Stati Uniti, elezioni! Trump, il sangue, la marcia ad ostacoli Con Gianfranco Campa, Cesare Semovigo

Abbiamo pubblicato la conversazione con cinque giorni di ritardo. Problemi tecnici ed adattamenti tesi a migliorare la qualità dei contenuti e della comunicazione. In una fase così convulsa un lasso troppo lungo che ci ha spinto a selezionare drasticamente il contenuto. Nel frattempo appare sempre più verosimile che l’atto proditorio non era orientato solo all’eliminazione di Trump, ma a compiere anche una strage, sulla falsariga di quella di Las Vegas di alcuni anni fa, tale da intimorire il movimento, esasperarlo e istigarlo a reazioni di stampo terroristico tali da innescare una guerra civile e una regolazione definitiva dei conti. Nella conduzione dell’attentato stanno emergendo in sovrapposizione più attori, spesso ritenendosi protagonisti e registi della trama, molti in realtà ridotte a figure manipolate. Ne parleremo con la maggiore accuratezza possibile in un prossimo documentario. Nel frattempo scelte politiche importanti sono emerse. Trump ha incontrato Kennedy, il terzo candidato alla presidenza sollecitandone pubblicamente l’istituzione di una scorta sino a quel momento negata dall’amministrazione di Biden; ha nominato la figura chiave della vicepresidenza in una marcia dall’esito ancora tutt’altro che scontato. Lo scorno del campo neocon, ancora insinuato in alcuni gangli vitali del partito repubblicato, ma dai consensi prossimi allo zero, è stato evidente. Il vantaggio da poter trarre da una eliminazione di Trump è sfumato per pochi millimetri. Non tutto è chiaro sugli indirizzi e sulla coerenza degli intenti dello schieramento, tranne un fatto: il possibile venir meno di un pilastro fondamentale alla sopravvivenza delle attuali leadership europee. Nel versante dem-neocon la situazione è sempre più caotica, con Biden avviato sulla via della rinuncia al secondo mandato e con la difficoltà a far emergere un candidato credibile in grado di rappresentare una forza ancora temibile, ben radicata nei centri, ma accecata e ferita. Ne parleremo quanto prima. Buon ascolto e grazie a Gianfranco Campa e Cesare Semovigo, Giuseppe Germinario

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI COPRE UNA PARTE DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

I democratici possono trasformare la crisi in un’opportunità?_di SIMPLICIUS

I democratici possono trasformare la crisi in un’opportunità?

18 LUGLIO
CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

L'”evento” di Trump è arrivato e passato, e in realtà non siamo più vicini a sapere esattamente cosa sia successo, poiché i dettagli sono diventati solo più contorti, con infinite teorie cospirative lanciate da esperti entusiasti di clic e rabbia. Naturalmente, ciò include anche i media stessi, che hanno diffuso la teoria del complotto più insensata di tutte: che l’Iran potrebbe essere stato responsabile del tentativo di assassinio di Trump.

Ma non intendo entrare nel nocciolo della questione perché è inutile fare l’investigatore su un evento i cui principali autori sono noti a tutti con un minimo di abilità logica.

L’aspetto più interessante è come le cose siano tornate alla relativa normalità dopo una circostanza così importante e potenzialmente epocale. I democratici hanno fatto del loro meglio per riportare la narrazione politica allo status quo e dimostrare che le possibilità elettorali di Trump non sono state eccessivamente aumentate. È abbastanza difficile dirlo in questi giorni, poiché la divergenza epistemica tra le due parti è diventata così vasta che ciascuna opera letteralmente nella nebbia di una realtà separata. I sondaggi democratici mostrano che Biden è ancora in vantaggio, mentre altri sondaggi mostrano una situazione catastrofica per le possibilità di rielezione di Biden.

C’è un profondo senso di normalità in America, con le masse apparentemente impermeabili a qualsiasi senso di sventura o terrore. Ma se si esaminano gli “scenari peggiori” nel corso dell’ultimo anno, quasi tutti sono stati colpiti uno dopo l’altro. Ad un certo punto, ad esempio, sembrava inconcepibile che un recente presidente potesse essere accusato o incarcerato, eppure è stato fatto a Trump. Ora, molti pensavano che fosse una fantasia improbabile provare a portarlo fuori in modo cinetico, e ora abbiamo visto accadere anche questo.

Quale sarà la prossima ascia a cadere?

Molti considerano inconcepibile che l’America possa scoppiare in una guerra civile o in una violenza politica di massa incontrollata e sfrenata e in un conflitto aperto. Il pensiero spaventoso è che tutti i precedenti “inconcepibili” si sono avverati rapidamente, e per di più senza ostacoli. Le cose sembrano tranquille, quindi un’escalation così drastica sembra intrinsecamente “improbabile”. Eppure, come affermato, in perfetta sequenza, tutti gli improbabili precedenti sono stati colpiti uno dopo l’altro: perché dovremmo aspettarci che la spirale dell’escalation si fermi? Razionalmente parlando, dovremmo essere preparati al prossimo calo di scarpa poiché lo Stato profondo fa tutto ciò che è in suo potere per impedire a Trump di essere eletto.

In effetti, lo Stato profondo è ora in guai peggiori, non solo perché ha dato energia alla base di Trump con il colpo fallito, ma perché ha inavvertitamente messo la museruola alla propria retorica. D’ora in poi dovranno stare molto più attenti a ciò che dicono per non essere accusati di incitamento alla violenza, ma questo di fatto toglie loro l’arma più potente: le minacce implicite contro i loro avversari ideologici.

Certo, questo non li fermerà del tutto – e in effetti, ci sono già state dichiarazioni da parte della Casa Bianca secondo cui “nessun cambiamento” sarà apportato alla loro retorica. Ecco Karine Jean-Pierre che afferma di esprimere proprio questo, con il massimo tatto consentito dalla sua doppiezza:

Inoltre, i personaggi dei media di regime – come se fossero patologicamente incapaci di aiutare se stessi – hanno continuato a fischiare “accidentalmente” le stesse minacce alla loro base radicalizzata e propagandizzata:

Guardate anche il comandante in capo, cretino e immorale, coprire le sue tracce con una serie di errori e scuse:

In effetti, i Democratici, la Sinistra e gli alleati dello Stato profondo hanno categoricamente fatto marcia indietro affermando di non essere stati loro a spingere la divisione e di essere il partito dell’unità e della riconciliazione, ma tutti quelli che sono stati anche solo parzialmente consapevoli per il momento ultimi anni sa che è una bugia:

Nonostante tutto ciò, però, i democratici saranno costretti a moderare un po’ la loro retorica, e questo li danneggerà; dovranno ripensarci continuamente, e le prove sono già emerse con l’annuncio dell’amministrazione Biden che tutti gli annunci attualmente pianificati sarebbero stati rimossi e reimpostati, poiché apparentemente contenevano tutti un linguaggio piuttosto “incitante” contro Trump:

In secondo luogo, dal momento che lo Stato profondo aveva pianificato di avere successo e di liberarsi del problema Trump, la storica sconfitta riduce le loro possibilità di riprendere un attacco del genere contro Trump o altri candidati fastidiosi. Ora sono stati costretti almeno a fingere preoccupazione e precauzione facendo concessioni sulla sicurezza che faranno il gioco del campo della resistenza:

Ma anche se gli ultimi sviluppi hanno assicurato che Trump vincesse le elezioni, il suo quasi assassinio ci ha insegnato una lezione molto importante: che la destra non si “ribellerà” né intraprenderà una sorta di drammatica guerra civile in stile hollywoodiano nell’immediato futuro. , anche se si dovessero verificare ulteriori aggravamenti di tipo terminale, come il furto totale delle elezioni entro la fine dell’anno.

Molti a destra ora si vantano che non è stato acceso un solo fuoco, né un’anima è stata ferita in seguito ad un tentativo di colpire apertamente il loro candidato. Tuttavia, alcuni si aggrappano ancora alla fantasia secondo cui, se l’attentatore avesse avuto successo, sarebbe scoppiata una guerra civile esplosiva. Ma data la totale normalità e calma anche di fronte al quasi disastro, è diventato evidente che la maggioranza degli americani normali non “si solleverà” tanto presto. Che si tratti di un livello di comfort da primo mondo che deve ancora essere completamente eroso, o della propaganda di massa, o di semplici decenni di docilità imposti loro dall’establishment, è difficile saperlo con certezza. Ma è chiaro che nessuno “si solleverà” nel modo in cui alcuni hanno immaginato nell’immediato futuro.

