Cina e Stati Uniti, una partita aperta_con Gianfranco Campa

Sul campo i due principali contendenti iniziano a sfidarsi sempre più apertamente. La competizione economica è sempre meno esaustiva; è parte ed è sussunta sempre più alle dinamiche geopolitiche. Le apparenze ci mostrano una potenza in costante ascesa, la Cina ed una in crescente difficoltà, gli Stati Uniti; una con un quadro dirigente da anni stretto attorno ad un leader, l’altra in preda a continue fibrillazioni. Una ascesa che può portare ad una condizione di soffocamento dettata dalla posizione geografica, una stabilità che può tradire una difficoltà di ricambio e di alternative all’attuale gruppo dirigente sino ad un decennio fa garantiti da avvicendamenti più o meno concordati dalla parte cinese. Dalla parte americana una difficoltà attutita dalle numerose opzioni disponibili sul campo e dalle possibilità di ricambio offerte dalle sorprendenti e violente fibrillazioni in corso da anni nella classe dirigente. Nel mezzo un corteo di paesi in parte paralizzati dalla situazione sempre più caotica, in parte disposti ad approfittare degli spazi offerti dalle incertezze e dalla complessità del quadro politico; tutti al proprio interno spesso dibattuti tra le varie opzioni e le varie cordate di interessi. Almeno sino a quando la natura conflittuale tra i due principali contendenti prenderà il sopravvento e costringerà alla scelta di campo netta rendendo sempre più ardua ed impegnativa, anche se lucrosa nel lungo periodo, una posizione di neutralità o quantomeno di attesa. Tra questi la Russia sembra godere delle migliori opportunità. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/vmzqp5-una-partita-aperta-tra-usa-e-cina-con-gianfranco-campa.html

Stati Uniti! Afghanistan una tappa verso il multipolarismo Con Gianfranco Campa

L’Afghanistan si sta rivelando un acceleratore della fase multipolare. Alla perdita di capacità egemonica degli Stati Uniti corrisponde l’emergere di numerosi attori con l’ambizione di perseguire proprie ambizioni e determinare aree di influenza dai molteplici e mutevoli punti di attrito e cooperazione cui corrisponde uno scontro politico interno alle formazioni socio-politiche della stessa asprezza e volatilità. Una moltiplicazione di focolai di conflitto e di continue mediazioni in grado di procrastinare l’evenienza di schieramenti contrapposti più stabili e delimitati e le conseguenti tentazioni di confronto risolutivo. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/vm7qpb-stati-uniti-afghanistan-e-multipolarismo-con-gianfranco-campa.html

 

 

Tutto ciò che si oppone al contollo totale dei talebani sull’Afghanistan, di Scott Neuman

Il dado è tratto….o quasi. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Tutto ciò che si oppone al contollo totale dei talebani sull’Afghanistan.

 

Uno striscione nella valle del Panjshir ritrae Ahmad Massoud e suo padre con uno slogan “Sogna un paese libero, libero grazie al tuo esercito, Ahmad è al tuo fianco, che Dio ti protegga”.

Reza/Getty Images

In Afghanistan, la storia ha modo di ripetersi: oggi, proprio come quando i talebani presero il potere per l’ultima volta nel 1996, l’aspra provincia del Panjshir è l’ultima ridotta che si frappone alla loro completa dominazione del paese – e ancora una volta, il nome del leader che si oppone a loro è Massoud.

“Oggi scrivo dalla valle del Panjshir, pronto a seguire le orme di mio padre con i combattenti mujaheddin che sono pronti ad affrontare ancora una volta i talebani”, ha scritto Ahmad Massoud in un articolo pubblicato sul Washington Post poco dopo che i talebani hanno preso Kabul. “Abbiamo scorte di munizioni e armi che abbiamo pazientemente raccolto fin dai tempi di mio padre, perché sapevamo che questo giorno sarebbe arrivato”.

Il padre di Massoud era una leggenda conosciuta come il “Leone del Panjshir”

Suo padre, Ahmad Shah Massoud, era una figura straordinaria – vista da molti come un genio militare e maestro della guerriglia che ha contribuito a combattere l’Unione Sovietica fino all’arresto negli anni ’80 e alla fine ha montato una difesa efficace contro i ripetuti sforzi di i talebani per ottenere il controllo della valle.

Il leader della guerriglia afghana, Ahmad Shah Massoud (al centro) è circondato da comandanti ribelli durante una riunione nella valle del Panjshir nel nord-est dell’Afghanistan, nel 1984.

Jean-Luc Bremont/AP

Tale era la sua abilità come comandante ribelle che Massoud era conosciuto dai suoi sostenitori e nemici allo stesso modo come il “Leone del Panjshir”.

Ma due giorni prima degli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001, Massoud – che era sfuggito a molte minacce ravvicinate sul campo di battaglia – fu assassinato da attentatori suicidi di al-Qaeda che si spacciavano per giornalisti televisivi. La sua morte ha avuto eco in tutto il mondo.

La prossima generazione di resistenza si è coalizzata

Avanti veloce al 2021: il figlio 32enne di Massoud sta riprendendo da dove il suo leggendario padre aveva interrotto. Ma a differenza del Leone del Panjshir, il giovane Massoud non ha esperienza di combattimento. Ha studiato nel Regno Unito, dopo essersi formato come cadetto straniero presso il Royal Military College di Sandhurst, aver studiato al King’s College e successivamente aver conseguito un master in politica internazionale presso la City University di Londra, secondo The Spectator. Le sue tesi di laurea e post-laurea erano sui talebani.

