Putin mette a nudo la distopia americana, di Paul Craig Roberts

Putin mette a nudo la distopia americana

Paul Craig Roberts

Dobbiamo concederlo a Putin. Lui è il migliore che ci sia. Notare la facilità con cui ha regolato il confronto con quell’idiota di Chris Wallace. https://www.rt.com/usa/433447-putin-interview-fox-wallace/

Cosa c’è che non va nel sistema dei media statunitensi il quale non riesce a produrre un secondo giornalista competente che faccia compagnia a Tucker Carlson? Perché i restanti giornalisti americani, come Chris Hedges, ora sono nei media alternativi?

Tutto quello che posso dire, e Putin probabilmente lo sa già, è che c’è qualcosa di più importante in corso di presstitute che tiene in ostaggio la relazione tra la Russia e gli Stati Uniti rispetto alla lotta politica interna tra il Partito Democratico e il Presidente Trump. Non è solo che i media corrotti degli Stati Uniti servono come propagandisti per il Partito Democratico contro il Presidente Trump. Gli uffici stampa stanno servendo l’interesse del complesso militare / di sicurezza, che ha interessi di proprietà nei media statunitensi altamente concentrati, per mantenere la Russia posizionata come il nemico che giustifica l’enorme budget di $ 1.000 miliardi del complesso militare / di sicurezza. Senza il “nemico russo”, qual è la giustificazione di uno spreco di denaro quando così tanti bisogni reali sono sottofinanziati e non finanziati?

In altre parole, i media americani non sono solo stupidi, sono corrotti oltre ogni misura.

Oggi alle 12:40, ora di New York, la NPR aveva una raccolta di trump-basher che facevano del loro meglio per impedire all’appuntamento di Trump / Putin di produrre una normalizzazione delle relazioni tra i due governi. Ad esempio, come sa ogni persona informata, la comunità dei servizi segreti degli Stati Uniti non ha certamente concluso che la Russia ha interferito nelle elezioni presidenziali. Questa conclusione è stata raggiunta da alcuni membri selezionati di 3 delle 16 agenzie di intelligence ed è stata espressa non come un fatto provato ma come “altamente probabile”. In altre parole, non era altro che un parere orchestrato dato da agenti cooperativi i quali senza dubbio si aspettano delle promozioni in cambio.

Nonostante questo fatto noto, la squadra di propaganda dell’NPR ha detto che Trump aveva creduto a Putin piuttosto che a un rapporto unanime di intelligence dei fatti degli Stati Uniti che provava le interferenze della Russia. I denigratori di Trump-basher hanno detto che aveva creduto al “teppista Putin” e non ai suoi stessi esperti americani. I sostenitori NPR di Trump hanno continuato a confrontare il “raccordo con Putin” con l’opinione di Trump che la violenza di Charlottesville fosse stata alimentata da entrambe le parti. I criticoni di NPR hanno equiparato la dichiarazione fattuale di Trump sulla violenza da entrambe le parti con lo “schierarsi con i neonazisti” a Charlottesville.

Il punto di NPR è che Trump si schiera con nazisti e teppisti russi ed è contro gli americani.

Quello che Trump disse in effetti riguardo alle presunte interferenze elettorali era che se c’era o non c’era interferenza elettorale, essa non aveva alcun effetto come hanno ammesso Comey e Rosenstein, e non assume la stessa importanza della possibilità che due potenze nucleari vadano d’accordo ed evitino le tensioni in grado di provocare una guerra nucleare. Si potrebbe pensare che persino un idiota NPR possa capirlo.

Il trionfo su NPR è andato avanti per tutto il giorno mescolato a un occasionale attacco della Russia per aver ucciso civili siriani in attacchi aerei contro i jihadisti supportati da Washington che, secondo le istruzioni di Washington, cercano di aggrapparsi a un po ‘di Siria in modo che Washington e Israele possono ricominciare la guerra. Ci si meraviglia della stupidità di coloro che danno soldi all’NPR in modo che l’NPR possa mentirgli tutto il giorno. Come George Orwell aveva previsto, le persone sono più a loro agio con le bugie del Grande Fratello che con la verità.

Una volta la NPR era una voce alternativa, ma è stata rotta dal regime di George W. Bush ed è diventata completamente corrotta. NPR continua a fingere di essere “ascoltatore supportato”, ma in realtà ora è una stazione commerciale proprio come ogni altra stazione commerciale. NPR cerca di mascherare questo fatto usando “con il supporto di” per introdurre gli annunci a pagamento dalle aziende.

“Con il sostegno di” è come NPR ha tradizionalmente riconosciuto i suoi donatori filantropici. La vera domanda è: come fa NPR a mantenere il suo status di esenzione fiscale 501c3 quando vende pubblicità commerciale? Non c’è bisogno che NPR si preoccupi. Finché l’entità presstitute serve l’élite dominante a spese della verità, manterrà il suo stato di esenzione fiscale illegale.

È ovvio che le incriminazioni dei 12 ufficiali dei servizi segreti russi immediatamente precedenti alla riunione di Trump / Putin avevano lo scopo di minare l’incontro e di offrire ai giornalisti maggiori opportunità per i colpi più disonesti ai danni del presidente Trump. Ai miei tempi, i giornalisti sarebbero stati abbastanza intelligenti e avrebbero avuto abbastanza integrità per capirlo. Ma i comunicati stampa occidentali non hanno né intelligenza né integrità.

Quante prove vuoi? Ecco la stampa di Michelle Goldberg che scrive sul New York Times che “Trump mostra al mondo che è il lacchè di Putin.” La giornalista dice di essere “sconcertata dalla prestazione servile e schifosa del presidente americano.” Apparentemente Goldberg pensa che Trump avrebbe dovuto picchiare Putin.

Il Washington Post, in passato un giornale, ora uno scherzo malato, sosteneva che “Trump si era appena colluso con la Russia. Apertamente.”

Non sono solo i presstitutes. Sono i cosiddetti esperti, come Richard Haass, presidente del Consiglio per le relazioni estere, un gruppo auto-importante, finanziato dal complesso militare / di sicurezza, che presiede la politica estera americana. Haass, aderendo alla linea ufficiale di sicurezza / sicurezza, ha dichiarato erroneamente: “L’ordine internazionale per 4 secoli si è basato sulla non interferenza negli affari interni degli altri e sul rispetto della sovranità. La Russia ha violato questa norma sequestrando la Crimea e interferendo con le elezioni americane del 2016. Dobbiamo affrontare la Russia di Putin come lo stato canaglia che è “.

Di cosa sta parlando Haass? Quale rispetto per la sovranità ha Washington? Sicuramente Haass ha familiarità con la dottrina neoconservatrice dominante dell’egemonia mondiale degli Stati Uniti. Sicuramente Haass sa che i problemi orchestrati con Iraq, Libia, Siria, Corea del Nord, Russia e Cina sono dovuti al risentimento di Washington per la loro sovranità. Qual è l’unilateralismo di Washington sul fatto che Washington rispetti la sovranità dei paesi? Perché Washington vuole un mondo unipolare se Washington rispetta la sovranità di altri paesi? È precisamente l’insistenza della Russia su un mondo multipolare che la pone nel mirino della propaganda. Se Washington rispetta la sovranità, perché Washington rovescia i paesi che ce l’hanno? Quando Washington accusa la Russia di essere una minaccia per l’ordine mondiale, significa che la Russia è una minaccia per l’ordine mondiale di Washington. Haass sta dimostrando la sua idiozia o la sua corruzione?

Come i media americani hanno definitivamente dimostrato non hanno indipendenza ma sono un portavoce dei democratici e degli interessi delle multinazionali; dovrebbero essere nazionalizzati. I media americani sono così compromessi che la nazionalizzazione sarebbe un miglioramento.

Anche l’industria degli armamenti dovrebbe essere nazionalizzata. Non solo è un potere più grande del governo eletto, ma è anche molto inefficiente. L’industria degli armamenti russi con una minima frazione del budget militare statunitense produce armi di gran lunga superiori. Come ha detto il presidente Eisenhower, un generale a cinque stelle, il complesso militare-industriale è una minaccia per la democrazia americana. Perché la feccia dei media è così preoccupata per l’inesistente interferenza russa quando il complesso militare / di sicurezza è così potente da poter realmente sostituirsi al governo eletto?

Ci fu un tempo in cui il Partito Repubblicano rappresentava gli interessi degli affari, e il Partito Democratico rappresentava gli interessi della classe operaia. Ciò ha tenuto l’America in equilibrio. Oggi non c’è equilibrio. Dal momento che con il regime di Clinton, l’uno per cento ricco è diventato molto più ricco, e il 99 per cento è diventato sempre più povero. La classe media è in serio declino.

I democratici hanno abbandonato la classe operaia, che i democratici ora liquidano come “Trump deplorables” e sostengono invece la divisione e l’odio di IdentityPolitics. In un momento in cui il popolo americano ha bisogno di unità per resistere a mire guerrafondaie e avidità, non c’è unità. Alle razze e ai sessi viene insegnato a odiarsi l’un l’altro. È ovunque tu guardi.

Rispetto all’America in cui sono nato, l’America di oggi è fragile e debole. L’unico sforzo per l’unità è creare unità che la Russia sia il nemico. È proprio come nel 1984 di George Orwell. In altri aspetti l’attuale distopia americana è peggiore di quella descritta da Orwell.

Cerca di trovare un’istituzione pubblica o privata americana che sia degna di rispetto, che sia onorevole, che rispetti la verità, che sia compassionevole e che cerchi la giustizia. Quello che trovi al posto della compassione e della richiesta di giustizia sono leggi che puniscono se critichi il genocidio israeliano dei palestinesi o perdi informazioni che mostrano i crimini commessi dal governo degli Stati Uniti. Con tutte le loro istituzioni corrotte, anche il popolo americano viene corrotto. La corruzione è ciò in cui i giovani sono nati. Non sanno niente di diverso. Che futuro si riserva per l’America?

Come possono la Russia, la Cina, l’Iran, la Corea del Nord raggiungere un compromesso con un governo che non conosce il significato della parola, un governo che richiede la sottomissione e quando la sottomissione non viene segue la distruzione come abbiamo imparato in Afghanistan, Iraq, Libia, Siria e Yemen.

Chi sarebbe così sciocco da fidarsi di un accordo con Washington?

Invece di perseguire un accordo con Trump, che si sta preparando ad essere rimosso, Putin dovrebbe preparare la Russia alla guerra.

La guerra sta sicuramente arrivando.

North Stream2: il conflitto si sposta dentro la UE, di Piergiorgio Rosso

North Stream2: il conflitto si sposta dentro la UE 1a parte – di Piergiorgio Rosso

A che punto è la costruzione del nuovo gasdotto Russia-Germania nel Baltico (North Stream-2 o NS2)? Ottenute quasi tutte le autorizzazioni di transito e ambientali – mancano quelle di Svezia e Danimarca – sembrerebbe dover avere la strada in discesa e poter mantenere l’obiettivo di primo avviamento fissato al 2019. Difficile del resto pensare diversamente considerato che il percorso del NS2 segue quello del NS1 che opera da diversi anni a pieno regime.

Anche i pareri espressi alla fine del 2017 dall’ufficio legale del Consiglio d’Europa sono risultati promettenti, nella misura in cui hanno chiarito che la direttiva UE denominata Terzo Pacchetto Energia (TEP) non si applica ai gasdotti che connettono uno Stato membro ad uno Stato terzo. L’NS2 sarebbe dunque in particolare esentato sia dall’obbligo della separazione fra proprietà dell’infrastruttura e proprietà del gas naturale trasmesso, che dall’obbligo di garantire l’accesso alla infrastruttura a terzi con tariffe eque e concorrenziali. Obbligo, quest’ultimo che cozzerebbe con lo stato di monopolista che Gazprom detiene all’esportazione del gas naturale russo.

Dunque nulla osta?

Proprio per niente: il Consiglio dell’UE è stato recentemente chiamato a discutere una proposta di emendamento alla Direttiva TEP avanzata dalla Commissione, proprio per includervi i gasdotti extra-UE. Emendamento già approvato dal Parlamento UE con osservazioni aggiuntive. Una vera e propria legge ad gasductum con la conseguenza però di applicarsi a tutti i gasdotti internazionali con implicazioni serie di compatibilità con le leggi internazionali che regolano la materia e per i rapporti istituzionali fra Stati membri e UE.

Nel caso di gasdotti sottomarini, il transito nelle Zone Economiche Esclusive (EEZ) degli Stati – distinte dalle acque territoriali – è regolato da una Convenzione delle Nazioni Unite (UNCLOS) che garantisce i diritto di transito a certe condizioni di sicurezza ed ambientali.

L’ufficio legale del Consiglio d’Europa ha dichiarato in data 1.3.2018 che tale estensione di applicabilità della Direttiva TEP contrasterebbe il diritto internazionale negli art. 56 e 58 dell’UNCLOS. Ora è la politica che deve decidere.

Che gli Stati membri dell’UE abbiano un crescente fabbisogno di gas naturale è certo, una volta deciso di uscire gradualmente dal nucleare e dal carbone per la produzione di elettricità. Che questo gas naturale debba essere importato, è altrettanto ovvio dato che la produzione interna, già insufficiente, cala costantemente. Che esso venga per circa il 40% dalla Federazione Russa, beh questo non sta bene né agli Stati russofobi del Centro ed Est Europeo né agli Stati Uniti che vorrebbero eliminare o ridimensionare questa leva di influenza politica e strategica in mano al loro principale competitore geopolitico.

Anche, se possibile, esportando il loro GNL, ma questo è secondario.

Ciò che è veramente essenziale per gli USA è che il gas naturale russo destinato all’Europa continui a passare prevalentemente attraverso l’Ucraina e la Polonia come ora – nonostante le frequenti interruzioni già subite nella storia recente – e non certo per sostenere quelle economie con la tariffa di transito pagata da Gazprom, ma perché questi due Paesi si prestano volentieri a cedere agli USA il potere di interdizione che la loro posizione geografica consente. Oggi loro sono in mezzo al “gasdotto” che collega Russia ed Europa occidentale; con il NS2 – ed il Turkish Stream, che però ora è bloccato sulle rive del Mar Nero in Turchia – finirebbero invece in coda all’infrastruttura, ricevendo gas naturale dalla Germania.

Lo scontro fra Commissione e Consiglio d’Europa è dunque decisivo per questa partita, ma non solo. Qualora dovesse prevalere la Commissione, il NS2 forse si farebbe anche – ne dubitiamo – ma a condizioni capestro inerenti la regolazione dei flussi e le garanzie di transiti complementari attraverso i gasdotti esistenti in Polonia ed in Ucraina.

Ciò che rimarrebbe come implicazione preoccupante sarebbe il fatto che con la modifica alla Direttiva TEP, la separazione proprietaria e l’accesso a terzi dovrebbe essere garantito a tutti i gasdotti offshore che collegano Paesi membri con terzi: che fine farebbero gli italiani Greenstream (Libia), Transmed(Algeria) e TAP (Azerbajan)? Sarà Gentiloni a discutere in Consiglio d’Europa la questione? Potrà l’Italia mantenere il diritto di “determinare le condizioni di utilizzo delle sue risorseenergetiche” e di “scegliere fra diverse fonti energetiche” (art. 194/Trattato UE)?

Con la modifica proposta e la conseguente necessità di ridiscutere i termini dei contratti internazionali relativi ai gasdotti di trasmissione, la Commissione UE sarebbe in grado di influenzare e bloccare tali possibilità, riservandosi un diritto di veto a suo favore, dovesse uno Stato membro contrattare delle esenzioni con la controparte terza.

Gli Stati membri della UE, ma in particolare l’Italia, dovrebbero interrogarsi se davvero conviene loro concedere tali poteri alla Commissione, – che facilmente si traslerebbero agli elettrodotti – mettere a rischio la loro sicurezza energetica e le future opportunità di connessioni con Stati terzi, per il solo scopo di bloccare una singola infrastruttura.

Forse la Commissione vuole approfittare delle tensioni fra Russia e NATO per estendere i suoi poteri nei confronti dei Paesi membri?

North Stream2: il conflitto si sposta dentro la UE (2a parte) – di Piergiorgio Rosso

Nel testo precedente informavamo dell’intenzione della Commissione Europea di cambiare il diritto applicabile ai gasdotti transnazionali per permettere alla Commissione stessa di determinare le condizioni contrattuali applicabili al commercio di gas naturale trasportato in quegli stessi gasdotti. Con lo scopo di controllare direttamente quantità e prezzi del gas naturale trasportato da Gazprom attraverso il North Stream2 (NS2) a favore di Polonia e Ucraina. Col rischio – per ora per fortuna del tutto ipotetico e teorico – di estensione di tale intervento della Commissione sul regime contrattuale vigente nei gasdotti transnazionali di interesse nazionale italiano (dalla Libia, Tunisia, Russia e – nel prossimo futuro – Azerbaijan).

Il nuovo governo dovrà affrontare la questione non sappiamo precisamente quando, ma sicuramente in tempi brevi perché la vicenda NS2 ha subito in questi giorni una significativa accelerazione.

Il 7 giugno u.s. la Svezia ha rilasciato a Gazprom le autorizzazioni al passaggio ed alla gestione del gasdotto nella sua Zona Economica Esclusiva (ZEE) per un tratto di circa 510 km. Ora manca all’appello solo la Danimarca che potrebbe aderire alle preoccupazioni esternate dagli USA sul rischio che il gasdotto russo potrebbe essere dotato di stazioni di ascolto sottomarino mettendo a rischio la sicurezza delle navi NATO. Ridicolo … (i tubi del NS1 già ci sono in fondo al mare Baltico …) ma tant’è. Gazprom ha fatto sapere che nel caso la Danimarca non concedesse l’autorizzazione è allo studio un cambiamento di percorso in acque internazionali.

Siamo stati recentemente in Germania a Greifswald dove l’attuale NS1 opera da anni e dove dovrebbe “atterrare” anche l’NS2 per constatare lo stato dei lavori. La movimentazione degli spezzoni di tubi da preparare, saldare e depositare in mare è continua ed il deposito dei pezzi occupa un’intera valletta vicino al porto di Sassnitz (vedi foto).

8ba66195-d2fb-4b7d-8c24-0475983f929e

Siamo pertanto portati a credere che la costruzione del NS2 non si fermerà facilmente, troppo avanzata la preparazione dei materiali e la fase autorizzativa è ormai quasi alla fine. Sia Gazprom che il portavoce del Cremlino Dimitry Peskov infatti hanno confermato che i lavori di deposizione del gasdotto nel mare della ZEE svedese cominceranno entro fine anno.

In questo contesto il Presidente ucraino Petro Poroschenko ha giocato la sua ultima carta, annunciando di essere al lavoro per creare un – non meglio definito – consorzio di imprese europee disponibili a gestire i gasdotti ucraini evitando così la costruzione del NS2. L’iniziativa avrebbe – ca va sans dire – l’appoggio degli USA. Poroschenko starebbe “attivamente negoziando con la Germania” su questa proposta.

E’ evidente che le pressioni su A. Merkel affinché fermi il gasdotto NS2 stanno raggiungendo l’acme, contando sulle difficoltà che l’attuale coalizione di governo tedesco ha su vari fronti: immigrazione, riforma dell’eurozona, dazi commerciali, insolite ispezioni in Deutsche Bank.

Si rinforza a nostro parere l’ipotesi secondo cui la via d’uscitache i tedeschi stanno esaminando prevede la costruzione del NS2 ma con una diversa regolazione dei gasdotti transnazionali, affidata ad organismi dell’UE.

Con conseguenze per ora inimmaginabili per i nostri interessi nazionali.

i link originari sono:

http://www.conflittiestrategie.it/north-stream2-il-conflitto-si-sposta-dentro-la-ue-di-piergiorgio-rosso

http://www.conflittiestrategie.it/north-stream2-il-conflitto-si-sposta-dentro-la-ue-2-di-piergiorgio-rosso

GLI STATI UNITI PRIMO PRODUTTORE DI PETROLIO, IDROCARBURI E GAS _ a cura di Giuseppe Germinario

Qui sotto la traduzione di un importante rapporto di fonte governativa americana riguardante l’attività di estrazione e produzione di materie prime energetiche nel paese. Con grande enfasi annuncia gli incrementi dei livelli di produzione di vari tipi e qualità di prodotti; talmente significativi e costanti da trasformare gli Stati Uniti da importatore a paese esportatore sino a raggiungere e consolidare addirittura il primato produttivo mondiale di un gran numero di queste fonti strategiche sino al 2050.

Un primato, quindi, apparentemente poco duraturo e reso apparentemente fragile dal vincolo dei costi elevati di estrazione, resi compatibili solo da un regime di prezzi di vendita relativamente sostenuti. Si potrebbe definire, quindi, un primato effimero in un ambito in continuo mutamento e dalle straordinarie novità. Basti osservare le recenti scoperte di giacimenti nel Mediterraneo Orientale.

La valenza strategica di questa nuova ed inaspettata condizione è in realtà molto più pregnante per vari motivi:

  • avviene in una fase di incipiente affermazione del multipolarismo durante la quale la produzione e il controllo delle rotte energetiche sono ambiti fondamentali del confronto geopolitico e della manipolazione delle alleanze
  • copre un periodo significativo della transizione, più o meno lunga secondo le diverse stime, verso la produzione predominante di fonti energetiche rinnovabili durante il quale sia il petrolio che, in misura sempre crescente, il gas continueranno ad avere una importanza centrale
  • ad un peso crescente degli Stati Uniti corrisponde un peso decrescente ed in via di esaurimento di paesi sinora strategici nella produzione come l’Arabia Saudita
  • il livello relativamente sostenuto dei prezzi è una condizione necessaria alla produzione energetica negli Stati Uniti; è però di vitale importanza alla sopravvivenza di quei numerosi paesi che fondano la propria esistenza e stabilità sulla monocoltura dell’estrazione di materie prime energetiche. Una cointeressenza che accentua le capacità manovriere del gigante americano
  • l’acquisita indipendenza in gran parte dei prodotti estrattivi gasiferi e di idrocarburi consentirà agli Stati Uniti politiche ancora più spregiudicate e meno vincolanti  in aree geopolitiche cruciali come il Medio Oriente, il Nord-Africa, l’area caraibica, l’Africa Equatoriale, la zona artica
  • in una eventuale affermazione di una fase di suddivisione policentrica delle diverse aree geopolitiche, l’offerta di materie prime energetiche e di loro derivati costituisce un fattore importante per la formazione di una propria area di controllo e influenza sufficientemente delimitata e coesa. L’attuale duro confronto con la Russia rappresenta solo un prodromo illuminante di quello che ci aspetterà nel futuro, ivi comprese le offerte di forniture alternative a quelle russe. 

Buona lettura_ Giuseppe Germinario-La Redazione

 

GLI STATI UNITI RIMANGONO IL PRIMO PRODUTTORE MONDIALE DI IDROCARBURI, PETROLIO E GAS NATURALE

 

Gli Stati Uniti consolidano, raggiungendo un livello record nel 2017, il loro primato come ​​primo produttore mondiale di idrocarburi, di petrolio e gas naturale. Gli Stati Uniti sono il ​​primo produttore mondiale di gas naturale ormai dal 2009, quando l’estrazione negli Stati Uniti ha superato quella della Russia e il primo produttore mondiale di idrocarburi e di petrolio dal 2013, quando la produzione americana ha superato quella dell’Arabia Saudita. Dal 2008, la produzione di petrolio e gas naturale negli USA è aumentata di quasi il 60%.

 

Confrontando gli Stati Uniti e la Russia, la produzione totale di idrocarburi di petrolio e gas naturale, misurata in termini di contenuto energetico, è praticamente equamente divisa tra petrolio e gas naturale, mentre la produzione dell’Arabia Saudita si concentra pesantemente nel petrolio. La produzione totale di petrolio è composta da diversi tipi di combustibili liquidi, tra i quali petrolio greggio e condensato per leasing, olio a tenuta stagna, olio extra-pesante e bitume. Inoltre, vari processi producono liquidi per impianti di gas naturale (NGPL), biocarburanti e altri combustibili liquidi, alcuni derivati del processo di raffinazione.

 

La produzione di petrolio negli Stati Uniti è aumentata di 745.000 barili al giorno (b / g) nel 2017, trainata da un aumento del 21% dei prezzi del petrolio, pari a circa $ 65 al barile. Negli Stati Uniti, il condensato di petrolio greggio e leasing ha rappresentato il 60% della produzione totale di idrocarburi di petrolio nel 2017 e i liquidi delle centrali a gas naturale hanno rappresentato il 24%. L’Arabia Saudita e la Russia hanno volumi molto più piccoli di liquidi per impianti di gas naturale, così come la produzione da raffineria e biocarburanti, che insieme rappresentano la parte rimanente della produzione di petrolio degli Stati Uniti.

 

La produzione di gas naturale secco negli Stati Uniti è cresciuta lentamente sino all’inizio del 2017 a causa di condizioni economiche in origine sfavorevoli. La produzione è aumentata negli ultimi nove mesi dell’anno, portando a una differenza di 5,7 miliardi di metri cubi al giorno (Bcf / d) tra il primo trimestre e il quarto trimestre del 2017. Dal 2016 al 2017, la produzione di gas naturale secco domestico è aumentata di 1 % e le esportazioni di gas naturale liquefatto negli Stati Uniti sono quadruplicate. La domanda di gas naturale dei consumatori è stata composita, a causa del clima invernale più mite rispetto al 2016 e dei prezzi del gas naturale più elevati fattori i quali hanno contribuito a una riduzione del 7% del consumo di gas naturale per la produzione di energia.

 

La produzione di gas naturale russo e saudita è aumentata significativamente nel 2017, con una crescita rispettivamente dell’8% e del 6% su base annua. Al contrario, la produzione di liquidi totali russi e sauditi è diminuita nel 2017 rispetto al 2016. Arabia Saudita e Russia hanno abbassato la produzione di petrolio come parte di un accordo dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e di alcuni produttori non OPEC (compresa la Russia) teso a ridurre la produzione totale di greggio nel tentativo di ridurre gli stock petroliferi globali.

 

La produzione petrolifera dell’Arabia Saudita è fondamentale per l’economia saudita, ma è particolarmente importante anche come fonte di energia domestica perché nel 2017 il paese ha consumato quasi 0,5 milioni di barili al giorno per la produzione di elettricità. Il continuo sviluppo di Wasit, Hasbah, e i giacimenti di gas naturale dell’Arabia dovrebbero ridurre la dipendenza a lungo termine del paese dalla produzione di energia dal petrolio greggio.

 

Nel caso di STEO ( Short Term Term Outlook) di Maggio, la produzione americana di petrolio e altri combustibili liquidi dovrebbe aumentare, raggiungendo 17,6 milioni di barili al giorno nel 2018 e 19,1 milioni di barili al giorno nel 2019, rispetto ai 15,6 milioni di barili al giorno nel 2017 .

 

Lo STEO di Maggio prevede che la produzione di combustibili liquidi russi raggiunga una media di 11,2 milioni di barili al giorno nel 2018 e nel 2019, lo stesso del livello di produzione del 2017. Lo STEO fornisce una previsione di produzione per i membri dell’OPEC nel suo insieme piuttosto che per i singoli paesi. La produzione totale di liquidi per l’OPEC, che nel 2017 era di 39,3 milioni di barili al giorno, è prevista in 39,2 milioni di barili al giorno nel 2018 e 39,5 milioni di barili al giorno nel 2019. Questa previsione tiene conto degli accordi recenti tra i paesi membri dell’OPEC, degli impegni di alcuni produttori non OPEC, come la Russia, a ridurre la produzione. Tuttavia, la non conformità dovrebbe aumentare verso la fine del 2018.

 

GLI STATI UNITI CRESCONO COME ESPORTATORE ENERGETICO E PER LA PRIMA VOLTA NEL XXI SECOLO DIVENTERANNO NUOVAMENTE POTENZA ESPORTATRICE.

 

 

All’inizio del XX secolo gli Stati Uniti divennero un importante fornitore di petrolio per il mondo. La seconda guerra mondiale ha indotto un programma di combustibili liquidi sintetici, ma non è andato oltre la ricerca. Verso la metà del secolo il paese passò dall’essere un grande esportatore a un importatore netto.

 

L’U.S. Energy Information Administration (EIA) ha pubblicato oggi il suo Annual Energy Outlook 2018 (AEO2018), che include il suo caso di riferimento e una serie di casi di sensibilità. Il caso di riferimento AEO2018 mostra un continuo sviluppo dello shale statunitense e delle risorse petrolifere e gassose associate a una modesta crescita del consumo di energia, portando alla transizione degli Stati Uniti da importatore netto di energia ad esportatore netto di energia nella maggior parte dei casi esaminati in AEO2018. “Il sistema energetico degli Stati Uniti continua a subire un’incredibile trasformazione”, ha affermato l’amministratore EIA Linda Capuano. “Questo è più ovvio se si considera che l’AEO mostra che gli Stati Uniti stanno diventando un esportatore netto di energia durante il periodo di proiezione nel caso di riferimento e nella maggior parte dei casi di sensibilità – un insieme di aspettative molto diverse da quelle che immaginavamo persino cinque o dieci anni fa. ”

 

Gli Stati Uniti sono stati importatori netti di energia dal 1953, ma AEO2018 prevede che gli Stati Uniti diventeranno un esportatore netto di energia entro il 2022 nel caso di riferimento. Nei casi di sensibilità AEO2018 che incorporano ipotesi a sostegno di una maggiore crescita della produzione di petrolio e gas naturale o che hanno prezzi del petrolio più elevati, si prevede che questa transizione si verifichi prima. Nel caso dell’Alta industria petrolifera e del gas e della tecnologia, la geologia favorevole e gli sviluppi tecnologici consentono la produzione di petrolio e gas naturale a prezzi inferiori, sostenendo le esportazioni crescenti nel tempo. Nel caso del prezzo elevato del petrolio, prima del 2040, le condizioni economiche sono favorevoli per i produttori di petrolio, supportano quindi livelli più elevati di esportazioni, ma un minore consumo interno. Dopo il 2040, le esportazioni diminuiscono a causa della mancanza di miglioramenti sostanziali nella tecnologia e nei trasferimenti di produzione verso regioni meno produttive.

 

L’AEO2018 presenta proiezioni aggiornate per i mercati energetici statunitensi fino al 2050 sulla base di sette casi (riferimento, bassa e alta crescita economica, prezzo del petrolio basso e alto, risorse petrolifere e del gas basse e alte e tecnologia). Il caso di riferimento AEO2018, che incorpora solo leggi e politiche esistenti, non intende essere una previsione più probabile del futuro. I casi alternativi incorporano diverse ipotesi chiave, che riflettono le incertezze del mercato, della tecnologia, delle risorse e della politica che possono influenzare i futuri mercati energetici.

 

L’aumento dell’efficienza energetica aumenta la crescita della domanda di energia durante la proiezione. Il consumo di energia cresce in media dello 0,4% / anno nel caso di riferimento dal 2017 al 2050. La crescita annua del PIL reale dovrebbe attestarsi al 2,0% a tutto il 2050 nella causa di riferimento.

 

Quasi tutta la nuova capacità di produzione di energia elettrica è alimentata dal gas naturale e dalle fonti rinnovabili dopo il 2022 nel caso di riferimento. Questo è il risultato dei prezzi del gas naturale che rimangono sotto i $ 5 / milioni di unità termiche britanniche fino alla fine del periodo di proiezione e il continuo declino nel costo delle energie rinnovabili, in particolare il solare fotovoltaico.

 

La produzione di liquidi negli Stati Uniti e di gas naturale continua a crescere nel 2042 e nel 2050, rispettivamente. Nel caso di riferimento, si prevede che la produzione di risorse di gas di scisto aumenterà fino alla fine del periodo di proiezione. La produzione di liquidi negli Stati Uniti inizia a declinare verso la fine del periodo di proiezione poiché vengono sviluppate aree meno produttive.

 

AEO2018 è una versione completa di AEO e incorpora aggiornamenti sulle modifiche legislative e normative e include un ampio set di casi di sensibilità e scenari con tabelle browser e fogli di calcolo per tutti i casi. Nei prossimi mesi verranno pubblicati una serie di articoli in merito. Iscriviti per ricevere una notifica via email del rilascio dei prossimi articoli Issues in Focus su: https://www.eia.gov/tools/emailupdates/#forecast.

 

 

NONOSTANTE L’USCITA DAL TRATTATO CLIMATICO DI PARIGI GLI STATI UNITI SONO LA SECONDA POTENZA PRODUTTRICE DI ENERGIE RINNOVABILI

 

L’esplorazione, lo sviluppo e la domanda di energia rinnovabile hanno sempre avuto una spiccata tendenza al rialzo. Fattori quali l’impatto ambientale, l’esaurimento delle scorte di combustibili fossili e i prezzi volatili del petrolio hanno avuto un impatto significativo sulla volontà di aumentare la produzione di energia rinnovabile. Tra il 2010 e il 2014, il consumo di energia rinnovabile dei principali paesi è effettivamente raddoppiato da 168 milioni di tonnellate a 316 milioni di tonnellate di petrolio equivalente.

 

Gli Stati Uniti sono diventati anche il secondo paese produttore di energie alternative dopo la Cina anche se la Cina manca delle risorse naturali che possiede l’America. Fatto sta che la Cina apre la strada con 1.425.180 GWh (Gigawatt ore) di energia rinnovabile prodotta. Anche se la Cina è un paese inquinante a causa del sue pesanti emissioni, in realtà è al primo posto nel mondo per la produzione di energia rinnovabile. L’espansione del consumo di energia rinnovabile è dovuta alla posizione unica della Cina come innovatore tecnologico. Ciò ha comportato una riduzione dei costi di installazione di celle solari e centrali eoliche. Gli Stati Uniti si piazzano secondi con 598.949 GWh. Negli ultimi anni, la generazione di energia non fossile o elettricità nucleare negli Stati Uniti è aumentata costantemente. Questa spinta all’energia pulita negli Stati Uniti è dovuta all’ American Recovery and Reinvestment Act del 2009.

 

Sotto trovate la tabella dei paesi produttori di energie rinnovabili:

 

Rango Paese Energia rinnovabile totale (GWh)

1 China 1.425.180

2 Stati Uniti 598.949

3 Brasile 430.410

4 Canada 422.539

5 India 213.020

6 Germania 195.900

7 Russia 168.616

8 Giappone 154.586

9 Norvegia 140.638

10 Italia 122.556

11 Spagna 110.550

12 Svezia 96.967

13 Francia 95.110

14 Venezuela 81.188

15 Regno Unito 75.721

16 Turchia 64.637

17 Paraguay 59.630

18 Vietnam 52.994

19 Austria 50.881

20 Colombia 47.661

 

 

ALLA LUCE DEI DATI SOPRA ILLUSTRATI QUALI SARANNO LE CONSEGUENZE A LIVELLO GEOPOLITICO MONDIALE A SEGUITO DELLA CRESCENTE POTENZA PRODUTTIVA ENERGETICA E DI RISORSE NATURALI DEGLI STATI UNITI? COME CAMBIERANNO GLI SCENARI E I GIOCHI GEOPOLITICI SU SCALA MONDIALE?

 

https://www.worldatlas.com/articles/top-15-countries-using-renewable-energy.html

 

https://www.eia.gov/todayinenergy/detail.php?id=36292#.WweYlZFj_jA.facebook

 

https://www.eia.gov/pressroom/releases/press453.php

 

 

 

24° podcast_ Botta e risposta, di Gianfranco Campa

Il Russiagate avrebbe dovuto essere la pietra tombale della Presidenza Trump. Si sta rivelando una caccia ai mulini a vento che rischia di ridicolizzare e discreditare ulteriormente i promotori. Per uscire dalla palude nella quale stanno annaspando senza vie di uscita cercano di aprire pretestuosamente nuovi filoni di indagine con veri e propri colpi di mano e abusi delle proprie funzioni e del proprio mandato. Un logoramento che sta consentendo a Trump di esibire nuovi campioni in grado di tener testa alle scorribande e di rendere la pariglia anche allo stesso livello. La discesa in campo di Rudolph Giuliani è particolarmente significativa. Efficace nel ribattere gli attacchi personali, al prezzo però del sacrificio progressivo dello staff che ha portato Trump alla Casa Bianca sull’onda di prospettive e strategie alternative oramai sempre più vaghe. Un duello che spinge a concentrare sempre più le forze nella tenzone con il risultato di allentare i fili che controllano le dinamiche nei paesi alleati più stretti. Tanto più che uno degli oggetti reali del contenzioso che fanno da sfondo alle faide riguarda il mantenimento o meno della rete di rapporti multilaterali costruiti in questi ultimi trenta anni oppure la loro ridefinizione attraverso una rinegoziazione  bilaterale con i principali paesi, compresi quelli aderenti al Patto Atlantico. Una dinamica che porta ad acuire le rivalità tra le varie potenze regionali ma che sembra altresì offrire qualche margine di azione inaspettato a nuovi centri politici in via di emersione. Ciò che sta accadendo in Italia potrebbe testimoniare un ulteriore passo verso questa direzione. Un processo che rende ancora più interessante ed offre un contesto verosimile alla narrazione inedita che Gianfranco Campa continua ad offrirci_ Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://soundcloud.com/user-159708855/podcast-episode-24

Contenziosi in terra straniera, di Antonio de Martini

Trump era stato avvertito che rompere unilateralmente l’accordo JCPOA avrebbe avuto conseguenze sul piano militare.

Ieri l’Iran e Israele si sono scambiati una ventina di missili per parte avendo cura di non mirare a zone abitate.
Gli obbiettivi di entrambi sono in territorio siriano beninteso.

Gli iraniani hanno portato la guerra al confine di Israele colpendo la provincia di Quneitra ( alture di Golan), dopo che tutti gli sforzi occidentali miravano a perpetuare la guerra alla frontiera turca.

Il gioco è chiaro: se Trump colpirà l’Iran, questo colpirà Israele, il quale a sua volta colpirà la Siria.

L’Europa – rappresentata da Francia,Germania e Inghilterra, assente l’Italia, hanno preso per la prima volta ufficialmente, le distanze dalla politica USA.

Presto dovremo anche noi decidere se correre il rischio di perdere il cliente americano che ci compra le mozzarelle e l’olio di oliva, oppure il cliente iraniano che compra da noi tecnologia.

Unica ragione di ottimismo è la presenza in questi giorni a Mosca – per la celebrazione della vittoria su Hitler- di Netanyahu che sta trattando con Putin.

Il mezzo milione di russi ortodossi,spacciatisi per ebrei che lasciarono l’URSS e adesso costituisce ormai una colonia russa in Israele ( e ha creato un partito) assume valenza determinante nel mosaico del Levante.

Ha offerto un argomento negoziale comune alla Russia e a Israele e costituisce motivo per Netanyahu per non trascurare la mediazione di Putin e per Putin di voler salvaguardare anche Israele.

La Russia, celebrando più che la vittoria i suoi 20 milioni di morti che hanno salvato l’Europa dal nazismo, dice all’Occidente che non teme di perdere altri venti milioni di soldati.

Ricevendo l’ospite israeliano a Mosca durante questa crisi, Putin mostra che la via del compromesso di pace passa dal Cremlino mentre Trump non è riuscito a far chiudere la bocca nemmeno a una puttana.

In questo momento di grandi scelte, un governo Di Maio Salvini , con Mattarella al Quirinale, mi fa venire la pelle d’oca.

Diplomazie parallele, di Giuseppe Germinario

Un articolo del Boston Globe del 4 maggio scorso  narra di un incontro tra John Kerry, l’ex segretario di stato americano in carica durante l’amministrazione Obama e il ministro degli esteri iraniano Javad Zarif avvenuto circa due settimane prima nella sede dell’ONU. https://www.bostonglobe.com/news/nation/2018/05/04/kerry-quietly-seeking-salvage-iran-deal-helped-craft/2fTkGON7xvaNbO0YbHECUL/story.html

(qui invece la traduzione automatica del testo) https://translate.google.com/translate?depth=1&hl=it&rurl=translate.google.com&sl=auto&tl=it&u=https://www.bostonglobe.com/news/nation/2018/05/04/kerry-quietly-seeking-salvage-iran-deal-helped-craft/2fTkGON7xvaNbO0YbHECUL/story.html  

L’autore in realtà sostiene che l’incontro rappresenta solo l’ultimo atto conosciuto di una intensa attività intrapresa discretamente dall’ex-diplomatico in questi mesi mettendo in piedi uno staff di decine di personaggi più o meno influenti, denominato “diplomacy work” e tessendo una fitta trama di iniziative e relazioni che arriva a coinvolgere anche i più alti esponenti politici europei, tra di essi Mogherini, Merkel e Macron nonchè a influenzare l’azione politica dei detrattori dell’accordo con l’Iran. Tra queste ultime, assieme alla diffusione di centinaia di articoli e servizi, la pubblicazione di un appello di ventisei ex alti ufficiali israeliani favorevoli al mantenimento dell’accordo.

Una iniziativa certamente importante per il merito. Su questo le analisi politiche non difettano di informazioni e di punti di vista diversi pur con la solita deprimente eccezione nostrana.

Molto più significativa e dirompente è l’iniziativa in se stessa.

Nelle relazioni internazionali i vari centri decisionali dispongono sempre di canali paralleli e dei più disparati livelli di azione, più o meno ortodossi, attraverso i quali mettere in atto le proprie strategie. Accade anche che in caso di conflitto o di disaccordo tra centri decisionali interni ad un paese la tenzone non si risolva con un regolamento diretto e l’accettazione del verdetto ma attraverso l’azione che coinvolge l’intero sistema di relazioni internazionali. Con il rispetto, solitamente, di una regola aurea: la assoluta discrezione. L’iniziativa di J. Kerry infrange ancora una volta, negli ultimi tempi e soprattutto nel campo fondamentale della politica estera, questo tabù. Lo stesso per il quale venne infangato e detronizzato, a pochi giorni dal suo incarico, un anno fa il suo omologo Flynn in una condizione decisamente più dubitevole e pretestuosa. E infatti lo ha immediatamente rimarcato Devin Nunes, presidente del comitato di vigilanza sui servizi segreti del Congresso Americano https://www.alternet.org/devin-nunes-calls-john-kerry-be-arrested-fbi-send-g-men

Una situazione inconsueta di aperto osteggiamento di una azione politica, tipica di una condizione di guerra civile o di colpo di stato strisciante piuttosto che di ordinario confronto politico

Rappresenta l’ulteriore indizio dell’incomponibilità e della virulenza dello scontro in atto tra centri decisionali negli Stati Uniti. Un conflitto che non lascia spazi a mediazioni durature e che si risolverà con l’annichilimento sempre più probabile di uno dei contendenti in scena. La stessa radicalizzazione e contraddittorietà del confronto geopolitico oltre che la causa ormai può essere considerata anche la conseguenza di questo conflitto interno in corso. Con una importante novità. Due anni fa poteva apparire un conflitto estemporaneo tra un establishment tetragono e una élite estemporanea e avulsa; oggi questa élite, a costo di pesanti compromessi che hanno snaturato gran parte dei propositi originari, è riuscita a mettere radici negli apparati di potere e decisionali e a consolidare un proprio sistema di relazioni internazionali sia conclamato che più discreto entro il quale trovano spazi e mediazioni alcuni centri decisionali di potenze minori come la Francia, la Turchia e la Corea.

In questo quadro possono trovare posto eventi apparentemente incomprensibili e contraddittori come la sospensione e l’eventuale taglio dei finanziamenti americani agli “Elmetti Bianchi” in Siria, una formazione assistenziale collaterale ai gruppi ribelli sostenuti e finanziati dal campo occidentale. https://www.cbsnews.com/news/u-s-freezes-funding-for-syrias-white-helmets/

Potrebbe essere un segnale lanciato ai russi di un loro riconoscimento come attori principali di una trattativa sulla Siria ancora tutta da definire ma con un ruolo dell’Iran da ridimensionare drasticamente; potrebbe essere altresì un avvertimento alla Gran Bretagna di May, principale finanziatrice e sostenitrice di quella organizzazione, ad astenersi da iniziative autonome di pressione e provocazione, come la messa in scena dell’attacco chimico a Goutha del 7 aprile; un invito a concordare le mosse con l’attore geopolitico principale, per meglio dire con la fazione attualmente al governo se non proprio al potere.

L’una ipotesi non esclude necessariamente l’altra. Si vedrà nelle prossime puntate. Con un consiglio però: leggete attentamente gli articoli postati nei link. Raffigurano la rappresentazione plastica della complessità della trama e delle dinamiche che stanno sconvolgendo le formazioni sociali. https://www.scribd.com/document/378289155/U-S-Special-Counsel-Mueller-Vs-Paul-Manafort-Judge-TS-Ellis-III-Presiding-May-4-2017

 

Sergey Lavrov alla BBC, il 19 aprile 2018_ a cura di Giuseppe Germinario

Qui sotto la trascrizione dell’intervista del Ministro degli Esteri di Russia, Sergey Lavrov, concessa durante il programma HardTalk della BBC britannica. Nel suo stile asciutto e duro Lavrov ci offre ancora una volta il punto di vista russo sui due più recenti punti di crisi internazionale nei quali è coinvolta la Russia. Giuseppe Germinario https://www.youtube.com/watch?time_continue=12&v=-zJ41whNgR0

 

Intervista di Sergei Lavrov della BBC

Russia , Sergey Lavrov

 

Intervista del Ministro degli Esteri russo – per prendere una visione critica …

Fonte: S. Hasan, 19-04-2018

trascrizione:

Reporter: Sergey Lavrov, benvenuto in Hard Talk . La scorsa settimana, il mondo era profondamente preoccupato per la possibilità di un conflitto armato diretto tra Stati Uniti e Russia. Secondo lei, quanto siamo stati vicini a questo scenario?

Sergey Lavrov: Non penso che siamo stati molto vicini. Penso che questa situazione sia stata creata dai nostri colleghi occidentali che si sono comportati in modo molto irresponsabile. Hanno accusato le autorità siriane di usare armi chimiche contro la popolazione civile e allo stesso tempo ci hanno accusato di alleati del governo siriano. Sapendo che lo hanno fatto senza aspettare che gli ispettori dell’OPCW visitino i locali. In effetti, è stato proprio nel momento in cui i rappresentanti dell’OPCW erano pronti a viaggiare dal Libano alla Siria per realizzare questi scioperi. Come ha spiegato il nostro esercito, il canale di collegamento per prevenire incidenti non pianificati (i cosiddetti “deconflicing”) funziona continuamente.

Reporter: Quindi per essere chiari ed evitare il gergo, ho capito bene che gli Stati Uniti e i loro alleati ti hanno precedentemente informato degli attacchi in preparazione, e tu, dalla tua parte, ti sei assicurato che la Russia non reagirà?

Sergey Lavrov: Preferirei non entrare nei dettagli di questi contatti di lavoro tra i nostri militari. I militari russi e americani hanno un canale di collegamento tra le due capitali e anche in Siria stessa, ei nostri soldati discutono queste questioni in modo molto professionale tra loro. Si capiscono molto bene. Probabilmente capiscono meglio di chiunque altro il rischio di simili avventure.

Reporter: Mr. Lavrov, questa crisi non è finita, vero?

Sergey Lavrov: Dipende da chi ha organizzato questa intera crisi.

Reporter: guardando le dichiarazioni dei tuoi diplomatici, la conclusione si autoinvita. Ad esempio, il tuo ambasciatore negli Stati Uniti ha detto che questi attacchi aerei non sarebbero senza conseguenze. Vladimir Putin l’ha definito un atto illegale di aggressione. Il mondo vuole sapere cosa intende fare la Russia?

Sergey Lavrov: È una dichiarazione di fatto. E ci sono inevitabilmente conseguenze. Direi che abbiamo perso i resti di fiducia per i nostri amici occidentali che preferiscono basare le loro azioni su una logica molto strana – “non c’è punizione senza colpa”. Ad esempio, ci puniscono prima per Salisbury e poi aspettiamo Scotland Yard per finire l’inchiesta. Prima puniscono per Duma in Siria e poi aspettano che gli esperti dell’OPCW vengano a esaminare i luoghi. In altre parole, questa ‘troika’ dei paesi occidentali agisce secondo il principio ‘se sei punito, sei colpevole’.

Giornalista: Riguardo agli incidenti che hai citato – Duma e il caso Skripal – ne parleremo in dettaglio con te. Ma prima vorrei ancora parlarti dello stato delle nostre relazioni diplomatiche. Nikki Haley, rappresentante permanente degli Stati Uniti presso l’ONU, ha dichiarato che gli Stati Uniti rimangono “in ordine di lavoro”. Come puoi rispondere a tali affermazioni?

Sergey Lavrov: Mi sembra che prima avrebbero dovuto sistemare la casa a Washington. Crediamo che affermazioni di questo tipo possano essere fatte solo dal capo dell’esercito o dai vertici militari. Come ho detto, i militari russi e statunitensi hanno un canale di collegamento per prevenire incidenti non pianificati, ma sono informazioni riservate.

Reporter: stai parlando del deficit di fiducia, stai parlando di una totale mancanza di fiducia tra la Russia e gli Stati Uniti.

Sergey Lavrov: Ho detto che stiamo perdendo la fiducia rimanente, non siamo ancora a 0.

Reporter: Non ancora 0. Mi chiedo, al livello più elementare, quando tu, ministro degli Esteri russo, ti alzi la mattina e leggi su Twitter che il Presidente e Capo delle forze armate degli Stati Uniti ti sta minacciando di fatto e ti disse: “Russia, sii pronto! Nuovi e intelligenti nuovi missili stanno arrivando! ‘. Cosa ne pensi di questo?

Sergey Lavrov: Beh, mi dico che il presidente degli Stati Uniti ha pubblicato un tweet.

Reporter: E come reagisci ai suoi Tweet?

Sergey Lavrov: Come si suol dire, dobbiamo giudicare a pezzi. Abbiamo deciso di vedere come questi missili “belli, nuovi e intelligenti” verranno mostrati durante gli attacchi e abbiamo calcolato che due terzi dei missili non hanno colpito il bersaglio perché sono stati intercettati.

Reporter: Ma non hai prove, vero?

Sergey Lavrov: il Ministero della Difesa russo ha presentato la sua valutazione ed è pronto per una discussione professionale su questo argomento.

Giornalista: Torneremo alla verità delle informazioni fornite da tutti gli attori in questo conflitto, ma ora parliamo di diplomazia. Il primo ministro britannico Theresa May e il presidente francese Emmanuel Macron hanno reso molto chiaro nelle loro dichiarazioni che l’unico scopo dell’operazione era quello di ridurre e impedire l’uso dell’arma chimica da parte delle autorità siriane. L’operazione non aveva lo scopo di influenzare il corso del conflitto siriano e certamente non mirava a rovesciare il regime siriano a Damasco.

Sergey Lavrov: Questo è quello che dicono.

Reporter: E non sei d’accordo?

Sergey Lavrov: No, non siamo d’accordo. Il tuo spettacolo si chiama ‘Hard talk’, ma abbiamo bisogno di ‘fatti concreti’. E tutte queste affermazioni molto probabilmente sono semplicemente ridicole.

Reporter: Mi scusi, quando dici “molto probabilmente”, ti riferisci all’analisi che le forze governative di Assad hanno usato l’arma chimica in Duma?

Sergey Lavrov: No, quando parlo della frase “altamente probabile”, intendo dire che è una nuova invenzione della diplomazia britannica dietro la quale il Regno Unito si nasconde quando punisce le persone. Dichiara che queste persone sono “molto probabili” colpevoli. Sai, nell’Alice in Wonderland di Lewis Carroll c’è la scena del processo, e quando il re chiede: “Devi prima ascoltare i giurati?”, La regina grida: “No! In primo luogo, la condanna e il verdetto dei giurati in seguito! Questa è la logica del “più probabile”.

Reporter: Ok, questa è la tua opinione. Parliamo di quello che è successo a Duma. Lasciatemi iniziare prima con una domanda molto semplice. La Russia si oppone all’uso dell’arma chimica e pensa che chi usa l’arma chimica debba essere punito, non è vero?

Sergey Lavrov: questa è una domanda? Pensavo che fossi molto meglio informato sulla posizione russa in merito. Fai una domanda con una risposta ovvia.

Reporter: è ovvio, sei d’accordo. Poiché hai firmato accordi appropriati, condividi la determinazione della comunità internazionale a vietare e eliminare completamente le armi chimiche.

Sergey Lavrov: Sì, e molto altro; nel 2017 abbiamo completato il programma di distruzione di armi chimiche in Russia, e questo è stato confermato ufficialmente dall’OPCW. L’intero Comitato esecutivo dell’OPCW ha accolto con favore questo passo. Mentre gli Stati Uniti, purtroppo, non hanno ancora mantenuto le promesse e preferiscono invece respingerlo per sempre.

Giornalista: Ma se ho appena affermato e l’impegno della Russia in questo senso è chiaro, allora certamente vorrete che i colpevoli dell’uso di armi chimiche in Duma (e il loro uso è confermato da prove travolgente) siano puniti?

Sergey Lavrov: Aspetta, aspetta. Stai andando troppo veloce con i “fatti”, di nuovo.

Reporter: non la penso così

Sergey Lavrov: Il 7 aprile non ci sono prove dell’uso di armi chimiche a Duma, e tu hai già …

Reporter: Ma ci sono prove

Sergey Lavrov: Puoi … Puoi [smettere di interrompermi]?

Giornalista: Emmanuel Macron e i francesi hanno dichiarato chiaramente di avere informazioni sui voli dell’elicottero del governo siriano su Douma. Hanno foto di bombole di gas trovate sulla scena dell’attacco. Hanno anche registrato tutti gli usi delle armi chimiche da parte del governo siriano negli ultimi anni. Se combini tutti questi elementi, nella misura in cui i francesi, gli americani, gli inglesi …

Sergey Lavrov: Non posso permettermi di essere scortese con gli altri capi di stato (né con il capo del mio stato, ovviamente), ma hai citato leader da Francia, Regno Unito e Stati Uniti. STATI. Ma francamente, tutte le prove cui si riferiscono sono tratte dai media e dai social network. Ad esempio, bombole di gas. Ho visto questa foto – una bottiglia di gas su un letto, mentre il letto è intatto, il vetro della finestra non è rotto. Ascolta, devi essere un po ‘più serio. Puoi spiegarmi perché colpire (Siria) se il giorno seguente, gli ispettori dell’OPCW andranno sul posto per esaminare quello che affermano sia successo?

Giornalista: Il rappresentante degli Stati Uniti dell’OPCW dice che ci sono seri motivi per temere che la Russia stia cercando di distruggere le prove a Duma. Puoi dire dalla tua parte che la Russia non stava facendo nulla del genere?

Sergey Lavrov: Sì, posso garantirlo, ma sai, è assolutamente la stessa logica di Theresa May su Salisbury. Quando abbiamo chiesto a dozzine di domande, quando abbiamo chiesto di organizzare un sondaggio congiunto, quando abbiamo chiesto l’accesso al processo di raccolta dei campioni, lei ha risposto di no, non risponderanno a nessuna domanda finché La Russia non risponderà alle loro. Ma l’unica domanda che ci è stata posta è stata questa: “Spiegaci come hai fatto. E’ Vladimir Putin che ha ordinato di avvelenare questi due sfortunati? O è dovuto al fatto che hai perso il controllo delle tue scorte di armi chimiche? “Per qualsiasi persona ragionevole, questa è una situazione particolarmente strana … Ma torniamo a Duma.

Giornalista: Sì, tornerò allo Skripal, ma intanto tornerò a Duma e alla questione della credibilità. Prima hai dichiarato che l’incidente (chimico) a Duma non si era verificato. Poi la Russia ha cambiato la sua posizione e ha detto che è successo qualcosa, ma è stato messo in scena dai paesi russofobi.

Sergey Lavrov: In effetti, non ci sono stati incidenti (chimici). Quello che c’era è una messa in scena. Non sono state usate armi chimiche.

Reporter: Lei pensa che il Regno Unito sia coinvolto in questo finto attacco di armi chimiche a Duma, vero?

Sergei Lavrov: la storia ha avuto molti precedenti simili negli ultimi decenni. Ciò che effettivamente pensiamo e le nostre informazioni potrebbero condividere le informazioni necessarie con i loro colleghi britannici, è …

Giornalista: Ma tu dici di avere prove inconfutabili che si tratta di un falso, una messa in scena. Tu dici che i volontari dei White Helmets sono coinvolti. Dove sono le tue prove inconfutabili?

Sergey Lavrov: Per avere prove inconfutabili devi andare sulla scena, e il …

Reporter: Dove è la prova concreta che questo è stato messo in scena dai caschi bianchi, con il sostegno del governo britannico? Stiamo parlando di credibilità. Dov’è la tua credibilità?

Sergey Lavrov: Quello che ho detto è che i White Helmets, come sappiamo, funzionano solo nel territorio controllato dall’opposizione, incluso il gruppo Front al-Nusra. Sappiamo che i White Helmets suonano regolarmente l’allarme su presunti incidenti chimici, come un anno fa a Khan Cheikhoun, che si è rivelato un falso dall’inizio alla fine. Tutti sanno che i White Helmets sono finanziati da diversi paesi, tra cui il Regno Unito.

Reporter: Ma queste non sono prove inconfutabili.

Sergey Lavrov: Un secondo. Prova inconfutabile di cosa?

Reporter: hai detto che hai prove inconfutabili che un paese russofobico, e tu intendevi il Regno Unito, stava lavorando con i White Helmets per mettere in scena l’incidente.

Sergey Lavrov: Un secondo. Perché dici che ho designato il Regno Unito? Non devo dire quello che non ho detto. Ho detto “uno stato che cerca di essere il primo tra i ranghi della campagna russofoba”. Quindi prova a citarmi senza distorcere, altrimenti non è molto professionale.

Quindi, parlando di prove inconfutabili, gli ispettori dell’OPCW hanno accettato di condurre un’indagine per scoprire cosa è successo a Duma. Sono venuti in Libano. Le autorità siriane hanno detto loro che avrebbero ottenuto i loro visti immediatamente all’arrivo al confine. Sette ore dopo, la Siria fu colpita. Perché farlo alla vigilia dell’arrivo degli ispettori?

Reporter: se risultasse che i governi di Francia, Regno Unito e USA avevano ragione e torto, e se il presidente siriano Bashar al-Assad ha continuato a usare l’arma chimica, lo ha fatto nel 2013 nella Ghouta facendo fino a mille morti, come ha fatto un anno fa a Khan Sheikhoun o come ha appena fatto a Douma, secondo gli americani e i loro alleati. Se si scopre che hanno ragione e hai torto, riconoscerai che il presidente Bashar al-Assad deve essere punito?

Sergey Lavrov: Sai, non mi senti. Più esattamente non mi ascolti. Ho appena detto che l’atto di aggressione è stato commesso meno di un giorno prima dell’inizio del presunto attacco chimico da parte di ispettori internazionali, compresi i cittadini statunitensi, a quanto ho capito.

Ora, riguardo a quello che è successo un anno fa a Khan Sheikhoun. Era il 4 aprile. Il giorno successivo, il segretario di stato americano Rex Tillerson mi ha telefonato e ha chiesto un accordo dalle autorità siriane per consentire agli ispettori internazionali di esaminare la base aerea da cui l’aereo è decollato, presumibilmente con a bordo questa bomba chimica. . La mattina dopo abbiamo detto agli americani che l’accordo è stato raggiunto. Hanno risposto, ‘no, grazie’ e hanno colpito il giorno successivo. Abbiamo chiesto che gli ispettori dell’OPCW entrassero in scena, ma ci è stato detto che era molto pericoloso e che in ogni caso non era necessario perché gli inglesi e i francesi avevano già tutti i campioni necessari Abbiamo quindi chiesto agli inglesi e ai francesi di spiegarci come sono riusciti a ottenere i campioni in un posto così pericoloso. Forse hanno contatti con i caschi bianchi che controllano questo territorio. Hanno risposto che questa informazione era confidenziale.

Ci sono molti altri fatti che vorremmo chiarire e molte altre domande legittime in risposta all’unica domanda che sentiamo dai leader e dai media occidentali: “Perché l’hai fatto?” Perché hai usato l’arma chimica nel Regno Unito? Perché stai coprendo Bashar al-Assad? E ora fai affidamento su queste affermazioni per dire: “E se si scopre che hai sbagliato, allora?” È molto interessante come …

Reporter: tu sei il capo della diplomazia russa. Se si sono verificati altri incidenti chimici e gli Stati Uniti, il Regno Unito, la Francia e altri paesi hanno ritenuto che fosse opera di Bashar al-Assad, è certo che ci sarebbero stati nuovi attacchi ancora più massicci. Quale potrebbe essere il risultato? La Russia prenderà le contromisure?

Sergey Lavrov: Prima di parlare di “nuovi incidenti”, bisogna prima dimostrare che Bashar al-Assad ha effettivamente usato l’arma chimica. Posso darti un breve …

Reporter: ho solo fatto una domanda molto semplice perché il mondo vuole saperlo. Secondo Nikki Haley, gli Stati Uniti sono “carichi e pronti a sparare” e se credono – non importa cosa pensate dalla vostra parte – che Bashar al-Assad abbia usato di nuovo armi chimiche, è chiaro che ci sarebbe stata una risposta militare da loro ancora più massiccia. Come reagirebbe la Russia a questo?

Sergey Lavrov:Sai, non lavoro in chiaroveggenza. Quello che so è che qualche tempo fa, tre paesi occidentali, che stanno attualmente conducendo questa campagna isterica, hanno avvertito che se Bashar al-Assad avesse usato armi chimiche, avrebbero usato il forza. Lo considero un segnale per i “cattivi”, specialmente i White Helmets, per organizzare le provocazioni. Ora, dopo l’attacco aereo del 14 aprile, dicono di nuovo che in caso di un nuovo incidente, riutilizzeranno la forza. E questo è un altro segnale per i combattenti e gli estremisti per rilanciare le attività militari, che hanno già fatto. Subito dopo l’attacco aereo, tentarono di lanciare un’offensiva contro Damasco. Cosa intendo, è che quando alcuni dicono che la Russia è responsabile per (adempimento degli impegni) di Bashar al-Assad nel contesto della Convenzione sulla proibizione delle armi chimiche, è semplicemente disgustosa. Abbiamo condotto questo lavoro insieme agli Stati Uniti.

Reporter: un’ultima domanda sulla diplomazia prima di affrontare altri argomenti. Oggi gli Stati Uniti proporranno al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di prendere in considerazione una nuova risoluzione che ritengono sia necessaria per avvertire Bashar al-Assad a nome della comunità internazionale che non può più ricorrere alle armi chimiche. Sei pronto a collaborare con gli Stati Uniti all’ONU? Smetterete di porre il veto su tutte le risoluzioni proposte dagli Stati Uniti e dai suoi alleati?

Sergey Lavrov: non tutte le risoluzioni. Se stiamo parlando della ripresa del meccanismo investigativo, che non è trasparente o indipendente e che emette la sentenza senza attendere il verdetto del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, ovviamente non saremo in grado di accettarlo. . A proposito, …

Reporter: non accetti.

Sergey Lavrov: Sai cosa penso? Steve, per favore, lasciami parlare. Penso che l’unico scopo di questa risoluzione è dare l’impressione se la Russia e la Siria accettino di cooperare, il che è impossibile a causa del contenuto; ma se accettiamo, vorrebbero presentarlo in modo che siano le bombe a costringerci a negoziare. Ecco perché la risoluzione richiede che le autorità siriane accettino i negoziati. Ignorando il fatto che il principale gruppo di opposizione che sostengono, il cosiddetto gruppo Riyadh nella persona del suo presidente Nasser al-Hariri, che ha recentemente invitato gli Stati Uniti a utilizzare le armi non solo quando viene usata l’arma chimica, ma ovunque l’opposizione stia combattendo contro le forze governative.

Reporter: alcune brevi domande. Primo, pensi che Bashar al-Assad sia uscito vittorioso da questa interminabile guerra siriana?

Sergey Lavrov: Non pensare ai vincitori e ai vinti, o di Bashar al-Assad o dei suoi avversari. Soprattutto, dobbiamo pensare al popolo siriano che ha bisogno di una pausa dagli orrori di 8 anni di conflitto.

Reporter: qual è l’obiettivo finale della Russia in Siria? Negli ultimi tempi, Mosca ha inviato sempre più materiale e risorse umane. Questo significa che intendi aiutare Bashar al-Assad finché non controlla ogni centimetro del territorio siriano?

Sergey Lavrov: Il nostro obiettivo è proteggere la Siria dall’aggressione iniziata il 14 aprile e che questi tre paesi, come si suol dire, intendono continuare.

Reporter: Intendi consegnare al presidente siriano Bashar al-Assad il tuo nuovissimo sistema anti-aereo S-300? Se è così, questo potrebbe essere di grave preoccupazione per Israele.

Sergey Lavrov: il presidente russo Vladimir Putin ha già risposto a questa domanda. Ha ricordato che alcuni anni fa, su richiesta dei nostri partner, abbiamo deciso di non consegnare l’S-300 in Siria. Ora, dopo un disgustoso atto di aggressione da parte di Stati Uniti, Francia e Regno Unito, studieremo le opzioni per garantire la sicurezza dello stato siriano.

Reporter: se ho capito bene, gli eventi degli ultimi giorni ti hanno spinto a riconsiderare la tua posizione e ora sei incline a fornire questi moderni sistemi di difesa aerea in Siria?

Sergey Lavrov: Questo ci convince che dobbiamo fornire alla Siria tutto il necessario per aiutare l’esercito siriano a prevenire l’aggressione.

Giornalista: almeno 500.000 persone sono state uccise in sette anni di guerra in Siria. Almeno 12 milioni di persone hanno dovuto lasciare le loro case. Almeno 5 milioni di loro finiscono fuori dalla Siria. Pensi seriamente che Bashar al-Assad sia davvero in grado di unire il paese, sanare le ferite e guidare la Siria?

Sergey Lavrov: Non abbiamo mai detto niente del genere. Il nostro approccio si riflette nella risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite: sono gli stessi siriani che devono decidere il destino della Siria. Abbiamo bisogno di una nuova Costituzione, elezioni, e che i siriani decidano da soli. I tentativi incessanti di frantumare la Siria vanno contro ciò che viene detto pubblicamente e ufficialmente. Inoltre, la Siria non è la sola a subire le terribili conseguenze della guerra civile. Guarda Iraq e Libia. E ora quelli che mettono questi paesi in questo stato vogliono la stessa cosa fatta in Siria.

Giornalista: Ora parliamo del caso di Sergei Skripal e di sua figlia Yulia che sono stati avvelenati nella città di Salisbury, nel sud dell’Inghilterra. Oggi, in questa intervista, hai detto che la fiducia era importante. Lei, ministro degli Esteri russo, sostiene che i servizi britannici noti per la loro “autorizzazione ad uccidere” sono coinvolti in questo incidente. Forse queste ultime osservazioni erano uno scherzo da parte tua. Dimmi, pensi davvero che la tua versione verrà presa sul serio?

Sergey Lavrov: Ci è stato detto che “molto probabilmente” gli Skripal sono stati avvelenati dai russi perché non c’è altra spiegazione plausibile. Ecco perché abbiamo detto che c’erano altre versioni plausibili.

Reporter: ma la tua versione non è credibile.

Sergey Lavrov: E perché?

Reporter: hai qualche prova che i servizi britannici abbiano cercato di uccidere Sergei Skripal?

Sergey Lavrov: I romani avevano già un criterio: “Cerca chi trae vantaggio dal crimine”. Penso che la provocazione in Siria e nel territorio britannico sia stata estremamente vantaggiosa per il Regno Unito. Oggi il Regno Unito si trova in prima linea nella politica mondiale con un modo così molto negativo, aggressivo e strano.

Reporter: permettimi di sottolineare l’inconsistenza della tua posizione. Durante l’intervista, lei ha sottolineato con forza l’impegno della Russia nei confronti di tutte le convenzioni e gli accordi internazionali sul divieto delle armi chimiche, incluso il sostegno al lavoro dell’OPCW.

Sergey Lavrov: È vero.

Reporter: E supporti in particolare l’attività dell’OPCW

Sergey Lavrov: È vero

Reporter: Sai meglio di me che l’OPCW ha inviato i campioni della sostanza neuro-paralitica utilizzata a Salisbury in quattro diversi laboratori, e tutti hanno confermato che si trattava di ‘Novitchok’ (come ha detto il governo britannico ) di alto livello di purezza.

Sergey Lavrov: E questo è precisamente il problema. La presenza stessa della sostanza A-234 ad alto livello di purezza e concentrazione molto elevata è sospetta perché …

Reporter: è chiaro che viene dalla Russia, l’ex Unione Sovietica. Tutti sanno che hai inventato questo gas neuro-paralitico.

Sergey Lavrov: atteniamoci ai fatti. Potresti essere un asso per fare domande difficili, ma devi anche sapere come ascoltare! In effetti, questa sostanza è stata sviluppata nell’Unione Sovietica, ma poi uno dei suoi inventori è fuggito negli Stati Uniti e ha pubblicato la formula di accesso aperto. Dovresti controllare tu stesso queste informazioni per sollevare il problema. Gli Stati Uniti hanno persino brevettato questa formula e questa sostanza è ufficialmente in servizio nell’intelligence americana o nell’esercito, non lo so. A-234 è una sostanza che uccide rapidamente e quindi evapora rapidamente. Questo è il motivo per cui i nostri ricercatori affermano che i campioni prelevati due settimane dopo non possono in ogni caso contenere una “concentrazione molto alta” di questa sostanza.

Giornalista: Torniamo alla domanda su chi crediamo o no. Forse quello che stai dicendo è credibile in Russia, ma non nel resto del mondo. Più di 100 diplomatici russi sono stati espulsi da oltre 20 paesi occidentali perché credono che la Russia sia colpevole.

Sergey Lavrov: Se vuoi ancora parlare di sostanza, lasciami aggiungere questo. Sabato abbiamo presentato un documento con le conclusioni del Centro Spiez per chimica spaziale e chimica (uno dei laboratori che hai citato) che in realtà ha scoperto una “concentrazione elevata” di A-234, ma a parte che …

Reporter: ti sto chiedendo: ti fidi dell’OPCW o no? La domanda è molto semplice. Sembra che non ti fidi di loro.

Sergey Lavrov: Mince! Per un inglese hai modi orribili. Il rapporto del laboratorio svizzero afferma anche che per prima cosa hanno scoperto la sostanza BZ, inventata, se non sbaglio, nel 1955 negli Stati Uniti, e messa in servizio negli eserciti americano e britannico. Abbiamo inviato all’OPCW, di cui ci fidiamo, una richiesta per confermare o smentire che oltre all’A-234, il laboratorio svizzero avrebbe scoperto dei campioni BZ. Ora stiamo aspettando una risposta dall’OPCW, di cui ci fidiamo, ovviamente. Ma come diciamo, fidatevi ma controllate comunque.

Reporter: non abbiamo quasi più tempo e devo ancora farti una domanda sulle sanzioni. Il Dipartimento delle finanze degli Stati Uniti si sta preparando ad annunciare nuove sanzioni contro i russi e le compagnie che si ritiene siano legate all’esercito siriano. Il mercato azionario russo si era gravemente indebolito a causa delle precedenti sanzioni imposte dal governo degli Stati Uniti. La Russia è ai piedi del muro.

Sergey Lavrov: Grazie per la tua compassione. Ma non ti preoccupare, staremo bene. E non è …

Reporter: il mercato azionario è crollato del 10%, il rublo è sceso contro il dollaro.

Sergey Lavrov: Non hai vissuto momenti difficili in passato? Ti ricordi, George Soros aveva giocato contro il tuo mercato azionario e aveva collassato la Sterlina? Ma queste non sono solo minacce per punire coloro che hanno contatti con il governo siriano. In realtà, vogliono punire tutti i russi per aver fatto la scelta “sbagliata” nelle elezioni presidenziali. Dicono che non faranno mai del male ai russi del giorno, ma solo agli oligarchi, ai politici e ai militari che presumibilmente destabilizzeranno il mondo, ma mentono. Il loro vero desiderio è di creare problemi a centinaia di migliaia di russi, a coloro che sono stati impiegati a …

Reporter: E questo è il tuo punto debole.

Sergey Lavrov: Sì, sì.

Reporter: E questo è il tuo punto debole. Potresti avere il più potente arsenale nucleare del mondo, come ha affermato il presidente russo Vladimir Putin, ma la tua economia è debole e vulnerabile.

Sergey Lavrov: Sì, lo è, e lo sappiamo. Ma la nostra economia ha attraversato molte difficoltà dalla seconda guerra mondiale. Posso assicurarvi che il governo e il presidente sono attenti a mettere in atto le necessarie riforme, e questo era il tema principale della prima parte del discorso del presidente russo all’Assemblea federale. Nella seconda parte, quando ha parlato di nuovi armamenti, ha concluso con l’idea che siamo sempre pronti al dialogo sulla base del rispetto reciproco e dell’equilibrio degli interessi.

Reporter: e ultima domanda. Il Segretario Generale della Nazioni Unite Antonio Guterres ha recentemente affermato che il mondo era di nuovo immerso in una guerra fredda, ma se in precedenza c’erano meccanismi che hanno avvertito la possibilità di escalation tra gli USA e l’URSS, oggi questi meccanismi sembrano essere assenti. Questa conclusione è terrificante. Hai lavorato al tuo posto per 13 anni. Possiamo descrivere il periodo attuale come il più terribile nella tua memoria?

Sergey Lavrov: Uno dei meccanismi è quello di avere normali canali di comunicazione. I canali di comunicazione tra Mosca e Londra sono stati chiusi all’iniziativa britannica. I contatti tra le forze armate e tutte le agenzie responsabili della lotta contro il terrorismo sono stati interrotti molto tempo fa, sempre per iniziativa di Londra. Il Consiglio NATO-Russia, che era un meccanismo molto utile per promuovere la fiducia e la trasparenza nelle relazioni, è stato de facto chiuso dalla NATO. Ora la NATO vuole solo parlare dell’Ucraina su questa piattaforma. L’UE ha inoltre chiuso tutti i canali di cooperazione con la Russia e comunica con noi solo sulla Siria e altri …

Giornalista: Ma pensi che sia iniziata una nuova guerra fredda?

Sergey Lavrov: Secondo me, la situazione attuale è peggiore rispetto alla Guerra Fredda perché all’epoca c’erano almeno canali di comunicazione, e non c’era una tale russofobia isterica, che assomiglia a tipo di genocidio per le sanzioni.

Reporter: pensi che oggi la situazione sia peggiore rispetto ai tempi della Guerra Fredda?

Sergey Lavrov: Sì, proprio per la mancanza di canali di comunicazione. Almeno non ce n’è quasi più.

Reporter: questo rende la situazione molto pericolosa.

Sergey Lavrov: Spero che non sarai l’unico tra i tuoi compatrioti a rendertene conto, e che il tuo governo in particolare lo riconoscerà.

Giornalista: È difficile immaginare o ricordare un periodo storico in cui la Russia assomigliava più ad un paria ed era isolata come lo è oggi. Hai la Coppa del Mondo di calcio quest’estate, e il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson l’ha già paragonato all’organizzazione di Adolf Hitler nel 1936 dei Giochi olimpici di Berlino.

Sergey Lavrov: Nel 1938, dopo questa Olimpiade, fu disputata la partita tra Regno Unito e Germania. Puoi trovare su internet l’immagine di questa partita dove prima della partita i giocatori tedeschi e britannici fanno il saluto nazista.

Reporter: cosa intendi?

Sergey Lavrov: Non intendo parlare di Boris Johnson. Abbiamo già parlato con lui durante la sua recente visita a Mosca. Lascialo intrattenere.

Reporter: il nostro tempo è scaduto. Sergei Lavrov, grazie per aver partecipato a “Hard Talk”.

Fonte: S. Hasan, 19-04-2018

 

guerra e diplomazia in Siria, di Antonio de Martini

Sergueï Lavrov, Mevlüt Cavusoglu e Mohammad Javad Zarif, i tre ministri degli esteri di Russia, Turchia e Iran si riuniscono oggi a Mosca per l’ennesima volta con l’intento di allargare le quattro zone di de-escalation create da gennaio ad oggi.

A Ginevra continuano a riunirsi, sotto l’egida ONU il governo legittimo siriano e i rappresentanti dei gruppi ribelli.
A parte una certa convergenza sul numero delle vittime (350.000 invece dei 600000 di fonte occidentale), non si fanno passi avanti.

Assenti gli USA, a parte lo scoppio di un ordigno MOAB – una sorta di super bomba di dimensioni e peso mega già usata in Vietnam di cui un esemplare è esposto a Hanoi- che adesso cercano di attribuire a Israele.

Non si giunge a conclusioni di pace a causa delle divergenze di interessi tra i diplomatici e il bombardamento americano ” ufficiale” e questo ultimo ” ufficioso” hanno lo scopo di incrinare i rapporti tra Russi e Iraniani.

Gli uni vogliono la pace per potersene andare, gli altri, per restare. I turchi, intanto continuano a minacciare da Efrin il contingente USA di Manbij perché ci sono le elezioni, ma non attaccano perché , evidentemente non vogliono rompere definitivamente con lo zio Sam.

Restano irremovibili sulla rimozione di Assad che i russi considerano inamovibile. Da Gennaio a oggi gli incontri tripartiti sono stati quattro, ma a parte l’accordo sulle modalità e calendari degli incontri, non si riesce a raggiungere un accordo su un cessate il fuoco permanente.

L’ARABIA SAUDITA PERDE LA FIDUCIA DEGLI USA PER UNA PROPOSTA DEMENZIALE CHE NE MOSTRA L’ISOLAMENTO E L’INADEGUATEZZA MENTALE, di Antonio de Martini

L’ARABIA SAUDITA PERDE LA FIDUCIA DEGLI USA PER UNA PROPOSTA DEMENZIALE CHE NE MOSTRA L’ISOLAMENTO E L’INADEGUATEZZA MENTALE.

Adel al Jubeir, il primo e unico ministro saudita a non essere membro della famiglia reale, ha presentato una proposta ” per combattere l’ISIS” – presa in considerazione dal consigliere per la sicurezza di Trump, Bolton- che ha suscitato scetticismo tra tutti gli esperti di questioni arabe.

L’idea, dato che gli USA sono riluttanti a rimanere in Siria col rischio di confrontarsi direttamente con Hezbollah o i miliziani iraniani, ha proposto di sostituire i soldati USA con una ” forza araba” non meglio definita.

Al momento di sostanziare la proposta con dati di fatto, gli americani si sono trovati di fronte a ERIK PRINCE, lo stesso avventuriero che creò l’organizzazione mercenaria Blackwater e che due anni fa si vide respingere dal Pentagono la proposta di privatizzare la guerra in Afganistan subappaltandola a lui.

Scartata la soluzione PRINCE, sono iniziati incontri a livelli di capi dei servizi segreti con le controparti egiziane e sudanesi per ottenere ” volontari” arabi.

Questa soluzione si è scontrata con il fermo atteggiamento turco a non volere truppe egiziane alla propria frontiera e col colore dei sudanesi che in Siria apparirebbero come mosche nel latte.

I volontari reclutati in Francia e UK ( partiti da Manchester) e i tunisini, sono stati bruciati nei sette anni di guerra.

La coalizione di 22 Stati islamici reclutata un paio di anni fa tra gli staterelli africani, ha chiarito che è disponibile a ricevere aiuti e addestramento, ma non a combattere e meno che mai in Siria.

Tra gli emirati del golfo, la spaccatura provocata dai sauditi col Katar non è ancora sanata e rende inagibile il CDG ( Consiglio di difesa del Golfo) creato a suo tempo dagli inglesi per attività del genere. E comunque sarebbero tre gatti.

Gli Iracheni vengono dati per ufficialmente impegnati in casa, ma in realtà, l’aver affidato a sciiti il governo del paese si è rivelato il più clamoroso autogol della storia americana. Sono inutilizzabili.

La Giordania, i cui regnanti furono spossessati dai Saud , godono in silenzio delle difficoltà della casata nemica con cui condividono il grande fratello anglosassone, ricco e stupido.

Insomma la proposta saudita ha messo in luce alcuni fatti fondamentali:

a) non ci sono siriani disposti a combattere contro il loro governo legittimo. Infatti, non vengono nemmeno presi in considerazione dalla proposta.

b) i sauditi hanno parlato a nome degli ” arabi” senza averli consultati.

c) l’Egitto ha una posizione più vicina a Assad che ai sauditi e ha già rifiutato di intervenire in Yemen.

d) parlano di combattere l’ISIS , ma l’avversario da affrontare sono gli iraniani e l’Hezbollah.

e)gli yemeniti sono tutti impegnati contro i sauditi che non riescono a difendere nemmeno le proprie frontiere e annaspano già in casa.

f) i curdi, vantati dalla propaganda israeliana come combattenti valorosi e impegnati, non esistono che in fotografia e a presidio di qualche crocicchio.

g) il Marocco ha appena finito di criticare il comportamento e le politiche arabe dell’alleato americano.

h) agli algerini che hanno subìto per primi l’aggressione saudita negli anni novanta ( centomila morti) non è il caso di rivolgere la parola.

Gli USA non vogliono rimanere in Siria e Macron rappresenta l’ex potenza coloniale che nel 1925 massacrò i siriani e cannoneggiò Damasco.
Gli inglesi incoraggiano sottobanco Erdogan perché rivogliono il petrolio di Mossul.
Però i turchi non sono arabi, come non lo sono i pakistani, dati più volte in arrivo, ma non stupidi.

Credo che gli USA rimpiangano amaramente i tempi ( dal 48 ai sessanta inoltrati) in cui collaboravano con l’Italia, prevedevano ogni cambiamento e gestivano l’area senza sangue e dispendio di mezzi, come invece accade ora che il loro consigliere è Israele ( che difende i propri interessi) e un clan di cammellieri arricchiti e fanatici.

Come vedete, il successo politico di Putin nel Vicino Oriente, è dato dalla altrui insipienza

LA SIRIA PUNTO DI SVOLTA DELLA FASE MULTICENTRICA, di Luigi Longo

LA SIRIA PUNTO DI SVOLTA DELLA FASE MULTICENTRICA

 

di Luigi Longo

 

 

  1. La fase multicentrica sta avendo delle impennate per il dinamismo degli USA. Un dinamismo criminale, spregiudicato, delinquenziale e fuorilegge basato sulla forza militare che assume un peso specifico nelle relazioni interne ed esterne alla potenza mondiale USA nelle fasi multicentrica e policentrica.

Le suddette fasi mondiali tolgono il velo della ipocrisia e della falsa coscienza necessaria sulla democrazia e sulla libertà praticate in Occidente e portate a modello a livello mondiale [si pensi, per esempio, a quella democrazia esportata e difesa in tutto il mondo attraverso il bombardamento etico (è il titolo di un bel libro di Costanzo Preve), statunitense, con mandato divino (sic)] che ora si rivelano essere principi decisamente astratti, che poco hanno a che fare con la realtà nella quale gli agenti strategici dominanti, vettori del conflitto strategico tra le potenze mondiali, hanno bisogno di decisioni, con una filiera del comando accorciata all’essenziale duro e sbrigativo, attraverso le articolazioni istituzionali presenti sul peculiare e storico territorio nazionale che chiamiamo Stato. Il diritto, inteso come forma di organizzazione dei rapporti sociali e territoriali subisce così processi di ri-modulazione, ri-pensamento e re-invenzione. Lo stato di eccezione schmittiano diventa una eccezione regolare storicamente data che si ripresenta necessariamente nelle fasi multicentrica e policentrica del conflitto mondiale. E’ una costante storica che deve portarci a ri-considerare le relazioni e i rapporti sociali reali nelle diverse fasi della storia mondiale che definiamo monocentrica (la presenza di una potenza mondiale che funge da centro di coordinamento), multicentrica (la presenza di più potenze che fungono da coordinamento di diversi centri egemonici che si contengono l’egemonia mondiale), policentrica (il conflitto mondiale tra centri consolidati per il dominio mondiale).

 

 

  1. Gli USA sono una potenza egemone in declino che non riesce a trovare una sintesi intorno ad un gruppo strategico dominante (per i conflitti interni tra gli agenti strategici delle diverse sfere sociali) capace di frenare il proprio declino e rilanciare una nuova sfida per l’egemonia mondiale (alla Russia e alla Cina con le loro aree di influenza sempre più larghe e penetranti il territorio mondiale) che si basi su una nuova idea di società, di sviluppo, di rapporto sociale; va ricordato che non è nella storia statunitense la cultura multicentrica del mondo e la capacità di confronto tra nazioni e tra Occidente e Oriente.

La guerra in Siria, al contrario delle altre guerre nel Medio Oriente (Iraq), nei Balcani (ex Jugoslavia) e nel Nord Africa (Libia), può rappresentare il punto di svolta verso il consolidamento del polo di aggregazione intorno alla Russia e alla Cina [che già collaborano nella sfera economica (risorse energetiche, via della seta, trattati di area, accordi commerciali, eccetera)] capace di approntare una strategia tutta orientale che lancia un confronto tra nazioni eguali con una visione multicentrica del mondo e un nuovo rapporto tra Oriente e Occidente [senza dimenticare né l’influenza della sedimentazione storica del rapporto tra Russia ed Europa a partire dalla metà del XV secolo con lo zar Ivan III (1440-1505), né l’attrito storico tra Russia e Cina]. Non si tratta di un confronto basato sulla forza militare ma sul dialogo e sul confronto tra storie, culture, popoli diversi. Tale confronto non esclude affatto le questioni fondamentali quali i rapporti sociali basati sul potere e sul dominio che riguardano sia le logiche interne che esterne delle nazioni e delle relazioni con le nazioni divenute potenze mondiali [si pensi, per esempio, a quanta influenza ha l’egemonia USA nel decidere lo sviluppo e la politica delle nazioni europee e dell’Unione Europea (che è bene ricordarlo non è l’Europa della nazioni, ma un luogo istituzionale sovranazionale nato da un progetto pensato, finanziato e guidato dagli Stati Uniti e gestito da sub-agenti dominanti)].

Gli USA devono bloccare con la forza militare la possibilità di formazione del polo Russia-Cina perché sanno che l’avverarsi di tale polo, unito alla loro incapacità di fermare il proprio declino egemonico e alla convinzione che l’unica strada percorribile sia quella della guerra (è attraverso la guerra che hanno sempre affermato l’autorità globale), non sarebbe altro che l’inizio della transizione egemonica con una diversa riorganizzazione sistemica. Henry Kissinger e Zbigniew Brzezinski, due importanti protagonisti delle strategie di dominio statunitensi, hanno sempre combattuto e temuto la formazione di un polo sia euroasiatico (Europa-Russia) sia asiatico (Russia-Cina) perché vedevano in esso una seria minaccia alla egemonia mondiale statunitense.

La guerra USA, al contrario di quello che pensava Niccolò Macchiavelli (ne Il Principe) che la intendeva come portatrice di benessere, è solo distruzione di popoli, di territori e di nazioni per contenere la Russia e distruggere sul nascere il polo di formazione asiatico intorno a Russia e Cina.

Il declino egemonico mondiale degli USA sta nella perdita della capacità di un modello sociale di benessere interno ed esterno; gli Stati Uniti basano la loro resistenza egemonica solo sulla forza militare aggressiva e distruttrice senza creazione, senza consenso e senza confronto.

 

 

  1. L’Europa resta il teatro passivo del conflitto tra le potenze mondiali che si andrà sviluppando nelle surriportate fasi della storia mondiale. I sub agenti strategici, che dominano i luoghi istituzionali dell’Unione Europea, da tempo stanno accompagnando le diverse strategie USA di contenimento della Russia e di contrasto alla formazione del polo asiatico. Si pensi al ruolo dell’UE e delle singole nazioni europee all’interno della NATO, alla trasformazione della NATO da strumento di difesa contro la minaccia sovietica a strumento di attacco fuori area (la Nato Responce Force), alla militarizzazione tramite Nato del territorio europeo, alle infrastrutture civili da supporto a quelle militari della Nato, alla nascita della PeSCO (Permanent Structured Cooperation, Cooperazione Strutturata Permanente) del campo della difesa UE, agli interventi del Pentagono (Dipartimento della Difesa degli USA) sulle strutture militari presenti sul territorio europeo, all’americanizzazione del territorio europeo, eccetera; temi dei quali ho già trattato in precedenti scritti.

Il processo di americanizzazione europeo ha condizionato fortemente lo sviluppo e l’autonomia delle singole nazioni; ha ridotto l’Europa ad una espressione geografica a servizio delle strategie statunitensi nelle diverse aree mondiali. Tutte le succitate guerre degli USA [di invasione e di violenza alla sovranità nazionale tramite ONU o tramite NATO o tramite coalizione internazionale o tramite attacco diretto con alleati), a partire dalla implosione dell’URSS (1991)] hanno visto la partecipazione di diverse nazioni europee che si sono ritagliate spazi nella sfera economica (gestione di risorse energetiche, allargamento di aree di influenza e di mercato per le imprese, eccetera), ma sotto stretta sorveglianza delle diverse strategie politiche della potenza imperiale statunitense sempre per contrastare le nascenti potenze mondiali (Russia e Cina) capaci di sfidare l’egemonia statunitense [ esempi recenti la guerra di Libia (iniziata nel 2011) e la guerra in Siria (iniziata nel 2011)].

La stessa storia si ripete oggi, in maniera diversa, con il recente attacco USA alla Siria, dopo sette anni di tentativi di smembramento di una nazione sovrana, con morti e sofferenze inenarrabili della popolazione, insieme agli alleati ufficiali europei (Francia e Regno Unito) interessati alla sfera economica, per contrastare l’egemonia dell’area della Russia e il consolidamento di una potenza regionale come l’Iran che minerebbe il ruolo di Israele come potenza regionale vassallo USA nella politica in Medio Oriente (senza dimenticare la questione storica, politica e territoriale della Turchia), area nevralgica del conflitto strategico mondiale. Il pretesto dell’uso di armi chimiche non regge: perché Bashar al-Assad avrebbe dovuto usare le armi chimiche sulla popolazione di Douma, nell’ambito di un’offensiva globale nei confronti della regione Ghouta orientale, quando ormai i ribelli erano pronti alla resa?

E’ emblematico che nessuna nazione europea abbia protestato duramente contro il criminale attacco degli USA e dei suoi alleati; anzi, è stato sostenuto dal Segretario della Nato Jens Stoltenberg e appoggiato dalla UE, dalla Germania (Angela Merkel: risposta “necessaria e appropriata” agli attacchi chimici), Giappone, Canada e Israele. Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha bocciato una bozza di risoluzione proposta dalla Russia che “condannava l’aggressione contro la Siria da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati, in violazione delle leggi internazionali e della Carta delle Nazioni Unite”.

 

 

  1. L’Italia è una drammatica espressione geografica a servizio degli USA che considerano il territorio italiano fondamentale per le loro strategie nel Mediterraneo e nel Vicino Oriente, oltre ad ospitare basi Nato-USA di grande rilievo e importanza.

L’Italia, a partire dalla sua Unità sotto il coordinamento inglese fino alla direzione statunitense, dalla seconda guerra mondiale in poi, può essere un laboratorio storico e politico per capire come l’egemonia inglese prima e quella degli Stati Uniti dopo, hanno piegato lo sviluppo del nostro Paese alle loro strategie di dominio, sia con la forza ( uccisioni di agenti strategici che pensavano alla sovranità e allo sviluppo del Paese), sia con il consenso (selezione di sub agenti strategici pronti a sacrificarsi per il bene del Paese alla servitù inglese e statunitense).

Qual è la reazione dell’Italia alla criminale aggressione degli Stati Uniti e dei suoi alleati alla nazione sovrana della Siria fatta in questi giorni? E’ emblematica della stupidità della nostra classe dirigente ben selezionata per il bene del nostro Paese.

L’account Twitter ItaMilRadar, che monitora il traffico aereo militare sui cieli italiani e sul Mediterraneo, ha riferito che due aerei militari della US Navy sono decollati dalla base Sigonella. Il primo, per pattugliare l’area al largo del porto siriano di Latakia nei cui pressi si trova la base militare russa, il secondo per svolgere attività di pattugliamento verso Est. Un Boeing E-3 della Nato ha invece svolto attività di pattugliamento nei pressi del confine tra Turchia e Siria. Ovviamente è un pattugliamento di carattere ordinario! ( www.lasicilia.it, 11/4/2018).

Il 10 aprile scorso l’Agenzia Al Sura ha segnalato che una cisterna volante italiana KC-767 è entrata in Giordania dallo spazio aereo dell’Arabia Saudita.

Le basi Nato-Usa in Italia sono in piena allerta e pronte per gli interventi in Siria. Inoltre, l’ex Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Pasquale Preziosa, ci ha ricordato che la base Nato di Sigonella in Sicilia, dove sono ubicati i droni strategici RQ-4 Global Hawk, è importante sia geograficamente sia strategicamente per l’attacco USA in Siria (intervista di Paolo S. Orrù pubblicata su www.tiscali.it, 14/4/2018).

Bene. Cosa fanno i nostri leader politici? Silenzio: il silenzio della paura. L’unica dichiarazione ambigua e strumentale è stata quella di Matteo Salvini che ha criticato l’attacco USA e ha precisato comunque l’importanza di stare dentro l’alleanza atlantica e che il problema è Donald Trump, come se la qualità di un Presidente facesse venir meno la criminalità imperiale statunitense.

E i nostri parlamentari? I più intelligenti hanno chiesto al Governo di conferire in Aula per conoscere i fatti ed informare il Parlamento delle iniziative prese nelle sedi competenti per una inchiesta internazionale indipendente per far luce su quanto accaduto.

 

 

  1. 5. Questo ruolo di servitù volontaria ha impedito all’Europa di essere un soggetto politico espressione di una Sintesi delle Nazioni con una propria autonomia e con un proprio ruolo da giocare nello scambio sociale, economico, culturale e politico tra Occidente e Oriente: Perché? Quali le ragioni storiche e politiche? Quali le strategie per cambiare sguardo e guardare a Oriente per un mondo multicentrico che allontani sempre più la fase policentrica?

Occorrono nuovi agenti strategici in un mondo in forte movimento per il trapasso di epoca così come sosteneva Niccolò Macchiavelli, nella Mandragola la più bella commedia italiana scritta tra il 1513 e i primi mesi del 1514, :<< […] L’espressività di Nicia, il suo sputare motti popolari a raffica diventano emblematici di un attaccamento ottuso a una fiorentinità senza prospettive, in un’epoca in cui […] la crisi politica e morale che stringe Firenze e l’Italia richiederebbe uomini nuovi, lungimiranti, tutt’altro che intenti a tenere lo sguardo fisso all’ombra del proprio campanile >>.

 

1 2 3 4