Ciò mi ha portato a riflettere su come potrebbe effettivamente apparire una potenziale guerra civile se iniziasse, e ciò che ho concluso è che dovrebbe essere per volere di governi statali forti che avviano alcune importanti azioni antifederali. Il Texas, ad esempio, potrebbe avviare alcune delle mosse anti-Fed promesse molto tempo fa dal governatore Abbott, portando alla chiamata dei cittadini nella Guardia Nazionale o addirittura dichiarando la chiamata alle armi di varie milizie statali. La maggior parte delle persone non sa che la Guardia Nazionale è in realtà controllata dallo Stato , con il governatore come comandante in capo. Diventa “federalizzato” solo su ordine esplicito del Presidente per una specifica missione federale, che in circostanze così terribili potrebbe essere ignorata dallo Stato, innescando così un conflitto. Ron Desantis, infatti, ha già minacciato di farlo, tra le altre cose.

Ecco come sarebbe una vera “guerra civile”: non repubblicani spontanei armati di fucili che prendono d’assalto le strade quando il loro candidato viene derubato per la seconda volta nelle elezioni. Tuttavia, se un simile ipotetico sforzo guidato dallo Stato dovesse prendere il via, allora potrebbe stimolare movimenti più spontanei dei cittadini sul campo.

Menziono tutto questo perché abbiamo iniziato l’articolo con l’idea che stiamo vivendo in un’epoca di pregiudizi alla normalità, dove tutti i precedenti scenari “inconcepibili” stanno lentamente realizzandosi. Pertanto, non possiamo più escludere del tutto la possibilità che possa succedere qualcosa durante le prossime elezioni, poiché la situazione è diventata più tesa che mai.

Per un po’ di tempo ho nutrito la brutta sensazione che durante le prossime elezioni potremmo vedere l’equivalente americano della crisi costituzionale russa del 1993 – sai, quella :

Dove Boris Eltsin arrivò su un carro armato per smantellare il parlamento russo e centralizzare il proprio potere. Personalmente, non penso che l’America si trasformerà ancora in una vera e propria guerra civile, ma che potremmo vedere il nostro primo “avvicinamento” durante queste elezioni, che potrebbe materializzarsi come una sorta di piccolo scontro militare nella capitale tra le due parti. e i loro sostenitori, una sorta di J6 sovralimentato.

Perché non ci sarà ancora una vera guerra civile? Principalmente perché gli americani sono ancora troppo a loro agio, e il grande inganno israeliano sta appena cominciando a farsi strada nella coscienza pubblica:

Potrebbe volerci un altro decennio perché tutto ciò arrivi veramente al punto in cui il cittadino medio si renda conto che tutto il sangue e i tesori dell’America sono andati in bancarotta esclusivamente a beneficio della creazione del Regno di Israele in Medio Oriente. Solo allora le cose potrebbero intensificarsi fino al punto di un conflitto aperto, anche se potrebbe essere rapidamente messo in discussione dal collasso di Israele come nazione, che non è del tutto escluso nei prossimi anni, a quanto pare.

Piano “C” per il collasso

Quali sono i piani dei democratici e dello Stato profondo se non riuscissero a fermare la rielezione di Trump? Sappiamo che l’amministrazione corrotta di Biden ha disperatamente nascosto la distruzione dell’economia statunitense. Ogni possibile metrica è stata incollata e mentita.

“La disoccupazione è bassa!” Si è rivelata una frode, poiché i cittadini americani reali hanno perso milioni di posti di lavoro negli ultimi anni e solo i migranti illegali hanno beneficiato di nuovi posti di lavoro, e per giunta part-time.

“L’inflazione è scesa ai minimi storici!” Frode totale. L’inflazione si aggrava su base annua. Solo perché è sceso al 2-3% quest’anno non annulla il massiccio danno inflazionistico degli ultimi quattro anni di amministrazione Biden. L’inflazione calcolata a partire da 4-5 anni fa è in realtà aumentata del 30-50% se non di più.

“La criminalità è più bassa che mai!” Un’altra bugia perpetrata . Si scopre che la maggior parte delle città e dei distretti democratici hanno smesso di denunciare i crimini all’FBI, con il risultato che le cifre sono “più basse”.

Allo stesso modo, i funzionari di Biden continuano a minimizzare l’invasione dei migranti, che è stata la più grande e la più catastrofica socialmente ed economicamente nella storia della nazione. È chiaro che stanno “imbottigliando” un livello senza precedenti di devastazione nazionale per poi “liberarlo” nel momento da loro scelto.

Riesci a indovinare quando sarà quel momento?

I loro piani legali contro Trump sono falliti, i loro piani per tenerlo fuori dal ballottaggio sono falliti, i loro piani per rimuoverlo definitivamente con la forza cinetica sono falliti. Quindi, se riuscisse a superare l’ultima fase della tempesta e riuscisse a essere rieletto, gli resterebbe solo un ultimo Piano “C”: scatenare il Cigno Nero economico per sprofondare la presidenza Trump in crisi e disordini storici.

Perfino Janet Yellen ha recentemente iniziato ad ammettere che il dollaro americano è di fronte al suo destino:

Credo che tutte quelle profonde disfunzioni che l’attuale amministrazione ha imbottigliato verranno “rilasciate” sulla presidenza Trump. Si permetterà che il vero stato dell’economia venga testimoniato in pieno, e gli attori dell’establishment radicato potrebbero persino attivare i fattori scatenanti per accelerarne il collasso, non solo per macchiare l’immagine del mandato presidenziale di Trump, ma per rovinare ogni possibilità di un successo globale e radicale. riforme che presumibilmente cerca di avviare.

È interessante notare, tuttavia, che le idee di riforma di Trump e Vance sono così radicali – alla Javier Milei – che potrebbero benissimo accogliere favorevolmente una sorta di “collasso” iniziale al fine di ristrutturare e ricalibrare radicalmente il sistema. Ad esempio, Vance ha ora dichiarato pubblicamente che svalutare il dollaro USA potrebbe essere una buona cosa, ai fini del protezionismo commerciale e dell’eliminazione del globalismo parassitario:

Se a questo aggiungiamo gli altri progetti radicali di Trump, come l’abolizione dell’imposta sul reddito, potremmo presto trovarci in acque inesplorate, piene di oscillazioni economiche imprevedibili e selvagge. Tali circostanze creerebbero allo stesso modo condizioni mature affinché i sabotatori dell’establishment possano portare l’economia al collasso sotto la maschera delle “riforme” di Trump, prendendo due piccioni con una fava; ciò consentirebbe loro di effettuare il Grande Reset sul sistema finanziario, il tutto incolpando una depressione storica causata dalla “sconsideratezza fiscale di Trump”.

In ogni caso, possiamo essere sicuri che, se vincesse, faranno tutto ciò che è in loro potere per sabotare l’economia e affogare il suo mandato nel caos, punendo nel frattempo la sua “deplorevole” base.

Per ulteriori letture, ecco un nuovo articolo da Tree of Woe in cui predice quello che chiama l’Eschaton americano:

Prevedo un Eschaton americano: la fine dell’America come la conosciamo. Sarà una Quarta Svolta, ma sarà una Quarta Svolta che va contro di noi. Il modo esatto in cui avverrà il nostro eschaton è molto più difficile da prevedere. La fine dell’America come la conosciamo non significa necessariamente un’apocalisse nucleare, il collasso del governo o la secessione. Potrebbe semplicemente significare una trasformazione dell’America in qualcosa di non americano. (La rivoluzione russa del 1918 segnò la fine della Russia come la conoscevano i russi dell’epoca, per esempio.)

In effetti, egli giunge alle mie stesse conclusioni sull’imminente collasso economico:

Immaginate, se volete, che i membri più intelligenti della classe dirigente abbiano concluso che è molto probabile che Trump vinca; immaginiamo, inoltre, che credano che la calamità economica sia inevitabile o che la guerra globale sia inevitabile o necessaria. Se così fosse, allora avrebbe senso consentire l’elezione di Trump e quindi “accelerare” i progressi verso questi eventi. Perché?

