La finanziarizzazione e il problema della distruzione reciproca del capitale, di Marc Rohatyn

Il secondo di due saggi sul ruolo degli strumenti finanziari nel determinare le caratteristiche e le tendenze delle formazioni economiche cinese e statunitense. Strutture profondamente diverse e con tendenze e problemi di natura diversa, ma con un una questione di base comune: quello di stabilizzare e rendere autopropulsiva la propria base industriale diffusa. Se per i cinesi si tratta di consolidare definitivamente la propria condizione in una fase ascendente, per gli americani si pone il problema di una vera e propria ricostruzione industriale su basi più equilibrate. E’ uno dei termini fondamentali del feroce dibattito che ha interessato gli Stati Uniti dal 2016, con l’arrivo di Trump. Una discussione altrettanto seria presente in Cina, della quale conosciamo ancora poco i termini e le dinamiche di confronto politico e le implicazioni geopolitiche. Buona lettura, Giuseppe Germinario

La scienza, così come la tecnologia, nel prossimo e nel lontano futuro si trasformeranno sempre più da problemi di intensità, sostanza ed energia, a problemi di struttura, organizzazione, informazione e controllo.

—John von Neumann, 1949

Il matematico John von Neumann prevedeva come la modellizzazione economica sempre più sofisticata e l’intelligenza artificiale automatizzata avrebbero portato al primato dei giochi di informazioni. In effetti, von Neumann inventò uno dei primi computer elettronici, lavorò al Progetto Manhattan e sviluppò il campo della teoria economica dei giochi, che avrebbe utilizzato per sviluppare la teoria della “Mutually Assured Destruction” come consigliere degli Stati Uniti sulla sua strategia nucleare. In tal modo, ha visto in prima persona come la logica economica della teoria dei giochi fosse in grado di rendere conto del comportamento che coinvolge le armi più distruttive inventate dall’umanità.

Un problema meno apocalittico di “struttura, organizzazione, informazione e controllo” – eppure centrale nell’ordine sociopolitico del ventunesimo secolo – è affrontato dagli allocatori di capitale e dai manager d’impresa che mirano a massimizzare il valore per gli azionisti. La quota crescente di risorse e la gamma di strategie, in particolare quelle che cercano di aumentare i valori delle azioni facendo affidamento su nessuna o solo modifiche accidentali alla produttività sottostante delle operazioni delle aziende, impiegate nella gestione patrimoniale e nella governance esemplifica la tendenza secolare prevista da von Neumann.

Quali sono le conseguenze dell’ascesa di un settore che cerca di massimizzare il valore dei portafogli di attività in modo più efficiente? Al livello più superficiale, il settore finanziario ha catturato una quota crescente del PIL, dei profitti e del capitale umano. L’influenza di una base di investitori sofisticata sulla natura dell’allocazione del capitale aziendale, tuttavia, ha avuto conseguenze maggiori rispetto alle rendite che ricava. I critici della finanziarizzazione hanno illustrato in modo convincente come un paradigma di asset governance progettato per massimizzare il valore per gli azionisti abbia creato un cuneo tra crescita del valore degli asset e produttività, investimento netto e crescita salariale. I profitti aziendali si sono sempre più concentrati all’interno di aziende superstar a basso contenuto di risorse e ad alto margine, e gli eccessi di profitto che una volta erano investiti in capitale fisico e utilizzati per produrre una prosperità più ampia sono stati dirottati verso l’acquisto di attività esistenti nei mercati pubblici e privati.

Politici come Elizabeth Warren possono incolpare la semplice avidità per questo approccio estrattivo all’allocazione del capitale, ma senza un resoconto strutturale della relazione tra finanziarizzazione e concorrenza, argomenti che denigrano riacquisti, acquisizioni con leva finanziaria, asset stripping, concentrazione del settore e altre forme di ingegneria finanziaria possono essere respinto sulla base del fatto che non vi è motivo di ritenere che l’efficienza sociale dei mercati sia stata ridotta. La dislocazione tra i valori degli asset e la crescita della produttività potrebbe semplicemente essere il risultato di un’allocazione del capitale più dinamica che aumenterà la prosperità a lungo termine.

Un esame del modo in cui i mercati odierni e gli incentivi gestionali modellano l’allocazione del capitale, tuttavia, rivela che la più potente forza economica che la finanziarizzazione ha scatenato a vantaggio degli azionisti non è l’avidità, ma il consenso. Creando incentivi per massimizzare i profitti complessivi del settore e ridurre al minimo gli investimenti competitivi, un modello di asset governance incentrato sugli azionisti ha minato la competitività dei mercati e incoraggiato un coordinamento de facto tra le imprese a vantaggio dei proprietari di asset a scapito di una più ampia prosperità.

Spostare il focus della concorrenza

Negli ultimi quattro decenni, i mercati statunitensi sono passati da un modello di allocazione del capitale basato sui valori delle singole imprese a uno basato sui valori di portafoglio dei gestori patrimoniali. Nel primo modello, i manager aziendali guidano l’economia cercando di massimizzare la crescita dei valori delle rispettive aziende. Nella seconda, il ruolo di primo piano è assunto dagli asset manager che riequilibrano le asset allocation e influenzano i comportamenti delle singole imprese per massimizzare il valore aggregato del portafoglio. Questo cambiamento è stato reso possibile da due innovazioni fondamentali.

Il primo è la crescita di un complesso di asset management, composto da fondi comuni, gestori patrimoniali alternativi e fondi indicizzati passivi, che ha aumentato la trasparenza delle informazioni e l’efficienza con cui la ricchezza dei proprietari può essere ribilanciata attraverso un più ampio universo di asset per massimizzare il portafoglio valore. In quanto clienti, i proprietari di asset guidano la finanziarizzazione attraverso la loro richiesta di un’allocazione del portafoglio più ottimale tra gli asset. Dagli anni ’80, la quota di proprietà degli investitori istituzionali è cresciuta dal 20% all’80% poiché la quota di partecipazione diretta da parte degli individui è diminuita. L’aumento dei piani pensionistici a contribuzione definita ha originariamente alimentato la crescita dei fondi comuni di investimento a gestione attiva. Le dotazioni e gli stanziamenti dei fondi pensione si sono spostati sempre più verso classi di attività alternative, storicamente al centro di individui con un patrimonio netto elevato, alla ricerca di rendimenti più elevati, e questa domanda è stata soddisfatta da un’industria in crescita di hedge fund, società di private equity e venture capitalist. Insieme a un’industria di banchieri, avvocati e consulenti, questi gestori patrimoniali alternativi strutturano le risorse, ne determinano il valore e consentono scommesse concentrate sulle singole aziende nei mercati pubblici e privati. Più recentemente, la crescita della gestione istituzionale è stata trainata dall’aumento degli indici passivi e dei fondi negoziati in borsa, che dal 1990 hanno aumentato gli asset in gestione da quasi zero a oltre $ 10 trilioni. I principali gestori di indici passivi e di fondi comuni di investimento (BlackRock , Vanguard, State Street, Fidelity e Capital Group) ora gestiscono asset per oltre 34 trilioni di dollari. Parallelamente, la crescita e la digitalizzazione dei mercati dei capitali, insieme all’espansione dell’universo degli asset investibili, ha ridotto i costi e aumentato le opportunità di ribilanciamento dei portafogli di asset.

Un secondo, correlato e in gran parte simultaneo, strutturalel’innovazione è la proliferazione di meccanismi che consentono una maggiore influenza sulla governance dell’impresa da parte di sofisticati proprietari e allocatori di asset. O, in altre parole, meccanismi che assicurino un maggiore allineamento della governance e dei comportamenti delle singole imprese agli interessi degli azionisti, che in pratica spesso significano interessi degli asset manager. Sebbene l’influenza degli azionisti sulle operazioni delle imprese sia sempre stata un meccanismo fondamentale dei mercati capitalistici, la portata di tale controllo è cresciuta rapidamente ed è più ampia di quanto non sia mai stata a causa dell’ascesa della governance istituzionale degli asset. Ciò include l’influenza degli hedge fund attivisti nel dettare le priorità ai team di gestione delle società pubbliche in cui hanno accumulato partecipazioni concentrate, o l’influenza diretta dei partner di private equity sui consigli di amministrazione delle società in portafoglio che possiedono a titolo definitivo. O, in modo diverso, l’influenza di Vanguard, State Street e BlackRock sui loro componenti dell’indice; collettivamente i principali gestori di indici hanno una quota media di quasi il 20 percento nelle società S&P 500 ed esercitano un’influenza attraverso riunioni private con i team di gestione e voti per delega. Inoltre, la proliferazione di compensi basati su azioni e un consenso instillato dall’MBA per dare la priorità al valore per gli azionisti ha creato incentivi e culture all’interno delle aziende che sono allineate con l’influenza istituzionale dall’alto verso il basso.

La combinazione di queste innovazioni ha sostituito le forze competitive di un’economia incentrata sull’impresa, in cui le imprese competono tra loro per servire i clienti, con gli incentivi di un’economia incentrata sugli azionisti, in cui gli asset allocators competono tra loro per servire meglio gli asset proprietari. Mentre in passato le aziende possono aver investito in modo eccessivo in asset fisici e ricerca e sviluppo a scapito dell’efficienza del capitale e dei rendimenti finanziari, oggi è probabile che privilegino questi ultimi, sapendo che è improbabile che le imprese rivali, operando anche secondo le priorità stabilite dai gestori patrimoniali competere aumentando gli investimenti.

Quindi, nonostante la crescita record dei valori degli asset, il tasso al quale le aziende americane hanno accresciuto la base di capitale che crea ricchezza e valore sociale più ampio è stagnante. L’attenzione alla massimizzazione dei rendimenti per gli azionisti, anziché alla massimizzazione dei profitti operativi e della produttività delle imprese, porta i manager ad applicare soglie di ritorno per gli investimenti, o tassi limite, molto al di sopra del loro costo del capitale e restituire profitti in eccesso invece di investirli.

Tuttavia, l’esodo di capitali dalle industrie consolidate non è sufficiente per incriminare i mercati. Un paradigma di “massimizzazione del valore dell’impresa”, in cui le aziende investono solo nelle opportunità più attraenti a livello locale, porterebbe al sequestro arbitrario del capitale all’interno delle industrie. Ma servire gli interessi degli azionisti richiede di valutare le opportunità locali rispetto al rendimento marginale più elevato disponibile in un universo di investimento più ampio. Se le aziende hanno storicamente investito in modo eccessivo nei rispettivi settori in aggregato, non sorprende che il risultato dell’applicazione di un approccio più rigoroso all’allocazione del capitale aggiusterà gli hurdle rate al rialzo rispetto al costo del capitale per indirizzare le risorse verso usi più efficienti altrove. Ma va notato che la transizione da un approccio di allocazione del capitale orientato all’impresa verso un approccio di allocazione del capitale “efficiente” spingerà meccanicamente verso il basso i livelli di investimento competitivo nei settori “maturi” fino a quando i rendimenti degli investimenti competitivi in ​​questi settori non saranno uguali ai più alti rendimenti marginali disponibili altrove. Un passaggio dalla massimizzazione del valore dell’impresa alla massimizzazione del valore per gli azionisti è, quindi, un riequilibrio della concorrenza e dovrebbe riguardarci dove la concorrenza viene diminuita e dove sta aumentando.

L’evidenza suggerisce che il luogo della concorrenza nell’economia statunitense oggi è nel mercato dell’acquisto di attività con leva, che fornisce agli investitori i rendimenti marginali più elevati (corretti per il rischio) e continua ad attrarre capitali. Le attività di private equity in gestione hanno raggiunto i 9,8 trilioni di dollari a luglio 2021 e il capitale non ancora utilizzato (“polvere secca”) continua ad accumularsi. Gli ultimi quattro decenni hanno visto la crescita esplosiva di un’industria di acquisto di attività con leva, amplificata dal credito a basso costo, che fa salire i prezzi di attività con affitti elevati.

Una relativa mancanza di informazioni e liquidità tra le imprese private ha anche portato a opportunità di acquisto a sconto rispetto ai mercati pubblici. Nei mercati privati, l’esistenza di attività sottocomprate significa che i rendimenti marginali rimangono elevati e che i profitti in eccesso vengono reinvestiti in una maggiore attività di acquisto; questo passaggio dalla costruzione all’acquisto potrebbe persistere per qualche tempo. L’acquisto di asset non è una serie di trasferimenti di denaro istantanei che lasciano il capitale libero di essere immediatamente ridistribuito per investimenti produttivi; il repricing al rialzo degli asset è un processo che richiede tempo e risorse che sottrae capitale finanziario alla costruzione di asset produttivi, aumentando la domanda di beni fisici e manodopera, e lo dirige verso l’attività di creazione di informazioni.

Inoltre, le attività con potere di mercato che possono trarre profitto dagli affitti non sono solo sottocomprate; sono anche sotto-leva. Un resoconto popolare fornito dai critici dell’ingegneria finanziaria è che la leva applicata dagli investitori per aumentare i rendimenti azionari ha un impatto negativo sugli altri stakeholder aumentando le possibilità di insolvenza. Ma questo fenomeno non si limita alle decisioni di leva finanziaria; in nome della massimizzazione del valore per gli azionisti, le aziende effettuano compromessi analoghi tra investimenti di riduzione del rischio (ad es. sicurezza, cybersecurity, integrità del prodotto, eccesso di capacità della catena di approvvigionamento, resilienza delle infrastrutture) e restituzione di denaro agli azionisti. Su un lasso di tempo sufficientemente lungo, i fornitori di tecnologia critica che non investono nella sicurezza informatica verranno violati; le aziende che non investono in resilienza e sicurezza ingegneristiche subiranno malfunzionamenti (ad es. aerei che cadono dal cielo, linee elettriche guaste, dighe che crollano); e le imprese sovraindebitate falliranno nelle flessioni cicliche. Con il 100% di capitale a rischio, questi eventi possono manifestarsi come una distruzione catastrofica della ricchezza per i proprietari e compromettere i rendimenti futuri, ma non se un fallimento critico ha un impatto solo sul 5% del portafoglio di uno sponsor finanziario.

La capacità dei proprietari di asset di diversificare significa che i risparmi derivanti dalla riduzione degli investimenti di riduzione del rischio in un intero portafoglio possono compensare i fallimenti relativamente rari ma catastrofici subiti dalle singole società. Questo incentivo è ulteriormente esagerato se l’aumento del rischio non è immediatamente osservabile su un orizzonte di investimento di private equity da tre a cinque anni e ha un impatto limitato sul prezzo delle azioni. Questo è un fattore fondamentale per i rendimenti del private equity: gli investitori incentivano la gestione delle singole aziende ad assumere livelli di rischio che massimizzano i rendimenti aggregati del portafoglio, ma sarebbero subottimali o addirittura catastrofici per un proprietario-operatore completamente investito, o anche un manager aziendale legato a una società . Fondamentalmente, la capacità di diversificare è un vantaggio unico per i proprietari di asset.

Quando gli investitori o le imprese consolidate effettuano investimenti fisici, l’eccezione conferma la regola: gli investimenti devono avere un’elevata efficienza patrimoniale (ricavi per dollaro di attività fisiche) e potere di mercato (capacità di addebitare più dei costi marginali). Sebbene a un certo livello sembri naturale deridere le critiche ai sani principi di investimento, l’impatto di un ribilanciamento di massa delle attività verso modalità di produzione finanziariamente ottimali è un problema per le parti interessate che non sono proprietari di attività e per l’economia nel suo insieme. Ogni dollaro di capitale successivamente investito ricostruisce la base di capitale americana a un tasso ridotto e in una forma che avvantaggia un minor numero di persone (asset-light) ed estrae maggiori rendite (margini più elevati).

Il consenso anticoncorrenziale

Ma anche un passaggio aggregato dall’edilizia all’acquisto non è una prova che i mercati siano rotti; nonostante sia descritto come pura speculazione, l’acquisto di asset ha un valore economico. Man mano che il capitale finanziario scorre tra i proprietari di asset, lascia informazioni aggiornate sui prezzi invece di asset fisici. L’aumento dei prezzi delle attività in un determinato settore dovrebbe consentire una maggiore concorrenza segnalando l’esistenza di profitti in eccesso e diminuendo il costo del capitale per i partecipanti competitivi.

La mancanza di informazioni che provoca costi di capitale più elevati è la barriera all’ingresso nella maggior parte degli scenari di investimento, non il costo iniziale fisso in sé e per sé. Considera che i concorrenti di Tesla sono stati in grado di raccogliere enormi quantità di capitale sulla scia del successo di Tesla sui mercati dei capitali. In questo senso, gli investimenti competitivi nella costruzione della capacità produttiva sono a valle della trasparenza dei prezzi per gli incumbent. In teoria, il capitale alla fine ritornerà verso l’investimento fisico dopo che gli asset sono stati offerti nella misura in cui costruirne di nuovi diventi relativamente più attraente. In altre parole, il legame tra valore patrimoniale e sottostante crescita della produttività e prosperità del lavoro può essere stato allungato, ma non è necessariamente interrotto. I critici che sottolineano l’attuale stagnazione nella crescita della produttività in mezzo alla crescita incontrollata dei prezzi delle attività devono affrontare l’intrinseca non falsificabilità dell’efficienza del mercato a lungo termine. Chi può provare che la mancanza di investimenti che si traduce in una rinuncia all’innovazione e l’erosione della base industriale statunitense non sarà compensata dalla futura crescita della produttività sbloccata da un’allocazione di capitale più efficiente?

Tuttavia, il fatto che le valutazioni siano ai massimi ciclici e che i margini di profitto siano sani suggerirebbe che gli investimenti competitivi dovrebbero essere altamente attraenti. Eppure, le aziende con rendite elevate e asset light che hanno visto aumenti fulminei delle valutazioni, in generale, non stanno vedendo un afflusso di concorrenti e investimenti per competere con profitti elevati.

Nei mercati privati, le società di private equity raramente effettuano investimenti competitivi in ​​capacità e innovazione anche nei mercati in cui trovano asset con un potere di mercato interessante, nonostante livelli record di polvere secca. Allo stesso modo in cui l’aumento dei prezzi della carne bovina nonostante i prezzi più bassi del bestiame può segnalare una mancanza di concorrenza nella lavorazione della carne, un divario persistente tra il costo del capitale e le hurdle rate segnala un approccio anticoncorrenziale agli investimenti.

L’economia neoclassica sostiene che la collusione oligopolistica è instabile nonostante sia più vantaggiosa della concorrenza, ma non ha tenuto conto dell’ascesa di un sofisticato settore della gestione patrimoniale dedito alla massimizzazione dei valori degli asset. Qualsiasi critica sostanziale o difesa della finanziarizzazione deve quindi riguardare se abbia creato condizioni che incentivino una mancanza di concorrenza o consentano comportamenti anticoncorrenziali. E infatti, mercati più efficienti e trasparenti possono rendere la concorrenza meno attraente.

L’idea che mercati efficienti rendano la concorrenza meno attraente dal punto di vista finanziario non è un concetto esoterico. In effetti, è la tesi di testi divulgativi sulla gestione strategica. In “Che cos’è la strategia?” di Michael Porter e Zero to One di Peter Thiel, gli autori sostengono che i rendimenti fuori misura sono guidati dalla creazione di un vantaggio competitivo attraverso innovazioni rivoluzionarie invece che dalla concorrenza incrementale nei settori esistenti. Un regime competitivo in cui le imprese possono confrontarsi reciprocamente con le innovazioni rende gli investimenti equivalenti a una tassa. È quindi improbabile che le innovazioni o le strategie operative che possono essere facilmente copiate vengano finanziate perché non forniscono un vantaggio competitivo duraturo e mercati efficienti dal punto di vista informativo facilitano l’accertamento e la copia del comportamento competitivo. La diffusione delle informazioni riflesse nei prezzi delle attività rende più difficile trattenere i profitti derivanti dagli investimenti in efficienze produttive incrementali e innovazioni di prodotto.

La prospettiva più preoccupante è che ci siamo spostati verso una struttura di mercato in cui la concorrenza tra imprese di qualsiasi tipo non è solo meno vantaggiosa, ma addirittura dannosa per i proprietari di asset. Si consideri un mercato in cui i proprietari di asset hanno partecipazioni uniformi in tutti gli asset investibili e i gestori d’impresa sono perfettamente incentivati ​​ad operare nel migliore interesse degli azionisti. Cosa significa massimizzare il valore per gli azionisti in questo contesto? In quali casi un investimento competitivo sarebbe vantaggioso per i proprietari di asset?

In questo scenario, l’unico incentivo a competere verrebbe dalla minaccia dei nuovi entranti che cercano di catturare la propria quota del pool di profitti. Ma perché le aziende dovrebbero sprecare denaro nel tentativo di interrompere preventivamente se stesse se i loro azionisti possono semplicemente ottenere esposizione ai perturbatori attraverso allocazioni al capitale di rischio? In questa ipotesi, ci si aspetterebbe una cessazione dell’attività competitiva a favore dell’acquisto di attività e una sempre maggiore esternalizzazione dell’innovazione dalle imprese mature. Certo, nessun mercato è interamente definito da queste caratteristiche, ma questi effetti sono oggi sempre più presenti.

Le industrie con una maggiore concentrazione e una proprietà più comune investono meno, anche dopo aver controllato le attuali condizioni di mercato e gli intangibili. All’interno di ciascun settore, il divario di investimento è guidato da imprese di proprietà di quasi-indicizzatori e ubicate in settori con maggiore concentrazione e proprietà più comuni. Queste aziende restituiscono agli azionisti una quantità sproporzionata di flussi di cassa gratuiti.

Ma anche questa linea di argomentazione sminuisce la portata degli incentivi anticoncorrenziali trascurando il potere dei mercati di stabilire una conoscenza comune e coordinare i comportamenti senza l’influenza diretta dei grandi azionisti. Il mercato azionario non è solo un mezzo per trasmettere informazioni sui prezzi, ma anche per coordinare i comportamenti creando un circolo vizioso di feedback immediato tra proprietari e gestori di asset. Nello stesso articolo in cui prevedeva una svolta verso “problemi di struttura, organizzazione, informazione e controllo”, von Neumann fornisce una definizione per i meccanismi di feedback:

[Feedback] osserva la relazione di un meccanismo con l’ambiente circostante, percepisce continuamente la direzione in cui i controlli del meccanismo devono essere regolati per avvicinarlo a una certa relazione desiderata con quelli circostanti, effettua la regolazione di questi controlli in la direzione indicata, e quindi fa sì che il meccanismo trovi gradualmente la posizione desiderata mediante questa procedura automatica.

In questo senso, le forze economiche che hanno plasmato l’economia americana negli ultimi quattro decenni sono simili a quelle che hanno dettato la traiettoria della corsa agli armamenti nucleari del ventesimo secolo. Proprio come gli stati-nazione avvieranno un primo attacco solo se la ritorsione sarà inefficace, i proprietari di asset perseguiranno investimenti solo dove possono creare un vantaggio competitivo duraturo. Per gli stati-nazione, lo sviluppo di arsenali nucleari grandi e più sofisticati ha neutralizzato qualsiasi potenziale vantaggio di primo colpo e questa distruzione reciprocamente assicurata ha stabilito le condizioni per una sorta di equilibrio pacifico. Così anche mercati più efficienti hanno minato la capacità delle imprese di mantenere il vantaggio competitivo nei mercati maturi. Ma la risposta delle aziende non è massimizzare gli investimenti, come le scorte di armi, ma piuttosto, in base al feedback degli asset manager, minimizzare il più possibile gli investimenti competitivi.

Rispetto alla capacità dei proprietari di asset distribuiti di punire collettivamente il comportamento dell’impresa che diminuisce i profitti complessivi del settore, la preoccupazione di Adam Smith che gli incontri tra concorrenti si tradurrebbero in una “cospirazione contro il pubblico, o in qualche espediente per aumentare i prezzi” sembra bizzarra. Il consenso nei mercati moderni opera secondo i principi di John von Neumann, non di Adam Smith, ed è più minaccioso dell’avidità a breve termine per l’efficienza sociale del capitalismo. Le aziende sanno che loro e i loro concorrenti hanno ricevuto lo stesso mandato per raggiungere obiettivi di guadagno successivi e applicare tassi di ostacolo elevati nella valutazione degli investimenti. Il consenso comune per evitare comportamenti concorrenziali è stabilito dalla reciproca conoscenza dei gestori che loro e i loro colleghi sono compensati da azioni che diminuiranno di valore se il mercato percepisce un rischio di concorrenza che diminuirebbe i profitti complessivi del settore. In questo senso, i margini operativi S&P in costante aumento, piuttosto che derivati ​​sempre più complessi, sono il volto più sinistro di un’economia finanziarizzata.

La decisione se investire o restituire il capitale dovrebbe idealmente essere presa dai gestori caso per caso. Ma con un feedback immediato del mercato e una compensazione basata su azioni, i manager devono anche convincere il mercato che le decisioni di allocazione del capitale sono valide. Solo una minoranza di gestori ha il mandato del mercato di perseguire investimenti significativi, di solito CEO-fondatori (come Elon Musk e Jeff Bezos) che operano in mercati in rapida crescita in cui ampie fette di quote di mercato sono ancora in palio. Questo consenso anticoncorrenziale reso possibile dall’allineamento degli incentivi per gli azionisti e dall’immediato ciclo di feedback dei mercati dei capitali fornisce una spiegazione fondamentale di come le società S&P 500 possono evitare investimenti competitivi ed espandere meccanicamente i margini ogni anno. Ma questo problema strutturale è spesso erroneamente caratterizzato dai critici come “breve termine, quando sia le motivazioni che gli effetti sono più profondi e complessi.

Alcuni apologeti dello status quo hanno interpretato il fatto che le imprese pubbliche investono più delle imprese private come prova che la compensazione basata su azioni e i riacquisti non sono la causa alla base del sottoinvestimento perché il minor investimento delle imprese private non può essere spiegato dal “breve termine” indotto dal mercato .” Ma questo ragionamento confonde un consenso anticoncorrenziale indotto dal mercato con un “breve termine” comportamentale tra i singoli dirigenti. L’assenza di obblighi di informativa al pubblico non significa che le imprese private siano meno soggette alla pressione degli investitori per perseguire comportamenti anticoncorrenziali.

Si consideri l’approccio adottato dalle società di private equity nella valutazione dei potenziali investimenti In genere, i fondi di private equity intrattengono solo l’acquisto di società leader di mercato oppure perseguono “giochi di piattaforma”, utilizzando fusioni e acquisizioni aggressive per raggruppare società più piccole in settori non consolidati. Sebbene la logica delle sinergie di costo e di altre efficienze di scala rendano i roll-up sempre più attraenti, gli investitori sono principalmente interessati alla quota di mercato relativa, alle dimensioni del mercato e alla crescita del mercato dell’obiettivo e alla capacità di aumentare i prezzi in modo coerente anno dopo anno.

Inoltre, le grandi società private che competono tra loro sono spesso di proprietà di società di private equity rivali e un consenso anticoncorrenziale è molto più facile da stabilire nei settori dominati da società di investimento che competono per fornire una soglia minima di ritorno sull’investimento ai propri clienti. Quando tutti i partecipanti al gioco sanno che i loro obiettivi di rendimento comprendono aumenti annuali dei prezzi e spese in conto capitale ridotte, le guerre dei prezzi e l’innovazione competitiva vengono effettivamente escluse come strategie plausibili. Questo approccio è esemplificato dal fatto che le società di private equity, durante la diligenza, in genere si concentrano sulla determinazione della misura in cui gli attori del settore target sono “razionali”, ovvero se eviteranno collettivamente di impegnarsi in concorrenza sui prezzi. Aneddoticamente, gli MBA riferiscono che la conoscenza del loro programma educativo più rilevante per il loro ruolo di investitori è meglio riassunta come “investi in imprese con un alto grado di potere di mercato”.

Pertanto, l’espansione di un’influenza più diretta degli investitori sulle singole imprese attraverso la compensazione basata su azioni e il consolidamento della proprietà privata ha incentivato un cessate il fuoco degli investimenti che consente alle imprese di evitare la distruzione del capitale reciprocamente assicurata, assicurando una pace più redditizia per gli azionisti. La finanziarizzazione non solo ha reindirizzato il capitale verso l’acquisto di attività, ma ha spostato l’equilibrio aggregato dei mercati della teoria dei giochi dalla concorrenza al consenso, consentendo alle imprese di servire meglio gli interessi ristretti dei proprietari di attività.

Lo stimolo monetario in un mondo finanziarizzato

Un resoconto strutturale dei meccanismi che producono consenso tra le imprese fornisce anche informazioni su come politiche monetarie e fiscali più flessibili influiscano sul comportamento delle imprese e trasferiscano ricchezza ai proprietari di attività. Gli analisti che si fanno beffe dell’idea che l’avidità delle imprese stia alimentando l’inflazione dei prezzi al consumo trascurano che, sebbene l’inflazione monetaria non sia il prodotto di un comportamento anticoncorrenziale, quest’ultima contribuisce a un consenso che consente alle imprese di coordinare gli aumenti dei prezzi in modo più efficace. Naturalmente, le aziende non sono diventate unicamente avide; invece, un regime inflazionistico ha consolidato un equilibrio cooperativo di aumenti dei prezzi.

In un’economia finanziarizzata, una politica monetaria accomodante non solo rafforza ulteriormente un consenso anticoncorrenziale, ma costituisce anche un trasferimento di ricchezza diretto ai proprietari di attività. Tassi di interesse più bassi influenzano l’attività economica reale riducendo gli oneri finanziari sulla premessa che questo minor costo del capitale sarà trasmesso in tutta l’economia sotto forma di maggiori spese in conto capitale, e quindi avvierà un ciclo di feedback positivo di domanda e offerta. La politica monetaria accomodante, tuttavia, costituisce anche un trasferimento economico ai proprietari di attività oa chiunque cerchi di acquistare attività con leva finanziaria. Di conseguenza, la politica della Fed ha contribuito a un boom dell’attività di acquisto di attività e la valutazione delle società si è adeguata al rialzo per riflettere il sostegno della banca centrale. Criticamente, però, in un regime di inflazione monetaria, chiunque sia più vicino al rubinetto della creazione monetaria riceverà enormi benefici. Considera uno scenario in cui la Federal Reserve ti fornisce personalmente un trilione di dollari per stimolare l’economia generale. Man mano che spendi il tuo stimolo, i prezzi si adegueranno gradualmente al rialzo, ma alla fine della tua follia di acquisto tu e coloro a cui hai assegnato prima il capitale (attraverso il consumo o l’investimento) avrete ricevuto il massimo beneficio. Questa proprietà eterogenea della trasmissione monetaria è nota come effetto Cantillon, e Matt Stoller ha descritto come esso mina sia l’economia a cascata che la politica monetaria accomodante. i prezzi si adegueranno gradualmente al rialzo, ma alla fine della tua follia di acquisto tu e coloro a cui hai assegnato prima il capitale (attraverso il consumo o l’investimento) avrete ricevuto il massimo beneficio. Questa proprietà eterogenea della trasmissione monetaria è nota come effetto Cantillon, e Matt Stoller ha descritto come esso mina sia l’economia a cascata che la politica monetaria accomodante. i prezzi si adegueranno gradualmente al rialzo, ma alla fine della tua follia di acquisto tu e coloro a cui hai assegnato prima il capitale (attraverso il consumo o l’investimento) avrete ricevuto il massimo beneficio. Questa proprietà eterogenea della trasmissione monetaria è nota come effetto Cantillon, e Matt Stoller ha descritto come esso mina sia l’economia a cascata che la politica monetaria accomodante.

Inoltre, in un’economia finanziarizzata, l’effetto Cantillon è amplificato. hurdle rate elevati al di sopra del costo del capitale e margini di profitto più elevati consentono ai gestori patrimoniali di ottenere un rendimento maggiore per ogni dollaro investito. Un consenso a restituire il capitale invece di investirlo significa che la maggior parte dello stimolo monetario rimane sequestrato nell’acquisto di attività per un periodo di tempo più lungo e lontano dagli investimenti produttivi; il valore non scenderà fino a quando i prezzi delle attività non saranno stati offerti in modo omogeneo per riflettere l’inflazione monetaria. Al suo interno, un mondo finanziarizzato è un mondo di inflazione degli asset, in cui i profitti in eccesso derivanti dai margini estesi e gli investimenti ridotti consentiti dalla mancanza di concorrenza vengono continuamente ribilanciati tra gli asset esistenti e il trasferimento di ricchezza dello stimolo monetario è catturato in modo più efficiente da proprietari di beni.

Aggiornamento dei modelli di concorrenza d’impresa

Negli ultimi decenni, le innovazioni dei mercati finanziarizzati hanno incentivato un consenso anticoncorrenziale all’interno del settore aziendale. Una tendenza alla riduzione della concorrenza spiega la persistenza del divario tra il costo del capitale e gli ostacoli agli investimenti, che ha portato a una riduzione aggregata degli investimenti complessivi, insieme al consolidamento in molti settori e all’espansione dei margini. Le questioni relative alla concorrenza nei mercati e ai fattori che consentono un consenso tra le aziende e i proprietari di attività introducono una linea di critica più seria rispetto all’accusa di “avidità aziendale” o “breve termine” e forniscono un quadro per comprendere l’impatto del comportamento dell’impresa e politiche macroeconomiche.

Molti dibattiti economici contemporanei rimangono fondati su modelli più vecchi di concorrenza tra imprese. Ma l’economia odierna è in gran parte caratterizzata da un consenso tra le imprese indotto dal feedback del mercato che riflette le priorità dei gestori patrimoniali e gli interessi dei proprietari di patrimoni. Il riconoscimento di questo fatto è il primo passo verso una migliore comprensione del capitalismo odierno e verso politiche che affrontino le sue principali debolezze, in particolare incentivi contro gli investimenti competitivi in ​​molti settori.

Marc Rohatyn è lo pseudonimo di uno scrittore che lavora nel settore finanziario.

https://americanaffairsjournal.org/2022/05/financialization-and-the-problem-of-mutually-assured-capital-destruction/

Guidare la finanza: la strategia cinese per il finanziamento della produzione avanzata, di David Adler

 

I fondi di orientamento [del governo cinese] hanno la missione di concentrarsi su tecnologie strategiche piuttosto che semplicemente generare rendimenti. . . . Al contrario, i modelli di finanziamento nella Silicon Valley hanno avuto la tendenza a favorire le società rivolte ai consumatori con una tecnologia meno innovativa ma una tempistica più breve per la redditività.

—Commissione di revisione economica e di sicurezza USA-Cina 1

Il primo di due saggi sul ruolo degli strumenti finanziari nel determinare le caratteristiche e le tendenze delle formazioni economiche cinese e statunitense. Strutture profondamente diverse e con tendenze e problemi di natura diversa, ma con un una questione di base comune: quello di stabilizzare e rendere autopropulsiva la propria base industriale diffusa. Se per i cinesi si tratta di consolidare definitivamente la propria condizione in una fase ascendente, per gli americani si pone il problema di una vera e propria ricostruzione industriale su basi più equilibrate. E’ uno dei termini fondamentali del feroce dibattito che ha interessato gli Stati Uniti dal 2016, con l’arrivo di Trump. Una discussione altrettanto seria presente in Cina, della quale conosciamo ancora poco i termini e le dinamiche di confronto politico e le implicazioni geopolitiche. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Qual è lo scopo della finanza e il suo rapporto con l’economia reale? In che modo il settore finanziario può sostenere meglio l’innovazione e la crescita nazionale? Quali strumenti di finanziamento possono portare a una migliore competitività nazionale? Quale ruolo dovrebbe svolgere lo stato, se del caso, nella guida del capitale?

Queste domande non sono dibattute negli Stati Uniti, almeno non in generale. La prima domanda non è dibattuta neanche in Cina, perché la risposta è salda: la finanza dovrebbe sostenere l’economia reale. Ma la Cina è vigorosamente alle prese con gli altri punti dell’economia politica e sta sviluppando nuove teorie e istituzioni – e il suo governo sta sperimentando molti nuovi meccanismi di finanziamento – per sostenere molte diverse politiche industriali. Questi nuovi strumenti politici combinano il capitale statale con i meccanismi di mercato. Tali esperimenti offrono informazioni su come gli Stati Uniti potrebbero risolvere i propri fallimenti di mercato che affliggono il finanziamento delle industrie hardware avanzate e la mancanza di capitale paziente in America. 2

Il più grande di questi nuovi veicoli di finanziamento cinesi, misurato dagli asset under management (AUM), sono i fondi di orientamento del governo, a volte chiamati fondi di orientamento industriale. Si tratta di fondi di capitale di rischio pubblico-privato (VC) sponsorizzati dallo stato con il duplice mandato di sostenere gli obiettivi di politica industriale fornendo al contempo rendimenti sugli investimenti. Mirano a portare la concorrenza di mercato alle imprese statali (SOE) mentre convogliano contemporaneamente finanziamenti governativi alle imprese private. La loro portata è enorme, con un obiettivo di raccolta fondi fino a 1,6 trilioni di dollari.

I fondi di orientamento industriale possono finanziare le start-up, ma a differenza dei fondi VC statunitensi, forniscono anche capitale paziente per l’aumento delle tecnologie hardware e della produzione avanzata ad alto capitale. L’economista Barry Naughton scrive che lo scopo del più grande di questi fondi cinesi di orientamento industriale, il National Integrated Circuit Fund (chiamato anche “Big Fund”), è quello di “aiutare le aziende a crescere. . . . L’obiettivo [è] di prendere società e progetti esistenti e fornire loro ampi finanziamenti per completare rapidamente progetti su larga scala”. 3  Cita il Ministero delle Finanze, che descrive il fondo come “una combinazione organica di strategia nazionale e meccanismo di mercato”.

Wall Street e l’industria VC statunitense hanno per lo più ignorato questi nuovi fondi. Ma chiunque sia interessato al futuro della concorrenza economica tra USA e Cina  , o  forse solo al  futuro,  non dovrebbe. I fondi di orientamento implicano sussidi all’industria attraverso investimenti azionari; a differenza dei precedenti metodi cinesi di erogazione di sussidi attraverso prestiti a basso costo o sovvenzioni a titolo definitivo, implicano un certo coinvolgimento del mercato. I fondi di orientamento mostrano anche le enormi risorse che la Cina sta indirizzando verso la politica industriale e le ambizioni del paese non solo di raggiungere, ma di superare effettivamente, gli Stati Uniti nella tecnologia avanzata.

La Cina può essere l’officina del mondo e l’attore centrale nelle catene di approvvigionamento manifatturiere globali, ma non ha ancora ottenuto successi comparabili nell’innovazione locale, anche se questo sta cambiando. Essendo un paese ancora in via di sviluppo, deve affrontare molti ostacoli all’innovazione, principalmente non finanziari.

In realtà sono gli Stati Uniti, più della Cina, che potrebbero trarre vantaggio dall’introduzione di una struttura di tipo fondi di orientamento. Gli Stati Uniti devono affrontare gravi vincoli finanziari quando si tratta di ridimensionare le innovazioni nazionali nella tecnologia hardware. L’industria VC degli Stati Uniti, nonostante i suoi immensi successi nel software, nel settore farmaceutico e nelle biotecnologie, rimane in gran parte piatta quando si tratta di supportare l’innovazione nell’hardware e l’aumento della produzione. 4 Finora gli Stati Uniti non sono stati in grado di fornire un nuovo e solido modello di finanziamento per fornire il capitale paziente necessario per competere contro le ambizioni e le risorse della Cina destinate alla produzione avanzata, sebbene siano in corso numerosi sforzi legislativi. I fondi di orientamento potrebbero offrire miglioramenti rispetto a queste proposte perché coinvolgono la concorrenza del mercato e, in modo critico, incentivano la partecipazione del settore finanziario privato, amplificando eventuali investimenti governativi.

A dire il vero, i fondi cinesi di orientamento industriale non possono e non devono essere replicati direttamente nella loro forma attuale negli Stati Uniti. La loro esistenza è specifica del contesto economico cinese e del panorama politico del Partito Comunista Cinese; sono in gran parte incomprensibili al di fuori di esso. E i fondi di orientamento hanno una logica politica oltre che economica: convogliando gli investimenti statali verso il settore privato, forniscono al governo un’ulteriore finestra attraverso cui monitorare la stabilità finanziaria delle imprese private. Questo monitoraggio ha il potenziale per essere coercitivo. Tuttavia, nonostante i loro vari problemi, vale la pena dare un’occhiata più da vicino ad alcune caratteristiche dei fondi di orientamento in quanto suggeriscono nuovi modi per fornire il capitale paziente necessario per costruire capacità manifatturiere e industrie strategiche.

Le origini dei fondi di orientamento

Una manciata di fondi di orientamento del governo cinese sono stati istituiti intorno all’inizio degli anni 2000, ma hanno iniziato a diventare un importante strumento di finanziamento della politica industriale intorno al 2014. 5  Questo è quando il Consiglio di Stato ha pubblicato le “Linee guida per la promozione dello sviluppo del circuito nazionale integrato Industria.” 6  Il rapporto ha messo in evidenza l’uso dei tradizionali strumenti di finanziamento della politica industriale, come le banche di sviluppo nazionali e le banche commerciali. Ma richiedeva anche qualcosa di nuovo: un fondo di investimento nazionale per l’industria dei circuiti integrati,  un  fondo di orientamento industriale che realizza  investimenti azionari, dedicato a questo settore. Il fondo si concentrerebbe “sul sostegno alla produzione di circuiti integrati con operazioni orientate al mercato. . . [e] incoraggiare vari capitali di rischio sociale e fondi di investimento azionario a entrare nel settore”.

La causa immediata di questa spinta improvvisa da parte della Cina a sviluppare la sua industria dei circuiti integrati (IC) sono state le rivelazioni di Edward Snowden. Snowden ha rivelato che la NSA aveva violato i server cinesi e poteva spiare la Cina. Ha anche offerto dettagli sugli attacchi di Stuxnet all’Iran. Queste informazioni hanno portato un gruppo di alti dirigenti tecnologici cinesi a esprimere la loro preoccupazione per il fatto che la dipendenza della Cina dalla tecnologia statunitense fosse una minaccia alla sicurezza. La soluzione, hanno affermato in una lettera congiunta, era che la Cina sviluppasse la propria industria dei circuiti integrati. Erano in gioco anche altri fattori interni, tra cui le ambizioni di lunga data della Cina nell’IC e gli sforzi più ampi sotto Xi Jinping per creare un nuovo modello di sviluppo, che coinvolgesse sia le forze di mercato che la guida dello stato, per consentire all’economia cinese di raggiungere l’Occidente.

Questa  cronologia,  ampiamente accettata dagli osservatori della Cina occidentale 7 , è in contrasto con la narrativa a volte ascoltata in America secondo cui la Cina è stata indotta a intraprendere azioni di politica industriale più aggressive dalle “tariffe di Trump”, come elaborata dal rappresentante commerciale Robert Lighthizer. Questa argomentazione sostiene che, senza la guerra commerciale iniziata dagli Stati Uniti, le relazioni economiche con la Cina sarebbero rimaste collegiali. In effetti, i massicci sforzi della Cina per aggiornare la sua industria dei circuiti integrati sono antecedenti alle tariffe. Inoltre, l’episodio mostra che allo stesso modo in cui i politici statunitensi sono preoccupati per la dipendenza dalla Cina, i funzionari cinesi sono preoccupati per la dipendenza dagli Stati Uniti.

Struttura dei Fondi di orientamento industriale

“Un ‘fondo di orientamento’ non è necessariamente un’entità giuridicamente definita, è più una caratteristica analitica. È un fondo con un forte coinvolgimento dello stato in esso, attraverso risorse finanziarie e umane, che investe in settori strategici emergenti”, afferma François Chimits del think tank merics di Berlino. (Merics, il principale think tank europeo sulla Cina, è stato sanzionato nel 2021 dal ministero degli Esteri cinese insieme ad altre tre istituzioni europee come rappresaglia per le sanzioni europee nei confronti di funzionari cinesi nello Xinjiang accusati di violazioni dei diritti umani.)

I fondi di orientamento sono spesso incentrati sul sostegno di un settore specifico, come i materiali avanzati, o di un’attività, come la riqualificazione industriale. 8  All’interno di questo quadro descrittivo, emergono diversi modelli: i fondi seguono grosso modo un modello di private equity (PE) o un modello VC (in Cina le distinzioni tra VC e PE sono sfumate 9), con un socio accomandatario responsabile della gestione del fondo e soci accomandanti che sono gli investitori. Lo sponsor del fondo, che fornisce il finanziamento iniziale, opera direttamente sotto gli auspici del governo nazionale, provinciale o locale e il fondo è amministrato da un’agenzia di gestione correlata. La maggior parte del capitale proviene dai soci accomandanti che sono chiamati investitori di “capitale sociale” e tendono ad essere SOE o banche governative; Il coinvolgimento occidentale è stato finora minimo.

Sebbene i fondi per l’orientamento siano sponsorizzati dallo stato, un obiettivo è che la gestione interna abbia un background nel settore privato. In un quasi riconoscimento del detto di Lawrence Summers secondo cui “il governo è un pessimo venture capitalist”, i fondi cercano di assumere capitalisti di rischio del settore privato professionisti piuttosto che dipendenti statali a lungo termine per gestirli, anche se lo stato sta guidando la direzione di i loro investimenti.

Il vantaggio dell’utilizzo di questa struttura di private equity o di tipo VC è di portare la concorrenza di mercato nella politica industriale. Lo stato ha ancora il sopravvento e determina il settore o l’attività in cui investire, ma i fondi portano alla concorrenza del mercato, anche se a volte è solo tra diverse imprese statali. Dice Chimits, “sebbene sia difficile per molti in Occidente concepire, in Cina la liberalizzazione del mercato in pratica significa più concorrenza tra gli attori sostenuti dallo stato”.

Il Center for Security and Emerging Technology (CSET) di Georgetown, nella sua relazione sui fondi di orientamento, osserva: “I fondi di orientamento consentono allo stato cinese di sfruttare la disciplina e le risorse del mercato. I responsabili politici cinesi hanno iniziato a riconoscere i difetti dei regimi di sovvenzione e di altri strumenti tradizionali di politica industriale. Portando il motivo del profitto nella politica industriale, i fondi di orientamento mirano a evitare questi problemi”. 10  I fondi possono perseguire una varietà di tecniche di investimento, compresi gli investimenti diretti, o molto spesso fungere da “fondo di fondi” per altri fondi di orientamento.

Sebbene i fondi siano a scopo di lucro, il loro universo di potenziali investimenti è strettamente prescritto. I fondi “non investiranno in azioni del mercato secondario, futures, immobili, fondi di investimento mobiliari. . . piani assicurativi e altri derivati ​​finanziari”, secondo un regolamento del Ministero delle Finanze. Piuttosto che speculare all’interno dell’economia finanziaria in cerca di rendimenti, il loro scopo principale è sostenere lo sviluppo industriale nell’economia reale.

In particolare, possono fornire il capitale paziente necessario per superare la “valle della morte” associata all’aumento della produzione quando il fabbisogno di capitale è elevato ma non ci sono entrate per gli anni a venire. La guida del governo cinese chiarisce che i fondi sono destinati a colmare questa lacuna. Un quotidiano statale citato da CSET spiega la logica di uno strumento di finanziamento sostenuto dallo stato: gli investitori privati ​​preferiscono rendimenti rapidi “rispetto alle aree strategiche nazionali che richiedono un sostegno finanziario a lungo termine”.

I gestori di fondi riconoscono questo obiettivo a lungo termine e usano effettivamente l’espressione “valle della morte”. Liu Kefeng, presidente del Beijing Science and Technology Innovation Fund, in un discorso del 2019 a una conferenza sugli investimenti di Pechino, ha dichiarato:

Nell’attuale situazione tra Cina e Stati Uniti, per cosa competono le maggiori potenze? Non solo l’aggregato economico, ma in realtà le cose più dure, che è la nostra tecnologia hard.

Il nostro primo posizionamento è quello di essere capitale paziente. Qual è la funzione centrale del capitale del paziente? Dovrebbe coprire l’intero processo di trasformazione dei risultati scientifici e tecnologici e aiutare le imprese di innovazione scientifica e tecnologica ad attraversare la valle della morte. Questa è la prima strategia di investimento e posizionamento del Beijing Science and Technology Investment Fund. 11

Prodotto in Cina 2025

I fondi di orientamento industriale sono entrati in un periodo di crescita massiccia dopo l’annuncio del 2015 del “Made in China 2025” (MIC2025). Ciò ha richiesto la leadership cinese in dieci settori avanzati, inclusi veicoli elettrici, robotica, intelligenza artificiale e dispositivi medici. I fondi di orientamento industriale sono stati visti e rimangono il principale strumento di finanziamento per l’attuazione del MIC2025. 12

Presto è seguita una fioritura di fondi di orientamento industriale, raggiungendo un totale di 1.741 entro l’inizio del 2020, 13  sebbene il trend di crescita sia in termini di nuovi fondi lanciati che di asset raccolti sia in rallentamento dal 2018. L’obiettivo di raccolta fondi pianificato per questi fondi è di $ 1,6 trilioni, con quasi tutti i comuni e le province che ne annunciano uno. L’importo effettivamente raccolto, tuttavia, è inferiore a questo e l’importo distribuito è ancora inferiore. Alcune stime mettono l’importo totale raccolto al 60 percento dell’obiettivo, o poco meno di $ 1 trilione, una cifra ancora considerevole. 14

“L’espansione dei fondi di orientamento a questi ulteriori settori prioritari si è basata sull’esperimento riuscito di utilizzarli per IC. L’apprendimento, la flessibilità, l’adattamento e l’aumento dei successi sono tipici della politica economica cinese”, afferma Meg Rithmire della Harvard Business School. Il modello cinese non è esattamente dal basso verso l’alto, ma una volta che lo stato ha fissato un obiettivo tecnologico, ad esempio nella tecnologia di ricarica dei veicoli elettrici, questo viene in genere implementato tramite la sperimentazione regionale, seguita dal potenziamento dei piloti di successo. Questo approccio è notevolmente diverso dall’approccio dall’alto verso il basso della politica economica americana. L’approccio politico americano è molto meno flessibile e in genere non si basa su tale sperimentazione. Invece, la politica è tipicamente elaborata tra i legislatori e il loro personale e quindi formalmente redatta senza prima utilizzare progetti pilota regionali per identificare i successi. (Naturalmente, la flessibilità cinese non si estende al governo politico, dove il sistema politico autoritario cinese è stato descritto come “congelato”, con il potere centralizzato nelle mani di Xi Jinping.15 )

Rithmire afferma che il modo in cui funzionano in pratica i fondi per l’orientamento è che “il PCC annuncia un obiettivo per un fondo per l’orientamento, semina il capitale dei pazienti e si aspetta che i LP lo corrispondano”. Il calcolo quantistico è un esempio. Rithmire afferma: “Il calcolo quantistico non avverrà a meno che lo stato non sia coinvolto. Lo stato ha inviato un segnale al settore privato che ora questo è un investimento sicuro e che avrebbero dovuto seguire l’esempio. Tutti a Pechino lo capivano”. Aneddoticamente, Rithmire ha notato un cambiamento tra i gestori di VC e di private equity che conosceva in Cina. Mentre in precedenza avevano investito nel canale dell’innovazione dei consumatori, come servizi di consegna di trucchi o app di noleggio biciclette, hanno riorientato i loro investimenti verso i settori prioritari dal MIC2025.

L’uso dei fondi di orientamento ha segnato anche un importante cambiamento nel modo in cui il governo sostiene l’industria. 16  In passato, le sovvenzioni del governo cinese per l’industria pesante erano tradizionalmente sotto forma di “debito al di sotto del mercato”, sotto forma di prestiti a basso costo da banche statali o sovvenzioni a titolo definitivo. L’industria cinese dell’alluminio, ad esempio, è ricca di sussidi lungo tutta la catena del valore dell’alluminio, compresa l’elettricità sovvenzionata da centrali a carbone e prestiti da banche statali a società di alluminio di proprietà statale. La Cina non ha vantaggi naturali quando si tratta di fusione dell’alluminio, come le risorse idroelettriche che si trovano in Islanda o in Siberia. Tuttavia, ora domina questo settore, rappresentando quasi il 60% della produzione mondiale.

I fondi di orientamento, in contrasto con queste forme precedenti di sovvenzione, utilizzano il finanziamento tramite capitale proprio. Qui le sovvenzioni a titolo definitivo sono difficili da identificare. 17  Alcuni in Occidente ritengono che i fondi per l’orientamento siano semplicemente un modo per aggirare gli accordi dell’OMC in materia di sovvenzioni. Questo era il punto di vista del rapporto sulla catena di approvvigionamento della Casa Bianca, che affermava: “è chiaro che il governo cinese ha progettato il suo modello di ‘venture capital’ per facilitare una massiccia campagna di sussidi per sviluppare la sua capacità di semiconduttori domestici per evitare qualsiasi supervisione dell’OMC”. 18  Ma date le dimensioni del mercato interno cinese e la continua sperimentazione del suo modello di sviluppo, non tutto ciò che fa la Cina è incentrato sulle istituzioni occidentali.

Ciò non significa che non siano coinvolti sussidi, che l’OCSE ha tentato di quantificare. Per utilizzare la definizione dell’OCSE, se il governo tollera rendimenti più bassi rispetto agli investitori privati, l’investimento è considerato “sotto il mercato azionario”. Ha intrapreso uno studio per misurare le potenziali distorsioni introdotte dalla “finanza al di sotto del mercato” (sia debito che azionario) nella catena del valore dei semiconduttori in molti paesi. L’OCSE ha rilevato:

Il sostegno del governo fornito attraverso il canale azionario (“below-market equity”) ha avvantaggiato in modo schiacciante le imprese cinesi nel campione. I grandi investimenti che i fondi del governo cinese hanno fatto in aziende nazionali di semiconduttori hanno profondamente rimodellato l’industria cinese dei semiconduttori. In particolare, sembra esserci un collegamento diretto tra le iniezioni di azioni da parte dei fondi governativi cinesi e la costruzione di nuove fabbriche di semiconduttori nel paese. 19

Valutazione dell’impatto dei fondi di orientamento

I fondi per l’orientamento riescono effettivamente a raggiungere i loro obiettivi? C’è una tensione intrinseca nella “doppia linea di fondo” dei fondi di orientamento (un’espressione usata negli investimenti ESG per riferirsi a obiettivi di performance e sostenibilità), qui riferiti alla loro performance e agli obiettivi strategici. I rendimenti attesi e la cronologia delle prestazioni dei fondi di orientamento non sono chiari. Naughton ha scoperto che il “‘Big Fund’ mira a un rendimento del 5%, ma per raggiungere questo obiettivo ha dovuto dividersi in due, un comparto strategico che mira a nessun rendimento e un ‘comparto commerciale'”. 20

I fondi devono offrire rendimenti positivi ai loro investitori, anche se questi investitori sono SOE o banche statali. Gli stessi gestori di fondi sono finanziariamente incentivati ​​ad aumentare l’AUM ea sovraperformare, ma anche a rimanere all’interno delle linee guida di politica industriale prescritte. I fondi di orientamento industriale sono progettati per essere un investimento a basso rischio. Ciò è ottenuto dal governo fornendo diversi tipi di garanzie. Lo sponsor del governo potrebbe assorbire le prime perdite, rinunciare al pagamento degli interessi o accettare di acquistare azioni di soci accomandanti a un prezzo concordato. 21

La principale critica ai fondi di orientamento da parte degli osservatori cinesi con sede in Occidente (gli analisti di Wall Street tendono a non coprirli) è che sono altamente inefficienti e allocano male le risorse. Questa stessa accusa potrebbe essere mossa contro i precedenti programmi di sovvenzione cinesi, tuttavia, come per l’alta velocità ferroviaria o per Huawei. Il  Wall Street Journal  ha riferito: “Huawei ha avuto accesso a fino a 75 miliardi di dollari di sostegno statale negli ultimi 25 anni, comprese sovvenzioni (1,6 miliardi di dollari), facilitazioni di credito (46,3 miliardi di dollari), agevolazioni fiscali (25 miliardi di dollari) e terreni sovvenzionati acquisti ($ 2 miliardi).” 22 Questi programmi, che coinvolgevano anche pratiche mercantiliste, non furono messi in atto per ragioni di efficienza economica. L’obiettivo era invece quello di far crescere i settori prioritari. Questo obiettivo è stato raggiunto, con la Cina che ha ottenuto la leadership strategica di entrambi i settori. I fondi di orientamento industriale non sono efficienti, ma ciò non significa che non possano essere efficaci.

I dispositivi di protezione individuale (DPI) durante la pandemia offrono un altro esempio più recente. Durante i primi giorni della pandemia, i produttori cinesi sono stati accusati di aver inondato il mercato statunitense con mascherine chirurgiche a basso costo. I restanti produttori statunitensi sono stati cacciati dal mercato. Sebbene sia opinione diffusa che il basso costo del lavoro rappresenti la competitività cinese, queste maschere sono state vendute a prezzi inferiori al costo delle materie prime. Come di consueto, i sussidi specifici coinvolti sono opachi e possono coinvolgere fondi di orientamento nonché altre fonti di finanziamento. Ma i risultati sono chiari: questo modello incentrato sui sussidi si è dimostrato efficace a livello globale. Se nel 2019, il primo anno della pandemia, il 21% delle esportazioni globali di DPI proveniva dalla Cina, entro il 2020 il 43% delle esportazioni globali di DPI proveniva dalla Cina. Quasi nessuno di questi è stato donato,23

Tuttavia, gli analisti occidentali hanno identificato diversi difetti specifici dei fondi di orientamento. Innanzitutto, ci sono troppi fondi. I fondi duplicano gli sforzi, portando alla sovraccapacità in alcuni settori favoriti. I fondi locali possono finire per sovvenzionare industrie locali non strategiche e possono esserci tensioni tra lo sviluppo provinciale e gli obiettivi di sviluppo nazionale. Vi sono ampie prove di corruzione, ma poche prove di disciplina di mercato.

Ngor Luong, un autore dello studio CSET sui fondi di orientamento, afferma: “Spesso non raccolgono quanto previsto e non investono come dovrebbero perché i loro investitori SEO non hanno propensione al rischio . Invece di assumere manager professionisti, reclutano regolarmente funzionari locali. I fondi di orientamento possono effettivamente escludere altri tipi di investimenti”. Aggiunge, tuttavia, che “ci sono anche una manciata di fondi che riescono a raccogliere capitali e investire in progetti”.

L’esperienza del National IC Fund, o Big Fund, esemplifica alcune di queste vulnerabilità e rivela le sfide più ampie che la Cina deve affrontare nello sviluppo di tecnologie avanzate. La Cina ha un grande deficit commerciale nei semiconduttori ed è molto indietro rispetto alla frontiera tecnologica in settori come l’automazione della progettazione elettronica, il software e la fabbricazione di beni strumentali. Anche la sua fonderia più avanzata è indietro di generazioni, TSMC, leader del settore. Douglas B. Fuller della City University di Hong Kong fornisce una spiegazione della continua incapacità della Cina di generare una vera trasformazione tecnologica in IC nonostante le enormi risorse lanciate all’industria. Dice, “essenzialmente, i fondi di orientamento ‘allocano male’ le risorse gettando risorse a società statali non efficienti”.

Nel suo libro,  Paper Tigers, Hidden Dragons: Firms and the Political Economy of China’s Technological Development , Fuller raggruppa l’industria cinese dei circuiti integrati in tre tipi di aziende: le SOE, le multinazionali straniere con impianti di produzione in Cina e quelle che lui chiama aziende “ibride”, che sono società private gestite da investitori stranieri di etnia cinese. 24  Esistono differenze critiche nelle capacità di ciascuna categoria di imprese, che è al centro della cattiva allocazione del capitale da parte dei fondi di orientamento.

