Governare dietro le quinte, a cura di Guido Melis e Alessandro Natalini, recensione di Teodoro Klitsche de la Grange

A.A.V.V.  Governare dietro le quinte, a cura di Guido Melis e Alessandro Natalini, edizioni il Mulino, Bologna 2023, pp. 201, € 20,00.

Questa raccolta di saggi ha quale oggetto i gabinetti ministeriali (o meglio gli uffici di staff), cioè quegli uffici composti da “una rete di persone provenienti da grandi corpi dello Stato che per periodi significativi della loro carriera hanno occupato le posizioni di capo del gabinetto e – specialmente – dell’ufficio legislativo”, in genere (ma non sempre) non appartenenti alla burocrazia del ministero al quale sono addetti. Dati la collocazione, il carattere, il trattamento e il sistema di “reclutamento” costituiscono un’eccezione all’ordinamento normale delle amministrazioni: la scelta è fiduciaria (da parte del ministro), la durata è, di solito, quella del Ministro, la nomina non comporta avanzamenti di “carriera”. Accanto a ciò e a conferma del carattere “eccezionale” di queste figure sono collocati sulla linea di confine tra diversi ordini, organi e poteri: nei crocevia tra amministrazione e politica, Parlamento e Governo, potere amministrativo, governativo e legislativo. Il tutto in uno Stato, come quello contemporaneo che è, sul piano materiale uno Stato amministrativo, ossia connotato della prevalenza per funzione, ampiezza dei poteri, dei compiti e delle risorse e così dal primato del potere governativo-amministrativo. Primato il quale sul piano formale, compete al Parlamento, tenuto conto del principio di legalità e della riserva di legge. Proprio questa collocazione nei crocevia, poco o punto “regolati” è alla radice del potere dei gabinetti, alimentato e connotato proprio dai caratteri delle rette che vi s’intersecano. Così dalla politica prendono la temporaneità e dall’amministrazione la “professionalità”, mentre non è detto che la stessa scelta discrezionale del Ministro renda “stabili” coppie ricorrenti tra Ministri a capi degli “uffici di staff” (con politicizzazione del capo di gabinetto). Succede, ma capita anche l’inverso: ossia che capi di gabinetto abbiano collaborato con ministri diversi, talvolta provenienti da diverse forze politiche: i c.d. “gabinettisti professionisti”. Sempre dal connotato di Stato amministrativo materiale, consegue l’importanza degli uffici legislativi dei ministeri, che di fatto sono i “veri” legislatori, tenuto conto che gran parte delle norme legislative (decreti legislativi delegati e decreti-legge) sono redatte da questi, e l’altra attentamente dagli stessi “controllata” nell’iter di formazione.

Nei saggi è considerato anche il ruolo differente (e crescente) dei gabinetti e dei loro dirigenti dall’Unità d’Italia in poi; suddiviso in cinque fasi.

Nelle prime due (la liberale e la fascista) il ruolo di tali uffici era limitato e i capi erano tratti dalla stessa burocrazia ministeriale. Con la Repubblica, data la diffidenza nei confronti della burocrazia, ereditata dal fascismo, prevale la nomina di elementi tratti dai grandi corpi della Repubblica (Consiglio di Stato, Avvocatura dello Stato, Corte dei Conti); nella quarta e quinta fase (da fine anni ’60 in poi) l’estrazione è la stessa ma cresce la fidelizzazione al vertice politico. Ora si prevedono “due effetti negativi: il primo consiste in quella che si potrebbe definire come la supplenza nei confronti della dirigenza amministrativa (che risulta depressa e ulteriormente emarginata); il secondo come la supplenza nel confronti della politica: una politica che, all’atto pratico, priva com’è di conoscenza approfondita della macchina amministrativa, finisce sovente sotto tutela dei suoi principali collaboratori”.

Dato l’assetto della competenza e il carattere gerarchico dell’organizzazione amministrativa, l’influenza di tali uffici non si esercita tanto con provvedimenti, quanto con consigli, suggerimenti, indicazioni. I consigli vengono dati verso il basso, ma soprattutto verso l’alto: cioè al vertice politico (dove possano tradursi in comandi).

Proprio il particolare carattere del rapporto tra gabinetti e Ministro in carica ricorda l’argomento del saggio di Carl Schmitt, tradotto in italiano da Antonio Caracciolo e pubblicato sul Behemoth n. 2 nel 1987 (cui sono seguite altre due diverse traduzioni pubblicate nei decenni successivi), dal titolo Colloquio sul potere e sull’accesso presso il potente.

In tale breve saggio, scrive Schmitt che, “anche il principe più assoluto deve affidarsi a informazioni e relazioni e dipende dai suoi consiglieri… Chi fa una relazione al detentore del potere o lo informa, partecipa di già al potere, indipendentemente dal fatto che egli sia un ministro che controfirma responsabilmente o che sappia in modo indiretto farsi da lui ascoltare… Così ogni potere diretto diventa subito soggetto ad influenze indirette. Ci sono stati detentori del potere che hanno avvertito questa dipendenza e sono andati per questo in collera”. Per cui “In altre parole: davanti ad ogni luogo del potere diretto si forma un’anticamera di influenze e poteri indiretti, un accesso all’orecchio, un corridoio verso l’anima del detentore del potere. Non c’è potere senza questa anticamera e senza questo corridoio”. E ricordava come esempio storico di controversia sull’accesso al potente la caduta di Bismarck e, in letteratura, il Don Carlos da Schiller. Per cui i capi di gabinetto possono essere considerati una specie, rapportata all’organizzazione dello Stato moderno, e con caratteristiche peculiari, di potere indiretto (in altri tempi e contesto attribuito al Papa).

Teodoro Klitsche de la Grange

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Pascoli più verdi, di SIMPLICIUS

Molte persone provenienti da paesi occidentali notano qualcosa di intangibilmente attraente quando si recano nel “terzo mondo”. Qualcosa che non riescono a definire con precisione, una qualità di vita che non è “migliore” in superficie, nel senso classico del termine, ma che si fa sentire sempre di più, come un bambino indisciplinato che all’inizio può sembrare fastidioso, ma che in breve tempo diventa pittorescamente adorabile.

La persona comune non è in grado di descrivere con precisione questa differenza. Ma la sente nelle ossa, la beve nell’aria e nell’atmosfera, e la lascia presa da una passione inaspettata dopo che le braci del viaggio si sono raffreddate; si forma presto un’urgenza di nostalgia per viverla di nuovo.

Che cos’è questo indescrivibile magnetismo che sembra attirare le persone verso paesi cuciti apparentemente nel caos e nel disordine? Un recente thread su Twitter ha evocato elegantemente questa umwelt :

Il fatto di essere in Messico per lavoro mi ha ricordato come ci siano dei compromessi, buoni e cattivi, nelle società a bassa e alta fiducia. Guadalajara è una bella città e, a differenza di luoghi turistici come Cancun, che sono stati progettati per essere molto navigabili e accessibili agli stranieri, è solo un luogo pieno di persone che vivono e lavorano.

Ci sono segnali che ricordano che non è del tutto sicuro ovunque, come l’elevato numero di poliziotti e di addetti alla sicurezza, o misure fisiche come cancelli, recinzioni e muri. Ma dall’altro lato c’è una certa sensazione rinfrescante nell’assenza di una regolamentazione di massa. Gli Stati Uniti si sentono molto finti e inorganici in confronto alle loro catene di franchising sempre presenti.

Più vicino alla zona industriale, i quartieri residenziali hanno caffè e piccoli ristoranti aperti nei vialetti residenziali sotto le tettoie. Tutti sono in giro, camminano, mangiano o chiacchierano al telefono. Tutte le auto che ho visto sono manuali, le moto sono ovunque e la città sembra un po’ più viva, ma allo stesso tempo più pigra e rilassata rispetto alla maggior parte delle città americane.

Anche se, a seconda di dove si va, ci sono simboli di povertà schiacciante quando ci si allontana dalle aree economicamente redditizie. Ma ciò che più mi colpisce è il modo in cui la manodopera sembra lavorare nelle aziende. Ci sono persone che si occupano diligentemente di tutto, ovunque. È molto inefficiente dal punto di vista dei costi, ma è molto più bello; anche al lavoro c’è una donna che lavora tutto il giorno per gestire la mensa nella sala ristoro e cucinare, mentre per il resto spazza continuamente tutto.

Ho l’impressione che la manodopera fosse così in America prima degli anni ’50. McKinsey e le sue conseguenze sono state un disastro per gli americani. Le inefficienze tollerabili possono costare, ma fanno sentire l’atmosfera meno sotto pressione. Mi sembra che negli Stati Uniti abbiamo il peggio dei due mondi. L’attenzione a spremere ogni centesimo da ogni cosa, il minmaxxing dell’efficienza totale e la pesante cattura normativa. Forse non ci godiamo le cose, le consumiamo e basta.

Cosa c’è al centro di questa riflessione? È una sensazione generale di rilassamento e di bassa ansia, la libertà dallo stress che sta descrivendo? È la mancanza fisica di “catene di franchising” e della loro sgradevole presenza nell’ambiente, che sembra alimentare i suoi piaceri estetici come un bouquet purificante?

I sentimenti espressi sono in effetti fugaci e difficili da equiparare o da sciogliere, ma sono quelli che molte persone hanno sempre più provato e cercato di trasmettere. Il manifesto adotta un approccio più strutturalista, indicando come colpevole il “minmaxing” aziendale, con McKinsey come figura iconica la cui influenza sulla cultura aziendale americana – e per estensione sulla società stessa – è profonda e indelebile.

Un altro modo per descrivere praticamente ciò che è accaduto in molte società occidentali è: sovraottimizzazione.

Questa settimana il pensiero del collega Freddie deBoer, scrittore di Substack, ha coinciso con il mio:

Freddie de Boer
Conosco un ragazzo che si guadagnava da vivere come rivenditore eBay. Cioè, trovava qualcosa su eBay che pensava fosse sottoprezzo fintanto che l’asta non superava X dollari, lo comprava, poi lo rivendeva per più di quanto lo aveva pagato. Il classico import-export, in realtà, un digitale rigattiere. Alla fine è arrivato al punto in cui, con alcuni oggetti, non riusciva nemmeno…
13 giorni fa · 393 mi piace · 106 commenti · Freddie deBoer

Il suo pezzo cerca di tracciare il filo invisibile della sovraottimizzazione che ha lentamente pervaso ogni crepa della nostra società negli ultimi decenni. Dalle cose più evidenti, come i rivenditori di Ebay che diventano freddi perché gli algoritmi sono stati modificati per far fallire le boutique, fino agli incantesimi più insidiosi e inespressi che questi cambiamenti hanno fatto su di noi.

È vero, come scrive l’autore, che un tempo anche le app di incontri come Tinder offrivano una sorta di innocenza pittoresca nell’inciampare tra i campi dei corteggiatori, in modo più organico e forse stocastico. Ora è stato gamificato con “tattiche” di minmaxing da usare per sfondare le saracinesche algoritmiche che eliminano l’elemento “umano” dall’equazione e trasformano il “dating” in qualcosa che sembra sinteticamente “by-the-numbers”. Alcuni hanno persino progettato applicazioni per automatizzare la messaggistica di massa del più ampio bacino di ragazze, al fine di ridurle a quelle attive.

Anche i viaggi e le visite turistiche sono stati “sovra-ottimizzati” per creare esperienze “taglia-biscotti” destinate a radunare e “processare” il maggior numero possibile di esseri umani attraverso una gamma preconfezionata di “attrazioni”, progettate più che altro per dare ai turisti la loro agognata foto su Instagram, per poi spingerli avanti. Il Monte Everest, come cita Freddie, è diventato un’epitome, anzi, una vetta, di tutto ciò. Negli ultimi anni, la “montagna sacra” si è trasformata in una trappola per turisti, che ha attirato migliaia di pensionati a malapena qualificati e di amanti del brivido per ottenere il loro “momento di gloria” artificiale sulla vetta, anche quando ciò comporta lo scavalcamento dei cadaveri irrigiditi dei loro compagni di viaggio meno fortunati.

Si tratta, come sempre, della mercificazione dell'”esperienza”.

Ma questo non vuole essere il tipico discorso di circostanza sui problemi della mercificazione di tutto ciò che è sacro da parte della modernità. Voglio piuttosto esplorare i misteri più profondi del perché le società occidentali hanno iniziato a farci sentire come se mancassequalcosa .

La precedente riflessione di Aristofene parlava di una città appena sull’orlo del pericolo, priva di una “cattura normativa di massa”, tanto che le attività commerciali operano con un lassismo sufficiente a far sentire le cose organiche e naturali; caffè accoglienti sui marciapiedi o che operano all’interno di garage senza che gli sciacalli si accaniscano su ogni piccola violazione del codice. Naturalmente, alcuni occidentali si arrabbiano, preferendo i loro rigorosi standard di sicurezza e sterilità puritana. Ci sono degli estremi, la cui repulsione è comprensibile: mi vengono in mente i famigerati video di venditori di cibo di strada in India che servono poco più che brodaglia.

Mettendo da parte gli estremi, sembra esserci una via di mezzo: una società con un piede nel “pericolo” senza caderci dentro. La Russia, in molti casi, può essere descritta in questo modo: Espatriati americani come Tim Kirby si sono lamentati del fatto che le città rurali russe possono a volte ritrovarsi disseminate di deiezioni canine dopo il disgelo invernale, perché i regolamenti municipali locali non sono severi nel ripulire il proprio cane come negli Stati Uniti. Con il tempo, però, si è ritrovato ad apprezzare la libertà di un ambiente a bassa regolamentazione; la serenità di non essere perseguitati con la tracotanza dell’applicazione dello “statuto” che strangola e soffoca le città americane come un modo per fare la cresta sulle tasche dei cittadini per arricchire gli sciacalli burocratici.

Riflettendo più a fondo, non si può fare a meno di chiedersi perché le città americane si sentano così diverse. Lo stile di vita americano ruota attorno al progresso perpetuo: l’eterna ricerca del favoloso “sogno americano”, che si riduce essenzialmente alla banalità della ricchezza materiale. In quelli che sono comunemente considerati paesi del “terzo mondo”, la mancanza di “opportunità” diffuse per carriere redditizie sintonizza la vita su una cadenza diversa. Le persone sono inclini ad “accontentarsi” di lavori di base e di livello inferiore come stile di vita e ad essere soddisfatte per questo; la mancanza di alternative porta una tranquilla soddisfazione.

Ciò significa che i venditori ambulanti e i camerieri dei caffè sono più felici di fare il loro lavoro e i loro spazi offrono un’atmosfera più amichevole, invitante e rilassata. Negli Stati Uniti, il “servizio” al giorno d’oggi è spesso poco amichevole o disimpegnato, perché la cameriera di quartiere è in realtà una “starlette di Hollywood” sotto mentite spoglie, il cassiere del supermercato è un aspirante rapper con sogni sfarzosi da grande città; persino lo scorbutico autista dell’autobus sta solo “lavorando in nero” – è solo una cosa temporanea, dice, mentre snocciola mentalmente i suoi lavoretti secondari piuttosto che concentrarsi su quella che considera una carriera “al di sotto di lui”.

A volte questi esami derivano da una mentalità privilegiata, elitaria o colonialista: “Boohoo, quei camerieri messicani mi servono con molto più rispetto dei poveri americani della mia città”. Ecco perché il mio tentativo è quello di abbozzare un paragone sociale più ampio e più applicabile rispetto al semplice contrasto, per quanto superficiale, della qualità del servizio. La distinzione più sottile è che nella grande rincorsa all’ormai illusorio “sogno americano” si perde qualcosa di vitale. Le persone sono inculcate ad essere sempre insoddisfatte della loro sorte e questo ha generato una cultura priva di tranquillità, di apprezzamento per la presenza del momento. Tutti sono impegnati a inseguire mentalmente quei sogni lontani, mentre si affannano a rastrellare le loro vite aritmiche, scontente per la vergogna. È il motivo per cui i venditori ambulanti appassionati come questo sono una vista rara negli Stati Uniti:

Negli Stati Uniti, in particolare, i lavori di livello inferiore sono associati alla vergogna e al fallimento. Questo si riflette su tutta la catena, con i “migliori” della classe superiore che guardano dall’alto verso il basso i commercianti al di sotto di loro. Il ciclo di feedback crea una sorta di egregore culturale di vergogna nascosta che si manifesta in perversione, disillusione, anomia, stratificazione, ecc. I gradini più bassi sono costretti a dissimulare, spesso mentendo sulle loro professioni; ho conosciuto persone che, alla domanda su come vivono, elencavano le loro aspirazioni piuttosto che il loro lavoro quotidiano.

Nei cosiddetti Paesi sottosviluppati, la gente è orgogliosa del proprio lavoro, qualunque esso sia: ecco quindi l’ubiquità degli artigiani di strada sorridenti, come nel video qui sopra. Queste persone non hanno molto di cui vergognarsi: la cultura e la società non diffondono quotidianamente denigrazioni sulla levatura del loro lavoro. Negli Stati Uniti ci sono molte fonti di questa propaganda, in particolare la tossica macchina di corrosione culturale di Hollywood. In America, i film e la cultura pop esaltano e glorificano i ricchi e i famosi, deridendo gli oppressi e i colletti blu, rafforzando il mito del “successo”. In altri Paesi, queste professioni hanno ricchi legami culturali e storici e sono rispettate all’interno della famiglia e della comunità. La “comunità” occidentale ha quasi cessato di esistere a causa dell’afflusso di immigrati forzati e di altre odiose politiche progressiste; anche le piccole imprese sono state abbattute dai monopoli sfrenati delle Big Corp. Naturalmente il lavoro del calzolaio di quartiere perderà la sua lucentezza quando le scarpe saranno progettate per l’obsolescenza da giganteschi conglomerati che coltivano in fabbrica, destinati a pompare oceani di robaccia a basso costo e non riparabile a prezzi stracciati.

La “sovraottimizzazione” ci spinge in una corsa fiscale senza fine verso l’arricchimento degli azionisti, privandoci del dono del “momento”. Rimaniamo scontenti dei nostri magri guadagni, con una cultura strangolata dalla presunzione imposta di un bisogno e di una necessità perpetui. Le istituzioni sono state progettate per farci soffrire con la scarsità, la privazione e la FOMO, abituandoci a un intruglio controllante di tensione e angoscia. Dal momento che gli stravolgitori della cultura hanno usurpato anche i valori tradizionali, come l’importanza della famiglia, il vuoto lasciato nelle nostre vite viene invariabilmente riempito con la vuota lotta per avere successo nel gioco del “progresso perpetuo“. Tutti sono sempre “diretti da qualche parte“, anche se non sanno dove.

Nei Paesi “sottosviluppati” questo fenomeno è attenuato. Poiché le persone non sono alimentate da illusioni senza speranza, sono inclini a stabilirsi semplicemente in un’esistenza di contentezza: la tranquillità della vita presente. Sanno che non c’è nulla di “più grande” ad attenderli, quindi si accontentano di ciò che hanno, apprezzando le piccole cose e i momenti fugaci. Per questo motivo, quando visitano questi Paesi, gli occidentali sperimentano spesso un rallentamento del tempo, che di solito non hanno il vocabolario o la preparazione per articolare. Utilizzeranno eufemismi come “le cose sembrano sognanti” o “rilassate”, comprendendo a livello istintivo e cellulare che questo è il modo in cui le cose dovevano essere, come la vita doveva essere vissuta.

Alcuni potrebbero paragonarlo al buddismo, o almeno a come viene superficialmente inteso dagli occidentali alla moda: la liberazione dal “desiderio e dall’ambizione”. Ma non c’è bisogno di sfruttare gli estremi; non si tratta di un semplicistico dualismo Occidente: male, sottosviluppo: bene. Si tratta di ciò che si può togliere, di ciò che si impara. È vero, il sistema occidentale è in gran parte costruito su una sovraottimizzazione di stampo McKinsey, la cui etica privilegia l’efficienza senza alcuna considerazione per i costi sociali o della società.

Si potrebbe sostenere che il miglioramento dell’efficienza aziendale abbia una sorta di effetto a cascata, arricchendo l’economia e rendendo i cittadini più prosperi. Ma se non viene controllato, questo processo prosegue a cascata fino all’assurdo, quando i benefici per gli “stakeholder” sono già stati esauriti da tempo. Per esempio, quanto segue fa certamente aumentare i profitti della società madre, ma come potrebbe mai giovare ai cittadini locali?

I lavoratori virtuali dei fast food provenienti dalle Filippine vengono assunti per 3 dollari l’ora, rispetto al salario minimo di New York di 16 dollari l’ora. “Si possono assumere 5 lavoratori virtuali al prezzo di un lavoratore in carne e ossa” Questo dimostra quanto politiche sbagliate come questa danneggino le classi medie e basse in America.

L’altra questione, molto più ampia, è semplicemente quella della cultura, del nomos stesso. Sappiamo che una classe elitaria di ingegneri sociali parassiti lavora instancabilmente per derattizzare e sradicare la cultura, i legami storici e le tradizioni in Occidente, per creare vasi vuoti programmati a forza di inseguire la ricchezza materiale perché non conoscono altro. I legami storici vengono cancellati, la tradizione viene denigrata e scoraggiata, creando una perfetta tabula rasa da programmare per lo sfruttamento da parte della classe predatoria degli avvoltoi capitalisti. E non lo intendo in senso dialettico marxista – sappiamo che le élite non aderiscono al vero capitalismo o al marxismo, e io stesso non sono un sostenitore di nessuno dei due. Lo uso semplicemente come identificativo dei finanzieri globali in cerca di rendita, le Vecchie Famiglie che, in virtù del loro potere generazionale, della loro ricchezza e della loro influenza, fungono effettivamente da tiratori di fili del nostro mondo in crisi.

In Occidente, queste élite di comprador hanno lavorato instancabilmente per elidere la tradizione, sublimare l’istinto e rimitologizzarci come idolatri rotti che cercano di soddisfare gli impulsi materiali e libidici più superficiali, che per caso si adattano ai loro schemi di arricchimento e al monopolio del potere. I Paesi “sottosviluppati” conservano le loro radici, i loro legami con la tradizione e i legami familiari, le loro mitologie. Non sono divisi da divisioni artificiali come quelle della politica dell’identità, che lascia le loro società in uno stato di relativa concretezza. Naturalmente, sono spesso afflitti da altri problemi, come la criminalità organizzata nel caso del Messico; quindi questa non vuole essere un’apologia idealistica del Terzo Mondo. Anche il thread originale su Twitter menziona i compromessi tra queste allettanti provincialità e l’albatros della “povertà schiacciante” e della criminalità che le avvolge.

Il suo scopo è piuttosto quello di evocare la sensazione che viviamo in una costruzione artificiale che cerca continuamente di levigare le nostre vestigia grezze, di lucidarci e plasmarci in Noviops del futuro, organi perfettamente docili di estrazione di rendita. Quando ci spingiamo verso le inospitali terre di confine dell’Impero, ci ritroviamo inebriati dalla sensazione di atemporalità, dal galleggiamento della libertà dalla grande accelerazione, dalla progressione pilotata dell’ inesorabile psicomacchina della modernità. Probabilmente è per questo che sempre più pensionati si ritirano all’estero. Sembra che le cose vadano un po’ più al loro ritmo, ricordando loro un tempo lontano, prima che l’America e l’Occidente venissero inghiottiti dall’avidità corporativa, spazzati via dalla gigantesca ruspa succhia-vita della finanza e del capitale globali.

Avete avuto esperienze simili viaggiando all’estero? O questi capricci sono solo gli idealismi selettivamente impuri di una nostalgia sbagliata e retrograda?

Se siete occidentali e vivete – o avete vissuto – in un Paese incatenato dall’etica imposta dalla cabala bancaria globale, condividete i vostri pensieri e le vostre esperienze di viaggio nelle regioni periferiche dell’Impero. Siete d’accordo che c’è un’aura intangibilmente irresistibile nel modo di vivere lì? O stiamo solo feticizzando la povertà, proiettando i nostri ideali disperati su una tela comoda e pronta?


Se ti è piaciuta la lettura, apprezzerei molto se sottoscrivessi un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo che io possa continuare a fornirti rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, puoi lasciare la mancia qui: Tip Jar

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Il Politico, lo Stato, le multinazionali Con Gianfranco La Grassa e Piergiorgio Rosso

Nel dibattito teorico e nell’azione il rapporto tra le categorie del politico, lo Stato e le multinazionali, più in generale tra l’economia e il politico è stato definito nella maniera più controversa sino ad assumere caratteri deterministici tanto semplici nella efficacia della rappresentazione e nell’individuazione dell’avversario, quanto distorcenti e sterili nella realizzazione degli obbiettivi politici e di strutture organizzative meno effimere. La conversazione con Gianfranco La Grassa e Piergiorgio Rosso prende spunto da una interessante intervista ad un manager della multinazionale Danieli, pubblicata sul sito lo scorso 21 aprile ( http://italiaeilmondo.com/2024/04/21/industria-e-diritto-di-fronte-allo-smantellamento-delle-catene-del-valore/ ) e segue la pubblicazione di numerosi altri articoli, tra i primi: http://italiaeilmondo.com/2017/09/13/astri-nascenti-stelle-cadenti-mine-vaganti-2a-parte-di-giuseppe-germinario-gia-pubblicato-sul-sito-conflittiestrategie-it-il-28112013/ . Sotto l’abito corto dell’autonomia dell’economico e delle scelte manageriali, stiamo calzando una delega della funzione politica sempre più incondizionata da parte della nostra classe dirigente e del nostro scadente ceto politico a prescindere dalla coloritura apertamente globalista o fumosamente nazionalista dei governi sino ad ora succedutisi a partire dagli anni ’90. Il Governo Meloni non oppone nessuna eccezione a questa tendenza sino a raschiare il barile con gli ultimi collocamenti azionari di ENI e Poste Italiane, propedeutici al progressivo allineamento delle politiche di queste aziende strategiche per la fornitura energetica e la gestione del risparmio e della logistica nazionali. In questo quadro dovremo valutare il peso e la funzione che sta svolgendo il cosiddetto “Piano Mattei” e il peculiare dinamismo manifestato dall’attuale governo, rispetto ai predecessori. Le figuracce, a cominciare da quanto successo in Etiopia, non mancano. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4vqo9u-il-politico-lo-stato-le-multinazionali-con-gianfranco-la-grassa-e-piergiorg.html

Rovesciare la dittatura dell’assenza di alternative, di Roberto Mangabeira Unger

Rovesciare la dittatura dell’assenza di alternative

Il mondo rimane inquieto sotto il giogo di una dittatura senza alternative. L’ultimo grande momento di rifondazione istituzionale e ideologica nei ricchi Paesi dell’Atlantico del Nord è stata la socialdemocrazia istituzionalmente conservatrice, preannunciata prima della Seconda guerra mondiale e pienamente sviluppata in quei Paesi nel dopoguerra. La sua controparte negli Stati Uniti fu il New Deal di Franklin Roosevelt. Questa rifondazione proponeva di regolare più intensamente l’economia, di attenuare le disuguaglianze attraverso una tassazione progressiva e una spesa sociale ridistributiva e di gestire l’economia in modo anticiclico attraverso la politica fiscale e monetaria.

Nella sua forma più elaborata, in Europa occidentale, proteggeva gli insider contro gli outsider nel mercato del lavoro (difendendo la forza lavoro stabile con sede nei settori ad alta intensità di capitale del sistema produttivo contro il resto della forza lavoro), nei mercati dei prodotti (difendendo le piccole imprese contro le grandi imprese) e nel mercato del controllo societario (difendendo gli incumbent contro gli sfidanti). Si aspettava che i governi nazionali mediassero accordi, noti come patti sociali o politiche dei redditi, sulla distribuzione dei costi e dei benefici della politica macroeconomica e, così facendo, evitassero un conflitto distributivo distruttivo.

La socialdemocrazia è stata sempre più costretta a rinunciare a queste due pratiche – la protezione degli insider a scapito degli outsider e il patto sociale – in quanto costose e ingiuste. Soprattutto, è stata costretta a rinunciarvi perché l’industria convenzionale, o la produzione di massa fordista, base fondamentale della socialdemocrazia storica, è stata sostituita dalla pratica produttiva più avanzata di oggi, l’economia della conoscenza. Questa nuova avanguardia è sia multisettoriale, perché esiste in ogni parte del sistema produttivo, sia insulare, perché esclude la maggior parte dei lavoratori e delle imprese.

Sotto la pressione di questi cambiamenti e di queste critiche, la socialdemocrazia si è ritirata, nella sua patria europea, sulla sua ultima linea di difesa: il mantenimento di un alto livello di investimento nelle persone e nelle loro capacità, paradossalmente finanziato dalla tassazione indiretta e regressiva dei consumi attraverso l’imposta forfettaria sul valore aggiunto o un suo equivalente funzionale.

Le persone che hanno condotto l’attacco alla socialdemocrazia storica sono state chiamate neoliberali. I principali pensatori neoliberali svilupparono le loro critiche e proposte in un’opposizione generalizzata all’attivismo governativo. La forma di socialdemocrazia, ridimensionata e ridimensionata, che è risultata dagli attacchi neoliberali e dalla perdita della sua base economica e sociale nella produzione industriale di massa , ma che è rimasta impegnata nell’umanizzazione dell’ordine di mercato attraverso una certa misura di ridistribuzione correttiva e compensativa , viene spesso etichettata come liberalismo sociale. Questo liberalismo sociale ha maggiori possibilità di essere considerato l’ortodossia prevalente rispetto all’insegnamento neoliberale che ha contribuito a produrlo.

La socialdemocrazia storica, il neoliberismo e il liberalismo sociale sono legati dai presupposti istituzionali che condividono: accettano la stessa struttura di base dell’ordine del mercato e della politica democratica. Questa struttura si è dimostrata incapace di risolvere, o anche solo di affrontare, i problemi centrali delle società contemporanee: la loro incapacità di mantenere una crescita economica socialmente inclusiva e di moderare le tremende disuguaglianze radicate nella segmentazione gerarchica del sistema produttivo, di rigenerare la coesione sociale in presenza di una crescente diversità sociale e culturale, o di rinunciare alla rovina e alla guerra come condizioni abilitanti del cambiamento. In molti Paesi, il populismo di destra è entrato nel vuoto, ma ha offerto solo soluzioni inefficaci e non strutturali a problemi strutturali.

Nel resto del mondo non viene offerta alcuna alternativa, se non quella che viene spesso definita capitalismo autoritario di Stato: autocrazia politica che coesiste con ordini di mercato selvaggiamente diseguali. Questa mancanza generalizzata di opzioni, questa situazione di non uscita, è la sostanza della dittatura dell’assenza di alternative. Non possiamo rovesciare la dittatura dell’assenza di alternative semplicemente immaginando un’alternativa ad essa. Ma se non immaginiamo un’alternativa alla dittatura dell’assenza di alternative, non possiamo avere alcuna speranza di rovesciarla. E parte dell’immaginazione di tale alternativa consiste nell’evocare l’agente sociale che potrebbe sostenerla.

Ridefinire la distinzione conservatore/progressista,
destra/sinistra

In queste circostanze e date queste aspirazioni, dobbiamo reinterpretare il significato della differenza tra destra e sinistra, tra conservatori e progressisti. Due distinzioni sono fondamentali: la prima riguarda il metodo o la pratica della politica; la seconda, l’obiettivo.

I conservatori perseguono i loro obiettivi entro i limiti degli accordi istituzionali stabiliti. I progressisti ritengono che un cambiamento significativo debba essere strutturale: innovazione nelle istituzioni e nei presupposti ideologici da cui dipendono. Ma riconoscono che il vero cambiamento strutturale è quasi sempre frammentario. La sostituzione totale di un regime istituzionale con un altro rimane il caso limite più fantasioso.

I conservatori pensano che sia naturale che la vita umana sia piccola. Solo un’élite di innovatori e distruttori è esente da questa condanna. La fede e la speranza dei progressisti è che possiamo ascendere a una vita più grande, con capacità più forti, portata più ampia e intensità più elevata, a condizione di ascendere insieme.

Secondo questi due criteri, la maggior parte di coloro che si considerano progressisti oggi sono conservatori. Tra questi ci sono i difensori della socialdemocrazia istituzionalmente conservatrice, sia nella sua piena espressione originale sia nella forma flessibile, liberalizzata e sventrata risultante dalla sua collisione con il neoliberismo.