Se sotto l’amministrazione Trump si verificasse un collasso economico (magari dovuto alla de-dollarizzazione), Trump verrà incolpato nello stesso modo in cui Herbert Hoover fu incolpato per la Grande Depressione; e proprio come le politiche economiche di Hoover sono state completamente screditate per generazioni, lo stesso accadrà a quelle di Trump. Inoltre, le condizioni economiche che ne deriverebbero potrebbero aprire la strada a un nuovo Roosevelt a sinistra con le consuete promesse socialiste di migliorare le cose.

E anche se non credo che sia una certezza assoluta, e che ci sia la possibilità che Trump possa trionfare sullo Stato Profondo, che è certamente in uno stato molto indebolito e che è in attesa del colpo mortale da parte di un forte fronte patriottico unito, sono comunque d’accordo con la conclusione inquietante finale di Tree of Woe:

Il futuro è incerto. Ma il tentativo di omicidio di ieri dovrebbe essere un campanello d’allarme per le persone normali e i babbani che continuano a credere che “non succede mai nulla”. Le cose stanno accadendo e il peggio deve ancora venire. Non posso dire se il futuro riservi un divorzio nazionale, una guerra civile, una calamità economica o una guerra globale. Purtroppo, l’unica cosa che meno mi aspetto è il trasferimento pacifico del potere al prossimo presidente. 

Eschaton americano parte III

Sta arrivando più velocemente che mai

Venerdì ho detto che domenica avrei fatto un post su Substack.

Poi, sabato, un uomo armato ha tentato di assassinare il Presidente Trump in diretta TV. Non ci è riuscito, ma è stato un momento orribile e storico, che tutti ricorderemo per gli anni a venire.

Non ho nessuna nuova informazione da offrire che non stia già circolando nei nostri ambienti, né vedo molto valore nello speculare sull’evento quando altri con più qualifiche di me lo hanno già fatto. Lasciatemi quindi dire che sono grato a Dio che il Presidente Trump sia sopravvissuto all’attentato e sono impressionato dal coraggio e dalla determinazione che ha dimostrato nella sua risposta. Sono anche profondamente rattristato per le vittime subite dai passanti innocenti, per i quali è stato istituito un GoFundMe.

Shooting was an assassination attempt against Trump, FBI says | Ghana ...

Dati gli eventi di ieri, sembra ragionevole oggi rivedere l’imminente Escatone americano e aggiornare le mie previsioni alla luce del verificarsi di un attentato. .

L’Eschaton americano è un termine che ho coniato per descrivere la fine dell’America come la conosciamo, e già il 27 settembre 2023 avevo previsto che mancavano 16 mesi.

Tra sedici mesi (472 giorni, per l’esattezza), il 25 gennaio 2025, il prossimo Presidente degli Stati Uniti presterà giuramento. In un anno normale, in un decennio normale, in una nazione normale, il prossimo Presidente sarebbe ovvio. Sarebbe Donald Trump…

Ma questo non è un anno ordinario, né un decennio ordinario, né una nazione ordinaria, e quindi non andrà così…

Prevedo un Escaton americano: la fine dell’America come la conosciamo. Sarà una quarta svolta, ma sarà una quarta svolta che andrà contro di noi. Il modo esatto in cui avverrà il nostro eschaton è molto più difficile da prevedere. La fine dell’America come la conosciamo non significa necessariamente apocalisse nucleare, collasso del governo o secessione. Potrebbe semplicemente significare una trasformazione dell’America in qualcosa di non americano. (La Rivoluzione russa del 1918 fu la fine della Russia come la conoscevano i russi dell’epoca, per esempio).

Come avverrà la mia profezia sulla fine dell’America come la conosciamo? Ho previsto che potrebbero verificarsi diverse possibilità:

  • Trionfo manageriale;

  • Crollo gestionale;

  • Divorzio nazionale pacifico;

  • Guerra civile (divorzio nazionale violento); oppure

  • Guerra globale

Ecco come la vedevo quando ho scritto l’articolo 11 mesi fa:

Il trionfo manageriale è probabile che si verifichi se:

  • o Trump viene rimosso dalle urne per via legislativa, con l’incarcerazione o con l’assassinio; o si ricorre a frodi elettorali per impedirgli di competere in modo equo; o si trova un pretesto per annullare del tutto le elezioni; e

  • O la destra non reagisce a questo risultato con qualche forma di azione diretta; o la destra reagisce, ma in modo inefficace e stupido, e in seguito crolla di nuovo nella passività; e

  • L’élite manageriale riesce a evitare un collasso sistemico dovuto ad altre cause.

Il collasso manageriale si verificherà se:

  • Trump sarà rimosso dal voto per via legislativa, con l’incarcerazione o con l’assassinio; o si ricorrerà a frodi elettorali per impedirgli di competere in modo equo; o si troverà un pretesto per annullare del tutto le elezioni; e

  • O la destra non reagisce a questo risultato con qualche forma di azione diretta; o la destra reagisce, ma in modo inefficace e stupido, e in seguito crolla di nuovo nella passività; e

  • L’élite manageriale non riesce a evitare un collasso sistemico dovuto ad altre cause.

La destra potrebbe innescare un divorzio nazionalese:

  • Trump viene rimosso dal voto per via legislativa, con l’incarcerazione o con l’assassinio; oppure si ricorre a frodi elettorali per impedirgli di competere equamente; oppure si trova un pretesto per annullare del tutto le elezioni; e

  • In risposta, uno o più Stati rossi secedono dall’Unione, rifiutano di riconoscere il governo di Washington D.C. o provocano in altro modo un divorzio nazionale; e

  • Il governo federale, forse sotto pressione internazionale o indebolito dal crollo del petrodollaro, permette questa secessione o almeno non si oppone.

La sinistra potrebbe innescare un divorzio nazionale se:

  • Trump venisse eletto nuovamente alla presidenza per attuare la sua piattaforma “Dark MAGA”; e

  • In risposta, uno o più Stati blu secedono dall’Unione, rifiutano di riconoscere la presidenza Trump o provocano in altro modo un divorzio nazionale; e

  • Il governo federale, forse sotto pressione internazionale o indebolito dal crollo del petrodollaro, permette questa secessione o almeno non si oppone.

Gli Stati Uniti potrebbero scivolare nella guerra civile se:

  • Qualunque fazione perda le elezioni del 2024 (sinistra o destra) tenta una secessione pacifica; e

  • Il governo federale risponde con un’azione militare e viene accolto da una contro-forza militare da parte degli Stati.

Gli Stati Uniti potrebbero anche cadere in guerra civile se:

  • Trump viene rimosso dalle urne per via legislativa, con l’incarcerazione o con l’assassinio; oppure si ricorre a frodi elettorali per impedirgli di competere in modo equo; oppure si trova un pretesto per annullare del tutto le elezioni; e

  • La destra risponde violentemente e il governo non riesce a spaventare o a pacificare rapidamente l’insurrezione con un’azione militare o di polizia.

In alternativa:

  • Trump viene eletto nuovamente alla presidenza per attuare la sua piattaforma “Dark MAGA”; e

  • La sinistra risponde violentemente e il governo non riesce a spaventare o pacificare rapidamente l’insurrezione con un’azione militare o di polizia.

Ci sono essenzialmente due modi in cui la guerra globale potrebbe iniziare:

  • La Cina e/o la Russia iniziano la guerra perché i loro leader ritengono che gli Stati Uniti siano mal guidati, al verde, disuniti e quindi destinati a perdere; oppure

  • Gli Stati Uniti iniziano la guerra perché i nostri leader ritengono che il sistema si stia dirigendo verso il collasso o la vittoria di Trump e decidono che un conflitto globale su larga scala sia meglio che rinunciare al potere.

Dato che Biden ha dimostrato di essere rimbambito e incapace di ricoprire una carica; dato che Trump era già in vantaggio nei sondaggi; dato che Trump è stato quasi martirizzato, ma invece è assurto a vero e proprio status di eroe nella sua risposta con i pugni; dato tutto questo, mi sembra che Trump sia ora, essenzialmente, inarrestabile in qualsiasi elezione legittima.

Eppure nessuna delle circostanze che hanno reso probabile un Eschaton americano 16 mesi fa sembra essere cambiata, perché era ovvio per qualsiasi osservatore che Trump avrebbe vinto qualsiasi elezione legittima 16 mesi fa!

