Le trappole del Medio Oriente_con Antonio de Martini

Il pendolo dei focolai di crisi continua ad oscillare tra l’Europa e Taiwan con una tappa obbligata, ormai da decenni, in Medio Oriente. L’Iran e la Turchia tornano alla ribalta con l’emergere di pesanti crisi interne, ma con alcune novità determinanti: la capacità di reazione e di movimento delle classi dirigenti dominanti e del ceto politico da queste espresso; il contesto geopolitico che vede emergere nuovi grandi attori e che riesce ad offrire una sponda meno precaria a questa volontà di resistenza e di intraprendenza. Gli schemi adottati in Libia e in Siria si rivelano quindi meno efficaci, non ostante la serietà dei problemi interni ai rispettivi paesi. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v1wmlja-le-trappole-del-medio-oriente-con-antonio-de-martini.html

COSA È CAMBIATO?_di Pierluigi Fagan

COSA È CAMBIATO? (Spoiler: non lo so). Due post fa ricordavo le dichiarazioni di Biden ad inizio ottobre che segnavano un deciso cambio di atteggiamento verso Russi, Putin e guerra in Ucraina. “Deciso” non sarà sembrato a chi non si interessa di questioni internazionali dove vige un codice simbolico per il quale anche piccoli accenni di qua e non di là fanno segnale, differenza, quindi informazione. Da allora, continuo il flusso di segnali, alcuni in una direzione, altri a mantenere calda l’atmosfera, ma seguendo chi diceva cosa e che potere ha, sempre più di un tipo e sempre meno dell’altro. Il generale Milley ha alla fine messo giù carte decise dicendo che era giunto il tempo di trattare, che gli ucraini avevano dato il massimo e di più non si poteva pretendere, ieri ha apertamente detto che la situazione sul campo non è credibilmente migliorabile. Attenzione, trattare non è pace, si può trattare per anni ed anni e così rendere di fatto una situazione che non si può accettare ufficialmente. Russia e Giappone non hanno ancora firmato la pace dopo 77 anni dalla IIWW.

Nel frattempo, i russi si ritiravano da Kherson, sia segnale di accettazione del presunto stato del campo ovvero darsi il Dnepr come confine, sia ovvia mossa di logistica militare. La questione del missile polacco ha mostrato come il dibattito pubblico non capisce quasi nulla di ciò che succede. Ho letto la notizia a tutta pagina prima di andare a letto ed ho pensato “ma perché mettere a tutta pagina una stupidaggine del genere?”. Un singolo missile a pochi chilometri dal confine di un paese in guerra è evidentemente un errore, non importa fatto di chi, certo non si attiva l’art. 5 della NATO per una cosa del genere. Viepiù in un clima generale che stava andando verso il sedersi al tavolo, anzi proprio questo generale andare verso il tavolo (USA-Russia), poteva ben spiegare chi aveva intenzione di sparare un missile dove non doveva.
Che Zelensky (nome collettivo dell’élite ucraina al potere) non abbia alcuna voglia di andare al tavolo e sostanzialmente accettare lo stato del campo o giù di lì (trattando qualcosa potrebbe ottenere se gli americani su un altro tavolo dessero qualcosa ai russi in termini di architettura di sicurezza generale), si comprende. Tuttavia, si spera siano abbastanza intelligenti da capire che affidarsi alle volontà strategiche di una iper-potenza dominante, comporta accettare questi cambi repentini di postura. Probabilmente, più si scende lungo la scala di rilevanza politica di questa scala, meno intelligenza si trova. Questo era noto e ne scrivemmo mesi fa, difficile per i vertici del potere ucraino richiamare ora le frange eccitate dal conflitto, armate, eroizzate, rese protagoniste, eccitate dal traffico d’armi e relativi introiti ed ora destinate a tornare nell’ombra. In questi casi capita anche che ti lancino un razzo a tua insaputa rendendo così palese che tu certe cose non le controlli.
Il che vale anche per il corteo di quelli che una volta si chiamavano “servi sciocchi” dell’establishment europeo e mediatico. Hanno preso tutti a vibrare all’unisono al segnale che forse, sì, era giunta “l’ora più buia” l’altra sera. Poi si sono resi conto che gli americani avrebbero sostenuto la tesi dell’incidente di tiro degli ucraini anche se il razzo fosse stato avvolto nel tricolore blu-bianco-rosso. Si capisce le opinioni pubbliche non siano veloci a cogliere i mutamenti di quadro, ma quelli che hanno responsabilità politiche e di interpretazione mostrano semmai più stupidità il che è sconfortante una volta di più.
Gente che in questi mesi è andata a dire che ii russi volevano andare a Berlino, poi che volevano prendere tutta l’Ucraina, che Putin aveva evidenti segnali di malessere psichico e fisico, poi che sarebbero crollati sotto le sanzioni, poi che ci sarebbe stato un colpo di stato contro Putin, poi che i russi avevano finito i missili, i soldati, i carrarmati, che ci si sarebbe fermati solo riconquistando la Crimea, che forse si poteva nuclearizzare Mosca preventivamente o forse anche solo con le armi convenzionali. Tonnellate e tonnellate di sciocchezze emesse 7/24 con sciami di replicatori su i social a creare nuvole di falsa percezione, altro che fake news. Anche loro, come gli eroi ucraini al fronte, ora presi in contropiede.
L’altro giorno a Bali, riunione dei G20, Biden ha dato altri segnali con Xi Jinping. E vabbe’ ci sarà competizione accesa ma forse conviene rimanere dentro quadrati predefiniti di ciò che si può e non si può dire o fare. Se ne riparlerà in un prossimo incontro sino-americano tra addetti ai lavori tecnici. La Dichiarazione di Bali, che si disperava si potesse avere in comune e che invece gli americani volevano fortemente, ammette che non tutti erano d’accordo, specie sulle unilaterali attribuzioni di colpe e sulle sanzioni ma che sì, la guerra perturba l’economia mondiale (che è l’oggetto per cui esiste il formato G20). Già, ne parlammo tempo fa a proposito della “pace multipolare”, la grande parte del mondo questa guerra non la voleva, non la vuole, la rifiuta come perno per operare in logica geopolitica contro la logica geoeconomica che dà speranze di sviluppo a tutti loro. Atteggiamento che vale verso gli americani, gli europei, i russi. Molti non hanno capito cosa significa “multipolare”, ovvero che gli attori sono tanti diversi, ognuno col proprio interesse e punto di vista. È da questa pluralità che può emergere un mondo sì dinamico (il mondo statico-ordinato tocca scordarcelo per sempre) ma più equilibrato come si conviene ad ogni sistema iper-complesso.
Biden se l’è sentito dire e ripetere a soggetto specifico Asia ed atteggiamento verso la Cina, nell’incontro precedente a Bali con gli ASEAN, gli 11 paesi asiatico orientali senza i quali la strategia di contenimento dei cinesi pensata a Washington non va da nessuna parte. Ma per la verità quella strategia era noto non andasse da nessuna parte. Da tempo penso che i circoli geopolitici di Washington sappiano qualcosa di Europa, Russia, Medio Oriente ma quanto all’Asia, mostrano di non saperne quasi nulla. Una cosa come quella della “Pelosi goes to Taiwan” la fai solo se non conosci i minimi termini di base della mentalità asiatica, asiatico confuciana diciamo. Tutta la storia dell’Indo-Pacifico ed i corteggiamenti multipli ai vicini del gigante di Beijing, mostra inquietanti segnali di wishful thinking. Ma si sono mai presi i dati di import-export di questi Paesi prima di pianificare strategie? Taiwan, per dirne una, a parte distare poche miglia dalla costa cinese, ha il 40% tanto dell’import che dell’export con RPC-Hong Kong. Alle brutte, basta un blocco navale totale e la sospensione totale di ogni scambio con l’isola che dopo due-tre settimane il capitalismo taiwanese farebbe un colpo di stato in favore di “una nazione, due sistemi” altro che Terza guerra mondiale. Se sottrai di colpo il 40% di un sistema, il sistema crolla per implosione.
Rimane la domanda: cosa ha cambiato la postura americana? Attenzione, di nuovo, in politica internazionale non puoi mai esser certo e definitivo, potrebbe esser un “buying time” in favore di cosa non so dire, ma un cambio moderato e però significativo c’è.
In questi due mesi pendeva la spada di Damocle delle elezioni in USA. Ora sappiamo che: 1) i democratici hanno salvato il Senato; 2) i repubblicani hanno preso la Camera; 3) l’area Trump ha problemi interni allo schieramento repubblicano. Tante altre cose del complesso ambiente economico e finanziario stelle e strisce non le sappiamo anche se possiamo intuire che siano, a parte ovviamente il complesso militar-industriale, più o meno sulle stesse posizioni di chi questo innalzamento della temperatura del conflitto non lo vuole per niente. Si fa presto a dire “friendshoring”, farlo è tutt’altro conto. Di questi tempi la nostra attenzione è strapazzata di qui e di là, forse pochi hanno registrato che Facebook ha operato 11.000 licenziamenti, più quelli di Musk a Twitter ed i prossimi di Amazon verso cui comincia qui in Europa a montare un certo fastidio allargato visto che chiudono negozi, gente va per strada, quei camioncini con lo sbaffo del sorriso inquinano e complicano il traffico, rubano dati, le vendite mondiali di smartphone sono in decisa contrazione etc.. Ma come? L’Era dei Dati, il mondo digitale e metaversico, il “Futuro”? Il Grande Reset è durato lo spazio di un mattino? Non ci sono più le distopie di una volta. Ma poi, questo comparto, non era poi il principale sponsor anche finanziario del partito democratico?
Andranno fatte ricerche ed analisi più a grana fine. I dem, forse, vedono la possibilità di spaccare i repubblicani tra l’area old style conservatrice ma sennata e l’area populista arruffona dissennata e quindi vedono luce per le elezioni fra due anni che prima erano buie. Gli alleati o i potenziali tali, stanno facendo sapere che qui ognuno ha i suoi problemi, tanti, economici, sociali, climatico-ambientali, politici. Forse è il caso di rallentare l’impeto della strategia “democrazie vs autocrazie” ovvero Cold War 2.0 che poi da Cold ad Hot ci mette un attimo. Russia va bene, ma con la Cina aspetta un attimo, come ha mostrato Scholz andando in Cina coi vertici delle sue multinazionali, i tedeschi sono lì per primi, erano tutte tedesche le aziende che aprirono le prime industrie a capitale misto (51% cinese) quando andai lì nel 1990. Magari meglio buttarla sulla diplomazia. Ne scrivemmo, ci pareva una strategia eccessivamente semplificante ed ambiziosa, difetti tipici di certi strateghi americani, lo si dice dal punto di vista “tecnico” che in questo periodo di grandi passioni ideali è un punto di vista poco frequentato ma che è sempre quello che, realisticamente, detta le partiture di gioco che è e rimane razionale.
Ai dem che ragionano ad elezioni, conviene ora metterla giù morbida, tanto internamente che esternamente. I mesi più difficili, dal punto di vista economico, finanziario, energetico, debbono ancora arrivare. Le olimpiadi greche sospendevano i conflitti, facciamo i mondiali, aspettiamo primavera, poi vediamo. Forse…

 

La Russia e l’Africa, di Bernard Lugan

Con tutte le difficoltà che sta incontrando il regime di Putin dispone di un fattore fondamentale: il tempo e, quindi, la possibilità di resistere. Con esso la possibilità di portare il confronto anche lontano dai propri confini in aree sempre più vitali per i paesi europei man mano che accentuano il loro scisma dalla Russia ma dove la credibilità delle classi dirigenti occidentali è ostaggio del proprio retaggio coloniale e neocoloniale. La tentazione li porterà ad assumere un ruolo sempre più destabilizzante, fondato sull’istigazione delle divisioni etniche, tribali e religiose. L’Italia e la Francia, ancora una volta, sono destinate ad assumere il ruolo delle vittime sacrificali; la prima in silenzio, la seconda con la spocchia. Il paradosso più impresentabile dei profeti delle “società aperte” e della democrazia. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Un cartone animato russo in francese proiettato nei cinema centrafricani raffigura un leone – implicando l’Africa – attaccato dalle iene – implicando paesi occidentali. L’orso russo interviene quindi, aiutando il padrone della boscaglia a riportare l’ordine delle cose, cioè il rispetto che dobbiamo al leone. L’allegoria è stata ben compresa dagli spettatori entusiasti. È così che, attraverso il sostegno incondizionato dato alle potenze forti, le uniche rispettabili e rispettate in Africa, la Russia sta gradualmente cacciando gli occidentali. Tanto più facilmente poiché gli africani sono stufi del diktat democratico-moralizzante che pretende di far loro cambiare natura. Basta con le follie della “teoria del genere” e le delusioni patologiche LGBT che sono diventate i “valori” sociali di un Occidente che ha perso ogni riferimento all’ordine naturale. Ecco perché, come ha affermato il generale Muhoozi Kainerugaba, figlio del presidente dell’Uganda Museveni, “la maggioranza dell’umanità sostiene l’azione della Russia in Ucraina. Putin ha assolutamente ragione”. Tanto più che la politica russa non ha come alibi il miraggio dello sviluppo. Russi e africani sanno benissimo che è impossibile “sviluppare” secondo i criteri definiti dall’Occidente, un continente che, entro il 2030, vedrà la sua popolazione aumentare da 1,2 miliardi a 1,7 miliardi, con oltre 50 milioni di nascite per anno. E che, per governare queste masse umane, i principi democratici occidentali sono sia inefficaci che crisogenici. In realtà, se Vladimir Poutin riesce in Africa, è perché ha preso esattamente il contrario del diktat democratico che François Mitterrand ha imposto nel 1990 al continente durante la conferenza di La Baule. Un diktat che ha causato un caos infinito perché, poiché le elezioni in Africa sono tanti sondaggi etnici a grandezza naturale, portano quindi automaticamente all’etnomatematica elettorale. Da qui la crisi permanente. I popoli meno numerosi essendo infatti esclusi dal potere, o non si riconoscono negli Stati, o si ribellano contro di loro. Al contrario, lontana dalle nuvole ideologiche, la politica africana della Russia è centrata sulla realtà, sulle forze armate che costituiscono i circoli del vero potere. E mentre la NATO avanza le sue pedine contro la Russia ottenendo nuove adesioni o domande di adesione nel Nord Europa, Mosca muove le sue pedine in Africa, contro l’Occidente, firmando accordi militari con la maggior parte dei paesi del continente. Quanto alla Francia, si è estromessa dal continente a causa della nullità dei suoi dirigenti e dei continui e colossali errori politici che non ho mai smesso di evidenziare nei successivi numeri di Real Africa. Tanto più che, essendosi completamente sottomessa alla NATO, e quindi agli Stati Uniti, si è mostrata ostile agli interessi russi, in particolare in Libia, Siria, Bielorussia e oggi in Ucraina. In Africa, Mosca ha restituito quindi in un certo senso “la sua moneta”…

