NOTIZIE DAL MONDO A FERRO E FUOCO, DI Chima

NOTIZIE DAL MONDO A FERRO E FUOCO

Uno sguardo agli eventi in tutto il mondo in Africa, Stati Uniti, Medio Oriente, Asia centrale, Europa

12 MARZO

NOTIZIE RECENSITE:

  • Il caso del Sudafrica contro Israele davanti alla Corte internazionale di giustizia . In questo articolo fornirò una ragione plausibile per cui il giudice ugandese ha adottato una posizione più dura rispetto al giudice israeliano ad hoc.
  • La tragedia dell’Artsakh: l’adempimento della profezia di Evgenij Primakov
  • Il tango passivo-aggressivo del Kazakistan con la Federazione Russa. Polemica su un Centro di addestramento della Nato ad Almaty, mai esistito.
  • I media aziendali euro-americani pubblicano una versione riavviata della trama della “Banda dei Sei ucraina” con protagonista un doppelgänger di Max Schreck

#1. SEBUTINDE ALLA CORTE INTERNAZIONALE

Le organizzazioni panafricane e i singoli stati africani sono stati per lo più sommessi nelle loro reazioni ufficiali al comportamento atroce di Israele a Gaza, ma non è sempre stato così.

In effetti, negli anni ’60, ’70 e ’80, molti paesi africani – con il ricordo del giogo coloniale europeo ancora fresco – erano chiaramente in sintonia con i palestinesi, anche se molti di loro mantenevano contemporaneamente cordiali rapporti diplomatici con lo Stato israeliano.

Estratto da un ampio discorso pronunciato dal popolare leader militare del Burkina Faso, il capitano Thomas Sankara, all’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 4 ottobre 1984

Il sostegno vocale ai palestinesi in Africa raggiunse il suo massimo splendore negli anni ’70, quando alcuni paesi e diverse organizzazioni rivoluzionarie del continente strinsero legami con l’ Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) .

Lo stato israeliano ha investito molto in alcune parti dell’Africa sub-sahariana, costruendo infrastrutture critiche, concedendo borse di studio agli studenti per studiare nelle università israeliane, addestrando i servizi di sicurezza e le forze militari di paesi come il Tanganica , l’Uganda e l’ Impero d’Etiopia .

Nonostante gli sforzi concertati di Israele, i suoi calcolati atti di generosità non sono riusciti a cancellare dalle menti di molti africani l’inquietante somiglianza tra il trattamento riservato ai palestinesi e i capitoli più oscuri dell’oppressione coloniale europea sul continente.

Così, quando scoppiò la guerra dello Yom-Kippur nel 1973, quasi tutti i paesi africani ruppero prontamente le relazioni diplomatiche con Israele in solidarietà con l’Egitto, membro fondatore molto rispettato dell’Organizzazione dell’Unità Africana (1963-2002) , che allora era la più grande sostenitore della causa palestinese.

Idi Amin And Yasser Arafat

L’Uganda dichiarò il suo totale sostegno all’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) nel 1975. Nello stesso anno, Arafat fu testimone del volubile sovrano militare ugandese Idi Amin durante il suo matrimonio con la sua quinta moglie, Sarah Kyolaba.

Tuttavia, il fervore dell’ondata rivoluzionaria anticoloniale che ha sostenuto la causa palestinese in Africa si è rivelato fugace. Con il passare del tempo e il continente impantanato in un ciclo di colpi di stato militari, guerre civili e povertà, le questioni esterne, come il conflitto israelo-palestinese, sono scomparse dai radar. Solo gruppi radicali come ANC , SWAPO e simili sono rimasti fermi nel loro incrollabile sostegno ai palestinesi.

All’inizio degli anni ’90, molti paesi africani che avevano precedentemente interrotto i rapporti diplomatici con Israele durante la guerra dello Yom Kippur del 1973, li avevano ripristinati.

Con il ripristino delle relazioni diplomatiche, i paesi africani hanno ripreso la pratica di controbilanciare la loro amicizia con Israele con richieste esplicite affinché venga rispettato il diritto palestinese all’autodeterminazione.

Ad esempio, la Nigeria è stata uno dei paesi che ha stabilito relazioni diplomatiche con Israele nel 1960, ha interrotto tali legami nel 1973 in segno di solidarietà con l’Egitto, e poi ha ripristinato le relazioni nel 1992.


BARRA LATERALE: OPERAZIONE DI INTELLIGENZA ISRAELE-NIGERIA (1984)

Alla fine del 1973, solo quattro stati africani mantenevano ancora i loro legami con Israele. Gli altri avevano interrotto le relazioni diplomatiche con Tel Aviv in solidarietà con l’Egitto, che aveva combattuto Israele nella guerra dello Yom Kippur.

La Nigeria era tra la stragrande maggioranza degli stati africani che avevano interrotto i rapporti diplomatici con Israele. Ciononostante, la cooperazione tra i servizi di sicurezza nigeriani e israeliani è continuata senza ostacoli.

Umaru Dikko

Umaru Dikko è stato ministro del governo nazionale eletto di Shagari (1979-1983). Dopo il colpo di stato militare del dicembre 1983 che rovesciò il governo Shagari, fuggì nel Regno Unito. La giunta militare nigeriana post-colpo di stato lo ha accusato di aver rubato 1 miliardo di dollari e voleva che fosse rimpatriato per essere processato.

Nel giugno 1984, non c’erano relazioni diplomatiche tra Nigeria e Israele, ma ciò non impedì un’operazione congiunta del Mossad e dell’Organizzazione per la sicurezza nigeriana nella capitale britannica di Londra per rapire, sedare e trasportare segretamente un fuggitivo ex ministro del governo nigeriano. (Umaru Dikko) torna alla città di Lagos in una cassa di legno etichettata come “carico diplomatico”.

Per dettagli succosi, vedere la voce di Wikipedia su The Dikko Affair .


Le cordiali relazioni della Nigeria con Israele sono bilanciate dai suoi legami amichevoli con l’ OLP . La Nigeria riconobbe immediatamente lo Stato di Palestina dichiarato dall’OLP il 15 novembre 1988 e le ha consentito di istituire un’ambasciata a pieno titolo sul suolo nigeriano. Ciò avvenne quattro anni prima degli Accordi di Oslo (1993) che diedero vita all’inefficace Autorità Nazionale Palestinese .

Come accennato in precedenza, nel gennaio 1990, solo poche organizzazioni radicali nel continente conservavano ancora il sentimento rivoluzionario anticoloniale che caratterizzò il sostegno alla causa palestinese negli anni ’70. Il Congresso Nazionale Africano (ANC) era l’archetipo di tale organizzazione.

Durante il suo periodo come organizzazione di attivisti che combatteva il regime dell’apartheid sudafricano, l’ANC era un forte alleato dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) .

Da parte sua, negli anni ’70 Israele collaborò segretamente con il regime sudafricano dell’apartheid allo sviluppo di armi nucleari , nonostante il fatto che molti funzionari del regime dell’apartheid fossero antisemiti e simpatizzanti della Germania nazista durante la seconda guerra mondiale.

Nel suo annuario ufficiale del 1978 , un regime di apartheid riconoscente disse quanto segue riguardo al suo rapporto con Israele:

Israele e il Sudafrica hanno soprattutto una cosa in comune: entrambi si trovano in un mondo prevalentemente ostile, abitato da popoli oscuri.

Nonostante i dubbi espressi da alcuni ministri, il governo israeliano ha deciso di approfondire le sue relazioni diplomatiche, di intelligence e militari con lo stato dell’apartheid.

Nel 1981, Israele consegnò i suoi droni scout IAI alla SADF dell’apartheid per i test sul campo nel teatro angolano delle guerre di confine sudafricane (1966-1990) . L’anno successivo, gli israeliani schierarono i droni testati sul campo durante l’ invasione del Libano (1982-1985) . Israele ha inoltre concesso al regime dell’apartheid sudafricano una licenza di produzione per produrre una versione localizzata del missile balistico Jericho .

South Africa's prime minister John Vorster (second from right) is feted by Israel's prime minister Yitzhak Rabin (right) and Menachem Begin (left) and Moshe Dayan during his 1976 visit to Jerusalem. Photograph: Sa'ar Ya'acov

Balthazar Johannes Vorster (il secondo da destra) fu imprigionato in Sud Africa durante la seconda guerra mondiale per aver apertamente sostenuto la Germania nazista. Come primo ministro del Sud Africa dell’apartheid, visitò Israele nel 1976 e fu accolto dal primo ministro israeliano Menachem Begin (a sinistra) e dal generale in pensione Moshe Dayan (secondo da sinistra)

Nel gennaio 1989, era chiaro alle élite dominanti dell’Afrikaner Broederbond che allo stato sudafricano dell’apartheid non restava che poco tempo da vivere. Stanche di conflitti senza fine, isolamento diplomatico e sanzioni economiche imposte dalle Nazioni Unite, le élite al potere erano pronte a fare grandi concessioni.

Un mese prima, nel dicembre 1988, il regime dell’apartheid aveva accettato di ritirare le sue forze di occupazione dall’Angola e dalla Namibia come parte di un accordo per porre fine alle lunghe guerre di confine sudafricane . L’accordo conteneva anche disposizioni per l’indipendenza della Namibia da 75 anni di dominio sudafricano dell’apartheid.

Non tutti i membri della classe dirigente afrikaner olandese erano contenti delle concessioni fatte agli ex nemici. Il leader intransigente dell’apartheid Pieter Willem Botha – alias “Die Groot Krokodil” – ha tracciato una linea nella sabbia. Niente più concessioni. Il sistema discriminatorio dell’apartheid rimarrebbe in vigore e l’ANC rimarrebbe una “organizzazione terroristica” bandita .

Tuttavia, il dado era tratto e l’irritabile leader politico, noto ai suoi sostenitori come Die Groot Krokodil (Il Grande Coccodrillo), non avrebbe ostacolato la stragrande maggioranza della classe dirigente afrikaner olandese, che aveva già deciso negoziare la fine del sistema discriminatorio razziale che ha preso di mira la maggioranza nera e le minoranze non bianche del Sud Africa.

Il 14 agosto 1989 Pieter Botha fu estromesso dal potere e il suo subordinato più moderato, Frederick de Klerk, assunse la guida. Poco dopo, Federico revocò il divieto sulle organizzazioni politiche anti-apartheid, inclusa l’ANC. L’11 febbraio 1990 rilasciò il leader de facto dell’ANC, Nelson Mandela, detenuto.

Subito dopo il suo rilascio, Mandela fece un tour mondiale. Arrivò negli Stati Uniti d’America per affrontare una raffica di critiche per aver sostenuto Muammar al-Gaddafi, Fidel Castro, Yasser Arafat e la sua Organizzazione per la Liberazione della Palestina.

Mandela difese con aria di sfida l’alleanza dell’ANC con Gheddafi, Castro e Arafat durante una famosa intervista con il giornalista americano Ted Koppel, come riportato nel mio precedente articolo , a cui è possibile accedere cliccando sulla miniatura qui sotto:


NELSON MANDELA SULLA QUESTIONE PALESTINESE

·
21 OTTOBRE 2023
NELSON MANDELA SULLA QUESTIONE PALESTINESE
NOTA: Questo breve articolo è il prologo di un articolo più lungo che intendo scrivere in futuro sulla variegata reazione del continente africano al conflitto israelo-palestinese nel corso dei decenni. Oggi pubblico una versione ridotta di un’intervista di Nelson Mandela in cui si discute di varie questioni tra cui il conflitto israelo-palestinese. Per coloro che…
Leggi la storia completa

Quando l’ANC passò da organizzazione di attivisti dell’era dell’apartheid a partito al potere dello stato sudafricano post-apartheid emerso nel maggio 1994, il suo impegno per la liberazione dei palestinesi dal giogo israeliano divenne la politica ufficiale del governo.

Non sorprende quindi che il Sudafrica abbia deciso di portare Israele davanti alla Corte internazionale di giustizia l’11 gennaio 2024 per il comportamento atroce delle forze militari israeliane nella Striscia di Gaza.

La Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) non deve essere confusa con la Corte Penale Internazionale (ICC) .

La CPI è un’entità clownesca che è finita sotto l’influenza e il controllo dei successivi governi statunitensi, nessuno dei quali ne riconosce ufficialmente l’autorità. Infatti, il governo degli Stati Uniti è vincolato dall’American Service Members Protection Act (2002) usare la violenza, se necessario, per salvare qualsiasi personale militare americano o di paesi alleati detenuto dalla CPI non riconosciuta.

Per quanto riguarda il governo degli Stati Uniti, l’entità clownesca non riconosciuta (ICC) è semplicemente uno strumento per sottoporre i leader dei paesi nemici a procedimenti giudiziari farsa . Niente di più. Nei rari casi in cui i pubblici ministeri della CPI avevano fatto deboli tentativi di indagare sulle accuse di crimini di guerra contro soldati americani o israeliani, tali sforzi si sono rapidamente interrotti quando i funzionari del governo statunitense hanno lanciato minacce.

A differenza della Corte penale internazionale, la cui autorità non è riconosciuta da molti paesi in tutto il mondo, la Corte internazionale di giustizia ha giurisdizione indiscussa su tutti i paesi membri delle Nazioni Unite. Rispetto alla Corte penale internazionale, la Corte internazionale di giustizia è relativamente indipendente dalle influenze esterne.

L’interno della camera del tribunale dell’ICJ che mostra i diciassette giudici di fronte al team legale sudafricano (a sinistra) e al team legale israeliano (a destra). [Fonte foto: CraigMurray.Org.UK ]

Il caso di genocidio del Sudafrica contro Israele non è stato particolarmente difficile da sottoporre ai giudici della Corte Internazionale di Giustizia.

Non c’era bisogno di presentare davanti ai giudici quelle cupe fotografie che mostravano scene di massacri a Gaza che si estendevano per chilometri, in tutte le direzioni: le strade sterrate, le strade piene di crateri di bombe, interi quartieri rasi al suolo, le macerie di edifici residenziali polverizzati edifici, moschee, scuole, chiese e ospedali, migliaia e migliaia di corpi mutilati e mutilati di uomini, donne e bambini spazzati via dai proiettili israeliani, dai proiettili di artiglieria, dai missili guidati e dalle bombe aeree.

Tutto ciò che gli avvocati del Sud Africa dovevano fare era semplicemente presentare videoclip e trascrizioni scritte di politici, alti funzionari militari e altre persone influenti all’interno di Israele che strillavano sulla necessità di spazzare via i palestinesi dalla faccia della terra o di espellerli in massa dalla loro patria di Gaza. .

Esempi di filmati video e ritagli di notizie dannosi includono:

  • Isaac Herzog, il cerimoniale presidente di Israele, giustifica il massacro degli abitanti di Gaza suggerendo che i civili non sono innocenti, come mostrato di seguito:
  • Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant, in uno sproloquio disumanizzante, riferendosi ai palestinesi di Gaza come “animali umani” a cui verranno negati cibo, acqua, elettricità e altre necessità di vita. Video qui sotto:
  • David Azoulai, capo del Consiglio locale di Metula in Israele, afferma che Gaza dovrebbe essere rasa al suolo e trasformata in un edificio simile al Museo di Auschwitz :
  • La politica israeliana ed ex funzionario governativo, Ayelet Shaked, afferma che Gaza dovrebbe essere distrutta e la sua popolazione nativa espulsa. Video qui sotto:
  • Quindi lo stesso Grande Capo, il Primo Ministro Benjamin Netanyahu, tiene un discorso paragonando le sue intenzioni nei confronti dei palestinesi di Gaza al massacro di uomini, donne, bambini e animali del popolo Amalek dell’era biblica. Montaggio video della retorica genocida di vari personaggi pubblici:

Il collegio della Corte Internazionale di Giustizia, composto da quindici giudici ordinari e due giudici ad hoc provenienti dal Sud Africa e da Israele, ha avuto l’opportunità di vedere alcuni di quei video e ritagli di notizie di funzionari israeliani che si autoincriminavano sfacciatamente.

Tuttavia, inizialmente si temeva che i giudici di alcuni paesi – Germania, Stati Uniti, Francia, Australia, Belgio, Giappone – sarebbero stati influenzati dalla posizione filo-israeliana dei governi dei loro paesi d’origine.

Questo timore è stato espresso da Craig Murray, un diplomatico diventato giornalista, che ha fornito un eccellente resoconto del primo giorno di udienze presso l’ICJ , durante il quale il Sudafrica ha presentato il caso di genocidio contro Israele.

Nel suo rapporto, Craig ha espresso il timore che i giudici americani, tedeschi e ugandesi possano essere influenzati dai loro governi nazionali a pronunciarsi a favore di Israele.

Non ero d’accordo con lui nel caso dell’Uganda. Come molti scrittori nello spazio dei media alternativi, Craig sospetta che l’amicizia di un paese africano con Israele e gli Stati Uniti possa essere un segno di sottomissione a Tel Aviv e Washington DC. Nel mio precedente articolo intitolato  ECOWAS: A Primer  , ho sfatato questo tipo di presupposto semplicistico.

Dopo aver letto l’altrimenti eccellente rapporto di Craig Murray sulla giornata del Sud Africa all’ICJ , ho scritto il seguente commento per confutare l’affermazione secondo cui l’Uganda era sotto il controllo di israeliani e americani :

Ho commesso un evidente errore tipografico nella mia risposta sopra. Il giudice ugandese è una donna, non un uomo. Ma la cosa importante da notare è che anche i paesi africani con buoni rapporti con gli Stati Uniti e Israele, come l’Uganda e la Nigeria, hanno espresso inequivocabilmente il loro sostegno al caso di genocidio del Sud Africa presso l’ICJ.

Dopo aver ascoltato i team legali sia sudafricani che israeliani, i giudici dell’ICJ hanno emesso una sentenza venerdì 26 gennaio 2024. L’ICJ ha affermato che esisteva un caso plausibile di genocidio contro Israele, ma ha rifiutato di accogliere la preghiera del Sud Africa affinché Israele cessasse ogni attività militari nella Striscia di Gaza. Invece, la corte ha ordinato a Israele di osservare sei misure provvisorie che presumibilmente avrebbero protetto i palestinesi di Gaza dal genocidio.

Le sei misure provvisorie ordinate dalla ICJ sono parafrasate come segue:

  1. Israele deve, in conformità con il diritto internazionale, prevenire il genocidio e desistere dall’uccidere, ferire, distruggere vite umane e impedire le nascite di palestinesi nella Striscia di Gaza
  2. Israele garantirà con effetto immediato che le sue forze armate non commettano gli atti descritti al punto 1 sopra
  3. Israele agirà per prevenire e punire l’incitamento pubblico e diretto a commettere un genocidio nei confronti dei membri del gruppo palestinese nella Striscia di Gaza.
  4. Israele adotterà misure immediate ed efficaci per fornire i servizi di base urgentemente necessari e l’assistenza umanitaria per affrontare le condizioni di vita avverse affrontate dai palestinesi nella Striscia di Gaza.
  5. Israele agirà per prevenire la distruzione e garantire la conservazione delle prove relative alle accuse di genocidio contro i palestinesi a Gaza
  6. Israele presenterà un rapporto all’ICJ sulle azioni intraprese per conformarsi alle misure provvisorie entro un mese dalla sentenza della corte

Le sei misure provvisorie non sono state affatto il prodotto di una decisione unanime di tutti i diciassette giudici. Quindici giudici si sono pronunciati a favore di tutte e sei le misure imposte a Israele, mentre due giudici hanno dissentito su tutte o sulla maggior parte di esse.

Contrariamente alle aspettative di Craig Murray e di altri opinionisti dei media alternativi, i giudici della Corte internazionale di giustizia provenienti da Germania, Stati Uniti, Francia, Australia, Belgio e Giappone non hanno seguito la linea filo-sionista dei loro governi nazionali. Si sono pronunciati tutti a favore delle sei misure.

Non ne sono del tutto certo, ma è possibile che il giudice francese Ronny Abraham, che si è pronunciato a favore di tutte le misure, abbia origini ebraiche Mizrahi.

Nessuno è rimasto particolarmente sorpreso nel vedere che i giudici di Somalia, Slovacchia, Russia, Cina, Sudafrica, Brasile, Libano, Giamaica e Marocco si sono pronunciati a favore di tutte e sei le misure provvisorie.

Allo stesso modo, nessuno è rimasto scioccato dal fatto che il giudice della Corte Suprema israeliana Aharon Barak – seduto al banco della CIG su base ad hoc – si sia pronunciato contro la maggior parte delle misure provvisorie ordinate dalla Corte. Tuttavia, la sua coscienza è stata sufficientemente pungolata da costringerlo ad andare contro la volontà del team legale israeliano e a votare a favore di due delle sei misure.

Ha appoggiato la sentenza maggioritaria della CIG che stabiliva che il suo Paese (Israele) doveva agire per prevenire e punire l’incitamento diretto e pubblico a commettere genocidio contro i palestinesi. Ha inoltre appoggiato un’altra misura provvisoria che ordinava a Israele di adottare misure immediate ed efficaci per fornire servizi di base e assistenza umanitaria urgentemente necessari ai palestinesi assediati a Gaza.

Julia Sebutinde è stata la prima donna africana a far parte della Corte internazionale di giustizia. Contrariamente a quanto molti pensano, è sempre stata in contrasto con il suo governo di origine, l’Uganda.
Il giudice ugandese, Julia Sebutinde, è stata ferma nel suo dissenso, respingendo tutte e sei le misure provvisorie, comprese le due misure sostenute dal giudice israeliano.Nel suo dissenso scritto ha affermato che la disputa tra lo Stato di Israele e il popolo palestinese è essenzialmente e storicamente una questione politica. Non si tratta di una controversia legale suscettibile di essere risolta dalla Corte. Ha inoltre affermato che il Sudafrica non ha dimostrato che le azioni di Israele sono state commesse con intento genocida. In altre parole, ha sostenuto che il comportamento di Israele a Gaza non rientra nell’ambito della Convenzione ONU sul genocidio.Ovviamente, tutto ciò che ha detto non ha senso, e non spiega perché non abbia potuto, almeno, sostenere le due misure appoggiate dal giudice israeliano Aharon Barak.Il giudice Julia Sebutinde non ha argomenti giuridici genuini per sostenere il suo rifiuto di un ordine che chiede a Israele di prevenire e punire l’incitamento al genocidio spinto ogni giorno da ministri del governo israeliano, alti ufficiali militari e altri politici potenti. Non ha argomenti legali per giustificare la sua decisione contro l’ordine che Israele faciliti la fornitura di aiuti umanitari ai palestinesi affamati di Gaza.

Ma, a mio modesto parere, potrebbe avere argomenti escatologici inespressi per respingere tutte e sei le misure. Per ovvie ragioni, non avrebbe mai addotto argomenti religiosi davanti a una corte dichiaratamente laica per spiegare il suo dissenso. Quindi, è stata costretta a trovare argomenti secolari deboli e inventati per nascondere le sue vere ragioni per decidere nel modo in cui ha deciso.

Muslims and Christians in Africa
Map showing the distribution of Islam (green colour) and Christianity (blue colour) in the continent of Africa. As shown in the map, Islam is strongest in North and West Africa while Christianity is strongest in East, Central and Southern Africa (Source: Pew Research on Religion)

La prima cosa da capire è che la religione in più rapida crescita nel continente africano è quella di stampo americano. Pentecostal Christianity, che pongono una forte enfasi su guarigione miracolosa, parlare in lingua, teologia della prosperità, e il sostegno fanatico a Israele.

Gli americani che leggono il mio blog probabilmente conoscono i predicatori pentecostali come Benny Hinn, Jimmy Swaggart e Oral Roberts. I miei lettori tedeschi possono conoscere (o meno) il predicatore pentecostale tedesco, Reinhard Bonnke,

che è stato molto popolare in molti Paesi africani, tra cui la Nigeria, dove ha tenuto diversi raduni cristiani revivalistici grandi come stadi, con migliaia di aderenti al Pentecostalismo.

Per ovvi motivi, non mi aspetto che i non africani che leggono questo blog conoscano molti predicatori pentecostali nigeriani, come ad esempio Enoch AdebayoBenson IdahosaAyo OritsejaforTemitope Balogun Joshua e Mike Okonkwo—che ha costruito chiese pentecostali con milioni di fedeli sia in Nigeria che in altri Paesi africani.

Quando dico che il pentecostalismo è la fede religiosa in più rapida crescita nel continente, in realtà intendo dire che molti africani cresciuti nelle fedi cattolica, metodista e anglicana, molto più antiche, stanno disertando i predicatori che enfatizzano il “parlare in lingue” e la “guarigione miracolosa delle malattie attraverso le preghiere”.

Quando sento i media aziendali euro-americani affermare che in Africa c’è una competizione tra Islam e Cristianesimo per accaparrarsi i fedeli, mi viene da ridere per queste sciocchezze da ignoranti.

In realtà, è molto improbabile che i musulmani che seguono i principi del Corano li abbandonino a favore degli insegnamenti biblici e del cristianesimo. Allo stesso modo, è relativamente raro che un africano cresciuto nella fede cristiana cerchi improvvisamente di convertirsi all’Islam. In realtà, è comune che i cristiani passino da una denominazione cristiana all’altra. L’Islam non ha nulla a che fare con questo.

Dalla fine degli anni ’80, è diventato sempre più comune per i cristiani africani cresciuti come anglicani e metodisti (e, in misura minore, cattolici) disertare il Pentecostalismo.

Da adolescente cresciuto nella Nigeria orientale, fortemente cattolica, durante gli anni ’90, sono stato personalmente testimone della crescita e della proliferazione di chiese pentecostali in tutta la regione. Queste chiese pentecostali sembravano spuntare dappertutto, facendo massicce incursioni che hanno causato alla Chiesa anglicana pesanti perdite di fedeli. L’impatto sulla Chiesa cattolica è stato relativamente moderato, ma comunque evidente.

La Chiesa cattolica è stata sufficientemente allarmata dalle conquiste del pentecostalismo in Africa da organizzare una conferenza a Roma per discutere la questione il 22 marzo 2017. La conferenza di Roma è stata presieduta principalmente da ecclesiastici cattolici provenienti dalla Nigeria.

Reinhard Bonnke
Reinhard Bonnke, tedesco di nascita, era molto popolare in Nigeria e in altri Paesi africani. I suoi raduni pentecostali nei Paesi africani riempivano interi stadi di persone. È morto il 7 dicembre 2019 all’età di 79 anni.
Per contestualizzare le cose, ad oggi ci sono circa 609 milioni di cristiani africani contro 581 milioni di musulmani africani.Circa 238 milioni di africani aderiscono specificamente al cristianesimo pentecostale in tutte le sue forme. Si tratta di circa il 39% dei cristiani in Africa e del 17% dell’intera popolazione del continente, che conta 1,4 miliardi di persone.Tre decenni fa, i fedeli africani del pentecostalismo erano meno del 5% della popolazione totale del continente.
Inside the fastest growing religious movement on earth | Magazine Features | Premier Christianity
Aderenti africani al pentecostalismo che offrono preghiere
È molto probabile che il giudice Julia Sebutinde della Corte internazionale di giustizia sia un’adepta della variante africana del cristianesimo pentecostale, che tende a essere più fanaticamente filo-sionista della versione originale americana.Quando il fermo rifiuto della Sebutinde di tutte e sei le misure provvisorie della Corte internazionale di giustizia è diventato di dominio pubblico, i soliti sprovveduti dei media alternativi hanno iniziato a spacciare affermazioni secondo cui il governo ugandese avrebbe influenzato le azioni del giudice.

Il commentatore francese con sede in Cina, Arnaud Bertrand, è giunto immediatamente alla solita conclusione, frutto di supposizioni ignoranti. Ha pensato che i legami amichevoli dell’Uganda con Israele avrebbero potuto costringere il governo Museveni a dare segretamente istruzioni al giudice Julia Sebutinde di pronunciarsi contro la petizione sudafricana.

Sorprendentemente, Arnaud non era curioso di sapere perché i giudici della Corte internazionale di giustizia degli Stati Uniti, della Germania, della Francia e dell’Australia non fossero stati influenzati dalla stridente posizione filo-sionista dei loro governi nazionali. Non si è nemmeno preoccupato di apprendere che Paesi africani amici di Israele – come Uganda e Nigeria – hanno pubblicamente sostenuto il caso di genocidio del Sudafrica presso la CIG.

Naturalmente, le affermazioni insensate di Arnaud Bertrand e di molti altri media alternativi sono state smentite quando l’ambasciatore dell’Uganda alle Nazioni Unite, Adonia Ayebare, ha dissociato il suo Paese dalla sentenza del giudice Julia Sebutinde in una serie di dichiarazioni pubblicate su Twitter.

Di seguito ho pubblicato il tweet più rilevante:

L’ambasciatore Adonia Ayebare ha spiegato che l’Uganda è solidale con la situazione del popolo palestinese. Ha inoltre spiegato che Sebutinde ha una storia di sentenze che non sono in accordo con la posizione del governo ugandese. Ha ricordato che nel 2022, Sebutinde si era pronunciato contro l’Uganda in un caso portato davanti alla CIG dalla Repubblica Democratica del Congo (RDC).

La RDC si lamentava del fatto che la Forza di Difesa del Popolo Ugandese (UPDF) avesse violato la sua sovranità entrando nel suo territorio per partecipare alla Seconda Guerra del Congo (1998-2003). Quella particolare guerra coinvolgeva gli eserciti governativi di nove Paesi africani e un assortimento di gruppi ribelli provenienti da vari Stati africani.

Il giudice Sebutinde si era unito ad altri giudici della Corte internazionale di giustizia nel pronunciarsi a favore della RDC. Ha ordinato al suo Paese (l’Uganda) di pagare 325 milioni di dollari di risarcimento al governo della RDC per essere stato coinvolto nella guerra civile congolese.

Tra un massacro e l’altro di palestinesi, i soldati dell’occupazione israeliana trovano il tempo di scherzare tra le rovine delle case distrutte di Gaza.
Avendo stabilito che la decisione del giudice Julia Sebutinde non è stata influenzata dal governo ugandese, ci rimane il motivo religioso.Il sionismo fanatico è una caratteristica fondamentale del pentecostalismo, soprattutto della sua variante africana. Se Sebutinde è un’adepta del cristianesimo pentecostale, allora è scontato che la sua fede religiosa influenzi le sue decisioni giudiziarie nei confronti di Israele.I cristiani pentecostali credono che lo Stato di Israele, creato nel 1948, sia una continuazione dell’Israele biblico citato nelle Sacre Scritture cristiane. Secondo la teologia pentecostale del rapimento, il sostegno a Israele è un dovere religioso obbligatorio, necessario per il compimento del “rapimento finale” e della “seconda venuta di Gesù Cristo”.

In quanto aderente al pentecostalismo, Julia Sebutinde sarebbe più estrema nel suo sostegno al sionismo rispetto ai politici israeliani ebrei laici che hanno posizioni agnostiche o atee, come Benny Gantz, Ehud Barak, Yair Lapid e Isaac Herzog.

Oserei dire che probabilmente è più estremista di Benjamin Netanyahu, che non è motivato da un sentito zelo religioso, ma piuttosto da un istinto di sopravvivenza per prolungare il suo mandato di Primo Ministro e schivare le indagini penali che si riaprirebbero una volta che non sarà più alla guida del governo israeliano.

Per i lettori che erano perplessi sul perché il giudice israeliano ad hoc della Corte internazionale di giustizia mostrasse più simpatia per i palestinesi di Julia Sebutinde, spero di aver fornito una ragione plausibile.

Ma nel caso in cui abbiate difficoltà a capire tutto questo, permettetemi di scendere a un livello pedante. In quanto ebreo laico, forse addirittura ateo/agnostico, il giudice Aharon Barak non ha lo zelo religioso fanatico di un pentecostale che crede nella teologia del rapimento. Non pensa che sostenere il regime di Netanyahu sia un suo dovere religioso.

In quanto ebreo ashkenazita liberale, il giudice Aharon Barak – pur essendo un fervente sionista – potrebbe persino essere leggermente imbarazzato dai discorsi genocidi e squilibrati di politici delinquenti come Itamar Ben-Gvir e Bezalel Smotrich. Non sorprende quindi che il giudice israeliano abbia prontamente accettato due misure della Corte internazionale di giustizia che vietano ai funzionari pubblici israeliani di incitare al genocidio contro i palestinesi e ordinano al governo Netanyahu di rimuovere tutti gli ostacoli che impediscono al cibo e ad altri beni di prima necessità di raggiungere gli abitanti assediati della Striscia di Gaza.

Al contrario, il sionismo cristiano fanatico professato dai credenti pentecostali chiede che il destino degli “indesiderabili palestinesi” sia lasciato nelle mani del governo israeliano, che è visto come un moderno rappresentante del “popolo eletto da Dio”.

I seguaci del pentecostalismo, in particolare della sua variante africana, non si spaventano quando Netanyahu insinua che potrebbe sottoporre i palestinesi di Gaza a una rievocazione del genocidio di epoca biblica del popolo di Amalek. Dopo tutto, se Dio ha tollerato il genocidio originale che ha spazzato via uomini, donne e bambini di Amalek, non c’è motivo per cui il regime di Netanyahu – l’attuale rappresentante del “popolo eletto da Dio” – non dovrebbe avere un lasciapassare.

Secondo la stessa logica, non c’è motivo per il giudice Julia Sebutinde di sostenere una sentenza della Corte internazionale di giustizia che ordini ai rappresentanti del “popolo eletto” di desistere da ulteriori incitamenti al genocidio contro i palestinesi. Allo stesso modo non c’è motivo di sostenere la sentenza della Corte internazionale di giustizia che ordina a Israele di eliminare tutti gli impedimenti alla fornitura di cibo e di altri beni di prima necessità ai palestinesi che muoiono di fame.

Fortunatamente, la stragrande maggioranza dei giudici della Corte internazionale di giustizia non è composta da fanatici religiosi. Quindi, le sei misure provvisorie della Corte internazionale di giustizia sono vincolanti per Israele.

Purtroppo, con l’appoggio dei governi dell’Occidente collettivo, in particolare degli Stati Uniti, Israele ha ignorato gli ordini della Corte internazionale di giustizia. Le forze militari israeliane continuano a radere al suolo interi quartieri e a massacrare i palestinesi. La consegna di cibo e di altri servizi di base ai palestinesi affamati di Gaza è deliberatamente ostacolata dal regime di Netanyahu. Personaggi politici israeliani continuano a tenere discorsi pubblici che invocano la pulizia etnica e il genocidio dei palestinesi.

Dopo la sentenza della Corte internazionale di giustizia del 26 gennaio 2024, l’alto funzionario dei servizi segreti del Mossad, Rami Igra, è apparso alla TV israeliana per giustificare il massacro dei palestinesi di Gaza, sostenendo che tutti loro sono responsabili delle azioni di Hamas:

Abbiamo anche una legislatrice israeliana mentalmente squilibrata ed ex funzionario governativo, May Golan – autoproclamatasi “razzista” – che descrive il suo orgoglio per la distruzione di Gaza e dei suoi abitanti in un discorso al Parlamento israeliano:

Recentemente, l’8 marzo 2024, un influente rabbino israeliano della città di Jaffa ha dichiarato apertamente che il genocidio di tutti i palestinesi è “permesso dall’ebraismo”. Egli afferma che i bambini palestinesi non dovrebbero essere risparmiati perché cresceranno per combattere Israele, un sentimento comune espresso da molti personaggi pubblici israeliani della linea dura. Vediamo ora le spiegazioni del rabbino Eliyahu Mali:

  • Dato che il regime di Netanyahu non ha rispettato nessuna delle sei misure provvisorie, il Sudafrica è tornato alla Corte internazionale di giustizia con un’altra denuncia contro Israele. Questa volta, molti Paesi dell’Africa, dell’Asia, dell’America Latina e persino due nazioni europee si sono rivolti al banco della CIG a sostegno del caso del Sudafrica.Ad eccezione di Belgio, Spagna e Norvegia, l’Occidente collettivo sostiene Israele nel suo pogrom contro gli abitanti palestinesi della Striscia di Gaza.In molti Paesi europei e nordamericani, ampie fasce della popolazione stanno organizzando manifestazioni di protesta contro lo spettacolo dell’orrore che si sta svolgendo a Gaza da cinque mesi. I governi filo-sionisti al comando di questi Paesi stanno facendo il possibile per incoraggiare la polizia locale a reprimere le manifestazioni con il pretesto di combattere l'”antisemitismo pro-Hamas”.

    Osservando i funzionari dei governi europei e nordamericani discutere di Hamas nei mass media, ci si potrebbe ingannare:

    Che l’oppressione dei palestinesi da parte dello Stato di Israele non esistesse da decenni prima della creazione di Hamas.

    che l’estrema crudeltà di Israele nei territori palestinesi occupati non avesse creato le condizioni per l’irruzione della militanza islamista sulla scena

    che lo stesso Stato israeliano non aveva inizialmente nutrito Hamas as an Islamist counterweight to secular-minded Palestinian nationalist groups

I governi dell’Occidente collettivo sono così impegnati nel tentativo di reprimere il dissenso antisionista all’interno delle loro nazioni che non riescono a riconoscere il disgusto universale con cui il resto del mondo vede la loro complicità nei massacri israeliani di migliaia di palestinesi, molti dei quali sono bambini, e nella continua morte per fame di milioni di persone nella Striscia di Gaza assediata.

La repulsione internazionale per l’atteggiamento insensibile dell’Occidente collettivo nei confronti dei palestinesi che soffrono da tempo ha distrutto ogni superstite vestigia di moralità rivendicata dai sedicenti “Guardiani globali della democrazia”.

In effetti, il disgusto universale verso l’ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti – che ha protetto Israele dalle responsabilità e ne ha facilitato l’impunità per diversi decenni – sta già accelerando il passaggio al nuovo mondo multipolare immaginato da Cina e Russia.

Se prima il resto del mondo non era disposto a prendere sul serio le lacrime di coccodrillo versate dall’iper-ipocrita Occidente collettivo per l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, ora si limiterà a ridere quando la questione verrà riproposta. Il numero di civili ucraini uccisi accidentalmente nella guerra russo-ucraina è solo una frazione dei numerosi civili palestinesi deliberatamente presi di mira dalle truppe israeliane a Gaza.

Il disgusto provato dal resto del mondo nei confronti dell’Occidente collettivo è esemplificato dal video dell’ottobre 2023 dell’ambasciatore pakistano alle Nazioni Unite Munir Akram che rimprovera l’ambasciatore canadese per aver sostenuto ciecamente la carneficina di Israele a Gaza con il pretesto di combattere Hamas:

Si tenga presente che quando il video è stato registrato, il 29 ottobre 2023, gli israeliani avevano ucciso solo 7.000 palestinesi (metà dei quali erano bambini) con 17.000 feriti. Da allora il bilancio delle vittime è salito a 30.035 morti (di cui 12.300 bambini). Israele ha anche deliberatamente preso di mira e ucciso operatori umanitari palestinesi, personale medico e giornalisti a Gaza.

Un breve estratto di un tweet molto più lungo postato su Twitter dal presidente della Namibia Hage Geingob (ora deceduto) che esprime il suo disgusto nei confronti della Germania per il sostegno cieco al comportamento atroce di Israele
I media aziendali euro-americani hanno cercato di riciclare le menzogne dello Stato israeliano che “combatte solo i militanti di Hamas che usano i civili come scudi umani”. Purtroppo per i media e per Israele, l’avvento di Internet ha reso possibile la condivisione indipendente di immagini e video delle atrocità israeliane in tutto il mondo, quasi in tempo reale.Nessuna propaganda può far sì che il mondo non veda quelle immagini e quei video. Nessuna menzogna può oscurare i filmati di politici squilibrati, personalità dei media, funzionari della sicurezza e alti ufficiali dell’esercito israeliano che parlano apertamente della loro intenzione di massacrare i palestinesi finché non ne rimarrà nessuno.Nessuno con un briciolo di buon senso crede che l’invasione israeliana della Striscia di Gaza serva solo a sradicare Hamas, come sostengono con insincerità i governi filo-sionisti dell’Occidente collettivo e i loro alleati nei media aziendali euro-americani.

A lungo termine, la salvezza per il popolo palestinese arriverà quando il continuo declino dell’Occidente collettivo avrà raggiunto il livello in cui non sarà più in grado di fornire a Israele il denaro e le armi necessarie per sostenere il funzionamento della Macchina della morte sionista. A quel punto, Israele non avrà altra scelta che negoziare una pace giusta con i palestinesi.

Un buon punto di partenza per negoziati autentici sarebbe l’Iniziativa di pace araba del 2002, che ha offerto a Israele la normalizzazione delle relazioni con il mondo arabo in cambio della fine dell’occupazione illegale dei territori palestinesi (confini del 1967), delle Fattorie di Shebaa in Libano e delle Alture del Golan in Siria.

Sarebbe negligente da parte mia terminare la Sezione 1 di questo articolo in più parti senza pubblicare un video storico della Gerusalemme ottomana del 1896, che mostra ebrei Mizrahi, musulmani e cristiani che vivono fianco a fianco in pace, molto prima che l’Impero britannico e i coloni sionisti europei sconvolgessero la situazione:

Ho postato questo video nella speranza che sfatasse le menzogne diffuse dagli influencer dei media sionisti americani – come Ben Shapiro, che blatera, David Reaboi, che si imbottisce di steroidi, e Dave Rubin, che parla senza peli sulla lingua – che vendono il mito dell’odio secolare dei musulmani nei confronti degli ebrei agli americani conservatori che non conoscono il mondo al di fuori dei confini degli Stati Uniti e ignorano il Medio Oriente e la storia del conflitto israelo-palestinese, che dura da 76 anni.

Influencer della destra americana che confondono le manifestazioni di piazza contro le atrocità israeliane a Gaza con le guerre culturali statunitensi, che non sono di alcun interesse per il mondo al di fuori dell’Occidente collettivo.
Certo, ci sono conservatori americani come Darryl Cooper, Tucker Carlson e Candace Owens che hanno espresso dubbi su Israele, ma influencer sionisti come Ben Shapiro hanno ancora un vasto pubblico di destra fedele.La propaganda di Shapiro è facilitata dalle guerre culturali statunitensi, che permettono di dipingere il sostegno ai palestinesi come una “causa di sinistra”, dal momento che molti sostenitori autoproclamati della causa palestinese negli Stati Uniti sono liberali che sventolano bandiere palestinesi e al tempo stesso sputano spazzatura razzista sulla “supremazia bianca”, quando molti dei funzionari pubblici israeliani più estremisti sono ebrei Mizrahi originari del Medio Oriente.Itamar Ben-Gvir, Ayelet Shaked e Amihai Eliyahu, tutti di origine ebraica irachena, sono esempi notevoli di tali estremisti.

Le scritte razziste sui cartelli di protesta a Londra rendono facile per i sostenitori pro-Israele nel Regno Unito e negli Stati Uniti associare le proteste di strada contro le atrocità israeliane a Gaza con le guerre culturali statunitensi che si diffondono a macchia d’olio in altre parti dell’Occidente collettivo.
In realtà, ci sono diverse formazioni dell’esercito israeliano che sono dominate da ebrei Mizrahi. La famigerata Brigata Golani, responsabile dell’uccisione di moltissimi palestinesi, è in gran parte composta da soldati ebrei mizrahi. L’ex funzionario del governo, Ayelet Shaked, ha prestato servizio militare nella Brigata Golani.

Non ho nemmeno menzionato i soldati ebrei etiopi dalla pelle scura e i cittadini arabi di Israele dalla pelle olivastra che prestano servizio nell’esercito di occupazione. A differenza degli ebrei israeliani, i cittadini arabi israeliani non sono soggetti alla coscrizione, eppure più di mille di loro si offrono volontari per il servizio militare in Tzahal.

Ci sono molte cose che non vanno in Israele, ma le affermazioni sulla “supremazia bianca” sono semplicemente sciocche. Sono sicuro che Khaled Kabub, George Karra e Salim Joubran, tutti ex o attuali giudici arabi della Corte Suprema israeliana, sarebbero d’accordo. E anche il giudice della Corte Suprema israeliana Abdel Rahman Zuabi, se fosse ancora vivo.

#2. KAZAKH-RUSSIA: UN TANGO PASSIVO-AGGRESSIVO
Questo è in realtà il seguito del mio trattato dell’ottobre 2022 che analizzava le relazioni diplomatiche tra Kazakistan e Russia. Invito coloro che non hanno ancora letto il vecchio articolo a farlo cliccando sulla miniatura qui sotto:

UNA VALUTAZIONE DELLE RELAZIONI RUSSO-KAZAKE

·
SEPTEMBER 20, 2023
AN ASSESSMENT OF KAZAKH-RUSSIA RELATIONS
******************************************************************* **Nota dell’autore: questo articolo è stato scritto originariamente nell’ottobre 2022. Sebbene le relazioni tra Kazakistan e Russia non siano direttamente paragonabili a quelle tra Russia e Armenia, questo articolo mi ricorda il risentimento che alcuni piccoli Stati post-sovietici provano nei confronti dell’eminenza, della ricchezza e della …
Read full story

Come ho notato nel mio articolo dell’ottobre 2022, gli Stati Uniti hanno cercato di sfruttare il fatto che un ampio segmento delle élite dirigenti kazake teme la portata culturale e linguistica della Russia all’interno del loro Paese e prova un profondo risentimento per l’immenso potere e l’influenza della Russia nella più ampia regione dell’Asia centrale.

Questi sentimenti di risentimento non sono affatto unici per il Kazakistan, ma si sentono in molte repubbliche dell’ex URSS, comprese quelle che sono ufficialmente alleate della Russia e beneficiarie della grazia del Cremlino.

Dopo l’indipendenza nel dicembre 1991, una delle prime azioni dell’Armenia è stata quella di iniziare a chiudere le scuole di lingua russa.

Il Tagikistan ha attuato il proprio progetto di deresponsabilizzazione nonostante abbia accettato sovvenzioni monetarie dal Cremlino e ospiti una base militare russa. Il Presidente del Tagikistan ha dato l’esempio. Ha iniziato con il proprio nome, che ha cambiato da Emomali Sharipovich Rahmonov a Emomali Rahmon. Si è sbarazzato dell'”ov” alla fine del suo precedente cognome russificato e ha rinnegato il suo secondo nome russo. Per quale motivo lo ha fatto? Ha detto che voleva onorare la sua cultura nativa tagica. A quanto pare, nel suo Paese è impossibile far coesistere la cultura tagica e quella russa.

Emomali Rahmon's Visit to GBAO: Why Does It Matter?
La visita di Emomali Rahmon alla GBAO: perché è importante?
Nel marzo 2007, il Presidente del Tagikistan ha cambiato il suo nome da “Emomali Sharipovich Rahmonov” a “Emomali Rahmon” per eliminare ogni traccia di russificazione.
L’Uzbekistan ha abbandonato il russo come lingua ufficiale nel suo territorio dopo l’indipendenza. Recentemente, il Ministero degli Esteri russo ha convocato l’ambasciatore dell’Uzbekistan a Mosca, Botirjon Asadov, per protestare contro un commento di Sherzodkhon Kudratkhuja (anche Sherzod Qudratxoja), rettore dell’Università di giornalismo e comunicazione di massa della
 capitale Uzbeka di Tashkent.

Sherzod aveva pubblicamente etichettato come “occupanti” o “idioti” i cittadini dell’Uzbekistan che parlano russo ma non comprendono la lingua uzbeka. Questo ha fatto arrabbiare i funzionari del Ministero degli Esteri russo perché il commento sembrava suggerire che i russi fossero “occupanti coloniali”.

L’ambasciatore uzbeko Botirjon Asadov, convocato, ha appreso dai suoi interlocutori russi che la dichiarazione di Sherzod era “estremamente offensiva” e “assolutamente inaccettabile”.

Sotto la guida di Nursultan Nazarbayev, il Kazakistan ha progressivamente ridotto l’influenza russa e adottato alcuni valori occidentali, modificando anche le leggi nazionali di derivazione sovietica per adattarle meglio alla Common Law inglese.

Mentre faceva tutto questo, Nazarbayev ha mantenuto “buone” relazioni con Vladmir Putin non perché gli piacesse il leader russo, ma perché non era stupido come Mikheil Saakashvili della Georgia e Volodymyr Zelensky dell’Ucraina.

Nursultan sapeva bene cosa sarebbe successo se avesse messo alla prova la pazienza della Russia, soprattutto per quanto riguarda il Kazakistan settentrionale pieno zeppo di etnie russe. Inoltre, una fetta gigantesca del commercio internazionale del Kazakistan avviene con la Federazione Russa e nessun politico kazako tradizionale, per quanto russofobo, cercherebbe mai di metterlo a repentaglio.

Quando il tranquillamente russofobo Nursultan Nazarbayev si è ritirato da Presidente del Kazakistan, presumibilmente per curare la sua salute (cancro alla prostrata), ha fatto in modo di insediare al potere il suo protetto, Kassym-Jomart Tokayev. Tuttavia, i due potenti politici kazaki hanno litigato perché Nazarbayev voleva continuare a tirare i fili della marionetta, mentre Tokayev preferiva tagliare i fili e agire in modo indipendente.

La lotta per il potere tra il presidente in carica Tokayev e l’ex presidente Nazarbayev ribolliva pesantemente sotto la superficie. Per tre anni, Vladimir Putin ha evitato che esplodesse, ma i suoi tentativi di mediare tra Tokayev e il suo estraneo mentore sono falliti.

Nel gennaio 2021, in Kazakistan si sono svolte manifestazioni di piazza contro l’aumento dei prezzi del petrolio. Gli alleati di Nazarbayev colsero l’opportunità di dirottare le proteste e cercarono di usarne la copertura per rovesciare Tokayev.

Di fronte al russofobo (ma filo-cinese) Tokayev e al russofobo (ma filo-occidentale) Nazarbayev, Vladimir Putin decise che Tokayev era la scelta migliore. Le truppe CSTO guidate dalla Russia sono entrate in Kazakistan e hanno distrutto il tentativo di rimuovere Tokayev dal potere.

In seguito, Tokayev ha allontanato molti degli alleati di Nazarbayev che occupavano ancora posti chiave nel governo. Lo stesso Nazarbayev è stato privato della sua posizione di presidente del Consiglio di sicurezza del Kazakistan. E molto più tardi, la capitale del Kazakistan che porta il suo nome è tornata al suo nome originale, Astana.

Non c’è dubbio che Tokayev fosse grato alla Russia per la sopravvivenza del suo governo, ma non ci sono prove che la russofobia di lunga data sia stata cancellata dalla sua mente.

In effetti, ciò che qualsiasi osservatore attento nota è la vena passivo-aggressiva nell’interazione di Tokayev con i russi, i sottili tentativi di irritare i funzionari russi ad ogni occasione.

Molti Paesi dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina si sono rifiutati di isolare diplomaticamente la Russia o di applicare una qualsiasi delle numerose sanzioni imposte dai Paesi della NATO. Il Kazakistan si è mosso nella direzione opposta.

Nel settembre 2023, il Presidente Tokayev ha assicurato al Bundeskanzler Olaf Scholz, durante una visita in Germania, che il Kazakistan avrebbe attuato il regime di sanzioni introdotto dai Paesi della NATO contro la Russia.

Il mese successivo, nell’ottobre 2023, il viceministro kazako del Commercio e dell’Integrazione, Kairat Torebayev, ha annunciato che il suo Paese avrebbe vietato l’esportazione di 106 diversi prodotti per la difesa verso la Russia, al fine di rispettare le sanzioni dell’UE e degli USA. Torebayev ha citato droni, elettronica specializzata e microchip come esempi di prodotti di cui il Kazakistan ha vietato l’esportazione in Russia.

Ambassador Daniel Rosenblum

Ambasciatore Daniel Rosenblum
L’ambasciatore statunitense in Kazakistan, Daniel Rosenblum, che parla correntemente il russo, è un uomo che ha trascorso oltre due decenni a creare legami con vari funzionari pubblici e organizzazioni non governative in Europa orientale e Asia centrale. Prima della sua attuale nomina ad Ambasciatore in Kazakistan nel novembre 2022, è stato Ambasciatore degli Stati Uniti in Uzbekistan.

Il 23 ottobre 2023, sui canali Telegram russi è stata diffusa una falsa notizia secondo cui l’ambasciatore Daniel Rosenblum sarebbe stato “invitato ad aprire un centro di formazione NATO ad Almaty, in Kazakistan”.

Il Cremlino non ha gradito e ha chiesto spiegazioni al governo del Kazakistan sul presunto “Centro di mantenimento della pace della NATO”.

I funzionari del ministero della Difesa kazako si sono mossi per smentire la storia. Hanno spiegato che l’ambasciatore statunitense era stato invitato dalle autorità kazake a commissionare una nuova sala conferenze all’interno del Centro per le operazioni di mantenimento della pace, una struttura di addestramento preesistente gestita esclusivamente dal Ministero della Difesa kazako dal 2006.

Naturalmente, lo scopo di smontare la bufala della “struttura NATO” diffusa da alcuni siti web russi era quello di presentare un Kazakistan sovrano che si limitava a invitare l’ambasciatore di un Paese amico (gli Stati Uniti) all’inaugurazione di un nuovo edificio di proprietà e gestione esclusiva del Paese centroasiatico.

Gli americani avrebbero potuto stare al gioco, ma non l’hanno fatto. Danny Rosenblum ha deciso di approfondire i sospetti dei russi – e di mettere in imbarazzo i suoi ospiti kazaki – ricordando che il governo statunitense ha fornito parte dei finanziamenti per la struttura di pace preesistente ad Almaty.

A proposito, ecco un video di Danny Rosenblum che taglia il nastro per la messa in funzione della nuova sala conferenze all’interno della struttura di Peacekeeping:

A volte, l’approccio passivo-aggressivo del Kazakistan nei confronti della Russia può assumere una dimensione umoristicamente imbarazzante. Il 9 novembre 2023, Tokayev ha accolto il visitatore Vladmir Putin nella capitale Astana. I colloqui privati si sono svolti a porte chiuse, secondo quanto riferito in lingua russa.

Tuttavia, quando fu il momento della conferenza stampa congiunta tenuta pubblicamente, il Presidente Tokayev passò inaspettatamente all’incomprensibile lingua kazaka, costringendo un sorpreso Putin e la sua sconcertata delegazione russa a cercare gli auricolari per la traduzione.

Nel discorso pronunciato in lingua kazaka, Tokayev ha sciorinato alcuni luoghi comuni sui “valori incrollabili di rispetto e fiducia reciproci” alla base delle relazioni bilaterali tra il suo Paese e la Russia. Ha anche aggiunto che il Kazakistan è “impegnato nella direzione strategica di un ulteriore rafforzamento della cooperazione globale con la Russia”.

Tokayev ha fatto finta di niente. In apparenza, non c’è nulla di male nel fatto che un leader nazionale desideri parlare nella sua lingua madre attraverso un traduttore a un leader straniero in visita. Ma il fatto è che in passato ha sempre parlato in russo con Vladimir Putin e altri funzionari del Cremlino.

La comune decenza e il protocollo diplomatico richiedevano che egli avvertisse i suoi ospiti russi del cambio di lingua prima della conferenza stampa. Ma no, lui aveva intenzione di mettere in imbarazzo Putin e la sua delegazione, e se ne compiaceva.

Guardate il video qui sotto:

Forse è stata la rabbia silenziosa per l’errata pronuncia del nome di Putin a spingere Tokayev a mettere in moto la macchina passivo-aggressiva. Secondo alcuni resoconti, il Presidente russo si era riferito al permaloso leader nazionale kazako come “Kemel Jomartovich” prima di correggersi.

Curiosamente, Putin ha sbagliato a pronunciare il nome più volte in passato. Tokayev potrebbe aver pensato, a torto, che Putin lo stesse prendendo deliberatamente in giro a causa del fermo rifiuto del Kazakistan di riconoscere l’esistenza della Repubblica Popolare di Donetsk e della Repubblica Popolare di Lugansk.

A volte, l’aggressività passiva si manifesta in un russo giocoso, come è accaduto in occasione di una conferenza ospitata dal Valdai International Discussion Club nel 2019. Durante la sessione plenaria della conferenza, il presidente Tokayev ha tentato una sottile critica alla Russia, affermando che il possesso di armi nucleari non è una garanzia di sicurezza e prosperità economica.

Guardate il video clip qui sotto:

In risposta alla dichiarazione di Tokayev, Putin ha risposto: “Anche Saddam Hussein la pensava così”. L’acerbo commento del Presidente russo è un ovvio riferimento alla propensione del governo statunitense a disfarsi dei leader nazionali dei Paesi nemici che hanno rinunciato alle armi di distruzione di massa.

Il capo di Stato iracheno Saddam Hussein ha rinunciato alle armi nucleari dopo la Guerra del Golfo (1990-1991). Tuttavia, il suo regime baathista fu rovesciato durante l’invasione dell’Iraq nel 2003. È stato impiccato il 30 dicembre 2006 da un nuovo governo iracheno imbottito di nemici arabi sciiti e guidato cerimonialmente da un presidente di etnia curda, Jalal Talabani.

Anche il sovrano di lunga data della Libia, Muammar Gheddafi, ha rinunciato al suo nascente programma nucleare nel 2003, nell’ambito del suo riavvicinamento all’Occidente collettivista guidato dagli Stati Uniti.

Nel febbraio 2011, Nicolas Sarkozy (Francia), David Cameron (Regno Unito) e Barack Obama (USA) hanno supervisionato la distruzione dello Stato libico attraverso bombardamenti aerei e la fornitura di armi ai jihadisti libici, falsamente dipinti come “combattenti per la libertà a favore della democrazia” dai media aziendali euro-americani.

Negli ultimi momenti della guerra civile sponsorizzata dalla NATO, nell’ottobre 2011, Gheddafi è stato rovesciato e ucciso. Con lui è morta la Grande Repubblica Araba Libica Popolare Socialista, trasformando il Paese nordafricano da uno Stato ben gestito a un luogo semi-anarchico e distopico, dove due entità in guerra, che pretendono di essere il governo nazionale, si combattono sporadicamente.

Il Governo di Unità Nazionale (GNU) e il rivale Governo di Stabilità Nazionale (GNS) sostengono entrambi di essere la legittima autorità nazionale nel disfunzionale Paese nordafricano. Il GNU è attualmente riconosciuto come il vero governo della Libia dalle Nazioni Unite.