Quindi, a che punto siamo ora? Come previsto, la sinistra ha tentato di rimuovere Trump dalle urne; come previsto, la sinistra ha tentato di incarcerare Trump; e ora, come previsto, la sinistra (o almeno un uomo armato solitario affiliato alla sinistra) ha tentato di assassinare Trump.

La prossima mossa dell’elenco di cui sopra è l’uso di frodi elettorali per impedire a Trump di completare in modo equo le elezioni. Tali frodi elettorali potrebbero assumere la forma di raccolta di voti per corrispondenza, schede false, manipolazione delle macchine elettorali e/o voto da parte di immigrati clandestini.

Ma Trump è ora così avanti nei sondaggi che sarà difficile per qualsiasi cosa al di fuori di frodi assolutamente palesi, o persino di una completa cancellazione delle elezioni, mantenere la sinistra al potere. Dato il risentimento della destra per le elezioni del 2020, ripetere le buffonate fraudolente del 2020 in modo ancora più eclatante, quando Trump è così avanti, sembra molto più probabile che la destra porti al divorzio nazionale o alla guerra civile di quanto non fosse 11 mesi fa. .

D’altra parte, se questo livello di frode elettorale non viene perseguito (e non viene ucciso in un secondo tentativo) Trump vincerà quasi certamente, e allora dobbiamo immaginare che il divorzio nazionale o la guerra civile siano possibili da sinistra.

C’è un percorso pacifico per Trump per prendere il potere e attuare il suo programma? Nel mio articolo originale, non ne vedevo uno perché non vedevo alcuna circostanza in cui la sinistra avrebbe semplicemente capitolato. Ma io lo vedo ora una tale possibilità. .

Immaginate, se volete, che i membri più intelligenti della classe dirigente abbiano concluso che è molto probabile che Trump vinca; immaginate, inoltre, che credano che la calamità economica sia inevitabile o che la guerra globale sia inevitabile o necessaria. Se così fosse, avrebbe senso permettere l’elezione di Trump e quindi “accelerare” il progresso verso questi eventi. Perché?

Se ci sarà un crollo economico sotto l’amministrazione Trump (forse a causa della de-dollarizzazione), sarà incolpato nello stesso modo in cui Herbert Hoover fu incolpato per la Grande Depressione; e così come le politiche economiche di Hoover furono completamente screditate per generazioni, lo saranno anche quelle di Trump. Inoltre, le condizioni economiche che ne deriveranno potrebbero spianare la strada a un nuovo Roosevelt di sinistra, con le solite promesse socialiste di migliorare le cose.

D’altra parte, se c’è una guerra globale, il fatto che Trump sia in carica è praticamente l’unico mezzo per convincere i giovani uomini bianchi – il nucleo della nostra forza combattente – ad accettare la leva o ad andare in guerra. Non molti uomini morirebbero per Biden o per il globohomo, ma se Trump lancia l’appello e la causa sembra patriottica, molti (non tutti, ma abbastanza) risponderanno.

Di come potrebbe scoppiare una guerra del genere ho già parlato. Trump non sembra propenso a un’escalation contro la Russia, ma sembra del tutto possibile che sostenga Israele se la sua guerra dovesse sfociare in una guerra più ampia, magari innescando una cascata verso una guerra globale; in alternativa, rimane la possibilità di un’azione cinese contro Taiwan. In ogni caso, come ho spiegato in precedenza, è probabile che perderemo la guerra per mancanza di capacità industriale, ponendo Trump come capro espiatorio del nostro fallimento militare.

Il futuro è incerto. Ma l’attentato di ieri dovrebbe essere un campanello d’allarme per i normodotati e i babbani che continuano a credere che “non succede mai niente”. Le cose stanno accadendo e il peggio deve ancora venire. Non so se il futuro riservi un divorzio nazionale, una guerra civile, una calamità economica o una guerra globale. Purtroppo, la cosa che meno mi aspetto è un trasferimento pacifico del potere al prossimo presidente.

Contemplazioni sull’albero della sventura è una pubblicazione sostenuta dai lettori. Di solito metto qui una battuta seguita da un invito all’azione per iscriversi, ma alla luce degli eventi di ieri, vi chiederò invece di fare una donazione alle famiglie delle vittime dell’attentato di ieri alla vita di Trump.

 

“Non si può più attaccare Trump”, la campagna di Biden e i democratici si affannano a discutere il cambiamento di strategia, di Liu Chenghui

[Articolo/Osservatore Liu Chenghui] “Possiamo ancora attaccare Trump?”.L’improvviso assassinio di Trump ha chiaramente sconvolto la campagna dei Democratici.

Un rapporto della CNN del 14 luglio ha rivelato che la campagna di Biden e i Democratici si sono scannati quel giorno per discutere su come adattare la loro strategia per trattare con i Repubblicani.Secondo un consigliere democratico di alto livello, le discussioni si sono concentrate su come adattare gli attacchi e le critiche a Trump per concentrarsi sulle differenze politiche piuttosto che sugli attacchi personali.

I media statunitensi hanno notato che dopo il colpo di pistola, “sostituire Biden” non è più la priorità assoluta di molti membri del Partito Democratico, alcuni addetti ai lavori si sono lamentati del fatto che il Partito Democratico si trova in una situazione “troppo difficile”, e anche i consiglieri più anziani hanno detto francamente che “le elezioni sono finite ieri sera!”.Secondo molti repubblicani, la sparatoria consoliderà ulteriormente i fondamenti del Partito Repubblicano, grazie a questo “assist” Trump ha potuto dichiarare “vittoria”.

L’ex Presidente degli Stati Uniti Donald Trump evacua immediatamente il podio sotto la protezione dei servizi segreti dopo che sono stati esplosi dei colpi di arma da fuoco durante un discorso in occasione di un comizio elettorale in Pennsylvania, negli Stati Uniti, il 13 luglio 2024, ora locale.Immagine d’emergenza

Il team Biden ‘allarmato’: possono ancora attaccare Trump?

Un rapporto della CNN descrive Biden e la sua campagna come se si trovassero di fronte a una svolta improvvisa: mentre hanno trascorso le ultime due settimane a cercare di salvare la campagna per la rielezione di Biden, ora sono alle prese con un momento delicato che il Paese deve affrontare sulla scia della sparatoria di Trump.In risposta al messaggio repubblicano alla Convenzione nazionale, la campagna di Biden e i Democratici si sono affrettati il 14 a discutere su come modificare i loro piani.

“La grande domanda è come opporsi a lui [Trump] o attaccarlo.Possiamo ancora farlo questa settimana?”.Un consigliere democratico di alto livello ha dichiarato alla CNN che le discussioni sono ora incentrate su come adattare le critiche a Trump per concentrarsi sulle differenze politiche piuttosto che sugli attacchi personali.Ha dichiarato che il piano di risposta alla Convention nazionale repubblicana, elaborato originariamente settimane fa, viene ora rivisto con la possibilità di revisioni.

I repubblicani hanno accusato i democratici, come Biden, di aver acceso la miccia della sparatoria dipingendo Trump come un “dittatore che rappresenta una seria minaccia per la democrazia”, ha dichiarato l’Associated Press.Alcuni repubblicani hanno anche fatto riferimento a un commento fatto da Biden l’8 luglio, quando durante un incontro con i donatori democratici ha detto: “Ho una sola missione, ed è quella di sconfiggere Donald Trump”.Abbiamo chiuso il dibattito.Ora è il momento di mettere Trump nel mirino”.

Nell’ultimo mese, a causa della scarsa performance nel primo dibattito sulla crisi del “ritiro” e della “sostituzione”, alcuni dei principali legislatori del partito non credono ancora che Biden sia qualificato per servire come candidato.Anche poche ore prima della ripresa, Biden ha cercato di alleviare le loro preoccupazioni attraverso il dialogo.

Ma l’attenzione della campagna è cambiata improvvisamente quando sono stati sparati i colpi.

La CNN fa notare che i funzionari della campagna di Biden, sbigottiti dopo l’incidente, si sono riuniti e hanno deciso di sospendere tutte le comunicazioni esterne e di ritirare le pubblicità televisive critiche nei confronti di Trump.In una nota, la campagna ha esortato i collaboratori ad “astenersi dal fare qualsiasi commento sui social media o in pubblico”.Secondo le fonti, la Casa Bianca e la campagna di Biden hanno reagito in uno stato di “shock”.

Axios ha anche riferito che la questione della “sostituzione”, che ha causato “estrema ansia” tra i legislatori democratici nelle ultime due settimane, “è passata in secondo piano” mentre risuonavano gli spari ai comizi di Trump.”potenzialmente fornendo a Biden un periodo critico di calma.

I legislatori democratici hanno sostenuto che l’attenzione immediata è rivolta alla sicurezza personale degli individui e dei collaboratori, non ai problemi politici del partito.”Siamo tutti concentrati sulle condoglianze per lo sfortunato …… e sull’assicurarci che la nostra squadra sia al sicuro”, ha detto un democratico della Camera che si oppone fortemente alla candidatura di Biden.Un altro democratico di alto livello ha detto che l’atmosfera nel Partito Democratico dopo la sparatoria era troppo “caotica” per una battaglia interna di alto livello.

Al momento della sparatoria di Trump, Biden stava partecipando alla Messa (una funzione religiosa cattolica che commemora il sacrificio di Gesù) a Rehovoth Beach, nel Delaware, dove Biden ha una residenza.Qualche ora dopo, ha tenuto un breve discorso alla nazione, una scelta presa poco dopo essere stato informato dell’incidente, come hanno riferito persone che hanno familiarità con la questione.

La sera del 14, nello Studio Ovale della Casa Bianca, Biden ha tenuto un raro discorso, invitando gli Stati Uniti ad “abbassare la temperatura della politica”.Ha detto: “Anche se non siamo d’accordo, non siamo nemici, siamo vicini, siamo amici, colleghi, cittadini e, soprattutto, siamo concittadini americani.Dobbiamo restare uniti”.

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden pronuncia un discorso alla nazione sulla sparatoria di Donald Trump alla Casa Bianca a Washington, negli Stati Uniti, il 14 luglio 2024 ora locale.FotoIC

Dopo aver ritirato gli annunci il 13, la campagna di Biden non ha ancora deciso quando riprendere la campagna pubblicitaria contro Trump.Secondo uno stratega democratico, prendere una decisione non sarebbe difficile; ciò che è davvero complicato è il modo e il momento della ripresa, che arriva a soli 114 giorni dalle elezioni.

La CNN sostiene che il team di Biden ha rilasciato dichiarazioni forti su Trump un mese fa, in particolare in risposta alle sue accuse penali, ma una delle principali difficoltà che il team di Biden ha dovuto affrontare è stata quella di adeguare il messaggio inviato al pubblico per adattarsi alla situazione in corso.

Il senatore democratico Chris Coons, uno stretto alleato di Biden, ha chiesto di abbassare la “temperatura politica”.Parlando alla NBC il 14 novembre, ha detto: “Dobbiamo abbassare la retorica e i toni.Invito le persone a spegnere i telefoni oggi, a lasciare i social media, a passare un po’ di tempo con le loro famiglie e a riflettere su chi siamo come nazione, su cosa vogliamo essere”.

Mentre Biden veniva informato sulla sparatoria nella war room della Casa Bianca, il team politico del Presidente stava valutando attentamente se modificare il viaggio di Biden in Nevada, secondo un funzionario statunitense.La Casa Bianca ha annunciato che Biden rinvierà la sua visita in Texas, prevista per il 15.Biden sarà anche intervistato dalla NBC durante uno speciale in prima serata la sera del 15.

Nel frattempo, la vicepresidente Harris ha rinviato un viaggio previsto in Florida a causa della sparatoria.Il 16 avrebbe dovuto recarsi a Palm Beach, in Florida, per dialogare con le donne repubblicane sulla posizione di Trump in merito ai diritti riproduttivi delle donne.

Consigliere veterano dei Democratici: la corsa presidenziale era finita ieri sera.

L’impatto della sparatoria sulla direzione delle elezioni americane ha suscitato preoccupazione.Un rapporto della NBC 14 ha sottolineato che, dopo il brutto dibattito del mese scorso, Biden sta lottando per ottenere il sostegno dei suoi colleghi democratici.Alcuni esponenti politici democratici di professione sostengono che le riprese di sabato determineranno in ultima analisi il destino elettorale del presidente in carica.

“Siamo già messi troppo male”.Un insider democratico di alto livello ha ammesso che l’immagine del volto insanguinato e dei pugni agitati di Trump durante l’attacco ha lasciato un’impressione troppo profonda.

“Le elezioni presidenziali sono finite ieri sera”, ha detto senza mezzi termini un altro consulente democratico di alto livello.”È ora di concentrarsi sul mantenimento dei seggi al Senato e sul tentativo di riconquistare i seggi alla Camera”, ha aggiunto, “e l’unica cosa positiva per i Democratici è che oggi non si parla più dell’età di Joe Biden”.

In quasi una dozzina di interviste della NBC a politici, collaboratori, assistenti ed elettori democratici, i democratici sono stati nettamente divisi, con alcuni che ritengono che Trump trarrebbe beneficio dalla sparatoria e altri che dicono che non farebbe molta differenza.Ma pochi pensano che migliorerà le possibilità di vittoria di Biden.

Dall’altra parte del corridoio, i repubblicani ritengono che la sparatoria del fine settimana renderà più facile il cammino di Trump verso la Casa Bianca.

La rete di informazione statunitense “politicians” ha dichiarato il 14 che la sparatoria nel Partito Repubblicano ha creato un’atmosfera da “Trump ha vinto le elezioni”; secondo molti repubblicani, l’attacco di Trump consoliderà i suoi sostenitori, incoraggiandoli a recarsi a votare.

Ad esempio, il deputato del Tennessee Patchett ha sostenuto che la sparatoria si è trasformata in uno “slogan elettorale” per Trump e che le sue foto in diretta “hanno galvanizzato la base più di ogni altra cosa”.Il deputato repubblicano Anthony Desposito ha dichiarato: “Questo incidente richiamerà senza dubbio la gente alle urne”.Il deputato Derrick Van Orden del Wisconsin è stato ancora più schietto: “Ha già vinto le elezioni”.

Tuttavia, alcuni analisti ritengono che la sparatoria abbia messo in luce ancora una volta la realtà della politica polarizzata negli Stati Uniti e che quindi non avrà un grande impatto sugli elettori neutrali.

“L’assassinio di Trump ha messo in discussione i due obiettivi centrali di Biden: risanare un Paese pieno di problemi politici e ripristinare la fiducia nella democrazia americana”.Il rapporto della CNN scrive: “La condanna della sparatoria è stata emessa in tutto il mondo, dal Canada alla Cina alla Russia, poiché sia gli alleati che gli avversari degli Stati Uniti hanno visto le profonde divisioni esposte nel Paese”.

Questo è un articolo esclusivo dell’Observer.

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

L’America era a meno di un centimetro dal disastro socio-politico, di ANDREW KORYBKO

L’America era a meno di un centimetro dal disastro socio-politico

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

L’America ha appena ricevuto un controllo della realtà su quanto sia vicina a cadere nel caos.

L’ex presidente e imminente candidato repubblicano Donald Trump è sopravvissuto a un tentativo di assassinio durante un comizio all’aperto in Pennsylvania, sabato scorso, pochi giorni prima della convention nazionale del suo partito, dopo aver girato improvvisamente la testa all’ultimo secondo e aver così miracolosamente schivato un proiettile che gli ha solo sfiorato l’orecchio. Il tiratore è stato ucciso dai servizi segreti, ma un testimone oculare ha raccontato ai media di aver avvertito la polizia della presenza di un uomo che strisciava sul tetto qualche minuto prima, anche se non è stata presa alcuna iniziativa.

Questa falla nella sicurezza è sospetta e spinge a ipotizzare che almeno un membro dei Servizi Segreti possa aver aspettato di proposito fino a quando l’attentatore non ha sparato prima di neutralizzarlo, per simpatia verso la sua causa o forse perché coinvolto in qualche complotto. Per quanto riguarda lo sparatore, è stato identificato come Thomas Matthew Crooks, un repubblicano registrato. Al momento in cui scriviamo, non è chiaro quale fosse la sua storia online e se la sua affiliazione al partito sia più di quanto sembri.

