebrei e si stanno trasformando in rivolte. La Russia ha naturalmente interesse ad attirare la massima attenzione su questi doppi standard.

Per quanto riguarda l’accusa di avere “l’obiettivo di aggravare le tensioni politiche negli Stati Uniti”, NBC News ha affermato che “le fonti hanno rifiutato di condividere esempi di bot generati dalla Russia sui social media per evitare di rivelare i metodi statunitensi di raccolta di informazioni”, il che è sospetto e non può essere preso sul serio. Sembra quindi che non esistano prove e che questo sia solo un modo per prendere due piccioni con una fava: allarmizzare l’ingerenza russa e creare il pretesto per una repressione più ampia se la decisione verrà presa.

A questo proposito, “ I democratici si stanno distruggendo sostenendo le proteste nei campus universitari per la Palestina ” per le ragioni spiegate nella precedente analisi con collegamento ipertestuale, che si riducono a controversie tra fazioni all’interno della coalizione liberale-globalista al potere e a considerazioni elettorali controproducenti. La politica schizofrenica di disperdere alcune proteste, non disperderne altre, e di rifiutare di perseguire coloro che occupano proprietà pubbliche con le stesse accuse dei manifestanti del J6 sono prova di doppi standard.

Un sondaggio condotto all’inizio di questa settimana ha mostrato che un enorme 80% degli americani sostiene Israele piuttosto che Hamas, quindi i democratici potrebbero ritenere che sia ora di porre fine alle proteste. L’ex presidente Pelosi aveva già seminato la voce per averlo fatto alla fine del mese scorso, nel caso in cui la decisione fosse stata presa, sostenendo che le proteste hanno “una sfumatura russa”, cosa che ha spinto la portavoce del ministero degli Esteri russo Zakharova a descrivere ciò come “un affronto agli americani”. e un attacco alla democrazia”.

L’ultimo rapporto di NBC News si basa sulle accuse di Pelosi conferendogli il credito della comunità dell’intelligence statunitense, anche se senza uno straccio di prova condiviso con il pubblico, il che potrebbe spostare l’ago nella direzione di convincere i democratici nel loro insieme ad accendersi. queste proteste. Alcuni lo hanno già fatto per paura che i ricchi donatori ebrei del loro partito e dei suoi centri di indottrinamento ideologico (“università”) ritirino i loro finanziamenti se non lo fanno, ma non è ancora avvenuta alcuna repressione su larga scala.

Anche così, l’ultimo segnale inviato è che i democratici potrebbero eventualmente rivoltarsi contro i membri filo-palestinesi della loro base – che sono numericamente piccoli ma esercitano un’influenza smisurata grazie al loro attivismo e potrebbero essere la chiave per vincere negli stati indecisi del Midwest – sostenendo che sono stati ingannati dalla Russia. In relazione a ciò, potrebbero anche aggiungere una dimensione anti-cinese accusando TikTok, di proprietà cinese, di collusione con il Cremlino “con l’obiettivo di aggravare le tensioni politiche negli Stati Uniti”.

Ciò potrebbe prendere un terzo uccello con la stessa fava, dopo che l’ultimo pacchetto di aiuti all’Ucraina conteneva una misura che chiedeva agli Stati Uniti di vietare TikTok a meno che ByteDance non vendesse la propria partecipazione nei prossimi 12 mesi. Questa legge ha suscitato immense polemiche a causa delle preoccupazioni sulla libertà di parola e sull’impatto sui numerosi imprenditori americani che fanno affidamento su quella piattaforma per guadagnarsi da vivere. Tuttavia, architettando una cospirazione sino-russa sulle proteste universitarie per la Palestina e TikTok, questo divieto imminente potrebbe sembrare più appetibile.

Qualunque cosa accada, è importante che la gente ricordi che l’unico interesse della Russia è smascherare l’ipocrisia degli Stati Uniti, non manipolare i manifestanti universitari affinché funzionino come delegati del cambiamento di regime. La Russia ha già sofferto gli effetti del fuorviante attivismo filo-palestinese orchestrato dall’estero alla fine di ottobre e dell’incitamento all’odio incoraggiato dagli stranieri all’interno della sua società dopo l’attacco al Crocus, quindi non li userà contro altri per timore che il Cremlino rischi di screditarsi in patria. davanti.

Legare le mani del Presidente in termini di come allentare l’escalation di questo conflitto predetermina che continuerà ad accendersi anche se le linee del fronte si congelano informalmente per un periodo di tempo significativo, mantenendo così la spada di Damocle dell’Armageddon sospesa sopra la testa di tutti per il prossimo almeno un decennio.

