Sessione plenaria del Forum economico internazionale di San Pietroburgo Vladimir Putin ha partecipato alla sessione plenaria del 27° Forum economico internazionale di San Pietroburgo.

In basso abbiamo pubblicato la registrazione video integrale dell’intervista a Putin tradotta in inglese. Cliccando sulle impostazioni del filmato (la rotella dentata), sul menu “sottotitoli”, poi su “traduzione automatica” e quindi su “italiano” potrete fruire dei sottotitoli in italiano.

Particolarmente significativo il piglio e la statura politica dell’intervistatore. Un chiaro messaggio all’Occidente che in Russia esistono componenti ben più radicali pronte a determinare le scelte politiche del governo russo. Giuseppe Germinario

Sessione plenaria del Forum economico internazionale di San Pietroburgo

Tra gli altri partecipanti alla sessione, il Presidente dello Stato Plurinazionale della Bolivia Luis Alberto Arce Catacora e il Presidente della Repubblica dello Zimbabwe Emmerson Dambudzo Mnangagwa.

La discussione è stata moderata da Sergei Karaganov, analista politico, storico e supervisore accademico della Facoltà di Economia Mondiale e Affari Internazionali presso la Higher School of Economics.

Il Forum economico internazionale di San Pietroburgo si tiene ogni anno dal 1997. L’evento è diventato una delle principali piattaforme mondiali per discutere le questioni chiave dell’economia globale.

Il tema chiave del forum 2024 è “La formazione di nuove aree di crescita come pietra miliare di un mondo multipolare”. Al forum parteciperanno oltre 12.000 persone, tra cui azionisti e top manager di grandi aziende, esperti e analisti riconosciuti, personalità politiche e pubbliche e funzionari governativi.

* * *

Moderatore della sessione plenaria Sergei Karaganov: Buon pomeriggio, presidenti.

Colleghi e amici.

È per me un grande onore e un grande piacere ospitare questa sessione. Abbiamo un gruppo di oratori brillanti e forti, quindi la sessione promette di essere interessante.

Permettetemi di iniziare con Emmerson Dambudzo Mnangagwa. È una figura leggendaria, l’ultimo leader di un Paese africano che ha combattuto per quasi tutta la vita – una parte significativa della sua vita, con le armi in pugno – per difendere l’indipendenza del suo Paese. Ha trascorso dieci anni in una prigione e due in un’altra. È sopravvissuto, poi è stato condannato due volte alla pena di morte. Dopo essere diventato presidente, ha abolito la pena capitale nel suo Paese.

Apprezzeremmo molto se Mnangagwa potesse condividere con noi la sua esperienza. Lo Zimbabwe è stato sottoposto a sanzioni per molti anni perché ha osato nazionalizzare le proprietà dei colonizzatori bianchi.

Luis Arce è un eccellente economista e un discendente di coloro che hanno combattuto a fianco del grande Simon Bolivar per l’indipendenza della loro patria. Il suo destino è un po’ meno drammatico, ma comunque brillante, movimentato e trionfale.

Arce è stato ministro dell’Economia e delle Finanze della Bolivia per 15 anni. In quegli anni, il suo Paese ha aumentato il PNL (prodotto nazionale lordo) del 250% e ha ridotto il numero di persone sotto la soglia di povertà di oltre il 50%. Ha portato avanti riforme notevoli e degne di nota, tra cui la nazionalizzazione di una parte significativa delle proprietà delle aziende straniere e delle risorse naturali. Ha anche introdotto con successo la sostituzione delle importazioni. Sicuramente ci piacerebbe conoscere la sua esperienza.

Credo che Vladimir Putin non abbia bisogno di presentazioni e per me, in quanto cittadino del Paese in cui è presidente, è inappropriato tesserne le lodi. Ma dirò solo una cosa. Ricordo chiaramente il 1998 e il 1999, quando il nostro Paese era sull’orlo, o meglio, oltre l’orlo, del collasso. È stata una tragedia totale. Ricordo me stesso e i miei compagni che lottavano disperatamente, quasi senza speranza. E alla fine c’è stato un momento in cui Dio ha avuto pietà di noi.

Ora, signor Presidente, la sua sfida è difficile come non mai. Non deve solo vincere, ma anche evitare che il mondo si avvii e venga spinto verso una guerra mondiale. Anche se oggi parleremo di altro.

Presidente Putin, a lei la parola.

Presidente della Russia Vladimir Putin: Buon pomeriggio, amici e colleghi.

Onorevole Arce. Signor Mnangagwa. Amici. Signore e signori.

Sono lieto di dare il benvenuto a tutti voi al 27° Forum economico internazionale di San Pietroburgo.

Quest’anno partecipano al Forum oltre 12.000 persone provenienti da più di 100 Paesi. Si tratta di azionisti e top manager di grandi aziende, esperti e analisti riconosciuti, personalità politiche e pubbliche e funzionari pubblici.

Tradizionalmente, il forum di San Pietroburgo non solo offre l’opportunità di stabilire contatti commerciali, concordare cooperazioni o lanciare progetti promettenti, ma favorisce anche discussioni aperte sulle tendenze attuali dei mercati globali e regionali. Permette ai partecipanti di esaminare i processi che si stanno sviluppando dinamicamente nel mondo di oggi attraverso il prisma delle relazioni economiche.

Possiamo notare che sta iniziando una vera e propria gara tra i Paesi per promuovere la propria sovranità a tre livelli chiave: lo Stato, i valori culturali e l’economia. Allo stesso tempo, i Paesi che fino a poco tempo fa erano leader nello sviluppo globale si sforzano di mantenere il loro sfuggente ruolo di egemoni, utilizzando qualsiasi mezzo necessario. In realtà, non c’è nulla di strano quando un Paese o una persona cercano di mantenere o rafforzare le proprie posizioni nella vita, ma ricorrere alla menzogna per questo scopo è inaccettabile. Rafforzare le posizioni in modo onesto è lodevole, ma farlo attraverso la menzogna no.

È evidente che la Cina detiene attualmente la posizione di economia numero uno al mondo con un margine significativo rispetto al secondo posto. L’India è la terza economia mondiale e un leader globale in termini di dinamiche di sviluppo.

Le voci dei Paesi dell’Asia meridionale e dell’Africa stanno diventando sempre più importanti, con i loro alti tassi di natalità e un livello di urbanizzazione finora basso, oltre a una rapida crescita economica in fase di recupero. Secondo le valutazioni degli esperti, questi Paesi daranno forma al panorama economico globale verso la metà di questo secolo.

Vale la pena notare che oggi il mondo sta vivendo una crescita tecnologica esplosiva in quasi tutti i settori della vita. Questa crescita sta trasformando la gestione, i processi produttivi e persino intere industrie. È evidente che i Paesi che non solo producono nuove soluzioni, ma ne garantiscono anche un’implementazione rapida e avanzata, saranno in grado di trarre pieno vantaggio dal progresso tecnologico.

La Russia ha dimostrato il suo alto livello di preparazione e ricettività al cambiamento tecnologico. Possiamo vedere come il nostro settore finanziario, il commercio elettronico, i servizi di trasporto e il sistema della pubblica amministrazione abbiano già subito cambiamenti significativi. Processi simili stanno iniziando a verificarsi anche nelle Forze Armate, dove è richiesto un elevato tasso di rinnovamento tecnologico. Questa è la questione più importante e determinante per il nostro Paese.

Sono certo che oggi, come nel lungo periodo, il ruolo, il peso e, oserei dire, anche il futuro degli Stati dipenda dalla capacità di rispondere efficacemente alle sfide globali, di utilizzare il proprio potenziale, le proprie capacità e i propri vantaggi competitivi, di aggirare le proprie debolezze, di mantenere e rafforzare le partnership con altri Paesi.

Lo scorso febbraio, nel mio discorso all’Assemblea federale, ho delineato le priorità per lo sviluppo della Russia; da allora, è stato elaborato un programma completo di trasformazione economica, fino alla fine di questo decennio e oltre.

Il formato di questo forum giustifica che ci si concentri sull’aspetto economico del nostro sviluppo, sui cambiamenti qualitativi e strutturali che si stanno verificando nel nostro Paese e che intendiamo sostenere con forza e determinazione, indirizzando a tal fine le risorse finanziarie, umane e organizzative a livello federale, regionale e municipale, e attuando i progetti nazionali di cui abbiamo discusso a lungo nella recente riunione del Consiglio per lo sviluppo strategico.

Di che tipo di cambiamenti sto parlando?

Innanzitutto, visto lo status internazionale di questo forum, inizierò dalle relazioni economiche con l’estero, dalla presenza che la Russia cerca di ottenere sui mercati internazionali e dai nostri piani di ristrutturazione delle esportazioni e delle importazioni.

Nonostante tutti gli ostacoli che stiamo affrontando e le sanzioni illegittime imposte contro di noi, la Russia rimane uno dei partecipanti principali al commercio globale e sta rapidamente espandendo la nuova logistica e la geografia della cooperazione. Stiamo rafforzando i legami con i Paesi dell’Asia (una crescita del 60% dal 2020 al 2023), del Medio Oriente (100%), dell’Africa (69%) e dell’America Latina (42%). Immagino che i miei colleghi, ospiti di questo forum, i presidenti della Bolivia e dello Zimbabwe, tratteranno questo argomento nei loro interventi.

Oggi, i Paesi amici della Russia – e come possiamo vedere, sono questi i Paesi su cui dovremmo concentrarci principalmente, le economie in rapida crescita che determineranno il futuro dell’economia globale – rappresentano i tre quarti del nostro commercio.

Continuiamo a lavorare in modo produttivo con i nostri partner dell’EAEU, garantendo un equilibrio degli interessi di tutte le parti. Lo scorso anno, il PIL totale dell’EAEU è cresciuto del 3,8% e il commercio reciproco del 4,7%. Inoltre, la sua struttura è migliorata qualitativamente, in particolare è cresciuta l’offerta di prodotti finiti ad alta tecnologia. Continueremo a sostenere attivamente le esportazioni non energetiche e non di risorse dalla Russia. Entro il 2030, queste esportazioni dovrebbero crescere di almeno due terzi rispetto al 2023.

Anche in questo caso, non si tratta solo di aumentare le esportazioni in termini di tonnellate, metri cubi o unità di prodotti finiti, ma di beni ad alto valore aggiunto. Si tratta di cambiamenti più importanti dell’espansione delle aziende russe verso nuovi mercati regionali e una maggiore geografia della cooperazione. Tutto questo è importante, ma oggi non è sufficiente.

Per quanto riguarda gli altri Paesi, siamo disposti a proporre la creazione di veri e propri partenariati tecnologici o industriali che includano la fornitura di un ciclo di vita completo per i beni e i servizi, con la formazione del personale nazionale, la localizzazione della produzione e la fornitura di supporto ingegneristico, nonché di servizi tecnici, assicurativi e così via.

Questo approccio alla cooperazione, che si basa su una partnership paritaria e sul trasferimento di tecnologie e competenze piuttosto che sul controllo del mercato, permette di stabilire legami più forti tra i Paesi, migliora la posizione sostenibile delle nostre aziende sul mercato globale e consente loro di stabilire collaborazioni durature con i loro partner stranieri. È proprio così che opera uno dei nostri leader, Rosatom, leader indiscusso dell’industria nucleare mondiale con ampi orizzonti e piani per il futuro.

È chiaro che l’ingresso in nuovi mercati è difficile senza solidi collegamenti di trasporto. Il Dominio Operativo Orientale è il nostro progetto chiave per quanto riguarda la Cina e i Paesi della regione Asia-Pacifico. La sua terza fase di potenziamento è stata approvata in aprile. Entro il 2030, la capacità del Dominio Operativo Orientale dovrebbe aumentare a 210 milioni di tonnellate e a 270 milioni di tonnellate entro il 2032.

Terremo d’occhio la direzione sud. Sono stati approvati i piani per lo sviluppo del corridoio internazionale Nord-Sud e del corridoio Azov-Mar Nero.

La Northern Sea Route è sulla buona strada per diventare un’arteria globale che gode di un’elevata domanda. L’anno scorso ha trasportato 36 milioni di tonnellate di merci, che si prevede aumenteranno nel tempo a oltre 150 milioni di tonnellate. Per raggiungere questo obiettivo, continueremo a espandere le infrastrutture della Northern Sea Route e a costruire strade di accesso ai porti artici. I leader delle entità settentrionali della Federazione svolgeranno un ruolo speciale in questo lavoro. A questo proposito, formeremo una commissione del Consiglio di Stato sulle regioni artiche e sulla rotta marittima settentrionale.

Il volume di merci trasportate lungo i corridoi di trasporto internazionali che attraversano il territorio russo dovrebbe aumentare del 50% nel 2030 rispetto al 2021, soprattutto grazie all’aumento della competitività e alla facilità di utilizzo di queste rotte per le imprese e i vettori.

Lo sviluppo dell’infrastruttura di pagamento transfrontaliero è una questione a parte, importante sia per gli esportatori che per gli importatori. Non è un segreto che l’affidabilità e la fiducia nei sistemi di pagamento occidentali siano state fondamentalmente minate, dagli stessi Paesi occidentali. A questo proposito, vorrei sottolineare che l’anno scorso la quota dei pagamenti per le esportazioni russe nelle cosiddette valute tossiche degli Stati ostili si è dimezzata. Allo stesso tempo, la quota del rublo nelle transazioni di esportazione e importazione sta crescendo. Oggi si avvicina al 40%.

Nel periodo 2021-2023, la quota del rublo nei pagamenti delle esportazioni russe è quasi triplicata, arrivando al 39%. Triplicata.

Insieme ai nostri partner stranieri, aumenteremo l’uso delle valute nazionali nei pagamenti del commercio estero e miglioreremo la sicurezza e l’efficienza di queste operazioni. Tra l’altro, i BRICS stanno lavorando per creare un sistema di pagamento indipendente che non sia soggetto a pressioni politiche, abusi e interferenze di sanzioni esterne.

In questo contesto, vorrei ricordare che quest’anno nuovi partecipanti si sono uniti alle attività dei BRICS: Arabia Saudita, Iran, Emirati Arabi Uniti, Egitto ed Etiopia. In questo modo, la quota della nostra associazione nel PIL globale è salita al 36% e nella popolazione del pianeta al 46%. Detto questo, il BRICS ha un grande potenziale per l’adesione di nuovi membri. Naturalmente, accogliamo con favore e sosteniamo l’intenzione dei partner interessati di sviluppare contatti con i BRICS nei diversi continenti.

Continueremo a sviluppare le relazioni all’interno dei BRICS non solo nel settore economico e finanziario, ma anche nella sicurezza, nella cooperazione umanitaria e culturale e in altre aree. Agiremo tenendo conto delle sfide globali e delle tendenze oggettive e, voglio sottolinearlo, delle crescenti capacità delle economie nazionali.

A questo proposito, parliamo del secondo cambiamento strutturale significativo. Si tratta del raggiungimento di una nuova qualità e di un nuovo contenuto della crescita economica in Russia, nonché di un cambiamento nella struttura settoriale dovuto a una politica economica attiva dal lato dell’offerta.

Come sapete, alla fine dello scorso anno la crescita del PIL russo è stata del 3,6% e nel primo trimestre di quest’anno del 5,4%, quindi i nostri tassi superano la media mondiale. È particolarmente importante che queste dinamiche siano garantite soprattutto dai settori non legati alle risorse.

Vorrei anche aggiungere, come riferimento, che nel 2023 il 45,5% della crescita economica sarà garantito dalle industrie di base, come ho detto. Quali sono? Industria manifatturiera, edilizia, logistica, telecomunicazioni, agricoltura, elettricità e altri servizi abitativi e di pubblica utilità. Il 61,6% è stato garantito dalle industrie di servizio, ovvero commercio, alberghi e ristoranti, servizi finanziari e altri servizi.)

Ci siamo posti l’obiettivo di posizionarci tra le quattro maggiori economie del mondo. Tra l’altro, secondo alcune informazioni, tra cui le valutazioni della Banca Mondiale – che la settimana precedente ha effettuato ulteriori calcoli e ha collocato la Russia al quarto posto. Ora siamo davanti al Giappone.

La Russia è al quarto posto per PIL e per parità di potere d’acquisto. Come ho detto, davanti al Giappone. Ma vorrei sottolineare quanto segue. Naturalmente, il punto non è il sistema di stima e di calcolo del PIL, e nemmeno il raggiungimento formale del quarto posto. Siamo vicini: Russia, Repubblica Federale Tedesca e Giappone. La differenza è minima. La Russia è in vantaggio, ma la differenza è minima. Per questo motivo, ci rendiamo conto che le posizioni di leadership devono essere dimostrate e consolidate in modo permanente. Anche gli altri Paesi non stanno fermi. Per noi è importante garantire tassi e qualità di crescita costantemente elevati nel lungo periodo. Questo è il nostro obiettivo oggi. E non si tratta solo delle economie della Germania o del Giappone, che sono accanto a noi nella scala. Il punto è che anche altri Paesi stanno avanzando. L’Indonesia è alle calcagna di tutti. La popolazione cresce, l’economia cresce. Non dovremmo mai dimenticarlo.

La soluzione a questa sfida richiede una maggiore sovranità finanziaria, tecnologica e del personale, lo sviluppo di capacità produttive e una maggiore competitività dei prodotti russi sia sui mercati esteri che sul nostro mercato interno.

Lo sviluppo di questo modello di economia dell’offerta dovrebbe portare, tra l’altro, alla riduzione delle importazioni al 17% del PIL entro il 2030. La nostra dinamica è abbastanza buona. Guardate: nel 1999 la quota delle importazioni russe ha raggiunto il 26% del PIL e nel 2023 il 19% del PIL, ovvero 32 mila miliardi di rubli. Come ho detto, la dinamica è assolutamente chiara e positiva.

Mi preme che la quota delle importazioni si riduca, non certo a spese di barriere amministrative e proibitive, ma grazie alle nostre strutture produttive competitive, pronte a soddisfare le esigenze interne nei prodotti dell’industria manifatturiera, dell’agricoltura, dei servizi, dell’informatica e di molti altri settori.

Ci sono molti esempi di successo di questa strategia. Ad esempio, abbiamo creato una moderna industria della carne nel settore agroindustriale. La sua capacità è quasi raddoppiata in 15 anni. Oggi la Russia è al quarto posto al mondo nella produzione di carne e sta aumentando la fornitura di questi prodotti ai mercati esteri. Tra l’altro, la Russia ha raggiunto il 100% di autosufficienza in prodotti a base di carne. Il consumo di carne l’anno scorso, nel 2023, ha aggiornato il suo record e ha superato gli 80 chilogrammi a persona. Per fare un confronto, la media mondiale è di 42-43 chilogrammi a persona.

Vorrei ribadire che il nostro Paese può e vuole produrre più beni di consumo, macchine utensili, attrezzature, veicoli, medicinali e così via. A tal fine, dobbiamo lanciare nuovi progetti, creare posti di lavoro moderni e farlo ovunque, in tutte le regioni del Paese.

Entro il 2030, gli investimenti in capitale fisso dovrebbero aumentare del 60% in termini reali rispetto al livello del 2020. Tutti i presenti sono esperti e sono pienamente consapevoli di cosa significhi l’investimento in capitale fisso, di cosa comporti e di quali presupposti crei per la crescita futura a medio e lungo termine.

Vorrei sottolineare che, in generale, negli ultimi anni abbiamo ottenuto buoni risultati in questo settore così importante. Nel 2021, la crescita degli investimenti prevista era del 4,5%, ma in realtà è stata dell’8,6%. Nel 2022, il piano era del 9,5%, mentre il dato effettivo è stato del 15,9%. Nel 2023, il piano era del 15,1%, ma in realtà si è rivelato del 27,2%, ovvero quasi il doppio del piano iniziale, il che è positivo.

Naturalmente, l’attività di investimento deve essere adeguatamente finanziata. Ho già detto che accantoneremo ulteriori fondi per i programmi di mutuo industriale e raddoppieremo quasi le dimensioni del Fondo di sviluppo industriale.

Aumenteremo anche la capacità della Project Finance Factory presso l’Istituto di sviluppo gestito dalla VEB. Nell’ambito di questo programma si stanno realizzando progetti per un valore di oltre 2.000 miliardi di rubli. Propongo di ampliare gradualmente i limiti del fondo. In una prima fase, lo porteremo a 600 miliardi, il che ci consentirà di sostenere ulteriormente progetti del settore reale per un valore fino a 6 mila miliardi di rubli.

È importante aumentare il volume dei prestiti bancari per i progetti di sovranità tecnologica. Metteremo a punto la tassonomia di tali progetti, ossia allineeremo le priorità per il sostegno e l’aumento degli investimenti nei settori chiave e nei progetti tecnologici finalizzati ai cambiamenti strutturali dell’economia. Aumenteremo il numero di progetti nell’ambito di questo sistema, il che consentirà di attrarre ulteriori fondi da destinare alla loro realizzazione.

Lo Stato è disposto a condividere i rischi con gli investitori. Ad esempio, la Fondazione dei fondi per i progetti industriali e infrastrutturali avanzati è ora operativa. Abbiamo discusso a lungo i suoi parametri. Il Governo ne ha discusso e noi abbiamo cercato di coordinarlo con la comunità imprenditoriale. Le persone coinvolte in questo progetto sono qui con noi oggi.

Gli investitori privati stanno investendo massicciamente nell’economia russa insieme al Fondo russo per gli investimenti diretti, che è un’altra area del nostro lavoro.

La Duma di Stato sta esaminando progetti di legge che amplieranno il meccanismo di partenariato pubblico-privato per includere le industrie e il settore spaziale. Vi preghiamo di far adottare queste norme il prima possibile.

Un’altra cosa: per sostenere l’attività di investimento, dobbiamo naturalmente sviluppare il mercato dei capitali, aumentarne la capacità e l’attrattiva per le imprese e gli investitori e, naturalmente, prestare particolare attenzione alla sicurezza e alla redditività dei fondi investiti in queste attività.

Oggi nel nostro Paese ci sono quasi 30 milioni di cosiddetti investitori retail: sono i nostri cittadini. Il volume totale delle loro attività è aumentato del 50% nel corso dell’anno e ammonta a più di nove trilioni di rubli. Allo stesso tempo, la domanda di azioni di società russe ha superato costantemente l’offerta.

L’obiettivo è già stato fissato: entro la fine del decennio in corso, la capitalizzazione del mercato azionario russo dovrebbe circa raddoppiare e rappresentare i due terzi del prodotto interno lordo.

Chiedo al Governo, insieme alla Banca Centrale, di proporre ulteriori misure per incoraggiare le aziende a quotare i propri titoli in borsa. Tra le altre cose, dovremmo pensare a compensare i costi delle offerte pubbliche iniziali per le piccole imprese tecnologiche.

Questo è un appello al Ministero delle Finanze e alla Banca Centrale. I costi delle aziende, compresi quelli relativi al distacco bancario, al collocamento e così via, dovrebbero essere ridotti il più possibile. E naturalmente è necessario garantire l’afflusso del cosiddetto denaro lungo nel mercato finanziario, compresi i risparmi a lungo termine dei cittadini.

Vorrei ricordare che dal 1° gennaio di quest’anno è stato lanciato un programma speciale per sostenere i risparmi volontari a lungo termine dei cittadini. Ora sono assicurati e cofinanziati dallo Stato e possono anche essere detratti dalle tasse. Il programma è stato lanciato solo di recente ed è ancora in ritardo rispetto agli obiettivi prefissati. Propongo di perfezionarlo, ossia di aumentare il periodo di cofinanziamento dei risparmi dei cittadini. Ora è di tre anni. Credo sia giusto e ragionevole estenderlo ad almeno dieci anni.

Allo stesso tempo, chiedo al Governo, insieme alla Banca Centrale, di prendere in considerazione ulteriori incentivi per le imprese, in modo che anche i datori di lavoro possano cofinanziare i risparmi dei propri dipendenti nell’ambito di questo programma. Ora, vista la carenza di manodopera, questo sarebbe opportuno e andrebbe anche a vantaggio delle stesse imprese, che manterrebbero i dipendenti.

Vorrei aggiungere che quest’anno verrà introdotto un nuovo strumento, il certificato di risparmio. Esso consentirà ai cittadini di depositare fondi in banca per un periodo superiore a tre anni e a un tasso di interesse più elevato rispetto ai depositi ordinari, anche se già ora il deposito è piuttosto solido, e le nostre principali istituzioni finanziarie stanno spingendo questa barra sempre più in alto. Non so se questo sia giustificato o meno, ma di certo è un bonus per i titolari di depositi, questo è chiaro. Ma non vorrei che lei, signor Gref, insieme al signor Kostin, succhiasse tutto dalle altre banche come un aspirapolvere. Ne parleremo più avanti.

Il 1° gennaio 2025 verrà lanciata l’assicurazione vita contributiva. Di cosa si tratta? I premi assicurativi dei cittadini possono essere investiti in attività più redditizie, come le azioni, e portare benefici all’acquirente dell’assicurazione. In altre parole, si combina il principio dell’assicurazione classica con quello dell’investimento e, per garantire ulteriormente il rendimento di questi fondi, propongo di fornire un’assicurazione statale per un importo di 2,8 milioni di rubli, come per i risparmi a lungo termine.

Inoltre, oggi esiste un meccanismo di detrazione fiscale degli investimenti nelle regioni. Grazie ad esso, le aziende che investono nello sviluppo possono ridurre la loro imposta sul reddito. Da quest’anno, la deduzione è legata a progetti di sovranità tecnologica e di adattamento strutturale dell’economia. Ciò consente di gestire la qualità degli investimenti e di stimolare le spese in conto capitale nelle aree prioritarie.

Chiedo al Governo di fare in modo che la deduzione possa essere applicata non solo all’interno di un’azienda, ma anche all’interno di un gruppo di aziende, e di fornire ulteriori risorse al meccanismo di finanziamento per alimentare la deduzione fiscale.

A questo proposito, ricordo la decisione presa: le regioni potranno utilizzare parte dei fondi liberati dopo l’ammortamento dei prestiti di bilancio per coprire le mancate entrate dovute alla detrazione fiscale sugli investimenti. Il Ministero delle Finanze ha preso questa decisione. Penso che sia giustificato nelle condizioni attuali e che aiuterà tutti i partecipanti attivi all’attività economica. Ne parlerò più avanti. Inoltre, sono fiducioso che le regioni sosterranno gli investitori anche direttamente attraverso le loro capacità di bilancio, che sono anch’esse in crescita.

Vorrei sottolineare che quanto ho detto riguarda la detrazione fiscale per gli investimenti nelle regioni russe. Oltre ad essa, sarà introdotta una deduzione federale nell’ambito di una riconfigurazione del sistema fiscale, volta a incoraggiare gli investimenti delle imprese nello sviluppo, a raggiungere una maggiore giustizia sociale e a ridurre le disuguaglianze tra i cittadini. Nel prossimo futuro, è necessario determinare i parametri e i volumi della deduzione federale per gli investimenti insieme alle associazioni imprenditoriali, in modo che diventi uno strumento efficace e ampiamente utilizzato.

Tornando agli sforzi delle regioni per sostenere l’attività imprenditoriale, vorrei anche ricordare un meccanismo come lo standard di investimento regionale. Il suo scopo è quello di garantire principi uniformi per attrarre gli investitori in tutto il Paese, sulla base delle richieste e delle raccomandazioni delle imprese, ovvero creare un ecosistema di investimento universale in ogni regione e un chiaro algoritmo di azioni per le imprese che desiderano localizzare gli impianti di produzione.

Naturalmente, queste misure di sostegno sono a disposizione di tutti e sono molto richieste. Oggi, lo standard di investimento regionale è stato introdotto in tutte le regioni e sono stati formati gli specialisti responsabili dell’interazione con gli investitori.

Colleghi, amici.

Vorrei esprimere la mia gratitudine ai team regionali e alle associazioni imprenditoriali, nonché al Governo, per gli sforzi compiuti. Sono consapevole che esiste una proposta per inserire lo standard di investimento nella legislazione. Suggerisco al Governo di discuterne con la comunità imprenditoriale e le regioni.

È importante che il nostro obiettivo primario sia quello di mettere in moto questo meccanismo e di utilizzarlo ampiamente nella vita reale. Questo è il nostro obiettivo immediato. Ritengo che i team più performanti debbano essere incentivati a livello governativo.

In particolare, il lancio dello standard di investimento regionale ha permesso a molte entità costituenti la Federazione di fare un balzo nella classifica nazionale del clima degli investimenti. Come di consueto, i risultati sono stati presentati sulla piattaforma del nostro forum. Ne parlerò più avanti.

Nel corso dell’ultimo anno, lo scambio di esperienze e la replica delle pratiche di leadership hanno permesso a 74 regioni russe di migliorare il loro indice integrale, con un significativo aumento rispetto all’anno precedente. Le repubbliche di Buryatia e Mordovia, così come le regioni di Lipetsk, Ryazan e Arkhangelsk sono tra le regioni con le migliori dinamiche. Mi congratulo con i nostri colleghi per i risultati ottenuti e auguro loro ogni successo per il futuro.

Inoltre, ci concentreremo sul miglioramento delle classifiche nazionali sul clima degli investimenti, anche condividendo soluzioni avanzate in questo settore con i nostri partner BRICS. Inoltre, in occasione di una recente riunione del Consiglio di vigilanza dell’Agenzia per le iniziative strategiche, abbiamo deciso di mettere a punto la tecnica di compilazione della classifica e di costruirla sulla base del modello nazionale di condizioni mirate per fare impresa. Questa è la nostra risposta migliore e più obiettiva alle classifiche internazionali.

Colleghi,

La nuova qualità del mercato del lavoro è il terzo grande cambiamento strutturale che stiamo cercando. Ad aprile la disoccupazione in Russia ha raggiunto il minimo storico del 2,6%. È importante notare che abbiamo ridotto la sua componente strutturale, il che significa che la disoccupazione giovanile e la disoccupazione nelle regioni e nelle località in cui era storicamente elevata sono notevolmente diminuite.

Quindici o vent’anni fa, la domanda principale era come trovare lavoro, mentre ora è dove trovare lavoratori. Date le circostanze, è importante riconfigurare il sistema di istruzione professionale per rispondere alle richieste del mercato del lavoro, per formare specialisti con competenze aggiornate e ricercate e per offrire ai lavoratori l’opportunità di migliorare le proprie competenze professionali nel corso della loro carriera.

A tal fine, stiamo facendo una previsione del fabbisogno di personale dell’economia nazionale. Sulla base di queste previsioni trasformeremo il sistema di formazione e sviluppo professionale. Entro la fine del decennio in corso, nel nostro mercato del lavoro dovrebbe aumentare la quota di occupazione qualificata, cioè di specialisti che lavorano in settori ad alto valore aggiunto e, quindi, con salari più alti. Lo ribadisco: l’obiettivo del sistema di sviluppo delle risorse umane è garantire questa trasformazione.

Il progetto federale Professionalism svolge un ruolo importante in questo senso. Ha già permesso di iniziare a migliorare la base materiale e tecnica delle scuole superiori e tecniche, di aggiornare i programmi educativi per la costruzione di aerei e navi, la farmaceutica, l’elettronica, la difesa e altre industrie. Entro il 2028, circa un milione di specialisti in professioni professionali dovranno essere formati per questi settori. Ne abbiamo già parlato in molte occasioni e oggi voglio solo ricordarvelo.

Per quanto riguarda l’istruzione superiore, nei prossimi dieci anni la Russia avrà 40 campus universitari con condizioni avanzate e opportunità di studio, ricerca, vita e lavoro per gli studenti. Vorrei sottolineare ancora una volta che valuteremo il lavoro degli istituti di istruzione superiore, delle università, dei college e delle scuole tecniche russe in base alla domanda dei loro laureati e alla crescita dei loro stipendi.

Allo stesso tempo, la nostra economia ha bisogno non solo di personale giovane, ma anche di specialisti esperti e competenti nella loro professione, che possano insegnare molto ai loro giovani colleghi e diventare dei veri e propri mentori per loro. A questo proposito, è importante sostenere le aspirazioni delle persone che hanno raggiunto l’età della pensione a continuare a lavorare e a fare del bene. Le loro conoscenze, abilità e competenze sono una risorsa importante per l’economia e la sfera sociale.

Di cosa stiamo parlando? Stiamo parlando del livello dei salari dei pensionati che lavorano. Stiamo discutendo di questo argomento da molto tempo. Ne abbiamo appena parlato in un incontro con il governatore di San Pietroburgo [Alexander Beglov], poco prima del nostro incontro.

Voglio parlare di una decisione che è stata sollevata più di una volta durante i miei incontri con i cittadini. A causa di vincoli finanziari e di bilancio, negli anni precedenti le pensioni dei lavoratori non sono state adeguate all’inflazione. In questo periodo la questione, che riguarda milioni di nostri cittadini, è arrivata al pettine e oggi abbiamo le risorse per iniziare a risolverla per venire incontro agli interessi dei cittadini.

Propongo di riprendere la pratica dell’adeguamento all’inflazione delle pensioni dei lavoratori a partire dal prossimo anno. (Applausi) A partire dal 1° febbraio 2025, le pensioni saranno aumentate annualmente non solo per chi è già in pensione, ma anche per chi continua a lavorare. Questo sarà veramente equo.

Chiedo al Partito Russia Unita, insieme al Governo, di preparare un disegno di legge in materia e di approvarlo nella sessione di primavera. So che tutti gli altri partiti rappresentati in Parlamento lo sosterranno sicuramente.

Altro. Il quarto cambiamento strutturale è direttamente collegato a una maggiore efficienza economica. Questo indicatore fino alla fine del decennio in corso è stato fissato nell’ordine esecutivo di maggio. Date le sfide demografiche che abbiamo affrontato, la reale carenza di personale, la condizione più importante per raggiungere alti tassi di crescita economica è un aumento dell’efficienza del lavoro. Questa è la risorsa principale.

Oggi ho già parlato della necessità di aumentare gli investimenti e di potenziare le nostre imprese. È importante farlo su una base tecnologica qualitativamente nuova, con un ampio uso dell’automazione. Pertanto, la Russia deve essere tra i primi 25 Paesi del mondo in termini di automazione dei processi robotici in un breve periodo di tempo. Ciò significa l’installazione di oltre 100.000 robot. Detto questo, la loro produzione deve essere sviluppata ad un ritmo accelerato nel nostro Paese sulla base della nostra tecnologia e, senza dubbio, abbiamo questa opportunità.

Allo stesso tempo, è anche importante migliorare l’efficienza delle attrezzature e dei processi tecnologici esistenti. Lo strumento chiave è l’adozione di metodi di produzione prudenti. Questo lavoro viene svolto nell’ambito di un progetto nazionale di rilievo. Più di 6.000 imprese e oltre 120.000 specialisti sono già coinvolti nel progetto.

Quest’anno è l’anno conclusivo dell’attuale progetto nazionale. È necessario estendere i progetti federali in esso inclusi nell’ambito del nuovo progetto nazionale Economia efficiente e competitiva. Inoltre, questa pratica dovrebbe essere ampliata per coinvolgere nei progetti di aumento della produttività del lavoro non meno del 40% delle medie e grandi imprese nei settori principali non legati alle risorse, nonché tutte le organizzazioni governative e municipali nella sfera sociale entro il 2030. Per le imprese e le aziende, questo significherà un aumento della produzione, una maggiore qualità dei servizi e condizioni di lavoro più confortevoli e, naturalmente, stipendi più alti per i loro dipendenti. Vi ricordo che nei prossimi sei anni dovranno crescere a un ritmo superiore a quello del prodotto interno lordo.

Il quinto cambiamento strutturale è una vera e propria rivoluzione delle piattaforme digitali. Nel contesto attuale, la produttività del lavoro è direttamente legata alla digitalizzazione, all’uso di tecnologie di intelligenza artificiale. Entro il 2030 dovremo creare piattaforme digitali in tutti i settori chiave dell’economia e della sfera sociale. Questi compiti saranno affrontati nell’ambito di un nuovo progetto nazionale – l’Economia dei dati.

Aggiungo che entro sei anni non meno dell’80% delle entità russe nei settori economici chiave dovrebbe passare a software di produzione russa nei processi produttivi e gestionali. Per sostenere l’industria informatica, stabiliremo una serie di misure, tra cui la presa in considerazione dei costi delle soluzioni digitali nazionali con un coefficiente maggiorato nel calcolo dell’imposta sui profitti, nonché l’istituzione di un’aliquota ridotta dell’imposta sui profitti societari del cinque per cento per le società informatiche russe. L’aliquota sarà in vigore fino al 2030 incluso.

Chiedo al Governo di elaborare ulteriori misure per sostenere i progettisti di software nazionali, tra cui l’identificazione del livello di acquisti da parte di società parzialmente di proprietà dello Stato da piccole aziende tecnologiche e start-up. Ripeto, questo dovrebbe essere un livello garantito. Gli acquisti non possono essere inferiori a questo livello. Stiamo già utilizzando questo strumento, che funziona in modo abbastanza efficace. Dobbiamo continuare a utilizzarlo.

E naturalmente è importante applicare attivamente le soluzioni digitali nei settori delle costruzioni, dell’edilizia e dei servizi pubblici, utilizzandole per ridurre i tempi e i costi dei progetti. Vorrei sottolineare che negli ultimi cinque anni la durata del ciclo di costruzione degli investimenti si è quasi dimezzata grazie all’eliminazione di barriere amministrative e di requisiti chiaramente eccessivi. Non elencherò tutto ciò che è stato fatto. Molto è stato fatto. Ma c’è ancora molto da fare. Continueremo a impegnarci affinché in Russia si costruiscano più strade, ponti, fabbriche e impianti e, naturalmente, abitazioni più confortevoli e a prezzi accessibili, con elevati e moderni parametri di efficienza energetica e delle risorse.

A questo proposito, il settore delle abitazioni e dei servizi pubblici e la costruzione di strade hanno un enorme potenziale, che comprende l’utilizzo di risorse recuperabili, l’applicazione delle cosiddette soluzioni intelligenti e di standard “verdi” basati su tecnologie avanzate.

A questo proposito, il sesto cambiamento strutturale è la saturazione accelerata e avanzata dei settori economici con tecnologie e innovazioni moderne. Questa è una delle priorità. In sei anni contiamo di diventare uno dei primi dieci leader mondiali in termini di ricerca e sviluppo. La spesa interna per questi scopi dovrebbe salire ad almeno il due per cento del PIL.

In questa logica, verranno lanciati diversi nuovi progetti nazionali nel campo della sovranità tecnologica in settori chiave come le attrezzature per la produzione e l’automazione, i nuovi materiali, la chimica, i servizi spaziali avanzati, le tecnologie energetiche e molti altri.

Questi progetti mireranno a tutta una serie di soluzioni: dalla divulgazione della scienza e della formazione del personale, al sostegno alla ricerca e all’avvio della produzione in serie, fino alla creazione di una domanda garantita di prodotti ad alta tecnologia. Vorrei sottolineare che i progetti identificheranno i cosiddetti “backbone college”, le università e gli istituti di ricerca. Essi dovrebbero diventare la base per una rapida crescita di nuove industrie nel nostro Paese.

Naturalmente, è necessario migliorare la base giuridica per il lavoro delle imprese e per far sì che queste ultime si sentano sicure quando investono in iniziative ad alta intensità di conoscenza con un orizzonte lungo. Vorrei sottolineare che abbiamo un enorme potenziale intellettuale e creativo, ed è importante che lo realizziamo appieno; e naturalmente stanno emergendo tendenze positive. Ad esempio, solo nei primi quattro mesi del 2024, in Russia sono state depositate quasi 8.000 domande di invenzione e 3.500 domande di modelli di utilità, soprattutto in settori di importanza critica per il nostro Paese: metallurgia, energia, trasporti e costruzione di motori.

È fondamentale garantire che la proprietà intellettuale dei nostri sviluppatori sia protetta, insieme all’efficacia commerciale delle loro soluzioni, in modo che le loro invenzioni non vengano accantonate ma attraversino l’intera catena, dall’approvvigionamento alla realizzazione di un prodotto specifico. In particolare, è necessario prevedere la possibilità di trasferire i brevetti di specifici risultati di ricerca (come ritengono alcuni esperti) dal cliente ai loro creatori, nonché alle piccole imprese innovative e alle società tecnologiche che sanno come commercializzare le invenzioni e sono pronte a farlo. Tuttavia, in quanto persona con una formazione giuridica di base, capisco perfettamente dove si trova il “blocco” e l’arbitrarietà giuridica non può essere consentita. Se qualcuno paga per una certa invenzione, ne è il proprietario, questo è ovvio. Ma è necessario creare un meccanismo di mercato morbido per l’utilizzo di queste invenzioni, in modo che non vengano accantonate. Naturalmente, dovremmo riflettere su questo aspetto insieme al Parlamento e al Governo.

In questo contesto, il settimo cambiamento strutturale critico è la trasformazione per rafforzare il ruolo delle piccole e medie imprese nello sviluppo economico. Oggi in Russia ci sono circa 6,5 milioni di piccole e medie imprese. Quando sei anni fa abbiamo fissato l’obiettivo di aumentare il numero di occupati in questo settore fino a 25 milioni, sembrava molto difficile. Vi ricordo che alcuni dei nostri colleghi ridevano e dicevano che si trattava di un compito irrealistico. Oggi possiamo dire con sicurezza che questo obiettivo è stato raggiunto prima del previsto.

I nostri imprenditori, comprese le giovani generazioni, stanno guadagnando costantemente slancio, occupando il mercato e lanciando la fabbricazione di prodotti che spesso superano gli analoghi stranieri per le loro caratteristiche.

Inoltre, le imprese russe sono consapevoli che il proprio marchio è un segno di qualità e una solida risorsa economica. Il numero di richieste di marchi è in crescita per abbigliamento e calzature, software, prodotti farmaceutici, prodotti chimici per la casa, profumi e cosmetici, prodotti dolciari e così via. L’anno scorso sono state depositate più di 143.000 domande di marchio, il doppio rispetto al 2019 pre-Covid.

Tra l’altro, il processo di registrazione dei marchi in Russia è uno dei più comodi e veloci al mondo, ed è completamente digitalizzato. Il periodo di revisione della domanda è di 4 mesi, al termine dei quali viene rilasciato un certificato di protezione elettronico.

È importante notare che sempre più spesso vengono registrati marchi locali distintivi a livello regionale. Questo è, ovviamente, un tributo alla cultura e alle tradizioni dei nostri popoli, una prova dell’orgoglio degli imprenditori per la loro patria, la regione in cui operano. E naturalmente le imprese vedono che la gente vuole acquistare prodotti nazionali prodotti in Russia.

Tra l’altro, molti dei marchi regionali appartengono alle cosiddette industrie creative. Più della metà delle regioni russe sta facendo molto per promuovere il loro sviluppo. Chiedo che già nella sessione parlamentare di primavera venga adottata una legge federale che definisca un quadro giuridico chiaro per le industrie creative e che in futuro permetta di stabilire standard comuni per il loro sostegno.

Creeremo tutte le condizioni affinché le piccole e medie imprese del nostro Paese crescano ancora più rapidamente. Miglioreremo l’efficacia delle misure di sostegno esistenti e ne offriremo di nuove in aggiunta.

Vorrei sottolineare che i cosiddetti marketplace svolgono un ruolo significativo nello sviluppo delle piccole imprese emergenti. Insieme alle Poste russe, costruiscono un’infrastruttura moderna, una sorta di sistema circolatorio per la consegna dei prodotti nazionali, consentendo alle aziende anche nelle città e nei villaggi più remoti di accedere al grande mercato della Russia e dell’intera Unione economica eurasiatica.

Chiedo ai colleghi del Governo di prestare particolare attenzione allo sviluppo di questi flussi di merci nell’attuazione della strategia aggiornata delle Poste russe e, in generale, nella definizione dei progetti nazionali.

Vorrei aggiungere che per aiutare le imprese nazionali a promuovere i loro prodotti è stato lanciato il concorso nazionale “Conosci i nostri prodotti”. Quest’anno, il numero di domande di partecipazione al concorso è aumentato del 150%, provenienti da tutte le regioni della Federazione Russa. In breve, il concorso sta crescendo e ha dimostrato di essere un vero e proprio ascensore per gli affari.

È importante che queste pratiche di successo vengano applicate attivamente a livello regionale. Richiamo l’attenzione dei miei colleghi, governatori regionali, su questo aspetto.

Vorrei sottolineare un altro aspetto. Praticamente tutti i partecipanti al concorso e, in generale, molti imprenditori nazionali sostengono i militari e i veterani dell’operazione militare speciale, le loro famiglie, i parenti e gli amici dei nostri eroi, inviando i loro prodotti alle unità militari, acquistando oggetti e attrezzature e aiutando gli ospedali. Una tale consapevolezza della propria missione sociale, della propria responsabilità, del proprio patriottismo nel senso migliore del termine è certamente molto preziosa e merita grande rispetto. Grazie.

Colleghi,

Il prossimo cambiamento strutturale, l’ottavo più importante, riguarda la liberazione del potenziale delle regioni russe. Si tratta di una nuova geografia dello sviluppo, della creazione di punti di crescita nelle città e nei paesi di tutto il Paese, di opportunità per le persone non solo nelle capitali, ma anche nelle piccole città e nei villaggi di acquisire una professione, di trovare un lavoro ben retribuito o di gestire la propria attività, di realizzarsi, di vivere e di crescere i propri figli in condizioni confortevoli e moderne.

L’anno prossimo saranno lanciati nuovi progetti nazionali e programmi statali per sviluppare i sistemi educativi e sanitari, lo sport e la cultura, e per migliorare il benessere ambientale delle nostre città e dei nostri villaggi.

Ovviamente abbiamo bisogno di una base economica per tutte le nostre misure in ambito sociale e demografico, per l’attuazione dei programmi federali e regionali. Questa base si forma a livello locale, nelle regioni russe. Rafforzeremo le capacità economiche delle regioni.

A questo proposito, si sta discutendo, anche all’interno del Governo, di trasferire le sedi centrali delle nostre maggiori aziende e società statali nelle regioni della Federazione Russa. L’idea richiede indubbiamente un’elaborazione, ma merita considerazione e sostegno. Ci sono esempi positivi in tal senso. Ad esempio, il trasferimento di RusHydro da Mosca a Krasnoyarsk.

E naturalmente è importante concentrare le risorse sui punti di crescita promettenti. Questo è esattamente l’approccio previsto nei piani generali per le regioni dell’Estremo Oriente e dell’Artico. Abbiamo deciso di approvare programmi e documenti simili per altre 200 città. Queste includeranno tutti i centri regionali e le città che svolgono un ruolo importante nel rafforzamento della sovranità tecnologica della Russia.

Per garantire uno sviluppo vigoroso e a lungo termine delle regioni, è essenziale eliminare le limitazioni nel settore energetico e nel sistema dei trasporti, nonché costruire e riparare strade, reti di ingegneria e di servizi. Le regioni russe ricevono prestiti dal bilancio per le infrastrutture per la realizzazione di tali progetti. Come ho già detto, il loro volume sarà aumentato l’anno prossimo.

Questo portafoglio crescerà di almeno 250 miliardi di rubli all’anno e in totale, entro la fine del 2030, l’ammontare dei prestiti al bilancio per le infrastrutture emessi sarà di 2.500 miliardi di rubli. Inoltre, i fondi saranno distribuiti non solo in base ai massimali previsti per ogni regione, ma anche in base ai risultati del concorso di progetti regionali e interregionali.

C’è un’altra decisione. È già stata presa e sosterrà le finanze regionali. Stiamo per cancellare due terzi dei prestiti di bilancio precedentemente emessi. È importante notare che le entità costitutive della Federazione dovranno utilizzare i fondi liberati per sostenere gli investimenti, tra cui la creazione di parchi industriali e di infrastrutture nelle aree di sviluppo prioritarie, nonché le infrastrutture, vale a dire per rinnovare gli alloggi e i servizi pubblici, per costruire strade e ponti, per potenziare i trasporti pubblici e per trasferire i residenti degli alloggi strutturalmente carenti, per finanziare gli eventi del piano regolatore e così via. Vorrei che il Governo elaborasse i dettagli di questo meccanismo in un dialogo con le regioni, e che lo facesse presto.

Inoltre, oltre a superare le strozzature infrastrutturali, è necessario riportare ampiamente nell’economia i terreni utilizzati in modo inefficiente con edifici abbandonati e incompiuti. Nel Paese ci sono decine di migliaia di siti di questo tipo. Con un approccio adeguato, essi saranno utili alle persone e porteranno profitto alle imprese. Secondo la Procura generale, in Russia ci sono oltre 181.000 edifici e strutture abbandonate e in disuso. Più di un terzo di essi non è registrato ufficialmente e solo un quinto ha un titolo di proprietà.

A volte, i territori abbandonati vengono utilizzati come discariche, di solito illegali, e i comuni non hanno budget per liquidarli. Propongo la seguente soluzione. Se un imprenditore è disposto a liquidare tale discarica a proprie spese, possiamo pensare di concedergli gratuitamente un terreno da usare o da possedere.

Vorrei che il Governo tenesse le opportune consultazioni con le entità costitutive della Federazione e rivedesse quali sono le discariche di proprietà delle agenzie federali e quali quelle abbandonate e inutilizzate. È importante lavorare su ogni dettaglio ed evitare di creare barriere burocratiche, per evitare abusi o “rubare” terreni alle città e ai paesi. Naturalmente è necessario riflettere su questo aspetto, ma è assolutamente necessario fare qualcosa al riguardo.

Sono convinto che una soluzione efficace a questo problema non solo migliorerà l’ambiente urbano e renderà la vita più confortevole, ma contribuirà anche direttamente ad aumentare la capitalizzazione del patrimonio urbano e ad attrarre piccole e medie imprese, nonché sviluppatori con interessanti progetti di sviluppo residenziale.

A questo proposito, vorrei spendere due parole sui prestiti ipotecari. Come sapete, abbiamo esteso il programma di mutui familiari fino al 2030. Tutte le famiglie russe con bambini al di sotto dei sei anni possono beneficiare di un prestito agevolato con un interesse del 6%.

Propongo ulteriori soluzioni speciali in ambito sociale per le famiglie che vivono o vogliono acquistare un alloggio in piccole città o in regioni in cui la costruzione di alloggi è ancora insufficiente. Le famiglie con due figli potranno usufruire di un mutuo familiare al sei per cento, indipendentemente dall’età dei figli. L’unica condizione è che almeno un figlio della famiglia sia minorenne al momento della formalizzazione del mutuo.

Un altro punto. Le stesse condizioni preferenziali per i mutui saranno in vigore in tutte le regioni russe per ogni famiglia che intende costruire una casa. Questo è particolarmente importante per le famiglie numerose con molti figli.

Chiedo al Governo di lanciare questi programmi a partire dal 1° luglio di quest’anno.

Aggiungo che per migliorare l’aspetto delle nostre città, continueremo il concorso nazionale dei migliori progetti di un ambiente urbano confortevole. Questo programma è molto popolare e i cittadini offrono un buon feedback. Lanceremo anche un programma per la costruzione e il miglioramento di argini e parchi.

Il restauro e la ricostruzione dei siti del patrimonio storico-culturale costituiranno un percorso a parte. Entro il 2030, almeno un migliaio di questi siti in tutto il Paese dovranno essere rimessi in ordine, dando loro una seconda vita, in modo che siano al servizio delle persone, servano a preservare e promuovere la nostra identità, rendano più belle le città e i villaggi e aumentino la loro attrattiva turistica.

Lo sviluppo del turismo domestico è una delle priorità della nostra strategia a lungo termine. In sei anni, la quota dell’industria turistica sul prodotto interno lordo dovrebbe salire al 5% e il numero di viaggi in tutto il Paese con sistemazione in albergo dovrebbe crescere fino a 140 milioni di persone. Creeremo condizioni confortevoli e convenienti per le vacanze, tra cui la costruzione di hotel e piccoli campeggi, stazioni sciistiche e parchi di divertimento.

Le nostre misure di politica economica e sociale devono essere non solo efficaci, ma anche eque. In questo senso, il prossimo, nono cambiamento strutturale consiste nel ridurre la povertà, ridurre la disuguaglianza e aumentare i redditi delle famiglie russe, il che, a sua volta, ha un effetto diretto sulla qualità della vita delle persone, sull’aumento della domanda interna e sulla capacità del mercato nazionale. Tutti gli strumenti, compresi i pagamenti alle famiglie con figli, le detrazioni fiscali e i contratti sociali, dovrebbero essere utilizzati per raggiungere questo obiettivo.

Senza dubbio, come ho detto prima, lo strumento principale è quello di garantire che i salari crescano a un tasso superiore all’inflazione. C’è una decisione importante che riguarda l’adeguamento del salario minimo che, al momento, supera il minimo vitale, come dice la Costituzione, e noi legheremo il suo adeguamento alla crescita complessiva dei salari nell’economia man mano che andremo avanti.

A partire dal prossimo anno, introdurremo un rapporto tra il salario minimo e il salario mediano percepito dalla maggior parte dei lavoratori della nostra economia. Nel 2025, il salario minimo sarà pari al 48% del salario mediano, superando quindi i 22.000 rubli al mese, il che significa che crescerà di circa il 15% in più. Poi il rapporto con il salario mediano aumenterà in modo che, come concordato, il salario minimo ammonterà ad almeno 35.000 rubli al mese entro il 2030.

Infine, il decimo cambiamento strutturale, che è essenzialmente integrale, riguarda il miglioramento della qualità della vita delle famiglie russe. Questo aspetto è stato discusso in dettaglio nel discorso all’Assemblea federale. Per ribadire che tutti i settori sono di importanza critica a questo proposito. Ciò include il sostegno alla nascita di bambini e alle famiglie numerose, la protezione della maternità e dell’infanzia, l’aumento della disponibilità di assistenza a lungo termine per gli anziani e le persone con disabilità, il miglioramento dei sistemi educativi e sanitari e la qualità della vita.

Questi cambiamenti dovrebbero tradursi in un’aspettativa di vita più lunga, ponendo l’accento su una vita attiva e sana e, naturalmente, formando pari opportunità per aiutare le generazioni più giovani a raggiungere il loro pieno potenziale, migliorando così il tenore di vita delle famiglie russe.

Colleghi, amici,

L’economia globale è entrata in un’epoca di grandi cambiamenti. Sta prendendo forma un mondo multipolare con nuovi centri di crescita, investimenti e legami finanziari tra Stati e aziende. L’economia russa sta rispondendo a queste sfide e sta anche cambiando in modo dinamico, man mano che acquisisce maggiore forza e stabilità.

Il merito è in gran parte dei nostri lavoratori, ingegneri, manager e, naturalmente, imprenditori, che stanno aumentando gli investimenti per far crescere le loro aziende, imprese, città e regioni, mettendo in primo piano valori come la responsabilità, la fiducia e il servizio al popolo e al Paese.

Aumenteremo il sostegno ai cambiamenti positivi nella società e nell’economia. I nostri piani sistemici a lungo termine per rafforzare la sovranità finanziaria, tecnologica e delle risorse umane del nostro Paese e per migliorare il clima imprenditoriale sono incentrati sul raggiungimento degli obiettivi di sviluppo nazionale. In questo lavoro, siamo aperti alla più ampia collaborazione con tutti i partner interessati, comprese le aziende straniere, i Paesi e le associazioni di integrazione.

Vi ringrazio per la vostra pazienza e vi auguro ogni successo.

Grazie mille.

Sergei Karaganov: Grazie mille, signor Presidente, per questo brillante discorso. Credo che abbia davvero ispirato questo pubblico, così come tutti coloro che si sono sintonizzati per ascoltarci da tutto il Paese. Questo vale anche per i nostri uomini in prima linea, che sono lì per combattere l’ennesima aggressione occidentale. Avete detto bene.

Ho ora il privilegio di dare la parola al Presidente della Bolivia Luis Arce, affinché possa pronunciare le sue osservazioni.

(Le osservazioni del Presidente della Bolivia saranno pubblicate prossimamente).

Sergei Karaganov: Grazie, signor Presidente, per aver condiviso le sue osservazioni perspicaci e istruttive. Nel suo discorso ha dimostrato che l’economia come disciplina di ricerca non può essere nazionalizzata o considerata una scienza. È un’arte e ogni Paese deve essere libero di scegliere il proprio modello economico.

In questo contesto, ho una domanda per il Presidente Putin.

Signor Presidente, posso suggerirle di decidere di darci istruzioni di lavorare con economisti come Luis Arce per elaborare il nostro modello economico? È evidente che abbiamo in mente qualcosa, anche se è altrettanto evidente che non abbiamo ancora deciso cosa stiamo facendo esattamente. Inoltre, abbiamo intrapreso uno sforzo per espandere l’industria della difesa, e abbiamo avuto un discreto successo, anche se finora si è trattato di una situazione più che altro di un successo e di una sconfitta. Non credo che ci sia uno schema generale o un piano generale che guidi questi sforzi.

Cosa ne pensa dell’istituzione di una struttura permanente all’interno di questo forum economico o in qualche luogo vicino ad esso, con l’obiettivo primario di utilizzare le nostre capacità intellettuali rivolgendosi innanzitutto a coloro che lavorano sul campo, gli operatori del settore? Purtroppo, la maggior parte dei ricercatori in economia si è attenuta a un modello obsoleto – e so di cosa parlo, visto che lo ero anch’io – anche se è vero che l’economista è sempre un economista.

Signor Presidente, vorremmo che lei incaricasse noi, il Forum di San Pietroburgo, di istituire un gruppo di lavoro per l’elaborazione di questo nuovo modello. Questo gruppo può tenere le sue riunioni a margine di questo forum o in qualche luogo vicino a questo. Forse potremo inventarci qualcosa di nuovo e interessante per avere un’idea più precisa della direzione che stiamo prendendo.

Vladimir Putin: Credo che qui si terrà un dibattito piuttosto che una conversazione. Il governo della Federazione Russa e altri enti governativi potrebbero offendersi per le sue parole. Lei ha detto che stiamo facendo qualcosa, ma io ho passato un’ora a spiegare cosa stiamo facendo esattamente. (Risate). Probabilmente vi siete appisolati mentre parlavo, e forse vi abbiamo sentito russare, quindi vi siete persi quello di cui ho parlato. Ho passato un’ora a spiegare cosa avremmo fatto, a spiegare il nostro programma in dieci punti.

In realtà, non stiamo semplicemente facendo qualcosa. Stiamo lavorando a una nuova strategia di sviluppo. Ce l’abbiamo e ci è voluto un anno per redigerla. Non siamo stati soli in questi sforzi; abbiamo raggiunto i cervelli che lei ha citato, cioè la comunità imprenditoriale e le sue associazioni, organizzando incontri regolari con loro. Per noi è sempre stato uno sforzo inclusivo.

Lei ha suggerito di istituire una struttura corrispondente. Ma le abbiamo già: il Governo della Federazione Russa, la Banca Centrale e l’Ufficio Esecutivo Presidenziale.

Per quanto riguarda la creazione di un gruppo di lavoro all’interno del Forum economico internazionale di San Pietroburgo, in modo che possa fare qualcosa a margine, c’è un famoso detto, e sappiamo chi l’ha coniato: se vuoi che qualcosa fallisca, crea un gruppo di lavoro.

Devo dire che abbiamo così tanti gruppi di lavoro che faccio fatica a capire quali devo presiedere. Quando mi dicono che c’è un altro gruppo e che devo presiederlo, rispondo che va bene, ci penserò. Potete benissimo incontrarvi a margine [significato letterale in russo – “nei campi”] di questo forum, ma per favore fatelo in estate, perché in inverno potrebbe fare troppo freddo qui a San Pietroburgo all’aperto.

In generale, il Paese la conosce non solo come economista, ma anche come scienziato politico, e anche piuttosto brillante. Lei è stato piuttosto proattivo e assertivo quando ha lavorato su diverse questioni importanti. Ascoltare persone come lei è sempre molto interessante, e non lo dico per adularla. Inoltre, devo confessare che a volte leggo i suoi scritti e ascolto ciò che dice. Pertanto, non rifiuto la sua offerta. Siamo aperti a qualsiasi dibattito, purché sia utile alla nostra economia.

Sergei Karaganov: Naturalmente sono d’accordo con il mio Presidente, ma ho una piccola domanda: Sappiamo quale modello stiamo costruendo? Direi che il capitalismo sociale autoritario sarebbe l’ideale per la Russia, in modo da sapere dove siamo diretti, perché si presume che ci stiamo muovendo lungo la strada della destra, mentre prima ci siamo mossi lungo la strada liberale. Non capisco questo.

Certo, il governo sta facendo qualcosa e siamo orgogliosi di ciò che sta facendo o ha iniziato a fare, per fortuna. Tuttavia, ha iniziato a farlo solo quando il gallo ha cantato, perché prima non è successo nulla.

Vladimir Putin: Estingueremo il gallo, perché comunque non sta facendo il suo lavoro. A cosa ci serve un gallo del genere?

Per quanto riguarda il modello di sviluppo, di recente, in occasione di un incontro con i responsabili delle agenzie di stampa internazionali, ho detto che dovremmo guardare a ciò che sta accadendo nel mondo. Cosa ho detto esattamente? Per esempio, molti esperti considerano il modello economico cinese più efficace di tutti quelli precedenti, compresi i modelli nordamericano ed europeo. È vero che è più efficace, e lei ha detto più o meno lo stesso poco fa, perché combina gli elementi di un’economia pianificata e di un’economia di mercato. I cinesi lo hanno fatto nelle loro condizioni, valutazione che condivido, e lo possiamo vedere dai dati sulla loro crescita economica. È un fatto oggettivo. Ma questo modello è efficace per la società e l’economia cinese.

Sa su cosa sono d’accordo? Quando ha riassunto le osservazioni del mio collega, ha detto che l’economia è una scienza ma anche un’arte, in una certa misura. Probabilmente è vero. Questi modelli possono essere rigidi. Quando vengono applicati a Paesi diversi che vivono in condizioni diverse, in fasi di sviluppo diverse, questi modelli rigidi sono inefficaci o non funzionano bene. Pertanto, dobbiamo sempre procedere dalla realtà, dalla realtà del nostro Paese. Tutto è importante: la nostra storia e cultura, la situazione della nostra società e anche il livello di sviluppo oggettivo è estremamente importante. Dobbiamo sapere cosa è efficace nella nostra società e cosa no.

Ci sono sicuramente degli elementi di base. Ne teniamo conto. Gallo o non gallo, ma una crescita del 3,4 o 3,6% del [PIL] l’anno scorso – la cifra finale non è stata calcolata finora – è una buona cifra. E anche una crescita del 5,4% nel primo trimestre di quest’anno è una buona cifra. Ma è il risultato degli sforzi congiunti del Governo, della comunità imprenditoriale e, in parte, della Banca Centrale e dell’Ufficio Presidenziale. È il risultato delle nostre azioni mirate.

A proposito delle fondamenta del nostro modello, ho appena detto che lo stiamo costruendo. Continuiamo a prendere decisioni relative all’adeguamento del nostro modello economico.

Sergei Karaganov: Come ogni altro cittadino russo, sono felice che negli ultimi due anni ci siamo messi al lavoro in relazione alla nostra operazione militare speciale. Prima di essa, ci siamo mossi seguendo le correnti. Ecco perché parlo della necessità di capire chiaramente dove ci stiamo muovendo. In linea di principio, ne parleremo più avanti.

E ora ascoltiamo il signor Emmerson Mnangagwa. Per favore, ascoltiamo la sua esperienza. Il suo Paese si è sviluppato in condizioni estremamente difficili. Da quanti anni vive sotto sanzioni? Quasi dalla sua fondazione, non è vero? Ciononostante, siete sopravvissuti e avete anche iniziato a svilupparvi. Come ci siete riusciti?

(Il discorso del Presidente dello Zimbabwe sarà pubblicato in seguito).

Sergei Karaganov: Grazie mille, signor Presidente.

Siamo orgogliosi di voi, ma in parte anche di noi stessi, perché stiamo contribuendo al vostro successo nel momento della prova. Ora passiamo alla discussione formale.

In realtà, lo sviluppo di tutti gli Stati si basa su tre fattori: il fattore della potenza militare, il fattore delle idee, dello spirito e della volontà e, infine, il fattore dell’economia.

Per molti anni abbiamo creduto – come un certo presidente di un paese molto grande – che tutto fosse deciso dall’economia. Vi ricordate che tutti dicevano: “È l’economia, stupido”. La persona stupida era quella che diceva questo, perché in realtà tutti questi tre fattori giocano un ruolo.

Certo, ora, in un momento di svolta geostrategica, la forza militare e la forza d’animo, la forza delle idee, vengono in primo piano. Tuttavia, l’economia è essenziale: non ci sarà forza senza economia, e senza economia, senza pane, lo spirito del popolo sarà minato. Ci siamo già passati, in particolare negli anni Ottanta. Cominciamo quindi dalle questioni economiche e politiche.

Signor Presidente, passo al punto otto del suo programma. Anche se non ha detto dove stiamo andando, tutti i punti sono ottimi. Il punto otto del suo programma riguarda lo sviluppo territoriale, anche se non ha elencato un’area che ritengo strategicamente importante.

Abbiamo completato il nostro viaggio a ovest, che è stato molto utile e ci ha dato molto. È del tutto evidente che, nelle attuali circostanze globali, dobbiamo spostare i centri del nostro sviluppo spirituale, economico e in parte politico verso la Siberia e l’Estremo Oriente, sia per la lunga inimicizia con l’Occidente – se Dio vuole, non sarà del tutto violenta – ma soprattutto per il fatto che ci siamo rivolti a un altro mondo che sta emergendo.

A un certo punto avete proclamato “una svolta verso est”, ma questa svolta è avvenuta inizialmente solo grazie all’Estremo Oriente; in seguito si è aggiunta la Via del Mare del Nord. Nel suo discorso al forum del 2019, lei ha detto che era necessario sviluppare grandi centri scientifici e produttivi nella Siberia centrale. Poi c’è stata l’epidemia di coronavirus, seguita dall’operazione militare speciale, e questa idea è finita nel dimenticatoio.

Forse dovremmo tornare a parlarne. Dobbiamo davvero trasferirvi l’intero Paese, “siberializzando” la Russia. Lei ha citato il bacino di Minusinsk. Forse dovremmo creare lì nuovi centri industriali per la lavorazione profonda dei metalli non ferrosi e per le nuove energie, in particolare la nuova ingegneria energetica, nonché centri per la produzione di tutti i prodotti chimico-legnosi più vicini al lago Baikal. Forse dovremmo ancora sviluppare una nuova strategia per lo sviluppo dell’intera Siberia: la “siberializzazione” della Russia. Perché non osiamo farlo? Certo, avevamo un progetto per lo sviluppo del Distretto (federale) siberiano. L’ho studiato e, per quanto ne so, non è piaciuto neanche a voi. Tuttavia, credo che lo sviluppo dell’intera Siberia debba iniziare il prima possibile.

Vladimir Putin: Sono d’accordo sulla necessità di sviluppare le nostre regioni orientali, come la Siberia occidentale, la Siberia orientale e l’Estremo Oriente.

Abbiamo iniziato da quella che non solo era la più rilevante, ma anche la più urgente in termini di conservazione e sviluppo dei territori; abbiamo iniziato con l’Estremo Oriente. C’era un drastico calo della popolazione e non potevamo permettere che questo processo continuasse. Spero che gli sforzi compiuti nell’ultimo decennio per sviluppare l’Estremo Oriente siano evidenti. Non li citerò tutti ora; abbiamo un programma abbastanza completo.

Lo stesso vale per la Siberia nella sua interezza – ancora una volta, sia la Siberia occidentale che quella orientale. La prima si è sviluppata tradizionalmente fin dall’epoca sovietica, grazie alle sue [vaste] risorse minerarie che il nostro Paese utilizza ancora. Ma gradualmente questi centri di sviluppo economico si stanno spostando verso est e verso nord. Per citare un famoso detto del passato (e ricordiamo chi l’ha pronunciato), “la potenza della Russia crescerà con la Siberia”. Ora possiamo dire che il potere della Russia crescerà con l’Artico, che sembra avere importanti risorse minerarie; sono ancora complesse e costose da sviluppare, ma le prospettive sono vaste.

In sostanza, questo è ciò che stiamo facendo ora. Ho appena citato lo sviluppo della rete ferroviaria del Dominio Operativo Orientale. Ma abbiamo iniziato questo lavoro già da un po’. Quando la Russia ha iniziato a costruirla? Durante la costruzione della Transiberiana? Prima della guerra russo-giapponese, e poi durante la costruzione della linea principale Baikal-Amur nell’era sovietica. Anche nella nostra storia recente ci siamo posti l’obiettivo di compiere progressi in questo senso.

Abbiamo commesso alcuni errori di calcolo pensando che il carico non sarebbe stato così pesante, come credeva il governo, quindi abbiamo leggermente spostato lo sviluppo del Dominio operativo orientale a date successive. Ma è andato avanti lo stesso, anche se non in modo così esteso come avevamo previsto inizialmente. Sicuramente ci lavoreremo.

Ma nelle condizioni odierne non può essere attuato come si faceva nell’era sovietica. E non si può nemmeno fare come si faceva sotto Stolypin. Egli si limitava a distribuire strisce di terra, che all’epoca era il principale mezzo di produzione. Ma oggi il principale mezzo di produzione sono i cervelli. Dobbiamo sviluppare tecnologie, costruire università e formare i professionisti di cui abbiamo bisogno. E questi sono gli sforzi che stiamo facendo anche noi.

Quando ho parlato di campus di 40 università e ho menzionato il progresso della scienza e dell’istruzione, nonché la necessità di utilizzare dispositivi robotici e IA, intendevo dire che tutto questo si svilupperà in gran parte in Siberia. Questo è ciò che stiamo facendo: faremo trasferire lì le nostre principali aziende. Inoltre, purtroppo, questo non può essere fatto in modo esclusivamente amministrativo.

Ho citato RusHydro, una società che già opera in Siberia, una delle più grandi, se non la più grande, società idroelettrica del mondo. Inoltre, al momento di nominare il capo dell’azienda, gli ho chiesto: “Accetta a condizione che si trasferisca in Siberia e che la sede centrale si sposti a Krasnojarsk?”. Mi ha risposto: “Accetto”. E quando gli ho chiesto se la sua famiglia sarebbe andata lì con lui, mi ha risposto che l’avrebbe fatto.

Sapete, non è facile come costruire un edificio, bisogna impiegare dei professionisti. Era pronto a trasferirsi subito. Ma assumere dei professionisti non è facile, bisogna farlo sul posto. Alcune persone sono disposte a trasferirsi, altre no; alcune sono semplicemente indispensabili. È un processo che dovrebbe avvenire in modo naturale. Ma questo è certamente il nostro obiettivo e sono totalmente d’accordo con lei. Alla fine dobbiamo muoverci in questa direzione. Voglio dire che i centri dello sviluppo globale si trovano lì e, ovviamente, dobbiamo avvicinarci a loro.

Molto tempo fa, Pietro il Grande aprì la finestra sull’Europa. Lo fece perché lì si stavano verificando importanti processi di sviluppo, il che è comprensibile. Oggi i centri dello sviluppo globale si stanno spostando in Asia, non c’è dubbio. E, ovviamente, dobbiamo muoverci verso questi centri di sviluppo. Quindi ha ragione.

Sergei Karaganov: Ho una domanda veloce che ho preparato molto tempo fa. Pietro il Grande ha fatto la storia aprendo una finestra sull’Europa, rafforzando così la Russia. Allora era il mercato più promettente. Perché non istituire una terza capitale e poggiare finalmente su tre pilastri? Potrebbe essere situata vicino a una delle principali città. I giovani e gli energici vi affluirebbero, ringiovanendo l’élite. Per suo ordine, diversi ministeri potrebbero essere trasferiti lì. Prima ha detto che è impossibile trasferire qualcosa utilizzando le risorse amministrative, ma è fattibile. Molte aziende sarebbero disposte a trasferirsi se incentivate con stipendi competitivi. Tutto dipende dalla sua decisione.

Siete disposti a ripetere l’impresa di Peter? Dopo tutto, lui ci è riuscito.

Vladimir Putin: Pietro il Grande è una figura storica che ha servito come zar di tutta la Rus’ e poi come imperatore. Tuttavia, le condizioni, lo stato della società e gli obiettivi del suo regno erano molto diversi da quelli di oggi.

Nel mondo contemporaneo, è fondamentale utilizzare strumenti che siano efficaci anche oggi. Sebbene la nostra inclinazione possa essere quella di prendere decisioni amministrative rapide, dobbiamo anche considerare le implicazioni delle nostre azioni e ciò che offriamo alla società in modo spontaneo sotto forma di ordine.

A mio avviso, è essenziale dare la priorità alla cattura dell’interesse delle persone a progredire. Promuovendo condizioni favorevoli allo sviluppo, i centri di attività economica si sposteranno naturalmente verso quelle aree.

A titolo di esempio, consideriamo l’Estremo Oriente. Molti anni fa ho visitato un cantiere navale vicino a Vladivostok. Era in uno stato di abbandono. Dissi loro: “Non ci limiteremo a restaurare questo posto; creeremo nuove competenze, costruiremo nuove navi”. Ho dovuto affrontare lo scetticismo dei lavoratori e degli ingegneri che mi circondavano. Devo dire che ci sono voluti sforzi enormi per creare il cluster che ora viene costruito lì.

Non si tratta solo di denaro, che è stato costantemente sottratto – devo ammettere questa spiacevole realtà. Abbiamo tentato di rilanciare il progetto due o tre volte. Alla fine, Igor Sechin, l’attuale capo di Rosneft, ha preso in mano la situazione e ha avviato un’imponente costruzione navale di grande tonnellaggio – un’impresa enorme. Tuttavia, ha richiesto uno sforzo enorme; non è facile realizzare tutto questo.

Perché ne parlo? Perché lì è emerso personale qualificato. Con l’aumento dei salari, le persone hanno iniziato a trasferirsi lì. Questo ha portato a salari più alti, a una migliore cultura tecnologica e alla nascita di una cooperazione con i Paesi vicini in questo campo di attività.

Ora VTB e Kostin, che siede di fronte a me, sono alla guida della nostra industria navale. Sono lieto che abbia abbracciato questo impegno come se fosse sempre stato coinvolto nella cantieristica, nonostante il suo background di finanziere. Ma cosa sto cercando di trasmettere? Attualmente stiamo scegliendo la sede di un’altra impresa, possibilmente vicino all’oceano o nelle sue vicinanze.

Questa è la naturale evoluzione – mi perdoni se sembro sfidare la sua mentalità imperiale – in un’ottica di mercato. E in questo caso ci aspetta il successo. Certo, si tratta di un lavoro impegnativo, ma sarà eseguito in modo meticoloso.

Quando ho fatto riferimento a Stolypin, sì, è stato tutto spontaneo, ricordiamo tutto ciò che vi è associato, comprese le “cravatte di Stolypin” e così via. Tuttavia, a quel tempo, si trattava del mezzo di produzione primario ed era economicamente sensato attuare l’approccio di Stolypin: distribuire il mezzo di produzione primario, cioè la terra, al popolo e creare condizioni favorevoli per esso. Allora funzionava. Ora è solo un ordine… Credo che la mia proposta sarà più completa e ci porterà al successo su questa strada.

In generale, lei ha assolutamente ragione. Dobbiamo muoverci in questa direzione.

Sergei Karaganov: Signor Presidente, non mi considero più imperialista di lei; è solo che sono più fortemente a favore di questa idea. Tuttavia, so una cosa: abbiamo studiato a fondo la questione. I Paesi che hanno trasferito o stabilito nuove capitali hanno invariabilmente registrato un significativo progresso economico. Questa è una verità innegabile. Pertanto, dobbiamo tenerlo presente e credo che non dovremmo trascurare la possibilità di una terza capitale.

Vladimir Putin: Va bene, grazie mille.

Sergei Karaganov: Passiamo ora a una questione più ampia. Possiamo constatare che il vecchio sistema economico globale è in fase di collasso. Il collasso è dovuto a molte ragioni. Una delle ragioni principali è che prima l’Unione Sovietica e poi la Russia hanno tagliato il terreno da sotto il sistema, il terreno del dominio occidentale di 500 anni nell’economia, nella politica e nella cultura mondiale, la sua supremazia militare. Abbiamo iniziato a tagliarlo, il sistema ha ceduto, poi si è fermato per un po’, poi abbiamo fatto flop, e ora siamo risorti e abbiamo ricominciato a tagliare questa superiorità, e il sistema si è sgretolato. Si sgretolerà all’infinito e per un bel po’ di tempo. Questo è un bene, ma è anche un male, perché non stanno emergendo praticamente nuovi meccanismi di regolamentazione. Non c’è un piano generale su cosa fare.

I nostri amici cinesi stanno dipingendo qualcosa a grandi linee, e anche qualcun altro sta facendo qualcosa. Avete pensato che la Russia potrebbe prendere l’iniziativa di creare un piano generale per un nuovo sistema economico mondiale (raccogliendo cervelli da nuovi Paesi e forse, dopo un po’, arriveranno anche buoni cervelli da vecchi Paesi)? Istituire, ad esempio, a San Pietroburgo, accanto al Forum, sul sito del Forum, un think tank che crei un nuovo sistema economico e finanziario mondiale, i suoi contorni.

Bretton Woods è morto o praticamente morto. Che ne dite di creare un sistema di San Pietroburgo? Tra l’altro, non avranno paura di noi, come dei cinesi. Se i cinesi lo adottano, tutti avranno paura di loro, mentre gli indiani non ci staranno. Sia i cinesi che gli indiani verranno da noi. Vediamo che anche i nostri amici africani saranno felici di partecipare. Penso che anche gli amici latinoamericani lavoreranno con noi e potremo utilizzare la loro esperienza anche per la nostra costruzione interna. Possiamo impegnarci in questo lavoro? Non è un’idea imperialista. (Risate.)

Vladimir Putin: Vogliono creare questo sistema. (Risate.)

Il sistema di Bretton Woods è morto molto tempo fa, nel 1976. Gli sono succeduti gli Accordi di Giamaica.

Il sistema di Bretton Woods era basato sull’equivalente in oro. Nel 1976 (quando le decisioni erano ancora in corso), gli Stati Uniti decisero di abbandonare l’equivalente in oro e apparvero gli Accordi della Giamaica. Il dollaro si staccò dall’oro. Qual è la base di questo sistema giamaicano, tuttora in vigore? La fiducia nell’economia statunitense.

Guardate cosa sta realmente accadendo oggi: nell’attuale sistema finanziario mondiale non c’è altra garanzia, se non la fiducia nell’economia americana.

Va da sé che gli Stati Uniti stanno approfittando del loro status di monopolio sul mercato finanziario globale e stanno facendo soldi a palate. Secondo i dati pubblicamente disponibili, gli Stati Uniti hanno un debito contingente di 54,3 trilioni di dollari nei confronti dell’economia mondiale.

Ecco come si compone questa cifra: 12.600 miliardi di dollari sono quelli che i privati tengono nei loro conti bancari e nelle loro tasche, o sotto il materasso, come diciamo noi, fuori dagli Stati Uniti. Le aziende statunitensi rappresentano altri 10.000 miliardi, per un totale di 22.600 miliardi di dollari che non sono sostenuti da nient’altro che dalla fiducia nell’economia statunitense. L’importo rimanente è quello che i cittadini di altri Paesi hanno investito nelle aziende statunitensi, e il loro investimento nelle aziende statunitensi è garantito dall’affidabilità di tali aziende e dal loro valore di mercato. Alla fine, la loro affidabilità dipende anche dal sistema economico statunitense.

Ecco cosa sta succedendo nel mondo a questo proposito. L’economia statunitense si sta riducendo e le sue fondamenta si stanno a volte incrinando. Non si tratta solo del debito, che è alle stelle, ma anche del fatto che non sempre si raggiungono gli obiettivi di inflazione. Il loro obiettivo di inflazione è fissato al 2%, ma stanno tagliando questo limite, come hanno fatto di recente durante la pandemia, fino al 7,8%, il che mina la credibilità dell’economia statunitense.

Da cosa è sostenuta l’economia se si sta riducendo? Non è sostenuta da nulla, e questo è un problema. È un problema incondizionato per tutti coloro che detengono il dollaro USA.

Poiché il dollaro si sta riducendo e la sua quota nell’economia globale si sta anch’essa riducendo, significa che stiamo assistendo a un movimento assolutamente naturale verso la creazione di un multipolarismo nell’economia e nella finanza globale.

Possiamo, senza dubbio, escogitare ogni sorta di sistema, ma il valore di una determinata valuta dipende dal valore dell’economia sottostante.

Quindi, cosa stiamo facendo ora? Stiamo costruendo questo lavoro comune con i nostri partner BRICS, e il ruolo della Russia può essere molto importante. Abbiamo creato la Nuova Banca e stiamo creando i nostri strumenti valutari. Il mondo intero, beh, non proprio tutto il mondo, ma una parte significativa dei partecipanti all’attività economica internazionale sta passando ai pagamenti in valuta nazionale. Ho già detto che il 90% del nostro commercio con la Cina è regolato in yuan e rubli. Nello spazio post-sovietico, la quota del rublo si avvicina al 70%, il che significa che il nostro ruolo qui è significativo. Tuttavia, dobbiamo unire i nostri sforzi per renderlo più solido.

Continua.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Come il conflitto ucraino ha cambiato la Russia, di ROBERTO IANNUZZI

Come il conflitto ucraino ha cambiato la Russia

Il paese sta vivendo una fase contrassegnata da una battaglia esistenziale con l’Occidente, e da una ridefinizione dei suoi obiettivi strategici e della sua identità politica e sociale.

Putin in occasione della parata militare sulla Piazza Rossa, 9 maggio 2016 (kremlin.ruCC BY 4.0)

Più di due anni di conflitto in Ucraina non solo hanno rivoluzionato la politica estera russa, ma anche trasformato la società del paese forse irreversibilmente, al punto che la Russia ha oggi un’identità nuova e profondamente diversa rispetto ad alcuni anni fa.

Il ruolo internazionale del paese, la sua posizione nel mondo, gli obiettivi e la visione della sua classe dirigente – tutto è profondamente mutato.

Per la prima volta dal crollo del muro la Russia è realmente in guerra, non per risolvere qualche crisi ai margini della sua enorme massa territoriale, ma per combattere un conflitto esistenziale su un fronte lungo più di 1.000 chilometri, non molto lontano da Mosca, contro l’intero Occidente.

Gli Stati Uniti, infiltrandosi per anni in Ucraina, hanno trasformato quello che molti russi consideravano un paese fratello in un pericoloso nemico dal punto di vista di Mosca.

La breve parentesi della “pace fredda”

La crescente pressione e ostilità occidentale è riuscita a trasformare, nell’arco di poco più di due decenni, la leadership inizialmente forse più occidentalizzata ed europeista della Russia moderna – incluso lo stesso presidente Vladimir Putin – in una dirigenza fermamente determinata a contrastare le politiche americane ed europee nel continente.

Come ha affermato il politologo britannico Richard Sakwa, le radici della crisi fra Russia e Occidente vanno ricercate nei 25 anni di “pace fredda” seguiti alla fine della Guerra Fredda chiusasi nel 1989.

Durante questo periodo, non un solo problema della sicurezza europea è stato affrontato e risolto. Gli europei non sono riusciti a creare un’architettura di pace inclusiva in grado di integrare l’intero continente, preferendo la soluzione atlantista dell’espansione a oltranza della NATO.

Nelle parole di Sakwa,

“l’Occidente percepì la fine della Guerra Fredda nel 1989 come una vittoria, mentre nell’URSS di Gorbaciov si parlava di un ritorno ai valori umani universali e si contava su rapporti paritari con l’Occidente, riconoscendo l’economia di mercato e i diritti umani. Nel 1989 Gorbaciov era fiducioso che “lo spirito dell’aprile 1945” – quando i soldati sovietici e americani si abbracciarono sull’Elba – fosse tornato. Ma in Occidente avevano dimenticato da tempo questo spirito e si comportarono con l’URSS, e poi con la Russia, non come partner, ma come vincitori”.

Con il rovesciamento del presidente ucraino Viktor Yanukovych, al culmine della rivolta di Maidan sostenuta dagli USA nel 2014, la parentesi della “pace fredda” si chiudeva tragicamente per dar luogo ad una nuova, ed ancor più pericolosa, Guerra Fredda fra Russia e Occidente.

Mosca guarda al mondo non occidentale

E’ da quell’anno che in Russia si è cominciato a parlare di una “svolta verso Oriente”, verso l’Asia e il Pacifico. Ma molti di quei discorsi erano rimasti sulla carta. Gli ultimi due anni di guerra hanno invece prodotto una trasformazione epocale.

La massiccia mobilitazione occidentale a sostegno del governo di Kiev, il sabotaggio anglo-americano dei negoziati russo-ucraini nella primavera 2022, gli attacchi in profondità in territorio russo logisticamente supportati dalle intelligence occidentali, hanno provocato un radicale cambio di atteggiamento da parte russa, in particolare nei confronti degli ex partner europei.

Il nuovo “concetto di politica estera” formulato nel 2023 definiva per la prima volta la Russia non soltanto come uno Stato, ma come una “civiltà” distinta e come una potenza eurasiatica, estesa dall’Europa al Pacifico.

Le priorità della diplomazia russa mutarono di conseguenza, ponendo in primo piano i paesi del vicinato “post-sovietico”, seguiti da Cina e India, dall’Asia e dal Medio Oriente, dall’Africa e dall’America Latina. Europa e USA giungevano ultimi.

Come ha scritto Dmitri Trenin (politologo russo che, sebbene firma storica dell’americano Carnegie Moscow Center, dopo il febbraio 2022 ha deciso di tagliare i ponti con l’Occidente abbracciando in pieno la propria rinnovata identità russa),

“In appena due anni, l’Unione Europea, che fino a poco tempo prima rappresentava il 48% del commercio estero [russo], è scesa al 20%, mentre la quota dell’Asia è salita dal 26 al 71%. Anche l’uso del dollaro statunitense da parte della Russia è crollato, con un numero sempre maggiore di transazioni condotte nello yuan cinese e in altre valute non occidentali come la rupia indiana e il dirham degli Emirati Arabi Uniti […]”.

Mosca, sottolinea Trenin, ha anche abbandonato i suoi tentativi di adattarsi all’ordine mondiale a guida USA, che aveva entusiasticamente cercato di abbracciare all’inizio degli anni ’90 del secolo scorso, per poi rimanere disillusa e passare all’altrettanto difficile sforzo di trovare una scomoda convivenza con esso all’inizio del nuovo millennio.

La Russia forgiata dal conflitto ucraino considera l’attuale ordine mondiale come irreparabilmente compromesso e cerca, in maniera ben più esplicita della Cina, di costituire un ordine alternativo.

Dal punto di vista russo, non solo non ci si può più fidare dei paesi occidentali, ma gli organismi internazionali da essi controllati hanno perso ogni legittimità. Mosca ha dunque ristabilito la supremazia della legislazione nazionale sui trattati internazionali che aveva stipulato con l’Occidente.

In base a questa visione, i partner della Russia possono dunque essere trovati solo al di fuori del fronte occidentale, fra coloro che non prendono parte al sistema di sanzioni imposto da Washington e Bruxelles.

Mosca ha perciò profuso grande impegno nella presidenza di turno dei BRICS, assunta all’inizio del 2024, e lavora a stretto contatto con paesi asiatici, africani, mediorientali, latinoamericani, per creare meccanismi internazionali indipendenti dal dominio occidentale nel campo commerciale, finanziario, tecnologico, sanitario e dell’informazione.

Ritorno ai valori tradizionali

Anche sul fronte interno, il conflitto ucraino ha avuto un impatto enorme, sebbene la guerra sia concretamente avvertita solo nelle regioni di confine. Il patriottismo, a lungo vituperato e deriso dopo il crollo dell’Unione Sovietica, sta riemergendo con forza.

Valori tradizionali come quello della famiglia, ma anche quelli di sovranità, ordine e gerarchia all’interno di una società la cui armonia e salute è garantita dallo Stato, stanno anch’essi ritrovando vigore.

Sebbene il desiderio di arricchimento non sia scomparso in alcuni ambienti, esso è per certi versi temperato dalla sfida fatale che accomuna l’intera Russia, scrive ancora Trenin.

La cultura popolare sta progressivamente abbandonando l’abitudine di imitare ciò che è di moda in Occidente. Le tradizioni della letteratura, della poesia, dei film e della musica russa hanno invece trovato nuovo impulso.

Le icone culturali che dopo il febbraio 2022 avevano deciso di emigrare in Europa occidentale, in Israele o altrove, sono state rapidamente dimenticate. I giornalisti e gli attivisti russi che criticavano il paese dall’estero stanno perdendo contatto con la loro audience in patria, progressivamente accusati di servire gli interessi dei nemici della Russia.

L’Occidente non è visto come un avversario nel suo complesso. La cultura occidentale, nelle sue manifestazioni tradizionali (dunque a esclusione della cultura woke e dei valori LGBTQ), è tuttora apprezzata. Ma la politica e l’informazione occidentale sono viste in gran parte come nemiche.

L’oligarchia economica russa ha subito un’ulteriore scrematura. I magnati liberali che non hanno voluto rinunciare alle loro ricchezze in Occidente hanno finito per lasciare il paese. Gli altri hanno deciso di costruire il proprio futuro e le proprie fortune all’interno della Russia.

Naturalmente – commenta Trenin – vi sono persone rimaste insoddisfatte di scelte politiche che le hanno private di determinate opportunità. Soprattutto se fra gli interessi di queste persone vi era la ricchezza individuale. Gli esponenti di questo gruppo che non sono andati all’estero se ne stanno in silenzio, sperando in privato che, in qualche modo, i “bei vecchi tempi” ritornino. “È probabile che rimarranno delusi”, conclude Trenin.

Le “correzioni” del sistema

Le élite russe, che fin dagli anni ’90 avevano stretto forti legami con l’Occidente, hanno dovuto compiere scelte difficili. Coloro che hanno deciso di rimanere, hanno adottato un comportamento maggiormente in armonia con il patriottismo e la ritrovata identità nazionale della Russia.

Le diverse fazioni e i vari centri di potere che si confrontano nel panorama politico continuano a competere senza esclusione di colpi, ed a perseguire i propri interessi, purché essi non confliggano con il supremo interesse nazionale.

Gli eccessi vengono “autocorretti” dal sistema. E’ stato così per il caso Prigozhin. Più recentemente qualcosa di analogo è avvenuto al suo avversario, il ministro della difesa Sergei Shoigu, “promosso” da Putin a segretario del Consiglio di sicurezza della Russia, un organo importante ma dal valore eminentemente consultivo, ben lontano dal potere incarnato dal ministero della difesa grazie alle enormi somme di denaro da esso gestite.

Il trasferimento di Shoigu è avvenuto in coincidenza con l’arresto di due figure a lui molto vicine nel ministero, il viceministro Timur Ivanov e il generale Yuri Kuznetsov (capo del dipartimento del personale del ministero) per questioni di corruzione. A tali arresti hanno fatto seguito quelli del generale Ivan Popov e, ultimamente, del generale Vadim Shamarin.

Garante e arbitro di questo sistema e delle sue correzioni interne è Vladimir Putin il quale, lungi dall’essere un autocrate o dittatore assoluto, funge da punto di equilibrio tra le spinte provenienti dai diversi gruppi politici, ideologici, finanziari, etnici e clanici che compongono il panorama politico russo.

Sebbene la quota maggiore di controllo, e di potere, sia riservata a lui, Putin di volta in volta la gestisce in compartecipazione con esponenti e porzioni dei gruppi sopra citati.

Le correzioni apportate da Putin al sistema non sono mai troppo aspre o repentine, al fine di non provocare squilibri improvvisi o panico all’interno del gruppo dirigente o dell’esercito. E’ stato così nel caso di Shoigu, avvenne qualcosa di analogo nel caso Prigozhin, che fu semplicemente emarginato e solo successivamente eliminato, probabilmente non dal presidente russo ma da altre componenti del sistema.

Miti fondativi e legittimazione del potere

La travolgente vittoria ottenuta da Putin alle elezioni presidenziali dello scorso marzo, che gli ha assicurato un nuovo mandato di sei anni, può essere considerata come un voto di fiducia nei suoi confronti, in qualità di arbitro e traghettatore della Russia in questa transizione epocale che vede il paese impegnato in una battaglia esistenziale con l’Occidente, e in un ri-orientamento dei suoi obiettivi strategici verso l’Asia e il mondo non occidentale.

Lo sfoggio di potere che ha accompagnato l’inaugurazione della nuova presidenza Putin, l’8 maggio scorso, non aveva un fondamento “neo-zarista”, come qualcuno in Occidente ha banalmente rimarcato, e dunque non celebrava la figura di Putin in quanto “monarca” della Russia, ma piuttosto l’idea stessa della nuova Russia, una sorta di orchestra sinfonica della quale Putin è solamente il direttore, e che ha tra i suoi miti fondativi essenziali la vittoria nella seconda guerra mondiale, la “grande guerra patriottica”, celebrata nell’imponente parata del giorno successivo.

Sforzo bellico e gestione dell’economia

Nel quadro della transizione epocale che la Russia sta vivendo, si inserisce anche l’attenta gestione dello sforzo bellico in quella che è vista come una lunga guerra di logoramento.

Particolare attenzione è rivolta all’apporto che tale sforzo può dare all’economia del paese, e ai necessari correttivi per evitare l’ingenerarsi di squilibri e favorire una rapida riconversione economica al termine del conflitto.

In tale ottica va considerato l’arrivo di Andrei Belousov, un economista di grande esperienza, non un militare, alla guida del ministero della difesa. Obiettivo primario è l’ottimizzazione della spesa militare coniugata con la continua innovazione, tale da consentire alle forze armate russe di rimanere all’avanguardia a livello mondiale, allo stesso tempo non trascurando lo sviluppo dell’economia civile e gli investimenti a sfondo sociale.

Attraverso quello che di fatto è un meccanismo di redistribuzione della ricchezza, l’aumento della produzione bellica sta ricompensando le regioni più povere del paese, dove sono situate le industrie della difesa che hanno ottenuto i maggiori finanziamenti.

Da queste stesse regioni provengono i volontari e le reclute della mobilitazione parziale annunciata nel settembre 2022. Offrendo salari molto superiori alla media nazionale, il ministero della difesa è stato in grado di arruolare più di 30.000 volontari al mese.

Grazie a questa campagna di reclutamento, si stima che l’esercito russo sia attualmente più grande del 15% rispetto all’inizio della guerra.

Mosca e Pechino, un destino comune

Nel quadro della sfida epocale che la Russia sta affrontando, ugualmente importante e simbolica è stata la visita compiuta da Putin a Pechino.

In questa fase così difficile, la Cina ha offerto a Mosca un’insostituibile profondità strategica ed economica. Nel 2023, gli scambi russi con Pechino hanno raggiunto la cifra record di 240,1 miliardi di dollari, con un aumento di oltre il 60% rispetto ai livelli prebellici. La Cina ha assorbito il 30% delle esportazioni russe e fornito quasi il 40% delle sue importazioni.

Prima della guerra, gli scambi russi con l’Unione Europea erano il doppio rispetto a quelli con la Cina; ora sono meno della metà. Lo yuan cinese è attualmente la valuta principale utilizzata nei commerci tra i due paesi, e quella più scambiata alla Borsa di Mosca.

Da Pechino, Putin e il suo omologo Xi Jinping hanno parlato apertamente di un nuovo ordine mondiale fondato sul principio della multipolarità e su una democratizzazione del sistema internazionale, lontano da ogni forma di neocolonialismo e di egemonia.

I due hanno anche parlato della necessità di un’architettura di sicurezza nello spazio eurasiatico, fondata sul principio di sicurezza indivisibile, condannando le ambizioni egemoniche americane. Il solco è ormai tracciato, la sfida è aperta.

Come sapete, è attiva la possibilità di abbonarsi “a pagamento” alla newsletter (con formula di abbonamento mensile o annuale), oppure di offrire piccole donazioni “una tantum”. Gli articoli restano accessibili a tutti! Il motivo lo spiego qui.

Chi di voi volesse offrire un contributo, anche piccolo, mi darà un aiuto essenziale a mantenere in vita questa pubblicazione. Vi ringrazio.

E un grazie di cuore a coloro che si sono abbonati o hanno fatto una donazione! Il vostro è un aiuto importante.

Share

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

SITREP 14/5/24: Putin fa pulizia mentre Volchansk arriva sull’orlo del baratro, di SIMPLICIUS

Gli eventi continuano a svilupparsi rapidamente.

Putin ha sigillato il suo nuovo governo, con Belousov che ha dato i suoi primi ordini di marcia.

Prima che potesse a malapena mettere piede nell’aula della Duma, è arrivata la notizia che un altro funzionario del MOD era stato ammanettato per corruzione, l’alto rango Yuri Kuznetsov. Nel frattempo si è dimessa la deputata della cerchia ristretta di Shoigu Tatyana “Capo contabile” Shevtsova, così come il portavoce Konashenkov, il primo viceministro della difesa Tsalikov e altri. Sembra trattarsi di un’epurazione senza precedenti.

Si sta svolgendo come la fine del Padrino 1. Sotto l’unzione innale del salvatore appena prestato giuramento, una schiera di corrotti cancri dell’eredità vengono issati dai loro stessi petardi e trascinati in prigione. Anche se le porte delle celle continuavano a chiudersi, come se fosse stato progettato, Belousov ha simbolicamente proclamato “Puoi commettere errori, ma non puoi mentire” suscitando gli applausi della Duma:

Dopotutto, sembra sempre più un rinnovamento primaverile.

Ecco come il canale informato, sebbene sesto editorialista, ChK-OGPU ha riempito lo spazio vuoto riguardo al procedimento:

“Il sistema non poteva più resistere al livello proibitivo di corruzione del Ministero della Difesa, che ha portato all’arresto del vice ministro della Difesa Timur Ivanov, alla rimozione del “costruttore Sergei Shoigu” e alla promozione dell’economista Andrei Belousov. È noto che i viceministri Ruslan Tsalikov e Alexey Krivoruchko, ex proprietario della ditta Kalashnikov e grande fan di Miami, hanno scritto rapporti sulle dimissioni; si parla delle dimissioni di Yuri Sadovenko. Ci aspettiamo nel prossimo futuro una pulizia radicale delle “scuderie augustee” di Shoigu e possibili nuovi casi e arresti di alto profilo. Proprio ieri è stato arrestato il capo del dipartimento del personale del Ministero della Difesa, Yuri Kuznetsov.

I “cavalli oscuri” nella scuderia di Shoigu rimangono il viceministro della Difesa Tatyana Shevtsova, responsabile delle finanze, che, per definizione, a causa delle sue responsabilità lavorative, dovrebbe sapere più di chiunque altro su possibili abusi e appropriazione indebita di fondi, Alexander Fomin, Viktor Goremykin.

Alexander Fomin è stato nominato “supervisore” da Igor Sechin, che conosce Fomin da quando ha prestato servizio come studente di due anni in Angola dopo essersi laureato all’Università di Leningrado, quindi c’è un’alta probabilità che Fomin manterrà la sua posizione.

Un altro vice ministro della Difesa, Viktor Goremykin, responsabile del lavoro politico e del personale, ha avuto stretti rapporti amichevoli con Timur Ivanov e ha giocato a hockey con lui nella squadra delle Stelle Rosse. Le perquisizioni e gli interrogatori del subordinato di Viktor Goremykin, il capo del dipartimento del personale Yuri Kuznetsov, che è stato portato nella sua villa immodesta proprio nel suo letto, possono portare a seri problemi per il capo.”

Tutto questo è stato seguito dalla notizia che Putin ha elevato sia Patrushev che l’astro nascente Aleksey Dyumin a suoi personali “aiutanti presidenziali”.

Alla fine di dicembre 2020, il leader dell’LDPR Vladimir Zhirinovsky ha nominato Dyumin uno dei politici che potrebbero diventare il successore di Vladimir Putin alla presidenza della Federazione Russa

Controlla ancora una volta la fisiologia e la fisionomia: giovane e sano, vigile e con la vista acuta, non sciatto, scarmigliato e geriatrico, come è diventato così tristemente comune tra troppi dei vertici del MOD russo.

In breve: Putin sembra aver effettuato un colpo di stato eliminando un ceppo molto malato all’interno del MOD, rafforzando la sua posizione esecutiva con un gruppo di lealisti ultra-intransigenti con comprovata esperienza. E giusto in tempo, ora circolano voci secondo cui Surovikin è finalmente arrivato a Mosca, questa volta per davvero , o almeno così sostiene Rybar; si sarebbe svolto un incontro al Cremlino. Ciò potrebbe far presagire un grande appuntamento imminente per lui, se fosse vero.

Scott Ritter ha pubblicato un nuovo post su Twitter che riassume gli sviluppi in modo così succinto e completo che lo pubblico qui al posto del mio resoconto:

Scott Ritter

Una nuova rivoluzione negli affari militari La nomina di Andrei Belousov da parte del presidente russo Vladimir Putin va oltre il semplice tentativo di portare struttura economica e disciplina ad una base industriale militare espansiva ed in espansione.

È vero, la rapida crescita dell’industria della difesa russa nel corso degli ultimi due anni ha creato preoccupazioni sul fatto che un settore economico civile russo, fragile ma in espansione, si sta ancora riprendendo dallo shock delle severe sanzioni statunitensi ed europee in seguito all’avvio da parte della Russia del piano militare speciale. L’operazione (SMO) in Ucraina potrebbe trovarsi tenuta in ostaggio da una spesa per la difesa illimitata che ha distorto artificialmente le catene di approvvigionamento e i prezzi in un modo che potrebbe vedere l’economia russa seguire la strada del suo predecessore sovietico, fortemente caratterizzato dall’industria della difesa.

Belousov, un affermato economista a pieno titolo, è stato incaricato di gestire l’intersezione tra difesa ed economia civile per garantire che l’industria civile rimanga sana e vitale anche se la necessità di una solida produzione dell’industria della difesa rimane elevata.

Ma forse l’aspetto più importante della nomina di Belousov è il suo ruolo di innovatore industriale.

La Russia si sta dirigendo verso una nuova Rivoluzione negli Affari Militari (RMA) che sarà definita dal nesso di uno sviluppo tecnologico portato dalle esperienze dell’SMO (guerra con droni, guerra elettronica, maggiore letalità delle munizioni), b) Innovazione dottrinale che è emerso man mano che le lezioni apprese sul campo di battaglia dell’SMO venivano studiate e richiedeva cambiamenti incorporati nei sistemi formali di istruzione militare responsabili della produzione di dottrine aggiornate; e c) Adattamento organizzativo che comporta importanti cambiamenti strutturali e intellettuali che riflettono la realtà delle nuove tecnologie e dottrine.

Sotto Sergei Shoigu, l’esercito russo ha fatto importanti progressi nelle prime due tappe del trio RMA. Ma il tipo di innovazione strutturale necessaria all’esercito russo per trasformare i cambiamenti sistemici in una vera RMA è il punto di forza di Belousov. La Russia è sul punto di implementare una nuova RMA che trasformerà il campo di battaglia moderno tanto quanto la Blitzkrieg tedesca fu per la condotta della Seconda Guerra Mondiale.

Questa è una buona notizia se sei russo. Per l’Occidente collettivo, di fronte alla prospettiva di intraprendere una costosa espansione della NATO, un RMA guidato dalla Russia equivarrebbe a un disastro.

Sul fronte, l’Ucraina sta affrontando uno dei crolli più rapidi della guerra finora. Non ci sono due modi per minimizzare le cose: fonti russe riferiscono perdite catastrofiche per le AFU che sono tristemente a corto di personale e senza armi. La più grande scala di catture di prigionieri di guerra nell’ultimo anno è attualmente in corso, con oltre una dozzina di nuovi video solo a partire da oggi che mostrano dozzine di prigionieri ucraini, tra cui molti Kraken:

Anche le paramediche ucraine chiedono aiuto per le perdite:

Anche nel momento in cui scriviamo, lo Stato Maggiore ucraino ha annunciato il ritiro di Volchansk, la città più grande e roccaforte della regione settentrionale di Kharkov, anche se non è ancora chiaro se si tratterà di un ritiro totale o parziale, poiché la formulazione è ambigua:

Le truppe in prima linea schiumano di rabbia al comando:

Le forze russe ora sono arrivate persino nel raggio d’azione dell’artiglieria della stessa città di Kharkov, e ci sono rapporti che stanno martellando le posizioni delle AFU alla periferia di Kharkov da circa 22-24 km a Glyboke/Hlyboke.

Ci sono anche segnalazioni di distaccamenti di blocco che ora aspettano nelle retrovie per intercettare le truppe in fuga:

Nella regione di Kharkov è stato introdotto un piano di intercettazione a causa dell’esodo di massa dei soldati delle forze armate ucraine

Sulle strade principali della regione sono posti di blocco rinforzati con “uomini armati senza contrassegni di identificazione” che cercano i soldati ucraini in fuga in massa dal campo di battaglia. Questa dichiarazione, citando le sue stesse fonti, è stata fatta da un esperto militare, tenente colonnello in pensione della Repubblica popolare di Lugansk (LPR), Andrei Marochko.

Secondo lui, i dipendenti del Ministero degli Affari Interni e del Servizio di Sicurezza dell’Ucraina “controllano i documenti di tutti e ispezionano i veicoli”, motivo per cui in molte zone ci sono “ingorghi lunghi chilometri”.

E se pensavate che potesse trattarsi di propaganda fantasiosa, secondo quanto riferito le forze russe hanno catturato una delle truppe incaricate di eseguire ordini di blocco di questo tipo, che attesta il fatto:

In ogni caso, sono già stati segnalati combattimenti verso il centro della città, mentre ieri le forze russe avevano appena raggiunto la periferia. Alcuni rapporti affermano che le forze russe hanno catturato gli edifici amministrativi vicino al centro:

Ma quello non era nemmeno il rumore più importante. Le rivelazioni più scioccanti arrivano attraverso un’intervista al NYT con Budanov, che ha visitato vivacemente la linea del fronte di Kharkov devastata dalla guerra per fare la sua valutazione della situazione:

Innanzitutto afferma francamente che all’Ucraina non sono rimaste riserve per Kharkov:

Nota: utilizzo la versione Telegraph della storia sopra poiché il collegamento NYT si comporta in modo instabile per qualche motivo.

❗️ “Non abbiamo riserve” 🇺🇦

Il capo dell’intelligence militare ucraina Budanov ha ammesso al New York Times che la situazione è grave:

“La situazione è al limite”, ha detto il generale Kyrylo Budanov, capo dell’agenzia di intelligence militare ucraina in una videochiamata da un bunker a Kharkiv. “Ogni ora questa situazione diventa critica.”

“Tutte le nostre forze sono qui o a Chasiv Yar. Ho usato tutto quello che avevamo. Purtroppo non abbiamo nessun altro nelle riserve”.

Che ne dici di un’ammissione schietta?

Ma come se ciò non bastasse, Budanov ammette inoltre che la Russia inizierà la tanto attesa operazione Sumy entro pochi giorni :

Di conseguenza, i sussurri provenienti dal confine di Sumy sono diventati assordanti.

Non solo i canali militari russi postano teaser come i seguenti:

Ma circolano voci continue di importanti aumenti nell’azione dei DRG russi, nei droni, negli attacchi di artiglieria e altro ancora, in tutta la regione di Sumy:

⚡🔥⚡️Dopo che squadre di guardie di frontiera e soldati ucraini hanno iniziato a scomparire nella regione di Sumy, il lavoro dei nostri OMD e ROSN nelle aree di confine e dell’art. scioperi, le forze armate ucraine evacuano diversi insediamenti a nord-ovest della città di Sumy. Le barriere minerarie e ingegneristiche sono già state rimosse e la concentrazione delle forze nemiche è minima⚡🔥⚡

Un’altra presa in giro premonitrice afferma che le barricate verranno smantellate al confine di Bryansk, al checkpoint di Seredina-Buda, proprio di fronte a Sumy:

⚠️ E il temporale è già così vicino, mi fa venire la pelle d’oca, c’è un netto odore di ozono nell’aria, all’orizzonte sono apparsi neri cumuli.

Nelle dure foreste di Bryansk , non solo i terroristi perdono le orecchie, le potenti forze forestali sanno sottilmente dove si trova il nemico e si stanno preparando per l’imminente temporale; nell’ambito di questa iniziativa hanno eliminato le barriere antimine al posto di controllo di Seredina-Buda.

Inoltre, depositi di munizioni e forze d’assalto aviotrasportate di militanti ucraini decollano lungo tutta la profondità della formazione operativa.

Nell’oscurità della foresta di Bryansk, guerrieri epici preparano i loro strumenti, altri sguainano violini e contrabbassi.

Una mazza è già stata sollevata sulla testa del nemico; presto crollerà.

✈️ Esplorazione NGP🦇

Un’analisi ha analizzato alcuni numeri:

⚡🔥⚡️Kirill Budanov ha lasciato Kharkov con uno scandalo e si sta dirigendo a Sumy.

Lì organizzerà la contrazione dei DRG russi e schiererà distaccamenti per TRO e OMBR, che Syrsky sta trasferendo dalle riserve.

Le forze armate ucraine ne hanno in riserva poco meno di 54.000, da Kherson, che potrebbe tornare nelle mani delle forze armate russe, a Sumy e Chernigov.

12.000 di questa riserva sono già stati ritirati a Kharkov, poi altri 17.000 saranno trasferiti a Sumy⚡🔥⚡

Interessante la parte relativa al checkpoint di Seredina-Buda. La domanda era sempre se la Russia sarebbe arrivata sul lato est o ovest di Sumy. Se si concentrasse a est, forse anche nella regione di Grayvoron, ciò comporterebbe una gigantesca tenaglia della città di Kharkov. Ma il checkpoint di cui sopra è molto più a ovest di Sumy, anzi, quasi più vicino a Kiev:

Se la Russia fosse davvero entrata così in profondità, sembrerebbe necessaria una spinta da parte di Kiev. La verità è che l’assedio di Kiev potrebbe essere uno dei colpi di grazia più fatalmente inaspettati, dato che la Russia ha pochissimo territorio da coprire da quella parte e l’Ucraina – come ha ammesso lo stesso Budanov – ha poche riserve. Le forze russe che avanzano alla periferia di Kiev causerebbero il panico non solo in Ucraina ma in tutto l’Occidente, destabilizzando potenzialmente la situazione in modo catastrofico.

Mettiamola in questo modo: la Russia non deve catturare Kiev, né tentare di farlo. Semplicemente portando le sue forze in periferia, potrebbe seminare abbastanza caos e panico, fuga di civili, ecc., in modo da spodestare finalmente Zelenskyj con una sorta di colpo di stato destabilizzante, o costringerlo a mostrare la sua mano fuggendo con un governo governativo. -l’esilio, a Lvov o altrove, il che sarebbe di per sé politicamente fatale. Ci sono molte potenziali giocate qui.

Ma per il momento qualsiasi mossa potenziale di questo tipo è probabilmente molto lontana, poiché gli obiettivi immediati ruotano semplicemente intorno alla divisione delle forze ucraine e all’assottigliamento delle linee al fine di creare scoperte volte a generare perdite catastrofiche di materiale, personale e morale.

Nel mezzo del collasso in corso, Blinken si è precipitato a Kiev per fornire un’altra serie di insulse “rassicurazioni” per evitare che il morale ucraino precipitasse catastroficamente. Questa “rassicurazione” finì per consistere in nient’altro che Blinken che dava un’interpretazione edificante di “Rockin’ In a Free World” di Neil Young in un bar di Kiev:

“Cosa, volevi armi e soldi? Sono venuto invece a darti una canzone.

Può l’impero americano diventare ancora più patetico o imbarazzante?

A Kiev c’era il tutto esaurito poiché il rampollo del male incarnato non poteva lasciare che Blinken si divertisse e ha deciso di unirsi al conclave:

I titoli dei giornali rimangono cupi come sempre, anche se a volte raggiungono nuovi minimi di disperazione:

Uno di essi include persino questo pratico grafico per il presunto calo dei tassi di intercettazione dei missili russi da parte dell’Ucraina:

Come ricorderete, qualche mese fa avevo riferito che l’Ucraina sta reintegrando solo il 50% delle sue perdite attraverso la sua scarsa mobilitazione. Secondo gli ultimi dati, la percentuale è scesa a un disastroso 25%. Tuttavia, il 18 maggio entrerà in vigore la legge sulla mobilitazione appena firmata, che potrebbe dare il via a una campagna di portata molto più ampia e pesante per recuperare i corpi dalle strade.

È interessante notare che questo coincide quasi esattamente con la scadenza del 21 maggio per la legittimazione di Zelensky, dopo la quale si teme che la situazione possa diventare piuttosto libera per tutti. In effetti, le voci su questo fronte già abbondano, come la seguente – anche se prendetela con un granello di sale, poiché molto probabilmente è falsa, ma è intesa più che altro come un esempio dimostrativo dei problemi che si stanno preparando:

Alcune ultime notizie:

Tra le polemiche sul crollo della regione di Kharkov, sta venendo alla luce sempre più chiaramente quale sia la portata della corruzione che ha portato al grave tradimento:

Ecco un altro esempio del miracolo di fortificazione dell’Ucraina. Un soldato ucraino stufo descrive le opere di trincea totalmente inefficaci su uno dei fronti, un problema endemico:

Un’unità cecena dell’Akhmat Zapad (Ovest) è stata avvistata tra le forze di Kharkov intorno a Ogurtsovo, a nord-ovest di Volchansk, e ha lanciato un grido rivelatore ad alcune brigate operative nell’offensiva del nord:

A 1:46 vengono nominati il 153° reggimento carri e il 41° reggimento fucilieri motorizzati. Il 153° fa parte della 47ª Divisione carri sotto la 1ª Armata carri della Guardia, ed è un reggimento di nuova formazione dal 2023, quando Shoigu ha rafforzato la 1ª Armata carri della Guardia con 5 nuovi reggimenti. Il 41° Reggimento Fucilieri non è ancora certo, ma si dice che provenga dalla Carelia.

Infine, qualcuno potrebbe averlo già postato, ma ecco una buona versione sottotitolata di un nuovo finto annuncio di reclutamento ucraino, ormai sempre più accurato:


Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Il riassetto del governo di Putin mette in ginocchio l’intellighenzia occidentale, di SIMPLICIUS

Come molti sospettavano da giorni, Putin ha avviato un grande rivolgimento nel suo gabinetto. La più notevole è stata la rimozione dello storico ministro della Difesa Shoigu, per essere sostituito con un uomo del quale molti non hanno sentito parlare: Andrey Belousov, un economista di mestiere e di formazione.

Alcuni hanno considerato questo un deliberato errore di direzione da parte di Putin, dal quale molti si aspettavano la sostituzione di Shoigu con l’astro nascente Dyumin.

Ci sono molti punti di vista da cui affrontare questo argomento, ma prendiamone alcuni dei più importanti.

In primo luogo, si è trattato di una retrocessione o di una promozione per Shoigu? RYBAR, per esempio, la definisce una promozione , dato che la sua nuova posizione di Segretario del Consiglio di Sicurezza è piuttosto prestigiosa e silovik Patrushev, uno degli uomini più potenti del Cremlino, ricopre da quasi due decenni:

Il Ministro della Difesa Sergei Shoigu è stato promosso al Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa. Non si sa ancora dove andrà esattamente Nikolai Patrushev. Forse, proprio come per Medvedev ai suoi tempi, verrà inventata per lui una posizione aggiuntiva e un’area separata di cui si occuperà. O forse Nikolai Platonovich ha semplicemente ricevuto la tanto attesa pensione. Cosa significherà l’arrivo di Shoigu per il Consiglio di Sicurezza: un aggiornamento e un rimpasto (saranno necessari i quadri fedeli a Shoigu). In questa fase nella struttura del Consiglio di Sicurezza si è sviluppato un certo sistema quasi di caste, senza possibilità di crescita verso l’alto per i singoli dipendenti. Forse, nelle condizioni attuali, ciò significherà una ristrutturazione del meccanismo di lavoro del Consiglio di Sicurezza su un piano leggermente diverso. Forse.

Altri naturalmente credono che si tratti di un colpo di stato di lunga durata contro Shoigu e i “suoi quadri”. Il recente arresto di Timur Ivanov è in cantiere da 5 anni, come ci hanno detto i pubblici ministeri russi. Avrebbero potuto arrestarlo in qualsiasi momento, ma hanno scelto di farlo in modo molto simbolico non solo prima della rielezione di Putin, ma addirittura letteralmente lo stesso giorno in cui sedeva accanto a Shoigu nel consiglio di difesa. Anche se a prima vista non credo necessariamente ad alcuna teoria del complotto, noto che non esistono coincidenze nel grande gioco della politica di potere.

Per Timur Ivanov essere stato considerato uno stretto alleato di Shoigu – che fu colui che lo nominò – è stato significativo. Si vociferava addirittura che l’accusa di appropriazione indebita fosse una copertura per uno spionaggio molto più serio. Alcuni arrivano addirittura a ipotizzare che l’intera operazione sia un grande abbattimento a lungo termine del clan Shoigu. come scrive questo analista :

Timur Ivanov è una delle persone di cui Prigozhin voleva che Putin si liberasse. Una delle risorse vicine al gruppo “Wagner” ha appena postato questo :

”A nome della PMC “Wagner” vorremmo esprimere la nostra profonda gratitudine al Presidente del Comitato Investigativo della Federazione Russa ad Alexander Ivanovich Bastrykin per l’arresto di un funzionario corrotto a livello statale, il Vice Ministro della Difesa della Federazione Russa Timur Ivanov. Grazie al dipartimento da lei diretto, è stata fermata la fuoriuscita di ingenti risorse materiali dal tesoro statale, che sono così necessarie ora per mantenere la stabilità economica del paese in un momento in cui c’è un’enorme pressione da parte di paesi a noi ostili. Nel corso degli anni di attività corrotta, questo funzionario ha causato danni colossali non solo al nostro esercito, ma anche al comune popolo russo. Crediamo nella giustizia della legge e speriamo che questo e altri furfanti corrotti ricevano una meritata severa punizione nella misura massima consentita dal diritto penale della Federazione Russa.”

Un’altra teoria lungo il taglio della cospirazione:

“Forse questo non è un accordo definitivo. Mentre la battaglia in alto continua. Questa è la prima fase della vittoria del clan Kovalchuk. È stata effettuata un’operazione brillante per eliminare Shoigu. Ovviamente volerà più in basso. Persone da il suo entourage verrà preso. Non ha più un potere reale.

Shoigu rappresentava il clan più numeroso. I successivi, logicamente, sono i pesci più piccoli, come i Rotenberg. O dovranno piegarsi sotto i Kovalčuk o verranno divorati. E per prima cosa, persone della loro cerchia, come Kolokoltsev. Penso che non resterà a lungo e ci saranno cambiamenti al Ministero degli Interni per sei mesi. Penso anche che con l’FSB ci possa essere una sostituzione entro sei mesi, anche questo è legato alle fasi di lotta interna”.

Infine, cosa più plausibile: “Il commentatore politico di Tsargrad, Andrey Perla, è sicuro che, mettendo Belousov a capo del Ministero della Difesa, Vladimir Putin vuole risolvere due compiti” :

Il primo è stroncare sul nascere tutte le discussioni sulla possibilità stessa di corruzione nel dipartimento della Difesa.

Il secondo è quello di dividere la leadership delle truppe durante le operazioni di combattimento e il sostegno organizzativo ed economico dell’esercito e della marina.

Perla si chiedeva quanto l’agenzia avrebbe cambiato Belousov, perché, presumibilmente, ora una parte significativa dello staff è composta da Shoigu.

Le macchinazioni richiedono molto tempo per svilupparsi a livello di élite. Lo stesso Prigozhin mancò gravemente di rispetto alla Russia e non “pagò” per questo se non molti mesi dopo. È quindi possibile che Putin, non volendo agitare la barca per ragioni comprensibili, abbia preferito aspettare fino al momento in cui un riassetto fosse naturale e atteso, opportunità offerta dal consueto rimpasto di governo post-elettorale; portare a termine le cose difficili gradualmente senza creare troppe ondate è una scienza astuta.

Ma qualunque siano le vere ragioni, una cosa che personalmente credo è che la Russia, come molti paesi del mondo, soffra della malattia strisciante della gerontocrazia, come la stessa Unione Sovietica. Probabilmente non è così grave come quello degli Stati Uniti, ma ci sono molte vecchie figure, Sovok e simili, che avrebbero dovuto essere messe da parte e andare in pensione molto tempo fa. Non necessariamente a causa della corruzione di per sé, ma semplicemente per la mancanza di passione e vitalità nel migliorare il Paese.

Per quanto mi riguarda, sottoscrivo l’importanza della fisionomia, e uno sguardo a molti dei riporti più anziani e dei funzionari perenni mostra un gruppo a volte invecchiato, dall’aspetto impoverito e privo di ispirazione. Shoigu non è poi così vecchio, ma ultimamente ha effettivamente avuto un aspetto pessimo per l’usura, smunto ed esausto. Belousov, con i suoi 65 anni, è praticamente un pulcino per gli standard gerontocratici globali.

L’aspetto e la fisionomia possono certamente ingannare, ma a prima vista sembra acuto, adatto e con gli occhi lucidi. Un video dimostrativo in giro ha lo scopo di mostrare la sua acuta comprensione e la schiettezza diretta riguardo alla produzione di droni russi e ai suoi limiti intrinseci:

Inoltre, si dice che sia un tecnologo severo e un appassionato di tecnologia dei droni che concentrerà la produzione della difesa russa nelle direzioni necessarie. Nella recente tavola rotonda con i comandanti in prima linea, ricorderete che Putin ha affermato espressamente che la Russia intende concentrarsi sullo sviluppo dei robot terrestri UGV.

Non è un caso che il “ragazzo dei droni” venga improvvisamente assunto per il lavoro. Aspettatevi che questo appuntamento sia molto rialzista per il progresso dei droni russi.

Peskov ha approfondito la nomina con una precisazione estremamente significativa:

Leggi la parte in grassetto del riepilogo di seguito:

🇷🇺 Il commento completo di Dmitry Peskov sulle ragioni della nomina di Andrei Belousov a Ministro della Difesa

❗️ Il budget del Ministero della Difesa e del blocco sicurezza era recentemente ancora intorno al 3%, ma recentemente è cresciuto fino al 6,7%. Questa non è ancora una cifra critica, ma a causa delle ben note circostanze geopolitiche, ci stiamo gradualmente avvicinando alla situazione della metà degli anni ’80, quando la quota delle spese per il blocco della sicurezza nell’economia era al livello del 7,4%.

❗️ È molto importante integrare l’economia del blocco di potere nell’economia del paese. Scrivilo per adattarlo al momento attuale. Oggi, il vincitore sul campo di battaglia è colui che è aperto all’innovazione, più aperto all’implementazione più rapida. Pertanto è naturale che nella fase attuale il presidente abbia deciso che il Ministero della Difesa sarà guidato da un civile.

❗️ E questo non è solo un civile, ma una persona che ha guidato con grande successo il Ministero dello Sviluppo Economico, che per lungo tempo è stato assistente del presidente sulle questioni economiche. E nel precedente gabinetto dei ministri era stato primo vice primo ministro.

❗️ Il Ministero della Difesa deve essere assolutamente aperto all’innovazione, per introdurre tutte le idee avanzate.🇷🇺

Come potete vedere, la nomina di Belousov ha lo scopo di semplificare l’ integrazione economica delle industrie della difesa e dell’economia generale del paese. Si potrebbe scrivere un intero saggio su cosa significhi esattamente questo solo punto . Alcuni lo hanno addirittura interpretato come un qualche tipo di colpo di stato neoliberale, poiché alcuni sostengono che Belousov sia un “liberale” che una volta era assistente del tedesco Gref della banca Sber, e quindi “saccheggerà” l’economia russa aggiogando le preoccupazioni della difesa recentemente sequestrate dallo stato vengono reintegrate nel “settore privato” – in sostanza, restituendo le chiavi del futuro della Russia ai grandi oligarchi delle armi.

Dovremo aspettare e vedere, ma non credo che significhi questo. Questo sviluppo può essere accolto solo positivamente in quanto dimostra la serietà di Putin nell’affrontare le questioni dell’integrazione e del sollievo economico-difensivo. Credo che tutto ciò ruoterà attorno al ridimensionamento dei processi produttivi e alla creazione di un settore della difesa più agile, flessibile e innovativo, consentendo alle aziende private di integrarsi meglio con gli sviluppi attualmente realizzati dalle potenze industriali “di proprietà statale”. È così che funziona negli Stati Uniti e ci sono grandi vantaggi nel velocizzare i processi di sviluppo di nuovi progetti innovativi.

Mentre la Russia ha ottenuto risultati molto positivi in ​​alcuni settori dall’inizio dell’OMU, in molti altri è rimasta molto indietro. Ad esempio, il ridimensionamento e la commercializzazione dei sistemi di guerra elettronica basati sul personale lasciano molto a desiderare. La maggior parte dei sistemi a terra sono imitazioni cinesi a buon mercato e requisiti ad hoc, un processo estremamente obsoleto e inefficace, che causa la morte di massa di militari russi a causa dei droni nemici. Qualcosa in questo circuito ha un serio bisogno di essere snellito, inclusa la “localizzazione” che lo stesso Belousov ha sottolineato nel video qui sopra.

Per quanto riguarda la preoccupazione che sia un civile in tutto e per tutto, questa è ormai diventata una tradizione sotto Putin e infatti gli ultimi quattro ministri della difesa, tutti, non sono stati militari. Shoigu, come molti sanno, era un ministro delle emergenze; prima di lui, Serdyukov era un esattore delle tasse, chiamato da Putin appositamente per essere un “outsider” in grado di sgomberare le ragnatele dell’apparato militare incapace di auto-controllarsi; e prima ancora di lui c’era Sergei Ivanov, un capo dell’FSB specializzato in diritto, senza esperienza militare. Dopotutto, Peskov ha affermato che ancora una volta Belousov è stato coinvolto in virtù, piuttosto che malgrado, del suo background non militare.

Alcune considerazioni finali sulla nomina di un altro analista:

La nomina di Belousov promette una verifica totale di tutti i flussi finanziari del Ministero della Difesa. È un manager abbastanza duro ed efficace noto per il suo approccio pratico agli affari. Aveva spesso un punto di vista impopolare sul lavoro delle strutture responsabili, che è probabilmente ciò di cui ha bisogno ora il Ministero della Difesa.

E c’è sempre questo, per i credenti:

Il nuovo ministro della Difesa russo, Andrey Belousov, è un cristiano ortodosso praticante. Ha personalmente donato e costruito un monastero nell’oblast di Vladimir: “La Russia deve diventare la custode delle tradizioni della civiltà cristiana. L’era del globalismo è finita”.

I conoscenti di Andrei Belousov hanno detto a The Bell (agente straniero) che periodicamente presta servizio come chierichetto in una delle chiese, presumibilmente nella regione di Vladimir.

In generale, lo considero con cautela come uno sviluppo molto positivo. In passato ho espresso apertamente il fatto che gran parte della struttura militare russa all’inizio dell’SMO era un residuo arrugginito, a volte decrepito e persino corrotto, del passato. Anni di operazioni a bassa intensità o senza ostilità generalmente si traducono in un accumulo di pigrizia, generali inutili che si riempiono le tasche o si siedono su posizioni che considerano sinecure piuttosto che guadagnarsi meritoriamente il mantenimento.

Tutto questo viene ripulito in virtù della necessità – e un conflitto esistenziale porta necessità come nessun altro. Fin dall’inizio, Putin ha lentamente ripulito le strutture calcificate, promuovendo e mobilitando uomini meritevoli per sostituire i parassiti delle epoche polverose del lungo passato. Si tratta di un processo continuo e senza fine, ma ha dato i suoi frutti e oggi vediamo la sua continua progressione. Il rinnovamento primaverile del cambiamento e dell’adattamento è una buona cosa.

Come ultimo rapido accenno all’offensiva in corso a Kharkov, abbiamo ora visto l’introduzione ufficiale del simbolo tattico operativo del gruppo settentrionale:

Un confronto tra l’operazione attuale e il tentativo del 2022 di conquistare la regione di Kharkhov

2022: le truppe russe avanzarono principalmente lungo le strade e in pochi giorni raggiunsero i confini della città di Kharkhov. Entrarono le truppe principali

2024: le truppe russe evitano lo stiramento delle linee e si muovono attraverso foreste e campi al confine, ancora un’operazione guidata dalla DRG

2022: i simboli V, O, Z (che guarda caso sono le iniziali di Volodymyr Oleksandrovych Zelenskyy) iniziano ad apparire pochi giorni prima dell’inizio dell’attacco principale

2024: il nuovo simbolo tattico è stato svelato solo dopo l’inizio dell’attacco

2022: i russi, a causa dell’avanzata troppo rapida, diventano anche preda di imboscate, subendo perdite maggiori rispetto agli ucraini che si nascondevano

2024: i russi hanno schierato più droni e mezzi per distruggere i rinforzi ucraini in arrivo, per ora le perdite possono essere uguali o addirittura superiori per gli ucraini 

Allo stesso tempo, con armi come i droni FPV e i FAB, anche lo stile di combattimento è diverso 

Sebbene non sia così grandioso come il tentativo del 2022 in termini di accaparramento di terre, questo è più sostenibile per l’esercito della RU e crea dilemmi strategici per il comando ucraino

In aggiunta a quanto sopra, ora si dice che la Russia stia sminando interi campi dando loro fuoco e bruciando tutte le mine:

E le cose continuano a muoversi a ritmo sostenuto, con le forze russe che si impadroniscono di altri villaggi e che ora sono entrate nella vera città di Volchansk, la più grande roccaforte della regione settentrionale:

Molti canali militari ucraini sono nel panico o nel disordine e ora accusano apertamente la leadership ucraina di non aver costruito alcuna difesa nel nord. È chiaro che quello che era iniziato come un tentativo di minimizzare l’avanzata del nord si sta ora trasformando in una debacle aperta:

Volontari ucraini lamentano che le formazioni naziste della GUR (“Kraken”, “Sonechko”, “Fratellanza”, ecc.)* hanno bloccato l’evacuazione della popolazione locale da Volchansk e utilizzano i residenti della città come scudi umani 

I residenti locali hanno stretto un accordo con i volontari, ma non hanno lasciato entrare né lasciare nessuno fuori città.

A giudicare dalle notizie, la lotta per la città è già iniziata. Abbi cura di te, carissimi! – chiede Dill Fresh

L’AFU sta ora cercando di tappare i buchi indirizzando le sue unità più d’élite verso nord, con GUR spetsnaz e Kraken che, secondo quanto riferito, stanno arrivando in soccorso. Sfortunatamente per loro, diversi gruppi Kraken sono già stati catturati dalle forze russe. Di seguito le loro interviste:

Militante catturato del battaglione “Fratellanza” della direzione principale dell’intelligence del regime di Kiev. Questa formazione è stata creata dal bastardo Korczynski, che è andato a uccidere i russi in Cecenia, come membro dell’UNA-UNSO ha combattuto dalla parte dei terroristi di Duday.

2° video:

Catturato Gurovtsy in direzione Kharkiv. GUR del Ministero della Difesa ucraino “Kraken”, Gut Ilya Romanovich

Starshe Edda fornisce alcuni dettagli:

Il secondo giorno dopo l’inizio dell’offensiva del gruppo di truppe Nord. Il numero delle AFU catturate ha già superato le 50 unità , c’è anche un prigioniero del Kraken. È troppo presto per stimare le perdite del nemico; nelle roccaforti giacciono probabilmente 100 persone, queste sono quelle che i soldati delle forze armate ucraine in fuga non sono riusciti a trascinare via. Al momento non è chiaro quanti nemici siano stati distrutti a causa degli incessanti attacchi di artiglieria e aerei, ma è ovvio che ce ne sono molti.

Strelechye, Gatishchi, Pylnaya, Borisovka, Pletenevka, Krasnoye, Ogurtsovo, così come i reggimenti forestali adiacenti e le fortificazioni nemiche, sono sotto il nostro controllo; le battaglie si stanno svolgendo nell’area di Glubokoe, così come alla periferia di Volchansk. È molto importante notare che le nostre perdite sono minime , Storm of the North agisce in modo molto competente, Lancets, equipaggi FPV, artiglieri, tank aprono loro la strada, spazzando via le fortificazioni del nemico e i suoi veicoli corazzati. 

L’AFU non può mostrare nulla ai suoi ohlos (che significa mostrare i successi sul campo di battaglia), quindi registrano video con rappresentanti del corpo dei volontari dei galli, in cui parlano delle nostre grandi perdite. Spero che i combattenti del Corpo dei Galli smettano di pisciare sulle recinzioni di Kharkov e vengano già in aiuto degli ucraini, dove li scacceremo. Il nemico scarica tutti i suoi fallimenti sui civili di Belgorod, bombardando le zone residenziali. È questo il problema che i nordisti d’acciaio stanno ora risolvendo, rilassando il nemico.

Fa una nota importante che ho visto sottolineata da altri: per una volta, questa offensiva è stata contrassegnata da un’enfasi specifica sul fatto che le forze russe stanno utilizzando efficaci tattiche di armi combinate, con diversi rapporti in prima linea che si preoccupano di notare che l’utilizzo di artiglieria e droni è buono, le comunicazioni sono notevolmente coordinate e funzionano in modo fluido, ecc. Questo al contrario di molti altri fronti come Kherson dove le lamentele sul coordinamento tra questi aspetti menzionati sono diffuse. Sembra che chiunque gestisca il “Vento del Nord”, come lo chiamano alcuni, finora stia svolgendo un lavoro molto competente.

Naturalmente il merito va anche alle unità stesse, per le quali il quadro diventa sempre più chiaro. L’ultima volta ho menzionato alcune delle unità sospettate di essere coinvolte, ma ora vengono menzionate alcune altre unità degne di nota:

La 138a Brigata di fucilieri motorizzata delle guardie scelte, che appartiene alla 6a Armata di armi combinate del distretto di Leningrado; una fonte afferma che si tratti dell’80° reggimento carri armati, anche se non ho visto conferma di ciò.

Poi c’è, secondo quanto riferito, la 18a divisione di fucilieri a motore della guardia, come parte dell’11° corpo d’armata delle truppe della flotta baltica di cui ho già parlato l’ultima volta, con il 79° reggimento di fucilieri a motore che opera come parte della 18a divisione.

Uno dei pochi punti in comune prevalenti è che la maggior parte delle unità utilizzate sembrano provenire dal neonato “Distretto Militare di Leningrado”.

Questo messaggio in preda al panico da parte di un resoconto della 57a Brigata ucraina elenca anche le ormai leggendarie truppe penali “Storm-Z” come partecipanti, mentre nomina anche le 125a truppe di difesa territoriale ucraine che hanno abbandonato le loro posizioni a Volchansk per fuggire:

Ancora crisi di cuore in preda al panico da parte delle truppe ucraine sul fronte di Volchansk:

Allo stesso modo è già stato confermato da altri resoconti militari ucraini che l’AFU è stata costretta a ritirare le unità tanto necessarie dai fronti Avdeevka e Chasov Yar per rafforzare il peggioramento della direzione di Kharkov:

Le prime conseguenze dello sfondamento delle truppe russe nella regione di Kharkov. Le cronache militari riferiscono che le forze armate ucraine ritirarono parte delle unità della 42a brigata di fanteria meccanizzata dal fronte vicino a Chasov Yar e trasferirono frettolosamente le truppe a Volchansk, temendo un’ulteriore espansione della testa di ponte e l’introduzione di forze più grandi delle forze armate russe.

Così come Forbes:

Il dilemma, per i leader ucraini, è che una finta può trasformarsi in un’offensiva con poco preavviso, purché i russi riescano a risparmiare le forze dalle loro operazioni a est. “Si tratta di un approccio accorto, considerando i limiti di manodopera dell’Ucraina”, ha scritto l’analista finlandese Joni Askola.

L’esercito ucraino non vuole correre rischi. Elementi di diverse brigate, tra cui la 59a Brigata Motorizzata e la 92a Brigata d’Assalto, sono già a Vovchansk, o in arrivo. In particolare, la 92a Brigata d’assalto porterà con sé i suoi migliori veicoli da combattimento di fanteria CV90.

Il comandante in capo ucraino Oleksandr Syrskyi ha insistito sul fatto che le sue truppe si sarebbero schierate e ridistribuite per adeguarsi alle mosse dei russi. “Siamo consapevoli dei piani del nemico e possiamo rispondere in modo flessibile a tutte le sue azioni”, ha detto Syrskyi.

Nel frattempo, le stesse fonti dell’AFU riferiscono che la Russia ha iniziato utilizzando solo il 7% delle sue forze regionali, aumentando successivamente la percentuale al 15%, il che dovrebbe dare un’idea di ciò che deve ancora venire:

Post Ucraina: C’è molta pressione sui ragazzi. Il profondo è molto difficile, Vovchansk è sotto controllo, ma ci sono tentativi di sfondare. L’occupante sta attirando sempre più forze. Se ieri era coinvolto il 7-8% del totale delle forze schierate nell’area operativa, oggi la percentuale arriva al 15%. Gran parte dell’equipaggiamento nemico fu bruciato. Ma non si fermeranno finché non saranno completamente distrutti.

Ecco una visualizzazione dei combattimenti di una delle unità AFU nelle foreste vicino a Volchansk mentre vengono bombardate dall’artiglieria russa:

Il portavoce del gruppo tattico ucraino Khortitsa, Nazar Voloshin, afferma che oggi la Russia ha lanciato oltre 22 bombe guidate su Volchansk:

L’ISW ha inoltre confermato le avanzate russe e le lamentele dell’AFU:

Continuano ad esserci molti altri progressi russi anche su altri fronti, ma ne parleremo la prossima volta.


Il tuo supporto è prezioso. Se ti è piaciuta la lettura, apprezzerei molto se sottoscrivessi un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo che io possa continuare a fornirti rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa puoi dare un suggerimento qui: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Democrazia, stile russo_di SCOTT RITTER

Vladimir Putin esprime il suo voto online alle elezioni presidenziali russe del 2024

La Russia ha appena concluso tre giorni di processi elettorali che definiranno la direzione interna di quella nazione per i prossimi sei anni e, così facendo, fungeranno da forza trainante della trasformazione globale per i decenni a venire. La Russia ha circa 112,3 milioni di elettori registrati. Dal 15 al 17 marzo, poco più del 77% di loro è uscito allo scoperto e ha votato per chi sarebbe stato il loro presidente per i prossimi sei anni. Una percentuale schiacciante – oltre l’88% – ha votato per il presidente in carica, Vladimir Putin.

Non c’erano dubbi: non c’erano dubbi su quale sarebbe stato l’esito di queste elezioni: Vladimir Putin avrebbe sempre vinto la rielezione.

Non vi sono dubbi: le elezioni presidenziali del 2024 in Russia sono l’evento politico più importante dell’era post-Guerra Fredda, il sottoprodotto di una delle più grandi espressioni di volontà democratica che il mondo vedrà nei tempi moderni.

Guarda la prima ora in diretta su Rumble , X , Facebook , Twitch o Locals . La seconda ora (a partire dalle 21:00 ET) sarà trasmessa in streaming solo su Rumble, X e Locals e conterrà la musica di Bob Dylan. I nostri ospiti speciali venerdì sera sono Malcolm Burn, conduttore di The Long Way Around , che ha registrato e mixato l’album Oh Mercy di Dylan , e Hank Rosenfeld , autore di The Jive 95 .

L’elezione è stata molto più di un voto di fiducia nei confronti di un individuo: Vladimir Putin è stata la forza politica dominante in Russia dall’inizio del secolo, un uomo che, con la sola forza di volontà, ha guidato la Russia fuori dall’oscura catastrofe del negli anni ’90, posizionando la Russia come una delle nazioni più potenti e influenti dell’era moderna.

Le elezioni non rappresentavano un mandato sulla guerra in Ucraina: la questione era stata decisa nell’autunno del 2022, quando la Russia fu costretta a mobilitare la propria manodopera e la propria capacità industriale militare in quella che era stata concepita come una breve campagna militare contro l’Ucraina trasformata in una una lotta militare più ampia e prolungata contro l’Occidente collettivo.

In poche parole, il conflitto in Ucraina non era in ballottaggio nel 2024.

In ballottaggio c’era il futuro della Russia.

Vladimir Putin ha 71 anni. La sua vittoria gli assicura un altro mandato di sei anni. Al termine di questo mandato, nel 2030, Putin avrà 77 anni.

Leonid Brezhnev, ex premier dell’Unione Sovietica

I russi sono studiosi di storia e conoscono fin troppo bene la triste eredità del periodo di stagnazione sovietica, iniziato a metà degli anni ’60 sotto la guida di Leonid Brezhnev. Breznev aveva 75 anni quando morì mentre era in carica, un uomo mentalmente e fisicamente debole. Fu sostituito da Yuri Andropov, che morì due anni dopo all’età di 69 anni, per poi essere sostituito da Konstantin Chernenko, che morì nel 1985 all’età di 73 anni.

Non c’è motivo di credere che Vladimir Putin non manterrà il suo attuale livello di salute fisica e acutezza mentale per il resto del suo nuovo mandato. Ma tutti gli uomini, alla fine, sono stati creati uguali, e le ingiurie del tempo gravano pesantemente su tutti, anche su qualcuno eccezionale come Vladimir Putin.

Nell’ultimo quarto di secolo, Vladimir Putin ha fatto affidamento su un gruppo ristretto di consulenti e funzionari per aiutarlo a guidare la Russia nel suo percorso di ripresa. Sebbene questa squadra abbia dimostrato di essere molto capace, anch’essa è soggetta alle stesse leggi della natura che governano l’esistenza umana come tutti gli altri: cenere alla cenere, polvere alla polvere.

Nessun uomo può vivere per sempre.

La Russia, tuttavia, è eterna nella mente delle persone che costituiscono la nazione russa.

Dopo aver salvato la Russia dalle privazioni degli anni ’90, quando l’Occidente collettivo, guidato dagli Stati Uniti, cospirò per tenere sotto controllo la Russia facendola a pezzi, Vladimir Putin è consapevole delle lezioni della storia che hanno visto cosa succede quando un’élite al potere resiste. al potere per troppo tempo senza pensare a chi prenderà il loro posto.

Mikhail Gorbaciov cercò di far uscire la Russia (l’Unione Sovietica) dal periodo di stagnazione sovietica. Lo fece in modo reattivo, senza un piano ben congegnato, e il risultato fu il crollo dell’Unione Sovietica e l’orribile decennio degli anni ’90.

Se Vladimir Putin dovesse affrontare i prossimi sei anni come una semplice continuazione del suo impressionante mandato in carica, guiderebbe la Russia lungo un percorso in cui si scontrerebbe con la dura amante che costituisce un precedente storico: un uomo anziano, a capo del un sistema di governo che invecchia, senza un piano chiaro su come procedere quando arriverà l’inevitabile appuntamento con il destino.

In breve, se dovesse verificarsi la situazione in cui Vladimir Putin si sentisse obbligato a cercare un ulteriore mandato di sei anni come presidente della Russia nel 2030, allora la Russia si troverebbe molto probabilmente in pericolo di sprofondare in un nuovo periodo di stagnazione in cui i guadagni che sono stati ottenuti fatto nel corso di tre decenni di governo di Putin sarà sprecato, e il potenziale di un collasso sociale paragonabile a quello degli anni ’90 sarà una realtà distinta.

Questo è il motivo per cui il dato statistico importante che emerge dalle elezioni presidenziali russe del 2024 non è l’88% degli elettori che hanno votato a sostegno di Vladimir Putin, ma piuttosto il 77% degli elettori aventi diritto che sono usciti per esprimere il loro sostegno all’elezione presidenziale russa del 2024. Stato russo. I livelli di partecipazione degli elettori sono sempre stati visti come un riflesso della fiducia che un particolare elettorato aveva che il sistema di governo che stavano sostenendo attraverso il loro voto riflettesse al meglio la visione che loro stessi avevano della nazione in cui vivevano.

A titolo di confronto, le elezioni presidenziali del 2020 negli Stati Uniti hanno registrato un tasso di partecipazione record del 66% da parte degli elettori aventi diritto.

Le elezioni presidenziali del 2024 in Russia hanno superato tale soglia di 11 punti percentuali.

Ciò significa che il popolo russo è fiducioso che il 71enne Vladimir Putin non lo condurrà lungo un percorso di inevitabilità storica in cui sarà destinato a ripetere gli errori del passato. Piuttosto, il popolo russo, fiducioso nella direzione in cui Vladimir Putin lo ha portato fino ad oggi, crede che egli sia l’uomo che posizionerà meglio la Russia per poter sostenere questi guadagni, e continuare a prosperare, in un’eventuale Russia post-Putin.

Le elezioni presidenziali russe del 2024 non sono state un voto per mantenere lo status quo.

È stato un voto per il cambiamento.

L’uomo che supervisionerà questo cambiamento è Vladimir Putin.

Manifestazione post-elettorale sulla Piazza Rossa dopo la vittoria di Vladimir Putin alle elezioni presidenziali del 2024

Nei prossimi mesi si prevede l’inizio di un cambio della guardia. I leader russi che hanno aiutato Putin a portare la Russia dove è oggi verranno messi da parte, per essere sostituiti da una generazione più giovane di leader russi che, sotto la guida e la leadership di Vladimir Putin, preparerà la Russia per qualunque sfida la attenderà una volta Vladimir Putin. Putin non è più presidente.

Come si manifesterà questo cambiamento – forse una transizione da un’élite politica incentrata su Mosca a una derivata dalle varie regioni della Russia – è ancora sconosciuto. Ma ci sarà un cambiamento, perché deve esserci un cambiamento.

E questo cambiamento era sulla scheda elettorale.

L’Occidente ha deriso le elezioni presidenziali russe del 2024 definendole una farsa.

Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità.

Le elezioni presidenziali russe del 2024 sono state la manifestazione di una democrazia fiorente, ma una democrazia definita dai russi.

L’Occidente si concentra sull’88% dei russi che hanno votato per Vladimir Putin e deride il risultato considerandolo poco più che una conclusione scontata in un sistema che offriva al popolo una sola vera scelta.

La democrazia russa, tuttavia, è definita dal livello di partecipazione elettorale del 77% e riflette la fiducia del popolo nella capacità dello Stato russo di sottrarlo alla forte posizione che Vladimir Putin ha portato loro e di sostenere questa forza in un periodo post-Putin. era.

Non si è trattato di un voto definito ricertificando il passato, ma piuttosto di un voto che ha dato potere al governo di intraprendere i cambiamenti cruciali necessari per il futuro della nazione russa.

Era la perfetta espressione della democrazia, in stile russo.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Russia, strage al Krokus! Con R. Buffagni, G Gabellini, Max Bonelli, Flavio Basari, Dmitry Kuznetsov

Fonti dell’amministrazione statunitense e l’intera stampa occidentale continuano a sottolineare con enfasi sospetta che gli unici dati certi dell’attentato al Crucus di Mosca sono le vittime e la natura islamica della strage. L’accusa al Cremlino di strumentalizzazione del fatto è implicita e, spessp, esplicita. Dobbiamo necessariamente andare avanti per ipotesi, ma i punti oscuri ed ambigui della vicenda già emersi sono troppi per un giudizio così inequivoco. Ci soffermiano a lungo in proposito nella discussione. Più che di matrice islamica, sono ambiguità che spingerebbero a definire l’atto a coloritura islamica. Sono tesi che, comunque, non escludono, non sono incompatibili con ispirazioni, contributi, pianificazioni ed operatività di ben più alto livello strategico e respiro geopolitico. Comprovata la reiterata connivenza e il contributo di settori dell’intelligence statunitense e britannica sin dagli albori, ma anche di altri paesi europei a noi prossimi operanti in Africa, nella formazione e nella copertura delle formazioni islamiste più militanti e radicali. Probabilmente la completa verità resterà solo nelle mani degli ispiratori e potrebbe essere svelata, per opportunità e in tempi da definire solo dalle parti in causa vittime e/o protagoniste di queste scelte. Dobbiamo affidarci ad ipotesi e, al solito, all’interrogativo: cui prodest? I partecipanti alla conversazione cercano con arguzia di approfondire, ma la risposta appare verosimile e credibile, destinata a pesare, se confermata, come un macigno sul futuro delle dinamiche geopolitiche. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4l7zze-russia-strage-al-krokus-con-r.-buffagni-g-gabellini-max-bonelli-flavio-basa.html

LA LEGITTIMITÁ DI PUTIN, di Teodoro Klitsche de la Grange

LA LEGITTIMITÁ DI PUTIN

1.0 L’esito – scontato – delle elezioni presidenziali in Russia, con un plebiscito a favore di Putin ha suscitato, in Occidente, una copiosa contestazione della legittimità delle stessa (e quindi dell’esito).

A parte il fatto che, indubbiamente, le condizioni in cui si sono svolte e, ancor di più, la storia della Russia – così diversa da quella dell’Europa occidentale – fanno sì che pretendere lì le stesse garanzie normali da noi è come sparare sulla croce rossa. Altro sono le elezioni in Stati che da secoli si sono evoluti in democrazie liberali altro quello di un popolo che, a parte qualche mese nel 1917 (!)fino al 1989 è passato da autocrazia al totalitarismo. Insomma il Cremlino e S. Basilio possono essere belli, ma sicuramente non profumavano di democrazia e libertà come Downing Street.

Tuttavia l’occasione è provvida per tornare sul concetto di legittimità, di cui, specie da noi, si fa, a parte questa occasione un uso parsimonioso e, nemmeno a dirlo, parziale.

La legittimità è definita (trascriviamo il tutto dal Dizionario di politica di Bobbio-Matteucci-Pasquino) consistere “nella presenza in una parte rilevante della popolazione un grado di consenso tale da assicurare l’obbedienza senza che sia necessario, se non in casi marginali, il ricorso della forza” tuttavia “il processo di legittimazione non ha come punto di riferimento lo Stato nel suo complesso, ma i suoi diversi aspetti; la comunità politica, il regime, il governo… Pertanto la legittimazione dello Stato è il risultato di una serie di elementi disposti a livelli crescenti, ciascuno dei quali concorre in modo relativamente indipendente a determinarla”. Riguardo al potere costituito si possono individuare “due tipi fondamentali di comportamento. Se determinati individui o gruppi percepiscono il fondamento e i fini del potere come compatibili o in armonia con il proprio sistema di credenze e operano per la conservazione degli aspetti di fondo della vita politica, il loro comportamento si potrà definire come legittimazione. Se, invece, lo Stato viene percepito nella sua struttura e nei suoi fini come contraddittorio con il proprio sistema di credenze e questo giudizio negativo si traduce in un’azione” allora non c’è legittimazione. Ora Weber individuava tre tipi di legittimità: tradizionale, razionale-legale, carismatica. In genere strumenti istituzionali di verifica della compatibilità dei governanti, con il common sense dei governati si trovano soltanto in un tipo di Stato: quello democratico, soprattutto attraverso le elezioni (a larga base elettorale). Il che non vuol dire che non votandosi in altri tipi di Stato questi non siano legittimi.

Pellicani scrive che “La legittimità è lo specifico attributo che hanno gli Stati che godono di un diffuso consenso da parte dei governati. Essa non va confusa con la legalità, Questa si riferisce al modus operandi del potere sovrano, mentre la legittimità riguarda la titolarità dello stesso. È legittimo il potere che l’opinione pubblica percepisce come l’istituzione che ha il diritto di governare” onde “naturalmente, il principio di legittimità varia da civiltà a civiltà, società e società e da epoca a epoca. Ma la sua funzione è sempre la stessa: quella di conferire a un soggetto (individuale o collettivo) il diritto di comandare e di dare all’obbedienza dei governati una base morale”.

Onde anche se non legittimati elettoralmente, come ad esempio i monarchi negli Stati dell’età moderna (come anche di quella feudale), erano legittimi perché i sudditi credevano che avessero il diritto di comandare. Fino al punto di prendere le armi per difenderne il trono come nell’insurrezione vandeana e nelle guerre partigiane (ossia di popolo) in Italia e in Spagna.

Nel caso di Putin quindi, e premettendo che le elezioni, tenuto conto della situazione interna, hanno comunque dato una legittimazione positiva a Putin

vediamo perché.

Dicono i sondaggi che il Presidente russo goda di un’ampia popolarità, non lontana dalla percentuale di voti favorevoli riscossi. Non sappiamo se fidarcene: comunque bisogna registrarla e cercare in altre, possibili cause il consenso che Putin avrebbe.

In primo luogo se è vero che il concetto più condiviso di legittimità è quello della “coincidenza di valori” o meglio dell’idem sentire de re publica tra governati e governanti è noto che ce n’è anche un altro, dovuto ad Hobbes, cioè della concreta ed effettiva prestazione della protezione da parte dei governanti a fronte dell’obbedienza richiesta ai governati che esponiamo trascrivendola dal Dizionario di politica citato “Quando il potere è stabile ed è in grado di assolvere in modo progressista o conservatore alle proprie funzioni essenziali (difesa, sviluppo economico ecc.), esso fa valere contemporaneamente la giustificazione della propria esistenza, facendo appello a determinate esigenze latenti nelle masse, e con la potenza della propria positività si crea il consenso necessario”. Orbene Putin ha conseguito indubbi risultati positivi nel suo più che ventennale governo della Russia. Emerge dai dati internazionali che il PIL individuale è cresciuto di circa 4 volte (tanto per fare un confronto in Italia la crescita è stata, nello stesso periodo, di pochi punti percentuali).

Quanto alla difesa non ha esitato a difendere lo Stato sia contro le forze secessioniste (v. conflitto ceceno) sia contro le intromissioni internazionali (Georgia ed Ucraina).

Se poi si condivide idea di un pensatore come Bonald secondo il quale la Costituzione è (in primo luogo) il modo di esistenza di un popolo, Putin, sia con le opere che con i discorsi, ha dimostrato di voler proteggere il mondo d’esistenza russo, e ancor più di non volerlo fotocopiare da quello americano-occidentale.

In sostanza la legittimità di Putin può essere contestata ma prendendo come elementi qualificanti l’accettazione  da parte dei governati e la conformità allo spirito e agli interessi nazionali.

2.0 Diversamente gli osservatori occidentali delegittimano Putin sulla base di presupposti e valutazioni ideologiche e soprattutto non riferentesi alla legittimità come rapporto tra capo e seguito, lubrificante del potere e del presupposto del comando/obbedienza. Vediamo come.

Sui soggetti. A giudicare se un potere sia legittimo o meno sono coloro che gli sono soggetti. Cioè i russi e non politici e giornalisti occidentali. Che un potere sia legittimo o meno è un giudizio su fatti: il consenso, la pace, l’ordine. Potrà pure essere un colossale errore condiviso, ma resta il fatto che se i sudditi sono convinti del diritto dei governanti a governare il potere è legittimo. Il fatto che non lo pensino gli stranieri non ha significato e conseguenze di rilievo.

Sui parametri. Anche qui mentre i parametri con cui gli esterni giudicano il potere di Putin sono procedurali e valoriali (e soprattutto non sono – o solo in parte – quelli dei russi); quelli dei russi sono assai più ampi e soprattutto più concreti: a cominciare dall’incremento del benessere economico e della salvaguardia delle specificità nazionali. I diritti LGBTQIA+ e l’attuazione del green deal non sembra che siano in cima alle aspirazioni ed ai giudizi dei russi. Probabilmente una maggiore libertà lo sarebbe: ma tenuto conto che ne hanno sempre avuta poco, quel di più che i governi post-comunisti hanno loro assicurato non appare disprezzabile.

Infine è curioso che a giudicare della legittimità di un governo siano coloro che, con quello, sono in uno stato di ostilità manifesta. A parte il resto, è chiaro che contestare, fino a demolire la legittimità del nemico è una risorsa importante – e spesso decisiva – della guerra psicologica. Perché indebolisce il nemico; e quindi è poco credibile sia come giudizio sine ira et studio che come strumento di pace.

3.0 C’è una terza considerazione da fare: politici e giornalisti omettono di considerare che se Putin deve fare ancora molta strada per essere considerato un ineccepibile liberaldemocratico, anche ad ovest della Vistola ci sono stati e governanti che dovrebbero “rifare gli esami”; e non ci riferiamo al solito Orban. Ma soprattutto all’Italia. Specialmente alla c.d. “seconda repubblica”. Se è vero che Putin è poco liberale, è altrettanto vero che in Italia abbiamo avuto: a) governanti mai eletti dal popolo, non solo in elezioni per la carica di governo ma in nessuna elezione, neppure nell’assemblea di condominio (Monti e Draghi). Per cui è impossibile verificare elettoralmente il consenso che avevano (per Draghi) e verificarne solo a posteriori (per Monti) accertando che godeva di percentuali da prefisso telefonico (v. elezioni europee del 2014 il risultato delle liste “montiane”); b) che tutti i Presidenti del Consiglio dal 2011 sono stati nominati malgrado non designati elettoralmente ma altrove. La prima a infrangere questa costante è proprio la Meloni, che ha rammendato (per noi) lo strappo tra democrazia parlata e oligarchia praticata; c) per essi come per il Presidente della Repubblica a decidere è il Parlamento. Pertanto se Putin ha riportato un consenso plebiscitario, anche se contraffatto, in genere i governanti italiani né sono stati nominati dal popolo, né al popolo piacevano un granché. E questo senza voler approfondire circostanze che, forse, hanno alterato i risultati elettorali in maniera decisiva (v. politiche 2006 con la maggioranza risicata dei voti al centrodestra in una Camera e nell’altra al centrosinistra) e che è superfluo ricordare. In particolare quelli che conseguono al controllo dei principali strumenti di informazione. Per cui se Putin lascia, come liberaldemocratico, a desiderare, certi governanti nostrani non sono certo un esempio di virtù. Anche nel senso di Machiavelli.

Teodoro Klitsche de la Grange

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

LONG LIVE THE KING, di Daniele Lanza

(basi filosofiche di comprensione del voto presidenziale in Russia – 1° parte).
Rammento che una vita fa, presso la cattedra di filosofia politica di Torino, ad un corso di sociologia nel descrivere le caratteristiche psicologiche del processo decisionale se ne sottolineò un aspetto controintuitivo: la logica vuole che l’intensità del dibattito in merito ad un determinato tema aumenti in base alla rilevanza del tema stesso (ovvio)…….accade tuttavia che a volte, quando tale rilevanza è assoluta, allora si verifica l’opposto: la discussione si affievolisce e scompare (!?).
Illogico ? No, una logica esiste: quando una questione ha un’importanza estrema – quando è questione di vita o di morte – allora la decisione è come se fosse già stata presa a priori.
Il dibattito stesso perde rilevanza: occorre AGIRE, nel bene o nel male, non c’è tempo per il dibattito.
Riformulando in maniera ancor più semplice, è il medesimo meccanismo in base al quale le persone spesso nella propria quotidianità perdono le staffe più per la piccole cose che non per quelle grandi (ossia perchè quelle piccole – le trivialità – pensi di poterle cambiare, mentre altre – le più grandi – quelle che obiettivamente sfuggono al tuo livello di controllo, sono percepite come ineluttabilità e quindi semplicemente subite).
Questa premessa è indispensabile per portarci alle elezioni presidenziali russe che si concludono oggi: quelle urne che si chiudono stasera, contengono un risultato già stabilito da molto, molto tempo prima che si aprissero e questo non per brogli o qualsivoglia semplicistica spiegazione che emergerà nei commentari di decine di analisti europei ed occidentali nelle ore a venire.
Come di norma, il limite supremo delle analisi fornite da chi osserva questo paese da una prospettiva ESTERNA (estera) sta nel procedere per analogia……voler interpretare il contesto russo alla stregua di un’appendice d’Europa che non ne segue le regole – configurandosi quindi come anomalia o “canaglia” – e quindi fallendo nel compito di realizzare che ci si trova in una dimensione non europea che si muove secondo un metro differente.
Vogliamo CAPIRE le consultazioni presidenziali che vedranno riconfermato Putin o vogliamo perderci in millimetriche analisi al microscopio ?
Se sì, allora partiamo (partite) da una domanda di fondo come europei: il significato stesso del recarsi a votare.
Per quale ragione tutti noi votiamo ? Cosa ci si può aspettare in concreto ? Facciamo realmente la differenza nel farlo ?
La nostra buona coscienza ci dice di sì, l’educazione civica che ci è stata inculcata dall’infanzia ci dice di sì, anzi ce lo impone. Le istituzioni democratiche lo invocano come base assoluta del nostro sistema. Insomma è moralmente giusto (non lo contesto).
Al tempo medesimo però esiste una domanda che chiunque dovrebbe farsi: giusta ed incontestabile morale a parte, in quale misura la nostra quotidianità o ancor più la politica internazionale dello stato in cui viviamo, CAMBIA in funzione del nostro voto ?
Nel caso delle opulente società europee ed occidentali……….poco o nulla.
Gli stati d’Europa di cui abbiamo conoscenza sono entità “stabilizzate”, in senso sociale/economico e diplomatico. Ovvero entità caratterizzate da un benessere e da una sicurezza quasi totali (comparativamente a tante altre parti del globo) : la verità è che l’Europa è una specie di torre d’avorio, dove tutto è garantito sul piano della politica interna e nulla è da decidere sul piano di quella estera…….che non appartiene più al vecchio continente, il quale si ritrova incastonato – dopo il 1945 – in un sistema che non ne prevede una sovranità geopolitica (devoluta ai centri decisionali d’oltreoceano).
In sintesi (ascoltare con attenzione che è il senso di tutto**): il contesto politico/economico/sociale, stabile e vantaggioso – la cornice globale – entro la quale le società europee vivono è qualcosa di altamente preordinato, standardizzato (e quindi falsato). Un contesto quasi privo del bisogno, o di reali pericoli, dove quasi tutto è già stabilizzato ossia prefissato al di sopra delle nostre teste da molto tempo.
Chi va a votare non può veramente cambiare gli equilibri e l’assetto di fondo della società (con buona pace di chi pensa di poterla democraticamente cambiare) o tantomeno fare la differenza nella posizione e status che il proprio stato nazionale riveste nel contesto internazionale (la politica estera tra l’altro è da sempre sottratta alla volontà dell’elettorato che non può avere voce diretta in capitolo).
Il cittadino UE o di un qualche altro contesto occidentale, quando si reca alle urne lo fa per esercitare un suo giusto diritto, lo fa con qualche aspettativa, lo fa per partito preso o per interessi vari……..ma di sicuro NON lo fa per la SOPRAVVIVENZA.
La società della Federazione Russa si trova invece proprio in questa grave situazione.
La Russia, pur con tutti i propri limiti e disgrazie, è e rimane un mega-stato, con interessi su scala globale, dotato del maggior arsenale nucleare sul pianeta: un paese che non ha abdicato alla propria sovranità geopolitica dopo il conflitti mondiali del XX secolo, malgrado il collasso cui si è assistito nel 1991 (un modo di essere che in occidente chiamano imperialismo, ma in realtà è semplicemente “esistere”, per quanto riguarda lo stato russo nelle condizioni attuali)
Si tratta di una superpotenza che sebbene caduta in grave disgrazia rispetto al proprio apogeo, rimane tale nello spirito e difende la propria sopravvivenza: qualsiasi paragone con gli stati che giudicano a mo di giuria (UE et affini) non è immaginabile.
Il Cremlino cerca (tenta) di difendere ancora un proprio margine di sovranità e identità per quanto possibile, laddove Bruxelles ha già da tempo abdicato a qualsiasi volontà in tal senso.
Questo è il punto di partenza signori: stiamo parlando di due creature distinte, a livello ontologico. Due entità che non si collocano sul medesimo piano: non più di quanto potrebbero esserlo un uomo libero ed uno asservito: il primo lotta, e digrigna i denti in povertà e nel fango per difendere il proprio spazio, assumendosi decisioni difficili……..mentre quello asservito vive un tenore di vita assai migliore……ma in uno spazio NON suo, di benessere artificiale dove di decisioni importanti da prendere non ce ne sono (perchè un’autorità superiore le ha già prese per conto suo). La gentile Europa vive in un MATRIX cinematografico. La Russia, nel mondo vero, con tutto quanto comporta..
La naturale conclusione di tutto questo discorso ? Che la società russa non è chiamata alla urne a scegliere quale sarà il suo “governante” o burocrate standard (di quelli occupati in reimpasti di governo, poltrone varie, aumento del prezzo dei fazzoletti, politiche inclusive, salvaguardia delle aree verdi e sorrisi a Natale). No.
La società russa è convocata scegliere quale dovrà essere la propria GUIDA, il proprio leader militare, un condottiero assoluto in un momento di massima crisi: un individuo col compito di gestire un conflitto che ha bruciato mezzo milione di vite e può portarne via altrettante o addirittura degenerare ad un livello di confronto nucleare con l’occidente, di proporzioni non calcolabili.
E deve anche gestire una rete di rapporti globale con Africa e Cina (quest’ultima alleata sì, ma in modo che nemmeno fagociti il partner).
La società russa si trova a dover eleggere/confermare un comandante in capo che dovrà per davvero decidere della vita e della morte o delle fortune di molti milioni di persone.
Una responsabilità ed un potere del genere ha più a che fare con le prerogative dei monarchi assoluti dei secoli passati che non con le convenzioni democratiche radicate nelle società più avanzate: l’individuo che occupi un ruolo del genere, non può essere eletto col 51% dei voti, come la regola democratica vorrebb……perchè non avrebbe alcun senso, perchè non sta in piedi che la sopravvivenza di una civilizzazione si giochi su una differenza dell’1%. : per muoversi nell’agone della sopravvivenza occorre un mandato molto più solido, che sia assoluto.
OCCORRE l’ ”assoluto” in una situazione in cui versa la Russia (e senza che questo sia un elogio dell’assoluto, perchè non lo è): occorre che qualcuno sia investito dell’autorità “sacra” che serve per fare ciò che va fatto nel bene o nel male.
Difficile su questo punto un dialogo tra le due culture che sono chiaramente l’una l’antitesi dell’altra: laddove un potere pluralista/liberal non può che vedere negativamente un elettorato che esprime l’80% dei suffragi a favore di un candidato (proporzione enorme che fa istintivamente pensare a brogli), al contrario per una cultura più affine al collettivo può risultare dispersivo un sistema che non si regge su un colido consenso di massa, ma che procede in mezzo a funambolismi vari pur di serbare la lievissima maggioranza – 50,1% – su cui si basa il suo potere legale (e di conseguenza massima parte degli sforzi dei neoeletti saranno destinati a mantenere questo vantaggio presso l’elettorato e mantenersi le poltrone piuttosto che far qualcosa di reale per il paese o assumersi rischi imponderabili).
La società russa ne è implicitamente, fatalmente consapevole: sa per chi deve votare e perchè questo è necessario (prescindere dalla simpatia del prescelto).
Esercita il suo diritto per mezzo dei mezzi consultivi che l’era contemporanea mette a disposizione, andando quasi a costituire un’aporia: scegliere qualcosa di concettualmente “assoluto” servendosi di mezzi generati dalla mentalità “democratica”, elettiva (su tale incongruenza ci sarebbe una riflessione a sè, ma non la farò qui).
EPILOGO nel prossimo capitolo.
 
*** Tanto per lasciare lo spazio della filosofia e tornare ai numeri veri e propri: Putin poco al di sotto del 90% al voto popolare
(…..ecco, ora mi piacerebbe sapere con quali persone si organizzerà una rivoluzione colorata filoliberale sotto il Cremlino. Vorrei proprio vederla questa “massa” contro il regime…)
La locandina in basso indica lo spoglio in corso: rileva al momento un’affluenza del 73.33 % (ma che si riferisce solo al voto “fisico” ossia senza ancora i voti online che verranno processati per ultimi e vengono in prevalenza da zone molto pesanti demograficamente, come Mosca e San Pietroburgo. Si può quindi stimare un dato di affluenza finale prossimo che si assesta tra il 75-80% dell’elettorato).
Vladimir Putin è all’87.8 % (nelle precedenti del 2018, stava al 76%).
Vorrei far notare (al lettore che non conosce contesto e lingua) ancora un paio di cose in merito agli altri concorrenti: il n° 2 Kharitonov, rappresenta il Partito comunista….il quale per posizioni in politica estera prevederebbe un’agenda anche più radicale e netta di quella di Putin stesso.
L’ultimo della colonna poi rappresenta lo LDPR ossia il partito storico dell’estrema destra nazionalista.
Mettete assieme il tutto e vedete quanto lo schieramento “identitario/patriotticco” abbia nel paese
ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Post scriptum alla Panoramica del discorso sullo stato della nazione di Vladimir Putin, di gilbert doctorow

Post scriptum alla Panoramica del discorso sullo stato della nazione di Vladimir Putin

In calce il discorso integrale_Giuseppe Germinario

gilbertdoctorow

1 marzo

Il discorso di Putin di due ore e cinque minuti è stato molto ricco di idee e la mia panoramica di ieri era incompleta. In quanto segue, mi propongo di rivolgere l’attenzione su alcuni ulteriori elementi del discorso che meritano di essere discussi.

Vale la pena ricordare che durante il discorso Vladimir Putin ha spiegato più di una volta che molte delle nuove iniziative che stava promuovendo per essere attuate nel suo prossimo mandato, nel caso fosse eletto, provenivano dagli incontri degli ultimi mesi con cittadini comuni, uomini d’affari e con gruppi civici mentre viaggiava attraverso il paese. Il passaggio dai concetti neo-liberali di gestione economica che erano così dominanti prima che il Cremlino mettesse l’economia sul piede di guerra a un approccio più dirigista focalizzato sull’innalzamento della qualità della vita per la stragrande maggioranza della popolazione odierna riflette questo approccio “dell’orecchio a terra”.

In Occidente si presume che solo la democrazia rappresentativa possa garantire la promozione degli interessi della popolazione in generale, ma questo è un mito. Sappiamo tutti quanto poco le opinioni dell’elettorato influenzino l’impostazione della politica estera nell’UE, per fare solo un esempio, e in questi giorni di sanzioni autodistruttive contro la Russia nulla potrebbe essere più immediatamente collegato allo stato dell’economia e benessere della popolazione dell’UE rispetto alla sua politica estera.

La “democrazia gestita” della Russia sotto Vladimir Putin trae vantaggio dal modo in cui The Boss insiste nell’uscire dalla sua ristretta cerchia di consiglieri e nell’incontrare personalmente persone di ogni ceto sociale per eseguire il proprio confronto con la realtà. Per coloro che dubitano delle mie parole, vi rimando a Jacques Baud, autore di L’arte russa della guerra . Baud ci racconta che lo Stato Maggiore russo è in comunicazione diretta con i soldati e gli ufficiali in trincea e riceve regolarmente da loro consigli su come migliorare tattiche e strategie. Perché allora la leadership civile russa dovrebbe essere meno ramificata?

Come ho detto ieri, i piani di sviluppo di Putin per il futuro della Russia nei prossimi sei anni comprendono molte componenti di welfare sociale. È importante notare che non si parla di “spese”. No, sono visti come investimenti nel futuro del paese che verranno ripagati profumatamente in rubli e copechi da una cittadinanza più sana, più istruita e che guadagna più reddito imponibile. La differenza di approccio non si vede nelle intestazioni del registro del Tesoro, ma è ora e sarà nella mente dei legislatori mentre valutano gli stanziamenti.

A proposito di tasse, ieri non ho menzionato la notevole proposta del Presidente, arrivata nel verbale finale del discorso, di sostituire il regime fisso di imposta sul reddito del 15% introdotto da Putin all’inizio del suo primo mandato. da un’imposta progressiva che preleva di più dai pochi ricchi e di meno dagli strati più poveri della popolazione. L’obiettivo è salire di livello, ridurre le enormi disparità di reddito tra la popolazione russa. Questa proposta non è stata concretizzata. Direi che si è trattato di un periodo di prova per quello che sarà un duro dibattito sui principi fiscali nei prossimi mesi.

Infine, rivolgo l’attenzione ai piani di Vladimir Putin di creare nuove “élite” nella società russa promuovendo i veterani delle Operazioni Militari Speciali che si sono distinti per eroismo a posizioni di leadership nel governo e negli affari. Senza dirlo esplicitamente, l’idea è quella di sostituire i ladri e gli astuti operatori che hanno fatto fortuna e consolidato la loro posizione privilegiata nella società durante i selvaggi anni ’90 con persone autenticamente patriottiche e coraggiose, con persone che si sono dimostrate sul campo di battaglia. In particolare, a questi eroi verrà offerto l’ingresso nelle migliori istituzioni di istruzione superiore della nazione per prepararli ai loro futuri ruoli nella vita civile o nell’esercito, se desiderano continuare la loro carriera lì.

Questa idea non è venuta dal nulla. Una politica simile di mobilità sociale venne praticata in URSS negli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale. Mi ricorda anche il ‘GI Bill’ che autorizzava i veterani statunitensi della Seconda Guerra Mondiale e della Guerra di Corea a ottenere un’istruzione superiore gratuita, mutui immobiliari a basso costo e simili. Quando sono entrato nel mondo delle multinazionali americane negli anni ‘80, molti dei massimi dirigenti erano proprio ex alti ufficiali militari.

Proprio l’idea di ammettere i portatori di medaglie al valore sul campo di battaglia alle migliori università senza obbligarli a superare i consueti esami di ammissione è stata oggetto di discussione nei talk show russi negli ultimi mesi. Ciò ha suscitato polemiche, con obiezioni particolari sollevate proprio alla vigilia del discorso di Putin avanzato da Vladimir Solovyov. L’oppositore era il preside della facoltà di affari internazionali dell’Università statale di Mosca, il quale non poteva accettare che alle lezioni venissero ammesse persone senza le conoscenze di base adeguate. Tuttavia è possibile che alla base di questa opposizione ci siano altre obiezioni, vale a dire quelle politiche. Non sarebbe un’esagerazione affermare che i docenti universitari in Russia tendono ad essere più liberali rispetto alla popolazione generale, e il pensiero di dover affrontare eroi di guerra patriottici in classe potrebbe intimidire i docenti.

Esattamente per la stessa ragione l’idea gode del sostegno dei legislatori russi dalla mentalità più conservatrice che compaiono anche nello show di Solovyov. Se non è possibile eliminare i sostenitori meno entusiasti di Putin tra i docenti, allora portare degli eroi in classe potrebbe far sì che i docenti liberali si mordano la lingua.

©Gilbert Doctorow, 2024

Presidente della Russia Vladimir Putin: Senatori, Deputati della Duma di Stato,

cittadini della Russia,

Lo scopo principale di ogni discorso all’Assemblea federale è quello di offrire una prospettiva lungimirante. Oggi discuteremo non solo i nostri piani a breve termine, ma anche i nostri obiettivi strategici e le questioni che, a mio avviso, sono fondamentali per garantire uno sviluppo stabile a lungo termine del nostro Paese.

Questo programma d’azione e le misure specifiche che include sono in gran parte il risultato dei miei viaggi nelle regioni e delle conversazioni che ho avuto con i lavoratori e gli ingegneri degli stabilimenti civili e della difesa, così come con i medici, gli insegnanti, i ricercatori, i volontari, gli imprenditori, le grandi famiglie, con i nostri eroi in prima linea, i volontari, i soldati e gli ufficiali delle Forze Armate russe. Naturalmente, è chiaro che queste conversazioni, questi incontri non nascono dal nulla, ma sono organizzati. Tuttavia, questi scambi offrono alle persone l’opportunità di parlare dei loro bisogni più urgenti. Molte idee sono venute da importanti forum della società civile e di esperti.

Le proposte presentate dalla nostra gente, le loro aspirazioni e le loro speranze sono diventate la base, il pilastro principale dei progetti e delle iniziative che saranno annunciati anche oggi, durante questo discorso. Spero che la discussione pubblica su questi temi continui, perché solo insieme possiamo realizzare tutti i nostri piani. In effetti, ci attendono compiti importanti.

Abbiamo già dimostrato di essere in grado di raggiungere gli obiettivi più impegnativi e di rispondere a qualsiasi sfida, anche la più temibile. Per esempio, c’è stato un tempo in cui abbiamo respinto l’aggressione terroristica internazionale e preservato la nostra unità nazionale, evitando che il nostro Paese venisse fatto a pezzi.

Abbiamo sostenuto i nostri fratelli e sorelle; abbiamo appoggiato la loro decisione di stare con la Russia e quest’anno ricorre il decimo anniversario della leggendaria Primavera russa. Ma ancora oggi, l’energia, la sincerità e il coraggio dei suoi eroi – gli abitanti della Crimea, di Sebastopoli e del Donbass ribelle – il loro amore per la Madrepatria, che hanno portato avanti per generazioni, rende naturalmente orgogliosi. Questo ci ispira e rafforza la nostra fiducia nel fatto che supereremo qualsiasi cosa, che saremo in grado di fare qualsiasi cosa insieme.

È così che – tutti insieme – siamo riusciti a eliminare la minaccia mortale della pandemia Covid-19 proprio di recente. Inoltre, così facendo, abbiamo anche dimostrato al mondo che nella nostra società prevalgono valori come la compassione, il sostegno reciproco e la solidarietà.

E oggi, quando la nostra Madrepatria sta difendendo la sua sovranità e la sua sicurezza, difendendo le vite dei nostri compatrioti nel Donbass e in Novorossiya, i nostri cittadini stanno giocando il ruolo decisivo in questa giusta lotta: la loro unità e devozione al nostro Paese e la nostra responsabilità condivisa per il suo futuro.

Hanno dimostrato chiaramente e inequivocabilmente queste qualità all’inizio dell’operazione militare speciale, quando è stata sostenuta dalla maggioranza assoluta dei russi. Nonostante le prove più dure e le perdite più amare, la gente è rimasta irremovibile nella sua scelta e la sta riaffermando cercando di fare il più possibile per il proprio Paese e per il bene comune.

Le industrie russe lavorano su tre turni per realizzare tutti i prodotti di cui il fronte ha bisogno. L’intera economia, che fornisce le basi industriali e tecnologiche per la nostra vittoria, ha dimostrato flessibilità e resilienza. Vorrei ringraziare tutti i dirigenti d’azienda, gli ingegneri, gli operai e gli agricoltori per il loro lavoro responsabile e duro nell’interesse della Russia.

Milioni di persone hanno aderito alla campagna Noi siamo insieme e al progetto del Fronte Popolare Russo Tutto per la Vittoria! Negli ultimi due anni, le imprese russe hanno donato miliardi di rubli alle organizzazioni di volontariato e alle fondazioni di beneficenza che sostengono i nostri soldati e le loro famiglie.

Le persone inviano lettere e pacchi, vestiti caldi e reti mimetiche al fronte; donano denaro dai loro risparmi, a volte molto modesti. Ancora una volta, questo tipo di assistenza è inestimabile: è il contributo di tutti alla vittoria comune. I nostri eroi al fronte, nelle trincee, dove è più difficile, sanno che tutto il Paese è con loro.

Desidero riconoscere la Fondazione Difensori della Patria, il Comitato delle Famiglie dei Guerrieri della Patria e altre associazioni pubbliche per il loro instancabile impegno. Esorto le autorità a tutti i livelli a continuare a fornire un sostegno incrollabile alle famiglie dei nostri eroi, compresi i loro genitori, coniugi e figli, che attendono con ansia il ritorno in sicurezza dei loro cari.

Sono grato ai partiti parlamentari per essersi uniti intorno agli interessi nazionali. Il sistema politico russo è uno dei pilastri della sovranità del nostro Paese. Continueremo a far progredire le istituzioni democratiche e a resistere a qualsiasi interferenza esterna nei nostri affari interni.

Il cosiddetto Occidente, con le sue pratiche coloniali e la sua propensione a fomentare conflitti etnici in tutto il mondo, non solo cerca di ostacolare il nostro progresso, ma immagina anche una Russia che sia uno spazio dipendente, in declino e in via di estinzione, dove poter fare quello che vuole. In realtà, vogliono replicare in Russia ciò che hanno fatto in numerosi altri Paesi, tra cui l’Ucraina: seminare discordia in casa nostra e indebolirci dall’interno. Ma si sbagliavano, e ciò è divenuto abbondantemente chiaro ora che si sono scontrati con la ferma volontà e la determinazione del nostro popolo multietnico.

I nostri soldati e ufficiali – cristiani e musulmani, buddisti e seguaci dell’ebraismo, persone che rappresentano etnie, culture e regioni diverse – hanno dimostrato con le loro azioni, che sono più forti di mille parole, che la coesione e l’unità secolari del popolo russo sono una forza formidabile e invincibile. Tutti loro, spalla a spalla, stanno combattendo per la nostra comune Madrepatria.

Insieme, come cittadini della Russia, saremo uniti nella difesa della nostra libertà e del nostro diritto a un’esistenza pacifica e dignitosa. Tracceremo il nostro percorso, per salvaguardare la continuità delle generazioni, e quindi la continuità dello sviluppo storico, e affronteremo le sfide che attendono il Paese sulla base della nostra visione del mondo, delle nostre tradizioni e delle nostre convinzioni, che trasmetteremo ai nostri figli.

Amici,

La difesa e il rafforzamento della sovranità sono in corso in tutti i settori, soprattutto in prima linea, dove le nostre truppe combattono con fermezza e altruismo.

Sono grato a tutti coloro che combattono per gli interessi della Patria, che sopportano il crogiolo delle prove militari e mettono in gioco la propria vita ogni giorno. L’intera nazione ha il più profondo rispetto per la vostra impresa, piange i morti e la Russia ricorderà sempre i suoi eroi caduti.

(Un momento di silenzio).

Le nostre Forze Armate hanno acquisito una grande esperienza, anche in termini di coordinamento di tutte le ali dell’esercito, oltre a padroneggiare le più recenti tattiche e metodi di guerra. Questo sforzo ci ha dato tanti comandanti di talento e di esperienza che hanno a cuore i loro uomini e sono diligenti nello svolgere le loro missioni, sanno come usare nuovi equipaggiamenti e sono efficaci nel portare a termine i loro incarichi. Vorrei sottolineare che questo avviene a tutti i livelli, dai plotoni e dalle unità operative fino al comando supremo.

Siamo consapevoli delle sfide che dobbiamo affrontare. Esse esistono. Detto questo, sappiamo anche cosa bisogna fare per affrontarle. A questo proposito, è in corso uno sforzo continuo e incessante, sia in prima linea che nelle retrovie, per migliorare il potere d’attacco dell’Esercito e della Flotta, per renderli più tecnologici ed efficaci.

Le Forze Armate hanno ampliato di molto le loro capacità di combattimento. Le nostre unità hanno preso l’iniziativa e non la cederanno. Avanzano con fiducia in diversi teatri operativi e liberano altri territori.

Non siamo stati noi a iniziare la guerra nel Donbass, ma, come ho già detto più volte, faremo di tutto per porvi fine, sradicare il nazismo e raggiungere tutti gli obiettivi dell’operazione militare speciale, oltre a difendere la sovranità e garantire la sicurezza del nostro popolo.

Le forze nucleari strategiche sono in stato di massima allerta e la capacità di usarle è assicurata. Abbiamo già realizzato o stiamo per realizzare tutti i nostri piani in termini di armi, in linea con quanto ho detto nel mio discorso del 2018.

Kinzhal, il complesso ipersonico a lancio aereo, non solo è entrato in servizio in combattimento, ma si è dimostrato efficace nell’effettuare attacchi contro obiettivi critici durante l’operazione militare speciale. Allo stesso modo, Zircon, un complesso missilistico ipersonico basato su nave, ha già prestato servizio in combattimento. Non è stato nemmeno menzionato durante il discorso del 2018, ma anche questo sistema missilistico è entrato in servizio in combattimento.

Anche i missili ipersonici ICBM Avangard e i complessi laser Peresvet sono entrati in servizio in combattimento. Il Burevestnik, un missile da crociera con gittata illimitata, sta per completare la fase di test, così come il Poseidon, un veicolo sottomarino senza equipaggio. Questi sistemi hanno dimostrato di soddisfare gli standard più elevati e non sarebbe esagerato dire che offrono capacità uniche. Le nostre truppe hanno anche ricevuto i primi missili balistici pesanti Sarmat prodotti in serie. Presto ve li mostreremo in servizio di allerta nelle aree di schieramento.

Gli sforzi per sviluppare diversi altri nuovi sistemi d’arma continuano, e ci aspettiamo di sentire ancora di più sui risultati ottenuti dai nostri ricercatori e produttori di armi.

La Russia è pronta al dialogo con gli Stati Uniti sulle questioni di stabilità strategica. Tuttavia, è importante chiarire che in questo caso abbiamo a che fare con uno Stato i cui circoli dirigenti stanno compiendo azioni apertamente ostili nei nostri confronti. Quindi, intendono seriamente discutere con noi di questioni di sicurezza strategica e allo stesso tempo cercano di infliggere alla Russia una sconfitta strategica sul campo di battaglia, come dicono loro stessi.

Ecco un buon esempio della loro ipocrisia. Di recente hanno lanciato accuse infondate, in particolare contro la Russia, riguardo ai piani di dispiegamento di armi nucleari nello spazio. Queste false narrazioni, e questa storia è inequivocabilmente falsa, hanno lo scopo di coinvolgerci in negoziati sulle loro condizioni, che andranno solo a vantaggio degli Stati Uniti.

Allo stesso tempo, hanno bloccato la nostra proposta che è sul tavolo da oltre 15 anni. Mi riferisco all’accordo sulla prevenzione del dispiegamento di armi nello spazio, che abbiamo redatto nel 2008. Non c’è stata alcuna reazione. Non è assolutamente chiaro di cosa stiano parlando.

Pertanto, ci sono ragioni per sospettare che l’interesse professato dall’attuale amministrazione statunitense a discutere di stabilità strategica con noi sia solo demagogia. Vogliono semplicemente dimostrare ai loro cittadini e al mondo, soprattutto in vista delle elezioni presidenziali, che continuano a governare il mondo, che parlerebbero con i russi quando ciò li avvantaggia e che non c’è nulla di cui parlare e che altrimenti cercheranno di infliggerci una sconfitta. Business as usual, come si suol dire.

Ma questo è inaccettabile, ovviamente. La nostra posizione è chiara: se si vuole discutere di questioni di sicurezza e stabilità che sono cruciali per l’intero pianeta, questo deve essere fatto come un pacchetto che includa, ovviamente, tutti gli aspetti che hanno a che fare con i nostri interessi nazionali e che hanno un’influenza diretta sulla sicurezza del nostro Paese, la sicurezza della Russia.

Siamo anche consapevoli dei tentativi occidentali di trascinarci in una corsa agli armamenti, esaurendoci così, rispecchiando la strategia impiegata con successo con l’Unione Sovietica negli anni Ottanta. Vi ricordo che nel 1981-1988 la spesa militare dell’Unione Sovietica ammontava al 13% del PIL.

Il nostro imperativo attuale è quello di potenziare la nostra industria della difesa in modo da aumentare le capacità scientifiche, tecnologiche e industriali del nostro Paese. Dobbiamo allocare le risorse nel modo più oculato possibile, promuovendo un’economia efficiente per le Forze armate e massimizzando il rendimento di ogni rublo della nostra spesa per la difesa. È fondamentale per noi accelerare la risoluzione dei problemi sociali, demografici, infrastrutturali e di altro tipo che dobbiamo affrontare, migliorando al contempo la qualità degli equipaggiamenti dell’Esercito e della Marina russi.

Questo vale soprattutto per le forze di impiego generale, affinando i principi della loro organizzazione e distribuendo alle truppe sistemi avanzati di attacco senza equipaggio, sistemi di difesa aerea e di guerra elettronica, di ricognizione e di comunicazione, armi di alta precisione e altri tipi di armi.

Dobbiamo rafforzare le forze nel teatro strategico occidentale per contrastare le minacce poste dall’ulteriore espansione della NATO verso est, con l’ingresso di Svezia e Finlandia nell’alleanza.

L’Occidente ha provocato conflitti in Ucraina, in Medio Oriente e in altre regioni del mondo propagandando costantemente falsità. Ora hanno l’audacia di dire che la Russia ha intenzione di attaccare l’Europa. Ci credete? Sappiamo tutti che le loro affermazioni sono del tutto prive di fondamento. Allo stesso tempo, stanno selezionando gli obiettivi da colpire sul nostro territorio e stanno valutando i mezzi di distruzione più efficaci. Ora hanno iniziato a parlare della possibilità di dispiegare contingenti militari della NATO in Ucraina.

Ma ricordiamo cosa è successo a coloro che hanno inviato i loro contingenti sul territorio del nostro Paese già una volta. Oggi, qualsiasi potenziale aggressore dovrà affrontare conseguenze ben più gravi. Devono capire che anche noi abbiamo armi – sì, lo sanno, come ho appena detto – in grado di colpire obiettivi sul loro territorio.

Tutto ciò che stanno inventando ora, spaventando il mondo con la minaccia di un conflitto con armi nucleari, che potenzialmente significherebbe la fine della civiltà – non se ne rendono conto? Il problema è che si tratta di persone che non hanno mai affrontato una profonda avversità; non hanno alcuna concezione degli orrori della guerra. Noi – anche la generazione più giovane di russi – abbiamo sopportato tali prove durante la lotta al terrorismo internazionale nel Caucaso e ora nel conflitto in Ucraina. Ma continuano a pensare a questo come a una sorta di cartone animato.

In effetti, proprio come qualsiasi altra ideologia che promuove il razzismo, la superiorità nazionale o l’eccezionalismo, la russofobia è accecante e stupefacente. Gli Stati Uniti e i loro satelliti hanno infatti smantellato il sistema di sicurezza europeo, creando rischi per tutti.

È chiaro che nel prossimo futuro in Eurasia dovrà essere creato un nuovo quadro di sicurezza uguale e indivisibile. Siamo pronti a una discussione concreta su questo tema con tutti i Paesi e le associazioni che possono essere interessati. Allo stesso tempo, vorrei ribadire (credo sia importante per tutti) che nessun ordine internazionale duraturo è possibile senza una Russia forte e sovrana.

Ci sforziamo di unire gli sforzi della maggioranza globale per rispondere alle sfide internazionali, come la turbolenta trasformazione dell’economia mondiale, del commercio, della finanza e dei mercati tecnologici, quando i vecchi monopoli e gli stereotipi ad essi associati stanno crollando.

Ad esempio, nel 2028, i Paesi BRICS, tenendo conto dei nuovi membri, creeranno circa il 37% del PIL globale, mentre i numeri del G7 scenderanno sotto il 28%. Queste cifre sono eloquenti perché la situazione era completamente diversa solo 10 o 15 anni fa. Me lo avete già sentito dire pubblicamente. Queste sono le tendenze, vedete. Queste sono le tendenze globali e non si può sfuggire ad esse perché sono la realtà oggettiva.

Guardate, nel 1992 la quota dei Paesi del G7 nel PIL mondiale in termini di PPA era del 45,7%, mentre i Paesi BRICS (questa associazione non esisteva nel 1992) rappresentavano solo il 16,5%. Nel 2022, tuttavia, il G7 rappresentava il 30,3%, mentre i BRICS il 31,5%. Nel 2028, la percentuale si sposterà ancora di più a favore dei BRICS, con il 36,6%, mentre il dato previsto per il G7 è del 27,8%. Non si può prescindere da questa realtà oggettiva, che rimarrà tale indipendentemente da ciò che accadrà in seguito, anche in Ucraina.

Continueremo a lavorare con i Paesi amici per creare corridoi logistici efficaci e sicuri, affidandoci a soluzioni all’avanguardia per la costruzione di una nuova architettura finanziaria globale che sia libera da qualsiasi interferenza politica. Ciò è particolarmente importante se si considera che l’Occidente sta minando le proprie valute e il proprio sistema bancario segando letteralmente il ramo su cui è seduto.

I principi di uguaglianza e di rispetto degli interessi reciproci ci guidano nelle interazioni con i nostri partner. È per questo che sempre più Paesi hanno cercato di partecipare alle attività dell’UEEA, della SCO, dei BRICS e di altre associazioni che coinvolgono la Russia. Vediamo molte promesse nel progetto di costruzione di un Grande Partenariato Eurasiatico e nell’allineamento dei processi di integrazione all’interno dell’Unione Economica Eurasiatica e dell’Iniziativa Belt and Road della Cina.

Il dialogo della Russia con l’ASEAN ha registrato uno slancio positivo. I vertici Russia-Africa hanno rappresentato una vera e propria svolta, con il continente africano sempre più deciso a perseguire i propri interessi e a godere di un’autentica sovranità. Sosteniamo sinceramente queste aspirazioni.

La Russia intrattiene relazioni positive e di lunga data con gli Stati arabi, che hanno una civiltà unica e vibrante che abbraccia il Nord Africa e il Medio Oriente. Siamo convinti che dobbiamo trovare nuovi punti di convergenza con i nostri amici arabi e approfondire i nostri partenariati in tutti i settori. La stessa visione guiderà le nostre relazioni con l’America Latina.

A parte questo, vorrei chiedere al Governo di stanziare maggiori fondi per i programmi internazionali di promozione della lingua russa e della nostra cultura multietnica, principalmente all’interno dello spazio della CSI, ma anche in tutto il mondo.

Tra l’altro, amici e colleghi, sono certo che molti di voi sono stati alla mostra sulla Russia. La gente ci va per vedere quanto è ricca e vasta la nostra patria e per mostrarla ai propri figli. L’Anno della famiglia è stato lanciato lì. I valori dell’amore, del sostegno reciproco e della fiducia si tramandano di generazione in generazione, proprio come la nostra cultura, le nostre tradizioni, la nostra storia e i nostri principi morali.

Ma lo scopo principale della famiglia è quello di avere figli, di procreare, di crescere i bambini e quindi di garantire la sopravvivenza della nostra nazione multietnica. Possiamo vedere ciò che sta accadendo in alcuni Paesi, dove le norme morali e la famiglia vengono deliberatamente distrutte e intere nazioni vengono spinte all’estinzione e alla decadenza. Noi abbiamo scelto la vita. La Russia è stata e rimane una roccaforte dei valori tradizionali su cui si regge la civiltà umana. La nostra scelta è sostenuta dalla maggioranza delle persone nel mondo, compresi milioni di persone nei Paesi occidentali.

È vero, oggi i tassi di natalità sono in calo in Russia e in molti altri Paesi. Secondo i demografi, questa sfida è legata ai cambiamenti sociali, economici, tecnologici, culturali e di percezione dei valori in tutto il mondo. I giovani ricevono un’istruzione, cercano di fare carriera e di migliorare le proprie condizioni di vita, lasciando i figli per il futuro.

È ovvio che l’economia e la qualità del settore sociale non sono gli unici fattori che influenzano la demografia e il tasso di natalità. Anche le scelte di vita incoraggiate in famiglia, dalla nostra cultura e dall’istruzione hanno un impatto enorme. Tutti i livelli di governo, la società civile e il clero di tutte le nostre religioni tradizionali devono contribuire a questo obiettivo.

Il sostegno alle famiglie con bambini è la nostra scelta morale fondamentale. La famiglia con più figli deve diventare una norma, la filosofia sociale di base e il fulcro della strategia statale. (Applausi) Mi unisco ai vostri applausi.

Dobbiamo garantire una crescita sostenibile del tasso di natalità entro i prossimi sei anni. Con questo obiettivo, prenderemo altre decisioni riguardanti il sistema educativo e lo sviluppo regionale ed economico. Parlerò del sostegno alle famiglie e del miglioramento della loro qualità di vita in quasi tutte le parti dell’Indirizzo. Abbiate pazienza, perché ho appena iniziato. Anche tutto ciò che ho già detto è importante, ma ora parlerò delle questioni più importanti.

Inizierò con una questione importante, per usare un eufemismo, ovvero il basso reddito di molte famiglie numerose. Nel 2000, più di 42 milioni di russi vivevano al di sotto della soglia di povertà, ma da allora la situazione è cambiata radicalmente. Alla fine dello scorso anno, il numero di persone che vivevano al di sotto della soglia di povertà è sceso a 13,5 milioni, che è comunque molto. Ma siamo costantemente impegnati a trovare una soluzione a questo problema.

Di recente sono state adottate diverse misure. Ad esempio, dal 1° gennaio 2023 è stato introdotto un assegno mensile unico per le famiglie a basso reddito. L’assegno è erogato dal momento della gravidanza della madre fino al compimento del 17° anno di età del bambino. L’anno scorso ne hanno beneficiato più di 11 milioni di persone.

Abbiamo semplificato drasticamente la procedura per la stipula di un contratto sociale, dando priorità alle famiglie numerose. Ora la domanda per un contratto sociale può essere presentata attraverso il sito web di Gosuslugi (servizi governativi) con una serie minima di documenti. Lavoreremo per ampliare la disponibilità di questo servizio, che richiederà un finanziamento supplementare di 100 miliardi di rubli. Questi fondi sono già stati accantonati. In generale, tutte le spese aggiuntive che menzionerò sono state messe a bilancio.

Per ribadire che la povertà rimane un problema acuto che oggi colpisce direttamente più del 9% della popolazione. Secondo gli esperti, il tasso di povertà tra le famiglie con molti figli è di circa il 30%. Dobbiamo fissare obiettivi chiari e raggiungerli con coerenza. Entro il 2030, il tasso di povertà complessivo in Russia dovrà essere inferiore al 7% e, per le famiglie numerose, non dovrà superare il 12%, ovvero meno della metà dell’attuale 30%. In altre parole, dobbiamo porre particolare enfasi sugli sforzi per ridurre la povertà, in primo luogo per le famiglie con molti figli.

So che sconfiggere la povertà non è facile e che si tratta di uno sforzo assolutamente sistemico e multivettoriale. Quindi, per ribadire, è importante assicurarsi che tutto ciò che facciamo in questo settore, e ogni strumento che utilizziamo, sia efficace ed efficiente e produca risultati reali e tangibili per la nostra gente e le nostre famiglie.

Abbiamo bisogno di uno sforzo ininterrotto volto a migliorare la qualità della vita delle famiglie con figli e a sostenere la natalità. Per raggiungere questo obiettivo, lanceremo un nuovo progetto nazionale intitolato “Famiglia”.

Parlerò ora di alcune iniziative specifiche.

Innanzitutto, oltre ai programmi federali, le regioni russe stanno attuando misure proprie per sostenere le famiglie con bambini. Vorrei soprattutto ringraziare i miei colleghi per questo lavoro e proporre di fornire ulteriore assistenza alle regioni in cui il tasso di natalità è inferiore alla media nazionale. Ciò è particolarmente importante per la Russia centrale e nordoccidentale. Nel 2022, 39 regioni avevano un tasso di fertilità totale inferiore alla media nazionale. Entro la fine del 2030, convoglieremo almeno 75 miliardi di rubli a queste regioni affinché possano aumentare i loro programmi di sostegno alla famiglia. I fondi inizieranno ad essere erogati l’anno prossimo.

In secondo luogo, l’anno scorso in Russia sono stati costruiti più di 110 milioni di metri quadrati di alloggi, ovvero il 50% in più rispetto al livello più alto dell’era sovietica, raggiunto nel 1987. All’epoca furono costruiti 72,8 milioni di metri quadrati, mentre ora il risultato è di 110 milioni.

Ma soprattutto, negli ultimi sei anni, milioni di famiglie russe si sono trasferite in alloggi più grandi o migliori; oltre 900.000 di loro hanno usufruito del programma di mutui per le famiglie – quello lanciato nel 2018, per intenderci. Nel corso del tempo abbiamo ampliato costantemente l’ammissibilità a questo programma, passando dalle famiglie con due o più figli a quelle con un solo figlio. Il programma continuerà fino a luglio 2024. Propongo di estenderlo ulteriormente fino al 2030, mantenendone i parametri di base. Particolare attenzione va prestata alle famiglie con bambini al di sotto dei sei anni; per queste famiglie il tasso d’interesse preferenziale del prestito rimarrà al sei per cento.

C’è dell’altro. Attualmente il governo sovvenziona 450.000 rubli del mutuo di una famiglia che ha un terzo figlio. Propongo di estendere questa misura fino al 2030. Quest’anno, questo piano di sostegno richiederà quasi 50 miliardi di rubli; l’importo aumenterà ulteriormente, ma abbiamo i soldi per farlo.

Il nostro obiettivo più ampio è quello di rendere gli alloggi in costruzione più accessibili per le famiglie e di garantire un rinnovamento del patrimonio abitativo del Paese a livello di sistema.

In terzo luogo, in Russia ci sono oltre due milioni di famiglie con tre o più figli. È ovvio che siamo molto orgogliosi di queste famiglie.

Ecco cosa volevo dire a questo proposito. Guardate questi numeri: sono cifre reali. Tra il 2018 e il 2022, il numero di famiglie con molti figli in Russia è aumentato del 26,8%, il che è un risultato positivo.

Ho firmato un ordine esecutivo che crea uno status nazionale unico per le famiglie con molti figli. È ciò che la gente chiedeva. Dobbiamo dare seguito alle sue disposizioni prendendo decisioni concrete a livello federale e regionale, naturalmente in linea con le aspirazioni dei cittadini.

Le famiglie con molti figli hanno tante cose di cui occuparsi, quindi i genitori devono avere più risorse a disposizione per affrontare le sfide quotidiane. Propongo di raddoppiare la detrazione fiscale che i genitori ottengono quando hanno il secondo figlio, portandola a 2.800 rubli al mese, e di aumentare questo beneficio per il terzo e per ogni figlio successivo a 6.000 rubli.

Che cosa significa? Faccio un esempio: una famiglia con tre figli potrà risparmiare 1.300 rubli al mese. Suggerisco inoltre di aumentare il reddito annuo conteggiato per questa detrazione da 350.000 a 450.000 rubli. E questa misura di sostegno deve essere applicata automaticamente, senza che le persone debbano farne richiesta.

Un discorso a parte merita l’indennità di maternità. Oggi i genitori possono ricevere 630.000 rubli alla nascita del primo figlio, e quando arriva il secondo la famiglia riceve altri 202.000 rubli. Abbiamo regolarmente adeguato questo sussidio all’inflazione. Per ora, il programma di capitale di maternità è destinato a scadere all’inizio del 2026, ma suggerisco di estenderlo almeno fino al 2030.

Colleghi,

vorrei ringraziare le fondazioni di beneficenza e le organizzazioni non profit di servizio alla comunità che aiutano gli anziani, le persone affette da varie malattie e i bambini disabili. Hanno fatto molto per sollevare la questione dell’assistenza a lungo termine a livello nazionale. Sono stati loro a sollevare costantemente questi problemi.

Credo che sia necessario stanziare più fondi federali per questo sistema e seguire un unico standard di assistenza elevato. Ciò include il miglioramento della sua disponibilità per circa mezzo milione di russi che hanno maggiormente bisogno di questo tipo di assistenza.

Entro il 2030, dobbiamo fare in modo che il 100% delle persone che hanno bisogno di questo tipo di assistenza a lungo termine possa beneficiarne.

Attualmente l’aspettativa di vita media in Russia ha superato i 73 anni. Siamo tornati al livello che avevamo prima della pandemia COVID-19. Entro il 2030, l’aspettativa di vita in Russia dovrebbe essere di almeno 78 anni e in futuro, come previsto, raggiungeremo il livello di oltre 80 anni.

Particolare attenzione va prestata alle aree rurali e alle regioni in cui l’aspettativa di vita è ancora inferiore alla media russa. Il progetto nazionale Vita lunga e attiva si concentrerà sul raggiungimento di questi obiettivi. È particolarmente importante prolungare il periodo di vita sana e attiva di una persona, in modo che possa godere delle attività familiari, stare con i propri cari, figli e nipoti.

Continueremo ad attuare progetti federali per combattere le malattie cardiovascolari, il cancro e il diabete.

Inoltre, propongo di lanciare un nuovo programma globale per proteggere la maternità e aiutare i bambini e gli adolescenti a mantenere una buona salute, compresa quella riproduttiva, assicurando che i bambini nascano sani e crescano come adulti sani, e producano bambini sani in futuro.

Le priorità del nuovo programma dovrebbero includere l’espansione della rete nazionale di cliniche per la salute delle donne e il potenziamento dei centri perinatali, delle cliniche pediatriche e degli ospedali. In totale, nei prossimi sei anni stanzieremo più di mille miliardi di rubli solo per la costruzione, la riparazione e l’equipaggiamento delle strutture sanitarie.

Il prossimo. Il numero di russi che praticano regolarmente attività sportive è aumentato in modo significativo negli ultimi anni. Questo è uno dei nostri principali risultati. Dobbiamo incoraggiare le persone che si assumono la responsabilità della propria salute. Già dal prossimo anno introdurremo detrazioni fiscali per coloro che si sottopongono regolarmente a visite mediche programmate e che superano con successo il test di idoneità fisica standard della GTO.

Ricordate questo slogan popolare? Tutti ricordano la battuta: “Smetti di bere – inizia a sciare!”. A quanto pare, il momento è arrivato. A proposito, per quanto riguarda il bere, abbiamo ottenuto un risultato notevole e positivo. Infatti, abbiamo ridotto in modo significativo il consumo di alcol, soprattutto di alcolici forti, senza imporre restrizioni estreme, il che dovrebbe certamente migliorare la salute della nazione.

Suggerisco di destinare i fondi federali alla costruzione di almeno 350 impianti sportivi aggiuntivi ogni anno nelle regioni, soprattutto nelle piccole città e nelle aree rurali. Ciò potrebbe includere strutture polivalenti e strutture che possono essere costruite rapidamente per essere utilizzate da bambini, adulti e famiglie. A questo scopo stanzieremo circa 65 miliardi di rubli di fondi federali nei prossimi sei anni.

Anche le università, gli istituti professionali, le scuole e le istituzioni prescolari devono creare le condizioni per fare sport. Tra l’altro, molti dei nostri asili aperti in epoca sovietica hanno bisogno di essere ristrutturati. L’anno prossimo lanceremo un importante programma di ristrutturazione. Ho sentito parlare di questo problema dalle persone con cui parlo continuamente.

Per quanto riguarda le scuole, circa 18.500 edifici hanno bisogno di riparazioni importanti. Aiuteremo le regioni a risolvere i problemi arretrati in questo settore, in modo da passare dalle riparazioni urgenti a quelle programmate. A giudicare dai risultati ottenuti finora, siamo sulla strada giusta. Complessivamente, stanzieremo oltre 400 miliardi di rubli per effettuare riparazioni importanti negli asili e nelle scuole.

Inoltre, propongo di rinnovare o aprire sale mediche nelle scuole che necessitano di questo tipo di servizio. Oggi, cioè nel 2022-2023, solo il 65% delle 39.000 scuole che abbiamo (e ne abbiamo 39.440 in totale), dispone di strutture mediche, il che significa che abbiamo un margine di miglioramento.

C’è un altro tema importante. Molte grandi città si stanno espandendo rapidamente, il che a sua volta aumenta il carico dei servizi sociali. Molte scuole hanno dovuto passare a turni doppi o addirittura tripli. Naturalmente si tratta di una sfida e dobbiamo affrontarla. Dovremo impegnare le risorse federali per risolvere questo problema, costruendo almeno 150 scuole e oltre 100 asili nelle città più colpite dal sovraffollamento degli istituti scolastici.

Colleghi,

i sogni e le conquiste dei nostri antenati sono alla nostra portata e possiamo esserne orgogliosi, mentre sono le aspirazioni delle nostre giovani generazioni a determinare il futuro del nostro Paese. La loro maturità, i loro successi, le loro linee guida morali, in grado di affrontare qualsiasi sfida, sono le più importanti garanzie della sovranità della Russia e della continuazione della nostra storia.

Propongo di consolidare l’esperienza positiva che abbiamo realizzato con la nostra politica giovanile e di lanciare quest’anno un nuovo progetto nazionale, la Gioventù della Russia. Questo progetto dovrebbe concentrarsi sul futuro del nostro Paese e lavorare per questo futuro. Questo è ciò che i nostri insegnanti considerano la loro vocazione, la loro grande missione, poiché si rendono conto di essere responsabili delle giovani generazioni, e siamo grati a loro per il loro lavoro disinteressato.

I mentori svolgono un ruolo importante nel far sentire i bambini parte di una squadra unita e nel fornire loro un sostegno nella vita. Propongo di istituire un sussidio federale di 5.000 rubli mensili per i consulenti dei direttori che li consultano sullo sviluppo dei bambini nelle scuole e negli istituti superiori, con data di inizio il 1° settembre 2024. Questa sarà una nuova misura di sostegno. Propongo inoltre di attuare una misura di sostegno per gli insegnanti di classe nelle scuole e per i supervisori di gruppi, sia negli istituti superiori che nelle scuole tecniche, nelle comunità con una popolazione inferiore a 100.000 persone. Queste comunità hanno bisogno di un’attenzione particolare e, di fatto, la maggior parte delle piccole città e dei villaggi della Russia rientra in questa categoria. Quindi, a partire dal 1° marzo 2024, propongo di raddoppiare a 10.000 rubli il compenso federale per la gestione delle classi e la supervisione dei gruppi per i lavoratori dell’istruzione che ne hanno diritto.

C’è un’altra cosa che vorrei aggiungere. Nel 2018, gli ordini esecutivi di maggio hanno stabilito i requisiti per la retribuzione degli insegnanti e degli altri dipendenti del settore pubblico sulla base di un reddito mensile medio da lavoro in una particolare regione della Russia. Queste disposizioni dei cosiddetti ordini esecutivi di maggio devono continuare a essere rigorosamente rispettate. Allo stesso tempo, dobbiamo migliorare il sistema di retribuzione del settore pubblico e aumentare i redditi dei suoi dipendenti.

La retribuzione media nell’economia varia da regione a regione, il che significa che i redditi delle persone nel settore pubblico sono talvolta molto diversi anche in entità vicine della federazione. Ma il lavoro di insegnanti e medici è difficile e richiede un’estrema responsabilità, indipendentemente dal luogo in cui si trovano. Senza dubbio, questa grande differenza di stipendio tra le regioni è ingiusta.

So che si tratta di una questione vecchia, complicata e ad alta intensità di capitale, se posso affrontarla in questo modo. Ne ho discusso con i miei colleghi delle agenzie federali, con i capi delle regioni, con gli insegnanti, i medici e altri professionisti. È chiaro che dobbiamo fare qualcosa.

Non entrerò nei dettagli ora, ma è certamente una questione complicata. I parlamentari e il Governo sanno di cosa sto parlando. Chiedo al Governo di coordinare nel 2025 un nuovo sistema di pagamento per i dipendenti pubblici nell’ambito dei progetti pilota esistenti nelle regioni e di adottare una decisione definitiva per l’intero Paese nel 2026.

Una questione a parte riguarda la creazione di ulteriori incentivi per attirare i giovani professionisti nelle scuole, dove vedranno opportunità professionali e di carriera. A tal fine, approveremo uno stanziamento mirato di oltre 9 miliardi di rubli dal bilancio federale per migliorare le infrastrutture delle università di formazione degli insegnanti.

Il nostro sistema di istruzione scolastica è sempre stato famoso per i suoi insegnanti innovativi e i suoi metodi di insegnamento unici. Saranno proprio i team di insegnanti di questo tipo a partecipare alla creazione di scuole orientate al futuro. La costruzione delle prime scuole di leadership di questo tipo inizierà quest’anno nelle regioni di Ryazan, Pskov, Belgorod, Nizhny Novgorod e Novgorod. Successivamente saranno costruite in tutti i distretti federali, in Estremo Oriente, in Siberia e nel Donbass. Complessivamente, apriremo 12 scuole di questo tipo entro il 2030.

Per quanto riguarda i contenuti educativi, il carico di lavoro dei nostri bambini deve essere ragionevole ed equilibrato. Non è assolutamente positivo che ai bambini venga insegnata una cosa durante le lezioni e che durante gli esami vengano chieste cose completamente diverse. Questa discrepanza, per usare un eufemismo, tra il programma di studi e le domande poste durante gli esami, che purtroppo si verifica, costringe i genitori ad assumere tutor privati, che non tutte le famiglie possono permettersi. Chiedo ai colleghi del Governo di collaborare con gli insegnanti e i genitori per risolvere questo evidentissimo problema.

A questo proposito, vorrei spendere qualche parola sull’Esame di Stato unificato, che come tutti sappiamo è oggetto di un ampio dibattito pubblico. È vero che il meccanismo dell’esame unificato deve essere migliorato.

Cosa propongo a questo punto? Propongo di fare un ulteriore passo avanti, dando ai diplomati una seconda possibilità. In particolare, essi avranno la possibilità di ripetere un esame in una delle materie dell’esame unificato prima che finisca il periodo di iscrizione all’università, in modo da poter ripresentare i nuovi voti. Tali questioni possono sembrare banali, ma in realtà sono molto importanti per i cittadini.

Colleghi,

l’anno scorso l’economia russa è cresciuta più velocemente di quella mondiale, superando non solo i principali Paesi dell’UE, ma anche tutte le economie del G7. A questo proposito, vorrei sottolineare che le enormi riserve create negli ultimi decenni hanno avuto un ruolo importante.

La quota delle industrie non legate ai beni di consumo nella struttura della crescita supera ormai il 90%, il che significa che l’economia è diventata più complessa e tecnologica, e quindi molto più sostenibile. La Russia è la più grande economia europea in termini di prodotto interno lordo e di parità di potere d’acquisto e la quinta economia mondiale.

Il ritmo e, soprattutto, la qualità della crescita consentono di sperare e persino di affermare che nel prossimo futuro saremo in grado di fare un ulteriore passo avanti e diventare la quarta economia mondiale. Questo tipo di crescita dovrebbe avere un effetto diretto sui redditi delle famiglie.

La quota dei salari sul PIL nazionale dovrebbe aumentare nei prossimi sei anni. Stiamo adeguando il salario minimo in anticipo rispetto ai tassi di inflazione e ai tassi medi di crescita dei salari nell’economia. A partire dal 2020, il salario minimo è aumentato del 50%, passando da 12.000 a 19.000 rubli al mese. Entro il 2030, il salario minimo sarà quasi raddoppiato a 35.000 rubli, il che farà sicuramente la differenza nel numero di prestazioni sociali e di stipendi nel settore pubblico ed economico.

Siamo consapevoli dei rischi e dei fattori che possono portare a un rallentamento della crescita economica e del nostro progresso in generale. Tra questi, in primo luogo, la carenza di personale qualificato e di tecnologie avanzate, o addirittura la totale mancanza di queste ultime in alcuni settori. Dobbiamo essere proattivi a questo proposito, quindi oggi discuterò in dettaglio questi due argomenti di importanza strategica.

Inizierò dal personale. La Russia ha una grande generazione di giovani. Stranamente, stiamo affrontando problemi demografici legati alla crescita della popolazione, ma abbiamo ancora una generazione giovane piuttosto numerosa. Nel 2030, questo Paese avrà 8,3 milioni di persone di età compresa tra i 20 e i 24 anni e 9,7 milioni, ovvero 2,4 milioni in più rispetto ad oggi, nel 2035. Senza dubbio, questo è il risultato delle misure demografiche degli anni precedenti, tra le altre cose.

È importante che gli adolescenti di oggi diventino professionisti pronti a lavorare nell’economia del XXI secolo. Questo è l’obiettivo del nuovo progetto nazionale Personnel.

Ne abbiamo discusso molto, ma abbiamo davvero bisogno di rafforzare il legame tra tutti i livelli di istruzione, dalla scuola all’università. Dovrebbero lavorare insieme per un risultato comune. Naturalmente, il coinvolgimento dei futuri datori di lavoro è importante. Quest’anno è stato lanciato un sistema di orientamento professionale in tutte le scuole del Paese. I ragazzi dalla sesta elementare in su possono familiarizzare con le diverse specializzazioni.

Ora sto esortando i direttori delle imprese, dei centri di ricerca e dei centri medici a incoraggiare i ragazzi delle scuole a visitarli. Fate loro visitare i laboratori, come mi è stato proposto di fare durante uno dei miei viaggi, i musei e i laboratori. Vi prego di partecipare a questo sforzo.

La promozione di una stretta collaborazione tra le istituzioni educative e l’economia reale ci ha guidato nel progetto Professionalitet per la promozione della formazione professionale. Ci ha permesso di aggiornare i programmi educativi per l’industria aeronautica, navale, farmaceutica, elettronica e della difesa, tra gli altri.

Dovremo formare circa un milione di lavoratori altamente qualificati per questi settori entro il 2028, assicurandoci che il sistema di formazione professionale nel suo complesso passi a questi approcci, anche in termini di sviluppo delle risorse umane per le scuole, gli ospedali, gli ambulatori, il settore dei servizi, il turismo, le istituzioni culturali e le industrie creative.

A parte ciò, sto incaricando il Governo di collaborare con le regioni per un programma di ristrutturazione e di equipaggiamento degli istituti di formazione professionale. Questo sforzo deve andare oltre la ristrutturazione delle strutture scolastiche e riguardare anche le strutture sportive, nonché i dormitori per gli studenti che servono queste scuole e istituti di formazione professionale. Per questi scopi stanzieremo 120 miliardi di rubli di fondi federali nei prossimi sei anni.

Inoltre, nei prossimi sei anni spenderemo altri 124 miliardi di rubli per effettuare importanti riparazioni in circa 800 dormitori universitari.

Per quanto riguarda l’istruzione superiore in generale, il nostro compito è quello di sviluppare centri di ricerca e di formazione in tutto il Paese. A tal fine, costruiremo 25 campus universitari entro il 2030. Ne abbiamo già parlato, ma è bene ripeterlo. Propongo di ampliare questo programma per costruire almeno 40 campus universitari di questo tipo.

A tal fine, dovremo stanziare circa 400 miliardi di rubli dal bilancio federale per garantire che gli studenti, i post-laureati, i docenti e le giovani famiglie abbiano tutto ciò di cui hanno bisogno per studiare, lavorare e crescere i propri figli.

In generale, dobbiamo esaminare tutte le diverse situazioni che le giovani madri o i giovani genitori devono affrontare nella loro vita e utilizzare queste informazioni per perfezionare e migliorare i servizi pubblici, il settore sociale, l’assistenza sanitaria e le infrastrutture urbane e rurali. Chiedo al Governo e alla Regione di prestare la dovuta attenzione nel lavorare su questa agenda.

Proseguendo, nel discorso dello scorso anno ho annunciato importanti cambiamenti nel funzionamento del nostro sistema di istruzione superiore e ho parlato della necessità di utilizzare le migliori pratiche nazionali. Le basi del futuro successo in una professione vengono gettate nei primi anni di università, quando si insegnano le materie fondamentali. Credo che sia necessario offrire a chi insegna queste materie stipendi più alti. Pertanto, chiedo al Governo di suggerire modalità specifiche per realizzarlo e di lanciare un progetto pilota a partire dal 1° settembre.

Ciò richiederà risorse aggiuntive. Secondo le stime preliminari, si tratterebbe di circa 1,5 miliardi di euro per quest’anno e di 4,5 miliardi di euro per il futuro. Abbiamo tenuto conto di questi importi nelle nostre proiezioni.

È importante per noi rafforzare le capacità e la qualità del sistema nazionale di istruzione superiore, per sostenere le università che si sforzano di svilupparsi. Questi obiettivi vengono raggiunti dal nostro programma Priority 2030. I finanziamenti sono stati stanziati fino alla fine di quest’anno. Propongo di estenderlo per altri sei anni e di stanziare altri 190 miliardi di rubli.

I criteri di efficienza per le università partecipanti dovrebbero includere progetti di personale e tecnologia con le regioni, le industrie e il settore sociale della Russia, la creazione di aziende innovative e start-up efficaci e la capacità di attrarre studenti stranieri. Inoltre, valuteremo sicuramente tutte le università, i college e le scuole tecniche russe in base alla richiesta dei loro laureati da parte del mercato del lavoro e alla loro crescita salariale.

Amici,

Vorrei spendere qualche parola sulle basi tecnologiche dello sviluppo, e qui la scienza è certamente la pietra angolare. In occasione di un incontro con gli scienziati dell’Accademia delle Scienze russa, che quest’anno ha celebrato il suo 300° anniversario, ho detto che, anche nei periodi più difficili, la Russia non ha mai rinunciato ad affrontare i suoi imperativi fondamentali, ha sempre pensato al futuro, e noi dobbiamo fare lo stesso ora. In effetti, stiamo cercando di fare esattamente questo.

Ad esempio, nessun altro Paese al mondo possiede una gamma di mega strutture scientifiche come la Russia di oggi. Questi centri offrono opportunità uniche ai nostri scienziati e ai nostri partner, ricercatori di altri Paesi che invitiamo a collaborare.

L’infrastruttura scientifica russa è il nostro forte vantaggio competitivo, sia nel contesto della ricerca fondamentale che nella creazione di innovazioni per la farmaceutica, la biologia, la medicina, la microelettronica, la chimica e i nuovi materiali, nonché per i programmi spaziali.

Credo che dovremmo più che raddoppiare gli investimenti pubblici e privati in ricerca e sviluppo, portandoli al 2% del PIL entro il 2030. Questo dovrebbe garantire alla Russia il ruolo di una delle principali potenze scientifiche del mondo.

Vorrei ribadire che le imprese private dovrebbero contemporaneamente aumentare gli investimenti nella scienza, raddoppiando almeno gli attuali programmi entro il 2030. Resta inteso che questi fondi devono essere spesi in modo efficace, devono essere funzionali al raggiungimento di un risultato specifico in ogni singolo progetto di ricerca. A questo proposito, dobbiamo utilizzare l’esperienza positiva dei nostri programmi federali di ricerca nel campo della genetica e dell’agricoltura, così come i progetti promossi dalla Fondazione russa per la scienza.

Alla luce degli obiettivi e delle sfide attuali, abbiamo adeguato la Strategia russa per lo sviluppo scientifico e tecnologico, che utilizziamo come punto di partenza per lanciare nuovi progetti nazionali di sovranità tecnologica. Vi elencherò le aree principali.

In primo luogo, dobbiamo essere indipendenti e possedere tutte le chiavi tecnologiche in aree sensibili, come la salvaguardia della salute pubblica e la sicurezza alimentare.

In secondo luogo, dobbiamo raggiungere la sovranità tecnologica in ambiti critici che determinano la resilienza della nostra economia in generale, come i mezzi di produzione e le macchine utensili, la robotica, tutti i modi di trasporto, i sistemi aerei, subacquei e di altro tipo senza equipaggio, l’economia dei dati, i materiali innovativi e la chimica.

In terzo luogo, dobbiamo creare prodotti competitivi a livello globale basati su innovazioni nazionali uniche, tra cui le tecnologie spaziali, nucleari e delle nuove energie. Dobbiamo iniziare a lavorare ora per creare un ambiente legale che favorisca le industrie e i mercati del futuro, per generare una domanda a lungo termine – almeno fino alla fine del decennio in corso – di prodotti ad alta tecnologia, in modo che le aziende abbiano regole coerenti da rispettare.

È inoltre indispensabile creare catene cooperative interne e piattaforme tecnologiche internazionali, avviare la produzione in serie di attrezzature e componenti propri e guidare l’esplorazione geologica verso la ricerca di materiali di terre rare e altre materie prime per la nuova economia. Abbiamo tutto questo.

Per ribadire che stiamo parlando di un punto d’appoggio strategico per il futuro, utilizziamo tutti gli strumenti e i meccanismi di sviluppo disponibili per raggiungere questi obiettivi e per garantire un finanziamento prioritario del bilancio. Esorto il Governo e l’Assemblea federale a tenerne conto nella stesura del bilancio. Vi prego di considerare sempre questo aspetto come una priorità assoluta.

I progetti di sovranità tecnologica devono diventare un motore per rinnovare la nostra industria e aiutare l’intera economia a raggiungere un livello avanzato di efficienza e competitività. Propongo di fissare l’obiettivo di aumentare del 150% la quota di beni e servizi high-tech sul mercato nazionale entro i prossimi sei anni e di aumentare di almeno due terzi il volume delle esportazioni di prodotti non di base e non energetici.

Citerò qualche altro dato. Nel 1999, la quota delle importazioni nel nostro Paese ha raggiunto il 26% del PIL, il che significa che le importazioni rappresentano quasi il 30% del nostro mercato. L’anno scorso la quota era del 19% del PIL, pari a 32 mila miliardi di rubli. Entro il 2030, dobbiamo raggiungere un livello di importazioni non superiore al 17% del PIL.

Ciò significa che dobbiamo produrre da soli molti più beni di consumo e altri beni, tra cui medicine, attrezzature, macchine utensili e veicoli. Non siamo in grado di produrre tutto, e non ne abbiamo bisogno, ma il Governo sa su cosa deve lavorare.

Vorrei sottolineare che nei prossimi sei anni il valore aggiunto lordo del settore manifatturiero dovrebbe aumentare di almeno il 40% rispetto al 2022. Questo sviluppo industriale accelerato implica la creazione di migliaia di nuove imprese e di moderni posti di lavoro altamente retribuiti.

Abbiamo già preparato una sorta di “menu” industriale. Le aziende che realizzano progetti industriali potranno scegliere misure di sostegno adeguate, accordi sulla protezione e sugli incentivi agli investimenti, contratti di investimento speciali, una piattaforma di investimento per cluster e simili. Abbiamo ideato e stiamo già attuando molti di questi strumenti. E svilupperemo ulteriormente questi meccanismi.

Nei prossimi sei anni stanzieremo inoltre 120 miliardi di rubli per sovvenzionare i progetti di R&S delle imprese e per rafforzare il sistema dei mutui industriali. Utilizzeremo questo programma anche per costruire e ristrutturare oltre 10 milioni di metri quadrati di superficie industriale.

A titolo di paragone, oltre al ritmo già raggiunto, vorrei aggiungere quanto segue.

Facciamo qualche paragone. Oggi in Russia si costruiscono circa quattro milioni di metri quadrati di superficie industriale all’anno. Si tratta di un indicatore sostanziale della modernizzazione delle nostre capacità industriali e, come ho già detto, costruiremo altri 10 milioni di metri quadrati.

Inoltre, investiremo 300 miliardi di rubli nel Fondo per lo sviluppo industriale. Quasi raddoppieremo il suo capitale e lo concentreremo sul sostegno ai progetti ad alta tecnologia. Almeno 200 miliardi di rubli saranno inoltre stanziati nell’ambito di una piattaforma per l’innovazione dei cluster per sovvenzionare i tassi di interesse dei progetti che producono prodotti industriali prioritari.

Propongo di aumentare la base di calcolo dell’ammortamento per stimolare la modernizzazione degli impianti industriali nel settore manifatturiero. L’importo sarà pari al 200% della spesa per attrezzature e R&S di produzione russa. Può sembrare noioso, ma vi spiego cosa significa. Se un’azienda acquista torni di fabbricazione russa per 10 miliardi di rubli, può ridurre la sua base imponibile di 20 milioni di rubli. Si tratta di un aiuto sostanziale.

Continueremo a sviluppare parchi tecnologici industriali incentrati sulle piccole e medie imprese nei settori tecnologici prioritari. È importante sfruttare i vantaggi dell’approccio a cluster, quando le aziende crescono insieme ai loro subappaltatori e fornitori, e la loro cooperazione avrà un effetto benefico su tutte le parti. Vorrei sottolineare al Governo che dobbiamo creare almeno 100 piattaforme di questo tipo entro il 2030. Esse fungeranno da punti di crescita su tutto il territorio nazionale e incoraggeranno gli investimenti.

Abbiamo fissato l’obiettivo di aggiungere il 70% agli investimenti nei settori chiave entro il 2030. Tra l’altro, abbiamo avuto una buona dinamica qui; molto buona, direi in effetti. Buona.

Nel 2021, la crescita cumulativa degli investimenti è stata dell’8,6%, a fronte di un obiettivo del 4,5%. Nel 2022 è stata del 15,9%, con un obiettivo del 9,5%. Nei primi nove mesi del 2023, l’aumento è stato del 26,6%, mentre il piano per l’anno era del 15,1%. Dobbiamo continuare ad avanzare rispetto al piano.

Il nostro sistema bancario e il mercato azionario devono garantire pienamente l’afflusso di capitali nell’economia, nel settore reale, anche attraverso il finanziamento di progetti e azioni. Nei prossimi due anni, progetti industriali per un valore di oltre 200 miliardi di rubli saranno sostenuti attraverso fondi azionari. In sostanza, ciò significa che la VEB.RF Development Corporation e diverse banche commerciali entreranno nel capitale sociale di aziende ad alta tecnologia e le assisteranno nella fase di crescita più attiva.

Ho già dato istruzioni per introdurre un regime speciale di IPO per le aziende che operano in settori prioritari ad alta tecnologia. Vorrei far notare ai miei colleghi del Ministero delle Finanze e della Banca Centrale che dobbiamo accelerare il lancio di questo meccanismo, compresa la compensazione dei costi aziendali associati alla fluttuazione dei titoli. Questo deve essere fatto senza indugio.

Ancora una volta, il mercato azionario russo deve svolgere un ruolo maggiore come fonte di investimento. La sua capitalizzazione dovrebbe raddoppiare entro il 2030, passando dall’attuale livello al 66% del PIL. Allo stesso tempo, è importante che i singoli abbiano l’opportunità di contribuire allo sviluppo della nazione, beneficiando al contempo dell’investimento dei propri risparmi in progetti a basso rischio.

Una decisione è già stata presa: gli investimenti volontari in fondi pensione non statali fino a 2,8 milioni di rubli saranno assicurati dallo Stato, il che significa che il rendimento è garantito.

Inoltre, i conti di investimento individuali a lungo termine saranno assicurati fino a 1,4 milioni di rubli. Estenderemo la detrazione fiscale unificata agli investimenti individuali in strumenti finanziari a lungo termine fino a 400.000 rubli all’anno.

Allo stesso tempo, ritengo opportuno lanciare un nuovo strumento noto come certificato di risparmio. Acquistando questo prodotto, le persone depositeranno i loro risparmi in banca per più di tre anni. Il certificato sarà irrevocabile; di conseguenza, le banche offriranno ai loro clienti un tasso di interesse più interessante. Inoltre, i titolari di certificati di risparmio avranno il loro denaro assicurato dallo Stato fino a 2,8 milioni di rubli, il doppio rispetto alla normale assicurazione sui depositi bancari.

Vorrei sottolineare che tutte le misure di sostegno statale agli investimenti, alla creazione e all’ammodernamento degli impianti industriali, dovrebbero portare a salari più alti, a migliori condizioni di lavoro e a pacchetti sociali per i dipendenti.

Naturalmente, in linea di principio, le aziende russe devono operare all’interno della nostra giurisdizione nazionale e astenersi dal trasferire i propri fondi all’estero dove, a quanto pare, si può perdere tutto. Quindi ora io e i miei colleghi della comunità imprenditoriale dobbiamo organizzare sessioni di brainstorming per trovare il modo di aiutarli a recuperare i loro soldi. Per prima cosa, non trasferite il vostro denaro lì. In questo modo, non dovremo capire come recuperarlo.

Le imprese russe devono investire le loro risorse in Russia, nelle sue regioni, nello sviluppo delle aziende e nella formazione del personale. Il nostro Paese, forte e sovrano, offre loro una protezione senza pari per i loro beni e capitali.

La stragrande maggioranza dei dirigenti d’azienda dà priorità agli interessi nazionali e sono patrioti. Pertanto, le imprese che lavorano qui in Russia devono beneficiare della garanzia di inviolabilità delle loro proprietà, dei loro beni e dei loro nuovi investimenti. Naturalmente, gli investimenti nazionali e la protezione degli investimenti vanno di pari passo con la difesa dei diritti degli imprenditori, ed è nostro compito far sì che ciò diventi realtà. Questo servirà ai nostri interessi nazionali e alla società in generale, oltre che ai milioni di persone che lavorano per le aziende private, siano esse grandi imprese o PMI.

Lo dico da sempre, ma lo ripeto: nessuno, nessun funzionario governativo o agente delle forze dell’ordine, ha il diritto di molestare le persone, di infrangere la legge o di usarla per obiettivi personali ed egoistici. Dobbiamo essere presenti per le persone, per i nostri imprenditori – mi riferisco a loro in questo momento. Sono loro a creare posti di lavoro, a dare lavoro alle persone e a pagare i loro stipendi. Essere presenti per gli altri e aiutarli è il senso della missione del governo.

Colleghi,

le piccole e medie imprese stanno svolgendo un ruolo sempre più importante nel guidare la crescita economica. Oggi rappresentano oltre il 21% dei settori manifatturiero, turistico e informatico. Centinaia di marchi russi hanno dimostrato risultati eccezionali. L’anno scorso, in Russia sono state registrate 1,2 milioni di nuove PMI.

Vorrei richiamare la vostra attenzione sul fatto che si tratta di un massimo di cinque anni. Le persone vogliono avviare le proprie attività e credono in se stesse, nel proprio Paese e nel proprio successo. Vorrei sottolineare che il numero di giovani imprenditori sotto i 25 anni è aumentato del 20% nel 2023. Oggi sono oltre 240.000.

Dobbiamo assicurarci di sostenere queste imprese creative e orientate al risultato per garantire che il reddito medio dei lavoratori delle PMI superi la crescita del PIL nei prossimi sei anni. Ciò significa che queste imprese devono migliorare la loro efficienza e fare un salto di qualità nelle loro prestazioni.

Ho già detto che dobbiamo eliminare le situazioni in cui l’espansione delle attività diventa una proposta perdente per le aziende perché devono passare da un quadro fiscale semplificato con le sue aliquote vantaggiose a un regime fiscale generale. Quando ciò accade, significa che lo Stato sta fondamentalmente promuovendo la frammentazione delle imprese o costringendole a utilizzare altri mezzi per ottimizzare i loro obblighi fiscali.

Chiedo al Governo di lavorare con i parlamentari sui termini di un’amnistia per le PMI che non hanno avuto altra scelta che affidarsi a schemi di ottimizzazione fiscale durante l’espansione delle loro attività.

È importante che queste aziende si tengano alla larga dalla pratica della scissione artificiale, essenzialmente fraudolenta, delle attività e che abbraccino operazioni civili e trasparenti. Per ribadire che non ci saranno multe, né penalità, né sanzioni, né ricalcolo delle imposte per i periodi precedenti. Questo è il senso dell’amnistia.

Inoltre, do mandato al Governo di introdurre un meccanismo di aumento graduale – e non brusco – dell’onere fiscale per le imprese che passano dalla procedura di tassazione semplificata a quella generale a partire dal prossimo anno.

Abbiamo poi deciso di introdurre una moratoria temporanea sulle ispezioni. Questa misura si è pienamente giustificata. Le aziende che garantiscono la qualità dei loro prodotti e servizi e agiscono in modo responsabile nei confronti dei consumatori possono e devono godere della nostra fiducia.

Quindi, a partire dal 1° gennaio 2025, credo che potremo revocare le moratorie temporanee sulle ispezioni alle imprese e passare invece, sulla base della nostra esperienza, a un approccio basato sul rischio e sancito dalla legge. Se non ci sono rischi, dovremmo usare misure preventive e quindi ridurre al minimo il numero di ispezioni.

C’è di più. Propongo di concedere alle piccole e medie imprese speciali vacanze di credito fino a sei mesi una volta ogni cinque anni, senza incidere sulla loro storia creditizia.

Anche in questo caso, dobbiamo creare le condizioni adeguate affinché le piccole e medie imprese possano crescere in modo dinamico e migliorare la qualità di questa crescita attraverso forme di produzione ad alta tecnologia. In generale, il regime fiscale per le piccole e medie imprese manifatturiere dovrebbe essere allentato.

Esorto il Governo a presentare proposte specifiche in merito. Ne abbiamo discusso molte volte. Vi prego di farlo. Le proposte sono state articolate, in effetti.

Vorrei sottolineare il lavoro delle piccole e medie imprese nelle aree rurali, nel settore agricolo. Oggi siamo completamente autosufficienti dal punto di vista alimentare e la Russia è leader nel mercato mondiale del grano. Siamo tra i primi 20 esportatori di prodotti alimentari. Ringrazio i lavoratori agricoli, gli agricoltori e gli specialisti impegnati nell’agricoltura in generale per le loro impressionanti prestazioni.

Entro il 2030, la produzione del complesso agroindustriale russo dovrebbe crescere di almeno un quarto rispetto al 2021 e le esportazioni dovrebbero aumentare del 50%. Continueremo sicuramente a sostenere il settore e il programma di sviluppo rurale integrato, compresa la ristrutturazione e la modernizzazione degli uffici postali.

Utilizzeremo una soluzione speciale per lo sviluppo delle regioni costiere. Vi ricordo che abbiamo la regola della “quota per la chiglia”. Deve essere seguita rigorosamente. Come alcuni di voi sanno, stiamo parlando delle aziende che ottengono quote per la produzione di frutti di mare a fronte dell’obbligo di acquistare nuovi pescherecci di fabbricazione russa e di rinnovare la flotta.

Allo stesso tempo, quest’anno il bilancio federale ha ricevuto un’ingente somma di denaro – circa 200 miliardi di rubli – dalla vendita delle quote di pesca. Siluanov è qui e abbiamo raggiunto un accordo. Propongo che una parte di questi fondi sia destinata allo sviluppo sociale dei comuni, che costituiscono la base della nostra industria della pesca.

Colleghi,

nelle condizioni attuali, l’aumento dell’efficienza in tutte le sfere della produttività del lavoro è direttamente collegato alla digitalizzazione e all’uso della tecnologia AI, come ho detto. Queste soluzioni ci permettono di creare piattaforme digitali per semplificare l’interazione tra le persone, le imprese e lo Stato nel miglior modo possibile.

Dobbiamo quindi creare una piattaforma che aiuti le persone a utilizzare le funzionalità del nostro sistema sanitario per tenere sotto controllo la propria salute e rimanere in salute per tutta la vita. Ad esempio, potranno utilizzare i dati delle loro identità digitali per richiedere e ricevere consulenze a distanza dagli specialisti dei centri medici federali, mentre i medici di base saranno in grado di formare un quadro completo della salute del paziente, di prevedere eventuali malattie, di prevenire le complicazioni e di scegliere un trattamento individuale e quindi più efficace.

Tutto ciò che sto dicendo non è un’immagine di un futuro lontano. Queste pratiche vengono introdotte oggi nei nostri principali centri medici. L’obiettivo è applicarle in tutto il Paese e renderle accessibili a tutti.

Credo che entro il 2030 dovremo formulare piattaforme digitali in tutti i principali settori economici e nella sfera sociale. Questi e altri compiti di ampio respiro saranno affrontati nell’ambito del nuovo progetto nazionale “Economia dei dati”. Per la sua attuazione stanzieremo almeno 700 miliardi di rubli nei prossimi sei anni.

Queste tecnologie e piattaforme di integrazione offrono grandi opportunità per la pianificazione economica e lo sviluppo di singoli settori, regioni e città, nonché per la gestione efficiente dei nostri programmi e progetti nazionali. La cosa più importante è che possiamo continuare a concentrare gli sforzi di tutti i livelli di governo sugli interessi di ogni individuo e di ogni famiglia, e a fornire in modo proattivo servizi statali e municipali ai nostri cittadini e alle nostre imprese in una forma conveniente e il più rapidamente possibile.

La Russia è già uno dei leader mondiali nei servizi governativi digitali. Molti Paesi, anche europei, devono ancora raggiungere il nostro livello. Ma non abbiamo intenzione di rallentare.

L’intelligenza artificiale è un elemento importante delle piattaforme digitali. Anche in questo caso la Russia deve essere autosufficiente e competitiva. È già stato firmato un ordine esecutivo che approva la versione aggiornata della Strategia nazionale per lo sviluppo dell’intelligenza artificiale. Il documento fissa nuovi obiettivi, tra cui la necessità di garantire la sovranità tecnologica in campi rivoluzionari come l’intelligenza artificiale generativa e i grandi modelli linguistici. L’applicazione pratica di questi sistemi promette di produrre una vera svolta nell’economia e nella sfera sociale, e così sarà. Per questo dobbiamo aumentare le nostre risorse informatiche. Entro il 2030, la capacità totale dei supercomputer nazionali dovrebbe essere almeno 10 volte superiore. È un obiettivo assolutamente realistico.

Dobbiamo aggiornare l’intera infrastruttura dell’economia dei dati. Vorrei chiedere al Governo di proporre misure specifiche per sostenere le aziende e le start-up che producono apparecchiature per l’archiviazione e l’elaborazione dei dati e sviluppano software. Gli investimenti nell’IT nazionale dovrebbero crescere ad un ritmo almeno doppio rispetto alla crescita economica complessiva.

È necessario creare le condizioni per consentire ai russi di trarre vantaggio dalla tecnologia digitale non solo nelle megalopoli, ma anche nelle città più piccole, nelle comunità rurali e nelle aree remote, lungo le arterie federali e regionali, così come nelle strade locali. Mi riferisco alla necessità di fornire l’accesso a Internet ad alta velocità quasi ovunque in Russia entro il prossimo decennio. Per far fronte a questo compito, dovremo espandere notevolmente la nostra costellazione di satelliti, per la quale stanzieremo 116 miliardi di rubli.

Colleghi,

A questo punto, vorrei soffermarmi sullo sviluppo regionale. Quali sono i miei suggerimenti in merito? La nostra priorità è ridurre l’onere del debito delle regioni russe. Ritengo che si debbano cancellare i due terzi del debito che le regioni hanno con i cosiddetti prestiti di bilancio. Secondo le nostre proiezioni, questo permetterà loro di risparmiare circa 200 miliardi di rubli all’anno tra il 2025 e il 2028.

Vorrei richiamare la vostra attenzione sul fatto che questi risparmi devono essere utilizzati per uno scopo specifico: le regioni dovrebbero destinarli al sostegno degli investimenti e dei progetti infrastrutturali. Colleghi, vorrei richiamare la vostra attenzione su questo punto.

Nel 2021 abbiamo lanciato un programma del valore di 500 miliardi di rubli per l’emissione di prestiti di bilancio per le infrastrutture, che abbiamo poi esteso a mille miliardi di rubli. Come ricorderete, le regioni beneficiano di un tasso di interesse del 3% su questi prestiti con una durata fino a 15 anni. Un ottimo strumento di sviluppo. Questi fondi sono destinati a progetti di sviluppo e le regioni hanno apprezzato questo meccanismo per la sua efficacia. Non ci saranno cancellazioni per questi prestiti, ma quest’anno le regioni inizieranno a rimborsarli. Suggerisco di reinvestire il denaro restituito al bilancio federale nelle regioni emettendo nuovi prestiti per il bilancio delle infrastrutture. Complessivamente, a partire dal 2025, espanderemo il nostro portafoglio di prestiti infrastrutturali per le regioni russe di almeno 250 miliardi di rubli all’anno.

Ritengo inoltre che le regioni debbano avere maggiore influenza nella gestione dei fondi a loro disposizione per la realizzazione di progetti nazionali.

Faccio un esempio: una regione ristruttura un poliambulatorio e fa un buon lavoro di ristrutturazione. Se non spendesse tutti i fondi stanziati, non dovrebbe restituire il resto al bilancio federale. Potrà invece utilizzarli per acquistare attrezzature per la clinica rinnovata o per altri scopi.

Naturalmente, sosterremo le regioni per consentire loro di liberare il proprio potenziale, lanciando progetti nell’economia reale e nello sviluppo delle infrastrutture come motori di sviluppo per questi territori.

Oggi, dieci regioni della Federazione che hanno una bassa capacità fiscale stanno portando avanti programmi di sviluppo socio-economico su misura. Chiedo al Governo di rinnovare questi programmi per altri sei anni.

Entro il 2030, tutte le nostre regioni devono raggiungere l’autosufficienza economica. Ribadisco che si tratta di una questione di giustizia e di offrire alle persone pari opportunità, oltre che di garantire elevati standard di vita in tutto il Paese.

Colleghi,

Come potete vedere, i grandi piani richiedono grandi spese. Saranno effettuati investimenti sociali, demografici ed economici su larga scala, nonché investimenti in scienza, tecnologia e infrastrutture.

A questo proposito, vorrei parlare del sistema fiscale. È ovvio che deve garantire il flusso di risorse per raggiungere gli obiettivi nazionali e attuare i programmi regionali. È progettato per ridurre le disuguaglianze non solo nella società, ma anche nello sviluppo socioeconomico delle entità costitutive della Federazione, e per tenere conto dei redditi individuali e delle entrate delle imprese.

Suggerisco di sviluppare approcci per modernizzare il sistema fiscale e distribuire più equamente il carico fiscale verso coloro che hanno redditi individuali e societari più elevati.

Al contrario, dobbiamo ridurre il carico fiscale sulle famiglie, anche attraverso le detrazioni, di cui ho parlato in precedenza. Dobbiamo incentivare le imprese che investono nella crescita, nelle infrastrutture e nei progetti sociali. È altrettanto importante chiudere le scappatoie che vengono utilizzate da alcune aziende per evitare le tasse o per dichiarare in modo insufficiente il proprio reddito imponibile. Esorto la Duma di Stato e il Governo a presentare presto una serie di proposte specifiche per affrontare questi problemi. In futuro, tenendo conto delle modifiche adottate, propongo di bloccare i parametri fiscali chiave fino al 2030 per garantire un ambiente stabile e prevedibile per l’attuazione di qualsiasi progetto di investimento, anche a lungo termine. Questo è ciò che chiede la comunità imprenditoriale durante i nostri contatti diretti.

Colleghi,

le decisioni relative al sostegno finanziario alle regioni e alla crescita economica devono essere concepite per migliorare la qualità della vita in tutte le entità costitutive della Federazione. Abbiamo già rinnovato fino al 2030 i programmi speciali per lo sviluppo di regioni come il Caucaso settentrionale e la regione di Kaliningrad, il Donbass e la Novorossiya, la Crimea e Sebastopoli, l’Artico e l’Estremo Oriente. Sono stati redatti piani generali di sviluppo per 22 città e aree metropolitane dell’Estremo Oriente e lo stesso lavoro è in corso per le comunità artiche.

Ora dobbiamo fare il passo successivo. Propongo di stilare un nuovo elenco di oltre 200 città e paesi, con un piano generale da sviluppare e attuare per ciascuno di essi. Nel complesso, il programma di sviluppo dovrebbe riguardare circa 2.000 comunità, compresi villaggi e piccole città. Tutte le politiche di sostegno alle regioni che ho menzionato oggi, compresi i prestiti per le infrastrutture, dovrebbero essere applicate in questi casi.

Vorrei rivolgermi ora ai responsabili delle regioni. Queste risorse dovrebbero essere utilizzate, tra le altre cose, per espandere le capacità dei comuni. Ricordo di aver incontrato i capi di alcuni comuni al loro forum qui a Mosca. Il livello di governo locale ha un ruolo e una responsabilità speciali. Comprende le agenzie e gli enti dove i russi si recano per le loro necessità quotidiane. Vorrei ringraziare i nostri sindaci, i capi dei distretti e i deputati locali per il loro lavoro, per la loro attenzione ai bisogni della gente. E vorrei riconoscere in modo particolare il personale dei comuni che lavora nelle immediate vicinanze della zona di combattimento e che condivide tutte le avversità con i residenti locali.

I residenti locali dovrebbero infatti essere co-creatori dei loro piani di sviluppo urbano locale. I comuni devono intensificare l’uso di meccanismi in cui i residenti possono votare per progetti, strutture o problemi che richiedono un finanziamento prioritario. Propongo di aumentare il cofinanziamento federale e regionale di progetti popolari di questo tipo.

Prorogheremo inoltre, fino al 2030, il concorso nazionale per i migliori progetti volti a creare un ambiente urbano confortevole nei piccoli centri e nelle comunità storiche.

In totale, nei prossimi sei anni miglioreremo più di 30.000 spazi pubblici in Russia. Vorrei chiedere al Governo di fornire ulteriore sostegno alle regioni che stanno ristrutturando argini, parchi, giardini e centri storici. Stanzieremo 360 miliardi di rubli per i principali progetti di riqualificazione e miglioramento del paesaggio.

Antichi edifici, tenute e chiese sono l’incarnazione visibile della nostra identità nazionale, un legame inestricabile tra le generazioni. Vorrei chiedere al Governo, al Parlamento e alle commissioni competenti del Consiglio di Stato di coinvolgere il pubblico e di rivedere il quadro normativo per la protezione e l’utilizzo dei siti del patrimonio culturale. Ogni requisito palesemente ridondante o contraddittorio deve essere eliminato. In alcuni casi, un bene culturale può sgretolarsi proprio sotto i nostri occhi, ma formalmente queste norme imperfette rendono impossibile adottare misure tempestive per salvarlo.

Suggerisco di sviluppare un programma a lungo termine per la conservazione dei siti del patrimonio culturale russo, che spero copra un periodo di 20 anni e includa misure di sostegno per le persone, le aziende e le associazioni pubbliche disposte a investire il loro lavoro, il loro tempo e il loro denaro nel restauro dei monumenti.

Quest’anno testeremo questi meccanismi nell’ambito di un progetto pilota realizzato dall’Istituzione per lo Sviluppo DOM.RF che interesserà cinque regioni: il Territorio Trans-Baikal, Novgorod, Ryazan, Smolensk e Tver. Il nostro obiettivo è riparare almeno un migliaio di siti del patrimonio culturale in tutto il Paese entro il 2030, dando loro una nuova vita in modo che possano essere al servizio della gente e abbellire le nostre città e i nostri villaggi.

Ci assicureremo di mantenere in funzione i principali progetti culturali continuando a finanziarli. Ci impegneremo a migliorare le infrastrutture di musei, teatri, biblioteche, club, scuole d’arte e cinema. I progetti creativi cinematografici, online e sui social media nel campo dell’istruzione, della sensibilizzazione, della storia e in altri settori riceveranno oltre 100 miliardi di rubli nei prossimi sei anni.

Suggerisco di ampliare il programma Pushkin Card, che consente a studenti e giovani di accedere gratuitamente a proiezioni cinematografiche, musei, teatri e mostre, e di offrire alle istituzioni culturali un incentivo per espandere le loro attività e lanciare nuovi progetti, anche rivolgendosi al settore privato. Chiedo al Governo di elaborare ulteriori proposte in tal senso.

Inoltre, nel 2025 lanceremo un programma chiamato “Operatore culturale rurale”, sulla falsariga dei programmi “Insegnante rurale” e “Medico rurale”. Le persone continuano a sollevare questo problema durante le nostre riunioni. Uno specialista che si trasferisce in una zona rurale o in una piccola città avrà diritto a una sovvenzione non ricorrente di 1 milione di rubli o al doppio, cioè 2 milioni di rubli, se si trasferisce nell’Estremo Oriente russo, nel Donbass o nella Novorossiya.

C’è un’altra decisione aggiuntiva che dobbiamo elaborare e adottare. Chiedo al Governo di offrire condizioni di prestito speciali per i mutui familiari nelle piccole città e nelle regioni che non costruiscono molti condomini o non ne costruiscono affatto. Dobbiamo farlo al più presto e definire i termini principali di questi mutui, compresi l’anticipo e i tassi di interesse. Vi chiedo di tenere questo punto sul vostro radar; attendo le vostre proposte.

Inoltre, rinnoveremo programmi mirati di prestiti ipotecari con un tasso di interesse del 2% per l’Estremo Oriente russo, l’Artico, il Donbass e la Novorossiya. Anche i partecipanti a operazioni militari speciali e i veterani avranno diritto a questi prestiti agevolati.

Forniremo un sostegno separato per le aree di sviluppo integrato, la costruzione di aree residenziali complete di infrastrutture nelle regioni con livelli inadeguati di sviluppo socioeconomico, dove molte delle nostre proposte abituali non funzionano. Per questi territori stanzieremo altri 120 miliardi di rubli.

A questo proposito, ci troviamo di fronte a un’altra sfida a livello di sistema. Con il sostegno federale, molte regioni hanno aumentato in modo significativo il ritmo di trasferimento dei residenti dai condomini fatiscenti. Negli ultimi 16 anni, un totale di 1,73 milioni di persone si sono trasferite in nuovi appartamenti ed è importante non perdere questo slancio nei prossimi sei anni. Esorto il Governo a elaborare e lanciare un nuovo programma per il trasferimento dei residenti da edifici fatiscenti e strutturalmente non sicuri.

Per quanto riguarda gli alloggi e i servizi di pubblica utilità, accelereremo il ritmo di aggiornamento delle infrastrutture di pubblica utilità. A tal fine saranno stanziati 4,5 trilioni di rubli, compresi i fondi privati, fino al 2030.

Continueremo a implementare il Progetto Acqua Pulita. L’acqua pulita è una priorità assoluta per molte delle nostre aree urbane e rurali. Stiamo parlando soprattutto di una fornitura affidabile di acqua potabile di alta qualità.

La distribuzione del gas è un argomento a parte. I nostri piani prevedono la fornitura di questo combustibile ecologico alle città e ai distretti della Yakutia e della Buriazia, nonché ai territori di Khabarovsk, Primorye e Trans-Baikal, alle regioni di Murmansk e Amur, all’area autonoma ebraica, alla Carelia e alla grande città russa di Krasnoyarsk. Forniremo GNL anche al Territorio della Kamchatka e ad alcune altre regioni.

Naturalmente, ciò consentirà di ampliare il programma di fornitura sociale di gas, già utilizzato per costruire gratuitamente l’infrastruttura di distribuzione del gas fino ai confini di proprietà di 1,1 milioni di terreni. Le richieste continuano ad essere accettate e stiamo aiutando gruppi di cittadini aventi diritto, tra cui le famiglie dei partecipanti all’operazione militare speciale, a installare le linee del gas all’interno dei loro appezzamenti di terreno.

A parte ciò, esistono partnership orticole non commerciali all’interno dei confini di molte comunità dotate di reti del gas. Per anni, a volte di generazione in generazione, le persone hanno curato i loro appezzamenti di terreno e ora stanno costruendo case adatte a vivere tutto l’anno, ma non possono allacciarsi alla rete perché questi partenariati non sono inclusi nel programma di sviluppo dell’infrastruttura sociale del gas.

Questo problema riguarda milioni di famiglie e deve essere risolto nell’interesse dei nostri cittadini, il che significa che il programma di sviluppo dell’infrastruttura sociale del gas deve essere ampliato per includerli e che la rete deve essere estesa ai confini delle partnership.

Anche i residenti nei territori remoti del nord e dell’estremo oriente, dove il gas di rete non sarà disponibile a breve, saranno sostenuti. Oggi riscaldano le loro case con carbone o legna. Ora, grazie ai sussidi statali, potranno acquistare apparecchiature moderne, di produzione nazionale e sicure per l’ambiente. Le famiglie più bisognose devono essere sostenute per prime. Stanzieremo altri 32 miliardi di rubli per questi scopi.

Svilupperemo il trasporto pubblico tenendo conto degli standard ambientali odierni e ne abbasseremo l’età media. Le regioni russe riceveranno altri 40.000 autobus, filobus, tram e autobus elettrici entro il 2030. Stanzieremo altri 150 miliardi di rubli dal bilancio federale per questo programma di rinnovamento del trasporto pubblico.

Sostituiremo anche la flotta di scuolabus a un ritmo di almeno 3.000 veicoli all’anno, il che è particolarmente importante per le piccole città e le aree rurali. Ne parlano sia i residenti che i capi dei comuni e delle regioni. Questo programma è davvero molto importante. Pertanto, stanzieremo altri 66 miliardi di rubli per l’acquisto di scuolabus. E, naturalmente, dovranno essere interamente prodotti in Russia o con un alto grado di localizzazione.

Come sapete, siamo riusciti a ridurre le emissioni nocive nell’atmosfera in 12 centri industriali della Russia nell’ambito del progetto Aria Pulita, a cui l’anno scorso si sono aggiunte altre 29 città. Il volume delle emissioni nocive nell’atmosfera in tutto il Paese deve essere dimezzato. Ci avvicineremo a questo obiettivo passo dopo passo. Per valutare i risultati sarà creato un sistema completo di monitoraggio della qualità ambientale.

Negli ultimi cinque anni sono stati puliti migliaia di chilometri di fiumi e di argini e il deflusso delle acque sporche nel Volga è stato quasi dimezzato. Ora propongo di fissare l’obiettivo di dimezzare l’inquinamento dei principali corpi idrici della Russia.

Negli ultimi cinque anni sono state bonificate 128 grandi discariche nelle città e 80 siti di danni ambientali accumulati che stavano letteralmente avvelenando la vita delle persone in 53 regioni della Russia. I territori della discarica di Krasny Bor, della cartiera di Baikal e di Usolye-Sibirskoye sono stati riportati in uno stato di sicurezza.

A questo proposito, colleghi, vorrei sottolineare che finora in questi siti sono state eseguite solo le misure più urgenti, ma non è ancora finita. In nessun caso devono essere lasciati nelle condizioni in cui si trovano ora. Dobbiamo completare questo lavoro e creare tutte le infrastrutture necessarie.

In generale, continueremo a ripulire i siti più pericolosi dai danni ambientali accumulati. Nei prossimi sei anni, almeno 50 di questi siti dovranno essere bonificati.

È necessario creare incentivi per le imprese, introdurre tecnologie verdi e passare a un’economia circolare. Inoltre, abbiamo creato da zero un’industria avanzata per la gestione dei rifiuti: 250 imprese sono state costruite per trattare e smaltire i rifiuti. L’obiettivo entro il 2030 è quello di differenziare tutti i rifiuti solidi e tutto ciò che deve essere differenziato e riutilizzarne almeno un quarto. Stanzieremo ulteriori finanziamenti per questi progetti e, insieme alle imprese, costruiremo circa 400 nuove strutture per la gestione dei rifiuti e otto parchi eco-industriali.

Cos’altro voglio dire? Durante gli incontri in Estremo Oriente, in Siberia e in altre regioni, si è parlato molto della necessità di preservare la nostra ricchezza forestale, di affrontare il disboscamento illegale e di proteggere le nostre foreste. Questo tema ha un’enorme risonanza nell’opinione pubblica. È importante per quasi tutte le persone. Tutti noi stiamo unendo gli sforzi e la situazione sta gradualmente cambiando.

Una pietra miliare molto importante: dal 2021, la Russia ha ripristinato più terreni forestali di quanti ne abbia disboscati. Vorrei ringraziare tutti i volontari, gli studenti delle scuole e delle università e tutti coloro che hanno piantato alberi e partecipato alle attività ambientali e, naturalmente, le aziende che hanno sostenuto questi progetti. Continueremo certamente a ripristinare foreste, parchi e giardini, compresi quelli che circondano le aree metropolitane e i centri industriali.

Suggerisco di prendere una decisione separata sull’aumento degli stipendi degli specialisti impegnati nell’industria forestale, nella meteorologia e nella protezione dell’ambiente – tutti coloro che si occupano delle questioni più importanti della sostenibilità ambientale. Dobbiamo ammettere con franchezza che svolgono un lavoro fondamentale, ma la loro retribuzione è molto modesta.

Per sostenere le iniziative di protezione ambientale civile, credo sia necessario istituire un fondo per i progetti ecologici e ambientali. Inizierà con sovvenzioni per un totale di un miliardo di rubli all’anno.

Continueremo a lavorare per preservare le aree naturali appositamente protette, nonché per proteggere e ripristinare le popolazioni di specie rare e minacciate di flora e fauna. Suggerisco di valutare l’apertura di una rete di centri per la riabilitazione di animali selvatici feriti e confiscati.

Entro il 2030, creeremo infrastrutture per il turismo ambientale in tutti i parchi nazionali del Paese, tra cui eco-trail e percorsi turistici a piedi, tour di fine settimana per le scolaresche, aree ricreative all’aperto, musei e centri di visita.

Costruiremo strutture moderne e sicure anche in prossimità di specchi d’acqua, tra cui il lago Baikal. Entro il 2030 vi sarà aperto un resort aperto tutto l’anno. È importante attenersi rigorosamente al principio dell’inquinamento zero, ossia garantire che nessun rifiuto o liquame non trattato di alcun tipo entri nel lago. La costruzione del resort sul Baikal farà parte del grande progetto dei Cinque Mari.

Moderni complessi alberghieri sorgeranno anche sulle coste del Mar Caspio, del Mar Baltico, del Mar d’Azov, del Mar Nero e del Mar del Giappone. Solo questo progetto consentirà di aggiungere altri 10 milioni di turisti all’anno.

Si prevede che il numero di turisti nel Paese nel suo complesso raddoppierà praticamente fino a 140 milioni di persone all’anno entro il 2030, considerando lo sviluppo dinamico di centri turistici come Altai, Kamchatka, Kuzbass, il Caucaso settentrionale, la Carelia e il Nord russo. È importante notare che anche il contributo del turismo al PIL russo raddoppierà, raggiungendo il 5%. Presto elaboreremo ulteriori decisioni in merito.

Le infrastrutture di trasporto sono fondamentali per lo sviluppo del turismo e della regione nel suo complesso. Il traffico automobilistico ad alta velocità tra Mosca e Kazan è già stato aperto; quest’anno estenderemo il percorso a Ekaterinburg e l’anno prossimo a Tyumen. In futuro, un’arteria di trasporto moderna e sicura attraverserà l’intero Paese fino a Vladivostok.

Inoltre, nei prossimi sei anni dovrebbero essere costruite in Russia più di 50 tangenziali cittadine. Un altro progetto stradale significativo è sicuramente l’autostrada Dzhubga-Sochi. Ridurrà i tempi di percorrenza dalla M-4 del Don a Sochi di tre quarti – fino a un’ora e mezza – e promuoverà lo sviluppo della costa del Mar Nero.

Devo dire subito – ho raggiunto un accordo con il Governo e voglio dirlo pubblicamente – che si tratta di un progetto complesso e ad alta intensità di capitale. Comprende molti tunnel e ponti; è un progetto costoso. Ciononostante, vorrei chiedere al Governo di sviluppare un accordo di finanziamento per questo progetto. Risolvete il problema.

Abbiamo già riparato le strade federali della Russia e quasi l’85% delle strade delle grandi aree metropolitane. È essenziale continuare su questa strada. Allo stesso tempo, nei prossimi anni, daremo particolare importanza al miglioramento delle strade regionali.

I viaggi in aereo devono diventare più accessibili. Dobbiamo aumentare la cosiddetta mobilità aerea dei russi. Entro il 2030, il volume dei servizi aerei in Russia dovrebbe aumentare del 50% rispetto all’anno scorso.

A tal fine, abbiamo in programma di accelerare lo sviluppo dei viaggi aerei intra- e interregionali. A questo proposito, il Governo ha dato istruzioni molto precise: modernizzare l’infrastruttura di almeno 75 aeroporti, cioè più di un terzo degli aeroporti russi, nei prossimi sei anni, stanziando a tal fine almeno 250 miliardi di rubli di finanziamenti diretti di bilancio.

Le flotte aeree delle nostre compagnie hanno sicuramente bisogno di essere aggiornate con l’aggiunta di aerei di produzione russa. Questi nuovi aerei devono soddisfare tutti i moderni requisiti di qualità, convenienza e sicurezza, un compito impegnativo. In passato abbiamo acquistato troppi aerei all’estero invece di sviluppare la nostra produzione nazionale.

Gli sviluppi avanzati della Russia nel campo dell’ingegneria meccanica, delle costruzioni, delle comunicazioni e dei sistemi digitali saranno molto necessari anche per la costruzione di ferrovie ad alta velocità. Vorrei spendere qualche parola al riguardo.

La prima linea ferroviaria ad alta velocità tra Mosca e San Pietroburgo passerà per Tver e la nostra antica capitale, Veliky Novgorod. In seguito, costruiremo linee simili per Kazan e gli Urali, per Rostov-sul-Don, per la costa del Mar Nero, per Minsk, la nostra fraterna Bielorussia, e per altre destinazioni popolari.

La modernizzazione a tutto campo dell’hub centrale dei trasporti continuerà. I Diametri Centrali di Mosca, le nuove linee della metropolitana di superficie diventeranno parte di una rete che collegherà la Regione di Mosca con Yaroslavl, Tver, Kaluga, Vladimir e altre regioni attraverso moderni percorsi ad alta velocità.

È inoltre indispensabile potenziare la rete delle principali vie d’acqua interne. Questo dovrebbe garantire ulteriori effetti economici per quanto riguarda il turismo, l’industria e lo sviluppo di alcune regioni sensibili che sono molto importanti per noi, tra cui le regioni dell’Estremo Nord.

Cosa posso aggiungere a tutto questo? Le infrastrutture moderne offrono un valore aggiunto e aumentano la capitalizzazione di mercato di tutti i beni nazionali e delle regioni che servono i flussi turistici di transito, contribuendo allo stesso tempo allo sviluppo delle strutture manifatturiere e agricole e incoraggiando le persone a costruire case unifamiliari per le loro famiglie e a creare un ambiente di vita migliore per loro. Questo significa anche nuove opportunità commerciali, anche sui mercati esteri.

In questo contesto, c’è una questione particolare che abbiamo discusso durante uno dei miei incontri. Mi riferisco ai tempi di attesa ai posti di controllo di frontiera. Questo è diventato un problema urgente nell’Estremo Oriente russo. Secondo i nostri standard, lo sdoganamento deve durare 19 minuti, ma in realtà i camionisti devono aspettare ore per attraversare il confine.

I nostri colleghi del Ministero dei Trasporti hanno l’obiettivo specifico di ridurre i tempi di sdoganamento per il trasporto merci al confine in modo che non superino i 10 minuti. Le più recenti soluzioni tecnologiche possono rendere possibile questo obiettivo.

Questi requisiti sono essenziali anche per l’efficacia del corridoio di trasporto Nord-Sud. Questo percorso collegherà la Russia ai Paesi del Medio Oriente e dell’Asia e si avvarrà di autostrade e di collegamenti ferroviari continui, dai porti del Mar Baltico e del Mare di Barents fino al Golfo Persico e all’Oceano Indiano. Aumenteremo anche la capacità di trasporto delle nostre ferrovie verso sud per sfruttare meglio i nostri porti nei mari d’Azov e Nero.

Lo sforzo per espandere il dominio operativo orientale riguarda la linea principale Baikal-Amur e la ferrovia transiberiana. Stiamo per lanciare la terza fase. Ad un certo punto, scusate l’espressione, abbiamo rallentato. In effetti, non siamo riusciti ad agire quando avremmo dovuto, ma va bene così: ora dobbiamo recuperare, e lo faremo. Queste due ferrovie aumenteranno la loro capacità di transito annuale da 173 a 210 milioni di tonnellate entro il 2030. Allo stesso tempo, ci sarà uno sforzo per espandere i porti di Vanino e Sovetskaya Gavan.

Lo sviluppo della Northern Sea Route merita un’attenzione particolare. Invitiamo le aziende logistiche straniere e i Paesi esteri a utilizzare questo corridoio di trasporto globale. L’anno scorso, i volumi di merci lungo questa rotta hanno raggiunto i 36 milioni di tonnellate. Colleghi, vorrei richiamare la vostra attenzione sul fatto che questo dato supera di cinque volte il massimo dell’epoca sovietica. Renderemo la Northern Sea Route operativa tutto l’anno e amplieremo i nostri porti settentrionali, compreso l’hub di trasporto di Murmansk. Questo include, ovviamente, uno sforzo per espandere la nostra flotta artica.

L’anno scorso è salpata la Severny Polyus (Polo Nord), una piattaforma rompighiaccio di ricerca unica nel suo genere. Quest’anno, il Cantiere navale del Baltico ha iniziato la costruzione del Leningrad, un nuovo rompighiaccio nucleare. L’anno prossimo inizierà la costruzione della Stalingrad, che appartiene alla stessa classe di navi. Il cantiere navale Zvezda, nell’Estremo Oriente russo, sta costruendo il Lider (Leader), un rompighiaccio di nuova generazione che avrà una potenza doppia rispetto ai suoi predecessori.

I cantieri navali russi aggiorneranno gran parte della nostra flotta commerciale, comprese le petroliere, le gasiere e le navi portacontainer. Questo sforzo dovrebbe consentire alle imprese russe di snellire le operazioni commerciali, considerando il mutevole ambiente logistico e i cambiamenti radicali dell’economia globale.

Concittadini, amici,

Vorrei fare una menzione speciale. Incontro regolarmente i partecipanti all’operazione militare speciale, tra cui militari di carriera e volontari, nonché persone di professione civile che sono state mobilitate per il servizio militare. Tutti loro hanno imbracciato le armi e si sono alzati in difesa della nostra Madrepatria.

Guardando questi uomini coraggiosi, a volte molto giovani, posso dire, senza esagerare, che il mio cuore trabocca di orgoglio per il nostro popolo, per la nostra nazione e per queste persone in particolare. Senza dubbio, persone come loro non si tireranno indietro, non falliranno e non tradiranno.

Dovrebbero assumere posizioni di primo piano nel sistema di istruzione e di educazione dei giovani, nelle associazioni pubbliche, nelle aziende statali e private, nelle amministrazioni federali e comunali. Dovrebbero essere a capo di regioni e imprese, nonché di grandi progetti nazionali. Alcuni di questi eroi e patrioti sono piuttosto riservati nella vita di tutti i giorni. Non si vantano dei loro successi e non parlano in grande. Ma nei momenti cruciali della storia, queste persone salgono alla ribalta e si assumono le proprie responsabilità. Alle persone che pensano al Paese e vivono come un tutt’uno con esso può essere affidato il futuro della Russia.

Sapete che la parola “élite” ha perso molta della sua credibilità. Coloro che non hanno fatto nulla per la società e si considerano una casta dotata di diritti e privilegi speciali – in particolare coloro che negli anni ’90 hanno approfittato di ogni tipo di processo economico per riempirsi le tasche – non sono certo un’élite. Per ribadire che coloro che servono la Russia, i grandi lavoratori e i militari, le persone affidabili e degne di fiducia che hanno dimostrato la loro fedeltà alla Russia con i fatti, in una parola, le persone dignitose, sono la vera élite.

A questo proposito, vorrei annunciare una nuova decisione che ritengo importante. A partire da domani, 1° marzo 2024, i veterani delle operazioni militari speciali, così come i soldati e gli ufficiali che attualmente combattono in unità attive, potranno candidarsi per far parte della prima classe di un programma speciale di formazione del personale. Chiamiamolo “Tempo di eroi”. A dire il vero, l’idea mi è venuta quando ho incontrato gli studenti di San Pietroburgo che hanno prestato servizio nell’operazione militare speciale. Questo programma sarà costruito secondo gli standard dei nostri migliori progetti, ovvero la Scuola superiore di amministrazione pubblica, nota anche come “scuola dei governatori”, e il concorso Leaders of Russia. I loro laureati tendono a raggiungere posizioni di rilievo in molti settori, fino a diventare ministri e capi di regione.

I membri dell’esercito attivo e i veterani con titoli universitari ed esperienza manageriale possono iscriversi, indipendentemente dal loro grado o dalla loro posizione. L’importante è che questi individui abbiano dato prova delle loro migliori qualità, dimostrando di saper guidare i propri commilitoni.

Il corso di studi inizierà nei prossimi mesi. La prima coorte di partecipanti sarà guidata da alti funzionari del Governo, dell’Ufficio presidenziale, dei ministeri e delle agenzie federali, dei capi delle regioni e delle nostre maggiori aziende. In futuro amplieremo questi programmi di formazione del personale, avvieremo corsi di gestione presso l’Accademia presidenziale dell’economia nazionale e della pubblica amministrazione e ritengo opportuno elevare lo status dell’Accademia a livello legislativo.

Inoltre, i veterani e i partecipanti all’operazione militare speciale avranno il diritto di accedere in via prioritaria ai programmi di istruzione superiore in specialità civili presso le nostre principali università.

Vorrei chiedere al Ministero della Difesa e a tutti i comandanti di unità di sostenere l’interesse dei loro soldati e ufficiali a partecipare al nuovo programma di formazione del personale, di dare loro l’opportunità di fare domanda e di frequentare fisicamente le lezioni. Vorrei sottolineare che i partecipanti alle operazioni militari speciali, compresi i soldati semplici, i sergenti e gli ufficiali combattenti, sono già la spina dorsale delle nostre Forze Armate. E, come ho detto, coloro che intendono proseguire la loro carriera militare riceveranno una promozione prioritaria, l’iscrizione ai corsi di comando, alle scuole militari e alle accademie.

Amici,

L’indipendenza, l’autosufficienza e la sovranità devono essere dimostrate e riaffermate ogni giorno. Questa è la nostra responsabilità per il presente e il futuro della Russia, qualcosa che nessun altro può fare se non noi. Si tratta della nostra Madrepatria, la Madrepatria dei nostri antenati, e nessuno ne avrà mai bisogno e la custodirà come noi – tranne i nostri discendenti, ai quali dobbiamo trasmettere un Paese forte e prospero.

Negli ultimi anni abbiamo costruito con successo un sistema di gestione e realizzato i nostri progetti nazionali basandoci su grandi quantità di dati e sulle moderne tecnologie digitali. Questo ci ha permesso di aumentare l’efficienza, di gestire i rischi, di basarci sull’intera quantità di informazioni disponibili e di perfezionare continuamente i nostri progetti e programmi facendo affidamento sul feedback dei nostri cittadini.

Vorrei ringraziare i miei colleghi del Governo, delle agenzie e delle regioni che hanno costruito meticolosamente questo sistema per tutti questi anni, durante la pandemia e di fronte all’aggressione delle sanzioni contro la Russia. So che è stato un lavoro impegnativo e difficile, ma il punto principale è che sta già dando i suoi frutti. Lo stiamo vedendo nei risultati.

Continueremo a seguire proprio questa logica. È necessario approvare e coordinare tra loro tutti i progetti nazionali di cui ho parlato oggi. Vorrei sottolineare ancora una volta che non si tratta di progetti di dipartimenti separati. Dovrebbero lavorare per obiettivi comuni a livello di sistema e per i nostri obiettivi di sviluppo nazionale. Detto questo, vorrei chiedere al Fronte Popolare Russo di continuare a monitorare l’attuazione delle decisioni a tutti i livelli di governo.

Vorrei sottolineare che il risultato principale dei nostri programmi non si misura in tonnellate, chilometri o denaro speso. L’importante è che le persone vedano dei cambiamenti in meglio nella loro vita. La portata delle sfide storiche che la Russia deve affrontare richiede un lavoro estremamente chiaro e coordinato da parte dello Stato, della società civile e della comunità imprenditoriale.

Ritengo necessario non solo preparare un progetto di bilancio per i prossimi tre anni, ma anche pianificare tutte le spese e gli investimenti più importanti per il futuro, fino al 2030. In altre parole, dobbiamo elaborare un piano di prospettiva di sei anni per il nostro sviluppo nazionale, che sicuramente integreremo con nuove iniziative. Naturalmente, la vita farà i suoi aggiustamenti.

Stiamo elaborando piani a lungo termine nonostante questo periodo complicato, nonostante le prove e le difficoltà attuali. Il programma che ho esposto nel discorso di oggi si basa sui fatti e affronta questioni fondamentali. È il programma di un Paese sovrano e forte che guarda al futuro con fiducia. Abbiamo sia le risorse che le enormi opportunità per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati.

Ma ora sottolineerò l’aspetto principale. Oggi, la realizzazione di tutti questi piani dipende direttamente dai nostri soldati, ufficiali e volontari – tutto il personale militare che sta combattendo al fronte. Dipende dal coraggio e dalla determinazione dei nostri compagni d’arme che stanno difendendo la Madrepatria, passando all’offensiva, avanzando sotto il fuoco e sacrificandosi per il bene di noi, per il bene della Patria. Sono i nostri combattenti che oggi creano le condizioni assolutamente essenziali per il futuro del Paese e per il suo sviluppo.

Avete il nostro più profondo rispetto, ragazzi.

Vorrei ringraziare tutti voi, colleghi, e tutti i cittadini della Russia per la loro solidarietà e affidabilità. Siamo una grande famiglia, siamo uniti e per questo faremo tutto ciò che progettiamo, desideriamo e sogniamo.

Ho fiducia nelle nostre vittorie, nei nostri successi e nel futuro della Russia!

Grazie.

(Suona l’inno nazionale della Federazione Russa).

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Discorso presidenziale (Putin) all’Assemblea federale di Russia

In calce il commento di Gilbert Doctorow_Giuseppe Germinario

Discorso presidenziale all’Assemblea federale

2024-02-29 14:20:00

Mosca

Vladimir Putin ha pronunciato il suo discorso all’Assemblea federale. La cerimonia si è svolta a Gostiny Dvor, Mosca.

Presidente della Russia Vladimir Putin:

Senatori, Deputati della Duma di Stato,
Cittadini della Russia,
Lo scopo principale di ogni discorso all’Assemblea federale è quello di offrire una prospettiva lungimirante. Oggi discuteremo non solo i nostri piani a breve termine, ma anche i nostri obiettivi strategici e le questioni che, a mio avviso, sono fondamentali per garantire uno sviluppo stabile a lungo termine del nostro Paese.
Questo programma d’azione e le misure specifiche che include sono in gran parte il risultato dei miei viaggi nelle regioni e delle conversazioni che ho avuto con i lavoratori e gli ingegneri degli stabilimenti civili e della difesa, così come con i medici, gli insegnanti, i ricercatori, i volontari, gli imprenditori, le grandi famiglie, con i nostri eroi in prima linea, i volontari, i soldati e gli ufficiali delle Forze Armate russe. Naturalmente, è chiaro che queste conversazioni, questi incontri non nascono dal nulla, ma sono organizzati. Tuttavia, questi scambi offrono alle persone l’opportunità di parlare dei loro bisogni urgenti. Molte idee sono venute da importanti forum della società civile e di esperti.
Le proposte presentate dalla nostra gente, le loro aspirazioni e le loro speranze sono diventate la base, il pilastro principale dei progetti e delle iniziative che saranno annunciati anche oggi, durante questo discorso. Spero che la discussione pubblica su questi temi continui, perché solo insieme possiamo realizzare tutti i nostri piani. In effetti, ci attendono compiti importanti.
Abbiamo già dimostrato di essere in grado di raggiungere gli obiettivi più impegnativi e di rispondere a qualsiasi sfida, anche la più temibile. Per esempio, c’è stato un tempo in cui abbiamo respinto l’aggressione terroristica internazionale e preservato la nostra unità nazionale, evitando che il nostro Paese venisse fatto a pezzi.
Abbiamo sostenuto i nostri fratelli e sorelle; abbiamo appoggiato la loro decisione di stare con la Russia e quest’anno ricorre il decimo anniversario della leggendaria Primavera russa. Ma ancora oggi, l’energia, la sincerità e il coraggio dei suoi eroi – gli abitanti della Crimea, di Sebastopoli e del Donbass ribelle – il loro amore per la Madrepatria, che hanno portato avanti per generazioni, rende naturalmente orgogliosi. Questo ci ispira e rafforza la nostra fiducia nel fatto che supereremo qualsiasi cosa, che saremo in grado di fare qualsiasi cosa insieme.
È così che – tutti insieme – siamo riusciti a eliminare la minaccia mortale della pandemia Covid-19 proprio di recente. Inoltre, così facendo, abbiamo anche dimostrato al mondo che nella nostra società prevalgono valori come la compassione, il sostegno reciproco e la solidarietà.
E oggi, quando la nostra Madrepatria sta difendendo la propria sovranità e la propria sicurezza, difendendo le vite dei nostri compatrioti nel Donbass e in Novorossiya, i nostri cittadini stanno giocando il ruolo decisivo in questa giusta lotta: la loro unità e devozione al nostro Paese e la nostra responsabilità condivisa per il suo futuro.
Hanno dimostrato chiaramente e inequivocabilmente queste qualità all’inizio dell’operazione militare speciale, quando è stata sostenuta dalla maggioranza assoluta dei russi. Nonostante le prove più dure e le perdite più amare, la gente è rimasta irremovibile nella sua scelta e la sta riaffermando cercando di fare il più possibile per il proprio Paese e per il bene comune.
Le industrie russe lavorano su tre turni per realizzare tutti i prodotti di cui il fronte ha bisogno. L’intera economia, che fornisce le basi industriali e tecnologiche per la nostra vittoria, ha dimostrato flessibilità e resilienza. Vorrei ringraziare tutti i dirigenti d’azienda, gli ingegneri, gli operai e gli agricoltori per il loro lavoro responsabile e duro nell’interesse della Russia.
Milioni di persone hanno aderito alla campagna Noi siamo insieme e al progetto del Fronte Popolare Russo Tutto per la Vittoria! Negli ultimi due anni, le imprese russe hanno donato miliardi di rubli alle organizzazioni di volontariato e alle fondazioni di beneficenza che sostengono i nostri soldati e le loro famiglie.
Le persone inviano lettere e pacchi, vestiti caldi e reti mimetiche al fronte; donano denaro dai loro risparmi, a volte molto modesti. Ancora una volta, questo tipo di assistenza è inestimabile: è il contributo di tutti alla vittoria comune. I nostri eroi al fronte, nelle trincee, dove è più difficile, sanno che tutto il Paese è con loro.
Desidero riconoscere la Fondazione Difensori della Patria, il Comitato delle Famiglie dei Guerrieri della Patria e altre associazioni pubbliche per il loro instancabile impegno. Esorto le autorità a tutti i livelli a continuare a fornire un sostegno incrollabile alle famiglie dei nostri eroi, compresi i loro genitori, coniugi e figli, che attendono con ansia il ritorno in sicurezza dei loro cari.
Sono grato ai partiti parlamentari per essersi uniti intorno agli interessi nazionali. Il sistema politico russo è uno dei pilastri della sovranità del nostro Paese. Continueremo a far progredire le istituzioni democratiche e a resistere a qualsiasi interferenza esterna nei nostri affari interni.
Il cosiddetto Occidente, con le sue pratiche coloniali e la sua propensione a fomentare conflitti etnici in tutto il mondo, non solo cerca di ostacolare il nostro progresso, ma immagina anche una Russia che sia uno spazio dipendente, in declino e in via di estinzione, dove poter fare quello che vuole. In realtà, vogliono replicare in Russia ciò che hanno fatto in numerosi altri Paesi, tra cui l’Ucraina: seminare discordia in casa nostra e indebolirci dall’interno. Ma si sbagliavano, e ciò è divenuto abbondantemente chiaro ora che si sono scontrati con la ferma volontà e la determinazione del nostro popolo multietnico.
I nostri soldati e ufficiali – cristiani e musulmani, buddisti e seguaci dell’ebraismo, persone che rappresentano etnie, culture e regioni diverse – hanno dimostrato con le loro azioni, che sono più forti di mille parole, che la coesione e l’unità secolari del popolo russo sono una forza formidabile e invincibile. Tutti loro, spalla a spalla, stanno combattendo per la nostra comune Madrepatria.
Insieme, come cittadini della Russia, saremo uniti nella difesa della nostra libertà e del nostro diritto a un’esistenza pacifica e dignitosa. Tracceremo il nostro percorso, per salvaguardare la continuità delle generazioni, e quindi la continuità dello sviluppo storico, e affronteremo le sfide che attendono il Paese sulla base della nostra visione del mondo, delle nostre tradizioni e delle nostre convinzioni, che trasmetteremo ai nostri figli.
Amici,
La difesa e il rafforzamento della sovranità sono in corso in tutti i settori, soprattutto in prima linea, dove le nostre truppe combattono con fermezza e altruismo.
Sono grato a tutti coloro che combattono per gli interessi della Patria, che sopportano il crogiolo delle prove militari e mettono in gioco la propria vita ogni giorno. L’intera nazione ha il più profondo rispetto per la vostra impresa, piange i morti e la Russia ricorderà sempre i suoi eroi caduti.
(Un momento di silenzio).
Le nostre Forze Armate hanno acquisito una grande esperienza, anche in termini di coordinamento di tutte le ali dell’esercito, oltre a padroneggiare le più recenti tattiche e metodi di guerra. Questo sforzo ci ha dato tanti comandanti di talento e di esperienza che hanno a cuore i loro uomini e sono diligenti nello svolgere le loro missioni, sanno come usare nuovi equipaggiamenti e sono efficaci nel portare a termine i loro incarichi. Vorrei sottolineare che questo avviene a tutti i livelli, dai plotoni e dalle unità operative fino al comando supremo.
Siamo consapevoli delle sfide che dobbiamo affrontare. Esse esistono. Detto questo, sappiamo anche cosa bisogna fare per affrontarle. A questo proposito, è in corso uno sforzo continuo e incessante, sia in prima linea che nelle retrovie, per migliorare il potere d’attacco dell’Esercito e della Flotta, per renderli più tecnologici ed efficaci.
Le Forze Armate hanno ampliato le loro capacità di combattimento di molte volte. Le nostre unità hanno preso l’iniziativa e non la cederanno. Avanzano con fiducia in diversi teatri operativi e liberano altri territori.
Non siamo stati noi a iniziare la guerra nel Donbass, ma, come ho già detto più volte, faremo di tutto per porvi fine, sradicare il nazismo e raggiungere tutti gli obiettivi dell’operazione militare speciale, oltre a difendere la sovranità e garantire la sicurezza del nostro popolo.
Le forze nucleari strategiche sono in stato di massima allerta e la capacità di usarle è assicurata. Abbiamo già realizzato o stiamo per realizzare tutti i nostri piani in termini di armi, in linea con quanto ho detto nel mio discorso del 2018.
Kinzhal, il complesso ipersonico a lancio aereo, non solo è entrato in servizio in combattimento, ma si è dimostrato efficace nell’effettuare attacchi contro obiettivi critici durante l’operazione militare speciale. Allo stesso modo, Zircon, un complesso missilistico ipersonico basato su nave, ha già prestato servizio in combattimento. Non è stato nemmeno menzionato durante il discorso del 2018, ma anche questo sistema missilistico è entrato in servizio in combattimento.
Anche i missili ipersonici ICBM Avangard e i complessi laser Peresvet sono entrati in servizio in combattimento. Il Burevestnik, un missile da crociera con gittata illimitata, sta per completare la fase di test, così come il Poseidon, un veicolo sottomarino senza equipaggio. Questi sistemi hanno dimostrato di soddisfare gli standard più elevati e non sarebbe esagerato dire che offrono capacità uniche. Le nostre truppe hanno anche ricevuto i primi missili balistici pesanti Sarmat prodotti in serie. Presto ve li mostreremo in servizio di allerta nelle aree di schieramento.
Gli sforzi per sviluppare diversi altri nuovi sistemi d’arma continuano, e ci aspettiamo di sentire ancora di più sui risultati ottenuti dai nostri ricercatori e produttori di armi.
La Russia è pronta al dialogo con gli Stati Uniti sulle questioni di stabilità strategica. Tuttavia, è importante chiarire che in questo caso abbiamo a che fare con uno Stato i cui circoli dirigenti stanno compiendo azioni apertamente ostili nei nostri confronti. Quindi, intendono seriamente discutere con noi di questioni di sicurezza strategica e allo stesso tempo cercano di infliggere alla Russia una sconfitta strategica sul campo di battaglia, come dicono loro stessi.
Ecco un buon esempio della loro ipocrisia. Di recente hanno lanciato accuse infondate, in particolare contro la Russia, riguardo ai piani di dispiegamento di armi nucleari nello spazio. Queste false narrazioni, e questa storia è inequivocabilmente falsa, hanno lo scopo di coinvolgerci in negoziati sulle loro condizioni, che andranno solo a vantaggio degli Stati Uniti.
Allo stesso tempo, hanno bloccato la nostra proposta che è sul tavolo da oltre 15 anni. Mi riferisco all’accordo sulla prevenzione del dispiegamento di armi nello spazio, che abbiamo redatto nel 2008. Non c’è stata alcuna reazione. Non è assolutamente chiaro di cosa stiano parlando.
Pertanto, ci sono ragioni per sospettare che l’interesse professato dall’attuale amministrazione statunitense a discutere di stabilità strategica con noi sia solo demagogia. Vogliono semplicemente dimostrare ai loro cittadini e al mondo, soprattutto in vista delle elezioni presidenziali, che continuano a governare il mondo, che parlerebbero con i russi quando ciò li avvantaggia e che altrimenti non c’è nulla di cui parlare e cercheranno di infliggerci una sconfitta. Business as usual, come si suol dire.
Ma questo è inaccettabile, ovviamente. La nostra posizione è chiara: se si vuole discutere di questioni di sicurezza e stabilità che sono cruciali per l’intero pianeta, questo deve essere fatto come un pacchetto che includa, ovviamente, tutti gli aspetti che hanno a che fare con i nostri interessi nazionali e che hanno un’influenza diretta sulla sicurezza del nostro Paese, la sicurezza della Russia.
Siamo anche consapevoli dei tentativi occidentali di trascinarci in una corsa agli armamenti, esaurendoci così, rispecchiando la strategia impiegata con successo con l’Unione Sovietica negli anni Ottanta. Vi ricordo che nel 1981-1988 la spesa militare dell’Unione Sovietica ammontava al 13% del PIL.
Il nostro imperativo attuale è quello di rafforzare la nostra industria della difesa in modo da aumentare le capacità scientifiche, tecnologiche e industriali del nostro Paese. Dobbiamo allocare le risorse nel modo più oculato possibile, promuovendo un’economia efficiente per le Forze armate e massimizzando il rendimento di ogni rublo della nostra spesa per la difesa. È fondamentale per noi accelerare la risoluzione dei problemi sociali, demografici, infrastrutturali e di altro tipo che dobbiamo affrontare, migliorando al contempo la qualità degli equipaggiamenti dell’Esercito e della Marina russi.
Questo vale soprattutto per le forze di impiego generale, affinando i principi della loro organizzazione e distribuendo alle truppe sistemi avanzati di attacco senza equipaggio, sistemi di difesa aerea e di guerra elettronica, di ricognizione e di comunicazione, armi di alta precisione e altri tipi di armi.
Dobbiamo rafforzare le forze nel teatro strategico occidentale per contrastare le minacce poste dall’ulteriore espansione della NATO verso est, con l’ingresso di Svezia e Finlandia nell’alleanza.
L’Occidente ha provocato conflitti in Ucraina, in Medio Oriente e in altre regioni del mondo propagandando costantemente falsità. Ora hanno l’audacia di dire che la Russia ha intenzione di attaccare l’Europa. Ci credete? Sappiamo tutti che le loro affermazioni sono del tutto prive di fondamento. Allo stesso tempo, stanno selezionando gli obiettivi da colpire sul nostro territorio e stanno valutando i mezzi di distruzione più efficaci. Ora hanno iniziato a parlare della possibilità di dispiegare contingenti militari della NATO in Ucraina.
Ma ricordiamo cosa è successo a coloro che hanno inviato i loro contingenti sul territorio del nostro Paese già una volta. Oggi, qualsiasi potenziale aggressore dovrà affrontare conseguenze ben più gravi. Devono capire che anche noi abbiamo armi – sì, lo sanno, come ho appena detto – in grado di colpire obiettivi sul loro territorio.
Tutto ciò che stanno inventando ora, spaventando il mondo con la minaccia di un conflitto con armi nucleari, che potenzialmente significherebbe la fine della civiltà – non se ne rendono conto? Il problema è che si tratta di persone che non hanno mai affrontato una profonda avversità; non hanno alcuna concezione degli orrori della guerra. Noi – anche la generazione più giovane di russi – abbiamo sopportato tali prove durante la lotta al terrorismo internazionale nel Caucaso e ora nel conflitto in Ucraina. Ma continuano a pensare a questo come a una sorta di cartone animato.
In effetti, proprio come qualsiasi altra ideologia che promuove il razzismo, la superiorità nazionale o l’eccezionalismo, la russofobia è accecante e stupefacente. Gli Stati Uniti e i loro satelliti hanno infatti smantellato il sistema di sicurezza europeo, creando rischi per tutti.
È chiaro che nel prossimo futuro in Eurasia dovrà essere creato un nuovo quadro di sicurezza uguale e indivisibile. Siamo pronti a una discussione concreta su questo tema con tutti i Paesi e le associazioni che possono essere interessati. Allo stesso tempo, vorrei ribadire (credo sia importante per tutti) che nessun ordine internazionale duraturo è possibile senza una Russia forte e sovrana.
Ci sforziamo di unire gli sforzi della maggioranza globale per rispondere alle sfide internazionali, come la turbolenta trasformazione dell’economia mondiale, del commercio, della finanza e dei mercati tecnologici, quando i vecchi monopoli e gli stereotipi ad essi associati stanno crollando.
Ad esempio, nel 2028, i Paesi BRICS, tenendo conto dei nuovi membri, creeranno circa il 37% del PIL globale, mentre i numeri del G7 scenderanno sotto il 28%. Queste cifre sono eloquenti perché la situazione era completamente diversa solo 10 o 15 anni fa. Me lo avete già sentito dire pubblicamente. Queste sono le tendenze, vedete. Queste sono le tendenze globali e non si può sfuggire ad esse perché sono la realtà oggettiva.
Guardate, nel 1992 la quota dei Paesi del G7 nel PIL mondiale in termini di PPA era del 45,7%, mentre i Paesi BRICS (questa associazione non esisteva nel 1992) rappresentavano solo il 16,5%. Nel 2022, tuttavia, il G7 rappresentava il 30,3%, mentre i BRICS il 31,5%. Nel 2028, la percentuale si sposterà ancora di più a favore dei BRICS, con il 36,6%, mentre il dato previsto per il G7 è del 27,8%. Non si può prescindere da questa realtà oggettiva, che rimarrà tale indipendentemente da ciò che accadrà in seguito, anche in Ucraina.
Continueremo a lavorare con i Paesi amici per creare corridoi logistici efficaci e sicuri, affidandoci a soluzioni all’avanguardia per la costruzione di una nuova architettura finanziaria globale che sia libera da qualsiasi interferenza politica. Ciò è particolarmente importante se si considera che l’Occidente sta minando le proprie valute e il proprio sistema bancario segando letteralmente il ramo su cui è seduto.
I principi di uguaglianza e di rispetto degli interessi reciproci ci guidano nelle interazioni con i nostri partner. È per questo che sempre più Paesi hanno cercato di partecipare alle attività dell’UEEA, della SCO, dei BRICS e di altre associazioni che coinvolgono la Russia. Vediamo molte promesse nel progetto di costruzione di un Grande Partenariato Eurasiatico e nell’allineamento dei processi di integrazione all’interno dell’Unione Economica Eurasiatica e dell’Iniziativa Belt and Road della Cina.
Il dialogo della Russia con l’ASEAN ha registrato uno slancio positivo. I vertici Russia-Africa hanno rappresentato una vera e propria svolta, con il continente africano sempre più deciso a perseguire i propri interessi e a godere di un’autentica sovranità. Sosteniamo sinceramente queste aspirazioni.
La Russia intrattiene relazioni positive e di lunga data con gli Stati arabi, che hanno una civiltà unica e vibrante che abbraccia il Nord Africa e il Medio Oriente. Siamo convinti che dobbiamo trovare nuovi punti di convergenza con i nostri amici arabi e approfondire i nostri partenariati in tutti i settori. La stessa visione guiderà le nostre relazioni con l’America Latina.
A parte questo, vorrei chiedere al Governo di stanziare maggiori fondi per i programmi internazionali di promozione della lingua russa e della nostra cultura multietnica, principalmente all’interno dello spazio della CSI, ma anche in tutto il mondo.
Tra l’altro, amici e colleghi, sono certo che molti di voi sono stati alla mostra sulla Russia. La gente ci va per vedere quanto è ricca e vasta la nostra patria e per mostrarla ai propri figli. L’Anno della famiglia è stato lanciato lì. I valori dell’amore, del sostegno reciproco e della fiducia si tramandano di generazione in generazione, proprio come la nostra cultura, le nostre tradizioni, la nostra storia e i nostri principi morali.
Ma lo scopo principale della famiglia è quello di avere figli, di procreare, di crescere i bambini e quindi di garantire la sopravvivenza della nostra nazione multietnica. Possiamo vedere ciò che sta accadendo in alcuni Paesi, dove le norme morali e la famiglia vengono deliberatamente distrutte e intere nazioni vengono spinte all’estinzione e alla decadenza. Noi abbiamo scelto la vita. La Russia è stata e rimane una roccaforte dei valori tradizionali su cui si regge la civiltà umana. La nostra scelta è sostenuta dalla maggioranza delle persone nel mondo, compresi milioni di persone nei Paesi occidentali.
È vero, oggi i tassi di natalità sono in calo in Russia e in molti altri Paesi. Secondo i demografi, questa sfida è legata ai cambiamenti sociali, economici, tecnologici, culturali e di percezione dei valori in tutto il mondo. I giovani ricevono un’istruzione, cercano di fare carriera e di migliorare le proprie condizioni di vita, lasciando i figli per il futuro.
È ovvio che l’economia e la qualità del settore sociale non sono gli unici fattori che influenzano la demografia e il tasso di natalità. Anche le scelte di vita incoraggiate in famiglia, dalla nostra cultura e dall’istruzione hanno un impatto enorme. Tutti i livelli di governo, la società civile e il clero di tutte le nostre religioni tradizionali devono contribuire a questo obiettivo.
Il sostegno alle famiglie con bambini è la nostra scelta morale fondamentale. La famiglia con più figli deve diventare una norma, la filosofia sociale di base e il fulcro della strategia statale. (Applausi) Mi unisco ai vostri applausi.
Dobbiamo garantire una crescita sostenibile del tasso di natalità entro i prossimi sei anni. Con questo obiettivo, prenderemo altre decisioni riguardanti il sistema educativo e lo sviluppo regionale ed economico. Parlerò del sostegno alle famiglie e del miglioramento della loro qualità di vita in quasi tutte le parti dell’Indirizzo. Abbiate pazienza, perché ho appena iniziato. Anche tutto ciò che ho già detto è importante, ma ora parlerò delle questioni più importanti.
Inizierò con una questione importante, per usare un eufemismo, ovvero il basso reddito di molte famiglie numerose. Nel 2000, più di 42 milioni di russi vivevano al di sotto della soglia di povertà, ma da allora la situazione è cambiata radicalmente. Alla fine dello scorso anno, il numero di persone che vivevano al di sotto della soglia di povertà è sceso a 13,5 milioni, che è comunque molto. Ma siamo costantemente impegnati a trovare una soluzione a questo problema.
Di recente sono state adottate diverse misure. Ad esempio, dal 1° gennaio 2023 è stato introdotto un assegno mensile unico per le famiglie a basso reddito. L’assegno è erogato dal momento della gravidanza della madre fino al compimento del 17° anno di età del bambino. L’anno scorso ne hanno beneficiato più di 11 milioni di persone.
Abbiamo semplificato drasticamente la procedura per la stipula di un contratto sociale, dando priorità alle famiglie numerose. Ora la domanda per un contratto sociale può essere presentata attraverso il sito web di Gosuslugi (servizi governativi) con una serie minima di documenti. Lavoreremo per ampliare la disponibilità di questo servizio, che richiederà un finanziamento supplementare di 100 miliardi di rubli. Questi fondi sono già stati accantonati. In generale, tutte le spese aggiuntive che menzionerò sono state messe a bilancio.
Per ribadire che la povertà rimane un problema acuto che oggi colpisce direttamente più del 9% della popolazione. Secondo gli esperti, il tasso di povertà tra le famiglie con molti figli è di circa il 30%. Dobbiamo fissare obiettivi chiari e raggiungerli con coerenza. Entro il 2030, il tasso di povertà complessivo in Russia dovrà essere inferiore al 7% e, per le famiglie numerose, non dovrà superare il 12%, ovvero meno della metà dell’attuale 30%. In altre parole, dobbiamo porre particolare enfasi sugli sforzi per ridurre la povertà, in primo luogo per le famiglie con molti figli.
So che sconfiggere la povertà non è facile e che si tratta di uno sforzo assolutamente sistemico e multivettoriale. Quindi, per ribadire, è importante assicurarsi che tutto ciò che facciamo in questo settore, e ogni strumento che utilizziamo, sia efficace ed efficiente e produca risultati reali e tangibili per la nostra gente e le nostre famiglie.
Abbiamo bisogno di uno sforzo ininterrotto volto a migliorare la qualità della vita delle famiglie con figli e a sostenere la natalità. Per raggiungere questo obiettivo, lanceremo un nuovo progetto nazionale intitolato “Famiglia”.
Parlerò ora di alcune iniziative specifiche.
Innanzitutto, oltre ai programmi federali, le regioni russe stanno attuando misure proprie per sostenere le famiglie con bambini. Vorrei soprattutto ringraziare i miei colleghi per questo lavoro e proporre di fornire ulteriore assistenza alle regioni in cui il tasso di natalità è inferiore alla media nazionale. Ciò è particolarmente importante per la Russia centrale e nordoccidentale. Nel 2022, 39 regioni avevano un tasso di fertilità totale inferiore alla media nazionale. Entro la fine del 2030, convoglieremo almeno 75 miliardi di rubli a queste regioni affinché possano aumentare i loro programmi di sostegno alla famiglia. I fondi inizieranno ad essere erogati l’anno prossimo.
In secondo luogo, l’anno scorso in Russia sono stati costruiti più di 110 milioni di metri quadrati di alloggi, ovvero il 50% in più rispetto al livello più alto dell’era sovietica, raggiunto nel 1987. All’epoca furono costruiti 72,8 milioni di metri quadrati, mentre ora il risultato è di 110 milioni.
Ma soprattutto, negli ultimi sei anni, milioni di famiglie russe si sono trasferite in alloggi più grandi o migliori; oltre 900.000 di loro hanno usufruito del programma di mutui per le famiglie – quello lanciato nel 2018, per intenderci. Nel corso del tempo abbiamo ampliato costantemente l’ammissibilità a questo programma, passando dalle famiglie con due o più figli a quelle con un solo figlio. Il programma continuerà fino a luglio 2024. Propongo di estenderlo ulteriormente fino al 2030, mantenendone i parametri di base. Particolare attenzione va prestata alle famiglie con bambini al di sotto dei sei anni; per queste famiglie il tasso d’interesse preferenziale del prestito rimarrà al sei per cento.
C’è dell’altro. Attualmente il governo sovvenziona 450.000 rubli del mutuo di una famiglia che ha un terzo figlio. Propongo di estendere questa misura fino al 2030. Quest’anno, questo piano di sostegno richiederà quasi 50 miliardi di rubli; l’importo aumenterà ulteriormente, ma abbiamo i soldi per farlo.
Il nostro obiettivo più ampio è quello di rendere gli alloggi in costruzione più accessibili per le famiglie e di garantire un rinnovamento del patrimonio abitativo del Paese a livello di sistema.
In terzo luogo, in Russia ci sono oltre due milioni di famiglie con tre o più figli. È ovvio che siamo molto orgogliosi di queste famiglie.
Ecco cosa volevo dire a questo proposito. Guardate questi numeri: sono cifre reali. Tra il 2018 e il 2022, il numero di famiglie con molti figli in Russia è aumentato del 26,8%, il che è un risultato positivo.
Ho firmato un ordine esecutivo che crea uno status nazionale unico per le famiglie con molti figli. È ciò che la gente chiedeva. Dobbiamo dare seguito alle sue disposizioni prendendo decisioni concrete a livello federale e regionale, naturalmente in linea con le aspirazioni dei cittadini.
Le famiglie con molti figli hanno tante cose di cui occuparsi, quindi i genitori devono avere più risorse a disposizione per affrontare le sfide quotidiane. Propongo di raddoppiare la detrazione fiscale che i genitori ottengono quando hanno il secondo figlio, portandola a 2.800 rubli al mese, e di aumentare questo beneficio per il terzo e per ogni figlio successivo a 6.000 rubli.
Che cosa significa? Faccio un esempio: una famiglia con tre figli potrà risparmiare 1.300 rubli al mese. Suggerisco inoltre di aumentare il reddito annuo conteggiato per questa detrazione da 350.000 a 450.000 rubli. E questa misura di sostegno deve essere applicata automaticamente, senza che le persone debbano farne richiesta.
Un discorso a parte merita l’indennità di maternità. Oggi i genitori possono ricevere 630.000 rubli alla nascita del primo figlio, e quando arriva il secondo la famiglia riceve altri 202.000 rubli. Abbiamo regolarmente adeguato questo sussidio all’inflazione. Per ora, il programma di capitale di maternità è destinato a scadere all’inizio del 2026, ma suggerisco di estenderlo almeno fino al 2030.
Colleghi,
vorrei ringraziare le fondazioni di beneficenza e le organizzazioni non profit di servizio alla comunità che aiutano gli anziani, le persone affette da varie malattie e i bambini disabili. Hanno fatto molto per sollevare la questione dell’assistenza a lungo termine a livello nazionale. Sono stati loro a sollevare costantemente questi problemi.
Credo che sia necessario stanziare più fondi federali per questo sistema e seguire un unico standard di assistenza elevato. Ciò include il miglioramento della sua disponibilità per circa mezzo milione di russi che hanno maggiormente bisogno di questo tipo di assistenza.
Entro il 2030, dobbiamo fare in modo che il 100% delle persone che hanno bisogno di questo tipo di assistenza a lungo termine possa beneficiarne.
Attualmente l’aspettativa di vita media in Russia ha superato i 73 anni. Siamo tornati al livello che avevamo prima della pandemia COVID-19. Entro il 2030, l’aspettativa di vita in Russia dovrebbe essere di almeno 78 anni e in futuro, come previsto, raggiungeremo il livello di oltre 80 anni.
Particolare attenzione va prestata alle aree rurali e alle regioni in cui l’aspettativa di vita è ancora inferiore alla media russa. Il progetto nazionale Vita lunga e attiva si concentrerà sul raggiungimento di questi obiettivi. È particolarmente importante prolungare il periodo di vita sana e attiva di una persona, in modo che possa godere delle attività familiari, stare con i propri cari, figli e nipoti.
Continueremo ad attuare progetti federali per combattere le malattie cardiovascolari, il cancro e il diabete.
Inoltre, propongo di lanciare un nuovo programma globale per proteggere la maternità e aiutare i bambini e gli adolescenti a mantenere una buona salute, compresa quella riproduttiva, assicurando che i bambini nascano sani e crescano come adulti sani, e producano bambini sani in futuro.
Le priorità del nuovo programma dovrebbero includere l’espansione della rete nazionale di cliniche per la salute delle donne e il potenziamento dei centri perinatali, delle cliniche pediatriche e degli ospedali. In totale, nei prossimi sei anni stanzieremo più di mille miliardi di rubli solo per la costruzione, la riparazione e l’equipaggiamento delle strutture sanitarie.
Il prossimo. Il numero di russi che praticano regolarmente attività sportive è aumentato in modo significativo negli ultimi anni. Questo è uno dei nostri principali risultati. Dobbiamo incoraggiare le persone che si assumono la responsabilità della propria salute. Già dal prossimo anno introdurremo detrazioni fiscali per coloro che si sottopongono regolarmente a visite mediche programmate e che superano con successo il test di idoneità fisica standard della GTO.
Ricordate questo slogan popolare? Tutti ricordano la battuta: “Smetti di bere – inizia a sciare!”. A quanto pare, il momento è arrivato. A proposito, per quanto riguarda il bere, abbiamo ottenuto un risultato notevole e positivo. Infatti, abbiamo ridotto in modo significativo il consumo di alcol, soprattutto di alcolici forti, senza imporre restrizioni estreme, il che dovrebbe certamente migliorare la salute della nazione.
Suggerisco di destinare i fondi federali alla costruzione di almeno 350 impianti sportivi aggiuntivi ogni anno nelle regioni, soprattutto nelle piccole città e nelle aree rurali. Ciò potrebbe includere strutture polivalenti e strutture che possono essere costruite rapidamente per essere utilizzate da bambini, adulti e famiglie. A questo scopo stanzieremo circa 65 miliardi di rubli di fondi federali nei prossimi sei anni.
Anche le università, gli istituti professionali, le scuole e le istituzioni prescolari devono creare le condizioni per fare sport. Tra l’altro, molti dei nostri asili aperti in epoca sovietica hanno bisogno di essere ristrutturati. L’anno prossimo lanceremo un importante programma di ristrutturazione. Ho sentito parlare di questo problema dalle persone con cui parlo continuamente.
Per quanto riguarda le scuole, circa 18.500 edifici hanno bisogno di riparazioni importanti. Aiuteremo le regioni a risolvere i problemi arretrati in questo settore, in modo da passare dalle riparazioni urgenti a quelle programmate. A giudicare dai risultati ottenuti finora, siamo sulla strada giusta. Complessivamente, stanzieremo oltre 400 miliardi di rubli per effettuare riparazioni importanti negli asili e nelle scuole.
Inoltre, propongo di rinnovare o aprire sale mediche nelle scuole che necessitano di questo tipo di servizio. Oggi, cioè nel 2022-2023, solo il 65% delle 39.000 scuole che abbiamo (e ne abbiamo 39.440 in totale), dispone di strutture mediche, il che significa che abbiamo un margine di miglioramento.
C’è un altro tema importante. Molte grandi città si stanno espandendo rapidamente, il che a sua volta aumenta il carico dei servizi sociali. Molte scuole hanno dovuto passare a turni doppi o addirittura tripli. Naturalmente si tratta di una sfida e dobbiamo affrontarla. Dovremo impegnare le risorse federali per risolvere questo problema, costruendo almeno 150 scuole e oltre 100 asili nelle città più colpite dal sovraffollamento degli istituti scolastici.
Colleghi,
i sogni e le conquiste dei nostri antenati sono alla nostra portata e possiamo esserne orgogliosi, mentre sono le aspirazioni delle nostre giovani generazioni a determinare il futuro del nostro Paese. La loro maturità, i loro successi, le loro linee guida morali, in grado di affrontare qualsiasi sfida, sono le più importanti garanzie della sovranità della Russia e della continuazione della nostra storia.
Propongo di consolidare l’esperienza positiva che abbiamo realizzato con la nostra politica giovanile e di lanciare quest’anno un nuovo progetto nazionale, la Gioventù della Russia. Questo progetto dovrebbe concentrarsi sul futuro del nostro Paese e lavorare per questo futuro. Questo è ciò che i nostri insegnanti considerano la loro vocazione, la loro grande missione, poiché si rendono conto di essere responsabili delle giovani generazioni, e siamo grati a loro per il loro lavoro disinteressato.
I mentori svolgono un ruolo importante nel far sentire i bambini parte di una squadra unita e nel fornire loro un sostegno nella vita. Propongo di istituire un sussidio federale di 5.000 rubli mensili per i consulenti dei direttori che li consultano sullo sviluppo dei bambini nelle scuole e negli istituti superiori, con data di inizio il 1° settembre 2024. Questa sarà una nuova misura di sostegno. Propongo inoltre di attuare una misura di sostegno per gli insegnanti di classe nelle scuole e per i supervisori di gruppi, sia negli istituti superiori che nelle scuole tecniche, nelle comunità con una popolazione inferiore a 100.000 persone. Queste comunità hanno bisogno di un’attenzione particolare e, di fatto, la maggior parte delle piccole città e dei villaggi della Russia rientra in questa categoria. Quindi, a partire dal 1° marzo 2024, propongo di raddoppiare a 10.000 rubli il compenso federale per la gestione delle classi e la supervisione dei gruppi per i lavoratori dell’istruzione che ne hanno diritto.
C’è un’altra cosa che vorrei aggiungere. Nel 2018, gli ordini esecutivi di maggio hanno stabilito i requisiti per la retribuzione degli insegnanti e degli altri dipendenti del settore pubblico sulla base di un reddito mensile medio da lavoro in una particolare regione della Russia. Queste disposizioni dei cosiddetti ordini esecutivi di maggio devono continuare a essere rigorosamente rispettate. Allo stesso tempo, dobbiamo migliorare il sistema di retribuzione del settore pubblico e aumentare i redditi dei suoi dipendenti.
La retribuzione media nell’economia varia da regione a regione, il che significa che i redditi delle persone nel settore pubblico sono talvolta molto diversi anche in entità vicine della federazione. Ma il lavoro di insegnanti e medici è difficile e richiede un’estrema responsabilità, indipendentemente dal luogo in cui si trovano. Senza dubbio, questa grande differenza di stipendio tra le regioni è ingiusta.
So che si tratta di una questione vecchia, complicata e ad alta intensità di capitale, se posso affrontarla in questo modo. Ne ho discusso con i miei colleghi delle agenzie federali, con i capi delle regioni, con gli insegnanti, i medici e altri professionisti. È chiaro che dobbiamo fare qualcosa.
Non entrerò nei dettagli ora, ma è certamente una questione complicata. I parlamentari e il Governo sanno di cosa sto parlando. Chiedo al Governo di coordinare nel 2025 un nuovo sistema di pagamento per i dipendenti pubblici nell’ambito dei progetti pilota esistenti nelle regioni e di adottare una decisione definitiva per l’intero Paese nel 2026.
Una questione a parte riguarda la creazione di ulteriori incentivi per attirare i giovani professionisti nelle scuole, dove vedranno opportunità professionali e di carriera. A tal fine, approveremo uno stanziamento mirato di oltre 9 miliardi di rubli dal bilancio federale per migliorare le infrastrutture delle università di formazione degli insegnanti.
Il nostro sistema di istruzione scolastica è sempre stato famoso per i suoi insegnanti innovativi e i suoi metodi di insegnamento unici. Saranno proprio i team di insegnanti di questo tipo a partecipare alla creazione di scuole orientate al futuro. La costruzione delle prime scuole di leadership di questo tipo inizierà quest’anno nelle regioni di Ryazan, Pskov, Belgorod, Nizhny Novgorod e Novgorod. Successivamente saranno costruite in tutti i distretti federali, in Estremo Oriente, in Siberia e nel Donbass. Complessivamente, apriremo 12 scuole di questo tipo entro il 2030.
Per quanto riguarda i contenuti educativi, il carico di lavoro dei nostri bambini deve essere ragionevole ed equilibrato. Non è assolutamente positivo che ai bambini venga insegnata una cosa durante le lezioni e che durante gli esami vengano chieste cose completamente diverse. Questa discrepanza, per usare un eufemismo, tra il programma di studi e le domande poste durante gli esami, che purtroppo si verifica, costringe i genitori ad assumere tutor privati, che non tutte le famiglie possono permettersi. Chiedo ai colleghi del Governo di collaborare con gli insegnanti e i genitori per risolvere questo evidentissimo problema.
A questo proposito, vorrei spendere qualche parola sull’Esame di Stato unificato, che come tutti sappiamo è oggetto di un ampio dibattito pubblico. È vero che il meccanismo dell’esame unificato deve essere migliorato.
Cosa propongo a questo punto? Propongo di fare un ulteriore passo avanti, dando ai diplomati una seconda possibilità. In particolare, essi avranno la possibilità di ripetere un esame in una delle materie dell’esame unificato prima che finisca il periodo di iscrizione all’università, in modo da poter ripresentare i nuovi voti. Tali questioni possono sembrare banali, ma in realtà sono molto importanti per i cittadini.
Colleghi,
l’anno scorso l’economia russa è cresciuta più velocemente di quella mondiale, superando non solo i principali Paesi dell’UE, ma anche tutte le economie del G7. A questo proposito, vorrei sottolineare che le enormi riserve create negli ultimi decenni hanno avuto un ruolo importante.
La quota delle industrie non legate ai beni di consumo nella struttura della crescita supera ormai il 90%, il che significa che l’economia è diventata più complessa e tecnologica, e quindi molto più sostenibile. La Russia è la più grande economia europea in termini di prodotto interno lordo e di parità di potere d’acquisto e la quinta economia mondiale.
Il ritmo e, soprattutto, la qualità della crescita consentono di sperare e persino di affermare che nel prossimo futuro saremo in grado di fare un ulteriore passo avanti e diventare la quarta economia mondiale. Questo tipo di crescita dovrebbe avere un effetto diretto sui redditi delle famiglie.
La quota dei salari sul PIL nazionale dovrebbe aumentare nei prossimi sei anni. Stiamo adeguando il salario minimo in anticipo rispetto ai tassi di inflazione e ai tassi medi di crescita dei salari nell’economia. A partire dal 2020, il salario minimo è aumentato del 50%, passando da 12.000 a 19.000 rubli al mese. Entro il 2030, il salario minimo sarà quasi raddoppiato a 35.000 rubli, il che farà sicuramente la differenza nel numero di prestazioni sociali e di stipendi nel settore pubblico ed economico.
Siamo consapevoli dei rischi e dei fattori che possono portare a un rallentamento della crescita economica e del nostro progresso in generale. Tra questi, in primo luogo, la carenza di personale qualificato e di tecnologie avanzate, o addirittura la totale mancanza di queste ultime in alcuni settori. Dobbiamo essere proattivi a questo proposito, quindi oggi discuterò in dettaglio questi due argomenti di importanza strategica.
Inizierò dal personale. La Russia ha una grande generazione di giovani. Stranamente, stiamo affrontando problemi demografici legati alla crescita della popolazione, ma abbiamo ancora una generazione giovane piuttosto numerosa. Nel 2030, questo Paese avrà 8,3 milioni di persone di età compresa tra i 20 e i 24 anni e 9,7 milioni, ovvero 2,4 milioni in più rispetto ad oggi, nel 2035. Senza dubbio, questo è il risultato delle misure demografiche degli anni precedenti, tra le altre cose.
È importante che gli adolescenti di oggi diventino professionisti pronti a lavorare nell’economia del XXI secolo. Questo è l’obiettivo del nuovo progetto nazionale Personnel.
Ne abbiamo discusso molto, ma abbiamo davvero bisogno di rafforzare il legame tra tutti i livelli di istruzione, dalla scuola all’università. Dovrebbero lavorare insieme per un risultato comune. Naturalmente, il coinvolgimento dei futuri datori di lavoro è importante. Quest’anno è stato lanciato un sistema di orientamento professionale in tutte le scuole del Paese. I ragazzi dalla sesta elementare in su possono familiarizzare con le diverse specializzazioni.
Ora sto esortando i direttori delle imprese, dei centri di ricerca e dei centri medici a incoraggiare i ragazzi delle scuole a visitarli. Fate vedere loro i laboratori, come mi è stato proposto di fare durante uno dei miei viaggi, i musei e i laboratori. Vi prego di partecipare a questo sforzo.
La promozione di una stretta collaborazione tra le istituzioni educative e l’economia reale ci ha guidato nel progetto Professionalitet per la promozione della formazione professionale. Ci ha permesso di aggiornare i programmi educativi per l’industria aeronautica, navale, farmaceutica, elettronica e della difesa, tra gli altri.
Dovremo formare circa un milione di lavoratori altamente qualificati per questi settori entro il 2028, assicurandoci che il sistema di formazione professionale nel suo complesso passi a questi approcci, anche in termini di sviluppo delle risorse umane per le scuole, gli ospedali, gli ambulatori, il settore dei servizi, il turismo, le istituzioni culturali e le industrie creative.
A parte ciò, sto incaricando il Governo di collaborare con le regioni per un programma di ristrutturazione e di equipaggiamento degli istituti di formazione professionale. Questo sforzo deve andare oltre la ristrutturazione delle strutture scolastiche e riguardare anche le strutture sportive, nonché i dormitori per gli studenti che servono queste scuole e istituti di formazione professionale. Per questi scopi stanzieremo 120 miliardi di rubli di fondi federali nei prossimi sei anni.
Inoltre, nei prossimi sei anni spenderemo altri 124 miliardi di rubli per effettuare importanti riparazioni in circa 800 dormitori universitari.
Per quanto riguarda l’istruzione superiore in generale, il nostro compito è quello di sviluppare centri di ricerca e di formazione in tutto il Paese. A tal fine, costruiremo 25 campus universitari entro il 2030. Ne abbiamo già parlato, ma è bene ripeterlo. Propongo di ampliare questo programma per costruire almeno 40 campus universitari di questo tipo.
A tal fine, dovremo stanziare circa 400 miliardi di rubli dal bilancio federale per garantire che gli studenti, i post-laureati, i docenti e le giovani famiglie abbiano tutto ciò di cui hanno bisogno per studiare, lavorare e crescere i propri figli.
In generale, dobbiamo esaminare tutte le diverse situazioni che le giovani madri o i giovani genitori devono affrontare nella loro vita e utilizzare queste informazioni per perfezionare e migliorare i servizi pubblici, il settore sociale, l’assistenza sanitaria e le infrastrutture urbane e rurali. Chiedo al Governo e alla Regione di prestare la dovuta attenzione nel lavorare su questa agenda.
Proseguendo, nel discorso dello scorso anno ho annunciato importanti cambiamenti nel funzionamento del nostro sistema di istruzione superiore e ho parlato della necessità di utilizzare le migliori pratiche nazionali. Le basi del futuro successo in una professione vengono gettate nei primi anni di università, quando si insegnano le materie fondamentali. Credo che sia necessario offrire a chi insegna queste materie stipendi più alti. Pertanto, chiedo al Governo di suggerire modalità specifiche per realizzarlo e di lanciare un progetto pilota a partire dal 1° settembre.
Ciò richiederà risorse aggiuntive. Secondo le stime preliminari, si tratterebbe di circa 1,5 miliardi di euro per quest’anno e di 4,5 miliardi di euro per il futuro. Abbiamo tenuto conto di questi importi nelle nostre proiezioni.
È importante per noi rafforzare le capacità e la qualità del sistema nazionale di istruzione superiore, per sostenere le università che si sforzano di svilupparsi. Questi obiettivi vengono raggiunti dal nostro programma Priority 2030. I finanziamenti sono stati stanziati fino alla fine di quest’anno. Propongo di estenderlo per altri sei anni e di stanziare altri 190 miliardi di rubli.
I criteri di efficienza per le università partecipanti dovrebbero includere progetti di personale e tecnologia con le regioni, le industrie e il settore sociale della Russia, la creazione di aziende innovative e start-up efficaci e la capacità di attrarre studenti stranieri. Inoltre, valuteremo sicuramente tutte le università, i college e le scuole tecniche russe in base alla richiesta dei loro laureati da parte del mercato del lavoro e alla loro crescita salariale.
Amici,
Vorrei spendere qualche parola sulle basi tecnologiche dello sviluppo, e qui la scienza è certamente la pietra angolare. In occasione di un incontro con gli scienziati dell’Accademia delle Scienze russa, che quest’anno ha celebrato il suo 300° anniversario, ho detto che, anche nei periodi più difficili, la Russia non ha mai rinunciato ad affrontare i suoi imperativi fondamentali, ha sempre pensato al futuro, e noi dobbiamo fare lo stesso ora. In effetti, stiamo cercando di fare esattamente questo.
Ad esempio, nessun altro Paese al mondo possiede una gamma di mega strutture scientifiche come la Russia di oggi. Questi centri offrono opportunità uniche ai nostri scienziati e ai nostri partner, ricercatori di altri Paesi che invitiamo a collaborare.
L’infrastruttura scientifica russa è il nostro forte vantaggio competitivo, sia nel contesto della ricerca fondamentale che nella creazione di innovazioni per la farmaceutica, la biologia, la medicina, la microelettronica, la chimica e i nuovi materiali, nonché per i programmi spaziali.
Credo che dovremmo più che raddoppiare gli investimenti pubblici e privati in ricerca e sviluppo, portandoli al 2% del PIL entro il 2030. Questo dovrebbe garantire alla Russia il ruolo di una delle principali potenze scientifiche del mondo.
Vorrei ribadire che le imprese private dovrebbero contemporaneamente aumentare gli investimenti nella scienza, raddoppiando almeno gli attuali programmi entro il 2030. Resta inteso che questi fondi devono essere spesi in modo efficace, devono essere funzionali al raggiungimento di un risultato specifico in ogni singolo progetto di ricerca. A questo proposito, dobbiamo utilizzare l’esperienza positiva dei nostri programmi federali di ricerca nel campo della genetica e dell’agricoltura, così come i progetti promossi dalla Fondazione russa per la scienza.
Alla luce degli obiettivi e delle sfide attuali, abbiamo adeguato la Strategia russa per lo sviluppo scientifico e tecnologico, che utilizziamo come punto di partenza per lanciare nuovi progetti nazionali di sovranità tecnologica. Vi elencherò le aree principali.
In primo luogo, dobbiamo essere indipendenti e possedere tutte le chiavi tecnologiche in aree sensibili, come la salvaguardia della salute pubblica e la sicurezza alimentare.
In secondo luogo, dobbiamo raggiungere la sovranità tecnologica in ambiti critici che determinano la resilienza della nostra economia in generale, come i mezzi di produzione e le macchine utensili, la robotica, tutti i modi di trasporto, i sistemi aerei, subacquei e di altro tipo senza equipaggio, l’economia dei dati, i materiali innovativi e la chimica.
In terzo luogo, dobbiamo creare prodotti competitivi a livello globale basati su innovazioni nazionali uniche, tra cui le tecnologie spaziali, nucleari e delle nuove energie. Dobbiamo iniziare a lavorare ora per creare un ambiente legale che favorisca le industrie e i mercati del futuro, per generare una domanda a lungo termine – almeno fino alla fine del decennio in corso – di prodotti ad alta tecnologia, in modo che le aziende abbiano regole coerenti da rispettare.
È inoltre indispensabile creare catene cooperative interne e piattaforme tecnologiche internazionali, avviare la produzione in serie di attrezzature e componenti propri e guidare l’esplorazione geologica verso la ricerca di materiali di terre rare e altre materie prime per la nuova economia. Abbiamo tutto questo.
Per ribadire che stiamo parlando di un punto d’appoggio strategico per il futuro, utilizziamo tutti gli strumenti e i meccanismi di sviluppo disponibili per raggiungere questi obiettivi e per garantire un finanziamento prioritario del bilancio. Esorto il Governo e l’Assemblea federale a tenerne conto nella stesura del bilancio. Vi prego di considerare sempre questo aspetto come una priorità assoluta.
I progetti di sovranità tecnologica devono diventare un motore per rinnovare la nostra industria e aiutare l’intera economia a raggiungere un livello avanzato di efficienza e competitività. Propongo di fissare l’obiettivo di aumentare del 150% la quota di beni e servizi high-tech sul mercato nazionale entro i prossimi sei anni e di aumentare di almeno due terzi il volume delle esportazioni di prodotti non di base e non energetici.
Citerò qualche altro dato. Nel 1999, la quota delle importazioni nel nostro Paese ha raggiunto il 26% del PIL, il che significa che le importazioni rappresentano quasi il 30% del nostro mercato. L’anno scorso la quota era del 19% del PIL, pari a 32 mila miliardi di rubli. Entro il 2030, dobbiamo raggiungere un livello di importazioni non superiore al 17% del PIL.
Ciò significa che dobbiamo produrre da soli molti più beni di consumo e altri beni, tra cui medicine, attrezzature, macchine utensili e veicoli. Non siamo in grado di produrre tutto, e non ne abbiamo bisogno, ma il Governo sa su cosa deve lavorare.
Vorrei sottolineare che nei prossimi sei anni il valore aggiunto lordo del settore manifatturiero dovrebbe aumentare di almeno il 40% rispetto al 2022. Questo sviluppo industriale accelerato implica la creazione di migliaia di nuove imprese e di moderni posti di lavoro altamente retribuiti.
Abbiamo già preparato una sorta di “menu” industriale. Le aziende che realizzano progetti industriali potranno scegliere misure di sostegno adeguate, accordi sulla protezione e sugli incentivi agli investimenti, contratti di investimento speciali, una piattaforma di investimento per cluster e simili. Abbiamo ideato e stiamo già attuando molti di questi strumenti. E svilupperemo ulteriormente questi meccanismi.
Nei prossimi sei anni stanzieremo inoltre 120 miliardi di rubli per sovvenzionare i progetti di R&S delle imprese e per rafforzare il sistema dei mutui industriali. Utilizzeremo questo programma anche per costruire e ristrutturare oltre 10 milioni di metri quadrati di superficie industriale.
A titolo di paragone, oltre al ritmo già raggiunto, vorrei aggiungere quanto segue.
Facciamo qualche paragone. Oggi in Russia si costruiscono circa quattro milioni di metri quadrati di superficie industriale all’anno. Si tratta di un indicatore sostanziale della modernizzazione delle nostre capacità industriali e, come ho già detto, costruiremo altri 10 milioni di metri quadrati.
Inoltre, investiremo 300 miliardi di rubli nel Fondo per lo sviluppo industriale. Quasi raddoppieremo il suo capitale e lo concentreremo sul sostegno ai progetti ad alta tecnologia. Almeno 200 miliardi di rubli saranno inoltre stanziati nell’ambito di una piattaforma per l’innovazione dei cluster per sovvenzionare i tassi di interesse dei progetti che producono prodotti industriali prioritari.
Propongo di aumentare la base di calcolo dell’ammortamento per stimolare la modernizzazione degli impianti industriali nel settore manifatturiero. L’importo sarà pari al 200% della spesa per attrezzature e R&S di produzione russa. Può sembrare noioso, ma vi spiego cosa significa. Se un’azienda acquista torni di fabbricazione russa per 10 miliardi di rubli, può ridurre la sua base imponibile di 20 milioni di rubli. Si tratta di un aiuto sostanziale.
Continueremo a sviluppare parchi tecnologici industriali incentrati sulle piccole e medie imprese nei settori tecnologici prioritari. È importante sfruttare i vantaggi dell’approccio a cluster, quando le aziende crescono insieme ai loro subappaltatori e fornitori, e la loro cooperazione avrà un effetto benefico su tutte le parti. Vorrei sottolineare al Governo che dobbiamo creare almeno 100 piattaforme di questo tipo entro il 2030. Esse fungeranno da punti di crescita su tutto il territorio nazionale e incoraggeranno gli investimenti.
Abbiamo fissato l’obiettivo di aggiungere il 70% agli investimenti nei settori chiave entro il 2030. Tra l’altro, abbiamo avuto una buona dinamica qui; molto buona, direi in effetti. Buona.
Nel 2021, la crescita cumulativa degli investimenti è stata dell’8,6%, a fronte di un obiettivo del 4,5%. Nel 2022 è stata del 15,9%, con un obiettivo del 9,5%. Nei primi nove mesi del 2023, l’aumento è stato del 26,6%, mentre il piano per l’anno era del 15,1%. Dobbiamo continuare ad avanzare rispetto al piano.
Il nostro sistema bancario e il mercato azionario devono garantire pienamente l’afflusso di capitali nell’economia, nel settore reale, anche attraverso il finanziamento di progetti e azioni. Nei prossimi due anni, progetti industriali per un valore di oltre 200 miliardi di rubli saranno sostenuti attraverso fondi azionari. In sostanza, ciò significa che la VEB.RF Development Corporation e diverse banche commerciali entreranno nel capitale sociale di aziende ad alta tecnologia e le assisteranno nella fase di crescita più attiva.
Ho già dato istruzioni per introdurre un regime speciale di IPO per le aziende che operano in settori prioritari ad alta tecnologia. Vorrei far notare ai miei colleghi del Ministero delle Finanze e della Banca Centrale che dobbiamo accelerare il lancio di questo meccanismo, compresa la compensazione dei costi aziendali associati alla fluttuazione dei titoli. Questo deve essere fatto senza indugio.
Ancora una volta, il mercato azionario russo deve svolgere un ruolo maggiore come fonte di investimento. La sua capitalizzazione dovrebbe raddoppiare entro il 2030, passando dall’attuale livello al 66% del PIL. Allo stesso tempo, è importante che i singoli abbiano l’opportunità di contribuire allo sviluppo della nazione, beneficiando al contempo dell’investimento dei propri risparmi in progetti a basso rischio.
Una decisione è già stata presa: gli investimenti volontari in fondi pensione non statali fino a 2,8 milioni di rubli saranno assicurati dallo Stato, il che significa che il rendimento è garantito.
Inoltre, i conti di investimento individuali a lungo termine saranno assicurati fino a 1,4 milioni di rubli. Estenderemo la detrazione fiscale unificata agli investimenti individuali in strumenti finanziari a lungo termine fino a 400.000 rubli all’anno.
Allo stesso tempo, ritengo opportuno lanciare un nuovo strumento noto come certificato di risparmio. Acquistando questo prodotto, le persone depositeranno i loro risparmi in banca per più di tre anni. Il certificato sarà irrevocabile; di conseguenza, le banche offriranno ai loro clienti un tasso di interesse più interessante. Inoltre, i titolari di certificati di risparmio avranno il loro denaro assicurato dallo Stato fino a 2,8 milioni di rubli, il doppio rispetto alla normale assicurazione sui depositi bancari.
Vorrei sottolineare che tutte le misure di sostegno statale agli investimenti, alla creazione e all’ammodernamento di impianti industriali, dovrebbero portare a salari più alti, a migliori condizioni di lavoro e a pacchetti sociali per i dipendenti.
Naturalmente, in linea di principio, le aziende russe devono operare all’interno della nostra giurisdizione nazionale e astenersi dal trasferire i propri fondi all’estero dove, a quanto pare, si può perdere tutto. Quindi ora io e i miei colleghi della comunità imprenditoriale dobbiamo organizzare sessioni di brainstorming per trovare il modo di aiutarli a recuperare i loro soldi. Per prima cosa, non trasferite il vostro denaro lì. In questo modo, non dovremo capire come recuperarlo.
Le imprese russe devono investire le loro risorse in Russia, nelle sue regioni, nello sviluppo delle aziende e nella formazione del personale. Il nostro Paese, forte e sovrano, offre loro una protezione senza pari per i loro beni e capitali.
La stragrande maggioranza dei dirigenti d’azienda dà priorità agli interessi nazionali e sono patrioti. Pertanto, le imprese che lavorano qui in Russia devono beneficiare della garanzia di inviolabilità delle loro proprietà, dei loro beni e dei loro nuovi investimenti. Naturalmente, gli investimenti nazionali e la protezione degli investimenti vanno di pari passo con la difesa dei diritti degli imprenditori, ed è nostro compito far sì che ciò diventi realtà. Questo servirà ai nostri interessi nazionali e alla società in generale, oltre che ai milioni di persone che lavorano per le aziende private, siano esse grandi imprese o PMI.
Lo dico da sempre, ma lo ripeto: nessuno, nessun funzionario governativo o agente delle forze dell’ordine, ha il diritto di molestare le persone, di infrangere la legge o di usarla per obiettivi personali ed egoistici. Dobbiamo essere presenti per le persone, per i nostri imprenditori – mi riferisco a loro in questo momento. Sono loro a creare posti di lavoro, a dare lavoro alle persone e a pagare i loro stipendi. Essere presenti per gli altri e aiutarli è il senso della missione del governo.
Colleghi,
le piccole e medie imprese stanno svolgendo un ruolo sempre più importante nel guidare la crescita economica. Oggi rappresentano oltre il 21% dei settori manifatturiero, turistico e informatico. Centinaia di marchi russi hanno dimostrato risultati eccezionali. L’anno scorso, in Russia sono state registrate 1,2 milioni di nuove PMI.
Vorrei richiamare la vostra attenzione sul fatto che si tratta di un massimo di cinque anni. Le persone vogliono avviare le proprie attività e credono in se stesse, nel proprio Paese e nel proprio successo. Vorrei sottolineare che il numero di giovani imprenditori sotto i 25 anni è aumentato del 20% nel 2023. Oggi sono oltre 240.000.
Dobbiamo assicurarci di sostenere queste imprese creative e orientate al risultato per garantire che il reddito medio dei lavoratori delle PMI superi la crescita del PIL nei prossimi sei anni. Ciò significa che queste imprese devono migliorare la loro efficienza e fare un salto di qualità nelle loro prestazioni.
Ho già detto che dobbiamo eliminare le situazioni in cui l’espansione delle attività diventa una proposta perdente per le aziende perché devono passare da un quadro fiscale semplificato con le sue aliquote vantaggiose a un regime fiscale generale. Quando ciò accade, significa che lo Stato sta fondamentalmente promuovendo la frammentazione delle imprese o costringendole a utilizzare altri mezzi per ottimizzare i loro obblighi fiscali.
Chiedo al Governo di lavorare con i parlamentari sui termini di un’amnistia per le PMI che non hanno avuto altra scelta che affidarsi a schemi di ottimizzazione fiscale durante l’espansione delle loro attività.
Continua.

Qui il discorso integrale

Il discorso di Vladimir Putin sullo Stato della Nazione di oggi: una panoramica

gilbertdoctorow

29 febbraio

Oggi Vladimir Putin ha tenuto il suo discorso annuale all’Assemblea federale, l’organo legislativo bicamerale della Russia, di cui la Duma di Stato è la camera bassa. Oltre ai legislatori e agli amministratori del livello federale, tra i presenti, poco più di 1.200, c’erano anche i governatori regionali, i leader della società civile, cioè i rappresentanti delle organizzazioni di volontariato di importanza nazionale, e un nutrito contingente di militari attivi che hanno partecipato all’Operazione militare speciale.

Il discorso è durato poco più di due ore. Per comprenderne la magistrale costruzione, bisognava assistere fino alla fine, perché nella migliore tradizione retorica, Putin ha chiuso il cerchio. Ha aperto con un lungo segmento dedicato a coloro che combattono attivamente per conto della Russia nel Donbas e lungo tutta la linea di contatto con le forze nemiche, rischiando ogni giorno la vita per amore della Madrepatria. Questo segmento è culminato in un momento di silenzio in memoria di coloro che sono morti nelle SMO. E ha concluso il discorso con la sua visione di come coloro che si sono distinti sul campo di battaglia, coloro che hanno guidato gli uomini in imprese eroiche, saranno la nuova “élite” della società russa che occuperà le posizioni di vertice nel governo, negli affari e in altri ambiti.

Il pubblico principale del discorso era, ovviamente, al di fuori della sala Gostiny Dvor dove è stato pronunciato. Si è trattato di un discorso urbi et orbi, con molti che guardavano in tutto il mondo per avere indicazioni sulle future politiche della Russia in ogni ambito immaginabile. È stata una notizia ineludibile anche per i maggiori detrattori della Russia. La BBC, ad esempio, poco dopo ha scelto di informare il suo pubblico sulle osservazioni di Putin riguardo ai rischi di una guerra nucleare, in relazione alla reazione della Russia alla possibile introduzione in Ucraina di unità dell’esercito regolare provenienti dall’Europa occidentale. Il loro uomo a Mosca, Steven Rosenberg, che durante il discorso si è seduto nella sala stampa speciale fuori dall’auditorium principale, ha descritto il discorso in modo piuttosto sprezzante come un discorso di campagna elettorale, dato che i russi si recheranno alle urne per eleggere il loro presidente tra poco più di due settimane. Più in generale, gli analisti occidentali si soffermano su uno o più punti di un discorso che ha molti punti e non trasmettono l’atmosfera del discorso e ciò che dice sulla società russa e sul governo russo di oggi.

È proprio questa la missione che mi prefiggo ora: senza entrare nel dettaglio di ogni singolo punto del discorso di Putin, caratterizzare invece le priorità di questo governo oggi e per il futuro. Non indicherò le cifre assolute in rubli degli stanziamenti per questo o quel progetto nazionale in corso o nuovo che Putin ha illustrato. Al tasso di cambio attuale di 100 rubli=1 dollaro, quando Putin parla di finanziare una nuova iniziativa ad alta priorità con 1.000 miliardi di rubli, stiamo parlando di 10 miliardi di dollari (pochi spiccioli rispetto alle voci del bilancio federale degli Stati Uniti). Quando propone 100 miliardi di rubli per qualche altra causa meritevole, come il rinnovamento delle scuole rurali, ciò si traduce in un ancor più misero miliardo di dollari. Naturalmente, un miliardo di dollari in Russia comprerà molto di più di un miliardo di dollari negli Stati Uniti, ma non è questo il punto. Ciò che conta è la direzione in cui i suoi piedi e quelli del governo sono puntati.

*****

L’inequivocabile risultato del discorso di Putin è che la Russia è oggi un’economia sociale di mercato che si sforza di aumentare la durata e la qualità della vita della popolazione. La ben nota promozione statale russa dei “valori tradizionali” ha come fulcro l’incoraggiamento delle famiglie con tre o più figli. Questo viene presentato innanzitutto come una convalida della famiglia come elemento essenziale della società. Putin ammette liberamente che i salari russi sono molto bassi, anzi troppo bassi, e molte misure dei programmi sociali che ha introdotto e che propone di espandere in questo discorso sono finalizzate a mettere soldi in tasca a chi crea famiglie numerose attraverso sussidi in denaro e in natura.

Permettetemi di dire di sfuggita che non ci sono restrizioni sulle famiglie che vengono incoraggiate a moltiplicarsi. Non è un segreto che i musulmani in Russia, come altrove, abbiano attualmente più figli degli slavi dagli occhi azzurri. Non importa. Putin insiste sul fatto che ogni cittadino è ugualmente “russo” a prescindere dalla sua identità religiosa o etnica e questo è confermato dalle politiche demografiche del governo.

Negli anni passati, queste politiche demografiche si sono concentrate soprattutto sulla maternità. I premi per il “capitale di maternità” per il secondo e gli ulteriori bambini rimarranno in vigore fino al 2030, così come i prestiti ipotecari agevolati per aiutare le famiglie giovani e meno giovani a trasferirsi in alloggi di nuova costruzione che soddisfino le loro esigenze. Putin ha sottolineato che l’anno scorso la Russia ha prodotto il doppio degli alloggi residenziali (in metri quadrati) rispetto all’Unione Sovietica nel suo anno migliore, alla fine degli anni Ottanta.

Non ho sentito alcun accenno agli asili nido nel discorso di quest’anno, anche se Putin ha parlato di migliorare gli edifici delle scuole elementari e medie, di livellare gli stipendi degli insegnanti e dei medici in tutte le regioni della Federazione.

Dal discorso di Putin sui nuovi progetti nazionali, è chiaro che l’attenzione è ora rivolta anche ad aiutare i bambini che sono nati sotto l’egida di Putin e che oggi sono adolescenti. Un nuovo progetto nazionale si intitola Kadry, una parola ripresa dal francese che significa “personale”. Forse sarebbe meglio intendere questo progetto come “Risorse umane”, perché mira a migliorare notevolmente la formazione professionale, a far conoscere agli studenti delle scuole secondarie le fabbriche e altri luoghi di lavoro e ad aprire loro gli occhi sulle reali opportunità del mondo che hanno davanti. Nei prossimi sei anni di un nuovo mandato presidenziale verranno stanziati fondi per più che raddoppiare il numero di scuole di ingegneria nel Paese. L’obiettivo è quello di garantire che i milioni di posti di lavoro disponibili per professionisti altamente qualificati nell’industria trovino candidati adeguatamente preparati.

È interessante e significativo che l’attenzione di Vladimir Putin per gli interessi commerciali sia arrivata proprio alla fine del suo discorso. Ha chiesto di estendere l’attuale sospensione temporanea delle ispezioni amministrative alle imprese per verificare le violazioni delle norme fiscali e di altro tipo. Come sappiamo, tali ispezioni sono sempre state onerose e soggette ad abusi da parte di chi cercava tangenti. Le norme fiscali saranno riviste per facilitare la transizione dalle imprese in fase di avviamento a quelle a pieno titolo. Saranno adottate misure per rafforzare il ruolo delle borse nella raccolta di capitali per gli investimenti industriali. Le imprese saranno aiutate dal proseguimento dei grandi investimenti infrastrutturali federali in autostrade, ferrovie ad alta velocità, aeroporti rinnovati e una flotta commerciale nazionale ampliata, compreso il servizio sulla Northern Sea Route.

Non aggiungo altro. Ho trovato che la parte più impressionante del discorso fosse incentrata sulle persone, non sul fatto che Putin abbia ribadito la posizione dichiarata della Russia rispetto ai negoziati con gli Stati Uniti sulla stabilità strategica e su questioni simili di politica estera.

©Gilbert Doctorow, 2024

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

1 2 3 4