UNA RISATA SEPPELLIRÀ IL CACCIATORE FASULLO, di Gianfranco Campa

UNA RISATA SEPPELLIRÀ IL CACCIATORE FASULLO

 

In un articolo pubblicato lo scorso febbraio sul nostro sito avevo riportato la notizia della decisione, presa dal cacciatore fasullo, il Procuratore Speciale Robert Mueller, di rendere pubblici, con grandi fanfare, i capi di imputazione contro 13 cittadini ed entità Russe per aver intrapreso “una guerra di disinformazione” tesa ad interferire nelle elezioni presidenziali americane con l’intento di frodare gli Stati Uniti. In altre parole per aver cospirato al fine di manipolare le elezioni presidenziali Americane del 2016.

Sotto la costante pressione dovuta alla necessità di produrre risultati immediati, concreti, visibili, dopo mesi di indagini e pressioni provenienti dai Democratici, dall’establishment e dallo stato ombra, con il chiaro intento di dimostrare la fondatezza delle  presunte infiltrazioni Russe e continuare quindi a giustificare le caccia alle streghe del Russiagate contro Trump, il signor Mueller aveva tirato fuori dal suo cilindro magico le accuse contro questi cittadini e compagnie Russe.

Una mossa da vero coniglio, per il procuratore Mueller, non nuovo a questo tipo di prodezze giudiziarie. Capi di accuse contro fantomatiche entità Russe, messi in piedi più per necessità di spettacolo mediatico teso a soddisfare i nemici di Trump e di giustificazione dei milioni di dollari spesi dai contribuenti americani nel mettere in piedi la struttura dell’ufficio del procuratore speciale sul Russiagate che per la serietà di evidenze, prove e indagini.

Così lo scorso 9 Maggio, i portavoce di Mueller, accusatori dei Russi, si sono presentati al Tribunale del Distretto Federale Della Columbia (Washington DC),  di fronte al Giudice Magistrato Michael Harvey, per quella che viene chiamata in gergo giuridico: Initial Appearance and Arraignment, meglio anche conosciuto come Preliminary Hearings. In altre parole sarebbe l’equivalente di un’udienza preliminare sul caso Troll Russi.

Quella che doveva essere una trionfale passeggiata per gli eroi del Procuratore si è trasformata in un siparietto comico, dove Mueller di riflesso ha fatto una emerita figura barbina, abbastanza determinante da innalzare prepotentemente il livello delle sue già leggendarie capacità investigative…

Le accuse contro i Russi avrebbero dovute essere in teoria una agevole passeggiata, una sua facile vittoria mediatica e giuridica poiché nessuno, tantomeno i  Mulleriani, si sarebbero aspettati una aperta sfida in tribunale. Questo perché le entità Russe, individuate da Mueller, non risiedono negli Stati Uniti e nessuna decisione giuridica in America avrebbe avuto valore in Russia o viceversa. Si riteneva altamente improbabile che le persone imputate nel caso dei Troll Russi, si presentassero in un tribunale degli Stati Uniti. Ci si aspettava quindi da parte di Mueller che codeste società e persone ignorassero il procedimento, aprendo la strada ad uno scontato riconoscimento del lavoro svolto da Mueller. In altre parole questi capi di accusa contro i Russi dovevano servire da palcoscenico per gli applausi di riconoscimento del solerte lavoro sin qui svolto dal nostro eroe Robert Mueller.

Questo appunto in teoria; perché in realtà quando i Mulleriani si sono presentati in Tribunale, tutto si aspettavano fuorché di trovare un team attrezzato di avvocati incaricati di rappresentare una delle entità Russe menzionate negli atti di accusa.

Delle tredici entità Russe, tre di queste sono compagnie facenti capo al magnate russo, amico di Putin, Yevgeny Prigozhin, conosciuto meglio col soprannome di “ cuoco di Putin”. La Concord Catering and Concord Management avrebbero, secondo Mueller, finanziato le operazioni di un’altra compagnia, la Internet Research Agency, una “fabbrica di trolls online” con sede a San Pietroburgo.

La Concord Management and Consulting LLC sono quindi in realtà la stessa compagnia e si sono presentate in Tribunale difese da uno dei più famosi studi di avvocati statunitensi: Reed Smith LLP.

Di fronte al giudice Harvey c’erano i rappresentanti del procuratore speciale Mueller; gli assistenti procuratori speciali Jeannie Rhee, Lawrence Atkinson e Ryan Dickey. Mentre a rappresentare i Russi, del leggendario studio legale Reed Smith LLP c’erano: Eric Dubelier e  Katherine Joanne Seikaly.

A questo punto sono cominciati i sorrisi. Prima di tutto lo sguardo smarrito dei procuratori Mulleriani nel vedere un team di avvocati presenti in tribunale per conto dei russi. I procuratori, colti evidentemente di sorpresa, avrebbero immediatamente chiesto che il caso venisse posticipato. Questo probabilmente per guadagnare tempo e permettere ai Mulleriani di assorbire lo shock, la svolta negativa della situazione e tracciare una nuova linea di attacco alla luce dei nuovi sviluppi della situazione, opposta rispetto alle aspettative iniziali. Insomma per i Mulleriani trovarsi di fronte la squadra di avvocati è valso l’equivalente di un uppercut ben assestato ad un avversario troppo baldanzoso. Il giudice avrebbe rifiutato la richiesta dei Mulleriani e l’udienza quindi si è svolta regolarmente.

Durante questa udienza, il giudice chiede all’avvocato che rappresenta la Concord Management se rappresentasse anche la Concord Catering. L’avvocato Dubelier risponde al giudice affermando di rappresentare solo la Concord Management. Dubelier sottolinea la ragione per cui non rappresentano la Concord Catering: “Vostro Onore, penso siamo di fronte al classico caso in cui il governo tenta di incriminare il proverbiale panino al prosciutto”. Il panino al prosciutto si riferisce al famoso termine “incriminare un panino al prosciutto” tratto da un articolo del New York Daily News del 1985,  quando il capo procuratore di New York, Sol Wachtler, dichiarò alla stampa che i pubblici ministeri avevano così tanta influenza sulle giurie da poter, se necessario, condannare anche un panino al prosciutto.

Dubilier prosegue affermando che la Concord Catering non esisteva come entità legale durante il periodo in cui Mueller la accusa di aver influenzato le elezioni americane. Dubelier aggiunge inoltre che “Se mi mostrassero le prove che codesta compagnia esisteva al momento dei fatti contestati dai procuratori, probabilmente saremmo qui a rappresentarli, ma per gli scopi di oggi no.”

Gli avvocati Eric Dubelier e Katherine Joanne Seikaly hanno sottolineato inoltre che le accuse del  procuratore speciale Robert Mueller sono infondate e l’unica ragione mossa dalle accuse di Mueller sarebbe quella di “incriminare un russo – qualsiasi russo possibile“. In altre parole gli avvocati hanno accusato Mueller di fronte al giudice di condurre una vera e propria caccia alle streghe. Secondo gli avvocati la ragione di queste approssimative accuse di Mueller contro fantomatiche entità Russe è ovvia: accusare i Russi per giustificare la propria esistenza da procuratore speciale.

Dubelier e Seikaly hanno detto che le accuse “costituiscono un forma di ipocrisia” in quanto gli Stati Uniti hanno interferito regolarmente nelle elezioni di molti paesi stranieri. Inoltre secondo gli avvocati la Concord Management non intendeva violare la legge federale. D’altronde la Concord Management non conosce la legge federale americana, non operando sul territorio americano. “L’accusa precipitosa non è in grado di discernere se l’imputato sapeva che stava agendo in modo illegale o che intendeva violare i reati normativi sottostanti. Il rischio qui è grave, cioè una società straniera senza una presenza fisica negli Stati Uniti è accusata, in un caso senza precedenti, di una tipologia mai presentata prima dal Dipartimento Di Giustizia per aver cospirato nel frodare gli Stati Uniti, non rispettando determinati requisiti normativi che sono sconosciuti anche alla maggior parte degli americani.” Gli Avvocati dei Russi hanno concluso di voler avvalersi del diritto di un processo veloce, cosa che metterebbe i paladini Mulleriani in crisi.

Così il nostro eroe Robert Mueller, dopo aver condotto una inchiesta a dir poco dilettantistica, arriva ad accusare una societa` che al tempo dei fatti non esisteva nemmeno e una volta in tribunale, si ritrova spiazzato dalla presenza degli avvocati difensori. Tutto questo avendo speso fino ad ora la bellezza di 14 milioni di dollari, con un team di ben 16 assistenti procuratori, per ritrovarsi poi in mano “un panino al prosciutto”. Come disse qualcuno (Michail Bakunin): “La fantasia distruggerà il potere e una risata vi seppellirà!” Già si odono le poderose risate di scherno echeggiare nelle stanze del Cremlino. La farsa del Russiagate continua ma almeno ora cominciamo a divertirci.

http://italiaeilmondo.com/2018/02/17/epilogo-di-una-farsa_-di-gianfranco-campa/

EPILOGO DI UNA FARSA?_ di Gianfranco Campa

italiaeilmondo.com

Mueller ha reso pubblici i capi di accusa contro tredici cittadini russi accusati di intrusione nelle elezioni presidenziali americane. Ciò che colpisce però non …

 

http://www.dcd.uscourts.gov/content/magistrate-judge-g-michael-harvey

Magistrate Judge G. Michael Harvey | District of Columbia …

www.dcd.uscourts.gov

G. Michael Harvey was appointed as a United States Magistrate Judge on February 13, 2015. He received a B.A., cum laude, from Duke University in Political Science and Religion in 1989.

 

https://www.docdroid.net/ytSx83s/usa-v-concord-5-9-18-18-032.pdf

 

 

Contenziosi in terra straniera, di Antonio de Martini

Trump era stato avvertito che rompere unilateralmente l’accordo JCPOA avrebbe avuto conseguenze sul piano militare.

Ieri l’Iran e Israele si sono scambiati una ventina di missili per parte avendo cura di non mirare a zone abitate.
Gli obbiettivi di entrambi sono in territorio siriano beninteso.

Gli iraniani hanno portato la guerra al confine di Israele colpendo la provincia di Quneitra ( alture di Golan), dopo che tutti gli sforzi occidentali miravano a perpetuare la guerra alla frontiera turca.

Il gioco è chiaro: se Trump colpirà l’Iran, questo colpirà Israele, il quale a sua volta colpirà la Siria.

L’Europa – rappresentata da Francia,Germania e Inghilterra, assente l’Italia, hanno preso per la prima volta ufficialmente, le distanze dalla politica USA.

Presto dovremo anche noi decidere se correre il rischio di perdere il cliente americano che ci compra le mozzarelle e l’olio di oliva, oppure il cliente iraniano che compra da noi tecnologia.

Unica ragione di ottimismo è la presenza in questi giorni a Mosca – per la celebrazione della vittoria su Hitler- di Netanyahu che sta trattando con Putin.

Il mezzo milione di russi ortodossi,spacciatisi per ebrei che lasciarono l’URSS e adesso costituisce ormai una colonia russa in Israele ( e ha creato un partito) assume valenza determinante nel mosaico del Levante.

Ha offerto un argomento negoziale comune alla Russia e a Israele e costituisce motivo per Netanyahu per non trascurare la mediazione di Putin e per Putin di voler salvaguardare anche Israele.

La Russia, celebrando più che la vittoria i suoi 20 milioni di morti che hanno salvato l’Europa dal nazismo, dice all’Occidente che non teme di perdere altri venti milioni di soldati.

Ricevendo l’ospite israeliano a Mosca durante questa crisi, Putin mostra che la via del compromesso di pace passa dal Cremlino mentre Trump non è riuscito a far chiudere la bocca nemmeno a una puttana.

In questo momento di grandi scelte, un governo Di Maio Salvini , con Mattarella al Quirinale, mi fa venire la pelle d’oca.

23° PODCAST_Nessun prigioniero!_di Gianfranco Campa

Il conflitto politico in atto negli Stati Uniti sta perdendo le caratteristiche di un confronto senza storia tra un ceto politico consolidato e funzionari e strateghi all’opera ormai da decenni negli apparati da una parte e un gruppo di outsider pressoché avulsi dal sistema di potere dall’altro. Quest’ultimo, a costo di gravi compromessi, inizia a radicarsi in maniera più profonda in alcuni apparati e a tessere una sia pur minima trama di relazioni internazionali secondo disegni più coordinati. I primi dispongono di un controllo predominante degli apparati di potere e delle leve dello stato profondo; l’indisponibilità però di alcune importanti leve di governo, in particolare della Presidenza, li costringe ad un uso distorto dei sistemi di relazione e degli apparati. Le conseguenze sono nefaste sulle modalità di conduzione dello scontro politico e sulla coerenza ed efficacia delle strategie politiche. Dinamiche che studiosi europei, come Althusser e Poulantzas ed americani hanno analizzato con sagacia. L’utilizzo di strumenti repressivi e giudiziari possono distruggere e tuttalpiù contribuire a creare solo indirettamente le condizioni di mantenimento e di ricambio di gruppi dirigenti. Le controindicazioni sono però pesanti: istituzioni che perdono l’aura di terzietà della loro azione sino ad assumere un carattere apertamente partigiano foriero di perdita di autorevolezza verso i sottoposti e le fazioni e di coerenza e compattezza interna nella propria azione; manovratori adusi a giocare nell’ombra, costretti invece ad esporsi in prima persona e sacrificati in nome dell’emergenza; schieramenti di fazioni contrapposte che attraversano progressivamente l’intero scacchiere geopolitico e si inseriscono a pieno titolo nel confronto tra e all’interno degli stati nazionali; un conflitto sempre più viscerale e spietato che lascia poco spazio a margini di compromesso tra strategie già di per sé incompatibili. Gianfranco Campa ci conferma con un pathos sempre più coinvolgente ed allarmato un assunto da sempre sostenuto da questo sito: l’attuale scontro politico negli Stati Uniti si risolverà senza prigionieri con conseguente nefaste anche per i gruppi dirigenti aggregati nel mondo soprattutto alla parte “sbagliata”; i progressivi cedimenti e le fulminee conversioni non risparmieranno Trump dal redde rationem. I vincitori vorranno estirpare la “mala pianta” che Donald Trump, volente o nolente, simboleggia perchè non risorga ammaestrata dagli errori e dalle vicissitudini. Un anno fa le “attenzioni” erano riservate ai pochi protagonisti della inaspettata vittoria emersi dalle quinte del palcoscenico; oggi si comincia a vociferare di liste di proscrizione di decine di migliaia di malcapitati. Il proditorio sequestro di tutta la documentazione dell’avvocato di Trump non fa che confermare i peggiori sospetti. Buon ascolto_Giuseppe Germinario

https://soundcloud.com/user-159708855/podcast-episode-23

 

Diplomazie parallele, di Giuseppe Germinario

Un articolo del Boston Globe del 4 maggio scorso  narra di un incontro tra John Kerry, l’ex segretario di stato americano in carica durante l’amministrazione Obama e il ministro degli esteri iraniano Javad Zarif avvenuto circa due settimane prima nella sede dell’ONU. https://www.bostonglobe.com/news/nation/2018/05/04/kerry-quietly-seeking-salvage-iran-deal-helped-craft/2fTkGON7xvaNbO0YbHECUL/story.html

(qui invece la traduzione automatica del testo) https://translate.google.com/translate?depth=1&hl=it&rurl=translate.google.com&sl=auto&tl=it&u=https://www.bostonglobe.com/news/nation/2018/05/04/kerry-quietly-seeking-salvage-iran-deal-helped-craft/2fTkGON7xvaNbO0YbHECUL/story.html  

L’autore in realtà sostiene che l’incontro rappresenta solo l’ultimo atto conosciuto di una intensa attività intrapresa discretamente dall’ex-diplomatico in questi mesi mettendo in piedi uno staff di decine di personaggi più o meno influenti, denominato “diplomacy work” e tessendo una fitta trama di iniziative e relazioni che arriva a coinvolgere anche i più alti esponenti politici europei, tra di essi Mogherini, Merkel e Macron nonchè a influenzare l’azione politica dei detrattori dell’accordo con l’Iran. Tra queste ultime, assieme alla diffusione di centinaia di articoli e servizi, la pubblicazione di un appello di ventisei ex alti ufficiali israeliani favorevoli al mantenimento dell’accordo.