Secondo Fuller, le SOE hanno avuto un successo molto limitato nell’adozione di nuove tecnologie o nell’intercettare nuovi mercati. Queste aziende continuano ad andare avanti con appalti statali garantiti, mentre i loro manager “evitano  attività rischiose, inclusa la sperimentazione  tecnologica  , che  potrebbero esporle a future accuse di perdita o distruzione di beni statali”. Tuttavia, “le iniziative politiche continuano a elargire risorse alle lente aziende statali”.

Né le multinazionali straniere che operano in Cina sono una fonte di vera innovazione tecnologica nel settore dei circuiti integrati. Sono estremamente cauti nel collocare impianti di produzione all’avanguardia in Cina.

D’altra parte, Fuller sostiene che la Cina dimostra abilità tecnologica e commerciale nella terza categoria di imprese, le imprese ibride gestite da emigrati, che sono state i veri motori dello sviluppo tecnologico. Ma queste non sono le aziende sostenute dal Fondo Nazionale IC, tranne quando occasionalmente vengono rilevate. Ad esempio, SMIC, una delle principali fonderie di semiconduttori a conduzione ibrida, è stata rilevata dal National IC Fund nel 2015. Fuller scrive: “l’acquisizione dell’azienda da parte dello stato mette in dubbio la sua sostenibilità competitiva”. Aggiunge: “La Cina non manca di investimenti industriali, ha troppi investimenti industriali e allocazioni inefficienti”.

Tuttavia, gli sforzi della Cina nel settore dei circuiti integrati non sono l’intera storia dei fondi di orientamento. Vi sono altri settori, spesso sostenuti da fondi di orientamento, dove la distanza dalla frontiera tecnologica è molto minore. Questi settori hanno meno operatori storici nazionali da frenare il progresso, o operatori storici occidentali da recuperare. Nei veicoli a nuova energia (NEV), nelle batterie e nelle tecnologie quantistiche, la Cina potrebbe ora essere in vantaggio.

“Tutti i settori non SOE ad alta priorità industriale sono fondamentalmente inondati di capitale guidato dallo stato”, afferma Chimits di Merics, tra cui il calcolo quantistico e l’intelligenza artificiale. Le informazioni sulle effettive attività dei fondi di orientamento sono molto limitate, ma ci sono stati alcuni evidenti successi.

Ad esempio, il governo locale di Hefei, nel 2020, ha effettuato un investimento attraverso un fondo di orientamento in NIO, il principale rivale cinese di Tesla. NIO stava lottando nel 2020. Non più. Hefei ha realizzato un ritorno di 5,5 volte il suo investimento iniziale. “Dal nostro investimento in Nio, abbiamo guadagnato soldi senza pietà”, ha detto Yu Aihua, il massimo funzionario comunista della città,   ha riferito il South China Morning Post . 25

Hefei è emblematico dei modelli mutevoli del sostegno del governo locale cinese all’industria. Storicamente, Hefei offriva agevolazioni fiscali o prestiti a società private, seguite in seguito da un approccio di investimento diretto. Più recentemente, ha perseguito un approccio di investimento indiretto utilizzando fondi di orientamento gestiti da manager professionisti.

I successi di Hefei con NIO hanno favorito un intero ecosistema di veicoli elettrici centrato nella città. Volkswagen ha reso Hefei uno dei suoi principali centri di produzione di componenti per veicoli elettrici, comprese le batterie. Il caso di studio di NIO mostra che i fondi di orientamento possono fornire rendimenti finanziari in stile VC insieme agli obiettivi di crescita economica dello stato.

Fondi di orientamento nelle campagne economiche cinesi

Il MIC2025 è stato seguito da politiche più ambiziose, tra cui, più recentemente, il programma “prosperità comune”. Finora, l’iniziativa più visibile di questo programma è stata una repressione del settore immobiliare e della tecnologia di consumo, ma non è ancora chiaro cosa comporterà la “prosperità comune”. Nis Grünberg, analista capo di merics, afferma: “Non è ancora molto esplicitato sia i meccanismi specifici volti a raggiungere la prosperità comune, sia, più fondamentalmente, cosa significhi effettivamente ‘prosperità comune’ in termini di obiettivi concreti”.

Parte della confusione che circonda i grandi programmi economici cinesi è che in realtà sono “campagne”, il tradizionale metodo di mobilitazione e propaganda del PCC. “Le campagne e i loro meccanismi di attuazione raramente sono completamente definiti”, afferma Rithmire. “Ma quando c’è una campagna, tutti sanno cosa fare e come saltare sul carro. Sia gli attori politici che quelli sociali hanno attraversato campagne”.

Il grande balzo, i cento fiori, la politica del figlio unico e Belt and Road erano tutte campagne. E sebbene non sia ampiamente riconosciuto in Occidente, lo sono anche i fondi di orientamento. “I fondi di orientamento sono una campagna. Con le campagne, non c’è un ufficio centrale”, afferma Rithmire. “Non esiste un elenco centrale di comandi o persone.” La qualità amorfa, decentralizzata e mutevole delle campagne spiega perché gli analisti occidentali hanno avuto difficoltà a capire Belt and Road. Il modello cinese non è solo una versione più ampia degli stati di sviluppo dell’Asia orientale del Giappone e delle ex colonie di Corea o Taiwan di quest’ultimo. Sebbene possa prendere in prestito da ciascuno, è anche radicato nella tradizione del PCC.

Le campagne seguono una traiettoria familiare di accelerazione ed esuberanza, seguita da un periodo di decelerazione e rivalutazione, secondo Rithmire. I fondi di orientamento si trovano ora nelle ultime fasi di questa traiettoria.

La stessa organizzazione teorica del PCC ha recentemente offerto ulteriori approfondimenti su ciò che il futuro potrebbe riservare in un documento intitolato “Date pieno gioco al ruolo della finanza politica nel sostenere la prosperità comune”, scritto da ricercatori del Centro di ricerca di Pechino per il pensiero di Xi Jinping sul socialismo con caratteristiche cinesi per una nuova era. 26  “L’espressione ‘finanza politica’ e il documento [nel suo insieme] descrivono il panorama in Cina in cui si stanno sviluppando diversi veicoli finanziari oltre ai fondi di orientamento”, afferma Grünberg. “La finanza pubblica è un concetto più ampio dei fondi di orientamento, ma li include”.

I meccanismi di mercato svolgono ancora un ruolo nel finanziamento delle politiche, a differenza degli approcci tradizionali in materia di sovvenzioni. I teorici del Beijing Research Center scrivono:

Afferrare la relazione tra finanziamento delle politiche e operazioni orientate al mercato. Le istituzioni finanziarie politiche sono ancora essenzialmente istituzioni finanziarie legali con rischi operativi, piuttosto che dipartimenti governativi, e devono anche aderire ai principi del mantenimento del capitale e della realizzazione di piccoli profitti nel processo di allocazione delle risorse. Pertanto, le istituzioni finanziarie politiche non dovrebbero utilizzare il modello della “trasfusione di sangue”. . . nel processo di aiuto alle imprese. . . ma dovrebbero “creare il proprio sangue” per formare un meccanismo finanziario a lungo termine per sostenere la prosperità comune. 27

La metafora medica qui, secondo Grünberg, è un avvertimento contro il supporto vitale delle casse pubbliche (“trasfusioni di sangue”). Al contrario, il documento invita gli istituti di finanza pubblica a sfruttare i mercati finanziari per generare il proprio capitale, o “creare il proprio sangue”, nel linguaggio del documento.

L’anaconda nel candeliere

I fondi di orientamento del governo non finanziano solo le SOE, ma forniscono anche capitale statale alle aziende del settore privato, cosa che non è stata una pratica standard nella strategia industriale cinese. 28  Questo finanziamento allinea maggiormente le imprese private con le priorità economiche e strategiche dello Stato.

L’investimento del fondo guida in un’impresa privata offusca la distinzione tra il settore statale e il settore privato. L’autonomia delle imprese private è diminuita e il controllo statale aumenta, e con esso può derivare un maggiore monitoraggio da parte del governo autoritario, sia per verificare la presenza di segnali di instabilità finanziaria che per il rispetto delle direttive politiche. 29  In effetti, il binario privato/stato potrebbe non avere più senso come modo per descrivere le operazioni di questi fondi e le società in cui investono.

I fondi di orientamento sono solo un tipo di meccanismo per imporre un maggiore controllo statale sulle imprese private. Altri includono l’investimento diretto in azioni quotate in borsa attraverso “società di gestione di capitali di proprietà statale” e la crescente influenza delle cellule di partito all’interno di società private.

Il PCC di solito non deve disciplinare esplicitamente il settore privato; la sola minaccia è spesso sufficiente. Nella memorabile metafora dello studioso cinese Perry Link, il governo cinese e la sua capacità di esercitare il controllo assomigliano a “un’anaconda gigante arrotolata in un lampadario in alto. Normalmente il grande serpente non si muove. Non è necessario. Non sente il bisogno di essere chiaro sui suoi divieti. Il suo costante messaggio silenzioso è “Decidi tu stesso”, dopo di che, il più delle volte, tutti nella sua ombra fanno degli aggiustamenti”. 30

Dove sta andando tutto questo? I fondi di orientamento saranno utilizzati principalmente per scopi politici, per tenere a freno il settore privato al fine di sottoporlo a un maggiore controllo e direzione statale? I fondi di orientamento si tradurranno solo in risorse allocate in modo errato?

O riusciranno nel loro scopo dichiarato? Porteranno la disciplina del mercato nella strategia di sviluppo della Cina, consentendo al paese non solo di mettersi al passo, ma di superare l’Occidente nella tecnologia avanzata? Anche se ci sono molti sprechi, la Cina sta investendo enormi risorse in questa ambizione. E attraverso l’innovazione finanziaria unica dei fondi di orientamento, che forniscono sia capitale iniziale che capitale paziente, è certamente possibile che la prossima rivoluzione tecnologica abbia luogo non negli Stati Uniti ma in Cina.

Nessuno conosce le risposte a queste domande; per fare eco alla valutazione di Zhou Enlai sulla Rivoluzione francese, è troppo presto per dirlo. 31  E parte della risposta dipenderà da come risponderà l’Occidente.

Carenze dell’approccio occidentale

I migliori risultati si ottengono presso le aziende che richiedono risorse minime per condurre attività ad alto margine e offrire beni o servizi che amplieranno il volume delle vendite con solo minori esigenze di capitale aggiuntivo.

—Warren Buffett, Lettera del 2020 agli azionisti di Berkshire Hathaway 32

La principale risposta occidentale ai fondi di orientamento cinesi è guardare al loro impatto attraverso una lente di politica commerciale: qual è la vera portata dei sussidi coinvolti e del danno per l’industria occidentale o del beneficio per i consumatori? Le raccomandazioni politiche standard includono costringere la Cina a rispettare i suoi impegni in seno all’OMC, migliorare le regole commerciali dell’OMC relative al finanziamento al di sotto del mercato o creare del tutto un’alternativa all’OMC. La prima risposta presuppone che la Cina possa essere cambiata, e le altre che gli attori occidentali vogliano che l’OMC cambi, il che non è necessariamente vero, dato che Wall Street e le multinazionali hanno beneficiato degli accordi attuali. La profonda ostilità ideologica alle tariffe e l’incrollabile impegno per il libero scambio da parte degli economisti occidentali tradizionali ostacola ulteriormente i cambiamenti materiali nella politica commerciale.

Una risposta meno comune è guardare i fondi di orientamento da un  obiettivo di politica industriale: quali  lezioni traggono e quali delle loro caratteristiche potrebbero essere applicate al di fuori della Cina? Dopotutto, i fondi di orientamento sono strumenti finanziari sostenuti dallo stato, non strumenti commerciali. Mostrano l’entità delle risorse, comprese le risorse del governo, che saranno necessarie agli Stati Uniti per competere con successo con la Cina nei settori della tecnologia avanzata. È improbabile che le tariffe funzionino se gli Stati Uniti non hanno ancora un’industria nazionale da proteggere o piani per crearne una. I fondi di orientamento sottolineano la necessità di nuove e migliori soluzioni di finanziamento e di nuove istituzioni negli Stati Uniti.

Il sistema VC statunitense è “impaziente”, privilegiando settori come il software con alti canoni di proprietà intellettuale e scalabilità a basso costo, e il mercato azionario favorisce anche le società a basso capitale. Nessuno dei due metodi di finanziamento è adatto a fornire le risorse richieste dalla tecnologia avanzata o dalle industrie manifatturiere ad alto capitale, una delle ragioni per cui queste industrie sono diminuite drasticamente negli Stati Uniti negli ultimi decenni. Né il sistema di prestito bancario esistente è all’altezza del compito. Produce le proprie allocazioni errate a causa della sua dipendenza da  garanzie, che  spesso non esistono per i settori emergenti. 33 Le frontiere dell’innovazione finanziaria statunitense, come la fintech e l’elaborazione dei pagamenti, non finanziano nemmeno l’industria pesante o i progressi tecnologici nell’hardware, nonostante le narrazioni futuristiche e trionfalistiche che queste industrie utilizzano nel loro marketing.

La strategia americana sembra essere quella di finanziare le università o il National Institutes of Health e poi sperare per il meglio. Gli americani non si fanno scrupoli riguardo ai finanziamenti governativi per la ricerca di base, ma c’è una maggiore opposizione ideologica al sostegno statale per una particolare industria o tecnologia e alla politica industriale in generale. Ad esempio, la costruzione navale commerciale, un’industria ad alta intensità di capitale, è un gioco internazionale di sovvenzioni competitive. 34 Sotto l’amministrazione Reagan, gli Stati Uniti cessarono di sovvenzionare questa industria. Di conseguenza, sebbene un tempo l’America fosse leader di mercato, ora rappresenta solo lo 0,35% della costruzione globale di navi commerciali. È fuori gioco. Questo è un problema perché gli Stati Uniti costruiscono ancora navi militari ma non possono beneficiare della fertilizzazione incrociata con la costruzione navale commerciale.

Gli Stati Uniti offrono prestiti, sovvenzioni e altri sussidi alle imprese, ma tali politiche tendono ad essere sparse e irregolari. Sono spesso molto piccoli. Ad esempio, c’è stata una proposta legislativa per fornire capitale paziente attraverso il programma Small Business Investment Company (SBIC). 35  Il totale: $ 10 miliardi  di dollari: un  gesto. Ma questa e altre recenti proposte legislative suggeriscono che i responsabili politici stanno finalmente diventando più aperti alla politica industriale. Un’altra proposta creerebbe una Industrial Finance Corporation per investire nella produzione. 36  Ci sono discussioni altrettanto promettenti sull’utilizzo della US Export-Import Bank per i prestiti interni per il settore manifatturiero. 37 Il Senato e la Camera degli Stati Uniti hanno ora approvato atti che fornirebbero sovvenzioni all’industria dei semiconduttori statunitense. 38

Le sfide che deve affrontare l’industria dei semiconduttori statunitense dimostrano come funziona nella pratica la sovvenzione competitiva e dove gli Stati Uniti non sono all’altezza. Costruire una nuova fabbrica negli Stati Uniti costa molto di più che in Cina. Ma dal 40 al 70 per cento del differenziale di costo è spiegato dai sussidi cinesi, secondo l’analisi citata dalla Casa Bianca. 39  La stessa analisi ha rilevato che gli Stati Uniti erano effettivamente competitivi nella tassazione, ma non nel fornire sovvenzioni o denaro diretto per la costruzione di nuove fabbriche.

Contrariamente alla Cina, dove ci sono quasi troppi soldi da spendere per costruire fabbriche di semiconduttori, negli Stati Uniti ce n’è troppo poco, osserva Jimmy Goodrich, vicepresidente della politica globale presso la Semiconductor Industry Association (SIA). “Ci mancano incentivi finanziari competitivi per incoraggiare la produzione onshore. Nell’era moderna non c’è mai stata una fabbrica costruita da nessuna parte a livello globale senza il supporto del governo”.

Goodrich aggiunge: “quando guardi oltre gli Stati Uniti, ogni altro attore chiave viene sovvenzionato”. Sottolinea che senza sussidi, gli Stati Uniti diventeranno sempre meno competitivi nella produzione di semiconduttori, più vulnerabili nella loro catena di approvvigionamento e vedranno un declino della loro base industriale.

La legge sui chip (e la successiva legislazione) potrebbe ricostruire la produzione nazionale di semiconduttori. Ci sono, tuttavia, molte altre industrie tecnologiche avanzate oltre ai semiconduttori che richiederanno il sostegno finanziario del governo per avere successo. Dato che queste industrie sono nascenti o potrebbero anche non esistere, non hanno alcun potere legislativo per costruire questo supporto, a differenza dell’industria dei semiconduttori.

In generale, l’approccio statunitense alle sovvenzioni è ancora allo stadio di “trasfusione di sangue”  – mantenendo in vita  il paziente  – per  usare la metafora del documento di teoria cinese. Oppure, come nel caso dell’industria cantieristica, la preferenza degli Stati Uniti è stata quella di far morire il paziente. Il paese ha bisogno di un approccio più nuovo e più ampio ai sussidi che integri il capitale privato e la disciplina di mercato. Per continuare con la metafora cinese, una tale strategia consentirebbe alle industrie che richiedono sussidi di “creare il proprio sangue”.

L’inadeguatezza del finanziamento delle sovvenzioni

La macchina del credito è progettata in modo da servire al miglioramento dell’apparato produttivo ea punire ogni altro uso. Tuttavia, questo giro di parole non deve essere interpretato nel senso che quel design non può essere modificato. Certo, può. . . la macchina esistente può essere fatta funzionare in uno qualsiasi dei tanti modi diversi”.

—Joseph Schumpeter 40

Per affrontare le carenze di cui sopra, gli Stati Uniti hanno bisogno di strutture di investimento e istituzioni finanziarie aggiornate o nuove. Una soluzione potrebbe essere un adattamento o un’estensione dell’attuale sistema VC/PE, incentivato a finanziare hardware e produzione avanzata, vale a dire un sistema di fondi di orientamento americano. Questi fondi sarebbero strutturati come partenariati pubblico-privato tra il governo e intermediari simili a VC.

L’identificazione dei settori prioritari per il finanziamento, nonché di chi ha il potere di prendere questa decisione di finanziamento delle politiche, può sembrare una questione controversa e politicamente irrisolvibile. Ma c’è una via pragmatica da seguire. Alcune agenzie federali finanziano già la ricerca di base e, nel caso del Dipartimento del Commercio, hanno la missione di “creare le condizioni per la crescita economica e le opportunità”. Sono consapevoli di specifici fallimenti del mercato quando si tratta di aumentare o commercializzare nuove tecnologie. Tali agenzie sono naturali “verticali” lungo le quali organizzare gli obiettivi di finanziamento delle politiche. Anche i governi statali interessati allo sviluppo regionale sono disposti a perseguire una “doppia linea di fondo” (di ritorno degli investimenti e crescita locale).

In questo modello proposto, le agenzie o i governi statali fisserebbero gli obiettivi politici per i fondi. Avrebbero ridotto il rischio di investire fornendo capitale iniziale, prestiti al di sotto del tasso di interesse di mercato e garanzie. Ciò incoraggerebbe gli investitori a partecipare, che fornirebbero la maggior parte del capitale. Potrebbero essere richiesti anche vantaggi fiscali. La gestione effettiva del fondo sarebbe nelle mani di un intermediario in grado di selezionare varie opportunità di investimento e fornire disciplina di investimento. Il coinvolgimento del mercato e il movente del profitto sono fondamentali: questi forniscono la disciplina definitiva contro il fondo che favorisce le società nepotistiche e politicamente collegate. Il fallimento è davvero un’opzione.

La logica per stabilire un tale meccanismo di finanziamento è che i mercati dei capitali da soli non sono disposti a fornire il capitale necessario per aumentare le tecnologie hardware, mentre il governo da solo non può farlo in modo plausibile. Un fondo di orientamento americano adeguatamente strutturato amplificherebbe qualsiasi investimento iniziale del governo con la partecipazione del settore privato fornendo allo stesso tempo disciplina di mercato, consentendo al mercato di scegliere i vincitori.

Questo schizzo preliminare mostra alcune delle caratteristiche di un’entità del tipo di fondo di orientamento statunitense: governo che fornisce capitale di de-risking e seed, un intermediario che gestisce cose e concorrenza di mercato. Anche un probabile acquirente per la tecnologia in cui il fondo sta investendo sarebbe utile, con il governo che ricoprirà nuovamente questo ruolo. I vari  input (prestiti,  sgravi fiscali, impegni di mercato avanzati da parte del  governo) devono  essere titolati per assicurarsi che il fondo raggiunga i suoi obiettivi e che tutti i partecipanti condividano sia i rischi che i rendimenti. Le legioni americane di ingegneri finanziari sono lì per far sì che ciò accada.

Eppure ci sono problemi e incertezze più profondi che circondano la progettazione ottimale di nuove strutture di finanziamento che vanno oltre la semplice ingegneria finanziaria. Questi si trovano nel regno della politica.

Diversi tipi di sussidi hanno impatti diversi sull’economia reale. Questa è un’area di ricerca arcana ma importante. I sussidi sono disponibili in molte forme e dimensioni e non sono perfetti sostituti l’uno dell’altro. L’OCSE ha condotto una ricerca preliminare in questo settore, che dovrebbe informare le attuali proposte politiche per il finanziamento della produzione, nonché la progettazione di politiche future. Ad esempio, è possibile che le sovvenzioni, come utilizzate nella legge sui chip, potrebbero non essere ottimali se l’obiettivo è costruire la produzione nazionale, sebbene potrebbero essere ideali per finanziare la ricerca e lo sviluppo. Invece, i “prestiti al di sotto del mercato” (prestiti statali offerti a tassi agevolati o con garanzie) sono più strettamente legati agli investimenti in capacità manifatturiere. (Azioni al di sotto del mercato come si trova nei fondi di orientamento  : azionile infusioni con rendimenti  attesi inferiori al mercato   non sono state analizzate.)

In particolare, secondo l’OCSE (che rileva scrupolosamente che la correlazione non è causale), i contributi pubblici non sono associati a investimenti netti in immobilizzazioni materiali, a differenza dei prestiti al di sotto del mercato:

In generale, i contributi pubblici non sembrano essere correlati agli investimenti come i prestiti al di sotto del mercato, indipendentemente dalla specificazione utilizzata. Nella maggior parte dei casi, la correlazione tra sovvenzioni e investimenti è piccola e statisticamente non diversa da zero. Ciò supporta la presunzione che i prestiti al di sotto del mercato influiscano sugli investimenti in modo più diretto rispetto ad altre forme di sostegno che non prendono di mira il costo del capitale delle società. Un minor costo del capitale dovrebbe a sua volta incitare le imprese a investire più di quanto farebbero altrimenti, a parità di condizioni. 41

Questi risultati devono essere replicati e incorporati in qualsiasi nuova struttura proposta per il fondo di orientamento americano. Questo nuovo approccio deve anche essere paragonato a modelli come Ex-Im Bank, Finance Corporation, Chip Act o Infrastructure Law che finanzieranno progetti relativi alle batterie. Quale modello comporta la maggiore concorrenza di mercato? Qual è il più aperto ai non incumbent che non sono addetti ai lavori di Washington? Quale modello richiede meno risorse governative e fornisce la maggiore  leva finanziaria, ovvero  offre il maggior rapporto qualità-prezzo?

Il governo cinese, che ha avuto anni di esperienza con gli approcci tradizionali alle sovvenzioni, è passato a questo modello più conforme al mercato per un motivo. I politici americani dovranno trovare le proprie risposte. Ma è molto probabile che un tale modello segnerà un miglioramento rispetto al modello basato sulle sovvenzioni sempre più favorito negli Stati Uniti, che premia le aziende che sono brave a scrivere sovvenzioni piuttosto che quelle con una tecnologia migliore.

Caso di studio: tecnologia del vaccino mRNA

L’operazione Warp Speed ​​(OWS) ha avuto successo nella produzione e distribuzione di enormi volumi di un efficace vaccino contro il Covid in una tempistica notevolmente accelerata. Ma la storia più lunga della tecnologia fondamentale dell’mRNA rivela anche i fallimenti del modello statunitense per il finanziamento dello sviluppo, dell’ampliamento e della produzione di tecnologie rivoluzionarie. La tecnologia dell’mRNA sottostante, infatti, precede da tempo Warp  Speed, uno motivo per cui è stato possibile produrre vaccini così rapidamente nel 2020. E nonostante i notevoli sforzi del governo per promuovere la tecnologia, nel settore privato l’attività languiva prima che OWS ne consentisse il rapido ampliamento e implementazione. La saga più complicata della tecnologia mRNA invita quindi a prendere in considerazione una storia alternativa, in cui i fondi di orientamento potrebbero essere stati utilizzati per supportare la proliferazione dei vaccini mRNA molto  prima, e  senza richiedere l’eroismo  di Warp  Speed.

La possibilità teorica dei vaccini mRNA è stata scoperta già nel 1950. Nel 2005, gli scienziati dell’Università della Pennsylvania hanno scoperto un modo per alterare l’mRNA per aumentarne il potenziale terapeutico. Le loro scoperte nella ricerca e il lavoro parallelo sull’utilizzo delle nanoparticelle lipidiche come meccanismo di rilascio, hanno creato le basi per l’odierna tecnologia del vaccino mRNA.

Il governo federale è stato coinvolto direttamente negli anni successivi, quando darpa (la Defense Advanced Research Projects Agency) ha iniziato a finanziare il lavoro sul vaccino mRNA nel 2010. Nel 2013, darpa ha assegnato una sovvenzione di 25 milioni di dollari a Moderna, allora una nuova start-up biotecnologica, che alla fine svilupperebbe un vaccino Covid di successo e otterrebbe un enorme successo commerciale.

Eppure prima di Covid e OWS, la tecnologia del vaccino mRNA non è riuscita a guadagnare terreno nel settore farmaceutico, nonostante le sovvenzioni governative e nonostante il successo nella raccolta di finanziamenti VC del settore privato. Come ha spiegato il dottor Dan Wattendorf, che ha fondato un programma all’interno di darpa per perseguire gli sforzi dell’mRNA e in seguito è diventato direttore della Gates Foundation, ” I primi investimenti di Darpa hanno ridotto il rischio del problema tecnico. Ma non hanno risolto il fondamentale spostamento di capitale di cui avevamo bisogno”. 42

Sebbene l’mRNA apparisse tecnologicamente promettente, le aziende farmaceutiche tradizionali non erano interessate a fare i grandi investimenti necessari per sviluppare e ottenere l’approvazione normativa per un nuovo  processo di produzione: uno ciò interromperebbe solo le loro attività di vaccini legacy. E mentre le start-up e i loro sostenitori di VC potrebbero essere desiderosi di sviluppare nuove tecnologie, non sono adatte a costruire reti di produzione e distribuzione ad alta intensità di capitale. I vaccini in generale non sono un sottosettore particolarmente interessante del settore farmaceutico commerciale. L’industria dei vaccini negli Stati Uniti è altamente concentrata, con una manciata di produttori, e la prevenzione delle malattie infettive generalmente non è un buon modello di business: i vaccini non richiedono l’uso quotidiano. Per tutti questi motivi, l’adozione diffusa di vaccini mRNA per combattere il Covid ha richiesto gli interventi dell’Operazione Warp Speed.

Ma cosa accadrebbe se, invece delle sole sovvenzioni, il governo degli Stati Uniti avesse sostenuto la tecnologia mRNA attraverso la formazione di un “fondo guida” mRNA negli anni 2010? Un tale fondo, utilizzando capitali sia del settore pubblico che privato, avrebbe sicuramente potuto investire in start-up di mRNA come Moderna e BioNtech. In effetti, potrebbe aver seminato un ecosistema molto più ampio di tali aziende. Ancora più importante, in questo caso, un fondo di orientamento potrebbe aver effettuato investimenti in funzioni critiche adiacenti allo  sviluppo farmaceutico di mRNA, ma  che non offrono il potenziale di rendimento simile a un “unicorno” delle  start-up di IP biotecnologiche, come produttori a contratto in grado di produrre in serie vaccini mRNA o i sistemi logistici speciali di cui hanno bisogno (ad esempio, celle frigorifere). Un ecosistema ampliato di questo tipo avrebbe potuto avere più successo nel fare pressione sugli incumbent farmaceutici del settore privato affinché abbracciassero la nuova  tecnologia o  affrontare la concorrenza su vasta scala. Potrebbe anche aver creato un collegio elettorale a Washington per incoraggiare le agenzie governative al di fuori della  darpa, non ultime le agenzie di  regolamentazione  , a  interessarsi maggiormente alle tecnologie promettenti prima che colpisse una crisi.

Questa storia alternativa è interamente speculativa, ovviamente. Eppure è chiaro a questo punto che i contributi pubblici da soli sono insufficienti. Possono essere fondamentali per lo sviluppo di nuove tecnologie, ma spesso non sono sufficienti per motivare il settore privato a sviluppare nuove industrie attorno a tecnologie rivoluzionarie, all’effettiva commercializzazione necessaria per realizzare i vantaggi economici, di sicurezza nazionale e di altro tipo di queste tecnologie.

Oggi, attraverso una varietà di  tecnologie promettenti – dalle  batterie, alla lavorazione dei minerali, alla robotica, ai  farmaci generici – il  dibattito politico è spesso inquadrato come una scelta tra sovvenzioni o altre forme di puro sussidio o nessun tipo di supporto. È assolutamente necessario un nuovo strumento politico in grado di sfruttare il settore privato per fornire “finanziamenti al di sotto del mercato”.

Sostegno finanziario del governo all’industria:
una tradizione americana

Alcuni americani vedono il sostegno finanziario del governo per far crescere i settori industriali prioritari come antiamericani, una violazione dello spirito pionieristico o dei principi del libero mercato. C’è anche il recente fiasco di Solyndra da considerare. (Solyndra, il produttore di pannelli solari a film sottile che ha ricevuto garanzie sui prestiti federali, è fallito. È stato minato da concorrenti cinesi ancora più pesantemente sovvenzionati che stavano producendo una tecnologia molto meno avanzata. Forse la lezione qui è la necessità di politiche di protezione del settore nascente ad accompagnare eventuali garanzie di prestito.) 43 Meno comunemente discusso del fallimento di Solyndra è il successo di Tesla utilizzando prestiti governativi: nel 2010, Tesla ha ricevuto allo stesso modo un prestito di 456 milioni di dollari emesso dal DOE. Il prestito, che ha aiutato Tesla in un momento critico, ha permesso all’azienda di costruire un impianto di produzione in California. Il prestito è stato rimborsato anticipatamente.

Questi due esempi recenti potrebbero sembrare valori anomali dalla tradizione americana. In effetti, tuttavia, contratti governativi, prestiti, garanzie e altri sussidi hanno costruito gran parte dell’industria americana. Prendete le ferrovie: lo storico Richard White, nel suo libro  Railroaded , scrive: “Le ferrovie transcontinentali sono emerse in mercati modellati da grandi sussidi pubblici e particolari privilegi legali”. 44  Le linee transcontinentali sono state costruite in anticipo rispetto alla domanda del mercato e il governo ha essenzialmente creato nuovi mercati. Gli stati degli Stati Uniti avevano precedentemente sovvenzionato la costruzione di canali. Con le ferrovie transcontinentali, i sussidi ora provenivano dal governo federale.

I Pacific Railway Acts del 1862 e 1864 fornivano prestiti e donazioni a titolo definitivo alle ferrovie per costruire linee transcontinentali, con livelli di generosità quasi simili ai sussidi cinesi di oggi. Il Congresso ha prestato alle ferrovie 50 milioni di dollari in titoli di stato, con il governo federale che garantisce il capitale e gli interessi. Il Congresso ha anche donato terreni alle ferrovie (mentre il governo federale ha mantenuto una uguale quantità di terreno circostante). Entrambi hanno beneficiato dell’aumento di valore della terra quando è entrata la ferrovia. L’entità delle sovvenzioni fondiarie è sbalorditiva. White osserva che la Union Pacific ha ricevuto sovvenzioni fondiarie equivalenti all’area del New Jersey più il New Hampshire; il Pacifico centrale ha ricevuto l’equivalente del Maryland. Per inciso, lo stesso meccanismo di finanziamento per  lo sviluppo: la  terra  pubblicavendite: è stato  utilizzato nel Land-Grant College Act del 1862 (il Morrill Act). Il MIT è un’istituzione per la concessione di terreni. 45

La costruzione delle ferrovie è stata anche caratterizzata da pratiche aziendali discutibili che oggi difficilmente sembrano estranee: lobbying, monopolizzazione e  “finanziarizzazione” estesi , che qui  significano pagamenti di dividendi non basati sulla performance effettiva effettuata per sostenere i prezzi delle azioni e pagare i proprietari. L’intero settore è stato caratterizzato da “allocazioni errate”, per usare un linguaggio contemporaneo, inclusa una tecnologia notevolmente scarsa. Ma nonostante queste inefficienze, le sovvenzioni sono state efficaci: le ferrovie transcontinentali sono state completate con successo. Il bianco conclude:

Nell’America del Nord occidentale del XIX secolo, le ferrovie e lo stato moderno erano coproduzioni. La litania del lavoro che hanno fatto insieme è impressionante. I governi del Nord America sovvenzionarono generosamente le corporazioni, e le corporazioni assistettero nei grandi progetti statali di portare mezzo continente sotto il dominio dei governi centrali. 46

Il più recente grande  progetto statale, l’Operazione  Warp  Speed, è stato allo stesso modo una coproduzione con l’industria. Anch’esso comportava il finanziamento del governo, sebbene gli interventi di politica industriale di Warp Speed ​​andassero ben oltre la finanza e includessero la costruzione di nuove fabbriche, l’organizzazione di studi clinici, la mappatura delle catene di approvvigionamento, la logistica e la distribuzione di vaccini. Warp Speed ​​ha strutturato le partnership pubblico-privato in un modo molto migliore rispetto alla maggior parte degli sforzi contemporanei, utilizzando un tipo di contratto di condivisione dei costi noto come “altra autorità di transazione”. Warp Speed ​​ha anche offerto “impegni di mercato avanzati”, ovvero contratti di acquisto, a Pfizer se il suo vaccino avesse ricevuto l’autorizzazione della FDA. Ciò ha incentivato la produzione di vaccini eliminando i rischi finanziari.

La mano visibile (e la ricchezza delle nazioni)

L’ascesa della Cina ha comunque rappresentato uno shock per l’economia statunitense, ed è anche uno shock intellettuale. Piuttosto che fare affidamento sulla mano invisibile, la Cina usa una mano molto visibile. E così facendo, il partito-stato non solo ha rimodellato l’economia cinese, ma ha anche rimodellato i mercati americani, un fatto che molti americani, in particolare i fondamentalisti del mercato, hanno difficoltà a digerire. Proclamare la superiorità dei “mercati” non è una risposta adeguata quando le politiche industriali cinesi modellano il mercato.

Per lo meno, l’ascesa della Cina dovrebbe causare un rimescolamento, o un aggiornamento, delle istituzioni e delle politiche americane, per comprendere meglio questo nuovo modello economico e per elaborare una risposta più efficace. Ciò è particolarmente vero a livello federale, dove molte agenzie sono state progettate per combattere la Guerra Fredda, la Seconda Guerra Mondiale o la Grande Depressione, ma non l’impatto economico del modello di sviluppo cinese.

L’ascesa della Cina significa anche un ripensamento delle discipline accademiche. L’economia non è adatta a condurre un simile compito, dato che è intensamente ideologica piuttosto che pragmatica, e la sua metodologia privilegia le astrazioni semplificatrici rispetto alle complessità delle aziende e delle istituzioni reali. C’è anche la sua scarsa esperienza da considerare, come i suoi fallimenti nel prevedere la grande crisi finanziaria, o la guida dei catastrofici consigli di privatizzazione degli economisti di Harvard all’ex Unione Sovietica. 47  È necessario un approccio analitico completamente nuovo e le università potrebbero essere il posto sbagliato per perseguirlo. 48

L’attenzione, inoltre, non dovrebbe essere principalmente sulle lezioni della Cina, ma piuttosto sulle lezioni del passato dell’America e dei primi periodi di dinamismo economico del paese. Durante questi periodi, il governo federale, le società e il settore finanziario si sono allineati per sostenere l’economia reale, a differenza di oggi.

L’attuale repertorio di politica economica americana è estremamente limitato. C’è bisogno di una nuova ampia serie di politiche negli Stati Uniti incentrate sulla guida della finanza verso i settori produttivi. Le politiche di orientamento del credito utilizzano molti  strumenti (i sussidi  sono solo  uno), ma  l’idea generale è di indirizzare le risorse verso settori capaci di produrre innovazione e posti di lavoro ad alto salario. Dopo la liberalizzazione finanziaria negli anni ’80, è avvenuto il contrario. Il credito negli Stati Uniti è fluito sempre più per finanziare i consumi, gli immobili o il settore finanziario stesso piuttosto che per sostenere le imprese non finanziarie. 49 La narrativa convenzionale di ciascuna parte su come far crescere l’economia raramente implica l’utilizzo della finanza guidata per sostenere industrie strategicamente importanti con un alto potenziale salariale. (Alcune eccezioni sono il supporto bipartisan per l’industria dei semiconduttori e il supporto democratico per la tecnologia verde.)

Allo stesso modo, le discussioni sulla politica dell’innovazione, il reshoring e lo sviluppo economico regionale sono in genere incentrate su istruzione, crediti d’imposta, cluster, ricerca e sviluppo, connettività digitale, dati migliori, scorecard, maggiore trasparenza, governance migliorata, infrastrutture, crescita inclusiva, regolamentazione semplificata, coinvolgimento con le parti interessate , abbattere silos, ecc. L’elenco è infinito. Ma meno comunemente discusse (e preventivate) sono le risorse finanziarie necessarie, compreso il sostegno finanziario del governo, alla scala richiesta per far crescere nuovi settori ad alta intensità di capitale. È inoltre necessario più lavoro per comprendere gli effetti distintivi dei diversi tipi di sussidi, ad esempio sovvenzioni rispetto al debito al di sotto del mercato o al finanziamento tramite capitale proprio.

I politici statunitensi sembrano privi di idee: il governatore dello Stato di New York, Kathy Hochul, ha in programma di portare nuovi posti di lavoro a New York City e di aumentare le entrate aprendo più casinò. Questo ha il “potenziale di generare migliaia di nuovi posti di lavoro nel sindacato”, secondo un dirigente del casinò. Nel frattempo, Shanghai ha recentemente pubblicato il suo piano per guidare lo sviluppo dell’industria spaziale. L’attuazione includerà “la costruzione di costellazioni satellitari. Le capacità di produzione digitale e intelligente, i razzi riutilizzabili, le piattaforme di ricerca e sviluppo di veicoli spaziali, il software satellitare intelligente, i terminali di terra, le applicazioni e la produzione di satelliti commerciali e le linee di assemblaggio di razzi sono altre priorità”. 50

Le  istituzioni americane – il suo  governo, le università, i media e il  sistema finanziario – sembrano  bloccate su strumenti politici riscaldati dagli anni ’80 e ’90. Ciò che può essere ancora più dannoso della perdita di industrie e tecnologie strategiche è questo fallimento dell’immaginazione.

Questo articolo è apparso originariamente in American Affairs Volume VI, Numero 2 (estate 2022): 17–40.

Appunti

1 Commissione di revisione economica e sicurezza USA-Cina,  rapporto 2021 al Congresso  (Washington, DC: US ​​Government Publishing Office, 2021).2 Elisabeth B. Reynolds, Hiram M. Samel e Joyce Lawrence, “Learning by Building: Complementary Assets and the Migration of Capabilities in US Innovative Firms”, in  Production in the Innovation Economy , ed. Richard M. Locke e Rachel L. Wellhausen (Cambridge: MIT Press, 2014), 81–108.

3 Barry Naughton,  The Rise of China’s Industrial Policy, 1978–2020  (Città del Messico: Universidad Nacional Autónoma de México, 2021), 117.

4 Naughton,  La politica industriale cinese , 100.

5 Per una storia dettagliata dei fondi di orientamento, vedere Meg Rithmire e Yihao Li, ” Lattice Semiconductor and the Future of Chinese High-Tech Acquisitions in the United States “, Caso 719-059 della Harvard Business School (giugno 2019).

6 Consiglio di Stato della Repubblica popolare cinese, ” Linee guida per la promozione dello sviluppo dell’industria dei circuiti integrati nazionali ” (2014), 4.

7 Margaret Pearson, Meg Rithmire e Kellee S. Tsai, “Party-State Capitalism in China,”  Current History  120, n. 827 (settembre 2021), 207–13.

8 Per maggiori dettagli, vedere François Chimits, “Chasing the Ghost of Transatlantic Cooperation to Level the Playing Field with China: Time for Action”,  Merics  China Monitor , 19 ottobre 2021.

9 Cfr. Anton Malkin,  “China’s Experience in Building a Venture Capital Sector: Four Lessons for Policy Makers”,  CIGI Papers  248 (gennaio 2021), 12.

10 Ngor Luong, Zachary Arnold e Ben Murphy,  Capire i fondi di orientamento del governo cinese: un’analisi delle fonti in lingua cinese , Brief sul problema del Center for Security and Emerging Technology, marzo 2021, 9.

11 Luong, Arnold e Murphy,  Chinese Government Guidance Funds , 10, citando Wang Xiaohui, [Il saldo di 40 miliardi di RMB dei fondi di venture capital spesi solo per oltre un miliardo, ‘Sleeping’ Government Guidance Funds],  Huaxia shíbao , 15 gennaio 2016 .

12 Meg Rithmire,  “The Resurgent Role of the State in China’s Economy:  Experimentation, Domestic Politics, and US Policy”  (documento di lavoro, Progetto Penn sul futuro delle relazioni USA-Cina, primavera 2021), 25.

13 Zero2IPO contava 1.741 fondi di orientamento del governo a tutti i livelli di governo nel primo trimestre del 2020. Vedi ” Zhengfu yindao jijin dongtai ” [Trend dei fondi di orientamento del governo], Zero2IPO Research, 10 aprile 2020.

14 Naughton,  La politica industriale cinese , 81.

15 Cfr. Carl Minzner,  End of an Era: How China’s Authoritarian Revival Is Undermining its Rise  (New York: Oxford University Press, 2018).

16 Per ulteriori dettagli su questi mutevoli modelli di finanziamento, vedere Chimits, “Chasing the Ghost”.

17 Sul perché questa forma di sussidio è difficile da quantificare, vedi Chimits, “Chasing the Ghost”.

18 Casa Bianca,  costruzione di catene di approvvigionamento resilienti, rivitalizzazione della produzione americana e promozione di una crescita su vasta scala, revisione di 100 giorni ai sensi dell’ordine esecutivo 14017, giugno 2021, 61.

19 Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economici,  misurazione delle distorsioni nei mercati internazionali: la catena del valore dei semiconduttori , OECD Trade Policy Papers 234, 12 dicembre 2019 (Parigi: OECD Publishing, 2019).

20 Naughton,  La politica industriale cinese , 119–20.

21 Lance Noble, “Paying For Industrial Policy”, Gavekal Dragonomics, 4 dicembre 2018.

22 Citato in Robert D. Atkinson, “ Comments on the European Commission’s White Paper on Foreign Subsidies ,” Information Technology and Innovation Foundation, 2 settembre 2020.

23 Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico,  Misurare le Distorsioni nei Mercati Internazionali: Under-Market Finance , OECD Trade Policy Papers 247, 12 maggio 2021 (Parigi: OECD Publishing, Parigi).

24 Douglas B. Fuller,  Paper Tigers, Hidden Dragons: Firms and the Political Economy of China’s Technological Development  (Oxford: Oxford University Press, 2016).

25 ” Scommettere su aziende tecnologiche come NIO e BOE ripaga i funzionari comunisti nella città orientale cinese di Hefei “,  South China Morning Post , 7 febbraio 2022.

26 Qiu Zhaoxiang e Liu Yongyuan,  “Fahui zhengce xing jinrong zai zhichi gongtong fuyu zhong de zuoyong”  [Dai pieno gioco al ruolo della finanza politica nel sostenere la prosperità comune],  Guangming ribao , 6 gennaio 2022.

27 Qiu e Liu, “Fahui zhengce xing”, traduzione di Google e Nis Grünberg.

28 Barry Naughton,  “Grand Steerage”,  intervistato da Jude Blanchette,  Pekingology: On Chinese Politics , Center for Strategic & International Studies, 11 febbraio 2021.

29 Testimonianza di Meg Rithmire ,  US Investment in China’s Capital Markets and Military-Industrial Complex , US-Cina Economic and Security Review Commission, 19 marzo 2021.

30 Perry Link,  “China: The Anaconda in the Chandelier”,  New York Review of Books , 11 aprile 2002.

31 Il riferimento nella dichiarazione di Zhou è controverso. Nel racconto standard, Zhou disse a Kissinger nel 1972 “era troppo presto per dire” se la Rivoluzione francese avesse avuto successo o meno. Il lavoro revisionista sostiene che Zhou stesse parlando delle rivolte studentesche di Parigi del 1968, non della Rivoluzione francese.

32 Warren E. Buffett,  2020 Berkshire Hathaway Lettera agli azionisti , 27 febbraio 2021, 13.

33 Joseph E. Stiglitz e Andrew Weiss, “Credit Rationing in Markets with Imperfect Information”,  American Economic Review  71, n. (giugno 1981), 393–410.

34 Michael Lind,  “Chi ha paura della politica industriale?” ,  Salon , 13 gennaio 2012.

35 Claudia Tenney,  Community Opportunity: A Vision for Renewal , dicembre 2021.

36 Industrial Finance Corporation Act del 2021, S. 2662, 117° Congresso (2021),  sintesi .

37 Casa Bianca, ” Il piano Biden-Harris per rivitalizzare la produzione americana e proteggere le catene di approvvigionamento critiche nel 2022 “, comunicato stampa, 24 febbraio 2022.

38 Per una panoramica più ampia degli sforzi di politica industriale negli Stati Uniti, si veda William B. Bonvillian,  Emerging Industrial Policy Approaches in the United States , Information Technology and Innovation Foundation, 4 ottobre 2021.

39 Casa Bianca,  filiere resilienti , 68.

40 Joseph A. Schumpeter,  Cicli economici: un’analisi teorica, storica e statistica del processo capitalista , vol. 1 (New York: McGraw-Hill, 1939), 153, citato in Dirk Bezemer et al.,  “Credit Where It’s Due: A Historical, Theoretical, and Empirical Review of Credit Guidance Policies in the 20th Century,”  Institute for Innovation and Public Purpose Working Papers Series 2018-11, University College London, 2.

41 Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economici,  misurazione delle distorsioni nei mercati internazionali: finanziamento al di sotto del mercato , documenti di politica commerciale dell’OCSE 247 (Parigi: OECD Publishing, 2021).

42 David Adler, ” Inside Operation Warp Speed: A New Model for Industrial Policy “,  Affari americani  5, n. 2 (estate 2021): 3–32.

43 Ci sono molte altre controversie che circondano Solyndra, comprese le pressioni politiche e l’incapacità del DOE di monitorare adeguatamente il prestito. Congresso degli Stati Uniti, House, Majority Staff Report, Committee on Energy and Commerce,  The Solyndra Failure , 112° Congresso, 2° sess., 2 agosto 2012.

44 Richard White,  Railroaded: The Transcontinentals and the Making of Modern America  (New York: Norton, 2011), xxvi. Vedi anche William G. Thomas,  The Iron Way: Railroads, the Civil War, and the Making of Modern America  (New Haven: Yale University Press, 2013).

45 Sono grato a William Bonvillian per aver evidenziato questo parallelo storico nell’uso delle concessioni fondiarie.

46 Bianco,  Ferrovia , 511.

47 Ci sono alcune eccezioni al modello generale di fallimento predittivo. Ad esempio, la Banca dei regolamenti internazionali ha avvertito di un’imminente crisi finanziaria e Lawrence Summers ha avvertito dell’inflazione. Ma questi erano valori anomali per il consenso.

48 Il politologo bulgaro Ivan Krastev ha ritenuto che il cambiamento sarebbe arrivato all’interno delle business school: “Un mio amico lavora in una delle più grandi business school. Gli ho detto: tutto quello che stai insegnando è inutile. Tanto inutile quanto lo era insegnare studi di socialismo nel 1990. Il mondo della globalizzazione e del libero scambio, in cui l’economia era interessata solo ai profitti e non alla politica, sarà finito”. Vedi Ivan Krastev, intervistato da Lothar Gorris,  “Putin Lives in Historic Analogies and Metaphors”,  Der Spiegel , 17 marzo 2022.

49 Bezemer et al., “Credito dove è dovuto”.

50 Andrew Jones,  “Shanghai firma un accordo con il gruppo cinese Megaconstellation, mira a promuovere l’hub spaziale commerciale”,  SpaceNews , 17 febbraio 2022.

 

Stati Uniti! Il moloch della comunicazione e le sue crepe_Con Gianfranco Campa

Nel precedente video con Gianfranco Campa abbiamo accennato al tentativo di acquisizione di Twitter da parte di Elon Musk, il detentore di Tesla e Space X. In questa puntata proseguiamo, senza soluzione, con l’argomento. Il 2016 è stato l’anno dell’elezione inattesa di Donald Trump a Presidente. Ha coinciso con l’apoteosi dell’utilizzo delle reti digitali (facebook, twitter, google, instagram, tik tok, ect) in ogni campo della comunicazione, da quello strettamente privato, a quello economico, culturale e, finalmente, politico. Una apoteosi il cui apice ha segnato nel contempo il momento di declino crescente degli spazi di libertà offerti da quei canali e l’introduzione di sistemi certosini di controllo, censura e manipolazione sempre più stringenti. Non che in precedenza mancassero; soltanto erano meno sistematici e riservati maggiormente all’ambito economico. Quella campagna elettorale è stata un punto di svolta; è stato il primo esempio vincente dell’uso sistematico e simbiotico con un radicamento territoriale tradizionale e con la realizzazione di un programma politico dirompente delle piattaforme digitali. Sono stati i canali attraverso i quali individuare, raggiungere ed influenzare segmenti di interessi ed opinione circoscritti ed individuati con inusitata precisione e fondamentali, sulla base della legge elettorale, all’esito positivo della candidatura. Indicare quel momento e lo spazio americano come il punto e il luogo di svolta non è quindi un cedimento al complottismo, al politicismo e alla sensazione di onnipotenza dell’azione statunitense. E’ semplicemente la constatazione che l’esito di quella battaglia ha messo a nudo e in crisi i meccanismi di manipolazione, di relazione e di esercizio dei centri decisori di potere; centri decisori di potere in grado di determinare la vita interna di quel paese e di influenzare e/o decidere gli eventi e le dinamiche nel resto del mondo; in un paese dove sono localizzati, guarda caso, gli snodi dove affluiscono ed hanno la possibilità quantomeno teorica di essere rilevati e manipolati i dati che ormai muovono le azioni fondamentali del genere umano nei diversi ambiti, compreso quello più invasivo detto “politico”. Da allora il controllo e la manipolazione sistematica dei dati, il loro filtraggio, la creazione apposita da parte delle varie istanze di strutture e gruppi incaricati di questa gestione e manipolazione ha raggiunto livelli sempre più strutturati e invasivi sino a realizzare le peggiori profezie orwelliane. Una politica che comporta comunque dei costi altissimi in termini di coesione sociale e di regolazione dei conflitti in quanto tende a circoscrivere le diversità di opinioni e di interessi in nicchie e in sfere autoreferenziali sempre meno comunicanti tra di loro. Con ciò assecondando quei processi di frammentazione e di conflittualità distruttiva sociale e politica parallele perfettamente complementari alle varie forme di controllo totalitario presenti nelle diverse formazioni sociali, comprese quelle occidentali. L’acquisto di Twitter, per altro non ancora definitivo, non ostante quanto sostenuto dalla “ben informata” stampa italiana, da parte di Elon Musk, con tutto il corollario dei suoi annunci sulla liberazione dello spazio alle diverse opinioni, comprese quelle politiche, e soprattutto della possibilità ventilata di rivelazione dei codici alfanumerici che provvedono alla valutazione, manipolazione e distorsione dei dati, ha scatenato l’allarme isterico dei detentori della verità e dei principi democratici e prosaico dei detentori degli enormi interessi economici legati al sistema comunicativo, alla pubblicità e alla gestione dei sistemi produttivi. Si è alzato un fuoco di sbarramento sia negli Stati Uniti che nella Unione Europea, la paladina che è riuscita a combinare acrobaticamente l’apologia moralistica della democrazia, con il lobbismo istituzionalizzato e la pedissequa fedeltà e subordinazione all’atlantismo. Un muro difficilmente valicabile e sgretolatile se non a prezzo di compromessi deleteri in mancanza di altre condizioni. Uno scontro difficilmente sostenibile da un impero economico già direttamente ed apertamente minacciato nelle sue attività cruciali, senza un equivalente movimento politico adeguatamente attrezzato. Del capitalismo e delle imprese capitalistiche conosciamo il carattere dirompente in alcune fasi, ma anche la loro sorprendente capacità di adattamento alle varie situazioni e alle varie contingenze politiche e socioeconomiche. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v135f79-usa-e-il-moloch-della-comunicazione-con-gianfranco-campa.html

 

Chi ha ucciso il cervo? Della guerra tra moneta e merci_di Alessandro Visalli

Chi ha ucciso il cervo? Della guerra tra moneta e merci.

 

Il vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa, il filoccidentale ma fedelissimo di Putin ex Presidente ed ex Primo ministro fino al 2020 Dmitrij Anatol’evič Medvedev[1], ha dichiarato sulla stampa russa che le sanzioni (congelamento delle riserve, misure sui capitali privati all’estero, esclusione dallo Swift) violano la sacralità della proprietà privata e lo stato di diritto, apparentemente cari all’occidente, e dunque manifestano una ‘guerra senza regole’ che ‘distruggerà tutto l’ordine economico mondiale’. Ne abbiamo già parlato[2].

Ma queste misure colpiscono principalmente la credibilità stessa di chi le promuove, stracciando leggi e regolamenti, con ciò mostrando la natura del potere, e determinano l’arrivo di un nuovo “Ordine finanziario mondiale” nel quale chi non è credibile non avrà più voce in capitolo. Chi farebbe patti con un baro? La risposta russa a questa mossa è stata di capovolgere il principio di base denaro-per-merci. L’idea è di connettere merci di base, petrolio, gas naturale, materie prime minerarie e oro, al rublo.

La guerra valutaria lanciata contro la Russia, fondata sull’inibizione della liquidità in modo che sia inibita sia la funzione di riserva di valore, sia quella di mezzo di scambio della moneta internazionale detenuta dal sistema economico russo, viene tradotta da questa mossa (alla quale lavora la Banca centrale Russa e la diplomazia economica altamente attiva verso i paesi ‘non allineati’, che crescono ogni giorno) in guerra di merci e monete. Ovvero in un confronto a tutto campo tra ‘merci’ cruciali e monete sovrane ad esse ancorate.

 

Se l’Occidente ha la sua valuta finanziaria, il ‘non-occidente’ (che si genera per negazione direttamente dalla logica della ‘crociata’ politico culturale altamente autolesionista avviata dai neocon americani negli anni Novanta ed ora fatta propria dai democrat al potere[3]) ha le merci di base e la capacità di trasformazione di queste. Da tempo, infatti, le basi industriali di tutte le filiere mondiali non sono più in Occidente.

Allora, chi ha paura di chi? Chi punisce chi? Chi ha ucciso il cervo? Si chiede Zhang Weiwei (docente di economia al Fudan e presidente del China Research Institute) su Guancha[4].

 

Di fatto, appena Putin ha lanciato questa controbomba (nucleare) il rublo è tornato al livello pre-sanzioni ed il Primo ministro polacco ha dichiarato “fallite” le sanzioni occidentali.

 

Ma la rivoluzione contro l’Ordine valutario americano[5], lanciata in questo modo, deve vedere necessariamente la partecipazione della Cina stessa, che è ormai la più grande economia mondiale (a parità di potere di acquisto, ovvero in termini di beni reali), il più grande commerciante di beni e il più grande mercato di consumo e investimento. E’ del tutto chiaro che avendo perso tutti questi primati gli Stati Uniti sono in una posizione di fragilità che la ‘bomba’ russa colpisce al cuore.

 

Questa considerazione mostra con precisione la posta della guerra e anche la ragione della disperata determinazione americana (e dei suoi clienti e subalterni).

 

E la cosa non potrebbe essere più seria. Il mondo è esattamente ad un punto di svolta sistemico.

Come Xi Jimping, con la sua “Iniziativa di Sicurezza Globale[6], propone un Nuovo ordine Diplomatico[7], così la risposta russa scardina l’Ordine finanziario americano, rendendo possibile sia una disconnessione da esso, sia la formazione con il tempo di un diverso allineamento egemonico. Saranno le due cose insieme a determinare, se la guerra[8] non interrompe il processo e la nostra vita, l’era post-americana.

 

La bomba nucleare finanziaria americana, lanciata contro la Russia (e prima contro altri, ma meno sistemici, come il Venezuela e l’Iran), ha, infatti, mostrato al mondo intero che, come riassume Weiwei, “se accetti pienamente l’egemonia finanziaria degli Stati Uniti, allora puoi solo giocare nelle sue regole del gioco, ti offre una sorta di comodità, ma allo stesso tempo può anche ricattarti o addirittura derubarti”.

Questa consapevolezza, davanti al mondo intero (Europa inclusa) apre la possibilità reale che ora i “rubli gas naturale”, i “rubli cibo”, i “rubli oro” e via dicendo (“rublo palladio”, 40% quota di mercato, “rublo nichel”, “rublo platino”, e via dicendo), ristrutturino in profondità la sorgente del valore della moneta[9]. Essi colpiscono, infatti, in un punto di altissima fragilità e molto noto, ma sino ad ora protetto da altissime dighe per il terrore degli effetti sistemici del loro crollo. Già nel 2009, Massimo Amato e Luca Fantacci, nel loro “Fine della finanza[10], ipotizzavano che la Cina e la Russia avrebbero preso il testimone dell’egemonia monetaria statunitense sulla base di una diversa idea di moneta e di credito. Nell’attuale mondo, la preferenza per la liquidità, e il rinvio del pagamento (ovvero della liberazione del rapporto di dipendenza implicitamente presente in ogni credito e debito), determina un sistema, cresciuto di passo a passo e di rinvio a rinvio, nel quale la tesaurizzazione è esasperata e la rendita del denaro liquido è privilegiata rispetto alla detenzione di ricchezza in forma di merci. Si può capire, le merci non sono il punto di forza dell’egemone americano (non più).

 

Sapendo questo, quel che in effetti hanno fatto gli americani, ma verso uno dei più grandi ed importanti mercati delle materie prime, e senza controllare i più grandi ed importanti mercati delle merci e della loro trasformazione (dio acceca chi vuole perdere) è di tradire il principio cardine dell’Ordine finanziario esistente per il quale la liquidità va sempre protetta. Ovvero il principio per il quale va sempre garantito, costi quel che costi, che sia sempre possibile la convertibilità incondizionata tra moneta e credito (per cui qualsiasi credito sia sempre rilevabile a richiesta in moneta). Questo è quel che rendeva il dollaro la moneta centrale e i suoi titoli la riserva di valore più affidabile per privati e stati. Se il credito è essenzialmente una relazione rischiosa, allora ciò che è stato fatto è di distruggerlo. Ma non si può distruggere una relazione senza esserne colpiti.

Ed il colpo cade in una situazione di enorme fragilità. Infatti la potenza americana, in prima fase fondata sulla maggiore produttività e sull’enorme dotazione di infrastrutture, industrie, capacità in un mercato continentale interconnesso, dalla crisi degli anni sessanta-settanta (nella quale quella supremazia si erode) e dalla rottura del 1971 non vive più del suo commercio e della sua produzione, ma dei suoi debiti. Paradossalmente vive di rendita sui propri debiti, grazie alla circolazione come moneta del debito della sua Banca Centrale, che è accettata in tutto il mondo come moneta di riserva.

