LA PERDITA DI INDIPENDENZA DELL’ITALIA: L’ELOGIO DELLA STUPIDITA’ a cura di Luigi Longo

LA PERDITA DI INDIPENDENZA DELL’ITALIA: L’ELOGIO DELLA STUPIDITA’

a cura di Luigi Longo

 

Introduco lo scritto di Marco Della Luna Dalla Russia coi servizi (deviati), apparso sul sito www.marcodellaluna.info il 14/7/2019, con uno stralcio sulle leggi fondamentali della stupidità umana tratto da Carlo M. Cipolla, Allegro ma non troppo, il Mulino, Bologna, 1988.

 

L’INTRODUZIONE

 

[…] Il secondo fattore che determina il potenziale di una persona stupida deriva dalla posizione di potere e di autorità che occupa nella società. Tra burocrati, generali, politici, capi di stato e uomini di Chiesa, si ritrova l’aurea percentuale o di individui fondamentalmente stupidi la cui capacità di danneggiare il prossimo fu (o è) pericolosamente accresciuta dalla posizione di potere che occuparono (od occupano).

La domanda che spesso si pongono le persone ragionevoli è in che modo e come mai persone stupide riescano a raggiungere posizioni di potere e di autorità […] All’interno di un sistema democratico, le elezioni generali sono uno strumento di grande efficacia per assicurare il mantenimento stabile della frazione o fra i potenti. Va ricordato che, in base alla Seconda Legge, la frazione o di persone che votano sono stupide e le elezioni offrono loro una magnifica occasione per danneggiare tutti gli altri, senza ottenere alcun guadagno dallo loro azione. Esse realizzano questo obiettivo, contribuendo al mantenimento del livello o di stupidi tra le persone al potere. [pp. 65-66]

 

[…] Le persone non stupide sottovalutano sempre il potenziale nocivo delle persone stupide. In particolare i non stupidi dimenticano costantemente che in qualsiasi momento e luogo, ed in qualunque circostanza, trattare e/o associarsi con individui stupidi si dimostra infallibilmente un costosissimo errore.

Nei secoli dei secoli, nella vita pubblica e privata, innumerevoli persone non hanno tenuto conto della Quarta Legge Fondamentale (quella sul potenziale nocivo delle persone stupide innanzi sottolineata, mia precisazione) e ciò ha causato incalcolabili perdite all’umanità. [pag.72]

 

[…] La persona stupida è il tipo di persona più pericoloso che esista.

 

Il corollario della legge è che:

 

Lo stupido è più pericoloso del bandito. [pag.73]

 

 

LO SCRITTO

 

DALLA RUSSIA COI SERVIZI (DEVIATI)

 

di Marco Della Luna

 

 

Un recente sondaggio dice che il 58% degli italiani ritiene grave la storia dei soldi promessi dai russi alla Lega per la campagna elettorale europea di quest’anno. Ciò dimostra ulteriormente che l’inconsapevolezza è la regina della democrazia come oggi praticata.

Infatti, posto che il problema di questo ipotetico e non avvenuto finanziamento è quello dell’interferenza straniera nella politica italiana, cioè della tutela dell’indipendenza politica italiana, allora ogni non-idiota sa che questa indipendenza non esiste dalla fine della II GM:

a) l’Italia dal 1945 è militarmente occupata dagli USA con oltre 100 basi sottratte al controllo italiano;

b) gli USA hanno allestito, armato e finanziato in Italia la Gladio, un’organizzazione paramilitare illecita con fini di condizionamento politico;

c) la DC e il PCI hanno sempre preso miliardi rispettivamente dagli USA e dall’URSS, dati per condizionare la politica italiana; in particolare l’URSS assicurava al PCI percentuali su determinati commerci;

d) il PCI riceveva questi soldi mentre l’URSS teneva puntati contro l’Italia i missili nucleari;

e) il PCI, in cui allora militava il futuro bipresidente della Repubblica G.N., accettava la guida del PCUS di Stalin;

f) diversi leaders politici italiani hanno sistematicamente svenduto a capitali stranieri i migliori assets nazionali;

g) moltissimi leaders politici e statisti italiani hanno sistematicamente e proditoriamente ceduto agli interessi franco-tedeschi e della grande finanza in fatto di euro, fisco, bilancio, immigrazione; in cambio hanno ricevuto sostegno alle loro carriere;

h) l’Italia ormai riceve da organismi esterni, diretti da interessi stranieri, l’80% della sua legislazione e della sua politica finanziaria;

i) essa è indebitata in una moneta che non controlla e che è controllata ultimamente da banchieri privati; la Banca d’Italia è controllata pure da banchieri prevalentemente stranieri.

j) ciliegina sulla torta: notoriamente, nel 2011, su disposizione di BCE e Berlino, il Palazzo italiano ha eseguito un golpe per sostituire il governo Berlusconi con uno funzionale agli interessi della finanza franco-germanica.

E su tutto questo nessun PM ha mai aperto un fascicolo per corruzione internazionale: andava tutto bene!

Nel confronto con questi fatti, il problema dei soldi russi alla Lega, peraltro mai dati, è insignificante, solo un idiota può considerarlo diversamente; mentre chi ha un minimo di buon senso nota che il problema grave è un altro, ossia che i servizi segreti -sottoposti al premier Conte- abbiano eseguito un anno fa, e tirato fuori proprio ora, le intercettazioni in questione, e che le tirino fuori ora per mettere in difficoltà la Lega in un momento critico per il M5S (corsivo mio). Si ventila pure che possa essere stata, invece, la CIA, per colpire il legame Salvini-Russia. In ambo i casi, questa è la vera interferenza, questo è lo scandalo.

 

 

IO STO CON CAROLA, di Augusto Sinagra

Tutto sommato anche Salvini sta con Carola; ma non può confessarlo_Giuseppe Germinario

IO STO CON CAROLA

Sto con la trucibalda tedesca per molte ragioni delle quali indico solo alcune.
1. Ha fatto capire che il problema non è di questa fine calcolatrice, nipote di un Comandante nazista, figlia di uno che si occupa di armi e infine priva, a quanto pare, di licenza nautica.
2. Il problema è capire chi realmente comandava la nave.
3. La ragazzotta tedesca, bianca e ricca, al di là dei delitti commessi onde è giustamente detenuta, ha fatto capire che era teleguidata da traditori interni e nemici esterni che vanno individuati nelle varie ONG.
4. Ha fatto capire che è in corso, con la scusa dei poveri africani, una guerra non dichiarata contro l’Italia e promossa da chi vuole destabilizzarla.
5. Ha reso chiaro che dei clandestini africani che non fuggono da niente e che non sono mai stati naufraghi ma merce consegnata dagli scafisti alle varie Carole, con destinazione predefinita altrimenti la Carola di turno non riceve la sua mercede, non gliene frega niente a nessuno.
6. Ha fatto capire quale feccia sia la cosiddetta sinistra italiana che conferma e rinnova il suo tradimento in danno dei lavoratori e dei poveri strumentalizzando una vicenda che nulla ha di umano ma molto ha di criminale, solo per colpire il Governo e in particolare il Ministro Matteo Salvini.
7. Carola ha il merito di avere reso evidente quanti imbecilli e disonesti allignino nel Popolo italiano.
8. Ha mostrato come la Germania mai cambierà il suo spirito nazista, criminale e sopraffattorio.
9. A lei va il merito della lettera inviata dalla Segretario di Stato olandese per le migrazioni Ankie Groekers-Knol al Ministro Matteo Salvini con la quale riconosce che questi ha ragione, che la beneamata Carola ha commesso delitti gravissimi, che la Sea Watch agisce in complicità con gli scafisti, che considera le sue azioni illegali e ne prende le distanze.
10. Sempre per merito della pasionaria bianca, ricca e tedesca, il figlio di Bernardo Mattarella e il Fico tacciono; la velletrana Trenta si è rintanata in un buco e ha aperto bocca solo ad arresto avvenuto della Carola e il giovine Giuseppe Conte per fortuna tace anche lui.
11. Sempre per merito della Carola, in ossequio alla regola “scandalo va e scandalo viene”, è calato il silenzio sulle porcherie che hanno coinvolto il CSM, la ANM, i “Palamara boys”, ecc.
12. Per merito sempre di Carola molti hanno avuto occasione di dare motivo alla propria esistenza. Tra questi, purtroppo, alcuni componenti del Senato Accademico della mia Università di Palermo, promotori di una Nota di sostegno alla scafista bianca, ricca e tedesca. Qualcuno mi dica cosa cavolo c’entra nella questione una qualsiasi Università che della questione non sa niente.
13. Tra quelli che per fortuna tacciono vi è anche quel tale Luigi Patronaggio di Agrigento: forse avrà capito cos’è il reato di sequestro di persona e forse avrà capito che questo reato non fu commesso da Salvini ma lo ha commesso la Carola della quale, poi, non si ha alcun riscontro presso le Università che a lei avrebbero rilasciato titoli prestigiosi, e né si ha riscontro di sue precedenti avventure navigatorie.
Per questi e altri motivi dichiaro fermamente che “sto con Carola”.
AUGUSTO SINAGRA

“Se ci sei, spara un colpo!” (almeno uno…), di Piero Visani

“Se ci sei, spara un colpo!” (almeno uno…)

https://derteufel50.blogspot.com/2019/06/se-ci-sei-spara-un-colpo-almeno-uno.html?spref=fb&fbclid=IwAR1AYkWGkpsDKKuzvUmo3iqR3-On_UMRuPib89i9HwZQR4KdGwSPycWyDdw

     Quando un avvocato milanese “dolce come il miele” cominciò ad occuparsi di una determinata vicenda, venne adeguatamente avvertito che non si trattava tanto di occuparsi di una sacra “Sìndone”, quanto di una ancora più sacra “Sindòne” e che prestare soverchia attenzione a tale “sacro lino” avrebbe potuto procurare a lui un “sudario”.
L’avvocato “dolce come il miele” non si curò degli avvertimenti, proseguì imperterrito per la sua strada e – poiché, come aveva notato un noto politico vaticano dell’epoca, un po’ “se l’era cercata” – alla fine, anzi abbastanza rapidamente, “la trovò” e venne abbattuto a pistolettate sotto casa, nello scalpore generale, come sempre spentosi con la stessa rapidità con cui si era acceso, fino a che il detentore della sacra “Sindòne” non decise di leggere (forse inavvertitamente…) il libro di Piero Chiara “Venga a prendere un caffè da noi”…
     
Scrivo questo per notare come la capacità di comminare pene anche capitali da parte del primo potere italico (innominabile ma fin troppo noto) sia decisamente superiore a quella del potere statale, come possono testimoniare il generale Dalla Chiesa, i giudici Falcone e Borsellino, e una lunga catena di “condannati ed eseguiti” talmente lunga da includere anche regolamenti di conti interni (capite a me…).
Il potere statale, al di là di casi come quelli di Cucchi, Uva e non pochi altri, a parte ovviamente i suicidi per fisco (ma quelle sono pene capitali indotte…), non pare altrettanto determinato nelle sue sanzioni e si fa spaventare persino da una capitana Rakete (che in tedesco vuol dire “razzo, missile”). Spaventato al punto da non riuscire nemmeno a sparare una raffica di avvertimento – ovviamente puntata contro nulla e nessuno – così da poter autorizzare a far dire, dal mondo esterno: “Se ci sei, spara un colpo!”. Ma non c’è, ovviamente…

Ma dove vanno i marinai?

Era questo il titolo della canzone forse più gradita al pubblico dell’album “Banana Republic” di Lucio Dalla e Francesco De Gregori.
Per restare dentro (o fuori…?) di metafora, ci si potrebbe chiedere, in qualsiasi altro Paese al mondo che non sia Cialtronia, che cosa succederebbe ad una nave che tentasse di forzare l’ingresso in un porto straniero. Per non citarne che tre, direi Stati Uniti, Federazione Russa, Repubblica Popolare Cinese.
Da noi non è successo nulla di tutto questo, neppure una salva di avvertimento, e anzi una sottoscrizione popolare per fare un po’ di crowdfunding in favore di una ricca ONG straniera.
Cialtronia conferma di essere quello che è da sempre, una malriuscita espressione geografica, dove si parla molto e si combina poco o nulla, e dove l’attività più praticata è lo scaricabarile. Sono cose che ci piacciono molto, sono consustanziali al carattere nazionale. Nessuno di noi ama ammettere che la politica è “sangue e merda”: il primo ci fa paura, però della seconda siamo talmente ricchi da risultare forse tra i primi esportatori al mondo. Quanto alla cialtroneria, lì siamo leader incontrastati e inarrivabili.
                      Piero Visani

SE QUESTO É ANCORA UNO STATO?!, di Augusto Sinagra

SE QUESTO É ANCORA UNO STATO?!

La “comandante” della Sea Watch III, la ormai famosa pasionaria Carola Rackete, in commissione di una serie interminabile di reati e da ultimo l’ingresso illegale in acque territoriali italiane e, prima, di complicità con scafisti e trafficanti di esseri umani, fingendo di salvare naufraghi (i filmati ne sono prova), oltre che di sequestro di persona e tratta di esseri umani e violazione delle leggi sull’immigrazione (delitti che prevedono l’arresto suo e dell’equipaggio), pretende di scaricare in Italia e solo in Italia la sua mercanzia umana facendosi beffe del Governo italiano e delle sue leggi.

E ciò a scopo di suo lucro personale (diversamente non la pagano) e a illegittimo scopo della ONG di riferimento.

Premesso che uno dei principali “gestori” della ONG in questione è quel tale Gregor Gysi, già agente della polizia segreta della DDR (la famigerata STASI: sicuramente Rebecca Merkel se lo ricorda) e la medesima ONG fa capo a ignobili speculatori di ogni genere e si colloca nel più vasto contesto di una preordinata destabilizzazione dello Stato italiano oltre che specificamente del Governo in carica, se lo Stato italiano esiste ancora e non si è trasformato in un “cabaret”, esso attraverso i suoi organi deve:

1. trarre in arresto l’equipaggio della Sea Watch e per prima la sua “comandante”.

2. Sequestrare la nave come corpo di reato per poi procedere alla confisca e quindi alla demolizione (Patronaggio permettendo ma sicuramente l’aria è cambiata anche per lui).

3. Procedere all’immediato fermo di tutti i clandestini con immediato trasbordo su unità della Marina Militare italiana, con adeguata scorta armata, riportandoli al punto della loro partenza volontaria e cioè in Libia anche perché pure in Libia funzionano bene i costosissimi cellulari di ultima generazione di cui sono in possesso.

4. Richiamare immediatamente l’Ambasciatore italiano all’Aja e dichiarare l’Ambasciatore olandese a Roma “persona non grata” dandogli 48 ore di tempo per lasciare il territorio nazionale.

Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini si sta giocando tutta la sua credibilità e il vasto consenso elettorale che ha avuto. Lui sa bene che i voti vanno e vengono. Ne tiri le conseguenze anche a costo di provocare una crisi parlamentare di governo.

Il figlio di Bernardo Mattarella non si permetta di aprire bocca. Non ha più autorità istituzionale né politica e né morale. Lui è finito.

Il pampero argentino si taccia e la finisca di frantumare le balle al Popolo italiano e lo si avverta che le intese concordatarie possono essere anche denunciate così i suoi “dipendenti” e cioè i vescovi delle Diocesi italiane che ammorbano l’aria, e fanno perdere la fede ai credenti. La finiscano di interferire negli affari interni dello Stato fino al punto di istigare alla disapplicazione delle leggi.

Alla denuncia del Concordato non fa ostacolo l’art. 7 della Costituzione, come ben sanno i miei Colleghi costituzionalisti. E se è necessario si modifichi l’art. 7 della Costituzione. Qualcuno avverta il pampero argentino che in Italia non c’è più la “religione di Stato”.

A parte il fatto che è proprio il pampero argentino che nega la religione cattolica, offendendo Cristo, i Santi, gli Apostoli e falsificando il Vangelo e le Scritture. Lui non è solo scismatico o eretico, lui è un apostata.

Qui sotto, invece, le dichiarazioni dell’Ammiraglio Nicola De Felice, fino al 2018 comandante di Mariscilia

“Caso Sea Watch: arrestare la Comandante e convocare gli ambasciatori di Paesi Bassi e Germania*

Le convenzioni internazionali sul diritto del Mare delle Nazioni Unite, Il Codice Italiano della Navigazione e le direttive nazionali sulla Sicurezza richiedono delle azioni politiche e giuridiche inoppugnabili: le infrazioni commesse dal Comandante della nave Sea Watch sono tali da richiederne l’immediato arresto se non addirittura l’estradizione in Libia qualora richiesto visto che le prime infrazioni sono state commesse in acque di competenza libica. Inoltre, il passaggio illegale dei migranti è stato commesso in territorio olandese e – in ottemperanza all’articolo 13 del Trattato di Dublino dell’UE – l’Olanda deve farsi carico dei migranti saliti a bordo sulla Nave battente bandiera olandese. La Germania è la nazione della ONG responsabile del misfatto. Ai sensi delle più elementari regole diplomatiche internazionali, gli ambasciatori di tali Stati devono essere immediatamente convocati per giustificare l’inerzia dei rispettivi Governi in tali misfatti. La nave va sequestrata, vanno applicate le sanzioni amministrative previste ivi comprese le spese sostenute dallo Stato per la gestione del caso, come previsto dall’art 84 del codice di navigazione. Tutto ciò va fatto in tempo reale onde evitare che il misfatto sua emulato da altri incoscienti. Ne va della dignità di uno Stato sovrano come il nostro”

 

VIP E CICISBEI, di Giuseppe Germinario

La settimana ormai all’epilogo è stata caratterizzata dal via vai. È iniziata con il viaggio di Matteo Salvini negli Stati Uniti; si è conclusa con l’arrivo di Obama a casa Clooney, sulle rive del Lario. Nel mezzo il soggiorno del Presidente del Consiglio Conte a Bruxelles, al Consiglio Europeo.

Una coincidenza di eventi, probabilmente casuale, comunque sorprendente dal punto di vista simbolico. Sembra offrire, sotto traccia, qualche barlume di verità su alcune dinamiche nello scacchiere geopolitico europeo e mediterraneo.

La gran parte degli addetti all’informazione però sembra sempre più attratta, se non accecata, dagli aspetti mondani di questi appuntamenti. Da produttori e portatori di informazione si stanno trasformando irreversibilmente in moderni cicisbei, maestri di colore, di costumi e di pettegolezzi.

Tra i tre, paradossalmente, chi ci ha rimesso in efficacia di immagine è stato Giuseppe Conte, notoriamente maestro in bon ton e passi felpati. In un Consiglio Europeo impegnato a concordare le nomine della Commissione Europea, della Presidenza del Consiglio Europeo e della BCE, si è trovato nella condizione di dover rintuzzare la procedura di infrazione annunciata proditoriamente dalla Commissione Europea uscente. Tra le due opzioni opposte di una reazione d’orgoglio a un atto strumentale e provocatorio e un atteggiamento pragmatico teso a contenere i danni accettando logica e spirito della lettera, ha prevalso la seconda e con esso qualche atteggiamento di troppo da questuante verso i pari grado più potenti, pur se ormai sempre meno autorevoli. Non lo ha certo aiutato una consuetudine pluridecennale di totale accondiscendenza e complicità di un ceto politico ed una classe dirigente nazionale; accondiscendenza che ha disabituato a trattative serie le varie élites europee. Peggio ancora, come insegna il mercimonio truffaldino operato dal “rottamatore” Renzi tra la resa sottobanco sull’approdo in Italia di immigrati (Operazione Triton) e la concessione di pochi decimi di deficit, le ha incoraggiate ad operazioni di vera e propria corruttela utile ad alimentare un sottobosco di attività assistenziali e parassitarie necessarie a garantire la sopravvivenza politica del sistema. Non lo ha sostenuto in autorevolezza, per altro, il suo comportamento deludente e rinunciatario seguito al promettente avvio e alla conclusione della Conferenza sulla Libia, tenutasi a Palermo l’autunno scorso. Un appuntamento organizzato con il beneplacito del Presidente Americano, accettato a denti stretti da Francia e Germania e conclusosi addirittura trionfalmente, con l’investitura di Conte a mediatore ad opera del Ministro degli Esteri russo, Lavrov. In quel momento Conte avrebbe dovuto comprendere l’insostenibilità della figura di al Serraji come Presidente capace di unire le varie tribù della Libia, in quanto privo di forza propria e mantenuto a galla da una delle tre principali fazioni in lotta. Avrebbe dovuto puntellare la sua sopravvivenza per impedire il pieno successo del Generale Haftar, espressione delle tribù di Cirenaica e nel contempo favorire l’emersione di una figura terza, capace di mediare e riunire il paese. Questa figura può emergere con migliori possibilità, dalla tribù più numerosa e centrale di quel paese e non è escluso che, ad osservare i fatti, possa essere uno dei superstiti dei figli del colonnello Gheddafi. Una operazione certamente ardua e complessa, che richiederebbe grandi capacità diplomatiche e sufficienti coperture militari. Ipotizzabile sotto la Presidenza di Trump, ma decisamente più traumatica se il rospo dovesse essere offerto ad eventuali epigoni di Obama, Sarkozy e Macron. Con l’offensiva in corso di Haftar, fortunatamente esauritasi, l’atto più significativo di Conte è stato la sua richiesta di aiuto americano, evitando così il disastro ma perdendo così ogni parvenza di autonomia verso i vari contendenti libici ed esterni e gran parte della credibilità verso il suo stesso principale estimatore, Trump. Alla luce di ciò, il memorandum con la Cina e la posizione sul Venezuela, di per sé poco rilevanti nell’agone geopolitico, hanno assunto un significato dirimente per l’amministrazione statunitense. Il cerchio si è chiuso quasi del tutto con il suo progressivo avvicinamento a Mattarella e la gestione partigiana, piuttosto che calmieratrice, del conflitto giallo-verde durante l’ultima campagna elettorale.

Di queste difficoltà sembra approfittare a piene mani Matteo Salvini. Il suo viaggio a Washington ha assunto l’aspetto di una vera e propria investitura a leader. L’incontro con Mike Pompeo, Segretario di Stato e Pence, Vicepresidente sono un riconoscimento che va certamente oltre lo status proprio di un Ministro dell’Interno. È un lustro che, se prematuro ed improprio, espone il personaggio ad un rischio da non sottovalutare. Quello di apparire come uno dei tanti pellegrini che hanno dovuto recarsi a Washington per ottenere una investitura che dovrebbe essere in realtà prerogativa esclusiva delle istituzioni e del popolo italiano; viandante dotato magari di una aura più fulgida e lucente, ma sempre di luce riflessa più che propria. L’intero sistema mediatico ha indugiato sulle dichiarazioni di Salvini, tanto su quelle di politica economica, quanto soprattutto quelle in politica estera, riguardanti il Venezuela e il memorandum con la Cina. Queste ultime sono di fatto una sconfessione delle posizioni ufficiali del Governo Conte ed un allineamento pedissequo e a buon mercato alle posizioni dell’Amministrazione Trump. Pedissequo, perché acriticamente allineate, a buon mercato perché esulano dalle competenze del suo ministero. Risulta quindi evidente l’apparente e impropria investitura di leader politico da parte di esponenti di un governo straniero. Il mancato incontro con il Presidente Trump non è solo la residua cautela sulle esigenze di etichetta e di correttezza istituzionale. Rivela soprattutto una persistente diffidenza di Trump verso una forza politica che non ha superato del tutto i retaggi delle proprie origini secessioniste; poco importa se sia una diffidenza di tipo culturale e/o di mero interesse politico, legato a possibili ritorni di fiamma filobavaresi, nemmeno filotedeschi nel prossimo futuro. Visto lo spessore e le funzioni di uno degli ospiti e del pellegrino è probabile che la parte più succosa e pertinente, prosaica dei colloqui riguardi l’implicazione, pur in filoni secondari, di tanta parte del ceto politico e dei funzionari di settori nevralgici dello Stato Italiano nella costruzione del Russiagate. Nei blog e in numerose testate americane circolano da tempo apertamente numerosi nomi di politici ed alti funzionari italiani. Segno di insofferenza e volontà di rivalsa verso gli artefici di una caccia alle streghe congelata malamente al prezzo però di paralisi politica e di numerose vittime. A questo riguardo le prossime elezioni presidenziali americane potrebbero essere il prodromo ad una definitiva resa dei conti nella quale Trump non avrebbe più l’esclusiva della figura di vittima designata.

Il soggiorno di Obama, famiglia e seguito similpresidenziale, presso la sontuosa residenza sul lago di Como, ospite del suo amico e attore George Clooney, sembra assecondare la bramosia dei cicisbei più accaniti; non ha in realtà, probabilmente, un esclusivo carattere mondano e godereccio. Accecati dal gossip e dalla vacuità, i nostri pennuti cicisbei si sono dilettati sulle frivolezze le più varie del soggiorno, compresi i fuochi d’artificio di borbonica memoria. In realtà Obama, abbandonata a malincuore la Casa Bianca e il suo orto, già altre volte ha pedinato e tampinato, sovrapponendosi con appuntamenti ed itinerari paralleli, il proprio odiato successore. Poiché uno dei bersagli grossi di un possibile ribaltamento della direzione delle inchieste sul Russiagate potrebbe essere, ancor più della Clinton, proprio lui, quanto meno come responsabile politico, il suo interesse per l’Italia si arricchirebbe di ulteriori aspetti, questa volta più politici. Alcuni giornali italiani sussurrano di un incontro con Matteo Renzi, ma solo per affinità elettiva. Alcuni giornali inglesi, invece, più smaliziati, ipotizzano una investitura di Clooney a prossimo candidato democratico Presidente. Non si conosce il grado di superstizione di Obama. Tenuto conto che l’ultima consumazione alla Casa Bianca tra i due, Renzi e Obama, da sanzione di investitura reciproca si è risolta repentinamente in una sorta di “ultima cena” con scarse possibilità di resurrezione, si presume che gli incontri politici, quantunque riservati, riguarderanno personaggi più titolati e meno predisposti a naufragi fragorosi.

Ipotizzando temerariamente cotante intenzioni, a Matteo Salvini si presenterebbe una occasione d’oro, per quanto rischiosa, per garantirsi un futuro da leader riconosciuto.

La concomitanza di interessi con l’attuale inquilino d’oltreatlantico potrebbe rendere più praticabile una azione di riforma istituzionale, a cominciare dal ruolo e dalle competenze della magistratura e una operazione di rinnovamento del personale, specie dirigenziale, degli apparati di sicurezza. Se e come riuscirà a portarla avanti, potrà fare di lui un personaggio politico di statura, capace di sostenere alla pari un confronto con alleati ed avversari o piuttosto, in caso di sopravvivenza, l’ennesimo emissario di una delle fazioni in lotta nei centri decisionali che contano; uno dei tanti che con valigia o borsello, vuoti o pieni che fossero al ritorno, hanno costellato le vicende italiche dal dopoguerra.

Il contesto è proibitivo, le qualità soggettive, se esistono, appaiono dissimulate sin troppo bene, lo scetticismo prevale, ma………………….chissà!?

IL NEMICO PRINCIPALE, di Piero Visani

Punti di vista_Giuseppe Germinario

IL NEMICO PRINCIPALE, di Piero Visani

Immagino che questa considerazione potrà non piacere a tutti, ma la prima esigenza di una politica è quella di chiarire chi sia il nemico principale, quello che crea maggiori problemi e preoccupazioni.
A giudizio di chi scrive, è l’Unione Europea, per cui certe derive statunitensi forse sono – per chi le effettua – scelte di vita e di campo. Per me, sono al momento l’unico modo disponibile per affrancarsi dal peso soffocante del nemico principale.
Quando un Paese è piccolo, guidato da una classe dirigente di piccoli (e grandi) cialtroni, fare riferimento al servilismo – sempiterna risorsa dei cialtroni – è una delle pochissime carte che si hanno in mano, specie se si è fortemente miopi.
Giocarsi quelle carte è una minuscola risorsa tattica, non una soluzione strategica, ma personalmente – visto che individuo nell’UE l’attuale nemico principale (il che non equivale a dire che lo sia la costruzione di una “massa critica” europea, da cui l’UE è lontana come il sottoscritto dal diventare Napoleone Buonaparte) – non vedo molte altre soluzioni.
A differenza dei tedeschi, inoltre, agli americani interessa pochissimo della virtù dei conti altrui, e questo per me è già positivo.
Per il resto, quando si è piccoli e poco illuminati da prospettive strategiche, non si ha che fare leva sulla guerra di movimento e quella asimmetrica.
Triste, ma realistico, specialmente per un popolo di soddisfatti fancazzisti, statalisti e vacanzieri in SPE: andare alla “House of Cards” e vedere se se ne la qualcuna da giocare…

TRIS DI “ DEBUTTANTI” ?, di Antonio de Martini

Per uno dei casi di cui è piena la vita, ho conosciuto tutti e tre i generali che diserteranno la sfilata militare di domani.

Due di questi sono stati a capo delle Forze Armate ( Arpino e Camporini) e uno (Tricarico) a capo dell’aeronautica.

Non appartengono a uno stesso schieramento politico.

Lamentano più fatti, anche di dettaglio, ma in buona sostanza lamentano la lamentevole qualità del ministro della Difesa.
Un ministero storicamente sfortunato sotto l’aspetto della scelta dei vertici politici.

Dei tre generali, quello che ho conosciuto meglio é Arpino.
Ho cenato più volte con lui ed é la persona che mi ha più positivamente impressionato.

Mi ha anche fatto capire il « mistero » della caduta degli F104 , detti « le bare volanti » usando accenti di contenuta commozione per il ricordo di tanti compagni di corso caduti.
Colto, intelligente, umano.

La signora ministro gode dei miei sospetti per via di un invio gratuito di beni di consumo che organizzai ( come comitato FAO) verso l’Irak – all’indomani di Nassirya- e che l’inviato di « La Repubblica » scrisse di aver notato commercializzati nei suk.

L’inclusività non è un male in se.
É vero che la festa della Repubblica è la festa di tutti, ma è come il menù di un ristorante: il fatto che la crème caramel e la coda di rospo facciano parte della lista, non autorizza nessuna persona di buon senso a metterli nello stesso piatto.

Se si eviterà di accentuare l’aspetto corporativo di questa « civile protesta dei militari » e gli si saprà dare un respiro più strategico, assisteremo al debutto dei militari nella società italiana, non più nelle vesti dei buttafuori, cui sono stati crocifissi da sempre, ma da portatori sistematici dei valori di sobrietà, serietà, competenza e carattere, che sono i drammatici vuoti nelle carni della nostra Italia.

Questa sarebbe la vera inclusività !

Le elezioni e gli Eletti, di Roberto Buffagni

 

 

Che cosa ci insegnano, o almeno suggeriscono, le elezioni europee testé concluse?

Anzitutto, direi che ci confermano un fatto noto ma sempre rilevante: le elezioni europee non cambiano l’Unione Europea, che conforme la sua natura e l’intenzione profonda – anche filosofica e spirituale – che la costituisce è (quasi) impermeabile al voto popolare, diciamo almost ballotsproof, salvo un vero e proprio diluvio o maremoto di voti ad essa contrari o favorevoli che non si verificherà, molto probabilmente, mai. L’Unione Europea sta o cade per l’azione degli Stati-nazione che la compongono, e/o per un evento esogeno o endogeno che ne faccia precipitare le gravi disfunzionalità.

Le elezioni europee e il voto popolare cambiano invece gli equilibri politici nazionali, come d’altronde è naturale, visto che l’unico contesto in cui la democrazia rappresentativa sia possibile e vitale è – oggi come ieri – la nazione. Cambiano gli equilibri politici nazionali, anche se le elezioni europee vanno per così dire “fuori tema”, visto che il voto europeo non muta gli equilibri parlamentari nazionali; ma il sistema elettorale proporzionalistico che adottano, e l’emergere sempre più chiaro del consenso/dissenso rispetto alla UE come clivage politico principale, le trasformano in un fattore politico e simbolico di prima grandezza.

Le elezioni europee testé concluse infatti ci insegnano, o almeno ci suggeriscono, che il consenso/dissenso riguardo la UE e alle sue logiche premesse, implicazioni e conseguenze – il mondialismo, l’individualismo, il progressismo, il costruttivismo sociale, l’universalismo politico  – emerge con sempre maggiore chiarezza come il principale clivage politico, non solo in Europa ma in tutto l’Occidente.

Chi non si schiera di qua o di là, chi esita, chi tiene il piede in due staffe, chi azzarda dei “sì, ma” o dei “ni” è perduto. Il più antico partito d’Europa, il partito conservatore britannico, ha patito la più cocente disfatta di sempre per le sue esitazioni, compromessi e retropensieri in merito alla Brexit; il suo storico rivale, il Labour, ha subito una punizione elettorale meno siderante ma pur sempre grave; e molto probabilmente il suo leader, Jeremy Corbyn, tra breve sarà costretto a prendere posizione per il Remain, come il prossimo leader Tory sarà senz’altro costretto a schierarsi per il Leave, e a consegnare la Brexit. In Italia, nonostante limiti e incertezze del governo gialloverde e suoi propri, la Lega ha raddoppiato i voti guadagnati alle politiche 2018 in virtù della sua recisa posizione contraria all’immigrazione di massa, l’aspetto simbolicamente e politicamente più manifesto della UE; come per le ragioni opposte e complementari è stato severamente punito dagli elettori il Movimento 5*. Ha tenuto invece il PD, e proprio perché si è schierato senza esitazioni nel campo favorevole alla UE, così rastrellando quasi tutti i voti della ex sinistra massimalista e di alcuni transfughi verso i Cinque Stelle.

Di questo colossale, inaggirabile iceberg – lo schieramento in merito alla UE come clivage politico principale – emerge, sinora, soltanto la proverbiale cima. Per ragioni d’ordine tattico, ma più ancora per ragioni d’ordine culturale profondo, nessuna tra le forze rilevanti situate nel campo avverso alla UE ne propone tout court l’abbattimento, come nessuna tra le forze rilevanti situate nel campo ad essa favorevole ne celebra tout court la compiuta perfezione, “attimo fermati, sei bello!”. In entrambi i campi, se ne dà per scontata la permanenza, la si accetta come contesto culturale e politico, e si propongono vari e più o meno credibili progetti di riforma del Mostro Buono, come definì la UE l’intelligente crudeltà di H.M. Enzensberger. Ma la UE, e soprattutto la cultura dominante in Occidente che l’ha prodotta e la sorregge – mondialismo, individualismo, progressismo, costruttivismo sociale, universalismo politico – restano per tutti l’orizzonte visibile in cui pensare e operare: per tutti, comprese le forze politiche avverse alla UE.

Esse, infatti, alla UE ed alla sua cultura cominciano, balbettando, a muovere critiche, anche forti e precise, ma senza saper  passare dalla critica alla proposta credibile e praticabile; così che l’alterità da esse espressa oscilla tra la repulsione emotiva, la nostalgia per un passato idealizzato, la giusta ma limitata rivendicazione politica di interessi, e il bricolage culturale che vi corrisponde; e si cristallizza in un possente, ma ancor cieco, bisogno “di fare una vita normale”: sapere chi si è, imparare un mestiere, trovare un lavoro e procurarsi un reddito decente, farsi una famiglia e una casa, veder  crescere i figli, essere ricordati da una lapide sulla tomba. Un obiettivo minimo, a prima vista, ma contro il quale paiono congiurare – ed effettivamente congiurano – forze esteriori ed interiori incontrollabili, che è molto difficile identificare e nominare: figuriamoci combatterle.

Intanto, sotto la superficie del pensiero, sotto la lettera delle dichiarazioni e dei propositi, in quello che in un dramma si chiamerebbe “sottotesto”, dove agiscono le intenzioni profonde – consapevoli, semiconsapevoli, inconsapevoli – dei personaggi, si precisa e progredisce lentamente ma inesorabilmente la polarizzazione politica e culturale, o meglio: politica perché culturale.

Per farla breve e chiara: contro la UE ci sono solo le destre europee, a favore solo le sinistre, e in mezzo non ci sono ponti o sentieri praticabili: c’è solo il deserto politico. Chi provenga da una cultura politica di destra (ad esempio, i liberal-conservatori) e si schieri a favore dell’Unione Europea è costretto ad allearsi politicamente con la sinistra. Chi provenga da una cultura politica di sinistra (ad esempio, una parte dei comunisti marxisti) e si schieri contro la UE è costretto ad allearsi politicamente con la destra. La stessa identica polarizzazione è in corso nelle Chiese cristiane, manifestandosi come scisma virtuale nella Chiesa cattolica.

La dinamica irresistibile di questa progressiva polarizzazione dipende, a mio avviso, da una logica anzitutto culturale, tutta interna al più profondo conflitto interiore alla civiltà europea, e dunque anche al cristianesimo e ai suoi avatar politico-culturali; conflitto che si è manifestato prima con le guerre di religione del XVI e XVII secolo, e poi con le Rivoluzioni francese e russa.

Per farla di nuovo breve e chiara: è il conflitto in merito all’universalismo, nella sua duplice accezione di universalismo spirituale e valoriale, e di universalismo politico.

L’Unione Europea, che è un progetto massonico cioè liberale e umanistico al 100%, è stata creata, e dopo la caduta del Muro di Berlino potenziata, dalle classi dirigenti europee e statunitensi: liberals wilsoniani, cattolici e protestanti europei democristiani, socialdemocratici; gli eredi legittimi delle classi dirigenti antifasciste che hanno vinto, sul campo di battaglia o nelle urne elettorali, la Seconda Guerra Mondiale e il dopoguerra. Dalla grande alleanza antifascista mancano solo i comunisti sovietici, ma sono rappresentati dai loro eredi: eredi legittimi anche loro, anche se dopo l’estinzione del ramo principale è un ramo cadetto (i maligni dicono, un ramo bastardo) a portare il titolo. Dopo la grande vittoria comune di settant’anni fa, queste grandi forze politiche si sono aspramente combattute per decenni. Oggi governano insieme l’Unione Europea. Come hanno fatto ad accordarsi? Per il potere, si dirà. Certo, per il potere: ma questa risposta, che è sempre vera, non spiega tutto, e anzi forse non spiega niente. Qual è il minimo comun denominatore che ha consentito a queste grandi forze e culture politiche, un tempo in lotta per il potere, di trovare un durevole accordo?

Il minimo comun denominatore delle grandi Casate americane ed europee che sostengono l’Unione Europea è l’universalismo politico.

L’universalismo è una cosa sul piano delle idee, dei valori, della spiritualità (nella cristianità europea, l’istituzione delegata a incarnarlo era la Chiesa, il primo “sole” del De Monarchia dantesco). Se tradotto sul piano politico, però, l’universalismo non può che incarnarsi in forze inevitabilmente particolaristiche: perché esistono solo quelle, nella realtà effettuale.

Volendo, chiunque se ne senta all’altezza può parlare in nome dell’universale umanità; ma non può agire politicamente in nome dell’universale umanità senza incorrere in una contraddizione insolubile, perché l’azione politica implica sempre il conflitto con un nemico/avversario.

Senza conflitto, senza nemico/avversario non c’è alcun bisogno di politica, basta l’amministrazione: “la casalinga” può dirigere lo Stato, come Lenin diceva sarebbe accaduto nell’utopia comunista. A questa contraddizione insolubile si può (credere di) sfuggire solo postulando come certo e autoevidente l’accordo universale, se non presente almeno futuro, di tutta l’umanità: “Su, lottiamo! l’ideale/ nostro alfine sarà/l’internazionale/ futura umanità!” (il “governo mondiale” è un surrogato o avatar della “futura umanità” dell’inno comunista).

Lenin, e in generale il movimento comunista (o anarchico) rivoluzionario, vuole risolvere la contraddizione con la forza. Nella classificazione machiavelliana, Lenin è un “leone”.

L’universalismo politico delle grandi forze politiche nordamericane ed europee che sostengono l’UE non è meno radicato di quello leniniano, perché discende dalla stessa radice illuminista. Esse però vogliono/devono risolvere la contraddizione con l’astuzia; Machiavelli le definirebbe “volpi”. Scrivo “devono”, perché a prescindere dalle intenzioni soggettive, esse non potrebbero essere altro che “volpi”: entrambi i “federatori a metà” della UE, USA e Germania, non possono portare a compimento con la forza la loro opera.

Come l’URSS comunista, anche l’UE postula l’accordo universale, se non presente almeno futuro: accordo anzitutto in merito a se medesima, e in secondo luogo in merito al governo mondiale legittimato dall’umanità universale, che ne costituisce lo sviluppo logico, e giustifica eticamente sin d’ora l’obbligo di accogliere un numero indeterminato di stranieri, da dovunque provenienti, sul suolo europeo. Per questa ragione è impossibile definire una volta per tutte i confini territoriali dell’Unione Europea, che al tempo degli entusiasmi europeisti qualcuno pretendeva di estendere alla Turchia, e persino a Israele: perché ha diritto di far parte dell’UE chi ne condivide i valori universali (cioè virtualmente tutti, dal Samoiedo al Gurkha al Masai), non chi ne condivide i confini storici e geografici.

Il passaggio tra il momento t1 in cui l’accordo universale è soltanto virtuale, e il momento t2 in cui l’accordo universale sarà effettuale, non avviene con il ferro e il fuoco della “volontà rivoluzionaria”. Le volpi oligarchiche UE introducono invece nel corpo degli Stati europei, il più possibile surrettiziamente, dispositivi economici e amministrativi – anzitutto la moneta unica – che funzionano, secondo la celebre definizione di Mario Draghi, come “piloti automatici”. Questi piloti automatici provocano crisi politiche e sociali, previste e premeditate, all’interno degli Stati e delle nazioni, ai quali impongono o di insorgere in aperto conflitto contro la UE, o di addivenire a un accordo universale in merito al “sogno europeo”: per il bene degli europei e dell’umanità, naturalmente, come per il bene dei russi e dell’umanità Lenin ricorreva al terrore di Stato, alle condanne degli oppositori per via amministrativa, etc.

A quest’opera va associata, inevitabilmente, una manipolazione pedagogica minuziosa e su vasta scala, in altri termini una lunghissima campagna di guerra psicologica. La dirigenza UE conduce questa campagna di guerra psicologica da una posizione di ipocrisia strutturale formalmente identica a quella della dirigenza sovietica, perché non è bene e vero quel che è bene e vero, è bene e vero quel che serve alla UE o alla rivoluzione comunista: in quanto Bene e Verità = accordo dell’intera umanità, fine dei conflitti, pace e concordia universali. Le élites, necessariamente ristrette, di “pneumatici” e di “psichici” che conoscono questo arcano della Storia, hanno il diritto e anzi il dovere morale di ingannare e manipolare, per il loro bene, le masse di “ilici” che invece lo ignorano.

Il leone Lenin accetta solo provvisoriamente il conflitto politico, e anzi lo spinge a terrificanti estremi di violenza, in vista dell’accordo universale futuro: dopo la “fine della preistoria”, quando diventerà reale il “sogno di una cosa” comunista e ogni conflitto cesserà nella concordia, prima in URSS poi nel mondo intero. Le volpi UE celano l’esistenza effettuale del conflitto (in linguaggio lacaniano lo forcludono), e da parte loro lo conducono, solo provvisoriamente, con mezzi il più possibile clandestini, in vista dell’accordo universale futuro, quando diventerà reale il “sogno europeo” e ogni conflitto cesserà nella concordia, prima in Europa poi nel mondo intero.

In questo grande affresco romantico proposto alla nostra ammirazione con la colonna sonora dell’Inno alla Gioia (forse non è un caso che il Beethoven delle grandi sinfonie fosse anche il compositore preferito di Lenin) c’è solo una scrostatura: che nella realtà, l’accordo universale di tutta l’umanità non si dà effettualmente mai. Ripeto e sottolineo due volte: mai, never, jamais, niemals, jamàs, etc.

* * *

Ecco. Le recenti elezioni europee hanno certificato questa semplice, persino banale verità: che molti, troppi europei non sono d’accordo. Non sono d’accordo per un’infinità di ragioni, buone e meno buone, nobili e ignobili, serie e frivole, meditate o istintive: ma fatto sta che non sono d’accordo. Questo fatterello elementare, che bastava il buonsenso per prevedere, diventa una pietra d’inciampo grande come l’Himalaya per una cultura politica e filosofica come quella che informa la UE, che del buonsenso non è per nulla amica. Perché il buonsenso, che certo non può dire l’ultima parola sul mondo, né lo pretende, presuppone però che il mondo, e l’azione politica in esso, siano governati dal limite: infatti, uno dei suoi detti preferiti è “c’è un limite a tutto”; mentre l’universalismo politico, il progressismo, l’individualismo, il costruttivismo sociale vedono i limiti solo come sfida a superarli.

Proprio ieri ho letto una conversazione tra due persone intelligenti e preparate, i docenti di filosofia Andrea Zhok e Roberta de Monticelli[1], che mi è parsa esemplare. La professoressa de Monticelli ha pubblicato su “Il Manifesto” un articolo intitolato Stati uniti d’Europa, un edificio politico architettato dalla filosofia, al centro del quale troviamo due argomenti di fondo: che la UE sia  “il vero e proprio cantiere di un edificio politico architettato dalla filosofia: cioè dall’anima universalistica del pensiero politico, che è almeno tendenzialmente cosmopolitica” e che “Cosmopolitica è (…) la forma di una civiltà fondata nella ragione (…). La domanda di ragione e giustificazione è quanto di più universale ci sia. (…) Esser nato in un deserto, o in una contrada afflitta da massacri e guerra, è un accidente: l’accidente della nascita. (…) Ogni ingiustizia si lega all’accidente della nascita.”

Il professor Zhok critica “l’equivalenza tra universalismo e cosmopolitismo”, perché “una volta che la si guardi da vicino” essa “risulta subito destituita di ogni fondamento”, e richiama l’attenzione della de Monticelli sul fatto empiricamente verissimo che “il ‘cosmopolita’, il ‘cittadino del mondo’ di cui qui si parla, è semplicemente un membro di quei ceti economicamente, socialmente, e talvolta anche culturalmente privilegiati, che scelgono di passare periodi della propria vita, per lavoro o per diletto, in più o meno prestigiose sedi estere.” Egli poi passa alla critica filosofica della posizione della de Monticelli, così riformulandola: “Io, che sono un soggetto razionale come te, sono però consegnato alla contingenza di una nascita localmente determinata, che limita la mia aspirazione all’universalità. – Tale contingenza contrasta con la mia natura di soggetto razionale ed è razionalmente ingiustificabile; essa perciò, a causa della sua natura ingiustificata, arbitraria, va corretta.” Le segnala poi l’errore teorico ivi contenuto: “Nella proposizione di cui sopra troviamo presentato come ovvio un contrasto tra universalità e contingenza. Lungi dall’essere un’ovvietà condivisa, l’idea di ‘ragione’ o di ‘universalità’ presupposta da questo ragionamento è assai discutibile. Si tratta infatti di una visione dove la ragione e la sua universalità per essere tali devono appartenere ad una sfera astorica e smaterializzata.” E prosegue citando autori, cari a entrambi gli interlocutori, come Wittgenstein e Husserl, che “hanno attraversato nel corso della loro vita l’intero percorso da una iniziale concezione di razionalità astorica e svincolata dalla materialità, dalle prassi, dalla corporeità, ad una matura concezione in cui la razionalità trovava una sua necessaria collocazione proprio nella sfera della storia, della materia, delle prassi e del corpo vivente.

L’intelligente e interessante conversazione, che invito il lettore a leggere per intero, prosegue poi con una replica della de Monticelli, e una controreplica di Zhok.

Ma quel che più mi sembra interessante e rivelatore, nel dialogo filosofico-politico tra Zhok e la de Monticelli, è che entrambi per così dire “passano a lato” del punto centrale, invero sbalorditivo, del programma filosofico-politico enunciato dalla de Monticelli: “correggere le ingiustizie legate all’accidente della nascita.”

Intesa come programma politico – e così la de Monticelli lo intende, addirittura chiamando in causa l’art. 3 della Costituzione italiana che a suo dire lo implica –  la “correzione delle ingiustizie legate all’accidente della nascita” supera e si lascia indietro di parecchi anni luce tutte le utopie a me note, tutti i programmi politici più massimalisti dell’anarchismo e del comunismo, quello implementato da Pol Pot in Cambogia non escluso; e che a propugnarlo sia una persona di grande intelligenza e cultura, animata dalle migliori intenzioni e certo aliena dalla violenza, fa una notevole impressione.

La professoressa de Monticelli, infatti, proponendo all’Unione Europea l’obiettivo strategico di correggere le ingiustizie legate alla nascita, non si limita ad assumere “il punto di vista di Dio sul mondo”, come le ribatte Zhok. Ella si propone, o meglio propone alla UE, l’ istituzione politica a cui dà il suo sostegno, di prendere il posto di Dio nel mondo, e di agirvi come supplente di una Provvidenza divina assente o difettosa: né più, né meno. (Curioso che la de Monticelli sia curatrice di una bella edizione delle Confessioni di Sant’Agostino, tra i Padri della Chiesa il più attento al tema del peccato originale, che come ognun sa fu occasionato dalla tentazione diabolica ad essere sicut dii, scientes bonum et malum).

Perché è chiaro a tutti che “dall’accidente della nascita” nascono, oltre che tutti gli esseri umani, anche infinite diseguaglianze e ingiustizie. Non è altrettanto chiaro, però, come sia possibile correggerle, fino a qual punto, a quale prezzo, e ad opera di chi. Chi nasce ricco e chi povero, chi bello e chi brutto, chi uomo e chi donna, chi sano e chi malato, chi intelligente e chi stupido, chi africano e chi europeo, chi amato e chi disamato, chi desiderato e chi no, chi destinato a lunga vita, chi a brevissima, eccetera. Che ciò costituisca un enigma, lungamente interrogato dagli uomini nel corso della storia e probabilmente anche prima, non c’è dubbio. A me però pare un enigma anche più grande che qualcuno seriamente programmi di affidare a un’ istituzione politica il compito di correggerlo. Il modesto buonsenso suggerirebbe immediatamente la domanda: “E come si fa?”, ma la maestosa follia universalista, il kantismo turbocompresso della professoressa de Monticelli la scarta con una scrollata di spalle, si rimbocca le maniche e si mette all’opera.

Mettersi politicamente all’opera con questo obiettivo  significa mettersi all’opera nella realtà effettuale, e dunque, tanto per cominciare dal più facile e immediato, spalancare le frontiere all’immigrazione: perché l’accidente della nascita ghanese o afghana non deve privare ingiustamente nessuno dell’opportunità di accedere al tenore di vita, materiale e culturale, dei paesi europei. A chi poi nascesse (o diventasse, ancora non è chiaro) omosessuale, transessuale, *sessuale e in ogni caso non potesse avere figli come gli eterosessuali, privilegiati dall’accidente della nascita, dovrebbe essere garantita (gratis) la possibilità di ricorrere alla maternità surrogata. A chi nascesse stupido, e/o magari, sempre a causa dell’accidente della nascita, appartenesse a un gruppo sociale svantaggiato, dovrebbe essere garantito l’accesso facilitato agli studi, e il loro fruttuoso completamento. A chi nascesse brutto e indesiderabile dovrebbe essere garantito, se non il desiderio altrui (almeno per ora: in seguito, grazie alle psicotecniche, chissà…), il divieto legale di definirlo tale, con relative sanzioni per chi lo violasse. A chi nascesse donna e liberamente decidesse di esercitare una professione tradizionalmente maschile quale, ad esempio, il servizio nei reparti militari d’élite, dovrebbe essere garantita una selezione facilitata, anche se poi sul campo il reparto così selezionato fa fiasco. A chi fosse sul punto di subire “l’accidente della nascita” senza che le condizioni emotive, psicologiche e sociali della madre fossero le ideali per accoglierlo, dovrebbe essere garantito, fino all’ultimo istante, il diritto di non nascere affatto, così risparmiandosi infiniti fastidi, dolori, diseguaglianze e ingiustizie. Per chi nasce povero, poi, le correzioni possibili sono due: o farlo diventare almeno benestante dopo la nascita, mediante provvidenze statali, oppure non farlo nascere affatto (v. punto precedente); come d’altronde proponeva un’altra degnissima e benintenzionata persona, John Maynard Keynes, direttore della Eugenics Society dal 1937 al 1944. Superfluo poi segnalare che il primissimo bersaglio della correzione dell’accidente della nascita dovrà essere la famiglia, nel cui contesto il suddetto sciagurato accidente si verifica con frequenza allarmante, e alla quale dunque sarà opportuno sostituire apposite istituzioni scientificamente validate, che garantiscano risultati statisticamente più omogenei sotto il profilo genetico e sociale.

E chi si incaricherebbe dell’opera di “correzione dell’accidente della nascita”? Be’, naturalmente gli Eletti, i Correttori al timone dell’Unione Europea e dei suoi successivi, logici sviluppi sino al coronamento del progetto di Correzione: il Governo Mondiale.

Che il precedente elenco di maestose follie metafisiche degli Eletti Correttori coincida con posizioni culturali, pratiche sociali e programmi politici attualmente in corso nella realtà effettuale dell’Occidente contemporaneo – posizioni, pratiche e programmi che vanno sotto il nome collettivo di “politically correct” – non è un caso. Non è un caso perché l’Unione Europea, il progressismo, il mondialismo, l’individualismo, etc., condividono lo stesso “accidente della nascita”: è più che vero infatti che, come dice la professoressa de Monticelli, gli Stati Uniti d’Europa sono un edificio politico architettato dalla filosofia.

Peccato che questa filosofia, se politicamente implementata, conduca per direttissima a un dispotismo politico, culturale, psicologico e spirituale senza precedenti nella storia umana; e che se adesso non fa direttamente e intenzionalmente versare un mare di sangue,  probabilmente in futuro ne farà versare un oceano indirettamente e involontariamente, perché sta assiduamente costruendo le condizioni per più guerre civili su base etnico/religiosa, a temperature variabili dal freddo all’incandescente, in tutto l’Occidente.

Secondo Julien Freund, “compito della politica è antivedere il peggio, e sventarlo” (Sociologie du conflit, 1983). Secondo gli Eletti Correttori, compito della politica è produrre una versione riveduta, corretta e migliorata del mondo: fiat iustitia, si correggano gli accidenti della nascita, ed entrino in scena il Mondo e l’Uomo Nuovo.

Ecco perché la polarizzazione in corso non si arresterà, ed ecco perché sono gli antichi involucri delle culture politiche di destra e di sinistra, che si contrapponevano, sino a ieri, intorno a un diverso clivage politico principale, ad accogliere oggi le forze politiche e culturali che si schierano pro o contro l’Unione Europea. A schierarsi contro l’Unione Europea sono tutte le forze che, per motivi anche diversissimi e inconciliabili, rifiutano l’universalismo politico: sia le puramente identitarie e tribali, sia le nazionalistiche, sia quelle che, riferendosi alla “corrente ateniese” del cristianesimo, continuino a distinguere tra universalismo dei valori e universalismo politico, tra spirituale e temporale. A schierarsi a favore dell’Unione Europea, sono tutte le forze che accettano l’universalismo politico: sia le liberali pure, sia le progressiste, sia quelle che, riferendosi alla “corrente ierosolimitana” del cristianesimo, ne mutuano il messianismo e cortocircuitano dimensione escatologica e storicità immanente.

Terreno comune culturale e politico tra le due posizioni ce ne sarà sempre meno; a meno che non nasca una terza forza, una riedizione del partito dei “politiques” che uscì vincitore e conciliatore dalle guerre di religione in terra di Francia, cinque secoli fa. Sarebbe una gran bella cosa, e una riedizione del Trattato di Westfalia il migliore degli esiti e dei compromessi desiderabili. Difficile? Difficile. Chissà.

[1] http://antropologiafilosofica.altervista.org/cosmopolitismo-universalismo-e-lunione-europea-una-risposta-a-roberta-de-monticelli/?doing_wp_cron=1559203478.2017359733581542968750

intervista al Generale Marco Bertolini_ Il concetto di sovranità e la sua declinazione in politica

Qui sotto una importante intervista al Generale Marco Bertolini. Si parte dalla sottolineatura del concetto di sovranità e della sua imprescindibile deglinazione in qualsivoglia azione politica. Si passa poi al riconoscimento dell’importanza degli strumenti dello Stato che consentono l’esercizio di queste prerogative in un contesto geopolitico sempre più complesso. Marco Bertolini, già Comandante della Folgore, ha assunto numerosi ed importanti incarichi nelle più svariate missioni all’estero dei contingenti militari italiani. Un patrimonio prezioso di esperienza al servizio del paese e della nazione. Buon ascolto_Giuseppe Germinario

NB_In alcune parti la qualità dell’audio, dovuta ad un collegamento telematico non ottimale, non consente un ascolto agevole e lineare_Ce ne scusiamo con gli ascoltatori e con il Generale Marco Bertolini. Siamo sicuri che l’importanza degli argomenti rendano sopportabili tali mancanze

Europa: accademismo contro la storia (1/6), di Annie Lacroix-Riz

https://www.les-crises.fr/europe-lacademisme-contre-lhistoire-1-6/

Mappa:

– Introduzione

– “Eminenti storici europei” contro il monarchico documentato Philippe de Villiers

– Un fascicolo storico “di parte” di “eminenti storici europei”

  • Le origini fallaci dell’Unione europea
  • Adenauer e la sua gente, dalla vecchia alla “nuova Germania”
  • Dalla Francia “europea” e “resistente” contro Petain al trionfo dei Vichysto-americani?
  • Dimenticando le “prime comunità europee”
  • Jean Monnet “l’americano”: una calunnia?
  • Il tandem Monnet-Schuman e la cosiddetta “bomba” del 9 maggio 1950
  • Robert Schuman diffamato?
  • Walter Hallstein, semplice ” non resistente”?

– Conclusione

introduzione

I preparativi per le elezioni europee di solito danno origine a un torrente di personalità, storici in mente, a favore dell’Unione europea e contro ogni critica. Nel marzo-aprile 2019, l’ondata di indignazione si è concentrata sul lavoro di Philippe de Villiers, ho tirato su il filo delle bugie e tutto è venuto , presentato come un modello di “falsità” e “cospirazione” anti-europea. Non c’era dubbio, poco prima di una nuova scadenza per le elezioni europee, di lasciare senza punizione quello che era considerato un pericoloso attacco contro l’Unione europea e l’atlantismo. Dall’Audiovisual Public Service alla stampa, un’inondazione si è riversata, consultando gli “storici di riferimento” a supporto. Così, e tra gli altri, Le Monde , 14 marzo1 , France Culture , 20 marzo, 2 , Le Monde , il 27 marzo, 3 marzo , ha solennemente ammonito i loro lettori contro il ” tessuto di falsi pretesti ” di cui questo ” europeista convinto ” sarebbe stato colpevole ” sulle origini di costruzione europea “. L’ultima “tribuna” menzionata sopra, firmata da ” eminenti storici europei “, ha ispirato vari giornalisti, come Anne-Sophie Mercier, che ha creato una rabbia “copiata” in Le Canard enchaîné du 3 avril 4

“Paranostradamus. “L’Agité du bocage” ha una visione della fondazione dell’Europa apocalittica e l’arte di trasformare le fantasie in verità storiche. . Non esaurisce la lista delle chiamate accademiche per cancellare la vera storia della costruzione europea (o americano-europea) dopo il 1945, che continuò allo stesso modo, in particolare a Le Monde il 17 aprile, 5 , da due dei firmatari del 27 marzo, Robert Frank e Gérard Bossuat, e il 19 aprile, da una nuova squadra internazionale, per iniziativa di due accademici di Lille, Stéphane Michonneau e Thomas Serrier 6 .

La “tribuna” del 27 marzo è incentrata su due temi decretati “Europhobes”:

– 1 ° ” Attacchi approssimativi e tendenziosi contro tre costruttori d’Europa”: Jean Monnet, Robert Schuman e Walter Hallstein “e, contemporaneamente, sull’argomento centrale di Villiers, l’origine molto americana dell’Unione europea . Dedicherò la maggior parte del testo seguente

– 2 ° L’attacco portato da Villiers ” all’onore dei ricercatori francesi ed europei impegnati negli studi sull’Unione europea “, che servirà come una breve conclusione.

I firmatari di questi attacchi pretendono di combattere ” gli attacchi approssimativi e tendenziosi [effettuati] contro” il trio mirato dei “Padri d’Europa ” con affermazioni prese direttamente dalle schede di Wikipedia quando loro (in francese, in particolare) servire gli argomenti presentati: il caso è particolarmente evidente per Walter Hallstein. “Difendere” la loro amata “Europa” senza essere costretti a fare dimostrazioni d’archivio è il solito metodo di “eminenti storici europei”. Assicurati di trovare un caloroso benvenuto in tutti i principali media e avendo l’enorme eco che questa benevolenza dà alla popolazione, si sentono consecutivamente esentati dal presentare le fontidel loro filippico contro le ” insinuazioni ” e ” il metodo insidioso ” di M. de Villiers.

“Eminenti storici europei” contro il regista documentato Philippe de Villiers

Il lavoro incriminato lo conferma, e gli ultimi capitoli in modo caricaturale, Philippe de Villiers è senza dubbio un esempio del royalismo contemporaneo della Vandea. In particolare incolpa l’Unione europea di non essere né abbastanza cattolico-cattolico né anti-“metic” abbastanza o anti-rosso o anti-illuminista, ecc., E negli Stati Uniti di incarnare o incoraggiare il malecristiano che avrebbe sommerso un continente cristiano di essenza, in collusione a volte con … i bolscevichi. Ha anche come complici della rivoluzione in generale, e in particolare i sovietici, e sempre contro l’eterno Europa cristiana, il giornalista diplomatico William Bullitt, accusato di aver dato che la Rivoluzione d’Ottobre ha portato alla complicità fatto tra l’America e i bolscevichi. Un’accusa assurda contro una personalità che, dalla Conferenza di Parigi del 1919, al servizio di Woodrow Wilson, fino alla sua morte (1967), dedicò la sua vita agli interessi del capitale finanziario e della crociata anticomunista. E chi era particolarmente distinto, in questa materia, in Francia, come ambasciatore in posta, prima della guerra, o ancora come interlocutore regolare di circoli dirigenti, dopo la guerra, incluso il governo di “sinistra”, legittimamente ritenuto essenziale per raggiungere il spaccatura decisiva della CGT. Sognando solo tagli e contusioni contro il “rosso” Bullitt, dopo la seconda guerra mondiale, quando l’URSS aveva reso gli Stati Uniti un grande servizio per sconfiggere la Wehrmacht, anche momentaneamente imbarazzante che il Reich, inondato la stampa il suo testi di vendetta che chiedevano di bombardare l’Unione Sovietica in una “guerra preventiva”, poi, dopo il 1949, per riservare lo stesso destino alla Cina persa da Washington.

Tuttavia, riguardo al tema attuale, dobbiamo ammettere che Philippe de Villiers, ansioso di fondare il suo fuoco, cerca di dimostrare le sue affermazioni “Europhobic”. Avendo acquisito durante la sua lunga carriera politica una seria conoscenza delle cose “europee”, conoscenza condivisa con tuttii suoi pari, “sinistra” e destra, ma da loro rigorosamente censurati, ha anche procurato una massa di documenti originali inconfutabili. Questo uomo di destra, anti-sovietico convinto, osa persino, sulla duplice base della sua esperienza personale e della lettura degli archivi, calpestando la doxa delle responsabilità sovietiche nella “guerra fredda”, risuscitando la problematica economica dell ‘”imperialismo”: omettendo qua e là l’ideologia, sottolinea l’ossessione degli Stati Uniti di vendere oltre i loro confini, in questo caso nel continente europeo, le loro (strutturalmente) eccedenze di produzione (anche se non dice la loro sovrapproduzione di capitali, anche versata in enormi quantità).