Mentre i talebani si rafforzavano negli anni precedenti al ​​loro assalto finale del mese scorso a Kabul, la capitale afghana, Massoud ha iniziato a organizzare l’opposizione contro un possibile ritorno della milizia islamista intransigente. In primavera, Massoud ha fatto il giro e ha incontrato il presidente francese Emmanuel Macron a Parigi, dove suo padre, che ha studiato in un liceo francese in Afghanistan, rimane una figura venerata.

L’educato nel Regno Unito Ahmad Massoud (mostrato qui nel 2019) è il figlio del leggendario comandante Ahmad Shah Massoud e, come suo padre, sta accumulando forze di resistenza nella provincia del Panjshir.

Reza/Getty Images

Massoud è stato recentemente raggiunto nella valle del Panjshir da Amrullah Saleh , un ex vicepresidente afgano che si è dichiarato presidente legittimo del paese dopo che Ashraf Ghani è fuggito quando i talebani hanno preso il controllo di Kabul. Saleh ha invitato i suoi sostenitori a radunarsi nel Panjshir per continuare la lotta contro i talebani.

È difficile valutare la forza delle sedicenti Forze di Resistenza Nazionali guidate da Massoud. Secondo quanto riferito, il gruppo è una coalizione di milizie e resti dell’esercito afghano.

Il Panjshir etnicamente misto è vulnerabile

La provincia del Panjshir, situata a circa 80 miglia a nord-est di Kabul, oltre l’ex campo d’aviazione di Bagram gestito dagli Stati Uniti e attraverso le aspre montagne dell’Hindu Kush, è una fortezza naturale contro gli invasori. I residenti del Panjshir includono un mix di tagiki etnici – come lo stesso Massoud – insieme ad Hazara, una minoranza musulmana sciita e altri.

Questa diversità è in contrasto con i talebani, che sono dominati dalla maggioranza pashtun dell’Afghanistan. Non è “una forza monoliticamente pashtun”, scrive Anatol Lieven, professore alla Georgetown University in Qatar, osservando che i militanti hanno “raccolto un buon sostegno tra le altre etnie facendo appello al conservatorismo religioso”. Ma, scrive, “la leadership talebana è ancora in modo schiacciante pashtun, e vista come tale dalla maggior parte degli altri popoli”.

Gli hazara afgani, in particolare, hanno motivo di temere i talebani e un forte incentivo a resistere. Durante gli anni precedenti al potere, i talebani hanno preso di mira gli hazara in una campagna di repressione e persecuzione, incluse uccisioni di massa. Non c’è alcuna indicazione che abbiano moderato da allora: un recente rapporto di Amnesty International delinea le recenti atrocità dei talebani contro il gruppo di minoranza.

“Queste uccisioni mirate sono la prova che le minoranze etniche e religiose rimangono particolarmente a rischio sotto il dominio dei talebani in Afghanistan”, ha affermato Agnès Callamard, segretario generale del gruppo.

Potrebbe essere troppo tardi per un accordo negoziato

Nonostante l’editoriale dal suono bellicoso di Massoud sul Washington Post , ha suggerito che il Panjshir potrebbe uscire dal controllo dei talebani. La scorsa settimana, secondo quanto riferito , delegazioni dei talebani e della resistenza del Panjshir si sono incontrate nella provincia settentrionale di Parwan, ma l’incontro di tre ore sembra aver prodotto poco più di un accordo per continuare a parlare.

“Vogliamo che i talebani si rendano conto che l’unico modo per andare avanti è attraverso i negoziati”, ha detto Massoud a Reuters di recente. “Non vogliamo che scoppi una guerra”.

In un’intervista via e-mail con la rivista Foreign Policy , Massoud ha spiegato: “Se i talebani sono disposti a raggiungere un accordo di condivisione del potere in cui il potere è equamente distribuito e decentralizzato, allora possiamo muoverci verso un accordo che sia accettabile per tutti”, ha scritto. “Qualsiasi cosa meno di questo sarà inaccettabile per noi e continueremo la nostra lotta e resistenza fino a quando non raggiungeremo giustizia, uguaglianza e libertà”.

Da parte dei talebani, uno dei suoi leader più anziani, Amir Khan Motaqi, ha invitato la resistenza del Panjshir a deporre le armi e a negoziare la pace. “L’Emirato islamico dell’Afghanistan è la casa di tutti gli afgani”, ha detto in un discorso.

Ma potrebbe essere già troppo tardi. Con Kabul sicura e gli americani finalmente spariti, i talebani hanno rivolto la loro attenzione militare alla provincia canaglia.

I talebani affermano che “centinaia” dei loro combattenti si stanno dirigendo verso il Panjshir “dopo che i funzionari locali … si sono rifiutati di consegnarlo”, secondo l’account Twitter arabo del gruppo, riporta Al-Jazeera .

E il primo sangue è già stato versato, apparentemente attenuando le possibilità di un accordo negoziato. Mentre gli ultimi voli statunitensi partivano da Kabul lunedì notte, almeno sette soldati talebani sono stati uccisi negli scontri nel Panjshir, secondo il gruppo di resistenza di Massoud, secondo l’Associated Press.

Nel frattempo, i talebani sono in grado di circondare i combattenti della resistenza di Massoud e impedire loro l’accesso ai rifornimenti. Non è chiaro per quanto tempo possano resistere.

