Quando il commercio porta alla guerra, di Dale C. Copeland

Non lasciatevi ingannare da un approccio letterale al testo. Si nota benissimo l’indulgenza verso il convitato di pietra dell’articolo, gli Stati Uniti. I rischi che vengono addebitati alle scelte geopolitiche della Russia e soprattutto della Cina possono essere benissimo ritorti nei confronti degli Stati Uniti. Da oltre quarant’anni questi ultimi hanno perso l’autonomia e la complementarietà ed equilibrio interni della loro economia; hanno smarrito non solo le produzioni, ma anche la capacità produttiva in tanti settori strategici. Una conoscenza difficile da recuperare, soprattutto in mancanza della necessaria consapevolezza della situazione, presente solo nel tormentato quadriennio della Presidenza Trump. Quanto al dinamismo e alla spregiudicatezza delle scelte geopolitiche, piuttosto che del loro ruolo di equilibrio, gli Stati Uniti non sono secondi a nessuno. Più interessante, invece, è cercare di individuare, nell’economia dell’articolo, le leve o le presunte tali, o quanto meno parte di esse, che i centri decisori statunitensi intendono utilizzare per le loro scelte geopolitiche e per i loro tentativi di separare e contrapporre gli intenti dei contendenti. Valutazioni decisive in grado di determinare l’esito fausto o funesto delle scelte politiche e delle linee strategiche. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Cina, Russia e i limiti dell’interdipendenza

Nell’ultimo anno, gli Stati Uniti sono stati costretti a contemplare una possibilità che molti hanno considerato quasi impensabile dai tempi della Guerra Fredda: un grande conflitto militare con un’altra grande potenza Per la prima volta da decenni, Mosca ha lanciato i suoi missili per avvertire Washington del suo sostegno all’Ucraina. E all’inizio di agosto, in seguito alla visita a Taiwan del presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi, Pechino ha drammaticamente intensificato la sua minaccia di un’azione militare sull’isola.

Sorprendenti quasi quanto le minacce stesse è quanto sembra suggerire sui limiti dell’interdipendenza economica come forza di pace. Sia la Cina che la Russia dipendono in misura straordinaria dal commercio per la crescita economica e per assicurarsi le loro posizioni sulla scena mondiale. La Cina è riuscita a quintuplicare il suo PIL negli ultimi due decenni in larga misura attraverso l’esportazione di manufatti; oltre il 50 per cento delle entrate del governo russo proviene dall’esportazione di petrolio e gas. Secondo un filone di pensiero influente nella teoria delle relazioni internazionali, questi legami economici cruciali dovrebbero portare ad un livello molto più alto il prezzo da pagare di un conflitto militare per entrambi i paesi. Eppure, almeno dalle apparenze, nessuno dei due poteri sembra frenato dalla potenziale perdita di tale commercio.

L’immagine non è così semplice come sembra, tuttavia. Per prima cosa, in determinate circostanze, le relazioni commerciali possono fungere da incentivo piuttosto che da deterrente alla guerra. Inoltre, l’affermazione del potere militare o anche la minaccia di un confronto contraddittorio non è sempre correlata a una rottura delle relazioni economiche. Come hanno dimostrato i casi contrastanti di Cina e Russia nell’ultimo anno, i legami economici spesso si svolgono in modi che sfidano le aspettative. Per coloro che ritengono che il commercio possa aiutare a prevenire il conflitto tra grandi potenze, è fondamentale esaminare i modi complessi in cui le forze economiche hanno effettivamente plasmato il pensiero strategico a Pechino e Mosca.

COMMERCIO AGGRESSIVO

Per capire come il commercio possa aumentare, non ridurre, la possibilità di conflitti militari, è necessario attingere alle intuizioni della teoria realista. In generale, il realismo si concentra sulla lotta delle grandi potenze per il potere militare relativo e la posizione in un mondo che manca di un’autorità centrale per proteggerle. Ma sta ai realisti capire che il potere economico è la base per la forza militare a lungo termine e che il commercio internazionale è vitale per costruire una base di potere economico. Per i realisti, il commercio può avere due effetti principali. In primo luogo, fornendo accesso sia a materie prime a basso costo che a mercati redditizi, il commercio può rafforzare la performance economica complessiva e la sofisticatezza tecnologica di uno stato, migliorando così la sua capacità di sostenere il potere militare a lungo termine. Questo è il vantaggio di avere una politica commerciale relativamente aperta e spiega perché il Giappone dopo la Restaurazione Meiji e la Cina dopo la morte di Mao Zedong si siano lasciati alle spalle le politiche autarchiche fallite del passato e abbiano cercato di unirsi all’economia globale.

Ma il commercio in crescita ha anche un secondo effetto. Aumenta la vulnerabilità di una grande potenza alle sanzioni e agli embarghi commerciali dopo essere diventata dipendente dall’importazione di risorse e dall’esportazione di beni per la vendita all’estero. Questa vulnerabilità può spingere i leader a creare flotte per proteggere le rotte commerciali e persino ad entrare in guerra per garantire l’accesso a beni e mercati vitali.

Finché i leader statali si aspettano che le loro relazioni commerciali rimangano solide in futuro, è probabile che consentano allo stato di diventare più dipendente dagli estranei per le risorse e i mercati che guidano la crescita dello stato. Questa è stata la situazione del Giappone dal 1880 al 1930 e della Cina dal 1980 ad oggi. I leader di entrambi gli stati sapevano che senza legami commerciali significativi con altre grandi potenze , inclusi gli Stati Uniti, nessuna delle due avrebbe potuto diventare membri importanti del club del grande potere.

Tuttavia, se le aspettative sul commercio futuro si inaspriscono e i leader arrivano a credere che le restrizioni commerciali di altri stati inizieranno a ridurre il loro accesso a risorse e mercati chiave, allora anticiperanno un declino del potere economico a lungo termine e quindi del potere militare. Potrebbero arrivare a credere che siano necessarie politiche più decise e aggressive per proteggere le rotte commerciali e garantire l’approvvigionamento di materie prime e l’accesso ai mercati.Questa era la difficile situazione del Giappone negli anni ’30 quando vide Francia, Regno Unito e Stati Uniti ritirarsi in regni economici sempre più chiusi e discriminatori. Di conseguenza, i leader giapponesi si sono trovati costretti ad espandere il controllo del Giappone sui suoi legami commerciali con i suoi vicini. Eppure sono anche arrivati ​​a vedere che tali mosse li facevano solo sembrare più aggressivi, dando al Regno Unito e agli Stati Uniti nuovi motivi per limitare le importazioni giapponesi di materie prime, compreso il petrolio.

Oggi i leader cinesi capiscono di dover affrontare un dilemma simile, come hanno fatto i leader di quasi tutti gli stati emergenti della storia moderna. Sanno che la loro politica estera deve essere sufficientemente moderata da sostenere la fiducia di base che consente ai legami commerciali di continuare. Ma devono anche proiettare una forza militare sufficiente per dissuadere gli altri dal tagliare quei legami. La visione realistica di come il commercio influenzi la politica estera spiega perché i leader cinesi sono stati così ostili nell’ultimo anno a determinati sviluppi nell’Asia orientale, in particolare per quanto riguarda Taiwan . In un modo più limitato, questo punto di vista può anche aiutare a spiegare l’ ossessione del presidente russo Vladimir Putin per l’ Ucraina.

ORA O MAI PIÙ

Secondo la maggior parte dei resoconti, la guerra di Putin in Ucraina è stata guidata dai suoi timori per la sicurezza russa – una preoccupazione che l’Ucraina avrebbe potuto aderire alla NATO a breve termine – e dal suo desiderio di passare alla storia come l’uomo che ha contribuito a ricostruire l’impero russo. Ma la decisione di lanciare l’invasione è stata probabilmente rafforzata in due modi importanti da qualcos’altro: le esportazioni di energia russe in Europa.

In primo luogo, Putin ha certamente capito che l’Europa era molto più dipendente dalla Russia di quanto la Russia fosse dall’Europa. Prima di febbraio, l’Unione Europea faceva affidamento su Mosca per circa il 40 per cento del gas naturale di cui aveva bisogno per le sue industrie e per riscaldare le sue case. L’economia russa era, ovviamente, dipendente dalla vendita di questo gas. Ma data la natura della merce, Putin potrebbe aspettarsi che qualsiasi riduzione significativa del flusso di gas naturale ne farebbe aumentare il prezzo, danneggiando l’UE in due modi, attraverso la riduzione dell’offerta e l’aumento dei costi, mentre incide solo marginalmente sulle entrate totali che la Russia riceverebbe dalle sue esportazioni di gas. Come ha sottolineato l’economista Albert Hirschman nel 1945, in riferimento alle relazioni sbilenche della Germania con i paesi dell’Europa orientale durante gli anni ’30, in una situazione di interdipendenza asimmetrica, lo stato meno dipendente sarà probabilmente fiducioso di poter intimidire le sue controparti più dipendenti facendogli accettare la sua dura -linea politica semplicemente perché hanno bisogno del commercio e sono troppo deboli per resistere.

Il fatto che gli europei abbiano continuato ad acquistare gas e petrolio russi ad alti livelli dopo che la Russia ha annesso la Crimea nel 2014 ha suggerito fortemente a Putin che non avrebbero fatto storie se avesse invaso l’Ucraina nel 2022. Ha chiaramente sottovalutato la ferocia della risposta europea. Ma la consapevolezza di Putin della dipendenza economica dell’Europa dalla Russia, unita alla convinzione comune che la Russia avrebbe potuto facilmente battere l’Ucraina in poche settimane, ha contribuito a dargli la fiducia che il suo audace attacco avrebbe avuto successo.

In secondo luogo, Putin aveva motivo di temere che la leva economica della Russia sull’Ucraina e sull’Europa sarebbe diminuita in futuro. Nel 2010, enormi giacimenti di gas naturale sono stati scoperti a sud della città ucraina orientale di Kharkiv e si allargano nelle province di Donetsk e Luhansk. Si stima che il campo contenga circa due trilioni di metri cubi di gas, una quantità equivalente al consumo totale dei 27 paesi dell’UE in cinque anni ai tassi di utilizzo attuali. Il governo ucraino ha rapidamente modificato le normative statali per incoraggiare gli investimenti stranieri e nel 2013 ha firmato un accordo con Shell Oil per lo sviluppo del giacimento, con Exxon Mobil e Shell che hanno accettato di lavorare insieme sull’estrazione di gas in acque profonde al largo della costa sud-orientale.

Sebbene l’ invasione di Putin della Crimea e del Donbas nel 2014 fosse probabilmente motivata da altre preoccupazioni, a Mosca all’epoca era certamente chiaro che se i giacimenti di gas naturale nell’Ucraina orientale fossero stati sviluppati da aziende occidentali, l’Ucraina non solo avrebbe posto fine alla sua dipendenza dalla Russia del gas ma iniziano anche ad esportare il proprio gas nell’UE, aumentando così la sua leva contrattuale sui suoi contratti con Mosca per consentire il passaggio del gas russo attraverso l’Ucraina .

Delle tre serie di gasdotti utilizzati dalla Russia per portare il gas siberiano nell’UE , di cui uno attraverso la Bielorussia e un altro attraverso il Mar Baltico fino alla Germania, il più importante storicamente è stato quello attraversa l’Ucraina, principalmente perché paesi europei senza sbocco sul mare come Ungheria e la Slovacchia sono particolarmente dipendenti dal gas russo . Esportando il proprio gas nell’UE e svezzandosi dalle forniture russe, l’Ucraina invertirebbe la sua relazione energetica asimmetrica con Mosca. E se Kiev sviluppasse legami anche informali con la NATO e l’UE, per non parlare dell’adesione a una o entrambe le organizzazioni, l’Ucraina diventerebbe non solo una minaccia politica per Mosca, ma anche una minaccia economica in grado di minare in modo significativo il potere economico a lungo termine della Russia.

In breve, sebbene le mosse del presidente ucraino Volodymyr Zelensky alla fine del 2021 per aumentare i legami politici ed economici del suo paese con l’Occidente abbiano certamente sconvolto il senso di sicurezza di Putin del destino della Russia e forse aumentato il timore di Putin che la democrazia liberale potesse diffondersi in Russia, lasciavano anche presagire una significativa perdita della capacità della Russia di utilizzare la carta dell’energia in futuro. Le aspettative a Mosca che la Russia potesse perdere la sua influenza economica sull’Ucraina hanno quindi contribuito alla sensazione di Putin che fosse “ora o mai più” ad assorbire la maggior parte dell’Ucraina a est del fiume Dnepr, un’area che detiene oltre il 90% delle riserve di gas naturale dell’Ucraina.

CHIP PIU’ PICCOLO, PALETTE PIU’ GRANDI

Al contrario, l’interdipendenza economica cinese con il resto del mondo è molto più simmetrica di quella russa. L’economia cinese è guidata dall’esportazione di manufatti e, come l’economia giapponese nel periodo tra le due guerre, la Cina è estremamente dipendente dall’importazione di materie prime per mantenere la sua economia, inclusi petrolio e gas dal Medio Oriente e dalla Russia. La posizione della Cina come officina del mondo, che fornisce una percentuale significativa di laptop, smartphone e sistemi di comunicazione 5G del mondo, dà al paese una certa leva con i partner commerciali. Può minacciare quei partner con restrizioni selettive alle esportazioni e alle importazioni quando non gradisce le loro politiche estere. Ma come anche la dipendenza del Giappone dalle importazioni nel periodo tra le due guerre, la dipendenza della Cina le conferisce vulnerabilità a breve termine sconosciute in Russia . Mosca può certamente essere danneggiata dalle sanzioni economiche, ma la sua capacità di vendere petrolio e gas, a prezzi elevati creati dalle sue stesse azioni in Ucraina, attutisce parecchio il colpo.

Se la Cina dovesse affrontare qualcosa di vicino alle sanzioni radicali ora imposte alla Russia, la sua economia sarebbe completamente devastata. In effetti, la consapevolezza di Pechino di questa vulnerabilità sta già agendo come un deterrente importante ai suoi desideri espansionistici, compresi i suoi piani per un’invasione di Taiwan. Considera i dettagli effettivi della reazione della Cina alla visita di Pelosi a Taiwan, nonostante le minacce che ha fatto in precedenza. Sebbene Pechino abbia dimostrato la sua rabbia con solide esercitazioni militari e lanci di missili che sono passati nello spazio aereo di Taiwan, ha limitato la sua risposta economica in gran parte alle sanzioni sulle esportazioni agricole taiwanesi. In particolare, i funzionari cinesi hanno accuratamente evitato di porre restrizioni alle esportazioni di semiconduttori taiwanesi, poiché la Cina dipende da Taiwan per oltre il 90 percento dei suoi chip high-tech e gran parte dei suoi chip di basso livello. E, naturalmente, la Cina è stata attenta a non sanzionare direttamente gli Stati Uniti per paura di provocare una nuova guerra commerciale che avrebbe esacerbato un’economia cinese già in fase di rallentamento.

Tuttavia, la dipendenza economica della Cina potrebbe portarla a intraprendere un’azione aggressiva nel caso in cui le aspettative cinesi sul commercio futuro dovessero precipitare. Prendiamo il caso dei semiconduttori high-tech di Taiwan. La Cina ora ha una certa capacità di produrre chip con transistor di dimensioni inferiori a 15 e anche inferiori a dieci nanometri. Ma per rimanere all’avanguardia negli sviluppi tecnologici nell’intelligenza artificiale, nei veicoli a guida autonoma e nella produzione di smartphone, ha bisogno di chip che misurino meno di sette o meno di cinque nanometri, che solo Taiwan può produrre in serie con un alto livello di qualità. L’ultimo iPhone di Apple, ad esempio, sebbene sia assemblato in Cina, utilizza un chip a cinque nanometri progettato da Apple prodotto dalla Taiwan Semiconductor Manufacturing Company a Hsinchu, Taiwan.

Non è esagerato affermare che l’intero futuro della capacità della Cina di raggiungere gli Stati Uniti dipende dal continuo accesso ai chip taiwanesi, proprio come la posizione del Giappone negli anni ’30 dipendeva dall’accesso al petrolio controllato da americani e britannici . E proprio come nel 1941 con l’embargo petrolifero americano, se i funzionari cinesi sospettassero che gli Stati Uniti potessero prendere provvedimenti per bloccare l’accesso cinese ai chip taiwanesi, potrebbero stabilire che è necessario prendere l’ isola ora per evitare il declino economico a lungo termine. Questo non è uno scenario inverosimile. Nel giugno 2022, un importante economista cinese ha dichiarato che se Washington avesse imposto sanzioni alla Cina simili a quelle imposte quest’anno alla Russia, la Cina avrebbe dovuto invadere Taiwan per assicurarsi il possesso dei suoi impianti di produzione di chip.

Ma ecco la buona notizia. Le aspettative cinesi per il commercio futuro, come lo erano le aspettative giapponesi nel 1941, sono una funzione delle decisioni politiche americane. Se i funzionari statunitensi capiscono che le loro politiche modellano direttamente il modo in cui Pechino vede il futuro ambiente commerciale, non solo nel commercio in generale ma in quello high-tech in relazione a Taiwan, possono evitare di far sentire ai leader del Partito Comunista Cinese che la loro economia crollerà salvo una azione di forza. Le spirali di ostilità che possono portare alla guerra derivano da scelte, non da realtà date. Rassicurando Pechino che la Cina continuerà a ricevere semiconduttori da Taiwan, anche se non le sofisticate macchine dei Paesi Bassi necessarie per realizzarli, l’amministrazione Biden può moderare le preoccupazioni di Pechino sul commercio futuro e ridurre la probabilità di crisi e guerre.

Il presidente cinese Xi Jinping e le sue coorti, ovviamente, si opporranno anche a questa posizione degli Stati Uniti, dal momento che lascia la Cina dipendente dagli estranei per i chip che sono alla base sia di una moderna economia high-tech che della potenza militare. Tuttavia, poiché un attacco a Taiwan non solo invocherebbe sanzioni economiche che metterebbero a rischio i legami commerciali della Cina con il mondo occidentale, ma potrebbe anche portare alla distruzione involontaria degli stessi impianti di produzione di chip, la Cina ha tutte le ragioni per moderare il suo comportamento, se non la sua retorica, quando si tratta dello status dell’isola.

RENDERE LA DIPENDENZA MENO PERICOLOSA

Putin potrebbe aver pensato che l’Occidente avrebbe ceduto all’Ucraina data la dipendenza dell’Europa dal petrolio e dal gas russi. Ma i leader cinesi ora sanno che gli americani, gli europei e i loro partner globali hanno la determinazione di punire gli invasori e che attaccando Taiwan potrebbero distruggere tutto ciò che il Partito Comunista Cinese ha realizzato negli ultimi quattro decenni. La storia mostra che le grandi potenze dipendenti sono caute nelle loro politiche estere quando i loro leader hanno aspettative positive sul commercio futuro, poiché sanno che il commercio aiuterà a costruire la base di potere a lungo termine dello stato e ad aumentare la ricchezza del cittadino medio. E Xi ha bisogno che entrambi accadano se vuole mantenere la legittimità del governo del partito unico in Cina e la stabilità dello stato stesso.

Quando le grandi potenze cercano di usare l’interdipendenza economica per aiutare a mantenere la pace, devono affrontare un difficile equilibrio. Non basta semplicemente avere alti livelli di commercio, dal momento che Stati dipendenti come il Giappone negli anni ’30 e la Cina oggi possono essere spinti verso politiche più aggressive se determinano che non hanno un accesso sufficiente alle materie prime e ai mercati di cui lo stato ha bisogno per sostenere la sua posizione di grande potenza. I leader di stati meno dipendenti come gli Stati Uniti devono stare attenti a non segnalare che stanno cercando di mantenere basso lo stato dipendente o, peggio, di spingerlo verso un declino assoluto e relativo, come ha affermato il presidente Franklin Roosevelt con l’embargo petrolifero fatto al Giappone nel 1941. Eppure anche una politica commerciale aperta può essere un problema, dal momento che può aiutare lo stato dipendente a recuperare un potere relativo e diventare una minaccia a lungo termine, come hanno capito le amministrazioni statunitensi da Barack Obama a Joe Biden per quanto riguarda la Cina.

Un approccio migliore sarebbe quello di spingere le potenze emergenti come la Cina a livellare il campo di gioco ponendo fine a pratiche come la manipolazione della valuta, i sussidi e l’appropriazione illegale di tecnologia straniera, assicurando al contempo a questi stati che se agiranno con moderazione nelle loro politiche estere, potranno continuare ad avere accesso alle risorse e ai mercati di cui hanno bisogno per la crescita economica e la stabilità interna. I leader delle grandi potenze devono sforzarsi di stabilire relazioni commerciali che consentano agli stati di crescere in termini assoluti e tuttavia garantire che nessuna delle parti temi un futuro significativo declino del potere economico relativo che lo lascerebbe vulnerabile alle minacce esterne o ai disordini civili.

Con le attuali tensioni su Taiwan, esacerbate dal continuo allineamento di Xi con Putin, potrebbe essere difficile. Ma quando la diplomazia delle grandi potenze torna a un livello più equilibrato, Washington può lavorare per ricordare a Pechino che ha bisogno degli Stati Uniti e dei partner occidentali per raggiungere i propri obiettivi economici e che Washington non sfrutterà la dipendenza della Cina per minare tali obiettivi. Biden può assicurare a Xi che la lezione del 1941 – che distruggere le aspettative di uno stato sul commercio futuro può portare alla guerra – è stata appresa dalla parte americana. Ma può anche suggerire che Pechino impari dagli errori del Giappone degli anni ’30 ed eviti il ​​tipo di politiche aggressive che hanno distrutto la fiducia internazionale necessaria per sane relazioni commerciali. Se i leader di Washington e Pechino possono migliorare le reciproche aspettative sia sul commercio che sul comportamento futuro, dovrebbero essere realizzabili molti altri decenni di pace nell’Asia orientale.

  • DALE C. COPELAND è Professore di Relazioni Internazionali presso il Dipartimento di Politica dell’Università della Virginia. È autore di  Interdipendenza economica e guerra .

https://www.foreignaffairs.com/china/when-trade-leads-war-china-russia?utm_medium=newsletters&utm_source=fatoday&utm_campaign=When%20Trade%20Leads%20to%20War&utm_content=20220823&utm_term=FA%20Today%20-%20112017

Perché la guerra fallisce, di Lawrence Freedman

Proseguiamo con la rassegna dei punti di vista di analisti prossimi al convitato di pietra del conflitto ucraino. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Perché la guerra fallisce

L’invasione russa dell’Ucraina e i limiti del potere militare

Il 27 febbraio, pochi giorni dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina, le forze russe hanno lanciato un’operazione per impadronirsi dell’aeroporto di Chornobaivka vicino a Kherson, sulla costa del Mar Nero. Kherson è stata la prima città ucraina che i russi sono riusciti ad occupare e, poiché era anche vicino alla roccaforte russa della Crimea, l’aeroporto sarebbe stato importante per la fase successiva dell’offensiva. Ma le cose non sono andate secondo i piani. Lo stesso giorno in cui i russi hanno preso il controllo dell’aeroporto, le forze ucraine hanno iniziato a contrattaccare con droni armati e presto hanno colpito gli elicotteri che volavano con rifornimenti dalla Crimea. All’inizio di marzo, secondo fonti della difesa ucraina, i soldati ucraini hanno compiuto un devastante raid notturno sulla pista di atterraggio, distruggendo una flotta di 30 elicotteri militari russi. Circa una settimana dopo, le forze ucraine ne distrussero altri sette. Entro il 2 maggio L’Ucraina aveva effettuato 18 attacchi separati all’aeroporto, che, secondo Kiev, aveva eliminato non solo dozzine di elicotteri ma anche depositi di munizioni, due generali russi e quasi un intero battaglione russo. Tuttavia, durante questi attacchi, le forze russe hanno continuato a muoversi in equipaggiamento e materiale con elicotteri. In mancanza di una strategia coerente per difendere la pista di atterraggio e di una valida base alternativa, i russi si sono semplicemente attenuti ai loro ordini originali, con risultati disastrosi.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha descritto la battaglia di Chornobaivka come un simbolo dell’incompetenza dei comandanti russi, che stavano spingendo “il loro popolo al massacro”. In effetti, ci sono stati numerosi esempi simili dalle prime settimane dell’invasione. Sebbene le forze ucraine fossero costantemente sconfitte, hanno usato la loro iniziativa con grande vantaggio , poiché le forze russe hanno ripetuto gli stessi errori e non sono riuscite a cambiare tattica. Fin dall’inizio, la guerra ha fornito un notevole contrasto negli approcci al comando. E questi contrasti possono aiutare molto a spiegare perché l’esercito russo ha così sottoperformato le aspettative.

Nelle settimane precedenti l’invasione del 24 febbraio, i leader e gli analisti occidentali e la stampa internazionale erano naturalmente fissati sulle forze schiaccianti che il presidente russo Vladimir Putin stava accumulando ai confini dell’Ucraina. Ben 190.000 soldati russi erano pronti a invadere il paese. Organizzato in ben 120 gruppi tattici di battaglione, ciascuno aveva armature e artiglieria ed era sostenuto da un supporto aereo superiore. Pochi immaginavano che le forze ucraine avrebbero potuto resistere a lungo contro il rullo compressore russo. La domanda principale sui piani russi era se includessero forze sufficienti per occupare un paese così grande dopo che la battaglia fu vinta. Ma le stime non avevano tenuto conto dei molti elementi che determinano una vera misura delle capacità militari.

Il potere militare non riguarda solo gli armamenti di una nazione e l’abilità con cui vengono usati. Deve tenere conto delle risorse del nemico, nonché dei contributi di alleati e amici, sotto forma di assistenza pratica o di interventi diretti. E sebbene la forza militare sia spesso misurata in potenza di fuoco, contando gli inventari di armi e le dimensioni di eserciti, marine e forze aeree, molto dipende dalla qualità dell’equipaggiamento, dal modo in cui è stato mantenuto e dall’addestramento e dalla motivazione di il personale che lo utilizza. In qualsiasi guerra, la capacità di un’economia di sostenere lo sforzo bellico e la resilienza dei sistemi logistici per garantire che i rifornimenti raggiungano le linee del fronte secondo necessità, sono di importanza crescente con il progredire del conflitto. Così è il grado in cui un belligerante può mobilitare e mantenere il sostegno per la propria causa, sia internamente che esternamente, e minare quella del nemico, compiti che richiedono la costruzione di narrazioni avvincenti in grado di razionalizzare le battute d’arresto e di anticipare le vittorie. Soprattutto, però, il potere militare dipende da un comando efficace. E ciò include sia i leader politici di un paese, che agiscono come comandanti supremi, sia coloro che cercano di raggiungere i loro obiettivi militari come comandanti operativi.

L’invasione dell’Ucraina da parte di Putin ha sottolineato il ruolo cruciale del comando nel determinare il successo militare finale. La forza grezza delle armi può fare solo così tanto per uno stato. Come i leader occidentali hanno scoperto in Afghanistan e in Iraq, l’equipaggiamento militare e la potenza di fuoco superiori possono consentire alle forze armate di ottenere il controllo del territorio, ma sono molto meno efficaci nell’amministrazione di successo di quel territorio. In Ucraina Putin ha lottatoanche per ottenere il controllo del territorio, e il modo in cui le sue forze hanno condotto la guerra ha già assicurato che qualsiasi tentativo di governare, anche nel presunto est filo-russo dell’Ucraina, sarà accolto da animosità e resistenza. Per lanciare l’invasione, Putin ha commesso l’errore familiare ma catastrofico di sottovalutare il nemico, presumendo che fosse debole nel suo nucleo, pur avendo un’eccessiva fiducia in ciò che le sue stesse forze potrebbero ottenere.

IL DESTINO DELLE NAZIONI

I comandi sono ordini autorevoli, a cui obbedire senza fare domande. Le organizzazioni militari richiedono forti catene di comando perché commettono violenza disciplinata e mirata. In tempo di guerra, i comandanti affrontano la sfida speciale di persuadere i subordinati ad agire contro i propri istinti di sopravvivenza e superare le normali inibizioni sull’uccisione dei loro simili. La posta in gioco può essere estremamente alta. I comandanti possono avere il destino dei loro paesi nelle loro mani e devono essere profondamente consapevoli del potenziale di umiliazione nazionale se dovessero fallire, così come di gloria nazionale se ci riuscissero.

Il comando militare è spesso descritto come una forma di leadership e, come delineato nei trattati sul comando, le qualità ricercate nei leader militari sono spesso quelle che sarebbero ammirevoli in quasi tutti i contesti: profonda conoscenza professionale, capacità di utilizzare le risorse in modo efficiente, buona comunicazione abilità, la capacità di andare d’accordo con gli altri, un senso di scopo morale e di responsabilità e la volontà di prendersi cura dei subordinati. Ma l’alta posta in gioco della guerra e lo stress del combattimento impongono le proprie esigenze. Qui, le qualità rilevanti includono un istinto a mantenere l’iniziativa, un’attitudine a vedere chiaramente situazioni complesse, una capacità di creare fiducia e la capacità di rispondere agilmente a condizioni mutevoli o impreviste. La storica Barbara Tuchman ha identificato la necessità di una combinazione di risoluzione – “la determinazione a vincere” – e giudizio, o la capacità di usare la propria esperienza per leggere le situazioni. Un comandante che combina la determinazione con un’acuta intelligenza strategica può ottenere risultati impressionanti, ma la determinazione combinata con la stupidità può portare alla rovina.

Non tutti i subordinati seguiranno automaticamente i comandi. A volte gli ordini sono inappropriati, forse perché si basano su informazioni datate e incomplete e possono quindi essere ignorati anche dall’ufficiale sul campo più diligente. In altri casi, la loro attuazione potrebbe essere possibile ma poco saggia, forse perché esiste un modo migliore per raggiungere gli stessi obiettivi. Di fronte a ordini che non amano o diffidano, i subordinati possono cercare alternative alla totale disobbedienza. Possono procrastinare, eseguire gli ordini con noncuranza o interpretarli in un modo che si adatta meglio alla situazione che devono affrontare.

Per evitare queste tensioni, tuttavia, la moderna filosofia di comando seguita in Occidente ha cercato sempre di più di incoraggiare i subordinati a prendere l’iniziativa per affrontare le circostanze; i comandanti si fidano di coloro che sono vicini all’azione per prendere le decisioni vitali, ma sono pronti a intervenire se gli eventi vanno storti. Questo è l’approccio adottato dalle forze ucraine. La filosofia di comando della Russia è più gerarchica. In linea di principio, la dottrina russa consente l’iniziativa locale, ma le strutture di comando in atto non incoraggiano i subordinati a rischiare di disobbedire ai loro ordini. Sistemi di comando rigidi possono portare a un’eccessiva cautela, a una fissazione su determinate tattiche anche quando sono inappropriate e alla mancanza di “verità di base”, poiché i subordinati non osano segnalare problemi e invece insistono sul fatto che tutto va bene.

I problemi della Russia con il comando in Ucraina sono meno una conseguenza della filosofia militare che dell’attuale leadership politica. Nei sistemi autocratici come quello russo, funzionari e ufficiali devono pensarci due volte prima di sfidare i superiori. La vita è più facile quando agiscono in base ai desideri del leader senza fare domande. I dittatori possono certamente prendere decisioni coraggiose sulla guerra, ma è molto più probabile che queste siano basate su presupposti mal informati ed è improbabile che siano state contestate in un attento processo decisionale. I dittatori tendono a circondarsi di consiglieri che la pensano allo stesso modo e ad apprezzare la lealtà al di sopra della competenza nei loro alti comandanti militari.

DAL SUCCESSO ALLO STALLO

La disponibilità di Putin a fidarsi del proprio giudizio in Ucraina rifletteva il fatto che le sue decisioni passate sull’uso della forza avevano funzionato bene per lui. Lo stato dell’esercito russo negli anni ’90 prima che prendesse il potere era terribile, come dimostrato dalla guerra del presidente russo Boris Eltsin del 1994-1996 in Cecenia. Alla fine del 1994, il ministro della Difesa russo Pavel Grachev rassicurò Eltsin che avrebbe potuto porre fine allo sforzo della Cecenia di separarsi dalla Federazione Russa spostando rapidamente le forze russe a Grozny, la capitale cecena. Il Cremlino considerava la Cecenia uno stato artificiale infestato da gangster per il quale ci si poteva aspettare che pochi dei suoi cittadini sacrificassero la propria vita, soprattutto di fronte all’esplosione del potere militare russo: ipotesi fuorvianti in qualche modo simili a quelle fatte su scala molto più ampia nell’attuale invasione dell’Ucraina. Le unità russe includevano molti coscritti con poco addestramento e il Cremlino non riuscì ad apprezzare quanto i difensori ceceni sarebbero stati in grado di sfruttare il terreno urbano. I risultati furono disastrosi. Il primo giorno dell’attacco, l’esercito russo ha perso oltre 100 veicoli corazzati, compresi i carri armati; I soldati russi furono presto uccisi al ritmo di 100 al giorno. Nelle sue memorie, Eltsin ha descritto la guerra come il momento in cui la Russia “si è separata da un’altra illusione eccezionalmente dubbia ma affettuosa: sulla potenza del nostro esercito . . . sulla sua indomabilità”. compresi i serbatoi; I soldati russi furono presto uccisi al ritmo di 100 al giorno. Nelle sue memorie, Eltsin ha descritto la guerra come il momento in cui la Russia “si è separata da un’altra illusione eccezionalmente dubbia ma affettuosa: sulla potenza del nostro esercito . . . sulla sua indomabilità”. compresi i serbatoi; I soldati russi furono presto uccisi al ritmo di 100 al giorno. Nelle sue memorie, Eltsin ha descritto la guerra come il momento in cui la Russia “si è separata da un’altra illusione eccezionalmente dubbia ma affettuosa: sulla potenza del nostro esercito . . . sulla sua indomabilità”.

La prima guerra cecena si è conclusa in modo insoddisfacente nel 1996. Alcuni anni dopo, Vladimir Putin, che nel settembre 1999 è diventato primo ministro malato di Eltsin, ha deciso di combattere di nuovo la guerra, ma questa volta si è assicurato che la Russia fosse preparata. Putin era stato in precedenza a capo del Servizio di sicurezza federale, o FSB, il successore del KGB, dove iniziò la sua carriera. Quando nel settembre 1999 i condomini a Mosca e altrove furono bombardati, Putin incolpò i terroristi ceceni (sebbene vi fossero buone ragioni per sospettare che l’FSB stesse cercando di creare un pretesto per una nuova guerra) e ordinò alle truppe russe di prendere il controllo della Cecenia da “tutti mezzi a disposizione”. In questa seconda guerra cecena, la Russia procedette con più deliberazione e spietatezza finché non riuscì ad occupare Grozny. Nonostante la guerra si trascinasse per un po’ di tempo, l’impegno visibile di Putin per porre fine alla ribellione cecena è stato sufficiente a fornirgli una vittoria decisiva nelle elezioni presidenziali della primavera del 2000. Mentre Putin stava facendo una campagna, i giornalisti gli hanno chiesto quali leader politici ha trovato “più interessanti”. Dopo aver citato Napoleone – che i giornalisti hanno preso per scherzo – ha offerto Charles de Gaulle, una scelta naturale forse per qualcuno che voleva ripristinare l’efficacia dello stato con una forte autorità centralizzata.

Entro il 2013, Putin era andato in qualche modo verso il raggiungimento di tale scopo. Gli alti prezzi delle materie prime gli avevano dato un’economia forte. Aveva anche emarginato la sua opposizione politica in patria, consolidando il suo potere. Eppure le relazioni della Russia con l’Occidente erano peggiorate, in particolare per quanto riguarda l’Ucraina. Fin dalla rivoluzione arancionedel 2004-2005, Putin era preoccupato che un governo filo-occidentale a Kiev potesse cercare di entrare a far parte della NATO, un timore aggravato quando la questione è stata affrontata al vertice della NATO di Bucarest del 2008. La crisi, tuttavia, è arrivata nel 2013, quando Victor Yanukovich, presidente filorusso dell’Ucraina, stava per firmare un accordo di associazione con l’UE. Putin ha esercitato forti pressioni su Yanukovich fino a quando non ha accettato di non firmare. Ma il capovolgimento di Yanukovich ha portato esattamente a ciò che Putin aveva temuto, una rivolta popolare – il movimento Maidan – che alla fine ha fatto cadere Yanukovich e ha lasciato l’Ucraina completamente nelle mani dei leader filo-occidentali. A questo punto Putin ha deciso di annettere la Crimea .

Nel lanciare il suo piano, Putin ha avuto i vantaggi di una base navale russa a Sebastopoli e un notevole sostegno alla Russia tra la popolazione locale. Eppure continuò a procedere con cautela. La sua strategia, che ha seguito da allora, era quella di presentare qualsiasi mossa russa aggressiva come nient’altro che una risposta alle suppliche di persone che avevano bisogno di protezione. Schierando truppe con uniformi e equipaggiamento standard ma senza contrassegni, che divennero noti come i “piccoli uomini verdi”, il Cremlino convinse con successo il parlamento locale a indire un referendum sull’incorporazione della Crimea in Russia. Con l’evolversi di questi eventi, Putin era pronto a trattenersi nel caso in cui l’Ucraina o i suoi alleati occidentali avessero affrontato una sfida seria. Ma l’Ucraina era allo sbando – aveva solo un ministro della difesa ad interim e nessuna autorità decisionale in grado di rispondere – e l’Occidente non ha intrapreso alcuna azione contro la Russia oltre a sanzioni limitate. Per Putin, la presa della Crimea, con pochissime vittime e con l’Occidente in gran parte in disparte, ha confermato il suo status di astuto comandante supremo.

Ma Putin non si accontentava di andarsene con questo chiaro premio; invece, quella primavera e quell’estate, permise alla Russia di essere coinvolta in un conflitto molto più intrattabile nella regione del Donbas, nell’Ucraina orientale. Qui, non poteva seguire la formula che aveva funzionato così bene in Crimea: il sentimento filo-russo nell’est era troppo debole per implicare un diffuso sostegno popolare alla secessione. Molto rapidamente, il conflitto si è militarizzato, con Mosca che ha affermato che le milizie separatiste agivano indipendentemente dalla Russia. Tuttavia, entro l’estate, quando sembrava che i separatisti di Donetsk e Luhansk, le due enclavi filo-russe nel Donbas, avrebbero potuto essere sconfitte dall’esercito ucraino, il Cremlino ha inviato forze russe regolari. Sebbene i russi non abbiano avuto problemi contro l’esercito ucraino, Putin è stato comunque cauto. Non ha annesso le enclavi,

Per alcuni osservatori occidentali, la guerra russa nel Donbas sembrava una nuova potente strategia di guerra ibrida. Come descritto dagli analisti, la Russia è stata in grado di mettere in secondo piano i suoi avversari riunendo forze regolari e irregolari e attività palesi e segrete e combinando forme consolidate di azione militare con attacchi informatici e guerra dell’informazione. Ma questa valutazione ha sopravvalutato la coerenza dell’approccio russo. In pratica i russi avevano messo in moto eventi dalle conseguenze imprevedibili, guidati da individui che faticavano a controllare, per obiettivi che non condividevano del tutto. L’accordo di Minsk non è mai stato attuato e i combattimenti non si sono mai fermati. Al massimo, Putin aveva tratto il meglio da un pessimo lavoro, contenendo il conflitto e, mentre sconvolgeva l’Ucraina, dissuadendo l’Occidente dal farsi coinvolgere troppo. A differenza della Crimea,l’Occidente .

FORZA TRAVOLGENTE

Nell’estate del 2021, la guerra del Donbas era in una situazione di stallo per più di sette anni e Putin ha deciso un piano audace per portare a termine le cose. Non essendo riuscito a utilizzare le enclavi per influenzare Kiev, ha cercato di sfruttare la loro difficile situazione per sostenere il cambio di regime a Kiev, assicurandosi che sarebbe rientrata nella sfera di influenza di Mosca e non avrebbe mai più preso in considerazione l’adesione alla NATO o all’UE. Pertanto, avrebbe intrapreso un’invasione su vasta scala dell’Ucraina.

Un tale approccio richiederebbe un enorme impegno delle forze armate e una campagna audace. Ma la fiducia di Putin è stata rafforzata dal recente intervento militare russo in Siria, che ha sostenuto con successo il regime di Bashar al-Assad, e dai recenti sforzi per modernizzare le forze armate russe. Gli analisti occidentali avevano ampiamente accettato le affermazioni russe sulla crescente forza militare del paese, inclusi nuovi sistemi e armamenti, come le “armi ipersoniche”, che almeno suonavano impressionanti. Inoltre, le sane riserve finanziarie russe limiterebbero l’effetto di eventuali sanzioni punitive. E l’Occidente è apparso diviso e turbato dopo la presidenza di Donald Trump, un’impressione che è stata confermata dal ritiro fallito degli Stati Uniti dall’Afghanistan nell’agosto 2021.

Quando Putin ha lanciato quella che ha definito “operazione militare speciale” in Ucraina , molti in Occidente hanno temuto che potesse avere successo. Gli osservatori occidentali avevano osservato per mesi il massiccio accumulo di forze russe al confine ucraino e, quando è iniziata l’invasione, le menti degli strateghi statunitensi ed europei sono andate avanti alle implicazioni di una vittoria russa che minacciava di incorporare l’Ucraina in una Grande Russia rivitalizzata. Sebbene alcuni paesi della NATO, come gli Stati Uniti e il Regno Unito, avessero affrettato rifornimenti militari in Ucraina, altri, in seguito a questo pessimismo, erano più riluttanti. È probabile che l’equipaggiamento aggiuntivo, conclusero, sarebbe arrivato troppo tardi o addirittura sarebbe stato catturato dai russi.

Meno notato è stato che l’accumulo di truppe russe, nonostante le sue dimensioni formidabili, era tutt’altro che sufficiente per prendere e tenere tutta l’Ucraina. Anche molti all’interno o collegati all’esercito russo potrebbero vedere i rischi. All’inizio di febbraio 2022, Igor “Strelkov” Girkin, uno dei primi leader separatisti russi nella campagna del 2014, ha osservato che l’esercito ucraino era più preparato di quanto non fosse otto anni prima e che “non ci sono quasi abbastanza truppe mobilitate, o essere mobilitato”. Eppure Putin non ha consultato esperti sull’Ucraina, affidandosi invece ai suoi più stretti consiglieri – vecchi compagni dell’apparato di sicurezza russo – che hanno fatto eco alla sua opinione sprezzante secondo cui l’Ucraina potrebbe essere facilmente presa.

Non appena l’invasione iniziò, divennero evidenti le debolezze centrali della campagna di Russia. Il piano prevedeva una guerra breve, con avanzamenti decisivi in ​​diverse parti del paese il primo giorno. Ma l’ottimismo di Putin e dei suoi consiglieri significava che il piano era modellato in gran parte attorno a operazioni rapide da parte di unità di combattimento d’élite. È stata data poca considerazione alla logistica e alle linee di rifornimento, che hanno limitato la capacità della Russia di sostenere l’offensiva una volta che si è fermata, e tutto l’essenziale della guerra moderna, inclusi cibo, carburante e munizioni, ha iniziato a essere rapidamente consumato. In effetti, il numero di assi di avanzamento ha creato una serie di guerre separate che vengono combattute contemporaneamente, tutte presentando le proprie sfide, ciascuna con le proprie strutture di comando e senza un meccanismo appropriato per coordinare i propri sforzi e allocare risorse tra di loro.

Il primo segnale che le cose non stavano andando secondo i piani di Putin è stato quello che è successo all’aeroporto di Hostomel, vicino a Kiev. Detto che avrebbero incontrato poca resistenza, i paracadutisti d’élite che erano stati inviati a trattenere l’aeroporto per gli aerei da trasporto in arrivo furono invece respinti da un contrattacco ucraino. Alla fine, i russi riuscirono a prendere l’aeroporto, ma a quel punto era troppo danneggiato per avere un qualche valore. Altrove, unità di carri armati russi apparentemente formidabili furono fermate da difensori ucraini molto più leggermente armati. Secondo un resoconto, un’enorme colonna di carri armati russi destinata a Kiev fu inizialmente fermata da un gruppo di soli 30 soldati ucraini, che si avvicinò di notte su quad e riuscì a distruggere alcuni veicoli in testa alla colonna, lasciando il resto bloccato su una carreggiata stretta e aperto a ulteriori attacchi. Gli ucraini hanno ripetuto con successo tali imboscate in molte altre aree.

Le forze ucraine, con l’assistenza occidentale, avevano intrapreso riforme energiche e pianificato attentamente le loro difese. Erano anche molto motivati, a differenza di molti dei loro omologhi russi , che non erano sicuri del perché fossero lì. Le unità ucraine agili, attingendo prima ad armi anticarro e droni e poi all’artiglieria, colsero di sorpresa le forze russe. Alla fine, quindi, il corso iniziale della guerra non fu determinato da un numero maggiore e potenza di fuoco, ma da tattiche, impegno e comando superiori.

ERRORI CUMULATIVI

Fin dall’inizio dell’invasione, il contrasto tra gli approcci al comando russo e ucraino è stato netto. L’errore strategico originale di Putin era di presumere che l’Ucraina fosse sufficientemente ostile da impegnarsi in attività anti-russe e incapace di resistere alla potenza russa. Mentre l’invasione si bloccava, Putin sembrava incapace di adattarsi alla nuova realtà, insistendo sul fatto che la campagna era nei tempi previsti e procedeva secondo i piani. Impedito di menzionare l’alto numero di vittime russe e le numerose battute d’arresto sul campo di battaglia, i media russi hanno rafforzato incessantemente la propaganda del governo sulla guerra. Al contrario, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, l’obiettivo iniziale dell’operazione russa, ha rifiutato le offerte degli Stati Uniti e di altre potenze occidentali di essere portate in salvo per formare un governo in esilio. Non solo è sopravvissuto, ma è rimasto a Kiev, visibile e loquace, radunando il suo popolo e facendo pressioni sui governi occidentali per un maggiore sostegno, finanziario e militare. Dimostrando l’impegno schiacciante del popolo ucraino a difendere il proprio paese, ha incoraggiato l’Occidente a imporre sanzioni molto più severe alla Russia di quanto avrebbe potuto fare altrimenti, nonché a fornire forniture di armi e materiale bellico all’Ucraina. Mentre Putin si ripeteva ostinatamente mentre la sua “operazione militare speciale” vacillava, Zelensky crebbe in fiducia e statura politica. ha incoraggiato l’Occidente a imporre sanzioni molto più severe alla Russia di quanto avrebbe potuto fare altrimenti, nonché a fornire forniture di armi e materiale bellico all’Ucraina. Mentre Putin si ripeteva ostinatamente mentre la sua “operazione militare speciale” vacillava, Zelensky crebbe in fiducia e statura politica. ha incoraggiato l’Occidente a imporre sanzioni molto più severe alla Russia di quanto avrebbe potuto fare altrimenti, nonché a fornire forniture di armi e materiale bellico all’Ucraina. Mentre Putin si ripeteva ostinatamente mentre la sua “operazione militare speciale” vacillava, Zelensky crebbe in fiducia e statura politica.

La nefasta influenza di Putin incombeva anche su altre decisioni strategiche chiave della Russia. La prima, dopo le battute d’arresto iniziali, è stata la decisione dell’esercito russo di adottare le tattiche brutali utilizzate in Cecenia e Siria: prendere di mira le infrastrutture civili, inclusi ospedali ed edifici residenziali. Questi attacchi hanno causato immense sofferenze e difficoltà e, come si poteva prevedere, hanno solo rafforzato la determinazione ucraina. Le tattiche erano controproducenti anche in un altro senso. Insieme alle rivelazioni su possibili crimini di guerra da parte delle truppe russe nelle aree intorno a Kiev, come Bucha, gli attacchi della Russia a obiettivi non militari hanno convinto i leader di Washington e di altre capitali occidentali che era inutile cercare di mediare un accordo di compromesso con Putin. Invece, i governi occidentali hanno accelerato il flusso di armi verso l’Ucraina, con una crescente enfasi sui sistemi offensivi e difensivi. Questa non era la guerra tra Russia e NATO rivendicata dai propagandisti di Mosca, ma stava rapidamente diventando la cosa più vicina.

Una seconda decisione strategica chiave è arrivata il 25 marzo, quando la Russia ha abbandonato il suo obiettivo massimalista di prendere Kiev e ha annunciato che si stava concentrando invece sulla “completa liberazione” della regione del Donbas. Questo nuovo obiettivo, sebbene promettesse di portare maggiore miseria a est, era più realistico, e lo sarebbe stato ancora di più se fosse stato l’obiettivo iniziale dell’invasione. Il Cremlino ora nominò anche un comandante russo in generale per guidare la guerra, un generale il cui approccio sarebbe stato più metodico e impiegherebbe artiglieria aggiuntiva per preparare il terreno prima che l’armatura e la fanteria si muovessero in avanti. Ma l’effetto di questi cambiamenti è stato limitato perché Putin aveva bisogno di risultati rapidi e non ha dato alle forze russe il tempo di riprendersi e prepararsi per questo secondo round della guerra.

Lo slancio era già passato dalla Russia all’Ucraina e non poteva essere invertito abbastanza rapidamente per rispettare il calendario di Putin. Alcuni analisti hanno ipotizzato che Putin volesse qualcosa che potrebbe chiamare una vittoria il 9 maggio, la festa russa che segna la fine della Grande Guerra Patriottica, la vittoria della Russia sulla Germania nazista. Altrettanto probabile, tuttavia, era il desiderio suo e dei suoi alti comandanti militari di ottenere guadagni territoriali nell’est prima che l’Ucraina potesse assorbire nuove armi dagli Stati Uniti e dall’Europa. Di conseguenza, i comandanti russi inviarono di nuovo in combattimento unità che erano state appena ritirate dal nord a est; non c’era tempo per ricostituire le truppe o rimediare alle mancanze mostrate nella prima fase della guerra.

Nella nuova offensiva, iniziata sul serio a metà aprile, le forze russe hanno ottenuto pochi guadagni, mentre i contrattacchi ucraini hanno rosicchiato le loro posizioni. Ad aumentare l’imbarazzo, l’ammiraglia russa del Mar Nero, la Moskva, è stato affondato in un audace attacco ucraino. Entro il 9 maggio non c’era molto da festeggiare a Mosca. Anche la città costiera di Mariupol, che la Russia aveva attaccato senza pietà dall’inizio della guerra e ridotta in macerie, non fu completamente catturata fino a una settimana dopo. A quel punto, le stime occidentali suggerivano che un terzo della forza di combattimento russa iniziale, sia personale che equipaggiamento, era andato perso. Erano circolate voci secondo cui Putin avrebbe sfruttato le vacanze per annunciare una mobilitazione generale per soddisfare il bisogno di manodopera dell’esercito, ma non è stato fatto alcun annuncio del genere. Tanto per cominciare, una mossa del genere sarebbe stata profondamente impopolare in Russia. Ma ci sarebbe voluto anche del tempo per portare coscritti e riservisti al fronte, e la Russia avrebbe comunque dovuto affrontare una cronica carenza di attrezzature.

Dopo una serie ininterrotta di decisioni di comando sbagliate, Putin stava esaurendo le opzioni. Quando l’offensiva in Ucraina ha completato il suo terzo mese, molti osservatori hanno iniziato a notare che la Russia era rimasta bloccata in una guerra impossibile da vincereche non osava perdere. I governi occidentali e alti funzionari della NATO hanno cominciato a parlare di un conflitto che potrebbe continuare per mesi, e forse anni, a venire. Ciò dipenderebbe dalla capacità dei comandanti russi di continuare a combattere con forze esaurite e dal morale basso e anche dalla capacità dell’Ucraina di passare da una strategia difensiva a una offensiva. Forse l’esercito russo potrebbe ancora salvare qualcosa dalla situazione. O forse Putin a un certo punto avrebbe visto che potrebbe essere prudente chiedere un cessate il fuoco in modo da poter incassare i guadagni realizzati all’inizio della guerra prima che una controffensiva ucraina li portasse via, anche se ciò significherebbe ammettere il fallimento.

POTERE SENZA SCOPO

Bisogna stare attenti quando si traggono grandi lezioni dalle guerre con le loro caratteristiche speciali, in particolare da una guerra le cui conseguenze non sono ancora note. Analisti e pianificatori militari studieranno sicuramente la guerra in Ucrainaper molti anni come esempio dei limiti del potere militare, alla ricerca di spiegazioni sul perché una delle forze armate più forti e più grandi del mondo, con una formidabile forza aerea e marina e nuovi equipaggiamenti e con esperienza di combattimento recente e di successo, ha vacillato così malamente. Prima dell’invasione, quando l’esercito russo veniva confrontato con le forze di difesa più piccole e meno armate dell’Ucraina, pochi dubitava di quale parte avrebbe preso il sopravvento. Ma la vera guerra è determinata da fattori qualitativi e umani, e furono gli ucraini che avevano tattiche più acute, riunite da strutture di comando, dal più alto livello politico ai comandanti sul campo più bassi, che erano adatte allo scopo.

La guerra di Putin in Ucraina, quindi, è soprattutto un caso di studio in un fallimento del comando supremo. Il modo in cui vengono fissati gli obiettivi e le guerre lanciate dal comandante in capo modella ciò che segue. Gli errori di Putin non erano unici; erano tipici di quelli fatti da leader autocratici che arrivano a credere alla propria propaganda. Non ha messo alla prova le sue ipotesi ottimistiche sulla facilità con cui avrebbe potuto ottenere la vittoria. Si fidava delle sue forze armate per la consegna. Non si rendeva conto che l’Ucraina rappresentava una sfida su una scala completamente diversa dalle precedenti operazioni in Cecenia, Georgia e Siria. Ma faceva anche affidamento su una struttura di comando rigida e gerarchica che non era in grado di assorbire e adattarsi alle informazioni da terra e, soprattutto, non consentiva alle unità russe di rispondere rapidamente al mutare delle circostanze.

Il valore dell’autorità delegata e dell’iniziativa locale sarà una delle altre lezioni chiave di questa guerra. Ma affinché queste pratiche siano efficaci, i militari in questione devono essere in grado di soddisfare quattro condizioni. In primo luogo, deve esserci fiducia reciproca tra coloro che sono ai livelli senior e più giovani. Quelli al più alto livello di comando devono avere fiducia che i loro subordinati abbiano l’intelligenza e la capacità di fare la cosa giusta in circostanze difficili, mentre i loro subordinati devono avere fiducia che l’alto comando fornirà tutto il sostegno possibile. In secondo luogo, coloro che combattono devono avere accesso alle attrezzature e alle forniture di cui hanno bisogno per andare avanti. Ha aiutato gli ucraini che stavano usando armi portatili anticarro e di difesa aerea e stavano combattendo vicino alle loro basi,

Terzo, coloro che forniscono la leadership ai livelli di comando più giovani devono essere di alta qualità. Sotto la guida occidentale, l’esercito ucraino aveva sviluppato il tipo di corpo di sottufficiali in grado di garantire che le esigenze di base di un esercito in movimento saranno soddisfatte, dalla manutenzione dell’equipaggiamento all’effettiva preparazione al combattimento. In pratica, ancora più rilevante è stato il fatto che molti di coloro che sono tornati nei ranghi quando l’Ucraina si è mobilitata erano veterani esperti e avevano una comprensione naturale di ciò che doveva essere fatto.

Ma questo porta alla quarta condizione. La capacità di agire efficacemente a qualsiasi livello di comando richiede un impegno per la missione e la comprensione del suo scopo politico. Questi elementi mancavano da parte russa a causa del modo in cui Putin aveva lanciato la sua guerra: il nemico che le forze russe erano state indotte ad aspettarsi non era quello che avevano di fronte e la popolazione ucraina non era, contrariamente a quanto era stato detto loro, incline essere liberato. Più il combattimento è futile, più basso è il morale e più debole è la disciplina di coloro che combattono. In queste circostanze, l’iniziativa locale può semplicemente portare all’abbandono o al saccheggio. Al contrario, gli ucraini stavano difendendo il loro territorio contro un nemico intento a distruggere la loro terra. C’era un’asimmetria di motivazione che ha influenzato i combattimenti fin dall’inizio. Il che ci riporta alla follia della decisione originale di Putin. È difficile comandare alle forze di agire a sostegno di un’illusione.

https://www.foreignaffairs.com/articles/russian-federation/2022-06-14/ukraine-war-russia-why-fails

Rivali entro limiti ragionevoli?_Di Kevin Rudd

Il dibattito sulla collocazione geopolitica degli Stati Uniti comincia ad assumere contorni più delineati e con esso emergono più chiaramente gli schieramenti e la posizione dei centri decisori più importanti. Posizioni ormai non più corrispondenti soltanto con il classico schema filo ed antitrumpiano, ma che pervadono anche i settori della amministrazione al governo. In politica e nelle dinamiche geopolitiche sono importanti le posizioni e le rappresentazioni che guidano l’azione dei centri decisori; sono altrettanto se non più importanti i tempi in cui maturano e si perseguono i propositi. Negli Stati Uniti le élites sembrano ormai agire fuori tempo massimo grazie ad un aspro confronto politico in corso da anni e ancora irrisolto; hanno però ancora numerose carte da giocare, non ostante la crescente diffidenza e ostilità nel mondo. Una di queste riguarda il contenzioso della NATO con la Russia e il tentativo di ridurre la platea di competitori geopolitici determinanti. Un’altra, è la presenza in Cina, soprattutto nell’area centro-meridionale del paese, di componenti che vivono di profondi legami con gli Stati Uniti ma che hanno subito in questi anni significative sconfitte politiche e che, comunque, dispongono di alternative crescenti. L’aspetto positivo sta nella progressiva chiarezza delle posizioni e delle forze in campo in quel paese e il fitto intreccio di relazioni e connessioni tra specifici settori decisionali di paesi diversi, compresi quelli in posture apertamente ostili. Un altro fattore sempre più evidente è il profondo legame esistente tra le politiche e le dinamiche socioeconomiche interne dei paesi e quelle geopolitiche, tale da conformare i livelli di coesione e dinamismo delle formazioni sociali. Il quadriennio della presidenza di Trump dovrebbe ormai fare scuola. Non è poco, a patto che ci siano forze adeguate a prendere le misure necessarie e a gestire le situazioni. In Cina, in Russia e in numerosi paesi dell’ex-Terzo Mondo stanno emergendo con sempre maggiore consapevolezza; gli stati europei sono al contrario particolarmente predisposti ad assumere il ruolo di agnelli sacrificali. Buona lettura, Giuseppe Germinario

La concorrenza tra Stati Uniti e Cina sta diventando più acuta, ma non deve necessariamente diventare più pericolosa

Nell’anno e mezzo dall’insediamento del presidente Joe Biden, la concorrenza tra Stati Uniti e Cina si è solo intensificata. Piuttosto che smantellare le dure politiche dell’ex presidente Donald Trump nei confronti di Pechino, Biden le ha in gran parte portate avanti, sottolineando che le due potenze sono quasi certamente dirette verso un lungo periodo di forte e militarmente pericolosa rivalità strategica. Ma ciò non significa che gli Stati Uniti e la Cina si stiano muovendo inesorabilmente verso crisi, escalation, conflitti o persino guerre. Al contrario, Pechino e Washington potrebbero brancolare verso una nuova serie di accordi stabilizzatori che potrebbero limitare, sebbene non eliminare, il rischio di un’improvvisa escalation.

Valutare lo stato delle relazioni USA-Cina in un dato momento non è mai facile, data la difficoltà di distinguere tra ciò che ciascuna parte dice pubblicamente dell’altra – spesso per effetto politico interno – e ciò che ciascuna fa effettivamente dietro le quinte. Eppure, nonostante la retorica aspra e spesso accesa, sono emersi alcuni primi segnali di stabilizzazione, tra cui la timida ricostituzione di una forma di dialogo politico e di sicurezza volto a gestire le tensioni.

Tale stabilizzazione è ben lontana dalla normalizzazione, il che significherebbe ripristinare un impegno politico, economico e multilaterale globale. I giorni della normalizzazione sono stati consegnati alla storia. Ma la stabilizzazione sarebbe comunque significativa. Significherebbe la differenza tra la concorrenza strategica gestita attraverso il rafforzamento dei guardrail e la concorrenza non gestita, ovvero guidata da un processo di spinte e controspinte, ad opera principalmente dell’esercito di ciascun paese, nella speranza che in un dato giorno nessuno si spinga troppo oltre. La domanda per entrambe le parti, e per i paesi che sono presi nel mezzo di questa titanica lotta per il futuro degli ordini regionali e globali, è che tipo di competizione strategica perseguiranno.

PROBLEMI SUL FRONTE INTERNO

La Cina misura la sua posizione nei confronti degli Stati Uniti con quello che chiama zonghe guoli , o “potere nazionale globale”. Zonghe guoli tiene conto della potenza militare, economica e tecnologica della Cina rispetto a quella degli Stati Uniti e dei suoi alleati, nonché della percezione di Pechino del modo in cui gravitano i paesi terzi. Per gran parte degli ultimi cinque anni, il discorso interno del Partito Comunista Cinese (PCC) ha sempre più riflesso la convinzione che questo equilibrio di potere si muova rapidamente a favore della Cina e che questa tendenza sia ormai irreversibile.

Tuttavia, non tutto è andato per il verso di Pechino, soprattutto dopo l’elezione di Biden. I leader cinesi sono stati profondamente preoccupati dal rilancio delle alleanze statunitensi sia nel Pacifico che nell’Atlantico. Sono stati colti di sorpresa dalla rapida elevazione del Quad – che comprende Australia, India, Giappone e Stati Uniti – al livello di vertice sotto Biden, reso possibile da un’escalation della disputa sul confine della Cina con l’India. La Cina è stata anche preoccupata per l’emergere di una nuova partnership per la sicurezza tra Australia, Stati Uniti e Regno Unito, nota come AUKUS e dalla decisione dell’Australia di sviluppare una flotta di sottomarini a propulsione nucleare. Pechino ha assistito con allarme mentre il Giappone ha adottato una nuova politica di difesa, ha ampliato le spese per la difesa e ha iniziato ad abbracciare la necessità di assistenza nella difesa di Taiwan . La Cina ha registrato una preoccupazione simile per il nuovo atteggiamento strategico e di politica estera della Corea del Sud sotto il presidente Yoon Suk-yeol , che durante la campagna elettorale ha promesso di unirsi al Quad e trasformarlo nella Quint. E infine, la partnership strategica “senza limiti” della Cina con la Russia, in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte di quest’ultima, ha profondamente danneggiato la posizione di Pechino in Europa, al punto che anche le tradizionali colombe cinesi in varie capitali europee sono ora scettiche sulle ambizioni strategiche a lungo termine di Pechino .

Anche la Cina deve affrontare problemi sul fronte interno. L’economia ha rallentato radicalmente. Ciò è iniziato diversi anni fa, quando il presidente Xi Jinping ha iniziato a spostare la politica economica cinese più a sinistra. Il partito ha assunto un ruolo più importante nel settore privato, alle imprese statali è stata data una nuova prospettiva di vita e lo stato ha represso duramente i settori della tecnologia, della finanza e del settore immobiliare. Il risultato complessivo è stato un calo della fiducia del settore privato, una riduzione degli investimenti privati, una diminuzione della produttività e un rallentamento della crescita.Questi problemi economici sottostanti sono stati sovraccaricati dai continui blocchi draconiani del COVID-19 di Pechino in molte delle sue principali città, che hanno soppresso la domanda dei consumatori, interrotto le catene di approvvigionamento sia nazionali che globali e ulteriormente minato il settore immobiliare cinese, che normalmente rappresenta tanto come il 29 per cento del PIL cinese. E nel contesto di un’economia globale in rallentamento, che soffre anche dell’aumento dell’inflazione a causa della guerra in Ucraina, data la dipendenza della Cina dalle esportazioni come principale motore di crescita.

Nonostante i numerosi tentativi di correzione della rotta sulla politica economica (ma non sulla politica COVID-19 ), ci sono pochi segnali di ripresa. In effetti, ci sono alcuni segnali di panico per i numeri di crescita della Cina, non solo a causa dell’impatto politico dell’aumento della disoccupazione, ma anche a causa dei timori più profondi che la reingegnerizzazione ideologica del modello economico tradizionale cinese da parte di Xi possa alla fine ostacolare la corsa del Paese al sorpasso degli Stati Uniti come la più grande economia del mondo.

Alla luce di queste tendenze, l’attuale visione del mondo di Pechino è più sfumata di quanto potrebbe suggerire la sua narrativa ufficiale di “l’Oriente sta sorgendo, l’Occidente in declino”. La Cina vede ancora linee di tendenza strategiche muoversi nella sua direzione a lungo termine. Ma vede anche una nuova serie di significativi venti contrari, molti di sua creazione, con cui deve fare i conti nel breve e medio termine. C’è anche la sfida più immediata per Xi della navigazione del 20° Congresso del Partito cinese, il conclave politicamente critico che si terrà questo autunno. Sebbene sia altamente improbabile che Xi affronterà grandi sfide per la sua prevista candidatura per un terzo mandato a capo del PCC, non è chiaro se riuscirà ad assicurarsi tutte le sue nomine preferite nella prossima squadra economica del partito, compreso il prossimo premier. . Tuttavia, Xi ha un chiaro interesse a evitare sorprese per il resto dell’anno. Ciò include sorprese sul fronte internazionale in generale e nelle relazioni USA-Cina in particolare. Per questi motivi, Pechino ha quindi un incentivo a stabilizzare, almeno temporaneamente, i suoi rapporti con Washington, invece di consentire che le tensioni strategiche continuino a intensificarsi. Ciò non significa che la Cina cambierà la sua strategia a lungo termine.