Nel frattempo, i veterani jihadisti della guerra civile libica del 2011 hanno trasferito le armi in dotazione alla NATO a compagni jihadisti nei Paesi della cintura del Sahel e si sono reinventati come mercanti di schiavi specializzati nella vendita all’asta di africani occidentali intercettati prima che potessero raggiungere la costa del Mar Mediterraneo, su gommoni diretti in Italia e a Malta. Quelli abbastanza fortunati da sfuggire ai mercanti di schiavi libici, alla fine salpano verso l’Europa continentale dove diventano migranti clandestini – clandestini, come direbbero gli italiani.

Ma poi, sto divagando…

L’arguta risposta di Putin ha suscitato le risate del pubblico – e dello stesso Tokayev – perché tutti hanno capito l’importanza del commento del leader russo. Senza una pila di armi nucleari in grado di spaventare il governo degli Stati Uniti, è meglio non essere il capo di un Paese considerato un avversario. È una lezione che Kim Jong Un, il giovane sovrano della Corea del Nord, ha imparato dopo la morte di Saddam Hussein e Muammar Gheddafi. Da qui la ragione per cui il programma di armi nucleari della Corea del Nord si è ampliato sotto il suo governo.

Il Mar Caspio non ha collegamenti naturali con alcun oceano. Pertanto, le nazioni del Turkmenistan, dell’Azerbaigian e del Kazakistan, prive di sbocchi sul mare, dipendono in parte dalle rotte di esportazione controllate dalla Russia per accedere al commercio marittimo.
Nonostante l’aggressività passiva e il risentimento nei confronti della Russia, le élite dirigenti kazake sono intelligenti e non hanno nulla da invidiare alle loro folli controparti in Ucraina. I kazaki sono pienamente consapevoli del fatto che la loro nazione centroasiatica condividerà sempre un confine con la Russia, ed è quindi loro interesse cooperare.La necessità di cooperazione è sottolineata dal fatto che il Kazakistan è il più grande Paese al mondo senza sbocco sul mare, poiché il Mar Caspio è simile a un gigantesco lago, essendo un corpo idrico interno senza accesso agli oceani del mondo, attraverso i quali passa il commercio internazionale via mare.Il commercio marittimo internazionale del Kazakistan dipende in parte dal transito attraverso le terre e le vie d’acqua russe, come il canale Volga-Don. Il canale, lungo 101 chilometri e inaugurato nel 1952, collega il Mar Caspio al Mar d’Azov, che a sua volta si collega al Mar Nero.

In alternativa, il greggio kazako, trasportato da petroliere e chiatte, attraversa il Mar Caspio per raggiungere l’Azerbaigian, dove prosegue il trasporto via terra attraverso oleodotti fino al porto georgiano di Batumi, sul Mar Nero.
Dal 2007, il Kazakistan esercita pressioni sulla Russia per la costruzione del Canale Eurasiatico, lungo 692 chilometri. Se realizzata, la via d’acqua interna russa proposta sarebbe quattro volte più lunga del Canale di Suez e otto volte più lunga del Canale di Panama.I vantaggi del proposto Canale Eurasiatico rispetto all’attuale Canale Volga-Don per le nazioni senza sbocco sul mare del Kazakistan, del Turkmenistan e dell’Azerbaigian includono la capacità di accogliere navi più grandi e di gestire volumi di carico più elevati. In altre parole, il canale ha il potenziale per incrementare il commercio e stimolare le economie dei tre Stati del Caspio.
I ministri degli Esteri dei cinque Stati rivieraschi del Mar Caspio
Le autorità kazake partecipano volentieri anche ai vertici degli Stati litoranei del Mar Caspio, che riuniscono tutti i Paesi che si affacciano sul mare interno ricco di petrolio, ossia Kazakistan, Iran, Azerbaigian, Turkmenistan e Russia.Questi vertici discutono solitamente della gestione delle risorse idriche e della pesca. Sono particolarmente importanti per il Kazakistan, poiché confina con il tratto più superficiale del Mar Caspio.I vertici hanno anche il potenziale per creare opportunità di raggiungere un accordo sulla gestione delle riserve petrolifere nel bacino del Caspio, che comprendono 48 miliardi di barili di greggio e riserve di gas naturale per 292 mila miliardi di metri cubi.

#3. TRAGEDIA DELL’ARTSAKH: LA PROFEZIA DI PRIMAKOV
Trovo interessante che molti opinionisti politici – soprattutto nello spazio dei media alternativi – continuino a creare l’impressione tra il loro pubblico che i leader armeni che si sono succeduti siano stati filo-russi fino a quando non è arrivato un “uomo malvagio” chiamato Nikol Pashinyan e ha iniettato la russofobia nel mix.

undefined
L’attuale Primo Ministro Nikol Pashinyan

L’Armenia post-sovietica non è mai stata un vero alleato della Russia. Come ho affermato nella sezione #2 di questo articolo in più parti, l’Armenia ha chiuso le scuole di lingua russa dopo la sua indipendenza nel dicembre 1991.

Direi che nessuno dei leader nazionali dell’Armenia è mai stato particolarmente amico della Russia, ma aveva un disperato bisogno degli aiuti finanziari e della protezione militare che il Cremlino poteva offrire contro la vicina Repubblica di Turchia. Per comprensibili ragioni storiche, gli armeni temono che i turchi possano attraversare il confine e completare il “lavoro incompiuto del genocidio”.

La differenza tra i precedenti leader armeni e Nikol Pashinyan è che quest’ultimo si è rifiutato di trattenere la sua russofobia dietro uno spesso muro di tranquillo risentimento anti-russo come tutti i suoi predecessori. Lui e i suoi funzionari di governo hanno ostentato apertamente la loro avversione per i russi, che in realtà rispecchia l’atteggiamento di molti armeni comuni che vivono sia in Armenia che in Paesi come Francia, Stati Uniti e Canada.

Ovviamente, escludo i russo-armeni perché non ho visto alcuna prova concreta della loro ostilità nei confronti del Paese (la Russia) in cui risiedono.

Per tutti i trentadue anni della sua esistenza, la Repubblica di Artsakh non è mai stata riconosciuta dal governo armeno come “Stato sovrano”.

Sì, avete sentito bene.

I governi armeni che si sono succeduti hanno difeso il non riconosciuto “Artsakh” che amministrava parti del territorio storico dell’Azerbaigian sovietico – compreso il Nagorno-Karabakh – ma si sono rifiutati di concedergli un riconoscimento ufficiale.

Soldati azeri preparano un drone Bayraktar per l’azione. I droni di fabbricazione turca hanno creato scompiglio tra i separatisti dell’Artsakh e hanno contribuito a far terminare la Seconda guerra del Nagorno-Karabakh a favore dell’Azerbaigian nel 2020.
Spinto da un’intensa russofobia, il primo ministro Nikol Pashinyan ha anche oltrepassato una linea che nessuno dei suoi predecessori si era mai azzardato a percorrere. Ha posto fine alla decennale ambiguità strategica dell’Armenia su come percepisce ufficialmente l'”Artsakh” non riconosciuto, rilasciando una laconica dichiarazione in cui afferma che il suo governo considera l’intero Nagorno-Karabakh come parte de jure dell’Azerbaigian.Pashinyan aveva rilasciato questa straordinaria dichiarazione pubblica come parte di un piano a lungo termine per sottomettere il Nagorno-Karabakh al dominio azero e rendere inutile e obsoleta la presenza delle forze di pace russe in quel territorio – e con un po’ di fortuna, sostenere anche la rimozione di tutte le basi militari russe in Armenia per la stessa ragione di obsolescenza.

Quello che Pashinyan non aveva previsto è che le sue parole sarebbero state colte dal presidente azero Ilham Aliyev per lanciare una campagna militare alla velocità della luce per invadere il Nagorno-Karabakh e porre fine all’esistenza dello Stato secessionista non riconosciuto che lo amministra.

Quando Vladimir Putin ha cercato di intervenire per fermare la campagna, Aliyev gli ha fatto notare che se l’Armenia riconosce il Nagorno-Karabakh come territorio azero, allora non c’è motivo per cui “l’entità illegale chiamata Artsakh continui a esistere”.

Ilham Aliyev ha ignorato l’accordo di cessate il fuoco mediato da Putin tra l’Azerbaigian e l’Armenia nel novembre 2020 e ha ordinato alle sue forze militari, equipaggiate con armi turche e israeliane, di prendere pieno possesso del territorio della fatiscente Repubblica dell’Artsakh.

undefined
Armeni etnici dell’Artsakh in fuga dal loro fatiscente Stato secessionista durante l’offensiva militare dell’Azerbaigian nel settembre 2023.
La campagna di alleggerimento delle forze azere ha spinto molti armeni etnici, che temevano per la propria vita, a fuggire dal crollo dello Stato secessionista. Oltre centomila persone sono fuggite dalle loro case nel Nagorno-Karabakh per raggiungere il territorio sovrano dell’Armenia.Gli azeri, umiliati dalla sconfitta totale nella prima guerra del Nagorno-Karabakh (1988-1994), hanno festeggiato la vittoria totale sui nemici armeni. Il loro Presidente, Ilham Aliyev, ha festeggiato usando la bandiera del defunto Artsakh come tappetino, come mostrato qui sotto:

Qual è stata dunque la reazione in Armenia al tradimento dei separatisti dell’Artsakh? I comuni manifestanti armeni hanno istigato un’altra “rivoluzione” per rovesciare Nikol Pashinyan come hanno fatto con Serzh Sargsyan nel maggio 2018? Le forze armate armene hanno messo in atto un vero e proprio colpo di Stato militare? Il Parlamento armeno ha messo sotto accusa Pashinyan? La risposta a tutte le domande è “no, no, no”.

Eppure, molti armeni hanno avuto l’audacia di inveire contro la Federazione Russa per non aver protetto uno Stato secessionista che i successivi governi armeni si erano fermamente rifiutati di riconoscere ufficialmente. L’esercito ufficiale armeno non ha nemmeno partecipato alla difesa dell’Artsakh secessionista durante la Seconda guerra del Nagorno-Karabakh (2020). Inoltre, l’esercito armeno non è intervenuto nella campagna militare dell’Azerbaigian del settembre 2023, volta a porre fine allo Stato secessionista in crisi.

Infatti, il 28 settembre 2020, il giorno dopo che le forze militari azere hanno scatenato la Seconda guerra del Nagorno-Karabakh con l’invasione dell’Artsakh, il governo di Nikol Pashinyan ha vietato agli armeni di età superiore ai 18 anni di lasciare l’Armenia, ostacolando così la capacità dei secessionisti dell’Artsakh di ottenere un numero sufficiente di volontari militari.

Con l’assenza dell’esercito armeno ufficiale sul campo di battaglia e con gli ostacoli frapposti ai cittadini armeni che si offrivano volontari per aiutare i combattenti separatisti dell’Artsakh, le truppe azere, ben equipaggiate, hanno invaso il territorio a una velocità impressionante che probabilmente li ha lasciati senza fiato.

Durante la Seconda guerra del Nagorno-Karabakh, l’Azerbaigian ha impiegato solo un mese e due settimane per conquistare ampie zone del territorio dell’Artsakh. In effetti, se la Russia non fosse intervenuta per convincere l’Azerbaigian ad accettare un cessate il fuoco, l’Artsakh non sarebbe sopravvissuto all’anno 2020.

Nel 2020, il governo armeno si è rivelato del tutto inutile quando l’Azerbaigian ha conquistato ampie porzioni del territorio controllato dall’Artsakh, provocando la fuga di molti armeni di etnia armena che vivevano lì.

Nel 2023, il governo armeno è stato totalmente irresponsabile nel creare le condizioni che hanno dato all’Azerbaigian la scusa perfetta per prendere il pieno controllo del resto del territorio controllato dall’Artsakh, causando la fuga dei restanti armeni di etnia armena.

Ma a chi va la maggior parte della colpa tra i molti armeni? La Russia, ovviamente, secondo i manifestanti davanti all’ambasciata russa a Yerevan:

Ora tornerò alla tragedia dei circa 100.617 armeni che sono fuggiti dalle loro case nel Nagorno-Karabakh perché non volevano mettere alla prova la sincerità dei funzionari del governo azero che garantivano la loro sicurezza.

Nessuna di queste tragedie sarebbe accaduta se i successivi leader armeni non avessero sprecato l’influenza storica che avevano su un Azerbaigian molto più debole negli anni Novanta.

Alla fine degli anni ’80, l’allentamento del controllo del governo nazionale sovietico sugli affari delle regioni e delle repubbliche sovietiche autonome aveva incoraggiato il fiorire di piccoli nazionalismi etnici in tutto il Paese, soprattutto nei territori russi non etnici dell’URSS.

BARRA LATERALE:

La natura di questi piccoli nazionalismi etnici nell’URSS di Gorbaciov sarebbe abbastanza familiare ai cittadini di federazioni multietniche, come la Nigeria e l’Etiopia. Nel caso della Nigeria, si tratta di 250 nazionalità etniche, la maggior parte delle quali parla lingue native reciprocamente incomprensibili, osserva tradizioni culturali diverse e aderisce a religioni diverse.

Le minoranze etniche russe, gagauz e ucraine all’interno della Moldavia sovietica hanno iniziato a fare campagna per la creazione di repubbliche sovietiche separate, perché temevano che gli irredentisti rumeni al comando della Moldavia sovietica avrebbero dichiarato l’indipendenza e si sarebbero uniti alla Romania.

Le successive azioni intraprese dall’etnia russa e dall’etnia ucraina nella Moldavia sovietica portarono infine al conflitto militare e alla creazione dell’entità “Transnistria”. Inizialmente, l’entità esisteva illegalmente come Repubblica Socialista Sovietica Moldava Pridnestrova (P.M.S.S.R) all’interno dell’URSS nel 1990. Poi, è diventata l’attuale Stato non riconosciuto – la Repubblica moldava di Pridnestrovia (P.M.R) – dopo la morte improvvisa dell’URSS il 26 dicembre 1991.

Copiando l’esempio delle altre due minoranze etniche, l’etnia gagauz ha creato la propria Repubblica gagauz nel 1990 come repubblica sovietica illegale al pari della Moldavia sovietica all’interno dell’URSS. Dopo il 26 dicembre 1991, la Repubblica Gagauz ha continuato ad essere uno Stato indipendente de facto fino a quando, nel gennaio 1995, è stata convinta ad aderire alla Repubblica di Moldova come regione autonoma. La situazione in “Transnistria” rimane intrattabile.

Nella vicina Ucraina sovietica, l’etnia russa della Crimea ha indetto un referendum nel gennaio 1991 per costituire una repubblica sovietica separata. Quando l’URSS si è dissolta, undici mesi dopo, l’etnia russa della Crimea è stata costretta ad accettare di diventare parte di un’Ucraina indipendente guidata da Leonid Kravchuk.

Nella Georgia sovietica, due distinte minoranze etniche – gli abkhazi e gli osseti – non volevano far parte di una futura repubblica georgiana indipendente. Finché esisteva l’URSS, il popolo abkhazo desiderava semplicemente una Repubblica sovietica separata, su un piano di parità con la Georgia sovietica. Quando l’URSS è crollata, gli abkhazi hanno spostato le loro aspirazioni verso uno Stato pienamente sovrano. I nazionalisti etnici georgiani si opposero, provocando un conflitto armato e la nascita della Repubblica di Abkhazia, parzialmente riconosciuta, nel 1992.

Anche l’altro gruppo minoritario, l’etnia osseta, ha creato una propria Repubblica sovietica, ma non appena l’URSS si è dissolta, ha combattuto i georgiani e ha ottenuto la sua Repubblica dell’Ossezia del Sud – anche se il sogno finale degli osseti del Sud è quello di essere annessi dalla Russia per riunirsi con i loro fratelli dell’Ossezia del Nord.

La mia mappa dell’URSS nel 1988 mostra l’Armenia sovietica e l’Azerbaigian sovietico, che contiene l’Oblast autonomo del Nagorno-Karabakh (NKAO), dominato dall’etnia armena.
Nell’Azerbaigian sovietico, il conflitto interno che infuriava tra la maggioranza etnica azera e la minoranza etnica armena bloccata nella regione autonoma del Nagano-Karabakh aveva già tre anni e 10 mesi quando l’URSS si disintegrò. Entrambe le parti in conflitto hanno fatto tutto il possibile per ripulirsi etnicamente a vicenda nelle aree in cui avevano la meglio. Ad esempio, gli azeri ripulirono gli armeni da Baku, Sumgait e Kirovabad (oggi Ganja). Gli armeni restituirono il favore a Gugark, Nagorno-Karabakh, Jabrayil, Zangilan, Qubadli, Lachin, ecc.Nel mezzo del conflitto, il 18 ottobre 1991, l’Azerbaigian sovietico si trasformò caoticamente in uno Stato sovrano politicamente instabile. Le sue forze militari erano scarsamente addestrate e poco organizzate.

D’altro canto, la Repubblica di Armenia, da poco indipendente, era meglio organizzata, così come i separatisti di etnia armena all’interno della regione azera del Nagorno-Karabakh, ora riconosciuta a livello internazionale. I separatisti proclamarono la loro Repubblica di Artsakh, non riconosciuta, il 10 dicembre 1991.

La prima guerra del Nagorno-Karabakh, iniziata nel 1988 come uno scontro tra comunità ad alta intensità all’interno dell’URSS, si trasformò rapidamente in una guerra vera e propria nel 1992, con le truppe poco organizzate dell’Azerbaigian appena indipendente che dovevano affrontare la potenza di fuoco dei combattenti secessionisti di etnia armena meglio organizzati, molti dei quali erano ex soldati del defunto esercito sovietico.

All’inizio del 1993, l’Azerbaigian aveva perso il controllo di ampie zone del suo territorio nazionale, ben oltre i confini geografici originari della regione contesa del Nagorno-Karabakh, come mostrato nella mappa sottostante:

Mappa che mostra la situazione nel 1997, molto tempo dopo la scomparsa dell’URSS. Armenia e Azerbaigian sono diventati Stati sovrani. La Repubblica secessionista dell’Artsakh (in azzurro) ha annesso la maggior parte dell’Oblast’ autonoma del Nagorno-Karabakh e si è impossessata di altri territori azeri al di là di essa.
Completamente umiliate da una serie di sconfitte subite dai separatisti dell’Artsakh, le disorganizzate truppe azere si sono ribellate. Nella confusione politica che ne seguì, il presidente Abulfaz Elchibey, estremamente russofobo, fu rovesciato da un colpo di Stato costituzionale organizzato da Heydar Aliyev il 24 giugno 1993.
Il presidente armeno Levon Ter-Petrosyan mentre stringe la mano a un burbero presidente azero Heydar Aliyev nel 1994 (Fonte: Haqqin)
Heydar Aliyev aveva servito l’URSS in varie vesti: ufficiale dei servizi segreti del KGB, membro del Politburo sovietico, capo del Partito Comunista nell’Azerbaigian sovietico, vice premier sovietico e capo dell’assemblea regionale del suo paese natale, il Nakhichevan, prima della dissoluzione dell’Unione Sovietica. Dopo la dissoluzione, è diventato il sovrano de facto dell’exclave autonoma di Nakhichevan, governando senza il permesso delle autorità nazionali azere a Baku.Una volta che Aliyev ha preso il posto di Elchibey come Presidente nazionale, il flusso di instabilità politica in Azerbaigian è rallentato. Il 5 maggio 1994 Aliyev firmò un accordo di cessate il fuoco con l’Armenia e i separatisti dell’Artsakh nella capitale kirghisa di Bishkek.

Il defunto Yevgeny Primakov è stato il primo direttore dell’Agenzia di intelligence estera russa (SVR), poi ministro degli Affari esteri e infine primo ministro della Russia.
Con il cessate il fuoco del 1994 che congelò per il momento il conflitto nel Nagorno-Karabakh, iniziarono intensi negoziati, con gli americani, gli europei e i russi a fare da mediatori.Di tutti i mediatori di pace nel conflitto del Nagorno-Karabakh, il ministro degli Esteri russo Yevgeny Primakov era il più esperto della regione caucasica. Era cresciuto nella città georgiana sovietica di Tbilisi e aveva studiato nella città sovietica azera di Baku. Nel gennaio 1990 aveva fatto parte di una delegazione nazionale sovietica che si era recata da Mosca a Baku per cercare di fermare i pogrom perpetrati dalla maggioranza etnica azera contro la minoranza etnica armena. Il pogrom a Baku non si fermò. Gli azeri portarono a termine l’orribile lavoro di eliminazione di ogni traccia di etnia armena dalla città.

Mappa della situazione nel 1994. Le parti della NKAO controllate dall’Azerbaigian sono in giallo. La parte della NKAO in mano ai separatisti dell’Artsakh è in rosa. I separatisti hanno conquistato anche altri distretti azeri in rosso: (1) Kalbajar; (2) Lachin; (3) Qubadli; (4) Zangilan; (5) Jabrayil; (6) Fuzuli; (7) Agdam.
Facendo un salto all’era post-sovietica, Primakov è ora un alto funzionario del governo nella Russia di Boris Eltsin. Incontra il presidente armeno Levon Ter-Petrosyan proponendo ai separatisti dell’Artsakh di restituire i sette distretti azeri incontrastati al di fuori dei confini originari dell’Oblast’ autonoma del Nagorno-Karabakh (NKAO).In cambio, il governo di Hayder Aliyev avrebbe dovuto:

Rendere l’Artsakh una repubblica altamente autonoma all’interno dell’Azerbaigian sovrano.

Permettere che il corridoio di Lachin, che collega l’Artsakh all’Armenia, passi sotto il controllo delle forze di pace internazionali.

Condividere parte della ricchezza economica dell’Azerbaigian permettendo a un oleodotto di passare attraverso l’Armenia nel suo percorso verso la Turchia.

Il Presidente Levon Ter-Petrosyan era ricettivo alla proposta, ma alcune figure politiche armene e la maggioranza degli armeni comuni, sia all’interno dell’Armenia vera e propria che nell’Artsakh, si opponevano con veemenza. All’epoca, a metà degli anni Novanta, gli armeni avevano il coltello dalla parte del manico e non volevano fare alcuna concessione agli azeri, militarmente più deboli.

Dopo che Levon Ter-Petrosyan aveva detto a Primakov che “i territori conquistati dagli armeni non possono essere ceduti al nemico”.

Lo statista russo rispose notoriamente:

“Gli azeri sanno come lavorare e aspettare. Hanno le risorse necessarie. Passeranno dieci, venti, trent’anni. Acquisteranno forza e prenderanno tutto a voi, armeni”.

Il presidente Levon Ter-Petrosyan sembrava capire che l’Azerbaigian avrebbe potuto mettere la testa a posto e utilizzare le sue vaste ricchezze petrolifere per costruire un potente esercito in futuro. Così, ha fatto pressione sulla miope popolazione di etnia armena sia nell’Armenia vera e propria che nell’Artsakh affinché prendesse in considerazione diverse proposte per un accordo di pace, che richiedevano tutte concessioni territoriali.

Per questo motivo, Levon Ter-Petrosyan fu costretto a dimettersi nel febbraio 1998 da esponenti politici integralisti come Robert Kocharyan, Serzh Sargsyan e l’ormai defunto Vazgen Sargsyan.

I successivi presidenti armeni – insieme ai leader separatisti dell’Artsakh – hanno trascorso la maggior parte del tempo in carica a respingere una proposta di pace dopo l’altra, insistendo affinché l’Azerbaigian concedesse all’Artsakh uno status quasi identico a quello di uno Stato sovrano. Per ovvie ragioni, l’Azerbaigian ha rifiutato.

Nel frattempo, l’Azerbaigian seguì la traiettoria di sviluppo che Primakov aveva previsto. Iniziò a sfruttare le sue ricchezze petrolifere sotto Hayder Aliyev. Hayder morì nel dicembre 2003 e suo figlio, Ilham, ereditò la presidenza.

Sotto il presidente Ilham Aliyev, la posizione dell’Azerbaigian sul Nagorno-Karabakh e su altri territori azeri detenuti dai separatisti dell’Artsakh è diventata più dura.

A questa linea dura è corrisposto un drastico aumento delle spese governative per modernizzare, addestrare e dotare le forze armate azere dei migliori equipaggiamenti militari che si potessero procurare.

In due brevi campagne militari – la seconda guerra del Nagorno-Karabakh (2020) e la campagna militare del settembre 2023 – l’Azerbaigian di Ilham Aliyev ha tolto tutto agli armeni del Nagorno-Karabakh, realizzando così la profezia fatta da Primakov quasi tre decenni prima.

La sezione #4 di questo articolo in più parti è stata scritta prima che Svezia e Danimarca chiudessero le loro finte “indagini” sul sabotaggio dei gasdotti Nordstream, senza fornire alcuna motivazione convincente. I tedeschi stanno ancora facendo le cose per bene, fingendo di indagare sul sabotaggio.

#4. NORD STREAM: IL RITORNO DI MAX SCHRECK?
(a) TRIVIA : Come ho conosciuto Max Schreck
Come si legge in uno studio condotto dalla Fondazione Friedrich Ebert, la scena dei mass media locali in Nigeria è una delle più vivaci del continente africano.

Nel settore della carta stampata, ci sono più di un centinaio di giornali e riviste che trattano notizie locali, regionali, nazionali e internazionali, nonché pettegolezzi sulle celebrità dell’industria cinematografica nigeriana, di cui ho parlato nella barra laterale di un precedente articolo.

I media elettronici sono ancora più vivaci in Nigeria, soprattutto per quanto riguarda le trasmissioni televisive e radiofoniche, che hanno una lunga storia nel Paese. Il regime coloniale britannico ha introdotto le trasmissioni radiofoniche in Nigeria nel 1932.

Nel 1959, il governo regionale autonomo della Nigeria occidentale, guidato dal premier Obafemi Awolowo, ha fatto la storia istituendo la prima stazione televisiva terrestre indigena in tutto il continente africano, prima dell’Egitto e della Rhodesia, che hanno entrambi istituito le proprie stazioni televisive terrestri nel 1960, e del Sudafrica dell’apartheid, che ha iniziato le trasmissioni televisive a livello nazionale il 5 gennaio 1976.

BARRA LATERALE: MESSA IN FUNZIONE DELLA TV DELLA NIGERIA OCCIDENTALE (OTTOBRE 1959)

Negli anni Cinquanta, la Federazione nigeriana era ancora un protettorato britannico, ma in cui le tre suddivisioni federali – le regioni orientali, occidentali e settentrionali – mantenevano un alto grado di autonomia dal governo centrale.

I politici nigeriani eletti gestivano i governi regionali, le province e le municipalità, mentre il governo centrale era controllato dai coloni britannici in partenza, che avevano l’obbligo di concedere la piena indipendenza il 1° ottobre 1960.

Obafemi Awolowo | Nigerian Statesman, Political Leader & Activist | Britannica
Obafemi Awolowo | Statista, leader politico e attivista nigeriano | Britannica
Il premier Obafemi Awolowo che fondò la WNTV
A metà degli anni Cinquanta, il governo regionale della Nigeria occidentale guidato dal premier Obafemi Awolowo voleva introdurre la televisione terrestre per la popolazione locale della regione. I coloni britannici erano scettici e lo erano anche i politici nigeriani responsabili delle regioni orientali e settentrionali.Ma, con grande sorpresa degli scettici, Obafemi Awolowo riuscì a portare a termine con successo la creazione della Western Nigerian Television (WNTV) nel 1959.

La cerimonia ufficiale di inaugurazione della prima stazione televisiva terrestre dell’Africa si tenne il 31 ottobre 1959. All’evento parteciparono i funzionari regionali della Nigeria occidentale, il personale della WNTV e i coloni britannici che amministravano il governo centrale.

Video della cerimonia di inaugurazione della WNTV nel 1959. Ci scusiamo per la scarsa risoluzione dello schermo:


Oggi, ciascuno dei 36 Stati della Federazione nigeriana gestisce almeno una rete radiofonica e una stazione televisiva. Alcuni governi statali gestiscono addirittura due o più stazioni televisive. Il governo federale gestisce la colossale rete della Nigerian Television Authority (NTA), che possiede 101 stazioni televisive distribuite in tutti i 36 Stati della Federazione.

Esiste anche la vasta rete di stazioni radiofoniche della Federal Radio Corporation of Nigeria, che compete ferocemente per le quote di mercato con le stazioni radiofoniche locali di proprietà statale e privata.

Non mi soffermerò nemmeno sulla BBC World Service Radio, di proprietà straniera, che trasmette in inglese e in diverse lingue locali, la maggior parte delle quali non sono mutuamente intelligibili, il che significa che il governo britannico spende molto per assumere persone del posto che sappiano parlare diverse lingue nigeriane.

Anike Agbaje-Williams è la prima persona, uomo o donna, ad apparire come emittente in una stazione televisiva terrestre indigena in tutta l’Africa. È successo alla Western Nigeria Television (WNTV) il 31 ottobre 1959.
Oltre ai servizi televisivi gestiti dal governo, esiste una pletora di aziende mediatiche nazionali di proprietà privata che offrono servizi di trasmissione televisiva terrestre, televisione via cavo su abbonamento e servizi televisivi satellitari a pagamento.In Nigeria operano anche reti via cavo di proprietà straniera, come la Digital Satellite Television, di proprietà sudafricana, creata nel 1995 per portare canali stranieri nei salotti degli africani subsahariani a un prezzo relativamente accessibile. Anche se non è un canale televisivo, Netflix è ora un concorrente significativo nel settore dell’intrattenimento mediatico in Nigeria.

Qual è il senso di tutto questo mio blaterare? Beh, in un Paese letteralmente coperto da centinaia di stazioni radiofoniche e televisive, c’è un’intensa competizione per l’attenzione del pubblico, una frazione significativa dei 230 milioni di persone che vivono in Nigeria.

Image
La giornalista nigeriana Julie Coker alle prese con le prove per una trasmissione alla Western Nigeria Television (WNTV) nel 1961.
Nella feroce competizione per l’attenzione del pubblico, le reti televisive hanno dovuto essere innovative. Storicamente, le emittenti televisive statali/regionali tendevano a fare tendenza, spesso anticipando le rivali federali meglio finanziate.È stata una stazione televisiva statale della Nigeria centro-settentrionale, chiamata Benue-Plateau Television Corporation (BPTVC), a stabilire un altro record storico il 1° ottobre 1975, come primo canale in Africa a passare in modo permanente dalle trasmissioni televisive in bianco e nero a quelle a colori.

Prima di questa storica pietra miliare, Zanzibar e Mauritius avevano entrambi effettuato trasmissioni televisive a colori temporanee nel 1973 come esperimento. Il BPTVC della Nigeria ha effettuato esperimenti simili nel 1974, prima di passare definitivamente alle trasmissioni a colori l’anno successivo.

Uno degli effetti storici negativi della concorrenza nel mercato televisivo locale nigeriano è stata una forte preferenza per la trasmissione di programmi stranieri. I canali televisivi di proprietà federale e statale erano in competizione tra loro per chi trasmetteva la maggior quantità di contenuti stranieri, spesso a scapito degli spettacoli prodotti localmente.

Image
Un tecnico di trasmissione nella sala di controllo di WNTV nel 1961
Uso il termine “storico” perché dall’inizio degli anni 2000 le reti televisive nigeriane hanno privilegiato la trasmissione di programmi prodotti localmente rispetto ai contenuti stranieri importati.Tuttavia, gli anni ’70, ’80 e ’90 erano un’altra epoca. È stata l’epoca d’oro della programmazione televisiva straniera in Nigeria. In quel periodo, i programmi televisivi prodotti localmente spesso perdevano nella feroce competizione per la messa in onda con i contenuti televisivi importati dall’Europa, dal Nord America, dall’Asia, dall’Australia, dal Sud America e persino dal Sudafrica post-apartheid.

Per i bambini c’erano programmi stranieri come:

  • Sesame Street, 3-2-1 Contact, Rentaghost, He-Man
  • Danger Mouse, Count Duckula, Voltron, Tom & Jerry
  • Power Rangers, Victor & Hugo, Super Ted, Teenage Mutant Ninja Turtles

Per un pubblico più adulto, c’erano serie televisive come:

  • A-Team, Father Dowling Mysteries, Knight Rider, Get Christie Love!
  • Doctor Who, Kojak, Santa Barbara, The Wonder Years, Moonlighting
  • Yes Minister, The Incredible Hulk, Fantasy Island, Egoli, Matlock
  • The Jeffersons, Fresh Prince of Bel-Air, Another Life, Sanford & Son
  • Falcon Crest, Dynasty, Dallas, Charlie’s Angels, Neighbours
  • Different Strokes, Cosby Show, Quincy M.E., Columbo, Wonder Woman
  • X-Files, Fall Guy, Buffy The Vampire Slayer, Sabrina The Teenage Witch
Get Smart” è stato uno spettacolo televisivo popolare in Nigeria dal 1970s al 1980s
Le telenovelas latinoamericane sono state un punto fermo della televisione nigeriana negli anni Novanta. Ne sono un esempio (a) “The Rich Also Cry” di produzione messicana e (b) “Secrets of The Sand” di produzione brasiliana (chiamata anche “Sand Women”).
Al di fuori dell’intrattenimento puro, c’erano le ritrasmissioni di notizie straniere. Ad esempio, ricordo che l’Anambra State Broadcasting Service (ABS) ritrasmetteva il programma The 700 Club del Christian Broadcasting Network di Pat Robertson, che era piuttosto divertente per un adolescente cresciuto nella Nigeria orientale degli anni ’90, fortemente cattolica.C’erano anche ritrasmissioni di ABC World News Tonight con Peter Jennings. Tutto questo accadeva in Nigeria ben prima che i servizi televisivi via cavo e le antenne paraboliche diventassero abbastanza comuni da permetterci di guardare direttamente la CNN International, che non è esattamente la stessa cosa del canale nazionale CNN che trasmette negli Stati Uniti, anche se alcuni conduttori appaiono in entrambi – mi vengono in mente Wolf Blitzer e Christiane Amanpour.

Ricordo ancora le ritrasmissioni di programmi televisivi Transtel dalla Germania Ovest tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90. Molti di essi erano programmi di scienza, che venivano trasmessi da un’emittente televisiva che non era in grado di trasmettere. Molti di essi erano programmi scientifici, che alla fine mi hanno ispirato a studiare ingegneria meccanica da giovane adulto.

Negli archivi della BBC mancavano più di 100 episodi di “Dr. Who” trasmessi negli anni Sessanta. Nell’ottobre 2013, la BBC è riuscita a recuperare i duplicati di nove episodi originariamente trasmessi nel 1967 e nel 1968 dal polveroso magazzino di una stazione televisiva in Nigeria (clicca qui per i dettagli).
Negli anni Ottanta e Novanta, inoltre, i canali televisivi federali e statali trasmettevano un gran numero di film indiani, di Hong Kong, britannici e americani, di solito nei fine settimana. Uno di questi film era costituito da film horror di genere gotico-vampiresco.Veniva trasmessa una serie di film su Dracula con Christopher Lee, Frank Langella, Gary Oldman e Bela Lugosi nel ruolo del Conte Dracula.

Ho trovato l’interpretazione del Conte di Transilvania da parte di Christopher Lee e Frank Langella autentica e piuttosto spaventosa. L’interpretazione di Dracula da parte di Gary Oldman mi è sembrata piuttosto ridicola, soprattutto per il fatto che poteva muoversi alla luce del giorno.

In senso orario dall’alto: Christopher Lee, Frank Langella, Bela Lugosi e Gary Oldman
L’interpretazione del Conte da parte di Bela Lugosi non era affatto eccezionale. Ho trovato la sua recitazione un po’ legnosa e non c’era molto di spaventoso nel modo in cui si comportava in quei film gotici sui vampiri in bianco e nero degli anni Trenta.
Max Schreck

In Nigeria sono stati trasmessi anche affascinanti documentari sul cinema muto dell’inizio del XX secolo, con filmati del berlinese Max Schreck, che interpretava un personaggio vampiresco simile a Dracula, il Conte Orlok, nel classico film del 1922 Nosferatu: A Symphony of Horror.

(b) REBOOT: Revisione della trama per “La banda dei sei ucraini”.
Se non siete ancora confusi e frustrati e non avete rinunciato a cercare di capire cosa c’entri la storia della TV nigeriana con la distruzione del gasdotto Nord Stream, vi ringrazio per avermi assecondato.

Verso la fine dell’anno scorso, stavo facendo il mio solito giro su varie piattaforme mediatiche, cercando di vedere cosa stava bruciando in varie parti del mondo, quando mi sono imbattuto nella fotografia qui sotto:

La prima cosa che mi è venuta in mente è stata: “Wow, Max Schreck è tornato dal mondo dei morti per perseguitare i soldati ucraini, a cominciare dai due uomini mascherati in felpa nera”.

Ma quando ho zoomato per leggere il testo dell’articolo del Washington Post in cui era ambientata la fotografia, ho capito subito che l’uomo con il maglione nero non era il Max Schreck che appariva di tanto in tanto nei documentari del cinema muto trasmessi nella Nigeria orientale negli anni Ottanta e Novanta. In realtà, si trattava di uno sfortunato ufficiale delle forze speciali ucraine di nome Roman Chervinsky, finito in carcere per un presunto abuso di potere, che sarebbe avvenuto mentre cercava di convincere un pilota dell’aviazione russa a disertare in Ucraina nel luglio 2022.

Il sosia di Max Schreck, un colonnello dell’esercito di 48 anni, pensava di essere la versione ucraina della soave spia britannica James Bond, ma gli agenti dell’FSB che lavoravano con il pilota dell’aviazione russa hanno dimostrato che non era così. In realtà, l’ufficiale delle Forze speciali ucraine si è rivelato un idiota imbranato come la spia britannica Johnny English.

Su ordine dei funzionari dell’FSB, il pilota russo è riuscito a convincere il colonnello Roman Chervinsky a fornire le coordinate esatte di un campo d’aviazione segreto ucraino, provocando un attacco missilistico russo che ha ucciso un soldato ucraino e ne ha feriti altri 17. Il governo ucraino, indignato, ha deciso di non fare nulla.

Il governo ucraino, indignato, arrestò e accusò Chervinsky di abuso di potere. A quanto pare, il colonnello dell’esercito aveva sbagliato un’operazione – non ufficialmente autorizzata dai suoi superiori – per facilitare la defezione di un pilota russo incaricato di pilotare due importanti aerei ad ala fissa, il Sukhoi Su-24 e il Sukhoi Su-34. Entrambi sono velivoli che i funzionari della NATO vorrebbero far volare. Entrambi sono velivoli che i funzionari della NATO calpesterebbero volentieri i vetri rotti per averli in custodia.

Il colonnello Chervinsky, per ovvie ragioni, non è stato contento del suo trattamento scadente, visti tutti i sacrifici che ha fatto per il suo Paese in difficoltà. L’ufficiale militare ha detto di essere stato punito per aver criticato il governo ucraino in generale e Andriy Yermak in particolare.

Ex produttore cinematografico, Yermak è un consigliere anziano del Presidente Zelensky. Si dice che sia un uomo immensamente potente, che potrebbe essere già passato dall’offrire consigli al controllare effettivamente Zelensky.

Ovviamente, accusare un uomo potente come Yermak di spionaggio per la Russia, senza prove concrete, come ha fatto il colonnello Chervinsky, era destinato a provocare una reazione furiosa, come quella di essere sbattuto in una prigione di Kiev mentre veniva perseguito per “abuso di potere”.

Andriy Yermak (left), and Dmytro Kuleba (right) listen as Ukraine's President Volodymyr Zelenskyy meets with Antony Blinken.
Da sinistra a destra: Andriy Yermak, Volodymyr Zelensky and Dmytro Kuleba

L'”abuso di potere” non è stata l’unica accusa mossa a Chervinsky. Mentre si raffreddava in carcere, il colonnello dell’esercito in difficoltà è rimasto scioccato nell’apprendere che i media al di fuori dell’Ucraina gli stavano rivolgendo un’altra accusa.

Nel novembre 2023, i media aziendali europei e nordamericani allineati alla NATO, guidati dal Washington Post, hanno affermato che il colonnello Roman Chervinsky era stato il coordinatore logistico di un’operazione clandestina, in cui erano coinvolti sei ucraini che navigavano su uno yacht, che aveva portato alla distruzione dei gasdotti sottomarini Nord Stream nel settembre 2022.

Chervinsky ha negato con veemenza le accuse. In evidente stato di shock e confusione, ha affermato che “i propagandisti russi” stavano diffondendo una versione frettolosamente aggiornata della vecchia storia della “banda dei sei ucraini”.

Sono certo che una volta che la tempesta di pensieri confusi che offusca la mente del colonnello si sarà schiarita, si renderà conto che sono i propagandisti della NATO a usare un piede di porco per incastrarlo nella versione più recente di una storia che ha debuttato nel marzo 2023, poco dopo la visita di Olaf Scholz negli Stati Uniti.

Olaf Scholz ha incontrato Joe Biden nel marzo del 2023 per chiedere la pubblicazione di una storia di copertura per oscurare la denuncia di Seymour Hersh del coinvolgimento degli Stati Uniti nel sabotaggio del gasdotto Nord Stream, che aveva fatto arrabbiare molti tedeschi.
Da quando il veterano giornalista americano Seymour Hersh ha rivelato che il governo degli Stati Uniti, di concerto con la Norvegia, aveva danneggiato i gasdotti sottomarini Nord Stream, l’amministrazione Biden si è affannata a negare e screditare le rivelazioni di Seymour.All’inizio, la denuncia di Seymour è stata liquidata con un gesto della mano. L’amministrazione Biden e i suoi alleati mediatici hanno continuato a far credere che i russi, inspiegabilmente malvagi, avessero fatto esplodere i loro gasdotti multimilionari.

Ma questa storia era così assurda che alla fine è stata abbandonata, soprattutto quando gli investigatori tedeschi sono apparsi riluttanti ad attribuire esplicitamente la colpa ai russi per la distruzione dei gasdotti.

A circle of gas bubbles in the middle of the Baltic Sea.
Schiuma nel Mar Baltico causata da bolle di gas naturale provenienti dalle perdite del gasdotto Nord Stream. Il sabotaggio del gasdotto sottomarino è avvenuto vicino all’isola danese di Bornholm.
Quando Olaf Scholz si è improvvisamente presentato a Washington DC all’inizio di marzo, ci sono state notevoli speculazioni sullo scopo del suo viaggio negli Stati Uniti e sul suo incontro con il Presidente Joe Biden. Alcuni attenti osservatori hanno messo in dubbio la tempistica della visita.Una risposta a questa domanda è stata apparentemente fornita sottovoce quando la narrazione della Gang of Six ucraina ha fatto la sua prima apparizione sui mass media allineati alla NATO in Germania e negli Stati Uniti il 7 marzo 2023.

La versione originale della narrazione, diffusa dal New York Times degli Stati Uniti di concerto con Die Zeit della Germania, non aveva nulla da dire su un “coordinatore” chiamato Colonnello Roman Chervinsky – un soldato ora comodamente in un carcere ucraino per una questione non correlata.

Titolo del New York Times del 7 marzo 2023
La narrazione originale – senza il personaggio di Roman Chervinsky – era abbastanza enfatica sul fatto che nessuno Stato nazionale fosse coinvolto. Tale narrazione sosteneva che gli attacchi all’oleodotto fossero stati perpetrati da una banda di patrioti ucraini che agivano in modo indipendente, all’insaputa del governo ucraino.Secondo il racconto, la banda di sei ucraini ha noleggiato uno yacht e ha navigato nel Mar Baltico verso una località al largo della Danimarca. Una volta giunti sul posto, due sommozzatori appartenenti alla banda ucraina si sono tuffati in mare, presumibilmente con esplosivi al plastico. Sott’acqua, hanno piazzato gli esplosivi, sono tornati a nuoto in superficie, si sono riuniti ai compagni di cospirazione che li attendevano all’interno dello yacht e sono salpati. Pochi istanti dopo, entrambi i gasdotti Nord Stream sono andati KAAABOOM!!!

Per aggiungere un po’ di carne al fuoco, Der Spiegel ha persino identificato lo yacht presumibilmente utilizzato nell’operazione di sabotaggio con il nome di “Andromeda”. Convenzionalmente, a bordo dello yacht sono stati trovati passaporti ucraini abbandonati, in condizioni immacolate.

La leggenda di quei passaporti ucraini immacolati ricorda il libro nitido e intatto mostrato durante un’intervista della BBC al presidente Isaac Herzog. Il capo di Stato israeliano aveva affermato alla televisione della BBC che il libro, che sembrava in condizioni immacolate, era in realtà una versione in lingua araba del Mein Kampf. Sarebbe stato trovato su un combattente di Hamas deceduto, che giaceva tra le rovine di una camera da letto per bambini a Gaza.

Guardate il video qui sotto:

Ovviamente, gli israeliani stanno disperatamente cercando di convincere il mondo che Hamas è una reincarnazione del partito nazista, che deve essere distrutto, anche a costo di uccidere ogni uomo, donna e bambino nella Striscia di Gaza. Naturalmente, la maggior parte del mondo non si beve la propaganda di Tel Aviv.

Allo stesso modo, il settimanale tedesco Der Spiegel non è stato preso sul serio quando ha pubblicato le foto dell’Andromeda, lo yacht presumibilmente usato dalla Banda dei Sei ucraina negli attacchi all’oleodotto.

I media mainstream europei e nordamericani hanno affermato nel marzo 2023 che l'”Andromeda” è stata usata da sei ucraini – che hanno agito senza il sostegno dello Stato ucraino – per navigare verso il luogo dell’attacco al gasdotto.
La storia originale della banda dei sei ucraini era quasi altrettanto assurda di quella che sostiene che i malvagi russi abbiano navigato verso un’area del Mar Baltico vicina alla Danimarca per far esplodere i propri gasdotti.

Se i russi volessero interrompere le forniture di gas naturale all’Europa continentale, dovrebbero semplicemente spegnere i compressori di gas e chiudere le valvole montate su segmenti di entrambi i gasdotti all’interno della Russia. Non ci sarebbe bisogno di una squadra di sabotatori sostenuti dal Cremlino che navighi nel blu dell’oceano verso la Danimarca per ottenere risultati simili in modo molto più disordinato e con costi elevati per la Russia.

Per ragioni analoghe, la narrazione della Gang of Six ucraina non ha senso. Se un gruppo di ucraini stesse morendo per distruggere i gasdotti russi, perché ignorare i gasdotti russi che passano attraverso il territorio ucraino e imbarcarsi in una missione estremamente difficile per distruggere i gasdotti in una località così lontana dal proprio Paese? Una missione pericolosa che richiede un’immersione profonda nel fondo del mare per raggiungere le condutture.

Ora, che dire della storia dello yacht e dei due sommozzatori? Non so nemmeno da dove cominciare per smontare questa assurdità.

Sy Hersh, Lost in a Wilderness of Mirrors - POLITICO Magazine
È possibile che le spie della CIA che hanno parlato con Seymour Hersh siano in realtà le stesse che hanno ideato la storia originale della “banda dei sei ucraini” per mettere in imbarazzo Joe Biden con la sua assurdità.
Prima di tutto, lo yacht identificato come l’imbarcazione utilizzata dalla Banda dei Sei non ha nemmeno lo spazio sufficiente per tutte le attrezzature che sarebbero necessarie per una missione che prevede una pericolosa immersione in fondo al mare. Non sono nemmeno sicuro che sia adatta a trasportare la quantità di esplosivo al plastico necessaria per distruggere le condutture.

In secondo luogo, se la Banda dei Sei fosse effettivamente riuscita ad attraversare un tratto del Mar Baltico pesantemente pattugliato dalle navi della NATO e a raggiungere la località al largo della Danimarca, non avremmo mai sentito parlare del sabotaggio di Nord Stream perché i due sommozzatori sarebbero stati incapaci e disorientati prima di avvicinarsi al fondale marino dove erano incastrati i gasdotti. Non avremmo mai saputo di alcun sabotaggio perché la banda dei clown avrebbe interrotto la missione non appena i sommozzatori si fossero trovati in difficoltà dopo essersi immersi in mare.

Come ingegnere meccanico, posso dirvi che gli alti livelli di pressione idrostatica nelle profondità del mare avrebbero causato a entrambi i sommozzatori lesioni da compressione, supponendo che indossassero un’attrezzatura subacquea standard.

I media tedeschi hanno affermato che “due membri del gruppo ucraino erano subacquei esperti”.

Un’affermazione piuttosto insensata da parte dei media se la barca è troppo piccola per contenere una camera di decompressione, oltre a un argano motorizzato contenente bobine di cavi metallici spessi per sollevare e abbassare la camera in mare. L’imbarcazione avrà anche bisogno di un grande serbatoio di gas respiratorio miscelato – una miscela di ossigeno, azoto ed elio – che sarà fornito ai subacquei attraverso lunghi tubi flessibili mentre scendono sul fondo del Mar Baltico.

Naturalmente, i sommozzatori avrebbero potuto indossare una tuta speciale fatta di una lega metallica leggera o di fibra di vetro. In questo caso, non avrebbero avuto bisogno dell’ingombrante camera di decompressione. Ma poi sorgono i problemi legati alla permanenza in una tuta semirigida, una sorta di camicia di forza. Sono necessarie destrezza e mobilità per il delicato compito di scavare le condutture incassate nel fondale marino e posizionare gli esplosivi su di esse.

Anche se si ammette una tuta speciale di metallo leggero o di vetroresina, resta il problema dello spazio sufficiente nello yacht per la grande bombola di gas respirabile miscelato che rifornirà i subacquei mentre vanno sott’acqua. E che dire dello spazio per il verricello motorizzato con le bobine di cavi ombelicali che verrebbero attaccati ai subacquei mentre sono sott’acqua?

Molto probabilmente, questi presuntuosi analfabeti scientifici dei Paesi della NATO pensano che far esplodere queste condutture, a 80-110 metri di profondità, sia una cosa che possono fare dei normali sommozzatori con un’attrezzatura subacquea non complicata. Per questo motivo scrivono audacemente storie infantili inventate nel quartier generale della CIA a Langley, in Virginia.

Ritengo che la storia originale della Gang of Six ucraina sia stata inventata da agenti della CIA che volevano mettere in imbarazzo il Presidente Joe Biden con la sua assurdità.

È persino possibile che siano state proprio le stesse spie che hanno detto segretamente la verità a Seymour Hersh a produrre la schifosa storia della Banda dei Sei ridacchiando alla Casa Bianca.

Titolo Reuters del 6 aprile 2023
Nell’aprile 2023, la versione originale della storia della Gang dei Sei è morta quando gli investigatori svedesi hanno apertamente respinto l’idea che gli attacchi all’oleodotto siano stati eseguiti con il sostegno di un governo nazionale.

Con lo scetticismo svedese ampiamente pubblicizzato, la storia è scomparsa dalla stampa e dai media elettronici dei Paesi della NATO. È scomparsa anche dalle pagine di quei giornali africani anglofoni specializzati nel “copiare” e “incollare” storie dall’agenzia di stampa Reuters, dall’Agence France-Presse (AFP) e dall’Associated Press (AP).

La scena della morte del Conte Dracula. In un film si dissolve in cenere. In un altro film, quelle stesse ceneri si combinano con il sangue per farlo risorgere per la convenienza della trama del sequel.
Ma, proprio come il Conte Dracula di Christopher Lee che continuava a trovare vie di resurrezione dopo essere stato ucciso ripetutamente dal Van Helsing di Peter Cushing, l’assurda storia ucraina della Gang of Six si è rifiutata di rimanere morta nella sua bara.

Con sostanziali miglioramenti alla trama, la storia è stata resuscitata l’11 novembre 2023 dal Washington Post, che ha come editore associato il portavoce non ufficiale della CIA David Ignatius.

In questa versione aggiornata della narrazione della Gang dei Sei, i buchi nella trama sono stati eliminati. L’affermazione problematica contenuta nella versione originale della storia, secondo cui i sei ucraini non avevano alcun sostegno da parte dello Stato nazionale, è stata eliminata.

In questa versione del novembre 2023, la Banda dei Sei non ha agito in modo indipendente. Erano sostenuti dalle risorse dello Stato nazionale ucraino. A quanto pare, il colonnello Roman Chervinsky ha “coordinato” la logistica dell’operazione di sabotaggio agli ordini di alti ufficiali militari ucraini, che alla fine hanno riferito al generale Valery Zaluzhny, dal volto angelico, che ha comandato le Forze Armate dell’Ucraina fino alla sua destituzione l’8 febbraio 2024.

Ho riso mentre leggevo un articolo del Washington Post sul mio smartphone. Ciò che mi ha divertito è stato il modo in cui Chervinsky e Zaluzhny, entrambi ufficiali militari ucraini, caduti in disgrazia con il governo Zelensky, sono stati opportunamente inseriti in una narrazione che assomiglia alla trama di un film mal prodotto.

Naturalmente, nessuna delle identità della vera banda di sei persone è stata ancora resa nota. Il mio sospetto è che i media aziendali stiano ancora aspettando che il governo ucraino fornisca i nomi dei sei individui che hanno offeso Yermak o lo stesso Zelensky.

Per ovvie ragioni, non possono essere sei critici del governo ucraino scelti a caso. Questi sei critici dovrebbero essere individui giovani, sani, in età militare, probabilmente con un passato da sub, in modo che la narrazione risulti convincente.

Probabilmente ci vorrà un po’ di tempo per trovare sei persone sacrificali da incastrare come autori in barca a vela degli attacchi al gasdotto Nord Stream. Credo che nel giro di un paio di mesi i media aziendali pubblicheranno i nomi e le foto di sei sfortunati individui che sono stati incastrati come Chervinsky.

In ogni caso, il personaggio del generale Valery Zaluzhny non giocherà più alcun ruolo nelle future versioni della frottola della Gang dei Sei, ora che è stato licenziato dal suo incarico militare ed esiliato a Londra sotto le spoglie di ambasciatore dell’Ucraina nel Regno Unito.


Contact – Geocache Adventures

Dear reader, if you like my work and feel like making a small donation, then kindly make for my Digital Tip Jar at Buy Me A Coffee

Sharp Focus on Africa is free today. But if you enjoyed this post, you can tell Sharp Focus on Africa that their writing is valuable by pledging a future subscription. You won’t be charged unless they enable payments.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

La questione della minoranza alevita in Turchia e la sua identità religiosa, di Vladislav B. Sotirovic

Le ragioni attuali del tentennamento, di fatto l’ostracismo, delle élites europee ed europeiste ad una integrazione della Turchia nella Unione Europea sono riconducibili, anche a ragioni religiose, ma prevalentemente alla riviviscenza di stampo ottomano tesa a creare una propria area di influenza ed un campo allargato di azione in aperto conflitto con le dinamiche geopolitiche di tanti paesi europei, al peso demografico ed economico e allo spirito identitario di quel paese, alle ambizioni sull’area turcomanna. Ambizioni e politiche che potranno essere ridimensionate e ricondotte all’ordine solo nel caso improbabile di riaffermazione dell’unipolarismo statunitense o di una forma addomesticata di bipolarismo. L’uso della religione, da parte di Erdogan, aspetto comunque fondamentale della vita e dell’immaginario turco, pare soprattutto strumentale, anche se molto spesso si rischia di rimanere vittime dei propri stessi strumenti. Restano molto importanti ed interessanti, comunque, le considerazioni e le ricostruzioni del professor Sotirovic. Buona lettura, Giuseppe Germinario

La questione della minoranza alevita in Turchia e la sua identità religiosa

Introduzione

Fino ad oggi, la possibilità di organizzare un referendum nazionale sull’adesione della Turchia all’Unione Europea (UE), non ancora espressa dal Presidente della Turchia R.T. Erdoğan, ha aperto molte questioni di natura diversa, seguite da problemi vecchi e nuovi.

L’attuale preoccupazione politica europea si riflette in molte questioni controverse e una delle più importanti riguarda la decisione dell’UE di accettare o meno la Turchia come Stato membro a tutti gli effetti (è uno Stato candidato dal 1999). Da un lato, la Turchia è governata come una democrazia laica da leader politici islamici moderati, che cercano di svolgere un ruolo di ponte tra il Medio Oriente e l’Europa. Dall’altro lato, però, la Turchia è un Paese quasi al 100% musulmano con una marea crescente di radicalismo islamico (soprattutto dopo l’aggressione israeliana del 2023 a Gaza e la pulizia etnica dei palestinesi gazani), circondato da vicini con un problema simile.

Tutti coloro che si oppongono all’ammissione della Turchia nell’UE hanno due argomenti fondamentali: 1) i cittadini turchi musulmani (70 milioni) non si integreranno mai adeguatamente nell’ambiente europeo, che è prevalentemente cristiano; e 2) in caso di adesione della Turchia, si riaccenderanno gli scontri storici tra i turchi (ottomani) e i cristiani europei. In questa sede faremo riferimento solo a una dichiarazione contro l’adesione della Turchia: “significherebbe la fine dell’Europa” (ex presidente francese Valéry Giscard d’Estaing) – una dichiarazione che riflette chiaramente l’opinione dell’80% degli europei intervistati nel 2009, secondo cui l’ammissione della Turchia all’UE non sarebbe una buona cosa. Allo stesso tempo, solo il 32% dei cittadini turchi ha un’opinione favorevole dell’UE e, pertanto, è molto probabile che il processo di ammissione, per il quale sono stati avviati negoziati formali e rigorosi già nel 2005, sia definitivamente interrotto.

Fondamentalismo islamico e ammissione della Turchia all’UE

La questione dell’ammissione della Turchia all’UE è vista dalla maggioranza degli europei attraverso la lente del fondamentalismo islamico come una delle sfide più gravi alla stabilità e soprattutto all’identità europea, che si basa principalmente sui valori e sulla tradizione cristiana. Il fondamentalismo islamico è inteso come un tentativo di minare le pratiche statali esistenti per la stessa ragione per cui i musulmani militanti (come ISIS/ISIL/DAESH) combattono per ristabilire il Califfato islamico medievale e l’istituzione di un’autorità teocratica sulla comunità islamica globale – la Umma. Tuttavia, il fondamentalismo religioso si è imposto per la prima volta all’attenzione della parte occidentale della comunità internazionale nel 1979, quando in Iran una monarchia assoluta filoamericana è stata sostituita da una semi-teocrazia musulmana sciita (Shiia) antiamericana. In altre parole, i chierici musulmani sciiti iraniani, che erano sempre stati i leader spirituali degli iraniani, divennero ora anche i loro leader politici. La rivoluzione islamica iraniana del 1979 ha fatto pensare a possibili rivolte simili in altre società musulmane, seguite da azioni preventive contro di esse da parte di altri governi.

