Il bottone più grosso, di Antonio de Martini

dr-stranamore-finale-alt

La campagna anti Trump che cerca di mettere in dubbio la sua stabilità mentale ha un obbiettivo politico strategico decisivo per il futuro del mondo.

Esiste una iniziativa legislativa mirante a togliere al Presidente il controllo ultimo della valigetta nucleare e riaffidarlo nelle mani dei militari, incluso il “diritto” di sferrare il primo colpo nucleare.

Ai tempi della guerra del Vietnam Daniel Ellesberg, un pentito pianificatore nucleare civile del Pentagono, scrisse un libro ” Il giorno del giudizio” e Hollywood intervenne nel dibattito col film ” Il dottor Stranamore” e riuscirono a imporre, assieme ad altri interventi, il controllo civile sul grilletto nucleare.

Ellesberg pagò un prezzo personale esorbitante per questa scelta che il mondo militare visse come un tradimento ( un po’ come quello di Manning ai giorni nostri).

Oggi, il complesso militar industriale sta andando alla riscossa e vuole che sia un generale a decidere in sede tecnica se ricorrere al colpo nucleare e – se necessario per primi – ossia togliere al Presidente eletto la decisione di ricorrere o meno alla guerra nucleare preventiva.

Si tratta del più grave pericolo di tutti i tempi per la pace e la libertà del mondo intero perché prevede la rinunzia al controllo democratico su pace e guerra.

Gli argomenti tecnici addotti a favore di questa scelta sono risibili dato che il continente americano è inattaccabile e non invadibile.
Si sta quindi ricorrendo ad argomenti emozionali che prevedono la distruzione dell’immagine del Presidente degli Stati Uniti.

Ecco il perché delle continue mosse di delegittimazione verso Trump, che non è meglio o peggio di altri Presidenti ; la caccia alle streghe che ha terrorizzato Hollywood e paralizzato la sua capacità di influenzare la pubblica opinione in senso emozionale contrario.

Di qui, come risposta, il falso allarme nucleare di ieri alla Hawaii che ha dimostrato come sia facile premere il bottone sbagliato se la decisione venisse affidata a un tecnico.

Siamo al paradosso di un Trump che diventa un presidio di libertà e democrazia e dei media controllati dal complesso militar industriale che
cospira, sotto gli occhi di tutti, per impadronirsi del potere di iniziare una guerra a piacimento.

Benvenuti nel XXI secolo.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *