Lady Madonna! Von der Leyen dixit

Una caratteristica degli zombies è la capacità di procedere imperterriti sulla strada tracciata sino alla fine, incuranti ed inconsapevoli della situazione_Giuseppe Germinario


Caro Presidente Metsola, cara Roberta,
permettetemi innanzitutto di congratularmi con voi dal profondo del cuore per la vostra ri-nomination.
Il vostro successo è lo specchio dell’eccellente lavoro che avete svolto in questa Casa della democrazia europea.
Onorevoli deputati,
Sono passati cinque anni da quando sono venuto a chiedere la vostra fiducia. Un quinquennio come nessun altro nella storia della nostra Unione. Ricorderò sempre i momenti da brivido che abbiamo condiviso insieme in questo emiciclo. Dal trovarmi di fronte a voi, chiedendo la vostra fiducia cinque anni fa, alla proposta di NextGenerationEU. Dalle apparizioni del Presidente Zelenskyy, quando persino i traduttori non riuscivano a trattenere le lacrime, alla sedia vuota lasciata struggentemente per Alexei Navalny, mentre la figlia parlava in suo nome. Dai momenti di silenzio per coloro che abbiamo perso nella pandemia ai momenti di canto per l’Inno alla gioia o Auld Lang Syne. E non dimenticherò mai le ultime parole di David Sassoli che ha chiesto un’Europa più unita. Questo Parlamento comprende il peso della storia di questo momento.
Onorevoli deputati,
le scelte sono i cardini del destino. E in un mondo pieno di avversità, il destino dell’Europa dipende da ciò che faremo. Nonostante le cose importanti che abbiamo fatto e superato, l’Europa si trova ora di fronte a una scelta chiara. Una scelta che darà forma al nostro lavoro per cinque anni e definirà il nostro posto nel mondo per i prossimi cinquanta. La scelta è se lasciarci plasmare dagli eventi e dal mondo che ci circonda o se unirci e costruire il nostro futuro da soli. E questa scelta spetta a noi. L’Europa non può controllare dittatori e demagoghi in tutto il mondo, ma può scegliere di proteggere la propria democrazia. L’Europa non può determinare le elezioni in tutto il mondo, ma può scegliere di investire nella sicurezza e nella difesa del proprio continente. L’Europa non può fermare il cambiamento, ma può scegliere di abbracciarlo investendo in una nuova era di prosperità e migliorando la qualità della vita.
Ma, onorevoli deputati, per scegliere l’Europa di domani, dobbiamo riconoscere come si sentono i cittadini oggi. Siamo in un periodo di profonda ansia e incertezza per gli europei. Le famiglie risentono del costo della vita e degli alloggi. I giovani sono preoccupati per il pianeta, il loro futuro e la prospettiva della guerra. Le aziende e gli agricoltori si sentono schiacciati. Tutto questo è sintomo di un mondo in cui tutto è armato e contestato. In cui c’è un chiaro tentativo di dividere e polarizzare le nostre società. Sono profondamente preoccupato per queste tendenze. Ma sono convinto che l’Europa – un’Europa forte – possa essere all’altezza della sfida. Ed è per questo che oggi vi chiedo fiducia. Perché, proprio come voi, sono entrato in politica per fare la differenza per tutta la società, per dare risultati alla generazione dei miei figli e dei miei nipoti, come hanno fatto coloro che ci hanno preceduto. Sono convinto che la versione dell’Europa dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, con tutte le sue imperfezioni e disuguaglianze, sia ancora la migliore della storia. Non resterò mai a guardare mentre viene fatta a pezzi dall’interno o dall’esterno. Non permetterò mai che si accetti l’estrema polarizzazione delle nostre società. E non accetterò mai che demagoghi ed estremisti distruggano il nostro stile di vita europeo. E oggi sono qui pronto a condurre questa lotta con tutte le forze democratiche presenti in quest’Aula.
Onorevoli deputati,
Questa è la visione che ho esposto nei miei orientamenti politici. La visione di un’Europa più forte che offre prosperità, protegge le persone e difende la democrazia. Un’Europa più forte che offre equità sociale e sostiene le persone. Un’Europa più forte che attua quanto concordato in modo equo. E che si attenga agli obiettivi del Green Deal europeo con pragmatismo, neutralità tecnologica e innovazione.
Ho ascoltato con attenzione le forze democratiche di questo Parlamento e sono convinto che questi orientamenti riflettano quanto abbiamo in comune, nonostante le differenze che sono salutari in ogni democrazia.
Onorevoli deputati,
La nostra prima priorità sarà la prosperità e la competitività. Negli ultimi cinque anni abbiamo superato la tempesta più feroce della storia economica dell’Unione. Siamo usciti rafforzati dallo shock delle serrate e abbiamo superato una crisi energetica senza precedenti. Lo abbiamo fatto insieme e credo che possiamo esserne orgogliosi.Ma sappiamo anche che la nostra competitività ha bisogno di un forte impulso.I fondamenti dell’economia globale stanno cambiando.Chi resta fermo resterà indietro.Chi non è competitivo sarà dipendente.La corsa è iniziata e voglio che l’Europa cambi marcia.E questo comincia con il rendere le imprese più facili e più veloci.Dobbiamo approfondire il nostro mercato unico in tutti i settori.Abbiamo bisogno di meno relazioni, meno burocrazia e più fiducia, di una migliore applicazione e di autorizzazioni più rapide.E farò in modo di rendere conto di tutto questo.Perché solo ciò che viene misurato viene fatto.Pertanto, incaricherò ciascun Commissario di approfondire il proprio portafoglio e di fornire risultati concreti sulla riduzione degli oneri.E nominerò un vicepresidente per coordinare questo lavoro e per riferire al Parlamento sui progressi compiuti una volta all’anno.Introdurrò anche un controllo rinnovato delle PMI e della competitività come parte del nostro pacchetto di strumenti per una migliore regolamentazione.Sappiamo tutti che non c’è Europa senza PMI.Sono il cuore della nostra economia.Pertanto, sbarazziamoci dell’onerosa microgestione e diamo loro più fiducia e migliori incentivi.
Onorevoli parlamentari,
Permettetemi di fornirvi alcune cifre.Per cominciare: nel primo semestre di quest’anno, il 50% della nostra produzione di energia elettrica è stata ottenuta da fonti rinnovabili, autoctone e pulite.Gli investimenti nelle tecnologie pulite in Europa sono più che triplicati in questo mandato.Attiriamo più investimenti nell’idrogeno pulito di Stati Uniti e Cina messi insieme.Infine, negli ultimi anni abbiamo concluso con partner globali 35 nuovi accordi su tecnologie pulite, idrogeno e materie prime critiche.Questo è il Green Deal europeo in azione.Voglio quindi essere chiaro.Continueremo a seguire la nostra nuova strategia di crescita e gli obiettivi fissati per il 2030 e il 2050.Ora ci concentreremo sull’attuazione e sugli investimenti per realizzarli sul campo.Ecco perché nei primi 100 giorni proporrò un nuovo Clean Industrial Deal.Questo accordo incanalerà gli investimenti nelle infrastrutture e nell’industria, in particolare nei settori ad alta intensità energetica.Contribuirà a creare mercati di punta in tutti i settori, dall’acciaio pulito alla tecnologia pulita, e accelererà la pianificazione, le gare d’appalto e le autorizzazioni.Dobbiamo essere più veloci e più semplici.Perché l’Europa si sta decarbonizzando e industrializzando allo stesso tempo.Le nostre aziende hanno bisogno di prevedibilità, per i loro investimenti e per l’innovazione.E sì, possono contare su di noi.In questa logica, inseriremo il nostro obiettivo del 90% per il 2040 nella nostra legge europea sul clima.Le nostre aziende devono pianificare già oggi i loro investimenti per il prossimo decennio.E non si tratta solo di affari.Per i nostri giovani, il 2030, 2040, 2050 è dietro l’angolo.Sanno che dobbiamo conciliare la protezione del clima con un’economia prospera.E non ci perdonerebbero mai se non fossimo all’altezza della sfida.Quindi, non è solo una questione di competitività, ma anche di equità intergenerazionale.I giovani se lo meritano.
Il nuovo Clean Industrial Deal contribuirà anche a ridurre le bollette energetiche.Sappiamo tutti che i prezzi strutturalmente elevati dell’energia ostacolano la nostra competitività.E le bollette energetiche elevate sono uno dei principali fattori di povertà energetica per le persone.Non ho dimenticato come Putin ci abbia ricattato tagliandoci fuori dai combustibili fossili russi.Ma abbiamo resistito insieme.Abbiamo investito massicciamente nelle energie rinnovabili a basso costo prodotte in casa.E questo ci ha permesso di liberarci dagli sporchi combustibili fossili russi.Pertanto, insieme, faremo in modo che l’era della dipendenza dai combustibili fossili russi sia finita.Una volta per tutte.
Onorevoli parlamentari,
L’Europa ha bisogno di maggiori investimenti, dall’agricoltura all’industria, dalle tecnologie digitali a quelle strategiche, ma anche di maggiori investimenti nelle persone e nelle loro competenze.Questo mandato deve essere il tempo degli investimenti.Si comincia con il completamento dell’Unione dei mercati dei capitali e con la mobilitazione di maggiori finanziamenti privati.Ogni anno 300 miliardi di euro di risparmi delle famiglie europee passano dall’Europa ai mercati esteri, perché il nostro mercato dei capitali è troppo frammentato.E poi questo denaro viene spesso utilizzato per acquistare aziende europee innovative dall’estero.Questa situazione deve cambiare.Dobbiamo sfruttare questa enorme ricchezza per creare crescita qui in Europa.Per questo motivo proporremo un’Unione europea dei risparmi e degli investimenti.Le start-up europee non devono guardare agli Stati Uniti o all’Asia per finanziare la loro espansione.Devono trovare il necessario per crescere proprio qui in Europa.Abbiamo bisogno di un mercato dei capitali profondo e liquido.E abbiamo bisogno di una politica della concorrenza che sostenga le imprese a crescere.L’Europa deve essere la patria delle opportunità e dell’innovazione.
Onorevoli parlamentari,
Per liberare gli investimenti privati, abbiamo bisogno anche di finanziamenti pubblici.Certo, abbiamo le risorse di NextGenerationEU e dell’attuale bilancio.Ma questo finirà nei prossimi anni.Mentre le nostre esigenze di investimento non lo faranno.Abbiamo bisogno di maggiore capacità di investimento.Il nostro nuovo bilancio sarà rafforzato.Deve essere più focalizzato sulle politiche, più semplice per gli Stati membri e più incisivo, in modo da sfruttare il suo potere per ottenere maggiori finanziamenti pubblici e privati.Proporrò inoltre un nuovo Fondo europeo per la competitività.Sarà incentrato su progetti europei comuni e transfrontalieri che promuoveranno la competitività e l’innovazione, in particolare per sostenere il Clean Industrial Deal.Garantirà lo sviluppo di tecnologie strategiche e la loro produzione qui, in Europa.Quindi, dall’intelligenza artificiale alla tecnologia pulita, il futuro della nostra prosperità deve essere costruito in Europa.
Onorevoli deputati,
Dobbiamo anche investire di più nella nostra sicurezza e difesa.La Russia è ancora all’offensiva in Ucraina orientale.Punta su una guerra di logoramento, per rendere il prossimo inverno ancora più rigido del precedente.La Russia punta sul fatto che l’Europa e l’Occidente si ammorbidiscano.E alcuni, in Europa, stanno al gioco.Due settimane fa, un Primo Ministro dell’UE si è recato a Mosca.Questa cosiddetta missione di pace non era altro che una missione di riappacificazione.Solo due giorni dopo, i jet di Putin hanno puntato i loro missili contro un ospedale pediatrico e un reparto di maternità a Kiev.Tutti abbiamo visto le immagini di bambini coperti di sangue e di madri che cercavano di portare in salvo i piccoli malati di cancro.Quell’attacco non è stato un errore.È stato un messaggio.Un messaggio agghiacciante del Cremlino per tutti noi.Quindi, onorevoli deputati, la nostra risposta deve essere altrettanto chiara.Nessuno vuole la pace più del popolo ucraino.Una pace giusta e duratura per un Paese libero e indipendente.E l’Europa sarà al fianco dell’Ucraina per tutto il tempo necessario.
Onorevoli parlamentari,
Dobbiamo dare all’Ucraina tutto ciò di cui ha bisogno per resistere e prevalere.Ciò implica scelte fondamentali per il nostro futuro.Per la prima volta da decenni la nostra libertà è minacciata.È nostra responsabilità fare tutto il necessario per proteggere i nostri cittadini europei.Proteggere l’Europa è un dovere dell’Europa.Credo che sia quindi giunto il momento di costruire una vera Unione Europea di Difesa.Sì, so che alcuni si sentono a disagio all’idea.Ma ciò che dovrebbe metterci a disagio sono le minacce alla nostra sicurezza.Siamo chiari: gli Stati membri manterranno la responsabilità della loro sicurezza nazionale e dei loro eserciti.E la NATO rimarrà il pilastro della nostra difesa collettiva.Ma sappiamo tutti molto bene che la nostra spesa per la difesa è troppo bassa e inefficace.La nostra spesa per l’estero è troppo elevata.Dobbiamo quindi creare un mercato unico della difesa.Dobbiamo investire di più in capacità di difesa di alto livello.In altre parole, l’Europa deve proseguire sulla strada tracciata dalla Dichiarazione di Versailles.Dobbiamo investire di più.Dobbiamo investire insieme.E dobbiamo creare progetti europei comuni.Ad esempio, un sistema completo di difesa aerea – uno scudo aereo europeo, non solo per proteggere il nostro spazio aereo, ma anche come forte simbolo dell’unità europea in materia di difesa.
Onorevoli parlamentari,
La sicurezza non riguarda solo le minacce esterne.Le minacce informatiche e ibride sono in aumento.Le reti criminali organizzate si stanno infiltrando nella nostra economia; la maggior parte di esse si serve della corruzione.Con la loro brutale violenza causano paura e la morte di persone innocenti.Guadagnano enormi quantità di denaro con il traffico di droga, il ransomware, le frodi, la tratta di esseri umani e non sono limitati dai confini nazionali.È necessario rispondere a questa crescente minaccia a livello europeo.Dobbiamo fare in modo che la polizia possa lavorare in tutta Europa senza confini.Per questo proporrò di raddoppiare il personale di Europol e di rafforzarne il mandato.Voglio che Europol diventi un’agenzia di polizia veramente operativa.
Dobbiamo anche fare di più per proteggere le nostre frontiere esterne.Il nostro confine orientale, in particolare, è diventato un bersaglio di attacchi e provocazioni ibride.La Russia sta attirando i migranti dallo Yemen verso nord e li spinge deliberatamente contro il confine finlandese.Dobbiamo sempre ricordare che il confine di uno Stato membro è un confine europeo.E noi faremo tutto il possibile per renderli più forti.Questo è uno dei motivi per cui dobbiamo rafforzare Frontex.Per renderlo più efficace, nel pieno rispetto dei diritti fondamentali, proporrò di triplicare il numero delle guardie di frontiera e costiere europee, portandolo a 30.000 unità.
Frontiere più sicure ci aiuteranno anche a gestire la migrazione in modo più strutturato ed equo.Il Patto per la migrazione e l’asilo è un enorme passo avanti.Mettiamo la solidarietà al centro della nostra risposta comune.Le sfide della migrazione richiedono una risposta europea con un approccio equo e deciso basato sui nostri valori.Ricordando sempre che i migranti sono esseri umani come voi e me.E tutti noi siamo protetti dai diritti umani.Molti pessimisti pensavano che la migrazione fosse troppo divisiva per trovare un accordo.Ma abbiamo dimostrato che si sbagliavano.Insieme ce l’abbiamo fatta.E ne siamo usciti rafforzati.Ora dobbiamo concentrarci collettivamente sull’attuazione e sul sostegno agli Stati membri per renderla una realtà sul campo.E ci sarà ancora molto da fare.Abbiamo bisogno di un approccio comune ai rimpatri, per renderli più efficaci e dignitosi.E dobbiamo sviluppare i nostri partenariati globali, in particolare nel nostro vicinato meridionale.La regione mediterranea deve ricevere un’attenzione totale.Per questo motivo nominerò un Commissario per la regione e proporrò una nuova Agenda per il Mediterraneo insieme a Kaja Kallas.Perché il futuro delle due sponde del Mediterraneo è un tutt’uno.
Onorevoli parlamentari,
Il nostro vicinato è la casa del nostro futuro.Invitare i Paesi nella nostra Unione è una responsabilità morale, storica e politica.È un’enorme responsabilità geostrategica per l’Europa.Perché nel mondo di oggi un’Unione più grande sarà un’Unione più forte.Rafforzerà la nostra voce nel mondo.Contribuirà a ridurre le nostre dipendenze.E garantirà che la democrazia, la prosperità e la stabilità si diffondano in tutta Europa.Sosterremo i candidati, lavorando sugli investimenti e sulle riforme e integrandoli, ove possibile, nei nostri quadri giuridici.L’adesione sarà sempre un processo basato sul merito.E ci assicureremo che tutti i Paesi siano pronti, prima di aderire.Ma il completamento dell’Unione è anche un nostro interesse fondamentale.E sarà una priorità fondamentale per la mia Commissione.La storia ci chiama ancora una volta.I Balcani occidentali, l’Ucraina, la Moldavia e la Georgia hanno fatto la loro libera scelta.Hanno preferito la libertà all’oppressione.Hanno preferito la democrazia alla dipendenza.E alcuni di loro stanno pagando a caro prezzo questa scelta.Dobbiamo quindi fare la nostra scelta e mostrare un impegno costante.Il loro futuro sarà libero e prospero, all’interno della nostra Unione.
Onorevoli parlamentari,
l’Europa ha la responsabilità di svolgere un ruolo attivo nel mondo, a partire dal nostro vicinato e in particolare dal Medio Oriente.Voglio essere chiaro: lo spargimento di sangue a Gaza deve finire subito.Troppi bambini, donne e civili hanno perso la vita a causa della risposta di Israele al brutale terrore di Hamas.La popolazione di Gaza non può sopportare oltre.L’umanità non può sopportarlo.Abbiamo bisogno di un cessate il fuoco immediato e duraturo.Abbiamo bisogno del rilascio degli ostaggi israeliani.E dobbiamo preparare il giorno dopo.L’Europa deve fare la sua parte.Abbiamo aumentato massicciamente i nostri aiuti umanitari fino a quasi 200 milioni di euro nel 2024.E faremo di più.Stiamo lavorando a un pacchetto pluriennale molto più ampio per sostenere un’Autorità palestinese efficiente.La soluzione dei due Stati è il modo migliore per garantire la sicurezza di entrambi, israeliani e palestinesi.I popoli del Medio Oriente meritano pace, sicurezza e prosperità.E l’Europa sarà al loro fianco.
Onorevoli parlamentari,
L’Europa offre una qualità di vita unica.Dalla sicurezza sociale completa ai prodotti alimentari regionali di prima qualità.I campi di colza, i vigneti e i frutteti non sono solo sinonimo di buon cibo e bevande, ma sono anche parte della nostra patria.Ecco perché il futuro dell’agricoltura è una questione così importante e delicata per noi in Europa.Dobbiamo superare le differenze e sviluppare soluzioni valide insieme a tutte le parti interessate.Per questo ho lanciato il Dialogo strategico sul futuro dell’agricoltura in Europa.Il dialogo riunisce al tavolo agricoltori, gruppi ambientalisti ed esperti di tutta la catena alimentare.Ho promesso di ascoltarli attentamente e di imparare da loro.E lo farò.Farò tesoro delle loro raccomandazioni e presenterò una nuova strategia europea per l’agricoltura e il settore alimentare.Mi assicurerò che gli agricoltori ricevano un reddito equo.Nessuno dovrebbe essere costretto a vendere cibo buono al di sotto dei costi di produzione.Dobbiamo rafforzare la posizione dei nostri agricoltori nella catena del valore dell’industria alimentare.Abbiamo bisogno di incentivi più intelligenti e di maggiore innovazione e accesso al capitale.Chiunque gestisca la natura e la biodiversità in modo sostenibile e contribuisca a bilanciare il bilancio del carbonio deve essere adeguatamente ricompensato.I nostri agricoltori danno forma ai nostri paesaggi.Danno forma al volto dell’Europa.Fanno parte della nostra cultura.Garantiscono la sicurezza alimentare.E siamo orgogliosi di loro.
Per questo dobbiamo lavorare insieme per affrontare i problemi che li affliggono.Sentono il cambiamento climatico.Ogni anno sono sempre più colpite da condizioni meteorologiche estreme e dalla scarsità d’acqua.Le temperature in Europa stanno aumentando a una velocità doppia rispetto alla media globale.Stiamo già vedendo gli effetti devastanti sui campi e sulle foreste.Il volto delle nostre comunità rurali sta cambiando.Dobbiamo fare di più per garantire che i nostri agricoltori siano meglio preparati a ciò che il cambiamento climatico ci riserva.Per questo motivo presenterò un piano per l’agricoltura che affronti la necessità di adattarsi ai cambiamenti climatici e, parallelamente, una strategia per la gestione sostenibile della preziosa risorsa acqua.Da essa dipende non solo la nostra sicurezza alimentare, ma anche la nostra competitività complessiva.
Onorevoli deputati,
La nostra qualità di vita e il nostro stesso tessuto sociale sono unici. Abbiamo fatto passi avanti storici nel nostro Pilastro dei diritti sociali, dal salario minimo alla prima garanzia per i bambini. Durante la pandemia, abbiamo salvato 40 milioni di posti di lavoro con SURE. E possiamo esserne orgogliosi. Ma sono emerse molte nuove sfide, dall’impatto dell’IA alla salute mentale sul lavoro e ai nuovi fattori di povertà. Abbiamo bisogno di un nuovo piano d’azione per l’attuazione del Pilastro. Dobbiamo garantire transizioni eque e buone condizioni di lavoro per i lavoratori dipendenti e autonomi. A tal fine è fondamentale il dialogo sociale, che è il segno distintivo della nostra economia sociale di mercato. Ci impegneremo quindi per aumentare la contrattazione collettiva e rafforzare il dialogo sociale europeo. E affronteremo le questioni che gli europei sentono di più nella loro vita quotidiana. Prendiamo ad esempio l’alloggio. L’Europa si trova ad affrontare una crisi abitativa che colpisce persone di tutte le età e famiglie di tutte le dimensioni. I prezzi e gli affitti sono in aumento. Le persone faticano a trovare case a prezzi accessibili. Per questo motivo, per la prima volta, nominerò un commissario con responsabilità diretta in materia di alloggi. Svilupperemo un Piano europeo per l’edilizia abitativa a prezzi accessibili, per esaminare tutte le cause della crisi e contribuire a sbloccare gli investimenti pubblici e privati necessari. In genere, l’edilizia abitativa non è vista come una questione europea. Qualcuno potrebbe dire che non dovremmo essere coinvolti. Ma io voglio che questa Commissione sostenga le persone dove è più importante. Se è importante per gli europei, è importante per l’Europa.
Onorevoli parlamentari,
È così che possiamo rafforzare la nostra società. Ciò significa garantire che ogni regione, in ogni parte d’Europa, sia sostenuta. Nessuno viene lasciato indietro. Sono impegnato in una forte politica di coesione, concepita insieme alle regioni e alle autorità locali. Voglio che l’Europa sia il posto migliore in cui crescere e in cui invecchiare. Dobbiamo consentire ai giovani di sfruttare al meglio le libertà dell’Europa, da un Erasmus+ più forte a un maggiore impegno dei cittadini. Ma dobbiamo anche fare di più per proteggere i giovani. L’infanzia e l’adolescenza sono il periodo in cui si forma il nostro carattere, si sviluppa la nostra personalità e il nostro cervello viene plasmato da stimoli ed emozioni. È un periodo di sviluppo straordinario ma anche di reale vulnerabilità. E vediamo sempre più spesso notizie su quella che alcuni definiscono una crisi della salute mentale. Dobbiamo andare a fondo della questione. Credo che i social media, l’eccessivo tempo trascorso sullo schermo e le pratiche di dipendenza abbiano fatto la loro parte. Il mio cuore sanguina quando leggo di giovani che si fanno del male o addirittura si tolgono la vita a causa di abusi online. Penso a quegli ultimi momenti e al dolore che devono aver provato. Penso ai loro genitori e ai loro amici. È devastante. Non possiamo mai accettarlo nella nostra società. Affronteremo la piaga del cyber-bullismo. Interverremo contro la progettazione di alcune piattaforme che creano dipendenza. Convocheremo la prima indagine europea sull’impatto dei social media sul benessere dei giovani. Lo dobbiamo a loro.
E non ci fermeremo finché non avremo fatto la cosa giusta per loro.
Onorevoli parlamentari,
Una delle scelte fondamentali che dobbiamo affrontare è il tipo di società che vogliamo per i nostri figli e nipoti. In particolare per le nostre figlie e nipoti. Per quanto riguarda i diritti delle donne, abbiamo raggiunto insieme l’impensabile, grazie alla straordinaria solidarietà di quest’Assemblea della democrazia europea, al di là delle linee di partito. Dopo dieci anni di lotta, abbiamo sbloccato la direttiva sulle donne nei consigli di amministrazione. Abbiamo compiuto enormi progressi in materia di trasparenza retributiva: non c’è la minima ragione per cui le donne debbano essere pagate meno degli uomini per lo stesso lavoro. Ma c’è ancora molto da fare. Fermare l’aumento della violenza contro le donne. Conciliare la cura e la carriera, non solo per le donne, ma le donne sono le più colpite. Colmare il divario retributivo e pensionistico. Non è un caso che la povertà in età avanzata abbia un volto femminile. E c’è ancora molto da fare. Lavoriamo quindi insieme per sviluppare una tabella di marcia per i diritti delle donne. Continuiamo ad andare avanti. Se non ora, quando?
Onorevoli deputati,
La democrazia è il nostro tesoro comune. È il forum in cui le nostre differenze e i nostri disaccordi possono essere espressi. Ed è tanto vitale quanto fragile. Per molto tempo l’abbiamo data per scontata. Siamo diventati democratici per comodità. Ma oggi le nostre democrazie sono minacciate. Da più di due anni, la Russia sta conducendo una guerra implacabile sul suolo europeo, in Ucraina. In tutta l’UE e all’interno delle nostre istituzioni, i nostri servizi e i nostri giornalisti – il cui lavoro desidero elogiare in questa sede – hanno portato alla luce casi di spionaggio, attacchi informatici, corruzione e disinformazione da parte di attori stranieri, in particolare russi e cinesi. Il livello di minaccia e di attacchi ibridi non era così alto da decenni. Alla Commissione ne siamo consapevoli e da diversi anni stiamo adottando azioni responsabili. È stata condotta un’analisi approfondita e sono stati lanciati i primi strumenti efficaci, in stretta collaborazione con gli Stati membri. Ma dobbiamo andare oltre. Dobbiamo evitare che attori stranieri ostili interferiscano nei nostri processi democratici, minandoli e, in ultima analisi, distruggendoli. Per farlo, dobbiamo adottare misure forti a livello europeo.
Se oggi mi darete fiducia, la Commissione proporrà uno Scudo europeo per la democrazia. L’UE ha bisogno di una struttura specifica per contrastare la manipolazione e l’interferenza dell’informazione straniera. Tale struttura riunirà tutte le competenze e si collegherà e coordinerà con le agenzie nazionali esistenti. Le capacità di intelligence e di rilevamento devono essere rafforzate, insieme alla capacità di agire e imporre sanzioni. Lo Scudo terrà conto delle raccomandazioni emerse dal lavoro delle commissioni speciali sulle interferenze straniere, per proteggere meglio le nostre democrazie. È urgente dotare l’Unione europea di potenti strumenti di ciberdifesa, imporre la trasparenza sui finanziamenti esteri alla nostra vita pubblica come regola comune, ma anche garantire un quadro informativo affidabile. A tal fine, l’UE deve sostenere una stampa indipendente, continuare a garantire il rispetto delle regole da parte dei giganti digitali e incoraggiare ulteriormente i programmi di alfabetizzazione mediatica. La democrazia europea deve essere più partecipativa, più vivace. La società civile deve essere sostenuta e difesa meglio.
So di poter contare sul vostro sostegno per realizzare questo grande piano di difesa della democrazia europea.
Onorevoli deputati,
Ma intensificheremo anche il nostro lavoro di difesa di tutte le componenti della nostra democrazia. Proteggeremo i nostri media liberi e la nostra società civile. Lo Stato di diritto e la lotta alla corruzione saranno al centro del nostro lavoro. Rafforzeremo tutti i nostri strumenti e ne intensificheremo l’applicazione. Faremo in modo che il nostro Rapporto sullo Stato di diritto si concentri sulla dimensione del mercato unico per aiutare a proteggere le imprese. E ci atterremo a un principio molto chiaro nel nostro bilancio. Il rispetto dello Stato di diritto è un must per i fondi dell’UE. In questo bilancio e in futuro, con il meccanismo della condizionalità. Non è negoziabile. Perché questo è il cuore del nostro stile di vita europeo.
Onorevoli parlamentari,
La nostra Unione e la nostra democrazia sono un costante lavoro in corso. E possiamo fare di più. Abbiamo bisogno di un ambizioso programma di riforme per garantire il funzionamento di un’Unione più ampia e per aumentare la legittimità democratica. Se prima le riforme erano necessarie, con l’allargamento diventano indispensabili. Dobbiamo usarlo come catalizzatore del cambiamento in termini di capacità di azione, politiche e bilancio. Naturalmente ci concentreremo su ciò che possiamo già fare, che è molto. Ma dovremmo essere più ambiziosi. Credo che il trattato debba cambiare laddove può migliorare la nostra Unione. E voglio lavorare su questo punto con l’Assemblea. E questo farà parte di un partenariato più stretto tra la Commissione e il Parlamento. Ho ascoltato le vostre richieste e le vostre preoccupazioni. Continuo a sostenere il vostro diritto di iniziativa e intensificheremo la nostra cooperazione sulle risoluzioni ai sensi dell’articolo 225 per garantire il follow-up. Sono quindi pronto a lavorare su tutti gli aspetti del nostro partenariato. Dobbiamo rivedere l’Accordo quadro per garantire più trasparenza, più responsabilità e più presenza in Parlamento. Quando tutte le istituzioni si muovono insieme, anche l’Europa avanza.
Onorevoli parlamentari,
All’inizio del suo secondo mandato Jacques Delors disse: “La nostra Comunità non è solo il frutto della storia e della necessità, ma anche della volontà”. “Questa è la scelta fondamentale che abbiamo di fronte. La storia continuerà a bussare alla porta dell’Europa. Il bisogno di Europa sarà più forte che mai. La nostra determinazione deve essere all’altezza. È questo che ha unito il nostro continente. Non le forze imperscrutabili del destino, ma la forza delle persone che lottano per ottenere di più. Come i tre prigionieri che negli anni ’40, sull’isola di Ventotene, hanno delineato la visione di un continente unito. E la generazione del dopoguerra, che ha costruito la pace sul carbone e sull’acciaio. Gente che si è trovata disarmata di fronte ai carri armati sovietici, che ha messo garofani nei fucili e ha abbattuto un muro a mani nude. Persone che ancora oggi rischiano la vita per questo sogno chiamato Europa. Generazione dopo generazione hanno fatto l’Europa, hanno scelto un’Europa forte. E ora questa responsabilità spetta a noi. Gli ultimi cinque anni hanno dimostrato cosa possiamo fare insieme. Ripetiamolo. Facciamo la scelta della forza. Scegliamo la leadership. Facciamo la scelta dell’Europa.
Grazie e lunga vita all’Europa.

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Il patto di sicurezza polacco-ucraino mette l’Ucraina sulla strada per diventare uno Stato cliente della Polonia, di ANDREW KORYBKO

Il patto di sicurezza polacco-ucraino mette l’Ucraina sulla strada per diventare uno Stato cliente della Polonia

9 LUGLIO
CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

Questa è la ricompensa degli Stati Uniti per la Polonia che sostituisce il suo governo nazionalista-conservatore con uno liberale-globalista e si subordina completamente alla Germania.

Polonia e Ucraina hanno firmato lunedì il patto di “garanzia di sicurezza” a lungo negoziato durante la visita a sorpresa di Zelenskyj a Varsavia in vista del vertice NATO di questa settimana a Washington. Può essere letto integralmente qui , in gran parte riguardante la cooperazione militare standard del tipo che l’Ucraina ha già concordato con il Regno Unito e gli Stati Uniti , ma ci sono anche dettagli di sicurezza unici e molti anche socio-economici e politici. Ecco cosa la maggior parte delle persone potrebbe essersi persa di questo patto di circa 9000 parole in ordine crescente di importanza:

———-

* C’è un background socio-culturale, storico e politico molto emotivo

Nel preambolo si sottolinea che “riaffermano la loro eredità storica comune e riconoscono la vicinanza di entrambe le culture, lingue e tradizioni politiche delle loro nazioni”, il che è diverso da qualsiasi legame che l’Ucraina ha con gli altri membri della NATO con i quali ha già firmato ” garanzie di sicurezza”. Il sottotesto è che esiste un rapporto speciale tra loro, il che suggerisce che la Polonia ottenga una posizione più privilegiata su tutti gli affari ucraini rispetto ad altri a causa del suo precedente status di “fratello maggiore” di quel paese.

* Le nuove linee guida curriculari per i libri scolastici mirano a favorire la riconciliazione

Le parti hanno concordato di “sviluppare strumenti comuni per la ricerca storica nonché linee guida curriculari per i libri di testo scolastici sulla storia delle relazioni tra i due Stati e Nazioni, in particolare basandosi sulla fratellanza d’armi polacco-ucraina nella guerra del 1920 con la Russia bolscevica”. Hanno anche espresso il desiderio di “cercare – con il sostegno dei centri di ricerca – la riconciliazione riguardo alle questioni controverse derivanti dalla difficile storia di entrambi gli Stati”, tutto ciò potrebbe portare a insabbiare la storia.

* La Polonia intraprenderà una guerra d’informazione contro la Russia in coordinamento con l’Ucraina

Il patto prevede che la Polonia “promuoverà l’UE, la NATO e altri sforzi e iniziative multilaterali volti a raggiungere in modo più efficace il pubblico chiave dentro e fuori l’Europa con fatti riguardanti [il conflitto ucraino dal punto di vista di Kiev]”. Ciò è in linea con lo scopo del nuovo “ Gruppo di comunicazione ucraina ” con sede a Varsavia del mese scorso, con il risultato finale che la messaggistica internazionale dell’Ucraina sarà sempre più supportata e quindi dipendente dalla Polonia.

* La Polonia si comporterà come il “Grande Fratello” dell’Ucraina in tutti i forum internazionali

Il supporto informativo polacco all’Ucraina si estenderà anche al sostegno degli interessi del paese nei forum internazionali come la NATO, il G7, l’ONU, l’OSCE, il Consiglio d’Europa, l’OCSE, la Banca mondiale, il Fondo monetario internazionale, le istituzioni finanziarie europee e persino l’Agenzia spaziale europea. Agenzia. Permettendo alla Polonia di comportarsi come il suo “fratello maggiore”, l’Ucraina accetta tacitamente il suo status di “fratello minore” e la chiara gerarchia che di fatto è sancita nelle loro relazioni attraverso questo patto.

* La Polonia guiderà i processi di riforma dell’integrazione euro-atlantica dell’Ucraina

L’osservazione di cui sopra è confermata dal patto in cui si dichiara che la Polonia guiderà i processi di integrazione euro-atlantica dell’Ucraina, anche per risolvere le controversie agricole, in modo da facilitare la sua adesione all’UE e alla NATO. Inoltre, “la Polonia è pronta a schierare esperti tecnici incorporati nell’amministrazione ucraina”, il che rafforzerebbe l’influenza polacca sul governo se Kiev fosse d’accordo e trasformerebbe sostanzialmente l’Ucraina in uno stato cliente polacco.

* La loro complessa interdipendenza economica si intensificherà ulteriormente

In una nota correlata, Polonia e Ucraina si sono impegnate a semplificare la possibilità di fare affari l’uno nei paesi dell’altro, il che dovrebbe portare all’espansione a tutto spettro dei legami commerciali e di investimento che li trascina in una relazione ancora più intensa di complessa interdipendenza economica. di prima. Considerando le asimmetrie di potere tra loro, ciò potrebbe facilmente essere sbilanciato nel sostegno della Polonia attraverso le macchinazioni di quegli “esperti tecnici polacchi incorporati nell’amministrazione ucraina”.

* La Polonia potrebbe sfruttare una maggiore connettività fisica a proprio vantaggio egemonico

Basandosi sui due punti precedenti, l’espansione della connettività stradale, ferroviaria, energetica e aerea tra di loro, unita alla mancata adesione dell’Ucraina all’UE in tempi brevi, porterà a una situazione in cui la Polonia potrebbe sfruttare il suo status di guardiano nei confronti dell’Ucraina e l’Occidente per il suo vantaggio egemonico. L’accesso privilegiato della Polonia alle risorse ucraine (naturali e lavorative) e alle opportunità commerciali (armi e ricostruzione) potrebbe persino alimentare la rinascita della prima come potenza leader in Europa a spese della seconda.

* La Polonia rimarrà il centro logistico-militare dell’Occidente per l’Ucraina

La promessa della Polonia di continuare a gestire l’hub logistico polacco (POLLOGHUB) a Rzeszow dimostra che entrambe le parti sono fiduciose che i manifestanti non effettueranno ulteriori chiusure delle frontiere a lungo termine. Questa osservazione testimonia la loro rinnovata fiducia reciproca e il desiderio di risolvere la loro precedente controversia agricola, entrambe già affrontate in precedenza in questa analisi. Il punto è che gli aiuti logistici-militari occidentali all’Ucraina rimarranno dipendenti dalla Polonia e non si diversificheranno alla Romania come alcuni pensavano.

* La Polonia continuerà a fornire assistenza e riparazione all’equipaggiamento militare ucraino

È una vecchia notizia che la Polonia stia effettuando la manutenzione e la riparazione dell’equipaggiamento militare ucraino, ma è comunque importante ricordare che si è impegnata a continuare in questo modo poiché ciò significa che la Polonia fungerà da officina di riparazione dell’Ucraina per un futuro indefinito, protetta dal nucleare degli Stati Uniti. ombrello. Questo stato di cose consentirà all’Ucraina di continuare a combattere finché lo vorrà, potenzialmente fino all’ultimo ucraino per così dire, e garantirà che il conflitto non finirà per qualche tempo senza una svolta.

* La Polonia resterà il punto di convergenza per la cooperazione NATO-Ucraina

La cooperazione NATO-Ucraina, che ha così irritato la Russia da costituire una delle ragioni della sua operazione speciale , continuerà in Polonia attraverso il Centro congiunto di analisi, formazione ed istruzione NATO-Ucraina a Bygdoszcz. Questa istituzione congiunta, unica nel suo genere, è stata lanciata all’inizio dell’anno e testimonia il ruolo della Polonia nel fungere da porta d’ingresso dell’Occidente verso l’Ucraina, il che garantirà che le relazioni polacco-russe rimangano tese poiché nessuna riconciliazione significativa sarà possibile finché questo Stato degli affari è a posto.

* I complessi militare-industriali polacco e ucraino sono pronti a fondersi

Non è dichiarato apertamente, ma leggere tra le righe indica che i complessi militare-industriali (MIC) polacco e ucraino sono pronti a fondersi dopo che la Polonia si è impegnata a includere le aziende ucraine nelle sue catene di approvvigionamento e l’Ucraina si è impegnata a includere le imprese polacche nei suoi acquisti. Inoltre, alcune società MIC polacche intendono localizzare la produzione in Ucraina, il che potrebbe servire da pretesto per un intervento militare convenzionale se la Russia dovesse distruggere queste strutture.

* Viene menzionata la sicurezza reciproca ma non vengono impegnate truppe polacche

A differenza dei precedenti patti dell’Ucraina con il Regno Unito e gli Stati Uniti, il suo ultimo con la Polonia menziona esplicitamente “il rafforzamento della loro sicurezza reciproca e la complementarità dei loro processi di sviluppo militare”. Sebbene la Polonia non si impegni a inviare truppe in Ucraina, proprio come non hanno fatto né il Regno Unito né gli Stati Uniti, questo linguaggio eccezionale riafferma l’idea che hanno un partenariato speciale e privilegiato. Ciò implica anche che in futuro, in determinate circostanze, le truppe potrebbero effettivamente essere inviate su tale base.

* Viene riaffermata la cooperazione militare trilaterale polacco-lituana-ucraina

Il patto prevede che continuerà l’addestramento delle truppe ucraine in Polonia e altre forme militari di sostegno a Kiev attraverso la Brigata trilaterale polacco-lituano-ucraina (LITPOLUKRBRIG). Questo quadro poco conosciuto rappresenta simbolicamente la rinascita militare moderna dell’ex Commonwealth. La sua esistenza dimostra anche che l’Ucraina si considera parte di quella civiltà e non di quella russa, e questa brigata potrebbe fungere da punta di lancia se la Polonia intervenisse convenzionalmente nel paese.

* La Polonia riunirà una “legione ucraina” e incoraggerà i rifugiati a tornare a combattere

Il quadro sopra menzionato sarà integrato dalla partecipazione dei rifugiati ucraini in Polonia e altrove in Europa ai processi di formazione guidati dai polacchi, mentre Varsavia incoraggerà altri a tornare a casa per prestare servizio nelle loro forze armate su richiesta di Kiev. Alcuni paesi dell’UE potrebbero espellere i rifugiati ucraini in Polonia se prima non richiedessero lo status di rifugiato, dopodiché sarebbero costretti a unirsi alla “Legione ucraina” o a tornare a casa per combattere immediatamente senza l’addestramento polacco.

* La Polonia sta ufficialmente valutando la possibilità di intercettare i missili russi

Anche se lo scorso aprile è stato valutato che “ Sarebbe sorprendente se i sistemi patriottici polacchi venissero utilizzati per proteggere l’Ucraina occidentale ”, soprattutto perché l’Asse anglo-americano ha espresso la sua opposizione, la Polonia sta ancora ufficialmente considerando questo scenario come dimostrato dal loro patto . L’avvertenza però è che dovrebbero “seguire le procedure necessarie concordate dagli Stati e dalle organizzazioni coinvolte”, lasciando così la decisione alla NATO (e quindi ai leader dell’Asse anglo-americano), che potrebbero comunque non essere d’accordo.

———-

Come si può vedere, il patto di sicurezza polacco-ucraino mette l’Ucraina sulla strada per diventare uno stato cliente polacco, il cui risultato è la ricompensa degli Stati Uniti per la Polonia che sostituisce il suo governo nazionalista conservatore con uno liberal-globalista e poi subordina completamente la Polonia. stesso alla Germania . La divisione emergente del lavoro prevede che la Germania costruirà la “ Fortezza Europa ”, la Polonia guiderà il “ Progetto Ucraina ” e gli Stati Uniti “ condurranno da dietro ” supervisionando e assistendo entrambi quando richiesto.

Ciò potrebbe peggiorare i legami della Polonia con l’Europa occidentale, parallelamente all’interruzione di questa rotta redditizia da cui dipende il commercio via terra tra Cina e UE.

Il ministro degli Esteri polacco Radek Sikorski ha rivelato alla fine del mese scorso che il suo paese stava valutando la possibilità di chiudere il confine con la Bielorussia, cosa per cui la leader dell’“opposizione” sostenuta dall’Occidente e con sede in Lituania, Svetlana Tikhanovskaya, lo ha criticato sulla base del fatto che avrebbe distrutto il soft power dell’Occidente. Da allora non ci sono più state notizie al riguardo, spingendo così il media bielorusso finanziato con fondi pubblici BelTA a pubblicare un pezzo su questo argomento all’inizio della settimana intitolato “ Lo spettacolo è finito? Come si sono svolti i giochi di confine per la Polonia ”.

Ha diviso la manovra della Polonia in tre fasi: la zona cuscinetto e le conseguenze; Il viaggio cinese di Duda; e il blocco a Malaszewice. Il primo riguardava il ripristino da parte del governo liberale-globalista della politica del suo predecessore nazionalista-conservatore, che aveva colpito molto duramente le economie di confine locali, mentre il secondo descriveva l’inutilità degli sforzi del presidente polacco per convincere la Cina a fare pressione sulla Bielorussia sulla questione degli immigrati clandestini . È la terza di queste fasi quella in cui BelTA evidenzia meglio il punto.

Secondo loro, l’annuncio fatto il 3 luglio dal presidente Xi insieme alla sua controparte kazaka, secondo cui la Cina lancerà il trasporto merci verso l’Europa lungo la rotta transcaspica (“ corridoio di mezzo ”), può essere interpretato come un severo rimprovero ai recenti sforzi del leader polacco di trasformarlo contro la Bielorussia. Malszewice è correttamente descritta nel testo come “la porta della Cina verso l’Europa” ed è da qui che passa la maggior parte delle esportazioni via terra della Cina verso l’Europa.

Sebbene questo punto secco rimanga importante, BelTA ha interpretato la mossa della Cina come un segnale che ha alternative per mantenere il commercio con l’UE nel caso in cui la Polonia chiudesse a tempo indeterminato quel valico, che per pura coincidenza è stato interrotto per 33 ore lo stesso giorno dell’annuncio di Xi. Uno degli esperti di cui hanno citato le valutazioni nel loro articolo ha anche osservato che la Cina potrebbe indurre Francia e Germania a fare pressione sulla Polonia affinché revochi qualsiasi potenziale blocco per ripristinare l’accesso.

Sarebbe quindi estremamente dannoso per la Polonia flirtare con ulteriori chiusure delle frontiere poiché ciò potrebbe peggiorare i suoi legami con l’Europa occidentale parallelamente all’esclusione della Polonia da questa redditizia rotta da cui dipende il commercio via terra tra Cina e UE. La Bielorussia non sarebbe poi così colpita, hanno previsto gli esperti, dal momento che le aziende non occidentali stanno già sostituendo il ruolo della Polonia pre-sanzioni nei mercati di quel paese. L’unica a subire un duro colpo sarebbe la Polonia.

È forse con queste osservazioni in mente, che Francia e/o Germania avrebbero potuto ricordare alla Polonia durante il recente incontro del Triangolo di Weimar, che la Polonia è rimasta in silenzio su questo fronte. In poche parole, la sua leadership potrebbe essersi resa conto di quanto sarebbe controproducente chiudere il confine con la Bielorussia, cosa che non avrebbe alcun effetto significativo nel fermare gli invasori immigrati clandestini. Solo una sicurezza delle frontiere e una cooperazione più solide con la Bielorussia possono aiutare a frenare questi flussi.

Il primo è già in corso, mentre il secondo resta impossibile finché la Polonia continuerà a imporre sanzioni contro la Bielorussia e ad ospitare militanti antigovernativi che ancora la minacciano . Questa politica non dovrebbe cambiare poiché la Polonia si considera l’avanguardia della NATO contro Russia e Bielorussia. Si sta anche presentando come un polo semiautonomo di influenza regionale attraverso il suo ultimo gioco di potere in Ucraina , che intende trasformare in un cliente Stato attraverso il loro nuovo patto di sicurezza.

Tuttavia, per quanto dirompenti a livello regionale, queste politiche potrebbero essere ancora più controproducenti per il polacco medio se Varsavia chiudesse il confine con la Bielorussia e quindi privasse la sua economia del suo vantaggio competitivo nel fungere da intermediario per il commercio cinese-UE. Questa politica rimane ancora sul tavolo in teoria, ma il silenzio evidente dei politici nelle ultime settimane suggerisce che stanno riconsiderando la sua saggezza, che potrebbe avere a che fare con la Polonia che finalmente si renderebbe conto di ciò che perderebbe.

Ciò suggerisce fortemente che la Polonia non esclude un intervento convenzionale in Ucraina in determinate circostanze e si aspetta che si trasformi rapidamente in un’altra guerra polacco-russa, proprio come quella scoppiata dopo la prima guerra mondiale.

Mercoledì il capo di stato maggiore delle forze armate polacche, generale Wieslaw Kukula, ha dichiarato in una conferenza stampa che “oggi dobbiamo preparare le nostre forze per un conflitto su vasta scala, non per un conflitto di tipo asimmetrico”. Ciò è avvenuto subito dopo la firma del patto di sicurezza polacco-ucraino, che è stato riassunto qui e analizzato in dettaglio qui . La conclusione rilevante è che la Polonia otterrà enormi interessi economici in Ucraina, metterà insieme una “Legione ucraina” e sta contemplando l’intercettazione dei missili russi.

Tenendo presenti questi termini e notando come i commenti di Kukula coincidessero con il vertice della NATO, alcuni osservatori sospettavano che segnalassero progressi sui possibili piani della Polonia di intervenire convenzionalmente in Ucraina per salvaguardare i suoi investimenti nel caso in cui la Russia la minacciasse o ottenesse una svolta. Le dinamiche strategico-militari del conflitto hanno avuto un andamento a favore della Russia nell’ultimo anno, ma non si sono ancora verificati sviluppi rivoluzionari, anche se la Polonia non sta correndo alcun rischio.

La decisione di Kukula di prepararsi per un “conflitto su vasta scala” suggerisce fortemente che la Polonia non esclude un intervento convenzionale in Ucraina nelle circostanze sopra menzionate e si aspetta che si trasformi rapidamente in un’altra guerra polacco-russa proprio come quella scoppiata. dopo la prima guerra mondiale. Non è una coincidenza che il patto di sicurezza polacco-ucraino preveda che i due paesi “sfrutteranno la fratellanza d’armi polacco-ucraina nella guerra del 1920 con la Russia bolscevica” nella creazione dei nuovi programmi scolastici.

Va inoltre ricordato al lettore che il loro patto prevede la creazione di una “Legione ucraina” in Polonia, che secondo il capo dell’Ufficio per la sicurezza nazionale Jacek Siewiera potrebbe potenzialmente includere “milioni” di “volontari”. È ovvio che questa affermazione è eccessivamente ambiziosa, ma il punto è che questa forza combattente potrebbe fungere da punta di lancia se la Polonia intervenisse convenzionalmente nel conflitto, inoltre i militari polacchi potrebbero mascherarsi da ucraini per rafforzarne il numero e l’efficacia.

Anche se potrebbe scoppiare un’altra guerra polacco-russa “su vasta scala”, non c’è dubbio che aumenterebbe il rischio di una terza guerra mondiale. La Polonia è un membro della NATO verso il quale gli Stati Uniti, dotati di armi nucleari, hanno obblighi di sicurezza reciproci, e anche se la loro estensione alle attività degli alleati in paesi terzi è giuridicamente dubbia, è improbabile che gli Stati Uniti lascerebbero a secco qualcuno dei loro alleati se i loro soldati in uniforme le truppe vengono polverizzate dalla Russia in Ucraina. L’élite occidentale esigerebbe che gli Stati Uniti rispondano in qualche modo.

Lasciando da parte le speculazioni su come un simile conflitto potrebbe finire, è tempo di considerare quale sarebbe la fine della partita della Polonia se dovesse intervenire convenzionalmente in primo luogo. Nella primavera del 2022 si sosteneva che gli interessi polacchi non sarebbero stati meglio serviti annettendo le regioni dell’Ucraina occidentale che controllava durante il periodo tra le due guerre. Piuttosto, questo follow-up dell’estate 2023 sostiene che sarebbe molto meglio una “sfera di influenza”, già perseguita prima del patto di sicurezza.

Di conseguenza, soppesando costi e benefici, è molto più probabile che la Polonia si asterrebbe dall’annessione dell’Ucraina occidentale e si accontenterebbe invece di trasformarla in uno stato cliente in cui le aziende polacche hanno accesso privilegiato alle sue risorse naturali e lavorative senza alcuna responsabilità. La “Legione ucraina” potrebbe quindi fungere da guardia pretoriana della Polonia, mentre alcune truppe in uniforme potrebbero ancora essere schierate per l’addestramento e per altri scopi dietro le quinte.

Anche i piani della Polonia di quasi triplicare le sue forze di frontiera da 6.000 a 17.000, 9.000 delle quali formeranno una forza di reazione rapida alle frontiere, sono stati casualmente annunciati lo stesso giorno dello scandaloso commento di Kukula e potrebbero facilitare un intervento convenzionale. Coloro che potrebbero entrare in Ucraina non lascerebbero il confine bielorusso vulnerabile agli invasori immigrati clandestini o a qualsiasi altra minaccia, dal momento che la Polonia ha già chiesto alla Germania di assumersi la responsabilità parziale di quel fronte.

Allo stato attuale, tuttavia, la Polonia correrebbe un grosso rischio intervenendo in modo convenzionale in Ucraina in tempi brevi. Il potenziamento militare previsto non è completo e richiederà ancora almeno qualche anno prima che sia pronto a combattere un “conflitto su vasta scala”. Non vi è inoltre alcuna garanzia che gli Stati Uniti attaccherebbero direttamente le forze russe in risposta alla loro polverizzazione di quelle polacche in Ucraina. Potrebbe invece accordarsi in modo asimmetrico spartire l’Ucraina come rapido compromesso di allentamento dell’escalation per evitare la terza guerra mondiale.

Detto questo, non si può escludere un intervento limitato, concentrato nell’Ucraina occidentale e focalizzato su ruoli non combattenti, anche se il lettore dovrebbe sapere che l’ ultimo sondaggio di un importante think tank europeo ha dimostrato che sarebbe ancora molto impopolare tra i polacchi. Ciò potrebbe assumere la forma di una “no-fly zone” su Lvov, attorno alla quale potrebbero basarsi i suoi investimenti militari, industriali e di altro tipo, e il dispiegamento di truppe in uniforme per scopi di addestramento insieme alle guardie pretoriane della “Legione Ucraina”.

La Russia non potrebbe ignorare questo sviluppo, se dovesse verificarsi, poiché così facendo potrebbe incoraggiare la NATO nel suo insieme a estendere rapidamente questo intervento guidato dalla Polonia per coprire tutto fino al Dnepr, dopo di che i falchi del blocco potrebbero diventare vivaci e flirtare con l’attraversamento del fiume per raggiungere minacciare le nuove regioni della Russia. Il risultante gioco del pollo nucleare qui descritto potrebbe finire in una catastrofe reciproca se la Russia ritenesse di dover utilizzare armi nucleari tattiche come ultima risorsa di autodifesa per fermare un’invasione imminente.

Si prevede quindi che la Russia risponda in modo cinetico all’introduzione ufficiale delle truppe polacche in Ucraina e/o ad una limitata “no-fly zone” sulle sue regioni occidentali, anche se, a seconda della portata dell’intervento della Polonia e della risposta della Russia, gli Stati Uniti potrebbero non ottenere direttamente coinvolti nella mischia. Per essere chiari, la Polonia potrebbe non fare nessuna delle due cose e rimanere formalmente fuori dal conflitto, ma i commenti di Kukula suggeriscono comunque fortemente che ci sono condizioni alle quali farà il grande passo.

Mentre una consistente minoranza della popolazione si conforma allo stereotipo dei polacchi entusiasti della guerra per procura della NATO contro la Russia in Ucraina, una minoranza più o meno uguale se ne è inasprita, mentre i polacchi nel loro insieme sono ancora moderatamente filo-ucraini, probabilmente a causa della situazione socio-economica. -fattori culturali e storici.

Il Consiglio Europeo per le Relazioni Estere (ECFR) ha pubblicato il suo ultimo sondaggio su “ Il significato della sovranità: le opinioni ucraine ed europee sulla guerra della Russia contro l’Ucraina ”, che include una visione dettagliata delle opinioni delle società europee su questi argomenti. Il presente articolo analizzerà però solo le opinioni dei polacchi poiché analizzare quelle di altre società va oltre lo scopo. Questo argomento è già stato trattato due volte quest’anno, per quanto il lettore può vedere dalle due analisi seguenti che dovrebbe considerare di scremare:

* 21 febbraio: ” Un sondaggio condotto da un importante think tank dell’UE ha dimostrato che le opinioni polacche nei confronti dell’Ucraina stanno notevolmente cambiando ”

* 27 marzo: “ Cosa dicono gli ultimi sondaggi sull’atteggiamento dei polacchi nei confronti dell’Ucraina e sulle proteste degli agricoltori? ”

L’ultimo sondaggio dell’ECFR includeva alcune delle stesse domande di quello pubblicato a febbraio, e i confronti verranno menzionati ogni volta che sarà rilevante, ma ci sono anche molte nuove domande che aggiungono molte più informazioni sulle opinioni della società polacca nei confronti dell’Ucraina. Lo scopo di questo esercizio è riportare le loro opinioni attuali, identificare come sono cambiate, se rilevante, e interpretare l’importanza complessiva di questi dati.

Alla domanda sull’esito più probabile del conflitto ucraino, il 19,7% ha affermato che finirà con la vittoria ucraina, il 14,3% ha detto che finirà con quella russa, mentre il 33,9% ha detto che finirà con un compromesso. Questo rispetto al 17%, 14% e 27% dell’ultimo sondaggio. Alla domanda sull’esito se l’Ucraina ricevesse un aumento delle armi, i dati cambiano al 34,7%, 7,4% e 29,2%. Quella domanda di follow-up non era inclusa nel sondaggio originale, quindi non ci sono dati precedenti da confrontare.

La domanda successiva riguardava quando finirà il conflitto, con l’8% dei polacchi che prevede che avverrà entro il prossimo anno, il 51% prevede una fine tra 1 e 5 anni, il 10% più a lungo, e il 4% ritiene che finirà non finirà mai. Per quanto riguarda coloro che considerano la forza militare della Russia un ostacolo alla riconquista dei territori perduti da parte dell’Ucraina, il 50% dei polacchi pensa che sia grande e il 23% lo ritiene moderato, mentre il 7% pensa che sia un piccolo ostacolo e solo il 3% pensa che non lo è affatto.

Ai polacchi è stato poi chiesto quale fosse la probabilità che la Russia attaccasse un paese europeo, che il 15% dei polacchi ritiene molto probabile e il 35% piuttosto probabile, rispetto all’8% che la valuta molto improbabile e al 23% piuttosto improbabile. Per quanto riguarda una guerra calda NATO-Russia, che il 5% ritiene molto probabile e il 21% piuttosto probabile rispetto al 12% che la ritiene molto improbabile e al 39% che la ritiene piuttosto improbabile. In altre parole, il 50% si aspetta che la Russia attacchi un paese europeo, ma solo il 26% pensa che questo porterà ad una guerra con la NATO.

Ciò indica o sfiducia nell’impegno della NATO nei confronti dell’Articolo 5 oppure i polacchi danno per scontato che la Moldavia e/o la Georgia, che non sono membri della NATO, saranno attaccate. Non è chiaro, ma la seconda spiegazione è più probabile. La domanda successiva ha prodotto i risultati più sorprendenti rispetto alla prima indagine ECFR. L’ultimo ha affermato che il 9% dei polacchi considera il ruolo dell’UE nel conflitto molto positivo e il 42% piuttosto positivo, contro il 5% che lo considera molto negativo e l’8% piuttosto negativo.

Solo pochi mesi fa, tuttavia, il 34% aveva espresso una valutazione positiva e il 31% negativa, senza alcuna possibilità al momento di chiarire il grado in cui sostenevano ciascuna opinione a differenza dell’ultimo sondaggio. Non è chiaro cosa spieghi questo drastico cambiamento, dal momento che le ultime elezioni parlamentari dell’UE hanno dimostrato che le opinioni dei polacchi rimangono più o meno altrettanto partigiane quanto durante quelle parlamentari dello scorso autunno. Una possibilità è che gli accordi di garanzia della sicurezza dell’Ucraina e i colloqui con i paesi dell’UE abbiano influenzato la loro impressione.

Andando avanti, ai polacchi è stato poi chiesto se gli alleati dell’Ucraina dovessero aumentare le forniture di munizioni e armi, cosa che il 66% ha detto essere una buona idea rispetto al 18% che ha detto che era una cattiva idea. Basandosi su questo argomento e quello precedente, il 50% dei polacchi ritiene che l’UE dovrebbe sostenere l’Ucraina nella riconquista dei territori perduti, mentre il 26% pensa che dovrebbe spingere Kiev verso colloqui di pace. Ciò rispetto al 47% e al 23% del primo sondaggio all’inizio di quest’anno, quindi non si è verificato alcun cambiamento significativo.

Un altro punto interessante in cui i dati sono rimasti gli stessi riguarda il punto di vista dei polacchi sul fatto che il loro paese sia in guerra con la Russia. Il 20% era d’accordo e il 62% non era d’accordo durante l’ultimo sondaggio, che è più o meno lo stesso di ciò che hanno detto coloro che hanno condiviso le loro opinioni sull’argomento l’anno scorso (22% e 60%). Quella domanda non era inclusa nel sondaggio dell’inizio del 2024, ma in uno precedente. La conclusione è che il cambio di leadership della Polonia lo scorso anno non ha avuto alcuna influenza sulla posizione dei polacchi rispetto a questa questione.

Alla domanda su cosa pensassero dell’adesione dell’Ucraina all’UE, il 48% dei polacchi ha affermato che era una buona idea, rispetto al 31% che la considerava una cattiva idea. Il 69% dei primi ritiene che ciò aiuterebbe a porre fine al conflitto (29%), che l’Ucraina è culturalmente parte dell’Europa e appartiene all’UE (22%) e che ciò renderebbe l’UE più sicura (18%). Per quanto riguarda il secondo, il 74% ritiene che l’Ucraina sia troppo corrotta (26%), costerebbe troppo all’UE (18%), renderebbe l’UE meno sicura (15%) e avrebbe un impatto negativo sulla Polonia (15%).

Allo stesso modo, il 5% dei polacchi pensa che l’Ucraina aderirà all’UE entro il prossimo anno, mentre il 35% pensa che ciò avverrà entro i prossimi 1-5 anni, rispetto al 25% che pensa che ci vorranno più di 5 anni e che il 25% pensa che ci vorranno più di 5 anni. Il 13% pensa che non accadrà mai. Ricordiamo che in precedenza il 62% aveva previsto che il conflitto finisse entro i prossimi 5 anni, quindi il 22% di loro (o circa più di un terzo del totale di questa categoria) non crede che l’adesione all’UE avverrà entro tale lasso di tempo.

Verso la fine, l’ultimo sondaggio ha mostrato che solo il 14% dei polacchi che sostengono le proprie truppe nazionali combattono in Ucraina rispetto al 69% che si oppone, il che rappresenta un leggero cambiamento rispetto al precedente sondaggio ipertestuale della primavera condotto da una popolare stazione radio che mostrava che Il 9,4% lo sostiene. Ciò potrebbe essere spiegato da una crescente consapevolezza tra alcuni riguardo alle debolezze militari dell’Ucraina e al conseguente timore che l’Occidente possa essere strategicamente sconfitto dalla Russia a meno che la Polonia non intervenga convenzionalmente .

Di coloro che lo sostengono, il 62% vuole che la Polonia fornisca assistenza tecnica mentre il 58% vuole che pattugli il confine bielorusso-ucraino, che ha recentemente visto un rafforzamento militare ucraino avvenuto più di un mese dopo l’indagine di maggio. Solo il 14% vuole che la Polonia combatta direttamente la Russia. Ciò dimostra che anche coloro che vogliono che la Polonia intervenga convenzionalmente nel conflitto sono in stragrande maggioranza a favore che le loro truppe svolgano solo un ruolo non combattente.

Infine, il 53% dei polacchi concorda sul fatto che il conflitto ucraino ha dimostrato che la Polonia dovrebbe spendere di più per la difesa, anche a scapito del taglio della spesa per sanità, istruzione e prevenzione della criminalità, mentre solo il 23% non è d’accordo. Il 15% “non lo sa”, mentre il 9% ha detto “nessuno dei due”, qualunque cosa si voglia trasmettere, anche se si può presumere che entrambi non siano d’accordo con la domanda. Pertanto, il Paese è più o meno diviso a metà su questa questione emotiva.

Il risultato dell’ultimo sondaggio dell’ECFR è che una consistente minoranza della popolazione polacca ha opinioni che contraddicono gli stereotipi popolari. Osservatori occasionali presumono che la maggior parte dei polacchi siano entusiasti della guerra per procura della NATO contro la Russia in Ucraina, anche se la realtà è che non pochi non lo sono, anche se alcuni di loro effettivamente si conformano a questa aspettativa. La maggioranza della popolazione è in realtà solo “moderatamente” a favore. Ecco una rassegna dei dati più rilevanti a sostegno di questa conclusione.

Il 33% ritiene che il conflitto finirà con un compromesso; Il 31% non si aspetta che la Russia attacchi un paese europeo; Il 51% pensa che una guerra calda NATO-Russia sia improbabile; Il 62% non considera la Polonia in guerra con la Russia; Il 13% ritiene negativo il ruolo dell’UE nel conflitto; Il 31% non pensa che l’Ucraina dovrebbe aderire al blocco; Il 18% pensa che inviare più munizioni e armi lì sia una cattiva idea; Il 26% pensa che si dovrebbe invece spingere l’Ucraina verso colloqui di pace; Il 69% si oppone a qualsiasi titolo all’invio di truppe polacche in Ucraina; e il 47% di loro può essere considerato contrario all’aumento della spesa militare a scapito della spesa sociale.

Al contrario, solo il 19,7% pensa che il conflitto finirà con la vittoria dell’Ucraina; Il 50% pensa che la Russia attaccherà un paese europeo; Il 26% teme che sia probabile una guerra calda NATO-Russia; solo il 20% ritiene che la Polonia sia in guerra con la Russia; Il 51% ritiene positivo il ruolo dell’UE nel conflitto; Il 48% vuole che l’Ucraina aderisca all’UE; Il 66% vuole maggiori aiuti militari all’Ucraina; Il 50% pensa che si dovrebbe continuare ad aiutare il paese finché non riconquisterà i territori perduti; solo il 14% vuole truppe polacche lì (e meno del 2% degli intervistati vuole che combattano contro la Russia); e il 51% vuole aumentare la spesa per la difesa a scapito della spesa sociale.

Come si può vedere, mentre una minoranza considerevole della popolazione si conforma allo stereotipo dei polacchi entusiasti della guerra per procura della NATO contro la Russia in Ucraina, una minoranza più o meno uguale si è inasprita, anche se ciò non significa automaticamente che loro siano anti-ucraini o anti-occidentali. La maggior parte dei polacchi nel loro insieme sono moderatamente filo-ucraini, il che può essere attribuito a fattori socio-culturali e storici, ma non sono russofobi radicali come gli osservatori casuali avrebbero potuto finora supporre.

Secondo Orban i cristiani dovrebbero promuovere la pace, ma la pace deve essere affrontata politicamente e non burocraticamente, altrimenti non si otterrà mai nulla.

Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha rilasciato una videointervista di venti minuti al quotidiano svizzero Die Weltwoche in cui ha condiviso informazioni dettagliate sui suoi sforzi di mediazione. È in inglese e può essere visto qui , ma il presente pezzo riassumerà ciò che ha detto per comodità del lettore. Dopo qualche chiacchierata con il suo interlocutore, Orban ha chiarito ai suoi critici che è un amico innanzitutto degli ungheresi e anche della pace, non un burattino russo come lo dipingono male.

Ha detto che sta cercando la via più breve e veloce per fermare il conflitto e portare la pace. Ha poi affermato di aver iniziato i preparativi per la sua visita a Mosca subito dopo i colloqui con Zelenskyj e di averli tenuti segreti, ma che sono trapelati dopo che il suo aereo ha richiesto il transito attraverso lo spazio aereo polacco. Riguardo alla segretezza, ha lasciato intendere che avrà in programma degli incontri altrettanto sorprendenti per la prossima settimana, ma non ha suggerito con chi e dove saranno.

Secondo Orban i cristiani dovrebbero promuovere la pace, ma la pace deve essere affrontata politicamente e non burocraticamente, altrimenti non si otterrà mai nulla. Ha rivelato di essersi preparato spiritualmente in anticipo e di non essere infastidito da tutte le critiche che riceve dall’Occidente poiché è convinto che i colloqui siano il primo passo sulla strada della pace. A questo proposito ha osservato che è l’unico leader occidentale che può intrattenere un dialogo con Kiev e Mosca.

Tutti i suoi colleghi hanno creato una situazione in cui ora non hanno alcuna possibilità di comunicare con i due principali attori di questo conflitto. Orban ritiene che sia emotivamente inaccettabile, terribile e negativo perpetuare i combattimenti poiché molti bambini rimangono orfani a causa dell’alto tasso di vittime. È quindi disposto a pagare qualsiasi prezzo politico a Bruxelles per sfruttare la nuova posizione speciale del suo Paese come presidente di turno del Consiglio dell’UE per ottenere il ruolo di mediatore tra Ucraina e Russia.

Per quanto riguarda i suoi colloqui con Putin, Orban ha anche sottolineato che è il primo leader occidentale a incontrarlo da quando il cancelliere austriaco Karl Nehammer ha visitato Mosca nell’aprile 2022. Ha poi detto di avergli posto tre domande, la prima delle quali è cosa pensa i piani di pace già sul tavolo per chiarire la sua comprensione. Il leader russo, ha detto, considera tutti i piani, come quello congiunto sino-brasiliano, ed è pronto a riprendere i negoziati sulla base del progetto di trattato di pace a partire dalla primavera del 2022.

Putin ha anche detto che prende in considerazione tutti gli altri piani, ad eccezione ovviamente degli ultimatum di Zelenskyj, ma i veri negoziati non possono iniziare con il coinvolgimento della Russia. La seconda domanda che Orban ha rivolto a Putin è stata se prenderebbe in considerazione un cessate il fuoco prima della ripresa dei colloqui di pace, alla quale ha risposto che non è ottimista al riguardo perché l’Ucraina lo userà contro la Russia. Tuttavia, Orban ha insistito affinché ci pensasse ancora e non lo liquidasse a priori.

Infine, la terza domanda riguardava la visione di Putin per l’architettura di sicurezza europea dopo la fine del conflitto, alla quale ha detto che ha in mente un piano dettagliato ma che è troppo presto per parlarne pubblicamente. Anche così, Putin ha anche detto a Orban che è pronto a parlarne con altri se sono interessati. Al leader ungherese è stato poi chiesto se pensava che Putin si sentisse amareggiato, ingannato, deluso e/o in piena modalità combattiva per affrontare l’Occidente, ma Orban ha detto di non aver mai visto Putin arrabbiato.

Questo perché durante il loro primo incontro nel 2009 hanno concordato che il rispetto reciproco sarà alla base del loro legame, quindi lui non lo ha mai offeso, motivo per cui non sa come si comporta quando è arrabbiato. I loro colloqui si svolgono sempre di buon umore e Orban ha elogiato Putin come una persona razionale al 100% e molto disciplinata. È quindi una sfida negoziare con lui poiché bisogna essere preparati a tenere il passo con il suo livello intellettuale e politico. Come era prevedibile, Orban ha detto che Putin ha parlato più di lui.

Poi ha detto che tutti, compresi i due partecipanti alle primarie, sanno che l’ ucraino Il conflitto prima o poi deve finire e la pace è sempre una buona cosa. L’obiettivo della sua diplomazia dello shuttle era creare la speranza che ciò non fosse impossibile e dimostrare che i loro leader possono trovare una via d’uscita attraverso di lui, se lo desiderano. La pace deve basarsi sulla comprensione reciproca e sulle intenzioni reciproche, ed egli sperava che i suoi ospiti sarebbero stati incoraggiati a muoversi in questa direzione dai suoi incontri con loro.

In quanto leader occidentale, Orban ha affermato che alcuni potrebbero percepirlo come un nemico della Russia, ma è proprio per questo che la sua visita a Mosca ha creato tanta speranza di pace poiché è stato il primo dei suoi colleghi a incontrare Putin e a parlargli in un modo diverso. modo mantenendo un dialogo reciprocamente rispettoso. Si è paragonato all’ex presidente francese Nicolas Sarkozy, che visitò Mosca per incontrare l’ex presidente russo Dmitry Medvedev durante la breve guerra russo-georgiana nell’agosto 2008.

Questo era un esempio della leadership politica che Orban voleva emulare attraverso la sua diplomazia dello shuttle. Ha poi spiegato che non accadrà nulla se la pace viene considerata da una prospettiva puramente burocratica e che occorre lavorare per ottenerla poiché non si realizzerà da sola. I colloqui sono il primo passo in questa direzione poiché riaprono le relazioni diplomatiche e i canali di comunicazione. Orban ha poi concluso l’intervista accennando ancora una volta al suo incontro a sorpresa di lunedì.

Nel complesso, è chiaro che è sincero nei suoi sforzi di mediazione, anche se Zelenskyj rimane recalcitrante e il suo ministero degli Esteri ha espresso indignazione per il fatto che Orban abbia condotto colloqui con Putin sul conflitto senza la partecipazione del loro paese. Anche l’assistente senior di Zelenskyj, Mikhail Podolyak, ha appena detto che eventuali mediatori non dovrebbero chiedere un cessate il fuoco immediato. Comunque sia, le dinamiche strategico-militari del conflitto potrebbero alla fine portare Zelenskyj a ricorrere ai servizi di mediazione di Orban.

Orban ha un sentimento così forte nei confronti della pace a causa del suo profondo orgoglio per la civiltà europea e del conseguente lamento nel vederla lacerata da questo conflitto.

Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha visitato Mosca venerdì prima del suo viaggio in Azerbaigian il giorno dopo per partecipare al vertice annuale dell’Organizzazione degli Stati turchi che si terrà  quest’anno. Ciò è avvenuto poco dopo il suo viaggio a Kiev, il primo che ha intrapreso dall’ultima fase del decennale conflitto ucraino iniziata quasi 18 mesi fa, dove ha discusso di pace e relazioni bilaterali con Zelenskyj. Come era prevedibile, i maggiori esponenti europei non hanno accolto di buon occhio la sua visita a Mosca.

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha reagito ricordando a Orban che non può negoziare a nome dell’UE durante la presidenza di turno del Consiglio dell’UE da parte del suo paese, mentre il primo ministro polacco Donald Tusk si è espresso scioccato per la notizia e ha lasciato intendere che Orban sarebbe il presidente di Putin. “attrezzo”. Le parole del secondo leader sono state particolarmente sorprendenti poiché l’Ungheria è il più antico alleato della Polonia e ogni anno il 23 marzo festeggiano la loro amicizia secolare .

Le differenze tra loro sono emerse dall’inizio dell’operazione speciale della Russia , quasi due anni e mezzo fa, dopo che l’ex governo nazionalista-conservatore della Polonia ha trattato con freddezza le sue controparti ideologiche in Ungheria nei confronti dell’opposizione di Orban ad armare l’Ucraina e perpetuare il conflitto. Comunque sia, si sono astenuti dal fare le osservazioni palesemente maleducate che Tusk ha appena fatto, motivate a riaffermare la sua ideologia liberale – globalista a scapito della loro storica amicizia.

Michel, Tusk e i loro simili sono così infuriati con Orban perché temono che possa effettivamente contribuire a realizzare progressi tangibili nel rilanciare una sorta di quadro di colloqui di pace russo-ucraini prima del G20 di novembre, che potrebbe dissipare il falso senso di urgenza per la loro “ UE ”. piani della linea di difesa ”. La Polonia ha già convinto la Germania ad assumersi la responsabilità parziale della sicurezza del suo confine orientale ed è probabile che Berlino presto accetterà di assumere lo stesso ruolo per i paesi baltici per aiutarli a fortificare anche la loro frontiera.

È imperativo che l’élite liberal-globalista al potere dell’UE costruisca questa nuova cortina di ferro per la nuova guerra fredda al fine di continuare a manipolare le loro popolazioni affinché sostengano spese militari record e rimangano subordinate agli Stati Uniti dopo che questi hanno riaffermato la loro egemonia precedentemente in declino su di loro nel 2022. Non vogliono assolutamente che Orban utilizzi la ritrovata posizione europea del suo Paese per sensibilizzare il mondo sulla generosa proposta di cessate il fuoco del presidente Putin e su qualsiasi altro compromesso pragmatico.

A questo proposito, il leader russo ha dichiarato, durante una conferenza stampa dopo il vertice della SCO ad Astana della scorsa settimana, che non si impegnerà in un cessate il fuoco unilaterale dopo essere stato ingannato con quello parziale da lui approvato nella primavera del 2022 ritirando le truppe da Kiev in modo da facilitare la firma di un accordo di pace. Per questo motivo ha chiesto all’Ucraina di compiere questa volta passi irreversibili per dimostrare che prende sul serio la pace e che non lo prende ancora una volta per il naso dopo aver apertamente ammesso a dicembre di non essere più ingenuo.

Tuttavia, rimane aperto al compromesso , e qui sta il ruolo che Orban può svolgere nel contribuire ad avvicinare la Russia, l’Ucraina e gli Stati Uniti a tale risultato. Secondo lui, la sua missione di pace consiste nel vedere quali concessioni ciascuna parte è disposta a fare. Orban ha anche chiarito che non ha bisogno di un mandato europeo per questo, poiché sta mediando solo a titolo personale e non negoziando per conto del blocco. Michel, Tusk e gli altri sono quindi legalmente impotenti a fermarlo.

Anche se non si può saperlo con certezza, è possibile che Orban si stia coordinando in una certa misura con Cina e Brasile – il cui consenso di pace in sei punti di fine maggio potrebbe gettare le basi per colloqui sostenuti dalla Cina ma guidati dal Brasile prima o dopo durante il G20 – o allineandosi in modo indipendente a questa visione. La Svizzera, che ha ospitato i colloqui del mese scorso sull’Ucraina, ha già affermato che i prossimi colloqui non si svolgeranno in Occidente e includeranno la Russia, quindi lo scenario precedente non è inverosimile.

Affinché ci sia qualche possibilità di successo, tuttavia, una visione chiara delle effettive linee rosse di ciascuna parte – non quelle dichiarate pubblicamente che potrebbero essere descritte come ostentazioni – deve essere compresa da una terza parte ben intenzionata al fine di elaborare proposte pratiche per restringere il campo. il divario tra loro da parte del G20. Sebbene il rappresentante speciale cinese per gli affari eurasiatici Li Hui abbia già portato avanti ormai da mesi la diplomazia dello shuttle a tal fine, gli sforzi di Orban possono migliorarli in alcuni modi importanti.

A differenza del diplomatico cinese, il leader ungherese ha contatti regolari con le sue controparti europee, quindi ha una comprensione molto migliore degli interessi del blocco e di quanto lontano potrebbero realisticamente spingersi per la pace. Può anche fungere da canale di comunicazione informale tra Mosca e Bruxelles, cosa che Li non può fare a causa dei limiti della sua posizione. Un altro vantaggio che Orban porta sul tavolo è che è un personaggio pubblico e può quindi rimodellare positivamente la percezione pubblica occidentale in direzione della pace.

A dire il vero, il successo non è assicurato, ed è più probabile che la sua missione di pace alla fine non si traduca in nulla se non nell’aiutare a preparare il terreno per i colloqui di pace del G20 di novembre. Anche così, non c’è nulla di male nel provarci, e Orban ha accesso ed esperienza come nessun altro. Ha un sentimento così forte nei confronti della pace a causa del suo profondo orgoglio per la civiltà europea e del relativo lamento nel vederla lacerata da questo conflitto. Le intenzioni del leader ungherese sono quindi sincere e nessuno deve dubitare che ce la metterà tutta.

Ciò rappresenta l’espansione senza precedenti dell’influenza militare tedesca nel secondo dopoguerra, che viene avanzata con un falso pretesto anti-russo con il pieno appoggio americano.

I sostenitori del primo ministro polacco Donald Tusk avevano finora respinto le affermazioni del leader dell’opposizione Jaroslaw Kaczynski secondo cui sarebbe un ” agente tedesco ” come una teoria del complotto, ma ora hanno le uova in faccia dopo che Tusk ha invitato la Germania ad assumersi la responsabilità parziale della sicurezza del confine orientale della Polonia. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, che nel dicembre 2022 aveva apertamente espresso intenzioni egemoniche in un manifesto per gli affari esteri, ha prontamente acconsentito con il pretesto che la loro sicurezza è collegata.

Proprio mentre Tusk ospitava Scholz a Varsavia, il ministro della Difesa polacco Wladyslaw Kosiniak-Kamysz era a Vilnius dove lui e la sua controparte lituana hanno chiesto alla NATO e all’UE di “ internazionalizzare ” i loro confini con Bielorussia e Russia, chiedendo poi a Bruxelles di finanziare un “ linea di difesa ”. Anche la Lettonia e l’Estonia stanno partecipando a questo progetto, ed è probabile che anche la vicina Finlandia si unisca, con il sostegno richiesto dall’UE guidata dalla Germania che sarà facilitato dall’adesione allo “ Schengen militare ”.

Questo concetto si riferisce all’accordo siglato a metà febbraio tra Polonia, Germania e Paesi Bassi per l’ottimizzazione della logistica militare tra di loro. La Francia si è appena unita , ed è probabile che anche gli Stati baltici e forse alcuni altri possano aderire durante il vertice della NATO della prossima settimana . L’obiettivo finale è quello di costruire la “ Fortezza Europa ”, o una zona militare a livello europeo guidata dalla Germania che consentirà a Berlino di contenere la Russia per conto di Washington mentre gli Stati Uniti “pivot (back) to Asia” per contenere la Cina.

La Polonia era già pronta a svolgere un ruolo indispensabile in questo accordo, come è stato spiegato qui all’inizio della primavera, con le previsioni dell’analisi dei collegamenti ipertestuali che si stavano rapidamente concretizzando dopo gli ultimi sviluppi interconnessi a Varsavia e Vilnius la scorsa settimana. È interessante notare che queste tendenze sono in linea con il piano NATO riportato da Trump, proposto per la prima volta quasi un anno e mezzo fa, nel febbraio 2023, ma che solo di recente ha suscitato l’attenzione dei media, di cui i lettori possono saperne di più qui .

In poche parole, prevede che gli Stati Uniti si ritireranno dall’Europa a favore di una rifocalizzazione dei propri sforzi militari sull’Asia, con la formazione di coalizioni sotto-blocco per contenere la Russia. Questo è esattamente ciò che si sta verificando in parte oggi rispetto agli ultimi progressi compiuti nell’attuazione della politica della “Fortezza Europa” guidata dalla Germania. La differenza fondamentale è che gli Stati Uniti non hanno (ancora?) ridistribuito le proprie forze dall’Europa all’Asia, né hanno (ancora?) minacciato di rimuovere il proprio ombrello nucleare dai parsimoniosi membri della NATO.

Tuttavia, ciò che è stato realizzato finora è già strategicamente significativo poiché rappresenta l’espansione senza precedenti dell’influenza militare tedesca nel secondo dopoguerra, che viene avanzata con un falso pretesto anti-russo con il pieno appoggio americano. La Germania si sta preparando ad assumersi la responsabilità parziale della sicurezza del confine orientale della Polonia, facilitata come sarà dallo “Schengen militare”, che potrebbe facilmente portarla ad espandere la sua influenza in tutti i Paesi Baltici una volta che aderiranno.

Metà del confine NATO-russo potrebbe quindi presto finire sotto il controllo parziale tedesco, mentre l’altra metà potrebbe cadervi anch’essa nel caso in cui la Finlandia aderisca allo “Schengen militare” e si unisca alla “linea di difesa dell’UE”, in modo così minaccioso. simile al periodo precedente all’Operazione Barbarossa. Ciò non vuol dire che la Germania si stia preparando ancora una volta a invadere la Russia, ma solo che ciò invia senza dubbio un messaggio molto forte e avrà sicuramente un forte impatto psicologico sui politici russi.

Nell’arco di due anni e mezzo, la Germania si è trasformata da partner più stretto in Europa a uno dei suoi più grandi rivali, anche se ci vorrà ancora molto tempo perché la Germania ricostruisca la propria capacità militare al punto da poter nuovamente rappresentare una minaccia credibile per la Russia da sola. Controintuitivamente, i nuovi piani strategico-militari della Germania, sostenuti dagli Stati Uniti, potrebbero quindi aumentare le possibilità di congelare il conflitto ucraino a condizioni migliori per la Russia, dal momento che Berlino e i suoi subordinati hanno bisogno di tempo per riarmarsi.

La Russia sta battendo la NATO nella “ corsa logistica ”/” guerra di logoramento ” con un margine così ampio che Sky News ha scioccamente riferito a fine maggio che sta costruendo il triplo dei proiettili ad un quarto del prezzo. La maggior parte dei membri della NATO ha già speso le proprie scorte armando l’Ucraina e non potrà sostituirle finché tutto ciò che stanno producendo verrà inviato all’ex Repubblica sovietica mentre il conflitto infuria. Di conseguenza, esiste una logica nel congelarlo entro la fine dell’anno , consentendo così all’UE di riarmarsi entro il 2030 circa.

Detto questo, la fazione liberale – globalista al potere in Occidente rimane ideologicamente impegnata nella causa persa di infliggere una sconfitta strategica alla Russia, come dimostrato dalle ultime escalation da fine maggio ad oggi, di cui i lettori possono imparare di più in questa analisi qui che ne enumera anche diversi. quelli correlati. Tenendo d’occhio l’imminente rafforzamento militare europeo guidato dalla Germania lungo i suoi confini occidentali, la Russia potrebbe quindi avere meno probabilità di congelare il conflitto senza prima raggiungere alcuni dei suoi obiettivi di sicurezza nazionale.

Dopotutto, l’architettura di sicurezza europea è sostanzialmente cambiata in peggio nel corso dell’operazione speciale, poiché la NATO ha sfruttato la mossa rivoluzionaria della Russia per intensificare le minacce che pone ai confini di quel paese, lasciando così l’Ucraina l’unico posto in cui la Russia può raggiungere un obiettivo. zona cuscinetto. L’incapacità di farlo, anche in parte, come ad esempio garantendo la smilitarizzazione parziale delle regioni ucraine controllate da Kiev a est del Dnepr come proposto qui , renderebbe le cose ancora peggiori per la Russia.

I politici russi ne erano già profondamente consapevoli, ma ora viene loro ricordata l’Operazione Barbarossa come risultato della minacciosa Germania che ricrea i preparativi per la più grande invasione del mondo attraverso le sue mosse strategico-militari in Polonia e probabilmente presto negli Stati Baltici e forse in Finlandia. pure. Se di conseguenza la Russia mantenesse ferma almeno l’aspetto della smilitarizzazione parziale dei suoi obiettivi di sicurezza nazionale in questo conflitto, allora la NATO potrebbe essere costretta ad accettare questo per disperazione, al fine di guadagnare tempo per riarmarsi.

Trasformare il conflitto ucraino nell’ultima “guerra per sempre”, come intendono fare i liberal-globalisti, rischia di innescare la terza guerra mondiale per errori di calcolo se la Russia riuscisse a ottenere una svolta militare in prima linea di cui poi la NATO approfitterebbe per avviare un intervento convenzionale per fermare il suo avanzamento. Anche se questo scenario non si realizzasse e la linea del fronte rimanesse in gran parte statica per un futuro indefinito, allora la “Fortezza Europa” continuerebbe a fallire poiché verrà implementata solo la struttura, non la sostanza.

Avere più paesi che aderiscano allo “Schengen militare” in parallelo con la Germania che rafforza la sua presenza militare lungo il confine orientale del blocco guidando la costruzione della sua “linea di difesa” non equivarrà a molto finché le scorte dell’UE rimarranno vuote se continuano a inviare tutto in Ucraina. Dal momento che, a causa delle mosse della Germania, è meno probabile che la Russia congelare il conflitto se non raggiunge una sorta di zona cuscinetto in Ucraina, ora crescono le probabilità che la NATO possa accettare un compromesso.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

COME I FRANCESI DIVENNERO ITALIANI. O FORSE PEGGIO (?)_di Daniele Lanza

(analisi di una metamorfosi impietosa. Leggere*).
CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO
Massì, ce l’abbiamo fatta, il pericolo è scampato.
I titoli di tutti I media nostrani ed europei si affrettano a rassicurare che il Fronte Nazionale e I suoi alleati sono stati fermati, sconfitti e schiacciati (l’ ”imparziale” messaggio di fondo).
L’unica evidenza sulla quale non ci si soffermerà è che si tratta di un furto di evidenti proporzioni, rapportando il numero di seggi ottenuti da le Pen con i risultati oggettivi della tornata passata: lo dico da osservatore allineato, ma con lucidità: affermerei le stesse cose che leggete anche se il partito penalizzato fosse dell’estrema sinistra (ho coerenza morale).
Tralascio ogni disamina minuta del voto perchè l’unica vera riflessione che abbia senso fare, l’unico vero pensiero da dedicare a queste consultazioni nell’esagono, non riguarda i partiti ma quanto vi è a monte di essi. Ha a che fare con l’anima del suo sistema politico che si incarna perfettamente del meccanismo elettorale scelto 2 generazioni orsono.
Alla fine degli anni 50 il generale de Gaulle riforma la REPUBBLICA, dotandola di un sistema presidenziale e di un sistema di voto doppio turno.
Quest’ultimo elemento è la cifra di tutto. Perfettamente democratico e assolutamente geniale nel tagliare le gambe a qualsiasi forza politica che esca dagli schemi (da destra come da sinistra). Grazie al doppio turno, venivano confinati A VITA I comunisti francesi per la generazione a seguire (1958-1988)…….ed oggi servono per tagliare le gambe al Fronte Nazionale e I suoi alleati.
Un genere di meccanismo congegnato in modo tale da favorire e proteggere un’ideale STABILITA’ ancor più che non assecondare la volontà dell’elettorato.
E’ questo lo scopo del doppio turno signori e signore: senza il doppio turno, il Fronte Nazionale avrebbe dovuto raccogliere qualcosa di prossimo ai 300 seggi……..invece ne otterrà lla META’ (attorno ai 150), salvando così le altre due formazioni che sarebbero dovute essere alle spalle – socialisti e centristi – ma soprattutto questi ultimi, riuniti attorno alla figura del presidente e delle istituzioni nazionali, che in questo modo capovolgono letteralmente un’evidente sfiducia popolare emersa tanto alle europee quanto adesso alle legislative, ottenendo così quel margine per continuare a imbastire trame, piani e stratagemmi per rimanere al potere.
Il primo partito francese (che lo si ami o che lo si odi) è stato derubato della metà dei suoi seggi potenziali: e questo poteva accadere a qualsiasi altro partito nella medesima posizione (fuori degli schemi cioè). Non so se qualcuno che legge si può rendere conto. Per quanto mi riguarda si tratta di uno scandalo assoluto: e lo dico senza nemmeno essere sicuro che avrei votato RN (anzi).
RICAPITOLO (leggere bene*):
per chi fosse interessato a capire gli umori dell’elettorato francese, vada a leggersi nel dettaglio I risultati delle europee e del primo turno delle legislative: quello è sufficiente.
Quanto al SECONDO turno di oggi, che significato ha ? Nessuno se non evidenziare il tecnicismo elaborato per impedire che un’ala estrema si avvantaggi troppo (pur meritandolo) grazie ad una reazione dell’estremo opposto che farà qualsiasi cosa pur di non permettergli di vincere (anche votare una capra, per partito preso). Un’espressione geniale di DIVIDE ET IMPERA, applicata nel contesto dei meccanismi elettorali e di come la psicologia agisce in quest’ambito.
Vado al punto e concludo: il sistema in questione ha una buona ragione d’essere nell’impedire a minoranze riottose di fare troppi danni ed avere troppo spazio. Ma cosa accade quando quella che si suppone essere una minoranza riottosa….diventa il primo partito ? Semplice: ne viene fuori un furto, seguito da un inciucio indescrivibile (la parola è stata coniata giustamente per il sistema italiano, e mai aveva avuto spazio in quello francese: voglio vedere come l’opinione pubblica si adatterà ad avere tra blocchi di eguale potenza che fanno intrighi all’infinito come nella politica nostrana. Ripeto è cosa ordinaria per chi è nato nella penisola, ma non Oltralpe….)
Ma a parte tutto questo, per parlare di principi……..ebbene, con tutto questo, quale principio si salvaguarda ? Quello dei numeri oggettivi o quella di un supposto equilibrio ideale che non veda alcuno vincere ? Perchè si tratta di due democrazie diverse.
Gente che mi ascolta……….posso bene comprendere che molti che mi seguono non voterebbero mai il Fronte Nazionale ed affini, d’accordo: ricordo tuttavia che il sistema elettorale avrebbe ugualmente avuto il medesimo effetto anche se al posto del Fronte vi fosse stato – per intenderci – un forte (e degno) partito comunista, con 1/3 dei voti (come il PCI italiano di un tempo). Nessuna differenza avrebbe fatto: sarebbe stato miniaturizzato e derubato del proprio risultato esattamente come si vedrà del Fronte in queste ore. Così da far capire.
D’altro canto…..gli elettori francesi questo lo sanno bene. Spetta a loro modificarlo se credono: in caso contrario non avranno mai I governanti che vogliono, ma piuttosto le creature che emergono dalla palude dell’inciucio: ecco penso di intravedere il punto alla base di tutto…………….la grande scelta della società francese da questo punto in avanti è questa, ossia non tanto scegliere un partito o un altro, una destra o una sinistra (quello è facile) quanto scegliere se rimanere “transalpini” oppure diventare ITALIANI (in termini di sistema politico e mentalità annessa).
P.S. = Dopo questo, se qualcuno osa anche solo fiatare (dico fiatare) in merito alla “democrazia” delle elezioni presidenziali che hanno eletto Putin, lo vado a cercare, ovunque sia e chiunque sia.
PASSO E CHIUDO.
 