Lo scenario più pericoloso per la Turchia, dal punto di vista europeo, in caso di fallimento dei negoziati di adesione, è probabilmente quello di una virata turca verso il mondo musulmano, seguita da un’influenza crescente del fondamentalismo islamico che può essere adeguatamente controllata dall’UE se la Turchia diventa uno Stato membro del club? Questo è, probabilmente, il fattore di “sicurezza” più importante da notare per quanto riguarda le relazioni UE-Turchia e i negoziati di adesione. In particolare, dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre (a Washington e New York), è diventato sempre più chiaro che era meglio avere la Turchia (islamica) all’interno dell’UE piuttosto che come parte di un blocco anti-occidentale di Stati musulmani.

In generale, per i governi occidentali e soprattutto per le amministrazioni statunitense e israeliana, i musulmani sciiti sono stati considerati, dopo la rivoluzione islamica (sciita) iraniana del 1979, come i più potenziali fondamentalisti islamici e terroristi religiosi. Pertanto, l’oppressione delle minoranze sciite da parte delle maggioranze sunnite in diversi Paesi musulmani non viene deliberatamente registrata e criticata dai governi occidentali. Il caso degli Alevi in Turchia è uno dei migliori esempi di questa politica. Tuttavia, allo stesso tempo, l’amministrazione dell’UE sta prestando la massima attenzione alla questione curda in Turchia, richiedendo persino il riconoscimento dei curdi da parte del governo turco come minoranza etnoculturale (diversa dall’etnia turca). Perché gli Aleviti sono discriminati da questo punto di vista dalla politica dell’UE sulle minoranze in Turchia? La risposta è che i curdi sono musulmani sunniti, mentre gli aleviti sono considerati una fazione turca della comunità musulmana sciita (militante) all’interno del mondo islamico.

Nei prossimi paragrafi, vorrei fare maggiore chiarezza sulla questione di chi sono gli Alevi e di cosa sia l’Alevismo come identità religiosa, tenendo conto del fatto che la religione, senza dubbio, è diventata sempre più importante sia negli studi che nella pratica delle relazioni internazionali e della politica globale. Dobbiamo anche tenere presente che l’identità religiosa è stata predominante rispetto alle identità nazionali o etniche per diversi secoli, essendo in molti casi la causa cruciale dei conflitti politici.

Che cos’è l’alevismo?

Gli Alevi sono quei musulmani che credono nell’Alevismo, che è, di fatto, una setta o una forma di Islam. Soprattutto in Turchia, l’alevismo è una seconda setta comune dell’Islam. Il numero di Aleviti si aggira tra i 10-15 milioni. Il nome della setta deriva dal termine Alevi che significa “seguace di Ali”. Alcuni esperti di studi islamici sostengono che l’alevismo sia un ramo dello sciismo (Islam sciita), ma, di fatto, la umma alevita non è omogenea e l’alevismo non può essere compreso senza un’altra setta islamica – il bektashismo. Ciononostante, la cultura alevita ha prodotto molti poeti e canzoni popolari, oltre al fatto che il popolo alevita sta affrontando molti problemi di vita quotidiana per vivere secondo il proprio credo nell’Islam.

Gli Aleviti (turco: Aleviler o Alevilik; curdo: Elewî) sono una comunità religiosa, sub-etnica e culturale turca che rappresenta allo stesso tempo la più grande setta dell’Islam in Turchia. L’alevismo è una forma di misticismo islamico o sufismo che crede in un unico Dio accettando Maometto come Profeta e il Sacro Corano. Il popolo alevita ama l’Ehlibeyt – la famiglia del Profeta Muhammad -, unificare la preghiera e la supplica, pregare nella propria lingua, preferire la persona libera anziché la Umma (comunità musulmana), preferire l’amore per Dio anziché il timore di Dio, superare la Sharia raggiungendo il mondo reale, credere alla genuinità del Sacro Corano anziché alla rasatura. L’Alevismo ha trovato la sua cura nell’amore umano; essi credono che le persone siano immortali perché una persona è manifestata da Dio. Donne e uomini pregano insieme, nella loro lingua, con la loro musica che viene suonata via bağlama, con il semah. L’alevismo è un insieme di credenze che dipende dalle regole dell’Islam che si basano sul Sacro Corano, secondo gli ordini di Maometto; interpretando l’Islam con una dimensione universale, apre nuove porte ai popoli della terra. Il sistema di credenze degli Aleviti è islamico con una tripletta composta da Allah, Maometto e Ali.
Ci sono molte argomentazioni forti sul rapporto tra alevismo e sciismo. Alcuni ricercatori affermano che l’alevismo è una forma di sciismo, mentre altri sostengono che l’alevismo è settario. Dobbiamo tenere presente che lo sciismo è il secondo tipo di Islam diffuso nel mondo dopo il sunnismo. Si tratta di un ramo dell’Islam che viene chiamato Partito di Ali per il motivo che riconosce la pretesa di Ali di succedere a suo cugino e suocero, il Profeta Maometto, come leader spirituale dell’Islam durante la prima guerra civile nel mondo islamico (656-661). Nella maggior parte dei Paesi islamici i sunniti sono in maggioranza, ma gli sciiti comprendono circa 80 milioni di fedeli, ovvero circa il 13% di tutti i musulmani del mondo. Gli sciiti sono predominanti in tre Paesi: Iran, Iraq ed Emirati Arabi Uniti. Tuttavia, l’alevismo non può essere inteso come identico al sufismo, che è l’aspetto mistico dell’Islam sorto come reazione alla rigida ortodossia religiosa. I sufi cercano l’unione personale con Dio e i loro omologhi cristiano-ortodossi nel Medioevo erano i bogumil.

Indubbiamente, l’alevismo ha alcuni temi simili a quelli dello sciismo ma, allo stesso tempo, ci sono molte differenze per quanto riguarda la pratica generale dell’Islam. Tuttavia, in alcuni testi occidentali, l’alevismo viene presentato come un ramo dello sciismo o, più specificamente, come una via turca o ottomana dello sciismo.

Scissione all’interno dei musulmani

Dobbiamo tenere presente che l’espansione islamica nel VII e nell’VIII secolo è stata accompagnata da conflitti politici che hanno fatto seguito alla morte del Profeta Maometto, e la questione di chi abbia il diritto di succedergli sta dividendo il mondo musulmano ancora oggi. In altre parole, alla morte del Profeta fu scelto un califfo (successore) per governare tutti i musulmani. Tuttavia, poiché il califfo non aveva l’autorità profetica, godeva di un potere secolare ma non di un’autorità nella dottrina religiosa. Il primo califfo fu Abu Bakr, che insieme ai suoi tre successori è considerato il califfo “giustamente guidato” (o ortodosso). Essi governarono secondo il Corano e le pratiche del Profeta, ma in seguito l’Islam si divise in due rami antagonisti: Sunniti e Sciiti.

La divisione tra sunniti e sciiti ebbe inizio quando Ali ibn Abi Talib (599-661), genero ed erede di Maometto, assunse il califfato dopo l’assassinio del suo predecessore Uthman (574-656). La guerra civile si concluse con la sconfitta di Ali e la vittoria del cugino di Uthman e governatore di Damasco, Mu’awiya Ummayad (602-680) dopo la battaglia di Suffin. Tuttavia, quei musulmani (come gli aleviti, ad esempio) che sostenevano che Ali fosse il legittimo califfo presero il nome di Shiat Ali – i “Partigiani di Ali”. Essi ritengono che Ali sia stato l’ultimo califfo legittimo e che, pertanto, il califfato debba passare solo a coloro che sono discendenti diretti del Profeta Maometto attraverso sua figlia Fatima e Ali, suo marito. Il figlio di Ali, Hussein (626-680), rivendicò il Califfato, ma gli Ummayadi lo uccisero insieme ai suoi seguaci nella battaglia di Karbala nel 680. Questa città, oggi nell’Iraq contemporaneo, è il luogo più sacro per i musulmani sciiti (sciismo). Nonostante il fatto che la linea familiare del Profeta Maometto si sia conclusa nell’873, i musulmani sciiti credono che l’ultimo discendente di Maometto non sia morto, poiché è piuttosto “nascosto” e tornerà. Queste interpretazioni sciite di base della storia dell’Islam sono seguite dal popolo alevita e, pertanto, molti ricercatori considerano l’alevismo semplicemente come una fazione dello sciismo.

Il ramo dominante dell’Islam è quello sunnita. I musulmani sunniti, a differenza dei loro avversari sciiti, non chiedono che il califfo sia un discendente diretto del Profeta Maometto. Accettano anche le usanze tribali arabe nel governo. Secondo il loro punto di vista, la leadership politica è nelle mani della comunità musulmana in quanto tale. Tuttavia, di fatto, il potere religioso e politico dell’Islam non fu mai più unito in una comunità politica dopo la morte del quarto califfo.

L’alevismo nell’Islam
Gli aleviti credono in un unico Dio, Allah, e quindi l’alevismo, come forma di Islam, è una religione monoteista. Come tutti gli altri musulmani, gli aleviti comprendono che Dio è in ogni cosa che circonda la natura. È importante notare che ci sono aleviti che credono negli spiriti buoni e cattivi (e in una sorta di angeli) e, quindi, spesso praticano la superstizione per trarre beneficio da quelli buoni ed evitare danni da quelli cattivi. Per questo motivo, per molti musulmani l’alevismo non è un vero e proprio Islam, ma piuttosto una forma di paganesimo intriso di cristianesimo. Tuttavia, la maggioranza degli aleviti non crede in questi esseri soprannaturali, affermando che si tratta di un’espressione del satanismo.

L’essenza dell’alevismo sta nel fatto che gli aleviti credono che, secondo il testo originale del Corano, Ali, cugino e genero di Maometto, doveva essere il successore del Profeta come vice-reggente di Dio sulla terra o califfo. Tuttavia, essi sostengono che le parti del Corano originale relative ad Ali sono state eliminate dai suoi rivali. Secondo gli aleviti, il Corano, in quanto libro sacro fondamentale per tutti i musulmani, deve essere interpretato esotericamente. Per loro, nel Corano ci sono verità spirituali molto più profonde delle rigide regole e norme che appaiono sulla superficie laterale. Tuttavia, la maggior parte degli scrittori aleviti cita singoli versetti coranici come appello all’autorità per sostenere il proprio punto di vista su un determinato argomento o per giustificare una certa tradizione religiosa alevita. Gli aleviti in genere promuovono la lettura del Corano piuttosto in lingua turca che in arabo, sottolineando che è di fondamentale importanza per una persona capire esattamente ciò che sta leggendo, cosa che non è possibile se il Corano viene letto in arabo. Tuttavia, molti aleviti non leggono il Corano o altri libri sacri, né basano le loro credenze e pratiche quotidiane su di essi, poiché considerano questi libri antichi irrilevanti al giorno d’oggi.

Gli aleviti leggono tre libri diversi. Se secondo loro non c’è un’informazione corretta nel Corano, poiché i sunniti hanno corrotto le parole autentiche di Maometto, è necessario rivelare i messaggi originali del Profeta attraverso letture alternative. Pertanto, i credenti aleviti si rivolgono (1) al Nahjul Balagha, le tradizioni e i detti di Ali; (2) ai Buyruk, le raccolte di dottrina e pratiche di diversi dei 12 imam, in particolare di Cafer; e (3) ai Vilayetnameler o ai Menakıbnameler, libri che descrivono eventi della vita di grandi aleviti come Haji Bektash. Oltre a questi libri fondamentali, ci sono alcune fonti speciali che partecipano alla creazione della teologia alevita, come i poeti-musicisti Yunus Emre (13-14° secolo), Kaygusuz Abdal (15° secolo) e Pir Sultan Abdal (16° secolo).

Il fondamento dell’alevismo è l’amore per il Profeta e l’Ehlibeyt. I dodici Imam sono glorificati come divinità dagli aleviti. In attesa della ricomparsa dell’ultimo Imam (capo religioso musulmano), i musulmani sciiti hanno istituito un consiglio speciale composto da 12 studiosi religiosi (Ulema) che eleggono un Imam supremo. Ad esempio, l’Ayatollah (“Uomo Santo”) Ruhollah Khomeini (1900-1989) godeva di questo status in Iran. La maggior parte degli aleviti crede che il 12° Imam, Muhammed Mehdi, sia cresciuto in segreto per essere salvato da coloro che volevano sterminare la famiglia di Ali. Molti aleviti credono che Mehdi sia ancora vivo e/o che un giorno tornerà sulla terra. Secondo gli aleviti, Ali era il successore previsto di Muhammed, e quindi il primo califfo, ma i concorrenti gli hanno sottratto questo diritto. Muhammed intendeva che la guida di tutti i musulmani derivasse perennemente dalla sua linea familiare (Ehli Beyt), a partire da Ali, Fatima e i loro due figli, Hasan e Hüseyin. Ali, Hasan e Hüseyin sono considerati i primi tre Imam, mentre gli altri nove dei 12 Imam provengono dalla linea di Hüseyin. Per ricordare, i nomi e le date approssimative di nascita e morte dei 12 Imam sono:

İmam Ali (599-661)
İmam Hasan (624-670)
İmam Hüseyin (625-680)
İmam Zeynel Abidin (659-713)
İmam Muhammed Bakır (676-734)
İmam Cafer-i Sadık (699-766)
İmam Musa Kâzım (745-799)
İmam Ali Rıza (765-818)
İmam Muhammed Taki (810-835)
İmam Ali Naki (827-868)
İmam Hasan Askeri (846-874)
İmam Muhammed Mehdi (869-941).

Per gli aleviti, essere una persona veramente buona è una parte inalienabile della loro filosofia di vita. È importante notare che gli Aleviti non si rivolgono alla Pietra Nera (Kaaba) che si trova alla Mecca, nell’Arabia Saudita sunnita, e, come è noto, i membri della comunità musulmana devono visitarla per il Hajj almeno una volta nella vita. Il primo digiuno degli aleviti non è nel Ramadan, ma nel mese di Muharram e dura 12 giorni, non 30. Il secondo digiuno per loro è dopo la Festa del Sacrificio per 20 giorni e un altro è il digiuno Hizir. Nell’Islam c’è una regola per cui se una persona ha abbastanza soldi, dovrebbe donare a un povero una somma specifica, ma gli aleviti preferiscono donare denaro alle organizzazioni alevite e non ai singoli. Poiché non si recano alla Mecca per il Hajj, visitano alcuni mausolei, come quello di Haji Bektaş (a Kırşehir), Abdal Musa (nel villaggio di Tekke, Elmalı, Antalya), Şahkulu Sultan (a Merdivenköy, İstanbul), Karacaahmet Sultan (a Üsküdar, İstanbul) o Seyit Gazi (a Eskişehir).

Bektashismo
Haji Bektash (Bektaş) Wali era un turkmeno nato in Iran. Dopo essersi laureato, si era trasferito in Anatolia. Educò molti studenti e lui e i suoi studenti prestarono molti servizi religiosi, economici, sociali e marziali ad Ahi Teşkilatı. Haji Bektash iniziò gradualmente ad essere popolare tra il distaccamento militare d’élite ottomano – i giannizzeri. Tuttavia, egli non era di origine alevita, ma adottò le regole dei credenti aleviti nella sua vita personale. Questa setta, o forma di Islam, fu fondata nel nome di Haji Bektash Wali i cui membri dipendono dall’amore di Ali e di dodici imam. Il Bektashismo era popolare in Anatolia e nei Balcani (soprattutto in Bosnia-Erzegovina e in Albania) ed è vivo ancora oggi.

Nel corso del tempo, il Bektashismo si è perfezionato prendendo alcune caratteristiche delle vecchie credenze dell’Anatolia e della cultura turca. Tuttavia, il Bektashismo è la parte più importante dell’Alevismo, poiché molte regole del Bektashismo sono incorporate nell’Alevismo. Per i credenti aleviti, il mausoleo di Haji Bektash Wali a Nevşehir, in Anatolia, è un punto importante del pellegrinaggio. Infine, in Turchia, il Bektashismo e l’Alevismo non possono essere trattati come concetti diversi della teologia islamica.

Problemi e difficoltà degli aleviti nella storia ottomana e in Turchia
Quando lo Stato ottomano fu fondato alla fine del XIII secolo e all’inizio del XIV secolo, non vi erano frizioni settarie all’interno dell’Islam. A quel tempo, gli aleviti occupavano molte poltrone nelle istituzioni statali. I giannizzeri (in origine la guardia del corpo del Sultano) erano membri del Bektashismo, il che significa che anche il Sultano tollerava pienamente questo modo di interpretare il Corano e la prima storia dell’Islam. Tuttavia, quando lo Stato ottomano fu coinvolto nel processo di trasformazione imperialistica con l’annessione di province e Stati circostanti, il sunnismo divenne sempre più importante perché i musulmani sunniti stavano diventando una netta maggioranza del Sultanato ottomano e, quindi, il sunnismo era molto più utile per l’amministrazione statale e il sistema di governo. Lo Stato ottomano fu coinvolto a est nella catena di conflitti con l’Impero Safavide (Persia, oggi Iran, 1502-1722) – un Paese con una netta maggioranza di musulmani che esprimevano lo sciismo, una forma di Islam molto simile all’alevismo. Il gruppo Alevi, che si lamentava di essere più sunnita nel Sultanato ottomano, divenne simpatizzante dello scià safavide İsmail I (1501-1524) e del suo Stato, che si basava sull’alevismo. L’astio tra gli aleviti ottomani e le autorità ottomane divenne più evidente nel 1514, quando il sultano ottomano Selim I (1512-1520) giustiziò circa 40.000 aleviti insieme al popolo curdo durante la decisiva battaglia di Chaldiran (23 agosto) in Iran contro lo scià Ismail I. Fino alla fine del Sultanato ottomano, nel 1923, gli aleviti sono stati oppressi dalle autorità in quanto credenti settari che non si adattavano alla teologia ufficiale sunnita dell’Islam.

Dopo la fine dell’Impero Ottomano, nel 1923, gli aleviti sono stati accolti con gioia nei primi anni della nuova Repubblica di Turchia, che proclamava dichiaratamente la segregazione della religione dallo Stato, il che significava in pratica che non esisteva alcuna religione di Stato ufficiale nel Paese. La popolazione alevita della Turchia ha appoggiato la maggior parte delle riforme con la speranza di migliorare il proprio status sociale. Tuttavia, dopo i primi anni del nuovo Stato, hanno iniziato a sperimentare alcune difficoltà in quanto, di fatto, minoranza religiosa. Gli anni Sessanta furono molto importanti per la società turca per almeno tre motivi: (1) l’inizio dell’immigrazione dalle aree rurali a quelle urbane in seguito a un nuovo processo di industrializzazione; (2) l’immigrazione all’estero, soprattutto verso la Germania occidentale, in base all’accordo turco-tedesco, il cosiddetto Gastarbeiter Agreement; (3) un’ulteriore democratizzazione della vita politica. Di conseguenza, nel 1966 gli aleviti hanno fondato un proprio partito politico, il Birlik Partisi (Partito dell’Unità). Nel 1969, gli aleviti, in quanto gruppo minoritario, hanno inviato otto membri al Parlamento in base ai risultati delle elezioni parlamentari. Tuttavia, nel 1973, il partito aveva inviato solo un membro al Parlamento e infine, nel 1977, aveva perso la sua efficienza. Nel 1978, a Maraş e nel 1980, a Çorum, centinaia di aleviti sono stati uccisi come conseguenza del conflitto con la popolazione a maggioranza sunnita, ma il più noto massacro alevita è avvenuto nel 1993, il 2 luglio, a Sivas, quando 35 intellettuali aleviti sono stati uccisi nell’hotel Madimak da un gruppo di fondamentalisti religiosi.

Indubbiamente, i credenti aleviti devono affrontare ancora oggi molti problemi in Turchia in relazione alla libertà di espressione religiosa e al riconoscimento come gruppo culturale separato. Ad esempio, i programmi di studio religiosi non contengono informazioni sull’alevismo, ma solo sul sunnismo, il che significa che l’alevismo non viene studiato regolarmente in Turchia. L’Alevismo è profondamente ignorato dall’amministrazione turca, ad esempio dalla Presidenza degli Affari Religiosi (nata nel 1924), un’istituzione che si occupa di questioni e problemi religiosi ma che, in pratica, opera secondo le regole dell’Islam sunnita. D’altro canto, però, la vita culturale alevita è migliorata, ad esempio con l’apertura di molte fondazioni e di altre istituzioni pubbliche civiche che la sostengono. Tuttavia, gli aleviti, come i curdi, non sono riconosciuti come gruppo etnoculturale o religioso separato in Turchia a causa della concezione turca di nazione (millet) ereditata dal Sultanato ottomano, secondo la quale tutti i musulmani in Turchia sono trattati come turchi etnolinguistici. La situazione può essere modificata dal momento che la Turchia sta cercando di aderire all’UE e, pertanto, devono essere accettati alcuni requisiti dell’UE, tra cui la concessione di diritti di minoranza per gli aleviti e i curdi.

Conclusioni

L’alevismo è una setta dell’Islam che presenta molti punti in comune con lo sciismo. Tuttavia, non si può dire che faccia parte dell’islam sciita nel suo complesso. La cultura alevita ha un ricco patrimonio di poesie e musicisti grazie al loro stile di culto. In Anatolia, il Bektashismo è solitamente collegato all’Alevismo.

Il popolo alevita ha vissuto nel Sultanato ottomano e nella successiva Repubblica di Turchia con problemi, poiché la sua religione non si adattava all’espressione ufficiale dell’Islam (sunnita).

Oggi gli aleviti in Turchia lottano per essere rispettati come gruppo religioso-culturale separato che può manifestare liberamente il proprio stile di vita peculiare. Di fatto, il popolo alevita non ha potuto esprimersi liberamente per secoli, compresa l’attuale Turchia, che dovrebbe imparare a praticare sia i diritti delle minoranze che la democrazia.

Infine, se la Turchia vuole entrare a far parte dell’Unione Europea, deve sicuramente fornire il massimo degli standard di protezione richiesti a tutti i tipi di minoranze, comprese quelle religiose e culturali. Questa può essere un’opportunità per il popolo alevita in Turchia di migliorare il proprio status all’interno della società.
Dr. Vladislav B. Sotirovic
Ex professore universitario
Ricercatore presso il Centro di Studi Geostrategici
Belgrado, Serbia
www.geostrategy.rs
sotirovic1967@gmail.com © Vladislav B. Sotirovic 2024
Disclaimer personale: l’autore scrive per questa pubblicazione a titolo privato e non rappresenta nessuno o nessuna organizzazione, se non le sue opinioni personali. Nulla di quanto scritto dall’autore deve essere confuso con le opinioni editoriali o le posizioni ufficiali di altri media o istituzioni.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

GAS E POLITICA/ L’importanza e i nemici del Piano Mattei italiano, di Marco Pugliese

GAS E POLITICA/ L’importanza e i nemici del Piano Mattei italiano

Marco Pugliese

L’accordo siglato in Libia è molto importante per l’Italia, anche in ambito europeo. Ma ci sono anche degli “alleati” che remano contro questa strategia

meloni dbeibah libia 1 lapresse1280 640x300 Giorgia Meloni con il premier libico Abdul Amid Dbeibah (LaPresse)

Partiamo da un dato: la Libia era al primo posto in Africa nell’indice Onu dello sviluppo umano, ora invece viaggia verso gli ultimi posti ed è tra i più pericolosi (ex) Stati del mondo. L’export del petrolio fino al 2011 aveva nell’italiana Eni il suo assetto principale. Ricordiamo che la Libia detiene il 38% del petrolio africano ed è in grado di soddisfare l’11% dei consumi europei. Di fatto è un Paese-asset strategico da cui la nostra produzione industriale trae linfa vitale.

Non bisogna poi dimenticare che l’Italia dal 2011 a oggi ha perduto commesse, tra infrastrutture e contratti di estrazione, per un valore di 5 miliardi di euro. Il valore in termini economici (energetico più infrastrutture) ammonta a 140 miliardi di euro nell’immediato e sarebbe pari a circa quattro volte e mezzo se l’esportazione energetica e di greggio tornasse a livelli precedenti la crisi del 2011.

Questa premessa per capire l’importanza del recente accordo Eni-Libia, di fatto pilastro di quel “piano Mattei” invocato più volte dalla premier Giorgia Meloni, che nelle dichiarazioni congiunte con il primo ministro del Governo di unità nazionale libico, Abdul Hamid Dbeibah, ha affermato: “L’Italia è impegnata a fare la sua parte, per assicurare una maggiore unità di intenti da parte della comunità internazionale sul dossier libico ed evitare il rischio che alcune influenze lavorino per destabilizzare il quadro piuttosto che favorirlo”.

Una dichiarazione che ha messo il cappello all’accordo da 8 miliardi siglato da Eni in Libia tra l’ad Eni, Claudio Descalzi, e l’ad della National Oil Corporation (Noc), Farhat Bengdara, per avviare lo sviluppo delle Strutture A&E. Questo progetto andrà ad aumentare la produzione di gas per rifornire in monopolio l’intero mercato interno libico; e l’Italia sarà il nodo principale della rete di export verso l’Europa. Il prezzo e i flussi saranno gestiti da Roma, che di fatto potrà utilizzare questo canale privilegiato come leva nei confronti del Nord Europa, altra bisettrice energetica del continente. Grazie a questi accordi il nostro Paese sarà in grado di poter gestire in equilibrio le future partite energetiche europee, senza imposizioni. Questo grazie al ruolo dato dall’autonomia energetica che si vuole raggiungere. In più l’accordo consentirà di mettere al sicuro la Libia a livello energetico, di fatto creando lavoro e portando sviluppo tecnologico al Paese, con effetti di stabilizzazione sul piano sociale.

Energia e immigrazione

Giorgia Meloni in conferenza stampa ha ricordato che “il contrasto ai flussi di immigrazione irregolare per noi rimane un dossier centrale. Nonostante gli sforzi, i numeri delle migrazioni irregolari dalla Libia verso l’Italia sono ancora alti. Gli ingressi irregolari in Italia sono oltre il 50% delle persone che vengono dalla Libia, si devono intensificare gli sforzi in materia di contrasto al traffico e alla tratta di esseri umani, assicurando un trattamento umano alle persone interessate”. In sintesi l’Italia, anche tenendo in sicurezza le installazioni Eni (già presenti nel Paese), aiuterà il Governo libico nel processo di normalizzazione.

Russia e Francia

Attualmente Russia e Francia portano in Libia armi dall’Egitto, che in segreto sogna di conquistare la Cirenaica. Il Paese tornerà in sicurezza solo con una vera e propria stabilizzazione. La Francia è nel ruolo di spettatrice interessata e non possiamo considerarla Paese amico al di fuori dell’Europa. È la stessa Francia che con Nicolas Sarkozy attaccò Gheddafi senza nemmeno avvisarci. Perché? Il funzionario Sidney Blumenthal rivelò che Gheddafi intendeva sostituire il Franco Cfa, utilizzato in 14 ex colonie, con un’altra moneta panafricana. Lo scopo era rendere l’Africa francese indipendente da Parigi: le ex colonie hanno il 65% delle riserve depositate a Parigi. Poi naturalmente sul piatto c’era anche il petrolio della Cirenaica per la Total.<

Il piano Mattei è una strategia geoeconomica atta a darci autonomia energetica, senza la quale è a rischio perfino la permanenza nel G7, o comunque tra le nazioni mondiali più sviluppate. La politica green europea è già fallimentare e con elezioni continentali il prossimo anno è bene che il nostro Governo (questo come i prossimi) stia finalmente capendo che l’Europa è piena di mezzi amici e finti alleati, che vedrebbero felicemente venir meno i nostri interessi diretti in certi scenari. In questo senso, l’accordo con la Libia ha risvolti importantissimi.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

ECOWAS: UN TESTO BASE, di Chima

ECOWAS: UN TESTO BASE

ECOWAS nel contesto più ampio delle interazioni storiche dell’Africa con Cina, Francia, Stati Uniti, Regno Unito e Russia

13 FEBBRAIO

PARTE I: Vista 3D e Vista 1D

Quando si parla dell’Africa, molti di coloro che commentano l’argomento non hanno idea di cosa stiano parlando. C’è una comprensione generalizzata e unidimensionale che sia un luogo di povertà e guerre, un terreno di gioco geopolitico per il “rapido” sfruttamento neocoloniale.

Certo, il diavolo è sempre nei dettagli, ma quelli tridimensionali I “dettagli” sfuggono in gran parte a molti outsider perché non hanno una conoscenza completa delle diverse storie e culture politiche dei vari paesi del continente. A causa della mancanza di una conoscenza dettagliata, molti commentatori semplicemente non sono attrezzati per comprendere le sfumature inerenti alla complessa rete di relazioni e interessi che esiste tra i vari stati africani.

A causa della loro tendenza a percepire i paesi africani come soggetti passivi in ​​continua competizione con le potenze geopolitiche esterne per ottenere influenza, questi commentatori interpretano ogni azione intrapresa dagli stati africani come allineata con l’asse “buono” Russia-Cina o con quello “cattivo” guidato dagli Stati Uniti. Asse NATO .

In assenza di conoscenza, le supposizioni vengono spacciate per analisi. Otteniamo “Il presidente Tinubu è il burattino franco-americano” per aver voluto applicare i protocolli ECOWAS. Otteniamo “Il presidente keniano Ruto è un burattino degli Stati Uniti” a causa della sua apatia nei confronti della Russia, un tipico sottoprodotto dell’appartenenza a una società africana anglofona, che è in gran parte orientata verso il mondo occidentale.

Il fatto che lo stesso leader nazionale keniano sostenga l’ abbandono del dollaro viene ignorato perché avere ottimi legami con l’Occidente collettivo è un sicuro segno di “burattino” :

Forse l’indicazione più vera di “fantoccio” è stata quando il presidente Ruto ha rimproverato Macron durante un vertice finanziario internazionale a Parigi per aver difeso la Banca Mondiale e il FMI.

“Nessuno vuole nulla gratis”, ha detto apertamente il leader keniano a Macron in risposta alla promessa del leader francese che l’UE avrebbe fornito milioni di dollari in pacchetti di donatori al continente.

“Non state ascoltando”, ha detto il leader keniano a Macron prima di ribadire la sua richiesta per la creazione di una nuova istituzione finanziaria parallela alla Banca Mondiale e al Fondo Monetario Internazionale:

Forse, il boicottaggio personale di Ruto del vertice Russia-Africa del 2023 e il suo rifiuto di inviare anche un solo rappresentante del governo a San Pietroburgo sono il vero segno delle “marionette americane” , anche se sembra ammirare davvero il presidente cinese Xi Jinping. che loda costantemente. Forse il segno del “burattino” era in bella mostra quando è volato a Pechino per partecipare alla celebrazione del decimo anniversario della Belt and Road Initiative.

Mentre era a Pechino, ha concesso un’intervista alla China Global Television Network (CTGN) sfatando i miti dei media euro-americani secondo cui “ la Cina intrappola l’Africa nel debito”. Non c’è nemmeno bisogno di ascoltare il presidente Ruto. Due anni fa ho scritto un intero articolo sulla Cina che cancellava i debiti dei paesi africani .

Comunque, ecco una breve clip di Ruto con il suo intervistatore del CTGN :

Per dimostrare ulteriormente la diversa prospettiva geopolitica dell’Africa francofona e anglofona, basta dare un’occhiata da vicino ai 19 leader nazionali africani che si sono recati personalmente al vertice Russia-Africa del 2023.

Dieci dei diciannove capi di Stato e di governo presenti al vertice provenivano da paesi africani francofoni. In altre parole, il 53% dei leader nazionali che si sono presi la briga di presentarsi a San Pietroburgo provenivano dall’Africa francofona sempre più russofila . Al contrario, solo il 16% dei leader nazionali – tre capi di Stato – che sono venuti di persona al vertice provenivano dall’Africa anglofona.

Cinque paesi anglofoni, vale a dire Kenya, Botswana, Mauritius, Sierra Leone e Liberia, hanno boicottato totalmente il vertice rifiutando di inviare rappresentanti ufficiali a San Pietroburgo.

Il presidente Ruto ha anche detto ai media locali in Kenya che era “inappropriato che la Russia ospitasse un vertice nel mezzo di una guerra”. Ha anche criticato altri leader africani per essere andati in Russia.

Ancora una volta, questa apatia nei confronti della Russia è semplicemente un riflesso dei sentimenti generali della più ampia società keniana, che tende fortemente in direzione filo-occidentale.

L’apatia del Kenya non dovrebbe essere interpretata come un segno di ostilità verso la Russia. Il paese dell’Africa orientale continua a intrattenere rapporti amichevoli con il gigante eurasiatico. In effetti, William Ruto e il suo predecessore, Uhuru Kenyatta, rimangono grati alla Russia per averli difesi dalla Corte penale internazionale (CPI) nel 2010.

Sergei Lavrov incontra William Ruto nel maggio 2023. Nel 2010, la Russia ha rifiutato il diritto della CPI di incriminare William Ruto (allora vicepresidente del Kenya) e Uhuru Kenyatta (allora presidente del Kenya) per le violenze mortali post-elettorali del 2007-2008 nel loro paese.

I paesi amici degli Stati Uniti, come Kenya, Ghana, Botswana e Liberia, potrebbero non essere necessariamente interessati ad approfondire le loro relazioni con la Russia, ma la Cina è una questione completamente diversa. Nessuno presterebbe attenzione alle richieste degli Stati Uniti o dell’Europa occidentale di ridimensionare i legami con Pechino.

Il Ghana ha buoni legami con la Russia, legami molto migliori con la Cina, ma la sua priorità sarà sempre quella di mantenere eccellenti relazioni con l’Occidente collettivo , come nel caso di tutti gli stati africani anglofoni (eccetto Sud Africa, Namibia e Zimbabwe) .

Sebbene il presidente del Ghana Nana Akufo-Addo possa desiderare forti relazioni con gli Stati Uniti e il Regno Unito, ciò non significa che sia sottomesso a nessuno dei due. Questo fatto è diventato evidente durante la visita del vicepresidente americano Kamala Harris lo scorso anno.

Nel marzo 2023, due “dignitari” del mondo occidentale hanno visitato il continente. All’inizio di quel mese il presidente francese Macron ha visitato quattro paesi africani . Nella Repubblica Democratica del Congo francofona, ex colonia belga, sono scoppiate manifestazioni pubbliche non appena l’aereo di Macron è atterrato nella capitale Kinshasa . I manifestanti congolesi sventolavano bandiere russe e gridavano invettive antifrancesi.

Più tardi, un offeso Macron ha tenuto un discorso tagliente davanti a un pubblico di studenti universitari congolesi, sostenendo che “ la Francia non è responsabile dei problemi di sovranità dell’Africa” .

Durante un’imbarazzante conferenza stampa congiunta, il leader francese ha litigato pubblicamente con il presidente congolese, che ha accusato la Francia, l’Europa occidentale e gli Stati Uniti di mancare di rispetto al suo paese e ha fatto commenti sprezzanti sulle controverse elezioni presidenziali americane del 2020.

DRC President Harshly Criticizes Western NeoColonialism | News | teleSUR English

Tshisekedi durante la sua conferenza stampa con Macron nella capitale congolese di Kinshasa (marzo 2023)

Verso la fine dello stesso mese, il vicepresidente americano Kamala Harris visitò il Ghana, lo Zambia e la Tanzania. Non ci sono state manifestazioni di piazza rabbiose in nessuno di questi paesi africani anglofoni. Kamala è stata ben accolta dalla folla esultante in tutti e tre i paesi africani di lingua inglese, come mostrato nel mio montaggio video qui sotto:

Durante la sua visita nella città ghanese di Accra , la presidente Nana Akufo-Addo ha tenuto un lungo discorso in cui ha raccontato quanti ghanesi avevano beneficiato di sovvenzioni governative statunitensi per studiare nelle università americane negli anni ’50 e ’60. Ha anche parlato con affetto dei legami tra i leader nazionalisti ghanesi e i leader dei diritti civili dei neri americani come Martin Luther King e WEB Dubois che trascorse i suoi ultimi anni ad Accra e vi morì il 27 agosto 1963.

Eppure, dopo aver reso omaggio alle forti relazioni del suo Paese con gli Stati Uniti, lo stesso presidente Nana Akufo-Addo ha rifiutato bruscamente la richiesta di Kamala che il Ghana declassasse i legami con la Cina. Ha anche respinto il suo tentativo di intervenire in un disegno di legge sulla moralità sessuale in fase di esame al parlamento del Ghana, affermando che non è compito degli Stati Uniti interferire in esso.

Durante la conferenza stampa congiunta con Kamala Harris, il leader nazionale del Ghana ha difeso i buoni rapporti del suo Paese con la Cina davanti a un giornalista americano curioso. Guarda il video sottotitolato qui sotto:

Sia in Tanzania che in Zambia, il vicepresidente degli Stati Uniti è stato accolto calorosamente, soprattutto in quest’ultimo dove suo nonno indiano aveva lavorato come alto funzionario governativo negli anni ’60 . Nonostante la calorosa accoglienza, nessuno dei due paesi anglofoni ha accettato la richiesta di Kamala di prendere le distanze dall’abbraccio della Cina.

In modo esilarante, Kamala era entrata in Zambia attraverso un aeroporto internazionale costruito da una società cinese, eppure non vedeva l’ironia di chiedere al paese ricco di rame di ridimensionare i legami con Pechino. Forse non era a conoscenza della storia dell’aeroporto, che non è l’unico aeroporto costruito o ristrutturato dalla Cina negli ultimi anni.

In Tanzania, Kamala è entusiasta del fatto che il presidente della Tanzania Samia Suluhu Hassan sia una donna. Il leader nazionale della Tanzania ha ascoltato la proposta di Kamala di un finanziamento di 500 milioni di dollari per aiutare le aziende statunitensi ad esportare beni e servizi in vari settori dell’economia. Ha espresso la sua gratitudine al visitatore americano, ma i legami con la Cina sono rimasti solidi.

Mao Zedong incontrò Julius Nyerere il 19 febbraio 1965. Nyerere era riluttante a sollevare la questione di TAZARA perché preoccupato che anche la Cina fosse un paese povero . Mao disse a Nyerere che avrebbe rinviato la costruzione di alcune linee ferroviarie in Cina per aiutare la Tanzania e lo Zambia a costruire le loro.

La Tanzania e lo Zambia, pur mantenendo relazioni amichevoli con gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’Europa continentale, conservano un ricordo indelebile di come la Cina, un paese povero all’inizio degli anni ’70, abbia messo da parte alcune delle proprie esigenze infrastrutturali nazionali per costruire l’iconica Tanzania. -Ferrovia dello Zambia (TAZARA) .

Il progetto ferroviario è stato concepito negli anni ’60 come misura proattiva contro qualsiasi potenziale tentativo da parte del Sudafrica dell’apartheid di ostacolare lo sviluppo economico dello Zambia, senza sbocco sul mare, negando l’accesso ai suoi porti marittimi.

Nel 1965, Mao Zedong fece un’offerta non richiesta per costruire la ferrovia lunga 1.860 chilometri che collegava lo Zambia, ricco di rame, ai porti marittimi della Tanzania. L’offerta non è stata accettata.

Julius Nyerere, allora presidente della Tanzania, era riluttante ad accettare un’offerta del genere poiché la stessa Cina, colpita dalla povertà, aveva un disperato bisogno di infrastrutture. Mao ha detto che la Cina rinvierà alcuni progetti ferroviari nazionali per aiutare lo Zambia e la Tanzania, ma Nyerere ha comunque rifiutato di accettare l’offerta.

Tuttavia, su insistenza di Mao, permise a una squadra di ispettori cinesi di visitare il sito tanzaniano selezionato per il progetto ferroviario. Nell’ottobre 1966, il team cinese completò un breve rapporto in cui descriveva i risultati.

Il premier cinese Zhou Enlai in visita al sito del progetto TAZARA

In questo momento storico, sia lo Zambia che la Tanzania erano governate da leader nazionali popolari che avevano abbracciato l’ “afrosocialismo” altamente eterodosso – una miscela di socialismo fabiano , tradizionale comunalismo africano , un certo grado di collettivizzazione , fiducia in se stessi che rasenta la completa autarchia e un totale rifiuto della lotta di classe, della rivoluzione e dell’ateismo.

L’afrosocialismo fu trattato con disprezzo da molti marxisti-leninisti dottrinari, sia all’interno che all’esterno dell’Africa, che consideravano i suoi principi “reazionari” .

Julius Nyerere della Tanzania era un devoto cattolico romano e cercava buoni rapporti con Regno Unito, Stati Uniti, Unione Sovietica e Cina. Anche la sua controparte afro-socialista in Zambia, il presidente Kenneth Kaunda, mantenne buoni rapporti con la Cina, i paesi della NATO e le nazioni del Trattato di Varsavia , ma la sua enfasi diplomatica rimase sul Regno Unito e sugli altri paesi del Commonwealth in Africa e Asia.

Furono questi legami con il Commonwealth che resero facile per Kaunda convincere l’India a prestare alcuni dei suoi tecnocrati allo Zambia. Un buon esempio di un tale tecnocrate fu Painganadu Venkataraman Gopalan , che era anche il nonno materno di Kamala.

Anche Kenneth Kaunda era riluttante ad accettare l’offerta di Mao di costruire TAZARA, ma dopo non essere riuscito a ottenere i finanziamenti dal Collettivo Ovest, cambiò idea

A differenza di Nyerere, il presidente Kaunda era diffidente nei confronti di qualsiasi “coinvolgimento comunista” nel progetto ferroviario. Rifiutò l’offerta dell’ambasciatore cinese per costruire la ferrovia e si rivolse ai ricchi stati dell’Europa occidentale per chiedere aiuto.

Nel frattempo, Nyerere, che era riluttante a sovraccaricare la Cina colpita dalla povertà, si rivolse ai sovietici più ricchi per chiedere aiuto.

Entrambi i leader nazionali africani non sono arrivati ​​da nessuna parte. Regno Unito, Giappone, Germania Ovest, Stati Uniti, Unione Sovietica, Banca Mondiale e Nazioni Unite hanno tutti rifiutato di fornire fondi per il progetto ferroviario.

Alla fine, Kaunda abbandonò le sue obiezioni e accettò l’offerta di Mao mentre visitava la Cina nel gennaio 1967.

Gli americani costruirono l’autostrada Tanzania-Zambia (Tanzam) lunga 2.400 km per competere con la ferrovia Tanzania-Zambia (TAZARA) lunga 1.860 km costruita dai cinesi.

Come ci si aspetterebbe, il governo degli Stati Uniti e i suoi alleati mediatici hanno prontamente avviato una campagna di propaganda. Sostenevano che la Cina avrebbe costruito una “ferrovia di bambù di scarsa qualità” .

Il Wall Street Journal nel 1967 affermò quanto segue :

La prospettiva di centinaia e forse migliaia di Guardie Rosse che scendono in un’Africa già travagliata è agghiacciante per l’Occidente.

Il primo ministro britannico Harold Wilson sorrise compiaciuto quando seppe che Zhongnanhai avrebbe finanziato e costruito la lunga ferrovia. “La Cina non ha soldi per farlo”, ha assicurato a qualsiasi leader della NATO che abbia sollevato la questione.

Ma gli americani non attesero di scoprire se Wilson avesse ragione. Si precipitarono a finanziare il loro progetto ripensato , l’ autostrada Tanzania-Zambia (Tanzam) , per competere con l’allora nascente progetto TAZARA della Cina.

L’autostrada finanziata dagli americani fu costruita in più fasi, dal 1968 al 1973. D’altra parte, il governo cinese costruì TAZARA dal 1970 al 1976.

All’inizio del 1970, entrambi i progetti rivali avevano iniziato a procedere letteralmente fianco a fianco, e successivamente si intersecavano in un ponte che attraversava il Grande fiume Ruaha nel sud della Tanzania. Quel ponte fu teatro di uno scontro tra costruttori stradali americani e ferrovieri cinesi il 3 marzo 1970.

Una volta completata nel 1975, TAZARA si è rivelata un’ancora di salvezza per l’economia dello Zambia, ricco di rame. La ferrovia ha consentito al paese senza sbocco sul mare di evitare la dipendenza totale dai porti marittimi controllati da un governo sudafricano dell’apartheid, sconvolto dal sostegno clandestino dello Zambia agli irregolari dell’ANC all’interno del territorio sudafricano e dai guerriglieri SWAPO che combattono le truppe sudafricane che occupano illegalmente il loro paese, la Namibia.

Lavoratori tanzaniani e cinesi che posano i binari ferroviari per il lato tanzaniano di TAZARA

Evitando i porti marittimi del Sud Africa, il rame zambiano evitava anche il transito attraverso il territorio del non riconosciuto Stato della Rhodesia (1965-1979) , che allora conduceva incursioni militari nelle profondità dello Zambia per prendere di mira le basi posteriori del marxista-leninista ZIPRA e del maoista ZANLA . le forze rivali della guerriglia si impegnarono in una guerra per rovesciare le élite bianche locali al potere della Rhodesia e fondare un nuovo stato chiamato Zimbabwe .

Prima dell’esistenza di TAZARA, il rame viaggiava lungo una ferrovia di epoca coloniale costruita in Gran Bretagna che collegava i paesi senza sbocco sul mare dello Zambia e della Rhodesia ai porti marittimi del Sud Africa dell’apartheid. Tuttavia, a causa delle relazioni tese tra lo Zambia e questi due stati, entrambi paria internazionali per le loro politiche discriminatorie razziali, non era prudente dipendere da loro per l’accesso al mare.

Lo Zambia non poteva utilizzare i porti marittimi alternativi del Mozambico o dell’Angola poiché entrambi i paesi lusofoni gestiti dai marxisti erano coinvolti in guerre civili con squadroni della morte nichilisti armati fino ai denti dal Sud Africa e dagli Stati Uniti dell’apartheid.

Lavoratori cinesi e zambiani sul lato zambiano della linea TAZARA. Gli uomini salutano un treno merci che trasporta bulldozer per lavori di costruzione

TAZARA rimase l’unico mezzo per spostare enormi volumi di merci zambiane verso i porti marittimi senza passare attraverso i territori controllati dal Sud Africa durante l’apartheid dal 1975 fino a quando la Namibia ottenne l’indipendenza nel 1990 in seguito alla fine delle guerre di confine sudafricane (1966-1990) e all’emergere di del Sudafrica post-apartheid nel 1994.

Oggi TAZARA non ha più il privilegio di cui godeva un tempo. Il rame dello Zambia può ora essere trasportato attraverso varie ferrovie alternative che portano ai porti marittimi del Sud Africa e della Namibia. La fine delle guerre civili in Mozambico (1992) e Angola (2002) ha aperto più porti marittimi collegati alle linee ferroviarie per il rame zambiano.

Il progetto TAZARA è stato il primo grande progetto di costruzione della Cina nel continente africano. Tra il 1965 e il 1976, la Cina ha inviato migliaia di persone in Tanzania e Zambia. Come già accennato, il primo gruppo proveniente dalla Cina era composto da geometri che vennero a realizzare studi di fattibilità tra il 1965 e il 1966. Il secondo gruppo era costituito da 30.000-40.000 lavoratori cinesi, provenienti sia dal genio ferroviario dell’Esercito popolare di liberazione sia dal personale dell’Esercito cinese. (ora defunto) Ministero delle Ferrovie .

Circa 60.000 ferrovieri provenienti dallo Zambia e dalla Tanzania hanno lavorato insieme ai loro colleghi cinesi durante la costruzione di TAZARA. Più di 160 lavoratori, tra cui 64 cittadini cinesi, sono morti in incidenti durante la costruzione della linea ferroviaria lunga 1.860 chilometri.

Kenneth Kaunda (il primo a sinistra) ispeziona il segmento del ponte ferroviario sul fiume Chambishi di TAZARA il 18 settembre 1974. L’intera linea ferroviaria che collega lo Zambia alla Tanzania è stata completata nel 1976

Secondo il sito web dell’ambasciata cinese in Tanzania, la ferrovia è stata il più grande progetto di aiuti esteri intrapreso dal paese dell’Asia orientale in qualsiasi parte del mondo a partire dall’anno 2012 . Il costo di costruzione per l’allora povera Cina ammontava a ben 500 milioni di dollari, l’ equivalente di 2,94 miliardi di dollari attuali se adeguato all’inflazione.

La Cina non ha costruito un’altra linea ferroviaria completamente nuova nel continente per altri quattro decenni fino all’apertura della ferrovia Abuja-Kaduna in Nigeria nel 2016 ; l’inizio nel 2017 dei servizi ferroviari a scartamento standard Mombasa-Nairobi in Kenya e l’inizio formale delle operazioni commerciali sulla ferrovia Addis Abeba-Gibuti in Etiopia e Gibuti il ​​1° gennaio 2018.

Clicca su qualsiasi immagine qui sotto per attivare la galleria fotografica:

Foto che mostrano l’apertura ufficiale in Zambia del Tazara Memorial Park, costruito in onore dei lavoratori cinesi morti durante la costruzione della ferrovia (10 agosto 2022)

A Kamala Harris è stata raccontata questa storia affascinante dai funzionari del Dipartimento di Stato prima di recarsi in Tanzania o in Zambia per richiedere un declassamento dei legami con la Cina? Dubito fortemente che sia stata informata.

Ad ogni modo, il punto che sto sottolineando in questa sezione dell’articolo è che alcuni paesi africani, cauti nei confronti della storia, spesso cercano di trovare un equilibrio tra le grandi potenze geopolitiche. A volte danno priorità alle relazioni con una potenza geopolitica rispetto all’altra.

I leader africani che adottano tale comportamento non sono i burattini di nessuno come caricaturato da certi opinion maker sprovveduti nell’universo dei media alternativi .

Naturalmente, molti leader africani potrebbero essere personalmente corrotti, ma ciò non nega nulla di quanto ho scritto finora. Ad esempio, la Nigeria è un paese completamente corrotto. Tuttavia, le sue venali élite al potere conservano ancora un certo grado di orgoglio nazionale e vedono il vasto paese multietnico come il “Gigante dell’Africa” . L’idea che la Nigeria possa semplicemente cedere i propri interessi regionali egemonici a qualsiasi potenza esterna (ad esempio Francia o Stati Uniti) è in contrasto con la storia.

All’inizio degli anni 2000, la Nigeria respinse i ripetuti tentativi del presidente degli Stati Uniti George Walker Bush di localizzare il quartier generale dell’African Military Command (AFRICOM) ovunque nell’Africa occidentale. Quando la Liberia si dichiarò disposta a ospitare il quartier generale, la Nigeria inviò un’immediata iniziativa al governo liberiano, che all’epoca faceva affidamento sulla polizia e sull’esercito nigeriani per mantenere la legge e l’ordine nel suo territorio devastato dalla guerra.

Per ragioni simili, il Sudafrica ha bloccato qualsiasi tentativo di localizzare AFRICOM all’interno della più ampia subregione dell’Africa meridionale. Anche Egitto, Algeria e Libia si sono opposti all’ubicazione del quartier generale della formazione militare americana in qualsiasi parte del Nord Africa. Di conseguenza, AFRICOM ha ancora sede nella sua sede “temporanea” di Stoccarda, in Germania, quasi due decenni dopo che il continente africano l’ha rifiutata.

Mentre era in carica, il presidente George W. Bush, e, più tardi, il presidente Barack Obama, hanno ripetutamente offerto truppe americane per “aiutare” la lotta della Nigeria contro i terroristi jihadisti. In ogni occasione, i leader nazionali nigeriani hanno gentilmente rifiutato l’ “aiuto” , preferendo utilizzare a tale scopo le proprie forze armate.

Alla fine, le truppe americane non richieste, inizialmente offerte alla Nigeria, finirono nella vicina Repubblica del Niger con il compito apparente di “addestrare i soldati nigerini alla lotta al terrorismo” . Anche se la Francia è costretta a evacuare i suoi 1.500 soldati, la giunta militare del Niger è piuttosto felice di lasciare restare 1.100 soldati americani.

Ovviamente, è ovvio che il disaccordo con gli americani su alcune questioni non è un’indicazione che i leader nazionali nigeriani siano meno filo-occidentali delle élite dominanti di altri stati anglofoni come il Ghana, il Botswana o il Kenya.

PARTE II: ECOWAS nel contesto appropriato

1. INTERVENTI DEGLI STATI AFRICANI IN ALTRI STATI AFRICANI

Coloro che non hanno familiarità con l’intricata storia dell’Africa spesso trovano sconcertante il motivo per cui la Nigeria o qualsiasi altro paese africano si coinvolga negli affari di uno stato sovrano vicino. Molti presumono che gli stati africani non abbiano interessi nazionali che si estendano oltre i loro confini geografici immediati e interpretano automaticamente qualsiasi intervento oltre i loro confini come al servizio degli interessi di potenze esterne del Nord America o dell’Europa occidentale. Naturalmente, queste ipotesi sono insensate e non concordano con le prove storiche.

L’intensa attività diplomatica dell’Algeria all’interno del continente africano è responsabile soprattutto del riconoscimento della Repubblica Democratica Araba Saharawi (RASD) come Paese sovrano con il Fronte Polisario in esilio come governo provvisorio.

Al di fuori del continente africano, la RASD non è in gran parte riconosciuta come Stato sovrano. È identificata come “il territorio conteso del Sahara occidentale”.

Il Fronte Polisario è finanziato dall’Algeria e i suoi leader hanno sede in gran parte nella città di Algeri, da dove amministrano il 20% del territorio conteso con il Marocco.

Il Regno del Marocco considera il “territorio conteso” una delle sue province e l’Algeria un’intrusione aggressiva per aver equipaggiato l’ala militare del Fronte Polisario nel suo conflitto armato con le Forze armate reali marocchine.

Per quanto riguarda l’UA, non c’è alcuna controversia. Il Marocco sta semplicemente occupando l’80% del territorio della RASD, che è diventata membro a pieno titolo dell’ormai defunta Organizzazione dell’Unità Africana (OUA) il 22 febbraio 1982 grazie a un’intensa attività di lobbying da parte dell’Algeria.

L’Algeria è stata la prima a riconoscere la SADR come Stato sovrano il 27 febbraio 1976 e ha fatto pressione sulle altre nazioni africane affinché facessero lo stesso.

L’Unione Africana (UA), che ha sostituito l’OUA nel 2002, continua ad affermare la SADR come uno dei suoi Stati membri. Il resto del mondo può pensare che in Africa ci siano 54 Paesi, ma l’Unione Africana, sul suo sito ufficiale, dice che ce ne sono 55. La SADR è la ragione di questo dato. La SADR è la ragione di questa discrepanza.

L’Algeria non è l’unico esempio di Stato africano che è intervenuto in questioni al di fuori dei propri confini. Come già trattato in un precedente articolo, la Tanzania ha dato rifugio al presidente ugandese Milton Obote dopo il suo rovesciamento in un colpo di Stato militare guidato dal generale Idi Amin il 25 gennaio 1971.

Dal 1971 al 1978, il governo della Tanzania ha fornito sostegno politico e armi agli esuli ugandesi e ha permesso loro di operare nelle retrovie in territorio tanzaniano, da dove lanciavano regolarmente incursioni transfrontaliere nel loro Paese natale. Il regime militare guidato da Idi Amin denunciò la Tanzania per l’interferenza negli affari interni dell’Uganda e bombardò le città di confine tanzaniane come rappresaglia per le incursioni transfrontaliere.

Il 9 ottobre 1978, la Tanzania People’s Defence Force (TPDF), accompagnata da forze ribelli ugandesi per procura, lanciò un’invasione su larga scala del vicino Uganda, scatenando la guerra Uganda-Tanzania (1978-1979), che eliminò il regime di Idi Amin e ripristinò il governo del presidente in esilio Milton Obote.

All’epoca del suo rovesciamento, il governatore militare ugandese Idi Amin era un nemico del Regno Unito e di Israele. Da un punto di vista estraneo, si potrebbe essere tentati di concludere che la Tanzania stesse facendo gli interessi di Regno Unito e Israele. Tuttavia, questa sarebbe la conclusione di una persona che non conosce la situazione della subregione dell’Africa orientale all’epoca.

Negli anni che precedettero la guerra, ci fu un flusso costante di rifugiati ugandesi in fuga dall’irregolare e crudele giunta militare di Idi Amin. Molti di questi rifugiati finirono nella vicina Tanzania, creando una crisi umanitaria. Come se non bastasse, Idi Amin aveva annesso la regione tanzaniana di Kagera, sostenendo che appartenesse di diritto all’Uganda.

A prescindere da come la si voglia tagliare, la Tanzania ha agito nel suo interesse nazionale, non in quello di Israele o del Regno Unito. Sebbene la Tanzania abbia mantenuto relazioni amichevoli con Israele e il Regno Unito, il suo leader socialista eterodosso, Julius Nyerere, ha sempre tenuto alla sua indipendenza. In realtà aveva trascorso gran parte della sua vita adulta nella lotta anticoloniale nell’Africa Orientale dominata dagli inglesi.

Naturalmente, nessuno di questi fatti ha impedito al regime di Idi Amin, che si definiva “antimperialista”, di dipingere Julius Nyerere come un fantoccio britannico-israeliano, convincendo così un giovane colonnello Muammar Gheddafi a inviare truppe di spedizione libiche in Uganda. Yasser Arafat inviò persino dei combattenti dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) in Uganda per difendersi dall’invasione dell’esercito tanzaniano.

Trent’anni dopo, il 25 marzo 2008, la stessa Tanzania avrebbe partecipato all’invasione militare della provincia insulare ribelle di Anjouan per sedare la crisi politica che affliggeva una delle tre province insulari che costituiscono l’Unione delle Comore.

La decisione di ricorrere alla forza nel marzo 2008 per spodestare il colonnello Mohamed Bacar, che aveva preso il controllo della provincia insulare di Anjouan in seguito a un colpo di Stato nel 2001, è stata controversa.