I “Repubblicani solo di nome” (RINO) e i Democratici si sono uniti come “unipartito” per far approvare l’ ultimo pacchetto di aiuti degli Stati Uniti all’Ucraina alla fine di aprile, cosa che ha spinto Zelenskyj a rivelare che i loro paesi stanno negoziando un accordo decennale patto di sicurezza. Durante il fine settimana ha poi spiegato che includerà “il sostegno armato, la produzione finanziaria, politica e congiunta di armi”. Un accordo del genere richiederà quasi certamente l’approvazione del Congresso, quindi il ritorno dell’unipartito.

L’imprenditore miliardario David Sacks ha reagito su X scrivendo che “I 61 miliardi di dollari erano solo l’inizio. I prossimi due presidenti degli Stati Uniti non riusciranno a spegnerlo”, al che Elon Musk ha risposto con “È pazzesco. La guerra eterna.” All’inizio di gennaio è stato osservato che ” le ‘garanzie di sicurezza’ sperate dall’Ucraina non sono tutte quelle che si aspettavano ” dopo che il primo patto di questo tipo era stato raggiunto con il Regno Unito, ma non includeva lo schieramento di truppe promesso come aveva fatto Kiev. in precedenza ha cercato di conquistare.

Anche i successivi accordi bilaterali con altri paesi della NATO non includevano quelle promesse, ma ciò che è così preoccupante riguardo al patto simile in fase di negoziazione con gli Stati Uniti è che potrebbe assumere la forma di un disegno di legge sul modello del “ Taiwan Relations Act ” del 1979 e da quel momento in poi entreranno in legge. Quanto sopra è deliberatamente ambiguo riguardo all’impegno di mutua difesa degli Stati Uniti nei confronti di quell’isola cinese canaglia, ma impone alla stessa la continua vendita di armi e spinge il presidente ad agire in caso di attacco.

Nel caso in cui i negoziati in corso culminassero in qualcosa di simile per l’Ucraina, la previsione di Sacks si dimostrerebbe corretta con tutto ciò che comporta per bloccare questo fronte della Nuova Guerra Fredda . Se Trump tornasse in carica, il che non può essere dato per scontato data la persecuzione da parte dell’amministrazione Biden nei suoi confronti e i timori di brogli elettorali, le sue mani saranno legate e non potrebbe allentare la tensione anche se lo volesse. Qualsiasi mossa in questa direzione potrebbe portare ad un’altra tornata di procedimenti di impeachment contro di lui.

I RINO e i Democratici potrebbero quindi abbandonare ancora una volta la facciata della loro falsa competizione per imporre legalmente dieci anni interi di “sostegno armato, finanziario, politico e produzione congiunta di armi” con l’Ucraina. Come ciliegina sulla torta, potrebbero anche codificare un linguaggio altrettanto ambiguo, simile a quello di Taiwan, sull’impegno di difesa reciproca degli Stati Uniti nei confronti di quel paese. L’unico modo per evitare che ciò venga utilizzato come arma contro Trump è che i repubblicani del MAGA vincano quanti più seggi possibile a novembre.

Se i RINO e i Democratici non hanno i numeri, allora non potranno costringerlo a lasciare l’incarico ma solo simbolicamente metterlo sotto accusa come hanno già fatto due volte se rinnega questo accordo. Le riforme del governo federale da lui previste, se dovessero avere successo, potrebbero ridurre il numero di sabotatori interni che cercherebbero di sovvertire la sua politica diplomatica per promuovere gli interessi degli Stati Uniti. A dire il vero, ci sono molte incertezze per Trump in questo scenario, ma è comunque meglio che se l’unipartito rimanesse al potere totale.

Ciò che dovrebbe essere più importante per ogni americano patriottico è che il Presidente, chiunque egli sia in un dato momento, conservi il diritto di formulare la politica estera in linea con la Costituzione . È importante mantenere controlli ed equilibri, ma ciò che l’unipartito potrebbe tentare di fare tramite il Congresso è scavalcare i prossimi due presidenti bloccando la loro politica estera proprio come hanno fatto con Taiwan. Quel precedente era già abbastanza controverso dal punto di vista giuridico, ma era comunque approvato durante la pace con la Cina.

Ciò che sembra essere in cantiere con l’Ucraina, invece, viene negoziato nell’ambito dell’accordo NATO-Russia guerra per procura condotta in quella ex repubblica sovietica, che rischia la terza guerra mondiale per un errore di calcolo. Legare le mani del Presidente in termini di come allentare l’escalation di questo conflitto predetermina che continuerà ad accendersi anche se le linee del fronte si congelano informalmente per un periodo di tempo significativo, mantenendo così la spada di Damocle dell’Armageddon sospesa sopra la testa di tutti per il prossimo almeno un decennio.

I liberali-globalisti al potere negli Stati Uniti stanno cercando di trovare un equilibrio tra l’attuazione di un cambio di regime contro Bibi, il compiacimento retorico dell’ala attivista della loro base, e il mantenimento dell’alleanza del loro paese con Israele. Il risultato finale del perseguimento di questi obiettivi contraddittori è che hanno naturalmente ampliato le divisioni tra fazioni preesistenti all’interno della coalizione democratica.