http://bernardlugan.blogspot.com/

I DIECI ANNI CHE SCONVOLGERANNO IL MONDO, di Pierluigi Fagan

L’altro giorno, in un discorso al club Valdai, Putin ha detto che stiamo entrando nei dieci anni più pericolosi dalla fine della IIWW. Quello stesso giorno, giovedì scorso, la presidenza Biden ha rilasciato il terzo dei documenti sulla revisione della dottrina sulla sicurezza nazionale dal sinistro titolo: revisione della dottrina nucleare. Il giorno prima era stato rilasciato il primo documento, quello di strategia generale.
Nel documento di strategia generale è stato Biden a presentare la sfida decennale: “La Strategia di sicurezza nazionale per il 2022 delinea il modo in cui la mia Amministrazione coglierà questo decennio decisivo per portare avanti gli interessi vitali dell’America” aggiungendovi l’oggetto del contendere: “Siamo nel mezzo di una competizione strategica per plasmare il futuro dell’ordine internazionale.”. Fermiamoci qui un attimo prima di procedere più in dettaglio.
Come più volte ricordato (ma dato il rapporto tra l’enormità del fatto e la totale assenza di sua conoscenza tocca insistere), l’umanità ha più che triplicato i suoi effettivi negli ultimi settanta anni. Proveniamo e per certi versi siamo, in una inflazione varietale: più persone, più Stati, più organizzazioni formali pubbliche, private, multilaterali, formali ed informali, legali ed illegali. Tutte queste varietà hanno tra loro interrelazioni, commerciali, finanziarie, culturali, militari etc. Ne viene fuori un grosso gomitolo complesso, la cui complessità è cresciuta moltissimo in pochissimo tempo.
Tale sistema umano ambientato sul pianeta tende a cercarsi un ordine, ordine gerarchico di chi comanda chi, ordine dei regolamenti di interrelazione, ordine procedurale e valoriale, ordine difficile quello cooperativo, ordine più facile quello competitivo.
L’ordine precedente era un ordine semplice dominato gerarchicamente da una punta piramidale con a capo gli USA assistiti dal circolo anglosassone, con una base europea. Questa punta piramidale pesava il 30% circa demograficamente ed il suo “potere” basato su forza militare, ricchezza, tecnologia e scienza, sistema valoriale era incomparabilmente maggiore del sottostante. Oggi questa punta piramidale pesa la metà, i punti di forza sono insidiati da vari sfidanti, la distanza tra questo potere ed il resto del mondo si va accorciando e per lettura dinamica abbastanza consensuale, più o meno ogni “mondologo” sa che tali riduzioni di potere aumenteranno nei prossimi anni e decenni, almeno fin dove si spingono le previsioni ovvero il 2050.
Quando si verifica una riduzione così importante è l’intero sistema che si riformula, in maniere non lineari. Ad esempio, la punta piramidale occidentale, dato il suo peso relativo e la sua potenza complessiva, ha avuto agio in questi settanta anni di poter condividere parti, per quanto piccole, della sua ricchezza e potenza. Dominava quindi ma al contempo era anche attraente. Oggi, in via di drastica riduzione relativa, non ha la metà di quel potere, non ce l’ha proprio più del tutto o quasi.
Nuovi soggetti stanno emergendo nella matassa del mondo, la Cina più di ogni altro, la Cina fa da sola il 50% in più della popolazione aggregata di tutto l’Occidente che è formato da una quarantina di Stati, tra centro più periferie. Questi nuovi soggetti non insidiano il potere Occidentale direttamente, insidiano la forma che permetteva a quel potere di dominare. Ormai ci sono sempre più parti del mondo che sono impegnate a cercar il loro benessere e sicurezza in proprio, relativamente la loro regione o continente, il sistema umano planetario si sta semplicemente pluralizzando, frammentando, complessificando.
In complessità, ambito transdisciplinare che studia sistemi nel mondo fisico, chimico, biologico, tecnologico, sociale umano, tanto materiale che immateriale (fatti e sistemi di pensiero, ideologie, immagini di mondo etc.), non si dà un sistema complesso cresciuto in complessità di tanto in poco tempo, ordinato gerarchicamente in forme piramidali. Prendiamo l’essere umano. Sareste pienamente umani senza i cinque sensi? Senza il pensiero cosciente ed autocosciente? Senza apparato respiratorio? Circolatorio? Osseo? Digerente? Nervoso? Quanto durereste senza sistema immunitario? Come vedete, ognuno di noi è un sistema con più poli funzionali, un sistema multipolare. Così sono le nazioni, le ecologie, le aziende, financo i mercati, le squadre di calcio, sono “sistemi” non piramidi. Le piramidi sono vestigia antichissime, il loro concetto alberga ancora nelle nostre teste, ma è una riduzione falsa, una cosa che ci piace pensare perché è facile e semplice. Le cose facili e semplici sono utili, almeno fino a che non sovrappongono la propria promessa di facilità e semplicità a cose e fenomeni che non lo sono affatto.
In tale scenario piomba il documento americano. La parte politica è scontata: la sfida principale per gli USA è la Cina, ma anche la Russia e la sua pretesa di reintrodurre la guerra diretta per regolare le controversie di vicinato (Ucraina). La strategia allora è rinforzare le alleanze tra le c.d. “democrazie” verso le c.d. “autocrazie” ovvero rendere più gerarchici i rapporti interni la sistema occidentale. Superare la globalizzazione precedente riquadrando ambiti più limitati su base regionale o di condivisione ideologica (friendshoring). Ostracizzare tutti quelli che non sono dalla nostra parte. Far capire agli americani che la politica interna e la politica estera sono due parti di una stessa cosa. Ma soprattutto, prepararsi alla guerra, guerra senza limiti.
“Guerra senza limiti” era il titolo di un libro di due colonnelli superiori cinesi (Qiao-Wang, Guerra senza limiti, LEG edizioni, 2001) che nel 1999 fece molto rumore nell’ambito degli studi strategici. In esso, i due miliari, prospettavano un futuro in cui anche il conflitto diventava complesso ovvero multidimensionale. L’elenco delle aree di conflitto era diviso in: militare (atomico, convenzionale, biochimico, ecologico e climatico, spaziale, elettronico, guerriglia, terrorismo); trans-militare (diplomatico, di network, intelligence, psicologico, tattico, di contrabbando e varie criminalità, droga, virtuale) e non militari (commerciale, finanziario, di risorse, di distribuzione asimmetrica di aiuti economici o tecnologici, normativo, di sanzioni, mediatico, ideologico). Purtroppo, la previsione dei due cinesi, si sta puntualmente compiendo proprio di questi tempi.
Siamo nel conflitto multidimensionale per l’ordine del mondo tra un sistema in contrazione di potenza dentro una riformulazione più ampia del sistema mondo e tutte le molteplici e crescenti minacce che questo intravede per mantenere la sua posizione di potere e di privilegio in un mondo in cui le condizioni di possibilità sono cambiate strutturalmente.
Puntualmente, il terzo documento sulla dottrina nucleare rilasciato giovedì dall’Amministrazione Biden, contiene una novità terribile: è stato tolto l’auto-divieto al first strike. Il first strike è il primo colpo (atomico) che si riteneva non poter esser dato per non iniziare l’escalation atomica ovvero l’Armageddon. Cito testualmente “Abbiamo condotto la revisione di un largo spettro di opzioni sulla politica di dichiarazioni – tra cui il No First Use e il Sole Purpose – e abbiamo concluso che questi approcci potrebbero comportare un livello di rischio inaccettabile alla luce della gamma di capacità non nucleari che vengono schierate e progettate dai nostri avversari, tali da infliggere danni strategici agli Usa e ai nostri alleati”. Università, ricerca, tecnologi, privati e pubblici, alleati, oltre ovviamente politici, diplomatici, giornalisti e quanti altri, tutti dovranno convergere verso la nuova dottrina che sviluppa l’imponderabile. È in gioco il “nostro” futuro.
Ma “nostro” di chi? Delle élite occidentali? Di tutti gli occidentali? Degli americani e britannici? Mio e tuo?
Non so come concludere questo post. Otto mesi fa presi immediatamente a pubblicare articoli e post molto allarmati ed indignati, molti non compresero il perché, perché ignari del quadro generale, delle tante parti, storie, intrecci, interessi che compongono questo argomento. I più di tutto ciò non sanno nulla, non sanno come collegare le cose, sono ostaggio della propaganda quando si credeva che la propaganda fosse una prerogativa delle sole autocrazie, sono sobillati da siringate di indignazione emotiva su frammenti isolati dal contesto. Hanno “immagini” che non corrispondono al “mondo” se non una edificante riduzione semplificata che hanno in testa per non soccombere all’ansia e lo sdegno.
Questa storia è iniziata otto mesi fa con edificanti dichiarazioni per la quali non saremo mai entrati in guerra direttamente, davamo solo qualche mitraglietta al commediante di Kiev. Ora siamo a schierare le atomiche tattiche B-61 a Brescia e Pordenone con una Presidente del Consiglio che proviene da quella destra sociale romana che in tradizione era anti-americana quanto anti-sovietica e che ora invece si mette allineata e coperta nella truppa occidentale che va alla resa dei conti conto il mondo che non va più nel verso giusto.
Non è che la post-fascista sta diventando democratica, sono le nostre “democrazie” che stanno diventando post-fasciste. In bocca la lupo che, come si sa, perde il pelo ma non il vizio.

 

L’importanza di inquadrare correttamente la nuova guerra fredda, di Andrew Korybko

Inquadrare tutto correttamente è della massima importanza per erodere gradualmente la propaganda dell’élite occidentale in uno spirito simile a come l’emergente Ordine Mondiale Multipolare ha già gradualmente eroso l’egemonia unipolare del primo, che accelererà così ulteriormente la transizione sistemica globale. È davvero il caso che la Nuova Guerra Fredda sia il risultato del miliardo d’oro dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti che cerca di impedire al Sud globale guidato congiuntamente da BRICS e SCO dallo sviluppo dei loro modelli socio-economici e politici alternativi.

L’emergente ordine mondiale multipolare

Le relazioni internazionali sono nel mezzo di una transizione sistemica globale dall’unipolarità alla multipolarità , l’ultima delle quali si manifesta attraverso l’emergere di diversi centri di influenza economici, militari, politici, tecnologici e di altro tipo in tutto il mondo, per non parlare della diversità di sistemi socio-culturali che precedono tutto questo. Tuttavia, in Occidente è tabù discutere queste tendenze nonostante i politici le riconoscano in documenti come la valutazione annuale dell’intelligence statunitense .

Il vero stato delle cose in Occidente

L’élite ha ragioni ideologiche per sopprimere questi fatti al pubblico, vale a dire la necessità di mantenere la narrativa screditata secondo cui i loro modelli sono superiori a tutti gli altri, universali e devono quindi essere imposti a tutti gli altri “per il loro bene” in un moderno. giornata “missione civilizzatrice”. Attirare l’attenzione sul graduale declino di questo blocco rispetto a quei centri di influenza emergenti sopra menzionati contraddice questa nozione poiché dimostra che esistono effettivamente altri modelli efficaci oltre al proprio.

La consapevolezza di questo fatto oggettivamente esistente e facilmente verificabile potrebbe portare a una crisi di fiducia in tutto l’Occidente poiché gli aspetti sgradevoli dei propri modelli sono tollerati solo dalla popolazione perché ha subito il lavaggio del cervello facendogli credere di essere comunque superiore a tutti gli altri . Coloro tra loro che vengono a conoscenza di questa realtà o vengono cooptati dal sistema quando diventano essi stessi élite economico/politiche o vengono screditati come “teorici della cospirazione” e “agenti stranieri”.

A dire il vero, questi stessi modelli subiscono effettivamente alcuni cambiamenti per rimanere in qualche modo competitivi nei confronti dei loro rivali all’estero, ma in generale non riducono mai la disuguaglianza sistemica che è costruita in loro dal progetto per gli interessi dell’élite. Ciò si traduce in un continuo attrito tra le persone e l’élite, che è per lo più gestito attraverso una combinazione di operazioni di gaslighting, distrazioni dei media, dispense occasionali e tipici complotti del divide et al.

Il vero stato delle cose nel sud del mondo

La suddetta osservazione rappresenta il vero stato delle cose in Occidente, di cui le società non occidentali sono profondamente consapevoli proprio perché questo modello distopico viene loro imposto in modo aggressivo dall’estero, quindi perché sono in una posizione migliore per descrivere accuratamente i suoi vari aspetti. I loro paesi sono sfruttati per il lavoro, i mercati e le risorse al fine di sostenere indefinitamente il sistema egoistico dell’élite occidentale, che così la permea di disuguaglianze sia interne che internazionali.

Poiché le condizioni di vita sono generalmente peggiori nei paesi non occidentali rispetto a quelli occidentali a causa dello sfruttamento dei primi da parte dell’élite dei secondi, era inevitabile che quelle società del Sud del mondo fossero quelle che guidavano la resistenza mondiale a questo sistema. Quel sistema, va detto, è il modello di globalizzazione incentrato sull’Occidente che alla fine è arrivato a incorporare anche una dimensione sociale radicale correlata all’ideologia iperliberale della sua élite.

La loro “missione civilizzatrice” ha quindi motivazioni socio-economiche, la prima legate al cambiamento del modo di vivere tradizionale delle società straniere per ragioni ideologiche e la seconda spinta dal desiderio di sfruttarle indefinitamente. Al fine di impedire alle persone prese di mira di respingere queste violazioni dei loro diritti umani, viene loro imposta la “Democrazia occidentale” poiché i suoi ciclici cambiamenti di leadership sono facilmente manipolabili attraverso la guerra dell’informazione che l’élite ha perfezionato.

La dimensione politica della globalizzazione incentrata sull’Occidente è proseliticata sulla falsa premessa che si suppone tuteli i diritti umani delle persone anche se la realtà è che istituzionalizza la loro sistematica violazione degli stessi, come è stato appena spiegato. Le rivoluzioni colorate e la guerra non convenzionale (che se applicate insieme possono essere descritte come guerra ibrida ) sono i mezzi per costringere gli stati presi di mira ad adottare questa tripletta socio-economica e politica per sostenere il dominio dell’élite occidentale.

Dividere e governare le società occidentali e non occidentali  

Quelle società che sono state costrette alla sottomissione o stanno ancora resistendo a quello scenario di fronte a una tale pressione come l’Etiopia sono comprensibilmente arrivate a odiare i loro oppressori. La loro giustificata indignazione, tuttavia, viene maliziosamente interpretata dai media mainstream occidentali (MSM) e dai suoi “compagni di viaggio” nel mondo accademico, dalla comunità di esperti, dalle “ONG”, dalla cultura pop e simili come il cosiddetto “antiamericanismo” o qualche altra forma di sfacciato fanatismo che dovrebbe essere sempre universalmente condannato.

È attraverso questa manipolazione delle percezioni della propria gente che i modelli sistematicamente diseguali dell’élite occidentale vengono sostenuti nelle menti di coloro che governano direttamente e sono anche gli unici in grado di cambiare tutto dall’interno. Le masse occidentali, che certamente godono di un certo grado di beneficio indiretto dallo stesso sistema che le opprime (l’ultimo dei quali è ovviamente meno di quanto opprima le società del Sud del mondo), sono falsamente fatte pensare che le masse non occidentali le odino.

Questa rozza tattica del divide et impera che viene implementata attraverso la maliziosa rappresentazione errata da parte del MSM dei movimenti antimperialisti di base del Sud del mondo serve a rafforzare la falsa narrativa dell’élite occidentale secondo cui le masse non occidentali sono bigotti, gelosi e vittime della propaganda. Il loro pubblico mirato tra le masse occidentali viene quindi manipolato nel pensare che la loro società sia davvero più civile, i loro modelli più efficaci e il loro stesso popolo veramente più libero.

Da lì, non è troppo difficile per l’élite occidentale fuorviare le masse sotto l’influenza delle loro operazioni di guerra dell’informazione nel sostenere “missioni civilizzatrici” all’estero e tollerando le imperfezioni del loro sistema che molti sono giunti a realizzare esistono nonostante le numerose campagne di gaslighting falsamente affermando che sono perfetti. Questi risultati interconnessi fanno avanzare il neoimperialismo dell’élite all’estero mentre sostengono il loro sistema egoistico in patria.

Il tallone d’Achille delle élite occidentali

Il tallone d’Achille di questa “soluzione” è che è tutto basato sull’élite occidentale che manipola le percezioni della propria gente sul Sud del mondo. Se queste bugie dovessero essere infrante, le masse occidentali si renderebbero conto dei motivi per cui la stragrande maggioranza dell’umanità detesta gli stessi modelli ai quali è stato fatto il lavaggio del cervello facendogli ritenere superiori. La conseguente mancanza di sostegno alla politica estera della loro élite e la rinnovata agitazione per le riforme in patria destabilizzerebbero questo sistema ineguale dall’interno. 

Questo spiega perché l’élite occidentale censura i media alternativi che contraddicono le loro narrazioni, intraprendono incessantemente una guerra dell’informazione contro la loro stessa gente e continuano a denigrare il Sud del mondo. Va ricordato che una delle affermazioni più cruciali alla base di questa operazione di manipolazione della percezione è che le masse non occidentali sono “barbari bigotti” nonostante la verità sia che sono antimperialisti civilizzati, cosa di cui le masse occidentali devono urgentemente rendersi conto .

In ciò sta la grande importanza strategica di inquadrare adeguatamente la Nuova Guerra Fredda tra l’élite occidentale e le masse non occidentali che si battono per un Ordine Mondiale Multipolare in cui le Relazioni Internazionali siano più democratiche, uguali e giuste di quanto non lo siano attualmente. Questo nobile obiettivo sarebbe abbracciato anche dalle masse occidentali se fossero rese consapevoli della verità poiché anche loro trarranno vantaggio da questo visto che sono anche oppresse da questa stessa élite a cui è contrario il Sud del mondo.

Inquadrare correttamente la nuova guerra fredda

Il primo passo per risvegliare le masse occidentali è contrastare la falsa narrativa della loro élite secondo cui i loro coetanei non occidentali sono “barbari bigotti”, ergo la necessità di descrivere l’oggetto dell’odio giustificato di questi ultimi nel modo più accurato possibile. È per questo motivo che è meglio chiamarli il Miliardo d’Oro dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti, poiché questo racchiude in modo più accurato l’essenza del loro essere così come esattamente ciò che le masse non occidentali sono contrarie.

Per spiegare, il miliardo d’oro si riferisce al miliardo più ricco del pianeta che vive all’interno della civiltà occidentale, che a sua volta è attualmente guidata dall’élite degli Stati Uniti. Le masse non occidentali non sono contro le loro controparti occidentali, ma contro il sistema di globalizzazione incentrato sull’Occidente creato dalla loro élite che ha portato al risultato sorprendentemente ineguale per cui una minoranza di persone vive molto meglio della maggioranza che la loro élite sfrutta spietatamente in per sostenere indefinitamente questo sistema neo-imperiale.

Inquadrando così la Nuova Guerra Fredda come tra i miliardi d’oro dell’Occidente guidati dagli Stati Uniti e il Sud del mondo, l’ultimo dei quali è guidato da BRICS SCO poiché quei due stanno costruendo sistemi economico-finanziari alternativi per riformare la globalizzazione incentrata sull’Occidente, tutto diventa molto più chiaro. Questa competizione globale non è tra “democrazie e dittature” come afferma falsamente l’élite occidentale, ma sugli sforzi dell’élite occidentale per spegnere i sistemi rivali e quindi mantenere la loro egemonia.

La reazione attesa delle masse occidentali alla realtà

Dopo aver preso coscienza di ciò, coloro tra le masse occidentali che credono nella morale, nell’etica, nei valori e nei principi che è stato detto loro che la loro parte rappresenta (anche se in realtà non lo fa) simpatizzeranno con il loro non- coetanei occidentali e rivitalizzare i propri movimenti antimperialisti. Questa previsione si basa sul presupposto che la maggior parte delle persone in quella civiltà sono persone veramente rispettabili che non sosterrebbero la loro élite sfruttando gli altri se scoprissero la verità.

Ciò è particolarmente vero a causa dell’ottica razzista della loro civiltà a maggioranza bianca che opprime la maggior parte delle civiltà non bianche del mondo, il che sarebbe considerato inaccettabile tra quelle masse occidentali che ne vengono a conoscenza a causa del ritrovato sentimento antirazzista a casa. La realtà degli affari contemporanei è che l’élite occidentale sta facendo esattamente la stessa cosa al Sud del mondo accusando i rappresentanti russi, cinesi, iraniani e altri di quest’ultimo di aver tentato contro di loro.

Non è nessuno di quelli o altri che stanno cercando aggressivamente di imporre i modelli del proprio paese agli americani per sfruttarli spietatamente, ma l’élite occidentale che sta facendo questo a loro e a tutti gli altri a tutti gli effetti. I modelli socio-economici e politici associati alla globalizzazione incentrata sull’Occidente contraddicono gli stessi principi morali, etici, valori e principi che l’élite occidentale manipola all’interno della propria civiltà per infondere alla propria gente un falso senso di superiorità.

L’importanza di correggere le percezioni manipolate

Questa operazione di manipolazione della percezione persiste perché le masse occidentali sono private di informazioni accurate sul resto del mondo, invece fanno affidamento sul loro MSM e sui suoi “compagni di viaggio” per filtrare in modo fuorviante e successivamente girare tutto ciò che viene detto sul non-Occidente. Nonostante i loro stessi politici riconoscano tacitamente l’esistenza di modelli socio-economici e politici alternativi in ​​documenti come le loro valutazioni annuali dell’intelligence, la loro gente non è autorizzata a discuterne.

L’unico discorso “politicamente corretto” è quello che diffama il Sud del mondo come bigotto, geloso e vittima di propaganda al fine di giustificare falsamente la “missione civilizzatrice” dell’élite occidentale poiché qualsiasi altra cosa è verboten, soprattutto se attira l’attenzione su basi contrarie -movimenti imperialisti. L’ultima cosa in assoluto che l’élite occidentale vuole è che la sua gente diventi consapevole della realtà dietro la Nuova Guerra Fredda poiché la reazione che ne risulterà tra le masse screditerà e destabilizzerà la loro parte.

È per questo motivo che inquadrare tutto correttamente è della massima importanza al fine di erodere gradualmente la propaganda dell’élite occidentale con uno spirito simile a come l’emergente Ordine Mondiale Multipolare ha già gradualmente eroso l’egemonia unipolare del primo, che accelererà così gli eventi. È davvero il caso che la Nuova Guerra Fredda sia il risultato del miliardo d’oro dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti che cerca di impedire al Sud globale guidato congiuntamente da BRICS e SCO dallo sviluppo dei loro modelli socio-economici e politici alternativi.

Il miliardo d’oro contro il sud del mondo

Descrivere l’antagonista come il Miliardo d’Oro dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti attira l’attenzione delle masse di quella civiltà su diversi fatti “politicamente scorretti”. In primo luogo, il sistema di cui beneficiano (nonostante ne sia anche oppresso) è responsabile della disuguaglianza globale. In secondo luogo, questo sistema ha origine nella loro stessa civiltà occidentale. E infine, gli Stati Uniti, che sono stati catturati da un’élite ideologicamente radicale ed egocentrica, controllano questo blocco di paesi.

Le masse occidentali non possono essere informate di questa sequenza di fatti o discuterne. Rendersi conto che fanno parte del Miliardo d’Oro che generalmente gode di standard di vita migliori rispetto alla maggior parte del mondo a causa della disuguaglianza intrinseca del loro sistema nei confronti del Sud del mondo li distruggerebbe dal senso di colpa. Inoltre, apprendere che questo male mondiale ha origine nella loro civiltà scredita la sua falsa pretesa di superiorità. E infine, essere dominati dagli Stati Uniti contraddice le loro pretese di libertà.

Ci sono anche vantaggi legati alla sensibilizzazione sui concetti di Global South guidati congiuntamente da BRICS e SCO. In primo luogo, questo rafforza la realtà che i protagonisti rappresentano la maggioranza della popolazione mondiale, che vive relativamente più povera dell’Occidente a causa dei modelli di sfruttamento e neo-imperiali del Miliardo d’Oro. In secondo luogo, sono emerse due organizzazioni alternative per riformare le relazioni internazionali. E infine, gli occidentali potrebbero essere ispirati a saperne di più su di loro.

Tutto ciò erode ulteriormente la propaganda dell’élite occidentale che sostiene il proprio sistema neo-imperiale in patria e quindi impedisce la sua destabilizzazione dall’interno del loro sistema globale. La consapevolezza della Nuova Guerra Fredda tra il Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti e il Global South guidato congiuntamente da BRICS e SCO potrebbe quindi portare le masse occidentali a vivere una crisi di fiducia nella loro parte poiché tutto ciò in cui è stato fatto il lavaggio del cervello in cui hanno creduto viene smascherata come una bugia attraverso questa accurata inquadratura.

Il vero motivo per cui l’élite occidentale odia il presidente Putin

Il peggior timore che ha l’élite occidentale è che le masse sotto l’influenza delle loro operazioni di guerra dell’informazione vengano a conoscenza del Manifesto Rivoluzionario Globale del presidente Putin , il cui riassunto può essere letto nei collegamenti ipertestuali precedenti e nei relativi discorsi letti qui qui qui . In tal modo, le masse occidentali impareranno che il sud globale di cui la Russia fa parte sta lottando per una vera democrazia nelle relazioni internazionali contro il desiderio della propria élite di proteggere il proprio sistema dittatoriale.

Questa è l’oscura verità della Nuova Guerra Fredda, vale a dire che le masse occidentali hanno subito il lavaggio del cervello dalla loro élite facendogli pensare che il sistema che quest’ultima impone in modo aggressivo al resto del mondo sia democratico sotto tutti gli aspetti anche se in realtà è dittatoriale. I suoi aspetti sociali distruggono le culture tradizionali, quelle economiche schiavizzano le loro persone prese di mira e gli aspetti politici fanno falsamente credere a questi stessi schiavi di essere liberi.

Al contrario, i modelli alternativi che vengono sviluppati dal Global South, guidato congiuntamente da BRICS e SCO, rispettano le culture tradizionali, liberano economicamente la loro gente e consentono loro di gestire liberamente i propri affari in qualsiasi modo la società ritenga opportuno. Inoltre, la stragrande maggioranza dell’umanità risiede nel Sud del mondo, il che significa che la loro parte nella Nuova Guerra Fredda è quindi democratica per impostazione predefinita poiché rappresenta molto più della popolazione mondiale rispetto al Miliardo d’Oro.

Respingere contro la propaganda occidentale

È antidemocratico fino in fondo per una minoranza dell’umanità imporre in modo aggressivo i propri modelli socio-economici e politici agli altri contro la propria volontà, eppure è esattamente quello che è successo dalla fine della Vecchia Guerra Fredda quando è arrivato il momento unipolare. La transizione sistemica globale in cui si trovano attualmente le Relazioni Internazionali mira a riformare quello stato di cose in modo che tutto diventi più democratico, uguale e giusto per la maggioranza dell’umanità di quanto non sia attualmente.

Tutto questo è ovvio per tutti, a parte la maggioranza di quelli del Golden Billion e dei loro “compagni di viaggio” (agenti di influenza) radicati nel Sud del mondo, tra i quali rimane in gran parte sconosciuto ed è ancora tabù discutere pubblicamente anche per coloro che ne sono consapevoli. Ecco perché è così importante per la gente rendere popolare la corretta inquadratura della Nuova Guerra Fredda come quella tra il Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti e il Global South guidato congiuntamente da BRICS e SCO.

In questo modo travolgerai la censura del Miliardo d’Oro assicurando che le masse occidentali diventino consapevoli di questi concetti che inevitabilmente rivoluzioneranno la loro comprensione di tutto. L’élite occidentale può quindi solo affermare in modo poco convincente che quegli stessi concetti, in particolare lo stesso Golden Billion, sono solo le cosiddette “teorie del complotto”. La recente tendenza occidentale di crescente scetticismo in generale e contro l’élite in particolare rafforzerà la convinzione delle masse che questa spiegazione sia falsa, però.

La conoscenza proibita potrebbe cambiare le regole del gioco

Sentendo di essere stati portati a conoscenza della “conoscenza proibita”, impareranno con entusiasmo di più su quei concetti legati alla corretta inquadratura della Nuova Guerra Fredda resi popolari dagli attivisti , mettendo così in moto una sequenza di eventi che screditeranno e destabilizzare il Miliardo d’Oro. Rivitalizzare i movimenti rivoluzionari antimperialisti all’interno dell’Occidente stesso rappresenterebbe la più grande minaccia per l’élite ideologicamente radicale, egoista e, in definitiva, dispotica di quella civiltà.

Quel risultato potrebbe essere un punto di svolta nella Nuova Guerra Fredda, ponendo potenzialmente fine a questa lotta mondiale prima che si intensifichi incontrollabilmente in un grande conflitto per errore di calcolo. Tutto ciò che deve accadere è che l’élite occidentale rispetti finalmente il diritto sovrano del Sud del mondo, sancito dalle Nazioni Unite, di gestire i propri affari come meglio crede. Per una soluzione semplice come quella, il Miliardo d’Oro continua a opporsi poiché tale risultato condannerebbe il sistema neo-imperiale da cui traggono profitto.

Pensieri conclusivi

In assenza di una rivoluzione antimperialista in Occidente che rovesci quelle élite che hanno portato l’umanità sull’orlo dell’Armageddon , la Nuova Guerra Fredda continuerà a essere combattuta attraverso guerre per procura come il Conflitto ucraino e imminenti simili come quelle che dovrebbero eruttare in tutta l’Africa . Anche in quello scenario, tuttavia, è ancora ottimale che le masse occidentali si rendano conto della realtà di questa lotta mondiale, così sono almeno consapevoli di ciò che la loro élite sta facendo all’estero in loro nome.

https://korybko.substack.com/p/the-importance-of-properly-framing?utm_source=post-email-title&publication_id=835783&post_id=81373832&isFreemail=true&utm_medium=email

L’elogio del presidente Putin al primo ministro Modi avrà un grande impatto sulle percezioni globali, di Andrew Korybko

Ognuno alla fine deve decidere da che parte stare quando si tratta della grande strategia dell’India. O lavorano contro di essa a sostegno dell’ideologia liberal-globalista unipolare degli Stati Uniti o la sostengono in anticipo rispetto ai principi multipolari conservatori-sovranisti inerenti al Movimento Rivoluzionario Globale.

Il presidente Putin ha ribadito i principi chiave del Movimento Rivoluzionario Globale che guida durante la sua ultima apparizione annuale al Valdai Club, che è il principale think tank della sua potenza mondiale appena restaurata . La sua visione del mondo dà la priorità al diritto sovrano sancito dalle Nazioni Unite di tutti gli stati e delle loro società di gestire i propri affari in qualsiasi modo lo ritengano opportuno di fronte all’immensa pressione del miliardo d’oro occidentale guidato dagli Stati Uniti per costringerli ad attuare i suoi modelli ideologici ed egoistici motivi.

La transizione sistemica globale al multipolarismo , che ha preceduto l’operazione speciale della Russia in Ucraina ma ne è stata accelerata senza precedenti , ha visto l’India crescere per svolgere un ruolo di equilibrio irreplicabile . Questo stato dell’Asia meridionale ha deciso con decisione di sfidare le sanzioni illegali del Golden Billion nonostante i suoi stretti legami con quella civiltà al fine di scongiurare preventivamente la dipendenza potenzialmente sproporzionata della Russia dalla Cina come valvola dalle pressioni occidentali. Le conseguenze di questo sviluppo non possono essere sopravvalutate.

Invece che la Russia non avesse altra scelta che affidarsi alla Cina per il sostegno, che avrebbe potuto portare il Cremlino a concludere accordi sbilenco con Pechino per disperazione e quindi di fatto diventare il suo “partner minore”, ha preservato con orgoglio la sua preziosa autonomia strategica. Qualunque cosa in meno avrebbe potuto perpetuare indefinitamente l’ attuale fase intermedia bipolare della transizione sistemica globale, mantenendo i ruoli preminenti delle superpotenze americane e (precedentemente?) cinesi aspiranti .

L’India sarebbe stata costretta da circostanze al di fuori del suo controllo a cedere parte della propria autonomia strategica agli Stati Uniti, diventando di fatto quel “partner minore” dell’egemone unipolare in declino al fine di bilanciare i benefici che la vicina Cina avrebbe ricevuto dalla Russia che giocava allo stesso modo ruolo per esso. La sequenza di eventi che questo avrebbe potuto catalizzare avrebbe solidificato il sistema bipolare e quindi preannunciato un periodo di “G2” in cui America e Cina governano congiuntamente il mondo a tempo indeterminato.

Questo scenario è stato compensato dalla decisione del Primo Ministro Modi di facilitare la tripolarità attraverso la creazione di un terzo polo di influenza informale tra India, Iran e Russia al fine di supportare l’ultima evoluzione della transizione sistemica globale verso una più complessa multipolarità (“multiplessità”) . In poche parole, questo leader dell’Asia meridionale e la sua squadra multipolare di diplomatici conservatori-sovranisti rappresentati dal ministro degli Affari esteri Jaishankar hanno letteralmente cambiato il corso della storia mondiale.

È stato questo impatto senza precedenti sulle relazioni internazionali che il presidente Putin aveva in mente quando ha elogiato il primo ministro Modi durante l’evento di giovedì. Nelle parole del leader russo , “È un vero patriota del suo Paese… Il Primo Ministro Narendra Modi è uno di quei leader nel mondo che è in grado di perseguire una politica estera indipendente nell’interesse del proprio Paese e del suo popolo.. .senza alcun tentativo di fermarlo in questo movimento, continua ad andare verso i suoi obiettivi. Un rompighiaccio, direi.

Fino a questo punto, gli esperti del Golden Billion così come il Global South guidato da BRICS SCO , di cui l’India fa parte, avevano denigrato l’ attento atto di bilanciamento di questa Grande Potenza in ascesa tra i due blocchi della Nuova Guerra Fredda. Hanno affermato falsamente di aver preso le parti dell’uno o dell’altro invece di riconoscere la sua politica pragmatica di neutralità di principio . Purtroppo, anche gli intellettuali indiani – sia liberali – globalisti che superficialmente multipolari – hanno partecipato a questa brutta operazione diffamatoria.

È stato proprio grazie a questa campagna di guerra dell’informazione che l’elogio del presidente Putin al primo ministro Modi è stato in grado di avere l’impatto più potente possibile nel plasmare le percezioni globali di quel leader e del suo paese. In poche parole, la figura più influente del Movimento Rivoluzionario Globale ha dato piena credibilità alle intenzioni del premier indiano nel dare forma all’emergente Ordine Mondiale Multipolare, che ha chiarito il ruolo dell’India nella transizione sistemica globale.

Quelli del Miliardo d’Oro che criticano il Primo Ministro Modi per essersi rifiutato di concedere unilateralmente agli oggettivi interessi nazionali del suo Paese sanzionando la Russia, gli negano il diritto di formulare una politica estera indipendente. Allo stesso modo, lo stesso si può dire di quelli del Sud del mondo che lo criticano per non essersi schierati più apertamente dalla parte della Russia nel conflitto ucraino . La cosa più significativa è che il presidente Putin è soddisfatto delle politiche del primo ministro Modi, mentre l’Occidente è più che furioso.

Questa osservazione parla del fatto che la Russia rispetta veramente i diritti sovrani dell’India sanciti dalle Nazioni Unite mentre il miliardo d’oro vuole eroderli attraverso la loro campagna di guerra ibrida in corso contro di essa. Più gli Stati Uniti ei suoi vassalli cercheranno di fare pressione sull’India affinché conceda unilateralmente i suoi interessi nazionali oggettivi, più con aria di sfida continuerà ad andare avanti con loro come il rompighiaccio che è. Sarebbe meglio se rispettassero semplicemente i suoi diritti, ma non ci si può aspettare dall’egemone in declino.

Con questo in mente, si può dire che coloro che condannano la grande strategia dell’India stanno effettivamente facendo le offerte di guerra dell’informazione degli Stati Uniti, che ne siano consapevoli o meno. Allo stesso modo, si può anche affermare che coloro che lodano, rispettano o anche semplicemente riconoscono la sua grande strategia stanno screditando gli Stati Uniti richiamando l’attenzione sul fatto che l’India è sicura di sé e abbastanza forte da sfidare le sue richieste nonostante immensa pressione su Delhi perché li rispetti a proprio danno.

Come ha detto il presidente Putin durante l’evento di giovedì, ” Nessuno può restare fuori dalla tempesta in arrivo “, il che in questo contesto significa che tutti alla fine devono decidere da che parte stare quando si tratta della grande strategia dell’India. O lavorano contro di essa a sostegno dell’ideologia liberal-globalista unipolare degli Stati Uniti o la sostengono in anticipo rispetto ai principi multipolari conservatori-sovranisti inerenti al Movimento Rivoluzionario Globale. Non ci sono vie di mezzo e ognuno deve presto fare la sua scelta.

https://korybko.substack.com/p/president-putins-praise-of-prime

Riunione del Valdai International Discussion Club con Vladimir Putin

Qui sotto la trascrizione dell’intervento di Vladimir Putin tenuto al forum in corso del Valdai Club. Di questo forum abbiamo già presentato un primo interessante contributo di analisi http://italiaeilmondo.com/2022/10/27/un-mondo-senza-super-poteri_di-oleg-barabanov-timofei-bordachev-yaroslav-lissovolik-fyodor-lukyanov-andrey-sushentsov-ivan-timofeev/ giustapposto ad un commento del recente rapporto sulla sicurezza strategica nazionale degli Stati Uniti http://italiaeilmondo.com/2022/10/23/considerazioni-sul-nss-national-security-strategy-statunitense_di-giuseppe-germinario/. Appena possibile seguirà la trascrizione della relazione di Xi Jinping al congresso del Partito Comunista Cinese. Ritengo di offrire un quadro sufficiente delle posizioni dei leader dei più importanti e decisivi paesi dello scenario geopolitico attuale. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Il Presidente ha partecipato all’ultima sessione plenaria del 19 ° incontro del Valdai International Discussion Club.

Il tema del forum di quest’anno è Un mondo  postegemonicogiustizia  e  sicurezza  per  tutti . L’incontro di quattro giorni ha riunito 111 esperti, politici, diplomatici ed economisti provenienti dalla Russia e da 40 paesi stranieri, tra cui Afghanistan, Brasile, Cina, Egitto, Francia, Germania, India, Indonesia, Iran, Kazakistan, Sud Africa, Turkiye, Stati Uniti e Uzbekistan, solo per citarne alcuni.

* * *

Moderatore della sessione plenaria del Club Valdai Fyodor Lukyanov: Buon pomeriggio, signor Presidente,

Non vediamo l’ora di vedervi ogni anno, ma quest’anno, forse, siamo stati più impazienti del solito, poiché ci sono molte questioni di cui discutere.

Presidente della Russia Vladimir Putin: suppongo di sì, sì.

Fyodor Lukyanov: Il forum si è concentrato principalmente su questioni relative all’ordine internazionale, su come sta cambiando il mondo e, soprattutto, chi, in effetti, è al timone del mondo, chi lo gestisce e se il mondo è disponibile ad essere a disposizione di tutti.

Tuttavia, ne stiamo discutendo come osservatori, ma tu hai il potere, quindi per favore condividi i tuoi pensieri con noi.

Vladimir Putin: Grazie mille.

Signore e signori, amici,

Ho avuto la possibilità di avere un’idea di ciò di cui hai discusso qui negli ultimi giorni. È stata una discussione interessante e sostanziale. Spero che non ti pentirai di essere venuto in Russia e di comunicare tra loro.

Sono felice di vedervi tutti.

Abbiamo utilizzato la piattaforma del Valdai Club per discutere, più di una volta, dei grandi e gravi cambiamenti che sono già avvenuti e stanno avvenendo in tutto il mondo, i rischi posti dal degrado delle istituzioni globali, l’erosione dei principi di sicurezza collettiva e la sostituzione di “regole” al diritto internazionale. Sono stato tentato di dire “siamo chiari su chi ha escogitato queste regole”, ma, forse, non sarebbe un’affermazione accurata. Non abbiamo idea di chi abbia inventato queste regole, su cosa si basino queste regole o cosa sia contenuto in queste regole.

Sembra che stiamo assistendo a un tentativo di far rispettare una sola regola in base alla quale coloro che sono al potere – stavamo parlando di potere e ora sto parlando di potere globale – potrebbero vivere senza seguire alcuna regola e farla franca su qualsiasi cosa. Queste sono le regole che sentiamo costantemente, come si dice insistentemente, cioè parlandone incessantemente

Le discussioni di Valdai sono importanti perché qui è possibile ascoltare una varietà di valutazioni e previsioni. La vita mostra sempre quanto fossero accurati, poiché la vita è la maestra più severa e più obiettiva. Quindi, la vita mostra quanto fossero accurate le proiezioni dei nostri anni precedenti.

Purtroppo, gli eventi continuano a seguire uno scenario negativo, di cui abbiamo discusso più di una volta durante i nostri precedenti incontri. Inoltre, si sono trasformati in una grave crisi di sistema che ha colpito, oltre alla sfera politico-militare, anche la sfera economica e umanitaria.

Il cosiddetto Occidente che è, ovviamente, un costrutto teorico poiché non è unito e chiaramente è un conglomerato molto complesso, ma dirò comunque che l’Occidente ha compiuto diversi passi negli ultimi anni e soprattutto negli ultimi mesi che sono progettati per aggravare la situazione. In realtà, cercano sempre di aggravare le cose, il che non è nemmeno una novità. Ciò include l’alimentazione della guerra in Ucraina, le provocazioni intorno a Taiwan e la destabilizzazione dei mercati alimentari ed energetici globali. A dire il vero, quest’ultimo, ovviamente, non è stato fatto apposta, non ci sono dubbi. La destabilizzazione del mercato energetico è il risultato di una serie di passi falsi sistematici compiuti dalle autorità occidentali che ho menzionato sopra. Come possiamo vedere ora, la situazione è stata ulteriormente aggravata dalla distruzione dei gasdotti paneuropei.

Il potere globale è esattamente ciò che il cosiddetto Occidente ha in palio nel suo gioco. Ma questo gioco è sicuramente pericoloso, cruento e, direi, sporco. Nega la sovranità dei paesi e dei popoli, la loro identità e unicità, e calpesta gli interessi di altri Stati. In ogni caso, anche se negazione non è la parola usata, lo stanno facendo nella vita reale. Nessuno, tranne coloro che creano queste regole che ho citato, ha il diritto di conservare la propria identità: tutti gli altri devono attenersi a queste regole.

A questo proposito, vorrei ricordarvi le proposte della Russia ai nostri partner occidentali per creare fiducia e un sistema di sicurezza collettiva. Sono stati nuovamente lanciati nel dicembre 2021.

Tuttavia, nel mondo moderno difficilmente le cose possono funzionare. Chi semina vento raccoglierà tempesta, come si suol dire. La crisi ha infatti assunto una dimensione globale e ha colpito tutti. Non ci possono essere illusioni su questo.

L’umanità è a un bivio: o continuano ad accumulare problemi e rimanere alla fine schiacciati sotto il loro peso, oppure lavorano insieme per trovare soluzioni – anche imperfette, purché funzionino – che possano rendere il nostro mondo un posto più stabile e più sicuro.

Sai, ho sempre creduto nel potere del buon senso. Pertanto, sono convinto che prima o poi sia i nuovi centri dell’ordine internazionale multipolare che l’Occidente dovranno avviare un dialogo alla pari su un futuro comune per tutti noi, e prima è, naturalmente, meglio è. A questo proposito, metterò in evidenza alcuni degli aspetti più importanti per tutti noi.

Gli sviluppi attuali hanno messo in ombra le questioni ambientali. Per quanto strano possa sembrare, questo è ciò di cui vorrei parlare prima oggi. Il cambiamento climatico non è più in cima all’agenda. Ma quella sfida fondamentale non è andata via, è ancora con noi e sta crescendo.

La perdita di biodiversità è una delle conseguenze più pericolose dello sconvolgimento dell’equilibrio ambientale. Questo mi porta al punto chiave per cui tutti noi ci siamo riuniti qui. Non è altrettanto importante mantenere la diversità culturale, sociale, politica e di civiltà?

Allo stesso tempo, l’appiattimento e la cancellazione di tutte le differenze è essenzialmente ciò che riguarda l’Occidente moderno. Cosa c’è dietro questo? In primo luogo, è il potenziale creativo in decomposizione dell’Occidente e il desiderio di frenare e bloccare il libero sviluppo di altre civiltà.

C’è anche un interesse apertamente mercantile, ovviamente. Imponendo agli altri i propri valori, le abitudini di consumo e la standardizzazione, i nostri avversari – starò attento alle parole – stanno cercando di espandere i mercati per i loro prodotti. L’obiettivo di questa traccia è, in definitiva, molto primitivo. È da notare che l’Occidente proclama il valore universale della sua cultura e visione del mondo. Anche se non lo dicono apertamente, cosa che in realtà fanno spesso, si comportano come se fosse così, che fosse un dato di fatto, e la politica che perseguono è concepita per dimostrare che questi valori devono essere accettati incondizionatamente da tutti gli altri membri della comunità internazionale.

Vorrei citare il famoso discorso di inizio di Harvard di Alexander Solzhenitsyn pronunciato nel 1978. Ha detto che tipico dell’Occidente è “una continua cecità da superiorità” – e continua ancora oggi – che “sostiene la convinzione che vaste regioni ovunque sul nostro pianeta dovrebbero svilupparsi e maturare al livello degli odierni sistemi occidentali”. Lo disse nel 1978. Nulla è cambiato.

Nel corso dei quasi 50 anni da allora, la cecità di cui parlava Solzhenitsyn e che è apertamente razzista e neocoloniale, ha assunto forme particolarmente distorte, in particolare dopo l’emergere del cosiddetto mondo unipolare. A cosa mi riferisco? Credere nella propria infallibilità è molto pericoloso; è solo a un passo dal desiderio dell’infallibile di distruggere coloro che non amano, o come si suol dire, di cancellarli. Basta pensare al significato di questa parola.

Anche al culmine della Guerra Fredda, al culmine del confronto tra i due sistemi, di ideologie e di rivalità militare, a nessuno venne in mente di negare l’esistenza stessa della cultura, dell’arte e della scienza di altri popoli, loro oppositori . Non è nemmeno venuto in mente a nessuno. Sì, sono state imposte alcune restrizioni ai contatti nei settori dell’istruzione, della scienza, della cultura e, sfortunatamente, dello sport. Ma nondimeno, sia i leader sovietici che quelli americani hanno capito che era necessario trattare l’area umanitaria con tatto, studiando e rispettando il proprio rivale, e talvolta anche prendendo in prestito da esso per mantenere le basi per relazioni solide e produttive almeno per il futuro.

E cosa sta succedendo adesso? Un tempo i nazisti hanno raggiunto il punto di bruciare libri, e ora i “guardiani del liberalismo e del progresso” occidentali sono arrivati ​​al punto di bandire Dostoevskij e Ciajkovskij. Il cosiddetto “cancellare la cultura” e di fatto – come abbiamo detto più volte – il vero annullamento della cultura sta sradicando tutto ciò che è vivo e creativo e soffoca il libero pensiero in tutti i campi, sia esso economico, politico o culturale.

Oggi, la stessa ideologia liberale è cambiata, irriconoscibile. Se inizialmente per liberalismo classico si intendeva la libertà di ogni persona di fare e dire a proprio piacimento, nel XX secolo i liberali iniziarono a dire che la cosiddetta società aperta aveva dei nemici e che la libertà di questi nemici poteva e doveva essere limitata se non annullata. Ha raggiunto il punto assurdo in cui qualsiasi opinione alternativa viene dichiarata propaganda sovversiva e una minaccia alla democrazia.

Qualunque cosa provenga dalla Russia è tutto bollato come “intrigo del Cremlino”. Ma guardatevi. Siamo davvero così onnipotenti? Qualsiasi critica ai nostri avversari – qualsiasi – è percepita come “intrigo del Cremlino”, “la mano del Cremlino”. Questo è folle. In cosa sei affondato? Usa almeno il tuo cervello, dì qualcosa di più interessante, esponi il tuo punto di vista concettualmente. Non puoi incolpare di tutto gli intrighi del Cremlino.

Fëdor Dostoevskij profetizzò tutto questo nel 19 ° secolo. Uno dei personaggi del suo romanzo Demons , il nichilista Shigalev, descrisse il futuro radioso che immaginava nel modo seguente: “Emergendo da una libertà sconfinata, concludo con un dispotismo sconfinato”. Questo è ciò a cui sono arrivati ​​i nostri avversari occidentali. Gli fa eco un altro personaggio del romanzo, Pyotr Verkhovensky, parlando della necessità del tradimento universale, della denuncia e dello spionaggio, e affermando che la società non ha bisogno di talenti o capacità maggiori: “La lingua di Cicerone è tagliata, Copernico ha gli occhi cavati e Shakespeare è lapidato”. Questo è ciò a cui stanno arrivando i nostri avversari occidentali. Cos’è questa se non la cultura occidentale dell’annullamento?

Questi sono stati grandi pensatori e, francamente, sono grato ai miei aiutanti per aver trovato queste citazioni.

Come si può replicare a questo? La storia certamente metterà tutto al suo posto e saprà chi cancellare, e non saranno sicuramente le più grandi opere di geni universalmente riconosciuti della cultura mondiale, ma coloro che per qualche ragione hanno deciso di avere il diritto di usare la cultura mondiale come ritengono opportuno. La loro autostima non conosce davvero limiti. Nessuno ricorderà i loro nomi tra qualche anno. Ma Dostoevskij vivrà, così come Čajkovskij, Pushkin, non importa quanto avrebbero gradito il contrario.

Standardizzazione, monopolio finanziario e tecnologico, cancellazione di tutte le differenze è ciò che sta alla base del modello occidentale di globalizzazione, che è di natura neocoloniale. Il loro obiettivo era chiaro: stabilire il dominio incondizionato dell’Occidente nell’economia e nella politica globali. Per fare ciò, l’Occidente ha messo al suo servizio le risorse naturali e finanziarie dell’intero pianeta, così come tutte le capacità intellettuali, umane ed economiche, sostenendo che fosse una caratteristica naturale della cosiddetta nuova interdipendenza globale.

Vorrei qui ricordare un altro filosofo russo, Alexander Zinoviev, di cui celebreremo il centenario della nascita il 29 ottobre. Più di 20 anni fa, disse che la civiltà occidentale aveva bisogno dell’intero pianeta come mezzo di esistenza e di tutte le risorse dell’umanità per sopravvivere al livello raggiunto. Questo è quello che vogliono, è esattamente così.

Inoltre, l’Occidente inizialmente si è assicurato un enorme vantaggio in quel sistema perché aveva sviluppato i principi e i meccanismi – gli stessi delle regole odierne di cui continuano a parlare, che rimangono un buco nero incomprensibile perché nessuno sa davvero cosa siano. Ma non appena i paesi non occidentali hanno cominciato a trarre benefici dalla globalizzazione, soprattutto le grandi nazioni asiatiche, l’Occidente ha subito cambiato o abolito del tutto molte di queste regole. E i cosiddetti sacri principi del libero scambio, dell’apertura economica, della parità di concorrenza, persino dei diritti di proprietà sono stati improvvisamente dimenticati, completamente. Cambiano le regole in corso d’opera, sul posto ovunque vedono un’opportunità per se stessi.

Ecco un altro esempio di sostituzione di concetti e significati. Per molti anni, ideologi e politici occidentali hanno detto al mondo che non c’era alternativa alla democrazia. Certamente, intendevano lo stile occidentale, il cosiddetto modello di democrazia liberale. Hanno respinto con arroganza tutte le altre varianti e forme di governo del popolo e, voglio sottolinearlo, lo hanno fatto con disprezzo e sdegno. Questo modo ha preso forma fin dall’epoca coloniale, come se tutti fossero di seconda categoria, mentre erano eccezionali. Va avanti da secoli e continua ancora oggi.

Quindi attualmente, la stragrande maggioranza della comunità internazionale chiede democrazia negli affari internazionali e rifiuta ogni forma di imposizione autoritaria da parte di singoli paesi o gruppi di paesi. Che cos’è questa se non l’applicazione diretta dei principi democratici alle relazioni internazionali?

Quale posizione ha adottato l’Occidente “civilizzato”? Se siete democratici, dovreste accogliere il naturale desiderio di libertà espresso da miliardi di persone, ma no. L’Occidente lo chiama minando l’ordine liberale basato sulle regole. Sta ricorrendo a guerre economiche e commerciali, sanzioni, boicottaggi e rivoluzioni colorate, e prepara e compie ogni tipo di colpo di stato.

Uno di loro ha portato a tragiche conseguenze in Ucraina nel 2014. Lo hanno sostenuto e hanno persino specificato la quantità di denaro che avevano speso per questo colpo di stato. Hanno la sfacciataggine di comportarsi a loro piacimento e non hanno scrupoli in tutto ciò che fanno. Hanno ucciso Soleimani, un generale iraniano. Puoi pensare quello che vuoi su Soleimani, ma era un funzionario di uno stato estero. Lo hanno ucciso in un paese terzo e si sono assunti la responsabilità. Cosa dovrebbe significare per gridare ad alta voce? In che tipo di mondo stiamo vivendo?

Come è consuetudine, Washington continua a riferirsi all’attuale ordine internazionale come all’ordine americano liberale, ma in realtà, questo famigerato “ordine” sta moltiplicando il caos ogni giorno e, potrei anche aggiungere, sta diventando sempre più intollerante anche nei confronti dei paesi occidentali e loro tentativi di agire in modo indipendente. Tutto è stroncato sul nascere, e non esitano nemmeno a imporre sanzioni ai loro alleati, che abbassano la testa in segno di acquiescenza.

Ad esempio, le proposte di luglio dei parlamentari ungheresi di codificare l’impegno per i valori e la cultura cristiana europea nel Trattato sull’Unione europea non sono state prese nemmeno come un affronto, ma come un vero e proprio atto di sabotaggio ostile. Cos’è quello? Cosa significa? In effetti, ad alcune persone potrebbe piacere, ad altri no.

Nel corso di mille anni, la Russia ha sviluppato una cultura unica di interazione tra tutte le religioni del mondo. Non c’è bisogno di cancellare nulla, siano valori cristiani, valori islamici o valori ebraici. Abbiamo anche altre religioni del mondo. Tutto quello che devi fare è rispettarti a vicenda. In alcune delle nostre regioni – lo so io stesso in prima persona – le persone celebrano insieme le festività cristiane, islamiche, buddiste ed ebraiche e si divertono a farlo perché si congratulano e sono felici l’una per l’altra.

Ma non qui. Perché no? Almeno, potrebbero discuterne. Sorprendente.

Senza esagerare, questa non è nemmeno una crisi sistemica, ma dottrinale del modello neoliberista di ordine internazionale di stampo americano. Non hanno idee per il progresso e lo sviluppo positivo. Semplicemente non hanno nulla da offrire al mondo, tranne perpetuare il loro dominio.

Sono convinto che la vera democrazia in un mondo multipolare riguardi principalmente la capacità di qualsiasi nazione – sottolineo – di qualsiasi società o civiltà di seguire il proprio percorso e organizzare il proprio sistema socio-politico. Se gli Stati Uniti o i paesi dell’UE godono di questo diritto, allora anche i paesi dell’Asia, gli stati islamici, le monarchie del Golfo Persico e i paesi di altri continenti hanno questo diritto. Naturalmente, anche il nostro paese, la Russia, ha questo diritto e nessuno potrà mai dire alla nostra gente che tipo di società dovremmo costruire e quali principi dovrebbero essere alla base di essa.

Una minaccia diretta al monopolio politico, economico e ideologico dell’Occidente risiede nel fatto che il mondo può inventare modelli sociali alternativi più efficaci; Voglio sottolineare questo, più efficace oggi, più luminoso e più accattivante di quelli che esistono attualmente. Questi modelli verranno sicuramente. Questo è inevitabile. A proposito, anche gli scienziati politici e gli analisti statunitensi scrivono di questo. In verità, il loro governo non ascolta quello che dicono, anche se non può evitare di vedere questi concetti nelle riviste di scienze politiche e menzionati nelle discussioni.

Lo sviluppo dovrebbe basarsi su un dialogo tra le civiltà e sui valori spirituali e morali. In effetti, capire di cosa trattano gli esseri umani e la loro natura varia tra le civiltà, ma questa differenza è spesso superficiale e tutti riconoscono la dignità ultima e l’essenza spirituale delle persone. Una base comune su cui possiamo e dobbiamo costruire il nostro futuro è di fondamentale importanza.

Ecco una cosa che vorrei sottolineare. I valori tradizionali non sono un rigido insieme di postulati a cui tutti devono attenersi, certo che no. La differenza dai cosiddetti valori neoliberisti è che sono unici in ogni caso particolare, perché derivano dalle tradizioni di una particolare società, dalla sua cultura e dal suo background storico. Per questo i valori tradizionali non possono essere imposti a nessuno. Devono semplicemente essere rispettati e tutto ciò che ogni nazione ha scelto per sé nel corso dei secoli deve essere gestito con cura.

Questo è il modo in cui comprendiamo i valori tradizionali e la maggior parte dell’umanità condivide e accetta il nostro approccio. Questo è comprensibile, perché le società tradizionali dell’Est, dell’America Latina, dell’Africa e dell’Eurasia costituiscono la base della civiltà mondiale.

Il rispetto dei costumi e dei costumi dei popoli e delle civiltà è nell’interesse di tutti. In effetti, questo è anche nell’interesse dell'”Occidente”, che sta rapidamente diventando una minoranza sulla scena internazionale perdendo il suo predominio. Certo, il diritto della minoranza occidentale alla propria identità culturale – lo tengo a sottolineare – deve essere assicurato e rispettato, ma, soprattutto, su un piano di parità con i diritti di ogni altra nazione.

Se le élite occidentali credono di poter avere la loro gente e le loro società abbracciare quelle che credo siano idee strane e alla moda come dozzine di generi o parate del gay pride, così sia. Lascia che facciano come vogliono. Ma di certo non hanno il diritto di dire agli altri di seguire i loro passi.

Vediamo i complicati processi demografici, politici e sociali che hanno luogo nei paesi occidentali. Questi sono, ovviamente, affari loro. La Russia non interferisce in tali questioni e non ha alcuna intenzione di farlo. A differenza dell’Occidente, ci facciamo gli affari nostri. Ma speriamo che il pragmatismo trionfi e che il dialogo della Russia con l’occidente autentico e tradizionale, così come con altri centri di sviluppo paritario, diventi un importante contributo alla costruzione di un ordine mondiale multipolare.

Aggiungo che il multipolarismo è una vera e, di fatto, unica possibilità per l’Europa di ripristinare la sua identità politica ed economica. A dire il vero – e questa idea è espressa oggi in modo esplicito in Europa – la capacità giuridica dell’Europa è molto limitata. Ho cercato di usare un eufemismo per non offendere nessuno.

Il mondo è diverso per natura e i tentativi occidentali di schiacciare tutti nello stesso schema sono chiaramente condannati. Non ne uscirà nulla.

L’aspirazione presuntuosa a raggiungere la supremazia globale e, essenzialmente, a dettare o preservare la leadership in base a dettatura sta davvero riducendo il prestigio internazionale dei leader del mondo occidentale, inclusi gli Stati Uniti, e aumentando la sfiducia nella loro capacità di negoziare in generale. Dicono una cosa oggi e un’altra domani; firmano documenti e vi rinunciano, fanno quello che vogliono. Non c’è stabilità in niente. Come vengono firmati i documenti, cosa è stato discusso, cosa possiamo sperare: tutto questo non è del tutto chiaro.

In precedenza, solo pochi paesi osavano discutere con l’America e sembrava quasi sensazionale, mentre ora è diventata una routine per tutti i tipi di stati rifiutare le richieste infondate di Washington nonostante i suoi continui tentativi di esercitare pressioni su tutti. Questa è una politica sbagliata che non porta da nessuna parte. Ma lasciamoli, questa è anche la loro scelta.

Sono convinto che le nazioni del mondo non chiuderanno gli occhi davanti a una politica di coercizione che si è screditata. Ogni volta che l’Occidente ci prova, dovrà pagare un prezzo più alto per i suoi tentativi di preservare la sua egemonia. Se fossi un’élite occidentale, valuterei seriamente questa prospettiva. Come ho detto, alcuni politologi e politici negli Stati Uniti ci stanno già pensando.

Nelle attuali condizioni di intenso conflitto, sarò diretto su alcune cose. In quanto civiltà indipendente e distintiva, la Russia non ha mai considerato e non si considera un nemico dell’Occidente. L’americofobia, l’anglofobia, la francofobia e la germanofobia sono le stesse forme di razzismo della russofobia o dell’antisemitismo e, per inciso, della xenofobia in tutte le sue forme.

È semplicemente necessario capire chiaramente che, come ho già detto prima, ci sono due  filoni occidentali – almeno due e forse più, ma almeno due –: l’Occidente dei valori tradizionali, in primis cristiani, della libertà, del patriottismo, della grande cultura e ora dei valori islamici come beh, una parte consistente della popolazione in molti paesi occidentali segue l’Islam. Questo Occidente ci è vicino in qualcosa. Condividiamo con essa radici comuni, anche antiche. Ma c’è anche un Occidente diverso: aggressivo, cosmopolita e neocoloniale. Agisce come uno strumento delle élite neoliberiste. Naturalmente, la Russia non si riconcilierà mai con i dettami di questo Occidente.

Nel 2000, dopo essere stato eletto presidente, ricorderò sempre quello che ho dovuto affrontare: ricorderò il prezzo che abbiamo pagato per aver distrutto la tana del terrorismo nel Caucaso settentrionale, che l’Occidente sosteneva quasi apertamente all’epoca. Siamo tutti adulti qui; la maggior parte di voi presenti in questa sala capisce di cosa sto parlando. Sappiamo che questo è esattamente ciò che è successo nella pratica: supporto finanziario, politico e informativo. Tutti l’abbiamo vissuta.

Inoltre, non solo l’Occidente ha sostenuto attivamente i terroristi sul territorio russo, ma ha anche alimentato questa minaccia in molti modi. Lo sappiamo. Tuttavia, dopo che la situazione si era stabilizzata, quando le principali cosche terroristiche erano state sconfitte, anche grazie al coraggio del popolo ceceno, abbiamo deciso di non tornare indietro, di non fare l’offeso, ma di andare avanti, di costruire relazioni anche con coloro che effettivamente hanno agito contro di noi, per stabilire e sviluppare relazioni con tutti coloro che le volevano, basate sul reciproco vantaggio e sul rispetto reciproco.

Abbiamo pensato che fosse nell’interesse di tutti. La Russia, grazie a Dio, era sopravvissuta a tutte le difficoltà di quel tempo, è rimasta ferma, è diventata più forte, è stata in grado di far fronte al terrorismo interno ed esterno, la sua economia è stata preservata, ha iniziato a svilupparsi e la sua capacità di difesa ha iniziato a migliorare. Abbiamo cercato di costruire relazioni con i principali paesi dell’Occidente e con la NATO. Il messaggio era lo stesso: smettiamo di essere nemici, viviamo insieme come amici, dialoghiamo, costruiamo fiducia e, quindi, pace. Siamo stati assolutamente sinceri, voglio sottolinearlo. Abbiamo compreso chiaramente la complessità di questo riavvicinamento, ma ci siamo trovati d’accordo.

Cosa abbiamo ottenuto in risposta? Insomma, abbiamo ottenuto un “no” in tutte le principali aree di possibile cooperazione. Abbiamo ricevuto una pressione sempre crescente su di noi e focolai di tensione vicino ai nostri confini. E qual è, posso chiedere, lo scopo di questa pressione? Che cos’è? È solo per esercitarsi? Ovviamente no. L’obiettivo era rendere la Russia più vulnerabile. Lo scopo è trasformare la Russia in uno strumento per raggiungere i propri obiettivi geopolitici.

Questa, infatti, è una regola universale: cercano di trasformare tutti in uno strumento, per utilizzare questi strumenti per i propri scopi. E chi non cede a questa pressione, chi non vuole essere tale strumento viene sanzionato: nei loro confronti si effettuano ogni sorta di restrizione economica e in relazione ad esse si preparano colpi di stato o ove possibile si compiono e così via. E alla fine, se non si può fare niente, lo scopo è lo stesso: distruggerli, cancellarli dalla mappa politica. Ma non è e non sarà mai possibile elaborare e realizzare uno scenario del genere nei confronti della Russia.

Cos’altro posso aggiungere? La Russia non sta sfidando le élite occidentali. La Russia sta semplicemente difendendo il suo diritto di esistere e di svilupparsi liberamente. È importante sottolineare che non diventeremo noi stessi un nuovo egemone. La Russia non sta suggerendo di sostituire un mondo unipolare con un ordine bipolare, tripolare o di altro tipo, o di sostituire il dominio occidentale con il dominio da est, nord o sud. Ciò porterebbe inevitabilmente a un’altra impasse.

A questo punto vorrei citare le parole del grande filosofo russo Nikolai Danilevsky. Credeva che il progresso non consistesse nell’andare tutti nella stessa direzione, come alcuni dei nostri avversari sembrano volere. Ciò comporterebbe solo l’arresto dei progressi, ha affermato Danilevsky. Il progresso sta nel “camminare sul campo che rappresenta l’attività storica dell’umanità, camminando in tutte le direzioni”, ha affermato, aggiungendo che nessuna civiltà può essere orgogliosa di essere all’altezza dello sviluppo.

Sono convinto che la dittatura può essere contrastata solo attraverso il libero sviluppo dei paesi e dei popoli; il degrado dell’individuo può essere innescato dall’amore di una persona come creatore; la semplificazione e il proibizionismo primitivi possono essere sostituiti con la fiorente complessità della cultura e della tradizione.

Il significato del momento storico odierno sta nelle opportunità per un percorso di sviluppo democratico e distinto di tutti, che si apre davanti a tutte le civiltà, gli Stati e le associazioni di integrazione. Crediamo soprattutto che il nuovo ordine mondiale debba basarsi sulla legge e sul diritto, e debba essere libero, distintivo ed equo.

Anche l’economia e il commercio mondiale devono diventare più equi e più aperti. La Russia considera inevitabile la creazione di nuove piattaforme finanziarie internazionali; questo include le transazioni internazionali. Queste piattaforme dovrebbero essere al di sopra delle giurisdizioni nazionali. Dovrebbero essere sicuri, depoliticizzati e automatizzati e non dovrebbero dipendere da un unico centro di controllo. È possibile farlo o no? Certo che è possibile. Ciò richiederà molto sforzo. Molti paesi dovranno unire i loro sforzi, ma è possibile.

Ciò esclude la possibilità di abusi in una nuova infrastruttura finanziaria globale. Consentirebbe di condurre transazioni internazionali efficaci, vantaggiose e sicure senza il dollaro o nessuna delle cosiddette valute di riserva. Questo è tanto più importante, ora che il dollaro viene usato come arma; gli Stati Uniti, e l’Occidente in generale, hanno screditato l’istituto delle riserve finanziarie internazionali. In primo luogo, l’hanno svalutato con l’inflazione nelle zone del dollaro e dell’euro e poi hanno preso le nostre riserve di oro e valuta.

La transizione alle transazioni in valute nazionali acquisirà rapidamente slancio. Questo è inevitabile. Certo, dipende dallo status degli emittenti di queste valute e dallo stato delle loro economie, ma si rafforzeranno e queste transazioni sono destinate a prevalere gradualmente sulle altre. Tale è la logica di una politica economica e finanziaria sovrana in un mondo multipolare.

Inoltre, i nuovi centri di sviluppo globali stanno già utilizzando tecnologia e ricerca senza pari in vari campi e possono competere con successo con le aziende transnazionali occidentali in molti settori.

Chiaramente, abbiamo un interesse comune e molto pragmatico per uno scambio scientifico e tecnologico libero e aperto. Uniti, possiamo vincere di più che se agiamo separatamente. La maggioranza dovrebbe beneficiare di questi scambi, non le singole società super ricche.

Come stanno andando le cose oggi? Se l’Occidente vende medicinali o coltiva semi ad altri paesi, dice loro di uccidere le loro industrie farmaceutiche nazionali e la loro selezione. In effetti, tutto si riduce a questo: le sue forniture di macchine utensili e attrezzature distruggono l’industria meccanica locale. Me ne sono reso conto quando ho servito come Primo Ministro. Una volta aperto il mercato a un determinato gruppo di prodotti, il produttore locale va subito a gambe all’aria ed è quasi impossibile per lui alzare la testa. È così che costruiscono relazioni. È così che si impossessano dei mercati e delle risorse e i paesi perdono il loro potenziale tecnologico e scientifico. Questo non è progresso; è asservimento e riduzione delle economie a livelli primitivi.

Lo sviluppo tecnologico non dovrebbe aumentare la disuguaglianza globale, ma piuttosto ridurla. Questo è il modo in cui la Russia ha tradizionalmente attuato la sua politica tecnologica estera. Ad esempio, quando costruiamo centrali nucleari in altri paesi, creiamo centri di competenza e formiamo personale locale. Creiamo un’industria. Non costruiamo solo un impianto, creiamo un intero settore. In effetti, diamo ad altri paesi la possibilità di aprire nuove strade nel loro sviluppo scientifico e tecnologico, ridurre le disuguaglianze e portare il loro settore energetico a nuovi livelli di efficienza e rispetto dell’ambiente.

Consentitemi di sottolineare ancora una volta che sovranità e un percorso unico di sviluppo non significano in alcun modo isolamento o autarchia. Al contrario, si tratta di una cooperazione energica e reciprocamente vantaggiosa basata sui principi di equità e uguaglianza.

Se la globalizzazione liberale riguarda la spersonalizzazione e l’imposizione del modello occidentale al mondo intero, l’integrazione riguarda, al contrario, lo sfruttamento del potenziale di ciascuna civiltà a vantaggio di tutti. Se il globalismo è dettato, ed è ciò a cui alla fine si riduce, l’integrazione è uno sforzo di squadra per sviluppare strategie comuni di cui tutti possono trarre vantaggio.

A questo proposito, la Russia ritiene importante fare un uso più ampio dei meccanismi per creare grandi spazi che si basano sull’interazione tra paesi vicini, le cui economie e sistemi sociali, nonché basi di risorse e infrastrutture, si completano a vicenda. In effetti, questi grandi spazi costituiscono la base economica di un ordine mondiale multipolare. Il loro dialogo dà origine a una genuina unità nell’umanità, che è molto più complessa, unica e multidimensionale delle idee semplicistiche professate da alcune menti occidentali.

L’unità tra l’umanità non può essere creata impartendo comandi come “fai come me” o “sii come noi”. È creato tenendo conto dell’opinione di tutti e con un approccio attento all’identità di ogni società e di ogni nazione. Questo è il principio che può essere alla base della cooperazione a lungo termine in un mondo multipolare.

A questo proposito, può valere la pena rivedere la struttura delle Nazioni Unite, compreso il suo Consiglio di sicurezza, per riflettere meglio la diversità del mondo. Dopotutto, dall’Asia, dall’Africa e dall’America Latina nel mondo di domani dipenderà molto di più di quanto comunemente si creda oggi, e questo aumento della loro influenza è senza dubbio uno sviluppo positivo.

Vorrei ricordare che la civiltà occidentale non è l’unica anche nel nostro comune spazio eurasiatico. Inoltre, la maggior parte della popolazione è concentrata nell’est dell’Eurasia, dove sono emersi i centri delle più antiche civiltà umane.

Il valore e l’importanza dell’Eurasia sta nel fatto che rappresenta un complesso autosufficiente che possiede enormi risorse di ogni tipo e enormi opportunità. Più lavoriamo per aumentare la connettività dell’Eurasia e creare nuovi modi e forme di cooperazione, più risultati impressionanti otteniamo.

Il successo dell’Unione economica eurasiatica, la rapida crescita dell’autorità e del prestigio dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, le iniziative su larga scala One Belt, One Road, piani di cooperazione multilaterale nella costruzione del corridoio di trasporto nord-sud e molti altri progetti , sono l’inizio di una nuova era, una nuova fase nello sviluppo dell’Eurasia. Sono fiducioso di questo. I progetti di integrazione lì non si contraddicono ma si integrano a vicenda – ovviamente, se sono portati avanti dai paesi vicini nel proprio interesse piuttosto che introdotti da forze esterne con l’obiettivo di dividere lo spazio eurasiatico e trasformarlo in una zona di confronto a blocchi.

Anche l’Europa, l’estremità occidentale della Grande Eurasia, potrebbe diventare la sua parte naturale. Ma molti dei suoi dirigenti sono ostacolati dalla convinzione che gli europei siano superiori agli altri, che sia consentito al di sotto di loro prendere parte alla pari nelle imprese con gli altri. Questa arroganza impedisce loro di vedere di essere diventati essi stessi una periferia straniera e di fatto trasformati in vassalli, spesso privi del diritto di voto.

Colleghi,

Il crollo dell’Unione Sovietica sconvolse l’equilibrio delle forze geopolitiche. L’Occidente si sentì vincitore e dichiarò un assetto mondiale unipolare, in cui solo la sua volontà, cultura e interessi avevano il diritto di esistere.

Ora questo periodo storico di sconfinato dominio occidentale negli affari mondiali sta volgendo al termine. Il mondo unipolare viene relegato nel passato. Siamo a un bivio storico. Ci troviamo probabilmente nel decennio più pericoloso, imprevedibile e allo stesso tempo più importante dalla fine della seconda guerra mondiale. L’Occidente non è in grado di governare l’umanità da solo e la maggior parte delle nazioni non vuole più sopportarlo. Questa è la principale contraddizione della nuova era. Per citare un classico, questa è una situazione in una certa misura rivoluzionaria: le élite non possono e la gente non vuole più vivere così.

Questo stato di cose è irto di conflitti globali o di un’intera catena di conflitti, che rappresenta una minaccia per l’umanità, compreso l’Occidente stesso. Il principale compito storico di oggi è risolvere questa contraddizione in modo costruttivo e positivo.

Il cambiamento delle epoche è un processo doloroso, anche se naturale e inevitabile. Un futuro accordo mondiale sta prendendo forma davanti ai nostri occhi. In questa disposizione mondiale, dobbiamo ascoltare tutti, considerare ogni opinione, ogni nazione, società, cultura e ogni sistema di visioni del mondo, idee e concetti religiosi, senza imporre una sola verità a nessuno. Solo su questa base, comprendendo la nostra responsabilità per i destini delle nazioni e del nostro pianeta, creeremo una sinfonia della civiltà umana.

A questo punto, vorrei concludere le mie osservazioni esprimendo gratitudine per la pazienza che avete dimostrato ascoltandole.

Grazie mille.

http://en.kremlin.ru/events/president/news/69695?fbclid=IwAR18eNhcIG7erfvKPk8YvD0zGV9t1KvLAcHE64icAuSiKSgZheMHfiBvQpY

Un mondo senza super poteri_di Oleg Barabanov, Timofei Bordachev, Yaroslav Lissovolik, Fyodor Lukyanov, Andrey Sushentsov, Ivan Timofeev

Il Club Valdai è una fondazione fondata inizialmente per promuovere l’immagine e la cultura della Russia. Successivamente si è trasformato in un pensatoio, costituito da personalità ed intellettuali di decine di paesi, in grado di fornire analisi ed indirizzi geopolitici, laddove il punto di vista russo assume una funzione essenziale. Molto importante ed interessante da seguire. Uno dei segnali della consapevolezza di sé che stanno assumendo stati e centri decisori ormai autonomi, anche culturalmente, da quelli statunitensi. Buona lettura, Giuseppe Germinario

https://valdaiclub.com/files/39176/

introduzione

Quando le proprie previsioni più cupe si rivelano le più accurate, questo è destinato a provocare sentimenti contrastanti. La soddisfazione di rivelarsi preveggenti è controbilanciata dalla realtà di un futuro più allarmante. Dal 2018, il Valdai Club avverte che i processi che portano al collasso totale del sistema politico ed economico globale stanno accelerando, mentre l’ordine internazionale che si è sviluppato come insieme di istituzioni nella seconda metà del 20 ° secolo e si è protratto lungo il secolo in corso, sta diventando sempre più deformato.

La crisi della globalizzazione come quadro universale per lo sviluppo globale è iniziata negli anni 2000. La pandemia ha dimostrato che la globalizzazione, come era intesa negli anni ’80, era abbastanza reversibile. La crisi politico-militare scoppiata in Europa nel 2022 – una ricaduta estremamente pericolosa e quasi imprevedibile nella rivalità tra le maggiori superpotenze – ha colpito in un modo o nell’altro la maggior parte del mondo . Esso segnala anche la fine del modello di relazioni del quale la “benedizione” della dipendenza reciproca era un presupposto fondamentale .

La misura in cui i diversi attori sono coinvolti nell’attuale cataclisma internazionale varia . Molti stanno cercando di prendere le distanze in sicurezza dal feroce confronto tra la Russia e l’ Occidente collettivo guidato dagli Stati Uniti , per il quale l’Ucraina era un pretesto. Tuttavia, nessuno ha dubbi sul fatto che ciò che sta accadendo ora non sia semplicemente un conflitto regionale o anche una disputa per determinare quale dei principali attori occuperà un posto più alto nella gerarchia internazionale . La domanda principale è se questa gerarchia sarà preservata nella forma a cui siamo abituati e , in tal caso , come sarà costituita . _ _

Le cause dirette degli acuti problemi di sicurezza internazionale che il mondo deve affrontare superano la portata di questo rapporto, così come le previsioni sull’esito finale, che sarebbero in ogni caso terribilmente premature. Tuttavia, possiamo essere così audaci da immaginare quali principi possano costituire la base di un futuro sistema di convivenza globale e quali saranno giustamente relegati nel passato. Un nuovo sistema è destinato a prendere forma in una fase futura della politica globale,  anche se è improbabile che ciò possa succedere presto . _

Principi imperiali

A causa della sua relativa semplicità, il sistema internazionale del secondo dopoguerra , a cui la maggior parte dell’umanità è abituata , prevedeva l’ esistenza di superpoteri come suo segno distintivo. Il mondo dominato dalle superpotenze era caratterizzato dalla capacità di un piccolissimo gruppo di stati particolarmente potenti di controllare il resto del mondo, direttamente o indirettamente, attraverso istituzioni, regole e denaro, e di stabilire per loro standard di comportamento di base .

Gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica erano tali superpotenze durante la Guerra Fredda. Non solo ognuno di loro aveva un gruppo di satelliti alleati, ma forniva anche a una gamma abbastanza ampia di paesi i fondi di cui quei paesi avevano bisogno per andare avanti. Le istituzioni internazionali emerse sulla scia della seconda guerra mondiale hanno creato le infrastrutture necessarie. Dopo il 1991 e l’auto-scioglimento dell’Unione Sovietica, gli Stati Uniti assunsero la posizione di monopolio come unica superpotenza e leader dell ‘”ordine mondiale liberale”. Le risorse sono state distribuite nell’ambito di questo ordine in larga misura attraverso le istituzioni internazionali backbone (la Banca mondiale, il Fondo monetario internazionale, in una certa misura le Nazioni Unite, con gli Stati Uniti che svolgono un ruolo guida nel loro attuale funzionamento: tutti sono anche fisicamente situati sul suolo statunitense). Nel 2013, la Cina ha iniziato a lavorare per ottenere uno status simile quando ha presentato l’iniziativa Belt and Road come parte della più ampia dottrina filosofica della Comunità del Destino Comune .

La disponibilità di capacità militari è segno di una superpotenza che, tuttavia, non deve essere considerata un attributo ultimo . Ad esempio, le forze nucleari non possono svolgere un ruolo decisivo nella governance internazionale proprio per la loro natura unica. Inoltre, la vasta esperienza nell’uso delle forze armate convenzionali dopo la seconda guerra mondiale ha rivelato il limite di efficacia di questo strumento, riguardo soprattutto ai principali paesi. Più importante è la loro capacità di creare l’ infrastruttura politica ed economica in cui la partecipazione (e, di conseguenza, il rispetto delle sue regole) è percepita come un valore assoluto . La gerarchia è stabilita attraverso un accesso regolamentato all’infrastruttura.

A metà del XX secolo , questo tipo di ordine internazionale ha sostituito il classico equilibrio di potere delle epoche precedenti, quando un gruppo di imperi europei, inclusa la Russia, aveva interagito tra loro e con altre nazioni quasi esclusivamente attraverso la forza militare. L’equilibrio di potere comportava condurre guerre continue per ” aggiustarlo ” .

Il crollo degli imperi europei nel 1918-1991 ha portato all’emergere di numerosi stati di piccole e medie dimensioni prive della disponibilità delle risorse energetiche o della tecnologia necessarie a supportare lo sviluppo indipendente, il che ha guidato la domanda dei “servizi” forniti dalle superpotenze come sponsor. Durante la seconda metà del 20 ° secolo, la comunità internazionale ha visto l’ ascesa di un gruppo di leader in termini demografici come Cina, India, Brasile, Indonesia, Turchia, Iran, Sud Africa e molti altri. Tuttavia, fino all’inizio del 21 ° secolo, tutti gli stati emergenti , formalmente o di fatto , sono rimasti nella sfera di influenza delle superpotenze , prima due , e poi solo una .

Chiariamo ancora una volta : lo status di superpotenza, per come la intendiamo noi , è conferito solo a uno Stato al quale un numero significativo di altri Paesi associa la propria capacità di superare le sfide e sopravvivere in un caotico ambiente internazionale. In un certo senso, è un ordine mondiale imperiale, ma l’ autorità è esercitata attraverso un insieme di strumenti che fanno della subordinazione al centro una scelta privilegiata rispetto alla coercizione primitiva, il che rende tale subordinazione praticamente l’ unica opzione disponibile .

La Russia è un esempio calzante . Dopo aver perso il proprio ruolo (sovietico) di costruzione del sistema nel 1991, le sue relazioni con l’ Occidente si sono basate sulla convinzione che l’ interesse della Russia a partecipare a un sistema internazionale incentrato sull’Occidente è molto più importante degli interessi di Mosca nel garantire la propria sicurezza . Tutti si sono abituati a questa circostanza e hanno cominciato a darla per scontata, soprattutto in Occidente. Da qui, la natura quasi rivoluzionaria degli eventi  quali quello avvenuto nel 2022, quando la Russia è diventata la prima grande potenza che, guidata dalle proprie idee di sicurezza ed equità, ha scelto di scartare i benefici della “ pace globale ” creata dall’unica superpotenza (gli Stati Uniti). Tali benefici sono stati considerati dal Cremlino troppo rischiosi, poiché l’ integrazione politica ed economica nel sistema di interdipendenza collettiva impone restrizioni eccessive alla libertà di azione di un determinato Stato .

La Russia ha una storia di relazioni con l’ Occidente che si riflette nelle decisioni che prende ma questa questione è diventata una preoccupazione anche per altri paesi . Congelando le riserve di oro e valuta estera della Russia, gli americani hanno innescato una reazione a catena di dubbi sulla natura globale dell’economia globale e sulla sicurezza delle attività finanziarie dei paesi collocate presso mercati internazionali . Gli sforzi spietati per “ripulire ” le proprietà della Russia all’estero, inclusa la proprietà privata, hanno dimostrato che le giurisdizioni occidentali possono, se necessario, essere guidate dall’opportunità politica piuttosto che dalla legge. Guardando alla Russia, altri paesi si sono chiesti se dovessero mitigare i propri rischi e agire per proteggere i propri asset finanziari .

Gli Stati Uniti  si rendono conto  che  la loro  posta  in palio in  questo  gioco  è  paragonabile a quella della Russia e potrebbe essere anche più alta. È in gioco il futuro del dollaro come valuta di riserva chiave del mondo e il dollaro è stato la linfa vitale dell’economia globale negli ultimi decenni . Agendo all’interno della logica dell’economia globale , i principali produttori di risorse e beni – Russia e Cina – si sono scambiati beni fisici per il tramite della valuta statunitense, tenuta per altro  e nelle banche occidentali chiaramente per non vederla congelata a un certo punto .

I  paesi  che apprezzano  la loro  indipendenza di politica estera devono affrontare la questione di dove esattamente e in quale forma dovrebbero immagazzinare l’ eccedenza delle loro risorse. Ha senso investirli in buoni del tesoro statunitensi o mantenerli presso le banche occidentali ? _ _ O li sta investendo nelle attività che possono _ essere smaltite in modo indipendente, indipendentemente da chi pensa che cosa della tua politica estera o interna sia una scommessa migliore? Se la scelta viene fatta a favore di quest’ultimo, ciò stimolerà il processo di creazione di meccanismi alternativi, i quali a loro volta eroderanno ulteriormente l’ ordine imposto dalle superpotenze .

Domanda antimonopolistica

Le interruzioni nelle fondamenta economiche del sistema globale sono state la manifestazione più eclatante della crisi delle superpotenze. Efficienza , concorrenza aperta, regole economiche razionali , trasparenza delle imprese, sostenibilità e posizioni avanzate delle economie occidentali – tutti questi slogan degli anni ’90 – non hanno resistito alla prova. A partire dagli anni 2000, l’economia mondiale ha iniziato ad affrontare crisi sempre più potenti con epicentri alternativi negli Stati Uniti e in Europa. In questo contesto, i paesi in via di sviluppo intensificano i loro sforzi per creare i propri meccanismi di mutua assistenza, che proteggano le economie del Sud del mondo dalle ondate di crisi provenienti dai paesi avanzati. Sottolineiamo un punto: i paesi avanzati che avrebbero dovuto apportare benefici universali al sistema globale si sono trasformati in una fonte di pericolose perdite.

La crisi dei mutui del 2008 , un cataclisma interno americano completamente fatto in casa, è stata la prima e la più forte crisi scoppiata nel mondo sviluppato negli ultimi decenni. Il crescente debito delle famiglie è stato aggravato dall’aumento dei tassi di interesse del Federal Reserve System . Hanno guidato il crollo dei prezzi del mercato immobiliare e il crollo dei  mercati finanziari lungo una recessione su larga scala che ha provocato un declino economico globale. Seguì la crisi del debito sovrano dei paesi europei. Ancora peggio, il debito nazionale di diversi stati dell’UE ha superato di gran lunga la soglia critica del 100% del PIL. Un ruolo importante nel causare questa crisi è stato svolto dalle statistiche fiscali non trasparenti in alcuni Stati dell’UE e dal loro sistematico allontanamento dalle regole di bilancio precedentemente stabilite ( i criteri di Maastricht che stabilivano i limiti il disavanzo di bilancio e il debito nazionale non superano rispettivamente il 3% del PIL e il 60% del PIL ).

Anche i tentativi di realizzare la libertà di commercio su scala globale sono falliti. Invece, negli ultimi decenni, l’economia mondiale ha incontrato i crescenti fenomeni di protezionismo. L’ Organizzazione mondiale del commercio (OMC) è impotente di fronte all’inasprimento delle restrizioni , comprese le restrizioni sulle sanzioni , da parte dei paesi avanzati. L’organismo di risoluzione delle controversie dell’OMC (DSB)  non è stato in grado di funzionare correttamente da diversi anni a causa del rifiuto degli Stati Uniti di nominare nuovi giudici all’organo di appello . In una certa misura, la loro posizione può essere spiegata dal fatto che gli americani erano sempre di più
spesso sconfitti nel DSB sullo sfondo di un protezionismo crescente
e di una perdita di competitività nelle industrie tradizionali.

La concorrenza ristretta nell’economia mondiale è stata una conseguenza non solo del crescente protezionismo, ma anche della monopolizzazione di un certo numero di industrie che hanno svolto un ruolo chiave e sistemico nell’economia globale. Ciò riguarda principalmente i sistemi di pagamento e i regolamenti internazionali che sono stati effettuati per la maggior parte in un’unica valuta (il dollaro USA). È importante sottolineare che le società americane e dell’Europa occidentale rappresentavano quasi tutti i sistemi di pagamento. I verdetti sul rischio di un investimento in attività di mercato erano emessi principalmente da solo tre agenzie di ranking occidentali. L’ assenza di alternative e la monopolizzazione di interi segmenti dell’economia mondiale ha prodotto rischi a livello di sistema. Così, alla vigilia della crisi  del debito in Europa, queste tre agenzie classificano il rating sovrano di alcuni paesi europei con un grosso debito al livello della prima categoria “A ” .

I problemi di stabilità contabile e finanziaria delle più grandi società erano evidenti sia nel settore finanziario che nell’economia reale . Il fallimento di Lehman Brothers è stato uno dei detonatori della crisi finanziaria del 2008-2009 . Anche altri giganti di Wall Street , come Bear Stearns, ne sono diventati vittime. Lo scandalo Enron è scoppiato nel settore dell’economia reale nel 2001. Ha rivelato problemi di occultamento _ delle perdite mediante l’ utilizzo di fondi di investimento esterni e di gestione aziendale .

Naturalmente , questi inconvenienti non esistevano solo nei paesi occidentali avanzati . Tuttavia, questi paesi impostano lo spartito nell’economia globale . Avevano le maggiori opportunità di influenzarlo e affermavano di monopolizzare il “modello di gestione aziendale”. Quindi, l’intero sistema internazionale è stato colpito dai loro abusi.

L’ economia mondiale non crollerà e non perderà la sua connettività interna sebbene il precedente modello di globalizzazione sia ormai superato . _ Tuttavia, è certo che non sarà più lo stesso di prima. Dopo la crisi emergeranno nuove strutture economiche.  Non saranno così reciprocamente dipendenti perché la dipendenza reciproca è ora considerata piuttosto un rischio che un’opportunità . Detto questo, consentiranno alle parti di condurre i migliori scambi economici possibili in termini di equilibrio degli interessi. Il sistema richiederà un diverso assetto politico: il controllo verticale dei processi da un centro egemone non è più possibile.

La Democratizzazione e le sue conseguenze

È ancora prematuro valutare i risultati dell’operazione militare russa in Ucraina, ma la decisione di lanciarla è di per sé rivelatrice. È stato motivato, in misura significativa , dal fatto che le prospettive per  l’ordine mondiale “imperiale” non sembrano più stabili. Il processo di cambiamento, in ogni caso, sarà molto doloroso .

Il declino dell’attuale modello di relazioni internazionali , che ha preso forma negli ultimi due decenni, è il risultato della collisione di due tendenze diverse . Per una serie di ragioni interne , l’Occidente sta perdendo la capacità di mantenere il suo ordine su scala globale . L’ obiettivo principale per ora è preservare la coesione dei più stretti alleati che compongono l’Occidente. Allo stesso tempo, le capacità dei paesi in via di sviluppo stanno crescendo grazie ai loro risultati o all’emergere di fonti alternative. Ciò significa che i paesi avanzati dell’Occidente hanno sempre meno attrattive da offrire ai paesi in via di sviluppo (e sono ancor meno desiderosi di farlo, dal momento che l’esempio della Cina è stato una grande delusione per gli Stati Uniti; invece di un partner leale , ha tirato fuori un pericoloso rivale). Dal canto loro , i paesi in via di sviluppo non vedono il senso di rimanere obbedienti, se ciò non aiuta a risolvere i loro problemi più importanti .

La conseguenza politica internazionale di ciò è una crescente consapevolezza di sé a livello statale e la democratizzazione delle relazioni internazionali, come difficilmente si poteva immaginare all’inizio degli anni ’90. A quel tempo, era quasi universalmente riconosciuto che non c’era alternativa al percorso di sviluppo occidentale. I trent’anni di graduale declino della leadership statunitense sono diventati un periodo di transizione dal “mondo degli imperi” con il suo approccio universalistico a un “mondo di stati”. Ma il problema è come rendere praticabile un così gran numero di giurisdizioni sovrane di varie dimensioni, se molte di esse semplicemente non hanno le risorse per l’ autosufficienza elementare? Di per sé, la tanto decantata multipolarità garantisce solo una cosa: l’assenza di un effettivo controllo gerarchico .

La documentazione storica di molti paesi mostra che il crollo di qualsiasi regime autoritario e la sua sostituzione con una forma di democrazia è inevitabilmente accompagnato da sconvolgimenti. Raramente le democrazie sono in grado di imporre una stabilità a un livello che, di regola, può essere garantito da un regime autocratico. Lo stesso vale per il sistema internazionale.  Gli Stati Uniti sono stati garanti di un certo insieme di regole, anche se tutti le consideravano lontanamente soddisfacenti. Come si possono garantire sicurezza e sviluppo in un mondo che manca di leadership? Non pochi paesi si sentono insicuri di fronte al crollo dell’ordine mondiale. Molti consideravano la loro nicchia nella “catena alimentare” guidata dall’Occidente come abbastanza comoda.

È vero, però, che non c’è nessun esempio di paesi che siano stati in grado di evitare di rimanere intrappolati in un certo livello di sviluppo , un tetto imposto da un sistema in cui questi membri non hanno un peso decisivo. Questo vale sia per l’ economia che per la politica.

I leader dell’ordine internazionale delle superpotenze sono consapevoli delle sfide che si moltiplicano . Non si può escludere che cercheranno di riportare indietro l’ orologio e ripristinare alcuni meccanismi del passato. Ad esempio, diventerà di fondamentale importanza per Washington ad un certo punto recidere il legame economico tra la Russia e la Cina, che potrebbe minare la stabilità dell’ordine economico statunitense. Per fare ciò, dovrà revocare alcune delle sanzioni introdotte contro la Russia. I rischi connessi all’emergere di unioni economiche internazionali alternative e  l’impossibilità – nonostante le forti pressioni – di ridurre a zero la presenza della Russia nell’economia europea fanno ben sperare per un ammorbidimento delle misure volte a        isolare la Russia. Questo vale per l’energia, gli scambi alimentari , le catene di produzione ora interrotte e gli acquisti di beni e risorse russe indispensabili . È probabile che anche i collegamenti di trasporto , compresi i servizi aerei, vengano normalizzati. Questo ha un senso economico per tutti e porterà a una nuova “pace fredda”. Ma anche questa (non garantita) normalizzazione non fermerà la fondamentale  ricostruzione del sistema internazionale sulle nuove basi . _

Una “fredda pace” imperfetta

Gli Stati Uniti stanno perdendo lo status di superpotenza, in quanto ora possono agire come tali solo tra le controparti più vicine , e anche se queste ultime fanno parte del ristretto gruppo di beneficiari privilegiati . Per quanto riguarda tutti gli altri, l’ Occidente deve ricorrere a pressioni vere e proprie come la minaccia o l’effettivo utilizzo di sanzioni. Possiamo vedere esempi di questo tipo non solo nella politica o nell’economia, ma anche nella lotta contro il cambiamento climatico e persino nella cultura, dove il progressismo occidentale sta cercando di dettare i propri termini ai rappresentanti di altre comunità culturali ed etiche .

Un tentativo di consolidare le capacità militari dei paesi occidentali intorno agli Stati Uniti è una reazione istintiva alla contrazione delle basi materiali interne del loro potere militare e politico . Questo consolidamento molto probabilmente incontrerà ostacoli come le posizioni speciali di alcuni paesi, come la Germania o la Francia, che cercheranno di mantenere il loro posto tra le grandi potenze indipendenti pur rimanendo membri del sindacato. Ciò, tuttavia, è improbabile che accada nel prossimo futuro .

Comunque sia , la questione della governance internazionale rimane senza risposta in mezzo a un’ampia varietà di attori indipendenti, la maggior parte dei quali difficilmente sarà in grado di svilupparsi in modo indipendente. Cosa succederà dopo? Sarà l’ impoverimento di massa di una parte significativa dell’umanità che non è stata in grado di continuare a fare progressi in circostanze così sfavorevoli? Costruire nuovi imperi dagli Stati che finora sono rimasti sovrani? _ Oppure, sviluppare un nuovo formato di interazione nell’arena internazionale?

Certo , è necessario lottare per quest’ultimo. A questo proposito, un ruolo particolarmente importante hanno assunto le potenze di medie dimensioni, come Brasile, Indonesia, Pakistan, Arabia Saudita, Sud Africa, Corea del Sud, Turchia, Uzbekistan, Vietnam e molte altre, in quanto esemplificano la democratizzazione della politica internazionale. Con risorse che consentono loro di condurre politiche indipendenti e una maggiore  flessibilità rispetto ai giganti ingombranti, possono fungere da ammortizzatori durante i periodi di sconvolgimento. Non è un caso che Washington, Mosca e Pechino stiano seguendo da vicino questi paesi.

Presumibilmente, essendo parte del nuovo ordine internazionale, questi stati occuperanno un posto importante tra le (grandi) potenze più influenti in termini di risorse energetiche aggregate, come Stati Uniti , Cina, Russia, India e, possibilmente, Germania, e una moltitudine di paesi deboli e impraticabili. Alcuni di questi ultimi molto probabilmente delegheranno la loro sovranità e diventeranno parte delle associazioni guidate dalle maggiori potenze, anche all’interno dei blocchi economici regionali .

Indipendentemente da come finirà l’attuale conflitto, gli sviluppi in corso in Europa non determineranno l’ equilibrio di potere globale , ma saranno importanti nell’indicare la direzione di un ulteriore sviluppo . Almeno subito dopo la fase acuta della crisi, il sistema di sicurezza in Europa e nel mondo sarà basato su un’ostilità reciproca che preclude l’ aggressività di azioni provocatorie. Quest’ultimo scenario è possibile solo se nessuno crede che l’altra parte risponderà .

Ad esempio, negli ultimi anni, episodi pericolosi , come manovre rischiose di navi militari , avvicinamenti di aerei militari, esercitazioni militari improvvise e altre provocazioni sono stati un evento permanente lungo i confini occidentali della Russia. Dopo il 24 febbraio, questo tipo di attività militari “stuzzicanti” lungo i confini russi si è interrotto bruscamente e le cose sono diventate estremamente serie. I paesi della NATO (l’ Alleanza personificava il precedente ordine nelle questioni di sicurezza) non sono più sicuri che non ci sarà risposta. Anche se l’ obiettivo ufficiale è far pagare alla Russia il prezzo più alto per le sue azioni, che si esprime in massicce forniture di armi all’Ucraina, è improbabile che ciò impedisca a Mosca o ad altri potenziali obiettivi di espansione politico-militare di fornire risposte dure in futuro .

Da un lato, la nuova situazione scatenerà un aumento delle spese militari  dei  paesi  europei  e un cambiamento nella posizione geografica delle forze e delle risorse della NATO basate in avanti man mano che si avvicinano  ai confini russi. D’altra parte, questo dovrebbe andare di pari passo con una maggiore responsabilità per l’ uso di tali forze e capacità. Qualsiasi incidente può innescare una crisi che minaccia gli interessi vitali dei paesi europei. È probabile che il  sistema  di  controlli  e  contrappesi porti ad una “ pace fredda” che è la migliore soluzione oggi disponibile . Il termine “coesistenza pacifica” ricorda troppo un periodo storico particolare per riflettere accuratamente lo stato di cose odierno, ma, in realtà, questo è essenzialmente ciò che abbiamo in serbo per noi.

Tuttavia, questo non è il modo migliore, ma piuttosto un modo forzato e altamente instabile di organizzare la comunità internazionale . Più precisamente, è un prerequisito imprescindibile per iniziare a lavorare su un nuovo sistema di relazioni improntato alla prudenza e al controllo reciproco . Come sarà ? _

Prima di azzardare qualsiasi ipotesi, si dovrebbe avere una chiara comprensione dei suoi valori sottostanti .

Come valori e interessi si sono distrutti a vicenda

L’ idea di “fine della storia” che è arrivata a definire l’ era dell’ “ordine internazionale liberale “, rappresenta l’apice di una grande tradizione intellettuale rappresentata principalmente da due teorie politiche moderniste , il liberalismo e il socialismo , entrambe basate sulla convinzione nel potere illimitato e nel valore normativo della ragione umana. Entrambe le teorie moderniste pretendevano di raggiungere una situazione ideale, in cui la società avrebbe funzionato come un meccanismo snello e razionale che rivelava la natura creativa dell’uomo e tagliava gli aspetti irrazionali e distruttivi . La “fine della storia” è stata concettualizzata come punto di arrivo nella scalata verso l’ideale o almeno come il passaggio a un’era qualitativamente nuova nella storia.

Logicamente, l’era delle superpotenze, o di stati che aspiravano al dominio del mondo, si basava su questi precetti ideologici e assiologici. Durante la Guerra Fredda, le superpotenze avversarie hanno offerto al mondo le proprie vie per raggiungere l’ ideale, ognuno dei quali è stato pensato come universale, cioè adatto a tutti. Con la fine della Guerra Fredda , l’universalismo divenne l’ unica opzione, dal momento che era rimasta una sola superpotenza nel mondo. In primo luogo, la sua sopravvivenza sullo sfondo del crollo dell’avversario è stata interpretata come prova della sua correttezza storica e morale. In secondo luogo, una gerarchia con un “egemone benevolo” al vertice sembrava ottimale per garantire la sicurezza universale, radunare la comunità internazionale “basata su regole” dietro il leader, ecc. L’emergere dell’ordine unipolare liberale ha coinciso nel tempo con la “terza ondata di democratizzazione” nel mondo più ampio e l’efflorescenza della globalizzazione economica. Vale a dire che c’erano segni della “fine della storia “a più livelli contemporaneamente; pensare, quindi, che fosse davvero arrivata è comprensibile. Rappresentava la logica ideale per il modello della superpotenza .

Nella politica estera statunitense, il liberalismo convive da tempo con il realismo, che è una teoria incentrata su interessi che devono essere difesi con la forza. Il primo svolge il ruolo ideologico e dottrinale , mentre il secondo compensa gli stereotipi ideologici con pragmatismo e buon senso. Nel frattempo, il dualismo di ideologia e pragmatica nasconde una trappola, dove l’ideologia, invece di essere uno schermo per realisti pragmatici, sta emergendo come Simbolo di Fede per numerosi diplomatici, studiosi, giornalisti, militari, uomini d’ affari e    altri membri dell’élite della politica estera.  L’ideologia può diventare un valore autonomo, che, come ha detto Max Weber, renderà l’ azione sociale orientata al valore piuttosto che all’obiettivo.

Il problema è che il trionfo della ‘”unica vera idea” rende impossibile per definizione un dialogo e un accordo efficaci con sostenitori di opinioni e valori diversi . La crescita del reciproco antagonismo assiologico e del rifiuto ha in gran parte portato Mosca alla conclusione che “non abbiamo altra scelta” e che un’opzione militare era inevitabile. Precetti ideologici contrastanti e la loro amplificazione da parte dei media non lasciano spazio a negoziazioni o formati pacifici per dirimere le divergenze. Tutto questo non è più considerato possibile.

In tutti questi anni le parti non si sono ascoltate non solo per gli opposti interessi che difendevano, ma anche per le differenze di valore moltiplicate dalla percezione interpersonale . In una società globale influenzata dal diktat dell’universalismo , anche il meccanismo con cui vengono allevate le élite politiche ha subito un cambiamento. L’impennata delle restrizioni nello spirito di correttezza politica ha portato a una totale “ cultura dell’annullamento” rivolta a coloro che non riescono a inserirsi nel quadro  sempre più dogmatico della cultura politica dominante. Questo sta accadendo sia a livello nazionale nei paesi leader che a livello di scala globale.

L’ideologia ha un impatto diretto sulla percezione della politica estera e sulla definizione degli obiettivi; ad esempio quando gli obiettivi di politica estera dichiarati danno la priorità non agli interessi nazionali concreti ma alla democratizzazione di altri paesi, alla protezione di diritti personali interpretati in modo specifico o al raggiungimento di un certo grado di coinvolgimento nell’economia di mercato globale. Potremmo elencare una serie di guasti causati dall’approccio di cui sopra , ma la maggiore importante conseguenza è alimentare la rivalità tra le grandi potenze. Russia e Cina (e un certo numero di paesi minori) hanno percepito l’ espansione ideologicamente motivata degli Stati Uniti e di alcune istituzioni statunitensi come un tentativo aperto di esercitare pressioni geopolitiche su di loro .

Dopo la fine della “ fine della storia”

 

La politica mondiale ha cominciato a tornare  rapidamente a uno stato di anarchia costruito sulla forza. “La fine della storia” culminò con il ripristino del suo corso abituale : la distruzione dell’ordine internazionale risultante vasta scala tra centri di potere.

Un conflitto militare come forza trainante dello sviluppo significa un ritorno all’era prima del superpotere . _ Tuttavia, la precedente pratica di “debug” continuo dell’equilibrio di potere non verrà ripristinata, se non altro perché la moltitudine di giocatori e le dinamiche di potere stanno rendendo praticamente impossibile stabilire un equilibrio in   primo luogo . _

L’attualità solleva con nuova urgenza la della  trasformazione della trasformazione della  gerarchia dei valori. È destinato a cambiare se i conflitti armati su larga scala sono possibili e persino inevitabili. La dinamica di questa trasformazione determinerà l’ atteggiamento degli individui e dei vari gruppi sociali nei confronti di ciò che sta succedendo.

Si veda, ad esempio: Timofeev I. Report: A New Anarchy? Scenari per World Order Dynamics // Valdai Discussion Club, 18 luglio 2019. URL: https://valdaiclub.com/a/ reports/a-new-anarchy- scenari-for-world- order- dynamics/

Nell’analizzare questo fenomeno è opportuno guardare al contrasto tra società “eroiche” e società “post-eroiche”. C’è una differenza fondamentale nel modo in cui percepiscono i conflitti armati e nel livello di coinvolgimento umano emotivo e basato  sui valori nel confronto .

Formatasi in un periodo relativamente calmo di egemonia, la società moderna è dominata dai consumi ed è socialmente smobilitata per impostazione predefinita. In altre parole, questa società è nell’ovvia condizione “post-eroica ” . Questo vale principalmente per i paesi avanzati , anche se l’ elenco dei beneficiari “post-eroici” stava crescendo praticamente ovunque con    l’aumento generale della prosperità del sistema globale .

La fine dell’egemonia e il ritorno della guerra come nuova realtà internazionale è destinata a incidere su tutte le strategie individuali. Azioni militari, pressioni sulle sanzioni e crescenti  problemi nell’economia globale stanno rapidamente erodendo la zona stabilita di benessere individuale e sociale per praticamente ogni persona. Nel frattempo, la ricerca del comfort è giustamente considerata un valore evidente nel nostro secolo di consumatori. Nella società post-eroica, questo valore determina molti modelli di condotta sociale , di aspettative ed esigenze.

Il consueto livello di benessere è legato alle benedizioni che le società (o i loro membri più attivi) hanno tratto dalla partecipazione alla globalizzazione. Gli appelli dei governi alla coesione e alla mobilitazione (non necessariamente nel senso militare di questa parola) di fronte ai cataclismi, per quanto appassionati possano suonare, difficilmente possono cambiare il sentimento pubblico profondamente radicato.  Al contrario , spesso innescano a _ effetto inverso e una lotta per recuperare l’oasi cosmopolita perduta. Tuttavia, il nuovo sistema di benchmark sociali non sarà mai universale perché in condizioni di intensa rivalità, qualsiasi narrativa sovranazionale suona come uno strumento del nemico .

I futuri meccanismi di governance internazionale non possono essere determinati da una base comune di idee e valori. Non emergerà  da solo            perché l’ eterogeneità culturale del mondo è immensa. Occorre un’egemonia effettiva per imporla agli altri , ma non esiste più . _ Detto questo , non c’è nemmeno spazio per il confronto ideologico nella nuova era che sta nascendo, perché esso equivale a un tentativo di dimostrare che alcuni sono migliori di altri. E questo è semplicemente inutile in una comunità internazionale molto più diversificata in cui gli attori sono principalmente interessati alla propria sopravvivenza e al proprio sviluppo nell’ambiente esterno sfavorevole .

Il mondo distribuito

Quindi, il periodo storico a venire sarà segnato da conflitti e, molto probabilmente, ostilità che sono una parte inevitabile dell’emergere di un nuovo ordine internazionale . Un sistema di inneschi che possa almeno mitigare le minacce emergenti è vitale  per la sicurezza globale . Ma è improbabile che venga mai sviluppato senza fornire una risposta alla suddetta domanda su come garantire il funzionamento equilibrato del sistema internazionale in assenza di un egemone e di una chiara gerarchia.