L’ OCCIDENTE.
Un partito che sta al 33% del voto nazionale (RN) si ritrova con circa la metà dei seggi che avrebbe dovuto avere: forse nemmeno 140.
Il partito presidenziale macroniano – grande trombato di europee e primo turno delle legislative, dove è rimasto inchiodato al 20% – di seggi ne otterrà probabilmente 170.
La cifra della democrazia occidentale sta in cose come questa.
Non si aggiunge altro.
***
Se qualcuno – chiunque sia, dovunque sia – viene ancora a contestarmi le credenziali di DEMOCRATICITA’ delle elezioni presidenziali russe che hanno incoronato Putin, se il figlio di puttana, ci prova ancora una sola volta a parlarmi di procedure trasparenti ed istituzioni libere, faccia meglio a non rendersi più reperibile o riconoscibile o rintracciabile. In alcun modo.
FINE.
VOTO FRANCESE
⚫️ RN (Le Pen): 37,1% (10.1 milioni di voti)
NFP (Melenchon): 25,8% (6.9 milioni)
ENS(Macron): 24,5% (6.5 milioni)
TERZO (ed ultimo) intervento dedicato all’esito delle consultazioni nazionali nell’esagono.
Lascio perdere parole e discorsi: si osservi coi propri occhi il numero di voti dei primi tre partiti e la distribuzione finale di seggi (giudicare da soli, ognuno in coscienza e domandarsi – ciascuno – in quale concetto di democrazia ci si identifica, prima di giudicare altri stati alieni all’occidente).
Un momento di confusione sino a ieri prima della chiusura dei seggi vi è stato: si dava ancora il Fronte Nazionale di Le Pen come primo partito…….ed IN EFFETTI non ci si sbagliava. Il problema è che i sondaggisti, al pari della gente comune – almeno da come mi sembra ! – coscientemente o meno hanno dato maggiore rilevanza al numero di voti assoluto che non al macchiavellico gioco di assegnazione seggi basato sulla strategia di desistenza che era la vera chiave di volta del tutto.
A conti fatti direi che il VERO vincitore di questa tornata elettorale non è un partito o una formazione: il vero vincitore è il sistema stesso (e il suo meccanismo elettorale).
Elezioni come queste, con un esito come quello illustrato in alto ed in basso dimostrano che per vincere e governare non è indispensabile il numero di voti che oggettivamente ottenuto, ma la capacità di imbastire intrighi, accordarsi e maneggiare.
Non ha vinto il Fronte Nazionale come nemmeno i suoi antagonisti più sfegatati che da sinistra intonano canti in piazza e sulle bacheche: questi ultimi sono la parte più imbarazzante della situazione…..perchè malgrado “illuminati” non si rendono conto di cosa è successo. Ottusamente focalizzati su un’immaginario successo contro l’eterno nemico, non si accorgono che un voto popolare è stato letteralmente stravolto e che la medesima cosa può accadere a loro stessi alla prossima tornata (…).
Occorre scegliere il modello di democrazia in cui ci si riconosce: l’esito elettorale di queste legislative francesi è tanto eclatante, tanto emblematico che non mi convince molto della superiorità etica e democratica dell’Europa, ma piuttosto della sua ipocrisia. Un voto può essere capovolto se non è conforme alla linea ideologica occidentale ed un partito che ha poco meno del 40% dei voti (riguardateli sti grafici) può essere emarginato in TERZA posizione dietro avversari che hanno molto meno di lui.
Centristi e Progressisti assommati assieme hanno 12 milioni di voti circa…..il Fronte Nazionale di LePen ne ha 10 e qualcosa (manca poco che totalizzi la somma dei due rivali messi assieme).
Se non si riesce a sconfiggere un partito scomodo (destra o sinistra che sia), lo si elimina con espedienti, ecco il punto.
E’ talmente scandaloso che direi le medesime parole a favore di qualsiasi sconfitto in tali circostanze, non solo del Fronte: anche se fosse accaduto ai comunisti avrei detto le stesse cose.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

SITREP 7/6/24: Si costruisce la narrativa secondo cui Putin è disperato per porre fine al conflitto – Lo è davvero?_di SIMPLICIUS

SITREP 7/6/24: Si costruisce la narrativa secondo cui Putin è disperato per porre fine al conflitto – Lo è davvero?

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

La visita di Orban a Mosca ha infiammato il serraglio politico europeo questa settimana. L’istrionico teatrino è stato messo in piena mostra, mentre il coro di cugini e cuginette catturati si è messo a cantare in un’atmosfera di zoppicante futilità:

Da parte sua, Orban ha affermato che Putin è un negoziatore assolutamente razionale:

Ma la narrazione prevalente che ora ha travolto il commentario e la sfera di propaganda dei media è che la Russia sta disperatamente spingendo per la fine del conflitto. Ovunque si guardi, Putin viene caratterizzato come se stesse praticamente implorando un cessate il fuoco. Nelle ultime settimane, un comunicato stampa dopo l’altro è stato incentrato sul fatto che la Russia si sta avvicinando a una cessazione delle ostilità, con i vari discorsi e le parole di Putin utilizzati a sostegno.

Ma quanto è vero?

Sono qui per dirvi senza ambiguità che si tratta di un totale depistaggio.

Nessuna volta Putin ha tirato in ballo cessate il fuoco o negoziati – in tutti i casi sono gli altri a spingerlo sull’argomento, e lui è semplicemente costretto a rispondere in modo diplomatico. Come di recente, quando Putin ha commentato con stizza la questione nucleare, quando qualcuno gli ha chiesto perché negli ultimi tempi stesse insistendo così tanto sul concetto di guerra nucleare: Putin ha risposto che non era lui a tirarlo fuori, ma la gente continua a chiedergli delle armi nucleari durante le domande o le interviste, e lui è costretto a rispondere alle loro domande. Queste risposte vengono poi citate fuori contesto da organi di stampa gialli e clickbait per far sembrare che la Russia stia costantemente agitando per una guerra nucleare.

Allo stesso modo qui, c’è stata una serie costante di domande rivolte a Putin in ogni occasione pubblica dell’ultimo mese o giù di lì. Ne riportiamo alcune a titolo illustrativo:

Solo una settimana fa, in occasione della riunione della SCO ad Astana, Putin ha fatto diversi commenti sui cessate il fuoco e sui negoziati:

Questo è stato travisato per significare che è Putin a spingere l’argomento. Ma ciò che è stato tralasciato nei filmati troncati è che in realtà sono stati i membri della SCO a presentare una proposta di cessate il fuoco durante l’incontro, come si può vedere qui sopra.

In seguito, la stampa ha continuato a interrogare Putin sull’argomento, che è stato nuovamente costretto a rispondere:

Poi, dopo che Trump aveva recentemente fatto dichiarazioni sulla necessità di negoziare la fine della guerra “nel suo primo giorno di mandato”, Putin è stato nuovamente citato in modo errato per rispondere a questa affermazione. Gli opinionisti e la stampa hanno affermato che Putin ha detto di “sostenere il piano di Trump per porre fine alla guerra”, il che è una totale menzogna:

Prima di tutto, potete vedere voi stessi cosa ha detto Putin: non solo risponde ancora una volta alle domande dei giornalisti e non spinge lui stesso sull’argomento dei negoziati, ma si limita a fare un passo indietro sottintendendo diplomaticamente che lo sforzo di Trump è una buona cosa, ma che Putin non ne sa nulla:

Ancora una volta, si tratta di un grande nulla di fatto, distorto per spingere la narrazione che “Putin è vicino alla resa!” da parte di commentatori e ‘analisti’ della sesta colonna.

A questo ha fatto seguito la più grande notizia bomba di tutte, ripresa dai principali organi di stampa, che ha davvero rafforzato la narrazione falsificata:

Sembra tutto così autentico in quelle grandi pagine sgargianti, con le loro maiuscole audaci e perentorie. “Dev’essere vero!”, cantano all’unisono le pecore.

Ma da dove proviene questa “notizia bomba”? Da nientemeno che il più screditato propagandista ucraino, il buffone in disgrazia Dmitry Gordon:

È letteralmente l’unico “commentatore” in Ucraina preso meno seriamente dagli ucraini rispetto persino a “Lucy” Arestovich.

Dall’articolo del DailyMail sopra citato:

L’importante giornalista televisivo ucraino Dmitry Gordon ha detto di aver ricevuto i dettagli del pacchetto da “nostre fonti di intelligence”, mentre il canale Telegram russo Gosdumskaya – che sostiene di avere fonti interne a Mosca – ha riportato separatamente una serie simile di richieste di Putin.

Gordon è noto per le sue infinite bugie, tra cui quella che la Russia sarebbe crollata quest’anno, che la Crimea sarebbe stata conquistata entro l’estate e un’infinità di altre secche che nessuno prende sul serio. Il suo ultimo articolo dovrebbe essere considerato con lo stesso livello di credibilità.

Se leggete i punti salienti dell’accordo, vedrete quanto sia palesemente assurdo.

Ora vediamo di nuovo Orban venire a Mosca con lo scopo specifico di una “missione di pace”. È Orban a spingere l’iniziativa, non la Russia. Ma cosa dovrebbe fare Putin, rifiutare la visita di Orban? Naturalmente, Putin deve mantenere le apparenze per dare l’immagine che la Russia cerca la pace. In realtà, le condizioni della Russia non sono cambiate neanche minimamente – e la prova di ciò si può vedere nelle varie dichiarazioni recenti di Lavrov, Peskov, Zakharova, ecc. che continuano a sostenere che le condizioni fondamentali della Russia devono essere rispettate.

Legitimny channel lo ha sottolineato con le sue informazioni ricevute:

#ascolti
La nostra fonte riferisce che Orban ha tenuto lunghi negoziati con Putin, dove la crisi ucraina ha occupato non più del 5% del tempo, il resto del tempo ha discusso di questioni economiche e finanziarie.

Non ci sarà pace in Ucraina fino all’entrata in scena delle Forze Armate e alle elezioni negli Stati Uniti.
Ma è incoraggiante che molti siano consapevoli che ora il mondo è molto più vicino rispetto al 2022-23, in quanto i giocatori hanno iniziato a prestare maggiore attenzione agli accordi commerciali, che sono un fattore importante per dimostrare che il mondo è vicino.

Detto questo, dobbiamo riconoscere che ci sono stati almeno alcuni messaggi contraddittori da parte della Russia. Il più significativo è stato quando Putin ha dichiarato, pochi giorni prima del vertice svizzero del mese scorso, che la Russia avrebbe chiesto un “cessate il fuoco” immediato ai fini dei negoziati se l’Ucraina avesse ritirato tutte le sue truppe dai quattro nuovi territori russi di Kherson, Zaporozhye, DPR e LPR e si fosse impegnata a non aderire alla NATO. Si tenga presente che ciò sembra significare un cessate il fuoco temporaneo ai fini di ulteriori negoziati, con le condizioni di cui sopra intese come il gesto minimo iniziale che l’Ucraina dovrebbe compiere.

Dalla dichiarazione del 14 giugno:

Ma il problema è che, appena due settimane dopo, Lavrov ha rilasciato la seguente dichiarazione:

Abbiamo detto: saremo sempre pronti ai negoziati di pace, ma durante i negoziati non fermeremo l’operazione militare speciale. Abbiamo già avuto questa esperienza; siamo stati ingannati, come è successo nell’aprile 2022. – ha dichiarato Lavrov.

Quindi, ad essere onesti, dobbiamo ammettere che c’è chiaramente un conflitto nella messaggistica su questa linea. Putin è stato molto chiaro e categorico nell’affermare che sarebbe stato dichiarato un cessate il fuoco – anche se, se si ascolta il suo discorso, sembra che quello che sta descrivendo sia un cessate il fuoco temporaneo per facilitare il ritiro molto condizionato delle truppe ucraine dai territori – in modo che non vengano attaccate in modo disonorevole mentre si stanno ritirando.

Inoltre, va detto – almeno a mio parere – che Putin ha avanzato la proposta di mantenere ancora una volta gli apparenti gesti di pace, pur avanzando in realtà richieste che sapeva non essere realizzabili da Kiev. Per esempio, se si ascolta attentamente, egli afferma molto precisamente che l’Ucraina deve ritirarsi dai confini amministrativi completi delle regioni dichiarate. Che cosa significa? Significa, soprattutto, che l’Ucraina deve rinunciare completamente alla città di Kherson e a tutte le regioni periferiche.

La Russia occupa attualmente la maggior parte dell’Oblast’ di Kherson, ma l’Ucraina occupa ancora la città stessa:

Lo stesso vale per l’Oblast di Zaporozhye, l’AFU dovrebbe liberare l’enorme capitale di Zaporozhye stessa:

Si tratta di una maggioranza di quasi 1 milione di abitanti, settima città più popolosa dell’Ucraina, dopo Kiev, Kharkov, Odessa, Dnipro, Donetsk e Lvov. Ha quasi il doppio della popolazione di Sebastopoli, per intenderci. Quante possibilità ci sono, secondo voi, che la struttura di potere dell’Ucraina permetta mai l’abbandono totale di una tale città?

Ora, con questo in mente, rivalutate la proposta di Putin.

Anche l’ultimo rapporto di ISW dice che Putin non è seriamente intenzionato a negoziare:

Inoltre, ricordate cosa ha detto Putin qui, che in un certo senso mina i suoi precedenti:

Egli afferma essenzialmente di non essere interessato a nessun cessate il fuoco “temporaneo” che permetta all’Ucraina di riarmarsi, come i protocolli di Minsk e simili. Ora sappiamo che sarebbe aperto solo a una fine della guerra che cambierebbe totalmente il paradigma e che includerebbe necessariamente la riformulazione dell’intera architettura di sicurezza europea.

E infatti, nel suo nuovo incontro con Orban, ha nuovamente citato questo aspetto:

Quindi, per come ho inteso la sua precedente dichiarazione, se l’Ucraina accedesse alle richieste di rimozione di tutte le forze militari dalle quattro regioni, la Russia si atterrebbe a un cessate il fuoco temporaneo come atto d’onore per consentire il ritiro delle forze. Poi, Putin probabilmente valuterebbe quanto l’Ucraina sia disposta a veri negoziati sulle altre condizioni principali prima di decidere se riprendere le ostilità. Ma questa è solo la mia interpretazione della parte leggermente contraddittoria della questione.

L’altra questione importante da ricordare è che il Capo di Stato Maggiore della brigata neonazista Azov, Bogdan Krotevich, ha appena minacciato Zelensky per aver anche solo lontanamente preso in considerazione qualsiasi opzione di “pace”.

Il capo di stato maggiore di “Azov” minaccia chi chiede di fermare la guerra al fronte

Ha scritto su X/Twitter:

Nessuna pace senza vittoria. Vittoria significa non avere un solo soldato russo in territorio ucraino. Non lasceremo questa guerra ai nostri discendenti, e non lo farete nemmeno voi, perché se ci provate, sarà un male per voi e per loro. Se questo è un “test”, non pensateci nemmeno.L’ho scritto con calma.

Sarebbe meglio convocare i comandanti di brigata per una riunione, dare ad Azov armi occidentali, creare divisioni e mettere al comando comandanti di brigata esperti in battaglia come Radis. Sciogliere le Unità Tattiche Operative e ridurre il numero di generali nelle truppe: questo è il vostro piano per la pace attraverso la vittoria”.

Krotevych non ha specificato a quale “prova” si riferisse, ma a giudicare dal contesto, intendeva una dichiarazione di un analista politico vicino all’ufficio di Zelensky, Fesenko, che ha affermato che la guerra potrebbe essere fermata e i territori “restituiti in seguito”.

I media ucraini avevano già riferito che in Ucraina si era verificata un’escalation di tensioni tra le autorità e gli attivisti filo-occidentali, nonché tra i vertici militari e i soldati delle unità di alto profilo delle Forze Armate e della Guardia Nazionale, create sulla base di organizzazioni nazionaliste.

Come avevamo già scritto tempo fa, Zelensky è tenuto in punta di spada quando si tratta di portare avanti il resto del conflitto. È quindi di fatto intrappolato tra l’incudine e il martello, dato che le pressioni per capitolare diventeranno a un certo punto insopportabili, mentre le pressioni opposte – pena la morte – per continuare lo schiacceranno.

E poi c’è questa analisi finale che va alla radice delle cose e che si accorda con il taglio della mia tesi di cui sopra. In sostanza, propone l’idea che Putin stia giocando a fare il guastafeste con tutte le affettazioni di pace per dipingere Zelensky come un guerrafondaio deciso a continuare il conflitto:

Il Cremlino gioca a fare il partito diplomatico per screditare l’Ucraina

Le visite di Orban (il principale amico di Putin in Europa) dovrebbero sbiancare la reputazione del leader russo e mostrarlo “come un pacificatore”, che ha abbastanza responsabilità per portare a termine la sanguinosa guerra.

L’Ucraina, che ha abbandonato le condizioni del leader ungherese, sembra ora quasi l’unico promotore della continuazione delle ostilità. I leader di Turchia, India e Cina sono da tempo solidali con la posizione della Federazione Russa. E la performance di Orban ha dato loro un altro argomento a favore del sostegno a Putin.

Se la poltrona presidenziale per i Democratici verrà mantenuta, la Russia potrebbe iniziare una nuova grande fase della guerra, a partire dal rifiuto di Kiev di andare ai colloqui di pace.

In caso di arrivo di Trump, troveremo un probabile contratto che andrà bene a tutti, tranne che all’Ucraina.

Ancora una volta, il team di Zelensky dà prova di acrobazia diplomatica, aiutando i nemici dell’Ucraina ad avanzare per i loro obiettivi geopolitici…

L’unica riga sopra ci fa intravedere una potenziale risoluzione del conflitto:

In caso di arrivo di Trump, troveremo un probabile contratto che andrà bene a tutti tranne che all’Ucraina.

È possibile che si svolga come segue:

Trump entra in carica e usa il suo promesso ariete di minacce contro la NATO per piegare l’alleanza al suo volere, minacciando di disinnescarla o di far uscire gli Stati Uniti dall’alleanza, il che la distruggerebbe di fatto.

In questo modo, potrebbe potenzialmente costringere l’Europa ad accettare questa nuova architettura di sicurezza europea che Putin sta cercando, che sarebbe una nuova sorta di sistema di garanzie westfaliano. Come si risolverebbe il conflitto ucraino?

In primo luogo, Putin insisterebbe – come ha fatto – sul fatto che Zelensky è illegittimo e che non è possibile firmare alcuna garanzia con lui. Ciò provocherà lotte di potere all’interno dell’Ucraina, esacerbate dalle pressioni statunitensi, che porterebbero all’estromissione di Zelensky, che verrebbe sostituito da qualcuno più gradito sia a Putin che a Trump. Ciò sarebbe ovviamente favorito dai gruppi nazionalisti già citati, che arriverebbero comunque a eliminare Zelensky. Alcune delle questioni territoriali più spinose verrebbero probabilmente risolte attraverso un rinvio, come già discusso in passato; ad esempio, l’Ucraina può rivendicare legalmente alcune cose dopo un determinato periodo di 15-20 anni, e cose di questo tipo.

Se una di queste soluzioni si scontra con ostacoli, l’Ucraina continuerà a perdere sempre di più.

L’argomento opposto è quello secondo cui la Russia non può lasciare l’Ucraina in nessun caso, e deve continuare almeno fino alla cattura di Kharkov, Odessa, o addirittura di Kiev e dell’intero Stato. Questa è ancora una possibilità, come ho detto, soprattutto se una qualsiasi delle condizioni sopra citate dovesse crollare. Tuttavia, se tutti i tasselli della diplomazia dovessero andare a posto entro l’anno prossimo, con tutti i leader giusti eletti con successo e in carica, allora la pressione per la diplomazia potrebbe essere troppo forte perché Putin possa rifiutare, soprattutto se l’accordo è per lo più favorevole alla Russia, come nel caso dell’esempio precedente.

Ricordiamo che una delle condizioni dichiarate dalla Russia per qualsiasi pace è anche la revoca di tutte le sanzioni. Immaginate che tutte le oltre 20.000 sanzioni vengano revocate dal Paese più pesantemente sanzionato del mondo. Ci sono due possibilità:

  1. L’economia russa esplode in condizioni inimmaginabili e utopiche, raggiungendo il terzo posto nel mondo in pochi anni.
  2. Quello più probabile: la cabala globale con un profondo odio ancestrale per la Russia non permetterà mai una cosa del genere, e come tale qualsiasi trattato in questi termini sarebbe irrealistico per cominciare.

Come pensate che accadrà? Ecco il parere dell’Europa:

E un interessante sondaggio che rivela il sentimento degli stessi ucraini: la maggioranza preferirebbe perdere il territorio ma mantenere la sovranità piuttosto che il contrario:

Numeri pessimi per la propaganda, che sta cercando di convincere tutti della necessità di combattere fino alla fine, nonostante le perdite e le perdite.

Il 45% degli ucraini è d’accordo con la perdita dei territori occupati dalla Federazione Russa in cambio della “libertà di scelta” di aderire alla NATO e all’UE, mantenendo l’esercito e l’indipendenza, secondo un sondaggio del Consiglio europeo per le relazioni estere.

▪️il 26% preferirebbe restituire il territorio occupato, ma accettare la smilitarizzazione, lo status di neutralità e l’impossibilità di aderire all’UE e alla NATO.

▪️il 29% degli intervistati non sa cosa sia meglio.

L’AFU continua ad avere enormi problemi sul fronte, con unità che sempre più apertamente strillano nei forum pubblici su come tutto stia crollando intorno a loro.

Alcuni esempi dell’ultimo giorno o due.

Si è parlato molto di questa unità ucraina, che è stata confermata come pienamente autentica dai commentatori pro-UA:

“Amici per favore diffondete la parola. Ora abbiamo un grosso problema con il 206 battaglione. Si sta riducendo in polvere. Un sacco di 200 e 300. I combattenti forti vengono gettati come carne da macello…”

Un altro soldato ucraino esprime il suo cupo fatalismo:

Jihad Julian commenta i recenti sfondamenti di Toretsk e le continue avanzate di Vovchansk da parte delle forze russe:

In un nuovo ridicolo video Zelensky sostiene che l’Ucraina ha più di una dozzina di brigate in riserva, ma…non hanno armi: 

È come se la Wehrmacht nel 1945 dicesse “abbiamo il desiderio di vincere ma…”.

Egli stesso nota che le brigate sono sotto organico. In secondo luogo, recenti fughe di notizie affermano che gran parte delle “riserve” di nuova generazione vengono chiamate “brigate fantasma” o unità fantasma, dato che sono “brigate” solo sulla carta, e in realtà sono solo un’accozzaglia di compagnie spezzettate, o un battaglione o due.

Il deputato tedesco del partito AfD, Maximilian Krah, lo dice meglio qui:

MEP Maximilian Kra:

Cosa mi aspetto? Altre perdite ucraine, per quanto possa sembrare cinico. Ma siamo in guerra. E le perdite sono così grandi che ci stiamo avvicinando alla soglia del 30% della popolazione in grado di prestare servizio militare. Esiste una regola internazionale secondo cui se si perde il 30% della popolazione in grado di prestare servizio militare, la guerra finisce.Per due motivi.

In primo luogo, la popolazione non crede più nella vittoria, ma vuole salvare vite umane. I politici dicono che se sacrifichiamo ancora più giovani adesso, la sopravvivenza del nostro Stato sarà a rischio perché la popolazione si sta esaurendo. Immagino che quest’anno l’Ucraina avrà problemi di leva e quindi l’approvazione interna per la guerra calerà. In secondo luogo, la superiorità militare dei russi è così grande che persino voi capite che non c’è alcuna possibilità di vittoria. A questo proposito, sta aumentando la pressione per raggiungere in qualche modo un accordo all’interno dell’Ucraina.

D’altra parte, l’Occidente, in base alla sua logica, non può accettare la pace, perché sarebbe una sconfitta per lui. Pertanto, cercherà di continuare la guerra almeno fino alle elezioni presidenziali americane. Ma una volta terminate le elezioni presidenziali americane, si aprirà uno spiraglio per i negoziati di pace.

L’altra grande attenzione continua ad essere rivolta alla rete elettrica dell’Ucraina, con molte discussioni che ora si svolgono in Ucraina stessa.

Ecco la giornalista ucraina ed “esperta di sicurezza” Maria Avdeeva, in collegamento dal suo appartamento di Kharkov:

La sua sezione commenti è piena di altre conferme aneddotiche:

Altre notizie:

Una notizia terribile da Krivoy Rog:

Comunicato stampa di ArcelorMittal Krivoy Rog di oggi. Finalmente, sembra che il degrado della rete elettrica abbia raggiunto un livello critico. Dicono di non poter operare alla capacità attuale se sono obbligati a importare l’80% dell’elettricità, a causa dei costi dell’energia.

Un rapporto di Legitimny afferma che se la distruzione della rete elettrica continuerà, l’Ucraina sarà sottoposta a un blackout permanente di 8-12 ore al giorno per i prossimi anni:

La nostra fonte riferisce che se la guerra continuerà fino alla primavera del 2025, i problemi del settore energetico ucraino saranno risolti solo nei prossimi dieci anni e soggetti a miliardi di investimenti, e gli ucraini dovranno vivere in un terribile deficit di e / e per il 2024.25,26 anni con blackout costanti di 8-12 ore al giorno.

Inoltre, la fonte, sulla base di previsioni di esperti, indica che nei prossimi 3 anni il prezzo dell’e / e per la popolazione dell’Ucraina aumenterà del 300-400%.
Ora il prezzo è di 4,32 UAH per 1 kW, ed entro il 2026 salirà a 15 grivne per 1 kW/h.

I prossimi 3 anni nel Paese saranno “inverno nero”, e le conseguenze per le infrastrutture abitative e dei servizi comunali possono essere disastrose.

Persino Rob Lee è costretto a coprire l’imminente catastrofe:

Alcune notizie varie:

Un generale dei Marines americani è stato trovato “morto”:

È interessante notare che, secondo i rapporti, si trovava solo in Ucraina. Alcuni giorni fa sono stati segnalati voli statunitensi in partenza dalla Polonia, i tipici voli che trasportano i mercenari occidentali dopo gli attacchi russi. Una coincidenza?

Ora la sua morte è stata messa a tacere:

Quando è stato chiesto, l’NCIS non ha rivelato le modalità della morte di Mullen.

C’è stata un’ondata di attacchi russi a lungo raggio, compresi quelli sui punti di schieramento – molti dei quali su Odessa di recente, per esempio. È molto probabile che questo generale sia stato visitato dal dottor Ken Zhal per il suo ultimo controllo.

Se la situazione non fosse già abbastanza grave per gli Stati Uniti, è saltato in aria un altro impianto di difesa che, secondo quanto riferito, si occupa della produzione di Javelin e di altri missili:

Il comandante della 116ª Brigata ucraina è morto in direzione di Kupyansk:

E un altro noto ufficiale dell’AFU è diventato piuttosto avvilito:

Vi lascio con l’ultima toccante dichiarazione dell’analista russo Older Eddy:

Diremo una cosa. Più il potere e i suoi cani spingono il popolo ucraino a combattere, più grande sarà il crollo. A un certo punto, il fronte semplicemente si spolperà, perché l’80% dell’esercito sarà composto da chi non vuole combattere, o è stanco, o è deluso.
È come costruire una casa, ma facendo il cemento per le pareti e le fondamenta secondo la formula di 12 sacchi di sabbia per 1 sacco di cemento. Per qualche tempo rimarrà inattiva, dopodiché “comincerà ad addormentarsi”, e se ci sarà un minimo “terremoto”, semplicemente crollerà. Così nella situazione della Zemobilizzazione e delle Forze Armate.

Questa è una bomba ad orologeria.


Il vostro sostegno è inestimabile. Se vi è piaciuta la lettura, vi sarei molto grato se vi abbonaste a un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo da poter continuare a fornirvi rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, potete lasciare una mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Russia, Ucraina, il conflitto 63a puntata! Il tempo delle scelte Con Max Bonelli e Cesare Semovigo

La situazione sul fronte ucraino, con ogni evidenza sfavorevole a Zelensky e soci, impone ormai delle scelte non prorogabili. Putin ha chiesto direttamente a Trump di chiarire quali potrebbero essere i termini di un accordo. Un disconoscimento di fatto della presidenza di Biden, ma anche il segnale esplicito che ogni tregua o interruzione dei combattimenti deve corrispondere ad una reale intenzione di addivenire ad un accordo generale con tutte le garanzie necessarie. Nessuna pausa prima delle elezioni statunitensi; nessuna tregua che consenta al regime di Zelensky di riprendere fiato e continuare a sacrificare il popolo ucraino sull’altare delle mire della NATO. Una situazione di crisi incipiente il cui prodromo più evidente sono le fibrillazioni dei valletti europei nei confronti della iniziativa di Orban a Mosca. Sarà anche latore di qualche messaggio discreto di Trump a Putin? Ringrazio, intanto, Cesare Semovigo per la sua partecipazione, per la scrittura della sigla e per il sapiente montaggio del filmato. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v55v84z-russia-ucraina-il-conflitto-63a-puntata-il-tempo-delle-scelte-con-max-bonel.html

La politica dell’esaurimento_di AURELIEN

La politica dell’esaurimento.

E l’esaurimento della politica.

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO
Condividi

Sono grato per il continuo e costante aumento del numero di abbonati a questo sito, incluso un numero che è arrivato al punto di offrirmi qualche moneta. Sono grato anche a coloro che hanno condiviso questi saggi o li hanno consigliati ad altri; un numero crescente di abbonamenti arrivano in questo modo.

Anche se questi saggi saranno sempre gratuiti, puoi comunque sostenere il mio lavoro mettendo mi piace e commentando, e soprattutto trasmettendo i saggi ad altri e passando i collegamenti ad altri siti che frequenti. Ho anche creato una pagina Comprami un caffè, che puoi trovare qui .☕️

E grazie ancora a chi continua a fornire traduzioni. Le versioni in spagnolo sono disponibili qui , e alcune versioni italiane dei miei saggi sono disponibili qui. Marco Zeloni sta pubblicando anche alcune traduzioni in italiano e ha creato un sito web dedicato qui. Grazie infine ad altri che pubblicano occasionalmente traduzioni e riassunti in altre lingue. Sono sempre felice che ciò accada: ti chiedo solo che tu me lo dica in anticipo e fornisca una conferma. Così ora

E fu così che, qualche decennio fa, ero seduto al Cavern Club ad assistere all’esibizione dei Beatles.

Ora, se ve lo state chiedendo, non è stato perché i miei genitori, straordinariamente indulgenti, hanno permesso a un bambino piccolo di andare a Liverpool da solo. Il Cavern Club non era a Liverpool e nemmeno in Inghilterra. Era in Giappone, più precisamente a Roppongi, uno dei principali quartieri del divertimento di Tokyo, e la band era composta da un gruppo di giapponesi che probabilmente non erano nemmeno nati quando i Beatles suonavano a Liverpool.

Ma ciò che mi colpì davvero – e per cui ricordo quella serata così tanti anni dopo – fu che i quattro giovani erano assolutamente perfetti: non solo assolutamente fedeli a ogni nota e parola suonata e cantata, ma anche a ogni gesto, persino alle acconciature e ai vestiti che indossavano. Posso solo immaginare le ore che devono aver trascorso guardando esibizioni dal vivo, ascoltando dischi ed esercitandosi senza sosta. Non si trattava di una cover band, e nemmeno di una tribute band, ma di una vera e propria ricreazione dei Beatles con dettagli allucinanti.

Se avete un po’ di dimestichezza con la cultura giapponese e la sua attenzione ossessiva per i dettagli, questo non vi sorprenderà: l’idea della ricreazione letterale e perfetta del passato è molto potente. Dopotutto, il santuario shintoista più famoso del Giappone, quello di Ise, viene demolito e ricostruito con identici dettagli ogni vent’anni, il che porta all’affascinante domanda filosofica se si tratti effettivamente dello “stesso” edificio. Allo stesso modo, nel teatro Kabuki, i ruoli e persino i nomi vengono tramandati di padre in figlio, per garantire che nulla cambi mai.

Questo è un modo di affrontare il passato: la conservazione e il recupero. Ha una sua logica e una sua validità in tutte le società. Un’alternativa è guardare al passato come fonte di ispirazione per creare qualcosa di nuovo. Qui discuterò entrambe le tendenze, ma sosterrò anche che la società occidentale moderna in realtà non fa nessuna delle due cose. In tutto, dalla politica alla cultura, il “passato” è ridotto a materia prima, da elaborare e sfruttare per guadagni politici e finanziari. Spesso questo comporta il rifiuto totale del passato reale, o la sua costante riscrittura per servire le agende del potere. In una situazione del genere, suggerisco, il disconoscimento del passato, o la sua riduzione a materia prima per lo sfruttamento politico e finanziario, impedisce di fatto lo sviluppo di qualcosa di veramente nuovo. Socialmente, politicamente e culturalmente, quindi, siamo bloccati in un solco e possiamo solo girare in tondo all’infinito, cercando disperatamente nuove e più estreme variazioni.

Alla fine, questo si trasforma inevitabilmente in una caricatura: in Occidente non abbiamo la politica, ma una caricatura della politica, una satira cooperativa sulla politica interpretata non da politici ma da attori che interpretano politici, piena di ironia autoreferenziale e di cinica manipolazione di simboli e slogan della politica del passato, quando le parole significavano davvero qualcosa. Ora ci restano solo la politica e la cultura dell’esaurimento. Niente “significa” più nulla, tutto è riciclato all’infinito.

Come ho suggerito, esistono due tipi di relazioni sane con il passato. Il primo è la conservazione, la riscoperta e la ricreazione. A volte questo avviene su larga scala. Per esempio, la nostra conoscenza della cultura dell’Antico Egitto deriva in larga misura dal lavoro degli archeologi europei del XIX e XX secolo, che hanno recuperato frammenti di tesori inestimabili da discariche e da metri di sabbia, li hanno restaurati faticosamente e hanno imparato a leggere le lingue delle iscrizioni. Quello che si vede al British Museum, per esempio, è letteralmente una ricostruzione degli originali, a partire dai pezzi che è stato possibile trovare. Allo stesso modo, i praticanti dell’archeologia sperimentale oggi cercano di risolvere le questioni sul passato attraverso esperimenti pratici  con strumenti e materiali dell’epoca.

Lo stesso approccio si applica anche a un livello più intimo. Ad esempio, uno dei grandi sviluppi culturali positivi del mio tempo è stata la riscoperta e la divulgazione delle tecniche e degli strumenti della musica antica, e in molti casi delle opere stesse. Al giorno d’oggi, nessuno si aspetterebbe di sentire i Concerti di Brandeburgo suonati da un’orchestra moderna, come accadeva fino agli anni Sessanta, o la Passione di San Matteo con un coro completo. Interi mondi musicali perduti sono stati quasi letteralmente scavati, spesso da manoscritti conservati nei musei. Ad esempio, grazie all’opera di William Christie e Les Arts florissants è ora possibile vedere le opere di Lully e Rameau, dimenticate per secoli, così come dovevano essere messe in scena. Allo stesso modo, dagli anni Sessanta in poi, la musica tradizionale di tutti i tipi è stata riscoperta e salvata dalle atrocità commesse dai cori scolastici e dai compositori di formazione classica benintenzionati.

Eccetera. All’interno di questo approccio, deve esserci anche una certa umiltà e un riconoscimento pratico del famoso detto di LP Hartley: “Il passato è un altro paese: lì fanno le cose in modo diverso”. Molti dei nostri attuali problemi culturali derivano dall’aver ignorato questo monito, trattando figure del passato come se fossero nostre contemporanee e presumendo di sedersi a giudicarle, senza considerare, forse, che un giorno il futuro potrebbe sedersi a giudicarci. Questa incapacità di comprensione – che viene definita “presentismo” – non è nuova, naturalmente. Basti pensare alla “correzione” di Re Lear nel XVIII secolo, o alla riscrittura o alla censura di Shakespeare nel XIX secolo per adattarlo a un’epoca più raffinata e moralmente sviluppata. Ma di recente sembra che la cosa sia sfuggita al controllo.

Il secondo (e talvolta complementare) tipo di relazione sana è il dialogo con il passato, che serve in vario modo come ispirazione, punto di riferimento e qualcosa a cui opporsi. Ciò è più evidente nell’area della cultura nel suo senso più ampio, dove artisti e pensatori prendono dal passato e reagiscono a esso, come TS Eliot ha descritto in Tradizione e talento individuale, e come aveva esemplificato in The Waste Land, che stava scrivendo più o meno nello stesso periodo. Movimenti culturali “moderni” come il surrealismo, la filosofia analitica anglosassone o la musica atonale possono essere compresi solo in termini di ribellione contro il clima intellettuale in cui sono cresciuti i loro esponenti. (E il fatto che nessuno di questi movimenti possa essere definito “moderno” al giorno d’oggi è di per sé interessante).

Ma si applica anche alla teoria e alla pratica politica. Fino a poco tempo fa, i movimenti politici avevano una storia, un’iconografia, dei martiri e lo sviluppo delle idee. Avevano conquiste da ricordare, controversie che suscitavano ancora forti sentimenti, lotte interne che si preferiva dimenticare, grandi figure e grandi cattivi, eroi e traditori. I partiti politici di massa della sinistra, in particolare, avevano un’iconografia che assomigliava a quella di una religione organizzata. (Ricordo ancora le vetrate dell’Università Humboldt in quella che era stata Berlino Est, trent’anni fa, con scene della vita di Marx e Lenin). Ma tutti i principali partiti politici avevano storie, culture e tradizioni ereditate. Oggi hanno agenzie pubblicitarie.

Le organizzazioni fanno lo stesso: non a caso, ad esempio, le forze armate di tutto il mondo coltivano le tradizioni, le unità e le navi al loro interno mantengono gli stessi nomi per decenni e generazioni, e alle nuove reclute vengono insegnate la storia e le tradizioni dell’unità a cui si sono unite. È sorprendente, ma non inaspettato, che le forze armate russe abbiano riportato in auge gran parte dell’iconografia dell’Armata Rossa durante la guerra in Ucraina.

Finché esiste un’interazione tra il passato e il presente, le società e le organizzazioni mantengono la possibilità di cambiare, adattarsi e svilupparsi. Una volta che il passato viene dimenticato o soppresso, le società tendono ad andare in modalità automatica, persino verso la decadenza e la caricatura, non sapendo più cosa stanno facendo o perché. Ma viviamo in società occidentali che hanno pienamente assimilato il disprezzo liberale per la storia e il passato e l’esaltazione del presente immediato. Il problema è che il liberalismo, con il suo feroce individualismo e il suo amore per le regole, le leggi, le norme e i calcoli sull’efficacia dei costi, non fornisce alcun quadro intellettuale o morale per lo sviluppo sociale collettivo, se non sotto forma di un individualismo sempre più aggressivo, in qualche modo mediato da leggi e regole sempre più dettagliate e complete. L’unico modo per valutare la cultura è quanto si vende. L’unica misura del successo in politica è il potere acquisito.  E non si può mantenere una società su queste basi, tanto meno svilupparla. Il risultato è che la caricatura è diventata il normale mezzo di espressione perché è tutto ciò che la gente sa fare.

Forse è sempre stato inevitabile. Non è mai stato molto chiaro che cosa il liberalismo pensi effettivamente della vita per, o quali obiettivi, se ce ne sono, dovremmo avere a parte l’aumento della nostra ricchezza personale e del nostro potere. “Libertà”, il grande grido liberale fin dall’inizio, è riconosciuto come uno slogan vuoto se non si hanno i mezzi pratici per goderne. E comunque, cosa facciamo con la nostra “libertà”? (È sorprendente che quasi tutte le figure culturali chiave del XIX secolo fossero quelle che oggi chiameremmo “reazionarie”. Alcuni erano socialisti, ma nessuno di loro era liberale). .

Per esempio, l’anno uno della Rivoluzione francese (1792, come lo chiameremmo noi) rappresentò più dell’abolizione della monarchia e della fondazione della Repubblica, ma un nuovo inizio per l’intera razza umana. Il passato di tradizioni, religione, storia, cultura e superstizione doveva essere spazzato via, per essere sostituito da un nuovo mondo scintillante di decisioni razionali. Le leggi avrebbero sostituito le usanze, la scienza le superstizioni, la luce le tenebre. L’aspetto interessante è che, in assenza di un’efficace opposizione politica a Parigi, i liberali semplicemente non sapevano quando fermarsi. Il sistema metrico, ovviamente, è una cosa meravigliosa e l’adozione del sistema centigrado divenne permanente. Ma per contro, il giorno decimale (dieci ore di cento minuti ciascuna di cento secondi) durò solo fino al 1800. Questo sarebbe stato il modello per il futuro. Alla fine, l’antico si è riaffermato: la Garde Royale è diventata la Guardia Repubblicana di oggi, e ancora oggi il Presidente presiede il Consiglio dei Ministri il mercoledì, proprio come facevano i re.

Ciò che è cambiato nell’ultima generazione o giù di lì è l’assenza di pressioni di contrasto. In passato, le strutture politiche e sociali erano molto meno omogenee di oggi. Ma certo, direte voi, diversità, inclusività bla, bla? Sì, ma c’è diversità e diversità. La diversità superficiale di genere e di colore della pelle, ad esempio, per quanto i suoi sostenitori si aspettassero grandi cose da essa, ha semplicemente reso più superficialmente varia una classe politica sempre più monotona. In passato, le diverse tendenze, anche all’interno dello stesso partito politico, dovevano essere in qualche modo conciliate. C’era un limite a quanto un partito politico (o un movimento sociale o culturale) potesse spingersi senza incontrare opposizione. Il partito politico medio di allora era un mix di estrazione sociale, istruzione, origini locali e professioni, oltre che di opinioni divergenti.  I partiti politici di oggi sono più simili a gruppi di gioco in cui i bambini competono per chiedere attenzione, ma non sono fondamentalmente in disaccordo tra loro. Così gli “antirazzisti” hanno i loro giocattoli, gli “antisessisti” hanno i loro giocattoli, gli ambientalisti, i transessualisti e altri hanno i loro. Il risultato è che tutti gridano più forte che possono, ma non c’è alcun controllo della realtà, se non la competizione per attirare l’attenzione e mettere in difficoltà il proprio rivale.

Così, i partiti degenerano in coalizioni instabili di politici che dicono cose diverse e spesso contrastanti. È una regola universale che tutti i movimenti politici e culturali finiscano per diventare la caricatura di se stessi, a meno che non intervenga una forza esterna, e in effetti è quello che vediamo ora. Quando questo si combina con il disprezzo per la storia (o anche solo per la conoscenza della storia) e con l’abitudine del liberalismo di ragionare a priori partendo da principi arbitrari, allora la caricatura diventa la norma.

Se il carrierismo è sempre stato una caratteristica della politica, nella maggior parte dei Paesi si è mescolato a principi di qualche tipo. Questi potevano essere discutibili (difesa del potere costituito, ad esempio) o puramente identitari (rappresentanza di gruppi etnici o religiosi), ma in molti casi riflettevano anche un genuino orientamento alla vita e alla politica. Il grande leader del Partito Laburista britannico Hugh Gaitskell era figlio di un ricco industriale, ma fu convertito al socialismo dalla povertà che vide intorno a sé in gioventù. Non era raro che le carriere politiche iniziassero in questo modo, o che venissero plasmate dalle pressioni di eventi esterni. In Paesi come la Francia e l’Italia, queste pressioni potevano essere molto forti: dalla strada, dai sindacati, dalle forze della reazione e da altri.

Tutto questo ora non c’è più, ovviamente. L’eliminazione di ogni significato dalla politica ha prodotto una professione ordinata, sterile e liberale di ricerca del potere tecnocratico, in cui i dibattiti vertono solo su punti di dettaglio e in cui la politica è ora tutto sul potere individuale e, in molti Paesi, sulla ricchezza. Come si fa a fare carriera in un mondo politico in cui la gamma di opinioni ammesse è così ristretta? Anche quando ci sono occasionalmente differenze genuine tra i partiti, queste tendono a essere piccole e in gran parte retoriche, e all’interno di ciascun partito le espressioni consentite di queste differenze sono strettamente controllate.

Ebbene, se volete distinguervi dal resto del vostro gruppo di gioco, dovete fare rumore e, se necessario, chiedere nuovi giocattoli o rompere quelli esistenti. Così è diventata una convenzione, ben illustrata dalle varie campagne elettorali in corso, il fatto che non si discutano le questioni più importanti, ma che i partiti si accaniscano su quelle più banali. In altre parole, la politica è diventata una caricatura, perché la caricatura è sicura. E poiché alla fine nulla di tutto ciò ha importanza, non importa fino a che punto ci si spinga nella caricatura. Soprattutto in questi giorni di social media, il modo per fare carriera è farsi notare, il che spesso significa assumere una posizione più intransigente ed estrema di quella del prossimo. In una democrazia tradizionale, questo sarebbe negativo per la carriera, ma nei sistemi politici odierni l’elettorato non conta: ciò che conta è la capacità di distinguersi dai propri pari.

Poiché i partiti politici sono ormai tagliati fuori da qualsiasi tradizione, come le vecchie aziende familiari rilevate da Private Equity, i loro rappresentanti non hanno norme condivise né punti di partenza per i dibattiti. La politica di oggi ha quindi un elemento di inquietante casualità, in quanto i politici si appropriano di argomenti che ritengono possano essere vantaggiosi per loro, spesso senza conoscere, o senza preoccuparsi di conoscere, le questioni in gioco. Ciò che conta è fare più rumore del proprio rivale nello stesso partito.

Questo accade soprattutto quando i politici sono impegnati in cause moralizzanti. Naturalmente le cause morali hanno sempre fatto parte della politica e saremmo peggio senza le severe convinzioni morali che hanno portato alle pensioni di anzianità, all’istruzione gratuita o ai tentativi di alleviare la disoccupazione e la povertà. Ma le cause di oggi sono moraleggianti nel senso che partono da un senso di superiorità morale rispetto al resto di noi, e i loro sostenitori cercano di avere potere su di noi, istruendoci su cosa fare. Nessun politico tradizionale intelligente avrebbe fatto una cosa del genere, ma i politici di oggi si presentano come esseri moralmente superiori, facendoci la morale sulla base di norme punitive che non hanno bisogno di essere dimostrate, o nemmeno supportate da fatti, perché sono intrinsecamente vere. Per esempio, vi sarà capitato di essere avvicinati da un militante vegano dagli occhi vitrei che vi ha chiesto cose come: “Suppongo che pensiate che sia giusto uccidere gli animali e poi farli a pezzi e mangiare i pezzi bruciati?”. La risposta ovvia (“gli esseri umani lo fanno da decine di migliaia di anni”) sarà ignorata, perché non ha senso. O la femminista militante che si lamenta della “pressione ad avere figli” senza rendersi conto che altrimenti non sarebbe mai nata.

L’abolizione del passato e l’ignoranza di un contesto contemporaneo più ampio riducono di conseguenza la maggior parte della politica di oggi a slogan e frasi fatte, incagliate in un vuoto ontologico. Questo garantisce praticamente che le questioni serie vengano ignorate o ridotte allo stesso livello superficiale. Se si potesse in qualche modo impedire alle nostre attuali classi politiche e mediatiche di pronunciare la frase “Israele ha il diritto di difendersi” o “dobbiamo sostenere l’Ucraina”, le loro bocche, e probabilmente i loro cervelli, si fermerebbero.

Di tutte le intuizioni di Orwell nel 1984, nessuna è più significativa dell’insistenza di O’Briens sul fatto che “il Partito non ha ideologia”. L’unico scopo del Partito, insiste, è il potere: un potere più grande, più perfetto, più raffinato per sempre. Tendiamo a dimenticare che 1984 è in fondo una satira e che Orwell aveva previsto, con terrificante chiarezza, come sarebbe stato un mondo con politici di professione motivati esclusivamente dal potere. L’ideologia esiste nel libro, ma solo come strumento per ottenere obbedienza. Sebbene il Partito sia una parodia o una caricatura della politica non ideologica assetata di potere, oggi sembra molto meno caricatura di quanto non fosse quando il libro fu pubblicato. Uno dei motti del Partito, ovviamente, era “chi controlla il presente controlla il passato. Chi controlla il passato controlla il futuro”  Orwell si ispirò principalmente alla riscrittura della storia sotto Stalin, ma forse non sarebbe stato sorpreso di vedere lo stesso metodo applicato nei moderni Stati occidentali, dove la riscrittura e la censura della storia sono diventate ovunque una delle principali attività dei gruppi di interesse e una fonte di aspro conflitto tra loro, in quanto cercano potere e influenza attraverso il controllo della realtà.

L’idea post-modernista della storia stessa come interamente plastica e malleabile a seconda dei gusti ideologici (che contiene ovviamente un fondo di verità) è stata abbracciata con gioia dai moderni attivisti politici. Internet ha anche permesso a intere controstorie di circolare con molto più effetto che in passato. Negli ultimi anni, ad esempio, mi è capitato di imbattermi in persone con opinioni contrarie estremamente rigide e decise su argomenti (come le origini della NATO o la costruzione degli imperi britannico e francese in Africa) per i quali, entro i normali limiti della disputa accademica, i fatti sono noti e i documenti e le memorie e le controversie dell’epoca sono stati tutti studiati. In genere, però, non sapevano dire su dove si basavano le loro opinioni eterodosse: le avevano avute da qualcuno che le aveva avute da qualcuno, che… La costruzione di interi sistemi di contro-conoscenza è oggi estremamente facile e si presta facilmente, ovviamente, a tentativi di controllo politico.

Non è un fenomeno del tutto nuovo, ma sembra essere stato massicciamente facilitato da Internet. In un libro innovativo a> una decina di anni fa, due politologi americani dimostrarono che molto di ciò che la gente pensava di sapere su argomenti come il traffico di esseri umani o le vittime in guerra, soprattutto per quanto riguarda i numeri, non era esagerato o soggetto a controversie, ma semplicemente fatto.In altre parole, nessuno era in grado di scoprire da dove provenissero le accuse e i presunti numeri. Tuttavia, in molti casi, l’uso di questi presunti “fatti” ha reso gruppi, istituzioni e governi più potenti di quanto sarebbe stato altrimenti. Come rifletteva Winston Smith alla sua scrivania nel Ministero della Verità, non c’era niente di più facile che inventare le cose, soprattutto se poi si aveva il potere di imporle come verità. E i nostri orizzonti storici sembrano accorciarsi sempre di più. Forse un decennio dopo la crisi del Kosovo del 1998-9, ricordo di aver letto un articolo di un ambasciatore della NATO dell’epoca che osservava con disinvoltura che la campagna di bombardamenti della NATO era stata provocata dall’espulsione dell’etnia albanese in Macedonia, mentre, come lui o lei avrebbe certamente saputo all’epoca, era vero il contrario. A quanto mi risulta, questa è la versione “autorizzata” della vicenda oggi. Ma anche più recentemente,  mi è capitato di imbattermi in articoli polemici, ad esempio sulle origini della guerra civile siriana, la cui unica fonte sembra essere stata altri articoli polemici, e le cui tesi di fondo sono minate da storie dei media che gli stessi autori devono aver letto all’epoca.

Ma questa non è solo un’altra lamentela sulla disinformazione e sulla censura. Sono molto più interessato alle conseguenze. Nel romanzo, alla fine ci rendiamo conto che è O’Brien, e non come insiste Winston Smith, a essere pazzo. Anzi, è l’intero Partito Interno, e forse l’intero governo di Airstrip One, a essere pazzo. L’insistenza di O’Brien sul fatto che non esiste una conoscenza oggettiva (Orwell aveva una macchina del tempo, ci si chiede?), che il passato e il futuro non esistono, che la realtà è creata dal Partito e che le stelle, per esempio, potrebbero essere facilmente tirate giù dal cielo, non sono una base solida per gestire un paese e affrontare problemi reali, per non parlare delle guerre. (È difficile immaginare che un regime che si comporti davvero come il Partito sopravviva a lungo). Naturalmente, essi evidenziano l’intento satirico del romanzo, ma rappresentano anche lo stato finale caricaturale di processi già in atto all’epoca di Orwell e ben visibili nella nostra. In effetti, sono in un certo senso il logico prodotto finale di un’ideologia che rifiuta e distrugge tutta la storia, la cultura e la tradizione, lasciando al loro posto solo delle ipotesi casuali a priori .

E in effetti, anche se i politici di oggi non assomigliano molto a O’Brien (non hanno la sua intelligenza, per esempio), condividono la sua convinzione solipsistica che il mondo giri intorno a loro e al loro partito, che loro capiscano tutto e che se non capisci perché loro hanno ragione e tu torto, tanto peggio per te. Dopo tutto, il mondo politico moderno è pieno di “consiglieri” e “consulenti”, la cui funzione principale è quella di rafforzare la narrazione e di dire al leader del partito che ha ragione, anche se non è chiaramente così.

Così la Francia sembra oggi avviata a una grave crisi politica perché un presidente molto antipatico ha pensato di poter spaventare lo stupido elettorato per indurlo a votare per lui come alternativa al “caos”. Ora sta disperatamente protestando che l’Assemblea Nazionale populista-sovranista è “alle porte del potere”, e la risposta ovvia e immediata è: Chi li ha messi lì? Nessuno ti ha obbligato a indire le elezioni, cretino.Ma questa è l’azione di un politico che non solo è relativamente giovane e inesperto, ma si è consapevolmente allontanato da tutta la tradizione e la cultura francese, che non capisce e non ama il popolo francese. Qualsiasi politico degli anni Cinquanta avrebbe potuto dirgli che identificare gli undici milioni di francesi che hanno votato per la RN e i suoi alleati come estremisti e nemici del popolo potrebbe non essere un’idea saggia.

Allo stesso modo, si può immaginare uno sfruttamento più cinico del passato che prendere il nome del Fronte Popolare, il grande governo riformatore del 1936-37 dei radicali e dei socialisti con il tacito sostegno dei comunisti, e appiccicare l’etichetta allo sgangherato, vagamente “di sinistra” Nuovo Fronte Popolare, che è tenuto insieme solo dalla paura e dall’ambizione? Riuscireste a immaginare, anche se si tratta di satira, François Hollande, che ha vinto la presidenza nel 2012, dove i socialisti erano più dominanti che in qualsiasi altro momento della storia, ha buttato tutto all’aria, non ha osato presentarsi per la rielezione e ha lasciato il candidato socialista alle elezioni del 2022 con meno del 2% dei voti, decidendo tuttavia che la situazione era così grave da doversi offrire di nuovo alla nazione come candidato parlamentare, e si vede chiaramente come futuro primo ministro? Il suono che avete sentito è quello di Satira che sbatte la porta in segno di disgusto.

Nel Regno Unito ci si gratta ancora la testa per capire perché Rishi Sunak abbia indetto le elezioni generali di questa settimana. Ma forse è solo l’ultima di una lunga serie di decisioni stupide e ignoranti, che risalgono almeno alla mezza idea intelligente di David Cameron di indire un referendum sulla Brexit senza considerare le possibili conseguenze. Dopotutto, non poteva sbagliarsi, no? Una classe dirigente incolta, narcisista e ignorante è passata dall’errore alla catastrofe con tutta l’arroganza del Partito Interno di Orwell. E, anche se di solito non parlo degli Stati Uniti, paese che non conosco bene, il grado di pura incompetenza dimostrato dalla cricca Clinton/Biden/Obama negli ultimi anni è incredibile.

Ma a differenza della situazione del 1984, qui il mondo reale vota e non gli piace quello che vede. La mentalità solipsistica, a priori, ideologica dei politici occidentali moderni, che si aggrappano a un MBA ma ignorano tutto ciò che conta davvero, potrebbe essere la fine di tutti noi.

Quindi, in assenza di fattori di contrasto e senza tenere conto del passato, tutto tende alla caricatura. Tornerò alla fine a parlare di cultura come cultura, ma ci sono alcuni esempi interessanti in altri settori. Prendiamo ad esempio lo Stato Islamico: sì, davvero. Visto in questo contesto, l’IS è in realtà una caricatura dell’Islam politico violento, che si rifà non solo alla tradizione di barbarie insensata del GIA in Algeria, ma anche a videogiochi, fumetti e forum online pieni di odio. Si è separatada Al Qaeda originariamente per la sua preferenza per l’azione indiscriminata, immediata e violenta, piuttosto che per gli obiettivi strategici, e i suoi primi leader hanno deliberatamente stabilito un “marchio” di folle crudeltà e violenza per attirare reclute lontano dal più conservatore AQ. Interviste con jihadisti, soprattutto convertiti, hanno mostrato che pochi di loro avevano una grande conoscenza dell’Islam, o della sua storia, o anche solo un grande interesse. Sono stati attratti dalla lotta da nozioni romantiche di combattimenti apocalittici e di violenza estrema. In alcuni casi, il rifiuto del passato, della cultura e del contesto più ampio è esplicito. Boko Haram, il nome informale dato ai gruppi jihadisti violenti della Nigeria settentrionale, potrebbe essere tradotto plausibilmente come “non abbiamo bisogno di istruzione”, riflettendo la loro predilezione per l’attacco alle scuole (in particolare a quelle femminili) e il massacro di insegnanti e alunni. Sebbene sia difficile generalizzare, molti di questi gruppi mostrano tendenze apocalittiche e suicide, molto più di qualsiasi credo religioso. L’Islam per Boko Haram, se vogliamo, è ciò che il socialismo è per il Partito Laburista britannico.

In Occidente, la pressione della competizione per l’attenzione e i finanziamenti dei media, la mancanza di interesse per la storia e il contesto più ampio e la mancanza di una cultura comune per il dibattito, spingono anche i movimenti politici e le campagne verso la caricatura. In questo riflettono fedelmente le dinamiche dei gruppi marxisti degli anni ’70, i loro modelli strutturali, se non sempre ideologici, che amavano proclamare “non c’è nessuno a sinistra di noi” (seguito, ovviamente, da una scissione e dalla risposta “ora c’è!”). Nello Spazio del reclamo, ad esempio, una delle cose più difficili da affrontare è la tolleranza. Cosa fate quando avete ottenuto l’accettazione che dite di cercare? Chiudete i battenti e restituite i fondi? Cosa fareste allora della vostra vita? Beh, se l’esperienza recente è una guida, cercate deliberatamente lo scontro attraverso provocazioni palesi, nel tentativo di creare nuovi nemici e quindi nuove minacce da contrastare.

In alcuni casi, questa progressione è ben visibile. Ad esempio, dal 1999 in Francia è disponibile una forma di relazione giuridica diversa dal matrimonio, il PaCS. Durante il difficile dibattito che ha preceduto la legge, la questione principale era se dovesse essere applicata alle coppie dello stesso sesso (come poi è avvenuto). I tradizionalisti e la Chiesa hanno sostenuto che ciò avrebbe inevitabilmente portato a pressioni per il matrimonio omosessuale. Sciocchezze, ha risposto con rabbia la lobby omosessuale. Si tratta di un suggerimento stupido e calunnioso degno solo dei fascisti. Nel giro di pochi anni, naturalmente, sono iniziate le pressioni per il matrimonio omosessuale, e solo i fascisti potevano essere contrari. Non credo sia necessario accusare i militanti di ipocrisia: erano semplicemente spinti dalle dinamiche della loro situazione e dalla feroce competizione nello spazio delle lamentele a essere più radicali. E ora, naturalmente, ci sono pressioni per il riconoscimento della poligamia, e per le coppie di donne che non vogliono avere rapporti con uomini per acquistare un bambino portato in grembo da un’altra donna. Si tratta di iniziative che hanno suscitato molti dibattiti in vari Paesi, ma che non potranno mai essere risolte, perché non esistono punti di partenza culturali o etici comuni per il dibattito, e in una società liberale la soddisfazione personale è l’unico criterio rilevante ammesso. La caricatura non ha nulla da temere: anzi, in un mondo perfettamente egoista, non può nemmeno esistere.

La cultura, ovviamente, è ciò che gli opinionisti amano definire un concetto “contestato”, ovvero può significare cose diverse per persone diverse. Tuttavia, la maggior parte delle culture prima di quella occidentale moderna aveva una comunanza culturale tale che anche le persone in violento disaccordo tra loro riconoscevano almeno l’oggetto della discussione. Protestanti e cattolici si scontravano ferocemente su questioni di dottrina, ma condividevano una serie di presupposti comuni. Monarchici e repubblicani si combattevano a vicenda, intellettualmente e praticamente, ma erano in grado di rispondere alle rispettive argomentazioni. La lunga e aspra lotta in Francia contro l’influenza della Chiesa in politica è stata condotta con una comprensione concordata di ciò che era in gioco, e la parte democratica e laica aveva una chiara ideologia e un chiaro senso di ciò che voleva (così come la Chiesa). Oggi, non c’è un Paese con un’ideologia coerente per affrontare il fondamentalismo islamico, che a sua volta è molto chiaro riguardo all’influenza politica che sta cercando.

Questo è sintomatico di un problema più ampio, ovviamente. Il liberalismo rifiuta la storia, la società e la cultura come anacronismi e presume implicitamente che tutti i dibattiti possano essere conclusi razionalmente: da qui la disperata ricerca di facili “indicatori” e “parametri di riferimento”. I problemi etici si risolvono con un attento esame dei testi giuridici. Ora, se da un lato ritengo che il grado di “globalizzazione” del mondo intero sia molto esagerato e sia un prodotto della scuola di analisi dell’aeroporto-taxi-inglese-albergo-e-ristorante, dall’altro è vero che in Occidente la cultura, in tutte le sue manifestazioni, ha ormai perso il contatto con qualsiasi contesto storico o sociale specifico e consiste in poco più che significanti liberamente fluttuanti e non legati a nulla di particolare. E come Olivier Roy ha recentemente fatto notare, non c’è nulla di “popolare” in tutto questo. Il liberalismo ha cercato di abolire la cultura alta, sulla base del fatto che è “elitaria”, ma ha abolito anche la cultura popolare, attraverso la globalizzazione dell'”industria” dell’intrattenimento (questa parola vi sembra strana?). La cultura di massa, che è ciò che abbiamo oggi, è essenzialmente spazzatura imposta alle popolazioni occidentali a scopo di lucro: Il “prolefeed” di Orwell”.

E la cultura di massa è ora una caricatura esaurita di se stessa: ripetitiva, autoreferenziale, tagliata fuori da tutte le sue fonti di ispirazione originarie, che produce meccanicamente variazioni banali. La musica popolare, che ha consumato se stessa per decenni, ora minaccia di diventare interamente virtuale e dominata dall’intelligenza artificiale. Volete l’album che i Doors non hanno mai registrato dopo LA Woman? Ecco qui, solo per voi. (Ascolta Rick Beato su questo). Non che la cosiddetta Alta Cultura sia messa meglio: quelli che lavorano nel teatro, per esempio, sono così lontani da qualsiasi tradizione che si agitano a caso cercando di essere “trasgressivi” e “interrogando” i testi, dimenticando che i loro predecessori lo fanno già da un secolo. Uomini che recitano parti di donne? Beh, Shakespeare l’ha fatto. Donne che recitano parti di uomini? Avete mai visto una pantomima? Come si può produrre qualcosa di “nuovo” se non si conosce e non ci si preoccupa di ciò che è esistito prima? Ricordo che un paio di anni fa ho assistito alla rappresentazione di una tragedia di Racine da parte di una compagnia di tutto rispetto. Era ambientata in quella che sembrava essere una fabbrica di cemento, e il cast era tutto vestito con tute da ginnastica. Che senso ha? Mi sono trovato a chiedere. Che cosa sta cercando di dire? Dubito che il regista ne avesse un’idea precisa.

La caricatura sta diventando il modo caratteristico della nostra cultura, e non ci rendiamo conto di quanto sia caricatura, chiusi come siamo nelle nostre piccole scatole solipsistiche, impegnati a perseguire la nostra soddisfazione. La caricatura è lo stato finale naturale della società liberale degli ultimi quarant’anni, ma è accompagnata da una specie di autismo politico narcisistico che ci impedisce di vederlo, e ancor meno di sviluppare una base comune su cui pensare e discutere. Il liberalismo ha distrutto le università e la cultura alta e popolare. Ci ha dato gli studi culturali al posto della cultura e gli MBA al posto dell’apprendimento. Ha prodotto probabilmente la classe dirigente più stupida della storia. Staremmo meglio se tutti avessero una laurea in lettere piuttosto che un master? Non lo so; ma allora le cose potrebbero peggiorare?

javascript:void(0)

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Israele dovrebbe pensarci due volte prima di inviare alcuni dei suoi patrioti in Ucraina attraverso gli Stati Uniti, di ANDREW KORYBKO

Israele dovrebbe pensarci due volte prima di inviare alcuni dei suoi patrioti in Ucraina attraverso gli Stati Uniti

6
Condividi
CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

Netanyahu e coloro che lo circondano potrebbero non rendersi conto di quanto questo possa cambiare drasticamente la politica regionale della Russia, considerando il modo in cui tutto viene sempre più percepito dal Cremlino, dato il contesto in evoluzione della Nuova Guerra Fredda.

Il Rappresentante Permanente russo presso le Nazioni Unite Vasily Nebenzia ha avvertito Israele di “certe conseguenze politiche” nel caso in cui inviasse alcuni dei suoi patrioti a Ucraina attraverso gli Stati Uniti, come CNN ha recentemente riferito che si sta negoziando tra loro. Questo avviene in mezzo al graduale deterioramento dei loro legami da quando l’attacco furtivo di Hamas l’anno scorso, nonostante l’orgoglioso filosemitismo di sempre del Presidente Putin che può essere approfondito qui. I cinque pezzi che seguono documentano il percorso che ha portato a quest’ultimo sviluppo:

* 25 gennaio: “La Russia è preoccupata che gli attacchi israeliani rischino di trascinare la Siria più a fondo nel conflitto dell’Asia occidentale.

* 6 febbraio: “Il nuovo ambasciatore israeliano in Russia si sbaglia completamente sulla politica regionale di Mosca.

* 7 marzo: “La parziale conformità di Israele alle richieste anti-russe degli Stati Uniti rischia di rovinare i legami con Mosca.

* 19 aprile: “La richiesta della Russia di sanzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU contro Israele è una mossa di principio di soft power.

* 7 giugno: “Chi potrebbe armare la Russia come risposta asimmetrica all’Occidente che arma l’Ucraina? 

Riassumendo, Israele ha iniziato a descrivere in modo errato l’atto di bilanciamento della Russia nell’ultimo conflitto (i cui dettagli possono essere letti qui) e a flirtare con l’idea di inviare sistemi di allerta precoce a Kiev, il che ha spinto la Russia a inasprire la sua retorica contro Israele e a flirtare con l’armare i suoi nemici dell’Asse della Resistenza. Finora, il loro scontro è rimasto nell’ambito delle percezioni e della retorica reciproca, ma il potenziale armamento dell’Ucraina da parte di Israele con sistemi di difesa aerea potrebbe portare a un reciproco armamento russo dell’Asse della Resistenza.

La prerogativa spetta a Israele, poiché è più facile per lui armare indirettamente l’Ucraina che per la Russia armare indirettamente l’Asse della Resistenza. Inoltre, Netanyahu potrebbe calcolare che l’invio di armi difensive non oltrepasserà la linea rossa politica della Russia, ma potrebbe fargli guadagnare un po’ di sollievo dalle pressioni degli Stati Uniti, di cui i lettori possono saperne di più qui. Non è chiaro se andrà fino in fondo con quanto riferito di recente dalla CNN, ma se lo farà, Nebenzia ha lasciato intendere che la reazione iniziale della Russia sarà di tipo politico.

Quello che probabilmente intendeva segnalare è che il suo Paese potrebbe ospitare altre delegazioni di Hamas in futuro, ma questa volta per discutere di legami bilaterali invece che di liberazione di ostaggi come durante le precedenti visite dall’inizio dell’ultimo conflitto, e/o ordinare ai suoi media di promuovere decisamente la narrativa anti-israeliana. Finora sono stati piuttosto equilibrati, ma la situazione potrebbe cambiare se la decisione venisse presa. Un’altra possibilità è quella di permettere alla Siria di usare finalmente gli S-300 per difendersi, nonostante finora le sia stato negato questo diritto per fini di de-escalation:.

* 10 ottobre 2023: “La Russia difficilmente lascerà che la Siria sia coinvolta nell’ultima guerra tra Israele e Hamas.

* 22 ottobre 2023: “Non ci si aspetta che la Russia fermi gli attacchi di Israele in Siria.

* 27 ottobre 2023: “Ecco perché la Russia non ha dissuaso né risposto all’ultimo bombardamento degli Stati Uniti sulla Siria

* 11 febbraio 2024: “L’ultimo bombardamento israeliano della Siria prova che la Russia non rischierà una guerra più ampia per fermare Tel Aviv

* 11 aprile 2024: “Le difese aeree siriane della Russia non aiuteranno l’Iran se Israele risponderà alle sue ritorsioni

È improbabile che la Russia inverta subito la rotta su questa questione ultra-sensibile, dopo aver già provocato l’ira di molti dei suoi sostenitori nella comunità degli Alt-Media mantenendola in vigore per così tanto tempo. Ciononostante, rimane una misura reciproca appropriata se Israele arma l’Ucraina, anche se per il momento ci si aspetta che si trattenga, dato che una volta concessa l’autorizzazione non si può più tornare indietro. In tal caso, i legami bilaterali non si ristabiliranno per anni, vanificando tutto il duro lavoro del Presidente Putin.

Detto questo, la Russia sembra effettivamente perdere la pazienza nei confronti di Israele e si può affermare che ha molto più da guadagnare facendo questa mossa, attesa da tempo, e solidificando i suoi legami strategici con l’Asse della Resistenza guidato dall’Iran, di quanto non abbia da perdere aggrappandosi alle speranze di una partnership regionale con Israele. Questa scuola di pensiero era praticamente inesistente nelle comunità politiche russe prima dell’ultimo conflitto, ma questo dimostra quanto tutto sia cambiato da allora.

L’ascesa di una fazione politica pro-Resistenza è parallela a quella pro-BRI, che i lettori possono conoscere meglio qui, e sono praticamente una cosa sola grazie alla sovrapposizione delle loro visioni del mondo. I loro rispettivi rivali sono la fazione filo-israeliana e quella equilibratrice/pragmatista, che sono anch’esse praticamente un tutt’uno in questo contesto regionale, poiché vogliono evitare una dipendenza regionale potenzialmente sproporzionata dall’Iran mantenendo legami strategici con Israele, anche se questi vanno a scapito dell’Iran.

Mentre la Russia sta ricalibrando la sua strategia asiatica, come spiegato qui e sembra quindi porre un freno all’espansione finora astronomica dell’influenza della fazione pro-BRI, quella pro-Resistenza potrebbe ricevere una spinta fondamentale se Israele inviasse i suoi Patriot in Ucraina attraverso gli Stati Uniti. Questa potrebbe essere la goccia che fa traboccare il vaso e spinge i politici a sostenere le raccomandazioni politiche di questo gruppo, che potrebbero vedere la Russia autorizzare la Siria a usare gli S-300 contro Israele, come spiegato.

Per essere chiari, la fazione pro-Resistenza esiste per lo più solo nei media internazionali finanziati pubblicamente dalla Russia e tra i loro associati (anche informali), con un’influenza quasi nulla all’interno dei suoi think tank, sebbene alcuni di essi si stiano avvicinando alle loro opinioni. La fazione filo-israeliana/equilibratrice/pragmatica rimane predominante ed è per questo che l’attuale politica è rimasta in vigore per così tanto tempo, nonostante le ripetute provocazioni di Israele che avrebbero potuto portare a un cambiamento di politica molto tempo fa se ci fosse stata la volontà politica.

Questo stato di cose, tuttavia, potrebbe cambiare in modo decisivo se Israele armasse indirettamente l’Ucraina con i suoi Patriots. Netanyahu e coloro che lo circondano potrebbero non rendersi conto di quanto questo potrebbe cambiare drasticamente la politica regionale della Russia, considerando il modo in cui tutto viene sempre più percepito dal Cremlino, visto il contesto in evoluzione della Nuova Guerra Fredda. Israele dovrebbe quindi pensarci due volte per non rischiare di catalizzare lo scenario peggiore nelle relazioni con la Russia.

È giunto ormai da tempo il momento che il Pakistan metta i suoi soldi dove dice e cominci a fare ciò che è necessario per dimostrare che non si sta limitando a trascinare la Russia.

Gli osservatori dell’Asia meridionale hanno seguito da vicino l’incontro tra il presidente russo Putin e il primo ministro pakistano Shehbaz Sharif a margine del vertice SCO di questa settimana ad Astana per capire se questi due saranno in grado di rompere la loro impasse sull’espansione globale dei legami. Si sono incontrati l’ultima volta due anni fa al vertice SCO del 2022 a Tashkent, che all’epoca fu analizzato qui . Il precedente articolo con collegamento ipertestuale ha attirato l’attenzione sulle grandi speranze di Putin di raggiungere un accordo energetico strategico con il Pakistan.

Ciò non si è concretizzato perché il Pakistan rimane riluttante a sfidare gli Stati Uniti nonostante questi ultimi abbiano precedentemente chiarito che non saranno imposte sanzioni secondarie contro i partner energetici della Russia. Il postmoderno colpo di stato Il regime instaurato nell’aprile 2022 dopo la scandalosa cacciata dell’ex primo ministro Imran Khan prende la maggior parte – ma soprattutto non tutti – gli spunti dall’America. Anche se sanno che non saranno sanzionati per l’acquisto di queste risorse, sanno comunque che gli Stati Uniti lo disapprovano.

Questa intuizione mette in luce l’insincerità dei commenti che Sharif ha fatto a Putin secondo la trascrizione ufficiale del Cremlino che può essere letta qui . Il leader pakistano ha affermato che il commercio si avvicina al miliardo di dollari, ma ha omesso di menzionare che ciò è in gran parte dovuto alle esportazioni di grano russo verso il suo paese. Il suo suggerimento di “muoversi ulteriormente” nella direzione di maggiori importazioni di petrolio ignora il fatto che la palla è nel suo campo ed è così già da un anno da quando il Pakistan ha sospeso a tempo indeterminato tali spedizioni con pretesti dubbi.

Lo stesso si può dire della proposta di Sharif di ripristinare il baratto tra i loro paesi, la cui decisione è stata approvata più di un anno fa ma da allora non è successo nulla di significativo. Alcune esportazioni di frutta e cuoio hanno raggiunto il mercato russo, ma si trattava solo di prove intese a dimostrare la fattibilità del commercio attraverso il corridoio di trasporto nord-sud attraverso l’Iran e l’Azerbaigian. Se ci fosse la volontà, a questo punto il baratto sarebbe aumentato, ma si è invece trasformato in un’altra deludente opportunità persa.

Come è stato spiegato qui alla fine di marzo, il Pakistan deve liberarsi dal giogo dell’egemonia americana per espandere in modo completo i legami con la Russia, anche se per ora questa rimane una fantasia politica dal momento che l’attuale accordo politico è stato istituito con il sostegno degli Stati Uniti. A volte estende i limiti di quanto lontano può spingersi senza affrontare l’ira dell’America, come per quanto riguarda i legami con Cina e Iran , ma la cricca al potere sa che concludere un accordo energetico strategico con la Russia oltrepasserebbe una linea rossa invisibile.

Tuttavia, Putin ha ritenuto che valesse la pena menzionare il suo interesse in tal senso poiché è il fattore chiave nel determinare se le relazioni bilaterali rimangono cordiali o si evolvono in un partenariato strategico , l’ultimo dei quali potrebbe verificarsi se un simile accordo venisse raggiunto parallelamente a un accordo transnazionale. -Corridoio commerciale afghano . Esistono le basi affinché i loro legami raggiungano quel livello, anche se spetta interamente al Pakistan decidere se raggiungeranno o meno quel punto, e finora sembra che non sia seriamente interessato a che ciò accada.

Astenersi da risoluzioni ostili dell’Assemblea generale dell’ONU sulla Russia e lodare di tanto in tanto il ruolo regionale di quel paese sono solo segnali superficiali di sostegno che non si sono ancora tradotti in qualcosa di tangibile. Sono mosse benvenute, su questo non c’è dubbio, ma è ormai da tempo che il Pakistan metta i suoi soldi dove dice e cominci a fare ciò che è necessario per dimostrare che non si sta limitando a trascinare la Russia. Mantenere lo status quo va bene, ma se questo è tutto ciò che il Pakistan vuole, allora dovrebbe essere chiaro al riguardo.

C’è voluta la presidenza di turno ungherese del Consiglio d’Europa perché Orban visitasse finalmente Kiev, il che aumentava le possibilità che non venisse maltrattato da Zelenskyj per vendetta delle sue opinioni.

Il viaggio del primo ministro ungherese Viktor Orban a Kiev all’inizio di questa settimana ha suscitato molta attenzione poiché era la prima volta che visitava la capitale ucraina dall’ultima fase del conflitto NATO-russo. la guerra per procura in quel paese è scoppiata quasi due anni e mezzo fa. I media si sono concentrati soprattutto sulla sua proposta che l’Ucraina accettasse un cessate il fuoco per facilitare i colloqui di pace, proposta che come prevedibile è stata respinta , dando così l’impressione che la sua visita mirasse solo a questo e fosse quindi fallita.

Il nocciolo della questione è che sia i comunicati stampa ungherese che quelli ucraini affermano che lo scopo del suo viaggio era quello di fare progressi nelle relazioni bilaterali. L’interesse di Orban per la pace, che di recente potrebbe essere stato stuzzicato ancora di più da Zelenskyj che ha lasciato intendere che tali colloqui potrebbero aver luogo tramite un mediatore proprio come hanno fatto quelli per l’accordo sul grano, era secondario rispetto a questo obiettivo. A questo proposito, voleva soprattutto garantire che Kiev rispetti finalmente i diritti degli ungheresi nella regione di Zakarpattia.

Questa “ dimensione umanitaria poco discussa della posizione dell’Ungheria nei confronti del conflitto ucraino ” gioca un ruolo importante nel motivo per cui Budapest si rifiuta di armare Kiev o di consentire ai suoi alleati della NATO di farlo attraverso il suo territorio. Quella regione appartenne alla civiltà ungherese per oltre un millennio, ma finì sotto il controllo cecoslovacco dopo la prima guerra mondiale, prima della quale tornò brevemente in mano ungherese dal 1939 al 1945, per poi essere trasferita all’Ucraina sovietica alla fine della seconda guerra mondiale. .

Le politiche di coscrizione forzata di Kiev hanno avuto un impatto enorme sulla minoranza ungherese del paese, alcuni dei quali sono stati catturati dalla Russia ma poi inviati in Ungheria nel giugno 2023 su loro richiesta invece che tornare in Ucraina. Quell’incidente è stato analizzato qui in quel momento per coloro che volessero saperne di più. L’importanza sta nel fatto che gli ungheresi arruolati non si sentivano a proprio agio nel tornare in Ucraina a causa delle politiche discriminatorie contro il loro gruppo minoritario.

Orban è obbligato a garantire nel miglior modo possibile gli interessi dei suoi coetnici, ma finora ha rifiutato di viaggiare in Ucraina a tale scopo poiché finora non è stato fatto alcun progresso in merito, sebbene la presidenza di turno del Consiglio d’Europa del suo paese gli abbia dato l’opportunità di farlo esplorando anche un cessate il fuoco. Ha visitato Kiev non solo come Primo Ministro ungherese, ma come rappresentante del Consiglio d’Europa, assicurandosi così che Zelenskyj non cercasse di metterlo in ombra o di umiliarlo ma lo trattasse invece con rispetto.

Sebbene il viaggio riguardasse principalmente la risoluzione di questioni bilaterali, il contesto diplomatico del nuovo ruolo dell’Ungheria nell’UE nel semestre successivo ha creato un’atmosfera molto migliore che se si fosse trattato di un viaggio puramente bilaterale con Orban che avrebbe partecipato esclusivamente in qualità di Primo Ministro ungherese. . Inoltre, Zelenskyj sa che avrà bisogno dell’accordo di Orban se l’Ucraina vuole fare ulteriori progressi verso l’adesione all’UE, non importa quanto superficiale possa essere alla fine. Ciò a sua volta lo ha reso più disponibile ai negoziati bilaterali.

L’unico risultato tangibile del loro incontro è stato che Orban si è impegnato a costruire e finanziare tutte le scuole ucraine di cui la comunità ha bisogno in Ungheria a causa dell’afflusso di rifugiati. È stata una mossa intelligente poiché spinge Zelenskyj a rispondere reciprocamente ripristinando i diritti della minoranza ungherese anche se non si è ancora impegnato in nulla di tangibile. I colloqui sono in corso, anche se, a giudicare dall’ottimismo di Orban, la questione verrà risolta con un accordo globale di cooperazione.

Tutto sommato, è stata necessaria la presidenza di turno ungherese del Consiglio d’Europa perché Orban visitasse finalmente Kiev, il che aumentava le possibilità che non venisse maltrattato da Zelenskyj per vendetta delle sue opinioni. Anche se ha affrontato il tema del cessate il fuoco, il vero scopo del suo viaggio, come confermato da entrambe le parti, era quello di rafforzare i legami bilaterali, che rimangono problematici ma potrebbero presto normalizzarsi. La sua visita può quindi essere valutata come un passo positivo nella giusta direzione, ma ci vorrà ancora del tempo perché dia i suoi frutti, se mai ce ne saranno.

Non ci sono prove che il presidente Putin abbia mai preso seriamente in considerazione una cosa del genere.

La Alt-Media Community (AMC) si riferisce al gruppo eterogeneo di media, influencer e appassionati non mainstream, alcuni dei quali reagiscono in modo eccessivo e riportano in modo errato notizie conformi alle loro aspettative di pio desiderio o addirittura talvolta fuorviano deliberatamente il loro pubblico. Questo è stato il caso del popolare account X “BRICS News”, che ha oltre mezzo milione di follower ed è affiliato a un sito di criptovaluta con sede negli Stati Uniti , ma alcuni presumono erroneamente che sia affiliato a BRICS.

Martedì hanno twittato quanto segue : “APPENA ARRIVATO: la Russia armerà gli Houthi dello Yemen con missili da crociera balistici antinave”. Il loro pubblico, molti dei quali presumono erroneamente che l’assegno d’oro di “BRICS News” confermi il suo status di account di notizie ufficiale dei BRICS a meno che non facciano clic su quel simbolo per vedere con chi è veramente affiliato, hanno dato questa affermazione per scontata. In realtà, tuttavia, si tratta di un esempio di “BRICS News” che riporta erroneamente ciò che affermavano questi due articoli o che fuorvia deliberatamente il pubblico al riguardo:

* 28 giugno: “ I funzionari statunitensi temono che l’offensiva israeliana contro Hezbollah possa trascinarsi in Russia ”

* 1 luglio: “ Putin riflette sull’armamento degli Houthi con missili da crociera: rapporto ”

Il primo proveniva da “Middle East Eye” (MEE), con sede nel Regno Unito ma, secondo quanto riferito, finanziato dal Qatar , che ha citato un anonimo “alto funzionario statunitense” che ha detto loro che “il presidente Vladimir Putin ha preso in considerazione la possibilità di fornire ai combattenti ribelli Houthi crociere antinave missili” ma il principe ereditario saudita avrebbe posto il veto. La seconda notizia, nel frattempo, era semplicemente Newsweek che riportava le affermazioni di cui sopra. Nessuno dei due rapporti afferma che la Russia armerà effettivamente gli Houthi, a differenza di quanto twittato da “BRICS News”.

Ecco tre briefing di base che spiegano perché la Russia è riluttante a farlo:

* 18 marzo: “ Perché gli Houthi distorcono la verità affermando di avere legami con Russia, Cina e BRICS? ”

* 18 maggio: “ Gli investimenti russi nello Yemen potrebbero incentivare Mosca a mediare una risoluzione del suo conflitto ”

* 7 giugno: “ Chi potrebbe armare la Russia come risposta asimmetrica all’Occidente che arma l’Ucraina? ”

Verranno ora riassunti per comodità del lettore.

Il primo documenta la realtà oggettivamente esistente delle relazioni russo-houthi basandosi su fonti ufficiali, che smentiscono l’affermazione di molti membri dell’AMC secondo cui i due sarebbero alleati militari. La Russia ha criticato pubblicamente gli Houthi al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, mentre il ministro degli Esteri Lavrov li ha criticati in altre occasioni, ciascuno a causa delle loro obiezioni agli attacchi di quel gruppo contro navi civili. Esistono legami politici, soprattutto per ragioni pragmatiche legate al controllo del gruppo sullo Yemen del Nord, ma la questione è solo questa.

Per quanto riguarda il secondo, documenta la crescente vicinanza tra la Russia e il governo yemenita di Aden, riconosciuto dall’ONU, con il quale gli Houthi sono in guerra già da quasi un decennio, il che si allinea in gran parte con lo Yemen del Sud. La Russia di solito dà priorità ai legami con i governi legittimi rispetto ai gruppi ribelli, anche se esistono eccezioni come le sue relazioni con il generale libico Haftar. Detto questo, lo Yemen è un caso in cui si segue il libro, ed è contrario a sacrificare gli stretti legami con Aden armando gli Houthi.

Il briefing finale menziona verso la fine che è improbabile che la Russia armi gli Houthi perché non vuole rischiare di rovinare le relazioni con l’Arabia Saudita, che è in guerra con quel gruppo già da quasi un decennio e con la quale la Russia gestisce congiuntamente il petrolio globale. mercato tramite l’OPEC+. Anche se è possibile che l’armamento speculativo da parte della Russia dell’Asse della Resistenza in Siria e Iraq (in circostanze specifiche) possa portare indirettamente a un flusso di armi nelle mani degli Houthi, essa non lo approverebbe.

Questa intuizione aiuta a comprendere meglio ciò che la fonte anonima di un “alto funzionario statunitense” del MEE avrebbe detto loro riguardo a come il leader russo “abbia preso in considerazione l’idea di fornire” missili da crociera antinave agli Houthi, ma presumibilmente il suo suggerimento sia stato posto il veto dal principe ereditario saudita. Anche se non si può sapere con certezza data l’opacità di questo argomento, è possibile che la loro fonte dica la verità, anche se con l’avvertenza che tutto potrebbe non essere così chiaro come potrebbero supporre gli osservatori casuali.

Per spiegare, MEE ha riferito che “Secondo l’intelligence statunitense, il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman è intervenuto per impedire a Putin di fornire missili agli Houthi…’Putin ha ingaggiato Mohammed bin Salman che ha chiesto alla Russia di non portare avanti l’accordo,’ ha detto a MEE un alto funzionario americano”. Ciò suggerisce che il principe ereditario abbia programmato una telefonata con il leader russo per dirgli di non procedere con una simile mossa, non che il presidente Putin abbia chiesto il permesso ma sia stato rifiutato.

L’amministrazione di Mohammed Bin Salman potrebbe essersi imbattuta in voci al riguardo online, come quelle diffuse dall’AMC da quando gli Houthi hanno iniziato il blocco delle vie navigabili della regione, o aver ottenuto informazioni da altre fonti secondo cui alcuni russi ne stavano discutendo. Per quanto riguarda la seconda possibilità, questo articolo tocca la recente emergenza di una fazione pro-Asse all’interno della comunità politica russa, che è ancora subordinata a quella filo-israeliana.

Tuttavia, alcune comunicazioni potrebbero essere state intercettate dai sauditi (o da qualcun altro che ha trasmesso loro il messaggio) da parte di alcuni dei loro membri e/o potrebbero averne parlato con colleghi stranieri che poi glielo hanno trasmesso, rendendo così necessario l’intervento del principe ereditario. chiamata. Mohammed Bin Salman avrebbe preso molto sul serio entrambe le sequenze di eventi considerando quanto sia stata costosa la guerra quasi decennale del suo Regno contro gli Houthi anche senza che loro avessero armi russe.

Il fatto che abbia chiamato il presidente Putin per discutere di questo (ammesso che sia successo, cioè), non avrebbe significato automaticamente che la Russia stava per armare gli Houthi, ma è stato poi posto il “veto” all’ultimo minuto come molti nell’AMC senza sapere come. le cose funzionano ora potrebbe pensare dopo aver letto quei rapporti. In realtà, non ci sono prove che il leader russo abbia mai preso seriamente in considerazione la questione, ed è molto più probabile che la fazione pro-Resistenza, attualmente non influente, sia stata l’unica in Russia a discuterne.

Mentre l’approccio della Russia nei confronti di Israele potrebbe cambiare se armasse l’Ucraina di Patriots attraverso gli Stati Uniti, come nel suddetto pezzo con collegamento ipertestuale sulla fazione pro-Resistenza menzionata, non ci sono linee di faglia emergenti nei legami della Russia con l’Arabia Saudita che possano ipotizzare un cambiamento nella politica. verso di esso. Gli Houthi hanno già capacità missilistiche da crociera antinave, come hanno ripetutamente dimostrato, quindi la questione se riceveranno tali missili dalla Russia in futuro è irrilevante in senso pratico.

L’unico motivo per cui questa notizia è ancora in circolazione è perché alcuni membri dell’AMC credono fermamente che ciò accadrà (o sia già accaduto), stanno deliberatamente fuorviando il loro pubblico su questo per qualsiasi motivo, e/o le agenzie di spionaggio straniere come quelli del Qatar e degli Stati Uniti che vogliono dividere Russia e Arabia Saudita. Si consiglia pertanto ai membri responsabili dell’AMC di non condividere tali rapporti o di prestare loro falso credito poiché non esiste alcuna base fattuale per ritenere che la Russia armerà gli Houthi.

Sebbene l’amministrazione Biden sia controllata da liberali-globalisti che credono che gli Stati Uniti dovrebbero continuare a lasciare che l’UE se ne occupi come ricompensa per il loro allineamento ideologico, gli imperativi strategico-militari nei confronti della Cina hanno già spinto il Pentagono ad attuare parzialmente Il piano di Trump.

Martedì Politico ha pubblicato un articolo su come “ il piano di Trump per la NATO sta emergendo ”, in cui cita alcune fonti anonime e registrate per descrivere il suo approccio nei confronti del blocco se verrà rieletto. Si basa su un documento politico scritto dalla dottoressa Sumantra Maitra nel febbraio 2023 per il Center for Renewing America, affiliato a Trump. Intitolato “ Pivoting the US Away from Europe to a Dormant NATO ”, spiega in dettaglio come gli Stati Uniti possono convincere l’UE a difendere l’Europa mentre gli Stati Uniti si concentrano sul contenimento della Cina in Asia.

Il punto è che gli Stati Uniti trarrebbero finanziamenti da attività non essenziali della NATO che non hanno nulla a che fare con la difesa del blocco da un attacco russo, cosa che Maitra ritiene non realistica in ogni caso a causa della mancanza di volontà e capacità, consentendogli così di farlo. tornare alla sua missione principale e ridurre il peso burocratico. Tutti sarebbero costretti ad aumentare le spese militari per rimanere sotto l’ombrello nucleare degli Stati Uniti, ma le coalizioni del sottoblocco si assumerebbero la responsabilità di difendere il fianco orientale, non gli Stati Uniti.

La proposta di Maitra mira a porre fine all’era del freeloading europeo trasferendo bruscamente sulle loro spalle il peso della difesa continentale, con gli Stati Uniti che si trasformano in un “bilanciatore offshore” nei confronti dell’Eurasia (soprattutto rispetto a Cina e Russia) e “un fornitore logistico di ultima istanza” per l’UE. Nell’ambito di questa transizione, l’UE svilupperebbe industrie della difesa transfrontaliere invece di mantenere quelle puramente nazionali in modo da migliorare l’interoperabilità, facilitando così il suddetto ruolo logistico degli Stati Uniti.

Per quanto riguarda l’articolo di Politico, che si basa sul brief politico di Maitra nei modi appena spiegati, Trump 2.0, secondo quanto riferito, fermerebbe anche l’espansione della NATO, mentre prende in considerazione l’idea di congelare l’ accordo NATO-russo. guerra per procura lungo la linea di contatto. In linea di principio, questo approccio potrebbe soddisfare alcune delle richieste di garanzia di sicurezza della Russia, creando così le basi per un compromesso pragmatico . Basti dire che all’Ucraina non sarebbe permesso di aderire alla NATO, anche se manterrebbe comunque legami militari con l’Occidente.

Sebbene l’amministrazione Biden sia controllata da liberali – globalisti che credono che gli Stati Uniti dovrebbero continuare a lasciare che l’UE se ne occupi come ricompensa per il loro allineamento ideologico, gli imperativi strategico-militari nei confronti della Cina hanno già spinto il Pentagono ad attuare parzialmente Il piano di Trump. Ciò ha preso la forma di promuovere la rapida ripresa della leadership militare tedesca nell’UE attraverso la “ Fortezza ”. Europa ”, che le due analisi precedenti, collegate in collegamento ipertestuale, descrivono ampiamente.

In breve, l’idea è che gli Stati Uniti facciano affidamento su un sottoblocco guidato dalla Germania per contenere la Russia in Europa su ordine degli Stati Uniti mentre gli Stati Uniti “ritornano verso l’Asia” per contenere la Cina, cosa che sarebbe facilitata dalla sua strategia. “rivale amichevole” subordinazione totale della Polonia come “partner minore” di Berlino. Come la Germania, anche la Polonia vuole costruire la più grande forza terrestre dell’UE, e gli sforzi di questi due paesi possono completarsi a vicenda se saranno coordinati dagli Stati Uniti attraverso la suddetta gerarchia.

Lo “ Schengen militare ” concordato dai due paesi a febbraio, al quale ha recentemente aderito anche la Francia , potrebbe presto espandersi fino a includere gli Stati baltici e accelerare così la costruzione della prevista “ linea di difesa dell’UE ” lungo i confini orientali del blocco. . Questi processi si stanno già svolgendo nonostante l’agenda ideologica dell’amministrazione Biden proprio perché il Pentagono si è reso conto che questo è il modo migliore per mantenere la leadership militare americana nella Nuova Guerra Fredda .

Gli Stati Uniti non possono restare impantanati in una “guerra eterna” europea, che è ciò che potrebbe diventare la guerra per procura NATO-Russia in Ucraina se Mosca non riuscisse a ottenere una svolta militare grazie alla sua leadership nella “ corsa alla logistica ”. “ guerra di logoramento ”, altrimenti l’ascesa della Cina diventerebbe incontrollabile. Ciò spiega perché il falco anti-russo Kaja Kallas ha affermato il mese scorso che l’Ucraina può ottenere la “vittoria” anche senza riconquistare le regioni perdute, mentre Biden ha affermato più o meno nello stesso periodo che potrebbe non aderire alla NATO .

Si tratta di concessioni importanti che ridimensionano gli obiettivi fino ad allora massimalisti dell’Occidente in quel conflitto, sebbene coincidano anche con ulteriori escalation come consentire apertamente all’Ucraina di colpire qualsiasi obiettivo all’interno della Russia, inviare difese aeree aggiuntive in Ucraina e prendere in considerazione la possibilità di contrarre ufficialmente le PMC lì, ecc. al. Questa contraddizione è spiegata dalla lotta tra la fazione liberale-globalista al potere negli Stati Uniti e i suoi rivali relativamente meno radicali che vogliono “riorientarsi verso l’Asia” il prima possibile.

Il primo vuole una “guerra eterna” in Europa per ragioni ideologiche in modo da unire l’Occidente attorno alla “leadership morale” degli Stati Uniti poiché inquadra la Nuova Guerra Fredda come una battaglia tra “democrazie e autocrazie”, mentre il secondo ha più realismo tra le loro fila vedono tutto dal punto di vista geopolitico. Di conseguenza, i liberali-globalisti danno priorità al contenimento della Russia , mentre i loro rivali danno priorità al contenimento della Cina . Il crescente attrito tra loro in questo momento cruciale della Nuova Guerra Fredda è responsabile di questi segnali contrastanti.

Tuttavia, anche se l’esito della loro lotta non è chiaro poiché molto dipenderà dalle elezioni presidenziali americane, il fatto è che l’amministrazione Biden ha ancora presieduto all’attuazione parziale del piano di Trump, come già spiegato. Un’ulteriore prova di ciò include la prima “ Strategia per l’industria della difesa ” dell’UE, che Politico ha riassunto qui , dimostrando così che la proposta industriale transfrontaliera di Maitra viene avanzata parallelamente a quella del sottoblocco.

Questi sviluppi militari, politici e diplomatici mirano a ottimizzare la proiezione di potenza degli Stati Uniti, date le loro limitate capacità industriali al momento, e la ritrovata intensa concorrenza da parte dei Cino – Russi. Intesa e le ultime dinamiche strategiche del conflitto ucraino. Questi fattori sono confluiti nell’ultimo anno per spingere il Pentagono a promulgare in modo indipendente alcune delle politiche suggerite da Maitra, anche se i suoi politici potrebbero essere stati completamente all’oscuro dei suoi suggerimenti.

Se i delegati democratici dei liberal-globalisti rimarranno alla Casa Bianca, allora la visione di Maitra probabilmente rimarrà solo parzialmente attuata poiché è improbabile che gli Stati Uniti mettano fine all’era dello scroccone europeo a causa degli interessi ideologici di quella cricca dominante. Se Trump tornasse, tuttavia, tutti dovrebbero aspettarsi che i suoi piani vengano attuati in modo più completo, anche se alla fine potrebbero comunque non raggiungere i loro obiettivi massimalisti per ragioni attualmente imprevedibili.

La fazione pro-BRI emersa in Russia lo scorso anno è probabilmente responsabile di ciò, ma il danno che ha arrecato alla percezione popolare delle relazioni bilaterali sarà presto corretto mentre la Russia continua a ricalibrare la sua strategia asiatica riportandola alle sue radici pragmatiche/equilibrate originali. .

Membro associato presso l’Istituto per gli studi e l’analisi della difesa finanziato dal Ministero della difesa indiano Swasti Rao ha sensibilizzato sulle rappresentazioni incoerenti dell’integrità territoriale del suo paese da parte del Ministero degli affari esteri russo, RT e Sputnik nel periodo precedente al viaggio del primo ministro Narendra Modi Là. Il suo post su X può essere letto qui , che è stato poi ripreso e riportato da The Print qui . Prima di analizzare questo scandalo, è importante condividere con il lettore alcuni briefing di fondo:

* 9 marzo: “ La Russia dovrebbe riconsiderare l’invito al Pakistan a partecipare al progetto ‘Outreach’/’BRICS Plus’? ”

* 12 aprile: “ La Russia avrebbe dovuto invitare Cina e India a partecipare contemporaneamente ai colloqui sulla sicurezza eurasiatica? ”

* 8 maggio: “ Due studi commissionati sul Pakistan dicono molto sulle dinamiche intra-élite della Russia ”

* 16 giugno: “ Il sistema di sicurezza eurasiatico proposto dalla Russia deve rispettare gli interessi nazionali dell’India ”

* 23 giugno: “ Il patto logistico militare della Russia con l’India completa la sua strategia asiatica recentemente ricalibrata ”

* 25 giugno: “ Ecco i cinque argomenti che Modi dovrebbe discutere con Putin durante la sua visita ”

* 28 giugno: “ Interpretare l’ultima intuizione di Lavrov sulla geopolitica indiana ”

Questi articoli sostengono che nell’ultimo anno in Russia è emersa una fazione politica pro-BRI, che crede che un ritorno al bi-multipolarismo sino-americano sia inevitabile, quindi il loro paese dovrebbe quindi accelerare la traiettoria della superpotenza cinese come vendetta contro gli Stati Uniti per tutto ciò che sta facendo. fatto dal 2022. La loro crescita astronomica è stata recentemente frenata dai viaggi del presidente Putin in Corea del Nord e Vietnam, insieme ai progressi tangibili compiuti nella conclusione di un patto logistico militare a lungo negoziato con l’India.

Fino a questi ultimi tre sviluppi, avvenuti in rapida sequenza, sembrava che la Russia stesse scivolando verso una dipendenza potenzialmente sproporzionata dalla Cina. I “rivali amichevoli” della fazione pro-BRI sono gli equilibratori/pragmatisti, che vogliono scongiurare il suddetto scenario facendo affidamento sull’India come contrappeso alla Cina , e sono responsabili delle ultime mosse politiche. La Russia ha quindi ricalibrato la sua strategia asiatica giusto in tempo per l’imminente visita del Primo Ministro Modi.

Tuttavia, questo processo è ancora in fase di elaborazione e ci vorrà del tempo per identificare ovunque i progressi compiuti dalla fazione pro-BRI nell’ultimo anno, con l’obiettivo di invertire parte di ciò che hanno fatto. Considerando questo delicato contesto politico, è quindi molto probabile che questa fazione sia stata responsabile delle rappresentazioni incoerenti dell’integrità territoriale dell’India che Rao ha colto. Di conseguenza, si prevede che saranno inevitabilmente corretti, ma ciò potrebbe accadere prima se l’India dovesse sollevare il problema con la Russia.

L’ex ambasciatore indiano in Russia Venkatesh Verma ha dichiarato a The Hindu che il viaggio del primo ministro Modi “invertirà la percezione nella comunità internazionale di una deriva nelle relazioni bilaterali”, come sostenuto anche da alcuni media indiani secondo il suo predecessore Kanwal Sibal in un articolo per RT . Questo organo di informazione ha appena pubblicato un articolo del dottor Alexey Kupriyanov, uno dei giovani esperti russi più promettenti sull’India, in cui affronta i timori dell’India che la Cina voglia imporre l’unipolarità guidata dalla Cina in Asia .

Anche se l’ex ambasciatore Sibal collabora regolarmente con RT, questo è stato il primo contributo del dottor Kupriyanov, che hanno notato “è stato scritto per la sessione ‘BRICS: un passo verso una nuova architettura mondiale’ del forum internazionale ‘Primakov Readings’ ed è stato il primo pubblicato su Izvestia, tradotto e curato dal team RT. Pertanto, è chiaro che è stata presa una decisione editoriale – probabilmente per volere dei loro sostenitori statali – per amplificare la sua intuizione a livello mondiale, confermando così le osservazioni di una ricalibrazione politica.

Dopotutto, sarebbe stato impensabile solo poche settimane fa, quando la fazione pro-BRI stava ancora esercitando un’influenza senza precedenti sui media internazionali russi finanziati con fondi pubblici (come attraverso gli esempi menzionati da Rao), immaginare che avrebbero pubblicato un pezzo questo è critico nei confronti della Cina. L’esistenza stessa dell’articolo del dottor Kupriyanov in prima pagina, che hanno cercato e tradotto per aumentare la consapevolezza globale della sua intuizione, dimostra che le cose stanno cambiando dietro le quinte.

Ciò dovrebbe dare speranza a Rao e ad altri che hanno colto le recenti tendenze secondo cui la Russia riparerà il danno che la fazione pro-BRI ha inflitto alla percezione popolare dei legami bilaterali con l’India. Erano così presi dallo zelo ideologico che non si rendevano conto che alcune delle loro mosse, come cambiare il modo in cui veniva rappresentata l’integrità territoriale dell’India, causavano preoccupazione per un possibile cambiamento nella politica. La Russia farebbe quindi bene a tenerli d’occhio in futuro per evitare altri passi falsi del genere.

Sembra che i cospiratori siano dissidenti nostrani senza alcun legame con la Russia, anche se potrebbero avere qualche legame con membri scontenti delle forze armate.

Il procuratore generale ucraino ha rivelato lunedì che la SBU ha sventato un presunto complotto simile a quello del J6 per prendere il potere a Kiev il giorno prima, orchestrando una protesta che sarebbe deliberatamente sfociata in una rivolta i cui partecipanti, tra cui personale militare e PMC, avrebbero poi preso d’assalto la Rada. . Zelenskyj allarma da novembre sul cosiddetto “Maidan 3” che, secondo lui, era stato organizzato dalla Russia contro di lui, quindi è molto probabile che interpreterà quest’ultimo sviluppo come prova di quel presunto complotto.

È utile ai suoi interessi politici screditare la possibilità che si sia trattato di un tentativo di cambio di regime veramente interno, che potrebbe anche potenzialmente essere legato a membri scontenti delle forze armate, indipendentemente dal fatto che abbiano qualche legame con l’ex comandante in capo Zaluzhny. Era il principale rivale di Zelenskyj prima di essere sostituito e designato come nuovo ambasciatore ucraino nel Regno Unito ed era dell’opinione che fosse diventato impossibile raggiungere gli obiettivi massimalisti di Zelenskyj nel conflitto.

Gli osservatori dovrebbero anche ricordare che il mandato di Zelenskyj è scaduto a fine maggio, quindi è illegittimo a causa della convincente argomentazione legale avanzata dal presidente Putin il mese scorso secondo cui il presidente della Rada è ora il capo dello stato se la Costituzione ucraina viene ancora rispettata. Inoltre, c’è molta rabbia per le misure di coscrizione forzata del paese che sono aumentate a causa della nuova spinta della Russia nella regione ucraina di Kharkov all’inizio di maggio, per cui al giorno d’oggi esiste davvero un autentico sentimento antigovernativo.

Non si può quindi escludere che si tratti effettivamente del lavoro di autentici dissidenti nazionali senza alcun rapporto con la Russia, nonostante ciò che Kiev potrebbe affermare. Mentire sul presunto legame di quel paese con i cospiratori ha il duplice scopo di giustificare ulteriori repressioni sulla società e allo stesso tempo ricordare all’Occidente la presunta “minaccia russa” in vista del vertice NATO della prossima settimana, nel tentativo di spingerli a estendere un sostegno più significativo all’Ucraina .

Anche la tempistica con cui tutto si è svolto merita un ulteriore esame tenendo presente quell’evento imminente. Secondo il procuratore generale, i colpevoli hanno iniziato a diffondere messaggi antigovernativi sui social media a maggio e hanno continuato a farlo fino a giugno, cosa che presumibilmente ha attirato l’attenzione dello Stato. Si può quindi supporre che le autorità fossero a conoscenza di tutto riguardo a questo complotto fin dall’inizio e che quindi non abbia mai rappresentato una minaccia credibile.

Il motivo per cui non è stato arrestato immediatamente potrebbe essere stato quello di identificare l’intera portata dei loro piani e smascherare tutti gli altri all’interno di questa rete per eliminarli tutti in una volta. Ciò è abbastanza sensato, ma potrebbe esserci stato anche un ulteriore motivo in gioco, vale a dire assicurarsi che questa storia circoli nel periodo precedente al vertice della NATO per le ragioni politiche egoistiche di Zelenskyj già menzionate, invece di introdurla prematuramente nel dibattito pubblico. ecosistema informativo globale con settimane di anticipo.

Inoltre, visto che secondo quanto riferito l’Ucraina ha iniziato un rafforzamento militare lungo il confine bielorusso, è possibile che Kiev abbia pianificato di rendere pubbliche queste notizie tipo J6 più o meno nello stesso periodo al fine di sfruttare le prevedibili accuse di coinvolgimento russo nel complotto come pretesto per le suddette misure. In questo modo, questa mossa potrebbe essere interpretata come “difensiva”, anche se è probabilmente basata almeno sulla trasmissione dell’intento di minacciare l’alleato di mutua difesa della Russia, il cui scopo è stato spiegato qui .

Mettendo tutto insieme, sembra che i cospiratori siano dissidenti nostrani senza alcun legame con la Russia, anche se potrebbero avere qualche legame con membri scontenti delle forze armate. Le autorità erano a conoscenza dei loro piani fin dall’inizio, ma hanno rifiutato di arrestarli subito poiché volevano ottenere maggiori informazioni. Tuttavia, il secondo motivo era che questa storia coincidesse con le ultime tensioni bielorusse e con l’imminente vertice della NATO, forse presagendo così ulteriori escalation occidentali .

Morales e Milei rappresentano rispettivamente l’estrema sinistra e l’estrema destra, ma ciascuno di loro ha concluso in modo indipendente che l’ex generale boliviano Zuniga stava dicendo la verità la scorsa settimana quando ha affermato che il presidente Arce gli aveva chiesto di organizzare un falso colpo di stato.

L’ex presidente boliviano Evo Morales e il presidente argentino in carica Javier Milei , che rappresentano rispettivamente l’estrema sinistra e l’estrema destra, sono entrambi usciti allo scoperto per accusare ufficialmente l’attuale presidente boliviano Luis Arce di aver simulato il fallito tentativo di colpo di stato della scorsa settimana. Il generale Juan Jose Zuniga aveva precedentemente affermato che Arce gli aveva chiesto di mettere in scena un dramma politico per aumentare la sua popolarità in un contesto di tensioni intra-sinistra con Morales e una crisi economico-finanziaria in rapido peggioramento, ma inizialmente non era stato ritenuto credibile.

Tuttavia, considerando che due figure popolari ai lati opposti dello spettro politico sono appena diventate strane compagne di letto, ci sono ora motivi per riconsiderare ciò che ha affermato Zuniga e chiedersi se Arce abbia effettivamente orchestrato questo bizzarro tentativo di colpo di stato che non aveva nessuna delle solite tracce della CIA . Dopotutto, Morales e Milei hanno visioni del mondo completamente diverse, eppure ciascuno è arrivato indipendentemente alla conclusione che Zuniga stesse effettivamente dicendo la verità.

Potrebbe esserci anche un po’ di opportunismo politico in gioco, visto che Morales ha interesse a screditare Arce mentre gareggia per diventare il candidato del partito di sinistra al potere durante le elezioni del prossimo anno nonostante gli ostacoli legali mentre Milei odia tutti i socialisti, non importa quanto siano moderati. Forse. Tuttavia, l’ottica di questi due che escono allo scoperto e accusano Arce di aver inscenato un “auto-colpo di stato” è potente, e sicuramente spingerà gli osservatori a riflettere più profondamente su questa teoria.

Nel caso in cui ci fosse qualcosa di vero, Arce potrebbe effettivamente aver pensato che ciò avrebbe aumentato la sua popolarità nei confronti di Morales e allo stesso tempo avrebbe distratto dalla crisi economico-finanziaria in corso, quest’ultima che avrebbe potuto poi pensare di poter far girare in relazione al presunto colpo di stato. La CIA ha una lunga storia di ingerenze in Bolivia, quindi dopo quel fallito cambio di regime sarebbero state gettate le basi per accusarla di aver presumibilmente intrapreso in anticipo una guerra economico-finanziaria contro la Bolivia.

A questo punto, è impossibile dire cosa sia realmente accaduto poiché ciascuna parte del dibattito ha argomenti convincenti a proprio sostegno, anche se ciò non significa che non si possa avanzare una previsione generale. Le conseguenze dell’accusa di Morales ad Arce di aver architettato un falso colpo di stato aggraveranno la rivalità tra i due e allargheranno ulteriormente il divario all’interno della sinistra in vista delle elezioni presidenziali del prossimo anno. È imprevedibile che si riconcilieranno dopo questo e i loro sostenitori probabilmente diventeranno feroci nemici gli uni degli altri.

A seconda di come si svilupperanno le tensioni tra loro nel prossimo futuro, Arce potrebbe fare affidamento sui militari per reprimere i sostenitori di Morales, soprattutto se organizzano proteste a livello nazionale che chiudono le strade principali e peggiorano la già difficile crisi economico-finanziaria del paese. Detto questo, non si può dare per scontato che l’esercito storicamente allineato con gli Stati Uniti rimanga fedele ad Arce, con la possibilità che alcuni membri anziani si sentano profondamente offesi dal fatto che lui abbia presumibilmente orchestrato un falso colpo di stato con Zuniga.

La loro istituzione appare più debole che mai e fu umiliata dopo che Zuniga obbedì alle richieste di Arce di lasciare il palazzo presidenziale. Se percepissero che è diventato più vulnerabile di prima in seguito a quanto appena accaduto, in gran parte a causa del crescente divario all’interno della sinistra, allora potrebbero organizzare un vero e proprio colpo di stato per deporlo. In tal caso, potrebbero benissimo essere collusi con la CIA, e non si può escludere che anche loro cerchino l’appoggio di Milei a causa del loro allineamento ideologico antisocialista.

Per quanto riguarda il leader argentino, non vuole né Arce né Morales al potere nella porta accanto, inoltre ha anche ragioni politiche egoistiche nel sostenere qualsiasi colpo di stato contro di loro (anche se solo in seguito mantenendo aperti i corridoi commerciali se il Brasile di sinistra li blocca come punizione) per distrarre dai problemi domestici. Milei potrebbe anche calcolare che farebbe all’Occidente un grande favore che potrebbe poi ripagare in un modo che aiuti ad alleviare la crisi economico-finanziaria dell’Argentina.

Tenendo presenti queste variabili, ci sono ragioni per aspettarsi che la Bolivia rimarrà impantanata in una crisi multilaterale che è pronta a intensificarsi man mano che il paese si avvicina alle elezioni presidenziali del prossimo anno. Arce dovrà fare i conti con un Morales quasi letteralmente ribelle e gestire la sfiducia dei militari, per non parlare di garantire che la crisi economico-finanziaria non sfugga di mano. Ciascuno di questi compiti è estremamente difficile da solo, per non parlare di tutti insieme, e potrebbe non essere in grado di farcela.

Sequestrare fondi è completamente diverso dall’arrestare un funzionario, ma nessuno dei due sarebbe possibile senza che lo stato preso di mira si assumesse dei rischi investendoli all’estero e facendo in primo luogo viaggiare quelle cifre verso paesi conformi alla Corte penale internazionale.

L’ex presidente russo e vicepresidente in carica del Consiglio di sicurezza Dmitry Medvedev ha affermato durante il suo discorso al Forum legale internazionale di San Pietroburgo della scorsa settimana che il sequestro dei beni di un paese e l’arresto dei suoi funzionari all’estero potrebbero essere considerati casus belli. Si riferiva ai fondi russi per un valore di circa 300 miliardi di dollari che l’Occidente ha congelato nel 2022 e ai “mandati di arresto” della “Corte penale internazionale” (CPI) nei confronti del presidente Putin e di altri funzionari russi.

Però ha metà ragione e metà torto per le ragioni che ora verranno spiegate. Da un lato entrambe le azioni sono aggressive e mirano a danneggiare lo Stato preso di mira, ma in realtà è solo l’arresto dei suoi funzionari che potrebbe prevedibilmente portare allo scoppio delle ostilità convenzionali. Dopotutto, la Russia non si è nemmeno impossessata reciprocamente di una quantità equivalente di beni occidentali all’interno della sua giurisdizione dopo che i suoi erano stati sequestrati in Occidente, sebbene questa sia stata una mossa saggia per mantenere la fiducia internazionale.

Se la Russia avesse fatto esattamente la stessa cosa dell’Occidente, allora i paesi di tutto il mondo potrebbero temere che un giorno anche la Russia possa impossessarsi dei loro beni in caso di crisi, esattamente come ora sospettano che l’Occidente potrebbe fare ed è per questo che la Russia ha ragione. sostenendo che questa mossa ha danneggiato la reputazione dell’Occidente. In ogni caso, il punto è che la Russia non ha considerato motivo di guerra la confisca dei suoi beni in Occidente poiché non ha ancora risposto, rendendo così l’affermazione di Medvedev poco più che retorica.

Tuttavia, ha ragione su come l’arresto dei funzionari di un paese possa facilmente costituire ciò, dal momento che è impossibile immaginare che la Russia o chiunque altro non risponda in modo significativo se il loro capo di stato o i massimi leader militari vengono arrestati all’estero. Gli Stati Uniti, o chiunque sia ad arrestare quelle figure, ovviamente conoscerebbero le conseguenze che ciò comporterebbe, ma allo stesso modo, anche quelle figure avrebbero dovuto conoscere i rischi che corrono viaggiando in paesi dove ciò potrebbe accadere.

Lo stesso si può dire della Russia che mantiene in Occidente asset per un valore di 300 miliardi di dollari, che rischiavano sempre di essere congelati e sequestrati in caso di crisi, ma che rimanevano comunque lì perché era redditizio e i politici pensavano che non sarebbe successo nulla. a loro. Nella loro mente, l’Occidente non avrebbe mai toccato quei fondi a causa del danno reputazionale autoinflitto che ne sarebbe derivato, come è stato spiegato, il che era ovviamente un errore di calcolo anche se fatto in modo abbastanza innocente.

Tuttavia, sequestrare fondi è completamente diverso dall’arrestare un funzionario, ma nessuno dei due sarebbe possibile senza che lo stato preso di mira si assumesse dei rischi investendoli all’estero e facendo in primo luogo trasferire tali cifre verso paesi conformi alla Corte penale internazionale. Il punto generale di Medvedev, tuttavia, è solido, ovvero che gli atti di aggressione non convenzionali possono essere considerati casus belli, ma solo l’arresto di funzionari (indipendentemente da quanto sconsiderati possano essere i loro piani di viaggio) costituirebbe probabilmente una risposta militante.

La potenziale operazione bielorussa dell’Ucraina sembra basata sul calcolo di Kiev secondo cui la Russia potrebbe reagire in modo eccessivo in qualche modo, provocando l’intervento convenzionale della NATO che Zelenskyj spera o reindirizzando le truppe dalla linea del fronte esistente a quella nuova, creando così un’apertura da sfruttare.

Negli ultimi giorni i media bielorussi e russi sono stati inondati di notizie sulle nuove tensioni lungo il confine ucraino-bielorusso causate dal presunto rafforzamento militare dell’Ucraina lì:

* “ Drone che volava dall’Ucraina in Bielorussia abbattuto dal servizio di frontiera ”

* “ Deposito con parti di ordigni esplosivi improvvisati trovato al confine bielorusso-ucraino ”

* “ L’esercito bielorusso schiera lo squadrone MLRS Polonez per coprire sezioni del confine di stato ”

* “ Passaggi aperti al sabotaggio, forze di ricognizione nei campi minati sul lato ucraino del confine bielorusso ”

* “ Il Ministero della Difesa sulle provocazioni al confine con l’Ucraina: pronto a usare tutte le forze per difendere la Bielorussia ”

* “ Ulteriori forze dispiegate per rilevare i droni al confine bielorusso-ucraino ”

* “ L’esercito bielorusso avverte dell’aumento delle tensioni al confine con l’Ucraina ”

* “ Tutti i tipi di misure adottate per contenere la complicata situazione al confine meridionale della Bielorussia ”

* “ Le difese aeree bielorusse registrano un aumento del numero di droni ucraini ”

Ciò fa seguito alle preoccupazioni della Bielorussia nell’ultimo anno dall’inizio della controffensiva, alla fine fallita, di Kiev che potrebbe presto essere attaccata direttamente dall’Ucraina e/o dalla NATO:

* 25 maggio 2023: “ La NATO potrebbe considerare la Bielorussia un ‘frutto a portata di mano’ durante l’imminente controffensiva di Kiev ”

* 1 giugno 2023: “ Lo Stato dell’Unione si aspetta che la guerra per procura NATO-Russia si espanda ”

* 14 giugno 2023: “ Lukashenko ha lasciato intendere con forza che si aspetta incursioni per procura simili a quelle di Belgorod contro la Bielorussia ”

* 14 dicembre 2023: ” La Bielorussia si sta preparando alle incursioni terroristiche simili a Belgorod dalla Polonia ”

* 19 febbraio 2024: “ L’opposizione bielorussa con sede all’estero, sostenuta dall’Occidente, sta progettando revisioni territoriali ”

* 21 febbraio 2024: “ L’Occidente sta complottando una provocazione sotto falsa bandiera in Polonia per incolpare Russia e Bielorussia? ”

* 26 aprile 2024: ” Analisi delle affermazioni della Bielorussia sui recenti attacchi di droni provenienti dalla Lituania ”

Questi sviluppi sopra menzionati coincidono con l’aumento delle tensioni NATO-Russia mentre l’Occidente intensifica la sua delega guerra in Ucraina per la disperazione di ottenere una sorta di vittoria strategica nonostante le probabilità:

* 24 maggio: “ Gli Stati Uniti ora consentono più apertamente all’Ucraina di usare le proprie armi per colpire all’interno della Russia ”

* 26 maggio: “ Gli Stati Uniti stanno giocando un pericoloso gioco di pollo nucleare con la Russia ”

* 30 maggio: “ Putin si aspetta che la NATO, e forse la Polonia in particolare, intensifichino la guerra per procura in Ucraina ”

* 31 maggio: “ L’Ucraina sta diventando una canaglia o ha attaccato i sistemi di allarme rapido della Russia con l’approvazione americana? ”

* 11 giugno: “ Il piano di Kiev di immagazzinare gli F-16 negli stati NATO aumenta il rischio di una terza guerra mondiale ”

* 15 giugno: “ Il patto di sicurezza degli Stati Uniti con l’Ucraina è una consolazione per non aver approvato la sua adesione alla NATO ”

* 16 giugno: ” L’appello di Duda a ‘decolonizzare’ la Russia ha dimostrato che Putin aveva ragione a mettere in guardia su questo complotto ”

* 21 giugno: ” Più difese aeree e attacchi transfrontalieri non cambieranno le dinamiche del conflitto ucraino ”

* 27 giugno: “ Il piano PMC segnalato dagli Stati Uniti per l’Ucraina equivale a un intervento convenzionale parziale ”

* 28 giugno: “ La ‘Linea di difesa dell’UE’ è l’ultimo eufemismo per indicare la nuova cortina di ferro ”

Tutte le informazioni sopra menzionate verranno ora riassunte per comodità del lettore prima di analizzare il significato del presunto rafforzamento militare dell’Ucraina lungo il confine bielorusso.

In breve, la Russia ha già vinto la “ corsa logistica ”/“ guerra di logoramento ” con la NATO, essendo così avanti che ora produce tre volte più proiettili di quel blocco a un quarto del costo. La Russia è quindi pronta a ottenere una svolta militare in prima linea, che la sua nuova spinta nella regione ucraina di Kharkov dovrebbe facilitare, estendendo ulteriormente le forze del difensore. In tal caso, tuttavia, la NATO potrebbe farlo convenzionalmente intervenire in modo asimmetrico spartizione dell’Ucraina.

Il motivo per cui questa sequenza di escalation è così pericolosa è perché la Russia potrebbe temere che qualsiasi forza d’invasione NATO su larga scala che potenzialmente attraversi il Dnepr possa prepararsi ad attaccare le sue nuove regioni. Il dilemma della sicurezza NATO-Russia è così grave in questo momento, a causa delle escalation precedentemente elencate, che tali intenzioni non possono essere escluse con sicurezza se ciò accadesse. La Russia potrebbe quindi ricorrere alle armi nucleari tattiche come ultima risorsa di autodifesa, ergo le sue recenti esercitazioni .

Il presidente Putin preferirebbe che questo scenario oscuro non si realizzasse, ed è per questo che ha recentemente condiviso una generosa proposta di cessate il fuoco nel tentativo di scongiurarlo. Come era prevedibile, l’Ucraina si è rifiutata di ritirarsi dai confini amministrativi delle nuove regioni della Russia, come da lui richiesto, e starebbe invece rafforzando le sue forze lungo il confine bielorusso in preparazione di una possibile offensiva. Mentre il presidente Putin rimane aperto al compromesso , Zelenskyj rimane chiaramente recalcitrante, probabilmente a causa dei timori sul suo futuro politico .

La potenziale operazione bielorussa dell’Ucraina sembra basata sul calcolo di Kiev secondo cui la Russia potrebbe reagire in modo eccessivo in qualche modo, provocando l’intervento convenzionale della NATO che Zelenskyj spera o reindirizzando le truppe dalla linea del fronte esistente a quella nuova, creando così un’apertura da sfruttare. Il primo potrebbe verificarsi se si ricorresse alle armi nucleari tattiche come ultima risorsa di autodifesa o si lanciasse un’altra offensiva dalla Bielorussia, l’ultima delle quali La Repubblica ha riportato all’inizio di maggio scatenerebbe un intervento della NATO.

Per quanto riguarda la seconda dimensione del rischioso calcolo di Kiev, i politici potrebbero aspettarsi significativi guadagni sul campo che potrebbero costringere la Russia a dare priorità a questo nuovo fronte rispetto a quelli esistenti, alleviando così l’enorme pressione sull’Ucraina. In tal caso, potrebbe sfruttare qualunque apertura possa emergere per tornare all’offensiva lungo i fronti orientale e/o meridionale, cosa che potrebbe convenientemente avvenire prima del prossimo vertice della NATO dal 9 all’11 luglio e fornire così un notevole impulso al morale occidentale.

Tuttavia, questa scommessa potrebbe anche fallire e ritorcersi tremendamente contro l’Ucraina, ad esempio se la Russia riuscisse davvero presto a fare una svolta militare in prima linea e poi invadesse il resto delle sue nuove regioni proprio perché Kiev ha erroneamente assegnato così tante delle sue forze all’esercito bielorusso. confine. Inoltre, anche se la NATO potrebbe intervenire convenzionalmente a suo sostegno, l’Ucraina potrebbe perdere molto più territorio a est del Dnepr se il blocco rimanesse sulla sponda occidentale per gestire il dilemma della sicurezza con la Russia.

Allo stesso tempo, è anche possibile che l’intelligence occidentale abbia identificato un serio punto debole da qualche parte lungo il confine bielorusso e abbia detto all’Ucraina di sfruttarlo, nel qual caso questa scommessa potrebbe almeno parzialmente ripagare. È prematuro prevederne il successo o l’insuccesso in ogni caso, ma in ogni caso gli osservatori farebbero bene a tenere d’occhio il confine bielorusso-ucraino poiché il rafforzamento militare di Kiev sembra essere qualcosa di serio e non solo una finta per “psiche- fuori” la Russia.

Il paese è governato da un’oscura rete di élite transnazionali e nazionali unite dalla loro ideologia radicale liberale-globalista.

La disastrosa prestazione di Biden nel dibattito della scorsa settimana ha reso impossibile negare la sua senilità, ma l’élite occidentale sta gaslighting di cui fino ad ora erano presumibilmente ignare. Il Time Magazine ha pubblicato un pezzo intitolato “ Il disastro del dibattito di Biden e la corsa per reprimere il panico democratico ”, che è stato integrato da quello della CNN su come “ i diplomatici stranieri reagiscono con orrore al triste spettacolo del dibattito di Biden ”. Entrambi fanno sembrare che la senilità di Biden sia una sorpresa per tutti quelli che lo conoscevano.

La realtà è che lo sapevano da sempre, ma lo hanno nascosto mentendo e affermando che qualsiasi affermazione in tal senso era “propaganda russa” e/o una “teoria del complotto”, tutto perché in realtà approvavano che i democratici installassero un segnaposto letterale nel testo. Casa Bianca che è liberale – globalista l’élite potrebbe controllare. È stato un rinfrescante cambio di passo da parte di Trump, che era troppo indipendente per i loro gusti nonostante le sue occasionali capitolazioni alle loro richieste, e ha anche rassicurato gli alleati dell’America che lo detestavano.

Entrambi hanno accettato la menzogna secondo cui Biden è in ottime condizioni mentali per ragioni di convenienza politica, ma ora è impossibile continuare più a lungo con la farsa, ecco perché fingono tutti sorpresa e shock. All’élite non dovrebbe essere permesso di farla franca con il loro ultimo gaslighting e dovrebbero essere smascherati per uno dei più grandi insabbiamenti della storia americana. Il paese è governato da un’oscura rete di élite transnazionali e nazionali unite dalla loro ideologia radicale liberale-globalista.

Biden è stato scelto come candidato dei democratici nel 2020 proprio perché era già rimbambito e quindi completamente controllabile. Quel partito, che funge da volto pubblico della suddetta rete d’élite, voleva qualcuno che facesse tutto ciò che chiedevano sul fronte della politica interna ed estera. In particolare, hanno cercato di trasformare l’America in un inferno liberal-globalista mentre intensificavano il contenimento della Russia in Ucraina da parte della NATO , ma la seconda politica è fallita dopo lo speciale iniziata l’operazione .

Tuttavia, non avranno mai un’altra possibilità di insediare qualcuno come Biden dal momento che il 2020 è stato un anno elettorale eccezionale a causa del referendum su Trump – che una parte significativa del pubblico è stata precondizionata a credere erroneamente sia il nuovo Hitler – e per posta- nelle votazioni a causa del COVID-19. Queste condizioni non potranno mai più essere replicate nello stesso modo, non importa quanto duramente le élite ci provino, motivo per cui hanno deciso di mantenere Biden come loro candidato invece di sostituirlo all’inizio.

Anche se ora c’è una spinta di alcuni vogliono che venga sostituito durante l’imminente convention nazionale del partito, Politico e NBC News, tra gli altri, hanno entrambi sottolineato che questo sarebbe un processo difficile, quindi non c’è alcuna garanzia che ci proveranno seriamente. Detto questo, potrebbe anche subire una sorta di emergenza che lo rende inabile più di quanto non sia già, quindi lo scenario non può essere escluso. In tal caso, faranno comunque tutto il possibile per far luce sul fatto che non avevano idea che fosse così malsano.

Qualsiasi riconoscimento della loro consapevolezza rivelerebbe il loro ruolo nel colpo di stato di fatto del 2020 , che è stato l’ultimo delle élite dopo quelli del 2001, 1974 e 1963. All’epoca, l’11 settembre veniva sfruttato come pretesto per prendere la sicurezza nazionale. stato al suo livello successivo, mentre le dimissioni di Nixon di fronte allo scandalo Watergate della CIA avevano lo scopo di rimuovere un leader visionario veramente indipendente e popolare. Per quanto riguarda l’assassinio di Kennedy, molti credono che avesse lo scopo di fermare il suo ritiro programmato dal Vietnam .

L’ultimo colpo di stato dell’élite aveva lo scopo di potenziare la preesistente traiettoria liberale-globalista degli Stati Uniti dopo che Trump l’ha parzialmente compensata con le sue politiche nazionaliste-conservatrici, che hanno reso necessario provocare una guerra per procura con la Russia al fine di unificare l’Occidente attorno a questa causa ideologica. Il danno è già stato riparato e in gran parte è irreparabile, ma il ritorno al potere di Trump sarebbe comunque meglio per gli americani e per il resto del mondo, motivo per cui le élite sono fermamente contrarie.

Indipendentemente dal fatto che venga presa o meno la decisione di sostituire Biden, che ha i suoi vantaggi come mettere al ballottaggio un candidato più attraente per il pubblico ma anche i suoi svantaggi come alimentare il panico sulle prospettive elettorali del partito, l’élite farà di tutto per nascondere ciò che sa della sua senilità. Riconoscere che lo sapevano lascerebbe pochi dubbi nella mente di molti sul fatto che le elezioni del 2020 siano state in realtà l’ultimo colpo di stato dell’élite, ed è per questo che stanno esagerando con il gaslighting su come sono sorpresi.

In India non vengono maltrattati i cristiani, sono solo le bande terroristiche-separatiste del Myanmar che sfruttano il cristianesimo come falso pretesto per i loro crimini ad essere prese di mira dalle forze di sicurezza. Il piano americano di creare uno stato cristiano per procura fuori dalla regione attraverso i militanti estremisti Kuki fallirà.

L’ ultimo rapporto della Commissione statunitense per la libertà religiosa internazionale (USCIRF) ha criticato l’India per i suoi presunti abusi nei confronti delle minoranze religiose, con un’enfasi specifica posta su quelle cristiane. I rapporti precedenti tendevano a concentrarsi sui musulmani e recentemente sui sikh, con i primi tradizionalmente sostenuti dai democratici degli Stati Uniti mentre un terrorista separatista designato a Delhi dal secondo è al centro dell’ultima disputa indo-americana di cui si può leggere qui. poiché spiegare va oltre lo scopo di questo pezzo.

“ Il Bangladesh ha messo in guardia contro un complotto occidentale per ritagliarsi uno stato proxy cristiano nella regione ” a fine maggio, dopo che il primo ministro Sheikh Hasina aveva pubblicamente affermato che un paese occidentale senza nome, che dal contesto era inteso come gli Stati Uniti, sta perseguendo questo progetto geopolitico per ragioni strategico-militari. Lo sfondo riguarda la violenza provocata a Manipur più di un anno fa dalle bande terroristiche separatiste cristiane Kuki dedite al narcotraffico provenienti dal Myanmar, dove gli Stati Uniti sostengono una serie di ribelli .

Un mese prima, alla fine di aprile, “ gli evangelici americani avevano definito anticristiana la recinzione del confine tra India e Myanmar ” dopo che “Christianity Today” del defunto Billy Graham aveva pubblicato un pezzo di successo su quel paese, che col senno di poi può essere visto come un tentativo di far inasprire i repubblicani. La narrazione dei democratici sui presunti abusi statali contro i musulmani si combina quindi con quella emergente sui presunti abusi contro i cristiani per creare un sostegno bipartisan per adottare una linea più dura contro l’India.

Gli Stati Uniti non dimenticheranno mai come l’India abbia orgogliosamente respinto pressioni senza precedenti affinché scaricasse la Russia e si sia invece impegnata con aria di sfida a raddoppiare i legami con essa, il che ha dimostrato che questo stato dell’Asia meridionale rimane strategicamente autonomo nella Nuova Guerra Fredda nonostante i suoi stretti legami con gli Stati Uniti. Anche se i due condividono interessi nella gestione dell’ascesa della Cina, interessi che oggi si concretizzano nella tacita riapertura del “ Tibet” Domanda ”, gli Stati Uniti sono ancora arrabbiati con il loro partner per aver rifiutato di diventare un procuratore .

Qui sta il motivo per cui l’USCIRF ha iniziato a enfatizzare il presunto abuso dei cristiani da parte dell’India, poiché questa narrazione emotiva di guerra dell’informazione è intesa a garantire il sostegno bipartisan per le sanzioni potenzialmente imminenti del tipo che la commissione ha esplicitamente raccomandato nel suo rapporto. Sebbene abbiano suggerito solo misure mirate, la loro eventuale imposizione intossicarebbe comunque i legami bilaterali, per non parlare del fatto che gli Stati Uniti seguissero il loro consiglio di sollevare la questione in tutti gli eventi bilaterali e multilaterali.

È con questi scenari credibili in mente, i cui scritti erano già sul muro prima della pubblicazione dell’ultimo rapporto provocatorio, che il Primo Ministro Modi ha deciso di visitare presto la Russia per rafforzare ulteriormente il loro partenariato strategico speciale e privilegiato come copertura contro i rapporti indo-americani. problemi. Il ministro degli Esteri russo Lavrov ha recentemente elogiato l’India per il suo approccio multipolare alle relazioni internazionali, che pone le basi affinché il prossimo vertice Modi-Putin diventi una pietra miliare nei loro rapporti.

Le ultime false preoccupazioni degli Stati Uniti sui legami tecnologici indo-russi, che secondo la mente della strategia indo-pacifica potrebbero ostacolare la cooperazione indo-americana in questa sfera, non impediranno in alcun modo una più stretta cooperazione tra loro. Il governo indiano sapeva già che gli Stati Uniti erano inaffidabili, ma il rapporto dell’USCIRF ha dimostrato che, al di là di ogni dubbio, nella mente del suo popolo, che si oppone all’adozione di sistemi ibridi, Guerra contro di loro manipolando le percezioni sul loro stato-civiltà storicamente cosmopolita .

In India non vengono maltrattati i cristiani, sono solo le bande terroristiche-separatiste del Myanmar che sfruttano il cristianesimo come falso pretesto per i loro crimini ad essere prese di mira dalle forze di sicurezza. Il piano americano di ricavare uno stato cristiano per procura fuori dalla regione attraverso i militanti estremisti Kuki fallirà e la Russia sosterrà pienamente l’India, anche attraverso l’ulteriore invio di armi e munizioni, mentre difende la sua integrità territoriale di fronte a questo tradimento da parte dei suoi nuovo partner strategico.

Il punto centrale del rebranding di quella che era stata inizialmente concettualizzata come “Linea di difesa del Baltico” è quello di commercializzare questo progetto come un progetto paneuropeo inclusivo che si suppone sia stato costruito per il “bene superiore” dei cittadini del blocco.

La Polonia e gli Stati baltici hanno appena richiesto finanziamenti all’UE per finanziare quella che ora chiamano la ” Linea di difesa dell’UE “, che in realtà è solo l’ultimo rebranding della “Linea di difesa del Baltico” di gennaio, che è stata poi ribattezzata “Scudo del Baltico” prima della sua ultima iterazione . È stato durante la seconda fase concettuale che il progetto si è unito alla Polonia e ha gettato le basi per un’iniziativa congiunta “Shield”. Ecco cinque briefing di base per quei lettori che non hanno seguito da vicino questo progetto:

* 22 gennaio: “ La ‘Linea di difesa baltica’ ha lo scopo di accelerare lo ‘Schengen militare’ a guida tedesca ”

* 13 maggio: “ Il rafforzamento delle fortificazioni al confine della Polonia non ha nulla a che fare con la percezione di una minaccia legittima ”

* 25 maggio: “ Si sta costruendo una nuova cortina di ferro dall’Artico all’Europa centrale ”

* 2 giugno: “ La Polonia può difendersi dall’invasione degli immigrati clandestini senza aggravare le tensioni con la Russia ”

* 7 giugno: “ Il vertice NATO del mese prossimo potrebbe vedere la maggior parte dei membri aderire allo ‘Schengen militare’ ”

Per riassumere, gli Stati Uniti prevedono che la Germania utilizzi lo “Schengen militare” per accelerare la costruzione della “ Fortezza Europa ”, che consentirà alla Germania di contenere la Russia per volere degli Stati Uniti, mentre gli Stati Uniti “ritorneranno verso l’Asia” per contenere in modo più vigoroso la Cina. Le due analisi precedenti, collegate tramite collegamenti ipertestuali, elaborano il concetto di “Fortezza Europa” per coloro che desiderano saperne di più. Questo progetto è fondamentalmente incentrato sul ripristino della traiettoria di superpotenza tedesca perduta da tempo con il sostegno americano.

La sua rilevanza per la “Linea di Difesa dell’UE” è che il finanziamento (almeno parziale) del blocco guidato dalla Germania servirà probabilmente come pretesto per un coinvolgimento diretto della Germania nella sua costruzione, soprattutto se Lettonia ed Estonia aderiranno allo “Schengen militare” durante il prossimo futuro. Vertice della NATO come previsto da una delle analisi precedentemente citate. La richiesta della Polonia di assistenza alla polizia tedesca per proteggere il confine del blocco con la Bielorussia facilita anche la probabilità che Berlino svolga un ruolo di primo piano nella costruzione della “Linea di difesa dell’UE”.

Una delle altre analisi menzionate in precedenza era collegata alla nuova cortina di ferro che dovrebbe calare sull’UE dall’Artico all’Europa centrale, con i suoi confini più settentrionali che si riferiscono allo scenario in cui la Finlandia si unisce a quella che ora è stata ribattezzata “Linea di difesa dell’UE”. . In tal caso, una moderna linea Maginot verrebbe costruita lungo il confine UE/NATO-Russia, anche se questa volta con la Germania a prendere l’iniziativa nella sua costruzione (e con il pieno sostegno americano) al posto della Francia.

Il punto centrale del rebranding di quella che era stata inizialmente concettualizzata come “Linea di difesa del Baltico” è quello di commercializzare questo progetto come un progetto paneuropeo inclusivo che si suppone sia stato costruito per il “bene superiore” dei cittadini del blocco. Questa nozione ha lo scopo di giustificare il finanziamento dell’UE dal momento che la Polonia e gli Stati baltici non vogliono pagare da soli l’intero conto (né probabilmente possono permetterselo), rafforzando allo stesso tempo la falsa percezione di una cosiddetta “minaccia russa” progettata per radunare il popolo del blocco attorno a questa causa condivisa.

Considerando la sovrapposizione di interessi militari, politici e strategici in gioco, si dovrebbe quindi dare per scontato che la “linea di difesa dell’UE” verrà probabilmente costruita e funzionerà quindi come la nuova cortina di ferro. Simboleggerà la Nuova Guerra Fredda per la prossima generazione e garantirà che le tensioni NATO-Russia rimangano la “nuova normalità”. Nessuna normalizzazione tra questi due paesi sarà mai possibile dopo la costruzione di queste fortificazioni, ma è esattamente ciò che gli Stati Uniti vogliono per dividerli e governarli indefinitamente.

A Lavrov è stato chiesto direttamente di esprimere la sua opinione sull’osservazione secondo cui “l’India ora tende maggiormente verso gli Stati Uniti”, che il suo interlocutore ha provocatoriamente aggiunto che ora è anche un’opinione tra alcuni in Russia.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha condiviso alcuni approfondimenti dettagliati sulla geopolitica indiana durante le letture di Primakov di mercoledì , che è importante interpretare considerando il dibattito tra alcuni nella comunità Alt-Media (AMC) sul ruolo di quel paese nella transizione sistemica globale . Nell’ordine dei punti che ha sollevato su questo argomento, il massimo diplomatico russo ha iniziato descrivendo la troika Russia-India-Cina (RIC) del suo predecessore Yevgeny Primakov come l’antenata dei BRICS.

Ha poi espresso la fiducia che l’India farà ciò che è necessario per continuare a svilupparsi nel caso in cui venga mai sanzionata dagli Stati Uniti come lo è attualmente la Cina e non sia in grado di acquistare la tecnologia di quel paese. Lavrov ha poi parlato della partecipazione dell’India al Quad, facendo riferimento all’insistenza di quel paese sul fatto che i suoi interessi non hanno nulla a che fare con la cooperazione militare , ma avvertendo tuttavia che gli Stati Uniti sperano ancora di coinvolgere quel gruppo in tali piani contro la Cina.

Successivamente è stato chiesto direttamente a Lavrov di esprimere la sua opinione sull’osservazione secondo cui “l’India ora tende maggiormente verso gli Stati Uniti”, che il suo interlocutore ha provocatoriamente aggiunto che ora è anche un’opinione tra alcuni in Russia. Probabilmente si trattava di un riferimento alla fazione politica pro-BRI emersa lo scorso anno, che ritiene che la Russia dovrebbe accelerare la traiettoria della superpotenza cinese anche a costo di diventare il suo “partner junior” come vendetta contro gli Stati Uniti per tutto ciò che è accaduto dal 2022. .

Hanno una visione a somma zero delle relazioni internazionali poiché sono convinti che una forma di bi-multipolarità sino-americana sia inevitabile e di conseguenza sospettano che la politica di multiallineamento dell’India sia solo una scusa per mascherare la sua inclinazione verso gli Stati Uniti. I loro “rivali amichevoli” sono la fazione equilibratrice/pragmatica, che crede che sia ancora possibile ostetricare il complesso multipolarismo in collaborazione con l’India, che considerano un contrappeso per evitare preventivamente una dipendenza potenzialmente sproporzionata dalla Cina.

Questo contesto è fondamentale da tenere a mente poiché inquadra l’intuizione che Lavrov ha condiviso in risposta. Ha iniziato ricordando a tutti quanto siano antiche le loro relazioni strategiche e quanto siano diventate forti nei quasi ottant’anni trascorsi dall’indipendenza dell’India. Ha poi fatto riferimento ancora una volta al RIC, ma ha aggiunto che non è stato in grado di incontrarsi negli ultimi anni perché l’India ha richiesto prima la risoluzione della sua disputa sul confine con la Cina , cosa che Lavrov ha detto che “noi (Russia) capiamo”.

La cosa successiva che ha detto è stata che gli Stati Uniti non vogliono che il RIC si riunisca, suggerendo così che quei due dovrebbero risolvere rapidamente questa impasse per non promuovere inavvertitamente gli interessi americani del divide et impera. Su questo argomento, Lavrov si è basato sul suo precedente avvertimento sui piani degli Stati Uniti per affermare esplicitamente che “è anche chiaro che gli Stati Uniti stanno cercando di trascinare l’India nel progetto anti-Cina. Tutti capiscono di cosa stiamo parlando”, ma poi ha lodato l’India per aver sfidato le pressioni degli Stati Uniti per scaricare la Russia.

Un altro punto importante sottolineato da Lavrov è stato quello di attirare l’attenzione su come Cina e India siano in rapporti di complessa interdipendenza con il modello occidentale di globalizzazione formato dagli Stati Uniti, anche se ha subito chiarito che comprendono ancora la necessità di riformare questo sistema. Le sue osservazioni, riassunte nei due paragrafi precedenti, possono essere interpretate come un sincero riconoscimento di quanto sia grave la disputa sino-indocana e dell’impatto che può avere sulla multipolarità.

Ha pragmaticamente evitato di incolpare entrambe le parti, anche se la sua battuta su come “noi (Russia) comprendiamo” la posizione dell’India di non riprendere i colloqui RIC fino a quando la disputa sul confine con la Cina non sarà risolta suggerisce una educata riaffermazione della coerente politica di Mosca di sostenere sempre le pretese di Delhi su quelle di Pechino. Questa insinuazione è stata poi controbilanciata da avvertimenti sui secondi fini degli Stati Uniti in alcuni dei loro impegni con l’India, senza tuttavia implicare che l’India sarà mai ricettiva nei loro confronti.

Il commento finale di Lavrov su come i partner RIC del suo Paese si trovano in relazioni di complessa interdipendenza con il modello occidentale di globalizzazione aveva lo scopo di trasmettere che la Russia comprende il motivo per cui India e Cina sono ancora impegnate nel dialogo e nel commercio con gli Stati Uniti. Il segnale inviato è che i sostenitori del suo paese nell’AMC non dovrebbero speculare sconsideratamente che uno di questi due abbia motivi nefasti nel mantenere quelle relazioni come alcuni hanno fatto rispetto a quelli indo-americani.

India e Cina continueranno a mettere i loro interessi nazionali al primo posto poiché i loro leader li capiscono veramente quando trattano con gli Stati Uniti, e i legami di fiducia della Russia con ciascuno di loro significano che la sua stessa leadership non metterà in dubbio le loro intenzioni poiché sa che sono non diretti contro il loro paese. Anche così, la Russia preferirebbe che questi due risolvessero la loro disputa sui confini il prima possibile poiché teme che gli Stati Uniti la sfruttino per dividerli e governarli, il che potrebbe avere gravi implicazioni per l’Eurasia.

Questo non vuol dire che la Russia tema lo scenario in cui l’India diventi un burattino americano, ma solo che comprende la loro convergenza indipendente di interessi nei confronti della Cina, che oggi sta assumendo la forma di una tacita riapertura della “questione Tibet” come spiegato qui e qui . Ciò spiega perché si è iniziato a promuovere un nuovo sistema di sicurezza eurasiatico al fine di creare idealmente le condizioni affinché India e Cina possano risolvere in modo sostenibile i loro problemi e ridurre di conseguenza il rischio di un altro conflitto.

I lettori possono saperne di più su questi sforzi qui e qui , che vanno oltre lo scopo di questa analisi dettagliata, ma sono rilevanti se si ricorda che il Primo Ministro Modi è pronto a visitare Mosca il mese prossimo, quindi anche questo potrebbe finire all’ordine del giorno dei suoi colloqui. con il presidente Putin. Nel complesso, il risultato dell’intuizione di Lavrov sulla geopolitica indiana è che la Russia ha una comprensione matura e articolata della sua politica di multi-allineamento, e confida che l’India rimarrà sempre un partner affidabile.

Per un’esperienza completa, aggiorna il tuo abbonamento.

Upgrade a pagamento

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

RICHARD BECK _ BIDENISMO ALL’ESTERO

RICHARD BECK

BIDENISMO ALL’ESTERO

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

Il nuovo libro del giornalista di Politico Alexander Ward, The Internationalists: The Fight to Restore American Foreign Policy after Trump, è un documento che potrebbe risultare interessante per gli storici tra qualche decennio. Il libro, che è una narrazione vivace dei primi due anni di politica estera americana sotto Biden, illustra i contributi del consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan e del segretario di Stato Antony Blinken, due delle figure più potenti dell’amministrazione. Spiega come hanno digerito la sconfitta di Hillary Clinton nel 2016 per mano di Donald Trump e poi hanno usato i loro quattro anni di assenza dal potere per sviluppare una politica estera in grado di resistere agli attacchi del populismo di destra, isolando così uno sforzo a più lungo termine per rafforzare la posizione globale dell’America contro la sconclusionatezza della politica interna del Paese.footnote1

Secondo Ward, i democratici hanno iniziato a formulare questo programma presso National Security Action, un thinktank e “incubatore” fondato da Sullivan e dallo speechwriter di Obama Ben Rhodes nel 2018. Mentre Biden faceva campagna elettorale per il 2020 e poi assumeva l’incarico l’anno successivo, e mentre la sua amministrazione era composta da persone che avevano trascorso del tempo alla National Security Action, la nostra politica estera è stata condensata in due slogan. Uno di questi era “una politica estera per la classe media”: l’idea era che Biden avrebbe perseguito solo obiettivi che poteva plausibilmente descrivere come materialmente vantaggiosi per gli americani comuni.footnote2 Questa divenne una componente chiave dei suoi sforzi per vendere il ritiro dall’Afghanistan del 2021 al grande pubblico: perché continuare a buttare soldi in una guerra non vincente quando invece potevano essere spesi per le infrastrutture o per l’industria verde a casa? Il secondo slogan affermava che “la sfida più grande del mondo è quella tra autocrazie e democrazie”.nota3 Questo mirava a posizionare Trump e i suoi sostenitori come parte di un asse autoritario globale che comprendeva anche Putin, Xi e Kim Jong-Un. Non si poteva difendere e rivitalizzare la democrazia in patria – e il 6 gennaio aveva chiarito che tale difesa era necessaria – senza affrontare i leader che lavoravano per erodere la democrazia all’estero.

La visione del mondo dei Democratici

Secondo Ward, lo sforzo di riparare le relazioni con l’Europa dopo quattro anni di caos indotto da Trump è stato motivato quasi interamente dall’idea di Biden che gli Stati Uniti non potevano permettersi di affrontare la Russia come superpotenza solitaria. Dovevano farlo come leader di un sistema mondiale, un “ordine internazionale basato su regole”, per usare l’eufemismo preferito dal nostro momento storico per “impero”. Se l’intervento americano nei Balcani aveva certificato la continua utilità della Nato in un mondo non più definito dal conflitto tra grandi potenze, una risposta collettiva all’aggressione di Putin avrebbe confermato che la Nato continuava a essere utile in un mondo in cui tale conflitto era tornato. Se Putin riuscisse a cancellare l’Ucraina dalla carta geografica”, scrive Ward, “il mondo che l’America ha contribuito a costruire crollerebbe sotto gli occhi di questa amministrazione”.nota4 Oppure, come ha detto un generale mentre Biden si preparava a tenere un discorso a Varsavia dopo l’invasione, “dobbiamo preservare l’ordine che ha portato pace e stabilità nel mondo dalla fine della Seconda guerra mondiale. Se Putin vince, l’ordine sparisce. Si creerebbero le condizioni per la prossima grande guerra”.nota5

L’amministrazione Biden considerava la Cina una sfida ancora più grande. La sua strategia di sicurezza nazionale dell’ottobre 2022 non lasciava dubbi sul fatto che la competizione con Pechino fosse ormai il principio organizzativo della politica estera degli Stati Uniti. La Repubblica Popolare Cinese”, si legge, “ha l’intenzione e, sempre più, la capacità di rimodellare l’ordine internazionale a favore di uno che inclini il campo di gioco globale a suo vantaggio”. I prossimi dieci anni, avverte, saranno il “decennio decisivo”, una frase che ripete cinque volte. Impedire alla Cina di superare gli Stati Uniti come economia più forte del mondo e di affermarsi come egemone regionale in Asia orientale “richiederà agli Stati Uniti nell’Indo-Pacifico più di quanto ci sia stato chiesto dalla Seconda guerra mondiale”, un’affermazione che colpisce se si considerano le risorse che gli Stati Uniti hanno dedicato ai loro conflitti in Corea e Vietnam. footnote6 Sebbene gli scambi dell’amministrazione Biden con la Cina non abbiano comportato un’azione di sabotaggio come quella di Trump, è anche chiaro che il conflitto militare è sul tavolo nel caso in cui la competizione economica non dovesse andare bene per gli Stati Uniti.

I capi di Stato sono obbligati a sostenere che il periodo in cui assumono il potere è cruciale per il futuro del loro Paese, e gli americani che hanno vissuto gli oltre dieci anni di isteria che hanno seguito l’11 settembre, che hanno passato anni a sentirsi dire che Al Qaeda e l’Isis non avevano solo il desiderio ma la capacità di mettere in ginocchio gli Stati Uniti, possono essere comprensibilmente sospettosi di tale retorica. Ma la comprensione di Biden della posta in gioco per l’egemonia americana è probabilmente ragionevole. Putin può essere paranoico, ma non è un “pazzo”, e non avrebbe invaso l’Ucraina se non avesse deciso che gli Stati Uniti – e, per estensione, il sistema di alleanze che funge da base del suo potere transoceanico – erano più deboli che in qualsiasi momento degli ultimi trent’anni. E con la Cina, gli Stati Uniti si trovano ad affrontare un rivale credibile per lo status di superpotenza per la prima volta in quarant’anni. Queste sfide alla nostra supremazia sono arrivate in un momento in cui la capacità dell’America di tenere in riga sia i suoi alleati che i suoi nemici è notevolmente diminuita. Come lamentava un funzionario a Ward poco prima dell’invasione di Putin, “stiamo facendo tutto bene e i russi probabilmente ci invaderanno comunque”. Ward gli chiese se questo “significasse qualcosa di più grande: che l’America, anche quando tutto andava bene, non riusciva più a fermare le grandi crisi globali”. Il funzionario rispose: “Sì, questo è certamente parte della frustrazione”.footnote7

Il vero interesse del libro di Ward, tuttavia, è che condivide la visione del mondo, le fantasie e i punti ciechi del Partito Democratico. È una manifestazione dell’ideologia che tenta di descrivere. Ward sembra essere infatuato delle stelle della politica estera dell’Amministrazione, in particolare di Sullivan, che un lealista di Clinton descrive come “essenzialmente un talento che capita una volta nella generazione”. Sullivan, il più giovane consigliere per la sicurezza nazionale dai tempi di McGeorge Bundy, è stato nominato “Most Likely to Succeed” nella sua scuola superiore del Minnesota, dove gli insegnanti “si complimentavano per la sua capacità di consegnare compiti scritti in modo impeccabile”. Si è laureato summa cum laude a Yale, è andato a Oxford con una borsa di studio Rhodes e poi è tornato a Yale per laurearsi in legge. Come collaboratore della campagna elettorale di Amy Klobuchar per il Senato, ha impressionato i suoi colleghi dimostrando una “straordinaria capacità” di ricordare i testi di Billy Joel.footnote8 Quando qualcuno inizia a dirvi che ricordare i testi delle canzoni pop non è solo impressionante, ma straordinario, implicando che tale capacità può essere annoverata tra le qualifiche di qualcuno per servire come Consigliere per la Sicurezza Nazionale, siete entrati nel mondo ideologico del Partito Democratico. Dei contributi intellettuali di Sullivan al pensiero globale dell’America non si sente parlare molto (a un certo punto Ward elogia Sullivan persino per non aver mai rivelato “quale fosse il suo vero punto di vista sull’Afghanistan”).footnote9 Ward presenta Sullivan più come un pubblicitario, qualcuno con idee su come i Democratici potrebbero vendere meglio il vecchio piano di politica estera (supremazia americana per sempre, perché è la cosa giusta da fare) a elettori le cui preferenze di consumo si sono evolute. Leggendo tra le righe, si sospetta che l’apparente mancanza di ambizione intellettuale di Sullivan abbia a che fare con il suo successo professionale. Essere un ragazzo prodigio agli occhi di Hillary Clinton e Joe Biden significa probabilmente dire agli anziani che hanno sempre avuto ragione.

La storia più grande che Ward racconta è naturalmente quella della decenza, delle battute d’arresto, della perseveranza e del trionfo finale. I futuri capitani della politica estera trascorrono l’amministrazione Trump nel “deserto”, come Ward intitola la prima sezione del libro. Assumono il potere con una visione grandiosa per il ripristino della leadership globale dell’America, ma prima devono liberare gli Stati Uniti dal pantano dell’Afghanistan, e il ritiro si rivela più caotico di quanto si potesse prevedere (ecco la battuta d’arresto). Deciso a farsi ricordare per qualcosa di più dell’Afghanistan, l’A-Team della politica estera si tira fuori dal tappeto e raduna il mondo libero in difesa dell’Ucraina, convincendo infine un’Europa scettica che Putin sta per mettere in pratica anni di minacce. Questa dimostrazione di forza diplomatica non è sufficiente a dissuadere Putin dall’invadere l’Ucraina, ma l’esercito russo si impantana nelle campagne e non riesce a conquistare Kiev, e il previsto trionfo dell’autocrate si trasforma in un umiliante stallo. Sebbene il destino dell’Ucraina continui a essere in bilico, il nostro Paese è tornato a sedere a capotavola. Il libro di Ward si conclude con un quasi panegirico al bidenismo all’estero. L’America era pronta per il rinnovamento”, si legge nelle frasi finali del libro. Il mondo era da rifare. C’erano almeno altri due anni per farlo”.nota10

Tutto questo suona un po’ psichedelico dalla prospettiva del 2024, in particolare la frase “Il mondo era lì da rifare”, una fantasia che diventa più difficile da sostenere ogni anno che passa. Ma mentre The Internationalists è stato pubblicato nel febbraio del 2024, sembra essere stato scritto, modificato, corretto e impaginato il 6 ottobre 2023. Il 7 ottobre, Hamas e altri gruppi di resistenza palestinese hanno fatto esplodere diverse fantasie alla base della politica estera di Biden. Una era l’idea che gli Stati Uniti potessero staccarsi dal Medio Oriente senza cedere una certa misura di controllo sulle dinamiche di potere della regione. Un’altra era l’idea che l’America rimanesse l’unico vero protagonista degli affari internazionali, e che il resto del mondo si sarebbe seduto ad aspettare di essere “rifatto” piuttosto che cercare di fare qualcosa da solo. La terza era la fantasia che la politica estera americana potesse essere rivitalizzata, e un nuovo secolo di egemonia assicurata, semplicemente escogitando nuovi modi per pubblicizzare la vecchia politica estera. Il risultato è che Biden sembra destinato a lasciare l’incarico – che sia nel 2025, nel 2029 o in una data intermedia – avendo intensificato proprio le crisi dell’egemonia americana che cercava di risolvere.

Impero a crescita lenta

Le radici della crisi imperiale americana sono ormai note: il rallentamento della crescita globale a partire dagli anni Settanta, a causa della persistente sovraccapacità produttiva, con il conseguente aumento della disoccupazione e della sottoccupazione strutturale, l’aumento della disuguaglianza economica e l’aumento dell’instabilità politica tra le crescenti popolazioni eccedentarie del mondo. Non riuscendo a risolvere il problema della sovraccapacità manifatturiera innescando una nuova ondata di crescita globale, gli Stati Uniti hanno tentato più volte di dare un impulso alla performance economica con altri mezzi, in particolare con l’inflazione dei prezzi degli asset.footnote11 Dalla bolla delle dot-com degli anni Novanta al boom immobiliare degli anni Duemila, fino alla decisione della Federal Reserve di mantenere i tassi di interesse il più bassi possibile dal 2008 al 2022, nessuna versione dell’inflazione dei prezzi degli asset ha mai prodotto più di un rimedio temporaneo, e alcune di esse sono culminate in crisi distruttive. Tuttavia, gli Stati Uniti non possono abbandonare del tutto l’inflazione dei prezzi degli asset, come dimostra l’attuale eccessiva dipendenza del mercato azionario da una manciata di giganti tecnologici. Ogni volta che una nuova start-up annuncia di aver sbloccato il potenziale della blockchain, delle criptovalute, dei computer indossabili o (più recentemente) dell’intelligenza artificiale, gli investitori e i politici sono ansiosi di ascoltarla, e non è difficile capire perché. Per gli investitori, ricchi di capitale in eccesso, ogni annuncio di questo tipo significa un’altra vincita speculativa, mentre per i politici ogni innovazione nascente rappresenta un’allettante possibilità di crescita. Se una delle invenzioni della Silicon Valley dovesse mai realizzare questo potenziale, gli Stati Uniti potrebbero sperare in una nuova era di dominio continuo.

Nel frattempo, però, Washington ha pianificato e si è adattata a un mondo in cui la crescita continua a rallentare nonostante i migliori sforzi dei suoi imprenditori tecnologici, un mondo in cui gli Stati Uniti dovranno fare affidamento su un uso più generalizzato della coercizione per rimanere in cima alla piramide. È in questi piani e aggiustamenti che si può scorgere una visione più realistica per il mantenimento delle prerogative imperiali. La guerra al terrorismo, lanciata dopo l’11 settembre, è stata finora il più importante di questi aggiustamenti. Inquadrando il conflitto con l’islamismo in termini globali ed enfatizzando la natura amorfa del nemico, gli Stati Uniti hanno avanzato una logica di militarizzazione delle proprie relazioni con gran parte del mondo, dispiegando forze speciali e droni Predator per sorvegliare le sacche di disordine nei Paesi poveri e a medio reddito, proprio come le forze dell’ordine nazionali pattugliano le comunità povere del proprio Paese. Con la sua potenza militare diffusa in regioni critiche del mondo in via di sviluppo piuttosto che ammassata lungo un fronte particolare, gli Stati Uniti hanno cercato di assicurarsi di poter gestire e contenere le conseguenze globali della frattura dell’ordine economico che supervisionavano. Non era una soluzione alla crisi in atto dagli anni Settanta, ma era la migliore alternativa disponibile: una militarizzazione più approfondita delle relazioni globali poteva almeno far guadagnare tempo a Washington in attesa che si materializzasse la prossima ondata di crescita.

Al momento dell’insediamento di Trump, tuttavia, sono apparse due sfide che non potevano essere affrontate nel quadro della guerra al terrorismo. La prima era la Russia, che non si era rafforzata enormemente di per sé, ma si era almeno ripresa un po’ dal disastro economico seguito al crollo dell’URSS. Putin riteneva che gli Stati Uniti fossero stati sufficientemente indeboliti – grazie alla combinazione dell’invasione dell’Iraq, della crisi finanziaria globale e di una posizione militare generalmente eccessiva – da consentirgli di essere più assertivo riguardo alle sue preoccupazioni sulla continua espansione della Nato verso est. La seconda sfida, la Cina, rappresentava la minaccia più seria, perché questo Paese si era molto rafforzato. Nei primi due decenni del XXI secolo, gli analisti tradizionali erano quasi concordi nel ritenere che l’economia cinese avrebbe superato quella americana in termini di PIL. Oggi, pur alle prese con gravi problemi, la Cina continua a beneficiare di relazioni commerciali sempre più profonde con il mondo emergente e i suoi vantaggi di costo nella produzione di beni di consumo durevoli, come le auto elettriche, rappresenteranno probabilmente una seria sfida per gli Stati Uniti per decenni. Non è una situazione che gli americani conoscono bene: gli Stati Uniti vantano l’economia più grande del mondo dalla fine del XIX secolo e sono lo Stato nazionale più potente del mondo dalla seconda guerra mondiale. Ora, per la prima volta da generazioni, la supremazia americana non può essere data per scontata e, secondo alcune misure, la sua supremazia economica è già finita. A parità di potere d’acquisto, il PIL della Cina ha superato quello degli Stati Uniti intorno al 2016.footnote12

Il “perno” americano verso il confronto con la Cina è iniziato seriamente con l’invio da parte di Obama di un gruppo di portaerei nella regione e con il Partenariato Trans-Pacifico, un accordo commerciale progettato per smorzare l’influenza economica della Cina sull’area del Pacifico. Il Tpp è stato firmato nel 2016, ma nel 2017 Trump ha annullato l’accordo per motivi personali idiosincratici. Questo è diventato uno dei suoi tratti distintivi. La cosa più importante da ricordare quando si analizza il pensiero di Trump in politica estera è che non esiste in quanto tale. Nel corso di una lunga carriera nel settore immobiliare e di una più breve in politica, Trump ha reso perfettamente chiare le sue motivazioni e i suoi interessi. È attratto da tutto ciò che lo avvantaggia come individuo. È dipendente dalla televisione e se ritiene che dire o fare qualcosa gli procuri l’attenzione dei media, la dice o la fa. Gli piacciono gli acquisti e le vendite, che offrono l’opportunità di ottenere la parte migliore di un affare. La sua visione del mondo è fondamentalmente transazionale. Abita un mondo precedente a David Ricardo, se non addirittura ad Adam Smith, in cui la ricchezza è intesa come una torta di cui le nazioni si contendono una fetta”, come ha scritto un editorialista. Se gli Stati Uniti registrano un deficit delle partite correnti con la Cina, ipso facto stanno perdendo…”. Non si preoccupi di elencare tutto ciò che l’America ottiene in cambio”.footnote13 Forse è una psicologizzazione grossolana, ma alcune persone hanno una psicologia grossolana. Convinto che la Cina stesse “fregando” gli Stati Uniti, Trump ha imposto dazi su un’ampia gamma di prodotti cinesi, tra cui televisori, armi, satelliti e batterie.

Le guerre commerciali sono positive”, ha twittato una volta Trump, “e facili da vincere”.footnote14 Questo non si è rivelato vero. Come strumento politico specifico, le tariffe sono state un fallimento. Diversi rapporti hanno stimato che hanno sottratto circa mezzo punto percentuale al PIL degli Stati Uniti e che potrebbero essere costati all’economia americana circa 300.000 posti di lavoro. Invece di diminuire il deficit commerciale complessivo dell’America, i dazi lo hanno semplicemente spostato dalla Cina verso altre economie dell’Asia orientale e del sud-est.footnote15 Ciononostante, Biden ha deciso di mantenere l’orientamento generale della strategia di Trump sulla Cina quando è entrato in carica, completando il pivot iniziato sotto Obama e accelerato sotto Trump. Abbiamo esaminato ciò che l’amministrazione Trump ha fatto in quattro anni”, ha dichiarato un funzionario di Biden ai giornalisti nel febbraio 2021, “e abbiamo trovato valido l’assunto di base di un’intensa competizione strategica con la Cina e la necessità di impegnarci in questo senso in modo vigoroso e sistematico attraverso ogni strumento del nostro governo e ogni strumento del nostro potere”.nota16

Competizione USA-Cina

La competizione immaginata da Biden con la Cina si sta svolgendo attraverso due dimensioni. La prima è quella militare. Uno dei primi grandi successi diplomatici di Biden è stato presentato nel settembre 2021 come aukus, il partenariato di sicurezza trilaterale tra Stati Uniti, Australia e Regno Unito, che ora sta contemplando l’aggiunta anche del Giappone. Accettando di acquistare sottomarini nucleari da Stati Uniti e Regno Unito e cancellando gli ordini di sottomarini preesistenti dalla Francia, l’Australia ha fatto una scommessa a lungo termine sul mantenimento della supremazia americana nell’Indo-Pacifico. I nuovi sottomarini, che dovrebbero entrare in funzione intorno al 2040, potrebbero essere utilizzati per rompere il blocco cinese di Taiwan in caso di conflitto militare su larga scala, nonché per bloccare lo Stretto di Malacca e privare la Cina delle importazioni di petrolio dal Medio Oriente. Secondo la Defense Intelligence Agency, le capacità militari della Cina sono migliorate negli ultimi anni, “passando da una forza di terra difensiva e inflessibile, con responsabilità di sicurezza interna e periferica, a un braccio congiunto, altamente agile, di spedizione e di proiezione di potenza della politica estera cinese”. footnote17 Nell’ultimo decennio, Xi ha annunciato una serie di riforme, tra cui l’istituzione di comandi di teatro congiunti e di un Dipartimento di Stato Maggiore, l’apertura di un quartier generale dedicato dell’Esercito, l’elevazione della forza missilistica del pla a ramo militare a tutti gli effetti e l’unificazione delle operazioni di guerra spaziale e cibernetica sotto la Forza di Supporto Strategico.

La Cina non può sperare di eguagliare la proiezione globale della forza militare americana, ma Washington pensa di essere in grado di raggiungere qualcosa che si avvicini alla parità militare nel proprio vicinato, in particolare la negazione dell’accesso lungo la propria costa sudorientale. Non è un’ambizione da poco: gli Stati Uniti considererebbero un disastro anche la parità militare regionale cinese. Da qui l’urgenza di vendere sottomarini a propulsione nucleare all’Australia, e da qui la decisione dell’amministrazione Biden di vietare i trasferimenti di tecnologia (in particolare di componenti per semiconduttori) e gli investimenti che aiuterebbero la Cina ad acquisire o sviluppare il tipo di capacità tecnica di cui ha bisogno per completare la modernizzazione delle sue forze armate.

La seconda dimensione della competizione tra noi e la Cina è quella economica. Finora, i risultati ottenuti da Biden sono stati contrastanti. Il lato positivo per gli Stati Uniti è che sono finiti i giorni in cui si parlava dell’ascesa della Cina alla supremazia economica globale come di una cosa inevitabile. Oggi, il periodo che va dal 1991 al 2018, quando l’economia cinese è cresciuta al ritmo più veloce del mondo e non ha mai registrato una crescita annua del PIL inferiore al 6,75%, appare meno come il passaggio della torcia dell’egemone e più come una trente glorieuses dell’Asia orientale. nota18 Sebbene la Cina sembri essersi assicurata il suo posto come principale hub mondiale per la produzione di beni di consumo, sta ora lottando con gli stessi problemi di sovraccapacità e di elevato indebitamento, in particolare nel settore immobiliare, che da tempo affliggono il nord globale. L’obiettivo di crescita del 5 percento fissato dal Ccp per il 2024 è circa la metà della media dell’economia cinese durante gli anni positivi, e non si può prevedere che la Cina torni a crescere a due cifre in tempi brevi. Anche i tentativi della Cina di affrontare il problema dell’eccesso di capacità produttiva esternalizzandolo, attraverso il finanziamento di sontuosi progetti infrastrutturali in tutto il mondo in via di sviluppo, sembrano ora raggiungere i loro limiti. I Paesi in via di sviluppo devono attualmente alla Cina più di 1.000 miliardi di dollari e i periodi di grazia prima che i mutuatari debbano iniziare a pagare i debiti sono in gran parte terminati. Entro il 2021, quasi sessanta Paesi che hanno preso in prestito denaro dalla Cina si troveranno in difficoltà finanziarie.footnote19

D’altro canto, il nuovo ruolo della Cina come finanziatore del mondo in via di sviluppo è stato piuttosto efficace dal punto di vista diplomatico. La Belt and Road Initiative (Bri), lanciata nel 2013, ha ora un impressionante record di risultati. Entro giugno 2023, secondo un rapporto del Ccp, “la Cina aveva firmato più di 200 accordi di cooperazione con oltre 150 Paesi e più di 30 organizzazioni internazionali nei cinque continenti”.footnote20 Sono stati avviati oltre tremila progetti e sono stati investiti più di mille miliardi di dollari. Alcuni dei frutti di questi investimenti sono: una ferrovia da 6 miliardi di dollari che collega Laos e Cina; il porto centrale di El Hamdania, il primo porto in acque profonde dell’Algeria; una ferrovia e un acquedotto che collegano Etiopia e Gibuti; una zona industriale cinese nel Golfo di Suez; un polo manifatturiero vicino ad Addis Abeba; la ferrovia a scartamento normale Mombasa-Nairobi in Kenya; la fornitura di televisione satellitare ai villaggi della Nigeria; l’istituzione di servizi ferroviari per il trasporto di merci che collegano la Cina a quarantadue terminali europei; una significativa espansione del porto di Baku in Azerbaigian; lo sviluppo di infrastrutture in tutta l’Asia centrale; la prima linea ferroviaria ad alta velocità in Indonesia; un aeroporto e un ponte alle Maldive; un treno navetta per il trasporto dei pellegrini durante il Hajj in Arabia Saudita. Questo elenco non tocca nemmeno le Americhe, dove la Cina ha avuto un impatto sostanziale.

La Cina è ora uno dei principali motori dei flussi di capitale globali e la sregolatezza dei suoi prestiti l’ha resa una facile prima scelta per i politici dei Paesi in via di sviluppo alla ricerca di un progetto infrastrutturale da intitolare al proprio nome. Inoltre, il fatto che i prestiti cinesi siano generalmente accompagnati da meno clausole politiche rispetto a quelli offerti dagli Stati Uniti aiuta. Come ha twittato Larry Summers nell’aprile del 2023, “qualcuno di un Paese in via di sviluppo mi ha detto: “Quello che otteniamo dalla Cina è un aeroporto. Nel2021, l’amministrazione Biden decise che era giunto il momento di proporre un’alternativa al Bri e il G7 lanciò formalmente Build Back Better World, o “b3w”, una controparte di investimenti internazionali al programma di stimolo industriale nazionale di Biden. Promettendo di portare i fondi del settore privato nei Paesi a basso e medio reddito, l’Amministrazione ha affermato che “il b3w catalizzerà collettivamente centinaia di miliardi di dollari di investimenti infrastrutturali… nei prossimi anni”. . nei prossimi anni”. Alla fine del 2023, l’impegno totale dell’America per il programma, che nel frattempo era stato ribattezzato Partnership for Global Infrastructure and Investment, era di circa 30 miliardi di dollari.footnote22

Economia dello sviluppo

Durante il suo mandato, Trump non ha fatto nulla per contrastare la diplomazia cinese alimentata dal debito. Non è stato coinvolto personalmente nello sviluppo o nell’implementazione di “Prosper Africa”, l'”iniziativa di spicco” della sua amministrazione per il continente, il cui impatto è stato minimo. L’impegno di maggior rilievo dell’Amministrazione Trump nei confronti dell’Africa si è concretizzato in diverse visite di buona volontà della First Lady Melania Trump, che ha parlato di assistenza materna e ospedaliera e ha promosso la sua campagna contro il bullismo. La buona volontà suscitata da queste visite è stata facilmente sopraffatta dai divieti di Trump sui viaggi e sui rifugiati provenienti dagli Stati a maggioranza musulmana. Il suo commento più famoso sul continente rimane il riferimento alle nazioni africane come “paesi di merda”. In America Latina, Trump ha fatto meno di niente. Ha affidato la responsabilità per l’America meridionale e centrale al neoconservatore irriducibile John Bolton, che ha definito Cuba, Venezuela e Nicaragua la “Troika della tirannia”, ha sbandierato che “la Dottrina Monroe è viva e vegeta” e ha cercato di favorire un colpo di Stato in Venezuela. Lo stesso Trump ha demonizzato i migranti come stupratori e spacciatori di droga in ogni occasione e ha contribuito a unificare la regione nella ricerca di partner che potessero contrastare l’influenza americana. Dei sette Paesi che hanno spostato i legami diplomatici da Taipei a Pechino durante la presidenza Trump – Salvador, Repubblica Dominicana, Panama, Burkina Faso, Kiribati, Isole Salomone e Repubblica Democratica di São Tomé e Principe – tre provengono dall’America Latina.

Finora, Biden ha deluso anche i leader africani e latinoamericani. Sebbene Blinken sia riuscito a visitare l’Africa tre volte in dieci mesi, l’approccio complessivo dell’Amministrazione al continente lo considera poco più che accessorio rispetto ai conflitti tra grandi potenze. In America Latina, poi, i politici si sono infastiditi nel trovare Biden in uno stato d’animo prevalentemente “elettorale”, dando priorità alle misure di sicurezza per fermare l’immigrazione rispetto agli sforzi per l’integrazione economica o lo sviluppo. Nel novembre 2023, quando l’Amministrazione ha ospitato un vertice per discutere la cooperazione economica e le riforme della catena di approvvigionamento nelle Americhe, l’ex ambasciatore del Messico in Cina lo ha descritto come “qualcosa che gli Stati Uniti stanno facendo più o meno solo per spuntare la casella. Per dire che stanno facendo qualcosa per l’America Latina, che si ricordano che l’America Latina esiste, per fingere di avere un piano”.nota23

Nel frattempo, gli sforzi di Biden per rafforzare la sicurezza delle frontiere sono stati entusiasti e sostenuti. Ha deciso di non ripristinare il diritto d’asilo che Trump ha eliminato quando è scoppiata la pandemia, ha rifiutato di ridurre la crudeltà delle pattuglie di frontiera e si è rifiutato di abbattere qualsiasi porzione del muro di confine di Trump. Ha anche espulso un numero enorme di migranti dagli Stati Uniti, tra cui quasi 4.000 haitiani solo nel maggio 2022. Il Congresso ha bloccato il pacchetto di “riforme” sull’immigrazione di Biden nel febbraio 2024, ma questa legge rappresenta comunque una drastica virata a destra nei piani del Partito Democratico per affrontare il problema, garantendo che il duro regime di polizia migratoria inaugurato da Obama servirà da modello per il futuro.

Il ritardo nel mettere a disposizione dell’America Latina, dell’Africa e del resto del mondo in via di sviluppo una vera alternativa alla Belt and Road Initiative è difficile da comprendere da un punto di vista strategico. La Cina non sta solo cercando di creare un ordine mondiale alternativo”, ha dichiarato a febbraio un analista di gestione patrimoniale al Financial Times . Ci sta riuscendo. Molti in Occidente non riescono a valutare il successo che la Cina sta avendo nel resto del mondo”.nota24 Si ha l’impressione di un’amministrazione che vorrebbe concentrare tutta la sua attenzione su Cina, Russia e cambiamenti climatici, se solo tutti gli altri si calmassero un po’ e smettessero di provocare nuove crisi ogni tre mesi. Questo è certamente il senso di The Internationalists. Il ritiro dall’Afghanistan è stato caotico e ha provocato una tempesta di fuoco politica interna che si è trascinata per mesi, ma era semplicemente necessario farlo: la fine della guerra più lunga d’America non poteva più essere rimandata. Allo stesso modo, gli Stati Uniti non hanno deciso quando Putin avrebbe invaso l’Ucraina, ma una volta capito che l’invasione era quasi certa, il Dipartimento di Stato aveva il dovere di abbandonare tutto il resto e mobilitare gli alleati europei dell’America. Entro la fine del 2022, tuttavia, Biden potrebbe dedicarsi a questioni più importanti. C’erano altri due anni per farlo”, scrive Ward. Per “tutto” intende la Cina e il cambiamento climatico.

L’ottimismo di Ward suona vuoto. Sia la competizione economica dell’America con la Cina sia il desiderio di Biden che gli Stati Uniti guidino la transizione ecologica globale sono afflitti da contraddizioni che in molti casi sembrano insormontabili. Per cominciare, gli Stati Uniti hanno identificato nei semiconduttori il campo di battaglia economico chiave del XXI secolo. Trump ha fatto dei semiconduttori una priorità per la sicurezza nazionale quando ha aggiunto Huawei all’elenco delle aziende a cui è vietato l’acquisto di chip costruiti secondo i nostri progetti, e Biden ha poi ampliato l’iniziativa di Trump tagliando fuori l’intera industria tecnologica cinese dai semiconduttori avanzati progettati da noi. Tuttavia, le rispettive posizioni di America e Cina all’interno della catena globale del valore dei semiconduttori, o gvc, rendono probabile il fallimento di questa strategia. Le aziende americane progettano i chip, ma questi vengono prodotti a Taiwan, in Giappone o in Corea del Sud e poi inviati in Cina, dove vengono testati e installati in prodotti come lavatrici, computer e telefoni cellulari. Sebbene i controlli sulle esportazioni di semiconduttori e di altri componenti tecnologici voluti dall’Amministrazione mirino a rallentare la crescita delle aziende tecnologiche cinesi, il loro impatto duraturo sarà probabilmente di segno opposto: Le potenze in ascesa non se ne stanno con le mani in mano quando gli Stati dominanti interrompono il loro accesso alle risorse critiche. In genere, rispondono sovvenzionando lo sviluppo industriale, spingendo le loro imprese a trasformarsi in posizioni di alto valore per diventare autosufficienti”. Inoltre, “la struttura dei governi rende difficile per la potenza dominante costringere la potenza in ascesa senza scatenare la resistenza delle imprese in patria e più facile per la potenza in ascesa potenziare la propria base industriale in risposta”.footnote25 Questo è esattamente ciò che sta accadendo ora: La Cina sta investendo denaro nello sviluppo di un’industria nazionale dei semiconduttori (mentre gli sforzi dell’America per fare lo stesso stanno fallendo), e le aziende americane continuano a far arrivare i loro progetti in Cina attraverso “scappatoie, terze parti e società fittizie”. Per un’amministrazione Biden che sta ancora cercando di dimostrare di aver vinto la lotta all’inflazione, l’idea di dare un giro di vite alle aziende americane che sfruttano queste scappatoie presenta una serie di complicazioni politiche.

Obiettivi e risultati

Per quanto riguarda il cambiamento climatico, le contraddizioni sono ancora più difficili da superare. Per definizione, non si tratta di un problema che può essere affrontato attraverso la competizione tra Stati nazionali. Sono necessari coordinamento e cooperazione, su scala globale, per decarbonizzare la produzione il più rapidamente possibile. Invece, l’amministrazione Biden sta perdendo tempo cercando di sostenere aziende nazionali che sono chiaramente inferiori alle loro controparti internazionali, ritardando ulteriormente uno sforzo di decarbonizzazione che è già irrimediabilmente in ritardo. Per fare un solo esempio, la casa automobilistica cinese byd produce attualmente le auto elettriche più convenienti al mondo, con sei dei suoi modelli tra i dieci più venduti al mondo.footnote26 Sebbene l’elettrificazione della flotta mondiale di veicoli passeggeri sia, da sola, una misera risposta alla crisi climatica, è comunque importante porre fine alla produzione di automobili con motore a combustione il più rapidamente possibile. La rapidità è fondamentale: non abbiamo tempo per passare decenni a mettere in ginocchio le case automobilistiche cinesi più avanzate e a riqualificare Detroit solo perché l’America possa “vincere” la transizione verde. Ma poiché le case automobilistiche americane che stanno faticosamente aumentando la produzione di auto elettriche non possono neanche lontanamente competere con la Byd sul piano dei prezzi, l’amministrazione Biden sta ora definendo i veicoli Byd come potenziali minacce alla sicurezza, a causa del rischio che i loro computer di bordo possano inviare “dati sensibili” alla Cina. Le politiche della Cina potrebbero inondare il nostro mercato con i suoi veicoli, mettendo a rischio la nostra sicurezza nazionale”, ha dichiarato Biden. Biden ha dichiarato: “Non permetterò che questo accada sotto il mio controllo”.footnote27 Biden ha incaricato il suo Segretario al Commercio di aprire un’indagine formale su byd. Nel frattempo, l’Inflation Reduction Act, presentato dalla Casa Bianca come il più grande pacchetto di politiche verdi della storia, non contiene un dollaro di investimento per il trasporto pubblico negli Stati Uniti, dove i trasporti rappresentano quasi un terzo delle emissioni totali di carbonio. L’IRA richiede inoltre che qualsiasi nuovo progetto eolico o solare sulle terre pubbliche debba essere accompagnato da milioni di acri di locazioni per nuovi pozzi di petrolio e gas, una politica suicida senza la quale la legge non sarebbe mai potuta passare al Congresso.

Inoltre, le varie componenti dello sforzo di Biden per ringiovanire l’alleanza transatlantica sono state talvolta in contrasto tra loro. Sebbene le spedizioni Nato di armi e altri equipaggiamenti militari all’Ucraina, iniziate nel 2015 e aumentate drasticamente dopo l’invasione, abbiano contribuito a trasformare quella che avrebbe potuto essere una rapida vittoria della Russia in un’estenuante e costosa guerra di terra, il prolungamento del conflitto in stallo sta ora minando la solidarietà paneuropea. Le sanzioni alla Russia, tra cui la cancellazione del Nord Stream 2 e il divieto di utilizzare i combustibili fossili russi, sono state particolarmente costose per la Germania. La più grande economia europea si è ridotta nel 2023 e la debolezza economica tedesca sta ora contribuendo alla stagnazione anche nell’Europa orientale. Insieme a un nuovo afflusso di migranti – tra cui più di un milione di rifugiati ucraini – questa stagnazione ha rafforzato le prospettive politiche dell’estrema destra, con l’Afd che ha conquistato il secondo posto nei sondaggi nazionali dal giugno 2023. il sostegno dell’Afd si è leggermente ridotto in seguito alle consistenti controproteste di dicembre, ma le conseguenze di secondo ordine del sostegno dell’Europa all’Ucraina continueranno a turbare la politica tedesca fino a quando una qualche soluzione negoziata non porrà fine alla guerra. La spinta di Biden verso la NATO è stata pubblicizzata come un modo per far regredire l’autocrazia globale, ma finora ha avuto l’effetto indesiderato di spingere l’estrema destra tedesca al 20% nei sondaggi nazionali.

Guardando ai primi due anni e mezzo del mandato di Biden, si nota una serie di iniziative di politica estera che non sembrano raggiungere – o in alcuni casi nemmeno avvicinarsi – agli obiettivi dichiarati: un confronto con la Cina che sta rendendo le cose più difficili anziché più facili per le imprese americane, una politica industriale verde che sta sacrificando una rapida decarbonizzazione sull’altare dello sciovinismo economico “America-first”, una serie di restrizioni all’immigrazione che non affrontano in alcun modo le cause profonde della migrazione e una guerra europea contro l'”autocrazia” che sta fornendo una spinta elettorale all’estrema destra europea. Per un po’ di tempo è stato possibile credere che, dopo aver superato il ritiro dall’Afghanistan e lo shock iniziale dell’invasione di Putin, l’amministrazione Biden si fosse preparata per un progresso più sostenibile. Ma questo è finito il 7 ottobre 2023, così come l’illusione che l’impero americano potesse ancora gestire il sistema mondiale sulla base di qualcosa che si avvicinasse al consenso internazionale.

Il Medio Oriente

The Internationalists contiene solo una discussione su Israele e Palestina. Riguarda la violenza scoppiata a Gerusalemme Est dopo che i soldati israeliani hanno preso d’assalto la moschea di Al Aqsa nel maggio 2021. Tutto ciò che Ward scrive sulla risposta dell’amministrazione Biden a quell’episodio si legge in modo inquietante alla luce dell’alluvione di Al Aqsa e della successiva campagna di punizione collettiva di Israele, che molti osservatori, tra cui il Relatore speciale dell’ONU sui Territori palestinesi occupati, hanno sostenuto essere al livello di genocidio. I funzionari di Biden hanno ripetutamente espresso l’opinione che il conflitto israelo-palestinese è qualcosa di cui preferirebbero non occuparsi. L’amministrazione non voleva impantanarsi in Medio Oriente”, scrive Ward. C’erano problemi più grandi da risolvere…”. I consiglieri del Presidente pensavano che anche questo passerà“. Non abbiamo intenzione di essere coinvolti in Israele-Palestina”, gli disse una fonte. Ward riconosce che Biden ha tardato a dare una risposta concreta alla crisi del maggio 2021, ma non mette in dubbio la strategia più ampia di mettere Israele e la Palestina in quello che lui chiama “il dimenticatoio” per concentrare le energie su Russia, Cina e cambiamento climatico. È questa idea, l’idea che gli Stati Uniti possano semplicemente scegliere di non “essere coinvolti” o “impantanarsi” nelle azioni del loro più importante Stato cliente, che il 7 ottobre si è rivelata delirante.

Quando i funzionari di Biden hanno detto di non volersi impantanare in Israele, intendevano dire che approvavano il piano del loro predecessore per la regione e speravano di continuare ad attuarlo. Come ha scritto Oliver Eagleton in Sidecar, dal 2016 gli Stati Uniti hanno perseguito l’obiettivo di sostituire “l’intervento diretto con la supervisione a distanza”, un obiettivo che richiedeva “un accordo sulla sicurezza che rafforzasse i regimi amici e limitasse l’influenza di quelli non conformi”.footnote29 Con gli Accordi di Abraham, firmati nel 2020, il Bahrein e gli Emirati Arabi Uniti hanno normalizzato le relazioni con Israele e hanno iniziato a ricevere un aumento delle spedizioni di armi dagli Stati Uniti. Tre anni prima, Washington aveva spostato la propria ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme e riconosciuto formalmente la città come capitale di Israele. La decisione ha indignato l’ONU: quattordici membri del Consiglio di Sicurezza su quindici hanno appoggiato una mozione di condanna. Il Segretario di Stato di Trump, Rex Tillerson, ha dichiarato che la decisione “non indicava alcuno status finale per Gerusalemme”, che sarebbe stato lasciato alle due parti per negoziare e decidere”, ma questo era il tipo di menzogna che non aveva nemmeno l’intenzione di essere convincente.footnote30 La decisione era una chiara scommessa che gli Stati Uniti avrebbero potuto farla franca ignorando completamente i palestinesi e l’occupazione mentre rafforzavano le alleanze con gli Stati reazionari in tutta la regione. La strategia ufficiale americana per il Medio Oriente, quindi, presupponeva che l’occupazione sarebbe continuata indefinitamente.

Biden ha deciso di attenersi al piano di Trump. Sebbene abbia definito la decisione di spostare l’ambasciata “miope e frivola”, già da candidato aveva detto che non avrebbe spostato i diplomatici americani a Tel Aviv, e la promessa di aprire un consolato per i palestinesi a Gerusalemme Est è rimasta disattesa. Invece, il Dipartimento di Stato di Biden ha lavorato per aggiungere l’Arabia Saudita agli Accordi di Abraham, anche se non ha fatto nulla per far progredire la “soluzione dei due Stati” che Biden dichiara ancora di sostenere. È stato come se Frederick Kagan e altri neocon di fine secolo stessero sussurrando all’orecchio di Sullivan mentre questi elaborava la strategia americana per il Medio Oriente. In Present Dangers: Crisis and Opportunity in American Foreign and Defence Policy, pubblicato nel 2000, Kagan aveva discusso l’importanza di mantenere un “two-war standard”, ovvero un esercito sufficientemente grande e potente da essere in grado di combattere guerre su larga scala contro due potenze regionali contemporaneamente. Entrando in carica nel 2021, per Biden sarebbe stato chiaro chi sarebbero state queste due potenze: Russia e Cina. Ciò significava che la supervisione militare diretta del Medio Oriente era fuori discussione per il prossimo futuro. Il Dipartimento di Stato avrebbe invece garantito che le potenze reazionarie della regione fossero armate fino ai denti e che i palestinesi fossero lasciati al loro destino.

L’adesione dell’Arabia Saudita agli Accordi di Abraham avrebbe probabilmente condannato i palestinesi a decenni di occupazione continua, ed è plausibile che Hamas abbia lanciato il Diluvio di Al Aqsa in parte per fermare quel processo. Non c’è dubbio che gli Stati Uniti, come Israele stesso, siano stati colti completamente alla sprovvista dal 7 ottobre. La nozione di agenzia politica palestinese non ha giocato alcun ruolo nella strategia globale del Dipartimento di Stato, un punto cieco illustrato in modo vivido dal fatto che Jake Sullivan ha scritto quanto segue in un saggio di Foreign Affairs andato in stampa il 2 ottobre 2023: “Sebbene il Medio Oriente rimanga afflitto da sfide perenni, la regione è più tranquilla di quanto non sia stata per decenni”. Nota31 Da allora, un’amministrazione che è salita al potere promettendo di guidare una difesa mondiale dell’umanesimo democratico ha gettato tutto il peso della sua potenza diplomatica e della sua industria di produzione di armi dietro un governo di destra che sta portando avanti una delle più brutali campagne di punizione collettiva della storia. Biden ha posto il veto a diverse risoluzioni dell’ONU che chiedevano un cessate il fuoco a Gaza, Blinken ha definito “priva di merito” la causa del Sudafrica contro Israele presso la Corte internazionale di giustizia e il portavoce del Dipartimento della Difesa John Kirby ha ripetutamente affermato che gli Stati Uniti si rifiuteranno di tracciare qualsiasi “linea rossa” sulla condotta di Israele a Gaza, condotta che ha incluso l’uccisione di massa di persone in fila per ricevere aiuti alimentari.

Gaza contro l’egemonia

Da un punto di vista strategico, il sostegno a oltranza dell’amministrazione Biden a Israele e a Netanyahu non è difficile da comprendere. Gli Stati Uniti considerano Israele il garante cruciale del loro controllo sul Medio Oriente, non solo nonostante la sua bellicosità, ma anche a causa della sua aggressività. Se l’America volesse limitare materialmente Israele, se Biden riducesse o ponesse fine alle spedizioni di armi a Netanyahu o se il Dipartimento di Stato chiedesse a Israele le concessioni necessarie per la creazione di uno Stato palestinese, gli Stati Uniti si discosterebbero dalla logica politica repressiva che è alla base di tutto il loro approccio alla regione. Israele è un cane ringhioso che minaccia l’Iran e le altre potenze anti-USA intorno al Golfo, e gli Stati Uniti possono accorciare il guinzaglio di Israele solo fino a un certo punto (cioè molto poco) prima di perdere i benefici di deterrenza dell’aggressione israeliana.

Tuttavia, l’appoggio di Biden alla guerra di Netanyahu potrebbe ora spingere i costi del nostro sostegno a Israele al di là di quanto l’egemonia americana possa sopportare. La guerra ha reso molto più difficile l’espansione degli Accordi di Abraham: i negoziati sono stati congelati dopo il 7 ottobre e, sebbene l’Arabia Saudita desideri ancora chiaramente una “normalizzazione” con Israele, è tornata a ritenere che ciò dipenda da un’effettiva risoluzione del conflitto israelo-palestinese, invece di accontentarsi di vaghi segnali di “progresso” verso tale risoluzione. footnote32 Anche se Israele dovesse accettare i termini del Regno e cooperare alla creazione di uno Stato palestinese – e ciò è improbabile, anche dopo che Netanyahu avrà lasciato il suo incarico – la guerra ha cementato l’odio popolare nei confronti di Israele per almeno un’altra generazione, il che renderà più difficile per gli autocrati regionali bilanciare ciò che gli Stati Uniti chiedono in cambio di armi e garanzie di sicurezza con ciò che le loro popolazioni interne sono disposte a tollerare. Inoltre, l’impegno profondo e prolungato che richiederà la creazione di uno Stato palestinese ritarderà ulteriormente la data in cui l’America potrà mettere il Medio Oriente in “secondo piano”. Senza un impegno diplomatico sostenuto e convinto da parte degli Stati Uniti, le conseguenze regionali della guerra di Israele rischiano di diffondersi e intensificarsi in modi imprevedibili.

Gli sforzi dell’America per ignorare i numerosi crimini di guerra commessi da Israele dopo il 7 ottobre stanno inoltre imponendo costi crescenti, sia in patria che all’estero. Qualsiasi pretesa di Biden di ricostruire la leadership morale dell’Occidente con la sua opposizione alla Russia è stata distrutta, e gran parte del Sud globale vede gli Stati Uniti con disprezzo. Non c’è nessuna mossa che gli Stati Uniti potrebbero fare in difesa dell’Ucraina che possa compensare la vuota e ripetitiva ripetizione di politici americani che dicono “Israele ha il diritto di difendersi” mentre gli schermi dei telefoni sono pieni di video di soldati dell’idf che ballano ed esultano mentre riducono in macerie l’ennesima università palestinese. I tentativi di Biden di tracciare un’analogia tra l’attacco russo all’Ucraina e l’alluvione di Al Aqsa sono stati risibili. Nove Paesi hanno sospeso o tagliato i rapporti diplomatici con Israele a causa della guerra, e un diplomatico africano ha dichiarato ai giornalisti che il veto dell’America alla risoluzione per il cessate il fuoco dell’ONU “ci ha detto che le vite ucraine sono più preziose di quelle palestinesi”. Abbiamo definitivamente perso la battaglia nel Sud globale”, ha detto un diplomatico del G7. Dimenticate le regole, dimenticate l’ordine mondiale. Non ci ascolteranno mai più”.nota33

Ci può essere un tocco di melodramma ben intenzionato in dichiarazioni come questa. Sicuramente qualcuno ci ascolterà di nuovo, con il giusto accordo commerciale o il giusto pacchetto di armi. Ma la guerra tra Israele e Gaza sembra essere uno spartiacque anche per la politica interna americana. Erano anni che non si registrava un divario così ampio tra l’opinione pubblica e il comportamento dei rappresentanti eletti su una questione di tale importanza. A Washington, la Camera dei Rappresentanti ha approvato a dicembre una risoluzione in cui si dichiara che l’antisionismo è una forma di antisemitismo, e i pochi membri del Congresso disposti a parlare a favore della pace sono stati trattati più o meno come Barbara Lee dopo il suo discorso di opposizione all’approvazione dell’Autorizzazione all’uso della forza militare nel settembre 2001. Nel frattempo, una netta maggioranza di americani, tra cui più della metà dei repubblicani, sostiene un cessate il fuoco permanente. Le proteste sono scoppiate in tutto il Paese e gli attivisti sono riusciti a convincere una quota significativa di elettori democratici a scrivere “non impegnato” sulla scheda elettorale delle primarie. La campagna per la rielezione di Biden sarebbe stata sempre un affare complicato, viste le sue recenti difficoltà nel gestire conferenze stampa e altri eventi pubblici che non sono stati impostati sulla “modalità facile”. Ora sarà ancora più difficile, perché molti giovani elettori, che dovrebbero far parte della base del Partito Democratico, sembrano decisi a disturbare il maggior numero possibile di eventi della campagna. Biden non sembra avere un piano per placare questi elettori. Informato in una riunione del gennaio 2024 che i suoi sondaggi stavano calando in Michigan e in Georgia a causa del suo sostegno a Israele, Biden “ha iniziato a gridare e a imprecare”.footnote34

Tapas a Washington

Per quanto riguarda la stampa americana, inizialmente ha cercato di ritrarre la guerra di Israele contro Gaza come una normale commedia morale di politica estera, con Hamas un’orda di barbari apolitici che si aggiravano nel loro scellerato sistema di tunnel mentre i coraggiosi israeliani combattevano ancora una volta per difendersi da un antisemitismo transistorico. Giornali come il New York Times hanno sostenuto in modo preponderante il resoconto israeliano della guerra, citando più spesso fonti israeliane che palestinesi, evitando la voce attiva nel descrivere le morti dei palestinesi e prestando più attenzione all’antisemitismo che alla violenza e al bigottismo contro arabi e musulmani (quest’ultimo è stato molto più presente negli Stati Uniti dopo il 7 ottobre). In un episodio ormai noto, il Times ha incaricato due freelance inesperti, uno dei quali appena laureato che scriveva soprattutto di cibo, di riconfezionare come giornalismo d’inchiesta la propaganda israeliana su una presunta campagna sistematica di violenza sessuale da parte di Hamas il 7 ottobre.

Tuttavia, con il progredire della guerra e con l’affermarsi di una visione strategica che va oltre la distruzione della maggior parte possibile di Gaza, l’efficacia politica di queste tattiche mediatiche è diminuita. Come si fa a credere alla vecchia frase secondo cui l’idf è l’esercito più morale del mondo, quando ogni settimana arrivano nuove foto di soldati israeliani che ridacchiano come dei vermi da confraternita mentre accarezzano la lingerie trovata nelle case dei palestinesi? Come si può prendere sul serio l’idea che l’antisemitismo dilaghi nelle strade americane quando gruppi come Jewish Voice for Peace sono stati in prima linea nelle recenti proteste e l’Aipac ha ammesso di considerare ogni protesta pro-palestinese come un incidente antisemita? Deve essere frustrante per il Dipartimento di Stato che Netanyahu e gli israeliani siano così poco disposti a fare anche solo un mezzo sforzo per dipingere la loro guerra come una solenne e contenuta difesa di una nazione assediata. Invece, la guerra appare sugli schermi della televisione, dei laptop e dei telefoni americani come un’orgia di violenza, una campagna di vendetta di pulizia etnica che soddisfa coloro che la portano avanti proprio per la sua gratuità.

Negli ultimi mesi Biden e la stampa hanno apportato lievi modifiche alla loro tattica. In primo luogo, invece di dipingere la guerra di Israele come qualcosa che non è (una lotta misurata ed eroica contro la psicosi antisemita), i media americani hanno iniziato a riconoscere la guerra come una situazione tragica, cercando di eludere la questione di chi sia responsabile della tragedia. I portavoce dell’amministrazione hanno ammesso che i civili palestinesi si trovavano in una situazione disperata, che “troppe” donne e bambini erano morti, che la fame a Gaza era diventata un problema serio e che la violenza dei coloni in Cisgiordania era preoccupante. Hanno detto che avrebbero voluto che Israele combattesse la sua guerra in modo un po’ diverso, ma hanno ricordato ai giornalisti che si tratta di una nazione sovrana, ignorando il fatto che i decenni di belligeranza di Israele sono stati resi possibili solo dalle sovvenzioni militari dell’America. Durante questo periodo, Biden è sembrato in gran parte giocare sul tempo, sperando che la rabbia di Israele si esaurisse in tempo per evitare che la guerra pesasse troppo sulle sue prospettive di rielezione a novembre.

Poi, il 2 aprile, Israele ha lanciato attacchi aerei contro un convoglio della World Central Kitchen, un’organizzazione benefica fondata dal famoso chef José Andrés, uccidendo sette dei suoi lavoratori. Oltre a un palestinese, sono morti tre britannici, un australiano, un polacco e un doppio cittadino statunitense e canadese. La condanna da Washington, così come dalle capitali europee, è stata rapida e severa. Trentasette democratici del Congresso, tra cui la fedelissima di Biden Nancy Pelosi, hanno scritto una lettera a Biden e a Blinken per chiedere agli Stati Uniti di interrompere i trasferimenti di armi a Israele. Per la prima volta dal 7 ottobre, Netanyahu si è trovato costretto a scusarsi per la condotta dell’esercito israeliano, assicurando al mondo che “si rammarica profondamente per il tragico incidente”, licenziando due ufficiali e rimproverandone altri tre.

Come ha scritto Edward Luce sul Financial Times con una franchezza sconvolgente , “l’ultimo incidente ha colpito Joe Biden come i precedenti non avevano fatto”:

In parole povere, Andrés è una celebrità di Washington. È stato uno dei pionieri dei ristoranti di alta qualità in una Washington dei primi anni ’90 che aveva una meritata reputazione di cibo scadente. Il Jaleo di Andrés ha introdotto le tapas in stile spagnolo nella capitale americana. Nel 2016, il suo ristorante, Minibar, è stato uno dei primi di Washington a meritare un premio Michelin a due stelle. Tra gli altri, Nancy Pelosi, l’ex presidente della Camera, lo ha candidato al Premio Nobel per la pace.footnote35

Il fatto che Biden possa essere mosso a pietà solo da un crimine di guerra che ha colpito personalmente l’uomo che ha introdotto le tapas a Washington la dice lunga sulla bancarotta morale della sua amministrazione. Altrettanto inquietanti sono i segnali che indicano che egli spera che la colpa delle atrocità di Israele possa essere attribuita unicamente a Netanyahu, mentre il sostegno dell’America al più ampio progetto sionista sfugge a qualsiasi modifica reale. Ma Netanyahu è una perfetta rappresentazione del progetto sionista, non una sua tragica o maniacale aberrazione. Come riportava il New York Times a febbraio, più dell’80% degli israeliani credeva ancora che l’idf stesse usando “una forza adeguata o troppo scarsa” a Gaza, e l’88% degli ebrei israeliani riteneva che “il numero di palestinesi uccisi o feriti a Gaza è giustificato”.footnote36 Biden non è disposto a riconoscere, e ancor meno a confrontarsi, la misura in cui la guerra di Israele a Gaza è un’autentica espressione dei desideri della società israeliana in generale.

Leadership globale

Si immagina che, nel mondo ideale di Washington, gli israeliani alla fine cacceranno Netanyahu dall’incarico e lo sostituiranno con qualcuno il cui nome e la cui immagine saranno sconosciuti. Anche se condividerà la politica di Netanyahu, sarà una persona sconosciuta agli occhi della maggior parte degli americani e questo permetterà a Blinken e Sullivan di proiettare su di loro le loro fantasie sul tipo di leader che Israele dovrebbe avere . Il nostro descriverà il nuovo Primo Ministro come un pragmatico, un riformatore, qualcuno il cui impegno per la difesa di Israele rimane incrollabile, ma che allo stesso tempo si rammarica di alcuni eccessi del suo predecessore e riconosce l’importanza di mostrare almeno una preoccupazione di base per i civili palestinesi. Il governo israeliano farà gesti diplomatici concilianti nei confronti dell’Arabia Saudita, dell’Egitto e di altri regimi reazionari della regione e, sebbene non sia tenuto a compiere passi concreti verso uno Stato palestinese, non mostrerà un disprezzo totale per l’idea. Smetterà di gettare benzina sul fuoco dell’indignazione popolare globale. Il nuovo leader sarà una figura che i Democratici potranno indicare per spiegare perché il continuo sostegno a Israele rimane vitale per l’interesse nazionale americano, guadagnando tempo per supervisionare un accordo negoziato che riaffermi l’occupazione permanente della Palestina senza doverla chiamare così. È una visione disperata e senza speranza dei prossimi anni. Se dovesse realizzarsi, Biden la definirà un successo storico che riafferma l’importanza della leadership globale dell’America.

Non bisogna scartare la possibilità che Biden ottenga ciò che vuole. La guerra ha danneggiato in modo permanente la sua posizione presso le comunità arabe e musulmane americane, in particolare in Stati cruciali come il Michigan e il Minnesota, ma è pur vero che il suo avversario è un uomo che ha concluso il suo primo mandato come il presidente meno popolare nella storia del Paese. Trump è fondamentalmente un piccolo truffatore che ha sfondato, ed è ovvio che la motivazione principale della sua attuale campagna presidenziale è quella di tenersi lontano dalla prigione. Gli americani hanno poca voglia di rivivere l’atmosfera caotica del suo primo mandato. Se Biden riuscirà a strappare qualche concessione al governo israeliano entro la metà dell’anno, la sua campagna elettorale potrebbe convincere alcuni sostenitori che ha fatto uno sforzo in buona fede per alleviare le sofferenze dei civili palestinesi.

Tuttavia, anche se Biden dovesse ottenere una vittoria in autunno, il sogno di ringiovanimento egemonico americano nel XXI secolo è ancora in pericolo. Innanzitutto, ci sono poche prove che Biden abbia iniziato a gettare le basi per una maggioranza duratura che potrebbe mantenere i Democratici al potere nel corso di diversi cicli elettorali, e questo rende improbabile che gli Stati Uniti vedano una tregua dalle dinamiche politiche sferzanti che hanno militato contro la definizione di politiche strategiche a lungo termine nell’ultimo decennio. Più centralmente, tuttavia, il primo pilastro della strategia geopolitica dell’amministrazione Biden, “una politica estera per la classe media”, che in pratica equivale a un keynesianesimo protezionistico verde-militare rivolto alla Cina, è stato significativamente compromesso dalle conseguenze del perseguimento del secondo pilastro, democrazie contro autocrazie. La guerra Russia-Ucraina ha esacerbato un’impennata inflazionistica in tutto il mondo, anche negli Stati Uniti. Anche in presenza di livelli di disoccupazione storicamente bassi e di una forte crescita dei salari (almeno rispetto alla storia recente), gli americani si sono indignati per livelli di inflazione che non si vedevano da decenni, e le loro opinioni sulla gestione dell’economia da parte di Biden sono particolarmente negative. Resta da vedere se Biden riuscirà a ribaltare l’opinione pubblica su questo fronte ora che l’inflazione si è attenuata, ma molti danni politici sono già stati fatti e il tempo sta per scadere.

Biden non si è limitato a promettere di garantire che l’economia americana rimanga la più grande del mondo o che l’esercito americano rimanga il più forte del mondo. Ha promesso di fare ciò che Giovanni Arrighi ha detto essere richiesto a un egemone ne Il lungo XX secolo. Il potere egemonico, scrive Arrighi, è “il potere associato al dominio ampliato dall’esercizio della “leadership intellettuale e morale””. Ciò che lo distingue dai suoi concorrenti non egemonici è che solo l’egemone può affermare in modo plausibile di promuovere interessi globali diversi dai propri. La pretesa del gruppo dominante di rappresentare l’interesse generale è sempre più o meno fraudolenta”, scrive Arrighi. Tuttavia … parleremo di egemonia solo quando la pretesa è almeno in parte vera e aggiunge qualcosa al potere del gruppo dominante”.nota37

L’egemonia americana per ora continua a vivere in Europa, dove i compiacenti alleati della NATO continuano a cadere l’uno sull’altro nella loro corsa a svuotare i servizi sociali e a comprare armi americane. E gli Stati Uniti potrebbero mantenere il dominio economico in senso relativo anche se non riuscissero mai a invertire il rallentamento della crescita globale, a patto che il loro potere economico si indebolisca meno di quello dei loro rivali. Ma dopo Gaza, l’America non può più rivendicare in modo credibile l'”egemonia” globale nel senso di Arrighi. Il sostegno di Biden a Israele, motivato sia da considerazioni strategiche sia da quella che sembra essere una reale incapacità da parte sua di vedere i palestinesi come esseri umani a tutti gli effetti, si scontra con l’opinione pubblica americana e mondiale. L’Europa potrà reggere le redini dell’America ancora per un po’, ma nel resto del mondo il mantenimento della supremazia americana si baserà principalmente sulla coercizione. Arrighi ha individuato nella catastrofe dell’invasione americana dell’Iraq il punto di svolta: “Il disfacimento del progetto neoconservatore per un nuovo secolo americano”, ha scritto, “ha portato, a tutti gli effetti, alla crisi terminale della nostra egemonia, cioè alla sua trasformazione in mero dominio”.footnote38 Se è vero che l’Iraq ha segnato il punto in cui l’egemonia americana si è effettivamente trasformata in dominio, allora forse Gaza segna il punto in cui gli americani se ne sono finalmente resi conto.

1 Ward—according to his LinkedIn profile—attended Washington dc’s American University during Obama’s first term before interning at the State Department (in its Office of Regional Security and Arms Transfers), the Council on Foreign Relations and the Atlantic Council. Having completed this tour through the institutional apparatus of the American foreign-policy mainstream, he spent several years writing moderately hawkish articles for Vox Media. In 2021, he apparently followed his editor to Politico, which was in the process of being taken over by German media conglomerate Axel Springer se, a company that lists support for Zionism, free-market economics and the values of the us among its core principles. In the usPolitico is run by the kinds of die-hard Democrats who don’t see anything objectionable in that. On the evidence of The Internationalists, Ward is a typical figure within this constellation.
2 Alexander Ward, The Internationalists, New York 2024, p. 32; henceforth, ti.
3 ti, p. 23.
4 ti, p. 203.
5 ti , p. 278.
6 ‘National Security Strategy’The White House, October 2022, pp. 3, 2, 38.
7 ti , p. 246.
8 ti, pp. 5, 6.
9 ti, p. 59.
10 ti, p. 300.
11 Robert Brenner, ‘What is Good for Goldman Sachs is Good for America’ucla, 18 April 2009.
12 See Chris Giles, ‘Sorry America, China has a bigger economy than you’, ft, 6 December 2023.
13 Janan Ganesh, ‘How Europe should negotiate with Donald Trump’, ft, 20 February 2024.
14 ‘Trump tweets: “Trade wars are good, and easy to win”’, Reuters, 2 March 2018.
15 Ryan Hass and Abraham Denmark, ‘More pain than gain: How the us–China trade war hurt America’, Brookings, 7 August 2020.
16 ti , p. 42.
17 ‘China Military Power’, Defense Intelligence Agency, 2018, p. v.
18 ‘China gdp Growth Rate 1961–2024’, Mactrotrends.net.
19 ‘Developing countries owe China at least $1.1 trillion—and the debts are due’, cnn, 13 November 2023.
20 ‘Belt and Road celebrates decade of achievements with fresh commitments’, State Council Information Office, 20 October 2023.
21 ‘Summers Warns us Is Getting “Lonely” as Other Powers Band Together’, Bloomberg, 14 April 2023.
22 Michael Lipin, ‘us Boosts Funds for Infrastructure Program for Developing Nations Above $30 Billion’, Voice of America News, 17 October 2023.
23 Ari Hawkins, ‘Biden confronts deep skepticism of us agenda in Latin America’, Politico, 11 March 2023.
24 James Kynge and Keith Fray, ‘China’s plan to reshape world trade’, ft 27 February 2024.
25 Miles Evers, ‘Why the United States Is Losing the Tech War With China’, Lawfare Media, 14 January 2024.
26 ‘Best-selling plug-in electric vehicle models worldwide in 2023’, Statista, 4 March 2024.
27 ‘Statement from President Biden on Addressing National Security Risks to the us Auto Industry’, The White House, 29 February 2004.
28 ti, pp. 97, 88, 92, 90.
29 Oliver Eagleton, ‘Imperial Designs’nlrSidecar, 3 November 2023.
30 Carol Morell, ‘us Embassy’s move to Jerusalem should take at least two years, Tillerson says’. Washington Post, 8 December 2017.
31 ‘The Sources of American Power: A Foreign Policy for a Changed World’, Foreign Affairs, Nov/Dec 2023.
32 ‘After October 7th, Is Saudi–Israeli Normalization Just a Mirage?’, Soufan Center, 14 February 2024.
33 Henry Foy, ‘Rush by west to back Israel erodes developing countries’ support for Ukraine’, ft, 18 October 2023.
34 ‘Behind the scenes, Biden has grown angry and anxious about re-election effort’, nbc News, 17 March 2024.
35 Edward Luce, ‘Israel’s José Andrés problem’, ft, 5 April 2024.
36 Steven Erlanger, ‘Israelis, Newly Vulnerable, Remain Traumatized and Mistrustful’, New York Times, 17 February 2004.
37 Giovanni Arrighi, The Long Twentieth Century, London and New York 1994, pp. 29–30.
38 Arrighi, Long Twentieth Century, p. 379.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Basare l’aggressione sulla ragione: la nuova dottrina di politica estera della Russia, di VJAČESLAV MOROZOV

Basare l’aggressione sulla ragione: la nuova dottrina di politica estera della Russia

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

VJAČESLAV MOROZOV – “La politica estera russa ha una sua logica, un suo linguaggio. Finché non li comprendiamo, ci asteniamo dall’attuare una vera politica di contenimento”. In questa intervista introdotta da Guillaume Lancereau, Vjačeslav Morozov analizza l’aggiornamento del documento strategico di riferimento di Mosca e ci aiuta a forgiare un’arma: l’intelligenza della guerra.

Quella che segue è la prima traduzione di un’intervista a Vjačeslav Morozov sulla dottrina della politica estera russa. Già professore di Relazioni internazionali presso l’Università statale di San Pietroburgo, dal 2010 insegna relazioni UE-Russia presso l’Istituto di Scienze politiche dell’Università di Tartu in Estonia.

Questa intervista è stata pubblicata originariamente il 6 maggio 2023 sullecolonne del media in lingua russa Posle (“Dopo”), apparso sulla scia dell’aggressione russa in Ucraina . Il collettivo Posle è radicalmente critico nei confronti della guerra in corso e della sua scia di massacri e distruzioni, ma anche dell’ondata di repressione che ha colpito contemporaneamente la Russia con una violenza decuplicata . Posle dà la parola a ricercatori, giornalisti, attivisti e testimoni che, con le loro osservazioni e riflessioni, contribuiscono a fare chiarezza su questi tempi difficili e a delinearei contorni del mondo “Dopo”.

Vjačeslav Morozov si concentra su un documento finora poco studiato: la Dottrina di politica estera della Federazione RussaIn un certo senso, questo testo può essere visto come l’equivalente funzionale, negli Stati Uniti e in Francia, dei “libri bianchi” sulla difesa e sulle relazioni internazionali che sono la Quadrennial Defense Review – e la Strategia di Difesa Nazionale che ne è seguita dal 2018 – o la Strategic Review of Defence and National Security. La stessa logica, inestricabilmente analitica e pragmatica, permea tutti questi documenti, il cui scopo è definire la posizione di uno Stato rispetto all’ambiente strategico globale e regionale, inviando al contempo segnali più o meno espliciti ai propri partner o potenziali concorrenti. Nel caso della Russia, questa Dottrina è passata attraverso sei versioni successive, da quella relativamente liberale ed eurofila firmata da Boris Eltsin nel 1993 all’ultima edizione, pubblicata nel 2023, che mostra una retorica minacciosa e bellicosa, con il pretesto dell’anti-imperialismo e della risposta alle minacce esterne.

Questa Dottrina non è insensibile ai limiti o alle aporie della variante strettamente “difensiva” del discorso russo, secondo cui l’attuale “operazione militare speciale” in Ucraina è solo un gesto preventivo contro la ” guerra ibrida” scatenata dagli Stati Uniti attraverso il loro fantoccio ucraino.La Dottrina 2023 si astiene anche dalla posizione implausibile di accusare apertamente l’Ucraina di aggressione contro la Russia. Gli autori della Dottrina hanno invece optato per una strategia alternativa e più abile, che consiste nello sfruttare a vantaggio della Russia le tensioni che permeano il diritto internazionale, i principi delle Nazioni Unite e l’ordine internazionale esistente.

I leader russi si inseriscono così nellalinea di faglia che attraversa la Carta delle Nazioni Unite, divisa tra le ambizioni di cooperazione e il rispetto della sovranità degli Stati, da un lato, e la necessità di equilibrio tra le grandi potenze, dall’altro. Allo stesso modo, la Dottrina russa è libera di sostenere che la nozione di “ordine internazionale basato sulle regole”, teorizzata dagli Stati Uniti negli anni ’40, nasconde a malapena un progetto politico di regolazione delle relazioni internazionali da cui traggono i maggiori benefici pochi Paesi occidentali. La Russia sa bene di poter contare sulla Cina per sostenere questo approccio critico all’ordine internazionale liberale. Infine, Vjačeslav Morozov sottolinea che la Russia si sente tanto più in diritto di presentarsi come una potenza diplomaticamente ragionevole e aperta alle discussioni sul controllo internazionale degli armamenti, dato che gli stessi Stati Uniti si sono ritirati dal Trattato ABM del 1972, volto a limitare le armi strategiche, più di vent’anni fa.

Infine, la nuova Dottrina di politica estera incorpora una serie di elementi forgiati negli ultimi decenni dai principali ideologi del regime per sviluppare una concezione civilistica dello Stato russo – definito “Stato-civiltà” – e della sua sfera di influenza – il “mondo russo”. – e della sua sfera di influenza – il “mondo russo”. Prendendo formalmente le distanze da qualsiasi forma di nazionalismo etnico, la nuova logica imperiale russa difende invece una rappresentazione identitaria, culturale o di civiltà della vasta area che comprende l’Ucraina, la Bielorussia, l’Asia centrale e i vari popoli della Federazione Russa – che ufficialmente conta 193 nazionalità. Sulla base di questo assioma, la Dottrina russa proclama che questi diversi popoli non hanno altra scelta se non quella di entrare volontariamente nella sfera di influenza del “mondo russo” per sfuggire all’inghiottimento da parte dell’Occidente e all’inevitabile dissoluzione delle loro identità che ne deriverebbe. È dunque una battaglia di valori o una “guerra culturale” quella che si sta delineando, tra la cosiddetta ideologia “neoliberista” che l’Occidente minaccia di diffondere in tutto il mondo, scardinando a suo piacimento le culture esistenti, e il baluardo russo della civiltà, punta di diamante dei “valori tradizionali”.

Mettendo in luce queste dimensioni, l’intervista solleva una serie di domande ancora più cruciali: lo Stato russo crede nei suoi miti? I suoi miti, se di miti si tratta, sono privi di effetto? In effetti, le categorie fondamentali di comprensione del mondo proprie dell’apparato statale della Russia in guerra sostengono una vera e propria costruzione escatologica. Secondo le visioni di questa apocalisse, la Russia si erge a baluardo contro i tentativi di dominio mondiale del Dragone americano e delle altre bestie occidentali – ipocriti, ingannatori, distruttori di disastri e di morte, falsi usurai di falsi valori. È sufficiente denunciare queste visioni come artefatti retorici per disinnescarne magicamente l’efficacia? Rompendo con questo infruttuoso ottimismo, Vjačeslav Morozov sottopone le categorie in questione a un’approfondita analisi semantica e politica, rivelandone la coerenza e il possibile appeal per i critici dell’attuale ordine internazionale. Non basta quindi dichiarare l’inanità delle nozioni e dei valori che infestano il discorso strategico, giuridico e politico che le autorità russe rivolgono ai loro avversari, ai potenziali partner e alla stessa popolazione russa.

Affondando nel cuore di questa abissale impresa di giustificare la guerra, questo testo fornisce armi indispensabili. Dire che sono tempestive è ancora troppo poco. Ciò di cui abbiamo bisogno oggi è un’intelligenza della guerra – non intelligenze della guerra: visioni più nitide, visioni più chiare, finché la guerra non avrà conquistato ogni ultima intelligenza. (GL)

[Leggi anche: il nostro ultimo aggiornamento sulla situazione in Ucraina].

***

Che cos’è la Dottrina di politica estera della FederazioneRussa? Quali sono il ruolo e gli obiettivi di questo documento e a chi è destinato?

La Dottrina di politica estera della Russia è un documento destinato principalmente agli altri Paesi. Porta alla loro attenzione le coordinate fondamentali del corso della politica estera della Russia. È quindi uno strumento di comunicazione, come alcuni dei discorsi caratteristici di Vladimir Putin. Viene in mente il discorso di Monaco del 2007, che fornisce una panoramica della situazione internazionale e degli interessi della Russia, nonché alcune linee guida per l’azione del Paese nel prossimo futuro.

Tuttavia, la Dottrina aveva un’altra funzione. Una volta trasmessa alla burocrazia, forniva ai suoi dirigenti una raccolta di citazioni, piuttosto che una guida pratica all’azione. Ogni volta che si presenta una situazione che richiede di esprimere a parole la posizione della politica estera russa, qualsiasi burocrate può sfogliare questo testo e scegliere termini o espressioni adatti al caso specifico.

Ogni volta che si presenta una situazione che richiede di esprimere a parole la posizione della politica estera russa, qualsiasi burocrate può sfogliare questo testo e scegliere termini o espressioni adatti al caso specifico.

VJAČESLAV MOROZOV

Questo documento è quindi, come minimo, un elemento decisivo della stessa politica estera russa, soprattutto perché il processo decisionale è altamente centralizzato. Tutte le decisioni prese sulla scala coperta dalla Dottrina di politica estera sono prerogativa del Presidente della Federazione Russa. Poiché il Presidente può essere considerato un vero e proprio sovrano assoluto, è in suo potere determinare la direzione strategica della politica estera. La Dottrina non stabilisce questo indirizzo, ma lo esplicita.

La Dottrina di politica estera ha sempre svolto questo ruolo o è cambiata negli ultimi anni?

La prima Dottrina di politica estera fu adottata nel 1993. All’epoca, svolgeva la funzione tradizionalmente assegnata ai documenti strategici: quella di definire una rotta e una guida per i diplomatici. La Dottrina del 1993 aveva un carattere marcatamente filo-occidentale. Fortemente eurocentrica, annunciava la cooperazione della Russia con i Paesi più sviluppati, i principali Paesi dell’Occidente, e allo stesso tempo dipingeva le periferie del mondo – tutti i Paesi del Sud – come una zona di conflitto da cui potevano emergere potenziali minacce.

Non dobbiamo dimenticare quanto sia stata caotica la politica russa negli anni Novanta, che oscillava bruscamente tra un occidentalismo ingenuo e una politica di autosufficienza – fin dai tempi di Primakov. Se la prima Dottrina aveva inizialmente definito un orientamento strategico per la politica estera, questo è stato molto rapidamente invertito.

Non dobbiamo dimenticare quanto sia stata caotica la politica russa negli anni ’90, oscillando bruscamente tra un ingenuo occidentalismo e una politica di autosufficienza – fin dai tempi di Primakov.

VJAČESLAV MOROZOV

Con l’ascesa al potere di Vladimir Putin, la natura della Dottrina di politica estera è cambiata, diventando uno strumento concepito principalmente per inviare segnali all’Occidente. Il primo aggiornamento risale al 2000, ma è rimasto relativamente vicino alla versione precedente. Solo nel 2008, dopo il discorso di Vladimir Putin a Monaco, è stata pubblicata una nuova Dottrina, questa volta molto diversa nei contenuti. C’è stato un chiaro spostamento verso una politica anti-occidentale. Da quel momento in poi, la funzione stessa del testo è cambiata: da quel momento in poi, come ho detto, si trattava di inviare segnali ai Paesi occidentali sulla politica estera russa.

L’orientamento anti-occidentale rimane presente in questa Dottrina, ma soprattutto è decuplicata la dose di retorica aggressiva. Parole dure ed espressioni estremamente forti caratterizzano la concezione che la Russia ha delle sue relazioni con l’Occidente. Come ha fatto questa retorica, che veniva dai propagandisti delle televisioni, a finire in una produzione ufficiale dello Stato?

L’unica spiegazione è la guerra. Questo cambiamento di retorica può essere spiegato dal fatto che la Russia ora sostiene di essere obbligata a difendersi da attacchi imminenti contro di essa. Il testo non è diverso, affermando che è in corso un nuovo tipo di guerra ibrida, in cui gli Stati Uniti stanno usando l’Ucraina come meccanismo per la propria aggressione contro la Russia. Stiamo quindi assistendo a uno spostamento verso una retorica sempre più aggressiva, basata sui concetti di “Stato di civiltà”, “mondo russo” e “mondo multipolare”. Questa retorica riflette la posizione di uno Stato che sente di essere stato trattato ingiustamente per troppo tempo, che questa ingiustizia si è infine trasformata in aggressione e che ha bisogno di difendersi da questa aggressione.

Soprattutto, va notato che il livello di aggressività della retorica ufficiale è aumentato dal 2008. Il tono delle Dottrine 2008 e 2013 conservava ancora un certo grado di correzione. La Dottrina 2016 ha iniziato ad allontanarsi da questo, mentre la Dottrina 2023 non prende alcuna precauzione nella scelta delle parole. Esprime senza mezzi termini le presunte intenzioni aggressive dell’Occidente e la politica che la Russia deve adottare per difendersi.

L’aggressività della retorica ufficiale è aumentata dal 2008.

VJAČESLAV MOROZOV

La nuova dottrina di politica estera della FederazioneRussa afferma la necessità di agire in conformità con la Carta delle Nazioni Unite, rifiutando l’idea di un “ordine mondiale basato su regole”. Si legge: “Il meccanismo per stabilire le norme giuridiche internazionali deve essere basato sulla libera volontà degli Stati sovrani. Le Nazioni Unite devono rimanere la principale piattaforma per il progressivo sviluppo e la codificazione del diritto internazionale. Perseverare nella promozione di un ordine mondiale basato su regole rischia di portare alla distruzione del sistema giuridico internazionale e ad altre pericolose conseguenze per l’umanità”. È una contraddizione in termini?

Non c’è contraddizione, né dal punto di vista della Dottrina né da quello della retorica russa. L’idea di un “ordine mondiale basato sulle regole” è apparsa relativamente di recente nel linguaggio della politica estera russa per tradurre il concetto inglese di rule-based order. Il suo significato è esposto nel paragrafo 9 della Dottrina, che fa riferimento alle Nazioni Unite prima di affermare che “la solidità del sistema giuridico internazionale è messa alla prova: una ristretta cerchia di Stati sta cercando di sostituirlo con una concezione dell’ordine mondiale basata sulle regole (cioè l’imposizione di regole, standard e norme, il cui sviluppo non ha garantito la partecipazione paritaria di tutti gli Stati interessati) “. Questo passaggio recupera un concetto del lessico politico occidentale, in cui svolge un ruolo simile ma più sottile, affermando che l’ordine mondiale così come esiste oggi, pur essendo nel complesso favorevole all’Occidente, va comunque a vantaggio di tutti gli Stati e contribuisce alla loro prosperità.

Cosa fa il testo russo? Si basa sulla nozione di “ordine mondiale basato su regole” per denunciare la vana retorica dell’Occidente, che si affanna a imporre a tutto il mondo una visione del mondo che avvantaggia esclusivamente gli Stati Uniti e i loro satelliti. In sostanza, anche se questo termine non viene utilizzato (sebbene il testo contenga numerose critiche al neocolonialismo), si tratta di una denuncia di un sistema imperialista.

Questa concezione di un “ordine mondiale basato su regole” descrive una politica statunitense di dominio unilaterale. Tuttavia, secondo la Dottrina, gli Stati Uniti non sarebbero più in grado di mantenere questo ordine mondiale in un mondo che è diventato multipolare. Ignorando questa realtà, gli Stati Uniti continuerebbero ad aggrapparsi alla loro egemonia – “egemonia” è anche un’innovazione linguistica nella Dottrina del 2023.

Dal punto di vista del Cremlino, la formula “un ordine mondiale basato sulle regole” non è altro, per dirla in termini semplicemente marxisti, che una “falsa coscienza” che gli Stati Uniti vorrebbero imporre all’intero pianeta per ottenere l’accettazione del loro dominio. La Russia si oppone a tutto ciò e sostiene quindi di essere un difensore di un “vero ordine mondiale”, in cui tutti gli Stati sono veramente uguali, come garantito dalla Carta delle Nazioni Unite. Poiché la Russia è membro permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite con diritto di veto, questo ordine è principalmente nel suo interesse.

La Russia sostiene quindi di difendere un “vero ordine mondiale”, in cui tutti gli Stati sono veramente uguali, come garantito dalla Carta delle Nazioni Unite.

VJAČESLAV MOROZOV

Gli statuti delle Nazioni Unite sanciscono alcuni principi normativi che non possono essere violati dagli Stati membri, in particolare il divieto di invadere il territorio di uno Stato sovrano. Questo ordine normativo e la funzione deterrente del Consiglio di Sicurezza sono stati messi in discussione dall’intervento degli Stati Uniti in Iraq. D’altra parte, la struttura dell’ONU è chiaramente basata su un principio di dominio delle “grandi potenze” e su un equilibrio dei loro interessi. Possiamo dire che la Russia ha fatto la sua scelta tra questi due modelli disponibili?

Sì, la Russia è chiaramente a favore di uno dei principi dell’ONU. Una delle caratteristiche del diritto internazionale è l’alto grado di incertezza, poiché si basa su un compromesso tra i principi di sovranità e la necessità di cooperazione internazionale – che può arrivare a limitare la sovranità nell’interesse della pace e della sicurezza internazionale. Allo stesso tempo, i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza occupano una posizione specifica, legata al loro diritto di veto. Questa regola deriva dall’idea di un “concerto delle grandi potenze”, ovvero di un ordine internazionale basato sul consenso dellegrandi potenze(great power management). Nel suo libro The Anarchical Society: A Study of Order in World Politics, Hedley Bull descrive il “Concerto delle grandi potenze” come una delle istituzioni della società internazionale, al pari del diritto internazionale, della diplomazia, della guerra e dell’equilibrio di potenza. Questo concetto risale al Congresso di Vienna del 1815 ed è stato sancito dalla Carta delle Nazioni Unite all’indomani della Seconda guerra mondiale, quando i vincitori hanno consolidato il loro dominio sugli affari mondiali.

L’idea di un “concerto di grandi potenze” si adatta perfettamente alla Russia, soprattutto perché implica che ciascuna delle potenze interessate mantenga l’ordine all’interno della propria sfera di influenza, negoziando al contempo con le altre potenze su scala globale e cercando di non invadere le proprie sfere di influenza. Poiché questo è uno stato di cose ideale per la Russia, essa non può che sostenere la Carta delle Nazioni Unite. Inoltre, l’articolo 51 della Carta garantisce agli Stati il diritto all’autodifesa. Questa nozione compare due volte nella Dottrina 2023, ma senza essere esplicitamente collegata all'”operazione militare speciale”. – Chiaramente, gli estensori del testo non hanno osato accusare apertamente l’Ucraina di aggressione contro la Russia. Tuttavia, è chiaramente questa l’idea in gioco quando la Russia afferma di essere vittima di un nuovo tipo di guerra ibrida e di essere costretta a proteggersi dall’aggressione dell’Occidente attraverso un Paese dipendente. I riferimenti all’articolo 51 devono essere intesi in questo preciso contesto.

Pochi Paesi al di fuori dell’Occidente sono disposti a declassare apertamente le loro relazioni con la Russia.

VJAČESLAV MOROZOV

La Carta delle Nazioni Unite, tuttavia, sancisce altri principi: l’uguaglianza sovrana di tutti gli Stati, il principio di non ingerenza, il divieto di atti di aggressione, ecc. Tutti ne sono consapevoli, ma pochi Stati al di fuori dell’Occidente sono disposti a declassare apertamente le loro relazioni con la Russia. Inoltre, qualsiasi progetto di riforma dell’ONU è condannato fin dall’inizio a causa degli interessi inconciliabili delle grandi potenze, ognuna delle quali cerca di assicurarsi la posizione più favorevole – il che spiega perché continuano a usare il loro diritto di veto. Detto questo, sono pochissimi gli Stati che sostengono apertamente le azioni della Russia, come dimostrano i risultati delle votazioni all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

[Abbonati per leggere le nostre analisi dei dati e scoprire ogni giorno nuove mappe e grafici].

L’ultima versione del testo fa numerosi riferimenti a un “mondo multipolare”. Perché non era così nelle Dottrine precedenti? Inoltre, questa espressione è accompagnata da quella di “civiltà statale”. Come deve essere intesa?

Il concetto di “mondo multipolare” compare nella Dottrina 2000, ma solo come obiettivo strategico. Nel 2008 è stata utilizzata l’espressione “multipolarità emergente”. Successivamente è stata sostituita dal termine “policentrismo”, che compare in tutte le Dottrine fino al 2023.

Il contenuto di questa nozione è in continua evoluzione, ma si può dire che, secondo questo approccio, la trasformazione del pianeta in uno spazio policentrico provocherebbe l’esasperazione degli Stati Uniti e dei loro alleati. Vedendo la loro influenza indebolirsi, si aggrapperebbero ancora di più al loro potere passato, a costo di una destabilizzazione generale. Dal punto di vista della Russia, quindi, questo concetto riflette il contenuto essenziale della politica mondiale: l’Occidente si oppone alla creazione di un mondo multipolare e la Russia, insieme alla Cina e ad altri Paesi, promuove il multipolarismo per ottenere pari diritti per tutti gli Stati sulla scena internazionale.

Nel 2008 ci siamo imbattuti nell’espressione “multipolarità emergente”. In seguito è stata sostituita dal termine “policentrismo”, che si ritrova in tutte le Dottrine fino al 2023.

VJAČESLAV MOROZOV

La nozione di “Stato-civiltà” va di pari passo con quella di multipolarità. Per la Russia, lo Stato-civiltà corrisponde a una rappresentazione di se stessa come entità che riunisce popoli diversi, legati da una comune identità civile. Da un lato, il discorso civilistico della Dottrina conferma che le autorità russe contemporanee hanno poca simpatia per il nazionalismo etnico. I recenti discorsi di Vladimir Putin mostrano che sta cercando di evitare questa retorica nazionalista, sottolineando costantemente la diversità dei popoli che compongono il Paese. Quando si rivolge al popolo ucraino, mostra un certo rispetto, ma si riferisce a lui come parte integrante della stessa unità civile. In questo testo, quindi, il concetto di “mondo russo” è effettivamente utilizzato in senso civile: il mondo russo comprende tutti coloro che sono legati alla Russia, non solo coloro che sono etnicamente russi.

Non è altro che un tentativo di costruire una nuova identità su base imperiale. Questa identità presuppone una gerarchia tra i vari gruppi e culture esistenti, al cui vertice si trova la cultura russa. Tuttavia, questa identità, come tutte le identità imperiali, si dichiara aperta e pronta a incorporare altri popoli e culture se questi riconoscono la supremazia della cultura e del popolo russo, pilastri della formazione dello Stato. Questo concetto si oppone all’idea di sovranità nazionale delle “piccole nazioni”, per usare un termine politicamente scorretto. Anche se il popolo ucraino non corrisponde in alcun modo alla definizione di “piccola nazione”, è così che viene rappresentato dall’imperialismo russo. Secondo questa logica, il popolo ucraino potrebbe esistere solo formando un legame di civiltà esclusivo con il popolo russo. Se prendessero le distanze dalla Russia, gli ucraini diventerebbero un’appendice dell’Occidente – di cui nessuno ha veramente bisogno – e perderebbero la loro identità. Questa diagnosi non vale solo per l’Ucraina, ma anche per la Bielorussia, il Kazakistan e tutta l’Asia centrale, nonché per i vari popoli che vivono sul territorio della Federazione Russa. Il messaggio è che la loro storia, la loro identità e la loro memoria sono intrinsecamente legate alla Russia e alla sua civiltà, mentre al di fuori della Russia perderebbero la loro personalità civile e nazionale, verrebbero colonizzati e poi semplicemente smetterebbero di esistere.

In questo testo, il concetto di “mondo russo” è effettivamente utilizzato in senso civilistico: il mondo russo comprende tutti coloro che sono legati alla Russia, non solo coloro che sono etnicamente russi. Non è altro che un tentativo di costruire una nuova identità su base imperiale.

VYACHESLAV MOROZOV

Infine, vale la pena sottolineare l’uso nella Dottrina del termine “vicino all’estero”, che per un certo periodo era stato escluso dal linguaggio politico ufficiale. Questa espressione, che negli anni ’90 poteva ancora pretendere di riflettere in qualche misura le realtà concrete ereditate dall’era sovietica, ora può solo assumere un significato imperiale e servire ad affermare la supremazia russa.

Un ritratto del Presidente russo Vladimir Putin durante il voto inscenato in un seggio elettorale nella città occupata di Tavriysk, vicino alla linea del fronte. Alexei Konovalov/TASS/Sipa USA

In altre parole, nella tensione che esiste tra il principio imperiale e il principio di nazionalità, è il lato imperiale a prevalere oggi. La dichiarazione di Vladimir Putin secondo cui “i confini della Russia non si fermano da nessuna parte” è un’espressione perfettamente chiara di questo principio imperiale.

Nella tensione che esiste tra il principio imperiale e il principio delle nazionalità, oggi è il lato imperiale a prevalere.

VJAČESLAV MOROZOV

Si può dire che gli Stati Uniti, l’impero a cui la Russia pretende di opporsi, siano l’obiettivo principale della Dottrina di politica estera?

Certo che sì. Se osserviamo la struttura del documento, vediamo che l’elenco delle priorità regionali inizia con “l’estero vicino”, seguito da una serie di Stati più o meno amici, mentre gli Stati europei sono citati solo alla fine, come satelliti degli Stati Uniti – l’Unione Europea in quanto tale non è nemmeno menzionata. All’Europa viene riconosciuta una certa soggettività potenziale, che realizzerà pienamente solo quando si sarà liberata dal potere americano e avrà dato ragione alla Russia. Infine, il testo fa riferimento ai Paesi anglosassoni, cioè agli Stati Uniti e ai loro alleati: Gran Bretagna, Canada, Australia e Nuova Zelanda.

Non appena il tema si sposta sui Paesi del Sud, inizia a emergere una retorica anticoloniale ed emancipatrice. Questo cambiamento nel discorso è iniziato con il discorso di Vladimir Putin del 30 settembre 2022, in cui ha usato la parola “egemonia” almeno cinque volte e ha parlato a lungo di colonialismo, cercando di stabilire un legame tra la lotta della Russia contro la dominazione occidentale in Ucraina e quella dei Paesi del Sud contro il colonialismo. In linea con la sua dottrina di politica estera, la Russia sostiene di essere all’avanguardia del movimento anticoloniale globale, appropriandosi di parte dell’eredità sovietica in questo campo. Va inoltre notato che l’Unione Sovietica, in quanto sostenitrice della decolonizzazione, viene ritratta in questo testo come una sorta di Russia eterna e immutabile, mentre il suo internazionalismo e la sua dimensione ideologica progressista vengono accuratamente ignorati.

L’Unione europea in quanto tale non è nemmeno menzionata nella Dottrina di politica estera.

VJAČESLAV MOROZOV

L’immagine che emerge è quella di una lotta tra l’impero statunitense e i popoli amanti della libertà. Tuttavia, c’è stato un cambiamento ideologico. Secondo la Dottrina, questi popoli non difendono tanto la loro autonomia, la loro libera capacità di autogoverno o la democrazia, quanto la loro identità civile. Se a prima vista la critica all’imperialismo statunitense può sembrare anticoloniale, in realtà assume i toni della destra conservatrice, impreziosita da motivi di civiltà e da elementi culturali e religiosi – la famiglia tradizionale, l’omofobia e altri “valori” che lo Stato russo sta cercando di imporre alla sua popolazione e non solo. Il presupposto fondamentale per la Russia è che su questa base sia possibile costruire un certo grado di solidarietà internazionale.

Tuttavia, non direi che si tratta di vuota retorica – anche se si tratta ovviamente di espedienti retorici. Dal punto di vista dei leader russi di oggi, si tratta di un approccio piuttosto razionale, poiché queste idee possono trovare sostegno o eco tra alcuni leader dei Paesi del Sud, tra i critici del liberalismo, degli Stati Uniti, della NATO, dell’Unione Europea e così via. Allo stesso tempo, questa retorica anticoloniale nasconde una politica imperiale da parte della Russia, che ha un interesse diretto a sviluppare un sistema di relazioni neocoloniali. Le élite russe sono i primi beneficiari di questo sistema e hanno tutte le intenzioni di tornare a uno stato di cose in cui le grandi potenze decidono su tutti gli affari mondiali e ognuna agisce come meglio crede nella propria periferia. La logica è quella del controllo coloniale e ideologico, unito allo sfruttamento economico delle risorse naturali e umane.

Di quali “dispositivi neoliberali” parla Vladimir Putin? Vladimir Putin sta parlando e perché li critica – critiche che si possono trovare nel passaggio in cui la Dottrina afferma che “una forma diffusa di interferenza negli affari interni degli Stati sovrani consiste nell’imposizione di dispositivi ideologici neoliberali, distruttivi dei valori spirituali e morali tradizionali”?

Innanzitutto, ho la sensazione che la Dottrina di politica estera 2023 sia stata scritta da persone nuove, che in precedenza non avevano avuto un ruolo così attivo. Rispetto alle versioni precedenti, questa è scritta in un linguaggio leggermente meno burocratico e il suo flusso è più coerente. Ma il punto chiave è che questo nuovo testo registra una serie di decisioni deliberate, che non possono essere lasciate al caso, a partire dal ricorso alla retorica anticoloniale di cui sopra, o dall’uso di termini come “egemonia” o “neoliberismo”.

Ho la sensazione che la Dottrina di politica estera 2023 sia stata scritta da nuovi autori che non avevano mai avuto un ruolo così attivo.

VJAČESLAV MOROZOV

Immagino che gli autori di questa Dottrina leggano abbastanza da avere un’idea della portata e della diffusione delle attuali critiche al neoliberismo, soprattutto a sinistra. È certamente possibile che non capiscano esattamente cosa sia il neoliberismo, o che facciano finta di non capirlo. Resta il fatto che hanno deciso di sviluppare una critica del neoliberismo che prende di mira l’Occidente, nell’interesse della Russia. In realtà, le critiche esistenti al neoliberismo sono spesso rivolte all’imperialismo occidentale, al tipo di globalizzazione e alle crescenti disuguaglianze globali che lo accompagnano. Ma in questo caso, gli autori della Dottrina fingono di non vedere che la Russia incarna il tipico esempio di egemone locale, pienamente integrato nella struttura neoliberale globale.

Facendo dell’Occidente l’unico ricettacolo della sua critica al neoliberismo, il significato stesso del concetto viene trasformato. Nella Dottrina di politica estera della Russia, il neoliberismo è presentato come un insieme di valori occidentali che si suppone siano imposti alla Russia dall’esterno: la distinzione tra “genitore 1” e “genitore 2”, la “propaganda dell’omosessualità”, il femminismo e così via. Il neoliberismo non è quindi altro che una nuova variante del liberalismo, rifocalizzata su un certo numero di valori culturali occidentali, un mero riflesso delle guerre culturali in corso legate al genere, all’identità queer, alla disuguaglianza razziale, al marxismo culturale e alla sua eredità e al post-colonialismo. Per gli autori del testo, tutti i valori “occidentali”, compresi i diritti umani, i diritti delle donne e delle minoranze, rientrano nella categoria del neoliberismo.

Tuttavia, vale la pena di sottolineare quanto la dottrina della politica estera russa sia essa stessa impregnata di spirito neoliberale. In concreto, questo testo tenta di articolare sia la visione neoconservatrice che quella neoliberale – in un modo che non è poi così nuovo, se ricordiamo l’esempio di Ronald Reagan.

Questo testo tenta di articolare sia il punto di vista neo-conservatore che quello neo-liberale – in un modo che non è poi così nuovo, se ricordiamo l’esempio di Ronald Reagan.

VJAČESLAV MOROZOV

Uno dei concetti al centro della Dottrina è quello di “concorrenza leale”, utilizzato nel testo per denunciare, al contrario, la concorrenza sleale dell’Occidente. Questo concetto è uno dei punti nodali della terminologia neoliberista, alla base dell’idea che lo stato normale delle cose sia una competizione tra tutti contro tutti. Secondo questo concetto, gli individui, gli Stati e le nazioni devono investire nel loro sviluppo e accumulare capitale per superare gli altri. È proprio l’Occidente che, secondo il Cremlino, interrompe il normale corso della competizione tra Stati, civiltà e imprese, ad esempio quando impone sanzioni o impedisce alle aziende russe di accedere al mercato internazionale.

Nel mondo immaginato dagli autori della Dottrina, non c’è spazio per la cooperazione; la competizione di tutti contro tutti deve portare alla sottomissione del più debole al più forte. La questione dei valori, in ultima analisi, è formale: i valori evocati servono solo a legare gli agglomerati civili. In queste condizioni, il “neoliberismo” si riduce a un significante vuoto. Si potrebbe dire che questo termine è ora utilizzato nel lessico politico russo più o meno come lo era “democrazia” qualche anno fa. All’epoca di Vladislav Surkov, la Russia criticava l’Occidente per aver imposto la sua concezione di democrazia al resto del mondo. Oggi è diventato più difficile discutere la nozione di democrazia, anche quella di “democrazia sovrana”, per cui si torna a criticare l’Occidente per il suo “liberalismo”. Per quanto assurda possa sembrare, questa critica al “neoliberismo” proviene dalle posizioni più indiscutibilmente neoliberiste.

Un altro punto importante da notare, non estraneo a quanto detto sopra, è l’eurocentrismo delle Dottrine di politica estera della Russia nel loro complesso. È vero che la Dottrina 2023, come tutti i suoi predecessori tranne il 1993, è un testo anti-occidentale. Ma allo stesso tempo mostra fino a che punto la Russia consideri ancora l’Occidente il suo principale interlocutore. Nonostante i suoi sforzi per sviluppare un dialogo con i Paesi del Sud, questo si riduce ancora una volta a una critica dell’Occidente e della politica occidentale. In altre parole, si tratta ancora una volta di un messaggio all’Occidente: se rinsavisce e adotta una politica “costruttiva” nei confronti della Russia, quest’ultima sarà pronta a cooperare con l’Europa e a tornare a rapporti di buon vicinato. In breve, la Russia non è riuscita a emanciparsi dal suo eurocentrismo: sta ancora cercando di farsi accettare e riconoscere dall’Europa.

La Dottrina 2023 è, come tutti i suoi predecessori tranne il 1993, un testo anti-occidentale. Ma dimostra fino a che punto la Russia consideri ancora l’Occidente il suo principale interlocutore.

VJAČESLAV MOROZOV

Come dobbiamo interpretare il fatto che la nuova Dottrina non faccia più riferimento alla necessità del controllo degli armamenti o, più in generale, del disarmo?

Questo non è del tutto vero: la Dottrina del 2023 fa riferimento al controllo degli armamenti. Tuttavia, viene presentata nel modo seguente: l’Occidente è responsabile di tutto, non abbiamo nulla da rimproverarci, poiché non abbiamo violato alcun accordo e siamo pronti a ristabilire tutti i trattati.

Storicamente, questo è vero anche solo in parte: lo smantellamento del sistema di controllo degli armamenti è iniziato con il ritiro degli Stati Uniti dal Trattato sul controllo degli armamenti sotto George W. Bush Jr. e, negli anni successivi, la questione è stata ben lontana dall’essere una delle priorità di Washington. Nel contesto delle attuali tensioni, è improbabile che questo sistema venga ripristinato nella sua forma precedente, ma la Dottrina indica comunque che la Russia è aperta al dialogo sulla questione degli armamenti, che sarà probabilmente una delle prime questioni da affrontare se la situazione militare si risolverà o si stabilizzerà, o se si aprirà un dialogo tra la Russia e l’Occidente. Per il momento, però, è la guerra a rimanere in primo piano e nessuna discussione seria tra Russia e Occidente potrà avere luogo finché l’Ucraina non sarà sicura.

Questa comunicazione da parte della Russia, riluttante al compromesso e che lancia ultimatum, la sta aiutando a raggiungere i suoi obiettivi?

I leader russi sono probabilmente convinti dell’efficacia di questa forma di comunicazione. Dopo tutto, l’hanno sperimentata nel dicembre 2021, quando hanno lanciato un ultimatum agli Stati Uniti e alla NATO. In effetti, è stato il rifiuto di Stati Uniti e NATO di negoziare alle condizioni della Russia a fornire il principale pretesto per lo scoppio della guerra. Oggi la leadership russa persiste su questa linea. Tuttavia, è chiaro che questo metodo di comunicazione non raggiungerà mai gli obiettivi prefissati, soprattutto ora che la guerra è in corso. Quando all’inizio del secolo 2021-2022 si discuteva dell’ultimatum russo, si sentivano voci che chiedevano alla Russia di essere ascoltata e di impegnarsi nel dialogo. Tutti temevano ciò che da allora è diventato perfettamente chiaro: la Russia non è così terrificante come sembrava.

È chiaro a tutti che la Russia non può vincere la guerra. Non può vincere una guerra contro un’Ucraina sostenuta dall’Occidente. Non uscirà vittoriosa da una guerra su larga scala contro gli Stati Uniti. Potrebbe essere in grado di conquistare alcune porzioni di territorio, ma in nessun modo una vittoria clamorosa. In queste circostanze, il tono da ultimatum della Russia è perfettamente improduttivo: solo una piccola parte della comunità di esperti prende sul serio i suoi proclami. L’opinione prevalente su queste dichiarazioni russe è che si tratti di propaganda o semplicemente di irrazionalità.

La Russia non è riuscita a emanciparsi dal suo eurocentrismo: sta ancora cercando di farsi accettare e riconoscere dall’Europa.

VJAČESLAV MOROZOV

In realtà, come ho detto, la retorica russa non è priva di significato, e il suo significato si riflette nella nuova Dottrina di politica estera. Possiamo non essere d’accordo con il suo contenuto, ma dobbiamo lavorare sulla base di questo testo per definire una politica nei confronti della Russia, con la quale tutti devono ancora fare i conti, per il momento. La retorica aggressiva della Russia è studiata per renderla difficile da capire. Tuttavia, gli esperti devono essere in grado di analizzare il contenuto di questi discorsi, prescindendo dalla loro dimensione aggressiva.
Tutti speriamo che la Russia subisca cambiamenti favorevoli nel prossimo futuro, ma non possiamo aspettare quel momento per definire una politica nei suoi confronti. Non chiedo assolutamente di adottare ora una “posizione costruttiva”, per usare il linguaggio della Dottrina. Tuttavia, è essenziale capire che le azioni del Cremlino sono guidate da una certa logica e che questa logica gli permette di ottenere un parziale successo diplomatico. Senza adottare o approvare questa logica, resta il fatto che, finché non la comprenderemo, non potremo mettere in atto una vera politica di contenimento, né tantomeno piani d’azione più ambiziosi.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

“Le elezioni europee del 2024 hanno segnato la fine del sovranismo dei padri”, la valutazione e le prospettive di Pascal Lamy

Le elezioni europee del 2024 hanno segnato la fine del sovranismo dei padri”, la valutazione e le prospettive di Pascal Lamy

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO
Quali sono i risultati delle elezioni europee? Pascal Lamy traccia le coordinate di una “elezione ibrida”, tra grandi tendenze e inerzia. Nella fase di incertezza in cui si trova la Francia prima delle elezioni legislative e dopo il fragore dello scioglimento, avverte che “un governo Bardella vorrà lasciare il segno su alcuni progetti europei”.

L’intervista è disponibile anche in inglese sul sito del Groupe d’études géopolitiques.

Dal 2019 abbiamo aiutato più di 25 milioni di persone a capire l’Europa. Questo lavoro ha un costo. Per sostenerlo e contribuire allo sviluppo della rivista, abbonatevi a Le Grand Continent.

Dieci giorni dopo, mentre inizia il processo di nomina dei Top Jobs a livello europeo e lo scioglimento della Francia scuote il panorama politico, cosa si può trarre da questa importante elezione europea?

Le elezioni europee sono un ibrido. Per interpretarle bisogna considerare una traiettoria in due fasi, un po’ come un aereo che decolla e sale di quota. Si attraversa una zona di turbolenza nazionale, poi si continua a salire e a quel punto ci si trova in una zona dove la navigazione è più tranquilla e le linee più chiare.

A livello nazionale esistono casi specifici – in Francia siamo in una buona posizione per rendersene conto – che dipendono dall’equilibrio delle forze politiche e dai tempi del ciclo politico nazionale, il che rende difficile trarre conclusioni generali da questo livello. La situazione è diversa a livello europeo. Poiché lo scenario europeo è il risultato di un’aggregazione, i cambiamenti sono inevitabilmente più lenti, più attenuati, con vantaggi e svantaggi nazionali che in parte si compensano.

Puisque la scène européenne est la résultante d’une agrégation, les évolutions sont inévitablement plus lentes, plus amorties avec des plus et des moins nationaux qui se compensent en partie.

PASCAL LAMY

L’épicentre de Paris n’a pas provoqué de tremblement à Bruxelles ? 

L’approche continentale montre qu’il n’y a pas eu d’à-coup, mais une lente dérive continue. Quand vous regardez les chiffres depuis 1979 sur 50 ans, il y a toujours eu un léger déport à droite.

Questa volta è stato un po’ di più del solito, poiché il PPE e i due gruppi di estrema destra hanno ottenuto più seggi. Ma non siamo nelle previsioni estreme in cui ognuno di questi gruppi sarebbe riuscito a conquistare 30 eurodeputati in più.

In questo contesto, ritiene che l’opzione di un secondo mandato della von der Leyen sia quella giusta?

La governance europea si basa su un sistema parlamentare bicamerale, con una camera alta, quella degli Stati, e una camera bassa, quella del Parlamento. Per quanto riguarda la camera bassa, è probabile, anche se incerto, che venga rinnovata la coalizione di cristiano-democratici, socialdemocratici e centristi che ha sostenuto la Commissione nella precedente legislatura.

On en saura plus dans les prochains jours, mais cette configuration donne à Ursula von der Leyen de bonnes chances de devenir la prochaine présidente de la Commission, c’est-à-dire de se succéder à elle-même. Une continuité bienvenue, je crois, en ces temps terriblement chahutés.

Avec la dissolution, ou la disparition apparente du Frexit comme option revendiquée par la droite historiquement eurosceptique, les Européennes 2024 marquent-elles une accélération vers l’européanisation de la politique nationale ?

Sì, è un’interpretazione interessante che condivido. L’ibridazione tra elezioni nazionali ed europee ha avuto conseguenze interne particolarmente eclatanti, almeno nel caso della Francia e forse, dopo l’estate – con l’effetto domino delle elezioni nei Länder – nel caso della Germania. Interpreto questo processo, che ha una dimensione sia politica che antropologica, come una tappa della costruzione di un unico spazio europeo.

L’intreccio tra i due livelli sta diventando troppo intenso per essere ignorato. Non ha senso dire che le elezioni europee non sono nazionali se in pratica Emmanuel Macron scioglie l’Assemblea e Alexander De Croo si dimette dopo i rispettivi fallimenti.

L’intreccio tra le due scale sta diventando troppo intenso per essere ignorato.

PASCAL LAMY

Dalle maledette midterm – in Francia il vincitore ha sistematicamente perso le elezioni presidenziali e le successive elezioni legislative – le elezioni europee stanno cambiando il loro ruolo ?

Questa ibridazione è anche dinamica. Le elezioni europee, pur essendo a turno unico, avranno un secondo turno che sarà puramente nazionale, – e poi forse un terzo turno, se il risultato di queste elezioni nazionali porterà a una diversa posizione del governo francese nel Consiglio dei Ministri.

Naturalmente, in Francia il regime presidenziale mantiene il controllo sugli affari internazionali, sulla diplomazia e sull’Europa. Tuttavia, i rapporti di forza possono cambiare. È ipotizzabile che un governo Bardella – ipotesi che non sembra, ahimè, dal mio punto di vista, improbabile – voglia lasciare il segno su alcuni progetti europei.

Questa volta, l’intreccio non sarebbe statico, ma dinamico, creando una situazione che si riverbera a livello nazionale e, senza dubbio, a livello europeo. A prescindere dalle vicissitudini del momento o dalle preferenze politiche, la costruzione di uno spazio democratico europeo ibrido, cioè nazionale e sovranazionale, è in corso.

È ipotizzabile che un governo Bardella voglia lasciare il segno su alcuni progetti europei.

PASCAL LAMY

Prima di tornare al caso francese, concentriamoci sull’idea di un cambiamento che non avrebbe alcun effetto rilevante e che anzi stabilirebbe una forma di continuità con la rielezione del Presidente della Commissione. Lei stesso ha dimostrato in una delle nostre interviste che l’asse strutturante della von der Leyen – e forse anche dell’inerzia europea che l’ha preceduta – è stato il Patto Verde. Nonostante gli effetti di superficie e la continuità, non siamo di fronte a un cambiamento di rotta?

Non credo che questo spostamento riguardi tanto la direzione quanto la derivata, nel senso matematico del termine. In altre parole, la direzione non cambierà, ma la sua attuazione potrebbe essere rallentata.

Perché?

Per due motivi. Il primo è di natura giuridica: la maggior parte dei blocchi legislativi del Green Deal sono già pronti, compresa la traiettoria di decarbonizzazione entro il 2050. E con la miracolosa adozione questa settimana della legge sul ripristino della natura, grazie alla coraggiosa indisciplina di Léonore Gewesler in Austria, siamo ora più che mai in fase di attuazione. Certo, questo processo potrebbe essere più o meno rallentato a seconda delle opinioni del nuovo Parlamento europeo. Ma credo che i cambiamenti si esprimeranno in altri modi. Ad esempio, nella composizione della Commissione.

Il Consiglio dei Ministri è molto più a destra rispetto a cinque anni fa: in Europa ci sono ormai solo quattro governi socialdemocratici, due dei quali – Germania e Spagna – hanno un peso notevole, ma non sono in una posizione comoda. Gli altri sono liberali, democristiani o forze più a destra dei democristiani, a partire da Giorgia Meloni.

Il Consiglio dei ministri è chiaramente più di destra rispetto a cinque anni fa.

PASCAL LAMY

Qual è il secondo motivo?

Un recente studio del Centro Jacques Delors di Berlino ha dimostrato che l’ambiente rimane un tema chiave nella struttura dell’opinione europea. È vero che non è stato il principale argomento di dibattito a livello di elezioni europee. Ma le ragioni di ciò risiedono nella sua natura ibrida. L’unica questione emersa, contro la quale ha votato l’estrema destra, è stata il divieto di vendita di nuove auto a combustione interna nel 2035. Lo vedo più come il risultato di una cristallizzazione causata da una scadenza: è comprensibile che ci siano persone che non vogliono essere costrette a cambiare la propria auto. Ma per quanto riguarda le altre misure, i sondaggi e le inchieste mostrano che la popolazione europea, nelle sue strutture ideologiche radicate, rimane favorevole all’ambiente, alla decarbonizzazione e anche alla biodiversità, anche se ne parliamo meno.

Eliot Blondet/SIPA

Lei parla di uno spostamento graduale e a lungo termine verso destra. Ma se osserviamo da vicino queste forze, possiamo notare un cambiamento tettonico: i gruppi che erano a destra del Partito Popolare Europeo avevano un’evidente dimensione euroscettica. Oggi il RN di Bardella ha raggiunto un risultato storico non sostenendo più esplicitamente la Frexit, mentre le uniche forze favorevoli alla Frexit rappresentano meno del 3%. Come spiega questa conversione all’Europa? Pensa che sia puramente tattica e retorica? Cambia gli equilibri all’interno del Parlamento?

È la conferma di un movimento che, per suo merito, il Grande Continente ha individuato prima degli altri, evidenziando il ruolo gramsciano di Viktor Orbán in questo cambiamento.

È stato lui a spostare l’estrema destra dalle posizioni antieuropee del sovranismo di stampo paterno: “fuori dall’Europa, abbasso l’Europa, viva la nazione”, a “il nostro obiettivo è partecipare al potere europeo, esercitare il potere europeo, e quindi lo faremo dall’interno, invece di pretendere di stare fuori”.

Orbán ha allontanato l’estrema destra dalle posizioni antieuropee del sovranismo vecchio stile.

PASCAL LAMY

Alcuni euroscettici di destra sono passati dalla Brexit a Make Europe Great Again…

La melonizzazione dell’ estrema destra a livello europeo è stata effettivamente provocata da Orbán, che è la vera forza trainante di questo sviluppo. Non è un caso che il primo ministro ungherese abbia scelto “Make Europe Great Again” come motto per la presidenza di turno del Consiglio. Una parte dell’estrema destra europea cercherà ora di influenzare l’esercizio del potere europeo cercando di penetrarvi attraverso alleanze parlamentari o nomine alla Commissione.

Esiste un punto di incontro tra il Partito Popolare e la sua ala destra?

Sì, assume forme diverse nei vari Paesi. In alcuni casi, la destra del PPE – perché all’interno del PPE esistono una destra, un centro e una sinistra – può essere tentata di votare con l’ECR. Come dimostra l’esame dettagliato dei voti al Parlamento europeo pubblicato dall’Istituto Delors di Parigi, ciò è molto meno probabile da parte dell’ID e di altri raggruppamenti che non appartengono né all’ECR né all’ID di estrema destra.

Ci sono anche Paesi in cui questa possibile continuità sta emergendo. L’Italia, ad esempio, e ora anche la Francia. In Germania, il fatto che la CDU e la CSU siano nello stesso gruppo significa che tutti si uniscono ai cristiano-democratici, mentre in Baviera potrebbero forse avere una posizione diversa se le preferenze sugli assi politici fossero misurate correttamente. In un sistema parlamentare si devono fare dei compromessi; quindi dobbiamo essere forti, avere peso e occupare il maggior numero possibile di posizioni che contano nella definizione dell’ordine del giorno o nella conduzione dei lavori in commissione o in plenaria, e la forza viene dai numeri.

In alcuni casi, l’ala destra del PPE potrebbe essere tentata di votare con l’ECR.

PASCAL LAMY

Come descrivere questo movimento? È un rafforzamento dell’inerzia europea al di fuori del quadro comunitario?

Questo è uno degli ingredienti della graduale politicizzazione dello spazio sovranazionale e della sua articolazione con lo spazio nazionale. È una conferma di questa ibridazione: non si tratta di esercitare una forma di democrazia parlamentare a livello nazionale e un’altra forma di democrazia parlamentare a livello europeo. Il coinvolgimento dell’estrema destra in questa fase è anche un momento di progresso nella costituzione, di lento emergere di questo spazio politico europeo. Queste elezioni sono una tappa di questo processo.

Un tema che non è stato al centro della campagna, ma che sta guidando l’agenda strategica e la profonda inerzia delle istituzioni, è la questione della difesa.È un ingrediente chiave di questa ibridazione?

Sì, soprattutto per ragioni legate all’invasione russa dell’Ucraina. Se c’è una questione su cui l’opinione europea è sempre stata molto d’accordo – anche in Ungheria – è il sostegno a un esercito europeo. La percentuale di europei a favore di un esercito europeo è enorme. Questo desiderio è completamente scollegato dalla realtà di cosa significherebbe avere un esercito europeo in termini di trasmutazione di questo spazio politico – perché se avessimo un esercito europeo, significherebbe che lo spazio democratico sovranazionale è diventato più forte dello spazio democratico nazionale.

Se c’è una questione su cui l’opinione pubblica europea è sempre stata molto d’accordo – anche in Ungheria – è il sostegno a un esercito europeo.

PASCAL LAMY

Come si spiega questo paradosso?

Questo desiderio è una sorta di utopia. Le opinioni sono favorevoli, ma siamo bloccati dalla straordinaria difficoltà di portare le questioni militari a un livello sovranazionale, che implica un’unica strategia, armi intercambiabili, morti comuni, comandi unificati, ordini rapidi e un unico leader. Ma le forze che bloccano stanno diminuendo sotto la pressione del pericolo. L’Ucraina ha cambiato la situazione. Se rieletto, Donald Trump potrebbe agire come un secondo shock.

Non si può dire che questo sia stato un problema emerso durante la campagna elettorale…

Sì, ma se la difesa non è stata oggetto di controversia o di dibattito nelle elezioni europee, non è che la gente non voglia parlarne, è che è d’accordo. Tutto sommato, la preferenza dell’opinione pubblica per la difesa europea è simile al consenso sull’ambiente. Quando parlo di Europa con i non addetti ai lavori, sento molti di loro lamentarsi della mancanza di una difesa europea. Rispetto pienamente questa opinione; noto solo che trascura o ignora i passi che devono essere fatti per arrivarci, sia tecnicamente che politicamente. Se siete a favore di un esercito europeo, dovete accettare il fatto che il capo di tale esercito probabilmente non sarà qualcuno del vostro Paese.

In proporzione, la preferenza dei cittadini per la difesa europea è simile al consenso sull’ambiente.

PASCAL LAMY

Non siamo forse di fronte a un “consenso morbido”, come lo definisce Jean-Yves Dormagen nelle nostre pagine sulla transizione ecologica? In astratto, tutti sembrano d’accordo, ma non appena guardiamo alle conseguenze concrete e srotoliamo il sillogismo, troviamo subito nuove divisioni e fratture.

L’invasione dell’Ucraina ha creato un’energia politica che prima non c’era. Le crisi sono motori di energia politica. Grazie a questa energia, saremo in grado di andare avanti. Da quello che possiamo leggere dei segnali politici inviati dalle elezioni europee e dalle conseguenze per il Parlamento e il Consiglio, non vedo perché questo slancio, che sarà lento, debba essere interrotto. Anche perché all’interno dell’ECR non c’è una resistenza considerevole su questo tema e Orbán non è fondamentalmente contrario.

Sarebbe difficile non chiederle di approfondire l’effetto politico interno più impressionante di queste elezioni europee: lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale. Pensa che un governo Bardella segnerebbe una rottura con l’integrazione europea?

Non ne sono sicuro, perché, a parte la sua posizione nazionalista di principio, la RN si è guardata bene dal precisare la sua posizione, per mantenere la sua strategia “catch-all”. Quindi parlo con cautela, ma nel sistema istituzionale e costituzionale francese la questione europea è in gran parte di competenza del Presidente della Repubblica. Emmanuel Macron, eletto 7 anni fa, ha saputo creare e continua a creare una dinamica di integrazione europea, con la Sorbona 1 e ora con la Sorbona 2, anche se l’albero di Natale è ancora un po’ pieno.

A parte la sua posizione nazionalista di principio, la RN si è guardata bene dall’esplicitare la sua posizione, rimanendo fedele alla sua strategia “catch-all”.

PASCAL LAMY

Questo non vuol dire che non ci saranno cambiamenti, perché ci sono molte decisioni quotidiane e compromessi che devono essere presi a livello governativo, in particolare con la macchina del Segretariato Generale per gli Affari Europei (SGAE), che prepara, fa adottare e poi trasmette le istruzioni sulle posizioni francesi alla Rappresentanza Permanente a Bruxelles, che le difende. Questi arbitrati saranno diversi con un governo Bardella rispetto a un governo Attal. Se la Commissione ha bisogno di una maggioranza per approvare un testo in Consiglio dei Ministri e la posizione della Francia è decisiva per ottenere tale maggioranza, le cose possono cambiare.

Su quali questioni vedrebbe una possibile rottura?

Sulla questione cruciale della difesa dell’Ucraina, o su questioni future come la riforma della politica agricola comune, il bilancio europeo e il ritmo della transizione ecologica, un Primo Ministro RN potrebbe imprimere una svolta.

D’altra parte, per quanto riguarda l’immigrazione, ci sono relativamente poche possibilità che il tema venga ripreso a breve termine a livello europeo, perché abbiamo appena modificato in modo sostanziale la politica migratoria rendendo più rigidi gli accordi di Dublino.

Per quanto riguarda l’immigrazione, le possibilità che il tema venga ripreso a livello europeo nel breve periodo sono relativamente scarse, perché abbiamo appena apportato modifiche sostanziali alla politica migratoria con l’inasprimento degli accordi di Dublino.

PASCAL LAMY

Il movimento fondamentale di questo spostamento non potrebbe aprire una fase in cui la Frexit torna ad essere un’ipotesi?

Non credo. Le circostanze e i vincoli esterni – le vicende di un mondo dilaniato da molteplici crisi – spingono nella direzione opposta.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

1 2 3 62