Sessione plenaria del Forum economico internazionale di San Pietroburgo Vladimir Putin ha partecipato alla sessione plenaria del 27° Forum economico internazionale di San Pietroburgo.

In basso abbiamo pubblicato la registrazione video integrale dell’intervista a Putin tradotta in inglese. Cliccando sulle impostazioni del filmato (la rotella dentata), sul menu “sottotitoli”, poi su “traduzione automatica” e quindi su “italiano” potrete fruire dei sottotitoli in italiano.

Particolarmente significativo il piglio e la statura politica dell’intervistatore. Un chiaro messaggio all’Occidente che in Russia esistono componenti ben più radicali pronte a determinare le scelte politiche del governo russo. Giuseppe Germinario

Sessione plenaria del Forum economico internazionale di San Pietroburgo

Tra gli altri partecipanti alla sessione, il Presidente dello Stato Plurinazionale della Bolivia Luis Alberto Arce Catacora e il Presidente della Repubblica dello Zimbabwe Emmerson Dambudzo Mnangagwa.

La discussione è stata moderata da Sergei Karaganov, analista politico, storico e supervisore accademico della Facoltà di Economia Mondiale e Affari Internazionali presso la Higher School of Economics.

Il Forum economico internazionale di San Pietroburgo si tiene ogni anno dal 1997. L’evento è diventato una delle principali piattaforme mondiali per discutere le questioni chiave dell’economia globale.

Il tema chiave del forum 2024 è “La formazione di nuove aree di crescita come pietra miliare di un mondo multipolare”. Al forum parteciperanno oltre 12.000 persone, tra cui azionisti e top manager di grandi aziende, esperti e analisti riconosciuti, personalità politiche e pubbliche e funzionari governativi.

* * *

Moderatore della sessione plenaria Sergei Karaganov: Buon pomeriggio, presidenti.

Colleghi e amici.

È per me un grande onore e un grande piacere ospitare questa sessione. Abbiamo un gruppo di oratori brillanti e forti, quindi la sessione promette di essere interessante.

Permettetemi di iniziare con Emmerson Dambudzo Mnangagwa. È una figura leggendaria, l’ultimo leader di un Paese africano che ha combattuto per quasi tutta la vita – una parte significativa della sua vita, con le armi in pugno – per difendere l’indipendenza del suo Paese. Ha trascorso dieci anni in una prigione e due in un’altra. È sopravvissuto, poi è stato condannato due volte alla pena di morte. Dopo essere diventato presidente, ha abolito la pena capitale nel suo Paese.

Apprezzeremmo molto se Mnangagwa potesse condividere con noi la sua esperienza. Lo Zimbabwe è stato sottoposto a sanzioni per molti anni perché ha osato nazionalizzare le proprietà dei colonizzatori bianchi.

Luis Arce è un eccellente economista e un discendente di coloro che hanno combattuto a fianco del grande Simon Bolivar per l’indipendenza della loro patria. Il suo destino è un po’ meno drammatico, ma comunque brillante, movimentato e trionfale.

Arce è stato ministro dell’Economia e delle Finanze della Bolivia per 15 anni. In quegli anni, il suo Paese ha aumentato il PNL (prodotto nazionale lordo) del 250% e ha ridotto il numero di persone sotto la soglia di povertà di oltre il 50%. Ha portato avanti riforme notevoli e degne di nota, tra cui la nazionalizzazione di una parte significativa delle proprietà delle aziende straniere e delle risorse naturali. Ha anche introdotto con successo la sostituzione delle importazioni. Sicuramente ci piacerebbe conoscere la sua esperienza.

Credo che Vladimir Putin non abbia bisogno di presentazioni e per me, in quanto cittadino del Paese in cui è presidente, è inappropriato tesserne le lodi. Ma dirò solo una cosa. Ricordo chiaramente il 1998 e il 1999, quando il nostro Paese era sull’orlo, o meglio, oltre l’orlo, del collasso. È stata una tragedia totale. Ricordo me stesso e i miei compagni che lottavano disperatamente, quasi senza speranza. E alla fine c’è stato un momento in cui Dio ha avuto pietà di noi.

Ora, signor Presidente, la sua sfida è difficile come non mai. Non deve solo vincere, ma anche evitare che il mondo si avvii e venga spinto verso una guerra mondiale. Anche se oggi parleremo di altro.

Presidente Putin, a lei la parola.

Presidente della Russia Vladimir Putin: Buon pomeriggio, amici e colleghi.

Onorevole Arce. Signor Mnangagwa. Amici. Signore e signori.

Sono lieto di dare il benvenuto a tutti voi al 27° Forum economico internazionale di San Pietroburgo.

Quest’anno partecipano al Forum oltre 12.000 persone provenienti da più di 100 Paesi. Si tratta di azionisti e top manager di grandi aziende, esperti e analisti riconosciuti, personalità politiche e pubbliche e funzionari pubblici.

Tradizionalmente, il forum di San Pietroburgo non solo offre l’opportunità di stabilire contatti commerciali, concordare cooperazioni o lanciare progetti promettenti, ma favorisce anche discussioni aperte sulle tendenze attuali dei mercati globali e regionali. Permette ai partecipanti di esaminare i processi che si stanno sviluppando dinamicamente nel mondo di oggi attraverso il prisma delle relazioni economiche.

Possiamo notare che sta iniziando una vera e propria gara tra i Paesi per promuovere la propria sovranità a tre livelli chiave: lo Stato, i valori culturali e l’economia. Allo stesso tempo, i Paesi che fino a poco tempo fa erano leader nello sviluppo globale si sforzano di mantenere il loro sfuggente ruolo di egemoni, utilizzando qualsiasi mezzo necessario. In realtà, non c’è nulla di strano quando un Paese o una persona cercano di mantenere o rafforzare le proprie posizioni nella vita, ma ricorrere alla menzogna per questo scopo è inaccettabile. Rafforzare le posizioni in modo onesto è lodevole, ma farlo attraverso la menzogna no.

È evidente che la Cina detiene attualmente la posizione di economia numero uno al mondo con un margine significativo rispetto al secondo posto. L’India è la terza economia mondiale e un leader globale in termini di dinamiche di sviluppo.

Le voci dei Paesi dell’Asia meridionale e dell’Africa stanno diventando sempre più importanti, con i loro alti tassi di natalità e un livello di urbanizzazione finora basso, oltre a una rapida crescita economica in fase di recupero. Secondo le valutazioni degli esperti, questi Paesi daranno forma al panorama economico globale verso la metà di questo secolo.

Vale la pena notare che oggi il mondo sta vivendo una crescita tecnologica esplosiva in quasi tutti i settori della vita. Questa crescita sta trasformando la gestione, i processi produttivi e persino intere industrie. È evidente che i Paesi che non solo producono nuove soluzioni, ma ne garantiscono anche un’implementazione rapida e avanzata, saranno in grado di trarre pieno vantaggio dal progresso tecnologico.

La Russia ha dimostrato il suo alto livello di preparazione e ricettività al cambiamento tecnologico. Possiamo vedere come il nostro settore finanziario, il commercio elettronico, i servizi di trasporto e il sistema della pubblica amministrazione abbiano già subito cambiamenti significativi. Processi simili stanno iniziando a verificarsi anche nelle Forze Armate, dove è richiesto un elevato tasso di rinnovamento tecnologico. Questa è la questione più importante e determinante per il nostro Paese.

Sono certo che oggi, come nel lungo periodo, il ruolo, il peso e, oserei dire, anche il futuro degli Stati dipenda dalla capacità di rispondere efficacemente alle sfide globali, di utilizzare il proprio potenziale, le proprie capacità e i propri vantaggi competitivi, di aggirare le proprie debolezze, di mantenere e rafforzare le partnership con altri Paesi.

Lo scorso febbraio, nel mio discorso all’Assemblea federale, ho delineato le priorità per lo sviluppo della Russia; da allora, è stato elaborato un programma completo di trasformazione economica, fino alla fine di questo decennio e oltre.

Il formato di questo forum giustifica che ci si concentri sull’aspetto economico del nostro sviluppo, sui cambiamenti qualitativi e strutturali che si stanno verificando nel nostro Paese e che intendiamo sostenere con forza e determinazione, indirizzando a tal fine le risorse finanziarie, umane e organizzative a livello federale, regionale e municipale, e attuando i progetti nazionali di cui abbiamo discusso a lungo nella recente riunione del Consiglio per lo sviluppo strategico.

Di che tipo di cambiamenti sto parlando?

Innanzitutto, visto lo status internazionale di questo forum, inizierò dalle relazioni economiche con l’estero, dalla presenza che la Russia cerca di ottenere sui mercati internazionali e dai nostri piani di ristrutturazione delle esportazioni e delle importazioni.

Nonostante tutti gli ostacoli che stiamo affrontando e le sanzioni illegittime imposte contro di noi, la Russia rimane uno dei partecipanti principali al commercio globale e sta rapidamente espandendo la nuova logistica e la geografia della cooperazione. Stiamo rafforzando i legami con i Paesi dell’Asia (una crescita del 60% dal 2020 al 2023), del Medio Oriente (100%), dell’Africa (69%) e dell’America Latina (42%). Immagino che i miei colleghi, ospiti di questo forum, i presidenti della Bolivia e dello Zimbabwe, tratteranno questo argomento nei loro interventi.

Oggi, i Paesi amici della Russia – e come possiamo vedere, sono questi i Paesi su cui dovremmo concentrarci principalmente, le economie in rapida crescita che determineranno il futuro dell’economia globale – rappresentano i tre quarti del nostro commercio.

Continuiamo a lavorare in modo produttivo con i nostri partner dell’EAEU, garantendo un equilibrio degli interessi di tutte le parti. Lo scorso anno, il PIL totale dell’EAEU è cresciuto del 3,8% e il commercio reciproco del 4,7%. Inoltre, la sua struttura è migliorata qualitativamente, in particolare è cresciuta l’offerta di prodotti finiti ad alta tecnologia. Continueremo a sostenere attivamente le esportazioni non energetiche e non di risorse dalla Russia. Entro il 2030, queste esportazioni dovrebbero crescere di almeno due terzi rispetto al 2023.

Anche in questo caso, non si tratta solo di aumentare le esportazioni in termini di tonnellate, metri cubi o unità di prodotti finiti, ma di beni ad alto valore aggiunto. Si tratta di cambiamenti più importanti dell’espansione delle aziende russe verso nuovi mercati regionali e una maggiore geografia della cooperazione. Tutto questo è importante, ma oggi non è sufficiente.

Per quanto riguarda gli altri Paesi, siamo disposti a proporre la creazione di veri e propri partenariati tecnologici o industriali che includano la fornitura di un ciclo di vita completo per i beni e i servizi, con la formazione del personale nazionale, la localizzazione della produzione e la fornitura di supporto ingegneristico, nonché di servizi tecnici, assicurativi e così via.

Questo approccio alla cooperazione, che si basa su una partnership paritaria e sul trasferimento di tecnologie e competenze piuttosto che sul controllo del mercato, permette di stabilire legami più forti tra i Paesi, migliora la posizione sostenibile delle nostre aziende sul mercato globale e consente loro di stabilire collaborazioni durature con i loro partner stranieri. È proprio così che opera uno dei nostri leader, Rosatom, leader indiscusso dell’industria nucleare mondiale con ampi orizzonti e piani per il futuro.

È chiaro che l’ingresso in nuovi mercati è difficile senza solidi collegamenti di trasporto. Il Dominio Operativo Orientale è il nostro progetto chiave per quanto riguarda la Cina e i Paesi della regione Asia-Pacifico. La sua terza fase di potenziamento è stata approvata in aprile. Entro il 2030, la capacità del Dominio Operativo Orientale dovrebbe aumentare a 210 milioni di tonnellate e a 270 milioni di tonnellate entro il 2032.

Terremo d’occhio la direzione sud. Sono stati approvati i piani per lo sviluppo del corridoio internazionale Nord-Sud e del corridoio Azov-Mar Nero.

La Northern Sea Route è sulla buona strada per diventare un’arteria globale che gode di un’elevata domanda. L’anno scorso ha trasportato 36 milioni di tonnellate di merci, che si prevede aumenteranno nel tempo a oltre 150 milioni di tonnellate. Per raggiungere questo obiettivo, continueremo a espandere le infrastrutture della Northern Sea Route e a costruire strade di accesso ai porti artici. I leader delle entità settentrionali della Federazione svolgeranno un ruolo speciale in questo lavoro. A questo proposito, formeremo una commissione del Consiglio di Stato sulle regioni artiche e sulla rotta marittima settentrionale.

Il volume di merci trasportate lungo i corridoi di trasporto internazionali che attraversano il territorio russo dovrebbe aumentare del 50% nel 2030 rispetto al 2021, soprattutto grazie all’aumento della competitività e alla facilità di utilizzo di queste rotte per le imprese e i vettori.

Lo sviluppo dell’infrastruttura di pagamento transfrontaliero è una questione a parte, importante sia per gli esportatori che per gli importatori. Non è un segreto che l’affidabilità e la fiducia nei sistemi di pagamento occidentali siano state fondamentalmente minate, dagli stessi Paesi occidentali. A questo proposito, vorrei sottolineare che l’anno scorso la quota dei pagamenti per le esportazioni russe nelle cosiddette valute tossiche degli Stati ostili si è dimezzata. Allo stesso tempo, la quota del rublo nelle transazioni di esportazione e importazione sta crescendo. Oggi si avvicina al 40%.

Nel periodo 2021-2023, la quota del rublo nei pagamenti delle esportazioni russe è quasi triplicata, arrivando al 39%. Triplicata.

Insieme ai nostri partner stranieri, aumenteremo l’uso delle valute nazionali nei pagamenti del commercio estero e miglioreremo la sicurezza e l’efficienza di queste operazioni. Tra l’altro, i BRICS stanno lavorando per creare un sistema di pagamento indipendente che non sia soggetto a pressioni politiche, abusi e interferenze di sanzioni esterne.

In questo contesto, vorrei ricordare che quest’anno nuovi partecipanti si sono uniti alle attività dei BRICS: Arabia Saudita, Iran, Emirati Arabi Uniti, Egitto ed Etiopia. In questo modo, la quota della nostra associazione nel PIL globale è salita al 36% e nella popolazione del pianeta al 46%. Detto questo, il BRICS ha un grande potenziale per l’adesione di nuovi membri. Naturalmente, accogliamo con favore e sosteniamo l’intenzione dei partner interessati di sviluppare contatti con i BRICS nei diversi continenti.

Continueremo a sviluppare le relazioni all’interno dei BRICS non solo nel settore economico e finanziario, ma anche nella sicurezza, nella cooperazione umanitaria e culturale e in altre aree. Agiremo tenendo conto delle sfide globali e delle tendenze oggettive e, voglio sottolinearlo, delle crescenti capacità delle economie nazionali.

A questo proposito, parliamo del secondo cambiamento strutturale significativo. Si tratta del raggiungimento di una nuova qualità e di un nuovo contenuto della crescita economica in Russia, nonché di un cambiamento nella struttura settoriale dovuto a una politica economica attiva dal lato dell’offerta.

Come sapete, alla fine dello scorso anno la crescita del PIL russo è stata del 3,6% e nel primo trimestre di quest’anno del 5,4%, quindi i nostri tassi superano la media mondiale. È particolarmente importante che queste dinamiche siano garantite soprattutto dai settori non legati alle risorse.

Vorrei anche aggiungere, come riferimento, che nel 2023 il 45,5% della crescita economica sarà garantito dalle industrie di base, come ho detto. Quali sono? Industria manifatturiera, edilizia, logistica, telecomunicazioni, agricoltura, elettricità e altri servizi abitativi e di pubblica utilità. Il 61,6% è stato garantito dalle industrie di servizio, ovvero commercio, alberghi e ristoranti, servizi finanziari e altri servizi.)

Ci siamo posti l’obiettivo di posizionarci tra le quattro maggiori economie del mondo. Tra l’altro, secondo alcune informazioni, tra cui le valutazioni della Banca Mondiale – che la settimana precedente ha effettuato ulteriori calcoli e ha collocato la Russia al quarto posto. Ora siamo davanti al Giappone.

La Russia è al quarto posto per PIL e per parità di potere d’acquisto. Come ho detto, davanti al Giappone. Ma vorrei sottolineare quanto segue. Naturalmente, il punto non è il sistema di stima e di calcolo del PIL, e nemmeno il raggiungimento formale del quarto posto. Siamo vicini: Russia, Repubblica Federale Tedesca e Giappone. La differenza è minima. La Russia è in vantaggio, ma la differenza è minima. Per questo motivo, ci rendiamo conto che le posizioni di leadership devono essere dimostrate e consolidate in modo permanente. Anche gli altri Paesi non stanno fermi. Per noi è importante garantire tassi e qualità di crescita costantemente elevati nel lungo periodo. Questo è il nostro obiettivo oggi. E non si tratta solo delle economie della Germania o del Giappone, che sono accanto a noi nella scala. Il punto è che anche altri Paesi stanno avanzando. L’Indonesia è alle calcagna di tutti. La popolazione cresce, l’economia cresce. Non dovremmo mai dimenticarlo.

La soluzione a questa sfida richiede una maggiore sovranità finanziaria, tecnologica e del personale, lo sviluppo di capacità produttive e una maggiore competitività dei prodotti russi sia sui mercati esteri che sul nostro mercato interno.

Lo sviluppo di questo modello di economia dell’offerta dovrebbe portare, tra l’altro, alla riduzione delle importazioni al 17% del PIL entro il 2030. La nostra dinamica è abbastanza buona. Guardate: nel 1999 la quota delle importazioni russe ha raggiunto il 26% del PIL e nel 2023 il 19% del PIL, ovvero 32 mila miliardi di rubli. Come ho detto, la dinamica è assolutamente chiara e positiva.

Mi preme che la quota delle importazioni si riduca, non certo a spese di barriere amministrative e proibitive, ma grazie alle nostre strutture produttive competitive, pronte a soddisfare le esigenze interne nei prodotti dell’industria manifatturiera, dell’agricoltura, dei servizi, dell’informatica e di molti altri settori.

Ci sono molti esempi di successo di questa strategia. Ad esempio, abbiamo creato una moderna industria della carne nel settore agroindustriale. La sua capacità è quasi raddoppiata in 15 anni. Oggi la Russia è al quarto posto al mondo nella produzione di carne e sta aumentando la fornitura di questi prodotti ai mercati esteri. Tra l’altro, la Russia ha raggiunto il 100% di autosufficienza in prodotti a base di carne. Il consumo di carne l’anno scorso, nel 2023, ha aggiornato il suo record e ha superato gli 80 chilogrammi a persona. Per fare un confronto, la media mondiale è di 42-43 chilogrammi a persona.

Vorrei ribadire che il nostro Paese può e vuole produrre più beni di consumo, macchine utensili, attrezzature, veicoli, medicinali e così via. A tal fine, dobbiamo lanciare nuovi progetti, creare posti di lavoro moderni e farlo ovunque, in tutte le regioni del Paese.

Entro il 2030, gli investimenti in capitale fisso dovrebbero aumentare del 60% in termini reali rispetto al livello del 2020. Tutti i presenti sono esperti e sono pienamente consapevoli di cosa significhi l’investimento in capitale fisso, di cosa comporti e di quali presupposti crei per la crescita futura a medio e lungo termine.

Vorrei sottolineare che, in generale, negli ultimi anni abbiamo ottenuto buoni risultati in questo settore così importante. Nel 2021, la crescita degli investimenti prevista era del 4,5%, ma in realtà è stata dell’8,6%. Nel 2022, il piano era del 9,5%, mentre il dato effettivo è stato del 15,9%. Nel 2023, il piano era del 15,1%, ma in realtà si è rivelato del 27,2%, ovvero quasi il doppio del piano iniziale, il che è positivo.

Naturalmente, l’attività di investimento deve essere adeguatamente finanziata. Ho già detto che accantoneremo ulteriori fondi per i programmi di mutuo industriale e raddoppieremo quasi le dimensioni del Fondo di sviluppo industriale.

Aumenteremo anche la capacità della Project Finance Factory presso l’Istituto di sviluppo gestito dalla VEB. Nell’ambito di questo programma si stanno realizzando progetti per un valore di oltre 2.000 miliardi di rubli. Propongo di ampliare gradualmente i limiti del fondo. In una prima fase, lo porteremo a 600 miliardi, il che ci consentirà di sostenere ulteriormente progetti del settore reale per un valore fino a 6 mila miliardi di rubli.

È importante aumentare il volume dei prestiti bancari per i progetti di sovranità tecnologica. Metteremo a punto la tassonomia di tali progetti, ossia allineeremo le priorità per il sostegno e l’aumento degli investimenti nei settori chiave e nei progetti tecnologici finalizzati ai cambiamenti strutturali dell’economia. Aumenteremo il numero di progetti nell’ambito di questo sistema, il che consentirà di attrarre ulteriori fondi da destinare alla loro realizzazione.

Lo Stato è disposto a condividere i rischi con gli investitori. Ad esempio, la Fondazione dei fondi per i progetti industriali e infrastrutturali avanzati è ora operativa. Abbiamo discusso a lungo i suoi parametri. Il Governo ne ha discusso e noi abbiamo cercato di coordinarlo con la comunità imprenditoriale. Le persone coinvolte in questo progetto sono qui con noi oggi.

Gli investitori privati stanno investendo massicciamente nell’economia russa insieme al Fondo russo per gli investimenti diretti, che è un’altra area del nostro lavoro.

La Duma di Stato sta esaminando progetti di legge che amplieranno il meccanismo di partenariato pubblico-privato per includere le industrie e il settore spaziale. Vi preghiamo di far adottare queste norme il prima possibile.

Un’altra cosa: per sostenere l’attività di investimento, dobbiamo naturalmente sviluppare il mercato dei capitali, aumentarne la capacità e l’attrattiva per le imprese e gli investitori e, naturalmente, prestare particolare attenzione alla sicurezza e alla redditività dei fondi investiti in queste attività.

Oggi nel nostro Paese ci sono quasi 30 milioni di cosiddetti investitori retail: sono i nostri cittadini. Il volume totale delle loro attività è aumentato del 50% nel corso dell’anno e ammonta a più di nove trilioni di rubli. Allo stesso tempo, la domanda di azioni di società russe ha superato costantemente l’offerta.

L’obiettivo è già stato fissato: entro la fine del decennio in corso, la capitalizzazione del mercato azionario russo dovrebbe circa raddoppiare e rappresentare i due terzi del prodotto interno lordo.

Chiedo al Governo, insieme alla Banca Centrale, di proporre ulteriori misure per incoraggiare le aziende a quotare i propri titoli in borsa. Tra le altre cose, dovremmo pensare a compensare i costi delle offerte pubbliche iniziali per le piccole imprese tecnologiche.

Questo è un appello al Ministero delle Finanze e alla Banca Centrale. I costi delle aziende, compresi quelli relativi al distacco bancario, al collocamento e così via, dovrebbero essere ridotti il più possibile. E naturalmente è necessario garantire l’afflusso del cosiddetto denaro lungo nel mercato finanziario, compresi i risparmi a lungo termine dei cittadini.

Vorrei ricordare che dal 1° gennaio di quest’anno è stato lanciato un programma speciale per sostenere i risparmi volontari a lungo termine dei cittadini. Ora sono assicurati e cofinanziati dallo Stato e possono anche essere detratti dalle tasse. Il programma è stato lanciato solo di recente ed è ancora in ritardo rispetto agli obiettivi prefissati. Propongo di perfezionarlo, ossia di aumentare il periodo di cofinanziamento dei risparmi dei cittadini. Ora è di tre anni. Credo sia giusto e ragionevole estenderlo ad almeno dieci anni.

Allo stesso tempo, chiedo al Governo, insieme alla Banca Centrale, di prendere in considerazione ulteriori incentivi per le imprese, in modo che anche i datori di lavoro possano cofinanziare i risparmi dei propri dipendenti nell’ambito di questo programma. Ora, vista la carenza di manodopera, questo sarebbe opportuno e andrebbe anche a vantaggio delle stesse imprese, che manterrebbero i dipendenti.

Vorrei aggiungere che quest’anno verrà introdotto un nuovo strumento, il certificato di risparmio. Esso consentirà ai cittadini di depositare fondi in banca per un periodo superiore a tre anni e a un tasso di interesse più elevato rispetto ai depositi ordinari, anche se già ora il deposito è piuttosto solido, e le nostre principali istituzioni finanziarie stanno spingendo questa barra sempre più in alto. Non so se questo sia giustificato o meno, ma di certo è un bonus per i titolari di depositi, questo è chiaro. Ma non vorrei che lei, signor Gref, insieme al signor Kostin, succhiasse tutto dalle altre banche come un aspirapolvere. Ne parleremo più avanti.

Il 1° gennaio 2025 verrà lanciata l’assicurazione vita contributiva. Di cosa si tratta? I premi assicurativi dei cittadini possono essere investiti in attività più redditizie, come le azioni, e portare benefici all’acquirente dell’assicurazione. In altre parole, si combina il principio dell’assicurazione classica con quello dell’investimento e, per garantire ulteriormente il rendimento di questi fondi, propongo di fornire un’assicurazione statale per un importo di 2,8 milioni di rubli, come per i risparmi a lungo termine.

Inoltre, oggi esiste un meccanismo di detrazione fiscale degli investimenti nelle regioni. Grazie ad esso, le aziende che investono nello sviluppo possono ridurre la loro imposta sul reddito. Da quest’anno, la deduzione è legata a progetti di sovranità tecnologica e di adattamento strutturale dell’economia. Ciò consente di gestire la qualità degli investimenti e di stimolare le spese in conto capitale nelle aree prioritarie.

Chiedo al Governo di fare in modo che la deduzione possa essere applicata non solo all’interno di un’azienda, ma anche all’interno di un gruppo di aziende, e di fornire ulteriori risorse al meccanismo di finanziamento per alimentare la deduzione fiscale.

A questo proposito, ricordo la decisione presa: le regioni potranno utilizzare parte dei fondi liberati dopo l’ammortamento dei prestiti di bilancio per coprire le mancate entrate dovute alla detrazione fiscale sugli investimenti. Il Ministero delle Finanze ha preso questa decisione. Penso che sia giustificato nelle condizioni attuali e che aiuterà tutti i partecipanti attivi all’attività economica. Ne parlerò più avanti. Inoltre, sono fiducioso che le regioni sosterranno gli investitori anche direttamente attraverso le loro capacità di bilancio, che sono anch’esse in crescita.

Vorrei sottolineare che quanto ho detto riguarda la detrazione fiscale per gli investimenti nelle regioni russe. Oltre ad essa, sarà introdotta una deduzione federale nell’ambito di una riconfigurazione del sistema fiscale, volta a incoraggiare gli investimenti delle imprese nello sviluppo, a raggiungere una maggiore giustizia sociale e a ridurre le disuguaglianze tra i cittadini. Nel prossimo futuro, è necessario determinare i parametri e i volumi della deduzione federale per gli investimenti insieme alle associazioni imprenditoriali, in modo che diventi uno strumento efficace e ampiamente utilizzato.

Tornando agli sforzi delle regioni per sostenere l’attività imprenditoriale, vorrei anche ricordare un meccanismo come lo standard di investimento regionale. Il suo scopo è quello di garantire principi uniformi per attrarre gli investitori in tutto il Paese, sulla base delle richieste e delle raccomandazioni delle imprese, ovvero creare un ecosistema di investimento universale in ogni regione e un chiaro algoritmo di azioni per le imprese che desiderano localizzare gli impianti di produzione.

Naturalmente, queste misure di sostegno sono a disposizione di tutti e sono molto richieste. Oggi, lo standard di investimento regionale è stato introdotto in tutte le regioni e sono stati formati gli specialisti responsabili dell’interazione con gli investitori.

Colleghi, amici.

Vorrei esprimere la mia gratitudine ai team regionali e alle associazioni imprenditoriali, nonché al Governo, per gli sforzi compiuti. Sono consapevole che esiste una proposta per inserire lo standard di investimento nella legislazione. Suggerisco al Governo di discuterne con la comunità imprenditoriale e le regioni.

È importante che il nostro obiettivo primario sia quello di mettere in moto questo meccanismo e di utilizzarlo ampiamente nella vita reale. Questo è il nostro obiettivo immediato. Ritengo che i team più performanti debbano essere incentivati a livello governativo.

In particolare, il lancio dello standard di investimento regionale ha permesso a molte entità costituenti la Federazione di fare un balzo nella classifica nazionale del clima degli investimenti. Come di consueto, i risultati sono stati presentati sulla piattaforma del nostro forum. Ne parlerò più avanti.

Nel corso dell’ultimo anno, lo scambio di esperienze e la replica delle pratiche di leadership hanno permesso a 74 regioni russe di migliorare il loro indice integrale, con un significativo aumento rispetto all’anno precedente. Le repubbliche di Buryatia e Mordovia, così come le regioni di Lipetsk, Ryazan e Arkhangelsk sono tra le regioni con le migliori dinamiche. Mi congratulo con i nostri colleghi per i risultati ottenuti e auguro loro ogni successo per il futuro.

Inoltre, ci concentreremo sul miglioramento delle classifiche nazionali sul clima degli investimenti, anche condividendo soluzioni avanzate in questo settore con i nostri partner BRICS. Inoltre, in occasione di una recente riunione del Consiglio di vigilanza dell’Agenzia per le iniziative strategiche, abbiamo deciso di mettere a punto la tecnica di compilazione della classifica e di costruirla sulla base del modello nazionale di condizioni mirate per fare impresa. Questa è la nostra risposta migliore e più obiettiva alle classifiche internazionali.

Colleghi,

La nuova qualità del mercato del lavoro è il terzo grande cambiamento strutturale che stiamo cercando. Ad aprile la disoccupazione in Russia ha raggiunto il minimo storico del 2,6%. È importante notare che abbiamo ridotto la sua componente strutturale, il che significa che la disoccupazione giovanile e la disoccupazione nelle regioni e nelle località in cui era storicamente elevata sono notevolmente diminuite.

Quindici o vent’anni fa, la domanda principale era come trovare lavoro, mentre ora è dove trovare lavoratori. Date le circostanze, è importante riconfigurare il sistema di istruzione professionale per rispondere alle richieste del mercato del lavoro, per formare specialisti con competenze aggiornate e ricercate e per offrire ai lavoratori l’opportunità di migliorare le proprie competenze professionali nel corso della loro carriera.

A tal fine, stiamo facendo una previsione del fabbisogno di personale dell’economia nazionale. Sulla base di queste previsioni trasformeremo il sistema di formazione e sviluppo professionale. Entro la fine del decennio in corso, nel nostro mercato del lavoro dovrebbe aumentare la quota di occupazione qualificata, cioè di specialisti che lavorano in settori ad alto valore aggiunto e, quindi, con salari più alti. Lo ribadisco: l’obiettivo del sistema di sviluppo delle risorse umane è garantire questa trasformazione.

Il progetto federale Professionalism svolge un ruolo importante in questo senso. Ha già permesso di iniziare a migliorare la base materiale e tecnica delle scuole superiori e tecniche, di aggiornare i programmi educativi per la costruzione di aerei e navi, la farmaceutica, l’elettronica, la difesa e altre industrie. Entro il 2028, circa un milione di specialisti in professioni professionali dovranno essere formati per questi settori. Ne abbiamo già parlato in molte occasioni e oggi voglio solo ricordarvelo.

Per quanto riguarda l’istruzione superiore, nei prossimi dieci anni la Russia avrà 40 campus universitari con condizioni avanzate e opportunità di studio, ricerca, vita e lavoro per gli studenti. Vorrei sottolineare ancora una volta che valuteremo il lavoro degli istituti di istruzione superiore, delle università, dei college e delle scuole tecniche russe in base alla domanda dei loro laureati e alla crescita dei loro stipendi.

Allo stesso tempo, la nostra economia ha bisogno non solo di personale giovane, ma anche di specialisti esperti e competenti nella loro professione, che possano insegnare molto ai loro giovani colleghi e diventare dei veri e propri mentori per loro. A questo proposito, è importante sostenere le aspirazioni delle persone che hanno raggiunto l’età della pensione a continuare a lavorare e a fare del bene. Le loro conoscenze, abilità e competenze sono una risorsa importante per l’economia e la sfera sociale.

Di cosa stiamo parlando? Stiamo parlando del livello dei salari dei pensionati che lavorano. Stiamo discutendo di questo argomento da molto tempo. Ne abbiamo appena parlato in un incontro con il governatore di San Pietroburgo [Alexander Beglov], poco prima del nostro incontro.

Voglio parlare di una decisione che è stata sollevata più di una volta durante i miei incontri con i cittadini. A causa di vincoli finanziari e di bilancio, negli anni precedenti le pensioni dei lavoratori non sono state adeguate all’inflazione. In questo periodo la questione, che riguarda milioni di nostri cittadini, è arrivata al pettine e oggi abbiamo le risorse per iniziare a risolverla per venire incontro agli interessi dei cittadini.

Propongo di riprendere la pratica dell’adeguamento all’inflazione delle pensioni dei lavoratori a partire dal prossimo anno. (Applausi) A partire dal 1° febbraio 2025, le pensioni saranno aumentate annualmente non solo per chi è già in pensione, ma anche per chi continua a lavorare. Questo sarà veramente equo.

Chiedo al Partito Russia Unita, insieme al Governo, di preparare un disegno di legge in materia e di approvarlo nella sessione di primavera. So che tutti gli altri partiti rappresentati in Parlamento lo sosterranno sicuramente.

Altro. Il quarto cambiamento strutturale è direttamente collegato a una maggiore efficienza economica. Questo indicatore fino alla fine del decennio in corso è stato fissato nell’ordine esecutivo di maggio. Date le sfide demografiche che abbiamo affrontato, la reale carenza di personale, la condizione più importante per raggiungere alti tassi di crescita economica è un aumento dell’efficienza del lavoro. Questa è la risorsa principale.

Oggi ho già parlato della necessità di aumentare gli investimenti e di potenziare le nostre imprese. È importante farlo su una base tecnologica qualitativamente nuova, con un ampio uso dell’automazione. Pertanto, la Russia deve essere tra i primi 25 Paesi del mondo in termini di automazione dei processi robotici in un breve periodo di tempo. Ciò significa l’installazione di oltre 100.000 robot. Detto questo, la loro produzione deve essere sviluppata ad un ritmo accelerato nel nostro Paese sulla base della nostra tecnologia e, senza dubbio, abbiamo questa opportunità.

Allo stesso tempo, è anche importante migliorare l’efficienza delle attrezzature e dei processi tecnologici esistenti. Lo strumento chiave è l’adozione di metodi di produzione prudenti. Questo lavoro viene svolto nell’ambito di un progetto nazionale di rilievo. Più di 6.000 imprese e oltre 120.000 specialisti sono già coinvolti nel progetto.