Una iniziativa certamente importante per il merito. Su questo le analisi politiche non difettano di informazioni e di punti di vista diversi pur con la solita deprimente eccezione nostrana.

Molto più significativa e dirompente è l’iniziativa in se stessa.

Nelle relazioni internazionali i vari centri decisionali dispongono sempre di canali paralleli e dei più disparati livelli di azione, più o meno ortodossi, attraverso i quali mettere in atto le proprie strategie. Accade anche che in caso di conflitto o di disaccordo tra centri decisionali interni ad un paese la tenzone non si risolva con un regolamento diretto e l’accettazione del verdetto ma attraverso l’azione che coinvolge l’intero sistema di relazioni internazionali. Con il rispetto, solitamente, di una regola aurea: la assoluta discrezione. L’iniziativa di J. Kerry infrange ancora una volta, negli ultimi tempi e soprattutto nel campo fondamentale della politica estera, questo tabù. Lo stesso per il quale venne infangato e detronizzato, a pochi giorni dal suo incarico, un anno fa il suo omologo Flynn in una condizione decisamente più dubitevole e pretestuosa. E infatti lo ha immediatamente rimarcato Devin Nunes, presidente del comitato di vigilanza sui servizi segreti del Congresso Americano https://www.alternet.org/devin-nunes-calls-john-kerry-be-arrested-fbi-send-g-men

Una situazione inconsueta di aperto osteggiamento di una azione politica, tipica di una condizione di guerra civile o di colpo di stato strisciante piuttosto che di ordinario confronto politico

Rappresenta l’ulteriore indizio dell’incomponibilità e della virulenza dello scontro in atto tra centri decisionali negli Stati Uniti. Un conflitto che non lascia spazi a mediazioni durature e che si risolverà con l’annichilimento sempre più probabile di uno dei contendenti in scena. La stessa radicalizzazione e contraddittorietà del confronto geopolitico oltre che la causa ormai può essere considerata anche la conseguenza di questo conflitto interno in corso. Con una importante novità. Due anni fa poteva apparire un conflitto estemporaneo tra un establishment tetragono e una élite estemporanea e avulsa; oggi questa élite, a costo di pesanti compromessi che hanno snaturato gran parte dei propositi originari, è riuscita a mettere radici negli apparati di potere e decisionali e a consolidare un proprio sistema di relazioni internazionali sia conclamato che più discreto entro il quale trovano spazi e mediazioni alcuni centri decisionali di potenze minori come la Francia, la Turchia e la Corea.

In questo quadro possono trovare posto eventi apparentemente incomprensibili e contraddittori come la sospensione e l’eventuale taglio dei finanziamenti americani agli “Elmetti Bianchi” in Siria, una formazione assistenziale collaterale ai gruppi ribelli sostenuti e finanziati dal campo occidentale. https://www.cbsnews.com/news/u-s-freezes-funding-for-syrias-white-helmets/

Potrebbe essere un segnale lanciato ai russi di un loro riconoscimento come attori principali di una trattativa sulla Siria ancora tutta da definire ma con un ruolo dell’Iran da ridimensionare drasticamente; potrebbe essere altresì un avvertimento alla Gran Bretagna di May, principale finanziatrice e sostenitrice di quella organizzazione, ad astenersi da iniziative autonome di pressione e provocazione, come la messa in scena dell’attacco chimico a Goutha del 7 aprile; un invito a concordare le mosse con l’attore geopolitico principale, per meglio dire con la fazione attualmente al governo se non proprio al potere.

L’una ipotesi non esclude necessariamente l’altra. Si vedrà nelle prossime puntate. Con un consiglio però: leggete attentamente gli articoli postati nei link. Raffigurano la rappresentazione plastica della complessità della trama e delle dinamiche che stanno sconvolgendo le formazioni sociali. https://www.scribd.com/document/378289155/U-S-Special-Counsel-Mueller-Vs-Paul-Manafort-Judge-TS-Ellis-III-Presiding-May-4-2017

 

Sergey Lavrov alla BBC, il 19 aprile 2018_ a cura di Giuseppe Germinario

Qui sotto la trascrizione dell’intervista del Ministro degli Esteri di Russia, Sergey Lavrov, concessa durante il programma HardTalk della BBC britannica. Nel suo stile asciutto e duro Lavrov ci offre ancora una volta il punto di vista russo sui due più recenti punti di crisi internazionale nei quali è coinvolta la Russia. Giuseppe Germinario https://www.youtube.com/watch?time_continue=12&v=-zJ41whNgR0

 

Intervista di Sergei Lavrov della BBC

Russia , Sergey Lavrov

 

Intervista del Ministro degli Esteri russo – per prendere una visione critica …

Fonte: S. Hasan, 19-04-2018

trascrizione:

Reporter: Sergey Lavrov, benvenuto in Hard Talk . La scorsa settimana, il mondo era profondamente preoccupato per la possibilità di un conflitto armato diretto tra Stati Uniti e Russia. Secondo lei, quanto siamo stati vicini a questo scenario?

Sergey Lavrov: Non penso che siamo stati molto vicini. Penso che questa situazione sia stata creata dai nostri colleghi occidentali che si sono comportati in modo molto irresponsabile. Hanno accusato le autorità siriane di usare armi chimiche contro la popolazione civile e allo stesso tempo ci hanno accusato di alleati del governo siriano. Sapendo che lo hanno fatto senza aspettare che gli ispettori dell’OPCW visitino i locali. In effetti, è stato proprio nel momento in cui i rappresentanti dell’OPCW erano pronti a viaggiare dal Libano alla Siria per realizzare questi scioperi. Come ha spiegato il nostro esercito, il canale di collegamento per prevenire incidenti non pianificati (i cosiddetti “deconflicing”) funziona continuamente.

Reporter: Quindi per essere chiari ed evitare il gergo, ho capito bene che gli Stati Uniti e i loro alleati ti hanno precedentemente informato degli attacchi in preparazione, e tu, dalla tua parte, ti sei assicurato che la Russia non reagirà?

Sergey Lavrov: Preferirei non entrare nei dettagli di questi contatti di lavoro tra i nostri militari. I militari russi e americani hanno un canale di collegamento tra le due capitali e anche in Siria stessa, ei nostri soldati discutono queste questioni in modo molto professionale tra loro. Si capiscono molto bene. Probabilmente capiscono meglio di chiunque altro il rischio di simili avventure.

Reporter: Mr. Lavrov, questa crisi non è finita, vero?

Sergey Lavrov: Dipende da chi ha organizzato questa intera crisi.

Reporter: guardando le dichiarazioni dei tuoi diplomatici, la conclusione si autoinvita. Ad esempio, il tuo ambasciatore negli Stati Uniti ha detto che questi attacchi aerei non sarebbero senza conseguenze. Vladimir Putin l’ha definito un atto illegale di aggressione. Il mondo vuole sapere cosa intende fare la Russia?

Sergey Lavrov: È una dichiarazione di fatto. E ci sono inevitabilmente conseguenze. Direi che abbiamo perso i resti di fiducia per i nostri amici occidentali che preferiscono basare le loro azioni su una logica molto strana – “non c’è punizione senza colpa”. Ad esempio, ci puniscono prima per Salisbury e poi aspettiamo Scotland Yard per finire l’inchiesta. Prima puniscono per Duma in Siria e poi aspettano che gli esperti dell’OPCW vengano a esaminare i luoghi. In altre parole, questa ‘troika’ dei paesi occidentali agisce secondo il principio ‘se sei punito, sei colpevole’.

Giornalista: Riguardo agli incidenti che hai citato – Duma e il caso Skripal – ne parleremo in dettaglio con te. Ma prima vorrei ancora parlarti dello stato delle nostre relazioni diplomatiche. Nikki Haley, rappresentante permanente degli Stati Uniti presso l’ONU, ha dichiarato che gli Stati Uniti rimangono “in ordine di lavoro”. Come puoi rispondere a tali affermazioni?

Sergey Lavrov: Mi sembra che prima avrebbero dovuto sistemare la casa a Washington. Crediamo che affermazioni di questo tipo possano essere fatte solo dal capo dell’esercito o dai vertici militari. Come ho detto, i militari russi e statunitensi hanno un canale di collegamento per prevenire incidenti non pianificati, ma sono informazioni riservate.

Reporter: stai parlando del deficit di fiducia, stai parlando di una totale mancanza di fiducia tra la Russia e gli Stati Uniti.

Sergey Lavrov: Ho detto che stiamo perdendo la fiducia rimanente, non siamo ancora a 0.

Reporter: Non ancora 0. Mi chiedo, al livello più elementare, quando tu, ministro degli Esteri russo, ti alzi la mattina e leggi su Twitter che il Presidente e Capo delle forze armate degli Stati Uniti ti sta minacciando di fatto e ti disse: “Russia, sii pronto! Nuovi e intelligenti nuovi missili stanno arrivando! ‘. Cosa ne pensi di questo?

Sergey Lavrov: Beh, mi dico che il presidente degli Stati Uniti ha pubblicato un tweet.

Reporter: E come reagisci ai suoi Tweet?

Sergey Lavrov: Come si suol dire, dobbiamo giudicare a pezzi. Abbiamo deciso di vedere come questi missili “belli, nuovi e intelligenti” verranno mostrati durante gli attacchi e abbiamo calcolato che due terzi dei missili non hanno colpito il bersaglio perché sono stati intercettati.

Reporter: Ma non hai prove, vero?

Sergey Lavrov: il Ministero della Difesa russo ha presentato la sua valutazione ed è pronto per una discussione professionale su questo argomento.

Giornalista: Torneremo alla verità delle informazioni fornite da tutti gli attori in questo conflitto, ma ora parliamo di diplomazia. Il primo ministro britannico Theresa May e il presidente francese Emmanuel Macron hanno reso molto chiaro nelle loro dichiarazioni che l’unico scopo dell’operazione era quello di ridurre e impedire l’uso dell’arma chimica da parte delle autorità siriane. L’operazione non aveva lo scopo di influenzare il corso del conflitto siriano e certamente non mirava a rovesciare il regime siriano a Damasco.

Sergey Lavrov: Questo è quello che dicono.

Reporter: E non sei d’accordo?

Sergey Lavrov: No, non siamo d’accordo. Il tuo spettacolo si chiama ‘Hard talk’, ma abbiamo bisogno di ‘fatti concreti’. E tutte queste affermazioni molto probabilmente sono semplicemente ridicole.

Reporter: Mi scusi, quando dici “molto probabilmente”, ti riferisci all’analisi che le forze governative di Assad hanno usato l’arma chimica in Duma?

Sergey Lavrov: No, quando parlo della frase “altamente probabile”, intendo dire che è una nuova invenzione della diplomazia britannica dietro la quale il Regno Unito si nasconde quando punisce le persone. Dichiara che queste persone sono “molto probabili” colpevoli. Sai, nell’Alice in Wonderland di Lewis Carroll c’è la scena del processo, e quando il re chiede: “Devi prima ascoltare i giurati?”, La regina grida: “No! In primo luogo, la condanna e il verdetto dei giurati in seguito! Questa è la logica del “più probabile”.

Reporter: Ok, questa è la tua opinione. Parliamo di quello che è successo a Duma. Lasciatemi iniziare prima con una domanda molto semplice. La Russia si oppone all’uso dell’arma chimica e pensa che chi usa l’arma chimica debba essere punito, non è vero?

Sergey Lavrov: questa è una domanda? Pensavo che fossi molto meglio informato sulla posizione russa in merito. Fai una domanda con una risposta ovvia.

Reporter: è ovvio, sei d’accordo. Poiché hai firmato accordi appropriati, condividi la determinazione della comunità internazionale a vietare e eliminare completamente le armi chimiche.

Sergey Lavrov: Sì, e molto altro; nel 2017 abbiamo completato il programma di distruzione di armi chimiche in Russia, e questo è stato confermato ufficialmente dall’OPCW. L’intero Comitato esecutivo dell’OPCW ha accolto con favore questo passo. Mentre gli Stati Uniti, purtroppo, non hanno ancora mantenuto le promesse e preferiscono invece respingerlo per sempre.

Giornalista: Ma se ho appena affermato e l’impegno della Russia in questo senso è chiaro, allora certamente vorrete che i colpevoli dell’uso di armi chimiche in Duma (e il loro uso è confermato da prove travolgente) siano puniti?

Sergey Lavrov: Aspetta, aspetta. Stai andando troppo veloce con i “fatti”, di nuovo.

Reporter: non la penso così

Sergey Lavrov: Il 7 aprile non ci sono prove dell’uso di armi chimiche a Duma, e tu hai già …

Reporter: Ma ci sono prove

Sergey Lavrov: Puoi … Puoi [smettere di interrompermi]?

Giornalista: Emmanuel Macron e i francesi hanno dichiarato chiaramente di avere informazioni sui voli dell’elicottero del governo siriano su Douma. Hanno foto di bombole di gas trovate sulla scena dell’attacco. Hanno anche registrato tutti gli usi delle armi chimiche da parte del governo siriano negli ultimi anni. Se combini tutti questi elementi, nella misura in cui i francesi, gli americani, gli inglesi …

Sergey Lavrov: Non posso permettermi di essere scortese con gli altri capi di stato (né con il capo del mio stato, ovviamente), ma hai citato leader da Francia, Regno Unito e Stati Uniti. STATI. Ma francamente, tutte le prove cui si riferiscono sono tratte dai media e dai social network. Ad esempio, bombole di gas. Ho visto questa foto – una bottiglia di gas su un letto, mentre il letto è intatto, il vetro della finestra non è rotto. Ascolta, devi essere un po ‘più serio. Puoi spiegarmi perché colpire (Siria) se il giorno seguente, gli ispettori dell’OPCW andranno sul posto per esaminare quello che affermano sia successo?

Giornalista: Il rappresentante degli Stati Uniti dell’OPCW dice che ci sono seri motivi per temere che la Russia stia cercando di distruggere le prove a Duma. Puoi dire dalla tua parte che la Russia non stava facendo nulla del genere?