 

Già nel 2009 Amato e Fantacci descrivevano per questo motivo la proposta di russi e cinesi (che ora sarà implementata da qualcosa come l’80% del mondo) come la scelta di non puntare a regolare il prezzo dei beni finanziari, garantendoli come abbiamo fatto continuativamente in questi 13 anni con costanti iniezioni di liquidità, ma regolare piuttosto il valore della moneta come mezzo per pagare i debiti e scambiare le merci. Si tratta di porre fine a quel sistema, governato dal centro imperiale come si è visto esattamente in questa crisi, nel quale la moneta finisce per essere l’unica merce che non costa nulla produrre e che dunque è per sua natura illimitata. Non avere una moneta centrale, questione sulla quale da tempo si affaticano in tanti, ed avere piuttosto monete sostenute solo dagli scambi commerciali (se voglio il gas russo compro rubli, se voglio il caffè compro real) e reciprocamente riconosciute ed interconnesse (forse sul modello dell’accordo Russo-Indiano che vede l’acquisto del gas, ed altre materie prime, usando le rupie che la Russia depositerebbe su conti di riserva nel paese) potrà reggere se riuscirà a stabilizzare il mercato finanziario nel tempo. Ovvero se diventerà un “Ordine finanziario”, come quello garantito dal dollaro.

Anche il sistema del dollaro svolge questa funzione in modo rischioso ed incerto, in particolare a causa dell’assenza di una sottostante economia effettivamente dominante, sostenuta da un attivo commerciale che renda logico detenere riserve. La funzione di riserva in qualche modo è ingiustificata. Si regge su se stessa. O meglio, anche questo si vede benissimo in questa crisi, ha il suo limite fuori di sé (si regge sulla indispensabile capacità di minaccia, e quindi di ordine, svolta dalle forze armate americane).

Nella proposta di Fantacci e Amato, tra non pagare i debiti e non prestare più, bisognava trovare un’altra uscita dalla crisi determinata dall’insostenibile illimitatezza di una moneta che non ha una sua specifica ragione. La strada l’aveva indicata Keynes, con il sistema del “bancor[11]; una moneta di conto senza liquidità, capace di garantire credito senza leva[12]. Se si sceglie, in altre parole, di non giocare più all’egemone (nella figura del creditore universale, e/o paradossalmente in quella del debitore universale, ma indispensabile, che assumono gli USA dagli anni sessanta in poi), si apre la possibilità offerta da Keynes di avviare un generale “disarmo finanziario”. Per ottenerlo bisogna però che il credito non sia più una merce indefinitamente trasferibile (insieme fittiziamente e molto concretamente, essendo sostanzialmente potere), ma torni ad essere visto per quel che è: “un rapporto tra un creditore e un debitore conforme, nella struttura giuridica e nella scadenza, allo scopo in vista del quale l’anticipazione è stata concessa; e che la moneta non sia una merce indefinitamente accumulabile, ma un mezzo di scambio e di pagamento all’interno di uno spazio economico e politico definito”[13].

Si tratta perciò e abbastanza semplicemente di guardare ai beni e non alla moneta come fonte della ricchezza. Semplice, ma non fattibile nel quadro di un sistema congegnato per essere gerarchico e garantire il potere di uno su molti (peraltro uno che non ha beni a sufficienza). Una cosa, sia chiaro, che nessuno può stabilire con un decreto.

 

In questo senso, come dice Weiwei, la Russia ha trasformato la guerra valutaria in una “guerra tra valuta e moneta[/beni]”, cosa che apre la strada per l’internazionalizzazione di altre valute, fuori del ricatto dell’immane tesaurizzazione del dollaro. Valute come il renmibi, la rupia, il rublo ovviamente, il real, la lira turca, il riyal arabo o iraniano, la sterlina egiziana[14]. La possibilità nasce dalla dimensione delle economie (a parità di potere di acquisto pari a quelle occidentali[15]), dalla abbondanza schiacciante delle risorse naturali (tra Russia e Cina sono in pratica completamente indipendenti, anche considerando l’influenza sul continente africano, nel quale ne vedremo presto delle bruttissime), dalla catena industriale non solo più grande quanto, e soprattutto più completa del mondo. La Cina, come dice l’economista cinese è, infatti, l’unico paese al mondo “in grado di produrre quasi tutto dalla prima rivoluzione industriale alla quarta rivoluzione industriale”.

 

C’è in pratica un solo ‘bene’ nel quale la superiorità Occidentale è ancora netta: le armi. Di qui l’assoluta necessità di spezzare la resistenza russa, prima che la Cina diventi troppo forte anche su questo terreno.

 

Di fronte al probabile ed imminente collasso del sistema degli ultimi quaranta anni, fondato come è sull’egemonia diplomatica e militare nel sistema gerarchico di sicurezza e sulla liquidità ancorata al dollaro, la proposta dello studioso cinese è quindi di “pensare a tutto [ed] agire con decisione quando è il momento”.

 

Si avvicina.

 

 

 

[1] – Eletto Presidente nel 2008, considerato più ‘liberale’ di Putin promosse un programma di modernizzazione ad ampio raggio e di riduzione della dipendenza dai prodotti energetici. Tra i suoi successi il trattato New Start e la vittoria in Ossezia del sud, ma anche la fine di una recessione molto pericolosa. Nel 2012 gli succede Putin e viene nominato Primo ministro (si è trattato di una staffetta a parti invertite, Putin era il suo Primo ministro). Nelle riforme del 2020 si è dimesso (in modo concordato) ed è stato nominato Vicepresidente del Consiglio di sicurezza. Laureato in giurisprudenza con un dottorato e docente all’Università di San Pietroburgo (città di cui Putin era vicesindaco).

[2] – Si veda, “Circa il rapporto della Banca di Russia alla Duma: disconnessioni e fine del sistema-mondo occidentale”, Tempofertile, 22 aprile 2022.

[3] – Si veda, “Circa David Brooks, ‘La globalizzazione è finita’. Ovvero, ancora del ‘fardello dell’uomo bianco’”, Tempofertile, 9 aprile 2022. E anche “Politica estera basata sui valori o sull’autodeterminazione. Note sulla svolta di Biden”, tempofertile, 5 aprile 2022.

[4] – Zhang Weiwei, “Russia vs Stati Uniti: la guerra del denaro e della valuta”, Guancha, 25 aprile 2022

[5] – Vedi nota 8. Si nomina in questo modo la capacità della moneta americana, fino al 1971 nel suo ancoraggio nominale all’oro e in base al Trattato di Bretton Woods e dopo senza di esso, di essere quella riserva di valore ed unità di conto che rende stabile il sistema finanziario mondiale.

[6] – Discorso di Xi Jimping al Forum di Boao,

[7] – Ne abbiamo parlato in “Dal Grande Gioco triangolare alla polarizzazione. Circa la posizione diplomatica e strategica cinese; Qin Gang e Yongnian Zheng”, Tempofertile 19 aprile 2022.

[8] – Si veda “Guerra”, Tempofertile 18 aprile 2022.

[9] – La metafora, usata dall’economista cinese, è ovviamente una immagine e solo questa. Non ci saranno “rubli gas”, distinti dai “rubli cibo”, ma semplicemente “rubli” con i quali devi comprare gas e cibo. La mossa è semplicissima, ma gli effetti sistemici sono difficili da valutare e dipendono interamente dalla reazione che il mondo avrà ad essa. Se il rublo conserverà il suo valore, o lo accrescerà, e soprattutto se sarà stabile, allora vorrà dire che i sottostanti beni stabilizzano il mercato, rendendo possibili le funzioni chiave della moneta (riserva di valore, unità di conto, mezzo di scambio). Negli ultimi due secoli questa funzione di unità di conto, riserva di valore e quindi di mezzo di scambio universale l’aveva avuta una moneta centrale (prima nel suo ancoraggio all’oro, in realtà mai completo, e poi senza). Essa aveva creato un “Ordine monetario”, non era stata solo una moneta tra le altre. Se le merci, in appropriati mercati e con sottostanti accordi bilaterali di swatch e di formazione e riconoscimento reciproco di ‘riserve’ riuscirà a svolgere la medesima funzione saremo in un nuovo “Ordine”, nel quale non ci sarà un egemone centrale.

[10] – Massimo Amato, Luca Fantacci, “Fine della finanza”, Donzelli 2009.

[11] – Cfr. “John Maynard Keynes, ‘Moneta internazionale’, il progetto di Bretton Woods”, Tempofertile, 10 dicembre 2016

[12] – Amato, Fantacci, op. cit. p. 279

[13] – Amato, Fantacci, op. cit. p.283.

[14] – A parità di potere di acquisto le monete indicate corrispondono ad un Pil che è rispettivamente il primo, terzo, sesto, ottavo, tredicesimo, diciassettesimo, diciottesimo e diciannovesimo. Mentre la Cina è prima, l’India terza, la Russia è sesta, vicinissima alla Germania, complessivamente cubano 58 mila miliardi di dollari a PPA, su 141 mila del mondo complessivo e 68 mila miliardi del blocco Occidentale (calcolato come per quelli tra i primi venti).

[15] – Con l’ulteriore glossa che il Pil occidentale (anche a parità di potere di acquisto) è ‘drogato’ dalla presenza di un fatturato per intermediazione finanziaria e servizi evoluti che va dal 40% ca nel caso statunitense (e britannico) al 20% ca in quello tedesco. Depurandolo i rapporti di forza fondati su una economia non più finanziarizzata in questa misura cambierebbero drasticamente.

https://tempofertile.blogspot.com/2022/04/chi-ha-ucciso-il-cervo-della-guerra-tra.html?fbclid=IwAR2En6hVFKcUIqY473A_s2WflA4EpAAYcqwBe3aD2Ln6qI6fm7MeTauMYnQ

Una vera politica estera per la classe media, di Heidi Crebo-Rediker e Douglas Rediker

Questo lungo articolo di “Foreign Affairs” è molto importante e significativo. Chiarisce alcuni fondamentali fattori chiave che legano le dinamiche di politica interna e di geopolitica; tra la necessità di garantire la dinamicità e la coesione della formazione sociale statunitense e le scelte di politica estera, in particolare la selezione degli antagonisti principali e le dinamiche di relazioni conflittuali/cooperative da orientare con essi. Gli autori si soffermano in particolare a trattare la relazione con gli antagonisti, di fatto la Cina e la Russia, per meglio dire i loro centri decisori egemoni, senza soffermarsi particolarmente sulle implicazioni dirompenti di queste scelte nel campo della vasta area di alleati della quale l’attuale amministrazione statunitense ancora riesce a tessere efficacemente la trama. Parla semplicemente di un rimodellamento.  Si tratta in realtà di una ridefinizione dei rapporti, in particolare con i paesi europei, che presenta numerosi aspetti sconvolgenti gli assetti socio-economici; aspetti molti dei quali addirittura distruttivi e regressivi della condizione socio-economica europea e delle gerarchie di subordinazione politica. Una chiave interpretativa ulteriore per comprendere la dimensione, la natura e la portata della postura europea rispetto al conflitto ucraino, alla prospettiva di destabilizzazione endemica del subcontinente europeo e alle conseguenze e dinamiche innescate nei paesi europei alleati dalla pesante e progressiva politica di sanzioni ed embarghi. Sta arrivando il momento di pagare il conto particolarmente salato a carico dei paesi europei di una politica sciacallesca, di ispirazione anglosassone, iniziata con la marchiatura nei rapporti con i paesi europei del dissolto blocco sovietico a fine anni ’80, proseguita con la guerra alla Serbia e alla ex-Jugoslavia a fine anni ’90 e con il suo culmine nel conflitto attuale in Ucraina e nei conflitti prossimi venturi che già si annunciano. Quello che alcune élites europee, soprattutto tedesche, hanno pensato di ricavare dalla loro subordinazione alle trame statunitensi, dovranno restituirlo a tassi di usura. Altre élites europee, in particolare le italiane, ne hanno ricavato nel frattempo ben poco, hanno compromesso pesantemente la coesione e la postura geopolitica del paese, dovranno in buona parte probabilmente pagare anche di persona i servigi resi. Gli autori addebitano a Trump le peggiori intenzioni verso gli europei: “Sotto Trump, gli Stati Uniti hanno voltato le spalle ai suoi alleati e partner”. In realtà sono gli europei a non aver voluto approfittare degli spazi apertisi durante la sua presidenza. Sono stati, assieme alle gerarchie della NATO, in realtà i principali strumenti della restaurazione in corso negli Stati Uniti. Comprenderanno quanto prima il significato reale della “differenza degli sforzi determinati dell’amministrazione Biden per ricostruire la fiducia e le relazioni bilaterali”; l’effettiva utilità della loro infamia e della pochezza miserabile delle loro scelte. Il peso maggiore dovranno sopportarlo come sempre la gran parte delle popolazioni europee.

Quanto all’espressione di ottimismo manifestato dagli autori circa il ripristino della leadership mondiale statunitense e di quella dell’amministrazione attuale sul proprio paese mi pare decisamente prematura. Ancora una volta si identifica l’egemonia sull’Europa ed in parte su alcuni stati asiatici con quella mondiale. Quanto ai problemi di gestione e coesione interna più che avviarsi a soluzione, sembrano aggravarsi ulteriormente. Potrebbero, al contrario, rivelarsi il fattore scatenante decisivo di una possibile crisi definitiva di questa classe dirigente. Staremo a vedere, purtroppo da spettatori, almeno qui in Europa.

Buona lettura, Giuseppe Germinario

Come aiutare i lavoratori americani e il progetto US Power

Nel febbraio 2021, due settimane dopo il suo insediamento, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha tenuto un discorso in cui ha delineato la sua visione di politica estera. Nel corso di 20 minuti, il nuovo presidente ha dettagliato molti degli interessi all’estero di Washington, inclusa la promozione della democrazia e la collaborazione con gli alleati degli Stati Uniti per competere contro la Cina. Ha identificato una serie di sfide internazionali, inclusi attacchi informatici, proliferazione nucleare e flussi di rifugiati. Ma quando è arrivato il momento di parlare di economia internazionale, Biden ha evitato di guardare all’estero e ha invece concentrato la sua attenzione a casa. “Non c’è più una linea netta tra la politica estera e quella interna”, ha detto. “Ogni azione che intraprendiamo nella nostra condotta all’estero, dobbiamo prenderla pensando alle famiglie lavoratrici americane”. Washington, ha detto, deve promuovere “una politica estera per la classe media”.

L’ultima frase – “una politica estera per la classe media” – è diventata la lente attraverso la quale l’amministrazione Biden ha perseguito la sua agenda economica internazionale. Nel complesso, significa trovare un equilibrio tra la promozione degli interessi delle famiglie lavoratrici statunitensi e il perseguimento dell’agenda più strategica e spesso realpolitik che guida gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, in particolare affrontando le sfide poste dalla crescente concorrenza con la Cina. Implica la creazione di un approccio di politica industriale più pro-sindacale per investire nel rinnovamento economico interno e nella competitività degli Stati Uniti in modo che Washington possa continuare a proiettare il potere degli Stati Uniti. Richiede il rafforzamento delle vulnerabilità della sicurezza nazionale nelle catene di approvvigionamento in modo da avvantaggiare i lavoratori. E implica lavorare con alleati e paesi che la pensano allo stesso modo, rafforzando gli Stati Uniti

Dopo oltre un anno in carica, i risultati di Biden nel trovare un giusto equilibrio tra una politica estera incentrata sui lavoratori e una che coinvolge la realpolitik sono contrastanti. Riuscì a trovare quell’equilibrio con il suo programma di resilienza della catena di approvvigionamento, compresi gli sforzi per “rilocalizzare” e “riservare la produzione” in modo da far avanzare le priorità della classe media e riportare a casa posti di lavoro nel settore manifatturiero. Ha approvato una storica legge bipartisan per infrastrutture e investimenti da 1,2 trilioni di dollari, un ingente acconto sul rinnovamento economico e sulla competitività con politiche rafforzate di “Compra americano”. Ha anche dato nuova vita con successo alle relazioni degli Stati Uniti con gli alleati nelle regioni dell’Atlantico e del Pacifico.

Ma nell’affrontare altre minacce economiche e strategiche poste dalla Cina, compresi i suoi massicci sussidi alle società nazionali, il furto della proprietà intellettuale statunitense e la sua abitudine di costringere le società statunitensi a consegnare la loro tecnologia, l’amministrazione Biden non è riuscita. È indietro nella sua battaglia con Pechino per il commercio, la tecnologia e l’architettura economica dell’Asia. L’abbandono da parte dell’amministrazione delle istituzioni finanziarie internazionali ha consentito alla Cina di acquisire sempre più influenza su altri paesi, minando la leadership statunitense e danneggiando gli interessi economici e finanziari strategici degli Stati Uniti in tutto il mondo.

Biden, in particolare, ha lottato per creare un’agenda commerciale coerente. Sebbene il presidente sia riuscito contemporaneamente ad aiutare i lavoratori e a impegnarsi nuovamente nel commercio, nella tecnologia e nella sicurezza economica con gli alleati europei, nell’Indo-Pacifico, l’approccio squilibrato e sequenziale dell’amministrazione ha rinviato iniziative multilaterali, commerciali e di investimento cruciali a scapito di un periodo più lungo. termine sicurezza strategica statunitense. Durante la campagna, Biden ha sostenuto che l’ uso delle tariffe da parte di Trumpe la sua politica commerciale con la Cina non ha permesso agli agricoltori e ai lavoratori statunitensi di ottenere la parità di condizioni che meritavano. Una volta che Biden ha vinto, ha promesso di intraprendere una revisione completa delle politiche economiche di Washington nei confronti della Cina e quindi di lanciare una nuova strategia globale per la regione. Ma l’amministrazione non ha mai terminato la revisione e non ha mai creato un nuovo approccio. Il tanto diffamato accordo commerciale di Fase Uno dell’amministrazione Trump, il suo tentativo di correggere il comportamento economico cinese in cambio di tariffe più basse, rimane in vigore, sorprendentemente inalterato. I principali abusi economici cinesi restano incontrastati.

La posta in gioco è ora più alta, poiché il commercio, il commercio e gli investimenti indo-pacifici crescono e si evolvono. La Cina ha avanzato il partenariato economico globale regionale, entrato in vigore all’inizio di quest’anno, e ha persino chiesto formalmente di aderire all’accordo globale e progressivo per il partenariato transpacifico (CPTPP), il successore di un accordo commerciale negoziato dagli Stati Uniti nel 2015 prima ritirarsi sotto Trump. La Cina è probabilmente sulla buona strada per stabilire gli standard digitali che domineranno l’Asia per decenni. Ciò significa che i lavoratori statunitensi potrebbero scoprire che l’enorme mercato di esportazione del continente è incompatibile con i prodotti che stanno producendo, isolando i loro datori di lavoro da miliardi di potenziali consumatori e rendendo invece quel mercato prigioniero della macchina di esportazione cinese. Ironia della sorte, l’amministrazione Biden è riluttante a tagliare gli accordi commerciali con la regione perché è preoccupata che ciò possa minare la sua capacità di ottenere il sostegno dei lavoratori domestici. Ma rimanendo in disparte, gli Stati Uniti stanno sia limitando le opportunità dei propri lavoratori che perdendo l’opportunità di guidare il futuro economico dell’Indo-Pacifico.

Negli ultimi mesi, è diventato più complicato per gli Stati Uniti allineare adeguatamente le priorità economiche nazionali e internazionali in Asia. L’invasione russa dell’Ucraina alla fine di febbraio ha costretto l’amministrazione Biden a rielaborare le sue priorità nazionali e internazionali letteralmente dall’oggi al domani. L’enfasi sul persuadere gli alleati a contrastare le ambizioni economiche della Cina e la crescente influenza sulle regole e pratiche commerciali è stata sostituita dalla necessità di una massiccia applicazione collettiva di un duro potere coercitivo economico contro la Russia, attuata attraverso sanzioni senza precedenti e controlli sulle esportazioni. Prima dell’invasione, la politica economica degli Stati Uniti era focalizzata sul rafforzamento della resilienza della catena di approvvigionamento a lungo termine per garantire agli Stati Uniti un accesso affidabile a materie prime, prodotti manifatturieri e prodotti farmaceutici critici, che sono sproporzionatamente prodotti in Cina. Dopo l’invasione, Washington è passata ad affrontare le carenze immediate di materie prime e le vulnerabilità energetiche di Russia e Ucraina, inclusi non solo petrolio e gas, ma anche grano, nichel, palladio e altri materiali critici necessari per i semiconduttori e l’elettronica. Anche l’amministrazione è audaceGli sforzi per il clima , progettati per aiutare il mondo ad allontanarsi dai combustibili fossili, sono stati sottoposti a un duro controllo della realtà. L’amministrazione ha dovuto affrontare il rischio di demonizzare i produttori nazionali di gas naturale e le compagnie petrolifere, costringendo Washington a fare un rapido dietrofront diplomatico in Medio Oriente e Venezuela per riprendere il pompaggio del petrolio.

La sfida posta dalla Cina non è diminuita e l’invasione non ha ridotto la necessità di garantire che l’agenda di politica economica internazionale di Biden rimanga focalizzata su sfide strategiche sia immediate che a lungo termine. In effetti, la risposta della Cina all’aggressione russa offre un’opportunità alla squadra di Biden. Gran parte del mondo è diffidente nei confronti dell’incapacità della Cina di condannare e del suo possibile sostegno all’invasione russa dell’Ucraina. La Casa Bianca può capitalizzare su questo per cercare di limitare le ambizioni globali della Cina, la sua crescente influenza e le sue minacce alla classe media statunitense. Il compito dell’amministrazione ora è sfruttare le attuali turbolenze per ricostruire un sistema economico globale che conserverà la leadership statunitense e aiuterà i lavoratori americani: una vera politica estera per la classe media.

A CASA NEL MONDO

L’agenda economica internazionale di Biden è stata progettata per collegare indissolubilmente i suoi piani economici interni e la sicurezza economica nazionale del paese. Biden ha promesso di investire in catene di approvvigionamento nazionali, infrastrutture, innovazione, ricerca e sviluppo e produzione, nonché di ricostruire le alleanze statunitensi per promuovere congiuntamente interessi di sicurezza economica comuni.

Nel tentativo di isolare l’economia statunitense dalle minacce internazionali, il presidente ha iniziato il suo mandato conducendo una revisione strategica della resilienza della catena di approvvigionamento statunitense, progettata per identificare dove gli Stati Uniti erano meno autosufficienti. Entro giugno 2021, l’amministrazione aveva catalogato le principali vulnerabilità del paese, principalmente in semiconduttori, prodotti farmaceutici, batterie e minerali e materiali chiave con implicazioni per la difesa e la resilienza commerciale degli Stati Uniti. Ha ampliato la revisione per includere sei settori industriali con vulnerabilità, quindi ha elaborato strategie per rafforzarli.

La Casa Bianca ha proseguito con la creazione di un piano d’azione pluriennale, utilizzando investimenti pubblici e privati, per riportare la produzione di determinati prodotti critici negli Stati Uniti. Il governo federale ha rielaborato le sue procedure di appalto per investire nella produzione di nuove batterie e per accumulare minerali e metalli critici. Ha anche implementato nuove disposizioni “Compra americano”, che hanno colmato le scappatoie legali e hanno convinto il governo federale a utilizzare più beni nazionali nei propri appalti. Tutto ciò era in sintonia con l’agenda incentrata sui lavoratori di Biden.

L’amministrazione Trump aveva anche cercato di ristabilire la produzione interna. Ma gli sforzi di Trump consistevano principalmente in dazi casuali e controproducenti su amici e concorrenti allo stesso modo. Questo alienò gli alleati e fece ben poco per affrontare il deficit commerciale che secondo lui era alla radice dei problemi economici degli Stati Uniti. Biden, al contrario, ha collaborato con alleati sia in Europa che nell’Indo-Pacifico per costruire la resilienza della catena di approvvigionamento. Ha riconosciuto che gli stessi paesi di entrambe le regioni rischiavano di essere vittime delle politiche commerciali aggressive e armate della Cina. Pechino, ad esempio, aveva emesso restrizioni commerciali vendicative sull’Australia dopo che Canberra aveva chiesto un’indagine indipendente sulle origini del COVID-19.

La diplomazia della catena di approvvigionamento di Biden è stata incorporata nell’istituzione del Consiglio per il commercio e la tecnologia USA-UE nel giugno 2021; il consiglio sta affrontando la vulnerabilità condivisa degli Stati Uniti e dell’Europa in aree come i minerali critici, i semiconduttori e la produzione di batterie. Quella diplomazia è stata mostrata anche nell’ottobre 2021, quando, a margine della riunione del G-20 a Roma, l’amministrazione ha ospitato un vertice sulla resilienza della catena di approvvigionamento globale con i leader di altri 14 paesi e dell’UE, tra cui Canada, Repubblica Democratica del Congo (che è la principale fonte mondiale di cobalto, un metallo chiave per la transizione verso l’energia verde), India, Giappone e Corea del Sud.

Durante il suo primo anno, Biden ha anche realizzato una delle sue più ambiziose promesse elettorali: investire 1 trilione di dollari nelle infrastrutture a lungo trascurate del paese. La sua massiccia legge bipartisan sugli investimenti e l’occupazione nelle infrastrutture migliorerà i sistemi di trasporto degli Stati Uniti, rafforzerà la loro connettività digitale, aumenterà la sicurezza informatica del paese e creerà una rete energetica più verde e più resiliente. Questi cambiamenti possono sembrare in gran parte di natura interna, ma hanno implicazioni per la politica estera. Una migliore sicurezza informatica, ad esempio, proteggerà gli Stati Uniti dall’hacking da parte di Cina, Russia e attori non statali. Il miglioramento delle infrastrutture rafforzerà la capacità dell’economia statunitense di competere con una Cina in ascesa. E il pacchetto infrastrutturale creerà più posti di lavoro migliori per gli americani, specialmente nelle parti sottorappresentate del paese.

La politica di sicurezza economica interna di Biden non è ancora conclusa. Per contrastare la Cina e stimolare l’innovazione, la produzione e la ricerca e sviluppo degli Stati Uniti, il Congresso dovrà presto finalizzare e approvare un disegno di legge bipartisan sull’innovazione e la competitività. Questa legislazione significherebbe un sostanziale investimento federale nell’informatica quantistica, nei semiconduttori, nella robotica e nell’intelligenza artificiale, le industrie che la Cina cerca di dominare. La guerra russo-ucraina, nel frattempo, sottoporrà il mondo a una serie di carenze critiche, compresi i materiali semiconduttori; gli Stati Uniti avranno bisogno di piani per affrontare questo problema.

SEPOLTURA DELL’ASCIA

Sotto Trump, gli Stati Uniti hanno voltato le spalle ai suoi alleati e partner. L’ex presidente ha imposto dazi sulle importazioni di acciaio e alluminio dai paesi dell’UE, sostenendo che tali importazioni erano minacce alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e alla fine del suo mandato, gli amici più intimi degli Stati Uniti nutrivano profonde perplessità sulle intenzioni di Washington. Quella sfiducia rappresentava una minaccia significativa per l’agenda economica di Biden, compresi i suoi piani per competere con la Cina. Nel dicembre 2020, dopo che Biden aveva vinto le elezioni presidenziali ma prima del suo insediamento, l’UE ha annunciato di aver accettato un accordo di investimento proposto con la Cina chiamato Accordo globale sugli investimenti, nonostante le obiezioni del team di Biden. (Sebbene da allora l’UE abbia rinviato a tempo indeterminato la piena approvazione dell’accordo, lo ha fatto a causa di passi falsi della diplomazia cinese,

Per cercare di riparare questo danno, Biden ha lavorato rapidamente per migliorare le relazioni degli Stati Uniti con i suoi alleati e partner. Entro un mese dal mandato di Biden, gli Stati Uniti erano tornati nell’accordo sul clima di Parigi. Successivamente, Washington ha contribuito a guidare un nuovo accordo sulle emissioni di carbonio e altri obiettivi climatici alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021, nota come COP26. Nel tentativo di affrontare le carenze economiche legate al COVID-19, in particolare nei paesi poveri, l’amministrazione ha accettato di sostenere uno stanziamento di 650 miliardi di dollari in diritti speciali di prelievo da parte del Fondo monetario internazionale (FMI). E per uniformare le condizioni di gioco nella tassazione globale, la Casa Bianca ha contribuito a finalizzare un accordo sulla riforma fiscale globale, inclusa un’aliquota minima globale dell’imposta sulle società del 15 per cento,

Per Biden, l’accordo fiscale – che ha riunito oltre 130 paesi che rappresentano oltre il 90 per cento del PIL del pianeta – è un esempio particolarmente chiaro di come la sua “politica estera per la classe media” possa bilanciare con successo obiettivi nazionali e internazionali. L’accordo non solo ha ristabilito l’impegno internazionale degli Stati Uniti e ha protetto le società statunitensi dall’essere tassate ingiustamente in altre giurisdizioni; ha anche avanzato una promessa campagna chiave per garantire che le aziende paghino la loro giusta quota. Sebbene l’accordo richieda ancora l’azione del Congresso degli Stati Uniti e un’analoga approvazione del governo in altri paesi, ha comunque stabilito la buona fede economica multilaterale dell’amministrazione Biden.

Biden interviene al vertice del G-20 a Roma, ottobre 2021
Biden interviene al vertice del G-20 a Roma, ottobre 2021
Kevin Lamarque / Reuters

Gli Stati Uniti hanno anche collaborato con alcuni alleati per coordinare i loro approcci alle principali questioni tecnologiche, economiche e commerciali globali. Il Consiglio per il commercio e la tecnologia USA-UE, ad esempio, è stato quasi interamente progettato per affrontare le sfide poste dal modello economico statale cinese e contrastare le pratiche commerciali sleali che danneggiano i lavoratori americani ed europei. Il consiglio sta aiutando gli Stati Uniti e l’Unione europea a garantire che dispongano di standard tecnologici compatibili e protezione dei dati, attuare controlli sulle esportazioni sulla tecnologia a duplice uso e creare protocolli di screening degli investimenti per proteggere dalla proprietà intellettuale e dal furto tecnologico (che mina la competitività e sicurezza).

Poi, poco dopo che la squadra di Biden ha iniziato il suo secondo anno in carica, ricordando le parole dell’ex primo ministro britannico Harold Macmillan, sono intervenuti i fatti: la Russia ha invaso l’Ucraina. Ma niente illustra meglio il successo del lavoro di Biden con gli alleati statunitensi di quello che è successo prima e subito dopo l’invasione russa. In vista della guerra, il team di Biden ha lavorato con il suo G-7 e altri partner europei per preparare un menu coordinato di crescenti misure economiche coercitive, sia per scoraggiare un’invasione che per preparare una risposta concertata in caso di guerra . Gli Stati Uniti hanno anche intensificato la loro cooperazione in materia di sicurezza energetica nei mesi precedenti l’invasione, poiché la Russia ha utilizzato sempre più le esportazioni di gas come arma coercitiva contro l’Europa. Di conseguenza, subito dopo l’inizio dell’invasione, gli Stati Uniti ei loro alleati sono stati in grado di realizzare un grado di coordinamento internazionale senza precedenti, imponendo rapidamente sanzioni economiche storicamente severe e controlli sulle esportazioni a una grande economia.

CERCASI AIUTO

A differenza degli sforzi determinati dell’amministrazione Biden per ricostruire la fiducia e le relazioni bilaterali, i suoi tentativi di ristabilire la leadership nelle istituzioni finanziarie internazionali, inclusi l’FMI, la Banca mondiale e le banche multilaterali di sviluppo regionali, non hanno avuto successo. Queste istituzioni avrebbero dovuto svolgere un ruolo cruciale nel portare avanti l’agenda internazionale dell’amministrazione, soprattutto data la pressante necessità di contenere le ricadute economiche globali del COVID-19. E in un primo momento, la Casa Bianca ha fatto bene, sostenendo la storica emissione di diritti speciali di prelievo per aiutare i paesi a basso e medio reddito ad affrontare le sfide economiche poste dalla pandemia.

Successivamente, tuttavia, gli sforzi dell’amministrazione si sono arenati. Forse perché la Casa Bianca era sproporzionatamente concentrata sulla sua agenda interna, ha mostrato scarso interesse per la riforma dell’Organizzazione mondiale del commercio, ha rifiutato di nominare un americano alla seconda posizione di leadership presso la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo quando l’anno scorso gli è stata data l’opportunità, e ha sostituito la posizione di vertice detenuta dagli Stati Uniti presso l’FMI – il primo vicedirettore generale – solo dopo che il leader dell’istituzione è stato coinvolto in uno scandalo di brogli di dati legato alla Cina. Fondamentalmente, Biden ha trascurato di dare priorità al riempimento del numero senza precedenti di posti vacanti in posti chiave nei consigli di amministrazione delle istituzioni finanziarie internazionali e nel Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti; le persone in questi incarichi dovrebbero stabilire politiche economiche internazionali vitali. Di conseguenza, Washington ha lottato per promuovere i suoi interessi economici strategici attraverso istituzioni multilaterali chiave. Ha anche trascurato di promuovere una delle principali priorità dei sindacati: promuovere una prospettiva globale incentrata sui lavoratori all’interno delle stesse istituzioni internazionali.

Biden non è stato nemmeno in grado di affrontare l’ampio rifiuto della Cina di fornire una riduzione del debito ai paesi poveri. La Cina è ora il creditore dominante degli stati in via di sviluppo in tutto il mondo e, quando il COVID-19 ha reso più difficile il rimborso del debito, l’FMI e la Banca mondiale hanno proposto un “Quadro comune” del G-20 per la riduzione del debito, cercando di creare un forum in cui La Cina potrebbe lavorare in modo costruttivo a tal fine con il FMI e il Club di Parigi, un gruppo di paesi creditori che cercano soluzioni ai problemi di pagamento affrontati dai paesi debitori. Ma lo sforzo è in gran parte fallito, principalmente perché la Cina ha rifiutato di accettare una significativa remissione del debito o, in molti casi, persino di consentire visibilità sulla natura e sui termini dei suoi prestiti. Gli investimenti della Cina in paesi di tutto il mondo non solo conferiscono a Pechino una maggiore influenza sulla politica e sull’economia di questi paesi debitori; gli conferisce inoltre un maggiore controllo sulla fornitura di materie prime chiave e, sempre più, sullo sviluppo di standard digitali in Africa, Asia e America Latina. Con l’amministrazione Biden principalmente disimpegnata dalla leadership sia del FMI che della Banca mondiale, gli Stati Uniti hanno perso l’opportunità di utilizzare queste istituzioni per respingere l’intransigenza della Cina. Nel frattempo, l’incapacità di Washington di dimostrare un reale interesse per la governance in queste istituzioni ha contribuito ai problemi di governance e morale che attualmente affliggono la loro più ampia efficacia.

Questo non vuol dire che Biden non abbia adottato misure formali e multilaterali per cercare di contrastare la leadership economica cinese. Nel giugno 2021, la sua amministrazione e il G-7 hanno lanciato l’iniziativa Build Back Better World, che utilizzerà il sostegno finanziario dei membri del G-7 per aiutare a finanziare e coordinare progetti infrastrutturali nei paesi in via di sviluppo. Ma sebbene degno di lode, Build Back Better World rimane embionale e sottofinanziato, soprattutto rispetto all’enorme prestito bilaterale cinese, che si stima abbia raggiunto oltre $ 500 miliardi.

DISACCORDO NELL’ACCORDARE

Il team di Biden può contare su alcune vittorie commerciali e di investimento nel suo primo anno, inclusa la risoluzione temporanea di una disputa di 17 anni con l’UE sui sussidi ad Airbus e Boeing. Ha anche raggiunto un accordo con l’UE sulle tariffe dell’acciaio e dell’alluminio che ha affrontato in modo creativo le preoccupazioni sia degli Stati Uniti che dell’Europa sulla sovraccapacità cinese collegando l’accordo alle emissioni di gas serra. Inoltre, Washington ha trovato una soluzione favorevole ai sindacati per le trasgressioni della manipolazione valutaria del Vietnam.

Ma la Casa Bianca ha avuto problemi commerciali. In effetti, nel complesso, il più eclatante fallimento della politica economica internazionale dell’amministrazione Biden è stata la sua incapacità di articolare o promuovere una politica commerciale e di investimento strategica coerente nell’Indo-Pacifico. L’amministrazione Biden non ha ancora concordato un nuovo approccio economico alle sue relazioni con la Cina, mantenendo di fatto l’accordo commerciale di Fase Uno ereditato da Trump. Ha fatto pochi sforzi seri per affrontare le lamentele di fondo di Washington nei confronti della politica economica cinese. Ciò che colpisce di più è come non si sia seriamente coordinato con i paesi indo-pacifici su una strategia economica, in parte perché ha evitato persino di menzionare gli accordi di libero scambio o di investimento. In particolare, ha rifiutato di entrare in qualsiasi discussione sul reimpegno con il CPTPP.

Il rifiuto di parlare di commercio ha messo in luce come il mancato equilibrio tra interessi nazionali e internazionali possa minare gli obiettivi strategici a lungo termine. Durante la corsa alla presidenza, Biden ha promesso per iscritto alla United Steelworkers che non avrebbe “stipulato nuovi accordi commerciali fino a quando non avessimo fatto grandi investimenti qui a casa”, parte della sua più ampia campagna per riconquistare stati oscillanti e elettori della classe operaia . Quella promessa era sia tragica che controproducente; precludendo anche la discussione su qualsiasi nuovo accordo commerciale, Biden ha sprecato la migliore opportunità degli Stati Uniti per rendere l’ordine economico internazionale più amichevole per la classe media americana e per promuovere gli interessi cruciali della politica estera degli Stati Uniti. Essendo l’economia di mercato più attraente al mondo, gli Stati Uniti possono utilizzare i negoziati commerciali per convincere i paesi a cambiare i loro standard, regole e norme, in parte promettendo un maggiore accesso al mercato. Ciò significa che ci sono enormi vantaggi strategici ed economici nel rientrare almeno nel dibattito sull’opportunità o meno degli Stati Uniti di aderire al CPTPP, in modo da presentare un’alternativa al crescente dominio della Cina sul commercio asiatico (il che è negativo sia per i lavoratori statunitensi che per la politica estera degli Stati Uniti ). Eppure l’amministrazione Biden ha effettivamente vietato qualsiasi ipotesi che l’adesione al CPTPP possa, in effetti, essere il passo più significativo che il paese potrebbe compiere per portare avanti la sua politica estera per la classe media, tale da presentare un’alternativa al crescente predominio della Cina sul commercio asiatico (che è negativo sia per i lavoratori statunitensi che per la politica estera statunitense).

Ci sono effetti di spillover. Nel settembre 2021, la Cina ha presentato domanda per aderire al CPTPP. Di conseguenza, molti dei membri esistenti dell’accordo, compresi i paesi dell’America Latina, stanno costruendo migliori relazioni con Pechino, preparandosi alla possibilità che la Cina appartenga al CPTPP, con gli Stati Uniti dall’esterno che guardano dentro. La Casa Bianca lo sa non va bene, e ha cercato tardivamente di elaborare una nuova strategia di impegno economico per l’Asia: l’Indo-Pacific Economic Framework. Ma si concentra su obiettivi in ​​gran parte amorfi che consistono in liste di desideri aspirazionali, per lo più prive di specifiche. Questa iniziativa non sostituisce un accordo di libero scambio né un serio tentativo di riaffermare l’influenza di Washington sul commercio, gli investimenti o il futuro digitale dell’Indo-Pacifico.

LA QUADRATURA DEL CERCHIO

Dopo più di un anno in carica, Biden ha portato avanti molti obiettivi critici di politica economica internazionale allineando l’agenda di politica estera della sua amministrazione con gli interessi dei lavoratori statunitensi, raggiungendo obiettivi strategici di sicurezza nazionale. Ha gettato le basi per creare catene di approvvigionamento più resilienti e trasformare le infrastrutture statunitensi in modi che aiuteranno le comunità svantaggiate e la classe media. Si è unito nuovamente allo sforzo della comunità globale di abbandonare i combustibili fossili. Ha posto riparo alle alleanze statunitensi, schierando il mondo democratico per rispondere collettivamente alla Russia dopo che aveva invaso l’Ucraina.

È probabile che la guerra della Russia contro l’Ucraina e il suo successivo isolamento forniscano ampie opportunità agli Stati Uniti di cooperare ancora di più con i loro alleati, nonché un’opportunità per Washington di ampliare la cerchia di paesi con cui può trovare una causa comune. L’isolamento economico russo rappresenta un cambiamento strutturale economico globale di proporzioni significative, che potrebbe portare a un ulteriore disaccoppiamento economico e politico, e gli Stati Uniti devono essere preparati a proteggere e far avanzare i propri interessi economici in questo nuovo paradigma.

Il ruolo futuro della Cina in questo mondo rimane incerto. La neutralità della Cina, se non la posizione vagamente filo-russa, sulla guerra in Ucraina ha dato a Washington la possibilità di riaffermare la sua leadership globale. Ora deve essere disposta a riconoscere queste opportunità e trovare un modo per affrontare sia gli interessi interni più immediati che quelli strategici a lungo termine che possono pagare dividendi economici per i decenni a venire. Per trarre vantaggio da questo momento, gli Stati Uniti devono essere pronti ad abbracciare una politica economica internazionale più ambiziosa che faccia avanzare gli standard di commercio equo, commercio e investimenti equo e solidale della Cina, soprattutto in risposta alla posizione internazionale sempre più aggressiva della Cina. Ciò significa che una priorità assoluta per l’amministrazione deve includere una rinnovata attenzione all’articolazione di una strategia economica globale per la Cina, compresa una concreta, ambiziosa agenda commerciale e di investimento per l’Indo-Pacifico.

Non sarà facile per l’amministrazione Biden ristabilire la leadership economica degli Stati Uniti. Molti americani della classe media continuano a incolpare la globalizzazione in generale, e il commercio in particolare, per le loro lotte economiche. Per i Democratici non conviene essere visti come il partito delle élite costiere pro-globalizzazione. Biden dovrà quindi lavorare sodo per spiegare che il commercio libero ed equo può promuovere gli interessi della classe media, dei sindacati e dei lavoratori. Dovrebbe mantenere la sua promessa di portare gli interessi sindacali e ambientali al tavolo dei negoziati. Ma interrompere l’impegno commerciale degli Stati Uniti o credere che il paese abbia il tempo di rinviare l’introduzione di un’agenda economica indo-pacifica comporterà la cessione di ulteriore terreno alla Cina, limitando in definitiva i mercati e ponendo maggiori rischi, non meno, per i lavoratori americani.

Biden dovrà anche mantenere le promesse di rinnovare la leadership economica degli Stati Uniti nelle istituzioni finanziarie multilaterali, piuttosto che lasciarle perdere ulteriore credibilità. Queste istituzioni possono amplificare l’influenza degli Stati Uniti e la Casa Bianca dovrebbe fare del loro coinvolgimento una priorità. Ciò significa che non può rinunciare a future opportunità per nominare candidati statunitensi forti e qualificati per posizioni di leadership tradizionalmente detenute dagli Stati Uniti in queste organizzazioni.

Sarà fondamentale lavorare con il FMI e la Banca mondiale. L’insicurezza alimentare, l’inflazione, l’aumento dei tassi di interesse e gli enormi livelli di debito nei paesi a basso reddito minacciano la stabilità finanziaria, specialmente nei mercati in via di sviluppo, e il FMI e la Banca mondiale possono aiutare il mondo a gestire e mitigare i rischi. La Casa Bianca dovrebbe esercitare pressioni sul FMI e sulla Banca Mondiale affinché rispettino le proprie regole sulla sostenibilità del debito. Deve anche essere pronto a chiedere che la Cina fornisca trasparenza e un’adeguata riduzione del debito ai paesi poveri che cadono in difficoltà di debito. Dovrebbe dare la priorità a iniziative, come Build Back Better World, che sfidano la leadership cinese in materia di prestiti e investimenti. Ciò sarà particolarmente importante quando si tratterà di aiutare gli stati nella transizione verso l’energia verde.

Infine, l’amministrazione Biden deve gestire le conseguenze economiche e politiche della guerra in Ucraina. L’invasione ha ribaltato molti dei presupposti alla base della politica estera proposta da Biden per la classe media. Allo stesso tempo, sfida l’ascesa della Cina e, in questo modo, offre a Biden l’opportunità di recuperare il tempo perso, anche superando alcuni degli impedimenti politici, come l’opposizione interna all’adesione al CPTPP, che sono rimasti nel modo di scelte internazionali intelligenti. Questa opportunità potrebbe aiutare Biden, e gli Stati Uniti, a ottenere un vantaggio per tutti: un’agenda di politica economica internazionale che trovi il giusto equilibrio tra gli interessi dei lavoratori in patria e gli interessi strategici del paese all’estero.

https://www.foreignaffairs.com/articles/united-states/2022-04-19/real-foreign-policy-middle-class?utm_medium=newsletters&utm_source=fatoday&utm_campaign=A%20Real%20Foreign%20Policy%20for%20the%20Middle%20Class&utm_content=20220425&utm_term=FA%20Today%20-%20112017

Energia, guerra, pace e finanza_ di Davide Gionco

 

Energia, guerra, pace e finanza
di Davide Gionco
25.03.2022

L’energia come strumento di guerra e di pace

Tv e giornali non cessano di martellarci con le notizie sulla guerra in Ucraina, mentre famiglie ed imprese si trovano a fare i conti con dei costi per l’energia sempre più insostenibili.

Qualcosa di simile era già successo negli anni 1970. Allora la Guerra del Kippur aveva spinto i paesi arabi produttori di petrolio, solidali con Siria ed Egitto in guerra contro Israele, ad aumentare unilateralmente il prezzo di vendita del petrolio, che al tempo era la principale fonte di energia in Europa e soprattutto in Italia, come fonte di ritorsione verso i paesi occidentali che sostenevano Israele. Il risultato fu la forte crisi energetica del 1973-1974, che portò il governo italiano ad assumere provvedimenti finalizzati al risparmio energetico ed alla diversificazione delle fonti energetiche. Fu allora che l’Italia decise di puntare sul gas metano come fonte primaria di energia in sostituzione del petrolio, cosa che divenne realtà una decina di anni dopo (vi ricordate la pubblicità “il metano ti dà una mano”?).
Dopo pochi anni, a partire dal 1979, ci fu una seconda crisi energetica, causata prima dalla rivoluzione iraniana e poi dalla conseguente guerra Iraq-Iran sostenuta dagli americani. La decisione di ridurre la dipendenza dell’Italia dal petrolio fu confermata da questi fatti.

La storia ci insegna che l’esportazione di energia è spesso o causa di guerre o strumento di pressione economica a seguito di guerre. Ma anche che accordi di fornitura stabile di energia sono uno strumento di pace, tramite accordi commerciali e di sviluppo economico fra nazioni, con convenienza reciproca.
Ricordiamo a titolo esemplificativo come l’occupazione del bacino della Ruhr (in Germania) da parte di Francia e Belgio negli anni 1923-1925 fu un modo per condurre una guerra economica contro i tedeschi, i quali si vendicarono di questo durante la seconda guerra mondiale. Nella Ruhr si produceva molto carbone, che al tempo era la principale fonte di energia per la Germania, ma anche per i paesi limitrofi. Con la fine della seconda guerra mondiale la costruzione della pace in Europa partì proprio dalla costituzione della CECA (Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio), tramite la quale il carbone veniva messo a disposizione di tutti i paesi aderenti, così come l’acciaio prodotto grazie all’uso del carbone insieme ai minerali ferrosi.
Nel bene o nel male l’energia è sempre un fattore determinante nelle relazioni di pace o di guerra fra le nazioni.

 

La strategia energetica dell’Italia per ridurre la dipendenza dal petrolio

La decisione di diversificare le forniture energetiche dell’Italia era finalizzata ad evitare di subire in modo eccessivo le continue variazioni del prezzo del petrolio.

Grafico 1


Fonte: https://theconversation.com/

Si può notare quanto il prezzo internazionale del petrolio vari in funzione di eventi geopolitici, ma anche di eventi di tipo finanziario.
Questo tipo di andamento è confermato dall’evoluzione del prezzo del petrolio negli ultimi anni. La finanza trova sempre delle ragioni per speculare sulle variazioni di prezzo del petrolio.

Grafico 2

La linea politica dell’Italia per ridurre la propria dipendenza dal petrolio fu da un lato investire sul risparmio energetico e dall’altro utilizzare una fonte di energia un po’ più costosa, ma dal prezzo molto più stabile: il gas naturale. A tale scopo furono stipulati dei contratti per forniture di grandi quantitativi e per una lunga durata con i governi di nazioni del Nord Africa, come la Libia, Algeria-

Grafico 3

Fonte: https://www.researchgate.net/

Ma soprattutto con il governo russo, anche se “sovietico”.

Grafico 4

Fonte: https://en.wikipedia.org/

La decisione dell’Italia fu certamente oculata, in quanto il prezzo del gas negli anni è risultato essere molto più stabile di quello del petrolio almeno fino al 2020, dopo di che nel 2021 è successo qualche di nuovo che ha fatto impennare anche il prezzo del gas. Ci ritorneremo più avanti.

Grafico 5

Fonte:
https://tradingeconomics.com

Negli ultimi anni la diversificazione è aumentata, aggiungendo una quota abbastanza rilevante di energia da fonti rinnovabili.

Grafico 6


Fonte: Dati: IEA 2019

 

 

La guerra in Ucraina e l’affrancamento dalla forniture russe di gas

Con la sciagurata guerra in Ucraina e l’aumento delle tensioni fra NATO e Russia, il potere politico propone nientemeno che rinunciare tutto di un colpo alle forniture di gas dalla Russia, come sanzione economica nei confronti di Putin colpevole di avere invaso l’Ucraina. Ma si tratta di una proposta realizzabile? A quale prezzo?
Quanto dipende l’Italia dall’energia russa?

Grafico 7


Fonte: https://oilgasnews.it/

Le importazioni di petrolio dalla Russia costituiscono circa l’11% del totale. Se dovessimo fare a meno del petrolio russo, non dovrebbe essere molto difficile sostituirlo con acquisti da altri produttori. Importare petrolio è semplice: si ordina la merce, la caricano su una petroliera e viene consegnato in uno dei nostri porti, dopo di che lo possiamo raffinare ed utilizzare.

Molto diverso, invece, è l’approvvigionamento di gas naturale, di cui l’Italia dipende addirittura per il 38% dalle importazioni russe.

Grafico 8


Fonte: Dati MISE 2021.

Per consegnare il gas serve realizzare gasdotti dalle sorgenti fino al paese di consegna. Dai pozzi di Jamal in Siberia settentrionale all’Italia ci sono 4’500 km di gasdotti, i quali hanno richiesto molti anni per essere costruiti, con cospicui investimenti. Per questo chi li ha costruiti ha interesse a stipulare contratti di lunga durata, cosa che l’Italia ha fatto da decenni con la Russia, con beneficio del sistema produttivo e delle famiglie italiane. Se venisse a cessare la fornitura dalla Russia, gli altri produttori di gas con i quali l’Italia è collegata non sarebbero in grado di sostituirla, sia per mancanza della stessa capacità produttiva, sia per la limitata capacità di trasporta dei gasdotti esistenti.
Qualcuno propone di utilizzare il gas naturale presente in Italia. Ma, a parte il fatto che solo per realizzare gli impianti servono diversi anni, le riserve di gas naturale dell’Italia, se usassimo solo quelle, si esaurirebbero nel giro di 10-12 mesi. Quindi disponiamo di una quantità largamente insufficiente per i nostri fabbisogni.

L’alternativa che viene proposta dagli “amici americani” è di acquistare del Gas Naturale Liquefatto (GNL) da grandi produttori internazionali come USA, Qatar, Arabia Saudita, Kuwait. Ma questo significherebbe passare dall’attuale 13,3% al (13,3 + 38,2 della Russia ) al 51,5% dell’approvvigionamento totale, quasi quadruplicando l’attuale disponibilità di rigassificatori (impianti in cui il gas liquefatto viene rievaporato per metterlo in rete), di navi metaniere. Ma significherebbe anche accettare strutturalmente di acquistare del gas più costoso, in quanto ai costi di estrazione di base si aggiungerebbero i costi di raffreddamento fino a -160 °C, i costi di trasporto con le navi metaniere (navi con enormi impianti frigoriferi per mantenere il gas liquefatto) e id i costi di rigassificazione in Italia.
E non dobbiamo trascurare il fatto che si passerebbe da una dipendenza dalla Russia alla dipendenza delle multinazionali dell’energia che controllano il mercato del GNL, società quotate in borsa e molto più legate alla speculazione finanziaria internazionale. Non è così scontato che la scelta sia conveniente.

La questione si complica ulteriormente se guardiamo i numeri a livello europeo. Il fabbisogno di gas dell’Unione Europea dipende molto fortemente dalle importazioni.

Grafico 9


Fonte: https://jancovici.com/ elaborazione di dati da BP Statistical Review

 

Le quali importazioni arrivano per oltre il 40% dalla Russia.

Grafico 10

Fonte: https://ilbolive.unipd.it/

 

Quindi si tratterebbe non solo di trovare un fornitore alternativo di gas per l’Italia, ma per tutta l’Europa, che si fornisce attualmente dalla Russia per oltre il 40% del proprio fabbisogno.
Osservando la capacità produttiva gasiera a livello mondiale possiamo notare come solamente gli USA avrebbero, in teoria, una capacità produttiva adeguata ai fabbisogni europei, in caso di arresto delle importazioni dalla Russia.

Grafico 11


Principali produttori di gas naturale nel mondo, in miliardi di metri cubi l’anno
Fonte https://www.researchgate.net/

Ma dobbiamo anche osservare che attualmente solo una piccola parte (quella evidenziata in blu scuro nel grafico che segue)della produzione statunitense è destinata all’esportazione.

Grafico 12

Fonte: https://www.eia.gov/

Questo significa che gli USA, nonostante i grandi proclami, non sono assolutamente in grado di assicurare all’Europa la sostituzione delle forniture di gas metano. Si noti come le esportazioni USA di gas siano dell’ordine di 5 miliardi di metri cubi l’anno, mentre la produzione russa è dell’ordine di 500 miliardi di metri cubi l’anno, 100 volte superiore.
Se gli USA non hanno la capacità produttiva per sostituire il gas russo in Europa, significa che nessun altro produttore al mondo può avere questa possibilità. Questo certamente nel breve e nel medio termine, in attesa che si scoprano nuovi giacimenti di gas chissà dove.

La conclusione è che l’Europa, e quindi a maggior ragione l’Italia, non ha alcuna possibilità di svincolarsi dalle forniture di gas russo, a meno di non ridurre nel giro di pochi i nostri consumi di gas, in modo da ridurre le importazioni di gas russo.
Di quanto?
Dal Grafico 6 deduciamo che il gas rappresenta il 41,8% del fabbisogno energetico nazionale. Dal Grafico 8 deduciamo che di questo gas il 38,2% arriva dalla Russia. La quantità di gas che verrebbe a mancare sarebbe quindi dell’ordine del 38,2% del 41,8%, che fa 16,0%.
Può sembrare “poco”, ma significa che, in media, le industrie dovrebbero ridurre del 16% la loro produzione annua o che le attività commerciali debbano ridurre del 16% i loro orari di apertura o che nelle nostre case dobbiamo interrompere l’energia elettrica per 4 ore al giorno. Come se non ci fossero bastate le chiusure imposte durante la pandemia del covid-19!
In modo molto semplificato potremmo attenderci un crollo del 16% del Prodotto Interno Lordo nazionale,
Le conseguenze economiche sarebbero catastrofiche per l’economia italiana. E qualcosa di simile ci si dovrebbe attendere, chi più chi meno, per il resto dell’Europa.
E non abbiamo preso in considerazione i rincari certi dei generi alimentari, causati dal blocco delle importazioni di cereali da Russia ed Ucraina.
Non possiamo escludere di riuscire a trovare, nel tempo, delle fonti energetiche alternative, ma tutto questo non potrebbe essere fatto in tempi brevi, per cui lo shock economico è inevitabile.
Dei “tempi” parleremo nel paragrafo successivo.

Quindi prima di lanciare proclami sulla interruzione delle forniture russe di gas, dovremmo prendere atto del fatto che il rapporto di fornitura di gas dalla Russia è una esigenza strutturale per l’Italia e per l’Unione Europea. E, aggiungerei, è anche una esigenza strutturale per la Russia, che dispone di un sistema produttivo arretrato e che ha assoluto bisogno dei proventi finanziari derivanti dalle esportazioni di energia in Europa, necessari per importare beni e servizi di qualità dall’Europa stessa.

Per fare un esempio facile da comprendere, è come se la Russia fosse l’unico fornitore d’acqua e noi fossimo l’unico produttore di cibo: per sopravvivere non potremmo fare a meno l’uno dell’altro, strutturalmente, senza possibilità di alternative, almeno nel breve e medio periodo.
Questa considerazione fondamentale dovrebbe portare la nostra classe politica a rivedere le proprie posizioni, molto basate sull’ideologia e per nulla fondate sui dati concreti sui rapporti energetici con la Russia. Se anche Putin fosse “cattivo” o “assassino”, sapendo che non abbiamo alternative al gas russo, le scelte politiche ne dovrebbero tenere conto.

 

Perché i prezzi dell’energia sono aumentati?

In televisione ci raccontano che i prezzi della benzina e del gas sono aumentati “a causa della guerra”.
Riproponiamo i grafici sopra esposti:

Grafico 1

Grafico 5

In realtà è sempre successo che il prezzo del petrolio sia variato fortemente a motivo di cambiamenti geopolitici o di azioni speculative dei mercati finanziari.
Ma questo non era mai successo per il gas, il cui prezzo era sì contrattualmente legato a quello del petrolio e solo indirettamente e in misura ridotta.

Se guardiamo in dettaglio l’andamento del prezzo del gas naturale negli ultimi mesi in Europa

Grafico 13


Fonte: https://tradingeconomics.com/

notiamo come gli aumenti dei prezzi siano iniziati già a partire da agosto-settembre 2021, mentre la guerra in Ucraina è iniziata a febbraio 2022. Quindi gli aumenti sono iniziati prima del conflitto, certamente per altre ragioni.

Aggiungiamo la considerazione del tutto evidente che in questo inverno nessuno di noi è rimasto senza gas per scaldarsi, anche se lo ha pagato l’ira di Dio.  Il gas richiesto è stato consegnato, non c’è stata una scarsità delle forniture che abbia giustificato l’aumento dei prezzi.

Che cosa ha dunque portato a questi aumenti? Che cosa ha modificato le dinamiche del prezzo del gas rendendole dello stesso tipo di quelle del prezzo del petrolio?

La risposta sta nei contratti di acquisto del gas, che dopo decenni di stabilità sono cambiati.

Il mercato internazionale del petrolio è nato, molti decenni fa, sulla base di contratti di vendita a breve termine. I produttori di petrolio cercavano clienti in giro per il mondo, vendendolo al miglior prezzo possibile. E gli acquirenti cercavano il miglior offerente possibile. C’era una certa libertà di scelta.
La possibilità di indirizzare le navi petroliere in tempi relativamente brevi a qualsiasi cliente nel mondo ha creato un mercato mondiale, da cui la nascita dell’OPEC, da cui la quotazione in borsa del petrolio.
La quotazione in borsa ha portato alla nascita di molti intermediari fra venditori ed acquirenti, i quali comperano opzioni di acquisto sul petrolio, che rivendono e riacquistano cercando di massimizzare i margini di profitto, come qualsiasi altro prodotto finanziario. Ovviamente spesso ci sono dei legami stretti fra la classe dirigente dei paesi produttori e queste società di intermediazione. E chi non sta al gioco (vedi Venezuela, vedi Iran, vedi Russia) viene messo sotto pressione politico-militare dagli Stati Uniti.
Il risultato è una continua fluttuazione dei prezzi, che favorisce la realizzazione di utili da parte degli investitori finanziari, ovviamente a spese di consumatori e imprese.

