Cina : Xi  sta recuperando terreno? La strategia del terzo plenum in 10 punti_di Neil Thomas, Jing Qian

Da lunedì in Cina, dietro spesse mura e porte chiuse, il massimo organo del Partito preparerà una decisione.

Cosa aspettarsi dalla ventesima edizione del ” terzo plenum ” del Partito comunista cinese ? Perché è interessante per gli investitori? Che cosa ha in mente Xi Jinping? In 10 punti, gli esperti del Centro di analisi cinese di Asia Society ci aiutano a decodificare la ricchezza di segnali deboli che provengono da un incontro mitico.

Iscriviti per scaricare questo articolo in formato PDF

Sottoscrizione

PUNTI CHIAVE
  • Il 27 giugno, durante una riunione del Politburo, Xi Jinping ha annunciato che il Terzo Plenum del 20° Comitato centrale del Partito si sarebbe tenuto a Pechino dal 15 al 18 luglio1.
  • Sebbene il Terzo Plenum sia una riunione molto attesa dal 1978, la sua importanza non dovrebbe essere sopravvalutata.
  • I segnali provenienti da Pechino suggeriscono che questa riunione si concentrerà sugli obiettivi precedentemente dichiarati da Xi: autonomia tecnologica e gestione del rischio finanziario – tra gli altri.
  • La decisione (” jueding “) che emergerà da questo terzo plenum sarà particolarmente esaminata dagli investitori  in base ai termini di questa riunione, Pechino potrebbe infatti allentare le condizioni imposte al settore privato e agli investimenti stranieri nel settore dell’alta tecnologia.
  • Infine, si prevede che questo terzo plenum darà luogo a movimenti di personale all’interno del Comitato Centrale.

CHE COS’È UN ” TERZO PLENUM ” ? 

Un plenum è una riunione plenaria del Comitato centrale del Partito comunista cinese, la massima autorità del Partito, che conta 205 membri eletti per cinque anni e 171 sostituti senza diritto di voto;

Durante questi cinque anni, ogni Comitato si riunisce sette volte in plenaria – una plenaria “tematica” all’anno, con la prima plenaria corrispondente all’insediamento della nuova leadership del Partito e l’ultima al Congresso del Partito, che si svolge ogni cinque anni. L’attuale Comitato è il 20° nella storia del Partito Comunista Cinese e la riunione convocata da Xi dal 15 al 18 luglio è la terza del Comitato. Si tratta quindi del 20° ” terzo plenum ” (si veda la tabella infra che elenca i vari plenum per tema dal 1992).

Secondo la tradizione, questo plenum avrebbe dovuto riunirsi alla fine del 2023, ma è stato ritardato a causa delle indagini disciplinari menzionate e dell’incertezza su come rispondere a una ripresa post-Covida più debole del previsto. È inoltre raro che i plenum si tengano in estate, l’ultimo risale al luglio 1989. Tuttavia, lo statuto del partito stabilisce solo che il segretario generale deve convocare almeno un plenum all’anno – un requisito che Xi ha sempre rispettato – e non dice nulla su quando debba svolgersi.

Questa riunione è importante sotto diversi aspetti. Il Comitato centrale emetterà un’autorevole “decisione” (jueding) che guiderà il processo politico per gli anni a venire. In un momento in cui emergono preoccupazioni – sia in patria che all’estero – sulla capacità del Partito di gestire lo sviluppo economico, geopolitico e sociale della Cina, questo documento si concentrerà sull'”approfondimento delle riforme e della modernizzazione in stile cinese “. Per capire cosa aspettarsi in termini di risultati concreti, alla fine di questi dieci punti rimandiamo a un elenco di documenti e annunci da tenere d’occhio quando il plenum si concluderà il 18 luglio.

1 – Perché non dovremmo sopravvalutare l’importanza dei terzi plenum

Molti osservatori della Cina attribuiscono ai terzi plenum una qualità mitologica. Dal terzo plenum dell’11° Comitato centrale, nel dicembre 1978, si è sperato che questi eventi avrebbero portato a riforme istituzionali storiche. La storiografia del Partito venera questo incontro come il lancio della “riforma e apertura” dell’economia cinese orientata al mercato da parte dell’ex leader supremo Deng Xiaoping.

Eppure questo leggendario plenum si era limitato ad approvare le politiche approvate da una conferenza di lavoro centrale un mese prima2, a novembre, quando Deng aveva consolidato il suo ascendente politico su Hua Guofeng – successore designato di Mao Zedong e leader titolare del partito dal 1976 al 1981. In effetti, il Terzo Plenum del dicembre 1978 non menzionava nemmeno ” riforma e apertura “, un programma che si è poi evoluto nel corso di molti anni3.

Molti osservatori della Cina attribuiscono ai terzi plenum una qualità mitologica.

NEIL THOMAS E JING QIAN

Pochi altri terzi plenum sono paragonabili (si veda la nostra tabella infra). La riunione del 1984 ha esteso le riforme economiche dalle aree rurali a quelle urbane. Ma nel 1988 il Partito rimise l’accento sulla stabilità e frenò le riforme dei prezzi e dei salari a causa dell’inflazione dilagante. Il primo Terzo Plenum dell’era Jiang Zemin, nel 1993, consolidò il rinnovamento delle riforme di Deng dopo Tiananmen, attuando la decisione presa l’anno precedente al 14° Congresso del Partito di instaurare una “economia socialista di mercato”. Hu Jintao ha iniziato il suo mandato con un terzo plenum nel 2003, durante il quale le riforme strutturali sono state bloccate da interessi acquisiti all’interno del governo e delle imprese statali. I terzi plenum del 1998 e del 2008, invece, si sono concentrati sullo sviluppo rurale.

Durante il mandato del 19° Comitato centrale, dal 2017 al 2022, Xi non ha tenuto un terzo plenum incentrato sulla politica economica. Il 19° terzo plenum, nel febbraio 2018, ha affrontato argomenti solitamente associati a un secondo plenum: le nomine a capo del Consiglio di Stato e le riforme istituzionali. Ha fatto seguito a un secondo plenum speciale del gennaio 2018 che ha discusso gli emendamenti costituzionali, tra cui la rimozione dei limiti di durata del ruolo di Xi come presidente della Repubblica Popolare Cinese. Il 19° quarto plenum si è riunito 20 mesi dopo, nell’ottobre 2019, per affrontare questioni di governance4.

Questa breve panoramica suggerisce che l’importanza di un terzo plenum è spesso sopravvalutata. In realtà, solo l’edizione del 1978 è stata davvero epocale, e per ragioni politiche più che economiche. Sebbene i successivi Terzi Plenum abbiano introdotto politiche che hanno contribuito a migliorare la governance economica cinese, in genere hanno attuato direttive di riforma già delineate dalla leadership del partito. Nel complesso, quindi, è improbabile che Xi cambi radicalmente rotta al 20° Terzo Plenum.

2 – Il precedente del terzo plenum del 2013: un’esca economica per fini politici

Il terzo plenum più importante dal 1978 è stato probabilmente il primo del regno di Xi, il Terzo plenum del 18° Comitato centrale, tenutosi nel novembre 2013. Lo stesso Xi ha poi fatto esplicitamente questo paragone5, descrivendoli entrambi6 come eventi ” che hanno segnato la loro epoca “7 – il primo perché lancia Deng il secondo perché lancia la ” nuova era ” di Xi, quella dell'” approfondimento globale delle riforme “.

In effetti, il plenum del 2013 aveva suscitato un certo ottimismo sulla riforma economica8, soprattutto dopo i conflitti tra fazioni, la stasi politica e la corruzione endemica dell’era Hu Jintao. Molti osservatori hanno identificato la ” Decisione su diverse questioni importanti riguardanti l’approfondimento generale della riforma ” 9 del plenum come la promessa che i mercati avrebbero ora svolto un ruolo ” decisivo ” piuttosto che solo ” fondamentale ” nell’allocazione delle risorse. Il lungo documento prometteva la liberalizzazione in aree quali i tassi di interesse, i diritti di proprietà, i mercati finanziari e gli investimenti esteri.

Tuttavia, i risultati ottenuti da Xi nell’attuazione della decisione del plenum del 2013 sono contrastanti. Le promesse mantenute includono la fine della politica del figlio unico, la riduzione della burocrazia per le imprese, l’introduzione di prezzi dell’energia più basati sul mercato, il rafforzamento della politica di concorrenza, l’autorizzazione alle banche private, la liberalizzazione dei tassi d’interesse e l’istituzionalizzazione della protezione ambientale e dell’azione per il clima. Ma accanto a queste implementazioni, molte proposte sono state abbandonate o annacquate, come l’introduzione di una tassa sulla proprietà, l’aumento dell’età pensionabile, l’attribuzione di un ruolo più importante alle ONG e la sperimentazione della divulgazione finanziaria obbligatoria per i dirigenti. Soprattutto, negli ultimi undici anni Xi ha rafforzato e non diminuito il ruolo del Partito nell’economia cinese.

I risultati ottenuti da Xi nell’attuazione della decisione del plenum del 2013 sono contrastanti.

NEIL THOMAS E JING QIAN

La decisione del plenum del 2013 ha quindi effettivamente gettato le basi per il dominio politico di Xi. Ha istituito quella che oggi è la Commissione centrale per le riforme radicali (Zhongyang Shen’gai Wei, 中央深改委), il potente organismo che coordina il programma di politica interna di Xi, e la Commissione centrale per la sicurezza nazionale, che lo ha aiutato a controllare l’apparato di sicurezza – e a portare a Pechino il suo attuale braccio destro, Cai Qi. Pochi mesi dopo, la Commissione centrale per le riforme approfondite ha giustificato la creazione della Commissione centrale per gli affari del cyberspazio, che Xi ha utilizzato per censurare e armare internet, e del Gruppo direttivo centrale per la riforma militare, che ha coordinato la vasta riorganizzazione militare del 2015. Ha inoltre rafforzato l’autorità della Commissione centrale per l’ispezione disciplinare, intensificando notevolmente la campagna anticorruzione di Xi, consentendo all’organo di controllo interno del Partito di incorporare gruppi di ispezione nelle agenzie statali.

Xi ha anche compiuto uno sforzo concertato per togliere il controllo della politica economica all’allora premier Li Keqiang, un rivale politico la cui visione di riforma e apertura è più simile a quella di Deng. Xi stesso ha supervisionato il team responsabile della stesura della decisione – un ruolo che il predecessore di Li, Wen Jiabao, aveva svolto nel 2003 e nel 2008. I suoi vice erano Liu Yunshan e Zhang Gaoli, ma il leader de facto del team era Liu He, lo ” zar dell’economia ” di Xi10. In particolare, Xi è stato anche il primo segretario generale del PCC a fornire una “spiegazione” ufficiale su una decisione11, lasciando intendere le sue prospettive economiche più stataliste. Le righe più rivelatrici del suo discorso sono le seguenti: “Dobbiamo continuare a insistere sulla superiorità del nostro sistema socialista e sul ruolo attivo del Partito e del governo. Il mercato svolge un ruolo decisivo nell’allocazione delle risorse, ma in nessun caso ha un ruolo totale”.

A posteriori, il primo Terzo Plenum di Xi può essere visto come un pretesto economico per promuovere obiettivi politici. L’incontro si è svolto nei primi giorni della leadership di Xi, quando egli era solo primum inter pares nel Comitato permanente del Politburo e i suoi colleghi e rivali detenevano ancora un certo potere e influenza. Ma Xi ha giocato d’astuzia, usando le promesse di riforma economica per giustificare la creazione di istituzioni politiche che alla fine lo hanno aiutato a dominare lo Zhongnanhai – il complesso di oltre 600 ettari, adiacente alla Città Proibita, dove si concentra il potere della Repubblica Popolare nel cuore di Pechino. Il consolidamento del potere di Xi significa che le politiche definite al Terzo Plenum di quest’anno hanno molte più probabilità di riflettere le vere priorità economiche di Xi.

Xinhua/Liu Weibing

3 – Cosa possiamo aspettarci dal Terzo Plenum?

Al 20° Terzo Plenum, lo sviluppo delle politiche pubbliche seguirà una logica politica piuttosto che economica.

Xi ha spiegato di aver adottato l’espressione ” approfondire la riforma in modo globale ” perché voleva ” non promuovere la riforma in un solo settore… ma promuovere la riforma in tutti i settori “. L’obiettivo è “far progredire la modernizzazione del sistema e della capacità di governo della Cina ” nel suo complesso, un tema già articolato nei plenum del 2013 e del 2019. L’obiettivo principale di questo plenum non è quindi quello di rilanciare la crescita, ma di portare avanti il suo progetto politico.

Le decisioni della plenaria sono in linea con le priorità indicate dal Capo dello Stato. Egli afferma che ” l’approfondimento delle riforme ” sosterrà la sua strategia di ” sviluppo di alta qualità “12, che ha introdotto al 19° congresso del partito nel 201713 e dettagliata al 20° congresso del partito nel 202214. Si tratta di uno spostamento dell’attenzione della politica economica dalla crescita rapida alla crescita di qualità, e comprende un ” nuovo concetto di sviluppo ” che segue l’obiettivo di una crescita più innovativa, coordinata, verde, aperta ed equa, nonché un ” nuovo paradigma di sviluppo ” che promuove i mercati interni, le tecnologie locali – e le dipendenze estere dalla Cina. La modernizzazione in stile cinese è la metodologia incentrata sul Partito che Xi ha introdotto al 20° Congresso del Partito per raggiungere il ” ringiovanimento nazionale ” della Cina come Paese che ” domina il mondo in termini di potenza nazionale complessiva e influenza internazionale “.

Sebbene sia improbabile che Xi Jinping cambi le sue priorità in modo significativo al plenum, i suoi interessi politici potrebbero portarlo a prestare maggiore attenzione all’economia. Nel suo discorso di Capodanno, ha fatto una rara ammissione : ammettendo che ” alcune imprese sono cadute in tempi difficili ” e che ” alcune persone hanno avuto difficoltà a trovare lavoro e a soddisfare i loro bisogni primari “15. Queste dichiarazioni dimostrano che egli è consapevole, in superficie, del pessimismo che prevale nella società cinese e che desidera porvi rimedio almeno in parte. Il discorso è stato pronunciato solo due settimane dopo che Xi aveva sollevato per la prima volta il tema dell'”approfondimento delle riforme e della modernizzazione in stile cinese ” alla Conferenza centrale per il lavoro economico del dicembre 202316.

La crescita economica non è più la priorità assoluta di Pechino, ma Xi potrebbe riconoscere che la sicurezza nazionale e l’autonomia tecnologica devono coesistere con un livello di crescita di base in grado di sostenere i consumi, gli investimenti, la stabilità sociale e la sua stessa sicurezza politica. In un articolo introduttivo al plenum, Han Wenxiu, economista e alto funzionario, sottolinea l’impegno di Xi a rendere la Cina un “Paese moderatamente sviluppato ” entro il 203517 – una categoria generalmente associata a un PIL pro capite di almeno 20.000 dollari. Questo obiettivo richiederebbe a Pechino di raggiungere un tasso di crescita economica medio annuo di quasi il 5% fino al 203518, il che sembra estremamente ambizioso ma dimostra che i leader puntano ancora ad aumentare il tenore di vita.

Al 20° Terzo Plenum, lo sviluppo delle politiche pubbliche seguirà una logica politica piuttosto che economica.

NEIL THOMAS E JING QIAN

Xi potrebbe proporre nuove idee per raggiungere questo equilibrio;

In un discorso di dicembre, ha dichiarato che “la riforma e l’apertura sono un’importante arma magica (…) e una misura chiave per determinare il successo o il fallimento della modernizzazione in stile cinese “. Xi può non essere un riformatore nel senso “occidentale” del termine  o anche nel senso di Deng – ma è un riformatore nel senso cinese del termine “. – o anche nel senso di Deng – vuole rendere il Partito-Stato un’organizzazione più efficace per costruire un Paese potente, con un’economia forte e una società stabile. In altre parole, gli unici aspetti della riforma e dell’apertura che gli interessano e che sostiene sono quelli che si adattano ai suoi piani di ristrutturazione dell’economia cinese.

È sicuro che Xi continuerà a dare priorità al controllo del Partito, alla riduzione del rischio finanziario, all’autosufficienza tecnologica e a una politica industriale basata sugli investimenti. Ma potrebbe anche avere delle “sorprese positive”. – per usare le parole di un ex alto funzionario che abbiamo incontrato a Pechino – per affrontare problemi come la bassa produttività, le restrizioni geoeconomiche, il settore immobiliare in difficoltà e la sofferenza fiscale dei governi locali. Queste sorprese, tuttavia, saranno probabilmente modeste e si concentreranno su miglioramenti graduali piuttosto che su svolte improvvise.

4 – Il ruolo centrale di nuove forze produttive di alta qualità

La scienza e la tecnologia saranno al centro del Terzo Plenum. Il 24 giugno Xi ha dichiarato a una conferenza nazionale sulla scienza e la tecnologia che “la modernizzazione in stile cinese dipende dalla modernizzazione della scienza e della tecnologia come supporto ” e che ” lo sviluppo di alta qualità dipende dall’innovazione scientifica e tecnologica per dare nuovo impulso “19. Xi ritiene che il mondo stia vivendo ” un nuovo ciclo di rivoluzione scientifica e tecnologica e di cambiamento industriale ” incentrato su ” tecnologie trasversali ” come l’intelligenza artificiale, la tecnologia quantistica e la biotecnologia. Tuttavia, ritiene anche che ” l’alta tecnologia è diventata la prima linea e il principale campo di battaglia della competizione internazionale ” e che ” alcune tecnologie chiave rimangono controllate da altri “, per cui Pechino deve rafforzare le proprie capacità di innovazione per ” cogliere il campo della competizione scientifica e tecnologica e dello sviluppo futuro “.

Xi vuole che la Cina diventi una “grande potenza scientifica e tecnologica” entro il 2035, con “capacità scientifiche e tecnologiche di punta e capacità di innovazione” che le consentiranno di raggiungere “un alto livello di autosufficienza” e “un salto olistico nel nostro potere economico, nel potere di difesa e nel potere nazionale complessivo”. Egli ritiene che il Partito debba migliorare il suo “sistema di comando politico” e il suo “sistema di attuazione organizzativa” per “rafforzare la progettazione di alto livello e la pianificazione globale” delle politiche, dei mercati e delle industrie scientifiche e tecnologiche. Ha sottolineato l’importanza dei “colli di bottiglia e dei vincoli” nei chip, nel software, nelle sementi, nei materiali avanzati, nelle macchine utensili e negli strumenti di ricerca scientifica. Per Xi, queste sono priorità assolute per raggiungere l’autosufficienza industriale.

Lo status speciale accordato alla scienza e alla tecnologia si riflette nel concetto di ” nuove forze produttive di alta qualità “, introdotto da Xi nel settembre 2023 e descritto come ” un requisito intrinseco ” per uno sviluppo di alta qualità. In un discorso al Politburo del 31 gennaio20, Xi ha definito le nuove forze produttive di alta qualità come ” quelle in cui l’innovazione gioca un ruolo di primo piano ” e che sono ” catalizzate da scoperte tecnologiche rivoluzionarie, da un’allocazione innovativa dei fattori produttivi e da una profonda trasformazione e riqualificazione dell’industria “. Si tratta anche di “forze produttive verdi” che richiedono “l’ottimizzazione degli strumenti di politica economica per sostenere lo sviluppo verde e a basse emissioni di carbonio”, in particolare nei settori dell’innovazione, dell’industria e della finanza. La “misura centrale” di questo piano è un “significativo aumento della produttività totale dei fattori”, che risolverebbe sia il problema economico del rallentamento della crescita sia quello strategico della dipendenza della Cina dalle tecnologie occidentali.

È probabile che le riforme che saranno annunciate su questo tema nel Terzo Plenum forniranno risorse significative per la ricerca di base e lo sviluppo di prodotti in “tecnologie comuni essenziali, tecnologie all’avanguardia, tecnologie ingegneristiche moderne e tecnologie dirompenti “. Anche le politiche industriali volte a “trasformare e modernizzare le industrie tradizionali, coltivare e sviluppare le industrie emergenti e pianificare e costruire le industrie del futuro” saranno al centro dell’attenzione. I consulenti politici di Pechino ci hanno detto che altre riforme si concentreranno probabilmente sul miglioramento delle strutture di incentivazione per stimolare l’innovazione all’avanguardia nelle istituzioni scientifiche e tecnologiche avverse al rischio, per premiare meglio i contributi individuali all’innovazione, per attrarre talenti internazionali nel settore dell’alta tecnologia e per scoraggiare le violazioni della proprietà intellettuale.

L’attenzione di Xi per l’industria manifatturiera di fascia alta continua a favorire la crescita dal lato dell’offerta, che sta contribuendo a frenare i consumi interni e a creare capacità in eccesso. I responsabili politici cinesi ci hanno recentemente detto che non vedono ” alcuna sovraccapacità ” nelle industrie verdi come batterie, <a-dl-uid=”195″ data-dl-translated=”true”>veicoli elettrici e pannelli solari, che sono al centro delle attuali guerre commerciali tra Stati Uniti e Cina. </a-dl-uid=”195″>

Lo status speciale accordato alla scienza e alla tecnologia si riflette nel concetto di ” nuove forze produttive di alta qualità ” che Xi ha introdotto nel settembre 2023 e che ha descritto come ” un requisito intrinseco ” per uno sviluppo di alta qualità.

NEIL THOMAS E JING QIAN

Le esportazioni sono anche il motore della crescita cinese, data la bassa fiducia dei consumatori e le difficoltà del settore immobiliare, che riducono ulteriormente gli incentivi a tagliare la produzione. È possibile che le tariffe occidentali raggiungano un livello tale da indurre Pechino a ridurre questa sovraccapacità, ma l’agenda del Terzo Plenum rischia di esacerbare le tensioni commerciali. Dopo tutto, anche considerazioni non di mercato – come l’occupazione nazionale e la sicurezza geoeconomica – entrano in gioco per Pechino e contribuiscono alla sovraccapacità.

Wang Huning, membro del Comitato permanente dell’Ufficio politico del Comitato centrale del Partito comunista cinese (PCC), presidente del Comitato nazionale della Conferenza consultiva politica del popolo cinese (CPPCC) e segretario del suo gruppo dirigente di membri del Partito, presiede e pronuncia un discorso in occasione di una riunione convocata dal gruppo di studio teorico del Comitato nazionale del CPPCC per studiare un importante discorso pronunciato da Xi Jinping, Xi Jinping, segretario generale del Comitato centrale del PCC, alla terza sessione plenaria della 20esima Commissione centrale per l’ispezione della disciplina del Partito, e i principi guida del plenum, il 10 gennaio 2024, durante una riunione dell’Ufficio politico del Comitato centrale del Partito. Xinhua/Yin Bogu

5 – Verso un uso strategico delle forze di mercato e del settore privato

Con l’avvicinarsi del plenum, i segnali politici più sorprendenti sono quelli che suggeriscono la possibilità di politiche più favorevoli alle imprese che contribuiscano agli obiettivi di Xi in materia di scienza, tecnologia, innovazione e industria. Xi ha usato il suo discorso alla conferenza sulla scienza e la tecnologia per dichiarare per la prima volta che il Partito dovrebbe “dare pieno spazio al ruolo decisivo del mercato nell’allocazione delle risorse scientifiche e tecnologiche”. Vuole inoltre “rafforzare lo status delle imprese come organo principale dell’innovazione scientifica e tecnica ” 21 e afferma che22 ” approfondire le riforme “23 comporta ” promuovere lo sviluppo e la crescita delle imprese private ” e ” rimuovere gli ostacoli che limitano la giusta partecipazione delle imprese private alla competizione di mercato “. Il discorso che ha tenuto al Politburo a gennaio merita di essere citato in dettaglio:

Lo sviluppo di nuove forze produttive di qualità richiede un approfondimento globale della riforma e la formazione di nuovi tipi di rapporti di produzione compatibili con esse. Le nuove forze produttive di qualità richiedono non solo una pianificazione, una guida e un sostegno scientifico senza precedenti da parte del governo, ma anche una costante innovazione nei meccanismi e nelle normative di mercato e negli agenti microeconomici come le imprese. Esse sono plasmate dalla cultura e dalla spinta congiunta della “mano visibile” del governo e della “mano invisibile” del mercato. Pertanto, dobbiamo approfondire la riforma del sistema economico e del sistema scientifico e tecnologico, sforzarci di rimuovere gli ostacoli che limitano lo sviluppo di nuove forze produttive di qualità, stabilire un sistema di mercato di alto livello e proporre nuove idee per le modalità di distribuzione dei fattori di produzione, in modo che tutti i tipi di fattori di produzione avanzati e di alta qualità possano circolare verso lo sviluppo di nuove forze produttive di qualità.

Naturalmente, il precedente del 2013 dimostra che quando si tratta del Terzo Plenum, non ci si deve fermare alle parole ma aspettare i fatti. Tuttavia, l’accresciuta autorità di Xi significa che è più probabile che le sue parole riflettano indicazioni politiche che possono essere messe in pratica. La citazione supra suggerisce che egli non è insensibile al valore dei mercati o dell’impresa privata. Il 23 maggio ha ascoltato diverse informazioni politiche da parte di leader aziendali ed economisti riformisti a Jinan24, in un evento che il People’s Daily ha descritto come ” preparazione ” al terzo plenum25 (vedi tabella infra). Possiamo quindi aspettarci che il settore privato venga incoraggiato, ma solo entro i limiti della leadership economica del Partito e delle indicazioni ufficiali sulle priorità industriali di Xi. Il contenuto della prossima “legge sulla promozione dell’economia privata”26 sarà un test decisivo delle promesse fatte in questo terzo plenum.

In questo terzo plenum, Xi cercherà di sfruttare i mercati e gli imprenditori piuttosto che liberarli. Intende utilizzare il potere statale e le finanze pubbliche per indirizzarle verso lo sviluppo di tecnologie strategiche e la produzione di manufatti all’avanguardia. Come ha detto a Ding Shizhong, capo di un’azienda di articoli sportivi: “Gestire un’impresa o fare carriera non significa solo guadagnare qualche dollaro. Il dovere di tutti è concentrarsi in modo affidabile e completo sull’industria “27. Xi è particolarmente preoccupato che le aziende di successo si trasformino in conglomerati finanziarizzati che perdono di vista l’obiettivo e smettono di innovare, come accade a molti produttori statunitensi, compresi quelli di automobili. Ha ricordato le aziende tessili che ha visitato come leader provinciale nel Fujian e nello Zhejiang e le ha elogiate per la loro “concentrazione, coerenza e solidità nel loro core business”.

Il plenum dovrebbe anche apportare un certo grado di riforma alle imprese statali. L’11 giugno, Xi ha approfittato di una riunione della Commissione centrale per le riforme profonde per annunciare riforme del ” moderno sistema di imprese con caratteristiche cinesi ” volte a rafforzare il controllo del Partito sulle imprese statali28. Queste riforme migliorerebbero la ” moderna corporate governance ” e la ” gestione del capitale statale ” per aumentare le entrate, i profitti e i dividendi che alimentano il bilancio centrale. È meno chiaro come queste riforme si applicheranno alle aziende private, che sono già preoccupate per il crescente intervento dei partiti nelle loro attività e nei loro mercati. Un maggiore interventismo danneggerebbe ulteriormente la fiducia delle imprese.

Wang Huning, membro del Comitato permanente dell’Ufficio politico del Comitato centrale del Partito comunista cinese (PCC) e presidente del Comitato nazionale della Conferenza consultiva politica del popolo cinese (CPPCC), partecipa alla riunione di chiusura della settima sessione del Comitato permanente del 14° Comitato nazionale della CPPCC a Pechino, capitale della Cina, il 6 giugno 2024. Xinhua/Zhai Jianlan

Xi vuole che i mercati, gli imprenditori e le imprese di ogni tipo operino in modo più efficiente nel quadro delle linee guida prioritarie e dei vincoli normativi del Partito. Il terzo plenum vedrà quindi riforme volte a costruire un “mercato nazionale unificato” e a rafforzare lo “sviluppo regionale coordinato”, riducendo il protezionismo locale, integrando i cluster urbani e riducendo i costi logistici. Dalle due sessioni di marzo29, Xi ha sottolineato la necessità di ” adattarsi alle condizioni locali ” nello sviluppo di nuove forze produttive di qualità, con le località che si specializzano in determinate tecnologie per ridurre l’inefficienza di una “corsa all’azione “30 e creare bolle di crescita nelle industrie prioritarie. Fonti vicine alla questione a Pechino ci hanno recentemente suggerito che il plenum potrebbe portare a una maggiore commercializzazione dei fattori di produzione – facilitando lo scambio di dati e le transazioni di terreni agricoli, ad esempio – e a riforme per razionalizzare la proprietà pubblica nei mercati dei fattori e al di fuori dei mercati dei prodotti.

Il plenum dovrebbe portare un certo grado di riforma alle imprese statali.

NEIL THOMAS E JING QIAN

6 – Riforma fiscale e gestione del rischio finanziario

Di fronte ai crescenti rischi finanziari che la Cina deve affrontare, la riforma fiscale sarà probabilmente un altro tema importante del Terzo Plenum. La riduzione dei rischi finanziari è stata un pilastro del programma economico di Xi sin dal crollo del mercato azionario del 2015-2016 e ha assunto una dimensione ulteriore quando la politica delle “tre linee rosse” nel 2020 ha avviato il doloroso smantellamento del massiccio sovraindebitamento del settore immobiliare. Il rischio maggiore è la sofferenza fiscale delle amministrazioni locali, che forniscono la maggior parte dei servizi pubblici ma raccolgono meno tasse del governo centrale. Molti di essi stanno soffrendo per il calo dei prezzi degli immobili e per le costose misure di controllo dell’inflazione. Se le autorità locali finiscono i soldi e tagliano drasticamente i servizi o aumentano le tasse, la stabilità sociale e politica dell’intera Cina potrebbe risentirne.

Nel dicembre 2023 Xi ha affermato che il Partito dovrebbe “programmare un nuovo ciclo di riforme del sistema fiscale e tributario “31. La riunione del Politburo di aprile ha accennato all’attuazione di un “programma di risoluzione del rischio di indebitamento degli enti locali ” e alla rapida creazione di un ” nuovo modello di sviluppo immobiliare “, entrambi i quali potrebbero essere estesi al terzo plenum32. È probabile anche un maggiore sostegno al capitale di rischio e al “capitale paziente” a lungo termine per le industrie ad alta tecnologia, sulla base delle misure adottate dal Consiglio di Stato33.

Pechino eviterà di effettuare massicci stimoli economici. Tuttavia, da recenti colloqui avuti con funzionari cinesi, è emerso che il governo centrale potrebbe emettere più strumenti di debito, come obbligazioni speciali del Tesoro a lunghissimo termine, per raccogliere fondi da destinare alla svalutazione del settore immobiliare e aiutare i governi locali a colmare le lacune nelle entrate per i servizi pubblici. Xi prenderebbe anche in considerazione la possibilità di consentire ai governi locali di trattenere maggiori entrate fiscali, come l’imposta sui consumi e l’imposta sul valore aggiunto34. Il governo centrale potrebbe anche contribuire ad alleggerire la spesa sanitaria degli enti locali e introdurre un regime pensionistico nazionale. Sono possibili riforme fiscali importanti, come l’aumento delle imposte sui consumi o l’introduzione di un’imposta sulla proprietà, ma è improbabile che vengano attuate rapidamente a causa dell’impatto che potrebbero avere sulla fiducia nell’economia.

7 – Promuovere il benessere sociale e garantire il “senso di guadagno” della gente

L’aumento del tenore di vita aiuta Xi a mantenere la stabilità sociale e a garantire la sicurezza politica.

Al simposio di Jinan, Xi ha promesso di “fare più cose pratiche che favoriscano il sostentamento delle persone, scaldino i loro cuori e siano in linea con i loro desideri”. Ha sottolineato che l’occupazione35, l’istruzione, l’assistenza sanitaria, l’alloggio e l’assistenza all’infanzia sono aree in cui ” trovare slancio nelle riforme e fare passi avanti ” nel terzo plenum.

Le politiche volte a incoraggiare le nascite e a ridurre i costi di allevamento dei figli ne sono un esempio. Sembra probabile anche un ulteriore allentamento del sistema di registrazione delle famiglie36. Ciò contribuirebbe a stimolare i consumi e la crescita dando a un maggior numero di residenti urbani l’accesso ai servizi pubblici e incoraggiando un’ulteriore urbanizzazione. Xi insiste sul fatto che i cinesi devono essere guidati da un “sentimento di guadagno” (huo de gan) dallo sviluppo del loro Paese.

Gli interlocutori cinesi ci hanno detto che il plenum probabilmente porterà a un’ulteriore riduzione della lista nera degli investimenti stranieri e offrirà maggiori incentivi al commercio nelle zone di libero scambio del Paese.

NEIL THOMAS E JING QIAN

8 – Rassicurare le aziende straniere e offrire vantaggi ad alcune multinazionali

Durante il suo tour europeo, Xi ha detto al presidente francese Emmanuel Macron37 e ai leader economici statunitensi38 che il terzo plenum sarebbe positivo per le multinazionali e gli investitori stranieri.

Al simposio di Jinan ha detto a Xu Daquan, responsabile per la Cina dell’azienda metalmeccanica tedesca Bosch: “Siamo determinati a creare condizioni di parità e non escluderemo le aziende dal mercato cinese solo perché sono finanziate da capitali stranieri”;

A gennaio ha dichiarato al Politburo che la Cina deve “sviluppare un alto livello di apertura verso l’esterno per creare un ambiente internazionale favorevole allo sviluppo di nuove forze produttive di qualità”. Gli interlocutori cinesi ci hanno detto che il plenum probabilmente porterà a un’ulteriore riduzione della lista nera degli investimenti stranieri e offrirà maggiori incentivi al commercio nelle zone di libero scambio del Paese. Con questo cambiamento, Xi sembra volere che le multinazionali dell’alta tecnologia aiutino la Cina a svilupparsi attraverso il trasferimento di tecnologia, la formazione delle competenze e la competizione con le aziende nazionali. Il suo obiettivo, tuttavia, rimane quello di far sì che i campioni nazionali cinesi finiscano per superare i rivali stranieri.

9 – Migliorare l’attuazione delle politiche e la gestione esecutiva

Secondo Xi, le riforme “dovrebbero concentrarsi sulla pianificazione e, soprattutto, sull’attuazione”.

La decisione emessa dal Terzo Plenum descriverà in dettaglio le opinioni del partito su molte aree politiche e potrebbe istituire nuove istituzioni per coordinare il processo decisionale. Tuttavia, c’è ragione di credere che fornirà pochi dettagli precisi su specifici aggiustamenti politici.

Un test chiave per la sostenibilità delle riforme del Terzo Plenum sarà quindi la loro codifica legislativa e il loro inserimento nel 15° Piano quinquennale per il 2026-2030, che sarà sostanzialmente redatto l’anno prossimo. Xi ha anche criticato aspramente alcuni alti dirigenti per aver ostacolato lo sviluppo della qualità con il loro modo di pensare “all’antica”39  questo suggerisce che il programma del Terzo Plenum potrebbe includere più misure disciplinari. Questi colpi di bastone saranno comunque accompagnati da carote, visto che lo scorso dicembre Xi ha detto ai suoi più stretti collaboratori che avrebbero dovuto “migliorare i metodi di valutazione dei risultati politici per promuovere uno sviluppo di qualità”40. La recente pubblicazione dello ” schema di pianificazione per la creazione di gruppi dirigenti nazionali di partito e di governo (2024-2028) “41 riflette la crescente enfasi sulla competenza e sulla lealtà.

Il presidente cinese Xi Jinping, che è anche segretario generale del Comitato centrale del Partito comunista cinese e presidente della Commissione militare centrale, incontra i rappresentanti degli ufficiali e dei soldati presso l’Università di medicina dell’esercito il 23 aprile 2024. Xinhua/Li Gang

10 – Il Comitato Centrale ripulirà i suoi quadri?

Agli osservatori interni, la convocazione di questo terzo plenum può essere sembrata particolarmente lenta. Questo ritardo può forse essere spiegato dalla lunghezza delle indagini disciplinari su diversi membri del Comitato centrale. Lo scorso luglio, Pechino ha licenziato Qin Gang dal suo incarico di ministro degli Esteri, a seguito di accuse di indiscrezioni personali che avrebbero potuto avere ripercussioni sulla sicurezza nazionale. Nello stesso mese, Li Yuchao, comandante della Forza missilistica dell’Esercito Popolare di Liberazione, che comprende la componente terrestre dell’arsenale nucleare cinese, e Xu Zhongbo, commissario politico, sono stati destituiti dai loro incarichi, presumibilmente per corruzione in relazione all’assegnazione di contratti nucleari. Li Shangfu ha perso il posto di ministro della Difesa lo scorso ottobre ed è stato ufficialmente espulso dal partito per aver accettato e ricevuto tangenti il 27 giugno42. A maggio, la Commissione centrale per l’ispezione disciplinare ha aperto un’indagine su Tang Renjian, allora ministro dell’Agricoltura e degli Affari rurali.

Il terzo plenum potrebbe essere l’occasione per Xi di espellere questi funzionari dal Comitato centrale.

L’articolo 42 della Carta del Partito stabilisce che il Comitato centrale deve confermare a maggioranza dei due terzi qualsiasi decisione di imporre sanzioni disciplinari a un membro effettivo o supplente che comportino il licenziamento, la sospensione condizionale o l’espulsione43. Sebbene anche il Politburo possa prendere tali decisioni, nella maggior parte dei casi esse devono essere approvate a posteriori dal Comitato centrale. A questo proposito, è quasi certo che il Plenum espellerà Li Shangfu e potrebbe anche licenziare gli altri quattro quadri sopra citati, ma l’assenza di annunci ufficiali riguardanti Qin, Xu e Li Yuchao crea incertezza sul loro destino. È possibile, ad esempio, che Qin non venga escluso ma “messo alla prova”. – o che non venga nemmeno nominato perché l’indagine su di lui è ancora in corso.

L’era Xi ha reso la logica dei rimpasti sempre più imprevedibile;

NEIL THOMAS E JING QIAN

Sappiamo già chi dovrebbe sostituire questi leader come membri effettivi del Comitato centrale.

L’articolo 22 della Carta del Partito prevede che ” i posti vacanti nel Comitato Centrale saranno occupati da membri supplenti nell’ordine del numero di voti ottenuti “44. Dato che i primi 159 quadri della lista ufficiale dei 171 deputati sono elencati in ordine alfabetico per cognome45, è lecito pensare che siano stati tutti eletti all’unanimità al XX Congresso del partito. Ma le persone in cima a questa lista hanno ancora la priorità per i posti vacanti. I primi cinque deputati sarebbero Ding Xiangqun, direttore del dipartimento organizzativo del Pcc nella provincia di Anhui; Ding Xingnong, vice commissario politico della Forza missilistica dell’Esercito Popolare di Liberazione; Yu Lijun, direttore del dipartimento organizzativo del Pcc nella provincia di SichuanYu Jihong, presidente dell’Università Normale di Pechino; Yu Huiwen, viceministro dell’Ecologia e dell’Ambiente.

Un’altra possibile mossa a livello personale è l’elevazione del sostituto di Li Shangfu, Dong Jun, alla Commissione militare centrale del Partito. Il nuovo ministro della Difesa non è ancora stato nominato per riempire il posto vacante creato dal licenziamento di Li dalla principale organizzazione militare del Paese, ma secondo l’articolo 14 del regolamento sul lavoro del Comitato centrale, il plenum è l’unica riunione che può aggiungere nuovi membri alla Commissione militare centrale46. Questo ripristinerebbe un certo grado di normalità nella gerarchia militare cinese. È significativo che Pechino non abbia colto l’occasione per promuovere Dong all’altra posizione di Li – quella di consigliere di Stato – in modo che Xi potesse degradare il ministro della Difesa47 per punire i militari per gli scandali di corruzione.

Nel complesso, l’era Xi ha reso la logica dei rimpasti sempre più imprevedibile. Le ipotesi di cambiamento del personale che abbiamo avanzato seguirebbero una logica politica ragionevole – ma rimangono soggette a un processo decisionale opaco che spesso produce sorprese.

Documenti e momenti chiave da tenere d’occhio

Ecco un elenco dei principali punti da tenere d’occhio dopo la conclusione della sessione plenaria di mercoledì 18 luglio.

IL COMUNICATO STAMPA (GONGBAO)

Si tratta di un resoconto relativamente breve del plenum e dei suoi risultati, che non sempre riflette accuratamente il tenore generale della decisione. Di norma viene pubblicato il giorno stesso o il giorno successivo alla conclusione del plenum.

LA DECISIONE (JUEDING)

È l’autorevole piano d’azione completo pubblicato dalla plenaria. Dovrebbe includere linee guida politiche, obiettivi specifici e istruzioni per l’attuazione. Sarà pubblicata qualche giorno dopo la fine della plenaria.

LA SPIEGAZIONE (SHUOMING)

Questo è il ragionamento autorizzato di Xi Jinping sul contenuto e sul contesto della decisione e sarà pubblicato il giorno stesso della decisione.

IL RAPPORTO DI ELABORAZIONE (DANSHENGJI)

Uno o due giorni dopo la decisione, viene pubblicato un lungo resoconto, piuttosto approssimativo, del processo attraverso il quale si è giunti alla decisione. Fornisce sempre interessanti elementi di analisi.

NOTE A MARGINE (CEJI)

Ulteriori dettagli, sotto forma di brevi ma utili note, sul plenum, spesso comprendenti commenti fatti da Xi che non si riflettono nei documenti e nei verbali più formali, potrebbero essere pubblicati un giorno o due dopo la conclusione del plenum.

INTERPRETAZIONI POST-PLENUM

È probabile che diversi dipartimenti del Partito tengano una conferenza stampa congiunta per fornire un contesto aggiuntivo e interpretazioni più specifiche della decisione. Le pubblicazioni del Partito pubblicheranno numerosi articoli che riassumono, interpretano o elaborano la decisione – i più autorevoli sono generalmente gli editoriali del People’s Daily e le ” interviste ” sotto forma di domande e risposte con alti funzionari. I comitati del Partito in tutte le istituzioni e in tutto il Paese inizieranno un’intensa campagna di studio per apprendere e applicare la decisione.

ALTRI SEGNALI DA TENERE D’OCCHIO

La riunione mensile del Politburo alla fine di luglio condividerà l’analisi dei leader sull’economia cinese e darà istruzioni per il lavoro economico nella seconda metà dell’anno, offrendo probabilmente uno sguardo all’attuazione della decisione presa al Terzo Plenum.

Qualche settimana o mese dopo, la rivista teorica del Partito Qiushi (letteralmente : ” Cercando la verità “) potrebbe pubblicare uno o più discorsi interni pronunciati da Xi Jinping al plenum

Dagli anni ’90, il Comitato Centrale ha sempre tenuto sette plenum durante il suo mandato quinquennale. Tuttavia, l’eccezionale tempistica di questo terzo plenum solleva la possibilità di un quarto plenum più avanti nel corso dell’anno, che potrebbe occuparsi in generale di questioni relative alla governance del Partito.

FONTI
  1. 任佳晖、王潇潇, ” 中共中央政治局召开会议 讨论拟提请二十届三中全会审议的文件 中共中央总书记习近平主持会议 “, CPCNews.cn, 27 giugno 2024.
  2. Joseph Torigan, ” Prestigio, manipolazione e coercizione : lotte per il potere delle élite in Unione Sovietica e in Cina dopo Stalin e Mao “, Yale UP, 2022.
  3. Chris Buckley, ” Il ritratto di Deng come riformatore nel plenum del 1978 ignora la storia “, The New York Times, 9 novembre 2013.
  4. Neil Thomas, « Party All the Time : Xi Jinping’s Governance Reform Agenda After the Fourth Plenum », MacroPol, 14 novembre 2019.
  5. 新华社, « 习近平主持召开中央全面深化改革委员会第六次会议 », Gov.cn, 23 janvier 2019.
  6. Xinhua, ” Autorizzato a pubblicare) Xi Jinping: Spiegazione sulla “Decisione del Comitato centrale del PCC su diverse questioni importanti riguardanti l’adesione e il miglioramento del sistema socialista con caratteristiche cinesi e l’avanzamento della modernizzazione del sistema di governo dello Stato e della capacità di governo”.Note sulla decisione “, Xinhuanet, 05 novembre 2019.
  7. Neil Thomas, ” Party All the Time : Xi Jinping’sGovernance Reform Agenda After the Fourth Plenum “, MacroPol, 14 novembre 2019.
  8. Bettina Wassener, ” Gli analisti salutano il piano cinese di revisione dell’economia “, The New York Times, 18 novembre 2013.Economy “, The New York Times, 18 novembre 2013.
  9. Comitato del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese, ” Decisione del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese su una serie di questioni importanti riguardanti l’approfondimento delle riforme “, <emdata-dl-uid=”506″ data-dl-translated=”true”>Wikisource, 15 novembre 2013.</emdata-dl-uid=”506″>
  10. Bob David et Lingling Wei, ” Meet Liu He, Xi Jinping’s Choice to Fix a FalteringCHinese Economy “, The Wall Street Journal, 6 octobre 2013.
  11. Xi Jinping, ” Nota sulla decisione del Comitato centrale del PCC su una serie di questioni importanti riguardanti l’approfondimento completo delle riforme “, <emdata-dl-uid=”515″ data-dl-translated=”true”>Wikisource, 9 novembre 2013.</emdata-dl-uid=”515″>
  12. Peng Xiaoling e Wang Xiaoxia, ” Sviluppare una nuova produttività di qualità in base alle condizioni locali “, CPCNews.co.uk, 6 mars 2024.
  13. Xi Jinping, ” Decidendo di costruire una società moderatamente prospera sotto tutti gli aspetti e di cogliere la grande vittoria del socialismo con caratteristiche cinesi nella nuova era – alRapporto sul 19° Congresso nazionale del Partito comunista cinese “, Wikisource, 18 octobre 2017.
  14. Xi Jinping, ” Tenendo alta la grande bandiera del socialismo con caratteristiche cinesi e impegnandosi unitariamente per la costruzione di un Paese socialista moderno sotto tutti gli aspetti -.-Relazione al 20° Congresso nazionale del Partito Comunista Cinese “, Wikisource, 16 octobre 2022.
  15. Xi Jinping, ” Il presidente Xi Jinping consegna il messaggio di Capodanno per il 2024 “, CPCNews.it, 31 décembre 2023..”535″>CPCNews.co.uk, 31 dicembre 2023.
  16. Neil Thomas, ” Xi segnala più crescita ma stessa strategia alla Conferenza centrale del lavoro economico della Cina& .’s Central Economic Work Conference “, Asia Society Policy Institute, 14 décembre2023.
  17. Dipendente dell’Ufficio centrale delle finanze incaricato del lavoro quotidiano, ” Promuovere lo sviluppo di alta qualità approfondendo la riforma “, Qstheory.co.uk, 16 juin 2024.
  18. Bloomberg News, ” L’economia cinese deve raddoppiare per soddisfare i piani ambiziosi di Xi.Meet Xi’s Ambitious Plans “, Bloomerg, 27 octobre 2022.
  19. Xi Jinping, ” Xi Jinping: Osservazioni alla Conferenza Nazionale della Scienza e della Tecnologia, alla Conferenza Nazionale delle Ricompense della Scienza e della Tecnologia e al Congresso degli Accademici delle Due Accademie “,Gov.cn, 24 juin 2024.
  20. Peng Xiaoling e Wang Xiaoxia, ” Lo sviluppo della produttività di nuova qualità è un requisito intrinseco e un punto di attenzione importante per promuovere lo sviluppo di alta qualità “, <emdata-dl-uid=”560″ data-dl-translated=”true”>CPCNews.cn, 31 mai 2024.</emdata-dl-uid=”560″>
  21. Peng Xiaoling e Qin Hua, ” Speech at a Symposium Commemorating the 130th Anniversary of the Birth of Comrade Mao Zedong “, CPCNews.cn, 27 dicembre 2023.
  22. Zhou Chuqing, ” Conferenza di lavoro sull’economia centrale tenuta a Pechino, Xi Jinping tiene un importante discorso “, News.cn, 12 dicembre 2023.
  23. Peng Xiaoling e Wang Xiaoxia, ” Profondare la riforma e l’apertura su tutta la linea, continuando a imprimere un forte slancio alla modernizzazione in stile cinese “, <emdata-dl-uid=”575″ data-dl-translated=”true”>CPCNews.cn, 15 mai 2024.</emdata-dl-uid=”575″>
  24. Peng Jing e Deng Zhihui, ” Xi Jinping ospita un forum per le imprese e gli esperti, sottolinea il rafforzamento del tema dell’avanzamento della modernizzazione in stile cinese per approfondire ulteriormente le riforme a tutto tondo ” CPCNews.cn, 23 mai 2024.
  25. Peng Xiaoling e Ren Yilin, ” “Guarda il giusto e afferralo con determinazione” .”, CPCNews.cn, 28 mai 2024.
  26. ” Legge sulla promozione dell’economia privata : Legge della Repubblica Popolare Cinese sulla promozione dell’economia privata .Repubblica Popolare Cinese sulla promozione dell’economia privata – Legge della Repubblica Popolare Cinese sulla promozione dell’economia privata “, NPC Observer, février 2024.
  27. Zhang Xiaosong, Zhu Jichai, Du Shangze et Wang Bixue, ” Il vento è giusto per alzare la vela– Il Segretario Generale Xi Jinping visita lo Shandong e ospita un forum di imprese ed esperti “, People.cn, 25 mai 2024.
  28. Xinhua, ” Xi Jinping ha presieduto la quinta riunione del Comitato centrale per l’approfondimento delle riforme con misure globali, sottolineando che il miglioramento del moderno sistema di imprese con caratteristiche cinesi e la costruzione di un ambiente aperto per l’innovazione scientifica e tecnologica con competitività globale.a> “, Gov.cn, 11 juin 2024.
  29. ” Cosa è successo alle due sessioni cinesi del 2024 ? “, Asia Society Policy Institute, 14 mars 2024.
  30. Peng Xiaoling e Ren Yilin, ” “Quando vedi la cosa giusta da fare, la afferri senza esitazione” .”, CPCNews.co.uk, 28 maggio 2024.
  31. Zhou Chuqing , ” Conferenza sul lavoro economico centrale tenuta a Pechino, Xi Jinping pronuncia un importante discorso “, News.cn, 12 dicembre 2023.
  32. Peng Jing, Ren Yilin, ” L’Ufficio politico del Comitato centrale del PCC si riunisce e decide di convocare la Terza sessione plenaria del 20° Comitato centrale del Partito comunista cinese (PCC) per analizzare e studiare l’attuale situazione economica e il lavoro economico Considerazione dei “Pareri su come continuare a promuovere profondamente l’integrazione del Delta del fiume Yangtze”.Pareri su diverse politiche e misure per promuovere in modo continuo e profondo l’integrazione del Delta del fiume Yangtze e lo sviluppo di alta qualità” Xi Jinping, Segretario generale del Comitato centrale del PCC, presiede la riunione “, CPCNews.com, 30 Avril 2024.
  33. Foster Wong, ” La Cina pianifica nuove misure per attrarre gli investimenti di capitale di rischioInvestment “, Bloomberg, 19 juin 2024.
  34. Kevin Yao et Ellen Zhang, ” Il plenum chiave della Cina mira a correggeredecades-old tax revenue imbalance “, Reuters, 21 juin 2024.
  35. Bo Chendi e Deng Zhihui, ” Xi Jinping sottolinea la promozione della piena occupazione di alta qualità e il continuo miglioramento del senso di guadagno, felicità e sicurezza della maggioranza dei lavoratori alla 14a sessione di studio collettivo dell’Ufficio politico del Comitato centrale del PCC “, CPCNews, 28 maggio 2024.
  36. Zichen Wang, ” 4th Plenum Pulse : What to Expect (3) “, Pekinology, 16 juin 2024.
  37. Peng Xiaoling e Deng Zhihui, ” Xi Jinping e Macron partecipano alla cerimonia di chiusura del sesto incontro del Comitato imprenditoriale Cina-Francia e pronunciano un discorso “, CPCNews.co.uk, 5 juillet 2024.
  38. Tang Song e Deng Zhihui, ” Xi Jinping incontra i rappresentanti delle imprese e delle accademie strategiche statunitensi “, CPCNews.co.uk, 27 mars 2024.
  39. 彭晓玲、王潇潇, « 发展新质生产力是推动高质量发展的内在要求和重要着力点 », CPCNews.cn, 31 mai 2024.
  40. Xinhua, ” L’Ufficio politico del Comitato centrale del PCC tiene una riunione speciale sulla vita democratica Xi Jinping presiede la riunione e pronuncia un importante discorso “, Gov., 22 dicembre 2023.
  41. 新华社, ” 新时代新征程高质量推进党政领导班子建设的指导性文件–中央组织部负责人就《全国党政领导班子建设规划纲要(2024-2028年)》答记者问 “, Gov.cn, 13 giugno 2024.
  42. Liu Yang [刘阳], ” 中央[委原委员、原国务委员兼国防部长李尚福受到开除党籍处分 “, 26 giugno 2024.
  43. ” 中国共产党中央委员会工作条例 “, Wikisource, 28 settembre 2020.
  44. ” 中国共产党中央委员会工作条例 “, Wikisource, 28 settembre 2020.
  45. 新华社字, ” 中国共产党第二十届中央委员会候补委员名单 “, Gov.cn, 22 ottobre 2022.
  46. ” 标题无效 “, Wikisource, 2022.
  47. Christopher K. Johnson, ” Politica d’élite “, Asia Society Policy Institute, 14 marzo 2024.

 

CREDITI
Questo studio è stato prodotto da Asia Society. Oltre agli autori, hanno contribuito anche gli esperti Lobsang Tsering, Haolan Wang e Shengyu Wang, membri del Center for China Analysis. Ringraziamo Philippe Le Corre per averci fornito questo link.

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

“Non si può più attaccare Trump”, la campagna di Biden e i democratici si affannano a discutere il cambiamento di strategia, di Liu Chenghui

[Articolo/Osservatore Liu Chenghui] “Possiamo ancora attaccare Trump?”.L’improvviso assassinio di Trump ha chiaramente sconvolto la campagna dei Democratici.

Un rapporto della CNN del 14 luglio ha rivelato che la campagna di Biden e i Democratici si sono scannati quel giorno per discutere su come adattare la loro strategia per trattare con i Repubblicani.Secondo un consigliere democratico di alto livello, le discussioni si sono concentrate su come adattare gli attacchi e le critiche a Trump per concentrarsi sulle differenze politiche piuttosto che sugli attacchi personali.

I media statunitensi hanno notato che dopo il colpo di pistola, “sostituire Biden” non è più la priorità assoluta di molti membri del Partito Democratico, alcuni addetti ai lavori si sono lamentati del fatto che il Partito Democratico si trova in una situazione “troppo difficile”, e anche i consiglieri più anziani hanno detto francamente che “le elezioni sono finite ieri sera!”.Secondo molti repubblicani, la sparatoria consoliderà ulteriormente i fondamenti del Partito Repubblicano, grazie a questo “assist” Trump ha potuto dichiarare “vittoria”.

L’ex Presidente degli Stati Uniti Donald Trump evacua immediatamente il podio sotto la protezione dei servizi segreti dopo che sono stati esplosi dei colpi di arma da fuoco durante un discorso in occasione di un comizio elettorale in Pennsylvania, negli Stati Uniti, il 13 luglio 2024, ora locale.Immagine d’emergenza

Il team Biden ‘allarmato’: possono ancora attaccare Trump?

Un rapporto della CNN descrive Biden e la sua campagna come se si trovassero di fronte a una svolta improvvisa: mentre hanno trascorso le ultime due settimane a cercare di salvare la campagna per la rielezione di Biden, ora sono alle prese con un momento delicato che il Paese deve affrontare sulla scia della sparatoria di Trump.In risposta al messaggio repubblicano alla Convenzione nazionale, la campagna di Biden e i Democratici si sono affrettati il 14 a discutere su come modificare i loro piani.

“La grande domanda è come opporsi a lui [Trump] o attaccarlo.Possiamo ancora farlo questa settimana?”.Un consigliere democratico di alto livello ha dichiarato alla CNN che le discussioni sono ora incentrate su come adattare le critiche a Trump per concentrarsi sulle differenze politiche piuttosto che sugli attacchi personali.Ha dichiarato che il piano di risposta alla Convention nazionale repubblicana, elaborato originariamente settimane fa, viene ora rivisto con la possibilità di revisioni.

I repubblicani hanno accusato i democratici, come Biden, di aver acceso la miccia della sparatoria dipingendo Trump come un “dittatore che rappresenta una seria minaccia per la democrazia”, ha dichiarato l’Associated Press.Alcuni repubblicani hanno anche fatto riferimento a un commento fatto da Biden l’8 luglio, quando durante un incontro con i donatori democratici ha detto: “Ho una sola missione, ed è quella di sconfiggere Donald Trump”.Abbiamo chiuso il dibattito.Ora è il momento di mettere Trump nel mirino”.

Nell’ultimo mese, a causa della scarsa performance nel primo dibattito sulla crisi del “ritiro” e della “sostituzione”, alcuni dei principali legislatori del partito non credono ancora che Biden sia qualificato per servire come candidato.Anche poche ore prima della ripresa, Biden ha cercato di alleviare le loro preoccupazioni attraverso il dialogo.

Ma l’attenzione della campagna è cambiata improvvisamente quando sono stati sparati i colpi.

La CNN fa notare che i funzionari della campagna di Biden, sbigottiti dopo l’incidente, si sono riuniti e hanno deciso di sospendere tutte le comunicazioni esterne e di ritirare le pubblicità televisive critiche nei confronti di Trump.In una nota, la campagna ha esortato i collaboratori ad “astenersi dal fare qualsiasi commento sui social media o in pubblico”.Secondo le fonti, la Casa Bianca e la campagna di Biden hanno reagito in uno stato di “shock”.

Axios ha anche riferito che la questione della “sostituzione”, che ha causato “estrema ansia” tra i legislatori democratici nelle ultime due settimane, “è passata in secondo piano” mentre risuonavano gli spari ai comizi di Trump.”potenzialmente fornendo a Biden un periodo critico di calma.

I legislatori democratici hanno sostenuto che l’attenzione immediata è rivolta alla sicurezza personale degli individui e dei collaboratori, non ai problemi politici del partito.”Siamo tutti concentrati sulle condoglianze per lo sfortunato …… e sull’assicurarci che la nostra squadra sia al sicuro”, ha detto un democratico della Camera che si oppone fortemente alla candidatura di Biden.Un altro democratico di alto livello ha detto che l’atmosfera nel Partito Democratico dopo la sparatoria era troppo “caotica” per una battaglia interna di alto livello.

Al momento della sparatoria di Trump, Biden stava partecipando alla Messa (una funzione religiosa cattolica che commemora il sacrificio di Gesù) a Rehovoth Beach, nel Delaware, dove Biden ha una residenza.Qualche ora dopo, ha tenuto un breve discorso alla nazione, una scelta presa poco dopo essere stato informato dell’incidente, come hanno riferito persone che hanno familiarità con la questione.

La sera del 14, nello Studio Ovale della Casa Bianca, Biden ha tenuto un raro discorso, invitando gli Stati Uniti ad “abbassare la temperatura della politica”.Ha detto: “Anche se non siamo d’accordo, non siamo nemici, siamo vicini, siamo amici, colleghi, cittadini e, soprattutto, siamo concittadini americani.Dobbiamo restare uniti”.

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden pronuncia un discorso alla nazione sulla sparatoria di Donald Trump alla Casa Bianca a Washington, negli Stati Uniti, il 14 luglio 2024 ora locale.FotoIC

Dopo aver ritirato gli annunci il 13, la campagna di Biden non ha ancora deciso quando riprendere la campagna pubblicitaria contro Trump.Secondo uno stratega democratico, prendere una decisione non sarebbe difficile; ciò che è davvero complicato è il modo e il momento della ripresa, che arriva a soli 114 giorni dalle elezioni.

La CNN sostiene che il team di Biden ha rilasciato dichiarazioni forti su Trump un mese fa, in particolare in risposta alle sue accuse penali, ma una delle principali difficoltà che il team di Biden ha dovuto affrontare è stata quella di adeguare il messaggio inviato al pubblico per adattarsi alla situazione in corso.

Il senatore democratico Chris Coons, uno stretto alleato di Biden, ha chiesto di abbassare la “temperatura politica”.Parlando alla NBC il 14 novembre, ha detto: “Dobbiamo abbassare la retorica e i toni.Invito le persone a spegnere i telefoni oggi, a lasciare i social media, a passare un po’ di tempo con le loro famiglie e a riflettere su chi siamo come nazione, su cosa vogliamo essere”.

Mentre Biden veniva informato sulla sparatoria nella war room della Casa Bianca, il team politico del Presidente stava valutando attentamente se modificare il viaggio di Biden in Nevada, secondo un funzionario statunitense.La Casa Bianca ha annunciato che Biden rinvierà la sua visita in Texas, prevista per il 15.Biden sarà anche intervistato dalla NBC durante uno speciale in prima serata la sera del 15.

Nel frattempo, la vicepresidente Harris ha rinviato un viaggio previsto in Florida a causa della sparatoria.Il 16 avrebbe dovuto recarsi a Palm Beach, in Florida, per dialogare con le donne repubblicane sulla posizione di Trump in merito ai diritti riproduttivi delle donne.

Consigliere veterano dei Democratici: la corsa presidenziale era finita ieri sera.

L’impatto della sparatoria sulla direzione delle elezioni americane ha suscitato preoccupazione.Un rapporto della NBC 14 ha sottolineato che, dopo il brutto dibattito del mese scorso, Biden sta lottando per ottenere il sostegno dei suoi colleghi democratici.Alcuni esponenti politici democratici di professione sostengono che le riprese di sabato determineranno in ultima analisi il destino elettorale del presidente in carica.

“Siamo già messi troppo male”.Un insider democratico di alto livello ha ammesso che l’immagine del volto insanguinato e dei pugni agitati di Trump durante l’attacco ha lasciato un’impressione troppo profonda.

“Le elezioni presidenziali sono finite ieri sera”, ha detto senza mezzi termini un altro consulente democratico di alto livello.”È ora di concentrarsi sul mantenimento dei seggi al Senato e sul tentativo di riconquistare i seggi alla Camera”, ha aggiunto, “e l’unica cosa positiva per i Democratici è che oggi non si parla più dell’età di Joe Biden”.

In quasi una dozzina di interviste della NBC a politici, collaboratori, assistenti ed elettori democratici, i democratici sono stati nettamente divisi, con alcuni che ritengono che Trump trarrebbe beneficio dalla sparatoria e altri che dicono che non farebbe molta differenza.Ma pochi pensano che migliorerà le possibilità di vittoria di Biden.

Dall’altra parte del corridoio, i repubblicani ritengono che la sparatoria del fine settimana renderà più facile il cammino di Trump verso la Casa Bianca.

La rete di informazione statunitense “politicians” ha dichiarato il 14 che la sparatoria nel Partito Repubblicano ha creato un’atmosfera da “Trump ha vinto le elezioni”; secondo molti repubblicani, l’attacco di Trump consoliderà i suoi sostenitori, incoraggiandoli a recarsi a votare.

Ad esempio, il deputato del Tennessee Patchett ha sostenuto che la sparatoria si è trasformata in uno “slogan elettorale” per Trump e che le sue foto in diretta “hanno galvanizzato la base più di ogni altra cosa”.Il deputato repubblicano Anthony Desposito ha dichiarato: “Questo incidente richiamerà senza dubbio la gente alle urne”.Il deputato Derrick Van Orden del Wisconsin è stato ancora più schietto: “Ha già vinto le elezioni”.

Tuttavia, alcuni analisti ritengono che la sparatoria abbia messo in luce ancora una volta la realtà della politica polarizzata negli Stati Uniti e che quindi non avrà un grande impatto sugli elettori neutrali.

“L’assassinio di Trump ha messo in discussione i due obiettivi centrali di Biden: risanare un Paese pieno di problemi politici e ripristinare la fiducia nella democrazia americana”.Il rapporto della CNN scrive: “La condanna della sparatoria è stata emessa in tutto il mondo, dal Canada alla Cina alla Russia, poiché sia gli alleati che gli avversari degli Stati Uniti hanno visto le profonde divisioni esposte nel Paese”.

Questo è un articolo esclusivo dell’Observer.

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

LA CINA NON RINUNCERÀ AL SUO DEBITO AFRICANO, di Bernard Lugan

All’articolo di Bernard Lugan vanno riconosciuti sicuramente due meriti. Il primo è la sottolineatura del senso di auto-colpevolezza e di auto-fustigazione che hanno caratterizzato i passi diplomatici e le relazioni dei paesi occidentali con le élites emergenti soprattutto africane negli ultimi decenni. Atti di contrizione che, però, sono andati di pari passo con operazioni scellerate e arroganti come l’attacco e la demolizione del regime di  Gheddafi e della struttura statuale della Libia e con la presunzione di poter imporre, per mera superiorità morale, i propri modelli istituzionali. La condizione patetica in cui si è cacciato ad esempio Macron, in Africa e non solo, è semplicemente l’epilogo di una postura assunta progressivamente dagli anni ’90. Da qui il giudizio moralistico sul periodo coloniale che ha impedito la contestualizzazione di quelle scelte politiche. Il secondo sottolinea il carattere pragmatico e rigoroso, rispetto ai canoni dell’interesse nazionale, della politica estera cinese in Africa, ma con una vena ironica e sarcastica non del tutto giustificabile che impedisce di cogliere almeno alcune delle ragioni profonde di auto-fustigazione che informano la politica estera occidentale, specie dei paesi sconfitti, in Africa. La politica di investimenti della Cina ha vissuto in realtà periodi di malumore e di profondi contrasti con le élites locali, specie nella fase iniziale, proprio perché escludeva il coinvolgimento nella attuazione delle opere e nell’acquisizione dei benefici. La dirigenza cinese si è resa conto subito della situazione e, soprattutto, ha colto, assieme ai russi, ma anche alla Turchia e all’India, la consapevolezza acquisita dalle élites africane di poter contrattare su più tavoli in un contesto di incipiente multipolarismo. Su questo la Cina ha parecchio da offrire ai propri interlocutori a differenza dei paesi occidentali, liberatisi troppo frettolosamente e sventatamente del proprio “fardello” di capacità industriale faticosamente accumulato all’interno e in parte decentrato verso le ex colonie. Le rinegoziazioni e le cancellazioni di debito, quasi mai concesse per altro a titolo gratuito e in assenza di contropartite, sono quindi dei surrogati da parte di chi non ha altro da offrire che una economia di mera rapina ed espropriazione. Il decorso dei rapporti della Francia con l’Algeria, come con i paesi dell’Africa Sub-sahariana, attraversato da estenuanti ed inconcludenti trattative e copi di mano, ne sono un tipico esempio. Buona lettura, Giuseppe Germinario
CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO
A differenza dell'”Occidente”, che periodicamente accetta di rinegoziare o cancellare il debito africano, consumato da un masochistico senso di auto-colpevolezza, i cinesi non prestano per perdere denaro. Ecco perché rifiutano qualsiasi rinegoziazione globale.
LA CINA NON RINUNCERÀ AL SUO DEBITO AFRICANO
I conoscitori della Cina sono soliti dire che “un cinese non perdona mai il suo debito”, ed è esattamente ciò che sta accadendo in Africa in questo momento, dove Pechino ha prestato denaro a Paesi che non possono più ripagarlo. Ora, a differenza dei “buoni” occidentali che hanno sempre cancellato il debito, la Cina non perdonerà il suo debito africano…

La penetrazione predatoria della Cina nel continente africano a partire dagli anni ’90 si è concentrata principalmente sulle opportunità commerciali e sulle risorse naturali. La Cina ha prestato più di 100 miliardi di dollari ai Paesi, alcuni dei quali ora non sono in grado di ripagare o addirittura servire i loro debiti. Con l’aumento dei tassi di interesse e del prezzo delle importazioni di cibo, la loro situazione è catastrofica. Attualmente l’Africa importa cibo per 35 miliardi di dollari all’anno, cifra destinata a salire a 110 miliardi di dollari nei prossimi anni a causa del crescente numero di bocche da sfamare dovuto alla demografia suicida dell’Africa. E con l’impennata dei prezzi dell’energia, diversi Paesi africani sono sull’orlo della bancarotta. Una situazione drammatica, visto che, secondo il ministro delle Finanze del Ghana, 33 Paesi africani stanno pagando in interessi più di quanto non facciano con i bilanci della sanità e dell’istruzione. Oggi il debito dell’Africa si aggira intorno ai 700 miliardi di dollari, di cui poco meno di 100 miliardi sono dovuti ai prestatori cinesi. Ma la Cina, che non è disposta a perdere denaro, si rifiuta di ristrutturare questo debito in modo significativo. Di conseguenza, ai Paesi a rischio, che saranno ulteriormente strangolati dal prestatore cinese, rimane solo una speranza: implorare i prestatori occidentali di cancellare o ristrutturare il loro debito. Due esempi illustrano la situazione: lo Zambia e il Ghana. Lo Zambia, che deve quasi 20 miliardi di dollari, di cui poco più di 6 miliardi alla Cina, ha fatto default nel 2020 e non può più contrarre prestiti sui mercati finanziari internazionali. Di conseguenza, la Cina ha preso il controllo dell’emittente radiotelevisiva di Stato e dell’aeroporto della capitale Lusaka. Il Ghana, che ha un debito di 30 miliardi di dollari, di cui 2 miliardi verso la Cina, ha un bisogno vitale di un prestito di 3 miliardi di dollari dal Fondo Monetario Internazionale. In realtà, la Cina ha capito chiaramente che non recupererà mai tutte le somme prestate a questi due Paesi, il problema è sapere quante perdite accetterà e in cambio di cosa. Tanto più che il sistema bancario cinese è fortemente indebitato e indebolito dalla crisi del settore immobiliare. Pechino non sembra disposta a ignorare il debito africano in un momento in cui la sua priorità è ripianare il debito del suo sistema bancario. Tuttavia, non dobbiamo credere che i prestatori cinesi siano stati così ingenui da concedere consapevolmente prestiti a Paesi insolventi. In Africa, i prestiti cinesi sono stati spesso accusati di creare “trappole del debito”, ma nella maggior parte dei Paesi africani sovraindebitati, i prestiti cinesi rappresentano solo una parte dell’indebitamento, ovvero, a livello continentale, circa il 20% del debito estero dei Paesi africani. La Cina ha quindi concesso prestiti a diversi Paesi africani non sovraindebitati. Secondo il FMI, dei 15 Paesi africani ad alto rischio di sovraindebitamento, solo tre (Gibuti, Zambia e Camerun) hanno un debito cinese superiore al 24%.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Il soft power della Cina, di Vladislav B. Sotirovic

Il soft power della Cina

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

È di estrema importanza comprendere il concetto e le motivazioni del soft power da parte della Cina, la potenza emergente oggi più in ascesa e già prima nazione esportatrice con la seconda economia al mondo.

Per quanto riguarda la Cina e la sua politica estera, il soft power è uno dei concetti politici e sociali più utilizzati negli ultimi due decenni. Va subito notato che una delle ragioni principali della facile accettazione del soft power da parte della Cina è che l’uso morbido del potere ha storicamente una forte base culturale nella politica estera tradizionale cinese (ad esempio, nel caso della penisola coreana). La Cina tradizionale ha una ricca cultura non militare, che contribuisce in larga misura all’uso del potere culturale nelle sue relazioni estere.i La rinascita del potere materiale e culturale spinge la Cina a trovare facilmente un’eco nel concetto di soft power. In effetti, tutte le etnie cinesi sono orgogliose della loro storia culturale.

Dato che il soft power è fortemente legato alla cultura, si può dire che è naturale che la Cina sottolinei l’importanza e l’uso del potere culturale e del soft power per il suo vantaggio culturale competitivo nella società internazionale. Inoltre, per la maggior parte delle élite politiche ed economiche cinesi, il fattore civiltà sta giocando un ruolo chiave nel plasmare il futuro ordine globale della politica mondiale. In altre parole, agli occhi delle élite cinesi, il modo in cui le civiltà plasmano l’ordine mondiale non è attraverso lo scontro, come sostiene Samuel P. Huntington (teoria dello scontro di civiltà), ma attraverso il dialogo tra di esse. Questa fiducia nella civiltà rafforza l’enfasi cinese sul soft power. Un’altra ragione è che la società cinese è fondamentalmente una società basata sulle relazioni. Ciò significa, in pratica, che il potere sociale deriva principalmente, ma non interamente, dalla densità delle reti relazionali. Il potere sociale dovrebbe essere usato per rafforzare piuttosto che per rompere l’equilibrio delle relazioni sociali. Questa particolare concezione del potere è coerente con la natura del soft power.

Alcuni principi relativi all’uso cinese del soft power in politica estera possono essere riassunti brevemente come segue:

  1. A livello culturale, persone di culture e civiltà diverse dovrebbero essere apprezzate reciprocamente attraverso la comunicazione. La diplomazia è quindi intesa dalle autorità politiche cinesi come un mezzo utile per ridurre le tensioni tra le diverse civiltà.
  2. A livello economico, la Cina preferisce utilizzare mezzi persuasivi piuttosto che coercitivi per affrontare le controversie politiche. In pratica, in molti casi, la Cina insiste sul fatto che le controversie non possono essere risolte facilmente e semplicemente attraverso sanzioni economiche.
  3. A livello sociale, la costruzione del soft power dovrebbe contribuire a creare sistemi di assistenza sociale reciproca nelle aree internazionali. Per questo motivo la Cina sottolinea l’importanza dei legami sociali transnazionali in un mondo globalizzato.

Va sottolineato che la maggior parte dei cittadini cinesi, così come i funzionari e gli studiosi, sono pienamente consapevoli del grande divario in termini di capacità di soft power tra Cina e Stati Uniti. Si ritiene che quando la lunga fila allo sportello dell’ambasciata statunitense per la richiesta del visto a Pechino inizia ad accorciarsi, ciò possa significare che il divario in termini di soft power tra Cina e Stati Uniti è diventato più equilibrato. In un’indagine sul soft power nei Paesi dell’Asia orientale condotta nel 2008, ad esempio, il Chicago Council on Global Affairs ha dimostrato che gli Stati Uniti hanno molto più soft power della Cina in Asia orientale. Inoltre, il soft power della Cina, in alcuni indici, è risultato addirittura più debole di quello della Corea del Sud e del Giappone.ii Attraverso la lente opposta, con la crescente ondata di China-craze e la corsa degli uomini d’affari verso la Cina, tuttavia, è corretto pensare che la Cina si trovi di fronte a un’opportunità senza precedenti per migliorare il proprio soft power in tutto il mondo?

Si legge spesso che l’immagine della Cina in Africa, rispetto a quella che aveva prima dell’avvio del programma di riforma nel 1979, è piuttosto contrastante. Da un lato, la Cina ha aumentato notevolmente i suoi aiuti ufficiali a diversi Stati africani, ma dall’altro la sua immagine è più o meno danneggiata dalle attività di alcune aziende cinesi che vi realizzano profitti prima di tutto (lo stesso vale anche per molte aziende occidentali).

Diversi indicatori mostrano che il soft power della Cina sta aumentando in Asia e nel resto del mondo negli ultimi vent’anni, in particolare dopo la crisi finanziaria globale del 2008 iniziata negli Stati Uniti.iii Da quel momento in poi, il soft power è diventato una parola chiave nella politica estera cinese, poiché esiste un grande potenziale per lo sviluppo del soft power cinese.iv Va notato che in molti Paesi del mondo in via di sviluppo delle economie di mercato emergenti la formula cinese del governo autoritario e dell’economia di mercato di successo (la Cina ha triplicato il suo PIL in 30 anni) è diventata più popolare della formula americana, precedentemente dominante, dell’economia di mercato liberale con un governo democratico. Tuttavia, da un punto di vista generale, anche se il modello di crescita autoritario produce soft power per la Cina nei Paesi autoritari, non produce attrazione nei Paesi democratici. In altre parole, ciò che attrae il Venezuela, può respingere la Francia.v Tuttavia, molte nazioni occidentali stanno perdendo la loro immagine e il loro soft power nei Paesi in via di sviluppo nella loro gara con la Cina e la Russia a causa delle loro politiche neo-imperialistiche, riconosciute come tali dalle ex colonie occidentali in Africa, America Latina e Asia. Ad esempio, la tendenza generale dell’amministrazione di G. W. Bush (Junior) all’unilateralismo e in particolare il suo approccio alla “guerra al terrorismo” hanno danneggiato il soft power degli Stati Uniti e hanno generato risentimento, in particolare nel mondo musulmano. L’unilateralismo statunitense è stato drammaticamente dimostrato dall’invasione dell’Iraq da parte degli Stati Uniti nel 2003. L’allora Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, dichiarò esplicitamente che l’invasione, non essendo stata approvata dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU e non seguendo i principi della Carta delle Nazioni Unite, costituiva una chiara violazione del diritto internazionale (come l’aggressione della NATO alla Repubblica Federale di Jugoslavia nel 1999). La guerra in Iraq del 2003 ha dimostrato come l’ONU possa essere ridotta al ruolo di spettatore in un mondo dominato dall’egemonia degli Stati Uniti. Tuttavia, tale azione ha indubbiamente indebolito il soft power degli Stati Uniti.vi

Invece di dare peso solo all’economia e alle risorse materiali, per l’applicazione del soft power, il futuro del soft power cinese dipenderà dal tipo di idee che la Cina può apportare al mondo, soprattutto nelle attuali incerte condizioni internazionali e nella rivalità globale tra Cina e Stati Uniti e tra Stati Uniti e Russia. La sfida più significativa al potere e all’egemonia globale degli Stati Uniti è l’ascesa dei Paesi emergenti (come i BRIC), in particolare della Cina. In generale, gli avvertimenti sul declino dell’egemonia globale degli Stati Uniti risalgono a dopo la guerra del Vietnam e la rivoluzione islamica iraniana. L’ascesa della Cina è, tuttavia, il fenomeno più significativo degli ultimi 40 anni nel campo dell’IR, che suggerisce l’emergere di un nuovo egemone globale, con la Cina destinata a superare gli Stati Uniti in termini economici negli anni 2020. Sebbene il potere globale della Cina sia strettamente legato alla sua rinascita economica, la sua influenza sta crescendo anche sotto altri aspetti. La Cina ha di gran lunga il più grande esercito del mondo ed è seconda solo agli Stati Uniti in termini di spesa militare. L’influenza cinese sull’Africa, in particolare, si è notevolmente ampliata grazie a massicci investimenti finanziari, legati alla garanzia di forniture di energia e materie prime. Il potere strutturale della Cina è in crescita, come dimostrano la crescente influenza del G-20, il suo ruolo all’interno dell’OMC e il destino delle conferenze sul clima di Copenaghen del 2009 e di Glasgow del 2021. Il soft power della Cina è legato alla sua associazione con l’anticolonialismo e alla sua capacità di rappresentare se stessa come rappresentante del Sud globale. D’altro canto, il soft power degli Stati Uniti è diminuito sotto diversi aspetti. La sua reputazione è stata danneggiata dall’associazione con il potere delle imprese e l’aumento della disuguaglianza globale, nonché dal risentimento che si è sviluppato contro la “globalizzazione come americanizzazione”. L’invasione militare dell’Iraq e il terribile trattamento dei prigionieri ad Abu Ghraib e nel campo di detenzione di Guantanamo hanno danneggiato gravemente l’autorità morale degli Stati Uniti.

Dr. Vladislav B. Sotirovic
Ex professore universitario
Ricercatore presso il Centro di Studi Geostrategici
Belgrado, Serbia
www.geostrategy.rs
sotirovic1967@gmail.com © Vladislav B. Sotirovic 2024
Disclaimer personale: l’autore scrive per questa pubblicazione a titolo privato e non rappresenta nessuno o nessuna organizzazione, se non le sue opinioni personali. Nulla di quanto scritto dall’autore deve essere confuso con le opinioni editoriali o le posizioni ufficiali di altri media o istituzioni.

iReferenze:

Vedi altro in [Lei Haizong, Cultura cinese e soldati cinesi nella storia, Pechino: Commercial Press, 2001 (in cinese)].

iiChristopherWhitney, David Shambaugh, Soft Power in Asia: Results of a 2008 Multinational Survey of Public Opinion, Chicago Council on Global Affairs [www.thechicagocouncil.org].

iiiShengDing, Le ali nascoste del drago: How China Rises with Its Soft Power, Lanham: Lexington Books, 2008.

ivPeople‘s Daily Online, “Come migliorare il soft power della Cina”, 2010-03-11.

vIngridd’Hooghe, The Limits of China’s Soft Power in Europe: Beijing’s Public Diplomacy Puzzle, Clingendael Diplomacy Papers, No. 25, Netherlands Institute of International Relations, Clingandel, 2010.

viPerdefinizione, il soft power è il potere di attrazione piuttosto che di coercizione. È la capacità di influenzare gli altri persuadendoli a seguire o ad accettare norme e aspirazioni che producono il comportamento desiderato, in contrapposizione all’uso di minacce o ricompense.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Dichiarazione del Vertice di Washington_NATO

Dichiarazione del Vertice di Washington

rilasciata dai Capi di Stato e di Governo che partecipano alla riunione del Consiglio Nord Atlantico a Washington, D.C. 10 luglio 2024

  • 10 luglio 2024 –
  • |
  • Comunicato stampa 2024 001
  • Pubblicato il 10 luglio 2024
  • |
  • Ultimo aggiornamento: 12 luglio 2024 16:14
CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

1.       Noi, Capi di Stato e di Governo dell’Alleanza Nord Atlantica, ci siamo riuniti a Washington per celebrare il 75° anniversario della nostra Alleanza. Fondata per preservare la pace, la NATO rimane l’Alleanza più forte della storia. Siamo uniti e solidali di fronte a una brutale guerra di aggressione sul continente europeo e in un momento critico per la nostra sicurezza.Riaffermiamo il duraturo legame transatlantico tra le nostre nazioni.  La NATO rimane il forum transatlantico unico, essenziale e indispensabile per consultarsi, coordinarsi e agire su tutte le questioni relative alla nostra sicurezza individuale e collettiva.  La NATO è un’Alleanza difensiva.Il nostro impegno a difenderci reciprocamente e a difendere ogni centimetro del territorio alleato in ogni momento, come sancito dall’articolo 5 del Trattato di Washington, è ferreo.  Continueremo a garantire la nostra difesa collettiva contro tutte le minacce e da tutte le direzioni, sulla base di un approccio a 360 gradi, per adempiere ai tre compiti fondamentali della NATO: la deterrenza e la difesa, la prevenzione e la gestione delle crisi e la sicurezza cooperativa.Siamo legati da valori condivisi: la libertà individuale, i diritti umani, la democrazia e lo Stato di diritto. Aderiamo al diritto internazionale e agli scopi e principi della Carta delle Nazioni Unite e ci impegniamo a sostenere l’ordine internazionale basato sulle regole.

2.      Diamo un caloroso benvenuto al nostro trentaduesimo e più recente alleato, la Svezia. La storica adesione della Finlandia e della Svezia le rende più sicure e la nostra Alleanza più forte, anche nel Grande Nord e nel Mar Baltico. Ogni nazione ha il diritto di scegliere i propri accordi di sicurezza. Riaffermiamo il nostro impegno per la Politica delle Porte Aperte della NATO, in linea con l’articolo 10 del Trattato di Washington.

3.          L’invasione su larga scala dell’Ucraina da parte della Russia ha mandato in frantumi la pace e la stabilità nell’area euro-atlantica e ha gravemente minato la sicurezza globale. La Russia rimane la minaccia più significativa e diretta alla sicurezza degli Alleati.Il terrorismo, in tutte le sue forme e manifestazioni, è la minaccia asimmetrica più diretta alla sicurezza dei nostri cittadini e alla pace e alla prosperità internazionali.

4.         La competizione strategica, l’instabilità pervasiva e gli shock ricorrenti definiscono il nostro ambiente di sicurezza più ampio. I conflitti, la fragilità e l’instabilità in Africa e in Medio Oriente influenzano direttamente la nostra sicurezza e quella dei nostri partner.Laddove presenti, queste tendenze contribuiscono, tra l’altro, allo sfollamento forzato, alimentando il traffico di esseri umani e la migrazione irregolare.    Le azioni destabilizzanti dell’Iran si ripercuotono sulla sicurezza euro-atlantica.Le ambizioni dichiarate e le politiche coercitive della Repubblica Popolare Cinese (RPC) continuano a sfidare i nostri interessi, la nostra sicurezza e i nostri valori.  L’approfondimento del partenariato strategico tra Russia e RPC e i loro tentativi, che si rafforzano reciprocamente, di indebolire e rimodellare l’ordine internazionale basato sulle regole, sono motivo di profonda preoccupazione.  Siamo confrontati con minacce ibride, cibernetiche, spaziali e di altro tipo e con attività malevole da parte di attori statali e non statali.

Diamo un caloroso benvenuto al Presidente dell’Ucraina Zelenskyy e ai leader di Australia, Giappone, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea e Unione Europea;

6.       Accogliamo con favore il fatto che più di due terzi degli Alleati abbiano rispettato l’impegno di una spesa annua per la difesa pari ad almeno il 2% del PIL ed elogiamo gli Alleati che l’hanno superata.Gli Alleati stanno aumentando: la spesa per la difesa degli Alleati europei e del Canada è cresciuta del 18% nel 2024, l’aumento più consistente degli ultimi decenni; stanno inoltre investendo di più in capacità moderne e aumentando i loro contributi alle operazioni, alle missioni e alle attività della NATO.Riaffermiamo il nostro impegno duraturo a dare piena attuazione all’impegno di investimento nella Difesa concordato a Vilnius e riconosciamo che è urgentemente necessario fare di più per rispettare in modo sostenibile i nostri impegni come alleati della NATO.  Ribadiamo che, in molti casi, sarà necessaria una spesa superiore al 2% del PIL per rimediare alle carenze esistenti e soddisfare i requisiti in tutti i settori derivanti da un ordine di sicurezza più contestato.

7.       Abbiamo intrapreso il più grande rafforzamento della nostra difesa collettiva da una generazione a questa parte. Stiamo dando seguito alle decisioni dei Vertici di Madrid e di Vilnius di modernizzare la NATO per una nuova era di difesa collettiva. Non possiamo ignorare la possibilità di un attacco contro la sovranità e l’integrità territoriale degli Alleati.Abbiamo rafforzato la nostra posizione di deterrenza e di difesa per negare a qualsiasi potenziale avversario qualsiasi opportunità di aggressione.  Continuiamo a rafforzare la deterrenza e la difesa della NATO contro tutte le minacce e le sfide, in tutti i settori e in molteplici direzioni strategiche nell’area euro-atlantica. Abbiamo schierato forze pronte al combattimento sul fianco orientale della NATO, rafforzato le difese avanzate e migliorato la capacità dell’Alleanza di rafforzare rapidamente qualsiasi alleato minacciato.  Abbiamo una nuova generazione di piani di difesa della NATO che rendono l’Alleanza più forte e più capace di dissuadere e, se necessario, di difendersi da qualsiasi potenziale avversario, anche con poco preavviso o senza preavviso.Siamo impegnati a fornire le forze necessarie ad alta prontezza in tutti i settori, anche per una Forza di Reazione Alleata robusta e agile.  Stiamo accelerando ulteriormente la modernizzazione della nostra difesa collettiva e siamo:

  • Fornire le forze, le capacità, le risorse e le infrastrutture necessarie per i nostri nuovi piani di difesa, per essere pronti a una difesa collettiva ad alta intensità e multidominio. A questo proposito, ci baseremo sui progressi compiuti per garantire che l’aumento delle spese nazionali per la difesa e i finanziamenti comuni della NATO siano commisurati alle sfide di un ordine di sicurezza più contestato.
  • Condurre addestramenti ed esercitazioni più frequenti e su larga scala dei nostri piani per dimostrare la nostra capacità di difendere e rafforzare rapidamente qualsiasi alleato minacciato, anche attraverso Steadfast Defender 24, la più grande esercitazione militare della NATO da una generazione a questa parte.
  • Stiamo accelerando la trasformazione e l’integrazione delle nuove tecnologie e dell’innovazione, anche attraverso un piano per migliorare l’adozione della tecnologia. Stiamo inoltre modernizzando la nostra capacità di sorveglianza aerea.
  • Rafforzare il comando e il controllo della NATO e assegnare ruoli di leadership chiave ai quartieri generali nazionali.
  • Rafforzare la nostra capacità di muovere, rinforzare, rifornire e sostenere le nostre forze per rispondere alle minacce in tutta l’Alleanza, anche attraverso una logistica efficace e resiliente e lo sviluppo di corridoi di mobilità.
  • Addestrare, esercitare e integrare le Forze terrestri avanzate della NATO nei nuovi piani, anche continuando a rafforzare le nostre difese avanzate sul fianco orientale della NATO.
  • Sfruttare appieno l’adesione di Finlandia e Svezia e le capacità che esse apportano all’Alleanza, integrandole pienamente nei nostri piani, nelle nostre forze e nelle nostre strutture di comando, anche sviluppando una presenza NATO in Finlandia.
  • Accelerare l’integrazione dello spazio nella pianificazione, nelle esercitazioni e nelle operazioni multidominio, in particolare rafforzando la capacità del Centro operativo spaziale della NATO.
  • Istituire il Centro integrato di difesa cibernetica della NATO per migliorare la protezione delle reti, la consapevolezza della situazione e l’attuazione del cyberspazio come dominio operativo in tempo di pace, di crisi e di conflitto; e sviluppare una politica per aumentare la sicurezza delle reti della NATO.
  • Rafforzare la protezione delle infrastrutture critiche sottomarine (CUI) e migliorare la nostra capacità di deterrenza, individuazione e risposta alle minacce, anche attraverso il continuo sviluppo del Centro per la sicurezza delle CUI della NATO.
  • Investire nelle nostre capacità di difesa chimica, biologica, radiologica e nucleare, necessarie per operare efficacemente in tutti gli ambienti.
  • Accelerare l’attuazione degli standard NATO e concordare le misure necessarie per aumentare e rafforzare la nostra interoperabilità.

Abbiamo aggiornato la politica IAMD della NATO e continueremo ad aumentare la nostra prontezza, reattività e integrazione attraverso varie iniziative, come l’attuazione del modello rotazionale IAMD in tutta l’area euro-atlantica, con un focus iniziale sul fianco orientale.  Gli alleati rimangono impegnati a migliorare l’efficacia della IAMD e ad adottare tutte le misure per rispondere al contesto di sicurezza.Siamo lieti di dichiarare la NATO Ballistic Missile Defence (BMD) Enhanced Operational Capability.  La consegna del sito Aegis Ashore di Redzikowo, in Polonia, integra i mezzi esistenti in Romania, Spagna e Turchia.Gli alleati restano impegnati nel pieno sviluppo del BMD della NATO, per perseguire la difesa collettiva dell’Alleanza e per fornire una copertura e una protezione completa a tutte le popolazioni, i territori e le forze europee della NATO contro la crescente minaccia posta dalla proliferazione dei missili balistici.  La difesa missilistica può integrare il ruolo delle armi nucleari nella deterrenza, ma non può sostituirle.

9.       La deterrenza nucleare è la pietra angolare della sicurezza dell’Alleanza. Lo scopo fondamentale della capacità nucleare della NATO è quello di preservare la pace, prevenire la coercizione e scoraggiare l’aggressione. Finché esisteranno le armi nucleari, la NATO rimarrà un’alleanza nucleare.La NATO riafferma il proprio impegno a rispettare tutte le decisioni, i principi e gli impegni relativi alla deterrenza nucleare della NATO, alla politica di controllo degli armamenti e agli obiettivi di non proliferazione e disarmo, come dichiarato nel Concetto Strategico 2022 e nel Comunicato di Vilnius 2023.Il controllo degli armamenti, il disarmo e la non proliferazione hanno dato e devono continuare a dare un contributo essenziale al raggiungimento degli obiettivi di sicurezza dell’Alleanza e a garantire la stabilità strategica e la nostra sicurezza collettiva. La NATO rimane impegnata a prendere tutte le misure necessarie per garantire la credibilità, l’efficacia, la sicurezza e la protezione della missione di deterrenza nucleare dell’Alleanza, anche modernizzando le sue capacità nucleari, rafforzando la sua capacità di pianificazione nucleare e adattandosi se necessario.

10.       La deterrenza e la difesa della NATO si basano su un’appropriata combinazione di capacità di difesa nucleare, convenzionale e missilistica, integrate da capacità spaziali e informatiche. Impiegheremo strumenti militari e non militari in modo proporzionato, coerente e integrato per dissuadere tutte le minacce alla nostra sicurezza e rispondere nei modi, nei tempi e nei settori di nostra scelta.

11.       La cooperazione industriale transatlantica nel settore della difesa è una parte fondamentale della deterrenza e della difesa della NATO. Il rafforzamento dell’industria della difesa in Europa e in Nord America e la maggiore cooperazione industriale nel settore della difesa tra gli Alleati ci rende più capaci e in grado di soddisfare i requisiti dei piani di difesa della NATO in modo tempestivo. È alla base del sostegno immediato e duraturo degli Alleati all’Ucraina.Sulla base del Piano d’Azione per la Produzione di Difesa concordato al Vertice di Vilnius nel 2023, ci impegniamo a fare di più insieme come Alleati, anche per rafforzare l’industria della difesa in tutta l’Alleanza, agire con urgenza per fornire le capacità più critiche e rafforzare il nostro impegno verso gli standard NATO.

12.       La resilienza nazionale e collettiva è una base essenziale per una deterrenza e una difesa credibili e per l’efficace adempimento dei compiti fondamentali dell’Alleanza in un approccio a 360 gradi.  La resilienza è una responsabilità nazionale e un impegno collettivo, radicato nell’articolo 3 del Trattato di Washington.Il rafforzamento della preparazione nazionale e dell’Alleanza per la deterrenza e la difesa richiede un approccio di governo complessivo, la cooperazione tra pubblico e privato e considerazioni sulla resilienza della società. Ci impegniamo a costruire sui nostri sforzi in corso per rafforzare la resilienza nazionale integrando la pianificazione civile nella pianificazione della difesa nazionale e collettiva in pace, crisi e conflitto.Continueremo a rafforzare la nostra resilienza aumentando la consapevolezza, la preparazione e la capacità collettiva dell’Alleanza in tutti i rischi e in tutti i settori, per affrontare le crescenti minacce strategiche, anche contro i nostri sistemi democratici, le infrastrutture critiche e le catene di approvvigionamento.  Impiegheremo le capacità necessarie per rilevare, difendere e rispondere all’intero spettro di attività dannose.  Adotteremo anche misure concrete per approfondire la nostra cooperazione con i nostri partner impegnati in sforzi simili, in particolare l’Unione Europea.

13.      Gli attori statali e non statali ricorrono ad azioni ibride sempre più aggressive contro gli Alleati. Continueremo a prepararci, a dissuadere, a difenderci e a contrastare le minacce e le sfide ibride. Ribadiamo che le operazioni ibride contro gli Alleati potrebbero raggiungere il livello di un attacco armato e potrebbero indurre il Consiglio Nord Atlantico a invocare l’articolo 5 del Trattato di Washington.

14.         Continueremo a sviluppare la nostra capacità individuale e collettiva di analizzare e contrastare la disinformazione ostile e le operazioni di disinformazione. La NATO si sta coordinando strettamente con gli alleati e i partner.  Abbiamo aumentato i nostri meccanismi di allerta e condivisione e rafforzato le nostre risposte congiunte, in particolare nella comunicazione strategica.

15.      Attendiamo con ansia di incontrare il Presidente Zelenskyy nel Consiglio NATO-Ucraina. Riaffermiamo la nostra incrollabile solidarietà con il popolo ucraino nell’eroica difesa della sua nazione, della sua terra e dei nostri valori condivisi. Un’Ucraina forte, indipendente e democratica è vitale per la sicurezza e la stabilità dell’area euro-atlantica.La lotta dell’Ucraina per l’indipendenza, la sovranità e l’integrità territoriale all’interno dei suoi confini riconosciuti a livello internazionale contribuisce direttamente alla sicurezza dell’area euro-atlantica.  Accogliamo con favore gli annunci degli alleati di fornire all’Ucraina ulteriori sistemi critici di difesa aerea e altre capacità militari.  Per aiutare l’Ucraina a difendersi oggi e a scoraggiare l’aggressione russa in futuro, abbiamo:

  • Ha deciso di istituire la NATO Security Assistance and Training for Ukraine (NSATU) per coordinare la fornitura di equipaggiamenti militari e di addestramento per l’Ucraina da parte degli alleati e dei partner.La NSATU, che opererà negli Stati alleati, sosterrà l’autodifesa dell’Ucraina in linea con la Carta delle Nazioni Unite. La NSATU, in base al diritto internazionale, non renderà la NATO parte in causa nel conflitto.
  • Annunciato un Promessa di assistenza alla sicurezza a lungo termine per l’Ucraina per la fornitura di equipaggiamenti militari, assistenza e addestramento per sostenere l’Ucraina nella costruzione di una forza in grado di sconfiggere l’aggressione russa.Attraverso contributi proporzionali, gli alleati intendono fornire un finanziamento minimo di base di 40 miliardi di euro entro il prossimo anno e fornire livelli sostenibili di assistenza alla sicurezza per far prevalere l’Ucraina.
  • Ha portato avanti l’istituzione del Centro congiunto di analisi, addestramento e formazione NATO-Ucraina (JATEC), un importante pilastro della cooperazione pratica, per identificare e applicare gli insegnamenti della guerra della Russia contro l’Ucraina e aumentare l’interoperabilità dell’Ucraina con la NATO.
  • Accolto con favore la decisione del Segretario Generale di nominare un Rappresentante Senior della NATO in Ucraina.

16.       Sosteniamo pienamente il diritto dell’Ucraina di scegliere i propri accordi di sicurezza e di decidere il proprio futuro, senza interferenze esterne. Il futuro dell’Ucraina è nella NATO. L’Ucraina è diventata sempre più interoperabile e politicamente integrata nell’Alleanza.Accogliamo con favore i progressi concreti compiuti dall’Ucraina dopo il Vertice di Vilnius sulle riforme democratiche, economiche e di sicurezza richieste.  Mentre l’Ucraina continua questo lavoro vitale, continueremo a sostenerla nel suo percorso irreversibile verso la piena integrazione euro-atlantica, compresa l’adesione alla NATO.Le decisioni del Vertice della NATO e del Consiglio NATO-Ucraina, insieme al lavoro in corso degli Alleati, costituiscono un ponte verso l’adesione dell’Ucraina alla NATO. Gli Alleati continueranno a sostenere i progressi dell’Ucraina in materia di interoperabilità e le ulteriori riforme democratiche e del settore della sicurezza, che i Ministri degli Esteri della NATO continueranno a valutare attraverso il Programma nazionale annuale adattato.

17.        La Russia è l’unica responsabile della sua guerra di aggressione contro l’Ucraina, una palese violazione del diritto internazionale, compresa la Carta delle Nazioni Unite.  Non ci può essere impunità per gli abusi e le violazioni dei diritti umani da parte delle forze e dei funzionari russi, per i crimini di guerra e per altre violazioni del diritto internazionale.La Russia è responsabile della morte di migliaia di civili e ha causato danni ingenti alle infrastrutture civili. Condanniamo con la massima fermezza gli orribili attacchi della Russia contro il popolo ucraino, compresi gli ospedali, l’8 luglio. La Russia deve immediatamente fermare questa guerra e ritirare completamente e incondizionatamente tutte le sue forze dall’Ucraina, in linea con le risoluzioni dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.  Non riconosceremo mai le annessioni illegali della Russia al territorio ucraino, compresa la Crimea.  Chiediamo inoltre alla Russia di ritirare tutte le sue forze dalla Repubblica di Moldova e dalla Georgia, stanziate lì senza il loro consenso.

18.       La Russia cerca di riconfigurare fondamentalmente l’architettura di sicurezza euro-atlantica. La minaccia a tutto campo che la Russia rappresenta per la NATO persisterà nel lungo termine. La Russia sta ricostruendo ed espandendo le sue capacità militari e continua le sue violazioni dello spazio aereo e le sue attività provocatorie.Siamo solidali con tutti gli alleati colpiti da queste azioni. La NATO non cerca il confronto e non rappresenta una minaccia per la Russia. Siamo disposti a mantenere canali di comunicazione con Mosca per ridurre i rischi e prevenire l’escalation.

19.       Condanniamo la retorica nucleare irresponsabile e le segnalazioni nucleari coercitive della Russia, compreso l’annunciato stazionamento di armi nucleari in Bielorussia, che dimostrano una postura di intimidazione strategica.La Russia ha aumentato la sua dipendenza dai sistemi di armi nucleari e ha continuato a diversificare le sue forze nucleari, anche sviluppando nuovi sistemi nucleari e dispiegando capacità di attacco a doppia capacità a corto e medio raggio, il che rappresenta una crescente minaccia per l’Alleanza.La Russia ha violato, attuato selettivamente e abbandonato gli obblighi e gli impegni di lunga data in materia di controllo degli armamenti, minando così l’architettura globale di controllo degli armamenti, disarmo e non proliferazione.  Ci opponiamo a qualsiasi collocazione di armi nucleari in orbita intorno alla Terra, che violerebbe l’articolo IV del Trattato sullo spazio extra-atmosferico e minaccerebbe gravemente la sicurezza globale.  Siamo profondamente preoccupati per il riferito uso di armi chimiche da parte della Russia contro le forze ucraine.

20.       La Russia ha anche intensificato le sue azioni ibride aggressive contro gli Alleati, anche attraverso procuratori, in una campagna in tutta l’area euro-atlantica. Queste includono sabotaggi, atti di violenza, provocazioni alle frontiere alleate, strumentalizzazione dell’immigrazione irregolare, attività informatiche dannose, interferenze elettroniche, campagne di disinformazione e influenza politica maligna, nonché coercizione economica.Abbiamo deciso ulteriori misure per contrastare le minacce o le azioni ibride russe individualmente e collettivamente e continueremo a coordinarci strettamente. Il comportamento della Russia non scoraggerà la determinazione degli alleati e il loro sostegno all’Ucraina. Continueremo inoltre a sostenere i nostri partner più esposti alla destabilizzazione russa, che rafforzeranno la loro resistenza di fronte alle sfide ibride presenti anche nel nostro vicinato.

21.       Siamo determinati a limitare e contestare le azioni aggressive della Russia e a contrastare la sua capacità di condurre attività destabilizzanti nei confronti della NATO e degli alleati. Per il nostro prossimo Vertice, svilupperemo raccomandazioni sull’approccio strategico della NATO nei confronti della Russia, tenendo conto del mutato contesto di sicurezza.

22.       La lotta al terrorismo rimane essenziale per la nostra difesa collettiva. Il ruolo della NATO nella lotta al terrorismo contribuisce a tutti e tre i compiti fondamentali dell’Alleanza ed è parte integrante dell’approccio a 360 gradi dell’Alleanza alla deterrenza e alla difesa.Continueremo a contrastare, dissuadere, difendere e rispondere alle minacce e alle sfide poste dai terroristi e dalle organizzazioni terroristiche sulla base di una combinazione di misure di prevenzione, protezione e negazione con determinazione, risolutezza e solidarietà.Al fine di rafforzare ulteriormente il ruolo della NATO nell’antiterrorismo, abbiamo approvato oggi le Linee guida aggiornate della politica della NATO sull’antiterrorismo e il nostro Piano d’azione aggiornato sul rafforzamento del ruolo della NATO nella lotta al terrorismo della comunità internazionale. Questi documenti guideranno il lavoro dell’Alleanza sull’antiterrorismo e identificheranno le aree chiave per i nostri sforzi a lungo termine.

23.      Esortiamo tutti i Paesi a non fornire alcun tipo di assistenza all’aggressione russa. Condanniamo tutti coloro che stanno facilitando e quindi prolungando la guerra della Russia in Ucraina.

24.      La Bielorussia continua a consentire questa guerra mettendo a disposizione il suo territorio e le sue infrastrutture. L’approfondimento dell’integrazione politica e militare della Russia in Bielorussia, compreso il dispiegamento di capacità e personale militare russo avanzato, ha implicazioni negative per la stabilità regionale e la difesa dell’Alleanza.

25.       La Repubblica Popolare Democratica di Corea (RPDC) e l’Iran stanno alimentando la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina fornendo alla Russia un sostegno militare diretto, come munizioni e veicoli aerei senza equipaggio (UAV), che ha un grave impatto sulla sicurezza euro-atlantica e mina il regime globale di non proliferazione.Condanniamo fermamente le esportazioni di proiettili d’artiglieria e missili balistici da parte della Repubblica Democratica Popolare di Corea, che violano numerose risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, e notiamo con grande preoccupazione l’intensificarsi dei legami tra la Repubblica Democratica Popolare di Corea e la Russia.  Qualsiasi trasferimento di missili balistici e della relativa tecnologia da parte dell’Iran alla Russia rappresenterebbe una sostanziale escalation.

26.        La RPC è diventata un sostenitore decisivo della guerra della Russia contro l’Ucraina attraverso la sua cosiddetta partnership “senza limiti” e il suo sostegno su larga scala alla base industriale della difesa russa. Ciò aumenta la minaccia che la Russia rappresenta per i suoi vicini e per la sicurezza euro-atlantica.Invitiamo la RPC, in qualità di membro permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite con la particolare responsabilità di sostenere gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite, a cessare ogni sostegno materiale e politico allo sforzo bellico della Russia, compreso il trasferimento di materiali a duplice uso, come componenti di armi, attrezzature e materie prime che servono come fattori di produzione per il settore della difesa russo.

27.       La RPC continua a porre sfide sistemiche alla sicurezza euro-atlantica. Abbiamo assistito a continue attività cibernetiche e ibride dannose, compresa la disinformazione, provenienti dalla RPC.Invitiamo la RPC a mantenere il suo impegno ad agire responsabilmente nel cyberspazio.  Siamo preoccupati dagli sviluppi delle capacità e delle attività spaziali della RPC.  Invitiamo la RPC a sostenere gli sforzi internazionali per promuovere un comportamento responsabile nello spazio. La RPC continua a espandere e diversificare rapidamente il suo arsenale nucleare con un maggior numero di testate e di sofisticati sistemi di lancio.Rimaniamo aperti a un impegno costruttivo con la RPC, anche per costruire una trasparenza reciproca con l’obiettivo di salvaguardare gli interessi di sicurezza dell’Alleanza.  Allo stesso tempo, stiamo aumentando la nostra consapevolezza condivisa, migliorando la nostra resilienza e preparazione e proteggendoci dalle tattiche coercitive della RPC e dagli sforzi per dividere l’Alleanza.

28.      I partenariati della NATO rimangono fondamentali per rafforzare la stabilità, influenzare positivamente l’ambiente di sicurezza globale e sostenere il diritto internazionale. Svolgono un ruolo importante nel sostenere i tre compiti fondamentali della NATO e il nostro approccio alla sicurezza a 360 gradi.Continueremo a rafforzare il dialogo politico e la cooperazione pratica con i partner, sulla base del rispetto reciproco, del beneficio e dell’interesse sia degli alleati che dei partner.  Ci riuniamo in questo Vertice per l’anniversario con i nostri partner, anche per celebrare i trent’anni del Partenariato per la Pace (PfP) e del Dialogo Mediterraneo (MD), e i vent’anni dell’Iniziativa di Cooperazione di Istanbul (ICI).Siamo grati ai nostri partner per il loro significativo contributo alle operazioni e alle missioni della NATO. Accogliamo con favore gli sforzi della Moldavia per portare avanti le riforme democratiche, così come la Bosnia-Erzegovina, con la sua integrazione europea, e ci impegniamo a sostenere le loro capacità di sicurezza e di difesa e a rafforzare la loro capacità di contrastare le minacce ibride.

29.       L’Unione Europea rimane un partner unico ed essenziale per la NATO. La cooperazione NATO-UE ha raggiunto livelli senza precedenti. La cooperazione pratica è stata rafforzata e ampliata in materia di spazio, cyber, clima e difesa, nonché di tecnologie emergenti e dirompenti.La NATO riconosce il valore di una difesa europea più forte e più capace, che contribuisca positivamente alla sicurezza transatlantica e globale e sia complementare e interoperabile con la NATO.Lo sviluppo di capacità di difesa coerenti, complementari e interoperabili, evitando inutili duplicazioni, è fondamentale nei nostri sforzi congiunti per rendere più sicura l’area euro-atlantica.  Per il partenariato strategico tra la NATO e l’UE, è essenziale il pieno coinvolgimento degli alleati non appartenenti all’UE negli sforzi di difesa dell’UE.Continueremo a rafforzare ulteriormente il nostro partenariato strategico in uno spirito di piena apertura reciproca, trasparenza, complementarietà e rispetto dei diversi mandati, dell’autonomia decisionale e dell’integrità istituzionale delle organizzazioni, come concordato dalle due organizzazioni.

30.       Incontreremo i vertici di Australia, Giappone, Nuova Zelanda e Repubblica di Corea e l’Unione Europea per discutere delle sfide comuni in materia di sicurezza e delle aree di cooperazione. L’Indo-Pacifico è importante per la NATO, dato che gli sviluppi in quella regione influenzano direttamente la sicurezza euro-atlantica.Accogliamo con favore il continuo contributo dei nostri partner dell’Asia-Pacifico alla sicurezza euro-atlantica.  Stiamo rafforzando il dialogo per affrontare le sfide interregionali e stiamo migliorando la nostra cooperazione pratica, anche attraverso progetti faro nei settori del sostegno all’Ucraina, della difesa informatica, del contrasto alla disinformazione e della tecnologia.  Questi progetti miglioreranno la nostra capacità di lavorare insieme su interessi di sicurezza condivisi.

31.       I Balcani occidentali e le regioni del Mar Nero sono di importanza strategica per l’Alleanza. Rimaniamo fortemente impegnati per la loro sicurezza e stabilità. Continueremo a rafforzare il nostro dialogo politico e la cooperazione pratica con i Balcani occidentali al fine di sostenere le riforme, la pace e la sicurezza regionale e contrastare l’influenza maligna, compresa la disinformazione, le minacce ibride e informatiche, poste da attori statali e non statali.I valori democratici, lo Stato di diritto, le riforme interne e le relazioni di buon vicinato sono fondamentali per la cooperazione regionale e l’integrazione euro-atlantica e ci auguriamo che i progressi in questo senso continuino.Restiamo impegnati nel continuo impegno della NATO nei Balcani occidentali, anche attraverso la Forza per il Kosovo (KFOR) a guida NATO. Riaffermiamo il nostro continuo sostegno agli sforzi regionali alleati volti a sostenere la sicurezza, la protezione, la stabilità e la libertà di navigazione nella regione del Mar Nero, compresa, se del caso, la Convenzione di Montreux del 1936.Accogliamo con favore l’attivazione, da parte dei tre alleati litoranei, del Gruppo di lavoro per le contromisure antimine nel Mar Nero.  Continueremo a monitorare e valutare gli sviluppi nella regione e a migliorare la nostra consapevolezza situazionale, con particolare attenzione alle minacce alla nostra sicurezza e alle potenziali opportunità di una più stretta cooperazione con i nostri partner nella regione, come appropriato.  La NATO sostiene le aspirazioni euro-atlantiche dei Paesi interessati in questa regione.

32.      Il vicinato meridionale della NATO offre opportunità di cooperazione su questioni di interesse reciproco. Attraverso i nostri partenariati miriamo a promuovere una maggiore sicurezza e stabilità in Medio Oriente e in Africa, contribuendo alla pace e alla prosperità della regione.Oggi abbiamo adottato un piano d’azione per un approccio più forte, strategico e orientato ai risultati nei confronti del vicinato meridionale, che sarà regolarmente aggiornato.Abbiamo invitato il Segretario Generale a designare un Rappresentante Speciale per il vicinato meridionale che fungerà da punto focale della NATO per la regione e coordinerà gli sforzi della NATO.  Rafforzeremo il dialogo, la sensibilizzazione, la visibilità e gli strumenti di cooperazione esistenti, come l’Iniziativa per lo sviluppo delle capacità di difesa, l’Hub per il Sud e il Centro regionale NATO-ICI in Kuwait.Sulla base del successo della Missione NATO in Iraq (NMI) e su richiesta delle autorità irachene, abbiamo ampliato la portata del nostro sostegno alle istituzioni di sicurezza irachene e continueremo il nostro impegno attraverso la NMI.

33.       Abbiamo accelerato la trasformazione della NATO per far fronte alle minacce attuali e future e per mantenere il nostro vantaggio tecnologico, anche attraverso la sperimentazione e l’adozione più rapida delle tecnologie emergenti, nonché attraverso la trasformazione digitale. A tal fine, attueremo la nostra strategia riveduta per l’intelligenza artificiale e le nuove strategie per la quantistica e le biotecnologie, e promuoveremo ulteriormente i principi di uso responsabile che sono alla base del nostro lavoro.Inoltre, ci baseremo sul successo del Defence Innovation Accelerator for the North Atlantic (DIANA) e del NATO Innovation Fund (NIF) per investire ulteriormente nei nostri ecosistemi di innovazione.  Stiamo monitorando attentamente i progressi tecnologici sul campo di battaglia in Ucraina e stiamo lanciando nuove iniziative di innovazione con i nostri partner ucraini.

34.       Continueremo a integrare le considerazioni sul cambiamento climatico in tutti i compiti principali e rafforzeremo i nostri sforzi per la sicurezza energetica. Il cambiamento climatico è una sfida determinante con un profondo impatto sulla nostra sicurezza. La NATO rimane impegnata a diventare l’organizzazione internazionale leader nella comprensione e nell’adattamento agli impatti del cambiamento climatico e delle condizioni meteorologiche estreme sulla sicurezza.L’energia è un fattore critico di capacità per i compiti fondamentali e le operazioni militari della NATO. Siamo impegnati a garantire alle nostre forze militari forniture energetiche sicure, resilienti e sostenibili, compreso il carburante. La NATO e gli alleati si stanno adattando alla transizione energetica in modo coerente e coordinato;

35.       Siamo impegnati a integrare le ambiziose agende della NATO su Donne, Pace e Sicurezza (WPS) e Sicurezza Umana in tutti i compiti principali. Oggi abbiamo approvato una politica WPS aggiornata, che migliorerà l’integrazione delle prospettive di genere in tutte le attività e le strutture della NATO, e farà progredire l’uguaglianza di genere all’interno dell’Alleanza, consentendo alla NATO di rispondere meglio a sfide di sicurezza più ampie.Continueremo inoltre a rafforzare il nostro approccio alla sicurezza umana per quanto riguarda la protezione dei civili e dei beni culturali. In un momento in cui il diritto internazionale e le norme fondamentali sono messe in discussione, rimaniamo pienamente impegnati nel diritto internazionale umanitario.

36.       Rendiamo omaggio a tutti coloro che lavorano instancabilmente per la nostra sicurezza collettiva e onoriamo tutti coloro che hanno pagato l’ultimo prezzo o sono stati feriti per mantenerci al sicuro, e le loro famiglie.

37.      Settantacinque anni fa, la NATO è stata fondata per preservare la pace e promuovere la stabilità all’interno dell’area euro-atlantica. Rimaniamo fermi nella nostra determinazione a proteggere il nostro miliardo di cittadini, a difendere il nostro territorio e a salvaguardare la nostra libertà e la nostra democrazia. La nostra Alleanza ha superato la prova del tempo.Le decisioni che abbiamo preso garantiranno che la NATO rimanga il fondamento della nostra sicurezza condivisa.  Desideriamo ringraziare il Segretario Generale Jens Stoltenberg per la sua straordinaria leadership in un decennio alla guida della nostra Alleanza, in tempi difficili.  Garantiamo il nostro pieno sostegno al suo successore, Mark Rutte.

38.       Esprimiamo il nostro apprezzamento per la generosa ospitalità che ci è stata offerta dagli Stati Uniti d’America. Attendiamo con ansia di incontrarci nuovamente al nostro prossimo Vertice all’Aia, nei Paesi Bassi, nel giugno 2025, seguito da un incontro in Turchia.


 

Promessa di assistenza alla sicurezza a lungo termine per l’Ucraina

1.   Oggi affermiamo il nostro incrollabile impegno nei confronti dell’Ucraina come Stato sovrano, democratico e indipendente.  Per ottenere questo risultato, l’Ucraina ha bisogno del nostro sostegno a lungo termine. Dall’inizio della guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina, gli Alleati hanno fornito un sostegno politico, economico, militare, finanziario e umanitario senza precedenti, compresa l’assistenza militare che ammonta a circa 40 miliardi di euro all’anno.Gli alleati hanno anche messo a disposizione la loro capacità industriale di difesa per sostenere le esigenze dell’Ucraina. Tutto ciò sta avendo un effetto sostanziale, consentendo agli ucraini di difendersi efficacemente e di infliggere alla Russia costi reali e gravi.

2.    Affermiamo la nostra determinazione a sostenere l’Ucraina nella costruzione di una forza in grado di sconfiggere l’aggressione russa oggi e di scoraggiarla in futuro.A tal fine, intendiamo fornire un finanziamento minimo di base di 40 miliardi di euro entro il prossimo annoe fornire livelli sostenibili di assistenza alla sicurezza dell’Ucraina per prevalere, tenendo conto delle esigenze dell’Ucraina, delle nostre rispettive procedure di bilancio nazionali e degli accordi bilaterali di sicurezza che gli Alleati hanno concluso con l’Ucraina.  I Capi di Stato e di Governo rivaluteranno i contributi alleati in occasione dei futuri Vertici NATO, a partire dal Vertice NATO del 2025 all’Aia.

3.    Il nostro impegno si estende ai costi relativi alla fornitura di equipaggiamento militare, assistenza e addestramento per l’Ucraina, compresi:

  • Acquisto di attrezzature militari per l’Ucraina;
  • Supporto in natura donato all’Ucraina;
  • Costi relativi alla manutenzione, alla logistica e al trasporto di attrezzature militari per l’Ucraina;
  • Costi per l’addestramento militare dell’Ucraina;
  • Costi operativi associati alla fornitura di supporto militare all’Ucraina;
  • Investimenti e sostegno alle infrastrutture di difesa e all’industria della difesa dell’Ucraina;
  • Tutti i contributi ai fondi fiduciari della NATO per l’Ucraina, compresi gli aiuti non letali.

4.    Conta tutto il sostegno alleato all’Ucraina secondo i criteri di cui sopra, sia esso fornito attraverso la NATO, bilaterale, multilaterale o con qualsiasi altro mezzo.  Per sostenere un’equa condivisione degli oneri, gli alleati mireranno a soddisfare questo impegno attraverso contributi proporzionali, anche tenendo conto della loro quota del PIL dell’Alleanza.

5.    Gli Alleati riferiranno alla NATO sul sostegno fornito in relazione a questo impegno due volte all’anno, con il primo rapporto che includerà i contributi forniti dopo il 1° gennaio 2024.  Su questa base, il Segretario Generale fornirà una panoramica di tutti i contributi notificati agli Alleati.

6.    Oltre al sostegno militare coperto da questo impegno, gli Alleati intendono continuare a fornire all’Ucraina sostegno politico, economico, finanziario e umanitario.

I nostri media, almeno nelle versioni online (che poi sono quelle che la gente legge di solito, o ameno scorre) si sono guardati bene dal fornire una sintesi del comunicato finale del vertice NATO di Washington. Il motivo è abbastanza semplice: il comunicato è l’annuncio di un conflitto aperto, che sia freddo o caldo, con la Russia nel momento in cui l’Ucraina, probabilmente a breve, sparirà e non sarà più in grado di combattere al posto nostro, e in seguito con l’Iran, la Cina e la Corea del Nord, paesi abbastanza lontani dallo spazio euroatlantico e mediterraneo che è quello che ci interessa perché, l’ultima volta che ho controllato, noi là stiamo, non sui praho all’abbordaggio nel Mar delle Andamane o a caccia di trichechi al largo delle Aleutine. Va da sé che è anche la pietra tombale su qualsiasi possibilità di soluzione negoziale del conflitto ucraino, ove per ‟negoziato” si intenda qualcosa di diverso da ‟capitolazione”.
Il comunicato lo si può trovare qui: https://www.nato.int/cps/en/natohq/official_texts_227678.htm. Consta di 38 articoli più 6 sulla ‟promessa di assistenza a lungo termine per la sicurezza dell’Ucraina”, e siccome vi voglio bene me li sono letti tutti. Ecco qualche citazione e qualche riassunto – e appunto, capirete perché i nostri media stanno facendo finta di niente. Art. 3: ‟la Russia rimane la minaccia più significativa e diretta alla sicurezza degli Alleati”, insieme al terrorismo, e ‟le minacce che affrontiamo sono globali e interconnesse” (ovvero: la Russia collabora coi terroristi). Art. 4: ‟le azioni destabilizzanti dell’Iran stanno avendo effetti sulla sicurezza Euro-Atlantica. Le ambizioni dichiarate e la politica coercitiva della Repubblica Popolare Cinese continuano a sfidare i nostri interessi, sicurezza e valori. La partnership strategica sempre più stretta tra Russia e RPC e i loro tentativi che si rinforzano mutualmente di minare e modificare l’ordine internazionale basato sulle regole, sono causa di profonda preoccupazione”. Art. 5 (bello questo): ‟Accogliamo con calore il Presidente dell’Ucraina Zelensky e i leader di Australi,a Giappone, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea e Unione Europea” (compito per casa: perché Zelensky è l’unico di cui viene fatto il nome?). Articolo 6 (o anche: ‟vi piaceva il SSN, vero? Peccato!”): ‟Accogliamo con piacere il fatto che più di due terzi degli Alleati hanno rispettato il loro impegno di spendere per la difesa il 2% del loro PIL e lodiamo quegli Alleati che lo hanno superato. Gli Alleati stanno intensificando gli sforzi: le spese per la difesa degli Alleati europei e del Canada sono cresciute del 18% nel 2024, il più grande incremento da decenni […] Riaffermiamo che, in molti casi, spese superiori al 2% del PIL saranno necessarie per rimediare alle carenze esistenti e soddisfare le esigenze che in tutti i campi sorgono per via di un ordine di sicurezza maggiormente contestato”. Art. 7, in breve: siamo bravissimi, aumentiamo, miglioriamo, rinforziamo, in cielo mare e terra (è l’articolo più lungo, quasi una pagina da solo, e davvero dice sostanzialmente solo questo). Questa era la parte buona. Domani, perché ora è tardi e fa troppo caldo, il resto: missili a medio e lungo raggio in Europa (ovvio in Europa, che sono scemi che se le mettono in casa a rischio che russi o cinesi le colpiscano), armi nucleari, e liete prospettive di guerra con Russia e Cina per le quali, davvero, le stiamo provando tutte.
Ci eravamo fermati all’articolo 7, proseguiamo con ordine. L’articolo 8 è molto importante, anche perché ripropone il punto dolente che portò alla rottura seria con la Russia nel 2007, il sistema antimissile basato in Polonia e Repubblica Ceca: ‟Abbiamo deciso deterrenza e difesa contro tutte le minacce aeree e missilistiche potenziando la nostra Difesa Integrata Aerea e Missilistica (IAMD), basata su un approccio a 360 gradi […] Siamo lieti di annunciare la Capacità Operativa Potenziata della Difesa contro Missili Balistici (BMD) NATO. La consegna del sito Aegis Ashore di Redzikowo, in Polonia, completa le installazioni già esistenti in Romania, Spagna e Turchia […] la difesa missilistica può fare da complemento alle armi nucleari nella deterrenza; non può sostituirle”. L’articolo 9 riporta anche la NATO nel campo del credibile uso delle armi nucleari (per i paesi membri, ovviamente, non per l’Ucraina): ‟La deterrenza nucleare è la pietra angolare della sicurezza dell’Alleanza […] Fintanto che esistono le armi nucleari la NATO rimarrà un’alleanza nucleare”, secondo i principi già formulati nello Strategic Concept del 2022 (che trovate qui: https://www.nato.int/…/6/pdf/290622-strategic-concept.pdf) e del Comunicato di Vilnius del 2023 (https://www.nato.int/cps/en/natohq/official_texts_217320.htm); ‟la NATO rinnova il suo impegno a fare tutti i passi necessari per assicurare la credibilità, efficacia, sicurezza della missione di deterrenza dell’Alleanza, incluso modernizzare le sue capacità nucleari, rinforzare le sue capacità di pianificazione nucleare, e adattarle alle necessità”. L’articolo 10 è fuffa, l’11 invece introduce la Promessa di Espansione della Capacità Industriale, ovvero il rafforzamento dell’industria militare dei paesi membri e la prevalenza dell’apparato militare su quello civile, su cui si torna nell’Art. 12: ‟Rinforzare la preparazione nazionale e dell’intera Alleanza per la deterrenza e la difesa richiede un insieme di approccio governativo, cooperazione tra pubblico e privato, e considerazioni sulla resilienza della società. Promettiamo di aumentare i nostri sforzi per rinforzare la resilienza nazionale integrando la pianificazione civile nella pianificazione della difesa nazionale e collettiva in tempo di pace, di crisi e di conflitto”. Art. 13 e 14 fuffa (minacce ibride, analizzare e combattere la disinformazione). Dall’Art. 15 in poi, finalmente, si parla di Ucraina: ‟Riaffermiamo la nostra incrollabile solidarietà col popolo dell’Ucraina nell’eroica difesa della propria nazione, della propria terra, e dei nostri valori condivisi. Un’Ucraina forte, indipendente e democratica è vitale per la sicurezza e la stabilità dell’area Euro-Atlantica. La lotta dell’Ucraina per la propria indipendenza, sovranità e integrità territoriale all’interno dei suoi confini internazionalmente riconosciuti contribuisce direttamente alla sicurezza Euro-Atlantica”. Per aiutare l’Ucraina, dunque, viene costituito l’Assistenza per la Sicurezza e l’Addestramento NATO per l’Ucraina (NSATU), ‟per coordinare il rifornimento di equipaggiamento militare e l’addestramento per l’Ucraina da parte degli Alleati e dei partner”, che naturalmente, almeno secondo la NATO, ‟non renderà la NATO parte del conflitto” ma ‟sosterrà la trasformazione delle forze di sicurezza e di difesa dell’Ucraina, permettendo la loro futura integrazione con la NATO”. Si annuncia poi la Promessa di Assistenza a Lungo Termine per l’Ucraina, su cui torneremo in seguito perché è un documento separato, l’istituzione del Centro Unificato NATO-Ucraina per l’Analisi, l’Addestramento e l’Educazione (JATEC), sempre per accrescere l’interoperabilità delle truppe ucraine con quelle NATO, e la designazione di un Rappresentante Senior della NATO in Ucraina, che immagino verrà ampiamente ricompensato per il disturbo. L’articolo 16 è il chiodo nella bara per i negoziati. In breve, l’Ucraina entrerà nella NATO, prima o poi, e basta (a meno che, naturalmente, non sia l’Ucraina stessa a decidere di non volerlo più…). In dettaglio, dice così: ‟Sosteniamo in pieno il diritto dell’Ucraina di scegliere i propri accordi di sicurezza e di decidere del proprio futuro, libera da interferenze esterne. Il futuro dell’Ucraina è nella NATO. L’Ucraina è diventata sempre più interoperabile e integrata nell’Alleanza. Accogliamo con favore i progressi concreti fatti dall’Ucraina dopo il vertice di Vilnius per quanto riguarda le riforme democratiche, economiche e di sicurezza richieste. Mentre l’Ucraina continua il suo lavoro vitale, noi continueremo a sostenerla sulla sua irreversibile strada verso la piena integrazione Euro-Atlantica, incluso l’ingresso nella NATO. Affermiamo nuovamente che saremo in grado di invitare l’Ucraina ad unirsi all’Alleanza quando gli Alleati saranno d’accordo e le condizioni saranno rispettate. Le decisioni del summit della NATO e del Consiglio NATO-Ucraina, combinate con il continuo lavoro degli Alleati, sono il ponte per l’ingresso dell’Ucraina nella NATO”. Gli articoli 17, 18, 19, 20, 21 (5 su 38, non male) sono interamente dedicati alla Russia. La Russia è la sola responsabile del conflitto, dei morti e delle distruzioni, e dovrà pagarne il prezzo; deve ritirarsi immediatamente e senza condizioni, e la NATO ‟non riconoscerà mai l’annessione illegale da parte della Russia del territorio ucraino, inclusa la Crimea (la necessità di specificarlo, ‟inclusa la Crimea”, significa che davvero c’era qualcuno, dal lato nostro, disposto a cederla. Evidentemente ora è passato in minoranza); deve anche ritirare le truppe da Moldavia e Georgia (ovvero dalla Transnistria, dalla Abkhazia e dall’Ossezia del sud); la minaccia russa mira a riconfigurare l’architettura di sicurezza Euro-Atlantica, e non svanirà col tempo, ma naturalmente ‟la NATO non cerca lo scontro e non pone alcuna minaccia alla Russia”, e resta disposta a mantenere canali di comunicazione con Mosca per ‟mitigare il rischio e prevenire l’escalation” (l’Ucraina può andare in fumo, ma attenzione a non allargarsi, non è che ci andiamo di mezzo pure noi?); la retorica nucleare della Russia è ‟irresponsabile” ed è davvero una brutta cosa che ‟continui a diversificare le sue forze nucleari, incluso sviluppare nuovi sistemi nucleari e schierare capacità dual-use a raggio corto e intermedio”; la Russia, del resto, ha violato, implementato selettivamente o abbandonato tutti i trattati (mi ricordavo che dal trattato ABM si fosse ritirato Bush nel 2002 e dall’INF Trump nel 2019, ma che ne so io); si chiude con le ‟azioni ibride”, ovvero ‟strumentalizzazione dell’immigrazione irregolare, maligni cyber-attacchi, interferenze elettroniche, campagne di disinformazione e maligne influenze politiche, inclusa la coercizione economica; per cui, la NATO resta determinata nel contrastare tutto questo e nel sostenere gli Alleati vittime di queste operazioni, e al prossimo vertice NATO si discuterà di come eventualmente cambiare ancora la posizione strategica nei confronti della Russia. L’Art. 22 è sulla necessità di contrastare il terrorismo, il 23 introduce il resto del mondo nella lista dei cattivi, o quantomeno, ‟tutti quelli che facilitano, e dunque prolungano, la guerra della Russia in Ucraina”. Questi paesi sono la Bielorussia (Art. 24), la Repubblica Democratica della Corea e l’Iran (Art. 25), la Cina (Art. 26 e 27, è grossa, almeno due se li merita). Nell’Art. 27 si scrive esplicitamente che la Cina ‟continua a porre sfide sistemiche alla sicurezza Euro-Atlantica. Gli Art. 28 e 29 sono fuffa, il 30 annuncia un prossimo incontro ‟con le leadership di Australia, Giappone, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea e Unione Europea per discutere delle sfide alla sicurezza comune e delle aree di cooperazione. L’Indo-Pacifico è importante per la NATO, perché gli sviluppi in quella regione hanno conseguenze dirette sulla sicurezza Euro-Atlantica”, quindi contro la Cina, cari amici, è il caso ci muoviamo anche noi. L’Art. 31 parla dell’importanza per la NATO dei Balcani occidentali e del Mar Nero, che certo non possiamo lasciare agli slavi ortodossi, il 32 è quello che all’Italia interessa di più perché si parla dell’istituzione di un Rappresentante Speciale per il Fianco Meridionale, ossia Nordafrica e Medio Oriente, e gli altri 6 articoli sono congratulazioni reciproche e un po’ di lip service alle questioni ambientali e di genere.
Questa è la situazione, e non è buona.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Israele dovrebbe pensarci due volte prima di inviare alcuni dei suoi patrioti in Ucraina attraverso gli Stati Uniti, di ANDREW KORYBKO

Israele dovrebbe pensarci due volte prima di inviare alcuni dei suoi patrioti in Ucraina attraverso gli Stati Uniti

6
Condividi
CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

Netanyahu e coloro che lo circondano potrebbero non rendersi conto di quanto questo possa cambiare drasticamente la politica regionale della Russia, considerando il modo in cui tutto viene sempre più percepito dal Cremlino, dato il contesto in evoluzione della Nuova Guerra Fredda.

Il Rappresentante Permanente russo presso le Nazioni Unite Vasily Nebenzia ha avvertito Israele di “certe conseguenze politiche” nel caso in cui inviasse alcuni dei suoi patrioti a Ucraina attraverso gli Stati Uniti, come CNN ha recentemente riferito che si sta negoziando tra loro. Questo avviene in mezzo al graduale deterioramento dei loro legami da quando l’attacco furtivo di Hamas l’anno scorso, nonostante l’orgoglioso filosemitismo di sempre del Presidente Putin che può essere approfondito qui. I cinque pezzi che seguono documentano il percorso che ha portato a quest’ultimo sviluppo:

* 25 gennaio: “La Russia è preoccupata che gli attacchi israeliani rischino di trascinare la Siria più a fondo nel conflitto dell’Asia occidentale.

* 6 febbraio: “Il nuovo ambasciatore israeliano in Russia si sbaglia completamente sulla politica regionale di Mosca.

* 7 marzo: “La parziale conformità di Israele alle richieste anti-russe degli Stati Uniti rischia di rovinare i legami con Mosca.

* 19 aprile: “La richiesta della Russia di sanzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU contro Israele è una mossa di principio di soft power.

* 7 giugno: “Chi potrebbe armare la Russia come risposta asimmetrica all’Occidente che arma l’Ucraina? 

Riassumendo, Israele ha iniziato a descrivere in modo errato l’atto di bilanciamento della Russia nell’ultimo conflitto (i cui dettagli possono essere letti qui) e a flirtare con l’idea di inviare sistemi di allerta precoce a Kiev, il che ha spinto la Russia a inasprire la sua retorica contro Israele e a flirtare con l’armare i suoi nemici dell’Asse della Resistenza. Finora, il loro scontro è rimasto nell’ambito delle percezioni e della retorica reciproca, ma il potenziale armamento dell’Ucraina da parte di Israele con sistemi di difesa aerea potrebbe portare a un reciproco armamento russo dell’Asse della Resistenza.

La prerogativa spetta a Israele, poiché è più facile per lui armare indirettamente l’Ucraina che per la Russia armare indirettamente l’Asse della Resistenza. Inoltre, Netanyahu potrebbe calcolare che l’invio di armi difensive non oltrepasserà la linea rossa politica della Russia, ma potrebbe fargli guadagnare un po’ di sollievo dalle pressioni degli Stati Uniti, di cui i lettori possono saperne di più qui. Non è chiaro se andrà fino in fondo con quanto riferito di recente dalla CNN, ma se lo farà, Nebenzia ha lasciato intendere che la reazione iniziale della Russia sarà di tipo politico.

Quello che probabilmente intendeva segnalare è che il suo Paese potrebbe ospitare altre delegazioni di Hamas in futuro, ma questa volta per discutere di legami bilaterali invece che di liberazione di ostaggi come durante le precedenti visite dall’inizio dell’ultimo conflitto, e/o ordinare ai suoi media di promuovere decisamente la narrativa anti-israeliana. Finora sono stati piuttosto equilibrati, ma la situazione potrebbe cambiare se la decisione venisse presa. Un’altra possibilità è quella di permettere alla Siria di usare finalmente gli S-300 per difendersi, nonostante finora le sia stato negato questo diritto per fini di de-escalation:.

* 10 ottobre 2023: “La Russia difficilmente lascerà che la Siria sia coinvolta nell’ultima guerra tra Israele e Hamas.

* 22 ottobre 2023: “Non ci si aspetta che la Russia fermi gli attacchi di Israele in Siria.

* 27 ottobre 2023: “Ecco perché la Russia non ha dissuaso né risposto all’ultimo bombardamento degli Stati Uniti sulla Siria

* 11 febbraio 2024: “L’ultimo bombardamento israeliano della Siria prova che la Russia non rischierà una guerra più ampia per fermare Tel Aviv

* 11 aprile 2024: “Le difese aeree siriane della Russia non aiuteranno l’Iran se Israele risponderà alle sue ritorsioni

È improbabile che la Russia inverta subito la rotta su questa questione ultra-sensibile, dopo aver già provocato l’ira di molti dei suoi sostenitori nella comunità degli Alt-Media mantenendola in vigore per così tanto tempo. Ciononostante, rimane una misura reciproca appropriata se Israele arma l’Ucraina, anche se per il momento ci si aspetta che si trattenga, dato che una volta concessa l’autorizzazione non si può più tornare indietro. In tal caso, i legami bilaterali non si ristabiliranno per anni, vanificando tutto il duro lavoro del Presidente Putin.

Detto questo, la Russia sembra effettivamente perdere la pazienza nei confronti di Israele e si può affermare che ha molto più da guadagnare facendo questa mossa, attesa da tempo, e solidificando i suoi legami strategici con l’Asse della Resistenza guidato dall’Iran, di quanto non abbia da perdere aggrappandosi alle speranze di una partnership regionale con Israele. Questa scuola di pensiero era praticamente inesistente nelle comunità politiche russe prima dell’ultimo conflitto, ma questo dimostra quanto tutto sia cambiato da allora.

L’ascesa di una fazione politica pro-Resistenza è parallela a quella pro-BRI, che i lettori possono conoscere meglio qui, e sono praticamente una cosa sola grazie alla sovrapposizione delle loro visioni del mondo. I loro rispettivi rivali sono la fazione filo-israeliana e quella equilibratrice/pragmatista, che sono anch’esse praticamente un tutt’uno in questo contesto regionale, poiché vogliono evitare una dipendenza regionale potenzialmente sproporzionata dall’Iran mantenendo legami strategici con Israele, anche se questi vanno a scapito dell’Iran.

Mentre la Russia sta ricalibrando la sua strategia asiatica, come spiegato qui e sembra quindi porre un freno all’espansione finora astronomica dell’influenza della fazione pro-BRI, quella pro-Resistenza potrebbe ricevere una spinta fondamentale se Israele inviasse i suoi Patriot in Ucraina attraverso gli Stati Uniti. Questa potrebbe essere la goccia che fa traboccare il vaso e spinge i politici a sostenere le raccomandazioni politiche di questo gruppo, che potrebbero vedere la Russia autorizzare la Siria a usare gli S-300 contro Israele, come spiegato.

Per essere chiari, la fazione pro-Resistenza esiste per lo più solo nei media internazionali finanziati pubblicamente dalla Russia e tra i loro associati (anche informali), con un’influenza quasi nulla all’interno dei suoi think tank, sebbene alcuni di essi si stiano avvicinando alle loro opinioni. La fazione filo-israeliana/equilibratrice/pragmatica rimane predominante ed è per questo che l’attuale politica è rimasta in vigore per così tanto tempo, nonostante le ripetute provocazioni di Israele che avrebbero potuto portare a un cambiamento di politica molto tempo fa se ci fosse stata la volontà politica.

Questo stato di cose, tuttavia, potrebbe cambiare in modo decisivo se Israele armasse indirettamente l’Ucraina con i suoi Patriots. Netanyahu e coloro che lo circondano potrebbero non rendersi conto di quanto questo potrebbe cambiare drasticamente la politica regionale della Russia, considerando il modo in cui tutto viene sempre più percepito dal Cremlino, visto il contesto in evoluzione della Nuova Guerra Fredda. Israele dovrebbe quindi pensarci due volte per non rischiare di catalizzare lo scenario peggiore nelle relazioni con la Russia.

È giunto ormai da tempo il momento che il Pakistan metta i suoi soldi dove dice e cominci a fare ciò che è necessario per dimostrare che non si sta limitando a trascinare la Russia.

Gli osservatori dell’Asia meridionale hanno seguito da vicino l’incontro tra il presidente russo Putin e il primo ministro pakistano Shehbaz Sharif a margine del vertice SCO di questa settimana ad Astana per capire se questi due saranno in grado di rompere la loro impasse sull’espansione globale dei legami. Si sono incontrati l’ultima volta due anni fa al vertice SCO del 2022 a Tashkent, che all’epoca fu analizzato qui . Il precedente articolo con collegamento ipertestuale ha attirato l’attenzione sulle grandi speranze di Putin di raggiungere un accordo energetico strategico con il Pakistan.

Ciò non si è concretizzato perché il Pakistan rimane riluttante a sfidare gli Stati Uniti nonostante questi ultimi abbiano precedentemente chiarito che non saranno imposte sanzioni secondarie contro i partner energetici della Russia. Il postmoderno colpo di stato Il regime instaurato nell’aprile 2022 dopo la scandalosa cacciata dell’ex primo ministro Imran Khan prende la maggior parte – ma soprattutto non tutti – gli spunti dall’America. Anche se sanno che non saranno sanzionati per l’acquisto di queste risorse, sanno comunque che gli Stati Uniti lo disapprovano.

Questa intuizione mette in luce l’insincerità dei commenti che Sharif ha fatto a Putin secondo la trascrizione ufficiale del Cremlino che può essere letta qui . Il leader pakistano ha affermato che il commercio si avvicina al miliardo di dollari, ma ha omesso di menzionare che ciò è in gran parte dovuto alle esportazioni di grano russo verso il suo paese. Il suo suggerimento di “muoversi ulteriormente” nella direzione di maggiori importazioni di petrolio ignora il fatto che la palla è nel suo campo ed è così già da un anno da quando il Pakistan ha sospeso a tempo indeterminato tali spedizioni con pretesti dubbi.

Lo stesso si può dire della proposta di Sharif di ripristinare il baratto tra i loro paesi, la cui decisione è stata approvata più di un anno fa ma da allora non è successo nulla di significativo. Alcune esportazioni di frutta e cuoio hanno raggiunto il mercato russo, ma si trattava solo di prove intese a dimostrare la fattibilità del commercio attraverso il corridoio di trasporto nord-sud attraverso l’Iran e l’Azerbaigian. Se ci fosse la volontà, a questo punto il baratto sarebbe aumentato, ma si è invece trasformato in un’altra deludente opportunità persa.

Come è stato spiegato qui alla fine di marzo, il Pakistan deve liberarsi dal giogo dell’egemonia americana per espandere in modo completo i legami con la Russia, anche se per ora questa rimane una fantasia politica dal momento che l’attuale accordo politico è stato istituito con il sostegno degli Stati Uniti. A volte estende i limiti di quanto lontano può spingersi senza affrontare l’ira dell’America, come per quanto riguarda i legami con Cina e Iran , ma la cricca al potere sa che concludere un accordo energetico strategico con la Russia oltrepasserebbe una linea rossa invisibile.

Tuttavia, Putin ha ritenuto che valesse la pena menzionare il suo interesse in tal senso poiché è il fattore chiave nel determinare se le relazioni bilaterali rimangono cordiali o si evolvono in un partenariato strategico , l’ultimo dei quali potrebbe verificarsi se un simile accordo venisse raggiunto parallelamente a un accordo transnazionale. -Corridoio commerciale afghano . Esistono le basi affinché i loro legami raggiungano quel livello, anche se spetta interamente al Pakistan decidere se raggiungeranno o meno quel punto, e finora sembra che non sia seriamente interessato a che ciò accada.

Astenersi da risoluzioni ostili dell’Assemblea generale dell’ONU sulla Russia e lodare di tanto in tanto il ruolo regionale di quel paese sono solo segnali superficiali di sostegno che non si sono ancora tradotti in qualcosa di tangibile. Sono mosse benvenute, su questo non c’è dubbio, ma è ormai da tempo che il Pakistan metta i suoi soldi dove dice e cominci a fare ciò che è necessario per dimostrare che non si sta limitando a trascinare la Russia. Mantenere lo status quo va bene, ma se questo è tutto ciò che il Pakistan vuole, allora dovrebbe essere chiaro al riguardo.

C’è voluta la presidenza di turno ungherese del Consiglio d’Europa perché Orban visitasse finalmente Kiev, il che aumentava le possibilità che non venisse maltrattato da Zelenskyj per vendetta delle sue opinioni.

Il viaggio del primo ministro ungherese Viktor Orban a Kiev all’inizio di questa settimana ha suscitato molta attenzione poiché era la prima volta che visitava la capitale ucraina dall’ultima fase del conflitto NATO-russo. la guerra per procura in quel paese è scoppiata quasi due anni e mezzo fa. I media si sono concentrati soprattutto sulla sua proposta che l’Ucraina accettasse un cessate il fuoco per facilitare i colloqui di pace, proposta che come prevedibile è stata respinta , dando così l’impressione che la sua visita mirasse solo a questo e fosse quindi fallita.

Il nocciolo della questione è che sia i comunicati stampa ungherese che quelli ucraini affermano che lo scopo del suo viaggio era quello di fare progressi nelle relazioni bilaterali. L’interesse di Orban per la pace, che di recente potrebbe essere stato stuzzicato ancora di più da Zelenskyj che ha lasciato intendere che tali colloqui potrebbero aver luogo tramite un mediatore proprio come hanno fatto quelli per l’accordo sul grano, era secondario rispetto a questo obiettivo. A questo proposito, voleva soprattutto garantire che Kiev rispetti finalmente i diritti degli ungheresi nella regione di Zakarpattia.

Questa “ dimensione umanitaria poco discussa della posizione dell’Ungheria nei confronti del conflitto ucraino ” gioca un ruolo importante nel motivo per cui Budapest si rifiuta di armare Kiev o di consentire ai suoi alleati della NATO di farlo attraverso il suo territorio. Quella regione appartenne alla civiltà ungherese per oltre un millennio, ma finì sotto il controllo cecoslovacco dopo la prima guerra mondiale, prima della quale tornò brevemente in mano ungherese dal 1939 al 1945, per poi essere trasferita all’Ucraina sovietica alla fine della seconda guerra mondiale. .

Le politiche di coscrizione forzata di Kiev hanno avuto un impatto enorme sulla minoranza ungherese del paese, alcuni dei quali sono stati catturati dalla Russia ma poi inviati in Ungheria nel giugno 2023 su loro richiesta invece che tornare in Ucraina. Quell’incidente è stato analizzato qui in quel momento per coloro che volessero saperne di più. L’importanza sta nel fatto che gli ungheresi arruolati non si sentivano a proprio agio nel tornare in Ucraina a causa delle politiche discriminatorie contro il loro gruppo minoritario.

Orban è obbligato a garantire nel miglior modo possibile gli interessi dei suoi coetnici, ma finora ha rifiutato di viaggiare in Ucraina a tale scopo poiché finora non è stato fatto alcun progresso in merito, sebbene la presidenza di turno del Consiglio d’Europa del suo paese gli abbia dato l’opportunità di farlo esplorando anche un cessate il fuoco. Ha visitato Kiev non solo come Primo Ministro ungherese, ma come rappresentante del Consiglio d’Europa, assicurandosi così che Zelenskyj non cercasse di metterlo in ombra o di umiliarlo ma lo trattasse invece con rispetto.

Sebbene il viaggio riguardasse principalmente la risoluzione di questioni bilaterali, il contesto diplomatico del nuovo ruolo dell’Ungheria nell’UE nel semestre successivo ha creato un’atmosfera molto migliore che se si fosse trattato di un viaggio puramente bilaterale con Orban che avrebbe partecipato esclusivamente in qualità di Primo Ministro ungherese. . Inoltre, Zelenskyj sa che avrà bisogno dell’accordo di Orban se l’Ucraina vuole fare ulteriori progressi verso l’adesione all’UE, non importa quanto superficiale possa essere alla fine. Ciò a sua volta lo ha reso più disponibile ai negoziati bilaterali.

L’unico risultato tangibile del loro incontro è stato che Orban si è impegnato a costruire e finanziare tutte le scuole ucraine di cui la comunità ha bisogno in Ungheria a causa dell’afflusso di rifugiati. È stata una mossa intelligente poiché spinge Zelenskyj a rispondere reciprocamente ripristinando i diritti della minoranza ungherese anche se non si è ancora impegnato in nulla di tangibile. I colloqui sono in corso, anche se, a giudicare dall’ottimismo di Orban, la questione verrà risolta con un accordo globale di cooperazione.

Tutto sommato, è stata necessaria la presidenza di turno ungherese del Consiglio d’Europa perché Orban visitasse finalmente Kiev, il che aumentava le possibilità che non venisse maltrattato da Zelenskyj per vendetta delle sue opinioni. Anche se ha affrontato il tema del cessate il fuoco, il vero scopo del suo viaggio, come confermato da entrambe le parti, era quello di rafforzare i legami bilaterali, che rimangono problematici ma potrebbero presto normalizzarsi. La sua visita può quindi essere valutata come un passo positivo nella giusta direzione, ma ci vorrà ancora del tempo perché dia i suoi frutti, se mai ce ne saranno.

Non ci sono prove che il presidente Putin abbia mai preso seriamente in considerazione una cosa del genere.

La Alt-Media Community (AMC) si riferisce al gruppo eterogeneo di media, influencer e appassionati non mainstream, alcuni dei quali reagiscono in modo eccessivo e riportano in modo errato notizie conformi alle loro aspettative di pio desiderio o addirittura talvolta fuorviano deliberatamente il loro pubblico. Questo è stato il caso del popolare account X “BRICS News”, che ha oltre mezzo milione di follower ed è affiliato a un sito di criptovaluta con sede negli Stati Uniti , ma alcuni presumono erroneamente che sia affiliato a BRICS.

Martedì hanno twittato quanto segue : “APPENA ARRIVATO: la Russia armerà gli Houthi dello Yemen con missili da crociera balistici antinave”. Il loro pubblico, molti dei quali presumono erroneamente che l’assegno d’oro di “BRICS News” confermi il suo status di account di notizie ufficiale dei BRICS a meno che non facciano clic su quel simbolo per vedere con chi è veramente affiliato, hanno dato questa affermazione per scontata. In realtà, tuttavia, si tratta di un esempio di “BRICS News” che riporta erroneamente ciò che affermavano questi due articoli o che fuorvia deliberatamente il pubblico al riguardo:

* 28 giugno: “ I funzionari statunitensi temono che l’offensiva israeliana contro Hezbollah possa trascinarsi in Russia ”

* 1 luglio: “ Putin riflette sull’armamento degli Houthi con missili da crociera: rapporto ”

Il primo proveniva da “Middle East Eye” (MEE), con sede nel Regno Unito ma, secondo quanto riferito, finanziato dal Qatar , che ha citato un anonimo “alto funzionario statunitense” che ha detto loro che “il presidente Vladimir Putin ha preso in considerazione la possibilità di fornire ai combattenti ribelli Houthi crociere antinave missili” ma il principe ereditario saudita avrebbe posto il veto. La seconda notizia, nel frattempo, era semplicemente Newsweek che riportava le affermazioni di cui sopra. Nessuno dei due rapporti afferma che la Russia armerà effettivamente gli Houthi, a differenza di quanto twittato da “BRICS News”.

Ecco tre briefing di base che spiegano perché la Russia è riluttante a farlo:

* 18 marzo: “ Perché gli Houthi distorcono la verità affermando di avere legami con Russia, Cina e BRICS? ”

* 18 maggio: “ Gli investimenti russi nello Yemen potrebbero incentivare Mosca a mediare una risoluzione del suo conflitto ”

* 7 giugno: “ Chi potrebbe armare la Russia come risposta asimmetrica all’Occidente che arma l’Ucraina? ”

Verranno ora riassunti per comodità del lettore.

Il primo documenta la realtà oggettivamente esistente delle relazioni russo-houthi basandosi su fonti ufficiali, che smentiscono l’affermazione di molti membri dell’AMC secondo cui i due sarebbero alleati militari. La Russia ha criticato pubblicamente gli Houthi al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, mentre il ministro degli Esteri Lavrov li ha criticati in altre occasioni, ciascuno a causa delle loro obiezioni agli attacchi di quel gruppo contro navi civili. Esistono legami politici, soprattutto per ragioni pragmatiche legate al controllo del gruppo sullo Yemen del Nord, ma la questione è solo questa.

Per quanto riguarda il secondo, documenta la crescente vicinanza tra la Russia e il governo yemenita di Aden, riconosciuto dall’ONU, con il quale gli Houthi sono in guerra già da quasi un decennio, il che si allinea in gran parte con lo Yemen del Sud. La Russia di solito dà priorità ai legami con i governi legittimi rispetto ai gruppi ribelli, anche se esistono eccezioni come le sue relazioni con il generale libico Haftar. Detto questo, lo Yemen è un caso in cui si segue il libro, ed è contrario a sacrificare gli stretti legami con Aden armando gli Houthi.

Il briefing finale menziona verso la fine che è improbabile che la Russia armi gli Houthi perché non vuole rischiare di rovinare le relazioni con l’Arabia Saudita, che è in guerra con quel gruppo già da quasi un decennio e con la quale la Russia gestisce congiuntamente il petrolio globale. mercato tramite l’OPEC+. Anche se è possibile che l’armamento speculativo da parte della Russia dell’Asse della Resistenza in Siria e Iraq (in circostanze specifiche) possa portare indirettamente a un flusso di armi nelle mani degli Houthi, essa non lo approverebbe.

Questa intuizione aiuta a comprendere meglio ciò che la fonte anonima di un “alto funzionario statunitense” del MEE avrebbe detto loro riguardo a come il leader russo “abbia preso in considerazione l’idea di fornire” missili da crociera antinave agli Houthi, ma presumibilmente il suo suggerimento sia stato posto il veto dal principe ereditario saudita. Anche se non si può sapere con certezza data l’opacità di questo argomento, è possibile che la loro fonte dica la verità, anche se con l’avvertenza che tutto potrebbe non essere così chiaro come potrebbero supporre gli osservatori casuali.

Per spiegare, MEE ha riferito che “Secondo l’intelligence statunitense, il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman è intervenuto per impedire a Putin di fornire missili agli Houthi…’Putin ha ingaggiato Mohammed bin Salman che ha chiesto alla Russia di non portare avanti l’accordo,’ ha detto a MEE un alto funzionario americano”. Ciò suggerisce che il principe ereditario abbia programmato una telefonata con il leader russo per dirgli di non procedere con una simile mossa, non che il presidente Putin abbia chiesto il permesso ma sia stato rifiutato.

L’amministrazione di Mohammed Bin Salman potrebbe essersi imbattuta in voci al riguardo online, come quelle diffuse dall’AMC da quando gli Houthi hanno iniziato il blocco delle vie navigabili della regione, o aver ottenuto informazioni da altre fonti secondo cui alcuni russi ne stavano discutendo. Per quanto riguarda la seconda possibilità, questo articolo tocca la recente emergenza di una fazione pro-Asse all’interno della comunità politica russa, che è ancora subordinata a quella filo-israeliana.

Tuttavia, alcune comunicazioni potrebbero essere state intercettate dai sauditi (o da qualcun altro che ha trasmesso loro il messaggio) da parte di alcuni dei loro membri e/o potrebbero averne parlato con colleghi stranieri che poi glielo hanno trasmesso, rendendo così necessario l’intervento del principe ereditario. chiamata. Mohammed Bin Salman avrebbe preso molto sul serio entrambe le sequenze di eventi considerando quanto sia stata costosa la guerra quasi decennale del suo Regno contro gli Houthi anche senza che loro avessero armi russe.

Il fatto che abbia chiamato il presidente Putin per discutere di questo (ammesso che sia successo, cioè), non avrebbe significato automaticamente che la Russia stava per armare gli Houthi, ma è stato poi posto il “veto” all’ultimo minuto come molti nell’AMC senza sapere come. le cose funzionano ora potrebbe pensare dopo aver letto quei rapporti. In realtà, non ci sono prove che il leader russo abbia mai preso seriamente in considerazione la questione, ed è molto più probabile che la fazione pro-Resistenza, attualmente non influente, sia stata l’unica in Russia a discuterne.

Mentre l’approccio della Russia nei confronti di Israele potrebbe cambiare se armasse l’Ucraina di Patriots attraverso gli Stati Uniti, come nel suddetto pezzo con collegamento ipertestuale sulla fazione pro-Resistenza menzionata, non ci sono linee di faglia emergenti nei legami della Russia con l’Arabia Saudita che possano ipotizzare un cambiamento nella politica. verso di esso. Gli Houthi hanno già capacità missilistiche da crociera antinave, come hanno ripetutamente dimostrato, quindi la questione se riceveranno tali missili dalla Russia in futuro è irrilevante in senso pratico.

L’unico motivo per cui questa notizia è ancora in circolazione è perché alcuni membri dell’AMC credono fermamente che ciò accadrà (o sia già accaduto), stanno deliberatamente fuorviando il loro pubblico su questo per qualsiasi motivo, e/o le agenzie di spionaggio straniere come quelli del Qatar e degli Stati Uniti che vogliono dividere Russia e Arabia Saudita. Si consiglia pertanto ai membri responsabili dell’AMC di non condividere tali rapporti o di prestare loro falso credito poiché non esiste alcuna base fattuale per ritenere che la Russia armerà gli Houthi.

Sebbene l’amministrazione Biden sia controllata da liberali-globalisti che credono che gli Stati Uniti dovrebbero continuare a lasciare che l’UE se ne occupi come ricompensa per il loro allineamento ideologico, gli imperativi strategico-militari nei confronti della Cina hanno già spinto il Pentagono ad attuare parzialmente Il piano di Trump.

Martedì Politico ha pubblicato un articolo su come “ il piano di Trump per la NATO sta emergendo ”, in cui cita alcune fonti anonime e registrate per descrivere il suo approccio nei confronti del blocco se verrà rieletto. Si basa su un documento politico scritto dalla dottoressa Sumantra Maitra nel febbraio 2023 per il Center for Renewing America, affiliato a Trump. Intitolato “ Pivoting the US Away from Europe to a Dormant NATO ”, spiega in dettaglio come gli Stati Uniti possono convincere l’UE a difendere l’Europa mentre gli Stati Uniti si concentrano sul contenimento della Cina in Asia.

Il punto è che gli Stati Uniti trarrebbero finanziamenti da attività non essenziali della NATO che non hanno nulla a che fare con la difesa del blocco da un attacco russo, cosa che Maitra ritiene non realistica in ogni caso a causa della mancanza di volontà e capacità, consentendogli così di farlo. tornare alla sua missione principale e ridurre il peso burocratico. Tutti sarebbero costretti ad aumentare le spese militari per rimanere sotto l’ombrello nucleare degli Stati Uniti, ma le coalizioni del sottoblocco si assumerebbero la responsabilità di difendere il fianco orientale, non gli Stati Uniti.

La proposta di Maitra mira a porre fine all’era del freeloading europeo trasferendo bruscamente sulle loro spalle il peso della difesa continentale, con gli Stati Uniti che si trasformano in un “bilanciatore offshore” nei confronti dell’Eurasia (soprattutto rispetto a Cina e Russia) e “un fornitore logistico di ultima istanza” per l’UE. Nell’ambito di questa transizione, l’UE svilupperebbe industrie della difesa transfrontaliere invece di mantenere quelle puramente nazionali in modo da migliorare l’interoperabilità, facilitando così il suddetto ruolo logistico degli Stati Uniti.

Per quanto riguarda l’articolo di Politico, che si basa sul brief politico di Maitra nei modi appena spiegati, Trump 2.0, secondo quanto riferito, fermerebbe anche l’espansione della NATO, mentre prende in considerazione l’idea di congelare l’ accordo NATO-russo. guerra per procura lungo la linea di contatto. In linea di principio, questo approccio potrebbe soddisfare alcune delle richieste di garanzia di sicurezza della Russia, creando così le basi per un compromesso pragmatico . Basti dire che all’Ucraina non sarebbe permesso di aderire alla NATO, anche se manterrebbe comunque legami militari con l’Occidente.

Sebbene l’amministrazione Biden sia controllata da liberali – globalisti che credono che gli Stati Uniti dovrebbero continuare a lasciare che l’UE se ne occupi come ricompensa per il loro allineamento ideologico, gli imperativi strategico-militari nei confronti della Cina hanno già spinto il Pentagono ad attuare parzialmente Il piano di Trump. Ciò ha preso la forma di promuovere la rapida ripresa della leadership militare tedesca nell’UE attraverso la “ Fortezza ”. Europa ”, che le due analisi precedenti, collegate in collegamento ipertestuale, descrivono ampiamente.

In breve, l’idea è che gli Stati Uniti facciano affidamento su un sottoblocco guidato dalla Germania per contenere la Russia in Europa su ordine degli Stati Uniti mentre gli Stati Uniti “ritornano verso l’Asia” per contenere la Cina, cosa che sarebbe facilitata dalla sua strategia. “rivale amichevole” subordinazione totale della Polonia come “partner minore” di Berlino. Come la Germania, anche la Polonia vuole costruire la più grande forza terrestre dell’UE, e gli sforzi di questi due paesi possono completarsi a vicenda se saranno coordinati dagli Stati Uniti attraverso la suddetta gerarchia.

Lo “ Schengen militare ” concordato dai due paesi a febbraio, al quale ha recentemente aderito anche la Francia , potrebbe presto espandersi fino a includere gli Stati baltici e accelerare così la costruzione della prevista “ linea di difesa dell’UE ” lungo i confini orientali del blocco. . Questi processi si stanno già svolgendo nonostante l’agenda ideologica dell’amministrazione Biden proprio perché il Pentagono si è reso conto che questo è il modo migliore per mantenere la leadership militare americana nella Nuova Guerra Fredda .

Gli Stati Uniti non possono restare impantanati in una “guerra eterna” europea, che è ciò che potrebbe diventare la guerra per procura NATO-Russia in Ucraina se Mosca non riuscisse a ottenere una svolta militare grazie alla sua leadership nella “ corsa alla logistica ”. “ guerra di logoramento ”, altrimenti l’ascesa della Cina diventerebbe incontrollabile. Ciò spiega perché il falco anti-russo Kaja Kallas ha affermato il mese scorso che l’Ucraina può ottenere la “vittoria” anche senza riconquistare le regioni perdute, mentre Biden ha affermato più o meno nello stesso periodo che potrebbe non aderire alla NATO .

Si tratta di concessioni importanti che ridimensionano gli obiettivi fino ad allora massimalisti dell’Occidente in quel conflitto, sebbene coincidano anche con ulteriori escalation come consentire apertamente all’Ucraina di colpire qualsiasi obiettivo all’interno della Russia, inviare difese aeree aggiuntive in Ucraina e prendere in considerazione la possibilità di contrarre ufficialmente le PMC lì, ecc. al. Questa contraddizione è spiegata dalla lotta tra la fazione liberale-globalista al potere negli Stati Uniti e i suoi rivali relativamente meno radicali che vogliono “riorientarsi verso l’Asia” il prima possibile.

Il primo vuole una “guerra eterna” in Europa per ragioni ideologiche in modo da unire l’Occidente attorno alla “leadership morale” degli Stati Uniti poiché inquadra la Nuova Guerra Fredda come una battaglia tra “democrazie e autocrazie”, mentre il secondo ha più realismo tra le loro fila vedono tutto dal punto di vista geopolitico. Di conseguenza, i liberali-globalisti danno priorità al contenimento della Russia , mentre i loro rivali danno priorità al contenimento della Cina . Il crescente attrito tra loro in questo momento cruciale della Nuova Guerra Fredda è responsabile di questi segnali contrastanti.

Tuttavia, anche se l’esito della loro lotta non è chiaro poiché molto dipenderà dalle elezioni presidenziali americane, il fatto è che l’amministrazione Biden ha ancora presieduto all’attuazione parziale del piano di Trump, come già spiegato. Un’ulteriore prova di ciò include la prima “ Strategia per l’industria della difesa ” dell’UE, che Politico ha riassunto qui , dimostrando così che la proposta industriale transfrontaliera di Maitra viene avanzata parallelamente a quella del sottoblocco.

Questi sviluppi militari, politici e diplomatici mirano a ottimizzare la proiezione di potenza degli Stati Uniti, date le loro limitate capacità industriali al momento, e la ritrovata intensa concorrenza da parte dei Cino – Russi. Intesa e le ultime dinamiche strategiche del conflitto ucraino. Questi fattori sono confluiti nell’ultimo anno per spingere il Pentagono a promulgare in modo indipendente alcune delle politiche suggerite da Maitra, anche se i suoi politici potrebbero essere stati completamente all’oscuro dei suoi suggerimenti.

Se i delegati democratici dei liberal-globalisti rimarranno alla Casa Bianca, allora la visione di Maitra probabilmente rimarrà solo parzialmente attuata poiché è improbabile che gli Stati Uniti mettano fine all’era dello scroccone europeo a causa degli interessi ideologici di quella cricca dominante. Se Trump tornasse, tuttavia, tutti dovrebbero aspettarsi che i suoi piani vengano attuati in modo più completo, anche se alla fine potrebbero comunque non raggiungere i loro obiettivi massimalisti per ragioni attualmente imprevedibili.

La fazione pro-BRI emersa in Russia lo scorso anno è probabilmente responsabile di ciò, ma il danno che ha arrecato alla percezione popolare delle relazioni bilaterali sarà presto corretto mentre la Russia continua a ricalibrare la sua strategia asiatica riportandola alle sue radici pragmatiche/equilibrate originali. .

Membro associato presso l’Istituto per gli studi e l’analisi della difesa finanziato dal Ministero della difesa indiano Swasti Rao ha sensibilizzato sulle rappresentazioni incoerenti dell’integrità territoriale del suo paese da parte del Ministero degli affari esteri russo, RT e Sputnik nel periodo precedente al viaggio del primo ministro Narendra Modi Là. Il suo post su X può essere letto qui , che è stato poi ripreso e riportato da The Print qui . Prima di analizzare questo scandalo, è importante condividere con il lettore alcuni briefing di fondo:

* 9 marzo: “ La Russia dovrebbe riconsiderare l’invito al Pakistan a partecipare al progetto ‘Outreach’/’BRICS Plus’? ”

* 12 aprile: “ La Russia avrebbe dovuto invitare Cina e India a partecipare contemporaneamente ai colloqui sulla sicurezza eurasiatica? ”

* 8 maggio: “ Due studi commissionati sul Pakistan dicono molto sulle dinamiche intra-élite della Russia ”

* 16 giugno: “ Il sistema di sicurezza eurasiatico proposto dalla Russia deve rispettare gli interessi nazionali dell’India ”

* 23 giugno: “ Il patto logistico militare della Russia con l’India completa la sua strategia asiatica recentemente ricalibrata ”

* 25 giugno: “ Ecco i cinque argomenti che Modi dovrebbe discutere con Putin durante la sua visita ”

* 28 giugno: “ Interpretare l’ultima intuizione di Lavrov sulla geopolitica indiana ”

Questi articoli sostengono che nell’ultimo anno in Russia è emersa una fazione politica pro-BRI, che crede che un ritorno al bi-multipolarismo sino-americano sia inevitabile, quindi il loro paese dovrebbe quindi accelerare la traiettoria della superpotenza cinese come vendetta contro gli Stati Uniti per tutto ciò che sta facendo. fatto dal 2022. La loro crescita astronomica è stata recentemente frenata dai viaggi del presidente Putin in Corea del Nord e Vietnam, insieme ai progressi tangibili compiuti nella conclusione di un patto logistico militare a lungo negoziato con l’India.

Fino a questi ultimi tre sviluppi, avvenuti in rapida sequenza, sembrava che la Russia stesse scivolando verso una dipendenza potenzialmente sproporzionata dalla Cina. I “rivali amichevoli” della fazione pro-BRI sono gli equilibratori/pragmatisti, che vogliono scongiurare il suddetto scenario facendo affidamento sull’India come contrappeso alla Cina , e sono responsabili delle ultime mosse politiche. La Russia ha quindi ricalibrato la sua strategia asiatica giusto in tempo per l’imminente visita del Primo Ministro Modi.

Tuttavia, questo processo è ancora in fase di elaborazione e ci vorrà del tempo per identificare ovunque i progressi compiuti dalla fazione pro-BRI nell’ultimo anno, con l’obiettivo di invertire parte di ciò che hanno fatto. Considerando questo delicato contesto politico, è quindi molto probabile che questa fazione sia stata responsabile delle rappresentazioni incoerenti dell’integrità territoriale dell’India che Rao ha colto. Di conseguenza, si prevede che saranno inevitabilmente corretti, ma ciò potrebbe accadere prima se l’India dovesse sollevare il problema con la Russia.

L’ex ambasciatore indiano in Russia Venkatesh Verma ha dichiarato a The Hindu che il viaggio del primo ministro Modi “invertirà la percezione nella comunità internazionale di una deriva nelle relazioni bilaterali”, come sostenuto anche da alcuni media indiani secondo il suo predecessore Kanwal Sibal in un articolo per RT . Questo organo di informazione ha appena pubblicato un articolo del dottor Alexey Kupriyanov, uno dei giovani esperti russi più promettenti sull’India, in cui affronta i timori dell’India che la Cina voglia imporre l’unipolarità guidata dalla Cina in Asia .

Anche se l’ex ambasciatore Sibal collabora regolarmente con RT, questo è stato il primo contributo del dottor Kupriyanov, che hanno notato “è stato scritto per la sessione ‘BRICS: un passo verso una nuova architettura mondiale’ del forum internazionale ‘Primakov Readings’ ed è stato il primo pubblicato su Izvestia, tradotto e curato dal team RT. Pertanto, è chiaro che è stata presa una decisione editoriale – probabilmente per volere dei loro sostenitori statali – per amplificare la sua intuizione a livello mondiale, confermando così le osservazioni di una ricalibrazione politica.

Dopotutto, sarebbe stato impensabile solo poche settimane fa, quando la fazione pro-BRI stava ancora esercitando un’influenza senza precedenti sui media internazionali russi finanziati con fondi pubblici (come attraverso gli esempi menzionati da Rao), immaginare che avrebbero pubblicato un pezzo questo è critico nei confronti della Cina. L’esistenza stessa dell’articolo del dottor Kupriyanov in prima pagina, che hanno cercato e tradotto per aumentare la consapevolezza globale della sua intuizione, dimostra che le cose stanno cambiando dietro le quinte.

Ciò dovrebbe dare speranza a Rao e ad altri che hanno colto le recenti tendenze secondo cui la Russia riparerà il danno che la fazione pro-BRI ha inflitto alla percezione popolare dei legami bilaterali con l’India. Erano così presi dallo zelo ideologico che non si rendevano conto che alcune delle loro mosse, come cambiare il modo in cui veniva rappresentata l’integrità territoriale dell’India, causavano preoccupazione per un possibile cambiamento nella politica. La Russia farebbe quindi bene a tenerli d’occhio in futuro per evitare altri passi falsi del genere.

Sembra che i cospiratori siano dissidenti nostrani senza alcun legame con la Russia, anche se potrebbero avere qualche legame con membri scontenti delle forze armate.

Il procuratore generale ucraino ha rivelato lunedì che la SBU ha sventato un presunto complotto simile a quello del J6 per prendere il potere a Kiev il giorno prima, orchestrando una protesta che sarebbe deliberatamente sfociata in una rivolta i cui partecipanti, tra cui personale militare e PMC, avrebbero poi preso d’assalto la Rada. . Zelenskyj allarma da novembre sul cosiddetto “Maidan 3” che, secondo lui, era stato organizzato dalla Russia contro di lui, quindi è molto probabile che interpreterà quest’ultimo sviluppo come prova di quel presunto complotto.

È utile ai suoi interessi politici screditare la possibilità che si sia trattato di un tentativo di cambio di regime veramente interno, che potrebbe anche potenzialmente essere legato a membri scontenti delle forze armate, indipendentemente dal fatto che abbiano qualche legame con l’ex comandante in capo Zaluzhny. Era il principale rivale di Zelenskyj prima di essere sostituito e designato come nuovo ambasciatore ucraino nel Regno Unito ed era dell’opinione che fosse diventato impossibile raggiungere gli obiettivi massimalisti di Zelenskyj nel conflitto.

Gli osservatori dovrebbero anche ricordare che il mandato di Zelenskyj è scaduto a fine maggio, quindi è illegittimo a causa della convincente argomentazione legale avanzata dal presidente Putin il mese scorso secondo cui il presidente della Rada è ora il capo dello stato se la Costituzione ucraina viene ancora rispettata. Inoltre, c’è molta rabbia per le misure di coscrizione forzata del paese che sono aumentate a causa della nuova spinta della Russia nella regione ucraina di Kharkov all’inizio di maggio, per cui al giorno d’oggi esiste davvero un autentico sentimento antigovernativo.

Non si può quindi escludere che si tratti effettivamente del lavoro di autentici dissidenti nazionali senza alcun rapporto con la Russia, nonostante ciò che Kiev potrebbe affermare. Mentire sul presunto legame di quel paese con i cospiratori ha il duplice scopo di giustificare ulteriori repressioni sulla società e allo stesso tempo ricordare all’Occidente la presunta “minaccia russa” in vista del vertice NATO della prossima settimana, nel tentativo di spingerli a estendere un sostegno più significativo all’Ucraina .

Anche la tempistica con cui tutto si è svolto merita un ulteriore esame tenendo presente quell’evento imminente. Secondo il procuratore generale, i colpevoli hanno iniziato a diffondere messaggi antigovernativi sui social media a maggio e hanno continuato a farlo fino a giugno, cosa che presumibilmente ha attirato l’attenzione dello Stato. Si può quindi supporre che le autorità fossero a conoscenza di tutto riguardo a questo complotto fin dall’inizio e che quindi non abbia mai rappresentato una minaccia credibile.

Il motivo per cui non è stato arrestato immediatamente potrebbe essere stato quello di identificare l’intera portata dei loro piani e smascherare tutti gli altri all’interno di questa rete per eliminarli tutti in una volta. Ciò è abbastanza sensato, ma potrebbe esserci stato anche un ulteriore motivo in gioco, vale a dire assicurarsi che questa storia circoli nel periodo precedente al vertice della NATO per le ragioni politiche egoistiche di Zelenskyj già menzionate, invece di introdurla prematuramente nel dibattito pubblico. ecosistema informativo globale con settimane di anticipo.

Inoltre, visto che secondo quanto riferito l’Ucraina ha iniziato un rafforzamento militare lungo il confine bielorusso, è possibile che Kiev abbia pianificato di rendere pubbliche queste notizie tipo J6 più o meno nello stesso periodo al fine di sfruttare le prevedibili accuse di coinvolgimento russo nel complotto come pretesto per le suddette misure. In questo modo, questa mossa potrebbe essere interpretata come “difensiva”, anche se è probabilmente basata almeno sulla trasmissione dell’intento di minacciare l’alleato di mutua difesa della Russia, il cui scopo è stato spiegato qui .

Mettendo tutto insieme, sembra che i cospiratori siano dissidenti nostrani senza alcun legame con la Russia, anche se potrebbero avere qualche legame con membri scontenti delle forze armate. Le autorità erano a conoscenza dei loro piani fin dall’inizio, ma hanno rifiutato di arrestarli subito poiché volevano ottenere maggiori informazioni. Tuttavia, il secondo motivo era che questa storia coincidesse con le ultime tensioni bielorusse e con l’imminente vertice della NATO, forse presagendo così ulteriori escalation occidentali .

Morales e Milei rappresentano rispettivamente l’estrema sinistra e l’estrema destra, ma ciascuno di loro ha concluso in modo indipendente che l’ex generale boliviano Zuniga stava dicendo la verità la scorsa settimana quando ha affermato che il presidente Arce gli aveva chiesto di organizzare un falso colpo di stato.

L’ex presidente boliviano Evo Morales e il presidente argentino in carica Javier Milei , che rappresentano rispettivamente l’estrema sinistra e l’estrema destra, sono entrambi usciti allo scoperto per accusare ufficialmente l’attuale presidente boliviano Luis Arce di aver simulato il fallito tentativo di colpo di stato della scorsa settimana. Il generale Juan Jose Zuniga aveva precedentemente affermato che Arce gli aveva chiesto di mettere in scena un dramma politico per aumentare la sua popolarità in un contesto di tensioni intra-sinistra con Morales e una crisi economico-finanziaria in rapido peggioramento, ma inizialmente non era stato ritenuto credibile.

Tuttavia, considerando che due figure popolari ai lati opposti dello spettro politico sono appena diventate strane compagne di letto, ci sono ora motivi per riconsiderare ciò che ha affermato Zuniga e chiedersi se Arce abbia effettivamente orchestrato questo bizzarro tentativo di colpo di stato che non aveva nessuna delle solite tracce della CIA . Dopotutto, Morales e Milei hanno visioni del mondo completamente diverse, eppure ciascuno è arrivato indipendentemente alla conclusione che Zuniga stesse effettivamente dicendo la verità.

Potrebbe esserci anche un po’ di opportunismo politico in gioco, visto che Morales ha interesse a screditare Arce mentre gareggia per diventare il candidato del partito di sinistra al potere durante le elezioni del prossimo anno nonostante gli ostacoli legali mentre Milei odia tutti i socialisti, non importa quanto siano moderati. Forse. Tuttavia, l’ottica di questi due che escono allo scoperto e accusano Arce di aver inscenato un “auto-colpo di stato” è potente, e sicuramente spingerà gli osservatori a riflettere più profondamente su questa teoria.

Nel caso in cui ci fosse qualcosa di vero, Arce potrebbe effettivamente aver pensato che ciò avrebbe aumentato la sua popolarità nei confronti di Morales e allo stesso tempo avrebbe distratto dalla crisi economico-finanziaria in corso, quest’ultima che avrebbe potuto poi pensare di poter far girare in relazione al presunto colpo di stato. La CIA ha una lunga storia di ingerenze in Bolivia, quindi dopo quel fallito cambio di regime sarebbero state gettate le basi per accusarla di aver presumibilmente intrapreso in anticipo una guerra economico-finanziaria contro la Bolivia.

A questo punto, è impossibile dire cosa sia realmente accaduto poiché ciascuna parte del dibattito ha argomenti convincenti a proprio sostegno, anche se ciò non significa che non si possa avanzare una previsione generale. Le conseguenze dell’accusa di Morales ad Arce di aver architettato un falso colpo di stato aggraveranno la rivalità tra i due e allargheranno ulteriormente il divario all’interno della sinistra in vista delle elezioni presidenziali del prossimo anno. È imprevedibile che si riconcilieranno dopo questo e i loro sostenitori probabilmente diventeranno feroci nemici gli uni degli altri.

A seconda di come si svilupperanno le tensioni tra loro nel prossimo futuro, Arce potrebbe fare affidamento sui militari per reprimere i sostenitori di Morales, soprattutto se organizzano proteste a livello nazionale che chiudono le strade principali e peggiorano la già difficile crisi economico-finanziaria del paese. Detto questo, non si può dare per scontato che l’esercito storicamente allineato con gli Stati Uniti rimanga fedele ad Arce, con la possibilità che alcuni membri anziani si sentano profondamente offesi dal fatto che lui abbia presumibilmente orchestrato un falso colpo di stato con Zuniga.

La loro istituzione appare più debole che mai e fu umiliata dopo che Zuniga obbedì alle richieste di Arce di lasciare il palazzo presidenziale. Se percepissero che è diventato più vulnerabile di prima in seguito a quanto appena accaduto, in gran parte a causa del crescente divario all’interno della sinistra, allora potrebbero organizzare un vero e proprio colpo di stato per deporlo. In tal caso, potrebbero benissimo essere collusi con la CIA, e non si può escludere che anche loro cerchino l’appoggio di Milei a causa del loro allineamento ideologico antisocialista.

Per quanto riguarda il leader argentino, non vuole né Arce né Morales al potere nella porta accanto, inoltre ha anche ragioni politiche egoistiche nel sostenere qualsiasi colpo di stato contro di loro (anche se solo in seguito mantenendo aperti i corridoi commerciali se il Brasile di sinistra li blocca come punizione) per distrarre dai problemi domestici. Milei potrebbe anche calcolare che farebbe all’Occidente un grande favore che potrebbe poi ripagare in un modo che aiuti ad alleviare la crisi economico-finanziaria dell’Argentina.

Tenendo presenti queste variabili, ci sono ragioni per aspettarsi che la Bolivia rimarrà impantanata in una crisi multilaterale che è pronta a intensificarsi man mano che il paese si avvicina alle elezioni presidenziali del prossimo anno. Arce dovrà fare i conti con un Morales quasi letteralmente ribelle e gestire la sfiducia dei militari, per non parlare di garantire che la crisi economico-finanziaria non sfugga di mano. Ciascuno di questi compiti è estremamente difficile da solo, per non parlare di tutti insieme, e potrebbe non essere in grado di farcela.

Sequestrare fondi è completamente diverso dall’arrestare un funzionario, ma nessuno dei due sarebbe possibile senza che lo stato preso di mira si assumesse dei rischi investendoli all’estero e facendo in primo luogo viaggiare quelle cifre verso paesi conformi alla Corte penale internazionale.

L’ex presidente russo e vicepresidente in carica del Consiglio di sicurezza Dmitry Medvedev ha affermato durante il suo discorso al Forum legale internazionale di San Pietroburgo della scorsa settimana che il sequestro dei beni di un paese e l’arresto dei suoi funzionari all’estero potrebbero essere considerati casus belli. Si riferiva ai fondi russi per un valore di circa 300 miliardi di dollari che l’Occidente ha congelato nel 2022 e ai “mandati di arresto” della “Corte penale internazionale” (CPI) nei confronti del presidente Putin e di altri funzionari russi.

Però ha metà ragione e metà torto per le ragioni che ora verranno spiegate. Da un lato entrambe le azioni sono aggressive e mirano a danneggiare lo Stato preso di mira, ma in realtà è solo l’arresto dei suoi funzionari che potrebbe prevedibilmente portare allo scoppio delle ostilità convenzionali. Dopotutto, la Russia non si è nemmeno impossessata reciprocamente di una quantità equivalente di beni occidentali all’interno della sua giurisdizione dopo che i suoi erano stati sequestrati in Occidente, sebbene questa sia stata una mossa saggia per mantenere la fiducia internazionale.

Se la Russia avesse fatto esattamente la stessa cosa dell’Occidente, allora i paesi di tutto il mondo potrebbero temere che un giorno anche la Russia possa impossessarsi dei loro beni in caso di crisi, esattamente come ora sospettano che l’Occidente potrebbe fare ed è per questo che la Russia ha ragione. sostenendo che questa mossa ha danneggiato la reputazione dell’Occidente. In ogni caso, il punto è che la Russia non ha considerato motivo di guerra la confisca dei suoi beni in Occidente poiché non ha ancora risposto, rendendo così l’affermazione di Medvedev poco più che retorica.

Tuttavia, ha ragione su come l’arresto dei funzionari di un paese possa facilmente costituire ciò, dal momento che è impossibile immaginare che la Russia o chiunque altro non risponda in modo significativo se il loro capo di stato o i massimi leader militari vengono arrestati all’estero. Gli Stati Uniti, o chiunque sia ad arrestare quelle figure, ovviamente conoscerebbero le conseguenze che ciò comporterebbe, ma allo stesso modo, anche quelle figure avrebbero dovuto conoscere i rischi che corrono viaggiando in paesi dove ciò potrebbe accadere.

Lo stesso si può dire della Russia che mantiene in Occidente asset per un valore di 300 miliardi di dollari, che rischiavano sempre di essere congelati e sequestrati in caso di crisi, ma che rimanevano comunque lì perché era redditizio e i politici pensavano che non sarebbe successo nulla. a loro. Nella loro mente, l’Occidente non avrebbe mai toccato quei fondi a causa del danno reputazionale autoinflitto che ne sarebbe derivato, come è stato spiegato, il che era ovviamente un errore di calcolo anche se fatto in modo abbastanza innocente.

Tuttavia, sequestrare fondi è completamente diverso dall’arrestare un funzionario, ma nessuno dei due sarebbe possibile senza che lo stato preso di mira si assumesse dei rischi investendoli all’estero e facendo in primo luogo trasferire tali cifre verso paesi conformi alla Corte penale internazionale. Il punto generale di Medvedev, tuttavia, è solido, ovvero che gli atti di aggressione non convenzionali possono essere considerati casus belli, ma solo l’arresto di funzionari (indipendentemente da quanto sconsiderati possano essere i loro piani di viaggio) costituirebbe probabilmente una risposta militante.

La potenziale operazione bielorussa dell’Ucraina sembra basata sul calcolo di Kiev secondo cui la Russia potrebbe reagire in modo eccessivo in qualche modo, provocando l’intervento convenzionale della NATO che Zelenskyj spera o reindirizzando le truppe dalla linea del fronte esistente a quella nuova, creando così un’apertura da sfruttare.

Negli ultimi giorni i media bielorussi e russi sono stati inondati di notizie sulle nuove tensioni lungo il confine ucraino-bielorusso causate dal presunto rafforzamento militare dell’Ucraina lì:

* “ Drone che volava dall’Ucraina in Bielorussia abbattuto dal servizio di frontiera ”

* “ Deposito con parti di ordigni esplosivi improvvisati trovato al confine bielorusso-ucraino ”

* “ L’esercito bielorusso schiera lo squadrone MLRS Polonez per coprire sezioni del confine di stato ”

* “ Passaggi aperti al sabotaggio, forze di ricognizione nei campi minati sul lato ucraino del confine bielorusso ”

* “ Il Ministero della Difesa sulle provocazioni al confine con l’Ucraina: pronto a usare tutte le forze per difendere la Bielorussia ”

* “ Ulteriori forze dispiegate per rilevare i droni al confine bielorusso-ucraino ”

* “ L’esercito bielorusso avverte dell’aumento delle tensioni al confine con l’Ucraina ”

* “ Tutti i tipi di misure adottate per contenere la complicata situazione al confine meridionale della Bielorussia ”

* “ Le difese aeree bielorusse registrano un aumento del numero di droni ucraini ”

Ciò fa seguito alle preoccupazioni della Bielorussia nell’ultimo anno dall’inizio della controffensiva, alla fine fallita, di Kiev che potrebbe presto essere attaccata direttamente dall’Ucraina e/o dalla NATO:

* 25 maggio 2023: “ La NATO potrebbe considerare la Bielorussia un ‘frutto a portata di mano’ durante l’imminente controffensiva di Kiev ”

* 1 giugno 2023: “ Lo Stato dell’Unione si aspetta che la guerra per procura NATO-Russia si espanda ”

* 14 giugno 2023: “ Lukashenko ha lasciato intendere con forza che si aspetta incursioni per procura simili a quelle di Belgorod contro la Bielorussia ”

* 14 dicembre 2023: ” La Bielorussia si sta preparando alle incursioni terroristiche simili a Belgorod dalla Polonia ”

* 19 febbraio 2024: “ L’opposizione bielorussa con sede all’estero, sostenuta dall’Occidente, sta progettando revisioni territoriali ”

* 21 febbraio 2024: “ L’Occidente sta complottando una provocazione sotto falsa bandiera in Polonia per incolpare Russia e Bielorussia? ”

* 26 aprile 2024: ” Analisi delle affermazioni della Bielorussia sui recenti attacchi di droni provenienti dalla Lituania ”

Questi sviluppi sopra menzionati coincidono con l’aumento delle tensioni NATO-Russia mentre l’Occidente intensifica la sua delega guerra in Ucraina per la disperazione di ottenere una sorta di vittoria strategica nonostante le probabilità:

* 24 maggio: “ Gli Stati Uniti ora consentono più apertamente all’Ucraina di usare le proprie armi per colpire all’interno della Russia ”

* 26 maggio: “ Gli Stati Uniti stanno giocando un pericoloso gioco di pollo nucleare con la Russia ”

* 30 maggio: “ Putin si aspetta che la NATO, e forse la Polonia in particolare, intensifichino la guerra per procura in Ucraina ”

* 31 maggio: “ L’Ucraina sta diventando una canaglia o ha attaccato i sistemi di allarme rapido della Russia con l’approvazione americana? ”

* 11 giugno: “ Il piano di Kiev di immagazzinare gli F-16 negli stati NATO aumenta il rischio di una terza guerra mondiale ”

* 15 giugno: “ Il patto di sicurezza degli Stati Uniti con l’Ucraina è una consolazione per non aver approvato la sua adesione alla NATO ”

* 16 giugno: ” L’appello di Duda a ‘decolonizzare’ la Russia ha dimostrato che Putin aveva ragione a mettere in guardia su questo complotto ”

* 21 giugno: ” Più difese aeree e attacchi transfrontalieri non cambieranno le dinamiche del conflitto ucraino ”

* 27 giugno: “ Il piano PMC segnalato dagli Stati Uniti per l’Ucraina equivale a un intervento convenzionale parziale ”

* 28 giugno: “ La ‘Linea di difesa dell’UE’ è l’ultimo eufemismo per indicare la nuova cortina di ferro ”

Tutte le informazioni sopra menzionate verranno ora riassunte per comodità del lettore prima di analizzare il significato del presunto rafforzamento militare dell’Ucraina lungo il confine bielorusso.

In breve, la Russia ha già vinto la “ corsa logistica ”/“ guerra di logoramento ” con la NATO, essendo così avanti che ora produce tre volte più proiettili di quel blocco a un quarto del costo. La Russia è quindi pronta a ottenere una svolta militare in prima linea, che la sua nuova spinta nella regione ucraina di Kharkov dovrebbe facilitare, estendendo ulteriormente le forze del difensore. In tal caso, tuttavia, la NATO potrebbe farlo convenzionalmente intervenire in modo asimmetrico spartizione dell’Ucraina.

Il motivo per cui questa sequenza di escalation è così pericolosa è perché la Russia potrebbe temere che qualsiasi forza d’invasione NATO su larga scala che potenzialmente attraversi il Dnepr possa prepararsi ad attaccare le sue nuove regioni. Il dilemma della sicurezza NATO-Russia è così grave in questo momento, a causa delle escalation precedentemente elencate, che tali intenzioni non possono essere escluse con sicurezza se ciò accadesse. La Russia potrebbe quindi ricorrere alle armi nucleari tattiche come ultima risorsa di autodifesa, ergo le sue recenti esercitazioni .

Il presidente Putin preferirebbe che questo scenario oscuro non si realizzasse, ed è per questo che ha recentemente condiviso una generosa proposta di cessate il fuoco nel tentativo di scongiurarlo. Come era prevedibile, l’Ucraina si è rifiutata di ritirarsi dai confini amministrativi delle nuove regioni della Russia, come da lui richiesto, e starebbe invece rafforzando le sue forze lungo il confine bielorusso in preparazione di una possibile offensiva. Mentre il presidente Putin rimane aperto al compromesso , Zelenskyj rimane chiaramente recalcitrante, probabilmente a causa dei timori sul suo futuro politico .

La potenziale operazione bielorussa dell’Ucraina sembra basata sul calcolo di Kiev secondo cui la Russia potrebbe reagire in modo eccessivo in qualche modo, provocando l’intervento convenzionale della NATO che Zelenskyj spera o reindirizzando le truppe dalla linea del fronte esistente a quella nuova, creando così un’apertura da sfruttare. Il primo potrebbe verificarsi se si ricorresse alle armi nucleari tattiche come ultima risorsa di autodifesa o si lanciasse un’altra offensiva dalla Bielorussia, l’ultima delle quali La Repubblica ha riportato all’inizio di maggio scatenerebbe un intervento della NATO.

Per quanto riguarda la seconda dimensione del rischioso calcolo di Kiev, i politici potrebbero aspettarsi significativi guadagni sul campo che potrebbero costringere la Russia a dare priorità a questo nuovo fronte rispetto a quelli esistenti, alleviando così l’enorme pressione sull’Ucraina. In tal caso, potrebbe sfruttare qualunque apertura possa emergere per tornare all’offensiva lungo i fronti orientale e/o meridionale, cosa che potrebbe convenientemente avvenire prima del prossimo vertice della NATO dal 9 all’11 luglio e fornire così un notevole impulso al morale occidentale.

Tuttavia, questa scommessa potrebbe anche fallire e ritorcersi tremendamente contro l’Ucraina, ad esempio se la Russia riuscisse davvero presto a fare una svolta militare in prima linea e poi invadesse il resto delle sue nuove regioni proprio perché Kiev ha erroneamente assegnato così tante delle sue forze all’esercito bielorusso. confine. Inoltre, anche se la NATO potrebbe intervenire convenzionalmente a suo sostegno, l’Ucraina potrebbe perdere molto più territorio a est del Dnepr se il blocco rimanesse sulla sponda occidentale per gestire il dilemma della sicurezza con la Russia.

Allo stesso tempo, è anche possibile che l’intelligence occidentale abbia identificato un serio punto debole da qualche parte lungo il confine bielorusso e abbia detto all’Ucraina di sfruttarlo, nel qual caso questa scommessa potrebbe almeno parzialmente ripagare. È prematuro prevederne il successo o l’insuccesso in ogni caso, ma in ogni caso gli osservatori farebbero bene a tenere d’occhio il confine bielorusso-ucraino poiché il rafforzamento militare di Kiev sembra essere qualcosa di serio e non solo una finta per “psiche- fuori” la Russia.

Il paese è governato da un’oscura rete di élite transnazionali e nazionali unite dalla loro ideologia radicale liberale-globalista.

La disastrosa prestazione di Biden nel dibattito della scorsa settimana ha reso impossibile negare la sua senilità, ma l’élite occidentale sta gaslighting di cui fino ad ora erano presumibilmente ignare. Il Time Magazine ha pubblicato un pezzo intitolato “ Il disastro del dibattito di Biden e la corsa per reprimere il panico democratico ”, che è stato integrato da quello della CNN su come “ i diplomatici stranieri reagiscono con orrore al triste spettacolo del dibattito di Biden ”. Entrambi fanno sembrare che la senilità di Biden sia una sorpresa per tutti quelli che lo conoscevano.

La realtà è che lo sapevano da sempre, ma lo hanno nascosto mentendo e affermando che qualsiasi affermazione in tal senso era “propaganda russa” e/o una “teoria del complotto”, tutto perché in realtà approvavano che i democratici installassero un segnaposto letterale nel testo. Casa Bianca che è liberale – globalista l’élite potrebbe controllare. È stato un rinfrescante cambio di passo da parte di Trump, che era troppo indipendente per i loro gusti nonostante le sue occasionali capitolazioni alle loro richieste, e ha anche rassicurato gli alleati dell’America che lo detestavano.

Entrambi hanno accettato la menzogna secondo cui Biden è in ottime condizioni mentali per ragioni di convenienza politica, ma ora è impossibile continuare più a lungo con la farsa, ecco perché fingono tutti sorpresa e shock. All’élite non dovrebbe essere permesso di farla franca con il loro ultimo gaslighting e dovrebbero essere smascherati per uno dei più grandi insabbiamenti della storia americana. Il paese è governato da un’oscura rete di élite transnazionali e nazionali unite dalla loro ideologia radicale liberale-globalista.

Biden è stato scelto come candidato dei democratici nel 2020 proprio perché era già rimbambito e quindi completamente controllabile. Quel partito, che funge da volto pubblico della suddetta rete d’élite, voleva qualcuno che facesse tutto ciò che chiedevano sul fronte della politica interna ed estera. In particolare, hanno cercato di trasformare l’America in un inferno liberal-globalista mentre intensificavano il contenimento della Russia in Ucraina da parte della NATO , ma la seconda politica è fallita dopo lo speciale iniziata l’operazione .

Tuttavia, non avranno mai un’altra possibilità di insediare qualcuno come Biden dal momento che il 2020 è stato un anno elettorale eccezionale a causa del referendum su Trump – che una parte significativa del pubblico è stata precondizionata a credere erroneamente sia il nuovo Hitler – e per posta- nelle votazioni a causa del COVID-19. Queste condizioni non potranno mai più essere replicate nello stesso modo, non importa quanto duramente le élite ci provino, motivo per cui hanno deciso di mantenere Biden come loro candidato invece di sostituirlo all’inizio.

Anche se ora c’è una spinta di alcuni vogliono che venga sostituito durante l’imminente convention nazionale del partito, Politico e NBC News, tra gli altri, hanno entrambi sottolineato che questo sarebbe un processo difficile, quindi non c’è alcuna garanzia che ci proveranno seriamente. Detto questo, potrebbe anche subire una sorta di emergenza che lo rende inabile più di quanto non sia già, quindi lo scenario non può essere escluso. In tal caso, faranno comunque tutto il possibile per far luce sul fatto che non avevano idea che fosse così malsano.

Qualsiasi riconoscimento della loro consapevolezza rivelerebbe il loro ruolo nel colpo di stato di fatto del 2020 , che è stato l’ultimo delle élite dopo quelli del 2001, 1974 e 1963. All’epoca, l’11 settembre veniva sfruttato come pretesto per prendere la sicurezza nazionale. stato al suo livello successivo, mentre le dimissioni di Nixon di fronte allo scandalo Watergate della CIA avevano lo scopo di rimuovere un leader visionario veramente indipendente e popolare. Per quanto riguarda l’assassinio di Kennedy, molti credono che avesse lo scopo di fermare il suo ritiro programmato dal Vietnam .

L’ultimo colpo di stato dell’élite aveva lo scopo di potenziare la preesistente traiettoria liberale-globalista degli Stati Uniti dopo che Trump l’ha parzialmente compensata con le sue politiche nazionaliste-conservatrici, che hanno reso necessario provocare una guerra per procura con la Russia al fine di unificare l’Occidente attorno a questa causa ideologica. Il danno è già stato riparato e in gran parte è irreparabile, ma il ritorno al potere di Trump sarebbe comunque meglio per gli americani e per il resto del mondo, motivo per cui le élite sono fermamente contrarie.

Indipendentemente dal fatto che venga presa o meno la decisione di sostituire Biden, che ha i suoi vantaggi come mettere al ballottaggio un candidato più attraente per il pubblico ma anche i suoi svantaggi come alimentare il panico sulle prospettive elettorali del partito, l’élite farà di tutto per nascondere ciò che sa della sua senilità. Riconoscere che lo sapevano lascerebbe pochi dubbi nella mente di molti sul fatto che le elezioni del 2020 siano state in realtà l’ultimo colpo di stato dell’élite, ed è per questo che stanno esagerando con il gaslighting su come sono sorpresi.

In India non vengono maltrattati i cristiani, sono solo le bande terroristiche-separatiste del Myanmar che sfruttano il cristianesimo come falso pretesto per i loro crimini ad essere prese di mira dalle forze di sicurezza. Il piano americano di creare uno stato cristiano per procura fuori dalla regione attraverso i militanti estremisti Kuki fallirà.

L’ ultimo rapporto della Commissione statunitense per la libertà religiosa internazionale (USCIRF) ha criticato l’India per i suoi presunti abusi nei confronti delle minoranze religiose, con un’enfasi specifica posta su quelle cristiane. I rapporti precedenti tendevano a concentrarsi sui musulmani e recentemente sui sikh, con i primi tradizionalmente sostenuti dai democratici degli Stati Uniti mentre un terrorista separatista designato a Delhi dal secondo è al centro dell’ultima disputa indo-americana di cui si può leggere qui. poiché spiegare va oltre lo scopo di questo pezzo.

“ Il Bangladesh ha messo in guardia contro un complotto occidentale per ritagliarsi uno stato proxy cristiano nella regione ” a fine maggio, dopo che il primo ministro Sheikh Hasina aveva pubblicamente affermato che un paese occidentale senza nome, che dal contesto era inteso come gli Stati Uniti, sta perseguendo questo progetto geopolitico per ragioni strategico-militari. Lo sfondo riguarda la violenza provocata a Manipur più di un anno fa dalle bande terroristiche separatiste cristiane Kuki dedite al narcotraffico provenienti dal Myanmar, dove gli Stati Uniti sostengono una serie di ribelli .

Un mese prima, alla fine di aprile, “ gli evangelici americani avevano definito anticristiana la recinzione del confine tra India e Myanmar ” dopo che “Christianity Today” del defunto Billy Graham aveva pubblicato un pezzo di successo su quel paese, che col senno di poi può essere visto come un tentativo di far inasprire i repubblicani. La narrazione dei democratici sui presunti abusi statali contro i musulmani si combina quindi con quella emergente sui presunti abusi contro i cristiani per creare un sostegno bipartisan per adottare una linea più dura contro l’India.

Gli Stati Uniti non dimenticheranno mai come l’India abbia orgogliosamente respinto pressioni senza precedenti affinché scaricasse la Russia e si sia invece impegnata con aria di sfida a raddoppiare i legami con essa, il che ha dimostrato che questo stato dell’Asia meridionale rimane strategicamente autonomo nella Nuova Guerra Fredda nonostante i suoi stretti legami con gli Stati Uniti. Anche se i due condividono interessi nella gestione dell’ascesa della Cina, interessi che oggi si concretizzano nella tacita riapertura del “ Tibet” Domanda ”, gli Stati Uniti sono ancora arrabbiati con il loro partner per aver rifiutato di diventare un procuratore .

Qui sta il motivo per cui l’USCIRF ha iniziato a enfatizzare il presunto abuso dei cristiani da parte dell’India, poiché questa narrazione emotiva di guerra dell’informazione è intesa a garantire il sostegno bipartisan per le sanzioni potenzialmente imminenti del tipo che la commissione ha esplicitamente raccomandato nel suo rapporto. Sebbene abbiano suggerito solo misure mirate, la loro eventuale imposizione intossicarebbe comunque i legami bilaterali, per non parlare del fatto che gli Stati Uniti seguissero il loro consiglio di sollevare la questione in tutti gli eventi bilaterali e multilaterali.

È con questi scenari credibili in mente, i cui scritti erano già sul muro prima della pubblicazione dell’ultimo rapporto provocatorio, che il Primo Ministro Modi ha deciso di visitare presto la Russia per rafforzare ulteriormente il loro partenariato strategico speciale e privilegiato come copertura contro i rapporti indo-americani. problemi. Il ministro degli Esteri russo Lavrov ha recentemente elogiato l’India per il suo approccio multipolare alle relazioni internazionali, che pone le basi affinché il prossimo vertice Modi-Putin diventi una pietra miliare nei loro rapporti.

Le ultime false preoccupazioni degli Stati Uniti sui legami tecnologici indo-russi, che secondo la mente della strategia indo-pacifica potrebbero ostacolare la cooperazione indo-americana in questa sfera, non impediranno in alcun modo una più stretta cooperazione tra loro. Il governo indiano sapeva già che gli Stati Uniti erano inaffidabili, ma il rapporto dell’USCIRF ha dimostrato che, al di là di ogni dubbio, nella mente del suo popolo, che si oppone all’adozione di sistemi ibridi, Guerra contro di loro manipolando le percezioni sul loro stato-civiltà storicamente cosmopolita .

In India non vengono maltrattati i cristiani, sono solo le bande terroristiche-separatiste del Myanmar che sfruttano il cristianesimo come falso pretesto per i loro crimini ad essere prese di mira dalle forze di sicurezza. Il piano americano di ricavare uno stato cristiano per procura fuori dalla regione attraverso i militanti estremisti Kuki fallirà e la Russia sosterrà pienamente l’India, anche attraverso l’ulteriore invio di armi e munizioni, mentre difende la sua integrità territoriale di fronte a questo tradimento da parte dei suoi nuovo partner strategico.

Il punto centrale del rebranding di quella che era stata inizialmente concettualizzata come “Linea di difesa del Baltico” è quello di commercializzare questo progetto come un progetto paneuropeo inclusivo che si suppone sia stato costruito per il “bene superiore” dei cittadini del blocco.

La Polonia e gli Stati baltici hanno appena richiesto finanziamenti all’UE per finanziare quella che ora chiamano la ” Linea di difesa dell’UE “, che in realtà è solo l’ultimo rebranding della “Linea di difesa del Baltico” di gennaio, che è stata poi ribattezzata “Scudo del Baltico” prima della sua ultima iterazione . È stato durante la seconda fase concettuale che il progetto si è unito alla Polonia e ha gettato le basi per un’iniziativa congiunta “Shield”. Ecco cinque briefing di base per quei lettori che non hanno seguito da vicino questo progetto:

* 22 gennaio: “ La ‘Linea di difesa baltica’ ha lo scopo di accelerare lo ‘Schengen militare’ a guida tedesca ”

* 13 maggio: “ Il rafforzamento delle fortificazioni al confine della Polonia non ha nulla a che fare con la percezione di una minaccia legittima ”

* 25 maggio: “ Si sta costruendo una nuova cortina di ferro dall’Artico all’Europa centrale ”

* 2 giugno: “ La Polonia può difendersi dall’invasione degli immigrati clandestini senza aggravare le tensioni con la Russia ”

* 7 giugno: “ Il vertice NATO del mese prossimo potrebbe vedere la maggior parte dei membri aderire allo ‘Schengen militare’ ”

Per riassumere, gli Stati Uniti prevedono che la Germania utilizzi lo “Schengen militare” per accelerare la costruzione della “ Fortezza Europa ”, che consentirà alla Germania di contenere la Russia per volere degli Stati Uniti, mentre gli Stati Uniti “ritorneranno verso l’Asia” per contenere in modo più vigoroso la Cina. Le due analisi precedenti, collegate tramite collegamenti ipertestuali, elaborano il concetto di “Fortezza Europa” per coloro che desiderano saperne di più. Questo progetto è fondamentalmente incentrato sul ripristino della traiettoria di superpotenza tedesca perduta da tempo con il sostegno americano.

La sua rilevanza per la “Linea di Difesa dell’UE” è che il finanziamento (almeno parziale) del blocco guidato dalla Germania servirà probabilmente come pretesto per un coinvolgimento diretto della Germania nella sua costruzione, soprattutto se Lettonia ed Estonia aderiranno allo “Schengen militare” durante il prossimo futuro. Vertice della NATO come previsto da una delle analisi precedentemente citate. La richiesta della Polonia di assistenza alla polizia tedesca per proteggere il confine del blocco con la Bielorussia facilita anche la probabilità che Berlino svolga un ruolo di primo piano nella costruzione della “Linea di difesa dell’UE”.

Una delle altre analisi menzionate in precedenza era collegata alla nuova cortina di ferro che dovrebbe calare sull’UE dall’Artico all’Europa centrale, con i suoi confini più settentrionali che si riferiscono allo scenario in cui la Finlandia si unisce a quella che ora è stata ribattezzata “Linea di difesa dell’UE”. . In tal caso, una moderna linea Maginot verrebbe costruita lungo il confine UE/NATO-Russia, anche se questa volta con la Germania a prendere l’iniziativa nella sua costruzione (e con il pieno sostegno americano) al posto della Francia.

Il punto centrale del rebranding di quella che era stata inizialmente concettualizzata come “Linea di difesa del Baltico” è quello di commercializzare questo progetto come un progetto paneuropeo inclusivo che si suppone sia stato costruito per il “bene superiore” dei cittadini del blocco. Questa nozione ha lo scopo di giustificare il finanziamento dell’UE dal momento che la Polonia e gli Stati baltici non vogliono pagare da soli l’intero conto (né probabilmente possono permetterselo), rafforzando allo stesso tempo la falsa percezione di una cosiddetta “minaccia russa” progettata per radunare il popolo del blocco attorno a questa causa condivisa.

Considerando la sovrapposizione di interessi militari, politici e strategici in gioco, si dovrebbe quindi dare per scontato che la “linea di difesa dell’UE” verrà probabilmente costruita e funzionerà quindi come la nuova cortina di ferro. Simboleggerà la Nuova Guerra Fredda per la prossima generazione e garantirà che le tensioni NATO-Russia rimangano la “nuova normalità”. Nessuna normalizzazione tra questi due paesi sarà mai possibile dopo la costruzione di queste fortificazioni, ma è esattamente ciò che gli Stati Uniti vogliono per dividerli e governarli indefinitamente.

A Lavrov è stato chiesto direttamente di esprimere la sua opinione sull’osservazione secondo cui “l’India ora tende maggiormente verso gli Stati Uniti”, che il suo interlocutore ha provocatoriamente aggiunto che ora è anche un’opinione tra alcuni in Russia.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha condiviso alcuni approfondimenti dettagliati sulla geopolitica indiana durante le letture di Primakov di mercoledì , che è importante interpretare considerando il dibattito tra alcuni nella comunità Alt-Media (AMC) sul ruolo di quel paese nella transizione sistemica globale . Nell’ordine dei punti che ha sollevato su questo argomento, il massimo diplomatico russo ha iniziato descrivendo la troika Russia-India-Cina (RIC) del suo predecessore Yevgeny Primakov come l’antenata dei BRICS.

Ha poi espresso la fiducia che l’India farà ciò che è necessario per continuare a svilupparsi nel caso in cui venga mai sanzionata dagli Stati Uniti come lo è attualmente la Cina e non sia in grado di acquistare la tecnologia di quel paese. Lavrov ha poi parlato della partecipazione dell’India al Quad, facendo riferimento all’insistenza di quel paese sul fatto che i suoi interessi non hanno nulla a che fare con la cooperazione militare , ma avvertendo tuttavia che gli Stati Uniti sperano ancora di coinvolgere quel gruppo in tali piani contro la Cina.

Successivamente è stato chiesto direttamente a Lavrov di esprimere la sua opinione sull’osservazione secondo cui “l’India ora tende maggiormente verso gli Stati Uniti”, che il suo interlocutore ha provocatoriamente aggiunto che ora è anche un’opinione tra alcuni in Russia. Probabilmente si trattava di un riferimento alla fazione politica pro-BRI emersa lo scorso anno, che ritiene che la Russia dovrebbe accelerare la traiettoria della superpotenza cinese anche a costo di diventare il suo “partner junior” come vendetta contro gli Stati Uniti per tutto ciò che è accaduto dal 2022. .

Hanno una visione a somma zero delle relazioni internazionali poiché sono convinti che una forma di bi-multipolarità sino-americana sia inevitabile e di conseguenza sospettano che la politica di multiallineamento dell’India sia solo una scusa per mascherare la sua inclinazione verso gli Stati Uniti. I loro “rivali amichevoli” sono la fazione equilibratrice/pragmatica, che crede che sia ancora possibile ostetricare il complesso multipolarismo in collaborazione con l’India, che considerano un contrappeso per evitare preventivamente una dipendenza potenzialmente sproporzionata dalla Cina.

Questo contesto è fondamentale da tenere a mente poiché inquadra l’intuizione che Lavrov ha condiviso in risposta. Ha iniziato ricordando a tutti quanto siano antiche le loro relazioni strategiche e quanto siano diventate forti nei quasi ottant’anni trascorsi dall’indipendenza dell’India. Ha poi fatto riferimento ancora una volta al RIC, ma ha aggiunto che non è stato in grado di incontrarsi negli ultimi anni perché l’India ha richiesto prima la risoluzione della sua disputa sul confine con la Cina , cosa che Lavrov ha detto che “noi (Russia) capiamo”.

La cosa successiva che ha detto è stata che gli Stati Uniti non vogliono che il RIC si riunisca, suggerendo così che quei due dovrebbero risolvere rapidamente questa impasse per non promuovere inavvertitamente gli interessi americani del divide et impera. Su questo argomento, Lavrov si è basato sul suo precedente avvertimento sui piani degli Stati Uniti per affermare esplicitamente che “è anche chiaro che gli Stati Uniti stanno cercando di trascinare l’India nel progetto anti-Cina. Tutti capiscono di cosa stiamo parlando”, ma poi ha lodato l’India per aver sfidato le pressioni degli Stati Uniti per scaricare la Russia.

Un altro punto importante sottolineato da Lavrov è stato quello di attirare l’attenzione su come Cina e India siano in rapporti di complessa interdipendenza con il modello occidentale di globalizzazione formato dagli Stati Uniti, anche se ha subito chiarito che comprendono ancora la necessità di riformare questo sistema. Le sue osservazioni, riassunte nei due paragrafi precedenti, possono essere interpretate come un sincero riconoscimento di quanto sia grave la disputa sino-indocana e dell’impatto che può avere sulla multipolarità.

Ha pragmaticamente evitato di incolpare entrambe le parti, anche se la sua battuta su come “noi (Russia) comprendiamo” la posizione dell’India di non riprendere i colloqui RIC fino a quando la disputa sul confine con la Cina non sarà risolta suggerisce una educata riaffermazione della coerente politica di Mosca di sostenere sempre le pretese di Delhi su quelle di Pechino. Questa insinuazione è stata poi controbilanciata da avvertimenti sui secondi fini degli Stati Uniti in alcuni dei loro impegni con l’India, senza tuttavia implicare che l’India sarà mai ricettiva nei loro confronti.

Il commento finale di Lavrov su come i partner RIC del suo Paese si trovano in relazioni di complessa interdipendenza con il modello occidentale di globalizzazione aveva lo scopo di trasmettere che la Russia comprende il motivo per cui India e Cina sono ancora impegnate nel dialogo e nel commercio con gli Stati Uniti. Il segnale inviato è che i sostenitori del suo paese nell’AMC non dovrebbero speculare sconsideratamente che uno di questi due abbia motivi nefasti nel mantenere quelle relazioni come alcuni hanno fatto rispetto a quelli indo-americani.

India e Cina continueranno a mettere i loro interessi nazionali al primo posto poiché i loro leader li capiscono veramente quando trattano con gli Stati Uniti, e i legami di fiducia della Russia con ciascuno di loro significano che la sua stessa leadership non metterà in dubbio le loro intenzioni poiché sa che sono non diretti contro il loro paese. Anche così, la Russia preferirebbe che questi due risolvessero la loro disputa sui confini il prima possibile poiché teme che gli Stati Uniti la sfruttino per dividerli e governarli, il che potrebbe avere gravi implicazioni per l’Eurasia.

Questo non vuol dire che la Russia tema lo scenario in cui l’India diventi un burattino americano, ma solo che comprende la loro convergenza indipendente di interessi nei confronti della Cina, che oggi sta assumendo la forma di una tacita riapertura della “questione Tibet” come spiegato qui e qui . Ciò spiega perché si è iniziato a promuovere un nuovo sistema di sicurezza eurasiatico al fine di creare idealmente le condizioni affinché India e Cina possano risolvere in modo sostenibile i loro problemi e ridurre di conseguenza il rischio di un altro conflitto.

I lettori possono saperne di più su questi sforzi qui e qui , che vanno oltre lo scopo di questa analisi dettagliata, ma sono rilevanti se si ricorda che il Primo Ministro Modi è pronto a visitare Mosca il mese prossimo, quindi anche questo potrebbe finire all’ordine del giorno dei suoi colloqui. con il presidente Putin. Nel complesso, il risultato dell’intuizione di Lavrov sulla geopolitica indiana è che la Russia ha una comprensione matura e articolata della sua politica di multi-allineamento, e confida che l’India rimarrà sempre un partner affidabile.

Per un’esperienza completa, aggiorna il tuo abbonamento.

Upgrade a pagamento

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Gli Hoi Polloi sono malati, di SIMPLICIUS

Gli Hoi Polloi sono malati

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

Mentre le cose si riducono al lumicino e il Paese sprofonda in una storica divisione politica che mette un estremo contro l’altro, veniamo trascinati in una frenesia di aggressività mal indirizzata. Paralizzati dal dirottamento limbico, ricorriamo a un’imitazione dei movimenti dell’altro: la saggezza delle folle sostituita da una follia brulicante.

Uno degli ideali semplicistici che abbiamo adottato nella foga della lotta è che il governo è l’unico problema, e che finché riusciremo a sradicare il peggiore dei cleptocrati e dei kakistocrati – quei funghi radicati del deepstate che avvolgono il tronco macchiato di fegato della nazione – il Paese sarà liberato, per fiorire di nuovo come un prato in primavera. Il “Sistema” come colpevole: sempre lo stesso Sistema senza volto e senza nome, o il suo gemello ombra “l’Uomo” – finché riusciremo a detronizzarli, la vittoria sarà garantita e l’America sarà libera.

Ma in queste allucinazioni ignoriamo la situazione sempre più grave: non è solo il sistema a essere marcio, è la società stessa.

Gli Hoi Polloi sono malati

Ora si può sostenere che il sistema è responsabile dei disturbi della società. È vero che le varie oppressioni imposte dal governo e dalla classe dei rentier – attraverso i loro progetti di ingegneria sociale – hanno creato, o almeno esacerbato, tutti i malesseri sociali fondamentali che ora sputano come pus da un bubbone.

Per molti decenni le élite ci hanno messo gli uni contro gli altri per deviare la nostra rabbia dal suo giusto obiettivo. Ma anche riconoscendo ciò, resta il fatto che questa distruzione culturale di lunga data ha deformato la società in un tale vortice tossico che anche sconfiggere il Leviatano non curerebbe i nostri mali, né affretterebbe alcuna forma di restituzione sociale. Il problema non è solo quello del “governo malvagio”, ma che la cultura è intrinsecamente legata al governo dal legame della virtù civica, e la virtù civica è morta perché la nostra cultura è stata avvelenata al di là della riabilitazione. Anche se si eliminasse la tecnologia e la burocrazia, resterebbero le masse stupefatte e degenerate, troppo imbecilli per essere governate in modo giusto e virtuoso.

Un nuovo pezzo di Charles Hugh Smith affronta proprio questo aspetto. Egli esplora il concetto di “bene comune” come arbitro chiave della salute nella società. .

Il perseguimento della cupidigia non organizza magicamente l’economia o la società in modo da servire equamente gli interessi di tutti. Come spiegò Adam Smith, il capitalismo e l’ordine sociale richiedono entrambi un fondamento morale, che in una società libera prende la forma della virtù civicaè responsabilità di ogni cittadino che è in grado di contribuire al capitale sociale che serve a tutti noi farlo non in risposta a uno Stato oppressivo, ma di propria volontà.

Una società funzionante richiede una base morale cucita dal delicato tessuto della virtù civica. Ma la virtù civica è, purtroppo, piuttosto suscettibile di deteriorarsi, se non viene costantemente annaffiata e ringiovanita, o curata da un attento custode. .

I Padri Fondatori lo capirono e temettero il decadimento della virtù civica come una minaccia per la democrazia. Questo fu uno dei motivi per cui molti di coloro che furono attivi nei primi decenni dell’Esperimento Americano favorirono la restrizione del voto alla classe di cittadini che avevano il maggiore interesse a mantenere lo stock di capitale sociale della nazione: le élite terriere/commerciali.

Inoltre:

Commentatori come Christopher Lasch hanno descritto la costante erosione della virtù civica e dello stock di capitale sociale della nazione a partire dagli anni Settanta. Lasch e i suoi colleghi critici di tutto lo spettro ideologico hanno capito che la virtù civica è il collante che lega la democrazia e la libera economiaquando la virtù civica e la responsabilità di contribuire al capitale sociale della nazione vengono meno, sia la democrazia che la libera economia entrano in declino terminale.

Ma Smith si concentra sul lato economico delle cose e sulla perdita del senso di “bene comune” quando si tratta di moralità finanziaria. Utilizza un confronto tra il private equity e Old Money per dimostrare come le cose siano state sradicate e finanziarizzate al punto che conta solo il risultato finale: un cenno al vero capitalismo degli stakeholder, sventrato da un’etica monetaria transnazionalista distaccata.

Il problema più urgente della virtù civica è quello dei valori sociali e morali. Dopo tutto, le questioni finanziarie riguardano solo la minuscola cricca superiore che ha scelto di abbandonare il dovere verso la patria e la società. Ma che dire dei problemi con il vasto corpus della società stessa, rappresentativo di un male ben più grande?

Diamo un’occhiata alla definizione ufficiale:

è la coltivazione di abitudini importanti per il successo di una società. Strettamente legata al concetto di cittadinanza, la virtù civica è spesso concepita come la dedizione dei cittadini al benessere comune, anche a costo dei loro interessi individuali. L’identificazione dei tratti caratteriali che costituiscono la virtù civica è stata una delle principali preoccupazioni della filosofia politica.

Sebbene sia aperta a molte interpretazioni, personalmente la suddividerei in due idee principali:

La prima è una consapevolezza di ciò che ci circonda nel suo insieme; e la consapevolezza deve essere una reciprocità attiva e solidale. Per attivo si intende che si contribuisce all’ambiente circostante in modo da contribuire al miglioramento, al mantenimento della salute, ecc. In breve: è uno scambio continuo con l’ambiente circostante: la comunità, la cultura e la società nel suo complesso, con la speranza di migliorare continuamente le condizioni del proprio ambiente sociale. La domanda è: il Paese attualmente ha questo? I cittadini sono in gran parte partecipi di questo contributo attivo, sia per la società nel suo complesso che a livello di comunità microcosmica? .

Vediamo piccole sacche, naturalmente: gruppi di interesse speciale e avanguardie politiche di varie fazioni che tentano di imporre le loro ideologie per ciò che considerano uno scopo benefico. Piccoli gruppi di leader di pensiero su Twitter che si occupano dei loro seguaci: libertari, antifa, destra reazionaria, ecc. Ma i cittadini nel loro complesso si immaginano più intrinseci a un sistema sociale affiatato? Non sembra.

Perché ciò sia prevalente, un Paese o una comunità devono marciare in formazione al ritmo di un sogno condiviso, sotto forma di una sorta di mythos. Viene in mente il “sogno americano” del secondo dopoguerra, anche se si può sostenere che fosse una sorta di apocrifo astorico, una feticizzazione nostalgica di quelli che immaginavamo essere tempi più semplici e idealizzati, che in realtà erano altrettanto multivariati e fratturati di oggi.

Nulla esiste agli estremi, però: può essere vero che il “sogno americano” sia stato in gran parte una costruzione posticcia, come tutte le altre epoche romantiche che lo hanno preceduto. Per esempio, anche l’Ottocento, con il suo spleen senza fronzoli, la sua indipendenza di spirito e il suo gusto per l’avanguardia, è stato segnato da forti disallineamenti culturali, culminati in una guerra civile davvero sanguinosa. Tuttavia, è innegabile che almeno queste colorazioni rappresentavano un’identità unica che aveva un’impronta propria, con una traiettoria marcata e singolare che la differenziava dalle altre nazioni dell’epoca. Si trattava di un destino di spirito che, pur nel rigore delle sue differenze, rappresentava un mythos coeso. Inoltre, proprio l'”indipendenza dello spirito” – un po’ controintuitivamente – ha favorito la comunità, che è il contraltare ideologico dell’odierna globalizzazione senz’anima. Questo perché l'”indipendenza” dell’Ottocento non era l’indipendenza personale di oggi, ma quella della famiglia e della comunità, lontana da strutture più grandi e oppressive come i governi federali e stranieri. .

L’unica “indipendenza” conosciuta oggi è quella personale, definita in pratica dal rifiuto della società, della comunità e degli individui che ci circondano per portare la fiaccola di alcuni astratti ideali universali. Ed è a causa di questo, in gran parte, che la “virtù civica” ha cessato di esistere oggi. Poiché siamo stati tutti “liberati” dai “trionfi” sociali della modernità, l’idea stessa di conformarsi a una dinamica di gruppo anche solo lontanamente più ampia sembra un assalto al nostro “io più vero”, come ci è stato inculcato, ovviamente.

Le divisioni politiche imposte alla società dall’élite hanno degradato il senso di comunità. Molti video su YouTube mostrano persone che viaggiano per il Paese, parlando con chi vive in quartieri difficili, e un tema comune che ho notato è l’idea di una strana chiusura sociale, un atteggiamento di guardia o addirittura di evitamento dei vicini. Molte persone di età compresa tra l’anziano e la mezza età hanno raccontato come, quando erano cresciuti negli anni ’80 o ’90, le loro comunità si sentissero più legate. I vicini e il proprio “isolato” o la propria strada erano uno spazio aperto e ospitale in cui le persone interagivano e conoscevano i nomi e le famiglie degli altri, a volte si aiutavano a vicenda o risolvevano i problemi insieme. Ora, dicono negli stessi quartieri, nessuno si saluta o si rivolge la parola, il senso di comunanza è stato sostituito da un crescente senso di chiusura, diffidenza, isolamento, una sorta di paranoia e cinismo che cresce come erbacce dai marciapiedi trascurati e dai cortili non curati.

La maggior parte dei lettori può probabilmente capirlo. C’è una sensazione sempre più diffusa, una sorta di meccanismo di difesa, che ci tiene un po’ più imbottigliati, diffidenti nei confronti della condivisione eccessiva, riluttanti a “uscire dalla nostra zona di comfort” in spazi che sappiamo essere culturalmente o politicamente ostili ai nostri schieramenti protetti. Se prima potevamo salutare un vicino, chiacchierare del tempo o della partita di pallone, ora possiamo semplicemente tirarci il cappello sugli occhi, fare un cenno sommario evitando il contatto visivo per paura che sia “uno di loro”, un ostile dall’altra parte dello spettro, della divisione politico-culturale: magari un pro o un anti-vaxxer, un democratico o un conservatore, un abortista pro-Choicer o un transfobico, ad nauseam.

Un numero crescente di video su YouTube promuove addirittura l’idea rivoluzionaria che il nuovo Sogno Americano sia in realtà…. lasciare del tutto l’America.

Pensate all’inquietante ironia: una volta il sogno era lavorare e faticare tutta la vita per raggiungere gli orpelli materiali dell’America, ora si sta trasformando nel faticare per accumulare i fondi necessari a fuggire dallo stesso ideale degenerativo di ‘America’. .

Se il governo fosse totalmente ripulito da tutti i delinquenti gerontocratici più sgradevoli proprio oggi, questi problemi sociali rimarrebbero. La gente ha perso lo scopo della vita. Hanno perso il senso della compassione e della simpatia reciproca. In parte ciò ha a che fare con le accese ostilità politiche. Ma alla radice della maggior parte di questi problemi c’è probabilmente la doppietta di questioni culturali ed economiche. La prima deriva principalmente dagli eccessi depravati e sfrenati dell’immoralità – il redux di Weimar 2.0 in cui siamo sprofondati fino al collo. Si tratta della litania dei problemi ben noti: la promiscuità sfrenata e lo svilimento sociale, amplificati da una cultura che promuove esclusivamente la sporcizia tossica sotto forma di “musica”, film, “arte” moderna, ecc. Si tratta di problemi che possono essere teoricamente risolti con le persone giuste al comando, ma che sono ormai così profondamente radicati da richiedere molto di più della semplice installazione di qualche leader “populista” idealizzato. Personaggi come Larry Flynt e Hugh Heffner sono ormai radicati nella psiche americana come paragoni della cosiddetta “libertà” e “liberazione” al centro della “democrazia” occidentale, di cui si dice che l’America sia il campione. Eliminare queste spine profondamente sepolte dalla carne dell’America non è un compito facile.

Storicamente non ci sono precedenti in cui un Paese con le profonde divisioni e i mali sociali e demografici degli Stati Uniti abbia sanato o riconciliato le sue fratture. Questa malattia crea un effetto di rimbalzo: ogni problema successivo genera altre ramificazioni. L’illegalità californiana, le rivolte, un’intera generazione che ha imparato ad avere diritti e la totale mancanza di costumi sociali. Il problema demografico e il crollo del matrimonio, che ha provocato un’impennata storica delle malattie mentali, il fentanyl e le droghe, le relazioni razziali ai minimi storici. I problemi non fanno che aggravarsi e aggravarsi, alimentandosi a vicenda. E nessuno di essi può essere risolto con la panacea istantanea del semplice rovesciamento del governo o dell’insediamento di un nuovo leader.

Basta guardare la parata dell’orgoglio di San Fran di oggi. O notare la disposizione del migrante medio importato: .

Nel 2017, The National Interest ha pubblicato un lungo saggio di un ex lavoratore rifugiato. L’argomento era l’orribile ondata di criminalità in Europa, determinata dalla migrazione di massa. Questo paragrafo in particolare mi è rimasto impresso:

Alcuni potrebbero citare Weimar come paragone, notando che la Germania è stata in grado di ricostituirsi rapidamente in un solo decennio dopo una sorta di rivoluzione politica. Ma la Germania era in definitiva uno Stato demograficamente uniforme rispetto agli Stati Uniti – che si stanno rapidamente trasformando in Sudafrica o in Brasile – con razze insegnate a odiarsi l’un l’altra dall’élite politica. Quante generazioni ci vorranno per sanare queste divisioni, che diventano sempre più profonde ogni giorno che passa? Questa questione irrevocabile rappresenta da sola un fatidico paletto nel cuore del futuro dell’America.

Allo stesso modo, la decadenza economica è così sistematicamente radicata nella funzionalità di base dell’America, che un cambiamento di governo non potrebbe fare quasi nulla per rimediare al danno. Il modo in cui la cabala bancario-corporativa ha inserito i suoi ganci nelle ossa del Paese richiederebbe un miracolo per essere invertito. E se non si riesce a invertirlo, significa che le condizioni economiche rimarranno per ammalare generazionalmente gli hoi polloi in un letargo morale.

Molti scrittori della “Destra” promuovono senza successo il ritorno a un “ideale” culturale o a un altro: le virtù elleniche, le pietre miliari della filosofia, i revival vitalistici, ecc. Ma invece di un inutile esercizio di conversione dell’America in una sorta di antica Sparta imbastardita, sarebbe probabilmente più pratico trattare i sintomi al contrario: piuttosto che imporre una serie di nuovi moda sociali ingombranti, lavorare per eliminare quelli più dannosi, e poi lasciar fiorire ciò che può. Estirpate le erbacce malate e date un po’ di tempo al terreno per ritrovare la salute: potrebbe allora sorprendervi nel trovare il suo percorso più naturale. .

Quindi, che cosa presumo di dover sradicare per migliorare i mali della società?

Il problema è che gli americani soffrono di un paradossale senso di vanità storica quando si tratta di qualcosa di lontanamente associato al concetto sacro di “libertà”. L’ossessione americana per la libertà ha paralizzato la nazione da qualsiasi considerazione di mano pesante nell’estirpare le tendenze più distruttive della modernità. “Ma noi non siamo la Corea del Nord!” sono loro a chiedere, mentre la società decade intorno a loro in modi che farebbero impallidire i veri nordcoreani. .

La questione è che la libertà di tutti i tipi è associata all’unica cosa che gli americani sentono di distinguere da ogni altra nazione – è la cosa che li rende unici, speciali: l’unica nazione indispensabile. Ne hanno una dannata statua, per l’amor del cielo!

Adulterare la Libertà stessa significherebbe tagliare l’essenza stessa di ciò che rende grande il Paese, o almeno così si dice. Strappare il proprio rene o la propria milza. Ma come la Bibbia su cui è stato fondato il Paese professava: strappa il tuo occhio se ti offende – forse è meglio recidere del tutto le escrescenze maligne, poi ricucire la ferita e sperare per il meglio.

Ho capito: Io stesso sono piuttosto diffidente nei confronti del pendio scivoloso che segue l’eliminazione di alcuni diritti naturali e libertà civili, perché: dove si ferma? Se ci si spinge troppo in là, si può arrivare a potare ogni germoglio e ogni stelo di “potenziale pericolo”, fino a scivolare inavvertitamente verso una vera e propria Sharia bianca. Anche se c’è un pizzico di ironia nel fatto che i Brownisti e i Puritani che hanno fondato il Paese non erano esattamente lontani da questa osservanza morale, per non parlare dei Quaccheri. I Pellegrini applicavano rigidi codici morali contro il gioco d’azzardo, il bere, i vestiti succinti, ecc. Non suggerisco certo di spingersi in quella direzione, ma mi limito a ricordare che parlare di “libertà” come base dei valori americani è alquanto sfumato e forse anche frainteso.

Ho già scritto qui che i primi Articoli della Confederazione prevedevano un governo federale molto più limitato che di fatto non aveva quasi nessun potere, cosa che gli stessi padri fondatori si resero subito conto che semplicemente non funzionava. Ma nonostante ciò, la Costituzione che ne derivò garantì ai cittadini ogni tipo di diritto in base a un principio comune di massima libertà personale, a patto che i propri diritti non andassero oltre quelli altrui.

Come possiamo conciliare l’onorare queste “sacre” fondamenta della libertà con il riconoscere che attori maligni hanno giocato il sistema sovvertendo totalmente la cultura del Paese fino alla corrosione terminale? Il mondo era molto più “innocente” all’epoca: i padri fondatori non potevano prevedere gli espedienti illimitati della nostra epoca moderna, che permettono l’erosione totale della virtù civica e dell’equilibrio morale. Se gli autori della Costituzione possono essere stati spinti dal desiderio di proteggere i diritti personali dall’invasione del governo, quelli che sbarcarono a Plymouth Rock prima di loro stavano in realtà fuggendo da quello che ritenevano un deterioramento morale in Europa. Quale di questi gruppi fondatori è giusto usare come luce guida? È meno “americano” farsi guidare dall’etica del secondo rispetto al primo?

Ancora una volta, non sto necessariamente proponendo di tornare indietro ai tempi puritani, ma alcuni cancri culturali potrebbero dover essere eliminati con la forza. In ogni dilemma di questo tipo c’è sempre il dibattito tra il rinforzo positivo e la costrizione “negativa”. L’idea è che, invece di eliminare il problema con la forza, forse possiamo concentrare l’attenzione sugli aspetti positivi, sperando che crescano e alla fine mettano in ombra quelli negativi, come un’alta fioritura che stordisce le erbacce sotto le sue fronde. Ma l’ora potrebbe essere tarda. Per salvare una parvenza di generazione futura, il Paese potrebbe non avere altra scelta se non quella di invocare barriere culturali più severe, come hanno fatto Russia e Cina per preservare la dignità dei propri figli.

La maggior parte di noi conosce le leggi russe sulla propaganda anti-LGBT, che possono sembrare scomode e antidemocratiche per molti americani amanti della libertà, ma che in realtà sono abbastanza ragionevoli quando le si approfondisce. Ora la Russia ha lanciato un’altra nuova serie di restrizioni che mirano specificamente alla propaganda “anti-procreazione” o “childfree”:

Il 27 giugno, in occasione del Forum giuridico internazionale di San Pietroburgo, il viceministro della Giustizia Vukolov ha preso l’iniziativa di riconoscere l’ideologia del childfree o, in altre parole, del rifiuto volontario di avere figli, come estremista. Le argomentazioni sono piuttosto semplici: sotto diversi aspetti, questo movimento è simile a quello LGBT*, già vietato in Russia, ed è promosso dalle stesse aziende – quindi, anche il divieto per le persone childfree si suggerisce naturalmente. Già il 28 giugno, l’argomento ha raggiunto la Duma di Stato, che ha approvato l’iniziativa, e importanti sostenitori dei valori tradizionali, come il noto deputato Milonov, si sono espressi in modo particolarmente accorato a suo favore.

Questo non rende illegale non avere figli, ma piuttosto promuovere attivamente lo stile di vita senza figli alle masse come una sorta di inquinante sociale. Così, ad esempio, non sarebbe permesso alle pubblicità di lodare o glorificare lo stile di vita single e “indipendente” diffuso in Occidente. La Cina ha impedito che i tatuaggi, gli “uomini effeminati” o la cultura hip-hop “decadente” venissero messi in evidenza o comunque glorificati in TV, per evitare che influenze mentali dannose penetrassero nella psiche collettiva della società.

L’altra parte importante di ciò che ritengo costituisca la “virtù civica” è una cittadinanza istruita che abbia familiarità non solo con i fondamenti delle leggi del proprio Paese, ma che comprenda la struttura del governo, l’equilibrio dei poteri e, cosa più importante, il motivo per cui le leggi più importanti sono lì per cominciare. Quanto più i cittadini vengono corrotti, trasformandosi in trogloditi ignoranti e ignoranti, tanto più facilmente una forza nefasta può gradualmente usurpare il potere erodendo le istituzioni più fondamentali del Paese.

Guardate un numero qualsiasi di video di “Auditor del Primo Emendamento” che dimostrano il problema. Soprattutto nelle città urbane, gli auditor si imbattono spesso in immigrati assunti come fedeli fanti del corpo transnazionale. Queste guardie di sicurezza, impiegati, camerieri, ecc. non hanno alcun senso o rispetto per le virtù civiche del Paese e calpestano con orgoglio i diritti inalienabili codificati nella Costituzione.

Un’altra dimostrazione di ciò arriva dal comico di sinistra Louis CK, che ha recentemente enunciato la tipica posizione egualitaria della sinistra moderna quando si tratta dell’importantissima questione dei confini nazionali e dell’immigrazione:

Questo esemplifica perfettamente come l’erosione del senso civico di una cittadinanza possa portare alla totale distruzione di una nazione. Quando i libri che enfatizzano l’importanza dei principi chiave non vengono più insegnati, e l’educazione in generale viene sovvertita sotto la spuma nociva di una “cultura” inimica, il risultato finale è proprio questo: una classe di Morlocks totalmente ammalati, ignari, agnotologicamente mentecatti e felici di gettare feci mentre i loro raggianti padroni li schiavizzano. .

Stranamente, anche il MSM ha riconosciuto che gli elettori hanno ormai intuito il vero stato del Paese:

Ma come è coerente con la morale dei media aziendali, l’articolo di cui sopra si concentra su come ricalibrare la “messaggistica” di Biden per una migliore prospettiva di vittoria, piuttosto che su come aggiustare il sistema rotto in sé; naturalmente, non ammetteranno mai che il primo passo per aggiustarlo comporterebbe in effetti sbarazzarsi della principale incarnazione di quel marciume: Biden stesso.

Ammirate l’insensatezza del paragrafo finale:

In questo modo, riconosciamo che tutto è rotto, ma cerchiamo di capire come rimodellare l’immagine dell’establishment, piuttosto che riconoscere il candidato populista che legittimamente mette in luce i problemi reali. Ha senso? Una perfetta sintesi di tutto ciò che non va.

Quindi, gli hoi polloi sono troppo lontani o l’America e l’Occidente possono ancora essere salvati: cosa ne pensate?


Se vi è piaciuto avere la vostra episteme annebbiata, apprezzerei molto se vi abbonaste a un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro e, così facendo, incoraggiarmi ad annebbiare la vostra episteme regolarmente ogni mese.

In alternativa, è possibile lasciare una mancia qui: Barattolo delle mance.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

SOSTITUIRE L’OCCIDENTE: UN CAMBIAMENTO NELLA DOTTRINA PUTIN, di LE GRAND CONTINENT

Il commento all’intervento corrisponde integralmente alla linea editoriale dell’influente sito francese. Giuseppe Germinario

SOSTITUIRE L’OCCIDENTE: UN CAMBIAMENTO NELLA DOTTRINA PUTIN

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

Di fronte alla macchina tecnocratica della diplomazia russa, Vladimir Putin ha tenuto venerdì un importante discorso che ha aggiornato il concetto strategico della Russia: dall’armamento del Sud globale a una nuova apertura ai “popoli europei” e alle forze politiche che avrebbero vinto le elezioni europee del 9 giugno – fino a una “proposta di cessate il fuoco” che gli permetterebbe di inghiottire un quarto del territorio ucraino.

AUTORE
LE GRAND CONTINENT
– IMMAGINE
© AP PHOTO/ALEXANDER ZEMLIANICHENKO, POOL

Venerdì scorso, per la prima volta dal 2021, Vladimir Putin ha partecipato a una riunione con la direzione del Ministero degli Esteri russo. Abbiamo deciso di tradurre e commentare questo importante discorso.

In primo luogo, ha creato un momento tecnocratico all’interno del corpo diplomatico russo: Putin ha parlato davanti a diversi membri chiave dell’amministrazione e del governo presidenziale, dell’Assemblea federale e di altre autorità esecutive russe. Questo momento di allineamento e coordinamento ha avuto luogo dopo le artificiose elezioni di marzo e, un anno dopo, ha permesso di aggiornare il concetto di politica estera 1 attorno a una priorità: la de-occidentalizzazione del mondo, stringendo nuovi legami diplomatici ed economici con i Paesi della “Maggioranza Mondiale “.

Successivamente, questa dichiarazione è un’ovvia reazione ai risultati delle elezioni europee del 2024. L’Europa, presente con quasi quaranta citazioni dirette, è oggetto di un’attenzione relativamente inedita dopo l’invasione del febbraio 2022, e persino di un invito a una nuova considerazione del rapporto: “Il vero pericolo per l’Europa non viene dalla Russia. La minaccia principale per gli europei risiede nella loro dipendenza critica e crescente, quasi totale, dagli Stati Uniti, sia in ambito militare che politico, tecnologico, ideologico o informativo. L’Europa si trova sempre più emarginata sulla scena economica mondiale, deve affrontare il caos della migrazione e altri problemi urgenti, mentre viene privata della propria voce internazionale e della propria identità culturale. A volte sembra che i politici europei al potere e i rappresentanti della burocrazia europea abbiano più paura di irritare Washington che di perdere la fiducia dei propri cittadini. Le recenti elezioni del Parlamento europeo lo testimoniano.

Infine, Putin ha pronunciato questo discorso alla vigilia di un vertice al Bürgenstock in Svizzera a cui hanno partecipato i rappresentanti di oltre 90 Paesi. Per la prima volta, ha esposto le condizioni per un cessate il fuoco in Ucraina, condizioni impossibili da accettare così come sono: secondo i nostri calcoli, comporterebbero l’annessione di oltre il 22% del territorio ucraino: “Le nostre condizioni sono semplici: Le truppe ucraine devono essere completamente ritirate dalle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, così come dalle regioni di Kherson e Zaporijjia, e questo ritiro deve riguardare l’intero territorio di queste regioni all’interno dei loro confini amministrativi così come esistevano al momento della loro integrazione in Ucraina. Non appena Kiev dichiarerà la sua volontà di prendere tale decisione e inizierà il ritiro effettivo delle sue truppe da queste regioni, oltre a notificare ufficialmente l’abbandono dei suoi piani di adesione alla NATO, ordineremo immediatamente un cessate il fuoco e avvieremo i colloqui. Lo faremo immediatamente. Naturalmente, garantiremo anche il ritiro sicuro e senza ostacoli delle unità e delle formazioni ucraine.

Grazie mille per il suo tempo.

Il Presidente russo ha preso la parola dopo Sergei Lavrov. Il Ministro degli Esteri, in carica dal 9 marzo 2004, ha introdotto il discorso presidenziale ringraziando Putin per la sua “incrollabile attenzione alla politica estera” e indicando che questo discorso dovrebbe consentire all’intera amministrazione di “cooperare e coordinarsi strettamente nel perseguimento di una politica estera comune, che è determinata dal Presidente della Russia e definita nel Concetto di politica estera del nostro Paese”.

PER SAPERNE DI PIÙ

Signore e signori, buongiorno!

Sono lieto di darle il benvenuto e, all’inizio del nostro incontro, vorrei ringraziarla per il suo duro lavoro, che è nell’interesse della Russia e del nostro popolo.

Ci siamo già incontrati nel novembre 2021. In questo periodo si sono verificati molti eventi cruciali, senza iperboli, sia a livello nazionale che internazionale. Ritengo quindi importante valutare la situazione attuale alla luce delle vicende globali e regionali e stabilire responsabilità adeguate e proporzionate al Ministero degli Affari Esteri. Tutto ciò sarà subordinato al nostro obiettivo principale: creare le condizioni per lo sviluppo sostenibile del Paese, garantire la sua sicurezza e migliorare il benessere delle famiglie russe.

Lavorare in questo campo, circondato da realtà complesse e mutevoli, ci impone di concentrare i nostri sforzi, le nostre iniziative e la nostra perseveranza in modo sempre più costante, di rispondere alle sfide attuali e di prevedere al contempo un programma realizzabile a lungo termine, di mantenere le relazioni con i nostri partner e di mantenere un dialogo aperto e costruttivo per tracciare potenziali soluzioni a queste questioni fondamentali, che riguardano non solo noi, ma anche la comunità internazionale.

Ripeto: il mondo è in continuo cambiamento. La politica mondiale, l’economia e la competizione tecnologica si stanno evolvendo in modo considerevole. Sempre più Stati si sforzano di rafforzare la propria sovranità, la propria autosufficienza, la propria identità nazionale e culturale. I Paesi del Sud e dell’Est si stanno affermando sulla scena politica mondiale e l’influenza dell’Africa e dell’America Latina continua a crescere. Fin dall’epoca sovietica, l’importanza di queste regioni è sempre stata un tema ricorrente, ma oggi questa dinamica è percepibile. Anche il ritmo del cambiamento in Eurasia, dove si stanno realizzando attivamente diversi progetti di integrazione su larga scala, ha subito una forte accelerazione.

I contorni di un ordine mondiale multipolare e multilaterale stanno prendendo forma sulla base di questa nuova realtà politica ed economica. Questo processo oggettivo riflette la diversità culturale e civile che rimane organicamente insita negli esseri umani, nonostante tutti i tentativi di unificazione artificiale.

Questi cambiamenti profondi e sistemici ispirano senza dubbio ottimismo e speranza. L’affermazione dei principi del multipolarismo e del multilateralismo negli affari internazionali, tra cui il rispetto del diritto internazionale e l’ampia rappresentanza, consente di risolvere collettivamente i problemi più complessi nell’interesse comune. Inoltre, favorisce la costruzione di relazioni reciprocamente vantaggiose e la cooperazione tra Stati sovrani per il benessere e la sicurezza dei loro popoli.

Questa prospettiva per il futuro corrisponde alle aspirazioni della grande maggioranza dei Paesi del mondo. Lo vediamo in particolare nel crescente interesse per il lavoro di un’organizzazione universale come i BRICS, che si basa su una cultura speciale di dialogo fiducioso, uguaglianza sovrana dei partecipanti e rispetto reciproco. Nell’ambito della presidenza russa di quest’anno, ci impegniamo a facilitare l’integrazione dei nuovi membri nelle strutture operative dell’associazione.

Invito il governo e il Ministero degli Affari Esteri a proseguire le discussioni e il dialogo approfondito con i nostri partner, in vista del vertice BRICS previsto a Kazan in ottobre. Il nostro obiettivo è quello di raggiungere un insieme significativo di decisioni concordate, che definiscano la direzione della nostra cooperazione nei settori della politica, della sicurezza, dell’economia, della finanza, della scienza, della cultura, dello sport e degli scambi umanitari.

Nel complesso, sono convinto che i BRICS abbiano il potenziale per diventare una delle principali istituzioni che regolano l’ordine mondiale multipolare.

A questo proposito, è importante sottolineare che sono già in corso discussioni internazionali sulle modalità di interazione tra gli Stati in un mondo multipolare e sulla democratizzazione dell’intero sistema di relazioni internazionali. Ad esempio, con i nostri colleghi della Comunità degli Stati Indipendenti, abbiamo concordato e adottato un documento congiunto sulle relazioni internazionali in un mondo multipolare. Abbiamo anche incoraggiato i nostri partner ad affrontare questo tema in altri forum internazionali, in particolare all’interno della SCO e dei BRICS.

Il Segretario di Stato russo – Vice Ministro degli Affari Esteri Evgeny Ivanov (secondo da sinistra), il Capo della Direzione principale dello Stato Maggiore delle Forze Armate russe – Vice Capo dello Stato Maggiore delle Forze Armate russe Igor Kostyukov (secondo da destra) e il rappresentante presso il Consiglio della Federazione Russa dell’organo esecutivo del potere statale della regione di Sakhalin Grigory Karasin (a destra) prima dell’inizio della riunione. Dmitry Azarov/Kommersant/Sipa USA

Aspiriamo ad approfondire seriamente questo dialogo all’interno delle Nazioni Unite, affrontando questioni fondamentali e vitali per tutti come la creazione di un sistema di sicurezza indivisibile. In altre parole, intendiamo affermare negli affari mondiali il principio che la sicurezza di ciascun individuo non può essere garantita a scapito della sicurezza degli altri.

Vorrei ricordare che verso la fine del XX secolo, dopo la risoluzione di un intenso confronto militare-ideologico, la comunità mondiale si è trovata di fronte a un’opportunità unica di stabilire un ordine di sicurezza affidabile ed equo. A tal fine sarebbe bastato poco: la semplice disponibilità ad ascoltare i punti di vista di tutte le parti interessate e la reciproca volontà di tenerne conto. Il nostro Paese è fermamente impegnato in questo tipo di lavoro costruttivo.

Tuttavia, prevalse un approccio diverso. Le potenze occidentali, guidate principalmente dagli Stati Uniti, ritenevano di aver vinto la Guerra Fredda e di avere il diritto di determinare unilateralmente l’organizzazione del mondo. Questa prospettiva si è concretizzata nel progetto di espansione illimitata della NATO, sia dal punto di vista geografico che temporale, sebbene siano emerse anche altre idee per garantire la sicurezza in Europa.

Le nostre legittime domande sono state accolte con scuse: nessuno aveva intenzione di attaccare la Russia e l’espansione della NATO non era diretta contro di essa. Gli impegni presi con l’Unione Sovietica – e poi con la Russia alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90 – di non espandere il blocco sono stati rapidamente dimenticati. E anche quando sono stati ricordati, sono stati spesso derisi sottolineando che queste assicurazioni erano puramente verbali e quindi non vincolanti.

Negli anni Novanta e in seguito, abbiamo costantemente messo in guardia sulla strada sbagliata scelta dalle élite dell’Occidente, non ci siamo limitati a criticare e a mettere in guardia, ma abbiamo proposto opzioni, soluzioni costruttive e abbiamo sottolineato l’importanza di sviluppare un meccanismo per la sicurezza europea e globale che fosse adatto a tutti – e sottolineo tutti. Un semplice elenco delle iniziative proposte dalla Russia nel corso degli anni occuperebbe più di un paragrafo.

Ricordiamo almeno l’idea di un trattato sulla sicurezza europea che abbiamo proposto nel 2008. Le stesse questioni sono state affrontate nel memorandum del Ministero degli Esteri russo, inviato agli Stati Uniti e alla NATO nel dicembre 2021.

Nonostante i numerosi tentativi – che non posso elencare tutti – di far ragionare i nostri interlocutori attraverso spiegazioni, esortazioni, avvertimenti e richieste da parte nostra, i nostri appelli sono rimasti senza risposta. I Paesi occidentali, convinti non solo della loro legittimità ma anche del loro potere e della loro capacità di imporre la loro volontà al resto del mondo, hanno semplicemente ignorato le opinioni divergenti. Nel migliore dei casi, sembravano disposti a discutere di questioni minori che, in realtà, erano di scarsa rilevanza, o di argomenti favorevoli solo all’Occidente.

Nel frattempo, è diventato chiaro che il modello occidentale, presentato come l’unico garante della sicurezza e della prosperità in Europa e nel resto del mondo, non funziona davvero. Basti pensare alla tragedia dei Balcani. I problemi interni dell’ex Jugoslavia, per quanto latenti, sono stati notevolmente aggravati da una palese ingerenza esterna. Anche in quel caso erano evidenti i limiti del grande principio della diplomazia della NATO, che si è rivelato fallace e inefficace nella risoluzione di complessi conflitti interni. Questo principio consiste nell’accusare una delle parti, spesso senza fondamento, e mobilitare contro di essa tutto il potere politico, mediatico e militare, oltre a sanzioni e restrizioni economiche.

Successivamente, questi stessi approcci sono stati applicati in diverse parti del mondo, come ben sappiamo: in Iraq, Siria, Libia, Afghanistan e così via. Tutto ciò che hanno portato è l’aggravarsi dei problemi esistenti, i destini distrutti di milioni di persone, la distruzione di interi Stati, l’aumento dei disastri umanitari e sociali e la proliferazione di enclavi terroristiche. Nessun Paese al mondo è al sicuro dall’aggiungersi a questa triste lista.

Oggi l’Occidente si intromette sfacciatamente negli affari mediorientali. Un tempo monopolizzavano quest’area, e il risultato è ormai chiaro ed evidente. Poi ci sono il Caucaso meridionale e l’Asia centrale. Due anni fa, al vertice NATO di Madrid, è stato annunciato che l’Alleanza si sarebbe d’ora in poi occupata di questioni di sicurezza non solo nella regione euro-atlantica, ma anche in quella indo-pacifica. Si sostiene di non potersi esimere dal farlo anche lì. È chiaro che si tratta di un tentativo di aumentare la pressione sui Paesi della regione che hanno scelto di rallentare il loro sviluppo. Come sappiamo, il nostro Paese, la Russia, è in cima a questa lista.

Vorrei anche ricordarvi che è stata Washington a sconvolgere la stabilità strategica ritirandosi unilateralmente dai trattati sulla difesa missilistica, sull’eliminazione dei missili a raggio intermedio e a corto raggio e dal Trattato sui cieli aperti. Inoltre, insieme ai suoi alleati della NATO, ha smantellato il sistema di misure di fiducia e di controllo degli armamenti in Europa che era stato accuratamente costruito nel corso di decenni.

In definitiva, sono l’egoismo e l’arroganza degli Stati occidentali che hanno portato alla situazione estremamente pericolosa che ci troviamo ad affrontare oggi.

Siamo inaccettabilmente vicini a un punto di non ritorno.

Gli appelli alla sconfitta strategica della Russia, che detiene il più grande arsenale di armi nucleari, dimostrano l’estremo avventurismo dei politici occidentali: o sottovalutano la minaccia che essi stessi rappresentano, o sono semplicemente ossessionati dalla convinzione della propria impunità ed eccezionalità. In entrambi i casi, la situazione potrebbe rivelarsi tragica.

È chiaro che il sistema di sicurezza euro-atlantico sta crollando. Attualmente è praticamente inesistente e deve essere praticamente ricostruito. Tutto ciò significa che dobbiamo elaborare strategie per garantire la sicurezza in Eurasia, in collaborazione con i nostri partner, con tutti i Paesi interessati, che sono molti, e poi sottoporle a un ampio dibattito internazionale.

Questo è l’obiettivo indicato nel Discorso all’Assemblea federale. A breve termine, l’obiettivo è creare un quadro di sicurezza equo e indivisibile, basato sulla cooperazione e sullo sviluppo equo e reciprocamente vantaggioso del continente eurasiatico.

Per raggiungere questo obiettivo, quali azioni dovremmo intraprendere e su quali principi dovremmo basarci?

Innanzitutto, dobbiamo avviare un dialogo con tutti i potenziali attori di questo futuro sistema di sicurezza. Vi chiedo di iniziare a risolvere le questioni necessarie con quegli Stati che sono aperti a una cooperazione costruttiva con la Russia.

Durante la mia recente visita nella Repubblica Popolare Cinese, abbiamo discusso di questi temi con il Presidente cinese Xi Jinping. Abbiamo sottolineato che la proposta russa non va contro, ma integra e rispetta pienamente i principi fondamentali dell’iniziativa cinese per la sicurezza globale.

In secondo luogo, è fondamentale partire dal principio che la futura architettura di sicurezza è aperta a tutti i Paesi eurasiatici interessati a partecipare alla sua creazione. Con “tutti ” intendiamo ovviamente anche i Paesi europei e i membri della NATO. Condividiamo un unico continente e, a prescindere dalla situazione, siamo legati dalla geografia comune; dobbiamo quindi coesistere e collaborare in un modo o nell’altro.

Il vice capo di gabinetto del governo russo, Elmir Tagirov (a sinistra), prima dell’inizio dell’incontro. Dmitry Azarov/Kommersant/Sipa USA

È vero che le relazioni tra la Russia e l’Unione, così come con alcuni Paesi europei, si sono deteriorate – e ho sottolineato in molte occasioni che non è colpa nostra. È in corso una campagna di propaganda antirussa, che coinvolge anche alti esponenti europei, alimentando la speculazione che la Russia stia per attaccare l’Europa. L’ho già detto in diverse occasioni e non c’è bisogno di ripeterlo: sappiamo tutti che si tratta di un’assurdità assoluta, una semplice giustificazione per una corsa agli armamenti.

Permettetemi di divagare per un momento.

Il vero pericolo per l’Europa non viene dalla Russia. La minaccia principale per gli europei risiede nella loro dipendenza critica e crescente, quasi totale, dagli Stati Uniti, sia in ambito militare che politico, tecnologico, ideologico o informativo. L’Europa si trova sempre più emarginata sulla scena economica mondiale, deve affrontare il caos della migrazione e altri problemi urgenti, mentre viene privata della propria voce internazionale e della propria identità culturale.

A volte sembra che i politici europei al potere e i rappresentanti della burocrazia europea abbiano più paura di irritare Washington che di perdere la fiducia dei propri cittadini. Le recenti elezioni del Parlamento europeo lo testimoniano. Questi politici europei sopportano umiliazioni, scortesie e scandali con una palpabile rassegnazione nei confronti dei leader americani, mentre gli Stati Uniti li manipolano per servire i propri interessi: li costringono a comprare il loro gas a prezzi esorbitanti – il prezzo del gas in Europa è da tre a quattro volte superiore a quello degli Stati Uniti – o, come attualmente, chiedono ai Paesi europei di aumentare le loro forniture di armi all’Ucraina. Queste richieste sono implacabili e le sanzioni contro le aziende europee vengono imposte senza la minima esitazione.

Attualmente li stanno costringendo ad aumentare le forniture di armi all’Ucraina e a potenziare la loro capacità di produzione di proiettili d’artiglieria. Ma ponetevi questa domanda: a chi serviranno questi proiettili una volta terminato il conflitto in Ucraina? Come può questo garantire la sicurezza militare dell’Europa? Non è ancora chiaro. Nel frattempo, gli Stati Uniti stanno investendo molto nella tecnologia militare e nelle tecnologie di domani, come lo spazio, i moderni droni e i sistemi di attacco basati su nuovi principi fisici. Si tratta di settori che plasmeranno il futuro dei conflitti armati e determineranno il potenziale militare e politico delle nazioni, nonché il loro posizionamento globale. E ora a queste nazioni viene assegnato il ruolo di investire denaro dove serve. Ma questo non serve a rafforzare il potenziale dell’Europa. Lasciamo che facciano quello che vogliono.

Questo potrebbe sembrare nel nostro interesse, ma in realtà è il contrario.

Se l’Europa vuole mantenere la sua posizione di centro indipendente dello sviluppo globale e conservare il suo ruolo di centro culturale e civile del mondo, deve assolutamente coltivare buone relazioni con la Russia. Noi siamo pronti soprattutto a questo.

Questa semplice e ovvia verità è stata colta appieno da politici di levatura veramente paneuropea e globale, patrioti dei loro Paesi e dei loro popoli, che pensano in termini storici e non come semplici statistici che seguono la volontà e i suggerimenti di altri. Charles de Gaulle ne ha parlato a lungo nel dopoguerra. Ricordo bene anche una conversazione alla quale ho avuto il privilegio di partecipare personalmente nel 1991, quando il cancelliere tedesco Helmut Kohl sottolineò l’importanza del partenariato tra Europa e Russia. Sono convinto che, prima o poi, le nuove generazioni di leader europei torneranno a fare tesoro di questa eredità.

Gli stessi Stati Uniti sembrano essere intrappolati negli sforzi incessanti delle élite liberali-globaliste al potere di propagare la loro ideologia su scala globale con ogni mezzo possibile, cercando di preservare il loro status imperiale e il loro dominio. Queste azioni servono solo ad accentuare il declino del Paese, portandolo inesorabilmente verso il degrado, e sono in flagrante contraddizione con i veri interessi del popolo americano. Senza questa impasse ideologica, senza questo messianismo aggressivo, intriso della convinzione della propria superiorità ed esclusività, le relazioni internazionali avrebbero già da tempo trovato una gradita stabilità.

In terzo luogo, per promuovere l’idea di un sistema di sicurezza eurasiatico, è indispensabile intensificare notevolmente il processo di dialogo tra le organizzazioni multilaterali che già operano in Eurasia. Dobbiamo concentrarci principalmente sull’Unione Statale di Russia e Bielorussia, sull’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva, sull’Unione Economica Eurasiatica, sulla Comunità degli Stati Indipendenti e sull’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai.

Vediamo la prospettiva che altre influenti associazioni eurasiatiche, dal Sud-Est asiatico al Medio Oriente, siano maggiormente coinvolte in questi processi in futuro.

In quarto luogo, riteniamo che sia giunto il momento di avviare un’ampia discussione su un nuovo sistema di garanzie bilaterali e multilaterali di sicurezza collettiva in Eurasia. Allo stesso tempo, nel lungo periodo, è necessario ridurre gradualmente la presenza militare di potenze esterne nella regione eurasiatica.

Riconosciamo che questa proposta può sembrare idealistica nel contesto attuale. Ma il momento di agire è adesso. Stabilendo un sistema di sicurezza affidabile per il futuro, ridurremo gradualmente – se non elimineremo – la necessità di dispiegare contingenti militari extraregionali. In effetti, ad essere sinceri, oggi non c’è bisogno di una tale presenza; non è altro che un’occupazione.

In definitiva, riteniamo che sia responsabilità degli Stati eurasiatici e delle strutture regionali identificare aree specifiche di cooperazione nella sicurezza collettiva. Su questa base, dovrebbero sviluppare un insieme di istituzioni, meccanismi e accordi di lavoro che servano realmente gli obiettivi comuni di stabilità e sviluppo.

A questo proposito, sosteniamo l’iniziativa dei nostri partner bielorussi di sviluppare un documento programmatico – una carta sul multipolarismo e la diversità nel XXI secolo. Questo documento potrebbe non solo definire i principi guida dell’architettura eurasiatica basata sulle norme fondamentali del diritto internazionale, ma anche offrire una visione strategica più ampia della natura e dell’essenza del multipolarismo e del multilateralismo come nuovo sistema di relazioni internazionali destinato a sostituire il mondo centrato sull’Occidente. Ritengo fondamentale che questo documento sia sviluppato in modo approfondito in collaborazione con i nostri partner e con tutti gli Stati interessati. È inoltre essenziale garantire la massima rappresentanza e considerazione di approcci e posizioni diverse quando si discutono questioni così complesse e impegnative.

In quinto luogo, una parte essenziale del sistema eurasiatico di sicurezza e sviluppo dovrebbe indubbiamente comprendere questioni economiche, benessere sociale, integrazione e cooperazione reciprocamente vantaggiosa. Ciò include l’affrontare problemi comuni come la povertà, la disuguaglianza, le sfide climatiche e ambientali, nonché lo sviluppo di meccanismi per affrontare le minacce di pandemie e crisi nell’economia globale. Tutti questi aspetti sono di fondamentale importanza.

Con le sue azioni, l’Occidente non solo ha minato la stabilità militare e politica nel mondo, ma ha anche screditato e indebolito le principali istituzioni di mercato attraverso sanzioni e guerre commerciali. Utilizzando istituzioni come il FMI e la Banca Mondiale e influenzando l’agenda climatica, ha ostacolato lo sviluppo dei Paesi del Sud. Perdendo la competizione, anche all’interno delle regole che esso stesso aveva stabilito, l’Occidente ricorre ora a barriere proibitive e a varie forme di protezionismo. Ad esempio, gli Stati Uniti hanno di fatto minato il ruolo dell’Organizzazione mondiale del commercio come regolatore del commercio internazionale. Tutto sta ristagnando. Stanno esercitando pressioni non solo sui loro concorrenti, ma anche sui loro alleati – basta vedere come stanno sfruttando le economie europee, già fragili e sull’orlo della recessione.

I Paesi occidentali hanno congelato parte dei beni e delle riserve valutarie della Russia e ora intendono legittimarne l’appropriazione definitiva. Tuttavia, nonostante tutte le manovre, il furto è un furto e non resterà impunito.

Il problema va oltre questi atti specifici. Sequestrando i beni russi, l’Occidente è un passo più vicino a distruggere il sistema che esso stesso ha creato e che, per decenni, ha garantito la sua prosperità permettendogli di consumare più di quanto guadagnasse e attirando fondi da tutto il mondo attraverso debiti e impegni. Oggi sta diventando chiaro a tutti i Paesi, le imprese e i fondi sovrani che i loro beni e le loro riserve non sono del tutto sicuri, né dal punto di vista legale né da quello economico. Il prossimo ad essere espropriato dagli Stati Uniti e dall’Occidente potrebbe essere chiunque: anche i fondi sovrani stranieri potrebbero essere presi di mira.

Il sistema finanziario, basato sulle valute di riserva occidentali, è sempre più soggetto a sfiducia. C’è ora sfiducia nei confronti dei titoli di debito e delle obbligazioni occidentali, nonché di alcune banche europee, che un tempo erano considerate luoghi sicuri in cui depositare i capitali. Gli investitori si rivolgono ora all’oro e adottano misure per proteggere i loro beni.

È indispensabile intensificare seriamente lo sviluppo di meccanismi economici bilaterali e multilaterali efficaci e sicuri, in alternativa a quelli controllati dall’Occidente. Ciò include lo sviluppo di regolamenti nelle valute nazionali, la creazione di sistemi di pagamento indipendenti e la creazione di catene di approvvigionamento che aggirino i canali ostacolati o compromessi dall’Occidente.

Allo stesso tempo, è essenziale proseguire gli sforzi per sviluppare corridoi di trasporto internazionali in Eurasia, di cui la Russia è il nucleo geografico naturale.

Esorto il Ministero degli Esteri a fornire il massimo sostegno allo sviluppo di accordi internazionali in tutti questi settori. Questi accordi sono di vitale importanza per rafforzare la cooperazione economica tra il nostro Paese e i nostri partner, e potrebbero anche dare nuovo impulso alla costruzione di un vasto partenariato eurasiatico. È questo partenariato che potrebbe fungere da base socio-economica per un nuovo sistema di sicurezza indivisibile in Europa.

Il presidente della commissione della Duma di Stato russa per gli affari della Comunità degli Stati Indipendenti, l’integrazione eurasiatica e le relazioni con i compatrioti, Leonid Kalashnikov (al centro), prima dell’inizio della riunione. Dmitry Azarov/Kommersant/Sipa USA

Cari colleghi,

L’obiettivo delle nostre proposte è quello di creare un sistema in cui tutti gli Stati possano avere fiducia nella propria sicurezza. Solo in un ambiente di questo tipo possiamo prevedere un approccio veramente costruttivo per risolvere i numerosi conflitti che esistono oggi. I deficit di sicurezza e di fiducia reciproca non sono limitati al continente eurasiatico; ci sono tensioni crescenti in tutto il mondo. Siamo consapevoli della crescente interconnessione e interdipendenza del globo – la crisi ucraina ne è un tragico esempio, con ripercussioni sull’intero pianeta.

È essenziale sottolineare che la crisi in Ucraina non è semplicemente un conflitto tra due Stati, e ancor meno tra due popoli in conflitto. Se così fosse, russi e ucraini – che condividono storia, cultura e legami familiari e umani – avrebbero probabilmente trovato una soluzione equa alle loro differenze.

Le radici di questo conflitto non risiedono nelle tensioni bilaterali: gli eventi in Ucraina sono il risultato diretto degli sviluppi nel mondo e in Europa alla fine del XX secolo e all’inizio del XXI, il risultato di una politica occidentale aggressiva, avventata e spesso avventurosa, perseguita molto prima dell’avvio di qualsiasi operazione militare.

Come ho già sottolineato, le élite dei Paesi occidentali hanno posto le basi per una nuova ristrutturazione geopolitica del mondo dopo la fine della Guerra Fredda, creando e imponendo un ordine basato su regole in cui gli Stati forti, sovrani e autonomi sono spesso emarginati.

Per giungere a soluzioni efficaci e durature, è indispensabile riconoscere queste realtà. Ciò richiede un dialogo aperto, la comprensione reciproca e l’impegno a costruire un ordine internazionale basato sul rispetto reciproco, sulla sovranità degli Stati e sulla cooperazione pacifica. Solo così potremo veramente aspirare a una sicurezza e a una stabilità globali durature.

Questo dà alla politica di contenimento il suo pieno significato. Gli obiettivi di questa politica sono apertamente dichiarati da alcune personalità negli Stati Uniti e in Europa, che si riferiscono alla nozione di “decolonizzazione della Russia”. In realtà, si tratta di un tentativo di fornire una base ideologica per lo smembramento della nostra patria secondo linee nazionali. Il progetto di smembrare l’Unione Sovietica e la Russia è in discussione da molto tempo ed è una realtà che tutti i membri di questo Parlamento conoscono bene.

Per realizzare questa strategia, i Paesi occidentali hanno adottato una politica di assorbimento e sviluppo politico-militare dei territori a noi vicini. Hanno lanciato cinque, ora sei ondate di espansione della NATO, cercando di fare dell’Ucraina la loro testa di ponte e di polarizzarla contro la Russia. A tal fine, hanno investito ingenti fondi e risorse, comprato politici e interi partiti, riscritto la storia e i programmi educativi, sostenendo e coltivando gruppi neonazisti e radicali. Il loro obiettivo era minare i nostri legami interstatali, dividere i nostri popoli e metterli l’uno contro l’altro.

Il sud-est dell’Ucraina, una regione che per secoli ha fatto parte della Grande Russia storica, ha resistito con determinazione a questa politica. Anche dopo la dichiarazione di indipendenza dell’Ucraina nel 1991, gli abitanti di questa regione hanno continuato a intrattenere strette relazioni con il nostro Paese. Sono russi e ucraini, rappresentanti di varie nazionalità, uniti dalla lingua, dalla cultura, dalle tradizioni e dalla memoria storica russa.

I milioni di persone che vivono nel sud-est dell’Ucraina meritavano un’attenta considerazione della loro posizione, del loro stato d’animo, dei loro interessi e del loro voto, così come i presidenti e i politici ucraini dell’epoca nella loro corsa al potere. Purtroppo, invece di rispettare queste voci, le autorità optarono per l’astuzia, le manovre politiche e spesso l’inganno, promettendo una cosiddetta scelta europea ed evitando una rottura completa con la Russia, consapevoli dell’importanza del sostegno dell’Ucraina sudorientale, una regione politicamente influente. Questa ambivalenza è perdurata per anni dopo la dichiarazione di indipendenza.

L’Occidente ha chiaramente riconosciuto questa realtà molto tempo fa. I suoi rappresentanti hanno compreso le sfide persistenti in questa regione e si sono resi conto che, nonostante i loro sforzi, nessuna propaganda avrebbe potuto cambiare radicalmente la situazione. Anche dopo aver tentato varie manovre politiche, è apparso chiaro che era difficile trasformare radicalmente le opinioni profondamente radicate e le identità storiche della maggioranza della popolazione dell’Ucraina sudorientale, in particolare tra le generazioni più giovani, che avevano stretti legami con la Russia.

Di fronte a questa resistenza, alcuni hanno scelto di usare la forza, emarginare la regione e ignorare le sue opinioni. Hanno fomentato e finanziato un colpo di Stato armato, approfittando dei disordini politici interni all’Ucraina per raggiungere i loro obiettivi.

Un’ondata di violenza, pogrom e omicidi ha investito le città ucraine in seguito alla presa di potere dei radicali a Kiev. I loro slogan aggressivi e nazionalisti, tra cui la riabilitazione degli scagnozzi nazisti, sono stati elevati al rango di ideologia di Stato. Hanno lanciato un programma per eliminare la lingua russa dallo Stato e dalla sfera pubblica, mentre hanno intensificato la pressione sui credenti ortodossi e interferito negli affari della Chiesa, portando infine a uno scisma. Questa interferenza sembra essere accettata come normale, mentre altre distrazioni artistiche distolgono l’attenzione, il tutto con il pretesto di opporsi alla Russia.

In opposizione a questo colpo di Stato, milioni di persone in Ucraina, soprattutto nelle regioni orientali, hanno resistito, nonostante le minacce di rappresaglie e di terrore. Di fronte ai preparativi delle nuove autorità di Kiev per un attacco alla Crimea russofona, che era stata trasferita all’Ucraina nel 1954 in violazione delle norme legali e procedurali, i Crimeani e gli abitanti di Sebastopoli sono stati sostenuti. La loro scelta è stata chiara e nel marzo 2014 è avvenuta la storica riunificazione della Crimea e di Sebastopoli alla Russia.

In città come Kharkiv, Kherson, Odessa, Zaporizhia, Donetsk, Luhansk e Mariupol, le manifestazioni pacifiche contro il colpo di Stato sono state represse, scatenando il terrore del regime di Kiev e dei gruppi nazionalisti. I tragici eventi di queste regioni sono impressi nella nostra memoria collettiva e testimoniano le conseguenze di questo periodo tumultuoso.

Nel maggio 2014 si sono svolti i referendum sullo status delle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, dove la maggioranza assoluta dei residenti ha votato a favore dell’indipendenza e della sovranità. La legittimità di questa espressione di volontà solleva immediatamente una domanda: i residenti avevano il diritto di fare questa dichiarazione di indipendenza? Voi che siete presenti in questa sala ovviamente capite che è così, che avevano tutti i diritti e la legittimità di farlo, in conformità con il diritto internazionale, compreso il diritto dei popoli all’autodeterminazione, come sancito dall’articolo 1, paragrafo 2, della Carta delle Nazioni Unite.

A questo proposito, è importante ricordare il precedente del Kosovo. Abbiamo già discusso di questo precedente in diverse occasioni e lo ripropongo ora. Gli stessi Paesi occidentali hanno riconosciuto la secessione del Kosovo dalla Serbia nel 2008 in una situazione simile. Il 22 luglio 2010, la Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite ha confermato che non esiste un divieto generale nel diritto internazionale contro una dichiarazione unilaterale di indipendenza, come stabilito dall’articolo 1(2) della Carta delle Nazioni Unite. Ha inoltre affermato che le parti di un Paese che decidono di dichiarare la propria indipendenza non sono obbligate a consultare gli organi centrali del loro ex Stato.

Quindi queste repubbliche – Donetsk e Luhansk – avevano il diritto di dichiarare la loro indipendenza? Certo che sì. La questione non può essere affrontata in altro modo.

Il regime di Kiev ha ignorato completamente la scelta del popolo e ha lanciato una guerra totale contro i nuovi Stati indipendenti, le Repubbliche popolari del Donbass, utilizzando aerei, artiglieria e carri armati. Queste città pacifiche sono state bombardate, bombardate e intimidite. Di fronte a questa aggressione, il popolo del Donbass ha preso le armi per difendere le proprie vite, le proprie case, i propri diritti e i propri legittimi interessi.

Negli ambienti occidentali persiste la tesi che la Russia abbia iniziato questa guerra e sia quindi l’aggressore, giustificando azioni come colpire il suo territorio con sistemi d’arma occidentali, mentre l’Ucraina viene dipinta come legittimamente in grado di difendersi.

È fondamentale sottolineare ancora una volta che non è stata la Russia a iniziare questa guerra, ma il regime di Kiev. Dopo che la popolazione di una parte dell’Ucraina ha dichiarato la propria indipendenza in conformità con il diritto internazionale, è stato il regime di Kiev a iniziare le ostilità e a continuare a perpetrarle. Questa è un’aggressione, a meno che non si riconosca il diritto di questi popoli a dichiarare la propria indipendenza. Coloro che hanno sostenuto la macchina da guerra del regime di Kiev sono quindi complici dell’aggressore.

Il ricorso a principi derivati dalla Carta delle Nazioni Unite è tipico della retorica di Putin, che consiste nel distorcere i fatti – e il diritto – mobilitando un riferimento implicitamente presentato come occidentale. Come ha sottolineato Alain Pellet sulle nostre pagine, “raramente, con l’eccezione della Germania nazista ai suoi tempi, uno Stato ha violato così tanti principi e regole del diritto internazionale in un lasso di tempo così breve. Non c’è dubbio che si tratti di una politica deliberata, che fa parte del desiderio del dittatore russo di sfidare l’ordine giuridico internazionale del dopoguerra – fingendo di volerlo riportare alla sua purezza originaria”.

Nel 2014, la popolazione del Donbass ha resistito a questa situazione. Le milizie locali hanno tenuto duro, respingendo gli aggressori da Donetsk e Luhansk. Speravamo che questo avrebbe dato tregua a coloro che avevano iniziato il conflitto. Per porre fine allo spargimento di sangue, la Russia ha chiesto l’avvio di negoziati, che sono iniziati con la partecipazione di Kiev e dei rappresentanti delle repubbliche del Donbass, con il sostegno di Russia, Germania e Francia.

Nonostante le difficoltà incontrate, nel 2015 sono stati conclusi gli accordi di Minsk. Abbiamo preso sul serio questi accordi e abbiamo sperato di risolvere la situazione in conformità con il processo di pace e il diritto internazionale. Ritenevamo che ciò avrebbe portato a tenere in considerazione gli interessi legittimi del Donbass e a inserire nella Costituzione uno status speciale per queste regioni, preservando al contempo l’unità territoriale dell’Ucraina. Eravamo pronti a farlo e a convincere la popolazione di queste regioni a risolvere i loro problemi in questo modo. In diverse occasioni, abbiamo proposto diversi compromessi e soluzioni.

Tuttavia, tutto questo è stato rifiutato. Gli accordi di Minsk sono stati semplicemente rifiutati da Kiev. Come hanno ammesso in seguito i vertici ucraini, nessuno degli articoli di questi accordi faceva al caso loro. Hanno semplicemente mentito e distorto la realtà il più possibile.

Anche i co-autori e garanti degli accordi di Minsk, l’ex cancelliere tedesco e l’ex presidente francese, hanno infine ammesso che non c’erano piani per la loro attuazione. Hanno ammesso di aver semplicemente cercato di mantenere lo status quo per guadagnare tempo e rafforzare le forze armate ucraine equipaggiandole. Ci hanno semplicemente ingannato ancora una volta.

Invece di impegnarsi in un vero processo di pace e di perseguire la politica di reintegrazione e riconciliazione nazionale che sosteneva di promuovere, Kiev ha bombardato il Donbass per otto anni. Sono stati organizzati atti terroristici, omicidi e un blocco brutale. Per tutti questi anni, gli abitanti del Donbass, compresi donne, bambini e anziani, sono stati disumanizzati, trattati come cittadini di seconda classe e minacciati di rappresaglie. Questa situazione equivale a un genocidio nel cuore dell’Europa del XXI secolo. Eppure l’Europa e gli Stati Uniti hanno fatto finta di non vedere e di non notare.

Tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022, il processo di Minsk è stato definitivamente insabbiato da Kiev e dai suoi alleati occidentali ed è stata pianificata una nuova massiccia offensiva contro il Donbass. Una grande forza armata ucraina si stava preparando a lanciare una nuova offensiva su Luhansk e Donetsk, con la chiara intenzione di effettuare una pulizia etnica e di provocare enormi perdite di vite umane, con la conseguenza di centinaia di migliaia di rifugiati. Siamo stati costretti ad agire per evitare questa catastrofe, per proteggere i civili – non avevamo altra scelta.

La Russia ha finalmente riconosciuto le Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk. Dopo otto anni di mancato riconoscimento, abbiamo sempre sperato di raggiungere un accordo. Il risultato è ora noto. Il 21 febbraio 2022 abbiamo firmato i trattati di amicizia, cooperazione e assistenza reciproca con queste repubbliche, che ora abbiamo riconosciuto. Le Repubbliche popolari avevano il diritto di rivolgersi a noi per ottenere sostegno se avevamo riconosciuto la loro indipendenza? E noi avevamo il diritto di riconoscere la loro indipendenza così come loro avevano il diritto di dichiarare la loro sovranità in conformità con gli articoli che ho citato e con le decisioni della Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite? Avevano il diritto di dichiarare la loro indipendenza? Sì, lo avevano. Ma se avevano questo diritto e lo hanno usato, allora significa che avevamo il diritto di concludere un trattato con loro – e lo abbiamo fatto, ripeto, nel pieno rispetto del diritto internazionale e dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite.

Grigory Karasin (a destra), rappresentante presso il Consiglio della Federazione Russa dell’organo esecutivo del potere statale nella regione di Sakhalin, e Igor Kostyukov (a sinistra), Capo della Direzione principale dello Stato Maggiore delle Forze Armate russe – Vice Capo dello Stato Maggiore delle Forze Armate russe, prima dell’inizio dell’incontro © Dmitry Azarov/Kommersant/Sipa USA

Allo stesso tempo, abbiamo fatto appello alle autorità di Kiev affinché ritirassero le loro truppe dal Donbass. Ci siamo messi in contatto e abbiamo detto loro immediatamente: ritirate le truppe e potremo risolvere la crisi in modo pacifico. Purtroppo, questa proposta è stata rapidamente respinta e semplicemente ignorata, anche se offriva una reale possibilità di trovare una soluzione pacifica alla situazione.

Il 24 febbraio 2022, la Russia è stata costretta ad annunciare l’inizio di un’operazione militare speciale. Ho spiegato gli obiettivi di questa operazione: proteggere la popolazione del Donbass, ripristinare la pace, smilitarizzare e denazificare l’Ucraina, riducendo così le minacce al nostro Stato e ripristinando l’equilibrio della sicurezza in Europa.

Nonostante ciò, abbiamo continuato a dare priorità alla risoluzione di questi obiettivi con mezzi politici e diplomatici. Non appena è iniziata l’operazione, il nostro Paese ha avviato negoziati con i rappresentanti del regime di Kiev. I colloqui si sono svolti prima in Bielorussia e poi in Turchia. Il nostro messaggio principale è stato chiaro: rispettate la scelta del Donbass e la volontà dei suoi abitanti, ritirate le truppe e smettete di bombardare città e villaggi pacifici. Abbiamo dichiarato che avremmo affrontato il resto delle questioni in futuro. Ma la risposta è stata un rifiuto categorico di cooperare. Era chiaro che questo ordine proveniva dai padroni occidentali, e parlerò anche di questo.

All’epoca, le nostre truppe si sono effettivamente avvicinate a Kiev nel febbraio-marzo 2022. Ci sono molte speculazioni in merito, sia in Ucraina che in Occidente, sia allora che oggi.

Vorrei sottolineare che le nostre formazioni si sono effettivamente posizionate vicino a Kiev e che i dipartimenti militari e il blocco di potere hanno discusso varie proposte per le nostre possibili azioni future. Tuttavia, non c’è stata alcuna decisione politica di prendere d’assalto una città di tre milioni di persone, nonostante le voci e le speculazioni.

In realtà, si è trattato di un’operazione per incoraggiare il regime ucraino a negoziare per la pace. Le truppe erano lì per spingere la parte ucraina verso il tavolo dei negoziati, con l’obiettivo di trovare soluzioni accettabili e porre fine alla guerra iniziata da Kiev contro il Donbass nel 2014, risolvendo al contempo i problemi che minacciano la sicurezza del nostro Paese, della Russia.

Sorprendentemente, è stato possibile raggiungere accordi che, in linea di principio, erano accettabili sia per Mosca che per Kiev. Questi accordi sono stati messi su carta e siglati a Istanbul dal capo della delegazione negoziale ucraina. Ciò indica che le autorità di Kiev erano soddisfatte di questa soluzione.

Il documento si chiamava Trattato sulla neutralità permanente e sulle garanzie di sicurezza per l’Ucraina. Sebbene si trattasse di un compromesso, i suoi punti essenziali erano in linea con le nostre esigenze di principio e permettevano di risolvere i compiti principali, anche all’inizio dell’operazione militare speciale. Tra questi, sorprendentemente, la smilitarizzazione e la denazificazione dell’Ucraina. Siamo riusciti a trovare alcuni punti di convergenza difficili, anche se complessi. Ad esempio, l’Ucraina doveva adottare una legge che bandisse l’ideologia nazista e tutte le sue manifestazioni.

In cambio di garanzie di sicurezza internazionali, l’Ucraina avrebbe accettato di limitare le dimensioni delle proprie forze armate, di non aderire ad alleanze militari, di non autorizzare basi militari straniere sul proprio territorio e di non organizzare esercitazioni militari. Tutto questo è stato stabilito nel documento.

Comprendendo anche le preoccupazioni dell’Ucraina in materia di sicurezza, abbiamo accettato che l’Ucraina, pur non entrando formalmente nella NATO, beneficiasse di garanzie quasi simili a quelle dei membri della NATO. Sebbene non sia stata una decisione facile per noi, abbiamo riconosciuto la legittimità delle preoccupazioni dell’Ucraina in materia di sicurezza. Queste formulazioni sono state proposte da Kiev e noi le abbiamo generalmente accettate, rendendoci conto che l’obiettivo principale era quello di porre fine allo spargimento di sangue e alla guerra nel Donbass.

Il 29 marzo 2022 abbiamo ritirato le nostre truppe da Kiev con la garanzia che era necessario creare condizioni favorevoli al completamento del processo di negoziazione politica. Ci è stato spiegato che era impossibile che una delle parti firmasse tali accordi, come sostenevano i nostri colleghi occidentali, sotto la minaccia delle armi. Siamo stati d’accordo.

Tuttavia, il giorno dopo il ritiro delle truppe russe da Kiev, i leader ucraini hanno sospeso la loro partecipazione al processo negoziale, inscenando una nota provocazione a Boutcha, e hanno abbandonato la versione preparata degli accordi. È ormai chiaro che questa vile provocazione era necessaria per giustificare il rifiuto dei risultati raggiunti durante i negoziati. La via della pace è stata ancora una volta rifiutata.

Ora sappiamo che ciò è avvenuto per volere dei manipolatori occidentali, tra cui l’ex Primo Ministro britannico, durante la sua visita a Kiev, dove ha dichiarato esplicitamente: nessun accordo, dobbiamo sconfiggere la Russia sul campo di battaglia per ottenere la sua sconfitta strategica. Hanno iniziato ad armare l’Ucraina e hanno parlato apertamente della necessità di infliggerci una sconfitta strategica. Poco dopo, il Presidente dell’Ucraina ha emanato un decreto che vieta ai suoi rappresentanti, e persino a se stesso, di condurre negoziati con Mosca. Questo tentativo di risolvere il problema con mezzi pacifici è stato un altro fallimento.

In questo passaggio, Putin riscrive completamente il corso degli eventi affermando di rendere pubblico un rapporto sui progressi dei negoziati – ovviamente non verificabili – che erano stati sospesi dai “manipolatori occidentali”. Sappiamo che il motivo principale per cui le truppe russe non sono entrate a Kiev è la loro inferiorità tattica. Tuttavia, è interessante notare che questo discorso è uno dei pochi, se non il primo, in cui Vladimir Putin si preoccupa di entrare nei dettagli – fuorvianti – dei primi mesi di guerra.

A proposito di negoziati, vorrei rendere pubblico un altro episodio potenzialmente rilevante. Non ne ho parlato prima, ma alcuni qui ne sono a conoscenza. Dopo che l’esercito russo ha occupato parti delle regioni di Kherson e Zaporijjia, alcuni politici occidentali si sono offerti di mediare per una fine pacifica del conflitto. Uno di loro era in visita di lavoro a Mosca il 5 marzo 2022. Abbiamo accettato i suoi sforzi di mediazione, soprattutto perché ha menzionato di aver ricevuto il sostegno dei leader di Germania e Francia, nonché di alti rappresentanti degli Stati Uniti, durante i nostri colloqui.

Durante la nostra conversazione, il nostro ospite straniero ha sollevato una domanda intrigante: perché le truppe russe sono presenti nell’Ucraina meridionale, in particolare nelle regioni di Kherson e Zaporijia, se il nostro obiettivo è aiutare il Donbass? La nostra risposta è stata che si trattava di una decisione che spettava allo Stato Maggiore russo al momento della pianificazione dell’operazione. Oggi posso aggiungere che questa strategia mirava ad aggirare alcune delle zone fortificate che le autorità ucraine avevano eretto negli otto anni precedenti nel Donbass, soprattutto per liberare Mariupol.

Poi, un altro collega straniero ha posto una domanda precisa – molto professionale, devo ammettere: le truppe russe rimarranno nelle regioni di Kherson e Zaporijia? E cosa è previsto per queste regioni una volta raggiunti gli obiettivi delle forze strategiche di difesa? Ho risposto dicendo che, nel complesso, non respingo l’idea di mantenere la sovranità ucraina su questi territori, a condizione che la Russia mantenga un solido collegamento terrestre con la Crimea.

Kiev dovrebbe cioè garantirci una servitù, ovvero un diritto di accesso legalmente formalizzato per la Russia alla penisola di Crimea attraverso le regioni di Kherson e Zaporijia. Questa decisione politica è fondamentale. Naturalmente, nella sua forma definitiva, non sarà presa unilateralmente, ma solo dopo consultazioni con il Consiglio di Sicurezza e altri organi competenti, e dopo averne discusso con la popolazione russa e ucraina, e in particolare con la popolazione delle regioni di Kherson e Zaporijia.

Alla fine abbiamo ascoltato le voci dei cittadini e indetto referendum per conoscere le loro opinioni. Abbiamo rispettato le decisioni prese dal popolo, sia nelle regioni di Kherson e Zaporizhia che nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov introduce il discorso di Putin. Dmitry Azarov/Kommersant/Sipa USA

A quel punto, nel marzo 2022, il nostro partner negoziale aveva espresso l’intenzione di recarsi a Kiev per continuare i colloqui con le controparti ucraine. Abbiamo accolto con favore questa iniziativa, così come tutti i tentativi di trovare una soluzione pacifica al conflitto, consapevoli che ogni giorno di combattimenti portava nuove e tragiche perdite. Tuttavia, in seguito abbiamo appreso che le autorità ucraine hanno rifiutato l’offerta di mediazione occidentale e hanno persino accusato il mediatore di assumere una posizione filo-russa, per così dire in modo categorico. Ma questa è ormai una questione di dettagli.

Oggi, come ho già sottolineato, la situazione è radicalmente cambiata. I cittadini di Kherson e Zaporijia hanno espresso la loro volontà attraverso i referendum e queste regioni, insieme alle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, sono ora parte integrante della Federazione Russa. L’unità del nostro Stato è inviolabile e la volontà del popolo di unirsi alla Russia è incrollabile. La questione è ormai definitivamente chiusa e non si può più tornare indietro.

Nella sua introduzione, Lavrov ha sottolineato l’azione del suo ministero: “Vorrei anche sottolineare che stiamo contribuendo attivamente a stabilire relazioni estere in Crimea e nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, nelle regioni di Zaporijjia e Kherson. A tal fine, il Ministero degli Affari Esteri ha già istituito i suoi uffici di rappresentanza a Donetsk e Luhansk e ha rafforzato le capacità dell’ufficio di rappresentanza a Simferopol”.

Voglio ribadire ancora una volta che è stato l’Occidente a contribuire a creare e ad aggravare la crisi ucraina, e ora sembra volerla prolungare all’infinito, indebolendo così i popoli russo e ucraino.

Le incessanti consegne di munizioni e armi ne sono un esempio lampante. Alcuni politici europei parlano addirittura della possibilità di dispiegare le loro truppe regolari in Ucraina. Tuttavia, è importante ricordare che oggi sono i veri leader dell’Ucraina – purtroppo non il popolo ucraino, ma le élite globaliste d’oltreoceano – a esercitare la loro influenza, cercando di scaricare sull’esecutivo ucraino il peso di decisioni impopolari, come l ‘ulteriore abbassamento dell’età di leva.

Oggi, come sappiamo, l’età di leva in Ucraina è di 25 anni, ma potrebbe essere ridotta a 23, o addirittura a 20, o addirittura a 18 per tutti. Allora, coloro che prendono queste decisioni impopolari sotto la pressione dell’Occidente saranno estromessi e sostituiti da altri, ugualmente dipendenti dall’Occidente ma non ancora macchiati da una reputazione negativa.

Forse è per questo che si sta pensando di annullare le prossime elezioni presidenziali in Ucraina. Coloro che sono attualmente al potere faranno tutto il possibile per rimanere al potere, per poi essere rimossi e sostituiti, continuando il loro lavoro secondo i piani.

A questo proposito, vorrei ricordarvi qualcosa che Kiev e l’Occidente preferiscono ignorare. Nel maggio 2014, la Corte costituzionale ucraina ha stabilito che il Presidente è eletto per un mandato di cinque anni, sia con elezioni straordinarie che regolari. Inoltre, la Corte ha osservato che lo status costituzionale del Presidente non prevedeva un mandato diverso da cinque anni. La decisione è stata definitiva e irrevocabile. Si tratta di un fatto giuridico indiscutibile.

Cosa significa questo per la situazione attuale?

Il mandato presidenziale del capo dell’Ucraina precedentemente eletto è scaduto, insieme alla sua legittimità, che non può essere ristabilita con manovre politiche. Non entrerò nei dettagli del contesto di questa decisione della Corte Costituzionale, ma è chiaro che era legata ai tentativi di legittimare il colpo di Stato del 2014. Tuttavia, questa decisione esiste e deve essere presa in considerazione. Mette in discussione qualsiasi tentativo di giustificare l’annullamento delle elezioni in corso.

In realtà, l’attuale tragedia dell’Ucraina è iniziata con un colpo di Stato incostituzionale nel 2014. Ripeto: l’attuale regime di Kiev ha origine da un putsch armato. E ora questa situazione si ripresenta come un boomerang: il potere esecutivo in Ucraina è ancora una volta usurpato e detenuto illegalmente, e quindi illegittimo.

Andrei anche oltre: l’annullamento delle elezioni è la manifestazione stessa della natura dell’attuale regime di Kiev, nato dal colpo di Stato del 2014. Rimanere al potere dopo l’annullamento delle elezioni è esplicitamente vietato dall’articolo 5 della Costituzione ucraina, che afferma che il diritto di determinare e modificare l’ordine costituzionale appartiene esclusivamente al popolo. Inoltre, queste azioni violano l’articolo 109 del Codice penale ucraino, che vieta espressamente di modificare o rovesciare con la forza l’ordine costituzionale dello Stato.

Anche il ricorso a convoluzioni pseudo-giuridiche è un luogo comune nei discorsi di Putin, che non è affatto infastidito dalle numerose contraddizioni che costellano le sue osservazioni nel tempo: in precedenti discorsi, ha semplicemente negato l’esistenza e la sovranità del Paese di cui si dichiara esperto costituzionale.

Nel 2014, questa usurpazione è stata giustificata in nome della rivoluzione. Oggi viene perpetrata con azioni militari. Ma la natura di queste azioni rimane invariata. Quello a cui stiamo assistendo è una collusione tra il ramo esecutivo del governo ucraino, la leadership della Verkhovna Rada e la maggioranza parlamentare sotto il suo controllo, finalizzata alla presa di potere dello Stato, che è un reato penale secondo la legge ucraina.

Inoltre, la Costituzione ucraina non prevede la possibilità di annullare o rinviare le elezioni presidenziali in caso di legge marziale, come si sta attualmente discutendo. La legge fondamentale ucraina prevede invece che, durante la legge marziale, le elezioni della Verkhovna Rada possano essere rinviate, ai sensi dell’articolo 83 della Costituzione del Paese.

La legislazione ucraina prevede quindi un’unica eccezione, che consente di estendere i poteri di un organo statale durante la legge marziale, ma questo riguarda solo la Verkhovna Rada. Di conseguenza, è stato stabilito lo status del Parlamento ucraino come organo che opera permanentemente sotto la legge marziale.

In altre parole, la Verkhovna Rada è oggi l’organo legittimo, a differenza dell’esecutivo. L’Ucraina non è una repubblica presidenziale, ma una repubblica parlamentare semipresidenziale. Questo è il punto principale.

Inoltre, il Presidente della Verkhovna Rada, che è il Presidente in carica, ha poteri speciali, in particolare nell’area della difesa, della sicurezza e del Comandante Supremo delle Forze Armate, ai sensi degli articoli 106 e 112. È tutto lì, nero su bianco.

Inoltre, nella prima metà di quest’anno, l’Ucraina ha concluso una serie di accordi bilaterali sulla cooperazione nel campo della sicurezza e del sostegno a lungo termine con diversi Paesi europei e con gli Stati Uniti d’America. Ma dal 21 maggio di quest’anno sono naturalmente sorti interrogativi sull’autorità e la legittimità dei rappresentanti ucraini che firmano tali documenti. Che firmino quello che vogliono: è ovvio che si tratta di una manovra politica e propagandistica. Gli Stati Uniti e i loro alleati stanno cercando di dare peso e legittimità ai loro protetti.

Se in un secondo momento gli Stati Uniti dovessero intraprendere una seria revisione legale di questo accordo – non parlo del suo contenuto, ma della sua validità giuridica – emergerebbe inevitabilmente la questione dell’autorità dei firmatari. A quel punto diventerebbe chiaro che è tutto fumo e niente arrosto: se la situazione fosse esaminata da vicino, l’intero edificio crollerebbe e l’accordo sarebbe invalido. Si può continuare a fingere che tutto sia normale, ma in realtà non lo è affatto: i documenti che ho citato e la Costituzione lo confermano.

Vorrei anche ricordarvi che dopo l’inizio dell’operazione militare speciale, l’Occidente ha lanciato una campagna aggressiva e poco diplomatica per isolare la Russia sulla scena internazionale. È ormai chiaro a tutti che questo tentativo è fallito, ma l’Occidente non ha abbandonato il suo piano di formare una coalizione internazionale anti-russa e di fare pressione sulla Russia. Ne siamo ben consapevoli.

Come sapete, hanno promosso attivamente l’idea ditenere in Svizzera una cosiddetta conferenza internazionale di alto livello sulla pace in Ucraina. Hanno intenzione di organizzarla subito dopo il vertice del G7, che è proprio il gruppo che ha scatenato il conflitto in Ucraina con le sue politiche. Ciò che gli organizzatori di questo incontro in Svizzera propongono non è altro che un’altra strategia per distogliere l’attenzione di tutti, ribaltare le cause e gli effetti della crisi ucraina e dare una certa legittimità alle attuali autorità esecutive in Ucraina.

È quindi logico che in Svizzera non verranno discusse questioni fondamentali riguardanti l’attuale crisi della sicurezza e della stabilità internazionale, né le vere radici del conflitto ucraino, nonostante tutti i tentativi di rendere più o meno accettabile l’agenda della conferenza.

Si tratterà probabilmente di una retorica demagogica generale e di una nuova serie di accuse contro la Russia. L’idea è ovvia: attirare il maggior numero possibile di Stati, per dare l’impressione che le prescrizioni e le regole occidentali siano condivise dall’intera comunità internazionale, il che significherebbe che il nostro Paese dovrebbe accettarle incondizionatamente.

Come sapete, naturalmente non siamo stati invitati a questo incontro in Svizzera. Non si tratta di un vero e proprio negoziato, ma del tentativo di un gruppo di Paesi di perseguire la propria linea politica e di risolvere a modo loro questioni che riguardano direttamente i nostri interessi e la nostra sicurezza.

Vorrei sottolineare che senza la partecipazione della Russia e un dialogo onesto e responsabile con noi, è impossibile raggiungere una soluzione pacifica in Ucraina e per la sicurezza globale in generale.

Se è vero che la Svizzera non ha inviato un invito alla parte russa – prevedendo un’opposizione di principio – il Ministro degli Affari Esteri della Confederazione Ignazio Cassis ha dichiarato che “non ci sarebbe stato alcun processo di pace senza la Russia”.

Attualmente, l’Occidente ignora i nostri interessi e proibisce a Kiev di negoziare con noi, mentre ci esorta ipocritamente a farlo. È semplicemente idiota: da un lato, vietano a Kiev di negoziare con noi, dall’altro, ci chiamano ai colloqui e insinuano che ci rifiutiamo di farlo. È completamente assurdo, ma purtroppo questa è la realtà in cui viviamo.

In primo luogo, chiediamo a Kiev di revocare il divieto autoimposto di negoziare con la Russia; in secondo luogo, siamo pronti a sederci al tavolo dei negoziati domani. Comprendiamo le particolarità della loro situazione giuridica, ma ci sono autorità legittime, in conformità con la loro Costituzione, come ho appena detto, e ci sono persone con cui possiamo negoziare. Siamo pronti. Le nostre condizioni per avviare una conversazione di questo tipo sono semplici e possono essere riassunte come segue.

Vorrei ripercorrere la sequenza degli eventi per chiarire che quanto sto per dire non è una reazione alla situazione attuale, ma piuttosto una posizione costante da parte nostra, incentrata sulla ricerca della pace.

Le nostre condizioni sono semplici: le truppe ucraine devono essere completamente ritirate dalle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, nonché dalle regioni di Kherson e Zaporijjia, e tale ritiro deve riguardare l’intero territorio di queste regioni all’interno dei loro confini amministrativi così come esistevano al momento della loro integrazione nell’Ucraina.

Contrariamente alle affermazioni di Putin, le sue richieste in cambio di un cessate il fuoco sembrano essere strettamente legate alla situazione sul campo.

Prima dell’invasione su larga scala, l’esercito russo controllava circa il 7% del territorio ucraino. Con 25.961 km², la Crimea rappresenta da sola il 4,33% della superficie totale del Paese. Ad oggi, Mosca è presente su 80.098 km² nei quattro oblast’ del sud e dell’est del Paese interessati dalle rivendicazioni russe: Kherson, Zaporijia, Luhansk e Donetsk. Dal 17,71% del territorio ucraino, la proposta di Mosca porterebbe il suo controllo al 21,92%, secondo i nostri calcoli – più di un quinto della superficie totale del Paese. Putin chiede quindi a Kiev di cedere 131.222 km² di territorio (compresa la Crimea), pari alla superficie della Grecia.

In realtà, l’avanzata dell’esercito russo in Ucraina è relativamente stagnante – occupando circa il 18% del territorio – dalla fine del 2022. Con le sue richieste, Putin vorrebbe chiaramente tornare ai livelli precedenti l’offensiva ucraina nella regione di Kharkiv del settembre-ottobre 2022.

Non appena Kiev dichiarerà la sua volontà di prendere tale decisione e inizierà il ritiro effettivo delle sue truppe da queste regioni, oltre a notificare ufficialmente l’abbandono dei suoi piani di adesione alla NATO, ordineremo immediatamente un cessate il fuoco e avvieremo i colloqui. Lo faremo immediatamente. Naturalmente, garantiremo anche il ritiro sicuro e senza ostacoli delle unità e delle formazioni ucraine.

Ci auguriamo sinceramente che Kiev prenda una decisione indipendente, basata sulle realtà attuali e guidata dai veri interessi nazionali del popolo ucraino, e non sotto l’influenza dell’Occidente, anche se nutriamo seri dubbi al riguardo.

Tuttavia, è importante ricordare la cronologia degli eventi per comprendere meglio il contesto. Permettetemi di soffermarmi su questi punti.

Durante gli eventi di Maïdan a Kiev nel 2013-2014, la Russia si è ripetutamente offerta di contribuire a una risoluzione costituzionale della crisi, che in realtà era orchestrata dall’esterno. Ripensiamo agli eventi di fine febbraio 2014.

Il 18 febbraio, a Kiev sono scoppiati scontri armati provocati dall’opposizione. Diversi edifici, tra cui il municipio e la Casa dei sindacati, sono stati incendiati. Il 20 febbraio, ignoti cecchini hanno aperto il fuoco su manifestanti e polizia, indicando chiaramente l’intenzione di radicalizzare la situazione e portare alla violenza. Le persone che sono scese in piazza a Kiev per esprimere il loro malcontento nei confronti del governo sono state deliberatamente usate come carne da cannone. È una tattica che si ripete oggi, quando si mobilitano le persone per mandarle al macello. Eppure, all’epoca, c’era l’opportunità di risolvere la crisi in modo civile.

Incontro tra il Presidente russo Vladimir Putin e i capi del Ministero degli Affari Esteri russo (MAE) presso il centro stampa del MAE russo. Zamir Kabulov (a sinistra), direttore del secondo dipartimento asiatico del Ministero degli Esteri russo, e Yuri Ushakov (a destra), assistente del Presidente russo, prima dell’incontro © Dmitry Azarov/Kommersant/Sipa USA

Il 21 febbraio è stato firmato un accordo tra l’allora Presidente dell’Ucraina e l’opposizione per risolvere la crisi politica. I garanti di questo accordo erano, come noto, i rappresentanti ufficiali di Germania, Polonia e Francia. L’accordo prevedeva il ritorno a una forma di governo parlamentare-presidenziale, l’indizione di elezioni presidenziali anticipate, la formazione di un governo di fiducia nazionale, nonché il ritiro delle forze dell’ordine dal centro di Kiev e la consegna delle armi da parte dell’opposizione.

È importante notare che la Verkhovna Rada ha approvato una legge che esclude qualsiasi procedimento penale contro i manifestanti. Un simile accordo avrebbe potuto porre fine alle violenze e riportare la situazione all’interno del quadro costituzionale. Questo accordo è stato firmato, anche se a Kiev e in Occidente spesso si preferisce dimenticarlo.

Oggi vorrei condividere un altro fatto cruciale che finora non è stato reso pubblico. Si tratta di una conversazione avvenuta il 21 febbraio, su iniziativa degli Stati Uniti. Durante questo colloquio, il leader americano ha sostenuto con forza l’accordo raggiunto tra le autorità e l’opposizione a Kiev. Lo ha addirittura descritto come un vero passo avanti, che offre al popolo ucraino la possibilità di porre fine alla violenza che minacciava di intensificarsi.

Durante i nostri colloqui, abbiamo concordato una formula comune: la Russia si sarebbe impegnata a persuadere il Presidente ucraino a dare prova di moderazione, evitando di usare l’esercito e le forze dell’ordine contro i manifestanti. In cambio, gli Stati Uniti si sarebbero impegnati a richiamare all’ordine l’opposizione, incoraggiandola a liberare gli edifici amministrativi e a calmare la situazione nelle strade.

L’obiettivo era creare le condizioni per un ritorno alla normalità nel Paese, all’interno del quadro costituzionale e legale. Abbiamo rispettato i nostri impegni. Il Presidente ucraino dell’epoca, Yanukovych, che non aveva intenzione di usare l’esercito, mantenne un atteggiamento di moderazione e ritirò persino altre unità di polizia da Kiev.

E i nostri colleghi occidentali? Nella notte del 22 febbraio e per tutto il giorno successivo, mentre il Presidente Yanukovych si recava a Kharkiv per un congresso dei deputati delle regioni sud-orientali dell’Ucraina e della Crimea, i radicali hanno preso il controllo dell’edificio della Rada, dell’amministrazione presidenziale e del governo con la forza. Nonostante tutti gli accordi e le garanzie occidentali, né gli Stati Uniti né l’Europa hanno agito per impedire questa escalation. Nessun garante dell’accordo politico ha chiesto all’opposizione di restituire le strutture amministrative sequestrate e di rinunciare alla violenza. Sembra addirittura che abbiano approvato il modo in cui si sono svolti gli eventi.

Inoltre, il 22 febbraio 2014, la Verkhovna Rada ha approvato una risoluzione che annunciava le presunte dimissioni del Presidente Yanukovych, in palese violazione della Costituzione ucraina, e ha fissato elezioni straordinarie per il 25 maggio. Si è trattato di un colpo di Stato armato, orchestrato dall’esterno. I radicali ucraini, con il tacito consenso e il sostegno diretto dell’Occidente, hanno deliberatamente sabotato tutti i tentativi di risolvere la situazione in modo pacifico.

All’epoca, abbiamo implorato Kiev e le capitali occidentali di dialogare con la popolazione dell’Ucraina sud-orientale, insistendo sul rispetto dei loro interessi, diritti e libertà. Ma il regime emerso dal colpo di Stato ha preferito la strada della guerra, lanciando operazioni punitive contro il Donbass nella primavera e nell’estate del 2014. Ancora una volta, la Russia ha chiesto la pace.

Abbiamo fatto ogni sforzo per risolvere questi problemi acuti attraverso gli accordi di Minsk, ma l’Occidente e le autorità di Kiev, come ho sottolineato, si sono rifiutati di onorarli. Nonostante le loro assicurazioni verbali sull’importanza degli accordi di Minsk e il loro impegno per la loro attuazione, hanno organizzato un blocco del Donbass e preparato un’offensiva militare per schiacciare le Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk.

Gli accordi di Minsk sono stati definitivamente insabbiati dal regime di Kiev e dall’Occidente. Permettetemi di sottolineare ancora una volta questo punto cruciale. Di conseguenza, nel 2022, la Russia è stata costretta a lanciare un’operazione militare speciale per porre fine alla guerra nel Donbass e proteggere i civili dal genocidio.

Nonostante ciò, fin dall’inizio abbiamo continuato a proporre soluzioni diplomatiche alla crisi, compresi i negoziati in Bielorussia e Turchia, nonché il ritiro delle truppe da Kiev per facilitare la firma degli accordi di Istanbul, che sono stati sostanzialmente accettati da tutte le parti. Tuttavia, anche questi tentativi sono stati respinti. L’Occidente e Kiev hanno persistito nel loro desiderio di sconfiggerci. Ma come sappiamo, tutte le loro manovre sono fallite.

Oggi presentiamo una nuova proposta di pace, concreta e realizzabile. Se Kiev e le capitali occidentali la rifiutano come prima, in definitiva sono affari loro. È loro responsabilità politica e morale continuare lo spargimento di sangue. È chiaro che le realtà sul terreno e in prima linea continueranno a evolversi in modo sfavorevole per il regime di Kiev e le condizioni per avviare i negoziati saranno diverse.

Vorrei sottolineare il punto principale: la nostra proposta non è una semplice tregua temporanea o un cessate il fuoco, come vorrebbe l’Occidente, per consentire al regime di Kiev di recuperare le perdite, riarmarsi e prepararsi a una nuova offensiva. Ripeto: l’obiettivo non è congelare il conflitto, ma porvi definitivamente fine.

L’Ucraina ha immediatamente annunciato che non accetterà le richieste russe, che considera ultimatum “sentiti molte volte”. Esponendo pubblicamente condizioni che Kiev ha ritenuto inaccettabili in passato, Putin sta cercando di sminuire l’importanza del vertice di pace che l’Ucraina ha organizzato questo fine settimana in Svizzera.

E ripeto ancora una volta: non appena Kiev accetterà un processo simile a quello che proponiamo oggi, accettando il ritiro completo delle sue truppe dalle regioni della DNR e della LNR [le repubbliche separatiste di Donetsk e Luhansk], di Zaporijjia e di Kherson, e inizierà effettivamente questo processo, saremo pronti ad avviare i negoziati senza indugio.

La nostra posizione di principio è chiara: lo status neutrale, non allineato e non nucleare dell’Ucraina, la sua smilitarizzazione e denazificazione, in particolare come abbiamo ampiamente concordato nei colloqui di Istanbul del 2022. Tutti i dettagli della smilitarizzazione sono stati chiaramente stabiliti in quei colloqui.

Naturalmente, i diritti, le libertà e gli interessi dei cittadini di lingua russa in Ucraina devono essere pienamente garantiti e le nuove realtà territoriali, compreso lo status della Crimea, di Sebastopoli, delle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk e delle regioni di Kherson e Zaporijia come entità costitutive della Federazione Russa, devono essere riconosciute. In futuro, tutte queste disposizioni e principi fondamentali dovranno essere formalizzati in accordi internazionali. Ciò include naturalmente la cancellazione di tutte le sanzioni occidentali contro la Russia.

Sono fermamente convinto che la Russia stia proponendo un modo concreto per porre fine alla guerra in Ucraina. Aspiriamo a voltare la tragica pagina della storia e a cominciare a ristabilire relazioni di fiducia e buon vicinato tra Russia e Ucraina, e più in generale tra tutti i Paesi europei. Anche se ciò si rivelerà difficile, siamo pronti a procedere gradualmente, passo dopo passo.

Una volta risolta la crisi ucraina, potremmo pensare, in collaborazione con i nostri partner della CSTO e della SCO, nonché con gli Stati occidentali, compresi quelli europei, aperti al dialogo, di affrontare il compito fondamentale che ho sottolineato all’inizio del mio intervento: la creazione di un sistema di sicurezza eurasiatico indivisibile che tenga conto degli interessi di tutti gli Stati del continente, senza eccezioni.

Naturalmente, un ritorno rigoroso alle proposte di sicurezza che abbiamo presentato 25, 15 o anche due anni fa è impossibile, visti gli eventi che si sono verificati e i cambiamenti avvenuti da allora. Tuttavia, i principi di base e l’oggetto stesso del dialogo rimangono invariati. La Russia riconosce la propria responsabilità per la stabilità globale ed è disposta a dialogare con tutti i Paesi. Tuttavia, questo non dovrebbe essere una simulazione di un processo di pace per servire gli interessi egoistici o particolari di qualcuno, ma una conversazione seria e approfondita su tutte le questioni relative alla sicurezza globale.

Cari colleghi,

Sono convinto che lei comprenda la portata delle sfide che la Russia deve affrontare e ciò che dobbiamo fare, in particolare nel campo della politica estera.

Vi auguro sinceramente di riuscire in questo arduo compito di garantire la sicurezza della Russia, difendere i nostri interessi nazionali, rafforzare la posizione del Paese sulla scena mondiale, promuovere i processi di integrazione e sviluppare le relazioni bilaterali con i nostri partner.

Da parte nostra, il governo continuerà a fornire al dipartimento diplomatico e a tutti coloro che sono coinvolti nell’attuazione della politica estera della Russia il sostegno necessario.

Vi ringrazio ancora una volta per il vostro impegno, la vostra pazienza e per aver ascoltato le mie parole. Sono sicuro che insieme avremo successo.

Vorrei esprimere la mia sincera gratitudine.

Vladimir Putin al termine del suo discorso. Foto AP/Alexander Zemlianichenko

SERGEI LAVROV

Caro Presidente, vorrei innanzitutto esprimere la mia gratitudine per l’apprezzamento del nostro lavoro.

Ci stiamo impegnando, le circostanze ci spingono a raddoppiare gli sforzi e continueremo a farlo, perché tutti riconoscono l’importanza cruciale delle nostre azioni per il futuro del Paese, per il benessere del nostro popolo e, in una certa misura, per il futuro del mondo. Prenderemo a cuore le direttive che avete indicato, in particolare dettagliando il concetto di sicurezza eurasiatica con i nostri colleghi di altre agenzie in modo molto concreto.

Nella nostra ricerca di costruire un nuovo sistema di sicurezza che sia equo, come lei ha sottolineato, indivisibile e basato sugli stessi principi, continueremo a contribuire alla risoluzione delle singole crisi, tra cui quella ucraina rimane la nostra priorità assoluta.

Integreremo certamente la vostra nuova iniziativa in vari contesti, comprese le nostre interazioni all’interno dei BRICS, dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, con la Repubblica Popolare Cinese, nonché con le nazioni dell’America Latina e dell’Africa, che hanno anch’esse presentato le loro proposte, finora ignorate dai leader ucraini.

Grazie ancora una volta! Stiamo perseverando nei nostri sforzi.

VLADIMIR PUTIN

Grazie per il suo tempo.

 17:47

Le osservazioni del ministro degli Esteri Sergey Lavrov e le sue risposte alle domande dei media dopo l’incontro del presidente Vladimir Putin con gli alti funzionari del ministero degli Esteri, Mosca, 14 giugno 2024.

1140-14-06-2024

 

Avete tutti ascoltato le osservazioni del Presidente Vladimir Putin e l’approfondita analisi che ha fatto sulla sicurezza globale, europea ed eurasiatica. Ancora una volta, il Presidente Vladimir Putin ha offerto un resoconto dettagliato che dimostra la coerenza della nostra politica sull’Ucraina. Finora, l’Occidente non è stato ricettivo a questa politica, nemmeno una volta. Ha invece deciso di utilizzare l’Ucraina come strumento per sopprimere la Federazione Russa, anche ricorrendo a metodi militari, economici e di altro tipo.

Parlando di sicurezza, Vladimir Putin ha affermato che il modello euro-atlantico è ormai un ricordo del passato. In questo contesto, vorrei notare che dopo la fine dell’Unione Sovietica, e anche nei suoi ultimi anni, eravamo pronti a cooperare, e il Presidente della Russia ce lo ricorda anche oggi, ma solo a parità di condizioni e a condizione di mantenere un equilibrio di interessi. Ma l’Occidente ha deciso di vincere la Guerra Fredda e ha optato per il mantenimento delle sue posizioni dominanti su tutti i fronti. Per i primi due decenni abbiamo fatto sostanzialmente parte dell’architettura euro-atlantica. Alla fine degli anni ’90 abbiamo formato il Consiglio Russia-NATO. Esisteva anche un meccanismo sviluppato ed esteso di collaborazione con l’Unione Europea: due vertici all’anno, quattro spazi comuni e una pletora di progetti comuni. Va da sé che anche l’OSCE, nonostante il suo nome, è nata dalla dimensione di sicurezza euro-atlantica. Ma la politica degli Stati Uniti di dominare tutto e tutti e di costringere tutti a sottostare alla loro volontà ha reso inefficaci e svalutato tutte queste e altre strutture appartenenti, in un modo o nell’altro, al quadro euro-atlantico.

L’Europa è stata una delle vittime di questa politica. Ha perso la sua indipendenza. In questo senso, l’idea di raggiungere la sicurezza nel contesto euro-atlantico non è più rilevante per noi. Come ha detto il Presidente Vladimir Putin, il nostro obiettivo è garantire la sicurezza eurasiatica. Questo ha senso. Dopo tutto, condividiamo lo stesso continente e non ci sono oceani, canali inglesi o altro a separarci.

In questo continente esistono già diverse associazioni di integrazione, molte delle quali si occupano di questioni di sicurezza. Mi riferisco alla CSTO, alla CSI e alla SCO, nonché all’EAEU e all’ASEAN, che si occupano di questioni economiche. Tutti operano all’interno di un unico spazio eurasiatico. Durante il primo vertice Russia-ASEAN, tenutosi a Sochi nel 2015, il Presidente Vladimir Putin ha suggerito di esplorare le opportunità per coordinare e armonizzare i processi di integrazione in tutto il nostro continente per costruire il Grande Partenariato Eurasiatico.

Oltre alle organizzazioni appena citate, esistono altre strutture di integrazione in questo continente, anche in Asia meridionale. Il Golfo Persico ha il suo Consiglio di Cooperazione del Golfo, il CCG. Anche la Lega Araba copre una parte sostanziale del continente eurasiatico.

Tutto questo funziona come un unico Grande Partenariato Eurasiatico, proprio come ha detto oggi il Presidente della Russia. Può costruire una base socioeconomica tangibile per il quadro di sicurezza che vogliamo per noi, purché si concentri su catene economiche, di trasporto e finanziarie che siano immuni dai dettami imposti dagli Stati Uniti e dai loro satelliti. Il Presidente Vladimir Putin ha posto particolare enfasi sul fatto che questo quadro è aperto a tutti i Paesi e le organizzazioni del continente eurasiatico, senza eccezioni. Naturalmente, ciò include la possibilità di lasciare la porta aperta all’Europa e ai Paesi europei che finalmente si rendono conto di dover costruire il loro futuro concentrandosi sugli interessi fondamentali dei loro popoli invece di servire solo gli interessi degli Stati Uniti e dell’Occidente collettivo guidato dagli USA.

Per raggiungere questi obiettivi, dobbiamo iniziare a specificare il concetto di Grande Partenariato Eurasiatico e di sicurezza eurasiatica in tutte le sue dimensioni, comprese quelle militari e politiche, economiche e umanitarie. Come sapete, nel nostro continente si svolgono già una serie di eventi eurasiatici e addirittura globali in risposta ai tentativi dell’Occidente di monopolizzare lo sport e la cultura internazionali. Mi riferisco ai Giochi del futuro, ai Giochi BRICS che si sono aperti a Kazan, ai prossimi Giochi mondiali dell’amicizia, al Forum culturale internazionale e al Concorso canoro internazionale Intervision.

Il Presidente del Kazakistan Kassym-Jomart Tokayev ha avviato la creazione di un’Organizzazione internazionale per la lingua russa. L’organizzazione servirà anche come importante elemento unificante nel continente eurasiatico, dove tante persone, paesi e nazioni parlano e amano la lingua russa e hanno un’affinità con la cultura russa.

Per quanto riguarda l’Ucraina, non ho nulla da aggiungere su questo argomento. Il Presidente della Russia Vladimir Putin ha elencato i gesti di buona volontà (in una certa misura possono essere considerati come concessioni parziali) che abbiamo intrapreso dopo le rivolte di Maidan e il colpo di Stato del febbraio 2014. La Russia ha compiuto molti passi nel suo approccio costruttivo e ha dimostrato il suo impegno a preservare lo Stato ucraino e a rimanere in rapporti amichevoli con esso, solo per essere respinta in modo coerente, fermo e categorico.

Oggi siamo arrivati a un punto in cui il Presidente della Russia Vladimir Putin chiede ancora una volta agli altri di ascoltare il nostro messaggio. Dopo tutto, negli ultimi dieci anni, ogni volta che l’Occidente ha rifiutato le nostre proposte, non ne è uscito nulla di buono.

Domanda: Il Presidente Vladimir Putin ha posto condizioni concrete per l’avvio di colloqui di pace con l’Ucraina. Cosa intende fare in concreto il Ministero degli Esteri per adempiere a queste disposizioni? Possiamo aspettarci dei contatti, soprattutto alla luce della situazione relativa alla legittimità delle attuali autorità ucraine?

Sergey Lavrov: Il Presidente Vladimir Putin ha affrontato la questione della legittimità in tutti i suoi aspetti. Non è stata la prima volta che ha parlato di questo argomento. Tutto è abbondantemente chiaro a questo proposito. Nelle sue precedenti dichiarazioni su questo tema, il Presidente ha affermato che il quadro politico e giuridico dell’Ucraina deve definire le decisioni finali. Qualsiasi esperto di diritto giungerà alla stessa conclusione dopo aver letto la Costituzione ucraina. Se tutti dovessero ancora una volta chiudere gli occhi di fronte a questo segnale, per noi sarebbe l’ennesima esperienza deludente nei confronti dei nostri partner occidentali.

Per quanto riguarda il ruolo del Ministero degli Esteri, non abbiamo intenzione di correre dietro a chi chiede qualcosa. I nostri ambasciatori nelle capitali corrispondenti condivideranno le osservazioni del Presidente della Russia Vladimir Putin e offriranno ulteriori spiegazioni sul loro contenuto, compreso il modo in cui si è arrivati a questo punto. Attenderemo una risposta. Non ho dubbi che i Paesi della Maggioranza Globale comprendano tutto questo. Abbiamo discusso il tema dell’Ucraina con molti dei loro rappresentanti, anche l’11 giugno 2024 a Nizhny Novgorod – mi riferisco ai partecipanti alla riunione dei ministri degli Esteri dei BRICS Plus. Lo capiscono molto bene.

Per quanto riguarda i responsabili delle decisioni, essi si trovano attualmente in Italia, alla riunione del Gruppo dei Sette. Anche Vladimir Zelensky è nelle vicinanze. Domani o forse dopodomani si terrà anche un evento discutibile in Svizzera, anche se non si sa ancora chi vi parteciperà. Spero che le osservazioni del Presidente Vladimir Putin diano loro qualcosa da discutere.

Domanda: Come sapete, tra poche settimane si terranno le elezioni in Francia. Può dirci come state monitorando la situazione? Cosa si aspetta? Cosa spera?

Sergey Lavrov: Certamente seguiamo gli sviluppi politici nei Paesi in cui abbiamo ambasciatori e ambasciate. Essi riferiscono sull’agenda interna e internazionale di un determinato Paese, proprio come gli ambasciatori francesi, americani e di altri Paesi riferiscono su ciò che accade in Russia.

Per quanto riguarda le aspettative, per quanto mi riguarda, già da tempo non mi aspetto nulla da nessun luogo, soprattutto dai principali Paesi europei. Mi dispiace per loro – questo è quello che posso dire – perché, come ha confermato oggi il Presidente della Russia Vladimir Putin nel suo discorso, non sono indipendenti. Il Presidente francese Emmanuel Macron ha ripetutamente sbandierato lo slogan dell’autonomia strategica. Guardate cosa sta succedendo nella vita reale.

Domanda: Le proposte di pace avanzate dal Presidente si basano su condizioni che l’Ucraina deve rispettare. Ma non dovrebbe essere la Russia a fare la prima mossa e a ritirare le sue truppe?

Sergey Lavrov: Avete ascoltato il Presidente? Per due volte, a metà del suo discorso e alla fine, ha detto: Voglio ripetere la sequenza. Il discorso verrà diffuso e la sequenza è lì.

Se lo leggesse per la terza volta, capirebbe che la Russia ha fatto tutto il possibile sulla base di accordi raggiunti e poi disattesi da Boris Johnson e da una serie di altri politici.

Domanda: Se, ad esempio, l’Ucraina soddisfa queste condizioni, cosa significa che la Russia si ferma lì? Perché l’Occidente dovrebbe fidarsi di voi?

Sergey Lavrov: Sa, non chiediamo all’Occidente di fidarsi di noi. La fiducia non è qualcosa che illustra le posizioni e le azioni dell’Occidente. Oggi, ci sono stati molti esempi – non voglio recitare tutti questi fallimenti nel mantenere le promesse, questi fallimenti nel mantenere gli obblighi legali.

Francamente, non mi interessa se l’Occidente si fida o meno di noi. L’Occidente deve capire la situazione reale. Non capiscono nulla, se non la realpolitik. Lasciateli andare dal popolo. Siete delle democrazie, giusto? Chiedete alla gente cosa dovrebbe fare l’Occidente in risposta alle proposte di Putin.

Domanda: Se non abbiamo bisogno che l’Occidente ci creda, ma continuiamo a fare queste proposte. Supponiamo che siano d’accordo e che noi ritiriamo le nostre truppe…

Sergey Lavrov: Mi permetta di interromperla. Non ho intenzione di speculare su questo argomento. Penso che lei capisca che fare queste dichiarazioni “e se” non ha alcun senso in questo momento. Ci siamo già passati.

Domanda: Ma possiamo aspettarci che non ci ingannino ancora una volta?

Sergey Lavrov: Naturalmente, non possiamo farlo. Ecco perché tutto questo è stato inquadrato in questo modo. Siamo pronti a lavorare su una soluzione basata sulle condizioni poste dal Presidente della Russia. Interromperemo le azioni di combattimento non appena capiremo che queste condizioni sono state attuate. Cesseremo le ostilità nel momento stesso in cui ciò avverrà, proprio come ha detto il Presidente.

Domanda: Abbiamo in programma di inviare questa iniziativa alle Nazioni Unite? Quali canali utilizzerà il Presidente Vladimir Putin per comunicare queste proposte all’Ucraina, se deciderà di farlo?

Sergey Lavrov: Penso che tutti stiano già leggendo queste proposte e le conoscano. Il Presidente ha presentato le sue osservazioni, il che non ci obbliga a renderle pubbliche come un documento o una proposta ufficiale o un’iniziativa.

Si tratta di una questione tecnica. Non mi interessa come questa informazione viene diffusa. Tutti lo sanno già. Vedremo come reagiranno.

Domanda: Se non sbaglio, l’ultima volta che ha parlato con il massimo diplomatico statunitense è stato nel gennaio 2022. All’epoca, come lei ha detto, gli Stati Uniti hanno ignorato tutte le nostre proposte. L’operazione militare speciale è in corso da due anni. Considerando la situazione attuale, gli Stati Uniti sentono la necessità o il desiderio di avere contatti ufficiali con il Ministero degli Esteri russo?

Sergey Lavrov: Non so cosa vogliano, e tanto meno di cosa abbiano bisogno gli Stati Uniti, a prescindere da come la si veda.

Domanda: Non crede che le proposte di avviare colloqui di pace siano più simili a un ultimatum che richiede la capitolazione?

Sergey Lavrov: Credo che questo sia un modo sbagliato di inquadrare la questione.

Prima di concludere il suo discorso, il Presidente Vladimir Putin ha fatto un’osservazione speciale sulla presentazione dell’intero quadro. Abbiamo sostenuto il documento che preserva l’integrità territoriale dell’Ucraina all’interno dei suoi confini del 1991. È successo il 21 febbraio 2014. L’Europa nel suo complesso ha garantito che l’accordo tra il presidente ucraino Viktor Yanukovich e l’opposizione sarebbe stato portato a termine. L’ex ambasciatore di Barack Obama ha chiamato Vladimir Putin chiedendogli di non interferire con questo accordo. Ma dopo il nostro sostegno, il mattino dopo si è verificato un colpo di Stato. Se non fosse stato così, l’Ucraina sarebbe esistita ancora nei suoi confini del 1991.

In seguito, hanno designato come terroristi le regioni che si rifiutavano di riconoscere i risultati di questo sanguinoso colpo di Stato anticostituzionale. Ciò ha portato a una guerra lunga un anno. Rispondendo alle richieste provenienti da tutte le parti (tedeschi e francesi), abbiamo facilitato la firma degli accordi di Minsk. Essi prevedevano il mantenimento dell’integrità territoriale dell’Ucraina, meno la Crimea. Potrei continuare a parlare all’infinito di questo argomento.

Il Presidente Vladimir Putin ha articolato la questione nel modo più chiaro possibile. Credo che lei abbia uno spirito critico, il che significa che può decidere se si tratta di un ultimatum. Se nel suo reportage lo presenta come un ultimatum, la prego di non dimenticare come si è arrivati a questo punto. Nei suoi rapporti lei parla spesso di annullamento della cultura, traendo conclusioni senza menzionare le cause primarie.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

La Terza Guerra Mondiale è stata cancellata, di Aurelien

La Terza Guerra Mondiale è stata cancellata.

Alla fine era tutto troppo difficile.

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

26 GIUGNO

Sono grato per il continuo e costante aumento del numero di abbonati a questo sito, incluso un numero che è arrivato al punto di offrirmi qualche moneta. Sono grato anche a coloro che hanno condiviso questi saggi o li hanno consigliati ad altri; un numero crescente di abbonamenti arrivano in questo modo.

Anche se questi saggi saranno sempre gratuiti, puoi comunque sostenere il mio lavoro mettendo mi piace e commentando, e soprattutto trasmettendo i saggi ad altri e passando i collegamenti ad altri siti che frequenti. Ho anche creato una pagina Comprami un caffè, che puoi trovare qui .☕️

E grazie ancora a chi continua a fornire traduzioni. Le versioni in spagnolo sono disponibili qui , e alcune versioni italiane dei miei saggi sono disponibili qui. Marco Zeloni sta pubblicando anche alcune traduzioni in italiano e ha creato un sito web dedicato qui. Grazie infine ad altri che pubblicano occasionalmente traduzioni e riassunti in altre lingue. Sono sempre felice che ciò accada: ti chiedo solo che tu me lo dica in anticipo e fornisca una conferma. Così ora ….

Negli ultimi due mesi, i media occidentali non hanno fatto altro che parlare di “guerra” con la Russia, e potenzialmente anche con altri paesi. Per alcuni la “terza guerra mondiale” è ormai inevitabile, per altri la “guerra nucleare” è dietro l’angolo, per altri ancora perché la NATO e l’Occidente hanno concordato di trasferire armi che teoricamente possono colpire la Russia) ciò inevitabilmente “porterà a guerra su vasta scala”, per altri ancora l’accordo firmato a Pyongyang tra Russia e Corea del Nord porterà inevitabilmente alla guerra”, e per altri ancora l’Occidente, e soprattutto gli Stati Uniti, stanno pianificando una sorta di “guerra con la Cina”. Qui in Francia sono stati scritti articoli seri che chiedono se la Francia sarà “in guerra” con la Russia, se le proposte tanto discusse ma finora non attuate di inviare specialisti francesi in Ucraina verranno effettivamente realizzate.

I due fili comuni che attraversano questo discorso sono che, per quanto si può giudicare, i partecipanti sembrano tutti intendere cose diverse per “guerra”, e che in ogni caso pochi, se non nessuno, di loro hanno un’idea coerente di ciò che stanno facendo. parlando comunque. Ciò non sorprende, forse, dato che la crisi ucraina ha già crudelmente messo a nudo l’ignoranza delle élite politiche e dei media occidentali sulle questioni più elementari di sicurezza e difesa, e molti “esperti” militari occidentali sono stati lasciati piuttosto stupidi da successivi turni di eventi. Mentre fino alla fine della Guerra Fredda la classe politica aveva almeno un’idea generale di cosa potesse consistere la “guerra”, anche questa ora è andata completamente perduta.

Di conseguenza, ho pensato che potesse essere utile provare a chiarire alcuni punti. Lo scopo non è principalmente quello di criticare, ma piuttosto di spiegare alcune questioni concettuali, toccare la dimensione giuridica, guardare all’escalation e a come “iniziano” le “guerre” e cercare di spiegare in termini pratici cosa significherebbe. Si tratta di un programma molto ampio, quindi esaminerò rapidamente alcuni punti.

Innanzitutto, alcuni termini. Storicamente, le nazioni hanno emesso “dichiarazioni di guerra” contro altri. Si trattava di una procedura più formale di quanto forse oggi comprendiamo: normalmente c’era un elenco di rimostranze, un ultimatum di qualche tipo e una dichiarazione secondo cui, se non fossero state soddisfatte determinate condizioni, ci sarebbe stato uno stato di guerra. Quindi la guerra era, almeno in teoria, un’attività legalmente formalizzata. Il discorso di Hitler al Reichstag del 1° settembre 1939 seguì in gran parte questo modello, sebbene non vi fosse alcuna dichiarazione formale di guerra alla Polonia. Pochi giorni dopo, però, gli inglesi e i francesi dichiararono guerra alla Germania nel modo classico. Al giorno d’oggi, e in parte in risposta alle disposizioni della Carta delle Nazioni Unite, gli stati non “dichiarano più guerra” (potere essendo di fatto delegato al Consiglio di Sicurezza), anche se ciò non ha avvicinato sensibilmente il mondo alla pace. Si parla ormai di “conflitto armato” anziché di guerra, e la differenza non è solo semantica, come vedremo. Tuttavia, il termine popolare “guerra” rimane di uso molto comune e ha attirato un’ampia letteratura legale forense. Nonostante ciò, un documento del CICR rileva tristemente che “(uno) si può discutere quasi all’infinito sulla definizione legale di ‘guerra’”. Alcuni sarebbero tentati di rimuovere il “quasi”.

Tra le decine di definizioni di “guerra” che la semplice ricerca su Google può rivelare, il tema comune è la violenza su larga scala tra le forze militari delle nazioni. (La questione dei conflitti armati non internazionali è un argomento vasto che non entreremo qui.) Quindi è ragionevole iniziare chiedendosi se alcuni di questi esperti blovianti stiano effettivamente pensando alla “guerra” nel senso tradizionale. Alcuni di loro certamente non lo sono. Coloro che attendono con impazienza la “guerra” con la Cina presumibilmente non pensano alle armi nucleari cinesi che riducono Washington in cenere, a gran parte della Marina americana sul fondo dell’oceano e alle basi militari statunitensi in tutta l’Asia vaporizzate. Se pensano a qualcosa, è “fare guerra” alla Cina, lanciando attacchi militari come quelli lanciati contro la Somalia, con i cinesi incapaci o non disposti a reagire. Allo stesso modo, coloro che parlano di una Francia potenzialmente “in guerra” con la Russia sembrano pensare a una situazione politica e giuridica esistenziale, non all’invio di truppe francesi per marciare ancora una volta su Mosca. (Lo spero, comunque.) E infine, coloro che vogliono che la NATO venga “coinvolta” contro la Russia in qualche modo non specificato sembrano pensare a operazioni limitate in Ucraina che si concluderanno con una sconfitta russa da parte della NATO, ehm, di armi e forze superiori. La NATO, ehm, la leadership, dopo di che i russi ammetteranno sportivamente la sconfitta e se ne andranno.

D’altro canto, alcuni altri sembrano effettivamente temere il peggio: si teme che l’uso degli F16 per attaccare le truppe russe, o l’uso di altre armi fornite dalla NATO per lanciare attacchi contro le città russe vicino al confine, scateneranno un processo di escalation inevitabile e automatico che porterà alla Terza Guerra Mondiale, alla distruzione del pianeta e alla fine della vita umana. (Torneremo all’escalation tra un attimo.) Allora come dare un senso a tutto questo? Ci sono dei rischi e, se sì, quali sono? Cosa potrebbe accadere, o forse accadrà? Il modo più semplice per comprendere il problema è eliminare la parola “guerra” e osservare, in primo luogo, cosa sta realmente accadendo in Ucraina, e in secondo luogo come la storia suggerisce che le cose potrebbero svilupparsi. Dobbiamo prima spazzare via le ragnatele di diversi decenni di pensiero politico e di stereotipi, che devono più ai meme della cultura popolare che a uno studio serio della storia.

Tanto per cominciare non c’è dubbio che in Ucraina sia in corso un “conflitto armato”. A differenza di una guerra, un conflitto armato è uno stato di cose che può essere valutato in modo indipendente, non un atto linguistico. Il termine sostituì in gran parte “guerra” nel 1949 e, incidentalmente, generò un intero dibattito su quando e come applicare il diritto internazionale umanitario. Stranamente, o forse no, nessuno pensò realmente a definire cosa fosse un conflitto armato, finché non dovette farlo il Tribunale della Jugoslavia per verificare se aveva giurisdizione su quel triste episodio. Ha deciso che “ un conflitto armato esiste ogni volta che vi è un ricorso alla forza armata tra Stati o una violenza armata prolungata tra autorità governative e gruppi armati organizzati o tra tali gruppi all’interno di uno Stato ”. Ora, la seconda metà di quella formulazione non ha bisogno di ritardarci qui, ma notiamo che la definizione descrive uno stato di cose che può essere analizzato: o c’è un conflitto armato oppure non c’è.

Ora, in un conflitto armato, ci sono innanzitutto i “combattenti”. Si tratta di persone con il “diritto di partecipare alle ostilità tra Stati” e comprendono il personale militare (eccetto quello medico e religioso), nonché le milizie e i volontari che combattono con loro purché siano chiaramente distinti dai non combattenti. Tutti gli altri sono non combattenti (noterai che la parola “civile non è usata”) a meno che e finché non prendano parte attiva alle operazioni. Ciò vale per gli appaltatori occidentali e anche per le forze militari, purché non svolgano un ruolo operativo attivo. Pertanto, in un conflitto armato non tutti sono combattenti. Tuttavia, se qualcuno, sia una donna, un bambino o un soldato straniero, inizia a partecipare attivamente alle operazioni, perde il suo status di non combattente. (Si noti che “conflitto armato” è un termine geografico e temporale: può applicarsi ad alcune parti di un paese e non ad altre.)

Il problema con tutto questo, per quanto affascinante, è che questi argomenti riguardano meno come capire cosa sta succedendo, ma più se si applica il diritto internazionale umanitario. Questo è il motivo per cui, dopo alcuni paragrafi superficiali, la maggior parte degli articoli giuridici sulla guerra entrano direttamente nel DIU. Non è proprio di questo che ci occupiamo qui, ma come, se non del tutto, ci aiuta a capire ciò che stiamo vedendo e le possibilità, o meno, di “escalation”?

Ebbene, la prima cosa da dire è che il personale militare straniero in Ucraina non è necessariamente (funzionalmente) combattente. Possono essere ufficiali di collegamento, raccoglitori di informazioni o responsabili della fornitura di aiuti. La semplice presenza di truppe straniere sul territorio di un altro paese non è affatto insolita in tempo di pace, ed è piuttosto comune durante un conflitto. Tuttavia, qualunque sia la loro funzione, perdono lo status di protezione e possono essere legalmente attaccati se prendono parte alle operazioni. Inoltre, non sono soggetti ad alcuna protezione speciale: se un gruppo di contractors militari e ricercatori di storia militare si trovano in un edificio di Kiev colpito da un missile, porta sfortuna. Ma la presenza di personale militare straniero non significa che il Paese inviante è coinvolto nella guerra? Non necessariamente. C’è un dibattito molto complicato su quella che viene chiamata cobelligeranza e se si applica alle nazioni occidentali in Ucraina. (Risposta breve: nessuno lo sa.) Tuttavia, in passato, la cobelligeranza ha generalmente significato un esplicito sostegno militare, la partecipazione alla guerra come partecipante a pieno titolo e il trattamento dell’altro come un nemico dichiarato. Chiaramente, nulla di tutto ciò è accaduto nel caso dell’Ucraina.

Questo non è così strano come può sembrare. I paesi forniscono continuamente assistenza militare, addestramento e “consiglieri” e talvolta entrano in conflitto tra loro. Sembra che l’Iran stia aiutando gli Houthi nel Golfo a prendere di mira le navi straniere, ma non è in guerra con nessuno di questi paesi, non più di quanto lo sia con Israele a causa del suo sostegno a Hezbollah. Dopo il 1939, gli Stati Uniti appoggiarono la Gran Bretagna spingendosi al limite assoluto di ciò che potevano fare senza diventare un cobelligerante, inclusa la protezione della navigazione mercantile britannica. (Hitler dichiarò guerra agli Stati Uniti nel 1941 soprattutto perché la Germania avrebbe potuto prendere di mira direttamente gli Stati Uniti e tutte le navi mercantili sotto la protezione della loro Marina. Dopo tutto, ragionò, gli Stati Uniti erano praticamente già in guerra). Durante la Guerra Fredda, gli scontri militari minori erano comuni e potevano comportare vittime. L’esempio classico è quando le truppe cubane e sudafricane si combatterono su larga scala in Angola negli anni ’80, sebbene nessuno dei due paesi si considerasse in guerra con l’altro.

Quindi la prima cosa utile che possiamo dire è che se le forze occidentali vengono inviate in Ucraina, e alcune vengono uccise o ferite, ciò non equivale allo “scoppiare” di una guerra tra gli stati invianti e la Russia. Sarebbe, ovviamente, possibile per uno o più di questi paesi prendere la decisione politica di impegnarsi formalmente nella guerra, identificare la Russia come nemico e inviare truppe da combattimento, ma questa è, in effetti, una scelta puramente politica. . E poiché ciò darebbe ai russi il diritto di colpire ovunque sul territorio dello Stato interessato, potrebbe non essere nemmeno una decisione molto saggia. Il risultato più probabile è il pianto e lo stridore di denti, ma questo è tutto.

Ma che dire del famoso Articolo V del trattato NATO? Ciò non significa forse che il primo impiegato della NATO ad essere ucciso a Lvov farà precipitare la Terza Guerra Mondiale? No, non è così. Guardiamo per l’ennesima volta alla formulazione di questo articolo, ricordando che, come nota il sito ufficiale della NATO “I partecipanti europei volevano assicurarsi che gli Stati Uniti sarebbero automaticamente venuti in loro aiuto nel caso uno dei firmatari fosse stato attaccato; gli Stati Uniti non hanno voluto assumere tale impegno e hanno ottenuto che ciò si riflettesse nella formulazione dell’articolo 5”. Tale articolo dice in parte:

“Le Parti convengono che un attacco armato contro una o più di esse in Europa o Nord America sarà considerato un attacco contro tutte loro e conseguentemente convengono che, qualora tale attacco armato avvenga, ciascuna di esse, in esercizio del diritto di l’autodifesa individuale o collettiva riconosciuta dall’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite, assisterà la Parte o le Parti attaccate intraprendendo immediatamente, individualmente e di concerto con le altre Parti, tutte le azioni che riterrà necessarie, compreso l’uso di strumenti forza armata, per ripristinare e mantenere la sicurezza dell’area del Nord Atlantico”.

Ora ci sono una serie di sottigliezze qui. Tanto per cominciare un “attacco armato” contro uno degli Stati firmatari, letto soprattutto insieme al riferimento all’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite, che riconosce il diritto all’autodifesa degli Stati , deve chiaramente essere qualcosa di sostanziale, mirato alla territorio dello Stato stesso. Non può essere un plotone petrolifero casuale che vaga per Kiev. E poiché l’obiettivo di qualsiasi azione intrapresa deve essere quello di “ripristinare e mantenere la sicurezza dell’area del Nord Atlantico”, allora, ancora una volta, le vittime tra le truppe occidentali in Ucraina chiaramente non rientrano nell’ambito di applicazione dell’articolo. Vale la pena ricordare – anche se questo continua a essere perso di vista – che non c’è nulla di automatico nell’articolo V. Mentre un attacco a uno è “considerato” un attacco a tutti, ciò non impone alcun obbligo in capo ai firmatari.

Bene, che dire del campo di applicazione? Qui l’Art VI (raramente menzionato) è abbastanza chiaro. È “il territorio di una qualsiasi delle Parti in Europa o Nord America”, compresi quelli che all’epoca erano possedimenti d’oltremare come l’Algeria, nonché “le forze, le navi o gli aerei di qualsiasi delle Parti, quando in o sopra questi territori o qualsiasi altra area in Europa in cui erano di stanza forze di occupazione di una delle Parti alla data di entrata in vigore del Trattato [agosto 1949, ndlr] il Mar Mediterraneo o l’area del Nord Atlantico a nord del Tropico del Cancro. Ora leggilo di nuovo attentamente. Copre, ad esempio, gli attacchi contro forze terrestri, marittime e aeree sul territorio delle Parti o nelle zone marittime vicine. È tutto. Questi trattati non sono redatti da dilettanti (almeno non a quei tempi), e la loro formulazione proteggeva molto chiaramente gli Stati Uniti da qualsiasi impegno a venire in aiuto, ad esempio, delle forze britanniche in Malesia attaccate dai cinesi. Allo stesso modo, non vi fu alcuna invocazione dell’Articolo V quando gli argentini attaccarono le Isole Falkland nel 1982.

Quindi, in parole povere, gli attacchi contro le forze dei membri della NATO in Ucraina non rientrano nell’ambito di applicazione dell’Articolo V. E in ogni caso, le nazioni non sono tenute a fare nulla di concreto anche se credono che l’Articolo sia stato attivato. (L’Articolo V si applicava all’Algeria, allora parte della Francia, ma per anni altri membri della NATO si rifiutarono di inviare aiuti di qualsiasi tipo per combattere l’FLN.) Ora ovviamente è vero anche il contrario: nulla impedisce alla NATO di inviare truppe, di considerare le vittime tra quelle truppe furono un pretesto per la guerra e, ovviamente, subirono le conseguenze. Ma queste sono decisioni politiche e non c’è nulla di forzato in esse. Non comportano alcun processo di escalation automatica.

Ah, escalation. È stato scritto così tanto a riguardo. Come molti altri argomenti sfuggiti al controllo, si basa in definitiva su alcune idee sensate e originariamente non controverse. A qualsiasi livello, dalle interazioni individuali fino alle relazioni tra stati, possiamo scegliere come reagire al comportamento degli altri. Se abbiamo un vicino i cui animali domestici stanno distruggendo il nostro giardino, abbiamo una scelta di risposte, da un reclamo o una lettera fino all’assunzione di un avvocato. A un certo punto, inoltre, uno di noi potrebbe decidere di praticare la riduzione dell’escalation, magari con una conversazione tranquilla oltre il recinto del giardino. In una certa misura, le nazioni si comportano allo stesso modo: gli Stati Uniti hanno alzato la temperatura politica con paesi come il Vietnam e la Corea del Nord, che il presidente russo ha visitato, e a sua volta la visita di Putin in questi paesi, in particolare nella Corea del Nord, è stata deliberatamente politicamente escalation. Allo stesso modo, l’escalation militare – l’uso o la minaccia di forze più numerose o più potenti – è ben compresa. Infine, nei conflitti con regole comprese in comunità omogenee, in particolare durante le guerre civili, esistono escalation e de-escalation. La violenza ha una sua logica e l’escalation, dalle manifestazioni pacifiche alle manifestazioni violente, alle sparatorie, alle autobombe fino all’assassinio di personaggi importanti, segue una sequenza che entrambe le parti comprendono, ed entrambe le parti possono decidere, se lo desiderano, di fermare . Tutto ciò va bene, ma sorgono problemi quando proviamo a prendere questo concetto e a sistematizzarlo eccessivamente.

Ad esempio, potresti aver sentito parlare di cose come “scale di escalation”, che sono schemi dettagliati di piccoli cambiamenti su e giù, in reazione o anticipazione del comportamento di un avversario. Ancora una volta, come descrizione molto ampia e generale dei tentativi di gestire le crisi, ciò è accettabile. Ma abbastanza rapidamente, “strateghi” come Herman Khan e Bernard Brodie hanno fatto propria l’idea, e hanno prodotto modelli elaborati di escalation e de-escalation (Khan aveva quarantaquattro passaggi). Il concetto continua ad attirare molto interesse, e un Google La ricerca accademica vomiterà dozzine di modelli e varianti di escalation concorrenti. Il che ovviamente è interessante di per sé, poiché se questi modelli pretendono di descrivere la realtà, allora solo uno di essi può davvero essere corretto (o un piccolo numero se estendiamo il concetto e ammettiamo varianti).

Ma in realtà questi modelli non hanno mai cercato di descrivere la realtà: erano tratti esplicitamente dalla teoria dei giochi e dai modelli economici del mercato, e quindi presupponevano una conoscenza perfetta e una razionalità perfetta. (Essere uno stratega per fortuna ti assolve dalla necessità di sapere qualcosa sulla storia o sull’attualità.) Erano anche modelli universali, vale a dire si applicavano a tutte le società e a tutti i sistemi politici, e un potenziale avversario (generalmente l’Unione Sovietica) avrebbe sostanzialmente condiviso stesso modello e, cosa ancora più importante, capiremmo la stessa cosa dalle nostre azioni. (Ancora una conoscenza perfetta.) Naturalmente, gli strateghi occidentali sapevano che i russi avrebbero preso iniziative secondo la nostra valutazione e, a loro volta, sapevano che noi lo sapevamo.

Sulla Terra, chiunque abbia una minima conoscenza pratica della politica internazionale sa che la conoscenza non è mai perfetta, che tale conoscenza è comunque spesso prigioniera di presupposti a priori, che gli stati non sempre si comportano razionalmente e che nella maggior parte delle crisi gli stati hanno regole molto diverse tra loro. percezioni reciproche e delle azioni degli altri. Un risultato è che le azioni di uno Stato possono essere viste come un’escalation da parte di altri. L’invasione sovietica dell’Afghanistan nel 1979 fu quindi una mossa difensiva, come mostrano i documenti dell’epoca, ma fu percepita da alcuni in Occidente come un’escalation nella lotta per il controllo del Medio Oriente e dell’Asia meridionale, e si prevedeva che sarebbe stata seguita da un ulteriore spostamento in Iran o nel Golfo.

In pratica, per quasi tutta la Guerra Fredda, le due parti si fraintendevano completamente. Peggio ancora, pensavano di capirsi abbastanza bene e che l’altra parte condividesse i loro modelli intellettuali. Pertanto, la teoria della mutua distruzione assicurata (MAD) era un modello concettuale occidentale, ideato dagli strateghi statunitensi. Ma non c’è motivo di supporre che l’Unione Sovietica abbia mai sviluppato in modo indipendente lo stesso modello, o che sia stata convinta di quello occidentale, o che lo capisca ora.

Possiamo vedere questa dinamica all’opera nel caso dell’Ucraina, dove le definizioni di “escalation” dipendono interamente da chi sei e da dove inizi. Quindi l’espansione della NATO negli anni Novanta e successivamente (non originariamente contemplata nel 1990) è stata vista come difensiva dai piccoli stati preoccupati per una Russia revanscista e da un Occidente preoccupato per la possibilità di conflitto e instabilità in una regione notoriamente instabile. Ma i russi la considerarono un’escalation. Le prime aperture verso l’Ucraina nel nuovo millennio furono ancora una volta viste come stabilizzanti da un lato e come un’escalation dall’altro. L’integrazione russa della Crimea nel 2014 è stata percepita in Occidente come una grande escalation, mentre la risposta occidentale è stata percepita come un’escalation da parte dei russi. La resistenza nell’Ucraina orientale è stata vista dall’Occidente come un’escalation, orchestrata da Mosca, sebbene i russi la considerassero difensiva. Gli accordi di Minsk furono visti dall’Occidente come uno strumento per scoraggiare un’ulteriore escalation russa, e dai russi come un modo per prevenire la necessità di un’ulteriore escalation. Il successivo aiuto militare all’Ucraina è stato visto dall’Occidente come un aiuto a scoraggiare qualsiasi ulteriore escalation russa, nel caso in cui gli accordi di Minsk fallissero, mentre i russi lo vedevano come un’escalation in sé. Gli storici discuteranno per generazioni su chi avesse “ragione”, ma non è questo il punto. Nonostante tutto ciò che si può credere da entrambe le parti, il fatto è che la mossa difensiva di una nazione è l’escalation di un’altra nazione, e questo è stato vero nel corso della storia.

E ovviamente “escalation” non è solo un concetto tecnico. È destinato a raggiungere qualche obiettivo politico. Il problema è che tali obiettivi politici sono difficili da definire in modo utile e che non esiste un modo automatico per mettere in relazione le azioni intraprese con l’effetto che si desidera ottenere. Nella maggior parte dei casi, l’escalation ha lo scopo di “inviare un messaggio”, “mostrare determinazione”, “scoraggiare l’aggressività” o simili. Ora, ci sono casi limitati in cui questo potrebbe funzionare. Il concetto di “dominanza dell’escalation” in una crisi politico-militare significa che puoi portare livelli di forza che il tuo avversario non può, e questo può aiutare a risolvere la crisi a tuo favore. Ma più normalmente, questi effetti sono pie speranze e, cosa ancora più importante, vengono interpretati erroneamente dall’opposizione come minacce che devono essere affrontate con un’escalation uguale o maggiore. Così, nel 1914, gli stati europei mobilitarono le loro forze per “scoraggiare”, ad esempio la Russia che sosteneva la Serbia o la Germania che sosteneva l’Austria, e quindi prevenire l’escalation. Sappiamo come è andata a finire.

Pertanto, gran parte dei discorsi, della paura o della delirante anticipazione di una “escalation” sono in effetti privi di significato, o nella migliore delle ipotesi troppo vaghi per essere utili. Frasi come “se X dovesse accadere, la NATO non avrà altra scelta che un’escalation” presuppone che esista un processo di escalation definito, le cui fasi sono note a tutti e i cui effetti possono essere previsti. Ma gli stereotipi culturali qui sono decisamente obsoleti. Non facciamo più queste cose: anzi, non sappiamo più fare queste cose. Molti di coloro che parlano con disinvoltura del “coinvolgimento” della NATO non hanno la più remota idea di cosa ciò comporti, partendo dal presupposto, come fanno, che tutto ciò che serve è una breve dimostrazione di superiorità militare sul campo di battaglia in Ucraina.

Durante la Guerra Fredda, l’“escalation” era in una certa misura una cosa. La NATO e le nazioni occidentali avevano ampi piani di emergenza militare, e possiamo presumere che anche il Patto di Varsavia lo avesse fatto. Le stesse nazioni avevano piani molto dettagliati per quella che veniva chiamata “transizione alla guerra”, che venivano attuati frequentemente, sia a livello nazionale che internazionale. In Gran Bretagna esisteva un documento chiamato War Book, un documento altamente riservato (ne ho sempre visto solo degli estratti), che a quanto pare esisteva in meno di un centinaio di copie. Si trattava essenzialmente di un compendio di decisioni che il governo o i suoi rappresentanti potevano essere chiamati a prendere durante una crisi internazionale, da quelle estremamente banali a quelle assolutamente terrificanti. Era un progetto per condurre una vera guerra, assumendo la necessità di proteggere la popolazione, richiamando e mandando via i riservisti militari e mettendo il paese su un vero piede di guerra.

Ad esempio, nel Regno Unito, il Parlamento si sarebbe riunito brevemente per approvare la legge sui poteri di emergenza (difesa), per poi sciogliersi, conferendo al governo il potere di governare tramite decreto. Il governo stesso sarebbe stato disperso in tutto il paese. Tutte le TV e le radio sarebbero state chiuse per essere sostituite dal servizio di radiodiffusione in tempo di guerra, gli ospedali nelle principali città sarebbero stati chiusi e il personale e le strutture sarebbero stati spostati fuori pericolo. I pazienti non urgenti sarebbero stati dimessi. I riservisti militari sarebbero stati richiamati, tutte le risorse della protezione civile sarebbero state mobilitate, le risorse di trasporto sarebbero state requisite e sarebbe stato introdotto il razionamento del cibo e di altri beni. Sarebbero state attivate le scorte strategiche di cibo e carburante. Migliaia di truppe sarebbero state mobilitate per proteggere quelli che erano conosciuti come punti chiave, siti essenziali per far andare avanti il ​​paese. Questo era allora.

Ora l’”escalation” della guerra contro la Russia dovrebbe logicamente includere la gestione delle conseguenze dell’escalation russa a sua volta, e il fare cose antisportive come eliminare i centri governativi e i quartier generali militari delle nazioni occidentali, forse anche come snodi di trasporto. , basi aeree, basi navali, strutture di stoccaggio e manutenzione, porti principali e strutture di generazione e trasmissione di elettricità. (È dubbio, tra l’altro, che i sostenitori dell’“implicarsi” abbiano la più remota idea delle possibili conseguenze.) Durante la Guerra Fredda, la minaccia sarebbe venuta dai bombardieri contro i quali esisteva almeno una difesa. Oggi la minaccia arriva dai missili ipersonici, dove non c’è alcuna difesa effettiva, perché gli stessi Stati europei hanno pochi o nessun sistema antimissile che potrebbe anche teoricamente proteggere le aree vulnerabili. E anche i radar di allarme rapido, come quello di Fylingdales nel Regno Unito, nella migliore delle ipotesi sarebbero in grado di dare un preavviso di pochi minuti. Inoltre, la letalità dei missili è in gran parte una questione di precisione e, in una certa misura, di velocità, e una manciata di missili ipersonici russi potrebbe ridurre in macerie gli edifici governativi di Londra, Parigi o Berlino.

Un simile attacco, che utilizzerebbe forse non più di 30-40 missili per paese, probabilmente in diverse ondate, fermerebbe di fatto la vita normale, ed è importante capirne il motivo. Fino agli anni ’90, i governi disponevano di leggi di emergenza e praticavano procedure di emergenza. Praticamente tutto questo è scomparso. I governi hanno poca esperienza e poche risorse per gestire le grandi emergenze, e non ci pensano più molto. I settori pubblici si sono ridotti e sono stati dequalificati. Gran parte del business per far andare avanti il ​​Paese è appaltato a società private, spesso con sede all’estero. Anche se un governo riuscisse a decidere cosa fare, non avrebbe più le strutture a sua disposizione per farlo, né i poteri legali necessari. L’esercito è l’ombra di quello che era, e i servizi di emergenza della maggior parte dei paesi hanno difficoltà a far fronte anche in condizioni normali. La protezione civile nel vecchio senso non esiste quasi più, così come le scorte strategiche di cibo e carburante, e l’Europa dipende molto più dalle importazioni per qualsiasi cosa rispetto a quaranta o cinquant’anni fa. Infine, gli eventi recenti hanno dimostrato che oggigiorno i governi sono fisicamente incapaci di controllare i diffusi disordini sociali.

Diamo solo due esempi di ciò a cui potrebbe portare l’“escalation” verso la “guerra”. Durante la Guerra Fredda, i governi si dispersero in alloggi preselezionati e protetti fuori dalle capitali. C’erano (per quel giorno) sistemi di comunicazione altamente sofisticati e ridondanti per consentire al governo di continuare. Al momento, in nessun paese europeo, esiste un accordo così sicuro, di cui sono a conoscenza, e non c’è alcuna pianificazione su come e dove potrebbe avvenire la dispersione. Al giorno d’oggi la comunicazione avviene tramite telefoni cellulari che utilizzano antenne vulnerabili e Internet e richiede una fornitura elettrica costante. È probabile che le risorse governative e militari sopravvissute a un attacco non sarebbero più in contatto tra loro per molto tempo. Naturalmente, la deregolamentazione dei mezzi di trasmissione e l’avvento di Internet rendono ora impossibile il controllo sull’informazione. È facile immaginare false trasmissioni facilitate dall’intelligenza artificiale da parte di leader nazionali, o massicci SMS bufali che dicono alle persone di presentarsi alla stazione di polizia locale per la coscrizione.

In secondo luogo, i governi sarebbero sopraffatti da un’ondata di problemi quotidiani imprevisti e probabilmente insolubili. Prendine uno davvero semplice. Ci sono quasi tre quarti di milione di studenti stranieri che studiano nel Regno Unito (molto di più rispetto agli anni ’80), circa due terzi provenienti da paesi extra-UE. (Gli ultimi dati disponibili suggeriscono che circa 150.000 di loro sono cinesi.) Se fossi uno studente in un continente i cui leader erano impazziti e dichiaravano guerra alla Russia, quasi certamente vorresti essere altrove. Ma come affronterà questo problema il lussureggiante gruppo di amministratori universitari ben pagati di oggi? E cosa succede quando decine di migliaia di studenti disperati assediano l’aeroporto di Heathrow e i terminal degli Eurostar in cerca di voli e treni? E ovviamente anche una parte dei 35 milioni di visitatori che ogni anno visitano il Regno Unito cercherà di tornare a casa, in un momento in cui il governo intende trasformare gli aeroporti in basi di dispersione per gli aerei militari. (La stessa cosa accadrà in tutta Europa, ovviamente.) Ora cito questo esempio deliberatamente banale perché è uno delle dozzine per i quali non è stata fatta alcuna preparazione e non esiste alcun piano, e per il quale i governi dovranno prendere provvedimenti. Decisioni rapide. Sfortunatamente, i meccanismi per mettere in pratica queste decisioni nella maggior parte dei casi non esistono più. Non è impossibile, infatti, che i governi occidentali vadano semplicemente in pezzi sotto la tensione di dover improvvisamente cercare di improvvisare misure per affrontare le conseguenze pratiche dell’“escalation” e del “coinvolgimento”. In parole povere, una società “just in time” non può fare la guerra nel senso rilevante del termine.

Quanto sopra, spero, metta i concetti di “escalation” in una sorta di prospettiva. “Escalation” è solo una parola, che rappresenta il desiderio dei governi deboli di fare alcune cose vagamente definite per apparire forti. Ma come ho sottolineato all’infinito, la NATO non ha nulla con cui intensificare l’escalation, e nessun posto dove farlo. Risulterà evidente da quanto sopra, a mio avviso, che la NATO non ha nemmeno la capacità organizzativa per intensificare la situazione, a parte compiere gesti scortesi. La struttura decisionale politica e burocratica della Guerra Fredda è scomparsa da tempo, quindi l’idea che l’“escalation” possa in un certo senso “sfuggire al controllo” non ha senso. Pertanto non ha senso neanche parlare di “terza guerra mondiale”.

È molto difficile per gli “strateghi” occidentali rendersi conto di quanto siano limitate in realtà le opzioni occidentali, motivo per cui si parla così tanto e così poca analisi informata. È una curiosità di tutta questa triste vicenda che gli “strateghi” sembrano disconnessi dalla realtà in tutti i sensi. Proprio come non possono decidere se la Russia sia ridicolmente debole o terribilmente potente, allo stesso modo non possono decidere se gli Stati Uniti, in particolare, sono un impero nelle ultime fasi di disintegrazione, o un attore iperpotente che detta tutto ciò che accade. nel mondo. La reazione alla mia osservazione che l’Occidente è debole e senza opzioni è troppo spesso “penseranno a qualcosa” e “sono pazzi”, che non sono risposte ma modi per evitare la realtà.

Ah, ma hanno le armi nucleari e faranno saltare in aria il mondo! In realtà no. In passato, la strategia della NATO si basava sul fatto che non poteva schierare nulla di simile alle forze convenzionali dell’Unione Sovietica, per ragioni economiche. Ad un certo punto di un conflitto futuro, quando le forze della NATO fossero state respinte su quella che veniva chiamata Linea Omega, si sarebbe dovuto decidere se utilizzare armi nucleari tattiche su grandi concentrazioni di truppe sovietiche. La speranza era che questo convincesse il nemico a porre fine alla guerra. Oggi non esistono logiche simili, processi decisionali simili e (quasi) armi simili. Si ritiene che in Europa vi siano circa un centinaio di bombe nucleari statunitensi B61 a caduta libera. I loro movimenti sono impossibili da nascondere e tentare di stabilirli in Ucraina sarebbe follemente pericoloso. Sarebbe possibile posizionarli in Romania, ad esempio: da un aeroporto nell’est del paese probabilmente potresti raggiungere Kherson con un F16 , se non ti dispiacesse distruggere una città ucraina e uccidere i soldati ucraini. Oh, e c’è anche la piccola questione della difesa aerea russa di cui preoccuparsi. Quindi cancellala come idea e non ce ne sono altre.

Oltre a ciò, ci occupiamo di armi nucleari strategiche, e ciò richiederebbe un altro saggio lungo quanto questo, quindi dovrà aspettare. Vorrei solo osservare di sfuggita che (1) a meno che non si capisca la distinzione tra “primo utilizzo” e “primo attacco”, non si capisce nulla, e che (2) il “primo attacco” e il tintinnio di sciabole nucleari in generale sono stati fuori luogo di moda dalla fine degli anni ’70, con l’ampio dispiegamento di capacità di secondo attacco, in particolare nei sottomarini.

Forse alla fine questo è solo un gioco linguistico. Forse un intero gruppo di politici ignoranti e aggressivi gridano alla “guerra” e “si lasciano coinvolgere” per tenere alto il morale, senza avere la minima idea di cosa stanno parlando, o di cosa significherebbe la guerra in pratica. La NATO, dopo tutto, non può dettare le regole se “viene coinvolta”. I russi, che sanno cos’è la guerra e come combatterla, avranno le loro idee al riguardo. Non sono preoccupato, come ho già detto , dell’uso delle armi nucleari. Mi preoccupano i politici irresponsabili, istigati da media isterici, che si ritrovano in situazioni che danneggeranno o addirittura distruggeranno i loro paesi senza nemmeno la necessità di sparare un colpo.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Il piano PMC segnalato dagli Stati Uniti per l’Ucraina equivale ad un intervento convenzionale parziale, di ANDREW KORYBKO

Il piano PMC segnalato dagli Stati Uniti per l’Ucraina equivale ad un intervento convenzionale parziale

 

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

27 GIUGNO

Gli Stati Uniti continuano ad evolvere la propria politica nei confronti del conflitto in direzione di una maggiore escalation per compensare il fatto di non aver consentito all’Ucraina di aderire alla NATO in tempi brevi.

La CNN ha citato quattro fonti amministrative anonime per riferire in esclusiva che gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di consentire apertamente agli appaltatori militari privati ​​​​americani (PMC) di lavorare in Ucraina sul libro paga del Pentagono con il pretesto di mantenere e riparare attrezzature militari lì. Il primo ministro polacco Tusk aveva già ammesso alla fine di maggio che “ci sono alcune truppe lì (in Ucraina), intendo soldati. Ci sono alcuni soldati lì. Osservatori, ingegneri”, quindi questo sviluppo non sarebbe nulla di nuovo di per sé.

Ciò che è problematico in questa proposta, però, è che equivale ad un intervento convenzionale parziale che rischia di normalizzare il coinvolgimento sempre più aperto delle forze occidentali all’interno dell’Ucraina . Il presidente francese Macron ha recentemente fatto marcia indietro sulla sua retorica sull’autorizzazione del proprio paese intervento lì, probabilmente nel tentativo di riconquistare gli elettori in vista delle imminenti elezioni anticipate, ma queste ultime notizie mostrano che gli Stati Uniti hanno invece iniziato a flirtare con questo scenario.

I funzionari russi hanno ripetutamente promesso di prendere di mira tutte le forze straniere presenti sul posto, e la possibilità che un gran numero di PMCS americani venisse presto ucciso, proprio come la Russia ha eliminato diverse dozzine di forze francesi a gennaio, potrebbe essere sfruttata dagli Stati Uniti come pretesto per ulteriori escalation. Da un lato, il presidente Putin è riluttante a intensificare l’escalation, come dimostrato dalla sua tiepida risposta al recente bombardamento dei bagnanti da parte dell’Ucraina, sostenuto dagli Stati Uniti, ma dall’altro non può stare a guardare mentre queste PMC mettono in pericolo le truppe russe.

Dovrebbe quindi essere dato per scontato che probabilmente diventerebbero obiettivi prioritari, anche se solo per ragioni di “prestigio” e per la speranza che alcuni politici russi nutrono che la loro morte, forse altamente pubblicizzata, eserciti maggiore pressione sugli Stati Uniti affinché cambino la loro politica. verso il conflitto. I democratici probabilmente non starebbero a guardare mentre la Russia uccide le PMC del loro paese, né revocherebbero quella politica così poco dopo che potrebbe essere promulgata, ecco perché ci si aspetterebbe un’escalation.

Gli osservatori possono solo fare congetture su quale forma potrebbe assumere, ma il punto è che portare avanti la proposta di consentire apertamente alle PMC americane di lavorare in Ucraina sul libro paga del Pentagono per la manutenzione di attrezzature americane destinate a uccidere i russi rappresenta un nuovo livello di coinvolgimento nell’operazione. conflitto. Il “disastro russo a Deir ez-Zor ”, dove secondo quanto riferito gli Stati Uniti hanno addestrato decine di PMC Wagner all’inizio del 2018, è avvenuto prima che il rapporto di quel gruppo con il Ministero della Difesa fosse formalmente ammesso da entrambi.

Di conseguenza, era pronto il terreno affinché la Russia allentasse la tensione non sentendosi sotto pressione nel rispondere a ciò che era accaduto, ma ciò non sarebbe il caso se la Russia uccidesse le PMC americane in Ucraina che sono ufficialmente sul libro paga del Pentagono dopo che l’amministrazione cambierà formalmente. la sua politica nei confronti di questo argomento delicato. Con questo in mente, gli Stati Uniti ovviamente sanno in cosa si stanno cacciando, ma la fazione aggressiva che sta dietro questa proposta continua a spingerla come un modo per mostrare ulteriore solidarietà con il nuovo alleato del loro paese.

A metà giugno è stato spiegato che “ il patto di sicurezza degli Stati Uniti con l’Ucraina è una consolazione per non aver approvato l’adesione alla NATO ”, e poi una settimana dopo che “ più difese aeree e attacchi transfrontalieri non cambieranno le dinamiche del conflitto ucraino”. ”. Per riassumere, per comodità del lettore, i punti salienti sono che gli Stati Uniti continuano ad evolvere la propria politica nei confronti del conflitto in direzione di una maggiore escalation per compensare il fatto di non aver permesso all’Ucraina di aderire alla NATO in tempi brevi.

Né l’invio di maggiori difese aeree, né l’autorizzazione di attacchi transfrontalieri ovunque all’interno della Russia con il pretesto di contrastare o rispondere preventivamente alle minacce provenienti da quella nazione, o l’invio aperto di PMC pagate dal Pentagono nella zona del conflitto avranno alcun effetto significativo sulle sue dinamiche. . La Russia ha già battuto di gran lunga la NATO nella sua “ corsa logistica ”/“ guerra di logoramento ”, tanto che Sky News ha riferito a fine maggio che la Russia sta producendo tre volte più proiettili della NATO a un quarto del prezzo.

Tutto ciò che queste mosse fanno è indurre la Russia ad abbandonare la sua santa moderazione e a rispondere finalmente a queste provocazioni, che potrebbero poi servire a giustificare le misure di escalation pre-pianificate degli Stati Uniti che potrebbero facilmente degenerare nella crisi di politica del rischio calcolato simile a quella cubana che i falchi vogliono. La più recente di queste mosse è la più pericolosa di tutte, a causa della possibilità che la Russia uccida presto decine di americani e quindi inneschi un’escalation “reciproca” degli Stati Uniti (come se potesse strutturare la sua risposta).

La tendenza generale è quella NATO-russa La guerra per procura in Ucraina è quindi destinata a intensificarsi ulteriormente durante l’estate, soprattutto se questa politica proposta verrà promulgata, rischiando così la Terza Guerra Mondiale per errore di calcolo nel caso in cui gli Stati Uniti colpiscano direttamente le forze russe nella zona di conflitto. Naturalmente, la fazione statunitense relativamente più pragmatica potrebbe alla fine prevalere e far naufragare questa politica o fare in modo che gli Stati Uniti non rispondano in quel modo se ciò accadesse, ma ciò non può essere dato per scontato.

Liquidare con disinvoltura tutto come un complotto della CIA trascura i problemi preesistenti che hanno preceduto questo drammatico evento e semplifica eccessivamente dinamiche complesse.

Molti utenti di X hanno descritto il fallito colpo di stato della Bolivia di mercoledì come un altro tentativo di cambio di regime della CIA, soprattutto a causa della sua storia di ingerenze in questa nazione sudamericana senza sbocco sul mare e ricca di litio, ma c’è molto di più dietro questo. Liquidare con disinvoltura tutto come un complotto della CIA trascura i problemi preesistenti che hanno preceduto questo drammatico evento e semplifica eccessivamente dinamiche complesse. Il presente articolo chiarirà in modo conciso cosa è successo, perché, il motivo del fallimento e cosa potrebbe seguire.

Il generale Juan Jose Zuniga è stato licenziato all’inizio della settimana dopo aver minacciato di arrestare l’ex presidente Evo Morales se avesse tentato di candidarsi per un quarto mandato, come quest’ultimo aveva dichiarato di voler fare nel 2025, nonostante la Corte Costituzionale avesse stabilito alla fine dell’anno scorso che sarebbe incostituzionale. . Il colpo di stato militare della Bolivia del 2019 è stato avviato dopo che Morales ha vinto un controverso quarto mandato dopo che un referendum del 2016 sull’estensione dei limiti di mandato è fallito, ma è stato annullato dal Tribunale costituzionale nel 2017.

Per coloro che sono interessati a saperne di più su ciò che accadde allora, ” Ecco come la guerra ibrida in Bolivia riuscì a realizzare un cambio di regime “, che era praticamente dovuto al fatto che una parte significativa della popolazione era già precondizionata a considerare illegittima la sua vittoria. . Parallelamente, gli Stati Uniti ancora una volta hanno cooptato i loro tradizionali alleati nelle forze armate locali per farli intervenire contro di lui, il che ha portato a una breve dittatura di fatto che è stata democraticamente rovesciata un anno dopo.

Il presidente in carica Luis Arce del “Movimento per il Socialismo” (MAS) di Morales ha ottenuto una vittoria schiacciante con il 55% dei voti rispetto al suo rivale più vicino che ha ottenuto solo il 28%. Il precedente governo insediato dai militari si è piegato a causa dell’impossibilità politica di mantenere il potere in quelle circostanze, dopo di che alcuni dei suoi membri sono stati ritenuti responsabili davanti alla legge per il loro ruolo nel colpo di stato. Tra queste anche Jeanine Anez, che assunse la presidenza in quel periodo e che è ancora in carcere.

Nell’ultimo anno, Arce e Morales hanno avuto un brutto litigio nel periodo precedente alle elezioni del 2025, che hanno visto Arce essere espulso dal MAS di Morales. I lettori possono saperne di più su questa disputa intra-sinistra qui e qui , ma fondamentalmente si riduce a differenze di personalità, non a differenze politiche significative. Con l’aggravarsi delle lotte interne al partito al potere, anche l’economia ha cominciato a peggiorare, con la crisi finanziaria che ha cominciato a raggiungere il culmine, provocando crescenti proteste in tutto il paese nell’immediato periodo precedente al fallito colpo di stato.

All’inizio di questo mese, Arce è stato uno dei due ospiti d’onore del presidente Putin (l’altro è il presidente dello Zimbabwe Emmerson Mnangagwa) al Forum economico internazionale di San Pietroburgo, dove ha tenuto un potente discorso sulla multipolarità che può essere letto integralmente qui . È stato pensando alla partnership sempre più strategica dei loro paesi, che include soprattutto le dimensioni del litio e dell’energia nucleare, che molti utenti di X hanno ipotizzato che il fallito colpo di stato fosse un complotto di vendetta geopolitica sostenuto dagli Stati Uniti.

Tuttavia, le tensioni economico-finanziarie e politiche (in particolare all’interno della sinistra) che l’hanno preceduta mostrano che questa interpretazione non è poi così accurata, anche se gli Stati Uniti avrebbero guadagnato se il cambio di regime avesse avuto successo, come se le nuove autorità avessero radicalmente alterato le politiche del loro paese. Inoltre, i tempi suggeriscono che si sia trattato di un colpo di stato personale improvvisato da parte di Zuniga dopo essere stato licenziato all’inizio della settimana, non qualcosa che lui e la CIA stavano architettando da un po’.

Dopotutto, Arce ha affrontato personalmente Zuniga nel palazzo presidenziale e ha convinto i suoi compagni a annullare il colpo di stato, che ha coinciso con lui e Morales che hanno messo da parte le loro divergenze per il bene nazionale e hanno invitato i loro connazionali a mobilitarsi a sostegno del governo . Il colpo di stato quindi è fallito proprio perché le forze armate non avevano colluso con la CIA in alcun modo significativo, né quell’agenzia ha condizionato l’opinione pubblica a sostenere quest’ultimo cambio di regime come ha fatto con quello del 2019.

Questo non vuol dire che non ci sia stata alcuna traccia americana in quello che è successo, il che potrebbe essere scoperto durante le indagini in corso, ma solo che sarebbe stato tutt’al più solo opportunistico e non parte di un complotto in cui avevano seriamente investito molto in anticipo. Per quanto riguarda ciò che potrebbe accadere in seguito, è possibile che Arce e Morales possano riconciliarsi o almeno ridurre l’intensità della loro rivalità, il tutto con l’obiettivo di rendere le elezioni del prossimo anno il meno controverse possibile.

La scandalosa affermazione di Zuniga all’indomani del fallito colpo di stato secondo cui Arce gli aveva precedentemente detto di inscenare qualche dramma per aumentare la sua popolarità in mezzo alle crisi convergenti del paese probabilmente non è credibile, ma potrebbe comunque avere l’effetto di esacerbare le tensioni tra i due . Non solo, ma anche una parte dell’elettorato potrebbe essere influenzata da ciò che ha detto, il che potrebbe inasprire alcuni di loro nei confronti del MAS in vista del prossimo voto e quindi potenzialmente dare una spinta ai loro rivali di destra.

La nuova situazione socio-politica potrebbe essere più facilmente sfruttata dalla CIA per facilitare eventuali successivi sforzi speculativi volti a realizzare seriamente un colpo di stato prima o durante le elezioni del prossimo anno nel caso in cui Morales decida ancora di candidarsi contravvenendo alla sentenza della Corte Costituzionale dell’anno scorso. . Questa intuizione suggerisce che mentre molti utenti di X stanno probabilmente gridando al lupo per il ruolo della CIA negli ultimi eventi, questo potrebbe effettivamente finire per diventare una profezia che si autoavvera entro il prossimo anno se la Bolivia non sta attenta.

La poco brillante dichiarazione congiunta che ha fatto seguito alla visita del premier pakistano in Cina suggerisce che la Repubblica popolare si sta inasprendo nei confronti del suo Paese a causa della sua incapacità di proteggere i lavoratori cinesi che contribuiscono allo sviluppo dei progetti CPEC.

Il Pakistan ha recentemente annunciato l’inizio della sua nuova operazione antiterrorismo dal nome in codice “ Azm-e-Istehkam ”, che è arrivata come risposta attesa da tempo a dozzine di attacchi transfrontalieri negli ultimi anni da parte del gruppo terroristico TTP con sede in Afghanistan. Gli osservatori si sono chiesti perché ci sia voluto così tanto tempo prima che un’altra operazione simile iniziasse, ma prima di spiegare il motivo dietro la tempistica dell’ultima, il lettore dovrebbe prima rivedere i seguenti briefing di base su questo argomento:

* 28 agosto 2022: “ Un pericoloso dilemma di sicurezza si sta rapidamente sviluppando nelle relazioni tra Pakistan e Talebani ”

* 6 gennaio 2023: “ Venti verità sui legami tra Pakistan e Talebani alla luce delle loro ultime tensioni ”

* 11 gennaio 2023: “ Le continue tensioni tra Pakistan e Talebani possono effettivamente portare a un’altra guerra senza fine ”

* 15 luglio 2023: “ La minaccia terroristica del TTP al Pakistan sta metastatizzando ”

* 22 marzo 2024: ” L’ultimo attacco terroristico a Gwadar ricorda perché il CPEC deve ancora decollare ”

Per riassumere, per comodità del lettore, i talebani afghani considerano il governo golpista postmoderno del Pakistan, salito al potere dopo il cambio di regime dell’aprile 2022, come burattini americani, mentre lo stesso governo li contesta per aver ospitato il TTP nonostante i suoi attacchi transfrontalieri. Ciò ha catalizzato un crescente dilemma sulla sicurezza che ha intossicato i loro legami, e ora c’è la possibilità che il Pakistan possa lanciare i propri attacchi transfrontalieri nel corso di quest’ultima operazione.

Dopo aver spiegato il percorso strategico-militare verso “Azm-e-Istehkam”, è ora importante approfondire le ragioni dietro la sua tempistica, che fa seguito alla poco brillante dichiarazione congiunta sino-pakistana arrivata dopo la visita del primo ministro Shehbaz Sharif nel paese. Repubblica popolare all’inizio di giugno. Il Diplomat ha analizzato diverse dichiarazioni congiunte nel corso degli anni nel loro rapporto dettagliato qui per dimostrare che la Cina ha effettivamente iniziato ad inasprirsi nei confronti del Pakistan a causa della sua crisi economica e di sicurezza dal 2022 in poi.

Il corridoio economico Cina-Pakistan (CPEC) è ancora ufficialmente considerato il progetto di punta della Belt & Road Initiative (BRI) cinese, ma è tristemente sottoperformato a causa della corruzione dilagante all’interno del Pakistan e delle due crisi interconnesse sopra citate che hanno coinciso con la crisi post-pakistana. -colpo di stato moderno. A dire il vero, tutti e tre i problemi erano individuabili prima della scandalosa cacciata dell’ex primo ministro Imran Khan appoggiata dagli Stati Uniti , ma nessuno di essi aveva raggiunto le proporzioni della crisi attuale.

Se il CPEC continuasse a bloccarsi a causa di questi fattori, non sarebbe imprevedibile che i cinesi perdessero interesse, ridimensionassero i loro investimenti e “disaccoppiassero” silenziosamente il CPEC dalla BRI. In tal caso, la traiettoria di crescita socioeconomica a lungo termine del Pakistan verrebbe rovinata, costringendolo così a una servitù indefinita nei confronti del FMI. Ne è già eccessivamente dipendente, al punto che The Intercept ha riferito qui lo scorso settembre di essere stato costretto da loro ad armare l’Ucraina , ma la situazione non farà altro che peggiorare.

Tutte le élite del Sud del mondo che sono in debito con gli Stati Uniti, come quelle militari e politiche al potere in Pakistan, temono ragionevolmente di poter un giorno essere vendute da loro ogni volta che il momento sarà conveniente, da qui la necessità di evitare preventivamente la massima dipendenza dal loro protettore, se possibile. . Questo imperativo spiega perché l’élite filo-americana del Pakistan vuole ancora salvare il CPEC, dal momento che il crollo economico su vasta scala che potrebbe seguire alla conclusione di fatto di questo progetto faro potrebbe spazzarli via dal potere con l’approvazione degli Stati Uniti.

In altre parole, è per ragioni di autoconservazione politica che alla fine hanno deciso di fare qualcosa riguardo al TTP dopo che la Cina ha espresso il suo disappunto per gli ultimi sviluppi e ha fatto temere che presto si sarebbe allontanata dal CPEC. L’ultima ondata di attacchi terroristici contro i loro connazionali nel paese è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, e questo è stato presumibilmente segnalato al Primo Ministro durante il suo viaggio a Pechino all’inizio di giugno.

Di conseguenza, il paese ha lanciato la sua ultima operazione antiterrorismo poche settimane dopo per dimostrare alla Cina che è seriamente intenzionata a proteggere la sua popolazione che aiuta a sviluppare progetti CPEC, ma resta da vedere quanto successo avranno in questo senso. . A dire il vero, il radicalismo rimane un problema profondamente radicato nella società pakistana, soprattutto tra la sua popolazione prevalentemente rurale e in particolare tra alcuni membri della minoranza pashtun che abitano le regioni vicino al confine afghano.

Mentre un’azione dinamica all’interno del paese e robuste misure di difesa delle frontiere possono neutralizzare le minacce più incombenti, un certo livello di cooperazione con i talebani afghani è necessario per contrastare con maggiore sicurezza il TTP, ma nessuno sembra essere imminente. Gli attacchi transfrontalieri potrebbero essere giustificati per legittima difesa, comprese le sue forme preventive, ma potrebbero anche peggiorare i legami bilaterali se non sono coordinati con i talebani e quindi esacerbare il loro dilemma sulla sicurezza.

C’è anche la forma non cinetica di antiterrorismo che è stata in gran parte dimenticata tra le notizie dell’ultima operazione militare del Pakistan, e riguarda i programmi di sviluppo socioeconomico che riducono il rischio che i locali a rischio si radicalizzino e si uniscano a gruppi terroristici. Gli sforzi precedenti, per quanto nobili e ben intenzionati possano essere stati, non sono riusciti a impedire che questo problema raggiungesse l’attuale dimensione di crisi e rendesse necessaria un’operazione altamente pubblicizzata nel tentativo atteso da tempo di affrontarlo.

La Cina osserverà quindi più da vicino di chiunque altro per valutare la sincerità della campagna antiterrorismo del Pakistan e se raggiungerà risultati tangibili che garantiscano la sicurezza dei suoi compatrioti nel paese. Se non saranno all’altezza delle sue aspettative, allora la Repubblica popolare potrebbe ridimensionare il suo impegno nei confronti del CPEC prima di “disaccoppiare” silenziosamente questo deludente megaprogetto dalla BRI, nel qual caso il Pakistan diventerebbe quasi interamente dipendente dagli Stati Uniti per un futuro indefinito. .

Il presidente Putin non è un “pazzo”, un “mostro” o una “mente” come molti immaginano che sia, ma è un pragmatico consumato, almeno per come vede se stesso, ed è quindi improbabile che faccia mai qualcosa che possa essere inventato. come emotivo o radicale.

Il presidente Putin ha dimostrato ancora una volta di essere un leader abbastanza maturo da prendere decisioni difficili che non tengono conto dell’opinione pubblica in seguito alla tiepida risposta del suo governo al bombardamento ucraino dei bagnanti a Sebastopoli, sostenuto dagli Stati Uniti, lo scorso fine settimana. Si prevedeva che ” la Russia probabilmente non imporrà una no-fly zone sul Mar Nero dopo l’attacco di Sebastopoli “, il che spiegava perché difficilmente avrebbe capitolato alla richiesta del pubblico a causa delle preoccupazioni di innescare accidentalmente la Terza Guerra Mondiale.

Invece di abbattere o neutralizzare in altro modo i droni da ricognizione americani sulle acque internazionali del Mar Nero, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha riaffermato che la proposta di cessate il fuoco del presidente Putin è ancora valida. Poco dopo, Peskov ha anche espresso la continua apertura della Russia ai colloqui con la Francia dopo che Emmanuel Macron ha dichiarato pubblicamente di essere interessato a loro l’altro giorno, tornando indietro con la sua precedente retorica di volere accordi convenzionali. intervenire in Ucraina .

Questi due sviluppi sono stati poi seguiti dal nuovo ministro della Difesa Andrey Belousov che ha parlato con il suo omologo americano in una chiamata in cui “si sono scambiati opinioni sulla situazione in Ucraina”. Lo ha anche messo in guardia sui “pericoli di un’ulteriore escalation in termini di continue consegne di armi americane alle forze armate ucraine”. Nel complesso, è chiaro che la risposta della Russia è stata ancora una volta conciliante e non escalation, esattamente come previsto dall’analisi citata in precedenza.

È interessante notare che questi sviluppi sono stati intervallati dall’affermazione virale di fake news secondo cui la Russia avrebbe già presumibilmente abbattuto un drone americano sul Mar Nero per vendetta, che è stata introdotta nell’ecosistema dell’informazione qui ma è stata poi rapidamente respinta dal suo creatore qui . Tuttavia, questa affermazione è proliferata selvaggiamente sui social media perché era conforme alle aspettative di molti osservatori illusori , la maggior parte dei quali non si è mai imbattuta nel post successivo che la riportava indietro.

Il motivo per cui è così importante chiarire esattamente quale sia stata la risposta della Russia alla provocazione dello scorso fine settimana, vale a dire continuare il suo approccio conciliante per scopi di allentamento dell’escalation invece di rischiare una terza guerra mondiale per errori di calcolo se avesse reagito come richiesto dall’opinione pubblica, è quello di prevenire falsi aspettative. Coloro che nutrono aspettative irrealisticamente alte sperimenteranno inevitabilmente una profonda delusione, dopo di che alcuni potrebbero diventare suscettibili a narrazioni ostili secondo cui la Russia si è “svenduta” o altro.

Che si sia d’accordo o meno con i meriti della sua santa moderazione, il nocciolo della questione è che questa è effettivamente la politica che il presidente Putin ha deciso di promulgare per le ragioni che sono state spiegate. Anche se è possibile che possa ordinare una simbolica dimostrazione di forza autorizzando l’abbattimento o la neutralizzazione di un drone americano nel prossimo futuro, la sua tiepida risposta finora suggerisce che non è propenso a farlo, o che si tratterebbe esclusivamente di una cosa sola. disattivato nell’improbabile caso in cui ciò accada.

Il presidente Putin non è un “pazzo”, un “mostro” o una “mente” come molti immaginano che sia, ma è un pragmatico consumato, almeno per come vede se stesso, ed è quindi improbabile che faccia mai qualcosa che possa essere inventato. come emotivo o radicale. Ci mette sempre molto tempo prima di prendere decisioni importanti, come dimostra il tempo che gli ci è voluto per iniziare l’intervento aereo della Russia in Siria e l’ operazione speciale in corso , di solito aspettando fino all’ultimo momento possibile.

Allo stesso modo, se la Russia decidesse davvero di intensificare seriamente la sua escalation contro l’Occidente, allora i precedenti suggeriscono che si tratterebbe di un cambio di gioco apparentemente improvviso ma preceduto da chiare dichiarazioni di intenti che potrebbero essere viste col senno di poi come “ultimatum” (nonostante siano descritte diversamente dai suoi diplomatici). Alcuni potrebbero interpretare alcuni dei suoi recenti segnali come un accenno a quello scenario, ma la sostanza della sua risposta finora spiegata dissipa tale nozione e suggerisce che l’attuale politica continuerà.

Ha ragione nel dire che la chiusura completa del confine polacco-bielorusso preannuncia la creazione di una nuova cortina di ferro, ma è ipocrita riguardo al fatto di non voler danneggiare il suo stesso popolo.

La leader dell’opposizione bielorussa, sostenuta dall’Occidente e residente in Lituania, Svetlana Tikhanovskaya ha espresso la sua disapprovazione per la possibilità che la Polonia possa chiudere tutti i valichi di frontiera con il suo paese dopo che il ministro degli Esteri Radek Sikorski ha detto domenica che la possibilità è presa seriamente in considerazione . La sua dichiarazione è arrivata nel mezzo delle affermazioni di Varsavia secondo cui la Bielorussia e la Russia avrebbero utilizzato come armi l’immigrazione illegale contro di essa, il cui argomento è stato analizzato qui all’inizio di giugno. Ecco cosa ha twittato Tikhanovskaya riguardo alle sue parole:

“Mantenere i bielorussi collegati all’Europa è fondamentale: la loro mobilità deve essere garantita. Le iniziative volte a limitare il traffico frontaliero a causa delle continue provocazioni del regime dovrebbero prendere di mira il dittatore, non il popolo. Non possiamo abbandonare i bielorussi al loro destino dietro una nuova cortina di ferro”.

E :

“L’espansione del contatto diretto tra i bielorussi e i popoli europei riduce l’influenza della Russia sul nostro Paese. Insieme a sanzioni efficaci e pressioni sul regime di Lukashenko, è il modo migliore per garantire il nostro futuro libero e democratico. Isolare il regime, non il popolo!”

Così come :

“All’odierno incontro del Gruppo consultivo #Bielorussia-UE a Bruxelles, ho sottolineato che i bielorussi devono vedere la prospettiva europea come l’unica alternativa al mondo russo. È fondamentale che i bielorussi si sentano sostenuti dall’Europa e sappiano che le porte dell’Europa saranno aperte”.

Ha ragione nel dire che la chiusura completa del confine polacco-bielorusso preannuncia la creazione di una nuova cortina di ferro, la cui componente militare è stata analizzata qui a fine maggio, ma è ipocrita riguardo al fatto di non voler danneggiare il suo stesso popolo. Proprio l’ultima volta ha chiesto all’UE di chiudere le scappatoie nelle sanzioni con la Bielorussia, che sarebbero state sfruttate per importare legname da lì. Ciò avrebbe ovviamente danneggiato la gente comune, non il cosiddetto “regime”, ma a lei non importava.

Ciò che sembra aver motivato i suoi tweet negli ultimi giorni è la consapevolezza che i bielorussi si inaspriranno ancora di più nei confronti dell’Occidente di quanto la maggior parte abbia già fatto dopo la fallita Rivoluzione Colorata dell’estate 2020 se il confine fosse completamente chiuso e si sentissero emarginati. . Finché rimane aperto, anche se solo parzialmente, c’è sempre la possibilità di mantenere il soft power occidentale in misura incerta. Una volta chiuso completamente, però, ogni speranza di conquistare cuori e menti svanirà in un istante.

Fondamentalmente è ancora favorevole a punire il suo stesso popolo per aver sventato la Rivoluzione Colorata che avrebbe dovuto portarla al potere, ma crede che dovrebbero esserci dei limiti a quanto lontano si spingerà. Punirli collettivamente in modo così palese chiudendo la frontiera, cosa che non solo infliggerebbe un colpo mortale al restante commercio tra i loro stati (e quello della Polonia con paesi terzi come il Kirghizistan ) ma rappresenterebbe anche un colpo psicologico, è controproducente dal punto di vista prospettiva degli interessi del soft power occidentale.

La Polonia potrebbe aver già fatto pace con il fatto che non rovescerà mai il governo bielorusso, non importa quanto ci provi, nel qual caso potrebbe decidere di ridurre le sue perdite chiudendo il confine per migliorare l’opinione pubblica interna in mezzo alla crisi. ultima fase della crisi degli immigrati clandestini. Non importa che queste persone culturalmente diverse non entrino in Polonia attraverso i valichi di frontiera ufficiali, poiché tutto ciò che sarebbe importante in questo contesto sarebbe far sembrare che qualcosa sia stato fatto.

La precedente reistituzione di una cosiddetta “ zona cuscinetto/esclusione ” lungo alcune parti della frontiera è stata un passo tangibile in quella direzione, mentre quest’ultima proposta sarebbe simbolica per completarla. Tuttavia, c’è sempre la possibilità che gli Stati Uniti facciano pressione sulla Polonia affinché riconsideri questo passo drastico “per il bene superiore” dei loro interessi collettivi, nel qual caso Varsavia probabilmente si adeguerebbe. Se dovesse comunque andare fino in fondo, sarebbe un segnale inaspettato di dispiacere nei confronti del suo principale alleato.

L’imminente viaggio del primo ministro Modi a Mosca per incontrare il presidente Putin sarà la prima visita del leader indiano in Russia in mezzo decennio da quando ha partecipato al Forum economico orientale di Vladivostok nel 2019 come ospite d’onore del suo ospite.

Tribune India ha riferito che il primo ministro indiano Narendra Modi ha intenzione di visitare Mosca l’8 luglio, seguito dal Cremlino che ha confermato che i dettagli sono in fase di elaborazione e saranno annunciati più tardi. Dovrebbe quindi essere dato per scontato che probabilmente incontrerà presto il presidente Putin, da qui l’importanza di prevedere ciò di cui discuteranno questi due leader. Questi sono i cinque argomenti principali che dovrebbero avere un posto di rilievo nella loro agenda:

———-

1. Grande strategia

La visita del Primo Ministro Modi si svolge mentre India e Russia ricalibrano i loro legami rispettivamente con gli Stati Uniti e la Cina, con la prima coppia in difficoltà mentre la seconda rimane forte ma ora ha meno probabilità di diventare sbilanciata a favore di Pechino, di cui i lettori possono saperne di più riguardo qui e qui . Russia e India sono i motori dei processi di tri-multipolarità , che tengono a bada il ritorno del bi-multipolarità sino-americana , quindi ci si aspetta che i loro leader diano priorità ad un più stretto coordinamento delle loro grandi strategie.

2. Cooperazione militare

L’approvazione da parte della Russia del patto di “ dispiegamento militare congiunto ” a lungo negoziato con l’India, che è essenzialmente un accordo logistico militare del tipo che questo stato dell’Asia meridionale ha già stipulato con gli Stati Uniti e altri, rappresenta una pietra miliare nelle loro relazioni e sarà sicuramente discusso durante i colloqui dei loro leader. Lo stesso vale per i tradizionali legami tecnico-militari, come le importazioni di armi dall’India e una maggiore produzione congiunta sul suo territorio, nonché i modi in cui l’esportazione promessa di equipaggiamenti come gli S-400 può essere realisticamente accelerata.

3. Energia e investimenti

La prossima questione prioritaria è mantenere le gigantesche importazioni indiane di energia russa e garantire che le scorte di rupie del suo partner siano strategicamente reinvestite nei modi più promettenti. A tal fine, potrebbero essere concordati accordi a lungo termine sui prezzi e sulla fornitura (anche se solo in modo informale), mentre i loro leader potrebbero scambiare un elenco delle migliori società indiane in cui la Russia potrebbe investire. Lo scopo dietro questo aspetto dei loro colloqui sarebbe quello di garantire che le tendenze economiche positive nei loro legami rimangano sulla buona strada.

4. Ottimizzazione della connettività

Le già citate importazioni di energia indiana e i reinvestimenti in rupie russe rappresentano un’ottima base su cui diversificare i legami economici, ma richiederanno inevitabilmente più scambi nel settore reale tra loro per avvicinarsi al loro pieno potenziale. Qui sta l’importanza di ottimizzare il corridoio di trasporto Nord-Sud e il corridoio marittimo orientale , idealmente rimuovendo la burocrazia e concludendo anche un patto di libero scambio parziale, entrambi i quali saranno probabilmente discussi anche il mese prossimo.

5. Vertice dei BRICS

E infine il Primo Ministro Modi e il Presidente Putin parleranno sicuramente dell’agenda del vertice BRICS di ottobre, che potrebbe anche includere il leader indiano che esprimerebbe educatamente il suo disappunto per lo scenario in cui il Pakistan potrebbe essere invitato a partecipare a “Outreach”/“BRICS Plus”. Va oltre lo scopo di questo articolo spiegare perché ciò rischierebbe di danneggiare le relazioni russo-indiane, ma questa analisi lo spiega in dettaglio. Basti dire che questa è una questione estremamente delicata e molto importante per l’India.

———-

L’imminente viaggio del primo ministro Modi a Mosca per incontrare il presidente Putin sarà la prima visita del leader indiano in Russia in mezzo decennio da quando ha partecipato al Forum economico orientale di Vladivostok nel 2019 come ospite d’onore del suo ospite. Da allora il mondo è completamente cambiato e, sebbene quei due si siano incontrati in India nel 2021 e abbiano avuto diversi incontri a margine di altri eventi, questo incontro darà loro tutto il tempo per sincronizzare le loro grandi strategie e tutto ciò che ciò comporta per accelerare il multipolarismo.

La realtà è che la Russia si è dimostrata riluttante a intensificare l’escalation dopo ciascuna delle principali provocazioni dell’Ucraina appoggiate dagli Stati Uniti, di cui ora esiste una lunga lista, forse perché teme davvero che gli Stati Uniti possano provocare la Terza Guerra Mondiale per qualunque provocazione possa essere. spinge la Russia a un’escalation.

Un missile ATACMS carico di munizioni a grappolo è esploso su una spiaggia a Sebastopoli durante il fine settimana, ferendo 124 persone , quasi un quinto delle quali erano bambini. Il Ministero della Difesa russo ha accusato gli Stati Uniti di aver fornito all’Ucraina questi missili e di aver inserito i dati di mira ottenuti dai satelliti. Altri rapporti affermavano che in quel momento un drone da ricognizione americano stava volando nelle vicine acque internazionali, dando così ulteriore credito alla suddetta affermazione di coinvolgimento.

Per quanto atroce sia stato un attacco terroristico, la Russia non sembra ancora avere la volontà politica di abbattere o comunque neutralizzare i droni che facilitano questi attacchi. Si è concluso nel marzo 2023, dopo un incidente in volo all’epoca, che ” la Russia aveva il diritto sancito dalle Nazioni Unite di dirigere i droni statunitensi lontano dalla Crimea “, ma non ha dato seguito a ciò imponendo una no-fly zone nelle acque internazionali. La Russia resta ancora riluttante a fare qualsiasi cosa che possa provocare un’escalation e la situazione probabilmente non cambierà.

Tenendo presente questa osservazione, l’incidente della scorsa primavera sembra essere stato un’eccezione alla regola non ufficiale secondo la quale la Russia porge proverbialmente l’altra guancia o semplicemente bombarda qualche obiettivo militare in Ucraina in risposta a ogni grande provocazione sostenuta dagli Stati Uniti come quella di questo fine settimana. Le prove a sostegno di questa tesi includono gli attentati ai ponti della Crimea, l’assassinio di personaggi politici e dei media, gli attacchi contro raffinerie di petrolio e basi aeree strategiche, e persino l’attacco del maggio 2023 allo stesso Cremlino, et al.

Di volta in volta, la Russia si controlla e non sale la scala dell’escalation, e il massimo che abbia mai fatto è stato effettuare una campagna di bombardamenti su larga scala contro le infrastrutture energetiche dell’Ucraina nell’autunno del 2022. Anche questo, tuttavia, non è stato esaustivo. e alla fine il danno era riparabile. Tuttavia, non furono mai effettuati attacchi simmetrici, come il bombardamento della Rada o di un ponte sul Dnepr. Di conseguenza, non c’è motivo di aspettarsi che la Russia risalga la scala dell’escalation dopo quest’ultimo attacco.

Affinché ciò possa cambiare, la Russia dovrebbe prima accettare la crisi del rischio calcolato simile a quella cubana che potrebbe verificarsi rapidamente se gli Stati Uniti decidessero di provocarne una dopo che i suoi droni da ricognizione saranno abbattuti o altrimenti neutralizzati, ma non vi è alcuna indicazione che sia pronta a farlo. Al contrario, la retorica ufficiale, dal presidente Putin in poi (con Medvedev che costituisce un’eccezione in quanto funge da “poliziotto cattivo” per alleviare la pressione ultranazionalista in patria) è stata conciliante, mai escalation.

Anche se è possibile che questa sia solo una “operazione psicologica” per “psicheggiare” l’Occidente in vista di un brusco cambiamento nella politica al fine di coglierlo il più alla sprovvista, è molto più probabile che non sia così e che una tale spiegazione è solo un pio desiderio o un “ copio ” da parte degli influencer simpatizzanti dell’Alt-Media . La realtà è che la Russia si è dimostrata riluttante ad un’escalation, forse perché teme veramente che gli Stati Uniti possano provocare la Terza Guerra Mondiale, qualunque sia la provocazione che spinge la Russia ad intensificare le misure.

La spiegazione di cui sopra potrebbe essere descritta da alcuni come un altro esempio di “copio”, ma spiega comunque in modo convincente il motivo per cui il presidente Putin rimane fedele alla sua politica di non rispondere in modo “occhio per occhio” a nessuna delle principali provocazioni dell’Ucraina appoggiate dagli Stati Uniti. . Persino le risposte asimmetriche non vengono prese seriamente in considerazione, ad eccezione del successivo bombardamento di alcuni obiettivi militari e talvolta del colpo di un paio di centrali elettriche, ma tali risposte non hanno avuto assolutamente alcun effetto deterrente, come è indiscutibilmente noto.

Se queste dinamiche strategico-militari rimangono invariate, allora ci si possono aspettare ulteriori provocazioni, che continueranno a caratterizzare questo conflitto ibrido fino alla sua fine. Il modello di comportamento della Russia finora suggerisce che considera questo un costo accettabile da pagare per non rischiare la Terza Guerra Mondiale a causa di errori di calcolo su uno qualsiasi di questi attacchi. Qualunque sia la propria opinione sui meriti di questa politica, sembra comunque essere il modo in cui il Presidente Putin continuerà ad affrontare questo dilemma.

Le agenzie di spionaggio straniere erano probabilmente coinvolte in misura incerta, ma facevano comunque affidamento sulla gente locale radicalizzata per fare il lavoro sporco, non sui propri connazionali.

La regione meridionale russa del Daghestan è stata colpita domenica da diversi attacchi terroristici dopo che militanti armati hanno preso di mira chiese, sinagoghe e un posto di polizia stradale in due città separate. Abdulkhakim Gadzhiyev, che è uno dei rappresentanti di quella regione alla Duma, ha subito incolpato l’Ucraina e la NATO . L’ex capo di Roscosmos e senatore in carica della regione di Zaporozhye Dmitry Rogozin, tuttavia, lo ha educatamente rimproverato poco dopo in un post su Telegram che recita quanto segue:

“Il deputato della Duma di Stato del Daghestan Gadzhiev ritiene che l’attacco terroristico nella repubblica sia stato effettuato dai servizi speciali dell’Ucraina e dei paesi della NATO. E credo che se diamo la colpa di ogni attacco terroristico basato sull’intolleranza nazionale e religiosa, sull’odio e sulla russofobia alle macchinazioni dell’Ucraina e della NATO, allora questa nebbia rosa ci porterà a grossi problemi. Vediamo una pagliuzza negli occhi di qualcun altro, ma non vediamo una trave nei nostri. Ed era ora.”

Questa non è la prima volta che il Daghestan fa notizia per tutte le ragioni sbagliate, da quando un gruppo di locali radicalizzati ha tentato di prendere d’assalto l’aeroporto della capitale regionale lo scorso autunno dopo essere stato indotto in errore da fake news provenienti da paesi stranieri su Telegram a pensare che un gruppo di ebrei i profughi stavano per arrivare lì. L’incidente è stato analizzato in modo esauriente qui all’epoca, concludendo che si trattava di una provocazione ibrida da parte degli avversari della Russia che sfruttava parte della predilezione della popolazione per l’estremismo religioso.

Considerando questo contesto, Gadzhiyev non aveva torto nel sospettare che queste stesse forze probabilmente abbiano avuto un ruolo nell’ultimo attacco terroristico, soprattutto perché le riprese delle scene suggeriscono che i colpevoli avevano ricevuto almeno un addestramento nel maneggio e nelle tattiche delle armi. Tuttavia, come ha lasciato intendere Rogozin nel suo post, per ballare il tango bisogna essere in due e alcuni locali hanno chiaramente colluso con agenzie di spionaggio straniere di loro spontanea volontà, sia che si rendessero conto con chi avevano veramente a che fare o che si innamorassero delle loro storie di copertura.

Questo modus operandi è stato messo in mostra durante l’attacco terroristico Crocus della primavera in cui il GRU ucraino ha svolto un ruolo di coordinamento cruciale, come spiegato qui e qui all’epoca. Gli elementi a rischio della società, in questo caso i migranti, vengono reclutati da agenzie di spionaggio straniere (di solito tramite piattaforme di social media come Telegram oggi). La causa principale è quindi che alcune persone sono in primo luogo predisposte alle ideologie estremiste, ma qui sta la difficoltà di difendersi preventivamente da questa minaccia.

Ci saranno sempre estremisti in ogni società, compresi quelli che sono attratti da queste opinioni a causa dei loro problemi psicologici preesistenti, e questo purtroppo è il caso anche in uno stato-civiltà storicamente tollerante e cosmopolita come la Russia . È semplicemente impossibile monitorare tutto ciò che fanno gli utenti su ogni app in ogni momento, anche su quelle non crittografate. Ciò che si può fare, tuttavia, è incoraggiare più persone a denunciare il comportamento sospetto dei propri familiari e amici.

Essere un “informatore” è considerato un tradimento, e questo è effettivamente il caso se qualcuno tradisce coloro che gli sono vicini e che sono impegnati in attività che probabilmente non danneggiano nessun altro, come ad esempio i crimini dei colletti bianchi, ma informano le autorità circa un sospetto terrorista è nobile. Cambiamenti improvvisi nel comportamento, nell’abbigliamento, nella mentalità e nella retorica possono suggerire che qualcuno si è già radicalizzato o è su quella strada, dopodiché potrebbe essere reclutato come terrorista da agenzie di spionaggio straniere.

Come dice il detto cliché, “è meglio prevenire che curare”, e la cosa più responsabile che qualsiasi membro della famiglia o amico può fare se assiste a questa trasformazione in qualcuno vicino a lui è informare i servizi di sicurezza locali. Alcuni “codici” socioculturali scoraggiano tale pratica anche quando è ovvio che qualcosa non va, ma questi atteggiamenti devono cambiare con i tempi poiché la radicalizzazione guidata dai social media e il reclutamento di intelligence straniera sono alcune delle principali minacce di oggi.

La soluzione inizia a livello nazionale, a volte letteralmente, con la società e lo Stato che lavorano insieme per sradicare gli estremisti all’interno del paese. Alcune persone possono ancora essere riformate se questa tendenza viene rilevata abbastanza presto e non hanno ancora attraversato il Rubicone per complottare crimini atroci, quindi la cosa più premurosa che un membro della famiglia o un amico può fare è cercare di ottenere aiuto per coloro che sono vicini a loro come appena possibile. Alcune di queste persone potrebbero poi trasformarsi in doppi agenti e quindi contribuire a salvare innumerevoli altre vite.

L’approfondimento è rilevante dopo gli attentati terroristici di domenica poiché evidenzia il carattere ibrido di questa provocazione. Le agenzie di spionaggio straniere erano probabilmente coinvolte in misura incerta, ma facevano comunque affidamento sulla gente locale radicalizzata per fare il lavoro sporco, non sui propri connazionali. Gadzhiev e Rogozin hanno quindi ragione a modo loro, poiché la realtà di ciò che è accaduto è una combinazione delle loro due spiegazioni, rendendo quindi necessaria una soluzione ibrida del tipo proposto in questo articolo in risposta a questa minaccia ibrida.

La “diplomazia nucleare” non è solo un investimento di riferimento per espandere in modo completo le relazioni dei partner in altri ambiti (minerali, logistica, mercati, ecc.), ma è anche una polizza assicurativa per mantenerli solidi in mezzo all’incertezza politica.

La scorsa settimana il Financial Times (FT) ha pubblicato un articolo su “ Come la Russia sta usando l’energia nucleare per ottenere influenza globale ”, che ha utilizzato l’esempio del suo progetto Roopur in Bangladesh per allarmizzare la presunta manipolazione da parte di Mosca dei suoi partner per instaurare relazioni decennali. di dipendenza. Se si guarda oltre la loro ovvia agenda narrativa, allora si può effettivamente imparare molto sulla “ diplomazia nucleare ” della Russia e sul perché l’Occidente non è in grado di competere con essa, e quindi sul perché ricorre alle diffamazioni.

Ogni progetto di una centrale nucleare dura circa 80-90 anni dalla costruzione allo smantellamento, conferendo così alla Russia quasi un secolo di affari con ciascun partner poiché provvede a tutto nell’ecosistema, dai fondi al personale e all’uranio durante l’intero ciclo di vita. Ciò è già abbastanza allettante, soprattutto grazie alla competenza globale della Russia in questo ambito, ma è reso ancora più allettante dal finanziamento al 90% “con rimborsi distribuiti su decenni a tassi di interesse minimi”.

Questi termini spiegano perché Rosatom ha concluso quasi due dozzine di memorandum d’intesa con gli stati del Sud del mondo dal 2022, con l’Africa che è un “punto di crescita” chiave che dovrebbe contribuire ad aumentare le entrate annuali dai 16,2 miliardi di dollari dello scorso anno a 56 miliardi di dollari entro il 2030. Come previsto, da una grande influenza in un campo strategico come l’energia verde affidabile e a basso costo derivano grandi privilegi, ed è per questo che, secondo il FT, altri accordi non legati al nucleare tendono a seguire gli accordi con Rosatom.

Il piano di crescita africana dell’azienda completerà quello “ Democratico ” della Russia Pacchetti “ Sicurezza ”, che si riferisce alla gamma di aiuti che Mosca offre ai suoi partner per contrastare la situazione ibrida esacerbata dall’esterno. Minacce di guerra ai loro modelli nazionali di democrazia. L’energia affidabile e a basso costo fornita dalla Russia aiuterà questi paesi a soddisfare i bisogni minimi della loro crescente popolazione, e questo a sua volta ridurrà le possibilità che diventino abbastanza disperati da essere indotti in una rivolta o peggio.

L’effetto combinato della “diplomazia nucleare” russa abbinata ai suoi pacchetti di “sicurezza democratica” è che l’Africa ha una maggiore probabilità di uno sviluppo stabile rispetto a qualsiasi altro momento precedente. Anche se alcuni dei suoi partner scivolassero in stati falliti, Mosca otterrebbe comunque un’influenza senza precedenti sull’intero territorio, che potrebbe essere sfruttata per ottenere un accesso privilegiato ai suoi minerali e ai suoi mercati. Ciò può a sua volta contribuire a mantenere sulla buona strada la traiettoria di crescita economica a lungo termine della Russia, nonostante le sanzioni occidentali.

Questa strategia dipende dal fatto che la Russia concluda il maggior numero di tali partenariati con gli stati africani attraverso i mezzi sopra menzionati e poi li mantenga nonostante i colpi di scena della Nuova Guerra Fredda , che potrebbe vedere alcuni dei suoi partner sperimentare cambiamenti di regime sostenuti dagli Stati Uniti. Anche in quello scenario, tuttavia, l’energia verde affidabile e a basso costo che la Russia aiuta a produrre per soddisfare i bisogni minimi della popolazione potrebbe limitare la misura in cui i legami potrebbero cambiare in quelle circostanze.

Vista in questo modo, la “diplomazia nucleare  della Russia non è solo un investimento fondamentale per espandere in modo completo le relazioni con i partner in altri ambiti (minerali, logistica, mercati, ecc.), ma è anche una polizza assicurativa per mantenerle solide in mezzo all’incertezza politica. Ciò lo rende uno strumento estremamente importante nel grande insieme di strumenti strategici della Russia, con cui l’Occidente non può competere poiché non è in grado di offrire neanche lontanamente le stesse condizioni, ostacolando così notevolmente la sua strategia di contenimento.

La partnership strategica della Russia con la Cina rimane intatta e continua ad avere un impatto positivo sul mondo, ma ora è molto meno probabile che la Russia diventi un “partner junior” della Cina rispetto a prima e la privilegi su Corea del Nord, Vietnam e India.

Sputnik ha riferito durante il fine settimana che la Russia ha approvato un accordo di schieramento militare congiunto (JMD) con l’India, che è essenzialmente l’accordo di “ scambio reciproco di logistica ” (RELOS) che hanno negoziato negli ultimi anni. Questo patto consentirà a ciascuna delle loro forze armate di utilizzare più facilmente le strutture dell’altra, aprendo così la possibilità di visite più regolari da parte delle rispettive marine e conferendo una dimensione militare simbolica al corridoio marittimo orientale tra Chabahar e Vladivostok.

Anche il tempismo non è casuale poiché segue immediatamente il patto di mutua difesa russo-nordcoreano e la Russia e il Vietnam che riaffermano la forza della loro partnership strategica impegnandosi a non stipulare accordi con nessun altro che possa rappresentare una minaccia per il paese. interessi altrui. A queste due alleanze, la prima formale e la seconda non ufficiale, fa ora seguito il patto JMD della Russia con l’India, completando così la nuova ricalibrazione della sua strategia asiatica.

Fino a questo punto, i nemici e persino gli amici di quel paese presumevano che la Russia stesse “ruotando” verso la Cina, con l’insinuazione che avrebbe privilegiato gli interessi di Pechino rispetto ad altri. Se così fosse stato, ciò avrebbe potuto assumere la forma di una pressione congiunta sulla Corea del Nord come punizione per i suoi test missilistici, esercitazioni navali congiunte nella parte rivendicata dalla Cina del Mare Orientale/Mar Cinese Meridionale conteso dai vietnamiti e un ridimensionamento dei legami militari. con l’India per dare alla Cina un vantaggio nelle controversie himalayane.

Invece, la Russia ha stretto un’alleanza militare formale con la Corea del Nord, confermando che non avrebbe mai fatto nulla che potesse minacciare gli interessi del Vietnam (l’insinuazione è che non darà mai credito alla parte rivendicata dalla Cina del loro territorio marittimo conteso), e ha concluso il JMD con l’India. La fazione pro-BRI della comunità di esperti e politici russi probabilmente non è soddisfatta di questi risultati poiché rafforzano la mano dei loro “rivali amichevoli” equilibratori/pragmatici.

Per spiegarlo, il primo ritiene che un ritorno al bi-multipolarismo sino-americano sia inevitabile, quindi la Russia dovrebbe accelerare la traiettoria della superpotenza cinese come vendetta contro gli Stati Uniti per tutto ciò che hanno fatto dal 2022. Al contrario, il secondo vuole mantenere l’atto di equilibrio della Russia in per evitare una dipendenza sproporzionata dalla Repubblica Popolare, ritenendo che sia ancora possibile osteggiare il multipolarismo complesso nel corso della transizione sistemica globale invece di ritornare al bi-multipolarismo.

Per quanto riguarda gli ultimi tre sviluppi strategico-militari, il loro effetto cumulativo è quello di segnalare che la Russia non diventerà mai il “partner minore” della Cina, come la fazione pro-BRI implica che dovrebbe fare “per il bene comune”, e servono anche a complicare le cose. questioni geopolitiche regionali per la Repubblica Popolare. Gli Stati Uniti potrebbero rafforzare la propria presenza militare nel nord-est asiatico dopo il patto della Corea del Nord con la Russia, mentre Vietnam e India continueranno a sostenere con fiducia le rispettive rivendicazioni territoriali nei confronti della Cina.

Mentre la prima conseguenza potrebbe spingere la Cina in una spirale di rivalità con gli Stati Uniti che potrebbe poi essere sfruttata da Russia e Corea del Nord per convincerli a sostenerli in modo più significativo contro il nemico comune, la seconda rafforza la potenziale posizione di Mosca come mediatore tra loro e Pechino. . Il primo è quindi un diverso tipo di bi-multipolarità sino-americana, anche se con una maggiore autonomia strategica per Russia e Corea del Nord, mentre il secondo mantiene in carreggiata le complesse tendenze multipolaristiche.

Nel loro insieme, queste mosse possono essere interpretate come un “gioco di potere” da parte della fazione equilibratrice/pragmatica della Russia contro i loro “rivali amichevoli” pro-BRI, gli ultimi dei quali sono stati in ripresa nell’ultimo anno ma ora sono di nuovo in gioco. indietro come prima. La partnership strategica della Russia con la Cina rimane intatta e continua ad avere un impatto positivo sul mondo, ma ora è molto meno probabile che la Russia diventi un “partner junior” della Cina rispetto a prima e la privilegi su Corea del Nord, Vietnam e India.

Anche l’uso puramente commerciale di questa via d’acqua senza alcuna componente della Guardia Costiera potrebbe alimentare la percezione, incoraggiata dagli Stati Uniti, da parte dei giapponesi e della Corea del Sud che Pechino stia sostenendo Mosca e Pyongyang contro di loro.

C’è stato molto clamore mediatico questo mese sulla possibilità che Russia e Corea del Nord permettano alla Cina di utilizzare il fiume Tumen per colmare il divario di 15 chilometri per accedere al Mar del Giappone dalla sua provincia nord-orientale senza sbocco sul mare di Jilin. Il Nikkei giapponese ha riferito il 14 giugno che “ la Cina osserva l’accesso al Mar del Giappone attraverso il fiume di confine tra Russia e Corea del Nord ”, seguito da Newsweek che ha pubblicato il 20 giugno un articolo intitolato “ La mappa mostra il fiume di confine con la Russia osservato dalla Cina ”.

Entrambi gli articoli citano la dichiarazione congiunta sino-russa del mese scorso che includeva una clausola sulla “conduzione di un dialogo costruttivo con la Repubblica popolare democratica di Corea sulla questione delle navi cinesi che navigano verso il mare attraverso il corso inferiore del fiume Tumen”. Il Nikkei ha suggerito che la Cina utilizzerebbe questa rotta per schierare la sua guardia costiera nel Mar del Giappone per dirottare la marina di Tokyo dalle contese isole Diaoyu/Senkaku, mentre Newsweek ha ipotizzato che la Russia potrebbe vendere questa striscia di confine alla Cina.

Il primo scenario è credibile, mentre il secondo non lo è, dal momento che gli emendamenti costituzionali della Russia del 2020 vietano severamente di cedere qualsiasi territorio del paese. Inoltre, non ha senso il motivo per cui la Russia sarebbe presumibilmente interessata a tagliarsi fuori dalla Corea del Nord subito dopo che i due hanno appena firmato un patto di difesa reciproca rivoluzionario il cui significato è stato spiegato nella precedente analisi con collegamento ipertestuale. Il giorno dopo il New York Times ha convenuto che questo accordo mette effettivamente la Cina in un dilemma.

Serve essenzialmente a spostare il focus della Nuova Guerra Fredda dall’Europa all’Asia poiché crea le condizioni affinché gli Stati Uniti rafforzino la propria presenza militare in Giappone e Corea del Sud con il pretesto di rispondere al sostegno militare della Russia alla Corea del Nord. Ciò metterebbe la Cina ancora più sulla difensiva strategica di quanto non lo sia già e probabilmente la costringerebbe a rispondere reciprocamente qualora ciò accadesse, complicando così ulteriormente i suoi legami con l’emergente asse americano-giapponese-sudcoreano.

La Cina però non vuole che ciò accada poiché ha fatto della sua neutralità nei confronti dell’Ucraina un grosso problema Conflitto e ha recentemente cercato di stabilizzare le relazioni con questi due paesi vicini attraverso la partecipazione il mese scorso al primo vertice trilaterale tra di loro in cinque anni. Tuttavia, la Cina non condannerà il patto di mutua difesa dei suoi partner che rischia di mettere in moto questa sequenza di eventi poiché ciò ucciderebbe la sua reputazione nel Sud del mondo, quindi è costretta a reagire agli sviluppi.

La Russia e la Corea del Nord vogliono che la Cina si schieri apertamente dalla loro parte nella Nuova Guerra Fredda, che riporterebbe le relazioni internazionali a un sistema di bi-multipolarità sino-americana , anche se questi due potrebbero esercitare più influenza sulla Cina rispetto al sistema inverso. come se la Cina risolvesse i suoi problemi con gli Stati Uniti. Il primo scenario vedrebbe la Cina e gli Stati Uniti competere ferocemente per la leadership globale, mentre il secondo potrebbe vederli accettare di dividerla in “sfere di influenza” a possibile scapito di altri.

La Cina preferisce la competizione pacifica alle sue manifestazioni più feroci, quindi il secondo scenario per risolvere i suoi problemi con gli Stati Uniti è quello a cui punta, anche se questo non vuol dire che stia complottando per svendere i suoi partner, solo che Russia e Corea del Nord avrebbero minore flessibilità in tal caso. Questi due, tuttavia, preferirebbero naturalmente che Cina e Stati Uniti rimanessero sempre più acerrimi rivali sulla futura configurazione dell’ordine mondiale, poiché si aspettano che la Cina li sostenga pienamente contro gli Stati Uniti.

Il modo in cui tutto ciò si collega alla possibilità che la Cina utilizzi il fiume Tumen per accedere al Mar del Giappone è che anche l’uso puramente commerciale di questo corso d’acqua senza alcuna componente della guardia costiera potrebbe alimentare la percezione, incoraggiata dagli Stati Uniti, da parte dei giapponesi e della Corea del Sud secondo cui Pechino sta sostenendo Mosca. e Pyongyang. Qualsiasi progresso tangibile nel raggiungimento di un accordo dopo il patto di mutua difesa tra i due sarebbe sfruttato per ipotizzare che la Cina abbia iniziato a sfidare apertamente l’Occidente in collusione con loro.

Tutto il duro lavoro diplomatico svolto dalla Cina negli ultimi dieci anni per presentarsi come attore responsabile nell’Asia nord-orientale, in opposizione alle “sciabole nucleari” della Corea del Nord, sarebbe inutile, così come lo sarebbe il suo altrettanto duro lavoro per presentarsi come neutrale nel contesto russo. -Dimensione occidentale della Nuova Guerra Fredda. Potrebbe quindi calcolare che sia meglio lasciare la proposta del fiume Tumen nel ghiaccio piuttosto che scongelarla con il rischio di giocare inavvertitamente nella campagna di guerra dell’informazione armata dei suoi rivali geopolitici.

Questo calcolo potrebbe cambiare, tuttavia, se cambiasse prima il grande piano strategico della Cina. Nel caso in cui la Cina abbandonasse il suo atto di equilibrio tra l’Occidente (compresi gli alleati asiatici di questo blocco) e i suoi letterali nemici russo-nordcoreani, allora ne conseguirebbe che la sua leadership non avrebbe alcun scrupolo su qualunque cosa la prima possa pensare al riguardo. utilizzando il fiume Tuman per qualsiasi scopo. Ciò non è ancora accaduto e potrebbe non realizzarsi mai, quindi per ora il futuro di questa iniziativa è incerto.

Per un’esperienza completa, aggiorna il tuo abbonamento.

Upgrade a pagamento

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

1 2 3 41