L’ occupazione martedì mattina della Hamilton Hall della Columbia University da parte di manifestanti filo-palestinesi, che fu il luogo di una famosa occupazione durante le proteste nazionali contro la guerra e per i diritti civili del 1968, ha immediatamente spinto a paragonare questi due movimenti tra molti. La realtà è però completamente diversa, poiché i manifestanti di oggi sono parzialmente finanziati da Soros, come dimostrato dall’indagine del New York Post . Al contrario, quelli dell’era della guerra del Vietnam erano organici, non astroturfizzati.

Non si può negare l’indignazione che molti studenti provano mentre Israele punisce collettivamente i palestinesi e viola impunemente il diritto internazionale rifiutandosi di attuare la richiesta della risoluzione 2728 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per un cessate il fuoco senza che gli Stati Uniti minaccino in maniera falsamente sanzioni. Anche se è vero che Biden ha appoggiato l’appello di Schumer per un cambio di regime in Israele, all’epoca è stato spiegato qui che ciò era in realtà dovuto alla disputa ideologica della sua amministrazione con Bibi e al suo doppio gioco con Hamas.

Allo stesso modo, la politica di aiuti a Gaza di Biden è solo uno spettacolo elettorale progettato per ingannare i membri filo-palestinesi della base democratica e indurli a non disertare a favore di terzi in segno di protesta o a rifiutarsi di votare, il che è dimostrato dal fatto che nessuna conseguenza significativa ha seguito la summenzionata decisione di Israele. Azioni. I liberali-globalisti al potere negli Stati Uniti stanno cercando di trovare un equilibrio tra l’attuazione di un cambio di regime contro Bibi, il compiacimento retorico dell’ala attivista della loro base, e il mantenimento dell’alleanza del loro paese con Israele.

Il risultato finale del perseguimento di questi obiettivi contraddittori è che ha naturalmente ampliato le divisioni tra fazioni preesistenti all’interno della coalizione democratica, che sono state identificate dall’attivista nazionalista-conservatore Christopher Rufo, che ha consigliato alla sua fazione come sfruttarle magistralmente per ottenere il massimo guadagno. Suggerisce che la destra rimanga il più possibile fuori da questa rissa per lasciare che la sinistra si divida in modo che la maggioranza degli americani moderati possa vedere ciò che rappresentano veramente i democratici.

La coalizione liberale-globalista al potere è arrivata al potere sulla scia della Guerra Ibrida di Terrore contro l’America dell’estate 2020 , che è stata una vera e propria Rivoluzione Colorata in preparazione da decenni e orchestrata da questa fazione dell’élite statunitense su falsi “antirazzisti” pretesti. Lo scopo era quello di manipolare gli elettori contro Trump e di preparare il terreno per un’insurrezione terroristica a tutto campo a livello nazionale che potrebbe essere trasformata in una “rivolta democratica pacifica” se la sospetta frode di quell’anno non fosse riuscita a deporlo.

In definitiva, “ Trump è stato inghiottito dalla palude perché non aveva la forza di prosciugarla ”, creando così l’ inferno distopico in cui gli americani sono stati costretti a languire negli ultimi quattro anni. La rilevanza di quegli eventi per il presente è che questa stessa fazione liberal-globalista della burocrazia permanente degli Stati Uniti (“stato profondo”) è di nuovo all’opera, ma questa volta sta usando la Palestina come pretesto per portare avanti la propria agenda.

Come ha giustamente osservato Rufo, tuttavia, “la maggior parte degli americani non capisce il conflitto israelo-palestinese o il suo rapporto con gli Stati Uniti”. Inoltre, “la maggior parte sostiene Israele piuttosto che Hamas”, quindi è stato in realtà un errore di calcolo epico da parte dei liberali-globalisti fare di Palestina/Hamas il pretesto per giustificare la minacciata Rivoluzione Colorata di quest’anno se Biden non dovesse vincere la rielezione (sia tramite con il gancio o con la forza). C’è molto di sbagliato in questo piano, ma quelli che seguono sono solo alcuni degli errori più evidenti.

Basandosi su ciò che ha scritto Rufo, la maggior parte dell’elettorato non si preoccupa degli affari esteri, tranne forse quello NATO-russo guerra per procura in Ucraina, ma solo perché potrebbe portare alla Terza Guerra Mondiale per un errore di calcolo ed è già costata loro oltre 100 miliardi di dollari in fondi dei contribuenti. Coloro che si preoccupano abbastanza della Palestina da votare per terzi in segno di protesta o da saltare le elezioni stanno dalla parte dei democratici e, sebbene relativamente bassi in numero, sono molto espliciti e quindi hanno un’influenza fuori misura.