Il mercato del gas, invece, è sempre stato un mercato “locale”. La commercializzazione di gas liquefatto GNL è sempre rimasta minoritaria a causa degli alti costi. Per questo motivo la consegna degli ordinativi di gas si è sempre fatta quasi esclusivamente tramite tubature, che per essere realizzate richiedono grandi investimenti che necessitano molti anni prima di essere ammortizzati.
Per questo motivo i contratti di fornitura venivano stipulati non fra produttori e piccoli soggetti intermediatori, ma direttamente fra stati o dalle società energetiche nazionali.
Il primo contratto di fornitura europea su firmato nel 1969 da Eugenio Cefis, presidente dell’ENI, ed il presidente russo Leonid Breznev. L’anno successivo un contratto simile fu sottoscritto anche dalla Germania.
Erano contratti della durata di 20-30 anni, che assicuravano al fornitore la certezza di rientrare dei propri investimenti e nello stesso tempo garantivano all’acquirente la fornitura certa di energia ad un prezzo concordato per 20-30 anni. E’ il caso di notare che questa situazione era ideale anche per famiglie e imprese, consentendo loro di evitare eccessive fluttuazioni del prezzo del gas.
Per meglio ammortizzare gli investimenti iniziali, i contratti prevedevano anche che l’acquirente dovesse immagazzinare il gas nei gasometri durante l’estate (periodo di domanda minima), per non obbligare il fornitore ad aumentare la portata di gas in inverno. Maggiori portate, infatti, significano tubature più grandi e maggiori costi d’investimento, evitabili con lo stoccaggio estivo.

Questo sistema dei contratti a lungo termine è andato avanti fino al 2021, quando è successo che…
Ricordate che negli ultimi anni siamo stati tempestati di telefonate e di pubblicità per il passaggio dal “mercato tutelato” dell’energia al “mercato libero”?
Negli ultimi anni l’Unione Europea ha adottato una serie di provvedimenti finalizzati alla liberalizzazione del mercato dell’energia, in particolare relativamente all’energia elettrica ed il gas.
L’ideologia di fondo dell’UE è sempre la stessa: dobbiamo liberalizzare il mercato, in modo da conseguire una diminuzione dei prezzi. Ma il gioco funziona molto di rado.
La realtà è sempre la stessa: più libertà per gli speculatori e più costi per i consumatori. Soprattutto se le liberalizzazioni sono applicate ad un settore per sua natura monopolistico (con pochissimi produttori) come quello del gas.
Quello che è successo, e certamente chi ha voluto questa “riforma” lo sapeva, è che sono entrati in gioco nel mercato del gas i nuovi intermediari, quelli che già operavano nel mercato altalenante del petrolio, i quali hanno iniziato a comperare,  vendere, ricomperare e rivendere opzioni di acquisto sul gas, in modo da creare oscillazioni dei prezzi e trarne profitto.
Inoltre altri piccoli soggetti hanno iniziato a stipulare dei nuovi contratti di acquisto con i fornitori, ma di “tipo spot” ovvero per forniture di gas della durata di pochi mesi e per piccoli quantitativi. Questi investitori, per risparmiare, hanno evitato i costi di stoccaggio estivo, come avveniva da decenni.
In questo modo il fornitore sarà obbligato a vendere meno gas in estate, causa minori ordinativi per l’assenza di stoccaggio, e meno gas in inverno, non essendo le condotte dimensionate per il trasporto del fabbisogno di punta dei periodi più freddi dell’anno. Per il momento i fornitori sono riusciti a garantire le forniture, in quanto le tubature sono state sovradimensionate per tenere conto di margini di crescita degli ordinativi, ma la non realizzazione dello stoccaggio estivo andrà certamente a limitare le capacità di consegna futura del gas in caso di aumenti della domanda, ad esempio per una crescita economica. Il che porterà ad un ulteriore aumento dei costi, se non si ritorna al precedente tipo di contratti.
Aggiungiamo il fatto che il fornitore, di fronte a contratti di breve durata, senza garanzie per il futuro, con impianti costosi da ammortizzare e in assenza di concorrenti, avrà l’interesse ad aumentare i prezzi di vendita, cosa che non accadeva in passato.
Queste nuove dinamiche sono state innescate principalmente dalle decisioni dell’Unione Europea, naturalmente – come sempre – senza informarne i cittadini. Possiamo supporre che tali decisioni siano conseguenza all’azione delle solite lobbies che operano a Bruxelles, sia alle pressioni degli USA finalizzate a danneggiare economicamente la Russia, ma anche per favorire le maggiori vendite di gas liquefatto americano.
Non è stato il “cattivo” Putin ad aumentare il gas per farci dispetto, ma sono stati i “buoni” della Commissione Europea e della presidenza USA a portarci in wuesta situazione.
Personalmente ho il dubbio che l’escalation della guerra in Ucraina (aumento delle provocazioni che hanno spinto la Russia all’intervento militare) sia avvenuta solamente dopo l’attuazione di queste riforme del mercato energetico europeo proprio per massimizzare le rendite degli investitori in occasione dei perturbamenti causati dalla guerra.

 

La transizione ecologica

Certamente uno dei modi per ridurre la nostra dipendenza energetica da fornitori esteri è anche quello di riuscire a produrre più energia a casa nostra.
Riproponiamo il grafico precedente sul mix energetico usato in Italia per farne un’analisi.

Grafico 6

Le fonti “italiane” rinnovabili sono l’Idroelettrico, il Solare, l’Eolico ed il Biocombustibile, che tutti insieme rappresentano il 19,4% del totale. Negli anni 2020 e 2021 la quota totale di produzione da fonti rinnovabili in Italia è ulteriormente aumentata, non per un chissà quale aumento degli investimenti, ma soprattutto a causa della riduzione dei consumi energetici interni causata dalla limitazioni produttive delle misure anti-covid-19. E’ noto che l’energia da fonti rinnovabili richiede forti investimenti iniziali, ma poi l’energia si produce sostanzialmente “gratis”, o a basso costo. In caso di riduzione complessiva del fabbisogno energetico, di conseguenza, è naturale che venga ridotta la produzione da fonti non rinnovabili, per cui le fonti rinnovabili coprono una quota maggiore della produzione. Ma una volta normalizzata la situazione, si riprenderà a bruciare gasolio e metano, come prima.
Per questo motivo per la nostra analisi prendiamo in considerazione i dati del 2019, prima della pandemia.
Se il gas russo rappresenta il 16% del fabbisogno energetico nazionale annuo, per compensarlo dovremmo portare la quota da fonti rinnovabili dall’attuale 19,4% al 35,4%.
L’obiettivo è assolutamente auspicabile, perché al vantaggio di liberarci dai vincoli strutturali con la Russia e, in generale, dai condizionamenti derivanti dai fornitori di energia esteri, aggiungeremmo anche la riduzione delle emissioni di CO2 derivanti dalla minore combustione di gas naturale.
Considerando che la quota di idroelettrico ha pochissimi margini di ulteriore sviluppo, perché i bacini idroelettrici che potevamo realizzare li abbiamo già costruiti, dovremmo sostanzialmente raddoppiare l’energia prodotta tramite biocombustibile, tramite impianti solari ed impianti eolici.
A questo punto le domande sono due: con quanti investimenti e in quanto tempo?
Raddoppiare la capacità produttiva di energia rinnovabile significa fare enormi investimenti e significa attendere anni prima che questi nuovi impianti vengano costruiti e messi in funzione. Significa che chi ci governa dovrebbe quantificare questi investimenti, trovare i soldi e finanziare progetti di qualità, che garantiscano dei risultati effettivi dal punto di vista energetico.

Un’altra possibilità valida per l’Italia per ridurre la propria dipendenza energetica dall’estero è di investire seriamente sul risparmio energetico.
In effetti noi non abbiamo bisogno di energia in quanto tale, ma abbiamo bisogno di energia per riscaldarci in inverno, per la produzione di beni e servizi e per i trasporti.
Mettendo in atto opportuni interventi di risparmio e di razionalizzazione energetica degli impianti di climatizzazione, degli impianti produttivi e dei trasporti l’Italia potrebbe ridurre il proprio fabbisogno annuo di energia, diminuendo gradualmente la propria dipendenza estera ed evitando emissioni di CO2 in atmosfera. E’ realistico ritenere che il potenziale di riduzione rispetto ai fabbisogni attuali sia almeno del 30%.
Anche in questo caso, però, sono necessari cospicui investimenti ed è necessario attendere diversi anni prima di raggiungere gli obiettivi prefissati.

Politicamente parlando sarebbe opportuno investire sia sulla realizzazione di impianti per la produzione di energia verde in Italia, sia sul risparmio energetico. Ma si tratta di mettere in gioco grandi capitali e di realizzare degli interventi strutturali, che durino almeno 20-30, in modo da sviluppare solide competenze nel settore e le filiere produttive. Oggi, purtroppo, i nostri migliori ingegneri del settore emigrano all’estero, per la mancanza di opportunità serie in Italia. Siamo ben distanti dal seguire questi obiettivi.

C’è chi parla di ritornare al nucleare. L’argomento è complesso e meriterebbe almeno un articolo per essere approfondito. La mia opinione personale è che per il nucleare troppo spesso vengano sottostimati i costi di realizzazione, ma ancora di più i costi di smaltimento delle scorie, nonché i rischi derivanti da possibili incidenti, che possono essere sia di origine naturale (terremoti, maremoti, alluvioni), ma anche di origine umana (una guerra, un attentato). Questi rischi reali rendono l’energia nucleare molto meno sicura di quello che si creda.

 

La variabile “tempo”

La variabile “tempo” è fondamentale quando si parla di modificare gli assetti del settore energetico.
Servono anni per realizzare gli impianti che ci consentano di approvvigionarsi di gas da altri fornitori, ad esempio dal Medio Oriente o dai nuovi giacimenti situati fra Egitto e Cipro.
Servono anni per realizzare le necessarie navi metaniere e i necessari impianti di rigassificazione, volendo acquistare GN da paesi più distanti.
Servono anni per realizzare sufficienti impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili e le necessarie reti di trasporto.
Servono anni per realizzare nuove centrali nucleari.
Servono anni per i molti interventi necessari per ridurre del 40% i consumi per il riscaldamento invernale degli edifici.
Servono anni per potenziare adeguatamente i trasporti pubblici, in modo da ridurre le esigenze di trasporto privato, che è più energivoro.

Se anche si trovano i finanziamenti per questi interventi, fino a che l’Italia non recupererà la propria sovranità monetaria sarà ben difficile trovarli, sarà comunque necessario disporre di molta forza lavoro qualificata, di cui attualmente non disponiamo. Sono necessari anni per formare dei bravi ingegneri e degli operai specializzati.
In generale servono molti anni per trasformare un obiettivo politico in progetti di opere e poi per realizzare tali opere.

Purtroppo constatiamo che i nostri politici dimostrano una volta di più di vivere sulle nuvole, non rendendosi minimamente conto del fattore tempo.
Non basta decidere oggi di interrompere gli acquisti di gas dalla Russia oggi per avere domani un altro fornitore sostitutivo o una produzione nazionale da fonti rinnovabili equivalente o essere capaci di ridurre il fabbisogno energetico nazionale del 16%. E’ folle anche solo parlare di ipotesi del genere, in quanto sono fuori dalla realtà. Se si decide che questa è la strada giusta da seguire, allora bisognava pensarci prima, almeno 15-20 anni fa.

Se vogliamo un esempio virtuoso da seguire per i nostri politici, possiamo guardare alla vicina Svizzera, che dimostra un approccio razionale alla questione.
Qui sotto abbiamo un grafico prodotto dall’Ufficio Federale dell’Energia svizzero (OFEN)

Grafico 14

Si noti come il fabbisogno energetico complessivo (linea verde scuro) sia in progressiva diminuzione negli ultimi 10 anni, nonostante l’aumento della popolazione residente (linea arancio) e nonostante l’aumento del prodotto interno lordo (PIB, verde chiaro). Dato che ogni persona consuma energia per vivere e dato che per produrre si consuma energia, la crescita di questi fattori porterebbe naturalmente ad un aumento dei consumi energetici.
Ma l’indice di consumo di energia per persona è in costante diminuzione, mentre l’indice del prodotto interno lordo in rapporto all’energia consumata è in costante crescita ovvero si produce di più consumando di meno.

La Svizzera raggiunge questi obiettivi con politiche strutturali di incentivi alle ristrutturazione energetiche, di incentivi al settore produttivo perché investa nella razionalizzazione nell’uso dell’energia, di incentivi per la realizzazione di impianto solari, eolici e a biomasse e con un progressivo aumento della tassazione delle emissioni di CO2, in quali vengono preannunciati anni prima, in modo che le imprese ed i cittadini possano indirizzare adeguatamente i loro investimenti.
In Italia, invece, la classe politica si lancia irresponsabilmente in iniziative di rottura con i nostri principali fornitori di energia a cui siamo strutturalmente vincolati, come la Russia (già nel 2011 avevamo supportato, a nostro danno, la guerra alla Libia, altro nostro fornitore storico di energia), senza avere mai pensato seriamente ad un “Piano B” ovvero ad interventi strutturali per ridurre la nostra dipendenza energetica dall’estero. In sostanza è come se decidessero di chiudere l’unico rubinetto che ci disseta, senza avere pensato a fonti alternative d’acqua. Il risultato inevitabile non potrà essere che la morte per sete.

 

Energia e pace

Ritornando ai legami strutturali di interdipendenza fra Italia e Russia, che poi sono anche i legami fra la maggior parte dei paesi europei e la Russia, chiediamoci quale possa essere l’interesse “superiore” che potrebbe giustificare la rottura di questi rapporti.
La guerra in Ucraina rischi di complicare enormemente la situazione, portando alla rottura di equilibri nei rapporti internazionali che avevano dimostrato di funzionare bene, con vantaggi sia per l’Europa, sia per la Russia.
Si tratta di una questione estremamente importante che dovrebbe essere messa al centro delle trattative di pace fra Russia, Ucraina, con l’Europa come parte in causa.
Il non ingresso dell’Ucraina nella NATO richiesto dalla Russia o l’autonomia richiesta dalle regioni del Donbass valgono bene il prezzo del ripristino di rapporti di cooperazione energetica fra Russia ed UE. Lo valgono, perché non abbiamo alternative, al momento e almeno per i prossimi 15-20 anni.
Gli Stati Uniti, invece, perseguono dei propri obiettivi geopolitici di rilevanza di gran lunga inferiore, come l’isolamento della Russia dall’Europa (che è un danno per i paesi europei) o gli interessi di alcune loro multinazionali che intendono lucrare sul cambiamento degli equilibri del mercato energetico.
Nulla che possa valere il prezzo delle gravissime conseguenze della mancanza di energia in Europa, con una inevitabile aumento permanente dei prezzi nel settore energetico e con la necessità di ridurre strutturalmente la produzione di beni e servizi. L’Europa precipiterebbe nella povertà diffusa.

Se chi ci governa intende fare il bene del popolo, le scelte da fare sono alquanto evidenti. Se fanno altre scelte, chiediamoci se sono incompetenti o se agiscono per gli interessi di “altri”.
Ed anche la Russia ha tutti gli interessi a ripristinare dei sereni rapporti di collaborazione con l’Europa nel campo dell’energia.
Che si siedano seriamente tutti intorno al tavolo, discutendo di rapporti energetici e di pace in Ucraina. La soluzione che conviene a tutti, a parte gli USA, esiste. Basta solo avere uno sguardo lungimirante e volerlo.

Belt & Road raggiunge in lungo e in largo il Medio Oriente _ Di SCOTT FOSTER

La crisi pandemica ha rivelato la fragilità del sistema di divisione del lavoro, delle catene di produzione e delle reti commerciali mondiali così integrate. Il movimento di superficie da essa innescato ha rivelato un processo di ritrazione dei singoli stati nazionali senza una apparente logica. L’uso strumentale della pandemia e il tipo di utilizzo degli strumenti sanitari, in particolare i vaccini, fatto dalle maggiori potenze ha lasciato solo intravedere la competizione geopolitica ormai in atto. La gestione della pandemia è sembrata soprattutto uno strumento per affinare all’interno di ciascun paese con maggiore o minore successo gli strumenti di controllo e manipolazione della popolazione, grazie alle politiche emergenziali.

La crisi tra Russia ed Ucraina, con il protagonista occulto statunitense a muovere le proprie fila, ha evidenziato al contrario un ulteriore drammatico salto delle dinamiche geoeconomiche. L’accavallarsi frenetico di sanzioni e controsanzioni, l’incertezza crescente sullo stato giuridico dei dei diritti e delle proprietà iniziano a delineare più sistemi di relazioni geoeconomiche tra di loro distinte e corrispondenti alle possibili future aree di influenza geopolitiche.

I problemi da affrontare per giungere alla definizione di perimetri più netti sono enormi e difficilmente risolvibili in tempi brevi ed anche medi. I punti di attrito al contrario tenderanno a moltiplicarsi e con essi le possibilità di conflitto aperto.

In questo contesto gli stati europei assumono la figura penosa delle pecorelle smarrite destinate a pagare il prezzo più alto e drammatico a queste dinamiche del tutto indipendenti da loro e quindi spinte a stringersi ulteriormente attorno al proprio pastore, fingendo di essere essi stessi pastori. Non vogliono accorgersi che sotto le sembianze protettive si nasconde il lupo altrettanto famelico. In aggiunta, con la crisi ucraina gli stati europei sul Mediterraneo hanno del tutto rimosso l’attenzione dalla propria sfera di interessi in quell’area, abituati come sono a guardare talmente lontano da perdere di vista quel che succede vicino casa. Ormai la partita si giocherà tra Stati Uniti, Cina e Russia con la Gran Bretagna al seguito e qualche altro attore estraneo al continente europeo pronto ad inserirsi all’occasione. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Lo schema infrastrutturale della Cina è ora collegato dall’Iran attraverso l’Iraq al Mediterraneo orientale con altri collegamenti a venire

“Tutti gli occhi sull’Ucraina”, scrive in una e-mail un ex membro dello staff di un primo ministro britannico. Questo è comprensibile, ma non escludendo tutto il resto. In particolare, l’Europa dovrebbe dedicare qualche minuto a considerare l’espansione della Belt and Road Initiative cinese attraverso le sponde orientali e meridionali del Mediterraneo.

La Siria ha aderito al programma il 12 gennaio con la firma di un memorandum d’intesa in tal senso a Damasco. La Belt and Road è ora collegata dall’Iran attraverso l’Iraq al Mediterraneo orientale.

Questo apre la strada alla ricostruzione delle infrastrutture e dell’economia siriana e al ripristino del ruolo storico della Siria come crocevia del commercio regionale.

Mette inoltre la Cina in diretto conflitto con le sanzioni americane ai sensi del Caesar Syria Civilian Protection Act del 2019 (Caesar Act). L’atto prende il nome da una persona conosciuta solo come Cesare, che ha fotografato e documentato prove di tortura da parte del governo di Bashar al-Assad.

L’atto è stato firmato dal presidente Trump nel 2019 ed è entrato in vigore nel 2020. L’amministrazione Biden ha continuato a far rispettare le sue disposizioni, che sanzionano individui, società ed entità politiche in tutto il mondo coinvolte in attività economiche ritenute a sostegno dell’esercito siriano. Questi includono petrolio e gas, costruzioni e banche.

La Brookings Institution le descrive come “le sanzioni statunitensi più ampie mai applicate contro la Siria” e osserva che la legge “amplia drasticamente l’autorità del governo degli Stati Uniti per sanzionare … attività che supportano la capacità del regime di Assad di fare la guerra”.

Senza un cambio di regime, le sanzioni, se efficaci, impedirebbero la ricostruzione della Siria dopo oltre un decennio di guerra civile. Ma non sono efficaci, poiché la Cina è intenzionata a ignorarli ea colmare il vuoto creato dalla politica inflessibile degli Stati Uniti.

Nel marzo 2019, The Atlantic ha pubblicato un articolo intitolato ” Nessuno vuole aiutare Bashar al-Assad a ricostruire la Siria “. Citando diplomatici americani e francesi, è stato un notevole ma tipico pezzo di auto-illusione.

È probabile che il porto siriano di Latakia sia di particolare interesse per la Cina. L’Iran ne affitta già una parte e la Russia ha una base navale a Tartus, a breve distanza a sud.

Con il costo della ricostruzione stimato dalle Nazioni Unite in 250 miliardi di dollari, anche le imprese di costruzione e le banche cinesi avranno molto da fare in Siria

Anche il porto di Tripoli in Libano è un obiettivo per gli investimenti cinesi, così come la Zona Economica Speciale di Tripoli. Il Libano ha firmato un MOU per entrare a far parte di Belt & Road nel 2017.

L’Egitto, che ha una “partnership strategica globale” con la Cina, è entrato a far parte di Belt & Road nel 2016. Ciò è stato preceduto dall’istituzione della zona di cooperazione economica e commerciale Cina-Egitto Teda Suez nel 2008.

Più recentemente, società cinesi hanno partecipato al finanziamento e alla costruzione della nuova capitale amministrativa dell’Egitto a est del Cairo, alla creazione di ulteriori strutture industriali vicino al Canale di Suez, alla costruzione di ferrovie e alla costruzione di un porto per container sulla costa mediterranea.

L’obiettivo è trasformare l’Egitto in un hub di produzione e distribuzione al servizio del Medio Oriente, del Nord Africa e dell’Europa. La Cina è il più grande utente del Canale di Suez e il più grande investitore in strutture industriali adiacenti. Più di 1.500 aziende cinesi sono attive in Egitto, inclusi produttori di tessuti, fibra di vetro, elettronica di consumo, veicoli elettrici e componenti.

Come notato in ” Greater Eurasia’: Belt & Road si espande in Africa ” ​​( Asia Times , 28 dicembre 2021), il “completo” in “partenariato strategico globale” intendeva significare cooperazione politica, economica, tecnologica e culturale. “Strategico” significa importante, stabile e a lungo termine.

I progetti infrastrutturali cinesi in Libia, che risalgono al 2011, sono stati interrotti da un conflitto militare, ma la Cina continua a lavorare per una soluzione politica che consenta loro di riprendere. Gli interessi della Cina in Libia sono incentrati sul petrolio e sulle strutture portuali. La Libia è entrata a far parte di Belt & Road nel 2018.

Anche la Tunisia ha aderito nel 2018 e ha firmato un accordo di cooperazione economica e tecnica con la Cina nel 2021. La Cina ha contribuito alla costruzione di strutture sportive, culturali, accademiche e mediche, nonché di un canale, in Tunisia.

Partecipanti Belt & Road nella regione. Mappa: Briefing sulla Via della Seta

L’Algeria, che ha anche una partnership strategica globale con la Cina, è entrata a far parte di Belt & Road nel 2018. I due paesi stanno negoziando un piano quinquennale di cooperazione nei settori del commercio, degli investimenti, delle infrastrutture, dell’energia e dell’estrazione mineraria. I prodotti minerali nell’elenco includono minerale di ferro, fosfati, zinco, oro e uranio. In Algeria sono attive circa 1.000 aziende cinesi.

Dopo un lungo ritardo, le compagnie cinesi hanno iniziato i lavori al porto di El Hamdania, a ovest di Algeri. Il primo porto in acque profonde del paese competerà con il porto di Tangeri-Med in Marocco e, se tutto andrà secondo i piani, svolgerà un ruolo importante nel commercio africano e mediterraneo. In cambio di finanziamenti, secondo quanto riferito, la Cina controllerà il porto per 25 anni.

Il 5 gennaio è stato firmato un protocollo d’intesa per il “Piano di attuazione per la costruzione congiunta dell’iniziativa Belt and Road tra Marocco e Cina”. Ciò dovrebbe portare al finanziamento cinese di progetti infrastrutturali e facilitare la cooperazione nell’industria, nell’energia e nello sviluppo tecnologico.

Il Marocco è entrato a far parte di Belt & Road nel 2017. Un anno prima, i cinesi hanno completato un importante progetto di costruzione di ponti nel paese. Da allora, entità cinesi hanno partecipato a circa 80 progetti in tutto il paese. Le aziende cinesi hanno costruito fabbriche per fornire condizionatori d’aria e parti pressofuse per automobili e hanno investito in altri settori manifatturiero, pesca e telecomunicazioni.

I governi dalla Siria al Marocco vedono Belt & Road come un modo per stimolare la crescita economica e fornire posti di lavoro a popolazioni in crescita. I rivali della Cina lo vedono come una minaccia strategica.

L’Istituto giapponese per le economie in via di sviluppo, una parte della Japan External Trade Organization, proclama sul suo sito web che:

I principali mercati di telecomunicazioni africani per le società cinesi sono Algeria, Egitto, Tunisia, Marocco e Sud Africa, che rappresentano il 60% del totale delle attività di telecomunicazione cinesi nel continente.

Insieme all’edilizia, all’energia e all’estrazione mineraria, le telecomunicazioni sono uno dei quattro pilastri strategici alla base dello sviluppo economico della Cina e forniscono la piattaforma necessaria da cui partire per sfidare l’Occidente per l’egemonia globale.

The Voice of America avverte che:

Le reti di telecomunicazioni finanziate e costruite dalla Cina stanno prendendo il controllo del cyberspazio africano, una dipendenza che secondo gli analisti mette Pechino nella posizione di esercitare un’influenza politica in alcuni paesi del continente… Huawei sta lavorando e collaborando con molti governi in tutto il continente, ed è quei governi che utilizzano la tecnologia di qualità per minare i valori democratici.

La Hoover Institution, un think tank conservatore a Stanford, avverte che:

Dovremmo considerare ciascuna delle strutture portuali cinesi nel Mediterraneo come una potenziale base della marina cinese.

Il gruppo dei Think Tank europei afferma:

La percepita necessità da parte dell’UE di riequilibrare le relazioni con l’Africa è inesorabilmente legata all’accresciuta concorrenza di interessi nel continente, provenienti soprattutto dalla Cina.

L’UE è consapevole del problema. Il 17 e 18 febbraio i rappresentanti dell’Unione Europea e dell’Unione Africana hanno concordato un piano di investimenti da 150 miliardi di euro per l’Africa.

Secondo POLITICO EU, un’agenzia di informazione politica e politica europea, il piano “elenca una serie di progetti ambiziosi per migliorare la connettività digitale, costruire nuovi collegamenti di trasporto e accelerare il passaggio a fonti di energia a basse emissioni di carbonio. Fa tutto parte della strategia Global Gateway del blocco, vista come una risposta geostrategica all’iniziativa Belt and Road della Cina”.

Ma POLITICO UE si chiede se non sia “troppo poco, troppo tardi? Una grande domanda aperta è da dove verranno i finanziamenti per le ambizioni dell’Europa”.

Nel frattempo, il 24 gennaio, il Jerusalem Post ha riferito che: “Israele e Cina hanno celebrato 30 anni di relazioni diplomatiche firmando lunedì un piano di cooperazione triennale, anche se gli Stati Uniti continuano a chiedere a Israele di limitare gli investimenti cinesi in tecnologie che potrebbero rappresentano un rischio per la sicurezza”.

Alla quinta riunione del Comitato misto Cina-Israele per la cooperazione all’innovazione, hanno partecipato rappresentanti di alto livello dei ministeri israeliani degli esteri, della scienza e della tecnologia, dell’energia, dell’economia, dell’agricoltura, della protezione ambientale, della salute, della cultura e dello sport.

Il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid ha osservato che  I cinesi, come gli israeliani, non hanno paura delle nuove idee. C’è una curiosità innata a livello nazionale in entrambe le nostre nazioni. Dacci un’idea nuova ed eccitante e ci riuniremo attorno ad essa, ne parleremo con entusiasmo [e] verificheremo immediatamente da dove viene e come migliorarla”.

Israele, come i suoi vicini arabi, sta guidando una rotta tra l’ostilità degli Stati Uniti e i guadagni economici che si possono ottenere dalla Cina. Questi ultimi vengono perseguiti, non sacrificati, anche se le marine cinese e russa hanno tenuto la loro prima esercitazione congiunta nel Mediterraneo già nel 2015.

Il nuovo equilibrio di potere è già qui.

Scott Foster, laureato alla Johns Hopkins University School of Advanced International Studies di Washington, DC, è analista presso LightStream Research a Tokyo. Seguilo su Twitter: @ScottFo83517667

https://asiatimes.com/2022/03/belt-road-reaching-far-and-wide-in-middle-east/?mc_cid=4211e54c94&mc_eid=00f44b9008

Nuove strategie politiche in un nuovo ordine economico, di Antonia Colibasanu

In diversi dibattiti a cui ho partecipato dall’inizio dell’anno – e in diverse risposte che ho ricevuto dai lettori – viene inevitabilmente posta una domanda: in questi tempi senza precedenti, in che modo gli stati stanno usando la loro leva economica per sostenere i loro imperativi geopolitici? In altre parole, come sta cambiando la geoeconomia ?

Per rispondere, dobbiamo considerare le origini dell’attuale clima economico globale. La pandemia di COVID-19 potrebbe aver rivelato e persino aggravato alcune tendenze già in atto, ma i problemi sono iniziati con la crisi finanziaria globale del 2008, che ha segnato alcuni cambiamenti fondamentali. In particolare, ha capovolto l’ordine economico dominato dagli Stati Uniti stabilito a Bretton Woods dopo la seconda guerra mondiale. Gli Stati Uniti sono ancora il paese più dominante, ovviamente, ma il mondo è decisamente più multipolare di quanto non fosse una volta.

Tra le altre cose, Bretton Woods ha consentito agli Stati Uniti di stabilire il dollaro USA come valuta mondiale mentre il Piano Marshall degli Stati Uniti ha fornito gli investimenti necessari per ricostruire le principali potenze europee. Ha facilitato la globalizzazione basata sul libero scambio su una scala senza precedenti, con la Marina degli Stati Uniti che si è assicurata le rotte commerciali globali. Ha creato un sistema in base al quale tutti erano legati a un mercato globale che, in teoria, avrebbe scoraggiato i sistemi imperiali tradizionali e quindi impedito un’altra guerra mondiale. Era in parte responsabile della guida della Guerra Fredda e in parte responsabile della sua fine. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, gli Stati Uniti erano l’unica superpotenza rimasta al mondo, il garante di un governo globale che sosteneva il libero flusso del commercio. Da allora, altri paesi hanno riconquistato il potere economico, militare e politico, proprio come gli Stati Uniti ha perso o ceduto alcuni dei suoi. In breve, altre nazioni, istituzioni finanziarie e società hanno assunto un ruolo più importante nella gestione dell’economia globale.

I mercati finanziari si sono quindi sviluppati così rapidamente e in modo così indipendente che né gli Stati Uniti né nessun altro stato potrebbero controllarli come avrebbero potuto nella seconda metà del 20° secolo. Il trading sul cosiddetto mercato secondario – dove i diritti sui beni e le garanzie sulle transazioni venivano comprati e venduti come se fossero merci stesse – è diventato così fluido e così astratto da creare la bolla scoppiata nel 2008. I cittadini di tutto il mondo hanno perso fiducia nelle loro istituzioni finanziarie e nei governi che pretendono di proteggerle.

Molti di questi stessi cittadini iniziarono ad abbracciare il nazionalismo sia politico che economico, ma, cosa importante, iniziarono a cercare sistemi alternativi che operassero parallelamente a quelli consolidati. Inserisci le criptovalute. La fattibilità delle criptovalute è ancora una questione aperta, ma il fatto che siano state accettate come sono state illustra una perdita di fiducia nelle istituzioni tradizionali.

Quindi oggi, con le catene di approvvigionamento interrotte, con le criptovalute che stanno prendendo piede e con il mondo non ancora completamente ripreso dalla crisi del 2008, i leader di tutto il mondo stanno lottando per escogitare un mix di politiche adeguato. Insieme al fatto che i governi di tutto il mondo stanno escogitando modi per rendere le loro economie nazionali più resilienti, questo cambia il modo in cui i governi usano la leva economica per perseguire i propri interessi.

Il problema che stanno attualmente affrontando sia i governi che le banche centrali sembra essere un problema di inadattamento. Se guardiamo solo all’inflazione, dovremmo sapere che le banche centrali considerano la cosiddetta “inflazione core” il motore della politica monetaria. L'”inflazione core” esclude i fattori a breve termine che possono influenzare i prezzi, il che significa che esclude i prezzi dell’energia e dei generi alimentari. L’idea è che la politica monetaria non può controllarli e le fluttuazioni dei prezzi verranno eventualmente corrette.

Ciò porta i responsabili politici a considerare l’inflazione “transitoria” quando i consumatori pagano prezzi più alti per cibo ed energia. I consumatori, da parte loro, non sono così ottimisti. In così tante parole, pensano che l’inflazione sarà più alta di quanto pensano gli economisti della banca centrale, ed entrambi partecipano e quindi influenzano il mercato, il tutto mentre anche le istituzioni finanziarie e le società piazzano le proprie scommesse, in base a come vedono i politici e i consumatori agire sul mercato. Il problema è che molte delle loro azioni sono divergenti poiché il divario tra i due si è ampliato nel tempo.

Questo è un punto complesso, anche se ovvio: la volontà politica di cooperare per risolvere i problemi finanziari – come è successo dopo la crisi finanziaria del 2008 – è stata messa in discussione da problemi socio-economici individuali, innescando un effetto domino in cui è cresciuto il nazionalismo politico ed economico, soprattutto in Europa .

La pandemia ha complicato ulteriormente le cose. Le autorità centrali sono sfidate dalla popolazione praticamente su tutto, dalle campagne di vaccinazione alle misure di blocco. Ha creato una sfida ambientale, resistenza e scetticismo. Ecco perché gli stati si sentono obbligati a fornire un senso di protezione o, in alcuni casi, protezionismo.

Il che ci porta alla questione in questione. Dai giorni inebrianti della globalizzazione inarrestabile negli anni ’90, gli investimenti diretti esteri sembravano essere il modo preferito dai paesi per sfruttare economicamente i propri interessi geopolitici. Più un paese era in grado di controllare i flussi di investimento e le destinazioni, più facile era per esso costruire legami politici con vari paesi e regioni. La Cina, ad esempio, ha utilizzato questa strategia con grande efficacia in Africa e in Europa.

Ma poiché la globalizzazione si sta attenuando ed entriamo in un’era di deglobalizzazione, i paesi devono prima imparare a comprendere meglio i loro mercati interni e poi, in base alle loro specifiche esigenze interne, perseguire i loro interessi a livello internazionale. In effetti, la Cina è stata in grado di capirlo e quindi controllare il proprio mercato interno meglio della maggior parte degli altri. (È molto più facile da fare nelle economie centralizzate e nelle non-democrazie.) Le sue tattiche a questo riguardo sono eloquenti. Non ha avuto fretta di porre fine al blocco in porti strategici come Tianjin, dove le misure sono terminate la scorsa settimana, e Ningbo, dove le misure sono ancora in vigore, e ha anche segnalato che potrebbe vietare le esportazioni di energia e risorse minerarie chiave. Il 26 gennaio, Cina e Corea del Sud hanno deciso di notificarsi reciprocamente se una delle due avesse vietato tali esportazioni. Ciò avviene dopo che la Cina ha interrotto le esportazioni di urea a novembre, creando un’interruzione della catena di approvvigionamento nel processo. Pechino lo ha fatto per assicurarsi il mercato interno,

Un altro modo per sfruttare la capacità economica per fini geopolitici è almeno influenzare, se non il controllo totale, il flusso di merci ed energia. Questa è la tattica preferita dalla Russia. Mosca ha impugnato quest’arma in modo aggressivo, ma solo quando poteva permetterselo. Gli alti prezzi del petrolio e del gas di solito coincidono con gli interventi militari all’estero, come in Afghanistan nel 1979-1980 e in Georgia nel 2008. Le voci abbondano secondo cui un calo dei prezzi del gas è stata l’unica cosa che ha risparmiato l’Ucraina da una piena invasione russa dopo che Mosca ha preso Crimea nel 2014. E mentre le forze russe si ammassano oggi al confine con l’Ucraina, è importante notare che l’alto prezzo dell’energia rende probabilmente la Russia a prova di sanzioni per il momento.

Più astrattamente, mentre i paesi navigano nella nuova economia globale, cercando di mantenere la loro gente felice mentre perseguono i propri interessi all’estero, devono avere una comprensione più solida dei mercati finanziari e del ruolo che svolgono in quei mercati. Le autorità centrali hanno l’impegnativo compito di monitorare praticamente tutta l’attività di mercato, pur essendo in grado di regolamentarne una parte preziosa. Giocare un ruolo più sistemico di solito si traduce nella capacità di un paese di trovare modi per raccogliere capitali a costi di finanziamento inferiori e quindi acquisire una maggiore capacità di incidere sui costi di finanziamento di altri paesi. Nell’attuale sistema finanziario, dove il mercato supera le politiche ei loro effetti, un compito del genere sta diventando ancora più difficile del solito.

Ciò che è chiaro è che con il cambiamento dell’economia globale, cambieranno anche le strategie del governo per la gestione dei mercati finanziari e delle materie prime. Ciò si tradurrà probabilmente in misure protezionistiche, ma poiché le catene di approvvigionamento sono così integrate e digitalizzate, il protezionismo sarà probabilmente coordinato almeno a livello regionale se non globale. Fino ad allora, dovremo tutti convivere con l’incertezza.

https://geopoliticalfutures.com/new-political-strategies-in-a-new-economic-order/?tpa=NjZmNmE2YjIzMjc2YTlmZWNmZWE3MDE2NDQ1MDcyODg3Zjg5ZGQ&utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_term=https://geopoliticalfutures.com/new-political-strategies-in-a-new-economic-order/?tpa=NjZmNmE2YjIzMjc2YTlmZWNmZWE3MDE2NDQ1MDcyODg3Zjg5ZGQ&utm_content&utm_campaign=PAID%20-%20Everything%20as%20it%27s%20published

Molecole della libertà per salvare l’Europa da se stessa, di americanenergyalliance

A cogliere lo spirito informatore dell’articolo in calce, gli Stati Uniti si propongono ancora una volta come i salvatori dell’Europa. Settanta anni fa dalla rivalità tra gli stati europei e dall’onta nazifascista; oggi più prosaicamente dalla penuria e dalla dipendenza energetica, in particolare di gas. In entrambe i casi “da se stessa”, dalle proprie colpe, dai propri errori. In politica, in particolare in geopolitica, anche i gesti più generosi serbano, il più delle volte nascondono sempre un aspetto utilitaristico. Stando alla lettera del titolo, l’articolista ha certamente ragione. Dubito che lo abbia nel merito di queste ragioni, se queste dovessero essere le ragioni dell’interesse dei paesi europei.

La precipitazione della crisi energetica, per altro non nuova negli ultimi cinquanta anni, è il frutto di diverse dinamiche che ormai si stanno accavallando ed intrecciando in un nodo gordiano inestricabile con “le buone maniere”.

  • da oltre dieci anni i paesi europei sono parte attiva di sanzioni sempre più pesanti nei confronti del loro principale fornitore energetico, la Russia, pagandone per altro il prezzo economico e politico più pesante. Non si comprende il motivo del disappunto nel momento in cui la Russia di Putin restituisca, per altro tardivamente, il favore con una parziale restrizione delle forniture energetiche e con la ricerca di nuovi partner economici della caratura di Cina e India;
  • da oltre venti anni tutti i paesi europei hanno alimentato l’estensione della NATO e della sua appendice dell’Unione Europea sino a ridosso della capitale russa fomentando guerre civili, disgregazione di stati (Jugoslavia), colpi di stato (Ucraina), spesso sostenendo personaggi, epigoni di fronde naziste talmente feroci da scandalizzare all’epoca gli stessi nazisti tedeschi. Alcuni paesi, in particolare la Germania, ne hanno tratto un qualche vantaggio economico e scarso vantaggio politico; altri ci hanno rimesso in tutti i sensi (Italia e Francia); altri ancora hanno soddisfatto la propria russofobia in cambio di una disgregazione sociale deprimente (Ucraina, Moldavia, Macedonia) agli antipodi delle aspettative vellicate dal mondo occidentale. Con la ciliegina sulla torta di una aperta discriminazione delle popolazioni russe rimaste intrappolate nell’implosione del blocco sovietico proprio nelle terre cosiddette paladine della difesa dei diritti umani. Il risultato è stato quello di spingere anche politicamente verso nuove sponde la classe dirigente russa attualmente dominante e la quasi totalità della popolazione;
  • da sempre l’Unione Europea, con la difesa dogmatica di un presunto virtuoso libero mercato, ha sempre più esposto la propria economia alla stagnazione, alla stasi tecnologica, alla dipendenza e subordinazione geoeconomica, alle oscillazioni nevrotiche di tipo speculativo. Nella fattispecie, il progressivo accantonamento della politica dei contratti di lunga durata richiesto dalla Russia in favore del mercato “hot spot” ha esposto ulteriormente l’Europa alle crisi speculative e alle incognite delle crisi geopolitiche e delle ritorsioni. Rimane, però, qualche dubbio sulla “oggettività” di quest’ultima dinamica. Un interrogativo, quindi, al quale dovrebbe rispondere il nostro governo, con a capo il campione dell’interesse nazionale di nome Mario Draghi: l’ENI, nostro pressoché monopolista importatore di gas, detiene ancora la maggior parte di contratti a lunga scadenza con prezzi fissati antecedenti all’esplosione di questo autunno. Gli aumenti registrati sono quindi ascrivibili in massima parte alle oscillazioni recenti o ad altri motivi? In mancanza di una risposta chiara ed esauriente saremo noi a cercarla altrove;
  • da circa cinquanta anni tutti i paesi europei hanno rinunciato ad una propria autonoma politica nel Mediterraneo allargato e in Medio Oriente, sacrificando in gran parte i propri successi in materia di individuazione e sfruttamento di giacimenti energetici a logiche geopolitiche ed economiche esterne. Da questo punto di vista l’ENI, pur resistendo, è stata una delle principali vittime di queste trame più impegnate ad alimentare le rivalità tra i polli (vedi Libia) che ad emanciparsi dal pollivendolo;
  • da circa dieci anni tutti i paesi europei raccolti nella UE, con l’Italia antesignana da cinquanta anni, sono stati artefici e vittime del proprio dogmatismo climatico-ambientalistico. Stanno spingendo verso una diffusione massiva e unilaterale tecnologie ancora premature, del quale non detengono nemmeno, in gran parte, le capacità tecnologiche ed industriali e affatto la disponibilità di materie prime; sacrificano così il principio saggio della diversificazione energetica di fonti e tecnologie e dei necessari tempi di transizione alla presunta superiorità morale di un diritto ed una regolamentazione del mercato avulsa dalla detenzione di un reale potere economico e politico; espongono così i paesi, in particolare quelli più accecati dal fervore catastrofista e per altro meno responsabili del degrado ambientale e del presunto degrado climatico, alle conseguenze nefaste del degrado territoriale locale, della speculazione finanziaria ed economica legata alle improvvise oscillazioni e ai tempi ristretti di transizione, della dipendenza geopolitica ed economica da materie prime, non solo più dagli idrocarburi.

Tutte dinamiche in mano a numerosi artefici, ma che in Europa hanno un solo determinante istigatore: i centri decisionali statunitensi, ben presenti ed influenti in tutti i campi di azione politica, economica e culturale dei paesi europei, a cominciare dalla NATO. Siamo proprio sicuri che gli stessi colossali incrementi di prezzo di gas e petrolio siano frutto esclusivo degli attriti più o meno alimentati ad arte con la Russia, quando invece interesse delle compagnie produttrici di gas e petrolio statunitense, sostenibile solo a prezzi particolarmente elevati?

E’ esattamente il non detto che informa l’articolo in calce. Sta di fatto che alle drammatizzazione dei rischi da dipendenza dai russi, corrisponderebbe una ulteriore dipendenza politica ed economica dei paesi europei dagli Stati Uniti e la possibilità da parte di questi ultimi di procrastinare la politica russofoba con minori vincoli economici che la annacquino. 

Il ceto politico e la classe dirigente italica, nella loro quasi totalità, sono i meno pervasi da questi salutari dubbi e i più pervasi da certezze codine. L’unica preoccupazione di tutte le forze politiche è attualmente quella di esprimere un Presidente della Repubblica che assecondi in ogni virgola le tentazioni americane, avventuriste e guerrafondaie, in Ucraina. Ricomporre immanente la diade di prostrazione all’ALLEATO è l’imperativo categorico

Persino la Croazia, paese presente con particolare discrezione in tutte le trame interventiste degli USA nel mondo, ha osato dichiarare esplicitamente il richiamo dei propri soldati dalla NATO in caso di conflitto in Ucraina.

I beoti italici ostentato una sicumera da stolti. Non hanno capito che i singoli paesi del pollaio europeo sono destinati ad essere sacrificati nel grande tavolo geopolitico presieduto da cinque/sei potenze in competizione. Se lo hanno compreso, sperano evidentemente di non essere loro i polli destinati al sacrificio o quantomeno di salvare dalla pentola qualche preziosa pentola. Sono purtroppo i primi ma non i soli in Europa.

Il loro orizzonte culturale non consente altro. Non tanto di uscire da un sistema di alleanze nefasto e controproducente, quanto nemmeno di approfittare di una condizione multipolare per contrattare una posizione più equilibrata e dignitosa nelle alleanze occidentali. Un idea di potenza e di autonomo interesse nazionale agli antipodi di un lirismo europeista sempre più cacofonico e grottesco nella sua impotenza e nel suo servilismo. “Arrivano i nostri”, ma senza nemmeno cioccolato e sigarette. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Molecole della libertà per salvare l’Europa da se stessa

Gli Stati Uniti sono diventati il ​​più grande esportatore di gas naturale liquefatto (GNL) nel dicembre 2021, superando Qatar e Australia, poiché i progetti hanno aumentato la produzione e le consegne sono aumentate in Europa per aiutare ad alleviare la crisi energetica lì. La produzione degli impianti di GNL degli Stati Uniti ha superato il Qatar a dicembre principalmente a causa dell’aumento delle esportazioni dagli impianti Sabine Pass e Freeport. Una rivoluzione del gas di scisto, insieme a decine di miliardi di dollari di investimenti in impianti di liquefazione, ha trasformato gli Stati Uniti da importatore netto di GNL a uno dei principali esportatori in meno di un decennio. La produzione di gas naturale negli Stati Uniti è aumentata di circa il  70% rispetto al 2010  dopo che una combinazione di perforazione orizzontale e fratturazione idraulica ha sbloccato le forniture dalle formazioni di scisto in tutto il paese.

Fonte: Bloomberg

Gli Stati Uniti hanno spedito il loro primo carico di GNL prodotto da gas di scisto nel 2016. Entro la fine del 2022, si prevede che gli Stati Uniti avranno la più grande capacità di esportazione del mondo. A quel punto, la capacità di produzione massima di GNL degli Stati Uniti raggiungerebbe i  13,9 miliardi di piedi cubi al giorno , superando di gran lunga sia l’Australia (11,4 miliardi di piedi cubi al giorno) che il Qatar (10,3 miliardi di piedi cubi al giorno). Ma, poiché ci vorrà del tempo prima che i nuovi progetti raggiungano la piena produzione, le esportazioni di GNL dagli Stati Uniti potrebbero essere inferiori alla capacità disponibile.

Fonte: VIA

Quando  Golden Pass LNG  sarà online nel 2024, che è attualmente in costruzione a Sabine Pass, in Texas, la capacità massima di esportazione di GNL degli Stati Uniti raggiungerà i  16,3 miliardi di piedi cubi al giorno , ovvero quasi il 20% dell’attuale fornitura di gas naturale degli Stati Uniti. Le autorità di regolamentazione federali hanno approvato altri 10 progetti di esportazione di GNL e ampliamenti di capacità nei terminal esistenti, tra cui Cameron, Freeport e Corpus Christi, per un totale di 25 miliardi di piedi cubi di nuova capacità. Il Qatar, tuttavia, sta pianificando un enorme progetto di esportazione di GNL che entrerà in vigore alla fine degli anni 2020, che potrebbe consolidare la nazione mediorientale come primo fornitore di carburante.

Gli Stati Uniti aiutano la crisi energetica dell’Europa

Le esportazioni di GNL degli Stati Uniti in Europa contribuiranno ad alleviare la crisi globale dell’offerta quest’inverno a causa delle scorte stagionali di gas naturale basse e della mancanza di risorse eoliche. Gli acquirenti d’oltremare hanno acquistato  il 13 per cento  della produzione di gas degli Stati Uniti a dicembre, un aumento di sette volte rispetto a cinque anni prima, quando la maggior parte delle infrastrutture necessarie per spedire il carburante non esisteva.

Alla fine di dicembre, il gas naturale nell’Europa nordoccidentale veniva scambiato a circa  $ 57,54 per milione di unità termiche britanniche, quasi un terzo in più rispetto alla settimana prima, ovvero circa $ 24 in più rispetto ai prezzi asiatici e oltre  14 volte in più  rispetto al gas naturale venduto negli Stati Uniti punto di riferimento Henry Hub.

Fonte: Bloomberg

Su 76 carichi di GNL statunitensi in transito,  10 navi cisterna  che trasportano un totale di 1,6 milioni di metri cubi di GNL hanno dichiarato destinazioni in Europa. Altre 20 petroliere che trasportano circa 3,3 milioni di metri cubi stanno attraversando l’Oceano Atlantico e sono in rotta verso il continente. Quasi un terzo dei carichi proviene dal terminal di esportazione Sabine Pass LNG di Cheniere Energy Inc. in Louisiana. La notizia della flottiglia ha fatto scendere il gas di riferimento olandese del mese anteriore del mese di Amsterdam del 18 per cento a  141 euro  (159 dollari) ad Amsterdam. I contratti di elettricità francesi sono diminuiti del 24% a 775 euro ($ 875) per megawattora e l’elettricità tedesca è scesa del 15% a 277 euro ($ 313) per megawattora. Mentre lo spread è diminuito, il gas naturale europeo è equivalente a un  prezzo di $ 273 per un barile di petrolio.

Fonte: ZeroHedge

Conclusione

I terminali di esportazione di GNL degli Stati Uniti stanno operando a capacità o superiore dopo aver raggiunto flussi record e hanno conquistato il primo posto nella classifica delle esportazioni di GNL il mese scorso, superando Qatar e Australia. Mentre l’Asia è in genere la destinazione principale per i carichi di GNL degli Stati Uniti, la crisi energetica dell’Europa quest’inverno causata da forniture insufficienti di gas naturale e scarse risorse eoliche e il suo premio significativo per il gas naturale ha portato a una flottiglia di navi cisterna con GNL statunitense diretti agli impianti europei. Mentre gli Stati Uniti hanno in linea una capacità aggiuntiva di GNL, si prevede che anche il Qatar aggiungerà nuova capacità entro la fine del decennio e potrebbe riprendersi la sua posizione di numero uno. Il successo dello shale gas nei mercati mondiali è una testimonianza dell’enorme ricchezza e competenza energetica delle persone dell’industria petrolifera e del gas statunitense che operano in un mercato libero.

https://www.americanenergyalliance.org/2022/01/freedom-molecules-to-save-europe-from-itself/

La globalizzazione dopo la pandemia, Di  Antonia Colibasanu

La globalizzazione dopo la pandemia

Due crisi economiche globali in meno di due decenni hanno infranto la fiducia nella struttura dell’economia globale.

Apri come PDF

Entriamo nel 2022 con la stessa speranza che avevamo all’inizio del 2021: che la pandemia finisca presto. Questa volta avremo ancora più vaccini e cure per il COVID-19. Ma abbiamo anche una nuova variante del virus e la quasi certezza che ce ne saranno altre. Comunque vada, qualcosa di profondo è successo all’umanità dall’inizio della pandemia. La malattia è sempre una minaccia per l’umanità, ma è una minaccia che ignoriamo la maggior parte del tempo. Ora che ciò non è possibile, siamo colpiti dall’incertezza, che a livello sociale si traduce in una generale mancanza di fiducia nel futuro.

In geopolitica, la fiducia conta. I leader agiscono in base a ciò che sanno o, più precisamente, a ciò che credono di sapere. La diminuzione della fiducia nell’economia, ad esempio, potrebbe modificare un’intera strategia nazionale. E ci sono molte ragioni per la scarsa fiducia nell’economia. La pandemia ha innescato una crisi energetica e della catena di approvvigionamento, carenza di manodopera e, in definitiva, inflazione, sconvolgendo la vita economica e sociale e aggravando la disuguaglianza all’interno e tra i paesi. Cosa più importante, ha accelerato il declino della globalizzazione in un momento in cui la cooperazione globale è più importante che mai.

Sondaggio mondiale Gallup | Indice di fiducia economica
(clicca per ingrandire)

Dal 2008 al 2022

La deglobalizzazione è iniziata nel 2008 con la crisi finanziaria globale e si è sviluppata lentamente negli oltre dieci anni successivi, fino a quando il COVID-19 non l’ha portata in tilt. La deglobalizzazione è un processo economico, ma soprattutto è guidato dalla crescente mancanza di fiducia nel sistema economico globale e nelle sue convinzioni a sostegno. Dopo il 2008, le persone hanno dubitato della convinzione che la globalizzazione potesse portare solo un cambiamento positivo nella vita delle persone e che l’interconnessione e l’interdipendenza fossero forze di stabilità. Segnò la fine del mondo post Guerra Fredda e l’inizio di una nuova era in cui lo stato-nazione era chiamato a proteggere la società dalle forze negative della globalizzazione. L’ascesa di movimenti nazionalisti e populisti ha annunciato questo cambiamento, insieme a indicazioni di un aumento del protezionismo in tutto il mondo. Brexit e Stati Uniti

Commercio internazionale e investimenti
(clicca per ingrandire)

Il 2021 ha visto una straordinaria ripresa economica dopo il crollo del 2020, ma l’impennata inaspettatamente grande del consumo globale ha innescato una crisi della catena di approvvigionamento ed è stata la causa principale della crisi energetica. Le restrizioni sui viaggi hanno privato l’industria navale di lavoratori a basso salario mentre i lavoratori esistenti nel settore, già sottoposti a forti pressioni, hanno lasciato il lavoro in gran numero. I costi di spedizione già elevati sono aumentati di quasi dieci volte rispetto al 2020. Queste interruzioni hanno prodotto scarsità, che ha fatto aumentare i prezzi per quasi tutto.

Tendenze dell'inflazione
(clicca per ingrandire)

Inflazione settoriale
(clicca per ingrandire)

Le interruzioni legate alla pandemia hanno anche indotto le aziende a rivalutare le proprie priorità e vulnerabilità. In una recente indagine dell’Istituto Ifo di Monaco di Baviera, in Germania, la potenza delle esportazioni europee, il 19% delle aziende manifatturiere ha dichiarato di voler reinsediare la produzione. Quasi due terzi di queste aziende hanno affermato che cercheranno fornitori tedeschi, mentre il resto ha affermato che cercherà di soddisfare le proprie esigenze internamente. Questo è un cambiamento importante per un’economia così dipendente dal commercio. Circa il 12% degli input totali utilizzati nei settori di esportazione della Germania (ad es. automobili, macchinari, apparecchiature elettriche, elettronica) viene importato da paesi a basso reddito come la Cina, altre parti dell’Asia oi Balcani. Il quadro è simile in altri paesi. E mentre questo sviluppo è guidato dalle imprese, i governi sono sicuri di adeguare anche le loro politiche,

Inflazione, automazione e implicazioni

Questi turni di produzione stanno accelerando il processo di deglobalizzazione. La pressione che aggiungono all’economia globale si farà sentire nel 2022.

Dalla fine degli anni ’80, le tendenze a favore della globalizzazione hanno contribuito a tenere a bada l’inflazione, poiché i produttori a basso costo hanno fornito input per le economie avanzate. Se la deglobalizzazione viene sostenuta, può portare a uno shock dal lato dell’offerta che aumenterà le già elevate pressioni inflazionistiche. Insieme al rallentamento dell’innovazione ea una forza lavoro limitata nel settore manifatturiero delle economie sviluppate, ciò potrebbe creare ulteriori carenze e persino, alla fine, una depressione.

Un potenziale rimedio sarebbe l’adozione accelerata dell’automazione. Nell’ambiente di bassi tassi di interesse che ha seguito la crisi finanziaria del 2008, il costo degli investimenti nei robot è diminuito, incoraggiando le aziende dei paesi ricchi ad automatizzare dove potevano e a ripristinare parte della produzione. La Germania è leader mondiale nell’adozione di robot, con 7,6 robot ogni 1.000 lavoratori, rispetto ai sei della Corea del Sud e poco più di quattro in Giappone. Gli Stati Uniti, invece, hanno solo 1,5 robot ogni 1.000 lavoratori. Non è chiaro se queste economie sviluppate abbiano attualmente livelli di automazione sufficientemente elevati da separarsi dai paesi a basso reddito. Inoltre, il lento tasso di adozione dal 2011 e l’adozione ineguale tra le economie sviluppate e in via di sviluppo è motivo di scetticismo. A lungo termine, tuttavia,

Un altro effetto della deglobalizzazione è che i mercati nazionali diventeranno meno vulnerabili agli shock esterni. Invece, saranno più suscettibili agli shock interni. E poiché le aziende accorciano le loro catene di approvvigionamento, aumenterà la loro esposizione alle interruzioni regionali.

Il nuovo paradigma

Dalla fine della seconda guerra mondiale, e soprattutto dal crollo dell’Unione Sovietica, gli Stati Uniti hanno guidato l’ascesa della globalizzazione. Integrazione tradotta in beni più economici per gli americani e per il mondo. L’outsourcing era visto come un vantaggio, non una minaccia, per la prosperità interna. Ma il 2008 ha infranto la fiducia del pubblico in quelle idee e la sicurezza economica è tornata a essere una priorità assoluta dei politici. La pandemia ha ulteriormente rafforzato questa tendenza, un amaro promemoria che il profitto non è nulla senza resilienza e robustezza.

Nel nuovo paradigma, le alleanze bilaterali soppianteranno quelle multilaterali, anche se queste perdurano. L’Unione europea, ad esempio, manterrà il suo principale vantaggio di ospitare il più grande mercato comune del mondo. Continuerà a sviluppare accordi commerciali strategici con paesi come il Giappone e, più recentemente, il Vietnam. Di fronte alla percepita aggressione cinese, gli Stati Uniti e l’UE continueranno a lavorare per stabilire accordi commerciali e di investimento in settori strategici come i semiconduttori e l’acciaio. Allo stesso tempo, le strutture di alleanza in evoluzione come il patto USA-Regno Unito-Australia noto come AUKUS (costruito sulla struttura di condivisione dell’intelligence Five Eyes che esiste dalla fine della seconda guerra mondiale) integreranno accordi commerciali come la Trans-Pacific Partnership , a cui il Regno Unito (e la Cina) stanno tentando di aderire.

La pandemia ha creato distorsioni (come l’inflazione) che evidenziano la necessità di un’azione collettiva globale. Il cambiamento climatico sta spingendo i leader delle economie avanzate a presentare piani ambiziosi per una finanza globale “verde”. La pressione interna per tenere a freno le aziende multinazionali, in particolare le big tech, ha aperto la strada a un accordo globale sulla tassazione minima sulle società alla fine dello scorso anno. Allo stesso tempo, le economie sviluppate si stanno allontanando ulteriormente dal resto del mondo e crescono le aspirazioni a ricostruire comunità politiche ed economiche dietro i confini nazionali. Una cosa è chiara: il 2022 sarà un anno di tensioni per l’economia globale.

https://geopoliticalfutures.com/globalization-after-the-pandemic/

1 2 3 4