Quest’anno è l’anno conclusivo dell’attuale progetto nazionale. È necessario estendere i progetti federali in esso inclusi nell’ambito del nuovo progetto nazionale Economia efficiente e competitiva. Inoltre, questa pratica dovrebbe essere ampliata per coinvolgere nei progetti di aumento della produttività del lavoro non meno del 40% delle medie e grandi imprese nei settori principali non legati alle risorse, nonché tutte le organizzazioni governative e municipali nella sfera sociale entro il 2030. Per le imprese e le aziende, questo significherà un aumento della produzione, una maggiore qualità dei servizi e condizioni di lavoro più confortevoli e, naturalmente, stipendi più alti per i loro dipendenti. Vi ricordo che nei prossimi sei anni dovranno crescere a un ritmo superiore a quello del prodotto interno lordo.

Il quinto cambiamento strutturale è una vera e propria rivoluzione delle piattaforme digitali. Nel contesto attuale, la produttività del lavoro è direttamente legata alla digitalizzazione, all’uso di tecnologie di intelligenza artificiale. Entro il 2030 dovremo creare piattaforme digitali in tutti i settori chiave dell’economia e della sfera sociale. Questi compiti saranno affrontati nell’ambito di un nuovo progetto nazionale – l’Economia dei dati.

Aggiungo che entro sei anni non meno dell’80% delle entità russe nei settori economici chiave dovrebbe passare a software di produzione russa nei processi produttivi e gestionali. Per sostenere l’industria informatica, stabiliremo una serie di misure, tra cui la presa in considerazione dei costi delle soluzioni digitali nazionali con un coefficiente maggiorato nel calcolo dell’imposta sui profitti, nonché l’istituzione di un’aliquota ridotta dell’imposta sui profitti societari del cinque per cento per le società informatiche russe. L’aliquota sarà in vigore fino al 2030 incluso.

Chiedo al Governo di elaborare ulteriori misure per sostenere i progettisti di software nazionali, tra cui l’identificazione del livello di acquisti da parte di società parzialmente di proprietà dello Stato da piccole aziende tecnologiche e start-up. Ripeto, questo dovrebbe essere un livello garantito. Gli acquisti non possono essere inferiori a questo livello. Stiamo già utilizzando questo strumento, che funziona in modo abbastanza efficace. Dobbiamo continuare a utilizzarlo.

E naturalmente è importante applicare attivamente le soluzioni digitali nei settori delle costruzioni, dell’edilizia e dei servizi pubblici, utilizzandole per ridurre i tempi e i costi dei progetti. Vorrei sottolineare che negli ultimi cinque anni la durata del ciclo di costruzione degli investimenti si è quasi dimezzata grazie all’eliminazione di barriere amministrative e di requisiti chiaramente eccessivi. Non elencherò tutto ciò che è stato fatto. Molto è stato fatto. Ma c’è ancora molto da fare. Continueremo a impegnarci affinché in Russia si costruiscano più strade, ponti, fabbriche e impianti e, naturalmente, abitazioni più confortevoli e a prezzi accessibili, con elevati e moderni parametri di efficienza energetica e delle risorse.

A questo proposito, il settore delle abitazioni e dei servizi pubblici e la costruzione di strade hanno un enorme potenziale, che comprende l’utilizzo di risorse recuperabili, l’applicazione delle cosiddette soluzioni intelligenti e di standard “verdi” basati su tecnologie avanzate.

A questo proposito, il sesto cambiamento strutturale è la saturazione accelerata e avanzata dei settori economici con tecnologie e innovazioni moderne. Questa è una delle priorità. In sei anni contiamo di diventare uno dei primi dieci leader mondiali in termini di ricerca e sviluppo. La spesa interna per questi scopi dovrebbe salire ad almeno il due per cento del PIL.

In questa logica, verranno lanciati diversi nuovi progetti nazionali nel campo della sovranità tecnologica in settori chiave come le attrezzature per la produzione e l’automazione, i nuovi materiali, la chimica, i servizi spaziali avanzati, le tecnologie energetiche e molti altri.

Questi progetti mireranno a tutta una serie di soluzioni: dalla divulgazione della scienza e della formazione del personale, al sostegno alla ricerca e all’avvio della produzione in serie, fino alla creazione di una domanda garantita di prodotti ad alta tecnologia. Vorrei sottolineare che i progetti identificheranno i cosiddetti “backbone college”, le università e gli istituti di ricerca. Essi dovrebbero diventare la base per una rapida crescita di nuove industrie nel nostro Paese.

Naturalmente, è necessario migliorare la base giuridica per il lavoro delle imprese e per far sì che queste ultime si sentano sicure quando investono in iniziative ad alta intensità di conoscenza con un orizzonte lungo. Vorrei sottolineare che abbiamo un enorme potenziale intellettuale e creativo, ed è importante che lo realizziamo appieno; e naturalmente stanno emergendo tendenze positive. Ad esempio, solo nei primi quattro mesi del 2024, in Russia sono state depositate quasi 8.000 domande di invenzione e 3.500 domande di modelli di utilità, soprattutto in settori di importanza critica per il nostro Paese: metallurgia, energia, trasporti e costruzione di motori.

È fondamentale garantire che la proprietà intellettuale dei nostri sviluppatori sia protetta, insieme all’efficacia commerciale delle loro soluzioni, in modo che le loro invenzioni non vengano accantonate ma attraversino l’intera catena, dall’approvvigionamento alla realizzazione di un prodotto specifico. In particolare, è necessario prevedere la possibilità di trasferire i brevetti di specifici risultati di ricerca (come ritengono alcuni esperti) dal cliente ai loro creatori, nonché alle piccole imprese innovative e alle società tecnologiche che sanno come commercializzare le invenzioni e sono pronte a farlo. Tuttavia, in quanto persona con una formazione giuridica di base, capisco perfettamente dove si trova il “blocco” e l’arbitrarietà giuridica non può essere consentita. Se qualcuno paga per una certa invenzione, ne è il proprietario, questo è ovvio. Ma è necessario creare un meccanismo di mercato morbido per l’utilizzo di queste invenzioni, in modo che non vengano accantonate. Naturalmente, dovremmo riflettere su questo aspetto insieme al Parlamento e al Governo.

In questo contesto, il settimo cambiamento strutturale critico è la trasformazione per rafforzare il ruolo delle piccole e medie imprese nello sviluppo economico. Oggi in Russia ci sono circa 6,5 milioni di piccole e medie imprese. Quando sei anni fa abbiamo fissato l’obiettivo di aumentare il numero di occupati in questo settore fino a 25 milioni, sembrava molto difficile. Vi ricordo che alcuni dei nostri colleghi ridevano e dicevano che si trattava di un compito irrealistico. Oggi possiamo dire con sicurezza che questo obiettivo è stato raggiunto prima del previsto.

I nostri imprenditori, comprese le giovani generazioni, stanno guadagnando costantemente slancio, occupando il mercato e lanciando la fabbricazione di prodotti che spesso superano gli analoghi stranieri per le loro caratteristiche.

Inoltre, le imprese russe sono consapevoli che il proprio marchio è un segno di qualità e una solida risorsa economica. Il numero di richieste di marchi è in crescita per abbigliamento e calzature, software, prodotti farmaceutici, prodotti chimici per la casa, profumi e cosmetici, prodotti dolciari e così via. L’anno scorso sono state depositate più di 143.000 domande di marchio, il doppio rispetto al 2019 pre-Covid.

Tra l’altro, il processo di registrazione dei marchi in Russia è uno dei più comodi e veloci al mondo, ed è completamente digitalizzato. Il periodo di revisione della domanda è di 4 mesi, al termine dei quali viene rilasciato un certificato di protezione elettronico.

È importante notare che sempre più spesso vengono registrati marchi locali distintivi a livello regionale. Questo è, ovviamente, un tributo alla cultura e alle tradizioni dei nostri popoli, una prova dell’orgoglio degli imprenditori per la loro patria, la regione in cui operano. E naturalmente le imprese vedono che la gente vuole acquistare prodotti nazionali prodotti in Russia.

Tra l’altro, molti dei marchi regionali appartengono alle cosiddette industrie creative. Più della metà delle regioni russe sta facendo molto per promuovere il loro sviluppo. Chiedo che già nella sessione parlamentare di primavera venga adottata una legge federale che definisca un quadro giuridico chiaro per le industrie creative e che in futuro permetta di stabilire standard comuni per il loro sostegno.

Creeremo tutte le condizioni affinché le piccole e medie imprese del nostro Paese crescano ancora più rapidamente. Miglioreremo l’efficacia delle misure di sostegno esistenti e ne offriremo di nuove in aggiunta.

Vorrei sottolineare che i cosiddetti marketplace svolgono un ruolo significativo nello sviluppo delle piccole imprese emergenti. Insieme alle Poste russe, costruiscono un’infrastruttura moderna, una sorta di sistema circolatorio per la consegna dei prodotti nazionali, consentendo alle aziende anche nelle città e nei villaggi più remoti di accedere al grande mercato della Russia e dell’intera Unione economica eurasiatica.

Chiedo ai colleghi del Governo di prestare particolare attenzione allo sviluppo di questi flussi di merci nell’attuazione della strategia aggiornata delle Poste russe e, in generale, nella definizione dei progetti nazionali.

Vorrei aggiungere che per aiutare le imprese nazionali a promuovere i loro prodotti è stato lanciato il concorso nazionale “Conosci i nostri prodotti”. Quest’anno, il numero di domande di partecipazione al concorso è aumentato del 150%, provenienti da tutte le regioni della Federazione Russa. In breve, il concorso sta crescendo e ha dimostrato di essere un vero e proprio ascensore per gli affari.

È importante che queste pratiche di successo vengano applicate attivamente a livello regionale. Richiamo l’attenzione dei miei colleghi, governatori regionali, su questo aspetto.

Vorrei sottolineare un altro aspetto. Praticamente tutti i partecipanti al concorso e, in generale, molti imprenditori nazionali sostengono i militari e i veterani dell’operazione militare speciale, le loro famiglie, i parenti e gli amici dei nostri eroi, inviando i loro prodotti alle unità militari, acquistando oggetti e attrezzature e aiutando gli ospedali. Una tale consapevolezza della propria missione sociale, della propria responsabilità, del proprio patriottismo nel senso migliore del termine è certamente molto preziosa e merita grande rispetto. Grazie.

Colleghi,

Il prossimo cambiamento strutturale, l’ottavo più importante, riguarda la liberazione del potenziale delle regioni russe. Si tratta di una nuova geografia dello sviluppo, della creazione di punti di crescita nelle città e nei paesi di tutto il Paese, di opportunità per le persone non solo nelle capitali, ma anche nelle piccole città e nei villaggi di acquisire una professione, di trovare un lavoro ben retribuito o di gestire la propria attività, di realizzarsi, di vivere e di crescere i propri figli in condizioni confortevoli e moderne.

L’anno prossimo saranno lanciati nuovi progetti nazionali e programmi statali per sviluppare i sistemi educativi e sanitari, lo sport e la cultura, e per migliorare il benessere ambientale delle nostre città e dei nostri villaggi.

Ovviamente abbiamo bisogno di una base economica per tutte le nostre misure in ambito sociale e demografico, per l’attuazione dei programmi federali e regionali. Questa base si forma a livello locale, nelle regioni russe. Rafforzeremo le capacità economiche delle regioni.

A questo proposito, si sta discutendo, anche all’interno del Governo, di trasferire le sedi centrali delle nostre maggiori aziende e società statali nelle regioni della Federazione Russa. L’idea richiede indubbiamente un’elaborazione, ma merita considerazione e sostegno. Ci sono esempi positivi in tal senso. Ad esempio, il trasferimento di RusHydro da Mosca a Krasnoyarsk.

E naturalmente è importante concentrare le risorse sui punti di crescita promettenti. Questo è esattamente l’approccio previsto nei piani generali per le regioni dell’Estremo Oriente e dell’Artico. Abbiamo deciso di approvare programmi e documenti simili per altre 200 città. Queste includeranno tutti i centri regionali e le città che svolgono un ruolo importante nel rafforzamento della sovranità tecnologica della Russia.

Per garantire uno sviluppo vigoroso e a lungo termine delle regioni, è essenziale eliminare le limitazioni nel settore energetico e nel sistema dei trasporti, nonché costruire e riparare strade, reti di ingegneria e di servizi. Le regioni russe ricevono prestiti dal bilancio per le infrastrutture per la realizzazione di tali progetti. Come ho già detto, il loro volume sarà aumentato l’anno prossimo.

Questo portafoglio crescerà di almeno 250 miliardi di rubli all’anno e in totale, entro la fine del 2030, l’ammontare dei prestiti al bilancio per le infrastrutture emessi sarà di 2.500 miliardi di rubli. Inoltre, i fondi saranno distribuiti non solo in base ai massimali previsti per ogni regione, ma anche in base ai risultati del concorso di progetti regionali e interregionali.

C’è un’altra decisione. È già stata presa e sosterrà le finanze regionali. Stiamo per cancellare due terzi dei prestiti di bilancio precedentemente emessi. È importante notare che le entità costitutive della Federazione dovranno utilizzare i fondi liberati per sostenere gli investimenti, tra cui la creazione di parchi industriali e di infrastrutture nelle aree di sviluppo prioritarie, nonché le infrastrutture, vale a dire per rinnovare gli alloggi e i servizi pubblici, per costruire strade e ponti, per potenziare i trasporti pubblici e per trasferire i residenti degli alloggi strutturalmente carenti, per finanziare gli eventi del piano regolatore e così via. Vorrei che il Governo elaborasse i dettagli di questo meccanismo in un dialogo con le regioni, e che lo facesse presto.

Inoltre, oltre a superare le strozzature infrastrutturali, è necessario riportare ampiamente nell’economia i terreni utilizzati in modo inefficiente con edifici abbandonati e incompiuti. Nel Paese ci sono decine di migliaia di siti di questo tipo. Con un approccio adeguato, essi saranno utili alle persone e porteranno profitto alle imprese. Secondo la Procura generale, in Russia ci sono oltre 181.000 edifici e strutture abbandonate e in disuso. Più di un terzo di essi non è registrato ufficialmente e solo un quinto ha un titolo di proprietà.

A volte, i territori abbandonati vengono utilizzati come discariche, di solito illegali, e i comuni non hanno budget per liquidarli. Propongo la seguente soluzione. Se un imprenditore è disposto a liquidare tale discarica a proprie spese, possiamo pensare di concedergli gratuitamente un terreno da usare o da possedere.

Vorrei che il Governo tenesse le opportune consultazioni con le entità costitutive della Federazione e rivedesse quali sono le discariche di proprietà delle agenzie federali e quali quelle abbandonate e inutilizzate. È importante lavorare su ogni dettaglio ed evitare di creare barriere burocratiche, per evitare abusi o “rubare” terreni alle città e ai paesi. Naturalmente è necessario riflettere su questo aspetto, ma è assolutamente necessario fare qualcosa al riguardo.

Sono convinto che una soluzione efficace a questo problema non solo migliorerà l’ambiente urbano e renderà la vita più confortevole, ma contribuirà anche direttamente ad aumentare la capitalizzazione del patrimonio urbano e ad attrarre piccole e medie imprese, nonché sviluppatori con interessanti progetti di sviluppo residenziale.

A questo proposito, vorrei spendere due parole sui prestiti ipotecari. Come sapete, abbiamo esteso il programma di mutui familiari fino al 2030. Tutte le famiglie russe con bambini al di sotto dei sei anni possono beneficiare di un prestito agevolato con un interesse del 6%.

Propongo ulteriori soluzioni speciali in ambito sociale per le famiglie che vivono o vogliono acquistare un alloggio in piccole città o in regioni in cui la costruzione di alloggi è ancora insufficiente. Le famiglie con due figli potranno usufruire di un mutuo familiare al sei per cento, indipendentemente dall’età dei figli. L’unica condizione è che almeno un figlio della famiglia sia minorenne al momento della formalizzazione del mutuo.

Un altro punto. Le stesse condizioni preferenziali per i mutui saranno in vigore in tutte le regioni russe per ogni famiglia che intende costruire una casa. Questo è particolarmente importante per le famiglie numerose con molti figli.

Chiedo al Governo di lanciare questi programmi a partire dal 1° luglio di quest’anno.

Aggiungo che per migliorare l’aspetto delle nostre città, continueremo il concorso nazionale dei migliori progetti di un ambiente urbano confortevole. Questo programma è molto popolare e i cittadini offrono un buon feedback. Lanceremo anche un programma per la costruzione e il miglioramento di argini e parchi.

Il restauro e la ricostruzione dei siti del patrimonio storico-culturale costituiranno un percorso a parte. Entro il 2030, almeno un migliaio di questi siti in tutto il Paese dovranno essere rimessi in ordine, dando loro una seconda vita, in modo che siano al servizio delle persone, servano a preservare e promuovere la nostra identità, rendano più belle le città e i villaggi e aumentino la loro attrattiva turistica.

Lo sviluppo del turismo domestico è una delle priorità della nostra strategia a lungo termine. In sei anni, la quota dell’industria turistica sul prodotto interno lordo dovrebbe salire al 5% e il numero di viaggi in tutto il Paese con sistemazione in albergo dovrebbe crescere fino a 140 milioni di persone. Creeremo condizioni confortevoli e convenienti per le vacanze, tra cui la costruzione di hotel e piccoli campeggi, stazioni sciistiche e parchi di divertimento.

Le nostre misure di politica economica e sociale devono essere non solo efficaci, ma anche eque. In questo senso, il prossimo, nono cambiamento strutturale consiste nel ridurre la povertà, ridurre la disuguaglianza e aumentare i redditi delle famiglie russe, il che, a sua volta, ha un effetto diretto sulla qualità della vita delle persone, sull’aumento della domanda interna e sulla capacità del mercato nazionale. Tutti gli strumenti, compresi i pagamenti alle famiglie con figli, le detrazioni fiscali e i contratti sociali, dovrebbero essere utilizzati per raggiungere questo obiettivo.

Senza dubbio, come ho detto prima, lo strumento principale è quello di garantire che i salari crescano a un tasso superiore all’inflazione. C’è una decisione importante che riguarda l’adeguamento del salario minimo che, al momento, supera il minimo vitale, come dice la Costituzione, e noi legheremo il suo adeguamento alla crescita complessiva dei salari nell’economia man mano che andremo avanti.

A partire dal prossimo anno, introdurremo un rapporto tra il salario minimo e il salario mediano percepito dalla maggior parte dei lavoratori della nostra economia. Nel 2025, il salario minimo sarà pari al 48% del salario mediano, superando quindi i 22.000 rubli al mese, il che significa che crescerà di circa il 15% in più. Poi il rapporto con il salario mediano aumenterà in modo che, come concordato, il salario minimo ammonterà ad almeno 35.000 rubli al mese entro il 2030.

Infine, il decimo cambiamento strutturale, che è essenzialmente integrale, riguarda il miglioramento della qualità della vita delle famiglie russe. Questo aspetto è stato discusso in dettaglio nel discorso all’Assemblea federale. Per ribadire che tutti i settori sono di importanza critica a questo proposito. Ciò include il sostegno alla nascita di bambini e alle famiglie numerose, la protezione della maternità e dell’infanzia, l’aumento della disponibilità di assistenza a lungo termine per gli anziani e le persone con disabilità, il miglioramento dei sistemi educativi e sanitari e la qualità della vita.

Questi cambiamenti dovrebbero tradursi in un’aspettativa di vita più lunga, ponendo l’accento su una vita attiva e sana e, naturalmente, formando pari opportunità per aiutare le generazioni più giovani a raggiungere il loro pieno potenziale, migliorando così il tenore di vita delle famiglie russe.

Colleghi, amici,

L’economia globale è entrata in un’epoca di grandi cambiamenti. Sta prendendo forma un mondo multipolare con nuovi centri di crescita, investimenti e legami finanziari tra Stati e aziende. L’economia russa sta rispondendo a queste sfide e sta anche cambiando in modo dinamico, man mano che acquisisce maggiore forza e stabilità.

Il merito è in gran parte dei nostri lavoratori, ingegneri, manager e, naturalmente, imprenditori, che stanno aumentando gli investimenti per far crescere le loro aziende, imprese, città e regioni, mettendo in primo piano valori come la responsabilità, la fiducia e il servizio al popolo e al Paese.

Aumenteremo il sostegno ai cambiamenti positivi nella società e nell’economia. I nostri piani sistemici a lungo termine per rafforzare la sovranità finanziaria, tecnologica e delle risorse umane del nostro Paese e per migliorare il clima imprenditoriale sono incentrati sul raggiungimento degli obiettivi di sviluppo nazionale. In questo lavoro, siamo aperti alla più ampia collaborazione con tutti i partner interessati, comprese le aziende straniere, i Paesi e le associazioni di integrazione.

Vi ringrazio per la vostra pazienza e vi auguro ogni successo.

Grazie mille.

Sergei Karaganov: Grazie mille, signor Presidente, per questo brillante discorso. Credo che abbia davvero ispirato questo pubblico, così come tutti coloro che si sono sintonizzati per ascoltarci da tutto il Paese. Questo vale anche per i nostri uomini in prima linea, che sono lì per combattere l’ennesima aggressione occidentale. Avete detto bene.

Ho ora il privilegio di dare la parola al Presidente della Bolivia Luis Arce, affinché possa pronunciare le sue osservazioni.

(Le osservazioni del Presidente della Bolivia saranno pubblicate prossimamente).

Sergei Karaganov: Grazie, signor Presidente, per aver condiviso le sue osservazioni perspicaci e istruttive. Nel suo discorso ha dimostrato che l’economia come disciplina di ricerca non può essere nazionalizzata o considerata una scienza. È un’arte e ogni Paese deve essere libero di scegliere il proprio modello economico.

In questo contesto, ho una domanda per il Presidente Putin.

Signor Presidente, posso suggerirle di decidere di darci istruzioni di lavorare con economisti come Luis Arce per elaborare il nostro modello economico? È evidente che abbiamo in mente qualcosa, anche se è altrettanto evidente che non abbiamo ancora deciso cosa stiamo facendo esattamente. Inoltre, abbiamo intrapreso uno sforzo per espandere l’industria della difesa, e abbiamo avuto un discreto successo, anche se finora si è trattato di una situazione più che altro di un successo e di una sconfitta. Non credo che ci sia uno schema generale o un piano generale che guidi questi sforzi.

Cosa ne pensa dell’istituzione di una struttura permanente all’interno di questo forum economico o in qualche luogo vicino ad esso, con l’obiettivo primario di utilizzare le nostre capacità intellettuali rivolgendosi innanzitutto a coloro che lavorano sul campo, gli operatori del settore? Purtroppo, la maggior parte dei ricercatori in economia si è attenuta a un modello obsoleto – e so di cosa parlo, visto che lo ero anch’io – anche se è vero che l’economista è sempre un economista.

Signor Presidente, vorremmo che lei incaricasse noi, il Forum di San Pietroburgo, di istituire un gruppo di lavoro per l’elaborazione di questo nuovo modello. Questo gruppo può tenere le sue riunioni a margine di questo forum o in qualche luogo vicino a questo. Forse potremo inventarci qualcosa di nuovo e interessante per avere un’idea più precisa della direzione che stiamo prendendo.

Vladimir Putin: Credo che qui si terrà un dibattito piuttosto che una conversazione. Il governo della Federazione Russa e altri enti governativi potrebbero offendersi per le sue parole. Lei ha detto che stiamo facendo qualcosa, ma io ho passato un’ora a spiegare cosa stiamo facendo esattamente. (Risate). Probabilmente vi siete appisolati mentre parlavo, e forse vi abbiamo sentito russare, quindi vi siete persi quello di cui ho parlato. Ho passato un’ora a spiegare cosa avremmo fatto, a spiegare il nostro programma in dieci punti.

In realtà, non stiamo semplicemente facendo qualcosa. Stiamo lavorando a una nuova strategia di sviluppo. Ce l’abbiamo e ci è voluto un anno per redigerla. Non siamo stati soli in questi sforzi; abbiamo raggiunto i cervelli che lei ha citato, cioè la comunità imprenditoriale e le sue associazioni, organizzando incontri regolari con loro. Per noi è sempre stato uno sforzo inclusivo.

Lei ha suggerito di istituire una struttura corrispondente. Ma le abbiamo già: il Governo della Federazione Russa, la Banca Centrale e l’Ufficio Esecutivo Presidenziale.

Per quanto riguarda la creazione di un gruppo di lavoro all’interno del Forum economico internazionale di San Pietroburgo, in modo che possa fare qualcosa a margine, c’è un famoso detto, e sappiamo chi l’ha coniato: se vuoi che qualcosa fallisca, crea un gruppo di lavoro.

Devo dire che abbiamo così tanti gruppi di lavoro che faccio fatica a capire quali devo presiedere. Quando mi dicono che c’è un altro gruppo e che devo presiederlo, rispondo che va bene, ci penserò. Potete benissimo incontrarvi a margine [significato letterale in russo – “nei campi”] di questo forum, ma per favore fatelo in estate, perché in inverno potrebbe fare troppo freddo qui a San Pietroburgo all’aperto.

In generale, il Paese la conosce non solo come economista, ma anche come scienziato politico, e anche piuttosto brillante. Lei è stato piuttosto proattivo e assertivo quando ha lavorato su diverse questioni importanti. Ascoltare persone come lei è sempre molto interessante, e non lo dico per adularla. Inoltre, devo confessare che a volte leggo i suoi scritti e ascolto ciò che dice. Pertanto, non rifiuto la sua offerta. Siamo aperti a qualsiasi dibattito, purché sia utile alla nostra economia.

Sergei Karaganov: Naturalmente sono d’accordo con il mio Presidente, ma ho una piccola domanda: Sappiamo quale modello stiamo costruendo? Direi che il capitalismo sociale autoritario sarebbe l’ideale per la Russia, in modo da sapere dove siamo diretti, perché si presume che ci stiamo muovendo lungo la strada della destra, mentre prima ci siamo mossi lungo la strada liberale. Non capisco questo.

Certo, il governo sta facendo qualcosa e siamo orgogliosi di ciò che sta facendo o ha iniziato a fare, per fortuna. Tuttavia, ha iniziato a farlo solo quando il gallo ha cantato, perché prima non è successo nulla.

Vladimir Putin: Estingueremo il gallo, perché comunque non sta facendo il suo lavoro. A cosa ci serve un gallo del genere?

Per quanto riguarda il modello di sviluppo, di recente, in occasione di un incontro con i responsabili delle agenzie di stampa internazionali, ho detto che dovremmo guardare a ciò che sta accadendo nel mondo. Cosa ho detto esattamente? Per esempio, molti esperti considerano il modello economico cinese più efficace di tutti quelli precedenti, compresi i modelli nordamericano ed europeo. È vero che è più efficace, e lei ha detto più o meno lo stesso poco fa, perché combina gli elementi di un’economia pianificata e di un’economia di mercato. I cinesi lo hanno fatto nelle loro condizioni, valutazione che condivido, e lo possiamo vedere dai dati sulla loro crescita economica. È un fatto oggettivo. Ma questo modello è efficace per la società e l’economia cinese.

Sa su cosa sono d’accordo? Quando ha riassunto le osservazioni del mio collega, ha detto che l’economia è una scienza ma anche un’arte, in una certa misura. Probabilmente è vero. Questi modelli possono essere rigidi. Quando vengono applicati a Paesi diversi che vivono in condizioni diverse, in fasi di sviluppo diverse, questi modelli rigidi sono inefficaci o non funzionano bene. Pertanto, dobbiamo sempre procedere dalla realtà, dalla realtà del nostro Paese. Tutto è importante: la nostra storia e cultura, la situazione della nostra società e anche il livello di sviluppo oggettivo è estremamente importante. Dobbiamo sapere cosa è efficace nella nostra società e cosa no.

Ci sono sicuramente degli elementi di base. Ne teniamo conto. Gallo o non gallo, ma una crescita del 3,4 o 3,6% del [PIL] l’anno scorso – la cifra finale non è stata calcolata finora – è una buona cifra. E anche una crescita del 5,4% nel primo trimestre di quest’anno è una buona cifra. Ma è il risultato degli sforzi congiunti del Governo, della comunità imprenditoriale e, in parte, della Banca Centrale e dell’Ufficio Presidenziale. È il risultato delle nostre azioni mirate.

A proposito delle fondamenta del nostro modello, ho appena detto che lo stiamo costruendo. Continuiamo a prendere decisioni relative all’adeguamento del nostro modello economico.

Sergei Karaganov: Come ogni altro cittadino russo, sono felice che negli ultimi due anni ci siamo messi al lavoro in relazione alla nostra operazione militare speciale. Prima di essa, ci siamo mossi seguendo le correnti. Ecco perché parlo della necessità di capire chiaramente dove ci stiamo muovendo. In linea di principio, ne parleremo più avanti.

E ora ascoltiamo il signor Emmerson Mnangagwa. Per favore, ascoltiamo la sua esperienza. Il suo Paese si è sviluppato in condizioni estremamente difficili. Da quanti anni vive sotto sanzioni? Quasi dalla sua fondazione, non è vero? Ciononostante, siete sopravvissuti e avete anche iniziato a svilupparvi. Come ci siete riusciti?

(Il discorso del Presidente dello Zimbabwe sarà pubblicato in seguito).

Sergei Karaganov: Grazie mille, signor Presidente.

Siamo orgogliosi di voi, ma in parte anche di noi stessi, perché stiamo contribuendo al vostro successo nel momento della prova. Ora passiamo alla discussione formale.

In realtà, lo sviluppo di tutti gli Stati si basa su tre fattori: il fattore della potenza militare, il fattore delle idee, dello spirito e della volontà e, infine, il fattore dell’economia.

Per molti anni abbiamo creduto – come un certo presidente di un paese molto grande – che tutto fosse deciso dall’economia. Vi ricordate che tutti dicevano: “È l’economia, stupido”. La persona stupida era quella che diceva questo, perché in realtà tutti questi tre fattori giocano un ruolo.

Certo, ora, in un momento di svolta geostrategica, la forza militare e la forza d’animo, la forza delle idee, vengono in primo piano. Tuttavia, l’economia è essenziale: non ci sarà forza senza economia, e senza economia, senza pane, lo spirito del popolo sarà minato. Ci siamo già passati, in particolare negli anni Ottanta. Cominciamo quindi dalle questioni economiche e politiche.

Signor Presidente, passo al punto otto del suo programma. Anche se non ha detto dove stiamo andando, tutti i punti sono ottimi. Il punto otto del suo programma riguarda lo sviluppo territoriale, anche se non ha elencato un’area che ritengo strategicamente importante.

Abbiamo completato il nostro viaggio a ovest, che è stato molto utile e ci ha dato molto. È del tutto evidente che, nelle attuali circostanze globali, dobbiamo spostare i centri del nostro sviluppo spirituale, economico e in parte politico verso la Siberia e l’Estremo Oriente, sia per la lunga inimicizia con l’Occidente – se Dio vuole, non sarà del tutto violenta – ma soprattutto per il fatto che ci siamo rivolti a un altro mondo che sta emergendo.

A un certo punto avete proclamato “una svolta verso est”, ma questa svolta è avvenuta inizialmente solo grazie all’Estremo Oriente; in seguito si è aggiunta la Via del Mare del Nord. Nel suo discorso al forum del 2019, lei ha detto che era necessario sviluppare grandi centri scientifici e produttivi nella Siberia centrale. Poi c’è stata l’epidemia di coronavirus, seguita dall’operazione militare speciale, e questa idea è finita nel dimenticatoio.

Forse dovremmo tornare a parlarne. Dobbiamo davvero trasferirvi l’intero Paese, “siberializzando” la Russia. Lei ha citato il bacino di Minusinsk. Forse dovremmo creare lì nuovi centri industriali per la lavorazione profonda dei metalli non ferrosi e per le nuove energie, in particolare la nuova ingegneria energetica, nonché centri per la produzione di tutti i prodotti chimico-legnosi più vicini al lago Baikal. Forse dovremmo ancora sviluppare una nuova strategia per lo sviluppo dell’intera Siberia: la “siberializzazione” della Russia. Perché non osiamo farlo? Certo, avevamo un progetto per lo sviluppo del Distretto (federale) siberiano. L’ho studiato e, per quanto ne so, non è piaciuto neanche a voi. Tuttavia, credo che lo sviluppo dell’intera Siberia debba iniziare il prima possibile.

Vladimir Putin: Sono d’accordo sulla necessità di sviluppare le nostre regioni orientali, come la Siberia occidentale, la Siberia orientale e l’Estremo Oriente.

Abbiamo iniziato da quella che non solo era la più rilevante, ma anche la più urgente in termini di conservazione e sviluppo dei territori; abbiamo iniziato con l’Estremo Oriente. C’era un drastico calo della popolazione e non potevamo permettere che questo processo continuasse. Spero che gli sforzi compiuti nell’ultimo decennio per sviluppare l’Estremo Oriente siano evidenti. Non li citerò tutti ora; abbiamo un programma abbastanza completo.

Lo stesso vale per la Siberia nella sua interezza – ancora una volta, sia la Siberia occidentale che quella orientale. La prima si è sviluppata tradizionalmente fin dall’epoca sovietica, grazie alle sue [vaste] risorse minerarie che il nostro Paese utilizza ancora. Ma gradualmente questi centri di sviluppo economico si stanno spostando verso est e verso nord. Per citare un famoso detto del passato (e ricordiamo chi l’ha pronunciato), “la potenza della Russia crescerà con la Siberia”. Ora possiamo dire che il potere della Russia crescerà con l’Artico, che sembra avere importanti risorse minerarie; sono ancora complesse e costose da sviluppare, ma le prospettive sono vaste.

In sostanza, questo è ciò che stiamo facendo ora. Ho appena citato lo sviluppo della rete ferroviaria del Dominio Operativo Orientale. Ma abbiamo iniziato questo lavoro già da un po’. Quando la Russia ha iniziato a costruirla? Durante la costruzione della Transiberiana? Prima della guerra russo-giapponese, e poi durante la costruzione della linea principale Baikal-Amur nell’era sovietica. Anche nella nostra storia recente ci siamo posti l’obiettivo di compiere progressi in questo senso.

Abbiamo commesso alcuni errori di calcolo pensando che il carico non sarebbe stato così pesante, come credeva il governo, quindi abbiamo leggermente spostato lo sviluppo del Dominio operativo orientale a date successive. Ma è andato avanti lo stesso, anche se non in modo così esteso come avevamo previsto inizialmente. Sicuramente ci lavoreremo.

Ma nelle condizioni odierne non può essere attuato come si faceva nell’era sovietica. E non si può nemmeno fare come si faceva sotto Stolypin. Egli si limitava a distribuire strisce di terra, che all’epoca era il principale mezzo di produzione. Ma oggi il principale mezzo di produzione sono i cervelli. Dobbiamo sviluppare tecnologie, costruire università e formare i professionisti di cui abbiamo bisogno. E questi sono gli sforzi che stiamo facendo anche noi.

Quando ho parlato di campus di 40 università e ho menzionato il progresso della scienza e dell’istruzione, nonché la necessità di utilizzare dispositivi robotici e IA, intendevo dire che tutto questo si svilupperà in gran parte in Siberia. Questo è ciò che stiamo facendo: faremo trasferire lì le nostre principali aziende. Inoltre, purtroppo, questo non può essere fatto in modo esclusivamente amministrativo.