Per lo meno, non c’è dubbio che l’odio dei Democratici e dei loro alleati “Never Trumpers” abbia giocato un ruolo nella radicalizzazione del sospetto. Se fosse riuscito ad assassinare Trump, gli Stati Uniti sarebbero certamente precipitati in una catastrofe socio-politica che hanno letteralmente mancato per meno di un centimetro. Molti si aspettano che potenti democratici donatori potrebbero presto costringere Biden a ritirarsi dalla corsa, portando così il partito a scegliere il proprio candidato al di fuori del processo di primarie teoricamente democratico.

Le loro controparti repubblicane avrebbero fatto lo stesso dalla loro parte del corridoio, soprattutto perché Trump non aveva ancora annunciato la sua scelta vicepresidenziale al momento del tentato omicidio. Entrambi i partiti avrebbero quindi probabilmente scelto candidati che non hanno completato i rispettivi processi primari, disconoscendo così palesemente gli americani ancora più di quanto non lo siano già nella realtà. In teoria, le elezioni potrebbero essere rinviate per rifare le primarie, ma il Congresso potrebbe non essere d’accordo.

Anche se lo facessero, il suddetto articolo ipertestuale ha ricordato ai lettori che l’20esimo Emendamento impone la fine dei mandati quadriennali del Presidente e del Vicepresidente a mezzogiorno del 20 gennaio, portando così il (sostituto) Presidente Harris a doversi dimettere prima che ne venga eletto uno nuovo. Il suo sostituto alla vicepresidenza potrebbe essere solo ipotizzato in questo scenario, poiché l’25esimo Emendamento prevede che debbano essere confermati da un voto di maggioranza di entrambe le Camere del Congresso.

Anche se le elezioni venissero ritardate o meno, gli Stati Uniti continuerebbero a essere governati dall'”oligarchia di governo” che Axios ha riferito alla fine del mese scorso essere il vero potere dietro Biden. L’analisi qui, pubblicata per coincidenza lo stesso giorno, ha osservato che “il Paese è governato da una rete oscura di élite transnazionali e nazionali unite dall’ideologia liberale-globalista radicale”. Questo gruppo sfrutta semplicemente Biden come loro segnaposto per legittimare pubblicamente tutte le loro decisioni.

Rimarrebbero al potere anche se i democratici mantenessero la Casa Bianca o se un “repubblicano solo di nome” (RINO) sostituisse Trump se fosse assassinato. L’ex Presidente ha promesso ai sostenitori che avrebbe mantenuto la sua precedente promessa di “drenare la palude” se fosse stato rieletto, e mentre i precedenti suggeriscono che potrebbe ancora una volta fallire, c’è ancora una possibilità che ci riesca parzialmente. Per lo meno, il suo ritorno potrebbe creare le condizioni per alcuni sostituti, che potrebbero essere conservatori-nazionalisti.

Questa intuizione fa luce su quelle forze che sarebbero state contente se fosse stato assassinato, ovvero la cricca liberaleglobalista che controlla segretamente la politica americana, e si sarebbero anche rallegrati del fatto che Trump non avrebbe avuto l’opportunità di porre fine alla loro ultima “guerra per sempre” in Ucraina come lui ha cercato di fare. Il suo potenziale successore repubblicano potrebbe tentare di seguire le sue orme, ma potrebbe anche non essere interessato a farlo se è un RINO, motivo per cui l’eliminazione di Trump avrebbe potuto cambiare le carte in tavola.

Sul fronte interno, non c’è dubbio che i “cagasotto” avrebbero affisso immagini dei cervelli spappolati di Trump su tutti i social media e nelle loro città per incitare i suoi sostenitori alla violenza, e alcuni di loro avrebbero prevedibilmente obbligato dopo essere stati provocati all’infinito con tali immagini. I liberali-globalisti al potere volevano radicalizzare i membri del MAGA già da un po’, per screditare ulteriormente il loro movimento e creare un pretesto convincente per reprimere con più forza tutti loro.

Non si può nemmeno escludere che alcuni di questi suoi nuovi sostenitori radicalizzati abbiano compiuto “violenze punitive” prendendo di mira funzionari democratici, dal livello federale a quello locale, se li avessero incolpati del suo assassinio. Anche famose celebrità e influencer anti-Trump avrebbero potuto essere coinvolti in questa sanguinosa campagna, che avrebbe potuto portare alla legge marziale in alcune parti del Paese, come Trump avrebbe dovuto imporre durante l’ondata di terrorismo urbano dei Democratici nell’estate del 2020.

Il tessuto socio-politico americano avrebbe quindi potuto essere facilmente ridotto a brandelli se Trump non avesse improvvisamente cambiato idea all’ultimo minuto, scongiurando così miracolosamente questo scenario peggiore per meno di un centimetro. Tuttavia, non c’è alcuna garanzia che ciò non accada di nuovo, ed è per questo che è imperativo che Trump annunci immediatamente la sua scelta per la vicepresidenza e che, idealmente, scelga qualcuno di cui anche l’élite liberal-globalista al potere abbia paura, al fine di ridurre le possibilità che venga ucciso.

Indipendentemente da ciò che accadrà, l’America ha appena avuto una verifica della realtà su quanto sia vicina a cadere nel caos, il che dimostra quanto sia cambiata in peggio dal 2016. La radicalizzazione partitica e gli intrallazzi dell’élite ci sono sempre stati, ma hanno raggiunto un livello senza precedenti dopo che Trump è diventato il candidato repubblicano. È un candidato imperfetto con molti difetti personali, ma la sua rielezione è l’ultima possibilità di salvare l’America da se stessa, se riuscirà a mettere in atto i suoi grandi piani;

Questa mossa trasformerà radicalmente l’architettura di sicurezza europea e seppellirà i piani del presidente Putin di riformarla.

Biden e Scholz hanno concordato la scorsa settimana che gli Stati Uniti inizieranno lo schieramento a rotazione di missili a raggio intermedio in Germania a partire dal 2026, cosa che secondo il ministro della Difesa Pistorius darà al suo paese il tempo di sviluppare armi simili. La Russia ha avvertito che ciò rischia di innescare un’escalation incontrollabile. Allo stesso tempo, Germania, Polonia, Francia e Italia hanno firmato una lettera di intenti per sviluppare congiuntamente missili da crociera a lungo raggio. Ecco cinque suggerimenti da questi sviluppi correlati:

———-

1. La colpa è del ritiro di Trump dal Trattato INF

L’ex leader americano ha ritirato il suo Paese dal Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio della fine degli anni ’80 nel 2019 con il falso pretesto che la Russia stava segretamente violando il patto, ma molti hanno interpretato questa mossa come volta ad aprire maggiori possibilità agli Stati Uniti di contenere la Cina. Biden probabilmente avrebbe ritirato gli Stati Uniti dopo che la Russia aveva iniziato la sua operazione speciale se Trump non lo avesse fatto prima, ma anche così, il punto è che la decisione sconsiderata di Trump è direttamente responsabile di quest’ultima escalation.

2. La Germania rimane il principale partner militare degli Stati Uniti in Europa

La Polonia ha fatto molto negli ultimi dieci anni per presentarsi come lo stato d’avanguardia della NATO contro la Russia, ma alla fine è stata la Germania a essere scelta per ospitare questo dispiegamento di missili a rotazione, confermando così che gli Stati Uniti contano su di lei per guidare il contenimento della Russia dopo l’ attacco ucraino. Il conflitto finisce. Va oltre lo scopo di questa analisi approfondire, ma i lettori possono saperne di più sul concetto di “Fortezza Europa” qui , che descrive il modo in cui gli Stati Uniti e la Germania stanno perseguendo congiuntamente il suddetto piano.

3. Il patto sui missili da crociera porterà a un più stretto coordinamento militare dell’UE

Si prevede che la stretta cooperazione tecnico-militare necessaria tra Germania, Polonia, Francia e Italia per sviluppare congiuntamente missili da crociera a lungo raggio aumenterà il loro coordinamento generale e creerà le basi per un esercito dell’UE a guida tedesca o per un Sottoblocco NATO a guida tedesca. Entrambi i risultati rappresenterebbero l’ennesima manifestazione del piano annunciato da Trump per la NATO, che è già parzialmente attuato, come sostenuto qui all’inizio di luglio.

4. La Russia probabilmente schiererà armi simili a Kaliningrad, Bielorussia e Crimea

Il vice ministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov ha promesso che il suo paese risponderà a questo sviluppo, che potrebbe prevedibilmente prendere la forma di un dispiegamento di armi simili a Kaliningrad, Bielorussia e Crimea, da dove potrebbero facilmente prendere di mira le principali infrastrutture della NATO nell’UE. Se ciò accadesse, probabilmente verrebbe a sua volta interpretato dall’Occidente come una cosiddetta “escalation non provocata” al fine di giustificare ulteriori escalation pre-pianificate, mettendo così in moto un ciclo pericoloso.

5. Ritornerà la vecchia mentalità della Guerra Fredda, basata sulla distruzione reciproca assicurata

Il dispiegamento a corto e medio raggio di missili con capacità nucleare in Europa da parte di Stati Uniti e Russia porterà al ritorno della vecchia mentalità della Guerra Fredda di distruzione reciproca assicurata, considerando la rapidità con cui il mondo potrebbe finire. lo scenario peggiore. Insieme alla “ linea di difesa dell’UE ”, che funzionerà di fatto come una nuova cortina di ferro, l’occidentale medio diventerà quindi ancora più manipolabile dai suoi governi di quanto non lo sia già in nome della “sicurezza”.

———-

La sequenza degli eventi sopra descritti trasformerà radicalmente l’architettura di sicurezza europea e seppellirà i piani di riforma del presidente Putin, che già prima erano in agonia a causa di tutto ciò che gli Stati Uniti hanno fatto dal 2022 ma che avevano ancora qualche flebile speranza di sopravvivenza. L’unico scenario realistico migliore che rimarrebbe è che Stati Uniti e Russia controllino responsabilmente questo ciclo di escalation concordando un altro patto sulle armi strategiche qualche tempo dopo la fine del conflitto ucraino.

Senza alcune mosse irreversibili da parte di Kiev, è improbabile che Putin accetti l’ultimo appello della Cina per un cessate il fuoco immediato, quindi Xi e Orban dovrebbero ora concentrare i loro sforzi congiunti nel convincere Zelenskyj a compiere il suo “gesto di buona volontà” per per contribuire a realizzare questo.

Il presidente cinese Xi Jinping ha ribadito il suo appello per un rapido cessate il fuoco durante i colloqui a sorpresa con il primo ministro ungherese Viktor Orban lunedì a Pechino, dichiarando che “Un rapido cessate il fuoco e le ostilità [in Ucraina], così come la ricerca di una soluzione politica, soddisfano le esigenze interessi di tutti i partiti”. I due leader hanno inoltre confermato che le loro posizioni nei confronti di questo conflitto coincidono e hanno chiesto al resto della comunità internazionale di fare tutto il possibile per ristabilire un dialogo diretto russo-ucraino.

Per quanto nobile possa essere, è improbabile che la Russia presti ascolto a quest’ultimo appello poiché Putin ha già detto a Orban durante l’incontro di venerdì di non essere ottimista sull’attuazione di un cessate il fuoco prima della ripresa dei colloqui con l’Ucraina poiché sospetta che Kiev lo sfrutterà per riarmarsi . Inoltre, il leader russo aveva già condiviso a metà giugno la sua proposta di cessate il fuoco , che richiedeva il ritiro dell’Ucraina da tutte le nuove regioni della Russia come precondizione per la pace.

Accettare un immediato cessate il fuoco che lasci il territorio rivendicato dalla Russia sotto il controllo ucraino potrebbe portare ad accuse secondo cui Putin sta contraddicendo la costituzione dopo che uno degli emendamenti del referendum del 2020 ha proibito di cedere qualsiasi territorio del paese. Tuttavia, una scappatoia legale potrebbe essere che nulla venga formalmente ceduto anche se la situazione rimane in vigore a tempo indeterminato, inoltre le aree controllate dall’Ucraina non hanno mai votato nel referendum di settembre 2022 per l’unione con la Russia.

Se fosse presente la volontà politica, allora Putin potrebbe accettare un immediato cessate il fuoco senza alcuna difficoltà giuridica, ma il problema dell’Ucraina che sfrutta questa situazione per riarmarsi non scomparirebbe. Rischierebbe anche di apparire debole dopo aver chiesto, meno di un mese fa, che l’Ucraina si ritirasse da tutte le nuove regioni della Russia per riprendere i colloqui. Inoltre, le dinamiche strategico-militari del conflitto favoriscono la Russia, che potrebbe perdere lo slancio che ha guadagnato con tanta fatica mettendo a tacere le armi all’improvviso.

Putin ha ammesso candidamente lo scorso dicembre di non essere più un ingenuo, quindi è molto improbabile che compia l’ennesimo “gesto di buona volontà” dopo essere stato preso per il naso tante volte in passato in questo senso. Proprio per questo motivo, a margine del vertice della SCO ad Astana della scorsa settimana, ha dichiarato ai giornalisti che “dobbiamo garantire che la parte avversaria accetti di adottare misure che siano irreversibili e accettabili per la Federazione Russa” per garantire che non vengano prese vantaggio di un’eventuale cessazione delle ostilità.

Vale a dire, si riferiva alla sua precedente richiesta di ritirarsi da tutte le nuove regioni della Russia, ma l’Ucraina potrebbe teoricamente fare qualcos’altro come ritirare le armi pesanti dai confini della Russia pre-2014 per creare la “ zona di sicurezza ” prevista da Putin. per proteggere la regione di Belgorod. Se a ciò si aggiunge la riduzione delle armi occidentali all’Ucraina, cosa irrealistica da aspettarsi finché i democratici restano alla Casa Bianca, allora il paese potrebbe essere aperto a un cessate il fuoco e alla ripresa dei colloqui.

Per essere chiari, non viene lasciato intendere nulla riguardo alla “svendita” di Putin o altro. Questo pezzo è un esercizio di riflessione progettato per esplorare fino a che punto la Russia potrebbe spingersi verso un compromesso con l’Ucraina e a quali condizioni. Senza alcune mosse irreversibili da parte di Kiev, è improbabile che Putin accetti l’ultimo appello della Cina per un cessate il fuoco immediato, quindi Xi e Orban dovrebbero ora concentrare i loro sforzi congiunti nel convincere Zelenskyj a compiere il suo “gesto di buona volontà” per per contribuire a realizzare questo.

For the full experience, upgrade your subscription.

Upgrade to paid

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

Stati Uniti, il prezzo della libertà e di una presidenza. Con Gianfranco Campa

Biden, un candidato presidente totalmente disconnesso dal mondo reale, comunque mantenuto in piedi a prescindere, non ostante i malumori crescenti all’interno del suo stesso schieramento. Evidentemente gli apparati, i nuclei dei centri decisori contano più, molto di più delle persone e delle coreografie propinateci. Evidente, comunque, il vuoto di alternative e la natura troppo composita di uno schieramento demo-neocon pronto a deflagrare in assenza del nemico. Trump, alla sua terza candidatura; la prima dal successo inaspettato, la seconda espropriata in malo modo, la terza osteggiata con tutti i mezzi, almeno sino ad ora. E’ apparso meno lucido nel recente dibattito. Sarà per la liquefazione del rivale e la mancanza di un interlocutore all’altezza; sarà perché spossato da dieci anni di pressioni inimmaginabili; sarà per l’età; sarà per i limiti intrinseci del personaggio, senza disconoscerne i meriti. Tra questi ultimi, aver preservato e consolidato un movimento ben radicato e molto più maturo, ma che ha ormai bisogno di trovare altri leader. Nelle more, la gradita sorpresa di una liberazione attesa e rivendicata, quella di Julian Assange, ma dagli aspetti oscuri che non tarderanno a manifestarsi o a dissolversi. A meno di qualche escamotage machiavellico, comunque la cessione al nemico della propria polizza di assicurazione: i dati non ancora resi pubblici del suo immenso archivio. Una puntata da ascoltare. Si ringrazia Cesare Semovigo per il montaggio e per la sigla da lui composta. Giuseppe Germinario

Aggiornamento! Cominciano a manifestarsi le pressioni dei servizi di intelligence per una rinuncia di Biden alla candidatura. L’argine posto dalla famiglia Biden consiste in garanzie e salvacondotti sulle inchieste giudiziarie che si stanno cumulando.