Sergey Lavrov: Sì, posso garantirlo, ma sai, è assolutamente la stessa logica di Theresa May su Salisbury. Quando abbiamo chiesto a dozzine di domande, quando abbiamo chiesto di organizzare un sondaggio congiunto, quando abbiamo chiesto l’accesso al processo di raccolta dei campioni, lei ha risposto di no, non risponderanno a nessuna domanda finché La Russia non risponderà alle loro. Ma l’unica domanda che ci è stata posta è stata questa: “Spiegaci come hai fatto. E’ Vladimir Putin che ha ordinato di avvelenare questi due sfortunati? O è dovuto al fatto che hai perso il controllo delle tue scorte di armi chimiche? “Per qualsiasi persona ragionevole, questa è una situazione particolarmente strana … Ma torniamo a Duma.

Giornalista: Sì, tornerò allo Skripal, ma intanto tornerò a Duma e alla questione della credibilità. Prima hai dichiarato che l’incidente (chimico) a Duma non si era verificato. Poi la Russia ha cambiato la sua posizione e ha detto che è successo qualcosa, ma è stato messo in scena dai paesi russofobi.

Sergey Lavrov: In effetti, non ci sono stati incidenti (chimici). Quello che c’era è una messa in scena. Non sono state usate armi chimiche.

Reporter: Lei pensa che il Regno Unito sia coinvolto in questo finto attacco di armi chimiche a Duma, vero?

Sergei Lavrov: la storia ha avuto molti precedenti simili negli ultimi decenni. Ciò che effettivamente pensiamo e le nostre informazioni potrebbero condividere le informazioni necessarie con i loro colleghi britannici, è …

Giornalista: Ma tu dici di avere prove inconfutabili che si tratta di un falso, una messa in scena. Tu dici che i volontari dei White Helmets sono coinvolti. Dove sono le tue prove inconfutabili?

Sergey Lavrov: Per avere prove inconfutabili devi andare sulla scena, e il …

Reporter: Dove è la prova concreta che questo è stato messo in scena dai caschi bianchi, con il sostegno del governo britannico? Stiamo parlando di credibilità. Dov’è la tua credibilità?

Sergey Lavrov: Quello che ho detto è che i White Helmets, come sappiamo, funzionano solo nel territorio controllato dall’opposizione, incluso il gruppo Front al-Nusra. Sappiamo che i White Helmets suonano regolarmente l’allarme su presunti incidenti chimici, come un anno fa a Khan Cheikhoun, che si è rivelato un falso dall’inizio alla fine. Tutti sanno che i White Helmets sono finanziati da diversi paesi, tra cui il Regno Unito.

Reporter: Ma queste non sono prove inconfutabili.

Sergey Lavrov: Un secondo. Prova inconfutabile di cosa?

Reporter: hai detto che hai prove inconfutabili che un paese russofobico, e tu intendevi il Regno Unito, stava lavorando con i White Helmets per mettere in scena l’incidente.

Sergey Lavrov: Un secondo. Perché dici che ho designato il Regno Unito? Non devo dire quello che non ho detto. Ho detto “uno stato che cerca di essere il primo tra i ranghi della campagna russofoba”. Quindi prova a citarmi senza distorcere, altrimenti non è molto professionale.

Quindi, parlando di prove inconfutabili, gli ispettori dell’OPCW hanno accettato di condurre un’indagine per scoprire cosa è successo a Duma. Sono venuti in Libano. Le autorità siriane hanno detto loro che avrebbero ottenuto i loro visti immediatamente all’arrivo al confine. Sette ore dopo, la Siria fu colpita. Perché farlo alla vigilia dell’arrivo degli ispettori?

Reporter: se risultasse che i governi di Francia, Regno Unito e USA avevano ragione e torto, e se il presidente siriano Bashar al-Assad ha continuato a usare l’arma chimica, lo ha fatto nel 2013 nella Ghouta facendo fino a mille morti, come ha fatto un anno fa a Khan Sheikhoun o come ha appena fatto a Douma, secondo gli americani e i loro alleati. Se si scopre che hanno ragione e hai torto, riconoscerai che il presidente Bashar al-Assad deve essere punito?

Sergey Lavrov: Sai, non mi senti. Più esattamente non mi ascolti. Ho appena detto che l’atto di aggressione è stato commesso meno di un giorno prima dell’inizio del presunto attacco chimico da parte di ispettori internazionali, compresi i cittadini statunitensi, a quanto ho capito.

Ora, riguardo a quello che è successo un anno fa a Khan Sheikhoun. Era il 4 aprile. Il giorno successivo, il segretario di stato americano Rex Tillerson mi ha telefonato e ha chiesto un accordo dalle autorità siriane per consentire agli ispettori internazionali di esaminare la base aerea da cui l’aereo è decollato, presumibilmente con a bordo questa bomba chimica. . La mattina dopo abbiamo detto agli americani che l’accordo è stato raggiunto. Hanno risposto, ‘no, grazie’ e hanno colpito il giorno successivo. Abbiamo chiesto che gli ispettori dell’OPCW entrassero in scena, ma ci è stato detto che era molto pericoloso e che in ogni caso non era necessario perché gli inglesi e i francesi avevano già tutti i campioni necessari Abbiamo quindi chiesto agli inglesi e ai francesi di spiegarci come sono riusciti a ottenere i campioni in un posto così pericoloso. Forse hanno contatti con i caschi bianchi che controllano questo territorio. Hanno risposto che questa informazione era confidenziale.

Ci sono molti altri fatti che vorremmo chiarire e molte altre domande legittime in risposta all’unica domanda che sentiamo dai leader e dai media occidentali: “Perché l’hai fatto?” Perché hai usato l’arma chimica nel Regno Unito? Perché stai coprendo Bashar al-Assad? E ora fai affidamento su queste affermazioni per dire: “E se si scopre che hai sbagliato, allora?” È molto interessante come …

Reporter: tu sei il capo della diplomazia russa. Se si sono verificati altri incidenti chimici e gli Stati Uniti, il Regno Unito, la Francia e altri paesi hanno ritenuto che fosse opera di Bashar al-Assad, è certo che ci sarebbero stati nuovi attacchi ancora più massicci. Quale potrebbe essere il risultato? La Russia prenderà le contromisure?

Sergey Lavrov: Prima di parlare di “nuovi incidenti”, bisogna prima dimostrare che Bashar al-Assad ha effettivamente usato l’arma chimica. Posso darti un breve …

Reporter: ho solo fatto una domanda molto semplice perché il mondo vuole saperlo. Secondo Nikki Haley, gli Stati Uniti sono “carichi e pronti a sparare” e se credono – non importa cosa pensate dalla vostra parte – che Bashar al-Assad abbia usato di nuovo armi chimiche, è chiaro che ci sarebbe stata una risposta militare da loro ancora più massiccia. Come reagirebbe la Russia a questo?

Sergey Lavrov:Sai, non lavoro in chiaroveggenza. Quello che so è che qualche tempo fa, tre paesi occidentali, che stanno attualmente conducendo questa campagna isterica, hanno avvertito che se Bashar al-Assad avesse usato armi chimiche, avrebbero usato il forza. Lo considero un segnale per i “cattivi”, specialmente i White Helmets, per organizzare le provocazioni. Ora, dopo l’attacco aereo del 14 aprile, dicono di nuovo che in caso di un nuovo incidente, riutilizzeranno la forza. E questo è un altro segnale per i combattenti e gli estremisti per rilanciare le attività militari, che hanno già fatto. Subito dopo l’attacco aereo, tentarono di lanciare un’offensiva contro Damasco. Cosa intendo, è che quando alcuni dicono che la Russia è responsabile per (adempimento degli impegni) di Bashar al-Assad nel contesto della Convenzione sulla proibizione delle armi chimiche, è semplicemente disgustosa. Abbiamo condotto questo lavoro insieme agli Stati Uniti.

Reporter: un’ultima domanda sulla diplomazia prima di affrontare altri argomenti. Oggi gli Stati Uniti proporranno al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di prendere in considerazione una nuova risoluzione che ritengono sia necessaria per avvertire Bashar al-Assad a nome della comunità internazionale che non può più ricorrere alle armi chimiche. Sei pronto a collaborare con gli Stati Uniti all’ONU? Smetterete di porre il veto su tutte le risoluzioni proposte dagli Stati Uniti e dai suoi alleati?

Sergey Lavrov: non tutte le risoluzioni. Se stiamo parlando della ripresa del meccanismo investigativo, che non è trasparente o indipendente e che emette la sentenza senza attendere il verdetto del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, ovviamente non saremo in grado di accettarlo. . A proposito, …

Reporter: non accetti.

Sergey Lavrov: Sai cosa penso? Steve, per favore, lasciami parlare. Penso che l’unico scopo di questa risoluzione è dare l’impressione se la Russia e la Siria accettino di cooperare, il che è impossibile a causa del contenuto; ma se accettiamo, vorrebbero presentarlo in modo che siano le bombe a costringerci a negoziare. Ecco perché la risoluzione richiede che le autorità siriane accettino i negoziati. Ignorando il fatto che il principale gruppo di opposizione che sostengono, il cosiddetto gruppo Riyadh nella persona del suo presidente Nasser al-Hariri, che ha recentemente invitato gli Stati Uniti a utilizzare le armi non solo quando viene usata l’arma chimica, ma ovunque l’opposizione stia combattendo contro le forze governative.

Reporter: alcune brevi domande. Primo, pensi che Bashar al-Assad sia uscito vittorioso da questa interminabile guerra siriana?

Sergey Lavrov: Non pensare ai vincitori e ai vinti, o di Bashar al-Assad o dei suoi avversari. Soprattutto, dobbiamo pensare al popolo siriano che ha bisogno di una pausa dagli orrori di 8 anni di conflitto.

Reporter: qual è l’obiettivo finale della Russia in Siria? Negli ultimi tempi, Mosca ha inviato sempre più materiale e risorse umane. Questo significa che intendi aiutare Bashar al-Assad finché non controlla ogni centimetro del territorio siriano?

Sergey Lavrov: Il nostro obiettivo è proteggere la Siria dall’aggressione iniziata il 14 aprile e che questi tre paesi, come si suol dire, intendono continuare.

Reporter: Intendi consegnare al presidente siriano Bashar al-Assad il tuo nuovissimo sistema anti-aereo S-300? Se è così, questo potrebbe essere di grave preoccupazione per Israele.

Sergey Lavrov: il presidente russo Vladimir Putin ha già risposto a questa domanda. Ha ricordato che alcuni anni fa, su richiesta dei nostri partner, abbiamo deciso di non consegnare l’S-300 in Siria. Ora, dopo un disgustoso atto di aggressione da parte di Stati Uniti, Francia e Regno Unito, studieremo le opzioni per garantire la sicurezza dello stato siriano.

Reporter: se ho capito bene, gli eventi degli ultimi giorni ti hanno spinto a riconsiderare la tua posizione e ora sei incline a fornire questi moderni sistemi di difesa aerea in Siria?

Sergey Lavrov: Questo ci convince che dobbiamo fornire alla Siria tutto il necessario per aiutare l’esercito siriano a prevenire l’aggressione.

Giornalista: almeno 500.000 persone sono state uccise in sette anni di guerra in Siria. Almeno 12 milioni di persone hanno dovuto lasciare le loro case. Almeno 5 milioni di loro finiscono fuori dalla Siria. Pensi seriamente che Bashar al-Assad sia davvero in grado di unire il paese, sanare le ferite e guidare la Siria?

Sergey Lavrov: Non abbiamo mai detto niente del genere. Il nostro approccio si riflette nella risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite: sono gli stessi siriani che devono decidere il destino della Siria. Abbiamo bisogno di una nuova Costituzione, elezioni, e che i siriani decidano da soli. I tentativi incessanti di frantumare la Siria vanno contro ciò che viene detto pubblicamente e ufficialmente. Inoltre, la Siria non è la sola a subire le terribili conseguenze della guerra civile. Guarda Iraq e Libia. E ora quelli che mettono questi paesi in questo stato vogliono la stessa cosa fatta in Siria.

Giornalista: Ora parliamo del caso di Sergei Skripal e di sua figlia Yulia che sono stati avvelenati nella città di Salisbury, nel sud dell’Inghilterra. Oggi, in questa intervista, hai detto che la fiducia era importante. Lei, ministro degli Esteri russo, sostiene che i servizi britannici noti per la loro “autorizzazione ad uccidere” sono coinvolti in questo incidente. Forse queste ultime osservazioni erano uno scherzo da parte tua. Dimmi, pensi davvero che la tua versione verrà presa sul serio?

Sergey Lavrov: Ci è stato detto che “molto probabilmente” gli Skripal sono stati avvelenati dai russi perché non c’è altra spiegazione plausibile. Ecco perché abbiamo detto che c’erano altre versioni plausibili.

Reporter: ma la tua versione non è credibile.

Sergey Lavrov: E perché?

Reporter: hai qualche prova che i servizi britannici abbiano cercato di uccidere Sergei Skripal?

Sergey Lavrov: I romani avevano già un criterio: “Cerca chi trae vantaggio dal crimine”. Penso che la provocazione in Siria e nel territorio britannico sia stata estremamente vantaggiosa per il Regno Unito. Oggi il Regno Unito si trova in prima linea nella politica mondiale con un modo così molto negativo, aggressivo e strano.

Reporter: permettimi di sottolineare l’inconsistenza della tua posizione. Durante l’intervista, lei ha sottolineato con forza l’impegno della Russia nei confronti di tutte le convenzioni e gli accordi internazionali sul divieto delle armi chimiche, incluso il sostegno al lavoro dell’OPCW.

Sergey Lavrov: È vero.

Reporter: E supporti in particolare l’attività dell’OPCW

Sergey Lavrov: È vero

Reporter: Sai meglio di me che l’OPCW ha inviato i campioni della sostanza neuro-paralitica utilizzata a Salisbury in quattro diversi laboratori, e tutti hanno confermato che si trattava di ‘Novitchok’ (come ha detto il governo britannico ) di alto livello di purezza.

Sergey Lavrov: E questo è precisamente il problema. La presenza stessa della sostanza A-234 ad alto livello di purezza e concentrazione molto elevata è sospetta perché …

Reporter: è chiaro che viene dalla Russia, l’ex Unione Sovietica. Tutti sanno che hai inventato questo gas neuro-paralitico.

Sergey Lavrov: atteniamoci ai fatti. Potresti essere un asso per fare domande difficili, ma devi anche sapere come ascoltare! In effetti, questa sostanza è stata sviluppata nell’Unione Sovietica, ma poi uno dei suoi inventori è fuggito negli Stati Uniti e ha pubblicato la formula di accesso aperto. Dovresti controllare tu stesso queste informazioni per sollevare il problema. Gli Stati Uniti hanno persino brevettato questa formula e questa sostanza è ufficialmente in servizio nell’intelligence americana o nell’esercito, non lo so. A-234 è una sostanza che uccide rapidamente e quindi evapora rapidamente. Questo è il motivo per cui i nostri ricercatori affermano che i campioni prelevati due settimane dopo non possono in ogni caso contenere una “concentrazione molto alta” di questa sostanza.

Giornalista: Torniamo alla domanda su chi crediamo o no. Forse quello che stai dicendo è credibile in Russia, ma non nel resto del mondo. Più di 100 diplomatici russi sono stati espulsi da oltre 20 paesi occidentali perché credono che la Russia sia colpevole.

Sergey Lavrov: Se vuoi ancora parlare di sostanza, lasciami aggiungere questo. Sabato abbiamo presentato un documento con le conclusioni del Centro Spiez per chimica spaziale e chimica (uno dei laboratori che hai citato) che in realtà ha scoperto una “concentrazione elevata” di A-234, ma a parte che …

Reporter: ti sto chiedendo: ti fidi dell’OPCW o no? La domanda è molto semplice. Sembra che non ti fidi di loro.

Sergey Lavrov: Mince! Per un inglese hai modi orribili. Il rapporto del laboratorio svizzero afferma anche che per prima cosa hanno scoperto la sostanza BZ, inventata, se non sbaglio, nel 1955 negli Stati Uniti, e messa in servizio negli eserciti americano e britannico. Abbiamo inviato all’OPCW, di cui ci fidiamo, una richiesta per confermare o smentire che oltre all’A-234, il laboratorio svizzero avrebbe scoperto dei campioni BZ. Ora stiamo aspettando una risposta dall’OPCW, di cui ci fidiamo, ovviamente. Ma come diciamo, fidatevi ma controllate comunque.

Reporter: non abbiamo quasi più tempo e devo ancora farti una domanda sulle sanzioni. Il Dipartimento delle finanze degli Stati Uniti si sta preparando ad annunciare nuove sanzioni contro i russi e le compagnie che si ritiene siano legate all’esercito siriano. Il mercato azionario russo si era gravemente indebolito a causa delle precedenti sanzioni imposte dal governo degli Stati Uniti. La Russia è ai piedi del muro.

Sergey Lavrov: Grazie per la tua compassione. Ma non ti preoccupare, staremo bene. E non è …

Reporter: il mercato azionario è crollato del 10%, il rublo è sceso contro il dollaro.

Sergey Lavrov: Non hai vissuto momenti difficili in passato? Ti ricordi, George Soros aveva giocato contro il tuo mercato azionario e aveva collassato la Sterlina? Ma queste non sono solo minacce per punire coloro che hanno contatti con il governo siriano. In realtà, vogliono punire tutti i russi per aver fatto la scelta “sbagliata” nelle elezioni presidenziali. Dicono che non faranno mai del male ai russi del giorno, ma solo agli oligarchi, ai politici e ai militari che presumibilmente destabilizzeranno il mondo, ma mentono. Il loro vero desiderio è di creare problemi a centinaia di migliaia di russi, a coloro che sono stati impiegati a …

Reporter: E questo è il tuo punto debole.

Sergey Lavrov: Sì, sì.

Reporter: E questo è il tuo punto debole. Potresti avere il più potente arsenale nucleare del mondo, come ha affermato il presidente russo Vladimir Putin, ma la tua economia è debole e vulnerabile.

Sergey Lavrov: Sì, lo è, e lo sappiamo. Ma la nostra economia ha attraversato molte difficoltà dalla seconda guerra mondiale. Posso assicurarvi che il governo e il presidente sono attenti a mettere in atto le necessarie riforme, e questo era il tema principale della prima parte del discorso del presidente russo all’Assemblea federale. Nella seconda parte, quando ha parlato di nuovi armamenti, ha concluso con l’idea che siamo sempre pronti al dialogo sulla base del rispetto reciproco e dell’equilibrio degli interessi.

Reporter: e ultima domanda. Il Segretario Generale della Nazioni Unite Antonio Guterres ha recentemente affermato che il mondo era di nuovo immerso in una guerra fredda, ma se in precedenza c’erano meccanismi che hanno avvertito la possibilità di escalation tra gli USA e l’URSS, oggi questi meccanismi sembrano essere assenti. Questa conclusione è terrificante. Hai lavorato al tuo posto per 13 anni. Possiamo descrivere il periodo attuale come il più terribile nella tua memoria?

Sergey Lavrov: Uno dei meccanismi è quello di avere normali canali di comunicazione. I canali di comunicazione tra Mosca e Londra sono stati chiusi all’iniziativa britannica. I contatti tra le forze armate e tutte le agenzie responsabili della lotta contro il terrorismo sono stati interrotti molto tempo fa, sempre per iniziativa di Londra. Il Consiglio NATO-Russia, che era un meccanismo molto utile per promuovere la fiducia e la trasparenza nelle relazioni, è stato de facto chiuso dalla NATO. Ora la NATO vuole solo parlare dell’Ucraina su questa piattaforma. L’UE ha inoltre chiuso tutti i canali di cooperazione con la Russia e comunica con noi solo sulla Siria e altri …

Giornalista: Ma pensi che sia iniziata una nuova guerra fredda?

Sergey Lavrov: Secondo me, la situazione attuale è peggiore rispetto alla Guerra Fredda perché all’epoca c’erano almeno canali di comunicazione, e non c’era una tale russofobia isterica, che assomiglia a tipo di genocidio per le sanzioni.

Reporter: pensi che oggi la situazione sia peggiore rispetto ai tempi della Guerra Fredda?

Sergey Lavrov: Sì, proprio per la mancanza di canali di comunicazione. Almeno non ce n’è quasi più.

Reporter: questo rende la situazione molto pericolosa.

Sergey Lavrov: Spero che non sarai l’unico tra i tuoi compatrioti a rendertene conto, e che il tuo governo in particolare lo riconoscerà.

Giornalista: È difficile immaginare o ricordare un periodo storico in cui la Russia assomigliava più ad un paria ed era isolata come lo è oggi. Hai la Coppa del Mondo di calcio quest’estate, e il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson l’ha già paragonato all’organizzazione di Adolf Hitler nel 1936 dei Giochi olimpici di Berlino.

Sergey Lavrov: Nel 1938, dopo questa Olimpiade, fu disputata la partita tra Regno Unito e Germania. Puoi trovare su internet l’immagine di questa partita dove prima della partita i giocatori tedeschi e britannici fanno il saluto nazista.

Reporter: cosa intendi?

Sergey Lavrov: Non intendo parlare di Boris Johnson. Abbiamo già parlato con lui durante la sua recente visita a Mosca. Lascialo intrattenere.

Reporter: il nostro tempo è scaduto. Sergei Lavrov, grazie per aver partecipato a “Hard Talk”.

Fonte: S. Hasan, 19-04-2018

 

le virtù di Soros e la solerzia dei Torquemada, di Giuseppe Germinario

Di Soros si raccontano le peggiori nefandezze. Non gli si possono negare, però, due qualità fondamentali: la capacità di operare su grande scala, per lo più quella planetaria; il rispetto della parola data nonché la determinazione nel perseguirla. Mesi fa il paladino, a Davos, http://italiaeilmondo.com/2018/01/26/george-soros-la-parabola-di-un-filantropo_-di-gianfranco-campa-e-giuseppe-germinario/aveva sentenziato sulla necessità di regolamentare l’attività dei social network e ripristinare la verità con un tono però, a dire il vero, inquietante, tra il profetico e il minatorio. 

Detto, fatto!

Da allora la campagna sulle fake news ha conosciuto toni sempre più virulenti e azioni sempre più insidiose. Zuckerberg ha aperto il corteo dei penitenti della comunicazione, osannati sino al giorno prima; ha conosciuto la gogna della inquisizione del Congresso americano. Ha dovuto con fare contrito sottostare ad un pubblico processo conclusosi con un solenne impegno a ripulire Facebook degli spiriti bollenti e delle anime impenitenti troppo esposte nella critica ai benpensanti e al politicamente corretto. Da allora si sono intensificate, specie negli Stati Uniti, censure e chiusure di siti, anche con accessi milionari, ma sempre più caratterizzabili per la loro collocazione politica piuttosto che per la loro eccessiva irruenza. Il prodromo alla istituzione di veri e propri tribunali della verità i giudici dei quali avranno poco da invidiare a Torquemada. http://italiaeilmondo.com/2018/03/01/1517/

La Commissione Europea, come al solito solerte, approfittando, a dispetto del suo liberalismo conclamato, del legame tuttora tenue ed evanescente con una cittadinanza europea di là da materializzarsi e di quello più che solido e perverso, connaturato con le varie lobby presenti in pianta stabile a Bruxelles, sta precorrendo i tempi. Sta affidando ad associazioni di “provata fede democratica” il compito di identificare, segnalare e proscrivere i “mestatori” della notizia. Tra queste non potevano mancare associazioni di diretta emanazione ed affiliazione alla Open Society del noto filantropo naturalizzato americano. Ce lo rivela Breibart http://www.breitbart.com/london/2018/04/28/european-union-advocates-independent-fact-checkers-combat-fake-news/  (in basso la traduzione effettuata con un traduttore) Per quanto prodigo, ed i recenti 18.000.000.000,00 (diciottomiliardi) di $ (dollari) messi a disposizione dell’umanità sono tutti lì ad attestarlo, George Soros non può rimuovere del tutto la sua propensione all’affare e l’indole da realizzo propria di un finanziere predatore.http://italiaeilmondo.com/2017/10/22/un-torrido-inverno-di-giuseppe-germinario/ Ci pensa quindi il buon Junker, il Presidente della C.E., tra una bottiglia e l’altra, a rimpinguarlo con i contributi europei, quindi a spese nostre, di una opera tanto meritoria e ricompensarlo di tanto afflato. Dall’Europa, al Nord-Africa, all’Ucraina al Medio Oriente, per parlare delle ultime prodezze, ad ogni angolo sperduto del mondo il benefattore si è speso e prodigato per la libera umanità a spese degli uomini. Le fregature e le nefandezze in corso d’opera sono solo eventi collaterali, probabilmente il giusto obolo da offrire al BENE. Merita quindi laute ricompense.

Soros, si badi bene, non è un eroe, un cavaliere solitario. E’ parte integrante, forse l’anima più appariscente, ma non più importante di centri decisori e di potere ai quali ultimamente deve essere sfuggito il pieno controllo delle redini, o presunto tale.

La fretta e la sicumera nel ripristinare le condizioni precedenti può essere fatale; c’è un solco di profonda diffidenza che divide ormai i facitori di opinioni e i loro consumatori.

Il tentativo di ripristino, sempre che sia coronato da un pieno successo, comporterà comunque un fìo da pagare particolarmente pesante ai restauratori. Le reti dei social network, a causa di queste pressioni e inbragature, sono destinate sempre più a perdere il loro carattere universalistico, luogo comune di confronto e palestre dei punti di vista più disparati. Rischieranno di diventare dei recinti riservati a gruppi chiusi e conformisti sempre meno comunicanti tra di loro. Una vera e propria ghettizzazione dei luoghi di comunicazione. I paesi che ambiscono a mantenere e accrescere la propria condizione di sovranità ed autonomia politica e decisionale, in particolare la Cina e la Russia stato già provvedendo alla costruzione di proprie reti sociali. I paesi europei sono desolatamente estranei a queste tentazioni; con essi la Commissione Europea. Eppure le reti arrivano ormai a gestire non solo le comunicazioni degli individui, ma sempre più anche i flussi decisionali e le stesse attività produttive. Non basta. E’ probabile che si inneschi anche la segmentazione delle reti secondo le affinità ideologiche e culturali dei gruppi promotori all’interno dei singoli paesi. Una tendenza e una reazione alla censura strisciante già emersa negli Stati Uniti. Una possibilità di mantenere sotto altre forme alcuni spazi di libertà. Il prodromo però a quella ulteriore incomunicabilità e frammentazione tra gruppi sociali che sta caratterizzando la formazione sociale statunitense già da diverso tempo.

Certamente un altro prossimo eclatante successo dei paladini dell’europeismo e dell’armonia tra i popoli ospiti della ormai appendice occidentale dell’Asia.

Di certo una soluzione non risolutiva. A quel punto i tentativi di controllo si sposteranno ulteriormente verso i detentori dei server materni attraverso i quali passano i flussi informatici. Una ulteriore sfida che i paesi e i centri competitori dovranno affrontare per mantenere la propria autonomia di giudizio e decisionale e un ulteriore divario da quelle ambizioni delle attuali classi dirigenti europee.

VIVA LA LIBERTà, quindi, purché ben utilizzata e soprattutto conforme alle direttive e al sentimento dei predicatori del bene comune.

Ci aspettano, quindi, nuove forme surrettizie ed esplicite di censura tanto più efficaci quanto più si potranno ricomporre o mettere sotto traccia i contrasti tra gruppi decisori.

Contrariamente alla rappresentazione corrente, però, i poteri forti detentori di tale capacità non sono a Bruxelles. Lì trovano posto semplici funzionari dotati di potere riflesso e con scarse prerogative sovrane. Dovremo cercarli piuttosto oltreatlantico e di risulta nelle due/tre principali capitali europee. Da quelle parti sarà possibile individuare i veri artefici. Si potranno controllare le chiavi di casa propria e negare gli ingressi e l’agibilità ai filantropi mestatori di turno. L’Ungheria e l’Austria ci hanno indicato la strada. Si dovrebbe cogliere il loro esempio. Giuseppe Germinario

L’Unione europea appoggia i “controllori di fatti indipendenti” finanziati da Soros per combattere “false notizie”

La Commissione europea ha proposto nuove misure per contrastare la disinformazione e le cosiddette “false notizie” online, compreso un codice di condotta a livello UE sulla disinformazione e il sostegno a una “rete indipendente per il controllo dei fatti”.

La Commissione europea ha annunciato la nuova proposta all’inizio di questa settimana, sostenendo che le nuove misure “stimoleranno il giornalismo di qualità e promuoveranno l’alfabetizzazione mediatica”, secondo un comunicato stampa pubblicato sul sito web della Commissione.

“L’armamento di notizie false online e disinformazione rappresenta una seria minaccia alla sicurezza per le nostre società. La sovversione dei canali fidati per diffondere contenuti perniciosi e divisivi richiede una risposta chiara basata su maggiore trasparenza, tracciabilità e responsabilità “, ha  dichiarato il commissario per l’Unione di sicurezza Sir Julian King .

“Le piattaforme Internet hanno un ruolo vitale da svolgere nel contrastare l’abuso delle loro infrastrutture da parte di attori ostili e nel mantenere i loro utenti e la società al sicuro”, ha aggiunto.

Le nuove pratiche intendono rendere più trasparenti le pubblicità politiche sui social media e creare una rete indipendente di controllo dei fatti a cui prenderanno parte alcuni membri della Rete internazionale di controllo dei fatti (IFCN).

Breitbart London@BreitbartLondon

Sweden’s government will be giving funds to the mainstream media to fight “fake news” http://www.breitbart.com/london/2017/10/30/sweden-media-million-fight-fake-news-election/ 

Sweden to Give Mainstream Media £1.2 Million to Fight Fake News in Run-up to National Election

The Swedish government will be granting four mainstream media outlets £1.2 million to combat “fake news” ahead of next year’s election.

breitbart.com

L’IFCN è stato fondato dal Poynter Institute, con sede negli Stati Uniti, che,  secondo il suo sito web, è in gran parte finanziato da varie fondazioni – tra cui l’Open Society Foundations del miliardario di sinistra George Soros.

Diversi altri servizi di “fact-checking”, incluso il Correctiv tedesco, sono stati anche collegati a Soros e alle Open Society Foundations.

L’UE, così come i vari singoli paesi all’interno del blocco come la Germania e la Svezia, ha esercitato un’enorme pressione sui giganti dei social media come Google e Facebook per affrontare “false notizie” e “incitamento all’odio” sulle loro piattaforme.

Il governo svedese è stato uno dei più rumorosi sostenitori della lotta alle “false notizie” in vista delle elezioni nazionali del paese entro la fine dell’anno. Il governo ha tenuto incontri di alto profilo  con aziende tecnologiche nelle ultime settimane, e Facebook ha persino concesso al governo un permesso speciale per eliminare “account falsi”.

LA SINISTRA ALLE PRESE CON LA NAZIONE, L’EUROPA ED IL MONDO, di Pierluigi Fagan

Qui sotto un interessante saggio di Pierluigi Fagan (PF), con relativo link al sito originario di pubblicazione. L’argomento (la sinistra, la nazione e la geopolitica) prosegue sulla falsariga di saggi già pubblicati su questo sito e ovviamente sul blog dell’autore. Per accedervi è sufficiente digitare sulla voce dossier del menu in alto e sul nome dell’autore. Il tema è ricco di spunti; la finalità dell’autore è di contribuire a far uscire il dibattito e l’azione politica dei critici della Unione Europea dallo stallo abbarbicato com’è alle mere enunciazioni di principio e ad un approccio meramente negativo della proposta politica, specie della componente sinistrorsa. La chiosa non intende essere una critica al testo, quanto piuttosto un tentativo di focalizzare schematicamente alcuni punti sui quali sviluppare un dibattito proficuo.

Fagan in particolare, nella fase di multipolarismo complesso in via di affermazione:

  • ritiene imprescindibile il problema della dimensione degli stati nazionali. Una posizione nient’affatto scontata; sono numerosi i fautori della tesi che attribuisce anche agli stati più piccoli, purché attrezzati con una adeguata classe dirigente, significative condizioni di agibilità
  • le dinamiche geopolitiche sono altrettanto importanti delle dinamiche tra le classi sociali; anzi, una condizione ottimale nelle prime consente una migliore gestione delle formazioni sociali. In questo ambito il dibattito generale spazia tra la priorità attribuita alle dinamiche sociali e i rapporti tra stati, tema tipico della sinistra e della estrema destra e l’esclusività attribuita ai rapporti geopolitici tra stati e istituzioni, tipica degli analisti geopolitici. Nel mezzo, a dar man forte all’approccio “complesso” offerto da Fagan, trova posto a pieno titolo, come promettente chiave di interpretazione delle dinamiche politiche, la teoria lagrassiana del conflitto strategico tra centri decisori
  • affronta la questione fondamentale riguardante l’approccio al rapporto con l’Unione Europea con una importante delimitazione. Il suo discrimine riguarda non solo i sostenitori duri e puri della UE, ma anche i cosiddetti riformatori. Le possibili posizioni dipendono in pratica dalle combinazioni possibili delle relazioni tra gli stati europei eventualmente aggregati in aree omogenee
  • vede nella Francia il baricentro della costruzione europea. Una posizione originale rispetto alle tesi prevalenti che attribuiscono alla Germania il primato politico oppure agli Stati Uniti l’assoluta predeterminazione della costruzione e degli indirizzi politici comunitari.Una ricostruzione storica delle vicende comunitarie può sembrare un puro esercizio accademico; serve in realtà a determinare le dinamiche e il peso dei vari decisori. La letteratura, al netto dell’agiografia, offre diversi punti di vista. Uno di questi, ben presente nella ricerca francese e statunitense, attribuisce alla classe dirigente “sovranista” francese la volontà di sostegno al progetto comunitario nella misura in cui fosse stata la Francia, con inizialmente la Gran Bretagna, a determinare gli indirizzi. In soldoni, nella misura e nei momenti in cui sarebbe apparsa sempre più chiara l’assoluta influenza americana e la sua volontà di sostenere la Germania in funzione antifrancese e antibritannica e come importante risorsa antisovietica, l’afflato comunitario della Francia sarebbe a sua volta venuto meno. Con due eccezioni importanti tra le quali l’azione dell’oestpolitik tedesca negli anni ’70 che indusse i francesi a sostenere l’ingresso della Gran Bretagna
  • consiglia di prendere atto della progressiva formazione di più aree europee politicamente autonome per individuare in quella latino-mediterranea, il possibile coagulo di forze capace di sostenere il confronto.    

Si attendono sviluppi e contributi_Buona lettura_Giuseppe Germinario 

 

LA SINISTRA ALLE PRESE CON LA NAZIONE, L’EUROPA ED IL MONDO.

Tra un anno si va a votare per l’Europa. Su Micromega, G. Russo Spena (qui), sintetizza le posizioni in cui si divide la sinistra europea.

La prima posizione è sostenuta da Linke (Germania) e Syriza (Grecia), dove però la posizione greca rispetto ai diktat della Troika, non ha mostrato apprezzabili pratiche politiche  alternative. Cambiare l’UE dal di dentro con intenti progressisti, la difficile linea.

C’è poi Varoufakis ed il suo Diem25 sostenuto dai sindaci Luigi de Magistris e Ada Colau, oltre a Benoit Hamon,  fuoriuscito dal partito socialista francese ha creato il movimento Génération-s – e da altre piccole forze provenienti da Germania (Budnis25), Polonia (Razem), Danimarca (Alternativet), Grecia (MeRA25) e Portogallo (LIVRE). Sinistra transnazionale che vuole democratizzare l’Europa.

Infine, ci sono Bloco de Esquerda portoghese, Podemos spagnolo e France Insoumise francese che hanno firmato assieme la Dichiarazione di Lisbona a cui ha successivamente aderito anche l’italiano Potere al Popolo. Anche qui si vuole costruire un contropotere democratico all’Europa neo-ordo-liberale.

Tutti e tre gli schieramenti mostrano un nuovo interessante fenomeno che è quello del dialogo e del coordinamento tra forze politiche di più paesi. Da tempo lo facevano le forze conservatrici, liberali e socialdemocratiche ovvero le forze di governo, quelle che governano nei rispettivi paesi e quel poco che si decide al parlamento europeo. Interessante che ora anche la sinistra quasi sempre di opposizione (Bloco de Esquerda è l’unica forza al governo oltre a Syriza) faccia i conti con il formato inter-nazionale.

Tutti e tre gli schieramenti, si ripromettono sia la democratizzazione delle istituzioni europee, sia l’inversione delle politiche neoliberali che le hanno contraddistinte. Il secondo schieramento, quello di Varoufakis, più che inter-nazionale, è trans-nazionale nel senso che a quanto par di intuire, si ripromette di costruire una unica forza politica contemporaneamente presente in più paesi, posizione molto in auge negli ambienti federalisti.

Il terzo schieramento invece, si è trovato subito diviso, una divisione però sopita e rimandata, tra il famoso “Piano B” di France Insoumise e Podemos. I francesi si sono presentati alle ultime presidenziali con un programma corposo “L’avvenire in comune”, nel quale hanno declinato 83 tesi in 7 sezioni. Nella tesi 52, presentavano l’ipotesi subordinata “Piano B”. Si trattativa dell’alternativa all’eventuale (certo) fallimento dei tentativi di correzione della politica europea, l’ultima ratio era la rescissione unilaterale francese dei trattati. Come molti avevano notato ai tempi del referendum greco, le trattative politiche si basano su i rapporti di forza e chi aspira a contrastare il potere dominante deve poter -ad un certo punto- mettere sul piatto l’opzione alternativa, quella che rovescia il tavolo. Senza questa minaccia o concreata alternativa, inutile sedersi a far qualsivoglia trattativa, trattasi di verità negoziale a priori.

Il Piano B francese era “o cambiamo l’UE-euro o usciamo”, rimaneva aperta una successiva  possibilità in cui la Francia sovrana avrebbe poi  stretto patti cooperativi e di collaborazione in ambito educativo, scientifico, culturale. Questa era la tesi 52, la 53 invece, iniziava con un “Proporre un’alleanza dei paesi dell’Europa meridionale per superare l’austerità e lanciare politiche concertate per il recupero ecologico e sociale delle attività” che è appunto ciò che hanno fatto a Lisbona. Con ciò terminava la quarta sezione e si passava alla quinta. La quinta sezione si apriva col titolo “Per l’indipendenza della Francia” e quindi dava outline di ciò che la Francia avrebbe potuto e dovuto fare sia nel mentre rimaneva nelle istituzioni europee, sia a maggior ragione e con più convinzione dopo l’eventuale applicazione dell’opzione nucleare che portava al Piano B, l’uscita unilaterale. La tesi 63, metteva in campo idee concrete di cose ed iniziative  da promuovere  nel bacino Mediterraneo, un Mediterraneo braudeliano quindi considerato sia per la sponda europea (Portogallo, Spagna, Francia, Italia, Grecia), che per quella nord-africana (Marocco, Tunisia, Algeria, Libia). Il senso dell’intera questione manteneva una certa ambiguità tra questi tre livelli: Francia sovrana, Francia cooperante con i paesi latino-mediterranei nella lotta contro ma dentro l’UE, Francia perno di un nuovo sistema mediterraneo come già Sarkozy ma anche molti altri francesi avevano pensato in passato, ancora dentro l’UE ma a maggior ragione se fuori.  L’ editoriale del numero in edicola di Limes, rimarca pari ambiguità in Macron quando questo sembra superare di slancio il principio di non contraddizione nel sostenere al contempo la Francia sovrana ed uno stadio superiore di Europa federale.

Podemos, pur avendo firmato la Dichiarazione di Lisbona, pare stia ancor tentennando suDiem25 ma più che altro è interessante sottolineare come Iglesias abbia del tutto escluso la condivisione del Piano B di France Insoumise. Al di là delle opinioni specifiche di Podemos sull’euro, Iglesias ha specificato che in Spagna c’è un forte per quanto vago ultramaggioritario sentimento europeista, lo stesso che posso testimoniare personalmente vivendo lì una parte dell’anno, hanno i greci.  Sentimento europeista non vuole affatto dire adesione a questa UE o a questo euro, si tratta di una intuizione più culturale che politica.

Molta parte dell’opinione pubblica europea, è come se avvertisse che i tempi impongono il fare una qualche forma di fronte comune. Il sentimento è forte nel suo radicamento ed al contempo debole nella sua razionalizzazione, unisce i convinti supporter dell’attuale stato di cose, quanto i suoi più convinti critici oltre che ovviamente gli indecisi ed i confusi che sono la maggioranza. Vedi Trump, vedi Putin, vedi Xi Jinping, i britannici che si mettono in proprio, senti di bombe atomiche coreane, terroristi arabi, migranti africani o asiatici, la incombente matassa intricata della “globalizzazione”, l’incubo delle nuove tecnologie, il temuto collasso ambientale e ti viene facile pensare che davanti a tanta minacciosa complessità, l’unione fa la forza e da soli non si va da nessuna parte. Il passaggio da “unione” come spirito vago ad “Unione” come istituzione precisa è garantito dal meccanismo di analogia che abbiamo nel cervello, “sembra” proprio che l’uno risponda all’altro. Vale per le élite, per i medio informati ma anche per coloro che usano più neuroni della pancia che quelli della scatola cranica. Chi si muove politicamente in forma critica sulla questione europea dovrebbe tener conto di questo diffuso sentimento se non altro perché chi fa politica deve aver per interlocutore pezzi di popolazione prima che l’avversario ideologico. Si fanno discussioni con gli amici ed i nemici ideologici davanti a pezzi di popolazione perché il fine politico è conquistare cuori e menti di questi secondi. Dai temi che tratta al linguaggio che usa, questa avvertenza di parlare sempre alla generica popolazione, è del tutto ignorata dalla sinistra che oggi si interroga su dove mai sia finito il suo “popolo”.

Sembra quindi che France Insoumise abbia costruito una posizione a cerchi concentrici di definizione. Il cuore a fuoco è la battaglia contro questa UE ed euro, la corona interna meno a fuoco è la ricerca di alleanze organiche con forze politiche latino-mediterranee da cui la Dichiarazione di Lisbona, la corona esterna ancora meno a fuoco un po’ sciovinista e molto “francese”, è l’idea in fondo guida di una Francia sovrana al centro di cerchi concentrici di cooperazione asimmetrica che arriva fino a pezzi della Françafrique. Questa ultima posizione occhieggia a più vasti settori dell’opinione pubblica francese, inclusi pezzi di classe dirigente ed è forse merito di questa ampia vaghezza se France Insomise ha preso quasi il 20% al primo turno delle presidenziali. Se Mélenchon declina questo target a fasce concentriche che sembrano volersi distaccare dall’UE, Macron declina la stessa geometria egemonica  rivolta verso più UE[1].  Come mai, pur da sponde opposte, i due francesi si agitano tanto occupando più posizioni al contempo e lasciando intendere tutto ed il suo contrario?

Svegliatici, occorre dircelo, tutti un po’ tardi rispetto a ciò che si era stabilito a suo tempo nel trattato di Maastricht (che ricordiamolo è del 1992), l’analisi critica si è soffermata su gli aspetti economici e monetari, tra neo-ordo-liberismo e posizione dominante tedesca. Ma se andiamo a ritroso del registro storico, si vedrà come tutto ciò che precede Maastricht e l’euro  (ed inclusi questi) a partire dall’immediato dopoguerra, ha il suo baricentro non in Germania ma in Francia. E’ la Francia a promuovere la CECA, è la Francia a non approvare la riforma decisiva che avrebbe potuto dare un futuro politico all’Europa ovvero la CED (approvata già dai Benelux e dalla stessa Germania), è la Francia e non far entrare la Gran Bretagna in UE per poi ripensarci ed è lei stessa a sospendersi dalla NATO per diventare potenza atomica per poi ritornarci, è De Gaulle ad invitare Adenauer a Parigi per sancire il trattato dell’Eliseo (1963) quindi fissare formalmente la diarchia regnante l’europeismo, e così via fino allo stesso Maastricht e l’euro che nascono come  contropartita richiesta alla Germania per il via libera dato alla sua preoccupante riunificazione. I tedeschi, si sono limitati ad imporre la struttura economico-monetaria ai trattati, struttura che per altro avevano già nella loro Costituzione dal 1949 e dalla quale non avevano la minima intenzione di derogare perché fonda la loro nazionale narrativa post-bellica, soprattutto come spiegazione dell’irrazionalità da cui sorse il nazismo. Secondo questa narrativa, il nazismo venne dall’eccesso di inflazione.

Questo ci ha portato altrove a definire il progetto europeista, primariamente un trattato di pace tra Francia e Germania, stante che nei due secoli precedenti, questi campioni della potenza europea, si erano già combattuti e reciprocamente invasi più volte. Il  problema del confine tra Francia e Germania con tutto il portato di carbone, acciaio, metallurgia e siderurgia (quindi armi), è una costante geopolitica ovvero basata sulla politica (gli Stati, la volontà di potenza) e la geografia (confine in comune, passato indistinto, assenza di chiari segni geografici di separazione). Se Mélenchon si agita verso più autonomia e Macron verso più integrazione, l’uno pensa che la relazione con la Germania sarà sempre subalterna, l’altro pensa di poterla dominare o quantomeno contrattare secondo la tradizione del dopoguerra, il punto in comune è la Francia, la sua posizione nei prossimi decenni. Si noti come in tutta la questione europeista si incrocino sempre due assi, quello degli interessi delle classi sociali e quello degli interessi delle nazioni. Ogni governante sa che maggiore è il vantaggio portato alla propria nazione, più relativamente agevole sarà gestire i rapporti tra le classi sociali.

Tutta la faccenda europeista, se da una parte discende dal problema dei confini e dalla turbolenta convivenza dei due potenti vicini, non meno certo che da considerazioni ed interessi dell’ economia di mercato e della élite che ne beneficiano, discende anche da alcune non sbagliate considerazioni che si trovano nel Manifesto di Ventotene non meno che in Carl Schmitt, in Alexander Kojève non meno che nel primo scritto europeista del poi diventato leggenda nera principe Coudenhove Kalergi, la PanEuropa. Questi e molti altri, che data l’estrema eterogeneità non possono dirsi discendenti di una unica ideologia (ci sono accenni di Stati Uniti d’Europa addirittura in Lenin), evincono sin dai primi del Novecento che oggettivamente Europa non è più un campo di gioco unico in cui si riflettono le sorti del mondo. Gli Stati Uniti, il Giappone, la Cina, la Russia, il mondo arabo su fino all’India, segnano il prepotente allargamento del rettangolo di ogni gioco, politico, geopolitico, culturale, militare ed ovviamente economico. Lo spettro largo di queste riflessioni dura un secolo ed è la versione più colta del sentimento “unionista” di senso comune di cui abbiamo parlato prima.  Improbabile che Europa, dove a fronte di un 7% delle terre emerse si concentrano ben il 25% degli Stati mondiali, possa continuare a pensarsi come una macedonia conflittuale di stati e staterelli di più o meno antico pedigrèe. La doppia tenaglia anglosassone e sovietica per più di quattro decenni, ha reso presente a tutti come la divisione fa imperare altri soggetti, la sovranità prima ancora che monetaria, fiscale e giuridica, la si è perduta militarmente, quella politica ne è solo la conseguenza. Questo ci dice che se prima abbiamo individuato due assi ora ne dobbiamo mettere un terzo, oltre alla lotta tra le classi di una nazione e quella tra le nazioni europee tra loro, c’è anche da considerare che il quadrante di gioco non è più solo quello sub continentale ma quello mondiale.

Torniamo così al nostro discorso principale. Chi si propone di democratizzare l’UE temo stia perdendo altro tempo. Mi domando se “più democrazia” sia una invocazione infantile che serve ad acchiappare voti agitando il nobile drappo dell’autogoverno dei popoli o un preciso piano. In questo secondo -improbabile- caso, mi domando come pensano questi neo-democratici di risolvere il problema dell’oggettiva differenza che corre tra popoli latini e mediterranei e popoli germani e scandinavi, tra gli euro-occidentali e gli euro-orientali. Se domattina Mago Merlino con la bacchetta magica ci donasse il parlamento dell’euro a cui sottomettere la politica della banca centrale, i mediterranei  avrebbero la maggioranza dei 2/3, se ben convinti (e ci sono oggettivi interessi materiali nazionali a largo spettro a supporto) potrebbero far passare la riforma dell’euro facile-facile. Un millisecondo dopo la Germania, l’Olanda, la Finlandia, Lussemburgo ed i tre baltici uscirebbero.  Lo stesso varrebbe per la maggioranza italo-francese nell’eventuale parlamento della piccola federazione dei sei paesi fondatori la CEE-UE.  Così per lo statuto dell’euro ma anche per le altre necessarie riforme economiche e sempre evitando la politica estera che con la sua radice geografica, pone i mediterranei e quelli del Mare del Nord su sponde opposte, interessi diversi, prospezioni ed alleanze altrettanto diverse. Per avere democrazia ci vuole -al minimo- una Costituzione un parlamento, un governo, l’unione dei tre poteri di Montesquieu ed in definitiva niente di meno di uno Stato. Questo Stato che è l’unico sistema conosciuto in cui applicare la democrazia, a 6 se a base storica (?), 19 se su base euro o a 27 se su base UE, non è materialmente possibile per motivi auto-evidenti che i “democratici” non capisco perché si ostinino a non voler vedere. Se per fare un mercato si può essere 19 o 27 e pure eterogenei, per fare uno Stato sono richieste omogeneità giuridiche, culturali, religiose, linguistiche, storiche, politiche. Ogni volta che il sistema di mercato (UE) tenta di fare lo Stato si spacca, ma non lungo le linee ideologiche, lungo le linee geo-storiche. Ancora di recente, Macron si è speso per l’intensione (più governante quasi-federale) e Juncker ha invece ribadito l’estensione (ci sono molti paesi nel sistema, sarebbe più utile allargare il sistema ad altri paesi ad esempio i balcanici), perché le logiche per fare Stati o quelle per fare mercati sono intrinsecamente diverse.

Nessuno vuole in Europa uno Stato federale (anche perché materialmente irrealizzabile), quindi nessuno è in grado di sottomettersi a volontà generali che diventerebbero potere di popoli su altri popoli. Tra il disprezzo nei confronti dei mediterranei ed il ricambiato odio per i tedeschi o l’ironia svagata su quanto si sentono furbi i francesi senza esserlo davvero, mai come oggi stanno tornando in auge sentimenti nazionalistici che categorizzano molto sommariamente l’Altro. Far finta che non esistono i popoli o gli Stati o la storia o la geografia non aiuta, non appena si spinge troppo sull’inflazione retorica unionista, ecco spuntare subito il rimbalzo sovranista. Ma il peggio è che unionisti e sovranisti si disputano il gran premio della chiacchiera perché tanto né sembra si possa andare a più unione, né tornare alla nazione e ciò che impera, alla fine della fiera, è sempre e solo la Commissione, la BCE, i “Nien!” tedeschi. Tra il grande ed il piccolo Stato, alla fine vince sempre il Mercato.

= 0 =

Siamo nel doppio vincolo, da una parte vorremmo esser più forti ed unirci ma la nostra estrema eterogeneità lo rende impossibile, dall’altra vorremmo ripristinare una accettabile democrazia e tornare a decidere noi sul “che fare?” il che però ci riporta in teoria ai nostri singoli stati che già oggi ma viepiù fra trenta anni, varranno quanto il due di coppe a briscola quando regna bastoni. Strappare più sovranità oggi, significa perderla senza speranza nell’immediato domani del commercio internazionale, della circolazione dei capitali, della dittatura dei mercati, delle nostre fragilità economiche, dei diktat anglosassoni sulla NATO, delle crescente minorità politica di nazioni piccole, sempre più anziane, sempre meno competitive e significative nello scenario mondo.

In questo dilemma che a volte si presenta come trilemma (dentro la nazione, tra le nazioni europee, nazioni europee vs resto del mondo) la sinistra ha forse una opportunità per quanto la confusione mentale ed ideologica oggi occulti proprio ciò che ha davanti a gli occhi.

Se gli otto paesi firmatari del distinguo rispetto ai sogni devolutivi macroniani sono tutti del nord Europa (inclusa la Germania dietro le quinte), se il gruppo di Visegrad unisce stati orientali confinanti ed eterogenei uniti però nel distinguersi rispetto ai dettami occidentali franco-tedeschi, se la Dichiarazione di Lisbona è firmata dai meridionali portoghesi, spagnoli, francesi ed una particella di italiani è perché l’Europa è fatta di popoli ed i popoli di culture, di storie sovrapposte su un piano geografico costante che unisce alcuni e separa altri. Sono le culture l’ordinatore che consente e non consente le eventuali fusioni tra Stati-nazione in Europa. Nessun paese latino mediterraneo avrebbe grossi problemi ad avere una banca centrale che fa quello che ogni banca centrale al mondo fa (espansione economica, controllo del cambio, aiuto nella gestione del debito pubblico oltre al fatidico controllo dell’inflazione), non così i tedeschi e la loro area egemonica nord europea. E lo stesso gruppo dei latini certo che ha interessi geopolitici comuni verso il Mediterraneo, il Nord Africa ed anche il resto del continente che s’affaccia sul nostro stesso mare (per non parlare delle opportunità di sistema con il Centro-Sud America), quindi interesse ad unire le forze in qualche modo. Interessi diversi da quelli germano-scandinavi o dei confinanti con la Russia.

Tra paesi latino mediterranei si possono fare alleanze senza speranze che si battano per una diversa UE, si possono promuovere  maggior livelli di integrazione e cooperazione fattiva mentre si rimane nell’UE, ci si può dar man forte per coordinare una simultanea uscita dall’euro tornando a chi ci crede alle rispettive valute o per uscire tutti dall’euro tedesco e confluire  in un altro euro mediterraneo espansivo, svalutabile, di aiuto alle gestione dei debiti pubblici (soprattutto quelli collocati all’estero, estero che a quel punto avendo nel nuovo sistema sei diversi paesi, diminuirebbe come impegno nel caso lo si volesse ricomprare per immunizzarsi dagli spread, come è in Giappone), sottomesso non ad un trattato ma ad un parlamento democraticamente rappresentativo.

Nel rompicapo europeo non ci sono soluzioni facili e questa invocazione di un insieme latino-mediterraneo non è esente da problemi. Si tratta però di scegliere la via meno problematica e sopratutto quella che apre a maggiori condizioni di possibilità. La comune cultura latino-mediterranea è l’unica solida base per cominciare a sviluppare progetti politici inter-nazionali per tempi che stanno velocemente scalando indici di complessità sempre meno rassicuranti. Ci conviene oltremodo svegliare tutti dal sonno dogmatico che vuole unioni a 27 o a 19 senza che sussistano gli indispensabili pre-requisiti per farlo, così come ci conviene essere realisti e responsabili e cominciare a pensare  che nel mondo nuovo paesi solitari da 60, 40, 10 milioni di abitanti avranno sovranità men che formali. Coordinarsi tra simili per criticare, provare a cambiare o abbandonare l’euro non meno che la NATO, è condizione necessaria, il fine preciso lo valuteremo assieme, intanto fissiamo il mezzo.

Non esiste una sinistra senza una Idea ed in tempi così complicati, far base su un substrato comune di origine geo-storico, quindi culturale, quindi popolare e reale, a noi sembra il modo migliore per far si che la sinistra torni a pensare e ad agire politicamente. Se le opinioni specifiche su UE, euro e vari tipi di progetti avanzati da più parti fanno perno su quel sentimento istintivo che pensa necessario unire le forze tra alcuni di noi, dare a quel sentimento la prospettiva più limitata e perciò più concreta dell’alleanza progressiva tra noi mediterranei europei (per i paesi-popoli musulmani mediterranei il discorso verrà fatto dopo, non si possono fare progetti di unione federale con paesi del nord Africa, ora), può aiutare a darci identità, egemonia nel dibattito pubblico, spinta creativa a disegnare il mondo che verrà, voglia di tornare a fare politica. Se la sinistra nasce nel conflitto sociale interno, oggi deve anche misurarsi con il formato Stato-nazionale, coi rapporti interni all’Europa che sono tra nazioni prima che tra classi e col problema di ciò che è fuori dal nostro antico mondo. L’Idea deve orizzontarsi su tutte e tre le variabili altrimenti rimane idealismo, inutile sequenza di petizioni di principio e non progetto.

La sinistra uscirà dalla sua crisi quando dimostrerà di avere un progetto positivo sulla realtà, alla funzione critica si può aderire scrivendo e comprando libri (una delle principali attività della sinistra), ma non si costruisce realtà con la “potenza del negativo”. La sinistra nata dal conflitto di classe deve sapersi riattualizzare davanti ai tre scenari sistemici mai davvero trattati in profondo dalla sua pur voluminosa produzione teorica: nazione, Europa, mondo. Niente progetto, niente sinistra.

0 = 0

[1] Il Piano Macron è stato presentato a settembre 2017 alla Sorbona. Le “corone” del piano Macron erano sicurezza, difesa e politica estera, tre argomenti che si fondono come interesse francese ad agire negli “esteri” identificando l’interesse francese con quello europeo. La partecipazione francese, almeno “ideale”, al bombardamento in Siria e l’orgogliosa rivendicazione valoriale che ne ha fatto Macron il 17 aprile a Bruxelles, confermano di questa vocazione del francese ad intestarsi la funzione esteri. (Sullo sviluppo del business della difesa, si veda questo contributo di B. Montesano su Sbilanciamoci: http://sbilanciamoci.info/difesa-europea-business-della-sicurezza/ a rimarcare la costante ambiguità per la quale non si parla di esercito comune ma di business comune). Oltre ai tre argomenti “estero”, il piano Macron ha ambiente e ricerca tecnologica dove quest’ultima segna una delle croniche debolezze europee. Nessuno stato europeo è effettivamente in grado di mobilitare investimenti significativi in grado di competere con quelli americani e cinesi, mancanza che poi si riflette nelle minori condizioni di possibilità economiche e mancanza di indipendenza in un settore strategico. Infine, l’euro che Macron vorrebbe riformare con un comune bilancio e conseguente allineamento fiscale e con unico ministro delle Finanze.  Difficile che anche volendo (e sull’esistenza di questa volontà è lecito nutrire parecchi dubbi), la Germania in cui le due forze politiche in ascesa e che controllano già oggi un quarto dell’elettorato sono i Liberali euroscettici ed AfD apertamente xenofoba, aderisca al progetto se non rendendolo ancora più ambiguo tra la sua forma narrativa e la sostanza ben meno palpitante. Chissà quindi se ci sono proprio i tedeschi dietro la presa di posizione del 6 marzo, in cui otto paesi euro (Finlandia, Irlanda, Olanda, i tre baltici, Svezia e Danimarca ultimi due non in Eurozona e si tenga conto che fuori Eurozona c’è poi su posizioni simili anche il Gruppo di Visegrad) hanno pensato necessario dichiarare assieme l’assoluta contrarietà ad ulteriori devoluzioni dei poteri nazionali, bocciando in sostanza il piano Macron. A sentire le dichiarazioni di Merkel in preparazione del vertice con Macron sembrerebbe proprio di sì, i settentrionali  non vogliono alcun sistema politico comune coi meridionali, non si capisce perché i meridionali non ne prendano atto e ne traggano conclusioni.

SIRIA, DOSSIER E FAKE NEWS, di Giuseppe Germinario

Tranne rare eccezioni in un confronto militare la particolare posizione dell’aggressore richiede solitamente un’azione specifica che possa innescare o giustificare l’iniziativa. La gamma di iniziative è particolarmente nutrita. Si va dalla provocazione all’induzione alla reazione, alla istigazione, alla vera e propria montatura del casus belli. Un evento così traumatico deve essere giustificato, richiede la necessaria motivazione specie in un agone ancora delimitato dalla presenza degli stati nazionali e dal riconoscimento reciproco della propria esistenza.