La Repubblica Sudafricana – potenza ed egemone dell’Africa meridionale – si è opposta strenuamente a qualsiasi azione militare all’interno del territorio del Paese insulare delle Comore, considerato parte della subregione. Ciononostante, truppe nazionali tanzaniane, sudanesi, senegalesi e comoriane hanno invaso l’isola di Anjouan con il supporto logistico fornito dalla Libia di Gheddafi.

Nonostante l’opposizione a gran voce all’intervento militare nelle Comore, la Repubblica Sudafricana non è affatto un Paese pacifista. Lo Stato post-apartheid è anche intervenuto politicamente o militarmente negli affari di Paesi più piccoli nella sua stessa regione.

Il 22 settembre 1998, le truppe della SADC guidate dal Sudafrica sono intervenute militarmente nel vicino Regno del Lesotho per ristabilire l’ordine dopo lo scoppio di disordini di massa e l’ammutinamento delle forze armate del piccolo regno, che ha fatto temere un imminente colpo di Stato militare.

Nel 2014 si è verificato un altro colpo di Stato nello stesso Lesotho. Il Sudafrica ha minacciato di inviare le proprie truppe, ma alla fine non lo ha fatto perché i leader del colpo di Stato sono fuggiti prima del previsto intervento militare, lasciando alla polizia sudafricana il compito di scortare i funzionari esiliati del governo realista rovesciato nel loro Paese per reclamare il potere politico.

Ovviamente, il governo sudafricano non stava agendo nell’interesse di alcuna potenza geopolitica esterna. Stava semplicemente agendo per proteggere il proprio interesse nazionale, che non era servito da alcuna forma di instabilità politica all’interno della più ampia subregione dell’Africa meridionale.

Nel 2019, la Nigeria aveva il PIL più alto dell’Africa, seguita dal Sudafrica e dall’Egitto. Tuttavia, quando il PIL è stato aggiustato per la parità di potere d’acquisto, l’Egitto è passato in testa, seguito dalla Nigeria e poi dal Sudafrica.
Non c’è nulla di strano in questo. Le grandi nazioni africane, come la Nigeria, l’Egitto e il Sudafrica, con economie più avanzate, tendono generalmente ad avere enormi interessi nazionali e regionali da proteggere.Anche un grande Paese con un’economia relativamente più piccola come l’Etiopia fa il possibile per proteggere i propri interessi nazionali, ed è per questo che sta cercando di formalizzare le sue relazioni di lunga data con la Repubblica non riconosciuta del Somaliland, nonostante la disapprovazione di altri Stati del Corno d’Africa, tra cui la Somalia, che rifiuta l’indipendenza dello Stato secessionista.BARRA LATERALE: L’ACCESSO AL MARE È UN INTERESSE NAZIONALE FONDAMENTALE DELL’ETIOPIAL’accesso al mare è un interesse nazionale fondamentale dell’Etiopia, priva di sbocchi sul mare, come sostenuto dal primo ministro in carica, Abiy Ahmed.Senza un modo economico e affidabile per raggiungere il Mar Rosso, lo sviluppo socio-economico dell’Etiopia continuerà a incontrare ostacoli a causa dei costi elevati del commercio marittimo che deve necessariamente transitare attraverso gli Stati costieri, alcuni dei quali non hanno necessariamente i migliori rapporti con l’enorme Paese senza sbocco sul mare.

Di conseguenza, l’Etiopia si è orientata verso la costruzione di relazioni più forti con la Repubblica secessionista del Somaliland, sfidando il governo nazionale della disfunzionale Somalia, che non riconosce l’indipendenza dello Stato separatista.

In futuro, intendo scrivere un articolo sulle relazioni tra Etiopia e Somaliland, che risalgono al 2000, quando Meles Zenawi, allora primo ministro dell’Etiopia, si rese conto che il suo grande Paese, privo di sbocchi sul mare, aveva bisogno del porto di Berbera del Somaliland, dopo che l’Eritrea aveva vietato l’accesso ai suoi due porti sul Mar Rosso al termine della guerra tra Eritrea ed Etiopia (1998-2000).

Un altro motivo per cercare di accedere al porto di Berbera del Somaliland è l’assurdamente alta tassa di servizio che la Repubblica di Gibuti fa pagare alla disperata Etiopia per utilizzare i suoi porti marittimi.

Tutto quello che c’è da sapere sui retroscena della Repubblica non riconosciuta del Somaliland si trova in questo articolo del luglio 2008, che ho pubblicato su Substack. A beneficio dei lettori, ho aggiunto alcune informazioni supplementari per aggiornare il vecchio articolo:

Republic of Somaliland: A case for international recognition

·
JULY 1, 2008
Republic of Somaliland: A case for international recognition
**Nota importante: questo articolo è stato scritto originariamente nel luglio 2008** In mezzo al caos del corno d’Africa – come testimoniato dalla rappresentazione della crisi somala nel film Black Hawk Down – c’è un’oasi di calma, la Repubblica del Somaliland, ancora non riconosciuta.
Read full story

Proprio come il Sudafrica, la Federazione nigeriana è una potenza regionale che ha interesse a preservare la sicurezza della sottoregione dell’Africa occidentale. ECOWAS è uno degli strumenti impiegati al servizio di tale obiettivo.

Colgo l’occasione per ribadire quanto ho scritto in un precedente articolo :

La Nigeria ha una storia di interventi militari nella sottoregione dell’Africa occidentale. Se non fosse stato per l’attuale clima geopolitico, l’ultimo intervento della Nigeria sarebbe passato in gran parte inosservato da molti commentatori al di fuori della subregione, proprio come accadde quando la Nigeria intervenne in Liberia (1990, 2003), Sierra Leone (1997), Guinea-Bissau (1998, 2012, 2022) e Gambia (2017).

Venti giorni prima che le truppe russe entrassero in Ucraina, la Nigeria ha organizzato il terzo intervento militare dell’ECOWAS nella Guinea-Bissau di lingua portoghese .

La rivista African Business ha riferito del terzo intervento militare in Guinea-Bissau avvenuto nel febbraio 2022

Potresti aver perso quell’informazione interessante perché né gli Stati Uniti né la Francia hanno mostrato più di un interesse passeggero per ciò che l’ECOWAS stava facendo il 4 febbraio 2022. Nessuno di questi due paesi della NATO ha avuto molto a che fare con le truppe guidate dalla Nigeria che entravano in Guinea-Bissau, il che significava che i soliti autoproclamati “esperti” dei media alternativi non erano in grado di fabbricare una narrazione per il loro pubblico, sostenendo che l’allora presidente nigeriano Muhammadu Buhari era semplicemente un “burattino di Francia e Stati Uniti”.

La Cina si è recentemente offerta di costruire una nuova sede per l’ECOWAS, cosa che è stata accettata. Si spera che l’ECOWAS non venga accusato di essere un “burattino cinese”, anche se il più grande finanziatore regolare dell’organizzazione è la Nigeria

Il terzo intervento militare in Guinea-Bissau è avvenuto un decennio dopo il precedente intervento del 2012. È interessante notare che, all’inizio di quell’anno, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama aveva esercitato forti pressioni affinché la Nigeria inviasse truppe in Somalia per combattere i terroristi di Al-Shabaab.

Goodluck Jonathan, allora presidente nigeriano in carica, aveva cortesemente rifiutato perché la Nigeria non ha interessi di sicurezza in Somalia oltre a garantire che le sue navi commerciali non fossero dirottate dai pirati marittimi. Ma quello stesso anno, la Nigeria ha organizzato l’intervento delle truppe dell’ECOWAS in Guinea-Bissau, dove ha reali interessi di sicurezza regionale.

2. CREAZIONE NIGERIANA DELL’ECOWAS:

Prima di proseguire, desidero affermare che ci sono tre organizzazioni che la Nigeria finanzia e controlla diligentemente per garantire i propri interessi di sicurezza regionali e nazionali. Sono i seguenti:

Le prime due organizzazioni sopra elencate non avevano ruoli iniziali di sicurezza regionale quando furono fondate, ma nel corso dei decenni entrambe hanno ampliato i loro compiti.

L’ECOWAS si è evoluta da un’organizzazione puramente commerciale a un’organizzazione con una missione di maggiore integrazione regionale nella sfera politica, educativa, culturale e militare. Allo stesso modo, LCBC, che inizialmente si concentrava sulla gestione delle risorse idriche regionali, ha ampliato il suo campo d’azione includendo l’antiterrorismo per affrontare le sfide impreviste alla sicurezza emerse per la prima volta nell’area del bacino del Ciad durante la guerra civile algerina (1992-2002) .

Il terrorismo jihadista è diventato per la prima volta un serio problema regionale alla fine degli anni ’90 come conseguenza della guerra civile, scatenata dal colpo di stato compiuto dall’esercito algerino l’11 gennaio 1992 . Nel corso della guerra che ne seguì, molti ribelli jihadisti cacciati dall’Algeria si trasferirono semplicemente nel Sahel. Nel giro di pochi anni, le loro attività terroristiche nel sud dell’Algeria e nel nord del Mali si erano estese al Niger e al Ciad.

La distruzione dello stato della Libia alla fine del 2011 non ha fatto altro che mettere il turbo al problema preesistente del terrorismo. Le stesse armi NATO lanciate dagli jihadisti libici per rovesciare il governo di Gheddafi nell’ottobre 2011 sono entrate nelle mani dei terroristi islamici attivi in ​​Mali, Burkina Faso, Niger, Ciad e nelle frange più settentrionali della Nigeria.

Mappa che mostra tutti gli 8 paesi che si affacciano sul bacino del Lago Ciad. Il bacino è l’area della mappa racchiusa dalla linea marrone.

Qualche tempo fa, ho scritto un articolo in cui discutevo di una riunione della Commissione del bacino del Lago Ciad convocata nel novembre 2022 dall’allora presidente nigeriano Buhari per discutere un rapporto di intelligence di tre agenzie di sicurezza nigeriane ( NIA SSS DIA ) che analizzavano la prospettiva del ritrovamento di armi della NATO in Ucraina si fanno strada nell’area del bacino del Lago Ciad , che si sovrappone alla cintura del Sahel a rischio jihadista .

Anche il diffuso quotidiano nigeriano PUNCH ha riferito della riunione della Commissione per il bacino del lago Ciad nel novembre 2022.

All’incontro convocato dalla Nigeria hanno partecipato i leader nazionali (o rappresentanti) di tutti gli otto paesi che appartengono alla LCBC, vale a dire: Algeria, Libia, Camerun, Ciad, Niger, Repubblica Centrafricana, Sudan e Nigeria.

A differenza di LCBC ed ECOWAS, la Multinational Joint Task Force (MNJTF) era una task force di sicurezza mirata creata dalla Nigeria nel 1998. La storia delle origini della MNJTF risale al 1994, quando il governatore militare nigeriano Sani Abacha prese la decisione di creare una task force forza composta esclusivamente da truppe nigeriane per affrontare questioni di sicurezza transfrontaliere. Quattro anni dopo, questa esclusiva task force di sicurezza nigeriana si espanse per includere truppe dei vicini Niger, Benin, Camerun e Ciad, dando così vita alla forza militare multinazionale.

Il comandante della forza della MNJTF, il maggiore generale nigeriano Ibrahim Sallau Alli, ispeziona le truppe ciadiane. Il Ciad è uno Stato dell’Africa centrale e quindi non è membro dell’ECOWAS, ma confina con la Nigeria. Oltre alla MNTJF, il Ciad è anche membro della Commissione per il bacino del lago Ciad, controllata dalla Nigeria

Nel corso degli anni, la Nigeria ha spudoratamente utilizzato tutte e tre le organizzazioni da lei create o co-fondate come strumenti per i propri interessi di sicurezza nazionali e regionali.

Complessivamente, queste diverse organizzazioni hanno dato alla Nigeria un forum per discutere la sicurezza regionale con 15 stati dell’Africa occidentale, 2 stati del Nord Africa e 4 stati dell’Africa centrale.

ECOWAS
Guinea, Mali e Burkina Faso hanno sospeso le loro iscrizioni da parte dell’ECOWAS a causa di colpi di stato militari nei loro territori. I colpi di stato sono generalmente visti come una delle principali fonti di instabilità politica e guerre civili nel continente

Per capire perché l’ECOWAS ha reagito in questo modo al colpo di stato del Niger del 26 luglio 2023, è necessario capire di cosa si occupa l’organizzazione.

Come già affermato, la Nigeria è l’egemone regionale dell’Africa occidentale. Uno dei pochi in Africa ad avere un esercito, un’aeronautica e una marina formidabili. Nonostante faccia molto affidamento su Russia, Turchia e Cina per l’equipaggiamento militare, l’esercito nigeriano produce alcuni dei propri veicoli leggermente corazzati . L’aeronautica nigeriana produce piccoli droni da ricognizione. E la Marina nigeriana progetta e costruisce alcune delle proprie navi pattuglia .


BARRA LATERALE: ESEMPI DAL SETTORE MANIFATTURIERO CIVILE

La Nigeria ha anche un piccolo settore manifatturiero civile. Sebbene ci siano aziende nigeriane che producono varie cose come scarpe, prodotti farmaceutici, cavi elettrici, plastica, prodotti chimici industriali, pezzi di ricambio per motocicli, batterie per veicoli, discuterò solo alcuni esempi.

Zinox Group è un’azienda privata nigeriana che assembla computer, tablet, laptop ed elettrodomestici dal 2001.

Ho già scritto questo articolo di Substack su IVM Limited, un produttore di veicoli nazionale integrato verticalmente nella Nigeria orientale che produce i propri autobus, berline di lusso, SUV, camion e veicoli militari. IVM Limited ha diverse società controllate che fabbricano localmente il 70% dei componenti utilizzati nella realizzazione dei veicoli. Il restante 30% viene importato dall’estero.

L’impianto di fertilizzanti Dangote si trova su 500 ettari (1.236 acri) di terreno nello stato di Lagos. Lo stabilimento nigeriano di proprietà privata ha già esportato fertilizzanti negli Stati Uniti, Brasile, Messico, India, Argentina e altre nazioni africane

C’è anche il settore petrolchimico della Nigeria, che comprende aziende di fertilizzanti sia di proprietà del governo che private. Infatti, nel marzo 2022 è stato aperto in Nigeria un nuovo impianto di fertilizzanti di proprietà privata.

Il nuovo impianto di fertilizzanti di proprietà del conglomerato nigeriano Dangote Group , è il più grande impianto di urea granulare in tutta l’Africa e il secondo più grande al mondo. È in grado di produrre tre milioni di tonnellate di fertilizzante all’anno. Il proprietario afferma che l’impianto sta già ricevendo massicci ordini di fornitura di fertilizzanti dall’Unione Europea .

Interessanti riprese video di quella pianta di fertilizzanti possono essere trovate all’interno di questo vecchio articolo di Substack del 2022.


Alla fine della guerra civile (1967-1970), la Nigeria godette di una manna di profitti petroliferi. Ciò ha finanziato il boom edilizio degli anni ’70 nelle città nigeriane e parte del denaro è stato fatto circolare nei paesi più poveri della sottoregione dell’Africa occidentale per acquistare buona volontà. Non ci volle molto perché la Nigeria creasse la Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) attraverso il Trattato di Lagos (1975) per integrare i paesi dell’Africa occidentale sotto la sua guida.

Durante la Guerra Fredda, la Nigeria puntava ancora più in alto. Ha concesso borse di studio e documenti diplomatici ai neri sudafricani in fuga dal regime dell’apartheid. Il regime dell’apartheid non riconosceva i neri sudafricani come cittadini e quindi rifiutava loro il passaporto. La Nigeria, insieme ad altri stati africani, ha rilasciato documenti di viaggio e, talvolta, ha concesso cittadinanze e passaporti.

La Nigeria ha anche fornito armi ai namibiani e agli zimbabweani, anche se non nella misura gigantesca di Cina e Unione Sovietica. Il futuro presidente del Sudafrica post-apartheid, Thabo Mbeki, visse nella città di Lagos negli anni ’70 come attivista anti-apartheid in esilio a spese del governo nigeriano. Altri esuli dell’ANC in Nigeria godevano di vantaggi simili e i loro figli non pagavano le tasse scolastiche mentre i cittadini nigeriani dovevano pagare l’istruzione dei propri figli.

L’ECOWAS ha lottato con l’integrazione economica a causa delle enormi disparità nelle dimensioni delle economie nazionali e delle instabilità politiche all’interno dei suoi stati membri, inclusa la stessa Nigeria.

Tuttavia, sotto la guida della Nigeria, l’organizzazione ha fatto alcuni passi avanti positivi e si è espansa da un’organizzazione puramente economica a un’organizzazione con una missione di maggiore integrazione regionale nella sfera politica, della sicurezza, dell’istruzione e della cultura.

Da allora sono state istituite la libera circolazione e la capacità di ottenere la residenza in tutti gli stati membri dell’ECOWAS. Quindi un ghanese può entrare in Nigeria senza visto e viceversa.

Esiste la rete di gasdotti dell’Africa occidentale commissionata nel 2006 per fornire gas naturale nigeriano agli stati membri più piccoli, Benin Togo Ghana per vari scopi, tra cui la produzione di energia, l’uso industriale e il consumo domestico.

Esistono reti stradali internazionali che collegano tra loro questi Stati membri, per gentile concessione delle imprese di costruzione cinesi. In un lontano futuro, sono certo che ci saranno ferrovie che collegheranno i vari Stati membri. Dopotutto, molti paesi africani, compresa la Nigeria, sono impegnati ad espandere le reti ferroviarie esistenti o a costruirne di nuove.

In Nigeria, il governo federale e alcuni governi statali stanno implementando i propri progetti ferroviari separati. Alcuni mesi fa ho scritto della Lagos Metro Rail , una rete ferroviaria intraurbana in costruzione per lo stato di Lagos .

Nella sfera educativa, l’integrazione dell’ECOWAS ha avuto solo un successo parziale. Gli stati membri anglofoni dell’organizzazione sono ben integrati grazie alla preesistenza di un esame standardizzato del certificato di scuola superiore dell’Africa occidentale (WASSCE) per i giovani che si diplomano alle scuole secondarie. Che tu provenga dalla Sierra Leone, dal Ghana o dalla Nigeria, sosterrai lo stesso esame e otterrai lo stesso certificato, riconosciuto a livello internazionale come requisito valido per accedere all’istruzione superiore in qualsiasi parte del mondo.

Il West African Examination Council (WAEC) , che dal 1952 conduce WASSCE standardizzato nell’Africa occidentale anglofona, ha in programma di incorporare gli stati membri dell’ECOWAS francofoni nel suo sistema di esame. Ma le incompatibilità tra i sistemi educativi dei paesi anglofoni e francofoni rimangono un grosso ostacolo.

Al momento, l’amministrazione WAEC del WASSCE negli stati membri francofoni è limitata alle scuole secondarie e ai candidati privati ​​che seguono un curriculum accademico simile a quello dell’Africa occidentale anglofona.

Le iniziative per far collaborare le forze armate separate di tutti gli stati membri dell’ECOWAS iniziarono con la firma del Protocollo sull’assistenza alla mutua difesa il 29 maggio 1981.

Tuttavia, l’intera idea di intervento militare in stati membri politicamente instabili fu il risultato della prima guerra civile liberiana (1989-1997) , che fu innescata dalle instabilità politiche derivanti dal colpo di stato militare del 1980 che pose fine a 133 anni di dominio americano-liberiano. .

Il presidente liberiano William Tubman incontra Dwight Eisenhower nel 1954. Durante la presidenza di Tubman, la Liberia si modernizzò con la costruzione di strade, edifici e ferrovie. Anche le tensioni tra il suo popolo americo-liberiano e gli indigeni africani si sono ridotte. Al momento della sua morte, nel 1971, la Liberia possedeva la più grande flotta mercantile del mondo

Le origini della Liberia iniziano con gli abolizionisti americani che istituirono una zona di rimpatrio volontario per gli schiavi neri americani liberati nel 1820. Quegli ex schiavi liberati alla fine presero il controllo e dichiararono quella zona Repubblica indipendente della Liberia nel 1847 e chiamarono la loro capitale ” Monrovia” in onore degli Stati Uniti. Il presidente James Monroe che aveva sostenuto la missione di creare uno stato di coloni per i neri americani nell’Africa occidentale.

Gli schiavi neri americani liberati che si stabilirono nel territorio ora conosciuto come Liberia non andarono mai d’accordo con gli africani indigeni che non furono consultati sull’insediamento degli “estranei” nella loro patria.

La Marina degli Stati Uniti dovette intervenire più volte per reprimere le insurrezioni portate avanti dagli indigeni africani contro gli indesiderati coloni neri americani, nel 1821, 1843, 1876, 1910 e 1915.

Nel corso del tempo, i neri americani reinsediati e i loro discendenti, così come una piccola minoranza di immigrati caraibici, divennero noti come americo-liberiani.

Il sentimento di antipatia tra i nativi e gli americo-liberiani era reciproco. Quando nel 1847 nacque la repubblica liberiana, agli indigeni africani furono negati i diritti di cittadinanza nonostante costituissero il 95% della popolazione nazionale.

Gli americo-liberiani furono in grado di preservare la loro identità distinta attraverso i matrimoni endogami. Quelli di razza mista dalla pelle chiara erano piuttosto attenti a non “contaminare il lignaggio con nativi razzialmente inferiori”. Abbastanza divertente se si pensa che avevano subito un trattamento simile negli Stati Uniti, il loro paese d’origine. Quelli dalla pelle scura non erano migliori.

Tuttavia, è importante affermare che la pratica dell’endogamia aveva iniziato a diminuire lentamente tra gli americo-liberiani molto prima del colpo di stato del 1980.

Il presidente William Richard Tolbert fu assassinato durante il colpo di stato del 1980

Dal 1847 al 1963, la maggior parte della popolazione indigena non aveva il diritto di voto o di candidarsi alle cariche elettive in Liberia. Anche l’estensione del franchising nel 1963 fu fatta con riluttanza.

Già nel 1927, la Società delle Nazioni aveva condannato il governo liberiano per aver discriminato gli indigeni e averli venduti come “schiavi” “lavori forzati” .

Il sanguinoso colpo di stato del 12 aprile 1980 in Liberia fu straordinariamente insolito in Africa perché non vi partecipò alcun ufficiale militare. Questo perché, in quel momento storico, molti soldati africani indigeni dell’esercito liberiano erano relegati ai gradini più bassi della gerarchia militare.

Un soldato dell'esercito liberiano è pronto a giustiziare un ex ministro del governo dopo il colpo di stato del 1980. Il ministro nella foto: Cecil Dennis.
Esecuzione di massa di funzionari pubblici americo-liberiani mediante fucilazione il 22 aprile 1980. All’estrema destra c’è il ministro degli Esteri Cecil Dennis che fissa con aria di sfida il soldato semplice dell’esercito con la pistola

Il sanguinoso colpo di stato, compiuto da soldati arruolati, è stato guidato da 18 sottufficiali (sottufficiali), tutti indigeni africani. Il presidente William Tolbert, un americano-liberiano, fu assassinato insieme a 27 sostenitori. Anche suo figlio, Benedetto Tolberto, fu ucciso.

Dieci giorni dopo, il 22 aprile 1980, altri funzionari pubblici americo-liberiani detenuti furono fatti sfilare seminudi per le strade e poi fucilati mentre una folla brulicante di indigeni africani esultava di gioia.

Quegli spettatori gioiosi che guardavano gli omicidi di massa non si rendevano conto che sarebbe seguita l’instabilità politica e poi due sanguinose guerre civili (1989-1997 e 1999-2003) che costarono migliaia di vite. La prima guerra civile liberiana vedrebbe il primo utilizzo diffuso di bambini piccoli come combattenti irregolari armati in Africa.

Nonostante tutto ciò che ho affermato sopra, le tensioni tra gli americo-liberiani e gli indigeni africani stavano diminuendo prima del colpo di stato del 1980. Alcuni matrimoni misti avevano avuto luogo nei decenni precedenti. La moglie del presidente William Tolbert era di parziale origine indigena. Nonostante brevi episodi di disordini civili, il Paese è rimasto generalmente stabile, anche se molto povero.

Il colpo di stato del 1980 non solo pose fine a 133 anni di dominio americano-liberiano, ma mandò anche in frantumi oltre un secolo di stabilità politica.

Ironicamente, i golpisti, che miravano a correggere le ingiustizie storiche, gettarono inavvertitamente le basi per la destabilizzazione del paese. Una volta al potere, i golpisti hanno concesso a se stessi e ad altri gli incarichi militari a lungo negati loro dagli americo-liberiani.

Il nuovo sovrano militare della Liberia, Samuel Doe , si promosse da Sergente Maggiore a “Generale”. I suoi subordinati fecero lo stesso.

non definito
Sottufficiali responsabili del sanguinoso colpo di stato del 1980 in Liberia. Il sergente maggiore Samuel Doe tiene in mano un walkie-talkie. Nel giro di un decennio avrebbe ucciso quasi tutti i suoi compagni cospiratori nella foto per aver tentato di rovesciare la sua giunta

Seguendo la traiettoria storica di quasi tutti gli stati africani che hanno mai vissuto un colpo di stato, la giunta militare liberiana ha dovuto sopportare diversi tentativi falliti da parte di soldati scontenti/ambiziosi di rimuoverla dal potere. Per salvaguardarsi, la giunta adotterà misure severe per sopprimere ed eliminare i critici sia interni che esterni.

Le prime vittime furono cinque membri di sinistra della giunta guidata dal vice governatore militare Thomas Weh Syen che aveva assunto il grado di “maggiore generale” dopo il colpo di stato del 1980. Lui e altri quattro avevano criticato la riduzione forzata del personale dell’ambasciata sovietica da 15 a 6 e la chiusura totale dell’ambasciata della Grande Repubblica Araba Libica Popolare Socialista.

Tutti e cinque i critici furono espulsi dalla giunta e accusati di un processo farsa di tre giorni per cospirazione volta a “rovesciare il governo con i finanziamenti di Gheddafi”. Furono fucilati il ​​15 agosto 1981.

Nel 1983, il sergente Thomas Quiwonkpa , che aveva anche adottato il grado di “Maggiore Generale”, espresse il suo malcontento nei confronti della giunta al potere e fu immediatamente epurato. Nel novembre 1985 tentò di rovesciare la giunta. Fallì e lui fu ucciso.

Poiché Thomas Quiwonkpa era di etnia Gio (chiamato anche “Dan”), la giunta militare liberiana iniziò un pogrom contro la gente comune che era di etnia Gio o apparteneva all’etnia Mano simile .

Con i finanziamenti della Libia di Gheddafi, Charles Taylor, un fuggitivo americo-liberiano ricercato per appropriazione indebita di fondi pubblici, è tornato a casa per organizzare l’insurrezione tra le popolazioni indigene appartenenti alle etnie Gio e Mano. Il 24 dicembre 1989 scoppiarono le prime riprese della prima guerra civile liberiana .

Ronald Reagan presenta "Il presidente Moe" (1982) | Menti pericolose
Ronald Reagan con Samuel Doe. Gli americani avevano forti legami storici con le élite al potere americo-liberiane e inizialmente erano preoccupati quando furono rovesciati dal colpo di stato del 1980. Tuttavia, l’anticomunismo di Samuel Doe rassicurò l’amministrazione Reagan

A quel tempo, l’ECOWAS non aveva protocolli per l’intervento militare e quindi si limitò a cercare di persuadere il capo di Stato liberiano Samuel Doe a dimettersi e ad andare in esilio. Doe rifiutò e alla fine pagò con la vita il 9 settembre 1990. Fu catturato, torturato e ucciso dagli insorti che videoregistrarono tutto.

Nell’agosto del 1990, la guerra civile in Liberia minacciava di estendersi alle vicine Sierra Leone e Guinea. La Nigeria ha spinto altri membri dell’ECOWAS ad accettare un intervento militare.

L’intervento guidato dalla Nigeria in Liberia ha costituito il precedente per future azioni militari in altri stati membri in difficoltà, soprattutto dopo che è stato formalizzato come parte dei protocolli ECOWAS per mantenere la sicurezza regionale.

La guerra civile in Sierra Leone (1991-2002) ebbe inizio come conseguenza della prima guerra civile liberiana . Il 25 maggio 1997, mentre infuriava la guerra, l’esercito della Sierra Leone rovesciò il presidente civile eletto Ahmed Tejan Kabbah, che fuggì dal paese.

Il colpo di stato che ha installato il maggiore Johnny Koroma come governatore militare in Sierra Leone non è stato sanguinoso come il colpo di stato liberiano del 1980. In effetti, la maggior parte dei colpi di stato nella storia dell’Africa non sono così complicati come quello della Liberia. Ma non aveva molta importanza perché i risultati di questi colpi di stato – cruenti o meno – sono generalmente gli stessi.

Il caos politico creato dal colpo di stato militare del 1997 in Sierra Leone ha portato gli squadroni della morte, alcuni dei quali provenivano dalla vicina Liberia, a prendere il controllo della maggior parte del paese, cosa che non erano riusciti a ottenere nei sei anni precedenti di lotta contro le truppe governative. .

Il maggiore Johnny Paul Koroma è stato il governatore militare della Sierra Leone dal 25 maggio 1997 al 6 febbraio 1998, quando le forze militari nigeriane lo hanno rovesciato. Per ironia della sorte, la democrazia della Sierra Leone è stata restaurata da una giunta militare nigeriana

Ottenere l’accesso al resto della Sierra Leone ha permesso agli squadroni della morte di industrializzare i loro massacri di civili sfortunati e di massimizzare il numero di bambini con braccia e mani mozzate.

Questi sadici squadroni della morte – altrimenti noti come “ribelli della Sierra Leone” – erano abbastanza spiritosi da consentire ad adulti e bambini catturati di scegliere tra un “taglio a maniche lunghe” e un “taglio a maniche corte”. La scelta del “taglio a manica corta” significava farsi tagliare la mano. “Taglio a maniche lunghe” significa tagliare l’intero braccio.

Mentre la situazione all’interno della Sierra Leone continuava a deteriorarsi, l’esercito, la marina e l’aeronautica militare della Nigeria, agendo unilateralmente in nome dell’ECOWAS, intervennero nel giugno 1997 per invertire il colpo di stato e riportare al potere il presidente in esilio Kabbah e combattere i folli ribelli della Sierra Leone. .

Nel corso degli anni, le truppe guidate dalla Nigeria sarebbero intervenute in diversi stati membri dell’ECOWAS che sperimentavano instabilità politiche, come menzionato in precedenza in questo articolo.

3. RELAZIONI DELLA FRANCESE CON L’ECOWAS A GUIDA DELLA NIGERIA:

Le relazioni francesi con l’ECOWAS hanno sempre avuto alti e bassi, a seconda del temperamento della personalità che occupa la carica di Presidente della Francia. Le convinzioni politiche di sinistra o di destra non hanno avuto quasi alcun effetto sul comportamento delle personalità che occupavano l’Eliseo . L’unica cosa che ha influenzato il comportamento francese nell’Africa francofona sono state le realtà pratiche e il cambiamento degli interessi geopolitici.

Jacques Foccart (a sinistra) nella foto con il presidente Charles De Gaulle (a destra) durante un ricevimento in onore dei leader africani francofoni che partecipavano a una riunione della Communauté Française a Parigi il 12 luglio 1961

I presidenti Charles De Gaulle, Georges Pompidou, Valéry Giscard d’Estaing, François Mitterrand e Jacques Chirac erano protettivi nei confronti del sistema La Francafrique sviluppato tra la fine degli anni ’50 e l’inizio degli anni ’60 per mantenere il controllo francese sugli stati africani francofoni quando divenne politicamente impossibile continuare ad amministrarli direttamente come colonie di fronte alla forte pressione delle Nazioni Unite (ONU).

A quel tempo, la Francia era costantemente costretta dalle Nazioni Unite a seguire l’esempio degli inglesi che stavano liquidando volontariamente e con successo il loro impero coloniale africano (ad eccezione del Sud Africa e della Rhodesia del Sud, dove i coloni bianchi locali opposero una feroce resistenza).

Félix Houphouët-Boigny | Presidente e statista della Costa d'Avorio | Britannica
Il presidente ivoriano Félix Houphouët-Boigny ha coniato il termine “La Francafrique”. La Costa d’Avorio sotto la sua amministrazione estremamente francofila prosperò economicamente. La sua morte nel 1993 segnò la fine della prosperità ivoriana. Il colpo di stato militare ivoriano del 1999 ha inaugurato un’era di instabilità politica e molteplici guerre civili

Il colosso francese, il generale Charles De Gaulle, fu il leader nazionale che supervisionò la trasformazione delle colonie in stati clienti nominalmente indipendenti della Francia attraverso l’adesione formale alla Communauté Française .

In pratica, quell’organizzazione sovranazionale funzionava a malapena, e la Francia per lo più la bypassò per esercitare un’influenza diretta sugli stati clienti attraverso il sistema neocoloniale La Francafrique costruito da Jacques Foccart , che era il consigliere capo di Charles De Gaulle per gli affari africani.

Nel periodo precedente al processo di decolonizzazione, che la Francia aveva accettato con riluttanza di attuare sotto la pressione delle Nazioni Unite, Jacques Foccart aveva il compito di gettare le basi per il nascente sistema neocoloniale.

Ha costruito una rete di élite compradore in ciascuna delle colonie francesi. Molte di queste future élite dominanti proverrebbero da un piccolo gruppo di africani istruiti in Francia, alcuni dei quali avevano prestato servizio nelle forze armate, nella pubblica amministrazione e nel parlamento francese. Due esempi degni di nota sono il capitano di volo Albert-Bernard “Omar” Bongo dell’aeronautica francese e Félix Houphouët-Boigny, un legislatore africano al parlamento francese.

Dopo l’indipendenza nominale nel 1960, Houphouët-Boigny divenne presidente della Costa d’Avorio. Con l’incoraggiamento di Jacques Foccart, il capitano di volo Bongo entrò a far parte del governo nazionale del Gabon nel 1960. Il suo ritiro dall’aeronautica francese seguì presto.

L’ascesa di Bongo nella gerarchia del governo gabonese , estremamente francofilo , fu rapida. Nel novembre 1966 era vicepresidente del paese e poi presidente nel dicembre 1967.

In questo giorno: il 3 novembre 1960, l'attivista indipendentista camerunese Félix Moumié muore per avvelenamento – Jeune Afrique
Félix-Roland Moumié è stato avvelenato a morte da agenti dell’intelligence francese a Ginevra, in Svizzera

Laddove si incontrò una forte opposizione a La Francafrique , seguì prontamente l’assassinio. Il politico camerunese di tendenza marxista, Ruben Um Nyobé, che cercò di fomentare una rivolta armata, fu ucciso a colpi di arma da fuoco dalle truppe francesi il 13 settembre 1958. Un altro politico camerunese marxista radicale, Félix-Roland Moumié, fu ucciso in esilio con veleno al tallio dalla SDECE (allora i servizi segreti francesi) il 3 novembre 1960.

La SDECE , infestata dai gangster corsi, non si limitò ad assassinare i marxisti. Ha ucciso anche i politici africani nazionalisti che non volevano appoggiare La Françafrique .

Per essersi opposto all’influenza francese in Marocco, Mehdi Ben Barka, un politico nazionalista marocchino, scomparve per sempre il 29 ottobre 1965. Il suo destino rimase sconosciuto fino a quando un libro, pubblicato nel 2018, dal giornalista israeliano Ronen Bergman, diede un resoconto dettagliato di ciò che era accaduto a lui. Secondo il libro, il Mossad aveva assistito lo SDECE nell’omicidio di Barka e nello smaltimento del suo corpo.

Sekou Toure tiene il suo discorso il 25 agosto 1958
Un Charles De Gaulle arrabbiato che lotta per mantenere la calma nella città di Conakry mentre Ahmed Touré pronuncia il suo fatidico discorso nell’agosto 1958 dicendo che la Guinea avrebbe cercato la totale indipendenza dalla Francia. Il berretto kepi non lasciava il tavolo quando il suo proprietario alla fine se ne andava

La colonia della Guinea rappresentò un abietto fallimento per Jacques Foccart. Il suo principale leader Ahmed Touré ha rifiutato di collaborare. Fu l’unico leader nazionale africano francofono che si oppose all’idea di aderire alla Communauté Française e radunò i guineani a votare per la completa indipendenza dalla Francia nel referendum tenutosi il 28 settembre 1958.

Come ho riportato qui qui , la Francia ha reagito distruggendo la maggior parte delle infrastrutture che aveva costruito sul territorio guineano prima di ritirare i suoi amministratori coloniali, tecnocrati e truppe militari. Successivamente, la colonia ribelle abbandonata si dichiarò nazione sovrana il 2 ottobre 1958, diventando la prima nazione francofona dell’Africa subsahariana a farlo. È stato anche il primo ad abbandonare il franco CFA come valuta dopo l’indipendenza, e il primo a non avere truppe francesi sul suo territorio.

Lo SDECE ha tentato ripetutamente di assassinare Ahmed Touré, ma nessuno ha avuto successo. In effetti, il risultato finale di questi falliti tentativi di omicidio è stato il passaggio della Guinea dall’avere rapporti tesi con la Francia ad avere rapporti nulli con la Francia per molti anni.

Nel frattempo, i sovietici approfondirono i loro legami con Ahmed Touré e inviarono diverse navi da guerra a pattugliare le acque della Guinea per dissuadere le truppe portoghesi con sede nella vicina Guinea-Bissau dal ripetere l’ operazione Mar Verde (1970) Touré aveva fatto arrabbiare il Portogallo permettendo che il suo paese fosse utilizzato come base arretrata per la guerriglia armata che combatteva per la liberazione delle colonie lusofone della Guinea-Bissau e delle Isole di Capo Verde.

Con la sola eccezione della Repubblica di Guinea, Jacques Foccart riuscì nell’obiettivo di mantenere il controllo francese sull’Africa francofona.

Tuttavia, nell’Africa occidentale, c’era un neo, un problema apparentemente irrisolvibile, almeno fino a quando una soluzione fortuita non si presentò alcuni anni dopo. Quel problema si chiamava Nigeria.

Charles De Gaulle lamentava il fatto che la Nigeria anglofona esistesse in un angolo dell’Africa dove gli stati francofoni erano la maggioranza. La Nigeria aveva la popolazione più numerosa di qualsiasi paese del continente.

Allora la Nigeria aveva un’economia agraria, che stava crescendo molto rapidamente all’inizio degli anni ’60. Vaste riserve di risorse petrolifere furono scoperte nel 1958, ma non giocarono un ruolo importante nell’economia della Nigeria fino agli anni ’70.

Data la sua gigantesca popolazione nazionale e la sua grande economia, De Gaulle predisse correttamente che la Nigeria alla fine sarebbe diventata l’egemone dell’Africa occidentale e che la Francia non avrebbe potuto fare nulla al riguardo poiché non esercitava alcuna influenza nell’Africa anglofona . Inoltre, il commercio commerciale della Francia con gli stati francofoni del Niger e del Ciad, senza sbocco sul mare, dipendeva in larga misura dal transito attraverso il territorio della Nigeria e dall’uso dei suoi porti marittimi.

Il governo federale della Nigeria recentemente indipendente si oppose apertamente al continuo controllo francese dell’Algeria, sostenne la sfida di Ahmed Touré in Guinea ed espulse l’ambasciatore francese in Nigeria nel gennaio 1961 per protestare contro il terzo test nucleare della Francia nel deserto del Sahara il 27 dicembre 1960.

L’espulsione dell’ambasciatore francese è stata seguita dalla chiusura di tutti i porti e aeroporti nigeriani alle navi e agli aerei francesi, ma tali misure sono state presto revocate dopo che le economie del Ciad e del Niger, senza sbocco sul mare, sono state colpite negativamente. All’ambasciatore francese non fu permesso di tornare in Nigeria fino al 1965.

Nonostante la sua forte politica estera volta a sostenere i popoli africani ancora in lotta contro le potenze coloniali recalcitranti – il Portogallo in tutte le sue colonie e la Francia in Algeria – c’erano ancora una miriade di problemi politici interni nella Nigeria post-indipendenza. Molti di questi problemi derivavano dal suo status di federazione eterogenea di 250 nazionalità etniche che parlavano lingue reciprocamente incomprensibili e seguivano tradizioni culturali e religioni diverse.

Molto prima che arrivasse il giorno dell’indipendenza, il 1° ottobre 1960, le élite dominanti musulmane di etnia Hausa-Fulani della Nigeria settentrionale erano diffidenti nei confronti dei cristiani del sud, in particolare dell’etnia Igbo del sud-est della Nigeria.

A partire dal 1914, migliaia di meridionali erano emigrati nel nord della Nigeria non appena il governo coloniale britannico aveva aperto la regione musulmana conservatrice con la costruzione di linee ferroviarie. La stragrande maggioranza di questi immigrati meridionali nel Nord erano di etnia Igbo venuti per intraprendere lavori come macchinisti, artigiani e commercianti.

Negli anni ’50, gli Igbo residenti nel nord della Nigeria avevano fatto bene come commercianti, medici, ingegneri e insegnanti. Tuttavia, in quanto non musulmani, furono costretti a vivere separati dai popoli nativi in ​​sezioni segregate delle città settentrionali e dei paesi conosciuti come Sabon Gari .

I coloniali britannici non interferirono con la consuetudine locale preesistente di separare gli immigrati non musulmani dai nativi musulmani a causa dell’autonomia concessa agli emiri locali (governanti tradizionali) di governare la parte settentrionale del protettorato britannico della Nigeria .

In epoca precoloniale, quegli emiri erano stati a capo degli Emirati (province) che costituivano uno stato sovrano monarchico noto come Califfato di Sokoto (1804-1903) .

Il territorio sovrano di questo vasto califfato sunnita comprende ora l’attuale Nigeria nordoccidentale, il Niger meridionale e piccole porzioni del Camerun, del Burkina Faso e della Repubblica del Benin.

Il califfato fu conquistato e spartito dagli imperi coloniali britannico, francese e tedesco nel marzo 1903.

Gli inglesi assorbirono rapidamente la propria parte del territorio conquistato nella neonata colonia della Nigeria settentrionale, che comprendeva anche gli ex territori del defunto Impero Kanem-Bornu (926-1846) .

I coloniali britannici giunsero ad un accordo amichevole con gli emiri locali. Avrebbero potuto continuare a governare gli Emirati, sopravvissuti alla dissoluzione del califfato. Gli inglesi farebbero anche del loro meglio per tenere i missionari cristiani lontani dai loro territori provinciali. In cambio, gli emiri avrebbero giurato fedeltà a Sua Maestà, la regina Vittoria, e avrebbero riscuotono le tasse per l’amministrazione coloniale britannica.

Fino agli anni ’50, alla Nigeria meridionale, dove gli inglesi avevano incontrato una feroce resistenza anticoloniale, non era consentita alcuna forma di autonomia di autogoverno. Gli ufficiali coloniali britannici lo amministrarono direttamente.

Quindi, non sorprendeva che la maggior parte dei nazionalisti favorevoli alla fine del dominio coloniale fossero meridionali. Inizialmente i leader del Nord non erano entusiasti della decolonizzazione perché temevano che la Nigeria post-indipendenza sarebbe diventata uno stato-nazione unitario sotto il controllo dominante dei meridionali.

Gli inglesi non avrebbero concesso l’indipendenza alla Nigeria a meno che i leader del Nord non avessero dato il loro consenso. I tentativi dei nazionalisti del sud di garantire l’indipendenza nazionale nel 1954 furono bloccati dal veto del leader più potente della Nigeria settentrionale, Sir Ahmadu Bello .


BARRA LATERALE: AHMADU BELLO SU IGBOS ETNICI RESIDENTI NEL NORD

Prima del suo assassinio, Sir Ahmadu Bello (1910-1966) era il politico più potente della regione autonoma della Nigeria settentrionale e il suo premier al potere durante la fase finale del dominio coloniale britannico (1954-1960) e dopo l’indipendenza (1960-1966). Prima di diventare Premier, è stato un legislatore eletto nella Camera dell’Assemblea della Nigeria settentrionale.

Era il pronipote di Muhammad Bello che governò il califfato di Sokoto dal 1817 al 1837. Era anche il pronipote di Usman Dan Fodio , il fondatore del califfato e il suo sovrano dal 1804 al 1817.

Come molti nordisti del suo tempo, il premier Ahmadu Bello nutriva una profonda animosità nei confronti dell’etnia Igbo, che non era timido nell’esprimere quando sollecitato da giornalisti locali e stranieri.

In un’intervista televisiva con un giornalista britannico, registrata il 19 aprile 1964, Ahmadu Bello, in qualità di premier della Nigeria settentrionale, esprime preoccupazione per l’ambizioso Igbo “che tenta di diventare il capo dopo un breve periodo come servitore. “

Durante l’intervista, Bello spiega che la politica del suo governo regionale è quella di discriminare a favore dei settentrionali quando offrono opportunità di lavoro. Proprio come gli espatriati di paesi stranieri, tutti i nigeriani del sud (compresi gli Igbo di etnia) residenti nel nord possono ottenere solo contratti di lavoro temporanei.

L’affermazione di Bello al giornalista secondo cui i nordisti difficilmente trovano lavoro nelle altre due regioni autonome (Nigeria orientale e Nigeria occidentale) non è vera poiché nessuno dei due ha seguito alcuna politica di discriminazione contro le popolazioni non native residenti nei loro territori.

È stata l’assenza di politiche discriminatorie che ha permesso a Umaru Altine, un musulmano del nord residente nella Nigeria orientale, di unirsi alla politica locale e di candidarsi alle elezioni regionali. Dal 1952 al 1958, Umaru fu il sindaco eletto dal popolo della città di Enugu, la capitale amministrativa della Nigeria orientale.


Nel 1957, il Ghana entrò nella storia come la prima colonia britannica nell’Africa subsahariana a ottenere la piena indipendenza. Nel frattempo, la Nigeria è rimasta una colonia parzialmente autonoma perché i suoi leader politici locali stavano ancora litigando sulla struttura di un futuro stato indipendente.

Come compromesso, i leader del Sud, che desideravano disperatamente l’indipendenza, furono infine costretti ad abbandonare l’idea di uno stato-nazione unitario a favore di una federazione che proteggesse l’autonomia della Nigeria settentrionale. Fu scritta una nuova costituzione federale e la Nigeria ottenne finalmente l’indipendenza nel 1960. All’epoca, era uno dei soli due paesi africani con sistemi di governo federali, l’altro era la Federazione etiope-eritrea (1952-1962) .

Dopo l’indipendenza, sono emerse tensioni tra le tre più grandi nazionalità etniche della Nigeria, vale a dire gli Igbo gli Yoruba gli Hausa . Inoltre, all’interno delle rispettive regioni d’origine, ciascuno di questi principali gruppi etnici ha incontrato tensioni con le minoranze etniche risentite.

Le minoranze etniche nella regione orientale dominata dagli Igbo chiedevano una propria regione amministrativa separata. Quando ciò non accadde, i militanti della minoranza etnica Ijaw guidati da Isaac Adaka Boro dichiararono una “Repubblica del Delta del Niger” sul territorio della Nigeria orientale nel 1965 e combatterono le truppe federali nigeriane per dodici giorni prima che lui e i suoi uomini fossero sconfitti.

Anche le minoranze etniche nella regione occidentale dominata dagli yoruba fecero una campagna per un’entità amministrativa separata da chiamare regione del Midwest , e ci riuscirono nel giugno 1963.

Le minoranze etniche – che erano anche minoranze cristiane – nella Nigeria settentrionale a predominanza musulmana di etnia Hausa hanno chiesto la creazione di una regione della Cintura centrale . Quando ciò non avvenne, queste minoranze si ribellarono e le élite al potere Hausa repressero duramente, arrestando leader per i diritti delle minoranze come Joseph Tarka .

Stufo della corruzione governativa e dei meschini nazionalismi etnici, un gruppo di ufficiali militari di medio rango guidati dal maggiore Chukwuma Nzeogwu, di sinistra, organizzò un sanguinoso colpo di stato militare il 15 gennaio 1966 , che provocò la morte di eminenti politici nigeriani, tra cui Leader politici del nord come Ahmadu Bello Abubakar Tafawa Balewa . Il colpo di stato alla fine non riuscì a raggiungere i suoi obiettivi.

Nessuna descrizione fotografica disponibile.
Il primo ministro esecutivo nigeriano Tafawa Balewa con il presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy davanti alla Casa Bianca il 25 luglio 1961. Cinque anni dopo lo scatto di questa foto, entrambi gli uomini furono assassinati.

Invece, quel colpo di stato militare diede il via a una lunga catena di eventi tragici che portarono al pogrom del 1966 dell’etnia Igbo residente nelle aree segregate di Sabon Gari , nel nord della Nigeria. 30.000 Igbo furono brutalmente assassinati e un altro milione fuggì nella loro patria orientale. Poco dopo, l’indignata Nigeria orientale si dichiarò nazione sovrana: la Repubblica del Biafra.

La giunta militare nigeriana, dominata dal Nord, che prese il potere nell’agosto del 1966, rifiutò di riconoscere la secessione di quella che considerava ancora la sua regione orientale. Nel luglio 1967 la Nigeria attaccò il Biafra, scatenando la guerra civile (1967-1970).

Sulla scena internazionale sono accadute molte cose inaspettate. L’Unione Sovietica e la maggior parte dei suoi stati satelliti comunisti dell’Europa orientale si unirono al Regno Unito nel sostenere la Nigeria. Gli inglesi e i sovietici gareggiavano tra loro su chi avrebbe accumulato la Nigeria con il maggior equipaggiamento militare.

La Cecoslovacchia era solidale con il Biafra e fornì segretamente armi alla repubblica secessionista nelle prime fasi della guerra civile. Tutto ciò si concluse con l’ invasione della Cecoslovacchia guidata dai sovietici (agosto 1968) , che paralizzò il governo riformista di Alexander Dubček . Dopo quell’invasione, le armi cecoslovacche confluirono esclusivamente in Nigeria, secondo i desideri sovietici.

La Nigeria ha ricevuto anche il sostegno della maggior parte dei paesi africani. Il personale dell’aeronautica egiziana fu inviato a pilotare i caccia a reazione MIG-17 e i bombardieri a reazione Ilyushin Il-28 forniti alla Nigeria dall’Unione Sovietica poiché i piloti di etnia Igbo della Nigeria, addestrati per la nascente aeronautica nigeriana, avevano tutti disertato nell’aeronautica del Biafran .

La Cina ha espresso simpatia per la difficile situazione delle vittime Igbo del pogrom del 1966 e ha dichiarato il suo sostegno al Biafra denunciando quello che ha chiamato “ imperialismo anglo-sovietico” . Anche la Norvegia ha espresso la sua solidarietà e ha donato materiali di soccorso per gli sfollati biafrani durante la guerra civile.

Gli Stati Uniti erano troppo impegnati con la furiosa guerra del Vietnam per formulare una politica coerente sul conflitto Nigeria-Biafra. L’amministrazione del presidente Lyndon Baines Johnson ha dichiarato la neutralità degli Stati Uniti.

I paesi cattolici d’Europa – Irlanda, Spagna, Portogallo, Italia e Vaticano – erano tutti in sintonia con il Biafra poiché la stragrande maggioranza dei biafrani erano cattolici, incluso il futuro cardinale Francis Arinze , che fece la storia come il più giovane vescovo cattolico del mondo quando fu consacrato il 29 agosto 1965, all’età di 32 anni ( La simpatia dell’Italia per il Biafra scemò dopo che alcuni soldati biafrani uccisero i lavoratori italiani dell’AGIP nel 1969 ).

Anche Israele appoggiò il Biafra e si unì a Cina e Portogallo nella fornitura clandestina di armi allo stato secessionista.

Il Portogallo stampò la sterlina biafrana , la valuta della repubblica separatista

Tanzania, Zambia, Costa d’Avorio e Gabon ruppero i ranghi con il resto dell’Africa e concessero il riconoscimento diplomatico al Biafra. La nazione caraibica di Haiti si unì presto al riconoscimento del Biafra.

Nel frattempo, a Parigi, Jacques Foccart si stava fregando le mani. Non poteva perdere un’occasione d’oro per fare finalmente qualcosa per la gigantesca Nigeria, che stava mettendo in ombra i molto più piccoli stati francofoni dell’Africa occidentale.

Jacques Foccart si avvalse dell’aiuto del presidente ivoriano Félix Houphouët-Boigny nel tentativo di persuadere il riluttante presidente Charles De Gaulle a dichiarare che la Francia avrebbe riconosciuto il Biafra come stato sovrano.

De Gaulle non amava la Federazione nigeriana. Non aveva dimenticato come la Nigeria umiliò la Francia nel gennaio 1961 espellendo l’ambasciatore francese residente e vietando alle operazioni commerciali francesi di utilizzare i porti marittimi e le strade nigeriane per raggiungere il Niger e il Ciad senza sbocco sul mare. Tuttavia, non aveva alcun desiderio di offendere il primo ministro britannico Harold Wilson , che era pienamente impegnato a sostenere la strategia di guerra della terra bruciata della giunta militare nigeriana volta a costringere i biafrani a rientrare nella Federazione nigeriana.

Jacques Foccart ha detto all’anziano presidente francese che sostenere l’indipendenza del Biafra significherebbe la perdita dell’accesso della Nigeria alle vaste riserve di petrolio all’interno del Biafra. Foccart teorizzò che la perdita di una risorsa naturale così critica avrebbe rallentato la crescita economica della Nigeria, che avrebbe perso anche l’8,4% del suo territorio, il 26% della sua popolazione e gran parte della sua costa se la repubblica del Biafran, parzialmente riconosciuta, avesse vinto la guerra. guerra civile.

De Gaulle mantenne ostinatamente il suo rifiuto di riconoscere il Biafra, ma autorizzò la fornitura di equipaggiamento militare ai Biafra. Jacques Foccart è andato ben oltre il suo mandato. Fornì entrambe le armi e reclutò mercenari francesi, tedeschi e belgi per combattere a fianco delle forze armate convenzionali del Biafra. Alcuni di questi mercenari sarebbero stati infine espulsi per essersi rifiutati di seguire gli ordini dell’alto comando militare del Biafra.

La Repubblica del Biafra sviluppò industrie artigianali per produrre le proprie armi da fuoco, obici, razzi, munizioni, apparecchiature radio e auto blindate conosciute come “Biafran Red Devils” ora esposte al Museo della Guerra della Nigeria

Sfortunatamente per il Biafra, la giunta militare nigeriana ha mantenuto uno spietato blocco aereo, terrestre e marittimo che ha causato una crisi umanitaria e ha reso estremamente difficile per le forze armate biafrane ricevere armi di contrabbando da Cina, Tanzania, Portogallo, Israele e Francia.

In risposta al blocco, il Biafra sviluppò industrie artigianali per produrre localmente alcune di quelle armi , ma i livelli di produzione non furono mai sufficienti a eguagliare l’enorme numero di armi molto più sofisticate che inglesi e sovietici elargirono alla Nigeria.

Il 15 gennaio 1970, le forze armate del Biafra si arresero alla Nigeria e la repubblica del Biafra cessò di esistere, il suo territorio tornò al suo status prebellico come Nigeria orientale.

Per molto tempo i rapporti tra Nigeria e Francia sono rimasti bloccati. Nel frattempo, i proventi petroliferi della Nigeria aumentarono notevolmente, soprattutto durante il boicottaggio del petrolio arabo (1973) , che fece impennare i prezzi internazionali del greggio. La Nigeria ha guadagnato molto dalle vendite di petrolio e le entrate hanno portato a un boom edilizio nelle principali città.

La Nigeria iniziò a far circolare parte del denaro proveniente dal petrolio verso i paesi africani più poveri, soprattutto nella sottoregione dell’Africa occidentale. La Nigeria ha utilizzato parte del denaro per acquistare armi che sono state trasportate in aereo nello Zambia, che poi le ha passate ai combattenti ZIPRA di Joshua Nkomo e ai combattenti ZANLA di Robert Mugabe , entrambi combattendo contro lo Stato della Rhodesia non riconosciuto. Alcune armi sono arrivate ai guerriglieri SWAPO che combattevano contro l’esercito di occupazione sudafricano dell’apartheid in Namibia.

Guerriglieri SWAPO namibiani nella loro base posteriore all’interno della città di Lubango, Repubblica popolare dell’Angola (circa anni ’80)

La creazione dell’ECOWAS da parte della Nigeria nel 1975 non fu ben accolta a Parigi dal presidente francese Valery d’Estaing , che la percepì come un tentativo da parte della Nigeria anglofona ricca di petrolio di competere con la Francia per l’influenza nell’Africa occidentale francofona. Tuttavia, Valery non ha fatto nulla per impedire l’ECOWAS. Con il passare del tempo, si rese conto che l’ECOWAS era principalmente un’organizzazione commerciale, il che non necessariamente sfidava La Francafrique .

La Nigeria desiderava costruire un grande blocco commerciale regionale comprendente tutti i 16 paesi dell’Africa occidentale, ma non si è mai preoccupata di combattere la Francia per la sua insistenza nel controllare la valuta e le politiche fiscali di alcuni stati membri francofoni.


BARRA LATERALE: LE VALUTE CONOSCIUTE COME FRANCO CFA

Il franco CFA, che è in parte gestito dal Tesoro francese, è stato identificato come uno degli strumenti utilizzati dalla Francia per promuovere la propria influenza e il controllo di alcune delle sue ex colonie africane. Sebbene tale affermazione sia in gran parte vera, ci sono importanti sfumature da esplorare.

Su venti ex colonie francesi, dodici utilizzano il franco CFA. Inoltre, due paesi africani – che non furono mai colonie francesi – abbandonarono volontariamente le proprie valute nazionali a favore del franco CFA.

Contrariamente alla credenza popolare, il franco CFA non è una valuta unica, ma piuttosto il nome comune di due valute separate emesse da due diverse banche centrali.

Il franco CFA dell’Africa occidentale è la valuta di otto paesi dell’Africa occidentale, che comprende sette stati francofoni ( Repubblica del Benin, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Mali, Niger, Senegal, Togo) e uno stato lusofono (Guinea-Bissau).