La teoria sociale europea classica e il suo culmine nella teoria della società e della storia di Marx hanno offerto un modo di pensare alla struttura e al cambiamento strutturale. Ma le sue intuizioni rivoluzionarie erano compromesse dai suoi presupposti necessitaristici , le illusioni della falsa necessità: che esista un elenco chiuso di regimi (che Marx chiamava modi di produzione); che ognuno di essi sia un sistema indivisibile, con il risultato che la politica deve essere o la sostituzione rivoluzionaria di uno di questi sistemi con un altro o la gestione riformista di un sistema; e che le leggi storiche governino la successione prestabilita di questi regimi, con l’implicazione che la storia ha un progetto in serbo per noi.

D’altra parte, la scienza sociale di stampo americano si libera di queste illusioni solo sopprimendo la visione strutturale. Ogni scienza sociale la sopprime a modo suo. La razionalizzazione o normalizzazione retrospettiva della vita sociale è stata il tema centrale delle scienze sociali; il loro spirito animatore è quello che nella storia della filosofia conosciamo come hegelianesimo di destra.

Il rovesciamento della dittatura dell’assenza di alternative richiede un modo diverso di pensare al cambiamento strutturale e alle alternative strutturali, soprattutto nelle discipline tecniche e specialistiche, a partire da quelle più vicine al potere, l’economia e il diritto, un modo di pensare che affermi il primato della visione strutturale ma che rifiuti le illusioni della falsa necessità.

Il rifugio e la tempesta

La socialdemocrazia istituzionalmente conservatrice o il suo successore ridimensionato, il social-liberalismo, l’ultimo grande insediamento istituzionale e ideologico nei ricchi Paesi del Nord Atlantico, vogliono assicurarsi un rifugio di dotazioni che garantiscano le capacità e le tutele contro l’oppressione pubblica e privata. Ma il valore di questo rifugio dipende, in gran parte, dalla tempesta di innovazione e cambiamento che si scatena intorno ad esso. Lo scopo del rifugio è quello di consentire al singolo lavoratore e cittadino di prosperare in mezzo ai cambiamenti e alle lotte, come il bambino a cui i genitori dicono: hai un posto incondizionato nel nostro amore; ora esci e solleva una tempesta nel mondo. La socialdemocrazia istituzionalmente conservatrice ha molto da dire sul rifugio, ma nulla da dire sulla tempesta. La tempesta non nasce spontaneamente, ma deve essere organizzata.

La natura e i presupposti di questa tempesta, il suo significato per gli assetti istituzionali dell’economia di mercato, della politica democratica e della società civile indipendente, e le sue conseguenze per il patrimonio di tutele e diritti che la socialdemocrazia ha lottato per sviluppare e garantire, sono un modo per definire la posta in gioco nel rovesciare e sostituire la dittatura dell’assenza di alternative.

Il cuore di una posizione progressista oggi risiede nella ricostruzione dell’ordine del mercato. Questa ricostruzione, piuttosto che l’approfondimento della democrazia, è il punto di partenza normale: nessun Paese riforma la propria politica per poi decidere cosa farne. Riforma la sua politica quando ne ha bisogno, nel bel mezzo della lotta per il cambiamento della sua direzione economica e sociale.

In un’economia politica progressista, il compito principale è quello di passare da un’economia della conoscenza per pochi a un’economia della conoscenza per molti. In ogni settore della produzione, l’attuale avanguardia economica, l’insulare economia della conoscenza, esclude la grande maggioranza delle imprese e dei lavoratori. Questa insularità contribuisce a spiegare sia la stagnazione economica (derivante dalla negazione alla maggioranza dell’accesso alle pratiche produttive più avanzate) sia l’aggravarsi della disuguaglianza economica (ancorata alla segmentazione gerarchica del sistema produttivo).

Si pone quindi il dilemma centrale della crescita o dello sviluppo economico in tutto il mondo: la scorciatoia della crescita offerta dall’industria convenzionale ha smesso di funzionare. L’alternativa di un’economia della conoscenza socialmente inclusiva, tuttavia, rimane irraggiungibile.

Immaginate tre fasi nell’approfondimento e nella diffusione di questa economia della conoscenza per i molti. Nella prima fase, l’attenzione si concentra sull’elevazione delle piccole e medie imprese dell’economia arretrata, sulla trasformazione dei fornitori di servizi autonomi in artigiani tecnologicamente attrezzati e sulla scoperta e la diffusione delle pratiche produttive più fertili , un equivalente del ventunesimo secolo dell’estensione agricola del diciannovesimo secolo. In una seconda fase, dallo sforzo di elevazione inizia a emergere un assetto istituzionale peculiare: una forma di partnership o di coordinamento strategico tra imprese o singoli agenti economici e governi nazionali o locali, decentrata, pluralistica, partecipativa e sperimentale, che avanza di pari passo con la competizione cooperativa tra le imprese o gli agenti. In una terza fase speculativa, molto lontana nel tempo, i beni produttivi della società verrebbero conferiti a fondi sociali non controllati né dal governo né da investitori privati. Questi fondi gestirebbero un’asta di capitali a rotazione, mettendo all’asta i beni produttivi della società, per periodi limitati, a chiunque possa offrire ai fondi che li detengono il più alto tasso di rendimento. Potremmo descrivere questo regime come “capitalismo senza capitalisti”. Il suo scopo sarebbe quello di garantire che la finanza serva l’agenda produttiva della società piuttosto che servire se stessa e che la sua responsabilità più importante, la creazione di nuovi beni in modi nuovi, non rimanga, come oggi, solo una piccola parte dell’attività dei mercati dei capitali.

Questa idea potrebbe essere liquidata come utopica da alcuni e come familiare da altri. In un mercato dei capitali competitivo, potrebbero sostenere questi ultimi, tale asta continua ha già luogo sotto un altro nome. Il ruolo della concezione dell’asta continua di capitali in questa argomentazione, tuttavia, è quello di indicare un dibattito non su un maggiore o minore ordine di mercato, ma su quale ordine di mercato.

Un’economia politica progressiva: Lavoro e capitale

Una dinamica di innovazione socialmente inclusiva, che si manifesta in un’economia della conoscenza approfondita e diffusa, richiede un’inclinazione verso l’alto dei rendimenti del lavoro. Non può essere conciliata con l’economicità del lavoro e con una radicale insicurezza del posto di lavoro. Un principio comune dell’economia pratica è che il salario reale non può aumentare in modo sostenibile al di sopra della crescita della produttività. Un aumento legislativo del salario nominale rischia di essere vanificato dalle sue conseguenze inflazionistiche. Tuttavia, se confrontiamo economie a livelli di sviluppo comparabili e controlliamo le differenze nelle dotazioni di fattori, troviamo disparità sorprendenti nella partecipazione del lavoro al reddito nazionale. Le fonti principali di tali disparità sono le differenze istituzionali e legali che rafforzano o indeboliscono il potere e la posizione del lavoro nei confronti del capitale.

In gioco c’è molto di più del salario. Marx e Keynes credevano che stessimo per superare la scarsità e che il suo superamento ci avrebbe permesso di liberarci dell’odioso peso del lavoro. Si sbagliavano su entrambi i fronti. Il superamento della scarsità non è a portata di mano, ma possiamo sperare di conquistare la libertà nell’economia, non solo dall’economia.

Dobbiamo innanzitutto distinguere la parte organizzata e quella disorganizzata del mercato del lavoro. Oggi nel mondo prevale la parte disorganizzata: l’economia informale nei principali Paesi in via di sviluppo e l’occupazione precaria nell’economia formale sia nei Paesi ricchi che in quelli in via di sviluppo.

Per la parte organizzata, il rimedio è la sindacalizzazione. Ma quale tipo di sindacato potrebbe avere una possibilità di ridurre la drammatica contrazione dei sindacati, che ora sopravvivono soprattutto nel settore pubblico? L’ideale sarebbe un regime ibrido, che combini il principio della sindacalizzazione automatica di tutti i lavoratori, ripreso dai regimi giuslavoristici corporativisti dell’America Latina, con il principio dell’indipendenza dei sindacati dallo Stato, che caratterizza i regimi contrattualisti e di contrattazione collettiva predominanti nei Paesi ricchi. Tuttavia, potrebbe essere troppo tardi per utilizzare una versione adattata di una soluzione del XX secolo per risolvere un problema del XXI secolo.

Nell’affrontare la parte disorganizzata-informale o precaria del mercato del lavoro, non abbiamo altra alternativa che innovare. Ciò significa rifiutare le due narrazioni sul lavoro che oggi prevalgono in tutto il mondo: il discorso sindacalista sul lavoro che vuole decretare l’illegalità delle nuove pratiche di produzione, servendo gli interessi della minoranza organizzata dei lavoratori, a scapito degli interessi della maggioranza disorganizzata, e il discorso neoliberista che, sotto lo slogan della flessibilità, abbandona la maggior parte dei lavoratori all’insicurezza economica e riduce il salario.

In una prima fase, la priorità deve essere quella di sviluppare un nuovo corpo di idee e regole giuridiche in grado di padroneggiare la realtà di un’economia che ha nell’economia della conoscenza la sua avanguardia. Un obiettivo centrale deve essere quello di distinguere l’inevitabile e legittima flessibilità economica dalla distruttiva insicurezza economica che riduce i salari.

Si applica una scala mobile. Dovremmo cercare di organizzare e rappresentare il precariato con tutto l’aiuto che le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione possono fornire. Nella misura in cui non ci riusciamo, dovremmo cercare un intervento legale diretto nel rapporto di lavoro per rimodellare i termini del contratto di lavoro secondo un principio di neutralità dei prezzi: il lavoro svolto in condizioni di precarietà dovrebbe essere compensato in modo comparabile al lavoro analogo svolto in condizioni di occupazione stabile.

A medio termine, la questione centrale diventa la direzione e le conseguenze del cambiamento tecnologico. La tecnologia si evolve secondo la logica che le diamo. Manca una logica intrinseca di evoluzione. Possiamo pensare alla tecnologia come a un canale tra i nostri esperimenti di mobilitazione delle forze naturali a nostro vantaggio e i nostri esperimenti di cooperazione sul lavoro. In alternativa, possiamo considerarla come l’incarnazione meccanica di formule o algoritmi che descrivono un lavoro che abbiamo imparato a ripetere; essa segna la frontiera mobile tra il ripetibile e il non ancora ripetibile, la provincia dell’immaginazione.

La tecnologia sostituirà sempre il lavoro. Il nostro interesse è quello di influenzare il suo sviluppo in modo che migliori il lavoro oltre a sostituirlo e trasformi la macchina in un dispositivo per potenziare l’anti-macchina con l’immaginazione, l’essere umano. Il governo può iniziare a lavorare a questo scopo in modo più limitato, attraverso incentivi e disincentivi fiscali. Può anche, più direttamente, prendere iniziative che sponsorizzino varianti delle tecnologie contemporanee, come quelle raggruppate sotto l’etichetta di intelligenza artificiale, robotica o manifattura additiva, con il potenziale di potenziare il lavoro oltre che di sostituirlo. Può rimodellare queste tecnologie per renderle utilizzabili dalle piccole e medie imprese e dai singoli agenti economici che rimangono lontani dall’avanguardia della produzione. In definitiva, nessuno dovrebbe essere condannato a svolgere un lavoro che può essere svolto da una macchina.

Nel lungo periodo, il miglioramento della posizione del lavoro nei confronti del capitale richiede che le forme più elevate di lavoro libero – il lavoro autonomo e la cooperazione – prevalgano su quella che sia i liberali che i socialisti consideravano una forma difettosa e transitoria di lavoro libero: il lavoro salariato economicamente necessario. Il problema che i liberali e i socialisti del XIX secolo non sono riusciti a risolvere è come conciliare queste forme più elevate di lavoro libero con l’imperativo irremovibile delle economie di scala in un’economia contemporanea complessa. Risolvere questo problema oggi richiede innovazioni nei termini legali e istituzionali dell’accesso decentralizzato alle risorse e alle opportunità della produzione.

L’ordine del mercato non deve essere legato a un’unica versione dogmatica di se stesso. A volte può estendere il decentramento qualificando la qualità assoluta e perpetua del controllo che ciascuno degli agenti economici decentrati esercita sulle risorse a sua disposizione. Alla fine di questa strada si trova la concezione dell’asta a rotazione del capitale che prima ho definito capitalismo senza capitalisti. All’estremo opposto si trova il diritto di proprietà unificato del XIX secolo, che conferisce al proprietario assoluto tutti i poteri che lo compongono.

Nella storia delle principali tradizioni giuridiche del mondo, i poteri componenti della proprietà sono stati normalmente disaggregati e conferiti a diversi livelli di rivendicazioni di pretendenti parziali sulle risorse produttive. Il diritto di proprietà assoluto e unificato dovrebbe continuare ad avere un posto come una delle forme, non l’unica, di uno sperimentalismo economico decentralizzato. Il suo vantaggio è quello di permettere al proprietario di fare, a proprio rischio, qualcosa in cui nessun altro crede, senza dover superare le obiezioni di chi ha il potere di fermarlo.

Democrazia ad alta energia

La controparte della democratizzazione dell’ordine di mercato e dello sviluppo di un’economia della conoscenza per i molti è l’approfondimento della democrazia. Il risultato desiderato è la creazione di una democrazia ad alta energia. Tale democrazia mette l’autodeterminazione collettiva al controllo della struttura della società, indebolisce la dipendenza del cambiamento dalla crisi come condizione abilitante e, di conseguenza, rovescia il dominio dei vivi da parte dei morti.

Cinque serie di innovazioni istituzionali definiscono il programma istituzionale di una democrazia ad alta energia. Ciascuna serie inizia con iniziative modeste e frammentarie e porta a un cambiamento conseguente del carattere della politica democratica. Tutte hanno come antecedenti dibattiti ed esperimenti già in corso in tutto il mondo. Non sono auto-motivanti: la loro motivazione deve derivare dalla lotta per cambiare direzione sociale ed economica senza dover aspettare la guerra o la rovina come condizioni di cambiamento.

Una prima serie di innovazioni istituzionali aumenta la temperatura della politica: il livello di impegno popolare organizzato nella vita politica. Una premessa della scienza politica e della statistica conservatrice è che la politica deve essere o fredda e istituzionale o calda ed extra- o addirittura anti-istituzionale. In fin dei conti, secondo questa premessa, dobbiamo scegliere tra Madison e Mussolini. Ciò che questa premessa esclude è un’idea centrale per una politica progressista: che la politica possa essere sia istituzionale che calda, in grado di mantenere un alto livello di mobilitazione e impegno civico.

I mezzi per raggiungere questo scopo sono le norme che regolano il voto (obbligatorio piuttosto che facoltativo), i regimi elettorali (dipendenti da effetti circostanziali), il denaro e la politica, la politica e i mezzi di comunicazione di massa.

Una seconda serie di innovazioni istituzionali accelera il ritmo della politica. Impegna l’elettorato e le istituzioni rappresentative nella rottura rapida e decisiva dell’impasse tra le parti dello Stato. Il caso più evidente è quello degli accordi americani di governo diviso, imitati in Sud e Centro America.

Due principi informano queste disposizioni: un principio liberale di frammentazione del potere nel governo e un principio conservatore di rallentamento della politica. Essi sono legati dall’intenzione e dal disegno, piuttosto che dalla necessità pratica o logica, di inibire gli usi trasformativi della politica democratica. L’interesse dei progressisti è affermare il principio liberale e ripudiare quello conservatore.

Possiamo raggiungere questo obiettivo con diversi espedienti pratici. Ad esempio, in base agli accordi presidenziali americani o latinoamericani, possiamo consentire sia al Presidente che al Congresso di sciogliere un’impasse convocando elezioni anticipate. Le elezioni anticipate dovrebbero sempre essere bilaterali: il ramo che esercita la prerogativa costituzionale condividerebbe il rischio elettorale.

Una terza serie di innovazioni istituzionali cerca di combinare una facilità di azione decisiva da parte del governo centrale con una devoluzione radicale al servizio dello sperimentalismo democratico. Quando un Paese imbocca una certa strada, copre le sue scommesse permettendo a parti di sé di divergere e di generare contro-modelli del futuro nazionale. Può farlo grazie a innovazioni istituzionali che si sviluppano in due fasi. In una prima fase, l’accento è posto sul federalismo cooperativo, sia a livello verticale tra i livelli della federazione sia a livello orizzontale tra gli Stati e tra i Comuni. La cooperazione funge da prima linea dello sperimentalismo, basandosi su accordi che prevedono poteri sia divisi che concorrenti all’interno di un sistema federale.

In un secondo momento, la logica del federalismo cooperativo lascia il posto a una più ampia libertà di sperimentazione. Alcune parti di un Paese possono richiedere un diritto eccezionale di ampia divergenza dalle politiche e dagli accordi nazionali prevalenti. Per evitare abusi, l’esercizio di tale privilegio deve essere vagliato sia dai rami rappresentativi del governo sia dai tribunali. È pregiudizio comune che gli Stati federali possano accettare più facilmente tale divergenza sperimentale rispetto agli Stati unitari. In questo caso, tuttavia, gli Stati unitari hanno un vantaggio: non hanno bisogno di agire secondo la presunzione che tutte le parti di un Paese debbano godere contemporaneamente e in egual misura della stessa prerogativa di divergere.

I progressisti spesso vogliono che i cambiamenti costituzionali inizino con le innovazioni destinate ad aumentare la temperatura della politica democratica, in particolare le norme che regolano il rapporto tra denaro e politica. Ma in molti Paesi, compresi gli Stati Uniti, il punto di partenza più promettente può essere la rivitalizzazione del rapporto tra governo centrale e locale, che gode di un ampio appeal al di là delle tradizionali divisioni tra destra e sinistra.

Una quarta serie di innovazioni ha un carattere diverso dalle tre precedenti. Cerca di indebolire direttamente la contraddizione tra società di classe e politica democratica. Stabilisce nel governo un potere di cambiamento che è sia strutturale che localizzato e quindi non è adatto, per motivi di legittimità o capacità, a nessuna parte degli Stati democratici così come sono ora organizzati. I due dispositivi preferiti del XX secolo per moderare il conflitto tra democrazia e società di classe – il corporativismo nella prima metà del secolo e il consolidamento costituzionale dei diritti sociali ed economici nella seconda – sono entrambi falliti; i diritti hanno fallito in modo ancora più decisivo del corporativismo. Le promesse di diritti nelle costituzioni del XX secolo sono rimaste in gran parte prive di meccanismi istituzionali o procedurali che ne garantiscano il mantenimento.

Consideriamo la situazione di un gruppo che si trova in una situazione di svantaggio o di sottomissione dalla quale non riesce a uscire con le forme di azione politica ed economica collettiva a sua disposizione. Una parte del governo dovrebbe essere attrezzata e autorizzata a venire in soccorso di questo gruppo e a iniziare a ricostruire le organizzazioni o le pratiche più direttamente responsabili dei suoi svantaggi. Oggi non esiste questa possibilità.

Negli Stati Uniti, il ramo giudiziario  almeno per un certo periodo – ha intrap reso questo compito attraverso lo sviluppo di un nuovo dispositivo procedurale: l’esecuzione complessa o ingiunzioni strutturali. I riformatori giudiziari si sono rivolti a organizzazioni relativamente periferiche  sistemi scolastici, carcerari, ospedali psichiatrici – fino a quando non hanno esaurito il loro potere.

Dovremmo volere un nuovo potere nello Stato, finanziato, dotato di personale e legittimato a fare, senza limitazioni aleatorie e arbitrarie, ciò che gli architetti giudiziari di queste procedure ricostruttive hanno tentato di fare nei limiti del loro ruolo istituzionale. La premessa dell’applicazione complessa era l’esistenza di una contraddizione tra un grande ideale attribuito a un corpo di leggi – il più delle volte un ideale anti-sottomissione – e una qualche combinazione di pratiche e disposizioni in una particolare parte della vita sociale che portava, ad esempio, alla segregazione scolastica o abitativa per razza e quindi (negli Stati Uniti) anche per classe. Il male era uno scontro tra un pezzo di struttura sociale o economica e un impegno trasformativo imposto dalla legge. Le parti o gli agenti interessati erano collettivi – segmenti di classi e razze – piuttosto che singoli titolari di diritti. Il rimedio consisteva nell’invadere e rimodellare una parte dello sfondo causale della vita sociale per superare o attenuare il conflitto tra la realtà sociale e la legge che la contraddiceva.

I giudici si sono trovati di fronte a una scelta tra due principi. Secondo un principio, un ideale stabilito dalla legge dovrebbe essere attuato indipendentemente dal fatto che esista o meno un agente istituzionale idoneo ad attuarlo. Secondo l’altro principio, dovrebbe essere attuato solo quando esiste un agente istituzionale adatto per attuarlo. Negli Stati Uniti sono stati i giudici (piuttosto che i politici e gli amministratori) a scegliere di sviluppare questa pratica di rimodellamento localizzato ma strutturale della vita sociale. Lo hanno fatto perché volevano farlo. Per farlo, hanno arbitrariamente diviso la differenza tra i due principi che ho appena descritto: non hanno permesso alla correttezza istituzionale di limitare l’iniziativa trasformativa né l’hanno respinta come irrilevante. Il risultato è stato quello di coinvolgere lo Stato in un’attività intellettualmente incoerente e politicamente vulnerabile.

Per indebolire il conflitto tra democrazia e società di classe è necessario sviluppare e generalizzare questa pratica di ricostruzione che è al tempo stesso localizzata e strutturale: più in profondità nello sfondo causale della vita sociale (ma fino a che punto?) per raggiungere gli strumenti centrali della produzione e della qualificazione piuttosto che solo le istituzioni relativamente periferiche (come le prigioni e gli ospedali psichiatrici) di cui si sono occupati i giudici americani. Questa versione estesa della pratica potrebbe, ad esempio, esplorare, sfidare e iniziare a rimodellare gli accordi, come i contratti di lavoro a zero ore (contratti che non prevedono un tempo minimo garantito di lavoro retribuito), che sostengono più direttamente la divisione tra il mercato del lavoro primario e quello secondario nelle società contemporanee , tra un nucleo relativamente privilegiato di lavoratori stabili e una periferia in espansione di salariati precari.

Di conseguenza, dobbiamo istituire una parte o un ramo dello Stato attrezzato, finanziato e legittimato a servire come agente di un tale esercizio del potere governativo: per intraprendere un cambiamento che sia localizzato e strutturale. Questo agente sarebbe eletto direttamente dal popolo o co-eletto dalle altre parti del governo.

La quinta serie di innovazioni istituzionali è l’arricchimento della democrazia rappresentativa con elementi di democrazia diretta o partecipativa, a livello locale attraverso una rete di associazioni di quartiere come controllo del governo municipale, e a livello nazionale attraverso referendum programmatici e plebisciti come ulteriore modo per superare l’impasse del governo. Questa appropriazione dei tratti della democrazia diretta non va confusa con la fantasia perenne di una certa sinistra: un governo di consigli popolari che faccia a meno delle istituzioni rappresentative e dei suoi quadri di politici professionisti.

L’auto-organizzazione della società civile al di fuori dello Stato

Una società disorganizzata non può generare alternative o agire su di esse. Lo sforzo di democratizzazione del mercato e di approfondimento della democrazia deve essere integrato dall’auto-organizzazione della società civile al di fuori del mercato e dello Stato.

L’accumulo di capitale sociale – cioè di densità associativa e delle capacità collettive che essa sostiene – non è un tratto della cultura nazionale al di fuori della portata dell’iniziativa trasformativa. È una variabile che risponde all’innovazione istituzionale. Molte di queste innovazioni riguardano gli accordi economici o politici che hanno a che fare con altre parti di questo programma. Un’economia della conoscenza prospera grazie all’aumento della fiducia reciproca e dell’iniziativa discrezionale. Una democrazia ad alta energia aiuta ad aumentare il livello di impegno popolare organizzato nella politica democratica. Alcune di queste innovazioni, tuttavia, hanno a che fare con la società civile stessa piuttosto che con l’economia o la politica. Tre meritano di essere sottolineate.

(1) Partnership tra governo e società civile nella fornitura di servizi pubblici. La forma prevalente di fornitura di servizi pubblici è un fordismo amministrativo: l’offerta di servizi standardizzati e di bassa qualità (di qualità inferiore rispetto ai servizi comparabili che le persone con denaro possono acquistare) da parte dell’apparato burocratico dello Stato. L’unica alternativa apparente sembra essere la privatizzazione dei servizi pubblici a favore di imprese orientate al profitto. Non esiste una controparte amministrativa sviluppata alle pratiche sperimentali dell’economia della conoscenza.

Lo Stato dovrebbe fornire una base di servizi pubblici universali. Dovrebbe anche operare al massimo nello sviluppo dei servizi pubblici più complessi e costosi. Ma nell’ampia zona intermedia tra il pavimento e il soffitto, dovrebbe collaborare con la società civile indipendente che agisce senza scopo di lucro: attraverso cooperative di insegnanti o di personale medico, per esempio, nella fornitura sperimentale e competitiva di servizi pubblici. Lo Stato può aiutare a equipaggiare, finanziare, formare e monitorare la società civile, mettendola in condizione di partecipare alla costruzione del proprio futuro. Questa partnership può essere il modo migliore per migliorare la qualità dei servizi pubblici. Può anche essere l’incentivo più efficace all’auto-organizzazione della società civile.

(2) Servizio sociale. Ogni cittadino e lavoratore abile dovrebbe avere due ruoli: uno nel sistema di produzione e qualificazione, l’altro condividendo la responsabilità comune di prendersi cura degli altri oltre alla propria famiglia. In un mondo di Stati armati che si minacciano a vicenda, la prima responsabilità condivisa deve essere la difesa. In una repubblica, le forze armate non devono mai diventare una forza mercenaria, una parte della nazione pagata dalle altre parti per difenderla. L’esercito deve essere la nazione in armi.

Gli uomini e le donne esonerati dal servizio militare (il più delle volte perché il Paese ha bisogno di un numero di soldati in armi inferiore a quello soggetto alla coscrizione), dovrebbero essere chiamati al servizio sociale obbligatorio, in base ai loro interessi e alla loro istruzione. Dovrebbero prestare tale servizio in una regione del Paese e in un settore della società diverso dalla regione o dal settore da cui provengono. In questo servizio sociale, dovrebbero ricevere l’addestramento militare di base che li qualifichi per far parte di una forza di riserva nazionale che possa essere mobilitata in caso di emergenza di difesa nazionale.

(3) Educazione alla cooperazione. La scuola dovrebbe offrire un ulteriore stimolo alla formazione della capacità sociale: non tanto perché esalta le virtù della cooperazione, quanto perché le esemplifica nelle sue pratiche di insegnamento e apprendimento. L’istruzione è una parte importante della riserva di dotazioni che assicurano la capacità. Ma contribuisce anche a suscitare la tempesta di innovazione perpetua che il paradiso rende possibile.

In democrazia, la scuola non dovrebbe essere lo strumento dello Stato o della famiglia. Non dovrebbe nemmeno servire come mezzo con cui l’università può trasformare i programmi di studio nazionali del mondo in versioni infantili delle ortodossie della cultura universitaria. La scuola deve parlare con la voce del futuro e riconoscere in ogni giovane un profeta senza peli sulla lingua.

La progettazione e l’attuazione di un’educazione che possa formare gli agenti di una società civile auto-organizzata, di una democrazia ad alta energia e di un’economia della conoscenza per i molti non può essere il risultato di una cricca al potere e dei suoi consulenti tecnici. Il suo compito educativo deve essere di competenza di un movimento nazionale di liberazione, che coinvolga centinaia di scuole e migliaia di insegnanti. In un Paese grande, diseguale, federale o comunque decentralizzato, questo movimento deve sviluppare accordi che concilino la gestione locale delle scuole con gli standard nazionali di investimento e qualità. Dovrebbe lottare per rendere la qualità dell’istruzione che ogni studente riceve il più possibile indipendente dalla circostanza di dove o da chi è nato.

Le pratiche di insegnamento e di apprendimento verso cui lavora un tale movimento dovrebbero avere i seguenti attributi. In primo luogo, devono avere come obiettivo l’intuizione trasformativa: capire qualcosa significa cogliere ciò che può diventare nel dominio del possibile adiacente. Le capacità analitiche e sintetiche dell’immaginazione forniscono l’equipaggiamento di base di tale intuizione. In secondo luogo, queste capacità non possono essere acquisite in un vuoto di contenuti. Nel trattare i contenuti, tuttavia, la profondità selettiva conta più della copertura enciclopedica.

In terzo luogo, l’ideale di una “educazione classica” deve essere riaffermato e reinventato. Il suo scopo era quello di dare allo studente una seconda visione, dotandolo di occhi per vedere con gli occhi dei suoi contemporanei ma anche con gli occhi di un’altra civiltà: Remota nel tempo, la civiltà del secondo sguardo aveva una relazione genealogica con la cultura del presente. Questo secondo sguardo veniva dai greci e dai romani per gli europei e dai classici confuciani per i cinesi. Il canone deve essere radicalmente diversificato, pur mantenendo il principio.

In quarto luogo, il contesto sociale dell’educazione deve essere cooperativo – cooperazione tra gli studenti, tra gli insegnanti e tra le scuole – in contrasto con la giustapposizione di individualismo e autoritarismo della scuola tradizionale.

In quinto luogo, l’approccio alla conoscenza ricevuta deve essere dialettico. Tutto deve essere insegnato almeno due volte, da punti di vista contrastanti. L’insegnamento dialettico immunizza i giovani dalle ortodossie della cultura universitaria. Queste ortodossie si traducono in matrimoni forzati di metodi e materie. E prosperano grazie all’associazione di presupposti metafisici controversi con risultati empirici difficili, che, in assenza di tali presupposti, assumerebbero significati diversi.

L’istruzione tecnica si collocherebbe su un continuum con questa forma di istruzione generale e non sarebbe più intesa come formazione pratica per i lavoratori in contrasto con la formazione simbolica per le élite. Il suo obiettivo non sarebbe più quello di sviluppare le competenze specifiche del lavoro e della macchina richieste dai mestieri convenzionali. Al contrario, il suo lavoro si evolverà per sviluppare le competenze concettuali e manuali di ordine superiore e flessibili richieste dalle pratiche e dalle tecnologie dell’economia della conoscenza.

Una base per vincere: la contro-élite produttivista e nazionalista
e la piccola borghesia soggettiva

Ogni potente programma di trasformazione costruisce la propria base. Deve costruire questa base con i materiali che la storia gli fornisce: i modi in cui ogni classe intende la propria identità e i propri interessi. Ci sono sempre due serie di modi in cui una classe può comprendere e difendere questi interessi: una istituzionalmente conservatrice e socialmente esclusiva e un’altra istituzionalmente trasformativa e aperta a trattare come alleati i gruppi che prima considerava rivali.

La base necessaria e possibile per l’alternativa alla dittatura dell’assenza di alternative che ho delineato qui ha due elementi. Il primo elemento è un protagonista familiare della storia moderna. Il secondo elemento parla di una nuova realtà.

Come parte della sua constituency, una tale agenda deve poter contare su una contro-élite: una fazione dissidente delle élite nazionali. Questa contro-élite è stata la principale artefice di ogni “miracolo di crescita” messo in scena nella storia moderna degli ultimi 250 anni circa, compresi, ovviamente, gli Stati Uniti nel periodo che va dalla fondazione alla guerra civile. Mossa da questo impulso, deve opporsi alla parte dell’élite nazionale che cerca la rendita. Deve associare il produttivismo al nazionalismo.

La contro-élite deve avere un piano per ottenere un aumento sostenibile e a lungo termine della produttività e un’espansione della produzione (la componente produttivista). Le pratiche di produzione che promuove possono non essere, al momento della loro comparsa, le più efficienti: quelle che fanno il massimo con il minimo. Ma saranno quelle con il maggior potenziale di raggiungere la frontiera della produttività e di rimanervi, ispirando e informando l’innovazione permanente in ogni parte del sistema produttivo.

Un tale piano richiederà una riforma dell’architettura legale e istituzionale dell’ordine di mercato, non solo la volontà di dare più o meno spazio al mercato così come è ora inteso e organizzato. E dovrà coinvolgere gran parte della forza lavoro nel suo programma di creazione della versione contemporanea di un avanguardismo produttivo socialmente inclusivo, che è ciò che rappresenterebbe oggi un’economia della conoscenza per i molti.

