SE E’ LUNEDÌ DEVE ESSERE IL BELGIO, di Antonio de Martini

SE E’ LUNEDÌ DEVE ESSERE IL BELGIO
Il vezzo molto americano di ottimizzare i vorticosi viaggi esteri del Presidente ha finito per mettere definitivamente in crisi quel che resta della NATO così com’é oggi.
Premuta dalla Russia che sembra avere in mano tutte le carte utili all’America ( in specie l’approvvigionamnto energetico della Cina e dell’Europa, l’alternativa – via transiberiana – alla via della seta che gli USA vogliono controllare e le relazioni militar-industriali col plateau turco-iranico che condiziona gli equilibri del mondo arabo), Joe Biden e consorte in Cornovaglia hanno ottenuto poco più che il sospirato thé con la regina e una dichiarazione d’amore appassionato del premier inglese, ma – con l’eccezione di Mario Draghi che ha definito l’altlantismo “ una colonna della nostra politica estera” ( senza spiegare come mai e perché Pacciardi che ne fu il proponente sia stato poi ostracizzato a vita )- ha ricevuto sorrisi e pacche sulle spalle ma nessun risultato concreto: una generica e quindi non vincolante adesione a un , per adesso ancora inesistente, progetto di alternativa alla via della seta cinese.
Macron, ha aperto le ostilità diplomatiche togliendo focus all’evento ancor prima di partire per Londra.
Ha avvertito con veemenza che non avrebbe preso in considerazione nessun cambiamento agli accordi dello scorso semestre sull’Irlanda e ponendo altrimenti dubbi sulla affidabilità inglese a mantenere gli impegni sottoscritti.
Questo contenzioso é andato ad aggiungersi alla guerra del baccalà sui diritti di pesca tra francesi e inglesi.
Non registravamo un contenzioso navale tra loro dai tempi della distruzione preventiva della flotta francese a Mers el kebir ( 1940).
Una volta sul posto il presidente francese ha annunziato che appena arriverà, al 1 luglio, alla presidenza di turno della UE, pretenderà a spese dell’inglese, l’uso del francese in tutti i documenti dell’Unione e per sottolineare la mancanza del sostegno americano ha annunciato “ il ritiro” – in realtà un dimezzamento scaglionato su tre anni – delle forze francesi da triangolo del Sahel (Mali, Burkina Faso, Niger) della operazione “Barkhane” che nacque- col sostegno logistico americano- nel quadro della lotta al terrorismo voluta dagli USA e che dovrebbe in teoria trascinarsi con aiuti europei scarsi e tenui.
Per compiere l’opera demolitrice della immagine NATO, dopo l’ex premier tedesco Schroeder diventato lobbista della Gasprom russa, ieri l’annunzio che l’ex premier francese Francois Fillon seguirà analoga strada nell’ente petrolifero statale russo.
Se a questi si aggiungono gli ex premier di seconda fila Blair e Prodi che fanno da consulenti al Kazakistan e incassando ricche parcelle ai seminari annuali a San Pietroburgo con Putin, la frana sotto i piedi di Joe e della NATO é completa.
La Germania evidentemente non si é accontenta della levata del veto USA sul gasdotto “ nord stream” e si intravede la manina merkelliana che ha bisogno di una maggiore “autonomia strategica” europea per fronteggiare l’estrema destra tedesca alle imminenti elezioni.
Tutta la dirigenza tedesca , da Bismarck in poi, ha predicato l’allargamento a est e il surplus monstre di 500 miliardi di euro registrato l’altro anno dalla Germania é dovuto in buona sostanza ai rapporti commerciali con la Cina.
Che si aspettavano?
La NATO, premuta dall’esterno dalla Russia e dall’interno dalla Turchia potrebbe essere recuperabile alla sola condizione di cambiare politica e con essa il segretario generale Stoltenberg rivelatosi inadeguato come leader e inaffidabile per la Germania ( si é bruciato aiutando la CIA a spiare la Merkel che ha fatto accusare la Danimarca di inaffidabilità) va cambiato con urgenza.
L’annunzio della dipartita potrebbe già essere fatto domani alla riunione NATO presente un frastornato Biden che sta raccogliendo la gramigna seminata da Trump e deve farlo con attenzione: La FOX che ha preso le distanze dall’ex Presidente ha perso un tre mesi il 45% dell’audience e conseguenti introiti pubblicitari.
Iniziano domani in Belgio le manovre per sostituire il danese alla NATO.
Non può essere un tedesco. Non si può premiare il ribelle e imprevedibile francese, Il portoghese é già all’ONU, resta – di prima fila- solo una possibile candidatura italiana a patto che non sia improvvisata ( 5 stelle) o inaffidabile per varie ragioni ( PD, Fdi, Berlusconiano o altri personaggi folcloristici del nostro panorama).
Di affidabili per un incarico NATO tipo Manlio Brosio, Figliuolo docet, potrebbe esserci solo un militare con un minimo di preparazione politica e in età non veneranda: Camporini. Who else?

Gli auguri di Trump

 

 

 

 

10 Giugno 2021 –

Dichiarazione di Donald J. Trump, 45esimo Presidente degli Stati Uniti d’America

In qualità di Presidente, ho avuto un incontro fantastico e molto produttivo a Helsinki, in Finlandia, con il presidente russo Putin. Nonostante la tardiva rappresentazione dell’incontro da parte delle Fake News, gli Stati Uniti hanno ottenuto molto, compreso il rispetto del presidente Putin e della Russia. Grazie alla farlocca Russia, Russia, Russiagate, inventata e pagata dai Democratici e dalla corrotta Hillary Clinton, gli Stati Uniti sono stati messi in posizione di svantaggio, uno svantaggio che è stato comunque recuperato da me. Per quanto riguarda di chi mi fido di più, mi hanno chiesto, se della Russia o della nostra “Intelligence” dell’epoca di Obama, con ciò intendendo se mi fido di più di gente come Comey, McCabe, i due amanti, Brennan, Clapper e numerosi altri cialtroni o della Russia, la risposta, dopo tutti i trascorsi scoperti e scritti, dovrebbe essere ovvia (Si fida piu della Russia e di Putin)… Raramente il nostro governo ha avuto dei farabutti come questi che lavorano per lui (Biden). Buona fortuna a Biden nel trattare con il presidente Putin: non addormentarti durante l’incontro e per favore porgigli i miei più cordiali saluti!

INCONTRI DEL PRIMO TIPO, di Antonio de Martini

INCONTRI DEL PRIMO TIPO
Il Washington Post ha annunziato un nuovo mega contratto russo con l’Iran che minaccia di migliorare la posizione strategica iraniana e quella dei suoi alleati.
Il sistema satellitare Canopus-V dotato di una attrezzatura fotografica e di rilevamento ben più efficace e rapida dei mezzi a disposizione dell’Iran oggi.
L’imminente entrata in azione di questo strumento permetterebbe – ad esempio- all’hezbollah o agli houtis- di non essere piu colti di sorpresa e di tenere sotto controllo le basi israeliane da cui potrebbero partire azioni offensive.
La diffusione di questa notizia negli USA, nel silenzio russo e iraniano, significa che al dipartimento di stato prevale la corrente di pensiero che rifiuta l’ipotesi di fare richieste aggiuntive agli iraniani al negoziato di Vienna sul “rientro USA nell’accordo nucleare” come suggerito da alcuni falchi che sottovalutano la determinazione iraniana a non cedere e il fair play russo che continua a fornire solo mezzi difensivi.
Se la Russia rompesse il tacito accordo con Washington e fornisse il sistema antiaereo S400 a Teheran, cambierebbe significativamente la situazione strategica con Israele e nell’area.
Ecco un dossier serio – come quello cinese- sul tavolo della bilaterale russo americana di mercoledi invece che le chiacchiere sulla Crimea, l’Ucraina e i diritti umani ad uso delle folle.

NORD STREAM 2/ Una lezione per la futura Forza Nuova su come sostenere l’Eni, di Piergiorgio Rosso

NORD STREAM 2/ Una lezione per la futura Forza Nuova su come sostenere l’Eni

Ripubblichiamo il commento di Paolo Annoni della rivista online Il Sussidiario che ci sembra cogliere alcuni punti decisivi degli ultimi sviluppi della questione Nord Stream 2 che questo blog ha seguito fin dalle origini e poi continuativamente qui, qui e qui sulla base della teoria del Conflitto Strategico promossa da Gianfranco La Grassa.

Il primo punto da considerare è il riconoscimento della necessità del gas russo a basso costo per la Germania. I rigassificatori del GNL americano si faranno ma non possono avere la rilevanza strategica del gas russo da pipeline.

Questo vincolo interno ha comportato sia la forte determinazione della classe dirigente tedesca sia la presa d’atto degli USA di non poter proseguire oltre sulla linea delle sanzioni, pena la rottura dei rapporti con la Germania. Rottura strategicamente intollerabile per gli USA, considerato l’imperativo geopolitico di evitare la saldatura della penisola europea con la Russia.

La lezione da portare a casa per noi è che fare di necessità, virtù … paga anche se si hanno le forze armate americane in casa (dedicato agli alternativi critici-critici tutto no-gas/no-NATO) .

Il secondo punto è la consapevolezza che le politiche europee denominate Green Deal sono ad esito del tutto incerte, perché basate su tecnologie inaffidabili, costose o ancora da sviluppare (vedi in particolare alla voce Idrogeno Verde). Seppure la Germania può permettersi qualche lusso in proposito, ma con un sicuro ed affidabile back-up costituito da carbone e nucleare previsti durare ancora decenni, per l’Italia l’alternativa non esiste: “ … Il Nord Stream 2 italiano, la garanzia di poter far sopravvivere il nostro sistema economico e industriale mentre si vive il sogno, o l’utopia, delle rinnovabili tutte e subito si chiama Eni che non a caso è stata la protagonista dell’industrializzazione italiana..”. Tesi più volte sostenuta in questo blog e riconfermata nel recente libro “Per una Forza Nuova” di G.La Grassa/G. Petrosillo, da cui estraggo questo passaggio assai pertinente alla vicenda trattata in questo articolo: “… E’ indispensabile che sul piano geopolitico globale, si partecipi alla lotta tra “predoni” nell’attuale multipolarismo e si dovrebbero prendere la misure adatte a sviluppare la propria potenza. In ogni caso anche se non sarà gran cosa per un lungo periodo di tempo, in Italia andrebbero difese quelle poche grandi imprese che agiscono in settori di punta, tecnologici ed energetici…”

Buona lettura

22.05.2021 – Paolo Annoni

Gli Stati Uniti hanno dovuto accettare il fatto che la Germania completi il Nord Stream 2. Una lezione per l’Italia sulla difesa di Eni

L’Amministrazione Biden ha deciso che non applicherà le sanzioni contro la società che sta costruendo il Nord Stream 2 e il suo amministratore delegato. Il portavoce del Segretario di Stato Blinken ha dichiarato che la decisione riflette l’impegno del Presidente americano per “ricostruire le relazioni con i nostri alleati e partner europei” anche se ha ribadito che “l’opposizione al progetto rimane risoluta”. 

Gli Stati Uniti ritengono che il gasdotto sarebbe decisivo per ampliare l’influenza russa in Europa, ma evidentemente i rapporti con Berlino sono stati ritenuti prioritari. La Germania, infatti, si è dimostrata determinata a completare il progetto nonostante le minacce e le pressioni dell’alleato americano. 

A questo punto della vicenda e a pochi mesi dal completamento del gasdotto bisogna interrogarsi su quello che sembra essere l’epilogo di una vicenda che ha messo i due partner su lati opposti per anni. L’epilogo oltretutto arriva in una fase in cui i rapporti tra gli Stati Uniti e la Russia sono ai minimi termini con il Presidente americano che dà in pubblico dell’assassino a Putin e gli ambasciatori rientrati in patria. L’unica spiegazione possibile alla svolta americana e alla determinazione tedesca è che sia la Germania ad aver bisogno della Russia e del suo gas e non viceversa. La necessità di avere gas a buon prezzo e per molti anni evidentemente deve essere così importante che anche l’alleato americano alla fine ha dovuto “mollare”. La Russia potrebbe vendere il suo gas altrove tanto più in una fase in cui si minaccia il blocco dell’esplorazione in idrocarburi che gli Stati in via di sviluppo non saranno mai in grado di sostituire con fonti rinnovabili. La Germania invece non ha alternative.

Il costo energetico tedesco è già alto e riflette anni di investimenti in rinnovabili. Lo sforzo europeo sulle emissioni rischia di minare l’industria tedesca e di metterla fuori gioco nella competizione globale oltre che abbassare irrimediabilmente gli standard di vita dei suoi cittadini; la Germania ha quindi più che mai bisogno di un complemento affidabile ed economico ed eventualmente di un ripiego nel caso in cui la transizione verde si dovesse rilevare impraticabile e incompatibile con le esigenze di un Paese sviluppato. I Paesi sviluppati, infatti, si basano su un’enorme premessa: la disponibilità di energia a basso costo e affidabile. Tolto questo elemento che oggi si dà per scontato salta tutto. 

Le rinnovabili oggi hanno enormi problemi di costi e di affidabilità. Non sono in grado di sostituire gli idrocarburi in un’ottica di 10/20 anni se non a patto di gravare imprese e cittadini di rincari molto consistenti e magari di esporli al rischio di blackout periodici. Tralasciamo poi i lati sporchi delle rinnovabili a partire dall’auto elettrica che richiede l’estrazione di materie prime che pongono tanti problemi ambientali e sociali nei Paesi produttori; il fatto che l’Occidente non li veda e per questo si senta la coscienza ambientale pulita è un fattore non secondario.

La Germania, quindi, è perfettamente consapevole di non poter garantire un futuro al suo sistema economico e industriale senza il gas russo. Gli Stati Uniti sanno perfettamente che in un contesto di investimenti green miliardari in tecnologie acerbe privare la Germania del gas russo rischia di far saltare l’alleato europeo. Questo è il quadro.

A questo punto si impone una riflessione sull’alleato italiano che ha perso la partita sul South Stream. Oggi si invoca in Italia una transizione decisa verso il green che non si guardi indietro e bruci i ponti. È una posizione da incoscienti alla luce non di qualche oscura contro teoria ma proprio di quello che è successo questa settimana tra Stati Uniti e Germania. Il Nord Stream 2 italiano, la garanzia di poter far sopravvivere il nostro sistema economico e industriale mentre si vive il sogno, o l’utopia, delle rinnovabili tutte e subito si chiama Eni che non a caso è stata la protagonista dell’industrializzazione italiana. Chi oggi cerca di impedire a Eni di fare il suo mestiere è nella stessa posizione di chi voleva impedire all’industria tedesca di completare il Nord Stream 2. La Germania ha percepito immediatamente la minaccia mortale e per questo ha sfidato ogni sorta di pregiudizio. C’è solo da imparare.

NB_Già apparso su http://www.conflittiestrategie.it/nord-stream-2-una-lezione-per-la-futura-forza-nuova-su-come-sostenere-leni

Da Biden vicepresidente al presidente Biden: 5 anni di politica statunitense verso il Nord Stream 2

A proposito del principio di extraterritorialità e dell’intreccio tra interessi locali e dinamiche geopolitiche_Giuseppe Germinario

Dal vicepresidente Biden al presidente Biden: 5 anni di politica statunitense verso il Nord Stream 2

Di  Sami RAMDANI , 2 maggio 2021  Stampa l'articolo  lettura ottimizzata  Scarica l'articolo in formato PDF

Sami Ramdani è uno studente di dottorato presso l’Istituto francese di geopolitica (IFG) dell’Università di Parigi 8. La sua tesi, “Analisi geopolitica del progetto Nord Stream 2”, è supportata dalla Direzione generale delle relazioni internazionali e della strategia (DGRIS) . È associato all’Istituto di ricerca strategica della scuola militare (IRSEM) e all’Istituto di studi geopolitici applicati. La sua ricerca si concentra sulla fornitura di gas all’Unione Europea.

Geopolitica dell’energia. In questo articolo, Sami Ramdani presenta brillantemente 5 anni di politica americana verso il gasdotto Nord Stream 2. Spiega chiaramente l’impatto dell’azione legislativa del Congresso per capire il contesto in cui la nuova amministrazione americana sta recuperando il Nord Stream 2 mentre Joe Biden esprimeva il suo desiderio di placare le relazioni transatlantiche, in particolare con la Germania. Illustrato con una mappa delle sedi delle società sanzionate e degli stati opposti, favorevoli o neutrali.

NORD STREAM 2 è un gasdotto che deve collegare direttamente la Russia alla Germania, senza paesi di transito, attraverso il Mar Baltico. Ha una capacità annua di 55 miliardi di metri cubi, che corrisponde all’11% del consumo annuale dell’UE. Raddoppierà il Nord Stream 1 commissionato nel 2012. Il progetto consentirebbe alla Germania di diventare l’operatore centrale nella distribuzione del gas nell’UE. Il progetto è finanziato dalla ditta Gazprom fino al 50% e dai suoi partner europei, la francese Engie, i tedeschi Uniper e Wintershall, l’austriaca OMV e l’anglo-olandese Shell fino al 10% ciascuno. La società responsabile del progetto, Nord Stream 2 AG, è comunque controllata al 100% da Gazprom perché nell’agosto 2016,l’autorità polacca garante della concorrenza ha reso impossibile la costituzione di un consorzio che comprenda i partner europei. Il costo del progetto è stimato in 11 miliardi di euro. Il suo completamento era previsto per il 2019 ma i numerosi ostacoli incontrati dal sito fanno sì che non sia ancora finito ad oggi.

Alla fine di agosto 2016, Joe Biden, allora vicepresidente degli Stati Uniti, ha visitato Stoccolma per dichiarare l’opposizione del suo paese al progetto Nord Stream 2.. Joe Biden operava allora come responsabile del fascicolo ucraino all’interno dell’amministrazione Obama. I leader americani temono che Nord Stream 2 indebolirà strategicamente ed economicamente l’Ucraina aumentando la dipendenza dell’UE dal gas russo, in particolare limitando la politica europea di diversificazione degli approvvigionamenti intrapresa nell’Europa centrale e orientale. Al di là del tradizionale desiderio di limitare l’influenza russa in Occidente, la politica statunitense nei confronti del Nord Stream 2 è anche influenzata dalle necessità della propria industria locale del gas di assicurarsi sbocchi per le esportazioni. La combinazione di questi elementi ha portato all’adozione di misure aggressive nei confronti di alcuni interessi europei sotto l’amministrazione Trump.

In questo articolo torneremo su queste misure in dettaglio, con particolare attenzione alle reazioni tedesche. L’obiettivo è capire il contesto in cui la nuova amministrazione americana sta recuperando il fascicolo Nord Stream 2 mentre Joe Biden ha manifestato la sua volontà di acquietare i rapporti transatlantici, in particolare con la Germania.

Per questo torneremo cronologicamente agli eventi. Evidenzieremo gli interessi commerciali che si riflettono nelle prime azioni dei parlamentari statunitensi e dell’amministrazione Trump. In secondo luogo, analizzeremo la materializzazione delle minacce americane correlate all’ascesa del Congresso. Infine, presenteremo le prospettive emerse da quando la questione è stata ripresa dall’amministrazione Biden.

Dal vicepresidente Biden al presidente Biden: 5 anni di politica statunitense verso il Nord Stream 2
Mappa delle sanzioni americane il cui impatto va oltre i confini degli stati che sostengono il progetto Nord Stream 2
Fare clic sulla miniatura per ingrandire la mappa. Design e produzione: Sami Radmani per Diploweb.com

I. Le prime azioni americane che rivelano interessi commerciali

A. Un primo tentativo di imporre sanzioni a Nord Stream 2 (estate 2017)

A metà giugno 2017, il Senato degli Stati Uniti ha approvato un disegno di legge che minaccia multe, restrizioni bancarie ed esclusione dalle gare statunitensi per tutte le società europee che avrebbero partecipato alla costruzione di gasdotti russi. Nord Stream 2 è stato uno dei principali obiettivi del Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA), che ha causato preoccupazione tra le società europee coinvolte Engie, Shell, Uniper, Wintershall e OMV. A quel tempo, Isabelle Kocher, amministratore delegato di Engie, ha sottolineato: ”  La dimensione commerciale [del testo] è ovvia ed esplicita  ”  [ 1 ] . Gli obiettivi mercantili si riflettevano in un emendamento che specificava che ” Il governo degli Stati Uniti dovrebbe dare la priorità all’esportazione di risorse energetiche [statunitensi] al fine di creare posti di lavoro negli Stati Uniti, aiutare alleati e partner statunitensi e rafforzare la politica estera [degli Stati Uniti].  ”  [ 2 ] .

In risposta, il cancelliere austriaco Christian Kern e il ministro degli Esteri tedesco Sigmar Gabriel hanno dichiarato in una dichiarazione congiunta: “  L’approvvigionamento energetico dell’Europa è una questione europea che non riguarda in alcun modo gli Stati Uniti. Spetta a noi [i paesi europei] e non agli Stati Uniti decidere chi ci dà le nostre energie e come. “. Due settimane dopo, il 29 giugno 2017, Sigmar Gabriel ha continuato ad essere indignato durante una visita ufficiale in Russia: ”  Crediamo che sia inaccettabile che una legge [americana] possa chiedere agli europei di rinunciare al gas russo per vendere quello americano [gas ] invece, a un prezzo molto più alto  ”  [ 3 ] .

La natura unilaterale delle minacce di sanzioni statunitensi ha posto la Commissione europea in una posizione scomoda, persino paradossale. Sebbene si opponga a Nord Stream 2 e desideri sviluppare il settore del GNL, l’aggressività americana ha costretto la Commissione a proteggere il gasdotto a difesa delle grandi società europee  [ 4 ] . Dopo i negoziati con i partner europei, il testo non è stato adottato così com’era. Nella versione adottata il 28 luglio 2017, ratificata il 2 agosto, l’articolo 257 afferma che gli Stati Uniti perseguono una politica di ” collaborazione con gli Stati membri e le istituzioni europee per promuovere la sicurezza energetica sviluppando mercati energetici diversificati e liberalizzati che forniscono fonti, fornitori e rotte diversificate  ”  [ 5 ] . È importante sottolineare che nell’ottobre 2017 il Dipartimento di Stato ha emesso una direttiva contenente un’esenzione concessa ”  ai contratti di investimento e prestito decisi prima del 2 agosto 2017  “, data di entrata in vigore della CAATSA. Pertanto, il pacchetto finanziario per Nord Stream 2, completato il 24 aprile 2017, è stato escluso dalle sanzioni.

B. Una campagna diplomatica di intimidazione (2018-2019)

Questo compromesso intorno a CAATSA non ha impedito all’amministrazione Trump di continuare a esercitare un’intensa pressione diplomatica sugli attori favorevoli al Nord Stream 2. L’11 luglio 2018, è stato organizzato uno scambio tra Donald Trump e il Segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, prima del apertura del vertice NATO a Bruxelles. Il presidente americano ha colto l’occasione per accusare la Germania di rappresentare un rischio per l’Alleanza atlantica costruendo questo gasdotto, ritenendo che “la  Germania sia totalmente controllata dalla Russia, perché otterranno dal 60 al 70% della loro energia dalla Russia e un nuova pipeline  ”  [ 6 ]. A quel tempo, secondo l’ex consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca John Bolton, Donald Trump voleva annunciare agli stati membri della NATO che avrebbe lasciato l’alleanza se la realizzazione di Nord Stream 2 fosse continuata. Nel suo libro ”  The Room Where It Happened: A White House Memoir  “, John Bolton spiega di aver convinto, con l’aiuto di Mike Pompeo, il presidente americano a non usare questa minaccia.  [ 7 ] .

Due settimane dopo il vertice della NATO, Jean-Claude Juncker era in visita a Washington per rispondere al desiderio di Donald Trump di riequilibrare la bilancia commerciale tra l’UE e gli Stati Uniti. In una dichiarazione congiunta pubblicata al termine di questo incontro, la promessa europea in materia di energia si esprime con queste parole: ”  abbiamo deciso oggi di rafforzare la nostra cooperazione strategica in materia di energia. L’Unione Europea desidera importare più gas naturale liquefatto dagli Stati Uniti per diversificare le sue scorte energetiche  ”  [ 8 ]. Con l’obiettivo di diventare indipendente dal gas russo nel 2022, la Polonia è uno degli Stati membri più interessati al gas americano. Visitando il paese nel novembre 2018, il segretario all’energia degli Stati Uniti Rick Perry ha dichiarato che l’opzione di sanzioni contro Nord Stream 2 era stata mantenuta  [ 9 ] .

Il 7 gennaio 2019, il quotidiano economico tedesco Handelsblatt ha riferito le parole di Richard Grenell, ambasciatore degli Stati Uniti in Germania, secondo il quale le aziende che lavorano su Nord Stream 2 “sono ancora in pericolo, perché le sanzioni sono ancora possibili”  [ 10 ] . A Berlino si sperava che il compromesso del 2017 fosse ancora valido e che queste dichiarazioni appartenessero solo a un individuo che Martin Schulz, ex presidente del Parlamento europeo, ha definito “un ufficiale coloniale di estrema destra. ”  [ 11 ]. Le minacce sono diventate più gravi quando si è appreso una settimana dopo che Richard Grenell aveva avvertito BASF, di cui Wintershall è una filiale, e Uniper per posta del rischio di sanzioni se avessero continuato a partecipare a Nord Stream 2. Un portavoce di Richard Grenell ha poi spiegato che la lettera non dovrebbe essere vista come una minaccia ma piuttosto come un “messaggio chiaro” sulla politica statunitense. Tuttavia, è stato effettivamente un tentativo di intimidazione come è stato percepito da parte tedesca  [ 12 ] .

Il mese successivo, il vice segretario all’energia degli Stati Uniti Dan Brouillette si è recato a Berlino per partecipare alla conferenza tedesco-americana sullo sviluppo del mercato di importazione del GNL ospitata dal ministro tedesco dell’economia, Peter Altmaier. Questo evento ha fornito una piattaforma per le aziende tedesche e americane per “negoziare modelli di business”. La conferenza ha anche contribuito allo sviluppo del quadro giuridico tedesco al fine di promuovere lo sviluppo di progetti di infrastrutture GNL. Il nuovo regolamento, in vigore dal 20 giugno 2019, esonera gli operatori di terminali GNL dal 90% dei costi di costruzione e di esercizio dei gasdotti di collegamento alla rete del gas  [ 13 ]. Durante il loro incontro, Dan Brouillette e Peter Altmaier hanno insistito sul fatto che non c’era stato alcun accordo per gli Stati Uniti per abbandonare l’offensiva contro Nord Stream 2 in cambio del supporto tedesco per la costruzione di terminali GNL.

A seguito della visita di Jean-Claude Juncker a Washington nel luglio 2018, la Direzione generale dell’Energia ha organizzato, il 2 maggio 2019 a Bruxelles, il primo forum B2B sull’energia nell’ambito del Consiglio UE-USA per l’energia. Questo forum è un evento che riunisce i decisori del governo americano ed europeo, nonché le aziende del settore del GNL. Rafforzando i legami tra gli attori del settore, l’obiettivo è stimolare gli investimenti lungo l’intera catena di approvvigionamento transatlantica. Alla vigilia dell’apertura del forum, Rick Perry, ha proclamato: ”  Gli Stati Uniti offrono ancora una volta una forma di libertà al continente europeo e piuttosto che sotto forma di giovani soldati americani, è sotto forma di gas naturale liquefatto  ”  [ 14 ]. A seguito di ciò, un giornalista di EURACTIV ha chiesto se “Freedom gas” fosse un modo adeguato per descrivere le esportazioni di GNL degli Stati Uniti in Europa ottenendo l’approvazione del Segretario per l’Energia degli Stati Uniti. Durante il forum sull’energia B2B, Rick Perry, ha voluto convincere che il gas americano è “più affidabile”  [ 15 ] del gas russo e ha ricordato di nuovo riguardo a Nord Stream 2 che “l’idea che le sanzioni siano possibili è ancora buona. Reale”. A poche settimane dallo scambio tra Rick Perry e il giornalista di Euractiv, l’espressione “freedom gas” è diventata uno slogan dell’amministrazione americana, testimoniato dal comunicato stampa che annunciava l’autorizzazione all’esportazione concessa al futuro impianto di liquefazione del terminale GNL di Freeport in Texas: ” aumentare la capacità di esportazione di Freeport LNG è essenziale per diffondere il gas della libertà in tutto il mondo, fornendo agli alleati degli Stati Uniti una fonte di energia pulita, diversificata e conveniente  ”  [ 16 ] .

Infine, i parlamentari americani hanno deciso di prendere di mira i subappaltatori del progetto Nord Stream 2 e non i promotori Engie, Uniper, Wintershall, OMV e Shell. Il 14 maggio 2019, il repubblicano Ted Cruz e la democratica Jeanne Shaheen hanno presentato un disegno di legge, il “Protecting Europe’s Energy Security Act”, che prende di mira le navi che posano il tubo  [ 17 ]. Alle persone che noleggiano o vendono tali navi sarebbe vietato viaggiare negli Stati Uniti e i loro beni negli Stati Uniti sarebbero congelati. Il disegno di legge prevede anche sanzioni per chi fornisce servizi finanziari e tecnici alle navi oltre che per chi li fornisce. L’obiettivo principale di questo testo è la società svizzera Allseas. Il disegno di legge richiede inoltre al Segretario di Stato di presentare una relazione annuale al Congresso che esamini le attività di tutte le società che partecipano al progetto Nord Stream 2 al fine di individuare eventuali violazioni delle sanzioni statunitensi contro la Russia e le sue società. Nei mesi successivi all’introduzione del testo, il processo legislativo non è progredito con vigore ma le cose sono state accelerate ottenendo la licenza edilizia danese da Nord Stream 2.

II. La realizzazione delle minacce americane

A. L’adozione di sanzioni finalmente determinata dalla caduta della diga danese (dicembre 2019)

Nord Stream 2 AG ha presentato la sua prima domanda di autorizzazione edilizia all’Agenzia Danese per l’Energia nell’aprile 2017. Questa domanda è stata ritirata nel giugno 2019, a causa di una modifica alla Legge Danese sulla Piattaforma Continentale entrata in vigore il 1 ° gennaio 2018. Questa modifica fornisce al Ministero danese degli Affari Esteri il diritto di veto alla posa di condotte nelle acque territoriali sulla base di considerazioni di sicurezza e difesa nazionale. Nell’agosto 2018, Nord Stream 2 AG ha presentato una domanda di costruzione nella zona economica esclusiva danese a nord-ovest dell’isola di Bornholm. Tuttavia, alla fine di marzo 2019, l’Agenzia danese per l’energia ha richiesto la valutazione ambientale di una nuova rotta che attraversa la zona economica esclusiva della Danimarca a sud-est dell’isola di Bornholm.L’esplorazione di questa nuova opzione è diventata possibile in seguito alla risoluzione di una controversia territoriale con la Polonia ed è giustificata da considerazioni ambientali secondo l’Agenzia Danese per l’Energia. Una richiesta di costruzione per questo percorso alternativo è stata presentata nell’aprile 2019 da Nord Stream 2 AG che ha percepito nel requisito danese ” un tentativo deliberato di ritardare il completamento del progetto.  ”  [ 18 ] . Infine, il 30 ottobre 2019, dopo due anni di discussioni, l’Agenzia danese per l’energia ha concesso a Nord Stream 2 AG una licenza edilizia per il percorso a sud-est dell’isola di Bornholm.

Caduto l’ostacolo principale alla realizzazione del Nord Stream 2, i legislatori americani non hanno avuto altra scelta che passare le sanzioni in modo che i lavori del Nord Stream 2 venissero interrotti prima che Allseas posasse gli ultimi 160 chilometri del gasdotto. Il 23 novembre 2019, il presidente della commissione per gli affari esteri del Senato Jim Risch ha annunciato l’incorporazione del Protecting Europe’s Energy Security Act (PEESA) nel progetto di legge sul bilancio della difesa nazionale degli Stati Uniti, il National Defense Authorization Act del 2020  [ 19 ] . Il 3 dicembre, durante un’audizione sulla politica statunitense nei confronti della Russia, Ted Cruz ha esortato il sottosegretario di Stato per gli affari politici David Hale a chiudere definitivamente Nord Stream 2: ” Una strategia per dire “perseguiamo le nostre opzioni diplomatiche” a questo punto è una strategia per non fare nulla. […] Una strategia che porterà con certezza al 100% al completamento del gasdotto […]  ”  [ 20 ] . Il senatore del Texas, principale produttore ed esportatore di gas negli Stati Uniti, ha fatto pressione su questo rappresentante dell’amministrazione sottolineando il consenso esistente sulla questione del Nord Stream 2 tra i membri del Congresso. Ted Cruz ha denunciato la procrastinazione dell’amministrazione, compreso il Dipartimento del Tesoro, che ha detto che ha impedito l’imposizione di sanzioni fino a quel momento.

Una settimana dopo, il russo Sergei Lavrov si è recato a Washington per incontrare Donald Trump e ha detto: “Il Congresso sembra piuttosto ossessionato dalla distruzione delle nostre relazioni. Continua a perseguire la politica avviata dall’amministrazione Obama. Come ho detto, siamo abituati a questo tipo di attacchi. Sappiamo come rispondere a loro. [ 21 ] . Il 17 dicembre, il Congresso ha approvato il National Defense Authorization Act del 2020. Il giorno successivo, i senatori Ted Cruz e Ron Johnson hanno inviato una lettera di avvertimento al CEO di Allseas Edward Heerema: “le conseguenze del fatto che la tua attività continui a funzionare – anche per un giorno dopo che il presidente ha firmato la legislazione sulle sanzioni – esporrebbe la tua azienda a sanzioni legali ed economiche schiaccianti e potenzialmente fatali “. Donald Trump ha firmato il testo il 20 dicembre 2019 e il giorno successivo Allseas ha dichiarato di aver sospeso i suoi lavori.

Il giorno stesso della firma del testo da parte di Donald Trump, Ulrike Demmer, vice portavoce del governo tedesco, si è interrogata pubblicamente sulle motivazioni americane. Ha sottolineato che il gesto del presidente americano segue di un giorno la conclusione di un accordo di principio tra russi e ucraini per la continuazione del transito: ” Alla luce delle discussioni di ieri sul transito del gas da parte dell’Ucraina, queste misure degli Stati Uniti sono ancora più difficili da capire, perché gli Stati Uniti si sono principalmente giustificati invocando la protezione dell’Ucraina [ 22 ]. Il ministro tedesco dell’Economia e dell’Energia, Peter Altmaier, è stato ringraziato da Maroš Šefčovič per l’azione decisiva nella stesura dell’accordo di transito  [ 23 ] . Ma anche se la Germania è un appoggio fondamentale di Ucraina, Yuriy Vitrenko, capo degli affari internazionali presso Naftogaz, ha osservato che le sanzioni degli Stati Uniti hanno avuto un impatto significativo sulla posizione della Russia permettendo così il raggiungimento di un accordo. [ 24 ]

B. L’ampliamento del campo di applicazione del PEESA, culmine delle tensioni tra rappresentanti tedeschi e americani (seconda metà del 2020)

Dalla paralisi del sito nel dicembre 2019, gli osservatori si sono concentrati sui mezzi che Gazprom potrebbe utilizzare per riprendere la costruzione del Nord Stream 2 da sola. I legislatori statunitensi hanno risposto all’elusione delle sanzioni da parte della Russia concettualizzando un ampliamento del loro campo di applicazione. Ancora una volta, le minacce provenivano dalla voce di Richard Grenell, giorni prima che lasciasse il suo incarico di ambasciatore in Germania. Il 26 maggio 2020, ha dichiarato al quotidiano tedesco Handelsblatt che l’adozione di una nuova legislazione con sanzioni “potrebbe andare avanti rapidamente”, nonostante la campagna elettorale americana in quanto l’idea incontra l’approvazione bipartisan. Continuando con il suo tono poco diplomatico ha aggiunto: “La  Germania deve smettere di nutrire la bestia pur non pagando abbastanza per la NATO  ”  [ 25 ] .

I senatori Ted Cruz e Jeanne Shaheen hanno annunciato il disegno di legge il 4 giugno 2020. Intitolato ”  Protecting Europe’s Energy Security Clarification Act  “, include nel campo delle attività sanzionabili la fornitura di servizi di posa di tubi, ispezione, assicurazione e certificazione necessari per il completamento del progetto Nord Stream 2. Questo testo è un’arma a doppio taglio. In primo luogo, si rivolge in modo più specifico alle navi responsabili della costruzione e al loro ambiente di lavoro. In secondo luogo, prevede sanzioni contro le parti che forniscono “servizi di test, ispezione o certificazione necessari o associati al funzionamento del gasdotto Nord Stream 2″.Così, i senatori danno agli Stati Uniti i mezzi per impedire la messa in servizio del Nord Stream 2 anche se sarà completato.

Questa versione iniziale ha suscitato proteste da parte delle autorità tedesche che hanno ritenuto che il disegno di legge minacci le azioni amministrative e tecniche dei servizi pubblici in relazione al completamento o all’esercizio del gasdotto  [ 26 ] . Un documento interno del ministero dell’Economia tedesco considera questa escalation di aggressioni nei confronti di un governo alleato uno “sviluppo completamente inedito“. In una riunione dei membri della commissione per gli affari economici del Bundestag il 17 giugno 2020, la maggioranza dei legislatori presenti si è espressa a favore delle contromisure, nonostante le loro opinioni divergenti nei confronti del Nord Stream.2.

Il 25 giugno 2020, i membri della Camera dei rappresentanti, i repubblicani Adam Kinzinger e Mike Turner, i democratici Denny Heck e Ruben Gallego, hanno presentato un disegno di legge bipartisan relativo alla legge sul chiarimento della sicurezza energetica per la  protezione dell’Europa  . Questi rappresentanti della camera bassa americana sembrano essere stati sensibili alle preoccupazioni delle autorità tedesche. La loro versione del testo elimina le misure restrittive nei confronti delle aziende che effettuano test, ispezioni e certificazioni nell’ambito di un progetto energetico  [ 27 ]. Come per le sanzioni del dicembre 2019, la versione del disegno di legge del Senato e quella della Camera dei rappresentanti sono state discusse nell’ambito dell’adozione del bilancio della difesa nazionale degli Stati Uniti, il “National Defense Authorization Act of 2021“.

Il 5 agosto 2020, i senatori repubblicani Ted Cruz, Tom Cotton e Ron Johnson hanno promesso in una lettera di “schiacciare sanzioni legali ed economiche” contro Fährhafen Sassnitz GmbH, l’operatore del porto di Murkan, il centro logistico del cantiere. La lettera, che funge da ”  costituzione in mora  “, accusa Fährhafen Sassnitz di ”  fornire consapevolmente beni, servizi e supporto importanti  ” al Nord Stream 2 e richiede che la società, di proprietà della città di Sassnitz e del Land del Meclemburgo-Pomerania occidentale , ”  cessi la sua attività  ” per sostenere la costruzione del gasdotto, pena il rischio di “provvedimenti potenzialmente fatali” Ciò interromperà i legami commerciali e finanziari del porto con gli Stati Uniti  [ 28 ] . Questi metodi sprezzanti provocarono un movimento di unione nazionale tra i rappresentanti politici tedeschi. Heiko Mass, il ministro degli Esteri tedesco, ha poi espresso il suo disappunto durante uno scambio telefonico con il segretario di Stato Mike Pompeo.

Infine, i negoziatori della Camera dei Rappresentanti e del Senato hanno concordato una versione del ”  Protecting Europe’s Energy Security Clarification Act  ” rivolto agli assicuratori e alle società di certificazione tecnica, ma escludendo gli enti governativi dal campo di applicazione delle sanzioni. Il senatore del New Jersey Bob Menendez, un membro democratico della commissione per gli affari esteri, ha detto che il Congresso vuole ”  chiarire che la Germania, come alleata, e i funzionari in Germania, non sarebbero inseriti tra queste sanzioni  ”  [ 29 ]. Inoltre, il testo entrato in vigore il 1 ° gennaio 2021 impone agli Stati Uniti di informare i propri alleati prima di imporre sanzioni. Questa disposizione è stata aggiunta dopo che il presidente della commissione per gli affari esteri della Camera dei rappresentanti, Eliot Engel, in rappresentanza di New York, ha espresso il timore che le sanzioni danneggerebbero i paesi europei più della Russia.

L’entrata in vigore della ”  Protecting Europe’s Energy Security Clarification Act  ” ha portato al ritiro di quasi venti società dal progetto Nord Stream 2. Si tratta principalmente di compagnie di assicurazione come la società francese Axa o la Swiss Zurich Insurance, ma anche di ingegneria e consulenti come il danese Ramboll, il tedesco Bilfinger o il texano Baker Hughes. Il 4 gennaio 2021, DNV GL, la società norvegese di servizi di qualità e gestione del rischio, ha annunciato che ”  cesserà tutte le attività di verifica del sistema di gasdotti Nord Stream 2 in conformità con le sanzioni e fino a quando le sanzioni saranno in vigore.  “Aggiungendo che” Allo stato attuale, DNV GL non può rilasciare un certificato al completamento della pipeline  ”  [ 30 ] . L’azienda norvegese, incaricata di fornire i servizi di certificazione necessari per la messa in servizio del Nord Stream 2, lavorava su questo gasdotto da cinque anni. È stato quindi costruito secondo le norme e gli standard di DNV GL che è uno dei pochi al mondo in grado di svolgere questo compito. A causa delle difficoltà che Nord Stream 2 AG potrebbe incontrare nel trovare un sostituto, è improbabile che il completamento dei lavori sia immediatamente seguito dalla messa in servizio del gasdotto.

C. Il ritorno di CAATSA: una prima entità russa sanzionata e grandi aziende europee colpite

Insieme all’ampliamento del campo di applicazione del PEESA, l’accelerazione dell’elusione delle sanzioni da parte di Nord Stream 2 AG ha anche spinto l’amministrazione Trump a revocare la direttiva applicativa CAATSA dell’ottobre 2017 che ha risparmiato gli ”  accordi di prestito e investimento decisi prima del 2 agosto, 2017  “. Il 15 luglio 2020, il Dipartimento di Stato ha emesso una direttiva rivista che include esplicitamente il Nord Stream 2 e il secondo ramo di TurkStream  [ 31 ] nell’ambito delle sanzioni ai sensi della sezione 232 della CAATSA  [ 32 ] . La nuova direttiva fornisce un’ampia definizione del termine “investimento” che può includere più servizi bancari di base  [33 ] .

Alcuni rappresentanti del settore industriale tedesco hanno sollecitato l’amministrazione di Angela Merkel ad adottare contromisure alle sanzioni. È il caso della ”  German Eastern Business Association  ” (OAOEV), inizialmente contraria a questa idea, che ha rafforzato la sua posizione dopo che l’ambasciata degli Stati Uniti a Berlino ha imperativamente proposto date per i negoziati ad alcune parti in relazione al Nord Stream 2  [ 34 ] . Tuttavia, l’amministrazione tedesca ha favorito l’opzione di costruire una risposta europea collettiva. Il 17 luglio 2020, l’Alto rappresentante dell’UE Josep Borrell si è detto ”  profondamente preoccupato »Con il crescente utilizzo degli Stati Uniti per sanzioni contro le società e gli interessi europei. “  In linea di principio, l’UE si oppone all’uso di sanzioni da parte di paesi terzi contro le società europee che svolgono attività legittime. Inoltre, ritiene che l’applicazione extraterritoriale di sanzioni sia contraria al diritto internazionale  ”, ha dichiarato.  [ 35 ]. Il 12 agosto 2020, una delegazione dell’UE a Washington, sostenuta da 24 dei 27 membri, si è formalmente opposta alla minaccia degli Stati Uniti di ulteriori sanzioni contro Nord Stream 2. La delegazione dell’UE ha inviato una nota di protesta al Dipartimento di stato degli Stati Uniti durante una videoconferenza. Nel suo contenuto, la nota ripete la dichiarazione di Josep Borrel del 17 luglio 2020.  [ 36 ] .

La nuova direttiva sull’applicazione della CAATSA ha consentito all’amministrazione Trump, il giorno prima della sua partenza il 19 gennaio 2021, di designare il primo soggetto sanzionato per le sue attività relative alla costruzione del Nord Stream 2. Riguarda la società russa KVT-RUS, proprietaria della Fortuna, la nave utilizzata per la posa del gasdotto. Le autorità tedesche erano state informate solo un giorno prima  [ 37 ] , nonostante le disposizioni del CAATSA ottenute dagli europei nel 2017 stabilissero che l’amministrazione americana “coordinerà con gli alleati degli Stati Uniti l’imposizione di queste sanzioni “.

Inizialmente, i partner europei di Gazprom si erano impegnati a finanziare il 10% della costruzione del Nord Stream 2, quindi stimato sui 9,5 miliardi di euro a 950 milioni di euro. Tuttavia, la direttiva CAATSA rivista non consente alle società europee di continuare il loro sostegno finanziario. Infatti, nella sua relazione annuale del 24 febbraio 2021, Wintershall Dea ha affermato che non andrebbe oltre i prestiti per un valore di 730 milioni di euro effettuati prima della revisione del 15 luglio 2020. Nel 2021 un funzionario Uniper ha anche affermato che la sua azienda non sta pianificando nuovi finanziamenti per Nord Stream 2 rifiutandosi di rivelare l’ammontare degli investimenti effettuati. Il 25 marzo 2021, OMV ha annunciato che non sarebbe andato oltre i prestiti del valore di 729,3 milioni di euro nonostante il contratto di finanziamento prevedesse un importo di 953 milioni di euro [ 38 ] . Secondo l’agenzia di stampa russa TASS, Shell ha anche completato il finanziamento del progetto  [ 39 ] . Sembra probabile che Engie abbia agito nella stessa direzione. Se tutti i partner europei cessassero i loro finanziamenti nella stessa fase, ciò costringerebbe Gazprom a compensare trovando un ulteriore miliardo di euro.

Tuttavia, un portavoce di Nord Stream 2 AG ha affermato che la sua azienda ha i finanziamenti necessari per completare la pipeline: “Nord Stream 2 è un progetto interamente finanziato e ha il supporto finanziario necessario per completare la fase di investimento ed essere messo in funzione.  “. Questa affermazione contraddice quella del 20 luglio 2020 in cui Nord Stream 2 AG ha annunciato che gli investimenti necessari per il completamento del gasdotto potrebbero essere bloccati dalle sanzioni statunitensi. Il portavoce di Nord Stream 2 AG ha poi ricordato che le sanzioni americane, se fossero imposte, potrebbero colpire direttamente più di 120 aziende provenienti da più di 12 Paesi europei: ” In un periodo economicamente difficile, le sanzioni bloccherebbero investimenti per circa 700 milioni di euro per il completamento del gasdotto  ”  [ 40 ] . ”  Queste sanzioni metterebbero a repentaglio anche gli investimenti di circa 12 miliardi di euro nelle infrastrutture energetiche dell’UE  “, ha aggiunto. Questo importo include 8 miliardi di euro di investimenti in Nord Stream 2, nonché 3 miliardi di euro di investimenti da parte di società europee in infrastrutture a valle in Germania e 750 milioni di euro nella Repubblica Ceca.

III) Un’amministrazione Biden che vuole salvare capra e cavoli

R. Un primo giro di osservazione tra la nuova amministrazione e il Congresso

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha dichiarato durante la sua audizione di conferma al Senato il 19 gennaio 2021 che Joe Biden è d’accordo con il Congresso sul fatto che Nord Stream 2 sia una ”  cattiva idea  ”  [ 41 ] . Alla domanda di Ted Cruz che voleva sapere se il nuovo presidente avrebbe mantenuto la linea della precedente amministrazione e avrebbe impedito il completamento dell’oleodotto, Antony Blinken ha risposto che non aveva ancora discusso a lungo la questione con Joe Biden ma che avrebbe usato ”  ogni strumento di persuasione  “a disposizione per convincere i partner statunitensi, in particolare la Germania, a non procedere con il progetto.

Il 26 gennaio 2021, la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha ricordato che Biden si è opposto a Nord Stream 2 da quando era il vice presidente di Barack Obama. ”  Noi continuiamo a credere, il presidente continua a credere, che Nord Stream 2 sia un cattivo affare per l’Europa,” ha detto, aggiungendo che l’amministrazione potrebbe “riesaminare  ” le disposizioni contenute nel ”  difesa nazionale”. Authorization Act  ”  [ 42 ] . Dopo l’annuncio della revisione delle sanzioni, il quotidiano tedesco Handelsblatt ha affermato che l’amministrazione Biden potrebbe essere pronta ad avviare i colloqui con le autorità tedesche sul loro allentamento  [43 ] . Secondo Handelsblatt , un possibile allentamento delle sanzioni sarebbe soggetto a condizioni preliminari. Le nuove autorità americane vorrebbero in particolare ottenere la garanzia che il flusso di gas russo attraverso l’Ucraina verrà mantenuto al termine del contratto di transito con Gazprom nel 2024.

Nel caso in cui l’amministrazione Biden desideri assumere una posizione più conciliante nei confronti del Nord Stream 2, dovrà affrontare un Congresso degli Stati Uniti unito nel suo desiderio di sanzionare gli interessi russi. La Camera dei Rappresentanti e il Senato hanno concordato in modo bipartisan di integrare le sanzioni contro Nord Stream 2 nei testi del bilancio della difesa nazionale del 2020 e 2021. Il “National Defense Authorization Act” è una direttiva annuale che rappresenta un’indicazione fondamentale per la definizione degli orientamenti della politica estera americana. Mentre i repubblicani sono stati tradizionalmente i più radicali nei confronti della Russia, l’accordo bipartisan sulla politica delle sanzioni scaturisce dalle elezioni presidenziali del 2016 che i democratici ritengono di aver perso a causa dell’interferenza russa. Mentre Joe Biden ha segnalato la sua volontà di correggere il danno apportato da Donald Trump al rapporto tedesco-americano, l’apertura dei negoziati sul Nord Stream 2 rappresenta un rischio politico per la nuova amministrazione a causa del sostegno bipartisan alle sanzioni.

Il 12 febbraio 2021, Reuters ha riferito che il senatore repubblicano Jim Risch e il senatore democratico Jeanne Shaheen in una lettera chiedevano al Dipartimento di Stato di non ritardare il rilascio di un rapporto al Congresso, richiesto dalle sanzioni adottate ai sensi del ”  National Defense Authorization Act of 2021  ” [ 44 ] . I senatori hanno ricordato che questo rapporto dovrebbe essere presentato entro il 16 febbraio 2021. La funzione del rapporto è identificare le società coinvolte nella costruzione, assicurazione e certificazione di Nord Stream 2 al fine di imporre sanzioni a questi enti. Nella loro lettera, i senatori sono preoccupati per i resoconti della stampa secondo i quali ” il governo tedesco avrebbe fatto un’offerta chiedendo agli Stati Uniti di ignorare le sanzioni imposte dalla legge ”. I parlamentari ritengono che ” Il rapporto degli Stati Uniti con la Germania sia una pietra angolare dell’alleanza transatlantica  “, “Ma consentire il completamento del Nord Stream 2 non è un percorso costruttivo per questa partnership  “. L’offerta tedesca a cui fanno riferimento i legislatori è contenuta in una lettera parzialmente divulgata da Die Zeit nel settembre 2020 e poi pubblicato integralmente dall’associazione ambientale tedesca DUH il 9 febbraio 2021. In questo documento del 7 agosto 2020, il ministro delle finanze tedesco Olaf Scholz (SPD) propone al suo omologo americano Steven Mnuchin ”  di aumentare massicciamente il sostegno pubblico alla costruzione  “dei terminali GNL di Brunsbüttel e Wilhelmshaven mettendo a disposizione fino a un miliardo di euro”, ”  In cambio, gli Stati Uniti consentiranno il completamento e il funzionamento senza ostacoli del Nord Stream2“. Senza lasciare dubbi sul loro scopo, Jim Risch e Jeanne Shaheen si sono detti ansiosi di lavorare con il Dipartimento di Stato “per porre fine a questo pericoloso progetto”.

Successivamente, il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha ricordato la posizione della sua amministrazione nei confronti del Nord Stream 2: “  È un brutto affare perché divide l’Europa, espone l’Ucraina e l’Europa centrale alla manipolazione russa, va contro gli obiettivi energetici e di sicurezza fissati dall’Europa stessa  ”. Poi Ned Price ha affermato che “le  sanzioni sono solo uno strumento  ” e che il Dipartimento di Stato lavorerà a stretto contatto con i suoi alleati e partner per rafforzare la sicurezza energetica europea e proteggersi da “comportamenti predatori”. “. Alla domanda sull’intenzione del Dipartimento di Stato di rispettare la scadenza del 16 febbraio 2021, Ned Price ha affermato di essere impegnato a collaborare con il Congresso per garantire che i legislatori “abbiano le informazioni di cui hanno bisogno. Il più rapidamente che siamo in grado di fornire loro“.

Il 16 febbraio 2021, il rapporto non è stato pubblicato e il portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, si è accontentato di annunciare che Joe Biden determinerà se le sanzioni fermeranno il progetto  [ 45 ] . Ciò ha provocato l’invio di una nuova lettera, questa volta dalla Camera dei rappresentanti e indirizzata ad Antony Blinken  [ 46 ] . In questa lettera, i repubblicani Michael McCaul e Adam Kinzinger così come i democratici Marcy Kaptur e Ruben Gallego chiedono all’amministrazione di chiarire lo stato del rapporto. I rappresentanti chiedono al Segretario di Stato di informare il Congresso su come vede Nord Stream 2. I legislatori hanno anche chiesto che l’esecutivo rendesse nota ” Qualsiasi proposta avanzata all’amministrazione Biden sul futuro del gasdotto che cerchi di persuadere l’amministrazione a rinunciare o indebolire le sanzioni obbligatorie  “. La lettera elenca quindici navi che sarebbero punibili ai sensi della legislazione in vigore dal 1 ° gennaio 2021. Come i senatori, i membri della Camera dei rappresentanti si sono detti pronti a collaborare con il Dipartimento di Stato ”  per contrastare l’influenza dannosa della Russia, compreso garantire che Nord Stream 2 non sarà mai completato come previsto dalle sanzioni del Congresso obbligatorie volte a chiudere il gasdotto  ”.

B. La strategia della massima pressione da parte dei parlamentari

Il 19 febbraio 2021, il Dipartimento di Stato ha finalmente rilasciato il suo rapporto al Congresso. Il rapporto identifica la nave Fortuna e il suo proprietario, KVT-RUS, come obiettivi di nuove sanzioni dopo quelle imposte il 19 gennaio 2021 sotto CAATSA. Il documento identifica anche 18 aziende che hanno terminato il loro lavoro sul progetto dopo gli avvertimenti degli Stati Uniti  [ 47 ] . Questo rapporto, che non include le società europee e in particolare le società tedesche negli enti sanzionabili, mostra chiaramente la volontà dell’amministrazione Biden di risparmiare i partner europei.

L’emarginazione di un certo numero di società da parte del rapporto dell’amministrazione Biden non è stata accettata dai membri del Congresso. Jessica Skaggs, portavoce di Ted Cruz, ha affermato che “il  senatore Cruz si aspetta che l’amministrazione Biden adempia ai suoi mandati legali per imporre sanzioni a qualsiasi nave, assicuratore o certificatore coinvolto nelle attività di posa dei gasdotti, in parte perché sa che il Dipartimento di Stato dispone già di tutte le informazioni di cui ha bisogno per imporre queste sanzioni . Ha aggiunto: ”  È pronto a utilizzare l’intera gamma di prerogative del Senato per garantire che soddisfino questo requisito  “. Da parte sua, Michael McCaul ha ritenuto che ” Le designazioni delle sanzioni odierne sono del tutto inadeguate  “mentre Jim Risch ha stabilito che”  questo rapporto non chiarisce quali ulteriori passi l’amministrazione Biden ha intrapreso per far rispettare pienamente la legge e porre fine a questo progetto  “.

Il 23 febbraio 2021 si è tenuta una riunione telefonica riservata tra il Dipartimento di Stato e le squadre del Congresso. Secondo le informazioni di Axios  [ 48 ], le domande dei funzionari del Congresso si sono concentrate sul motivo per cui l’amministrazione Biden non ha sanzionato più navi che lavorano sul Nord Stream 2, dato che si dice che un certo numero di loro sia identificabile. Dopo mezz’ora, la chiamata si è conclusa improvvisamente in quello che alcuni repubblicani hanno interpretato come un atto volontario del Dipartimento di Stato mentre il Dipartimento di Stato ha perorato l’incidente tecnico. Due giorni dopo fu organizzato un nuovo incontro, questa volta non classificato. I funzionari repubblicani hanno mostrato una crescente ostilità nei suoi confronti. Uno di loro ha chiesto ai membri dell’amministrazione perché non avevano sanzionato direttamente Nord Stream 2 AG da quando la società ” si identifica come la società incaricata della progettazione, costruzione e esercizio del gasdotto . “. I funzionari hanno spiegato che determinare le attività sanzionabili è un processo lungo. Mentre una portavoce del governo tedesco aveva fatto riferimento a ”  uno scambio tra il governo americano e la Germania riguardante il gasdotto Nord Stream 2 Molly Montgomery, vice segretario dell’Ufficio per gli affari europei ed eurasiatici, ha negato qualsiasi trattativa su un accordo che consentirebbe la costruzione del gasdotto. I funzionari del Dipartimento di Stato hanno detto alle persone con cui hanno parlato al Congresso che la parola “scambio” non dovrebbe essere interpretata come negoziazione. Si dice che l’amministrazione Biden abbia semplicemente espresso preoccupazione per l’oleodotto ai tedeschi.

Secondo Politico , la direttrice del Consiglio di sicurezza nazionale per l’Europa, Amanda Sloat, si preoccuperebbe di un’adozione troppo rapida di sanzioni aggiuntive mentre l’amministrazione cerca di ristabilire le relazioni tra Stati Uniti e Germania  [ 49 ] . Tuttavia, in una lettera a Joe Biden del 3 marzo, 40 senatori repubblicani hanno chiesto all’amministrazione Biden di imporre ulteriori sanzioni ”  senza indugio  “. Due giorni dopo, sono stati i repubblicani alla Camera dei rappresentanti a inviare una lettera ad Antony Blinken in cui richiedono la valutazione del Dipartimento di Stato sulla situazione di quindici navi e tre entità (il promotore Nord Stream 2 AG, l’assicuratore LLC Insurance Company Constanta e il Russian Shipping Register) che i parlamentari considerano impegnati in attività sanzionabili. Il radicalismo di questi parlamentari li porta a chiudere la porta a qualsiasi proposta di accordo che consentirebbe la messa in servizio del Nord Stream 2 anche se la Germania offre un risarcimento significativo: ” Inoltre, se l’amministrazione Biden accetta un accordo con la Germania che rinuncia alle sanzioni obbligatorie del Congresso in cambio di un vago impegno per il transito del gas ucraino o un impegno a investire in infrastrutture energetiche europee, non solo gli interessi di sicurezza degli Stati Uniti e dell’Europa , ma sarebbe anche un affronto alle prerogative costituzionali del Congresso.  “.

I rappresentanti repubblicani alludono qui a proposte sia interessanti che ambiziose trasmesse in particolare da eminenti membri del “  Consiglio Atlantico  ” in un articolo intitolato “  Riconciliare le differenze transatlantiche sul Nord Stream 2  ” pubblicato il 2 febbraio 2021  [ 50 ] . I tre ex alti funzionari del Dipartimento di Stato, Richard Morningstar e Daniel Stein, che in particolare hanno lavorato duramente per costruire il corridoio sud, così come Daniel Fried, coordinatore della politica di sanzioni dell’amministrazione Obama, delineano alcune strade con l’obiettivo di limitare i potenziali rischi che il Nord Stream 2 genererebbe, in particolare nell’Europa centrale e orientale:

. Gli autori chiedono un’estensione dell’accordo di transito del gas russo attraverso l’Ucraina oltre il 2024 al fine di garantire una fonte continua di entrate per l’Ucraina. Come per la conclusione di questo accordo nel 2019, la sua estensione richiederebbe il coinvolgimento della Commissione europea e della Germania nei negoziati. Le garanzie finanziarie di sostegno e le sanzioni contro gli interessi russi potrebbero essere concordate tra gli occidentali per compensare il mancato guadagno se Gazprom avesse rinunciato ai suoi impegni.

. Gli autori propongono di incoraggiare gli acquirenti di gas europei a designare il confine russo-ucraino come punto di consegna per parte dei loro acquisti di gas russi e ad aumentare questo volume nel tempo. Questi acquirenti, piuttosto che Gazprom, potrebbero essere responsabili del pagamento del transito attraverso l’Ucraina, garantendo così una fonte di entrate di transito più affidabile rispetto ai pagamenti russi a seconda dei capricci politici.

.Nell’ambito dell’accordo di associazione con l’Unione europea, l’Ucraina si è impegnata a liberalizzare i suoi mercati energetici nazionali, decarbonizzare la sua economia e integrarsi nei mercati energetici europei. Sono necessari massicci investimenti in particolare nello sviluppo della rete elettrica, nel campo dell’efficienza energetica, nello sviluppo della produzione di energia e in particolare delle energie rinnovabili e dell’idrogeno verde. Per raggiungere questi obiettivi, l’Ucraina ha bisogno di aiuto esterno. La Germania è il principale contributore economico dell’Ucraina attraverso aiuti bilaterali e istituzioni finanziarie europee e multilaterali. Gli Stati Uniti sono i principali sostenitori politici e di sicurezza dell’Ucraina. Sulla base di questa osservazione, gli autori di ” Atlantic Council  ”raccomandano che la Germania e gli Stati Uniti approfondiscano il loro coordinamento per sostenere l’Ucraina nelle riforme del settore energetico e nella transizione energetica.

.Gli autori chiedono alla Germania di intensificare il suo sostegno alla Three Seas Initiative imitando l’impegno finanziario di 1 miliardo di dollari che gli Stati Uniti hanno promesso a questa organizzazione. La Three Seas Initiative mira a rafforzare la resilienza dell’Europa centrale e orientale sostenendo lo sviluppo di infrastrutture e interconnettori GNL che consentono al gas di fluire in tutte le direzioni tra i paesi della regione. Gli autori ritengono che la Germania, come gli Stati Uniti e la Polonia, dovrebbe sostenere l’adesione dell’Ucraina alla Three Seas Initiative. Questa adesione contribuirebbe all’integrazione europea dell’Ucraina dandole accesso a nuove fonti di finanziamento.Gli autori sostengono che questo finanziamento sarebbe tanto più importante in quanto i fondi europei a sostegno delle infrastrutture energetiche fossili, in particolare gli interconnettori del gas, si stanno prosciugando nel contesto delGreen Deal .

. Sebbene la responsabilità della regolamentazione delle operazioni di Nord Stream 2 spetti alla Germania e all’Unione, gli autori suggeriscono che gli Stati Uniti siano consultati nel processo di sviluppo dell’ambiente normativo in cui Nord Stream 2 si registrerà. Gli autori ritengono che la competenza americana potrebbe rivelarsi utile su questioni come l’accesso di terzi alla rete  [ 51 ] .

Mentre i punti esposti sopra mostrano che una via d’uscita dalla crisi basata sull’azione collaborativa piuttosto che sullo scontro sarebbe possibile, i repubblicani della Camera dei rappresentanti concludono così la loro lettera del 5 marzo 2021 ad Antony Blinken: ”  Conto Data la finestra di restringimento prima del completamento del gasdotto Nord Stream 2, ti invitiamo a presentare nuove designazioni di sanzioni al Congresso non appena le informazioni richieste saranno disponibili, piuttosto che aspettare fino al 17 maggio, quando l’attuale periodo di 90 giorni termina e il prossimo rapporto obbligatorio al Congresso è previsto.  “.

Lo stesso 5 marzo 2021, il senatore del Texas Ted Cruz annunciò su Twitter che avrebbe ritardato la nomina del nuovo direttore della CIA, William Burns: ”  Solleverò il blocco quando l’amministrazione Biden adempirà al suo obbligo legale di denuncia e sanzione delle aziende che costruiscono il gasdotto di Putin “. Il 10 marzo 2021, Antony Blinken ha dichiarato alla Commissione per gli affari esteri della Camera dei rappresentanti che il Dipartimento di Stato stava esaminando le possibilità di ulteriori sanzioni. Il giorno dopo, il Segretario di Stato si è prestato allo stesso esercizio davanti alla Commissione del Senato. Ted Cruz non era convinto della schiettezza dell’annuncio e ha risposto sospendendo la nomina di Brian McKeon come assistente del segretario di Stato per la gestione e le risorse e Wendy Sherman come assistente del segretario di Stato.

Il texano ha sostenuto il suo gesto affermando che la ripresa del cantiere Nord Stream 2 negli ultimi mesi è stata il risultato di ”  segnali contraddittori da parte dell’amministrazione Biden  ” circa la sua disponibilità ad applicare le sanzioni adottate ”  con il massiccio sostegno bipartisan del Congresso per due volte. “. Ted Cruz sembra quindi dimenticare che i preparativi per il riavvio del sito sono stati intrapresi sotto l’amministrazione Trump e che la Fortuna ha iniziato a posare i tubi nelle acque danesi il 6 febbraio 2021, visibilmente poco imbarazzata dalle sanzioni specificamente mirate giorni prima sotto l’autorità di Mike Pompeo. Sembrerebbe, tuttavia, dalle informazioni di Bloomberg, che l’amministrazione Trump si stesse preparando nelle sue ultime settimane a sanzionare le entità tedesche ma alla fine non ha avuto il tempo di farlo. Tra i potenziali obiettivi c’era Matthias Warnig, l’amministratore delegato tedesco di Nord Stream 2 AG  [ 52 ] .

Il 18 marzo 2021, Antony Blinken ha rilasciato una dichiarazione in cui indicava il suo impegno a far rispettare la legislazione. Subito dopo, Ted Cruz ha revocato la sospensione delle nomine di William Burns e Brian McKeon mantenendo la sospensione di Wendy Sherman fino a quando l’amministrazione non imporrà completamente le sanzioni alle entità identificate dai membri del Congresso. Nonostante il segno di buona volontà rappresentato dal comunicato di Antony Blinken, la pressione parlamentare non si è allentata ed è stata nuovamente espressa il 23 marzo 2021 attraverso la voce di due senatori democratici. Nella loro lettera, Jeanne Shaheen e Bob Menendez hanno invitato l’amministrazione a impegnarsi in una ”  spinta diplomatica completa  ” per fermare Nord Stream 2: ” L’amministrazione Trump non è riuscita a chiudere definitivamente questo gasdotto e per quasi quattro anni non ha mai utilizzato gli strumenti di sanzioni disponibili per farlo, quindi apprezziamo la tua leadership in questo momento critico in cui il gasdotto è in fase di completamento  ”  [ 53 ] .

Oltre a ricevere questa chiamata a essere ancora più deciso dei suoi predecessori, Antony Blinken ha partecipato al suo primo incontro a Bruxelles con i suoi omologhi della NATO. Il Segretario di Stato, con le spalle al muro, ha rilanciato le richieste del Congresso dichiarando: ”  Una legge negli Stati Uniti ci obbliga a sanzionare le società che partecipano agli sforzi per completare il gasdotto  ”  [ 54 ] . Alcuni membri dell’amministrazione sembrano ancora rimanere determinati a limitare i danni. Secondo Politico , durante il mese di marzo 2021, il Dipartimento di Giustizia ha dato l’approvazione legale ad almeno due serie di sanzioni contro Nord Stream 2 AG e il suo CEO Matthias Warnig  [ 55 ]. Ma questa approvazione sarebbe stata annullata nella prima metà di aprile 2021 perché alcuni funzionari avrebbero stimato che queste entità europee non hanno raggiunto, per il momento, la ”  soglia legale  ” necessaria per essere sanzionate. Da parte del Congresso, questa ”  soglia legale  ” è fortemente denunciata come una nozione vaga.

*

Il PEESA autorizza il presidente a porre fine alle sanzioni se l’amministrazione certifica al Congresso ”  che sono state messe in atto adeguate misure di salvaguardia  ” per ridurre al minimo la capacità della Russia di utilizzare il progetto di gasdotto sanzionato ”  come strumento di coercizione e leva politica  “, e a garantire ”  che il progetto non porterà a una diminuzione di oltre il 25% del volume delle esportazioni energetiche russe che passano attraverso i gasdotti esistenti in altri paesi, in particolare in Ucraina  ”  [ 56 ]. La legislazione e gli intellettuali, come Richard Morningstar, Daniel Stein e Daniel Fried, consentono di immaginare un’uscita dalla crisi costruttiva e non conflittuale. Ma i legislatori statunitensi lo permetteranno? L’appetito parlamentare per le sanzioni è il risultato di profonde dinamiche economiche e politiche. Da un lato, i repubblicani sono strettamente legati all’industria del gas americana, che ha un bisogno vitale di assicurarsi sbocchi. D’altra parte, la volontà di attaccare gli interessi russi è una delle uniche fonti di comprensione bipartisan. Affinché Biden possa revocare le sanzioni, dovrà essere armato di una volontà politica molto forte e di una proposta importante dalla Germania.

Le disposizioni della  legge sull’autorizzazione della difesa nazionale del 2021 » prevedono un periodo indefinito per consultare gli alleati prima di imporre sanzioni. Alcuni membri del Congresso temono che Joe Biden approfitterà di questo periodo per ritardare l’imposizione di misure più severe al Nord Stream 2. Il tempo di gioco potrebbe essere un’opzione favorita da Joe Biden, sperando nell’emergere di un nuovo governo tedesco co-guidato dai Verdi. In effetti, i Verdi dovrebbero diventare i principali partner della CDU all’interno della prossima coalizione di governo prodotta dalle elezioni federali tedesche nel settembre 2021. Il 19 marzo 2021, Reuters ha riferito che i Verdi avevano incluso nel loro programma elettorale la loro intenzione di impedire la realizzazione di Nord Stream 2 considerando che ” Il progetto del gasdotto Nord Stream 2 non è solo un progetto politico per le sue implicazioni climatiche ed energetiche, ma anche perché provoca danni geopolitici – soprattutto in considerazione della situazione in Ucraina – e deve quindi essere arrestato  ”  [ 57 ] .

Il ruolo primordiale che il Congresso gioca nell’atteggiamento che gli Stati Uniti stanno adottando nei confronti del Nord Stream 2 evidenzia il fatto che le differenze strategiche che attraversano la comunità transatlantica sono strutturali e non il risultato di un solo Uomo , il presidente Trump , sebbene la sua personalità cristallizzasse le tensioni. La posizione estremamente dura dell’amministrazione Trump e del Congresso pone l’amministrazione Biden nella posizione di chiedere un significativo quid pro quo nei negoziati con la Germania.

Da parte russa , l’estensione del contratto di transito attraverso l’ Ucraina fino al 2024 significa che la messa in servizio di Nord Stream 2 non è un’emergenza. Grazie a questo accordo, Gazprom ha una capacità sufficiente per i volumi che esporta. Le condizioni sembrano quindi mature perché la battaglia attorno al Nord Stream 2 continui per un po’ . È probabile che gli innumerevoli punti di tensione nel dossier producano molti altri colpi di scena.

Copyright maggio 2021-Ramdani / Diploweb.com


Bibliografia:
AFP, il segretario all’Energia americano Rick Perry esalta i meriti del gas americano, “più affidabile” del gas russo, 05/02/2019.
Belkin Paul, Ratner Michael, Welt Cory, Pipeline Nord Stream 2 della Russia: Continued Uncertainty, Servizio di ricerca del Congresso, 02/08/2021.
Bertrand Natasha, Desiderio Andrew, il dilemma del gasdotto russo di Biden è appena peggiorato e deve ringraziare Ted Cruz, Politico, 03/05/2021.
Bertrand Natasha, Desiderio Andrew, le prossime sanzioni per la Russia non includeranno Nord Stream 2, Politico, 15/04/2021.
Bershidsky Leonid, The US Sanctions Russia, Europe Says ‘Ouch!’, Bloomberg, 16/06/2017.
Bne IntelliNews, Stati Uniti aperti all’allentamento delle sanzioni per Nord Stream 2, 02/03/2021.
Burbela Nadiia, i piani dell’Ucraina per uscire dall’ago della dipendenza energetica, Unian, 22/01/2020.
Cowan Steve, 24 paesi dell’UE si sono opposti alle sanzioni statunitensi su “Nord Stream-2”, Free news, 14/08/2020.
Cowan Steve, Gli Stati Uniti vogliono introdurre sanzioni rilassate contro “Nord stream-2”, Free news, 26/06/2020.
Daily Sabah, gli Stati Uniti pianificano nuove sanzioni contro il gasdotto russo Nord Stream 2, 27/05/2020.
Di Luce Dan, i legislatori sollecitano l’amministrazione Biden ad aggiornare il Congresso sulle sanzioni contro il gasdotto russo, NBC News, 17/02/2021.
DW, Nord Stream 2: gli Stati Uniti colpiscono la nave russa con sanzioni, 18/01/2021.
DW, Nord Stream 2: i senatori statunitensi minacciano il porto tedesco di sanzioni “schiaccianti”, 08/07/2020.
Elliott Stuart, Calls build per accelerare la pressione delle sanzioni statunitensi contro Nord Stream 2, S&P Global, 24/03/2021.
Elliott Stuart, Nord Stream 2 avverte del rischio di sanzioni per il completamento del collegamento del gas con la crescita del dissenso europeo, S&P Global, 20/07/2020.
Euractiv, la Casa Bianca afferma che Biden ritiene che il gasdotto Nord Stream 2 sia un “cattivo affare” per l’Europa, 27/01/2021.
Commissione europea, dichiarazione congiunta USA-UE a seguito della visita del presidente Juncker alla Casa Bianca, 25/07/2018.
Feitz Anne, Nord Stream 2: gli attori temono le sanzioni statunitensi, Les Echos, 15/07/17.
Flatley Daniel, Khrennikova Dina, USA prende di mira gli assicuratori nell’ultimo round delle sanzioni Nord Stream 2, Bloomberg, 11/11/2020.
Flauger Jürgen, Koch Moritz, Lettere dell’ambasciatore degli Stati Uniti alle aziende tedesche non minacce, solo un “messaggio chiaro”, Handelsblatt, 14/01/2019.
Focus Daily News, Sen. Cruz esorta l’amministrazione a fermare il gasdotto Nord Stream 2, 12/03/2019.
Fried Daniel, Morningstar Richard L., Stein Daniel D., Reconciling transatlantic difference over Nord Stream 2, Atlantic Council, 02/02/2021.
Gardner Timothy, Psaledakis Daphne, USA impone sanzioni alla nave russa coinvolta nel gasdotto Nord Stream 2, Reuters, 19/01/2021.
Gardner Timothy, senatori statunitensi che producono l’amministrazione di Biden sulle sanzioni del gasdotto Nord Stream 2, Reuters, 02/12/2021.
Gardner Timothy, Zengerle Patricia, amministrazione Biden designa una nave russa che aiuta a costruire il gasdotto Nord Stream 2, Reuters, 20/02/2021.
Gheorghiu Andy, GNL statunitense e gas russo tramite Nord Stream 2: il doppio gioco della Germania riscalda sia la geopolitica che il clima, Heinrich Böll Foundation, 14/09/2020.
Gould Joe, il Congresso punta al gasdotto russo nel disegno di legge sulla difesa, Defense News, 23/11/2019.
Jeydel Peter Edward, Tremaine A. Cherie, Krauland Edward J., Brian Egan, Baj Alexandra EP, US Clarifies Secondary Sanctions on Nord Stream 2, Law Business Research, 07/20/2020.
Koch Moritz, Riecke Torsten, Stratmann Klaus, How the US could stop Nord Stream 2, Handelsblatt, 07/01/2019.
Konstantin von Hammerstein, Ambasciatore di Trump trova pochi amici in Germania, Spiegel online, 01/11/2019.
Mackinnon Amy, Gramer Robbie, Senato degli Stati Uniti minaccia le sanzioni sull’oleodotto russo, politica estera, 13/05/2019.
Martin Paul, l’OMV austriaco più recente a terminare anticipatamente il finanziamento del Nord Stream 2, Argus Media, 25/03/2021.
Nord Stream 2 AG, Nord Stream 2 presenta la terza domanda in Danimarca – Nonostante le riserve legali, 15/04/2019.
O’Toole Brian, Fried Daniel, USA apre le porte alle sanzioni del Nord Stream II e alle tensioni transatlantiche, Consiglio Atlantico, 15/07/2020.
Rettman Andrew, USA costringe l’azienda norvegese ad abbandonare Nord Stream 2, EUobserver, 05/01/2012 1.
Reuters, i Verdi tedeschi promettono di demolire il gasdotto russo dopo le elezioni, 16/042021.
Reuters, inviato degli Stati Uniti, avverte che le sanzioni sono ancora un’opzione contro Nord Stream 2, 13/11/2018.
Reuters, Casa Bianca dice che Biden crede che il Nord Stream 2 sia un cattivo affare per l’Europa, 16/02/2021.
Russia Today, Berlino: “Costringerci a rinunciare al gas russo per venderci [gas] americano è inaccettabile”, 30/06/2017.
Simon Frédéric, ‘Freedom gas’: US apre le porte del GNL all’Europa, Euractiv, 2 maggio 2019.
Sputnik, Russia, Ucraina e Commissione europea hanno raggiunto “un accordo di principio”, 19/12/2019.
Sputnik, Lavrov e Trump discutono di gas e Nord Stream 2 dopo l’annuncio delle sanzioni statunitensi, 12/11/2019.
Sputnik, sanzioni statunitensi su Nord Stream 2 ancora più poco chiare dopo i colloqui sul gas Russia-Ucraina – Berlino, 20/12/2019.
Swan Jonathan, Scoop: la chiamata dell’amministratore di Biden sull’oleodotto Putin provoca rabbia nel GOP, Axios, 27/02/2021.
Tarassova Irina, The Nord Stream 2, oggetto di contesa tra Berlino e Washington: l’amministrazione Biden vuole “essere capita”, Sputnik, 29/03/2021.
TASS, aziende tedesche che lavorano sulla risposta alle sanzioni statunitensi Nord Stream 2 – associazione, 22/07/2020.
TASS, Germania: le sanzioni statunitensi contro Nord Stream potrebbero interessare la pubblica amministrazione, 06/12/2020.
TASS, Trump ha promesso di uscire dalla NATO perché i membri hanno sostenuto Nord Stream 2, afferma Bolton, 23/06/2020.
TASS, Uniper termina il finanziamento di Nord Stream 2, 03/04/2021.
US Department of Energy, Department of Energy autorizza ulteriori esportazioni di GNL da Freeport LNG, 28/05/2019.
Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, CAATSA / CRIEEA Sezione 232 Public Guidance, Bureau of Energy Resources, ottobre 2017.
Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, Guida pubblica aggiornata per la sezione 232 del Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA), 15/07/2020.
Vitkine Benoît, Stroobants Jean-Pierre, L’Unione europea sorpresa dalle sanzioni americane contro Mosca, Le Monde, 26/07/2017.
Wadhams Nick, Dezem Vanessa, USA ha visto lasciare i tedeschi fuori dall’elenco delle sanzioni del Nord Stream 2: Report, Bloomberg, 19/02/2021.
Wolfgang Ben, Trump stimola l’incontro della NATO con obiezioni al gasdotto russo-tedesco, The Washington Times, 7/11/2018.

https://translate.google.com/translate?depth=1&hl=it&rurl=translate.google.com&sl=fr&tl=it&u=https://www.diploweb.com/De-Biden-vice-president-a-Biden-president-5-ans-de-politique-americaine-envers-Nord-Stream-2.html

Stati Uniti! Aggrappati al potere, lontani dalla realtà_con Gianfranco Campa

La NATO ha avviato esercitazioni a ridosso della Russia coinvolgendo soprattutto i paesi dell’Europa Orientale e interessando anche l’area del Mar Nero.