Ancora più importante, i loro voti sono cruciali per aiutare i democratici a conquistare gli stati oscillanti del Midwest, rendendoli così essenziali per la strategia 2024 del partito. Fin qui tutto bene, ma l’élite liberal-globalista ha trascurato il fatto che una parte sostanziale di loro sono musulmani che sostengono la Palestina come questione di principio religioso. I loro voti non possono essere comprati con trucchi elettorali a buon mercato come la politica di aiuti a Gaza di Biden o la critica a Bibi mesi dopo che, secondo quanto riferito, Israele ha ucciso quasi il 2% della popolazione di Gaza prima della guerra.

Allo stesso modo, il coinvolgimento della fazione LGBT+ dei democratici nelle proteste universitarie parzialmente finanziate da Soros disgusta letteralmente questi stessi musulmani, che credono che stia infangando questa causa con la dissolutezza. Hanno già unito le forze con la destra in Michigan per protestare contro la sessualizzazione dei bambini nelle scuole, quindi dovrebbe essere dato per scontato che i loro stomaci si agitano dopo che una drag queen ha fatto cantare ai bambini “Palestina libera” in altre parti del paese alla fine del mese scorso. Queste trovate democratiche stanno perdendo la loro base musulmana.

Un altro degli errori dell’élite liberale-globalista è stato quello di non aver segnalato ai loro delegati universitari, parzialmente finanziati da Soros, che le proteste avrebbero dovuto riguardare solo la Palestina, non Hamas. La maggior parte degli americani è d’accordo con la definizione da parte del governo di quel gruppo come terrorista, soprattutto dopo che il suo famigerato attacco furtivo del 7 ottobre ha comportato il rapimento e l’uccisione di un gran numero di civili. Di conseguenza, vengono scoraggiati dalle manifestazioni di sostegno ad Hamas, per non parlare dello slogan “dal fiume al mare”.

Molti lo interpretano come un fischietto per giustificare, sulla base della giustizia storica, la subordinazione legale di tutti i discendenti dei colonizzatori come cittadini di seconda classe, cosa che potrebbe fare di tutti i caucasici-americani il bersaglio di una tale politica. Lo slogan “dal fiume al mare” potrebbe facilmente trasformarsi in uno “da costa a costa” una volta che questa incipiente Rivoluzione Colorata finirà per infondere nuova vita ai fanti del BLM dei liberal-globalisti durante il secondo mandato di Biden al fine di imporre una più rigorosa “ svegliato” la dittatura.

Non importa che i neri, gli asiatici e tutti gli altri gruppi, esclusi gli ispanici parzialmente discendenti dei nativi, stiano ancora colonizzando terre precedentemente controllate dai nativi, indipendentemente dal loro posto nella gerarchia socioeconomica degli Stati Uniti, a partire dallo slogan “dal fiume al mare”. prende di mira gli ebrei di discendenza europea. Pochi di coloro che lo cantano si preoccupano degli ebrei arabi o etiopi in Israele che stanno occupando anche terre precedentemente controllate dai palestinesi, poiché questo slogan si è trasformato in un mezzo per segnalare solidarietà con la “Teoria della Razza Critica” (CRT).

Guardando oltre il gergo, questo concetto afferma semplicemente che la propria identità etnico-nazionale alla nascita li rende colpevoli delle azioni dei loro antenati contro membri di altri gruppi, per le quali devono espiare accettando per sempre lo status di seconda classe come forma di giustizia storica. Questo standard però non viene applicato allo stesso modo poiché ai suoi aderenti non interessa ciò che i gruppi europei o non europei hanno fatto ai propri, ma solo ciò che gli europei hanno fatto ai non europei.

Si presume che le opinioni politiche di una persona di discendenza europea siano predeterminate dalla sua identità, così come la sua colpa e il relativo bisogno di espiarla accettando uno status di seconda classe, che in linea di principio non è diverso da ciò che Hitler credeva rispetto agli slavi, agli ebrei e altri cosiddetti “subumani”. Il bigottismo anti-caucasico della CRT non è un segreto, ma è stato solo quando i suoi aderenti hanno iniziato a prendere di mira gli ebrei israeliani – considerati un “gruppo protetto/privilegiato” a causa dell’Olocausto – che un numero maggiore di americani se ne è accorto.

Gli ebrei israeliani non avrebbero mai dovuto essere elevati al vertice di un’immaginaria gerarchia di vittimismo poiché tutti coloro che hanno sofferto a causa del genocidio nazista sono uguali , ma il punto è che la sfida dei manifestanti filo-palestinesi nei confronti di questa narrativa “politicamente corretta” ha inviato un messaggio shock attraverso il sistema di valori sociali degli Stati Uniti. Ha avuto l’effetto involontario di smascherare la CRT come una copertura pseudo-accademica per l’incitamento all’odio, cosa che ha spaventato molti democratici moderati e soprattutto quei ricchi ebrei che fanno donazioni a queste scuole.

Qui sta il terzo errore epico commesso dai liberal-globalisti al potere negli Stati Uniti, da quando l’effetto finale di candidarsi con la copertura Palestina/Hamas per la Rivoluzione Colorata di quest’anno è che si è trattato di un momento di “mascheramento” per molti democratici. sostenitori. I musulmani si rendono conto di essere oggettivati ​​e associati a ideologie anti-islamiche come quella LGBT+, i democratici caucasici sentono che saranno presi di mira da politiche di “razzismo al contrario” e gli ebrei si rendono conto che stanno finanziando la loro stessa distruzione. .

Non è stato ancora raggiunto il punto critico in cui questi membri della coalizione democratica rompono con il partito per lasciare solo la maggior parte dei neri, alcuni ispanici e pochi caucasici che odiano se stessi tra le sue fila, ma quel momento potrebbe presto arrivare se i sempre più riottosi Continuano le proteste universitarie per la Palestina. In tal caso, i piani di rielezione di Biden sarebbero destinati a fallire poiché il livello di frode richiesto per aiutarlo a vincere sarebbe troppo elevato, ma i liberali-globalisti potrebbero poi provare a bruciare il paese per vendetta.

Visto che non esiste alcuna base legittima per cui Sikorski sia arrabbiato con Duda, l’unica spiegazione credibile è che sia tutta una questione di politica interna in vista delle elezioni presidenziali del prossimo anno.

Il ministro degli Esteri polacco Sikorski ha rimproverato il presidente Duda per aver rivelato pubblicamente a un giornalista di aver discusso del paese che ospita armi nucleari statunitensi durante il suo ultimo viaggio lì. Secondo questo alto diplomatico, “al signor Presidente è già stato detto, ai massimi livelli… di non parlarne, che non c’è alcuna possibilità per questo adesso. Non so perché lo disse”. Sikorski ha anche affermato che nemmeno il Consiglio dei ministri, il massimo organo politico della Polonia, ha autorizzato Duda a discutere pubblicamente la questione.

Nelle sue parole, “Queste sono questioni molto complicate di cui discutiamo nelle riunioni di pianificazione nucleare della NATO” e “non dovrebbero aver luogo in pubblico”. Il problema, però, è che Duda stava semplicemente rispondendo all’indagine pertinente di un giornalista basata sulle ripetute del suo partito si offre di ospitare queste armi. Non è successo all’improvviso e non sono state rivelate nuove informazioni. L’unico motivo per cui ha fatto notizia è stato l’argomento in questione e il contesto di crescenti tensioni NATO-Russia.

Rifiutarsi di commentare avrebbe potuto suscitare ancora più speculazioni, così come avrebbe potuto avere la menzogna apertamente sul fatto che non se ne fosse parlato, ecco perché Duda ha semplicemente detto la verità. Sikorski lo ha rimproverato non perché alcuni media internazionali, com’era prevedibile, abbiano sfruttato le sue parole per fare clickbait, ma per ragioni di politica interna. Dopotutto, il massimo diplomatico polacco rappresenta il nuovo governo di coalizione che ha sostituito il partito di Duda dopo le elezioni dell’autunno scorso, e punta ad assumere la presidenza anche durante il voto del prossimo anno.

Diversi giorni dopo la tranquilla rivelazione di Duda, Sikorski tenne un lungo discorso al Sejm sugli obiettivi di politica estera della Polonia, una parte significativa del quale cercò esplicitamente di screditare i suoi predecessori. Un modo in cui questo è stato tentato è stato dipingerli come paranoici che hanno compiuto unilateralmente mosse sconsiderate che alla fine hanno messo in pericolo gli interessi nazionali del loro paese. Sebbene Duda non sia paranoico, il falso scandalo che circonda la sua intervista lo definisce un avventato, il che è in linea con questa narrazione.

Gli osservatori dovrebbero ricordare che lo stesso Sikorski ha tacitamente confermato che Duda è stato effettivamente incaricato di discutere dell’hosting di armi nucleari statunitensi durante il suo ultimo viaggio lì, con l’unico problema che ha ammesso pubblicamente che questo era all’ordine del giorno, ma è già stato spiegato il motivo per cui ciò non è avvenuto. t controverso. Visto che non esiste alcuna base legittima per cui Sikorski sia arrabbiato con Duda, l’unica spiegazione credibile è che sia tutta una questione di politica interna in vista delle elezioni presidenziali del prossimo anno.

La cosa più interessante, però, è che Sikorski si sta concentrando solo sulla presunta rivelazione di segreti di stato da parte di Duda sui colloqui polacco-americani, ma sta ignorando due delle sue rivelazioni molto più scandalose. Nella stessa intervista in cui ha confermato di aver parlato del suddetto argomento durante il suo viaggio a Washington, Duda ha anche ammesso che un grande progetto infrastrutturale fuori Varsavia ha un duplice scopo militare. I lettori potranno saperne di più qui , dove scopriranno che è al centro di un’accesa disputa partigiana.

Una settimana prima, Duda aveva rivelato come le società straniere possiedano la maggior parte dell’agricoltura industriale ucraina , allo scopo di difendere la precedente decisione del governo di fermare l’importazione di grano ucraino a buon mercato e di bassa qualità che aveva inondato il mercato interno per gli agricoltori locali. danno. È servito anche a fare pressione sul nuovo governo di coalizione affinché non svendesse gli interessi nazionali del paese su questo tema con la scusa di raggiungere un “compromesso” con l’Ucraina.

Queste due rivelazioni sono molto più scandalose della sua conferma di aver discusso ancora una volta della Polonia che ospita armi nucleari statunitensi durante il suo ultimo viaggio lì, eppure Sikorski ha vistosamente ignorato entrambe a favore della creazione di un falso scandalo sull’ultimo esempio citato. Questo perché non ha veramente in mente gli interessi nazionali, ma solo quelli politici interni, e teme di attirare più attenzione su queste altre due questioni altrimenti avrebbe potuto sollevarle nel rimprovero a Duda.

La perdita di manodopera ucraina da parte della Polonia sarà un guadagno per la Germania, il che rappresenta un altro modo in cui la prima è diventata indispensabile per alimentare la traiettoria di superpotenza della seconda.

I piani impliciti del ministro della Difesa polacco Wladyslaw Kosiniak-Kamysz di deportare uomini ucraini aventi diritto alla leva potrebbero essere la goccia che fa traboccare il vaso la Polonia e spingerla verso la recessione. Le statistiche preliminari del governo di febbraio hanno mostrato che la crescita del PIL nell’ultimo anno è stata solo dello 0,2% rispetto al livello del 5,3% del 2022 . La disoccupazione era però solo al 5,3% a marzo e il 33% dei 525 datori di lavoro intervistati da una rispettabile società di collocamento a ottobre ha dichiarato di voler assumere nel primo trimestre del 2024.

Il suddetto rapporto ipertestuale sul misero tasso di crescita del PIL dello scorso anno lo attribuiva all’inflazione, che potrebbe diventare più gestibile a seconda delle politiche del nuovo governo di coalizione, mentre le altre statistiche suggeriscono un urgente bisogno di più manodopera sul mercato. Il fondo assicurativo statale ha informato l’estate scorsa che la Polonia avrebbe bisogno di due milioni di lavoratori stranieri nel prossimo decennio, o 200.000 all’anno fino ad allora, per mantenere l’attuale rapporto tra lavoratori e pensionati dopo che il tasso di natalità è crollato dell’11% lo scorso anno.

Si dà il caso che, dal febbraio 2022, la Polonia abbia concesso lo status di protezione temporanea di rifugiato a 950.000 ucraini , di cui secondo la Banca nazionale polacca circa un quinto sono uomini . Ciò equivale a quasi 200.000 lavoratori stranieri di cui la Polonia ha bisogno ogni anno, che ora potrebbero fuggire in Germania per evitare di essere deportati con la forza in prima linea. Lo scorso dicembre il ministro della Giustizia del paese vicino aveva dichiarato che non avrebbe adottato una politica del genere contro i renitenti alla leva.

La scorsa settimana il Senato di Berlino ha anche dichiarato a Deutsche Welle che gli ucraini possono soggiornare nella capitale senza un passaporto valido, sebbene l’organo di informazione abbia anche osservato che “Tutte le questioni relative al soggiorno degli stranieri in Germania appartengono alla competenza delle autorità regionali”, quindi il la politica potrebbe differire altrove. Tuttavia, il punto è che gli uomini ucraini aventi diritto alla leva in Polonia sanno che non andranno incontro alla loro rovina se si trasferissero semplicemente in Germania, che corteggia manodopera straniera da tutto il mondo.

Forse è stato dopo aver realizzato il colpo autoinflitto che il ministro della Difesa ha rischiato di infliggere alla già fragile economia polacca, che il ministro dell’Interno Marcin Kierwinski ha dichiarato poco dopo ai media nazionali che il suo Paese non deporterà quegli ucraini con documenti scaduti. Comunque sia, molti uomini ucraini potrebbero non voler rischiare la vita in mezzo a questi segnali contrastanti, e anche quelle donne non sposate che si sono trasferite in Polonia potrebbero trasferirsi per avere maggiori possibilità di trovare un marito ucraino un giorno.

Gli ucraini possono imparare il polacco molto più facilmente di qualsiasi altro migrante, a parte i bielorussi, i quali non hanno una presenza così ampia sul mercato del lavoro, motivo per cui lo Stato preferisce ospitarli per soddisfare le proprie esigenze di manodopera piuttosto che importare migranti culturalmente diversi. A dire il vero, stanno reclutando anche lavoratori dal Sud del mondo, ma questa politica rischia di replicare i problemi socio-politici che l’Europa occidentale ha già sperimentato negli ultimi decenni.

Spaventando gli ucraini con il suo piano implicito di deportare gli uomini idonei alla leva, la Polonia rischia anche inavvertitamente di esacerbare la tendenza al peggioramento della percezione reciproca tra i loro popoli, di cui i lettori possono saperne di più leggendo la revisione di questi sondaggi dalla Polonia a marzo e dall’Ucraina ad aprile. . Di conseguenza, potrebbe diventare meno probabile che mai che gli ucraini – siano essi rifugiati, renitenti alla leva o migranti economici – prendano in considerazione l’idea di trasferirsi in Polonia, mentre molti preferiscono invece la Germania per una buona ragione.

La perdita di manodopera ucraina della Polonia sarà un guadagno per la Germania, il che rappresenta un altro modo in cui la prima è diventata indispensabile per alimentare la traiettoria di superpotenza della seconda, descritta qui a metà marzo. Dato che l’economia polacca rischia la stagnazione e un potenziale declino nel caso in cui una recessione seguisse presto la fuga di quasi 200.00 uomini ucraini aventi diritto alla leva, per non parlare della paura di altri ucraini di trasferirsi lì e di conseguenza dei divari incolmabili nel mercato del lavoro, la Germania si trova a cavarsela comparativamente meglio.

La crescente carenza di manodopera in Polonia ostacolerà la crescita delle sue aziende, creando così più possibilità per quelle tedesche in quel mercato di quanto non abbiano già fatto. Se la Polonia smettesse di crescere, ciò metterebbe fine anche al tentativo di ripristino della sua leadership regionale iniziato sotto il governo precedente, che porterebbe ad un’ondata ancora maggiore dell’influenza tedesca nell’Europa centrale e orientale. Se senza controllo, la Germania potrebbe diventare una superpotenza nel giro di una generazione o meno, e tutto senza sparare un colpo.

L’imminente fine del mandato di Zelenskyj, il 21 maggio, costituisce lo scenario rispetto al quale analizzare questo sviluppo.

Ci sono state molte speculazioni sul perché la Russia abbia appena inserito Zelenskyj, il nuovo capo del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale Litvinenko, l’ex presidente Poroshenko e due ex funzionari finanziari nella lista dei ricercati del suo ministero dell’Interno, tra gli altri che erano già presenti su di essa. L’Occidente generalmente la considera una mossa simbolica, mentre alcuni nella comunità Alt-Media sono convinti che la Russia abbia intenzione di consegnarli segretamente o forse addirittura assassinarli.

L’imminente fine del mandato di Zelenskyj, il 21 maggio, costituisce lo scenario rispetto al quale analizzare questo sviluppo. L’ex primo ministro israeliano Bennett ha affermato all’inizio del 2023 che il presidente Putin gli aveva promesso l’anno prima di non danneggiare la sua controparte ucraina, ma alcuni credono che questa “garanzia di sicurezza” durerà solo finché il mandato di Zelenskyj rimarrà legittimo. Secondo loro, rimanere al potere dopo il 21 maggio con pretesti giuridicamente dubbi potrebbe portare il leader russo a riconsiderare la sua posizione.

L’osservazione del ministro degli Esteri Lavrov a fine marzo secondo cui “Forse non avremo bisogno di riconoscere nulla” dopo quel giorno è stata interpretata da alcuni come un’indicazione che egli potrebbe già essere rovesciato o ucciso prima che ciò accada. L’arresto da parte della Polonia, il mese scorso, di un uomo accusato di aver passato alla Russia dettagli sulla sicurezza dell’aeroporto di Rzeszow con l’obiettivo di aiutarla ad assassinare Zelenskyj durante la sua prossima visita ha dato credito a questa teoria tra alcuni, nonostante si tratti probabilmente di un caso di intrappolamento ucraino .

L’ex presidente russo e attuale vicepresidente del Consiglio di sicurezza Medvedev, tuttavia, ha reagito alla suddetta notizia chiedendosi se “potrebbe essere la prima prova che in Occidente hanno deciso di liquidarlo”. In sostanza, mentre il presidente Putin potrebbe mantenere la sua promessa di non danneggiare Zelenskyj anche se dovesse restare al potere dopo il 21 maggio, Medvedev ha lasciato intendere che l’Occidente potrebbe effettivamente ucciderlo ma poi eventualmente tentare di incastrare la Russia.

Un altro fattore da tenere a mente quando si valutano le motivazioni della Russia per inserire Zelenskyj e gli altri funzionari, sia attualmente in servizio che ex, nella lista dei ricercati in questo preciso momento è lo scenario peggiore da cui aveva messo in guardia il Comitato di intelligence ucraino alla fine di febbraio. . Si aspettano che la Russia possa ottenere una svolta militare alla fine di questo mese o il prossimo, che potrebbe coincidere con il collasso politico del governo ucraino, presumibilmente sostenuto dalla Russia e guidato dalla protesta.

La tempistica potrebbe anche coincidere con i “colloqui di pace” svizzeri del mese prossimo a metà giugno , trasformandoli così da una trovata pianificata per rafforzare il morale in un incontro in preda al panico dei leader occidentali sui termini della resa negoziata dell’Ucraina alla Russia. Anche se il governo ucraino non crollasse, qualsiasi svolta militare russa potrebbe comunque portare ad un rinnovato interesse per la ripresa dei colloqui con la Russia, ma Mosca non sarebbe in grado di farlo con nessuna delle figure sulla sua lista dei ricercati a causa del diritto interno. .

Qui sta il probabile scopo di inserirli lì, dal momento che la Russia è un pignolo per i cavilli legali a causa del background di avvocato del presidente Putin, indipendentemente da ciò che afferma l’Occidente. Proprio come la Rada ha approvato alla fine del 2022 un provvedimento che vietava a Zelenskyj di negoziare con lui, così anche il ministero degli Interni russo (quasi certamente con la tacita approvazione del presidente Putin) ha praticamente fatto lo stesso vietando ai rappresentanti del proprio paese di negoziare con il leader ucraino e altri.

Se le dinamiche strategico-militari continueranno a tendere a favore della Russia fino al punto in cui l’Occidente autorizzerà finalmente l’Ucraina a riprendere disperatamente i negoziati volti a congelare il conflitto capitolando ad alcune delle condizioni del suo avversario, allora ciò potrebbe essere fatto solo attraverso cifre che non siano sulla sua lista dei ricercati. Se Zelenskyj fosse ancora al potere a quel punto, minerebbe la sua autoproclamata autorità legale dovendo nominare qualcun altro, cosa che sarebbe riluttante a fare in ogni caso per ragioni di ego.

Inoltre, non si può dare per scontato che i membri delle fazioni occidentali più aggressivi non lo uccideranno in un assassinio sotto falsa bandiera attribuito alla Russia al fine di raccogliere più sostegno dietro l’Ucraina in quel momento terribile del conflitto e per sventare qualsiasi tentativo da parte dei loro rivali di fazione di porvi fine con i colloqui. Ciò che è più importante per la Russia non è consegnare Zelenskyj alla giustizia in alcun modo, ma garantire i suoi interessi di sicurezza nazionale nel conflitto in corso, anche se senza degnarsi di negoziare con un burattino illegittimo.

L’inclusione di Poroshenko nella lista dei ricercati ha probabilmente lo scopo di segnalare che non sarà ingannato da un cambio di rotta occidentale nel caso in cui cercassero di sostituire Zelenskyj con lui come parte di un cambio di regime guidato dalla protesta e sostenuto dall'”opposizione controllata” mirato a disinnescare la rabbia pubblica e contrastare una vera rivoluzione. Dopotutto, è stato lui il responsabile della mancata attuazione degli Accordi di Minsk da lui stesso sottoscritti, per cui con lui nuovamente alla guida dello Stato non è possibile alcuna vera soluzione diplomatica all’ultimo conflitto.

Con questo in mente, la Russia potrebbe fare pressione sull’Occidente affinché introduca “sangue fresco” nell’élite ucraina o elevi figure in gran parte sconosciute senza lo stesso livello di sangue sulle mani se intendono organizzare un cambio di regime contro Zelenskyj, che ha sfidato le loro richieste di non prendere di mira le infrastrutture energetiche. Come è stato scritto in precedenza, l’assassinio sotto falsa bandiera di Zelenskyj potrebbe sabotare questo processo di quasi-cambio di regime volto a creare il pretesto “salva-faccia” per la pace, quindi i suoi benefattori dovrebbero essere in allerta.

La sua inclusione nella lista dei ricercati della Russia, quindi, non è intesa a creare il pretesto legale per la sua consegna segreta o assassinio da parte del Cremlino, ma a crearne uno per almeno uno sconvolgimento simbolico dell’élite ucraina per facilitare i colloqui di pace, anche se potrebbe essere sfruttato per indebolirlo, come spiegato. La vera minaccia alla vita di Zelenskyj viene dalle fazioni anti-russe più aggressive dell’Occidente, che non sono disposte a ucciderlo se pensano che ciò sia necessario per provocare un intervento convenzionale della NATO .

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

1 2 3 15