A proposito di Gaza_di Giuseppe Gagliano

HAMAS vs ISRAELE/ I sei errori dell’intelligence che spiegano la débâcle di Tel Aviv

Giuseppe Gagliano

Valutazioni sbagliate, segnalazioni dei servizi egiziani snobbate, mini-droni commerciali usati da Hamas: così Israele non si è accorto dell’attacco

israele gaza guerra 6 lapresse1280 640x300 Soldati israeliani fuori dal muro che circonda la Striscia di Gaza (LaPresse)

È da circa una settimana che i principali analisti internazionali si chiedono cosa non abbia funzionato nell’ambito dell’intelligence israeliana. Ebbene, possiamo arrivare ad alcune conclusioni ampiamente dimostrabili almeno fino a questo momento.

In primo luogo l’intelligence israeliana era certamente in possesso di indicatori di avvertimento relativi all’attacco e questi indicatori sono stati valutati in modo errato. Nello specifico la divisione di intelligence delle Forze di difesa israeliane (IDF), nota come intelligence militare israeliana (IMI), e l’Agenzia per la sicurezza israeliana (ISA), monitorano Hamas da anni. Sappiamo che queste due agenzie hanno condotto una valutazione della situazione circa due settimane prima dell’attacco del 7 ottobre. La valutazione formulava una conclusione molto chiara e cioè che Hamas non aveva alcun interesse ad attaccare Israele a breve termine. Questa previsione è stata comunicata al primo ministro israeliano e al ministro della Difesa.

Al contrario Abbas Kamel, direttore della Direzione generale dell’intelligence egiziana, ha inviato un avvertimento a Israele pochi giorni prima dell’attacco di Hamas, indicando che sarebbe avvenuta una terribile operazione che stava per aver luogo dalla direzione di Gaza. L’avvertimento è stato inoltrato all’ufficio del primo ministro Netanyahu. Il giornale israeliano che ha pubblicato questo rapporto, Yedioth Ahronoth, è noto per la sua seria reputazione e le fonti di qualità all’interno dell’establishment egiziano.

Ora, il primo ministro israeliano ha volutamente ignorato questo avvertimento. Persino un autorevole membro del Congresso americano e cioè Michael McCaul, presidente della commissione Esteri della Camera, ha dichiarato l’11 ottobre: “Sappiamo che l’Egitto […] ha avvertito gli israeliani tre giorni prima che un evento come questo potrebbe accadere”. Una fonte del governo egiziano ha anche affermato che i funzionari dell’intelligence egiziana hanno avvertito le loro controparti israeliane che Hamas stava pianificando “qualcosa di grande” in vista dell’assalto a sorpresa del 7 ottobre. Ma questi avvertimenti sono stati ignorati.

In secondo luogo, l’11 ottobre, un portavoce dell’IDF ha ammesso che, la sera prima dell’attacco, sono stati rilevati movimenti sospetti da parte degli agenti di Hamas vicino alla recinzione perimetrale che separa Gaza da Israele. Tuttavia, secondo il portavoce, “non c’è stato alcun avviso di pericolo per questo incidente“.

In terzo luogo dobbiamo ricordare che la raccolta di intelligence israeliana sulle minacce che provengono dalla Striscia di Gaza si basa su una divisione di responsabilità: l’IMI è tradizionalmente responsabile della raccolta di informazioni attraverso segnali e intelligenza visiva, mentre l’ISA è responsabile della raccolta di informazioni attraverso l’intelligence umana. Va notato che i leader dell’ala militare di Hamas erano consapevoli delle capacità di intelligence di Israele. Ecco perché hanno evitato di utilizzare canali di comunicazione digitale per organizzare il loro attacco, il che ha reso molto difficile intercettare informazioni preziose.

In quarto luogo l’ISA non è riuscita a penetrare nella cerchia ristretta di Hamas e quindi non è riuscita a emettere un allarme precoce per l’attacco del 7 ottobre.

In quinto luogo, Hamas ha utilizzato un sistema di compartimentazione molto rigoroso, permettendo solo a pochi di avere un quadro delle sue intenzioni e del suo piano di attacco.

Ma indubbiamente ci sono altre considerazioni da formulare. Come sappiamo la Striscia di Gaza è monitorata in modo capillare: infatti le torrette non vengono mai lasciate vuote e vi è una rigorosa disciplina nel modo in cui vengono organizzati i turni. Il minimo allarme dei sensori determina l’immediato dispiegamento di una pattuglia di terra e in contemporanea vengono inviati droni da ricognizione tattica per monitorare visivamente la situazione. Cosa è accaduto allora alle torrette di sorveglianza poste sulla Striscia di Gaza? Le torrette di sicurezza sono state distrutte in luoghi chiave da cariche esplosive piazzate da Hamas su mini-droni commerciali prima dell’attacco a terra, senza essere rilevate. I militanti palestinesi non possono utilizzare i loro droni commerciali a una distanza di oltre tre chilometri; quindi erano teoricamente all’interno del perimetro di sorveglianza del sistema del Muro di Ferro quando sono stati lanciati gli attacchi alle torri.

Ora, in generale i sistemi di intercettazione anti-drone sono in grado di solito di respingere attacchi di natura aerea, ma i mini-droni commerciali sono molto più piccoli di quelli militari e quindi non sono stati rilevati dai radar dei sistemi di difesa aerea di Iron Dome, che sono responsabili dell’intercettazione dei razzi e che si trovano a circa 15 chilometri dalla recinzione di sicurezza del Muro di Ferro.

Tra l’altro, questo fallimento tecnologico ha indotto il 10 ottobre il capo di stato maggiore congiunto della Sud Corea, Kang Shin-chul, ad affermare la possibilità che la Nord Corea effettuasse un attacco simile contro la Sud Corea. Ha osservato, infatti, con preoccupazione che i sistemi di sorveglianza delle frontiere erano stati neutralizzati e resi inefficaci prima dell’attacco di Hamas. Infatti il sistema di sorveglianza installato lungo la zona smilitarizzata con Pyongyang è stato originariamente progettato da Elbit Systems e modellato sulla tecnologia utilizzata a Gaza. Ma anche gli Stati Uniti usano lo stesso sistema lungo tutto il confine con il Messico.

In sesto luogo, all’interno del gabinetto di sicurezza (che è certamente l’elemento chiave dell’apparato di intelligence israeliana ed è composto dal primo ministro e dai capi dell’intelligence) ci sono state delle profonde divisioni. Non solo: il gabinetto è stato convocato di rado dal primo ministro che ha invece preferito fare affidamento sulle analisi dello Shin Bet. Il primo ministro ha monitorato le ultime operazioni militari contro la Jihad islamica nel mese di maggio proprio facendo riferimento alle analisi date dal quartier generale dello Shin Bet. Ora, questo servizio di sicurezza israeliano ha concentrato tutte le sue analisi sulla Cisgiordania a causa della grave situazione nella quale questa zona si trova. E proprio la Cisgiordania è stata fra i punti principali all’ordine del giorno dell’incontro del direttore dello Shin Bet con la Cia a Washington il 1° giugno.

SCENARI/ La lezione (e l’errore) di al Qaeda dietro i calcoli di Hamas

Giuseppe Gagliano

Lo scopo di Hamas è di provocare una tale reazione di Israele da portarlo, insieme agli Usa, all’isolamento. Sarà la Cina a trarne vantaggio

hamas palestinesi londra 1 lapresse1280 640x300 manifestazione pro palestinesi a Londra (LaPresse)

È opportuno fare alcune precisazioni in merito al ruolo dell’azione terroristica posta in essere da Hamas. In linea di massima l’azione terroristica non è volta a rovesciare l’istituzione politica ma ha come suo scopo principale quello di intensificare il conflitto radicalizzando il contesto, finendo per indurre lo Stato in azioni che lo logorano. A tale proposito non dobbiamo dimenticare che l’azione terroristica di al Qaeda ha avuto una rilevante successo di natura strategica nel provocare gli Stati Uniti in una campagna militare che ha determinato un contesto internazionale profondamente anti-americano (basti pensare a quanto affermato da Al-Jazeera in merito all’azione militare americana).

Nel caso specifico di Hamas l’ampia pianificazione, le risorse poste in essere e la segretezza implicite negli attacchi aerei, terrestri e marittimi che sono stati coordinati su ampia scala suggeriscono che la sua finalità strategica fosse principalmente quella di  provocare una risposta israeliana così radicale da polarizzare la regione, eliminando qualsiasi via di mezzo e trascinando le istituzioni militari israeliane in una campagna prolungata che difficilmente potrà essere vinta. Anche se il prezzo che Hamas, Hezbollah e la popolazione palestinese dovranno pagare sarà altissimo, difficilmente si può negare che l’azione terroristica attuata contro Israele sia stata un successo militare e potrebbe trasformarsi in un successo politico. A cosa stiamo alludendo esattamente?

In primo luogo, è evidente che determinati organi informazione – quali Al-Jazeera, Russia Today e Telesur – evidenzieranno la drammaticità delle azioni israeliane contro la popolazione palestinese, porranno in evidenza la crisi umanitarie e finiranno per determinare una profonda ostilità nel Medio oriente nei confronti di Israele.

In secondo luogo l’azione militare israeliana non farà altro che rafforzare da un punto di vista politico l’Iran, che non a caso ha elogiato l’azione militare di Hamas; ma rafforzerà anche il governo turco e aiuterà la causa di coalizioni governative come quella dei talebani.

In terzo luogo una reazione di sostegno alla causa palestinese potrebbe provenire dall’Arabia Saudita e dall’Egitto, che non solo potrebbero prendere posizione contro Israele, ma addirittura potrebbero collaborare in funzione anti-israeliana.

In quarto luogo il contributo militare americano potrebbe isolare ulteriormente Israele all’interno del contesto mediorientale, finendo per rafforzare la posizione di Russia, Corea del Nord, Cuba, Venezuela, Nicaragua. Quanto all’Unione Europea questa rimarrà certamente paralizzata dal punto di vista politico, dimostrando ancora una volta di essere un nano politico.

Ma se c’è una nazione che potrebbe certamente trarre vantaggio da un prolungato conflitto e dal coinvolgimento degli Stati Uniti, questa è certamente la Cina. Infatti gli Stati Uniti dovrebbero investire enormi risorse per sostenere sia l’Ucraina che Israele, finendo per allontanare gli Stati Uniti dai partner tradizionali in Medio oriente.

Un altro aspetto sottovalutato dagli analisti tradizionali è che nel contesto dell’America latina una eventuale escalation del conflitto in Medio oriente potrebbe certamente avvantaggiare l’attività di Hezbollah e di altri gruppi radicali, dal momento che dal punto di vista storico questi gruppi hanno condotto proprio in America Latina una parte della loro attività di raccolta fondi.

In ultima analisi quanto più spietata sarà la reazione israeliana e quanto più ampio e sistematico sarà il contributo militare americano, tanto più vi sarà una polarizzazione sia in Medio oriente che in America latina in funzione anti-americana e anti-israeliana.

Palestina L’Iran e l’attacco di Hamas

di Giuseppe Gagliano –

Uno degli aspetti più interessanti di del conflitto in corso nel Vicino oriente è la mano di Teheran dietro l’offensiva. Il comando di Hamas lo ha ufficialmente riconosciuto. L’evidente professionalità degli aggressori non si improvvisa dall’oggi al domani, e presumibilmente sono stati addestrati da membri delle forze speciali. Le informazioni necessarie per l’attivazione dell’operazione possono essere ottenute solo da un servizio speciale competente. Tutto rimanda al ramo al-Qods dei Pasdaran, che è responsabile delle operazioni esterne dell’Iran, nonostante l’orientamento sciita fosse da sempre in contrapposizione a quello sunnita di Hamas e della Jihad islamica palestinese.
Ma la lotta dei palestinesi è di matrice nazionalista, come quella dell’FLN durante la guerra di Algeria. È per questo motivo che i salafiti-jihadisti di al-Qaida e dell’Isis di sono sempre stati tenuti (relativamente) lontani. Questo naturalmente non significa che la situazione non possa subire mutamenti in futuro.
Per quanto riguarda la ragione politica che ha indotto Teheran ad agire in questo modo è abbastanza evidente: impedire che vi sia un riavvicinamento tra lo Stato di Israele e i paesi arabi in generale e con l’Arabia Saudita in particolare. I paesi che hanno già siglato l’Accordo di Abramo a regia Usa, cioè Bahrein, Marocco, Sudan e EAU, e quelli che si stanno preparando a fare altrettanto si trovano di fronte alla scelta problematica di togliere il sostegno ai palestinesi e quindi di appoggiare lo Stato ebraico, molto impopolare preso il mondo arabo.
Secondo il portale di notizie iraniano semi-ufficiale ISNA, Rahim Safavi, consigliere del leader supremo Ali Hosseini Khamenei, ha dichiarato che l’Iran sostiene l’attacco palestinese in questi termini: “Ci congratuliamo con i combattenti palestinesi (…). Saremo al fianco dei combattenti palestinesi fino alla liberazione della Palestina e di Gerusalemme”. Da parte sua il ministero degli Esteri iraniano ha notato che “in questa operazione sono stati utilizzati l’elemento di sorpresa e altri metodi combinati, che mostrano la fiducia del popolo palestinese nei confronti combattenti (…). Gli attacchi “hanno dimostrato che il regime sionista è più vulnerabile che mai, e che l’iniziativa è nelle mani della gioventù palestinese”.
I prossimi sviluppi sono imprevedibili, perché si sa come inizia una guerra ma non si sa come finisce. Ciò che è chiaro è che le mappe saranno ridistribuite in Medio Oriente.

DIETRO HAMAS/ Come funziona la struttura parallela iraniana che ha spiazzato Israele

Giuseppe Gagliano

L’Iran e una struttura parallela ad Hamas hanno probabilmente preparato l’attacco a Israele. Ecco gli errori del governo Netanyahu

quirico Gaza, miliziani di Hamas (LaPresse)

L’operazione di Hamas al-Aqsa Flood, iniziata il 7 ottobre, ha segnato il primo conflitto su larga scala all’interno dei confini di Israele dalla guerra arabo-israeliana del 1948. Tuttavia, a differenza della coalizione di eserciti arabi che affrontò 75 anni fa, Israele ora ha di fronte un’alleanza di gruppi sub-statali. Guidata dall’ala militare di Hamas, le Brigate al-Qassam, questa alleanza comprende la Jihad islamica palestinese, sostenuta dalla Siria e dall’Iran, e una serie di gruppi laici, come le Brigate dei Martiri al-Aqsa allineate al Fatah, il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (PFLP) e il Fronte Democratico per la Liberazione della Palestina (DFLP).

Tali gruppi sono meno conosciuti di Hamas; tuttavia, spesso portano con sé competenze in aree di nicchia, come la gestione di reti di informatori all’interno di Israele, la costruzione di esplosivi sofisticati, l’impiego di droni da combattimento senza equipaggio o l’approvvigionamento di armi specializzate. È quindi probabile che abbiano contribuito notevolmente all’esito dell’operazione al-Aqsa Flood. La loro partecipazione ha anche permesso ad Hamas di lanciare quello che essenzialmente equivaleva a un assalto con armi combinate a Israele, che includeva elementi coordinati di terra, mare e aria e che erano volutamente low-tech. Ciò potrebbe spiegare perché gli assalitori sono stati in grado di mandare in cortocircuito e sopraffare il presunto perimetro di sicurezza inespugnabile che Israele mantiene intorno alla Striscia di Gaza.

Mettendo da parte i singoli elementi low-tech dell’operazione, il suo livello generale di organizzazione tattica indica quasi certamente un notevole sostegno da parte di attori al di fuori della Striscia di Gaza. Tali attori probabilmente includono reti di informatori all’interno di Israele, così come forse l’Iran e la sua ramificazione libanese, Hezbollah. Entrambi sono ben versati nella guerra ibrida e hanno studiato i sistemi di difesa israeliani più ampiamente di qualsiasi altro attore regionale. Inoltre, il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche dell’Iran (IRGC) e le Brigate di Resistenza Libanesi di Hezbollah sono esperti in operazioni di inganno.

Probabilmente hanno allenato Hamas, non solo su come effettuare l’operazione al-Aqsa Flood, ma soprattutto su come impedire a Israele e ai suoi alleati di raccogliere informazioni al riguardo.

Non c’è dubbio che un’operazione di tale portata deve aver richiesto mesi – forse anche anni – per essere organizzata. Un processo così complesso avrebbe avuto luogo sotto gli occhi e le orecchie attenti delle agenzie di intelligence israeliane ed egiziane, che storicamente hanno affrontato poca resistenza nel penetrare gruppi militanti palestinesi, tra cui Hamas. Eppure nessuno sembra aver raccolto abbastanza informazioni per anticipare l’attacco. È altrettanto sorprendente che la meticolosa pianificazione dell’operazione al-Aqsa Flood sembri essere sfuggita all’attenzione delle agenzie di intelligence americane, la cui presenza in Medio Oriente è significativa. Com’è stato possibile?

È probabile che la risposta a questo puzzle si riferisca all’Iran. I suoi agenti sul terreno sembrano essere stati in grado di assemblare, finanziare e addestrare meticolosamente una struttura militante all’interno della Striscia di Gaza, che opera da un bel po’ di tempo in parallelo alla struttura ufficiale di Hamas. Questa struttura parallela probabilmente consiste in individui altamente impegnati e affida