Alle esercitazioni partecipano militari dell’Ucraina e della Georgia, sostenute dagli Stati Uniti ma non appartenenti alla NATO. Una vera e propria provocazione nei confronti della Russia. Un ulteriore fattore di instabilità in uno scenario che vede il proliferare incontrollato di conflitti aperti in Medio Oriente, di inediti attriti al limite dell’incidente militare tra alleati, nella fattispecie tra Turchia, Francia e Italia; un peggioramento brusco delle relazioni diplomatiche tra alleati storici (Stati Uniti e Messico). Una situazione caotica cui corrisponde una situazione interna agli Stati Uniti nella quale l’amministrazione Biden non sembra avere il controllo della situazione e nemmeno una percezione accettabile della realtà. Una condizione ben lontana dal siparietto offerto dai nostri organi di informazione. L’opposizione pare invece radicarsi sempre più nella società e in settori della pubblica amministrazione e dello Stato. Lo stesso Trump pare essere una pedina importante del movimento alternativo, continua a subire le attenzioni faziose degli avversari, ma non è più il soggetto indispensabile alla sopravvivenza del movimento_Buon ascolto, ne vale proprio la pena_ Giuseppe Germinario

https://rumble.com/vgyssb-stati-uniti-aggrappati-al-potere-lontani-dalla-realt-ne-parliamo-con-gianfr.html

Mikhail Gorbachev e la perestrojka, di Jean-Robert Raviot

Mikhail Gorbachev è nato il 2 marzo 1931 in una famiglia di contadini nel territorio di Stavropol (Russia meridionale). Nel 1950 ha superato l’esame di ammissione alla facoltà di giurisprudenza della prestigiosa Università statale di Mosca. Membro della Gioventù Comunista (Komsomol), fu ammesso nel 1952 nelle fila del Partito Comunista.

Mikhail Gorbachev

Nel 1953 sposò una studentessa della Facoltà di Filosofia, Raïssa Titarenko (1932-1999), che trent’anni dopo divenne una delle mogli dei più famosi leader politici del pianeta. Nel 1955, dopo la laurea, il giovane Gorbaciov entrò nella Prokuratura (ufficio del procuratore generale) dell’URSS. Fu quasi immediatamente rimosso da esso in virtù di un decreto segreto adottato da Krusciov che vietava ai giovani avvocati appena usciti dalla facoltà di esercitare le funzioni di pubblico ministero, sulla base del fatto che la massiccia promozione di giovani pubblici ministeri aveva facilitato, negli anni ’30, il organizzazione di epurazioni massicce che professionisti più esperti avrebbero senza dubbio rifiutato di approvare.

Gorbaciov torna quindi a Stavropole scalò i ranghi della gerarchia regionale del Komsomol, poi del partito. Nel 1971 è stato nominato primo segretario del comitato del partito di Stavropol e membro del comitato centrale. 40 anni, è il membro più giovane di questo corpo, dove rappresenta una regione agricola e, come tale, è stato promosso a segretario del comitato centrale responsabile dell’agricoltura nel 1978. Protetto dal capo del KGB, Yuri Andropov (generale segretario del PCUS dal novembre 1982 al febbraio 1984), nel 1981 è entrato nell’ufficio politico, “sancta sanctorum” del potere sovietico, di cui è diventato il più giovane. La sua rapida promozione deve molto alla posizione geografica della regione di Stavropol, ai piedi del Caucaso. Lì si trovano tutte le terme dove riposano per una parte dell’estate la suprema élite.

Così, dal 1971, Gorbaciov si è preso cura personalmente delle ferie di tutti i membri dell’ufficio politico e di molti ministri, ambasciatori, alti funzionari dell’esercito e dei servizi di sicurezza, capi di ministeri economici o grandi aziende. Alla morte di Konstantin Tchernenko nel 1985, è stato eletto segretario generale del PCUS , con un voto. Lancia la perestrojka e presiede al processo di disarmo e distensione con l’Occidente che porta al disimpegno unilaterale e totale dell’URSS nell’Europa orientale, alla caduta del muro di Berlino e alla riunificazione della Germania. (1990).

The Malta Sоmmet, dicembre 1989

Quando ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace (1990), una campagna pubblicitaria internazionale a suo favore, senza precedenti nella storia della creazione di immagini dei capi di stato: la gorbymania – è orchestrata nei paesi occidentali. L’eleganza e il gusto per la vita sociale della coppia Gorbaciov fanno il resto: Gorbaciov diventa il beniamino dei media occidentali che lo rendono il simbolo di una “nuova URSS”. Questa popolarità contrasta nettamente con la sua forte impopolarità in Russia e, più in generale, nei paesi derivanti dall’URSS dove è visto come il becchino del potere sovietico umiliato e perduto. Le sue riforme economiche, che fin dall’inizio si sono scontrate con la riluttanza dell’apparato partitico ad applicarle, si sono concluse con un evidente fallimento e sono rimaste iscritte nella coscienza collettiva, associate alle enormi carenze e all’inflazione galoppante che hanno causato. Per quanto riguarda le sue riforme politiche, favorevolmente percepite come liberali nei paesi occidentali,

Da leggere anche:  Libro – Il vero romanzo di Gorbaciov, Vladimir Fédorovski

Dopo le sue dimissioni nel dicembre 1991 dal suo ultimo mandato ufficiale come presidente dell’URSS che ha cessato di esistere, ha intrapreso la carriera di un ex presidente, tenendo conferenze in tutto il mondo. Ha creato la “Fondazione Gorbachev”, un istituto di ricerca in scienze politiche e scienze sociali con sede a Mosca. Inoltre, presiede l ‘“International Green Cross”, una ONG internazionale per la difesa dell’ambiente. Cinque anni dopo la sua cacciata dal vertice dello stato, la sua impopolarità era ancora al culmine in Russia. Candidato alla presidenza della Russia nel 1996, ha ottenuto a malapena più dell’1,1% dei voti. La traiettoria politica di Mikhail Gorbachev fornisce una perfetta illustrazione della famosa massima “nessuno è un profeta nel suo paese” …

I Gorbaciov a Norilsk, 1988

Perestrojka, glasnost ‘, democratizzazione e caduta dell’URSS

Quando lanciò la perestrojka (letteralmente: “ristrutturazione”), Mikhaïl Gorbachev a quarantasette anni incarnava la speranza di tutti coloro che, all’interno dell’apparato di potere sovietico, avevano acquisito la convinzione che l’URSS stesse affrontando una crisi strutturale in tutte le aree. Questo slogan designa le riforme che il nuovo Segretario generale ha deciso di intraprendere per riformare il sistema sovietico. Fin dal suo inizio, la perestrojka è stata un’operazione di comunicazione politica su larga scala intesa a restituire l’immagine dell’URSS all’opinione pubblica occidentale al fine di ripristinare il suo credito presso le élite occidentali e i responsabili delle decisioni. Nel 1986 Gorbaciov ha pubblicato un libro, Perestrojka, tradotto in 32 lingue e distribuito in tutto il mondo. A riprova dell’efficacia di questa strategia di seduzione, il termine entrerà presto nel lessico politico delle lingue occidentali.

Prima fase della perestrojka, la cosiddetta politica di accelerazione ( ouskorenie) mira a reintrodurre gradualmente i meccanismi di mercato nell’URSS e ad ampliare il margine di autonomia delle imprese. Comprende riforme che danno il posto d’onore alla tecnocrazia industriale e incontrano l’opposizione dei primi segretari regionali del partito, che la vedono come una minaccia al potere di controllo che esercitano a livello locale sull’economia. Gorbaciov opera dunque nelle file dell’apparato di partito la più importante epurazione dagli anni Trenta: quasi la metà dei membri del Comitato centrale del PCUS si rinnova in diciotto mesi (1986-1988). Rendendosi conto subito che i nuovi segretari regionali sono riluttanti a riformare quanto i vecchi, il segretario generale del PCUS decide di utilizzare l’arma della glasnost per stimolarli.‘. Questo termine, entrato anche nel vocabolario politico occidentale, è stato tradotto come “trasparenza”. Il glasnost ‘ indica la seconda fase della perestrojka. Questo termine dovrebbe essere tradotto più precisamente come “pubblicità”, nel senso giuridico di “pubblicità dei procedimenti”.

Leggi anche:  Libro – Guerra Fredda. Minaccia, paranoia e manipolazione della cortina di ferro alla caduta del comunismo

Per costringere l’apparato del partito a seguirlo nella sua impresa di riforma, Gorbaciov impose un’apertura dello spazio pubblico fino ad allora senza precedenti. Nella più pura tradizione leninista, glasnost ‘ è un’arma di potere contro coloro che sono recalcitranti alle riforme, denunciati come tanti elementi “conservatori” di cui si cerca di erodere posizioni e dogmi. Uno dopo l’altro, i tabù della storia vengono infranti e le disfunzioni del sistema sovietico vengono denunciate con crescente vigore. Lo spazio pubblico è aperto a nuovi attori che finora non hanno avuto voce in capitolo e, abbastanza rapidamente, l’impresa di liberalizzazione scivola dal potere. La legittimità del partito è gravemente scossa.

La strategia di Gorbaciov consiste in una vasta operazione di disinformazione che consiste nel far credere al mondo intero l’esistenza di un’opposizione irriducibile tra i “riformatori” e i “conservatori”, mentre questa presentazione non corrisponde alle vere divisioni che separano le alte sfere dei il partito in più clan e gruppi di interesse. Gorbaciov suggerisce che i “riformatori” sono in costante pericolo, che i “conservatori” sono ancora in maggioranza all’interno dell’apparato del partito e che si oppongono sistematicamente alla sua politica di disarmo e disimpegno militare … In effetti, i “conservatori”, che non lo sono contava solo nelle file dell’apparato di partito, ma anche nelle file della tecnocrazia dei direttori di fabbrica, esprimono soprattutto il timore di vedere crollare l’intero sistema sovietico sotto l’effetto di riforme spesso attuate in modo vago e spericolato. La strategia diglasnost ‘ apparve in modo emblematico nel gennaio 1987, quando fu presa la decisione di trasmettere in diretta televisiva la sessione plenaria del Comitato centrale del PCUS. Gorbaciov sembra dover giustificare ciascuna delle sue riforme di fronte a un apparato aggressivo, fossilizzato e incompetente.

È nell’estensione della glasnost ‘che viene lanciata la democratizzazione, la terza fase della perestrojka. Il XIX ° congresso del PCUS (giugno-luglio 1988) è stato il culmine della glasnost ‘ . Tutti i dibattiti vengono trasmessi in televisione. Ma la glasnost ‘ , tattica di emarginazione della partitocrazia, finisce per rivoltarsi contro i suoi promotori. ”  La marea è cambiata  “, dichiarava Boris Eltsin nel 1989, proseguendo: ”  il processo di democratizzazione è irreversibile e deve essere portato a termine. “. Nel 1988 il segretario generale del PCUS aveva imposto a tutti i primi segretari regionali del partito – per sbarazzarsi dell’ultimo refrattario alla perestrojka – di essere eletti a capo dei comitati esecutivi dei Soviet per restare a capo dei comitati di partito. Gorbaciov giustifica questa misura con la necessità di rafforzare le istituzioni democratizzandole. Gorbaciov provoca così il trasferimento del potere reale dalle autorità del partito allo Stato. L’elezione del nuovo Congresso dei deputati del popolo nel marzo 1989 completa il discredito di un partito diviso, indebolito e profondamente destabilizzato. Il nuovo parlamento sovietico, dove per la prima volta nella storia dell’URSS, alcuni deputati sono stati eletti a scrutinio pluralista, diventa l’epicentro della vita politica.

Per Mikhail Gorbachev, il Congresso dei deputati del popolo diventa la principale fonte di legittimità politica. Nel febbraio 1990, questa istituzione ha votato per creare un posto di presidente dell’URSS per consentire a Mikhail Gorbachev di occupare l’ufficio supremo. Il segretario generale del partito fu eletto presidente nel marzo 1990, lo stesso giorno in cui il partito, con un voto della stessa istituzione, fu privato del suo ruolo guida … Nell’agosto 1991, il golpe dei “conservatori”, che dichiararono che volevano escludere temporaneamente Gorbaciov dal potere per salvare l’URSS dalla disintegrazione stabilendo lo stato di emergenza, arriva al momento giusto per confermare la griglia di lettura del presidente dell’URSS, secondo cui è l’unico garante della continuazione delle riforme … La sconfitta dei golpisti da parte del presidente della Russia, Boris Eltsin, suonò la campana a morto per la lotta tra “riformatori” e “conservatori”, pose fine alla perestrojka e, così facendo, diede all’URSS il colpo di grazia. La storia della perestrojka contiene molte zone d’ombra, ma non è certo discutibile che questa impresa di riforme abbia portato alla caduta del sistema sovietico che intendeva modernizzare.

https://www.revueconflits.com/jean-robert-raviot-mikhail-gorbatchev-et-la-perestroika/

All’ombra del Re Sole, di FF e Andrea Zhok

Cosa succederà a questa insulsa e supponente classe dirigente euro-atlantista, da decenni ormai abituata ad agire all’ombra e sotto protezione, quando i loro mentori, burattinai per meglio dire, non avranno più i mezzi e forse la voglia di assecondarli? Qualche segnale è già arrivato nel recente passato. Ci penseranno le potenze rivali a mettere a nudo la reale consistenza dei loro atti solenni. Buona lettura, Giuseppe Germinario
Quos Deus perdere vult, dementat prius, di FF
Il botolo euro-atlantista, convinto, perché protetto dal suo (pre)potente padrone d’oltreoceano, di poter mordere impunemente pure chi è di taglia assai più grossa di lui, all’improvviso ha scoperto che chi di sanzioni ferisce di sanzioni può perire.
Prima la Cina e ora la Russia hanno cercato di ricordare all’UE che vi sono limiti che non si possono superare senza subirne le conseguenze, ma l’insipienza degli euro-atlantisti è ormai tale che scambiano la loro fasulla rappresentazione del mondo per il mondo reale.
Difatti, convinti di potere favorire colpi di Stato e “rivoluzioni colorate” o di potere appoggiare movimenti neofascisti e personaggi (a dir poco) “equivoci”, senza patirne le conseguenze, solo perché difenderebbero una democrazia che invero sono i primi a calpestare confondendola con una dittatura oligarchica e plutocratica (viene in mente il bue che dà del cornuto all’asino…), adesso si scandalizzano perché anziché darle rischiano di prenderle.
In sostanza, gli euro-atlantisti adesso si indignano per un “atto ostile” della Russia nei confronti dell’Europa ma che altro non è che un avvertimento che dovrebbero prendere in seria considerazione, giacché, in sostanza, significa “non fare agli altri ciò che non vorresti che gli altri facessero a te”.
Tuttavia, per gli euro-atlantisti prima di tutto conta obbedire al padrone d’oltreoceano, anche perché sono persuasi che, comunque vada, le conseguenze della loro insipienza (geo)politica non saranno loro a pagarle. Il che però non è affatto così scontato come pensano individui ridicoli che, sebbene ricoprano incarichi politici importanti, forse non sanno nemmeno con quali Paesi confina la Russia (o la Cina), per non parlare della storia della Russia (o della Cina).
Eppure è proprio la storia che dovrebbe insegnare che ogni volta che gli europei hanno sottovalutato la potenza e le capacità della Russia hanno fatto una brutta fine, benché si debba riconoscere pure che “quos Deus perdere vult, dementat prius”.
C’è speranza per tutti, di Andrea Zhok.
E’ arrivato il quarto d’ora di celebrità anche per David Sassoli.
Non gli dev’esser parso vero di ritrovarsi nella lista delle personalità cui Putin ha vietato l’ingresso in Russia.
<<Ma allora sono una personalità!>>
<<Se mi cacciano, vuol dire che esisto!>>
Si inaugura così la prima variante europeista del cogito cartesiano:
“Vetor ergo sum”
(Vengo interdetto, dunque esisto)
Cercando di battere il ferro finché è caldo, l’ex conduttore televisivo, nonché ex trombato alle elezioni comunali di Roma si è poi lanciato in un fiero “Le minacce non ci zittiranno!” che lascia trasparire il proverbiale coraggio civile che ne ha animato l’intera carriera.
Il Sassoli già si vede effigiato nell’autobiografia di prossima uscita – con prefazione di Paolo Mieli:
“Quella volta in cui Putin voleva farci tacere!”
Il momento di gloria si chiude con una citazione di Tolstoj prelevata di peso da Wikipedia: “Non c’è grandezza senza verità”.
Ecco, a proposito di verità.
Sassoli ha omesso di ricordare che, come precisato dal corpo diplomatico russo, il divieto d’accesso alla Federazione Russa è semplicemente una risposta all’analoga sanzione promossa dall’UE nei confronti di sei personalità russe il 22 marzo scorso.
Sempre a proposito di verità, Sassoli ha omesso anche di ricordare che queste sanzioni UE seguivano una sequela di sanzioni unilaterali europee a partire dal 2014, promosse a sostegno del governo ucraino nel contenzioso con la Russia sulla Crimea, e poi reiterate e ampliate in innumerevoli altre occasioni (caso Skrypal, incidente di Kerch, caso Navalny, ecc.) fino a coinvolgere 177 cittadini e 48 enti giuridici russi.
Le sanzioni includono oltre alle misure restrittive individuali (congelamento dei beni e restrizioni di viaggio), svariate sanzioni economiche (limitazione all’accesso ai mercati dei capitali primari e secondari dell’UE da parte di banche e società russe, divieti di esportazione e di importazione, limitazioni all’accesso russo a servizi e tecnologie utilizzati per la produzione e la prospezione del petrolio, ecc.)
Ecco, a ben pensare una cosa non si può negare: il Presidente del Parlamento Europeo ha tutti i titoli per esprimersi con competenza sul detto “Non c’è grandezza, senza verità”.

Stati Uniti, enigmi strategici_conversazione con Gianfranco Campa

Biden ha annunciato il ritiro delle truppe statunitensi dall’Afghanistan dopo vent’anni di ostilità. Trump cacciato dalla porta, ma che entra dalla finestra. Per un fronte che dovrebbe chiudersi, se ne riaprono almeno due ancora più pericolosi. Intanto opzioni che durante la guerra fredda erano un tabù, strumenti di deterrenza con un semplice tweet appaiono ora fruibili con agghiacciante indifferenza. Ma negli States chi detiene il controllo delle leve?Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/vg2nxl-stati-uniti-enigmi-strategici-conversazione-con-gianfranco-campa.html

GLI USA E LE ORECCHIE DA MERCANTE, di Antonio de Martini

Al breve ma ficcante testo di Antonio de Martini segue la recente dichiarazione dei Ministri degli Esteri del G7, durissima, sia nella forma che nei contenuti, nei confronti della Russia. A questo punto la battuta dal senno uscita di Biden riguardante l’indole assassina di Putin non si può ritenere più una uscita così estemporanea e incontrollata. La Russia non è più considerata una mediatrice nel conflitto civile interno all’Ucraina, ma parte in causa e unica responsabile della situazione di destabilizzazione di quel paese. I nostri dimenticano bellamente il loro contributo in armi e denari offerto al colpo di mano, un vero e proprio colpo di stato, di piazza Majdan con il quale si è rovesciato il vecchio regime con l’attuale; come pure rimuovono senza ritegno gli impegni a garantire la neutralità di quel paese  e il rispetto della condizione e della identità della parte russa di quella popolazione; glissano sul fatto che buona parte del ceto politico emerso con quel colpo di mano abbia poco a che fare con quel paese e che il tanto vantato sostegno economico occidentale ha in realtà portato alla rovina e alla depressione un paese uscito malconcio dall’esperienza sovietica; denuncia l’interventismo russo senza accennare ai preparativi militari ucraini, sostenuti dai rifornimenti occidentali, di una offensiva mirante alla rioccupazione del Donbass. L’accordo di Minsk non è stato promosso da “mediatori”, ma è stato concordato, sottoscritto e gestito da tutte le parti in causa del conflitto, comprese Francia, Germania e Polonia, tranne che paradossalmente dal convitato di pietra, gli Stati Uniti. Il paese che, attraverso suoi uomini politici di primo piano, di affari e diplomatici ha avuto modo di occuparsi persino degli affari domestici quotidiani di quel ormai disgraziato paese; esattamente come successo nella Russia di Eltsin. Un documento che sembra costruito a posta per tagliare ogni ponte con la Russia. L’Ucraina è una trappola. Apparentemente per la sola Russia; in realtà lo potrà diventare strategicamente per gli Stati Uniti, perché rischia di rafforzare il sodalizio sino-russo sempre che col tempo non maturi un al momento improbabile patto di spartizione sino-americano della Siberia.
Si sa che il confronto politico e geopolitico avviene tra centri decisionali, gruppi e schieramenti di stati e interni agli stati stessi. Siamo però al limite della fantapolitica, visto il contesto caotico della realtà politica americana. Lo è nell’immediato per i paesi europei, in particolare la Francia e la Germania, destinati a sobbarcarsi i principali oneri politici, economici e militari di tale confronto e a rinunciare ad un qualsiasi ruolo autonomo costruttivo sia nei confronti della Russia che soprattutto nel Mediterraneo. Non è da escludere che sia proprio questo il principale obbiettivo del restaurato, anche se malconcio, vecchio establishment americano: l’offerta di un mercimonio fatale in cambio magari di un qualche sostegno ingannevole alle ambizioni franco-tedesche nell’Africa Sub-sahariana_Giuseppe Germinario
GLI USA E LE ORECCHIE DA MERCANTE, di Antonio de Martini
L’Associated Press ha lanciato la notizia che il governo iracheno ha chiesto all’amministrazione Biden di fissare una data per riprendere i negoziati per l’evacuazione delle truppe USA dal paese.
Il negoziato, iniziato poco dopo l’attentato al generale iraniano kassem Soleimani, e a seguito di una mozione approvata dal parlamento, ha avuto una battuta d’arresto con le elezioni presidenziali americane e il cambio di governo in Irak.
Le prime due tornate di colloqui si erano tenute con l’amministrazione Trump a giugno e agosto 2020.
La terza viene richiesta adesso anche se gli USA speravano che il nuovo primo ministro iracheno Mustafa al-Kadhimi, avrebbe soprasseduto.
Evidentemente anche lui tiene alla Patria o alla pelle.
Con questa richiesta di evacuazione dall’Irak, l’impegno USA a evacuare l’Afganistan entro il 1 maggio p. v. e le difficili relazioni con la Turchia, si completa la dissoluzione dell’accerchiamento strategico dell’Iran e rende piu difficile il mantenimento delle sanzioni agli Ayatollah.
Se a questa situazione si aggiunge una recente presa di posizione del New York Times che atttribuisce la mancata, finora, evacuazione dell’Afganistan al rifiuto dei signori dello State Department di riconoscere i loro errori, il quadro è completo.
Entro breve, ce lo dice il generale Mario Arpino ( classe 1937) su @Formiche, ci sarà l’assessment strategico NATO e UE, con l’Italia che chiede attenzione al fronte sud – dove anche la Turchia è in forse- invece che alle isterie antirusse delle repubbliche baltiche.
Restiamo in vigile attesa, sicuri come siamo che la Tachipirina non sia sufficiente a calmare la febbre dell’area.
Dichiarazione dei Ministri degli Esteri del G7 sull’Ucraina, a cura di Ennio Bordato
I ministri degli esteri del G7 sono uniti nel condannare le continue azioni della Russia per minare la sovranità, l’integrità territoriale e l’indipendenza dell’Ucraina.
Noi, Ministri degli Esteri di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti d’America e l’Alto rappresentante dell’Unione Europea, condanniamo all’unanimità le continue azioni della Russia volte a minare la sovranità, l’integrità territoriale e l’indipendenza dell’Ucraina.
Oggi, sette anni dopo l’annessione illegittima e illegale da parte della Russia della Repubblica Autonoma di Crimea e della città di Sebastopoli, riaffermiamo il nostro incrollabile sostegno e impegno per l’indipendenza, la sovranità e l’integrità del territorio dell’Ucraina entro i suoi confini internazionalmente riconosciuti.
La Carta delle Nazioni Unite, gli Accordi di Helsinki e la Carta di Parigi stabiliscono chiaramente i principi fondamentali riguardanti il ​​rispetto dell’integrità territoriale degli Stati, qualunque essi siano, e il divieto dell’uso della forza per cambiare i confini. Usando la forza contro l’integrità territoriale dell’Ucraina, la Russia ha apertamente violato il diritto internazionale e violato questi principi.
Denunciamo inequivocabilmente l’occupazione temporanea della Repubblica Autonoma di Crimea e della città di Sebastopoli da parte della Russia. I tentativi della Russia di legittimare tale occupazione non sono e non saranno riconosciuti. Condanniamo le violazioni dei diritti umani commesse dalla Russia nella penisola, in particolare contro i Tartari di Crimea. Chiediamo alla Russia di rispettare i suoi obblighi internazionali, di consentire l’accesso agli osservatori internazionali e di rilasciare immediatamente tutti coloro che sono stati ingiustamente detenuti. Accogliamo con favore, in linea di principio, l’iniziativa ucraina di istituire una piattaforma internazionale sulla Crimea al fine di consolidare gli sforzi della comunità internazionale al riguardo.
Inoltre, ci opponiamo fermamente alla continua destabilizzazione dell’Ucraina da parte della Russia, e in particolare alle azioni che quest’ultima sta intraprendendo in alcune aree delle regioni del Donetsk e Lugansk, a dispetto degli impegni assunti nel quadro degli Accordi di Minsk.
L’avvento della pace richiede la piena attuazione degli accordi di Minsk. La Russia è una parte nel conflitto nell’Ucraina orientale e non un mediatore. Accogliamo con favore il rinnovo del cessate il fuoco attuato il 27 luglio, che ha ridotto in modo significativo la violenza nella zona di conflitto. Tuttavia, il conflitto continua a mietere vittime e a causare gravi danni alle infrastrutture strategiche. Deploriamo la recente escalation militare sulla linea di contatto da parte di gruppi armati sostenuti dalla Russia. Chiediamo alla Federazione Russa di smettere di alimentare il conflitto fornendo sostegno militare e finanziario ai gruppi armati nell’Ucraina orientale e concedendo la cittadinanza russa a centinaia di migliaia di cittadini ucraini, e di garantire invece che i passi compiuti di recente dall’Ucraina allo scopo di aiutare a migliorare la vita delle persone su entrambi i lati della linea di contatto diventino reciproci. Riaffermiamo l’importanza di rispettare il cessate il fuoco, che è fondamentale per qualsiasi progresso verso una risoluzione pacifica del conflitto.
Accogliamo con favore gli instancabili sforzi della Germania e della Francia nell’ambito del Formato Normandia per risolvere il conflitto attraverso i canali diplomatici e riaffermiamo la nostra disponibilità a continuare a sostenere questi sforzi. Chiediamo a tutte le parti di attuare pienamente gli Accordi di Minsk e sottolineare la responsabilità della Russia di impegnarsi in modo costruttivo nel Formato Normandia e nel Gruppo di contatto trilaterale al fine di raggiungere una soluzione politica e giusta del conflitto.
Il G7 resta pienamente impegnato nell’attuazione delle sanzioni e sarà al fianco dell’Ucraina per difendere la sua indipendenza, sovranità e integrità territoriale entro i suoi confini internazionalmente riconosciuti. La Crimea è l’Ucraina.
1 2 3 7