Massoud sta cercando aiuto a Washington stanca della guerra, così come dal Regno Unito e dalla Francia.

“[Abbiamo] bisogno di più armi, più munizioni e più rifornimenti”, ha scritto.

https://www.npr.org/2021/09/02/1032891596/afghanistan-taliban-panjshir-ahmad-massoud

Stati Uniti! Dalla farsa alle comiche verso il dramma_ Con Gianfranco Campa

La tentazione di ridurre la storia a grandi trame o all’inconsapevolezza dei protagonisti è sempre ricorrente. La vicenda disatrosa della ritirata statunitense e della NATO dall’Afghanistan ci dice qualcosa di più. La volontà di piegare a qualche scadenza simbolica il corso degli eventi per trarne un qualche beneficio immediato in termini di immagine può ritorcersi pesantemente ed accelerare inesorabilmente la crisi e la resa dei conti.. E’ quanto è successo a Joe Biden; è l’epilogo di un lungo processo che a portato all’emersione di un ceto politico mediocre circondato da un gruppo dirigente accondiscendente a prescindere. Così la rovina politica di un uomo, la sua evidente decadenza fisica rischiano di portarsi dietro una intera classe dirigente e con esso il loro paese. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/vlzriz-stati-uniti-biden-dalla-farsa-al-dramma-con-gianfranco-campa.html

 

 

Stati Uniti! In Afghanistan strategia e tattica stridono_con Gianfranco Campa

La gran parte vede la ritirata statunitense come un disastro epocale tale da compromettere irrimediabilmente l’egemonia americana; altri, la minoranza, come una mossa tattica tesa ad incastrare in quel pantano le forze emergenti nello scenario geopolitico. Quello che sta avvenendo è il combinato disposto tra le spinte esterne nello scenario geopolitico e i contrasti interni ai centri decisionali americani che ne determinano la direzione. Le carte in mano agli americani sono tante; la qualità dei giocatori sul campo lascia sempre più a desiderare; non è ancora in vista un allenatore in grado di amalgamare una realtà così complessa e disarmonica come quella statunitense. Non sono i soli ovviamente ad avere questo tipo di problemi; sono quelli che li manifestano con una particolare gravità ed in una fase discendente della loro storia. Buon ascolto_Giuseppe Germinario

https://rumble.com/vlub8q-stati-uniti-e-afghanistan-con-gianfranco-campa.html

Afghanistan, ultim’ora e aggiornamenti

Con le ultime informazioni delle ore 20:00 del 28 agosto chiudiamo per il momento la rubrica

Con il precipitare della situazione legata agli attentati all’aereoporto di Kabul avviamo questa rubrica di aggiornamento. Partiamo da alcune constatazioni: i talebani sono lontani dall’aver assunto un controllo stabile del paese; il governo afghano è composto da un numero un po’ troppo elevato di componenti reclusi da anni in carceri pachistane e statunitensi e rilasciati a pochi mesi dalla conquista di Kabul; la linea di condotta statunitense in apparenza prevalente prevede una collaborazione di fatto con i talebani, ma non prosegue senza contrasti interni e strategie nascoste; gli attentati, eseguiti alla scadenza della fase di evacuazione, hanno tutta l’aria di una provocazione tesa a sconvolgere l’assetto che si sta prefigurando. Vedremo le reazioni di Cina, Russia e Turchia e soprattutto l’atteggiamento delle forze di opposizione che si stanno coagulando intorno a Massud in Pansjshir_ Giuseppe Germinario

 

26/08/2021  Ore:18:55

Mappa Aeroporto di Kabul, per comprendere il contesto in cui si svolgono i correnti avvenimenti. 

Image

 

26/08/2021  Ore:19:04

L’Emirato Islamico condanna fermamente l’attentato che ha colpito i civili all’aeroporto di Kabul, avvenuto in una zona dove la sicurezza è nelle mani delle forze americane. L’Emirato Islamico attribuisce grande importanza alla sicurezza e alla protezione della sua gente e respingerà severamente i crimini dei circoli malvagi.

Dr. M.Naeem; portavoce dell’Ufficio Politico dell’Emirato islamico dell’Afghanistan.

 

26/08/2021  Ore:19:11

Secondo fonti del Dipartimento di Stato Americano; sarebbero almeno 40 i morti e oltre 120 i feriti, la maggioranza in condizioni critiche, a seguito degli attentati terroristici a Kabul.

 

26/08/2021  Ore:21:24

L’ISIS rivendica gli attacchi mortali vicino all’aeroporto di Kabul:

– 2 attentati suicidi vicino all’aeroporto

– Almeno 60 morti, incluso bambini

– 12 militari degli Stati Uniti uccisi

– Più di 150 feriti

 

26/08/2021  Ore:21:39

Secondo l’agenzia di stampa Afghana; https://asvakanews.com/en/ , qualche minuto fa ci sarebbe stata la settima esplosione a Kabul. La citta e` in questo momento, letteralmente parlando, sotto un massiccio attacco. La notte si preannuncia tragica…

 

26/08/2021  Ore: 22:00

Il presidente Biden parlerà della situazione in Afghanistan dalla Casa Bianca alle 17:00 ora di Washington.