Dopo anni di problemi economici e di elevata inflazione, la Guinea-Bissau portoghese ha abbandonato la propria valuta nazionale ( Peso Guinea-Bissau ) e ha adottato volontariamente il franco CFA dell’Africa occidentale nel 1997. Naturalmente, è profondamente ironico che la Guinea-Bissau, che ha estratto la sua indipendenza dal Portogallo dopo 11 anni di guerra – ha finito per cedere la propria politica fiscale nazionale al Tesoro francese attraverso l’ammissione volontaria alla zona del franco CFA.

Categoria:Guerra d'indipendenza della Guinea-Bissau - Wikimedia Commons
Guerriglieri della Guinea-Bissauan nel 1970, durante la lotta armata durata undici anni per l’indipendenza dal dominio coloniale portoghese

Il franco CFA dell’Africa centrale è utilizzato da sei paesi dell’Africa centrale: un’ex colonia spagnola (Guinea Equatoriale) e cinque ex colonie francesi (Camerun, Repubblica Centrafricana, Ciad, Gabon e Repubblica del Congo).

La Guinea Equatoriale di lingua spagnola abbandonò volontariamente la sua valuta nazionale (nota come Ekwele ) il 1° gennaio 1985 e adottò il franco CFA dell’Africa centrale al fine di stabilizzare la propria economia e facilitare gli scambi con altri paesi della sottoregione dell’Africa centrale.

Come affermato in precedenza, ciascuna versione del franco CFA è emessa da una banca centrale separata. Il franco CFA dell’Africa occidentale è emesso dalla Banca centrale degli Stati dell’Africa occidentale BCEAO ), mentre il franco dell’Africa centrale è servito dalla Banca degli Stati dell’Africa centrale ( BEAC ).

Originariamente entrambi gli istituti bancari erano controllati al 100% dalla Francia e avevano sede a Parigi. Tuttavia, le crescenti critiche al sistema quasi coloniale “La Francafrique” negli anni ’70 indussero la Francia a concedere ai paesi africani nella zona del franco CFA una maggiore voce in capitolo nella gestione di entrambe le banche. Anche le sedi di entrambe le banche furono trasferite nel continente africano.

Nel 1975, la BCEAO ottenne il suo primo governatore di banca africano, Abdoulaye Fadiga della Costa d’Avorio, e la sua sede si trasferì da Parigi alla città di Dakar , in Senegal, nel 1978.

La sua entità gemella, BEAC , trasferì la sua sede da Parigi alla città di Yaoundé in Camerun nel 1977. L’anno successivo, BEAC ottenne il suo governatore africano pioniere nella persona di Casimir Oyé-Mba , che più tardi divenne Primo Ministro del Gabon dopo aver lasciato la banca centrale.

Nonostante lo spostamento delle sedi centrali e il fatto che entrambe le banche centrali sono state amministrate da governatori africani per molti decenni, il Tesoro francese continua ad avere voce in capitolo nel modo in cui vengono gestite le cose in entrambi gli istituti bancari.

Entrambe le varianti del franco CFA sono state oggetto di molte critiche. È stato descritto come uno “strumento neocoloniale” perché ciascuna delle 14 nazioni africane che utilizzavano l’una o l’altra versione del franco CFA erano storicamente obbligate a depositare metà delle proprie riserve di valuta estera presso il Tesoro francese.

Poiché entrambe le versioni del franco CFA erano ancorate al franco francese, i paesi africani che utilizzavano entrambe le valute non potevano esercitare il diritto sovrano di impostare le proprie politiche monetarie. Il compito di definire la politica monetaria per i paesi della zona del franco CFA è stato nelle mani della Banque de France fino al 1° gennaio 1999, quando l’euro ha sostituito il franco francese come valuta di ancoraggio. Successivamente, la politica monetaria è passata alla Banca Centrale Europea , che è assistita dal Tesoro francese su tutte le questioni riguardanti entrambe le valute del franco CFA.

Nonostante i loro inconvenienti, alcuni economisti hanno sostenuto che i 14 paesi che utilizzano entrambe le versioni del franco CFA sono stati in grado di evitare le fluttuazioni valutarie, consentendo loro di godere di un livello di stabilità macroeconomica.

Come prova, questi economisti sottolineano il fatto che la Repubblica del Mali abbandonò il franco CFA occidentale nel 1962 e iniziò a coniare una propria valuta – il franco maliano – come mezzo per sfuggire al controllo francese sulla sua politica monetaria. Tuttavia, dopo 22 anni di gestione di un’economia in stile socialista, con conseguente elevata inflazione e fluttuazioni valutarie, il Mali ha deciso di abbandonare il franco maliano e ripristinare il più stabile franco CFA dell’Africa occidentale come valuta nazionale.

La Guinea-Bissau e la Guinea Equatoriale, che non sono né francofone né ex colonie francesi, hanno volontariamente abbandonato le proprie valute nazionali a favore del molto più stabile franco CFA.

Sarebbe negligente da parte mia non riconoscere il fatto che la Costa d’Avorio francofona, che utilizza il franco CFA occidentale, ha registrato un’inflazione relativamente bassa ad un tasso medio del 6% negli ultimi 50 anni rispetto al 29% del vicino Ghana anglofono , che ha ha gestito con orgoglio la propria valuta nazionale indipendente dal 1957. Naturalmente, il lato positivo è che il Ghana non deve preoccuparsi del controllo estero della sua politica monetaria.


Una volta svaniti i sospetti iniziali che la Nigeria volesse erodere il controllo francese nell’Africa occidentale francofona, il presidente Valery d’Estaing e i suoi successori iniziarono a percepire l’ECOWAS come un’organizzazione che poteva essere influenzata dal Palazzo dell’Eliseo poiché nove dei suoi sedici stati membri erano ex colonie francesi.

Naturalmente, l’influenza francese nell’Africa occidentale francofona non è mai stata uniforme, nemmeno negli anni ’70. L’Eliseo non aveva alcun controllo sugli eventi all’interno della Repubblica di Guinea, che si era alleata con l’URSS. L’influenza francese sulla Mauritania aumentò e diminuì continuamente.

La Mauritania ha revocato la sua piena adesione all’ECOWAS nel dicembre 2000 ed è tornata come membro associato nell’agosto 2017.

Dato che il 56,3% dei membri dell’ECOWAS sono paesi francofoni, si presumeva generalmente che avrebbero sempre potuto superare le più grandi nazioni anglofone della Nigeria e del Ghana su questioni controverse in cui la Francia aveva un interesse acquisito.

Come i francesi avrebbero poi capito nel corso degli anni, la Nigeria anglofona deteneva de facto un potere di veto sul processo decisionale all’interno dell’ECOWAS. Nulla potrebbe essere fatto dall’ECOWAS senza l’espressa approvazione della Nigeria. La maggioranza francofona all’interno dell’ECOWAS non sarebbe stata sufficiente a spostare l’ago della bilancia se la Nigeria si fosse messa di mezzo.

La trasformazione dell’ECOWAS nel 1990 da un’organizzazione commerciale puramente regionale a un’organizzazione che aveva anche il mandato di intervenire negli stati membri politicamente in difficoltà non fu ben accolta dal presidente socialista francese François Mitterrand e dal suo successore di destra, Jacques Chirac .

1° reggimento ussari paracadutisti dell’esercito francese in Costa d’Avorio durante la prima guerra civile ivoriana (2002-2007)

Il periodo di massimo splendore del sistema La Francafrique è stato dal 1960 al 1990. Successivamente, ha iniziato a decadere lentamente a causa dei tagli di bilancio francesi, del pensionamento o della morte di personaggi chiave francesi che gestivano il sistema altamente informale di controllo e l’integrazione francese nell’Unione europea, che ridotta dipendenza dal commercio con le ex colonie africane.

Sotto Jacques Chirac emersero i primi segni visibili di un indebolimento del regime di La Francafrique . Il calo di interesse per l’instabile Repubblica Centrafricana (CAR) portò il presidente Chirac a usare la scusa di un piccolo battibecco con il presidente normalmente francofilo della Repubblica Centrafricana Ange-Félix Patassé per chiudere volontariamente la sua unica base militare lì e ritirare tutte le 1.400 truppe nel luglio 1998 . Allo stesso tempo, Chirac ha ridotto il numero delle truppe nelle basi militari in Gabon, Costa d’Avorio, Senegal, Gibuti, Burkina Faso e Mali.

Nonostante tutto ciò, la Francia non ha esitato a intervenire nelle due guerre civili che hanno travolto la Costa d’Avorio in seguito alla crisi politica emersa dopo la morte del leader ivoriano Houphouët-Boigny nel 1993 e il colpo di stato militare della vigilia di Natale del 1999 , che ha aggravato il caos.

Ancora impegnato a preservare La Francafrique, il presidente Chirac ha ordinato ai 650 soldati francesi già in Costa d’Avorio di intervenire quando è scoppiata la prima guerra civile ivoriana (2002-2007) . A queste truppe si unirono successivamente soldati provenienti dalle basi militari francesi in altri stati africani. Sebbene Chirac dichiarasse la neutralità della Francia, entrambe le parti in guerra in Costa d’Avorio accusarono le truppe francesi di schierarsi. Alla fine, le forze francesi si trovarono a combattere i ribelli ivoriani in alcune occasioni e le truppe governative ivoriane in altre occasioni.

La Nigeria non avrebbe mai combattuto le truppe francesi per il controllo della Costa d’Avorio e quindi si è limitata a utilizzare l’ECOWAS per mediare pacificamente tra le parti in guerra nel conflitto ivoriano. Alla fine fu raggiunto un accordo di pace, anche se lasciò la Costa d’Avorio divisa di fatto tra un nord controllato dai ribelli e un sud controllato dal governo.

Una processione di veicoli militari francesi, durante la seconda guerra civile ivoriana (2010-2011), attraversando la capitale ivoriana di Abidjan verso la residenza del professor Laurent Gbagbo, allora presidente della Costa d’Avorio

Nicolas Sarkozy era presidente della Francia allo scoppio della seconda guerra civile ivoriana (2010-2011) . Non aveva tempo per le lunghe regole dell’ECOWAS che imponevano lunghi colloqui di pace tra le parti in guerra seguiti dalla possibilità di un intervento militare. L’11 aprile 2011, le truppe francesi sono fuggite dalle loro basi militari in Costa d’Avorio e si sono recate in lunghe colonne di veicoli blindati verso la residenza presidenziale dove hanno partecipato al rovesciamento e all’arresto del presidente in carica Laurent Gbagbo.

Nicolas Sarkozy è stato l’ultimo presidente francese ad autorizzare le truppe francesi a rimuovere un leader africano dal potere e l’ultimo a ignorare l’ECOWAS.

Deposto il presidente Laurent Gbagbo nel bel mezzo del suo umiliante arresto da parte delle truppe francesi l’11 aprile 2011. Successivamente sarebbe stato trasportato all’Aia dove le accuse di “crimini contro l’umanità” sarebbero state esaminate e respinte dai giudici della Corte penale internazionale

Durante il mandato del presidente Hollande, ci fu un notevole declino del sistema La Francafrique poiché mostrò meno interesse nell’intervenire negli affari africani rispetto ai suoi predecessori. Tuttavia, ha inviato truppe nella cintura del Sahel, nell’Africa occidentale, nel tentativo di domare le insurrezioni terroristiche islamiste che hanno avuto un picco dopo che Sarkozy, Obama e Cameron hanno supervisionato la distruzione dello stato della Libia nel 2011.

non definito
Truppe francesi per le strade della città di Bangui il 22 dicembre 2013. Dopo tre anni di dispiegamento, la Francia ha interrotto volontariamente il suo intervento militare nella Repubblica centrafricana il 30 ottobre 2016

Hollande si è dimostrato particolarmente riluttante a intervenire nella Repubblica centrafricana quando i ribelli della comunità minoritaria musulmana del paese a maggioranza cristiana hanno dato il via alla guerra civile nel dicembre 2012. Mentre stava ancora valutando la richiesta ufficiale della Repubblica centrafricana di aiuto militare francese, i ribelli musulmani hanno catturato e saccheggiato nella capitale Bangui il 15 marzo 2013, provocando il collasso del governo di Bozize .

Il Palazzo dell’Eliseo ha finalmente autorizzato l’intervento militare francese nel dicembre 2013. L’intervento francese è durato tre anni e si è concluso nell’ottobre 2016, nonostante i desideri del presidente della Repubblica centrafricana Faustin-Archange Touadéra, allora neoeletto leader nazionale

Una volta conquistata la capitale Bangui , il presidente francese Hollande dichiarò “missione compiuta” e ritirò volontariamente le truppe francesi, anche se la guerra civile era ancora in pieno svolgimento e i ribelli musulmani imperversavano ancora in altre parti del paese.

Con le truppe francesi non più in Repubblica Centrafricana, un disperato presidente Touadéra ha chiesto aiuto alla Russia. Il presidente Vladimir Putin ha inviato un misero gruppo consultivo militare russo composto da cinque uomini guidati da Valery Zakharov per insegnare strategie e tattiche alle forze governative della Repubblica centrafricana altamente incompetenti. Ma ciò non è bastato a impedire ai ribelli musulmani di prendere il controllo del 75% del territorio della Repubblica Centrafricana.

Nulla è cambiato finché la CAR non ha firmato un contratto retribuito con Yevgeny Prigozhin su raccomandazione del Cremlino. L’apparizione del Gruppo Wagner nelle parti controllate dal governo della Repubblica Centrafricana il 24 marzo 2018 si è rivelata un punto di svolta nel fallimento della controinsurrezione contro gli insorti infuriati .

Il modo in cui la Russia ha acquisito influenza nella Repubblica Centrafricana (CAR) non è nulla in confronto a quello degli stati dell’Africa occidentale del Mali e del Burkina Faso, dove i viscerali sentimenti antifrancesi hanno giocato un ruolo dominante nell’improvviso spostamento della Francia da parte della Russia .

In Repubblica Centrafricana, i russi hanno tratto vantaggio dall’erosione del regime della Francafrique , simboleggiata dalla chiusura della base militare francese da parte di Chirac nel luglio 1998 e dal rifiuto di Hollande di prolungare la sua missione militare durata tre anni nell’ottobre 2016.

Contrariamente alla credenza popolare, sia Hollande che Macron hanno mostrato livelli di interesse molto inferiori per gli affari delle ex colonie francesi rispetto ai loro predecessori.

I piani a lungo termine dell’ECOWAS guidato dalla Nigeria per sostituire il franco dell’Africa occidentale con una nuova valuta chiamata Eco sono stati accettati da Hollande e Macron. Ai tempi di De Gaulle, Pompidou, Giscard d’Estaing, Mitterrand e Chirac, una proposta del genere avrebbe suscitato un’enorme rabbia all’Eliseo.

Nel maggio 2020, il presidente Emmanuel Macron ha appoggiato la decisione del Parlamento francese di approvare una legislazione per ridurre drasticamente il ruolo del Tesoro francese nella gestione del franco CFA dell’Africa occidentale e di recidere i legami istituzionali francesi con la Banca degli Stati dell’Africa occidentale (BCEAO), che emette la moneta.

Secondo tale legislazione francese, i paesi africani che utilizzano il franco CFA dell’Africa occidentale non sono più tenuti a depositare metà delle loro riserve valutarie presso il Tesoro francese.

L’altra valuta, il franco CFA centrafricano , non è coperta dalla legislazione di maggio 2020 del Parlamento francese. Pertanto, i sei paesi che utilizzano il franco CFA dell’Africa centrale sono ancora tenuti a depositare metà delle loro riserve valutarie presso il Tesoro francese.

Sebbene Macron sia andato più in là di qualsiasi altro leader francese nell’indebolire il tessuto del sistema La Francafrique , spesso in risposta alle accuse di neocolonialismo, è chiaro che vuole ancora un ruolo per la Francia nelle ex colonie. Ciò spiega la sua reazione viscerale ai molteplici colpi di stato in Mali e Burkina Faso rispettivamente nel 2021 e nel 2022.

Ha sostenuto i membri amichevoli africani francofoni dell’ECOWAS che volevano che l’organizzazione attivasse le sue procedure di intervento militare, ma il presidente Buhari della Nigeria ha posto il veto all’idea poiché non era interessato a impantanare le forze militari nigeriane nelle guerre che hanno travolto sia il Mali che il Burkina Faso, che avevano entrambi hanno perso aree significative dei loro territori a causa dei ribelli armati.

Come nel caso della Repubblica Centrafricana, le giunte militari che governavano il Mali e il Burkina Faso hanno portato mercenari russi Wagner per combattere i loro ribelli islamici.

III. INTERESSE DELLA NIGERIA NELLA REPUBBLICA DEL NIGER:

Nel caso della crisi politica che ha travolto la Repubblica del Niger dopo il luglio 2023, l’interesse nazionale centrale della Nigeria è fortemente convergente con le manovre geopolitiche di Stati Uniti e Francia.

Naturalmente, questa fondamentale sfumatura è andata perduta tra i commentatori dei media alternativi che trovano difficile credere che qualsiasi paese africano possa avere “interessi nazionali” .

Fino al colpo di stato del luglio 2023, il governo federale nigeriano ha fornito al Niger camion carichi di grano, sovvenzioni monetarie ed elettricità gratuita. L’elettricità gratuita proveniente dalla Nigeria costituiva il 70% dell’elettricità totale utilizzata nella Repubblica del Niger.

All’interno della Nigeria, questi atti di generosità verso i vicini sono sempre stati impopolari perché: (1) i nigeriani sono obbligati a pagare le bollette elettriche anche durante periodi di blackout continui e (2) la Nigeria stessa non è autosufficiente nella produzione alimentare.

Tuttavia, il governo federale della Nigeria ha continuato a sostenere il Niger. In cambio, la Repubblica del Niger ricambia la buona volontà della Nigeria cooperando sulla sicurezza delle frontiere come membro di tutte e tre le organizzazioni controllate dalla Nigeria, vale a dire la Commissione per il bacino del Lago Ciad, la Multinational Joint Task Force (MNJTF) e l’ECOWAS.

La Banca Centrale degli Stati dell’Africa Occidentale ha tagliato i finanziamenti alle banche locali in Niger nell’agosto 2023 (clicca qui per i dettagli)

È piuttosto interessante che i regimi militari di tutti e tre i paesi senza sbocco sul mare – Mali, Niger e Burkina Faso – abbiano deciso di distruggere permanentemente le loro economie recidendo i loro legami con gli stati membri costieri dell’ECOWAS da cui dipendono fortemente per l’accesso al commercio internazionale marittimo. .

Ad ogni modo, la preoccupazione principale di questo autore riguarda la Repubblica del Niger. Indipendentemente dalle dichiarazioni della giunta militare sull’uscita dall’ECOWAS, il destino del Niger senza sbocco sul mare è strettamente intrecciato con quello della Nigeria. Il paese semiarido dipende fortemente dalla Nigeria per l’accesso ai porti marittimi e il transito delle merci.

Per questo motivo il generale Abdourahamane Tchiani , comandante militare del Niger, ha ripetutamente chiesto colloqui diretti con la Nigeria per porre fine all’embargo, che sta avendo un effetto devastante sull’economia del suo paese.

Da allora la Nigeria ha respinto tali richieste, insistendo che Tchiani rilasci il presidente Mohammed Bazoum dagli arresti domiciliari e negozi la durata della permanenza del suo regime al potere con l’ECOWAS, come suggerito dall’Algeria, membro della Commissione per il bacino del Lago Ciad e partner della Nigeria nella Trans-Africa . Progetto del gasdotto Sahara .

Lettera dell’ECOWAS che invita il presidente incarcerato Bazoum alla riunione ufficiale dell’organizzazione nel dicembre 2023. L’ECOWAS non riconosce la giunta militare Tchiani come governo della Repubblica del Niger

L’ECOWAS, l’Unione Africana e molte nazioni africane (tra cui Sud Africa e Algeria) non riconoscono la giunta militare guidata da Tchiani come governo del Niger. Bazoum è ancora riconosciuto come il legittimo leader nazionale.

Questo stato di cose è in netto contrasto con i regimi militari in Gabon, Guinea, Mali e Burkina Faso, che sono in qualche modo riconosciuti come autorità di governo all’interno dei loro territori, anche se non sono autorizzati a partecipare alle attività dell’Unione africana finché non organizzano le elezioni. e il potere di transizione verso un governo e un parlamento eletti.

Se la storia è indicativa, è altamente improbabile che il disimpegno della giunta militare del Niger dall’ECOWAS dissuaderà la Nigeria dal continuare i suoi sforzi per risolvere l’imbroglio politico nella vicina nazione francofona.

*******

Postscript: Tornerò con un aggiornamento dettagliato su ciò che sta accadendo nella Repubblica del Niger


Contact – Geocache Adventures

Dear reader, if you like my work and feel like making a small donation, then kindly make for my Digital Tip Jar at Buy Me A Coffee

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Equilibrismi impossibili, di Bernard Lugan

Un fattore determinante nell’individuare la posizione egemonica e dominante di una potenza imperiale all’interno della propria area di influenza e nelle dinamiche esterne ad essa è la capacità di istigare e determinare l’esito dei conflitti e di imporre una condizione di pace interna (pax imperiale). E’ quanto sono riusciti a fare le leadership degli Stati Uniti in Europa per lunghi decenni. La Francia di Macron ha raggiunto, al contrario, una fase parodistica della gestione delle contraddizioni nella sua area postcoloniale africana sino a diventare pericolosamente vittima e ostaggio dei contenziosi. Segno ineluttabile di un declino irreversibile condito di aspetti al limite del grottesco, ma con espressioni di sovranità, presenti in settori della classe dirigente che lasciano ancora sperare. Giuseppe Germinario

Quando era deputato al Parlamento europeo, Stéphane Sjourné, il nuovo Ministro degli Affari Esteri francese, era apertamente ostile al Marocco e guardava all’Algeria. E non si dica che si tratta di una questione di realpolitik sul gas, perché il futuro delle esportazioni di gas algerino è desolante: dato che la produzione media di gas del Paese è di circa 130 miliardi di m3, di cui il 30-40% viene reiniettato nei pozzi petroliferi per mantenerli attivi, l’Algeria ha solo circa 86 miliardi di m3 di produzione commercializzabile, di cui circa 35-40 miliardi di m3 vengono consumati localmente per produrre elettricità. In conclusione, entro il 2025 le esportazioni dovrebbero raggiungere circa 25 miliardi di m3, la metà del livello del 2018. Le esportazioni sono diminuite costantemente, passando dai 64 miliardi di metri cubi del 2005 ai 51 miliardi di metri cubi del 2018, ai 48 miliardi di metri cubi del 2019 e ai 41 miliardi di metri cubi del 2020. L’Algeria, che vede diminuire le proprie riserve, punta tutto sul progetto di un gasdotto trans-sahariano di 4.128 chilometri, che sarebbe in grado di trasportare il gas naturale nigeriano fino ai porti algerini e poi ai mercati europei. Un progetto spaventosamente realistico, visto che il gasdotto dovrebbe attraversare regioni saheliane in guerra o addirittura in stato di totale anarchia. In queste condizioni, quali investitori sarebbero disposti a rischiare decine di miliardi di dollari per portare a nord il gas prodotto nella regione costiera nigeriana? Ecco perché l’opzione più sicura è quella di esportare questo gas direttamente attraverso un gasdotto marino, da cui il progetto Nigeria-Morocco Gas Pipeline (NMGP). 5. Il progetto, che riunirebbe tutti i gasdotti della Nigeria e del Marocco, è stato concepito come una sorta di “gasdotto”. Questo progetto, che riunirebbe tutti i Paesi produttori di gas dell’Africa occidentale, correrebbe lungo la costa dell’Africa occidentale, danneggiando la produzione di gas dei Paesi costieri. In tutto sono 16 i Paesi coinvolti nel progetto, tra cui tutti i Paesi dell’ECOWAS, che potranno beneficiare delle sue ricadute, in particolare i Paesi senza sbocco sul mare come il Mali, il Burkina Faso e il Niger, che beneficerebbero di rampe terrestri. La prima fase del gasdotto collegherà i giacimenti offshore di Grande Tortue Ahmeyim (GTA), ai lati del confine marittimo tra Mauritania e Senegal, a Tangeri, in Marocco. Anche se la sinistra ha sempre avuto “occhi di Chimène” per l’Algeria, che non smette mai di accusare la Francia, gli interessi di quest’ultima richiedono una riconciliazione con il Marocco, che richiede il riconoscimento della natura marocchina del Sahara occidentale… che l’Algeria vedrà come una provocazione. La politica dell'”insieme” non è certo facile…

Nel numero di agosto 2023 de L’Afrique Réelle, abbiamo analizzato la storia della disputa tra Algeria e Marocco. Questa disputa affonda le sue radici nelle amputazioni territoriali subite dal Marocco a vantaggio dell’allora Algeria francese. Oggi analizzeremo il modo in cui sono state effettuate queste demarcazioni di confine, le proposte di rettifica avanzate dalla Francia e le ragioni del rifiuto del Marocco. POSIZIONI INCONCILIABILIDurante il periodo coloniale, il Marocco è stato amputato territorialmente a est e a sud. Secondo il diritto internazionale, il Marocco era quindi uno “Stato smembrato dalla colonizzazione” che, dopo l’indipendenza, doveva essere ricostituito entro i confini precoloniali. Ciò era però impossibile perché il giovane Stato algerino, creato dalla Francia e territorialmente a spese del Marocco, difendeva lo status quo, cioè il principio dei confini ereditati dalla colonizzazione. Questo è il cuore della disputa tra Algeria e Marocco. Va notato che, tra tutti gli Stati africani colonizzati, il Marocco è stato la vittima più territoriale delle linee di confine imposte dalle potenze coloniali. A est, la Francia ampliò il suo possedimento algerino annettendogli regioni storicamente marocchine: Touat, Saoura, Tidikelt, Gourara e Tindouf (carta a pagina 10); a sud, la Spagna amputò Saquia el-Hamra e Oued ad Dahab, due province marocchine meridionali, trasformandole nella colonia del Sahara occidentale (carta a pagina 17). Nel 1956, il Marocco riacquistò l’indipendenza, ma non la piena sovranità territoriale poiché, il 2 marzo e il 7 aprile 1956, quest’ultima fu ristabilita solo sulle due ex aree dei protettorati francese e spagnolo. Il Marocco si trovò allora di fronte a una situazione paradossale: 1) gli fu chiesto sia di ratificare la perdita delle sue province orientali, ossia Touat, Saoura, Tidikelt, Gourara e la regione di Tindouf, sia di riconoscere il loro legame con l’Algeria, lo Stato nato nel 1962 dalla decolonizzazione francese. L’Algeria, sostenendo di essere l’erede della colonizzazione francese e delle sue frontiere, ha rifiutato ogni trattativa territoriale con il Marocco, violando così i propri impegni e rinnegando la propria firma, come vedremo in seguito2. ) Poi, al momento della decolonizzazione del Sahara spagnolo, è stato chiesto al Marocco di accettare che le sue province sahariane di Saquia el-Hamra e Oued ad Dahab diventassero uno “Stato sahariano”, pseudopodia di un’Algeria che voleva aprirsi all’Oceano Atlantico. Per questo l’Algeria arma e finanzia il Polisario e mantiene relazioni diplomatiche con i Paesi che ancora riconoscono la SADR (Repubblica Araba Saharawi Democratica). Infine, questo è il motivo per cui l’Algeria sta bloccando una soluzione alla questione del Sahara Occidentale: secondo la Risoluzione ONU n. 1514 del 14 ottobre 1960: “I territori coloniali strappati a un Paese sovrano non possono avere alcuna forma di decolonizzazione se non la loro reintegrazione nel Paese d’origine da cui sono stati dissociati”. Articolo VI: “Se uno Stato è stato smembrato dal colonialismo, ha il diritto di recuperare la sua integrità territoriale dopo la sua decolonizzazione”. Prima dello smembramento coloniale, i confini del Marocco erano riconosciuti dai trattati internazionali e il Protettorato non li aveva resi nulli. Così, nel 1956, al momento dell’indipendenza del Marocco, nel 1962, al momento dell’indipendenza dell’Algeria, e nel 1975, al momento della decolonizzazione del Sahara spagnolo, la sovranità del Marocco doveva essere ristabilita sulle province da cui era stata amputata, sia dalla Francia che dalla Spagna. Le posizioni dei due Paesi sono inconciliabili: il Marocco ha sempre sostenuto che le linee di demarcazione tracciate unilateralmente dai colonizzatori francesi e spagnoli non erano opponibili ai suoi diritti storici, anche se questi ultimi erano stati posti sotto amministrazione fiduciaria per diversi decenni. Al contrario, l’Algeria si è attenuta allo stato di fatto coloniale, cioè al mantenimento delle frontiere create dalla colonizzazione, sia che si trattasse di frontiere vere e proprie, sia che si trattasse di semplici linee di demarcazione amministrative, e questo in virtù del principio secondo cui “le frontiere dei nuovi Stati sono stabilite sulla base delle frontiere delle ex province coloniali a cui questi Stati succedono”. Ma l’Algeria si spinge ancora più in là nel suo atteggiamento anti-marocchino. Oltre all’intangibilità delle frontiere ereditate dalla colonizzazione, tracciate a suo grande vantaggio a spese del Marocco, l’Algeria pretende che il diritto dei popoli all’autodeterminazione sia applicato nel caso del Sahara Occidentale, anche se questo territorio non ha nulla a che fare con l’Algeria. È questa insolita ed esorbitante richiesta algerina che ha dato origine alla questione del Sahara Occidentale, ed è questa stessa questione che mantiene un focolaio di tensione tra Rabat e Algeri.

QUANDO LA FRANCIA HA PROPOSTO UNA RETTIFICA FRONTALIERA AL MAROCCO Le autorità francesi hanno sempre ammesso che la costituzione territoriale dell’Algeria è stata in parte ottenuta a spese del Marocco. Negli anni Cinquanta, infatti, volevano riparare, per così dire, alla più grave delle amputazioni subite dal Marocco, prima di concedere l’indipendenza all’Algeria. Tuttavia, per una questione di solidarietà maghrebina, il Marocco rifiutò, scegliendo invece di riporre la propria fiducia nella futura Algeria indipendente. Il minimo che si possa dire è che l’Algeria si dimostrò molto ingrata. Dopo la Dichiarazione congiunta del 2 marzo 1956, che pose fine al protettorato francese sul Marocco e gli restituì l’indipendenza, la Francia si dichiarò pronta ad accettare la restituzione della regione di Tindouf e della Hamada du Draa, amministrativamente annesse all’Algeria francese. Una commissione congiunta franco-marocchina si riunì per discutere l’interpretazione del Trattato di La Marnia del 1845, gli accordi del 1901, 1902 e 1910 e i tracciati delle cosiddette linee Varnier e Trinquet (carta a pagina 14), che avrebbero risolto i problemi di Béchar, Tindouf e del Sahara occidentale a nord del 24° parallelo. Aziz Maarouf ha esposto chiaramente il problema: “Nel 1956, quando il Marocco firmò le convenzioni con Francia e Spagna che sancirono la sua indipendenza, si trovò liberato, ma entro i limiti stabiliti dalla colonizzazione. Non tutto il territorio era stato recuperato e nessuna delle ex potenze coloniali lo contestava. Per quanto riguarda la Francia, dopo gli accordi del 1956 fu persino istituita una commissione congiunta per studiare la controversia. I suoi lavori si trascinarono. I marocchini, che ponevano la guerra d’Algeria al centro delle loro preoccupazioni, rifiutarono di discutere ulteriormente con la Francia e insistettero sul fatto che il problema non era più di competenza di Parigi, ma di Algeri, e che sarebbe stato affrontato non appena il Paese avesse riacquistato l’indipendenza. Questo era il senso dell’accordo concluso tra Hassan II e Ferhat Abbas nel 1961”. (Jeune Afrique, n°151, 30 agosto 1963) A più riprese, la Francia propose al Marocco di negoziare le amputazioni territoriali subite durante il periodo coloniale. Tuttavia, nel 1960, il sultano Mohammed V rispose senza mezzi termini: “Qualsiasi negoziato con il governo francese sulle rivendicazioni e i diritti del Marocco sarà considerato come una pugnalata alle spalle dei nostri amici algerini che stanno combattendo, e preferisco aspettare l’indipendenza dell’Algeria prima di sollevare la disputa sui confini con i miei fratelli algerini”. “Nel suo libro Le Défi (La Sfida), il re Hassan II ha confermato l’esistenza delle proposte francesi e ha spiegato perché il Marocco non vi ha dato seguito: “Al termine della guerra d’Algeria, la Francia si è offerta a più riprese di risolvere con noi la questione dei confini a est e a sud. Abbiamo rifiutato (…) Al momento del cessate il fuoco (marzo 1961), ci siamo nuovamente rifiutati di permettere alla Francia di restituirci i territori marocchini alle frontiere orientali”. (Le Défi, pp. 91-92) La politica marocchina fu allora quella di fidarsi dei leader della futura Algeria indipendente, con i quali sottoscrisse accordi sulla questione dei confini. Questi accordi furono presto dimenticati dall’Algeria indipendente…

L’ALGERIA VIOLA I SUOI IMPEGNI Dopo aver rifiutato di negoziare con la Francia la rettifica dei confini, il 6 luglio 1961 il Marocco firmò un accordo con il GPRA (Governo provvisorio della Repubblica algerina) in cui si stabiliva che le questioni di confine tra i due Paesi sarebbero state risolte per via negoziale non appena l’Algeria avesse ottenuto l’indipendenza. Ma l’Algeria indipendente rinunciò alla firma. Sempre nel suo libro Le Défi, il re Hassan II scrisse: “(…) essendo chiaramente inteso che la nuova Algeria non accetterà in nessun caso che il Marocco sia danneggiato nel Sahara dalle modifiche territoriali imposte dalla Francia (…) Un accordo in tal senso è stato firmato il 6 luglio 1961 a Rabat dal presidente Ferhat Abbas e da me, con l’accordo formale del signor Ben Bella (Le Défi, p. 68). Le richieste marocchine riguardavano la linea di frontiera marocchino-algerina nella regione del Figuig, l’assenza di un accordo che fissasse la frontiera a sud del passo di Teniet es-Sassi e l’annessione all’Algeria delle regioni di Colomb-Béchar, Tindouf e Tabelbala. Con l’accordo del 6 luglio 1961, il GPRA (Governo provvisorio della Repubblica algerina) si impegnò a negoziare la questione della demarcazione dei confini una volta che l’Algeria avesse ottenuto l’indipendenza. Il 13 marzo 1963, ad Algeri, Re Hassan disse al Presidente Ben Bella: “Signor Presidente, c’è ancora Tindouf, e lei non può non riconoscere che Tindouf è certamente la più flagrante ed evidente di tutte le ingiustizie[1]”. La risposta del Presidente Ben Bella è stata la seguente: “Chiedo a Vostra Maestà di concedermi il tempo di creare le istituzioni algerine, di diventare capo dello Stato algerino e di prendere in mano il partito dell’opposizione.
e di prendere in mano il partito di opposizione, e poi, verso settembre-ottobre, avrò la pienezza e la qualità che mi permetteranno di aprire con voi la questione delle frontiere, fermo restando che non si può pensare che gli algerini siano puramente e semplicemente gli eredi della Francia per quanto riguarda le frontiere dell’Algeria. Mi sbagliavo a crederlo, perché fu proprio nell’ottobre 1963 che piccole guarnigioni marocchine furono attaccate e annientate a Hassi Beïda e a Tinjoub (Le Défi, p. 91). In effetti, nell’ottobre 1963, la guerra scoppiò lungo la frontiera algero-marocchina. Da Figuig a nord di Tindouf, la “guerra delle sabbie” contrappose gli eserciti dei due Paesi fino alla firma del cessate il fuoco il 30 ottobre. Per porre fine a queste dispute di confine, i due Paesi firmarono una serie di accordi, tra cui il Trattato di Ifrane nel 1969, volto a risolvere le dispute di confine tra Marocco e Algeria. Poi, il 27 maggio 1970, a Tlemcen, in Algeria, il re Hassan II e il presidente Boumediene si incontrarono: “È stato a Tlemcen, il 27 maggio 1970, che il presidente Boumediene e io abbiamo deciso che una commissione congiunta avrebbe risolto la questione dei confini”. (Le Défi, p.92) Il 15 giugno 1972, un accordo bilaterale ratificò la linea di confine coloniale tra i due Paesi, un’enorme concessione marocchina che si spiegava con la questione del Sahara occidentale, da cui la Spagna stava per ritirarsi. In cambio del riconoscimento dei confini coloniali e delle conseguenti amputazioni territoriali, il Marocco si aspettava un sostegno, o almeno la neutralità, nel suo tentativo di riunificare il Sahara occidentale. Ma, stufo del precedente atteggiamento algerino e sospettando che l’Algeria non avrebbe accettato questa riunificazione, il Marocco ha legato la ratifica della Convenzione del 1972 al riconoscimento da parte dell’Algeria di tutti i confini del Marocco, compresi quelli del Sahara occidentale, al fine di raggiungere una soluzione globale dei confini. Poi, il 16 novembre 1977, di fronte all’atteggiamento ostile dell’Algeria, che sosteneva la creazione di uno “Stato del Sahara” indipendente, uno pseudopodio che le avrebbe dato un’apertura sull’Oceano Atlantico, il re Hassan II annunciò che l’Accordo sulle frontiere e la cooperazione tra Marocco e Algeria del 1972 non sarebbe stato ratificato dal Marocco.

WWW.BERNARD-LUGAN.COM

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

NIGERIA: QUANDO AI TRIBUNALI CRESCEVANO LE ZANNE E POI NON LE AVEVANO PIÙ, di CHIMA

NIGERIA: QUANDO AI TRIBUNALI CRESCEVANO LE ZANNE E POI NON LE AVEVANO PIÙ

Tinubu, Trump, magistratura nigeriana, magistratura statunitense, petizioni elettorali…

READ IN APP

Punti salienti:

  • Una spiegazione dettagliata del perché la magistratura nigeriana si sia rifiutata di sciogliere la presidenza di Tinubu. No, non è così semplice come sostengono i media mainstream euro-americani e alcuni media alternativi.
  • Breve commento (tangenziale) sull’atteggiamento della magistratura statunitense nei confronti delle petizioni elettorali; sulle elezioni presidenziali statunitensi del 2020; sulla sentenza della Corte Suprema dello Stato del Colorado del 2023 e su come tutti questi aspetti sono considerati in alcuni Paesi del Sud globale.

Aso Rock Nigeria Building
Aso Rock è uno dei due monoliti che adornano lo skyline della città di Abuja. L’altro è la Zuma Rock, molto più alta.(click here for details)

Il 26 ottobre, un paio di aiutanti del Presidente Bola Tinubu sono entrati nella Villa Presidenziale di Aso, così chiamata perché si trova nelle immediate vicinanze dell’Aso Rock, uno dei due monoliti che ornano lo skyline della capitale Abuja, alto 3.071 piedi (936 metri).

Gli assistenti erano passati dall’Ufficio presidenziale all’interno della villa per congratularsi con il loro capo, Bola Ahmed Tinubu, per la sua vittoria decisiva sulla sfida legale lanciata dai suoi due sfidanti alle elezioni presidenziali del febbraio 2023.

Come vedrete presto in un breve video, che mi sono permesso di sottotitolare, gli assistenti – per lo più civili – lodano ossequiosamente Tinubu per aver ottenuto l’approvazione della Corte Suprema nigeriana per continuare il suo ruolo di Presidente della federazione di trentasei Stati.

Tinubu sorride maliziosamente ai suoi aiutanti civili e al suo attendente militare, il tenente colonnello Nurudeen Yusuf, che fa un saluto e, per qualche insondabile motivo, dichiara il suo capo civile “generale a cinque stelle”.

Il Presidente Tinubu si rende conto di questa cripto-sciocchezza e con umorismo dice loro: “I vostri posti di lavoro sono tutti al sicuro”.

Non ho trovato il video
Nel febbraio 2023, in Nigeria si sono tenute le elezioni generali, che hanno compreso le votazioni per la presidenza nazionale, la legislatura federale bicamerale, alcuni governatorati statali, tutte le trentasei legislature statali unicamerali e alcune cariche municipali.

Le elezioni generali del febbraio 2023 hanno rappresentato la settima volta che i nigeriani si sono recati alle urne da quando il caotico periodo della dittatura militare (1966-1979 e 1983-1999) si è effettivamente sgretolato con la morte, celebrata a livello nazionale, del crudelissimo governatore militare generale Sani Abacha l’8 giugno 1998.

Il 29 maggio 1999, l’ultimo governante militare nigeriano, il generale Abdulsalami Abubakar, consegna la Costituzione nigeriana al presidente civile Olusegun Obasanjo. Ironia della sorte, Obasanjo è stato egli stesso un governante militare, sebbene sia stato il primo in Africa a condurre le elezioni e a cedere volontariamente il potere a un leader civile nell’ottobre 1979.

Il ripristino del sistema federale e di funzionari pubblici eletti in Nigeria, il 29 maggio 1999, non ha guarito il Paese da tutti i suoi mali, soprattutto dalla corruzione. Ma ha posto fine all’era regressiva di El Caudillo, quando convogli di furgoni portavalori trasportavano sfacciatamente e crudamente cumuli di banconote in dollari dalla Banca Centrale alla residenza privata di un imperatore militare psicopatico che governava per decreto, senza una legislatura e in spregio alla Costituzione nazionale.

A nessuno sfugge l’epoca in cui giornali e riviste sono stati messi al bando dalle giunte militari che si sono succedute per aver denunciato la cleptomania ufficiale e i coraggiosi giornalisti locali sono stati incarcerati o uccisi in sparatorie o fatti saltare in aria con pacchi bomba; gli anni senza legge in cui i testardi giudici federali hanno ricevuto bombe sotto le loro auto per aver emesso verdetti sbagliati; o il periodo in cui gli studenti universitari e i lavoratori dei sindacati protestavano e venivano rastrellati con colpi di mitragliatrice nelle strade cittadine; o l’impiccagione degli attivisti ambientali che avevano denunciato l’inquinamento da greggio nel Delta del Niger, ricco di petrolio (noto anche come regione del Sud-Sud).

Il generale Sani Abacha allunga il braccio per una stretta di mano nel 1997. Ha rubato miliardi di dollari dal tesoro nazionale, ha assassinato giornalisti locali, ambientalisti e oppositori politici, mentre ha presentato il suo dispotico regime militare (1993-1998) come “anti-imperialista” quando è stato criticato dai governi del Nord America e dell’Europa occidentale.

Tuttavia, dobbiamo confrontarci con il fatto che l’entusiasmo iniziale seguito alla fine dell’era della dittatura militare si è affievolito e questo può essere facilmente misurato dalla progressiva diminuzione della partecipazione degli elettori alle elezioni federali. Per le elezioni presidenziali e legislative federali del 2023, gli elettori registrati erano 93,47 milioni, ma solo 24,9 milioni di persone si sono recate ai seggi per esprimere il voto cartaceo. In altre parole, un misero 26,7% di affluenza alle urne.

Nelle elezioni federali del 2015, relativamente più libere ed eque, l’affluenza alle urne è stata del 43,7%. In altre parole, 29,43 milioni di persone si sono recate ai seggi su 67,42 milioni di elettori registrati.

Dopo che la commissione elettorale federale ha dichiarato l’ex governatore dello Stato di Lagos, Bola Ahmed Tinubu, “Presidente della Nigeria debitamente eletto” dopo le elezioni presidenziali del 2023, i suoi due sfidanti per la presidenza, contrariati, hanno prontamente inviato le loro notifiche giudiziarie per contestare il risultato elettorale.

Molti giovani, indipendentemente dall’etnia, hanno fatto campagna elettorale per il candidato presidenziale Peter Obi e il suo compagno di corsa, Yusuf Datti Baba-Ahmed. Se Peter e Yusuf abbiano effettivamente vinto le elezioni del 2023 è un pomo della discordia.

Uno dei ricorrenti in tribunale era Peter Obi, l’ex governatore del mio Stato di origine (lo Stato di Anambra), nel sud-est della Nigeria, che si è candidato come terzo sfidante alla presidenza e ha ricevuto un grande sostegno da parte di giovani professionisti istruiti di tutto il Paese, indipendentemente dall’etnia. Tuttavia, il suo impatto complessivo sulle elezioni non è stato adeguatamente misurato.

L’altro ricorrente in tribunale è stato Abubakar Atiku, ex vicepresidente della Nigeria, che ha corso come candidato presidenziale del Peoples Democratic Party (PDP), il partito pro-establishment che ha controllato il governo federale dal 1999 fino a quando è stato spodestato nelle elezioni generali del 2015 dal suo rivale pro-establishment, l’All Progressives Congress (APC).

36 states lose financial autonomy suit against FG
Mappa che mostra i 36 Stati che costituiscono la Federazione nigeriana. Questi Stati federati sono raggruppati in 6 regioni geopolitiche, rappresentate in vari colori sulla mappa.

BARRA LATERALE: ABBATTERE LA MITOLOGIA DEL BURATTINO

I funzionari del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti hanno notoriamente appoggiato Peter Obi, il che ha portato alcuni media alternativi sprovveduti a concludere che si trattasse di una sorta di “burattino”, mentre in realtà gli americani erano solo opportunisti perché pensavano che sarebbe stato dichiarato vincitore delle elezioni in base ai sondaggi condotti dal New York Times e dal Washington Post.

Certo, gli americani (e molti giovani nigeriani) sono rimasti delusi quando Peter Obi non è salito alla presidenza federale, ma non c’è mai stata la possibilità che in Nigeria si verificasse una rivoluzione cromatica controllata dagli americani, come invece hanno febbrilmente predetto alcuni siti di alt-media all’indomani delle elezioni presidenziali.

I tre principali candidati alle elezioni presidenziali del 2023

Ho spiegato a lungo perché non ci sarebbe stata alcuna rivoluzione in questo e in quell’articolo. Come avevo previsto, gli americani hanno ingoiato le loro minacce di sanzioni e si sono congratulati a malincuore con Tinubu, inviando persino una delegazione di nove persone alla cerimonia di insediamento presidenziale del 29 maggio 2023.

Lo stesso Tinubu non ha dimenticato come gli americani lo hanno trattato prima e subito dopo le elezioni generali. Contrariamente alle assurde affermazioni dei media alternativi secondo cui sarebbe stato “un burattino”, Tinubu si sarebbe opposto con fermezza a tutti i tentativi del Segretario di Stato americano Tony Blinken di aggirare i protocolli ben definiti dell’ECOWAS per l’intervento militare, fedelmente seguiti nelle situazioni precedenti. (e.g. 2016—2017 Gambian Constitutional Crisis).

Quando è diventato chiaro che i suoi strenui sostenitori nel Nord della Nigeria si opponevano strenuamente all’intervento in Niger, il Presidente Tinubu ha rifiutato di parlare ulteriormente di azione militare, nonostante le diverse visite di emissari francesi e statunitensi e un incontro faccia a faccia con Joe Biden a margine di una riunione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York.


Nel corso degli anni, i tribunali nigeriani hanno dimostrato di essere abbastanza capaci di schierarsi a favore dei candidati dei partiti minori contro i potenti candidati dei partiti pro-establishment, annullando diverse vittorie elettorali a livello federale, statale e municipale sulla base di terribili frodi.

Una notizia Reuters del luglio 2008

Il mio caso preferito è la battaglia legale sulle contestate elezioni per il governatorato svoltesi il 14 aprile 2007 nello Stato di Ondo. Al termine di quel voto viziato, la commissione elettorale aveva dichiarato , il candidato del Partito Democratico dei Popoli (PDP), favorevole all’istituzione, “governatore dello Stato regolarmente eletto”.

Il candidato terzo a quelle elezioni, un medico di nome Segun Mimiko, ha contestato con forza i risultati elettorali e si è rivolto ai tribunali.

L’esperto forense britannico Adrian Forty presta giuramento presso il Tribunale per le petizioni elettorali dello Stato di Ondo il 6 marzo 2008. Forty è stato assunto dal team legale di Segun Mimiko per provare il voto multiplo di impronte digitali da parte di agenti del suo rivale del PDP durante le elezioni del 2007.

Nel corso del procedimento giudiziario iniziale, che si è protratto dal maggio 2007 al luglio 2008, il collegio giudicante del Tribunale ad hoc per le elezioni governatoriali dello Stato di Ondo ha ordinato ai funzionari recalcitranti della Commissione elettorale di rilasciare il registro elettorale come richiesto dal querelante, il dottor Segun Mimiko.

Da un attento esame del registro elettorale, è emerso che esso contiene numerosi nomi locali fittizi assegnati a fototessere reali di persone selezionate a caso. Un certo numero di fotografie che accompagnavano i nomi falsi erano state scansionate elettronicamente da calendari, almanacchi, giornali e album di dischi.

In modo esilarante, alcuni di questi nomi inventati sono stati inseriti in foto casuali di adolescenti minorenni, bambini piccoli, persone decedute e noti personaggi nigeriani come il giudice Idris Kutigi (allora presidente della Corte Suprema della Nigeria) e il dottor Charles Soludo (allora capo della Banca Centrale della Nigeria).

Gli stranieri non sono stati esclusi dalla farsa. Le immagini scannerizzate di inglesi e americani famosi, come  David BeckhamMike TysonMuhammed Ali e Michael Jackson, sono state assegnate anche a nomi locali fittizi elencati nel registro elettorale come elettori idonei per le elezioni del governatorato dello Stato di Ondo del 2007. Sì, non scherzo.

Avendo visto le prove della perfidia, i giudici che presiedono il tribunale ad hoc hanno prontamente preso con un bisturi chirurgico il numero totale di schede contate per le elezioni governatoriali. Hanno annullato le elezioni condotte nei distretti dello Stato in cui la stragrande maggioranza degli elettori fittizi era indicata come residente. Tutte le schede provenienti da questi distretti “contaminati” sono state escluse.

Le schede rimanenti, provenienti da distretti “non contaminati” dello Stato, sono state poi conteggiate, facendo sì che il candidato governatore di terze parti ottenesse più voti del candidato del PDP, che aveva già trascorso un anno come governatore in carica dello Stato in questione.

La Corte per le petizioni elettorali dello Stato di Ondo ha quindi stabilito, nel luglio 2008, che il dottor Segun Mimiko era il vero governatore dello Stato e non il governatore in carica, Segun Agagu. Quest’ultimo ha prontamente impugnato la sentenza.

Nel febbraio 2009, la Corte d’Appello Federale ha confermato la sentenza del tribunale ad hoc e l’umiliato governatore in carica, Agagu, è stato costretto a lasciare il suo posto al candidato terzo vincitore, il dottor Mimiko.

Media owners, CSOs frown at frivolous litigations against journalists
Un avvocato che rappresenta il caso del suo cliente in un tribunale ad hoc per le petizioni elettorali governatoriali. In tutta la Nigeria esistono diversi tribunali temporanei di questo tipo che si occupano delle controversie sulle elezioni governatoriali e legislative. Ogni tribunale ad hoc è presieduto da un gruppo misto di giudici provenienti dalle corti superiori statali e federali.

Nello stesso periodo in cui il tribunale ad hoc dello Stato di Ondo si pronunciava a favore del Dr. Segun Mimiko, diversi risultati elettorali delle legislative statali e federali in tutto il Paese venivano annullati dai giudici a causa di diffusi brogli elettorali avvenuti il 14 aprile 2007.

Il precedente di tutti questi casi può essere fatto risalire alla storica sentenza di un tribunale del marzo 2006 nel sud-est della Nigeria, in cui i giudici della Corte d’Appello Federale dichiararono Peter Obi, allora candidato governatore in difficoltà, il legittimo vincitore delle elezioni governatoriali del 2003 nello Stato di Anambra. A seguito di questa sentenza, il Dr. Chris Ngige – governatore in carica dello Stato di Anambra (appartenente al PDP) – è stato spodestato a tre anni dal suo mandato quadriennale per far posto a Peter Obi.

Come ho raccontato in questo articolo, durante il suo primo mandato (2006-2010) come governatore dello Stato di Anambra, Peter Obi è stato destituito più volte dai suoi potenti nemici del PDP, talvolta con la connivenza attiva della commissione elettorale. Ma ogni volta la magistratura federale nigeriana è intervenuta per riportarlo al potere.

È quindi del tutto comprensibile che, diversi anni dopo, Peter Obi abbia creduto di avere una buona possibilità di convincere la magistratura federale nigeriana ad annullare i risultati delle elezioni presidenziali del 2023, inficiate da gravi accuse di irregolarità di voto.

Dopo tutto, nel corso degli anni, i giudici nigeriani hanno coraggiosamente annullato decine e decine di risultati elettorali fraudolenti a livello federale e statale, con grande disappunto dei potenti dell’establishment, soprattutto di quelli associati al Peoples Democratic Party (PDP), il precedente partito politico al potere.

Colorado Judicial Branch - Supreme Court - Homepage
Quattro giudici su sette della Corte Suprema dello Stato del Colorado hanno deciso di rimuovere Donald Trump dalla scheda elettorale per le primarie del Partito Repubblicano. Tre giudici hanno scritto una sentenza di minoranza dissenziente che critica indirettamente i loro quattro colleghi.

Vorrei persino irritare alcuni dei miei lettori americani sostenendo che i giudici nigeriani hanno spesso esercitato molto più coraggio di molti giudici statunitensi che, nel corso degli anni, hanno utilizzato vari tipi di trucchi legali e un assortimento di tecnicismi per respingere le petizioni elettorali presentate da candidati di terze parti (e persino da alcuni candidati di partiti tradizionali).

So che questo è vero perché di tanto in tanto scarico e leggo le sentenze pubblicate sui siti ufficiali di alcune magistrature statali degli Stati Uniti. Ogni scusa tecnica sotto il sole è stata usata per respingere le petizioni, comprese quelle supportate da un gran numero di dichiarazioni giurate.

Le scuse più comuni per respingere le petizioni elettorali negli Stati Uniti per motivi tecnici sono la “mancanza di legittimazione” e la “laches”. Ciò è stato particolarmente evidente all’indomani delle controverse elezioni presidenziali statunitensi del 2020.

Sì, sono state controverse. E lo sono anche i tentativi in corso da parte di giudici senza scrupoli in tutti gli Stati Uniti di escludere Donald Trump dalla partecipazione alle elezioni presidenziali del 2024 utilizzando accuse di reato fasulle.

DRC President Harshly Criticizes Western NeoColonialism | News | teleSUR English
Tshisekedi durante la conferenza stampa con Macron nella capitale congolese Kinshasa (marzo 2023)
Nonostante la propaganda ininterrotta dei media mainstream corporativi euro-americani, un discreto numero di persone che vivono nel Sud globale se ne è accorto.Il presidente della Repubblica Democratica del Congo Félix Tshisekedi ha menzionato le controverse elezioni presidenziali statunitensi del 2020 in un discorso pronunciato durante la visita del presidente francese Emmanuel Macron nel suo Paese nel marzo 2023.

Anche il presidente messicano di sinistra Andrés Manuel López Obrador – che non è un fan di Trump – ne ha parlato. In seguito, ha espresso la sua sorpresa per il trattamento scadente riservato all’ex presidente americano in difficoltà da parte della magistratura americana.

Anche il presidente di destra Nayib Bukele di El Salvador è intervenuto ripetendo quasi esattamente ciò che il presidente della Repubblica Democratica del Congo Félix Tshisekedi aveva detto alcuni mesi fa sulla “democrazia americana”.

La differenza è che Tshisekedi ha fatto questa osservazione in reazione alle controverse elezioni presidenziali statunitensi del 2020, mentre Bukele ha reagito alla recente decisione della Corte Suprema dello Stato del Colorado di escludere Trump dalle primarie repubblicane per la scelta del candidato alle prossime elezioni presidenziali statunitensi del 2024:

Detto questo, direi che il tanto decantato coraggio della magistratura nigeriana ha i suoi limiti. Chiedere ai giudici nigeriani di annullare l’elezione di legislatori e governatori statali è una questione, ma è una proposta completamente diversa chiedere loro di avventurarsi in un territorio inesplorato annullando un’elezione presidenziale. Questo percorso è pieno di rischi significativi, tra cui il potenziale di una crisi costituzionale e di disordini civili.Come ho già detto, le elezioni generali nigeriane dell’aprile 2007 sono state probabilmente le peggiori nella storia del Paese. I brogli elettorali su scala industriale commessi in tutto il Paese hanno tenuto i giudici dei tribunali federali e statali molto occupati ad annullare i risultati elettorali che avevano largamente favorito i politici dell’allora Partito Democratico del Popolo al potere.

Elections: 3,959 Elections Petitions Filed in Nigeria’s Last Five General Elections
Le elezioni federali e statali del 2007 sono state le peggiori della storia della Nigeria. Questo fatto si riflette nell’enorme numero di petizioni presentate in diversi tribunali per annullare i risultati delle elezioni di quell’anno.
A luglio 2008, i giudici avevano destituito 10 governatori statali in carica dalle loro posizioni per frode elettorale commessa durante le elezioni governatoriali del 14 aprile 2007.I verdetti dei tribunali che annullano l’elezione dei governatori in carica – sebbene necessari – si sono rivelati altamente dissuasivi per gli Stati della Federazione colpiti. Questo disservizio può essere attribuito alla natura prolungata delle battaglie giudiziarie, che spesso comportano frequenti sospensioni (cioè “sospensioni”) dei verdetti dei tribunali mentre si ricorre in appello a tribunali di grado superiore. I ricorsi multipli – alcuni dei quali raggiungono la Corte Suprema – possono talvolta richiedere alcuni anni per essere conclusi, quando il governatore in carica può aver già scontato due o tre anni del suo mandato quadriennale.

L’edificio della Corte Suprema nigeriana nella città federale di Abuja
Ho già fatto l’esempio del dottor Chris Ngige, governatore in carica dello Stato di Anambra, che è stato destituito dalla Corte Suprema al terzo anno del suo mandato quadriennale, dopo una lunga battaglia legale durata dall’aprile 2003 al marzo 2006.A causa del verdetto della Corte Suprema, il governo preesistente dello Stato di Anambra è stato bruscamente sciolto, causando un certo caos: diversi progetti edilizi commissionati dai funzionari del gabinetto di Ngige per la costruzione di nuove infrastrutture pubbliche o la ristrutturazione di quelle vecchie hanno dovuto essere sospesi per dare a Peter Obi la possibilità di costituire un nuovo governo statale.