Ho citato RusHydro, una società che già opera in Siberia, una delle più grandi, se non la più grande, società idroelettrica del mondo. Inoltre, al momento di nominare il capo dell’azienda, gli ho chiesto: “Accetta a condizione che si trasferisca in Siberia e che la sede centrale si sposti a Krasnojarsk?”. Mi ha risposto: “Accetto”. E quando gli ho chiesto se la sua famiglia sarebbe andata lì con lui, mi ha risposto che l’avrebbe fatto.

Sapete, non è facile come costruire un edificio, bisogna impiegare dei professionisti. Era pronto a trasferirsi subito. Ma assumere dei professionisti non è facile, bisogna farlo sul posto. Alcune persone sono disposte a trasferirsi, altre no; alcune sono semplicemente indispensabili. È un processo che dovrebbe avvenire in modo naturale. Ma questo è certamente il nostro obiettivo e sono totalmente d’accordo con lei. Alla fine dobbiamo muoverci in questa direzione. Voglio dire che i centri dello sviluppo globale si trovano lì e, ovviamente, dobbiamo avvicinarci a loro.

Molto tempo fa, Pietro il Grande aprì la finestra sull’Europa. Lo fece perché lì si stavano verificando importanti processi di sviluppo, il che è comprensibile. Oggi i centri dello sviluppo globale si stanno spostando in Asia, non c’è dubbio. E, ovviamente, dobbiamo muoverci verso questi centri di sviluppo. Quindi ha ragione.

Sergei Karaganov: Ho una domanda veloce che ho preparato molto tempo fa. Pietro il Grande ha fatto la storia aprendo una finestra sull’Europa, rafforzando così la Russia. Allora era il mercato più promettente. Perché non istituire una terza capitale e poggiare finalmente su tre pilastri? Potrebbe essere situata vicino a una delle principali città. I giovani e gli energici vi affluirebbero, ringiovanendo l’élite. Per suo ordine, diversi ministeri potrebbero essere trasferiti lì. Prima ha detto che è impossibile trasferire qualcosa utilizzando le risorse amministrative, ma è fattibile. Molte aziende sarebbero disposte a trasferirsi se incentivate con stipendi competitivi. Tutto dipende dalla sua decisione.

Siete disposti a ripetere l’impresa di Peter? Dopo tutto, lui ci è riuscito.

Vladimir Putin: Pietro il Grande è una figura storica che ha servito come zar di tutta la Rus’ e poi come imperatore. Tuttavia, le condizioni, lo stato della società e gli obiettivi del suo regno erano molto diversi da quelli di oggi.

Nel mondo contemporaneo, è fondamentale utilizzare strumenti che siano efficaci anche oggi. Sebbene la nostra inclinazione possa essere quella di prendere decisioni amministrative rapide, dobbiamo anche considerare le implicazioni delle nostre azioni e ciò che offriamo alla società in modo spontaneo sotto forma di ordine.

A mio avviso, è essenziale dare la priorità alla cattura dell’interesse delle persone a progredire. Promuovendo condizioni favorevoli allo sviluppo, i centri di attività economica si sposteranno naturalmente verso quelle aree.

A titolo di esempio, consideriamo l’Estremo Oriente. Molti anni fa ho visitato un cantiere navale vicino a Vladivostok. Era in uno stato di abbandono. Dissi loro: “Non ci limiteremo a restaurare questo posto; creeremo nuove competenze, costruiremo nuove navi”. Ho dovuto affrontare lo scetticismo dei lavoratori e degli ingegneri che mi circondavano. Devo dire che ci sono voluti sforzi enormi per creare il cluster che ora viene costruito lì.

Non si tratta solo di denaro, che è stato costantemente sottratto – devo ammettere questa spiacevole realtà. Abbiamo tentato di rilanciare il progetto due o tre volte. Alla fine, Igor Sechin, l’attuale capo di Rosneft, ha preso in mano la situazione e ha avviato un’imponente costruzione navale di grande tonnellaggio – un’impresa enorme. Tuttavia, ha richiesto uno sforzo enorme; non è facile realizzare tutto questo.

Perché ne parlo? Perché lì è emerso personale qualificato. Con l’aumento dei salari, le persone hanno iniziato a trasferirsi lì. Questo ha portato a salari più alti, a una migliore cultura tecnologica e alla nascita di una cooperazione con i Paesi vicini in questo campo di attività.

Ora VTB e Kostin, che siede di fronte a me, sono alla guida della nostra industria navale. Sono lieto che abbia abbracciato questo impegno come se fosse sempre stato coinvolto nella cantieristica, nonostante il suo background di finanziere. Ma cosa sto cercando di trasmettere? Attualmente stiamo scegliendo la sede di un’altra impresa, possibilmente vicino all’oceano o nelle sue vicinanze.

Questa è la naturale evoluzione – mi perdoni se sembro sfidare la sua mentalità imperiale – in un’ottica di mercato. E in questo caso ci aspetta il successo. Certo, si tratta di un lavoro impegnativo, ma sarà eseguito in modo meticoloso.

Quando ho fatto riferimento a Stolypin, sì, è stato tutto spontaneo, ricordiamo tutto ciò che vi è associato, comprese le “cravatte di Stolypin” e così via. Tuttavia, a quel tempo, si trattava del mezzo di produzione primario ed era economicamente sensato attuare l’approccio di Stolypin: distribuire il mezzo di produzione primario, cioè la terra, al popolo e creare condizioni favorevoli per esso. Allora funzionava. Ora è solo un ordine… Credo che la mia proposta sarà più completa e ci porterà al successo su questa strada.

In generale, lei ha assolutamente ragione. Dobbiamo muoverci in questa direzione.

Sergei Karaganov: Signor Presidente, non mi considero più imperialista di lei; è solo che sono più fortemente a favore di questa idea. Tuttavia, so una cosa: abbiamo studiato a fondo la questione. I Paesi che hanno trasferito o stabilito nuove capitali hanno invariabilmente registrato un significativo progresso economico. Questa è una verità innegabile. Pertanto, dobbiamo tenerlo presente e credo che non dovremmo trascurare la possibilità di una terza capitale.

Vladimir Putin: Va bene, grazie mille.

Sergei Karaganov: Passiamo ora a una questione più ampia. Possiamo constatare che il vecchio sistema economico globale è in fase di collasso. Il collasso è dovuto a molte ragioni. Una delle ragioni principali è che prima l’Unione Sovietica e poi la Russia hanno tagliato il terreno da sotto il sistema, il terreno del dominio occidentale di 500 anni nell’economia, nella politica e nella cultura mondiale, la sua supremazia militare. Abbiamo iniziato a tagliarlo, il sistema ha ceduto, poi si è fermato per un po’, poi abbiamo fatto flop, e ora siamo risorti e abbiamo ricominciato a tagliare questa superiorità, e il sistema si è sgretolato. Si sgretolerà all’infinito e per un bel po’ di tempo. Questo è un bene, ma è anche un male, perché non stanno emergendo praticamente nuovi meccanismi di regolamentazione. Non c’è un piano generale su cosa fare.

I nostri amici cinesi stanno dipingendo qualcosa a grandi linee, e anche qualcun altro sta facendo qualcosa. Avete pensato che la Russia potrebbe prendere l’iniziativa di creare un piano generale per un nuovo sistema economico mondiale (raccogliendo cervelli da nuovi Paesi e forse, dopo un po’, arriveranno anche buoni cervelli da vecchi Paesi)? Istituire, ad esempio, a San Pietroburgo, accanto al Forum, sul sito del Forum, un think tank che crei un nuovo sistema economico e finanziario mondiale, i suoi contorni.

Bretton Woods è morto o praticamente morto. Che ne dite di creare un sistema di San Pietroburgo? Tra l’altro, non avranno paura di noi, come dei cinesi. Se i cinesi lo adottano, tutti avranno paura di loro, mentre gli indiani non ci staranno. Sia i cinesi che gli indiani verranno da noi. Vediamo che anche i nostri amici africani saranno felici di partecipare. Penso che anche gli amici latinoamericani lavoreranno con noi e potremo utilizzare la loro esperienza anche per la nostra costruzione interna. Possiamo impegnarci in questo lavoro? Non è un’idea imperialista. (Risate.)

Vladimir Putin: Vogliono creare questo sistema. (Risate.)

Il sistema di Bretton Woods è morto molto tempo fa, nel 1976. Gli sono succeduti gli Accordi di Giamaica.

Il sistema di Bretton Woods era basato sull’equivalente in oro. Nel 1976 (quando le decisioni erano ancora in corso), gli Stati Uniti decisero di abbandonare l’equivalente in oro e apparvero gli Accordi della Giamaica. Il dollaro si staccò dall’oro. Qual è la base di questo sistema giamaicano, tuttora in vigore? La fiducia nell’economia statunitense.

Guardate cosa sta realmente accadendo oggi: nell’attuale sistema finanziario mondiale non c’è altra garanzia, se non la fiducia nell’economia americana.

Va da sé che gli Stati Uniti stanno approfittando del loro status di monopolio sul mercato finanziario globale e stanno facendo soldi a palate. Secondo i dati pubblicamente disponibili, gli Stati Uniti hanno un debito contingente di 54,3 trilioni di dollari nei confronti dell’economia mondiale.

Ecco come si compone questa cifra: 12.600 miliardi di dollari sono quelli che i privati tengono nei loro conti bancari e nelle loro tasche, o sotto il materasso, come diciamo noi, fuori dagli Stati Uniti. Le aziende statunitensi rappresentano altri 10.000 miliardi, per un totale di 22.600 miliardi di dollari che non sono sostenuti da nient’altro che dalla fiducia nell’economia statunitense. L’importo rimanente è quello che i cittadini di altri Paesi hanno investito nelle aziende statunitensi, e il loro investimento nelle aziende statunitensi è garantito dall’affidabilità di tali aziende e dal loro valore di mercato. Alla fine, la loro affidabilità dipende anche dal sistema economico statunitense.

Ecco cosa sta succedendo nel mondo a questo proposito. L’economia statunitense si sta riducendo e le sue fondamenta si stanno a volte incrinando. Non si tratta solo del debito, che è alle stelle, ma anche del fatto che non sempre si raggiungono gli obiettivi di inflazione. Il loro obiettivo di inflazione è fissato al 2%, ma stanno tagliando questo limite, come hanno fatto di recente durante la pandemia, fino al 7,8%, il che mina la credibilità dell’economia statunitense.

Da cosa è sostenuta l’economia se si sta riducendo? Non è sostenuta da nulla, e questo è un problema. È un problema incondizionato per tutti coloro che detengono il dollaro USA.

Poiché il dollaro si sta riducendo e la sua quota nell’economia globale si sta anch’essa riducendo, significa che stiamo assistendo a un movimento assolutamente naturale verso la creazione di un multipolarismo nell’economia e nella finanza globale.

Possiamo, senza dubbio, escogitare ogni sorta di sistema, ma il valore di una determinata valuta dipende dal valore dell’economia sottostante.

Quindi, cosa stiamo facendo ora? Stiamo costruendo questo lavoro comune con i nostri partner BRICS, e il ruolo della Russia può essere molto importante. Abbiamo creato la Nuova Banca e stiamo creando i nostri strumenti valutari. Il mondo intero, beh, non proprio tutto il mondo, ma una parte significativa dei partecipanti all’attività economica internazionale sta passando ai pagamenti in valuta nazionale. Ho già detto che il 90% del nostro commercio con la Cina è regolato in yuan e rubli. Nello spazio post-sovietico, la quota del rublo si avvicina al 70%, il che significa che il nostro ruolo qui è significativo. Tuttavia, dobbiamo unire i nostri sforzi per renderlo più solido.

Continua.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

La “deoccidentalizzazione” al centro delle relazioni internazionali contemporanee

La “deoccidentalizzazione” al centro delle relazioni internazionali contemporanee

In un mondo in fase di ristrutturazione geopolitica, l’Occidente ha perso il suo posto come asse centrale delle relazioni internazionali. Tra l’ascesa dei BRICS+ e l’attuale frammentazione dell’economia mondiale, quale configurazione dell’ordine internazionale sembra prendere forma?

Il termine “de-occidentalizzazione” compare sempre più spesso nei dibattiti sulle relazioni internazionali. Il concetto descrive alcuni cambiamenti nel sistema internazionale che si sono verificati a partire dai primi anni 2000, in particolare l’aumento del potere economico e la relativa ma crescente autonomia geopolitica dei Paesi precedentemente dominati dalle potenze occidentali. Il concetto è in realtà polisemico e deve essere chiarito e collocato nel suo contesto storico e politico.

Un processo politico a lungo termine

La rivoluzione sovietica del 1917 può essere vista come la prima manifestazione della de-occidentalizzazione, in quanto dimostra la scelta di rompere con il modo di produzione capitalista e la sua espansione imperialista guidata dalle potenze occidentali. Ciò si riflette nella creazione dell’Internazionale Comunista nel marzo 1919 e nell’impegno costante – almeno fino al passaggio al “socialismo in un solo Paese” imposto da Stalin nel 1925 – a sostenere i popoli delle colonie nelle loro lotte emancipatorie, culminato nell’organizzazione del Congresso dei Popoli d’Oriente a Baku nel 1920.

Tuttavia, fu solo dopo la Seconda guerra mondiale che il processo di decolonizzazione prese davvero piede e iniziò un nuovo periodo di de-occidentalizzazione. In questo contesto, nell’aprile del 1955 si tenne la Conferenza di Bandoeng, che riunì ventinove Paesi asiatici, mediorientali e africani che rappresentavano più della metà dell’umanità ma meno del 10% della sua ricchezza. Tra i partecipanti vi erano Gamal Abdel Nasser per l’Egitto, Jawaharlal Nehru per l’India, Zhou Enlai per la Repubblica Popolare Cinese e Soekarno per l’Indonesia, paese ospitante della conferenza. I Paesi asiatici erano i più numerosi, perché era nel loro continente che il movimento di decolonizzazione era più potente all’indomani del 1945. La conferenza di Bandoeng rappresentò l’emergere del “Terzo Mondo”.- termine coniato dal demografo francese Alfred Sauvy nel 1952 – sulla scena internazionale e il tentativo delle borghesie nazionali dei Paesi interessati di costringere le potenze dominanti ad abbandonare il sistema coloniale e a riconoscere la loro ascesa al potere nel quadro di Stati indipendenti in grado di affermarsi politicamente, in particolare nell’ambito dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. A metà degli anni Cinquanta, le potenze imperialiste cercavano soluzioni che non mettessero in discussione l’intero ordine imposto alla fine della Seconda guerra mondiale nelle conferenze organizzate tra i Paesi vincitori, e quindi erano favorevoli a forme di compromesso con i popoli che cercavano di emanciparsi. Questo potente processo di decolonizzazione modificò in modo permanente la mappa geopolitica del mondo, che all’epoca era ancora fondamentalmente strutturata dal confronto bipolare tra Stati Uniti e Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS). Per tutta la durata della Guerra Fredda, le potenze imperialiste e l’Unione Sovietica si sono combattute per procura in molti Paesi del Sud, ma ognuna di esse ha fatto in modo che nessuno di loro potesse turbare strutturalmente l’ordine stabilito a Yalta e Potsdam dai vincitori della Seconda Guerra Mondiale.

L’affermazione degli Stati del Sud

A sua volta, la fine del duopolio USA-URSS, con la caduta del Muro di Berlino e l’implosione dell’URSS, ha rimescolato le carte in tavola. Il momento dell’iperpotenza americana, per usare il termine coniato da Hubert Védrine, è stato di breve durata, circa dieci anni in tutto, e ha portato a una nuova sequenza più favorevole ai Paesi del Sud.

Dall’inizio degli anni 2000 si sono verificati diversi fenomeni: il relativo declino dell’egemonia e del potere degli Stati Uniti nel mondo, sullo sfondo dell’impantanamento della prima potenza mondiale in Medio Oriente e in Afghanistan; la concomitante ascesa di potere della Cina e dell’Asia, verso cui si sta progressivamente spostando il baricentro geopolitico ed economico del mondo; la progressiva affermazione dei Paesi del Sud del mondo, nell’ambito della nuova fase di globalizzazione economica e finanziaria che si è verificata tra il 1990 e il 2010 (che ha interessato in particolare i Paesi produttori ed esportatori di risorse naturali e materie prime), sono tra le principali caratteristiche di questo periodo delle relazioni internazionali.

In questo contesto, tra il 2000 e il 2015 si è verificata una prima fase di diversificazione delle alleanze geopolitiche, in particolare tra i Paesi del Sud e intorno all’ascesa della Cina, di cui la creazione dei BRIC (Brasile, Russia, India, Cina, a cui nel 2010 si è aggiunto il Sudafrica per diventare BRICS) nel 2009 è il simbolo più evidente. Con la crisi finanziaria internazionale del 2007-2008, iniziata negli Stati Uniti, la “globalizzazione” è già entrata in una nuova fase, quella della sua crisi sistemica. Gli anni 2010 hanno visto una cattiva performance dell’economia internazionale, una riduzione sostenuta del commercio mondiale, un aumento esponenziale del debito pubblico e delle famiglie e un incremento delle disuguaglianze sociali e di tutte le forme di insicurezza su scala planetaria. Questa crisi globale è stata rafforzata dalla pandemia di Covid-19 e dalle sue molteplici conseguenze sanitarie, economiche, sociali e politiche, in un mondo in cui già prima del 24 febbraio 2022 (inizio dell’aggressione russa in Ucraina), più di un miliardo di persone viveva in zone di confronto militare, conflitto e guerra localizzata.

Tuttavia, la guerra in Ucraina è effettivamente una nuova tappa nella configurazione di un mondo ormai apolare, cioè, contrariamente a quanto una certa vulgata vorrebbe farci credere, senza un centro di potere esclusivo, ma anche senza l’esistenza di poli regionali realmente costituiti – una multipolarità – che si spartiscano il potere e da cui si tessano i nuovi equilibri globali. In questo mondo apolare, diverse potenze regionali o internazionali (Stati Uniti, Cina, India, Russia, Brasile, Turchia, Arabia Saudita, Iran, Paesi europei, ecc.) si confrontano o cooperano – le due cose non sono in contraddizione – a seconda delle questioni in gioco, e cercano di riunire o costruire intorno a loro partner, coalizioni e alleanze che possono essere temporanee o più durature. L’attuale corso delle relazioni internazionali amplifica tutte le tendenze in atto e ne fa nascere di nuove. Conferma l’esistenza di un sistema internazionale in crisi, in cui le relazioni tra gli Stati sono transazionali e si organizzano in modo sempre più fluttuante in funzione dei loro interessi immediati e dell’affermazione della loro sovranità, per lo più senza alcuna affinità o logica ideologica preventiva e sovradeterminante. Queste dinamiche si stanno svolgendo senza che nessuna potenza, a Nord o a Sud, possa realmente sfidare il sistema economico dominante. Si tratta piuttosto di lottare per mantenere o conquistare posizioni all’interno del sistema e del sistema politico e istituzionale internazionale. Ecco perché il termine “de-occidentalizzazione” è utile per descrivere questi nuovi rapporti di forza e il riassetto della gerarchia globale degli Stati e delle loro alleanze che è in corso. Ma questo concetto non ci dice nulla sulla natura dei progetti promossi dagli attori, né in che misura questi progetti, anche se guidati da Paesi del Sud, rappresentino una rottura con la logica del capitalismo globalizzato. In questo contesto, il nuovo corso delle relazioni internazionali sta aprendo una nuova sequenza di rivalità di potere esacerbate e l’ascesa di tentazioni imperiali locali e regionali, che a loro volta incoraggiano il rafforzamento di vecchie – e il dispiegamento di nuove – partnership di sicurezza e militari, nel contesto di un potenziale confronto tra Stati Uniti e Cina. Questi sviluppi incoraggiano anche la rimilitarizzazione del mondo, mentre nuovi tipi di minaccia si aggiungono a quelli già presenti, con gli effetti del cambiamento climatico in particolare che si fanno sentire in tutto il mondo.

Ucraina e Gaza rivelano nuovi equilibri di potere

È in questo quadro generale che il conflitto ucraino e poi la guerra a Gaza fanno luce sulla nuova lettura delle relazioni internazionali. È sorprendente osservare che le sanzioni contro la Russia imposte dalle potenze occidentali sono scarsamente applicate dai Paesi del Sud. Non è meno decisivo sottolineare l’empatia dimostrata dai Paesi del Sud verso la causa palestinese, che vedono come simbolo dell’autodeterminazione dei popoli di fronte al dominio coloniale, ma anche, in questo contesto, dell’indignazione selettiva e dei doppi standard praticati dalle potenze occidentali. Queste osservazioni confermano le forme di relazione che oggi tendono a strutturare il campo delle relazioni internazionali. D’ora in poi, i valori che le potenze occidentali continuano più o meno confusamente a considerare universali – la democrazia liberale, il ” principio dello Stato di diritto “, i diritti umani, la libertà individuale, l’iniziativa privata e l’economia di mercato – non sono più in grado di imporsi né militarmente né in termini di interessi propri.I Paesi occidentali sono stati i primi, dalla fine della Guerra Fredda (Afghanistan, Iraq, Libia, Sudan, ecc.), a usarli impropriamente per i propri fini, a calpestarli o a cercare di imporli con la forza delle armi.). Si tratta di un fenomeno importante.

Al di là della loro diversità e della diversità dei loro interessi, le potenze del Sud si stanno affermando sulla scena mondiale e stanno scuotendo i vecchi equilibri. I già citati BRICS, ora noti come BRICS + dal momento che il gennaio 2024 si sono allargati agli Emirati Arabi Uniti (EAU), all’Arabia Saudita, alla Repubblica Islamica dell’Iran, all’Egitto e all’Etiopia, sono un fattore chiave nell’equilibrio di potere internazionale. Entro il 2022, essi rappresenteranno il 46% della popolazione mondiale, mentre i Paesi del G7 ne rappresenteranno meno del 10%. In termini economici, rappresenteranno il 35,6% del PIL mondiale calcolato a parità di potere d’acquisto nel 2022 (poco più del 30% per il G7) e rispettivamente il 37,6% e il 28,2% nel 2027. I BRICS+ rappresentano anche il 54% della produzione mondiale di petrolio. Si tratta quindi di un processo essenziale che sta trasformando il volto del mondo.

Assistiamo alla messa in discussione della gerarchia di un ordine internazionale ancora dominato dalle potenze occidentali e al crescente rifiuto da parte di molti Stati del Sud di allinearsi sistematicamente agli interessi e alle posizioni di queste ultime in molti ambiti (economia, commercio, negoziati multilaterali, crisi geopolitiche). In alcuni Paesi stanno emergendo nuovi approcci alla politica estera e alle alleanze geopolitiche, come il concetto di “multiallineamento” in India o, per i Paesi dell’America Latina, la nozione di “non allineamento attivo”. Possiamo anche notare che gli Stati che sfidano l’egemonia occidentale, come l’Arabia Saudita, il Brasile e la Turchia, si stanno affermando sulla scena internazionale. Tutti questi sviluppi globali dovrebbero incoraggiare i leader dell’Unione Europea a ripensare le proprie relazioni con il resto del mondo – gli Stati Uniti e i Paesi del Sud – e a ridefinire i propri interessi, in un mondo in cui la sua influenza geopolitica sembra diminuire a ogni nuova crisi dell’ordine internazionale.

Le guerre in Ucraina e a Gaza confermano quindi l’esistenza di un processo in corso noto come “de-occidentalizzazione” del mondo – in altre parole, la graduale erosione dei valori, del potere e dell’influenza proclamati dei Paesi occidentali.

Il ricorso del Sudafrica alla Corte internazionale di giustizia contro lo Stato di Israele, accusato di “atti di genocidio contro il popolo palestinese a Gaza”, per chiedere misure cautelari, è un’illustrazione di questo punto di svolta nel mondo e del desiderio degli Stati del Sud di avere un’influenza sugli sviluppi internazionali. Tuttavia, l’espressione “Sud globale” non ci sembra appropriata, date le numerose rivalità e controversie tra questi Stati. All’interno dei BRICS+, ad esempio, India e Cina o Iran, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti non hanno né gli stessi programmi né gli stessi obiettivi. Inoltre, questo concetto può essere utilizzato per sostenere interpretazioni ideologiche contraddittorie. Per alcuni, si riferisce a un gruppo di Paesi non allineati o contrari alla dominazione occidentale, le cui azioni, con la loro sola esistenza, avrebbero un impatto positivo sul cambiamento globale. Per altri, segnala la minaccia rappresentata dall’emergere di una coalizione di risentimento dominata dalla Cina – e, in misura minore, dalla Russia – contro queste potenze occidentali. Ecco perché la sua rilevanza deve essere messa in prospettiva. Infatti, con i suoi contorni approssimativi, la nozione di “Sud globale” oscura la complessità e la natura trasversale delle relazioni contraddittorie e ambivalenti tra Paesi del Nord e del Sud. Tende a ridurre il campo delle relazioni internazionali a una demarcazione Nord/Sud che non regge all’analisi della volatilità della situazione internazionale e della fluttuazione/diluizione di blocchi e/o alleanze stabili.

In un simile contesto, nulla sarebbe più pericoloso che cedere alle sirene del “campismo”. Questo termine ha una storia e si riferisce al periodo della Guerra Fredda. In origine si riferiva a coloro che, soprattutto tra le forze legate ai partiti comunisti dell’epoca, si allineavano con l’URSS quando quest’ultima sosteneva di sostenere le lotte antimperialiste nell’ambito della sua rivalità con gli Stati Uniti. Oggi, significa allinearsi con questo o quel Paese con il pretesto che è soggetto a pressioni – sanzioni, embarghi, leggi extraterritoriali – da parte dell’imperialismo statunitense. Come spiega giustamente Gilbert Achcar, si è passati da una logica di “il nemico del mio amico (l’URSS) è mio nemico” a una di “il nemico del mio nemico (gli Stati Uniti) è mio amico”. Questo non è certo un modo soddisfacente di affrontare le complessità di un mondo apolare. La controparte di questa posizione è il campismo inverso dettato dalle potenze occidentali. L’idea è quella di stabilire una percezione secondo la quale il futuro del mondo si giocherebbe in una lotta tra “democrazie” e “autocrazie”, l’asse strutturante delle relazioni internazionali tradotto in un confronto tra Paesi “liberali” e “illiberali”. Questa scorciatoia ideologica ci impone di scegliere da che parte stare secondo una griglia di lettura semplicistica, moraleggiante, strumentalizzata e artificiosa, che non sembra affatto efficace.

A titolo di conclusione temporanea

Come tutti i processi, quello della de-occidentalizzazione del mondo è un concetto dialettico con una prospettiva a lungo termine. Per i suoi sostenitori, ci invita ad aggiornare e rivisitare i contorni del rapporto tra ” Occidente e resto “. Per questo è più che mai necessario riflettere e discutere su questo concetto e sulle realtà che copre, per coglierne i punti di appoggio, ma anche le contraddizioni e i limiti. Così facendo, potremo comprendere meglio come si stanno evolvendo le relazioni e gli equilibri di potere tra i Paesi occidentali e quelli del Sud in un mondo in cui, se da un lato questi ultimi sono impegnati in una lotta senza precedenti per l’influenza, dall’altro nessuno di loro sembra proporre alternative all’attuale ordine internazionale in crisi e al suo modo di produzione economica dominante.

Tra Borgo Egnazia e Buergenstock, a cura di Giuseppe Germinario

Due iniziative diplomatiche e di relazioni internazionali con un unico filo conduttore.

Sul vertice di Bürgenstock:

  • tredici dei paesi partecipanti non hanno nemmeno firmato il documento finale
  • numerosi capi di stato, compresi quelli di USA e Germania, si sono rapidamente defilati dal consesso
  • è stata eliminata dal documento la dizione “aggressione russa”
  • i tre elementi di denuncia (sicurezza nucleare e centrale di Zaporizhzhia, sicurezza alimentare, scambio di prigionieri e restituzione dei bambini) sono chiaramente e rozzamente pretestuosi. In particolare sulla sicurezza alimentare andrebbe segnalato che l’Ucraina svolge un ruolo comunque marginale e assicura i suoi flussi prevalentemente verso Occidente; che la proprietà delle sue terre agricole è prevalentemente in mano delle multinazionali statunitensi
  • la presenza al vertice di alcuni paesi del cosiddetto “sud globale” si è fatta comunque sentire sia nell’annacquamento dei contenuti e del tono del comunicato sia negli spiragli che si potrebbero aprire nei corridoi diplomatici, al momento più riservati

Sul vertice di Borgo Egnazia:

l’importanza del documento è inversamente proporzionale alla qualità del menu gastronomico offerto, al carattere mondano e all’efficienza della organizzazione offerta dal Governo Meloni. Tre gli aspetti più rilevanti:

  • Non si parla più di offensiva militare in ucraina, ma di protrazione ad oltranza del conflitto al solo scopo di logorare la Russia a spese del popolo ucraino
  • L’impegno retorico di aiuto e sostegno al “Sud Globale”, in particolare l’Africa, in prevalenza con gli stessi strumenti economico-finanziari e politici che ne hanno alimentato la neocolonizzazione e la conflittualità interetnica
  • Una prima nota particolare all’impegno “africano” del Governo Meloni e al suo “piano Mattei”. L’attuazione del piano prevede e sollecita il massiccio e prevalente utilizzo di risorse ed investimenti statunitensi. L’attivismo inedito del Governo Meloni rivela sempre più le caratteristiche di utilizzo per conto terzi del più presentabile “marchio ITALIA”. Sarà interessante verificare il nuovo ed effettivo ruolo che sta assumendo l’ENI in questo disegno, pomposamente riportato ai fasti di Enrico Mattei, e quello della piccola e media industria; indagare su chi gestirà effettivamente il nascente hub energetico e logistico dell’Italia in Europa e le effettive condizioni di sicurezza geopolitica delle future nuove forniture energetiche
  • il resto è teatrino, comprese le minacce di estensione delle pratiche sanzionatorie tese soprattutto a compattare il fronte avversario

Giuseppe Germinario

Vertice sulla pace in Ucraina: Comunicato congiunto su un quadro di pace
Bürgenstock, Svizzera 16 giugno 2024

La guerra in corso della Federazione Russa contro l’Ucraina continua a causare sofferenze e distruzioni umane su larga scala e a creare rischi e crisi con ripercussioni globali. Ci siamo riuniti in Svizzera il 15-16 giugno 2024 per rafforzare un dialogo di alto livello sui percorsi verso una pace globale, giusta e duratura per l’Ucraina. Abbiamo ribadito le risoluzioni A/RES/ES-11/1 e A/RES/ES-11/6 adottate dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite e sottolineato il nostro impegno a sostenere il diritto internazionale, compresa la Carta delle Nazioni Unite. Questo vertice è stato costruito sulla base delle precedenti discussioni che hanno avuto luogo sulla base della Formula di pace dell’Ucraina e di altre proposte di pace che sono in linea con il diritto internazionale, compresa la Carta delle Nazioni Unite.

Apprezziamo profondamente l’ospitalità della Svizzera e la sua iniziativa di ospitare il Vertice ad alto livello come espressione del suo fermo impegno a promuovere la pace e la sicurezza internazionali.

Abbiamo avuto un proficuo, completo e costruttivo scambio di opinioni sui percorsi da seguire per una pace globale, giusta e duratura, basata sul diritto internazionale, compresa la Carta delle Nazioni Unite. In particolare, riaffermiamo il nostro impegno ad astenerci dalla minaccia o dall’uso della forza contro l’integrità territoriale o l’indipendenza politica di qualsiasi Stato, i principi della sovranità, dell’indipendenza e dell’integrità territoriale di tutti gli Stati, compresa l’Ucraina, all’interno dei loro confini internazionalmente riconosciuti, comprese le acque territoriali, e la risoluzione delle controversie con mezzi pacifici come principi del diritto internazionale.

Abbiamo inoltre una visione comune sui seguenti aspetti cruciali:

In primo luogo, qualsiasi uso dell’energia nucleare e delle installazioni nucleari deve essere sicuro, protetto e rispettoso dell’ambiente. Le centrali e gli impianti nucleari ucraini, compresa la centrale nucleare di Zaporizhzhia, devono operare in modo sicuro e protetto sotto il pieno controllo sovrano dell’Ucraina, in linea con i principi dell’AIEA e sotto la sua supervisione.

Qualsiasi minaccia o uso di armi nucleari nel contesto della guerra in corso contro l’Ucraina è inammissibile.

In secondo luogo, la sicurezza alimentare globale dipende dalla produzione e dalla fornitura ininterrotta di prodotti alimentari. A questo proposito, la navigazione commerciale libera, completa e sicura, così come l’accesso ai porti marittimi del Mar Nero e del Mar d’Azov, sono fondamentali. Gli attacchi alle navi mercantili nei porti e lungo l’intera rotta, così come ai porti civili e alle infrastrutture portuali civili, sono inaccettabili.

La sicurezza alimentare non deve essere strumentalizzata in alcun modo. I prodotti agricoli ucraini devono essere forniti in modo sicuro e libero ai Paesi terzi interessati.

In terzo luogo, tutti i prigionieri di guerra devono essere rilasciati attraverso uno scambio completo. Tutti i bambini ucraini deportati e sfollati illegalmente e tutti gli altri civili ucraini detenuti illegalmente devono essere restituiti all’Ucraina.
Riteniamo che il raggiungimento della pace richieda il coinvolgimento e il dialogo di tutte le parti. Abbiamo pertanto deciso di intraprendere in futuro passi concreti nelle aree sopra menzionate con un ulteriore impegno dei rappresentanti di tutte le parti.

La Carta delle Nazioni Unite, compresi i principi del rispetto dell’integrità territoriale e della sovranità di tutti gli Stati, può servire e servirà come base per raggiungere una pace globale, giusta e duratura in Ucraina.

Elenco dei Paesi che sostengono il comunicato congiunto
Stato 16 giugno 2024

Albania, Andorra, Argentina, Australia, Austria, Belgio, Benin, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Cabo Verde, Canada, Cile, Comore, Costa Rica, Costa d’Avorio, Consiglio d’Europa, Croazia, Cipro, Cechia, Danimarca, Repubblica Dominicana, Ecuador, Estonia, Commissione europea, Consiglio europeo, Parlamento europeo, Figi, Finlandia, Francia, Gambia, Georgia, Germania, Ghana, Grecia, Guatemala, Ungheria, Islanda, Irlanda, Israele, Italia, Giappone, Kenya, Kosovo, Lettonia, Liberia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Moldavia, Monaco, Montenegro, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Macedonia del Nord, Norvegia, Palau, Perù, Filippine, Polonia, Portogallo, Qatar, Repubblica di Corea, Romania, Ruanda, San Marino, Sao Tomé e Principe, Serbia, Singapore, Repubblica Slovacca, Slovenia, Somalia, Spagna, Suriname, Svezia, Svizzera, Timor Leste, Türkiye, Ucraina, Regno Unito, Stati Uniti, Uruguay.

Il comunicato finale, tradotto in italiano, del vertice G7 in Puglia nel link di seguito:

Apulia-G7-Leaders-Communique it

 

Col senno di poi, la retorica iperbolica della Russia che ha preceduto questi colloqui è stata probabilmente mal indirizzata, e sarebbe stato meglio per funzionari come Medvedev fidarsi dei partner della Russia come l’India invece di dubitare delle loro intenzioni.

I colloqui svizzeri sull’Ucraina di questo fine settimana , che hanno escluso la Russia e a cui non ha partecipato la maggior parte del Sud del mondo, si sono conclusi con un comunicato congiunto in gran parte inoffensivo che può essere letto qui . Ha semplicemente ripetuto alcuni dei principali punti di discussione dell’Occidente su questo conflitto, includendo anche alcune righe sulla sicurezza nucleare e sulle questioni umanitarie. Tuttavia, alcuni dei principali partecipanti, come l’India, hanno deciso di non firmarlo , cosa che ha deluso gli organizzatori.

Il leader della delegazione di quel paese ha spiegato la neutralità di principio del suo governo nei confronti di questo conflitto, per cui parteciperà sempre a qualsiasi iniziativa di pace anche se non è d’accordo con i dettagli della stessa. È anche importante menzionare in questo contesto che il presidente svizzero ha affermato che durante il vertice sono stati espressi “punti di vista diversi”, suggerendo così che l’India e gli altri partner russi si siano opposti gentilmente all’Ucraina e alla risoluzione del conflitto prevista dall’Occidente.

Un’altra notizia interessante emersa dal vertice è stata che il commissario ucraino per i diritti umani ha poi rivelato che alcuni dei partecipanti che “tradizionalmente hanno buoni rapporti con la Russia” si sono offerti di mediare tra le due parti in conflitto. Dato che le relazioni dell’India con la Russia sono ufficialmente considerate da entrambe le parti come un partenariato strategico speciale e privilegiato, sarebbe perfettamente logico che il capo della delegazione fosse stato uno di coloro che hanno offerto i servizi diplomatici al loro paese.

Questi risultati supplementari contrastavano con le aspettative di alcuni funzionari russi, come l’ex presidente e vicepresidente in carica del Consiglio di sicurezza Dmitry Medvedev, che alla fine del mese scorso aveva twittato che i paesi che avevano scelto di partecipare si erano tacitamente schierati con l’Ucraina. Dichiarazioni meno drammatiche sono state fatte anche da altri funzionari, il cui succo era che questi colloqui erano una perdita di tempo e potevano essere sfruttati dall’Occidente per aumentare la pressione sulla Russia.

È comprensibile che la Russia fosse arrabbiata per il fatto che si stesse svolgendo un evento multilaterale sul conflitto ucraino senza la sua partecipazione, ma la sua reazione a quest’ultimo è stata molto più dura rispetto a precedenti eventi simili avvenuti l’anno scorso, come i colloqui di Jeddah, dove gli ultimatum di Kiev erano in primo piano. e centro. Il contrasto tra questi approcci è stato spiegato qui , e si riduce alle mutate condizioni diplomatiche mentre Cina e Brasile cercano ora di collaborare congiuntamente. condurre un processo di pace più giusto e inclusivo.

Affinché questi sforzi iniziali dessero i maggiori frutti, era necessario che gli ultimi colloqui svizzeri fallissero, soprattutto a causa della mancata partecipazione del Sud del mondo. Ciò conferisce all’ultima iniziativa maggiori possibilità di successo poiché il numero prevedibilmente maggiore di partecipanti provenienti dal Sud del mondo potrebbe essere presentato come un segno di un maggiore sostegno internazionale al consenso congiunto di pace sino-brasiliano in sei punti . Pertanto i suddetti principi potrebbero diventare la base per un nuovo ciclo di colloqui.

Tornando all’evento dello scorso fine settimana, le cose non sono state così negative come alcuni in Russia si aspettavano, soprattutto dopo che si è saputo che l’India e altri paesi avevano rifiutato di firmare il comunicato congiunto, mentre l’Ucraina ha rivelato che alcuni di loro si erano addirittura offerti di mediare per porre fine al conflitto. conflitto. Col senno di poi, la retorica iperbolica della Russia che ha preceduto questi colloqui è stata probabilmente mal indirizzata, e sarebbe stato meglio per funzionari come Medvedev fidarsi dei partner della Russia come l’India invece di dubitare delle loro intenzioni.

Lo scossone europeo Con Augusto Sinagra_Collabora Ivan Santacroce

Le elezioni europee hanno registrato alcune novità nel responso e un astensionismo ormai impossibile da etichettare come semplice disaffezione. Un segnale importante, ma non un risultato in grado di impedire alle attuali élites di proseguire sulla solita strada o di essere sostituite. Alcune reazioni apparentemente isteriche sono il veicolo per riportare nell’alveo della logica dei vecchi schieramenti contrapposizioni ed aspettative che meriterebbero ben altra rappresentanza. La sola differenza tra i paesi è che in alcuni, tra essi l’Italia, questo richiamo all’ordine avviene impercettibilmente, in altri, la Francia, con strepiti allarmistici. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v51xhdh-lo-scossone-europeo-con-augusto-sinagra-collabora-ivan-santacroce.html

Russia Ucraina il conflitto 62a puntata Smarrimento e determinazione di Presidenti Con Max Bonelli

Da una parte un Presidente, Biden, che vaga per conto proprio da tempo in mondi imperscrutabili, ma che detiene ancora le chiavi dei destini di questo mondo; dall’altra un Presidente, Putin, assertivo e presente, che continua a porre con chiarezza le condizioni di un possibile accordo ad un prezzo sempre più alto per l’avversario, ma corrispondente ai progressi sul terreno militare. Da una parte sei anatre zoppe ed una figurante le quali confidano ancora, almeno in apparenza, di logorare e piegare l’avversario con il loro repertorio di sanzioni, di predazioni e con una guerra di usura, non più offensiva, che sta, però, consumando tragicamente i propri paladini sempre meno disposti al sacrificio; dall’altro un leader ben in sella, dal consenso crescente che lascia intravedere il carattere e le intenzioni di successori dalle idee ben più radicali. Al cospetto di entrambi, la realtà sul terreno militare in Ucraina che mostra il drammatico dissanguamento dell’esercito ucraino e il progressivo avanzamento delle posizioni russe. Il quadro geopolitico diventa sempre più instabile e pericoloso con la classe dirigente occidentale, a guida statunitense, al momento chiusa in un vicolo cieco e incapace di arretramenti compatibili con la propria sopravvivenza. Niente, però, è ancora deciso. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v51sdt5-russia-ucraina-il-conflitto-62a-puntata-smarrimento-e-determinazione-di-pre.html

Orban ha ottenuto ciò che voleva dalla NATO e ha garantito gli oggettivi interessi nazionali dell’Ungheria, di ANDREW KORYBKO

È sempre stato irrealistico immaginare che Orban potesse fermare i piani della NATO in Ucraina.

L’incontro di mercoledì tra il primo ministro ungherese Viktor Orban e il capo della NATO Jens Stoltenberg ha visto i due leader raggiungere un accordo sugli aiuti militari del blocco all’Ucraina . L’Ungheria non si opporrà alle decisioni della NATO a questo riguardo, come ha fatto per breve tempo con quelle dell’UE, in cambio che la NATO non obblighi l’Ungheria a partecipare ad un accordo convenzionale. intervento lì, consentire che il suo territorio venga utilizzato per facilitare ciò e finanziare le forze armate ucraine. In poche parole, hanno deciso di non essere d’accordo e di non interferire negli affari dell’altro.

Anche se alcuni osservatori all’estero favorevoli a Orban potrebbero rimanerne delusi, farebbero bene a riflettere su quanto fosse irrealistico per loro immaginare che lui solo potesse fermare i piani della NATO. Il leader ungherese è diventato un eroe di culto tra i dissidenti occidentali che si oppongono alla delega del blocco guerra alla Russia attraverso l’Ucraina, dopo aver coraggiosamente messo in guardia negli ultimi due anni su quanto irresponsabile e pericolosa sia questa politica. Le sue dichiarazioni dalle parole forti incanalavano perfettamente le loro opinioni su questo tema.

Tuttavia, alla fine è solo un uomo a capo di un paese relativamente piccolo il cui ruolo in questa guerra per procura è messo in ombra da quello della vicina Polonia e della vicina Romania. Era quindi impossibile per lui mettere un freno ai piani della NATO e tutto ciò che poteva sperare, nella migliore delle ipotesi, era ottenere garanzie pubbliche che l’Ungheria non sarebbe stata coinvolta in questo imbroglio. Questo è esattamente ciò che ha ricevuto mercoledì, che Stoltenberg gli ha dato nel tentativo di migliorare la reputazione del blocco.

Dal punto di vista della NATO e tenendo presente l’incapacità dell’Ungheria di fermare un intervento convenzionale in Ucraina e di impedire ad altri di finanziare le forze armate ucraine, era più sensato lasciare in pace quel membro ribelle per sviare dalle accuse di bullismo. Fare pressione pubblicamente sull’Ungheria affinché invii le sue truppe in Ucraina e permetta ad altre di transitare attraverso il suo territorio, nonostante quanto queste politiche siano impopolari in patria, potrebbe creare paragoni negativi tra la NATO e il Patto di Varsavia.

Di conseguenza, in questo caso gli ungheresi potrebbero ribellarsi violentemente contro i loro letterali occupanti della NATO e potrebbero anche ostacolare le rotte logistiche da cui dipenderebbe questo intervento convenzionale, creando così molti più problemi di sicurezza, logistici e di immagine di quanti ne valgano la pena. Ecco perché si è scelto di rispettare la decisione dell’Ungheria di restare fuori dall’ambito di queste attività, il che è pragmatico e dà anche falso credito all’affermazione secondo cui la NATO è un insieme di democrazie e non di dittature liberali.

Orban sapeva che non sarebbe mai riuscito a fermare ciò che sarebbe potuto accadere, motivo per cui voleva solo ottenere garanzie pubbliche che gli interessi nazionali oggettivi del suo paese sarebbero stati garantiti in quello scenario. Il suo precedente litigio con l’UE sull’Ucraina riguardava principalmente la garanzia pubblica che i fondi bloccati dell’Ungheria non sarebbero stati reindirizzati verso quel paese, mentre l’ultimo con la NATO riguardava principalmente la garanzia pubblica che le sue truppe e il suo territorio non sarebbero stati utilizzati per intervenire lì. .

Non solo ha ottenuto ciò che voleva da entrambi, ma ha anche convinto l’UE ad accettare un meccanismo di verifica per gli aiuti non letali all’Ucraina e la NATO ad accettare che l’Ungheria non finanzierà le forze armate ucraine. Entrambe erano concessioni superficiali, dal momento che il meccanismo dell’UE non prevede alcun diritto di veto per interrompere la continua dispersione di questi aiuti se la corruzione dovesse andare ulteriormente fuori controllo, mentre la NATO non ha meccanismi per costringere l’Ungheria a finanziare comunque le forze armate ucraine.

Questi due aspetti sono stati aggiunti ai rispettivi accordi per motivi di apparizioni pubbliche al fine di far apparire questi blocchi interconnessi più democratici di quanto non siano in realtà. L’UE dispone di mezzi legali per prevalere sull’Ungheria, proprio come la NATO ne ha di potenti, ma nessuno dei due ha voluto ricorrere ad essi poiché sarebbe stato più semplice dare all’Ungheria ciò che voleva. Allo stesso modo, è stato più facile per l’Ungheria accettare questi accordi piuttosto che resistere donchisciottevolmente a questi due, il che potrebbe finire in un disastro se avesse osato farlo.

A differenza di quanto alcuni sostenitori di Orban all’estero avrebbero potuto ipotizzare, secondo cui lui sarebbe stato spaventato dal tentato omicidio del vicino primo ministro Robert Fico e non avrebbe dovuto raggiungere quest’ultimo accordo, il leader ungherese non ha rinunciato a nulla se non alle sue proteste simboliche e ha ottenuto tutto ciò che voleva. La NATO distruggerebbe la sua credibilità tornando alle sue garanzie pubbliche all’Ungheria, cosa che non ha motivo di fare dal momento che l’Ungheria non è comunque parte integrante dei suoi piani per l’Ucraina, quindi si prevede che questo accordo duri.

Né gli Stati Uniti né la Russia vogliono che l’Ucraina entri nella NATO, ciascuno per ragioni diverse, eppure gli Stati Uniti vogliono continuare a militarizzare l’Ucraina per poter continuare a condurre la guerra per procura della NATO contro la Russia, mentre la Russia vuole smilitarizzare l’Ucraina per porre fine alle minacce per procura della NATO, di matrice ucraina, alla sua sicurezza.

Zelensky ha celebrato giovedì il nuovo patto di sicurezza del suo Paese con gli Stati Uniti come “portando le nostre relazioni al livello di una vera e propria alleanza“, ma la realtà è che si tratta solo di una consolazione per la mancata approvazione da parte degli Stati Uniti dell’adesione dell’Ucraina alla NATO, che le darebbe impegni di difesa reciproca molto più significativi. Il testo completo può essere letto qui mentre la scheda informativa può essere letta qui, e così facendo il lettore apprenderà che gli Stati Uniti stanno semplicemente formalizzando il sostegno che hanno dato Ucrainadal febbraio 2022.

Non c’è alcun obbligo per gli Stati Uniti di inviare truppe in Ucraina se questa dovesse entrare in un altro ciclo di ostilità con la Russia dopo la fine di quello in corso. A dire il vero, nemmeno l’articolo 5 della NATO impone lo stesso obbligo, ma gli Stati Uniti sarebbero molto più sotto pressione per aiutare direttamente l’Ucraina se fosse un alleato militare ufficiale, motivo per cui la Russia si è sempre opposta con forza all’adesione del Paese. L’ultimo patto, quindi, non fa altro che mantenere il ruolo dell’Ucraina come proxy anti-russo della NATO.

Come è stato osservato a metà gennaio dopo che l’Ucraina ha raggiunto il primo accordo di questo tipo con il Regno Unito, “Le sperate ‘garanzie di sicurezza’ dell’Ucraina non sono tutte quelle che sono state pubblicizzate“. Il precedente stabilito da quel patto ha posto le basi per tutti quelli successivi, compreso l’ultimo con gli Stati Uniti. La notizia bomba lanciata da Biden all’inizio di giugno su come la pace in Ucraina “non significa NATO, fanno parte della NATO“, non lascia dubbi sul fatto che gli Stati Uniti preferiscano mantenere quel Paese fuori dal blocco.

Dal punto di vista americano, l’Ucraina ha un’utilità strategica molto maggiore nel fungere da proxy anti-russo della NATO piuttosto che come alleato militare ufficiale che gli Stati Uniti si sentirebbero spinti a sostenere direttamente in caso di un altro conflitto con la Russia a causa dell’interpretazione degli impegni dell’articolo 5 da parte dell’opinione pubblica. In altre parole, la NATO proxy la guerra alla Russia attraverso l’Ucraina terminerebbe se il Paese aderisse al blocco, ma dal punto di vista della Russia, Kiev potrebbe riprenderla unilateralmente per provocare una grave crisi..

Né gli Stati Uniti né la Russia vogliono che l’Ucraina entri nella NATO, ciascuno per ragioni diverse, eppure gli Stati Uniti vogliono continuare a militarizzare l’Ucraina per poter continuare a condurre la guerra per procura della NATO contro la Russia, mentre la Russia vuole smilitarizzare l’Ucraina per porre fine alle minacce per procura della NATO alla sua sicurezza. È il naturale attrito tra questi due obiettivi a guidare il conflitto in corso, che si prevede si trascinerà a lungo poiché i due Paesi non sono in grado di raggiungere i loro obiettivi massimi, ma non vogliono nemmeno ridurli.

La NATO non può strategicamente sconfiggere la Russia attraverso l’Ucraina a causa della sua perdita nel “race of logistics”/“guerra di logoramento“, che ora vede la Russia producendo il triplo dei proiettili a un quarto del costo, può solo accontentarsi di perpetuare la guerra per procura fino a quando la Russia non avrà fatto un passo avanti. Per quanto riguarda la Russia, non può smilitarizzare completamente l’Ucraina poiché la NATO potrebbe convenzionalmente intervenire per partizionare asimmetricamente il Paese in caso di rottura, mantenendo così una parte dell’Ucraina militarizzata sotto l’ombrello della NATO.

Tuttavia, il suddetto scenario potrebbe porre le basi per un accordo di cessate il fuoco se le forze della NATO rimarranno a ovest del Dnieper mentre l’Ucraina ritirerà le sue armi pesanti oltre il fiume per smilitarizzare la sponda orientale che politicamente rimane sotto il controllo di Kiev. La Russia potrebbe considerare la massiccia zona cuscinetto che verrebbe creata sulla scia di quest’ultima per essere un compromesso accettabile sul suo obiettivo massimalista di smilitarizzare tutta l’Ucraina a patto che la NATO riconosca tacitamente i suoi nuovi confini..

Sebbene la NATO sia restia ad assumersi la responsabilità di qualsiasi parte dell’Ucraina, poiché gli Stati Uniti vogliono evitare di creare il fatto compiuto dell’adesione del Paese al blocco, potrebbero accontentarsi di questa “sfera di influenza” a queste condizioni, dopo tutto quello che hanno investito finora, piuttosto che rischiare di perderla. L’accordo di sicurezza recentemente concluso dagli Stati Uniti con l’Ucraina aumenta anche le probabilità che ciò accada, poiché ora gli Stati Uniti sono più che mai sotto pressione per impedire alla Russia di infliggere una sconfitta strategica alla NATO attraverso l’Ucraina.

L’adesione de facto dell’Ucraina alla NATO, che si verificherebbe se parte del Paese passasse sotto il suo controllo nello scenario di spartizione asimmetrica descritto, porrebbe comunque lo stesso dilemma strategico che gli Stati Uniti e la Russia hanno voluto evitare tenendola fuori dal blocco per motivi diversi. Sarebbe quindi doveroso per gli Stati Uniti costringere il proprio proxy a ritirare le armi pesanti più in profondità nell’Ucraina occidentale, per ridurre le possibilità che colpisca unilateralmente la Russia per provocare una crisi.

Tornando al punto di vista di ciascuna delle parti toccato in precedenza, il compromesso degli Stati Uniti consisterebbe nell’interrompere bruscamente la loro guerra per procura e nel riconoscere tacitamente i nuovi confini della Russia, mentre la Russia accetterebbe che una parte dell’Ucraina rimanga militarizzata, ma solo in cambio di una massiccia zona cuscinetto. Sebbene questo compromesso sia razionale e pragmatico, non si può dare per scontato che i loro politici abbiano la volontà politica di perseguirlo, né tantomeno che siano a conoscenza di questa proposta.

C’è anche il pericolo che La Terza Guerra Mondiale potrebbe scoppiare per un errore di calcolo durante la breve fase di spartizione di questo scenario, se viene effettuata ad hoc tra NATO, Russia e Ucraina. Ecco perché è imperativo che una terza parte veramente neutrale come l’India aiuti a coordinare l’intervento della prima fino al Dnieper, la moderazione della seconda nel non sfruttare al massimo lo sfondamento che potrebbe innescare il suddetto, e il ritiro delle armi pesanti sul fiume da parte della terza in quell’eventualità.

Gli scenari migliori si verificano raramente, quindi è probabile che la sequenza di eventi di cui sopra si svolga in gran parte ad hoc, anche se con un gruppo selezionato di Paesi che lavorano individualmente per trasmettere le linee rosse di ciascuna parte all’altra, al fine di contribuire a controllare le escalation reciproche. Se la NATO attraversa il Dnieper o la Russia sfrutta la sua breccia per marciare ancora una volta su Kiev o addirittura Odessa, allora la loro controparte potrebbe compiere un’escalation per autodifesa (falsamente percepita nel caso della NATO) e provocare così una grave crisi.

Solo se le tensioni tra la NATO e la Russia rimarranno gestibili nello scenario di intervento e di rottura, la parte ucraina potrebbe entrare in gioco, con il blocco che ordinerebbe a Kiev di ritirare l’armamento pesante oltre il fiume, al fine di completare la divisione asimmetrica del Paese creando una massiccia zona cuscinetto. Detto questo, la NATO potrebbe non dare tale ordine o Kiev potrebbe rifiutarsi, nel qual caso la Russia continuerebbe ad avanzare fino a quando la NATO non attraverserà il Dnieper o l’Ucraina non ritirerà il suo armamento pesante.

Tornando all’argomento, se da un lato il patto di sicurezza degli Stati Uniti con l’Ucraina è una consolazione per la mancata approvazione dell’adesione alla NATO, dall’altro questo accordo aumenta paradossalmente la possibilità che l’Ucraina diventi di fatto un membro della NATO, nonostante gli Stati Uniti vogliano evitarlo con questi mezzi. Gli Stati Uniti sarebbero più che mai spinti ad approvare un intervento convenzionale della NATO se la Russia riuscisse a fare breccia, invece di rischiare di perdere tutta l’Ucraina, che potrebbe finire in parte sotto il controllo della NATO.

Formalizzando l’attuale sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina, finalizzato a perpetuare la guerra per procura della NATO contro la Russia, gli Stati Uniti alzano la loro posta in gioco reputazionale nel conflitto al punto da non poter accettare che la Russia gli infligga una sconfitta strategica smilitarizzando completamente l’Ucraina. È quindi più probabile che mai che intervengano direttamente se la Russia ottiene una svolta o almeno autorizzino i suoi alleati della NATO a farlo, facendo così degenerare il tutto verso fini incerti che possono sfociare in un cessate il fuoco o nella Terza Guerra Mondiale.

Il presidente Putin sapeva che avrebbero rifiutato i termini della sua proposta di cessate il fuoco, ma li ha comunque condivisi pubblicamente per scaricare sulle loro spalle la responsabilità della prevedibile escalation di quest’estate.

Il presidente Putin ha scioccato sia amici che nemici, la maggior parte dei quali fino a quel momento erano convinti che la Russia volesse catturare tutta l’Ucraina , condividendo una proposta di cessate il fuoco venerdì durante il suo discorso al Ministero degli Esteri. Le condizioni sono semplici : l’Ucraina deve ritirarsi dai confini amministrativi delle quattro regioni che si sono unite alla Russia dopo i referendum del settembre 2022 e dichiarare che non vuole più aderire alla NATO. Così facendo “cesseremo immediatamente il fuoco e avvieremo i negoziati”, ha promesso.

C’è però qualcosa di più di quanto sembri, dato che il momento è arrivato un giorno prima dei colloqui svizzeri a cui la Russia si oppone ferocemente per le ragioni che sono state spiegate qui . La sua proposta è stata condivisa anche nel contesto degli incipienti sforzi sino – brasiliani per organizzare un parallelo processo di pace non occidentale che loro e la Russia sperano possa culminare in un accordo al vertice del G20 di novembre a Rio. In quanto tale, anche se non c’è motivo di dubitare della sua sincerità come hanno fatto alcuni , è chiaro che intendeva sventare il primo e sostenere il secondo.

Non solo, ma probabilmente aveva anche in mente il più ampio contesto strategico-militare di un’imminente escalation entro quest’estate che potrebbe verificarsi se i membri della NATO convenzionalmente intervenire in Ucraina con il pretesto di “difenderla” nel caso di uno sfondamento russo in prima linea. Se una forza d’invasione attraversa il Dnepr e sembra minacciare le nuove regioni della Russia, allora è possibile che le armi nucleari tattiche possano essere usate per fermarle come ultima risorsa di autodifesa, ergo le esercitazioni in corso .

Considerando la probabilità che questa sequenza di eventi possa presto svolgersi e riconoscendo che tutto potrebbe poi degenerare in una terza guerra mondiale, il motivo ulteriore del presidente Putin per condividere la sua proposta di cessate il fuoco in questo momento specifico è stato quello di scongiurare quello scenario. Se l’Ucraina avesse accolto le sue richieste, non ci sarebbe stato motivo di continuare la fase militare dello speciale operazione poiché sarebbero state create le condizioni per concentrarsi esclusivamente sui mezzi diplomatici per garantire gli interessi del suo paese.

Tuttavia, era anche prevedibile che queste condizioni generose sarebbero state inaccettabili per l’Ucraina e soprattutto per i suoi padroni occidentali, poiché equivalevano al riconoscimento dei nuovi confini della Russia, cosa che entrambi hanno ripetutamente affermato che non avrebbero mai fatto. È anche inimmaginabile che concedano alla Russia il controllo sulle popolose città omonime di Kherson e Zaporozhye, nonché sui territori di quelle regioni a ovest del Dnepr, questi ultimi sarebbero difficili da mantenere ma sono ancora considerati da Mosca come propri.

Il presidente Putin sapeva che avrebbero rifiutato i termini della sua proposta di cessate il fuoco, ma li ha comunque condivisi pubblicamente per scaricare sulle loro spalle la responsabilità della prevedibile escalation di quest’estate . Questa intuizione suggerisce che è estremamente serio nell’usare armi nucleari tattiche come ultima risorsa di autodifesa se una forza d’invasione della NATO attraversa il Dnepr nel caso di una svolta russa in prima linea. Anche se rimanessero a ovest del fiume, la Russia potrebbe comunque colpirne convenzionalmente alcuni per inviare un messaggio.

Questo scenario di escalation, che potrebbe facilmente sfociare in una terza guerra mondiale, può essere evitato solo se l’Ucraina e l’Occidente rispettano i termini minimi della Russia per i colloqui di pace. Sono molto generosi poiché non riguardano la smilitarizzazione e la denazificazione, anche se la Russia probabilmente si aspetta di portare avanti questi obiettivi attraverso mezzi diplomatici. Anche così, sa anche che potrebbe non raggiungerli in pieno (se non del tutto), ma avrebbe almeno fatto sì che questi due riconoscessero i suoi nuovi confini e che l’Ucraina abbandonasse i suoi piani NATO.

Il leader russo non è più ingenuo come ha candidamente ammesso di essere stato lo scorso dicembre e quindi sa che qualsiasi armistizio di tipo coreano darebbe solo a entrambe le parti il ​​tempo di riarmarsi prima che il conflitto riprenda, ma è pronto per tale eventualità se non si raggiungerà una pace globale. raggiunti durante i colloqui. Anche l’Ucraina e l’Occidente lo sanno, e questo è un altro motivo per cui non rispetteranno le sue condizioni poiché si troverebbero in svantaggio durante il secondo round di ostilità se la Russia guadagnasse così tanto terreno.

Di conseguenza, i mezzi militari sono l’unico modo attraverso il quale la Russia potrà raggiungere il suo obiettivo politico minimo nell’operazione speciale volta a far riconoscere ai due paesi i suoi nuovi confini, ma sarebbe riluttante a fermarsi anche se ciò fosse ottenuto a tutti i costi che dovrebbe hanno pagato per arrivare a quel punto. Il presidente Putin non potrebbe accettare di congelare il conflitto senza raggiungere anche alcuni dei suoi obiettivi di sicurezza, anche se l’Ucraina abbandona solo superficialmente i suoi piani NATO pur rimanendo un membro informale del blocco.

Onestamente, l’Ucraina e l’Occidente hanno più da guadagnare accettando le generose condizioni di cessate il fuoco del presidente Putin e poi raddoppiando la loro militarizzazione indipendentemente da una possibile ripresa del conflitto che continuando a combattere invano per cacciare la Russia dal territorio che Kiev rivendica come suo. Le tendenze strategico-militari sono interamente a favore della Russia a causa della sua vittoria sulla NATO nella “ corsa logistica ”/“ guerra di logoramento ”, quindi ha perfettamente senso che il blocco chieda una pausa per riarmarsi.

Anche se decidessero contro un secondo round di ostilità, l’Ucraina può comunque armarsi fino ai denti e avere abbastanza tempo per addestrare le sue truppe a utilizzare sofisticati sistemi d’arma, mentre gli Stati Uniti potrebbero armare ulteriormente i suoi alleati asiatici come parte dei loro sforzi di contenimento anticinese. . Il problema, dal loro punto di vista, tuttavia, è che ciò richiede innanzitutto che riconoscano tacitamente di non essere riusciti a sconfiggere strategicamente la Russia come avevano promesso, oltre a riconoscere i suoi nuovi confini.

Entrambi sono politicamente inaccettabili, quindi preferiscono continuare a combattere invano per salvare la propria reputazione, anche a rischio di una spirale che sfocia nella Terza Guerra Mondiale. L’unica condizione alla quale si fermeranno è che raggiungano qualcosa di simbolico che possa poi essere interpretato come una vittoria strategica. Ciò potrebbe essere ottenuto attraverso l’ingresso formale delle truppe NATO in Ucraina e la successiva adesione di fatto di quel paese al blocco, ad esempio, anche se Kiev perdesse più territorio nel processo.

Ciò che è più importante per loro è l’ottica della vittoria, anche se in definitiva sarà di Pirro, dopo gli enormi costi militari, economici e di opportunità che saranno stati pagati per ottenerla. Dato che il loro obiettivo strategico di sconfiggere la Russia è irraggiungibile, ora cercano disperatamente di far sembrare almeno di aver raggiunto uno dei loro obiettivi politici prima di accettare di porre fine a questa guerra per procura. Questi calcoli sono molto pericolosi poiché suggeriscono che l’Occidente rischierà davvero la Terza Guerra Mondiale per ottenere ciò.

Questa piattaforma multilaterale, che riunisce i propagandisti occidentali con un pretesto filo-ucraino, può essere utilizzata dal governo degli Stati Uniti per intromettersi nelle prossime elezioni presidenziali in modo molto più efficace che mai.

Gli Stati Uniti e la Polonia ne hanno raggiunti due accordi all’inizio di questa settimana per istituire il “Gruppo per le comunicazioni ucraine” (UCG) con sede a Varsavia. Il suo obiettivo esplicitamente dichiarato è “coordinare la messaggistica, promuovere un resoconto accurato dell’invasione su vasta scala della Russia, amplificare le voci ucraine e denunciare la manipolazione delle informazioni da parte del Cremlino”. Nonostante sia diretto contro la Russia, probabilmente sarà rivolto anche contro l’opposizione nazionalista-conservatrice dell’Occidente e potrebbe facilmente crescere fino a coinvolgere più soggetti oltre alla sola Ucraina .

Il famigerato “Disinformation Governance Board” del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale, istituito per diversi mesi nel 2022 essenzialmente con la stessa missione, è stato costretto a chiudere sotto la pressione dell’opinione pubblica a causa delle legittime preoccupazioni che il suo mandato rischiasse di violare le libertà civili degli americani. Le sue menti, tuttavia, hanno imparato la lezione di non creare un’altra istituzione simile in patria, ed è per questo che stanno finalmente replicando le sue funzioni attraverso l’UCG e basandola a Varsavia invece che a Washington.

La sua posizione straniera e la sua parziale composizione straniera consentono al governo degli Stati Uniti (USG) di “negare plausibilmente” le accuse secondo cui esso rappresenta una minaccia simile alle libertà civili degli americani come fece il suo predecessore, inoltre eventuali future violazioni potrebbero essere attribuite ai loro partner stranieri per deviare colpa dell’USG. Dopotutto, l’ultimo dei suoi obiettivi esplicitamente dichiarati può essere sfruttato senza sforzo per prendere di mira tutti gli occidentali con il pretesto che sono esposti alla “manipolazione dell’informazione del Cremlino” o che la spacciano, consapevolmente o meno.

Da lì, è solo un proverbiale salto, salto e salto per trasformare l’UCG in un’arma contro i membri dell’opposizione nazionalista-conservatrice dell’Occidente, sia per creare artificialmente la base “legale” per spiarli o per diffamare queste figure in tribunale. dell’opinione pubblica. Questa missione non dichiarata assume un’urgenza più grande che mai per l’ élite liberale – globalista al potere in Occidente dopo i guadagni di alcuni dei loro rivali durante le ultime elezioni parlamentari europee e in vista delle prossime presidenziali statunitensi.

Potrebbero essere presi di mira, tra gli altri, il Raggruppamento Nazionale francese, l’AfD tedesco e persino i partiti polacchi “Legge e Giustizia” (PiS) e la Confederazione. Per quanto riguarda questi ultimi due, si sospetta che la decisione del primo ministro in carica Donald Tusk di rilanciare ipocritamente la “ commissione per l’influenza russa ” del suo predecessore, da lui stesso criticata l’estate scorsa, miri a denigrare il PiS prima delle elezioni presidenziali del prossimo maggio. Anche i suoi rivali hanno perso di poco meno dell’1% alle ultime elezioni del Parlamento europeo.

Per quanto riguarda la Confederazione, ha ottenuto più voti sotto i 30 anni rispetto ai due principali partiti del paese finendo al terzo posto nonostante sia stata denigrata dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen il mese scorso come “ amica di Putin” che “vuole distruggere l’Europa”. . Nel loro insieme, i risultati di PiS e Confederazione hanno dimostrato che la destra polacca è ancora forte nonostante i liberali-globalisti di Tusk abbiano vinto le ultime elezioni parlamentari europee, motivo per cui probabilmente saranno presi di mira dall’UCG.

Il mese scorso il ministro degli Esteri Radek Sikorski ha suggerito che chiunque sostenga i valori tradizionali sia contrario all’immigrazione clandestina e metta in discussione qualsiasi aspetto della vita ucraina Il possibile conflitto sotto l’influenza russa aggiunge credibilità a questa preoccupazione e potrebbe diventare lo standard informale dell’UCG in futuro. Come il lettore probabilmente ha intuito, ciò garantirebbe che anche il movimento Make America Great Again/America First di Trump venga preso di mira, con conseguenti violazioni delle libertà civili e ingerenze elettorali.

Qualunque sia la “sorpresa di ottobre” che Trump potrebbe svelare o che potrebbe casualmente accadere per scandalizzare ulteriormente Biden, potrebbe essere concepita come un presunto esempio di “manipolazione delle informazioni da parte del Cremlino” per giustificare l’interferenza dell’UCG nelle elezioni per conto del governo americano. Nel 2016 non esisteva una piattaforma del genere, quindi l’ingerenza di quell’anno è stata più o meno ad hoc, mentre quella del 2020 è stata relativamente più organizzata dopo che la “ex” comunità di intelligence si è riunita per descrivere falsamente il laptop di Hunter come “disinformazione russa”.

Essendo stato formato quasi cinque mesi prima delle elezioni presidenziali di novembre su suolo straniero, al di fuori dell’ambito della Costituzione degli Stati Uniti e parzialmente composto da governi stranieri, l’UCG può essere utilizzato dall’USG per intromettersi nel prossimo voto in modo molto più efficace che mai. In pratica, questa piattaforma può aiutare l’élite liberale-globalista al potere in Occidente a ottenere un vantaggio in ogni prossima elezione coordinando le loro campagne di guerra dell’informazione e i programmi di sorveglianza illegali.

Il motivo per cui il governo americano ha impiegato quasi due anni per ricreare sostanzialmente il “Disinformation Governance Board”, anche se nella sua nuova forma ibrida americano-europea e presumibilmente incentrata sull’Ucraina, è dovuto al fatto che i democratici hanno preso la loro sperata vittoria su Trump per concesso fino allo scorso autunno. È diventato chiaro allora, nel pieno della situazione di stallo del Congresso sugli aiuti all’Ucraina, che ha davvero abbastanza sostenitori per “sconfiggere l’imbroglione” e dargli un margine che è “troppo grande da manipolare”.

Questa nascente consapevolezza li ha spinti a creare una piattaforma multilaterale per riunire i propagandisti occidentali al fine di massimizzare i loro sforzi per sconfiggere Trump e altri come lui. Sebbene il risultato delle ultime elezioni del Parlamento europeo sia andato contro gli interessi politici di questa stessa élite, quell’organismo è in gran parte impotente e per lo più simbolico, a differenza delle sue controparti nazionali. Di conseguenza, non c’era bisogno di svelare pubblicamente l’UCG fino alla fine delle elezioni.

Il tempismo ha evitato lo scenario in cui l’opposizione nazionalista-conservatrice radunasse gli elettori intorno a sé per protestare contro questa piattaforma di ingerenza sottilmente mascherata, consentendo così alle élite di ottenere un indicatore relativamente più puro del sentimento pubblico attraverso questo voto principalmente simbolico invece di influenzarlo in quel modo. Ora che i risultati sono noti, non c’è motivo di nascondere ciò che hanno fatto in tutti questi mesi, motivo per cui hanno scelto letteralmente il giorno dopo le elezioni del Parlamento europeo per svelare l’UCG.

Ora possono usarlo più apertamente per interferire nei processi politici interni in tutto l’Occidente attraverso i mezzi descritti, con l’obiettivo principale di manipolare la percezione di Trump da parte degli elettori americani al fine di dissuaderli dal votare per lui in modo che le elezioni è più facile da attrezzare. L’UCG è quindi solo una versione rinominata del “Disinformation Governance Board” e, proprio come il suo predecessore, le vere macchinazioni di questa iniziativa sono facilmente smascherate, quindi anche il suo successo è tutt’altro che assicurato.

Non è da escludere che Zelenskyj possa incaricare uno dei suoi piloti di effettuare una missione direttamente dal territorio della NATO senza prima fermarsi in un aeroporto controllato da Kiev per indurre la Russia a colpire la base da cui era partita per legittima difesa. .

Il capo dell’aviazione dell’aeronautica ucraina Sergey Golubtsov ha dichiarato in un’intervista durante il fine settimana a Radio Free Europe/Radio Liberty, gestita dagli Stati Uniti, che Kiev prevede di immagazzinare alcuni dei suoi F-16 negli stati NATO per scopi di riserva e addestramento. Sebbene questa possa sembrare una politica pragmatica, soprattutto perché dissuaderebbe la Russia dal distruggere la sua intera flotta dal momento che il presidente Putin ha recentemente deriso le speculazioni sul suo complotto per attaccare la NATO definendole “ stronzate ”, in realtà aumenta il rischio di una terza guerra mondiale.

Per spiegare, anche se il capo dell’aeronautica americana Frank Kendell ha affermato l’estate scorsa che gli F-16 ” non cambieranno le regole del gioco ” per l’Ucraina e lo stesso Golubtsov ha confermato nella sua ultima intervista che “non sono una panacea e noi lo facciamo”. non portare occhiali rosa ”, entrambi minimizzano la dimensione nucleare. Il presidente Putin ne ha parlato all’inizio di questa primavera quando ha osservato che “gli aerei F-16 possono anche trasportare armi nucleari, e dovremo tener conto anche di questo mentre organizziamo le nostre operazioni di combattimento”.

Il leader russo ha anche avvertito che “li considereremmo obiettivi legittimi se operassero dagli aeroporti di paesi terzi, non importa dove si trovino”. La sfiducia reciproca tra Russia e Stati Uniti è ai minimi storici e continua a diminuire di settimana in settimana, aggravata dai recenti attacchi dell’Ucraina contro i primi sistemi di allarme nucleare della Russia che avrebbero potuto essere tacitamente approvati dall’America . Ciò avviene mentre gli Stati Uniti stanno giocando un pericoloso gioco di pollo nucleare con la Russia.

È con tutto questo in mente che il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato il mese scorso che “non possiamo fare a meno di considerare la fornitura di questi sistemi (F-16) al regime di Kiev come un’azione deliberata di segnalazione da parte della NATO nella sfera nucleare”. Ha aggiunto, tuttavia, che le recenti esercitazioni tattiche sulle armi nucleari del suo paese potrebbero “dare un po’ di senso” alla NATO e dissuaderla dal oltrepassare la linea rossa definitiva. A giudicare da ciò che ha appena detto Golubtsov, tuttavia, gli Stati Uniti vogliono alzare la posta nel loro gioco del pollo nucleare.

Ciò significa che la Russia non può sapere se gli F-16 che attaccano sono dotati di armi nucleari, soprattutto se uno di loro della “riserva” ucraina con sede negli stati NATO decolla da lì ed effettua una missione senza prima fermarsi a Kiev. aeroporto controllato. Dal punto di vista del Cremlino potrebbe sembrare che un F-16 equipaggiato con armi nucleari e pilotato dalla NATO si stia preparando a effettuare un primo attacco. In risposta, la Russia potrebbe distruggere preventivamente la base da cui è partita, con o senza armi nucleari tattiche.

Il New York Times ha già citato un numero imprecisato di consiglieri anonimi di Biden per riferire che le priorità degli Stati Uniti e dell’Ucraina stanno divergendo, avvertendo che “l’Ucraina non ha più nulla da perdere dall’escalation con la Russia” mentre “Mr. Biden lo fa”. Non è quindi da escludere che Zelenskyj possa incaricare uno dei suoi piloti di effettuare una missione direttamente dal territorio della NATO senza prima fermarsi in un aeroporto controllato da Kiev per indurre la Russia a colpire di propria iniziativa la base da cui era partita. difesa.

Visto che la Danimarca ha approvato che l’Ucraina utilizzi gli F-16 donati per colpire all’interno del territorio universalmente riconosciuto dalla Russia, dopo che i suoi colleghi della NATO hanno approvato l’Ucraina che utilizza altre armi per fare lo stesso, questo è uno scenario spaventosamente reale secondo cui gli Stati Uniti potrebbero essere impotenti. fermare. L’unico modo per impedirlo è che gli Stati Uniti costringano i loro partner a non consentire all’Ucraina di immagazzinare i suoi F-16 sul loro territorio, ma Biden probabilmente non ha la volontà politica poiché teme le accuse di paura del presidente Putin.

I falchi anti-russi più ideologicamente radicalizzati dell’Occidente e i loro rappresentanti mediatici potrebbero anche affermare che costringere l’Ucraina a immagazzinare tutti i suoi F-16 all’interno del paese corre il rischio che la Russia li distrugga e quindi faccia sprecare completamente i preparativi della NATO durati mesi per quest’ultima escalation. Questo potrebbe essere sfruttato dai suoi avversari politici in patria prima delle elezioni di novembre, quindi è improbabile che voglia correre il rischio di mettere più elettori contro di lui con questa cosiddetta “stupida politica”.

Naturalmente, il coltello taglia anche in entrambe le direzioni, e i suoi oppositori potrebbero anche affermare che la “politica più stupida” è in realtà quella di lasciare che l’Ucraina depositi gli F-16 negli stati della NATO poiché ciò aumenta il rischio di una terza guerra mondiale, come spiegato in questa analisi. . Visto che i principali funzionari dell’aeronautica statunitense e ucraina non considerano nemmeno queste armi un “punto di svolta” o una “panacea” per loro stessa ammissione, non dovrebbero nemmeno essere messe in campo in primo luogo a causa a questo rischio irresponsabile.

Tuttavia, gli F-16 saranno ora inevitabilmente utilizzati dopo tutto il tempo e gli investimenti dedicati all’addestramento dei piloti ucraini, per non parlare del clamore mediatico durante tutti questi mesi. È già stata presa la decisione di immagazzinarne alcuni nei paesi della NATO, quindi resta da vedere se Zelenskyj è davvero disposto a rischiare tutto autorizzando una missione per attaccare la Russia direttamente da una di quelle basi. Ha il movente e l’opportunità, motivo per cui non sarebbe sorprendente se ci provasse in preda alla disperazione.

Allo stato attuale, la Confederazione ha una reale possibilità di ridefinire cosa significa essere un nazionalista conservatore in Polonia, simile nello spirito a come i movimenti complementari Make America Great Again e America First hanno già fatto negli Stati Uniti, anche se hanno ancora bisogno di più tempo per raggiungere quel livello.

Le elezioni parlamentari europee di domenica (EUP) hanno visto un aumento del sostegno ai nazionalisti conservatori in tutta l’Europa occidentale, ma hanno anche visto i liberali-globalisti del primo ministro polacco Donald Tusk vincere più voti di qualsiasi altro partito nazionale per la prima volta in un decennio. La sua Coalizione Civica (KO) è risultata in testa con il 37,06%, mentre i suoi oppositori nazionalisti-conservatori del partito Legge e Giustizia (PiS) che ha governato la Polonia negli ultimi otto anni prima del suo ritorno al potere hanno ottenuto il 36,16%.

Rispetto alle elezioni parlamentari polacche dello scorso autunno, dove KO ha ottenuto il 30,7% dei voti mentre PiS ha vinto il 35,38%, ciò rappresenta rispettivamente un aumento del 6,36% e dello 0,78%. Un confronto superficiale dei risultati elettorali consecutivi suggerirebbe che il sentimento liberale-globalista sia in aumento, ma questa sarebbe una conclusione capziosa poiché i dati rilevanti di altri partiti raccontano un quadro diverso. Questi sono la Confederazione nazionalista-conservatrice e gli alleati della coalizione di governo di KO, provenienti da La Sinistra e La Terza Via.

La Confederazione ha ottenuto il 7,16% lo scorso autunno e il 12,08% domenica con un aumento del 4,92%, mentre La Sinistra e La Terza Via hanno visto diminuire il loro sostegno nella società. Il primo ha ottenuto l’8,61% prima e il 6,3% adesso con un calo del 2,31%, mentre le statistiche corrispondenti del secondo sono del 14,4% l’anno scorso e del 6,91% quest’anno con un enorme calo del 7,49% che ha più che dimezzato il sostegno del partito. Da notare che le elezioni parlamentari nazionali dello scorso autunno hanno visto un’affluenza alle urne del 74,4% mentre le elezioni EUP di quest’estate sono state solo del 40,65% .

Considerando che il calo del sostegno per gli alleati della coalizione di governo di Tusk è stato pari al 9,8% tra le due elezioni, mentre il sostegno del suo partito è aumentato del 6,36%, si può supporre che la maggior parte di coloro che hanno abbandonato La Sinistra e La Terza Via abbiano votato per il KO. Il resto di questi ultimi apparentemente è passato alla Confederazione e alcuni sono andati al PiS. È importante sottolineare che l’exit poll dell’outlet polacco Onet ha mostrato che oltre il 30% degli elettori di età compresa tra i 18 e i 29 anni sostiene la Confederazione, rendendolo il partito più popolare tra loro.

Le elezioni dello scorso autunno hanno visto il secondo classificato KO formare il governo di coalizione in carica dopo La Terza Via, che era stato creato per sottrarre sostenitori relativamente più “centristi” al PiS, e la sinistra ha accettato di allearsi con esso invece che con l’allora in carica. Proprio come la narrazione sulla vittoria di Biden nel 2020 prevedeva che una coalizione di disparati malcontenti si unisse per una causa condivisa, indipendentemente da qualunque opinione si avesse sul fatto che fosse stata commessa o meno una frode, così è accaduta la stessa cosa anche in Polonia.

Da allora, Tusk ha provocato la peggiore crisi politica della Polonia dagli anni ’80 attraverso la persecuzione dell’opposizione, due dei quali membri del precedente governo e che sono stati al centro di un grande scandalo hanno appena conquistato seggi nell’EUP. La sinistra sostiene le sue mosse, quindi alcuni dei loro elettori potrebbero aver deciso di sostenere il KO durante le ultime elezioni per paura che parte della popolazione potrebbe manifestarsi dietro il PiS in segno di protesta e aiutarlo a ottenere la vittoria se invece si aggrappassero al loro partito.

Per quanto riguarda la Terza Via, tuttavia, la base del PiS, apparentemente “centrista”, è stata probabilmente spaventata da tutto ciò che è accaduto dopo le ultime elezioni, ma a quanto pare non è stata convinta dal suo partito “originale” a tornare ad esso durante le ultime elezioni. Un sondaggio credibile condotto all’inizio della primavera sull’atteggiamento dei polacchi nei confronti dell’Ucraina e sulle proteste degli agricoltori potrebbe far luce sulle loro riflessioni, poiché potrebbero aver iniziato a incolpare in parte l’eredità delle politiche del PiS per questi problemi interconnessi.

In tal caso, l’approccio duro della Confederazione nei confronti dell’Ucraina avrebbe potuto diventare molto più attraente per loro poiché prende proverbialmente due piccioni con una fava mirando a far uscire la Polonia da questa pericolosa guerra per procura parallelamente alla protezione dell’industria agricola del loro paese. Alcuni membri della base del PiS (sia membri attuali che disertori della Terza Via) potrebbero anche essersi rivoltati contro il partito dopo aver appreso di più sul suo approccio liberale nei confronti dell’immigrazione legale di individui culturalmente dissimili .

L’ex partito al potere ne ha consentito l’ingresso in Polonia a ben 250.000 , più di Francia e Germania, nonostante affermassero di essere strenui difensori della tradizionale società polacca. Al contrario, la Confederazione vuole ridurre drasticamente tutte le forme di immigrazione e porre limiti al numero di persone provenienti da società culturalmente diverse, oltre a deportare tutti coloro che infrangono la legge. È quindi facile capire come avrebbero potuto attrarre gli ex elettori del PiS che avevano abbandonato la Terza Via.

Considerando che il sostegno elettorale del PiS è cresciuto solo marginalmente mentre quello di KO è probabilmente attribuibile al fatto che i suoi alleati della coalizione hanno votato direttamente per il PiS per paura che parte della popolazione potrebbe radunarsi dietro il PiS in segno di protesta e aiutarlo a ottenere una vittoria se invece si aggrappassero ai loro partiti , l’unico partito che ha realmente aumentato il proprio consenso rispetto alle ultime elezioni è la Confederazione. Inoltre, l’importanza di vincere più voti under 30 di chiunque altro non può essere sopravvalutata poiché dimostra che hanno attinto allo zeitgeist.

Tenendo presenti queste osservazioni fattuali, si può concludere che la destra polacca è ancora forte nonostante i liberali-globalisti di Tusk abbiano vinto le ultime elezioni dell’EUP, ma con l’avvertenza che il movimento nazionalista-conservatore in Polonia si sta avvicinando alla visione della Confederazione e allontanandosi da esso. dal PiS’. Se la Confederazione non si fosse mai formata, allora il PiS avrebbe presumibilmente ottenuto la sua quota di voti e sarebbe uscito vittorioso ancora una volta in queste ultime elezioni, ma in quel caso la destra non si sarebbe mai evoluta.

Allo stato attuale, la Confederazione ha una reale possibilità di ridefinire cosa significa essere un nazionalista conservatore in Polonia, simile nello spirito a come i movimenti complementari Make America Great Again e America First hanno già fatto negli Stati Uniti, anche se hanno ancora bisogno di più tempo per raggiungere quel livello. Tuttavia, ciò che hanno ottenuto finora nelle ultime elezioni dell’EUP è impressionante, e dimostra che sono davvero una forza da non sottovalutare dopo aver vinto il voto degli under 30.

Tutto sommato, il vero significato di questa imminente visita è quello di mettere a disagio i politici americani e l’opinione pubblica, non di prepararsi ad attaccare gli Stati Uniti o di rafforzare la capacità dei suoi partner regionali di farlo.

Funzionari statunitensi hanno affermato la scorsa settimana che la Russia sta inviando diverse navi da guerra e aerei nei Caraibi, dove dovrebbero visitare Cuba e il Venezuela una volta arrivati, cosa che L’Avana ha poi confermato . Ciò ha coinciso con l’ulteriore peggioramento dei legami russo-americani nel contesto del pericoloso gioco del pollo nucleare di questi ultimi in Ucraina ed è avvenuto quando il presidente Putin ha avvertito in modo criptico che il suo paese potrebbe armare i nemici degli Stati Uniti proprio come stanno armando quelli della Russia.

Questo contesto potrebbe aver spinto alcuni osservatori a ricordare che il vicepresidente del comitato di difesa della Duma e leader del partito Rodina, Alexei Zhuravlev, ha detto ai media locali alla fine di gennaio che la Russia avrebbe dovuto posizionare missili nucleari e sottomarini associati a Cuba, Nicaragua e Venezuela. All’epoca si consigliava di non leggere troppo a fondo il suo suggerimento poiché probabilmente era stato condiviso solo per motivi di clamore mediatico e avrebbe potuto ritorcersi contro i partner della Russia se provocasse un forte aumento dell’ingerenza degli Stati Uniti.

Allo stesso modo, gli osservatori non dovrebbero nemmeno leggere troppo in profondità l’imminente visita navale della Russia nei Caraibi poiché questa sembra essere nient’altro che una mossa simbolica volta a mostrare all’Occidente che la Russia può posizionare forze anche ai loro confini e che non è “isolata”. come affermano i media. È importante notare che gli anonimi funzionari statunitensi hanno minimizzato questo sviluppo affermando di non considerarlo una minaccia, il che è vero, ma potrebbero anche avere ulteriori motivi per dirlo.

Alcuni si sarebbero potuti aspettare che avrebbero sfruttato questa mossa per diffondere al massimo la paura nei confronti della Russia prima delle elezioni di novembre, ma si può sostenere che attirare l’attenzione su questo farebbe il gioco di Mosca, consentendole di esprimere in modo più convincente i punti sopra menzionati al pubblico statunitense. Per questo motivo, mentre gli Stati Uniti stanno minimizzando questa visita (almeno per il momento), i media internazionali russi finanziati con fondi pubblici e i media indipendenti comprensivi probabilmente la pubblicizzano.  

Far sì che gli americani capiscano cosa vuol dire avere un avversario dotato di armi nucleari nel loro cortile potrebbe convincere un numero maggiore di loro che il loro governo dovrebbe intraprendere azioni tangibili. passi verso il congelamento dell’ucraino Il conflitto prima che le tensioni sfuggano al controllo. In quella che molti si aspettano essere un’elezione equilibrata, questo potrebbe fare la differenza su chi vincerà, anche se il presidente Putin ha già affermato che il risultato non ha importanza per la Russia.

Anche così, ci sono certamente alcuni politici qui che disprezzano Biden per quello che ha fatto alla Russia attraverso l’Ucraina, e potrebbero volere che i loro media amplificassero i messaggi inviati da queste imminenti esercitazioni per dare a Trump un vantaggio come vendetta per il guerrafondaio del presidente in carica. C’è anche la possibilità, per quanto debole possa sembrare al momento, che la Russia prenda in considerazione la vendita ai suoi partner caraibici di missili che potrebbero colpire gli Stati Uniti o “fa trapelare” questo scenario ai suoi media per diffonderlo agli americani.

Tutto sommato, il vero significato di questa imminente visita è quello di mettere a disagio i politici americani e l’opinione pubblica, non di prepararsi ad attaccare gli Stati Uniti o di rafforzare la capacità dei suoi partner regionali di farlo. I funzionari anonimi che hanno parlato di questo ai media comprendono molto bene l’obiettivo della Russia ed è per questo che hanno minimizzato l’importanza militare di questa visita, ma è proprio per questo motivo che i media russi e gli organi di stampa indipendenti solidali potrebbero trasformare questo viaggio in qualcosa che non lo è. T

La reazione dei croati bosniaci e quella del loro vicino e omonimo stato membro della NATO alla prevista separazione della Republika Sprka sarà il fattore più cruciale per determinare se l’Occidente ricorrerà alla forza militare per fermare i serbi.

Il presidente della Republika Srpska Milorad Dodik in un’intervista alla TASS al Forum economico internazionale di San Pietroburgo della scorsa settimana ha confermato che il suo Stato intende separarsi dalla Bosnia, ma sta procedendo con molta attenzione per evitare qualsiasi instabilità. Poi ha incontrato il suo omologo serbo Aleksandar Vucic a Belgrado durante l’Assemblea panserba che ha prodotto la “ Dichiarazione sulla protezione dei diritti nazionali e politici e il futuro comune del popolo serbo ”.

Questo documento richiede soprattutto che le loro istituzioni agiscano in coordinamento tra loro per promuovere gli interessi del popolo serbo e equivale essenzialmente all’inizio della loro fusione informale secondo il modello del Commonwealth, a cui Dodik ha brevemente accennato nella sua intervista sopra menzionata. Questo, come ha spiegato, è uno sviluppo naturale che rappresenta le aspirazioni storicamente giustificate del popolo serbo, che lui ha paragonato all’unificazione della Germania dell’Est e dell’Ovest dopo la vecchia Guerra Fredda.

Il problema è che, tuttavia, è improbabile che l’Occidente abbandoni il suo esperimento politico fallito in Bosnia, durato tre decenni, dal momento che lo scopo dietro a mantenere artificialmente insieme quel sistema politico per tutto questo tempo è stato quello di dividere e governare il popolo serbo. Inoltre, dal momento che i serbi sono tra le persone più amichevoli con la Russia in tutto il mondo, è probabile che i falchi occidentali anti-russi dipingano questa mossa attesa da tempo come una sorta di complotto russo per seminare instabilità nei Balcani esattamente come ha appena ipotizzato l’Associated Press. .

Di conseguenza, le probabilità che rispettino il diritto, sancito dalle Nazioni Unite, del popolo a maggioranza serba della Republika Srpska di separarsi dalla Bosnia e unirsi alla Serbia sono basse. Con ogni probabilità, useranno tutti i mezzi a loro disposizione per opporsi a questo processo pacifico, soprattutto perché ostacolarlo con successo potrebbe poi essere presentato come una falsa vittoria sulla Russia per sollevare il morale dell’Occidente. Ciò include il guerrafondaio e forse anche l’attuazione delle loro minacce di fermare la Republika Srpska nella peggiore delle ipotesi.

A tal fine, ci si aspetta che l’Occidente faccia luce sul fatto che sono la Republika Srpska e la Serbia a prepararsi alla guerra con il sostegno segreto russo, non l’Occidente. In questo modo, possono riformulare tutto come l’opposto di ciò che è realmente, scambiando i ruoli di vittime e cattivi come fanno sempre, con l’obiettivo di manipolare l’opinione pubblica a loro sostegno. Questo non vuol dire che l’Occidente ricorrerà sicuramente alla forza militare per fermare la Republika Srpska, ma solo che almeno probabilmente le trasmetteranno tali minacce.

Tuttavia, ciò sarà molto più difficile da fare se la Republika Srpska convincerà i suoi omologhi bosniaci e soprattutto croati dell’altra metà della Bosnia, la Federazione di Bosnia ed Erzegovina, ad accettare la sua separazione pacifica. In tal caso, questo Stato rimasto può rimanere come successore della Bosnia o biforcarsi ancora una volta se la parte croata si unirà alla Croazia, lasciando così la parte bosniaca come paese a sé stante. Ci sono pro e contro in questi scenari da ciascuna delle loro prospettive, quindi non è chiaro cosa faranno alla fine.

La reazione dei croati bosniaci e quella del loro vicino e omonimo stato membro della NATO alla prevista separazione della Republika Sprka sarà il fattore più cruciale per determinare se l’Occidente ricorrerà alla forza militare per fermare i serbi. Se concordano sul fatto che questo è il modo più pragmatico per promuovere veramente gli interessi dei tre popoli costituenti della Bosnia e non rappresenta una minaccia per la regione a causa della mancanza di pretese serbe sugli altri, allora è improbabile che siano d’accordo. guerrafondaia dell’Occidente.

Un altro argomento a favore della separazione pacifica della Republika Srpska dalla Bosnia è che pochi vogliono combattere una guerra per il futuro di questo paese. Ognuna delle tre persone che la compongono ha già la propria nicchia in cui vivere in sicurezza, a differenza di quanto avvenuto dopo la dissoluzione della Jugoslavia. I legami socioeconomici tra loro possono quindi facilmente continuare anche in assenza di quelli politici. Dal momento che nessuno ha più pretese sulla terra di qualcun altro, la fine di questo esperimento non porterebbe automaticamente all’instabilità.

Inoltre, purché l’ ucraino Il conflitto continua, la priorità militare dell’Occidente è continuare a combattere la Russia per procura. Le forze armate della Republika Srpska e della Serbia sono incomparabili con quelle della Russia, nel senso che sarebbero facilmente sconfitte dalla NATO, ma anche così, un’altra guerra regionale distrarrebbe dall’attenzione militare dell’Occidente sulla Russia e porterebbe all’ulteriore esaurimento delle sue scorte già stressate. . È per questo motivo che il loro uso della forza per fermare la Republika Srpska non è scontato, anche se lo minacciano.

Una possibilità è che le minacce militari occidentali scoraggino la Republika Srpska dal dichiarare l’indipendenza e poi fondersi con la Serbia, ma che Dodik ritiri il riconoscimento della Bosnia da parte del suo Stato, proprio come il Puntland ha ritirato il riconoscimento della Somalia all’inizio di questa primavera dopo una disputa costituzionale. Questo sistema politico subnazionale africano è ancora universalmente riconosciuto come parte dello stato membro delle Nazioni Unite, ma è funzionalmente indipendente sotto tutti gli aspetti e lo è già da tempo, anche prima dell’ultimo sviluppo.

Nel caso della Republika Srpska, il ritiro del riconoscimento potrebbe essere irreversibile ma arrestarsi prima della secessione totale, con il risultato di un compromesso in base al quale la Bosnia e il resto della Bosnia possono seguire strade separate senza che vengano superate le linee rosse politiche che rischiano di spingere l’Occidente a entrare in conflitto. una reazione eccessiva. Durante questo periodo, la Republika Srpska e la Serbia potrebbero accelerare l’attuazione della loro dichiarazione congiunta, che cambierebbe la situazione politica sul terreno e creerebbe un fatto compiuto.

A questo punto, è ovvio che l’esperimento politico dell’Occidente in Bosnia non è riuscito a dividere e governare il popolo serbo, che ha cominciato a unirsi pacificamente ancora una volta. L’unico modo per fermarli è ricorrere alla forza, ma ciò distoglierebbe le armi e l’attenzione dal conflitto ucraino, inoltre la Croazia potrebbe non essere d’accordo. Per queste ragioni, gli osservatori non dovrebbero presumere che il guerrafondaio occidentale significhi un’altra guerra imminente, ma non dovrebbero nemmeno ignorare eventuali mosse tangibili in questa direzione.

Le loro parole sono puramente loro e non rappresentano la politica russa, ma i nemici e persino gli amici di quel paese hanno l’abitudine di insinuare il contrario, con i primi che lo fanno maliziosamente mentre i secondi lo fanno innocentemente.

L’esperto militare russo Konstantin Sivkov ha fatto notizia in tutto il mondo dopo aver parlato della Russia che ha bombardato la Polonia durante la sua apparizione in un importante talk show nazionale. I media occidentali hanno l’abitudine di insinuare disonestamente che le parole di tali esperti siano scritte dal governo, ma la realtà è che sono sempre improvvisate proprio come quelle di qualsiasi altro ospite nei principali programmi di ogni paese. Chiarito ciò, quello che ha detto sulla Polonia è davvero scandaloso, ed è così:

“Guardiamo alla Polonia. Questo è il candidato più realistico che potrebbe diventare un piccolo teatro di guerra nucleare. Ci sono 20 grandi città lì? Non credo. Se assegnassimo due missili nucleari a ciascuna città, sarebbero solo 30-40 missili. Questa è solo una salva di una divisione Iskander. In 10-15 minuti scompaiono sia lo Stato della Polonia che il popolo polacco. Anche la lingua polacca scomparirà. Gli europei devono capirlo. Invito gli europei a riflettere su ciò che stanno facendo”.

Sivkov non ha descritto lo scenario in cui la Russia avrebbe usato armi nucleari strategiche solo contro la Polonia, e ha anche dato per scontato, altrettanto irrealisticamente, che gli Stati Uniti non avrebbero nucleare la Russia in risposta alla distruzione del suo alleato NATO, entrambi i quali riflettono negativamente sulla situazione. le sue credenziali come esperto militare. Non è stata fornita alcuna spiegazione nemmeno sul motivo per cui la Russia avrebbe bombardato grandi città piene di civili invece che siti militari, e le sue parole sulla Polonia, sulla sua gente e persino sulla scomparsa della loro lingua sono problematiche.

Il punto che apparentemente stava cercando di sottolineare in un modo ultra-nazionalista da cartone animato, il cui stile è comune nei principali talk show russi, è che la Polonia dovrebbe riconsiderare il suo ruolo nel contesto ucraino. Conflitto poiché potrebbe essere il primo ad essere distrutto se dovesse scoppiare la terza guerra mondiale . Anche così, le parole che ha usato per trasmettere questo sono state interpretate all’estero come guerrafondaie e persino come un intento di genocidio del popolo polacco a causa di ciò che ha detto su di loro, sul loro stato e sulla scomparsa della lingua.

Come chiarito sopra, tuttavia, le sue parole sono puramente sue e non rappresentano la politica russa. Tuttavia, sia i nemici che gli amici di quel paese hanno l’abitudine di insinuare il contrario, con i primi che lo fanno maliziosamente mentre i secondi lo fanno innocentemente. Per spiegare, i “filo-russi non russi” tendono ancora a indulgere in un pio desiderio nonostante il presidente Putin abbia sconsigliato ai suoi servizi di intelligence stranieri di farlo nell’estate 2022, che in questo contesto assume la forma di credere agli esperti russi nazionali.

Lo stile ultranazionalista da cartone animato di queste figure è puramente per consumo interno e si basa sul presupposto (probabilmente fuorviante) che sia ciò che il russo medio ha bisogno di sentire per continuare a sostenere la politica estera e militare del proprio governo. Gli esperti a volte sembrano competere tra loro per vedere chi può dire le cose più stravaganti, cosa che i loro capi dei media approvano tacitamente (almeno per il bene degli ascolti), altrimenti sarebbero intervenuti per porre fine a queste buffonate molto tempo fa.

Se qualcuno prendesse le loro parole sempre alla lettera, allora penserebbe erroneamente che la Russia sia sul punto di lanciare un attacco nucleare preventivo contro l’Occidente, e non per autodifesa come ultima risorsa, ma per un atteggiamento apparentemente altruista. desiderio di liberare il mondo dall’egemonia occidentale. Julia Davis, a cui è stato vietato l’ingresso in Russia all’inizio del 2022 a causa delle sue attività ostili, lo documenta regolarmente sul suo canale YouTube e il suo lavoro viene spesso ripubblicato dai media e dagli influencer occidentali.

Per quanto riguarda la suddetta narrazione, è completamente falsa quella concordata dal presidente Putin e dal segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, due persone che raramente vanno d’accordo su qualcosa. Il primo ha definito tali affermazioni “ stronzate ” durante il suo incontro con la stampa la settimana scorsa, mentre il secondo ha detto più o meno nello stesso periodo che non è realistico immaginare che la Russia possa attaccare “l’alleanza più forte, la potenza militare del mondo”. Parole come quelle di Sivkov e dei suoi colleghi, tuttavia, danno falso credito a questa narrazione.

I media occidentali poi lasciano intendere disonestamente che essi siano presumibilmente rappresentativi della politica russa, la cui percezione viene sfruttata per giustificare mosse più aggressive contro la Russia. Ancora più falso credito viene prestato a questa narrazione sfatata quando i principali influencer di Alt-Media come Pepe Escobar, che ora ha un annuale tradizione dell’incontro con il ministro degli Esteri Sergey Lavrov e della cena privata con la sua portavoce Maria Zakharova la settimana scorsa, per pubblicare un post su un primo attacco russo pianificato contro gli Stati Uniti .

Questo danno autoinflitto alla reputazione della Russia da parte di “filo-russi non russi” come Pepe e di russi patriottici come Sivkov potrebbe essere rapidamente posto fine se il governo si rendesse conto di quanto sia controproducente il suo messaggio ultra-nazionalista da cartone animato e segnali ai suoi sostenitori di smettila. Questa retorica guerrafondaia scredita l’intenzione espressa dal Presidente Putin di riprendere i negoziati volti a porre fine al conflitto ucraino e quindi a gestire in modo responsabile le tensioni russo-NATO.

La Russia non vede positivamente i suoi partner non occidentali che decidono di partecipare nonostante riaffermino che si tratta di una loro decisione sovrana.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov si è rivolto alla prevista rappresentanza di basso livello dell’India ai prossimi “colloqui di pace” svizzeri, che il primo ministro Narendra Modi aveva precedentemente affermato essere motivati ​​dall’interesse del suo paese nel garantire che il Sud del mondo abbia voce in capitolo in queste discussioni. L’ex presidente e vicepresidente in carica del Consiglio di sicurezza Dmitry Medvedev ha twittato che i presenti stanno però schierandosi dalla parte di Kiev piuttosto che da quella di Mosca, per questo motivo è stato chiesto a Peskov di chiarire la posizione del Cremlino.

Nelle parole di quest’ultimo : “Questa non è una questione che il presidente Putin possa discutere con i suoi partner. Molti Stati seri hanno espresso la ferma convinzione dell’inutilità di discutere della crisi ucraina senza la partecipazione della Russia. Dal punto di vista dei costi e dell’efficacia, questo sarà un evento vuoto. È una decisione sovrana di ciascun paese se partecipare o meno a un evento vuoto”. La sua affermazione su questo delicato argomento verrà ora interpretata per coglierne i significati più profondi.

Per cominciare, il presidente Putin non condivide la visione a somma zero di Medvedev sui partecipanti non occidentali come l’India che presumibilmente si schiereranno dalla parte di Kiev rispetto a quella di Mosca partecipando, ecco perché Peskov ha affermato di non averne discusso con il primo ministro Modi. Questo è un sollievo per coloro che erano preoccupati che l’ex leader parlasse a nome dell’attuale nel tweet citato in precedenza e non si esprimesse ancora una volta solo a titolo personale.

Tuttavia, è chiaro che la Russia non vede positivamente i suoi partner non occidentali che decidono di partecipare nonostante riaffermino che si tratta di una loro decisione sovrana. Lo si intuisce da ciò che Peskov ha detto riguardo alle opinioni di “molti stati seri” riguardo a questo imminente evento. Visto che la Cina è stata il primo grande paese a dichiarare che non parteciperà in alcuna forma, una lettura tra le righe suggerisce che stia confrontando la sua posizione con quella dell’India e traendo di conseguenza conclusioni sul giudizio dei suoi leader.

È qui che il lettore dovrebbe essere ricordato dell’esistenza della fazione politica russa pro-BRI, di cui può rinfrescarsi la memoria qui , qui e qui o conoscere per la prima volta se non ne è già a conoscenza. In breve, questo gruppo ritiene che un ritorno al bi-multipolarismo sino-americano sia inevitabile, quindi la Russia dovrebbe accelerare la traiettoria della superpotenza cinese quanto più e il prima possibile, mentre la fazione di bilanciamento considera l’India un contrappeso alla dipendenza sproporzionata dalla Cina.

Di conseguenza, il secondo gruppo ritiene che la Russia dovrebbe continuare il multiallineamento tra le due grandi potenze asiatiche con l’obiettivo di accelerare i processi di tri-multipolarità che potrebbero poi lasciare il posto a una multipolarità complessa in un secondo momento. La fazione di bilanciamento è contraria a dire o fare qualsiasi cosa che possa offendere anche inavvertitamente l’India e quindi rischiare di dare potere alla sua fazione politica filo-americana, che potrebbe promulgare un vero e proprio perno che poi renderebbe inevitabile il bi-multipolarismo.

Questo contesto è essenziale per comprendere la sottile frecciata che Peskov ha appena lanciato contro l’India, lasciando intendere che il primo ministro Modi non è abbastanza saggio da rendersi conto che sta facendo perdere tempo ai suoi diplomatici inviando diplomatici di basso livello ai “colloqui di pace” svizzeri. La stretta amicizia tra i leader russi e indiani suggerisce che Peskov abbia dato il suo tocco personale alla questione, probabilmente a causa di quello che è almeno il suo sostegno inconscio alla fazione pro-BRI, e che il presidente Putin non condivide questo punto di vista.

È importante chiarire ciò che ha detto per evitare di dare potere alla fazione indiana filo-americana, che potrebbe distorcere le sue parole come suo capo per convincere il primo ministro Modi a prendere le distanze dall’India dalla Russia durante il suo terzo mandato in cambio di sollievo dagli Stati Uniti. pressione . Questo complotto non avrà pieno successo, ma non significa nemmeno che non verrà tentato, e anche un successo solo parziale nel rimodellare la percezione della Russia da parte di alcuni politici attraverso questo mezzo sarebbe comunque una vittoria per questa fazione.

L’importanza di ottimizzare la logistica militare in tutta Europa non può essere sopravvalutata poiché aumentare l’efficacia dei cinque corridoi su cui The Telegraph ha attirato l’attenzione renderà molto più semplice per la Germania gestire il contenimento postbellico della Russia sotto la supervisione degli Stati Uniti.

Il capo della logistica della NATO, il tenente generale Alexander Sollfrank, è responsabile della proposta di “ Schengen militare ” del novembre scorso, che ha dato i suoi frutti a febbraio dopo che Germania, Paesi Bassi e Polonia – l’ultima delle quali si è completamente subordinata a Berlino – hanno accettato di ottimizzare le loro forze armate. la logistica. Ciò ha lo scopo di semplificare l’invio di forze militari americane di emergenza al confine russo attraverso il porto olandese di Rotterdam e i sistemi ferroviari dei due paesi successivi in ​​caso di grave crisi.

Il Telegraph ha aggiornato il pubblico sull’idea di Sollfrank martedì, poco più di un mese prima del prossimo vertice della NATO a Washington DC dal 9 all’11 luglio, in un articolo che dettaglia come ” i corridoi terrestri della NATO potrebbero portare le truppe statunitensi in prima linea in caso di guerra europea ” . Comprendeva una comoda mappa che mostrava i cinque corridoi su cui si fa affidamento a questo scopo, tra cui il più importante è quello olandese-tedesco-polacco sopra menzionato.

Gli altri, nell’ordine in cui sono stati enumerati da quel canale, includono Italia-Slovenia-Croazia-Ungheria; Grecia-Bulgaria-Romania; Turchia-Bulgaria-Romania; e Norvegia-Svezia-Finlandia. Il primo è attualmente impraticabile data la resistenza dell’Ungheria al guerrafondaio anti-russo della NATO (a meno che Orban non venga neutralizzato); i prossimi due richiedono l’espansione del progetto rumeno “ Autostrada Moldova ” fino al Mar Egeo; mentre l’ultimo dipende solo da pochi punti di strozzatura. Sono tutti quindi lavori in corso.

Qui sta la ragione per cui il prossimo vertice della NATO potrebbe vedere l’accordo della maggior parte del blocco ad aderire allo “Schengen militare” come il risultato più importante per aumentare l’efficacia di questi corridoi. Rimuovere la burocrazia per facilitare la libera circolazione delle truppe e delle attrezzature implica sacrificare una maggiore sovranità di ciascun membro, cosa che Ungheria e Slovacchia probabilmente non accetteranno, ma la partecipazione degli altri getterebbe le basi per la prevista ” Fortezza Europa ” degli Stati Uniti. .

Questo concetto si riferisce alla militarizzazione dell’UE sostenuta dagli americani ma guidata dalla Germania, che vedrebbe Berlino guidare il contenimento anti-russo del blocco per conto di Washington dopo che il conflitto ucraino inevitabilmente finirà affinché gli Stati Uniti possano “ritornare (indietro) verso l’Asia”. ” per contenere in modo più muscoloso la Cina. La “Fortezza Europa” è quindi un progetto a lungo termine, non qualcosa che sarà completato in tempi brevi, soprattutto perché anche la NATO ha bisogno di incrementare la propria produzione militare-industriale per competere con la Russia.

Tuttavia, l’importanza di ottimizzare la logistica militare in tutta Europa non può essere sopravvalutata poiché l’aumento dell’efficacia dei cinque corridoi su cui The Telegraph ha attirato l’attenzione renderà molto più semplice per la Germania gestire il contenimento postbellico della Russia sotto la supervisione degli Stati Uniti. Convincere la maggior parte dei membri ad aderire allo “Schengen militare” è anche il modo più semplice per la NATO di trasformare il prossimo vertice in un successo e placare parte della delusione dell’Ucraina per non essere stata invitata ancora una volta ad aderirvi.

A Kiev si può dire senza edulcorare che le misure adottate durante quell’evento renderanno più facile per coloro che hanno esteso le “ garanzie di sicurezza ” mantenere le loro promesse di inviare immediatamente aiuti militari durante una crisi. Ciò potrebbe anche aiutare a rassicurare quei politici aggressivi e anti-russi che credono che qualsiasi pragmatico Un compromesso sull’Ucraina andrebbe a vantaggio di Mosca poiché la NATO potrebbe abbinare i suoi futuri siti di produzione militare-industriale con lo “Schengen militare” in tempo di pace.

Ciò può essere fatto durante il conflitto NATO-russo in corso guerra per procura in Ucraina , ma il tasso di esaurimento delle forze di quest’ultima impedisce al blocco di ricostituire le proprie scorte poiché deve continuare a rifornire Kiev, e ciò a sua volta riduce la fiducia che i leader dell’UE hanno nella loro capacità di “scoraggiare” la Russia. Di conseguenza, congelare il conflitto entro la fine dell’anno diventa più attraente se arrivano a vederlo in questo modo, il che potrebbe consentire loro di stabilire in modo più efficace le priorità di questi piani nei prossimi anni.

In tal caso, lungo questi cinque corridoi “militari Schengen” potrebbero sorgere nuovi insediamenti militare-industriali, nonché altri ulteriori, come il corridoio tedesco-estone attraverso la Polonia, per fortificare la “ Linea di difesa baltica ” della nuova cortina di ferro , con lo scopo di militarizzare al massimo l’UE. La coscrizione potrebbe tornare in tutto il blocco, la formazione di emergenza potrebbe essere insegnata in tutte le scuole e tutti rimarrebbero nervosi come durante il culmine della Vecchia Guerra Fredda, ma questa pace fredda sarebbe comunque migliore di una guerra calda .

La Russia potrebbe seriamente prendere in considerazione l’idea di fare affidamento sul suo partner strategico iraniano per armare l’Asse della Resistenza al fine di forzare un umiliante ritiro americano almeno da alcune parti dell’Asia occidentale, in particolare dalla Siria, o trascinarlo in un grave conflitto regionale proprio prima delle elezioni di novembre. .

Il presidente Putin ha risposto in modo criptico quanto segue quando giovedì gli è stato chiesto della risposta del suo paese all’Occidente che ha permesso all’Ucraina di usare le sue armi per colpire obiettivi all’interno dei confini universalmente riconosciuti della Russia : “Se qualcuno ritiene possibile fornire tali armi alla zona di guerra, per colpire i nostri territorio… perché non dovremmo fornire armi simili a quelle regioni del mondo, dove verranno utilizzate contro i siti sensibili di questi paesi? Possiamo rispondere in modo asimmetrico. Ci penseremo”.

L’Asse della Resistenza è l’unica forza che ha la volontà politica di colpire i siti occidentali sensibili. Questi gruppi alleati dell’Iran hanno già attaccato le basi americane in Siria, Iraq e Giordania , le prime delle quali sono state costruite senza l’approvazione di Damasco mentre le altre contribuiscono a questa occupazione illegale. Hanno intensificato i loro attacchi dopo l’ ultima guerra tra Israele e Hamas , suscitando talvolta una risposta schiacciante, ma gli Stati Uniti continuano a restare fermi poiché un ritiro darebbe all’Asse della Resistenza una vittoria importante.

Qui sta il motivo per cui la Russia potrebbe prendere seriamente in considerazione l’idea di affidarsi al suo partner strategico iraniano per armare questi gruppi al fine di forzare un umiliante ritiro americano almeno da alcune parti dell’Asia occidentale, in particolare dalla Siria, o coinvolgerlo in un grave conflitto regionale proprio prima le elezioni di novembre. Il pubblico non ha voglia di un’altra guerra in questa parte del mondo, né vuole finanziarne una neanche lontanamente simile a quella con cui sta finanziando l’Ucraina, inoltre il Pentagono deve ricostituire le sue scorte.

Oltre a ciò, Israele sta lottando per raggiungere i suoi obiettivi a Gaza, quindi anch’esso non è preparato per un altro grande conflitto regionale. Al massimo, il sedicente Stato Ebraico potrebbe effettuare più attacchi aerei contro l’Asse della Resistenza e forse armare l’Ucraina con armi offensive in risposta alla Russia che arma gruppi siriani e iracheni attraverso l’Iran, soprattutto se incanalano armi verso Hezbollah. Tuttavia , è improbabile che Israele rischi una vera e propria ritorsione iraniana oltrepassando le sue linee rosse, quindi i rischi di un’escalation rimarrebbero probabilmente minimi.

Il motivo per cui la Russia non lo ha ancora fatto e ci sta solo “pensando” in questo momento, secondo le parole del presidente Putin, è perché questa politica potrebbe portare a conseguenze indesiderate molto negative. È un pragmatico consumato e generalmente molto cauto nel fare mosse importanti, che intraprende solo dopo aver studiato attentamente ogni possibile dimensione di esse, e anche in questo caso, di solito solo all’ultimo momento possibile. Crimea, Siria e lo speciale operazione sono esempi perfetti di questo approccio.

Mentre molti adorerebbero vedere la Russia aiutare l’Iran a dare filo da torcere agli Stati Uniti nell’Asia occidentale attraverso l’Asse di Resistenza, il Cremlino è preoccupato che ciò potrebbe portare gli Stati Uniti a “ intensificare per allentare l’escalation ” in Ucraina , ordinando alle truppe della NATO di intervenire. attraversare il Dnepr e avvicinarsi minacciosamente ai nuovi confini della Russia. In quel pericoloso gioco del pollo nucleare , Mosca potrebbe ricorrere alle armi nucleari tattiche come ultima risorsa per autodifesa, il che potrebbe innescare una serie di eventi in rapido movimento che finiranno con l’apocalisse.

Inoltre, mentre c’è una giustizia poetica nel fatto che la Russia usi l’Iran per cacciare gli Stati Uniti dall’Asia occidentale proprio come gli Stati Uniti hanno usato l’Ucraina per cacciare la Russia dal Mar Nero (come almeno alcuni occidentali sostengono), c’è sempre la possibilità che un’escalation regionale rischi. spirale fuori controllo a causa del fatto che Netanyahu è una mina vagante. È sotto pressione interna e internazionale come mai prima d’ora, e potrebbe prendere seriamente in considerazione l’idea di “intensificare l’escalation” contro l’Iran proprio come gli Stati Uniti potrebbero fare contro la Russia (coordinati o meno).

Dal suo punto di vista, la Russia che fa affidamento sull’Iran per dotare l’Asse della Resistenza con armi migliori per colpire le basi regionali degli Stati Uniti potrebbe inclinare l’ equilibrio di potere tra Israele ed Hezbollah , rendendo così il sedicente Stato ebraico più vulnerabile che mai nei confronti di Israele. -rispetto ai suoi avversari. Di conseguenza, proprio come gli Stati Uniti potrebbero ordinare alle truppe NATO di attraversare il Dnepr e avvicinarsi minacciosamente ai nuovi confini della Russia, Israele potrebbe minacciare di oltrepassare le linee rosse di Hezbollah, cosa che potrebbe portare alla Terza Guerra Mondiale.

Anche se gli Stati Uniti e Israele non reagissero in modo eccessivo al potenziale armamento dell’Asse della Resistenza da parte della Russia attraverso l’Iran, alcune di queste armi potrebbero anche essere incanalate verso gli Houthi dello Yemen , che potrebbero poi usarle per minacciare l’Arabia Saudita. Il presidente Putin è in ottimi rapporti con il principe ereditario del Regno e i loro due paesi gestiscono congiuntamente il mercato petrolifero globale. Anche lo scenario in cui i loro legami si deteriorano nel caso in cui alcune armi russe arrivino agli Houthi potrebbe indurlo a riflettere due volte su questa opzione.

Tutto sommato, la risposta asimmetrica più probabile all’Occidente che lascia che l’Ucraina usi le sue armi per colpire obiettivi all’interno dei confini universalmente riconosciuti della Russia è che la Russia armi l’Asse della Resistenza con armi migliori attraverso l’Iran in modo che abbiano maggiori possibilità di distruggere gli Stati Uniti. basi nell’Asia occidentale. Detto questo, il presidente Putin non ha ancora deciso questa linea d’azione poiché è sempre riluttante a fare mosse importanti per paura di conseguenze indesiderate, ma sembra certamente che ci stia pensando.

Dal punto di vista della Russia, il successo di eventuali colloqui sull’Ucraina facilitati dalla Cina prima e durante il vertice del G20 di novembre a Rio dipende dal fallimento degli svizzeri, da qui la sua totale opposizione all’evento di questo fine settimana e la rabbia verso tutti i suoi partner come l’India. che inviano rappresentanti anche di basso livello.

RT ha riportato in precedenza l’affermazione di un’emittente giapponese secondo cui la bozza di dichiarazione congiunta preparata per i colloqui svizzeri sull’Ucraina di questo fine settimana non richiederà il ritiro delle forze russe da tutti i territori rivendicati da Kiev e probabilmente ometterà anche qualsiasi menzione del ripristino dell’Ucraina. integrità territoriale. Si concentrerà invece solo sulla “sicurezza delle centrali nucleari, sulla sicurezza alimentare, sul rilascio dei prigionieri e sul ritorno dei bambini evacuati dalla Russia dalla zona del conflitto”.

La Russia si oppone ancora a questi colloqui nonostante la loro agenda, secondo quanto riferito, ridimensionata, come dimostrato da ciò che il vice ministro degli Esteri Alexander Grushko ha detto a Izvestia: “Stanno cercando di attirare lì i rappresentanti del Sud del mondo con mezzi così primitivi, senza usare la formula di Zelenskyj, che in realtà è nel piano degli organizzatori, in primo piano, ma questioni secondarie. Siete per la sicurezza alimentare, per la sicurezza delle centrali nucleari, siete favorevoli allo scambio di prigionieri, giusto? Va bene, allora vieni e parliamo.”

Ha anche detto che “Questi sono giochi subdoli assolutamente ridicoli, possono essere visti ad occhio nudo. È già chiaro che questa è una perdita di tempo, un tipo di azione il cui valore è zero, ma che viene utilizzata al massimo per mantenere la psicosi anti-russa”. La dura retorica di Grushko rispecchia quella dell’ex presidente e vicepresidente in carica del Consiglio di sicurezza Dmitry Medvedev, che alla fine del mese scorso ha twittato che tutti i paesi che partecipano a quei colloqui stanno essenzialmente schierandosi dalla parte di Kiev rispetto a quella di Mosca.

Per la Russia non è importante che l’ordine del giorno sia stato ridimensionato, poiché tutto ciò che conta è che questi colloqui si svolgano senza la sua partecipazione. I precedenti colloqui sul conflitto in Arabia Saudita non hanno però suscitato una reazione così forte, nonostante anche la Russia non fosse presente. Questa osservazione porta a chiedersi cosa stia davvero guidando la risposta rabbiosa della Russia a questi ultimi, dal momento che non esiste alcun precedente su ciò che i suoi massimi rappresentanti dicono al riguardo.

Non si può saperlo con certezza, ma potrebbe essere che i presidenti Putin e Xi abbiano concordato di promuovere un processo di pace parallelo non occidentale sull’Ucraina durante il viaggio del leader russo in Cina il mese scorso. Ciò spiegherebbe perché la Cina ha deciso di non partecipare ai colloqui svizzeri, per i quali è stata elogiata dalla Russia, svelando anche un consenso congiunto in sei punti con il Brasile, paese ospitante del G20 di quest’anno. Questa sequenza di eventi si è svolta dopo la visita del presidente Putin, facendo così ipotizzare che fosse coordinata con lui.

Dal punto di vista della Russia, il successo di eventuali colloqui sull’Ucraina facilitati dalla Cina prima e durante il vertice del G20 di novembre a Rio dipende dal fallimento degli svizzeri, da qui la sua totale opposizione all’evento di questo fine settimana e la rabbia verso tutti i suoi partner come l’India. che inviano rappresentanti anche di basso livello. A quanto pare la decisione è stata presa per sfruttare la loro incapacità di dare slancio ai colloqui che Cina e Brasile potrebbero presto organizzare congiuntamente con l’approvazione della Russia.

Meno paesi del Sud del mondo parteciperanno ai colloqui svizzeri e quanti più parteciperanno a quelli potenzialmente sino-brasiliani screditeranno i primi e conferiranno maggiore legittimità ai secondi. Alcuni di quelli che in precedenza si erano impegnati a partecipare ai colloqui svizzeri, secondo quanto riferito, si sono ritirati all’ultimo minuto, mentre il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha confermato che altri stati del Sud del mondo stanno appoggiando il consenso di pace congiunto del suo paese con il Brasile. Ciò che probabilmente accadrà dopo è quindi ormai scritto sul muro.

Con questo in mente, la continua opposizione della Russia ai colloqui svizzeri nonostante il loro programma ridotto, secondo quanto riferito, ha senso, anche se sarebbe stato meglio se Medvedev e Grushko non avessero usato un linguaggio così duro nelle loro dichiarazioni al riguardo. Le loro parole taglienti rischiano di offendere inavvertitamente i partner più stretti della Russia nel Sud del mondo, come l’India, che parteciperanno comunque all’evento di questo fine settimana. Si spera che questi paesi non vengano esclusi come punizione dai potenzialmente imminenti colloqui di pace sino-brasiliani.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Il mondo moderno è noioso, di AURELIEN

Il mondo moderno è noioso.

Dove sono ora gli eroi e le avventure?

Condividi

Ora abbiamo ufficialmente superato i 6500 abbonati, e in media circa il doppio dei lettori effettivi, per quanto posso giudicare, il che è positivo. Ciò che è particolarmente gratificante, e anche abbastanza inaspettato, è che il numero di abbonati a pagamento e di persone che mi comprano il caffè è aumentato notevolmente nell’ultimo mese o due. Ringrazio coloro che lo hanno fatto e anche coloro che hanno consigliato il sito ad altri o a un altro sito che frequentano. Ma questo sito sarà sempre gratuito.

********

E grazie ancora a coloro che continuano a fornire traduzioni. Le versioni in spagnolo sono disponibili qui, e alcune versioni italiane dei miei saggi sono disponibili qui. Marco Zeloni sta pubblicando anche alcune traduzioni in italiano e ha creato un sito web dedicato a queste traduzioni .Grazie infine ad altri che sempre più spesso pubblicano traduzioni e riassunti in altre lingue. Sono sempre lusingato e felice che ciò accada: chiedo solo che me lo diciate e che me ne diate atto. Ora passiamo agli affari.

Il 21 luglio 1969, verso l’alba , andai finalmente a letto. Dovevo alzarmi qualche ora dopo per andare a scuola, ma era la fine del trimestre, gli esami erano finiti e c’era poco da fare se non oziare. Ricordo di essermi appisolato su una sedia a sdraio guardando una partita di cricket tra il personale e gli alunni. Ma nessuno parlava di cricket. C’era un solo argomento di conversazione: sei rimasto sveglio per vedere Armstrong uscire dal modulo lunare? La maggior parte di noi lo aveva fatto.

Per molti versi questo non è sorprendente. Se eravate nati nei dieci anni successivi alla guerra, e soprattutto se eravate maschi, facevate parte della Space Generation. La promessa di viaggi nello spazio era parte della conversazione quotidiana e un tema ricorrente nei media da sempre. E nello spazio succedeva qualcosa di eccitante più o meno ogni anno: gli sbarchi dell’Apollo, lungi dall’essere una sorpresa, sembravano solo il logico passo successivo. (In retrospettiva, però, è forse più giusto descriverli come la fine dell’era spaziale, anche se non per le ragioni piuttosto facili per cui spesso vengono espressi giudizi di questo tipo).

Tuttavia, la data chiave nella storia dell’esplorazione spaziale non è stata probabilmente quel giorno del luglio 1969, bensì il 12 aprile 1961, quando Yuri Gagarin divenne “il primo uomo nello spazio”: il primo fragile essere umano a essere inviato al di fuori dell’atmosfera protettiva della Terra – in un ambiente di cui, rispetto a oggi, non si sapeva quasi nulla – e per di più a essere riportato indietro sano e salvo. Ricordo ancora molto chiaramente mia madre che portava il giornale del mattino e lo metteva sul tavolo della colazione davanti al figlio maggiore appassionato di spazio. A quel punto il mondo cambiò: anche in un sudicio sobborgo londinese, le cose sembravano più luminose.

Perché scrivo ora di questi ricordi? Se seguite con attenzione i notiziari, avrete notato che negli ultimi dieci giorni circa i cinesi hanno inviato una navicella senza equipaggio, la Chang’e 6, per raccogliere alcune rocce sul lato più lontano della Luna e riportarle sulla Terra, e che finalmente, dopo molti ritardi, gli Stati Uniti sono riusciti di nuovo a lanciare una coppia di astronauti nello spazio e a consegnarli alla Stazione Spaziale Internazionale, con solo piccoli problemi tecnici lungo il percorso. Rispetto al 1969, quando la BBC non trasmise nient’altro per ben dodici ore, la copertura di questi due eventi recenti è stata sommersa dal mare di banalità e di schiuma che oggi costituisce in gran parte i media online. I commentatori hanno parlato della minaccia tecnologica cinese all’Occidente e hanno scherzato sul fatto che una navicella spaziale prodotta dalla Boeing è arrivata senza che uno sportello si staccasse. Nessuno ha dedicato molto tempo a parlare dei risultati tecnici o umani raggiunti.

Perché questa differenza? Sarebbe facile dire che i voli spaziali sono diventati una routine, ma non è del tutto vero: il programma Shuttle, ad esempio, è stato interrotto nel 2011, dopo aver effettuato solo 4-5 voli all’anno per trent’anni. È vero che l’esplorazione spaziale si è spenta decenni fa, ma l’entusiasmo e l’interesse del pubblico non si sono mai basati su questioni ristrette di competizione politica. No, la vera storia è più interessante ed è a sua volta parte di una narrazione più ampia e a lungo termine che coinvolge anche altri argomenti. Ma tutti questi argomenti hanno due componenti in comune: l’avventura e la sfida tecnica, nessuna delle quali è più presente.

Rimaniamo però per un momento sui viaggi spaziali. La caratteristica principale di queste prime missioni è che erano follemente pericolose. Gagarin fu lanciato in cima a un razzo che aveva subito diversi guasti durante i test, con una tecnologia non sperimentata per tenerlo in vita. Nessuno sapeva quale sarebbe stata la reazione del corpo umano a un’accelerazione massiccia o a un’assenza di peso prolungata. Diverse cose andarono storte durante la missione e, alla fine, Gagarin dovette lanciarsi con il paracadute dalla capsula e atterrare senza aiuto, perché i retrorazzi montati sulla capsula erano così poco potenti che l’impatto con il suolo sarebbe stato più forte di quanto un essere umano potesse sopravvivere. In realtà, non ne producono più di simili. E se la tecnologia e la conoscenza dello spazio esterno progredirono rapidamente, i viaggi nello spazio erano ancora incredibilmente pericolosi, come ci ha ricordato l’Apollo XIII.

Credo quindi che sia utile collocare l’era spaziale, in cui sono cresciuto, nel contesto più ampio del mondo del dopoguerra e del tipo di conquiste che ne facevano parte. Dopo tutto, l’era spaziale in sé è stata breve: è durata probabilmente solo dal lancio dello Sputnik 1 nel 1957 alla fine del programma Apollo nel 1972. È durata più a lungo nella narrativa e nella cultura popolare, come discuteremo più avanti, ma anche in questo caso direi che c’è una differenza fondamentale tra ciò che è stato scritto e prodotto prima dell’Apollo e ciò che è venuto dopo.

Cos’altro succedeva all’epoca? L’elenco è lungo. Il primo computer programmabile apparve nel 1945 e un decennio dopo i computer mainframe si diffusero. Il primo volo per infrangere la barriera del suono, compiuto da Chuck Yeager, risale al 1947. La prima scalata dell’Everest da parte di Hilary e Tensing risale al 1953, nello stesso anno in cui Watson e Crick scoprirono il DNA. Il primo vaccino contro la poliomielite fu autorizzato nel 1955. La prima centrale nucleare commerciale al mondo, in Gran Bretagna, entra in funzione nel 1956. Il primo servizio di linea di jet attraverso l’Atlantico, effettuato dal Comet di progettazione britannica, risale al 1958, lo stesso anno del primo transito sottomarino del Polo Nord. Nel 1962, il satellite Telstar trasmette i primi programmi televisivi via satellite. La prima persona a navigare intorno al mondo in solitaria, Francis Chichester, lo fece nel 1966.

Inoltre, il mondo si stava aprendo agli occidentali come mai prima. Come si diceva all’epoca, si sapeva meno del mondo marino a dieci braccia di profondità che del lato più lontano della Luna. La situazione cambiò radicalmente negli anni Cinquanta, con i film e poi le trasmissioni televisive di subacquei pionieri come Hans Haas e Jacques Cousteau. Nel frattempo, David Attenborough scomparve nelle giungle del Borneo e altrove con una squadra di telecamere, realizzando la pluripremiata serie televisivaZoo Quest dal 1954 al 1963.

In tutto questo, c’era un’atmosfera di avventura, eccitazione e talvolta di pericolo. Anche gli scienziati erano figure individuali e nominate, che lavoravano in piccoli laboratori e facevano scoperte grazie alla genialità intellettuale e al duro lavoro, piuttosto che perché avevano alle spalle le risorse dei governi o delle case farmaceutiche. Ma questo non significa che l’epoca venerasse la scienza in sé o che pensasse che il trionfo della tecnologia fosse inevitabile. Ciò che colpisce, piuttosto, è quanto primitiva, rischiosa e incerta fosse la maggior parte della tecnologia, e quanto si affidasse all’ingegno e al coraggio dell’uomo prima di funzionare davvero, ammesso che funzionasse. Come ci ricorda utilmenteil filmato dell’Apollo XIII , la tecnologia di allora era straordinariamente primitiva: in realtà si trattava solo di uno sviluppo della tecnologia degli anni della guerra, l’equivalente della traversata atlantica di Alcock e Brown in un bombardiere riconvertito nel 1919. Ma anche questa era migliore della tecnologia usata da Gagarin, che era relativamente primitiva quanto quella usata da Blériot per attraversare la Manica nel 1909.

E non era nemmeno chiaro se sarebbe stato sicuro o consigliabile per gli esseri umani andare nello spazio: cosa avrebbero potuto trovare lì? Una serie di serie televisive in bianco e nero della BBC, ormai dimenticate, dei primi anni Sessanta, come A for Andromeda (1961), scritta dall’astronomo Fred Hoyle, e The Big Pull (1962), che utilizzavano entrambe la nuova tecnologia dei radiotelescopi con un effetto agghiacciante, suggerivano che lassù potevano esserci cose che non ci piacevano.

In quegli anni, quindi, si celebrava il coraggio, l’intraprendenza e l’ingegno dell’uomo di fronte al pericolo e all’ignoto. L’osservazione del Presidente Kennedy sul fare le cose perché erano difficili si è rivelata avere ogni sorta di risonanza inaspettata e contrasta dolorosamente con la politica di oggi, dove l’idea è quella di annunciare solo le cose che si sa di poter fare e che preferibilmente si sono già fatte. Naturalmente c’è un problema strutturale con la scoperta e l’invenzione: una volta che è stata fatta per la prima volta, la gente perde interesse. Chi, dopo tutto, ricorda il nome della seconda persona che ha raggiunto la vetta dell’Everest? In un certo senso, quindi, quello che sto descrivendo è inevitabile e rappresenta la fine, dopo forse cinquecento anni, della nostra civiltà che fa cose insolite, difficili ed eroiche. Ma perché questo dovrebbe valere anche per la cultura di oggi che, in questo come in tante altre cose, si limita a sminuire il passato per ottenere vantaggi economici?

Se c’è un’opera di cultura popolare che rappresenta la fine dell’era spaziale seria, questa è probabilmente Guerre stellari, che allo stesso tempo saccheggia la cultura popolare di diverse civiltà alla ricerca di pepite e cliché che incastra con scarso riguardo per la coerenza del carattere della narrazione, e contemporaneamente adotta un atteggiamento postmodernista di distanza e superiorità nei confronti del suo materiale. È tutto un grande scherzo concettuale: non un film sull’eroismo, ma un film sui film sull’eroismo, a loro volta realizzati in tempi in cui l’eroismo era una cosa reale. Guerre stellari è ovviamente un’allegoria del Vietnam a parti invertite, ma soprattutto è il prototipo del film post-Età dello Spazio, che non si preoccupa più di tentare la verosimiglianza, perché gli eventi che descrive – civiltà galattiche e così via – non accadranno mai. Perché preoccuparsi di creare una storia convincente e una trama e dei personaggi coerenti per una fantasia per bambini e per adulti?

La disillusione nei confronti dei viaggi spaziali con equipaggio è stata rapida e totale. Tutto si è rivelato molto più difficile, complesso e costoso di quanto ci si aspettasse. Beh, dico “chiunque”, ma gli ingegneri e gli scienziati, i medici e i matematici che lavoravano al volo spaziale con equipaggio non avevano bisogno di essere convinti: lo sapevano già. Erano gli opinionisti dei media, il tipo di persone che ora credono che l'”intelligenza artificiale” salverà il mondo, proprio come un tempo credevano che il cibo geneticamente modificato e una dozzina di altre cose lo avrebbero fatto. Ora c’erano, ovviamente, opzioni reali per andare più lontano nello spazio. Prima ancora che Gagarin volasse, c’era il folle Progetto Orione, che avrebbe inviato astronavi alimentate da esplosioni nucleari intorno al sistema solare. E anche mentre si girava Guerre stellari, la venerabile Società Interplanetaria Britannica stava conducendo il suo Progetto Dedalo, che dimostrava, in modo abbastanza convincente, che un viaggio interstellare limitato era effettivamente fattibile con la tecnologia dell’epoca. Ma ovviamente tali viaggi sarebbero stati inimmaginabilmente costosi e complessi da pianificare e condurre, e non facciamo più questo genere di cose. Anzi, non facciamo più molto di niente. La concezione barocca ed estremamente complessa del Progetto Artemis, progettato per riportare gli astronauti statunitensi sulla Luna nel 2026, è tale perché i razzi oggi disponibili sono meno potenti del Saturn V usato dall’Apollo, e quindi richiedono una sosta di rifornimento nello spazio, e utilizzano tecnologie che in alcuni casi non sono ancora state sviluppate.

E naturalmente non ci occupiamo di eroi al giorno d’oggi. Non solo tutte le cose eroiche sono state fatte, ma l’eroismo stesso è stato decostruito come nient’altro che mascolinità tossica, a quanto pare, e gli storici hanno lavorato in modo cupo e metodico attraverso i presunti eventi eroici e impegnativi della storia moderna, riducendoli tutti a competizione economica o a persone con difetti caratteriali. Le biografie di questi tempi sono incentrate sulle vittime, non sugli eroi, e i biografi sono impegnati a decostruire criticamente le vite di coloro che un tempo ritenevamo eroi e l’idea stessa di eroismo. (Tra l’altro, quasi tutti gli scritti sui conflitti oggi si concentrano su vittime vere o presunte). Questo non significa che il bisogno di eroi in cui identificarsi sia scomparso, ma piuttosto che è stato sublimato nella fantasia eroica e nei videogiochi che, per il momento, non sono dominati dalle vittime.

Neanche noi viviamo le avventure e il rischio è qualcosa che va evitato o gestito, non abbracciato. Chiediamo che noi, e soprattutto i nostri figli, siano protetti non solo dal rischio, ma anche da qualsiasi sensazione di essere in qualche modo insicuri. Eppure gli esseri umani desiderano il rischio e un certo grado di rischio lieve, o almeno di disagio, fa parte del rituale della crescita fin dalle prime civiltà. Al giorno d’oggi, però, è stato sublimato nelle nostre scelte di consumo: Sono sempre sorpreso dal numero di negozi che vendono abbigliamento e attrezzature “outdoor”, “avventura” e “alpinismo”, e dal numero di persone che vedo per strada vestite come per andare in spedizione, ma che in realtà stanno solo andando al supermercato. (Una storia vera: molti anni fa ero su un aereo diretto ad Arusha, in Tanzania, e molti dei passeggeri erano turisti tedeschi. Senza eccezioni, erano vestiti in completo kit tropicale, pantaloncini, calze lunghe, scarponi da montagna, cappelli. Se fossero stati ammessi i coltelli, li avrebbero portati con sé. Sembravano un po’ sorpresi di sbarcare in un aeroporto convenzionale e non nel mezzo della savana africana). E non parliamo poi delle Toyota scure che si vedono a volte, con i conducenti che fantasticano di essere portati in giro per Baghdad o Sana’a con una scorta armata.

Come ho detto, è facile enfatizzare troppo la misura in cui a quei tempi ci veniva promesso un futuro tecnologico paradisiaco. Le auto volanti, le vacanze sulla Luna e così via comparivano nella cultura popolare, ma si trattava di pubblicità per aziende che cercavano di fare soldi, di blaterare ignorantemente da parte del tipo di giornalista che oggi blatera ignorantemente di IA che salverà il mondo, oppure di amplificazioni da parte di scienziati e ingegneri un po’ slegati dalla realtà. Gran parte di ciò che ricordo è stato presentato con cautela come “possibile un giorno” piuttosto che come “in procinto di arrivare mercoledì prossimo”.

Ma c’erano anche ragioni abbastanza logiche per supporre che la tecnologia avrebbe continuato a semplificare la vita delle persone, come stava facendo da decenni. E non stiamo parlando di vacanze sulla Luna, ma della vita quotidiana. La vita delle famiglie comuni è stata trasformata da invenzioni semplici come la lavatrice e il frigorifero, che hanno liberato soprattutto le madri da molte fatiche. I primi telefoni hanno semplificato enormemente la vita. La radio e poi la televisione misero la gente comune in contatto con una realtà mai immaginata prima. La metropolitana mi ha permesso da bambino di raggiungere il centro di Londra in mezz’ora (allora i bambini potevano fare queste cose). Sembrava che ci fossero tutte le ragioni per supporre che esempi semplici e pragmatici di uso intelligente della tecnologia avrebbero continuato a migliorare la vita della gente comune.

Non è successo, ovviamente. Non sto parlando di lamentele del tipo “dov’è la mia auto volante?”. Promesse del genere sono sempre state alimentate da appassionati marginali. La lamentela di base è che la tecnologia, lungi dal facilitare la vita ordinaria, l’ha resa più difficile. Per vivere è necessario avere un computer a casa e, sempre più spesso, uno smartphone con sé. E mentre i telefoni venivano forniti gratuitamente e la tecnologia cambiava solo lentamente, e persino il prototipo di computer internet francese Minitel veniva regalato negli anni ’80, la tecnologia moderna è costosa, sfruttata e deve essere aggiornata continuamente. Non è più possibile entrare nella banca locale e parlare con qualcuno. È frequente parlare con persone del servizio pubblico che spiegano di non potervi aiutare perché il sistema non lo consente. Per parcheggiare un’auto ora è necessario scaricare un’applicazione, creare un account e versare denaro, il che è molto divertente se in quel momento piove. Ma soprattutto, invece di usare la tecnologia per aiutare i propri clienti, le aziende private l’hanno usata per sostituire gli esseri umani, scaricando gran parte dello sforzo sul cliente, il tutto per aumentare i profitti. Credo che se cinquant’anni fa avessero detto alle persone che l’uso diffuso della tecnologia avrebbe reso la loro vita più difficile, frustrante e costosa, avrebbero riso increduli.

Non si tratta quindi solo, o addirittura principalmente, di auto volanti: si tratta dei cambiamenti politici che si sono verificati più o meno dalla fine del programma Apollo, trasformando la tecnologia da bene pubblico a scopo di profitto privato. Non doveva essere così, e se guardiamo in giro per il mondo, possiamo vedere esempi di Stati in cui la tecnologia è ancora in qualche misura considerata uno strumento e non un padrone: nella costruzione di ferrovie ad alta velocità, di edifici e città ecocompatibili, nell’uso della tecnologia e di Internet per semplificare la vita quotidiana, e in molte altre cose. Ma in Occidente non lo facciamo più…

Non c’è dubbio che, nonostante le enormi sfide tecniche e finanziarie, i governi occidentali avrebbero potuto fare di più per far progredire l’esplorazione spaziale se avessero davvero voluto, invece di consegnare i soldi alle banche perché ci giocassero alla roulette, per poi mandarli in rovina quando sono finiti sul lastrico a causa della loro stessa stupidità. Invece, è apparso subito chiaro che lo sviluppo tecnologico, l’avventura e la scoperta erano stati cancellati, a favore della cannibalizzazione di ciò che era già stato fatto e dello sviluppo di nuove tecnologie di sfruttamento. Ciò ha prodotto un effetto quasi immediato nella cultura popolare, in quanto la tecnologia ha iniziato a essere ribattezzata come qualcosa di sinistro e spaventoso, più orientato alla repressione che alla liberazione. Già nel film del 1979 La sindrome della Cina, la tecnologia nelle mani del settore privato cominciò a perdere il suo splendore. Nelle opere Cyberpunk di autori come William Gibson, in particolare il suo primo romanzo Neuromante (1984), vediamo una versione pienamente elaborata della distopia tecnologica del futuro prossimo, con la tecnologia usata solo per scopi repressivi e di guadagno: più o meno come nel classico film di Ridley Scott del 1982 ,Blade Runner. Da allora, questa è l’atmosfera dominante nella cultura popolare adulta. (Escludo implicitamente i film diStar Wars, Star Trek e i film di supereroi da questo giudizio. Sono per bambini).

I viaggi spaziali, come ho detto, sono sempre stati soprattutto un simbolo di avventura e di ingegno, piuttosto che un insieme di tecnologie intelligenti, e l’abbandono di programmi spaziali seri è stato a sua volta un simbolo dell’allontanamento dall’avventura e dall’ingegno verso il tipo di mondo parassitario e sfruttatore e le relative tecnologie che abbiamo oggi. I critici dell’epoca dissero che “avremmo dovuto risolvere i nostri problemi sulla Terra prima di andare tra le stelle”, il che era falso, perché in realtà non c’era alcuna prospettiva di risolvere quei problemi. Ma non credo che nessuno abbia mai osato dire “smettiamo di guardare le stelle, ma non preoccupiamoci nemmeno dei problemi del mondo. Diamo tutti i soldi ai ricchi”.

La mia generazione è stata affascinata dai viaggi nello spazio non tanto per motivi tecnologici, poiché gran parte della tecnologia era semplicemente al di là della nostra comprensione, quanto per le possibilità narrative, mitiche e persino filosofiche aperte dal futuro del nostro pianeta o dal contatto con altri. È questo, a mio avviso, che la cultura popolare ha in gran parte perso. Non seguo la nuova fantascienza con l’assiduità di un tempo e quindi i lettori più giovani potrebbero pensare che io sia ingiusto nei confronti di alcuni dei loro autori preferiti. In tal caso, ditelo nei commenti: è sempre bello scoprire nuovi autori. Ma il luogo comune secondo cui la fantascienza produce un “senso di meraviglia”, che esisteva ancora ai tempi dell’Apollo, oggi è sostanzialmente scomparso: al suo posto c’è forse un senso di terrore.

La cultura popolare, anche solo cinquant’anni fa, non aveva difficoltà a immaginare futuri sostanzialmente diversi dal nostro e a giocare in modo interessante con le conseguenze. Per esempio, il film di Alexander Korda Cose che verranno (1936) era forse l’epitome del futuro come parabola, un dramma didattico sull’ascesa di uno Stato mondiale tecnologico. Questi autori non avevano difficoltà a immaginare un mondo migliore del nostro, non perché vedessero la tecnologia come una forza inarrestabile per il bene (Wells, dopo tutto, scrisse di bombe atomiche e guerre distruttive), ma perché credevano nella possibilità che gli esseri umani potessero effettivamente costruire un mondo migliore se si fossero impegnati. Non avevano necessariamente torto: per chi leggeva il romanzo di Morris nel 1890, il mondo del 1969, con i suoi servizi igienici, i suoi vaccini, i suoi bagni interni, la sua istruzione e la sua assistenza sanitaria gratuite, sarebbe sembrato una vera e propria utopia.

Questo non è il modo dominante di scrivere sul futuro oggi, dove non solo è difficile immaginare un futuro migliore, ma è difficile persino immaginarne uno diverso. La maggior parte dei romanzi e dei film di fantascienza assecondano i gusti del momento e descrivono mondi che sono molto vicini al nostro, anche se sono nozionalmente nel futuro. O sono, in linea di massima, una leggera estensione delle società occidentali moderne e progressiste, o sono distopie che presentano tutto ciò che tali società temono. Parte dell’attrattiva della fantascienza del passato, tuttavia, consisteva nel fatto che era disposta a considerare almeno la possibilità di società molto diverse dalla nostra, anche se spesso basate su un’estrapolazione delle tendenze esistenti. A volte questo avveniva a scopo satirico, come nei romanzi di Frederick Pohl e CM Kornbluth, altre volte più seriamente, come quando Robert Heinlein si è chiesto come sarebbe stata e come avrebbe funzionato una società futura basata, come l’antica Atene, sulla cittadinanza in cambio del servizio militare. Oggi sarebbe insolito trovare qualcosa di altrettanto avventuroso.

In effetti, l’avventurosità delle idee nella fantascienza classica era spesso un punto di forza rispetto alla caratterizzazione dei personaggi: non è insolito per una forma d’arte che è essa stessa una sorta di mitologia. Così, le prime riviste di SF scelsero deliberatamente titoli come Astounding e Thrilling Wonder Stories per sottolineare la loro differenza dalla narrativa comune. Probabilmente non è una coincidenza che il boom della SF sia iniziato proprio quando l’Africa, di cui fino agli anni Ottanta del XIX secolo si sapeva ben poco in Occidente, cominciava a perdere il suo tradizionale status di luogo di meravigliose avventure immaginarie.

Non sorprende che alcuni scrittori di talento abbiano usato gli orpelli della fantascienza solo come cornice per storie che coinvolgono il simbolismo e la filosofia. La “scienza” in Un viaggio ad Arturodi David Lindsay non è altro che un espediente superficiale della trama, e il sistema solare della Trilogia cosmicadi CS Lewis( ) deve molto di più alla cosmologiamedievale che alle scoperte moderne, anche se, a onor del vero, tenta di mostrare gli effetti della bassa gravità su Marte, per esempio. In ogni caso, la “scienza” è secondaria rispetto alla storia mitologica straordinariamente avventurosa e fantasiosa, che non ci aspetteremmo di vedere oggi.

Ma entrambi i libri dimostrano la virtù fondamentale della fantascienza come genere: a differenza del fantasy, può presentarci mondi plausibili molto diversi dal nostro e farci riflettere sulle conseguenze politiche, morali e persino spirituali. Né Lindsay né Lewis erano scienziati, ma James Blish (1921-75) sì. Come scrittore, Blish non poteva che essere avventuroso: le sue storie “Okie” su intere città che vagano per la Galassia, fortemente influenzate dalle teorie di Oswald Spengler, si concludono con la creazione di un nuovo universo. Aveva un forte interesse per la metafisica e la religione, e il suo capolavoro, Un caso di coscienza (1959), riguarda un prete gesuita, membro di una spedizione scientifica su un pianeta che sembra essere un’utopia, ma i cui abitanti apparentemente non hanno religione. (A sua volta, il libro faceva parte di una trilogia libera , After Such Knowledge, che, ispirandosi alla citazione di TS Eliot, si chiedeva se la ricerca della conoscenza fine a se stessa non potesse portare al disastro. (Gli altri due libri erano Doctor Mirabilis, sulla vita di Ruggero Bacone, e un romanzo in due parti su un moderno demonologo e la conoscenza proibita. Niente di più ambizioso).

Il che ci porta, attraverso una serie di altri interessanti racconti e romanzi per i quali non c’è spazio in questa sede, alla figura di Philip K Dick (1928-82), che ha usato gli oggetti convenzionali della fantascienza pulp (navi spaziali, pistole a raggi) per occuparsi per decenni di questioni epistemologiche e ontologiche, prima di dedicarsi, nei suoi ultimi anni, alla scrittura di romanzi intrisi di teologia gnostica . Il suo romanzo più noto, se non il più tipico, L’uomo nell’alto castello (1962) prende il tropo convenzionale di una vittoria dell’Asse nella Seconda Guerra Mondiale, ma poi immagina, con dettagli allucinanti, una California dominata dai giapponesi, dove l’I Ching è consultato da tutti, e diventa, in effetti, un personaggio del romanzo stesso, se non la sua spiegazione.

La misura in cui la fine del programma Apollo e la conseguente fine dell’era spaziale abbiano contribuito a prosciugare l’ispirazione e il senso dell’avventura nella cultura occidentale in generale è qualcosa di difficile da dimostrare empiricamente, poiché implica giudizi di valore, ma a me sembra che sia in linea di massima così. È stata la fine dell’ultima frontiera e ha coinciso, e forse ha contribuito a produrre, il trionfo dell’approccio alla cultura orientato verso l’interno, postmoderno e decostruzionista, in cui l’arte era sempre più “sull’arte”, o “interrogava” l’arte, o qualsiasi altro dei fastidiosi cliché che ancora oggi, a distanza di cinquant’anni, compaiono nelle note di programma, come se ci fosse qualcosa di nuovo e audace in essi. Certo, nella narrativa tradizionale (Pynchon, Wallace, Calvino, Nabokov, Eco) e nel cinema (Tarantino, Christopher Nolan, persino i Monty Python e Woody Allen) ci sono eccellenti praticanti del genere come soggetto a sé stante, ma troppo spesso si tratta solo di una scusa per riscaldare per l’ennesima volta vecchi stereotipi, perché nessuno è in grado di proporre qualcosa di nuovo.

Abbiamo perso anche un’altra componente. C’è sempre stato un tipo di fantascienza (“hard” è la terminologia abituale) che si basa su leggi fisiche note e su una tecnologia realistica. Al suo meglio, questo tipo di opere ha una sorta di atmosfera classicista: una grande quantità di ingegno nel poco spazio di manovra disponibile. (Rispetto a serie come Star Trek dove, secondo chi ci ha lavorato, ogni volta che un buco nella trama richiedeva una nuova tecnologia, questa veniva semplicemente scritta nella sceneggiatura) .Mission of Gravity (1954) di Hal Clement è un esempio classico: la storia riguarda l’esplorazione di un pianeta in cui la gravità varia enormemente tra l’equatore e i poli, e le sfide che la spedizione deve risolvere. Non si tratta di una storia d’avventura in quanto tale, e ancor meno di una storia metafisica, ma di una sobria presentazione di professionisti esperti che usano la loro formazione e il loro ingegno per superare problemi pericolosi: un’altra forma culturale che oggi è in gran parte scomparsa, ma che era comune nei romanzi mainstream di autori come Neville Shute e Nigel Balchin, per esempio. Questa era la modalità dominante anche nella hard SF, spesso scritta da scienziati e ingegneri in un’epoca in cui queste professioni erano apprezzate più di quanto non lo siano oggi. Earthlight (1955) di Arthur C Clarke non è solo una presentazione realistica delle tensioni politiche tra una Terra futura e le sue colonie planetarie, ma contiene anche una descrizione rigorosamente scientifica (e molto vivida) di una battaglia spaziale, senza un cannone laser in vista. Ma naturalmente Clarke, che aveva già scritto il trascendente Childhood’s End (1953), ha poi co-scritto 2001 con Stanley Kubrick. Sembra che ci sia qualcosa nella fantascienza che desidera parlare di idee veramente grandi, in un modo che la narrativa tradizionale ha smesso di fare decenni fa.

Ma come può la cultura popolare affrontare una situazione in cui non ci sarà più alcuna esplorazione dello spazio profondo e in cui ci siamo rivoltati contro noi stessi e gli uni contro gli altri, invece di essere interessati alle avventure e agli eroi? Concludo citando tre scrittori con approcci diversi (voi potreste averne altri). Uno è Iain M. Banks(1954-2013), che ha effettivamente barato rendendo i suoi protagonisti umanoidi, ma non provenienti dalla Terra e quindi non soggetti alle stesse limitazioni culturali (sic). I suoi protagonisti – e questo è significativo, non sono veri e propri eroi – provengono da una Cultura post-scarsità (sic) in cui le Intelligenze Artificiali prendono la maggior parte delle decisioni e le risorse per i viaggi interstellari sono liberamente disponibili. Ma nonostante i migliori sforzi di Banks, come ho suggerito altrove, la Cultura appare come un luogo piuttosto noioso, un po’ come un parco giochi sicuro per i bambini, e i suoi cittadini devono uscire per trovare l’avventura e persino il senso della loro vita. (In sostanza, i libri della Cultura, per quanto divertenti da leggere e per quanto mi piacciano, sono versioni aggiornate delle storie d’avventura per bambini di CS Lewis, o anche di Enid Blyton).

Nel frattempo, Neal Asher (1961-), fornitore di un’esuberante space opera da crash-bang-wallop, ha scelto di ambientare le sue storie senza fiato in un universo anch’esso gestito da IA, e quindi privo di irritanti considerazioni sulla scarsità e sul conflitto. Anche in questo caso, si ha l’impressione che la vita sulla Terra debba essere piuttosto noiosa, ma fortunatamente ci sono alcune specie xenocide a disposizione per ravvivare un po’ le cose. Infine, Alastair Reynolds (1966-) si è specializzato in storie limitate ai principi fisici conosciuti, compresi i motori più lenti della luce, con trame complesse e spesso incentrate sui personaggi, che mostrano, ancora una volta, persone intraprendenti che incontrano e nella maggior parte dei casi superano pericoli e sfide.

Nessuno degli ultimi tre autori citati può essere definito “nuovo”: tutti hanno iniziato a pubblicare più di trent’anni fa, e tutti conoscono (conoscevano nel caso di Banks) e rispettano le convenzioni del passato. Le loro storie coinvolgono eroi, avventure e idee davvero grandi, oltre a problemi risolti con intelligenza e spesso con coraggio. (Sto cercando di pensare a qualche romanziere moderno mainstream degli ultimi anni di cui si possa dire altrettanto).

Ha importanza? Non siamo forse in una fase dell’evoluzione sociale in cui ci siamo lasciati alle spalle eroi, avventure e grandi idee? Forse, ma il problema è che il mondo stesso ha qualcosa da dire. Rispetto ai confortevoli anni Cinquanta e ai primi anni Sessanta, quando sono stati scritti la maggior parte dei libri discussi sopra, il mondo di oggi è pieno di pericoli senza precedenti: ambientali, sanitari, politici, economici e militari. Ma come società, siamo diventati chiusi e autofagici: l’attività principale durante la crisi di Covid è stata quella di trovare altri da incolpare. Non siamo più interessati alle grandi domande, se non attraverso best-seller transitori, abbiamo decostruito l’eroismo e cerchiamo solo il facsimile antisettico dell’avventura. Non apprezziamo più la conoscenza e la competenza, ma solo l’astuzia. La fine dell’era spaziale, nella cultura come nella realtà, ha segnato l’inizio di questo ripiegamento su se stessi. Se avessimo usato quell’energia così liberata per risolvere i problemi di questo mondo, sarebbe uno scambio ragionevole, ma in pratica abbiamo solo peggiorato i problemi e ora dobbiamo affrontarli, senza essere culturalmente attrezzati per farlo. Per quanto si possa giudicare dalle librerie, i nostri unici eroi oggi sono gli uomini d’affari e i banchieri, dato che tutti gli altri candidati sono stati decostruiti fino alla morte. Non credo che ci salveranno. “Peccato per la nazione che acclama il prepotente come eroe”, lamentava Kahil Gibran. Non riesco nemmeno a immaginare cosa avrebbe pensato dei miliardari come eroi.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

DEMOCRAZIA E CONSENSO, Teodoro Klitsche de la Grange

DEMOCRAZIA E CONSENSO

Lo scioglimento delle camere da parte di Macron ha suscitato in Italia reazioni difformi, accomunate da un misto di machiavellismo da bar ad un legalitarismo da parrocchia (non è obbligato….) e quindi non “si capisce perché l’ha fatto”.

La realtà è che Macron non ha della democrazia la concezione astratta e strumentale condivisa dalla sinistra italiana, ma soprattutto dal PD. Secondo la quale democratico è chi condivide una certa declinazione dell’idea tra le diverse possibili; ma soprattutto che, anche se il popolo ne condivide una diversa è dovere di chi governa infischiarsene della volontà popolare e seguire quell’ “idea”, respinta dalla maggioranza.

Non è così, grazie al cielo, in Francia (e, probabilmente nella maggior parte d’Europa): lì vale la regola che, anche se il popolo sbaglia, è obbligatorio osservarne direttive (e decisioni). Il governo democratico è, anzitutto un dominio della pubblica opinione “government by public opinion”. Come scriveva Schmitt, l’opinione pubblica è la forma moderna dell’acclamazione. Anche se non si lascia racchiudere (del tutto) in procedure formalizzate, al di là dello stesso contenuto legale delle decisioni (l’elezione dei rappresentanti al Parlamento europeo), questa devono orientare comportamenti e azione di governo.

Come scriveva Schmitt “I metodi legali possono scegliere solo un momento unico. In ogni caso, fa parte dell’essenza di una vera democrazia il fatto che il valore sintomatico delle elezioni e delle votazioni popolari venga legalmente rispettato” (il corsivo è mio). In questo contesto “Lo scioglimento, come già illustrato, deve essere considerato come una normale istituzione di questo sistema. Se esso deve avere un senso per il diritto costituzionale, deve valere proprio nel caso in cui la maggioranza parlamentare ha dato al governo un voto di fiducia. Il rapporto diretto con il popolo può essere allora ricercato contro la votazione di sfiducia della maggioranza parlamentare ed il popolo decide come terzo in più alto grado il conflitto sorto fra il governo e la rappresentanza popolare” (il corsivo è mio). Onde “Qui il potere di scioglimento è un mezzo necessario e normale di equilibrio e di appello democratico del popolo… si basi sulla chiara contrapposizione di due diverse opinioni ed il popolo approvi mediante una nuova elezione o il punto di vista del Reichstag o quello del governo del Reich e in questo modo decida il conflitto”. Per cui la ragione è chiara e conferma il principio di legittimità democratica: il popolo decide sul conflitto generato da una riduzione verticale del consenso del governo, in elezioni non-parlamentari (in quelle parlamentari il problema non si porrebbe).

Questa sensibilità verso l’orientamento dell’opinione pubblica, in particolare se confortato da dati reali non è solo di Macron. Anche un eroe nazionale come De Gaulle quando la sua proposta di riforma regionale fu sconfitta dal referendum, si ritirò a vita privata. Né ovviamente questa osservanza è solo francese.

Cosa sarebbe invece successo nella Repubblica italiana, in un caso del genere?

Sarebbe partita una colossale campagna di costruzione di un’opinione pubblica artificiale. Migliaia di talk show, milioni di likes, centinaia di intellettuali da industria culturale, concerti, feste di paese, marce e cortei a gogò. Comici a far lezione di diritto costituzionale (volontariamente); insegnanti di diritto costituzionale a fare (involontariamente) i comici. Tutti a osannare che la democrazia (di marca PD) è la migliore delle possibili, anzi è l’unica possibile; che chi sostiene il contrario è un nemico del popolo e soprattutto che, se il popolo si sbaglia è dovere degli illuminati rieducarlo. Per cui è dovere degli illuminati correggere la volontà popolare: un tempo con i gulag, oggi con metodi meno drastici.

In fondo a tale concezione c’è comunque il potenziale conflitto tra i diversi modi con cui si declina il ruolo del governo democratico: della nota triade per cui questo è il governo dal popolo, del popolo e per il popolo, le prime due espressioni vengono omesse ed offuscate, la terza ingigantita (a beneficio delle élite). Che poi i risultati di tanto zelo siano modesti o addirittura dannosi non vale a scalfire la fede nell’immaginazione di un mondo migliore, più buono, più giusto e anche più pulito.

Resta da vedere quanto possa essere forte (in senso politico) un governo che abbia un consenso modesto, e certificato come tale dall’esito delle elezioni. Credere che le classi politiche degli Stati esteri prendano sul serio un governo  carente di consenso è pensare di vivere nel paese dei balocchi: è chiaro che cercheranno di sfruttarne la debolezza a proprio beneficio, concedendo a quello il meno possibile per tenerlo in  vita quale interlocutore (per loro) ideale.

Perciò è meglio un Macron come in altri tempo, per la Francia fu Coty, che favorì la sostituzione di governi lontani dalla volontà popolare con uno che di quello era la compiuta espressione.

Iniziando un nuovo ciclo della politica e delle istituzioni francesi.

Teodoro Klitsche de la Grange

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

ELEZIONI EUROPEE IN UN CONTESTO DI GUERRA NUCLEARE (Jean Goychman)

ELEZIONI EUROPEE IN UN CONTESTO DI GUERRA NUCLEARE (Jean Goychman)

Élections européennes 2024 - Ambassade de France en Espagne / Embajada de Francia en España

Tra pochi giorni i cittadini dell’Unione europea si recheranno alle urne. Finora, queste elezioni “di routine” non hanno quasi smosso le folle e l’affluenza alle urne è stata modesta.

L’apparente guerra tra Russia e Ucraina è solo una maschera che si sta sempre più incrinando, rivelando la realtà di un confronto tra Russia e NATO.

Ma l’osservatore astuto allargherà l’orizzonte a un conflitto molto più universale, poiché contrappone due visioni del mondo futuro: quella di un mondo monopolistico sotto il dominio occidentale o quella di un mondo multipolare che manterrebbe la sovranità nazionale.

Questa guerra in Ucraina era latente dalla fine dell’URSS e Zbignew Brzezinski l’aveva prevista, se non intravista, in “The Grand Chessboard” pubblicato nel 1997. Egli descrisse l’Ucraina come l’ariete che avrebbe permesso agli Stati Uniti di spezzare la Russia, la cui ripresa era ben avviata, in modo da rimanere soli nella corsa al dominio del mondo.

Interamente preoccupati, persino ipnotizzati dalla Russia, gli strateghi americani hanno preferito ignorare gli sviluppi di un mondo che, ai loro occhi, non aveva importanza. Peggio ancora, la loro unica bussola era la visione di John MacKinder, una sorta di eredità intellettuale tramandata dalla diplomazia (e dalla finanza) britannica. Il pensiero di MacKinder si può riassumere in due punti: le potenze marittime devono dominare il mondo e i continenti non devono mai avere infrastrutture che possano distogliere le merci dal trasporto marittimo.

Un continente in particolare è stato preso di mira: l’Europa.

I britannici hanno sempre temuto un riavvicinamento tra i Paesi dell’Europa occidentale e orientale e dal XIX secolo hanno sempre fatto in modo, soprattutto con le guerre successive, che i Paesi europei fossero sempre in guerra.

Alla fine della Seconda guerra mondiale, la guerra fredda ha preso il sopravvento, concretizzandosi in un’impenetrabile “cortina di ferro” e, dopo la fine dell’URSS, è stata la NATO che, estendendosi progressivamente verso est, ha impedito qualsiasi tentativo di riavvicinamento, in particolare tra Germania e Russia.

ERA NELL’INTERESSE DELL’UNIONE EUROPEA?

Appena tornato in carica nel 1958, de Gaulle, che era sinceramente europeo, si oppose alla sottomissione dell’Europa da parte degli Stati Uniti, perché capiva perfettamente che il progetto americano per l’Europa era nell’interesse esclusivo degli Stati Uniti.

Convinti, a ragione, di perseguire un unico obiettivo, quello di trasformare l’Unione Europea in uno spazio senza confini interni o esterni, facendo scomparire gli Stati nazionali.

e fondere i popoli in una sorta di melting pot in cui le culture e le identità sarebbero state sommerse, facendo perdere ogni riferimento nazionale, si opponeva a ogni integrazione europea sapendo che era dettata unicamente dagli interessi americani. Tutti i tentativi di convincere i tedeschi che l’Europa doveva costruirsi da sola e assumersi la responsabilità dei suoi settori “sovrani”, come la difesa, l’indipendenza energetica e le risorse industriali, furono respinti a priori dai tedeschi, che a quanto pare avevano più fiducia negli americani che nei francesi. Questo è uno dei motivi principali per cui l’Unione Europea è ora intrappolata in una trappola diabolica da cui non potrà mai uscire.

Questa morsa americana è stata fatta propria da un gran numero di leader europei ed è cresciuta sempre di più perché questi leader non hanno visto (o non hanno voluto vedere) il pericolo che questa perdita totale di autonomia avrebbe comportato. Nel suo libro L’Amérique-Empire, Nikola Mircovic scrive: “Piuttosto che colonizzare i Paesi, gli americani hanno preferito colonizzare le loro élite”.

Il postulato di un’America dominante, se non per l’eternità, almeno per i decenni a venire, ha preso piede e, con esso, la nozione di miglior interesse delle nazioni e degli Stati è semplicemente scomparsa, lasciando il posto alla falsa sicurezza della servitù.

Va detto che il popolo americano ha ben poco a che fare con tutto questo. In realtà, solo una piccola élite finanziario-globalista che, nel tempo, ha colonizzato essa stessa gli Stati Uniti, è riuscita a imporre la sua visione di un mondo globale sotto il suo dominio.

Questo è ciò che Donald Trump chiama “Stato profondo”, al quale ha dichiarato una guerra che promette di essere spietata se verrà rieletto.

È proprio questa dipendenza dai nostri “alleati americani” che rischia di farci precipitare in un conflitto a cui non abbiamo nulla a che fare e che potrebbe trasformarsi in un confronto nucleare tra Russia ed Europa, il che sarebbe paradossale…

UNA STRATEGIA GEOPOLITICA IN LINEA CON QUELLA DEL REGNO UNITO

È questa morsa che ha impedito anche qualsiasi tentativo di creare un'”Europa delle patrie”, che si sarebbe logicamente estesa dall'”Atlantico agli Urali”, combinando il dinamismo industriale dell’Europa occidentale con le immense risorse naturali della Russia.

La politica americana di isolamento dell’Europa orientale e occidentale doveva essere completata da una strategia di isolamento della Russia e della Cina, ma è fallita.

La Russia si sta invece rivolgendo all’Asia e sta costruendo quelle che probabilmente saranno le fondamenta di una nuova geopolitica che riunirà tre quarti della popolazione mondiale.

LE ELEZIONI DEL 2024, UNA SCELTA CRUCIALE PER IL POPOLO FRANCESE.

Logicamente, il rifiuto del referendum del 2005 sul progetto di Trattato costituzionale avrebbe dovuto porre fine al progetto federalista a favore di un’Europa che garantisca la sovranità nazionale.

Ma così non è stato e sotto il presidente Sarkozy, grazie a un discutibile emendamento alla Costituzione, nel 2009 il parlamento francese ha adottato un trattato che riprende parola per parola il testo respinto, sotto forma di trattato europeo.

Le elezioni del 2024 potrebbero essere l’occasione per il popolo francese di rinnovare la propria ostilità alla creazione di uno Stato federale europeo che rovinerebbe la sovranità dei popoli e delle nazioni che compongono l’Unione Europea. Gli eurofederalisti hanno sempre avanzato sotto un “falso mantello” che mascherava le loro reali intenzioni. È giunto il momento di dire loro “no”, proprio come ha fatto il popolo francese nel 2005.

E non importa quale lista venga scelta, purché sia in linea con la sovranità della nazione. Per ingannare gli elettori, si parla di “sovranismo europeo”, ma è solo una cortina di fumo che non ha alcuna realtà. Non esiste un popolo europeo o una nazione europea, e non ce n’è bisogno se vogliamo costruire un’Europa di nazioni e patrie che lavorano insieme in reciproca cooperazione. È questo tipo di cooperazione, voluta da de Gaulle, a livello di imprese e non di Stati, che ha reso possibile l’Airbus.

L’Europa federale non è altro che un’esca progettata per inventare un nuovo tipo di territorio che diventerà il fiore all’occhiello della futura globalizzazione monopolistica.

La maggioranza dei popoli del mondo sembra preferire la prospettiva di un mondo “multipolare”.

ed è questa nuova architettura che ha tutte le possibilità di avere la meglio.

Optare per il federalismo europeo oggi equivarrebbe a metterci in “disparte” facendo a meno delle nostre nazioni, con tutto ciò che ne consegue.

L’analisi del voto va interpretata soprattutto come un nuovo referendum pro o contro il federalismo europeo.

Jean Goychman

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Il petrodollaro è morto? Le voci si susseguono mentre le potenze monetarie puntano tutto sull’ultimo colpo di scena, di SIMPLICIUS

Si stanno verificando sviluppi davvero interessanti per quanto riguarda la situazione bancaria e finanziaria in Russia e nel mondo.

In primo luogo, per preparare il terreno: si dice che l’Arabia Saudita abbia rifiutato di rinnovare il suo presunto “accordo petrodollaro di 50 anni”, firmato – di nuovo, presumibilmente – il 9 giugno 1974.

Il problema è che non esiste una fonte valida che riporti questa notizia: se si risale alle sue origini, essa proviene da un gruppo di falsi siti web oscuri, come i vecchi Sorcha Faal whatdoesitmean dot com.

Certo, alcuni siti abbastanza legittimi come Gateway Pundit lo stanno riportando, ma si limitano a fare l’eco della storia senza una fonte valida. Quindi, purtroppo, questa storia sembra essere per lo più falsa. Tuttavia, credo che si tratti principalmente di una rielaborazione di eventi reali che hanno già avuto luogo. Non sembra esserci una scadenza precisa di 50 anni che è scaduta pochi giorni fa, ma piuttosto l’Arabia Saudita ha già segnalato che l’accordo è di fatto nullo nel corso degli ultimi anni. .

Ma il motivo per cui la storia è estremamente rilevante in entrambi i casi, nonostante sia una formulazione un po’ fasulla di eventi reali in corso, è dovuto agli altri enormi sviluppi che si stanno verificando in questo momento, e al modo in cui il petrodollaro saudita gioca criticamente in tutto questo. .

Ora la grande storia ruota attorno alla riunione del G7 e all’improvviso nuovo pacchetto di sanzioni imposte ai mercati azionari russi con l’intento di farli crollare:

Una nuova serie di sanzioni statunitensi contro il Moscow Exchange (MOEX), il National Clearing Centre e il National Settlement Depository della Russia minerà ulteriormente il ruolo del dollaro.

Invece, la Russia ha messo completamente fuori gioco il dollaro e l’euro e sembra che si stia preparando una grande tempesta sui mercati finanziari globali.

Sulla scia della mossa del Tesoro statunitense, la Banca centrale russa ha annunciato la sospensione delle operazioni di cambio e di regolamento degli strumenti consegnabili in dollari ed euro, aggiungendo che tali operazioni sarebbero proseguite “over-the-counter (OTC)”, ossia direttamente tra le banche russe e i loro clienti. La banca ha chiarito ai russi che i loro depositi in valuta estera rimangono sicuri nonostante le sanzioni.

Insieme al fatto che in questo momento chiave i partecipanti al G7 hanno deciso di iniziare a utilizzare i fondi sovrani rubati dalla Russia per darli all’Ucraina. Ma, innanzitutto, c’è una fregatura: non stanno usando i fondi in sé, ma piuttosto gli “interessi maturati” dalla detenzione di quei fondi, che per ora ammontano a 50 miliardi di dollari. Inoltre, a quanto pare, il denaro è costituito per lo più da prestiti, per i quali i fondi sono utilizzati come garanzia.

Ursula ha annunciato con orgoglio il furto di fondi sovrani:

Secondo alti funzionari dell’amministrazione Biden, il prestito diventerà attivo entro la fine dell’anno e farà pagare la Russia contro i contribuenti statunitensi e i Paesi del G7.

“La Russia paga”, ha detto un funzionario. “Le entrate derivano dal flusso di interessi sui beni immobilizzati, e questo è l’unico modo giusto per essere ripagati. Il principio è intatto per ora. Ma abbiamo la possibilità di sequestrare il capitale in un secondo momento, se c’è la volontà politica”.

Come si può vedere, non stanno toccando il principio, ma piuttosto creando uno strumento di prestito; il classico trucco del mestiere della schifosa cabala dell’usura.

Ma anche questo sforzo sta già incontrando ostacoli:

Qui la situazione si fa interessante. Come ho detto, la Russia si è immediatamente vendicata ritirando l’euro e il dollaro, con una serie di ripercussioni. In primo luogo, il Rublo per ora è salito drammaticamente a 87 contro il dollaro. Poi, la Russia ha annunciato un’altra iniziativa a favore dello Yuan per sostituire completamente il dollaro:

Ecco il lungo ma dettagliatissimo riassunto di un analista:

La Banca di Russia e la Borsa di Mosca si stanno preparando alle sanzioni dal marzo 2022, i protocolli di risposta sono stati formalizzati nel settembre 22, implementati nell’ottobre 22 e adattati per tutto il 2023. Le revisioni sono in corso dal 2024, quindi non ci sono sorprese e tutto dovrebbe svolgersi in modo relativamente indolore.

Il principale adattamento ha riguardato la creazione di conti di corrispondenza con le banche cinesi, la realizzazione di infrastrutture per la negoziazione dello yuan e l’espansione del mercato over-the-counter.

La quota dello yuan a maggio ha raggiunto un altro massimo storico nella struttura del mercato dei cambi, raggiungendo il 53,6% rispetto all’1% di inizio 2022. Oltre il 99% del volume di scambi è occupato da yuan, dollaro ed euro.

La quota del mercato over-the-counter sul volume totale delle contrattazioni in valuta estera è stata del 58,1% a maggio (ad aprile – 56,4%). Nel mercato over-the-counter, la quota dello yuan è salita al 39,2%.

Non ci sarà una paralisi del mercato dei cambi, perché il fatturato si sposterà nel circuito ombra del mercato over-the-counter – la trasparenza diminuirà, gli spread si allargheranno, le commissioni aumenteranno e la liquidità peggiorerà. Non c’è nulla di buono e non c’è un solo aspetto positivo, ma dal punto di vista della sopravvivenza del sistema, i rischi fondamentali sono coperti.

Nel breve termine, il panico potrebbe aumentare la domanda di dollari ed euro, ma nel medio termine la domanda probabilmente diminuirà.

La parte più significativa dell’analisi:

Nel 1T24, le esportazioni in valuta dei Paesi non amici hanno rappresentato il 21,5% rispetto all’86% all’inizio del 2022, e le importazioni il 27,8% rispetto al 66% all’inizio del 2022. Nei prossimi 6 mesi, la domanda di valute di Paesi non amici nelle attività di commercio estero potrebbe diminuire ulteriormente, ma non azzerarsi, perché la posizione di principio di molte controparti è quella di regolare esclusivamente in “valuta forte”.

Quindi l’utilizzo di valute non amichevoli è già crollato dall’86% al 21,5% dal 2022, e ora crollerà ulteriormente con le ultime azioni.

Ma prima di passare agli sviluppi convergenti, i rischi a breve e medio termine sono reali:

Quali conseguenze possono derivare dalla cessazione del commercio di dollari ed euro in Russia?

Il rischio di un crollo delle esportazioni e delle importazioni aumenterà del 10-25% nei prossimi sei mesi a causa dell’incapacità di pagare le transazioni commerciali con l’estero in dollari ed euro, che potrebbe portare a una carenza di importazioni critiche, rallentando l’attività di investimento. I ricavi delle esportazioni potrebbero diminuire. Scenario dell’Iran nei primi anni dopo le dure sanzioni.

Una carenza di importazioni può esacerbare i processi inflazionistici all’interno della Federazione Russa a causa di un eccesso di massa monetaria in rubli e dell’assenza di punti di distribuzione della massa monetaria.

In teoria, i regolamenti dei contratti commerciali con l’estero possono essere effettuati al di fuori della Borsa di Mosca attraverso vari meccanismi del mercato over-the-counter, ma tutto dipende dalle specifiche dei contratti. Le grandi controparti eviteranno tali schemi.

Non c’è intesa sul funzionamento del Fondo nazionale di previdenza, sulla regola fiscale e sui meccanismi di intervento sui cambi – siamo in attesa di chiarimenti da parte della Banca di Russia.

Esiste il rischio di un degrado delle transazioni in valuta estera con la Cina a causa del timore di sanzioni secondarie. C’è una probabilità non nulla che le grandi banche cinesi evitino qualsiasi interazione con la Borsa di Mosca, la NCC e la NSD, avendo esperienza di una partecipazione limitata all’integrazione valutaria in assenza di sanzioni. È probabile che nelle singole banche cinesi di piccole dimensioni vengano assegnati uffici di rappresentanza speciali per le comunicazioni finanziarie con la Russia.

Gli Stati Uniti stanno rafforzando il controllo extraterritoriale sul rispetto delle sanzioni, che include le controparti dei Paesi della CSI, degli Emirati Arabi Uniti, della Turchia e di Hong Kong, che, a differenza della Cina, rispettano il regime di sanzioni con maggiore attenzione.

C’è il rischio di instaurare una dittatura da parte della Cina, in quanto unica controparte attraverso la quale la Russia avrà contatti con il mondo esterno, che limiterà la sovranità della Russia nel quadro della determinazione del commercio estero e dell’attività economica estera. Una tale disposizione impone restrizioni alle operazioni commerciali e di investimento della Russia nel mondo esterno, quando quasi tutte le transazioni esterne possono avvenire con l’approvazione diretta di funzionari cinesi.

I costi di cambio aumenteranno e i tempi delle transazioni si allungheranno, il che si ripercuoterà direttamente su ritardi significativi nelle consegne e nei pagamenti (accumulo di crediti nei confronti delle controparti russe).

La carenza di dollari ed euro può influire sulla capacità di adempiere agli obblighi esterni nei confronti di creditori e investitori, che sono poco meno che completamente denominati nelle valute di Paesi non amici (debito estero). Sebbene il debito estero sia diminuito di oltre il 40% dall’inizio del 2022 (353 -> 208 miliardi), questo fattore non può essere cancellato. Prima delle sanzioni, dollari ed euro erano difficili da trovare durante il giorno, e lo sono ancora di più adesso.

L’esperienza del blocco delle sanzioni su un grande Paese (l’Iran) non ha portato a nulla di buono: transazioni di baratto e scambio diretto di merci, schemi finanziari ombra e intermediari che aumentano i costi, contrabbando, ma l’uso delle criptovalute è in aumento. In ogni caso, le conseguenze sono evidenti: rallentamento del fatturato commerciale, contrabbando, aumento dei costi.

La crescita del commercio estero in valuta nazionale (rubli) è inevitabile, ma con le sue specificità – ci sono pochi soggetti disposti ad accettare rubli e in un volume limitato – i Paesi della CSI, la Cina, in parte l’India, l’Iran, alcuni Paesi dell’Africa e dell’America Latina (questi ultimi hanno un fatturato commerciale insignificante).

C’è il rischio che si crei un mercato dei cambi “a due livelli”: il tasso di cambio ufficiale e il tasso di cambio “nero”.

Il sistema di pagamento dei BRICS porterà sicuramente a un miglioramento quando sarà operativo.

Come si può vedere da quanto sopra, ci sono una serie di preoccupazioni a medio termine. Tuttavia, l’opportunità d’oro risiede nel fatto che ci troviamo in un grande punto di snodo della storia, la quarta svolta come la chiamano alcuni. La Russia ha la presidenza dei BRICS e si prevede che spingerà l’iniziativa per una moneta BRICS e una nuova riformulazione dell’intero sistema globale.

I ministri BRICS si sono riuniti a Nizhny Novgorod il 10 giugno e ha rilasciato i seguenti punti chiave per darci un assaggio di ciò che verrà, riassunto da Arnaud Bertrand:

  1. Riforma globale dell’ONU: Essi “sostengono una riforma globale delle Nazioni Unite, compreso il suo Consiglio di Sicurezza” al fine di renderlo più democratico e “aumentare la rappresentanza dei Paesi in via di sviluppo tra i membri del Consiglio” .
  2. Riforma globale del sistema finanziario: “Riconoscono la necessità di una riforma globale dell’architettura finanziaria globale per rafforzare la voce dei Paesi in via di sviluppo e la loro rappresentanza nelle istituzioni finanziarie internazionali”. Hanno inoltre “sottolineato l’importanza di un maggiore uso delle valute locali nelle transazioni commerciali e finanziarie tra i Paesi BRICS”. .
  3. Condanna delle “misure coercitive unilaterali” e del protezionismo: Non hanno nominato gli Stati Uniti, ma questa sezione non lascia dubbi su chi si riferissero: “[I ministri] hanno espresso preoccupazione per l’uso di misure coercitive unilaterali, che sono incompatibili con i principi della Carta delle Nazioni Unite e producono effetti negativi sulla crescita economica, sul commercio, sull’energia, sulla salute e sulla sicurezza alimentare, in particolare nei Paesi in via di sviluppo”. Allo stesso modo si sono anche “opposti a misure protezionistiche unilaterali, che deliberatamente interrompono le catene di approvvigionamento e di produzione globali e distorcono la concorrenza”.

I numeri 1 e 2, in particolare, sono in linea con altri punti riguardanti la riforma dell’OMC e del G20 – che sarà presieduto dai Paesi BRICS da ora fino al 2025 – nonché l’attenzione all’uso delle valute nazionali:

I Ministri hanno sottolineato l’importanza di un maggiore utilizzo delle valute locali nelle transazioni commerciali e finanziarie tra i Paesi BRICS. Hanno ricordato il paragrafo 45 della Dichiarazione di Johannesburg II che incarica i Ministri delle Finanze e i Governatori delle Banche Centrali dei Paesi BRICS di esaminare la questione delle valute locali, degli strumenti e delle piattaforme di pagamento e di riferire ai Leader dei BRICS.

In questo momento cruciale, quindi, l’attenzione si concentra sempre più sulla dedollarizzazione, proprio mentre il mondo è testimone della criminalità finanziaria e della condotta immorale dell'”Ordine basato sulle regole”. Questo avviene anche in un momento in cui decine di nuove nazioni chiedono di entrare a far parte dei BRICS e al 16° vertice dei BRICS, che si terrà a ottobre di quest’anno, si prevede che un’altra sfilza di Paesi sarà accettata come membro.

Come possiamo vedere, il BRICS sta attualmente tenendo la propria versione dei giochi olimpici in Russia – la più grande mai realizzata finora – parallelamente ai giochi estivi di Parigi che inizieranno a breve. A poco a poco, i BRICS stanno creando una visione alternativa più equa del mondo, in cui non esistono coercizione, cancellazione e furto di fondi sovrani. Il ritmo sta iniziando a salire rapidamente, e nel giro di pochi anni il modello occidentale potrebbe essere in grave difficoltà, mentre il mondo intero si affolla alla visione positiva offerta dall’ordine guidato da Cina e Russia.

Ora il FT riporta che a causa della precaria arma finanziaria dell’Occidente, i Paesi hanno tagliato i loro asset in euro del 5%:

La quota di valuta estera detenuta dall’euro a livello mondiale è diminuita lo scorso anno a causa dei timori che i piani di utilizzo dei beni russi congelati per finanziare l’Ucraina potessero erodere ulteriormente l’appeal della moneta unica europea.

In un rapporto pubblicato mercoledì, la Banca Centrale Europea ha dichiarato che l’anno scorso gli altri Paesi hanno ridotto le attività in euro delle loro riserve bancarie centrali di circa 100 miliardi di euro, con un calo di quasi il 5%. L’euro è sceso al minimo di tre anni del 20%, dal 25%. La sua quota di scambi commerciali è scesa dello 0,7%.

La BCE avverte che “armare” le valute non fa che renderle meno attraenti, mettendo in pericolo la capacità dell’UE di emettere debito a basso costo. I membri dell’UE detengono 13.800 miliardi di euro (14.700 miliardi di dollari). Mezzo punto percentuale (50 pb) equivale a quasi 70 miliardi di euro in più che i Paesi dell’UE spenderebbero in un anno per pagare gli interessi.

Ora, con una notizia bomba, il rappresentante della Camera Thomas Massie riferisce che Trump sta ventilando l’abolizione completa dell’imposta sul reddito se entrerà in carica:

Improvvisamente le vecchie teorie kook di Nesara/Gesara non sembrano più così assurde.

In breve, tutti gli eventi in corso si stanno preparando per potenzialmente provocare un enorme momento di cigno nero nel 2025, che potrebbe scuotere le fondamenta dell’intero sistema finanziario occidentale. Ed è qui che entra in gioco la situazione saudita: La KSA è ora membro a pieno titolo dei BRICS e in precedenza ha segnalato la disponibilità ad accettare lo yuan per le vendite di petrolio alla Cina, per cui sappiamo – almeno – che il suggerimento della scomparsa del petrodollaro non è una teoria cospirativa:.

La grande domanda non è dove andranno le cose, ma quanto velocemente: la loro traiettoria è quasi certa, resta solo da vedere quanto velocemente i Paesi vicini ai BRICS riusciranno a concordare i meccanismi e a raccogliere l’iniziativa per metterli in pratica. .

Per decenni l’idea di abbandonare il dollaro è sembrata ridicola, soprattutto per le nazioni più piccole e meno potenti che non hanno la stessa capacità di azione di una superpotenza come la Russia. Ma ora che la Russia sta mostrando loro la strada, facendo da pioniere e dimostrando che non c’è nulla di spaventoso nell’infrangere la barriera mentale della schiavitù coloniale imposta e dell’egemonia finanziaria, possiamo aspettarci che il resto del mondo segua rapidamente l’esempio della Russia; una volta infranto lo spettro, è come sfondare un pavimento di supporto psicologico o un tetto di resistenza nel mercato azionario, dopo di che le cose possono precipitare o salire con una velocità imprevedibile.

In sostanza, l’idea che viene trasmessa è che stiamo arrivando a un momento in cui sembra che tutti stiano raddoppiando, puntando tutto sulle loro carte vincenti e “mostrando la mano” nella guerra finanziaria parallela che infuria sotto la superficie di quella cinetica. La Russia non sta chiaramente implorando il perdono e ha invece raddoppiato l’accelerazione della dedollarizzazione. È solo una questione di tempo prima che le cose comincino a complicarsi per la parte che ha in mano le carte più scarne, o il cui bluff viene scoperto. Dato che i fondamentali di Russia e Cina sono eccellenti rispetto a quelli dell’Occidente – e in particolare degli Stati Uniti, con il loro scandaloso 126% di debito/PIL – per quanto riguarda la struttura del debito, la crescita economica, la disoccupazione, l’inflazione e tutte le altre metriche chiave, è chiaro chi sarà lasciato con i pantaloni abbassati nel prossimo futuro. Per non parlare del bagno di sangue a cui stiamo assistendo nella politica globale, con la parte controllata dallo Stato profondo che si sta nascondendo e che culminerà solo con la sconfitta dei Democratici alle presidenziali del 2024. In quasi tutti i modi possibili, il 2025 sarà un anno di svolta storica.

Come ultima grande sintesi dell’assoluta assurdità della follia terminale dell’Occidente in decadenza, mentre sovvertono disperatamente le norme più fondamentali del loro regime finanziario avvelenato nel modo più egregiamente illogico e insensato, mentre annegano nella tossicità auto-creata della loro follia criminale, da SwanEconomy su TG:

La truffa finanziaria del secolo è alle porte: l’UE è pronta a diventare la principale responsabile per volontà degli USA

Il mondo assisterà presto al più grande furto di denaro della storia. Davanti ai nostri occhi, il principale cliente (gli Stati Uniti) e l’esecutore (l’Unione Europea) stanno cercando di mascherare il più possibile il furto della parte “congelata” dei beni sovrani della Russia come una transazione legale.

Esiste già un consenso preliminare di tutti i membri del G7.

Cosa sta succedendo? Gli Stati Uniti intendono concedere un prestito di 50 miliardi di dollari al regime di Kiev. Il compito degli europei è quello di trasferire i beni “congelati” della Federazione Russa per un ammontare di circa 260 miliardi di dollari allo status di garanzia finanziaria (pegno) nell’ambito del prestito americano.

Non si può prendere sul serio il ragionamento secondo cui solo il reddito degli asset da 260 miliardi di dollari sarà usato per garantire il prestito degli Stati Uniti: l’ammontare della garanzia deve essere almeno pari all’entità del prestito. È ovvio che il reddito degli asset è molto inferiore a 50 miliardi di dollari.

Allo stesso tempo, Washington non intende trasferire denaro a Kiev. I soldi verranno dati al complesso militare-industriale americano per la produzione di armi.

In questo caso, gli europei dovranno assumersi il compito più sporco: si tratta essenzialmente di rubare i beni della Federazione Russa, per poi trasferirli negli Stati Uniti, ma nel quadro di uno schema presumibilmente “legale”. Tutti i rischi connessi, così come l’azione penale, come credono a Washington, riguarderanno solo gli europei, ma non gli americani.

Dopotutto, cosa vediamo dal punto di vista degli specialisti dei mercati finanziari? Gli Stati Uniti intendono concedere un prestito a un Paese il cui rating del debito sovrano è inferiore allo zoccolo. Cioè, stanno consapevolmente concedendo un prestito a un debitore che non lo restituirà. Si tratta di una follia o di una sorta di truffa per il riciclaggio di denaro.

Tuttavia, i tempi di garanzia più elevati dovrebbero, dal punto di vista di Washington, rendere tale prestito come se non fosse discutibile. Ma perché ciò avvenga, le autorità statunitensi hanno bisogno che gli europei cambino lo status dei beni “congelati” della Russia in quello di garanzia.

In una situazione in cui la capacità di credito del Paese è in crisi, nessuno, a meno che non si tratti di un piano criminale, concederà un prestito solo a fronte di un “reddito da attività” se non c’è alcuna garanzia che il creditore possa ottenere le attività nel caso in cui il debitore non riesca a rimborsare il prestito.

Il mondo ricorda molto bene che dopo il 2014 le autorità ucraine non hanno concesso alla Russia un prestito sovrano di 3 miliardi di dollari con interessi. Naturalmente, Kiev lo ha poi fatto per decisione di Washington per mano della Corte Suprema del Regno Unito. Ma quando i debiti devono essere restituiti a Washington, ecco che le “regole” sono diverse, o meglio, gli accordi con i banditi.

Ora le ancelle delle autorità statunitensi in Europa devono “trascinare” i beni dalla Russia al “punto” legale necessario, dal quale saranno messi in tasca alle autorità statunitensi.

I politici europei si rendono ridicoli, perché la decisione per la stessa Euroclear belga, dove si trova la maggior quantità di denaro russo, non viene presa nemmeno dalle autorità belghe, né dalla leadership dell’UE.

La decisione è presa dal G7, che non comprende il Belgio e non ha il diritto di decidere su questioni che riguardano la reputazione dell’intera UE. Gli Stati Uniti continuano a umiliare i loro vassalli, ma li stanno già portando al limite, scontentando ulteriormente gli europei. E l’inizio del cambiamento politico sta sorgendo in Europa.

Pensa che gli Stati Uniti e l’Unione Europea perderanno la fiducia dell’intero mondo non occidentale dopo la truffa?

In breve: gli Stati Uniti vogliono che l’Europa si assuma tutti i rischi e le responsabilità in proporzione alla quantità di fondi sovrani russi che detengono, mentre questi vengono utilizzati come garanzia per trasferire il prestito agli appaltatori della difesa statunitensi, che si arricchiranno per conto degli europei impoveriti – che bel piano:

Non posso tralasciare il colpo più forte di tutta l’occasione. Da parte di Dmitry Medvedev, una delle sue invettive più truculente e spumeggianti:

🇷🇺💬Dmitry Medvedev:

“Ecco le nuove sanzioni americane. Presto ce ne saranno di nuove europee. Dobbiamo rispondere a queste sanzioni? Sembra di no, il loro numero si misura già in decine di migliaia. Abbiamo imparato a convivere e a svilupparci con esse.

D’altra parte, è necessario. Non solo per le autorità, per lo Stato, ma per tutto il nostro popolo in generale. Per tutti coloro che amano la nostra Madrepatria – la Russia. Dopo tutto, loro – gli Stati Uniti e i loro maledetti alleati – ci hanno dichiarato guerra senza regole!

Come reagire? Ne ho già parlato una volta, ma vale la pena ripeterlo.

Ogni giorno dobbiamo cercare di infliggere il massimo danno a quei Paesi che hanno imposto queste restrizioni al nostro Paese e a tutti i nostri cittadini. Un danno a tutto ciò che può essere danneggiato. Danni alle loro economie, alle loro istituzioni e ai loro governanti. Il benessere dei loro cittadini. La loro fiducia nel futuro. Per fare questo, dobbiamo continuare a cercare le vulnerabilità critiche delle loro economie e colpirle in tutti i settori. Causare danni in tutti i luoghi, paralizzando il lavoro delle loro aziende e agenzie governative. Trovare problemi nelle loro tecnologie più importanti e colpirli senza pietà. Distruggere letteralmente l’energia, l’industria, i trasporti, le banche e i servizi sociali. Instillare la paura di un imminente collasso di tutte le infrastrutture critiche.

Hanno paura di consegnare le nostre armi ai nemici del mondo occidentale? Dobbiamo trasferire loro tutti i tipi di armi possibili, tranne quelle nucleari (per ora)!

Hanno paura dell’anarchia e dell’esplosione della criminalità nelle grandi città? Dobbiamo aiutare a disorganizzare le loro amministrazioni comunali!

Hanno paura della guerra nello spazio? Questo significa che la riceveranno anche loro. Che tutto si fermi per loro, che tutto si deteriori, che tutto vada all’inferno!

Hanno paura delle esplosioni sociali? Organizziamole! Dobbiamo gettare nella loro sfera mediatica tutti i più inquietanti incubi notturni e utilizzare tutti i loro terribili dolori fantasma. Non c’è più bisogno di risparmiare la loro psiche! Lasciamoli rabbrividire nelle loro case accoglienti, lasciamoli rabbrividire sotto le coperte.

Stanno urlando per l’uso che facciamo delle fake news? Trasformiamo la loro vita in un incubo completamente folle in cui non saranno in grado di distinguere la finzione selvaggia dalla realtà del giorno, il male infernale dalla routine della vita.

E nessuna regola per quanto riguarda il nemico! Che ricevano tutto per intero per aver danneggiato la Russia e nel modo più doloroso possibile! Tutti possono contribuire!

Ricorda:

Quid pro quo!

Un po’ di fortuna!

“frattura per frattura, occhio per occhio, dente per dente; qualsiasi ferita abbia dato a una persona sarà data a lui”.

(Levitico 24:20)”.

Infatti, Medvedev ha scritto un intero articolo per l’occasione per Rossiskaya Gazeta, facendo eco all’abnegazione di Putin del famigerato Ballo del vampiro:

“L’umanità deve finalmente liberarsi dell’eredità del sistema coloniale. Il tempo delle metropoli è scaduto”.

Apocalypseos riassume su X:

  • Gli Stati Uniti sono diventati una neo-metropoli di sanzioni globali, violando la sovranità di Paesi terzi, e le sanzioni secondarie sono tentativi di distruggere interi Paesi;
  • L’Occidente crea artificialmente le crisi economiche, usa l’agenda verde per mantenere l’elitarismo e, attraverso il monopolio delle corporazioni informatiche, soffoca coloro le cui opinioni contraddicono le sue linee guida;
  • Sarà possibile liberare l’Ucraina dalle catene neocoloniali dell’Occidente solo dopo aver completato tutti i compiti dell’operazione speciale;
  • Il Sud globale non vuole seguire la “formula Zelensky” e interrompere i legami a lungo termine con la Russia;
  • L’Occidente utilizza il “neocolonialismo del debito” per mantenere la propria influenza nel Sud del mondo;
  • All’Armenia vengono promesse “montagne d’oro” in cambio di una completa lealtà, ma le porte del “club dell’élite” non si apriranno a Yerevan;
  • Parigi cercherà di mantenere il più a lungo possibile la sua presenza in Africa come moneta nascosta, il che è fondamentale per Macron;
  • La Russia spera che la cooperazione nel formato BRICS-Unione Africana raggiunga un nuovo livello qualitativo;
  • L’Occidente si opporrà allo sradicamento del neocolonialismo; è necessario aumentare l’interazione di tutte le forze nella lotta contro questo fenomeno;
  • Le ex metropoli vogliono ancora parassitare i Paesi che dipendono da loro, solo in modo più sofisticato;
  • L’Occidente ha reagito ferocemente al movimento di lotta al neocolonialismo “Per la libertà delle nazioni!”, cercando di interrompere il congresso di fondazione;
  • La formazione di un nuovo sistema di relazioni internazionali è una questione del prossimo futuro; in esso non ci sarà posto per le sanzioni, lo sfruttamento e la menzogna;
  • Sempre più Paesi vogliono vivere in pace, senza l’eredità del sistema coloniale e secondo i principi dell’uguaglianza sovrana;
  • Il nuovo ordine mondiale policentrico sarà pragmatico, la diversificazione delle connessioni è la chiave della stabilità economica.

Le forze russe continuano a conquistare territori e insediamenti, mentre i soliti sospetti si lamentano con angoscia:

La strategia di Kharkov sta chiaramente funzionando: Si dice che l’Ucraina abbia trasferito alcune delle sue migliori unità dalla direzione di Chasov Yar a Kharkov, per cui è probabile che la Russia faccia presto grandi guadagni anche lì. Nonostante le affermazioni ucraine, la Russia ha fatto progressi anche nella zona di Kharkov-Volchansk, che comprende un’ampia avanzata laterale, dichiarata di 4 km, a est verso Bochkove:

Un Su-34 russo, nel frattempo, ha usato un missile Kh-38MLE per far saltare il ponte di Staryi Saltov, che collega Kharkov al fronte di Volchansk, ostacolando notevolmente la logistica dell’AFU:

Posizione del ponte (50.07742223091243, 36.81082376840926) sul fiume Siverski Donets in relazione a Volchansk e alla sua MSR verso Kharkov:

La situazione della rete elettrica in Ucraina comincia a preoccupare seriamente i curatori occidentali:

L’articolo della BBC sopra riportato afferma che gli ucraini già soffrono di interruzioni di corrente per 8 ore e potrebbero presto dover affrontare 20 ore al giorno senza elettricità o riscaldamento, se la Russia continuasse i suoi attacchi di de-elettrificazione:

La TV ucraina ora definisce addirittura “criminale” far funzionare l’aria condizionata durante il giorno:

Per chi fosse interessato, il giornalista John Helmer ha un paio di buoni articoli su questo argomento, il primo è principalmente un collegamento a una discussione in podcast sull’argomento, in cui afferma:

In questo momento la campagna della guerra russa all’elettricità in Ucraina prende di mira gli ultimi impianti di produzione di energia funzionanti e le linee di trasmissione dell’Unione Europea che sostituiscono l’elettricità che gli ucraini non possono più produrre da soli. Vengono colpite le torri del microonde e della telefonia mobile, così che la rete cellulare del paese crolla parallelamente alla rete elettrica.

“Si tratta di una battaglia profonda russa”, commenta una fonte militare statunitense, “che viene combattuta di fatto dallo Stato Maggiore Generale mentre le sue operazioni continuano ad essere limitate a Mosca per ragioni politiche. Presto l’impatto sarà impossibile da nascondere. Per ora, sappiamo quanto la situazione stia peggiorando perché non si discute su quanto stia peggiorando”.

Il secondo è dove spiega la sua opinione secondo cui la “guerra elettrica” della Russia mira a sconfiggere totalmente l’Ucraina de-energizzandola:  https://johnhelmer.net/buzzer-beater-russian-general-staff- goes-at-ending- la guerra -ucraina- elettrica

L’ultima volta ho menzionato nella sezione commenti: l’Ucraina ha un sistema ereditato dall’Unione Sovietica che prevede l’utilizzo delle sue centrali termoelettriche (TPP) come sistemi di “riscaldamento centrale” attraverso una rete di tubi di trasporto del vapore. Quindi la perdita di quello che ora ammonta a circa il 73% dei loro TPP ( il 73% delle centrali termoelettriche in Ucraina non sono operative, 62 unità di potenza nelle centrali termoelettriche e nelle centrali idroelettriche non funzionano, – il primo ministro ucraino Denys Shmyhal. ) significa non solo la massiccia perdita di produzione di energia, ma la totale mancanza di calore prodotta quest’inverno. Ciò significa che il prossimo inverno sarà un inverno che durerà per secoli e supporta solo la teoria secondo cui l’Ucraina potrebbe essere all’ultima tappa nel 2025.

Helmer ha anche un altro nuovo affascinante articolo che consiglio di leggere, che copre i nuovi sondaggi russi Levada che mostrano che il sostegno della popolazione sia a Putin che all’SMO sta effettivamente aumentando anche alla luce delle recenti rivelazioni di Putin sulla crescente lista delle vittime della Russia.

Secondo un sondaggio condotto a livello nazionale con interviste faccia a faccia nelle case russe tra il 23 e il 29 maggio, il Centro Levada di Mosca, un’organizzazione elettorale indipendente, riferisce : “La metà degli intervistati ritiene che sia necessario passare ai negoziati di pace – Il 43% è favorevole al proseguimento delle operazioni militari, la loro quota è cresciuta negli ultimi mesi. Tuttavia, la maggioranza non è pronta a fare concessioni nei confronti dell’Ucraina e questa quota è in aumento.

L’altro enorme takeaway:

Ciò significa anche che gli attacchi missilistici, di artiglieria e di droni ucraini contro civili, raffinerie e altri obiettivi sul territorio russo non hanno alcun impatto sull’impegno nazionale nella guerra e sui suoi obiettivi strategici. Al contrario, le minacce da parte dei leader della NATO di intensificare questi attacchi ed estendere il loro raggio d’azione alla Russia stanno aumentando il sostegno pubblico russo alla revoca delle restrizioni del Cremlino sui piani operativi dello Stato Maggiore per porre fine alla guerra al e oltre il confine polacco.

Salvando l’episodio migliore e più emozionante per ultimo:

Alcuni potrebbero aver visto diversi giorni fa una battaglia secolare avvenuta a ovest di Avdeevka, proprio vicino a Sokol, dove le forze russe stanno attivamente prendendo d’assalto. Un BTR-82A russo che smontava si imbatté a capofitto in un M2A2 ODS-SA Bradley della 47a Brigata ucraina, scambiando fuoco con esso a bruciapelo, con quello che all’epoca sembrò un finale inconcludente. Il filmato deve essere visto per crederci:

Geolocalizzazione intorno a 48.23277240262418, 37.55843949959025 a Sokol:

Il pubblico pro-UA ha esultato per l’apparente vittoria dell’infaticabile Bradley mentre io ho subito sottolineato il fatto che il Bradley appariva disabile e incapace di rispondere al fuoco, mentre il BTR-82A ha effettivamente completato la sua missione trasportando i suoi uomini proprio al punto di trasferimento a Sokol intorno al 48.23202953164239, 37.554706221481055 .

Sorprendentemente, ora abbiamo la piena conferma dal Washington Post , che ha coperto la resa dei conti e ha parlato con il comandante Bradley in questione:

Grande sorpresa: si scopre che il Bradley è stato completamente disabilitato dal vecchio ferro sovietico: il BTR-82A è riuscito a mettere a segno 3 colpi netti del suo cannone automatico da 30 mm superiore sul sistema di controllo del fuoco e sui mirini del Bradley, disabilitandoli e costringendo il comandante Bradley a disperarsi. provare a “speronare” il veicolo russo.

L’equipaggio del Bradley era in condizioni peggiori dopo aver colpito una mina in un incidente non specificato, che li ha lasciati con le gambe rotte tra le altre ferite nonostante le affermazioni del Bradley di una protezione superiore:

Ma ecco le attestazioni secondo cui il veicolo del comandante Bradley Victor è stato disattivato con 3 colpi del BTR vittorioso:

Ciò che è notevole è che il BTR aveva una scusa per non avere consapevolezza della situazione, poiché era attrezzato con una copertura anti-drone che blocca gran parte dell’ottica e dei sensori, lasciando visibile solo uno stretto campo anteriore. Ma il Bradley non aveva tale scusa, e quindi l’episodio ha dimostrato che i tanto decantati “sensori” e “ottica” della NATO – che si dice siano molto superiori rispetto alle controparti russe, e in particolare a quelle sovietiche, oltretutto – si sono rivelati essere inutili in quanto il BTR non solo si è avvicinato di soppiatto al Brad in difesa, ma è anche riuscito a eliminarlo. Il Bushmaster da 25 mm del Brad si è rivelato inutile contro il sottile ferro sovietico, mentre il 2A72 Shipunov da 30 mm di quest’ultimo ha praticato fori grandi quanto una ciambella attraverso gli occhiali inzuppati di sudore del Brad.

Sembra che l’equipaggio abbia salvato la faccia nel puffpiece WaPo, sostenendo di essere riuscito a tornare a casa e di aver perso il Bradley in un’altra battaglia due giorni dopo, ma il filmato li mostra disabili e in fuga dopo essere stati falciati dal BTR infernale.

A proposito, il BTR non ha nulla a che fare con un Brad: è un APC leggero che pesa quasi la metà di un Bradley: 15t contro 25t. Il Bradley è un IFV in piena regola pensato per il combattimento in prima linea.

Ciò dimostra semplicemente che le vere battaglie non si vincono sulle statistiche sterili e sui dibattiti sperg del forum WarThunder: in realtà, qualsiasi veicolo può sconfiggerne un altro a seconda delle circostanze, dell’addestramento dell’equipaggio, del supporto tattico locale, ecc. Ecco perché si sono celebrati mesi fa quando un branco di Bradley che presumibilmente “ha fatto fuori” un T-90M e di ciò non ne hanno idea: lo stesso comandante Bradley di quell’episodio ha poi ammesso in video che il suo Bradley è stato successivamente distrutto da un altro carro armato russo.

A proposito, prendi nota della posizione di Sokol nella mia foto di geolocalizzazione qui sopra, che mostra il serbatoio sullo sfondo. Nella stessa identica area, circa una mezza dozzina di Abrams e Bradley furono distrutti oltre a quello sopra, dimostrando quanto ferocemente e disperatamente il 47esimo stesse cercando di difendere Sokol dagli assalti russi.

Le attestazioni:

Abrams colpisce la siepe pochi metri a est lungo la strada: nota il serbatoio con la stessa forma che puoi vedere chiaramente, per un momento nella parte superiore dello schermo:

Posizione di quanto sopra:

Un altro Bradley distrutto nello stesso punto:

Posizione di questo sulla X gialla, con il cerchio rosso che mostra il primo Bradley che ha affrontato il BTR:

E un altro Abrams distrutto nel campo appena a sud di quelle siepi:

Per riferimento, ecco Sokol (Sokil) in riferimento a Ochertino e Avdeevka per coloro che non riescono a immaginare dove sia esattamente:

Infine, vi lascio con questa feroce critica alla grossolana e avida salivazione di Lindsay Graham sui preziosi trilioni dell’Ucraina da parte nientemeno che di Maria Zakharova:


Il tuo supporto è prezioso. Se ti è piaciuta la lettura, apprezzerei molto se sottoscrivessi un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo che io possa continuare a fornirti rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, puoi dare la mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

1 2 3 4 349