Il salario della paura, di AURELIEN

Il salario della paura

Le cose si faranno presto sudate.

Vi ricordo che questi saggi saranno sempre gratuiti, ma potete comunque sostenere il mio lavoro mettendo like e commentando e, soprattutto, trasmettendo i saggi ad altri e i link ad altri siti che frequentate. Ho anche creato una pagina Buy Me A Coffee, che potete trovare qui.☕️

E grazie ancora a coloro che continuano a fornire traduzioni. Le versioni in spagnolo sono disponibili qui, e alcune versioni italiane dei miei saggi sono disponibili qui. Anche Marco Zeloni sta pubblicando alcune traduzioni in italiano e ha creato un sito web dedicato a queste traduzioni. Grazie anche ad altri che pubblicano occasionalmente traduzioni in altre lingue.

Ora, allora.

Come accade per la maggior parte delle crisi, è possibile tracciare la progressione della risposta occidentale alla crisi ucraina attraverso una serie di fasi emotive distinte. Dalla fine del 2021, siamo passati attraverso l’indifferenza arrogante, l’incredulità e la negazione, la superiorità compiaciuta, l’odio cieco e l’impulso allo sterminio, seguiti dal panico crescente e ora da qualcosa che si avvicina alla paura.

È curioso che, mentre l’effetto della contingenza e delle emozioni sulla storia è ben compreso da biografi e storici, sia spesso assente dagli scritti di scienza politica, sia che si tratti di testi profondamente teorici, sia che si tratti di articoli su Internet di qualche pensatore di passaggio. Il punto, suppongo, è che è molto difficile sviluppare teorie generali sulle Relazioni Internazionali – anche quelle rozze come il Realismo – se si ammette che gran parte del sistema internazionale funziona in realtà attraverso la confusione, la relativa ignoranza e l’emozione. E senza teorie generali, alcuni metterebbero in dubbio l’utilità di avere Dipartimenti di Relazioni Internazionali.

Ora, quando in passato ho cercato di dare un’idea della complessità e della confusione che caratterizzano gran parte della politica internazionale, alcuni hanno obiettato. Essi presumono, o almeno trovano confortante presumere, che nelle crisi vi siano schemi profondi, strategie a lungo termine e obiettivi chiari, e mai come nel caos apparentemente inspiegabile dell’Ucraina.

Non ho intenzione di discutere nuovamente questo punto in questa sede. Ripeterò semplicemente che, sebbene sia molto comune per i Paesi e persino per i gruppi di Paesi avere politiche ragionevolmente coerenti per periodi di tempo, raramente ciò viene deliberatamente pianificato in anticipo, e certamente non nei dettagli. La coerenza è in parte dovuta alla pura inerzia: una volta che le politiche su un certo argomento sono state concordate e sono in corso, continueranno a non essere modificate, a meno che non si faccia uno sforzo deliberato per cambiarle, sforzo che spesso non vale la pena di fare. Allo stesso modo, le politiche che derivano da criteri oggettivi – in particolare la geografia – tendono a essere ragionevolmente stabili nel corso del tempo. Ancora, le politiche multilaterali sono spesso molto difficili da concordare tra Stati con interessi diversi e quindi, una volta raggiunto un compromesso di qualsiasi tipo, esso tenderà a rimanere, perché almeno è qualcosa su cui si è trovato un accordo. Infine, le politiche hanno l’abitudine di acquisire slancio con l’età: una nuova generazione di decisori politici riprenderà le politiche del passato, spesso in forma volgarizzata, perché fanno parte dell’arredamento politico ereditato.

Così è stato per la Russia. Per cominciare, i leader occidentali avevano già attraversato una successione di fasi emotive dal 1988 al 1995 circa. La prima è stata quella dell’incredulità e della negazione, condannando chiunque credesse che in Russia fossero in corso dei veri cambiamenti come un agente di Mosca e un “gorbymaniaco”. Poi c’è stata una sorta di stordimento, di stupore catatonico per il crollo del Patto di Varsavia e dell’Unione Sovietica, seguito da un periodo di superficiale trionfalismo che ricorda i sostenitori di una squadra di calcio vincente dopo un rigore. In nessun momento queste reazioni emotive sono state sostenute da un’analisi seria o da seri tentativi di comprensione. Con l’Europa ossessionata dalla propria “costruzione” post-Maastricht, con i Balcani e i cambiamenti politici nell’Europa dell’Est, la Russia è stata considerata come “risolta”: uno Stato in declino ora dipendente dall’Occidente. Quando potevamo, le dedicavamo un po’ di tempo, tra cose più eccitanti.

Da tempo sostengo, e credo sia vero, che alla fine degli anni Novanta si è persa un’enorme opportunità di portare la Russia e l’Occidente in una sorta di relazione produttiva, o almeno reciprocamente non minacciosa, e l’incapacità di farlo è probabilmente il più grande fallimento di politica estera dal 1945. Ciononostante, bisogna chiedersi se un tale risultato fosse praticamente possibile, e sono propenso a pensare che non lo fosse. Sebbene l’attuale situazione disastrosa non fosse inevitabile, e persino l’inasprimento delle relazioni dopo il 2014 avrebbe potuto essere evitato o mitigato con un po’ di riflessione e di impegno, la situazione politica, geografica, economica e di sicurezza sottostante al 1991 era semplicemente così complessa che i più grandi statisti della storia del mondo avrebbero avuto difficoltà a gestirla, per non parlare del modesto insieme di talenti di cui disponevamo.

Le idee che circolavano all’epoca erano tante (la sostituzione della NATO con l’OSCE era la preferita), ma tutte avevano in comune il fatto che nessuno riusciva a spiegare come avrebbero funzionato nella pratica. Non si trattava solo di disunione all’interno della NATO, ma anche di forze potenti, ma non incontrastate, negli Stati dell’ex Patto di Varsavia che vedevano l’unica salvezza possibile per i loro Paesi in un rapporto più stretto con l’UE e forse anche con la NATO. C’era la vertiginosa geometria dei problemi derivanti dalla fine dell’Unione Sovietica e dalla sua sostituzione con una serie di Stati improvvisamente indipendenti, dall’implosione della Russia stessa e dalle complicate relazioni storiche e di sicurezza delle nazioni dell’ex Patto di Varsavia con il loro defunto patrono e tra loro. Forse c’era un percorso attraverso tutto questo, ma devo ammettere che non riuscivo a vederlo all’epoca e non sono sicuro di riuscire a vederlo ora. Non sono mai riuscito a capire su quali basi pratiche si potesse costruire un ordine del genere e non mi sono mai imbattuto in una proposta che sembrasse funzionare. C’erano meno esiti negativi rispetto al disastro attuale, ma nessuno oggettivamente eccellente, e le ragioni di ciò, ancora una volta, hanno poco a che fare con i freddi calcoli strategici e molto a che fare con le emozioni.

Poiché questo saggio riguarda in gran parte l’Occidente, è ragionevole iniziare dicendo che il vero danno è stato fatto alla fine degli anni Novanta, durante la fase di arrogante rifiuto della Russia di avere una qualche importanza. Per molti versi si è trattato di una reazione prevedibile all’eccessiva concentrazione sull’Unione Sovietica e alla genuina paura della potenza militare sovietica che hanno caratterizzato la Guerra Fredda. In un certo senso, la caduta dell’Unione Sovietica ha provocato il superamento di un terribile stato di incertezza e di ansia e ha prodotto nelle capitali occidentali una sorta di atmosfera maniacale di vacanza, mista alla convinzione di aver vinto qualcosa, anche se non si sapeva bene cosa. Tutte quelle sciocchezze su un mondo unipolare hanno in realtà convinto alcuni decisori e opinionisti che l’Occidente potesse davvero fare tutto ciò che voleva e che la realtà si sarebbe piegata ai suoi desideri. Le delusioni in serie in tutto il mondo che ne sono seguite, per quanto siano state pubblicamente fatte sparire, si sono incancrenite sotto la superficie e alla fine hanno contribuito all’isteria sull’Ucraina.(Non perderemo questa occasione!).

Ma questa era solo una parte del quadro. Ho già accennato al nervosismo di molti Paesi europei di fronte alla possibilità di una Germania unificata non più legata alla NATO, ma in realtà l’intero continente europeo era dilaniato da rivalità, gelosie, risentimenti, litigi dimenticati, odi omicidi, storie contestate e ricordi contrastanti di conflitti insanguinati. Lo storico Marc Ferro ha sottolineato molto tempo fa l’enorme effetto pratico che una sola emozione – il risentimento – ha avuto sulla storia. Il problema, ovviamente, è che mentre ci aggrappiamo ai nostri risentimenti nei confronti di altri Paesi, sminuiamo sistematicamente i loro sentimenti di risentimento (o qualsiasi altra emozione negativa) nei nostri confronti. Quanto più grande e potente è il Paese, tanto più questi schemi di pensiero sono radicati e difficili da modificare: la vecchia Unione Sovietica, ad esempio, era semplicemente incapace di capire che la sua enorme potenza militare spaventava davvero i suoi vicini, e questo era uno dei tanti, tantissimi fattori che avrebbero complicato qualsiasi tentativo di costruire un nuovo ordine di sicurezza europeo.

In effetti, tra tutte le emozioni che hanno causato problemi nella storia, la più grande è la paura. Come spiegazione dell’azione storica è presente da molto tempo: tutti ricordano l’affermazione di Tucidide secondo cui la Guerra del Peloponneso iniziò come risultato del crescente potere di Atene e della paura che questo produsse a Sparta. Quando oggi si riconosce che la paura è un fattore, però, di solito si glissa con parole come “esagerata”, “eccessiva”, “fuori luogo” o “irrazionale”, e spesso si suggerisce che le paure siano state “alimentate” o “fomentate”, o qualche altra metafora fisica da governi senza scrupoli per mobilitare l’opinione pubblica. Senza dubbio questo è vero in alcuni casi.

Eppure, anche una minima conoscenza delle crisi storiche reali dimostra che queste sono sorte, e le guerre sono scoppiate, più per la paura che per qualsiasi altra ragione. Gli storici (e soprattutto gli storici economici) si sono sforzati di inquadrare gli eventi del 1914 in una cornice di competizione economica, e senza dubbio questo è stato un fattore secondario. Ma in realtà tutte le grandi potenze erano spaventate da qualcosa. La Germania temeva una guerra su due fronti, la Francia temeva l’invasione di una Germania più potente, l’Austria-Ungheria e la Russia temevano le forze centrifughe nei loro imperi, la Russia temeva ancora una volta un’invasione dall’Occidente, persino i britannici, nel loro modo sobrio, temevano il controllo tedesco dei porti della Manica. Il problema della paura è che è intrinsecamente destabilizzante. Se temo che voi possiate attaccare, anche senza prove dirette, posso decidere che è troppo rischioso fidarsi di voi, quindi mi preparo al conflitto. Ma se mi preparo a un conflitto, perché temo che tu possa attaccare, perché non ti attacco prima? E perché non l’anno prossimo? Anzi, perché non la prossima settimana o addirittura domani? A questo punto, è inutile discutere se i russi avrebbero dovuto “davvero” avere paura delle politiche occidentali in Ucraina negli ultimi tempi. Lo erano, e questo è quanto.

E queste paure hanno una lunga storia. Tranquillamente dimenticata, se non dagli specialisti, è la paura nevrotica a tutti i livelli della società europea dopo il 1918 che negli anni Trenta o Quaranta si sarebbe ripetuta la Prima guerra mondiale e che questa volta l’Europa non sarebbe sopravvissuta. Questo timore era del tutto ragionevole, poiché le tensioni di fondo di quella guerra (in particolare tra Francia e Germania) non erano scomparse e una Germania sempre più forte avrebbe un giorno, sotto una qualche leadership, chiesto minacciosamente una revisione del Trattato di Versailles. Allo stesso modo, la moltiplicazione di nuovi Stati dopo il 1919 aveva causato nuovi problemi senza risolvere quelli vecchi. A ciò si aggiunse la nuova paura popolare dei bombardamenti aerei e dell’uso del gas velenoso come arma. Si prevedeva che la prossima guerra sarebbe iniziata con un attacco aereo totale, con la riduzione in macerie della maggior parte delle città europee e milioni di morti nella prima settimana. (Mia madre, allora adolescente, portò una maschera antigas al lavoro ogni giorno per mesi nel 1939). Chi mai avrebbe voluto una guerra del genere? Quale giustificazione potrebbe esserci per infliggere una tale sofferenza? Il desiderio nevrotico di evitare la guerra a qualsiasi costo (e quanto ci sentiamo compiaciuti di essere superiori a quella generazione!) portò alla politica di non intervento in Spagna e al tentativo fallito di usare il riarmo per costringere la Germania ad accettare una soluzione pacifica al problema dei Sudeti.

Condannata, perché anche i tedeschi avevano paura. La costruzione postbellica della Germania come Stato potente, aggressivo e sicuro di sé non era come Berlino vedeva le cose all’epoca. Alla tradizionale paura dell’accerchiamento da parte di Francia e Russia e dello strangolamento economico da parte della Gran Bretagna, si aggiungeva ora la visione del mondo paranoica, quasi isterica, dei nazisti, che prendevano sul serio le idee pseudoscientifiche dell’epoca sulla lotta per l’esistenza e sul probabile sterminio delle razze più deboli. Gli storici hanno cercato di costruire una visione del mondo nazista sostitutiva, diversa e meno spaventosa di quella che avevano in realtà, ma, per quanto sia difficile da credere, non c’è dubbio che essi vedessero davvero la razza ariana come minacciata di sterminio totale dai suoi nemici razziali, a meno che non riuscissero a sterminare loro per primi. E sebbene la Germania non sarebbe stata militarmente pronta per la guerra, secondo i generali, fino al 1942/43, la paura li portò ad attaccare comunque. Più aspettavano, peggio sarebbe stato.

Possiamo davvero immaginare, oggi, come dovevano sentirsi i decisori della fine degli anni ’40 dopo tutto questo? Dopo due guerre apocalitticamente distruttive in cui molti di loro avevano combattuto, dopo le prigioni e i campi di concentramento da cui alcuni di loro erano tornati, dopo gli spostamenti forzati di massa delle popolazioni, la ridefinizione forzata dei confini e la comparsa di milioni di truppe straniere sul suolo europeo, dopo rivoluzioni, controrivoluzioni, massacri senza numero, guerre quasi civili in Europa occidentale e una vera e propria guerra civile in Grecia, l’Europa era esausta e distrutta psicologicamente quanto devastata fisicamente. E adesso?

In primo luogo, e ovviamente, la paura che la situazione peggiorasse e che l’Europa si sfaldasse, magari in una massa di staterelli etnici in lotta tra loro. I leader politici di allora, che avevano vissuto eventi che i lettori sensibili non permetteranno più di leggere nei libri di storia, erano tutt’altro che perfetti, ma almeno erano adulti, rispetto ai bambini che comandano oggi. Sono riusciti, con un piccolo aiuto da parte degli Stati Uniti, a ricostruire l’Europa dal punto di vista economico, un po’ alla volta, e le forti società civili nella maggior parte degli Stati europei hanno facilitato il ritorno a qualcosa di simile alla politica normale. Ma c’era un problema enorme: l’Unione Sovietica.

Come spesso accade con la paura, la paura era più della propria debolezza che della forza degli altri. Alla fine degli anni Quaranta, l’Europa era di fatto disarmata. Le uniche due potenze militari di rilievo, Francia e Gran Bretagna, erano impegnate all’estero. Gli eserciti europei esistenti alla fine della guerra erano stati praticamente smobilitati e le massicce forze statunitensi erano in gran parte tornate a casa. Questo avrebbe avuto meno importanza se non fosse stato per gli effetti ineluttabili della geografia, che poneva milioni di truppe sovietiche a poche centinaia di chilometri dalle capitali occidentali. È vero che si trattava di truppe di occupazione e che la loro presenza era vista da Mosca come strategicamente difensiva. È vero che i comandanti occidentali non si aspettavano un attacco da quella direzione, anche se, come si disse all’epoca, l’Armata Rossa avrebbe potuto in pratica “camminare fino a Calais” e nessuno avrebbe potuto fermarla.

Ma l’ampia letteratura polemica su chi sia stata la colpa dell’inizio della guerra fredda non coglie il punto. L’Europa era spaventata dalla propria debolezza e sul punto di crollare. Anche una grave crisi politica con l’Unione Sovietica, le cui paure l’avevano spinta a occupare tutto il territorio possibile a ovest dei suoi confini, avrebbe potuto metterla fine. L’Europa era comunque divisa tra vincitori e vinti, occupanti e occupati, chi aveva combattuto e chi era rimasto neutrale, e la maggior parte dei Paesi europei era altrettanto divisa al suo interno. Il timore che i grandi partiti comunisti francese e italiano, forti del prestigio acquisito negli anni della Resistenza, potessero scatenare guerre civili di stampo spagnolo nei loro Paesi era forse “esagerato” (qualunque cosa significhi), ma non irrazionale. Parti del Partito Comunista Francese erano state dissuase solo con difficoltà proprio da questo obiettivo dall’emissario di De Gaulle, il martire della Resistenza Jean Moulin. Alla fine, l’abituale cautela di Stalin e la sua determinazione a non creare Stati “socialisti” al di fuori del suo diretto controllo ebbero la meglio. Ma questo è solo il senno di poi.

Ma queste paure non portarono al “gallinismo senza testa”. I decisori dell’epoca erano sufficientemente razionali da capire che erano molto più a rischio con l’intimidazione che con l’uso della forza bruta. Speravano quindi di stabilizzare la situazione utilizzando gli Stati Uniti come contrappeso e coinvolgendoli nelle questioni di sicurezza europee quel tanto che bastava per far riflettere i russi. Il Trattato di Washington che ne risultò, inferiore alle aspettative degli europei e privo di una componente militare, sembrò comunque fornire un certo grado di conforto. D’ora in poi, si pensava, Stalin avrebbe dovuto fare i conti con la reazione degli Stati Uniti in ogni crisi che si fosse presentata in Europa. Se non fosse scoppiata la guerra di Corea, se i leader europei (e statunitensi) non avessero temuto che fosse solo il preludio di un’aggressione all’Occidente, se la NATO non fosse stata militarizzata in previsione di un attacco imminente, se l’Unione Sovietica non avesse considerato quell’atto come potenzialmente aggressivo… beh, il mondo di oggi sarebbe molto diverso.

Ma la paura reciproca, molto più che le semplici differenze ideologiche, era alla base delle surreali incomprensioni che hanno strutturato la Guerra Fredda, come ho sottolineato altrove. Non lo ripeterò in questa sede, se non per sottolineare quanto sia stato centrale il ruolo della paura in quel periodo, al punto da sopraffare qualsiasi giudizio razionale. Per me rimane un mistero come le unità del Gruppo di forze sovietiche in Germania abbiano potuto muoversi con poche ore di preavviso per far fronte a un attacco della NATO, quando i competenti servizi segreti militari sovietici sapevano benissimo che la NATO non aveva piani di questo tipo, né tantomeno le capacità necessarie. In parte, naturalmente, si trattava della dottrina militare marxista-leninista, secondo la quale l’Occidente capitalista avrebbe sferrato un attacco finale apocalittico nel disperato tentativo di impedire il trionfo del comunismo. Ma soprattutto, credo, era la paura: supponiamo di sbagliarci? Supponiamo che abbiano piani e armi segrete di cui non siamo a conoscenza? Dopo tutto, ci siamo sbagliati nel 1941. Non possiamo essere troppo prudenti.

La paura era il filo conduttore della politica della Guerra Fredda, ma non necessariamente in modo evidente. Una delle caratteristiche più distintive della NATO, curiosamente, era la scarsa fiducia che ogni nazione europea riponeva negli Stati Uniti. Ma questo non coincideva con il timore della lobby pacifista che gli Stati Uniti potessero scatenare per negligenza la Terza Guerra Mondiale: era quasi il contrario. Il timore più comune, infatti, era che gli Stati Uniti, in uno dei loro periodici litigi con l’Unione Sovietica, portassero l’Occidente in una situazione di crisi, dopodiché avrebbero concluso un accordo bilaterale con l’Unione Sovietica e se ne sarebbero andati, lasciando l’Europa in balia di se stessa. La proprietà statunitense del sistema di comando militare significava che, per una questione tecnica, sarebbe stato di fatto impossibile per gli Stati europei continuare a combattere se gli USA avessero deciso di portare a casa la palla. Il timore che ciò potesse accadere fu alla base dello stazionamento delle forze statunitensi il più avanti possibile, in modo che fossero tra i primi a morire.

Fu proprio Suez a far capire agli europei, e in particolare agli inglesi e ai francesi, che non avrebbero potuto contare sul sostegno degli Stati Uniti in una futura crisi. Per i francesi, ciò fu aggravato dalla mancanza di sostegno da parte degli Stati Uniti (e della NATO) alla loro campagna in Algeria dove, secondo la quasi totalità della classe politica francese, stavano difendendo il territorio francese dagli insorti di matrice sovietica. Suez accelerò i preparativi dei francesi per una capacità di difesa puramente nazionale, basata sulle armi nucleari allora in fase di sviluppo e sul recupero del comando nazionale delle forze. Da quel momento in poi, coltivarono un rapporto pragmatico ma comunque indipendente con gli Stati Uniti, basato sull’interesse nazionale, ma anche sul tentativo di evitare, per quanto possibile, di dipendere dagli Stati Uniti per qualsiasi aspetto critico. Anche i britannici temevano di essere abbandonati dagli Stati Uniti, ma la loro risposta è stata opposta: inserirsi così profondamente nel sistema statunitense che gli americani non avrebbero fatto nulla senza consultarli. Anche in questo caso, chiedersi se queste paure fossero “eccessive” è una domanda inutile e senza risposta: si trattava di paure realmente sentite che derivavano in ultima analisi dalla determinazione a non essere mai più abbandonati, come ciascuno riteneva di essere stato, nell’estate del 1940.

Sarà ormai ovvio che molte di queste paure storiche, a lungo slegate dal loro contesto originario, sono in gioco nelle reazioni occidentali alla crisi ucraina, e ne parlerò più approfonditamente tra poco. Ma la paura non è l’unica emozione coinvolta, e una delle chiavi per comprendere le reazioni europee alla crisi (meno quelle statunitensi, forse) è che le leadership europee sono in realtà vittime di interi flussi di emozioni inconsce, spesso in contraddizione tra loro. E sappiamo dagli studi psicologici che l’inconscio non ha il senso del tempo: le emozioni che avevamo da bambini sono potenti oggi come allora. Non è nemmeno necessario che siano basate su eventi reali che ci sono accaduti; possono provenire da libri o film che abbiamo visto, o semplicemente dalla nostra immaginazione..,

Come ho già sottolineato, la risposta alla fine della Guerra Fredda e al venir meno della minaccia di annientamento nucleare è stata, dapprima, un’incredulità frastornante e uno stato di shock, poi una sorta di trionfalismo maniacale che è durato fino al secolo attuale. In una delle più curiose contorsioni intellettuali dei tempi moderni, le politiche economiche inflitte alla nuova Russia negli anni ’90, che hanno quasi distrutto il Paese, sono state elogiate in pubblico come le stesse politiche economiche che avevano “vinto” la Guerra Fredda per l’Occidente. Ma tra le tante emozioni scatenate dalla fine della Guerra Fredda c’erano anche la rabbia e la vendetta, il desiderio di vendetta e di distruzione. Il testosterone accumulato per decenni nelle capitali occidentali non poteva essere scaricato in modo soddisfacente nelle guerre su piccola scala della generazione successiva, e rimaneva molta aggressività repressa: psicologicamente, credo, c’era persino chi in Occidente vedeva di buon occhio almeno un conflitto politico con la Russia, in modo che questa aggressività accumulata potesse andare da qualche parte.

Sebbene la tempistica sia stata in gran parte casuale, la fine della Guerra Fredda ha visto anche la creazione delle Unioni politiche e monetarie europee e la preparazione dell’Euro come moneta unica. Queste iniziative volte a centralizzare il più possibile il potere in organizzazioni sovranazionali erano guidate da un’ideologia che era essa stessa, almeno in parte, una reazione emotiva contro il sanguinoso passato dell’Europa. Sebbene la Gran Bretagna sia stata membro dell’UE per più di vent’anni, i politici e gli opinionisti anglosassoni non hanno mai capito veramente cosa fosse l’ideologia di Bruxelles e Maastricht, e nemmeno che fosse un’ideologia. Ne ho parlato in un saggio subito dopo l’inizio del conflitto e non lo ripeterò qui. È sufficiente dire che si tratta di un’ideologia che vede i fondamenti della società europea – la nazione, la cultura, la lingua, la storia, la religione – come cause di conflitto e come elementi da controllare e addomesticare, in modo che non possano nuocere. La “libera circolazione delle persone” e il diritto dei non cittadini di votare in alcune elezioni rompono il legame storico tra il cittadino e il suo governo, e la creazione di una classe politica europea indistinguibile significa che le elezioni nazionali fanno comunque poca differenza. L’ideologia è una forma di liberalismo d’élite, i cui guardiani, simili a Platone, garantiranno che noi gente comune, da cui non ci si può aspettare che capisca cose complesse, abbiamo qualcuno che prenda decisioni per noi.

Come ho spesso sottolineato, il liberalismo è una filosofia universalizzante, e la sua furia trionfale attraverso i Paesi dell’Europa orientale ha prodotto un sentimento di invincibilità e inviolabilità a Bruxelles, mentre un Paese dopo l’altro si avviava lungo quella che sembrava essere una strada storicamente predestinata. Tranne la Russia: ma fino a una decina di anni fa la Russia poteva essere trattata con disprezzo. Era una nazione economicamente e socialmente arretrata, debole e in declino, proprio come la Cina del XIX secolo.

Quindi, una componente emotiva importante dell’atteggiamento emotivo europeo nei confronti della Russia è la rabbia e la delusione nei confronti di un Paese che sembra ostacolare il progresso e la storia, un Paese che ancora, incredibilmente, dà valore a cose come la storia, l’identità, la cultura, la lingua, la religione e tutte queste altre reliquie del passato che, quando sono state sfruttate da politici estremisti, hanno causato tutte queste guerre e queste sofferenze (ehm, torneremo su questo dettaglio).) In Russia, i leader europei non vedono solo i fantomatici fantasmi del loro oscuro passato, ma vedono un’anti-Europa, una sorta di ombra junghiana di tutto ciò che più temono e rifiutano.

Non sorprende quindi che gli atteggiamenti europei nei confronti della Russia siano stati complessi e contraddittori, costruiti come sono su serie contrastanti di emozioni ricordate a metà da diversi momenti storici e sovrapposte in modo scomodo l’una all’altra. Questo forse spiega l’ovvio enigma: come può la Russia essere allo stesso tempo ridicolmente debole e terribilmente potente, nello stesso articolo o addirittura nello stesso paragrafo?

La risposta, a mio avviso, è che la visione della Russia da parte delle élite europee è un pasticcio emotivo, che sovrappone, come ho suggerito, diversi sentimenti sulla Russia provenienti da diversi periodi storici, ma che non riesce a conciliarli. Così, la Russia è il terrificante gigante militare della Guerra Fredda, ma anche i contadini non addestrati falciati dai tedeschi nel 1914, la massa storicamente inarrestabile di selvaggi a Est ma anche il Paese che è stato cacciato dall’Afghanistan, una dittatura temibile e spietata capace di rovesciare i governi ma anche uno Stato da fumetto con un PIL pari a quello del Belgio e dipendente dalle esportazioni di petrolio. L’arrogante senso di rifiuto che ha caratterizzato il pensiero occidentale sulla Russia fino al 2014 circa ha fatto sì che non ci si preoccupasse di scoprire i fatti reali. Alla fine, la realtà non aveva molta importanza. Avremmo trattato con i russi come volevamo e se a loro non fosse piaciuto, beh, non avrebbero potuto fare molto.

Tutte queste emozioni, non c’è bisogno di dirlo, mancano completamente di sfumature. Gli individui e le nazioni passano dall’uno all’altro senza alcuno stadio intermedio. Al debole di ieri si sovrappone la spaventosa superpotenza di oggi, ma in qualche modo la nostra paura è ancora mista a rabbia e disprezzo. Questo è effettivamente ciò che è accaduto dopo il 2014. La Russia non era più quella degli anni ’90, o comunque quella di Tolstoj e Dostoevskij; o meglio, lo era per certi versi, ma ora sovrapposta ai ricordi della paura dell’Unione Sovietica durante la Guerra Fredda. Dopo la Crimea e i combattimenti nell’Ucraina orientale, per la prima volta il disprezzo per la Russia si è mescolato a una vera e propria paura. Se questa paura occidentale di una nuova Russia irredentista fosse “ragionevole” o meno è un’altra domanda inutile, alla quale la più grande IA del mondo con il più grande foglio elettronico del mondo non potrebbe rispondere, perché non ha una risposta. Che le azioni russe del 2014 abbiano fatto leva sulle emozioni storiche dell’Occidente, in particolare sulla paura, e sugli stereotipi storici, è tutto ciò che si può dire.

In alcuni casi, queste paure erano piuttosto specifiche: Merkel, ad esempio, era erede della tradizionale paura tedesca dei selvaggi dell’Est, dei racconti delle atrocità dell’esercito degli zar nel 1914 e dei ricordi dell’occupazione sovietica di parte della Germania. Hollande era un lontano erede dell’aspro anticomunismo che caratterizzò il Partito Socialista Francese dopo la Conferenza di Tours del 1920. Perciò i due, per ragioni diverse e non necessariamente allo stesso modo di altri leader europei, avevano paura di ciò che gli eventi del 2014 avrebbero potuto comportare. Ma erano anche, ovviamente, preoccupati della propria debolezza. L’operazione NATO in Afghanistan era appena terminata e le forze armate convenzionali della NATO cominciavano ad apparire disperatamente deboli e obsolete. a Non era nemmeno più evidente cosa servissero le forze europee, in particolare . L’idea di costruire un’Ucraina che avesse effettivamente mantenuto una capacità di guerra convenzionale ad alta intensità come cuscinetto protettivo deve essere sembrata un modo per placare questa paura.

Lo stesso valeva dall’altra parte, ovviamente. Ancora una volta, la questione se il timore russo che l’Ucraina fosse usata come base avanzata per un attacco alla Russia fosse “ragionevole” o meno è irrilevante. Non si trattava di una questione di scacchi a nove dimensioni, ma del rinnovamento delle paure di invasione da parte dell’Occidente che ormai devono essere profondamente radicate nel DNA russo. Ok, l’Occidente non stava basando le armi nucleari in Ucraina adesso. Ma potrebbe farlo tra cinque anni, o tra tre anni. O il mese prossimo. In ogni caso, non possiamo essere troppo prudenti. Se vogliamo eliminare l’Ucraina, facciamolo ora. Perché aspettare?

La caratteristica più pericolosa dell’intera crisi ucraina è stata la totale incapacità delle due parti (tralasciando per un momento gli Stati Uniti) di comprendersi a vicenda e il complesso di emozioni che guida ciascuna di esse. Ma poiché i leader e gli opinionisti non amano pensare di essere guidati da emozioni ataviche, specialmente quelle che comprendono solo a metà, hanno elaborato teorie complesse ed elaborate che permettono loro di vedere le azioni dell’altra parte come guidate da obiettivi e pianificazione razionali, almeno in parte.

Dietro a tutto questo si nasconde un’enorme e spaventosa ironia. Il misto di disprezzo e paura che ha spinto gli europei, ancor più degli Stati Uniti, a confrontarsi frontalmente con la Russia, si basava in ultima analisi sulla convinzione che la Russia si sarebbe sgretolata rapidamente e che l’avventurismo russo, per quanto pericoloso e spaventoso, facesse in realtà il gioco dell’Europa. In poche settimane l’economia avrebbe iniziato a disintegrarsi, il governo sarebbe caduto e il sogno universalizzante del liberalismo europeo sarebbe stato esteso a Mosca. Quando i limiti e le contraddizioni di questa posizione sono diventati evidenti, quando l’anno scorso l’equipaggiamento, l’addestramento e la pianificazione occidentali si sono dimostrati sostanzialmente inutili, lo stato d’animo è cambiato: dall’incredulità, alla preoccupazione, al panico e ora alla paura.

Hanno tutte le ragioni per avere paura, perché, grazie a un’incompetenza quasi incredibile, gli europei si sono costruiti proprio la situazione che temevano dal 1945, solo peggiore. Se consideriamo il 1948 come l’anno di massima paura, in quell’anno l’Europa, pur con tutte le sue debolezze, aveva ancora milioni di uomini e donne con una recente esperienza militare e immense scorte di armi. Le sue società civili e le sue strutture sociali erano sopravvissute alla guerra in gran parte intatte, la coesione sociale era ancora forte e i governi locali e nazionali venivano ricostruiti. Gran parte dell’industria manifatturiera era sopravvissuta alla guerra e molti Paesi avevano mantenuto la capacità di produrre i propri armamenti. Le materie prime provenivano dall’Europa o da Paesi con cui le potenze europee avevano stretti rapporti. L’Europa disponeva di un gran numero di ingegneri e scienziati preparati. La Royal Navy e la US Navy controllavano i mari e il commercio mondiale. Gli Stati Uniti, pur attraversando una fase di isolamento, avevano il monopolio delle armi nucleari e non avrebbero lasciato facilmente che l’Europa cadesse sotto l’influenza sovietica. D’altra parte, l’Unione Sovietica era esausta e si preoccupava soprattutto di consolidare il suo dominio sui Paesi che aveva già occupato.

Oggi non c’è più nulla di tutto questo. La Russia sta uscendo da questa guerra quasi come gli Stati Uniti nel 1945: economicamente e militarmente più forte che all’inizio. L’Europa è economicamente e militarmente debole e politicamente divisa sia all’interno che tra le nazioni. Ho trattato giàin precedenza le fantasie di “riarmo” e non ripeterò l’analisi in questa sede. L’idea della coscrizione è risibile sia da un punto di vista sociale che pratico. Dopo tutto, ci sono società la cui popolazione non potrebbe nemmeno essere convinta a indossare una maschera in spazi ristretti per evitare di respirare germi pericolosi sui propri concittadini. Qualcuno ha detto “servizio nazionale”?

Facciamo scorrere l’orologio in avanti, diciamo fino al 2028. Cosa troviamo? Nell’angolo rosso (se volete), una Russia forte, sicura di sé, arrabbiata e risentita, con forze armate grandi e potenti, armi convenzionali in grado di colpire la maggior parte dell’Europa, ampiamente autosufficiente dal punto di vista economico e con uno stretto rapporto con la Cina. Nell’angolo blu, Stati europei disuniti ed economicamente e politicamente deboli, con una dispersione di unità militari poco forti qua e là, e dipendenti per le materie prime da nazioni con cui le relazioni sono difficili, e per la maggior parte dei prodotti manifatturieri dalla Cina.

Non è difficile capire chi avrà la meglio. Non penso nemmeno per un momento che i russi invaderanno l’Europa occidentale: non ne hanno bisogno. Lo scenario da incubo della pressione politica, sostenuta dalla superiorità militare e resa più grave dalle divisioni interne – l’esatto scenario temuto nel 1948 – si realizzerà. Con una differenza. Dove sono gli Stati Uniti? Da nessuna parte. Invece di essere il contrappeso al potere sovietico e poi russo, come si è sempre sperato, si sono messi fuori gioco, si sono rivelati fondamentalmente deboli militarmente e non saranno più in grado di influenzare le questioni di sicurezza in Europa come hanno fatto in passato. Per quanto ne so, taglierà le sue (considerevoli) perdite e scapperà, proprio come le nazioni europee hanno sempre temuto. Questo lascerà l’Europa in una situazione che potrebbe essere descritta come piuttosto tesa.

In effetti, se fossi un politico europeo, sarei spaventato a morte.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Gli attacchi dei droni ucraini contro le raffinerie di petrolio russe complicano la candidatura alla rielezione di Biden, di ANDREW KORYBKO

Gli attacchi dei droni ucraini contro le raffinerie di petrolio russe complicano la candidatura alla rielezione di Biden

La decisione di Zelensky di tenere in ostaggio l’offerta di rielezione di Biden minacciando di scatenare una massiccia crisi economica come vendetta per lo stallo del Congresso sugli aiuti all’Ucraina potrebbe essere la sua rovina. Non solo sta mordendo la mano che nutre il suo regime a spese dei contribuenti, ma sta anche minacciando gli interessi nazionali oggettivi degli Stati Uniti.

Martedì la CNN ha pubblicato un articolo dettagliato su come “i droni ucraini dotati di intelligenza artificiale stanno cercando di distruggere l’industria energetica russa. Finora sta funzionando“. Sebbene una fonte senza nome vicina al programma abbia dichiarato che “i voli sono stabiliti in anticipo con i nostri alleati e gli aerei seguono il piano di volo per permetterci di colpire gli obiettivi con metri di precisione”, ci sono ragioni per credere che gli Stati Uniti siano contrari a questo tipo di attacchi. Non ultimo è quello che la stessa CNN ha riportato nello stesso articolo.

Secondo loro, “gli scioperi ucraini contro le raffinerie hanno fatto salire i prezzi del petrolio a livello globale, con il Brent che è aumentato di quasi il 13% quest’anno, lasciando i politici degli Stati Uniti preoccupati per il loro potenziale impatto economico in un anno elettorale importante”. Hanno anche citato un esperto che ha affermato: “Questo era l’accordo con l’Ucraina: Vi daremo soldi, vi daremo armi, ma state lontani dagli impianti di esportazione, state lontani dall’energia russa, perché non vogliamo una crisi energetica di massa”.

In riferimento allo stallo del Congresso sugli aiuti all’Ucrainaquesto individuo ha aggiunto che “se non ricevono le armi e i soldi che sono stati promessi, qual è il loro incentivo a rispettare l’accordo con Washington?”. Ciò è in linea con quanto lo stesso Zelensky ha lasciato intendere in un’intervista rilasciata al Washington Post alla fine del mese scorso, quando ha rivelato che “la reazione degli Stati Uniti non è stata positiva [quando abbiamo attaccato le raffinerie di petrolio russe]… (ma) Abbiamo usato i nostri droni. Nessuno può dirci che non potete farlo”.

Il Segretario di Stato Blinken ha fatto eco a questo sentimento in una conferenza stampa congiunta con il suo omologo francese martedì, quando ha affermato, in risposta a una domanda sugli attacchi alle raffinerie di petrolio, che “non abbiamo né sostenuto né permesso attacchi da parte dell’Ucraina al di fuori del suo territorio”. La domanda è stata posta dopo che un attacco di droni ucraini ha preso di mira la terza più grande raffineria russa nella Repubblica del Tatarstan, che si trova nel cuore del Paese a ben 800 miglia di distanza dalle linee del fronte.

Riflettendo sulla dichiarazione di Blinken, sul rapporto della CNN e sulle precedenti parole di Zelensky, sembra proprio che gli Stati Uniti non vogliano che l’Ucraina colpisca le raffinerie di petrolio russe per paura che la massiccia crisi energetica che potrebbe catalizzare faccia crollare la candidatura di Biden alla rielezione. Se questa è davvero la sua posizione, ci si chiede quali alleati determinino le traiettorie di volo di questi droni e perché Zelensky rischi di far tornare al potere Trump, che è molto meno favorevole all’Ucraina di quanto lo sia Biden.

È possibile che all’interno della NATO stiano emergendo delle divisioni in merito a questi attacchi, esattamente come ha RT scritto nel richiamare l’attenzione su come la controparte francese di Blinken sembri appoggiare gli ultimi attacchi nella sua risposta alla domanda che le è stata posta durante la conferenza stampa di martedì. La Francia potrebbe quindi fornire questo tipo di assistenza, che potrebbe essere integrata dai contributi complementari del Regno Unito e di altri Paesi, sia da soli che nell’ambito di uno sforzo congiunto.

Per quanto riguarda il motivo per cui Zelensky vorrebbe mettere in difficoltà Biden e rischiare il ritorno di Trump, potrebbe avere un “complesso di Dio” dopo essere stato promosso così pesantemente come leader ecclesiastico negli ultimi due anni, che potrebbe essere diventato parte della sua identità nonostante l’inacidimento dei media nei suoi confronti dalla scorsa estate. Nella sua mente, Biden farà il suo dovere per convincere in qualche modo i repubblicani ad approvare ulteriori aiuti all’Ucraina, pena lo scatenamento di una massiccia crisi energetica con l’eliminazione di altre capacità di raffinazione ed esportazione della Russia.

Biden avrebbe già convinto i repubblicani a farlo se fosse stato in grado di farlo, quindi è illusorio che Zelensky pensi che tenere in ostaggio la sua candidatura alla rielezione possa fare una differenza positiva. Semmai, una maggiore consapevolezza delle sue tattiche delinquenziali da parte dei repubblicani potrebbe consolidare ulteriormente la loro resistenza ad approvare ulteriori aiuti all’Ucraina, dal momento che Zelensky non sta tenendo in ostaggio solo la candidatura alla rielezione di Biden, ma anche l’intera economia americana e quindi minaccia anche gli interessi nazionali oggettivi degli Stati Uniti.

Se dovesse autorizzare una serie di attacchi che catalizzino la massiccia crisi energetica che l’amministrazione Biden teme, allora la fazione antirussa più falco dello Stato profondo, responsabile di aver perpetuato artificialmente questo conflitto, potrebbe perdere l’influenza che esercita sui politici. I loro rivali, relativamente meno falchi, potrebbero sostituire il loro ruolo dominante in questo scenario e forse convincere l’Amministrazione Biden ad accettarefinalmente un compromesso pragmatico per porre fine al conflitto.

La decisione di Zelensky di tenere in ostaggio l’offerta di rielezione di Biden minacciando di scatenare una massiccia crisi economica come vendetta per lo stallo del Congresso sugli aiuti all’Ucraina potrebbe essere la sua rovina. Non solo sta mordendo la mano che nutre il suo regime a spese dei contribuenti, ma sta anche minacciando gli interessi nazionali oggettivi degli Stati Uniti. La disperazione che le sue forze provano sul campo di battaglia losta spingendo a “fare la canaglia”, ma i suoi patroni potrebbero presto stancarsi e decidere di sostituirlo dopo la scadenza del suo mandato, il 21 maggio.

Il coordinamento indiretto tra la coalizione di contenimento costiero guidata dall’Egitto ma fondata dall’Eritrea e gli Stati Uniti per destabilizzare l’Etiopia rappresenta una minaccia senza precedenti alla pace e al multipolarismo nel Corno d’Africa.

Alex de Waal e Mulugeta Gebrehiwot Berhe sono coautori di un articolo per la potente rivista Foreign Affairs del Council on Foreign Relations, intitolato “ L’Etiopia di nuovo sull’orlo del baratro: come l’ambizione spericolata di Abiy e l’ingerenza degli Emirati stanno alimentando il caos nel corno ”. Come suggerisce il titolo, sostengono che il primo ministro Abiy Ahmed sia un dittatore che aspira all’egemonia regionale, incitato dal suo alleato degli Emirati. La realtà, tuttavia, non potrebbe essere più diversa, come spiegherà la presente analisi.

La vera causa del caos nel Corno è la paranoica politica di contenimento regionale perseguita dalle nazioni costiere contro l’entroterra dell’Etiopia, che sospettano di nutrire segretamente ambizioni egemoniche a causa dell’asimmetria di potere tra loro. Sebbene l’Eritrea abbia collaborato con l’Etiopia durante la guerra del Nord di quest’ultima contro il TPLF dal 2020 al 2022, Asmara ha scaricato Addis in seguito all’accordo sulla cessazione delle ostilità (COHA) che il presidente eritreo Isaias Afwerki considerava un tradimento.

Gli agenti d’influenza del suo Paese nella regione, sui social media e tra le varie comunità di esperti in tutto il mondo che condividono la sua visione del mondo di sinistra radicale, hanno successivamente allarmato le intenzioni geostrategiche dell’Etiopia, che hanno raggiunto il culmine dopo che il Primo Ministro Abiy ha rilanciato la ricerca di un porto da parte del suo Paese. Qui è stato spiegato a lungo perché è fondamentale per questo gigante regionale garantire la logistica marittima da cui dipende la sua sicurezza economica e quindi politica, ma molti nella regione sono stati indotti in errore.

Invece di abbracciare lo zeitgeist multipolare dei risultati vantaggiosi per tutti, sono tornati al paradigma a somma zero, influenzato dall’Occidente, spinti in quella direzione dagli agenti d’influenza dell’Eritrea che hanno maliziosamente diffamato l’Etiopia come vendetta per il COHA con il TPLF. L’Eritrea è stata quindi in grado di coinvolgere la Somalia in questa nuova coalizione di contenimento insieme al partner egiziano condiviso da questi due, che è il rivale storico dell’Etiopia.

Hanno poi consolidato le loro relazioni con l’intento di esacerbare esternamente i preesistenti conflitti identitari dell’Etiopia con l’obiettivo di “balcanizzarla”, in assenza della quale potrebbero entrare in guerra contro di essa per fermare il Memorandum d’Intesa di gennaio con il Somaliland (MoU). L’accordo raggiunto all’inizio dell’anno consentirà all’Etiopia l’accesso al porto militare-commerciale nel Somaliland in cambio della partecipazione in almeno una compagnia nazionale e del riconoscimento della sua riconquistata indipendenza .

L’Eritrea, la Somalia e l’Egitto credono che la conclusione positiva del protocollo d’intesa libererà completamente l’Etiopia dal loro piano di contenimento, che gli agenti d’influenza dell’Eritrea hanno temuto avrebbe scatenato il suo presunto potenziale egemonico segreto a scapito della popolazione della regione. Non c’è verità in questa previsione, ma gioca sulla diffidenza storica di alcune persone nei confronti di quel paese molto più grande, consentendo così all’Eritrea di manipolare più facilmente le proprie emozioni e le percezioni associate della geopolitica regionale.

Questa falsa narrazione fa appello anche ai cattivi attori all’estero così come ai dissidenti interni come gli autori dell’ultimo pezzo di Foreign Affairs sul Corno, che a loro volta riciclano quella che può oggettivamente essere descritta come propaganda eritrea per promuovere l’ingerenza occidentale nella regione in generale e dell’Etiopia in particolare. Gli Emirati Arabi Uniti sono uno spauracchio popolare tra tutti e tre – Eritrea, cattivi attori all’estero e dissidenti interni – a causa del sostegno economico-militare all’Etiopia e di una politica estera veramente sovrana.

Queste motivazioni politiche convergenti spiegano il contenuto dell’articolo congiunto di de Waal e Mulugeta in cui hanno raccontato la storia secondo cui il leader dell’Etiopia, presumibilmente legato agli Emirati, aspira all’egemonia regionale e quindi getta l’intera regione nel caos a causa dei suoi piani dittatoriali assetati di potere. Ciò che in realtà è accaduto è che l’Eritrea ha magistralmente manipolato il dilemma della sicurezza regionale tra i piccoli stati costieri e il loro più grande vicino dell’entroterra per creare un ciclo di instabilità autoalimentato.

Ciò a sua volta ha creato spazio per attori non regionali come l’Egitto e gli Stati Uniti per intromettersi a fini di divide et impera, con il ruolo di Turkiye in questo contesto più ampio che rimane poco chiaro dopo aver coltivato stretti legami con l’Etiopia proprio come hanno fatto gli Emirati Arabi Uniti, ma recentemente hanno accettato di farlo. un accordo sulla sicurezza marittima con la Somalia. Quel patto è arrivato circa sei settimane dopo il MoU ed è stato interpretato da Mogadiscio come spinto da intenzioni anti-russe, ma non sembra essere ancora entrato in vigore, forse a causa delle tensioni politiche. crisi nel Puntland.

In mezzo all’ulteriore frattura della Somalia e in vista della probabile offensiva nazionale di tipo talebano di Al-Shabaab che precederà o seguirà il ritiro delle forze straniere entro la fine dell’anno, è nell’interesse oggettivo del Corno che il fornitore di sicurezza regionale dell’Etiopia rimanga stabile. Il ritorno della Somalia allo status di stato fallito potrebbe innescare una “corsa” per quel paese a causa della sua posizione geostrategica lungo l’Oceano Indiano, all’interno del quale i processi sistemici globali stanno rapidamente convergendo nella Nuova Guerra Fredda.

Il piano generale dell’Eritrea di contenere l’Etiopia attraverso mezzi multilaterali come preludio alla “balcanizzazione”, che viene attuato attraverso il coordinamento indiretto con la sua nemesi americana a causa di interessi condivisi, potrebbe ritorcersi contro nello scenario peggiore innescando una crisi regionale di importanza globale. . Gettare il Corno nel caos attraverso questi mezzi potrebbe portare a un massiccio deflusso di rifugiati provocato da innumerevoli conflitti interni che, al confronto, potrebbero far sembrare insulsi il Ruanda e il Congo degli anni ’90.

Lungi dall’essere il catalizzatore di questo scenario peggiore, il partenariato strategico Etiopia-Emirati è l’unico fattore geostrategico che trattiene la regione da questo futuro oscuro, e l’unico modo per evitare un collasso dell’Etiopia a lungo termine è quello di garantire la sua sicurezza marittima. logistica attraverso il protocollo d’intesa con il Somaliland. Il coordinamento indiretto tra la coalizione di contenimento costiero guidata dall’Egitto ma fondata dall’Eritrea e gli Stati Uniti per destabilizzare l’Etiopia rappresenta quindi una minaccia senza precedenti alla pace e al multipolarismo.

Questo presunto schema di reclutamento comporta un notevole rischio di contraccolpi.

Il servizio di intelligence straniero russo SVR ha riferito martedì che le PMC americane stanno reclutando spacciatori messicani e colombiani condannati dal carcere con il sostegno della DEA e dell’FBI. Viene offerta loro un’amnistia completa se sopravvivono, ma a quanto pare i colloqui non stanno andando bene poiché i membri del cartello non vogliono accettare un accordo senza l’approvazione dei loro capi, che secondo SVR stanno mercanteggiando con le agenzie di sicurezza americane per vendere i loro membri. a quelle PMC al prezzo più alto possibile.

È impossibile verificare questa scandalosa affermazione, ma c’è una logica che rende questo rapporto credibile. Le carceri americane sono sovraffollate, quindi c’è un evidente interesse a ridurre la capacità incanalando alcuni dei detenuti stranieri più violenti verso le PMC americane per il dispiegamento in Ucraina. I detenuti latinoamericani tendono anche a formare potenti bande che terrorizzano gli altri detenuti e talvolta anche le guardie. Rimuoverli dal sistema carcerario ha quindi molto senso.

Anche l’Ucraina ha bisogno di tutta la manodopera possibile, soprattutto di chi ha esperienza nella gestione delle armi da fuoco, come ha la maggior parte dei membri del cartello. Il mese scorso è stato presentato alla Rada un disegno di legge per legalizzare la mobilitazione dei prigionieri, mentre il comandante delle forze terrestri aveva affermato all’inizio della settimana che a nessuno è permesso di restare fuori dal conflitto . Ciò ha fatto seguito all’abbassamento dell’età di leva da parte dell’Ucraina da 27 a 25 anni al fine di ricostituire le sue forze esaurite dopo che la Russia aveva affermato a febbraio di aver già perso oltre 444.000 soldati .

Per quanto logico possa sembrare questo presunto schema di reclutamento, comporta un notevole rischio di contraccolpi poiché coloro che sopravvivono potrebbero costituire una minaccia senza precedenti per le loro terre d’origine al ritorno. La regione è già scossa dalla violenza dei cartelli, guidati da gruppi messicani e colombiani, e l’Ecuador è quasi caduto nelle mani dei cartelli all’inizio di gennaio. Quei membri con esperienza sul campo di battaglia potrebbero addestrare altri con l’obiettivo di prendere un giorno con successo il controllo di uno stato.

Naturalmente, le agenzie di sicurezza americane contano che i prigionieri vengano uccisi dalla Russia se accettano di recarsi in Ucraina per partecipare alla delega della NATO guerra , ma anche la sopravvivenza di solo una manciata di persone potrebbe alla fine destabilizzare ancora di più l’America Latina con il tempo che trasmettono la loro esperienza. Un altro punto interessante su cui soffermarsi è il motivo per cui queste PMC presumibilmente reclutano detenuti stranieri. Il rapporto di SVR suggerisce quindi che non sono sufficienti le persone comuni che si uniscono per conto proprio.

Ciò include sia americani che latinoamericani, ecco perché presumibilmente vengono reclutati prigionieri, e non quelli regolari, ma solo quelli stranieri con probabile esperienza nel maneggio di armi da fuoco. I membri delle gang locali del centro città sono probabilmente considerati troppo indisciplinati e il loro eventuale ritorno in strada potrebbe causare un grosso scandalo politico se si spargesse la voce su cosa hanno dovuto fare per essere rilasciati. Le agenzie di sicurezza non vogliono nemmeno che addestrino altri membri di gang.

Tutto sommato, questo presunto piano di reclutamento non dovrebbe cambiare le dinamiche strategico-militari del conflitto ucraino , esattamente come ha concluso l’SVR nel suo comunicato stampa. Il suo unico significato è che rafforza quanto l’Occidente sia disperato nel perpetuare la sua guerra per procura aiutando Kiev a ricostituire alcune delle sue forze per impedire una possibile svolta russa entro la fine dell’anno. Ciò potrebbe essere inevitabile, tuttavia, e renderebbe questo progetto del tutto inutile.

Le ultime mosse militari dimostrano che l’America si sta preparando a “ritornare verso l’Asia” una volta che la guerra per procura NATO-Russia in Ucraina finirà inevitabilmente, il che significa che le tensioni globali non si placheranno tanto presto che la Nuova Guerra Fredda diventerà la nuova normalità. .

Tutto è pronto per la partecipazione del Giappone ai progetti di capacità avanzata del Pilastro II dell’AUKUS (intelligenza artificiale, armi ipersoniche, guerra elettronica, droni sottomarini, tecnologie quantistiche e radar per il tracciamento spaziale) dopo che i ministri della Difesa di quel blocco hanno segnalato il loro interesse in questo progetto congiunto di lunedì. dichiarazione . È stato pubblicato prima del viaggio del Primo Ministro Fumio Kishida a Washington questa settimana, che ha descritto come avvenuto in un “ punto di svolta storico ”, dove prenderà anche parte al primo vertice trilaterale con le Filippine.

La CNN ha enfatizzato quest’ultimo evento pubblicando un pezzo su come questi tre si stanno unendo a causa delle loro preoccupazioni condivise sulla Cina, anche se la realtà è che la loro convergenza militare non è così motivata da interessi difensivi innocenti come hanno fatto sembrare. Le tre controversie separate della Cina con il Giappone, la sua provincia ribelle di Taiwan e le Filippine sono state presentate dall’Occidente come parte di una spinta egemonica da parte della Repubblica popolare per il dominio nell’Asia-Pacifico.

Questa percezione è stata poi sfruttata per radunare gli alleati regionali negli ultimi anni in vista di un’apparentemente inevitabile resa dei conti sino-americana, il che spiega il recente riavvicinamento coreano-giapponese mediato dagli americani e la ritrovata possibilità che il Giappone schieri truppe nelle Filippine . Il manifesto de facto di Kishida , condiviso durante il suo viaggio negli Stati Uniti nel dicembre 2022, ha rivelato che sta cercando di trarre vantaggio dall’accordo NATO-russo guerra per procura in Ucraina per ripristinare la sfera d’influenza perduta del Giappone.

Di conseguenza, già l’estate scorsa è diventato ovvio che “ la nascente alleanza trilaterale degli Stati Uniti con il Giappone e le Filippine si integrerà nell’AUKUS+ ”, con la logica dietro questa mossa che è quella di radicare l’influenza militare americana nella prima catena di isole da Giappone-Taiwan-Filippine. attraverso mezzi multilaterali. Il Giappone e le Filippine sono già partner di mutua difesa degli Stati Uniti, quindi ne consegue naturalmente che gli Stati Uniti vorrebbero che rafforzassero bilateralmente la cooperazione militare sotto la sua egida come parte della cosiddetta “condivisione degli oneri”.

Per quanto riguarda Taiwan, la rivelazione del “ministro della Difesa” a metà marzo secondo cui le forze speciali statunitensi stanno addestrando le truppe del suo sistema politico su una piccola isola a sole sei miglia dalla Cina continentale dimostra che l’America sta anche rafforzando la sua influenza militare anche lì in modo da creare un innesco per intervenire in un conflitto futuro. Con il Giappone e le Filippine pronti a intensificare la cooperazione militare bilaterale, è molto probabile che coinvolgeranno anche Taiwan nel mix, possibilmente attraverso le loro prossime missioni delle forze speciali.

La grande tendenza strategica è che gli Stati Uniti stanno trasformando AUKUS+ in una “NATO asiatica” con lo scopo di contenere la Cina nell’area Asia-Pacifico, nonostante il “cessate il fuoco” informale che i leader di queste due superpotenze hanno concordato durante il loro incontro di metà novembre sul margine del vertice APEC di San Francisco. Il motivo reciprocamente vantaggioso era quello di guadagnare più tempo per posizionarsi meglio prima della resa dei conti apparentemente inevitabile.

Mentre gli Stati Uniti stanno riorganizzando, rinnovando ed espandendo in modo completo la loro base militare-industriale con un pretesto anti-russo e stringendo il cappio di contenimento attorno alla Cina nella prima catena di isole, la Repubblica popolare sta costruendo le proprie forze armate e diversificando la sua vulnerabile offerta Catene. L’equilibrio generale pende a favore dell’America, che dovrebbe manipolare per costringere la Cina a una serie sbilanciata di accordi per una “Nuova distensione”, anche se Pechino potrebbe non essere interessata.

Dopotutto, la Repubblica popolare sa che una guerra calda tra di loro comporterebbe costi inaccettabilmente elevati per entrambi e quindi è improbabile che si adegui a qualsiasi proposta che subordini in qualche modo il loro paese al suo rivale sistemico solo per il gusto di scoraggiare gli americani. aggressione. Tuttavia, il rischio che un conflitto scoppi per errori di calcolo continuerà a crescere, poiché AUKUS+ rafforza ulteriormente le sue forze militari nella prima catena di isole dove si trovano le tre principali controversie marittime della Cina.

Tuttavia, la ripresa dei canali di comunicazione militare sino-americani potrebbe almeno in teoria aiutare a prevenire una spirale incontrollabile verso la guerra nel caso in cui la Cina si scontrasse con i membri giapponesi, taiwanesi e/o filippini di AUKUS+. Anche così, le ultime mosse militari dimostrano che l’America si sta preparando a “ ritornare verso l’Asia ” una volta che la guerra per procura NATO-Russia in Ucraina finirà inevitabilmente, il che significa che le tensioni globali non si placheranno tanto presto che la Nuova Guerra Fredda diventerà Il nuovo normale.

Le comunità dei media mainstream e degli alt-media sospettano da tempo che qualcosa del genere stesse accadendo dietro le quinte, anche se ciascuno per le proprie ragioni ideologiche, ma la realtà è completamente diversa da come entrambi i campi dei media la presentano popolarmente.

Bloomberg ha citato anonime “persone che hanno familiarità con la questione” per riferire sabato che “ La Cina fornisce intelligence geospaziale alla Russia, gli Stati Uniti avvertono ”. La trama intrecciata nel loro pezzo è che la Repubblica popolare non è così neutrale nei confronti della guerra per procura NATO-Russia in Ucraina come affermano i suoi diplomatici, screditando così i loro sforzi per posizionare il loro paese come mediatore . I presunti aiuti sono costituiti da immagini satellitari per scopi militari, microelettronica, macchine utensili per carri armati, ottica e propellenti per missili.

I media mainstream (MSM) e le comunità Alt-Media (AMC) sospettavano da tempo che qualcosa del genere stesse accadendo dietro le quinte, anche se ciascuno per le proprie ragioni ideologiche. Il primo vuole far credere a tutti che la Cina è disonesta e rappresenta una minaccia per l’Occidente, mentre il secondo vuole far credere che sia segretamente l’alleato militare della Russia e che Pechino contenga indirettamente la NATO. La realtà è completamente diversa da quella che entrambi i media la presentano popolarmente.

Per cominciare, i servizi che alcune società cinesi presumibilmente forniscono alla Russia negli ambiti individuati vengono forniti da aziende di propria prerogativa, col rischio di subire le sanzioni secondarie che gli Stati Uniti hanno minacciato di imporre contro tutti coloro che violano le sanzioni primarie. Alcune entità sono state precedentemente sanzionate con questo pretesto, e Bloomberg ha anche riferito che il segretario al Tesoro Yellen aveva avvertito la sua controparte cinese di ciò la scorsa settimana mentre era a Pechino.

Ha minacciato “conseguenze significative” contro quelle aziende che hanno sostenuto materialmente la Russia in modi che potrebbero alla fine finire per avere usi militari contro l’Ucraina. Il numero esiguo di aziende che finora sono state sanzionate per questi motivi suggerisce che ciò in realtà non si sta verificando neanche lontanamente nelle proporzioni suggerite dal titolo di Bloomberg. La questione quindi non è sistemica come parte della strategia cinese, ma opportunistica come parte della corsa delle aziende verso maggiori profitti.

L’articolo inoltre non menziona ciò che l’Insider ha riportato a fine gennaio su come ” Taiwan sia diventata la principale fonte di macchine utensili di alta precisione per l’industria degli armamenti russa “, al quale il Washington Post ha fatto seguito poco dopo fornendo ulteriori dettagli in merito. soggetto. È assurdo ipotizzare che Taiwan, il cui governo autoproclamato sostenuto dagli Stati Uniti non è riconosciuto dalla Russia, stia presumibilmente vendendo queste merci estremamente importanti alla Russia come parte di una strategia più ampia.

Piuttosto, queste accuse “politicamente scorrette” rafforzano il punto secondo cui qualunque scambio avvenga tra le società rilevanti in tutto il mondo e la Russia è parte della corsa della prima per maggiori profitti, non parte di una strategia per conto dei governi a cui pagano le tasse. Inoltre, Bloomberg non ha informato i lettori di ciò che Reuters aveva riportato in esclusiva due giorni prima, citando anche anonime “persone a conoscenza della questione” sui colli di bottiglia bancarie tra Russia e Cina.

Apparentemente durano sei mesi e sono direttamente collegati ai timori di sanzioni secondarie imposte agli istituti finanziari cinesi ad appannaggio degli Stati Uniti se questi ultimi decidono di farlo con i pretesti precedentemente minacciati. Lo stesso vale per quanto riferito da RT a fine dicembre, citando l’autorevole quotidiano economico russo Kommersant, su come le aziende cinesi avrebbero rispettato le nuove sanzioni degli Stati Uniti contro un progetto GNL russo.

Sebbene ufficialmente non confermati, ci sono ragioni per credere che entrambi i rapporti abbiano effettivamente qualche fondamento di fatto, il che a sua volta aggiunge credibilità alla tesi secondo cui le aziende operano indipendentemente dai loro governi. Dopotutto, la Cina non riconosce la legittimità delle sanzioni americane contro la Russia, tanto meno di quelle secondarie contro coloro che sono accusati di violare le sanzioni primarie. È inimmaginabile che il PCC chieda alle aziende e alle banche di conformarsi alle misure unilaterali del suo rivale.

Per quanto riguarda coloro che decidono volontariamente di farlo in difesa dei propri interessi economici per evitare di essere tagliati fuori dai lucrosi mercati americani da cui hanno tratto profitto, il PCC rispetta semplicemente la loro scelta indipendente e non li spinge a riconsiderarla. Questa realtà contraddice le narrazioni diffuse dai mass media e dall’AMC, che affermano regolarmente che la Cina sta segretamente sostenendo l’ iniziativa speciale della Russia. funzionamento come una questione di politica statale, anche se differiscono nel modo in cui lo giudicano.

Se questa teoria fosse stata un minimo di verità, allora Insider – che è stato riconosciuto dalla Russia come agente straniero nel luglio 2022 e di conseguenza bandito – avrebbe presumibilmente affermato a fine gennaio che la Cina era “la principale fonte dell’industria russa delle armi ad alta precisione”. macchine utensili”, non Taiwan. Questo sbocco non ha alcuna ragione logica per implicare un governo separatista di fatto sostenuto dagli Stati Uniti al centro dell’imminente “ Pivot (back) to Asia ” dell’America per rafforzare la campagna militare della Russia in Ucraina.

È vero il contrario: The Insider ha tutte le ragioni per coinvolgere la Cina in questa presunta attività al fine di screditare ulteriormente gli sforzi dei suoi diplomatici per posizionare il loro paese come mediatore e servire come pretesto per imporre ulteriori sanzioni contro le aziende cinesi competitive al fine di dare l’Occidente è un vantaggio. Per essere chiari, questo raro atto di discutibile integrità giornalistica non significa che tutto il resto che hanno prodotto sia accurato o che la Russia dovrebbe sbloccarlo, ma semplicemente che questo particolare rapporto è probabilmente vero.

Riflettendo su questa intuizione, così come sul fatto che Bloomberg ha citato solo anonime “persone che hanno familiarità con la questione” mentre Yellen ha ripetuto la sua minaccia di sanzioni senza sostenerla proprio perché gli Stati Uniti presumibilmente non sono a conoscenza di altri violatori delle sanzioni, l’articolo di Bloomberg è esposto come propaganda. Serve a dare falso credito ai sospetti di MSM e AMC, ma è screditato dagli argomenti e dai dettagli di questa analisi. Chiunque ricicla queste affermazioni rende così un cattivo servizio alla Russia e alla Cina.

Attirare l’attenzione sulla sequenza degli eventi che hanno portato al dramma di venerdì non intende implicare il sostegno all’Ecuador che straccia la Convenzione di Vienna, ma consentire agli osservatori di comprenderne meglio i calcoli.

Il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador (AMLO) ha annunciato venerdì sera che il suo paese sta interrompendo le relazioni diplomatiche con l’Ecuador dopo che la polizia ha fatto irruzione nell’ambasciata messicana per arrestare un ex vicepresidente fuggitivo che si era rifugiato lì e gli è stato appena concesso asilo lo stesso giorno. La Convenzione di Vienna protegge le strutture diplomatiche, motivo per cui il Messico ha accusato l’Ecuador di violare palesemente il diritto internazionale, ma la sequenza degli eventi che hanno portato al dramma di venerdì non è ampiamente nota.

L’ex vicepresidente Jorge Glas sostiene che le accuse di concussione e corruzione che sta affrontando sono una vendetta politicamente motivata contro il governo di sinistra sotto il quale ha prestato servizio. Reuters ha riferito alla fine di dicembre che “Glas, 54 anni, è stato condannato a sei anni di prigione nel 2017 dopo essere stato giudicato colpevole di aver ricevuto tangenti dall’impresa edile brasiliana Odebrecht in cambio dell’assegnazione di appalti governativi”.

Hanno aggiunto che “nel 2020 è stato condannato a una pena detentiva separata di otto anni, così come Correa, per aver utilizzato denaro di appaltatori per finanziare campagne per il movimento politico di Correa. Glas è stato incarcerato e liberato più volte. È stato rilasciato l’ultima volta nel novembre 2022 dopo aver scontato cinque anni di pena. Anche se può muoversi liberamente all’interno dell’Ecuador, non può lasciare il Paese durante il resto della sua pena”.

A Glas è stato ordinato di tornare in prigione, ma è fuggito presso l’ambasciata messicana il 17 dicembre mentre faceva appello contro la decisione. Non ha ricevuto asilo fino a venerdì , lo stesso giorno in cui la polizia ecuadoriana ha fatto irruzione nella struttura diplomatica per arrestarlo, cosa che ha fatto seguito a due sviluppi significativi negli ultimi due giorni. Mercoledì AMLO ha espresso la sua opinione sulle elezioni ecuadoriane dello scorso anno in un modo che il governo del neoeletto presidente Daniel Noboa ha interpretato come metterne in discussione la legittimità.

Giovedì successivo, la decisione di concedere asilo a Glas è stata pertanto dichiarata persona non grata. La sequenza degli eventi mostra che il Messico ha concesso asilo a Glas e ha richiesto il suo transito sicuro fuori dal paese in linea con il diritto internazionale dopo che al suo massimo diplomatico è stato detto di andarsene per protestare contro le osservazioni scandalose di AMLO. Ciò aveva chiaramente lo scopo di alzare notevolmente la posta della loro disputa, gettando l’Ecuador in un dilemma.

AMLO stava calcolando che Noboa sarebbe stato costretto dagli impegni legali internazionali del suo paese a lasciare che Glas lasciasse il paese con l’ambasciatore messicano espulso, ma ha trascurato diversi fatti importanti che alla fine hanno portato al fallimento del suo piano. Per cominciare, l’Ecuador è ancora vicino agli Stati Uniti nonostante il suo nuovo leader abbia annullato la sua precedente decisione di inviare indirettamente vecchie armi russe all’Ucraina dopo che Mosca ha tagliato le redditizie importazioni di banane con pretesti epidemiologici.

Gli Stati Uniti erano anche contrari al governo di sinistra sotto il quale Glas aveva precedentemente prestato servizio, con questi due fattori che isolavano l’Ecuador dalle critiche americane. Non si prevedono quindi misure punitive da parte del suo principale partner commerciale . Anche se in risposta il Messico potrebbe agire per ridurre il commercio bilaterale, gli 818 milioni di dollari che ha condotto con l’Ecuador lo scorso anno sono stati meno dell’1% del PIL di quest’ultimo nel 2022, pari a 115 miliardi di dollari . Al contrario, il commercio con gli Stati Uniti è stato oltre 20 volte superiore, attestandosi a 18 miliardi di dollari quell’anno.

Il denaro parla, indipendentemente da come questa osservazione ti faccia sentire, e l’Ecuador semplicemente ne guadagna di più dagli Stati Uniti che dal Messico. Qualunque riduzione del commercio con il Messico potrebbe seguire a quest’ultimo sviluppo potrebbe essere facilmente sostituita dagli Stati Uniti in modo che l’Ecuador non soffra di alcuna sanzione di fatto. Alcuni dei governi messicani di sinistra nella regione potrebbero criticare l’Ecuador dopo quello che è successo, ma è anche improbabile che cedano volontariamente la loro quota di mercato agli Stati Uniti o ad altri.

La Cina è il secondo partner commerciale dell’Ecuador , ma ha una politica rigorosa di non intervenire negli affari di altri paesi o nelle controversie estere tra loro a meno che non venga richiesto di mediare. Ciò significa che non cederà volontariamente alcuna quota di mercato imponendo sanzioni di fatto per questa violazione del diritto internazionale. Pechino sa che anche Washington considererebbe questa ingerenza per denigrare la Repubblica popolare e si muoverebbe rapidamente per sostituire anche la sua quota di mercato.

Un altro fattore che ha funzionato contro i calcoli di AMLO è che nessuno ha sanzionato Israele dopo aver bombardato il consolato iraniano a Damasco , quindi non c’è mai stata alcuna aspettativa realistica che altri paesi si sarebbero radunati attorno al Messico se l’Ecuador avesse oltrepassato la linea diplomatica per punirlo economicamente. Tutto ciò su cui scommetteva era la “buona volontà” di Noboa, il che fu un grave errore poiché il neoeletto leader non si sarebbe lasciato umiliare dall’escalation diplomatica del Messico.

Ha vinto con una piattaforma di legge e ordine e ha intrapreso una guerra contro quelle bande di narcotrafficanti che hanno tentato senza successo di prendere il controllo del paese a gennaio. Non c’era modo che Noboa potesse conservare la sua immagine se avesse lasciato che un ex vicepresidente fuggitivo lasciasse il paese in Messico, figuriamoci dopo aver ottenuto l’asilo il giorno dopo che l’ambasciatore messicano era stato espulso per le scandalose osservazioni di AMLO che mettevano in dubbio la legittimità del suo governo. Le mosse di AMLO erano ai suoi occhi gravi provocazioni.

In sintesi, Noboa ha scelto di perseguire obiettivi politici interni che considera essere nell’interesse nazionale del paese a scapito di essere accusato di violare il diritto internazionale a sostegno di una presunta caccia alle streghe contro l’ex governo di sinistra. Se AMLO non avesse concesso asilo a Glas, soprattutto il giorno dopo l’espulsione del suo ambasciatore in seguito a quanto affermato da AMLO sulle elezioni dello scorso anno, allora la polizia forse non avrebbe preso d’assalto l’ambasciata e Glas probabilmente sarebbe rimasto lì indefinitamente.

Attirare l’attenzione sulla sequenza degli eventi che hanno portato al dramma di venerdì non intende implicare il sostegno all’Ecuador che straccia la Convenzione di Vienna, ma consentire agli osservatori di comprenderne meglio i calcoli. Noboa sentiva che non farlo lo avrebbe portato a “perdere la faccia” in patria dopo che AMLO aveva notevolmente alzato la posta della loro disputa attraverso il suo tentativo di gettare l’Ecuador in un dilemma, lasciandogli così poca scelta se non quella di reagire dopo aver calcolato che il i costi tangibili sarebbero pari a zero.

Mentre il possibile imminente ritiro delle forze statunitensi dal Niger è sicuramente una sorta di vittoria, la proverbiale “Battaglia per l’Africa occidentale” nella Nuova Guerra Fredda è probabilmente lungi dall’essere finita.

Il mese scorso ci si chiedeva se gli Stati Uniti avrebbero potuto salvare l’accordo sulla base in Niger dopo che le autorità militari avevano annullato il loro patto di partenariato a causa della mancanza di rispetto da parte dei funzionari americani in visita. La notizia che istruttori russi sono appena entrati nel paese per una missione di addestramento segna probabilmente la fine dell’influenza del Pentagono nel paese. La partenza delle truppe statunitensi potrebbe presto seguire, anche se non è chiaro se ciò sarà dovuto alla richiesta esplicita delle autorità militari o alla volontà propria di evitare che la Russia le spii.

In ogni caso, si tratta di uno sviluppo monumentale poiché significa che le forze russe sono ora presenti in tutti e tre gli stati dell’Alleanza / Confederazione del Sahel, dopo essersi schierate nel nucleo maliano diversi anni fa e poi essere entrate in Burkina Faso a gennaio . Il loro blocco si è ritirato anche dall’ECOWAS alla fine del mese, il che ha rafforzato le loro credenziali come nuovo quadro di integrazione regionale a cui altri possono aderire se sono interessati. L’effetto combinato di tutto ciò è che l’influenza occidentale nel Sahel ha subito un colpo mortale.

È prematuro stappare lo champagne, tuttavia, dal momento che si prevede che gli Stati Uniti si orienteranno verso la Costa d’Avorio, come è stato spiegato qui a metà marzo, due settimane prima che un importante influencer di Alt-Media scrivesse lo stesso qui in un modo che indiscutibilmente ha plagiato alcuni dei suddetta analisi. È importante condividere un confronto fianco a fianco che mostri le tre occasioni in cui il secondo scrittore ha plagiato il primo, poiché coloro che sono stati esposti a quell’articolo successivo potrebbero non essere consapevoli che le sue idee sono state rubate da uno precedente:

———-

* Primo articolo: “La Guinea è il principale contendente (a disertare dall’ECOWAS) a causa della sua recente storia politica e avendo la capacità geografica di fornire alla vicina Alleanza/Confederazione del Sahel un affidabile accesso al mare”.

– Secondo articolo: “La Guinea offre già la capacità geografica per fornire all’alleanza un accesso marittimo credibile. Ciò porterà alla progressiva estinzione dell’ECOWAS con sede in Nigeria, controllata dall’occidente”.

—–

* Primo articolo: “[La Costa d’Avorio e il Senegal] sono quindi considerati possibili ‘bersagli’ dell’Alleanza/Confederazione Saheliana, partner della Russia, da qui la necessità di ‘proteggerli’ più del Ciad e del Gabon. Per quanto riguarda gli ultimi due, il Ciad ha ricalibrato in modo impressionante la sua politica estera precedentemente incentrata sull’Occidente per bilanciare pragmaticamente quel blocco e la Russia”.

– Secondo articolo: “La Costa d’Avorio è più strategica per Washington rispetto, ad esempio, al Ciad perché il territorio ivoriano è molto vicino all’alleanza del Sahel. Tuttavia, il Ciad ha già ricalibrato la sua politica estera, che non è più controllata dall’Occidente e pone una nuova enfasi sull’avvicinamento a Mosca”.

—–

* Primo articolo: “Il terreno è quindi pronto affinché gli Stati Uniti dispieghino droni nella base ivoriana francese con pretesti antiterroristici esagerati che servono davvero a tenere sotto controllo l’Alleanza/Confederazione saheliana monitorando allo stesso tempo l’attività russa lì”.

– Secondo articolo: “Cosa ci aspetta per l’Impero? Forse i droni “antiterrorismo” statunitensi hanno condiviso con Parigi la base francese in Costa d’Avorio per tenere sotto controllo l’alleanza del Sahel”.

———-

Avendo chiarito al lettore disinformato che qualunque cosa abbia letto circolando nella comunità Alt-Media a riguardo in precedenza da quel secondo autore è stato in realtà plagiato dal primo, è tempo di passare ad analizzare esattamente quali potrebbero essere le conseguenze di un simile mossa. Prima della nuova missione di addestramento della Russia in Niger, è stato spiegato qui come quel paese avrebbe potuto trattenere le forze statunitensi mentre cacciava i francesi come una sorta di assicurazione geopolitica dall’essere preso di mira dall’Hybrid . Guerra .

Di conseguenza, lo stesso identico scenario è ora più probabile che mai a causa del fatto che il Niger ha annullato la sua suddetta polizza assicurativa per rispetto di sé dopo essere stato mancato di rispetto da parte di funzionari statunitensi in visita, anche se ciò non significa che sia imminente. Qualsiasi potenziale ridistribuzione della base di droni statunitensi in strutture francesi condivise in Costa d’Avorio porrebbe i vicini Burkina Faso e Mali, l’ultimo dei quali è il nucleo della neonata Alleanza/Confederazione Saheliana, nel mirino dell’Occidente come mai prima d’ora.

Il Mali sta già lottando per respingere le offensive degli estremisti religiosi e dei separatisti etnici (Tuareg), e ciò potrebbe diventare più difficile se gli Stati Uniti e la Francia esercitassero maggiori pressioni sul fronte meridionale. Lo scenario peggiore per il Mali sarebbe se una o entrambe le loro agenzie di spionaggio iniziassero ad operare anche dalla Mauritania, di cui i lettori possono saperne di più qui , e iniziassero a usare la Mauritania e la Costa d’Avorio nello stesso modo in cui fanno loro. stanno attualmente usando la Polonia per portare avanti la loro procura guerra alla Russia in Ucraina.

Se ciò accadesse, potrebbe essere richiesto alla Russia di aumentare la sua assistenza militare al Mali, il che sarebbe probabilmente sufficiente per fermare queste offensive per procura sostenute dall’Occidente sullo stato centrale dell’Alleanza/Confederazione Saheliana, ma poi altre offensive complementari potrebbero iniziare altrove. Il Burkina Faso può anche essere influenzato dalla Costa d’Avorio, mentre il Niger rimane vulnerabile all’influenza della Nigeria storicamente filo-occidentale, anche se Abuja ha fatto molto per voler aderire ai BRICS .

Tenendo presenti questi fattori, mentre il possibile imminente ritiro delle forze statunitensi dal Niger è sicuramente una sorta di vittoria, la proverbiale “Battaglia per l’Africa occidentale” nella Nuova Guerra Fredda è probabilmente lungi dall’essere finita. Coloro che festeggiano non dovrebbero farlo eccessivamente perché la peggiore pressione della Guerra Ibrida potrebbe ancora arrivare, anche se tutto dipende dalla competenza delle agenzie di spionaggio americane e francesi, il che ovviamente non può essere dato per scontato dopo la loro furia di disagi regionali degli ultimi anni.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Gli Stati Uniti e la Russia devono ristabilire il libro dei giochi della Guerra Fredda per evitare un’escalation nucleare, dice un alto generale Di JOHN VANDIVER

6h 17 tweets 4 min read
Alcuni punti salienti del discorso piuttosto sorprendente – e terrificante – del Gen. Christopher Cavoli, comandante supremo alleato della NATO e leader della U.S. Army in Europa.
1/17
stripes.com/theaters/europ…
Image

2/ Gli Stati Uniti e la Russia NON dispongono praticamente più di una linea diretta nucleare attiva, che era stata uno dei punti fermi della politica nucleare della Guerra Fredda. Questo nel bel mezzo di una guerra calda per procura.

– un trattato MAI ratificato da Washington👇

3/ Cavoli ha esortato gli Stati Uniti a riattivare le linee di comunicazione con Mosca che hanno aiutato entrambi i Paesi a evitare il conflitto nucleare durante la Guerra Fredda.

– 🧵 lungo thread, erano stati avvertiti

4/ “[All’epoca] era possibile leggere i segnali dell’altro. Sapevamo come inviarci segnali a vicenda… quasi tutto questo non esiste più”.
5/ “I miglioramenti nella prontezza di combattimento della NATO non hanno trovato riscontro a livello strategico, riguardo al garantire che le potenze nucleari non fraintendano le reciproche intenzioni. Quindi il rischio di fraintendimento delle reciproche intenzioni è alto.”
6/ “Tali linee di comunicazione sono difficili da ripristinare #macchédavvero perché, beh, la Russia è in guerra, non solo con l’Ucraina, ma anche con gli Stati Uniti e la NATO” (anche se Cavoli lo omette, mica si può pretendere troppo).

7/ “Alla NATO sono in corso sforzi per aggiornare alcune delle vecchie pratiche. Ma ci sono complicazioni, perché stiamo cercando di ristabilirle durante una guerra calda”.

– complici di attentati terroristici, altrimenti detti “complicazioni” 🤔

8/ I principali strumenti di deterrenza nucleare sono andati perduti. Durante la Guerra Fredda, esisteva un “vocabolario molto fine e reciprocamente compreso tra l’Occidente e l’Unione Sovietica.
9/ “Sapevamo come comunicare verbalmente e non verbalmente le nostre intenzioni in modo da dare prevedibilità e comprensione all’altra parte. Questo era stato uno degli elementi principali impiegati per gestire l’escalation e ottenere la deterrenza senza rischi significativi”.
10/ Una delle ragioni principali dell’attuale rischio nucleare senza precedenti è l’abbandono di vari trattati nucleari (avviato unilateralmente dagli Stati Uniti, anche se Cavoli lo omette).
11/ “Altri fattori del passato che sono stati efficaci erano i vari trattati nucleari, gli accordi e le ispezioni in loco che hanno contribuito a mantenere aperte le linee di comunicazione. Abbiamo perso l’abitudine di utilizzare questi meccanismi di segnalazione e…

12/ collettivamente abbiamo abbandonato molti degli accordi e dei trattati che in precedenza ci davano la possibilità di farlo”.

– sono le amnesie selettive che colpiscono da sempre gli esponenti di Washington e della Nato

13/ L’aggressivo atteggiamento anti-Russia della NATO è il principale ostacolo alla riapertura delle linee di comunicazione nucleare.
14/ Ogni illusione di migliorare le modalità di comunicazione tra Stati Uniti e NATO e Mosca naufragherebbe alla luce delle manovre in corso degli Stati Uniti (& NATO) per rafforzare il fianco orientale a ridosso della Russia.

15/ Da anni il Cremlino ha intensificato le critiche alla NATO per la minaccia costituita dal crescente numero di forze posizionate negli Stati baltici e in Polonia puntate contro la Russia.

– a ogni azione corrisponde una reazione 👇

16/ A prescindere dalle reali intenzioni della NATO, esiste il rischio concreto di innescare accidentalmente un conflitto nucleare.

– vedi 🧵

17/ “Come possiamo procedere per risolvere questo dilemma e ristabilire la nostra capacità di difesa collettiva senza essere minacciosi e senza ottenere accidentalmente l’effetto opposto che vorremmo?”, si domanda Cavoli.

– smantellare la baracca e sparire tanto per iniziare

• • •

 

Gli Stati Uniti e la Russia devono ristabilire il libro dei giochi della Guerra Fredda per evitare un’escalation nucleare, dice un alto generale

Di JOHN VANDIVER STARS AND STRIPES

Read more at: https://www.stripes.com/theaters/europe/2024-04-09/cavoli-nato-russia-nuclear-13516988.html
Source – Stars and Stripes – 9 aprile 2024

Il Gen. dell’Esercito degli Stati Uniti Christopher Cavoli, capo del Comando europeo degli Stati Uniti, incontra il Presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy in Germania, il 14 dicembre 2023, per discutere del sostegno militare statunitense e internazionale in corso per aiutare l’Ucraina. Lunedì Cavoli ha chiesto di ripristinare i metodi di comunicazione della Guerra Fredda con la Russia. (Susanne Goebel/Comando europeo degli Stati Uniti)

STUTTGART, Germania – Gli Stati Uniti devono riattivare le linee di comunicazione con Mosca che hanno aiutato i due Paesi a evitare il conflitto nucleare durante la Guerra Fredda, ha dichiarato questa settimana il più alto generale americano in Europa. “Potevamo leggere i segnali dell’altro. Sapevamo come inviarci segnali l’un l’altro… quasi tutto questo non c’è più”, ha detto lunedì il generale Christopher Cavoli, comandante supremo alleato della NATO e capo del Comando europeo degli Stati Uniti. Cavoli, parlando durante un evento all’Università di Georgetown in occasione del 75° anniversario della NATO, ha elencato numerosi aggiornamenti dell’alleanza per contrastare la Russia. Il numero di truppe NATO a disposizione di Cavoli in caso di crisi è aumentato di circa il 700% nell’ultimo anno. Ma la trasformazione della prontezza di combattimento non sembra essere stata accompagnata a livello strategico, quando si tratta di garantire che le potenze nucleari non fraintendano le reciproche intenzioni. Dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022, la retorica nucleare del Cremlino è diventata quasi di routine e probabilmente più provocatoria che durante la Guerra Fredda. Cavoli, che parla correntemente il russo ed è un ufficiale di area straniera di formazione, ha detto che presso il suo quartier generale della NATO sono in corso sforzi per aggiornare alcune delle vecchie pratiche ai tempi moderni. Ma ci sono complicazioni. “Prima di tutto, stiamo cercando di ristabilirlo durante una guerra calda” condotta dalla Russia contro l’Ucraina, ha detto. A differenza della Guerra Fredda, il maggior peso della Cina la rende un fattore di gestione dell’escalation delle tensioni. “Non ci sono più solo due parti principali a determinare la questione”, ha detto Cavoli. “C’è la Cina sullo sfondo e il modo in cui tutto questo interagirà su una base a tre sarà una questione molto importante”. Durante la Guerra Fredda, Cavoli ha affermato che esisteva un “vocabolario molto fine e reciprocamente compreso” tra l’Occidente e l’Unione Sovietica. “Sapevamo come comunicare verbalmente e non verbalmente le nostre intenzioni in modo da dare prevedibilità all’altra parte, comprensione all’altra parte”, ha detto Cavoli. “E questo è stato uno degli elementi principali che abbiamo utilizzato per gestire l’escalation e per ottenere la deterrenza senza rischi significativi”. Altri fattori del passato che si sono rivelati efficaci sono stati i vari trattati nucleari, gli accordi e le ispezioni in loco che hanno contribuito a mantenere aperte le linee di comunicazione. “Abbiamo perso l’abitudine di utilizzare questi meccanismi di segnalazione e… collettivamente ci siamo allontanati da molti degli accordi e dei trattati che in precedenza ci davano la possibilità di farlo”, ha dichiarato. Qualsiasi spinta a migliorare il modo in cui gli Stati Uniti e la NATO comunicano con Mosca potrebbe essere messa in discussione dai continui sforzi dell’alleanza per rafforzare il suo fianco orientale con la Russia. Negli ultimi anni il Cremlino ha intensificato le critiche alla NATO e al crescente numero di forze dell’Alleanza posizionate in luoghi come gli Stati baltici e la Polonia, che ha definito una minaccia. Gli alleati hanno sostenuto che queste mosse sono difensive e sono arrivate solo in risposta all’aggressione della Russia in Ucraina. “Come possiamo procedere per fare tutto questo e ristabilire la nostra capacità di difesa collettiva senza essere minacciosi e senza ottenere accidentalmente l’effetto che non vogliamo?”. ha chiesto Cavoli. “Penso che il primo passo sia descriverci apertamente come ciò che siamo: un’alleanza difensiva”. JOHN VANDIVER John si occupa delle attività militari statunitensi in Europa e in Africa. Con sede a Stoccarda, in Germania, ha lavorato in precedenza per giornali del New Jersey, della Carolina del Nord e del Maryland. Si è laureato all’Università del Delaware.

Read more at: https://www.stripes.com/theaters/europe/2024-04-09/cavoli-nato-russia-nuclear-13516988.html
Source – Stars and Stripes

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

SITREP 4/11/24: Zelensky sotto shock per i massicci attacchi alla più grande centrale elettrica di Kiev, di SIMPLICIUS THE THINKER

SITREP 4/11/24: Zelensky sotto shock per i massicci attacchi alla più grande centrale elettrica di Kiev

La giornata inizia con un massiccio attacco missilistico russo che ha spazzato via un’altra parte della restante capacità energetica ucraina. È ora confermato che la Russia sta colpendo proprio le sale delle turbine, causando danni di lunga durata, se non permanenti.

L’azienda energetica ucraina Centernergo ha dichiarato che è stato il giorno peggiore della sua storia, poiché la centrale termica di Trypil, nella regione di Kiev, è stata distrutta:

Ecco un prima e un dopo:

Gli apologeti del regime sono in fibrillazione per questo:

Sono stati colpiti anche l’impianto di Kharkov e diversi altri. Rapporto completo:

Attacco missilistico sul territorio dell’Ucraina l’11 aprile: i dettagli

I vettori missilistici 🔺Tu-95MS e le munizioni Geran-2 hanno colpito molti obiettivi, tra cui strutture militari e infrastrutture/energia.

Quali oggetti sono stati colpiti?

▪️Tripolye (regione di Kiev). Centrale termica di Trypilska.

▪️Kharkov, CHPP-3.

▪️Kharkov, stabilimento che porta il suo nome. Malysheva, officina n. 510 ed edificio n. 400.

▪️Chuguev (regione di Kharkov). Magazzino centrale di munizioni tecniche dell’unità militare A-2467.

▪️Kharkov, impianto Turboatom. Officina di fonderia ed edificio KEMZ.

▪️Stry (regione di Lviv), punto di raccolta del gas n. 2.

▪️Susk (regione di Rivne). 1448ª Base d’artiglieria centrale.

▪️Chervonograd (regione di Lviv). 72° battaglione separato di meccanizzazione delle Forze Armate ucraine.

▪️Chervonograd (regione di Lviv), sottostazione “Chervonograd-2” 110/35/6 kV.

▪️Odessa, sottostazione 330/110/10 kV “Usatovo”.

È degno di nota il fatto che durante gli attacchi alle strutture di produzione di energia elettrica, i testimoni oculari hanno registrato arrivi multipli, come nel caso del recente abbattimento della centrale idroelettrica del Dnieper. Indirettamente, ciò indica che le forze aerospaziali russe sono state incaricate di distruggere completamente o danneggiare gravemente TUTTI i grandi impianti di generazione non nucleare sul territorio dell’Ucraina.

Tenendo conto del fatto che gli attacchi al sistema energetico ucraino sono di natura sistemica (e alcune strutture, come il CHPP-3 e le sottostazioni di Odessa, sono state colpite non per la prima volta), l’effetto cumulativo di una forte carenza di produzione di elettricità potrebbe manifestarsi nel prossimo futuro.

È difficile stimare realmente quanto la situazione stia diventando catastrofica, perché ogni opinione degli “esperti” sembra differire e molti sono rimasti delusi dagli attacchi alla rete energetica dello scorso anno. Tuttavia, una cosa che si può dire oggettivamente è che la Russia ha colpito in modo evidente le sale macchine, come abbiamo visto in un video reale della stazione idroelettrica HES di Dnipro. Nella nota di Centernergo sopra riportata, si ammette anche un “grande incendio” nell'”officina delle turbine”.

A proposito, per coloro che si chiedono perché la Russia non abbia iniziato una campagna così devastante in inverno, ecco cosa Putin avrebbe detto a Lukashenko durante la loro riunione di oggi:

La Russia non ha colpito il settore energetico ucraino in inverno per motivi umanitari – Vladimir Putin

Vladimir Putin, durante un incontro con Lukashenko, ha dichiarato che la Russia è stata costretta a rispondere alla serie di attacchi ucraini al settore energetico. Il nostro Paese non ha effettuato tali attacchi in inverno per motivi umanitari, per non lasciare ospedali e scuole senza elettricità.

Se solo Netanyahu avesse lo 0,01% della compassione.

Ora che le cose si stanno scaldando in questo modo, l’Ucraina è in fibrillazione per i sistemi Patriot:

In effetti, Roepcke della Bild sembra affermare che l’Ucraina abbia completamente esaurito i missili AD di punta :

Aggiornamento:

Purtroppo, ecco la risposta della tedesca Annalena Baerbock:

Se volete capire quanto sia davvero disperata la situazione, date un’occhiata a questo sproloquio del pazzoide dell’UE Guy Verhofstadt:

Durante tutti questi appelli urgenti per l’invio di nuovi Patriot, qualcuno si è preoccupato di chiedere dove sono finiti i in precedenza Patriot consegnati? Ci è stato detto che erano completamente intatti dopo aver fermato tutti quei Kinzhal. Sembra che forse non fosse del tutto esatto.

Nel frattempo, il MOD russo ha pubblicato un altro video di un nuovo S-300 ucraino che viene abbattuto da quello che probabilmente è un Iskander o un Tornado-S vicino a Odessa:

Ma è qui che la situazione si fa interessante. Ciò che è iniziato come una semplice voce improbabile settimane fa sta lentamente iniziando a trasformarsi in un filo conduttore di qualcosa che sta accadendo nella direzione di Kharkov. I miei lettori sanno che sono molto aperto e onesto su queste cose: quando qualcosa sembra speculativo e basato solo su “voci”, lo dico prontamente, perché odio i clickbait e le voci senza fondamento proprio come voi.

Ma quando si raggiunge una certa massa critica di voci e informazioni, a volte le nostre orecchie si drizzano e siamo costretti a prestare attenzione. Kharkov è un punto particolarmente dolente da questo punto di vista, solo perché per tanto tempo abbiamo sentito voci su tutte le possibili offensive delle “grandi frecce” che potrebbero scendere da nord. Tuttavia, dobbiamo oggettivamente ammettere che la Russia non ha mai attaccato le infrastrutture energetiche ucraine con tanto impegno come sta facendo ora.

Quindi, per ravvivare la tavola, ecco che il capo dell’amministrazione di Kharkov annuncia di aver preso la decisione di evacuare quasi 50 insediamenti e villaggi nella regione di Kharkov nord, vicino al confine con la Russia:

Ricordate il thread parallelo che ho seguito qui, con molti cittadini che hanno iniziato a fuggire lentamente da Kharkov, percependo ciò che potrebbe essere in arrivo. Ricordate anche le mie informazioni personali sul campo, di cui ho scritto diverse settimane fa, che dicevano che i villaggi russi al confine con Sumy venivano tranquillamente evacuati, e che le autorità russe offrivano ai residenti denaro per andarsene entro due mesi.

L’ex generale russo e attuale membro della Duma ha commentato proprio questo:

L’opinionista ucraino Max Feigin ha persino dichiarato in diretta che Kharkov rischia di essere evacuata e sembra che i servizi comunali stiano già rimuovendo i documenti segreti – se ho capito bene – per evitare che cadano nelle mani dei russi in caso di caduta di Kharkov:

Anche Josep Borrell sembrava segnalare l’imminenza di qualcosa di grosso:

Ma la notizia più illuminante è arrivata dall’ultimo articolo dell’Economist dedicato a Kharkov:

Innanzitutto, vorrei ricordare che l’articolo inizia con questa citazione abbastanza tematica che mostra la natura di ciò che la Russia sta affrontando:

Mentre descrivono l’enorme aumento degli attacchi alla “seconda città” dell’Ucraina, fanno la prima ammissione degna di nota: la Russia potrebbe cercare di forzare effettivamente l’evacuazione della città, come riferito da “fonti militari” di Kiev:

L’escalation ha fatto sì che fonti militari di Kiev suggerissero che la Russia ha deciso di rendere la città una “zona grigia”, inabitabile per i civili.

Questo è importante perché tutte le anticipazioni che ho menzionato in precedenza sembrano dipingere il quadro di una campagna crescente per spegnere la città e ripulirla dai civili in vista di un potenziale attacco di terra su larga scala di qualche tipo.

Sembrano inoltre ammettere che la Russia ha distrutto i sistemi Patriot a guardia di Kharkov:

Ma poi arriva il grande appuntamento che ho preparato:

Quindi: secondo loro la Russia si sta preparando per una “grande offensiva estiva” e sta addestrando un massiccio esercito da campo a due corpi di sei divisioni nella “Siberia orientale”, secondo un alto funzionario ucraino.

Questo è estremamente interessante perché ci fornisce le prime potenziali informazioni su cosa potrebbero fare alcuni dei nuovi corpi d’armata di Shoigu. Ma la cosa più importante, e che ai più sfuggirà di questa notizia, è la seguente:

Il numero di 120 mila uomini corrisponde quasi esattamente al numero di truppe che la Russia ha indicato per ogni settore o fronte. Ad esempio, il teatro di Kupyansk-Kremennaya è stato indicato con circa 120-150 mila uomini. Anche il teatro di Zaporozhye avrebbe avuto all’incirca quella cifra; e poi anche il Donetsk. La maggior parte di queste informazioni sono state raccolte da varie fonti, come le fughe di notizie del Pentagono, che hanno fornito le disposizioni delle truppe russe. Ma a titolo di esempio, ecco un vecchio grafico non aggiornato che mi è capitato di trovare nella mia collezione per dare un’idea approssimativa:

Si può vedere il teatro di Kupyansk con ~130k, il gruppo centrale con 50k + 60k, e Zaporozhye con 50k che in seguito è cresciuto fino a diventare molto di più, senza contare il raggruppamento della vicina regione di Kherson.

Il punto è che questo numero corrisponde grosso modo a quello che la Russia ha utilizzato per un intero fronte o settore principale. Quindi se dobbiamo assumere, ipoteticamente, che questa potenziale nuova struttura di 120.000 uomini sia addestrata come un unico gruppo coeso – un’ipotesi basata sul fatto che, secondo quanto riferito, si stanno addestrando insieme nella stessa regione – sotto un unico comando, ergo possiamo fare l’estensione logica che questo raggruppamento è destinato a un nuovo teatro. E quale nuovo fronte o teatro potrebbe essere aperto con un raggruppamento così grande? Non c’è spazio da nessuna parte per iniettare un tale gruppo se non nel nord.

Certo, si tratta di ipotesi molto preliminari. Nessuno sa ancora nulla: il raggruppamento potrebbe benissimo essere inteso come riserva per sostituire e ruotare gli uomini lungo il fronte, oppure il “rapporto” dell’Economist potrebbe essere del tutto falso. Ci sono state altre voci secondo cui la Russia intendeva iniettare un’enorme quantità di nuovi uomini nel fronte di Zaporozhye e spingere lì una nuova grande offensiva. Ma mi sembra davvero una “coincidenza” e i miei sospetti personali sono rivolti a una potenziale direzione di Kharkov.

Tuttavia, una cosa da dire è che anche se ciò dovesse accadere, non mi aspetto necessariamente che accada a breve, o addirittura necessariamente quest’anno. Oggi vediamo che la Russia si muove in modo abbastanza metodico al proprio ritmo. L’imminente “offensiva estiva” potrebbe benissimo essere un aumento del ritmo delle azioni lungo il fronte attuale, e il fantomatico gruppo di 120.000 uomini potrebbe essere destinato ad aprire il teatro di Kharkov per l’inverno o addirittura la primavera dell’anno prossimo, per esempio. Dopotutto, una cosa da ricordare è che ci vuole fino a un anno per addestrare correttamente una nuova recluta. Non si sa quale sia il livello di addestramento di tutti questi arruolamenti, che sono arrivati nell’ultimo anno a un ritmo di ~30k al mese. Molti di loro potrebbero rimanere in addestramento per molto tempo prima di poter entrare in azione.

E nel caso in cui qualcuno lo chieda: Ho parlato a lungo del nuovo esercito di Shoigu, composto da 500.000 uomini e destinato ad essere una riserva contro un potenziale attacco della NATO. Ma hanno già raccolto tutti i 500.000 uomini e non hanno ancora smesso di reclutarli. Ciò significa che solo quest’anno ne hanno già reclutati altri 50.000 – come da ultimo comunicato da Medvedev e Shoigu alcune settimane fa – e quindi, potenzialmente, prelevare 120.000 uomini dalle riserve per le azioni SMO non sarebbe una grande riduzione, dato che, con 30.000 uomini al mese, in pochi mesi possono già ricostituire il totale.

La Russia sembra sapere qualcosa: ecco l’ultima dichiarazione del rappresentante ONU Nebenzya alla commissione:

“Molto presto, l’unico argomento di qualsiasi incontro internazionale sull’Ucraina sarà la resa incondizionata del regime di Kiev, consiglio a tutti voi di prepararvi a questo” – Nebenzya

Alcuni altri interessanti elementi adiacenti:

I membri del Congresso americano hanno ammesso che gli Stati Uniti hanno speso ben 300 miliardi di dollari per l’Ucraina dal 2014:

Anche il resto dello scambio è affascinante, in particolare l’ammissione di 12 basi della CIA in Ucraina.

E a proposito di buffonate del Congresso, si è scatenato un grande putiferio nel commentario ucraino dopo che l’amministrazione di Biden ha finalmente rivelato in modo definitivo che, a quanto pare, non appoggia l’Ucraina a colpire le infrastrutture petrolifere e del gas della Russia per il timore di influire sui “mercati energetici globali”:

È chiaro che questo non è corretto o è stato frainteso. Ho già spiegato come colpire le raffinerie russe non influisca realmente sul petrolio globale, poiché le raffinerie lavorano per raffinare la benzina per l’uso interno della Russia. Il vero motivo per cui l’amministrazione di Biden è preoccupata per i mercati “globali” è la minaccia implicita di ritorsioni da parte della Russia. Ci sono ovviamente degli accordi dietro le quinte in cui la Russia ha chiarito il suo regime di escalation nel caso in cui l’Ucraina fosse aiutata dalla NATO a colpire alcune strutture critiche della “linea rossa”.

Tali misure di escalation potrebbero essere la minaccia della Russia di colpire strutture nei Paesi della NATO, ad esempio, come misura di ritorsione, soprattutto se si considera che i droni britannici vengono ora utilizzati per alcune di queste incursioni. Oppure ci possono essere mezzi più asimmetrici con cui la Russia ha espresso le sue minacce, come fornire vari “aiuti” all’Iran e ai suoi proxy per aumentare la pressione sull’attuale situazione del Mar Rosso. Esiste una varietà di metodi a disposizione della Russia per fornire all’Iran e agli Houthi qualsiasi cosa, dagli armamenti alle informazioni e ai dati di puntamento satellitare, che potrebbero rendere le cose estremamente dolorose per gli Stati Uniti e che sicuramente porterebbero a una destabilizzazione dei “mercati globali”.

Questo è, come sempre, l’ambito che l’opinionismo pro-USA semplicemente non comprende, perché richiede una sottile comprensione della danza delle ombre della realpolitik dietro le quinte, che è sempre il vero motore degli eventi. Ho spiegato molte volte che in Ucraina esiste un delicato equilibrio di “intese” tra Russia e Occidente. Ognuno ha le sue linee rosse, e in articoli precedenti ho anche fornito la prova, tramite le ammissioni della CIA, che questo è il caso:

Sotto il radar: Importanti rivelazioni della CIA svelano accordi e confini segreti in Ucraina

Under the Radar: Major CIA Revelations Expose Secret Agreements and Boundaries in Ukraine

Lo scorso luglio, uno degli articoli più significativi dell’intera guerra ucraina è passato sotto silenzio. L’ho avuto sulla mia scheda per settimane, ma non sono mai riuscito a inserire le informazioni. È così illuminante, e sfata così tante narrazioni occidentali, che ho pensato che meritasse un articolo tutto suo; soprattutto perché è passato così sotto silenzio…

A proposito, come ultimo punto, questo scambio sull’argomento è stato notevole per dimostrare quanto gli Stati Uniti siano realmente coinvolti nel conflitto “per procura”. Ascoltate solo gli ultimi secondi in cui il deputato dice letteralmente “we dovremmo distruggere [le infrastrutture russe per il petrolio e il gas]”:

Noi, signor deputato? Sono gli Stati Uniti in guerra o è solo un lapsus della vecchia lingua biforcuta?

E a proposito di congressi corrotti, secondo quanto riferito, quello ucraino ha finalmente approvato una legge di mobilitazione rinnovata con grande furore e stridore di denti:

Tuttavia, per essere approvato completamente, necessita ancora della ratifica di Zelensky.

C’è stato un tale tumulto e una tale controversia che ci vorrebbe un articolo a parte per elencarli tutti. Ma il punto più spinoso riguarda la rimozione di una disposizione che permetteva ai militari ucraini di essere smobilitati dopo 3 anni di combattimenti. Ora, a quanto pare, la mobilitazione è “permanente”, cioè fino alla morte.

Poi c’è stato un video postato da uno dei rappresentanti della Rada che ha mostrato che solo 40 membri circa hanno partecipato, su un quorum di oltre 400

:

❗️Breaking notizie dalla Casa dei matti 404🚨

⚡️The La Verkhovna Rada adotta la legge più anti-popolare e criminale della storia dell’Ucraina. Dei 450 deputati del popolo richiesti, nella Rada ci sono circa 45 persone.

⚡️But la cosa più interessante è che questo non impedisce loro di fare gli emendamenti necessari per conservare i loro seggi.

Non so bene cosa pensare, se non ricordarvi le numerose segnalazioni che ho fatto in passato su come la Rada si sia deteriorata, con “voci” che sostengono che si sia trasformata in un caos totale, con molti membri che hanno tentato di fuggire dal Paese e non partecipano più alle sessioni. Questa sembra una delle prime conferme visive di ciò.

Nel frattempo le cose peggiorano:

E nessun oggetto ha generato un’ampiezza di chiacchiere superiore a quella delle bombe a collisione russe, che stanno diventando un problema assolutamente insormontabile per l’AFU:

Così come il Lancet è stato la star dell’anno scorso, ora sembra che la bomba a planare si sia spostata sotto i riflettori. Il motivo è semplice: L’Ucraina non usa quasi più blindati o veicoli, dato che si è rintanata e si è messa completamente sulla difensiva. Pertanto, al momento non c’è molto da fare per i Lancet. Ma le bombe glide sono proprio il rimedio per la posizione difensiva e di trincea dell’Ucraina, in quanto fanno a pezzi le trincee e le spaccano anche con impatti non diretti. E dato l’esaurimento della difesa aerea in prima linea dell’Ucraina, i cacciabombardieri russi sono in grado di operare in piena impunità, lanciando le bombe-glide in ogni momento e in ogni direzione.