Le Corti federali d’appello in varie parti della Nigeria stanno attualmente trattando i ricorsi sulle contestate elezioni governatoriali in 28 Stati. Recentemente, la Corte d’appello intermedia ha confermato l’elezione di padre Hyacinth Alia a governatore dello Stato del Benue. È il secondo sacerdote cattolico romano eletto alla carica dopo padre Moses Adasu nel 1992.

Un numero consistente di giudici federali nigeriani non è semplicemente pronto ad affrontare le conseguenze dirompenti della destituzione di un Presidente nazionale in carica sulla base di brogli elettorali. Inoltre, c’è il timore di disordini civili.

La carica presidenziale è una posizione molto delicata in molti Paesi, soprattutto in federazioni multinazionali come la Nigeria, con varie nazionalità etniche in competizione tra loro che parlano lingue incomprensibili e seguono tradizioni culturali e religioni diverse.

In realtà, non importa se il Presidente in carica abbia effettivamente “vinto” le elezioni che lo hanno catapultato al potere. I milioni di persone che lo sostengono – soprattutto quelli che condividono la sua etnia – saranno probabilmente indignati da qualsiasi annullamento giudiziario della sua apparente “vittoria elettorale” e potrebbero scendere in piazza per protestare contro l’estromissione del loro Presidente preferito.

Se la situazione dovesse sfuggire di mano, le proteste potrebbero facilmente evolvere in una seconda guerra civile che farebbe sembrare la prima guerra civile (1967-1970) combattuta tra la Repubblica secessionista del Biafra e la giunta militare nigeriana un gioco da ragazzi.

Molti giudici federali in Nigeria preferirebbero ballare a piedi nudi su un pavimento disseminato di cocci di vetro piuttosto che emettere verdetti elettorali che potrebbero provocare disordini civili diffusi nel Paese.

I tre candidati principali durante le elezioni presidenziali nigeriane dell’aprile 2007
Esaminiamo ora brevemente la battaglia giudiziaria durata 19 mesi per ribaltare le elezioni presidenziali del 2007. La disputa legale ha coinvolto l’allora presidente in carica Umaru Musa Yar’Adua e i suoi sfidanti, il generale in pensione Muhammadu Buhari e l’ex vicepresidente Atiku Abubakar, entrambi candidati permanenti alle presidenziali.BARRA LATERALE: CANDIDATI PERENNI ALLA CARICA PRESIDENZIALE

Muhammadu Buhari – ex governatore militare (1983-1985) – si è candidato senza successo come politico civile alla carica presidenziale per tre volte, nel 2003, nel 2007 e nel 2011, prima di riuscire nel suo quarto tentativo nel 2015.

Atiku Abubakar ha cercato la carica presidenziale sei volte, nel 1993, 2007, 2011, 2015, 2019 e 2023. Nella maggior parte dei casi, le sue ambizioni sono state ostacolate dall’incapacità di ottenere la nomina a candidato presidenziale del suo partito politico.

Per questo motivo, Abubakar ha ripetutamente cambiato affiliazione partitica. L’incapacità di ottenere la nomina a candidato presidenziale di un partito politico era di solito il suo spunto per disertare un altro partito disposto a dargli la possibilità di concorrere alle elezioni presidenziali.

In modo esilarante, ha abbandonato e fatto ritorno al PDP per due volte. Ha abbandonato il partito filo-establishment quando non è riuscito a ottenere la nomina a candidato presidenziale. Dopo aver trascorso periodi infruttuosi in partiti di opposizione più piccoli, è rientrato nel PDP dopo che i big del partito gli avevano promesso di aiutarlo a ottenere la nomination. Alla fine ha raccolto un sostegno sufficiente all’interno del partito per diventare il candidato presidenziale del PDP nel 2019 e di nuovo nel 2023.

Nell’aprile 2007, Buhari era solo un altro candidato dell’opposizione che si appellava ai giudici federali per annullare i risultati delle elezioni che avevano portato l’ormai defunto Umaru Yar’Adua alla presidenza federale.

I diversi team legali che rappresentavano Buhari e Abubakar avevano raccolto un discreto numero di prove fisiche per dimostrare che le elezioni presidenziali del 2007 erano state inficiate da brogli elettorali e altre irregolarità. Tuttavia, i giudici della Corte d’appello federale hanno usato una serie di cavilli legali come scusa per respingere la petizione elettorale. Imperterriti, Buhari e Abubakar hanno fatto appello alla Corte Suprema nigeriana, che ha accettato di rivedere la petizione elettorale e di emettere un verdetto.

Venerdì 12 dicembre 2008, la Corte Suprema ha emesso una sentenza divisa, con quattro giudici su sette che si sono rifiutati di ribaltare i risultati delle elezioni che hanno portato al potere il Presidente Umaru Yar’Adua.

I quattro giudici della Corte Suprema hanno riconosciuto candidamente la presenza di brogli elettorali nelle elezioni presidenziali del 2007, ma hanno scelto di non annullarle a causa di prove “insufficienti” di brogli elettorali diffusi e dei potenziali disordini civili che avrebbero potuto causare. Tre giudici della Corte Suprema hanno emesso una coraggiosa opinione di minoranza dissenziente.

Nonostante la sconfitta nella causa elettorale, gli avvocati di Atiku Abubakar si sono consolati con il fatto che il giudice Nikki Tobi – che ha letto la sfumata opinione di maggioranza a nome dei quattro giudici – aveva criticato la commissione elettorale e i politici del PDP al governo per la loro condotta scadente durante le elezioni generali dell’aprile 2007.

Nigeria Supreme court
La Corte Suprema nigeriana ha una capacità massima di 21 giudici. Tuttavia, la morte e l’età legale di pensionamento di 70 anni fanno sì che il numero di giudici in carica cambi sempre e raramente raggiunga la capacità massima. La foto qui sopra mostra che 14 giudici – dieci maschi e quattro femmine – erano in carica nel luglio 2022.Sedici anni dopo, la Corte Suprema ha avuto vita molto più facile nel respingere le petizioni di scarsa qualità per l’annullamento delle controverse elezioni presidenziali del 2023 presentate dall’ex governatore Peter Obi e dall’ex vicepresidente Atiku Abubakar.I team legali messi insieme da Peter Obi e Atiku Abubakar si sono diretti verso i tribunali federali senza una strategia adeguata. Invece di concentrarsi esclusivamente sulla dimostrazione che le irregolarità elettorali meritano l’annullamento delle elezioni presidenziali del 2023, hanno cercato di sedersi su due sedie allo stesso tempo.

Entrambi i team legali hanno sostenuto che Bola Tinubu dovesse essere destituito dalla presidenza federale a causa dei risultati elettorali fraudolenti. Allo stesso tempo, hanno sostenuto la necessità di squalificare retroattivamente Tinubu dalla corsa alla carica presidenziale, in quanto avrebbe falsificato i suoi titoli di studio e sarebbe stato coinvolto nel traffico di droga.

Judges begin inaugural sitting at Nigeria's Presidential Election Petition. [PHOTO CREDIT: Twitter handle of the Court of Appeal | @NGCourtofAppeal]

La Corte d’Appello Federale sta esaminando le petizioni per l’annullamento delle elezioni presidenziali del 2023 e la squalifica retroattiva di Tinubu dalla candidatura alla carica presidenziale.
Spostiamo ora l’attenzione dai procedimenti giudiziari ed esploriamo invece le accuse di traffico di droga e di falso titolo di studio mosse a Bola Tinubu.

Nel 1999, poco dopo che Tinubu aveva assunto la carica di governatore dello Stato di Lagos, emerse uno scandalo sulle sue credenziali scolastiche. Egli affermò di aver studiato Economia all’Università di Chicago (UChi).

Una lunga indagine condotta dai giornalisti nigeriani tra il 1999 e i primi anni 2000 ha dimostrato che in realtà aveva frequentato la meno prestigiosa Chicago State University (CSU), dove aveva studiato contabilità.

In quel periodo si è scatenata una forte protesta per chiedere le dimissioni del governatore Tinubu per aver fornito informazioni false sull’università che aveva frequentato.

Alcuni privati avviarono cause legali in merito, ma alla fine tutti i casi furono archiviati dai tribunali statali.

Nel giro di pochi anni, l’intera vicenda si è dissolta. Tinubu ha poi svolto due mandati come governatore dello Stato, dal 1999 al 2007. Durante gli otto anni in cui è stato governatore, è stato perseguitato da varie accuse di corruzione, ma la questione dei titoli di studio è stata a malapena sollevata. Per la maggior parte dei nigeriani (ma non per tutti) era ormai assodato che avesse realmente frequentato la CSU e che avesse mentito sul fatto di essersi laureato alla UChi.

Nel giugno 2022, Tinubu viene nominato candidato alla presidenza per il partito filo-establishment All Progressives Congress (APC), da lui co-fondato nel 2013 per rivaleggiare con il ben più vecchio Peoples Democratic Party (PDP), filo-establishment.

Con l’avvicinarsi delle elezioni generali del febbraio 2023, ogni sorta di accuse selvagge su Tinubu, notoriamente corrotto, hanno iniziato a circolare sui social media come Facebook e Twitter. Ben presto, queste accuse sono state riprese e riecheggiate dai principali media nigeriani, sia cartacei che elettronici.

La questione dei titoli di studio è tornata in auge, ma questa volta si è affermato che Tinubu non ha nemmeno frequentato la CSU. Anche se, due decenni prima, i media nigeriani avevano avuto conferma dalle autorità della CSU che egli aveva effettivamente studiato contabilità nella loro istituzione.

Il nuovo dibattito sui titoli di studio e l’accusa di traffico di droga sono stati portati all’attenzione del pubblico dei media alternativi in Europa e Nord America dal giornalista indipendente David Hundeyin, che odia visceralmente Tinubu e sostiene Obi per la presidenza.

Personalmente, ho sostenuto l’ex governatore del mio Stato, Peter Obi, nella sua corsa alla presidenza e sono rimasto deluso dal fatto che non sia lui il nostro leader nazionale. Tuttavia, non provo odio per Tinubu.

Contrariamente alla demonizzazione senza sosta diffusa dai colleghi sostenitori di Peter Obi, non c’è nulla di diabolicamente unico nella venalità di Tinubu. Bola Tinubu è solo il solito politico di establishment, pesantemente coinvolto nella corruzione. Non è un demone recentemente fuggito dalle viscere infuocate dell’inferno. Non ha due teste né un paio di corna rosse.

Prima, durante e dopo le elezioni presidenziali del 2023, giornalisti e partigiani anti-Tinubu hanno ripetutamente contattato le autorità della CSU per un commento. Le autorità della CSU hanno ribadito più volte che Tinubu aveva studiato presso il loro istituto, ma i sostenitori irriducibili sia di Peter Obi che di Atiku Abubakar si sono rifiutati di accettare la conferma della CSU. Questi partigiani anti-Tinubu hanno iniziato a cercare piccole discrepanze nei certificati scolastici originali e in quelli riemessi per sostenere la loro causa.

BARRA LATERALE: LA MODIFICA DEL FORMATO DEL CERTIFICATO NON È UNA PROVA DI FALSIFICAZIONE

Le università britanniche che ho frequentato per i miei corsi di laurea, master e dottorato in ingegneria sono cambiate nel corso degli anni.

Qualche anno fa, un’università si è fusa con un’altra istituzione terziaria e ha cambiato nome ed emblema.

Se dovessi perdere tutti i miei certificati originali e chiedere alle università che ho frequentato delle copie sostitutive, l’aspetto dei miei nuovi certificati riemessi sarebbe diverso da quello dei certificati originali a causa dei profondi cambiamenti nel formato, nel logo e nel design.

Alla luce di questa spiegazione, è stupido e ignorante citare il duplicato del certificato rilasciato dalla CSU a Tinubu nel 1997 come prova di falsificazione solo perché non ha un aspetto identico a quello del certificato originale rilasciato nel 1979.

A causa di piccole differenze nell’aspetto del certificato originale conferito a Tinubu nel 1979 e del duplicato rilasciato nel 1997, ci sono stati tentativi malevoli di mettere in dubbio l’integrità delle autorità della CSU. Sono state fatte affermazioni assurde secondo cui la CSU starebbe coprendo le presunte malefatte di Tinubu.

A questo punto, vorrei ribadire che la CSU ha confermato che Tinubu ha frequentato la sua istituzione all’inizio degli anni Duemila e che questo è stato per lo più un fatto accettato in Nigeria per due decenni prima della follia della stagione elettorale 2022/2023.

Ecco un montaggio di titoli dei media locali nigeriani sulla questione dal settembre 2023:

Titolo del quotidiano nigeriano Guardian, i cui giornalisti sono stati imprigionati e il cui proprietario è stato oggetto di tentativi di assassinio durante il caotico periodo della dittatura militare.
Sahara Reporter, l’organo di informazione online famoso per aver denunciato la corruzione tra le élite al potere in Nigeria, ha pubblicato un articolo su Sahara Reporter.
Il PUNCH è uno dei giornali più letti in Nigeria. I suoi giornalisti hanno subito anche l’incarcerazione e il giornale è stato sporadicamente bandito durante l’epoca della dittatura.
Titolo del sito web dell’emittente televisiva di proprietà nigeriana ARISE NEWS
Lo scrittore e commentatore sociale nigeriano Reno Omokri ha dichiarato al PM News di Lagos di aver sprecato denaro per inseguire un’illusione.
Persino la BBC News Pidgin, di proprietà straniera, che simpatizzava per il candidato terzo, Peter Obi, ha dovuto ammettere, dopo un’indagine approfondita, che il certificato riemesso da Tinubu dalle autorità della CSU era autentico:
Titolo del servizio in inglese pidgin dell’Africa occidentale della British Broadcasting Corporation (BBC)
Con oltre 200 milioni di cittadini, la Nigeria, ricca di petrolio, è il Paese più popoloso dell’Africa e detiene una notevole influenza militare ed economica nella subregione dell’Africa occidentale. Non sorprende quindi che le elezioni generali in questa nazione multietnica abbiano attirato l’attenzione di numerosi Paesi stranieri, sia all’interno che all’esterno del continente. Una distinzione fondamentale è che gli Stati Uniti si sono rifiutati di esercitare discrezione nel monitorare gli eventi all’interno della Nigeria, a differenza, ad esempio, dei Paesi BRICS.Cinesi, russi e altri osservano spesso con interesse gli eventi al di fuori delle loro giurisdizioni e prendono appunti a scopo analitico. Gli americani e gli europei occidentali in genere si buttano a capofitto negli affari di nazioni lontane e iniziano a interferire apertamente.

I media americani, ipnotizzati dall’affabilità di Peter Obi e dalla sua assenza di corruzione, hanno iniziato a lodarlo apertamente. Si sono meravigliati della sua capacità di raggiungere molti elettori attraverso i social media, compensando così la mancanza delle vaste macchine politiche e delle risorse finanziarie di cui dispongono gli establishment del  PDP e del APC..

Poco dopo i sondaggi favorevoli pubblicati dal New York Times e dal Washington Post, il Dipartimento di Stato americano ha iniziato a favorire Peter Obi.

Tony Blinken e i suoi subordinati del Dipartimento di Stato avrebbero potuto tacere se avessero voluto. Dopo tutto, non c’era nulla in gioco per gli Stati Uniti nelle elezioni generali. Tutti i principali candidati presidenziali in lizza erano filo-occidentali come la maggior parte della popolazione nigeriana. Chiunque di loro, come Presidente della Nigeria, cercherebbe inevitabilmente di instaurare eccellenti relazioni con gli Stati Uniti e il Regno Unito.

Ma non è nel carattere dei Padroni dell’Universo che gestiscono gli Stati Uniti rimanere fuori dagli affari degli altri Paesi. Blinken doveva dimostrare ai giovani nigeriani, stanchi dei politici corrotti dell’establishment, che “gli Stati Uniti erano dalla loro parte”. Blinken ha dovuto dimostrarlo sostenendo Peter Obi, il candidato preferito dalla maggior parte dei giovani elettori nigeriani.

Con il loro appoggio a Peter Obi, malcelato, gli americani hanno suscitato la rabbia silenziosa della campagna presidenziale di Tinubu.

Molti giovani sostenitori di Peter Obi erano entusiasti del fatto che gli Stati Uniti appoggiassero il loro candidato preferito e nel Paese si è diffusa la voce che il governo americano e il suo Federal Bureau of Investigation (FBI) sapessero che Tinubu era un trafficante di droga. Si diceva che il governo statunitense avrebbe usato le “prove documentali” in suo possesso per costringere Tinubu ad abbandonare la sua ambizione di candidarsi alla presidenza della Nigeria.

Io stesso ero un sostenitore di Obi, ma non sono uno che si lascia trascinare nel regno delle leggende, delle fantasie e delle illusioni. Bola Tinubu può essere un uomo senza scrupoli, ma non ci sono prove concrete del suo coinvolgimento nel traffico di droga. Dico questo nonostante le risme su risme di testi pubblicati dai suoi detrattori che lo odiano con una passione che trovo spaventosa e irrazionale.

Le forti voci secondo cui gli americani lo avrebbero ricattato per indurlo a ritirarsi dalla corsa presidenziale si sono rivelate infondate. Il giorno delle elezioni è arrivato e il nome di Tinubu era ancora sulla scheda elettorale. Infatti, l’ex governatore dello Stato di Lagos e sua moglie hanno sorriso alle telecamere mentre esprimevano pubblicamente il loro voto in un seggio elettorale gremito di suoi sostenitori.

Questo avrebbe dovuto porre fine alle illusorie voci secondo cui gli americani avrebbero applicato “prove compromettenti dell’FBI” per costringere Tinubu a ritirarsi dalla corsa. Ma no, la voce si è rifiutata di morire tra molti giovani sostenitori di Peter Obi.

Quando la commissione elettorale ha dichiarato Tinubu “presidente regolarmente eletto”, molti sostenitori di Obi hanno riposto le loro speranze nel disappunto americano per i risultati annunciati e nelle minacce di sanzioni contro i funzionari elettorali nigeriani e gli esponenti del partito politico di Tinubu.

Le voci secondo cui l’FBI sarebbe presto uscita dall’ombra con le prove dei reati di spaccio di droga commessi da Tinubu hanno continuato a circolare, finché gli americani non hanno messo fine alla loro guerra e si sono congratulati a malincuore con Tinubu per la sua “vittoria elettorale”, dopo che l’uomo è stato visto in compagnia dell’ambasciatore cinese in Nigeria.

Ritengo che gli americani abbiano capito che era inutile continuare ad alienarsi Tinubu, che non poteva essere fermato dall’ascesa alla Presidenza federale. Inoltre, gli americani sapevano che Tinubu aveva una storia di collaborazione con i cinesi che risaliva ai tempi in cui era governatore di uno Stato, come si legge in questo vecchio articolo. Non c’era alcun interesse a spingere Tinubu totalmente a favore dei cinesi.

Invece di concentrarsi esclusivamente sulla persuasione dei tribunali a ribaltare la “vittoria elettorale” di Tinubu sulla base di irregolarità di voto, i team legali di Peter Obi e Atiku Abubakar hanno cercato di ottenere anche la squalifica retroattiva di Tinubu dalla corsa per la carica presidenziale per motivi infondati di traffico di droga e falsificazione di certificati.

Ci sono stati anche argomenti contrastanti tra i team legali. Il team legale di Abubakar ha chiesto una dichiarazione del tribunale che affermi il suo cliente come “presidente debitamente eletto” in caso di squalifica retroattiva di Tinubu. La richiesta si basava sui risultati elettorali contestati, che indicavano che Abubakar aveva ottenuto il secondo maggior numero di voti presidenziali.

D’altra parte, il team legale di Peter Obi ha chiesto di dichiarare che a Tinubu non sarebbe mai stato permesso di partecipare alle elezioni presidenziali. Hanno chiesto l’annullamento di tali elezioni e l’organizzazione di una nuova elezione, con il divieto di partecipazione per Tinubu.

Entrambi i team legali sono riusciti a convincere la Corte federale d’appello a esaminare i titoli di studio di Tinubu e ad ammettere i documenti che dimostrano che Tinubu è stato multato di 460.000 dollari da un tribunale statunitense per una causa civile che avrebbe coinvolto il traffico di droga e il riciclaggio di denaro.

Atiku Abubakar ha ottenuto che la Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto settentrionale dell’Illinois ordinasse alla Chicago State University (CSU) di rilasciare la documentazione accademica completa di Tinubu.

La CSU ha fornito una copia del duplicato del certificato rilasciato a Tinubu nel 1997 insieme a campioni di certificati conferiti ai laureati della CSU nel 1979. Gli avvocati di Atiku Abubakar avevano ottenuto questi documenti per confrontarli. Poiché Tinubu aveva smarrito il suo certificato originale del 1979, non era accessibile per il confronto.

Entrambi i legali di Obi e Abubakar hanno informato la Corte d’Appello federale nigeriana delle discrepanze tra il certificato riemesso nel 1997 e i campioni del 1979. Tuttavia, la corte ha scelto di credere alla spiegazione fornita dalle autorità della CSU, secondo cui le differenze di formato e design tra il certificato del 1997 e i campioni del 1979 non erano né anormali né insolite.

Nella notte del 6 settembre 2023, il banco della Corte d’appello federale, composto da quattro giudici uomini e una giudice donna, ha emesso un verdetto unanime. L’accusa di falsificazione del certificato è stata respinta perché priva di fondamento.

Per quanto riguarda il caso di traffico di droga, i cinque giudici hanno osservato che Tinubu non ha mai affrontato un processo o una condanna in un tribunale americano per alcuna attività criminale. I giudici hanno chiarito che il procedimento di confisca civile negli Stati Uniti era diretto a 460.000 dollari detenuti nella banca di Tinubu, piuttosto che essere un’azione specificamente rivolta a Tinubu come individuo.

I giudici hanno anche ricordato ai querelanti (Obi e Abubakar) una lettera di 20 anni fa, pubblicamente disponibile, scritta dall’Ispettore generale della polizia nigeriana all’ambasciata americana nel 2003. Nella lettera si chiedevano informazioni su eventuali condanne penali subite da Tinubu – allora governatore dello Stato – negli Stati Uniti. L’ambasciata americana rispose che non esistevano registrazioni di condanne penali contro il governatore Bola Tinubu negli Stati Uniti.

Con questa spiegazione, la Corte d’Appello federale ha respinto l’accusa di traffico di stupefacenti rivolta a Tinubu.

Una volta archiviata la parte frivola della confusa petizione elettorale che chiedeva la squalifica retroattiva di Tinubu, i cinque giudici si sono sentiti più liberi di applicare i tecnicismi come scusa per archiviare la parte seria della petizione che aveva a che fare con effettive irregolarità elettorali.

I querelanti hanno sostenuto in tribunale che la Commissione elettorale aveva deliberatamente interrotto la trasmissione elettronica automatica dei risultati elettorali al suo sito web, negando così agli elettori nigeriani l’accesso in tempo reale alle informazioni. I querelanti hanno affermato che la commissione ha ignorato le proprie regole sulla trasmissione elettronica per manipolare manualmente i risultati elettorali.

La Commissione elettorale ha negato l’accusa, affermando che “problemi tecnologici” hanno causato il collasso del sistema di trasmissione elettronica.

La Corte d’appello non si è addentrata nella controversia se il sistema di trasmissione elettronica fosse stato deliberatamente sabotato dal suo proprietario. I giudici si sono limitati a invocare cavilli legali per affermare che la Commissione elettorale aveva l’autorità di abrogare le proprie regole sulla trasmissione elettronica automatica dei risultati elettorali. La corte ha affermato che nulla nella legge scritta impedisce alla commissione di passare bruscamente a un metodo manuale di trasmissione dei risultati elettorali, se lo desidera.

Voglio che i miei lettori capiscano che il metodo di trasmissione manuale non ha alcuna credibilità tra il pubblico votante della Nigeria. Questo perché il metodo manuale porta inevitabilmente a ritardi significativi nella pubblicazione dei risultati elettorali. Questo ha portato molti nigeriani a sospettare correttamente che lo scopo di questi ritardi sia quello di guadagnare tempo per manipolare i risultati elettorali. La trasmissione elettronica dei risultati in tempo reale gode di una maggiore fiducia da parte del pubblico votante.

Oltre alla sentenza sul metodo di trasmissione delle elezioni, i giudici hanno anche affermato che Obi e Abubakar non hanno fornito l’identità e l’ubicazione precisa dei seggi elettorali in cui si è verificato il reato di inflazione di voti. Hanno anche detto che i querelanti non hanno indicato il numero esatto di voti illegali accreditati a Tinubu dalla commissione elettorale.

A mio avviso, i giudici avevano tecnicamente ragione quando hanno dichiarato i querelanti – Obi e Abubakar – incapaci di produrre prove tangibili al di là di vaghe affermazioni.

Ma le prove tangibili non erano facilmente accessibili ai querelanti a causa dell’atteggiamento non collaborativo della Commissione elettorale, che aveva in custodia il materiale elettorale fondamentale per dimostrare le irregolarità elettorali.

La Corte d’appello ha ordinato di fornire a Obi e Abubakar le immagini digitalizzate delle schede elettorali e altri dati di voto rilevanti, ma la riluttante Commissione elettorale ha fatto tutto il possibile per ostacolare la corretta attuazione dell’ordine del tribunale. La Corte d’appello federale non è intervenuta per garantire che la commissione elettorale collaborasse pienamente con i ricorrenti.

Senza una solida cooperazione della commissione elettorale, i querelanti non hanno potuto ottenere pieno accesso ai dati fisici e digitali necessari per sostenere che le irregolarità di voto erano sufficientemente diffuse da giustificare l’annullamento delle elezioni presidenziali.

Questo stato di cose ha reso facile per i cinque giudici respingere ciò che rimaneva di entrambe le petizioni elettorali con la motivazione che erano piene di “accuse vaghe, imprecise, nebulose e prive di materiali particolari”.

Ecco un breve video che riporta il verdetto unanime dei giudici della Corte federale d’appello (nota anche come “Corte per le petizioni elettorali presidenziali” quando si occupa di controversie sulle elezioni presidenziali):

Come previsto, i querelanti, insoddisfatti, si sono prontamente appellati alla Corte Suprema per ribaltare il verdetto della Corte d’Appello federale.

Le istanze presentate alla Corte Suprema sono state altrettanto raffazzonate di quelle originariamente presentate alla Corte d’Appello. Ancora una volta, entrambi i querelanti hanno raddoppiato il loro approccio fallimentare. Hanno cercato contemporaneamente di invalidare i risultati delle elezioni presidenziali e di squalificare retroattivamente Tinubu per spaccio di stupefacenti e falsificazione dei risultati accademici.

Il team legale di Abubakar ha sostenuto di avere “nuove prove” che indicavano che Tinubu era effettivamente colpevole di falsificazione di certificati. La Corte Suprema ha rifiutato di ammettere le presunte “prove” e non ha perso molto tempo per respingere entrambe le confuse petizioni come “frivole” e “vessatorie”. La Corte Suprema, composta da sette giudici, ha deciso all’unanimità di confermare la sentenza della corte inferiore e Tinubu ha mantenuto il suo posto di Presidente della Federazione nigeriana.

L’unanimità della sentenza (7-0) emessa dai giudici della Corte Suprema sulle elezioni presidenziali del 2023 è in netto contrasto con la sentenza divisa (4-3) emessa dalla stessa corte sulle elezioni presidenziali del 2007. Perché?

La differenza sta nella strategia. I querelanti (Buhari e Abubakar) che contestavano i risultati delle elezioni del 2007 hanno raccolto autonomamente le prove della manipolazione delle schede elettorali e le hanno presentate alla Corte Suprema. La natura convincente delle prove ha diviso i giudici. I quattro giudici, innervositi dalle potenziali ripercussioni della rimozione di un Presidente in carica, hanno deciso di confermare i risultati elettorali viziati. Gli altri tre giudici hanno dissentito sulla base del principio che i risultati elettorali viziati non dovrebbero essere ammessi.

Nel 2023, i ricorrenti (Obi e Abubakar) hanno presentato petizioni di pessima qualità, piene di affermazioni infondate sullo spaccio di droga e sulla falsificazione dei certificati. Ciò ha reso molto facile per tutti e sette i giudici della Corte Suprema respingere la petizione elettorale senza alcun dissenso.

Detto questo, non dobbiamo trascurare il fatto che, anche con petizioni di qualità superiore, Obi e Abubakar avrebbero comunque dovuto affrontare l’ardua sfida di convincere gli apprensivi giudici della Corte Suprema a superare la paura di disordini civili e a emettere sentenze coraggiose basate sul merito di petizioni ben prodotte.

BVAS machine
Un funzionario elettorale nigeriano utilizza un tablet collegato al sistema di accreditamento bimodale degli elettori (BVAS), che utilizza le tecnologie di riconoscimento delle impronte digitali, dell’iride e del volto per identificare gli elettori idonei a esprimere il voto cartaceo. Il BVAS trasmette anche i risultati delle elezioni in tempo reale a un portale web per la visualizzazione pubblica.
Credo che i sostenitori di Peter Obi dovrebbero iniziare a guardare alle future elezioni presidenziali del 2027. Ciò richiederebbe una campagna per modificare la composizione della commissione elettorale e il metodo di selezione dei suoi funzionari.L’idea di utilizzare il riconoscimento facciale e i sistemi biometrici per identificare i singoli elettori e impedire il voto multiplo, insieme alla tecnologia che consente la trasmissione in tempo reale dei risultati elettorali dopo che le schede cartacee sono state contate a mano in ogni seggio elettorale, sembrava essere brillante in teoria.

In pratica, gli inconvenienti tecnologici e la gestione maldestra di un’apparecchiatura elettronica nuova e sconosciuta hanno contribuito a compromettere le elezioni generali del 2023: una volta che la tecnologia si è guastata, i funzionari elettorali sono tornati al metodo di trasmissione manuale, causando ritardi significativi e creando opportunità di manipolazione dei risultati elettorali.

2023 Election: INEC Identifies Possible Risks and Threats to Nigeria’s Elections
Gli strumenti di verifica delle impronte digitali fanno parte del Sistema di accreditamento bimodale degli elettori (BVAS), utilizzato per la prima volta nel settembre 2021.
Oltre a richiedere la riforma della commissione elettorale, i seguaci di Peter Obi dovrebbero insistere su un solido programma di formazione per i funzionari elettorali, per consentire loro di gestire meglio la tecnologia sofisticata. Dovrebbero essere previsti anche sistemi di backup nel caso in cui i dispositivi principali per le elezioni dovessero inaspettatamente presentare dei problemi.Gli agenti del partito dovrebbero anche sapere come funzionano questi dispositivi, in modo da poter individuare quando funzionari elettorali corrotti cercano di simulare un guasto alle apparecchiature elettorali per tornare al metodo manuale, poco affidabile, di trasmissione dei risultati elettorali.

Detto questo, mi consola il fatto che le elezioni presidenziali del 2023 non sono state caratterizzate dai meschini sciovinismi etnici del passato. I giovani di tutta la Nigeria, indipendentemente dall’etnia, hanno sostenuto Peter Obi e hanno avuto il cuore spezzato dalla sua mancata vittoria. Per una volta, i giovani non si sono polarizzati su linee etniche.

Per quanto possa valere, mi fa piacere che David Hundeyin – un etnico Yoruba del Sud-Ovest della Nigeria – abbia sostenuto con grande passione il politico di etnia Igbo Peter Obi del Sud-Est. Avrebbe potuto scegliere di sostenere Bola Tinubu, che condivide la sua stessa etnia, ma ha scelto di non farlo. Questo mi indica che il nostro grande Paese multietnico sta maturando, che molti elettori stanno iniziando a dare priorità alle questioni “pane e burro” rispetto alle identità etno-religiose dei concorrenti alle elezioni nazionali.

THE END

***HAPPY NEW YEAR TO ALL MY READERS***


Contact – Geocache Adventures

Dear reader, if you like my work and feel like making a small donation, then kindly make for my Digital Tip Jar at Buy Me A Coffee

Sharp Focus on Africa is free today. But if you enjoyed this post, you can tell Sharp Focus on Africa that their writing is valuable by pledging a future subscription. You won’t be charged unless they enable payments.

Pledge your support

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

La fiaccola arde tra Mali e Algeria, di Bernard Lugan

La Francia, comunque, ha perso troppa credibilità per recuperare spazio nella “sua” Africa, tanto meno in Algeria_Giuseppe Germinario

La fiaccola arde tra Mali e Algeria
La tensione tra il Mali e l’Algeria è attualmente alta. Mercoledì 20 dicembre 2023, l’ambasciatore algerino a Bamako è stato convocato dalla giunta militare al potere. A sua volta, il giorno successivo, giovedì 21 dicembre, l’ambasciatore maliano ad Algeri è stato convocato presso il Ministero degli Affari Esteri algerino.

Bamako rimprovera ad Algeri i suoi legami con i “separatisti” tuareg e l’accoglienza riservata martedì 19 dicembre dal presidente Abdelmaajid Tebboune a una delegazione politica e religiosa del Mali guidata dall’imam Mahmoud Dicko. Questo influente leader religioso di etnia Peul è un oppositore della giunta. Ciò potrebbe aver indotto la giunta a pensare che Algeri stia cercando di aprire un nuovo fronte in Mali per dare un po’ di respiro ai suoi alleati tuareg, attualmente in difficoltà militari… Come se non bastasse, il 22 e il 23 dicembre, il ministro degli Esteri maliano, Abdoulaye Diop, si è recato in visita in Marocco, Paese con il quale l’Algeria ha interrotto unilateralmente le relazioni diplomatiche nell’agosto 2021…

Dietro questi recenti avvenimenti, c’è in realtà una disputa di lunga data e profondamente radicata tra Algeri e Bamako. E poiché i due Paesi condividono un confine lungo 1400 chilometri e le loro popolazioni tuareg sono intrecciate, gli eventi fungono da vasi comunicanti.

Il problema è noto:

1) L’Algeria, che considera il nord del Mali come l’estensione meridionale della sua vastità sahariana e, per dirla senza mezzi termini, il suo “protettorato”, è sempre stata coinvolta nella risoluzione delle guerre tuareg in Mali. Poiché teme il contagio tra i propri tuareg, non vuole che questi vengano coinvolti nella polveriera maliana. Algeri è quindi il principale mediatore nella questione maliana dalla firma nel 2015 dell’Accordo di Algeri tra Bamako e i gruppi armati tuareg. Al contrario, la giunta maliana ritiene che questo accordo dia mano libera a coloro che definisce, a ragione, “separatisti”. Per i retroscena di questa vicenda, si rimanda al mio libro Histoire du Sahel des origines à nos jours.

2) L’Algeria ha mantenuto costantemente relazioni con i movimenti tuareg. È noto che il leader storico delle ultime rivolte, Iyad Ag Ghali, ha legami con Algeri. La sua famiglia vive in Algeria e lui stesso vi ha la sua base di appoggio.

3) Algeri si è accontentata di vedere il nord del Mali sottrarsi al potere di Bamako senza però raggiungere una vera indipendenza, che avrebbe potuto dare ai suoi tuareg. Al contrario, i militari maliani hanno un obiettivo prioritario, ovvero la riconquista del nord del Paese. Un obiettivo utopico fino alle ultime settimane. Tuttavia, l’intervento massiccio del gruppo Wagner ha permesso alle FAMA (Forze armate maliane) di prendere Kidal, la “capitale” tuareg svuotata della sua popolazione, che è partita verso il deserto e i confini algerini. In attesa di vendetta…

Gli interessi dell’Algeria sono quindi contrapposti a quelli del suo alleato storico, la Russia, il Paese che le fornisce quasi tutte le armi… Algeri sta quindi tentando un riavvicinamento con Parigi… Una questione da seguire, ma a distanza, ora che i protagonisti hanno chiesto la partenza delle forze francesi…

ALLE ORIGINI DEL “MALE ALGÉRINO” In “Le mal algérien” (Collection Bouquins), pubblicato nel giugno 2023, Jean-Louis Levet e Paul Tolila non si limitano a tracciare un quadro impietoso della predazione praticata dai dirigenti algerini dal 1962. Questo libro finemente documentato, scritto da due economisti che si sono recati in Algeria per diversi anni, mette in luce le radici di quello che definiscono il “male algerino”. È un libro che dovrebbe essere letto e riletto da tutti coloro che in Francia, sovvenzionati o “utili idioti”, continuano ad avere “occhi di Chimène” per l’Algeria e la sua “rivoluzione”. Un libro che dovrebbero leggere anche quei politici francesi che si inginocchiano ogni volta che parlano di Algeria. A cominciare da Emmanuel Macron che, in anticipo, ha giustificato tutte le richieste algerine di “riparazione” quando, in modo del tutto irresponsabile, ad Algeri, ha parlato della colonizzazione come di un “crimine contro l’umanità” perché, come scrivono gli autori: “Da quando le parole “crimine contro l’umanità” sono state pronunciate (da Emmanuel Macron) per descrivere la colonizzazione, le autorità algerine hanno avuto la possibilità di metterci nella posizione di eterni colpevoli, perché questo è l’unico crimine per il quale non c’è prescrizione”. ” (p. 348) – Una situazione ben riassunta in una frase da: “Chiedeteci il perdono… che non vi concederemo mai”. (p. 348) In questo libro, seguiamo la costruzione della falsa storia dell’Algeria, assistendo al naufragio economico e sociale del Paese come risultato dell’immensa corruzione e predazione perpetrata dai profittatori dell’indipendenza. Siamo sbalorditi dalla portata dei regolamenti di conti tra i clan mafiosi che si spartiscono il potere. E infine capiamo perché la “riconciliazione” con la Francia è impossibile. Nel mio libro Algérie l’histoire à l’endroit, cito Mohamed Harbi, che ha scritto: “La storia è l’inferno e il paradiso degli algerini.
Inferno e paradiso per gli algerini”. Paradiso perché, per dimenticare questo inferno, i leader algerini vivono in una storia inventata in cui fingono di credere attraverso un “incantesimo epico permanente” volto a “proteggere il sistema algerino e gli interessi della nationklatura che ne beneficia” (p. 14). Come scrivono ancora gli autori: “L’ago storico dell’Algeria sembra essere bloccato sulla guerra d’indipendenza, che occupa un posto e uno status ufficiali per lo Stato algerino, che rivendica apertamente il monopolio della sua narrazione ufficiale. (p.14) Da qui l’impossibilità di rivederla perché è un unogma. In queste condizioni, è facile capire che il “lavoro comune della memoria” tanto caro alla Francia non è altro che una farsa: la Francia apre i suoi archivi mentre quelli dell’Algeria restano chiusi. Quando Abdelmadjid Chikhi, l’omologo algerino di Benjamin Stora, “si è comportato come un procuratore militante e non come uno storico” (p.350). La storia è quindi al centro del “male algerino”, perché nasconde ciò che è accaduto durante la guerra, in particolare l’assassinio di Abane Ramdane, la trappola tesa ad Amirouche e il colpo di Stato del 1962, quando l’esercito di frontiera, i cui capi non avevano mai sparato un colpo, rovesciò il GPRA e schiacciò la resistenza dei maquisards. Essendo la matrice del “Sistema” che ha fatto e farà di tutto per rimanere al potere, la storia ufficiale non potrà essere messa in discussione finché governerà l’Algeria. Un “Sistema” che non ha avuto paura di usare il grottesco per sopravvivere. Ad esempio, quando il presidente Bouteflika è stato colpito da un ictus e non ha potuto svolgere le sue funzioni, è stato rappresentato nelle cerimonie ufficiali da un suo ritratto… Il libro descrive anche il regolamento di conti all’interno dell’esercito, quello che altrove ho definito “odjak dei giannizzeri”, attraverso denunce che non sono altro che gettoni dati alla strada per garantire che il “Sistema” rimanga al suo posto. Dalla morte del generale Gaïd Salah, sono in corso epurazioni e regolamenti di conti tra le persone vicine a colui che era soprannominato il “Ghiottone” e che era conosciuto come uno degli ufficiali più corrotti dell’esercito. L’epurazione è guidata dal nuovo Capo di Stato Maggiore, il generale Said Chengriha. Egli ha fatto licenziare e processare centocinquanta ufficiali, tra cui diversi generali, e decine di alti funzionari e ministri. Ma, poiché alcuni lo accusano di essere stato più che coinvolto nel traffico di droga e di armi, i giorni saranno difficili per il suo popolo una volta che sarà stato richiamato a Dio… Profittatori e prebendari Coloro che vivono direttamente o indirettamente di corruzione sono i “beneficiari” del Ministero di Moudjahidine e tutti i membri di quella che laggiù è conosciuta come la “famiglia rivoluzionaria”, integrati in particolare nell’ONM (Organizzazione Nazionale di Moudjahidine), nonché i loro discendenti. Eppure, secondo l’ex ministro algerino Abdeslam Ali Rachidi, “tutti sanno che il 90% dei veterani, i moudjahidine, sono falsi” (El Watan, 12 dicembre 2015). Inoltre, come ho spiegato con cifre dettagliate nel mio libro “Algérie l’histoire à l’endroit”, il numero di moudjahidine era inferiore al numero di algerini che combattevano nell’esercito francese… Nel gennaio 1961, quando il processo che portava all’indipendenza era chiaramente in corso, circa 250.000 algerini servivano nell’esercito francese, dagli ufficiali agli harkis. Secondo il 2° Ufficio francese, nel marzo 1962, quando furono firmati gli accordi di Evian, si stimava che ci fossero 15.200 combattenti nazionalisti sul fronte interno, sia regolari che ausiliari, e 22.000 combattenti all’esterno (l’ALN, o esercito di frontiera) in Tunisia e 10.000 in Marocco. La forza di combattimento degli indipendentisti ammontava quindi a 50.000 uomini in armi, contro i quasi 250.000 dell’esercito francese, cioè cinque volte meno.L’ONM è una vera e propria sanguisuga, poiché il Ministero dei Mujahidin, che è il fronte istituzionale, beneficia del terzo budget statale. Nel 2017, con 245 miliardi di dinari (mds/dz) – a seconda del tasso di cambio, circa 2 miliardi di euro – il bilancio di questo ministero era appena dietro a quelli dell’Istruzione e della Difesa. Ho anche spiegato l’originalità algerina che, contrariamente alla legge naturale secondo cui più si va indietro nel tempo, meno persone ci sono che hanno conosciuto Napoleone… In Algeria, al contrario, più passano gli anni, più aumenta il numero di “veterani”… Così, alla fine del 1962-inizio del 1963, l’Algeria aveva 6.000 mujahidin identificati, 70.000 nel 1972 e 200.000 nel 2017. Nel 2010, attraverso un fenomeno di generazioni spontanee, il numero dei mujahidin e dei loro beneficiari ha raggiunto 1,5 milioni. Ciò si spiega con il fatto che in Algeria, a più di mezzo secolo dall’indipendenza, si continua a richiedere la tessera di ex mujahidin… alcuni di loro, che nel 1962 non avevano nemmeno 10 anni, l’hanno addirittura ottenuta… L’emblematico “affare Mellouk”, dal nome del giudice Benyoucef Mellouk, ha illustrato questa commedia perché ha osato denunciare 312 (!!!!!) dei suoi colleghi che erano stati coinvolti nella guerra al terrorismo. L’affannosa ricerca dello status di ex moudjahidine si spiega semplicemente con il fatto che i titolari della preziosa tessera e i loro legittimi aventi diritto ricevono una pensione dallo Stato, godono di prerogative e beneficiano di privilegi. La carta, che funge da ammortizzatore sociale, dà anche diritto a licenze per taxi o bevande, agevolazioni per l’importazione (in particolare per le auto in franchigia), tariffe aeree ridotte, agevolazioni creditizie, posti di lavoro riservati, opportunità di pensionamento, promozioni più rapide, alloggi prioritari, ecc. Non contenti di essersi fatti rubare l’indipendenza dall’ALN, l’esercito di frontiera, nell’estate del 1962, ora devono sopportare di essere equiparati a impostori prebendari che, come loro, portano la carta del mujahidin. Per questo, nel 2003, alcuni veri ex militari di tutta l’Algeria hanno creato un’associazione per denunciare gli impostori. Secondo loro, l’80% dei membri dell’ONM erano falsi maquisard… compreso lo stesso ministro dei mujahidin… (Liberté-Algérie 28/10/2003). Secondo il quotidiano El Watan del 10 febbraio 2007, su una popolazione di 70.000 abitanti, la sola città di Nouakchott contava 1,5 milioni di abitanti. Secondo il quotidiano El Watan del 10 febbraio 2007, su una popolazione di 70.000 abitanti, la sola città di Nouakchott contava 1,5 milioni di abitanti, mentre la città di Aïn Defla (ex Duperré) contava 14.000 falsi moudjahidine, tra cui 1.300 donne… Per quanto riguarda Koléa, nella regione di Mitidja, i 2/3 dei suoi moudjahidine sarebbero impostori (Libération, 27 ottobre 2004). Sempre secondo il colonnello Ahmed Bencherif, questa inflazione di falsi maquisards si spiega con il fatto che, nominati dal “Sistema”, i dirigenti dell’ONM applicano la loro politica di sviluppo di una clientela di obbligati, che permette loro di far credere di godere di un sostegno popolare. Ciò è reso ancora più facile dal fatto che, come ha detto Abid Mustapha, ex colonnello della Wilaya V, agli organi direttivi dell’ONM: “Noi (i veri combattenti) siamo diventati una minoranza! Nel 2008, Nouredine Aït Hamouda, deputato dell’RCD (Rally per la Cultura e la Democrazia), ha fatto scalpore quando, in aula, ha denunciato lo scandalo dei falsi mujahidin. E ne aveva la legittimità, essendo figlio del colonnello Amirouche Aït Hamouda, leader emblematico del maquis cabilo di Willaya III, ucciso in battaglia il 29 marzo 1959[1]. Inoltre, ha fatto esplodere il mito del milione e mezzo di morti causati dalla guerra d’indipendenza, una cifra del tutto fantasiosa ma che permette al “Sistema” di giustificare il numero surreale di persone che hanno diritto ai sussidi, in particolare vedove e orfani. Secondo Nouredine Aït Hamouda, ¾ dei 2 milioni di portatori della tessera di mujahidin e degli aventi diritto sono falsi… Per essere riconosciuti come mujahidin, non c’è bisogno di formalità onerose. È sufficiente che due testimoni attestino le vostre “gesta in guerra” e riceverete l’Attestation communale d’ancienencombattant (certificato comunale di status di veterano). Acquistati dal “Sistema” che li detiene, e a maggior ragione quando sono impostori, i titolari delle carte costituiscono la sua spina dorsale popolare. Il loro notevole peso politico è esercitato in tutto il Paese da diverse associazioni nazionali, come l’ONEC (Organizzazione Nazionale dei Figli della Shuhada (Martiri)), il CNEC (Coordinamento Nazionale dei Figli della Shuhada) e l’ONEM (Organizzazione Nazionale dei Figli dei Mujahidin). Quest’ultima, che conta 1,5 milioni di membri, ha filiali in tutta l’Algeria e anche in Francia. Il numero dei suoi membri si spiega con il fatto che, in un’intervista rilasciata a Libération il 27 ottobre 2004, M’barak Khalfa, allora capo dell’ONEM, ha potuto dichiarare senza il minimo pudore che, poiché: “(…) ci sono stati almeno un milione (!!!) di mujahidin, questo fa sei o sette milioni di bambini e quindi potenziali membri”. Secondo il colonnello Ahmed Bencherif, ex capo della gendarmeria nazionale e presidente dell’Associazione per la lotta contro i falsi mujahidin, ogni mese vengono versati 750 milioni di dinari ai falsi mujahidin.Dipendenza dagli idrocarburiNel 2022, l’industria algerina rappresentava appena il 5% del PIL, rispetto al 7,5% del 2000. Quindi, invece di svilupparsi, l’industria algerina si sta riducendo ulteriormente. Tutto dipende dagli idrocarburi. L’agricoltura è in stato di abbandono, con 1/3 delle terre coltivabili incolte e rese cerealicole di appena 6 quintali per ettaro, contro i 12 della Tunisia e i 15 del Marocco. Contrariamente a quanto affermano i suoi leader, l’Algeria non è in grado di compensare la mancata fornitura di gas all’UE da parte della Russia aumentando le sue esportazioni attraverso il gasdotto Transmed che la collega all’Italia, perché le sue riserve si stanno esaurendo e i tre quarti della sua produzione vengono consumati localmente. Anno dopo anno, l’Europa (l’UE) ha importato poco più del 40% del suo consumo di gas dalla Russia, il 20% dalla Norvegia e tra l’11 e il 12% dall’Algeria.
Entro il 2021, l’Algeria avrà prodotto 130 miliardi di metri cubi (bcm) di gas su una produzione mondiale totale di 3.850 bcm, molto indietro rispetto a Stati Uniti, Russia, Iran e persino Cina. Inoltre, dei 130 miliardi di m3 prodotti dall’Algeria, vanno dedotti:- 48 miliardi di m3 per la produzione di gas di città per il consumo locale;- 20 miliardi di m3 per la produzione di energia elettrica, con l’Algeria che produce il 99% della sua energia elettrica dal gas naturale;- 20 miliardi di m3 per la reiniezione nella rete;- 20 miliardi di m3 per la produzione di energia elettrica dal gas naturale. 20 miliardi di m3 per la reiniezione nei pozzi petroliferi o nelle sacche di gas; – 5 miliardi di m3 per il flaring, cioè la combustione del gas non utilizzato, per un totale di 93 miliardi di m3 su una produzione totale di 130 miliardi di m3. Ciò lascia all’Algeria solo circa 40 miliardi di m3 di gas da esportare. Considerando che l’UE importa circa 520 miliardi di m3 di gas all’anno, è difficile capire come l’Algeria possa fare altro che aumentare aneddoticamente le sue forniture, sostenendo così di essere in grado di compensare una parte significativa delle forniture russe… A maggior ragione, ed è importante non dimenticare che il 28 gennaio 2013, intervistato da Maghreb Emergent, Tewfik Hasni, ex ministro algerino dell’Economia, delle Finanze e dell’Industria, ha dichiarato che l’Algeria non ha alcuna intenzione di esportare gas in Russia. Tewfik Hasni, ex vicepresidente di Sonatrach (Société nationale pour la recherche, la production, le transport, la transformation et la commercialisation des hydrocarbures) ed ex amministratore delegato di NEAL, la filiale congiunta di Sonelgaz (Société nationale de l’électricité et du gaz) e Sonatrach, ha dichiarato: “Tutti gli esperti seri sanno che le nostre riserve garantiscono meno di vent’anni di consumo al ritmo attuale di sfruttamento (…). … Se teniamo conto dello sviluppo del consumo interno al ritmo attuale, per fare un esempio, Sonelgaz avrà bisogno di 85 miliardi di metri cubi di gas nel 2030 solo per la produzione di elettricità”. All’epoca, Tewfik Hasni basava la sua stima sul consumo interno, che aumenta del 7% all’anno, il che significa che l’Algeria avrà meno gas da immettere sul mercato. Il 1° giugno 2014, l’allora primo ministro algerino, Abdelmalek Sellal, ha rilasciato una dichiarazione sensazionale all’Assemblea Nazionale del Popolo (APN), in cui ha cercato di sensibilizzare i parlamentari sull’imminente tragedia: “Entro il 2030, l’Algeria non sarà più in grado di esportare idrocarburi, se non in piccole quantità (…). Entro il 2030, le nostre riserve copriranno solo il nostro fabbisogno interno”. Quanto al gas di scisto, non può essere la soluzione: sebbene l’Algeria disponga di enormi riserve in questo settore, per produrre un miliardo di metri cubi di gas (MBTu o Million British Thermal Unit) occorre un milione di metri cubi di acqua dolce. Eppure, come tutti i Paesi del Maghreb, l’Algeria è crudelmente a corto di acqua… e ne avrà sempre più bisogno a causa dell’aumento della popolazione e dei cambiamenti climatici. Per l’Algeria, non riuscendo a rilanciare la produzione di gas, l’urgenza è di farlo durare il più a lungo possibile, e quindi di razionalizzarne l’uso. Tuttavia, per preservare la pace sociale, il governo mantiene artificialmente basse le tariffe, il che significa che una parte considerevole e crescente delle risorse di gas viene destinata al consumo domestico piuttosto che alle esportazioni che generano valuta estera. Come scrivono Jean-Louis Levet e Paul Tolia, la “malattia algerina” è davvero radicata…

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

GABON: NGUEMA CONSOLIDA IL POTERE, di CHIMA

GABON: NGUEMA CONSOLIDA IL POTERE

Il generale di brigata Brice Nguema intraprende una missione per consolidare l’ancien regime del Gabon in formato riconfigurato…

Quando si è verificato il colpo di Stato in Gabon, le voci eccitate sia dei media mainstream che di quelli alternativi hanno iniziato a gongolare per l’ennesimo domino che si sarebbe schiantato sul fatiscente sistema neocoloniale francese, noto colloquialmente come “La Francafrique”.

Dopo qualche settimana, alcuni media mainstream sembrano aver messo fine alle loro analisi vacue e hanno studiato la situazione con maggiore attenzione. Questo li ha portati a giungere inevitabilmente alla stessa conclusione a cui sono giunto io subito dopo il colpo di Stato militare dell’agosto 2023.

I putschisti che hanno rovesciato Ali Bongo non hanno abolito l’ancien régime del Gabon, ma si sono limitati a riconfigurarlo, rimuovendo membri estremamente noti della dinastia Bongo al potere e permettendo ad altri membri meno noti di mantenere il controllo.

Alcuni media alternativi non l’hanno ancora capito e continuano a illudersi che una giunta militare rivoluzionaria “antimperialista”, presumibilmente ostile alla Francia, sia attualmente alla guida del Paese.

Il 3 settembre 2023, ho scritto l’articolo dettagliato pubblicato qui sotto per spiegare cosa è realmente accaduto in Gabon. Invito caldamente tutti i nuovi visitatori di questo blog a leggere :


THE COUP IN GABON IS NOT IDEOLOGICAL

·
SEP 3
THE COUP IN GABON IS NOT IDEOLOGICAL
L’Ancien régime del Gabon prosegue sotto le sembianze di una giunta militare guidata da un generale dell’esercito direttamente imparentato con il presidente civile spodestato I. PREMESSA: Ancora una volta, mi muoverò controcorrente rispetto agli opinionisti dello spazio mediatico alternativo. Lo faccio perché conosco molto bene il continente africano e la sua storia. T…
Read full story

Come ho ripetuto più volte, l’Africa è un continente complicato, con Paesi e sottoregioni con storie e culture politiche diverse. Certo, ci sono temi comuni come la corruzione e la povertà, ma è completamente sbagliato supporre che il Mali o il Burkina Faso in Africa occidentale siano uguali al Gabon in Africa centrale.

La generalizzazione, l’eccessiva semplificazione e le supposizioni insensate sono punti ciechi costanti per i media alternativi quando si tratta di coprire gli eventi in Africa.

Il colpo di Stato militare in Gabon non ha nulla a che vedere con i sentimenti “antifrancesi”. In realtà, chiunque conosca intimamente il Paese sa che è insolitamente francofilo, il che lo pone in netto contrasto con altri Stati africani francofoni, come spiegato in tre miei precedenti articoli.

Quando Emmanuel Macron ha visitato il continente all’inizio di quest’anno, ha iniziato con il Gabon, molto più amichevole, come ho riferito all’epoca. Durante la sua permanenza in Gabon, ha incontrato alcuni membri dell’opposizione politica locale, arrabbiati con la Francia per aver sostenuto la dinastia Bongo al potere.

Ora, permettetemi di citare me stesso da quel rapporto:

I politici dell’opposizione non sono generalmente ostili all’influenza francese in Gabon. Si oppongono semplicemente a ciò che interpretano come l’appoggio di Macron al presidente in carica Ali Bongo nelle prossime elezioni presidenziali del 2023.
Se si escludono i gruppi marginali, la maggior parte dei membri dell’opposizione politica in Gabon non è contraria all’influenza francese nel Paese, ma vuole semplicemente che il governo francese sposti il suo sostegno dalla dinastia Bongo a se stesso. Questo atteggiamento in Gabon è in netto contrasto con la situazione in Guinea, Burkina Faso e Mali, che non vogliono avere nulla a che fare con la Francia.

Naturalmente, le elezioni presidenziali del 2023 si sono tenute il 26 agosto 2023 e sono state “vinte” in modo controverso da Ali Bongo, con grande disappunto della popolazione gabonese e con l’allarme dell’alto comando militare, che ha cercato silenziosamente – senza successo – di dissuadere Ali Bongo dal continuare ad essere al potere dopo un devastante ictus che lo ha lasciato parzialmente paralizzato nell’ottobre 2018.

Per la prima volta in 55 anni, il 7 gennaio 2019 il Gabon, politicamente stabile, ha assistito a un colpo di Stato militare. È fallito, ma era solo questione di tempo prima che il disabile Ali Bongo venisse accompagnato con la forza alla porta d’uscita.

Il colpo di Stato del 30 agosto 2023 è riuscito a rimuovere un leader nazionale incapace, il presidente Ali Bongo Ondimba, che aveva fatto precipitare il tenore di vita del Gabon.

Sotto il defunto padre di Ali, il presidente Omar Bongo, il Paese aveva il quarto tenore di vita più alto dell’intero continente di 54 nazioni africane. Durante il governo di Ali Bongo, il Gabon è scivolato al settimo posto nell’Indice di sviluppo umano, come mostrato di seguito:

Per gli standard africani, lo scivolone nella classifica non è stato troppo grave. Dopo tutto, il Gabon è rimasto tra i primi dieci paesi africani con indici di sviluppo umano relativamente decenti.

Ma i gabonesi non si sono accontentati di questo, soprattutto quando la disoccupazione è salita al 33% – che non è nulla in confronto alla situazione di altri Paesi dell’Africa centrale, con il 90-95% della popolazione impantanata nella povertà e nei conflitti civili.

Il colpo di Stato non ha eliminato la dinastia Bongo al potere. Ha semplicemente scambiato il presidente Ali Bongo con la sua ex guardia del corpo e cugino, il generale di brigata Brice Oligui Nguema, che è stato profondamente coinvolto in alcuni degli eccessi di corruzione della famiglia al potere.

L’opinione pubblica gabonese sapeva chi fosse in realtà il generale Nguema, eppure non ha protestato per la sua ascesa al rango di sovrano militare.

Al contrario, nell’aprile 2019, il popolo sudanese ha rifiutato di sostituire il capo di Stato Omar al-Bashir con il suo ex fedele subordinato, il tenente generale Ahmed Awad Ibn Auf, che aveva organizzato il colpo di Stato che aveva posto fine alla carriera del suo capo.

Pur essendosi rivoltato contro al-Bashir, il nuovo capo militare sudanese, Ahmed Awad Ibn Auf, non è riuscito a ottenere il sostegno dei manifestanti nelle strade di Khartoum. Le proteste di massa in Sudan sono continuate fino alle sue dimissioni in favore del generale Abdel Fattah al-Burhan, considerato più distante dal regime di al-Bashir.

I manifestanti gabonesi nelle strade erano ben consapevoli che Nguema era un membro integrante della famiglia Bongo al potere, ma lo hanno comunque accettato senza lamentarsi. In altre parole, volevano semplicemente un amministratore più capace dell’incompetente Ali Bongo. E se questo amministratore capace fosse stato un parente stretto di Ali Bongo, ben venga.

Sebbene in passato ci siano stati occasionali episodi di protesta che hanno preso di mira specificamente il governo francese per il suo tenace sostegno ad Ali Bongo, i gabonesi non sono generalmente ostili alla Francia.

Questo spiega tutti quei video online che mostrano i manifestanti limitarsi a celebrare la destituzione di Ali Bongo. Non ci sono stati episodi di gabonesi che hanno bruciato bandiere francesi o cantato slogan antifrancesi o sventolato bandiere russe. Nessuno dei manifestanti ha chiesto la chiusura delle basi militari francesi nel Paese.

Ancora una volta, il Gabon non è come il Mali/Burkina Faso, dove la povertà è così profonda che è facile additare la Francia per tutti i misfatti e nessuna per le élite locali, sia militari che civili.

Soldiers stand attention during the inauguration of Gabon's military junta General Brice Oligui Nguema as interim president in Libreville, Gabon, 04 September 2023
Gabonese soldiers during the inauguration of Brigadier-General Brice Nguema as military ruler of Gabon

E prima che qualche individuo con problemi cognitivi dica che sto sminuendo l'”imperialismo”, permettetemi di aggiungere che la Francia è in parte responsabile dei problemi in Mali e Burkina Faso. Ma questo non spiega la Guinea, che ha dichiarato la totale indipendenza dalla Francia nel 1958 ed è entrata nell’orbita filosovietica.

Eppure, la Guinea si trova in una condizione ancora peggiore rispetto ad alcuni Paesi africani francofoni che sono rimasti sotto il quasi-bondaggio francese. Ho già spiegato qui e , con dovizia di particolari, come l’instabilità politica abbia rovinato la Guinea nonostante la tanto decantata indipendenza dal controllo francese.

Non ho tempo per le persone che si rifiutano di leggere la vera storia dell’Africa e che cercano scuse per i fallimenti dei vari leader nazionali africani, siano essi leader civili eletti o governanti militari infinitamente peggiori (tranne il capitano Thomas Sankara).

Cosa sta succedendo oggi in Gabon? Il generale Brice Nguema si sta preparando a imitare il presidente Teodoro Obiang Nguema della vicina Guinea Equatoriale. (Nonostante i cognomi identici, i due leader nazionali non hanno legami di parentela).

Con la Francia che ha eliminato il più importante di tutti gli sfidanti generalmente deboli all’interno della dinastia Bongo al potere, annunciando il progetto di perseguire Pascaline Bongo, il generale Brice Nguema è libero di organizzare elezioni che lo trasformeranno in un presidente civile, proprio come il maggiore generale Teodoro Obiang Nguema della Guinea Equatoriale si è trasformato in un presidente civile nel 1982 dopo “elezioni democratiche”.

Permettetemi di parlare un po’ della Pascaline Bongo, di formazione francese e americana. Un tempo era la donna più potente del Gabon, soprattutto quando suo padre, il presidente Omar Bongo, era ancora nella terra dei vivi. Nel governo di suo padre era stata consigliere personale del Presidente del Gabon (1987-1991), Ministro degli Affari Esteri (1991-1994) e Direttore del Gabinetto del Presidente (1994-2009).

Gabonese opposition politician and Economics Professor Albert Ondo Ossa believes the 30 August 2023 coup was orchestrated by Pascaline Bongo to bring her cousin, Brice Nguema, to power

Quando Omar Bongo morì in Spagna, dopo 42 anni di leadership nazionale gabonese, Pascaline era ancora una persona molto potente. Tuttavia, alla fine perse nella lotta intestina per il potere che scoppiò tra lei e il fratello minore, Ali Bongo.

Una volta che Ali Bongo ha preso il controllo del partito politico al potere, il Parti Démocratique Gabonais (PGD), e successivamente è diventato Presidente del Gabon nell’ottobre 2009, Pascaline è stata gettata in una spirale discendente di potere e influenza. Suo fratello l’ha gradualmente privata di posizioni e privilegi. All’inizio del 2019, era ancora aggrappata al suo ultimo incarico nazionale di Alto rappresentante personale del Presidente del Gabon.

Senza preavviso, il 2 ottobre 2019, il consiglio dei ministri del gabinetto presieduto da Ali Bongo, parzialmente paralizzato, ha rilasciato una dichiarazione sintetica di una sola frase in cui dichiarava che Pascaline era stata licenziata dal suo ultimo incarico nazionale. Poco dopo, è stato annunciato che sarebbe stata sfrattata da una villa di proprietà del governo nell’elegante quartiere Sablière della città di Libreville. Ci si chiedeva anche se le sarebbe stato permesso di mantenere il suo passaporto diplomatico gabonese.

Il rovesciamento di Ali Bongo non ha migliorato la posizione di Pascaline in Gabon, nonostante le affermazioni, non dimostrate, secondo cui sarebbe stata lei a orchestrare il colpo di Stato. Pascaline rimane impotente come lo era dall’ottobre 2009. Tuttavia, è ancora un membro di spicco della famiglia Bongo e quindi suo cugino, Brice, non correrà alcun rischio.

Se i cittadini gabonesi erano arrabbiati per la corruzione del governo, perché non proporre alcuni membri della sua famiglia allargata come capro espiatorio?

Perché non perseguire  Ali Bongo, Noureddine BongoSylvia Bongo e pochi altri mentre il resto del clan Bongo al potere e gli alleati guidati dal generale Brice Nguema continuano a portare avanti l’ancien regime travestito da giunta militare rivoluzionaria? Ovviamente, la Francia farà la sua parte perseguendo Pascaline Bongo.

Gabon's First Lady Sylvia Bongo Ondimba attends the 2017 Africa Cup of Nations group A football match between Gabon and Guinea-Bissau at the Stade de l'Amitie Sino-Gabonaise in Libreville on January 14, 2017.
Sylvia Bongo Ondimba, the Former first lady and spouse of Ali Bongo, has been in detention since the military coup of 30 August 2023. She will be prosecuted for embezzlement and money laundering.

Dopo aver consolidato il potere, il nuovo governante militare gabonese ha annunciato l’intenzione di organizzare elezioni generali nell’agosto 2025. In questo modo avrebbe due anni di tempo per verificare se è in grado di costruirsi una base personale di sostegno piuttosto che dipendere esclusivamente dal potere e dall’influenza dell’estesa famiglia Bongo, sia all’interno delle forze armate che nella politica civile.

Gabonese military ruler Brice Nguema visits the tomb of his uncle, the late President Omar Bongo. General Nguema was much closer to his deceased uncle than he was to his cousins, Ali and Pascaline

L’annuncio della transizione di due anni dal regime militare al governo democratico eletto è stato generalmente ben accolto dai cittadini del Gabon.

Di seguito un breve video che riporta le reazioni dei cittadini della capitale Libreville al calendario di Nguema per le elezioni generali del 2025:

Una carta di “transizione alla democrazia” pubblicata dal regime militare stabilisce che ai membri della giunta al potere è vietato candidarsi a cariche politiche nel 2025. Naturalmente, la carta è abilmente redatta in modo da esentare il capo della giunta militare dal divieto, il che significa che il generale di brigata Brice Nguema è libero di candidarsi alle presidenziali tra due anni, se lo desidera.

Sebbene Brice non abbia ancora manifestato alcun interesse a candidarsi alle elezioni presidenziali del 2025, è molto probabile che lo faccia per proteggere i propri interessi e quelli della famiglia allargata dei Bongo. Il popolo gabonese probabilmente tollererà la sua trasformazione in presidente civile, a patto che riesca a mantenere la stabilità politica e a far fluire le ricchezze petrolifere verso le masse, come suo zio è riuscito a fare per 42 anni.

Alla Francia andrebbe bene anche che un membro della famiglia Bongo continui a ricoprire la carica di Presidente civile del Gabon dopo le elezioni previste per l’agosto 2025. Perché no?

Dopo tutto, il giorno dopo il colpo di Stato, Brice Nguema ha contattato tranquillamente il governo Macron per spiegare che le relazioni diplomatiche del Gabon con la Francia non sarebbero state influenzate in alcun modo dalla rimozione di Ali Bongo dal potere.

Questo è stato molto importante perché i media mainstream – compresi quelli francesi – continuavano a sostenere idiotamente che il colpo di Stato gabonese fosse simile al putsch della Repubblica del Niger. Nguema si è sentito in dovere di assicurare a Macron che quelle notizie non erano vere.

Questa particolare assicurazione è stata seguita da un discreto incontro faccia a faccia tra gli emissari di Nguema e i funzionari del governo francese a margine degli incontri internazionali della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale che si sono tenuti nella città marocchina di Marrakech dal 9 al 15 ottobre 2023.

Naturalmente, nessuna di queste ultime rivelazioni sulle tranquille assicurazioni di Nguema alla Francia sorprenderebbe gli osservatori esperti del Gabon, nazione in gran parte francofila. Ma potrebbero sorprendere quei media alternativi che continuano a dipingere i putschisti gabonesi come “rivoluzionari che hanno sconfitto l’imperialismo francese”.

THE END

*******

Poscript:

For other articles related to the one above, please read:

THE COUP IN GABON IS NOT IDEOLOGICAL

THE COUP IN GABON IS NOT IDEOLOGICAL

·
SEP 3
Read full story

Sharp Focus on Africa is free today. But if you enjoyed this post, you can tell Sharp Focus on Africa that their writing is valuable by pledging a future subscription. You won’t be charged unless they enable payments.

Pledge your support

IL COLPO DI STATO IN GABON NON È IDEOLOGICO

L’antico regime del Gabon continua sotto le spoglie di una giunta militare guidata da un generale dell’esercito direttamente imparentato con il presidente civile deposto

I. PREAMBOLO:

Ancora una volta, mi muoverò controcorrente rispetto agli opinion maker nello spazio dei media alternativi. Lo faccio perché ho un’ottima conoscenza del continente africano e della sua storia. Pertanto, sono in grado di analizzare le informazioni in modo molto sfumato e senza iniettarvi ideologie e sentimenti inutili.

Ho scritto in precedenza del Gabon e ho delineato il profilo dell’uomo scelto personalmente dal generale Charles De Gaulle per dirigere lo stato africano francofono. Incoraggio vivamente coloro che sono interessati a leggere questo articolo del 2009 , che ho aggiornato e ripubblicato su Substack qualche mese fa.

II. GABON CONTRO GUINEA: LA STORIA

Nel mio quarto aggiornamento sulla crisi del Niger, ho fatto una digressione entrando nella storia dell’unico paese che si è liberato dal giogo neocoloniale della Francia. Quel paese era la Guinea, che dichiarò unilateralmente la sua totale indipendenza dalla Francia il 2 ottobre 1958 e passò subito nell’orbita filo-sovietica.

Ebbene, il Gabon era l’opposto dell’impavida Guinea. Il Gabon voleva avvicinarsi alla Francia, che allora era sotto pressione da parte delle Nazioni Unite affinché concedesse l’indipendenza alle sue colonie in Africa e in Asia, soprattutto dopo che gli inglesi avevano fatto i conti con la fine dell’era dei grandi imperi e avevano iniziato a concedere l’indipendenza alla Francia. le sue colonie a partire dall’India (1947), Pakistan (1947), Birmania (1948), Ghana (1957), Malesia (1957), Singapore (1958), Nigeria (1960), ecc.

Inizialmente, la Francia non voleva avere niente a che fare con qualsiasi discorso di decolonizzazione e inviò le sue truppe a combattere i ribelli in Vietnam e Algeria per preservare il suo impero coloniale. Ha creato l’entità politica sovranazionale, Union Française , per integrare meglio tutte le sue colonie, dal Vietnam, Laos e Cambogia in Asia al Gabon, Guinea, Senegal e Madagascar in Africa.

Musica, video, statistiche e foto di Norodom Sihanouk | Last.fm
Il re Norodom Sihanouk si risentì per “l’indipendenza del cinquanta per cento” concessa alla Cambogia all’interno dell’Union Française. Nonostante le minacce francesi di rovesciarlo, combatté per la piena indipendenza dalla Francia. La secessione della Cambogia dall’Union Française nel 1955 segnò l’inizio della fine per l’entità sovranazionale

Dopo che la Francia subì un’umiliante sconfitta in Vietnam e vide l’Union Française diventare moribonda dopo la secessione della Cambogia e del Laos, il colosso francese, il generale Charles De Gaulle, ebbe un’idea brillante che avrebbe offerto una “indipendenza di bandiera” nominale alle rimanenti colonie del Vietnam. Africa pur mantenendo al comando lo stato gallico.

Il generale ha offerto un referendum che ha dato a ciascuna colonia tre opzioni:

  • Votate “no” al referendum, diventerete pienamente indipendenti e sarete tagliati fuori da ogni sostegno e aiuto allo sviluppo francese
  • votare “sì” e diventare una provincia d’oltremare della Francia metropolitana
  • vota “sì” e unisciti alla Communauté Française , una nuovissima entità sovranazionale progettata per trasformare le colonie in stati clienti nominalmente indipendenti della Francia.

Charles de Gaulle visitò le colonie per promuovere personalmente un voto per l’adesione alla Communauté Française . Nella colonia della Guinea, è noto che il Generale dimenticò il suo caratteristico berretto kepi su un tavolo da conferenza nella capitale Conakry mentre usciva rabbiosamente da un incontro con il leader guineano, Ahmed Sékou Touré, il quale disse che i guineani preferirebbero morire di fame. che accettare di convertire la loro patria da colonia in uno stato satellite della Francia.

Charles De Gaulle con Ahmed Sekou Touré durante la sua sfortunata visita nella colonia di Guinea nell’agosto 1958. Il presidente francese si era recato lì per fare una campagna affinché i guineani votassero “sì” in un referendum per aderire alla Communauté Française. Il leader guineano, Ahmed Touré, ha detto “no”.

La Guinea finirebbe per essere l’unica colonia francese nell’Africa sub-sahariana a votare nel referendum contro l’adesione alla Communauté Française il 28 settembre 1958. E la Francia si vendicherebbe distruggendo la maggior parte delle infrastrutture che aveva costruito sul territorio guineano prima di ritirare i suoi amministratori coloniali. , tecnocrati e truppe militari fuori. Successivamente, la colonia abbandonata si dichiarò nazione sovrana il 2 ottobre 1958, diventando la prima nazione africana francofona a farlo. È stato anche il primo ad abbandonare il franco CFA come valuta dopo l’indipendenza, e uno dei pochi paesi africani francofoni senza truppe francesi sul suo territorio.

Alain Peyrefitte, l'ami éclairé de Pékin - Memorie di guerra
Studioso e politico francese, Alain Peyrefitte

Il Gabon era l’esatto opposto della Guinea. Charles de Gaulle era allarmato dall’eccessiva francofilia che attanagliava il Gabon. Con suo grande stupore, i politici gabonesi locali nella colonia stavano ordinando alla popolazione di votare per diventare una provincia controllata della Francia. Il Generale ha trascorso un po’ di tempo a spiegare ai politici gabonesi locali che era nell’interesse della colonia del Gabon ottenere la pseudo-indipendenza e poi unirsi alla Communauté Française , che permetterà alla Francia di mantenere la “supervisione di tutto”.

Come Charles disse in seguito al suo confidente, Alain Peyrefitte, era giusto assumersi gli oneri finanziari e gestionali dell’amministrazione di piccole colonie caraibiche francofone che avevano scelto di diventare dipartimenti d’oltremare (cioè province) della Francia, ma era un anatema consentire un’espansione relativamente ampia Colonia africana come il Gabon diventerà parte integrante della Francia attraverso il referendum.

“I gabonesi rimarranno attaccati a noi come pietre al nostro collo “, ha detto il leader francese. “Ho avuto difficoltà a cercare di dissuaderli [i gabonesi] dal scegliere l’opzione di una provincia controllata”.

Alla fine, nel referendum del settembre 1958, il Gabon votò – insieme ad altre colonie africane francofone (ad eccezione della Guinea) – per unirsi alla Communauté Française come nazione nominalmente indipendente.

Nonostante la caduta del franco CFA, l’assenza di basi militari francesi e la rottura dei rapporti diplomatici con la Francia per un periodo di tempo, la Guinea rimane un caso disperato.

Ironicamente, il Gabon, che rimase sotto il controllo francese, finì per avere uno standard di vita molto più elevato rispetto alla Guinea e a molti altri paesi africani, come la Liberia, la Sierra Leone, l’Etiopia, che non furono mai sotto il giogo del neocolonialismo francese.

I dati qui collegati non mentono né indossano abiti ideologici. Il Gabon è tra i primi dieci paesi africani con indici di sviluppo umano relativamente buoni. In realtà si colloca al settimo posto tra le 54 nazioni dell’Africa, mentre la Guinea è classificata al 45esimo posto.



Ora, che ne dici di sfumatura?

Ci troviamo quindi di fronte alla cruda realtà che la Guinea – il cui leader nazionale ha giustamente sfidato la Francia per ottenere l’indipendenza totale – è finita in un disastro totale a causa del flusso di instabilità politica, generato dal ciclo continuo di colpi di stato militari. (Clicca qui per i dettagli).

La maggior parte delle persone pensa al colpo di stato come alla rimozione del capo dello Stato e basta. No, i colpi di stato sono rivoluzioni che spazzano via il Capo dello Stato insieme alle istituzioni esistenti di quello Stato. Il primo atto di tutti i golpisti di successo è revocare la costituzione sospendere i diritti individuali abolire il parlamento abolire il sistema giudiziario o renderlo superfluo sciogliere la maggior parte o tutte le agenzie governative istituite per fornire servizi. Fondamentalmente, i golpisti riportano il paese all’anno zero .

A differenza della Guinea, abbiamo il Gabon governato da un uomo corrotto scelto personalmente da Charles De Gaulle. Quell’uomo, Omar Bongo, non si è mai vergognato di giustificare lo status di cliente della sua nazione scherzando ripetutamente:

“L’Africa senza la Francia è come un’auto senza conducente. Ma la Francia senza l’Africa è come un’auto senza benzina” .

Eppure, a differenza di altri paesi africani ricchi di risorse naturali sotto lo stesso giogo del neocolonialismo francese, il Gabon è comunque riuscito a costruire uno standard di vita più elevato per la sua popolazione in mezzo ad alti livelli di corruzione.

Come è successo? Ebbene, nel corso del tempo, Omar Bongo è riuscito a ottenere un certo livello di controllo e influenza sui suoi agenti francesi, utilizzando la ricchezza petrolifera della sua nazione come leva. Ha finanziato i partiti politici francesi sia sull’ala liberale che su quella conservatrice dello spettro politico. Fu uno dei più grandi amici di leader francesi come il defunto Francois Mitterrand, Valery Giscard d’Estaing e Jacques Chirac.


Dopo la morte di Bongo per cancro nel 2009, l’ex presidente francese Valery Giscard d’Estaing ha raccontato ai media come il sovrano gabonese avesse finanziato la campagna del suo principale rivale, Jacques Chirac. Come previsto, Jacques Chirac, allora nel mezzo di uno scandalo di corruzione, ha negato le accuse

Qualsiasi leader francese che offendesse, anche leggermente, il sovrano gabonese, veniva punito con il dirottamento del flusso di denaro verso i suoi rivali politici. Ad esempio, l’ex presidente Valery Giscard d’Estaing ha dichiarato pubblicamente nel 2009 che Omar Bongo ha trasferito i suoi contributi elettorali al suo rivale, Jacques Chirac, nel periodo precedente alle elezioni presidenziali francesi del 1981 . Il signor Chirac, che all’epoca stava affrontando uno scandalo di corruzione, negò le accuse di Valery.

Alla fine Chirac sarebbe stato processato per appropriazione indebita, per aver creato falsi posti di lavoro nella pubblica amministrazione per amici, e gli sarebbe stata comminata una pena sospesa di due anni nel 2011 .

Ad ogni modo, l’abile utilizzo di uomini d’affari francesi come intermediari nella distribuzione segreta di valigette piene di contanti ai potenti politici francesi ha procurato a Omar Bongo un certo livello di indipendenza per perseguire le politiche interne che desiderava. Tali politiche prevedevano la possibilità che una quantità limitata della ricchezza petrolifera venisse riversata verso il basso, quanto basta per prevenire disordini civili.

Bongo raggiunse questo obiettivo attraverso la costruzione di scuole, ospedali, università e nuove città, che portarono tutte il suo nome: Bongo University Bongo Stadium Bongoville town, diversi Bongo Hospitals , ecc .

Un uomo in bicicletta nella città gabonese di Libreville

Ha impiegato quanti più gabonesi possibili nel gonfio servizio civile per mantenerli sul libro paga del governo, per garantire la loro lealtà e ridurre al minimo il rischio di rabbia o rivolte pubbliche. A differenza di molti governanti autoritari del continente, spesso preferiva corrompere gli oppositori politici e ricorreva alla violenza solo se tutto il resto falliva.

L’effetto dello stile di pacificazione di Omar Bongo fu che il Gabon rimase politicamente stabile per 42 anni a differenza di altre nazioni nella sottoregione dell’Africa centrale. Quella stabilità, nonostante tutta la corruzione, ha permesso l’iniezione di investimenti diretti esteri nel paese ricco di petrolio e la creazione di posti di lavoro.

Con il 33% della popolazione povera , il Gabon ha ancora molta strada da fare. Ma poi il Gabon è un “paradiso” rispetto ad altri paesi dell’Africa centrale con il 90-95% dei cittadini impantanati nella povertà e nei conflitti civili.

Il Gabon è anche un “paradiso” rispetto alla Guinea ricca di bauxite, che ha interrotto tutti i legami con la Francia dopo essere diventata completamente indipendente nel 1958. Ancora una volta, la differenza tra i due paesi è: stabilità politica.


Ancora una volta, se sei interessato a saperne di più sul Gabon sotto il governo del defunto presidente Omar Bongo, ti incoraggio a leggere questo :

Omar Bongo Ondimba: La morte di un presidente a vita

·
15 MAGGIO
Omar Bongo Ondimba: La morte di un presidente a vita

**Nota importante: questo articolo è stato originariamente pubblicato nel luglio 2009 ** L’8 giugno 2009, uno dei governanti più longevi del mondo, il presidente Omar Bongo Ondimba della Repubblica del Gabon, è morto di cancro intestinale in un ospedale di Barcellona, Spagna. Al momento della sua morte, governava da 42 anni la nazione centroafricana del Gabon ed era accusato…

Leggi la storia completa

Andare avanti…

III. ALI BONGO ONDIMBA COME LEADER DEL GABON

Gli stati costruiti da uomini forti raramente sopravvivono al dominio della loro progenie più debole. Lo stato repubblicano di Oliver Cromwell, il Commonwealth di Inghilterra, Scozia e Irlanda sopravvisse a malapena al governo del suo incompetente e debole figlio, Richard Cromwell. Entro un anno dalle dimissioni forzate di Richard, lo stato repubblicano costruito da suo padre cessò di esistere.

Rose Francine Rogombe è stata presidente ad interim del Gabon dal giugno 2009 all’ottobre 2009, in seguito alla morte di Omar Bongo. È tornata al suo lavoro principale come capo del Senato del Gabon dopo che il figlio di Bongo è diventato presidente a seguito di un’elezione controversa

Il Gabon è sopravvissuto alla morte di Omar Bongo l’8 giugno 2009, ma da allora è in declino sotto il governo di suo figlio, Ali Bongo Ondimba, che in precedenza aveva condotto una vita vivace come musicista funk alla fine degli anni ’70 e come principale organizzatore del concerto di Michael Jackson. visita in Gabon nel 1992.


Nel 1977, Ali Bongo, allora diciottenne, produsse questa canzone funk, A Brand New Man:


Ali Bongo è diventato il candidato presidenziale del partito politico al potere, Parti Démocratique Gabonais (PGD), dopo aver sconfitto sua sorella maggiore, Pascaline Bongo, nella lotta per il potere intestina scoppiata dopo la morte del padre.

Pascaline aveva prestato servizio nel governo del suo defunto padre come consigliere personale del presidente del Gabon (1987-1991), ministro degli affari esteri (1991-1994) e direttore del gabinetto del presidente (1994-2009).

L'artista e la «principessa» gabonese, nel 1980.
Mentre studiava negli Stati Uniti, la 23enne Pascaline Bongo incontrò il famoso cantante reggae giamaicano Bob Marley, con cui ebbe una relazione dal 1980 fino alla sua morte nel 1981.

In conformità con la costituzione del Gabon, il governo ad interim del presidente ad interim Rose Francine Rogombe – succeduto al defunto Omar Bongo – ha organizzato le elezioni presidenziali il 30 agosto 2009.

Ali Bongo ha vinto per poco con il 41,8% dei voti totali espressi ed è diventato presidente del Gabon, mentre Rose Francine Rogombe è tornata al suo ruolo sostanziale di presidente del Senato gabonese.

I sostenitori sgomenti dell’opposizione politica frammentata si sono ribellati nelle strade, ma ciò è stato sedato dalle forze dell’ordine.

Il leader dell’opposizione politica Andre Mba Obame si è dichiarato presidente del Gabon il 25 gennaio 2011. Aveva perso le controverse elezioni presidenziali gabonesi del 2009 contro Ali Bongo Ondimba. Lo stato del Gabon ha reagito alle buffonate di André bandendo il suo partito politico

Una volta che Ali Bongo si era ambientato nel ruolo di presidente nazionale. divenne chiaro alla maggior parte degli osservatori che l’uomo non era affatto abile come suo padre, e così il potere e l’autorità iniziarono a perdere da lui.

Sotto il governo di Bongo Jr., i servizi sanitari diminuirono e emersero i problemi di una fornitura elettrica costante. Il tasso di disoccupazione giovanile ha rifiutato di spostarsi dalla soglia del 30%. Questi problemi hanno cominciato a provocare episodi di manifestazioni intense, che Bongo ha risolto grossolanamente con la polizia antisommossa che brandiva manganelli e bombolette di gas lacrimogeno.

Poiché Ali Bongo era un uomo che aveva trascorso la sua prima infanzia nel mondo dello spettacolo, decise che il modo migliore per distrarre le masse infuriate dai suoi fallimenti era semplicemente portare celebrità famose nel suo paese. A tal fine ha portato Pelé in Gabon nel 2012 Lionel Messi nel 2015 .

Pelé in piedi accanto al presidente Ali Bongo all’inaugurazione della sua statua in Gabon il 10 febbraio 2012
Si presume che Lionel Messi sia stato pagato 2,4 milioni di sterline (ovvero 3,02 milioni di dollari) in contanti per visitare il Gabon e posare la prima pietra di uno stadio in costruzione nella città costiera di Port-Gentil

Oltre a invitare celebrità famose, il presidente Ali Bongo è tornato brevemente alle sue radici musicali per intrattenere i suoi cittadini scontenti. Di seguito è riportato un video clip di lui mentre affronta l’hip-hop in lingua francese, un genere popolare tra alcuni giovani del Gabon:

Nonostante tutto il clamore generato dalle visite di celebrità famose e dalla sua breve incursione nella musica, sporadici scoppi di proteste di massa da parte di cittadini disamorati rimasero una caratteristica della vita in Gabon.

Nel 2016, Ali Bongo ha “vinto” un’altra controversa elezione presidenziale, scatenando un’altra ondata di violente proteste.

In quelle elezioni presidenziali, Bongo Jr. corse contro Jean Ping che era stato alleato di suo padre ed ex amante di Pascaline Bongo. Mentre era ancora sposato con qualcun altro, Jean aveva generato due figli con la sorella di Ali Bongo.

FILE - Jean Ping parla ai giornalisti a Londra, il 23 febbraio 2012.
Il politico dell’opposizione gabonese, Jean Ping, era un alleato di Omar Bongo ed è stato presidente della Commissione dell’Unione Africana dal 2008 al 2012. È la prima persona di origini parzialmente cinesi a guidare un’organizzazione panafricana.

Jean Ping, che ha origini parzialmente cinesi, ha lavorato per gran parte della sua vita adulta come diplomatico per il Gabon in varie agenzie delle Nazioni Unite prima di servire nel governo del defunto Omar Bongo come ministro del gabinetto. Dal 2008 al 2012 è stato Presidente della Commissione dell’Unione Africana.

Durante la guerra civile in Libia sponsorizzata dalla NATO, Jean Ping ha tentato più volte di organizzare colloqui di pace tra il governo di Gheddafi e i ribelli jihadisti. Quando Sarkozy, Obama e Cameron hanno bloccato i suoi sforzi, li ha denunciati come “neocolonialisti che distruggono la Libia e destabilizzano la regione sotto la copertura della bandiera delle Nazioni Unite”.

Ali Bongo con l’allora presidente degli Stati Uniti Obama e sua moglie nel 2014

Nell’ottobre 2018, Ali Bongo è scomparso dalla vista del pubblico. Aveva avuto un ictus, che lo aveva costretto a farsi curare in Arabia Saudita e, successivamente, in Marocco.

Quando alla fine è riemerso in pubblico il 1° gennaio 2019, era su una sedia a rotelle. La sua debolezza e paralisi erano sotto gli occhi di tutti. Poco dopo la sua ricomparsa, le cose presero rapidamente una piega pericolosa.

Il 7 gennaio 2019, per la prima volta in 55 anni, il Gabon, relativamente stabile dal punto di vista politico, ha assistito a un colpo di stato militare. Il colpo di stato è fallito e il governo del presidente parzialmente paralizzato ha rapidamente riaffermato il controllo sul paese. Ma era ovvio che in futuro sarebbero stati fatti altri tentativi di colpo di stato.

IV. IL COLPO DI STATO DEL 30 AGOSTO 2023

Come ho spiegato in precedenza, il Gabon è stato un paese relativamente stabile con uno standard di vita molto più elevato rispetto ai vicini paesi dell’Africa centrale, la maggior parte dei quali avevano colpi di stato dopo colpi di stato intervallati da guerre civili (ad esempio Burundi e Repubblica Centrafricana).

Ebbene, il colpo di stato del gennaio 2019 è stato il primo segnale che la dinastia regnante Bongo potrebbe perdere il controllo dello Stato che il suo progenitore, Omar Bongo, aveva costruito con il sostegno francese.

Per divagare un po’, vorrei sottolineare ai miei lettori che non tutti i colpi di stato in un paese africano sono ideologici. In effetti, per gran parte della storia dell’Africa, i colpi di stato sono stati in gran parte motivati ​​dalle ambizioni personali di ufficiali militari che fingevano di essere “salvatori del popolo” .

Considerato questo contesto, è sbagliato presumere automaticamente che ogni colpo di stato avvenuto in un paese africano francofono sia “antifrancese” .

Il Mali e il Burkina Faso nell’Africa occidentale sono radicalmente diversi dal Gabon nell’Africa centrale.

In un precedente articolo, con la relativa sottosezione collegata qui , ho fornito una spiegazione dettagliata del motivo per cui i sentimenti antifrancesi sono viscerali in Burkina Faso. Tutto risale al periodo successivo all’assassinio, nell’ottobre del 1987, del popolarissimo leader burkinabe Thomas Sankara.

Quando parlo di colpi di stato non ideologici, mi riferisco al rovesciamento del presidente civile filo-francese Ange-Félix Patassé, nel marzo 2003, da parte del generale dell’esercito filo-francese François Bozizé nella Repubblica Centrafricana.

Mi riferisco anche al rovesciamento, nel settembre 2022, del regime militare virulentemente antifrancese del colonnello Henri-Paul Damibia da parte del regime militare virulentemente antifrancese del capitano Ibrahim Traore in Burkina Faso. Anche il governo civile eletto di Roch Marc Christian Kabore ha avuto un rapporto difficile con il governo francese prima che fosse rovesciato dai golpisti guidati dal colonnello Damibia.

Il riuscito colpo di stato in Gabon del 30 agosto 2023 è stato provocato da un’altra controversa elezione presidenziale, presumibilmente vinta da Ali Bongo. Tuttavia, il colpo di stato non è in alcun modo rivolto alla Francia o ai suoi interessi in Gabon, almeno per ora.

I golpisti hanno insediato il generale di brigata Brice Nguema come capo militare, il che è semplicemente un altro modo per dire che i soldati ammutinati non sono realmente seri riguardo al vero cambiamento.

Il generale con una stella messo a capo del Gabon era uno stretto collaboratore del semi-invalido Ali Bongo ed è stato implicato nella corruzione della dinastia regnante Bongo.

Il 3 agosto 1979, il maggiore generale Teodoro Obiang Nguema (a sinistra) rovesciò suo zio psicopatico, il presidente Francisco Macias Nguema (a destra) nella Guinea Equatoriale. Il presidente civile deposto è stato processato e giustiziato per l’omicidio di massa di oppositori politici, alcuni alleati e persino membri della sua stessa famiglia, compreso il fratello di Teodoro.

Ciò che è addirittura esilarante in questa vicenda è che il nuovo sovrano militare del Gabon, il generale di brigata Brice Nguema, ha lo stesso cognome del sovrano della vicina Guinea Equatoriale, il presidente Teodoro Obiang Nguema. Ma questa non è l’unica somiglianza.

Il nuovo sovrano militare gabonese è in realtà il cugino di primo grado di Ali Bongo, il che rende il colpo di stato dell’agosto 2023 un affare di famiglia non diverso dal colpo di stato dell’agosto 1979 in Guinea Equatoriale, che vide il maggiore generale Teodoro Obiang Nguema rovesciare e poi giustiziare suo zio, il presidente. Francisco Macías Nguema.

Teodoro Obiang Nguema governò la Guinea Equatoriale come governante militare dal 1979 al 1982. Poi si ritirò dalle forze armate, scrisse una nuova costituzione e organizzò le elezioni generali. Successivamente si è trasformato in un presidente civile e da allora governa il suo paese “democratico” .

Otterremo la stessa cosa dal nuovo sovrano militare gabonese che condivide lo stesso cognome della sua controparte nella vicina Guinea Equatoriale? Il tempo lo dirà.

Il nuovo sovrano militare gabonese, il generale di brigata Brice Nguema, è il cugino di primo grado del deposto presidente Ali Bongo. Il generale con una stella ha spiegato di aver rovesciato Ali Bongo a causa del malcontento crescente nel Paese dopo l’ictus di suo cugino nel 2018
Il sudcoreano Maitre Park, raffigurato nella sua casa gabonese con un enorme baule pieno di contanti

Nel frattempo, in tutta la capitale Libreville vengono rinvenuti mucchi e mucchi di denaro sottratto dal presidente deposto.

Ben 70 miliardi di franchi CFA (155 milioni di dollari) sono stati trovati dentro e intorno alla casa di Maitre Park, un amico sudcoreano di Ali Bongo che vive in Gabon da parecchio tempo. Un sacco di soldi sono stati recuperati anche dalla casa di Ian Ngoulou, un assistente personale di Noereddin Valentin Bongo, il figlio di 31 anni di Ali Bongo.

Tutte queste scoperte sono state trasmesse dalla TV statale del Gabon, provocando l’indignazione dei cittadini. Il nuovo sovrano militare si è mosso per pacificare la popolazione, promettendo che i funzionari pubblici che si appropriassero indebitamente di denaro sarebbero stati perseguiti.

Guarda questo breve video clip del nuovo sovrano militare che parla alla stampa:

Immagino che il nuovo sovrano gabonese si esenterà dai procedimenti giudiziari per i suoi misfatti finanziari mentre lavorava come guardia del corpo personale del cugino che ha estromesso dal potere.

V. REAZIONE DELL’UNIONE AFRICANA AL COLPO DI STATO

Sebbene i singoli paesi della sottoregione dell’Africa occidentale abbiano condannato il colpo di stato militare che ha deposto Ali Bongo dal potere, l’organizzazione ECOWAS non ha alcun ruolo da svolgere in Gabon poiché si trova nell’Africa centrale.

L’Unione Africana ha un ruolo da svolgere. L’organizzazione panafricana ha condannato il colpo di stato militare in Gabon e ha sospeso la sua partecipazione all’organizzazione, proprio come ha già fatto con la Guinea, il Mali, il Burkina Faso e la Repubblica del Niger governati dai militari.

Molti lettori che non hanno familiarità con la storia postcoloniale dell’Africa potrebbero non capire perché l’Unione Africana si oppone di riflesso ai colpi di stato, alcuni dei quali sono presumibilmente visti come “antimperialisti” .

La recente ondata di colpi di stato avvenuti nel continente è in realtà un ritorno al passato. Se avessi visitato il continente nel 1990, avresti notato che quasi tutti i paesi africani erano sotto il giogo di un sovrano militare e un numero significativo di essi erano nel mezzo di una guerra civile.

A metà degli anni ’60, ’70, ’80 e ’90, i colpi di stato militari erano molto comuni nel continente e in alcuni casi innescarono una catena di eventi che sfociarono in guerre devastanti.

Il colpo di stato militare del gennaio 1966 in Nigeria fu compiuto da giovani ufficiali idealisti che volevano porre fine alla corruzione in Nigeria. Sfortunatamente, quel colpo di stato scatenò una catena di eventi che sfociarono nella guerra civile Nigeria-Biafra (1967-1970) che uccise quasi tre milioni di persone.

Il colpo di stato liberiano dell’aprile 1980 ha posto le basi per due guerre civili (1989-1997 e 1999-2003). Il colpo di stato militare del gennaio 1971 in Uganda portò direttamente alle espulsioni razziali del 1972 e alla guerra tra Uganda e Tanzania (1978-1979) . Quel colpo di stato pose anche le basi per la guerra nella foresta ugandese (1980-1986) .

L’insurrezione jihadista è diventata per la prima volta un serio problema regionale alla fine degli anni ’90 come conseguenza della guerra civile algerina (1992-2002) , innescata da un colpo di stato militare avvenuto l’11 gennaio 1992 per impedire il Fronte islamico di salvezza ( FIS) dalla presa del potere politico nello stato nordafricano. Il popolarissimo FIS aveva vinto le elezioni parlamentari del dicembre 1991 e avrebbe dovuto formare il governo nazionale quando i golpisti colpirono.

I ribelli jihadisti cacciati dall’Algeria si sono semplicemente spostati nella parte settentrionale del Mali e hanno operato lì.

I servizi segreti francesi classificano “Belmokhtar” come il terrorista più pericoloso del mondo
Il terrorista jihadista algerino Mokhtar Belmokhtar ha terrorizzato sia l’Algeria che il Mali. È stato uno dei tanti jihadisti che hanno beneficiato indirettamente della ricchezza di armi lanciate dalla NATO ai jihadisti libici che combattevano Gheddafi nel 2011.

La distruzione dello Stato libico da parte della NATO nell’ottobre 2011 non ha fatto altro che peggiorare il problema preesistente del terrorismo jihadista nella cintura del Sahel. Le origini possono essere ricondotte alla sanguinosa guerra civile durata un decennio in Algeria.

Il governo imperiale dell’Etiopia fu rovesciato da un colpo di stato militare architettato da soldati marxisti il ​​12 settembre 1974. Quel colpo di stato portò alla dissoluzione dell’impero etiope di 704 anni e all’instaurazione di uno stato marxista-leninista al suo posto. .

Pochi giorni dopo il colpo di stato, un gruppo di marxisti scontenti e contrari al nuovo regime comunista prese le armi, innescando la guerra civile etiope (1974-1991) . La guerra civile tra ribelli marxisti e soldati dello stato marxista-leninista costò la vita a 1,4 milioni di persone, la maggior parte delle quali fu dovuta alla carestia avvenuta nel mezzo della guerra.

Il colpo di stato militare del generale Mohammed Said Barre dell’ottobre 1969 fu accolto con favore da molti in Somalia. Tuttavia, la promozione da parte del golpista del progetto della Grande Somalia – che cercava di annettere le aree etniche somale dell’Etiopia orientale e del Kenya nord-orientale – portò infine alla disastrosa guerra Etiopia-Somalia (1977-1978) .

La sconfitta della Somalia in quella guerra portò a disordini politici interni che alla fine degenerarono nella guerra civile somala (1981-oggi) e la regione nordoccidentale del paese si dichiarò unilateralmente Repubblica indipendente del Somaliland il 18 maggio 1991.

La tolleranza nei confronti dei colpi di stato è stata una delle numerose ragioni per cui l’inefficace Organizzazione dell’Unità Africana (OUA) è stata sciolta il 9 luglio 2002. La sua sostituta, l’ Unione Africana (UA) pro-integrazionista , ha da allora stabilito che non avrebbe mai riconosciuto le giunte militari in quanto era stata una delle cause della destabilizzazione del continente ( a parte l’ingerenza esterna di USA e Francia ).

VI. REAZIONE FRANCESE AL colpo di stato

Sia i media tradizionali che quelli alternativi esultano per la fine dell’influenza francese in Gabon. Continuano erroneamente a paragonare il Mali e il Burkina Faso al Gabon, nonostante le evidenti differenze nelle loro storie e culture politiche.

Ecco un video di cittadini comuni che celebrano il colpo di stato militare gabonese:

Cosa noti nei celebranti civili che abbracciano i soldati che hanno partecipato al colpo di stato militare?

Ebbene, non ci sono né bandiere russe né denunce pubbliche del “neocolonialismo francese” .

Di seguito ne abbiamo un altro. Questa volta si tratta di riprese video di soldati in uniforme mimetica e di alcuni civili che celebrano il successo del colpo di stato militare. Stanno urlando: “non ci importa di Ali Ben, è maledetto”.

Ancora una volta, nessuno sventola bandiere russe o denuncia la Francia. Tutto il vetriolo è riservato ad Ali Ben Bongo.

Ciò potrebbe sorvolare le persone che pubblicano su YouTube, Telegram e Twitter. Ma è importante capire che il Gabon non ha niente a che vedere con il Burkina Faso o il Mali.

Per ragioni storiche, la stragrande maggioranza della popolazione gabonese è piuttosto francofila . Sotto questo aspetto, il Gabon rappresenta un’eccezione peculiare nell’Africa francofona.

Naturalmente, il governo Macron di Parigi ha rilasciato una dichiarazione ufficiale in cui denuncia il colpo di stato militare contro Ali Bongo.

Il portavoce del governo francese Olivier Veran ha dichiarato:

“La Francia condanna il colpo di stato militare in corso in Gabon e segue da vicino gli sviluppi nel paese, e ribadisce il suo desiderio che il risultato delle elezioni, una volta noto, sia rispettato”.

Ma la verità è che la Francia non è affatto preoccupata per questo colpo di stato militare poiché il generale di brigata Brice Nguema, silenziosamente filo-francese, è il nuovo sovrano militare del Gabon.

Considerati i legami familiari diretti di Nguema con la dinastia regnante Bongo, il governo francese non ritiene che i suoi stretti legami economici, diplomatici e militari con il Paese centrafricano siano in pericolo.

Nessuno ha chiesto l’espulsione dei 400 soldati francesi di stanza in Gabon, anche se la Francia ha sospeso la cooperazione militare con la nuova giunta in attesa del “chiarimento della situazione politica”.

Miei cari lettori, c’è una buona ragione per cui il presidente francese Emmanuel Macron non ha esagerato con il colpo di stato del Gabon come aveva fatto quando i golpisti presero il potere nella Repubblica del Niger.

Sostenere una forte attenzione all’AfricaSupport Sharp Focus on Africa

Di Chima · Lanciato 7 mesi faBy Chima · Launched 7 months ago

Iscriviti per ricevere un’analisi approfondita degli eventi attuali che si stanno svolgendo nel continente africano, dall’Egitto al Sud Africa.Subscribe to receive a deep analysis of current events unfolding on the continent of Africa from Egypt to South Africa.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

La questione del Sahel, di Bernard Lugan

La questione del Sahel è visibile nella fragilità dei suoi Stati, nell’azione del jihadismo e nell’onnipresenza della criminalità. Le chiavi di lettura della questione del Sahel possono essere raggruppate intorno a dieci questioni principali:
1) Come area di contatto e di transizione, ma anche come frattura razziale tra l’Africa “bianca” e “nera”, il Sahel riunisce la civiltà meridionale dei granai, o Bilad el-Sudan (la terra dei neri), e la civiltà nomade del nord, Bilad el-Beidan (la terra dei bianchi).
2) Ambiente naturalmente aperto, il Sahel è oggi diviso da confini artificiali, vere e proprie trappole per le persone, il cui tracciato non tiene conto delle grandi zone di transumanza attorno alle quali si è scritta la sua storia.
3) La vastità del Sahel è il dominio del lungo periodo, in cui l’affermazione di una costanza islamica radicale è soprattutto l’alibi per l’espansionismo di alcuni popoli (berberi almoravidi nell’XI secolo, peul nel XVIII e XIX secolo).
4) A partire dal X secolo, e per oltre mezzo millennio, dal fiume Senegal al lago Ciad si sono succeduti regni e imperi (Ghana, Mali e Songhay) che hanno controllato le rotte meridionali del commercio trans-sahariano. Il commercio odierno si basa su queste grandi rotte.
5) A partire dal XVII secolo, le popolazioni sedentarie furono prese nella tenaglia predatoria dei Tuareg a nord e dei Peul a sud.
6) Alla fine del XIX secolo, la conquista coloniale bloccò l’espansione di queste entità nomadi e offrì la pace alle popolazioni sedentarie.
7) La colonizzazione ha certamente liberato i meridionali dalla predazione del nord, ma allo stesso tempo ha riunito razziatori e razziati entro i confini amministrativi dell’AOF (Africa Occidentale Francese).
8) Con l’indipendenza, i confini amministrativi interni dell’AOF divennero confini statali all’interno dei quali, essendo i più numerosi, i meridionali prevalsero sui settentrionali secondo le leggi dell’etnomatematica elettorale.
9) La conseguenza di questa situazione fu che in Mali, Niger e Ciad, a partire dagli anni ’60, i Tuareg e i Toubou che rifiutavano di essere sottomessi dai loro ex affluenti meridionali si sollevarono.10) I trafficanti fiorirono allora in tutto il Sahel.
Poi, a partire dagli anni Duemila, gli islamojihadisti si sono opportunisticamente intromessi nel gioco politico locale, facendo sì che la ferita etnico-razziale, aperta dalla notte dei tempi, si incancrenisse. Una ferita tanto più difficile da rimarginare se si considera che la regione è una terra in palio per le sue materie prime e il suo ruolo di snodo per numerosi traffici, con l’esplosione demografica suicida sullo sfondo.

RIFLESSIONI SULLA QUESTIONE DEL SAHEL

Il conflitto che attualmente sta coinvolgendo Mali, Burkina Faso e Niger è scoppiato nel gennaio 2012 nel nord del Mali, quando i combattenti tuareg hanno messo in fuga le forze armate maliane. All’epoca, stavamo assistendo alla chiara rinascita di un conflitto secolare tra Tuareg e sedentari del Sud, ma i “decisori” francesi commisero un grave errore di analisi. Non hanno capito – o si sono rifiutati di farlo – che l’islamismo non era altro che una copertura per le continue rivendicazioni dei Tuareg fin dall’indipendenza del Paese, e che non era altro che la superinfezione di una piaga etno-razziale millenaria. Accantonata l’operazione Serval, con la partenza dal Mali delle forze francesi e poi di quelle dell’ONU, il vero problema maliano è riapparso alla luce del sole. E non è l’islamismo, ma l’irredentismo tuareg. Lo scorso 12 settembre le forze armate maliane hanno subito un attacco mortale a Bourem, proprio il luogo in cui, nel gennaio 2012, è iniziata la guerra in Mali e che ha mandato in fiamme l’intera regione. Quanto a Timbuctù, all’inizio di ottobre era praticamente circondata, ma da allora si è assistito a un’inversione di tendenza, con una sorta di tregua tra i gruppi dello Stato Islamico e le Forze armate maliane che, sostenute da Wagner, sono riuscite a liberare Timbuctù prima di prendere la città di Kidal, la “capitale” tuareg. Le implicazioni di queste operazioni sono chiare: per lo Stato Islamico, il cui nemico prioritario è l’alleanza Tuareg-Al Qaeda, i suoi leader sembrano aver scelto di lasciare che l’esercito maliano e i Tuareg si affrontino in una battaglia che li esaurirà entrambi… prima di lanciare una grande offensiva in un secondo momento.

I TUAREG SCOMPARIRANNO?

Con la progressiva riduzione del loro territorio, i Tuareg sono minacciati di estinzione dal suicidio demografico sahelo-sahariano, poiché la loro terra d’origine viene gradualmente colonizzata da migranti provenienti da tutto il Sahel. Il risultato è una crisi sociale che non offre prospettive ai giovani inattivi. Senza futuro se non nel traffico di ogni genere, i giovani tuareg vengono lentamente, e per certi versi inesorabilmente, emarginati.

All’inizio del XX secolo, la vastità del Sahel-Sahara era abitata da quasi 2.500.000 persone suddivise in diversi gruppi etnici, alcuni nomadi, altri sedentari, distinti per lingua: a nord vivevano i Berberi (Sanhaja, Touareg, Mozabiti), i Mori (Arabi-Berberi), gli Arabi (Chaamba, Kunta), i Toubou e gli Zaghawa. Nel sud c’erano molti popoli, alcuni nomadi come i Peul, altri prevalentemente sedentari. Oggi i Tuareg costituiscono solo una minoranza tra i gruppi etnici del nord. Stimati in circa un milione e mezzo, si trovano nel sud dell’Algeria, intorno al Tassilin’Ajjer e alle città di In Salah, Djanet e Tamanrasset, nel nord del Mali e in Niger, intorno a Bilma e Agadez. L’esplosione demografica fa sì che entro il 2040 la popolazione del Sahel sarà raddoppiata, raggiungendo i 150 milioni. Le regioni tuareg settentrionali del Mali hanno visto la loro popolazione crescere del 72% dal 1987, con una media annua del 3,6%, e addirittura dell’80% a Kidal e Timbuctù in soli quattro anni, dal 2005 al 2009. In Niger, Paese con il più alto tasso di fertilità al mondo (7,1 figli per donna), il tasso di crescita annuale è stato di circa il 3% negli ultimi dieci anni e la regione sahariana di Agadez (Arlit, Bilma, Tchirozérine) ha accolto non meno di 70.000 nuovi arrivi tra il 2008 e il 2011. In Ciad, Abéché supera oggi i 200.000 abitanti, grazie soprattutto a un tasso di natalità che si avvicina al 45‰ e a una popolazione molto giovane (il 46% ha meno di 15 anni). La crescita demografica e l’urbanizzazione hanno un’influenza diretta sulle popolazioni locali, sempre più emarginate numericamente: nelle regioni di Gao e Timbuctù i touareg, che costituivano un terzo della popolazione all’epoca dell’ultimo censimento coloniale del 1950, sono oggi meno del 20%.
Questo declino, dovuto essenzialmente alla migrazione, può essere spiegato anche da un tasso di natalità inferiore a quello di altri gruppi etnici, da un aumento dei matrimoni esogami e da una significativa migrazione verso il Nord e il Golfo di Guinea. Tuttavia, questo declino è essenzialmente il risultato di nuove popolazioni provenienti dal nord (arabi del Maghreb) e dal sud (bambara, zerma) che si sono insediate nelle terre dei tuareg, sia come migranti che come lavoratori attratti da aziende straniere. La rete urbana è quindi cambiata nell’arco di un decennio. Più grandi e più numerose, le città della regione del Sahel-Sahara sono anche più varie e, accanto alle vecchie città crocevia come Timbuctù, Mourzouk e N’Djamena, stanno emergendo nuove città come Faya-Largeau, Dirkou, Arlit e Taoudéni, oltre a città di medie dimensioni (Djanet, Ghat, Ain Guezzam e Zouar) che fungono da punti di sosta sulle rotte trans-sahariane, ma anche da alternative alle grandi città incapaci di offrire un futuro ai migranti. In Mali, diverse città, come Koro e Tonka, che non esistevano nel 2005, hanno ora più di 50.000 abitanti. Questo fenomeno sta interessando anche il Nord. In Libia, ad esempio, la popolazione del Fezzan è cresciuta a un tasso annuo superiore al 10% dal 1984, mentre quella delle wilaya del sud della Tunisia (Médenine, Tataouine, Kébili e Tozeur) è aumentata dell’80% dal 2004. In Algeria, la popolazione della sola wilaya di Adrar è aumentata del 39% dal 1998.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

UN’ANALISI CORRETTA E APPROFONDITA DELLO SCONTRO IN SUDAN, di CHIMA

UN’ANALISI CORRETTA E APPROFONDITA DELLO SCONTRO IN SUDAN

Secondo alcune pubblicazioni, il conflitto sudanese sarebbe stato istigato dagli americani perché infastiditi dal regime militare sudanese per aver negoziato un accordo che permetterà alla Russia di installare una base militare vicino alla costa del Mar Rosso del Paese africano.

Al contrario, alcuni media occidentali (ad esempio la CNN International) hanno affermato che è stata la Russia a istigare il conflitto. Questa accusa si basa sul fatto che i paramilitari delle Forze di Supporto Rapido (RSF) – per volere dell’ormai defunto governo di Omar al-Bashir – hanno ricevuto un addestramento da parte dei mercenari russi Wagner diversi anni fa.

Dirò subito che entrambe le accuse sono false. Né la Russia né gli Stati Uniti d’America sono responsabili del violento conflitto che imperversa in Sudan.

Lo scontro in Sudan è un affare puramente interno, il culmine di una serie di eventi che hanno finalmente causato l’esplosione di un barile di polvere da sparo vecchio di dieci anni, che ribolliva a fuoco lento dall’agosto 2013. La suddivisione della vicenda avverrà qui di seguito, man mano che procederemo.

Si è parlato molto dell’incontro tra i rappresentanti del governo statunitense e i leader paramilitari della RSF prima dei violenti scontri. Ciò che non viene menzionato da nessuno è che i rappresentanti del governo statunitense si sono incontrati molto più spesso con l’esercito sudanese di quanto non facciano con la rivale RSF e che hanno ottenuto molte ricompense e concessioni da tali contatti.

Tali contatti hanno convinto il regime misto civile-militare sudanese post-golpe a firmare gli Accordi di Abramo mediati dal governo statunitense dell’allora Presidente Donald Trump nel 2021. Ulteriori contatti con i rappresentanti statunitensi hanno portato il governatore militare sudanese de facto, il generale Abdel Fattah al-Burhan, a tenere un incontro molto pubblico, all’inizio di quest’anno, con Eli Cohen, all’epoca ministro dell’Intelligence israeliano.

L’origine dello scontro tra le forze armate sudanesi e i paramilitari dell’Rsf può essere fatta risalire alla guerra del Darfur, scoppiata nel 2003. Il conflitto del Darfur è una conseguenza della seconda guerra civile sudanese (1983-2005), che ha portato alla divisione del Paese il 9 luglio 2011.

Da quando, il 1° gennaio 1956, il Sudan ha ottenuto l’indipendenza dal Regno Unito e dall’ormai defunto Regno d’Egitto, le varie etnie che costituiscono la popolazione sudanese sono sempre state ai ferri corti.

La più grande di queste etnie era quella dei nubiani arabizzati, le persone di colore caramello che di solito vengono chiamate “arabi sudanesi” – un termine che considero un po’ improprio, dato che queste persone non sono realmente arabi, ma semplicemente africani dalla pelle più chiara che sono stati assimilati alla cultura e alla lingua araba.

Mi affretto inoltre ad aggiungere che una manciata di gruppi etnici di pelle scura di ascendenza nilo-sahariana e cushitica si sono uniti ai nubiani dalla pelle caramellata nel rivendicare l’identità di “arabo sudanese”.

Nonostante le mie perplessità sulla terminologia “arabo sudanese”, la utilizzerò per gli scopi di questo articolo.

Gli arabi sudanesi costituivano il 40% del Sudan prima della sua spartizione nel 2011 e controllano di fatto tutte le leve del potere nel Paese. Gestiscono tutte le istituzioni governative a livello nazionale e regionale e controllano le forze armate.

Il restante 60% della popolazione era costituito da africani generalmente di pelle scura, suddivisi in una moltitudine di etnie di varie dimensioni, distribuite in modo disomogeneo sul territorio del Sudan pre-partizione, la più grande massa terrestre del continente africano.

La stragrande maggioranza degli africani dalla pelle scura viveva nel Sudan meridionale ed era per lo più cristiana. Ma c’era una consistente minoranza di musulmani dalla pelle scura, originari del Sudan settentrionale e che non rivendicano l’identità di “arabi sudanesi”.

Indipendentemente dalla fede religiosa, questi gruppi etnici dalla pelle scura tendevano a subire vari gradi di discriminazione da parte delle élite dominanti arabe sudanesi dalla pelle più chiara.

Le discriminazioni subite dalle etnie sudanesi del Sud dalla pelle scura erano particolarmente intense perché erano in gran parte cristiane. Ciò ha portato alla prima guerra civile sudanese (1955-1972), che si è conclusa con un accordo di pace mediato dall’imperatore etiope Hailé Selassié.

L’accordo di pace concesse l’autonomia politica al Sudan meridionale e permise all’intero Paese di vivere quasi dieci anni di relativa pace.

Tuttavia, quando un importante leader dei Fratelli Musulmani, Hassan al-Turabi, fu nominato procuratore generale del Sudan nel novembre 1981, la fiducia nel governo nazionale crollò in tutto il Sudan meridionale.