Il conflitto in Siria non sfugge a queste dinamiche.

Partito da un movimento di contestazione, grazie ad alcune provocazioni mirate soprattutto verso le forze di polizia si è trasformato in guerra civile; da guerra civile in pochi mesi si è evoluto in un confronto prevalente con orde di uomini, da soli o con la propria famiglia, provenienti dall’Europa e dai luoghi più disparati del Nord-Africa e del Medio Oriente in cerca di fortuna; messe a mal partito queste ultime, la Siria sta ormai diventando sempre più terreno di confronto diretto di potenze regionali e globali. Una condizione che difficilmente le consentirà di salvaguardare totalmente l’integrità territoriale.

L’attitudine alla resistenza del regime di Assad è stata mirabile come pure la sua capacità di guadagnare consenso tra la popolazione. Nel suo cammino ha incontrato fortunatamente la volontà dei russi di porre finalmente un limite all’incalzare sino all’interno dei propri confini delle strategie americane; volontà senza la quale Assad probabilmente avrebbe già raggiunto Gheddafi nel suo tragico destino e la Siria avrebbe subito una sorte analoga alla Libia, ma con consistenti parti di territorio predate dai vicini.

Le forze esterne presenti sul campo sono ancora, almeno ufficialmente e con la parziale eccezione dell’esercito turco, in numero limitato e sono attente ad evitare scontri diretti tali da innescare un crescendo imprevedibile del conflitto.

Non mancano di certo casi di attacchi diretti, in parte legati alla casualità, in parte al tentativo di testare le reazioni, in parte ancora dovuti alla conduzione schizofrenica delle campagne militari dettata dal conflitto di strategie e dal drammatico scontro politico interno soprattutto ai centri americani e sauditi. In quest’ultimo caso sono il probabile esito di pesanti provocazioni dei fautori di un conflitto più aperto presenti anche nelle potenze regionali, in particolare Israele e Arabia Saudita, intenzionate a trascinare i grandi nel conflitto a loro sostegno e in loro vece. Ne hanno fatto le spese, circa un mese fa, alcune decine di contractors russi (ex militari) vittime di bombardamenti aerei americani e israeliani.

Sta di fatto, però che le forze irregolari disposte a prestarsi a strumento di questi giochi sono in via di significativo prosciugamento, mentre gli eserciti regolari sono restii ad entrare in campo sia per un’opinione pubblica ancora ostile agli interventi, sia per l’insostenibilità di un eventuale numero elevato di perdite specie del campo occidentale, sia per la condizione caotica del fronte che ancora per la concreta possibilità di estensione incontrollata del conflitto.

Da qui la ricerca di una giustificazione e la costruzione di pretesti verosimili che legittimino gli interventi e motivino le forze disponibili.

Gli attacchi chimici sono tornati di gran voga ad essere il motivo scatenante delle intromissioni, salvo essere smentiti se non addirittura attribuiti alle presunte vittime nel breve volgere di pochi giorni e a seguito di rapidi accertamenti.

Dal punto di vista emotivo sono ancora un buon detonatore; quanto alla verosimiglianza delle versioni offerte lasciano però ormai a desiderare, visti i precedenti ingannevoli e la relativa permeabilità del sistema di informazione.

Il rapporto dato in pasto dai servizi segreti francesi e utilizzato per giustificare l’intervento anglo-franco-americano del quattordici aprile in Siria rappresenta al momento lo stato dell’arte della pretestuosità e dell’arroganza.  https://www.les-crises.fr/frappes-syrie-les-preuves-presentees-par-le-drian-le-vide-comme-nouveau-fondement-juridique-a-l-agression/

https://www.les-crises.fr/en-quete-de-verite-dans-les-decombres-de-douma-et-les-doutes-dun-medecin-sur-lattaque-chimique-par-robert-fisk/

Alcuni siti francesi si sono premurati di smontarlo punto per punto nei vari aspetti praticamente in tempo reale

  • Hanno stigmatizzato la scarsa serietà dei redattori affidatisi esclusivamente a immagini raccogliticce, definite spontanee, senza data e indicazioni precise
  • Hanno sottolineato l’ipocrisia dell’affermazione riguardante l’assenza di informatori sul campo, quando gli stessi servizi sono stati in grado di fornire l’esatta composizione delle fazioni impegnate a resistere agli attacchi delle truppe lealiste
  • Hanno denunciato la palese capziosità dell’indicazione in Assad dell’unico beneficiario possibile di tale utilizzo, a dispetto dei precedenti rapporti di organizzazioni internazionali

Sta di fatto che ciò che è apparso poco attendibile per una parte dello stesso staff presidenziale americano è rimasta una incontrovertibile verità per l’altra parte e soprattutto per il giovane Macron.

In altri tempi, quando le cortine di ferro delimitavano più chiaramente le sfere di influenza e ingessavano il confronto mediatico, tanta sfrontatezza sarebbe passata inosservata se non spacciata con buone probabilità di successo addirittura per autorevolezza.

Oggi lo scontro politico attraversa platealmente e apertamente i centri decisionali specie americani, senza esclusione di colpi. L’allentamento della presa sta facendo emergere potenziali competitori globali e una miriade di potenze regionali ambiziose in un turbinio di posizioni e di giravolte repentine tali da rendere sempre meno credibile la parola e la costruzione mediatica. Una complessità della quale rischiano di rimanere vittime, oltre che artefici anche gli attori più importanti e navigati.

Sta di fatto che la Siria è ormai diventato prevalentemente un campo di battaglia tra forze esterne dove le stesse forze lealiste di Assad, le più gelose paladine delle prerogative sovrane del paese, anche in caso di vittoria definitiva, per altro ancora lungi dall’essere conseguita, difficilmente potranno recuperare in tempi rapidi l’autonomia politica di un tempo. La posta in palio, ormai, nel breve periodo non è più l’allontanamento di Assad e nemmeno la sconfitta dei russi; è piuttosto il drastico contenimento dell’Iran. Un obbiettivo in grado di conciliare in qualche modo, in casa americana, le posizioni del nucleo originario sostenitore di Trump favorevole ad un accordo e la componente del vecchio establishment sostenitrice di uno scontro più tattico verso la Russia di Putin. Il sacrificio di Flynn e di Bannon e lo snaturamento dei propositi iniziali sono stati l’obolo necessario alla sanzione del compromesso e della stessa sopravvivenza di Trump.

Sul piano degli schieramenti internazionali hanno sancito il sodalizio americano con l’Arabia del giovane Saud e l’Israele del vecchio Netanyau; una alleanza che si sta trasformando rapidamente in un vero e proprio processo di integrazione degli stessi comandi militari nel teatro siriano i frutti del quale non tarderanno purtroppo a manifestarsi.

Si sente parlare sempre più spesso di una prossima vittoria in campo aperto rispettivamente della Russia, dell’Iran e di Assad. La sproporzione evidente delle forze militari in campo e delle risorse economiche, umane e tecnologiche disponibili dovrebbe indurre a maggior prudenza.

La maggiore coesione, la motivazione più convinta, una maggiore sagacia tattica, il parziale recupero del gap tecnologico sono i fattori che hanno consentito la tenuta dello scacchiere siriano e del regime di Assad nel breve periodo; nel lungo il logoramento potrebbe incidere più pesantemente sullo schieramento lealista.

Di tenuta tuttavia si tratta. Di una strategia tutto sommato ancora difensiva anche se dall’esito diverso rispetto a quanto accaduto in Libia e nell’Europa Orientale negli ultimi trenta anni.

Sono altri i fattori in grado di determinare un ribaltamento dei rapporti e un eventuale collasso, per lo più inerenti la situazione interna dei paesi coinvolti.

Anche la Siria ha conosciuto la propria nemesi.

Da oggetto delle brame del vicinato e da punto focale di una crisi definitiva della capacità di resistenza russa e iraniana si è trasformata in punto di irradiamento di crisi e destabilizzazione verso i predatori.

Lo si è visto in Turchia con la recrudescenza dell’irredentismo curdo e con il tentativo di colpo di stato di Gulen, duramente sopito da Erdogan. Eventi che hanno spinto il governo turco ad una inedita aspirazione di autonomia e ad un controllo ferreo delle leve anche a scapito dell’immediata efficienza degli apparati.

 Lo si intravede in Israele con la sorda guerra di Netanyau con parti della magistratura e dei servizi di intelligence che rischia di trascinare il leader verso un destino simile al suo ex-omologo Sarkozy

Lo si sospetta in Arabia Saudita dove il processo ambizioso e inderogabile di ammodernamento istituzionale, quello di riconversione di una economia troppo legata alla monocoltura di giacimenti petroliferi in via di esaurimento e di (apparente?) distanziamento dai settori più integralisti e oscurantisti del sunnismo viene sostenuto dai classici strumenti di una struttura tribale costituiti da rapimenti, sequestri e uccisioni di notabili rivali, espropriazione di patrimoni e colpi di mano su rituali di successione codificati nel tempo. Il colpo di mano nella notte di sabato scorso, documentato da immagini nelle quali riecheggiavano nutrite sparatorie nel palazzo reale a base di fucili di assalto e granate, apparse solo per pochi minuti e miracolosamente scomparse assieme all’assoluto silenzio stampa in prima mondiale, rivela quanto siano ancora precari e instabili gli equilibri in quel paese con un delfino impegnato a stringere relazioni sempre più strette, quasi simbiotiche con il nemico conclamato del mondo arabo, Israele e con il “profanatore della terra sacra” dai tempi della prima guerra a Saddam, gli Stati Uniti e coinvolto ormai direttamente in due conflitti apparentemente minori, quanto inaspettatamente logoranti. Una irruenza e un cumulo di contraddizioni e contrapposizioni giunte sino ai regimi sunniti della penisola che potrebbero costare cari alle ambizioni se non addirittura alla vita del delfino Salman.

Quanto all’Iran si è visto offrire su un piatto d’argento, grazie all’intervento americano in Iraq, l’allargamento della sfera di influenza ad occidente dopo aver approfittato della situazione precaria in Afghanistan. Si è guadagnato sul campo il potere di influenza in Siria, Libano e Striscia di Gaza incuneandosi tra le rivalità di Turchia e Arabia Saudita. E’ riuscita a mantenere un equilibrio in Libano e continua a strumentalizzare, come il resto degli attori, la questione palestinese. Allarmato dalle primavere arabe ha intensificato lo sviluppo del programma nucleare diventando un avversario temibile di Israele e dell’Arabia Saudita e cercando di entrare nel club della dissuasione nucleare. Alcune iniziative propagandistiche apparentemente gratuite ai danni degli Stati Uniti hanno forse mitigato le irruenze dei più oltranzisti, ma hanno certamente contribuito a lacerare il tenue filo che li univa agli USA. Con l’arrivo di Trump gran parte delle mediazioni raggiunte sono destinate a saltare; a meno che nel frattempo non salti il Presidente. Si tratta, comunque, di un regime e di una società molto più permeabili rispetto alle apparenze. Lo scempio operato dai servizi israeliani e americani tra i tecnici e i responsabili del programma nucleare sono un evidente indizio dello stato presente.

Lo si arguisce in Francia con un giovane e intraprendente presidente smanioso di acquisire il supporto indispensabile del paese ancora più potente, gli Stati Uniti, necessario a preservare le proprie residue sfere di influenza, di riserva economica in Africa, in Siria e nel Pacifico. Quanto sia però precaria e debole questa posizione lo rivela l’aleatorietà degli impegni economici che il regime saudita ha stretto con esso a differenza della consistenza con quelli americani. Una aleatorietà, concretizzatasi in un semplice accordo di valorizzazione del settore turistico in Arabia in netto contrasto con la pesante influenza e con le compromissioni pesanti di essa nel sistema economico-finanziario e sociale della Francia. Legami che hanno già fatto saltare le ambizioni di Sarkozy, con l’affaire libico e che promettono ulteriori sviluppi.

La fretta tradita e la grossolana costruzione di quel documento rivelano la fragilità della sicumera tutta francese di Macron, piuttosto che la sua fattiva determinazione. Il comunicato finale seguito all’incontro tra Trump e il Presidente di Francia, non ostante le effusioni, è tutta lì a rivelare le divergenze con la dirigenza americana e i legami troppo stretti, sia pur discreti, di Macron con il vecchio establishment.

Tutto dipenderà dalla prosecuzione della deriva che sta seguendo Trump. A determinarla però non sarà certamente ed eventualmente il nuovo Napoleone, se non in misura irrilevante.

Il passo dalle fake alle bolle può consumarsi rapidamente e imprevedibilmente.

Questo secolo ha rivelato la rapida evaporazione di tanti leader di successo dalle promettenti carriere. E siamo appena all’inizio.

 

L’ARABIA SAUDITA PERDE LA FIDUCIA DEGLI USA PER UNA PROPOSTA DEMENZIALE CHE NE MOSTRA L’ISOLAMENTO E L’INADEGUATEZZA MENTALE, di Antonio de Martini

L’ARABIA SAUDITA PERDE LA FIDUCIA DEGLI USA PER UNA PROPOSTA DEMENZIALE CHE NE MOSTRA L’ISOLAMENTO E L’INADEGUATEZZA MENTALE.

Adel al Jubeir, il primo e unico ministro saudita a non essere membro della famiglia reale, ha presentato una proposta ” per combattere l’ISIS” – presa in considerazione dal consigliere per la sicurezza di Trump, Bolton- che ha suscitato scetticismo tra tutti gli esperti di questioni arabe.

L’idea, dato che gli USA sono riluttanti a rimanere in Siria col rischio di confrontarsi direttamente con Hezbollah o i miliziani iraniani, ha proposto di sostituire i soldati USA con una ” forza araba” non meglio definita.

Al momento di sostanziare la proposta con dati di fatto, gli americani si sono trovati di fronte a ERIK PRINCE, lo stesso avventuriero che creò l’organizzazione mercenaria Blackwater e che due anni fa si vide respingere dal Pentagono la proposta di privatizzare la guerra in Afganistan subappaltandola a lui.

Scartata la soluzione PRINCE, sono iniziati incontri a livelli di capi dei servizi segreti con le controparti egiziane e sudanesi per ottenere ” volontari” arabi.

Questa soluzione si è scontrata con il fermo atteggiamento turco a non volere truppe egiziane alla propria frontiera e col colore dei sudanesi che in Siria apparirebbero come mosche nel latte.

I volontari reclutati in Francia e UK ( partiti da Manchester) e i tunisini, sono stati bruciati nei sette anni di guerra.

La coalizione di 22 Stati islamici reclutata un paio di anni fa tra gli staterelli africani, ha chiarito che è disponibile a ricevere aiuti e addestramento, ma non a combattere e meno che mai in Siria.

Tra gli emirati del golfo, la spaccatura provocata dai sauditi col Katar non è ancora sanata e rende inagibile il CDG ( Consiglio di difesa del Golfo) creato a suo tempo dagli inglesi per attività del genere. E comunque sarebbero tre gatti.

Gli Iracheni vengono dati per ufficialmente impegnati in casa, ma in realtà, l’aver affidato a sciiti il governo del paese si è rivelato il più clamoroso autogol della storia americana. Sono inutilizzabili.