INCLINE AGLI INCIDENTI

L’ amministrazione Biden ha osservato attentamente questi sviluppi in Cina. Ma è stata ugualmente consapevole delle proprie sfide. Queste includono la difficoltà di approvare l’Innovation and Competition Act degli Stati Uniti e altre leggi essenziali per la futura competitività internazionale degli Stati Uniti ; le incombenti incertezze politiche intorno alle elezioni di medio termine e le loro implicazioni per la competizione presidenziale del 2024; suscettibilità agli attacchi repubblicani su qualsiasi adeguamento alla strategia USA-Cina che potrebbe essere descritto come debolezza; vulnerabilità militari in caso di improvvisa escalation su Taiwan o sul Mar Cinese Meridionale, nonostante gli sforzi delle amministrazioni Trump e Biden per colmare il divario nelle capacità militari; incapacità finora di compensare la crescente impronta economica regionale e globale della Cina, dato il sentimento profondamente protezionista nel Congresso degli Stati Uniti; e lo scetticismo di fondo tra gli amici degli Stati Uniti, e persino alleati formali, sulla preminenza a lungo termine, l’affidabilità strategica e la volontà politica di Washington di rimanere la potenza dominante del mondo.

Per questi motivi, né la Cina né gli Stati Uniti hanno l’appetito politico per una crisi o un conflitto accidentale. Nessuna delle due parti è pronta ed entrambe hanno bisogno di tempo per affrontare la vasta gamma di difficoltà e carenze che devono affrontare. Tuttavia, il rischio di un’escalation involontaria è reale e in crescita. La recente pericolosa intercettazione da parte dell’Esercito popolare di liberazione di un aereo di sorveglianza P-8 della Royal Australian Air Force sul Mar Cinese Meridionale, che potrebbe facilmente aver causato lo schianto dell’aereo australiano, è solo uno dei tanti esempi di un incidente che potrebbe essere rapidamente degenerato in una crisi. In questo caso, i termini del Trattato di difesa USA-Australia del 1951 avrebbero potuto obbligare gli Stati Uniti a venire in immediata difesa dell’Australia se l’incidente avesse preso una svolta fatale. (In effetti, sarebbe utile che Pechino familiarizzasse con i termini precisi degli obblighi militari degli Stati Uniti nei confronti di ciascuno dei suoi alleati del Pacifico, nel caso in cui i leader cinesi pensassero che minacciare questi paesi sia un modo semplice per dimostrare la forza militare senza rischiare direttamente una escalation con Washington.)

Guardare la Cina e gli Stati Uniti impegnarsi in crescenti livelli di rischio è come guardare due vicini che si saldano in un laboratorio sul retro senza scarpe con la suola di gomma, scintille che volano ovunque e cavi scoperti e non isolati che corrono su un pavimento di cemento bagnato. Che cosa potrebbe andare storto?

COMPETIZIONE STRATEGICA GESTITA

Questo è il motivo per cui in precedenza ho discusso in Affari esteri per quella che chiamo “competizione strategica gestita”. Questo è un concetto profondamente realista, non uno che sostiene che solo attraverso una migliore comprensione delle reciproche intenzioni strategiche possono migliorare le relazioni tra gli Stati Uniti e la Cina. Il problema centrale al momento è esattamente il contrario: sia Pechino che Washington infatti hanno una comprensione ragionevolmente accurata delle reciproche intenzioni, ma da diversi anni sono impegnate in un confronto strategico tutti contro tutti senza regole sulla strada per vincolarli. La concorrenza strategica gestita offre la possibilità realistica di una serie di vincoli più stabilizzanti e reciprocamente concordati.

Il concetto ha quattro elementi di base. In primo luogo, gli Stati Uniti e la Cina devono stabilire una comprensione chiara e dettagliata delle reciproche linee rosse strategiche al fine di ridurre il rischio di conflitti dovuti a errori di calcolo. Una comprensione dettagliata di tali limiti dovrebbe essere raggiunta in domini critici come Taiwan, i mari della Cina meridionale e orientale, la penisola coreana, il cyberspazio e lo spazio. La comprensione delle reciproche linee rosse non richiede un accordo sulla legittimità di tali linee rosse. Sarebbe impossibile. Ma entrambe le parti dovrebbero concludere che la prevedibilità strategica è vantaggiosa, che l’inganno strategico è futile e che la sorpresa strategica è semplicemente pericolosa. Ciascuna parte deve quindi creare barriere nelle sue relazioni con l’altra che riducano il rischio di superamento, cattiva comunicazione e incomprensione, anche stabilendo il dialogo ad alto livello necessario e i meccanismi di comunicazione in caso di crisi per supervisionare tali accordi.

In secondo luogo, dopo aver stabilito tali barriere, entrambi i paesi possono abbracciare una competizione strategica non letale per gran parte del resto delle loro relazioni, incanalando la loro rivalità strategica in una corsa per migliorare la loro forza economica e tecnologica, la loro impronta di politica estera e persino le loro capacità militari. Questa corsa comprende anche la competizione ideologica sul futuro del sistema internazionale. Ma, soprattutto, questa sarebbe una competizione strategica gestita, non non gestita, riducendo il rischio che possa degenerare in un conflitto armato diretto. In effetti, una concorrenza così limitata potrebbe nel tempo ridurre, piuttosto che esacerbare, il rischio di guerra, soprattutto se dovessero riprendere forme più normali di impegno economico nell’ambito della concorrenza gestita.

In terzo luogo, la concorrenza strategica gestita dovrebbe fornire lo spazio politico per la cooperazione in quelle aree in cui gli interessi nazionali si allineano, compresi i cambiamenti climatici , la salute pubblica globale, la stabilità finanziaria globale e la proliferazione nucleare . Né la Cina né gli Stati Uniti (né il resto del mondo) possono permettersi che la cooperazione sulle sfide globali esistenziali cada nel dimenticatoio. Ma è probabile che nessuna cooperazione seria in nessuna di queste aree vada molto lontano a meno che le relazioni USA-Cina non possano essere stabilizzate dai primi due elementi della competizione strategica gestita : i guardrail che consentono alla rivalità strategica di essere incanalata in forme di concorrenza non letali. Senza questi elementi, è probabile che lo spazio politico per la cooperazione nel mondo reale continui a ridursi.

Infine, per avere qualche possibilità di successo, questa compartimentazione del rapporto dovrebbe essere gestita in modo accurato e continuo da funzionari di gabinetto dedicati da entrambe le parti. Questo quadro dovrebbe quindi essere mantenuto con mano ferma, indipendentemente dalle turbolenze politiche interne o internazionali che potrebbero sorgere.

Questo può sembrare facile da dire ma impossibile da fare. Vale la pena ricordare, tuttavia, che dopo l’esperienza di pre-morte della crisi missilistica cubana  del 1962, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica alla fine hanno concordato una serie di accordi stabilizzatori, poi radicati negli Accordi di Helsinki del 1975, che hanno consentito loro di per affrontare altri 30 anni di intensa competizione strategica senza innescare una guerra totale.

COSTRUZIONE DI VIE PROTETTE

A giudicare dalle fucilate pubbliche tra Pechino e Washington, sembra che potrebbe non esserci molta aspettativa per un quadro stabilizzante come la concorrenza strategica gestita. Nel suo primo incontro con il Segretario di Stato americano Antony Blinken nel marzo 2021, il massimo diplomatico cinese, Yang Jiechi, ha scatenato un livello quasi senza precedenti di insulti pubblici, tenendo una conferenza a Blinken sui problemi “radicati” degli Stati Uniti come il razzismo e accusando gli Stati Uniti di essere “condiscendente”. Questo scambio è stato accompagnato da bordate pubbliche tra il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin e il Ministro della Difesa cinese Wei Fenghe a Singapore nel giugno di quest’anno, quando Wei ha insinuato che gli Stati Uniti erano la vera “mente” dietro la guerra della Russia in Ucraina. Il commento nei media statali cinesi è stato altrettanto incendiario, attaccando gli Stati Uniti per la sua politica, mettilo all’inizio di questo mese.

Sotto la superficie, tuttavia, sembra che si stia svelando qualcosa di nuovo. Nel luglio 2021, il vicesegretario di Stato Wendy Sherman ha incontrato il ministro degli Esteri cinese Wang Yi a Tianjin e ha fatto pressioni affinché si stabilissero dei ” guardrail” nella relazione. Questo a sua volta è diventato il fulcro di una prima telefonata critica tra Biden e Xi, che è stata salutata a Pechino come un segnale altamente positivo. Al momento del primo vertice virtuale dei due leader, nel novembre 2021, Biden sottolineava apertamente ” la necessità di barriere di buon senso per garantire che la concorrenza non viri in conflitto e per mantenere aperte le linee di comunicazione”.

Inoltre, quando Blinken ha delineato la strategia cinese dell’amministrazione in

un discorso all’Asia Society a Washington, DC, a maggio, ha affermato che mentre ” l’intensa competizione” tra le due grandi potenze era inevitabile, questa ” competizione non deve necessariamente portare a conflitti .” Ha citato Biden dicendo che ” l’unico conflitto peggiore di quello previsto è non intenzionale” e ha affermato che ” gestiremo questa relazione in modo responsabile per evitare che accada”. Più tardi, prima di un incontro tra Blinken e Wang alla riunione dei ministri degli esteri del G-20 a Bali, un alto funzionario dell’amministrazione ha affermato che l’obiettivo dell’incontro era gestire responsabilmente l’intensa competizione tra gli Stati Uniti e la [Cina]” mettendo ” barriera, per così dire, sulla relazione in modo che la nostra concorrenza non si riversi in errori di calcolo o confronto”.

In effetti, questa enfasi pubblica sui guardrail è diventata una caratteristica continua della diplomazia statunitense-cinese. È stato particolarmente evidente in un incontro di quattro ore tra Yang e il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan a giugno, incentrato sul “mantenere linee di comunicazione aperte per gestire la concorrenza tra i nostri due paesi”, secondo la lettura della Casa Bianca. E la retorica diplomatica potrebbe iniziare a tradursi in azioni concrete, con le due parti che riaprono canali di dialogo interrotti a livello di lavoro e di alto livello, compresi i colloqui da militare a militare, e persino esplorando in modo incerto la possibilità di dialoghi sulla stabilità strategica nucleare. Questi sono, tuttavia, i primi passi.

Sul fronte economico, i recenti contatti tra il segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen e il vicepremier cinese Liu He sullo stato dell’economia globale, un accordo sui principi contabili per la possibile ripresa delle quotazioni cinesi alla Borsa di New York e la collaborazione tra gli USA e i negoziatori commerciali cinesi a una riunione dell’Organizzazione mondiale del commercio sui meccanismi di risoluzione delle controversie puntano tutti in una direzione positiva. Così fanno i timidi progressi all’interno di Washington e tra Washington e Pechino sulla possibilità di ridurre o rimuovere i dazi imposti durante la recente guerra commerciale USA-Cina per combattere l’inflazione. Mentre, nelle parole degli antichi, “una rondine non fa una primavera”, sembra esserci movimento su una serie di fronti diversi in questa relazione precedentemente congelata.

CALCIARE IL BARATTOLO?

Finora, la Cina ha rifiutato pubblicamente il linguaggio della “competizione strategica”, gestita o non gestita. Accettarlo andrebbe contro il mantra di lunga data di Pechino secondo cui le sue relazioni con gli Stati Uniti dovrebbero essere regolate dai tre principi di Xi di “nessun conflitto o confronto”, “rispetto reciproco” per i sistemi politici dell’altro e cooperazione “vincente per tutti”. . Più fondamentalmente, tuttavia, la riluttanza di Pechino a caratterizzare esplicitamente il rapporto come di concorrenza strategica deriva dal fatto che ciò confermerebbe che la Cina è effettivamente in una competizione nel mondo reale per la preminenza regionale e globale. E ciò sarebbe contrario alla linea ufficiale di Pechino secondo cui la sua ambizione globale è solo quella di sviluppare una “comunità di destino comune per tutta l’umanità”, non di massimizzare il potere nazionale cinese.

Tuttavia, la Cina sembra avviarsi verso l’accettazione della realtà (se non nel linguaggio) della gestione delle sue relazioni competitive con gli Stati Uniti. Pechino, ad esempio, potrebbe essere in grado di accettare una combinazione di concorrenza pacifica e cooperazione costruttiva all’interno di un quadro di barriere strategiche necessarie. Nel sistema cinese, molto più che in quello americano, le stesse parole usate per descrivere un quadro strategico contano perché possono autorizzare azioni sostanziali da parte di funzionari di livello lavorativo altrimenti intrappolati all’interno di una gabbia linguistica di dogmi ideologici.Questo fenomeno è particolarmente visibile tra i diplomatici cinesi, che sono stati spinti da incentivi politici interni verso la retorica nazionalistica del “Wolf Warrior”. Una riformulazione ideologica dall’alto è necessaria per autorizzare dal basso un’attività diplomatica meno ideologica e più pragmatica.

La competizione strategica gestita potrebbe aiutare a stabilizzare le relazioni USA-Cina nel prossimo decennio, quando la rivalità tra le due superpotenze potrebbe raggiungere altrimenti la sua fase più pericolosa man mano che si avvicinano alla parità economica. Le prospettive di stabilizzazione potrebbero essere le più promettenti per i prossimi sei mesi, in vista del midterm degli Stati Uniti e del 20° Congresso del Partito di Xi. Ma affrontare la vasta gamma di sfide nazionali e internazionali della Cina (e, del resto, degli Stati Uniti) richiederà più tempo. Se sia Pechino che Washington scoprono che una relazione più gestita li aiuta a superare il periodo difficile che li attende, potrebbero concludere che può essere utile a lungo termine.

È vero, la rivalità strategica tra le due potenze sarebbe continuata. E i critici sosterranno che la concorrenza strategica gestita semplicemente calcia la lattina lungo la strada. Ma non è una brutta cosa, soprattutto se l’alternativa è un mondo di rischio sempre crescente di crisi, escalation, o anche quello che i nazionalisti ingenui potrebbero chiamare il processo di pulizia e chiarimento della guerra stessa. L’ultima volta che sembrò una buona idea fu il 1914. E non finì bene.

  • KEVIN RUDD è Presidente dell’Asia Society, a New York, e in precedenza è stato Primo Ministro e Ministro degli Esteri dell’Australia.

https://www.foreignaffairs.com/china/rivals-within-reason?utm_medium=newsletters&utm_source=twofa&utm_campaign=Rivals%20Within%20Reason?&utm_content=20220722&utm_term=FA%20This%20Week%20-%20112017

La difficile strada da percorrere della NATO, di Charles A. Kupchan

Ottimismo frettoloso e vittorie di Pirro_Giuseppe Germinario

Le maggiori minacce all’Unità dell’Alleanza arriveranno dopo il vertice di Madrid

Grazie al presidente russo Vladimir Putin, il vertice della NATO a Madrid si svolge questa settimana sullo sfondo di una rinascita dell’alleanza occidentale. L’invasione dell’Ucraina da parte di Putin costringe la NATO a tornare alla sua missione fondante di fornire difesa collettiva contro la Russia. I membri dell’alleanza stanno dimostrando una notevole unità e determinazione mentre incanalano armi in Ucraina, aumentano le spese per la difesa, rafforzano il fianco orientale dell’alleanza e impongono severe sanzioni economiche contro la Russia.

L’invasione dell’Ucraina ha mostrato che la NATO è tornata, ma la realtà è che non è mai andata via. L’alleanza era effettivamente in buona forma anche prima che Putin lanciasse la sua guerra errante, che è una delle ragioni per cui è stata in grado di rispondere agli sviluppi in Ucraina con tanta alacrità e solidarietà. Dalla fine della Guerra Fredda, la NATO ha dimostrato una notevole capacità di adattamento ai tempi, intraprendendo operazioni lontane, anche in Afghanistan e nei Balcani, e aprendo le porte alle nuove democrazie europee. Come conseguenza della guerra in Ucraina, una NATO già forte si è appena rafforzata.

Ma nonostante il suo buono stato di salute e l’unità dimostrabile, la NATO deve affrontare un boschetto di questioni spinose e le discussioni a Madrid inizieranno appena ad affrontarle. La guerra in Ucrainaovviamente dominerà il vertice. La conversazione è pronta a concentrarsi sulla parte facile: portare più armi in prima linea. Ma la NATO deve anche affrontare la parte difficile: quando e come coniugare il flusso di armi con una strategia diplomatica volta a produrre un cessate il fuoco e proseguire i negoziati sul territorio. L’urgenza di fare questo perno deriva dalla necessità non solo di porre fine alla morte e alla distruzione, ma anche di limitare le ricadute economiche della guerra, che potrebbero minacciare l’alleanza atlantica dall’interno erodendo la solidarietà e indebolendo le basi democratiche dell’Occidente. Il conflitto in Ucraina pone anche nell’agenda della NATO una serie di sfide aggiuntive: gestire il futuro dell’allargamento, incanalare le crescenti aspirazioni geopolitiche dell’Europa e la costruzione di un’architettura transatlantica in grado di accogliere le questioni sempre più complesse e diverse che l’Occidente deve affrontare.

UN FINALE DIPLOMATICO

Lo sforzo transatlantico per sostenere l’Ucraina si è concentrato sul fornire al paese le armi di cui ha bisogno per difendersi. Questo è come dovrebbe essere. Kiev ha bisogno di più potenza di fuoco per resistere e persino invertire l’avanzata russa nell’est e nel sud dell’Ucraina. L’obiettivo, secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, è “difendere ogni metro della nostra terra”. Finora Washington non è stata disposta a mettere in guardia Kiev dal cercare l’espulsione completa delle truppe russe dalla sua terra. “Non diremo agli ucraini come negoziare, cosa negoziare e quando negoziare”, ha affermato Colin Kahl, il sottosegretario alla Difesa per la politica . “Hanno intenzione di stabilire quei termini per se stessi.”

Ma è giunto il momento che la NATO si concentri su un finale diplomatico e capitalizzi il suo sforzo di successo per rafforzare la mano dell’Ucraina facilitando un cessate il fuoco e proseguimento dei negoziati. Dai primi successi militari dell’Ucraina, lo slancio sul campo di battaglia si è spostato a vantaggio della Russia, che è uno dei motivi per cui Francia, Germania, Italia e altri alleati degli Stati Uniti stanno premendo per una svolta verso la diplomazia. Finora Washington ha resistito. Come ha affermato il presidente Joe Biden all’inizio di giugno, ” non farò pressioni sul governo ucraino, in privato o in pubblico, affinché faccia concessioni territoriali”.

Ma Washington può resistere solo per così tanto tempo. La questione non è solo il mantenimento della solidarietà transatlantica raccogliendo l’appello europeo per una strategia che includa un percorso verso una soluzione diplomatica. Anche con armi aggiuntive, l’Ucraina probabilmente non ha la potenza di combattimento per scacciare le forze russe da tutto il suo territorio o addirittura per ripristinare lo status quo territoriale di febbraio. Continuare la guerra potrebbe significare più perdite di vite umane e di territorio, non guadagni sul campo di battaglia per Kiev. E più a lungo va avanti la guerra, maggiore è il rischio di un’escalation, voluta o accidentale, e più prolungate e gravi sono le interruzioni dell’economia globale e dell’approvvigionamento alimentare .

Di particolare interesse sono gli effetti economici della guerra sugli stessi membri della NATO, compreso il potenziale impatto dell’inflazione dilagante sulla politica americana. Le basi interne della politica estera statunitense sono molto più fragili di quanto non fossero una volta. Il centrismo bipartisan che ha prevalso durante la Guerra Fredda è scomparso da tempo, lasciando il posto non solo alla polarizzazione ma a una potente tensione di sentimento neo-isolazionista. La politica estera “America first” dell’ex presidente Donald Trump è stata un sintomo più che una causa di questa svolta interiore. La “politica estera per la classe media” di Biden segnala che anche i democratici sono sensibili al desiderio dell’elettorato che Washington dedichi più tempo e risorse a risolvere i problemi in patria invece che all’estero. Il ritiro di Bidendall’Afghanistan consegnato su quel fronte. La sua ambiziosa agenda per gli investimenti interni e il rinnovamento mirava anche a migliorare la vita degli americani, a rimettere in piedi la classe media ea ricostruire il centro politico della nazione.

La guerra in Ucraina, insieme al perpetuo blocco del Congresso, ha messo da parte questo programma critico di riparazione interna. A dire il vero, la fornitura di assistenza militare ed economica all’Ucraina gode di un livello insolito di sostegno bipartisan. Tuttavia, il tempo non è dalla parte del bipartitismo, che è destinato a svanire con l’avvicinarsi del semestre di novembre. La guerra, in aggiunta alle interruzioni dell’approvvigionamento causate dalla pandemia, sta contribuendo a condizioni economiche che stanno giocando nelle mani dei repubblicani “America first”. L’inflazione è ai massimi degli ultimi 40 anni; il prezzo di benzina, cibo e altri beni essenziali continua a salire. Il mercato azionario è in svenimento tra i discorsi di una recessione imminente. La guerra in Ucraina non è certo l’unica causa di queste tribolazioni economiche, ma sta sicuramente giocando un ruolo importante. Sta inoltre assorbendo il tempo prezioso e il capitale politico dell’amministrazione Biden.

Con queste condizioni economiche sullo sfondo, il midterm è pronto a mettere la Camera e, probabilmente, il Senato in mani repubblicane. La carnagione della coorte repubblicana che chiamerebbe i colpi al Congresso è impossibile da prevedere, ma è probabile che il partito si inclini ulteriormente nella direzione “America first”. JD Vance, sostenuto dall’approvazione di Trump, ha recentemente vinto le primarie del Senato dell’Ohio molto contestate. Le sue opinioni sulla guerra in Ucraina possono essere emblematiche di ciò che verrà: “Penso sia ridicolo che ci concentriamo su questo confine in Ucraina. Devo essere onesto con te, non mi interessa cosa succede all’Ucraina in un modo o nell’altro”.

Vale la pena ricordare che Trump ha negato l’assistenza militare all’Ucraina per estrarre sporcizia politica su Biden, insultato regolarmente gli alleati della NATO ed espresso interesse a ritirare gli Stati Uniti dalla NATO. Lui, o qualche altro repubblicano “America first”, potrebbe benissimo tornare a politiche così ribelli se eletto. È anche possibile una crisi politica o costituzionale di qualche tipo. Poco prima che Putin invadesse l’Ucraina, un sondaggio ha rivelato che  il 64% degli americani  teme che la democrazia statunitense sia “in crisi e a rischio di fallimento”. Tutto questo per dire che i risultati elettorali in Ohio potrebbero avere un impatto sulla sicurezza europea e sul futuro della democrazia liberale almeno tanto quanto i risultati militari nel Donbas.

Anche l’Europa deve tenere d’occhio il fronte interno. Gli europei hanno dimostrato una notevole generosità nell’ospitare milioni di profughi ucraini , ma la calorosa accoglienza potrebbe esaurirsi e potrebbe produrre un contraccolpo politico; le precedenti ondate di immigrazione hanno rafforzato la mano dei populisti illiberali. Nel frattempo, la carenza di cibo in Africa, aggravata dalla guerra in Ucraina, potrebbe innescare una crisi umanitaria e mettere gli europei di fronte all’ennesimo afflusso di migranti disperati. L’inflazione persistente e la prospettiva di una penuria di energia il prossimo inverno potrebbero anche indebolire l’impressionante determinazione dell’Europa nel tenere testa alla Russia. Come ha avvertito Robert Habeck, ministro dell’Economia tedescoall’inizio di questo mese, “Siamo in una crisi del gas. Il gas è una merce rara d’ora in poi. . . . Ciò influirà sulla produzione industriale e diventerà un grosso onere per molti consumatori”.

Il governo italiano sta già vacillando a causa di controversie interne sulla fornitura di armi all’Ucraina e i leader tedeschi continuano a litigare sulla consegna di armi pesanti. Emmanuel Macron potrebbe essere stato rieletto in Francia ad aprile, ma circa il 40 per cento dell’elettorato ha votato per Marine Le Pen, la candidata di estrema destra che è una fan di Putin e si è impegnata a ritirare il suo paese dal comando militare della NATO. Che Macron abbia perso la maggioranza assoluta alla camera bassa del parlamento è un ulteriore segno di malcontento popolare. Il partito di Le Pen, il National Rally, è passato da otto a 89 seggi.

Le sanzioni dell’Occidente contro Mosca, anche se hanno un impatto negativo sull’economia globale , finora non hanno avuto l’effetto sperato in Russia. A causa dell’impennata del prezzo del greggio, la Russia continua a godere di ampi ricavi petroliferi. E anche se il valore del rublo è precipitato quando la Russia ha lanciato la sua invasione a febbraio, è rimbalzato e recentemente ha toccato il massimo degli ultimi sette anni rispetto al dollaro. Gli Stati Uniti e i loro partner del G-7 hanno concordato all’inizio di questa settimana di perseguire ulteriori misure per restringere il commercio con la Russia e hanno anche discusso di fissare un tetto massimo agli acquisti di petrolio russo per alleviare le pressioni inflazionistiche e ridurre le entrate della Russia. Il potenziale impatto di questi prossimi passi rimane incerto.

Sì, l’Occidente deve sostenere l’Ucraina, punire l’ espansionismo russo e difendersi da ulteriori atti di aggressione. Ma deve anche soppesare queste priorità rispetto all’imperativo di impedire ai populisti illiberali di prendere il potere su entrambe le sponde dell’Atlantico. Il prezzo del gas in Ohio o in Baviera sembra di importanza irrilevante sullo sfondo della valorosa lotta dell’Ucraina per la sua libertà. Ma gestire la guerra in Ucraina significa anche navigare nei pericolosi banchi della politica americana ed europea. L’Ucraina non sarebbe certamente la beneficiaria se i repubblicani “America first” salissero al potere negli Stati Uniti o se i populisti filo-Mosca guadagnassero terreno in Europa.

Sarebbe davvero una crudele ironia se la NATO riuscisse ad aiutare Kiev a contrastare l’ambizione predatoria di Putin solo per vedere le democrazie atlantiche cadere preda di minacce dall’interno. Anche se inviano più obici e droni in Ucraina, i leader della NATO devono prestare molta attenzione al contraccolpo economico e politico della guerra sulle loro stesse società. Quando lo faranno, apprezzeranno meglio la necessità di facilitare un cessate il fuoco e di sostenere la causa dell’Ucraina al tavolo dei negoziati.

Il passaggio dalla guerra ai negoziati, ovviamente, non offre una soluzione rapida alle dislocazioni economiche prodotte dal conflitto; le sanzioni contro la Russia potrebbero rimanere in vigore per un bel po’ di tempo. Ma la diplomazia in definitiva offre l’unico percorso per allentare le tensioni geopolitiche che continuano a interrompere le forniture di energia e cibo e contribuiscono alle pressioni inflazionistiche.

LA ZONA GRIGIA DELL’EUROPA

I membri della NATO si occuperanno della guerra in Ucraina, gestendo relazioni difficili con la Russia, rafforzando il fianco orientale dell’alleanza e, dopo la fine dei combattimenti, partecipando alla ricostruzione postbellica . Ma devono anche cominciare a guardare oltre la guerra e le sue conseguenze immediate per trarre lezioni più ampie.

Il conflitto in Ucraina ha chiarito la necessità di ripensare in modo nuovo al progresso della sicurezza nella “zona grigia” dell’Europa, le terre tra la NATO e la Russia. Anche se la guerra va avanti, sta emergendo una conversazione costruttiva sul potenziale status geopolitico dell’Ucraina che va avanti. L’evoluzione di questa questione potrebbe fornire un modello per Georgia, Moldova e altri paesi che hanno guardato all’Occidente ma potrebbero non essere destinati all’adesione alla NATO ora che la Russia ha lanciato la sfida in Ucraina.

Tre approcci intrecciati stanno prendendo forma per far avanzare le esigenze di sicurezza dei paesi nella zona grigia dell’Europa. In primo luogo, la neutralità permanente offre a questi stati un mezzo per rafforzare la loro sovranità e indipendenza, tenendo conto delle obiezioni della Russia all’ulteriore allargamento della NATO verso est. L’Ucraina ha abbracciato la neutralità dopo essersi separata dall’Unione Sovietica nel 1991. È stato solo nel 2019, in risposta all’accaparramento di terre della Russia del 2014 in Crimea e nel Donbas, che l’Ucraina ha sancito nella sua costituzione la sua intenzione di aderire alla NATO. Secondo Putin, la prospettiva dell’adesione dell’Ucraina all’alleanza ha giocato un ruolo nella sua decisione di invadere di nuovo. Nel suo discorso del 24 febbraio alla nazione per giustificare la “operazione militare speciale”, Putin ha sottolineato “le minacce fondamentali che i politici occidentali irresponsabili hanno creato per la Russia. . . . Mi riferisco all’espansione verso est della NATO, che sta spostando le sue infrastrutture militari sempre più vicino al confine russo. Durante le prime settimane di guerra, Kiev sembrava pronta ad abbracciare un ritorno alla neutralità. Se tale risultato dovesse emergere come parte di una soluzione negoziata alla guerra, la neutralità dell’Ucraina potrebbe servire da modello per la regione.

In secondo luogo, la neutralità sarebbe accompagnata da garanzie di sicurezza da parte di una coalizione di paesi volenterosi. Tali assicurazioni non sarebbero all’altezza delle garanzie formali di difesa che accompagnerebbero l’adesione alla NATO, ma impegnerebbero i firmatari ad aiutare a mantenere la sicurezza e lo status di non allineamento dei paesi nella zona grigia dell’Europa. Questi accordi andrebbero oltre i precedenti livelli di supporto occidentale, comportando probabilmente un ulteriore addestramento militare e trasferimenti di armi durante il tempo di pace e un solido supporto militare nel caso in cui gli stati che beneficiano di tali assicurazioni dovessero affrontare un attacco. L’Ucraina è di nuovo un buon modello. I membri della NATO non stanno inviando truppe in Ucraina per unirsi alla lotta, ma stanno fornendo all’Ucraina i mezzi per difendersi. Quando la guerra finisce, l’Ucraina potrebbe trovarsi in uno stato di neutralità armata, con il continuo sostegno economico e militare dei membri della NATO che rafforza la sua mano nei negoziati sul territorio che potrebbero seguire un cessate il fuoco.

Il terzo livello di sicurezza nella zona grigia sarebbe l’adesione all’UE. Bruxelles ha già concesso lo status di candidato all’Ucraina e alla Moldova, mentre la Georgia è in sala d’attesa. Sebbene i negoziati di adesione possano durare un decennio o forse più, lo status di candidato fornisce agli aspiranti un colpo politico nel braccio e offre ai loro governi la leva di cui hanno bisogno per combattere la corruzione e attuare onerose riforme economiche e politiche, passi chiave che l’Ucraina deve intraprendere per autoestrarsi dall’eredità oligarchica del suo passato. L’adesione all’UE alla fine segnerebbe l’inclusione istituzionale formale nella comunità delle democrazie atlantiche, evitando al contempo la provocazione della Russia che deriverebbe dall’adesione alla NATO. Come ha affermato Putin di recente di fronte alla prospettiva dell’ingresso dell’Ucraina nell’UE,“Non abbiamo nulla contro. È la loro decisione sovrana di aderire o meno ai sindacati economici. . . . Sono affari loro, affari del popolo ucraino”.

In questo scenario, la NATO prenderebbe Finlandia e Svezia e l’alleanza alla fine integrerebbe aspiranti nei Balcani. Ma non andrebbe oltre. Fissare un limite trasparente all’allargamento verso est della NATO e guardare invece all’UE per estendere la sua portata nella zona grigia dell’Europa potrebbe finalmente consentire all’Occidente e alla Russia di mettere da parte una questione che ha infastidito le loro relazioni da quando l’allargamento della NATO è iniziato subito dopo la fine del freddo Guerra. Anche se Putin ha usato l’espansione della NATO come pretesto per il suo accaparramento di terre, una maggiore chiarezza sul futuro della NATO potrebbe contribuire a smorzare la rivalità tra Russia e Occidente.

IL PILASTRO EUROPEO

La guerra in Ucraina è stata un campanello d’allarme geopolitico per l’ Europa—e la NATO dovrebbe trarre vantaggio da questo momento. L’Europa ha fatto numerose false partenze nel corso degli anni per acquisire maggiore forza e responsabilità geopolitiche, ma questa volta, grazie alla Russia, lo sforzo potrebbe produrre risultati più impressionanti. L’aggressione russa ha già spinto gli europei a fare nuovi e sostanziali investimenti in capacità militari. La Germania ha stanziato 100 miliardi di euro per potenziare il suo esercito fatiscente e ha accettato di soddisfare il parametro di riferimento della NATO di spendere il 2% del PIL per la difesa. Altre nazioni europee hanno annunciato aumenti considerevoli dei loro budget per la difesa. La traduzione di questi investimenti in capacità di combattimento richiederà tempo e richiederà un coordinamento oltre i confini nazionali e tra la NATO e l’UE. Ma questi investimenti e la svolta della Germaniain particolare, hanno il potenziale per essere un punto di svolta, dotando finalmente l’Europa del maggiore peso geopolitico di cui ha bisogno in un mondo in cui è tornata la rivalità tra grandi potenze. Gli Stati Uniti dovrebbero mantenere la pressione sui loro alleati e collaborare con loro per sfruttare appieno la loro nuova disponibilità ad assumersi maggiori oneri di difesa.

Un’Europa più capace creerà un partenariato atlantico più forte. Democratici e repubblicani allo stesso modo si lamentano da tempo che la NATO ha bisogno di un pilastro europeo più robusto. Qualunque partito sia al potere a Washington, il collegamento atlantico sarà in condizioni migliori se l’Europa porterà sul tavolo più peso geopolitico. Con la Russia che ora minaccia il fianco orientale della NATO e le tensioni nel Pacifico occidentale che pongono anche nuove richieste alle risorse statunitensi, Washington apprezzerà di avere più capacità europee. E anche se una rinnovata minaccia russa manterrà le forze statunitensi in Europa per il prossimo futuro, l’Europa deve essere in grado di agire da sola quando necessario.

ISTITUZIONI IDONEE ALLO SCOPO

Sebbene l’invasione russa dell’Ucraina costituisca un tradizionale atto di aggressione territoriale , rivela anche quanto sia diventata complicata l’agenda per la sicurezza. Le implicazioni del conflitto attraversano un’ampia varietà di questioni. Gli affari militari e l’intelligence sono al centro, ma lo è anche la sicurezza energetica. Abbandonare la dipendenza dai combustibili fossili russi può essere una necessità strategica, ma ha anche effetti negativi sui cambiamenti climatici poiché l’Europa riapre centrali elettriche a carbone chiuse e poiché i produttori di energia pompano più petrolio e gas. Sicurezza informatica, sicurezza alimentare, catene di approvvigionamento, migrazione, relazioni con la Cina , sistema dei pagamenti internazionali: la guerra ha lasciato intatte poche questioni.

Le istituzioni transatlantiche devono adattarsi di conseguenza. La NATO può gestire alcune, ma certamente non tutte, di queste questioni trasversali. È stata abbastanza abile nell’integrare la sicurezza informatica nella sua agenda e l’alleanza ha avviato una conversazione costruttiva sulle conseguenze geopolitiche dell’ascesa della Cina. In particolare, Australia, Giappone, Nuova Zelanda e Corea del Sud partecipano al Vertice di Madrid in qualità di osservatori. Ma per quanto riguarda la sicurezza energetica, le sanzioni economiche, la governance digitale, le linee di approvvigionamento tecnologico, il clima e una miriade di altre questioni, l’ UE è l’interlocutore più appropriato. Il Regno Unito, tuttavia, non ha più un posto al tavolo dell’UE a Bruxelles, complicando ulteriormente il compito di creare istituzioni transatlantiche adatte all’interdipendenza globale.

I legami più profondi tra la NATO e l’UE offrono una via per una migliore integrazione geopolitica e geoeconomica. Un’altra opzione sarebbe quella di istituire un nuovo consiglio transatlantico incaricato di affrontare le questioni politiche in un modo che trascenda e abbatta le barriere istituzionali e burocratiche. Questo organismo potrebbe includere rappresentanti della NATO e dell’UE, nonché Stati membri selezionati, fornendo la supervisione di un’agenda transatlantica dinamica e diversificata. Il Consiglio per il commercio e la tecnologia USA-UE, istituito di recente, fornisce un buon esempio di innovazione istituzionale volta a consentire alle politiche di stare al passo con il cambiamento tecnologico. Le ricadute della guerra rendono ampiamente chiaro quanto profondamente la globalizzazione e l’interdipendenza stiano creando la necessità di nuove forme di governance e cooperazione transatlantica. Di pari importanza, ogni nuovo organismo di controllo deve monitorare da vicino le connessioni sempre più intime tra politica estera e politica interna. Se i leader di una delle due sponde dell’Atlantico trascurano tali collegamenti, lo fanno a proprio rischio e pericolo e quello della solidarietà transatlantica.

La NATO rimane un pilastro essenziale di una comunità transatlantica duratura di interessi e valori condivisi. Ha ampiamente dimostrato la sua rilevanza, efficacia e unità nell’organizzare una risposta risoluta all’aggressione della Russia contro l’Ucraina. È giunto il momento che la NATO inizi a muoversi verso un cessate il fuoco e un finale diplomatico in Ucraina, in gran parte per mantenere la solidarietà transatlantica e difendersi dalle minacce interne alla democrazia liberale che potrebbero rappresentare una minaccia ancora maggiore per la comunità atlantica di Putin. Questo perno deve essere parte di uno sforzo più ampio per costruire un’architettura transatlantica adatta allo scopo nell’interdipendenza del ventunesimo secolo.

https://www.foreignaffairs.com/articles/ukraine/2022-06-29/natos-hard-road-ahead?utm_medium=newsletters&utm_source=fatoday&utm_campaign=NATO%E2%80%99s%20Hard%20Road%20Ahead&utm_content=20220629&utm_term=FA%20Today%20-%20112017

Le teorie poco plausibili della vittoria dell’Ucraina, di Barry R. Posen

Nell’amministrazione Biden si discute; ma solo di quale sia il limite da non oltrepassare per vincere nella guerra condotta da terzi. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Mentre le forze russe guadagnano terreno in Ucraina, il presidente e gli alleati di quel paese sembrano essere tutti d’accordo: l’Ucraina deve lottare per la vittoria e ripristinare lo status quo prebellico. La Russia rigetterebbe i guadagni territoriali che ha ottenuto da febbraio. L’Ucraina non riconoscerebbe né l’annessione della Crimea né gli staterelli secessionisti nel Donbas e proseguirebbe sulla strada dell’adesione all’UE e alla NATO.

Per la Russia, un simile risultato rappresenterebbe una netta sconfitta. Dati gli ingenti costi che ha già pagato, insieme alla probabilità che le sanzioni economiche occidentali contro di essa non vengano revocate presto, Mosca guadagnerebbe meno di nulla da questa guerra. In effetti, sarebbe diretto verso un indebolimento permanente o, nelle parole del Segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin, “indebolito al punto da non poter fare il tipo di cose che ha fatto invadendo l’Ucraina”.

I sostenitori dell’Ucraina hanno proposto due strade per la vittoria. Il primo passa attraverso l’Ucraina. Con l’aiuto dell’Occidente, si sostiene, l’Ucraina può sconfiggere la Russia sul campo di battaglia, esaurendo le sue forze attraverso l’attrito o superandola astutamente. Il secondo percorso attraversa Mosca. Con una combinazione di guadagni sul campo di battaglia e pressione economica, l’Occidente può convincere il presidente russo Vladimir Putin a porre fine alla guerra o convincere qualcuno nella sua cerchia a sostituirlo con la forza.

Ma entrambe le teorie della vittoria poggiano su basi instabili. In Ucraina, l’esercito russo è probabilmente abbastanza forte da difendere la maggior parte delle sue conquiste. In Russia, l’economia è sufficientemente autonoma e la presa di Putin abbastanza forte da impedire al presidente di essere costretto a rinunciare a quei guadagni. Il risultato più probabile dell’attuale strategia, quindi, non è un trionfo ucraino, ma una guerra lunga, sanguinosa e alla fine indecisa. Un conflitto prolungato sarebbe costoso non solo in termini di perdita di vite umane e danni economici, ma anche in termini di escalation, compreso il potenziale uso di armi nucleari.

I leader e i sostenitori dell’Ucraina parlano come se la vittoria fosse dietro l’angolo. Ma quella visione sembra sempre più essere una fantasia. L’Ucraina e l’Occidente dovrebbero quindi riconsiderare le loro ambizioni e passare da una strategia per vincere la guerra verso un approccio più realistico: trovare un compromesso diplomatico che metta fine ai combattimenti.

VITTORIA SUL CAMPO DI BATTAGLIA?

Molti in Occidente sostengono che la guerra può essere vinta sul campo. In questo scenario, l’Ucraina distruggerebbe la potenza di combattimento dell’esercito russo, causando la ritirata o il collasso delle forze russe. All’inizio della guerra, i sostenitori dell’Ucraina sostenevano che la Russia poteva essere sconfitta per logoramento. La semplice matematica sembrava raccontare la storia di un esercito russo sull’orlo del collasso. Ad aprile, il ministero della Difesa britannico ha stimato che 15.000 soldati russi erano morti in Ucraina. Supponendo che il numero di feriti fosse tre volte più alto, che era l’esperienza media durante la seconda guerra mondiale, ciò implicherebbe che circa 60.000 russi erano stati messi fuori servizio. Le prime stime occidentali stimano la dimensione della forza russa in prima linea in Ucraina a 120 gruppi tattici di battaglione, che ammonterebbero al massimo a 120.000 persone. Se queste stime delle vittime fossero corrette, la forza della maggior parte delle unità da combattimento russe sarebbe scesa al di sotto del 50 percento, una cifra che gli esperti suggeriscono rende un’unità da combattimento almeno temporaneamente inefficace

Queste prime stime ora sembrano eccessivamente ottimistiche. Se fossero stati esatti, l’esercito russo avrebbe dovuto ormai essere crollato. Invece, ha ottenuto guadagni lenti ma costanti nel Donbas. Sebbene sia possibile che la teoria dell’attrito un giorno possa rivelarsi corretta, ciò sembra improbabile. Sembra che i russi abbiano subito meno perdite di quanto molti pensassero o abbiano comunque trovato un modo per mantenere molte delle loro unità in grado di combattere. In un modo o nell’altro, stanno trovando riserve, nonostante la loro dichiarata riluttanza a inviare al fronte recenti coscritti o riservisti mobilitati. E se arrivasse la spinta, potrebbero abbandonare quella riluttanza.

Se la teoria del collasso per attrito sembra aver già fallito la prova della battaglia, c’è un’altra opzione: gli ucraini potrebbero superare in astuzia i russi. Le forze ucraine potrebbero battere il nemico in una guerra meccanizzata, con carri armati, fanteria e artiglieria al seguito, proprio come Israele ha battuto i suoi nemici arabi nella Guerra dei Sei Giorni del 1967 e nella Guerra dello Yom Kippur del 1973. Né la Russia né l’Ucraina hanno sufficienti unità di combattimento meccanizzate per difendere densamente i loro vasti fronti, il che significa in linea di principio che entrambe le parti dovrebbero essere vulnerabili ad attacchi meccanizzati rapidi e violenti. Finora, tuttavia, nessuna delle due parti sembra aver fatto ricorso a tali tattiche. La Russia potrebbe scoprire di non poter concentrare le forze per tali attacchi senza essere osservata dall’intelligence occidentale e l’Ucraina potrebbe subire un controllo simile da parte dell’intelligence russa. Detto ciò, un difensore cauto come l’Ucraina potrebbe indurre il suo nemico a estendersi eccessivamente. Le forze russe potrebbero trovare i loro fianchi e le linee di rifornimento vulnerabili ai contrattacchi, come sembra essere accaduto su piccola scala intorno a Kiev nelle prime battaglie della guerra.

Ma proprio come è improbabile che l’esercito russo crolli a causa dell’attrito, è anche improbabile che perda essendo sopraffatto. I russi ora sembrano saggi per le mosse che l’Ucraina ha provato all’inizio. E sebbene i dettagli siano scarsi, i recenti contrattacchi dell’Ucraina nella regione di Kherson non sembrano comportare molte sorprese o manovre. Piuttosto, sembrano assomigliare al tipo di offensive lente e stridenti che gli stessi russi hanno organizzato nel Donbas. È improbabile che questo modello cambierà molto. Sebbene gli ucraini, poiché stanno difendendo la loro patria, siano più motivati ​​dei russi, non c’è motivo di credere che siano intrinsecamente superiori nella guerra meccanizzata. L’eccellenza in questo richiede una grande quantità di pianificazione e formazione. Sì, gli ucraini hanno tratto profitto dalla consulenza occidentale, ma l’Occidente stesso potrebbe essere fuori pratica con tali operazioni, non avendo condotto guerre meccanizzate dal 2003, quando gli Stati Uniti hanno invaso l’Iraq. E dal 2014, gli ucraini hanno concentrato i loro sforzi sulla preparazione delle forze per la difesa delle linee fortificate nel Donbas, non per la guerra mobile.

Ancora più importante, la capacità di un paese di condurre una guerra meccanizzata è correlata al suo sviluppo socioeconomico. Sono necessarie competenze sia tecniche che manageriali per mantenere in funzione migliaia di macchine e dispositivi elettronici e per coordinare in tempo reale unità di combattimento lontane e veloci. L’Ucraina e la Russia hanno popolazioni altrettanto qualificate da cui attingere i loro soldati, quindi è improbabile che la prima goda di un vantaggio nella guerra meccanizzata.

Una possibile controargomentazione è che l’Occidente potrebbe fornire all’Ucraina una tecnologia così superiore da poter battere i russi, aiutando Kiev a sconfiggere il suo nemico attraverso l’attrito o la guerra mobile. Ma anche questa teoria è fantasiosa. La Russia gode di un vantaggio di tre a uno in termini di popolazione e produzione economica, un divario che anche gli strumenti più tecnologici difficilmente riuscirebbero a colmare. Armi occidentali avanzate, come i missili guidati anticarro Javelin e NLAW, hanno probabilmente aiutato l’Ucraina a esigere un prezzo elevato dai russi. Ma finora, questa tecnologia è stata ampiamente utilizzata per sfruttare i vantaggi tattici di cui godono già i difensori: copertura, occultamento e capacità di incanalare le forze nemiche attraverso ostacoli naturali e artificiali. È molto più difficile sfruttare la tecnologia avanzata per andare in attacco contro un avversario che possiede un vantaggio quantitativo significativo, perché farlo richiede il superamento sia dei numeri superiori che dei vantaggi tattici della difesa. Nel caso dell’Ucraina, non è ovvio quale tecnologia speciale possieda l’Occidente che avvantaggia così tanto l’esercito ucraino da poter rompere le difese russe.

Per comprendere le difficoltà che l’Ucraina deve affrontare, si consideri il fallimento della Germania nazista nella sua ultima grande offensiva della seconda guerra mondiale, la battaglia delle Ardenne. Nel dicembre 1944, i tedeschi sorpresero gli alleati nella foresta delle Ardenne con una concentrazione di divisioni meccanizzate e di fanteria contro un tratto di fronte di 50 miglia scarsamente difeso. Speravano di frantumare le difese alleate in Belgio, dividere gli eserciti statunitense e britannico, prendere il porto critico di Anversa e fermare lo sforzo bellico alleato. La Wehrmacht scommise che la sua abilità nella guerra corazzata, la sua superiorità numerica locale laboriosamente assemblata e la sua tecnologia avanzata per i veicoli corazzati avrebbero superato i vantaggi combinati di cui godevano le forze armate statunitensi e britanniche in termini di manodopera, artiglieria e potenza aerea. Sebbene i tedeschi riuscissero a sorprendere e godessero di alcuni giorni di successo, l’operazione fallì presto. I comandanti occidentali capirono rapidamente cosa stava succedendo e usarono in modo efficiente la loro superiorità materiale per respingere l’avanzata. Oggi, alcuni sembrano suggerire che gli ucraini provino una strategia simile a quella tedesca per superare vincoli simili. Ma non c’è alcuna ragione convincente per credere che gli ucraini se la caverebbero meglio.

VINCERE A MOSCA?

Se Kiev non può vincere sul campo di battaglia in Ucraina, forse può ottenere una vittoria a Mosca. Questa, l’altra teoria principale della vittoria, immagina che una combinazione di logoramento sul campo di battaglia e pressione economica potrebbe suscitare una decisione da parte della Russia di porre fine alla guerra e rinunciare ai suoi guadagni.

In questa teoria, l’attrito sul campo di battaglia mobilita i familiari dei soldati russi uccisi, feriti e sofferenti contro Putin, mentre la pressione economica rende la vita dei russi medi sempre più triste. Putin vede la sua popolarità diminuire e inizia a temere che la sua carriera politica possa presto finire se non ferma la guerra. In alternativa, Putin non vede quanto velocemente l’attrito sul campo di battaglia e la privazione economica stiano minando il suo sostegno, ma altri nella sua cerchia lo fanno, e nel loro nudo interesse personale, lo depongono e forse addirittura lo giustiziano. Una volta al potere, chiedono la pace. In ogni caso, la Russia ammette la sconfitta.

Ma anche questo percorso verso la vittoria ucraina è disseminato di ostacoli. Per prima cosa, Putin è un veterano professionista dell’intelligence che presumibilmente sa molto sulle cospirazioni, incluso come difendersi da esse. Questo da solo rende sospetta una strategia di cambio di regime, anche se c’erano alcuni a Mosca che erano disposti a rischiare la vita per provarlo. Per un’altra cosa, è improbabile che la compressione dell’economia russa produca privazioni sufficienti per creare una pressione politica significativa contro Putin. L’Occidente può rendere la vita dei russi un po’ più cupa e può privare i produttori di armi russi di sofisticati sottocomponenti elettronici importati. Ma sembra improbabile che questi risultati scuotano Putin o il suo governo. La Russia è un paese vasto e popoloso, con ampi seminativi, abbondanti forniture di energia, molte altre risorse naturali e un grande, se datato, base industriale. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha tentato senza successo di strangolare l’Iran, un paese molto più piccolo e meno sviluppato ma ugualmente indipendente dal punto di vista energetico. È difficile vedere come la stessa strategia funzionerà contro la Russia.

L’effetto delle vittime sui calcoli di Putin sui propri interessi è più difficile da valutare. Ancora una volta, tuttavia, c’è motivo di essere scettici sul fatto che questo fattore lo convincerà a ritirarsi. Le grandi potenze spesso subiscono gravi perdite di guerra per anni, anche per ragioni fragili. Gli Stati Uniti lo hanno fatto in Vietnam, Afghanistan e Iraq; l’Unione Sovietica lo fece in Afghanistan. Prima dell’invasione russa a febbraio, molti in Occidente insistevano affinché gli ucraini si organizzassero per una guerriglia contro la Russia. La speranza era che questa prospettiva avrebbe scoraggiato in primo luogo un attacco russo o, in mancanza, esigesse un prezzo così alto dalle forze russe che presto sarebbero andate via. Un problema con questa strategia è che gli stessi ribelli devono soffrire molto per il privilegio di imporre un prezzo elevato ai loro occupanti. Gli ucraini potrebbero essere disposti a subire perdite dolorose in una guerra di logoramento convenzionale contro la Russia, ma non è chiaro se possano infliggere abbastanza dolore per ottenere la vittoria che desiderano.

Né è chiaro che possano sostenere tali perdite a lungo. Anche i soldati più patriottici possono perdere la pazienza se i combattimenti sembrano inutili. Se le crescenti vittime richiedessero all’Ucraina di lanciare truppe sempre meno preparate in una battaglia senza speranza, il sostegno a una guerra di logoramento a tempo indeterminato si indebolirebbe ulteriormente. Allo stesso tempo, è probabile che i russi abbiano un’elevata tolleranza al dolore. Putin ha così controllato la narrativa interna sulla sua guerra che molti cittadini russi vedono la lotta allo stesso modo in cui la vede lui, come una battaglia cruciale per la sicurezza nazionale. E la Russia ha più persone dell’Ucraina.

AL TAVOLO DELLA NEGOZIAZIONE

Nessuno può dire con certezza che l’esercito russo non possa essere colpito abbastanza duramente o abbastanza abilmente da provocarne il collasso o che la Russia non possa essere ferita abbastanza da indurre Putin alla resa. Ma questi risultati sono altamente improbabili. Al momento, il risultato più plausibile dopo mesi o anni di combattimenti è uno stallo vicino alle attuali linee di battaglia. L’Ucraina dovrebbe essere in grado di fermare l’avanzata russa, grazie alla sua forza altamente motivata, alle infusioni di supporto occidentale e ai vantaggi tattici della difesa. Eppure la Russia gode di un numero di truppe superiore e questo, oltre ai vantaggi tattici della difesa, dovrebbe consentirle di contrastare i contrattacchi ucraini progettati per invertire i suoi guadagni. In Russia, le sanzioni occidentali daranno fastidio alla popolazione e ostacoleranno lo sviluppo economico, ma l’autosufficienza dell’approvvigionamento energetico e delle materie prime del Paese dovrebbe impedire alle misure di ottenere qualcosa di più. In Occidente, intanto, le popolazioni infastidite dai danni collaterali delle sanzioni potrebbero a loro volta perdere la pazienza con la guerra. Il sostegno occidentale all’Ucraina potrebbe diventare meno generoso. Presi insieme, questi fattori indicano un risultato: un pareggio sul campo di battaglia.

Con il passare dei mesi e degli anni, Russia e Ucraina avranno entrambe sofferto molto per ottenere non molto di più di ciò che ciascuna ha già ottenuto: guadagni territoriali limitati e di Pirro per la Russia e un governo forte, indipendente e sovrano con il controllo la maggior parte del suo territorio prebellico per l’Ucraina. Ad un certo punto, quindi, i due paesi troveranno probabilmente opportuno negoziare. Entrambe le parti dovranno riconoscere che questi devono essere veri negoziati, in cui ciascuno deve rinunciare a qualcosa di valore.

Se questo è il risultato finale più probabile, allora non ha molto senso per i paesi occidentali incanalare ancora più armi e denaro in una guerra che si traduce in più morte e distruzione ogni settimana che passa. Gli alleati dell’Ucraina dovrebbero continuare a fornire le risorse di cui il paese ha bisogno per difendersi da ulteriori attacchi russi, ma non dovrebbero incoraggiarlo a spendere risorse per controffensive che probabilmente si riveleranno inutili. Piuttosto, l’Occidente dovrebbe ora avvicinarsi al tavolo dei negoziati.

Certo, la diplomazia sarebbe un esperimento dai risultati incerti. Ma lo è anche il continuo combattimento necessario per testare le teorie della vittoria ucraine e occidentali. La differenza tra i due esperimenti è che la diplomazia è a buon mercato. Oltre a tempo, biglietto aereo e caffè, i suoi unici costi sono politici. Ad esempio, i partecipanti possono trapelare dettagli dei negoziati allo scopo di screditare un campo o un altro, distruggere una particolare proposta e generare discredito politico. Tuttavia, tali costi politici impallidiscono in confronto ai costi della guerra continuata.

E quei costi potrebbero facilmente aumentare. La guerra in Ucraina potrebbe intensificarsi per includere attacchi ancora più distruttivi da entrambe le parti. Le unità russe e della NATO operano in prossimità del mare e dell’aria e sono possibili incidenti. Altri stati, come la Bielorussia e la Moldova, potrebbero essere coinvolti nella guerra, con rischi a catena per i paesi vicini della NATO. Ancora più spaventoso, la Russia possiede forze nucleari potenti e diversificate e l’imminente crollo dei suoi sforzi in Ucraina potrebbe indurre Putin a usarle.

Una soluzione negoziata alla guerra sarebbe senza dubbio difficile da raggiungere, ma i contorni di un accordo sono già visibili. Ciascuna parte dovrebbe fare dolorose concessioni. L’Ucraina dovrebbe cedere un territorio considerevole e farlo per iscritto. La Russia dovrebbe rinunciare ad alcune delle sue conquiste sul campo di battaglia e rinunciare a future rivendicazioni territoriali. Per prevenire un futuro attacco russo, l’Ucraina avrebbe sicuramente bisogno di forti assicurazioni del supporto militare statunitense ed europeo, nonché di un aiuto militare continuo (ma costituito principalmente da armi difensive, non offensive). La Russia dovrebbe riconoscere la legittimità di tali accordi. L’Occidente dovrebbe accettare di allentare molte delle sanzioni economiche che ha imposto alla Russia. La NATO e la Russia dovrebbero avviare una nuova serie di negoziati per limitare l’intensità degli schieramenti e delle interazioni militari lungo le rispettive frontiere. La leadership degli Stati Uniti sarebbe essenziale per una soluzione diplomatica. Poiché gli Stati Uniti sono il principale sostenitore dell’Ucraina e gli organizzatori della campagna di pressione economica dell’Occidente contro la Russia, possiedono la maggiore influenza sulle due parti.

È più facile enunciare questi principi che inserirli nelle disposizioni attuabili di un accordo. Ma è proprio per questo che i negoziati dovrebbero iniziare prima piuttosto che dopo. Le teorie della vittoria ucraine e occidentali sono state costruite su ragionamenti deboli. Nella migliore delle ipotesi, sono una strada costosa verso un doloroso stallo che lascia gran parte del territorio ucraino nelle mani dei russi. Se questo è il meglio che si può sperare dopo altri mesi o anni di combattimenti, allora c’è solo una cosa responsabile da fare: cercare una fine diplomatica alla guerra ora.

https://www.foreignaffairs.com/articles/ukraine/2022-07-08/ukraines-implausible-theories-victory?utm_medium=newsletters&utm_source=fatoday&utm_campaign=Ukraine%E2%80%99s%20Implausible%20Theories%20of%20Victory&utm_content=20220708&utm_term=FA%20Today%20-%20112017

La fine della globalizzazione?_di Adam S. Posen

Apparentemente un auspicio al ritorno dei fasti della globalizzazione degli anni ’90. Fasti per alcuni, ma tragedie per altri. In realtà una presa d’atto dei cambiamenti in corso, con un confezionamento della nuova realtà con lo stesso guardaroba. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Cosa significa la guerra della Russia in Ucraina per l’economia mondiale

Nelle ultime tre settimane, l’economia russa è stata travolta dalle sanzioni. Subito dopo che il Cremlino ha invaso l’Ucraina, l’Occidente ha iniziato a sequestrare i beni degli individui più ricchi vicini al presidente russo Vladimir Putin, ha proibito i voli russi nel suo spazio aereo e ha limitato l’accesso dell’economia russa alla tecnologia importata. In modo più drammatico, gli Stati Uniti ei loro alleati hanno congelato le attività di riserva della banca centrale russa e hanno escluso la Russia non solo dal sistema di pagamenti finanziari SWIFT, ma dalle istituzioni di base della finanza internazionale, comprese tutte le banche estere e il Fondo monetario internazionale. Come risultato delle azioni dell’Occidente, il valore del rublo è crollato, sono cresciute carenze in tutta l’economia russa e il governo sembra essere vicino all’insolvenza sul suo debito in valuta estera. L’opinione pubblica – e il timore di essere colpiti dalle sanzioni – ha costretto le imprese occidentali a fuggire in massa dal Paese. Presto la Russia non sarà in grado di produrre beni di prima necessità né per la difesa né per i consumatori perché mancherà di componenti critici.

La risposta del mondo democratico all’aggressione di Mosca e ai crimini di guerra è giusta, sia eticamente che per motivi di sicurezza nazionale. Questo è più importante dell’efficienza economica. Ma queste azioni hanno conseguenze economiche negative che andranno ben oltre il collasso finanziario della Russia, che persisteranno e che non sono belle. Negli ultimi 20 anni, due tendenze hanno già corrotto la globalizzazione di fronte alla sua presunta marcia incessante. In primo luogo, populisti e nazionalisti hanno eretto barriere al libero scambio, agli investimenti, all’immigrazione e alla diffusione delle idee, specialmente negli Stati Uniti . In secondo luogo, la sfida di Pechino al sistema economico internazionale basato su regole e agli accordi di sicurezza di lunga data in Asia ha incoraggiato l’Occidente a erigere barriere all’integrazione economica cinese. L’invasione russa e le conseguenti sanzioni renderanno questa corrosione ancora peggiore.

Ci sono diversi motivi per cui. In primo luogo, la Cina sta tentando di affrontare una risposta non conflittuale all’invasione russa. Sia il suo sistema finanziario che la sua economia reale stanno osservando le sanzioni a causa della potenziale ritorsione economica se finanziano o forniscono la Russia, per non parlare del salvataggio di Mosca. Ma qualsiasi cosa che non si aderirà pienamente al blocco alimenterà le politiche anticinesi in Occidente, riducendo l’integrazione economica del Paese. In secondo luogo, i paesi temono di essere soggetti ai capricci della potenza economica di Washington, ora che si è innamorata di nuovo del suo potere apparente. In questo momento, le azioni economiche degli Stati Uniti potrebbero essere giuste e potrebbero esserci pochi rischi che i paesi che non invadono l’Ucraina finiscano dalla parte sbagliata delle politiche statunitensi. Ma la prossima volta, gli Stati Uniti potrebbero essere più egoisti o capricciosi.

Infine, i danni che le sanzioni stanno arrecando all’economia russa e i costi sostanziali per l’Europa centrale se la Russia interrompe il suo accesso al gas naturale e al petrolio in risposta potrebbero indurre i governi a perseguire l’autosufficienza e a districarsi dai legami economici. Ironia della sorte, questo sarà controproducente. L’attuale forte contrazione economica della Russia mostra quanto sia difficile per gli stati prosperare senza interdipendenza economica, anche quando cercano di ridurre al minimo la loro vulnerabilità percepita. Inoltre, i tentativi della Russia di rendersi economicamente indipendenti hanno effettivamente reso più probabile che fosse soggetta a sanzioni, perché l’Occidente non doveva rischiare tanto per imporle.Ma ciò non impedirà a molti governi di cercare di ritirarsi in angoli separati, cercando di proteggersi ritirandosi dall’economia globale.

Gli esperti, ovviamente, hanno gridato al lupo per tali divisioni per anni e i paesi più piccoli che tentano di autoisolarsi non saranno in grado di avere successo. Ma ora sembra probabile che l’economia mondiale si dividerà davvero in blocchi – uno orientato verso la Cina e uno attorno agli Stati Uniti, con l’Unione Europea principalmente ma non interamente in quest’ultimo campo – ciascuno dei quali tenterà di isolarsi e quindi di diminuire l’influenza dell’altro . Le conseguenze economiche per il mondo saranno immense e i responsabili politici dovranno riconoscerle e quindi compensarle il più possibile.

IL DOLLARO RESTA

Nonostante tutti i discorsi sulla “armamento della finanza”, le sanzioni impiegate contro la Russia sono state efficaci solo perché l’alleanza internazionale che le ha imposte è stata ampia e impegnata. Il congelamento delle riserve della Banca centrale russa, ad esempio, funziona solo se la maggior parte del sistema finanziario mondiale è d’accordo a farlo. È l’alleanza, non la finanza, che conta. Poiché l’alleanza anti-russa contiene tutte le principali istituzioni finanziarie tranne le banche cinesi – e poiché le banche cinesi non vogliono essere escluse da quel sistema – le sanzioni finanziarie non porteranno a nessun cambiamento fondamentale nell’ordine monetario o finanziario mondiale.

Le economie che si sentono minacciate da Washington hanno ora un incentivo a spostare le loro riserve dalle partecipazioni negli Stati Uniti. In teoria, questo è sempre stato un freno all’uso eccessivo del potere finanziario da parte di Washington; se il paese sanziona troppo frequentemente, potrebbe indurre altri stati a proporre alternative migliori al dollaro e al sistema di pagamento che lo circonda. E a lunghissimo termine, un’economia mondiale divisa sotto la minaccia di sanzioni si piegherà in quella direzione. Ma nel frattempo, ciò che la Russia dimostra è che la diversificazione in euro, yuan e persino oro non aiuterà gli stati se gli altri partecipanti al mercato hanno paura di essere esclusi dal sistema del dollaro, perché non ci sarà nessun altro soggetto da vendere le loro riserve a.

Lo yuan cinese farà fatica a diventare un’importante alternativa al dollaro, anche per le economie del blocco di Pechino. Finché la Cina impedisce alle persone di prelevare liberamente beni dal suo sistema finanziario nazionale, gli investitori e persino le banche centrali che lo adottano scambierebbero semplicemente le minacce di sanzioni di Washington con quelle di Pechino. Pechino potrebbe aggirare questo problema rendendo lo yuan liberamente convertibile, piuttosto che strettamente controllato. Ma se ciò accadesse, è probabile che il valore dello yuan diminuisca drasticamente per un lungo periodo, come è accaduto dal 2015 al 2016, quando la Cina ha aperto temporaneamente il suo conto capitale, perché miliardi di persone che detengono i propri risparmi in Cina cercano disperatamente di diversificare i propri portafogli spostando le proprie attività altrove alla ricerca di rendimenti più elevati. La Cina potrebbe, ovviamente, diventare la valuta di riserva per le piccole economie che domina e per gli stati paria, paesi senza una reale alternativa. Ma questo farebbe ben poco per diversificare o creare rendimenti preferenziali per i risparmi cinesi e potrebbe ritorcersi contro, impigliando il sistema finanziario cinese nell’instabilità finanziaria di altri stati.

Ciò non significa che nulla cambierà finanziariamente. Più le divisioni economiche sono amplificate dalle divisioni di hard power, più i governi allineeranno i loro sistemi finanziari con il loro principale protettore militare. I peg dei tassi di cambio tendono a seguire le alleanze militari (come ho stabilito nel 2008). Il mondo lo ha visto in tutta l’Africa, l’America Latina e l’Asia meridionale durante la Guerra Fredda, quando i governi hanno spostato l’obiettivo dei loro obiettivi di cambio o ancoraggi valutari durante il riallineamento tra l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti. Ma sebbene ciò possa significare che alcuni paesi entrano ed escono dalla zona de facto del dollaro, non creerà una valuta alternativa che sia attraente alle sue stesse condizioni.

CADERE A PEZZI

L’invasione e le sanzioni, quindi, non comporteranno enormi cambiamenti finanziari per l’economia globale. Ma accelereranno la corrosione della globalizzazione già in atto , un processo che avrà ampi impatti. Con una minore interconnessione economica, il mondo vedrà una crescita tendenziale inferiore e una minore innovazione. Le aziende e le industrie storiche nazionali avranno più potere di richiedere protezioni speciali. Complessivamente, i rendimenti reali sugli investimenti effettuati da famiglie e società diminuiranno.

Per capire perché questo accade, considera cosa potrebbe accadere alle catene di approvvigionamento. Attualmente, la maggior parte delle aziende industriali e dei rivenditori acquista ogni input chiave o passaggio nei loro processi di produzione da uno o pochi luoghi separati. C’era una potente logica economica per creare catene di approvvigionamento globali in questo modo, con relativamente pochi esuberi: non solo hanno risparmiato sui costi incoraggiando le aziende e le fabbriche a specializzarsi, ma hanno anche aumentato la scala della produzione e fornito vantaggi di marketing e informazione locali. Ma date le attuali realtà geopolitiche e pandemiche, queste catene del valore globali potrebbero non valere più il rischio di fare affidamento su punti di strozzatura specifici, in particolare se quei punti si trovano in paesi politicamente instabili o inaffidabili. Le multinazionali, con l’incoraggiamento del governo, assicurerà razionalmente contro i problemi costruendo catene di approvvigionamento ridondanti in luoghi più sicuri. Come ogni forma di assicurazione, questa proteggerà da alcuni rischi al ribasso, ma sarà un costo diretto che non produrrà ritorni economici immediati.

Nel frattempo, se le aziende cinesi e statunitensi non devono più affrontare la concorrenza l’una dell’altra (o di società al di fuori del loro blocco economico), è più probabile che siano inefficienti e che i consumatori abbiano meno probabilità di ottenere la stessa varietà e affidabilità che fanno attualmente. Quando quel consumatore è il governo, è ancora più probabile che le imprese nazionali protette si impegnino in sprechi e frodi, perché ci sarà meno concorrenza per gli appalti pubblici. Aggiungiamo il nazionalismo e la paura delle minacce alla sicurezza nazionale, e sarà facile per tali aziende mascherarsi di patriottismo e portarlo fino alla banca, sapendo di essere politicamente troppo grandi per fallire. C’è un motivo per cui è più probabile che le economie chiuse subiscano la corruzione.

Il mondo vedrà una crescita inferiore e una minore innovazione.

Gli analisti possono già vederlo all’opera negli impegni apparentemente patriottici del presidente Joe Biden e dell’ex presidente Donald Trump di “onshoring” la produzione, il trasferimento delle catene di approvvigionamento che producono beni statunitensi in modo che abbiano luogo negli Stati Uniti. Stanno usando la sicurezza nazionale e l’orgoglio per giustificare politiche che sminuiscono sia la difesa nazionale che l’85% e più dei lavoratori statunitensi non impiegati nell’industria pesante. Il feticismo della produzione nazionale sull’avanzamento del commercio transfrontaliero di servizi e reti è particolarmente ironico, dato che questi ultimi settori sono ciò che ha veramente avvantaggiato l’Occidente rispetto alla Russia nell’attuazione di sanzioni efficaci e ciò che ha scoraggiato le imprese cinesi dal salvare la Russia.

Allo stesso modo, la corrosione della globalizzazione avrà conseguenze negative per la tecnologia. L’innovazione è più rapida e comune quando il pool globale di talenti scientifici è coinvolto e può scambiare idee e condividere prove, o confutazioni, di concetti. Ma c’è una ragione politicamente convincente per gli stati per cercare di assicurarsi che solo gli alleati abbiano accesso alla loro tecnologia, anche se le restrizioni sono di dubbia rilevanza militare (in un mondo di cyberspionaggio, è facile acquisire progetti tecnologici). Il probabile risultato sarà un declino dell’innovazione, poiché gli Stati Uniti e altri istituti di ricerca occidentali si privano di molti studenti e scienziati cinesi e russi di talento.

L’intensificarsi della corrosione della globalizzazione diminuirà ulteriormente il rendimento del capitale nell’economia mondiale, e lo farà su ogni lato del divario economico. Ci saranno nuovi limiti su dove le persone possono investire i propri risparmi, riducendo la gamma di diversificazione e rendimenti medi. La paura e il nazionalismo probabilmente aumenteranno il desiderio delle persone di investimenti sicuri a casa, in titoli governativi o garantiti pubblicamente. I governi uniranno anche argomenti di sicurezza nazionale con misure di stabilità fiscale e finanziaria progettate per incoraggiare fortemente gli investimenti nel proprio debito pubblico, come fanno durante le guerre.

LA CONNESSIONE CONTINENTALE

C’è un effetto collaterale economico benefico per le crescenti divisioni globali: l’Unione Europea è incoraggiata a unificare più delle sue politiche economiche. Il blocco sta mettendo a disposizione risorse congiunte per condividere l’onere finanziario del massiccio afflusso di profughi ucraini in arrivo in Polonia e in altri membri orientali. Per pagare queste misure vengono emesse obbligazioni europee, piuttosto che i debiti dei singoli Stati membri.

L’Unione Europea o la zona euro potrebbero emettere più debito pubblico europeo in futuro, il che aiuterebbe ulteriormente l’economia globale. L’invasione russa rafforza il fatto che questo è un mondo di bassi rendimenti e molti investitori hanno un forte desiderio di sicurezza. Creando risorse più sicure per loro, l’UE e la zona euro possono assorbire alcuni risparmi avversi al rischio, migliorando la stabilità finanziaria.

Una maggiore unità dell’UE creerà anche nuove opportunità di crescita. Guidati dal cancelliere tedesco Olaf Scholz , quasi tutti i membri dell’UE hanno assunto un impegno pluriennale per aumentare la spesa per la difesa e un maggiore investimento pubblico per ridurre rapidamente la dipendenza del continente dai combustibili fossili russi. Entrambi questi investimenti faranno molto per porre fine al free-riding dell’Europa su Stati Uniti e Cina per la crescita; dare all’economia globale un altro motore aiuterà a bilanciare gli alti e bassi del ciclo economico, stabilizzando il mondo contro le recessioni. Eviterà inoltre alle economie in più rapida crescita di accumulare debito estero come hanno fatto quando la Germania e altre economie europee in eccedenza hanno esportato prodotti ma non sono riusciti a consumare.

Queste iniziative aiuteranno, in particolare, la stessa zona euro. Una delle cause principali della crisi dell’euro dieci anni fa sono stati gli squilibri tra le economie dell’euro causati dall’austerità tedesca. Aumentando la domanda interna tedesca, i membri meridionali dell’eurozona saranno in grado di estinguere parte del loro debito attraverso l’aumento delle esportazioni piuttosto che dover tagliare salari e importazioni per effettuare i loro pagamenti. Ciò dovrebbe rafforzare la redditività a lungo termine dell’euro, nonché aumentarne l’attrattiva per potenziali nuovi membri nell’Europa orientale e gestori di riserve in tutto il mondo. Un euro meno soggetto a tensioni e preoccupazioni interne avrà anche un valore più elevato e più stabile, che a sua volta ridurrà le tensioni commerciali con gli Stati Uniti.

UNA VERITÀ SCOMODA

Sfortunatamente, l’invasione russa si rivelerà molto meno gentile con il mondo in via di sviluppo. Gli aumenti dei prezzi di cibo ed energia stanno già danneggiando i cittadini degli stati più poveri e l’ impatto economico della corrosiva globalizzazione sarà ancora peggiore. Se i paesi a basso reddito sono costretti a scegliere da che parte stare al momento di decidere dove ottenere i loro aiuti e investimenti diretti esteri, le opportunità per i loro settori privati ​​si ridurranno. Le aziende all’interno di questi paesi diventeranno sempre più dipendenti dai guardiani del governo in patria e all’estero. E poiché gli Stati Uniti e altri paesi aumenteranno il ricorso alle sanzioni, è meno probabile che le aziende investano in queste economie. Le società multinazionali ansiose vogliono evitare l’obbrobrio degli Stati Uniti, e quindi rinunceranno a investire in luoghi che considerano dotati di una trasparenza inaffidabile.

La parte più triste di questo è che si aggiunge alla risposta ineguale del mondo al COVID-19, in cui i paesi ad alto reddito non hanno fornito abbastanza vaccini e forniture mediche al mondo in via di sviluppo. Questo disprezzo politico per il benessere delle popolazioni a basso reddito a livello globale cambia materialmente le condizioni economiche sul terreno. Ciò a sua volta fornisce una giustificazione commerciale per il settore privato per non investire in quelle economie. L’unico modo per uscire da questo ciclo è attraverso investimenti pubblici e un trattamento equo e imposto. La divisione tra le principali economie, tuttavia, rischia di rendere tali investimenti nei paesi in via di sviluppo insufficienti, inaffidabili e erogati arbitrariamente.

Aiutare le economie povere non è l’unico obiettivo di sviluppo a lungo termine che l’invasione russa mette a rischio. Per sopravvivere, le società di tutto il mondo dovranno mitigare e adattarsi ai cambiamenti climatici, ma il ruolo fondamentale di Russia e Ucraina nell’approvvigionamento energetico globale invia forze contraddittorie che renderanno la transizione energetica più impegnativa. Allo stesso tempo, i politici occidentali chiedono l’allontanamento dai gas serra e sostengono una maggiore esplorazione di combustibili fossili al di fuori della Russia. Gli stati vogliono prevenire la contraffazione dei prezzi, tagliare le tasse sull’energia e compensare le famiglie per i prezzi più elevati del gas, ma vogliono anche aumentare gli incentivi per espandere la produzione di energia più verde e ridurre i consumi, che richiedono prezzi più alti. I compromessi vanno oltre il cambiamento climatico. Le democrazie vogliono costruire alleanze attorno a valori liberali e mercati più liberi,

Alla base di tutto questo c’è una scomoda realtà: per rallentare l’aumento delle temperature, il mondo ha bisogno di un’azione collettiva internazionale, anche dalla Cina. L’alleanza delle democrazie non può farcela da sola. I governi cinese e statunitense, a volte, sono stati in grado di compiere progressi congiunti sulle iniziative sul clima anche mentre erano in conflitto su altre questioni, e sia il presidente cinese Xi Jinping che Biden hanno affermato di volerlo fare di nuovo. Ma diventerà più difficile man mano che ogni paese si ritirerà in un blocco separato. Nel frattempo, poiché la corrosione della globalizzazione riduce il ritmo dell’innovazione limitando la collaborazione nella ricerca, diventerà anche più difficile per gli scienziati elaborare un deus ex machina in grado di salvare il pianeta.

RACCOGLIERE I PEZZI

Fermare la corrosione della globalizzazione era già difficile e l’invasione russa dell’Ucraina lo rende più difficile. Mentre i politici negli Stati Uniti e altrove raccolgono false narrazioni su come l’apertura economica sia dannosa per i lavoratori, l’invasione russa e le sanzioni che ne derivano spingono la Cina e gli Stati Uniti ad allontanarsi ulteriormente.

Ma i politici non sono impotenti. Le sanzioni finanziarie alla Russia erano così potenti perché imposte da una forte alleanza di democrazie a reddito più elevato. Se Australia, Giappone, Corea del Sud, Regno Unito, Stati Uniti, Unione Europea e altre importanti economie di mercato possono incanalare lo stesso potere che hanno usato per punire la Russia per aiutare l’economia, possono riparare l’erosione, forse incoraggiando la Cina a rimanere connessa anche lei.

Per fare ciò, i funzionari devono perseguire un’ampia gamma di politiche. Possono iniziare creando un mercato comune tra le democrazie che sia il più ampio e profondo possibile, anche per beni, servizi e persino opportunità di lavoro. Devono creare standard comuni per controllare gli investimenti privati ​​transfrontalieri per motivi di sicurezza nazionale e diritti umani. Dovrebbero creare un campo di gioco relativamente uniforme tra gli alleati in grado di promuovere una sana concorrenza, che ridurrebbe i peggiori effetti collaterali del nazionalismo economico: corruzione, radicamento degli operatori storici e spreco. I responsabili politici devono anche creare un fronte di investimento pubblico duraturo e pluriennale in tutta l’alleanza occidentale, che ridurrebbe gli squilibri tra le economie e aumenterebbe il rendimento complessivo degli investimenti.

Le democrazie mondiali non possono invertire ogni divisione corrosiva nell’economia globale causata dall’aggressione russa e dalla tacita approvazione della Cina. Non dovrebbero volerlo; alcune forme di violenza devono essere affrontate con l’isolamento economico. Ma possono compensare molte delle perdite, stabilizzando il pianeta nel processo.

https://www.foreignaffairs.com/articles/world/2022-03-17/end-globalization

Una strategia per i modelli di alleanza_Di Bruce Jones

Si pensa di raccogliere i cocci o almeno una parte di essi provocati dall’illusione dell’avvento di un’era unipolare. Le idee appaiono tante, però generiche e confuse. Seguiremo gli sviluppi. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Imparare a convivere con paesi che si rifiutano di schierarsi con l’Ucraina

Lo scontro di civiltà? Di Samuel P. Huntington

Un importante e significativo articolo apparso nel 1993. Concomitante con la breve illusione di un dominio unipolare statunitense, ha avviato un intenso dibattito sul nuovo mondo in procinto di sorgere dalle ceneri del sistema bipolare. Nel giro di pochi mesi, però, la narrazione dominante fece scomparire il punto interrogativo dal titolo del saggio, travisandone in buona parte il senso. Quello che avrebbe potuto essere uno spunto proficuo di riflessione sul rapporto tra i panismi e la storia e la territorialità che lega l’azione politica si è rapidamente trasformato in una interpretazione schematica tesa ad affermare la superiorità di un sistema in grado di unificare il mondo. Non fu certo un caso. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Lo scontro di civiltà?

IL PROSSIMO MODELLO DI CONFLITTO

La politica mondiale sta entrando in una nuova fase e gli intellettuali non hanno esitato a proliferare visioni di ciò che sarà: la fine della storia, il ritorno delle tradizionali rivalità tra stati nazione e il declino dello stato nazione dalle spinte contrastanti del tribalismo e globalismo, tra gli altri. Ognuna di queste visioni coglie aspetti della realtà emergente. Eppure a tutti loro manca un aspetto cruciale, anzi centrale, di ciò che probabilmente sarà la politica globale nei prossimi anni.

È mia ipotesi che la fonte fondamentale del conflitto in questo nuovo mondo non sarà principalmente ideologica o principalmente economica. Le grandi divisioni tra l’umanità e la fonte dominante del conflitto saranno culturali. Gli stati nazione rimarranno gli attori più potenti negli affari mondiali, ma i principali conflitti della politica globale si verificheranno tra nazioni e gruppi di diverse civiltà. Lo scontro di civiltà dominerà la politica globale. Le linee di frattura tra le civiltà saranno le linee di battaglia del futuro.

Il conflitto tra civiltà sarà l’ultima fase nell’evoluzione del conflitto nel mondo moderno. Per un secolo e mezzo dopo l’emergere del moderno sistema internazionale con la pace di Westfalia, i conflitti del mondo occidentale furono in gran parte tra principi: imperatori, monarchi assoluti e monarchi costituzionali che tentavano di espandere le loro burocrazie, i loro eserciti, la loro attività economica mercantilista forza e, soprattutto, il territorio che governavano. Nel processo crearono stati nazione e, a partire dalla Rivoluzione francese, le principali linee di conflitto erano tra le nazioni piuttosto che tra i principi. Nel 1793, come disse RR Palmer, “Le guerre dei re erano finite; le guerre dei popoli erano iniziate”. Questo modello del diciannovesimo secolo durò fino alla fine della prima guerra mondiale. Poi, come risultato della Rivoluzione russa e della reazione contro di essa, il conflitto delle nazioni cedette al conflitto di ideologie, prima tra comunismo, fascismo-nazismo e democrazia liberale, e poi tra comunismo e democrazia liberale. Durante la Guerra Fredda, quest’ultimo conflitto si concretizzò nella lotta tra le due superpotenze, nessuna delle quali era uno stato nazione nel senso classico europeo e ognuna delle quali definiva la propria identità in termini di propria ideologia.

Questi conflitti tra principi, stati nazione e ideologie erano principalmente conflitti all’interno della civiltà occidentale, “guerre civili occidentali”, come le ha definite William Lind. Questo era vero per la Guerra Fredda come lo era per le guerre mondiali e le prime guerre del diciassettesimo, diciottesimo e diciannovesimo secolo. Con la fine della Guerra Fredda, la politica internazionale esce dalla sua fase occidentale e il suo fulcro diventa l’interazione tra l’Occidente e le civiltà non occidentali e tra le civiltà non occidentali. Nella politica delle civiltà, i popoli ei governi delle civiltà non occidentali non rimangono più gli oggetti della storia come bersagli del colonialismo occidentale, ma si uniscono all’Occidente come motori e plasmatori della storia.

LA NATURA DELLE CIVILTÀ

Durante la guerra fredda il mondo era diviso in Primo, Secondo e Terzo Mondo. Tali divisioni non sono più rilevanti. È molto più significativo ora raggruppare i paesi non in termini di sistemi politici o economici o in termini di livello di sviluppo economico, ma piuttosto in termini di cultura e civiltà.

Cosa intendiamo quando parliamo di civiltà? Una civiltà è un’entità culturale. Villaggi, regioni, gruppi etnici, nazionalità, gruppi religiosi, hanno tutti culture distinte a diversi livelli di eterogeneità culturale. La cultura di un villaggio dell’Italia meridionale può essere diversa da quella di un villaggio dell’Italia settentrionale, ma entrambi condivideranno una cultura italiana comune che li distingue dai villaggi tedeschi. Le comunità europee, a loro volta, condivideranno caratteristiche culturali che le distinguono dalle comunità arabe o cinesi. Arabi, cinesi e occidentali, tuttavia, non fanno parte di alcuna entità culturale più ampia. Costituiscono civiltà. Una civiltà è quindi il più alto raggruppamento culturale di persone e il più ampio livello di identità culturale che le persone hanno a corto di ciò che distingue gli esseri umani dalle altre specie. È definito sia da elementi oggettivi comuni, come la lingua, la storia, la religione, i costumi, le istituzioni, sia dall’autoidentificazione soggettiva delle persone. Le persone hanno livelli di identità: un residente a Roma può definirsi con vari gradi di intensità un romano, un italiano, un cattolico, un cristiano, un europeo, un occidentale. La civiltà a cui appartiene è il livello più ampio di identificazione con cui si identifica intensamente. Le persone possono e lo fanno ridefinire le loro identità e, di conseguenza, la composizione ei confini delle civiltà cambiano. un europeo, un occidentale. La civiltà a cui appartiene è il livello più ampio di identificazione con cui si identifica intensamente. Le persone possono e lo fanno ridefinire le loro identità e, di conseguenza, la composizione ei confini delle civiltà cambiano. un europeo, un occidentale. La civiltà a cui appartiene è il livello più ampio di identificazione con cui si identifica intensamente. Le persone possono e lo fanno ridefinire le loro identità e, di conseguenza, la composizione ei confini delle civiltà cambiano.

Le civiltà possono coinvolgere un gran numero di persone, come con la Cina (“una civiltà che finge di essere uno stato”, come diceva Lucian Pye), o un numero molto piccolo di persone, come i Caraibi anglofoni. Una civiltà può includere diversi stati nazione, come nel caso delle civiltà occidentali, latinoamericane e arabe, o solo uno, come nel caso della civiltà giapponese. Le civiltà ovviamente si fondono e si sovrappongono e possono includere subciviltà. La civiltà occidentale ha due varianti principali, europea e nordamericana, e l’Islam ha le sue suddivisioni arabe, turche e malesi. Le civiltà sono comunque entità significative e, sebbene i confini tra loro siano raramente netti, sono reali. Le civiltà sono dinamiche; salgono e scendono; si dividono e si fondono. E, come ogni studioso di storia sa,

Gli occidentali tendono a pensare agli stati nazione come ai principali attori negli affari globali. Lo sono stati, tuttavia, solo per pochi secoli. I tratti più ampi della storia umana sono stati la storia delle civiltà. In A Study of History , Arnold Toynbee ha identificato 21 grandi civiltà; solo sei di loro esistono nel mondo contemporaneo.

PERCHE’ LE CIVILTA’ SI SCONTRANNO

L’identità della civiltà sarà sempre più importante in futuro e il mondo sarà modellato in larga misura dalle interazioni tra sette o otto principali civiltà. Questi includono civiltà occidentale, confuciana, giapponese, islamica, indù, slavo-ortodossa, latinoamericana e forse africana. I conflitti più importanti del futuro si verificheranno lungo le faglie culturali che separano queste civiltà l’una dall’altra.

Perché sarà così?

Primo, le differenze tra le civiltà non sono solo reali; sono basilari. Le civiltà si differenziano l’una dall’altra per storia, lingua, cultura, tradizione e, soprattutto, religione. Le persone di diverse civiltà hanno opinioni diverse sulle relazioni tra Dio e l’uomo, l’individuo e il gruppo, il cittadino e lo stato, genitori e figli, marito e moglie, nonché opinioni diverse sull’importanza relativa dei diritti e delle responsabilità, libertà e autorità, uguaglianza e gerarchia. Queste differenze sono il prodotto di secoli. Non scompariranno presto. Sono molto più fondamentali delle differenze tra ideologie politiche e regimi politici. Le differenze non significano necessariamente conflitto e conflitto non significa necessariamente violenza. Nel corso dei secoli, però,

In secondo luogo, il mondo sta diventando un posto più piccolo. Le interazioni tra popoli di diverse civiltà sono in aumento; queste interazioni crescenti intensificano la coscienza della civiltà e la consapevolezza delle differenze tra le civiltà e dei punti in comune all’interno delle civiltà. L’immigrazione nordafricana in Francia genera ostilità tra i francesi e allo stesso tempo una maggiore ricettività all’immigrazione da parte dei “buoni” polacchi cattolici europei. Gli americani reagiscono in modo molto più negativo agli investimenti giapponesi che ai maggiori investimenti dal Canada e dai paesi europei. Allo stesso modo, come Donald Horowitz ha sottolineato: “Un Ibo potrebbe essere… un Owerri Ibo o un Onitsha Ibo in quella che era la regione orientale della Nigeria. A Lagos, è semplicemente un Ibo. A Londra è nigeriano. A New York è africano”.

In terzo luogo, i processi di modernizzazione economica e cambiamento sociale in tutto il mondo stanno separando le persone dalle identità locali di lunga data. Indeboliscono anche lo stato nazione come fonte di identità. In gran parte del mondo la religione è intervenuta per colmare questa lacuna, spesso sotto forma di movimenti etichettati come “fondamentalisti”. Tali movimenti si trovano nel cristianesimo occidentale, nel giudaismo, nel buddismo e nell’induismo, nonché nell’Islam. Nella maggior parte dei paesi e nella maggior parte delle religioni le persone attive nei movimenti fondamentalisti sono giovani, diplomati, tecnici della classe media, professionisti e uomini d’affari. La “non secolarizzazione del mondo”, ha osservato George Weigel, “è uno dei fatti sociali dominanti della vita alla fine del ventesimo secolo”. La rinascita della religione, “la revanche de Dieu”,

In quarto luogo, la crescita della coscienza della civiltà è accresciuta dal duplice ruolo dell’Occidente. Da un lato, l’Occidente è al culmine del potere. Allo stesso tempo, però, e forse di conseguenza, si sta verificando un fenomeno di ritorno alle radici tra le civiltà non occidentali. Sempre più spesso si sentono riferimenti alle tendenze verso l’introspezione e alla “asiatizzazione” in Giappone, la fine dell’eredità di Nehru e l'”induizzazione” dell’India, il fallimento delle idee occidentali di socialismo e nazionalismo e quindi la “re-islamizzazione” del Medio Est, e ora un dibattito sull’occidentalizzazione contro la russizzazione nel paese di Boris Eltsin. Un Occidente al culmine del suo potere si confronta con i non occidentali che hanno sempre più il desiderio, la volontà e le risorse per plasmare il mondo in modi non occidentali.

In passato, le élite delle società non occidentali erano solitamente le persone più coinvolte con l’Occidente, avevano studiato a Oxford, alla Sorbona oa Sandhurst e avevano assorbito atteggiamenti e valori occidentali. Allo stesso tempo, la popolazione dei paesi non occidentali è rimasta spesso profondamente imbevuta della cultura indigena. Ora, tuttavia, queste relazioni vengono invertite. Una de-occidentalizzazione e indigenizzazione delle élite si sta verificando in molti paesi non occidentali nello stesso momento in cui le culture, gli stili e le abitudini occidentali, solitamente americane, diventano più popolari tra la massa della gente.

Quinto, le caratteristiche e le differenze culturali sono meno mutevoli e quindi meno facilmente compromesse e risolte rispetto a quelle politiche ed economiche. Nell’ex Unione Sovietica i comunisti possono diventare democratici, i ricchi possono diventare poveri ei poveri ricchi, ma i russi non possono diventare estoni e gli azeri non possono diventare armeni. Nei conflitti di classe e ideologici, la domanda chiave era “Da che parte stai?” e le persone potevano e hanno fatto scegliere da che parte stare e cambiare schieramento. Nei conflitti tra civiltà, la domanda è “Cosa sei?” Questo è un dato che non può essere cambiato. E come sappiamo, dalla Bosnia al Caucaso al Sudan, la risposta sbagliata a questa domanda può significare una pallottola in testa. Ancor più dell’etnia, la religione discrimina nettamente ed esclusivamente tra le persone. Una persona può essere metà francese e metà araba e contemporaneamente anche cittadina di due paesi. È più difficile essere per metà cattolici e per metà musulmani.

Infine, il regionalismo economico è in aumento. Le proporzioni del commercio totale intraregionale sono aumentate tra il 1980 e il 1989 dal 51% al 59% in Europa, dal 33% al 37% in Asia orientale e dal 32% al 36% in Nord America. È probabile che l’importanza dei blocchi economici regionali continui ad aumentare in futuro. Da un lato, il successo del regionalismo economico rafforzerà la coscienza della civiltà. D’altra parte, il regionalismo economico può avere successo solo quando è radicato in una civiltà comune. La Comunità Europea poggia sulle fondamenta condivise della cultura europea e del cristianesimo occidentale. Il successo dell’area di libero scambio nordamericana dipende dalla convergenza in corso delle culture messicana, canadese e americana. Il Giappone, al contrario, incontra difficoltà nel creare un’entità economica comparabile nell’Asia orientale perché il Giappone è una società e una civiltà uniche a se stesso. Per quanto forti siano i legami commerciali e di investimento che il Giappone può svilupparsi con altri paesi dell’Asia orientale, le sue differenze culturali con quei paesi inibiscono e forse precludono la sua promozione dell’integrazione economica regionale come quella in Europa e Nord America.

La cultura comune, al contrario, sta chiaramente facilitando la rapida espansione delle relazioni economiche tra la Repubblica popolare cinese e Hong Kong, Taiwan, Singapore e le comunità cinesi d’oltremare in altri paesi asiatici. Con la fine della Guerra Fredda, le comunanze culturali superano sempre più le differenze ideologiche e la Cina continentale e Taiwan si avvicinano. Se la comunanza culturale è un prerequisito per l’integrazione economica, è probabile che il principale blocco economico dell’Asia orientale del futuro sarà incentrato sulla Cina. Questo blocco, infatti, sta già nascendo. Come ha osservato Murray Weidenbaum,

Nonostante l’attuale predominio giapponese nella regione, l’economia cinese dell’Asia sta rapidamente emergendo come un nuovo epicentro per l’industria, il commercio e la finanza. Questa area strategica contiene notevoli quantità di tecnologia e capacità manifatturiere (Taiwan), eccezionale acume imprenditoriale, marketing e servizi (Hong Kong), una rete di comunicazione raffinata (Singapore), un enorme pool di capitale finanziario (tutti e tre) e dotazioni molto grandi di terra, risorse e lavoro (Cina continentale)… Da Guangzhou a Singapore, da Kuala Lumpur a Manila, questa rete influente, spesso basata sull’estensione dei clan tradizionali, è stata descritta come la spina dorsale dell’economia dell’Asia orientale. [1]

Cultura e religione sono anche alla base dell’Organizzazione per la cooperazione economica, che riunisce dieci paesi musulmani non arabi: Iran, Pakistan, Turchia, Azerbaigian, Kazakistan, Kirghizistan, Turkmenistan, Tagikistan, Uzbekistan e Afghanistan. Un impulso alla rinascita e all’espansione di questa organizzazione, fondata originariamente negli anni ’60 da Turchia, Pakistan e Iran, è la consapevolezza, da parte dei leader di molti di questi paesi, di non avere alcuna possibilità di ammissione alla Comunità Europea. Allo stesso modo, Caricom, il Mercato comune centroamericano e il Mercosur poggiano su basi culturali comuni. Gli sforzi per costruire una più ampia entità economica caraibico-centroamericana che colmi il divario anglo-latino, tuttavia, sono finora falliti.

Quando le persone definiscono la propria identità in termini etnici e religiosi, è probabile che vedano una relazione “noi” contro “loro” esistente tra loro e persone di diversa etnia o religione. La fine degli stati ideologicamente definiti nell’Europa orientale e nell’ex Unione Sovietica consente alle tradizionali identità etniche e animosità di emergere. Le differenze di cultura e religione creano differenze su questioni politiche, che vanno dai diritti umani all’immigrazione al commercio e al commercio all’ambiente. La vicinanza geografica dà origine a rivendicazioni territoriali contrastanti dalla Bosnia a Mindanao. Più importante, gli sforzi dell’Occidente per promuovere i suoi valori di democrazia e liberalismo come valori universali, mantenere il suo predominio militare e far avanzare i suoi interessi economici genera risposte contrastanti da parte di altre civiltà. Sempre più in grado di mobilitare sostegno e formare coalizioni sulla base dell’ideologia, governi e gruppi cercheranno sempre più di mobilitare sostegno facendo appello alla religione comune e all’identità della civiltà.

Lo scontro di civiltà avviene dunque su due livelli. A livello micro, i gruppi adiacenti lungo le linee di faglia tra le civiltà lottano, spesso violentemente, per il controllo del territorio e tra di loro. A livello macro, stati di diverse civiltà competono per il relativo potere militare ed economico, lottano per il controllo delle istituzioni internazionali e di terzi e promuovono in modo competitivo i loro particolari valori politici e religiosi.

LE LINEE DI FACOLTA TRA CIVILTA’

Le linee di frattura tra le civiltà stanno sostituendo i confini politici e ideologici della Guerra Fredda come punti di infiammabilità per crisi e spargimenti di sangue. La Guerra Fredda iniziò quando la cortina di ferro divise l’Europa politicamente e ideologicamente. La Guerra Fredda terminò con la fine della cortina di ferro. Con la scomparsa della divisione ideologica dell’Europa, è riemersa la divisione culturale dell’Europa tra il cristianesimo occidentale, da un lato, e il cristianesimo ortodosso e l’Islam, dall’altro. La linea di demarcazione più significativa in Europa, come ha suggerito William Wallace, potrebbe essere il confine orientale del cristianesimo occidentale nell’anno 1500. Questa linea corre lungo quelli che oggi sono i confini tra Finlandia e Russia e tra gli stati baltici e la Russia, attraversa la Bielorussia e l’Ucraina separando l’Ucraina occidentale più cattolica dall’Ucraina orientale ortodossa, oscilla verso ovest separando la Transilvania dal resto della Romania, e poi attraversa la Jugoslavia quasi esattamente lungo la linea che ora separa la Croazia e la Slovenia dal resto della Jugoslavia. Nei Balcani questa linea, ovviamente, coincide con il confine storico tra l’impero asburgico e quello ottomano. I popoli a nord e ad ovest di questa linea sono protestanti o cattolici; hanno condiviso le esperienze comuni della storia europea: il feudalesimo, il Rinascimento, la Riforma, l’Illuminismo, la Rivoluzione francese, la Rivoluzione industriale; generalmente stanno economicamente meglio dei popoli dell’est; e ora possono aspettarsi un maggiore coinvolgimento in un’economia europea comune e il consolidamento dei sistemi politici democratici. I popoli a est ea sud di questa linea sono ortodossi o musulmani; storicamente appartenevano agli imperi ottomano o zarista e furono solo leggermente toccati dagli eventi plasmanti nel resto d’Europa; sono generalmente meno avanzati economicamente; sembrano molto meno propensi a sviluppare sistemi politici democratici stabili. La cortina di velluto della cultura ha sostituito la cortina di ferro dell’ideologia come la linea di demarcazione più significativa in Europa. Come dimostrano gli eventi in Jugoslavia, non è solo una linea di differenza; a volte è anche una linea di sanguinoso conflitto. storicamente appartenevano agli imperi ottomano o zarista e furono solo leggermente toccati dagli eventi plasmanti nel resto d’Europa; sono generalmente meno avanzati economicamente; sembrano molto meno propensi a sviluppare sistemi politici democratici stabili. La cortina di velluto della cultura ha sostituito la cortina di ferro dell’ideologia come la linea di demarcazione più significativa in Europa. Come dimostrano gli eventi in Jugoslavia, non è solo una linea di differenza; a volte è anche una linea di sanguinoso conflitto. storicamente appartenevano agli imperi ottomano o zarista e furono solo leggermente toccati dagli eventi plasmanti nel resto d’Europa; sono generalmente meno avanzati economicamente; sembrano molto meno propensi a sviluppare sistemi politici democratici stabili. La cortina di velluto della cultura ha sostituito la cortina di ferro dell’ideologia come la linea di demarcazione più significativa in Europa. Come dimostrano gli eventi in Jugoslavia, non è solo una linea di differenza; a volte è anche una linea di sanguinoso conflitto. non è solo una linea di differenza; a volte è anche una linea di sanguinoso conflitto. non è solo una linea di differenza; a volte è anche una linea di sanguinoso conflitto.

Il conflitto lungo la linea di faglia tra la civiltà occidentale e quella islamica va avanti da 1.300 anni. Dopo la fondazione dell’Islam, l’ondata araba e moresca verso ovest e verso nord terminò solo a Tours nel 732. Dall’XI al XIII secolo i crociati tentarono con temporaneo successo di portare il cristianesimo e il dominio cristiano in Terra Santa. Dal quattordicesimo al diciassettesimo secolo, i turchi ottomani rovesciarono l’equilibrio, estesero il loro dominio sul Medio Oriente e sui Balcani, conquistarono Costantinopoli e due volte assediarono Vienna. Nel diciannovesimo e all’inizio del ventesimo secolo, con il declino del potere ottomano, Gran Bretagna, Francia e Italia stabilirono il controllo occidentale sulla maggior parte del Nord Africa e del Medio Oriente.

Dopo la seconda guerra mondiale, l’Occidente, a sua volta, iniziò a ritirarsi; gli imperi coloniali scomparvero; si manifestarono prima il nazionalismo arabo e poi il fondamentalismo islamico; l’Occidente è diventato fortemente dipendente dai paesi del Golfo Persico per la sua energia; i paesi musulmani ricchi di petrolio divennero ricchi di denaro e, quando lo desideravano, ricchi di armi. Diverse guerre si sono verificate tra arabi e Israele (creato dall’Occidente). La Francia ha combattuto una guerra sanguinosa e spietata in Algeria per la maggior parte degli anni ’50; Le forze britanniche e francesi invasero l’Egitto nel 1956; Le forze americane entrarono in Libano nel 1958; successivamente le forze americane tornarono in Libano, attaccarono la Libia e si impegnarono in vari scontri militari con l’Iran; Terroristi arabi e islamici, sostenuti da almeno tre governi mediorientali, impiegò l’arma dei deboli e bombardò aerei e installazioni occidentali e sequestrò ostaggi occidentali. Questa guerra tra arabi e Occidente culminò nel 1990, quando gli Stati Uniti inviarono un imponente esercito nel Golfo Persico per difendere alcuni paesi arabi dall’aggressione di un altro. In seguito, la pianificazione della NATO è sempre più diretta a potenziali minacce e instabilità lungo il suo “livello meridionale”.

È improbabile che questa secolare interazione militare tra l’Occidente e l’Islam diminuisca. Potrebbe diventare più virulento. La Guerra del Golfo ha lasciato alcuni arabi orgogliosi del fatto che Saddam Hussein avesse attaccato Israele e si fosse opposto all’Occidente. Ha anche lasciato molti umiliati e risentiti per la presenza militare dell’Occidente nel Golfo Persico, per lo schiacciante dominio militare dell’Occidente e per la loro apparente incapacità di plasmare il proprio destino. Molti paesi arabi, oltre agli esportatori di petrolio, stanno raggiungendo livelli di sviluppo economico e sociale in cui le forme di governo autocratiche diventano inadeguate e gli sforzi per introdurre la democrazia diventano più forti. Si sono già verificate alcune aperture nei sistemi politici arabi. I principali beneficiari di queste aperture sono stati i movimenti islamisti. Nel mondo arabo, insomma, La democrazia occidentale rafforza le forze politiche anti-occidentali. Questo può essere un fenomeno passeggero, ma sicuramente complica le relazioni tra i paesi islamici e l’Occidente.

Tali relazioni sono complicate anche dalla demografia. La spettacolare crescita della popolazione nei paesi arabi, in particolare nel Nord Africa, ha portato a un aumento della migrazione verso l’Europa occidentale. Il movimento all’interno dell’Europa occidentale verso la riduzione al minimo dei confini interni ha acuito le sensibilità politiche rispetto a questo sviluppo. In Italia, Francia e Germania il razzismo è sempre più aperto e dal 1990 le reazioni politiche e le violenze contro i migranti arabi e turchi sono diventate più intense e diffuse.

Da entrambe le parti l’interazione tra l’Islam e l’Occidente è vista come uno scontro di civiltà. Il “prossimo confronto” dell’Occidente, osserva MJ Akbar, uno scrittore musulmano indiano, “verrà sicuramente dal mondo musulmano. È nell’ambito delle nazioni islamiche dal Maghreb al Pakistan che la lotta per un nuovo ordine mondiale sarà inizio.” Bernard Lewis giunge a una conclusione simile:

Siamo di fronte a uno stato d’animo e un movimento che trascendono di gran lunga il livello delle questioni e delle politiche e dei governi che le perseguono. Questo non è altro che uno scontro di civiltà: la reazione forse irrazionale ma sicuramente storica di un antico rivale contro la nostra eredità giudaico-cristiana, il nostro presente secolare e l’espansione mondiale di entrambi.[2]

Storicamente, l’altra grande interazione antagonista della civiltà araba islamica è stata con i popoli neri pagani, animisti e ora sempre più cristiani a sud. In passato, questo antagonismo era incarnato nell’immagine dei trafficanti di schiavi arabi e degli schiavi neri. Si è riflesso nella guerra civile in corso in Sudan tra arabi e neri, nei combattimenti in Ciad tra i ribelli sostenuti dalla Libia e il governo, le tensioni tra cristiani ortodossi e musulmani nel Corno d’Africa e i conflitti politici, rivolte ricorrenti e violenze comunitarie tra musulmani e cristiani in Nigeria. È probabile che la modernizzazione dell’Africa e la diffusione del cristianesimo aumentino le probabilità di violenza lungo questa linea di faglia. Sintomatico dell’intensificarsi di questo conflitto fu il Papa Giovanni Paolo II’

Al confine settentrionale dell’Islam, il conflitto è sempre più esploso tra i popoli ortodossi e musulmani, tra cui la carneficina della Bosnia e Sarajevo, la violenza ribollente tra serbi e albanesi, i tenui rapporti tra i bulgari e la loro minoranza turca, la violenza tra osseti e ingusci, l’incessante massacro reciproco da parte di armeni e azeri, le relazioni tese tra russi e musulmani in Asia centrale e il dispiegamento di truppe russe per proteggere gli interessi russi nel Caucaso e nell’Asia centrale. La religione rafforza la rinascita delle identità etniche e restimola i timori russi sulla sicurezza dei loro confini meridionali. Questa preoccupazione è ben catturata da Archie Roosevelt:

Gran parte della storia russa riguarda la lotta tra i popoli slavi e turchi ai loro confini, che risale alla fondazione dello stato russo più di mille anni fa. Nel confronto millenario degli slavi con i loro vicini orientali si trova la chiave per comprendere non solo la storia russa, ma anche il carattere russo. Per comprendere la realtà russa oggi bisogna avere un’idea del grande gruppo etnico turco che ha preoccupato i russi nel corso dei secoli.[3]

Il conflitto di civiltà è profondamente radicato altrove in Asia. Lo storico scontro tra musulmani e indù nel subcontinente si manifesta ora non solo nella rivalità tra Pakistan e India, ma anche nell’intensificarsi del conflitto religioso all’interno dell’India tra gruppi indù sempre più militanti e la consistente minoranza musulmana indiana. La distruzione della moschea di Ayodhya nel dicembre 1992 ha portato alla ribalta la questione se l’India rimarrà uno stato democratico laico o diventerà uno stato indù. Nell’Asia orientale, la Cina ha controversie territoriali in sospeso con la maggior parte dei suoi vicini. Ha perseguito una politica spietata nei confronti del popolo buddista del Tibet e sta perseguendo una politica sempre più spietata nei confronti della sua minoranza turco-musulmana. Con la Guerra Fredda finita, le differenze di fondo tra Cina e Stati Uniti si sono riaffermate in settori quali i diritti umani, il commercio e la proliferazione delle armi. È improbabile che queste differenze si moderino. Una “nuova guerra fredda”, avrebbe affermato Deng Xaioping nel 1991, è in corso tra Cina e America.

La stessa frase è stata applicata alle relazioni sempre più difficili tra Giappone e Stati Uniti. Qui la differenza culturale esacerba il conflitto economico. La gente da una parte sostiene il razzismo dall’altra, ma almeno da parte americana le antipatie non sono razziali ma culturali. I valori di base, gli atteggiamenti, i modelli comportamentali delle due società non potrebbero essere più diversi. Le questioni economiche tra Stati Uniti ed Europa non sono meno gravi di quelle tra Stati Uniti e Giappone, ma non hanno la stessa rilevanza politica e intensità emotiva perché le differenze tra cultura americana e cultura europea sono molto minori di quelle tra Civiltà americana e civiltà giapponese.

Le interazioni tra le civiltà variano notevolmente nella misura in cui è probabile che siano caratterizzate dalla violenza. La concorrenza economica predomina chiaramente tra le subciviltà americane ed europee dell’Occidente e tra entrambe e il Giappone. Nel continente eurasiatico, tuttavia, la proliferazione del conflitto etnico, riassunto all’estremo nella “pulizia etnica”, non è stata del tutto casuale. È stato più frequente e più violento tra gruppi appartenenti a civiltà diverse. In Eurasia le grandi linee di faglia storiche tra le civiltà sono di nuovo in fiamme. Ciò è particolarmente vero lungo i confini del blocco islamico di nazioni a forma di mezzaluna dal rigonfiamento dell’Africa all’Asia centrale. La violenza si verifica anche tra musulmani, da un lato, e serbi ortodossi nei Balcani, ebrei in Israele, Indù in India, buddisti in Birmania e cattolici nelle Filippine. L’Islam ha confini sanguinosi.

CIVILIZZAZIONE RALLYING: LA SINDROME DEL PAESE KIN

Gruppi o stati appartenenti a una civiltà che vengono coinvolti in guerre con persone di una civiltà diversa cercano naturalmente di raccogliere il sostegno di altri membri della propria civiltà. Con l’evolversi del mondo del dopo Guerra Fredda, la comunanza di civiltà, ciò che HDS Greenway ha definito la sindrome del “paese parentale”, sta sostituendo l’ideologia politica e le tradizionali considerazioni sull’equilibrio di potere come base principale per la cooperazione e le coalizioni. Può essere visto emergere gradualmente nei conflitti del dopo Guerra Fredda nel Golfo Persico, nel Caucaso e in Bosnia. Nessuna di queste è stata una guerra su vasta scala tra civiltà, ma ognuna ha coinvolto alcuni elementi di raduno di civiltà, che sembravano diventare più importanti man mano che il conflitto continuava e che potrebbero fornire un assaggio del futuro.

In primo luogo, nella Guerra del Golfo uno stato arabo ha invaso un altro e poi ha combattuto una coalizione di stati arabi, occidentali e altri. Mentre solo pochi governi musulmani sostenevano apertamente Saddam Hussein, molte élite arabe in privato lo incoraggiavano ed era molto popolare tra ampi settori del pubblico arabo. I movimenti fondamentalisti islamici hanno sostenuto universalmente l’Iraq piuttosto che i governi appoggiati dall’Occidente del Kuwait e dell’Arabia Saudita. Rinunciando al nazionalismo arabo, Saddam Hussein ha esplicitamente invocato un appello islamico. Lui ei suoi sostenitori hanno tentato di definire la guerra come una guerra tra civiltà. “Non è il mondo contro l’Iraq”, come ha scritto Safar Al-Hawali, decano di studi islamici all’Università Umm Al-Qura della Mecca, in un nastro ampiamente diffuso. “E’ l’Occidente contro l’Islam”. Ignorando la rivalità tra Iran e Iraq, il principale leader religioso iraniano, l’Ayatollah Ali Khamenei, ha chiesto una guerra santa contro l’Occidente: “La lotta contro l’aggressione, l’avidità, i piani e le politiche americane sarà considerata una jihad e chiunque venga ucciso su quella strada è un martire. ” “Questa è una guerra”, ha affermato il re Hussein di Giordania, “contro tutti gli arabi e tutti i musulmani e non solo contro l’Iraq”.

Il raduno di sezioni sostanziali delle élite e del pubblico arabo dietro Saddam Hussein ha indotto quei governi arabi nella coalizione anti-irachena a moderare le loro attività e ad attenuare le loro dichiarazioni pubbliche. I governi arabi si sono opposti o hanno preso le distanze dai successivi sforzi occidentali per esercitare pressioni sull’Iraq, inclusa l’applicazione di una no-fly zone nell’estate del 1992 e il bombardamento dell’Iraq nel gennaio 1993. La coalizione occidentale-sovietica-turca-araba anti-Iraq del 1990 nel 1993 era diventata una coalizione di quasi solo l’Occidente e il Kuwait contro l’Iraq.

I musulmani hanno contrastato le azioni occidentali contro l’Iraq con l’incapacità dell’Occidente di proteggere i bosniaci dai serbi e di imporre sanzioni a Israele per aver violato le risoluzioni delle Nazioni Unite. L’Occidente, hanno affermato, stava usando un doppio standard. Un mondo di civiltà in conflitto, tuttavia, è inevitabilmente un mondo di doppi standard: le persone applicano uno standard ai propri parenti e uno standard diverso agli altri.

In secondo luogo, la sindrome del paese di parentela è apparsa anche nei conflitti nell’ex Unione Sovietica. I successi militari armeni nel 1992 e nel 1993 hanno stimolato la Turchia a sostenere sempre più i suoi fratelli religiosi, etnici e linguistici in Azerbaigian. “Abbiamo una nazione turca che prova gli stessi sentimenti degli azeri”, ha detto un funzionario turco nel 1992. “Siamo sotto pressione. I nostri giornali sono pieni di foto di atrocità e ci chiedono se siamo ancora seriamente intenzionati a perseguire la nostra neutralità forse dovremmo mostrare all’Armenia che c’è una grande Turchia nella regione”. Il presidente Turgut Özal è d’accordo, sottolineando che la Turchia dovrebbe almeno “spaventare un po’ gli armeni”. La Turchia, minacciato di nuovo da Özal nel 1993, avrebbe “mostrato le zanne”. Jet dell’aeronautica militare turca hanno effettuato voli di ricognizione lungo il confine armeno; La Turchia ha sospeso le spedizioni di generi alimentari e i voli aerei per l’Armenia; e la Turchia e l’Iran hanno annunciato che non avrebbero accettato lo smembramento dell’Azerbaigian. Negli ultimi anni della sua esistenza, il governo sovietico ha sostenuto l’Azerbaigian perché il suo governo era dominato da ex comunisti. Con la fine dell’Unione Sovietica, però, le considerazioni politiche cedettero il passo a quelle religiose. Le truppe russe hanno combattuto dalla parte degli armeni e l’Azerbaigian ha accusato il “governo russo di aver girato di 180 gradi” verso il sostegno dell’Armenia cristiana. il governo sovietico ha sostenuto l’Azerbaigian perché il suo governo era dominato da ex comunisti. Con la fine dell’Unione Sovietica, però, le considerazioni politiche cedettero il passo a quelle religiose. Le truppe russe hanno combattuto dalla parte degli armeni e l’Azerbaigian ha accusato il “governo russo di aver girato di 180 gradi” verso il sostegno dell’Armenia cristiana. il governo sovietico ha sostenuto l’Azerbaigian perché il suo governo era dominato da ex comunisti. Con la fine dell’Unione Sovietica, però, le considerazioni politiche cedettero il passo a quelle religiose. Le truppe russe hanno combattuto dalla parte degli armeni e l’Azerbaigian ha accusato il “governo russo di aver girato di 180 gradi” verso il sostegno dell’Armenia cristiana.

Terzo, per quanto riguarda i combattimenti nell’ex Jugoslavia, l’opinione pubblica occidentale ha manifestato simpatia e sostegno per i musulmani bosniaci e per gli orrori che hanno subito per mano dei serbi. Tuttavia, è stata espressa relativamente poca preoccupazione per gli attacchi croati ai musulmani e la partecipazione allo smembramento della Bosnia-Erzegovina. Nelle prime fasi della disgregazione jugoslava, la Germania, con un’insolita dimostrazione di iniziativa e muscoli diplomatici, ha indotto gli altri 11 membri della Comunità europea a seguire il suo esempio nel riconoscere la Slovenia e la Croazia. Come risultato della determinazione del papa di fornire un forte sostegno ai due paesi cattolici, il Vaticano ha esteso il riconoscimento ancor prima che lo facesse la Comunità. Gli Stati Uniti hanno seguito la guida europea. Così i principali attori della civiltà occidentale si sono radunati dietro i loro correligionari. Successivamente è stato riferito che la Croazia ha ricevuto notevoli quantità di armi dall’Europa centrale e da altri paesi occidentali. Il governo di Boris Eltsin, d’altra parte, ha tentato di perseguire una via di mezzo che sarebbe stata in sintonia con i serbi ortodossi ma non avrebbe alienato la Russia dall’Occidente. I gruppi conservatori e nazionalisti russi, tuttavia, inclusi molti legislatori, hanno attaccato il governo per non essere stato più disponibile nel suo sostegno ai serbi. All’inizio del 1993 diverse centinaia di russi apparentemente prestavano servizio con le forze serbe e circolavano notizie di armi russe fornite alla Serbia. ha tentato di perseguire una via di mezzo che sarebbe stata in sintonia con i serbi ortodossi ma non avrebbe alienato la Russia dall’Occidente. I gruppi conservatori e nazionalisti russi, tuttavia, inclusi molti legislatori, hanno attaccato il governo per non essere stato più disponibile nel suo sostegno ai serbi. All’inizio del 1993 diverse centinaia di russi apparentemente prestavano servizio con le forze serbe e circolavano notizie di armi russe fornite alla Serbia. ha tentato di perseguire una via di mezzo che sarebbe stata in sintonia con i serbi ortodossi ma non avrebbe alienato la Russia dall’Occidente. I gruppi conservatori e nazionalisti russi, tuttavia, inclusi molti legislatori, hanno attaccato il governo per non essere stato più disponibile nel suo sostegno ai serbi. All’inizio del 1993 diverse centinaia di russi apparentemente prestavano servizio con le forze serbe e circolavano notizie di armi russe fornite alla Serbia.

Governi e gruppi islamici, d’altra parte, hanno castigato l’Occidente per non essere venuto in difesa dei bosniaci. I leader iraniani hanno esortato i musulmani di tutti i paesi a fornire aiuto alla Bosnia; in violazione dell’embargo sulle armi delle Nazioni Unite, l’Iran ha fornito armi e uomini ai bosniaci; I gruppi libanesi sostenuti dall’Iran hanno inviato guerriglie per addestrare e organizzare le forze bosniache. Nel 1993 fino a 4.000 musulmani provenienti da oltre due dozzine di paesi islamici avrebbero combattuto in Bosnia. I governi dell’Arabia Saudita e di altri paesi si sono sentiti sotto pressione crescente da parte dei gruppi fondamentalisti nelle loro stesse società per fornire un sostegno più vigoroso ai bosniaci. Entro la fine del 1992, l’Arabia Saudita avrebbe fornito ingenti finanziamenti per armi e rifornimenti ai bosniaci,

Negli anni ’30 la guerra civile spagnola provocò l’intervento di paesi politicamente fascisti, comunisti e democratici. Negli anni ’90 il conflitto jugoslavo sta provocando l’intervento di paesi musulmani, ortodossi e cristiani occidentali. Il parallelo non è passato inosservato. “La guerra in Bosnia-Erzegovina è diventata l’equivalente emotivo della lotta contro il fascismo nella guerra civile spagnola”, ha osservato un editore saudita. “Coloro che sono morti lì sono considerati martiri che hanno cercato di salvare i loro compagni musulmani”.

Conflitti e violenze si verificheranno anche tra stati e gruppi all’interno della stessa civiltà. Tali conflitti, tuttavia, saranno probabilmente meno intensi e meno propensi ad espandersi rispetto ai conflitti tra civiltà. L’appartenenza comune a una civiltà riduce la probabilità di violenza in situazioni in cui potrebbe altrimenti verificarsi. Nel 1991 e nel 1992 molte persone erano allarmate dalla possibilità di un conflitto violento tra Russia e Ucraina sul territorio, in particolare la Crimea, la flotta del Mar Nero, le armi nucleari e le questioni economiche. Se ciò che conta è la civiltà, tuttavia, la probabilità di violenze tra ucraini e russi dovrebbe essere bassa. Sono due popoli slavi, principalmente ortodossi, che da secoli intrattengono stretti rapporti tra loro. Dall’inizio del 1993, nonostante tutte le ragioni di conflitto, i leader dei due paesi stavano effettivamente negoziando e disinnescando le questioni tra i due paesi. Sebbene ci siano stati seri combattimenti tra musulmani e cristiani in altre parti dell’ex Unione Sovietica e molte tensioni e alcuni combattimenti tra cristiani occidentali e ortodossi negli stati baltici, non ci sono state praticamente violenze tra russi e ucraini.

La manifestazione della civiltà fino ad oggi è stata limitata, ma è cresciuta e ha chiaramente il potenziale per diffondersi molto ulteriormente. Mentre i conflitti nel Golfo Persico, nel Caucaso e in Bosnia continuavano, le posizioni delle nazioni e le divisioni tra di loro erano sempre più lungo linee di civiltà. Politici populisti, leader religiosi e media lo hanno trovato un potente mezzo per suscitare il sostegno di massa e per esercitare pressioni sui governi esitanti. Nei prossimi anni, i conflitti locali che molto probabilmente sfoceranno in grandi guerre saranno quelli, come in Bosnia e nel Caucaso, lungo le linee di frattura tra le civiltà. La prossima guerra mondiale, se ce ne sarà una, sarà una guerra tra civiltà.

L’OVEST CONTRO IL RESTO

L’Occidente è ora a uno straordinario picco di potere in relazione alle altre civiltà. Il suo avversario superpotente è scomparso dalla mappa. Il conflitto militare tra gli stati occidentali è impensabile e la potenza militare occidentale non ha rivali. A parte il Giappone, l’Occidente non deve affrontare alcuna sfida economica. Domina le istituzioni politiche e di sicurezza internazionali e con le istituzioni economiche internazionali del Giappone. Le questioni politiche e di sicurezza globali sono effettivamente risolte da una direzione di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia, le questioni economiche mondiali da una direzione di Stati Uniti, Germania e Giappone, che mantengono tutte relazioni straordinariamente strette tra loro ad esclusione di minori e in gran parte paesi non occidentali. Decisioni prese all’ONU Consiglio di Sicurezza o nel Fondo Monetario Internazionale che riflettono gli interessi dell’Occidente sono presentati al mondo come un riflesso dei desideri della comunità mondiale. La stessa frase “la comunità mondiale” è diventata il nome collettivo eufemistico (che sostituisce “il mondo libero”) per dare legittimità globale ad azioni che riflettono gli interessi degli Stati Uniti e delle altre potenze occidentali.[4] Attraverso il FMI e altre istituzioni economiche internazionali, l’Occidente promuove i suoi interessi economici e impone ad altre nazioni le politiche economiche che ritiene appropriate. In qualsiasi sondaggio tra i popoli non occidentali, il FMI otterrebbe senza dubbio il sostegno dei ministri delle finanze e di pochi altri, ma otterrebbe una valutazione schiacciante sfavorevole da quasi tutti gli altri, che sarebbero d’accordo con Georgy Arbatov’

Il dominio occidentale del Consiglio di sicurezza dell’ONU e le sue decisioni, mitigato solo dall’occasionale astensione della Cina, hanno prodotto la legittimazione da parte dell’ONU dell’uso della forza da parte dell’Occidente per cacciare l’Iraq dal Kuwait e la sua eliminazione delle armi sofisticate e della capacità dell’Iraq di produrre tali armi. Ha anche prodotto l’azione senza precedenti da parte di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia nel convincere il Consiglio di sicurezza a chiedere alla Libia di consegnare i sospetti di attentati Pan Am 103 e quindi a imporre sanzioni quando la Libia ha rifiutato. Dopo aver sconfitto il più grande esercito arabo, l’Occidente non ha esitato a gettare il suo peso nel mondo arabo. L’Occidente in effetti sta usando le istituzioni internazionali, la potenza militare e le risorse economiche per governare il mondo in modi che manterranno il predominio occidentale,

Questo almeno è il modo in cui i non occidentali vedono il nuovo mondo, e c’è un significativo elemento di verità nel loro punto di vista. Le differenze di potere e le lotte per il potere militare, economico e istituzionale sono quindi una fonte di conflitto tra l’Occidente e le altre civiltà. Le differenze di cultura, ovvero i valori e le credenze di base, sono una seconda fonte di conflitto. VS Naipaul ha affermato che la civiltà occidentale è la “civiltà universale” che “si adatta a tutti gli uomini”. A un livello superficiale, gran parte della cultura occidentale ha infatti permeato il resto del mondo. A un livello più elementare, tuttavia, i concetti occidentali differiscono fondamentalmente da quelli prevalenti in altre civiltà. Idee occidentali di individualismo, liberalismo, costituzionalismo, diritti umani, uguaglianza, libertà, stato di diritto, democrazia, libero mercato, la separazione tra chiesa e stato, spesso hanno poca risonanza nelle culture islamica, confuciana, giapponese, indù, buddista o ortodossa. Gli sforzi occidentali per diffondere tali idee producono invece una reazione contro “l’imperialismo dei diritti umani” e una riaffermazione dei valori indigeni, come si può vedere nel sostegno al fondamentalismo religioso da parte delle giovani generazioni nelle culture non occidentali. L’idea stessa che ci possa essere una “civiltà universale” è un’idea occidentale, direttamente in contrasto con il particolarismo della maggior parte delle società asiatiche e la loro enfasi su ciò che distingue un popolo dall’altro. In effetti, l’autore di una rassegna di 100 studi comparativi sui valori in diverse società ha concluso che “i valori più importanti in Occidente sono meno importanti in tutto il mondo”.[5] In ambito politico, ovviamente, queste differenze sono più evidenti negli sforzi degli Stati Uniti e di altre potenze occidentali per indurre altri popoli ad adottare idee occidentali in materia di democrazia e diritti umani. Il governo democratico moderno ha avuto origine in Occidente. Quando si è sviluppato in società non occidentali, di solito è stato il prodotto del colonialismo o dell’imposizione occidentale.

L’asse centrale della politica mondiale in futuro sarà probabilmente, secondo l’espressione di Kishore Mahbubani, il conflitto tra “l’Occidente e il resto” e le risposte delle civiltà non occidentali al potere e ai valori occidentali.[6] Tali risposte generalmente assumono una o una combinazione di tre forme. Ad un estremo, gli stati non occidentali possono, come la Birmania e la Corea del Nord, tentare di perseguire un percorso di isolamento, isolare le loro società dalla penetrazione o dalla “corruzione” dell’Occidente e, in effetti, rinunciare alla partecipazione al Comunità globale dominata dall’Occidente. I costi di questo corso, tuttavia, sono elevati e pochi stati lo hanno perseguito esclusivamente. Una seconda alternativa, l’equivalente del “carrozzone” nella teoria delle relazioni internazionali, è tentare di unirsi all’Occidente e accettarne i valori e le istituzioni. La terza alternativa è tentare di “bilanciare” l’Occidente sviluppando il potere economico e militare e cooperando con altre società non occidentali contro l’Occidente, preservando i valori e le istituzioni indigene; in breve, modernizzare ma non occidentalizzare.

I PAESI STRATI

In futuro, poiché le persone si differenziano per civiltà, paesi con un gran numero di popoli di diverse civiltà, come l’Unione Sovietica e la Jugoslavia, sono candidati allo smembramento. Alcuni altri paesi hanno un discreto grado di omogeneità culturale ma sono divisi sul fatto che la loro società appartenga a una civiltà oa un’altra. Questi sono paesi lacerati. I loro leader in genere desiderano perseguire una strategia del carrozzone e rendere i loro paesi membri dell’Occidente, ma la storia, la cultura e le tradizioni dei loro paesi non sono occidentali. Il paese lacerato più ovvio e prototipo è la Turchia. I leader turchi della fine del ventesimo secolo hanno seguito la tradizione di Attatürk e hanno definito la Turchia uno stato nazionale moderno, laico e occidentale. Hanno alleato la Turchia con l’Occidente nella NATO e nella Guerra del Golfo; hanno chiesto l’adesione alla Comunità Europea. Allo stesso tempo, tuttavia, elementi della società turca hanno sostenuto una rinascita islamica e hanno sostenuto che la Turchia è fondamentalmente una società musulmana mediorientale. Inoltre, mentre l’élite turca ha definito la Turchia una società occidentale, l’élite occidentale si rifiuta di accettare la Turchia come tale. La Turchia non entrerà a far parte della Comunità Europea, e il vero motivo, come ha detto il presidente Özal, “è che noi siamo musulmani e loro sono cristiani e non lo dicono”. Dopo aver rifiutato la Mecca, e poi essere stata respinta da Bruxelles, dove guarda la Turchia? Tashkent potrebbe essere la risposta. La fine dell’Unione Sovietica offre alla Turchia l’opportunità di diventare il leader di una civiltà turca rianimata che coinvolge sette paesi dai confini della Grecia a quelli della Cina.

Nell’ultimo decennio il Messico ha assunto una posizione in qualche modo simile a quella della Turchia. Proprio come la Turchia ha abbandonato la sua storica opposizione all’Europa e ha tentato di unirsi all’Europa, il Messico ha smesso di definirsi con la sua opposizione agli Stati Uniti e sta invece tentando di imitare gli Stati Uniti e di unirsi ad essi nell’area di libero scambio nordamericana. I leader messicani sono impegnati nel grande compito di ridefinire l’identità messicana e hanno introdotto riforme economiche fondamentali che alla fine porteranno a un cambiamento politico fondamentale. Nel 1991 un alto consigliere del presidente Carlos Salinas de Gortari mi descrisse a lungo tutti i cambiamenti che il governo di Salinas stava facendo. Quando ha finito, ho osservato: “È davvero impressionante. Mi sembra che in fondo tu voglia cambiare il Messico da paese latinoamericano a paese nordamericano.” Mi guardò sorpreso ed esclamò: “Esattamente! Questo è esattamente ciò che stiamo cercando di fare, ma ovviamente non potremmo mai dirlo pubblicamente”. Come indica la sua osservazione, in Messico come in Turchia, elementi significativi della società resistono alla ridefinizione dell’identità del loro paese. In Turchia, i leader a orientamento europeo devono fare gesti all’Islam (il pellegrinaggio di Özal alla Mecca), così anche i leader nordamericani del Messico devono fare gesti a coloro che considerano il Messico un paese latinoamericano (vertice iberoamericano di Guadalajara a Salinas).

Storicamente la Turchia è stata il paese più profondamente lacerato. Per gli Stati Uniti, il Messico è il paese lacerato più immediato. A livello globale, il paese lacerato più importante è la Russia. La questione se la Russia faccia parte dell’Occidente o sia il leader di una distinta civiltà slavo-ortodossa è stata ricorrente nella storia russa. Tale questione è stata oscurata dalla vittoria comunista in Russia, che ha importato un’ideologia occidentale, l’ha adattata alle condizioni russe e poi ha sfidato l’Occidente in nome di quell’ideologia. Il predominio del comunismo ha chiuso il dibattito storico sull’occidentalizzazione contro la russificazione. Con il comunismo screditato, i russi affrontano ancora una volta questa domanda.

Il presidente Eltsin sta adottando i principi e gli obiettivi occidentali e sta cercando di fare della Russia un paese “normale” e una parte dell’Occidente. Eppure sia l’élite russa che il pubblico russo sono divisi su questo tema. Tra i dissidenti più moderati, Sergei Stankevich sostiene che la Russia dovrebbe rifiutare il corso “atlantista”, che la porterebbe “a diventare europea, a entrare a far parte dell’economia mondiale in modo rapido e organizzato, a diventare l’ottavo membro dei Sette , e di porre un’enfasi particolare su Germania e Stati Uniti come i due membri dominanti dell’alleanza atlantica”. Pur rifiutando anche una politica esclusivamente eurasiatica, Stankevich sostiene comunque che la Russia dovrebbe dare priorità alla protezione dei russi in altri paesi, sottolineare i suoi legami turchi e musulmani e promuovere ” Un sondaggio d’opinione nella Russia europea nella primavera del 1992 ha rivelato che il 40% della popolazione aveva atteggiamenti positivi nei confronti dell’Occidente e il 36% aveva atteggiamenti negativi. Come è stato per gran parte della sua storia, la Russia all’inizio degli anni ’90 è davvero un paese lacerato.

Per ridefinire la propria identità di civiltà, un paese lacerato deve soddisfare tre requisiti. In primo luogo, la sua élite politica ed economica deve essere generalmente favorevole ed entusiasta di questa mossa. In secondo luogo, il suo pubblico deve essere disposto ad acconsentire alla ridefinizione. Terzo, i gruppi dominanti nella civiltà ricevente devono essere disposti ad abbracciare il convertito. Tutti e tre i requisiti esistono in gran parte rispetto al Messico. I primi due esistono in gran parte rispetto alla Turchia. Non è chiaro se qualcuno di loro esista rispetto all’adesione della Russia all’Occidente. Il conflitto tra democrazia liberale e marxismo-leninismo era tra ideologie che, nonostante le loro principali differenze, apparentemente condividevano obiettivi finali di libertà, uguaglianza e prosperità. Una Russia tradizionale, autoritaria e nazionalista potrebbe avere obiettivi ben diversi. Un democratico occidentale potrebbe portare avanti un dibattito intellettuale con un marxista sovietico. Sarebbe praticamente impossibile per lui farlo con un tradizionalista russo. Se, poiché i russi smetteranno di comportarsi come i marxisti, rifiutano la democrazia liberale e cominciano a comportarsi come i russi ma non come gli occidentali, le relazioni tra la Russia e l’Occidente potrebbero tornare di nuovo lontane e conflittuali.[8]

LA CONNESSIONE CONFUCIANA-ISLAMICA

Gli ostacoli all’adesione di paesi non occidentali all’Occidente variano considerevolmente. Sono meno per i paesi dell’America Latina e dell’Europa orientale. Sono maggiori per i paesi ortodossi dell’ex Unione Sovietica. Sono ancora maggiori per le società musulmane, confuciane, indù e buddiste. Il Giappone ha stabilito una posizione unica per se stesso come membro associato dell’Occidente: è in Occidente per alcuni aspetti ma chiaramente non in Occidente in dimensioni importanti. Quei paesi che per ragioni di cultura e di potere non vogliono o non possono entrare a far parte dell’Occidente competono con l’Occidente sviluppando il proprio potere economico, militare e politico. Lo fanno promuovendo il loro sviluppo interno e collaborando con altri paesi non occidentali.

Quasi senza eccezioni, i paesi occidentali stanno riducendo la loro potenza militare; sotto la guida di Eltsin lo è anche la Russia. Cina, Corea del Nord e diversi stati del Medio Oriente, tuttavia, stanno ampliando notevolmente le proprie capacità militari. Lo stanno facendo importando armi da fonti occidentali e non occidentali e sviluppando industrie di armi indigene. Un risultato è l’emergere di quelli che Charles Krauthammer ha chiamato “Stati delle armi” e gli Stati delle armi non sono stati occidentali. Un altro risultato è la ridefinizione del controllo degli armamenti, che è un concetto occidentale e un obiettivo occidentale. Durante la Guerra Fredda lo scopo principale del controllo degli armamenti era quello di stabilire un equilibrio militare stabile tra gli Stati Uniti ei suoi alleati e l’Unione Sovietica ei suoi alleati. Nel mondo successivo alla Guerra Fredda l’obiettivo primario del controllo degli armamenti è impedire lo sviluppo da parte di società non occidentali di capacità militari che potrebbero minacciare gli interessi occidentali. L’Occidente tenta di farlo attraverso accordi internazionali, pressioni economiche e controlli sul trasferimento di armi e tecnologie delle armi.

Il conflitto tra l’Occidente e gli stati confucio-islamici si concentra in gran parte, anche se non esclusivamente, su armi nucleari, chimiche e biologiche, missili balistici e altri mezzi sofisticati per trasportarli, e la guida, l’intelligence e altre capacità elettroniche per raggiungere tale obiettivo. L’Occidente promuove la non proliferazione come norma universale ei trattati e le ispezioni di non proliferazione come mezzo per realizzare tale norma. Minaccia anche una serie di sanzioni contro coloro che promuovono la diffusione di armi sofisticate e propone alcuni vantaggi per coloro che non lo fanno. L’attenzione dell’Occidente si concentra, naturalmente, su nazioni che sono effettivamente o potenzialmente ostili all’Occidente.

Le nazioni non occidentali, d’altra parte, affermano il loro diritto di acquisire e di schierare qualsiasi arma ritengano necessaria per la loro sicurezza. Hanno anche assorbito, fino in fondo, la verità della risposta del ministro della Difesa indiano quando gli è stato chiesto quale lezione avesse imparato dalla Guerra del Golfo: “Non combattere gli Stati Uniti se non hai armi nucleari”. Armi nucleari, armi chimiche e missili sono visti, probabilmente erroneamente, come il potenziale equalizzatore del potere convenzionale occidentale superiore. La Cina, ovviamente, ha già armi nucleari; Il Pakistan e l’India hanno la capacità di schierarli. Sembra che la Corea del Nord, l’Iran, l’Iraq, la Libia e l’Algeria stiano tentando di acquisirli. Un alto funzionario iraniano ha dichiarato che tutti gli stati musulmani dovrebbero acquisire armi nucleari,

Di fondamentale importanza per lo sviluppo delle capacità militari contro-occidentali è l’espansione sostenuta della potenza militare cinese e dei suoi mezzi per creare potenza militare. Sostenuta da uno spettacolare sviluppo economico, la Cina sta aumentando rapidamente le sue spese militari e sta procedendo vigorosamente con la modernizzazione delle sue forze armate. Sta acquistando armi dagli ex stati sovietici; sta sviluppando missili a lungo raggio; nel 1992 ha testato un ordigno nucleare da un megaton. Sta sviluppando capacità di proiezione di potenza, acquisendo tecnologia di rifornimento aereo e tentando di acquistare una portaerei. Il suo rafforzamento militare e l’affermazione della sovranità sul Mar Cinese Meridionale stanno provocando una corsa agli armamenti regionale multilaterale nell’Asia orientale. La Cina è anche un importante esportatore di armi e tecnologia delle armi. Ha esportato materiali in Libia e Iraq che potrebbero essere utilizzati per produrre armi nucleari e gas nervino. Ha aiutato l’Algeria a costruire un reattore adatto alla ricerca e alla produzione di armi nucleari. La Cina ha venduto all’Iran la tecnologia nucleare che secondo i funzionari americani potrebbe essere utilizzata solo per creare armi e apparentemente ha spedito in Pakistan componenti di missili con una portata di 300 miglia. La Corea del Nord ha avviato da tempo un programma di armi nucleari e ha venduto missili avanzati e tecnologia missilistica a Siria e Iran. Il flusso di armi e tecnologia delle armi è generalmente dall’Asia orientale al Medio Oriente. Vi è, tuttavia, qualche movimento nella direzione inversa; La Cina ha ricevuto missili Stinger dal Pakistan. Ha aiutato l’Algeria a costruire un reattore adatto alla ricerca e alla produzione di armi nucleari. La Cina ha venduto all’Iran la tecnologia nucleare che secondo i funzionari americani potrebbe essere utilizzata solo per creare armi e apparentemente ha spedito in Pakistan componenti di missili con una portata di 300 miglia. La Corea del Nord ha avviato da tempo un programma di armi nucleari e ha venduto missili avanzati e tecnologia missilistica a Siria e Iran. Il flusso di armi e tecnologia delle armi è generalmente dall’Asia orientale al Medio Oriente. Vi è, tuttavia, qualche movimento nella direzione inversa; La Cina ha ricevuto missili Stinger dal Pakistan. Ha aiutato l’Algeria a costruire un reattore adatto alla ricerca e alla produzione di armi nucleari. La Cina ha venduto all’Iran la tecnologia nucleare che secondo i funzionari americani potrebbe essere utilizzata solo per creare armi e apparentemente ha spedito in Pakistan componenti di missili con una portata di 300 miglia. La Corea del Nord ha avviato da tempo un programma di armi nucleari e ha venduto missili avanzati e tecnologia missilistica a Siria e Iran. Il flusso di armi e tecnologia delle armi è generalmente dall’Asia orientale al Medio Oriente. Vi è, tuttavia, qualche movimento nella direzione inversa; La Cina ha ricevuto missili Stinger dal Pakistan. La Corea del Nord ha avviato da tempo un programma di armi nucleari e ha venduto missili avanzati e tecnologia missilistica a Siria e Iran. Il flusso di armi e tecnologia delle armi è generalmente dall’Asia orientale al Medio Oriente. Vi è, tuttavia, qualche movimento nella direzione inversa; La Cina ha ricevuto missili Stinger dal Pakistan. La Corea del Nord ha avviato da tempo un programma di armi nucleari e ha venduto missili avanzati e tecnologia missilistica a Siria e Iran. Il flusso di armi e tecnologia delle armi è generalmente dall’Asia orientale al Medio Oriente. Vi è, tuttavia, qualche movimento nella direzione inversa; La Cina ha ricevuto missili Stinger dal Pakistan.

Si è così creato un collegamento militare confuciano-islamico, volto a promuovere l’acquisizione da parte dei suoi membri delle armi e delle tecnologie armate necessarie per contrastare il potere militare dell’Occidente. Può durare o non durare. Al momento, tuttavia, è, come ha detto Dave McCurdy, “un patto di mutuo sostegno dei rinnegati, gestito dai proliferatori e dai loro sostenitori”. Si sta così verificando una nuova forma di competizione armata tra gli stati islamo-confuciani e l’Occidente. In una corsa agli armamenti vecchio stile, ciascuna parte ha sviluppato le proprie braccia per bilanciare o per raggiungere la superiorità rispetto all’altra parte. In questa nuova forma di competizione armata, una parte sta sviluppando le proprie armi e l’altra parte sta tentando di non bilanciare ma di limitare e prevenire l’accumulo di armi riducendo allo stesso tempo le proprie capacità militari.

IMPLICAZIONI PER L’OCCIDENTE

Questo articolo non sostiene che le identità di civiltà sostituiranno tutte le altre identità, che gli stati nazione scompariranno, che ogni civiltà diventerà un’unica entità politica coerente, che i gruppi all’interno di una civiltà non entreranno in conflitto e nemmeno combatteranno tra loro. Questo documento espone le ipotesi che le differenze tra le civiltà siano reali e importanti; la coscienza della civiltà sta aumentando; il conflitto tra le civiltà soppianta le forme ideologiche e di altro tipo di conflitto come forma di conflitto globale dominante; le relazioni internazionali, storicamente un gioco svolto all’interno della civiltà occidentale, saranno sempre più de-occidentalizzate e diventeranno un gioco in cui le civiltà non occidentali sono attori e non semplici oggetti; politico di successo, la sicurezza e le istituzioni economiche internazionali hanno maggiori probabilità di svilupparsi all’interno delle civiltà che tra le civiltà; i conflitti tra gruppi di civiltà diverse saranno più frequenti, più sostenuti e più violenti dei conflitti tra gruppi di una stessa civiltà; i conflitti violenti tra gruppi di diverse civiltà sono la fonte più probabile e più pericolosa di escalation che potrebbe portare a guerre globali; l’asse fondamentale della politica mondiale saranno i rapporti tra “l’Occidente e il Resto”; le élite in alcuni paesi lacerati non occidentali cercheranno di rendere i loro paesi parte dell’Occidente, ma nella maggior parte dei casi si trovano ad affrontare grandi ostacoli per raggiungere questo obiettivo; un fulcro centrale del conflitto per l’immediato futuro sarà tra l’Occidente e diversi stati islamo-confuciani.

Non si tratta di sostenere l’opportunità di conflitti tra civiltà. Si tratta di formulare ipotesi descrittive su come potrebbe essere il futuro. Se queste sono ipotesi plausibili, tuttavia, è necessario considerare le loro implicazioni per la politica occidentale. Queste implicazioni dovrebbero essere divise tra vantaggio a breve termine e accomodamento a lungo termine. Nel breve termine è chiaramente nell’interesse dell’Occidente promuovere una maggiore cooperazione e unità all’interno della propria civiltà, in particolare tra le sue componenti europee e nordamericane; incorporare nell’Occidente società dell’Europa orientale e dell’America Latina le cui culture sono vicine a quelle dell’Occidente; promuovere e mantenere relazioni di cooperazione con Russia e Giappone; prevenire l’escalation dei conflitti tra le civiltà locali in grandi guerre tra le civiltà; limitare l’espansione della forza militare degli stati confuciani e islamici; moderare la riduzione delle capacità militari occidentali e mantenere la superiorità militare nell’Asia orientale e sudoccidentale; sfruttare differenze e conflitti tra stati confuciani e islamici; sostenere in altre civiltà gruppi in sintonia con i valori e gli interessi occidentali; rafforzare le istituzioni internazionali che riflettono e legittimare gli interessi e i valori occidentali e promuovere il coinvolgimento di stati non occidentali in tali istituzioni. sostenere in altre civiltà gruppi in sintonia con i valori e gli interessi occidentali; rafforzare le istituzioni internazionali che riflettono e legittimare gli interessi e i valori occidentali e promuovere il coinvolgimento di stati non occidentali in tali istituzioni. sostenere in altre civiltà gruppi in sintonia con i valori e gli interessi occidentali; rafforzare le istituzioni internazionali che riflettono e legittimare gli interessi e i valori occidentali e promuovere il coinvolgimento di stati non occidentali in tali istituzioni.

A più lungo termine sarebbero necessarie altre misure. La civiltà occidentale è sia occidentale che moderna. Le civiltà non occidentali hanno tentato di diventare moderne senza diventare occidentali. Ad oggi solo il Giappone è riuscito pienamente in questa ricerca. Le civiltà non occidentali continueranno a tentare di acquisire la ricchezza, la tecnologia, le abilità, le macchine e le armi che fanno parte dell’essere moderni. Tenteranno anche di conciliare questa modernità con la loro cultura e valori tradizionali. La loro forza economica e militare rispetto all’Occidente aumenterà. Quindi l’Occidente dovrà sempre più accogliere queste civiltà moderne non occidentali il cui potere si avvicina a quello dell’Occidente ma i cui valori e interessi differiscono significativamente da quelli dell’Occidente. Ciò richiederà all’Occidente di mantenere il potere economico e militare necessario per proteggere i propri interessi in relazione a queste civiltà. Tuttavia, richiederà anche all’Occidente di sviluppare una comprensione più profonda dei presupposti religiosi e filosofici di base alla base di altre civiltà e dei modi in cui le persone in quelle civiltà vedono i propri interessi. Richiederà uno sforzo per identificare elementi di comunanza tra l’Occidente e le altre civiltà.

[1] Murray Weidenbaum,  Grande Cina: la prossima superpotenza economica?  St. Louis: Washington University Center for the Study of American Business, Contemporary Issues, Series 57, February 1993, pp. 2-3.

[2] Bernard Lewis, “Le radici della rabbia musulmana”,  The Atlantic Monthly , vol. 266, settembre 1990, pag. 60; Time , 15 giugno 1992, pp. 24-28.

[3] Archie Roosevelt,  Per Lust of Knowing , Boston: Little, Brown, 1988, pp. 332-333.

[4] Quasi invariabilmente i leader occidentali affermano di agire per conto della “comunità mondiale”. Un piccolo errore si è verificato durante il periodo precedente alla Guerra del Golfo. In un’intervista a “Good Morning America”, il 21 dicembre 1990, il primo ministro britannico John Major ha fatto riferimento alle azioni che “l’Occidente” stava intraprendendo contro Saddam Hussein. Si corresse rapidamente e in seguito si riferì alla “comunità mondiale”. Tuttavia, aveva ragione quando ha sbagliato.

[5] Harry C. Triandis,  The New York Times , 25 dicembre 1990, p. 41 e “Studi interculturali dell’individualismo e del collettivismo”, Nebraska Symposium on Motivation, vol. 37, 1989, pp. 41-133.

[6] Kishore Mahbubani, “The West and the Rest”,  The National Interest , estate 1992, pp. 3-13.

[7] Sergei Stankevich, ”  La Russia alla ricerca di se stessa”, L’interesse nazionale , estate 1992, pp. 47-51; Daniel Schneider, “Un movimento russo rifiuta l’inclinazione occidentale”,  Christian Science Monitor , 5 febbraio 1993, pp. 5-7.

[8] Owen Harries ha sottolineato che l’Australia sta cercando (non saggiamente a suo avviso) di diventare un paese lacerato al contrario. Sebbene sia stato un membro a pieno titolo non solo dell’Occidente, ma anche del nucleo militare e dell’intelligence dell’ABCA dell’Occidente, i suoi attuali leader stanno in effetti proponendo di disertare dall’Occidente, ridefinirsi come paese asiatico e coltivare stretti legami con suoi vicini. Il futuro dell’Australia, sostengono, è con le economie dinamiche dell’Asia orientale. Ma, come ho suggerito, una stretta cooperazione economica richiede normalmente una base culturale comune. Inoltre, è probabile che nessuna delle tre condizioni necessarie affinché un paese lacerato si unisca a un’altra civiltà esista nel caso dell’Australia.

  • SAMUEL P. HUNTINGTON è Eaton Professor of the Science of Government e Direttore del John M. Olin Institute for Strategic Studies dell’Università di Harvard. Questo articolo è il prodotto del progetto dell’Olin Institute su “The Changing Security Environment and American National Interests”.

https://www.foreignaffairs.com/articles/united-states/1993-06-01/clash-civilizations?utm_medium=newsletters&utm_source=fa100&utm_content=20220521&utm_campaign=FA%20100_052122_The%20Clash%20of%20Civilizations&utm_term=fa-100

Come salvare l’ordine del dopoguerra, di Michael J. Mazarr

I nostri lettori sanno come la pensiamo. Questo articolo deve rammentarci che occorre pensare ed agire con i piedi per terra. I desideri e la tifoseria possono motivare, ma portarci anche a sbattere con la realtà_Giuseppe Germinario

Gli Stati Uniti dovrebbero ripensare alla propria difesa del sistema

 

Negli ultimi dieci anni circa, tra studiosi e responsabili politici è infuriato un dibattito sul significato dell’ordine internazionale basato su regole del secondo dopoguerra. È un debole mito, come ha suggerito Graham Allison in Foreign Affairs ? Oppure, come hanno sostenuto G. John Ikenberry e altri, è una potente influenza sul comportamento dello stato?

L’invasione russa dell’Ucraina e la risposta globale ad essa ha messo in netto rilievo queste affermazioni contrastanti, sottolineando che l’ordine del dopoguerra pone vincoli reali e tangibili alla maggior parte dei paesi. Ma la guerra ha anche chiarito quanto possano essere fragili gli ordini internazionali e messo in luce due vulnerabilità potenzialmente fatali di quello attuale: l’eccessiva ambizione da parte delle potenze dominanti e l’attenta copertura da parte di quelle intermedie. Queste debolezze potrebbero aver messo in pericolo l’ordine del dopoguerra e la legittimità della leadership statunitense che in qualsiasi momento dal 1990, e preservarle richiederà di camminare su una difficile corda tesa diplomatica.

PIÙ DI UN MITO

In generale, l’ ordine internazionale non è altro che il modello di interazione prevalente nella politica mondiale. L’esistenza di un ordine non presuppone regole condivise, applicate o alcun grado di stabilità. Ma in certi periodi sono emersi ordini basati su regole di cui hanno beneficiato molte nazioni. Questi sistemi non erano fondati sull’altruismo o sull’ideale di un governo sovranazionale. Piuttosto, gli attori più potenti dell’epoca, spesso sotto la guida di un potere preminente o di un piccolo numero di essi, accettavano determinate regole e norme esplicite o implicite per promuovere i propri interessi, in genere la sicurezza territoriale e la prosperità economica.

L’ordine internazionale guidato dagli Stati Uniti dopo il 1945 è di gran lunga l’ordine basato su regole più istituzionalizzato fino ad oggi. Si basa sul sistema delle Nazioni Unite ma incorpora organizzazioni regionali come la NATO e l’Unione Europea, nonché istituzioni economiche globali, processi intergovernativi, coalizioni pubblico-private e organizzazioni non governative che stabiliscono migliaia di regole e standard specifici per questioni. L’ordine incarna norme, rispettate in modo imperfetto ma ampiamente condivise e almeno in parte applicate, che promuovono gli interessi dei paesi partecipanti, in particolare il loro interesse per la non aggressione territoriale e lo scambio economico relativamente aperto.

Il risultato è un insieme materiale di influenze sugli stati. L’allineamento economico di paesi potenti, ad esempio, ha permesso a questi paesi di stabilire standard – nello stato di diritto, nella politica finanziaria e monetaria, nell’interoperabilità tecnologica e in molti altri settori – e quindi di attrarre nuovi aderenti desiderosi di beneficiare del coordinamento risultante. I paesi che cercavano tecnologia all’avanguardia, investimenti diretti esteri o supporto da organizzazioni finanziarie internazionali si sono trovati almeno in parte vincolati dalle regole e dalle norme dell’ordine. L’esclusione dall’ordine economico si è rivelata economicamente fatale, assicurando che la stragrande maggioranza dei paesi adeguasse il proprio comportamento, almeno in una certa misura, per rimanere vincolata al sistema internazionale.

L’ordine del dopoguerra è spesso ritenuto la somma delle sue parti istituzionali, ma il suo più ampio effetto gravitazionale è la vera fonte del suo potere. Le norme e le istituzioni dell’ordine derivano da una forza soggiacente più essenziale: gli interessi corrispondenti di una massa critica della comunità mondialee la conseguente influenza globale di quel blocco. Decine di importanti potenze economiche e militari sono arrivate a considerare l’ordine del dopoguerra come essenziale per creare le condizioni che producano sicurezza economica e territoriale per se stesse. Nel corso del tempo, agli stati invischiati nell’ordine internazionale si sono aggiunti potenti attori non statali: organizzazioni non governative, imprese, partiti politici e movimenti svolgono ora ruoli importanti nel sostenere e far rispettare le regole dell’ordine. Condizionando la piena partecipazione alle reti economiche, politiche e persino culturali su quelle regole, gli stati e gli attori non statali al centro dell’ordine creano un formidabile effetto di eco sulla politica mondiale.

Sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina, il pieno potere di questo ordine è stato scatenato su Mosca. Un gruppo centrale di importanti democrazie e attori non statali si è radunato in difesa del sistema, utilizzando componenti dell’ordine – dalle Nazioni Unite alle istituzioni e reti economiche fino alla Corte penale internazionale – per minacciare o imporre sanzioni a coloro che lo sfidano. Queste azioni dimostrano che l’ordine del dopoguerra è molto più di un semplice prodotto del potere statunitense: lungi dall’accettare ciecamente alle richieste americane, questi stati e attori non statali hanno difeso il sistema di propria volontà e perseguendo i propri interessi percepiti.

UN PIGOLIO, NON UN BANG

Se la reazione globale all’aggressione russa ha mostrato che l’ordine del dopoguerra è molto più di un mito, ha anche chiarito quanto sia vulnerabile tale ordine. Un assalto diretto da parte delle potenze revisioniste è spesso descritto come la più grande minaccia per qualsiasi sistema internazionale. Come ha rivelato la crisi in Ucraina, tuttavia, quanto più violentemente i revisionisti attaccheranno un ordine, tanto più potentemente i suoi difensori reagiranno. Gli attacchi frontali alle strutture esistenti tendono a consolidare gli interessi e i valori percepiti che li legano insieme, una lezione che la Cina ha imparato anche dalla sua aggressiva diplomazia “Wolf Warrior” . Inoltre, l’ovvia violazione delle regole danneggia la capacità dei revisionisti di ottenere sostegno per le loro azioni, anche da paesi con esitazioni o lamentele sul sistema esistente.

L’ ordine del dopoguerra è quindi meno vulnerabile ai colpi di martello delle potenze revisioniste rispetto ad altre due vulnerabilità rivelate dalla crisi attuale, che hanno entrambe il potenziale per erodere il consenso attorno alle norme e ai principi del dopoguerra. La prima è l’eccessiva ambizione: gli architetti del sistema del dopoguerra rischiano di spingersi troppo oltre i propri obiettivi e di generare una violenta reazione. Questo è probabilmente ciò che è successo con la NATO in Europa. Sotto la sorveglianza degli Stati Uniti, l’alleanza ha metastatizzatoda un programma misurato e accuratamente calibrato per rafforzare la sicurezza europea in un imperativo illimitato e vincolato al dovere. Senza sostenere la legittimità della pretesa della Russia di dominare i paesi del suo vicino estero, è possibile riconoscere che Mosca è sempre stata obbligata a opporsi all’espansione della NATO in aree che percepisce come preoccupazioni fondamentali per la sicurezza.

Un altro prodotto di eccessiva ambizione è il concetto di interventismo liberale, che ha contribuito a giustificare una serie di interventi, dall’Iraq alla Libia, che hanno danneggiato molto la credibilità degli Stati Uniti. Elaborate ambizioni per le regole e le norme dell’ordine del dopoguerra hanno anche prodotto obiettivi assolutisti di non proliferazione che hanno portato le amministrazioni statunitensi ad abbandonare accordi temporanei imperfetti ma utili come il quadro concordato del 1994 con la Corea del Nord e l’accordo nucleare del 2015 con l’Iran . Spingere per l’applicazione assoluta e senza compromessi delle regole di qualsiasi ordine non è un approccio sostenibile.

La seconda vulnerabilità dell’ordine del dopoguerra è la crescente influenza di ciò che può essere definito il ” centro di copertura ” nella politica mondiale: paesi che preferiscono evitare di schierarsi nelle rivalità USA-Cinese e USA-Russia e quindi esitano a far rispettare le norme di l’ordine. Questi paesi, tra cui Brasile, Egitto, India, Indonesia, Arabia Saudita, Sud Africa e Turchia, partecipano e supportano molti elementi del sistema internazionale. Sostengono ampiamente le norme dell’ordine e in genere le rispettano. Alcuni di questi paesi sono destinati a diventare importanti attori economici e militari. Tuttavia, se molti di loro giungono a vedere un asse cinese-russo come un utile contrappeso al dominio degli Stati Uniti e dell’Occidente e quindi disertano dalle istituzioni guidate dagli Stati Uniti, l’ordine del dopoguerra sarà in guai seri.

Questa dinamica è già evidente nella risposta internazionale alla guerra russa. Sebbene impressionante da qualsiasi confronto storico, la reazione globale è stata più cauta di quanto molti pensino. Meno di due dozzine di paesi sono pienamente impegnati nell’imporre sanzioni economiche contro Mosca e molti nel mezzo della copertura hanno esplicitamente rifiutato tali misure. Leader politici, studiosi ed esperti in molti paesi in via di sviluppo hanno respinto la narrativa statunitense ed europea sull’Ucraina e messo in dubbio la legittimità della leadership statunitense. Queste divisioni potrebbero intensificarsi nelle prossime settimane se la situazione sul campo diventasse più ambigua, ad esempio se la Russia chiedesse un cessate il fuoco per consolidare le sue conquiste territoriali e Mosca e Pechino iniziassero a raccogliere il sostegno dei paesi che si occupano di copertura.

In questo modo, l’ordine del dopoguerra potrebbe morire non con il botto di un attacco revisionista diretto, ma con un piagnucolio, mentre le potenze medie si allontanano gradualmente dalle sue istituzioni fondamentali, rifiutano di far rispettare le sue norme e si uniscono alla Cina e persino alla Russia in vari sforzi per formulare un sistema mondiale più multipolare. È probabile che un tale processo si svolga in dozzine di istituzioni e aree problematiche, frammentando e talvolta regionalizzando il commercio, gli investimenti, i flussi di informazioni e molto altro. E potrebbe essere accelerato dalla continua ascesa del nazionalismo arrabbiato, risentito e auto-glorificante in molti paesi.

Tale scenario illustra come queste due vulnerabilità dell’ordine internazionale siano intrecciate. È quando l’ambizione eccessiva genera crisi, che si tratti di Iran, Corea del Nord o Ucraina, che gli hedger si trovano nella posizione più scomoda. Gli eventi richiedono che scelgano da che parte stare. Non riuscendo a farlo, sembrano indebolire le norme dell’ordine, anche se non avevano alcun desiderio di approvare i trasgressori e anche se supportano ampiamente tali norme stesse.

PIEGARSI, NON SPEZZARE

Questa dinamica indica una scomoda verità. Per preservare l’ordine internazionale del dopoguerra, Washington dovrà moderare e limitare la promozione delle norme dell’ordine e l’applicazione delle sue regole. Un approccio rigido e intransigente produrrà ripetuti superamenti, provocherà un inutile contraccolpo da parte degli stati di copertura e, in definitiva, metterà a repentaglio il consenso al centro dell’ordine. Questa potrebbe essere la lezione più importante degli eventi recenti in Europa e oltre: gli Stati Uniti devono adottare un approccio pratico e sostenibile , piuttosto che rigido e assoluto, all’ordine basato sulle regole.

Un tale approccio dovrebbe concentrarsi su alcune norme non negoziabili: vincoli all’aggressione fisica e informatica, collaborazione sui cambiamenti climatici e cooperazione per promuovere un sistema finanziario e commerciale globale stabile. Accetterebbe la necessità di lavorare con democrazie e non democrazie allo stesso modo. Promuoverebbe attivamente società libere, ma lo fa aiutando le democrazie consolidate ed emergenti piuttosto che forzare il cambiamento su quelle non democratiche. Accetterebbe accordi di controllo degli armamenti imperfetti ma efficaci piuttosto che pretendere la perfezione.

In un momento in cui gran parte del mondo è schierato contro l’aggressione russa, può sembrare controintuitivo suggerire che Washington dovrebbe ridurre l’intensità della sua difesa e promozione dell’ordine basato sulle regole. Dopotutto, quell’ordine ha dato agli Stati Uniti un enorme vantaggio competitivo e ha contribuito a stabilizzare la politica mondiale. Ma la guerra in Ucraina ha messo in luce la fragilità del sistema. E a meno che gli Stati Uniti non adottino un approccio più pragmatico e flessibile per mantenerlo, l’ordine del dopoguerra potrebbe crollare in una nuova era di conflitto.

https://www.foreignaffairs.com/articles/world/2022-05-06/how-save-postwar-order

Una vera politica estera per la classe media, di Heidi Crebo-Rediker e Douglas Rediker

Questo lungo articolo di “Foreign Affairs” è molto importante e significativo. Chiarisce alcuni fondamentali fattori chiave che legano le dinamiche di politica interna e di geopolitica; tra la necessità di garantire la dinamicità e la coesione della formazione sociale statunitense e le scelte di politica estera, in particolare la selezione degli antagonisti principali e le dinamiche di relazioni conflittuali/cooperative da orientare con essi. Gli autori si soffermano in particolare a trattare la relazione con gli antagonisti, di fatto la Cina e la Russia, per meglio dire i loro centri decisori egemoni, senza soffermarsi particolarmente sulle implicazioni dirompenti di queste scelte nel campo della vasta area di alleati della quale l’attuale amministrazione statunitense ancora riesce a tessere efficacemente la trama. Parla semplicemente di un rimodellamento.  Si tratta in realtà di una ridefinizione dei rapporti, in particolare con i paesi europei, che presenta numerosi aspetti sconvolgenti gli assetti socio-economici; aspetti molti dei quali addirittura distruttivi e regressivi della condizione socio-economica europea e delle gerarchie di subordinazione politica. Una chiave interpretativa ulteriore per comprendere la dimensione, la natura e la portata della postura europea rispetto al conflitto ucraino, alla prospettiva di destabilizzazione endemica del subcontinente europeo e alle conseguenze e dinamiche innescate nei paesi europei alleati dalla pesante e progressiva politica di sanzioni ed embarghi. Sta arrivando il momento di pagare il conto particolarmente salato a carico dei paesi europei di una politica sciacallesca, di ispirazione anglosassone, iniziata con la marchiatura nei rapporti con i paesi europei del dissolto blocco sovietico a fine anni ’80, proseguita con la guerra alla Serbia e alla ex-Jugoslavia a fine anni ’90 e con il suo culmine nel conflitto attuale in Ucraina e nei conflitti prossimi venturi che già si annunciano. Quello che alcune élites europee, soprattutto tedesche, hanno pensato di ricavare dalla loro subordinazione alle trame statunitensi, dovranno restituirlo a tassi di usura. Altre élites europee, in particolare le italiane, ne hanno ricavato nel frattempo ben poco, hanno compromesso pesantemente la coesione e la postura geopolitica del paese, dovranno in buona parte probabilmente pagare anche di persona i servigi resi. Gli autori addebitano a Trump le peggiori intenzioni verso gli europei: “Sotto Trump, gli Stati Uniti hanno voltato le spalle ai suoi alleati e partner”. In realtà sono gli europei a non aver voluto approfittare degli spazi apertisi durante la sua presidenza. Sono stati, assieme alle gerarchie della NATO, in realtà i principali strumenti della restaurazione in corso negli Stati Uniti. Comprenderanno quanto prima il significato reale della “differenza degli sforzi determinati dell’amministrazione Biden per ricostruire la fiducia e le relazioni bilaterali”; l’effettiva utilità della loro infamia e della pochezza miserabile delle loro scelte. Il peso maggiore dovranno sopportarlo come sempre la gran parte delle popolazioni europee.

Quanto all’espressione di ottimismo manifestato dagli autori circa il ripristino della leadership mondiale statunitense e di quella dell’amministrazione attuale sul proprio paese mi pare decisamente prematura. Ancora una volta si identifica l’egemonia sull’Europa ed in parte su alcuni stati asiatici con quella mondiale. Quanto ai problemi di gestione e coesione interna più che avviarsi a soluzione, sembrano aggravarsi ulteriormente. Potrebbero, al contrario, rivelarsi il fattore scatenante decisivo di una possibile crisi definitiva di questa classe dirigente. Staremo a vedere, purtroppo da spettatori, almeno qui in Europa.

Buona lettura, Giuseppe Germinario

Come aiutare i lavoratori americani e il progetto US Power

Nel febbraio 2021, due settimane dopo il suo insediamento, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha tenuto un discorso in cui ha delineato la sua visione di politica estera. Nel corso di 20 minuti, il nuovo presidente ha dettagliato molti degli interessi all’estero di Washington, inclusa la promozione della democrazia e la collaborazione con gli alleati degli Stati Uniti per competere contro la Cina. Ha identificato una serie di sfide internazionali, inclusi attacchi informatici, proliferazione nucleare e flussi di rifugiati. Ma quando è arrivato il momento di parlare di economia internazionale, Biden ha evitato di guardare all’estero e ha invece concentrato la sua attenzione a casa. “Non c’è più una linea netta tra la politica estera e quella interna”, ha detto. “Ogni azione che intraprendiamo nella nostra condotta all’estero, dobbiamo prenderla pensando alle famiglie lavoratrici americane”. Washington, ha detto, deve promuovere “una politica estera per la classe media”.

L’ultima frase – “una politica estera per la classe media” – è diventata la lente attraverso la quale l’amministrazione Biden ha perseguito la sua agenda economica internazionale. Nel complesso, significa trovare un equilibrio tra la promozione degli interessi delle famiglie lavoratrici statunitensi e il perseguimento dell’agenda più strategica e spesso realpolitik che guida gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, in particolare affrontando le sfide poste dalla crescente concorrenza con la Cina. Implica la creazione di un approccio di politica industriale più pro-sindacale per investire nel rinnovamento economico interno e nella competitività degli Stati Uniti in modo che Washington possa continuare a proiettare il potere degli Stati Uniti. Richiede il rafforzamento delle vulnerabilità della sicurezza nazionale nelle catene di approvvigionamento in modo da avvantaggiare i lavoratori. E implica lavorare con alleati e paesi che la pensano allo stesso modo, rafforzando gli Stati Uniti

Dopo oltre un anno in carica, i risultati di Biden nel trovare un giusto equilibrio tra una politica estera incentrata sui lavoratori e una che coinvolge la realpolitik sono contrastanti. Riuscì a trovare quell’equilibrio con il suo programma di resilienza della catena di approvvigionamento, compresi gli sforzi per “rilocalizzare” e “riservare la produzione” in modo da far avanzare le priorità della classe media e riportare a casa posti di lavoro nel settore manifatturiero. Ha approvato una storica legge bipartisan per infrastrutture e investimenti da 1,2 trilioni di dollari, un ingente acconto sul rinnovamento economico e sulla competitività con politiche rafforzate di “Compra americano”. Ha anche dato nuova vita con successo alle relazioni degli Stati Uniti con gli alleati nelle regioni dell’Atlantico e del Pacifico.

Ma nell’affrontare altre minacce economiche e strategiche poste dalla Cina, compresi i suoi massicci sussidi alle società nazionali, il furto della proprietà intellettuale statunitense e la sua abitudine di costringere le società statunitensi a consegnare la loro tecnologia, l’amministrazione Biden non è riuscita. È indietro nella sua battaglia con Pechino per il commercio, la tecnologia e l’architettura economica dell’Asia. L’abbandono da parte dell’amministrazione delle istituzioni finanziarie internazionali ha consentito alla Cina di acquisire sempre più influenza su altri paesi, minando la leadership statunitense e danneggiando gli interessi economici e finanziari strategici degli Stati Uniti in tutto il mondo.

Biden, in particolare, ha lottato per creare un’agenda commerciale coerente. Sebbene il presidente sia riuscito contemporaneamente ad aiutare i lavoratori e a impegnarsi nuovamente nel commercio, nella tecnologia e nella sicurezza economica con gli alleati europei, nell’Indo-Pacifico, l’approccio squilibrato e sequenziale dell’amministrazione ha rinviato iniziative multilaterali, commerciali e di investimento cruciali a scapito di un periodo più lungo. termine sicurezza strategica statunitense. Durante la campagna, Biden ha sostenuto che l’ uso delle tariffe da parte di Trumpe la sua politica commerciale con la Cina non ha permesso agli agricoltori e ai lavoratori statunitensi di ottenere la parità di condizioni che meritavano. Una volta che Biden ha vinto, ha promesso di intraprendere una revisione completa delle politiche economiche di Washington nei confronti della Cina e quindi di lanciare una nuova strategia globale per la regione. Ma l’amministrazione non ha mai terminato la revisione e non ha mai creato un nuovo approccio. Il tanto diffamato accordo commerciale di Fase Uno dell’amministrazione Trump, il suo tentativo di correggere il comportamento economico cinese in cambio di tariffe più basse, rimane in vigore, sorprendentemente inalterato. I principali abusi economici cinesi restano incontrastati.

La posta in gioco è ora più alta, poiché il commercio, il commercio e gli investimenti indo-pacifici crescono e si evolvono. La Cina ha avanzato il partenariato economico globale regionale, entrato in vigore all’inizio di quest’anno, e ha persino chiesto formalmente di aderire all’accordo globale e progressivo per il partenariato transpacifico (CPTPP), il successore di un accordo commerciale negoziato dagli Stati Uniti nel 2015 prima ritirarsi sotto Trump. La Cina è probabilmente sulla buona strada per stabilire gli standard digitali che domineranno l’Asia per decenni. Ciò significa che i lavoratori statunitensi potrebbero scoprire che l’enorme mercato di esportazione del continente è incompatibile con i prodotti che stanno producendo, isolando i loro datori di lavoro da miliardi di potenziali consumatori e rendendo invece quel mercato prigioniero della macchina di esportazione cinese. Ironia della sorte, l’amministrazione Biden è riluttante a tagliare gli accordi commerciali con la regione perché è preoccupata che ciò possa minare la sua capacità di ottenere il sostegno dei lavoratori domestici. Ma rimanendo in disparte, gli Stati Uniti stanno sia limitando le opportunità dei propri lavoratori che perdendo l’opportunità di guidare il futuro economico dell’Indo-Pacifico.

Negli ultimi mesi, è diventato più complicato per gli Stati Uniti allineare adeguatamente le priorità economiche nazionali e internazionali in Asia. L’invasione russa dell’Ucraina alla fine di febbraio ha costretto l’amministrazione Biden a rielaborare le sue priorità nazionali e internazionali letteralmente dall’oggi al domani. L’enfasi sul persuadere gli alleati a contrastare le ambizioni economiche della Cina e la crescente influenza sulle regole e pratiche commerciali è stata sostituita dalla necessità di una massiccia applicazione collettiva di un duro potere coercitivo economico contro la Russia, attuata attraverso sanzioni senza precedenti e controlli sulle esportazioni. Prima dell’invasione, la politica economica degli Stati Uniti era focalizzata sul rafforzamento della resilienza della catena di approvvigionamento a lungo termine per garantire agli Stati Uniti un accesso affidabile a materie prime, prodotti manifatturieri e prodotti farmaceutici critici, che sono sproporzionatamente prodotti in Cina. Dopo l’invasione, Washington è passata ad affrontare le carenze immediate di materie prime e le vulnerabilità energetiche di Russia e Ucraina, inclusi non solo petrolio e gas, ma anche grano, nichel, palladio e altri materiali critici necessari per i semiconduttori e l’elettronica. Anche l’amministrazione è audaceGli sforzi per il clima , progettati per aiutare il mondo ad allontanarsi dai combustibili fossili, sono stati sottoposti a un duro controllo della realtà. L’amministrazione ha dovuto affrontare il rischio di demonizzare i produttori nazionali di gas naturale e le compagnie petrolifere, costringendo Washington a fare un rapido dietrofront diplomatico in Medio Oriente e Venezuela per riprendere il pompaggio del petrolio.

La sfida posta dalla Cina non è diminuita e l’invasione non ha ridotto la necessità di garantire che l’agenda di politica economica internazionale di Biden rimanga focalizzata su sfide strategiche sia immediate che a lungo termine. In effetti, la risposta della Cina all’aggressione russa offre un’opportunità alla squadra di Biden. Gran parte del mondo è diffidente nei confronti dell’incapacità della Cina di condannare e del suo possibile sostegno all’invasione russa dell’Ucraina. La Casa Bianca può capitalizzare su questo per cercare di limitare le ambizioni globali della Cina, la sua crescente influenza e le sue minacce alla classe media statunitense. Il compito dell’amministrazione ora è sfruttare le attuali turbolenze per ricostruire un sistema economico globale che conserverà la leadership statunitense e aiuterà i lavoratori americani: una vera politica estera per la classe media.

A CASA NEL MONDO

L’agenda economica internazionale di Biden è stata progettata per collegare indissolubilmente i suoi piani economici interni e la sicurezza economica nazionale del paese. Biden ha promesso di investire in catene di approvvigionamento nazionali, infrastrutture, innovazione, ricerca e sviluppo e produzione, nonché di ricostruire le alleanze statunitensi per promuovere congiuntamente interessi di sicurezza economica comuni.

Nel tentativo di isolare l’economia statunitense dalle minacce internazionali, il presidente ha iniziato il suo mandato conducendo una revisione strategica della resilienza della catena di approvvigionamento statunitense, progettata per identificare dove gli Stati Uniti erano meno autosufficienti. Entro giugno 2021, l’amministrazione aveva catalogato le principali vulnerabilità del paese, principalmente in semiconduttori, prodotti farmaceutici, batterie e minerali e materiali chiave con implicazioni per la difesa e la resilienza commerciale degli Stati Uniti. Ha ampliato la revisione per includere sei settori industriali con vulnerabilità, quindi ha elaborato strategie per rafforzarli.

La Casa Bianca ha proseguito con la creazione di un piano d’azione pluriennale, utilizzando investimenti pubblici e privati, per riportare la produzione di determinati prodotti critici negli Stati Uniti. Il governo federale ha rielaborato le sue procedure di appalto per investire nella produzione di nuove batterie e per accumulare minerali e metalli critici. Ha anche implementato nuove disposizioni “Compra americano”, che hanno colmato le scappatoie legali e hanno convinto il governo federale a utilizzare più beni nazionali nei propri appalti. Tutto ciò era in sintonia con l’agenda incentrata sui lavoratori di Biden.

L’amministrazione Trump aveva anche cercato di ristabilire la produzione interna. Ma gli sforzi di Trump consistevano principalmente in dazi casuali e controproducenti su amici e concorrenti allo stesso modo. Questo alienò gli alleati e fece ben poco per affrontare il deficit commerciale che secondo lui era alla radice dei problemi economici degli Stati Uniti. Biden, al contrario, ha collaborato con alleati sia in Europa che nell’Indo-Pacifico per costruire la resilienza della catena di approvvigionamento. Ha riconosciuto che gli stessi paesi di entrambe le regioni rischiavano di essere vittime delle politiche commerciali aggressive e armate della Cina. Pechino, ad esempio, aveva emesso restrizioni commerciali vendicative sull’Australia dopo che Canberra aveva chiesto un’indagine indipendente sulle origini del COVID-19.

La diplomazia della catena di approvvigionamento di Biden è stata incorporata nell’istituzione del Consiglio per il commercio e la tecnologia USA-UE nel giugno 2021; il consiglio sta affrontando la vulnerabilità condivisa degli Stati Uniti e dell’Europa in aree come i minerali critici, i semiconduttori e la produzione di batterie. Quella diplomazia è stata mostrata anche nell’ottobre 2021, quando, a margine della riunione del G-20 a Roma, l’amministrazione ha ospitato un vertice sulla resilienza della catena di approvvigionamento globale con i leader di altri 14 paesi e dell’UE, tra cui Canada, Repubblica Democratica del Congo (che è la principale fonte mondiale di cobalto, un metallo chiave per la transizione verso l’energia verde), India, Giappone e Corea del Sud.

Durante il suo primo anno, Biden ha anche realizzato una delle sue più ambiziose promesse elettorali: investire 1 trilione di dollari nelle infrastrutture a lungo trascurate del paese. La sua massiccia legge bipartisan sugli investimenti e l’occupazione nelle infrastrutture migliorerà i sistemi di trasporto degli Stati Uniti, rafforzerà la loro connettività digitale, aumenterà la sicurezza informatica del paese e creerà una rete energetica più verde e più resiliente. Questi cambiamenti possono sembrare in gran parte di natura interna, ma hanno implicazioni per la politica estera. Una migliore sicurezza informatica, ad esempio, proteggerà gli Stati Uniti dall’hacking da parte di Cina, Russia e attori non statali. Il miglioramento delle infrastrutture rafforzerà la capacità dell’economia statunitense di competere con una Cina in ascesa. E il pacchetto infrastrutturale creerà più posti di lavoro migliori per gli americani, specialmente nelle parti sottorappresentate del paese.

La politica di sicurezza economica interna di Biden non è ancora conclusa. Per contrastare la Cina e stimolare l’innovazione, la produzione e la ricerca e sviluppo degli Stati Uniti, il Congresso dovrà presto finalizzare e approvare un disegno di legge bipartisan sull’innovazione e la competitività. Questa legislazione significherebbe un sostanziale investimento federale nell’informatica quantistica, nei semiconduttori, nella robotica e nell’intelligenza artificiale, le industrie che la Cina cerca di dominare. La guerra russo-ucraina, nel frattempo, sottoporrà il mondo a una serie di carenze critiche, compresi i materiali semiconduttori; gli Stati Uniti avranno bisogno di piani per affrontare questo problema.

SEPOLTURA DELL’ASCIA

Sotto Trump, gli Stati Uniti hanno voltato le spalle ai suoi alleati e partner. L’ex presidente ha imposto dazi sulle importazioni di acciaio e alluminio dai paesi dell’UE, sostenendo che tali importazioni erano minacce alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e alla fine del suo mandato, gli amici più intimi degli Stati Uniti nutrivano profonde perplessità sulle intenzioni di Washington. Quella sfiducia rappresentava una minaccia significativa per l’agenda economica di Biden, compresi i suoi piani per competere con la Cina. Nel dicembre 2020, dopo che Biden aveva vinto le elezioni presidenziali ma prima del suo insediamento, l’UE ha annunciato di aver accettato un accordo di investimento proposto con la Cina chiamato Accordo globale sugli investimenti, nonostante le obiezioni del team di Biden. (Sebbene da allora l’UE abbia rinviato a tempo indeterminato la piena approvazione dell’accordo, lo ha fatto a causa di passi falsi della diplomazia cinese,

Per cercare di riparare questo danno, Biden ha lavorato rapidamente per migliorare le relazioni degli Stati Uniti con i suoi alleati e partner. Entro un mese dal mandato di Biden, gli Stati Uniti erano tornati nell’accordo sul clima di Parigi. Successivamente, Washington ha contribuito a guidare un nuovo accordo sulle emissioni di carbonio e altri obiettivi climatici alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021, nota come COP26. Nel tentativo di affrontare le carenze economiche legate al COVID-19, in particolare nei paesi poveri, l’amministrazione ha accettato di sostenere uno stanziamento di 650 miliardi di dollari in diritti speciali di prelievo da parte del Fondo monetario internazionale (FMI). E per uniformare le condizioni di gioco nella tassazione globale, la Casa Bianca ha contribuito a finalizzare un accordo sulla riforma fiscale globale, inclusa un’aliquota minima globale dell’imposta sulle società del 15 per cento,

Per Biden, l’accordo fiscale – che ha riunito oltre 130 paesi che rappresentano oltre il 90 per cento del PIL del pianeta – è un esempio particolarmente chiaro di come la sua “politica estera per la classe media” possa bilanciare con successo obiettivi nazionali e internazionali. L’accordo non solo ha ristabilito l’impegno internazionale degli Stati Uniti e ha protetto le società statunitensi dall’essere tassate ingiustamente in altre giurisdizioni; ha anche avanzato una promessa campagna chiave per garantire che le aziende paghino la loro giusta quota. Sebbene l’accordo richieda ancora l’azione del Congresso degli Stati Uniti e un’analoga approvazione del governo in altri paesi, ha comunque stabilito la buona fede economica multilaterale dell’amministrazione Biden.

Biden interviene al vertice del G-20 a Roma, ottobre 2021
Biden interviene al vertice del G-20 a Roma, ottobre 2021
Kevin Lamarque / Reuters

Gli Stati Uniti hanno anche collaborato con alcuni alleati per coordinare i loro approcci alle principali questioni tecnologiche, economiche e commerciali globali. Il Consiglio per il commercio e la tecnologia USA-UE, ad esempio, è stato quasi interamente progettato per affrontare le sfide poste dal modello economico statale cinese e contrastare le pratiche commerciali sleali che danneggiano i lavoratori americani ed europei. Il consiglio sta aiutando gli Stati Uniti e l’Unione europea a garantire che dispongano di standard tecnologici compatibili e protezione dei dati, attuare controlli sulle esportazioni sulla tecnologia a duplice uso e creare protocolli di screening degli investimenti per proteggere dalla proprietà intellettuale e dal furto tecnologico (che mina la competitività e sicurezza).

Poi, poco dopo che la squadra di Biden ha iniziato il suo secondo anno in carica, ricordando le parole dell’ex primo ministro britannico Harold Macmillan, sono intervenuti i fatti: la Russia ha invaso l’Ucraina. Ma niente illustra meglio il successo del lavoro di Biden con gli alleati statunitensi di quello che è successo prima e subito dopo l’invasione russa. In vista della guerra, il team di Biden ha lavorato con il suo G-7 e altri partner europei per preparare un menu coordinato di crescenti misure economiche coercitive, sia per scoraggiare un’invasione che per preparare una risposta concertata in caso di guerra . Gli Stati Uniti hanno anche intensificato la loro cooperazione in materia di sicurezza energetica nei mesi precedenti l’invasione, poiché la Russia ha utilizzato sempre più le esportazioni di gas come arma coercitiva contro l’Europa. Di conseguenza, subito dopo l’inizio dell’invasione, gli Stati Uniti ei loro alleati sono stati in grado di realizzare un grado di coordinamento internazionale senza precedenti, imponendo rapidamente sanzioni economiche storicamente severe e controlli sulle esportazioni a una grande economia.

CERCASI AIUTO

A differenza degli sforzi determinati dell’amministrazione Biden per ricostruire la fiducia e le relazioni bilaterali, i suoi tentativi di ristabilire la leadership nelle istituzioni finanziarie internazionali, inclusi l’FMI, la Banca mondiale e le banche multilaterali di sviluppo regionali, non hanno avuto successo. Queste istituzioni avrebbero dovuto svolgere un ruolo cruciale nel portare avanti l’agenda internazionale dell’amministrazione, soprattutto data la pressante necessità di contenere le ricadute economiche globali del COVID-19. E in un primo momento, la Casa Bianca ha fatto bene, sostenendo la storica emissione di diritti speciali di prelievo per aiutare i paesi a basso e medio reddito ad affrontare le sfide economiche poste dalla pandemia.

Successivamente, tuttavia, gli sforzi dell’amministrazione si sono arenati. Forse perché la Casa Bianca era sproporzionatamente concentrata sulla sua agenda interna, ha mostrato scarso interesse per la riforma dell’Organizzazione mondiale del commercio, ha rifiutato di nominare un americano alla seconda posizione di leadership presso la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo quando l’anno scorso gli è stata data l’opportunità, e ha sostituito la posizione di vertice detenuta dagli Stati Uniti presso l’FMI – il primo vicedirettore generale – solo dopo che il leader dell’istituzione è stato coinvolto in uno scandalo di brogli di dati legato alla Cina. Fondamentalmente, Biden ha trascurato di dare priorità al riempimento del numero senza precedenti di posti vacanti in posti chiave nei consigli di amministrazione delle istituzioni finanziarie internazionali e nel Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti; le persone in questi incarichi dovrebbero stabilire politiche economiche internazionali vitali. Di conseguenza, Washington ha lottato per promuovere i suoi interessi economici strategici attraverso istituzioni multilaterali chiave. Ha anche trascurato di promuovere una delle principali priorità dei sindacati: promuovere una prospettiva globale incentrata sui lavoratori all’interno delle stesse istituzioni internazionali.

Biden non è stato nemmeno in grado di affrontare l’ampio rifiuto della Cina di fornire una riduzione del debito ai paesi poveri. La Cina è ora il creditore dominante degli stati in via di sviluppo in tutto il mondo e, quando il COVID-19 ha reso più difficile il rimborso del debito, l’FMI e la Banca mondiale hanno proposto un “Quadro comune” del G-20 per la riduzione del debito, cercando di creare un forum in cui La Cina potrebbe lavorare in modo costruttivo a tal fine con il FMI e il Club di Parigi, un gruppo di paesi creditori che cercano soluzioni ai problemi di pagamento affrontati dai paesi debitori. Ma lo sforzo è in gran parte fallito, principalmente perché la Cina ha rifiutato di accettare una significativa remissione del debito o, in molti casi, persino di consentire visibilità sulla natura e sui termini dei suoi prestiti. Gli investimenti della Cina in paesi di tutto il mondo non solo conferiscono a Pechino una maggiore influenza sulla politica e sull’economia di questi paesi debitori; gli conferisce inoltre un maggiore controllo sulla fornitura di materie prime chiave e, sempre più, sullo sviluppo di standard digitali in Africa, Asia e America Latina. Con l’amministrazione Biden principalmente disimpegnata dalla leadership sia del FMI che della Banca mondiale, gli Stati Uniti hanno perso l’opportunità di utilizzare queste istituzioni per respingere l’intransigenza della Cina. Nel frattempo, l’incapacità di Washington di dimostrare un reale interesse per la governance in queste istituzioni ha contribuito ai problemi di governance e morale che attualmente affliggono la loro più ampia efficacia.

Questo non vuol dire che Biden non abbia adottato misure formali e multilaterali per cercare di contrastare la leadership economica cinese. Nel giugno 2021, la sua amministrazione e il G-7 hanno lanciato l’iniziativa Build Back Better World, che utilizzerà il sostegno finanziario dei membri del G-7 per aiutare a finanziare e coordinare progetti infrastrutturali nei paesi in via di sviluppo. Ma sebbene degno di lode, Build Back Better World rimane embionale e sottofinanziato, soprattutto rispetto all’enorme prestito bilaterale cinese, che si stima abbia raggiunto oltre $ 500 miliardi.

DISACCORDO NELL’ACCORDARE

Il team di Biden può contare su alcune vittorie commerciali e di investimento nel suo primo anno, inclusa la risoluzione temporanea di una disputa di 17 anni con l’UE sui sussidi ad Airbus e Boeing. Ha anche raggiunto un accordo con l’UE sulle tariffe dell’acciaio e dell’alluminio che ha affrontato in modo creativo le preoccupazioni sia degli Stati Uniti che dell’Europa sulla sovraccapacità cinese collegando l’accordo alle emissioni di gas serra. Inoltre, Washington ha trovato una soluzione favorevole ai sindacati per le trasgressioni della manipolazione valutaria del Vietnam.

Ma la Casa Bianca ha avuto problemi commerciali. In effetti, nel complesso, il più eclatante fallimento della politica economica internazionale dell’amministrazione Biden è stata la sua incapacità di articolare o promuovere una politica commerciale e di investimento strategica coerente nell’Indo-Pacifico. L’amministrazione Biden non ha ancora concordato un nuovo approccio economico alle sue relazioni con la Cina, mantenendo di fatto l’accordo commerciale di Fase Uno ereditato da Trump. Ha fatto pochi sforzi seri per affrontare le lamentele di fondo di Washington nei confronti della politica economica cinese. Ciò che colpisce di più è come non si sia seriamente coordinato con i paesi indo-pacifici su una strategia economica, in parte perché ha evitato persino di menzionare gli accordi di libero scambio o di investimento. In particolare, ha rifiutato di entrare in qualsiasi discussione sul reimpegno con il CPTPP.

Il rifiuto di parlare di commercio ha messo in luce come il mancato equilibrio tra interessi nazionali e internazionali possa minare gli obiettivi strategici a lungo termine. Durante la corsa alla presidenza, Biden ha promesso per iscritto alla United Steelworkers che non avrebbe “stipulato nuovi accordi commerciali fino a quando non avessimo fatto grandi investimenti qui a casa”, parte della sua più ampia campagna per riconquistare stati oscillanti e elettori della classe operaia . Quella promessa era sia tragica che controproducente; precludendo anche la discussione su qualsiasi nuovo accordo commerciale, Biden ha sprecato la migliore opportunità degli Stati Uniti per rendere l’ordine economico internazionale più amichevole per la classe media americana e per promuovere gli interessi cruciali della politica estera degli Stati Uniti. Essendo l’economia di mercato più attraente al mondo, gli Stati Uniti possono utilizzare i negoziati commerciali per convincere i paesi a cambiare i loro standard, regole e norme, in parte promettendo un maggiore accesso al mercato. Ciò significa che ci sono enormi vantaggi strategici ed economici nel rientrare almeno nel dibattito sull’opportunità o meno degli Stati Uniti di aderire al CPTPP, in modo da presentare un’alternativa al crescente dominio della Cina sul commercio asiatico (il che è negativo sia per i lavoratori statunitensi che per la politica estera degli Stati Uniti ). Eppure l’amministrazione Biden ha effettivamente vietato qualsiasi ipotesi che l’adesione al CPTPP possa, in effetti, essere il passo più significativo che il paese potrebbe compiere per portare avanti la sua politica estera per la classe media, tale da presentare un’alternativa al crescente predominio della Cina sul commercio asiatico (che è negativo sia per i lavoratori statunitensi che per la politica estera statunitense).

Ci sono effetti di spillover. Nel settembre 2021, la Cina ha presentato domanda per aderire al CPTPP. Di conseguenza, molti dei membri esistenti dell’accordo, compresi i paesi dell’America Latina, stanno costruendo migliori relazioni con Pechino, preparandosi alla possibilità che la Cina appartenga al CPTPP, con gli Stati Uniti dall’esterno che guardano dentro. La Casa Bianca lo sa non va bene, e ha cercato tardivamente di elaborare una nuova strategia di impegno economico per l’Asia: l’Indo-Pacific Economic Framework. Ma si concentra su obiettivi in ​​gran parte amorfi che consistono in liste di desideri aspirazionali, per lo più prive di specifiche. Questa iniziativa non sostituisce un accordo di libero scambio né un serio tentativo di riaffermare l’influenza di Washington sul commercio, gli investimenti o il futuro digitale dell’Indo-Pacifico.

LA QUADRATURA DEL CERCHIO

Dopo più di un anno in carica, Biden ha portato avanti molti obiettivi critici di politica economica internazionale allineando l’agenda di politica estera della sua amministrazione con gli interessi dei lavoratori statunitensi, raggiungendo obiettivi strategici di sicurezza nazionale. Ha gettato le basi per creare catene di approvvigionamento più resilienti e trasformare le infrastrutture statunitensi in modi che aiuteranno le comunità svantaggiate e la classe media. Si è unito nuovamente allo sforzo della comunità globale di abbandonare i combustibili fossili. Ha posto riparo alle alleanze statunitensi, schierando il mondo democratico per rispondere collettivamente alla Russia dopo che aveva invaso l’Ucraina.

È probabile che la guerra della Russia contro l’Ucraina e il suo successivo isolamento forniscano ampie opportunità agli Stati Uniti di cooperare ancora di più con i loro alleati, nonché un’opportunità per Washington di ampliare la cerchia di paesi con cui può trovare una causa comune. L’isolamento economico russo rappresenta un cambiamento strutturale economico globale di proporzioni significative, che potrebbe portare a un ulteriore disaccoppiamento economico e politico, e gli Stati Uniti devono essere preparati a proteggere e far avanzare i propri interessi economici in questo nuovo paradigma.

Il ruolo futuro della Cina in questo mondo rimane incerto. La neutralità della Cina, se non la posizione vagamente filo-russa, sulla guerra in Ucraina ha dato a Washington la possibilità di riaffermare la sua leadership globale. Ora deve essere disposta a riconoscere queste opportunità e trovare un modo per affrontare sia gli interessi interni più immediati che quelli strategici a lungo termine che possono pagare dividendi economici per i decenni a venire. Per trarre vantaggio da questo momento, gli Stati Uniti devono essere pronti ad abbracciare una politica economica internazionale più ambiziosa che faccia avanzare gli standard di commercio equo, commercio e investimenti equo e solidale della Cina, soprattutto in risposta alla posizione internazionale sempre più aggressiva della Cina. Ciò significa che una priorità assoluta per l’amministrazione deve includere una rinnovata attenzione all’articolazione di una strategia economica globale per la Cina, compresa una concreta, ambiziosa agenda commerciale e di investimento per l’Indo-Pacifico.

Non sarà facile per l’amministrazione Biden ristabilire la leadership economica degli Stati Uniti. Molti americani della classe media continuano a incolpare la globalizzazione in generale, e il commercio in particolare, per le loro lotte economiche. Per i Democratici non conviene essere visti come il partito delle élite costiere pro-globalizzazione. Biden dovrà quindi lavorare sodo per spiegare che il commercio libero ed equo può promuovere gli interessi della classe media, dei sindacati e dei lavoratori. Dovrebbe mantenere la sua promessa di portare gli interessi sindacali e ambientali al tavolo dei negoziati. Ma interrompere l’impegno commerciale degli Stati Uniti o credere che il paese abbia il tempo di rinviare l’introduzione di un’agenda economica indo-pacifica comporterà la cessione di ulteriore terreno alla Cina, limitando in definitiva i mercati e ponendo maggiori rischi, non meno, per i lavoratori americani.

Biden dovrà anche mantenere le promesse di rinnovare la leadership economica degli Stati Uniti nelle istituzioni finanziarie multilaterali, piuttosto che lasciarle perdere ulteriore credibilità. Queste istituzioni possono amplificare l’influenza degli Stati Uniti e la Casa Bianca dovrebbe fare del loro coinvolgimento una priorità. Ciò significa che non può rinunciare a future opportunità per nominare candidati statunitensi forti e qualificati per posizioni di leadership tradizionalmente detenute dagli Stati Uniti in queste organizzazioni.

Sarà fondamentale lavorare con il FMI e la Banca mondiale. L’insicurezza alimentare, l’inflazione, l’aumento dei tassi di interesse e gli enormi livelli di debito nei paesi a basso reddito minacciano la stabilità finanziaria, specialmente nei mercati in via di sviluppo, e il FMI e la Banca mondiale possono aiutare il mondo a gestire e mitigare i rischi. La Casa Bianca dovrebbe esercitare pressioni sul FMI e sulla Banca Mondiale affinché rispettino le proprie regole sulla sostenibilità del debito. Deve anche essere pronto a chiedere che la Cina fornisca trasparenza e un’adeguata riduzione del debito ai paesi poveri che cadono in difficoltà di debito. Dovrebbe dare la priorità a iniziative, come Build Back Better World, che sfidano la leadership cinese in materia di prestiti e investimenti. Ciò sarà particolarmente importante quando si tratterà di aiutare gli stati nella transizione verso l’energia verde.

Infine, l’amministrazione Biden deve gestire le conseguenze economiche e politiche della guerra in Ucraina. L’invasione ha ribaltato molti dei presupposti alla base della politica estera proposta da Biden per la classe media. Allo stesso tempo, sfida l’ascesa della Cina e, in questo modo, offre a Biden l’opportunità di recuperare il tempo perso, anche superando alcuni degli impedimenti politici, come l’opposizione interna all’adesione al CPTPP, che sono rimasti nel modo di scelte internazionali intelligenti. Questa opportunità potrebbe aiutare Biden, e gli Stati Uniti, a ottenere un vantaggio per tutti: un’agenda di politica economica internazionale che trovi il giusto equilibrio tra gli interessi dei lavoratori in patria e gli interessi strategici del paese all’estero.

https://www.foreignaffairs.com/articles/united-states/2022-04-19/real-foreign-policy-middle-class?utm_medium=newsletters&utm_source=fatoday&utm_campaign=A%20Real%20Foreign%20Policy%20for%20the%20Middle%20Class&utm_content=20220425&utm_term=FA%20Today%20-%20112017