 

26/08/2021  Ore: 22:06

Dichiarazione di Donald J. Trump, 45esimo presidente degli Stati Uniti d’America:

“Melania ed io inviamo le nostre più sentite condoglianze alle famiglie dei nostri brillanti e coraggiosi membri del servizio il cui dovere nei confronti degli Stati Uniti ha significato così tanto per loro.”

“I nostri pensieri sono anche con le famiglie dei civili innocenti morti oggi nel selvaggio attacco di Kabul.

“Questa tragedia non avrebbe mai dovuto accadere, il che rende il nostro dolore ancora più profondo e più difficile da capire.

“Che Dio benedica gli Stati Uniti.”

 

Image

 

26/08/2021  Ore: 22:16

Oggi è stato il giorno più funesto, per le truppe statunitensi, dall’attacco ad un elicottero avvenuto il 5 agosto 2011. In altre parole; l’attacco più mortale in più di un decennio sostenuto contro le truppe americane. Trump sarebbe stato colui che non sapeva quello che faceva…

 

26/08/2021  Ore: 23:10

Le facce del fallimento militare americano in Afghanistan:

Image

 

26/08/2021  Ore: 23:22

Mentre Kabul e nel caos, lo strano silenzio sulle vicende in Afghanistan della Kamala Harris continua, qui pone i fiori alla lapide di ricordo di John McCain ad Hanoi, in Vietnam, dove prosegue il suo diplomatico viaggio oltre oceano.

Oggi, nel terzo anniversario della sua scomparsa, ho reso omaggio a un eroe americano, il senatore John McCain. In questo sito nel 1967, l’allora tenente comandante McCain fu abbattuto con il suo aereo. Onoriamo il suo sacrificio in Vietnam e il sacrificio di tutti i nostri uomini e donne in uniforme.

Intanto su Twitter imperversa la frase: ”Presidente Harris” Nei prossimi giorni ne vedremo delle belle…

27/08/2021  Ore: 01:17

Mentre osserviamo gli avvenimenti in Kabul, frutto dell’incompetenza della amministrazione Biden, vogliamo ricordare l’establishement politico, incluso i Repubblicani, che pur di sbarazzarsi di Trump, si sono allineati con un uomo che soffre di demenza senile e che per oltre 4 decenni è stato l’emblema del potere burocratico di Washington. I repubblicani sono colpevoli quanto i democratici di questa catastrofe Afghana.

Per non dimenticare: “Sarà un comandante in capo sul quale la migliore forza combattente nella storia del mondo potrà fare affidamento, perché Biden sa cosa vuol dire mandare un figlio a combattere.

Tweet di Cindy McCain moglie del guerrafondaio John Mccain del 22 Settembre 2020…

 

27/08/2021  Ore: 02:00

Massiccio spostamento ieri di aerei dell’aviazione americana dall’Islanda alla base USAF Fairford in Inghilterra. Si sono visti tra l’altro i B-52 Stealth Bomber e gli U2-Spy Plane. Destinazione finale? Obbiettivi? I Telebani? ISIS? Probabilmente Biden avrà un obiettivo da colpire per salvare la faccia…

 

 

27/08/2021  Ore: 03:34

Terminata la conferenza stampa di zio Joe. Una conferenza stampa surreale, dove Biden, nonostante le domande soft della stampa amica  è sembrato a volte quasi smarrito. Una conferenza stampa senza sussulti che lascia più dilemmi che risposte. Un punto chiave è stato quando, dopo il discorso, Biden ha aperto il giro di domande con la frase “Signore e signori, mi hanno dato una lista qui. La prima persona che mi è stato chiesto di chiamare è Kelly O’Donnell della NBC…

 

27/08/2021  Ore: 03:49

Durante la conferenza stampa di Joe Biden, in diretta sul canale youtube della CNBC, i “non mi piace” erano tre volte più dei “mi piace”. Vogliono farci credere che Biden è stato il presidente più votato della storia politica americana, 82 milioni di votanti…

Image

 

27/08/2021  Ore: 04:01

Il generale Dean Milner (in pensione), che è stato l’ultimo comandante canadese in Afghanistan racconta al The Toronto Sun che le forze talebane e dell’ISIS stanno ora pilotando elicotteri Blackhawk e hanno il controllo di centinaia di veicoli da battaglia terrestri. “La comunità internazionale (Joe Biden?) ha fatto un casino…”

 

27/08/2021  Ore: 04:07

Il generale Scott Miller non credeva che chiudere la base aerea di Bagram fosse la strategia giusta…E iniziata la corsa allo scarica barile…

 

27/08/2021  Ore: 05:19

Secondo un sondaggio condotto da Rasmussen; solo il 34% degli americani ritiene di potersi “fidare” di Joe Biden e dei suoi funzionari sulle informazioni riguardo la situazione in Afghanistan. Sono numeri da morto che cammina…

 

27/08/2021  Ore:15:56

La Kamala Harris e` rientrata dal suo viaggio in Vietnam, si attendono sviluppi nei prossimi giorni. Si alzano sempre di più insistenti le voci che vogliono Biden dimettersi per elevare la Harris a presidente.

 

27/08/2021  Ore:16:12

Nonostante gli attentati, le evacuazioni sono proseguite senza sosta, nelle ultime 24 ore ci sono state:

– 12.500 persone state evacuate da Kabul.

– 35 voli militari statunitensi (29 C-17 e 6 C-130) hanno trasportato 8.500 sfollati e 54 voli della coalizione che hanno trasportato più di 4.000 persone.

– 105.000 evacuati dal 14 Agosto.

 

27/08/2021  Ore:16:20

Il bilancio delle vittime dell’attacco all’aeroporto di Kabul è salito a 170 persone, tra cui 32 uomini, 3 donne e 3 bambini. Quasi 200 i feriti.

 

27/08/2021  Ore:16:51

Le forze della NATO hanno iniziato a ritirarsi dall’Afghanistan. Ma esperti civili turchi potrebbero rimanere nel paese per aiutare i talebani a gestire l’aeroporto di Kabul, possibilmente tenendo aperta una via d’uscita.

 

27/08/2021  Ore:17:00

L’Afghan Taekwondo Federation conferma che Mohammad Jan Soltani, membro della squadra nazionale di taekwondo, è stato ucciso ieri in un attacco suicida a Kabul.

 

27/08/2021  Ore:17:08

Secondo l’Agenzia di stampa Afghana AsvakaNews, i video che oggi mostrano caos intorno all’aeroporto di Kabul non sono veri. La reale situazione e che i Talebani hanno bloccato le strade che portano all’aeroporto di Kabul, di conseguenza la situazione intorno all’aeroporto stesso e relativamente tranquilla.

 

27/08/2021  Ore:18:02

C’è sempre molta confusione per quanto riguarda le notizie che descrivono i responsabili degli attacchi suicidi a Kabul. ISIS-K avrebbe  rivendicato gli attacchi. Chi sono gli ISIS-K?

La provincia dello Stato islamico del Khorasan, nota anche con gli acronimi ISIS-K, ISKP e ISK, è l’affiliata ufficiale del movimento dello Stato islamico che opera in Afghanistan, come riconosciuto dalla leadership principale dello Stato islamico in Iraq e Siria.

ISIS-K è stata fondata ufficialmente nel gennaio 2015. In un breve periodo di tempo, è riuscita a consolidare il controllo territoriale in diversi distretti rurali nel nord e nord-est dell’Afghanistan e ha lanciato una campagna letale in Afghanistan e Pakistan. Nei suoi primi tre anni, ISIS-K ha lanciato attacchi contro gruppi minoritari, aree pubbliche, istituzioni e obiettivi governativi nelle principali città dell’Afghanistan e del Pakistan.

Secondo il Global Terrorism Index della Institute for Economics and Peace, nel 2018 era diventata una delle quattro organizzazioni terroristiche più letali al mondo.

Ma dopo aver subito gravi perdite territoriali, di leadership e di base come risultato delle operazioni militari della coalizione guidata dagli Stati Uniti e i suoi partner afghani che sono culminate nella resa di oltre 1.400 dei suoi combattenti e delle loro famiglie al governo afghano tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020, l’organizzazione fu dichiarata, da alcuni, sconfitta. (Amministrazione Trump-Come dimenticarsi del famoso Moab lanciato constro ISIS-K da Trump nell’Aprile 2017?  https://www.nbcnews.com/news/world/why-america-dropped-mother-all-bombs-isis-afghanistan-n746481)

SIS-K è stata fondata da ex membri dei talebani pakistani, dei talebani afgani e del Movimento islamico dell’Uzbekistan. Nel corso del tempo, però, il gruppo ha pescato da militanti di vari altri gruppi.

Uno dei maggiori punti di forza del gruppo è la sua capacità di sfruttare l’esperienza locale di questi combattenti e comandanti. 

La strategia generale di ISIS-K è stabilire una testa di ponte per il movimento dello Stato Islamico per espandere il suo cosiddetto califfato nell’Asia centrale e meridionale.

ISIS-K mira a consolidarsi come la principale organizzazione jihadista nella regione, in parte cogliendo l’eredità dei gruppi jihadisti che l’hanno preceduta. Ciò è evidente nel messaggio del gruppo, che fa appello ai combattenti jihadisti veterani e alle popolazioni più giovani nelle aree urbane.

ISIS-K vede i talebani afghani come suoi rivali strategici. Marchia i talebani afghani come “sporchi nazionalisti” con l’ambizione di formare un governo confinato ai confini dell’Afghanistan. Ciò contraddice l’obiettivo del movimento dello Stato Islamico di stabilire un califfato globale. 

Fin dal suo inizio, l’ISIS-K ha cercato di reclutare membri talebani afgani, prendendo di mira anche le posizioni talebane in tutto il paese.

Gli sforzi di ISIS-K hanno avuto un certo successo, ma i talebani sono riusciti ad arginare le sfide del gruppo perseguendo attacchi e operazioni contro il personale e le posizioni dell’ISIS-K.

Questi scontri si sono spesso verificati in tandem con la forza aerea statunitense e afgana e le operazioni di terra contro l’ISIS-K, sebbene non sia ancora chiaro fino a che punto queste operazioni siano state coordinate.

Ciò che è chiaro è che la maggior parte delle perdite di personale e leadership dell’ISIS-K sono state il risultato di operazioni guidate dagli Stati Uniti e dell’Afghanistan, e in particolare dagli attacchi aerei americani…

https://theconversation.com/what-is-isis-k-two-terrorism-experts-on-the-group-behind-the-deadly-kabul-airport-attack-and-its-rivalry-with-the-taliban-166873

 

27/08/2021  Ore:18:09

Durante la conferenza stampa di questa sera, il funzionario stampa del pentagono ha affermato che MIGLIAIA di prigionieri dell’ISIS-K sono stati rilasciati dai talebani.

 

27/08/2021  Ore:18:56

Pentagono: ad oggi più di 5.000 soldati americani rimangono operativi in Afghanistan.

 

27/08/2021  Ore:19:01

Il segretario di stampa John Kirby afferma che il Pentagono è “preparato e si aspetta” futuri attacchi terroristici in Afghanistan.

 

27/08/2021  Ore:19:53

Secondo fonti locali le forze talebane sono entrate nella sezione militare dell’aeroporto di Kabul. Gli Stati Uniti potrebbero cedere il controllo dell’aeroporto già da stasera.

 

27/08/2021  Ore:20:02

Dalla regione di PANJSHIR: Ogni villaggio nella valle del PANJSHIR ha il proprio gruppo armato locale pronto ad unirsi alla Resistenza nazionale.

Sempre dalla regione del PANJSHIR: Forti scontri sono in corso tra le Forze della Resistenza ei Talebani nella provincia di Kapisa confinante con il PANJSHIR.

 

27/08/2021  Ore:20:11

Sono inziate le cronache della resitenza afghana: un ritorno al passato, come era la situazione nel paese prima dell’11 di settembre 2001: Il Pansjshir ritorna ad essere il centro della resitenza antitalebana. Il Fronte della Resistenza guidato da Amir Javan (Ahmad Massoud) chiede, tramite uno dei suoi comandati, a tutti i mujaheddin e i combattenti di riunirsi allo stesso fronte per continuare la lotta.

Sia lodato Dio, finora la situazione nel Panjshir, centro della resistenza, è abbastanza buona, non c’è motivo di preoccuparsi. Siamo pronti al sacrificio e al martirio”

 

27/08/2021  Ore: 20:25

I deputati repubblicani alla camera introducono gli articoli di impeachment contro il Segretario di Stato Blinken. Una vittima(e) sacrificale dovrà per forza esserci…

Blinken Urges Taliban To Make Sure 'protected Passage' Out Of Afghanistan | NewsRobin

 

27/08/2021  Ore: 20:47

Una di queste teste non vedrà l’arrivo dell’inverno, garantito…

Image

 

27/08/2021  Ore: 22:30

Le facce dei soldati americani morti negli attacchi terroristici di ieri, il numero ufficiale è ora salito a 13:

Image

Image

Image

 

28/08/2021  Ore: 01:41

I talebani ispezionano alcuni dei 75.000 veicoli militari donati loro da Biden in Afghanistan. Hanno anche ereditato 200 aerei e oltre mezzo milione di armi!

 

28/08/2021  Ore: 02:24

Un gruppo privato di veterani statunitensi chiamato “The Pineapple Express” è andato da solo in Afghanistan, senza il supporto di enti governativi e ha portato in salvo oltre 500 persone.

https://abcnews.go.com/Politics/us-special-operations-vets-carry-daring-mission-save/story?id=79670236

 

28/08/2021  Ore: 02:30

L’evacuazione dei civili e ora ufficialmente terminata, l’estrazione dei militari (circa 5000) e iniziata, il tutto dovrebbe concludersi entro le prossime 48 ore, dopo di che cala il sipario sulle guerra più lunga mai combatuta dagli americani.

 

28/08/2021  Ore: 03:00

Il famoso giornalista Chris Wallace ha affermato che la presidenza di Biden non sopravviverà al prossimo attacco terroristico perpetrato in terra americana…

 

28/08/2021 Ore: 05:00

Dopo l’ordine di Biden di pianificare una reazione all’attentato di Kabul, questa notte è partito un primo attacco con droni che avrebbe colpito un dirigente dell’ISIS-K nella provincia di Nangharar

 

28/08/2021 Ore 07:00

In una sala conferenze  del lussuoso  hotel The Willard, nel centro di Washington, DC , un gruppo di volontari sta cercando disperatamente di far entrare le persone nell’aeroporto di Kabul e farle salire su aerei appositamente noleggiati.

Tra coloro che lavorano venerdì sera ci sono veterani militari, il vice ambasciatore dell’ambasciata afgana, ex appaltatori militari e altro ancora. I volontari sono guidati da Zach Van Meter, presidente della società di private equity New Standard Holdings. Van Meter ha detto di essere stato contattato per chiedere aiuto a 3.500 orfani fuori da Kabul.

 

28/08/2021 Ore 09:00

Gente che va, gente che viene.

da Globaltimes

Riapre China Town in Afghanistan, non sconvolta dalle esplosioni mortali all’aeroporto di Kabul: fonti

La China Town nella capitale dell’Afghanistan, Kabul, è stata riaperta nei giorni scorsi, senza grandi disagi a causa delle esplosioni all’aeroporto di Kabul che hanno ucciso almeno 100 persone, tra cui 13 membri delle forze armate statunitensi. Ma gli imprenditori cinesi hanno dichiarato al Global Times che stanno intensificando gli sforzi di sicurezza per affrontare i conflitti armati persistenti.

 

28/08/2021 Ore 09:00

Dall’Iran nel 2019: https://www.tehrantimes.com/news/432382/U-S-Caught-Helping-ISIS-Commanders-Escape-from-Taliban-Prison

politica dell’usa e getta. Da verificare, ma verosimile

Gli Stati Uniti hanno aiutato i comandanti dell’ISIS a fuggire dalla prigione dei talebani in Afghanista_gennaio 2019

 

28/08/2021 Ore 10:12

TEHERAN – Un gran numero di prigionieri, tutti membri anziani del gruppo terroristico Daesh (anche ISIS o ISIL), è evaso da una prigione talebana nel nord-ovest dell’Afghanistan dopo che le truppe statunitensi li hanno aiutati a fuggire attraverso un’operazione segreta. 

Secondo i dispacci di Tasnim, le forze americane operanti in Afghanistan due settimane fa hanno effettuato un’operazione militare segreta nella provincia nordoccidentale di Badghis e hanno aiutato i detenuti Daesh a fuggire dalla prigione.

Il rapporto aggiunge che 40 capi daesh, tutti stranieri, sono stati trasferiti con elicotteri dopo che le truppe americane hanno fatto irruzione nella prigione e ucciso tutte le sue guardie di sicurezza.

Abdullah Afzali, vice capo del consiglio provinciale di Badghis, ha confermato la notizia. 

Fonti informate hanno fornito un resoconto dettagliato dell’operazione statunitense per il salvataggio delle forze Daesh e degli sviluppi che hanno aiutato gli americani a individuare l’ubicazione della prigione nelle zone montuose.

Aminullah, un uomo dell’Uzbekistan, era uno dei comandanti Daesh tenuti prigionieri nella prigione dei talebani. Il suo successo nella fuga dal carcere ha portato al licenziamento della guardia carceraria talebana e alla sua punizione.

Aminullah è stato uno dei leader di spicco Daesh nelle parti settentrionali dell’Afghanistan.

Fonti informate suggeriscono che il cittadino uzbeko avesse stabilito stretti contatti con le forze militari americane sin dai primi giorni del suo trasferimento in Afghanistan.

Gli americani usavano Aminullah come infiltrato tra i talebani per acquisire informazioni per condurre operazioni contro i talebani nel nord dell’Afghanistan.

 

“L’Iran ha informazioni precise che gli Stati Uniti stanno trasferendo Daesh in Afghanistan”_gennaio 2019

28/08/2021 Ore 11:45

TEHERAN – Yahya Rahim Safavi, uno dei massimi consiglieri militari del Leader, ha detto martedì che l’Iran ha “informazioni precise” che gli Stati Uniti stanno trasferendo militanti Daesh in Afghanistan.

In una cerimonia tenuta per celebrare il 40esimo anniversario della vittoria della Rivoluzione Islamica, Safavi ha anche affermato che il potere degli Stati Uniti e del regime sionista è in declino “ma il potere dell’Iran sta aumentando e ora siamo una potenza regionale”. 

Il leader della Rivoluzione Islamica, l’Ayatollah Ali Khamenei, ha dichiarato nel gennaio 2018 che gli Stati Uniti stanno cercando di giustificare la propria presenza nella regione trasferendo Daesh dall’Iraq e dalla Siria in Afghanistan.

“Sono stati sconfitti, in precedenza, in Iraq e in Siria. Ora, cercano di riaccendere il terrore in Afghanistan”, ha detto il leader, secondo khamenei.ir.

 

28/08/2021 Ore 16:47

I neocons rialzano la testa: John Bolton: ” …questo ritiro è stato pasticciato ed è uno dei motivi per cui siamo ora in grave pericolo, ma esprime anche l’aspetto fondamentale dell’errore del ritiro stesso.

 

28/08/2021 Ore 17:00

Messaggio di Tulsi Gabbard: “Dopo l’attacco terroristico di al-Qaeda, l’11 settembre 2001, i nostri coraggiosi militari e forze speciali si erano prontamente schierati per sconfiggere al-Qaeda in Afghanistan, completando la loro missione in modo rapido ed efficace. In quel momento saremmo dovuti tornare a casa” (non 20 anni dopo…)

 

28/08/2021 Ore 17:03

Joe Biden ha dato al Pentagono il “via libera” per colpire qualsiasi obiettivo affiliato all’ISIS-K, il gruppo responsabile dell’attacco mortale di questa settimana a Kabul, senza chiedere l’approvazione della Casa Bianca.

 

28/08/2021 Ore 17:10

Il generale Kenneth McKenzie, comandante del Comando Centrale degli Stati Uniti, ha rivelato l’esistenza di un’operazione di condivisione di intelligence tra Stati Uniti e Talebani. Secondo McKenzie, i Talebani e gli Stati Uniti condividono lo “scopo comune” di portare a termine la missione di evacuazione in corso entro il 31 agosto.

McKenzie ha detto di non credere che i talebani abbiano intenzionalmente permesso che si verificassero gli attacchi di giovedì, ma ha ammesso di non saperlo con certezza.

https://www.nationalreview.com/news/centcom-commander-reveals-u-s-intelligence-sharing-operation-with-taliban/

 

28/08/2021 Ore 17:14

Pentagono: Due obiettivi ISIS “di alto profilo” sono stati uccisi nell’attacco con droni nell’Afghanistan orientale, un altro terrorista ferito, le forze statunitensi “continueranno” la caccia ad altri obiettivi.

 

28/08/2021 Ore 18:02

Il portavoce del Pentagono John Kirby afferma che gli Stati Uniti non rilasceranno i nomi dei due membri dell’ISIS “di alto profilo” uccisi in un attacco di droni in Afghanistan…(Perche`?)

 

28/08/2021 Ore 19:13

Foto dell’attacco americano che ha colpito una casa nel 7° distretto di Qala-e-Naghrak, provincia orientale di Nangarhar. L’esercito americano afferma che un membro chiave del gruppo dello Stato Islamico è stato ucciso in un attacco aereo che era la mente dell’attacco all’aeroporto di Kabul.

Image

Image

 

28/08/2021 Ore 19:29

I talebani condannano l’attacco dei droni statunitensi contro i militanti dello Stato islamico. “E’ stato un chiaro attacco al territorio afghano“, ha detto il  portavoce del gruppo Zabihullah Mujahid.

Stati Uniti, fuori il primo_con Gianfranco Campa

Sono cominciati i regolamenti di conti in casa democratica. Se non è la corruzione, è il sesso se non il comportamento allusivo la buccia di banana sulla quale fare scivolare le vittime predestinate. Si eliminano pericolosi concorrenti, si rimuovono personaggi scomodi sui quali addossare le responsabilità politiche di gestioni disastrose. A New York il problema è la gestione fallimentare della pandemia. In Italia sino ad ieri, stando ai nostri diffusori di veline, Cuomo è stato presentato come un esempio di gestione contrapposto al disastroso Trump. Da oggi la musica è cambiata. Un segnale che il destino di Cuomo è segnato; vedremo se riuscirà a trascinarsi dietro qualche altro nome illustre.
NB_per vari motivi la conversazione ha assunto un ritmo troppo lento e ha dovuto essere sospesa proprio sulla parte più interessante. Appena possibile riprenderemo il filo interrotto_Giuseppe Germinario

https://rumble.com/vkx67u-stati-uniti-fuori-il-primo-con-gianfranco-campa.html

 

 

 

Stati Uniti, un capitano inebetito in un mare troppo impervio_con Gianfranco Campa

In un mare a stelle e strisce troppo impervio viaggia una nave malconcia con nuove falle da chiudere e un capitano inebetito alla guida. La ciurma senza polso comincia ad azzuffarsi apertamente e a decidere in proprio. E’ l’immagine dell’amministrazione di Biden che comincia a serpeggiare anche in settori una volta laicamente fedeli al vecchio establishment. Una parte dell’equipaggio, quella derisa e fustigata, si appresta a prendere il timone. Si vedrà se riusciranno a portare a destinazione quel che resta del naviglio oppure se sapranno riportare il bastimento all’antico splendore e alle passate certezze. Dalla riva europea gli spettatori non sembrano cogliere la dimensione del dramma accecati come sono dagli affabulatori e dai cantapanzane. Si stanno smarrendo nelle proprie illusioni; rischiano di perdere i rifornimenti e di bruciare il tempo per costruirsi le proprie navi. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/vjqbqz-negli-stati-uniti-un-capitano-inebetito-in-un-mare-impervio-con-gianfranco-.html

 

 

Stati Uniti, lo smarrimento di un ceto politico_ con Gianfranco Campa

In Italia si ha una percezione del tutto falsata riguardo alla condizione di degrado e di incertezza nelle quali annaspano le classi dirigenti dominanti statunitensi, grazie soprattutto al conformismo e alla cialtroneria della quasi totalità del sistema mediatico e degli analisti di supporto. Come pure si rimuove l’esistenza della marea montante di protesta, sempre più consapevole e determinata che sta attraversando l’intero paese. Il nostro ceto politico, ancora una volta, si farà trovare completamente spiazzato dagli eventi e farà precipitare il paese in balìa dei flutti. Solo Draghi sembra perseguire in qualche modo una rotta; riuscirà forse a preservare in qualche maniera l’esistenza dell’Italia e del suo stato, ma non la sua autonomia operativa e strategica. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

L’accoglienza riservata a Kamala Harrys

in Guatemala

https://rumble.com/vidy2d-stati-uniti-un-ceto-politico-ormai-smarrito-intervista-a-gianfranco-campa.html

Stati Uniti! Il gran cavaliere, il Grande Idaho, il caro estinto_con Gianfranco Campa

Non poteva mancare il suggello della diplomazia italiana al trionfo personale di una eminenza dello Stati Uniti, Anthony Fauci. Dalla provincia, però, i riconoscimenti devono pagare il pegno della distanza; rischiano di giungere in ritardo, se non fuori tempo massimo. Fauci ha ricevuto il titolo di Cavaliere di Gran Croce al crepuscolo, appena prima del pensionamento e della sua probabile caduta in disgrazia. E’ servito a puntellare le trame ordite ai danni di Trump, ha raccolto gli onori del suo fedele servizio, è caduto vittima della propria hybris. Sarà il comodo capro espiatorio dello scontro tra filo ed anticinesi nella compagine presidenziale americana. Nel frattempo lo scontro politico negli USA inizia ad assumere i connotati di identità territoriale; il Great Idhao è qualcosa in più di una fantasia di una cerchia ristretta di gruppi politici. Un ulteriore colpo alla coesione di una nazione quando i redivivi del vecchio establishment credono ancora di poter risolvere il contenzioso politico eliminando per via giudiziaria Trump, la loro ossessione dietro la quale non vogliono vedere la foresta di un movimento ormai svincolato dai destini di una persona. Il tutto condito da giochi proibiti condotti nel privato di personaggi riconosciuti per la loro filantropia, ma esposti alle manovre più oscure. Buon ascolto_Giuseppe Germinario

https://rumble.com/vhr6kd-stati-uniti-il-gran-cavaliere-il-grande-idaho.html

 

1 2 3 15