La Giordania, i cui regnanti furono spossessati dai Saud , godono in silenzio delle difficoltà della casata nemica con cui condividono il grande fratello anglosassone, ricco e stupido.

Insomma la proposta saudita ha messo in luce alcuni fatti fondamentali:

a) non ci sono siriani disposti a combattere contro il loro governo legittimo. Infatti, non vengono nemmeno presi in considerazione dalla proposta.

b) i sauditi hanno parlato a nome degli ” arabi” senza averli consultati.

c) l’Egitto ha una posizione più vicina a Assad che ai sauditi e ha già rifiutato di intervenire in Yemen.

d) parlano di combattere l’ISIS , ma l’avversario da affrontare sono gli iraniani e l’Hezbollah.

e)gli yemeniti sono tutti impegnati contro i sauditi che non riescono a difendere nemmeno le proprie frontiere e annaspano già in casa.

f) i curdi, vantati dalla propaganda israeliana come combattenti valorosi e impegnati, non esistono che in fotografia e a presidio di qualche crocicchio.

g) il Marocco ha appena finito di criticare il comportamento e le politiche arabe dell’alleato americano.

h) agli algerini che hanno subìto per primi l’aggressione saudita negli anni novanta ( centomila morti) non è il caso di rivolgere la parola.

Gli USA non vogliono rimanere in Siria e Macron rappresenta l’ex potenza coloniale che nel 1925 massacrò i siriani e cannoneggiò Damasco.
Gli inglesi incoraggiano sottobanco Erdogan perché rivogliono il petrolio di Mossul.
Però i turchi non sono arabi, come non lo sono i pakistani, dati più volte in arrivo, ma non stupidi.

Credo che gli USA rimpiangano amaramente i tempi ( dal 48 ai sessanta inoltrati) in cui collaboravano con l’Italia, prevedevano ogni cambiamento e gestivano l’area senza sangue e dispendio di mezzi, come invece accade ora che il loro consigliere è Israele ( che difende i propri interessi) e un clan di cammellieri arricchiti e fanatici.

Come vedete, il successo politico di Putin nel Vicino Oriente, è dato dalla altrui insipienza

LA SIRIA PUNTO DI SVOLTA DELLA FASE MULTICENTRICA, di Luigi Longo

LA SIRIA PUNTO DI SVOLTA DELLA FASE MULTICENTRICA

 

di Luigi Longo

 

 

  1. La fase multicentrica sta avendo delle impennate per il dinamismo degli USA. Un dinamismo criminale, spregiudicato, delinquenziale e fuorilegge basato sulla forza militare che assume un peso specifico nelle relazioni interne ed esterne alla potenza mondiale USA nelle fasi multicentrica e policentrica.

Le suddette fasi mondiali tolgono il velo della ipocrisia e della falsa coscienza necessaria sulla democrazia e sulla libertà praticate in Occidente e portate a modello a livello mondiale [si pensi, per esempio, a quella democrazia esportata e difesa in tutto il mondo attraverso il bombardamento etico (è il titolo di un bel libro di Costanzo Preve), statunitense, con mandato divino (sic)] che ora si rivelano essere principi decisamente astratti, che poco hanno a che fare con la realtà nella quale gli agenti strategici dominanti, vettori del conflitto strategico tra le potenze mondiali, hanno bisogno di decisioni, con una filiera del comando accorciata all’essenziale duro e sbrigativo, attraverso le articolazioni istituzionali presenti sul peculiare e storico territorio nazionale che chiamiamo Stato. Il diritto, inteso come forma di organizzazione dei rapporti sociali e territoriali subisce così processi di ri-modulazione, ri-pensamento e re-invenzione. Lo stato di eccezione schmittiano diventa una eccezione regolare storicamente data che si ripresenta necessariamente nelle fasi multicentrica e policentrica del conflitto mondiale. E’ una costante storica che deve portarci a ri-considerare le relazioni e i rapporti sociali reali nelle diverse fasi della storia mondiale che definiamo monocentrica (la presenza di una potenza mondiale che funge da centro di coordinamento), multicentrica (la presenza di più potenze che fungono da coordinamento di diversi centri egemonici che si contengono l’egemonia mondiale), policentrica (il conflitto mondiale tra centri consolidati per il dominio mondiale).

 

 

  1. Gli USA sono una potenza egemone in declino che non riesce a trovare una sintesi intorno ad un gruppo strategico dominante (per i conflitti interni tra gli agenti strategici delle diverse sfere sociali) capace di frenare il proprio declino e rilanciare una nuova sfida per l’egemonia mondiale (alla Russia e alla Cina con le loro aree di influenza sempre più larghe e penetranti il territorio mondiale) che si basi su una nuova idea di società, di sviluppo, di rapporto sociale; va ricordato che non è nella storia statunitense la cultura multicentrica del mondo e la capacità di confronto tra nazioni e tra Occidente e Oriente.

La guerra in Siria, al contrario delle altre guerre nel Medio Oriente (Iraq), nei Balcani (ex Jugoslavia) e nel Nord Africa (Libia), può rappresentare il punto di svolta verso il consolidamento del polo di aggregazione intorno alla Russia e alla Cina [che già collaborano nella sfera economica (risorse energetiche, via della seta, trattati di area, accordi commerciali, eccetera)] capace di approntare una strategia tutta orientale che lancia un confronto tra nazioni eguali con una visione multicentrica del mondo e un nuovo rapporto tra Oriente e Occidente [senza dimenticare né l’influenza della sedimentazione storica del rapporto tra Russia ed Europa a partire dalla metà del XV secolo con lo zar Ivan III (1440-1505), né l’attrito storico tra Russia e Cina]. Non si tratta di un confronto basato sulla forza militare ma sul dialogo e sul confronto tra storie, culture, popoli diversi. Tale confronto non esclude affatto le questioni fondamentali quali i rapporti sociali basati sul potere e sul dominio che riguardano sia le logiche interne che esterne delle nazioni e delle relazioni con le nazioni divenute potenze mondiali [si pensi, per esempio, a quanta influenza ha l’egemonia USA nel decidere lo sviluppo e la politica delle nazioni europee e dell’Unione Europea (che è bene ricordarlo non è l’Europa della nazioni, ma un luogo istituzionale sovranazionale nato da un progetto pensato, finanziato e guidato dagli Stati Uniti e gestito da sub-agenti dominanti)].

Gli USA devono bloccare con la forza militare la possibilità di formazione del polo Russia-Cina perché sanno che l’avverarsi di tale polo, unito alla loro incapacità di fermare il proprio declino egemonico e alla convinzione che l’unica strada percorribile sia quella della guerra (è attraverso la guerra che hanno sempre affermato l’autorità globale), non sarebbe altro che l’inizio della transizione egemonica con una diversa riorganizzazione sistemica. Henry Kissinger e Zbigniew Brzezinski, due importanti protagonisti delle strategie di dominio statunitensi, hanno sempre combattuto e temuto la formazione di un polo sia euroasiatico (Europa-Russia) sia asiatico (Russia-Cina) perché vedevano in esso una seria minaccia alla egemonia mondiale statunitense.

La guerra USA, al contrario di quello che pensava Niccolò Macchiavelli (ne Il Principe) che la intendeva come portatrice di benessere, è solo distruzione di popoli, di territori e di nazioni per contenere la Russia e distruggere sul nascere il polo di formazione asiatico intorno a Russia e Cina.

Il declino egemonico mondiale degli USA sta nella perdita della capacità di un modello sociale di benessere interno ed esterno; gli Stati Uniti basano la loro resistenza egemonica solo sulla forza militare aggressiva e distruttrice senza creazione, senza consenso e senza confronto.

 

 

  1. L’Europa resta il teatro passivo del conflitto tra le potenze mondiali che si andrà sviluppando nelle surriportate fasi della storia mondiale. I sub agenti strategici, che dominano i luoghi istituzionali dell’Unione Europea, da tempo stanno accompagnando le diverse strategie USA di contenimento della Russia e di contrasto alla formazione del polo asiatico. Si pensi al ruolo dell’UE e delle singole nazioni europee all’interno della NATO, alla trasformazione della NATO da strumento di difesa contro la minaccia sovietica a strumento di attacco fuori area (la Nato Responce Force), alla militarizzazione tramite Nato del territorio europeo, alle infrastrutture civili da supporto a quelle militari della Nato, alla nascita della PeSCO (Permanent Structured Cooperation, Cooperazione Strutturata Permanente) del campo della difesa UE, agli interventi del Pentagono (Dipartimento della Difesa degli USA) sulle strutture militari presenti sul territorio europeo, all’americanizzazione del territorio europeo, eccetera; temi dei quali ho già trattato in precedenti scritti.

Il processo di americanizzazione europeo ha condizionato fortemente lo sviluppo e l’autonomia delle singole nazioni; ha ridotto l’Europa ad una espressione geografica a servizio delle strategie statunitensi nelle diverse aree mondiali. Tutte le succitate guerre degli USA [di invasione e di violenza alla sovranità nazionale tramite ONU o tramite NATO o tramite coalizione internazionale o tramite attacco diretto con alleati), a partire dalla implosione dell’URSS (1991)] hanno visto la partecipazione di diverse nazioni europee che si sono ritagliate spazi nella sfera economica (gestione di risorse energetiche, allargamento di aree di influenza e di mercato per le imprese, eccetera), ma sotto stretta sorveglianza delle diverse strategie politiche della potenza imperiale statunitense sempre per contrastare le nascenti potenze mondiali (Russia e Cina) capaci di sfidare l’egemonia statunitense [ esempi recenti la guerra di Libia (iniziata nel 2011) e la guerra in Siria (iniziata nel 2011)].

La stessa storia si ripete oggi, in maniera diversa, con il recente attacco USA alla Siria, dopo sette anni di tentativi di smembramento di una nazione sovrana, con morti e sofferenze inenarrabili della popolazione, insieme agli alleati ufficiali europei (Francia e Regno Unito) interessati alla sfera economica, per contrastare l’egemonia dell’area della Russia e il consolidamento di una potenza regionale come l’Iran che minerebbe il ruolo di Israele come potenza regionale vassallo USA nella politica in Medio Oriente (senza dimenticare la questione storica, politica e territoriale della Turchia), area nevralgica del conflitto strategico mondiale. Il pretesto dell’uso di armi chimiche non regge: perché Bashar al-Assad avrebbe dovuto usare le armi chimiche sulla popolazione di Douma, nell’ambito di un’offensiva globale nei confronti della regione Ghouta orientale, quando ormai i ribelli erano pronti alla resa?

E’ emblematico che nessuna nazione europea abbia protestato duramente contro il criminale attacco degli USA e dei suoi alleati; anzi, è stato sostenuto dal Segretario della Nato Jens Stoltenberg e appoggiato dalla UE, dalla Germania (Angela Merkel: risposta “necessaria e appropriata” agli attacchi chimici), Giappone, Canada e Israele. Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha bocciato una bozza di risoluzione proposta dalla Russia che “condannava l’aggressione contro la Siria da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati, in violazione delle leggi internazionali e della Carta delle Nazioni Unite”.

 

 

  1. L’Italia è una drammatica espressione geografica a servizio degli USA che considerano il territorio italiano fondamentale per le loro strategie nel Mediterraneo e nel Vicino Oriente, oltre ad ospitare basi Nato-USA di grande rilievo e importanza.

L’Italia, a partire dalla sua Unità sotto il coordinamento inglese fino alla direzione statunitense, dalla seconda guerra mondiale in poi, può essere un laboratorio storico e politico per capire come l’egemonia inglese prima e quella degli Stati Uniti dopo, hanno piegato lo sviluppo del nostro Paese alle loro strategie di dominio, sia con la forza ( uccisioni di agenti strategici che pensavano alla sovranità e allo sviluppo del Paese), sia con il consenso (selezione di sub agenti strategici pronti a sacrificarsi per il bene del Paese alla servitù inglese e statunitense).

Qual è la reazione dell’Italia alla criminale aggressione degli Stati Uniti e dei suoi alleati alla nazione sovrana della Siria fatta in questi giorni? E’ emblematica della stupidità della nostra classe dirigente ben selezionata per il bene del nostro Paese.

L’account Twitter ItaMilRadar, che monitora il traffico aereo militare sui cieli italiani e sul Mediterraneo, ha riferito che due aerei militari della US Navy sono decollati dalla base Sigonella. Il primo, per pattugliare l’area al largo del porto siriano di Latakia nei cui pressi si trova la base militare russa, il secondo per svolgere attività di pattugliamento verso Est. Un Boeing E-3 della Nato ha invece svolto attività di pattugliamento nei pressi del confine tra Turchia e Siria. Ovviamente è un pattugliamento di carattere ordinario! ( www.lasicilia.it, 11/4/2018).

Il 10 aprile scorso l’Agenzia Al Sura ha segnalato che una cisterna volante italiana KC-767 è entrata in Giordania dallo spazio aereo dell’Arabia Saudita.

Le basi Nato-Usa in Italia sono in piena allerta e pronte per gli interventi in Siria. Inoltre, l’ex Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Pasquale Preziosa, ci ha ricordato che la base Nato di Sigonella in Sicilia, dove sono ubicati i droni strategici RQ-4 Global Hawk, è importante sia geograficamente sia strategicamente per l’attacco USA in Siria (intervista di Paolo S. Orrù pubblicata su www.tiscali.it, 14/4/2018).

Bene. Cosa fanno i nostri leader politici? Silenzio: il silenzio della paura. L’unica dichiarazione ambigua e strumentale è stata quella di Matteo Salvini che ha criticato l’attacco USA e ha precisato comunque l’importanza di stare dentro l’alleanza atlantica e che il problema è Donald Trump, come se la qualità di un Presidente facesse venir meno la criminalità imperiale statunitense.

E i nostri parlamentari? I più intelligenti hanno chiesto al Governo di conferire in Aula per conoscere i fatti ed informare il Parlamento delle iniziative prese nelle sedi competenti per una inchiesta internazionale indipendente per far luce su quanto accaduto.

 

 

  1. 5. Questo ruolo di servitù volontaria ha impedito all’Europa di essere un soggetto politico espressione di una Sintesi delle Nazioni con una propria autonomia e con un proprio ruolo da giocare nello scambio sociale, economico, culturale e politico tra Occidente e Oriente: Perché? Quali le ragioni storiche e politiche? Quali le strategie per cambiare sguardo e guardare a Oriente per un mondo multicentrico che allontani sempre più la fase policentrica?

Occorrono nuovi agenti strategici in un mondo in forte movimento per il trapasso di epoca così come sosteneva Niccolò Macchiavelli, nella Mandragola la più bella commedia italiana scritta tra il 1513 e i primi mesi del 1514, :<< […] L’espressività di Nicia, il suo sputare motti popolari a raffica diventano emblematici di un attaccamento ottuso a una fiorentinità senza prospettive, in un’epoca in cui […] la crisi politica e morale che stringe Firenze e l’Italia richiederebbe uomini nuovi, lungimiranti, tutt’altro che intenti a tenere lo sguardo fisso all’ombra del proprio campanile >>.

 

1 2 3 9