L’ho scritto su X, ma lo ripeto qui come punto finale. Ora che la Russia sta producendo in massa bombe a effetto radente, non c’è quasi più modo per l’Ucraina di tenere il terreno. Solo in luoghi come Avdeevka, con enormi sotterranee strutture fortificate , sono stati in grado di resistere all’assalto. Ma quasi ovunque sia rimasto, come ad esempio a Chasov-Yar, le bombe glide distruggeranno le fortificazioni e le trincee in superficie, accartocciandole anche a distanza. Gli ucraini hanno riferito che la Fab-500 strappa le porte dai cardini a 1 km di distanza. Non c’è modo di tenere le trincee quando i Fab iniziano ad arrivarci sopra. Al momento in cui scriviamo, si dice che sia un massiccio in corsoassalto Kab/Fab a Chasov Yar. Ecco come appare sopra la città:

Un resoconto militare ucraino è “scioccato” dalla velocità con cui le forze russe stanno avanzando a Chasov Yar, e si dice persino che la Brigata Azov abbia nuovamente “rifiutato” l’ordine di combattere lì:

E un altro dalla 46ª Brigata AFU. Leggete con attenzione cosa fanno i Fabs delle bombe a collisione:

Il canale Rezident UA lo conferma:

#Inside
La nostra fonte nello Stato Maggiore ha detto che le Forze Armate non possono costruire una difesa adeguata contro le nuove tattiche di attacco russe. In tutte le direzioni, succede lo stesso, prima vengono sganciati 70-90 KAB sulle nostre posizioni, e poi arrivano piccoli gruppi d’assalto con postazioni di artiglieria, che con calma si dirigono verso le posizioni bruciate delle Forze Armate. L’unica possibilità di mantenere il fronte è quella di riempire le posizioni con i carri armati con due o tre sfoghi al giorno, ma questo metodo non fa altro che disperdere le nostre forze.

Beh, cos’altro possiamo dire?

Ultimi oggetti vari:

I robot terrestri UGV russi visti per la prima volta di recente operare all’assalto nei pressi di Berdychi sono stati finalmente mostrati più da vicino:

Il primo filmato dei test del Courier (“Курьер”) #UGV al campo di allenamento.

Questi droni sono già stati testati in operazioni di combattimento reali nell’area di Avdeevka (sono state utilizzate versioni con AGS-17 e mitragliatrici da 12,7 mm), mostrando buoni risultati pratici.

Per la prima volta sono state presentate le specifiche del prodotto, con l’utilizzo di un’ampia gamma di armi: AGS-17, AGS-30, RPO, RPG, ATGM, mitragliatrici da 12,7 mm, mine anticarro, sistemi EW. E la questione non si limita a questo.

Nel prossimo futuro, droni di questo tipo prenderanno il loro posto sul campo di battaglia, proprio come hanno fatto i droni aerei e marini sotto i nostri occhi.

Il progetto è sostenuto da Boris Rozhin e Chingis Dambiev.

L’ulteriore robotizzazione della guerra sembra inevitabile.

Per non parlare di una serie di altri già utilizzati sul campo:

Il prossimo:

Micron si è orgogliosamente vantato di una sorta di nuova “dinamica” che sta attraversando l’Europa e che lui ha avviato:

In realtà, alle sue spalle, i giornali francesi riportano il contrario. Da Le Monde:

A ciò ha fatto seguito l’affermazione dell’ex tenente colonnello britannico Glen Grant, secondo cui se la Francia invia truppe in Ucraina, allora anche il Regno Unito deve farlo, per evitare di diventare una “nazione perduta” (come se non lo fosse già):

Il povero Grant deve averlo dimenticato:

Nel frattempo:

Infine, per chi fosse interessato, ecco un nuovo illuminante episodio della famosa officina 130 di Uralvagonzavod, che ora produce in serie i carri armati T-90M “Proryv” (“Breakthrough”).

Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: Tip Jar

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Russia Ucraina, il conflitto 55a puntata Vita sotto le bombe a Donetsk Con M Bonelli, Olga M, Anna B

Da oltre dieci anni la città di Donetsk è martoriata dalla guerra e dalle bombe. Ha conosciuto tutte le fasi della guerra civile e del confronto militare tra NATO e Russia, sino alle pratiche terroristiche che stanno sempre più caratterizzando le azioni militari ucraine man mano che il fronte si allontana dalla città. Inizialmente l’obbiettivo del regime ucraino, nel suo particolare nazionalismo etnico e nazistoide, era quello di svuotare quel territorio dalla popolazione russa; adesso a motivare quegli atti è rimasto lo spirito di vendetta e la frustrazione. Sono i nuovi valori europei che stanno inquinando il clima delle nazioni europee. Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

https://rumble.com/v4okd9h-russia-ucraina-il-conflitto-55a-puntata-vita-sotto-le-bombe-a-donetsk-con-m.html

Commemorazione del ventennale del “Pogrom del 2004” in Kosovo Introduzione, di Vladislav B. Sotirović

Commemorazione del ventennale del “Pogrom del 2004” in Kosovo
Introduzione

Questo articolo affronta la questione dei diritti politici e dei diritti umani e delle minoranze nella regione del Kosovo e Metochia vent’anni dopo il “Pogrom del marzo 2004” e venticinque anni dopo l’aggressione militare della NATO a Serbia e Montenegro e l’occupazione della regione. L’importanza di questo tema di ricerca risiede nel fatto che, per la prima volta nella storia europea, uno Stato (quasi) indipendente di stampo terroristico e mafioso è stato creato grazie alla piena sponsorizzazione diplomatica, politica, economica, militare e finanziaria da parte dell’Occidente sotto l’ombrello dell’amministrazione protettiva della NATO e dell’UE. L’autoproclamazione dell’indipendenza del Kosovo nel febbraio 2008 ha già avuto diverse conseguenze negative “a effetto domino” in altre parti d’Europa (Caucaso, penisola di Crimea, regione del Donbas…). L’articolo si propone di presentare l’attuale situazione in Kosovo e Metochia e le possibili conseguenze del caso kosovaro per le relazioni internazionali e per l’ordine mondiale post-Guerra Fredda 1.0.

L’intervento della NATO nel 1999 e le sue conseguenze

Sono passati vent’anni dal “Pogrom del 2004” in Kosovo e Metochia contro i serbi locali, organizzato e realizzato dagli albanesi del Kosovo, guidati dai veterani dell’Esercito di Liberazione del Kosovo (UCK) e supportati logisticamente dalle truppe di occupazione della NATO in Kosovo e Metochia sotto il nome di Kosovo Forces (KFOR). Si trattava semplicemente della continuazione dell’ultima fase (fino ad oggi) dello smembramento dell’ex Jugoslavia – la Guerra del Kosovo (19981999) e l’intervento militare della NATO (24 marzo-10 giugno 1999) contro la Serbia e il Montenegro (che all’epoca componevano la Repubblica Federale di Jugoslavia ) violando il diritto internazionale. In questo contesto, possiamo dire che alla fine del XX secolo, il destino dell’ex Jugoslavia è stato determinato da diverse organizzazioni internazionali, ma non in modo decisivo dagli stessi jugoslavi.
L’intervento militare della NATO contro la Repubblica Federale di Iugoslavia (MarchJune) nel 1999 (guidato dagli Stati Uniti) per la ragione formale della protezione dei diritti umani (albanesi) in Kosovo, ha segnato un passo cruciale verso la conclusione del processo di creazione della “Pax Americana” globale nella forma dell’Ordine Mondiale della NATO  il NWO. Poiché la NATO ha usato la forza contro la Repubblica Federale di Iugoslavia senza le sanzioni e l’autorizzazione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU e senza una proclamazione ufficiale di guerra, possiamo definire questo intervento militare una pura “aggressione” contro uno Stato sovrano secondo le regole e il diritto internazionale. Nei Balcani, negli anni ’90, la NATO non solo ha acquisito una grande esperienza militare e l’opportunità di esaurire le vecchie armi e di usarne di nuove, ma è anche riuscita a potenziare le proprie attività, diventando un’organizzazione globale.

Dopo la guerra del Kosovo, la Risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (del giugno 1999) ha dato mandato per l’effettiva protezione dei valori universali dei diritti umani e delle minoranze di tutti gli abitanti del territorio della Regione Autonoma del Kosovo e Metochia della Serbia meridionale (in lingua inglese nota solo come Kosovo). In questo modo, la responsabilità della protezione delle vite umane, della libertà e della sicurezza in Kosovo è stata trasferita alle autorità pubbliche “internazionali”, ma, di fatto, solo alla NATO: l’amministrazione della Missione delle Nazioni Unite in Kosovo  l’UNMIK, e le forze militari “internazionali” – (la KFOR, Kosovo Forces). Purtroppo, ben presto questa responsabilità è stata messa in discussione, in quanto circa 200.000 persone di etnia serba e membri di altre comunità non albanesi sono stati espulsi dalla regione dalla locale etnia albanese guidata dai veterani dell’UCK. In ogni caso, a soffrire furono soprattutto i serbi. Oggi è rimasto solo il 3% dei non albanesi in Kosovo rispetto alla situazione prebellica, su un numero totale di non albanesi in questa provincia che era almeno del 12%. Solo fino al marzo 2004 sono stati devastati o distrutti circa 120 oggetti religiosi e monumenti culturali serbo-ortodossi.

Il “Pogrom del marzo 2004

Tuttavia, la più terribile della serie di esplosioni di violenza degli albanesi del Kosovo contro i serbi che vivono in questa regione è stata organizzata e portata avanti tra il 17 e il 19 marzo 2004, con tutte le caratteristiche del pogrom organizzato. Durante i tragici eventi del “Pogrom di marzo 2004”, un assalto distruttivo di decine di migliaia di albanesi del Kosovo guidati da gruppi armati di veterani dell’UCK redenti (il Kosovo Protection Corpus  il KPC, futuro esercito regolare albanese del Kosovo) ha portato a una sistematica pulizia etnica dei serbi rimasti, insieme alla distruzione di case, altre proprietà, monumenti culturali e siti religiosi cristiani serbo-ortodossi. Tuttavia, le forze civili e militari internazionali presenti nella regione sono rimaste solo “stordite” e “sorprese” da quanto stava accadendo. Il “Pogrom del marzo 2004”, che secondo le fonti documentali ha causato la perdita di diverse decine di vite umane, diverse centinaia di feriti (compresi i membri della KFOR), più di 4.000 esiliati di etnia serba, più di 800 case serbe date alle fiamme e 35 chiese cristiane ortodosse serbe e monumenti culturali distrutti o gravemente danneggiati, ha sicuramente rivelato la reale situazione sul campo in Kosovo anche 60 anni dopo l’Olocausto della Seconda Guerra Mondiale. Purtroppo, i tentativi dei serbi, in particolare del governo serbo dell’epoca guidato da Vojislav Koštunica (leader del Partito Democratico di Serbia), di richiamare l’attenzione internazionale sulla situazione di violazione dei diritti umani e delle minoranze in questa regione non hanno avuto successo.

Verso una Grande Albania

È quindi necessario ribadire che la pulizia etnica dei serbi (e di altre popolazioni non albanesi) nella regione del Kosovo da parte degli albanesi locali dopo la metà di giugno del 1999 significa mettere in pratica l’annientamento di un territorio serbo di squisita rilevanza storica, spirituale, politica e culturale di primo piano, e culturale di altissimo livello per la nazione, lo Stato e la Chiesa serbi, e la sua trasformazione quotidianamente visibile in un altro Stato albanese nei Balcani, con il desiderio e la possibilità di unificarlo con la vicina madrepatria Albania (quasi tutti gli albanesi del Kosovo sono originari dell’Albania). In questo modo, il principale obiettivo geopolitico della Prima Lega Albanese di Prizren del giugno 1878 viene portato a compimento, comprese le sue implicazioni per la Valle di Preševo nella Serbia sudorientale, la parte occidentale della Macedonia settentrionale fino al fiume Vardar, una porzione greca della provincia dell’Epiro e il Montenegro orientale (Crna Gora). È noto che i lavoratori politici albanesi richiedevano, nell’ambito della Prima Lega Albanese di Prizren (18781881), la creazione di una Grande Albania come provincia autonoma dell’Impero Ottomano composta da “tutti i territori di etnia albanese”. Più precisamente, si richiedeva che le quattro province ottomane (vilayet) di Scodra, Ioannina, Bitola e Kosovo fossero unite in un’unica provincia ottomana nazionale albanese, il Vilayet d’Albania. Tuttavia, in due delle quattro province “albanesi” richieste  Bitola e Kosovo, l’etnia albanese non costituiva all’epoca nemmeno una maggioranza. Tuttavia, una Grande Albania con capitale a Tirana è esistita durante la Seconda Guerra Mondiale sotto il protettorato di Mussolini e Hitler.

Il movimento nazionale albanese, nato sotto il programma della Prima Lega Albanese di Prizren nel 1878, continua a svolgere le sue attività terroristiche fino ad oggi. È stato particolarmente attivo nel periodo della Grande Albania sostenuta dall’Italia e dalla Germania, dall’aprile 1941 al maggio 1945, quando ha intrapreso l’organizzazione della rete di agenti Quisling albanesi. Durante questo periodo circa 100.000 serbi del Kosovo e Metochia furono espulsi dalle loro case, oltre ai circa 200.000 serbi espulsi durante la Jugoslavia socialista dal 1945 al 1980, guidata da Josip Broz Tito, di etnia slovena e croata nato in Croazia e notoriamente anti-serbo. Il processo di articolazione del movimento secessionista albanese in Kosovo e Metochia è continuato durante la Jugoslavia del secondo dopoguerra ed è stato portato avanti dalla partocrazia comunista serba anti-serba del Kosovo. Il processo divenne particolarmente intenso e di successo nel periodo 19681989. Ad esempio, solo dal 1981 al 1987 sono stati 22.307 i serbi e i montenegrini costretti a lasciare il Kosovo e la Metochia. L’ingresso delle truppe della NATO nella regione, nel giugno 1999, segna l’inizio dell’ultima fase della “Soluzione Finale” della questione serba, pianificata e realizzata dagli albanesi sul territorio del Kosovo e Metochia, culla storica e culturale della nazione serba, ma in cui in futuro dovranno vivere solo gli albanesi.

Alla luce del principale obiettivo albanese – stabilire una Grande Albania etnicamente pura – è “comprensibile” perché sia così importante distruggere ogni traccia serba sul territorio definito dalle aspirazioni. Il terrorismo albanese si sviluppa da più di due secoli. Ha il profilo di un terrorismo di stampo etnico, cioè etno-razzista (come quello croato), caratterizzato da un’eccessiva animosità nei confronti dei serbi. Le sue caratteristiche principali sono le seguenti:
1. Ogni tipo di misura repressiva è stata diretta contro la popolazione serba.
2. Azioni pratiche per costringere i serbi a lasciare le loro case.
3. La devastazione degli oggetti religiosi cristiani serbo-ortodossi e di altri monumenti culturali appartenenti alla nazione serba, che testimoniano la presenza decennale dei serbi in Kosovo e Metochia.
4. Distruzione dell’intera infrastruttura utilizzata dai membri della comunità serba.
5. La distruzione dei cimiteri serbi significa di fatto la distruzione delle radici storiche dei serbi nella regione.
Esperimento Kosovo: “Die rückkehr des kolonialismus” (Il ritorno del colonialismo)

L’oppressione e il terrore di lunga data degli albanesi musulmani contro la comunità serba cristiano-ortodossa in Kosovo e Metochia è un fenomeno specifico con gravi conseguenze non solo per i serbi locali. Tuttavia, è diventato chiaro che prima o poi avrebbe comportato gravi problemi anche per il resto dell’Europa.

Sono passati due decenni dal “Pogrom del 2004” e un quarto di secolo dall’aggressione militare della NATO contro uno Stato europeo sovrano come la Repubblica federale di Iugoslavia. Attualmente, le domande cruciali sono:

1) Quali obiettivi ha perseguito la NATO?
2) Se è riuscita a far fronte ai suoi compiti nei successivi (25) anni?
3) Cosa hanno portato questi anni a coloro che hanno lanciato le bombe e a coloro che sono stati attaccati?

Va chiarito che durante la guerra del Kosovo, la NATO non ha ottenuto una vittoria militare, poiché non è riuscita a distruggere l’esercito della RFI e il morale dei soldati. Tuttavia, una campagna di bombardamenti ha creato l’atmosfera politica giusta per distruggere la Serbia (volutamente non tanto il Montenegro) e per imporre le proprie condizioni al governo serbo, comprese le regole di cooperazione con l’UE, il Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia (all’Aia) e anche con la NATO. Dopo il giugno 1999, la Serbia ha perso quasi tutte le opportunità di controllare la sovranità, l’integrità territoriale e la sicurezza nazionale del proprio Stato, diventando allo stesso tempo una colonia politica, finanziaria ed economica occidentale. Dopo diversi anni di ingiustizie e punizioni da parte dell’Occidente prima del 1999, i serbi come nazione hanno perso la volontà di combattere, di resistere, poiché erano praticamente soli quando hanno cercato di respingere l’attacco della potente alleanza militare occidentale in MarchJune 1999. Di conseguenza, dopo il giugno 1999 è diventato molto più facile per l’Occidente continuare il processo di distruzione della Jugoslavia e portare avanti una politica di trasformazione della regione nel proprio dominio coloniale, con il Kosovo e Metochia occupati come il miglior esempio di “die rückkehr des kolonialismus”.

Nell’ottobre del 2000 Slobodan Milosević, che è stato a capo della Serbia per dieci anni, è stato spodestato dalla rivoluzione di strada in stile putsch, come è stato fatto con il presidente ucraino Viktor Yanukovych a Kiev nel febbraio 2014. A prima vista, la mossa è apparsa inaspettata, facile e legale, in altre parole – un affare di casa della Jugoslavia. Tuttavia, la “Rivoluzione del 5 ottobre 2000” a Belgrado, in realtà, era stata preparata molto accuratamente da reparti speciali (“Otpor” o “Resistenza”) sponsorizzati dall’Occidente, in particolare dalla CIA. Il metodo si è rivelato talmente efficace che, secondo un documentario occidentale basato sulle testimonianze dei membri del movimento serbo “Otpor”, è stato successivamente utilizzato in Georgia (la “Rivoluzione delle rose” nel novembre 2003) e in Ucraina (la “Rivoluzione arancione” dalla fine di novembre 2004 al gennaio 2005 e infine nel 2013/2014), ma è fallito in Moldavia e in Iran nel 2009. La stessa fonte sostiene che l’opposizione georgiana è stata istruita in Serbia, mentre i colleghi ucraini della “rivoluzione arancione” sono stati istruiti anche in Serbia e in Georgia.

Dalla fine della Guerra Fredda 1.0 nel 1989, la Serbia è rimasta un simbolo di indipendenza e disobbedienza all’Ordine Mondiale della NATO in Europa. Tuttavia, le nuove autorità serbe dopo l’ottobre 2000 hanno obbedito all’Ordine Mondiale della NATO e tutto è filato liscio. Lo smembramento della Repubblica federale di Iugoslavia è iniziato quando, arrivato a Belgrado nel febbraio 2003, Javier Solana, un alto rappresentante e funzionario dell’UE, ha suggerito a un gruppo di funzionari di Serbia e Montenegro di ammettere che la Repubblica federale di Iugoslavia aveva cessato di esistere e di adottare la Carta costituzionale, scritta a Bruxelles. Il suo testo proclamava, per l’inizio, la nascita di un nuovo Paese. Solana non ha incontrato alcuna resistenza. Di conseguenza, la Repubblica federale di Iugoslavia è stata rinominata Unione statale di Serbia e Montenegro e ha ufficialmente abolito il nome “Iugoslavia” che era in uso ufficiale dal 1929. Nel 2006 il Montenegro e la Serbia hanno dichiarato l’indipendenza, ponendo così fine allo Stato comune slavo meridionale (da cui sono usciti solo i bulgari) istituito nel 1918 con il nome originario di Regno dei Serbi, dei Croati e degli Sloveni (nome utilizzato fino al 1929). È stato Javier Solana a farlo, anche se oggi rimane un criminale di guerra per la maggioranza dei serbi, poiché nel 1999, in qualità di Segretario Generale della NATO, ha bombardato il loro Paese uccidendo 3.500 cittadini serbi, tra cui bambini e donne, con un danno materiale per il Paese di circa 200.000 miliardi di dollari.

Dopo il 2000, sotto la presidenza di Slobodan Milošević, presidente della Serbia e poi della Repubblica federale di Iugoslavia, è stato più facile attuare i piani della NATO che sembravano semplicemente fantastici. L’ultima Jugoslavia (Serbia e Montenegro) è stata minata, la sua integrazione è rallentata fino alla sua definitiva dissoluzione nel 2006 e la forza della Serbia si è esaurita. Ciò che la NATO, gli Stati Uniti e l’Unione Europea non sono riusciti a ottenere nel castello di Rambouillet (in Francia) nel 1998/1999 (durante gli ultimatum-negoziati con S. Milošević sulla crisi del Kosovo) e attraverso 78 giorni di bombardamenti crudeli e disumani in MarchJune 1999, lo hanno ottenuto il 18 luglio 2005, quando Serbia e Montenegro hanno firmato un accordo con la NATO “sulle linee di comunicazione”. Si trattava di un accordo tecnico che permetteva al personale e alle attrezzature della NATO di transitare nel Paese. In base all’accordo, la NATO avrebbe potuto godere di tali opportunità per un periodo piuttosto lungo, “fino alla conclusione di tutte le operazioni di mantenimento della pace nei Balcani”. In questo modo la NATO ha avuto il via libera per ampliare la sua presenza nella regione e controllare l’esercito di Serbia e Montenegro. Il 1° aprile 2009 l’Albania e la Croazia hanno completato il processo di adesione, seguite dal Montenegro il 5 giugno 2017 e dalla Macedonia del Nord il 27 marzo 2020, quando tutti questi Stati balcanici sono entrati a far parte della NATO come membri a pieno titolo, circondando così la Serbia di membri della NATO da tutte le parti, tranne quella bosniaco-erzegovese. Oggi i Balcani sono la base militare permanente della NATO. Per esempio, nell’ottobre 2008 il ministro della Difesa serbo e i funzionari della NATO hanno firmato l’accordo sulla sicurezza delle informazioni, che consente alla NATO di controllare tutti coloro che trattano i loro documenti o semplicemente collaborano con loro. Proprio per questo motivo, la NATO ha insistito sulla segretezza dei negoziati con il governo filo-occidentale della Serbia.

Le conseguenze dell’aggressione a Serbia e Montenegro del 1999 sono state le più favorevoli per la NATO. Nessuno condannò la NATO e si sentì ancora più sicura nella prospettiva globale (Afghanistan nel 2001, Iraq nel 2003…). Negli ultimi anni il mondo ha visto che la NATO stava facendo diversi tentativi di espansione. Attualmente, il blocco militare della NATO sta occupando più posizioni nei Balcani, utilizzando vecchi e costruendo nuovi campi militari con il tentativo di includere nella sua organizzazione, dopo il Montenegro e la Macedonia del Nord, anche la Bosnia-Erzegovina (quest’ultima solo dopo la cancellazione della Repubblica Srpska come soggetto politico). L’esistenza di un enorme campo militare della NATO “Bondsteel” in Kosovo e Metochia è la prova migliore che la regione sarà sotto il dominio degli Stati Uniti e della NATO ancora per molto tempo, se l’equilibrio tra le Grandi Potenze (Stati Uniti/Russia/Cina) non verrà drasticamente modificato. Tuttavia, l’attuale crisi (guerra) sull’Ucraina è il primo segnale di tale cambiamento, cioè dell’inizio della nuova era della Guerra Fredda o addirittura della Terza Guerra Mondiale.

Pulizia etnica/culturale ed effetto domino

Il fatto più deludente dell’attuale realtà postbellica del Kosovo è sicuramente la pulizia etnica e culturale di tutti i non albanesi e del patrimonio culturale non albanese sotto l’ombrello della NATO/KFOR/EULEX/UNMIK. Le prove sono evidenti in ogni angolo del territorio kosovaro, ma volutamente non coperte dai mass media e dai politici occidentali. Ad esempio, all’arrivo della KFOR (una forza internazionale, ma di fatto “Kosovo Forces” della NATO) e dell’UNMIK (la “Missione delle Nazioni Unite in Kosovo”) in Kosovo e Metochia nel 1999, tutti i nomi delle città e delle strade di questa provincia sono stati rinominati con forme albanesi (musulmane) o con nuovi nomi. I monumenti agli eroi serbi, come quello dedicato al duca Lazar (che guidò l’esercito cristiano serbo durante la battaglia del Kosovo del 28 giugno 1389 contro i turchi musulmani) nella città di Gnjilane, sono stati demoliti. I serbi venivano e vengono uccisi, assassinati, feriti, rapiti e le loro case rase al suolo. Come ho già detto, la pulizia etnica più infame è stata compiuta tra il 17 e il 19 marzo 2004 – il cosiddetto “Pogrom del marzo 2004”.

Ad oggi, il numero di serbi uccisi o dispersi in Kosovo e Metochia dal giugno 1999 in poi (dopo l’arrivo della KFOR) si misura in migliaia, il numero di chiese e monasteri serbi cristiano-ortodossi demoliti in centinaia e il numero di case serbe bruciate in decine di migliaia. Anche se all’inizio la KFOR contava ben 50.000 soldati e diverse migliaia di poliziotti e membri civili della missione, principalmente nessuno dei crimini sopra citati è stato risolto. Infatti, uccidere un serbo in Kosovo non è considerato un crimine, anzi, gli assassini di bambini e anziani vengono premiati come eroi dai loro compatrioti di etnia albanese. La provincia è quasi etnicamente pulita come l’Albania e la Croazia. Infatti, secondo l’ultimo censimento ufficiale jugoslavo del 1991, prima della guerra, i non albanesi in Kosovo e Metochia erano il 13% (in realtà sicuramente di più). Tuttavia, si stima che oggi il 97% della popolazione del Kosovo e Metochia sia di sola etnia albanese. Alla luce del principale obiettivo nazionale degli albanesi – la creazione di un altro Stato albanese nei Balcani e in Europa, come primo passo verso l’unificazione statale pan-albanese – possiamo “capire” perché sia importante distruggere ogni traccia serba nel “territorio definito dalle aspirazioni”.

La fase finale del distacco del Kosovo e Metochia dalla madrepatria Serbia è avvenuta il 17 febbraio 2008, quando gli albanesi del Kosovo hanno ricevuto da Washington il permesso di proclamare la propria (quasi) indipendenza formale, che è avvenuta, in realtà, più tardi di quanto previsto da Russia e Cina. Al Consiglio di Sicurezza dell’ONU Mosca ha detto “no” all’indipendenza del Kosovo, poiché la Russia rispetta gli interessi della Serbia e condanna ufficialmente tutti i tentativi di imporre decisioni ad altri membri della comunità internazionale violando il diritto internazionale (nel caso del Kosovo e Metohija si tratta della Risoluzione 1244 dell’ONU). Il fatto è che i serbi non hanno dimenticato il Kosovo, ma non hanno nemmeno fatto molto al riguardo. Oggi sono circa 80 gli Stati che riconoscono l’indipendenza del Kosovo, tra cui la maggior parte dei membri dell’UE e della NATO (su 192 membri dell’ONU). Quasi tutti sono vicini alla Serbia e, tranne la Bosnia-Erzegovina, tutte le repubbliche dell’ex Jugoslavia hanno riconosciuto il Kosovo. La Bosnia-Erzegovina non l’ha riconosciuto proprio per questo motivo: la Repubblica Srpska, ancora unità politica autonoma all’interno della Bosnia-Erzegovina insieme alla Federazione croato-musulmana secondo l’accordo di pace di Dayton/Parigi del 1995, ha e usa il diritto di veto. Attualmente, in Kosovo, c’è l’EULEX (Missione Civile Europea) e la questione del Kosovo sta gradualmente uscendo dalla giurisdizione dell’ONU e dalla portata del veto russo nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU, diventando sempre più un territorio governato dalla NATO e dall’UE. Esistono le cosiddette Forze di Sicurezza del Kosovo (in realtà i membri redenti dell’UCK), che sono state formate secondo il piano di Martti Ahtisaari con il sostegno attivo della NATO per essere oggi, di fatto, trasformate nell’esercito regolare (albanese) non ufficiale della Repubblica del Kosovo per adempiere al compito della pulizia etnica finale della provincia, che negli ultimi anni è di fatto all’ordine del giorno.

Ciò che è vero nella realtà politica odierna del Kosovo e Metochia è il fatto che questo territorio, sotto forma di (quasi) Stato cliente, è amministrato dai membri dell’UCK, un’organizzazione militare che nel 1998 è stata proclamata terrorista dall’amministrazione statunitense. In ogni caso, l’UCK è diventato il primo movimento ribelle di successo e la prima organizzazione terroristica in Europa dopo la seconda guerra mondiale. Da una minuscola diaspora albanese in Svizzera, nella seconda metà degli anni ’80, il movimento è passato a circa 18.000 soldati, finanziati e chiaramente sostenuti con ogni mezzo dall’amministrazione statunitense. Al fine di realizzare il proprio compito politico cruciale – la separazione della provincia del Kosovo e Metochia dal resto della Serbia con la possibilità di unirla all’Albania – l’UCK si è alleato con la NATO tra il sito 19971999. La strategia di guerra del terrore dell’UCK si basava sulla lunga tradizione degli albanesi di opporsi con le armi a qualsiasi autorità organizzata sotto forma di Stato, dall’epoca ottomana a oggi. Tuttavia, l’intervento militare della NATO nel 1999 contro la Serbia e il Montenegro per la questione del Kosovo è stato dipinto dai media americani e dell’Europa occidentale come un passo necessario per impedire alle forze armate serbe di ripetere la pulizia etnica in Bosnia-Erzegovina. Ma la verità è che la Serbia ha addestrato le sue forze armate in Kosovo e Metochia a causa della lotta armata in corso da parte dell’organizzazione terroristica e separatista dell’UCK per strappare l’indipendenza dalla Serbia in vista della creazione di una Grande Albania con Kosovo e Metochia etnicamente puri e, in seguito, delle parti occidentali della Macedonia settentrionale, del Montenegro orientale e dell’Epiro greco.

Ciononostante, l’ex presidente degli Stati Uniti Barrack Obama si è congratulato all’inizio del suo mandato presidenziale con i leader del “Kosovo multietnico, indipendente e democratico”, senza tener conto del fatto che quei leader (in particolare Hashim Tachi – il “Serpente” e Ramush Haradinay) si sono dimostrati noti criminali di guerra, che la regione (lo Stato?) non è né multiculturale né realmente indipendente e soprattutto non è democratica. Tuttavia, ci sono diverse dichiarazioni ufficiali dell’UE e dichiarazioni politiche non ufficiali che incoraggiano Belgrado e Priština a cooperare e a “sviluppare relazioni di vicinato”, il che in pratica significa per la Serbia che Belgrado deve innanzitutto riconoscere l’indipendenza del Kosovo albanese per poter diventare uno Stato membro dell’UE dopo anni o addirittura decenni di negoziati. Un altro fatto è che il processo di riconoscimento internazionale dell’indipendenza del Kosovo è molto più lento di quanto Priština e Washington si aspettassero all’inizio. Dal momento dell’autoproclamazione dell’indipendenza del Kosovo, il più grande “successo” diplomatico della Serbia è la maggioranza dei voti nel 2008 dell’Assemblea generale dell’ONU a sostegno della decisione che il caso dell’indipendenza del Kosovo debba essere esaminato dalla Corte internazionale di giustizia dell’Aia (istituita nel 1899). Da un lato, la decisione della Corte del luglio 2010 è stata molto favorevole per i separatisti e i terroristi albanesi del Kosovo (l’UCK), in quanto si è giunti alla conclusione che la proclamazione unilaterale dell’indipendenza del Kosovo nel febbraio 2008 è stata fatta nel quadro del diritto internazionale (in questo contesto, probabilmente, la proclamazione della Repubblica Serba di Krayina dalla Croazia o della Repubblica Srpska dalla Bosnia-Erzegovina negli anni ’90 sono state fatte in base al diritto internazionale!) D’altra parte, però, il verdetto della Corte del 2010 è già diventato molto favorevole per i movimenti separatisti di altre regioni, come nel marzo 2014 per i separatisti della penisola di Crimea o forse presto per i loro colleghi della Catalogna, della Scozia, del Nord Italia (Lega Nord)… L’autoproclamazione di indipendenza del Kosovo ha avuto un effetto domino diretto solo pochi mesi dopo, quando nell’agosto 2008 l’Ossezia del Sud e l’Abkhazia hanno fatto lo stesso dalla Georgia.

La realtà (oscura) dell’attuale Kosovo e Metochia, dall’altra parte, è che non c’è un solo partito di etnia albanese nella scena politica del Kosovo, profondamente divisa, che sia pronto ad accettare una “reintegrazione pacifica” della regione nella sfera politica della Serbia e non c’è un solo politico di etnia albanese che non sia preoccupato del pericolo rappresentato dalla “divisione del Kosovo” per la parte albanese (maggiore) e per la parte serba (minore) e che non si opponga alla minima proposta di autonomia serba per la porzione settentrionale del Kosovo e Metohija. Ma la cosa più importante è che i leader kosovari di etnia albanese e persino i cittadini di origine albanese non prendono nemmeno in considerazione dilemmi nazionali come “Europa o indipendenza!”. Non c’è dubbio su quale sarà la loro risposta in quel caso. Dall’altra parte, cosa sta succedendo in Serbia? La risposta è che una nazione incapace di scegliere tra l’integrità territoriale da un lato e l’appartenenza a un’associazione internazionale (anche se importante ma per molti aspetti antiserba) dall’altro, cioè una nazione che non può scegliere tra queste due “priorità”, merita davvero di perdere entrambe.

Osservazioni finali

In definitiva, se il diritto internazionale e l’ordine fisso vengono infranti da una parte del globo (es. Kosovo, Afghanistan, Iraq) non è strano aspettarsi che lo stesso diritto e lo stesso ordine vengano infranti da qualche altra parte (es. Caucaso, Ucraina, Spagna, Regno Unito, Italia, Francia…) secondo la logica della reazione del cosiddetto “effetto domino” nelle relazioni internazionali. Infine, va notato che se l’estremismo albanese non verrà fermato, la Macedonia del Nord e il Montenegro dovranno cedere parti dei loro territori popolati da etnia albanese (Macedonia occidentale e Montenegro orientale). In questo caso, l’Europa dovrà decidere come discutere la questione della revisione dei confini e come riconoscere un nuovo Stato allargato della (Grande) Albania.

Dr. Vladislav B. Sotirović
Ex professore universitario
Vilnius, Lituania
Ricercatore presso il Centro di Studi Geostrategici
Belgrado, Serbia
www.geostrategy.rs
sotirovic1967@gmail.com
© Vladislav B. Sotirović 2024

Disclaimer personale: l’autore scrive per questa pubblicazione a titolo privato e non rappresenta nessuno o nessuna organizzazione, se non le sue opinioni personali. Nulla di quanto scritto dall’autore deve essere confuso con le opinioni editoriali o le posizioni ufficiali di altri media o istituzioni.

11

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

La Yellen inviata a chiedere alla Cina un rallentamento per salvarsi la faccia, di SIMPLICIUS THE THINKER

La Yellen inviata a chiedere alla Cina un rallentamento per salvarsi la faccia

La crescente urgenza degli Stati Uniti di “contenere” lo sviluppo della Cina è stata messa in forte risalto questa settimana, quando Janet Yellen è arrivata a Pechino per quello che si è rivelato un esecrabile tour di mendicanti. Pochi giorni prima del suo arrivo, la Yellen aveva fatto scalpore con la sua memorabile esclamazione secondo cui la Cina stava operando in “sovraccapacità”(!!).

Che cos’è la sovraccapacità, vi chiederete? È una parola nuova anche per me, quindi consultiamo insieme il dizionario:

overcapacity
noun
sostantivo
o-ver-ca-pac-i-ty: ō′vər-kə-ˈpa-sə-tē
1Quando l’attività economica in crescita di un’insolente nazione emergente umilia totalmente l’economia vacillante dell’egemone in carica, causando il tintinnio delle costose dentiere e delle faccette di porcellana della gerontocrazia della classe dominante, che si sentono indignate e invidiose.

1b: Una situazione indesiderata che fa sì che il portafoglio azionario di Janet Yellen e Nancy Pelosi si afflosci come un paio di guanciali trattati con il botox.

Certo… il mio dizionario potrebbe essere leggermente diverso dal vostro, ho un’edizione rara. Detto questo, siamo sulla stessa lunghezza d’onda? Bene.

La definizione di cui sopra potrebbe mancare nel nuovo pamphlet ufficiale del regime, ma è sicuro che gli inetti leader degli Stati Uniti sono pronti a inventare nuovi eufemismi creativi per descrivere la totale spogliazione e il rovesciamento dell’ordine economico da parte della Cina.

Ma se eravate scettici sul significato del risibile solecismo della Yellen sulla “sovraccapacità”, il suo discorso dall’interno della Cina conferma esattamente ciò che il regime ha in mente:

“La Cina è ora semplicemente troppo grande perché il resto del mondo possa assorbire questa enorme capacità. Le azioni intraprese oggi dalla RPC possono spostare i prezzi mondiali….”.

E la notizia bomba:

“Quando il mercato globale viene inondato da merci cinesi a basso costo, la redditività delle imprese americane viene messa in discussione”.

Beh, lo dico io.

La distinzione importante da notare in questa affermazione è che per molto tempo l’appellativo “economico” usato per descrivere i prodotti cinesi si è spesso riferito in modo subdolo alla loro qualità, nel senso secondario del termine. In questo caso, la Yellen si riferisce all’economicità come prezzo: la distinzione è significativa perché si riferisce al fatto che i processi produttivi cinesi hanno semplicemente superato di gran lunga l’efficienza dell’Occidente, come recentemente evidenziato dai video della fabbrica di e-car Xiaomi con la sua Giga Press nativa che si dice siain grado di produrre un’auto ogni 17 secondi.

Il fatto è che laCina sta semplicemente facendo un balzo in avanti rispetto agli Stati Uniti, decrepiti e in via di deterioramento, sotto ogni punto di vista, e le élite, in preda al panico, hanno mandato la Yellen a implorare la Cina di “rallentare” e di non metterli in imbarazzo sulla scena mondiale .

Come sta facendo la Cina? Vediamo alcuni dei modi più significativi:

[1]

In primo luogo, è diventato quasi un borbottio passepartout osservare che: “Gli Stati Uniti finanziano le guerre, mentre la Cina finanzia lo sviluppo”. Ma è proprio così. Pensateci un attimo:

Quanto sopra è un dato di fatto: Esquire ha riportato che un’indagine della Brown University ha rilevato che gli Stati Uniti hanno speso l’ineffabile cifra di 14 miliardi di dollari per le guerre dall’11 settembre:

E sì, l’attuale debito degli Stati Uniti è di ben 34 miliardi di dollari. Ciò significa che quasi la metà dell’intero debito degli Stati Uniti è stato speso in guerre infinite, insensate e genocide in Medio Oriente.

Gli Stati Uniti hanno sprecato tutto il loro sangue e il loro tesoro nella guerra. Immaginate cosa avrebbero potuto costruire gli Stati Uniti con 14.000 miliardi di dollari? Dove sarebbero potuti arrivare gli Stati Uniti rispetto alla Cina con quella cifra? Come ha notato qualcun altro, loro con quei soldigli Stati Uniti avrebbero potuto benissimo costruire il progetto “una cintura e una strada”, collegando il mondo e raccogliendo benefici incalcolabili.

La Cina non ha speso un centesimo per la guerra e ha investito tutto nello sviluppo economico e nel benessere del proprio popolo.

La Cina fa la parte del leone nei progetti di costruzione in Africa

Secondo un nuovo studio, le aziende cinesi si sono aggiudicate il 31% dei contratti infrastrutturali africani per un valore pari o superiore a 50 milioni di dollari nel 2022, rispetto al 12% delle aziende occidentali.

Va notato che negli anni ’90, circa otto contratti su 10 per la costruzione di infrastrutture in Africa sono stati vinti da società occidentali.

Le statistiche illustrative sono infinite:

Ciò che rende più tragica questa storica appropriazione indebita di fondi americani è che nulla di tutto ciò è andato a beneficio del popolo americano. L’intera operazione è stata condotta da una cabala etnica all’interno del governo statunitense, fedele solo a Israele e a nessun altro. Sto parlando, ovviamente, del clan PNAC, che ha ideato l’intera portata delle guerre del XXI secolo che hanno inghiottito l’America in una miseria e in una vergogna, sventrando irreversibilmente il Paese e dilapidando la sua posizione globale. Queste guerre non avevano nulla a che fare con gli interessi o la sicurezza nazionale dell’America e non hanno fatto altro che rendere gli americani meno sicuri e il mondo intero più pericoloso e instabile.

La Cina non ha questo problema: non c’è un gruppo “esterno” inimicato che parassita la leadership del Paese, assassinando letteralmente (JFK) e ricattando i suoi presidenti (Clinton). La Cina è quindi in grado di concentrarsi sugli interessi del proprio popolo.

E sì, per chi se lo stesse chiedendo, è ormai abbastanza provato che Lewinsky era una trappola del Mossad usata per ricattare Clinton affinché acconsentisse a varie richieste israeliane riguardo agli accordi di Oslo, al Memorandum di Wye River, ecc.

Il fatto è che Israele è un parassita distruttivo che succhia la linfa vitale dall’America, inducendo l’ospite a intraprendere guerre inutili per suo conto che hanno completamente rimosso ogni vantaggio e competitività che il Paese avrebbe potuto avere rispetto al “rivale” cinese.

[2]

Come corollario di quanto sopra, al di là della semplice natura cinetica delle guerre dispendiose, l’America spreca una quantità esorbitante di denaro solo per il mantenimento e la conservazione della sua egemonia globale. Il motivo è che costa molto denaro “far rispettare” i vassalli che vi odiano.

La Cina non forma vassalli, ma partner. Ciò significa che spende relativamente molto meno per diffondere la sua influenza, perché questa influenza ha capacità di espansione grazie alla natura equamente bilaterale degli accordi cinesi. Gli Stati Uniti devono spendere quantità comparativamente spropositate di sangue e tesori per mantenere lo stesso livello di “influenza”, perché questa “influenza” è totalmente artificiale, creata da una miscela velenosa di paura, tattiche di forza, terrorismo economico che porta a ritorni di fiamma che danneggiano l’economia statunitense, ecc. In breve, si tratta di tattiche mafiose contro vere e proprie partnership commerciali.

Una grande differenza tra Cina e Stati Uniti è che la Cina è aperta a condividere la terra, disposta a co-prosperare con gli Stati Uniti, mentre questi ultimi non sono disposti ad abdicare al loro dominio globale:

Quanto sopra è stato evidenziato da Graham Allison, coniatore dell’espressione “Trappola di Tucidide” in relazione a Stati Uniti e Cina. La Trappola diTucidide, come alcuni sapranno, descrive una situazione in cui una potenza emergente inizia a spiazzare la potenza globale in carica, e come storicamente questo porti quasi sempre a una grande guerra. Per divulgare la teoria a proposito degli Stati Uniti e della Cina, Graham Allison ha utilizzato l’esempio storico della guerra del Peloponneso, in cui una Sparta astuta fu costretta ad affrontare la potenza emergente di Atene.

Allison è stato recentemente invitato dal Presidente Xi a un forum per i leader d’impresa statunitensi, dove Xi gli ha parlato direttamente :

Le dichiarazioni magnanime del Presidente Xi sono in contrasto con quelle dei “dirigenti” occidentali, in preda ai sensi di colpa e alla sete di sangue. In realtà, Xi ha chiesto maggiori scambi tra Cina e Stati Uniti per intrecciare i due Paesi nella comprensione reciproca, per evitare la trappola di Tucidide:

Questa è l’immagine duratura del vero aspetto della leadership globale e dei principi che incarna.

Nel frattempo, quando si pensa al progressivo declino dell’America, l’unica immagine che viene in mente è quella di un roditore amaramente spaventato ma pericoloso, con gli occhi a mandorla, che cospira su come infliggere danni e sofferenze al mondo per mascherare la propria caduta.

[3]

Il governo degli Stati Uniti rende un grave disservizio al proprio sviluppo falsificando tutti i propri conti economici. Ogni Paese lo fa a volte in qualche misura – e a giudicare dalle accuse notoriamente frequenti degli Stati Uniti alla Cina a questo proposito, si potrebbe pensare che la Cina sia il violatore più flagrante – ma in realtà nessuno lo fa più dell’attuale regime statunitense.

Il recente rapporto sui “posti di lavoro”, propagandato come una grande vittoria dall’amministrazione Biden, è stato una vergognosa parodia. L’amministrazione ha pubblicizzato importanti dati sull’occupazione:

Ma si è scoperto che ogni lavoro era part-time, un lavoro federale, o andava ai clandestini:

In realtà, l’economia statunitense è in condizioni atroci, con un’inflazione alle stelle.

Ecco Jesse Watters che rivela che:

“Il presidente della Fed ha appena confessato che la #Bidenomics è solo una fiera del lavoro per migranti. In realtà ci sono un milione di cittadini americani in meno che lavorano oggi rispetto al 2020”.

Biden ha creato 5 milioni di posti di lavoro per gli immigrati! Quindi non fatevi ingannare dalla sua propaganda che viene vomitata dalla macchina liberale. VOI NON CONTATE NULLA!

I dati sono ancora più scottanti se confrontati con la situazione economica della Cina. Come spiegail seguente Tweeter:

Mentre il reddito cinese è inferiore a quello americano, i cinesi hanno un patrimonio netto molto più alto degli americani. Come? Possiedono appartamenti a un tasso molto più alto e con un patrimonio netto molto più elevato rispetto agli americani. L’analisi della MEDIA e del MEDIO è ancora più bella. Questo grafico è praticamente l’unica cosa che dovete capire della differenza tra le economie di Cina e Stati Uniti. Ma è necessario capirlo e comprenderne a fondo il significato.

Il tasso di proprietà delle case negli Stati Uniti sta scendendo precipitosamente verso il 60 per cento, mentre inCina il tasso di proprietà delle case supera il 90 per cento:

[4.]

Da quanto detto sopra nasce naturalmente la domanda su come la Cina sia in grado di fare queste cose mentre gli Stati Uniti non possono. Una delle risposte viene fornita da questa affascinante spiegazione che mostra come, contrariamente alla rappresentazione che l’Occidente fa della Cina come una sorta di sistema rigidamente autoritario, il lungimirante Presidente Xi stia in realtà utilizzando modelli di sperimentazione economica all’avanguardia per mantenere l’economia cinese il più possibile innovativa, flessibile ed elastica.

In breve, uno studio approfondito di migliaia di documenti ufficiali mostra un’enorme crescita del linguaggio che promuove la sperimentazione economica nelle direttive emanate sotto il governo di Xi.

A ciò si aggiunge il punto più importante di tutti: sotto il presidente Xi, la Cina ha intrapreso un piano meticoloso per frenare la finanziarizzazione e la speculazione del “modello occidentale” nella sua economia. A questo punto le cose si fanno importanti, quindi allacciate le cinture.

Una buona analisi di questo aspetto è fornita qui dall’accademico cinese Thomas Hon Wing Polin, che si rifà a questo recente articolo :

L’articolo fornisce una breve storia della finanziarizzazione, dai banchieri genovesi ai tempi moderni, osservando i cicli storici che hanno precipitato l’attuale deterioramento dell’America:

Gli osservatori dell’attuale egemonia americana riconosceranno la trasformazione del sistema globale in funzione degli interessi americani. Il mantenimento di un ordine ideologico “basato sulle regole” – apparentemente a beneficio di tutti – rientra perfettamente nella categoria della fusione di interessi nazionali e internazionali. Nel frattempo, il precedente egemone, gli inglesi, avevano una propria versione che incorporava sia politiche di libero scambio sia un’ideologia corrispondente che enfatizzava la ricchezza delle nazioni rispetto alla sovranità nazionale.

Nel descrivere il ciclo della finanziarizzazione e il suo legame con la morte degli imperi, l’articolo fa riferimento alla Gran Bretagna:

Ad esempio, l’egemone in carica dell’epoca, la Gran Bretagna, fu il Paese più colpito dalla cosiddetta Lunga Depressione del 1873-1896, un periodo prolungato di malessere che vide la crescita industriale britannica decelerare e la sua posizione economica diminuire. Arrighi identifica questa fase come la “crisi del segnale”: il punto del ciclo in cui si perde il vigore produttivo e si instaura la finanziarizzazione.

Eppure, come dice Arrighi citando il libro di David Landes del 1969 “The Unbound Prometheus “come per magia, la ruota girò”. Negli ultimi anni del secolo, gli affari migliorarono improvvisamente e i profitti aumentarono. “La fiducia tornò – non la fiducia a macchia d’olio, evanescente, dei brevi boom che avevano punteggiato la cupezza dei decenni precedenti, ma un’euforia generale che non prevaleva dai… primi anni Settanta dell’Ottocento….In tutta l’Europa occidentale, questi anni vivono nella memoria come i bei tempi andati – l’era edoardiana, la belle époque”. Tutto sembrava di nuovo a posto.

Tuttavia, non c’è nulla di magico nell’improvviso ripristino dei profitti, spiega Arrighi. È successo che “mentre la sua supremazia industriale diminuiva, la sua finanza trionfava e i suoi servizi di spedizioniere, commerciante, broker assicurativo e intermediario nel sistema mondiale dei pagamenti diventavano più indispensabili che mai”.

In breve: quando un impero muore, perde la sua capacità industriale e manifatturiera, la finanza prende il sopravvento, pompando enormi bolle di denaro speculativo fasullo che danno una breve apparenza di prosperità economica, per un certo periodo. Questo è ciò che sta accadendo attualmente negli Stati Uniti, che annegano nella loro agonia auto-creata di debito, miseria, corruzione e destabilizzazione globale.

Una cosa da notare – se mi permettete questo non breve inciso – è che l’intero sistema occidentale si basa sull’effettivo sabotaggio e sovversione economica istituzionalizzata del mondo in via di sviluppo. Libri come il seguente ne approfondiscono alcuni:

L’ascesa dell’economia sommersa: Il libro rivela come l’economia sommersa degli Stati Uniti si sia evoluta parallelamente all’economia legale, sfruttando le scappatoie e le giurisdizioni segrete per facilitare attività illegali come il traffico di droga, il contrabbando di armi e il riciclaggio di denaro.

Il lato “oscuro” della globalizzazione: Mills mette in discussione la narrazione prevalente della globalizzazione come forza di progresso, evidenziando come essa abbia facilitato l’espansione delle reti illecite attraverso i confini e permesso alle imprese criminali di prosperare.

La complicità delle istituzioni finanziarie: L’autore esamina il ruolo svolto dalle principali istituzioni finanziarie nel consentire il riciclaggio di denaro e le transazioni illecite. Sottolinea la necessità di regolamentazioni più severe e di una maggiore responsabilità per evitare che le banche diventino facilitatori di attività clandestine.

Vi sfido a leggere gli appunti sul National Memorandum 200, se non ne avete mai sentito parlare prima:

https://en.wikipedia.org/wiki/National_Security_Study_Memorandum_200

Per inciso, John Michael Greer ha appena scritto una nuova rubrica (grazie a chi ha segnalato questo blog nei commenti!) sul neologismo da lui coniato: Lenocrazia, che deriva dal latino “leno” per pappone; cioè un governo gestito da papponi, o pappocrazia.

La sua definizione di protettori, in questo caso, è quella di intermediari che sono i classici sfruttatori di rendite – o classe rentier – che estraggono rendite economiche senza aggiungere alcun valore all’economia – tutto territorio di Michael Hudson, per chi è esperto.

Abbiate pazienza, vi prometto che tutto questo si unirà in un quadro generale della Cina.

JMG descrive i “protettori” come tutti gli avvoltoi monetari non eletti, burocratici, che tessono le fila e succhiano il sangue, che uccidono la crescita e i mezzi di sostentamento, ognuno dei quali si appropria a turno della carcassa della classe lavoratrice, esigendo una piccola tassa transazionale a ogni passo dell’attività di routine nelle nazioni occidentali, in particolare negli Stati Uniti. Tutto ciò è parte integrante della letale “finanziarizzazione” del Paese, che ha segnato la rovina del suo futuro.

Ora, tornando alla precisazione di Thomas Hon Wing Polin, e a come si collega a questo. Egli osserva che:

È degno di nota il fatto che la leadership del PCC abbia recentemente lanciato un’importante iniziativa per trasformare la Cina in una “grande potenza finanziaria”, con un sistema finanziario “basato sull’economia reale”. Questa sarebbe l’antitesi della finanziarizzazione economica di stampo anglo-americano.

Egli prende spunto dal seguente articolo:

Leggete l’ultima parte: “…mettere da parte il puro scopo di lucro”.

Prestate attenzione a questo grande punto di forza:

Pechino sta portando avanti l’epico progetto.

“L’industria finanziaria cinese da 461 trilioni di yuan (63,7 trilioni di dollari) e il suo regime normativo saranno fortemente prioritari nell’ambito di un’ampia riorganizzazione economica voluta dai vertici del Paese, con il settore rimodellato per servire obiettivi nazionali come la crescita sostenibile e l’avanzamento nella corsa tecnologica globale.

Cominciate già a capire? Se no, ecco il coronamento:

In particolare, ha promesso di porre un freno alle pratiche stile Wall Street, considerate insostenibili e a rischio di crisi, e di puntare alla funzionalità come valore prioritario del sistema finanziario piuttosto che alla redditività.

Inoltre, ha imposto che le istituzioni finanziarie cinesi abbiano una “maggiore efficienza” rispetto ai loro colleghi del mondo capitalistico e che forniscano servizi inclusivi e accessibili nel perseguimento della prosperità comune.

“Che ci piaccia o no, le banche e le altre istituzioni sul lato dell’offerta dovrebbero aspettarsi direttive e revisioni dall’alto verso il basso, indotte dalla CFC”, ha dichiarato Zhu Tian, professore della China Europe International Business School (CEIBS).

Ed eccolo qui. In sostanza: La Cina sta creando una rivoluzione, tracciando un nuovo percorso della finanza che si allontana dagli eccessi sfrenati dell’Occidente verso una nuova e coraggiosa direzione. Una finanza a vantaggio dell’economia reale, dell’uomo comune, del popolo. Questo è ciò che la foglia di fico del “capitalismo degli azionisti” spinto dai Rothschild is vuole essere, o meglio: pretende di essere.

È difficile non fare un discorso poetico su questi sviluppi, perché sono davvero rivoluzionari. La Cina sta aprendo una nuova strada per il mondo intero. L’industria bancaria cinese è ora di gran lunga la più grande del pianeta e il presidente Xi ha saggiamente messo i piedi in testa con un editto coraggioso: non seguiremo il percorso di distruzione scelto dall’Occidente, ma piuttosto tracceremo la nostra nuova strada.

Si tratta di una rivoluzione iconoclasta, che rompe un paradigma e che pone fine a sei secoli di dominio della finanza mondiale della Vecchia Nobiltà, a partire dai banchieri genovesi alleati della Corona spagnola, fino al sistema bancario olandese e poi inglese, che ora continua a schiavizzare il mondo e che viene chiamato con una varietà di nomi nella sfera dei dissidenti: dall’Idra, al Leviatano, a Cthulu, o semplicemente: la Cabala.

Tutti questi 600 anni stanno andando in fumo con il ripudio da parte della Cina dei “vecchi standard”, che privilegiano termini e pratiche predatorie, ingannevoli ed estrattive destinate a beneficiare solo la classe elitaria della Vecchia Nobiltà. Il sistema cinese è una vera e propria stakeholder finance: il governo piegherà con la forza i banchieri alla sua volontà, facendo in modo che la finanza serva innanzitutto il bene comune e il popolo, piuttosto che la speculazione, la finanziarizzazione, la capitalizzazione e tutte le altre scellerate invenzioni della classe della Vecchia Nobiltà occidentale.

Inizia così:

“… portando a termine l’era dell’avidità”.

Il più grande:

“Il governo ha chiesto che le banche abbandonino un’etica di tipo occidentale e adottino una prospettiva in linea con priorità economiche più ampie”.

È una rivoluzione in atto.

Ma se state pensando che i miei voli drammatici qui sopra sfiorino l’iperbole o l’idealismo, potreste avere ragione. Io, naturalmente, continuo a procedere con cautela; non possiamo essere sicuri che la Cina riuscirà a demolire il vecchio paradigma. Ma tutti i segnali indicano un primo successo e, cosa più importante, è chiaro che la Cina ha un leader che comprendefondamentalmente queste cose al livello più radicato. I leader occidentali non solo sono incapaci di comprendere le complessità legate al controllo del capitale, ma non sono in grado di farlo per il semplice fatto che sono totalmente comprati e pagati dai rappresentanti di quella stessa classe di capitale. La cabala del capitale è così profondamente e istituzionalmente radicata nei sistemi governativi occidentali che è semplicemente impossibile immaginare che essi siano in grado di vedere “la foresta per gli alberi” dall’interno della foresta stessa.

A proposito, alla luce di quanto sopra, ecco il tentativo veramente disperato, pateticamente invidioso e salva-faccia dell’Occidente di offuscare e mal caratterizzare il nuovo corso della Cina:

Così come:

Quanto sopra è particolarmente stupefacente nelle sue ammissioni. Leggete attentamente:

Secondo quanto riportato da Euractiv, le economie statunitensi ed europee basate sul mercato stanno lottando per sopravvivere contro il modello economico alternativo “molto efficace” della Cina.

Katherine Tai ha dichiarato giovedì a Bruxelles che le politiche “non di mercato” di Pechino causeranno gravi danni economici e politici, a meno che non vengano affrontate con adeguate “contromisure”. Le osservazioni di Tai sono giunte in concomitanza con l’avvio del Consiglio per il commercio e la tecnologia (TTC) UE-USA a Lovanio, in Belgio.

“Credo che la sfida che ci viene lanciata dalla Cina riguardi la capacità delle nostre aziende di sopravvivere nella competizione con un sistema economico molto efficace”, ha affermato Tai rispondendo a una domanda di Euractiv.

In breve: la Cina non sta giocando in modo equo: sta privilegiando il suo popolo e la sua economia rispetto alla speculazione finanziaria, e questo fa sì che le sue aziende superino le nostre!

Ma ciò di cui sta parlando è l’essenza della differenza tra i due sistemi:

Il funzionario commerciale ha descritto la Cina come un sistema “che abbiamo definito non basato sul mercato, ma fondamentalmente alimentato in modo diverso, contro il quale un sistema basato sul mercato come il nostro avrà difficoltà a competere e a sopravvivere”.

Si tratta di parole in codice: ciò che intende per “basato sul mercato” è il capitalismodel libero mercato , mentre la Cina utilizza più che altro un sistema di direttive pianificate a livello centrale, come sottolineato in precedenza. Ricordate che proprio di recente ho pubblicato le lamentele di funzionari occidentali che sostengono che le loro aziende non sono in grado di competere con i produttori di difesa russi a causa del loro stile di “pianificazione centrale” “ingiustamente” efficiente.

Anche in questo caso, si intende che il governo cinese crea delle direttive che ignorano le “logiche di mercato” e che mirano a migliorare direttamente la vita dei cittadini comuni. In Occidente non esiste nulla del genere: tutte le decisioni di mercato si basano solo sulle speculazioni delle società finanziarie, totalmente distaccate, e sono esclusivamente per volere di una minuscola elite finanziaria e bancaria al vertice della piramide.

Vedete, gli Stati Uniti sono minacciati perché sanno che non potranno mai competere con la Cina in modo equo, schiacciando o contenendo la propria ingorda élite finanziaria; quindi rimane solo una strada per tenere il passo: il sabotaggio e la guerra.

Questo è il vero motivo per cui gli Stati Uniti cercano disperatamente di fomentare un’invasione cinese di Taiwan con varie provocazioni, tra cui l’invio di armi. Proprio come gli Stati Uniti hanno usato l’Ucraina come ariete per dissanguare e indebolire economicamente la Russia, staccandola dall’Europa, gli Stati Uniti sperano di usare Taiwan come l’Ucraina contro la Cina. Vorrebbero fomentare una guerra sanguinosa che lascerebbe la Cina malconcia ed economicamente arretrata per dare un po’ di respiro alla fallimentare e avida economia statunitense.

Ma è improbabile che funzioni: la Cina è troppo sagace per abboccare e cadere nella trappola. Aspetterà pazientemente che le cose vadano avanti, permettendo agli Stati Uniti di annegare nel loro veleno e tradimento senza fine.

No, non ci sarà nessuna trappola di Tucidide: è già troppo tardi per questo. La trappola funzionò per Sparta perché era ancora al suo apice e in grado di contrastare Atene. Gli Stati Uniti sono in declino terminale e perderebbero una guerra contro la Cina, motivo per cui sperano di organizzare una guerra per procura, usando vigliaccamente Taiwan come ariete. Ma la Cina sa leggere queste motivazioni disperate con la chiarezza di una porcellana finemente smaltata.

Come ultimo piccolo annuncio, mi è stato fatto notare che questo nostro umile blog è salito a un sorprendente #7 nella classifica della categoria “politica mondiale” su tutto Substack:

https://substack.com/leaderboard/world-politics/paid

Sì, avete letto bene: siamo al numero 7 di Substack, incastrati tra pesi massimi come Chris Hedges e Konstantin Kisin e molti altri:

Sono particolarmente soddisfatto, dato che il numero 2 e il numero 3 sopra di me, Snyder e Freedman, sono entrambi voci fortemente filo-ucraine, quindi è bello avere un’altra forza equilibratrice in cima al mucchio.

A dire il vero, credo di aver già parlato di questa classifica una volta, ma mi ero completamente dimenticato della sua esistenza, e non riesco a ricordare dove eravamo l’ultima volta – anche se per qualche motivo ricordo vagamente qualcosa come il 15° – 17° posto. Si tratta quindi di una grande impennata, che testimonia la nostra dedizione alla verità, soprattutto alla luce dei recenti avvenimenti che mi hanno fatto capire quanto insulare e fazioso possa essere spesso anche il nostro spazio informativo.

Negli ultimi mesi ho imparato che i miei click-through, le conversioni a pagamento, la retention, ecc. e altre metriche sono molto più alte della media, il che è un’ulteriore testimonianza della qualità e della dedizione ai fatti concreti che si trovano qui, dato che le persone che sono diventate membri a pagamento cancellerebbero certamente la loro iscrizione se avessero scoperto in seguito che i contenuti non sono all’altezza. Ma siamo in continua crescita e mantenimento, il che, a mio avviso, è una prova della grande soddisfazione dei lettori.

E quindi che questo settimo seme sia una dedica a tutti voi, che avete contribuito in modo determinante a questa crescita. Vedo che il blog e gli articoli vengono postati in ogni sorta di angolo di Internet, ad esempio nella sezione commenti del precedente articolo di John Michael Greer. Questo significa che siete voi a diffondere il Vangelo in lungo e in largo, fino alle colline e ai tumuli, quindi vi ringrazio.

Ora eliminiamo Chris Hedges. Sto scherzando: Sono un suo fan e preferirei guardarlo “in alto” piuttosto che “in basso”, ma per quanto riguarda gli altri due sotto di lui, arrampicatevi sulle vostre vecchie gambe.

Continuate ad aiutarci a salire la scala abbonandovi ora: non ve ne pentirete.

Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: Tip Jar

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

Edward Luttwak: E’ tempo di inviare truppe NATO, di SIMPLICIUS THE THINKER

Edward Luttwak: E’ tempo di inviare truppe NATO

La notizia di spicco del fine settimana è quella di Edward Luttwak, uno dei cosiddetti “principali teorici militari” dell’Occidente, che chiede apertamente l’intervento della NATO in Ucraina, per evitare che l’Occidente subisca una “sconfitta catastrofica “:

Luttwak è stato consulente dei presidenti e delle forze armate degli Stati Uniti e di altri eserciti mondiali. Ha anche prestato servizio nell’IDF, il che potrebbe spiegare il suo sfacciato machismo e la mancanza di preoccupazione per la moralità o la sicurezza globale. Molti nell’ambiente lo considerano una sorta di moderno Clausewitz, anche se sembra più che altro la versione militare dell’Alan Dershowitz del diritto costituzionale, cioè una mediocrità elevata a divinità per motivi razziali a causa del suo valore per la supremazia sionista.

Ma a dispetto di ciò che posso pensare di lui, il suo apprezzabile appello per la presenza di truppe NATO in Ucraina deve essere sottoposto alla tribuna dell’analisi, se non altro per la sua influenza nei centri politici e nei meccanismi di controllo di Washington che potrebbero rendere possibile una tale mossa. In un precedente articolo dello Spectator si legge: “Quando Edward Luttwak parla, i leader mondiali lo ascoltano – e ora devono considerare di ascoltare i suoi consigli sull’Ucraina”. E quindi anche noi dobbiamo ascoltare.

Ma più importante della citazione che ha fatto parlare di sé è l’affermazione di Luttwak secondo cui i Paesi della NATO sono già nelle prime fasi di pianificazione di vari tipi di contingenti da inviare in Ucraina:

L’aritmetica di questa situazione è ineluttabile: I Paesi della Nato dovranno presto inviare soldati in Ucraina, altrimenti accetteranno una sconfitta catastrofica. Gran Bretagna e Francia, insieme ai Paesi nordici, si stanno già preparando in sordina a inviare truppe – sia piccole unità d’élite che personale logistico e di supporto – che possano rimanere lontano dal fronte. Questi ultimi potrebbero svolgere un ruolo essenziale liberando le loro controparti ucraine per riqualificarle in ruoli di combattimento. Le unità Nato potrebbero anche alleggerire gli ucraini attualmente impegnati nel recupero e nella riparazione di equipaggiamenti danneggiati e potrebbero assumere le parti tecniche dei programmi di addestramento esistenti per le nuove reclute. Questi soldati Nato potrebbero non vedere mai il combattimento – ma non devono farlo per aiutare l’Ucraina a sfruttare al meglio la sua scarsa forza lavoro.

È interessante notare che egli inquadra tutto intorno all’urgenza di un imminente attacco cinese a Taiwan, il che dimostra ulteriormente le sue scarse capacità analitiche. Questo frammento di un precedente articolo su Luttwak dice tutto quello che c’è da sapere su di lui:

In ogni caso, alla luce delle sue dichiarazioni sui membri della NATO che preparano contingenti per l’Ucraina, abbiamo quanto segue da Stephen Bryen:

Scrive che le truppe statunitensi e rumene si trovano attualmente in Moldavia per un addestramento congiunto di scambio di comandi ed estrapola la teoria secondo cui la Moldavia viene preparata come area di sosta per prendere potenzialmente Odessa in futuro. Questo avviene dopo che ieri un altro drone ha attaccato un’installazione radar in Pridnestrovie.

Per non parlare di questa voce:

L’altro giorno, nei commenti, avevo accennato alle voci secondo cui la Russia starebbe preparando una campagna per quest’estate, utilizzando per la prima volta i Su-34 per lanciare attacchi di massa con bombe alogene UMPK sulle regioni di Odessa e Ochakov dal Mar Nero. Si tratta di un’indiscrezione interessante alla luce di questi sviluppi, perché porta a chiedersi se sia la Russia ad alzare la posta in gioco dopo gli ultimi segnali di crescente insoddisfazione della NATO per Odessa o se, viceversa, la NATO si stia innervosendo proprio perché si rende conto che la Russia è pronta ad aumentare la pressione su Odessa.

Due giorni fa il ministro degli Esteri polacco Sikorski ha dichiarato che la NATO avrebbe istituito una “missione” ufficiale in Ucraina:

Il che, a suo dire, non significa necessariamente che intendano inviare truppe, ma piuttosto che possono iniziare a coordinarsi ufficialmente tra loro come alleanza per aiutare l’Ucraina – o almeno così dice.

Pochi giorni prima del pezzo di Luttwak, Unherd ha pubblicato quest’altra perla:

L’articolo nasconde subdolamente la richiesta che la NATO assuma il controllo di tutto ciò che si trova a ovest del fiume Dnieper, mascherandola con la semplice fornitura di copertura aerea. L’autore pensa che la NATO dovrebbe difendere tutte le città ucraine a ovest del Dnieper con vere e proprie truppe NATO e sistemi di difesa aerea. L’autore sostiene che questo non rappresenta una grande minaccia per la Russia, in quanto si limiterebbero ad abbattere i missili e i sistemi senza pilota russi, senza uccidere i piloti russi, che non si allontanano oltre il Dnieper.

Per molti versi, tutti questi recenti appelli sembrano essere tentativi mascherati – in una forma o nell’altra – di far galleggiare il pallone di prova della divisione dell’Ucraina. Perché lo fanno in questo modo? Perché apertamente pronunciare la parola “spartizione” sarebbe un colpo devastante e demoralizzante per l’Ucraina e verrebbe subito respinto da Zelensky e soci. Ma per far passare l’idea in modo sottile e diplomatico, l’hanno vestita come un atto eroico di lealtà e fedeltà, mentre in realtà si sentono i borbottii dei colloqui che stanno crescendo di recente sull’inevitabilità della divisione come unica soluzione realistica.

Ricordo che avevo già riferito che, ancora una volta, un nuovo vertice della NATO quest’estate mira a far penzolare l’adesione davanti a Zelensky – proprio come hanno fatto l’estate scorsa – e questa volta si vocifera che verranno fatti “accenni” sempre più pesanti alla separazione dell’Ucraina in cambio di tali promesse. Quando Macron ha ventilato per la prima volta l’ipotesi di un dispiegamento francese, abbiamo scritto che una parte del ragionamento potrebbe essere quella di mettere in sicurezza il Dnieper per imporre a un Putin recalcitrante una spartizione della DMZ in stile coreano. In un certo senso, sarebbe una perfetta “vittoria” per la NATO, che potrebbe vendere il fatto di aver fermato Putin sulle sue tracce senza sparare un colpo.

Questo filo conduttore si inserisce in ciò che ho scritto l’ultima volta a proposito della presunta “sorpresa di ottobre”, in cui l’Ucraina potrebbe dichiarare i suoi nuovi confini senza il Donbass. Sembra che molti movimenti si stiano dirigendo verso questo tentativo, sostenuto dalla NATO, di costringere la Russia a una DMZ. Quando accadrebbe? Precisamente quando le forze russe inizieranno a “sfondare” le linee ucraine in forze, presumibilmente se e quando la Russia lancerà le offensive molto più pesanti che tutti si aspettano tra qualche mese.

Ma ciò che è importante notare è che nessun Paese vuole essere lasciato solo a subire il peso della rappresaglia dell’Orso, e nemmeno due o tre insieme. Ciò significa che un’azione di questo tipo si verificherebbe probabilmente solo se si formasse una coalizione di fifoni, e le probabilità che ciò accada non sono molte.

A questo proposito, Luttwak conclude il suo stesso articolo precedente con la seguente ammissione acquosa:

Quindi, gli Stati Uniti potrebbero fornire un massimo di 40.000 truppe – ricordiamo che la maggior parte del 101° di stanza in Romania è già stata trasferita in Giordania l’anno scorso. Luttwak concorda sul fatto che per far funzionare questo piano occorrerebbe la maggior parte dei principali paesi della NATO, che hanno già segnalato il loro no. Tutti insieme, questi Paesi potrebbero fornire al massimo 150-250 mila truppe, e questo è un dato ottimistico. Nel frattempo, la Russia ha già un intero esercito fresco di 500.000 uomini, allevato da Shoigu, che è stato creato proprio per contrastare le nuove minacce della NATO, come ho riferito tempo fa. Per non parlare di altre centinaia di migliaia di truppe di riserva, comprese le forze di leva e la guardia nazionale, che la Russia potrebbe mettere in campo se la situazione dovesse peggiorare.

A questo proposito, c’è un breve argomento che volevo trattare e chiarire. Quando Macron ha dato il via alla sua performance indecorosa, il ragionamento che ha usato per giustificare la spavalderia dell’invio di truppe contro la Russia è stato che “la Francia è una potenza nucleare” e quindi non ha nulla di cui preoccuparsi da parte della Russia. A questo sono seguite molte risposte di incoraggiamento da parte dei francesi sui social media, che hanno sottolineato l’impressionante quarto posto della Francia tra le potenze nucleari mondiali, dopo Russia, Stati Uniti e Cina. La Francia ha circa 300 armi nucleari che, a loro dire, sono sufficienti a “distruggere la Russia”, ma non il mondo intero.

C’è un grande equivoco che i non addetti ai lavori hanno sulle armi nucleari. 300 missili sembrano tanti, perché la maggior parte delle persone pensa che si tratti di 300 missili singoli. In realtà, l’armamento nucleare della Francia non è così impressionante come sembra.

Negli anni ’70 e ’80, la Francia ha eliminato completamente la componente terrestre della sua triade nucleare, ossia i missili intercontinentali silo. Ora ha solo una componente balistica sottomarina e una limitata componente aerea, di cui non vale nemmeno la pena parlare, in quanto si tratta di una piccola quantità di missili da crociera nucleari ASMP-A, con gittata limitata (~300 km), lanciati da jet Dassault Rafale. È molto improbabile che un jet di questo tipo possa anche solo avvicinarsi alle difese aeree russe, e ancor meno che possa colpire città o siti importanti della Russia con un missile di così breve gittata, quindi questo rappresenta una minaccia molto limitata al di là del fronte tattico, e può essere scartato ai fini di questa discussione.

L’unica minaccia moderata della Francia è quindi rappresentata dai suoi sottomarini con missili balistici. Ne ha un totale di 4, e solo uno è solitamente attivo in qualsiasi momento. Questi sottomarini hanno ciascuno 16 missili nucleari M51, simili ai Trident statunitensi. Ognuno di questi missili può trasportare fino a 10 testate MIRV, anche se si dice che il carico normale sia di 6 testate. Questa è l’intera capacità nucleare francese: 4 sottomarini con 16 missili ciascuno = 64 missili totali. E ognuno di questi missili con circa 6 testate nucleari indipendenti, per un totale di 290 testate navali elencate (il che significa che alcune imbarcazioni hanno meno missili/testate).

Ergo: l’unica minaccia nucleare che la Francia può rappresentare per la Russia risiede interamente in 4 battelli missilistici di vecchia generazione, ognuno dei quali può lanciare 16 missili. In uno scenario di guerra nucleare, o in uno scenario in cui la Russia sospetti che la Francia stia per attaccare, dobbiamo tenere in considerazione la possibilità, non nulla, che la Russia segua i sottomarini francesi con i propri sottomarini d’attacco hunter-killer e possa eliminarli prima ancora che lancino i loro missili. Naturalmente, i sottomarini a missili balistici sono progettati secondo la filosofia della furtività e dell’elusione dei predatori, ma 1) le capacità sottomarine della Russia non possono essere sottovalutate e 2) la Russia ha circa 35 sottomarini d’attacco contro i 4 boomers della Francia: le probabilità sono fortemente a sfavore di questi 4 sottomarini.

Quello che voglio dire è che c’è la possibilità che in un simile scenario Macron non riesca a lanciare nemmeno un missile, o forse solo il 25-75% dei suoi missili, perché i suoi sottomarini verrebbero eliminati prima ancora di essere pronti a partire.

Ma supponiamo, per amor di discussione, che i sottomarini siano in grado di lanciare la maggior parte dei loro missili. Sia la Russia che gli Stati Uniti hanno i cosiddetti intercettori di media gittata. Si tratta di missili intercettori che hanno lo scopo di abbattere i missili balistici nella fase di spinta o a metà percorso, anche prima che possano scaricare le loro testate MIRV, cosa che di solito avviene nella fase finale a metà percorso o nella fase terminale.

Della famiglia Almaz Antey, la Russia ha un contingente del nuovo S-500 Prometheus, oltre alle famiglie S-300VM e -P e alle varianti dell’S-400 destinate ai missili balistici; la Russia sostiene che l’S-500, in particolare, è in grado di abbattere i missili balistici intercontinentali anche nella prima fase di spinta a metà percorso.

Ma la vera sorpresa finale è il vero sistema di difesa missilistica strategica della Russia: l’A-135 e l’A-235, chiamato anche NudolL’A-135 è stato specificamente progettato per abbattere i missili intercontinentali nucleari, piuttosto che essere un sistema di difesa universale come gli S-400/500. Ma è un sistema di ripiego finale, perché i missili A-135, che si chiamano 53T6, sono a loro volta nucleari. Ma sono bombe a neutroni invece che bombe atomiche a fissione. Si alzano con un’accelerazione impressionante da 0 a Mach ~10 (alcune fonti, come Wiki, parlano di Mach 17, ma credo che 10 sia più realistico, come da fonti interne russe) in soli 3-4 secondi, con un peso di 200 grammi. Una volta raggiunta l’altitudine di oltre 80 km in cui si stanno avvicinando i missili nucleari ICBM o le testate MIRV, la bomba al neutrone esplode, causando essenzialmente l’inertizzazione degli RV (veicoli di rientro) nucleari del nemico disinnescandoli chimicamente :

Chi fosse interessato a maggiori informazioni sul funzionamento della testata AA-84 “bomba al neutrone” può trovare maggiori informazioni qui.

Come funziona il sistema nel suo complesso? L’A-135 riceve informazioni di tracciamento dai più potenti e diffusi radar russi del sistema di allerta precoce dei missili, che sono posizionati in tutto il Paese – e nello spazio, sotto forma di satelliti – e sono collegati in rete con l’A-135, oltre che con gli intercettori S-500/400:

Tra questi, enormi schiere come queste, in grado di rilevare lanci di missili a migliaia di chilometri di distanza:

missiliA-135 hanno 5 siti di lancio principali, ciascuno con circa 12-16 silos di missili, per un totale di 68 missili:

Ci sono almeno 68 lanciatori attivi di missili intercettori nucleari a corto raggio 53T6 endoatmosferici, 12 o 16 missili ciascuno, dislocati in cinque siti di lancio. Questi vengono testati circa ogni anno presso il sito di prova di Sary Shagan. Inoltre, 16 lanciatori in pensione di missili intercettori nucleari a lungo raggio 51T6 esoatmosferici, 8 missili ciascuno, si trovano in due siti di lancio.

Tra l’altro, la Russia ne aveva molti di più, circa 21 siti totali invece di 5, ma la componente di missili a più lunga gittata 51T6 del sistema A-135 è stata smantellata negli anni 2000. In futuro, tuttavia, è probabile che la Russia torni a espandersi con i nuovi sistemi in cantiere, anche se la quantità attuale è comunque molto superiore a quella degli Stati Uniti, che hanno un totale di 44 intercettori.

Quindi, la Russia dispone di 68 intercettori strategici armati con armi nucleari (bombe al neutrone), ognuno dei quali può abbattere non solo un ICBM, ma anche decine di testate MIRV, se sono già state rilasciate. Senza entrare troppo nei dettagli, perché ci sono differenze tra MIRV (Multiple Independently Targetable Reentry Vehicles) e MRV (Multiple Reentry Vehicles), ma il succo è che i missili 53T6 del sistema A-135 hanno ovviamente un ampio raggio d’azione quando la loro testata nucleare esplode. A seconda che il missile nemico sia un MIRV o un MRV, e quando i MIRV sono stati rilasciati, è possibile che un singolo 53T6 possa colpire più veicoli di rientro indipendenti, se non tutti, dato che l’esplosione ad effetto neutronico del 53T6 “irradia” un’ampia area nella zona endoatmosferica. I MIRV non si separano così ampiamente come si pensa: ecco una foto in timelapse di un test MIRV Peacemaker degli Stati Uniti che ne illustra diversi che scendono a chilometri di distanza:

Ciò significa che un singolo 53T6 russo può potenzialmente eliminare tutti i 6-10 MIRV di un missile SLBM francese M51.

Se tutti e 4 i sottomarini balistici francesi lanciano i loro SLBM, avremo 4 x 16 = 64 missili totali. L’A-135 russo ha 68 intercettori, ognuno dei quali può potenzialmente abbattere più oggetti, se non sono lontani l’uno dall’altro. Questo è ovviamente supportato da molti altri sistemi russi, come l’S-500, che si occuperà delle questioni in sospeso. Se la Russia riesce a individuare per tempo i lanci, il sistema A-135 iper-accelerato può potenzialmente abbattere tutti gli SLBM francesi prima ancora che abbiano disperso i loro MIRV nella fase finale di discesa.

Se alcuni MIRV vengono rilasciati, è molto probabile che l’effetto neutronico li uccida se sono relativamente vicini, il che è molto probabile nella fase iniziale, prima che si disperdano verso obiettivi individuali più ampi. Alcuni potrebbero passare, ma solo se: 1) gli A-135 russi non avessero abbattuto i missili in fase intermedia prima ancora che aprissero i MIRV e 2) se i sottomarini d’attacco russi non avessero abbattuto almeno uno o due dei sottomarini francesi, limitando enormemente la saturazione dell’attacco.

In conclusione: dato che l’intero arsenale nucleare francese risiede in appena 4 miseri sottomarini balistici, e dato che questi sottomarini possono sparare 64 missili in totale, che contengono virtualmente l’intero arsenale nucleare francese utilizzabile; e considerando inoltre che il sistema russo A-135 ha da solo 68 missili, sostenuti da altre centinaia di ridondanze secondarie come l’S-500 e le varianti speciali ABM dell’S-300/400, nonché forse alcune versioni esistenti dell’A-235 Nudol, destinato a sostituire il sistema A-135; tutto questo dà in definitiva una probabilità abbastanza elevata che la Russia possa in gran parte fermare o smorzare un attacco nucleare francese di primo impatto.

Certamente, la Francia non sarebbe in grado di “distruggere tutta la Russia”, nemmeno lontanamente. Anche se gli A-135 neutralizzassero il 75% dei MIRV, con alcuni che riuscirebbero a passare – e gli S-500 a ripulire alcuni dei rimanenti – ma anche se alcuni MIRV francesi TN-75 riuscissero a passare, ognuno di essi ha una potenza di 100 kilotoni; e anche se ciò provocherebbe un discreto numero di danni, non è abbastanza per distruggere intere grandi città, per non parlare dell’intero paese. La Francia, ovviamente, cesserebbe di esistere, mentre la Russia subirebbe relativamente danni minori. Naturalmente, nessun danno nucleare è “minore” nel senso classico del termine, ma rispetto al fatto che l’avversario cessi letteralmente di esistere come civiltà, sarebbe relativamente insignificante.

Non dimentichiamo che alcuni test di missili SLBM M51 della Francia sono falliti in passato, e che la NATO in generale sta arretrando notevolmente in questo senso: ricordiamo il recente fallimento dei missili delle fregate tedesche del mese scorso. Quindi, anche se i sottomarini d’attacco russi non trovassero per primi i boomers francesi, non c’è alcuna garanzia che gli SLBM riescano a uscire dai loro tubi decrepiti.

Tutto questo per dire che le spacconate di Macron non sono supportate da molta sostanza. La Francia è esattamente la dimensione della potenza nucleare che la Russia potrebbe affrontare abbastanza tranquillamente in uno scenario di scambio nucleare. La capacità di saturazione di massa degli Stati Uniti sarebbe per lo più inarrestabile, ma i 4 miseri sottomarini della Francia, il cui tasso di prontezza è altamente discutibile, con uno solo di essi attivo in qualsiasi momento? Non è una minaccia sufficiente a giustificare la scommessa di Macron.

In ogni caso, ricordiamo che nessuno di questi Paesi ha la capacità di sostentamento degli armamenti per un conflitto ad alta intensità e di lunga durata:

Per andare avanti, pubblicherò un paio di nuovi articoli senza alcun commento, solo per coloro che sono interessati, dato che per lo più ripropongono le stesse preoccupazioni attuali, ma i titoli almeno daranno un’idea continua dell’umore attuale:

C’è un’osservazione interessante nel secondo articolo di cui sopra, da cui ho tratto il grafico dei proiettili d’artiglieria. L’articolo sottolinea come l’Occidente non sia in grado di accendere l’abilità manifatturiera necessaria per competere con la Russia.

Una cosa che mi ha fatto capire è che la maggior parte delle persone sembra considerare il sostentamento dell’Ucraina con i proiettili da 155 mm come una sorta di “dato di fatto”, anche se i tanto sbandierati finanziamenti statunitensi non si concretizzano. L’articolo cita come gli Stati Uniti producano attualmente 28.000 proiettili al mese anche a pieno regime, con un funzionamento 24 ore su 24 delle loro fabbriche. Tuttavia, ci sono piani per la presunta apertura di un’altra fabbrica – uno stabilimento della General Dynamics Ordnance a Garland, in Texas – che, a quanto mi risulta, è “bloccata” nello sviluppo con una “revisione ambientale” in sospeso, che probabilmente è un modo legale per qualcuno dell’amministrazione Biden di bloccarne l’apertura.

Ma anche se dovesse aprire e gli Stati Uniti ottenessero il previsto aumento a 80 o addirittura 100 mila gusci al mese nel corso del prossimo anno. Il prezzo attuale dei gusci sembra essere di circa 3000 dollari:

La cifra di 8489 dollari credo sia quanto Rheinmetall paga in Germania.

Quindi, anche l’attuale produzione di 28.000 proiettili al mese x 3000 dollari costa 84 milioni di dollari al mese, o 1 miliardo di dollari all’anno. 100.000 proiettili al mese a questo ritmo – e il prezzo potrebbe anche aumentare in futuro – costerebbero ben 300.000.000 di dollari al mese, e quasi 4 miliardi di dollari all’anno. Senza un consistente pacchetto di aiuti e continuativo, è semplicemente impossibile che gli Stati Uniti continuino a versare furtivamente 4 miliardi di dollari solo per i proiettili da 155 mm dell’Ucraina, senza contare gli innumerevoli altri armamenti di cui hanno bisogno quotidianamente. Questo è un aspetto che ho la sensazione che nessuno abbia preso in considerazione: semplicemente “si aspettano” che, qualunque cosa accada, l’Ucraina continuerà a ricevere i suoi proiettili di artiglieria di base, come minimo; ma chi ha detto che questo è scontato? Semplicemente, non esiste un meccanismo per cui 4 miliardi di dollari all’anno possano essere elargiti gratuitamente senza uno speciale accordo con il Congresso: dopotutto, l’autorità presidenziale di prelievo non esiste più.

Questo potrebbe spiegare alcune delle ragioni alla base del recente panico e dei discorsi sul dispiegamento della NATO.

La situazione dei finanziamenti continua comunque a sembrare disperata:

Come ultimo argomento:

Un altro punto di urgenza: ricordate tutti i discorsi sul riscaldamento di Kharkov. Ora anche l’eminenza grigia di Zelensky, Yermak, ammette la possibilità che le forze russe si muovano presto su Kharkov:

La cosa interessante è che hanno rapidamente ritirato la dichiarazione con una “correzione”, sostenendo che il portavoce di Yermak ha detto che le sue parole sono state male interpretate e che non intendeva dire che la Russia avrebbe lanciato un assalto di terra a Kharkov, ma piuttosto attacchi aerei. Tuttavia, sono scettico perché nelle dichiarazioni originali Yermak ha anche parlato di una nuova “mobilitazione” russa, che sarebbe in linea con l’ipotesi di un assalto di terra. Sospetto che si sia reso conto dopo il fatto che le sue parole avrebbero creato troppo “panico” e abbia deciso di ridimensionarle, anche se il ridimensionamento non ha senso se si considera che la Russia ha già scatenato attacchi di massa su Kharkov, compresi attacchi con missili da crociera sulle sue infrastrutture elettriche.

Ciò è rafforzato da un flusso continuo di video provenienti da Kharkov che mostrano i cittadini in fuga:

Ultimi oggetti vari:

Controllate le date di questo toccante prima e dopo:

Ecco il video del vicesegretario di Stato Kurt Campbell che rilascia la dichiarazione che ha dato origine al titolo qui sopra:

Nel corso degli ultimi due mesi abbiamo valutato che la Russia si è quasi completamente ricostituita militarmente”, ha dichiarato il vicesegretario di Stato Kurt Campbell durante un evento organizzato dal Center for a New American Security.

In realtà, si limitano a inventare qualsiasi valutazione che si adatti al modello di narrazione o all’agenda che è conveniente portare avanti. Quando l’agenda richiedeva la valorizzazione dell’Ucraina, hanno definito la Russia debole e “distrutta”. Ma ora che vedono che l’unico modo per fermare la Russia è quello di coinvolgere l’Europa unificata, caratterizzano la Russia non solo come totalmente “ricostruita”, ma addirittura – come si legge nella seconda parte della sua dichiarazione – come dotata di “capacità ritrovate ” che ora – sorpresa, sorpresa – sembrano rappresentare una minaccia per l’Europa anche!

Altri Bradley e altre attrezzature della NATO arrivano a Mosca: presto la Russia potrebbe avere più Bradley, Abrams e Leopard della stessa Ucraina:

Infine, in passato ho scritto molto per sfatare l’idea errata comunemente diffusa in Occidente che la Russia abbia un sistema di comando “centralizzato dall’alto verso il basso di tipo sovietico”, che viene caricaturizzato come un’ape operaia di soldati droni che si limitano a seguire senza pensieri gli ordini del quartier generale centrale. Ho ripetuto più volte che la Russia non solo ha un sistema di sottufficiali, ma che ai soldati stessi viene insegnata l’iniziativa e la capacità di leadership, proprio come l’Occidente sostiene di insegnare alle proprie truppe “superiori”.

Ecco un esempio recente: un soldato russo di nome Rodimir Maximov, presentato come “soldato semplice”, è stato appena insignito degli onori di Stato durante un assalto nella zona di Novomikhailovka. Il suo comandante è stato ferito proprio all’inizio dell’assalto e Maximov ha preso immediatamente il comando, impartendo ordini alla squadra in totale autonomia. Ancor più significativo è il fatto che, una volta contattato via radio il quartier generale, questi gli disse sostanzialmente di non mollare la presa e gli lasciò la libertà di agire come meglio credeva, anche quando il nemico lanciò diversi contrattacchi: non c’erano ordini di marcia unidirezionali “alla sovietica”, come vorrebbero far credere gli stupidi “esperti” militari occidentali. Il comando gli diede piena autonomia per due giorni interi, secondo la storia, mentre coordinavano i rinforzi per venire a dare il cambio al gruppo d’assalto che aveva preso il forte AFU.

Dopo l’intervista che segue, si può vedere il vice comandante del gruppo e poi il filmato dell’eroismo di Maximov durante l’inizio dell’assalto. Durante il filmato, si può chiaramente vedere il semplice “soldato semplice” che mostra chiari segni di capacità di comando ben studiate, senza alcun segno di comportamento “da drone”:

L’impresa del soldato Maximov:

Un soldato del corpo d’armata del gruppo di forze Vostok, il soldato Rodimir Maksimov, ha distrutto 27 militanti ucraini durante la cattura e il mantenimento di una roccaforte delle Forze armate ucraine nell’area di Novomikhailovka. Agire come parte di un’unità d’assalto durante la cattura di un caposaldo delle Forze Armate ucraine nell’area dell’insediamento. Novomikhailovka in direzione Maryinsky, il soldato Rodimir Maksimov è riuscito ad aggirare il nemico e a infliggergli danni da fuoco, uccidendo personalmente tre militari delle Forze Armate ucraine, il che ha permesso al gruppo d’assalto di entrare nelle posizioni nemiche.

Nonostante le ferite ricevute durante la battaglia, il militare ha continuato a svolgere la missione di combattimento. Quando il nemico, a bordo di un veicolo blindato con forze fino alla squadra, ha tentato un contrattacco sulla linea occupata dal nostro gruppo d’assalto, egli, permettendo al nemico di raggiungere la distanza di distruzione garantita dal fuoco, ha distrutto il gruppo d’attacco delle Forze Armate dell’Ucraina nella sua interezza con il fuoco di una mitragliatrice Kalashnikov.

Nel corso di due giorni, Rodimir Maksimov, distruggendo la fanteria idonea delle Forze Armate ucraine, con il fuoco pesante del PKM ha sventato altri tre tentativi del nemico con forze superiori che utilizzavano carri armati e veicoli corazzati da combattimento per riconquistare le posizioni tenute dal nostro gruppo d’assalto e ha impedito la perdita del punto di forza difeso.

In uno degli episodi della battaglia, Rodimir, superando il dolore per le ferite riportate, ha distrutto personalmente un gruppo di militari delle Forze armate ucraine smontati da un veicolo blindato MaxPro di fabbricazione americana con il fuoco delle mitragliatrici. L’equipaggio del MaxPro ha iniziato a manovrare per ritirarsi ed è caduto nella zona di uccisione del nostro equipaggio ATGM, a seguito del quale è stato distrutto.

Fino all’arrivo dei rinforzi e alla successiva evacuazione, il combattente ha continuato a difendere e tenere saldamente la roccaforte occupata, distruggendo personalmente fino a 27 truppe nemiche. Per l’eroismo e il coraggio dimostrati durante le missioni di combattimento, il soldato Rodimir Maksimov è stato insignito dal comando di un alto riconoscimento statale.

Confrontatela con quella qui sotto e decidete voi quale parte ha i soldati migliori:


Il vostro sostegno è inestimabile. Se vi è piaciuta la lettura, vi sarei molto grato se vi abbonaste a un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo da poter continuare a fornirvi rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, potete lasciare una mancia qui: Barattolo delle mance

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

LE CONSEGUENZE PROBABILI DI UN INTERVENTO NATO IN UCRAINA, di Michael Vlahos

 

LE CONSEGUENZE PROBABILI DI UN INTERVENTO NATO IN UCRAINA

di Michael Vlahos

 

Ciò che rende interessante la filippica[1] di Luttwak non è ciò che Luttwak dice – ma piuttosto la straordinaria distanza dalla realtà effettiva che lui e la classe dei cortigiani occidentali ora abitano. [Ed è stato un amico e un collega: Cioè, lo conosco da 40 anni, quasi sempre in un’accesa polemica accademica, e le nostre conversazioni esuberanti sono sempre state amichevoli – ma in quasi tutti i casi sono stato in disaccordo. Come adesso]. Il punto chiave della sua argomentazione, che nessuno dovrebbe ignorare o sottovalutare, è questo: Luttwak ci dice esplicitamente che ora crede – improvvisamente, come molti altri privilegiati della Corte Imperiale – che una guerra tra NATO/Ucraina e Russia/Bielorussia non potrebbe mai degenerare in un conflitto nucleare.

La pecca nell’argomento è questa: Una guerra di questo tipo si intensificherebbe rapidamente, e inevitabilmente, all’interno del quadro convenzionale in espansione del conflitto.

Le conseguenze sarebbero le seguenti:

PRIMO: non si tratterebbe più di una guerra in Ucraina, ma piuttosto di una guerra che verrebbe combattuta in tutta Europa. La rete di basi NATO verrebbe colpita dagli ipersonici (e da altri efficaci penetratori). Anche le concentrazioni di truppe della NATO – dentro e fuori l’Ucraina – verrebbero colpite. Migliaia di soldati NATO morirebbero. Inoltre, la guerra si espanderebbe rapidamente ai mari costieri, e poi agli oceani. Gli accessi ai porti dell’UE sarebbero minati e molte navi occidentali sarebbero affondate. Le installazioni militari nelle città europee verrebbero colpite (come nel Regno Unito), scatenando un’incontenibile “follia di folla”.

SECONDO: le forze della NATO si troverebbero ad affrontare non solo una sconfitta sul campo in Ucraina, ma anche una disfatta a più livelli. L’escalation in questo caso porta inevitabilmente a una sconfitta più grande e storicamente più umiliante che lasciare che l’Ucraina faccia la pace alle condizioni della Russia.

TERZO: la coscrizione NATO porterebbe a rivoluzioni che rovescerebbero i governi di tutta l’Europa, seguite dalla caduta della NATO e dell’UE. Si veda quanto accadde nel tardo autunno del 1918, in tutta Europa.

Nel panico e nell’isteria assoluta che ne deriverebbero, i “leader” statunitensi potrebbero benissimo arrivare all’impiego del nucleare.

In altre parole: oggi,  la minaccia di un passaggio al nucleare, molto probabilmente, si trova in Occidente (proprio come in un’altra “regione” in difficoltà di cui alimentiamo il grido di guerra – e in questo caso non si trova in Iran, ma in Israele).

Luttwak è solo uno dei componenti la nostra classe elitaria di “sonnambuli” che, come nel 1914, sta portando la civiltà sull’orlo del baratro: E oltre!

 

[1] https://unherd.com/2024/04/its-time-to-send-nato-troops-to-ukraine/...

4 aprile 2024 6 min

Nel 1944, Leslie Groves, il generale dell’esercito americano che gestì il Progetto Manhattan, chiese al suo capo scienziato, J. Robert Oppenheimer, quanto potente potesse essere la loro nuova bomba. Sarebbe 10 volte più potente della più grande bomba dell’epoca, la “bomba antisismica” Tallboy della RAF? O 50 volte, o anche 100 volte? Oppenheimer rispose che non poteva esserne sicuro – all’epoca si temeva addirittura che la reazione a catena esplosiva non potesse mai fermarsi – ma si aspettava una bomba molto più potente di 100 Tallboys. Groves rispose immediatamente che un’arma così potente non sarebbe stata di grande utilità per nessuno, perché i “politici” non avrebbero mai osato usarla.

Nel breve periodo, Groves aveva torto, mentre l’ipotesi di Oppenheimer era corretta. La bomba all’uranio di Hiroshima era infatti più potente di 1.000 Tallboys, con la bomba al plutonio di Nagasaki che superava anche quella. Ma solo cinque anni dopo, la previsione di Groves si avverò. Prima gli Stati Uniti, poi l’Unione Sovietica, e poi tutte le potenze nucleari successive si resero conto che le loro armi nucleari erano troppo potenti per essere usate in combattimento. Ciò è rimasto vero nei decenni successivi, fino all’invasione dell’Ucraina. Perché, nonostante le minacce atomiche di Putin, anche lui è soggetto alla logica della previsione di Groves. Decenni dopo la sua conversazione con Oppenheimer, un breve riassunto storico della guerra nucleare ha molto da insegnarci sulla situazione in Ucraina – e su come la vittoria potrebbe essere ottenibile lì solo con mezzi molto più convenzionali.

La prima prova dell’era nucleare arrivò con la guerra di Corea. Nel dicembre del 1950, centinaia di migliaia di soldati cinesi attraversarono il fiume Yalu per sostenere i loro alleati nordcoreani contro gli Stati Uniti. Con l’America in immediato pericolo di perdere decine di migliaia di uomini, il generale Douglas MacArthur decise che avrebbe dovuto usare le armi nucleari per fermare i cinesi. Di gran lunga il leader militare statunitense più rispettato dell’epoca – aveva guidato le forze americane nel Pacifico dall’umiliante sconfitta alla vittoria totale, e poi aveva agito come imperatore de facto del Giappone riformando il paese – MacArthur si aspettava che Truman acconsentisse al suo giudizio militare superiore. . Invece la risposta è stata un netto no. MacArthur ha insistito ed è stato licenziato.

Truman riconobbe che la natura della guerra era radicalmente cambiata dopo Hiroshima e Nagasaki. Quando autorizzò quegli attacchi, né lui né nessun altro sapeva che le esplosioni avrebbero causato anche una ricaduta di radiazioni, che avrebbe fatto ammalare e persino uccidere migliaia di persone a miglia di distanza dal luogo della detonazione. Inoltre, nel 1945, Truman si trovò di fronte alla prospettiva di perdere molte più truppe americane nella conquista del Giappone che nell’intera Seconda Guerra Mondiale fino a quel momento. I giapponesi combatterono davvero fino all’ultimo uomo e avevano ancora 2 milioni di soldati da spendere. Truman sarebbe stato cacciato dalla Casa Bianca se avesse permesso la morte di centinaia di migliaia di americani rifiutandosi di usare la bomba.

Ma cinque anni dopo, la situazione era molto diversa. Di fronte alla catastrofe in Corea, Truman aveva l’alternativa di evacuare le truppe americane in Giappone se tutto il resto avesse fallito – e quindi non prese nemmeno in considerazione l’uso di armi atomiche. Sotto il successivo presidente, le sue bombe a fissione si sono evolute in bombe a fusione termonucleare almeno 100.000 volte più potenti di Tallboy. Ma ciò non fece altro che rendere il “No” di Truman del 1950 ancora più definitivo. L’astinenza dal nucleare è diventata l’unica scelta possibile sia per gli americani che per i russi, come ha dimostrato in modo precario ma definitivo la crisi missilistica cubana.

Tuttavia, occorrerebbe molto più tempo perché questa logica si trasformi in una dottrina definitiva. Dopo la creazione della Nato, 75 anni fa, e soprattutto negli anni Sessanta e Settanta, furono compiuti sforzi esaustivi per trarre qualche ulteriore vantaggio dalle armi nucleari e in qualche modo ottenere il sopravvento sulla nuova alleanza occidentale. Le cosiddette armi nucleari “tattiche” non furono realizzate più, ma molto meno potenti, presumibilmente per consentirne l’uso sul campo di battaglia. I loro sostenitori sostenevano che avrebbero potuto fornire potenza di fuoco a un prezzo molto basso, con piccole testate nucleari che replicavano l’effetto di centinaia di obici. Sia le forze armate statunitensi che quelle sovietiche acquisirono debitamente migliaia di armi nucleari: non solo “piccole” bombe per cacciabombardieri, ma anche razzi da bombardamento (alcuni abbastanza piccoli da poter essere trasportati in una jeep), missili antiaerei, siluri e persino cariche di demolizione mobili.

Ma questa illusione non poteva essere sostenuta. I pianificatori militari arrivarono a capire che se i comandanti statunitensi avessero tentato di difendere il territorio della NATO attaccando le forze d’invasione sovietiche con piccole armi nucleari “tattiche”, i russi avrebbero usato il proprio arsenale per distruggere le forze occidentali in difesa. Lo stesso varrebbe per qualsiasi tentativo di sostituire la forza militare convenzionale con armi nucleari. E così si è capito che, sebbene le armi nucleari siano un utile deterrente, possono essere utilizzate solo per contrattaccare un precedente attacco nucleare – e mai per ottenere alcun tipo di vittoria. Così negli anni Settanta, quando gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica erano impegnati negli elaborati e molto pubblicizzati negoziati sulla “Limitazione delle Armi Strategiche”, i funzionari di entrambe le parti concordarono rapidamente di interrompere silenziosamente lo sviluppo, la produzione e la messa in campo di nuove armi nucleari “tattiche”, prima che smontando altrettanto silenziosamente decine di migliaia di queste armi.

Lettura consigliata

Perché la Russia non vince in Ucraina

Di Rajan Menon

Ma alla fine, sono state le più recenti potenze nucleari, India e Pakistan, a dimostrare in modo definitivo la ridondanza delle proprie armi nucleari per qualsiasi cosa oltre la deterrenza reciproca. Nella guerra di Kargil del 1999, che comportò numerose battaglie su vasta scala e migliaia di vittime, nessuna delle due parti tentò nemmeno di minacciare sottovoce un attacco nucleare. E questo è vero ancora oggi. Quando il cane da attacco più forte di Putin, Dmitry Medvedev, ha iniziato ad abbaiare sull’uso di armi nucleari “tattiche” dopo il fallimento dell’invasione russa iniziale nel 2022, sono stati solo i giornalisti meno competenti e quelli obbedienti a Mosca a fare eco ai suoi avvertimenti. Alla fine, dopo diversi mesi di questa follia, Putin è uscito allo scoperto e lo ha detto : la Russia utilizzerà le armi nucleari solo “quando l’esistenza stessa dello Stato sarà messa in pericolo” – intendendo con una corrispondente minaccia nucleare.

La situazione in Ucraina è cambiata di nuovo, ma vale la stessa logica. Invece di frustrati russi impantanati nelle loro trincee, ora è la posizione ucraina a sembrare precaria. Kiev presenta tutto ciò come una questione di materiale e chiede continuamente all’Occidente armi sempre migliori. Tuttavia, anche se potrebbero essere inviati più cannoni e missili, è chiaro che ciò che sta costringendo Kiev a ritirarsi passo dopo passo non è la mancanza di potenza di fuoco, ma la mancanza di soldati.

Fino a questa settimana, la coscrizione obbligatoria in Ucraina iniziava solo all’età di 27 anni, a differenza della norma globale di 18 anni. Zelenskyj ora l’ha ridotta a 25 ; ma con molti ucraini esentati dal servizio, le sue forze armate totali ammontano a meno di 800.000 effettivi attivi. L’Ucraina è ostacolata dalla distribuzione per età della sua popolazione, con bambini e anziani sovrarappresentati rispetto ai giovani nella fascia di età 19-35 anni. Ma il totale delle sue truppe è ancora troppo basso per una popolazione che, secondo la maggior parte delle stime, supera i 30 milioni, considerando che Israele può rapidamente schierare un esercito di circa 600.000 uomini su una popolazione di circa 8 milioni. Ciò significa che, a meno che Putin non decida di porre fine alla guerra, le truppe ucraine verranno respinte ancora e ancora, perdendo soldati che non potranno essere sostituiti. La Russia non ha nemmeno bisogno di inviare le sue migliori truppe per raggiungere questo obiettivo: semplicemente soldati volontari a contratto attratti da una buona paga, o prigionieri russi che scontano condanne penali ordinarie, reclutati direttamente dalle loro celle di prigione. Indipendentemente dalla qualità, però, l’esercito russo supera già quello ucraino e il divario diventa ogni giorno più ampio.

“I paesi della NATO dovranno presto inviare soldati in Ucraina, altrimenti accetteranno una sconfitta catastrofica”.

Questa aritmetica è inevitabile: i paesi della NATO dovranno presto inviare soldati in Ucraina, altrimenti accetteranno una sconfitta catastrofica. Gli inglesi e i francesi, insieme ai paesi nordici, si stanno già preparando silenziosamente a inviare truppe – sia piccole unità d’élite che personale logistico e di supporto – che possano rimanere lontane dal fronte. Questi ultimi potrebbero svolgere un ruolo essenziale rilasciando i loro omologhi ucraini per la riqualificazione in ruoli di combattimento. Le unità della NATO potrebbero anche dare il cambio agli ucraini attualmente impegnati nel recupero e nella riparazione delle attrezzature danneggiate, e potrebbero farsi carico delle parti tecniche dei programmi di formazione esistenti per le nuove reclute. Questi soldati della NATO potrebbero non assistere mai al combattimento, ma non sono obbligati a farlo per aiutare l’Ucraina a sfruttare al meglio la sua scarsa manodopera.

Fondamentalmente, con la Cina sempre più vicina ad un attacco a Taiwan, gli Stati Uniti non possono fornire più truppe delle circa 40.000 già presenti in Europa. Per gli altri membri della Nato, soprattutto per i più popolosi: Germania, Francia, Italia e Spagna, si prospetta quindi una decisione importante. Se l’Europa non sarà in grado di fornire truppe sufficienti, la Russia prevarrà sul campo di battaglia, e anche se la diplomazia dovesse intervenire con successo per evitare una debacle completa, la potenza militare russa sarebbe tornata vittoriosamente nell’Europa centrale. A quel punto, le potenze dell’Europa occidentale dovranno ricostruire le proprie forze armate, che lo vogliano o no, a cominciare dal ritorno del servizio militare obbligatorio. Forse in quelle circostanze potremmo addirittura assistere a un’esplosione di nostalgia nucleare, rifacendoci scioccamente all’illusione che le armi apocalittiche potrebbero essere sufficienti a mantenere la pace.


Il professor Edward Luttwak è uno stratega e storico noto per i suoi lavori su grande strategia, geoeconomia, storia militare e relazioni internazionali.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

Verso il multipolarismo tra complessità e semplificazioni Con Tiberio Graziani e Federico Bordonaro

Se la tendenza delle dinamiche geopolitiche volge sempre più verso una fase multipolare o policentrica non è detto che le ambizioni e le volontà dei centri decisori siano in grado di adattarsi ed intendano accettare questa nuova condizione. Il divario tra la complessità crescente del confronto e del conflitto politico e il desiderio di semplificazione delle trame in corso costituisce il fattore più destabilizzante che può portare ad una esacerbazione incontrollata dello scontro. Ne parliamo con Federico Bordonaro e Tiberio Graziani sulla falsariga di due interessanti monografie edite e curate dai due autori. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4nij8r-verso-il-multipolarismo-tra-complessit-e-semplificazioni-con-tiberio-grazia.html

1 2 3 91