La contro-élite deve volere che l’economia nazionale si impegni nell’economia mondiale a condizioni utili a questo piano produttivista e che permettano allo Stato di affermare ed esercitare la propria sovranità, sia attraverso la sfida agli interessi e alle idee sostenute da altre potenze o che sono influenti nel mondo (colonialismo mentale), sia attraverso la cooperazione con Stati stranieri per risolvere problemi che nessuno Stato può risolvere da solo (componente nazionalista). In nome del matrimonio tra produttivismo e nazionalismo deve fare appello al sostegno della maggioranza operaia del popolo.

La seconda parte della base necessaria e possibile è la maggioranza nazionale nei principali Paesi del mondo. Questa maggioranza è composta da persone che rimangono povere, se non proprio povere, ma relativamente povere. Non appartengono, per circostanze oggettive, alla classe dei piccoli imprenditori. Tuttavia, aspirano a una modesta prosperità e indipendenza.

Per difetto, in mancanza di altri modi per realizzare le loro aspirazioni, cercano le espressioni caratteristiche della vita piccolo-borghese: un negozio, una bottega, una piccola fattoria: attività familiari arcaiche e retrograde, tradizionalmente finanziate dal risparmio familiare e dall’autosfruttamento. Gli equivalenti spirituali di questo orizzonte economico sono stati l’individualismo, il materialismo e il consumismo e, in un vocabolario religioso, la teologia della prosperità. La sinistra europea ha commesso il suo errore più fatale nel XX secolo quando ha demonizzato queste persone e le ha spinte nelle braccia della destra fascista.

Chiamiamo questo gruppo di elettori la piccola borghesia soggettiva. Oggi è molto più grande del “proletariato industriale”, la forza lavoro organizzata e relativamente privilegiata, insediata nei settori ad alta intensità di capitale del sistema produttivo, che i partiti e i movimenti di sinistra hanno considerato in passato come il loro nucleo centrale. Il futuro della maggior parte delle società contemporanee dipende dalla direzione di questa piccola borghesia soggettiva e dalla sua alleanza con una contro-élite produttivista e nazionalista.

Un compito dei progressisti è quello di raggiungere la piccola borghesia soggettiva dove si trova, di incontrarla alle sue condizioni e di offrirle alternative pratiche ai modi autolesionisti in cui è stata abituata a comprendere e a realizzare i suoi obiettivi economici e spirituali. Devono persuadere i piccoli borghesi soggettivi a distinguere i loro obiettivi più ampi  raggiungere una modesta prosperità e indipendenza e consolidare una forma di vita in cui possano accrescere la loro esperienza di agenzia effettiva – dalla forma regressiva e predefinita che questo obiettivo ha solitamente assunto nel loro immaginario: la piccola impresa familiare. I piccoli borghesi soggettivi devono imparare a collegare le loro aspirazioni con progetti che possano produrre maggiore prosperità e libertà collettiva, nella direzione di un’economia della conoscenza per i molti e di una democrazia ad alta energia.

Questi progetti non devono apparire ai piccoli borghesi soggettivi come miraggi lontani. Per credere, devono poter toccare la ferita: vedere e sperimentare i primi passi del cammino da qui a lì. A tal fine, i progressisti devono trovare il modo di fornire acconti su alternative come quelle qui suggerite alla dittatura dell’assenza di alternative. Inoltre, tali alternative, e i passi che vi conducono, devono essere associati in modo tangibile alle agende di sviluppo nazionali e al rafforzamento dello Stato-nazione, dato che gli Stati-nazione rimangono gli scudi dietro i quali i popoli del mondo possono intraprendere questi esperimenti di rifacimento della società.

Ovunque la piccola classe imprenditoriale, la piccola borghesia oggettiva, rimane una minoranza assediata. Ma la piccola borghesia soggettiva – in paesi come l’India e la Cina, il Brasile e l’Indonesia, la Turchia e la Nigeria – costituisce la maggioranza del popolo. Sono sfuggiti alla povertà più assoluta, tanto da poter sognare il sogno della piccola borghesia. Sognando quel sogno, hanno continuato ad associare i suoi desideri intangibili di possesso di sé con l’armamentario convenzionale della piccola impresa, della piccola proprietà terriera e della fornitura di servizi semi-specializzati, in cambio di un salario o di un compenso.

In che misura e in che senso questa realtà si estende ai ricchi Paesi del Nord Atlantico e ai loro avamposti nel mondo? Le somiglianze sono più che superficiali. Nelle società ricche, la maggioranza si trova esclusa dai settori più avanzati e produttivi dell’economia e dalle scuole che vi danno accesso. La maggior parte delle persone non è impiegata nelle grandi imprese, e molti preferirebbero non esserlo. Un numero crescente si rivolge, per una combinazione di disperazione e speranza, a qualche forma di lavoro autonomo e di piccola proprietà come male minore. In politica, fluttuano tra destra e sinistra. In religione, coltivano una spiritualità che si basa molto sull’auto-aiuto e poco sulle narrazioni secolari di redenzione.

Non sono forse, insieme alle loro controparti nei paesi in via di sviluppo, il sale della terra? La loro esistenza e la loro resistenza non dimostrano forse che la piccola borghesia soggettiva è in tutto il mondo la classe con la migliore pretesa di rappresentare oggi – meglio del proletariato industriale di Marx – gli interessi universali dell’umanità?

Eppure, tutto nella storia del pensiero e della politica cospira contro di loro. L’impegno dogmatico nei confronti dell’architettura ereditata del mercato, organizzata attorno al diritto di proprietà unificato, nega loro gli strumenti giuridici con cui conciliare il decentramento dell’iniziativa economica con l’aggregazione delle risorse su scala. Idee e atteggiamenti simili minano la base istituzionale e giuridica su cui potremmo dare nuovo significato e forza alla vecchia convinzione liberale e socialista che il lavoro autonomo e la cooperazione, piuttosto che il lavoro salariato, siano le espressioni più vere dell’idea di lavoro libero. Queste stesse convinzioni si oppongono all’unica forma di vita politica che permetterebbe alla piccola borghesia soggettiva di trasformare la società: una democrazia sperimentale ad alta energia che non ha più bisogno di guerre e rovine per consentire il cambiamento e che pone fine al dominio dei vivi da parte dei morti.

Nella religione, la loro abitudine più comune è stata quella di adottare l’idea della partecipazione dell’individuo all’infinità di Dio. Tuttavia, hanno permesso che questa fede venisse doppiamente corrotta: dal mancato riconoscimento del posto della solidarietà nell’autocostruzione e dall’acquiescenza idolatrica alla sufficienza e alla finalità degli assetti economici e politici che sono stati loro insegnati a venerare.

La piccola borghesia soggettiva non può diventare una piccola borghesia oggettiva conformandosi alle formule che i suoi amici reazionari politici e ideologici le hanno imposto. Ma se si liberano di tali guide e rifiutano le loro dottrine, non diventeranno nemmeno una piccola borghesia oggettiva. Al contrario, si saranno avvicinati un po’ di più all’essere uomini e donne liberi. Avranno conquistato la loro maggiore libertà ribellandosi alla dittatura dell’assenza di alternative.

Questo articolo è apparso originariamente in American Affairs, volume VIII, numero 1 (primavera 2024): 123-40.

Freund Todd, tra disfatta e decadenza 2a parte Con Roberto Buffagni e Teodoro Klitsche de la Grange

Siamo alla seconda parte della conversazione con Buffagni e Klitsche de la Grange. Il tema della decadenza di una civiltà non è nuovo tra politologi e filosofi. Julien Freund ne è un acuto osservatore. La tesi assume contorni più nitidi e chiari a partire da metà ‘800. Al giorno d’oggi appare drammaticamente attuale anche se paradossalmente la percezione risulta più acuta tra le classi popolari e nel ménage quotidiano piuttosto che tra le élites e le classi dirigenti europee e statunitensi, non ostante tale processo stia assumendo le caratteristiche e le dimensioni di una vera e propria catastrofe. Emmanuel Todd lo ha sottolineato con certosina accuratezza. Ci soffermiamo su questo aspetto in questo secondo appuntamento. Due autori e due loro testi caduti sotto la lente di osservazione di Roberto Buffagni e Teodoro Klitsche de la Grange. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4uhus2-freund-todd-tra-disfatta-e-decadenza-2a-parte-con-roberto-buffagni-e-teodor.html

Che cos’è la geopolitica critica globale?_di Vladislav B. Sotirovic

Che cos’è la geopolitica critica globale?

Per la stragrande maggioranza degli analisti politici occidentali, dei giornalisti, degli scienziati e così via, la scomparsa dell’URSS nel 1990/91 è stata simboleggiata in modo drammatico dalla distruzione fisica del Muro di Berlino, seguita dalla rimozione/distruzione degli status/monumenti dedicati ai leader comunisti e all’ideologia comunista. Questo cambiamento geopolitico ha richiesto un nuovo ordine mondiale nelle relazioni internazionali (IR) e, di fatto, ha annunciato la pace globale, la democrazia internazionale e la sicurezza e stabilità mondiale negli affari esteri dopo la Guerra Fredda 1.0 (1949-1989). Il periodo della Guerra Fredda è stato un periodo storico che va dall’istituzione del patto NATO nel 1949 alla distruzione del Muro di Berlino nel 1989. In quel periodo, la politica globale era strutturata attorno a una geografia politica binaria che opponeva il capitalismo globale guidato dagli Stati Uniti al comunismo di tipo sovietico. Tuttavia, sebbene il mondo non abbia affrontato in quel periodo un confronto militare diretto (come nel 1962 durante la Crisi di Cuba) tra Est e Ovest, il periodo della Guerra Fredda 1.0 è stato testimone di gravi rivalità economiche, finanziarie, militari, politiche e soprattutto ideologiche tra le due superpotenze (nucleari) di allora (USA e URSS) e i loro alleati (NATO e Patto di Varsavia).

Secondo il noto concetto di “fine della storia”, che riflette la fine della Guerra Fredda 1.0, la battaglia globale dei quarant’anni precedenti – agli occhi della propaganda occidentale, la battaglia finale tra le libertà (occidentali) e l'”Impero del Male” (orientale) – era finita (almeno per qualche tempo). Il mondo sembrava unificato sotto il Nuovo Ordine Mondiale (diretto da Washington). Subito dopo il 1989, qualsiasi combinazione di multipolarità dell’ordine 1.0 post-Guerra Fredda in IR è stata intesa come un pericolo reale per la sicurezza globale.

Tuttavia, dal punto di vista della geopolitica critica, è stato suggerito che il mondo avrebbe presto perso la stabilità nelle IR che esisteva durante la Guerra Fredda 1.0 a causa dell’opposizione militare, politica e ideologica di due superpotenze e dei loro alleati. In altre parole, secondo questi critici, il Nuovo Ordine Mondiale dopo il 1989 perderà la chiarezza e la stabilità che aveva l’epoca della Guerra Fredda 1.0. Pertanto, il mondo post-1989 per quanto riguarda l’IR, secondo S. P. Huntington, sarebbe stato un mondo di affari esteri più simile a una giungla e con molteplici pericoli per la sicurezza globale, con trappole nascoste, spiacevoli sorprese e ambiguità morali. Un nuovo mantra in IR è iniziato dopo l’11/9 (2001), quando il Presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha posto linee chiare di bene e male sulla mappa politica globale.

Durante la Guerra Fredda 1.0, il mondo capitalistico “libero” combatteva contro il mondo comunista “non libero” (soprattutto se si viveva nella “terra promessa” degli Stati Uniti). L’Occidente “promesso” dimostrava l’inevitabilità della caduta dei Paesi sotto il “diavolo” comunista come un domino (un “effetto domino”), a meno che l’URSS non fosse contenuta dietro la cortina di ferro. Tuttavia, dopo il 1989, alcuni teorici politici offrirono nuove visioni della politica globale basate sul caos e sulla frammentazione, sostenendo che le minacce e i pericoli provenivano da più parti. Questa geopolitica globale critica è stata incorporata nella geografia immaginaria della guerra al terrorismo proclamata da G. W. Bush dopo l’11 settembre, quando l’amministrazione statunitense ha diviso nettamente il mondo in due metà, il che significa che ogni Stato era o per gli Stati Uniti o per i terroristi. Non c’era, infatti, uno spazio intermedio. Da una prospettiva più ampia, l’uso di immaginari geografici nella formazione di modelli politici globali (come quelli durante e dopo la Guerra Fredda 1.0) è solitamente inteso come geopolitica.

Dal punto di vista della geografia umana come disciplina accademica, la geopolitica è intesa come un elemento della pratica e dell’analisi dello statecraft che considera la geografia e le relazioni spaziali, che giocano entrambe un impatto cruciale nel processo di creazione delle IR. La realtà politica che riguarda l’IR deve prendere in seria considerazione alcuni quadri di leggi sia della geografia che della politica: per quanto riguarda la geografia, la distanza, la prossimità e la localizzazione, si intende che esse influenzano lo sviluppo dell’azione politica (ad esempio, la guerra). Dal punto di vista delle argomentazioni geopolitiche, l’impatto della geografia sulla politica si fonda sulla realtà geofisica, ma non sull’ideologia. Nella pratica storica sembra che la scienza geografica abbia un impatto prevedibile sull’azione politica.

Queste argomentazioni sono contestate da coloro che sostengono che le relazioni e le entità geografiche sono specifiche degli ambienti storici e culturali. Ciò significa che la natura dell’influenza della geografia sugli eventi politici può cambiare.

Dobbiamo ricordare che il termine geopolitica è stato storicamente utilizzato per la prima volta dal politologo svedese Rudolf Kjellen nel 1899. Tuttavia, il termine non era molto utilizzato prima dell’inizio del XX secolo. Tuttavia, la promozione da parte del geografo e stratega politico britannico Halford Mackiner dello studio della geografia come disciplina accademica per aiutare lo statecraft ha stimolato l’idea che la geopolitica possa influenzare i geografi a offrire un modo per influenzare l’IR. In sostanza, la geopolitica come disciplina di ricerca accademica si occupa della questione di quali fattori geografici possono plasmare le IR. Fondamentalmente, questi fattori geografici includono lo spazio continentale, seguito dalla distribuzione del paesaggio fisico e delle risorse umane. Per quanto riguarda la ricerca geografica, si prevede che alcuni territori siano più facili o più difficili da difendere. Inoltre, la nozione di distanza influenza la politica e alcune caratteristiche topografiche possono partecipare in modo significativo agli sforzi di sicurezza dello Stato, ma possono anche portare alla sua vulnerabilità.

Non si può mai dimenticare che la questione della sicurezza è sempre stata e sarà in futuro fondamentale per lo studio della geopolitica. Essa, in sostanza, significa il mantenimento dello Stato di fronte alle minacce, di solito provenienti da potenze esterne (aggressioni dall’esterno). Il punto cruciale è che i geopolitici sostengono di poter sostenere il concetto di sicurezza nazionale (statale) spiegando gli effetti della geografia di un Paese (e di quelli circostanti) e di potenziali conquistatori, sulle future relazioni politico-politiche di potere. In altre parole, gli esperti di geopolitica devono essere in grado di prevedere quali aree potrebbero rendere uno Stato più forte, aiutandolo a salire alla ribalta, e quali potrebbero lasciarlo vulnerabile. I geopolitici sostengono che la geografia è il fattore più importante dell’IR proprio perché è il più permanente. Di conseguenza, lo studio della geopolitica è considerato di natura molto pratica e il più oggettivo in materia di IR. Da questo punto di vista, è ben distinto dalla teoria politica.

Di solito, i geopolitici presentano il mondo e l’IR come un sistema chiuso fondato su relazioni interdipendenti tra attori politici, fondamentalmente Stati indipendenti. Accidentalmente o meno, l’interesse per la geopolitica come disciplina accademica in grado di spiegare il mondo e il sistema delle IR è nato in un momento in cui il mondo intero è stato esplorato dai colonizzatori imperialisti occidentali. Pertanto, ora il mondo è diventato disponibile per l’espansione territoriale ed economica degli Stati nazionali. Ben presto, intorno al 1900, la politica coloniale dell’Europa occidentale raggiunse il suo apice. In linea di principio, il colonialismo è inteso come il dominio di uno Stato nazionale (o di un’altra potenza politica) su un altro territorio occupato e subordinato e sul suo popolo. In origine, la geopolitica era intesa come lo studio che spiega e addirittura legittima la politica di colonizzazione e la creazione di imperi d’oltremare. In pratica, prima del 1945 la geopolitica in molti casi offriva agli Stati nazionali un modo per proteggere i loro possedimenti territoriali nel momento in cui (prima del processo di de-colonizzazione) le “terre vuote” (e la “terra incognita”) venivano occupate dagli Stati e dalle potenze dell’Europa occidentale (e di altri Paesi).

Dal punto di vista pan-globale, la tesi geopolitica più nota è quella del britannico Mackinder – “Heartland Thesis”. Secondo questa tesi, l'”Heartland” asiatico è un’area cardine della geopolitica globale. Chi controlla quest’area si assicura una posizione di primo piano nella politica mondiale e, quindi, il dominio globale. Questa “Pivot Area” è circondata dall'”Outer Rim” delle terre divise in due territori: 1) “Mezzaluna interna o marginale”; e 2) “Terre della mezzaluna esterna o insulare”). Se non ci fosse la resistenza dell’area dell'”Outer Rim”, che è vicina all'”Heartland”, una potenza occupante potrebbe facilmente arrivare a controllare prima l’Europa e poi il mondo. Secondo la tesi di Mackinder del 1919, il prerequisito per comandare l'”Heartland” è governare l’Europa orientale. Tuttavia, chi governa l'”Heartland” comanda l’Isola del Mondo, che è una precondizione per governare il Mondo.

L’analisi geopolitica di Mackinder sulla politica mondiale, tuttavia, aveva un compito molto pratico: aiutare l’imperialismo coloniale globale britannico. In altre parole, suggerì ai responsabili politici britannici di diffidare delle potenze che occupano l'”Heartland” e di stabilire una “zona cuscinetto” intorno al territorio dell'”Heartland” per prevenire l’accumulo di potenze che in futuro avrebbero potuto sfidare l’egemonia dell’Impero britannico sia all’interno che all’esterno della “Mezzaluna”. Il ragionamento geopolitico di Mackinder ebbe una certa influenza sia sulla politica estera britannica sia sull’immaginario popolare. Tuttavia, non tutti i geopolitici concordano con la conclusione di Mackinder secondo cui il luogo del potere globale è la terraferma: ad esempio, il geopolitico statunitense Mahan, invece del potere della terraferma, promosse il concetto di potere del mare, mentre altri più tardi promossero l’importanza del potere aereo. Ciononostante, ognuno di questi tre gruppi ha individuato diverse aree centrali da cui imporre il dominio politico, militare ed economico.

La nozione di geopolitica nel secondo dopoguerra era piuttosto negativa, poiché agli occhi di molti era associata alle politiche naziste di occupazione territoriale, espansionismo, Lebensraum, colonizzazione, olocausto e atrocità di guerra. In pratica, durante la Guerra Fredda 1.0, la geopolitica, espressa in puri modelli spaziali (geografici), è diventata obsoleta e fuori uso, almeno nella sua forma originale. Tuttavia, la teoria occidentale (americana) dell’Effetto Domino (reazione a catena di Stati che cadono in mano ai comunisti, come una fila di domino che cade) era essenzialmente legata al fattore territorio (geografia), in quanto la diffusione del comunismo/socialismo non era vista come un complesso processo politico di adattamento e conflitti, ma principalmente come un risultato diretto della vicinanza a un territorio governato dall’URSS. Il processo di reazione a catena non si sarebbe fermato, secondo questa teoria, finché non avesse raggiunto l’ultimo domino in piedi (gli Stati Uniti), facendo apparire inevitabile un’azione politica futura, a meno che non venisse intrapresa un’azione proattiva come un attacco preventivo.

Tuttavia, dopo il 1989 sono apparsi nuovi approcci alla geopolitica, solitamente definiti “geopolitica critica”. Per tutti loro, la questione comune è il rifiuto dell’oggettività e dell’atemporalità dell’effetto della geografia su alcuni processi politici, tra cui l’IR. A differenza dei geopolitici tradizionali, i sostenitori della geopolitica critica prendono in considerazione un ampio spettro di fattori che influenzano l’azione politica e le IR. Inoltre, la geopolitica tradizionale viene criticata perché prende in considerazione solo lo Stato o principalmente lo Stato come attore principale o addirittura unico nella politica internazionale, soprattutto al tempo della “turbo globalizzazione” dopo il 1989/1990 quando, chiaramente, altri attori e poteri sono coinvolti sia a livello sub-statale (come i gruppi etnici, regionali o basati sul luogo), sia a livello sovrastatale (come le corporazioni transnazionali o le organizzazioni internazionali come la NATO, l’UE, l’ONU, l’ASEAN, il NAFTA, i BRICS, l’OPEC, l’Unione Araba, l’Unione Africana, il Consiglio d’Europa, ecc. ).

Va sottolineato che i geopolitici critici sono particolarmente interessati a mettere in discussione il linguaggio della geopolitica, ovvero il cosiddetto “discorso geopolitico”. Per i geopolitici, il discorso è un modo di parlare, scrivere o rappresentare in altro modo il mondo e le sue geografie. Il discorso è semplicemente visto come un modo di rappresentare il mondo – il modo in cui sta, di fatto, plasmando la realtà del mondo, piuttosto che essere solo un modo di presentare una realtà che esiste al di fuori del linguaggio. L’espressione linguistica può essere problematica in quanto il linguaggio è metaforico e, quindi, in primo luogo viene compreso in modo diverso dagli ascoltatori/lettori e in secondo luogo orienta l’opinione degli altri. Esiste sempre una scelta di parole, espressioni e metafore e il tipo di termini utilizzati influisce sul significato di ciò che viene descritto. Per esempio, i membri di alcune organizzazioni possono essere descritti come “terroristi” o “combattenti per la libertà”. Per comprendere correttamente il carattere e gli obiettivi della loro attività politica, quindi, molto dipende dalla descrizione linguistica che se ne fa. Di conseguenza, esiste una politica del linguaggio.

La geopolitica critica si fonda sulle preoccupazioni postmoderne per la politica della rappresentazione. Per i sostenitori di questo approccio, la geografia politica non è una raccolta di fatti indiscutibili ma, al contrario, riguarda il potere. Ciò significa che la geografia politica non è un ordine o un fatto, ma che gli ordini geopolitici sono creati da individui di spicco e dalle principali istituzioni e poi imposti in tutto il mondo. La geografia politica è il prodotto di un contesto culturale seguito da una motivazione politica. Uno dei punti focali della geografia critica di oggi è che esamina la questione del perché la politica internazionale sia solitamente compresa dal punto di vista dello spazio o semplicemente attraverso gli occhi della geografia. Di conseguenza, la geopolitica critica cerca di scoprire le politiche coinvolte nella scrittura della geografia dello spazio globale. Questo processo è chiamato “geo-grafismo” (scrittura della terra) per utilizzare il processo di ragionamento geografico al servizio pratico di poteri politici e non.

La geopolitica critica non è tanto interessata ai problemi geopolitici classici, come i veri effetti della geografia sulle relazioni internazionali (ad esempio se le potenze terrestri, marittime o aeree sono le più influenti). Piuttosto, i geografi critici indagano su quali modelli di geografia internazionale vengono utilizzati e, soprattutto, su quali interessi questi modelli servono. Per loro, il potere dipende essenzialmente dalla conoscenza e, quindi, la conoscenza ha un impatto cruciale sull’azione politica. Esempi di come la scienza (la conoscenza) possa essere usata in politica sono i casi di Mackinder, che voleva contribuire a mantenere le colonie imperiali britanniche d’oltremare e, quindi, la sua egemonia sugli affari mondiali, e di Mahan, uno storico navale, che era interessato a costruire la Marina degli Stati Uniti per favorire la creazione dell’Impero americano.

I sostenitori della geopolitica critica tendono ad analizzare l’impatto della geografia in qualsiasi descrizione del mondo o delle sue parti da un punto di vista politico: ad esempio, descrivere o prevedere la politica estera di uno Stato nazionale significa, di fatto, essere impegnati nella geopolitica. Qualsiasi descrizione geopolitica può influenzare la percezione politica. Ad esempio, la conoscenza di altre regioni e del carattere dei loro abitanti, descritta in un particolare modo politico-ideologico, può essere significativa per l’azione politica: usare costantemente i termini “Impero del Male” o “Asse del Diavolo” per descrivere un paese e la sua leadership politica, serve a legittimare la sua politica estera e le sue azioni militari.

L’affermazione principale dei sostenitori della geopolitica critica è che le argomentazioni geopolitiche convenzionali o tradizionali sono troppo di natura pro-geografica. Contrariamente ai geopolitici tradizionali, i loro colleghi della geopolitica critica preferiscono ridurre il fattore spazio e luogo (il che significa non preoccuparsi in modo cruciale di comprendere e analizzare i processi geografici) a concetti o ideologie. L’ideologia, nella prospettiva stessa della geografia critica, può essere intesa come un significato che serve a creare e/o mantenere relazioni di dominio e subordinazione, attraverso forme simboliche. Per quanto riguarda la politica internazionale, la geopolitica critica sostiene che la geopolitica non è semplicemente legata alla funzione di descrivere o prevedere la forma delle IR. Tuttavia, la geopolitica deve essere focalizzata sul modo in cui l’identità si forma e si sostiene nelle società contemporanee (multi e ibride).

In conclusione, possiamo dire che la geopolitica continua a essere una potente forma di ragionamento geografico, ma utilizzata a sostegno di potenti interessi politici. La geopolitica può creare mappe “morali” del mondo e individuare i nemici dello Stato-nazione. Tuttavia, la geopolitica critica rappresenta una sfida significativa all’immaginario geopolitico tradizionale dell’IR e della politica globale, offrendo un altro modo per immaginare connessioni alternative tra i diversi gruppi umani nel mondo.

Dr. Vladislav B. Sotirovic
Ex professore universitario
Ricercatore presso il Centro di Studi Geostrategici
Belgrado, Serbia
www.geostrategy.rs11
sotirovic1967@gmail.com © Vladislav B. Sotirovic 2024

Disclaimer personale: l’autore scrive per questa pubblicazione a titolo privato e non rappresenta nessuno o nessuna organizzazione, se non le sue opinioni personali. Nulla di quanto scritto dall’autore deve essere confuso con le opinioni editoriali o le posizioni ufficiali di altri media o istituzioni.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Ge Zhaoguang: immaginare una narrazione storica globale

Ge Zhaoguang: immaginare una narrazione storica globale

  • 葛兆光Charles Ge Shao GuangDirettore dell’Istituto di letteratura e storia dell’Università Fudan, Taoismo e cultura cinese, Casa della Cina

[Testo/George Siu-kwong]

Il programma audio “Storia globale dalla Cina”, iniziato nel giugno 2019 e durato due anni e mezzo, è stato trasmesso. Oggi vorrei parlare di “Storia globale dalla Cina: immaginare una narrazione della storia globale”.

Perché abbiamo bisogno di “prevedere una narrazione della storia globale”? In primo luogo, perché in Cina non abbiamo ancora una storia globale relativamente completa scritta da noi stessi; in secondo luogo, tra le varie storie globali del mondo, non ce n’è ancora una che parta dalla Cina o che la guardi attraverso gli occhi dei cinesi; in terzo luogo, stiamo ancora brancolando nel processo e abbiamo ancora molti rimpianti e problemi. Ecco perché è “previsto”.

1. Introduzione: dalla congettura di Samsungdui

Innanzitutto, vorrei iniziare con lo scavo archeologico di Sanxingdui, che di recente ha attirato particolare attenzione. Come tutti sappiamo, nel marzo 2021 la China Central Television (CCTV) trasmetterà in diretta lo scavo di Sanxingdui. In Cina, con l’irradiazione e l’influenza dell’emittente televisiva nazionale per riferire sullo scavo di un sito con così tanta potenza, ci deve essere un retroscena e uno scopo dietro. Questo non ci interessa.

Tuttavia, come avrete notato, negli scavi archeologici del sito di Sanxingdui, le statue di bronzo di figure in piedi, le maschere longitudinali di bronzo, le maschere d’oro e gli scettri d’oro di cui ci occupiamo ora sono molto diversi dagli oggetti portati alla luce nei siti dello Yin Shang e dello Zhou occidentale, che in passato si trovavano nell’area centrale delle pianure centrali. Oppure, in effetti, ci sono molte sorprese, tra cui l’avorio e altri oggetti portati alla luce in questa fossa sacrificale, che riteniamo molto interessante.

Manufatti appena scavati in mostra al restauro del Museo di Sanxingdui a Guanghan, nella provincia di Sichuan, 5 dicembre 2021; nella foto una maschera d’oro appena scavata (parziale)

Permettetemi di introdurre brevemente Sanxingdui. Quello che forse non sapete è che i primi scavi di Sanxingdui coinvolsero degli stranieri; nel 1934, un uomo di nome David Crockett Graham (1884-1962), che all’epoca si trovava a Huaxi, collaborò con un cinese, Lin Mingjun, e trovò qualcosa di molto sconvolgente. Gli scavi sono poi proseguiti nel 1958, non solo ora. Naturalmente, è stato nel 1980-1981 che è stato chiamato Sanxingdui e gli è stata dedicata un’attenzione particolare. Solo nel 1986 fece scalpore il ritrovamento di bronzi molto strani nella prima e nella seconda fossa sacrificale.

La domanda è: come definire la cultura di Sanxingdui? È una cultura Shu, un ramo della cultura delle Pianure Centrali o una cultura regionale sotto l’influenza di culture straniere? Si tratta di un dibattito molto ampio. Come forse sapete, il Sichuan è un luogo molto strano, e sono sempre stato curioso di sapere se i cosiddetti barbari sud-occidentali dello Yunnan, del Guizhou e del Sichuan non siano così strettamente legati alle Pianure Centrali e se, al contrario, abbiano maggiori interazioni con alcuni luoghi esterni alla regione. Forse ne abbiamo sentito parlare, “I registri del Grande Storico” registrano la missione di Zhang Qian nelle regioni occidentali, che ha scoperto che nel Sichuan ci sono canne di bambù Qiong e stoffe Shu. Pertanto, Zhang Qian suggerì all’imperatore Wu di Han che poteva esserci un’altra via dal Sichuan all’India, così l’imperatore Wu di Han inviò quattro missioni attraverso lo Yunnan per cercare una via per l’India. Naturalmente, queste quattro missioni non riuscirono a portare a termine la loro missione e tornarono indietro invano. Ma questo dimostra esattamente che durante la dinastia Han occidentale, o anche prima, poteva esserci un passaggio dal Sichuan alla Birmania e all’India, e che questo passaggio avrebbe portato a una cultura nel Sichuan che potrebbe non essere la stessa di quella delle pianure centrali?

Se siete stati a Meishan, forse saprete che nelle tombe a rupe di Pengshan si trovano le prime statue buddiste in pietra della Cina, che secondo gli archeologi sono addirittura precedenti a quelle delle pianure centrali. Non provengono forse dall’Asia centrale, dalla regione occidentale? Pertanto, la comunità accademica ha la Via della Seta sud-occidentale. Si dice che la Via della Seta sud-occidentale passi attraverso due strade: una da Chengdu, attraverso la strada Lin Qiong, la strada Shiyang fino allo Yunnan, attraverso l’Aigong verso sud; l’altra da Yibin, attraverso la strada Bo fino a Juti, e poi a Dali, Yongchang. Come tutti sappiamo, la strada che porta dal Sichuan allo Yunnan, passando per il Myanmar e l’India, non è uguale a quella di qualsiasi altro luogo della Cina: le sue catene montuose, come i monti Hengduan, sono orientate in direzione nord-sud e i tre fiumi, il fiume Nu, il fiume Lancang e il fiume Jinsha, sono anch’essi orientati in direzione nord-sud, a differenza dell’orientamento est-ovest di montagne e fiumi in altre parti della Cina.

Pertanto, lungo la cosiddetta “Tea Horse Road” e, più tardi, lungo strade come la Stilwell Highway, tutte le strade possono condurre verso l’esterno in direzione nord-sud. Ecco perché alcuni hanno concluso che questo luogo, il Sichuan, aveva qualcosa a che fare con l’ovest e il sud in una fase molto, molto precoce. C’è un’altra cosa che posso menzionare: forse i colleghi non hanno letto “La storia dello zucchero” di JI Xianlin. La Storia dello zucchero” racconta un fatto molto importante, ovvero uno degli snodi più importanti della produzione di zucchero in Cina. La leggenda narra che durante la dinastia Tang medio, un monaco straniero chiamato Monk Zou venne nel Sichuan e fu lui a portare in Cina l’avanzatissima tecnologia di produzione dello zucchero, che era la migliore dell’India. Pertanto, in termini di collegamenti esterni, la Cina sud-occidentale, compreso il Sichuan, ha sempre avuto qualcosa di diverso dalle pianure centrali.