Si è soffermato su alcuni ausiliari (tra una folla innumerevole) a cui le élite americane, politiche ed economiche, hanno fatto ricorso per raggiungere i loro obiettivi “europei”. Fornisce ” tre [presunti] costruttori europei: Jean Monnet, Robert Schuman e Walter Hallstein “, informazioni a volte molto precise, in particolare per quanto riguarda i primi archivi americani a sostegno. Le sue numerose lettere riprodotte in extenso confermano le dimostrazioni condotte per lungo tempo da storici per lo più inglesi: 1 °, a volte per cinquanta o sessant’anni, sugli appetiti europei di Washington 7

; 2 °, per venti o trenta anni, su questi ausiliari, in inglese soprattutto 8 , ma non esclusivamente 9 .

.

Gli storici europei sono stati così audaci contro questi tre “padri d’Europa”, eroi di una saga che loro stessi hanno forgiato per diversi decenni, succedendo alla generazione precedente guidata da Jean-Baptiste Duroselle e preso di mira da Villiers. Rimuovendo fin dall’inizio i numerosi e inconfutabili documenti citati e riprodotti spesso in extenso , li riducono a ” allusioni “, preferendo al loro esame indispensabile l’attacco ad personam e ad hominemirrilevante. Di solito, è vero, il campo libero per eliminazione della concorrenza, esterno ed interno. Da un lato, il lavoro pionieristico in lingua inglese sull’argomento viene tradotto solo raramente in francese e, quando lo fa, scompare rapidamente dagli scaffali delle librerie, nonostante la domanda. Così è stato per il libro, essenziale, sulla “guerra culturale” americana in Europa dello scienziato politico Frances Saunders pubblicato nel 1999 (seguendo altri, meno in profondità). La sua traduzione del 2004 Chi ottiene la ragazza , esausta e mai ristampato, è diventata finanziariamente inaccessibili si è scambiato sul mercato nero per le informazioni storiche circa 300 € 10 .

D’altra parte, i potenziali storici francesi curiosi, sono stati eliminati dal campo accademico (congressi nazionali ed internazionali “europeo”, riviste accademiche a “pari” stampa scritta o interviste audiovisive, storica consiglio documentari, ecc ) 11 . L’università offre critica in francese, sostenuto le fonti originali, è molto limitata, lo storico di ultra-minoranza “Europe” che mi rifarò il lettore, che può quindi confrontare detto ricerche sulla lunga storia dell’Unione europea, a quelli di “eminenti storici europei”.

Un record storico “prevenuto” da “eminenti storici europei”

Le origini fallaci dell’Unione europea

I firmatari non sono andati indietro nella cronologia “europea” come il loro predecessore Pierre Gerbet, professore all’Istituto di studi politici morto nel 2009 e tra questi, una vera e propria venerazione 12 , che ha datato il progetto europeo di Carlo Magno. Qui, l’origine del vasto progetto è attribuito al re Giorgio di Poděbrady del XV ° secolo. La pagina di Wikipedia francesi, probabile fonte dei firmatari della “piattaforma” del 27 marzo questo sovrano sconosciuto ai contemporanei, questo vantaggio politico-ideologica di forgiare l’Unione europea delle radici dell’Europa centrale 13: la grande idea “europea” verrebbe da un paese situato nell’ex zona di influenza sovietica, che, decisamente, era stato storicamente programmato di non appartenere mai. È quindi legittimo e logico che, dopo il 1989, in conformità con la sua missione “storica”, la Cecoslovacchia, o, d’ora in poi, ciò che rimane di esso, frammentato dal 1938-1939 al 1945, sarebbe entrato in una piega “europea”. Al che lo spaventoso dopo il maggio 1945 l’aveva strappato.

Per quanto riguarda Aristide Briand, altro “fondatore” presunto, lo scopo è in accordo con un mare serpenti della storia ufficiale dell’UE 14 , anche se formalmente abolito negli archivi diplomatici francesi, tedesco, inglese e americana. Briand era dopo la prima guerra mondiale un innegabile precursore del “Appeasement” (1930) contro il Reich in cerca di vendetta su Versailles e un’espansione illimitata, sia in Occidente che in Oriente del Europa, e al Vaticano, che servì a tal fine come battitore permanente a Berlino. Ma il molto cosmetico “Piano dell’Unione Federale Europea”da 1929-1930 il ministro degli Esteri francese, ex “sindacalista rivoluzionaria” seguace del “sciopero generale” convertito le virtù del capitalismo e della repressione anti-lavoro da parte di intenso coinvolgimento ministeriale 15 , realizzato in ambizioni molto limitate. Come dopo la guerra successiva, il Reich si stava già ponendo come “miglior studente della classe europea”, per compiacere Washington contro la Francia e altri paesi europei. Ho applicato qui per la formula 1920 che lo storico Pierre Guillen per la prossima USA Germania del dopoguerra definendolo il ” miglior studente della classe europea e la classe Atlantico ” 16 : era negli anni ’70, dove potevamo ancora, confrontando le notizie nelle fasi precedenti (perché gli archivi non erano ancora aperti), chiama un gatto un gatto.

Briand era, per il suo presunto “piano” “europea”, presentato nel settembre 1929 al podio della Società delle Nazioni, un obiettivo più modesto che ha proclamato fermare o ritardare l’attuazione del totale Gleichberechtigung (parità di diritti). La Repubblica di Weimar ha affermato di essere in grado di spazzare via i trattati di pace del 1919-1920 che sancivano la sconfitta. Avevano infatti, in realtà o sulla carta, ha ridotto il suo territorio del 1918 e le risorse correlate, e ha vietato o limitato la sua espansione territoriale, il riarmo e la vendetta. Il Reich fu assicurato in quest’area come in ogni altro riarmo incluso il fermo supporto degli Stati Uniti: avevano già stabilito la loro testa di ponte in Europa tramite questo socio privilegiato (e rivale) capitalismo commerciale, industriale e finanziario fortemente concentrato se collegato dal prebellico al loro. Quasi tutti i partiti politici tedeschi (KPD e piccola minoranza di socialisti tranne sinistra) ha affermato che “diritti uguali” della maggioranza della SPD in fondo a destra 17 .

.

Adenauer e la sua gente, dalla vecchia alla “nuova Germania”

Illustre nel caso, tra gli altri, il sindaco di Colonia, uno dei leader del partito cattolico, il Zentrum, Adenauer, qui citato, solo una volta, come “cancelliere della nuova Repubblica federale di Germania”.

Nuova Germania, davvero? Questo non è ciò che emerge dal Quai d’Orsay e dagli archivi diplomatici stranieri irremovibile la perfetta continuità della politica estera dello stato tedesco, il II ° Reich Germania Ovest tramite Weimar e III e Reich. Per decenni, il lavoro scientifico ha dimostrato l’importanza delle ipotesi avanzate in questo senso dagli storici con opzioni ideologiche radicalmente opposte. In particolare, lo storico Charles Bloch, ebreo tedesco espulso dalla Germania, bambino, dal regime hitleriano, francese, poi israeliano, autore della sintesi The Third Reich e il mondo 18 Charles Bloch, The Third Reich e il mondo, Parigi, Imprimerie Nationale, 1986 ; e Fritz Fischer, che, per essere stato all’Università di Amburgo, sotto Hitler, dal 1942, professore di storia incontestabilmente nazista (come tutti i suoi colleghi) – ci torneremo su Walter Hallstein, era nondimeno Dopo il 1945, un grande storico, specialista negli obiettivi di guerra molto duraturi della Germania imperiale 1914-1918 19 Fritz Fischer, Gli obiettivi di guerra , Parigi, Treviso, 1970, trad. da Griff nach der Weltmacht , 1961. Buona sintesi, Walter von Goldendach, Hans-Rüdiger Minow, ” Deutschtum erwache! ” Aus dem Innenleben staalichen PangermanismusBerlino, Dietz Verlag, 1994 .

Adenauer, che si potrebbe pensare qui come “nuovo” come il FRG, non lo era molto di più. Molto di mano destra e il sindaco clericale di Colonia (nato 1876), strettamente legato al capitale finanziario tedesco che in precedenza aveva assegnato una serie di scheda di posizioni 20 e ufficiale “padre dell’Europa” dopo “Seconda guerra mondiale, M. de Villiers non dice niente neanche. Ma Adenauer è stato uno dei leader all’interno del Zentrum(partito cattolico), la crociata contro il Diktat di Versailles e tutti i trattati imbrigliare espansione tedesca, contro l’occupante francese e contro la “vergogna nera” del suo Truppe di occupazione coloniale e uno degli araldi della vendetta. Tutti questi obiettivi hanno stabilito prematuramente l’accordo tra Zentrum, Vaticano e NSDAP, sulla politica estera e sull’accordo governativo con il NSDAP, formula di un diritto esclusivo perseguito dopo la Sconfitta.

Champion Sound Gleichberechtigung , severe “parità di diritti” spazzare trattati erigere Reich sconfitto stato di minore Adenauer presentato nel 1920 Anschluss al pubblico straniero – è stato soprattutto l’americano come scopo innocente e pacifica “europea “. Ha ingannato nessuno nei circoli ben informati: l’annessione tedesca dell’Austria è stato vietato dai trattati di Versailles e di St. Germain, perché avrebbe ucciso pochi mesi dopo la sua realizzazione, la Cecoslovacchia e portare a molto assorbimento a breve termine di tutto l’ex impero austro-ungarico 21 .

Lo stesso Adenauer, cancelliere istituito 73 anni sotto gli auspici della occupazione americana, durante la fondazione ufficiale della RFT (Maggio 1949), si è distinto ancora una volta dopo il maggio del 1945, avvocato Gleichberechtigung con i suoi ministri, non ufficiali e ufficiali, gli affari esteri (Walter Hallstein) e guerra (Theodor Blank), anche pangermanisti e vendicativo come lui. “L’uguaglianza dei diritti” della Germania (allora Ovest) coinvolti tra gli altri, sotto l’egida degli Stati Uniti, e come nel precedente post-bellico: 1, agli inizi del riarmo: preparato in maggio 1945 è stato ufficialmente ricevuto nel 1950, con vari pretesti raggruppati sotto il tema della “minaccia sovietica” ideologica, politica e militare, invocato anche dai nostri firmatari; 2 °, la riunificazione del Reich, sotto l’egida dell’amato RFA di Washington.

Il successo di questo secondo obiettivo, di cui il ministro degli esteri pan-tedesco Adenauer Walter Hallstein è stato presentato non appena la sua nomina ufficiale, il campione del suono rivendicando la legittimità dell’unica Repubblica federale di Germania come rappresentante dell’intera Germania, ha richiesto, date le relazioni di forze e compromessi ereditati dal 1945, ancora qualche decennio. Uno dei nostri migliori diplomatici, Armand Bérard, lo aveva spaventato formalmente all’inizio del 1952, con tutte le sue conseguenze per l’Europa dell’Est, incluso il crollo della zona di influenza sovietica:

“L’offensiva anti-sovietica contro che iniziano per innescare gli americani […] risveglia i tedeschi sperano che la sconfitta del 1945 fu un episodio in un conflitto più lungo, nessun trattato e la sanzione la soluzione europea non sarà basata sulla situazione del 1945, ma su quella che deriverà da questa controffensiva. Ora i loro diplomatici reclutati per lo più in zone della Wilhelmstrasse che ha servito il regime di Hitler, e gli esperti militari di manovra al momento del regolamento in Germania è nella posizione più favorevole e rende più una pace dove, per la prima volta, per 40 anni, si svolgerà al fianco dei vincitori. Credono che i meriti che otterrà dipenderanno in larga misura da la soluzione della questione austriaca e quella dei problemi territoriali nell’Europa centrale e orientale. Con l’assenza di qualsiasi misura che lo caratterizzi, la Germania si precipiterà con ardore nel percorso indicato dall’America, se acquisirà la convinzione che la più grande forza è da questa parte e sarà ancora più americana degli Stati Uniti. Uniti. […] Adottando tesi americane, lo staff del Cancelliere [Adenauer] generalmente considera che il giorno in cui l’America sarà in grado di mettere in linea una forza superiore, l’URSS si presterà a un accordo in cui abbandonerà i territori. Europa centrale e orientale che attualmente domina. ” La Germania si precipiterà avidamente nella strada indicata dall’America, se acquisisce la convinzione che la più grande forza è da questa parte e sarà ancora più americana degli Stati Uniti. […] L’adozione dei dipendenti tesi americane Cancelliere [Adenauer] generalmente considerare che quando l’America sarà in grado di caricare un potere superiore, l’URSS si si presta a un insediamento in cui si darà territori Europa centrale e orientale che attualmente domina. ” La Germania si precipiterà avidamente nella strada indicata dall’America, se acquisisce la convinzione che la più grande forza è da questa parte e sarà ancora più americana degli Stati Uniti. […] L’adozione dei dipendenti tesi americane Cancelliere [Adenauer] generalmente considerare che quando l’America sarà in grado di caricare un potere superiore, l’URSS si si presta a un insediamento in cui si darà territori Europa centrale e orientale che attualmente domina. ” l’URSS si presterebbe a un accordo in cui abbandonerà i territori dell’Europa centrale e orientale che attualmente domina. ” l’URSS si presterebbe a un accordo in cui abbandonerà i territori dell’Europa centrale e orientale che attualmente domina. “

In Francia correttamente informato, il telegramma Berard del 18 Febbraio 1952 denunciando i pericoli, per tutta l’Europa, un irredentismo tedesco sfrenata da parte degli Stati Uniti desiderosi di fare battaglia con l’URSS dovrebbe essere replicato in extenso da tutti i libri di storia, dalla scuola superiore 22 . Il testo mozzafiato di questa Cassandra che annunciava il 1989 e il suo futuro sarebbe passato oggi per la letteratura “cospirazione” per “demonizzare” una Germania pacifica e gli Stati Uniti benevoli. Non si adatta bene alla visione idilliaca di una vittoria per la democrazia, finalmente vinta nell’Europa orientale contro il totalitarismo sovietico.

La conversione dei futuri insegnanti alla rilevanza di questa pittura irenica è stato uno dei principali obiettivi nella scelta del tema del Concorso per il reclutamento della scuola secondaria 2007-2009, The Construction of Europe . E ‘stato coniato dallo storico francese Robert Frank firmatario (ed editore) importanti forum del 27 marzo e 17 aprile 2019. Era rendendo così la “pedagogia” per ignoranti Francese provato e espiare loro maggioranza NO al referendum sulla Costituzione europea del maggio 2005: era necessario convincere i candidati alla cattedra di storia, cioè, consecutivamente, le generazioni di alunni e studenti che avrebbero formato, il miracolo “europeo” nato da la “caduta dell’URSS e del muro” 23 .

Le campagne elettorali della primavera del 2019 sono in una notevole continuità. Philippe de Villiers è sulla domanda Adenauer, che peccato, una grande discrezione come i loro firmatari.

Di Annie Lacroix-Riz, professore emerito di storia contemporanea all’Università Paris 7.

Proponiamo questo articolo per ampliare il tuo campo di riflessione. Ciò non significa necessariamente che siamo d’accordo con la visione sviluppata qui. In ogni caso, la nostra responsabilità si ferma con le osservazioni che riportiamo qui. [Leggi di più]

Note

1. https://www.lemonde.fr/les-decodeurs/article/2019/03/14/philippe-de-villiers-et-l-europe-entre-contre-verites-et-complotisme_5436099_4355770.htmli
2. https://www.franceculture.fr/histoire/leurope-est-elle-une-creation-des-etats-unis
3. https://www.lemonde.fr/idees/article/2019/03/27/philippe-de-villiers-na-pas-le-droit-de-falsifier-l-histoire-de-l-union-europeenne- il-nome-di-un-ideologie_5441688_3232.html
4. “Paranostradamus. “L’Agité du bocage” ha una visione della fondazione dell’Europa apocalittica e l’arte di trasformare le fantasie in verità storiche.
5. Robert Frank e Gérard Bossuat, https://www.lemonde.fr/idees/article/2019/04/17/the-historians-are-non-sold-of-villiers-to-breaking-the-mythe- by-che-solo-il-resistente-have-a-aiuta-the-building-europeenne_5451663_3232.html
6. sconcertante Prescrizione per il lavoro storico ma progressivo, comparsa antirazzista, Stéphane Michonneau e Thomas Serrier, https://www.lemonde.fr/idees/article/2019/04/19/pour-construire-l-europe-il- deve ricostruire la-sua-histoire_5452318_3232.html
7. I pionieri comprendono William A. Williams, The Tragedy of American Diplomacy , New York, Dell Publishing Co., New York, 1972 ( I edizione, 1959); Gabriel Kolko, The Politics of War. La politica estera mondiale e degli Stati Uniti, 1943-1945 , New York, Random House, 1969, e G. e Joyce Kolko, I limiti del potere. Il mondo e la politica estera degli Stati Uniti 1945-1954 , New York, Harper and Row, 1972; e
8. Works, Essential, di Richard Aldrich, The Secret Hand: Inghilterra, America e Cold War Secret Intelligence , Londra, John Murray, 2001; e “OSS, CIA e unità europea: il comitato americano per l’Europa unita, 1948-60”, Diplomacy & Statecraft , 8/1, 1997, citato da Villiers; città, con ulteriori riferimenti nel mio articolo “L’Unione europea della leggenda a realtà storiche,” 2 e di parte, “dall’Europa tedesca verso gli Stati Uniti in Europa: 1940-inizio 1950,” II, The Revival of the Fighters , No. 850, dicembre 2018-gennaio 2019, n. 8, p. 16 (13-20).
9. Oltre ai libri, la sezione articoli e comunicazioni di http://www.historiographie.info/cv.html, molto numerosa, fornisce approfondimenti su Robert Schuman, Jean Monnet e sulla non denazificazione in Europa occidentale (come evidenziato da il caso di Walter Hallstein) solo con i titoli; alcuni sono citati in Le origini del giogo europeo, 1900-1960. Francia sotto influenza tedesca e americana , Parigi, Delga-Le temps des cerises, 2016; revisione degli ausiliari, anticomunista lasciato a destra, Eric Branca, amico americano. Washington contro de Gaulle , Perrin, Parigi, 2017.
10. Saunders Frances, The Cold War culturale: La CIA e il mondo dell’arte e delle lettere , New York, The New Press, 1999 ( Who leading the dance, Cultural Cold War , Denoel, 2004). Anche Philippe de Villiers lo ha rimosso dalla sua bibliografia, preferendo citare autori meno completi e meno opprimenti sugli strumenti ideologici e politici di Washington. Prezzo visualizzato da Amazon, in occasione, fine 2018.
11. Atmosfera accademica, dove la storia si differenzia sempre meno dalla pura propaganda, dalla storia di Carcan e dalla storia contemporanea , Parigi, Delga-The cherry time, 2012.
12. Ibid ., Dove spesso appare la “guida” Gerbet ( Carcan , pp. 8-9), uno dei membri del “team di storici” che ha realizzato le Memorie di Monnet, Villiers, J’ai tir , p. 37.
13. https://fr.wikipedia.org/wiki/Georges_de_Boh%C3%AAme
14. La bibliografia del suo file https://fr.wikipedia.org/wiki/Aristide_Briand#cite_note-13 è un modello di storiografia “europeista”.
15. Il suo curriculum di cui sopra non fornisce alcuna fonte sullo sciopero dei ferrovieri del 1910 e la rabbia che, come presidente del Consiglio, ha schierato (pari a quella del ministro degli interni Clemenceau dal 1906 al 1909).
16. Pierre Guillen e Georges Castellan, Germania. La costruzione di due stati tedeschi, 1945-1973 , Parigi, Hatier, 1979, p. 94; eccellente libro di Guillen, L’Impero tedesco 1871-1918 , Paris, Hatier, 1 ° edizione, 1970 sostituire vantaggiosamente i libri di testo “europeisti” degli ultimi decenni per entrare a studiare il pubblico la notevole continuità della politica tedesca.
17. Non tradotto: Schuker Stephen A., The End of French Predominance in Europe: La crisi finanziaria del 1924 e l’adozione del piano Dawes , Chapel Hill, University of North Carolina Press, 1976; Costigliola Frank, Awkward Dominion: Relazioni politiche, economiche e culturali con l’Europa, 1919-1933 , Itaca, Cornell University Press, 1984; Lacroix-Rice, The Vatican, Europe and the Reich dalla prima guerra mondiale alla guerra fredda (1914-1955) , Parigi, Armand Colin, 2010, indice Briand.
18. Charles Bloch, The Third Reich and the World , Parigi, Imprimerie Nationale, 1986.
19. Fritz Fischer, Gli obiettivi della guerra , Parigi, Treviso, 1970, trad. da Griff nach der Weltmacht , 1961. Buona sintesi, Walter von Goldendach, Hans-Rüdiger Minow, ” Deutschtum erwache! ” Aus dem Innenleben del Pangermanismus staalichen , Berlino, Dietz Verlag, 1994.
20. https://de.wikipedia.org/wiki/Konrad_Adenauer#Oberb%C3%BCrgermeister_K%C3%B6lnssulle sue schede 1920.
21. Stretta comunità sul terreno “cattolico”, Lacroix-Rice, The Vatican , cap. 1-10, passim ; Anschluss, miniera d’Europa, fondi Austria 1918-1940, elencata a p. 664.
22. Tel. riservato n ° 1450-1467 Berard, Bonn, 18 febbraio 1952, generalità Europa, 22, dicembre, gli archivi del ministero degli Esteri, citato testualmente , Carcan , pag. 153-156.
23. Bibliografia di “Pensare e costruire l’Europa”. Historians and Geographers , No. 399, September 2007; Lacroix-Rice, “Pensa e costruisci l’Europa. Osservazioni sulla bibliografia della questione della storia contemporanea 2007-2009 pubblicata in Historians and Geographers No. 399 “, Thought , No. 351, October-December 2007, p. 145-159; e Carcan , p. 6 e passim .
1 2 3 23