Lo stato attuale delle cose è segnato dal fatto che gli Stati Uniti e i loro alleati , di fatto, non godono più dello status di superpotenza dominante, ma l’ infrastruttura globale che li serve è ancora in atto. Di conseguenza, una potente macchina creata per la “corretta” ( nell’interesse dell’egemone ) distribuzione dei beni e (dopo tutto) la promozione dello sviluppo è diventata un meccanismo per punire le nazioni che rivendicano il potere globale o sono semplicemente insoddisfatte dello stato attuale delle cose. L’uso improprio porta a un’usura accelerata del sistema e blocca anche le prospettive che si trasformi in qualcosa che è allineato con i nuovi tempi. Cambiare semplicemente l'”operatore” come è successo nei secoli precedenti (ad esempio , gli Stati Uniti hanno preso il posto della Gran Bretagna) non aiuterà oggi. Semplicemente non funzionerà .

In teoria, la Cina dovrebbe essere la prossima nazione al timone, ma ci sono diversi ostacoli concomitanti perché ciò accada. In primo luogo, l’attuale leader è decisamente contrario a cedere il suo primo posto a Pechino, e l’intero    sistema sotto il suo controllo (principalmente finanza ed economia) si opporrà a questo. In secondo luogo, la RPC non sembra essere pronta o disposta ad assumersi l’onere dei rischi associati. Terzo, e soprattutto, la struttura della politica globale è cambiata in modo tale che i paesi importanti semplicemente non acconsentiranno al dominio di nessuno .

Tuttavia, la necessità di una ristrutturazione internazionale è estremamente urgente, poiché il mondo in generale e i singoli paesi devono affrontare  molteplici sfide, comprese quelle esistenziali. I processi oggettivi stanno portando il mondo a un sistema molto più basato sugli spazi   regionali . “Riunire ” i paesi che formano una comunità spaziale e razionalizzare (semplificando e accorciando) le catene del valore e di approvvigionamento è un percorso verso il superamento delle sfide legate alla pandemia. La crisi provocata dalla guerra economica dell’Occidente contro la Russia ha anche messo in luce il valore di un’interazione immune da ingerenze esterne che includono la vicinanza geografica .

Fare affidamento sull’interazione regionale e la creazione di comunità spaziali può risolvere i problemi di sviluppo dei paesi di piccole e medie dimensioni che non dispongono di risorse proprie sufficienti per lo sviluppo . Facendo parte di associazioni regionali, hanno buone possibilità di trovare la propria  nicchia, sfruttare il potenziale collettivo e contribuire ad esso.

L’unificazione dei paesi basata sui loro interessi e sul principio di complementarità aiuterà alla fine a risolvere il problema alla radice di oggi che è quello di limitare l’efficacia dell’infrastruttura che è stata costruita per supportare l’ egemonia delle superpotenze e alla fine lasciarsela alle spalle. La questione più urgente – la dipendenza del mondo dal sistema finanziario basato sul dollaro – sarà risolta molto più facilmente anche da un gruppo di paesi stakeholder che potranno concordare tra loro forme alternative di insediamento e commercio che aggirino la sfera di influenza statunitense. Gli Stati Uniti possono utilizzare sanzioni secondarie, ma sono innegabili gli abusi che hanno già iniziato a minare l’ efficacia di questo strumento .

Il futuro sistema deve essere simile al modello di superpotenza nel suo design originale solo per un aspetto. Il ruolo chiave in esso non sarà svolto dalla forza militare , anche se le tensioni politico-militari internazionali aumenteranno durante il periodo di transizione . I conflitti militari , compreso quello che ora divampa in Europa, non riguardano la costruzione di un nuovo ordine, ma sono il risultato della disfunzione di quello che è esistito finora. Anche se il riaggiustamento degli squilibri nello sviluppo globale, come vediamo, può portare all’uso della forza militare, in quanto tale non è e non dovrebbe essere un fattore decisivo per andare avanti.

La democratizzazione  dell’ambiente internazionale necessita  di una risposta adeguata ,  che non riguardi la soppressione , ma l’armonizzazione degli interessi e il rispetto del pluralismo di opinioni e valutazioni. La gerarchia lascia il posto all’interazione distribuita. Un mondo senza superpoteri avrà bisogno di un sistema di autoregolamentazione, il che implica una libertà molto maggiore  di azione e responsabilità per tali azioni. Con ciò, alla fine saremo in grado di passare dalla fase del completo collasso alla fase successiva che è la creazione.

 

 

POLITICA E REALTA’_ di Pierluigi Fagan

Politica, da almeno quattro decenni e non solo in Italia, ha sostanzialmente perso il contatto con la realtà. Si sono sommate varie perturbazioni.
La prima è il dominio di teorie irrealistiche come il neo-liberismo. Il neo-liberismo non è una teoria buona o cattiva, è soprattutto una teoria che non funziona, non fa funzionare l’economia di una società per come economia e società sono state entangled lungo tutta la storia della civiltà.
La seconda teoria è il globalismo ingenuo ovvero la credenza che il mondo potesse diventare un unico mercato (libero e bello) sopra la rugosità delle differenze geostoriche, etniche, culturali. Di nuovo, questa teoria è “neanche sbagliata” come sarcasticamente diceva il prof. W. Pauli (“Ciò non solo non è corretto, ma nemmeno sbagliato!”) quando si trovava davanti a formulazioni semplicemente inconsistenti, letteralmente “sopra la realtà” (ovvero “surreali”).
La famosa “distruzione dei corpi intermedi” (partiti, sindacati) ha privato della catena di trasmissione delle informazioni e delle problematiche che chiamano attenzione politica, dalla realtà ai centri pensanti e decisionali. Così questi non pensano e non decidono rispetto alla realtà. Terza componente.
Quarta componente, il trasloco della politica nel virtuale e nello spettacolo, poi nei social: slogan, beauty contest, sembrare simpatici, poca riflessione, scarsa argomentazione, dialettica ridotta alle polarizzazioni semplificanti. Lo spettacolo ha sue regole proprie e l’intero sistema risponde a logiche che nulla hanno a che vedere con la realtà concreta.
Infine, quinta componente e solo per darci un taglio che non siamo in un trattato analitico, la realtà, negli ultimi quaranta anni, ha scalato gradi sempre maggiori di complessità nell’ambito della più generale transizione all’Era complessa iniziata nel dopoguerra. Ricordo che in questa transizione la popolazione umana si è triplicata, così gli Stati ed anche di più i sistemi multilaterali, pubblici e privati, legali ed illegali. Sono aumentate di molto le interrelazioni tra le parti per via delle rivoluzioni dei trasporti, delle telecomunicazioni, delle transazioni commerciali e finanziarie e la complessità delle catene del valore. Ormai tutto il mondo organizza il fare economico nel modo moderno il che aumenta di molto la competizione che nasce economica, finanziaria, valutaria per diventare -come vediamo oggi- geopolitica. Sono venti anni che andiamo avanti con “post-moderno”. Ma mettersi l’anima in pace e dichiarare finito il moderno e quindi interrogarsi su i caratteri specifici della nuova era storica, no? Chissà, magari sincronizzeremmo meglio le nostre immagini di mondo sulla specialità dei tempi in cui siamo capitati. Non è che si cambia era storica tutti gli anni come il guardaroba.
Se ponete l’oggetto-fenomeno “Mondo” in rapida ed intensa inflazione di complessità da una parte e la somma dei primi quattro punti che hanno distrutto la catena pratica ed ideologica di relazione tra politica e realtà, avrete la prima diagnosi del problema dato.
E veniamo all’attualità che mi ha mosso a scrivere il post.
Scandalo e risate per il concetto di “sovranità alimentare”. Il concetto nasce in organizzazioni alter-mondialiste (Via Campesina) in quel degli anni Novanta in cui nasce il WTO e la stagione della prima globalizzazione ingenua, oggi ripudiata in favore di nuovi blocchi geopolitici “democrazie vs autocrazie”. Il concetto nasce in favore dei produttori agricoli medio-piccoli per consumo prevalentemente locale vs grandi multinazionali tendenti OGM, per produzioni standard per consumo globale. Ma ci sono anche altri aspetti. Abbiamo temuto tutti, nel mondo, l’improvvisa mancanza di produzioni agricole ucraine e russe. Shock del genere tenderanno a ripetersi una volta che il mondo ha abbandonato, come sembra, il globalismo in condizioni di sostanziale pace. Non solo per conflitti, anche per la nuova competizione geopolitica che porrà ostracismi verso sistemi-Paese non allineati o diversamente allineati, ma anche per improvvisi rovesci ambientali e climatici. Il problema s’era già posto con la sovranità sanitaria, mascherine prima, ventilatori polmonari poi, vaccini infine. Già tutto scordato nell’acquario dei pesci rossi?
Scandalo con meno risate per la questione della “famiglia”. Sentivo un giornalista ieri dire di aver il giorno prima partecipato ad una conferenza ISTAT il cui presidente avvertiva che il pronunciato calo demografico italiano da qui al 2040, porterà ad allora ad una perdita di un quarto del Pil. Non so se sarete in grado di collegare il dato al debito pubblico ed il servizio sul debito o alla consistenza geopolitica che in primis è dato dal peso demografico e produttivo dei diversi attori o ai problemi di bilancia di spesa sanitarie e pensionistica. Dovreste esserlo visto che andrete a schiantarvi in quell’annunciato buco nero.
Ora, il primo argomento promosso da un governo di destra con tendenze post-fasciste (quindi non fascista in sé per sé, ma neanche così attento a rinnegarne la tradizione), porta al facile dileggio dell’autarchia di antica memoria. Realismo consiglierebbe magari di capire che tipo di interpretazione ne danno ovvero quanto sono o non sono vicini al mondo rurale delle produzioni perché magari sono più vicini e collegati politicamente di chi scrive il meme per farsi due risate su facebook. Il che porterebbe anche a domandarsi perché la destra fa lavoro politico in campagna mentre la sinistra (o supposta tale) fa brunch in città.
Il secondo argomento, sempre interpretato per come si pensa lo interpreterà la destra, diventa la Polonia o Dio, Patria, Famiglia. A ciò si oppone la politica dei diritti per la pluralità interpretativa dell’affettività e della sessualità. Così per aborto permesso di diritto che può esser impedito di fatto poiché con la catena logistica ospedaliera si può pur sempre fare il contrario di ciò che in teoria di dovrebbe fare. Se non addirittura impedito di diritto con la surreale iniziativa di Gasparri.
Riportare la politica alla realtà però, imporrebbe lasciar perdere il meccanismo per cui semplifichiamo ed estremizziamo quello che dice l’avversario per dire il simmetrico inverso che sarà altrettanto semplificato, alimentando così politica ineffettiva che diventa chiasso di slogan spettacolari.
Si potrebbe invece presidiare il concetto di autonomia di certe produzioni di base affinché non diventi a sua volta uno slogan inconsistente ma intervenga davvero sul modello produttivo adatto alle caratteristiche produttive sia del nostro Paese, sia dei tempi che si prospettano assai turbolenti, per chi non se fosse accorto. Sempre senza rinunciare ad importazioni giudiziose.
Altresì si potrebbe presidiare il problema della scarsa natalità parlando di servizi pubblici, case popolari ad affitti calmierati per le giovani coppie, potatura dell’immane pletora di contratti di lavoro senza garanzie, salario minimo. O forse anche discutere serenamente se, nel frattempo che tali improbabili politiche sociali possano venir implementate, aprirsi a forme di importazione controllata di popolazioni migranti, notoriamente più riproduttive di quelle occidentali per motivi culturali. Sempre battendosi per i diritti precedentemente accennati.
La differenza dei due modi corre tra mantenere la politica ad un gioco di ruoli virtuali in cui lo strato chiacchierato va per conto suo sopra lo strato dei fatti e riportare la politica a misurarsi coi fatti. Sono convinto che in effetti nel mondo delle chiacchiere la distinzione destra-sinistra non ha più senso, sono convinto che tale distinzione mostrerebbe la sua ostinata consistenza se invece ci misurassimo con la realtà concreta del come si vogliono fare certe cose. Ma se poi si trovano anche convergenze saltuarie, non vedo il problema.
Ma quanto meno facile, semplice e giocherellona sarebbe la politica con i vincoli di realtà?

https://www.facebook.com/pierluigi.fagan

Riassumendo l’importanza della nuova strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti per la Russia, di Andrew Korybko

Nel complesso, lo spirito di questa grande strategia quando si tratta della Russia si riduce al “bracconaggio” dei suoi partner in tutto il Sud del mondo attraverso iniziative di cooperazione non sincera e sovversione, parallelamente al contenerla convenzionalmente attraverso l’UE/NATO.

La nuova strategia di sicurezza nazionale (NSS) degli Stati Uniti inquadra il modo in cui questo egemone unipolare cercherà di riaffermare la sua influenza in declino sulla transizione sistemica globale nei prossimi anni. È estremamente rilevante per la Russia poiché questo documento descrive quella potenza mondiale appena restaurata come “una minaccia immediata”, da cui l’urgenza di contenerla attraverso mezzi interconnessi. Nonostante neghi di volere una Nuova Guerra Fredda , il testo non lascia dubbi sul fatto che l’America vede tutto attraverso quel paradigma.

Divide il mondo in cosiddette “autocrazie” e “democrazie”, sebbene l’NSS affermi anche pragmaticamente che gli Stati Uniti coopereranno anche con paesi che “non abbracciano istituzioni democratiche ma tuttavia dipendono e supportano un sistema internazionale basato su regole. ” Questo può essere interpretato come un tentativo di fare appello a quelle dozzine di paesi del Sud del mondo e specialmente dell’Africa che hanno mantenuto relazioni strategiche con la Russia nonostante l’immensa pressione degli Stati Uniti.

Per quanto riguarda l’area del mondo in cui risiede la stragrande maggioranza dell’umanità, l’NSS suggerisce fortemente che gli Stati Uniti competeranno attivamente con la Russia nel tentativo di “modellare il [suo] ambiente esterno in modo da influenzare il [suo] comportamento”. Sebbene non sia dichiarato direttamente, questo può essere inteso come una risposta al manifesto rivoluzionario globale del presidente Putin , che invita il mondo a sollevarsi in opposizione all’unipolarità in modo da aprire la strada a un sistema più democratico, eguale e giusto.

Quel risultato previsto non può essere raggiunto senza che il Sud del mondo si unisca a questo scopo, ergo l’importanza che gli Stati Uniti dividano e governino quell’insieme di paesi attraverso una combinazione di iniziative di cooperazione pragmatica e l’esportazione armata della democrazia ( Rivoluzioni Colorate ) . Riguardo alla seconda strategia menzionata, ciò è fortemente implicito nella parte su come “Lavoreremo per rafforzare la democrazia nel mondo”.

Ogni paese in via di sviluppo è un potenziale obiettivo poiché l’NSS afferma anche che “Gli Stati Uniti sono una potenza globale con interessi globali… Se una regione cade nel caos o è dominata da una potenza ostile, avrà un impatto negativo sui nostri interessi nelle altre”. Ciò indica che l’ingerenza americana continuerà senza sosta per un futuro indefinito poiché è della massima importanza per gli strateghi statunitensi impedire al Sud del mondo di unirsi sotto la guida della Russia.

Come ci si poteva aspettare, i suoi responsabili della percezione stanno attivamente inducendo il loro pubblico mirato a pensare che il loro egemone unipolare in declino sia quello che presumibilmente sostiene la loro autonomia strategica nel mezzo della transizione sistemica e non la Russia. Questa menzogna è esplicitamente sputata nella parte in cui si afferma falsamente che gli Stati Uniti “mirano a preservare l’autonomia ei diritti degli stati meno potenti”, a differenza di Russia e Cina. È vero il contrario, infatti, come ha confermato a luglio il presidente Putin.

Un’altra falsità diffusa attraverso l’NSS è che il conflitto ucraino “ha profondamente sminuito lo status della Russia nei confronti della Cina e di altre potenze asiatiche come l’India e il Giappone”. Mentre l’India è diventata indiscutibilmente una grande potenza influente a livello globale grazie allo status di kingmaker che ha ottenuto come risultato del suo magistrale equilibrio tra il miliardo d’oro dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti e il Sud globale guidato da BRICS SCO , la traiettoria di superpotenza della Cina ha è stato deragliato e il Giappone è solo un proxy degli Stati Uniti .

La valutazione imprecisa condivisa nel testo non è casuale né dovuta alla mancanza di un’analisi adeguata, ma è deliberata e collegata al piano di guerra dell’informazione dell’ex capo spia del Pentagono di cui lui e un lobbista neoconservatore si sono vantati a Politico il mese scorso. Secondo loro , gli Stati Uniti dovrebbero manipolare il sentimento nazionalista/patriottico dei russi distorcendo il loro paese come una forza geopolitica sempre più irrilevante sotto il presidente Putin. Il relativo passaggio è semplicemente un mezzo per raggiungere tale fine.

Tutto ciò che è stato descritto finora sulla rivalità degli Stati Uniti con la Russia della Nuova Guerra Fredda si svilupperà in tutto il Sud del mondo e potrebbe quindi non ricevere l’attenzione che merita dal pubblico occidentale, che sarà molto più concentrato sul fronte di questa rispettiva competizione. A questo proposito, i passaggi applicabili dell’NSS sono prevedibili nel senso di rafforzare l’influenza degli Stati Uniti sull’UE al fine di migliorare le sue capacità di contenimento globali, senza quindi bisogno di elaborazioni.

Nel complesso, lo spirito di questa grande strategia quando si tratta della Russia si riduce al “bracconaggio” dei suoi partner in tutto il Sud del mondo attraverso iniziative di cooperazione non sincera e sovversione, parallelamente al contenerla convenzionalmente attraverso l’UE/NATO. La seconda era già in atto da anni mentre la prima è una tendenza emergente che si è manifestata solo a partire da febbraio. Da questa osservazione, si prevede che il Sud del mondo sarà il centro della rivalità nella Nuova Guerra Fredda. 

https://korybko.substack.com/p/summarizing-the-relevance-of-the?utm_source=post-email-title&publication_id=835783&post_id=78150690&isFreemail=true&utm_medium=email

1 2 3 11