La crescente influenza dei Fratelli Musulmani all’interno del governo nazionale – iniziata alla fine degli anni ’70 – si era lentamente manifestata in politiche discriminatorie nei confronti dei non musulmani. Questa discriminazione ha raggiunto il suo apice nel 1983, quando l’autonomia politica concessa al Sud Sudan è stata revocata e la sharia è stata imposta in tutto il Paese.

Quando i sud sudanesi iniziarono una violenta protesta contro queste misure, il governo nazionale inviò un battaglione dell’esercito nel Sud per sedare i disordini. Una volta giunto nel Sud, il battaglione dell’esercito, interamente composto da soldati sud sudanesi guidati dal colonnello John Garang, ha disertato per passare dalla parte dei manifestanti.

Giorni dopo, il governo nazionale dichiarò che nel Sud si era verificato un ammutinamento e inviò altri reggimenti militari per combattere i manifestanti e i soldati rinnegati di Garang. Quel singolare evento fu l’innesco della Seconda guerra civile sudanese, che infuriò per 21 anni e 7 mesi, diventando una delle guerre civili più lunghe della storia post-coloniale del continente africano, superata solo dalla guerra civile angolana (1975-2002).

All’inizio degli anni 2000, la guerra civile è entrata in una fase di stallo, creando incentivi per una soluzione pacifica. I colloqui di pace tra i ribelli del Sudan meridionale e il governo sudanese erano ancora in corso quando, nel 2003, è scoppiato un conflitto separato in un’altra parte del Sudan.

Questo nuovo conflitto aveva le caratteristiche familiari. Ha contrapposto il governo sudanese a maggioranza araba del generale Omar al-Bashir a un assortimento di ribelli africani dalla pelle scura nella regione nord-occidentale del Darfur. A differenza dei ribelli cristiani del Sudan meridionale, questi nuovi ribelli del Darfur erano musulmani come i soldati arabi sudanesi che combattevano.

Stremate da anni di lotta contro i ribelli del Sudan meridionale, le forze armate nazionali del Sudan non erano in grado di combattere questa nuova guerra separata che si svolgeva nel nord-ovest.

A differenza del Sud, la regione nord-occidentale presentava enormi distese desertiche e l’esercito faticava a tenere il passo dei ribelli musulmani del Darfur, che attraversavano rapidamente le pianure sabbiose a bordo di pick-up con mitragliatrici montate nella parte posteriore; un’innovazione che avrebbe fatto meravigliare l’anarchico ucraino Nestor Makhno per come le cose sono cambiate dai tempi della Tachanka (un carro trainato da cavalli con una pesante mitragliatrice montata nella parte posteriore, che si suppone sia stata inventata da Nestor).

Nelle vaste distese delle pianure nord-occidentali non pattugliate dall’esercito sudanese, è apparsa improvvisamente una milizia privata per combattere i ribelli musulmani Dafuri. Questa milizia, nota come Janjaweed, era composta quasi interamente da civili arabi sudanesi a cavallo, armati alla leggera, ed era guidata da un uomo che per vivere vendeva cammelli. Il suo nome era Mohammed Hamden Dagalo.

La milizia privata Janjaweed di Hamden Dagalo fu probabilmente più efficace nel combattere i ribelli Darfuri rispetto all’esercito nazionale sudanese, stanco della guerra. Tuttavia, le operazioni di controinsurrezione di Hamden Dagalo non si limitavano ai ribelli musulmani in pick-up, ma si estendevano al massacro di civili comuni che condividevano la stessa pelle scura ed etnia dei ribelli. Nulla di tutto ciò preoccupava il generale Omar al-Bashir, il governatore militare del Sudan dal 1989 fino al suo rovesciamento nel 2019.

Bashir era entusiasta che ci fosse una forza privata là fuori, nella regione nord-occidentale, ad affrontare questi nuovi ribelli in un momento in cui stava cercando di fare un accordo di pace con i sudanesi del Sud e di salvare il Paese dalla disgregazione. Ha sostenuto senza riserve le forze irregolari Janjaweed di Hamden Dagalo e le ha difese dalle accuse di crimini di guerra contro i civili.

Per aver svolto un lavoro efficace contro i ribelli Darfuri, Omar al-Bashir ha iniziato a fornire fondi governativi e armi ai Janjaweed e il loro leader è diventato un amico intimo del capo militare sudanese. Nel frattempo, l’esercito nazionale, pur apprezzando gli sforzi dei Janjaweed, era diffidente nei confronti del livello di armamento che veniva elargito alla milizia privata. Già nel 2004, l’alto comando militare sudanese aveva invitato alla cautela, ma Omar al-Bashir non era dell’umore giusto per ascoltare.

Nel 2005, Bashir ha firmato un accordo di pace con il Sudan meridionale, che prevedeva l’indizione di un referendum entro sei anni per stabilire se il Sud dovesse secedere o rimanere parte di un Sudan unito.

L’alto comando militare sudanese era contrario a qualsiasi referendum sulla divisione del Paese, ma Bashir non lo ascoltò. Era fermamente convinto che i sudanesi del Sud avrebbero votato nel futuro referendum per rimanere parte di un Sudan unito. E aveva buone ragioni per crederlo.

Il più potente leader dei ribelli sudsudanesi, John Garang, era un convinto sostenitore del Sudan unito e aveva coniato la parola “sudanismo” per definire un insieme di idee su come un Sudan unito, dopo la guerra, avrebbe dovuto essere governato con uguali diritti di cittadinanza per tutti i sudanesi, indipendentemente dalla religione, dall’etnia e dalla regione di provenienza.

Dopo la firma dell’accordo di pace del 2005, Bashir ha fatto quanto segue: (1) ha elevato John Garang alla carica di Vice Presidente del Sudan; (2) ha riservato il 20% dei posti di lavoro del governo nazionale ai sud sudanesi; (3) ha ripristinato la Regione autonoma del Sud Sudan, abolita nel 1983, con tutti i diritti di sfruttare le proprie risorse petrolifere e di mantenere una forza militare separata dalle forze armate nazionali del Sudan.

Il sogno di Bashir di preservare il Sudan come Paese unito si è infranto quando John Garang è morto in un incidente in elicottero il 30 luglio 2005 mentre era in visita nella vicina Uganda. Il defunto leader sudanese era stato vicepresidente del Sudan per sole tre settimane prima di morire.

Un altro leader sud sudanese, Salvar Kiir, è diventato vicepresidente del Sudan l’11 agosto 2005. A differenza di John Garang, egli ha respinto il concetto di “sudanismo” e ha subito dichiarato la sua intenzione di chiedere la piena indipendenza della Regione autonoma del Sud Sudan nel prossimo referendum del 2011.

Nel frattempo, la guerra separata nella regione nord-occidentale tra il governo arabo sudanese musulmano e i ribelli musulmani del Darfur continuava senza sosta. I Janjaweed di Hamden Dagalo sono diventati più potenti grazie al sostegno del loro benefattore, il presidente Omar al Bashir.

Nel 2009, Bashir è stato incriminato dalla Corte Penale Internazionale (CPI) per “genocidio” presumibilmente commesso dalla milizia privata Janjaweed, che lui stesso sosteneva. Tuttavia, devo dire che le accuse della Corte penale internazionale hanno più a che fare con l’ostilità di Bashir nei confronti degli Stati Uniti che con qualsiasi cosa abbiano fatto i combattenti Janjaweed.

Nel 2011, il Sud Sudan è diventato un Paese indipendente, cambiando radicalmente la demografia etnica del nuovo Stato federale del Sudan. L’etnia araba sudanese è passata dal 40% della popolazione precedente alla spartizione al 70% della popolazione ridotta dopo la spartizione. Mantenere il controllo della travagliata regione nord-occidentale è diventata una priorità assoluta per il nuovo Stato federale.

L’anno 2013 è fondamentale perché è stato il momento in cui la milizia privata nota come Janjaweed è diventata improvvisamente il nucleo di una nuova forza paramilitare governativa chiamata Rapid Support Force (RSF), incaricata di distruggere i ribelli Darfuri.

Nonostante non avesse né un’istruzione formale né un addestramento militare, il leader civile della milizia Janjaweed, Hamden Dagalo, è stato proclamato “brigadiere generale” della neonata RSF dal suo amico e benefattore, il presidente Omar al-Bashir. I militari sudanesi professionisti sono rimasti inorriditi.

Questo evento ha completato la rottura del rapporto tra Bashir e i vertici militari, iniziata con l’accordo di Bashir di consentire un referendum nel Sudan meridionale.

Temendo che i militari sudanesi potessero rovesciarlo, Bashir ha iniziato a costruire la Forza di sostegno rapido (RSF) come esercito alternativo che fosse fedele e lo proteggesse da qualsiasi colpo di Stato.

Nel 2018, il paramilitare RSF era a malapena riconoscibile dalla sua precedente incarnazione di milizia Janjaweed. Mentre la Janjaweed era composta principalmente da uomini a cavallo armati alla leggera, la RSF era equipaggiata con obici, mortai, elicotteri da combattimento e carri armati cingolati.

Quando Mohammed Bin Salman ha chiesto aiuto al Sudan per combattere i combattenti Houthi dello Yemen, il presidente Omar al Bashir non si è preoccupato di parlare con l’esercito sudanese. Ha parlato con il suo amico Hamden Dagalo, ora “tenente generale”, che ha immediatamente accettato di inviare 6.000 paramilitari della RSF per assistere le forze di invasione saudite nello Yemen.

Hamden Dagalo era obbligato a fare tutto ciò che Bashir gli chiedeva perché era diventato un uomo estremamente ricco grazie al patrocinio del sovrano militare sudanese. Con l’acquiescenza di Bashir, Dagalo aveva usato i suoi paramilitari dell’RSF per requisire una miniera d’oro ed era diventato rapidamente il più grande commerciante d’oro del Paese.

Quando nel dicembre 2018 sono scoppiate le proteste popolari contro il regime di Bashir, Hamden Dagalo si è schierato decisamente dalla parte del suo benefattore. I paramilitari della RSF sono scesi nelle strade della città di Khartoum per picchiare i manifestanti e spruzzare gas lacrimogeni tutt’intorno.

L’11 aprile 2019, l’esercito sudanese guidato dal tenente generale Ahmed Awad Ibn Auf ha dichiarato che Omar al-Bashir non era più presidente del Sudan.

Hamden Dagalo amava Bashir, ma non era intenzionato a scendere in campo con il suo benefattore. Ha cambiato rapidamente schieramento e ha usato la sua forza paramilitare RSF per arrestare e detenere Omar al-Bashir.

Il cambio di lealtà di Dagalo ha evitato quello che avrebbe potuto essere un violento scontro tra le forze armate sudanesi e le Rapid Support Forces (RSF) dopo che Ahmed Awad Ibn Auf aveva dichiarato la fine del regime di Omar al-Bashir.

Mentre i vertici militari sudanesi volevano ancora che la RSF cessasse di esistere come entità indipendente, il cambio di lealtà della forza paramilitare è stato molto apprezzato e premiato.

Per aver tradito il suo ex benefattore, Hamden Dagalo è stato integrato nel “Consiglio militare di transizione” che ha preso il potere dopo la destituzione di Omar al-Bashir. Il leader del colpo di Stato, Ahmed Awad Ibn Auf, ha guidato la giunta militare per sole 24 ore prima di essere costretto a dimettersi a favore del generale Abdel Fattah al-Burhan, che è stato poi riconosciuto a livello internazionale come il sovrano militare de facto del Sudan.

A seguito di una nuova carta costituzionale negoziata con politici civili, il “Consiglio militare di transizione” è stato sciolto nell’agosto 2019 e sostituito con un regime misto civile-militare in cui il potere è stato condiviso tra il generale Abdel Fattah al-Burhan, il tenente generale Yasir al-Atta, il tenente generale Shams al-Din Khabbashi, il leader paramilitare di RSF Hamdan Dagalo e un gruppo di politici civili guidati dal primo ministro Abdalla Hamdok.

Invece di rispettare l’accordo di dimettersi da capo del regime misto civile-militare, il generale Abdel Fattah al-Burhan ha effettuato un colpo di Stato nell’ottobre 2021, che ha sciolto il regime misto civile-militare a favore di una giunta militare pura.

Come detto all’inizio di questo articolo, sia la RSF che le forze armate sudanesi non hanno problemi con la Russia o con il suo desiderio di avere una base navale sul Mar Rosso. L’esercito sudanese riceve la maggior parte del suo equipaggiamento dalla Russia (e dalla Cina), mentre i paramilitari dell’RSF sono passati da irregolari a malapena addestrati a combattenti militari professionisti e completamente motorizzati grazie all’addestramento adeguato fornito dai mercenari Wagner sostenuti dal Cremlino.

In realtà, le uniche persone che hanno espresso dubbi sull’accordo per la base navale sono stati i politici civili all’interno del regime misto civile-militare. Si pensava che fossero preoccupati per la sovranità nazionale. Ma la questione è ormai superata perché il colpo di Stato dell’ottobre 2021 ha eliminato la maggior parte dei politici civili.

Non ho visto prove che il generale Abdel Fattah al-Burhan o il leader dell’RSF Hamdan Dagalo siano ostili alla Russia.

Ma vedo le prove del disprezzo dei militari per l’RSF e il loro rifiuto di superare il fatto che Hamdan Dagalo è un civile semianalfabeta che sfila con l’uniforme mimetica di un tenente generale mentre trae profitto da una miniera d’oro che dovrebbe essere controllata dallo Stato federale sudanese.

Questa è la vera causa dell’esplosione del barile di polvere da sparo, che ha continuato a sobbollire sotto le fiamme di un lento incendio sin dalla creazione di RSF da parte di Omar al-Bashir nell’agosto 2013.

CONTINUA LA CARNEFICINA DELLA GUERRA IN SUDAN

IMPORTANT NOTE: This write-up is the sequel to an earlier article I had published about the crisis engulfing Sudan. If you haven’t already done so, please read that earlier article first before reading this one.


Sudanese remember bittersweet anniversary of sit-in that toppled Bashir
Le proteste di massa del 2018 e del 2019 che hanno portato alla fine alla caduta del regime militare di Omar al-Bashir, l’11 aprile 2019.
Sebbene gli americani non abbiano avuto nulla a che fare con il rovesciamento di Omar al-Bashir l’11 aprile 2019, hanno accolto con entusiasmo la rimozione del governante militare che per oltre due decenni era stato una figura di odio incendiario nei circoli dell’élite dirigente americana.Gli Stati Uniti avevano diversi motivi di antipatia nei confronti di Bashir, ma il più importante era l’aver dato rifugio a Osama Bin Laden all’inizio degli anni ’90, dopo che era stato espulso dall’Arabia Saudita per aver criticato le relazioni tra Arabia Saudita e Stati Uniti e la presenza di truppe statunitensi nella penisola arabica.Qualche anno prima, Osama Bin Laden aveva collaborato con gli americani nella lotta contro la secolare Repubblica Democratica dell’Afghanistan, sostenuta dai sovietici, che, nonostante il nome, non era affatto “democratica”. Ma allora non era l’assenza di democrazia in Afghanistan a preoccupare gli americani, bensì la presenza del comunismo rosso.

Durante la Guerra Fredda, l’ossessione per il comunismo rosso al di fuori dei propri confini aveva portato il governo statunitense ad allearsi con ogni tipo di folle, dagli ex-nazisti ed ex-fascisti nell’Europa del secondo dopoguerra ai governanti militari estremamente repressivi in America Latina, agli squadroni della morte nichilisti in Angola e Mozambico, agli estremisti jihadisti in Afghanistan.

Uno di questi estremisti jihadisti era Osama Bin Laden, che i media mainstream degli anni ’80 definivano un combattente per la libertà – un’anticipazione di ciò che sarebbe accaduto qualche decennio più tardi, quando gli stessi media descrissero i jihadisti regressivi e tagliatori di teste in Siria come “ribelli moderati” e i terroristi atavici e schiavisti di Al-Qaeda in Libia come “combattenti per la libertà alla ricerca della democrazia”.

Ancora nel dicembre 1993, giornali come “The Independent”, nel Regno Unito, scrivevano ancora articoli di propaganda su Osama Bin Laden. Tutte le pubblicità finiranno quando, nel 1995, gli americani accuseranno ufficialmente Osama di essere un terrorista.
Alla fine del 1993, Osama Bin Laden era già caduto in disgrazia negli Stati Uniti. Non c’era più bisogno di lui. Le truppe sovietiche si erano ritirate dall’Afghanistan nel febbraio 1989. L’Unione Sovietica stessa cessò di esistere il 26 dicembre 1991. La laica Repubblica Democratica dell’Afghanistan ha perso la sua lunga guerra per la sopravvivenza contro i jihadisti e si è dissolta il 28 aprile 1992.Dopo l’espulsione dall’Arabia Saudita nel 1991, rimase brevemente nell’Afghanistan dilaniato dalla guerra prima di accettare un rifugio in Sudan e trasferirsi a Khartoum nel 1992.Dal 1992 al 1996, gli americani hanno assistito sgomenti alla rivolta del loro ex “combattente per la libertà” ed “eroe dell’Afghanistan” contro di loro. I seguaci di Osama Bin Laden eseguirono il primo attentato al World Trade Center nel 1993 e nel giugno 1995 portarono a termine un fallito attentato al Presidente egiziano Hosni Mubarak, un importante alleato degli Stati Uniti.

Poco dopo l’attentato a Mubarak, il Sudan di Omar al-Bashir fu dichiarato “Stato sponsor del terrorismo” per aver ospitato Osama Bin Laden, che il governo statunitense aveva iniziato a definire apertamente “terrorista”. I bei tempi in cui Osama Bin Laden veniva chiamato con appellativi gentili, come “combattente per la libertà” ed “eroe dell’Afghanistan”, erano finiti.

A suo merito, Omar al-Bashir ha cercato di fare ammenda. Ha espulso dal Sudan i terroristi della Jihad islamica egiziana (EIJ), che avevano tentato di uccidere Mubarak. Nonostante avesse usato il suo patrimonio personale per finanziare il regime di al-Bashir e pagare la costruzione di strade e altre infrastrutture critiche in Sudan, Osama Bin Laden fu costretto a lasciare il Paese africano nord-orientale per l’Emirato islamico dell’Afghanistan governato dai Talebani il 18 maggio 1996.

Questi tentativi di riappacificazione non portarono a nulla per Omar al-Bashir. Ha tentato più volte di incontrare alti funzionari americani, ma è stato sempre snobbato. L’etichetta di “Stato sponsor del terrorismo” rimase rigidamente apposta sul Sudan e sarebbe stata rimossa solo ventitré anni dopo.

Monica Lewinsky scandal to be retold in American Crime Story - BBC News
Il bombardamento americano del Sudan nell’agosto 1998 fu probabilmente un tentativo dell’allora presidente degli Stati Uniti Bill Clinton di distogliere l’attenzione dallo scandalo sessuale che lo stava travolgendo
Il 20 agosto 1998, il Presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, in preda a uno scandalo sessuale, ordinò alla Marina statunitense di distruggere la fabbrica farmaceutica al-Shifa nella capitale sudanese di Khartoum, sostenendo falsamente che producesse gas nervino VX per il movimento Al-Qaeda di Osama Bin Laden.La fabbrica non aveva nulla a che fare con la produzione di gas nervino. Si trattava di un impianto civile che produceva medicinali comuni per la popolazione sudanese e farmaci veterinari per gli animali. Dava lavoro a oltre 300 persone e produceva più della metà del totale dei prodotti farmaceutici utilizzati in Sudan all’epoca.Tuttavia, la fabbrica è stata distrutta da tredici missili da crociera sparati da due navi della marina statunitense.

Gli americani comuni hanno sentito parlare dai propagandisti dei media aziendali – forse per la prima volta – di Omar al-Bashir, il “dittatore malvagio” e “sponsor statale del terrorismo” che dirigeva un Paese africano semi-arido di cui la maggior parte di loro non aveva mai sentito parlare e che non riusciva a trovare su una mappa.

La propaganda dei media aziendali ha trasformato il sovrano militare sudanese in un oggetto di odio pubblico e alla fine è diventato uno dei primi imputati della Corte penale internazionale (Cpi) per volere di un cinico Stati Uniti, che controlla il tribunale pur rifiutandosi di riconoscerne ufficialmente l’autorità.

Nel 2002, per volere del reazionario senatore Jesse Helms della Carolina del Nord e del suo aiutante alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, il “cristiano nato” Tom DeLay del Texas, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato l’American Service Members Protection Act, che obbliga il governo statunitense a salvare con ogni mezzo qualsiasi militare americano o di una nazione alleata detenuto dalla CPI.

Come i miei lettori americani già sanno, questa legge federale viene scherzosamente chiamata “Legge sull’invasione dell’Aia” perché implica che il governo degli Stati Uniti debba usare la violenza – se necessario – per salvare i soldati detenuti dalla Corte penale internazionale, che ha sede all’Aia, nei Paesi Bassi.

Fortunatamente, la legge federale di Jesse Helm non è mai stata messa alla prova perché, fino a poco tempo fa, la CPI aveva “saggiamente” limitato le sue incriminazioni ai leader africani, che non erano nella posizione di ordinare un’invasione dell’Aia. Un tentativo furtivo, nel giugno 2020, da parte di un procuratore della CPI di indagare sui crimini di guerra in Afghanistan, è stato rapidamente respinto quando i Padroni dell’Universo che gestiscono il governo degli Stati Uniti hanno espresso la loro disapprovazione.

Alcuni mesi prima, nel dicembre 2019, gli stessi Padroni dell’Universo americani avevano anche avvertito che il loro stretto alleato – la nazione speciale di Israele – non avrebbe dovuto in nessun caso essere indagato per il suo comportamento nei territori palestinesi occupati. Ovviamente, gli idioti che gestiscono la Corte penale internazionale si sono lasciati trasportare, dimenticando che USA e Israele non si trovano nel continente africano.

Dopo anni di lamentele da parte di africani risentiti per il fatto che il tribunale prendeva di mira esclusivamente figure politiche del loro continente, il Procuratore della CPI ha finalmente fatto sì che Vladimir Putin e Maria Lvova-Belova passassero alla storia come il primo gruppo di individui senza ascendenze africane a essere incriminati.

Sfortunatamente per il Procuratore della CPI, i governi e i commentatori politici africani non sono particolarmente impressionati dal recente tocco di “diversità” e “inclusione” che è stato massaggiato nella lista dei rinviati a giudizio.

Incriminati dalla CPI: (1) Muammar Gheddafi; (2) Uhuru Kenyatta; (3) William Ruto; (4) Laurent Gbagbo; (5) Jean-Pierre Bemba; (6) Omar al-Bashir; (7) Vladimir Putin; (8) Maria Lvova-Belova
Fino al suo rovesciamento nel 2019, l’incriminazione da parte della CPI è stata utilizzata dai media e dai governi degli Stati della NATO come strumento per un’ulteriore demonizzazione di Bashir e per vessare i Paesi che insistevano nel mantenere buoni legami con lui.Tuttavia, Bashir si è dimostrato inflessibile. Per dieci anni dopo la sua incriminazione (2009-2019), ha visitato diversi Paesi, tra cui Sudafrica, Kenya, Cina, Nigeria, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto, Ciad, Gibuti, Uganda, Etiopia, Qatar, ecc. I governi dei Paesi ospitanti hanno rifiutato di arrestare il loro visitatore sudanese nonostante le immense pressioni degli Stati Uniti.In Sudafrica, la magistratura attivista liberale estremamente occidentalizzata ha cercato, senza riuscirci, di convincere il governo sudafricano ad arrestare il sovrano militare sudanese in occasione della sua visita nel giugno 2015.

All’interno dello stesso Sudan, Omar al-Bashir era molto più al sicuro, poiché gli Stati Uniti non avevano mezzi affidabili per rimuoverlo dal potere.

Anche prima che Bashir salisse al potere, la presenza diplomatica americana in Sudan si stava già riducendo. Nell’aprile 1986, in seguito all’uccisione di un dipendente dell’ambasciata statunitense, il numero del personale diplomatico americano nel Paese fu drasticamente ridotto.

Dieci anni dopo, i restanti americani ancora in servizio presso l’ambasciata furono tutti allontanati dal Sudan, che era appena stato etichettato come “Stato sponsor del terrorismo”.

In assenza di un’ambasciata statunitense ben funzionante e di una stazione della CIA dotata di tutto il personale, è stata una sfida enorme applicare le tattiche standard di sovversione con cappa e spada contro il regime di Omar al-Bashir.

La pressione economica attraverso l’applicazione di sanzioni è stata attenuata dalle relazioni di Omar al-Bashir con la Russia e la Cina, che sono cresciute precipitosamente nei due decenni di assenza degli americani.

Nel dicembre 2018, tutto è cambiato. La sicurezza della posizione di Omar al-Bashir come capo di Stato si è drammaticamente sgretolata. I problemi economici interni del Sudan, uniti ai cittadini stanchi della tirannia corrotta del regime di Bashir, hanno scatenato un’ondata di manifestazioni popolari, che i governi e i media allineati alla NATO sono stati felici di appoggiare a voce alta e in disparte.

Una volta che al-Bashir e il suo regime sono usciti di scena nell’aprile 2019, gli Stati Uniti, felici, hanno ristabilito pieni legami diplomatici con il nuovo governante militare sudanese, il generale Abdel Fattah al-Burhan.

Il Sudan è stato rimosso dalla lista magica degli “Stati sponsor del terrorismo”. L’ambasciata statunitense a Khartoum, precedentemente inattiva, è stata rivitalizzata e per la prima volta dal 1995 è stato nominato un ambasciatore residente.

John T. Godfrey, Deputy Coordinator for Regional and Multilateral Affairs
John Godfrey è diventato ambasciatore USA in Sudan nel settembre 2022.
Nell’aprile 2023 ho scritto un articolo per sfatare le affermazioni dei media mainstream e di quelli alternativi, secondo cui dietro il conflitto che attualmente infuria tra la giunta sudanese e le forze paramilitari Rapid Support Forces (RSF) ci sarebbero forze esterne.Contrariamente a quanto sostenuto dai media mainstream, il passato rapporto tra il Gruppo Wagner e i paramilitari delle Rapid Support Forces (RSF) non è affatto una prova che la Russia abbia istigato il conflitto.I media alternativi sostengono che gli americani stiano sponsorizzando i paramilitari delle RSF per combattere la giunta militare sudanese. L’apparente ragionamento alla base di questa affermazione è che gli americani stiano usando il conflitto per ostacolare i colloqui tra il Cremlino e la giunta sulla possibilità di installare una base militare russa a Port Sudan, che si affaccia sul Mar Rosso.

Anche in questo caso, si tratta di un’asserzione insensata, basata sulle solite ipotesi e supposizioni unidimensionali e superficiali che spesso passano per “analisi delle questioni africane” in alcuni media alternativi.

In realtà, la situazione in Sudan è ricca di sfumature. L’attuale regime militare sudanese guidato dal generale Abdel Fattah al-Burhan gode di ottime relazioni con gli Stati Uniti e di buoni rapporti con la Russia.

Gli americani hanno sfruttato queste relazioni amichevoli per convincere il governante militare sudanese, il generale Abdel Fattah al-Burhan, a fare cose che sarebbero state impensabili per qualsiasi precedente capo di Stato del Sudan.

Grazie agli americani, la giunta sudanese ha firmato gli Accordi di Abraham nel 2021. Inoltre, per volere degli americani, il 2 febbraio 2023 il capo militare sudanese ha tenuto un incontro molto pubblico con Eli Cohen, all’epoca ministro dell’Intelligence israeliano.

Eli Cohen ha visitato il Sudan nel febbraio 2023, quando era ancora ministro di gabinetto che supervisionava le agenzie di intelligence israeliane, lo Shabak e il Mossad. Attualmente è ministro degli Esteri israeliano
Come già detto, la giunta sudanese ha anche buone relazioni con la Russia (e la Cina), ereditate dal precedente regime militare di Omar al-Bashir.Come già detto, per i decenni in cui il regime di al-Bashir è stato sottoposto a varie sanzioni economiche americane ed europee, la Cina e la Russia hanno fornito un’ancora di salvezza in termini di finanziamenti, know-how tecnico e armamenti. Le Forze armate sudanesi dipendono fortemente dalla Russia (e dalla Cina) per le attrezzature militari.Allo stesso modo, le rivali Forze di Supporto Rapido (RSF) hanno un debito di gratitudine nei confronti degli addestratori militari dell’allora Gruppo Wagner, sostenuto dal Cremlino, che le hanno trasformate da una milizia stracciona di uomini armati alla leggera a cavallo e a dorso di cammello in una forza paramilitare professionale in grado di operare con veicoli blindati a ruote cingolate, mortai, obici e aerei ad ala rotante.

Prima dello scoppio del conflitto, la RSF intratteneva buone relazioni con Stati Uniti, Russia e Cina, poiché il suo leader, Hamdan Dagalo, era di fatto il secondo in comando del generale Abdel Fattah al-Burhan all’interno della giunta militare al potere in Sudan. Sia Dagalo che al-Burhan erano favorevoli all’idea di una base navale russa di 300 militari e 4 navi a Port Sudan, come riportato dall’Associated Press nel febbraio 2023, due mesi prima dello scoppio delle ostilità tra i due uomini.

Storicamente, le uniche persone che hanno espresso qualche perplessità – per motivi di sovranità nazionale – sull’accordo per la base navale russa sono stati alcuni membri civili del regime misto civile-militare sudanese, che era l’autorità governativa che governava il Paese nel dicembre 2020 quando l’accordo per la base navale è stato reso pubblico per la prima volta. Questi politici civili scettici volevano che la ratifica dell’accordo sulla base navale fosse ritardata fino a quando il regime misto civile-militare non fosse stato sostituito da un governo civile democraticamente eletto e da un organo legislativo.

Sfortunatamente per quei politici civili, il generale Abdel Fattah al-Burhan ha ucciso l’idea di elezioni democratiche quando, nell’ottobre 2021, ha organizzato un colpo di Stato preventivo e ha sciolto il suo regime misto civile-militare a favore della giunta militare pura, che attualmente governa il Sudan.

Come riportato nel mio precedente articolo, quel particolare colpo di Stato ha spazzato via dalle cariche governative molti politici civili, tra cui il Primo Ministro Abdalla Hamdok, che non aveva problemi con l’accordo sulla base navale.

All’indomani del colpo di Stato militare dell’ottobre 2021 ci sono state alcune incertezze sul fatto che Hamadan Dagalo avrebbe mantenuto la sua posizione nella giunta militare pura che ha sostituito il regime misto civile-militare. Ma la questione è stata rapidamente chiarita con l’annuncio che il leader di RSF avrebbe continuato a ricoprire il ruolo di comandante in seconda de facto del generale Abdel Fattah al-Burhan nel nuovo assetto.

Tutto è cambiato quest’anno, quando la decennale guerra fredda tra RSF e le Forze armate sudanesi si è trasformata in una guerra a fuoco. Non appena sono risuonati i primi spari, Hamdan Dagalo e i suoi subordinati di RSF sono stati anatemizzati ed espulsi dalle loro posizioni all’interno della giunta.

Pur mantenendo aperte le linee di comunicazione con la RSF, gli americani decisero di schierarsi dalla parte del generale Abdel Fattah al-Burhan.

Nei giorni successivi allo scoppio della violenza tra le forze militari rivali, i funzionari statunitensi hanno rilasciato dichiarazioni che denunciavano il comportamento dei paramilitari dell’Rsf, soprattutto per quanto riguarda la loro brutalità nei confronti dei civili.

L’RSF ha reagito a queste dichiarazioni americane sparando contro un convoglio di veicoli diplomatici statunitensi nell’aprile 2023 – un incidente che ha spinto il governo americano a evacuare 70 funzionari della sua ambasciata a Khartoum, pur cercando di mantenere una parvenza di relazioni con l’RSF.

Per i lettori interessati a conoscere le cause reali del conflitto tra la giunta sudanese e i suoi rivali dell’RSF, consiglio vivamente di leggere l’articolo originale scritto nell’aprile 2023 o la versione leggermente aggiornata di Substack pubblicata qui sotto:


A PROPER AND DEEPER ANALYSIS OF THE CLASH IN SUDAN

·
2 MAG
A PROPER AND DEEPER ANALYSIS OF THE CLASH IN SUDAN

Secondo alcune pubblicazioni, il conflitto sudanese sarebbe stato istigato dagli americani perché infastiditi dal regime militare sudanese per aver negoziato un accordo che permetterà alla Russia di installare una base militare vicino alla costa del Mar Rosso del Paese africano.

Leggi tutto
L’attuale conflitto, scoppiato il 15 aprile 2023, tra la giunta militare e la sua forza paramilitare estranea, è in realtà il quinto grande conflitto che coinvolge lo Stato nazionale sudanese e un gruppo di insorti. I precedenti quattro grandi conflitti sono stati: la prima guerra civile sudanese (1955-1972); la seconda guerra civile sudanese (1983-2005); la guerra civile nel Sudan nord-occidentale (2003-2020) e l’insurrezione nel Sudan nord-orientale e centrale (2011-2020).

La guerra in corso da sette mesi tra la giunta e l’Rsf ha ucciso finora tra le 9.000 e le 10.000 persone e ha trasformato in rifugiati altri 5,6 milioni di persone, alcune delle quali sono fuggite attraverso i confini internazionali e sono finite in ChadEthiopia, e South Sudan.

Il generale Abdel Fattah al-Burhan (al centro) e il suo ex comandante in seconda, Hamdan Dagalo dell’RSF (a sinistra), nel dicembre 2022.
In teoria, la giunta militare avrebbe dovuto essere in grado di superare l’RSF. Dopo tutto, controlla le meglio equipaggiate Forze Armate sudanesi, che hanno un organico totale di 109.300 persone suddivise tra esercito, guardia repubblicana, marina e aviazione.L’RSF paramilitare ha 100.000 uomini nelle sue file e non ha una vera e propria forza aerea. Dispone di carri armati, obici, mortai e alcune armi antiaeree, che però all’inizio del conflitto sono state superate dall’enorme arsenale a disposizione dell’esercito sudanese convenzionale.Ciononostante, dallo scoppio delle ostilità, la RSF ha compiuto progressi costanti sul campo di battaglia.

Sebbene la maggior parte del territorio sudanese sia ancora sotto il controllo della giunta militare, l’Rsf si è impadronito di ampie zone dello Stato di Khartoum, dove si è impegnato in saccheggi, requisendo le case di comuni cittadini e sparando con l’artiglieria contro ospedali, edifici civili e caserme militari occupati dalle truppe governative assediate che lottano per mantenere la capitale Khartoum.

A causa degli aspri combattimenti, il generale Abdel Fattah al-Burhan si è trasferito da Khartoum alla pittoresca e molto più sicura città di Port Sudan.

A causa dei pesanti combattimenti tra RSF e Forze Armate sudanesi per il controllo della città di Khartoum, la giunta militare ha trasferito la sede del governo nella città costiera di Port Sudan.
Nella regione nord-occidentale, meglio conosciuta come Darfur, i paramilitari dell’Rsf hanno sbaragliato l’esercito sudanese e ne hanno preso il controllo, nonostante i futili tentativi dell’aviazione sudanese di ribaltare le conquiste con bombardamenti aerei e attacchi a distanza.In Darfur, i paramilitari hanno avuto il vantaggio di combattere nella loro regione d’origine. Dopo tutto, l’RSF è in gran parte una reincarnazione della milizia privata di uomini indigeni armati in modo leggero, a cavallo e con cammelli, nota come Janjaweed.Nei primi anni della guerra civile nel Sudan nord-occidentale (2003-2020), i Janjaweed avevano combattuto i ribelli Darfuri per conto dello Stato nazionale del Sudan, assumendo il controllo di vaste distese di pianure sabbiose del nord-ovest non pattugliate da un esercito sudanese in declino, esausto per i 21 anni trascorsi a portare avanti la seconda guerra civile sudanese (1983-2005) contro i guerriglieri sudanesi del Sud, in gran parte cristiani.

A questo punto, vorrei sottolineare che la guerra civile nella regione nord-occidentale e l’insurrezione separata nelle regioni nord-orientale e centrale sono entrambe derivate dalla seconda guerra civile sudanese.

I combattenti musulmani che hanno scatenato le insurrezioni nel Darfur (regione nord-occidentale), nel Nilo Blu (regione nord-orientale) e nel Kordofan meridionale (regione centrale) hanno imparato dall’esempio precedente dei guerriglieri cristiani del Sudan meridionale. Alcuni insorti musulmani del Blue Nile e del Sud Kordofan avevano infatti combattuto a fianco dei guerriglieri cristiani nella loro guerra contro lo Stato nazionale sudanese.

Come ho spiegato nel mio precedente articolo, in Sudan i gruppi etnici che non si identificano come “arabi sudanesi” subiscono discriminazioni a prescindere dal loro credo religioso. Non sorprende quindi che alcuni musulmani abbiano combattuto dalla stessa parte dei cristiani contro il governo nazionale nel Sudan pre-partizione.

Quando i guerriglieri cristiani del Sudan meridionale hanno ottenuto un Paese separato dalla spartizione del Sudan nel luglio 2011, il governo di Khartoum ha deciso che la sua priorità principale era la distruzione dei ribelli Darfuri nella regione nord-occidentale, per evitare che causassero una seconda spartizione del Paese, e la soppressione degli insorti nelle regioni nord-orientali e centrali, che volevano un referendum per decidere se il confine internazionale dovesse essere modificato per consentire la cessione del Nilo Azzurro e del Kordofan Meridionale al nuovo Paese. Republic of South Sudan.

Il Sudan è diviso in 18 Stati. La linea rossa sulla mappa indica il confine della regione del Darfur, che comprende 5 Stati: Darfur settentrionale, Darfur occidentale, Darfur centrale, Darfur orientale e Darfur meridionale.
La decisione di Omar al Bashir di evitare un’ulteriore perdita di territorio nazionale ha fatto sì che la milizia privata Janjaweed diventasse il nucleo di un nuovo paramilitare governativo chiamato Rapid Support Force (RSF) nell’agosto 2013.La creazione della RSF come forza militare rivale delle forze armate convenzionali sudanesi è al centro dell’attuale violenta lotta per il controllo dello Stato nazionale sudanese e non di alcuna macchinazione esterna da parte della Russia o degli Stati Uniti.Nel 2019, era chiaro a tutti gli osservatori che la RSF aveva fallito nella sua missione primaria di distruggere i ribelli del Darfur. Al contrario, la guerra nel nord-ovest era sprofondata in una situazione di stallo.

A poche settimane dal rovesciamento di Omar al-Bashir, il nuovo governante militare, Abdel Fattah al-Burhan, ha avviato seri colloqui con i ribelli del Darfur. Anche i ribelli del conflitto separato nel Kordofan e nel Nilo Blu sono stati coinvolti nei colloqui.

Il risultato finale è stato un accordo di pace globale il 31 agosto 2020 che ha chiuso sia la guerra civile nel nord-ovest sia l’insurrezione a bassa intensità nelle regioni nord-orientali e centrali.

Una volta firmato l’accordo di pace, i leader degli ex gruppi ribelli sono stati incorporati nelle strutture amministrative dello Stato nazionale sudanese.

Suliman Arcua Minnawi, che aveva guidato i ribelli del Fronte di Liberazione del Darfur (ora chiamato Movimento di Liberazione del Sudan), è diventato il capo del Governo Regionale del Darfur, che esercita la supervisione sulle attività di cinque Stati della regione, ovvero Central DarfurEast DarfurNorth DarfurSouth Darfur e West Darfur.

President George W. Bush welcomes Sudanese Liberation Movement leader Minni Minnawi to the Oval Office Tuesday, July 25, 2006, in Washington, D.C., meeting to discuss the Darfur region of western Sudan. White House photo by Kimberlee Hewitt
Il leader dei ribelli Darfuri Suliman Arcua Minnawi incontra il presidente George Walker Bush alla Casa Bianca il 25 luglio 2006
Il leader insurrezionale musulmano Malik Agar ha combattuto al fianco dei guerriglieri cristiani sudanesi. In seguito, ha guidato un’insurrezione nel suo Stato natale, il Blue Nile, nel nord-est del Sudan.
Altri due leader ribelli del Fronte di Liberazione del Darfur (cioè il Movimento di Liberazione del Sudan) sono stati nominati governatori di Stato. A Khamis Abdullah Abakar è stato affidato il governatorato dello Stato del Darfur occidentale, mentre Nimr Abdel Rahman è diventato governatore dello Stato del Darfur settentrionale.Anche i membri del gruppo ribelle rivale del Darfur, il Movimento per la Giustizia e l’Uguaglianza (JEM), ricevettero incarichi importanti all’interno del regime misto civile-militare (e in seguito della giunta militare pura).I leader dei ribelli che hanno guidato l’insurrezione nelle regioni centrali e nord-orientali del Paese non sono stati lasciati fuori. Anche Malik Agar, che ha guidato l’insurrezione del nord-est nello Stato del Nilo Blu, è stato incorporato nel regime misto civile-militare (e successivamente nella giunta).

Ahmed al-Omda, che aveva servito come subordinato di Malik nel Movimento di Liberazione del Popolo Sudanese del Nord (SPLM-N), precedentemente ribelle, divenne governatore dello Stato del Nilo Blu.

Quando nell’aprile 2023 è scoppiato il conflitto tra l’RSF e le Forze armate sudanesi, gli ex ribelli si sono trovati nel mezzo, ma hanno dovuto presto scegliere da che parte stare.

Quasi tutti gli ex gruppi ribelli hanno scelto la parte della giunta militare. Tra questi, una fazione dell’SPLM-N guidata da Malik Agar, che in seguito è stato elevato alla posizione di comandante in seconda del generale Abdel Fattah al-Burhan.

Solo due gruppi di ex ribelli si sono schierati controcorrente al fianco dei paramilitari della RSF. Si tratta del Movimento Tamazuj e di una fazione rivale dell’SPLM-N guidata da Abdelaziz al-Hilu.

The late governor of West Darfur state, Khamis Abdullah Abakar.
Il governatore del Darfur occidentale, Khamis Abdallah Abakar, è stato rapito, mutilato e ucciso dopo aver criticato le Forze di sostegno rapido in televisione.
I paramilitari delle Rsf stanziati nella tormentata regione nord-occidentale (Darfur) hanno sempre superato le truppe dell’esercito sudanese di stanza in quella regione. Tuttavia, il sostegno militare della maggior parte degli ex combattenti ribelli che controllano alcune zone del Darfur ha contribuito ad attenuare lo svantaggio numerico dell’esercito.Ma poi, quando è iniziata la sparatoria, la RSF, ancora numericamente superiore, è riuscita a piombare sulle posizioni delle truppe sudanesi nella regione, infliggendo pesanti perdite e costringendo alla ritirata. Oltre 320 soldati, fortunatamente ancora vivi, sono fuggiti attraverso la frontiera occidentale del Sudan nella vicina Repubblica del Ciad.Migliaia di civili si sono uniti alla fuga verso il Ciad dopo che i paramilitari della RSF hanno massacrato circa 1.300 persone, tra cui Khamis Abdallah Abakar, l’ex combattente ribelle darfuriano che era governatore dello Stato del Darfur occidentale dal giugno 2021.

Come detto in precedenza, i frenetici tentativi dell’aviazione sudanese di invertire le conquiste della RSF nella regione del Darfur, con attacchi aerei, sono stati vani. La RSF controlla la maggior parte del territorio della regione, con alcune enclavi ancora in mano ai combattenti del Fronte di Liberazione del Darfur, alleato della giunta militare sudanese.

Nel frattempo, nelle città di Khartoum e Omdurman, i paramilitari della Rsf stanno ponendo l’assedio. Interi quartieri di Omdurman sono stati privati di elettricità, cibo e acqua.

La città assediata di Omdurman è abitata da 2,4 milioni di persone, mentre la città di Khartoum conta 6,4 milioni di abitanti. I bombardamenti di artiglieria della Rsf e i bombardamenti aerei dell’aviazione sudanese hanno ucciso molti civili.

Pesanti combattimenti a Khartoum e nei dintorni di Omdurman hanno ucciso molti civili, tra cui il popolare cantante Shaden Gardood, la pioniera attrice sudanese Asia Abdelmajid e il giocatore di calcio sudanese in pensione Fawi El Mardi e sua figlia.
Dallo scoppio del conflitto, le forze aeree sudanesi hanno subito diverse battute d’arresto. Alcuni dei suoi elicotteri d’attacco Mi-24 sono stati abbattuti. Un altro paio di questi elicotteri sono stati catturati intatti a terra dai paramilitari della RSF. Ci sono anche notizie di caccia MiG-29 donati dall’aviazione egiziana che sono stati catturati e distrutti a terra dall’RSF.

Con il suo arsenale in esaurimento e le sue debolezze esposte, le Forze armate sudanesi hanno cercato disperatamente di imparare nuovi trucchi dalle guerre combattute all’estero.

I vertici sudanesi hanno osservato l’efficacia dei droni aerei nella guerra dell’Azerbaijan-Artsakh, nell’insurrezione del Tigray in Etiopia e nella guerra russo-ucraina in corso. In tutti e tre i conflitti, i droni Bayraktar TB2 di fabbricazione turca hanno svolto un ruolo importante.

Nella guerra dell’Azerbaigian-Artsakh, i droni Bayraktar hanno svolto un ruolo fondamentale nella sconfitta completa e nella scomparsa della Repubblica di Artsakh, non riconosciuta da 32 anni. Le forze governative etiopi, che erano in svantaggio, sono riuscite a ribaltare la situazione non appena hanno acquistato i droni Bayraktar. Questi droni hanno inflitto ai ribelli del Tigray un numero di vittime sufficiente a convincerli a partecipare ai colloqui di pace mediati dall’Unione Africana (UA) e a firmare un impegno a consegnare le armi al governo etiope.

Nella guerra russo-ucraina, i droni Bayraktar hanno fatto poco o nulla per aiutare lo sforzo bellico ucraino, poiché i russi hanno dispiegato le loro formidabili capacità di guerra elettronica (EW) per interrompere i segnali di comunicazione tra i veicoli aerei senza pilota (UAV) e i loro operatori remoti a terra. Oltre alle misure EW, le truppe di difesa aerea russe abbattono abitualmente i droni di fabbricazione turca.

Detto questo, altri tipi di droni – più piccoli degli UAV Bayraktar – si sono dimostrati molto più efficaci sul campo di battaglia ucraino, in particolare i quadcopter civili “con visuale in prima persona” (FPV) che sono stati convertiti per sganciare esplosivi dall’alto e i droni russi come il Lancet e l’Orlan.

Desideroso di cimentarsi nella guerra con i droni, l’esercito sudanese si è rivolto a Egitto, Turchia e Ucraina per ottenere l’aiuto necessario a fornire i tanto desiderati veicoli aerei senza pilota (UAV).

Perché l’esercito sudanese si è rivolto all’Ucraina? La risposta è molto semplice: la giunta militare al potere sta dando priorità alle relazioni con gli Stati Uniti rispetto ai legami con la Russia, a causa delle ridicole affermazioni dei media tradizionali secondo cui il Gruppo Wagner potrebbe sostenere i paramilitari della RSF.

Fin dall’inizio del conflitto, la giunta militare guidata dal generale Abdel Fattah al-Burhan si è comportata in modo paranoico, agitando dita accusatorie in tutte le direzioni.

Nonostante abbia dichiarato la propria neutralità, il Kenya è stato accusato dalla giunta di aver preso soldi dagli Emirati Arabi Uniti (EAU) per favorire i paramilitari della RSF. Anche gli etiopi e gli eritrei, entrambi neutrali, sono stati trattati con un certo sospetto dalla giunta.

Man walks while smoke rises above buildings after aerial bombardment in Khartoum North
Il fumo si alza sopra gli edifici dopo gli attacchi aerei durante gli scontri tra le Forze di sostegno rapido (RSF) e l’esercito sudanese a Khartoum-Bahri, una città a nord della capitale Khartoum.
Kenya, Sudan, Etiopia, Eritrea, Uganda, Gibuti, Somalia e Sud Sudan sono membri dell’Autorità intergovernativa per lo sviluppo (IGAD), un’organizzazione regionale che si occupa di questioni commerciali e di sicurezza che coinvolgono otto Paesi che si trovano all’interno della regione geopolitica nota come Corno d’Africa o nelle sue vicinanze.Dallo scoppio del conflitto sudanese, i leader dei Paesi appartenenti all’IGAD si sono impegnati a fondo per far sì che le due parti in guerra risolvessero le loro divergenze. Tuttavia, i paranoici funzionari della giunta sudanese hanno rifiutato di partecipare ai colloqui di pace.

Il Presidente del Kenya William Ruto ha fatto diversi tentativi di mediazione tra le due parti in conflitto, ma questo è stato ignorato dalla giunta sudanese che ora sta lanciando accuse ridicole sul fatto che il Kenya stia appoggiando la RSF.

Il motivo di queste accuse deriva dal suggerimento di William Ruto, secondo cui gli Stati membri dell’IGAD dovrebbero prendere in considerazione l’idea di dispiegare forze di pace in Sudan per separare le parti in conflitto.

Durante un discorso a un folto gruppo di soldati delle forze speciali, il vice comandante in capo delle Forze armate sudanesi, il tenente generale Yasir al-Atta, ha lanciato una frecciata al presidente William Ruto, sfidando il leader keniota a portare il proprio esercito e le proprie truppe da un Paese innominato che lo avrebbe appoggiato. Presumibilmente, quel Paese innominato erano gli Emirati Arabi Uniti.

A luglio, la rete televisiva privata Kenya Television Network (KTN) ha trasmesso un servizio di 42 minuti sulla crisi in Sudan che includeva un breve filmato dell’attacco di Yasir al-Atta al Presidente Ruto.

Mi sono preso la libertà di ridurre l’intero servizio televisivo della KTN al solo minuto di sfuriata del generale dell’esercito sudanese e ho tradotto le sue parole dall’arabo all’inglese, il che credo rappresenti bene ciò che ha effettivamente detto. Guardate qui sotto:

È certamente vero che gli Emirati Arabi Uniti (EAU) simpatizzano con RSF. Ci sono notizie di aerei cargo emiratini che atterrano su una pista di atterraggio nella Repubblica del Ciad, con forniture di soccorso e casse di munizioni nascoste. Le forniture di soccorso sono destinate ai rifugiati sudanesi disperati su entrambi i lati del confine internazionale tra Ciad e Sudan, mentre le casse di munizioni nascoste vengono contrabbandate attraverso il confine ai paramilitari della RSF. Gli Emirati Arabi Uniti e il Ciad negano strenuamente queste notizie e, francamente, non sono in grado di verificarle.

Tuttavia, sono certo che la giunta sudanese sia ridicola quando afferma che gli Emirati Arabi Uniti hanno assunto il Kenya per contrabbandare armi ai paramilitari della RSF. Per prima cosa, le élite al potere in Kenya non sono vicine agli Emirati. Inoltre, è geograficamente impossibile che il Kenya fornisca armi all’RSF perché non ha un confine internazionale con il Sudan. Infatti, Kenya e Sudan sono separati da una distanza di 1.203 miglia (1.936 km).

Mappa degli otto Paesi appartenenti all’IGAD
Per raggiungere la RSF in Sudan, i contrabbandieri di armi kenioti dovrebbero attraversare ampie zone di territorio sovrano appartenenti alla Repubblica del Sud Sudan.In altre parole, le autorità del Sud Sudan dovrebbero essere in combutta con il Kenya perché il contrabbando di armi funzioni. Stranamente, la giunta sudanese non ha mosso alcuna accusa al Sud Sudan, riservando il proprio livore al Kenya, che ha ribadito la propria neutralità e ha respinto le affermazioni secondo cui starebbe collaborando con gli Emirati Arabi Uniti per aiutare l’RSF.
Il generale Abdel Fattah al-Burhan, capo dell’esercito sudanese, incontra il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi. L’Egitto sta fornendo droni Bayraktar di fabbricazione turca e velivoli con equipaggio per aiutare la giunta sudanese nella sua guerra contro l’RSF.
La riluttanza della giunta sudanese a impegnarsi in colloqui di pace mediati da istituzioni panafricane, come l’Unione Africana e l’IGAD, può essere attribuita al fatto che entrambe le istituzioni hanno respinto le ripetute richieste della giunta di anatemizzare completamente Hamdan Dagalo e i suoi paramilitari dell’RSF. Sia l’IGAD che l’Unione Africana rifiutano adducendo la necessità di preservare la loro neutralità per essere accettati come mediatori di pace imparziali.Purtroppo, questa posizione ragionevole non ha fatto altro che alimentare la paranoia dei funzionari della giunta sudanese che già credono che alcuni Stati africani siano segretamente solidali con i paramilitari della RSF.Dall’altra parte, gli americani hanno voluto mantenere le loro eccellenti relazioni con i funzionari della giunta sudanese, cercando di incontrarli a metà strada su questioni controverse e assecondandoli su questioni non controverse.

Riluttanti a bruciare tutti i ponti con l’RSF, gli americani hanno deciso di non colpire personalmente il leader dell’RSF Hamdan Dagalo con le sanzioni. Tuttavia, per compiacere la giunta sudanese, gli americani hanno imposto sanzioni a due importanti subordinati di Hamdan Dagalo.

Abdelrahim Dagalo – vice leader di RSF e fratello di Hamdan – è stato sanzionato per “abusi dei diritti umani”, mentre Abdul Rahman Jumma – comandante di settore di RSF per il Darfur occidentale – è stato sanzionato per aver presumibilmente autorizzato l’omicidio del governatore Khamis Abdallah Abakar. Il governatore dello Stato locale è stato rapito, torturato e ucciso il 14 giugno 2023 per aver criticato la brutalità dei paramilitari della Rsf contro civili innocenti.

Hamdan Dagalo ha visitato la Russia e incontrato Sergei Lavrov nel febbraio 2021. Sebbene lo scoppio delle ostilità tra la RSF e le forze armate sudanesi fosse ancora lontano 2 anni, il generale Abdel Fattah al-Burhan ha osservato in silenzio la festa del suo nemico a Mosca.
Oltre a propiziare i funzionari della giunta sudanese, gli americani hanno cercato di fare leva sul loro senso di paranoia. Nella mente dei funzionari della giunta, la serie di vittorie ottenute dai paramilitari della RSF non riflette la diminuita capacità delle forze armate sudanesi, stremate da 54 anni di lotta contro una pletora di gruppi di insorti in varie guerre civili sovrapposte che si sono verificate in diverse parti del Sudan pre-partizione.Secondo i funzionari della giunta, le vittorie della RSF potrebbero essere solo opera di un’influenza esterna. Sebbene sia indubbio che gli Emirati Arabi Uniti siano solidali con l’RSF, non ci sono prove che una gamma molto più ampia di Paesi – sia all’interno che all’esterno dell’Africa – stia collaborando per rifornire la forza paramilitare sudanese.Ma la realtà oggettiva non conta. Ciò che conta è la percezione della realtà, e il governo statunitense non avrebbe mai perso un’occasione d’oro per lavorare sulle menti dei funzionari governativi sudanesi, che a loro volta hanno una lunga storia di sostegno a procuratori in guerre straniere. (Ad esempio, il Sudan ha appoggiato per quasi un decennio i ribelli-terroristi ugandesi dell’Esercito di Resistenza del Signore).

Per gli americani, la narrazione era piuttosto semplice: le RSF stanno ottenendo vittorie perché il Cremlino le sta sostenendo segretamente con mercenari Wagner, alcuni dei quali stanno fornendo armi ai paramilitari sudanesi attraverso il confine internazionale tra Repubblica Centrafricana e Sudan e il confine internazionale tra Ciad e Sudan.

Questa narrazione è stata poi ripresa e ripetuta dai governi dell’Ucraina e di vari Paesi europei. Anche la stampa aziendale mainstream ha svolto il suo compito di amplificare la narrazione su base giornaliera.

Zelensky ha avuto un incontro con il governatore militare de facto del Sudan, il generale al-Burhan, all’aeroporto di Shannon, in Irlanda, il 23 settembre 2023.
Mentre il Sudan continua a mantenere legami con la Russia, ci sono indicazioni che la narrativa propagandistica di USA/UE/Ucraina abbia guadagnato trazione tra i funzionari paranoici della giunta militare.Anche prima dello scoppio delle ostilità tra RSF e Forze armate sudanesi nell’aprile 2023, il generale Abdel Fattah al-Burhan era già stato spinto dagli americani verso gli ucraini.L’anno scorso, la stampa locale sudanese ha riportato che l’Esercito sudanese aveva permesso che diverse casse di legno contenenti proiettili d’artiglieria da 122 mm e bombe da mortaio HE-843B da 120 mm venissero trasportate all’aeroporto di Rzeszów-Jasionka, in Polonia. Da lì, le casse di legno nascoste, viaggiando su strada, hanno attraversato il confine internazionale tra Polonia e Ucraina.

Secondo la stampa sudanese, dal 31 marzo 2022 al 7 giugno 2022, jet di linea Boeing 737 di proprietà ucraina hanno effettuato 35 voli di questo tipo tra Khartoum e l’aeroporto polacco situato a 49,7 miglia (80 km) dal confine con l’Ucraina.

Dopo lo scoppio delle ostilità tra l’RSF e le Forze armate sudanesi nel 2023, gli americani hanno iniziato a fare pressioni affinché il leader della giunta sudanese incontrasse Zelensky, mentre i media tradizionali sostenevano che il personale militare ucraino fosse presente sul terreno in Sudan per operare con droni FPV contro i paramilitari dell’RSF, presumibilmente sostenuti da mercenari wagneriani.

Il generale Abdel Fattah al-Burhan ha infine accolto la richiesta americana tenendo un incontro non programmato con il presidente Zelensky all’aeroporto di Shannon, in Irlanda, il 23 settembre.

Dopo l’incontro, i funzionari del governo ucraino hanno dichiarato che Zelensky e al-Burhan hanno discusso “le sfide comuni in materia di sicurezza, in particolare le attività dei gruppi armati illegali finanziati dalla Federazione Russa”.

La CNN e il Kyiv Post hanno pubblicato un paio di video che mostrano quelli che sostengono essere droni FPV forniti dall’Ucraina che attaccano i combattenti paramilitari della RSF in Sudan.

Eccone uno della CNN:

Un altro della CNN:

Un altro video del Kyiv Post: