LO STATO DELLE COSE DELLA GEOPOLITICA, di Massimo Morigi _ 7a di 11 parti

AVVERTENZA

La seguente è la settima di undici parti di un saggio di Massimo Morigi. Nella prima parte è pubblicata in calce l’introduzione e nel file allegato il testo di Morigi; nella sua settima parte è disponibile la prosecuzione a partire da pagina 130. L’introduzione è identica per ognuna delle undici parti e verrà ripetuta solo nelle prime righe a partire dalla seconda parte.

PRESENTAZIONE DI QUARANTA, TRENTA, VENT’ANNI DOPO A LE
RELAZIONI FRA L’ITALIA E IL PORTOGALLO DURANTE IL PERIODO
FASCISTA: NASCITA ESTETICO-EMOTIVA DEL PARADIGMA
OLISTICO-DIALETTICO-ESPRESSIVO-STRATEGICO-CONFLITTUALE DEL
REPUBBLICANESIMO GEOPOLITICO ORIGINANDO DALL’ ETEROTOPIA
POETICA, CULTURALE E POLITICA DEL PORTOGALLO*

*Le relazioni fra l’Italia e il Portogallo durante il periodo fascista ora presentate sono
pubblicate dall’ “Italia e il Mondo” in undici puntate. La puntata che ora viene
pubblicata è la prima e segue immediatamente questa presentazione, e questa prima
puntata (come tutte le altre che seguiranno) è preceduta dall’introduzione alla stessa di
Giuseppe Germinario. Pubblicando l’introduzione originale delle Relazioni fra l’Italia
e il Portogallo durante il periodo fascista come prima puntata e che, come da indice,
non è numerata, la numerazione delle puntate alla fine di questa presentazione non
segue la numerazione ordinale originale in indice delle parti del saggio, che è stata
quindi mantenuta immutata, quando questa presente.

SETTIMA PUNTATA STATO DELLE COS

 

Capitalismo è potere, capitalisti tra i poteri_con Gianfranco La Grassa

Si muove brevemente dalla scadenza elettorale che occuperà il dibattito politico da qui al 25 settembre ed oltre; si passa progressivamente a considerare le logiche che muovono il conflitto politico e le dinamiche di composizione delle formazioni sociali. Il punto di partenza espresso da Gianfranco La Grassa non può prescindere dalla sua formazione teorica iniziale e quindi dalla definizione di Marx delle due caratteristiche essenziali che conformano il capitalismo. Presupposti allo stato, pur nella loro genialità, rivelatesi in parte errati, in parte insufficienti a spiegare la complessità delle dinamiche politiche conflittuali e dei comportamenti dei soggetti politici e dei centri decisori. La Grassa da un ventennio ha avviato con relativo successo un primo tentativo di definire chiavi interpretative più adeguate e cercato di inserire alcuni presupposti ancora validi della teoria marxiana nelle categorie determinanti e prevalenti del ruolo del politico nei vari ambiti delle sfere di attività sociale dell’uomo e nel conflitto determinante dei centri decisori. L’auspicio espresso è che questo sforzo teorico sia finalmente colto in Italia e proseguito da forze nuove e fresche meno vincolate dagli schemi maturati negli ultimi grandiosi e tragici due secoli. Schemi potenti, ma in buona parte fuorvianti rispetto all’effettivo corso degli eventi. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v1fne8l-capitalismo-potere-capitalisti-tra-i-poteri-con-gianfranco-la-grassa.html

 

 

Una guida alla teoria delle relazioni internazionali alla luce della guerra in Ucraina, di Stephen M. Walt

Una “originale” interpretazione della reazione “equilibrata” del mondo occidentale all’intervento russo in Ucraina, densa comunque di spunti sui quali riflettere. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Una guida alla teoria delle relazioni internazionali alla luce della guerra in Ucraina

Una considerazione su quali teorie sono state confermate e quali sono fallite.

Di  , editorialista di Foreign Policy e Robert e Renée Belfer, professore di relazioni internazionali all’Università di Harvard.

Fare clic su + per ricevere avvisi via e-mail per le nuove storie scritte da  Stephen M. Walt

Il mondo è infinitamente complesso e, per necessità, ci affidiamo tutti a varie credenze o teorie su “come funziona il mondo” per cercare di dare un senso a tutto ciò. Poiché tutte le teorie sono semplificazioni, nessun approccio unico alla politica internazionale può tenere conto di tutto ciò che sta accadendo in un dato momento, prevedere esattamente cosa accadrà nelle settimane e nei mesi a venire o offrire un piano d’azione preciso di cui è garantito il successo. Anche così, il nostro bagaglio di teorie può ancora aiutarci a capire come è avvenuta la tragedia in Ucraina, spiegare alcuni di ciò che sta accadendo ora, segnalarci opportunità e potenziali insidie ​​e suggerire alcune ampie linee d’azione per il futuro. Poiché anche le migliori teorie delle scienze sociali sono rozze e ci sono sempre eccezioni anche a regolarità consolidate, gli analisti saggi guarderanno a più di uno per intuizioni e manterranno un certo scetticismo su ciò che ognuno di loro può dirci.

Alla luce di quanto sopra, cosa hanno da dire alcune note teorie sulle relazioni internazionali sui tragici eventi in Ucraina? Quali teorie sono state rivendicate (almeno in parte), che sono state ritenute carenti e quali potrebbero evidenziare questioni chiave mentre la crisi continua a svilupparsi? Ecco un’indagine provvisoria e tutt’altro che completa di ciò che gli studiosi hanno da dire su questo pasticcio.

Realismo e liberalismo

Non sono certo un osservatore obiettivo qui, ma è ovvio per me che questi eventi preoccupanti hanno riaffermato la rilevanza duratura della prospettiva realista sulla politica internazionale. A livello più generale, tutte le teorie realistiche descrivono un mondo in cui non esiste alcuna agenzia o istituzione in grado di proteggere gli stati gli uni dagli altri e in cui gli stati devono preoccuparsi se un pericoloso aggressore potrebbe minacciarli in futuro. Questa situazione costringe gli stati, in particolare le grandi potenze, a preoccuparsi molto della loro sicurezza e a competere per il potere. Sfortunatamente, queste paure a volte portano gli stati a fare cose orribili. Per i realisti, l’invasione russa dell’Ucraina (per non parlare dell’invasione americana dell’Iraq nel 2003) ci ricorda che le grandi potenze a volte agiscono in modi terribili e sciocchi quando credono che i loro interessi di sicurezza fondamentali siano in gioco. Quella lezione non giustifica tale comportamento, ma i realisti riconoscono che la condanna morale da sola non lo impedirà. È difficile immaginare una dimostrazione più convincente dell’importanza dell’hard power, in particolare del potere militare.Anche la Germania postmoderna sembra aver recepito il messaggio .

Purtroppo, la guerra illustra anche un altro concetto realista classico: l’idea di un “dilemma di sicurezza”. Il dilemma sorge perché i passi che uno stato compie per rendersi più sicuro spesso rende gli altri meno sicuri. Lo stato A si sente insicuro e cerca un alleato o acquista altre armi; Lo Stato B si allarma per questo passaggio e risponde a tono, i sospetti si approfondiscono ed entrambi i paesi finiscono per essere più poveri e meno sicuri di prima. Aveva perfettamente senso che gli stati dell’Europa orientale volessero entrare nella NATO (o il più vicino possibile ad essa), date le loro preoccupazioni a lungo termine sulla Russia. Ma dovrebbe anche essere facile capire perché i leader russi, e non solo Putin, hanno considerato questo sviluppo allarmante. Ora è tragicamente chiaro che la scommessa non ha dato i suoi frutti, almeno non per quanto riguarda l’Ucraina e probabilmente la Georgia.

Vedere questi eventi attraverso la lente del realismo non significa sostenere le azioni brutali e illegali della Russia; è semplicemente riconoscere tale comportamento come un aspetto deplorevole ma ricorrente delle vicende umane. I realisti da Tucidide in giù attraverso EH Carr, Hans J. Morgenthau, Reinhold Niebuhr, Kenneth Waltz, Robert Gilpin e John Mearsheimer hanno tutti condannato la natura tragica della politica mondiale, avvertendo allo stesso tempo che non possiamo perdere di vista i pericoli che il realismo mette in evidenza, compresi i rischi che sorgono quando si minaccia ciò che un altro stato considera un interesse vitale. Non è un caso che i realisti abbiano da tempo sottolineato i pericoli dell’arroganza e i pericoli di una politica estera eccessivamente idealistica, sia nel contesto della guerra del Vietnam, dell’invasione dell’Iraq nel 2003, sia del perseguimento ingenuo dell’allargamento aperto della NATO . Purtroppo, in ogni caso i loro avvertimenti sono stati ignorati, solo per essere vendicati da eventi successivi.

La risposta straordinariamente rapida all’invasione della Russia è anche coerente con una comprensione realistica della politica delle alleanze. I valori condivisi possono rendere le alleanze più coese e durature, ma i seri impegni per la difesa collettiva derivano principalmente dalla percezione di una minaccia comune . Il livello di minaccia, a sua volta, è una funzione del potere, della vicinanza e del nemico con capacità offensive e intenzioni aggressive. Questi elementi spiegano molto il motivo per cui l’Unione Sovietica ha dovuto affrontare forti coalizioni di bilanciamento in Europa e in Asia durante la Guerra Fredda: aveva una grande economia industriale, il suo impero confinava con molti altri paesi, le sue forze militari erano grandi e progettate principalmente per operazioni offensive e sembrava avere un carattere altamente revisionista ambizioni (cioè la diffusione del comunismo). Oggi, le azioni della Russia hanno aumentato notevolmente la percezione della minaccia in Occidente e il risultato è stato un’esibizione di un comportamento equilibrato che pochi si sarebbero aspettati solo poche settimane fa.

Al contrario, le principali teorie liberali che hanno informato gli aspetti chiave della politica estera occidentale negli ultimi decenni non sono andate bene. Come filosofia politica, il liberalismo è una base ammirevole per organizzare la società, e io per primo sono profondamente grato di vivere in una società in cui quei valori continuano a dominare. È anche incoraggiante vedere le società occidentali riscoprire le virtù del liberalismo, dopo aver flirtato con i propri impulsi autoritari. Ma come approccio alla politica mondiale e guida alla politica estera, le carenze del liberalismo sono state nuovamente smascherate.

Come in passato, il diritto internazionale e le istituzioni internazionali si sono rivelate una debole barriera al comportamento rapace delle grandi potenze. L’interdipendenza economica non ha impedito a Mosca di lanciare la sua invasione, nonostante i notevoli costi che di conseguenza dovrà affrontare. Il soft power non è riuscito a fermare i carri armati russi e il voto sbilenco 141-5 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite (con 35 astenuti) che condanna l’invasione non avrà molto impatto.

Come ho notato in precedenza , la guerra ha demolito la convinzione che la guerra non fosse più “pensabile” in Europa e la relativa affermazione che l’allargamento della NATO verso est creerebbe una “zona di pace” in continua espansione. Non fraintendetemi: sarebbe stato meraviglioso se quel sogno si fosse avverato, ma non è mai stata una possibilità probabile e tanto più dato il modo arrogante in cui è stato perseguito. Non sorprende che coloro che hanno creduto e venduto la storia liberale ora vogliono attribuire tutta la colpa al presidente russo Vladimir Putin e affermare che la sua invasione illegale “dimostra” che l’allargamento della NATOnon aveva nulla a che fare con la sua decisione. Altri ora si scagliano scioccamente contro quegli esperti che hanno correttamente previsto dove potrebbe portare la politica occidentale. Questi tentativi di riscrivere la storia sono tipici di un’élite di politica estera che è riluttante ad ammettere errori oa ritenersi responsabile.

Che Putin abbia la responsabilità diretta dell’invasione è fuori discussione, e le sue azioni meritano tutta la condanna che possiamo raccogliere. Ma gli ideologi liberali che hanno respinto le ripetute proteste e avvertimenti della Russia e hanno continuato a promuovere un programma revisionista in Europa con scarsa considerazione per le conseguenze sono tutt’altro che irreprensibili. Le loro motivazioni possono essere state del tutto benevole, ma è evidente che le politiche che hanno adottato hanno prodotto l’opposto di ciò che intendevano, si aspettavano e avevano promesso. E difficilmente possono dire oggi di non essere stati avvertiti in numerose occasioni in passato.

Le teorie liberali che enfatizzano il ruolo delle istituzioni se la cavano un po’ meglio, aiutandoci a comprendere la rapida e straordinariamente unitaria risposta occidentale. La reazione è stata rapida in parte perché gli Stati Uniti ei loro alleati della NATO condividono una serie di valori politici che ora vengono sfidati in modo particolarmente vivido e crudele. Ancora più importante, se istituzioni come la NATO non esistessero e una risposta doveva essere organizzata da zero, è difficile immaginare che sia altrettanto rapida o efficace. Le istituzioni internazionali non possono risolvere conflitti di interesse fondamentali o impedire alle grandi potenze di agire come desiderano, ma possono facilitare risposte collettive più efficaci quando gli interessi statali sono per lo più allineati.

Il realismo può essere la migliore guida generale alla triste situazione che ora dobbiamo affrontare, ma difficilmente ci racconta l’intera storia. Ad esempio, i realisti sottovalutano giustamente il ruolo delle norme come forti vincoli al comportamento delle grandi potenze, ma le norme hanno svolto un ruolo nello spiegare la risposta globale all’invasione della Russia. Putin sta calpestando la maggior parte se non tutte le norme relative all’uso della forza (come quelle contenute nella Carta delle Nazioni Unite), e questo è uno dei motivi per cui i paesi, le società, e individui in gran parte del mondo hanno giudicato le azioni della Russia in modo così duro e hanno risposto in modo così vigoroso. Niente può impedire a un paese di violare le norme globali, ma trasgressioni chiare e palesi influenzeranno invariabilmente il modo in cui le sue intenzioni vengono giudicate dagli altri. Se le forze russe agiranno con ancora maggiore brutalità nelle settimane e nei mesi a venire, gli attuali sforzi per isolarla e ostracizzarla sono destinati ad intensificarsi.

Errata percezione e calcolo errato

È anche impossibile comprendere questi eventi senza considerare il ruolo della percezione errata e dell’errore di calcolo. Le teorie realistiche sono meno utili qui, poiché tendono a ritrarre gli stati come attori più o meno razionali che calcolano freddamente i loro interessi e cercano opportunità invitanti per migliorare la loro posizione relativa. Anche se tale presupposto è per lo più corretto, i governi e i singoli leader operano ancora con informazioni imperfette e possono facilmente giudicare male le proprie capacità e le capacità e le reazioni degli altri. Anche quando le informazioni sono abbondanti, le percezioni e le decisioni possono ancora essere distorte per ragioni psicologiche, culturali o burocratiche. In un mondo incerto pieno di esseri umani imperfetti, ci sono molti modi per sbagliare.

In particolare, la vasta letteratura sull’errata percezione, in particolare il lavoro seminale del defunto Robert Jervis , ha molto da dirci su questa guerra. Ora sembra ovvio che Putin abbia sbagliato i calcoli su diverse dimensioni: ha esagerato l’ostilità occidentale nei confronti della Russia, ha sottovalutato gravemente la determinazione ucraina, ha sopravvalutato la capacità del suo esercito di ottenere una vittoria rapida e senza costi e ha interpretato male la risposta dell’Occidente. La combinazione di paura e sicurezza eccessiva che sembra essere stata all’opera qui è tipica; è quasi scontato dire che gli stati non iniziano le guerre a meno che non si siano convinti di poter raggiungere i loro obiettivi rapidamente e a costi relativamente bassi. Nessuno inizia una guerra che credono sarà lunga, sanguinosa, costosa e che probabilmente finirà con la loro sconfitta. Inoltre, poiché gli esseri umani sono a disagio nell’affrontare i compromessi, c’è una forte tendenza a vedere l’andare in guerra come fattibile una volta che hai deciso che è necessario. Come scrisse una volta Jervis , “quando il decisore arriva a considerare la sua politica come necessaria, è probabile che creda che la politica possa avere successo, anche se una tale conclusione richiede la distorsione delle informazioni su ciò che faranno gli altri”. Questa tendenza può essere aggravata se le voci dissenzienti vengono escluse dal processo decisionale, o perché tutti nel circuito condividono la stessa visione del mondo imperfetta o perché i subordinati non sono disposti a dire ai superiori che potrebbero sbagliarsi.

Teoria del prospetto, che sostiene che gli esseri umani sono più disposti a correre rischi per evitare perdite che per ottenere guadagni, potrebbe aver lavorato anche qui. Se Putin credeva che l’Ucraina si stesse gradualmente allineando con gli Stati Uniti e la NATO – e c’erano ampie ragioni per farlo pensare così – allora prevenire quella che considera una perdita irrecuperabile potrebbe valere un enorme tiro di dadi. Allo stesso modo, anche il pregiudizio di attribuzione – la tendenza a vedere il nostro comportamento come una risposta alle circostanze ma ad attribuire il comportamento degli altri alla loro natura di base – è probabilmente rilevante: molti in Occidente ora interpretano il comportamento russo come un riflesso del carattere sgradevole di Putin e in nessun modo una risposta alle azioni precedenti dell’Occidente. Da parte sua, Putin sembra pensare che le azioni degli Stati Uniti e della NATO derivino da un’arroganza innata e da un desiderio profondamente radicato di mantenere la Russia debole e vulnerabile e che gli ucraini stiano resistendo perché o vengono fuorviati o sono sotto l’influenza di elementi “fascisti”

La fine della guerra e il problema dell’impegno

La moderna teoria IR sottolinea anche il ruolo pervasivo dei problemi di impegno . In un mondo di anarchia, gli stati possono farsi promesse a vicenda ma non possono essere certi che verranno mantenute. Ad esempio, la NATO avrebbe potuto offrire di togliere per sempre l’adesione dell’Ucraina dal tavolo (sebbene non l’abbia mai fatto nelle settimane prima della guerra), ma Putin avrebbe potuto non credere alla NATO anche se Washington e Bruxelles avessero messo quell’impegno per iscritto. I trattati contano, ma alla fine sono solo pezzi di carta.

Inoltre, la letteratura scientifica sulla fine della guerra suggerisce che i problemi di impegno incomberanno ampi anche quando le parti in guerra avranno rivisto le loro aspettative e cercheranno di porre fine ai combattimenti. Se Putin si fosse offerto di ritirarsi dall’Ucraina domani e avesse giurato su una pila di Bibbie ortodosse russe che l’avrebbe lasciato in pace per sempre, poche persone in Ucraina, in Europa o negli Stati Uniti avrebbero preso le sue assicurazioni per valore nominale. E a differenza di alcune guerre civili, dove a volte gli accordi di pace possono essere garantiti da estranei interessati, in questo caso non esiste un potere esterno che possa minacciare in modo credibile di punire i futuri trasgressori di qualsiasi accordo che potrebbe essere raggiunto. A parte la resa incondizionata, qualsiasi accordo per porre fine alla guerra deve lasciare tutte le parti sufficientemente soddisfatte da non sperare segretamente di modificarla o abbandonarla non appena le circostanze saranno più favorevoli. E anche se una parte capitola completamente, imporre una “pace del vincitore” può gettare i semi di un futuro revanscismo. Purtroppo, oggi sembra che siamo molto lontani da qualsiasi tipo di accordo negoziato.

Inoltre, altri studi su questo problema, come il classico di Fred Iklé Every War Must End e Peace at What Price?: Leader Culpability and the Domestic Politics of War Termination di Sarah Croco—evidenziano gli ostacoli interni che rendono difficile porre fine a una guerra. Patriottismo, propaganda, costi irrecuperabili e un odio sempre crescente per il nemico si combinano per inasprire gli atteggiamenti e far andare avanti le guerre molto tempo dopo che uno stato razionale potrebbe fermarsi. Un elemento chiave in questo problema è ciò che Iklé ha chiamato il “tradimento dei falchi”: coloro che sono favorevoli alla fine della guerra sono spesso liquidati come antipatriottici o peggio, ma gli intransigenti che prolungano inutilmente una guerra possono alla fine fare più danni alla nazione che pretendono di difendere. Mi chiedo se c’è una traduzione russa disponibile a Mosca. Applicato all’Ucraina, un’implicazione preoccupante è che un leader che inizia una guerra senza successo potrebbe essere riluttante o incapace di ammettere di aver sbagliato e portarla a termine. Se è così, poi la fine dei combattimenti arriva solo quando emergono nuovi leader che non sono legati alla decisione iniziale per la guerra.

Ma c’è un altro problema: gli autocrati che affrontano la sconfitta e il cambio di regime possono essere tentati di ” giocare per la risurrezione “. I leader democratici che presiedono alle debacle della politica estera possono essere costretti a lasciare l’incarico alle prossime elezioni, ma raramente, se non mai, rischiano la reclusione o peggio per i loro errori o crimini. Gli autocrati, al contrario, non hanno una via d’uscita facile, soprattutto in un mondo in cui hanno motivo di temere il perseguimento penale del dopoguerra per crimini di guerra. Se stanno perdendo, quindi, hanno un incentivo a combattere o intensificare anche di fronte a probabilità schiaccianti, nella speranza di un miracolo che invertirà le loro fortune e risparmierà loro la cacciata, la prigionia o la morte. A volte questo tipo di scommessa dà i suoi frutti (es. Bashar al-Assad), a volte no (es. Adolf Hitler, Muammar al-Gheddafi), ma l’incentivo a continuare a raddoppiare nella speranza di un miracolo può mettere fine a una guerra ancora più difficile di quanto potrebbe essere.

Queste intuizioni ci richiamano ad essere molto, molto attenti a ciò che desideriamo. Il desiderio di punire e persino umiliare Putin è comprensibile, ed è allettante vedere la sua cacciata come una soluzione facile e veloce per l’intero terribile disastro. Ma mettere in un angolo il leader autocratico di uno stato dotato di armi nucleari sarebbe estremamente pericoloso, non importa quanto atroci possano essere state le sue azioni precedenti. Solo per questo motivo, coloro che in Occidente chiedono l’assassinio di Putin o che hanno affermato pubblicamente che i russi comuni dovrebbero essere ritenuti responsabili se non si sollevano e rovesciano Putin sono pericolosamente irresponsabili. Vale la pena ricordare il consiglio di Talleyrand: “Soprattutto, non troppo zelo”.

Sanzioni economiche

Chiunque cerchi di capire come andrà a finire, dovrebbe studiare anche la letteratura sulle sanzioni economiche . Da un lato, le sanzioni finanziarie imposte la scorsa settimana ricordano la straordinaria capacità dell’America di “ armare l’interdipendenza ”, soprattutto quando il Paese agisce di concerto con altre importanti potenze economiche. D’altra parte, una notevole quantità di studi seri mostra che le sanzioni economiche raramente costringono gli stati a cambiare rapidamente rotta. Il fallimento della campagna di “massima pressione” dell’amministrazione Trump contro l’Iran è un altro esempio lampante. Le élite al potere sono in genere isolate dalle conseguenze immediate delle sanzioni e Putin sapeva che le sanzioni sarebbero state imposte e credeva chiaramente che gli interessi geopolitici in gioco valessero il costo previsto. Potrebbe essere stato sorpreso e sconcertato dalla velocità e dalla portata della pressione economica, ma nessuno dovrebbe aspettarsi che Mosca inverta presto la rotta.

Questi esempi non fanno altro che graffiare la superficie di ciò che la borsa di studio IR contemporanea potrebbe contribuire alla nostra comprensione di questi eventi. Non ho menzionato l’enorme letteratura sulla deterrenza e la coercizione, un numero qualsiasi di opere importanti sulle dinamiche dell’escalation orizzontale e verticale , o le intuizioni che si potrebbero ricavare considerando gli elementi culturali (comprese le nozioni di mascolinità e in particolare il culto della personalità maschilista di Putin ”).

La conclusione è che la letteratura scientifica sulle relazioni internazionali ha molto da dire sulla situazione che stiamo affrontando. Sfortunatamente, è probabile che nessuno in una posizione di potere presti molta attenzione ad esso, anche quando accademici esperti offrono i loro pensieri nella sfera pubblica. Il tempo è la merce più scarsa in politica, specialmente durante una crisi, e Jake Sullivan, Antony Blinken e i loro numerosi subordinati non inizieranno a sfogliare i numeri arretrati della Sicurezza internazionale o del Journal of Conflict Resolution per trovare la roba buona.

Anche la guerra ha una sua logica e scatena forze politiche che tendono a soffocare voci alternative, anche in società in cui la libertà di parola e il dibattito aperto rimangono intatti. Poiché la posta in gioco è alta, in tempo di guerra i funzionari pubblici, i media e la cittadinanza dovrebbero impegnarsi al massimo per resistere agli stereotipi, pensare con freddezza e attenzione, evitare iperboli e cliché semplicistici e soprattutto rimanere aperti alla possibilità che possano sbagliarsi e che è necessaria una diversa linea di condotta. Una volta che i proiettili iniziano a volare, tuttavia, ciò che di solito si verifica è un restringimento della vista, una rapida discesa nei modi di pensiero manichei, l’emarginazione o la soppressione delle voci dissenzienti, l’abbandono delle sfumature e un’ostinata attenzione alla vittoria a tutti i costi. Questo processo sembra essere ben avviato all’interno della Russia di Putin, ma una forma più mite è evidente anche in Occidente . Tutto sommato, questa è una ricetta per peggiorare una situazione terribile.

https://foreignpolicy.com/2022/03/08/an-international-relations-theory-guide-to-ukraines-war/

Li Lixing: lo sviluppo dell’economia della piattaforma pone sfide al sistema di servizio pubblico basato su unità

 

Dinamiche simili ma in contesti diversi ed spesso opposti, da una parte emergenti, dall’altra declinanti. Buona lettura, Giuseppe Germinario

La vita quotidiana delle persone è inseparabile dall’economia della piattaforma: addetti alle consegne di cibo, autisti che salutano le auto online… Varie forme di lavoro a contratto derivate dall’economia della piattaforma vengono sempre più rispettate e riconosciute. Compresi posti di lavoro e imprenditorialità, l’economia della piattaforma sta rimodellando le nostre vite.

Negli ultimi anni, argomenti come “fornitori intrappolati negli algoritmi” hanno suscitato accese discussioni, l’economia della piattaforma ha attirato ancora una volta l’attenzione e le persone sono più preoccupate per la situazione dei gig worker. Pochi giorni fa, “Platform Economy: Innovation, Governance and Prosperity” è stato pubblicato dal Platform Economy Innovation and Governance Research Group dell’Università di Pechino e pubblicato da CITIC Press. Studiosi in diversi campi hanno discusso una serie di questioni importanti nell’economia delle piattaforme e hanno fornito soluzioni mirate e raccomandazioni politiche.

Che ruolo gioca l’economia della piattaforma nell’attuale contesto occupazionale? Quali sono le principali difficoltà che devono affrontare i gig worker?

Concentrandosi su questi temi, la mattina del 27 luglio, Li Lixing, membro del gruppo di ricerca sull’innovazione e la governance economica della piattaforma dell’Università di Pechino, professore presso il National Development Institute dell’Università di Pechino e caporedattore esecutivo della Cina Economic Quarterly International, l’edizione internazionale di “Economics” (trimestrale), è andata all’Observer Network e ha condiviso le sue opinioni.

Rete di osservatori: Buongiorno Professor Li, prima di tutto vorrei chiederle di parlarci dell’attuale contesto occupazionale. E quale ruolo gioca l’economia della piattaforma nel contesto attuale?

Lixing: OK. Penso che si possa dire sotto due aspetti: il primo aspetto è che l’attuale situazione macroeconomica non è molto positiva e la pressione occupazionale è molto alta. Più di 10 milioni di studenti universitari si sono laureati quest’anno e il tasso di disoccupazione tra i giovani è molto alto, un fenomeno che preoccupa molto l’intera società.

Il secondo contesto è il progresso della tecnologia digitale, che ha cambiato la natura di molti lavori. Ora molti lavori sono passati da offline a online; dal servizio di un’impresa o di un’azienda al servizio di più aziende e più aziende contemporaneamente; da lavori fissi a lavoro flessibile. Pertanto, c’è una tendenza ai lavori saltuari e alla flessibilità.

In questo processo, l’economia della piattaforma gioca un ruolo molto importante.

Una “piattaforma” è un’organizzazione tra un’impresa e un mercato. Un tempo era “mercato-impresa”, ma ora è “mercato-piattaforma-impresa”, con la piattaforma che sostituisce parzialmente i ruoli dell’impresa e del mercato . Collega consumatori, imprese, lavoratori e fornitori di servizi ausiliari e collega anche il mercato delle materie prime con il mercato del lavoro. Alcune piattaforme forniscono direttamente occupazione, come piattaforme online di car-hailing e da asporto; alcune piattaforme possono stimolare indirettamente l’occupazione, come piattaforme di e-commerce, piattaforme di trasmissione in diretta e piattaforme di crowdsourcing.

Per riassumere, l’economia della piattaforma è ora un punto di partenza importante per promuovere e stabilizzare l’occupazione.

Observer.com: Quale impatto avrà la forma occupazionale dei “gig worker” sulla struttura del nostro mercato del lavoro?

Li Lixing: Possiamo esaminare diverse statistiche.

Secondo il National Bureau of Statistics, entro la fine del 2021 ci sono 200 milioni di persone con un’occupazione flessibile in Cina; le statistiche dello State Information Center mostrano che ci sono circa 84 milioni di fornitori di servizi e circa 6,31 milioni di dipendenti di piattaforme nell’economia collaborativa cinese. Secondo il “Rapporto sullo sviluppo dell’occupazione flessibile” pubblicato dall’università, il 61% delle imprese cinesi utilizza un’occupazione flessibile e la scala dell’occupazione flessibile è di circa 100 milioni.

Nel 2020, ci sono circa 84 milioni di fornitori di servizi di sharing economy nel mio paese e circa 6,31 milioni di dipendenti nelle imprese con piattaforma

 Fonte: Rapporto sullo sviluppo dell’economia condivisa in Cina (2021)

Le statistiche sono leggermente diverse perché non esiste ancora una misura chiara. Ma in breve, possiamo vedere che 100-200 milioni di persone ora utilizzano metodi di lavoro flessibili, il che è un grande cambiamento.

Ora il concetto di “lavoro flessibile” è relativamente ampio, include una varietà di situazioni e include anche alcuni “disoccupati” in senso tradizionale. Con così tante persone che lavorano in modo flessibile, è probabile che la percentuale continui ad aumentare e l’impatto sul mercato del lavoro è enorme.

Observer.com: avrà un impatto maggiore sul mercato del lavoro cinese rispetto ad altri paesi?

Li Lixing: Penso che questo sia generalmente il caso. Da un lato, la tecnologia digitale cinese sta progredendo molto rapidamente; dall’altro, la Cina ha una popolazione numerosa e le sue industrie sono principalmente ad alta intensità di manodopera, quindi l’occupazione sarà fortemente influenzata dall’economia delle piattaforme.

Una caratteristica importante dei paesi in via di sviluppo è che c’è molto del cosiddetto “lavoro informale”. In precedenza è stato affermato che l’occupazione informale verrà formalizzata con lo sviluppo dell’economia. Ma ora potrebbe non sembrare probabile. Dopo che l’economia di un paese è stata fortemente sviluppata, molti posti di lavoro continueranno ad adottare un approccio flessibile. In senso tradizionale, è probabile che in futuro il “lavoro informale” diventi la norma.

Se la Cina viene confrontata con altri paesi a basso reddito, il loro mercato del lavoro potrebbe essere maggiormente influenzato dal “lavoro a contratto”. Ma se viene confrontato con i paesi sviluppati, l’impatto su di noi è ovviamente più forte in profondità e in ampiezza.

Observer.com: Ci sono opinioni secondo cui la perdita dei posti di lavoro tradizionali, il calo della quota del reddito da lavoro, compreso l’allargamento del divario di reddito tra aree e regioni urbane e rurali… Questi problemi sono legati all’ascesa dell’economia delle piattaforme. Cosa ne pensi?

Li Lixing: Questi sono fenomeni molto importanti, non esclusivi della Cina, stanno accadendo in tutto il mondo. Penso che la relazione tra loro e l’ascesa dell’economia della piattaforma sia più una correlazione, non necessariamente una relazione causale. Potrebbero esserci ragioni più profonde dietro questo, che necessitano di ulteriori discussioni.

Non esiste un unico modo in cui funziona l’economia della piattaforma. Può anche ridurre le barriere all’occupazione, responsabilizzare i gruppi svantaggiati, aumentare i redditi di coloro che hanno redditi più bassi e promuovere ulteriormente la diversificazione dei consumatori. Tutto ciò è possibile per promuovere la giustizia sociale e la prosperità comune.

A mio avviso, la scomparsa dei lavori tradizionali è un tipico modo in cui il progresso tecnologico porta a “occupazioni ad alta efficienza in sostituzione di quelle a bassa efficienza”, così come l’auto sostituisce la carrozza, così l’automobilista sostituisce il cocchiere. Grazie alla tecnologia digitale, i posti di lavoro creati dall’economia della piattaforma sono generalmente più efficienti dei vecchi lavori che sostituiscono.

In senso economico, non c’è differenza tra “la riqualificazione industriale richiede nuovi posti di lavoro” e “le piattaforme coltivano abitudini di consumo e creano nuovi posti di lavoro”. A volte può sembrare “l’offerta crea domanda”, ma in sostanza l’innovazione soddisfa la domanda latente.

Le ragioni alla base del calo della quota del reddito da lavoro sono complesse: un motivo importante è considerato l’uso diffuso dei robot, causato anche dal progresso tecnologico, come l’allargamento del divario retributivo urbano-rurale e l’allargamento divari di reddito regionali, sono tutti fattori di agglomerato industriale e di sviluppo economico urbano, risultato inevitabile.

Observer.com: Alcuni giovani “preferirebbero consegnare il cibo piuttosto che andare a lavorare in fabbrica”. Che messaggio trasmette questo?

Li Lixing: Uno è il cambiamento nelle preferenze dei giovani. Preferiscono un modo di lavorare libero e flessibile, piuttosto che ripetere lo stesso lavoro su una catena di montaggio, anche se è più difficile. In secondo luogo, la lenta crescita dei salari di fabbrica li rende poco attraenti. Ciò riflette anche che la struttura industriale sta affrontando un miglioramento, così come la pressione dell’aumento dei costi di produzione nel mio paese, nonché la possibilità di trasferimento all’estero.

Observer.com: L’economia delle piattaforme è in piena espansione, quali cambiamenti ha apportato alle piccole, medie e micro imprese?

Li Lixing: l’economia della piattaforma può portare a importanti cambiamenti nella struttura organizzativa delle imprese.

Ad esempio, un’azienda può esternalizzare per assumere dipendenti, condurre attività di ricerca e sviluppo e gestire la catena di approvvigionamento, quindi invece di mantenere una forza lavoro fissa molto ampia, può assumere il reclutamento di gig, come nel caso del settore della ristorazione. molto tipico, e ora le aziende di catering fondamentalmente non hanno bisogno di creare i propri piatti da asporto.

Molte attività di ricerca e sviluppo e di gestione della catena di approvvigionamento sono ora sul cloud. I servizi cloud alla moda come “Software-as-a-Service” (Saas, Software-as-a-Service) possono coprire più piccole e medie imprese, rendendole piatte, e le “grandi imprese” possono anche diventare “piccole imprese” “.impresa”.

Questo è ciò che di solito chiamiamo la trasformazione digitale delle imprese. Sfide e opportunità coesistono.

L’economia della piattaforma: innovazione, governance e prosperità

Scritto dal Platform Economy Innovation and Governance Research Group dell’Università di Pechino; a cura di Huang Yiping

Editoria CITIC

Nel mondo del lavoro, una sfida importante è il cambiamento del rapporto di lavoro.

Si è rivelato essere un lavoro fisso, le imprese pagano la previdenza sociale per i dipendenti, i dipendenti servono solo questa impresa e c’è uno stato di lealtà e fiducia reciproche in essa. Ora ci sono vari metodi di lavoro come l’outsourcing e i lavori saltuari.Come mantenere la lealtà e la fiducia reciproca dei dipendenti, come fornire ai dipendenti sicurezza e vantaggi e come affrontare i problemi di formazione dei dipendenti potrebbero essere nuove sfide.

Observer Network: quale impatto avrà la serie di cambiamenti apportati dall’economia della piattaforma sulla nostra attuale imprenditorialità? Ridefinirà il panorama imprenditoriale cinese?

Li Lixing: il lavoro viene assunto da altri e avviare un’impresa è un lavoro autonomo. Si è scoperto che sembravano essere due estremi, ma ora molte piattaforme di lavoro si trovano tra i due e non sono più “né assunte da altri né assunte da te”.

Da un lato l’imprenditore non è più completamente alle dipendenze di altri, può servire una certa piattaforma, ma ha una forte autonomia, dall’altro molte cose si realizzano attraverso la piattaforma e la natura dell’imprenditorialità cambia a sua volta. .

Al giorno d’oggi, molte persone avviano un’attività in proprio. Non partono da zero per formare aziende, reclutare talenti, acquistare attrezzature e quindi avviare la produzione e l’attività. È più probabile che gli imprenditori si registrino sulla piattaforma per prendere ordini, utilizzino la piattaforma per reclutare lavoratori dispari e esternalizzare alcuni servizi attraverso la piattaforma… Molti sono un’imprenditorialità basata su piattaforma, che potrebbe richiedere un cambiamento nella definizione tradizionale di imprenditorialità.

Combinando imprenditorialità e occupazione, le forme occupazionali dei lavoratori formano una mappa molto ricca. Sotto l’azione dell’economia della piattaforma, questa mappa diventerà sempre più abbondante. Le persone possono scegliere un’occupazione a unità fissa, possono scegliere di avviare un’impresa in modo completo e indipendente, possono anche fare affidamento su piattaforme per avviare attività e possono anche fare affidamento su piattaforme per svolgere lavori saltuari… In breve, le scelte diventeranno più diversificate .

Observer.com: Su questa base, l’economia della piattaforma può svolgere un ruolo nella riduzione dei rischi imprenditoriali?

Li Lixing: Ci sono due importanti meccanismi coinvolti.

Nel primo aspetto, il rischio di avviare un’impresa in passato era molto alto: scegliere di avviare un’impresa significa rinunciare a ogni tipo di opportunità, e può andare in bancarotta dopo il fallimento. Ora, dopo il fallimento dell’avvio di un’impresa, gli imprenditori possono facilmente trovare un lavoro part-time e ottenere la sicurezza del reddito di base. Ad esempio, negli ultimi due anni dell’epidemia, molti ex imprenditori ora guidano auto-grandine online. La forma di gig work derivata dall’economia della piattaforma fornisce agli imprenditori una rete di sicurezza del reddito di base.

Da questo aspetto, l’economia della piattaforma può alleviare le preoccupazioni degli imprenditori e promuovere l’imprenditorialità. Certo, abbiamo anche parlato poco fa che molte persone potrebbero decidere di non avviare un’attività in proprio, ma affidarsi alla piattaforma per trovare un lavoro meno autonomo. Pertanto, l’impatto dell’economia della piattaforma sull’imprenditorialità richiede un’analisi specifica di questioni specifiche, che variano da settore a regione.

Observer.com: La forma di lavoro del “lavoro da concerto”, che è ciò che chiamiamo “lavoro su richiesta basato su applicazioni”, come autisti online, autisti da asporto e autisti. Questi lavoratori sono tra piattaforme e consumatori, tra algoritmi e natura umana, quali pensi siano le loro maggiori difficoltà?

Li Lixing: i lavoratori e i datori di lavoro avevano un rapporto contrattuale. I diritti, gli obblighi e i meccanismi di incentivazione di entrambe le parti sono generalmente relativamente chiari. Ma gli algoritmi sono spesso nascosti e alla fine sono apparse nella società frasi come “rider intrappolati dagli algoritmi” – i gig worker non capiscono gli algoritmi, ma per guadagnare di più devono seguire la progettazione degli algoritmi che entrano in funzione.

Gli algoritmi non hanno “natura umana” – possono essere stati progettati con una visione per migliorare l’efficienza, ma non sono sufficientemente flessibili. Gli algoritmi delle piattaforme di grandi dimensioni sono generalmente le risorse principali dell’azienda e di solito non apportano modifiche sostanziali. I gig worker intrappolati negli algoritmi, sono ignari del fatto che potrebbero essere oberati di lavoro o eccessivamente motivati : questo è un problema complesso e coinvolge anche questioni come l’etica degli algoritmi.

Da un punto di vista pratico, la più grande difficoltà per i lavoratori occasionali come i conducenti, i fattorini e gli autisti online è nell’ottenere vantaggi e garanzie. Ci sono ora più segnalazioni, come la difficoltà di chiedere un risarcimento dopo un incidente stradale di un pilota, la ragione essenziale alla base di ciò è il “cambiamento del rapporto di lavoro” di cui abbiamo parlato poco fa.

Per i lavoratori, il nostro paese utilizzava originariamente la “dicotomia del lavoro”, che corrisponde a una domanda del genere: sei un dipendente a tempo pieno o un fornitore di servizi indipendente? Il “lavoratore a tempo pieno” è un modello di occupazione basato su unità, che paga cinque assicurazioni sociali e un fondo per l’edilizia abitativa e fornisce servizi pubblici, compresa la formazione professionale attraverso il datore di lavoro.

Con lo sviluppo dell’economia della piattaforma, l’occupazione è diventata più flessibile e part-time e molte persone non hanno un’unità di lavoro fissa, il che significa che le tradizionali cinque assicurazioni e un fondo per la casa e i servizi pubblici statali, compresa la formazione, non sono disponibili ai lavoratori da goderne in modo equo. Lo riassumo così: il sistema di servizio pubblico unitario originario ha incontrato sfide fondamentali poste dalla nuova forma di impiego che non è unitaria.

Questa sfida può essere paragonata alla sfida al sistema dei servizi pubblici provocata dalla migrazione di centinaia di milioni di lavoratori migranti verso le città. I lavoratori migranti che entrano in città fanno fluttuare la popolazione. La registrazione del nucleo familiare e la residenza permanente della popolazione fluttuante sono separate. Con il sistema di servizio pubblico originale, puoi usufruire di servizi pubblici nell’area di registrazione del nucleo familiare, come il rimborso dell’assicurazione medica e la pensione nel tuo paese di origine… Ma potresti non essere in grado di goderne nella tua residenza permanente.

Forse questo può essere paragonato alla situazione attuale: nel contesto dell’economia delle piattaforme, il lavoro flessibile continua a svilupparsi, ma il sistema dei servizi pubblici è ancora per il momento basato sul lavoro fisso.

Quando il processo lavorativo diventa frammentato, le persone diventano multiruolo e il rapporto di lavoro non è più fisso, anche la modalità di gestione dovrebbe essere modificata di conseguenza per adattarsi a questa tendenza di flessibilità, frammentazione e frammentazione. A mio avviso, il sistema di servizio pubblico, come cinque assicurazioni sociali e un fondo per la casa e l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, dovrebbe subire alcune modifiche di conseguenza.

Rete di osservatori: puoi parlare delle tue proposte politiche?

Li Lixing: Stiamo parlando più di assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. L’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro era originariamente inclusa nelle cinque assicurazioni sociali e in un fondo per gli alloggi, che non possono essere pagati separatamente. Il pagamento complessivo di cinque assicurazioni e un fondo per l’edilizia abitativa è molto alto, che può rappresentare il 30%-40% del costo del lavoro di un lavoratore.

Per i lavoratori dei concerti come i rider da asporto, ciò di cui hanno più urgente bisogno è un’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. Ora c’è una politica pilota e la cosa più urgente viene risolta prima: consentire ai lavoratori di pagare l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro separatamente nel Guangdong e in altri luoghi, in modo che i lavoratori della gig possano ottenere la protezione dagli infortuni sul lavoro in modo più economico. Questo è un buon progresso.

La provincia del Guangdong ha emesso un documento nel 2021 per chiarire che i dipendenti specifici che non hanno rapporti di lavoro non sono tenuti a partecipare a cinque assicurazioni sociali contemporaneamente. Possono partecipare all’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro individualmente dai loro datori di lavoro in base al principio ” volontario”, e il loro personale assicurato ha diritto alle prestazioni assicurative contro gli infortuni sul lavoro secondo la normativa.

Allo stato attuale, le politiche esistenti hanno citato e incoraggiato le azioni pilota tra cui: attuazione del sistema del salario minimo e del sistema di garanzia di pagamento, miglioramento del sistema del riposo, attuazione del sistema di responsabilità in materia di salute e sicurezza sul lavoro, rafforzamento della protezione contro gli infortuni sul lavoro, revisione del cottimo e tasso di commissione, ecc. Inoltre, la città di Nanchang ha anche stabilito la prima unione economica del paese. Anche le associazioni del settore della piattaforma e i sindacati dei gig possono svolgere un ruolo attivo nella promozione dell’autodisciplina del settore e della negoziazione dei diritti del lavoro.

Suggerisco inoltre che possano essere stabiliti diversi livelli di protezione assicurativa e che i lavoratori possano scegliere di partecipare volontariamente. Allo stesso tempo, è possibile creare un conto di sicurezza personale completo, i lavori occasionali vengono pagati secondo l’ordine e i fondi del conto vengono utilizzati per pagare varie garanzie assicurative per fornire una migliore protezione ai gig-lavoratori.

A lungo termine, ciò potrebbe eventualmente comportare anche la questione dell’assicurazione pensionistica. L’assicurazione della dotazione riguarda le pensioni e i datori di lavoro e i dipendenti pagano le pensioni separatamente, che insieme rappresentano oltre il 20% del costo del lavoro. Con la tendenza al lavoro flessibile si pone la questione di “chi paga la pensione”, che potrebbe richiedere l’apertura di nuove strade.

Poiché ora stiamo parlando di conti personali, dobbiamo renderlo reale e rendere portatili e portabili i conti pensionistici personali delle persone. L’occupazione dei lavoratori è mobile e flessibile, non è solo per un’impresa specifica e potrebbe anche non essere nella stessa città. A tal fine, potrebbe essere necessario progettare alcuni sistemi contributivi assicurativi pensionistici più adatti a un’occupazione flessibile e mobile. Ad esempio, se puoi fare un’impresa, accettare un lavoro e la retribuzione corrispondente può riflettere quale parte viene utilizzata per pagare la pensione? Questa potrebbe essere una direzione per le future riforme.

(Breve introduzione dell’intervistato: Li Lixing, professoressa di economia alla National School of Development dell’Università di Pechino, direttrice del China Public Finance Research Center dell’Università di Pechino, ed executive editor di China Economic Quarterly International, l’edizione internazionale di “Economia ” (trimestrale). Gli interessi di ricerca comprendono l’economia dello sviluppo, il capitale umano, la finanza pubblica, l’economia politica, l’economia urbana, ecc.)

https://m.guancha.cn/lilixing/2022_08_04_652241.shtml

Perché la guerra fallisce, di Lawrence Freedman

Proseguiamo con la rassegna dei punti di vista di analisti prossimi al convitato di pietra del conflitto ucraino. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Perché la guerra fallisce

L’invasione russa dell’Ucraina e i limiti del potere militare

Il 27 febbraio, pochi giorni dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina, le forze russe hanno lanciato un’operazione per impadronirsi dell’aeroporto di Chornobaivka vicino a Kherson, sulla costa del Mar Nero. Kherson è stata la prima città ucraina che i russi sono riusciti ad occupare e, poiché era anche vicino alla roccaforte russa della Crimea, l’aeroporto sarebbe stato importante per la fase successiva dell’offensiva. Ma le cose non sono andate secondo i piani. Lo stesso giorno in cui i russi hanno preso il controllo dell’aeroporto, le forze ucraine hanno iniziato a contrattaccare con droni armati e presto hanno colpito gli elicotteri che volavano con rifornimenti dalla Crimea. All’inizio di marzo, secondo fonti della difesa ucraina, i soldati ucraini hanno compiuto un devastante raid notturno sulla pista di atterraggio, distruggendo una flotta di 30 elicotteri militari russi. Circa una settimana dopo, le forze ucraine ne distrussero altri sette. Entro il 2 maggio L’Ucraina aveva effettuato 18 attacchi separati all’aeroporto, che, secondo Kiev, aveva eliminato non solo dozzine di elicotteri ma anche depositi di munizioni, due generali russi e quasi un intero battaglione russo. Tuttavia, durante questi attacchi, le forze russe hanno continuato a muoversi in equipaggiamento e materiale con elicotteri. In mancanza di una strategia coerente per difendere la pista di atterraggio e di una valida base alternativa, i russi si sono semplicemente attenuti ai loro ordini originali, con risultati disastrosi.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha descritto la battaglia di Chornobaivka come un simbolo dell’incompetenza dei comandanti russi, che stavano spingendo “il loro popolo al massacro”. In effetti, ci sono stati numerosi esempi simili dalle prime settimane dell’invasione. Sebbene le forze ucraine fossero costantemente sconfitte, hanno usato la loro iniziativa con grande vantaggio , poiché le forze russe hanno ripetuto gli stessi errori e non sono riuscite a cambiare tattica. Fin dall’inizio, la guerra ha fornito un notevole contrasto negli approcci al comando. E questi contrasti possono aiutare molto a spiegare perché l’esercito russo ha così sottoperformato le aspettative.

Nelle settimane precedenti l’invasione del 24 febbraio, i leader e gli analisti occidentali e la stampa internazionale erano naturalmente fissati sulle forze schiaccianti che il presidente russo Vladimir Putin stava accumulando ai confini dell’Ucraina. Ben 190.000 soldati russi erano pronti a invadere il paese. Organizzato in ben 120 gruppi tattici di battaglione, ciascuno aveva armature e artiglieria ed era sostenuto da un supporto aereo superiore. Pochi immaginavano che le forze ucraine avrebbero potuto resistere a lungo contro il rullo compressore russo. La domanda principale sui piani russi era se includessero forze sufficienti per occupare un paese così grande dopo che la battaglia fu vinta. Ma le stime non avevano tenuto conto dei molti elementi che determinano una vera misura delle capacità militari.

Il potere militare non riguarda solo gli armamenti di una nazione e l’abilità con cui vengono usati. Deve tenere conto delle risorse del nemico, nonché dei contributi di alleati e amici, sotto forma di assistenza pratica o di interventi diretti. E sebbene la forza militare sia spesso misurata in potenza di fuoco, contando gli inventari di armi e le dimensioni di eserciti, marine e forze aeree, molto dipende dalla qualità dell’equipaggiamento, dal modo in cui è stato mantenuto e dall’addestramento e dalla motivazione di il personale che lo utilizza. In qualsiasi guerra, la capacità di un’economia di sostenere lo sforzo bellico e la resilienza dei sistemi logistici per garantire che i rifornimenti raggiungano le linee del fronte secondo necessità, sono di importanza crescente con il progredire del conflitto. Così è il grado in cui un belligerante può mobilitare e mantenere il sostegno per la propria causa, sia internamente che esternamente, e minare quella del nemico, compiti che richiedono la costruzione di narrazioni avvincenti in grado di razionalizzare le battute d’arresto e di anticipare le vittorie. Soprattutto, però, il potere militare dipende da un comando efficace. E ciò include sia i leader politici di un paese, che agiscono come comandanti supremi, sia coloro che cercano di raggiungere i loro obiettivi militari come comandanti operativi.

L’invasione dell’Ucraina da parte di Putin ha sottolineato il ruolo cruciale del comando nel determinare il successo militare finale. La forza grezza delle armi può fare solo così tanto per uno stato. Come i leader occidentali hanno scoperto in Afghanistan e in Iraq, l’equipaggiamento militare e la potenza di fuoco superiori possono consentire alle forze armate di ottenere il controllo del territorio, ma sono molto meno efficaci nell’amministrazione di successo di quel territorio. In Ucraina Putin ha lottatoanche per ottenere il controllo del territorio, e il modo in cui le sue forze hanno condotto la guerra ha già assicurato che qualsiasi tentativo di governare, anche nel presunto est filo-russo dell’Ucraina, sarà accolto da animosità e resistenza. Per lanciare l’invasione, Putin ha commesso l’errore familiare ma catastrofico di sottovalutare il nemico, presumendo che fosse debole nel suo nucleo, pur avendo un’eccessiva fiducia in ciò che le sue stesse forze potrebbero ottenere.

IL DESTINO DELLE NAZIONI

I comandi sono ordini autorevoli, a cui obbedire senza fare domande. Le organizzazioni militari richiedono forti catene di comando perché commettono violenza disciplinata e mirata. In tempo di guerra, i comandanti affrontano la sfida speciale di persuadere i subordinati ad agire contro i propri istinti di sopravvivenza e superare le normali inibizioni sull’uccisione dei loro simili. La posta in gioco può essere estremamente alta. I comandanti possono avere il destino dei loro paesi nelle loro mani e devono essere profondamente consapevoli del potenziale di umiliazione nazionale se dovessero fallire, così come di gloria nazionale se ci riuscissero.

Il comando militare è spesso descritto come una forma di leadership e, come delineato nei trattati sul comando, le qualità ricercate nei leader militari sono spesso quelle che sarebbero ammirevoli in quasi tutti i contesti: profonda conoscenza professionale, capacità di utilizzare le risorse in modo efficiente, buona comunicazione abilità, la capacità di andare d’accordo con gli altri, un senso di scopo morale e di responsabilità e la volontà di prendersi cura dei subordinati. Ma l’alta posta in gioco della guerra e lo stress del combattimento impongono le proprie esigenze. Qui, le qualità rilevanti includono un istinto a mantenere l’iniziativa, un’attitudine a vedere chiaramente situazioni complesse, una capacità di creare fiducia e la capacità di rispondere agilmente a condizioni mutevoli o impreviste. La storica Barbara Tuchman ha identificato la necessità di una combinazione di risoluzione – “la determinazione a vincere” – e giudizio, o la capacità di usare la propria esperienza per leggere le situazioni. Un comandante che combina la determinazione con un’acuta intelligenza strategica può ottenere risultati impressionanti, ma la determinazione combinata con la stupidità può portare alla rovina.

Non tutti i subordinati seguiranno automaticamente i comandi. A volte gli ordini sono inappropriati, forse perché si basano su informazioni datate e incomplete e possono quindi essere ignorati anche dall’ufficiale sul campo più diligente. In altri casi, la loro attuazione potrebbe essere possibile ma poco saggia, forse perché esiste un modo migliore per raggiungere gli stessi obiettivi. Di fronte a ordini che non amano o diffidano, i subordinati possono cercare alternative alla totale disobbedienza. Possono procrastinare, eseguire gli ordini con noncuranza o interpretarli in un modo che si adatta meglio alla situazione che devono affrontare.

Per evitare queste tensioni, tuttavia, la moderna filosofia di comando seguita in Occidente ha cercato sempre di più di incoraggiare i subordinati a prendere l’iniziativa per affrontare le circostanze; i comandanti si fidano di coloro che sono vicini all’azione per prendere le decisioni vitali, ma sono pronti a intervenire se gli eventi vanno storti. Questo è l’approccio adottato dalle forze ucraine. La filosofia di comando della Russia è più gerarchica. In linea di principio, la dottrina russa consente l’iniziativa locale, ma le strutture di comando in atto non incoraggiano i subordinati a rischiare di disobbedire ai loro ordini. Sistemi di comando rigidi possono portare a un’eccessiva cautela, a una fissazione su determinate tattiche anche quando sono inappropriate e alla mancanza di “verità di base”, poiché i subordinati non osano segnalare problemi e invece insistono sul fatto che tutto va bene.

I problemi della Russia con il comando in Ucraina sono meno una conseguenza della filosofia militare che dell’attuale leadership politica. Nei sistemi autocratici come quello russo, funzionari e ufficiali devono pensarci due volte prima di sfidare i superiori. La vita è più facile quando agiscono in base ai desideri del leader senza fare domande. I dittatori possono certamente prendere decisioni coraggiose sulla guerra, ma è molto più probabile che queste siano basate su presupposti mal informati ed è improbabile che siano state contestate in un attento processo decisionale. I dittatori tendono a circondarsi di consiglieri che la pensano allo stesso modo e ad apprezzare la lealtà al di sopra della competenza nei loro alti comandanti militari.

DAL SUCCESSO ALLO STALLO

La disponibilità di Putin a fidarsi del proprio giudizio in Ucraina rifletteva il fatto che le sue decisioni passate sull’uso della forza avevano funzionato bene per lui. Lo stato dell’esercito russo negli anni ’90 prima che prendesse il potere era terribile, come dimostrato dalla guerra del presidente russo Boris Eltsin del 1994-1996 in Cecenia. Alla fine del 1994, il ministro della Difesa russo Pavel Grachev rassicurò Eltsin che avrebbe potuto porre fine allo sforzo della Cecenia di separarsi dalla Federazione Russa spostando rapidamente le forze russe a Grozny, la capitale cecena. Il Cremlino considerava la Cecenia uno stato artificiale infestato da gangster per il quale ci si poteva aspettare che pochi dei suoi cittadini sacrificassero la propria vita, soprattutto di fronte all’esplosione del potere militare russo: ipotesi fuorvianti in qualche modo simili a quelle fatte su scala molto più ampia nell’attuale invasione dell’Ucraina. Le unità russe includevano molti coscritti con poco addestramento e il Cremlino non riuscì ad apprezzare quanto i difensori ceceni sarebbero stati in grado di sfruttare il terreno urbano. I risultati furono disastrosi. Il primo giorno dell’attacco, l’esercito russo ha perso oltre 100 veicoli corazzati, compresi i carri armati; I soldati russi furono presto uccisi al ritmo di 100 al giorno. Nelle sue memorie, Eltsin ha descritto la guerra come il momento in cui la Russia “si è separata da un’altra illusione eccezionalmente dubbia ma affettuosa: sulla potenza del nostro esercito . . . sulla sua indomabilità”. compresi i serbatoi; I soldati russi furono presto uccisi al ritmo di 100 al giorno. Nelle sue memorie, Eltsin ha descritto la guerra come il momento in cui la Russia “si è separata da un’altra illusione eccezionalmente dubbia ma affettuosa: sulla potenza del nostro esercito . . . sulla sua indomabilità”. compresi i serbatoi; I soldati russi furono presto uccisi al ritmo di 100 al giorno. Nelle sue memorie, Eltsin ha descritto la guerra come il momento in cui la Russia “si è separata da un’altra illusione eccezionalmente dubbia ma affettuosa: sulla potenza del nostro esercito . . . sulla sua indomabilità”.

La prima guerra cecena si è conclusa in modo insoddisfacente nel 1996. Alcuni anni dopo, Vladimir Putin, che nel settembre 1999 è diventato primo ministro malato di Eltsin, ha deciso di combattere di nuovo la guerra, ma questa volta si è assicurato che la Russia fosse preparata. Putin era stato in precedenza a capo del Servizio di sicurezza federale, o FSB, il successore del KGB, dove iniziò la sua carriera. Quando nel settembre 1999 i condomini a Mosca e altrove furono bombardati, Putin incolpò i terroristi ceceni (sebbene vi fossero buone ragioni per sospettare che l’FSB stesse cercando di creare un pretesto per una nuova guerra) e ordinò alle truppe russe di prendere il controllo della Cecenia da “tutti mezzi a disposizione”. In questa seconda guerra cecena, la Russia procedette con più deliberazione e spietatezza finché non riuscì ad occupare Grozny. Nonostante la guerra si trascinasse per un po’ di tempo, l’impegno visibile di Putin per porre fine alla ribellione cecena è stato sufficiente a fornirgli una vittoria decisiva nelle elezioni presidenziali della primavera del 2000. Mentre Putin stava facendo una campagna, i giornalisti gli hanno chiesto quali leader politici ha trovato “più interessanti”. Dopo aver citato Napoleone – che i giornalisti hanno preso per scherzo – ha offerto Charles de Gaulle, una scelta naturale forse per qualcuno che voleva ripristinare l’efficacia dello stato con una forte autorità centralizzata.

Entro il 2013, Putin era andato in qualche modo verso il raggiungimento di tale scopo. Gli alti prezzi delle materie prime gli avevano dato un’economia forte. Aveva anche emarginato la sua opposizione politica in patria, consolidando il suo potere. Eppure le relazioni della Russia con l’Occidente erano peggiorate, in particolare per quanto riguarda l’Ucraina. Fin dalla rivoluzione arancionedel 2004-2005, Putin era preoccupato che un governo filo-occidentale a Kiev potesse cercare di entrare a far parte della NATO, un timore aggravato quando la questione è stata affrontata al vertice della NATO di Bucarest del 2008. La crisi, tuttavia, è arrivata nel 2013, quando Victor Yanukovich, presidente filorusso dell’Ucraina, stava per firmare un accordo di associazione con l’UE. Putin ha esercitato forti pressioni su Yanukovich fino a quando non ha accettato di non firmare. Ma il capovolgimento di Yanukovich ha portato esattamente a ciò che Putin aveva temuto, una rivolta popolare – il movimento Maidan – che alla fine ha fatto cadere Yanukovich e ha lasciato l’Ucraina completamente nelle mani dei leader filo-occidentali. A questo punto Putin ha deciso di annettere la Crimea .

Nel lanciare il suo piano, Putin ha avuto i vantaggi di una base navale russa a Sebastopoli e un notevole sostegno alla Russia tra la popolazione locale. Eppure continuò a procedere con cautela. La sua strategia, che ha seguito da allora, era quella di presentare qualsiasi mossa russa aggressiva come nient’altro che una risposta alle suppliche di persone che avevano bisogno di protezione. Schierando truppe con uniformi e equipaggiamento standard ma senza contrassegni, che divennero noti come i “piccoli uomini verdi”, il Cremlino convinse con successo il parlamento locale a indire un referendum sull’incorporazione della Crimea in Russia. Con l’evolversi di questi eventi, Putin era pronto a trattenersi nel caso in cui l’Ucraina o i suoi alleati occidentali avessero affrontato una sfida seria. Ma l’Ucraina era allo sbando – aveva solo un ministro della difesa ad interim e nessuna autorità decisionale in grado di rispondere – e l’Occidente non ha intrapreso alcuna azione contro la Russia oltre a sanzioni limitate. Per Putin, la presa della Crimea, con pochissime vittime e con l’Occidente in gran parte in disparte, ha confermato il suo status di astuto comandante supremo.

Ma Putin non si accontentava di andarsene con questo chiaro premio; invece, quella primavera e quell’estate, permise alla Russia di essere coinvolta in un conflitto molto più intrattabile nella regione del Donbas, nell’Ucraina orientale. Qui, non poteva seguire la formula che aveva funzionato così bene in Crimea: il sentimento filo-russo nell’est era troppo debole per implicare un diffuso sostegno popolare alla secessione. Molto rapidamente, il conflitto si è militarizzato, con Mosca che ha affermato che le milizie separatiste agivano indipendentemente dalla Russia. Tuttavia, entro l’estate, quando sembrava che i separatisti di Donetsk e Luhansk, le due enclavi filo-russe nel Donbas, avrebbero potuto essere sconfitte dall’esercito ucraino, il Cremlino ha inviato forze russe regolari. Sebbene i russi non abbiano avuto problemi contro l’esercito ucraino, Putin è stato comunque cauto. Non ha annesso le enclavi,

Per alcuni osservatori occidentali, la guerra russa nel Donbas sembrava una nuova potente strategia di guerra ibrida. Come descritto dagli analisti, la Russia è stata in grado di mettere in secondo piano i suoi avversari riunendo forze regolari e irregolari e attività palesi e segrete e combinando forme consolidate di azione militare con attacchi informatici e guerra dell’informazione. Ma questa valutazione ha sopravvalutato la coerenza dell’approccio russo. In pratica i russi avevano messo in moto eventi dalle conseguenze imprevedibili, guidati da individui che faticavano a controllare, per obiettivi che non condividevano del tutto. L’accordo di Minsk non è mai stato attuato e i combattimenti non si sono mai fermati. Al massimo, Putin aveva tratto il meglio da un pessimo lavoro, contenendo il conflitto e, mentre sconvolgeva l’Ucraina, dissuadendo l’Occidente dal farsi coinvolgere troppo. A differenza della Crimea,l’Occidente .

FORZA TRAVOLGENTE

Nell’estate del 2021, la guerra del Donbas era in una situazione di stallo per più di sette anni e Putin ha deciso un piano audace per portare a termine le cose. Non essendo riuscito a utilizzare le enclavi per influenzare Kiev, ha cercato di sfruttare la loro difficile situazione per sostenere il cambio di regime a Kiev, assicurandosi che sarebbe rientrata nella sfera di influenza di Mosca e non avrebbe mai più preso in considerazione l’adesione alla NATO o all’UE. Pertanto, avrebbe intrapreso un’invasione su vasta scala dell’Ucraina.

Un tale approccio richiederebbe un enorme impegno delle forze armate e una campagna audace. Ma la fiducia di Putin è stata rafforzata dal recente intervento militare russo in Siria, che ha sostenuto con successo il regime di Bashar al-Assad, e dai recenti sforzi per modernizzare le forze armate russe. Gli analisti occidentali avevano ampiamente accettato le affermazioni russe sulla crescente forza militare del paese, inclusi nuovi sistemi e armamenti, come le “armi ipersoniche”, che almeno suonavano impressionanti. Inoltre, le sane riserve finanziarie russe limiterebbero l’effetto di eventuali sanzioni punitive. E l’Occidente è apparso diviso e turbato dopo la presidenza di Donald Trump, un’impressione che è stata confermata dal ritiro fallito degli Stati Uniti dall’Afghanistan nell’agosto 2021.

Quando Putin ha lanciato quella che ha definito “operazione militare speciale” in Ucraina , molti in Occidente hanno temuto che potesse avere successo. Gli osservatori occidentali avevano osservato per mesi il massiccio accumulo di forze russe al confine ucraino e, quando è iniziata l’invasione, le menti degli strateghi statunitensi ed europei sono andate avanti alle implicazioni di una vittoria russa che minacciava di incorporare l’Ucraina in una Grande Russia rivitalizzata. Sebbene alcuni paesi della NATO, come gli Stati Uniti e il Regno Unito, avessero affrettato rifornimenti militari in Ucraina, altri, in seguito a questo pessimismo, erano più riluttanti. È probabile che l’equipaggiamento aggiuntivo, conclusero, sarebbe arrivato troppo tardi o addirittura sarebbe stato catturato dai russi.

Meno notato è stato che l’accumulo di truppe russe, nonostante le sue dimensioni formidabili, era tutt’altro che sufficiente per prendere e tenere tutta l’Ucraina. Anche molti all’interno o collegati all’esercito russo potrebbero vedere i rischi. All’inizio di febbraio 2022, Igor “Strelkov” Girkin, uno dei primi leader separatisti russi nella campagna del 2014, ha osservato che l’esercito ucraino era più preparato di quanto non fosse otto anni prima e che “non ci sono quasi abbastanza truppe mobilitate, o essere mobilitato”. Eppure Putin non ha consultato esperti sull’Ucraina, affidandosi invece ai suoi più stretti consiglieri – vecchi compagni dell’apparato di sicurezza russo – che hanno fatto eco alla sua opinione sprezzante secondo cui l’Ucraina potrebbe essere facilmente presa.

Non appena l’invasione iniziò, divennero evidenti le debolezze centrali della campagna di Russia. Il piano prevedeva una guerra breve, con avanzamenti decisivi in ​​diverse parti del paese il primo giorno. Ma l’ottimismo di Putin e dei suoi consiglieri significava che il piano era modellato in gran parte attorno a operazioni rapide da parte di unità di combattimento d’élite. È stata data poca considerazione alla logistica e alle linee di rifornimento, che hanno limitato la capacità della Russia di sostenere l’offensiva una volta che si è fermata, e tutto l’essenziale della guerra moderna, inclusi cibo, carburante e munizioni, ha iniziato a essere rapidamente consumato. In effetti, il numero di assi di avanzamento ha creato una serie di guerre separate che vengono combattute contemporaneamente, tutte presentando le proprie sfide, ciascuna con le proprie strutture di comando e senza un meccanismo appropriato per coordinare i propri sforzi e allocare risorse tra di loro.

Il primo segnale che le cose non stavano andando secondo i piani di Putin è stato quello che è successo all’aeroporto di Hostomel, vicino a Kiev. Detto che avrebbero incontrato poca resistenza, i paracadutisti d’élite che erano stati inviati a trattenere l’aeroporto per gli aerei da trasporto in arrivo furono invece respinti da un contrattacco ucraino. Alla fine, i russi riuscirono a prendere l’aeroporto, ma a quel punto era troppo danneggiato per avere un qualche valore. Altrove, unità di carri armati russi apparentemente formidabili furono fermate da difensori ucraini molto più leggermente armati. Secondo un resoconto, un’enorme colonna di carri armati russi destinata a Kiev fu inizialmente fermata da un gruppo di soli 30 soldati ucraini, che si avvicinò di notte su quad e riuscì a distruggere alcuni veicoli in testa alla colonna, lasciando il resto bloccato su una carreggiata stretta e aperto a ulteriori attacchi. Gli ucraini hanno ripetuto con successo tali imboscate in molte altre aree.

Le forze ucraine, con l’assistenza occidentale, avevano intrapreso riforme energiche e pianificato attentamente le loro difese. Erano anche molto motivati, a differenza di molti dei loro omologhi russi , che non erano sicuri del perché fossero lì. Le unità ucraine agili, attingendo prima ad armi anticarro e droni e poi all’artiglieria, colsero di sorpresa le forze russe. Alla fine, quindi, il corso iniziale della guerra non fu determinato da un numero maggiore e potenza di fuoco, ma da tattiche, impegno e comando superiori.

ERRORI CUMULATIVI

Fin dall’inizio dell’invasione, il contrasto tra gli approcci al comando russo e ucraino è stato netto. L’errore strategico originale di Putin era di presumere che l’Ucraina fosse sufficientemente ostile da impegnarsi in attività anti-russe e incapace di resistere alla potenza russa. Mentre l’invasione si bloccava, Putin sembrava incapace di adattarsi alla nuova realtà, insistendo sul fatto che la campagna era nei tempi previsti e procedeva secondo i piani. Impedito di menzionare l’alto numero di vittime russe e le numerose battute d’arresto sul campo di battaglia, i media russi hanno rafforzato incessantemente la propaganda del governo sulla guerra. Al contrario, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, l’obiettivo iniziale dell’operazione russa, ha rifiutato le offerte degli Stati Uniti e di altre potenze occidentali di essere portate in salvo per formare un governo in esilio. Non solo è sopravvissuto, ma è rimasto a Kiev, visibile e loquace, radunando il suo popolo e facendo pressioni sui governi occidentali per un maggiore sostegno, finanziario e militare. Dimostrando l’impegno schiacciante del popolo ucraino a difendere il proprio paese, ha incoraggiato l’Occidente a imporre sanzioni molto più severe alla Russia di quanto avrebbe potuto fare altrimenti, nonché a fornire forniture di armi e materiale bellico all’Ucraina. Mentre Putin si ripeteva ostinatamente mentre la sua “operazione militare speciale” vacillava, Zelensky crebbe in fiducia e statura politica. ha incoraggiato l’Occidente a imporre sanzioni molto più severe alla Russia di quanto avrebbe potuto fare altrimenti, nonché a fornire forniture di armi e materiale bellico all’Ucraina. Mentre Putin si ripeteva ostinatamente mentre la sua “operazione militare speciale” vacillava, Zelensky crebbe in fiducia e statura politica. ha incoraggiato l’Occidente a imporre sanzioni molto più severe alla Russia di quanto avrebbe potuto fare altrimenti, nonché a fornire forniture di armi e materiale bellico all’Ucraina. Mentre Putin si ripeteva ostinatamente mentre la sua “operazione militare speciale” vacillava, Zelensky crebbe in fiducia e statura politica.

La nefasta influenza di Putin incombeva anche su altre decisioni strategiche chiave della Russia. La prima, dopo le battute d’arresto iniziali, è stata la decisione dell’esercito russo di adottare le tattiche brutali utilizzate in Cecenia e Siria: prendere di mira le infrastrutture civili, inclusi ospedali ed edifici residenziali. Questi attacchi hanno causato immense sofferenze e difficoltà e, come si poteva prevedere, hanno solo rafforzato la determinazione ucraina. Le tattiche erano controproducenti anche in un altro senso. Insieme alle rivelazioni su possibili crimini di guerra da parte delle truppe russe nelle aree intorno a Kiev, come Bucha, gli attacchi della Russia a obiettivi non militari hanno convinto i leader di Washington e di altre capitali occidentali che era inutile cercare di mediare un accordo di compromesso con Putin. Invece, i governi occidentali hanno accelerato il flusso di armi verso l’Ucraina, con una crescente enfasi sui sistemi offensivi e difensivi. Questa non era la guerra tra Russia e NATO rivendicata dai propagandisti di Mosca, ma stava rapidamente diventando la cosa più vicina.

Una seconda decisione strategica chiave è arrivata il 25 marzo, quando la Russia ha abbandonato il suo obiettivo massimalista di prendere Kiev e ha annunciato che si stava concentrando invece sulla “completa liberazione” della regione del Donbas. Questo nuovo obiettivo, sebbene promettesse di portare maggiore miseria a est, era più realistico, e lo sarebbe stato ancora di più se fosse stato l’obiettivo iniziale dell’invasione. Il Cremlino ora nominò anche un comandante russo in generale per guidare la guerra, un generale il cui approccio sarebbe stato più metodico e impiegherebbe artiglieria aggiuntiva per preparare il terreno prima che l’armatura e la fanteria si muovessero in avanti. Ma l’effetto di questi cambiamenti è stato limitato perché Putin aveva bisogno di risultati rapidi e non ha dato alle forze russe il tempo di riprendersi e prepararsi per questo secondo round della guerra.

Lo slancio era già passato dalla Russia all’Ucraina e non poteva essere invertito abbastanza rapidamente per rispettare il calendario di Putin. Alcuni analisti hanno ipotizzato che Putin volesse qualcosa che potrebbe chiamare una vittoria il 9 maggio, la festa russa che segna la fine della Grande Guerra Patriottica, la vittoria della Russia sulla Germania nazista. Altrettanto probabile, tuttavia, era il desiderio suo e dei suoi alti comandanti militari di ottenere guadagni territoriali nell’est prima che l’Ucraina potesse assorbire nuove armi dagli Stati Uniti e dall’Europa. Di conseguenza, i comandanti russi inviarono di nuovo in combattimento unità che erano state appena ritirate dal nord a est; non c’era tempo per ricostituire le truppe o rimediare alle mancanze mostrate nella prima fase della guerra.

Nella nuova offensiva, iniziata sul serio a metà aprile, le forze russe hanno ottenuto pochi guadagni, mentre i contrattacchi ucraini hanno rosicchiato le loro posizioni. Ad aumentare l’imbarazzo, l’ammiraglia russa del Mar Nero, la Moskva, è stato affondato in un audace attacco ucraino. Entro il 9 maggio non c’era molto da festeggiare a Mosca. Anche la città costiera di Mariupol, che la Russia aveva attaccato senza pietà dall’inizio della guerra e ridotta in macerie, non fu completamente catturata fino a una settimana dopo. A quel punto, le stime occidentali suggerivano che un terzo della forza di combattimento russa iniziale, sia personale che equipaggiamento, era andato perso. Erano circolate voci secondo cui Putin avrebbe sfruttato le vacanze per annunciare una mobilitazione generale per soddisfare il bisogno di manodopera dell’esercito, ma non è stato fatto alcun annuncio del genere. Tanto per cominciare, una mossa del genere sarebbe stata profondamente impopolare in Russia. Ma ci sarebbe voluto anche del tempo per portare coscritti e riservisti al fronte, e la Russia avrebbe comunque dovuto affrontare una cronica carenza di attrezzature.

Dopo una serie ininterrotta di decisioni di comando sbagliate, Putin stava esaurendo le opzioni. Quando l’offensiva in Ucraina ha completato il suo terzo mese, molti osservatori hanno iniziato a notare che la Russia era rimasta bloccata in una guerra impossibile da vincereche non osava perdere. I governi occidentali e alti funzionari della NATO hanno cominciato a parlare di un conflitto che potrebbe continuare per mesi, e forse anni, a venire. Ciò dipenderebbe dalla capacità dei comandanti russi di continuare a combattere con forze esaurite e dal morale basso e anche dalla capacità dell’Ucraina di passare da una strategia difensiva a una offensiva. Forse l’esercito russo potrebbe ancora salvare qualcosa dalla situazione. O forse Putin a un certo punto avrebbe visto che potrebbe essere prudente chiedere un cessate il fuoco in modo da poter incassare i guadagni realizzati all’inizio della guerra prima che una controffensiva ucraina li portasse via, anche se ciò significherebbe ammettere il fallimento.

POTERE SENZA SCOPO

Bisogna stare attenti quando si traggono grandi lezioni dalle guerre con le loro caratteristiche speciali, in particolare da una guerra le cui conseguenze non sono ancora note. Analisti e pianificatori militari studieranno sicuramente la guerra in Ucrainaper molti anni come esempio dei limiti del potere militare, alla ricerca di spiegazioni sul perché una delle forze armate più forti e più grandi del mondo, con una formidabile forza aerea e marina e nuovi equipaggiamenti e con esperienza di combattimento recente e di successo, ha vacillato così malamente. Prima dell’invasione, quando l’esercito russo veniva confrontato con le forze di difesa più piccole e meno armate dell’Ucraina, pochi dubitava di quale parte avrebbe preso il sopravvento. Ma la vera guerra è determinata da fattori qualitativi e umani, e furono gli ucraini che avevano tattiche più acute, riunite da strutture di comando, dal più alto livello politico ai comandanti sul campo più bassi, che erano adatte allo scopo.

La guerra di Putin in Ucraina, quindi, è soprattutto un caso di studio in un fallimento del comando supremo. Il modo in cui vengono fissati gli obiettivi e le guerre lanciate dal comandante in capo modella ciò che segue. Gli errori di Putin non erano unici; erano tipici di quelli fatti da leader autocratici che arrivano a credere alla propria propaganda. Non ha messo alla prova le sue ipotesi ottimistiche sulla facilità con cui avrebbe potuto ottenere la vittoria. Si fidava delle sue forze armate per la consegna. Non si rendeva conto che l’Ucraina rappresentava una sfida su una scala completamente diversa dalle precedenti operazioni in Cecenia, Georgia e Siria. Ma faceva anche affidamento su una struttura di comando rigida e gerarchica che non era in grado di assorbire e adattarsi alle informazioni da terra e, soprattutto, non consentiva alle unità russe di rispondere rapidamente al mutare delle circostanze.

Il valore dell’autorità delegata e dell’iniziativa locale sarà una delle altre lezioni chiave di questa guerra. Ma affinché queste pratiche siano efficaci, i militari in questione devono essere in grado di soddisfare quattro condizioni. In primo luogo, deve esserci fiducia reciproca tra coloro che sono ai livelli senior e più giovani. Quelli al più alto livello di comando devono avere fiducia che i loro subordinati abbiano l’intelligenza e la capacità di fare la cosa giusta in circostanze difficili, mentre i loro subordinati devono avere fiducia che l’alto comando fornirà tutto il sostegno possibile. In secondo luogo, coloro che combattono devono avere accesso alle attrezzature e alle forniture di cui hanno bisogno per andare avanti. Ha aiutato gli ucraini che stavano usando armi portatili anticarro e di difesa aerea e stavano combattendo vicino alle loro basi,

Terzo, coloro che forniscono la leadership ai livelli di comando più giovani devono essere di alta qualità. Sotto la guida occidentale, l’esercito ucraino aveva sviluppato il tipo di corpo di sottufficiali in grado di garantire che le esigenze di base di un esercito in movimento saranno soddisfatte, dalla manutenzione dell’equipaggiamento all’effettiva preparazione al combattimento. In pratica, ancora più rilevante è stato il fatto che molti di coloro che sono tornati nei ranghi quando l’Ucraina si è mobilitata erano veterani esperti e avevano una comprensione naturale di ciò che doveva essere fatto.

Ma questo porta alla quarta condizione. La capacità di agire efficacemente a qualsiasi livello di comando richiede un impegno per la missione e la comprensione del suo scopo politico. Questi elementi mancavano da parte russa a causa del modo in cui Putin aveva lanciato la sua guerra: il nemico che le forze russe erano state indotte ad aspettarsi non era quello che avevano di fronte e la popolazione ucraina non era, contrariamente a quanto era stato detto loro, incline essere liberato. Più il combattimento è futile, più basso è il morale e più debole è la disciplina di coloro che combattono. In queste circostanze, l’iniziativa locale può semplicemente portare all’abbandono o al saccheggio. Al contrario, gli ucraini stavano difendendo il loro territorio contro un nemico intento a distruggere la loro terra. C’era un’asimmetria di motivazione che ha influenzato i combattimenti fin dall’inizio. Il che ci riporta alla follia della decisione originale di Putin. È difficile comandare alle forze di agire a sostegno di un’illusione.

https://www.foreignaffairs.com/articles/russian-federation/2022-06-14/ukraine-war-russia-why-fails

LO STATO DELLE COSE DELLA GEOPOLITICA, di Massimo Morigi _ 6a di 11 parti

AVVERTENZA

La seguente è la sesta di undici parti di un saggio di Massimo Morigi. Nella prima parte è pubblicata in calce l’introduzione e nel file allegato il testo di Morigi, nella sua terza parte è disponibile a partire da pagina 130. L’introduzione è identica per ognuna delle undici parti e verrà ripetuta solo nelle prime righe a partire dalla seconda parte.

PRESENTAZIONE DI QUARANTA, TRENTA, VENT’ANNI DOPO A LE
RELAZIONI FRA L’ITALIA E IL PORTOGALLO DURANTE IL PERIODO
FASCISTA: NASCITA ESTETICO-EMOTIVA DEL PARADIGMA
OLISTICO-DIALETTICO-ESPRESSIVO-STRATEGICO-CONFLITTUALE DEL
REPUBBLICANESIMO GEOPOLITICO ORIGINANDO DALL’ ETEROTOPIA
POETICA, CULTURALE E POLITICA DEL PORTOGALLO*

*Le relazioni fra l’Italia e il Portogallo durante il periodo fascista ora presentate sono
pubblicate dall’ “Italia e il Mondo” in undici puntate. La puntata che ora viene
pubblicata è la prima e segue immediatamente questa presentazione, e questa prima
puntata (come tutte le altre che seguiranno) è preceduta dall’introduzione alla stessa di
Giuseppe Germinario. Pubblicando l’introduzione originale delle Relazioni fra l’Italia
e il Portogallo durante il periodo fascista come prima puntata e che, come da indice,
non è numerata, la numerazione delle puntate alla fine di questa presentazione non
segue la numerazione ordinale originale in indice delle parti del saggio, che è stata
quindi mantenuta immutata, quando questa presente.

SESTA PUNTATA STATO DELLE COSE

La cornice, di Pierluigi Fagan

CORNICE. Siamo tutti persi in un oceano di notizie relative a fatti. Ma in natura, nella realtà, i fatti sono connessi tra loro a fare il “mondo” e nel mondo ci sono attori intenzionali con strategie, strategie che vogliono far fronte a previsioni. Questi ultimi due elementi, strategia fatte su previsioni, fanno la cornice in cui s’inquadra il groviglio dei fatti del mondo. Vorrei fornire una versione interpretativa di questa cornice, poiché i molti fatti interagiscono proprio con la cornice, anche se spesso non la vediamo.
Il periodo moderno dura un po’ più di tre secoli. In esso, la parte che chiamiamo Occidente, prima solo Europa, poi Stati Uniti con Europa, ha dominato questo periodo storico. Colonialismo, imperialismo, sviluppo scientifico e tecnico (o forse il contrario), modo economico moderno, armi, conoscenza hanno garantito al sistema occidentale un incredibile potere sul resto del mondo. Questo ha permesso il poter importare materie, energie e lavoro a bassi costi per alimentare il modo economico che ha dato ordine dinamico alle nostre forme di vita associata. In questo mondo al nostro servizio, abbiamo poi esportato resti di produzione, scarti, disordine. Ogni forma di ordine, e la nostra lo è stata ai massimi livelli, paga un tributo di disordine che noi abbiamo esternalizzato.
Settanta anni fa, tre dinamiche della nostra parte di mondo, hanno agito non intenzionalmente sul mondo più ampio. La prima è stata il progresso tecno-scientifico che ha in parte debellato malattie che falcidiavano le natalità. La seconda è stata una parte specifica di questo progresso, nata in Giappone e poi ripresa da laboratori americani, ovvero la manipolazione genetica delle piante, prima il frumento, poi il riso. Non solo quindi le persone che nascevano morivano di meno di prima, ma poi crescevano alimentate e più sane, ampliando il registro dei viventi. Infine, la terza, è stata la spinta automatica al nostro modo economico di andare a colonizzare questo nuovo mondo di genti in inflazione demografica per cooptarle nell’economia di mercato cantando l’inno della “globalizzazione”. Tutte e tre le dinamiche, per quanto in larga parte non intenzionali, hanno però avuto anche un agente intenzionale, gli Stati Uniti d’America. Questo perché gli USA, nel dopoguerra, divennero presto consapevoli che il mondo più ampio andava in qualche modo curato e stabilizzato visto che in vari modi vi dipendevamo, non certo per bontà d’animo, per interesse.
Capitò così di esserci triplicati in soli settanta anni, cosa mai avvenuta nella storia umana planetaria, in così poco tempo, partendo da già 2,5 miliardi di persone. Non si è trattata solo di una trasformazione quantitativa, ma anche qualitativa anche perché è proprio questa nuova qualità sanitaria ed alimentare in primis, ad aver prodotto questo nuova quantità. Ma il modo economico moderno che è il nostro ordinatore, imponeva anche una nuova dinamica globale. Tale modo funziona con uno scalino, una asimmetria per la quale un maggiore domina e sfrutta un minore mentre “risolve problemi” (dei quali alcuni li inventa, altri li risolve ma creandone di nuovi). Ma tale assetto asimmetrico non deve esser troppo pronunciato, il minore deve comunque avere facoltà di giocare lo stesso gioco del maggiore. Il maggiore, per esser tale, deve portare il minore dentro il gioco altrimenti senza gioco non ordina il mondo mentre acquisisce l’ordine di cui si alimenta per esser il maggiore.
Così s’è seguita la logica di questo ordinatore che è appunto l’economico nella sua forma moderna che alcuni chiamano capitalismo. Purtroppo, ogni ordinatore è solo una parte della complessità del tutto. Altre volte, nella storia, qualcuno s’era convinto che l’ordine potesse esser militare e così fece imperi dalla brillante crescita repentina ed altrettanto repentino collasso. Qualcun altro si convinse si potesse usare l’ordinatore religioso, ma anche qui non s’erano fatto i conti con i più prosaici problemi della complessità della vita umana in società. L’economico prometteva invece, ed oltretutto spalleggiato dal militare e dalla cultura ora in senso più ampio che non solo quella religiosa, di poter far da ordinatore efficiente tenendo nello stesso gioco il maggiore ed il minore a debita distanza, ma non troppo distante.
Il calcolo si rivelò giusto per un tratto, poi non più idoneo, perché? Allargato il circuito della ricchezza e condiviso il modo economico moderno, altre parti del mondo hanno cominciato a crescere da par loro. Ad un certo punto recente, alcuni hanno intuito con sbigottimento e terrore che la dura logica della massa numerica, avrebbe fatto sì che a parità crescente di altre condizioni, il minore era destinato a diventare il maggiore. Gli economisti occidentali, i sacerdoti della nuova religione ordinativa, hanno prodotto un paio di teorie sulla crescita economica che però saltano a piè pari l’ovvietà per la quale, a parità (più o meno) di altre condizioni, la massa del sistema su cui si applica il modo economico moderno, fa la differenza. Oggi tutto l’Occidente, Europa ed Anglosfera, pesa solo il 16% del mondo, era più del 30% ai primi del Novecento ma al di là della numerica, allora la distanza qualitativa di tutti i fattori di potenza tra Occidente e resto del mondo era inarrivabile. Oggi quella numerica è tracollata e continuerà a scendere nei prossimi decenni e la distanza qualitativa si sta accorciando in fretta. Vi sono poi altri problemi legati al fine ciclo di crescita delle economie ipersviluppate (lo sviluppo non è infinto e non solo per ragioni termodinamiche), ma non ci soffermiamo. Il maggiore è quindi inesorabilmente destinato a non esser più tale. Che fare?
L’attuale vertice del potere del capobranco occidentale ovvero gli Stati Uniti d’America, ha varato una strategia per far fronte al problema. Almeno in termini di “comprare tempo” ovvero diluire in un più ampio tempo, questa contrazione di potenza che era ciò che garantiva la posizione del maggiore. Poi si vedrà. La strategia prevede di tagliare il mondo in due, da una parte rimane il maggiore ovvero l’Occidente con al centro gli Stati Uniti ed una più ampia possibile costellazione gravitante, dall’altra si vorrebbe confinare il minore che sta crescendo minacciando i rapporti di forza, quindi di potenza. La potremo dire una strategia sistemica.
Gli Stati Uniti, giustamente, ragionano per sistemi poiché sanno che la complessità di un mondo oggi a 8, tra trenta anni 10 miliardi di persone in 200 stati, con una crescente caterva di problemi endogeni ed esogeni (tra cui problemi davvero molto seri di tipo ambientale di cui si parla troppo poco e climatici di cui spesso si parla ma male), non si può tentar di ordinare se non attraverso sistemi che dominano sistemi.
Così, dall’inizio di questo anno, siamo finiti in questa Grande Accelerazione, che è solo la reazione alla Grande Accelerazione avvenuta nel mondo negli ultimi settanta anni. Con la tecnica del “c’è un provocatore ed un provocato”, gli USA hanno finalmente ottenuto -dopo essersi impegnati per anni- che la Russia invadesse l’Ucraina. Questo ha spinto, volenti o nolenti, gli europei a stringersi a coorte con gli Stati Uniti. L’accorpamento organico tra Stati Uniti ed Europa era il primo requisito della strategia poiché fa “sistema” e sistema obiettivamente di grande peso. Poiché i due attori hanno molto in comune, ma anche qualche altrettanto obiettiva potenziale divergenza di interessi, per storia, geografia, assetto economico e soprattutto forma visto che uno è uno Stato e l’altra è un Mercato con un po’ di istituzioni di servizio, questo accorpamento “senza se e senza ma” era, appunto, essenziale.
Ora gli Stati Uniti stanno cercando di replicare la strategia “c’è un provocatore ed un provocato” in Asia per accorpare i già organici alleati (Giappone ed Australia), quelli più titubanti (Corea del Sud), quelli potenziali ma molto ambigui o meglio con una loro strategia di più equilibrato bilanciamento (India) per poi scalare la piccola Europa sud-est asiatica ovvero i dieci stati ASEAN. Questo quadrante è assai più complicato del precedente, per varie ragioni e la Cina non è la Russia sotto tanti e diversi aspetti strutturali e culturali (cosa che a gli strateghi americani tenderà a sfuggire). E’ proprio il contesto asiatico (60% del mondo) ad essere per certi versi alieno all’esperienza e conoscenza profonda occidentale, viepiù quella americana.
Se in quello europeo la stanchezza per la guerra ucraina e le contraddizioni economiche che tenderanno a riflettersi in problemi sociali e quindi politici dovesse allentare la tensione, è pronta la versione “c’è un provocatore ed un provocato” a base di targhe automobilistiche serbe-kosovare. Poi ci sarà l’Artico.
Seguono poi tanti altri fatti geopolitici in Medio Oriente e Sud America ed altri a più dimensioni, tra cui il come detto “Artico”, lo spazio, la corsa tecnologica, ma non possiamo soffermarci.
Quindi, in conclusione, questa è la cornice dei fatti, i fatti sono tra loro intrecciati, il tutto -piaccia o no- è molto complesso, non ha alcun senso trattarlo con codici morali poiché è un problema concreto e, come si sarà capito, strategico ai massimi livelli, storico, epocale ed esiziale.
Fatta la cornice, a Voi metterci l’immagine di mondo.
SINCRONIE. Giusto oggi ricorre l’annuale Overshoot Day, il giorno statisticamente calcolato in cui abbiamo consumato tutte le risorse naturali che avremmo dovuto consumare in un anno. Giusto stamane ho terminato “Dove sono?”, una riflessione sui temi del nuovo Regime Ambientale portata avanti da Bruno Latour. Proprio Latour, è stato colui che ha ripreso, da qualche anno, il concetto di Gaia a tema delle sue riflessioni socio-antropo-filosofiche. E proprio l’altro ieri, è morto il padre del concetto di Gaia, James Lovelock, anch’egli in stato di sincronia avendo deciso esser giunto il momento di non più resistere all’entropia, ovvero morire, proprio il giorno del suo centotreesimo compleanno. Giusto ieri, stavo rileggendo il testo di un mio intervento ad un convegno tenuto tre anni fa proprio per i cento anni di Lovelock. Ne consegue questo post che però non ha alcuna ambizione se non condividere i ragionamenti stimolati da queste sincronie.
Lovelock presentò il concetto di Gaia negli anni Sessanta, decennio in cui nacque l’ecologia moderna e da cui oggi pensiamo partì la Grande Accelerazione. Latour riassume il concetto in quella fascia di circa sei chilometri, tre sopra il nostro suolo e tre sotto, che forma la pellicola dei viventi sul pianeta.
Lovelock, di base, era un chimico e chimico è il minimo comun divisore di tutto ciò che si trova in quella fascia, animali, piante, microbi e virus, acque, arie, terre, elementi. La chimica non ha mai sviluppato una sua filosofia importante, come le attigue fisica e biologia. Peccato perché: a) è natura e grammatica di ogni cosa che è, ad un livello più complesso della fisica ed oltretutto a cavallo dai regni del vivente e non vivente che sono nostre categorie; b) è base di complessità avendo almeno 98 varietà base (almeno sulla Terra) che tendono ad unirsi in molecole (a parte i gas “nobili” che se ne stanno ostinatamente per conto loro ma sono solo sei) dando vita, appunto, al tutto ciò che è.
L’idea originaria di Lovelock ha avuto vita travagliata. Lui stesso ne ha offerto diverse versioni, non quanto a forma, ma quanto a comportamento. Nata come “ipotesi” poi l’ha intesa “teoria” con varianti pensate da lui o contro di lui o partendo dalla sua intuizione ma andando per altre vie. Il catalogo sommario dice: Gaia influente, Strong o moderate hypotesys, omeostatica o omeodinamica con equilibri successivi (Daisyworld), con approfondimenti di geochimica, degli accoppiamenti coevolutivi, fino alla nascita di contro ipotesi come la Snowball Earth, la CLAW poi anti-CLAW, la nemesi di Gaia ovvero l’Ipotesi Medea etc.
Trattata e screditata addirittura come idea new age (il termine Gaia venne suggerito da un romanziere come altro nome di Gea che poi è desinenza di Geologia, Geografia, Geopolitica etc.) quando ancora il Capitale vedeva questi argomenti come intralci per la propria libera riproduzione ovvero quando ancora non aveva capito come sfruttarne la problematicità per alimentare una nuova “rivoluzione industriale”. La co-autrice dell’idea, Lynn Margulis, a sua volta considerata a lungo eretica per le sue idee che oggi sono assunte nel mainstream bio-evoluzionistico, la definiva “Tendenza del Sistema Biocibernetico Universale all’ Omeostasi”, sistema composto dai sottosistemi di geo-idro-pedosfera + biosfera + atmosfera.
Idea per altro già intuita da von Humboldt e Vernadskj. Lovelock, come detto, era un chimico e chimico era anche Vernadskj e prima ancora James Hutton, padre della geologia moderna che pure aveva proferito intuizioni simili, così come Crutzen a cui si deve l’ipotesi del concetto di Antropocene. Pare che i chimici vedano sistemi come loro prima ontologia spontanea, peccato non abbiano filosofato di più.
Non è un caso che Goethe parlasse di affinità elettive per un romanzo di coppia che poi si scinde e si riassortisce e non è un caso che tanto per la chimica che per i rapporti umani si parli di legami. Ma le variegate versioni e forme dell’eterno idealismo occidentale che nasce da Platone, ha vertice invece nel concetto di assoluto, “ab solutus” cioè sciolto da legami. Concetto poi erroneamente attribuito ad atomo, visto che dei 98 naturali solo sei hanno questo comportamento repulsivo, gli altri si accoppiano all’impazzata spinti da una certa bramosia a cercar stabilità attraverso le formazioni di interrelazione stabile che chiamiamo molecole. O se poi sciolgono legami è solo per allacciarne di nuovi.
Lasciamo ora il Lovelock, diventato poi nel tempo critico verso certo ambientalismo catastrofista, a favore del nucleare, della geoingegneria spinta e da ultimo, innamorato delle ipotesi neo-coscienziali dell’Artificial Intelligence. Passiamo allora a Latour che va da tutt’altra parte. Innanzitutto, avendo origini socio-antropologiche, ci mette dentro noi umani come “forma di vita” che, nella definizione di Lovelock è: un sistema dotato di perimetro entro il quale l’energia è usata per formare ordini dinamici (diminuendo l’entropia) e fuori del quale si ricava energia ordinata e si espelle energia disordinata aumentando l’entropia generale. un sistema dotato di perimetro entro il quale l’energia è usata per formare ordini dinamici (diminuendo l’entropia) e fuori del quale si ricava energia ordinata e si espelle energia disordinata aumentando l’entropia generale.
La definizione vale per l’individuo vivente (animale o pianta), l’uomo, la società umana, l’economia moderna, i nostri Stati-nazione. Ognuno dei quali è “nel” mondo in cui viviamo, ma al contempo e poco notato, nel mondo “di cui” viviamo. A dire che a parte le specie autotrofe (in sostanza i vegetali) noi altri animali siamo eterotrofi e quindi il mondo di cui viviamo è molto più ampio di quello in cui viviamo. Il che ci interroga su che tipo di relazioni averne.
Latour ne conclude una nuova classificazione politica tra Estrattori (chi vuole continuare ostinatamente nel modo moderno infischiandone dei limiti di compatibilità che ormai non sono più solo ecologici ma anche geopolitici, ad esempio: chi ha diritto di emettere CO2 in eccesso?) e Rammendatori, secondo una linea che va verso la “comunità di destino” alla Morin, una sorta di nuovo “in comune” sul piano eco-politico (geopolitico) ed inaspettato universale basato su realismo, materialismo e pragmatismo. Ma la riflessione è più ampia coinvolgendo concetti di sovranità, autonomia ed eteronomia, identità, sovrapposizione, sconfinamento, limiti, interdipendenze, intersezionalità, sussistenza e riproduzione, vari tipi di crisi inclusa quella pandemica. Il tutto con vari ricorsi paralleli a Gregory Samsa e la sua kafkiana Metamorfosi, in una sorta di trasvalutazione dei valori che connota la nostra epoca quanto ad immagini di mondo, ancora ampiamente riferite ed un mondo che non c’è più, non ancora idonee a quello in cui siamo capitati ed in cui di orientiamo a fatica.
Nel frattempo, secondo gli statistici dell’Overshoot Day, ci siamo mangiati in sette mesi, il necessario dei dodici, ma solo perché siamo ancora nell’onda lunga del lockdown planetario, una mano santa dal punto di vista del “rallentamento”, un rallentamento da alcuni gradito, da altri -alcuni insospettabili- rifiutato al grido arrabbiato di “ridateci la normalità”.
Chiudo. Non c’è alcuna conclusione, né nel post, né nel libro di Latour (sebbene faccia finta di scriverne una, così tanto per non lasciare troppa roba per aria). Una, forse, potrebbe esser l’invito a considerare questi temi espressi e quelli connessi che abbiamo dovuto tagliare per ragioni di spazio. Sono tanti, complessi cioè non solo tanti ma intrecciati ed interdipendenti tra loro, non lineari nel comportamento, autoriflessi, un vero marasma. A fronte di tutto ciò, evitate come la peste gli eccessivamente ansiosi, i negazionisti di principio, quelli che non vedono i problemi ma solo chi se ne approfitta, i riduzionisti, quelli che hanno una forma mentale non in grado di ospitare l’argomento e tuttavia giudicano o sentenziano.
Siamo in un nuovo stato del mondo (a 8 miliardi tra tre mesi e mezzo), l’immagine che ne abbiamo (l’assieme di categorie, logiche, teorie, ideologie, conoscenze, memorie etc.) è vecchia, dei secoli precedenti, non tutto cambia ma molto sì. È necessario continuare l’esplorazione ovvero tenere l’argomento aperto ed esplorarlo in quanti più è possibile, ci metteremo decenni a formulare una nuova mentalità prima, nuove società e modi di viverle poi, come è sempre stato nelle grandi transizioni storiche. Perché farlo? Non lo so.
“Resterà sempre sconcertante che per prime generazioni sembrino aver portato il fardello della loro fatica a beneficio esclusivo delle generazioni future … e che solo l’ultima avrà la fortuna di abitare nell’edificio compiuto” diceva un prussiano. Questa generosità verso i futuri forse ha a che fare col senso di essere umani, ma lascio a voi la risposta.
[La foto NASA è ritoccata, ma ci serve come concetto visivo in accordo al testo, a proposito di immagini di mondo]

Scenario ipotetico: verso un nuovo scisma d’Occidente, di Giacomo d’Euse

Un mondo sotto traccia_Giuseppe Germinario
Scenario ipotetico: verso un nuovo scisma d’Occidente.
Considerata la natura molto spinosa dell’argomento, faccio una rara eccezione ad una mia regola social e seleziono attentamente (per stima personale e consonanza di sensibilità) il pubblico di questo post.
Qui descrivo quel che ritengo per il prossimo futuro uno scenario possibile, forse neanche tanto improbabile, la risposta alla domanda “e mò come usciamo da questo casino?” che ci arrovella da una decade a questa parte.
Forse ne usciamo così.
Dunque, ipotesi. Papa Francesco (che qui si assume essere vero Papa, ancorché pessimo Papa) muore o abdica. In conclave si formano tre gruppi di cardinali elettori:
A. ortodossi fedeli alla dottrina, ormai ridotti una minoranza marginale se non proprio infima (circa 10-20%);
B. eterodossi che vogliono protestantizzare la Chiesa, ormai sono la maggioranza o quasi (circa 40-60%);
C. quelli che io chiamo curiali: interessati a conservare la struttura di potere, sostanzialmente indifferenti alla dottrina ma “non ci ammazzate la vacca, dobbiamo mungerla” (circa 40-50%).
Beninteso questa è una schematizzazione approssimativa, nella vita reale le distinzioni non sono mai così semplici: c’è chi fa il doppio gioco, chi si barcamena, le incertezze e le doppie fedeltà, poi ci sono i sotto-gruppi e le sotto-sotto-fazioni e le rivalità personali etc. Comunque mi pare abbia senso.
Ancorché tutti formalmente cattolici, ciascuno di questi tre gruppi opera con presupposti diversi per fini diversi, e sappiamo che nella Chiesa “ci si morde e ci si divora”. In particolare i curiali, anche se pubblicamente magnificano questo pontificato perché “de Papa nihil nisi bonum”, in verità sono assai scontenti perché capiscono che di questo passo crolla tutto e la vacca muore.
# Esito possibile n. 1: in conclave i curiali propongono agli ortodossi una convergenza di interessi, voi votate per il nostro candidato e noi vi promettiamo qualche piccola concessione, potete restare nella vostra riserva indiana per nostalgici; noi continueremo a flirtare con i poteri di questo mondo, ma senza quei picconamenti eclatanti che scandalizzano e allontanano i fedeli. Il patto funziona e viene eletto un Pontefice “moderato” che prova a correggere “moderatamente” la rotta della barca.
Se questo accade, il declino della Chiesa sarà forse rallentato, certamente non fermato.
# Esito possibile n. 2: gli eterodossi fanno gruppo compatto ed eleggono un Francesco II che prosegue tale e quale a Francesco I. Gli ortodossi chinano il capo e pregano. La Chiesa continua l’autodemolizione, i canali della successione apostolica continuano ad essere inquinati, la mala fabbrica di vescovi e cardinali continua a sfornare mediocri ed eretici. Per fede so che Dio interverrà prima dello schianto finale, ma non so come.
# Esito possibile n. 3: gli eterodossi forzano la mano, perché hanno una fretta maledetta di arrivare al punto di non ritorno, e delle due l’una: o commettono qualche irregolarità tecnica nelle votazioni, oppure decidono di fare il colpo grosso e provano ad eleggere un cardinale che è già tecnicamente eretico per acclarata negazione del magistero definitivo – e non ci vuol tanto, per esempio chiunque abbia parlato in favore dell’ordinazione femminile o del matrimonio omosessuale.
Arrivati a questo punto, gli ortodossi dicono che il troppo è troppo, prendono coraggio e contestano formalmente la validità dell’elezione, uscendo dal conclave e annunciando: noi non riconosciamo costui come pontefice, questo non è un Papa, questo è un antipapa. Dopodiché, vano ogni tentativo di riconciliazione formale, fanno un conclave separato ed eleggono un Papa veramente cattolico. Chiaramente le simpatie del mondo vanno tutte alla falsa Chiesa cattolica, che ha la forza di occupare “manu militari” i palazzi di Roma e tutta la struttura di potere; il vero Papa è costretto ad andare in esilio, forse anche a nascondersi. Molte istituzioni religiose si spaccano e pure qualche famiglia.
Ecco dunque che si consuma uno scisma formale tra la vera Chiesa cattolica e una falsa Chiesa cattolica. Una situazione dolorosissima, però non inedita, simile allo scisma d’occidente che lacerò la Chiesa dal 1378 al 1418, con la divisione in “obbedienze” tra Urbano VI e Clemente VII (nel 1409 si aggiunse pure Alessandro V, per nove anni ci fu il cosiddetto periodo dei tre papi). E detto sinceramente, sarà pure dolorosissima, ma sarà migliore dell’attuale, perché almeno sarà fatta chiarezza tra pastori e lupi.
In questo scenario, la vera Chiesa cattolica è povera di mezzi materiali, però almeno riesce a conservare integra la legittimità gerarchica ed una decente successione apostolica, con vescovi e cardinali sostanzialmente cattolici che preparano loro successori altrettanto cattolici. Il che viste le circostanze è già dire tanto, ed è la cosa più importante perché garantisce il “tradidi quod et accepi”.
La spaccatura tra vera e falsa Chiesa dura per qualche decennio, forse anche un secolo, finché delle due l’una:
A. arriva una persecuzione immensa per tutti i cosiddetti cattolici, veri o falsi che siano, sicché la falsa Chiesa si squaglia come neve al sole (non conviene più far finta di essere cattolici quando si è altro) e restano solo i cattolici veri;
B. l’Occidente crolla definitivamente dopo una guerra mondiale, e il potere vincitore distrugge la falsa Chiesa che si era schierata con l’Occidente liberal genderfluid. Oh, sia chiaro che questo potere vincitore (potrà essere la Cina o la Russia o l’Islam o Dio sa cosa), tollera a malapena la vera Chiesa cattolica, anzi magari poi perseguita pure questa; ma intanto in questo frangente esegue suo malgrado i piani di Dio, come altre volte nella storia Dio ha usato uomini non buoni per scrivere dritto sulle righe storte.
Cosa accade successivamente, lo sa Dio, ma intanto quella che resta è la vera Chiesa, cattolica e disinquinata. Forse Dio progetta di fare arrivare l’Apocalisse di qua a breve, e allora fine della fiera e arrivederci e grazie. O forse invece l’umanità ha ancora davanti a sé un futuro lunghissimo e arriverà all’anno diecimila, cinquantamila, centomila dopo Cristo, quando sarà colonizzato tutto l’universo e le diocesi avranno giurisdizione su interi pianeti. Nel qual caso noi siamo la pagina di un futuro libro di storia e quello che ora soffriamo sarà una lezione per i nostri discendenti. Questa speranza mi consola

 

Qualcuno ha ancora capito il “dilemma della sicurezza”?_di Stephen M. Walt

Qualcuno ha ancora capito il “dilemma della sicurezza”?

Un po’ di teoria IR classica fa molto per spiegare i fastidiosi problemi globali.

Di  , editorialista di Foreign Policy e Robert e Renée Belfer, professore di relazioni internazionali all’Università di Harvard.

Il “dilemma della sicurezza” è un concetto centrale nello studio accademico della politica internazionale e della politica estera. Coniato per la prima volta da John Herz nel 1950 e successivamente analizzato in dettaglio da studiosi come Robert Jervis , Charles Glaser e altri, il dilemma della sicurezza descrive come le azioni che uno stato intraprende per rendersi più sicuro: costruire armamenti, mettere in allerta le forze militari , formando nuove alleanze, tendono a rendere gli altri stati meno sicuri e li portano a rispondere in modo simile. Il risultato è una spirale di ostilità sempre più stretta che non lascia nessuna delle parti in una posizione migliore di prima.

Se hai frequentato un corso di base di relazioni internazionali al college e non hai imparato questo concetto, potresti contattare il tuo registrar e chiedere un rimborso. Eppure, data la sua semplicità e la sua importanza, sono spesso colpito da quanto spesso le persone incaricate di gestire la politica estera e di sicurezza nazionale sembrino non accorgersene, non solo negli Stati Uniti, ma anche in molti altri paesi.

Considera questo recente video di propaganda twittato dal quartier generale della NATO, in risposta a vari “miti” russi sull’alleanza. Il video sottolinea che la NATO è un’alleanza puramente difensiva e afferma che non ha progetti aggressivi contro la Russia. Queste assicurazioni potrebbero essere effettivamente corrette, ma il dilemma della sicurezza spiega perché è probabile che la Russia non le prenda alla lettera e potrebbe avere valide ragioni per considerare minacciosa l’espansione verso est della NATO.

L’aggiunta di nuovi membri alla NATO potrebbe aver reso alcuni di questi stati più sicuri (motivo per cui volevano aderire), ma dovrebbe essere ovvio perché la Russia potrebbe non vederla in questo modo e che potrebbe fare varie cose discutibili in risposta (come sequestrare Crimea o invadere l’Ucraina). I funzionari della NATO potrebbero considerare le paure della Russia come fantasiose o come “miti”, ma ciò non significa che siano completamente assurde o che i russi non ci credano sinceramente. Sorprendentemente, molti occidentali intelligenti e ben istruiti, inclusi alcuni eminenti ex diplomatici, non riescono a capire che le loro intenzioni benevole non sono chiaramente ovvie per gli altri.

Oppure si consideri la relazione profondamente sospetta e altamente conflittuale tra Iran, Stati Uniti e i più importanti clienti del Medio Oriente degli Stati Uniti. Presumibilmente, i funzionari statunitensi credono che imporre dure sanzioni all’Iran, minacciarlo con un cambio di regime, condurre attacchi informatici contro la sua infrastruttura nucleare e aiutare a organizzare coalizioni regionali contro di esso renderà gli Stati Uniti e i suoi partner locali più sicuri. Da parte sua, Israele pensa che l’assassinio di scienziati iraniani aumenti la sua sicurezza e l’Arabia Saudita pensa che intervenire in Yemen renda Riyadh più sicura.

Non sorprende che, secondo la teoria di base dell’IR, l’Iran veda queste varie azioni come minacciose e risponda a modo suo: sostenere Hezbollah, sostenere gli Houthi nello Yemen, condurre attacchi agli impianti petroliferi e alle spedizioni e, cosa più importante di tutte, sviluppare il latente capacità di costruire il proprio deterrente nucleare. Ma queste risposte prevedibili rafforzano solo le paure dei suoi vicini e li fanno sentire di nuovo meno sicuri, stringendo ulteriormente la spirale e aumentando il rischio di una guerra.

La stessa dinamica sta operando in Asia. Non sorprende che la Cina consideri la lunga posizione di influenza regionale dell’America, e in particolare la sua rete di basi militari e la sua presenza navale e aerea, come una potenziale minaccia. Man mano che è diventata più ricca, Pechino ha comprensibilmente utilizzato parte di quella ricchezza per costruire forze militari in grado di sfidare la posizione degli Stati Uniti. (Ironia della sorte, l’amministrazione George W. Bush una volta ha cercato di dire alla Cina che perseguire una maggiore forza militare era un “percorso obsoleto” che avrebbe “ostacolato la propria ricerca della grandezza nazionale”, anche se le spese militari di Washington sono aumentate vertiginosamente.)

Negli ultimi anni, la Cina ha cercato di modificare lo status quo esistente in diverse aree. Come non dovrebbe sorprendere nessuno, queste azioni hanno reso meno sicuri alcuni dei vicini della Cina, e hanno risposto avvicinandosi politicamente, rinnovando i legami con gli Stati Uniti e costruendo le proprie forze militari, portando Pechino ad accusare Washington di un pozzo -sforzo orchestrato per “contenerlo” e per cercare di mantenere la Cina permanentemente vulnerabile.

In tutti questi casi, gli sforzi di ciascuna parte per affrontare quello che considera un potenziale problema di sicurezza ha semplicemente rafforzato i timori di sicurezza dell’altra parte, innescando così una risposta che ha rafforzato le preoccupazioni originarie della prima. Ciascuna parte vede ciò che sta facendo come una reazione puramente difensiva al comportamento dell’altra parte e identificare “chi ha iniziato” diventa presto effettivamente impossibile.

L’intuizione chiave è che il comportamento aggressivo, come l’uso della forza, non deriva necessariamente da motivazioni malvagie o aggressive (cioè, il puro desiderio di ricchezza, gloria o potere fine a se stesso). Tuttavia, quando i leader credono che le loro motivazioni siano puramente difensive e che questo fatto dovrebbe essere ovvio per gli altri (come suggerisce il video della NATO descritto sopra), tenderanno a vedere la reazione ostile di un avversario come prova di avidità, belligeranza innata o un malvagio estraneo. ambizioni maliziose e inappagabili del leader. L’empatia esce dalla finestra e la diplomazia diventa presto una competizione per insulti.

A dire il vero, alcuni leader mondiali hanno compreso questo problema e hanno perseguito politiche che hanno cercato di mitigare gli effetti perniciosi del dilemma della sicurezza. Dopo la crisi dei missili cubani, ad esempio, il presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy e il premier sovietico Nikita Khrushchev hanno compiuto uno sforzo serio e di successo per ridurre il rischio di futuri scontri installando la famosa hotline e iniziando un serio sforzo per il controllo degli armamenti nucleari.

L’amministrazione Obama ha fatto qualcosa di simile quando ha negoziato l’accordo nucleare con l’Iran, che ha visto come un primo passo che ha bloccato il percorso dell’Iran verso la bomba e ha aperto la possibilità di migliorare le relazioni nel tempo. La prima parte dell’accordo ha funzionato e la successiva decisione dell’amministrazione Trump di abbandonarlo è stato un enorme errore che ha lasciato tutte le parti in condizioni peggiori. Come ha osservato l’ex capo del Mossad Tamir Pardo , i vasti sforzi di Israele per convincere l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump a ritirarsi dall’accordo sono stati “uno degli errori strategici più gravi dall’istituzione dello stato”.

Come ha recentemente sottolineato lo scrittore Robert Wright , la decisione dell’allora presidente degli Stati Uniti Barack Obama di non inviare armi all’Ucraina dopo il sequestro russo della Crimea nel 2014 ha mostrato un simile apprezzamento della logica del dilemma della sicurezza. Nel racconto di Wright, Obama ha capito che l’invio di armi offensive all’Ucraina potrebbe esacerbare i timori russi e incoraggiare gli ucraini a pensare di poter invertire le precedenti conquiste della Russia, provocando così una guerra ancora più ampia.

Tragicamente, questo è più o meno quello che è successo dopo che le amministrazioni Trump e Biden hanno accelerato il flusso di armi occidentali a Kiev: il timore che l’Ucraina stesse scivolando rapidamente nell’orbita occidentale ha accresciuto le paure russe e ha portato Putin a lanciare un illegale, costoso, e ora guerra preventiva di lunga durata. Anche se aveva senso aiutare l’Ucraina a migliorare la sua capacità di difendersi, farlo senza fare molto per rassicurare Mosca rendeva più probabile la guerra.

Quindi, la logica del dilemma della sicurezza prescrive invece politiche di sistemazione? Ahimè, no. Come suggerisce il nome, il dilemma della sicurezza è davvero un dilemma, nella misura in cui gli stati non possono garantire la propria sicurezza disarmando unilateralmente o facendo ripetute concessioni a un avversario. Anche se l’insicurezza reciproca è al centro della maggior parte dei rapporti contraddittori, le concessioni che hanno ribaltato l’equilibrio a favore di una parte potrebbero indurla ad agire in modo aggressivo, nella speranza di ottenere un vantaggio insormontabile e di assicurarsi in perpetuo. Purtroppo, non ci sono soluzioni rapide, facili o affidabili al 100% per le vulnerabilità inerenti all’anarchia.

Invece, i governi devono cercare di gestire questi problemi attraverso l’arte di governo, l’empatia e le politiche militari intelligenti. Come spiegò Jervis nel suo articolo fondamentale sulla politica mondiale del 1978 , in alcune circostanze il dilemma può essere alleviato sviluppando posizioni militari difensive, specialmente nel regno nucleare. Da questo punto di vista, le forze di ritorsione del secondo colpo si stanno stabilizzando perché proteggono lo stato tramite la deterrenza ma non minacciano la capacità deterrente del secondo colpo dell’altra parte.

Ad esempio, i sottomarini con missili balistici si stanno stabilizzando perché forniscono forze di secondo attacco più affidabili ma non si minacciano a vicenda. Al contrario, le armi di contrasto, le capacità strategiche di guerra anti-sottomarino e/o le difese missilistiche sono destabilizzanti perché minacciano la capacità deterrente dell’altra parte e quindi esacerbano i suoi timori per la sicurezza. (Come hanno notato i critici, la distinzione tra offesa e difesa è molto più difficile da tracciare quando si ha a che fare con le forze convenzionali.)

L’esistenza del dilemma della sicurezza suggerisce anche che gli stati dovrebbero cercare aree in cui possono creare fiducia senza lasciarsi vulnerabili. Un approccio consiste nel creare istituzioni per monitorare il comportamento dell’altro e rivelare quando un avversario tradisce un accordo precedente. Suggerisce inoltre che gli stati interessati alla stabilità sono generalmente saggi nel rispettare lo status quo e aderire agli accordi precedenti. Violazioni evidenti erodono la fiducia e la fiducia una volta persa è difficile da riguadagnare.

Infine, la logica del dilemma della sicurezza (e gran parte della letteratura correlata sull’errata percezione) suggerisce che gli stati dovrebbero fare gli straordinari per spiegare, spiegare e spiegare ancora una volta le loro reali preoccupazioni e perché si stanno comportando come stanno. La maggior parte delle persone (e dei governi) tende a pensare che le proprie azioni siano più facili da capire per gli altri di quanto non lo siano in realtà, e non sono molto brave a spiegare la propria condotta in un linguaggio che l’altra parte probabilmente apprezzerà, capirà e crederà Questo problema è particolarmente prevalente al momento attuale nelle relazioni tra Russia e Occidente, dove entrambe le parti sembrano parlarsi l’una contro l’altra e sono state sorprese ripetutamente da ciò che l’altra parte ha fatto.

Dare ragioni fasulle per ciò che si sta facendo è particolarmente dannoso, perché gli altri concluderanno sensatamente che le proprie parole non possono essere prese sul serio. Una buona regola pratica è che gli avversari presuppongono il peggio di ciò che stai facendo (e perché lo stai facendo) e che quindi devi fare di tutto per convincerli che i loro sospetti sono sbagliati. Se non altro, questo approccio incoraggia i governi a entrare in empatia , cioè a pensare a come appare il problema dal punto di vista dell’avversario, il che è sempre auspicabile anche quando il punto di vista dell’avversario è fuori base.

Sfortunatamente, nessuna di queste misure può eliminare completamente le incertezze che tormentano la politica globale o rendere irrilevante il dilemma della sicurezza. Sarebbe un mondo più sicuro e pacifico se più leader valutassero se una politica che ritenevano benigna stesse involontariamente innervosendo gli altri, quindi valutassero se l’azione in questione potesse essere modificata in modi che alleviassero (alcuni di) quei timori. Questo approccio non funziona sempre, ma dovrebbe essere provato più spesso di quanto non sia.

https://foreignpolicy.com/2022/07/26/misperception-security-dilemma-ir-theory-russia-ukraine/?mc_cid=31f423cb10&mc_eid=f4f4f0ee08&fbclid=IwAR2lryrkNZzqaXxTGCmx7QGUUo0ES3jVvFd8JXFJ2NXkVykVlCVuFGCR6gk

Il fianco della guerra, di: George Friedman

Pensieri dentro e intorno alla geopolitica.

L’arena della guerra russo-ucraina è ovviamente l’Ucraina. Ma come nella maggior parte delle guerre, l’arena principale non definisce la guerra nel suo insieme. Questa guerra non è iniziata con l’invasione russa dell’Ucraina. È in corso da anni come basso livello di pressione. Ha iniziato a intensificarsi nel 2020.

Come abbiamo affermato, l’obiettivo principale della Russia è creare barriere geografiche che proteggano il suo nucleo dagli attacchi, in particolare lungo le linee storiche di invasione. Non è sempre necessario raggiungere fini politici – e tutte le guerre hanno fini politici attraverso l’uso diretto della forza. I fini politici possono essere raggiunti anche economicamente, attraverso azioni segrete o minacce. C’è un principio di base della guerra: attaccare un nemico sui fianchi. La forza principale è solitamente concentrata al centro delle linee. La parte posteriore è difficile da raggiungere. Ma i fianchi del nemico sono probabilmente punti vulnerabili in cui un attacco, se riuscito, può spezzare la forza avversaria.

I fianchi non sono solo tatticamente significativi. Possono essere strategicamente critici, proteggendo la nazione stessa eliminando una linea di attacco; per l’attaccante creano una linea di attacco, costringendo alla dispersione delle forze in difesa e creando aperture. Per la Russia, il primo attacco di fianco si è verificato a seguito di elezioni contestate e proteste a metà del 2020 in Bielorussia, lungo il confine settentrionale dell’Ucraina, con il confine occidentale che bloccava la pianura nordeuropea. Significava quindi che qualsiasi attacco dalla Polonia, ad esempio, sarebbe stato bloccato dalla Russia con la forza in Bielorussia, deviando l’attacco attraverso l’Ucraina. Va sottolineato che uno stratega prudente schiera le forze non sulla base di un apprezzamento delle intenzioni del nemico al momento, ma piuttosto sulla base di possibili azioni. E per la Russia, un attacco da o dalla Polonia era considerato possibile, e chiudere quella linea di attacco imperativo. La soluzione è stata un intervento morbido per aiutare a sedare le proteste antigovernative. I russi hanno cementato il presidente Alexander Lukashenko e hanno ottenuto l’opportunità di attaccare il fianco settentrionale dell’Ucraina.

La seconda area in cui i russi hanno cercato di proteggere i loro fianchi era nel Caucaso meridionale. Il Caucaso meridionale era una linea di attacco utilizzata dalla Turchia nel corso dei secoli. La Russia ha bloccato l’area assicurandosi un accordo tra Armenia e Azerbaigian che ha portato le forze di pace russe dispiegate nella regione, proteggendola dalle minacce immediate.

Gli Stati Uniti stanno ora contrastando la difesa del fianco meridionale della Russia. La mossa russa si basava sulla fine del conflitto azerbaigiano-armeno e sul diventare l’arbitro tra di loro. Con la Russia preoccupata per l’Ucraina, questa settimana, il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha visitato sia l’Armenia che l’Azerbaigian, offrendo di mediare i problemi esistenti tra di loro e ovviamente discutendo di energia in Azerbaigian. La Georgia è già ostile alla Russia e relativamente vicina agli Stati Uniti. Gli Stati Uniti stanno chiaramente cercando di creare un solido blocco filoamericano nel Caucaso meridionale e di costringere i russi a preoccuparsi per il Caucaso settentrionale e possibilmente dirottare le forze lì. Dal momento che questo era un percorso di invasione in una volta e poiché gli Stati Uniti hanno il potenziale per agire su di esso, la Russia non può ignorare il suo fianco meridionale.

Allo stesso tempo, la Russia sta cercando di costruire un fianco a sud-ovest dell’Ucraina in Moldova. La Moldova è un paese indipendente di lingua rumena. La sua politica è complessa e imprevedibile. La Russia ha cercato di creare una Moldova filo-russa per un po’ di tempo, ma in generale non è riuscita a spostare l’allineamento della Moldova. Ora i russi stanno pressando più forte, vedendo una possibile manovra di fianco in cui potrebbero minacciare l’Ucraina da sud, in un’area in cui la conquista significherebbe il taglio delle linee di rifornimento ucraine. Il trucco è eleggere un governo filo-russo, magari offrendo alla Moldova un pezzo di Ucraina che ridurrebbe la vulnerabilità e la dipendenza della Moldova dalla Romania come incentivo. Ciò creerebbe una minaccia per l’Ucraina difficile da tollerare. La Romania, alleata degli Stati Uniti, ha cercato di gestire la Moldova dalla caduta dell’Unione Sovietica in un ambiente in cui non c’era una guerra significativa in corso. Ora, la Russia ha un motivo fondamentale per cercare di prevalere e gli Stati Uniti hanno un motivo schiacciante per bloccarlo. Questa manovra di accompagnamento è sufficientemente significativa per un grande sforzo russo, mentre distoglie Ucraina e Stati Uniti da richieste di risorse più immediate, semplicemente per mantenere lo status quo.

La guerra in Ucraina iniziò con un tentativo della Russia di allearsi con la Cina e distogliere l’attenzione americana dall’Europa. Il tentativo di forzare gli Stati Uniti su un fianco asiatico è fallito. Una delle cose interessanti delle manovre di accompagnamento negli affari internazionali è che le intese su larga scala tendono a fallire perché la scala dei poteri è così ampia da essere piena di complessità. Affiancare è una manovra che richiede agilità. Una grande potenza può tentare di manovrare; una potenza minore può al massimo allearsi con una potenza maggiore, ma raramente può manovrarla nella posizione desiderata.

Ci sono, naturalmente, molti altri tentativi fatti per reclutare nazioni da entrambe le parti in guerra. Ma la manovra di fiancheggiamento è diversa. In primo luogo, si cerca una posizione geografica, in modo che i paesi in questa discussione siano tutti vicini o vicini al confine ucraino. Rappresentano una minaccia di un’azione militare che potrebbe influenzare la realtà militare all’interno dell’Ucraina. La stessa minaccia rappresentata dalla manovra di fiancheggiamento – la possibilità di un attacco – potrebbe costringere uno dei combattenti a ridistribuire le forze necessarie per il combattimento in una posizione statica, indebolendo la forza nel suo insieme. Le normali alleanze possono rafforzare materialmente una parte o l’altra, ma a meno che non siano contigue non possono minacciare direttamente l’altra parte. Fare in modo che l’Iran o la Nuova Zelanda dichiarino il loro sostegno potrebbe essere soddisfacente e forse significare l’acquisizione di alcune attrezzature, ma non cambierebbe nulla.

La guerra sembra essere statica in questo momento, anche se può cambiare in qualsiasi momento. E quando le guerre diventano statiche, cambiare la forma del campo di gioco diventa importante. In questo momento sia gli americani che i russi sono impegnati in manovre di fiancheggiamento che potrebbero cambiare la forma del campo di battaglia e mettere una parte in svantaggio. Più a lungo durerà la guerra, più la battaglia per i fianchi avrà importanza.

https://geopoliticalfutures.com/the-flank-of-war/?tpa=YWQwNDA3NDllMjcwMGNmZGU2ZGY1MzE2NjAyMzIxODU0MjIyNTY&utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_term=https://geopoliticalfutures.com/the-flank-of-war/?tpa=YWQwNDA3NDllMjcwMGNmZGU2ZGY1MzE2NjAyMzIxODU0MjIyNTY&utm_content&utm_campaign=PAID%20-%20Everything%20as%20it%27s%20published

1 2 3 46