Il motivo per cui voglio parlare così tanto di Sanxingdui è che voglio dire che quando le persone si trovano di fronte alle rovine di Sanxingdui, ci sono due tipi di premesse di giudizio in Cina, sia nel circolo accademico, che in quello politico o nei media. Sappiamo tutti che Fei Xiaotong ha detto “pluralismo e unità”, ma si tratta soprattutto di pluralismo o di unità? Esiste una premessa di giudizio che si concentra sull'”unità”. In altre parole, fin dai tempi antichi, la nazione cinese ha una lunga storia, non solo uno sviluppo indipendente, ci sono molti rami, Ba Shu è un ramo, questo è un tipo. Tuttavia, c’è un altro tipo di attenzione alla “pluralità”, che sottolinea come la pluralità significhi che questo gruppo etnico, questa cultura proviene da tutte le parti, ed è composta da una varietà di culture diverse che si mescolano, si intrecciano e si fondono costantemente. Entrambi sembrano parlare di “unità nella diversità”.

Nel 1990, l’invenzione di Fei Xiaotong di questo concetto è stata notevole in quanto ha incorporato le connotazioni del conflitto nello stesso concetto. Ma in realtà, dopo tutto, questa è solo una teoria, gli storici cinesi hanno sempre due facce: una parte sottolinea l’indipendenza, l’inclusività e l’universalità della nazione e della cultura cinese, e usa la successiva “nazione cinese” per guardare indietro alla storia; l’altra parte cosa sottolinea? Sottolinea la diversità della cultura cinese, l’esotismo e l’integrazione, e la nazione cinese, la civiltà cinese come processo storico. Quindi, qual è l’impatto o l’illuminazione maggiore che lo scavo di Sanxingdui ha dato alla storia globale o alla storiografia? Si tratta di considerare queste domande: quanto non sappiamo delle antiche connessioni umane nel corso della storia e se abbiamo sottovalutato le antiche connessioni e i movimenti umani.

Ovviamente, la controversia o il dibattito causati da Sanxingdui, non importa se si tratta di addetti ai lavori o di esterni, la preoccupazione principale nel cuore di molte persone è da dove provengono queste strane cose a Sanxingdui? È legato all’Asia occidentale? Non è legato all’Asia meridionale? Vedete che lo scettro non è mai stato, non ha nulla a che fare con lo scettro dell’Asia occidentale e del Nord Africa? Questa maschera non sembra essere come le nostre cose tradizionali cinesi, è influenzata da paesi stranieri? Pertanto, lo scavo di Sanxingdui, a prescindere dalle conclusioni, ha un grande significato: forse la prima connessione globale non è così scarsa come si pensava all’inizio, ci possono essere molte, molte connessioni tra le diverse parti del mondo, e questo è un punto che voglio sottolineare.

Questo ha a che fare con la storia globale.

2. Il globo è collegato da molto tempo, solo che la storia non l’ha registrato.

La domanda successiva è quindi la seguente: in realtà, il globo è stato a lungo connesso l’uno con l’altro, solo che la storia non ne ha registrato la presenza.

Come tutti sappiamo, “storia” ha due significati: uno è qualcosa che è accaduto prima e l’altro è qualcosa che è stato registrato. Se non è stata registrata, non c’è storia? In effetti, c’è.

A proposito, qual è uno dei temi più caldi della comunità accademica internazionale, o della comunità archeologica internazionale, negli ultimi 20 o 30 anni? Si tratta di un sito in Turchia chiamato Çatalhüyük, noto anche come l’antico tumulo di Gatay. Quanto è antico questo sito? Non possiamo nemmeno pensarci, ha un’età compresa tra i 9.200 e gli 8.400 anni. Siamo impressionati da quanto sia bello e quanto sia più sviluppato di quanto pensassimo.

Situata nell’attuale Turchia, la città diCatalan Moundscopre un’area di 6 ettari. È composta da 1.000 case vicine tra loro e non ha strade (Foto: Internet)

Come può qualcosa di 9.000 anni fa essere così bello e così sviluppato? Per esempio, c’è una statua di una donna con due ghepardi in mano. In Cina esistono anche le cosiddette statue di dee, come la dea della gravidanza nella cultura di Hongshan, ma sono troppo rozze, mentre questa statua di Kataiguqiu è così squisita che è difficile immaginare quanto fosse avanzata la cultura di 9.000 anni fa. Alcuni studiosi affermano che lo scavo del tumulo di Kataiguchi ha portato un impatto molto grande sugli ambienti storici attuali, è vero che molte culture dell’Asia centrale, dell’Asia orientale, del Nord Africa e persino dell’Europa hanno molto a che fare con la cosiddetta zona della mezzaluna in Asia occidentale, in Turchia e nel bacino dei Due Fiumi?

Non osiamo dirlo perché non abbiamo le prove, ma ora abbiamo visto alcuni frammenti di informazioni che dimostrano che l’antica Cina aveva molti collegamenti con il mondo esterno. Nel programma “Storia globale dalla Cina”, abbiamo parlato del grano proveniente dall’Asia occidentale, della fusione del bronzo proveniente dalle steppe settentrionali e di altre cose.

Facciamo un esempio. In una tomba Zhou occidentale riportata alla luce a Xi’an, c’era un oggetto in bronzo con immagini di animali a spirale posti su un carro che in realtà era quasi identico a un ornamento in bronzo sulla testa di un cavallo riportato alla luce in un altopiano del Luristan in Iran nel 1000 a.C.. Nello Shanxi, anche i fili di perline di onice e giada portati alla luce nella tomba del marchese di Jin a Qucun-Tianma sono molto simili a quelli trovati nelle prime tombe dei popoli nomadi della steppa. Lo studioso americano Rechard Barnhart ha raccontato una storia affascinante nel 1999. Nella tomba del re di Nan Yue a Guangzhou (morto nel 122 a.C., probabilmente contemporaneo di Zhang Qian e Sima Qian), c’è una scatola d’argento in stile persiano simile ai vasi trovati nella tomba del re Mida di Frigia, costruita nel 700 a.C. e scavata nell’attuale Turchia; e c’è anche una coppa di giada angolare in stile persiano-greco, simile alle coppe di giada dei contemporanei greci e iraniani. Anch’essa è nello stesso stile dei vasi di giada dei contemporanei greci e iraniani. Secondo l’autore, i percorsi e le cronache dei primi anni dell’Oriente e dell’Occidente sono una delle storie più interessanti per il futuro dell’archeologia cinese.

Se si esaminano questi frammenti di prove, si può notare che forse stiamo sottovalutando la capacità di movimento delle persone in quell’epoca e la capacità di diffusione della tecnologia e della conoscenza in quell’epoca.

Gli antichi cinesi hanno un’abitudine, sentono sempre che io sono Huaxia, è la discendenza dell’Imperatore Giallo, la comunità è dai primi vecchi lentamente allevata, voi siete i figli e i nipoti dell’Imperatore Çu, lui è i figli e i nipoti di Zhuanxu, e anche quei “barbari” sono anche contati come i figli e i nipoti di Chi, comunque, dall’Imperatore Giallo, in modo che siamo tutti una serie di bambini. Questa immaginazione storica è il modo in cui Sima Qian fa le cose, perché ha scritto i “Registri storici” nel periodo dell’unificazione degli Han occidentali, quindi tutti i luoghi della Cina, tutte le culture sono scritte come una famiglia dello stesso respiro. I Registri del Grande Storico costituiscono una narrazione unificante della prima razza cinese, ma in realtà non è così semplice: le origini dei vari gruppi etnici sono probabilmente molto complesse, e il flusso di culture e la mescolanza di nazionalità sono molto forti, non tutti provengono dall’Imperatore Giallo, e “raccomando Xuan Yuan con il mio sangue” è solo un’immaginazione letteraria.

La tradizione della storiografia giapponese non è proprio uguale a quella cinese. Nel 2020 ho trascorso otto mesi all’Università di Tokyo e ho chiacchierato spesso con studiosi giapponesi. Gli studiosi di storia giapponese sono concordi nell’affermare che i giapponesi dell’epoca Jomon erano asiatici del sud-est e quelli dell’epoca Yayoi erano asiatici del nord-est e che i primi giapponesi provenivano dal sud-est asiatico. Ecco una domanda: attraverso il vasto oceano, come ha fatto un gran numero di asiatici del sud-est a raggiungere il Giappone e a diventare gli antenati dei giapponesi? Non preoccupiamoci di questo. Infatti, vediamo che un po’ più tardi nella storia giapponese si registrano i secoli VI e VII del Giappone e del Sud-Est asiatico: per esempio, nel 654, ci sono dall’odierna India meridionale e dall’odierna Thailandia, vicino a Bangkok, alcune persone, dal mare al Giappone Chikushi, cioè Fukuoka, Kyushu.

Gli archeologi, gli antropologi e gli storici giapponesi affermano inoltre che i primi Jomon avevano qualcosa in comune con i popoli del Sud-Est asiatico: pelle scura, doppie palpebre, orecchie più corte e umide. Ma gli Yayoi sono arrivati dall’Asia nordorientale attraverso la Corea del Nord e sono molto legati alla Cina. Queste persone sono più alte, hanno la pelle più chiara, hanno una sola palpebra e il cerume è secco. Questi due tipi di persone si mescolano costantemente per formare l’attuale popolo giapponese. Gli studiosi giapponesi ritengono che gli asiatici del sud-est e gli asiatici del nord-est si siano mescolati per formare il successivo popolo Yamato nel III secolo a.C., che equivale alla fine del periodo degli Stati Combattenti in Cina. Abbiamo quindi sottovalutato l’abilità marinara degli esseri umani dell’epoca, che furono effettivamente in grado di viaggiare in lungo e in largo per raggiungere il Giappone e infine stabilirsi?

Una delle affermazioni più influenti è che gli accademici giapponesi sono soliti suggerire che nel quinto e sesto secolo anche il popolo giapponese ha subito un grande cambiamento, e che anzi il popolo giapponese successivo è stato in gran parte il risultato di questo grande cambiamento. In cosa consisteva questo cambiamento? Il fatto che gran parte dei giapponesi proveniva da popoli che praticavano l’equitazione; in Giappone esiste un libro molto famoso, “Stati-nazione che praticavano l’equitazione”, scritto da un famoso studioso, Hideo Egami (1906-2002). Egli ha visto sulle ceramiche giapponesi del V secolo circa esattamente gli stessi segni presenti sulle ceramiche dei Paesi della steppa. Pertanto, secondo Hideo Egami, il Giappone ha subito un battesimo di popoli a cavallo prima della formazione dell’antico Stato giapponese nel VI e VII secolo. Pertanto, i giapponesi si sono formati dalla sovrapposizione di asiatici del Sud-Est, asiatici del Nord-Est e popoli che cavalcavano.

Unacoppa Kotobuko rinvenuta nel VI secolo presso il tumulo di Haku Sore Shinzuka, città di Maono, prefettura di Nagano(Foto: Tokyo National Museum)

Se ci pensate, nella storia della formazione del popolo giapponese potete vedere che in realtà gli esseri umani erano piuttosto mobili e che i primi esseri umani erano molto interconnessi.

Prendiamo un esempio successivo. Ho menzionato il globo di Zamaruddin nella conclusione della sesta stagione, che è registrato nello Yuan Shi – Astronomical Records come “Bitter Laiyi A Son”, che è probabilmente la lingua degli occidentali. Il mappamondo di Zamaruddin è precedente a tutti i mappamondi che si possono vedere in epoca moderna e i documenti sono molto chiari: il legno viene trasformato in una palla rotonda, poi si disegnano tre parti della terra e sette parti dell’acqua e si tracciano piccoli pozzi quadrati come linee di latitudine e longitudine. Quindi, pensiamoci bene, quando Zamaruddin realizzò questo mappamondo, la dinastia Song meridionale non era ancora caduta, negli anni ’60 del XIII secolo. Ma a quell’epoca, è possibile che una conoscenza così avanzata dell’universo provenisse dall’Occidente? Il primo mappamondo che vediamo oggi è di duecento anni successivo a questo, nascosto a Norimberga, realizzato da un cartografo tedesco. Questo mappamondo aveva la terra nell’emisfero orientale, mentre l’emisfero occidentale era ancora un mare. Allora mi sono chiesto: questo persiano di nome Zamaruddin, da dove ha preso queste conoscenze? Le sue conoscenze provenivano dall’Arabia? L’idea della terra esisteva già in Arabia a quel tempo? Non capiamo un po’ meno della diffusione della conoscenza del mondo in quell’epoca?

Ebbene, ora ci concentreremo su un esempio, ovvero la “Mappa delle capitali della dinastia Joseon” della dinastia Joseon. Si tratta di una mappa molto importante, che fu disegnata nel 1402, quarto anno del regno di Jianwen della dinastia Ming. La mappa si basa su due mappe della dinastia Yuan, ma quali sono le meraviglie di queste due mappe?

La mappa delle capitali delle dinastie successive del Jiyi Keri, oggi conservata presso la Biblioteca dell’Università di Ryukoku (Fonte: Internet)

Quando si guarda questa mappa, bisogna osservare in particolare il lato sinistro. C’è l’Africa nella mappa e si può vedere questo triangolo rovesciato, anche se non è disegnato con precisione, è disegnato più piccolo, ma la condizione del triangolo rovesciato è chiara, e alcuni dicono che la parte con l’acqua è la regione dei Grandi Laghi nell’Africa meridionale, e questa è un’ipotesi. Ma la parte superiore, con l’aggiunta della penisola arabica simile a un naso, è disegnata con precisione. Anche il Nilo, l’Eufrate e il Tigri sono chiaramente disegnati. Ancora più sorprendente è la presenza di Roma e Parigi.

Questa mappa ha fatto particolarmente scalpore. Perché? Perché a quell’epoca Zheng He non era ancora salpato verso l’Occidente; Zheng He salpò verso l’Occidente nel 1405, ma questa mappa fu disegnata nel 1402, e molti dei nomi dei luoghi qui riportati possono essere verificati uno per uno. Ad esempio, Roma è scritta come Marou e Parigi è scritta come Farnese. Alcuni si chiedono anche come faccia a sapere che l’Africa è un triangolo rovesciato. All’epoca, gli europei non avevano ancora doppiato il Capo di Buona Speranza, quindi questa mappa è oggi un grande mistero. La mappa è ora conservata presso l’Università Ryukoku di Kyoto, in Giappone, e alcuni hanno ipotizzato che la mappa possa essere stata presa dai giapponesi in Corea durante la guerra di Imjin. Quella che stiamo utilizzando è una copia realizzata da Takuji Ogawa (1870-1941), professore dell’Università Imperiale di Kyoto. Forse non conoscete Ogawa Takuji, ma forse conoscete uno dei suoi figli, Hideki Yukawa (1907-1981), il primo premio Nobel giapponese per la fisica.

Questa mappa ci dice che nell’antichità si diffondeva molta conoscenza e che nell’antichità c’erano molte persone che diffondevano ogni tipo di conoscenza in tutto il mondo. In realtà, le connessioni globali esistono da molto tempo, solo che non sono state notate o registrate. Ci sono sempre più esempi di questo tipo, se si presta attenzione. Per esempio, se andate a Samarcanda, in Uzbekistan, e nella Sala degli Ambasciatori di Samarcanda c’è un murale dell’imperatore Gaozong della dinastia Tang e di Wu Zetian, ci credereste? E temo che questo murale sia ancora della dinastia Tang, ed è ancora lì.

Nel 1965, un’équipe archeologica sovietica ha scavato le pitture murali della Sala degli Ambasciatori del re Fu Huaman di Suat nella stanza del sito di Samarcanda Afrasiab 23. Secondo la ricerca, le pitture murali della parete nord raffigurano l’imperatore Gaozong della dinastia Tang a caccia di leopardi e la barca a forma di drago di Wu Zetian, raffiguranti scene di vita reale della dinastia Tang (Photo credit: National Geographic Chinese)

Prendiamo l’ultimo e più recente esempio dell’ampiezza delle connessioni globali. Come abbiamo detto nella sesta stagione del programma, l’olandese Grozio scrisse La libertà dei mari, che, come tutti sappiamo, ha avuto una fortissima influenza sul successivo diritto del mare, un evento importante nella storia globale. A quel tempo, Spagna e Portogallo, sotto l’egida del Papa, dividevano il mondo in due parti, con un paese che governava una parte. Ma l’ascesa degli olandesi ha abbandonato, perché la Spagna e il Portogallo a dividere il mare, sono venuto anche. Grozio scrisse una “Teoria della libertà del mare”, cioè che il mare era aperto a tutti i commerci.

Ma dobbiamo sapere perché Grozio scrisse “Un trattato sulla libertà dei mari” e dove si trova l’origine della questione. È successo nel Mar Cinese Meridionale, nell’Asia orientale. A quel tempo, i portoghesi stavano facendo affari con la Cina e avevano ricevuto molte cose su una nave chiamata “Santa Catarina”. La nave salpò dalla Cina per Malacca e fu sequestrata dagli olandesi. Gli olandesi portarono la nave ad Amsterdam e la misero all’asta, perché il mare è libero, quindi se lo prendo, lo prendo, giusto? Di conseguenza, i portoghesi e gli spagnoli si fermarono e vollero combattere con voi. Grozio scrisse “Sulla libertà dei mari” per questa questione. Come si può vedere, la libertà dei mari, che fu cruciale per l’Europa, e naturalmente la successiva Pace di Westfalia, erano tutte legate a Grozio. Il motivo per cui Grozio ebbe questa idea fu un evento accaduto in Oriente.

Pertanto, dobbiamo ricordare che lo scopo della nostra storia globale è quello di dimostrare che fin da tempi molto, molto remoti, noi esseri umani siamo stati connessi gli uni con gli altri e che abbiamo condiviso un mondo prima dell’era della globalizzazione ed eravamo persone sullo stesso pianeta. Per questo motivo ho sottolineato che la storiografia in origine aveva due obiettivi, ma oggi diamo importanza solo a uno. Qual era la cosa principale di cui si parlava nella storia? Narrare la storia degli Stati-nazione, costruire l’identità degli Stati-nazione e coltivare il patriottismo nel nostro linguaggio comune. Tuttavia, forse abbiamo trascurato il fatto che la storia ha anche un altro ideale, che è quello di dirvi che gli esseri umani sono interconnessi, che condividono lo stesso pianeta e che dovreste avere un senso di cittadinanza globale, che è il significato della storia globale.

Ecco perché, in questo programma “Storia globale dalla Cina”, poniamo un’enfasi particolare su questa connessione globale.

3. La storia globale come distinta dalla storia mondiale: al di là degli imperi, delle nazioni e delle comunità.

Quando si è formata la storiografia moderna, si è iniziato a scrivere la storia del proprio popolo e del proprio Paese, ma come descrivere la storia al di là del proprio Paese? Parleremo ora del perché la storia globale è diversa dalla storia mondiale e perché la storia globale è una storia che trascende gli imperi, le nazioni e i gruppi etnici.

La tradizione di scrivere la storia incentrata sullo Stato o sulla dinastia è molto antica, ma la tradizione di scrivere una storia globale del mondo è molto tardiva. Nella storiografia cinese tradizionale, la storia era principalmente incentrata sulla Cina e la storia dei Paesi vicini era posta in una posizione subordinata. Pertanto, ritengo che a partire dallo Shiji (Registri del Grande Storico), la storiografia cinese abbia creato una tradizione di “prendere la dinastia centrale come centro e i quattro popoli vicini come subordinati”. Sima Qian scrisse “I resoconti del Grande Storico”, principalmente sulla storia della dinastia centrale tradizionale fin dai tempi antichi, ma scrisse anche degli Unni, dei Dawan, della Corea, del Vietnam del Sud e dei Barbari del Sud-Ovest, ma il mondo circostante è molto piccolo e l’inchiostro non è molto. È una tradizione dei libri di storia cinesi, soprattutto della storia principale, che la descrizione della storia straniera non sia così adeguata e sia spesso stereotipata.

Ma alla fine della dinastia Qing, quando arrivarono le navi e le armi occidentali e la Cina fu costretta a impegnarsi nel mondo, le cose cominciarono a cambiare. Chi furono le persone che portarono in Cina la tradizione della storia mondiale? In primo luogo, furono i missionari occidentali, come Guo Shilah agli inizi, che pubblicarono il Compendio delle nazioni antiche e moderne nel 1838. In seguito, Morrison scrisse anche A Brief History of Foreign Countries (Breve storia dei Paesi stranieri) e nel 1880 la Shanghai Declaration House pubblicò le Historical Records of Ten Thousand Nations del giapponese Okamoto Supervisor (1839-1904), che portò in Cina la moderna storia del mondo occidentale.

Che cos’è la moderna tradizione occidentale della storia mondiale? Come tutti sappiamo, anche la storia mondiale dell’Occidente è una tradizione che si è formata in epoca moderna, incentrata sui moderni Paesi europei e che sintetizza la storia di ogni Paese nella storia di tutte le nazioni. Questa tradizione ha avuto una grande influenza sulla Cina e in seguito la storia mondiale in Cina è stata scritta e insegnata in questo modo. Una storia generale del mondo, ad esempio, è una narrazione della Gran Bretagna, della Francia, degli Stati Uniti, della Russia o di altri paesi, in un’unica epoca, in un’unica regione, in un unico paese. Questa tradizione è arrivata in Cina anche attraverso Lin Zexu, Xu Jiyu e Wei Yuan, come i Quattro continenti di Lin Zexu, Yinghuan Zhiliao di Xu Jiyu e Hai Guo Tu Zhi di Wei Yuan. Con la riforma del sistema accademico alla fine della dinastia Qing, la storia del mondo insegnata nelle università e nelle scuole secondarie cinesi aveva probabilmente questa forma, che ha lentamente formato la nostra successiva tradizione di storia del mondo. Questo modo di scrivere la storia, nella descrizione di alcuni studiosi, viene definito un cielo pieno di stelle, cioè si vede un cielo immenso, e nel cielo ci sono stelle una per una, e insieme costituiscono un universo.

Ma il problema è che dopo gli anni Ottanta la storia globale è diventata sempre più fiorente e la storia globale è del tipo palla da biliardo-scontro; alcuni paragonano la storia a un tavolo di palle da biliardo; una palla viene colpita e tutte le palle sul tavolo rotolano, e la storia si influenza e si scontra. Se in passato la storia del mondo era piena di stelle, oggi la storia globale è uno scontro di palle da biliardo, per cui nella storia globale l’interazione, l’influenza, la connessione e la collisione diventano l’orientamento principale della storia. Pertanto, entrando nello studio della storia globale, le principali affermazioni della storia iniziano a cambiare. In primo luogo, non si concentra più sulla storia politica delle nazioni, ma sulla storia delle civiltà che si sono influenzate reciprocamente; in secondo luogo, non si concentra più sull’evoluzione e sullo sviluppo lineare, ma sull’influenza reciproca e sulla commistione; in terzo luogo, non sottolinea più solo l’identità delle singole nazioni, ma il significato della cittadinanza globale, il che rappresenta un grande cambiamento nella storiografia.

Per questo motivo, includendo la nostra “Storia globale dalla Cina”, è in realtà più importante sottolineare lo scambio di materiali e merci, lo scambio di conoscenze e cultura, la migrazione di persone via terra e via mare, il modo in cui le guerre hanno causato lo spostamento di popolazioni e comunità, il modo in cui le religioni si sono diffuse, comprese le missioni, i pellegrinaggi e l’interazione di credenze, e naturalmente il modo in cui le malattie, i climi e le catastrofi hanno influenzato la storia umana. Come le malattie, il clima e le catastrofi hanno influenzato la storia dell’umanità. Ciò che sottolineiamo in particolare è l’interconnessione globale e l’attenzione è rivolta alla connettività, al trasporto e alla convergenza. Forse qualcuno potrebbe chiedersi: “Che cosa c’è di diverso rispetto alla storia dei trasporti sino-stranieri del passato? Dobbiamo capire che la storia del trasporto sino-estero si concentra principalmente sugli scambi reciproci. Qual è l’obiettivo della nostra attuale storia globale? Si tratta dei risultati degli scambi. Spesso uso un’analogia: in passato, la storia del trasporto sino-estero descriveva le persone che si innamoravano, mentre l’attuale storia globale descrive le persone che si innamorano e hanno un figlio, e cosa è successo al bambino. Questo è il punto che ci rende diversi dalla storia dei trasporti cinesi e stranieri del passato. Quindi, si può notare che molte cose che diamo per scontate, che sembrano essere così dall’inizio dei tempi, in realtà, se si risale con attenzione, si può scoprire che provengono da un luogo lontano.

Dato che ora mi trovo a Shanghai, faccio questo esempio: gli abitanti di Shanghai amano mangiare la testa d’erba, ma cos’è la testa d’erba? Il primo è l’erba medica che viene data in pasto ai cavalli. Nell’antichità, il cavallo era la cosa più importante in guerra e Chen Yin Ke diceva che era pari a un moderno carro armato. Han Wu Di e Xiong Nu, per cercare un buon cavallo, inviarono emissari e truppe nelle regioni occidentali, e Li Guangli ottenne il cavallo celeste. Il cavallo celeste della regione occidentale è buono, ma ha anche bisogno di mangiare erba; l’erba medica ha seguito il cavallo celeste in Cina ed è diventata l’erba da pascolo della Cina. Quando ero giovane, ho piantato questo tipo di erba medica e, in primavera, l’ho rivoltata sotto il terreno e l’ho bagnata con acqua, come fertilizzante. Ma la gente di Shanghai vuole mangiare questa cosa, mangiare questa erba cavallina, e diventare uno dei piatti famosi di Shanghai, è prendere il vino per friggere una testa fritta di questa erba. Se si pensa al passato, si scopre che anche quest’erba ha una storia di mobilità e scambio globale.

Capolini di erba profumata al vino (credito fotografico: Visual China)

Ci sono due libri che consiglio sempre di leggere. Uno è Le edizioni cinesi iraniane di Laufer. Parla degli scambi tra l’antica Cina e l’Iran, soprattutto in termini di piante, e di quali piante sono arrivate dall’Iran alla Cina, ad esempio i cetrioli, e naturalmente l’uva, che tutti conosciamo, che è arrivata dall’Occidente. C’è anche un libro, “La pesca d’oro di Samarcanda”, il cui autore si chiama Xue Aihua, che racconta come molti oggetti, persone, medicine e merci circolassero tra la Persia, l’Asia centrale e le regioni occidentali fino alla Cina durante la dinastia Tang. I mercanti del popolo Sut dell’Asia centrale, che oggi è l’Uzbekistan, erano molto potenti e gettavano un ponte tra le due estremità del continente asiatico, continuando a collegare l’Europa all’Asia.

Ma questi due diversi modi di scrivere e raccontare la storia del mondo, la storia mondiale, che è una storia del mondo in termini di somma di Paesi, e la storia globale, che è una storia globale che descrive le connessioni globali, possono comunicare tra loro? Credo che, in effetti, possano farlo. Abbiamo esplorato questo approccio. Jürgen Osterhammel, uno storico tedesco che conosco, ha insistito molto sulla necessità di una storia globale che tenga conto delle nazioni, che parli delle connessioni e delle disconnessioni tra di esse, soprattutto in ambito politico. Poiché la politica forma lo Stato, e lo Stato enfatizza l’ordine, e l’ordine si basa sulle istituzioni, e le istituzioni gestiscono la comunicazione, lo Stato è anche un’unità importante nella storia globale, e non si può non riconoscere il ruolo importante dello Stato nel colmare o bloccare la comunicazione umana. Pertanto, sono d’accordo sul fatto che una storia globale che includa lo Stato è una delle direzioni che stiamo perseguendo, e abbiamo esplorato questa forma in “Storia globale dalla Cina”.

Detto questo, il significato più importante della storia globale è quello di sostituire la “storia politica” con la “storia della civiltà”, in altre parole, in primo luogo, cambiare la posizione “eurocentrica”, in secondo luogo, sostituire la forma “basata sullo Stato” e, in terzo luogo, sostituire la “storia politica” come metodo principale di scrittura. In altre parole, in primo luogo si dovrebbe cambiare la posizione “eurocentrica”, in secondo luogo si dovrebbe sostituire la forma “basata sullo Stato” e in terzo luogo si dovrebbe sostituire lo stile di scrittura basato sulla “storia politica”.

Innanzitutto, l’uso della civiltà come asse principale della narrazione storica ha preso gradualmente piede dopo Toynbee, Spengler e Huntington. Dobbiamo ammettere che questo è il risultato dell’autoriflessione dell’Occidente. La storia globale, in larga misura, raffigura le diverse civiltà come ugualmente importanti, con l’obiettivo di riflettere sull’eurocentrismo originario e sulla visione storica passata dello sviluppo unilineare. Ricordo che, quando ho visitato gli Stati Uniti qualche anno fa, ho parlato con molti studiosi americani del perché ponessero così tanta enfasi sulla visione globale della storia. In realtà, l’enfasi sulla visione globale della storia è principalmente per dire che il globo è collegato come un tutt’uno e non è eurocentrico, e questo è l’aspetto notevole di loro.

Barack Obama alla Casa Bianca, mentre sfoglia una tipica mappa del mondo in stile occidentale (Foto: Internet)

Perché è necessario rompere con la narrazione “statalista”? Perché molte delle nostre attuali storie nazionali sono state ricondotte dal presente al passato, ma lo Stato è davvero un essere essenziale dall’inizio dei tempi? È davvero un’unità inevitabile di scrittura della storia? Non necessariamente. Per esempio, in Francia, un anno ho partecipato a una conferenza a Parigi e gli studiosi francesi hanno parlato di una cosa: nel 1900, in Francia c’era ancora il 20% della popolazione che non parlava francese. Quindi, su quali basi questo Paese è diventato un Paese celeste e ha avuto una storia di unificazione? Un altro esempio è il Belgio, che è un Paese sintetizzato da tre gruppi etnici, quello di lingua tedesca, quello di lingua francese e quello di lingua fiamminga, quindi questo Paese è un’unità storica naturale? Se si scrive una storia del Belgio, si prende il Belgio attuale e lo si estrapola dai diversi gruppi etnici del passato, di cui si deve scrivere una storia unitaria, giusto?

Lo stesso vale per noi in Cina. È vero che quando scriviamo la storia ora, dobbiamo scrivere questa storia a ritroso dal territorio della Repubblica Popolare Cinese di 9,6 milioni di chilometri quadrati? Tuttavia, questa affermazione è contraddittoria. Se così fosse, dovremmo scrivere dei Monti Xingan esterni? Anch’essi un tempo erano territorio della Cina. Dovremmo scrivere la storia del Mar Tangnouuliang? Un tempo era anche un nostro territorio. Perché è di 9,6 milioni di chilometri quadrati e non di 11,5 milioni di chilometri quadrati? Oppure diciamo che c’erano tempi in cui il Regno di Mezzo era molto piccolo, quindi dovremmo scrivere la storia secondo i confini di una piccola Cina? Questa domanda diventa un punto molto difficile per noi. La visione della storia basata sul paese è in realtà problematica da scrivere, ed è un problema non solo in Cina, ma anche in Europa, compresi gli Stati Uniti. Quando si parla di Stato, si ha l’impressione che lo Stato sia essenziale e non ci si preoccupa mai di pensare al fatto che lo Stato è costruito dai processi storici. Pertanto, se sosteniamo una visione globale della storia, possiamo evitare questi fastidiosi problemi.

In secondo luogo, come abbiamo appena detto, per rompere il “purismo civile” delle “civiltà/gruppi etnici/nazioni” di “da sempre”, “collegando”, “interagendo”, “costruendo”, non possiamo mettere in discussione il “purismo civile” di “unilineare” ed “evolutivo”. Non dobbiamo essenzializzare le civiltà, le comunità e le nazioni “collegando”, “interagendo”, “costruendo”, e rompere il “purismo civile” di “civiltà/comunità/nazioni”, che è “unilineare” ed “evolutivo”. Non possiamo essenzializzare le civiltà, i gruppi etnici e le nazioni, cioè separarli in una serie di blocchi che si escludono a vicenda e sono storicamente non correlati tra loro. Lo studioso taiwanese WANG Mingke ha sottolineato che molti gruppi etnici della Cina moderna non sono essenziali, non esistono dall’antichità e sono stati costruiti identificandosi l’uno con l’altro. Per esempio, la regione Qiang nel Sichuan, la gente di questa regione, molto identità dal “un taglio maledire un taglio”. Cosa significa “una sezione che rimprovera una sezione”? Ad esempio, i cinesi Han vivono ai piedi di una montagna, ma chi sono gli abitanti delle colline? Secondo gli Han, sono i Qiang, ma questi ultimi non ammettono di essere Qiang, dicendo che quelli sopra di loro sono barbari; ma che dire di quelli sopra di loro? E quelli sopra di loro? Neanche loro si riconoscono come Qiang, dicendo che quelli sopra di loro sono i barbari e i Qiang. Molte comunità sono come palle di neve. All’inizio può esserci una piccola palla di neve al centro, ma più viene fatta rotolare, più diventa grande e più diventa una grande palla di neve, che in realtà si costruisce in un processo storico continuo. L’aspetto positivo della visione globale della storia è che enfatizza la connessione, la mescolanza e il cambiamento, senza considerarli elementi essenziali.

Infine, dovremmo sostituire la prospettiva storica del passato basata sul progresso “materiale, tecnologico, intellettuale e culturale” di una certa regione con una prospettiva storica basata sulla graduale formazione di un nuovo “consenso”, di una nuova “omogeneità” e di un nuovo “mondo” attraverso la “compenetrazione”. “In altre parole, la storia non si basa più sul progresso materiale, tecnologico, intellettuale e culturale di una certa regione. In altre parole, la storia non è più divisa in forme tradizionali antiche, medievali, moderne e contemporanee, né in forme sociali primitive, schiaviste e feudali. Come è noto, dal XX secolo una delle teorie più importanti della storia è la teoria dell’evoluzione. La teoria dell’evoluzione ha assunto migliaia di incarnazioni e si è trasformata in varie visioni della storia. Ma dietro tutte queste visioni della storia c’è questo significato, cioè che chi è più progressista, più civilizzato e più potente è la linea principale della storia, e chi è lo standard con cui la storia viene giudicata. In questo modo, la storia è tagliata fuori e non è più una storia interconnessa e mescolata l’una con l’altra.

La storia globale richiede una visione ampia, ma le storie dei Paesi e le storie del mondo, in cui i Paesi vengono sommati, spesso tagliano la storia in modo da non riuscire a vedere il panorama. Faccio un esempio: dalla dinastia Song del Nord alla prima dinastia Yuan in Cina, se si guarda solo alla storia cinese, ci sono la dinastia Song del Nord, la dinastia Song del Sud e la prima dinastia Yuan, giusto? Ma come tutti sappiamo, nello stesso periodo sono accadute molte cose nel mondo, come le Crociate. Le crociate sono iniziate nel 1096, perché per l’impero cristiano c’era un enorme impero islamico, quindi c’era una guerra da combattere. Ma poi, in seguito, questo impero si è trovato coinvolto con i Mongoli in ascesa, che si sono fatti strada in Europa, e il Papa cristiano ha cercato di raggiungere un compromesso con le orde mongole, forse cercando di farsi aiutare dalle orde mongole per venire a lottare con l’impero islamico. A proposito delle orde mongole, naturalmente è di nuovo coinvolto il lato cinese della storia. Se ci si limita a guardare le storie dei Paesi o delle regioni, non si vede l’insieme, giusto? E poi, per esempio, sto ponendo particolare enfasi sull’anno 1405. Se parliamo solo di storia cinese, non prestiamo attenzione all’anno 1405, quando Timur morì. Se non fosse morto, avrebbe dovuto partire per una spedizione in Oriente. Tuttavia, in quell’anno Zheng He si recò in Occidente e la dinastia Ming si affacciò a est. Se si considerano tutte queste cose insieme, la storia potrebbe avere qualcosa di molto diverso. Ma se la si divide, non è forse vero che la storia non può essere vista chiaramente?

Quindi, la storia globale ha i suoi vantaggi.

Il Kunyi Wan Guo Quan Tu di Matteo Ricci, il primo mappamondo che pone la Cina al centro del mondo (Foto: Visual China)

4. La ricerca di storia globale in Cina dagli anni ’90

La prossima osservazione che vorrei fare è: cosa sta succedendo allo studio della storia globale in Cina?

Ricordo che nel novembre 2018 ero in visita all’Università di Gottinga, in Germania, e ho trovato il tempo di andare a Friburgo e incontrare lo storico Osthammer di cui abbiamo parlato prima. Ha una trilogia di storia del XIX secolo (The Evolution of the World: A History of the 19th Century), che potete trovare e leggere, ed è un libro meraviglioso. Si dice che quando Angela Merkel, l’allora cancelliere tedesco, fu ricoverata in ospedale, lesse il libro di Osthammer. Quando Osthammer mi parlò di storia globale, improvvisamente tirò fuori tre libri, due dei quali ricordo ancora, uno di Chen Xulu e uno di Fan Wenlan. Me li portò e disse: “Penso che entrambi i vostri libri siano molto buoni, ma come possono questi contenuti essere integrati nella storia globale e diventare parte di essa? Mi vergognavo molto perché, sebbene Osterhammer avesse studiato anche le relazioni tra la Cina e il mondo, in fondo non era uno storico puramente cinese. Tuttavia, quando mi ha mostrato questi due libri, mi sono sentito molto imbarazzato, come se non avessimo prestato molta attenzione alla loro storia, ma loro avessero invece prestato molta attenzione a noi, sollevando una questione molto importante, cioè come la storia cinese possa entrare nella storia globale.

Non è che gli studiosi cinesi non prestino attenzione alla storia globale. In realtà, la teoria della storia globale è molto popolare in Cina dagli anni Novanta ed è stata introdotta da molti. Ad esempio, nel 2005 la rivista Academic Research ha pubblicato un articolo intitolato “The Impact of Global History on Chinese Historiography” (L’impatto della storia globale sulla storiografia cinese); nel 2013 anche l’autorevole rivista Historical Research ha pubblicato una serie di interventi di penna sulla storia globale; nel 2014 c’è stato anche chi ha scritto saggi in cui si chiedeva con particolare forza di scoprire la storia al di fuori dello Stato, cioè di sostenere lo studio della storia globale; nel 2015, l’Università di Shandong ha tenuto il Nel 2015 l’Università di Shandong ha tenuto il Congresso mondiale di scienze storiche e una delle sessioni del congresso ha discusso della Cina nella storia globale. Ma la mia domanda è: perché discutiamo tutti di teorie e di come si dovrebbe studiare la storia globale, ma non c’è alcun tentativo di scrivere una storia globale della Cina?

Come tutti sappiamo, le storie del mondo più influenti nei circoli accademici cinesi sono queste due serie: una è la Storia generale del mondo in quattro volumi compilata da Zhou Yiliang (1913-2001) e Wu Yuchen (1913-1993), nostri insegnanti ai tempi dell’università, prima della “Rivoluzione culturale”. Prima della Rivoluzione culturale, i due hanno compilato la Storia generale del mondo in quattro volumi, che è una notevole e importante storia del mondo scritta da cinesi. Dopo la Rivoluzione culturale, Wu Yuchen e Qi Shirong (1926-2015) hanno coedito una Storia generale del mondo in sei volumi, anch’essa una storia generale del mondo molto autorevole. In particolare, Qi Shirong, che in seguito è diventato presidente della Capital Normal University, e il suo studente Liu Xincheng, che è poi diventato presidente della Capital Normal University, hanno sostenuto la storia globale.

Ma la mia domanda è: dopo tutti i discorsi sulla storia globale, perché non ne scrivete una voi stessi? Perché c’è tanto fragore, tante chiacchiere e poca azione? Sembra che oggi abbiamo questo problema. Siamo sempre fermi a parlare di teorie, ma la storia globale non è ancora stata scritta. Tuttavia, il fatto è che abbiamo già introdotto abbastanza informazioni sulla storia mondiale straniera o sulla storia globale. Per esempio, diverse opere che hanno aperto la strada allo studio della storia globale, come A History of the World di McNeil, come Guns, Germs, and Steel di Raymond; inoltre, caso per caso, come A Global History of Pepper di Marjorie Schaeffer, dove persino il pepe è stato incluso nella storia globale, e una storia globale del cotone, e una storia globale della porcellana bianca, ma sfortunatamente sono tutte scritte da stranieri. Ma finora non esiste una storia globale in Cina, per non parlare di una storia globale dalla Cina, dal punto di vista della Cina, dalla prospettiva della Cina, dalla posizione della Cina, che è il nostro problema, e questo è anche l’intento originale del nostro programma audio “Storia globale dalla Cina”.

Ma in tutta franchezza, anche la scrittura e la narrazione della storia globale in Cina incontra delle difficoltà.

In parole povere, la prima difficoltà è che, a causa della separazione tra storia mondiale e storia cinese, la nostra visione, le nostre conoscenze e la nostra formazione sono tutte inadeguate. Come ho detto l’altro ieri, al giorno d’oggi esistono davvero “professioni specializzate”: per noi che ci occupiamo di storia cinese, la nostra conoscenza della storia mondiale è probabilmente equivalente a quella di un laureato, ma che dire di chi si occupa di storia mondiale? Francamente, la sua conoscenza della storia cinese è probabilmente equivalente a quella di un laureato. Ci sono pochissime persone in grado di integrare molte conoscenze come Osterhammer, di cui abbiamo appena parlato.

Perché Zhou Yiliang è diventato redattore capo della Storia generale del mondo? Zhou Yiliang dovrebbe essere considerato anche il mio maestro: il mio primo lavoro accademico è stato raccomandato da Zhou Yiliang al Peking University Newspaper, il che mi ha permesso di essere il primo studente universitario a pubblicare il mio lavoro sul Peking University Newspaper dopo la “Rivoluzione culturale”. Tuttavia, come tutti sappiamo, Zhou Yiliang era in grado di fare ricerche sulla storia del mondo come uno studioso di storia cinese, perché è cresciuto imparando il giapponese e poi l’inglese, ha scritto la sua tesi di laurea sulla storia giapponese all’Università Tsinghua, ha fatto il dottorato all’Università di Harvard, ha studiato il sanscrito per fare ricerche sul buddismo tantrico nella dinastia Tang e ha insegnato il giapponese all’esercito americano durante la “Seconda guerra mondiale”. Inoltre, è uno dei migliori esperti di storia cinese, e solo una persona del genere può fare ricerca sulla storia mondiale.

Tuttavia, nelle università cinesi di oggi, la storia cinese e la storia mondiale sono molto separate e la storia cinese e la storia mondiale sono rispettivamente discipline di prima classe. In questo modo, la conoscenza della storia è diventata ancora più specializzata e ristretta. Per coloro che hanno fatto un buon lavoro nella storia mondiale, che ne è della loro storia cinese? Quanto ne sanno di storia mondiale coloro che hanno fatto bene la storia cinese? Una volta ho esaminato i miei dottorandi e ho chiesto loro di contare uno per uno tutti i Paesi intorno al Mar Cinese Meridionale a occhi chiusi, ma praticamente nessuno di loro è riuscito a farlo. Quindi c’è un grosso problema. Un anno ho avuto una lezione con He Fangchuan alla City University di Hong Kong. He Fangchuan era uno studioso di storia mondiale e un tempo era il vicepresidente dell’Università di Pechino, ma è morto nel 2006, così abbiamo avuto una lezione insieme, lui ha ascoltato la mia lezione e io la sua e ho sospirato dopo averlo ascoltato. Gli ho detto: “Sono un ricercatore di storia cinese e sento che la mia storia mondiale è scarsa dopo aver ascoltato la sua lezione”. Anche lui ha detto la stessa cosa, è un ricercatore di storia mondiale e, ascoltando questa lezione di storia cinese, ha sentito che il livello della sua storia cinese è troppo scarso. Ma He Fangchuan è il figlio di He Ziquan, un grande studioso di storia cinese, e ritiene che la sua conoscenza della storia cinese non sia sufficiente, quindi non parliamo di altri. Pertanto, è difficile per noi scrivere la storia globale perché la storia mondiale è separata dalla storia cinese e la visione, la conoscenza e la formazione di entrambe le parti sono insufficienti.

La seconda difficoltà è che la nostra storia mondiale è molto debole a causa dell’influenza di una visione della storia centrata sul cielo. Non so quanto si conosca la comunità storiografica cinese. Inoltre, coloro che studiano la storia cinese hanno sempre guardato dall’alto in basso coloro che studiano la storia mondiale, pensando che coloro che studiano la storia mondiale siano solo dei compilatori, cioè che prendano materiali di seconda mano di altre persone e li inventino, ma in realtà la storia mondiale è davvero una grande materia. Ma in realtà la storia mondiale è davvero una grande materia: se non capiamo la storia mondiale, non saremo in grado di fare un buon lavoro nella storia cinese.

La terza difficoltà è che, a causa del passato, ci sono legami storici narrativi molto ostinati che non possono essere sciolti. Un tempo avevamo un’intera serie di narrazioni storiche molto potenti, ma molto poco adatte a raccontare una storia globale connessa. Che si trattasse della visione eurocentrica della storia moderna con il Rinascimento, la Riforma e la Rivoluzione industriale come assi principali, o della visione rivoluzionaria antimperialista, anticoloniale e antifeudale della storia, o della visione unitaria del Terzo Mondo Asia-Africa-America Latina, nessuna di queste era in realtà ideale. Fino ad oggi, quando guardiamo alla storia del mondo, guardiamo ancora al Quadro della storia del mondo di Wells. Tuttavia, il Quadro della storia del mondo di Wells è stato pubblicato per più di novant’anni, e il mondo è già cambiato molto, e anche il mondo accademico è cambiato molto, e questa trasformazione della storia del mondo in storia globale è diventata una tendenza importante.

Come abbiamo visto, nell’ultimo decennio la pubblicazione di storia mondiale, storia globale e storia straniera è stata molto calda e, se avete prestato attenzione, saprete che in questi anni sono stati pubblicati molti libri. Ho elencato alcuni libri molto buoni, come la serie “Rise and Fall of World History” di Ideal Country, che è molto buona, e la New Global History e la General History of the Globe della Peking University Press, anch’esse molto buone. Anche la Penguin Global History dell’Oriental Publishing Centre merita un’occhiata. In effetti, la serie di libri della Penguin, a rigor di termini, dovrebbe chiamarsi “Penguin World History”, non “Penguin Global History” nella traduzione, ma quando viene trasformata in storia globale, evidentemente pensa che la storia globale sia molto calda. Quindi, come la serie M di Ideal Country, alcuni libri di Social Science Document Oracle, la Storia dell’Impero Persiano della Sanlian Bookstore, la Storia degli Imperi Mondiali della Commercial Press e il Racconto delle Tre Città di Istanbul della Shanghai Sanlian Bookstore, e così via, sono tutti buoni libri, compresa la trilogia di storie del XIX secolo che ho appena citato.

Allora perché i libri stranieri sulla storia del mondo e sulla storia globale sono così caldi? Per esempio, la gente si preoccupa di come la civiltà si sia trasformata in barbarie e la democrazia in dittatura. Per questo motivo, la storia del Giappone durante la Seconda Guerra Mondiale, cioè la storia del Giappone da Taisho a Showa, e la storia della Germania durante l’era nazista, sono state tradotte in gran numero. Ci preoccupa anche il fatto che il mondo non è solo la Cina e che ci sono civiltà in diverse parti del mondo, quindi se le civiltà si scontreranno o meno è una questione che ci preoccupa, e quindi i libri sulle civiltà esotiche vendono molto bene. Ha notato che negli ultimi anni molti dei dieci o venti migliori libri che abbiamo valutato sono traduzioni e che ci sono pochissimi libri originali cinesi di questo tipo?

Il problema in Cina, quindi, è che ci sono tanti libri di storia tradotti, così caldi, ma che dire degli scritti dei cinesi stessi?

5. Non posizioni e azioni, ma solo prospettive e luoghi: perché dalla Cina?

Quindi credo che il punto sia: gli studiosi cinesi possono scrivere da soli una buona storia globale?

Come scrivere una storia globale dalla Cina? Qui sorge un altro problema, perché quando si enfatizza l’espressione “dalla Cina”, spesso si viene scambiati come se si stesse dalla parte della Cina, impegnandosi nello statalismo o nel nazionalismo, come se si volesse lottare per la quota della Cina nella storia globale. In effetti, anche gli accademici cinesi tendono ad avere l’idea di competere per una parte. Ricordo che un anno gli studiosi cinesi hanno criticato la nuova Cambridge Modern World History, sostenendo che la parte della Cina è troppo esigua e che il suo status di grande Paese non è commisurato. Ma in realtà, ora stiamo parlando di “dalla Cina”, solo per usare gli occhi cinesi per vedere il mondo, piuttosto che nel mondo per la quota della Cina, o secondo la posizione cinese per descrivere la storia.

Vorrei citare un ritratto dell’imperatore Qianlong dipinto da Lang Shining. Come potete vedere, si tratta di un dipinto completamente occidentale dell’imperatore Qianlong visto con gli occhi di un occidentale. Questo imperatore Qianlong non sembra più un grande imperatore del Regno Celeste, ma un uomo comune, e questa è la Cina vista con gli occhi di un occidentale. Ora, noi vediamo il mondo con gli occhi cinesi e vorremmo sottolineare che partire dalla Cina non significa in alcun modo discutere la storia globale dal punto di vista del nazionalismo o dello statalismo cinese.

Ritratto dell’imperatore Qianlong in abito di corte, opera di Lang Shining, pittore di corte della dinastia Qing di Milano, Italia (credito fotografico: Internet)

Credo che ci siano tre punti da sottolineare.

In primo luogo, come ho detto nell’introduzione all’inizio del programma, il mondo è troppo grande e la storia è troppo lunga perché uno storico possa essere onnisciente e onnipotente e guardare la storia come fa Dio a 360 gradi senza alcun angolo morto. Quindi gli storici devono ammettere che possiamo guardarla solo da una prospettiva. Penso che a volte gli storici abbiano una sorta di arroganza, pensando che la storia che descrivo sia tutta la storia, il che non è vero. In realtà, ogni storico ha dei limiti, così come gli storici di ogni Paese. Nel corso degli anni, ho spesso discusso di storia globale con studiosi stranieri, come l’americano Jeremy Adelman, l’europeo Osterhammer e il giapponese Masaru Hada, in particolare Masaru Hada, che si è appena dimesso dalla carica di vicepresidente esecutivo dell’Università di Tokyo. Non appena parlavo di “Storia globale dalla Cina”, mi chiedeva immediatamente e con sensibilità: “Hai intenzione di raccontare la storia globale dal punto di vista della nazione e dello Stato cinese? Ho risposto di no. Dovete capire che gli storici non possono essere onniscienti, quindi possono guardare solo da una prospettiva. Ammetto che sappiamo troppo poco di altre parti del mondo, compreso il nostro programma di storia globale, e abbiamo i nostri problemi, per esempio, parliamo raramente dell’Africa, parliamo raramente dell’Australia e parliamo raramente del Sud America, non è vero? È vero che non possiamo essere onniscienti, quindi la nostra enfasi sul partire dalla Cina è in realtà un atteggiamento di umiltà.

In secondo luogo, guardiamo alla storia globale dalla posizione e dalla prospettiva della Cina. Dobbiamo ammettere che la nostra prospettiva può essere complementare a quella del Giappone, dell’Europa, degli Stati Uniti e dell’Australia, e insieme possiamo formare una storia panoramica. Sono arrivato a Shanghai da Pechino più di dieci anni fa per promuovere una direzione di ricerca chiamata “Cina dalla periferia”.

Perché dovremmo guardare la Cina dalla periferia? In passato, la Cina tradizionale aveva il problema di immaginare la propria storia da un punto di vista egocentrico, senza confronti e contrasti, conoscendo sempre se stessa attraverso l’auto-immaginazione. Dopo l’era moderna, è stato facile avere lo specchio dell’Europa e guardarsi dallo specchio dell’Europa. Ma questo non basta: se guardiamo dalla periferia, la Cina può essere in grado di guardarsi da specchi di angolazioni diverse. Chiunque abbia tagliato i capelli sa che non si può vedere la nuca da davanti, ma se si tiene un altro specchio dietro di sé e i due specchi sono uno di fronte all’altro, si può vedere la nuca. Se si dispone di più specchi, è possibile vedere chiaramente la nuca e i capelli. Pertanto, lo scopo di guardare la Cina dalla periferia è quello di liberare un modo di capire la Cina.

Tuttavia, non appena ho avanzato questa proposta, è stata osteggiata da alcuni studiosi giapponesi e coreani, che hanno detto: “Perché noi siamo la periferia e voi il centro? Non siete forse l’imperialismo cinese? Ho spiegato loro faticosamente che in realtà possiamo guardare al Giappone dalla periferia e alla Corea dalla periferia. Lo studioso coreano Baek Yong-seo, ad esempio, sostiene una duplice prospettiva periferica, nel senso che io sono la vostra periferia e voi siete la mia periferia. Ho detto che non sono in disaccordo, non è contraddittorio guardare la Cina dalla periferia e anche la Corea dalla periferia. Quindi, quando diciamo che guardiamo la storia globale dalla Cina, stiamo solo dicendo con molta umiltà che la guardiamo solo da questa prospettiva, e la storia che vediamo porta inevitabilmente con sé il pregiudizio della comprensione e della consapevolezza di stampo cinese. Ad esempio, quando i cinesi parlano di “Oriente”, si riferiscono alla Corea, al Giappone, al vasto oceano e, ancora più lontano, all’altra sponda dell’Oceano Pacifico; quando noi vediamo “Occidente”, si tratta dell’Asia Centrale, dell’Asia Occidentale, del Bacino dei Due Fiumi, dell’Europa e persino delle Americhe. Per gli europei, invece, “Oriente” è il Vicino Oriente, il Medio Oriente e l’Estremo Oriente, quindi noi ci troviamo nel lontano Oriente.

Pertanto, dobbiamo capire che la storia globale da diverse prospettive deve essere messa insieme per formare una storia globale che sia accettata da tutto il mondo. Se avessimo una posizione Cina-centrica, sarebbe come ha detto l’inglese Martin Jacques, secondo cui nella storia globale dovremmo scrivere della scoperta del mondo intero da parte di Zheng He, che ha aperto l’era dei grandi viaggi. Tuttavia, come ho detto più volte nella conclusione della sesta stagione, non consideriamo Zheng He come l’inizio della storia globale, perché Zheng He voleva soprattutto proclamare il prestigio nazionale del Regno Celeste e non considerava lo scambio culturale e l’interdipendenza materiale con l’estero come l’obiettivo più importante. Pertanto, riconosciamo ancora Magellano e Colombo, che hanno dato inizio all’era dei grandi viaggi e alla storia della globalizzazione. Per questo motivo, diciamo che una storia globale della Cina non significa stare sulla posizione e sul valore della Cina, ma guardare alla storia dalla posizione e dalla prospettiva della Cina.

In terzo luogo, quando parliamo di partire dalla Cina, teniamo conto anche dell’esperienza e delle abitudini del pubblico cinese nell’accettare la storia. Che tipo di narrazione storica può avere un senso di intimità e come raccontare la storia in modo che possa essere accettata e compresa? Ad esempio, quando parliamo del commercio dell’argento, sappiamo tutti che c’è stata la cosiddetta Età dell’argento e che l’estrazione e il commercio dell’argento, dopo il XV secolo, è stato un evento importante che ha coinvolto le Americhe, l’Europa e l’Asia. Se andiamo a parlare di come gli spagnoli nelle Americhe estraggono l’argento, forse il pubblico cinese si sentirà distante e strano, quindi abbiamo scelto di partire dall’affondamento dell’argento a Jiangkou, perché il pubblico cinese così sembra molto vicino a noi, possiamo capire. Come tutti sappiamo, l’argento affondato a Jiangkou è una cosa particolarmente popolare negli ultimi anni, la leggenda vuole che Zhang Xianzhong non sia riuscito a ritirarsi sul lato del fiume Dadu del bambino, e quindi un gran numero di argento affondato nel fondo del fiume, che in origine era solo una leggenda. Tuttavia, ora gli scavi archeologici hanno davvero trovato una grande quantità di argento sul fondo del fiume; parlando da qui, sappiamo che nella tarda dinastia Ming l’argento è molto importante; e poi da qui in poi, sappiamo che la tarda dinastia Ming con l’argento come moneta di base, è una cosa molto grande. E poi, tornando indietro, l’argento che i coloni europei estraevano dalle Americhe e l’importanza dell’argento proveniente dal Giappone, quante merci potevano essere scambiate con l’Europa, in modo da rendere più chiaro il concetto. Forse un pubblico cinese sarebbe interessato a sentirlo in questo modo.

Zhang Xianzhong Jiangkou Argento affondato Esame scientifico riuscito (fonte: Internet)

Credo che per gli accademici cinesi ci siano ancora alcune questioni da considerare nello studio e nella scrittura della storia globale, e abbiamo riflettuto su questo dopo le sei stagioni del programma.

In primo luogo, nella storia globale, sia cinese che straniera, dominano il commercio, le migrazioni, le malattie e il clima, le guerre e la diffusione della religione, ma come trattare la storia politica, che è di assoluta importanza nella storiografia tradizionale? Il commercio delle merci, la diffusione della religione, la guerra e le migrazioni hanno creato un’unità globale, mentre i sistemi politici, la gestione dello Stato e l’ideologia hanno creato una divisione globale; come integrarli in una storia globale comune è una questione molto problematica. Pertanto, la questione di come inserire lo Stato e la politica nella storia globale è un aspetto che abbiamo preso in considerazione.

In secondo luogo, come può una storia globale completa coprire meglio le narrazioni di regioni, civiltà e gruppi etnici? Abbiamo appena detto che non stiamo cercando di competere per ottenere una parte della Cina, ma la storia mondiale del passato è stata caratterizzata dall’eurocentrismo e dal centrismo moderno; la storia globale attuale può evitare questo tipo di pregiudizi e di negligenza? Al giorno d’oggi, le varie storie globali si basano ancora sulla distribuzione delle quote di narrazioni tra le principali civiltà, ma la quantità di materiali storici determina la quota di narrazioni della storia globale. Poiché ci sono luoghi in cui non ci sono abbastanza dati scritti o archeologici, non è possibile raccontare la storia. Per esempio, cosa succede se non abbiamo abbastanza informazioni sulla civiltà indiana delle origini, a parte i Veda, il buddismo e l’induismo? Un altro esempio è l’Impero persiano: molti dei nostri studiosi paragonano l’Impero persiano alla Cina tradizionale, ma molte delle informazioni storiche sull’Impero persiano provengono da narrazioni successive, soprattutto europee, che riportano la storia dell’Impero persiano come intesa dagli europei. Che fare? Cosa fare per risolvere questo squilibrio nelle narrazioni storiche globali? Questo è il secondo problema di cui ci siamo resi conto.

In terzo luogo, la nuova storia culturale è, ovviamente, quella più ovvia nella storiografia, che si basa sul concetto di “cultura” ed evita fattori come lo Stato, la politica e le istituzioni, nonché giudizi come progresso e arretratezza. Tuttavia, possiamo ora delineare la direzione generale e il percorso della storia umana attraverso la storia globale nel suo complesso? Stiamo narrando la storia globale e non vogliamo narrarla come una storia frammentata e a compartimenti stagni. Ma come vedere un insieme attraverso queste cose? La storia globale vuole una spina dorsale coerente o no? Questo non è ancora chiaro e non siamo ancora in grado di coglierlo appieno.

6. Conclusioni che non sono conclusioni: l’atteggiamento degli storici cinesi di fronte alla storia globale

Infine, vorrei spendere qualche parola sulla mia comprensione. Sono tre anni che portiamo avanti questo programma e abbiamo molte sensazioni dopo di esso.

In primo luogo, credo che ogni storico debba affrontare il grande e vasto campo della storia globale con umiltà, con la consapevolezza di avere una conoscenza troppo scarsa, davvero troppo scarsa.

In secondo luogo, ogni studioso di storia deve anche sapere di non saltare a conclusioni affrettate di fronte a nuove e sorprendenti scoperte sulle connessioni globali, perché le nuove scoperte sfidano costantemente il nostro senso comune. Non dobbiamo rinunciare alla nostra immaginazione, perché è possibile che nuove scoperte mettano costantemente in discussione i resoconti tradizionali.

In terzo luogo, nell’ampio quadro della storia globale, ogni studioso di storia dovrebbe fare attenzione a minimizzare l’arroganza del proprio “gruppo etnico” o “Paese” e a non pensare a se stesso come a una “dinastia” o a un “centro”. Non dobbiamo pensare a noi stessi come alla “dinastia celeste” o alla “nazione suprema” o al “centro”. La Cina ha sempre avuto una visione molto ostinata del centro, cioè ritiene di essere la dinastia, di essere un grande Paese, di essere il grande centro del Paese. In realtà, come diceva il missionario Ai Julius, “la terra è rotonda, non c’è nessun posto che non sia dentro”, la terra è un cerchio, dove sono i centri, senza contare che la terra ha cinque continenti, la Cina si trova solo in uno dei continenti di un Paese. Pertanto, non dobbiamo pensare a noi stessi come a un Paese al centro di un mondo onnicomprensivo e sconfinato che può coprire l’intero globo. La storia è fluida. Come dice l’antico proverbio, il vento e l’acqua cambiano, dobbiamo comprendere la storia dalla prospettiva del cambiamento, anziché limitarci a guardare la storia globale dalla nostra posizione e dai nostri valori, che la trasformerebbero in una storia globale nazionalistica, il che non sarebbe corretto.

In retrospettiva, pensiamo che negli ultimi tre anni il nostro programma “Storia globale dalla Cina” non solo abbia dato ai nostri ascoltatori delle conoscenze, ma ci abbia anche trasmesso molti sentimenti. Abbiamo imparato molto in questi tre anni di produzione di programmi di storia globale. Quello di cui parliamo oggi è in realtà una sorta di introspezione. Ad essere sinceri, siamo preoccupati per la lentezza dei progressi e la debolezza delle basi della ricerca e della scrittura di storia globale in Cina. Ora che siamo riusciti a produrre un primo racconto di storia globale, ci sentiamo confortati dal fatto che almeno abbiamo fatto una storia globale da una prospettiva cinese.

Ge Zhaoguang ha curato la Storia globale dalla Cina, prodotta da Ideal Country, Yunnan People’s Publishing House, edizione 2024.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Giochi che le nazioni disputano, di AURELIEN


Giochi che le nazioni disputano.

Ma dimenticano le persone e la strada.

Anche se questi saggi saranno sempre gratuiti, potete comunque sostenere il mio lavoro mettendo like e commentando e, soprattutto, trasmettendo i saggi ad altri e i link ad altri siti che frequentate. Ho anche creato una pagina Buy Me A Coffee, che potete trovare qui.☕️.

E grazie ancora a coloro che continuano a fornire traduzioni. Le versioni in spagnolo sono disponibili qui, e alcune versioni italiane dei miei saggi sono disponibili here. Marco Zeloni sta pubblicando anche alcune traduzioni in italiano e ha creato un sito web dedicato qui.Grazie infine ad altri che postano occasionalmente traduzioni e riassunti in altre lingue. Sono sempre felice che ciò avvenga: chiedo solo che me lo diciate in anticipo e che me ne diate atto. Quindi, ora ….

Questa settimana ho pensato di fare una pausa dallo scrivere di guerre e conflitti e di concentrarmi invece su un argomento che di recente ha suscitato straordinarie passioni e ha portato i governi di tutto il mondo a introdurre leggi repressive per controllare la disponibilità di informazioni. Si tratta dei modi in cui i governi cercano di influenzare altri Paesi e altri governi indirettamente attraverso le informazioni, e di impedire che altri Paesi influenzino le proprie popolazioni. Si tratta di un argomento che, a mio avviso, non è così complicato o difficile come a volte viene fatto credere e, come spesso accade in questi saggi, il mio scopo è quello di esporre in termini semplici le questioni che ritengo siano effettivamente rilevanti.

Nell’insieme, questi sforzi sono stati talvolta descritti come “soft power”, ma non credo che questo sia un modo particolarmente utile di metterli in pratica. Il “potere”, dopo tutto, non è qualcosa di esistenziale: non ha alcuna importanza finché non viene usato per cercare di fare qualcosa, e riesce o fallisce, ed è sempre relativo ad altri tipi di potere provenienti da altre direzioni. C’è anche l’implicazione che sia deliberatamente ricercato, il che non è necessariamente vero. Per fare un semplice esempio, dagli anni ’80 la cultura occidentale è stata inondata dalla cultura popolare giapponese, così come dall’arte e dalla cucina. Oggi si trovano sushi bar in ogni piccola città di provincia. Ma qual è stato l’effetto reale di tutto ciò? Forse quello di migliorare l’immagine del Giappone agli occhi del pubblico occidentale, ma al di là di questo è molto difficile mostrare qualche risultato pratico. In effetti, il fascino della cultura giapponese è in gran parte un fenomeno di “attrazione” piuttosto che di “spinta”, qualcosa che è cresciuto organicamente in Occidente piuttosto che essere deliberatamente organizzato dall’esterno. E se è vero che in tutto il mondo l’intrattenimento popolare e i fast-food sono dominati da aziende americane, non sono sicuro che si possa dimostrare che, in pratica, ciò sia effettivamente andato a vantaggio degli Stati Uniti. Allo stesso modo, il fatto che gli adolescenti della classe operaia europea si vestano oggi con felpe universitarie americane non ha la stessa risonanza politica dell’élite politica della Gallia che si veste con le toghe romane.

Voglio invece concentrarmi sui tentativi deliberati di influenza di ogni tipo, e qui scopriremo che non solo le grandi nazioni lo fanno, ma anche che alcuni Stati meno probabili – la Turchia, per esempio, o il Qatar – hanno avuto un successo sorprendente, spesso in modi molto discreti, mentre l’Occidente è stato spesso inefficace. Ma prima di entrare nei dettagli, ricordiamo le basi del funzionamento del sistema internazionale con le informazioni.

È importante innanzitutto respingere i rozzi stereotipi realisti che vedono il mondo come una struttura anarchica dominata dagli scontri tra Stati nazionali in cerca di potere. Come ho sottolineato più volte, il sistema internazionale funziona molto più per cooperazione che per conflitto, e in molti casi gli interessi dei piccoli Stati e quelli dei grandi Stati sono complementari, piuttosto che in conflitto. Un piccolo Paese africano potrebbe accogliere con favore una base militare straniera o un progetto di investimento cinese, come contributo alla sua sicurezza e come mossa nei giochi di potere regionali in cui è coinvolto. Ne consegue che i piccoli Stati possono, e spesso lo fanno, utilizzare tecniche non conflittuali per influenzare il comportamento delle grandi potenze, per ottenere ciò che vogliono. (Le grandi potenze non sempre se ne rendono conto).

Potrebbe quindi essere utile analizzare i modi in cui le nazioni cercano di influenzarsi reciprocamente in modo sottile, un processo che per definizione esclude le minacce e i tentativi di coercizione. Il più banale, ovviamente, è una semplice dichiarazione pubblica delle posizioni o degli obiettivi nazionali, il genere di cose che le nazioni fanno di continuo. Inevitabilmente, queste dichiarazioni saranno parziali. L’ambasciatore cinese all’ONU non presenterà un’analisi ponderata della posizione del suo Paese su una certa questione, evidenziando in modo utile le debolezze e le contraddizioni che possono essere sfruttate da altre nazioni. Se chiedete a un diplomatico, durante un cocktail, cosa pensa di una determinata questione, otterrete la posizione del suo governo in merito. Qualcuno che conoscete bene potrebbe poi farvi notare che la posizione del suo Paese è esagerata o irrealistica, o potrebbe addirittura cambiare, ma è una questione di rapporti personali. Non c’è nulla di strano in questo, e riflette il modo in cui funziona il mondo nel suo complesso. Un avvocato in tribunale non ammetterà gratuitamente i punti deboli dell’argomentazione del proprio cliente, così come, se si stesse chiedendo un prestito in banca, si rivelerebbero spontaneamente le proprie preoccupazioni sulla possibilità di restituirlo.

Tutte le posizioni ufficiali del governo sono quindi parziali e riflettono il desiderio di sostenere gli obiettivi e gli interessi nazionali. Naturalmente, quindi, parte del lavoro consiste nel presentare un’immagine positiva del proprio Paese all’estero. L’ambasciata russa locale non sponsorizzerà una mostra sul massacro di Katyn, così come l’ambasciatore turco rifiuterà cortesemente di essere tirato in ballo, a un evento sociale, sulla storia della tratta degli schiavi ottomana. Le ambasciate lavorano per garantire una copertura positiva nei media locali, promuovono le celebrità in visita, incoraggiano le delegazioni commerciali e così via. A loro volta, i governi nazionali, e attraverso di essi le Ambasciate e le altre rappresentanze estere, spingeranno sui media e in privato con altri governi particolari interpretazioni di eventi e questioni che ritengono vantaggiose per loro.

Quindi, anche negli scambi più elementari tra Stati, vige il principio della selettività. In altre parole, gli Stati danno l’interpretazione che più gli conviene ai fatti che hanno, enfatizzano gli aspetti positivi e minimizzano quelli negativi. In generale, però, ciò che gli Stati dicono può essere selettivo, ma è generalmente “vero” nel senso di essere un’interpretazione ammissibile dei fatti così come sono conosciuti. Gli Stati quindi spesso si parlano addosso, perché selezionano i fatti e favoriscono le interpretazioni, che sono diverse, ma sinceramente credute in ogni caso. Sia l’Occidente che la Russia sostengono che l’altro ha agito in malafede sull’Ucraina, soprattutto dopo gli accordi di Minsk, sulla base di prove che ritengono convincenti, anche se la controparte non lo fa. E naturalmente dimentichiamo troppo facilmente che non esiste una “interpretazione” degli eventi, al singolare. Solo chi è irrimediabilmente ingenuo potrebbe supporre che gli eventi in Ucraina siano visti esattamente allo stesso modo in Cina, Brasile o Egitto, e ancor meno che le loro diverse interpretazioni assomiglino a quelle dominanti in Occidente. La vita è così.

E’ questa selettività, e la presentazione dei fatti per adattarli a un argomento, che qualifica la maggior parte delle dichiarazioni del governo come propaganda. Il punto sull’intento è importante, perché, come disse George Orwell con la sua caratteristica schiettezza, tutta la propaganda è menzogna anche quando è vera. Ciò che suggerisce è che, per il propagandista, la verità o meno di ciò che viene detto è irrilevante; ciò che conta è l’effetto desiderato. Così, un discorso di un ministro delle Finanze può contenere solo affermazioni accurate sull’economia della nazione, ma lo scopo è comunque strumentale – fare un punto, vincere una discussione – non educativo. E naturalmente vale il corollario: la critica non è mai più efficace di quando è basata sui fatti. Recentemente qualcuno mi ha detto che la “propaganda russa” descrive il sistema elettorale degli Stati Uniti come irrimediabilmente corrotto e disfunzionale. Ma poiché questa descrizione è di fatto corretta (e sarebbe accettata come tale, credo, dalla maggior parte degli americani), questo è in realtà un buon esempio di uno dei tipi essenziali di propaganda: la verità come arma. .

La “propaganda” non è nata come un processo di deliberata falsità. Le sue origini, come molti sanno, risalgono alla Congregazione per la Propagazione della Fede, fondata dal Vaticano nel 1622, essenzialmente come organizzazione missionaria. La propaganda era “ciò che doveva essere propagato”. In questo caso, coloro che svolgevano il lavoro credevano implicitamente che ciò che dicevano fosse vero e che fosse essenziale che anche il loro pubblico lo credesse, affinché le loro anime potessero essere salvate.

In senso moderno, si può dire che la propaganda sia iniziata con i bolscevichi, e in particolare con Lenin nel suo pamphlet del 1902 Cosa bisogna fare? Lenin sosteneva che, lasciate a se stesse, le classi lavoratrici non avrebbero mai acquisito la coscienza di classe e non si sarebbero ribellate. Occorreva sia la propaganda, cioè l’uso di argomentazioni ragionate per convincere le persone istruite, sia l’agitazione, cioè l’uso di slogan e argomenti molto semplificati (se non addirittura fuorvianti) per convincere le persone non istruite. Lenin coniò il termine “agitprop” per la combinazione dei due, e questa politica fu portata avanti durante la Rivoluzione e nell’era dei partiti comunisti di massa. Presupponeva la maggiore (anzi, infallibile) saggezza del Partito sovietico e l’accettazione della sua leadership incontrastata da parte di un insieme obbediente di partiti nazionali, ai quali a sua volta la classe operaia di ogni nazione avrebbe doverosamente obbedito. Il fine giustificava praticamente qualsiasi mezzo. (Con l’affievolirsi dell’attrattiva del marxismo ortodosso negli anni ’80, lo stesso metodo è stato ripreso da vari gruppi identitari, prima le femministe, poi altri, che cercavano di creare una clientela fedele, convinta di essere oppressa e di fungere da base di potere per le ambizioni dei leader). L’argomentazione dei marxisti era essenzialista: i lavoratori di tutti i Paesi erano sfruttati e avevano interessi comuni oggettivi, che andavano oltre le differenze di identità nazionale, cultura e religione, e dovevano unirsi sotto la guida di Mosca. In questo senso non avevano “nessun Paese”. Questa tesi non è mai stata completamente accettata e ha iniziato a crollare irrimediabilmente con l’ascesa dell’eurocomunismo negli anni Settanta. Il suo successore, degenerato e basato sull’identità, è ora ulteriormente degenerato, in un’indecorosa corsa all’imposizione di varie etichette identitarie concorrenti su gruppi disparati, per ottenere il loro sostegno e la loro obbedienza.

L’esempio più noto, o almeno più famigerato, di propaganda del XX secolo è quello del Partito Nazista, soprattutto dopo il 1933. (La sua propaganda non sembra essere stata responsabile della rapida crescita dei suoi consensi dopo il 1930). La propaganda nazista fu certamente spettacolare e i recenti studi accademici la ricerca ha dimostrato quanto fosse ampiamente basata sull’abile manipolazione della mitologia germanica e del simbolismo occulto tradizionale. Come la propaganda comunista, anche quella nazista era essenzialista, ma costruita secondo una logica razziale piuttosto che economica. Il mondo era diviso in varie “razze”, condannate a un’eterna competizione in cui i più deboli venivano sterminati. La razza ariana, circondata da potenti nemici, sarebbe stata essa stessa sterminata se non avesse agito insieme. Si era quindi intrinsecamente ariani prima di essere intellettuali, uomini d’affari o operai. (In effetti, una costante della propaganda nazista era il ritratto del sindacalista comunista che vede la luce e si unisce al Partito nazista).

Tuttavia, vi è qualche dubbio sull’effettiva efficacia di tale propaganda. La propaganda comunista era almeno legata a criteri oggettivi. Proponeva un quadro intellettualmente impegnativo e coerente, che in alcuni periodi, come gli anni Trenta, sembrava fornire una buona spiegazione di ciò che stava realmente accadendo nel mondo, nonché un sostituto funzionale alla fede e all’osservanza religiosa. E ha mantenuto una base di potere di massa perché parlava alle preoccupazioni oggettive della gente comune (essere poveri o disoccupati è uno stato oggettivo, dopo tutto) e perché un gruppo dedicato di membri del partito lavorava, spesso senza retribuzione, per migliorare le loro vite. Ma la propaganda sembra aver avuto molto meno successo nei Paesi in cui i comunisti erano effettivamente al potere.

Per tutto il suo fascino e la sua ingegnosità, e per quanto Goebbels sia stato acclamato all’epoca e da allora come una sorta di mente satanica (notare questa parola), la propaganda nazista non sembra aver avuto il successo che si pensava all’epoca. Il sostegno al partito nazista e a Hitler personalmente era molto più legato alla trasformazione dell’economia tedesca e al desiderio di cancellare l’umiliazione di Versailles, oltre che alla tradizionale minaccia delle folli orde asiatiche a est. Sociologico studi hanno dimostrato che il rapporto effettivo del popolo tedesco con i suoi leader era estremamente sfumato e complesso, e che essi erano tutt’altro che strumenti obbedienti della macchina del partito.

Ciononostante, i trattamenti sensazionali di questi due episodi hanno contribuito a diffondere l’idea che la propaganda moderna potesse essere una forza irresistibile e che la gente comune, solo per il fatto di esservi esposta, potesse essere portata a rivoltarsi e a rovesciare i governi. Storicamente, si presumeva che tale propaganda provenisse dall’estero – da qui, in parte, il suo carattere minaccioso – e che fosse finalizzata alla corruzione della società e al rovesciamento delle istituzioni. Probabilmente fu l’invenzione della stampa a scatenare per la prima volta questi timori, in quanto libri e opuscoli divennero armi nella guerra tra cattolici e protestanti, e diversi Stati li vietarono, imprigionando e persino giustiziando coloro che li stampavano e li distribuivano. Almeno la posta in gioco era seria a quei tempi: dopo tutto, credenze sbagliate potevano consegnare all’inferno per sempre. (Ricordiamo che nel Vangelo di Giovanni, Satana è descritto come “il padre della menzogna”: alcuni memi ideologici hanno una vita molto lunga).

Per molto tempo si è creduto che la Rivoluzione francese fosse stata innescata essenzialmente dalla propaganda, in questo caso dalla marea di libri e pamphlet associati all’Illuminismo apparsi alla fine del XVIII secolo, e persino dal famoso Encyclopaedia a cura di Denis Diderot. Chi fosse dietro questa ondata di sovversione non è mai stato del tutto accertato (gli Illuminati? i massoni?), ma molte persone influenti erano convinte che la Rivoluzione fosse stata causata da un’abile propaganda e altri Paesi europei, in particolare la Gran Bretagna, fecero di tutto per impedire ai loro cittadini di accedere a materiale pro-rivoluzionario. In realtà, le idee illuministe furono severamente sfiducia anche all’epoca, ma era una buona storia.

Ma fu durante la Guerra Fredda che questo tipo di pensiero raggiunse il suo apogeo. Sebbene pochi Paesi occidentali vietassero esplicitamente il materiale politico marxista, e anzi il marxismo fosse intellettualmente di moda in certi ambienti, si riteneva comunque che “Mosca” fosse dietro la diffusione di libri e film destinati a minare il “nostro stile di vita”, compresa la monarchia e la religione organizzata, e a far marcire la fibra morale della nazione. In Gran Bretagna, la BBC fu spesso accusata dai partiti di destra di trasmettere “propaganda comunista”. Inoltre, “Mosca” era vista come responsabile del dissenso politico, come le manifestazioni contro la guerra del Vietnam o i movimenti pacifisti e antimilitaristi, così come i gruppi terroristici come l’Esercito Repubblicano Irlandese e persino i partiti politici nazionalisti. (Il blocco sovietico mise al bando una grande quantità di letteratura che considerava “decadente”, anche se non affermò mai che l’Occidente fosse impegnato in una campagna organizzata simile.

L’apogeo dell’apogeo, se vogliamo, è stato il Sudafrica dell’apartheid, dove l’interessante nome Legge sulla soppressione del comunismo (1950, modificata, integrata e successivamente sostituita)  ha permesso al governo di definire “comunista” praticamente chiunque, o l’espressione di qualsiasi opinione o pubblicazione.” Ciò includeva in particolare libri e film che criticassero l’apartheid stesso o che offendessero in altro modo le convinzioni dell’establishment politico e religioso afrikaner. (Ma poi il governo ritenne che il Sudafrica fosse il bersaglio di un diabolico assalto totale (letteralmente) diretto da Mosca, che comprendeva non solo l’opposizione violenta e pacifica all’apartheid, ma anche ogni tipo di ONG e gruppo della società civile, molti giornali, sindacati e partiti di sinistra, nonché libri e film provenienti dal mondo esterno. L’intento era presumibilmente quello di provocare quella che oggi definiremmo senza dubbio una Rivoluzione Colore, consegnando il Sudafrica nelle mani dei comunisti e destabilizzando l’intero continente. È divertente, per noi che abbiamo una certa età, vedere lo stesso tipo di accuse riproposte oggi, anche se più normalmente rivolte agli Stati Uniti. In verità, alcuni memi ideologici hanno una vita molto lunga.

Quindi, se accettiamo in primo luogo che i governi, come le persone, cercheranno di dare il volto migliore agli eventi e di presentarli in modo da soddisfare e promuovere i loro interessi, e in secondo luogo che è giusto descrivere questo processo come “propaganda” in senso non giudicante, possiamo passare a considerare i meccanismi di come i governi trattano tra loro e come cercano di influenzare l’opinione in tutto il mondo. Detto questo, e nonostante le affermazioni eccitanti dei media, poco di ciò che i governi dicono, direttamente o indirettamente, è consapevolmente falso, anche se spesso è esagerato e spesso equivale a un’implorazione speciale. Infatti, una delle regole fondamentali della politica è evitare di fare dichiarazioni che si rivelano sbagliate e che possono essere usate contro di voi in seguito. È per questo che i governi dicono cose come “la nostra posizione è stata coerente su questo tema: abbiamo sempre detto…” e qualsiasi dichiarazione su un argomento controverso includerà normalmente un’ambiguità sufficiente per adattarsi al cambiamento della situazione.

In uno Stato adeguatamente organizzato, questi temi saranno diffusi per uso generale, in modo che idealmente ogni persona che lavora per il governo X che si incontra dica la stessa cosa. Nel mondo reale ci saranno sempre delle sfumature, poiché i governi rappresentano necessariamente un compromesso tra diversi interessi istituzionali e politici, ma l’idea di base è che ci sia un’unica linea di governo a cui tutti si attengono, indipendentemente dalle loro opinioni private. In molte società, soprattutto in quelle più nazionalistiche, questa comunanza va oltre e al di fuori dei governi, che possono effettivamente rifletterla, piuttosto che avviarla. Si possono sentire le stesse cose dagli accademici e persino dai giornalisti. Non è passato molto tempo da quando, in occasione di incontri accademici, i partecipanti francesi dicevano cose come “la posizione francese è che…”.

Per molti versi, questo non è sorprendente, anche se offende i presupposti di separazione dei poteri dell’ideologia liberale, e non significa che venga necessariamente esercitato un controllo ideologico diretto (d’accordo, il caso iraniano, per esempio, potrebbe essere diverso). Ma il fatto è che i diplomatici, i funzionari pubblici, gli ufficiali militari, i giornalisti, gli accademici e gli operatori delle ONG hanno sempre avuto la tendenza a provenire dagli stessi strati sociali, e al giorno d’oggi è quasi universalmente vero. Nella maggior parte delle nazioni occidentali, oggi, avranno frequentato le stesse università, studiato le stesse materie, socializzato insieme e forse si saranno anche sposati. Non c’è da stupirsi che le loro opinioni sul mondo siano simili. Un tempo era un po’ diverso per i giornalisti, soprattutto quando venivano chiamati “reporter” e spesso provenivano dai livelli più umili della società. Oggi sono tutti laureati in giornalismo e si considerano i legislatori non riconosciuti del mondo.

Per questo motivo, molte delle accuse di storie “piazzate” nei media o di ONG in qualche modo collegate a oscuri programmi governativi sono, come minimo, esagerate. I giornalisti scrivono storie che riflettono la loro visione del mondo e riproducono le interpretazioni degli eventi a loro congeniali. A loro volta, queste interpretazioni riflettono idee e presupposti comuni nella bolla intellettuale in cui la maggior parte di loro vive. Un giornalista occidentale all’estero, che ha raccolto qualcosa da Twitter, chiamerà un contatto in patria o presso l’ambasciata locale, ed è probabile che l’interpretazione che riceverà sarà convincente, perché proviene dallo stesso background con gli stessi presupposti. Mentre scrivo questo articolo, è emerso un mini-scandalo sul doping nello sport cinese, che è stato trattato negativamente dai media occidentali. Alcuni hanno subito parlato di “operazione psicologica”, ma la verità è probabilmente molto più prosaica: i giornalisti occidentali credono semplicemente alle fonti che hanno il loro stesso aspetto e la loro stessa voce. (Non posso fare a meno di osservare quanto sia bizzarro che l’Occidente spenda una fortuna all’estero per cercare di promuovere un giornalismo indipendente, ONG e gruppi della società civile forti e critici e parlamenti potenti che chiedano conto ai governi, mentre l’omogeneità della classe dirigente occidentale fa sì che, in patria, questi siano tutti allineati gli uni agli altri).

Va aggiunto, però, che un certo grado di omogeneità tra le élite è un fenomeno culturale pervasivo, non limitato all’Occidente e non necessariamente legato a posizioni politiche individuali. Per esempio, nella mia esperienza i giornalisti del mondo arabo, dei Balcani e dell’Africa riflettono spesso la mentalità culturale della loro classe d’élite e dicono al loro pubblico cose che non ripeterebbero mai agli occidentali. Questo è particolarmente vero nei Paesi dell’ex Impero Ottomano, dove la consapevolezza di essere governati a distanza ha minato molto tempo fa la fiducia nella capacità del popolo di governarsi da solo. Come ha sottolineato il grande scrittore egiziano-libanese Amin Malouf, questo radicato sentimento storico di impotenza e inferiorità si è ora trasferito alle relazioni con i Paesi occidentali. Si ritiene (traduzione mia) che

 sono onnipotenti e non ha senso resistere. Si ritiene che siano necessariamente d’accordo tra loro e che sia inutile sfruttare le loro contraddizioni. E si ritiene che abbiano elaborato piani molto dettagliati per il futuro delle nazioni, che non possono certo essere cambiati, e tutto ciò che si può fare è capire quali potrebbero essere. Ne consegue che la più piccola osservazione di un funzionario della Casa Bianca viene esaminata come se fosse un messaggio dal cielo.

A sua volta, questa ideologia disfattista, autolesionista e depotenziante si fa strada un po’ alla volta nel mainstream del pensiero internazionale, e persino gli occidentali di certe convinzioni politiche possono caderne vittime, immaginando che rifletta la vita reale. Inutile dire che ciò complica enormemente gli sforzi occidentali per una vera comunicazione con questi Paesi, poiché tutte le azioni e tutte le dichiarazioni rischiano di essere assimilate a questa vasta e inarrestabile cospirazione, di cui le stesse nazioni occidentali, ovviamente, non sono consapevoli. .

Infatti, mentre le interazioni occidentali con il Sud globale e i tentativi di promuovere programmi sono aperti a molte critiche (ingenuità, ipocrisia, ignoranza delle condizioni locali, credenza in regole universali), i tentativi collettivi disciplinati di influenzare o rovesciare i governi sono raramente tra questi. In parte, ciò è dovuto alla confusione tra coerenza di superficie e rivalità nascosta. Da un lato, l’omogeneità della classe dirigente moderna e della classe professionale e manageriale di cui fanno parte le rappresentanze e le relazioni con l’estero è tale che, senza essere chiamati in causa, i suoi rappresentanti spesso suonano allo stesso modo quando parlano di varie questioni. Il consigliere politico, il capo dell’ufficio per lo sviluppo, il capo dell’ufficio commerciale, l’addetto ai diritti umani, l’addetto legale, i visitatori delle capitali e tutti gli altri (persino l’addetto alla difesa) hanno probabilmente frequentato le stesse università, studiato più o meno le stesse materie e hanno le stesse opinioni generali. (Del resto, se all’Ambasciata c’è un funzionario dell’intelligence, probabilmente anche lui condivide le stesse esperienze e gli stessi atteggiamenti generali).

D’altro canto, però, una certa dose di divisione è inevitabile, semplicemente perché tutti i governi hanno relazioni complesse con altri governi e i vari fattori spesso tirano in direzioni diverse. Un classico è che le relazioni commerciali e politiche possono soffrire se ci sono dichiarazioni e azioni performative sui diritti umani, ma la lobby dei diritti umani nella vostra capitale può essere temporaneamente dominante, il che significa che non potete ottenere qualche concessione politica o commerciale che volete e di cui avete bisogno. Diverse fazioni si contendono il tempo e l’attenzione dell’ambasciatore e spesso riferiscono a diversi padroni nella capitale. La misura in cui questo è un problema dipende dal Paese in questione: come ci si può aspettare, le rappresentanze estere degli Stati Uniti sono talvolta caratterizzate da feroci guerre intestine.

È anche una questione di chi ha i soldi. Ad esempio, è abbastanza comune che i dipartimenti per lo sviluppo siano finanziati in modo sontuoso, ma anche molto limitati nella spesa. Come dico sempre, non si possono ottenere fondi per addestrare adeguatamente i poliziotti, ma si possono facilmente ottenere fondi per creare una ONG che raccolga le denunce sul cattivo comportamento della polizia. Questo non è così bizzarro come sembra, perché per molti Paesi la priorità è rappresentata da iniziative allegre che non rischiano di avere ripercussioni se le cose vanno male. Può essere essenziale per un Paese avere una polizia o un esercito adeguatamente addestrati, ma c’è sempre il timore che da qualche parte ci siano denunce di comportamenti corrotti o violenti e che qualche giornalista intraprendente o ricercatore di ONG scopra che, anni prima, il vostro Paese ha inviato una missione di formazione tecnica nel Paese. Ah-ha. La storia è qui. Spesso i donatori si oppongono a queste iniziative e preferiscono cose belle ma inutili. Inoltre, mentre i rappresentanti della maggior parte delle nazioni occidentali cantano dallo stesso inno, quello dell’estremo liberalismo sociale ed economico, ci sono abbastanza sfumature che li distinguono, in gran parte derivanti da diverse preoccupazioni in patria, da farli spesso inciampare l’uno nei piedi dell’altro. Non c’è da stupirsi che i locali si confondano, ascoltando i diversi attori occidentali. .

Al di là di questi tentativi palesi di influenza, naturalmente, e a un livello completamente diverso, ci sono tutte le storie sulle “operazioni di informazione”, la “guerra psicologica”, la “disinformazione” e così via, nonché l’uso dei media e delle ONG per raccogliere e diffondere informazioni e influenza. Cosa dobbiamo pensare di tutto questo? Esiste un modo realistico e non isterico di guardare a tutto questo? In parte, credo, è una questione di lealtà Come i lettori abituali sapranno, questo sito si occupa soprattutto di come funzionano le cose e di capire cosa succede nel mondo. Non sono molto interessato ai giudizi di valore, né mi considero particolarmente attrezzato per formularli. Eppure la maggior parte delle persone, consapevolmente o meno, vede le relazioni internazionali un po’ come una competizione sportiva, in cui la Nostra Squadra deve essere sostenuta a prescindere. Per alcune persone, le accuse che il loro governo possa comportarsi in un certo modo sono inaccettabili. Per un numero minore di persone, che trovano motivi per detestare il proprio governo, l’idea che un altro governo possa comportarsi in modo altrettanto discutibile è altrettanto inaccettabile.

La cosa più vicina a una regola generale, credo, è dire che tutti i governi hanno bisogno di informazioni e perseguono vantaggi politici attraverso il loro uso. Pertanto, i governi agiranno se ritengono che (1) ci siano vantaggi da ottenere (2) ciò che vogliono fare possa essere difeso legalmente nel loro sistema e (3) le conseguenze in caso di fallimento siano accettabili. Questo vale per tutti i governi, ovunque e da sempre. Quindi la domanda da porsi rispetto a una particolare accusa è: un governo razionale potrebbe pensare di trarre vantaggio da un comportamento di questo tipo? In altre parole, se ipotizziamo che i servizi segreti di un altro Paese siano minimamente competenti (dato che di solito sono loro a essere coinvolti), cosa farebbero?

Questo forse ci aiuta a risolvere alcune delle inutili discussioni su, ad esempio, la Cina. Se assumiamo che il Ministero della Pubblica Sicurezza sia minimamente competente, allora supponiamo che vorrà approfittare di qualsiasi vantaggio che gli si presenti. Ovviamente manderanno scienziati all’estero per cercare di scoprire segreti e reclutare potenziali collaboratori. Ovviamente si avvarranno della diaspora e degli studenti all’estero per raccogliere informazioni e diffondere influenza. Ovviamente studieranno i mezzi tecnici per utilizzare computer e altre attrezzature prodotte in Cina per raccogliere informazioni. Ovviamente cercheranno di finanziare indirettamente ricerche e pubblicazioni utili. Perché non dovrebbero? Se non lo facessero, e io fossi il presidente Xi, vorrei sapere cosa fanno i miei servizi segreti tutto il giorno: giocano ai videogiochi? Non è un giudizio morale, è un giudizio molto pratico.

Lo stesso vale per le attività meno aggressive. Tutti i governi cercano di coltivare relazioni con i giornalisti, per cercare di garantire che il loro punto di vista e la loro interpretazione degli eventi si riflettano nei media. In alcuni casi, ciò può comportare l’inserimento deliberato di informazioni che possono essere vere, parzialmente vere o, a volte, del tutto false. Quest’ultimo caso, tuttavia, è meno comune di quanto spesso si creda, perché rischia di ritorcersi contro di noi. Ma come ho detto sopra, non è difficile per i governi individuare giornalisti simpatici che crederanno a tutto ciò che di positivo si dice loro sul proprio Paese, o che per questo motivo potrebbero essere così disincantati da credere a tutto ciò che di negativo si dice loro sul proprio Paese.

I governi sponsorizzano anche, direttamente e indirettamente, siti Internet e organizzazioni presumibilmente indipendenti. Non c’è nulla di nuovo in questo: cinquant’anni fa, le Unioni studentesche in Europa erano inondate di manifesti patinati e pubblicità della Federazione internazionale degli studenti. Se non trovavate significativo che l’organizzazione avesse sede a Praga, avreste potuto pensare che i manifesti che esortavano alla “Solidarietà con la lotta per l’indipendenza dei lavoratori della Guinea-Bissau”  dessero qualche indizio sull’origine dei finanziamenti. I Paesi occidentali hanno tentato di fare cose simili, ma in genere su scala minore e meno organizzata. Da allora le cose non sono cambiate molto. La pervasiva influenza occidentale nelle organizzazioni presunte indipendenti tende oggi a essere abbastanza facile da scoprire, e molti siti, legati a interessi occidentali e talvolta direttamente finanziati dal governo, sono comunque gestiti da persone che accettano i precetti della bolla in cui vivono. Allo stesso modo, ci sono siti in Medio Oriente il cui finanziamento è a dir poco opaco, e altri siti, come Cultura Strategica, che mostra segni di essere finanziato dal governo russo. Ma una volta che ci si rende conto di questo, che importa? Si tratta, come ha detto Alice, di un gioco che si svolge in tutto il mondo.

Quanto tutto questo abbia un valore effettivo, è lecito dubitare. Da una generazione a questa parte, dopo l’invasione dell’Afghanistan, l’Occidente combatte guerre virtuali, usando l’informazione come arma. Quanto denaro è stato sprecato per le “operazioni informative” in Afghanistan, rabbrividisco al pensiero. Come ha ampiamente dimostrato l’Ucraina, però, non serve a nulla vincere la guerra dell’informazione se poi si perde quella reale, per cui sospetto che una parte dell’isteria sulla “propaganda”, sulla “disinformazione” e sulle “rivoluzioni colorate” sia ormai in via di estinzione, dato che i limiti di queste tecniche diventano terribilmente chiari. A sua volta, questo significa che è tempo per i governi occidentali di calmarsi un po’ sulla “propaganda” proveniente da altri paesi, e forse di essere più realistici sulla propria.

E comunque, non siamo gli unici a giocare questo gioco, e forse alcuni lo stanno giocando in modo diverso e migliore. Poiché l’Occidente si rivolge ai decisori e alle élite con le sue attività di informazione, è relativamente cieco alle iniziative di base della gente comune e non sa come raggiungerle. Eppure, se ci pensiamo bene, molte organizzazioni potenti sono cresciute in questo modo. La Chiesa cristiana è nata come movimento tra i poveri e gli analfabeti, con molte donne tra i suoi membri. Il protestantesimo ha ricevuto il suo impulso iniziale dalla gente comune. I movimenti politici di sinistra hanno quasi sempre avuto origini di base, nelle fabbriche e nelle comunità locali. Il liberalismo, tuttavia, che è una dottrina politica d’élite, non ha mai compreso veramente i movimenti politici dal basso. Vuole solo seguaci obbedienti.

Ecco perché il successo elettorale dei partiti legati ai Fratelli Musulmani in Egitto e Tunisia ha stupito gli esperti occidentali. Eppure non avrebbe dovuto: questi movimenti avevano lavorato per decenni, addirittura per generazioni, costruendo pazientemente reti locali basate sulle moschee e sugli imam che predicavano la necessità di uno Stato teocratico gestito interamente secondo la legge islamica. Gli intellettuali e i politici laici amici dell’Occidente (e che, tra l’altro, avevano ripetutamente avvertito di ciò che sarebbe potuto accadere) sono stati considerati dall’Occidente come rappresentativi, e si è supposto che costituissero l’essenza della resistenza a Ben Ali e Mubarak, e che fossero i loro probabili successori. Ma il liberalismo non si è mai interessato molto a ciò che pensa la gente comune.

Da diversi decenni ormai, le stesse tattiche sono state estese all’Europa. I predicatori islamici provenienti dalla Turchia, dal Qatar e da altri Paesi sono ormai ben radicati e da una generazione lavorano per radicalizzare le comunità musulmane in Europa, con l’incoraggiamento discreto degli Stati che li inviano. Hanno avuto un certo successo: i musulmani più giovani in Europa tendono a essere più pii e più radicali dei loro genitori, che spesso, ironia della sorte, sono venuti in Europa per allontanarsi da società in cui la religione aveva troppa influenza. Gli islamisti non sono interessati a conquistare lo Stato laico: vogliono abolirlo. (Nell’ultimo secolo si sono dimostrati pensatori strategici a lungo termine e ora stanno cercando di creare blocchi elettorali nei Paesi europei che voteranno secondo le loro indicazioni, costringendo gli Stati europei, passo dopo passo, ad accettare un ruolo politico per la religione organizzata che fino a poco tempo fa si pensava appartenesse al passato. A tal fine, sono disposti a stringere alleanze tattiche con gruppi “antirazzisti” o con chiunque serva ai loro scopi. In Francia ci sono almeno due seminari in cui si formano predicatori islamisti e un partito politico esplicitamente islamista è apparso per la prima volta alle elezioni del 2022.

Tutto questo è passato sotto il radar delle élite occidentali, perché coinvolge lingue che non parlano, concetti che non capiscono, un insieme di credenze chiliastiche che avrebbero dovuto scomparire generazioni fa e, soprattutto, le opinioni della gente comune. Nel 2011 al Cairo e a Tunisi c’erano ONG finanziate dall’Occidente, giornalisti, intellettuali, politici, persino ufficiali militari, formati in Occidente e generalmente ricettivi alle nostre idee. Ma non avevano il sostegno dell’unico gruppo elettorale che contava: la strada. La strada è in ultima analisi decisiva in qualsiasi conflitto politico, non come singolo attore, ma come risorsa critica per coloro che sanno come usarla e mobilitarla. Colpi di Stato e dittature non durano a lungo se non hanno un vero e proprio sostegno popolare. Il liberalismo politico elitario, con il suo disprezzo per la gente comune, non capirà mai l’importanza della strada e non si preoccuperà mai di parlare con la gente, ma alla fine la strada avrà l’ultima parola. Lo fa sempre.

SUPERMALUS E TRILUSSA, Teodoro Klitsche de la Grange 

SUPERMALUS E TRILUSSA

Tra gli effetti non ricercati né voluti del supermalus è di evidenziare presupposti, conseguenze, illusioni e derivazioni (nel senso di Pareto) del Welfare all’italiana, tanto invocato nelle esternazioni pubbliche, soprattutto della “sinistra” italiana, quanto disatteso nelle pratiche di governo (della stessa).

Partiamo dal dato quantitativo dei beneficiari della misura: riporta la stampa che sono stati il 4% degli immobili italiani (e dei proprietari). Onde questo 4% dei proprietari è stato finanziato a carico del 100% dai contribuenti. Solo un cittadino su 25 ha le ragioni per rallegrarsene, e gli altri di dolersene. A meno che quest’ultimi non siano entusiasti di aver arricchito qualcuno che non è loro amico, parente o che abbia bisogno di un aiuto; ma ne dubitiamo.

Anche perché se il criterio della felicità collettiva è come sosteneva Bentham, di garantire la più grande felicità per il maggior numero possibile di persone; proprio per il ridottissimo numero dei beneficiari, la misura non ha centrato l’obiettivo.

Neppure pare possibile sostenere che a beneficiare del superbonus sia stato l’ambiente, il pianeta o magari l’umanità. Anche fosse certo (ma non lo è) che a determinare l’aumento della temperatura della terra fossero state le emissioni di CO2 dovute (prevalentemente) dall’industrializzazione crescente (iniziata da circa 2 secoli abbondanti), quanto possano contribuire  alla riduzione il 4% dei condomini italiani? Un milionesimo del carbone bruciato da Cina ed India? O forse molto meno?

Comunque una quantità trascurabile, di guisa da rendere una giustificazione del genere il prodotto di un’involontaria comicità.

All’uopo il rapporto così squilibrato tra beneficiati e pagatori del supermalus era trascurato, anche perché è profondamente significativo.

Se, declinando il criterio di Bentham i beneficati sono così pochi e i pagatori la quasi totalità: è evidente che il tutto configura un modello distributivo invertito rispetto a quello cui siamo abituati dal pensiero moderno. Prendendo per esempio quello marxista, la società comunista (e prima la dittatura del proletariato) avrebbe ottenuto il risultato di espropriare la ricchezza accumulata da pochi capitalisti sottratta e restituita alle masse proletarie e degli sfruttati, costituenti la stragrande maggioranza della popolazione. Invece il modello distributivo del supermalus è quello più spesso praticato: consistente nel trasferire la ricchezza da una massa (di sfruttati) a un’aristocrazia di beneficiati per decisione (politica) di chi governa.

Il tutto accompagnato dal coro ipocrita e costante di “giustizia sociale” e magari di “lotta all’evasione”: che, nel caso c’entra poco, trattandosi di squilibrio e disuguaglianza nelle spese e non nelle entrate. La quale avrebbe bisogno di un’espressione dedicata a designarne i beneficiari: forse mantenuti? Pescecani? Profittatori? O forse come da un vecchio monologo di Pippo Franco Parassati (ossia parassiti di Stato)?

Non sembra neanche sanabile la narrazione sul supermalus, facendo ricorso a ovvietà, come quella, nota da quasi un secolo, che la spesa pubblica stimola la ripresa economica, anche se è inutile. Guerre (in particolare) ed altro, come la costruzione delle piramidi in Egitto, hanno un effetto positivo, scriveva Keynes.

Ma il tutto non esclude – né lo affermava il grande economista – che le spese produttive lo abbiano di più, e soprattutto non hanno gli inconvenienti delle altre.

Al riguardo i sostenitori del supemalus hanno dimenticato che a beneficiare  o meno della spesa pubblica, sono individui e non solo l’insieme. Contare come grande successo l’aumento di un punto del PIL ha la stessa logica della statistica del pollo di Trilussa: che se io mangio un pollo, e altri tre fanno la fame, significa – statisticamente – che abbiamo mangiato tutti un quarto di pollo a testa. Il che non è.

Teodoro Klitsche de la Grange

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Omelette con gusci d’uovo: Sul fallimento della sinistra millenaria_di Alex Hochuli

Con questo secondo articolo, assieme ad altri che seguiranno, cercheremo di illustrare il dibattito in corso nel continente americano e negli stessi Stati Uniti sulla sinistra e l’area radicale, in particolare sulla condizione della sinistra radicale statunitense. Giuseppe Germinario

Omelette con gusci d’uovo: Sul fallimento della sinistra millenaria

SAGGIO DI RASSEGNA
La morte della sinistra millenaria: interventi 2006-2022
di Chris Cutrone
Sublation, 2023, 293 pagine

If We Burn: The Mass Protest Decade and the Missing Revolution
di Vincent Bevins
PublicAffairs, 2023, 352 pagine

Il momento populista: The Left after the Great Recession
di Arthur Boriello e Anton Jäger
Verso, 2023, 224 pagine

Abbiamo fallito. Noi millennial abbiamo perso un’opportunità politica storica nel lungo decennio successivo al crollo del 2008. “Almeno ci abbiamo provato”, potremmo dire con un po’ di giustizia. Dopo tutto, la generazione che è diventata maggiorenne negli anni ’90 non ha fatto nemmeno quello. Ma, cresciuti come eravamo con i tropi dei reality TV sui partecipanti che risorgono dall’oscurità e fanno il loro drammatico tentativo di successo – una generazione i cui coetanei più anziani potrebbero certamente recitare a memoria i testi di Eminem sulla possibilità di avere solo una chance – ci saremmo aspettati di meglio. D’altra parte, siamo anche la generazione dei trofei di partecipazione.

Il 2010 è stato il decennio della protesta, il decennio populista, in cui si è conclusa la “fine della storia” dei lunghi anni Novanta. È stato un momento proto-rivoluzionario, per quanto possa essere sconcertante o “sgradevole” pensare in questi termini.

Un cambiamento politico consapevole e voluto non arriva all’improvviso, ma non è nemmeno il solo prodotto di una costruzione incrementale. È il prodotto sia dell’organizzazione che della spontaneità. I marxisti lo sanno da tempo, motivati dalla nozione di preparazione, in attesa della prossima crisi. Lo sapevano anche i neoliberali originali, la cui Mont Pelerin Society ha gettato le basi intellettuali per un nuovo ordine politico-economico con decenni di anticipo rispetto alla crisi del fordismo-keynesiano degli anni Settanta. In effetti, in una notevole salva di due millennial di sinistra, Nick Srnicek e Alex Williams, gli autori hanno esortato la sinistra a imitare la Mont Pelerin Society – ad attrezzarsi e ad aspettare un’opportunità. Pubblicato nel 2015, Inventing the Future era già troppo tardi per il periodo immediatamente successivo al 2008 e per l’ondata di proteste che ha generato. Il momento era già arrivato: quell’anno Jeremy Corbyn è diventato leader del partito laburista britannico e Bernie Sanders ha iniziato la sua prima campagna per la presidenza. Nel Paese in cui la crisi era più acuta, dove la contestazione politica ha raggiunto il suo apice, il populismo di sinistra ha fallito la sua grande prova: nello stesso anno Syriza ha capitolato in Grecia.

Per questa generazione sembrava che la crisi arrivasse sempre troppo presto: eravamo sempre impreparati, sia nelle idee che nell’organizzazione. Non sapevamo cosa ci avesse colpito; nessuno ci aveva detto che la politica era così. La Generazione X è stata la generazione che ha assorbito i fallimenti dei boomers e della Nuova Sinistra; è stata la generazione della fine della storia. Così i millennial hanno dato per scontato un mondo senza politica , finché questo non è stato improvvisamente messo in discussione negli anni 2010. In termini di trasmissione di idee derivate dall’esperienza, un abisso ci separa dalle precedenti ondate generazionali di attivismo, dalla Nuova Sinistra degli anni Sessanta e, prima ancora, dalla Vecchia Sinistra degli anni Venti e Trenta. Non c’era nessuno a tenerci la mano. Eppure, il nostro fallimento potrebbe rivelarsi una conseguenza del fatto che siamo stati troppo legati al passato, senza nemmeno saperlo.

La sinistra millenaria può essere periodizzata in tre fasi. La sua preistoria riguarda il movimento contro la guerra degli anni 2000. L’elezione di Obama e il crollo del 2008 hanno messo fine a un movimento già privo di energia e di attenzione. La seconda fase è stata segnata da proteste di piazza e occupazioni di massa; l’opposizione al “capitalismo” in quanto tale è tornata alla ribalta. Ricordo di aver pensato, all’epoca, che l’appello di Occupy Wall Street al 99% sembrava preannunciare una svolta, un’ apertura alla maggioranza dei cittadini, al popolo, dopo decenni in cui essere di sinistra significava appartenere a una sottocultura minoritaria, lontana e contraria alla società tradizionale. La protesta divenne più frequente, ma anche disorganizzata e priva di leader, per cui le manifestazioni e le occupazioni tendevano a esaurirsi, oppure a essere cooptate o aggirate. La seconda metà del decennio rappresenta la terza fase, in cui i millennial hanno iniziato a fare i conti con il potere. Su entrambe le sponde dell’Atlantico, millennial di sinistra come il redattore di Jacobin Bhaskar Sunkara o Aaron Bastani di Novara Media hanno iniziato a parlare di vittoria. Sembra così ovvio ora, ma la nozione stessa di vittoria era un’idea nuova per una generazione per la quale il potere era quasi una parola sporca. John Holloway (che non è un millennial) ha persino scritto un libro molto apprezzato dai giovani della Gen X e dai Millennial più anziani, intitolato Cambiare il mondo senza prendere il potere.

Cosa mostra il bilancio degli anni 2010? L’ondata di protesta globale che ha seguito la crisi finanziaria, dai centri nevralgici del capitalismo globale alle languenti periferie, è stata per lo più “non ideologica”, il divorzio dalle tradizioni precedenti evidenziato dalla sua proposta principale: il rifiuto delle vecchie élite corrotte, della classe politica, dell’establishment, della casta. La destra millenaria ha fatto altrettanto, naturalmente, e con maggior successo. In proteste amorfe, senza leader, aperte a tutti, la destra ha mobilitato un’antipolitica più efficace. Vale la pena ricordare che Leszek Kołakowski definiva la destra per la sua mancanza di utopismo, caratteristica che contraddistingueva la sinistra, e quindi identificava la “destra” essenzialmente con l’opportunismo. Di conseguenza, la spada del giudizio cade necessariamente più pesantemente sulla sinistra.

Il risultato di questo pasticcio antipolitico è stato quello di lasciare i Paesi in condizioni peggiori di quelle in cui erano partiti. Alcuni sono sfociati in una sanguinosa guerra civile (Siria, Ucraina), altri in una terribile restaurazione (Egitto, Brasile). Anche negli scenari migliori, il cambiamento è stato lento e fragile (Tunisia, Corea del Sud).

Per altri, l’epilogo sarebbe stato più lungo e quindi più tragico. In Grecia, Spagna e Cile, gli attivisti sono passati direttamente dalle strade alle sale del potere, cercando di istituzionalizzare le loro richieste. In quest’ultimo caso, la grande promessa che il neoliberismo sarebbe morto proprio nel Paese in cui era stato attuato per la prima volta non è stata mantenuta. Una sinistra allegra ha sovraccaricato una proposta di costituzione con le sue preoccupazioni, e le masse cilene l’hanno respinta. In Spagna, gli Indignados che occupavano le piazze hanno dato vita a un vero e proprio partito, Podemos. È finito come junior partner di coalizione proprio di quel partito, il PSOE, che riteneva responsabile della svolta neoliberista e che intendeva scalzare. Il tradimento di Alexis Tsipras ha rappresentato un momento decisivo , un “colpo alla sinistra più grande della Thatcher”, secondo la valutazione dell’ex ministro delle Finanze di Syriza Yanis Varoufakis, che ha visto tutto dall’interno.

La Grecia è solo un caso estremo di ciò che è accaduto in tutto l’Occidente e oltre: una popolazione stremata dall’austerità neoliberista e arrabbiata per la mancanza di responsabilità democratica e di partecipazione significativa era pronta, finalmente, ad abbandonare il vecchio e a giocare per il nuovo. Il momento era arrivato. E la sinistra millenaria non era in grado di guidare. In un primo momento, ha rifiutato l’idea stessa di leadership. Poi, in un secondo momento, ha rifiutato il tipo di rottura necessaria per una seria riforma. La sua impreparazione – qualcuno direbbe opportunismo – ha riportato la sinistra nella posizione marginale e subculturale da cui aveva cercato di fuggire.

La Grecia fornisce ancora una volta un esempio cristallino. Nel secondo mandato di Syriza, dopo aver ingoiato il micidiale memorandum della Troika, voltando così le spalle alla maggioranza dei cittadini che avevano rifiutato l’austerità e i diktat dell’Eurogruppo e delle istituzioni finanziarie internazionali, il partito si è dedicato a battaglie facili come la “guerra morale” contro la corruzione e le riforme postmateriali su sessualità, genere e così via. Si è preoccupato di attuare l’austerità in modo “sensibile”. Rifiutando il settarismo della vecchia sinistra, il partito voleva essere pragmatico. Ma in modo straordinariamente rapido, “osiamo governare” è diventato “governiamo ad ogni costo”. Questo potrebbe essere l’epitaffio del populismo di sinistra, ben oltre la Grecia.

In ultima analisi, la sinistra è diventata l’ultimo difensore del neoliberismo, non il suo becchino. Con tutte le sue denunce, era incapace di immaginare qualcosa di diverso? Troppe delle sue pratiche riflettevano alcune delle peggiori caratteristiche dell’ordine attuale: il breve termine, la tendenza a non promuovere i programmi politici, l’organizzazione di massa e la costruzione delle istituzioni, l’affidamento ai media e ai leader carismatici. Ecco perché gli anni 2010 rappresentano un’occasione storica mancata: quando, per la prima volta dopo decenni, in mezzo a segnali di rivolta di massa, le forze apparentemente utopiche hanno cercato di cambiare il contenuto della politica senza mettere in discussione il guscio neoliberale che la conteneva , per fare una frittata senza rompere le uova.

Nel 2023 sono usciti tre libri che tentano di fare i conti con questa storia. The Death of the Millennial Left di Chris Cutrone è esplicito nel pronunciare la fatalità. Cutrone si propone di dimostrare come il fallimento di questa generazione sia il prodotto di sconfitte passate e delle cattive idee che ha interiorizzato. If We Burn del giornalista Vincent Bevins ricostruisce la narrazione della protesta di strada globale, prendendo di mira l'”orizzontalismo” dei movimenti, che ritiene responsabile della “rivoluzione mancata” del sottotitolo del libro. The Populist Moment (Il momento populista ) di Anton Jäger e Arthur Borriello si occupa della terza fase, in cui la sinistra si è rivolta alla politica elettorale. Il libro analizza le contraddizioni della “scommessa populista”, del tentativo di vincere senza l’infrastruttura sociale di cui disponevano le precedenti generazioni della sinistra.

Nel loro insieme, le tre opere illustrano non solo come la protesta e il populismo siano stati caratterizzati da cicli interni di crescita e decadenza, ma anche come il momento storico appena trascorso abbia rappresentato una vera e propria apertura, attraverso la quale non siamo riusciti a passare. Per quelli di noi che sono cresciuti nel gelo profondo della fine della storia, chiedendosi se ci sarebbe mai stata di nuovo la politica, se gli esseri umani avrebbero mai potuto raggrupparsi, ribellarsi e cercare di cambiare le cose, riflettere sugli anni 2010 invita a una certa amarezza. Dovremmo essere arrabbiati. Gli anni 2010 ci hanno regalato masse nelle strade e rivolte alle urne, e siamo finiti forse peggio del punto di partenza. Ma come sempre, la vera catastrofe sarebbe non imparare nessuna lezione, o imparare quelle sbagliate.

Elegie millenarie

In Se bruciamo, Vincent Bevins, ex corrispondente in Brasile e poi nel Sud-Est asiatico per importanti giornali statunitensi, tesse una narrazione dal gennaio 2010 al gennaio 2020 che lega insieme le proteste di massa in Tunisia, Egitto, Bahrein, Yemen, Turchia, Brasile, Ucraina, Hong Kong, Corea del Sud e Cile. Attraverso interviste a chi era presente, nelle strade di San Paolo o in piazza Tahrir o Maidan, Bevins racconta la storia del decennio che “ha superato qualsiasi altro nella storia della civiltà umana per numero di manifestazioni di massa in strada”.1 Il metodo di Bevins è “giudicare i movimenti in base ai loro obiettivi”. Così apprendiamo che sette di questi casi hanno avuto un destino peggiore del fallimento. Più che una semplice classifica, l’autore, nei capitoli iniziali e finali, traccia anche i modi in cui la storia intellettuale ha plasmato la protesta, attraverso la tensione tra verticalismo e orizzontalismo, tra gerarchia e auto-organizzazione spontanea, e su questioni di rappresentazione, significato e mediazione tecnologica.

Adeguandosi a ciò che i media tradizionali hanno trattato come protesta guidata dai social media, Bevins satireggia l’immaginario corso della vita delle proteste del 2010 nello stile di un tweet2:

(1) Le proteste e le repressioni portano a una copertura mediatica favorevole (sociale e tradizionale).
(2) La copertura mediatica porta più persone a protestare
(3) Ripetizione, fino a quando quasi tutti protestano
(4) ???
(5) Una società migliore

Questa ingenuità attraversa le proteste in luoghi diversi come il Cile, la Turchia e Hong Kong, forse un prodotto di una generazione post-storica che pensava davvero che se si fosse riunita abbastanza gente e si fosse gridato abbastanza forte, sarebbero accadute cose buone. O come ha spiegato il popolare blogger egiziano “Sandmonkey”, con un riferimento al Signore degli Anelli, lui e coloro che hanno combattuto in piazza Tahrir credevano che quando Sauron fosse stato sconfitto, tutto il male sarebbe semplicemente scomparso dalla terra. Se ci si sbarazza di Mubarak, si creano cose buone. Nelle circostanze più tragiche (Libia, Siria, Ucraina), una protesta è diventata una sorta di rivoluzione, che è diventata una guerra civile, che è diventata un sanguinoso pantano internazionale: “eravamo molto lontani dal mondo digitale che i leader occidentali avevano previsto. Cose brutte stavano accadendo tutt’intorno, e la sensibilizzazione era ben lungi dall’essere sufficiente a fermarle”, afferma Bevins in modo toccante.3

La politica aborre il vuoto. Chi è più organizzato o più potente di voi riempirà il vuoto. Se non parli per te stesso, per dire ciò per cui sei, lo farà qualcun altro”. Tutte le proteste che Bevins ricostruisce “iniziano con qualcosa di molto specifico; poi esplodono per includere tutti i tipi di persone, accogliendo numerose visioni in competizione o addirittura contraddittorie; infine, la risoluzione impone ancora una volta un significato molto specifico. Nel mezzo, si presentano infinite possibilità “4.

Anton Jäger e Arthur Boriello – che come Bevins sono dei millennials  riprendono il filo del discorso nel momento in cui i manifestanti decidono di ricorrere a mezzi elettorali. Concentrandosi sull’Europa occidentale e sul Nord America (Bevins è più interessato al mondo al di là del nucleo centrale), gli autori ritraggono quello che sembra essere un brusco cambiamento di rotta: da manifestazioni non organizzate e libere, con ogni richiesta sotto il sole e nessuna, a partiti politici formali in lizza per il governo attraverso le elezioni. “Svilupparono un sincero interesse per il potere, perché non credevano che si potesse “cambiare il mondo” senza prenderlo”. Erano seriamente intenzionati a organizzarsi in partiti, ma, come scopriamo, erano frenati da un mondo in cui il potere dei partiti in quanto tali era indebolito.

Alcuni hanno creato un nuovo partito dal nulla, come gli accademici dell’Università Complutense di Madrid che hanno dato vita a Podemos; altri hanno trasformato partiti esistenti, come Jean-Luc Mélenchon in Francia, che ha preso parti del Front de Gauche per generare La France insoumise (LFI; “France Unbowed” in inglese). Nei Paesi privi di sistemi elettorali proporzionali, i populisti di sinistra si sono avvalsi della via dell’insider: tentare di rilevare i partiti mainstream esistenti, come i Democratici o i Laburisti. Tutti, però, condividevano la stessa “grammatica politica”: orientarsi intorno al “popolo”, scartando la vecchia sinistra che si concentrava sulla “classe operaia”.

Questo abbandono del tradizionale simbolismo di sinistra è stato un tentativo di rispondere a due crisi, “una breve storia di contenuti e una lunga storia di forme”, come dicono Jäger e Borriello: la crisi economica e l’austerità, e la crisi più a lungo termine della politica, della rappresentanza e dell’organizzazione – in una parola, il “vuoto” tra Stato e cittadini che il compianto politologo Peter Mair ha rivelato.5 Ciò che diventa chiaro è che il “populismo” in questione si riferisce a una strategia perseguita all’interno della sinistra come risposta a questa crisi della politica: “Tutti speravano di ripensare e rianimare la sinistra adottando un’identità populista , sia attraverso l’installazione di nuove e dinamiche macchine di partito, sia attraverso l’acquisizione di partiti sclerotici già esistenti”.6 Dovremmo quindi parlare di una sinistra populista, piuttosto che di sinistra-populista.

Tutti i casi di Jäger e Borriello sono passati attraverso lo stesso processo di costruzione del popolo come soggetto politico e di ricerca di un leader carismatico che ne incarnasse le speranze, i sogni e le richieste. Tutti hanno cercato una partecipazione di massa trasversale alle classi, ma con un’enfasi particolare sulle seguenti: la generazione perduta (giovani, istruiti, “outsider connessi”); la classe media schiacciata che aveva votato per i neoliberali progressisti della Terza Via nei decenni precedenti, ma che ora temeva di unirsi ai “nuovi poveri” dei disoccupati di lunga durata; e la classe operaia industriale sopravvissuta. È stata la relativa assenza di quest’ultima a rivelarsi più dannosa per la scommessa della sinistra populista.

In effetti, il contributo più forte del libro consiste nel rendere evidente questa tensione tra populismo di sinistra e socialdemocrazia: il populismo nasce quando manca l’organizzazione necessaria alla socialdemocrazia. Oggi mancano i sindacati, le sezioni di partito, le associazioni civiche, i club sportivi e simili che formavano una fitta rete di associazioni che fornivano la zavorra per la politica socialdemocratica. In particolare, il libro non presenta una discussione sostenuta sui programmi, riflesso, sicuramente, di piattaforme che, sebbene promettessero molte politiche decenti, avevano poca della coerenza necessaria per unificare visione e politica in una sola.

Così, pur rifuggendo dall’orizzontalismo delle proteste dei primi anni 2010, le strategie elettorali della sinistra populista erano ancora confuse da problemi molto contemporanei. Tra la leadership al vertice e le masse di potenziali elettori non c’era nulla, un grande vuoto. Per tutta la novità del populismo di sinistra, emerge un quadro in cui nulla è davvero nuovo, come i due anziani rappresentanti che le sinistre anglo-americane hanno adottato come rispettivi portabandiera.

L’ispirazione intellettuale è venuta dall’America Latina. Il teorico argentino Ernesto Laclau è stato il pensatore che ha esortato le sinistre ad abbandonare la retorica e il simbolismo del proletariato a favore di un “popolo” che sarebbe stato costruito discorsivamente, in opposizione e in contestazione con le élite. Si trattava di un adattamento a un contesto sudamericano in cui la classe operaia formale era una piccola minoranza tra le masse lavoratrici, e quindi in cui i sindacati industriali non potevano servire come elementi costitutivi dell’organizzazione di partito. L’influenza è stata più consapevole in Spagna, dove la “latinoamericanizzazione” è stata un obiettivo esplicito di Podemos e ganar (vincere) è diventata una parola chiave di un “populismo senza scuse”.

Ma non hanno vinto. Tutti hanno attraversato lo stesso ciclo: una prima svolta elettorale, che ha generato grandi aspettative, seguita da un periodo di istituzionalizzazione segnato da scandali o tensioni interne. Il ciclo si chiude poi con un relativo fallimento che porta a un ridimensionamento delle ambizioni. Le campagne della sinistra populista, proprio come le proteste di massa che le hanno fatte nascere, sono state confuse da un vuoto, dove avrebbero dovuto esserci le organizzazioni di mediazione e la classe operaia organizzata che avrebbe potuto dare loro peso e forza. Hanno cercato di fare “socialismo senza le masse”, e hanno fallito.

Dei tre libri, è nel contributo di Chris Cutrone che questo punto viene maggiormente sottolineato. Cutrone è il “principale organizzatore originale” della Platypus Affiliated Society, un gruppo il cui nome riflette la sua idea centrale: se oggi dovesse emergere un’autentica sinistra marxiana, sarebbe irriconoscibile, non classificabile. Questo perché, secondo Cutrone, la sinistra stessa è diventata così distorta dall’esperienza della sconfitta che difficilmente riconosce le proprie tradizioni. Non sorprende che per un gruppo che dichiara che “la sinistra è morta”, esso sia per lo più disprezzato dai compagni di sinistra (i consensi in quarta di copertina sono – ilari – tutti di condanna).

Il libro di Cutrone si distingue in questo trio perché non è un resoconto retrospettivo, ma “una cronaca continua dei momenti chiave [della sinistra millenaria]”, composta da saggi polemici contemporanei pubblicati originariamente tra il 2006 e il 2022 e ora riuniti dall’editore di Sublation Doug Lain. Si tratta di una “storia involontaria della sinistra millenaria”.

In un saggio del 2009, Cutrone sottolinea l’assenza di una sinistra che possa essere significativamente criticata e spinta in avanti. Tuttavia, la crisi globale ha fornito “un terreno migliore per la sinistra rispetto alle guerre statunitensi degli anni 2000. La questione del capitalismo è riemersa”.7 Ma la sinistra pensava che l’era neoliberista potesse essere semplicemente invertita con politiche progressiste, riflettendo il fatto che non aveva mai compreso adeguatamente la crisi dello Stato keynesiano-fordista e quindi le ragioni per cui il neoliberismo rappresentava una sorta di soluzione. Inoltre, lo status quo ante a cui la sinistra millenaria si appellava – l’ insediamento socialdemocratico  non era stato progressivo ma piuttosto regressivo in termini di emancipazione sociale. Leggendo la storia in avanti, il Grande Compromesso del dopoguerra – i lavoratori ottengono salari più alti e welfare in cambio di non agitare la barca – è stato una sconfitta dal punto di vista dei sogni del socialismo tra le due guerre, per non parlare di quello del XIX secolo.

Osservando la prima campagna di Sanders, Cutrone si chiede se rappresenti una potenziale svolta politica o piuttosto “l’ultimo sussulto dell’attivismo di Occupy” prima di crescere e unirsi all’ovile dei Democratici. Allo stesso modo, osservando la Primavera araba in un saggio intitolato “Un grido di protesta prima della sistemazione?”, Cutrone confronta le proteste degli anni Sessanta e quelle del 2010 e avverte che la rivoluzione potrebbe non essere quella desiderata dai manifestanti, ma “piuttosto quella che ha usato il loro malcontento per altri scopi”. Entrambi si sono dimostrati corretti, anche se i costi di essere smentiti quando si è pessimisti sono molto più bassi di quando si è ottimisti.

Per tutta la ricerca di Cutrone e la profonda critica storica di una sinistra millenaria i cui fallimenti sono mere iterazioni di fallimenti precedenti, si rimane con un senso di qualcosa di stranamente apolitico, o di ciò che Marx chiamava “indifferentismo politico”.8 Se ogni lotta è corrotta dalla sua natura limitata e complice, allora cosa dovrebbe fare Cutrone per la sinistra millenaria – a parte leggere i classici? Sì, la sinistra millenaria ha giocato male le sue carte, ma almeno si è seduta al tavolo e ha giocato a poker online , e non alla quadriglia o alla speculazione o a qualsiasi cosa fosse in voga nel XIX secolo.

Ora ci troviamo di fronte al pendolo della politica capitalista che si allontana da un periodo di “libero mercato” e si dirige verso uno “stato-centrico” , tornando alla “regolamentazione governativa dopo il neoliberismo, ma in condizioni peggiorate”. Cutrone è triste e vede i momenti liberali e cosmopoliti come più propizi. Questo è sicuramente sbagliato: i periodi di capitalismo più “pubblico” permettono di contestare ciò che lo Stato promette ma non mantiene.9 Negli ultimi quarant’anni si è assistito all’assenza di promesse in cui la responsabilità dei risultati è stata esternalizzata ai singoli cittadini. Questo cinico privatismo è un’abdicazione dell’autorità da parte delle élite politiche. Il risultato è stato una cittadinanza che opera con aspettative estremamente ridotte. La sinistra millenaria ha almeno cercato di suscitarle, per quanto in modo limitato e retrospettivo.

Per una nuova generazione di sinistra che cerca di rispondere alla protesta di massa e alle rivolte delle urne si pongono quindi quattro problemi: l’organizzazione, i media, la rottura e la tradizione.

Il problema dell’organizzazione

Cutrone osserva che le proteste degli anni 2010, come quelle della sinistra degli anni ’90, si sono intese come “resistenza”, piuttosto che come tentativo di far passare le riforme, per non parlare della rivoluzione. Questo atteggiamento difensivo spiega in parte la forma organizzativa che l’ondata di proteste ha assunto: orizzontale, senza leader, pluralista, spontanea e organizzata attraverso i social media. Questo a prescindere dalle tensioni interne che Bevins scopre nelle interviste ai partecipanti. Gli anarchici vedevano l’occupazione delle strade e delle piazze come la creazione di uno spazio prefigurativo e di una comunità autogestita (alla quale in ultima analisi solo gli studenti o i disoccupati avrebbero potuto partecipare a lungo termine), mentre altri ritenevano che si trattasse di un mero punto di raccolta temporaneo. In ogni caso, il fattore unificante è stato il rifiuto: le proteste erano antipolitiche. In Brasile sono stati vietati gli emblemi dei partiti; a Hong Kong la parola d’ordine è stata “no stage”: niente leader, niente rappresentanza.

Il rifiuto della formalità era profondo. Alcune proteste di massa erano originariamente organizzate da un piccolo nucleo con obiettivi chiari. È il caso del Brasile, che costituisce il caso di studio centrale di Se bruciamo. Il Movimento Passe Livre (MPL), o movimento per le tariffe libere, era un gruppo di anarchici che si agitava intorno alla questione dei trasporti pubblici. L’MPL era organizzato sulla base del principio “tutti fanno tutto”: questa resistenza alla divisione del lavoro funziona quando si è un gruppo piccolo e affiatato. Ma quando le proteste si sono sviluppate e sono diventate le più grandi della storia del Brasile, il gruppo non ha trovato il modo di integrare nuovi membri. Seguendo un copione che si sarebbe ripetuto in molti altri casi, una piccola protesta si è trovata ad affrontare una pesante repressione, le immagini ampiamente diffuse della violenza della polizia (contro il tipo di vittima “sbagliata”  in questo caso, una giornalista bianca, di classe media e donna) hanno fatto scattare qualcosa nella popolazione, e la protesta è esplosa, attirando un’enorme massa di cittadini. Tuttavia, il gruppo, ferocemente anti-gerarchico, ha finito per affidarsi alla gerarchia informale del gruppo di amicizie originario: di fatto, una cricca decisionale che non deve rendere conto a nessuno.

Jäger e Borriello raccontano lo stesso processo ironico anni dopo nella LFI francese. L’assenza delle consuete strutture di partito che vanno dalla base alla leadership – ovviata attraverso la consulenza digitale e gli strumenti plebiscitari – ha fatto sì che i “supervolontari” diventassero una nuova sorta di oligarchia interna, prendendo decisioni alle spalle della massa di sostenitori online che, in termini digitali, costituirebbero dei “lurker”. È una delle tante ironiche inversioni che incontriamo nel corso di questa storia, dove l’eccesso di correzione finisce per riprodurre il problema originale in una forma diversa.

Il pregiudizio contro la formalità si manifesta persino nell’abbigliamento. Gabriel Boric, ora presidente del Cile, si è fatto conoscere durante le manifestazioni studentesche del 2011, e poi ha cavalcato la rivolta del 2019 fino a raggiungere la massima carica. Quando è entrato in parlamento nel 2015, Boric “ha fatto girare la testa” quando “si è presentato con capelli disordinati da emo-rock, un trench e senza cravatta”. Boric era un “autonomista” e, come il MPL in Brasile, cercava di distinguersi dalla vecchia sinistra e dalle pratiche “leniniste”. In questo senso, il suo stile era in linea con la Nuova Sinistra emersa negli anni Sessanta, cioè quella che aveva già più di cinquant’anni , che cercava di rifiutare tutto ciò che puzzava di stalinismo. Si opponeva quindi a tutto ciò che era grande, inflessibile, centralizzato, organizzato, burocratico e formale.

Bevins mantiene un distacco giornalistico per tutto il tempo, ma possiamo intravedere chi è il suo vero nemico: Il “pensiero anti-sovietico e neo-anarchico” che, sostiene, ha trovato un’affinità elettiva con gli sviluppi tecnologici e aziendali degli anni Duemila.10 La rivoluzione non sarebbe stata trasmessa in televisione, ma sarebbe stata pubblicata su Facebook. Per tutta la loro “resistenza”, i giovani manifestanti presentavano notevoli somiglianze con la disposizione del capitalismo contemporaneo. “Distruggere le cose, qualcosa di meglio emergerà dai rottami” suona terribilmente come la “disruption” della Silicon Valley. Oppure, con un tocco di classe che Bevins riserva per una nota a piè di pagina, suona come Obama, che ha affermato che il suo più grande errore è stato quello di non aver pianificato il “giorno dopo” in Libia. Il capitalismo del XXI secolo continua a essere anti-istituzionale, non-normativo, anti-pianificazione, a breve termine e si basa sul controllo dei flussi più che sulla costruzione. Che senso ha, allora, una sinistra che si limita a riflettere queste caratteristiche dominanti della società contemporanea?

Il fatto che così tanti abbiano creduto a queste idee è tragico. “Pensavamo che la rappresentanza fosse elitaria, ma in realtà è l’essenza della democrazia”, osserva l’attivista Hossam Bahgat nel libro di Bevins, riflettendo sul fallimento della Rivoluzione egiziana.11 Conoscendo la forma che ha preso la controrivoluzione  la dittatura ancora più autoritaria del generale Sisi  non si può che essere tristi, amareggiati, arrabbiati.

Il terzo avvento della sinistra millenaria, la formazione dei partiti, ha risolto queste carenze? Le proteste di strada erano aperte a tutti e quindi i costi di uscita erano altrettanto bassi. Tuttavia, nonostante il passaggio alla forma partito, il populismo di sinistra ha sofferto dello stesso problema. Ad esempio, Jeremy Corbyn è stato eletto leader del Partito Laburista solo perché, nel tentativo di diluire l’influenza dei sindacati, il precedente leader Ed Miliband aveva reso disponibile l’iscrizione al pubblico al costo di sole 3 sterline. Le campagne dei partiti populisti di sinistra sono state costruite sul modello di Internet: chiunque è a un solo clic di distanza dal registrarsi, fondare un gruppo d’azione e fare campagna per i candidati del partito. È anche possibile abbandonare il partito con un solo clic.

Questo ha i suoi vantaggi. In un ecosistema di “democrazia non mediata”, la malleabilità ha permesso ai populisti di sinistra di attrarre elettori al di là dei tradizionali allineamenti di classe. Un leader carismatico (o uno su cui i devoti proiettano i valori) unifica il movimento; tale personalizzazione della politica è stata la norma politica per almeno trent’anni. Nuovi strumenti e tecniche di comunicazione attraggono i giovani. Un atteggiamento anti-establishment cattura il sentimento prevalente. “Senza istituzioni potenti come il movimento sindacale a cui appellarsi, le sinistre sono state costrette a portare la battaglia nell’arena elettorale, lanciando così la vera scommessa populista della sinistra”, come dicono Jäger e Borriello.12

Questo “attacco” all’idea stessa di mediazione presuppone un rapido assalto al potere, “come di sorpresa”, osservano Jäger e Borriello. Bernie Sanders sperava di passare da vecchio e dimenticato senatore di sinistra a leader del mondo libero nel giro di diciotto mesi. Forse non è andata così, ma syriza si è davvero trasformata da una nuova, piccola coalizione di sinistra radicale in una coalizione che unisce e rappresenta tutti i segmenti della società frustrati dall’austerità. Inizialmente identificato con “i manifestanti”, in breve tempo è diventato il rappresentante riconosciuto di una maggioranza sociale. E si è insediato. Ma sappiamo cosa è successo dopo.

Jäger e Borriello sostengono che la “scommessa del populismo di sinistra” si basa su una concezione completamente diversa del partito politico (borghese-democratico): il suo obiettivo non è più quello di radicare blocchi di voto nel lungo periodo, ma di servire come il miglior strumento usa e getta per ogni competizione elettorale. Ancora una volta, la natura speculativa, flessibile e opportunistica del populismo di sinistra riflette in modo inquietante il funzionamento del capitalismo odierno. Questo dovrebbe metterci in guardia dal fatto che le domande che hanno tormentato il populismo di sinistra – allearsi o meno con il centro-sinistra istituzionale? Fare una guerra lampo digitale o costruire strutture di partito? Posizionarsi sull’asse destra-sinistra o cercare di essere indeterminati?

Cutrone è d’accordo. All’interno della tradizione marxista, i rivoluzionari Rosa Luxemburg e Vladimir Lenin rappresentano, in parte, rispettivamente la spontaneità e l’organizzazione. Citando J. P. Nettl, biografo della Luxemburg, Cutrone osserva che sia i leader rivoluzionari tedeschi che quelli russi hanno affrontato questioni complementari, che non possono essere ridotte a questa semplice dicotomia: “Come l’azione politica permette un’organizzazione trasformativa; e come l’organizzazione politica permette un’azione trasformativa, emancipatrice e non preclusiva?”. Queste sono le domande che devono essere rivolte alla sinistra millenaria, perché i problemi organizzativi sono più che semplici impedimenti, sono sintomi che devono essere elaborati. Forse dobbiamo essere “conservatori” nella nostra politica “rivoluzionaria” per essere effettivamente radicali nel presente”, concludeCutrone13 .

Ciò potrebbe valere anche per un’altra innovazione postmoderna: il leaderismo. Esaminati dal sociologo Paolo Gerbaudo qualche annoprima14 , i movimenti elettorali di sinistra degli anni 2010 si sono affidati a iperleader che traggono legittimità dal riconoscimento emotivo e dall’acclamazione della base, piuttosto che dall’investitura legale del partito. La personalizzazione della politica intorno al leader serve a compensare l’assenza di strutture di mediazione tra base e leader. Non ci sono filiali locali, né quadri, né tantomeno una vera e propria fedeltà al partito. Si parla invece di corbynismo, mélenchonismepablismo Questo è diverso dal leninismo, dal maoismo o dal trotskismo, termini che rappresentano variazioni di un corpo comune di pensiero – il socialismo – e sono quindi filosofie totali. Come giustamente insistono gli autori, il leaderismo non è in realtà il superamento dell’assenza di leader: non è una cura, ma un sintomo dello stesso problema. L’antistalinismo delle occupazioni orizzontali si è trasformato in qualcosa di più personalistico dello stesso stalinismo!

Il problema dei media

Il leaderismo genera anche nuovi problemi. L’iperleader populista è pensato per essere con i piedi per terra e moralmente irreprensibile. È un’ovvietà politica che chi cavalca il cavallo più alto cada più duramente. Così è stato per Corbyn, distrutto dalle accuse di antisemitismo, o per Mélenchon, minato dall’attenzione dei media sul suo carattere irascibile, o per Iglesias, che ha scoperto di aver comprato una casa da 600.000 euro con la sua compagna politica e di vita, Irene Montero. L’iperleader porta con sé così tante speranze e aspettative che quando cade, cade anche l’intero progetto. Come notano Jäger e Borriello in riferimento a Jeremy Corbyn, quel progetto si è affidato ai nuovi media per comunicare con gli elettori millenari entusiasti, aggirando i media tradizionali. Ma questo ha sottolineato quanto fosse un affare mediatico. Un “partito mediatico sarà sempre vulnerabile agli attacchi dei media”.

La natura mediatica di gran parte della politica della sinistra millenaria emerge forte e chiara nello studio di Bevins sul decennio della contestazione. Già nell’introduzione nota come l’esperienza del maggio 1968 sia stata tradotta da coloro che sono stati selezionati per apparire in TV a parlarne nel periodo successivo (naturalmente i più preparati e istruiti). Poiché le proteste di massa del 2010 erano ancora più incoerenti di quelle degli anni Sessanta, lo spazio per imporre un significato a posteriori era ancora maggiore.

Nel corso del libro scopriamo che le lotte per il controllo degli account dei social media erano una caratteristica sia di Occupy di New York che degli Indignados spagnoli. E che l’MPL brasiliano condivideva le responsabilità dei media, ma “si assicurava certamente di offrire ai media il tipo di contenuti che amava diffondere”.

Come osserva Bevins a proposito dell’Egitto nel momento critico di fine gennaio 2011: “i rivoluzionari avrebbero potuto prendere qualsiasi cosa. Hanno scelto di rimanere in piazza Tahrir, la destinazione predefinita per molti della folla; era un pezzo di terra vuoto, e la sua conquista non offriva alcun valore strategico, se non la sua visibilità“.15 L’assenza di chiare identità e significati politici e di classe ha fatto sì che i simboli fossero cercati altrove. Uno dei principali partecipanti alle Giornate di giugno brasiliane racconta a Bevins che l’influenza principale del gruppo di attivisti è stata quella degli zapatisti messicani, la cui lotta era stata introdotta attraverso la band degli anni ’90 Rage Against the Machine. A Hong Kong, il saluto a tre dita, tratto dai film di Hunger Games, è diventato un segno comune. “Penso che sia anche un po’ triste, e sicuramente molto sfortunato, che abbiamo preso così tante delle nostre idee dalla cultura pop”, ha concluso un abitante di Hong Kong.16 Il carattere surrogato della politica alla fine della storia era in piena mostra in queste manifestazioni. Nell’EuroMaidan ucraino, dopo che Viktor Yanukovych aveva annunciato che non avrebbe accettato l’accordo dell’UE, un gruppo di sinistra ha preso una bandiera rossa ricamata con le stelle dell’UE. L'”Europa” qui non rappresentava l’austerità e l’antidemocrazia, ma “la democrazia sociale e il progresso umano, la prosperità e i diritti”.

Riflettendo sulla “rivoluzione mancata”, Bevins si chiede se le insurrezioni di massa siano state momenti autentici, scorci del “modo in cui la vita dovrebbe essere” e “la cosa più reale che si possa provare”, o se, al contrario, siano state vuote espressioni di estasi di massa, con più cose in comune con Woodstock e Coachella che con la presa della Bastiglia. L’autore conclude che “la gente ha fatto passi da gigante” , anche se si sospetta che questa sia anche l’opinione dell’autore.

Al posto di una conclusione definitiva, l’oggetto politico diretto di Bevins è la condanna dei giornalisti occidentali e del loro rapporto sinergico con professionisti istruiti, spesso provenienti da organizzazioni non profit, che hanno scelto come portavoce delle rivolte. “In Ucraina, l’ala liberale di EuroMaidan comprendeva lavoratori del settore tecnologico che erano per lo più favorevoli a Bruxelles, parlavano la lingua degli ideali democratici, in un inglese competente, ed erano associati a ONG che avevano dipendenti a tempo pieno “formati e pagati per interagire con persone come me [Bevins]”. È questa dinamica pregiudiziale a complicare un compito già difficile: trovare la “verità” dei movimenti. La manipolazione è evidente. In Brasile, un gruppo di destra favorevole al business è riuscito a prendere il comando sulle proteste socialdemocratiche di sinistra grazie all’astroturfing. Il loro nome? MBL ( Movimento Brasile Libero ) – quasi indistinguibile, soprattutto nel portoghese parlato, dai promotori autonomisti delle proteste del giugno 2013, MPL. In Ucraina, i nazionalisti dell’estrema destra sono diventati la forza predominante di Maidan, facendo leva sul loro peso. Come spiega uno degli intervistati da Bevins, “non sono riusciti a farcela perché gli ucraini normali li hanno sostenuti : hanno combattuto per questo e hanno vinto”.18

Il problema della rottura

La scommessa della sinistra populista può aver rappresentato un tentativo di prendere il potere, ma ha anche evidenziato una radicale sottovalutazione del potere. Nel migliore dei casi, i populisti di sinistra hanno ottenuto una carica, sì, ma mai il potere. In un’altra ironica inversione di tendenza, la sinistra millenaria ha abbandonato la nozione di essere consapevolmente marginale e ha iniziato a rivolgersi, e a cercare di rappresentare, fondamentalmente tutti. Ma questo significava evitare scelte ideologiche difficili. Non si può essere amici dell’Eurogruppo e del 61% degli elettori greci che hanno respinto il Memorandum. Non si possono guidare i Remainers della classe media metropolitana e i Leavers della classe operaia del Nord nel Regno Unito. Non si può unificare una coalizione di culturisti woke con istruzione universitaria e di materialisti provinciali della classe operaia semplicemente attraverso il richiamo del potere esecutivo. Rimangono una legislatura potenzialmente ostile, una magistratura certamente ostile, uno Stato profondo diabolico e persino istituzioni sovranazionali che rovineranno i piani migliori. La crisi a lungo termine della politica non può essere ignorata in una rapida ricerca del potere esecutivo, nell’illusione che il neoliberismo possa essere spazzato via con un tratto di penna.

Altre ironie abbondano. Jäger e Borriello notano quanto il populismo di sinistra fosse in realtà tecnocratico. Poiché non avevano un’adesione di massa in grado di plasmare la politica e i loro elettori provenivano da diversi gruppi sociali con preferenze contrastanti, i partiti populisti di sinistra si affidavano a soluzioni politiche tecnocratiche per risolvere le profonde contraddizioni. Ma questo ha un limite : come conciliare , ad esempio, gli atteggiamenti della classe media urbana e della classe operaia industriale nei confronti del cambiamento climatico? L’investimento nella persona di Jeremy Corbyn o, più credibilmente, di Jean-Luc Mélenchon, che è un oratore e un tribuno molto più bravo , può arrivare solo fino a un certo punto. Ma facciamo un passo indietro: personalismo e tecnocrazia? Non è forse questo il Blairismo? E così il populismo di sinistra è rimasto, in sostanza, un affare professionale della classe media urbana. In Francia, Mélenchon ha parlato di conquistare i fachés mais pas fachôs (i lavoratori arrabbiati ma non fascisti che non si sono rivolti irrevocabilmente al Rassemblement National di Le Pen). Ma “quella coalizione non si è mai concretizzata”. Ha continuato a basarsi sulla gioventù urbana e altamente istruita e sul proletariato suburbano del settore dei servizi. Come tale, il populismo di sinistra non è riuscito a mantenere la sua promessa populista e unificante.

Jäger e Borriello individuano il problema finale nel fatto che i populisti di sinistra non sono mai stati in grado di trasformare il loro esercito di attivisti elettorali in qualcosa di più duraturo: “Senza una guerra di posizione per consolidare le conquiste dell’avanguardia digitale, il populismo di sinistra sarà ricordato come poco più di un’occasione sprecata”. Se questo fosse riuscito, i populisti di sinistra forse non avrebbero preso il potere, comunque non nel breve periodo, ma avrebbero potuto costituirsi come una sorta di forza post-neoliberale, esercitando pressioni per cambiare la politica economica, oltre a fare un po’ di strada per sanare la crisi secolare della politica. In definitiva, concludono gli autori, l’esperienza è stata molto breve, come si addice a un ecosistema sempre più a breve termine e “pieno di opzioni di uscita”.

Una più grande opera di trasformazione sociale è appena accennata come possibilità. Tuttavia, Jäger e Borriello notano che nel Regno Unito manca il tipo di barriere costituzionali che avrebbero frenato un programma corbynista altrove, e sono consapevoli che il Labour ha subito una pesante sconfitta nel 2019 dopo non aver onorato il risultato del referendum sulla Brexit del 2016. Dov’è la denuncia a tutto campo? Gli autori si limitano a spiegare che la base di attivisti, per lo più Remainer, “conosceva principalmente la politica britannica come una camera di tortura per la disciplina fiscale, non come un luogo di sovranità”. Per quanto questo sia vero, gli autori finiscono per ricapitolare in qualche modo le basse aspettative dell’epoca.

L’appetito popolare per il cambiamento c’era comunque (anche se la paura del futuro è sempre in agguato dietro l’angolo). Quando alle persone viene data l’opportunità di rifiutare lo status quo, lo fanno, insiste giustamente Cutrone. La risposta dello status quo è sempre che non si doveva dare loro questa opportunità. Da qui l’importanza di battere il ferro quando è caldo. Organizzazione, sì, ma anche un po’ di spontaneità.

Allo stesso modo, Jäger e Borriello osservano che la campagna di Sanders è finita come “un altro tentativo donchisciottesco dall’interno di un partito del capitale”. Se l’insuccesso in Gran Bretagna riguardava la questione dell’UE, negli Stati Uniti riguardava il Partito Democratico. “Per avere successo”, insiste Cutrone, “Sanders avrebbe dovuto correre contro i democratici come Trump ha corso contro i repubblicani. Questo avrebbe significato sfidare la combinazione neoliberale democratica di austerità capitalista e politica identitaria della Nuova Sinistra su “razza, genere e sessualità” che rappresenta lo status quo aziendale”. Questo, però, sarebbe stato un “populismo” più completo di quello che i populisti di sinistra realmente esistenti hanno mai considerato – o se lo hanno preso in considerazione, sono stati dissuasi dalla maggior parte degli attivisti incatenati a un sinistrismo autolesionista.

Cutrone conclude che qualsiasi aspettativa nutrita dalla sinistra millenaria “è stata delusa nel corso di un decennio di sbalorditivi rovesci”. Questo è un po’ esagerato rispetto a quanto la sinistra millenaria avesse da perdere. Certo, ha perso un’opportunità storica, ma è più simile a perdere l’ultimo autobus per lasciare la città che a farsi rubare l’auto. In un’intervista con me, Cutrone ha ammesso che la sinistra millenaria “ha fatto del suo meglio”, ma, cosa fondamentale, che questo è anche ciò che la Nuova Sinistra degli anni ’60 e la Vecchia Sinistra degli anni ’30 si sono dette.19

Ancora una volta, la Grecia fornisce il quadro più chiaro della posta in gioco. Molti nella sinistra internazionale20, pur deplorando la bandiera bianca di Tsipras, hanno spiegato in termini “realistici” che l’uscita della Grecia dall’eurozona e dall’UE avrebbe significato il caos più totale, i più poveri avrebbero sofferto di più, syriza sarebbe stato incolpato, l’estrema destra avrebbe potuto beneficiarne e così via. Ma questo è esattamente ciò che la Grecia ha subito in ogni caso, anche se in modo più prolungato. Il fallimento avrebbe almeno offerto alla Grecia un orizzonte, una possibilità di ricostruirsi come nazione indipendente. E, cosa fondamentale per gli internazionalisti, avrebbe potuto innescare una reazione a catena. Nulla di tutto ciò è certo, ma sarebbe stato un gioco di possibilità maggiori. Cutrone cita giustamente Leon Trotsky per dire che “chi chiede garanzie in anticipo dovrebbe in generale rinunciare alla politica rivoluzionaria”. Il problema è che la maggior parte della sinistra millenaria lo ha fatto. E questo rende la riforma ancora meno probabile.

Il problema della tradizione

Cutrone, come Jäger e Borriello, ricorre alla metafora del gioco d’azzardo. Cutrone, tuttavia, sostiene che la sinistra millenaria ha scelto di non giocare la mano che le è stata data. Si è allontanata per paura dall’azzardo stesso, ripiegando invece sul rigiocare le carte distribuite alle generazioni precedenti. Che cosa significa? Il modo migliore per esplorarlo è fare riferimento alle tradizioni politiche della sinistra.

Il fulcro dell’analisi di Bevins sulle proteste è che esse erano espressive dell’eredità della Nuova Sinistra antistalinista, che, tagliata fuori dalla Vecchia Sinistra a causa della guerra mondiale e del maccartismo, agiva sulla base di insegnamenti assorbiti e dimenticati a metà. Il risultato è stato il rifiuto della struttura e la preferenza per una politica prefigurativa piuttosto che strumentale. Al di fuori del Nord America, tuttavia, la vecchia sinistra era molto viva, ricorda Bevins, citando i partiti marxisti-leninisti e gli sviluppisti nazionali che spesso reprimevano i comunisti, anche quando si alleavano con l’URSS (l’egiziano Nasser ne è un esempio).

Si tratta di una falsa dicotomia. L’eredità degli anni Sessanta attraversa entrambi gli schieramenti: è presente nell’anticomunismo “stalinofobico” (sia del liberalismo della Guerra Fredda che della socialdemocrazia, compresi gli odierni tentativi “populisti” di rifondare la socialdemocrazia senza organizzazione operaia) e nella “militanza” staliniana (maoismo, guevarismo). Impostare la politica quasi stalinista o quasi maoista come “sinistra che funziona” contro gli evidenti fallimenti dell’orizzontalismo anarchico è un errore. Si tratta solo di un’opposizione sterile e indesiderabile tra due vicoli ciechi della sinistra: la “serietà” e l'”organizzazione” staliniane e il “narcisismo” e la “prefigurazione” anarco-liberali.

Per Cutrone, infatti, ciò che oggi viene considerato “sinistra” o “socialismo” non è altro che la “naturalizzazione della degenerazione della sinistra in rassegnazione e abdicazione”. La sinistra prende il prodotto dei fallimenti precedenti e li erge a oggetto di desiderio. Elementi di questo sono visibili nel commento di Bevins sulla protesta. Egli suggerisce che il crollo dei governi è improbabile in Occidente e che le forze armate nei Paesi della NATO “non avrebbero certamente abbandonato lo Stato”, né la NATO “si sarebbe bombardata da sola”. Bevins sta forse dicendo che il criterio di successo è la creazione di blocchi separati e militarizzati di Stati nazionali, rendendo la contesa politica sul futuro una questione geopolitica? Questo significherebbe riproporre la Guerra Fredda! La Guerra Fredda è stata infatti la testimonianza del fallimento della rivoluzione globale, dell’ossificazione della lotta per il socialismo in una mera “alternativa” al capitalismo, piuttosto che in una forma più avanzata di civiltà. Tuttavia, Bevins indica che un cambiamento radicale non è realmente possibile negli Stati più avanzati, ma solo negli “anelli deboli” periferici. Questo sembrerebbe ricapitolare un terzomondismo che è sicuramente esaurito quanto la politica rivoluzionaria nei Paesi centrali. C’è un certo conservatorismo in questo. È anche per questo che Bevins non si occupa dei Gilet Gialli in Francia, che si sono distinti per essere le proteste più sostenute e proletarie, pur avendo luogo in un Paese a capitalismo centrale? Sarebbe stato interessante vedere questo aspetto esplorato.

Nel frattempo, sebbene Cutrone sottovaluti i problemi specifici di organizzazione della nostra epoca – in particolare il declino dell’associazionismo – i suoi saggi sono utili per sollecitare il pensiero storico. I millennial “hanno perso l’occasione di relazionarsi con la storia in modi nuovi che li sfidavano e li incaricavano di andare oltre la doxa post-sessantottina”. Invece, la sinistra millenaria, sia nelle fasi di protesta che in quelle populiste, evoca una qualità nostalgica, sia che spinga per un nuovo New Deal sia che (molto peggio) riproponga le proteste hippy degli anni Sessanta o la “resistenza” al neoliberismo degli anni Ottanta. Queste pratiche e convinzioni “non fanno presagire nuove possibilità, ma si aggrappano a vecchi ricordi di un’epoca in cui molti, se non la maggior parte, non erano ancora vivi”. La sua qualità spettrale e irreale è evidente”.

Dobbiamo prestare attenzione a un fatto preoccupante: negli ultimi cento anni, la sinistra è arrivata per lo più post-festum, sicuramente in Occidente. Ha un ruolo nell’inaugurare una nuova era, poi attacca la nuova era e infine ne ha nostalgia. Così la sinistra ha attaccato l’ottuso stato sociale negli anni Sessanta in nome dell’individualismo, azioni che, nonostante le intenzioni, hanno gettato le basi per il neoliberismo una volta che l’ordine del dopoguerra è entrato in crisi. La sinistra si è quindi posta come resistenza contro la riorganizzazione del capitalismo secondo le linee neoliberali, accompagnata dalla retorica più forte e moralizzata in difesa della società contro l’individualismo. Infine, la sinistra si ritrova ad essere l’ultimo difensore del neoliberismo di fronte al cosiddetto populismo di destra sotto forma di Trump, Le Pen, Brexit, Vox, Fratelli d’Italia o altro. La sinistra può anche non difendere le politiche neoliberali, ma si aggrappa a organizzazioni e istituzioni neoliberali o neoliberalizzate, siano esse il Partito Democratico o l’UE o l’università o le ONG.

Comunismo di buon senso

Nel 2011 è stato pubblicato The Strange Non-Death of Neoliberalism di Colin Crouch. Il fatto che la sua domanda centrale possa essere posta ancora oggi è una condanna sia per le nostre élite compiacenti e gerontocratiche sia per le forze di contestazione che dovrebbero spingere le cose in avanti. In effetti, è l’assenza di una sinistra popolare e credibile a consolidare l’autocompiacimento delle élite. Per tutte le critiche qui presentate, questo dovrebbe preoccupare gli osservatori che, a differenza del presente autore, non hanno alcun investimento nella sinistra.

Perché la sinistra non è riuscita a raggiungere nemmeno i suoi obiettivi riformisti, per non parlare dei suoi sogni rivoluzionari? Una domanda centrale si pone nei tre elogi della sinistra millenaria: quando la politica stessa è in crisi, il primo passo necessario è ricostruire l’associazionismo civico come elemento costitutivo di un partito politico di sinistra credibile e di massa? Oppure la sinistra deve essere preparata ad agire rapidamente, a prendere l’autorità e a guidare nei momenti in cui il conservatorismo delle masse evapora rapidamente e lo status quo viene rifiutato – come accade con una certa frequenza, anche se imprevedibilmente?

A queste domande dovremmo rispondere con un’altra domanda, già posta in precedenza: “in che modo l’organizzazione politica consente un’azione trasformativa, emancipatrice e non preclusiva?”. La risposta, per riprendere le due alternative di cui sopra, è sicuramente “entrambe”. Il fallimento della sinistra millenaria è stato quello di non fare nessuna delle due cose. Non è stata in grado né di legare le masse, a cui si è brevemente appellata, in nuove organizzazioni politiche, né di agire e guidare nei momenti di crisi, quando la distruzione del vecchio ordine (comunque concepito) era a portata di tiro.

Jäger e Borriello scrivono che l’esperienza della sinistra populista è fallita perché “troppo a sinistra e troppo populista”: non è riuscita a liberarsi dalle preoccupazioni e dal simbolismo della sinistra minoritaria e non è riuscita a costruire un vero partito lungo le vecchie linee, preferendo invece la scommessa populista. Forse un altro modo di inquadrare la questione è che la sinistra millenaria avrebbe beneficiato di un’ideologia più “populista” , cioè non legata alle modalità fallimentari dell’attivismo di sinistra della fine del XX secolo, pur essendo più “conservatrice” dal punto di vista organizzativo. Ciò sembrerebbe in linea con la richiesta di Cutrone che un “approccio marxiano dovrebbe cercare di occupare il centro vitale e radicale della vita politica”.

Nel contesto statunitense, ciò significherebbe “completare la Rivoluzione Americana ” – non MAGA, ma “Make America Revolutionary Again”. Il segno dei tempi, degli anni 2010, è stato il desiderio espresso di rompere con il vecchio, un segno che la sinistra ha troppo spesso ignorato. Sì, Sanders ha chiesto una “rivoluzione politica” in nome del “socialismo democratico”. Ciò significava “una svolta elettorale a sostegno di nuove politiche”. Ma fare i conti con la crisi dell’ordine postbellico e con l’attuale crisi del neoliberismo significa prendere sul serio l’idea che non si può tornare indietro, che la fine della storia è finita – e così il ventesimo secolo.

Questo articolo è apparso originariamente in American Affairs, volume VIII, numero 1 (primavera 2024): 85-104.

Note

1 Vincent Bevins, If We Burn: The Mass Protest Decade and the Missing Revolution (New York: PublicAffairs, 2023), 235.

Bevins, If We Burn, 258.

Bevins, If We Burn, 169.

Bevins, If We Burn, 167.

Peter Mair, Governare il vuoto: The Hollowing of Western Democracy (Londra: Verso, 2013).

Arthur Boriello e Anton Jäger, The Populist Moment: The Left after the Great Recession (Londra: Verso, 2023), 3.

Chris Cutrone, The Death of the Millennial Left: Interventions 2006-2022 (Portland, Ore.: Sublation, 2023), 75.

Karl Marx, “Indifferentismo politico [1873]”, Marxists.org, visitato il 9 gennaio 2024.

Si veda la mia recensione di The Triumph of Broken Promises di Fritz Bartel: Alex Hochuli, “Democrazia e disciplina“, American Affairs 6, n. 2 (estate 2022): 125-41.

10 Bevins, If We Burn, 268.

11 Bevins, If We Burn, 265.

12 Boriello e Jäger, Il momento populista, 45.

13 Cutrone, La morte della sinistra millenaria, 11.

14 Paulo Gerbaudo, The Digital Party: Political Organisation and Online Democracy (Londra: Pluto Press, 2019).

15 Bevins, If We Burn, 67, corsivo mio.

16 Bevins, Se bruciamo, 269.

17 Bevins, Se bruciamo, 69.

18 Bevins, Se bruciamo, 162.

19 La morte della sinistra millenaria ft. Chris Cutrone“, Bungacast, podcast audio, 9 gennaio 2024.

20 Si vedano ad esempio i veterosocialisti Sam Gindin e Leo Panitch su Jacobin, i quali sostengono che sarebbe necessaria una maggiore preparazione per l’uscita della Grecia: Sam Gindin e Leo Panitch, “Il dilemma di Syriza“, Jacobin, 27 luglio 2015.

1 2 3 77