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v562etr-stati-uniti-il-prezzo-della-libert-e-di-una-presidenza.-con-gianfranco-camp.html

RICHARD BECK _ BIDENISMO ALL’ESTERO

RICHARD BECK

BIDENISMO ALL’ESTERO

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

Il nuovo libro del giornalista di Politico Alexander Ward, The Internationalists: The Fight to Restore American Foreign Policy after Trump, è un documento che potrebbe risultare interessante per gli storici tra qualche decennio. Il libro, che è una narrazione vivace dei primi due anni di politica estera americana sotto Biden, illustra i contributi del consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan e del segretario di Stato Antony Blinken, due delle figure più potenti dell’amministrazione. Spiega come hanno digerito la sconfitta di Hillary Clinton nel 2016 per mano di Donald Trump e poi hanno usato i loro quattro anni di assenza dal potere per sviluppare una politica estera in grado di resistere agli attacchi del populismo di destra, isolando così uno sforzo a più lungo termine per rafforzare la posizione globale dell’America contro la sconclusionatezza della politica interna del Paese.footnote1

Secondo Ward, i democratici hanno iniziato a formulare questo programma presso National Security Action, un thinktank e “incubatore” fondato da Sullivan e dallo speechwriter di Obama Ben Rhodes nel 2018. Mentre Biden faceva campagna elettorale per il 2020 e poi assumeva l’incarico l’anno successivo, e mentre la sua amministrazione era composta da persone che avevano trascorso del tempo alla National Security Action, la nostra politica estera è stata condensata in due slogan. Uno di questi era “una politica estera per la classe media”: l’idea era che Biden avrebbe perseguito solo obiettivi che poteva plausibilmente descrivere come materialmente vantaggiosi per gli americani comuni.footnote2 Questa divenne una componente chiave dei suoi sforzi per vendere il ritiro dall’Afghanistan del 2021 al grande pubblico: perché continuare a buttare soldi in una guerra non vincente quando invece potevano essere spesi per le infrastrutture o per l’industria verde a casa? Il secondo slogan affermava che “la sfida più grande del mondo è quella tra autocrazie e democrazie”.nota3 Questo mirava a posizionare Trump e i suoi sostenitori come parte di un asse autoritario globale che comprendeva anche Putin, Xi e Kim Jong-Un. Non si poteva difendere e rivitalizzare la democrazia in patria – e il 6 gennaio aveva chiarito che tale difesa era necessaria – senza affrontare i leader che lavoravano per erodere la democrazia all’estero.

La visione del mondo dei Democratici

Secondo Ward, lo sforzo di riparare le relazioni con l’Europa dopo quattro anni di caos indotto da Trump è stato motivato quasi interamente dall’idea di Biden che gli Stati Uniti non potevano permettersi di affrontare la Russia come superpotenza solitaria. Dovevano farlo come leader di un sistema mondiale, un “ordine internazionale basato su regole”, per usare l’eufemismo preferito dal nostro momento storico per “impero”. Se l’intervento americano nei Balcani aveva certificato la continua utilità della Nato in un mondo non più definito dal conflitto tra grandi potenze, una risposta collettiva all’aggressione di Putin avrebbe confermato che la Nato continuava a essere utile in un mondo in cui tale conflitto era tornato. Se Putin riuscisse a cancellare l’Ucraina dalla carta geografica”, scrive Ward, “il mondo che l’America ha contribuito a costruire crollerebbe sotto gli occhi di questa amministrazione”.nota4 Oppure, come ha detto un generale mentre Biden si preparava a tenere un discorso a Varsavia dopo l’invasione, “dobbiamo preservare l’ordine che ha portato pace e stabilità nel mondo dalla fine della Seconda guerra mondiale. Se Putin vince, l’ordine sparisce. Si creerebbero le condizioni per la prossima grande guerra”.nota5

L’amministrazione Biden considerava la Cina una sfida ancora più grande. La sua strategia di sicurezza nazionale dell’ottobre 2022 non lasciava dubbi sul fatto che la competizione con Pechino fosse ormai il principio organizzativo della politica estera degli Stati Uniti. La Repubblica Popolare Cinese”, si legge, “ha l’intenzione e, sempre più, la capacità di rimodellare l’ordine internazionale a favore di uno che inclini il campo di gioco globale a suo vantaggio”. I prossimi dieci anni, avverte, saranno il “decennio decisivo”, una frase che ripete cinque volte. Impedire alla Cina di superare gli Stati Uniti come economia più forte del mondo e di affermarsi come egemone regionale in Asia orientale “richiederà agli Stati Uniti nell’Indo-Pacifico più di quanto ci sia stato chiesto dalla Seconda guerra mondiale”, un’affermazione che colpisce se si considerano le risorse che gli Stati Uniti hanno dedicato ai loro conflitti in Corea e Vietnam. footnote6 Sebbene gli scambi dell’amministrazione Biden con la Cina non abbiano comportato un’azione di sabotaggio come quella di Trump, è anche chiaro che il conflitto militare è sul tavolo nel caso in cui la competizione economica non dovesse andare bene per gli Stati Uniti.

I capi di Stato sono obbligati a sostenere che il periodo in cui assumono il potere è cruciale per il futuro del loro Paese, e gli americani che hanno vissuto gli oltre dieci anni di isteria che hanno seguito l’11 settembre, che hanno passato anni a sentirsi dire che Al Qaeda e l’Isis non avevano solo il desiderio ma la capacità di mettere in ginocchio gli Stati Uniti, possono essere comprensibilmente sospettosi di tale retorica. Ma la comprensione di Biden della posta in gioco per l’egemonia americana è probabilmente ragionevole. Putin può essere paranoico, ma non è un “pazzo”, e non avrebbe invaso l’Ucraina se non avesse deciso che gli Stati Uniti – e, per estensione, il sistema di alleanze che funge da base del suo potere transoceanico – erano più deboli che in qualsiasi momento degli ultimi trent’anni. E con la Cina, gli Stati Uniti si trovano ad affrontare un rivale credibile per lo status di superpotenza per la prima volta in quarant’anni. Queste sfide alla nostra supremazia sono arrivate in un momento in cui la capacità dell’America di tenere in riga sia i suoi alleati che i suoi nemici è notevolmente diminuita. Come lamentava un funzionario a Ward poco prima dell’invasione di Putin, “stiamo facendo tutto bene e i russi probabilmente ci invaderanno comunque”. Ward gli chiese se questo “significasse qualcosa di più grande: che l’America, anche quando tutto andava bene, non riusciva più a fermare le grandi crisi globali”. Il funzionario rispose: “Sì, questo è certamente parte della frustrazione”.footnote7

Il vero interesse del libro di Ward, tuttavia, è che condivide la visione del mondo, le fantasie e i punti ciechi del Partito Democratico. È una manifestazione dell’ideologia che tenta di descrivere. Ward sembra essere infatuato delle stelle della politica estera dell’Amministrazione, in particolare di Sullivan, che un lealista di Clinton descrive come “essenzialmente un talento che capita una volta nella generazione”. Sullivan, il più giovane consigliere per la sicurezza nazionale dai tempi di McGeorge Bundy, è stato nominato “Most Likely to Succeed” nella sua scuola superiore del Minnesota, dove gli insegnanti “si complimentavano per la sua capacità di consegnare compiti scritti in modo impeccabile”. Si è laureato summa cum laude a Yale, è andato a Oxford con una borsa di studio Rhodes e poi è tornato a Yale per laurearsi in legge. Come collaboratore della campagna elettorale di Amy Klobuchar per il Senato, ha impressionato i suoi colleghi dimostrando una “straordinaria capacità” di ricordare i testi di Billy Joel.footnote8 Quando qualcuno inizia a dirvi che ricordare i testi delle canzoni pop non è solo impressionante, ma straordinario, implicando che tale capacità può essere annoverata tra le qualifiche di qualcuno per servire come Consigliere per la Sicurezza Nazionale, siete entrati nel mondo ideologico del Partito Democratico. Dei contributi intellettuali di Sullivan al pensiero globale dell’America non si sente parlare molto (a un certo punto Ward elogia Sullivan persino per non aver mai rivelato “quale fosse il suo vero punto di vista sull’Afghanistan”).footnote9 Ward presenta Sullivan più come un pubblicitario, qualcuno con idee su come i Democratici potrebbero vendere meglio il vecchio piano di politica estera (supremazia americana per sempre, perché è la cosa giusta da fare) a elettori le cui preferenze di consumo si sono evolute. Leggendo tra le righe, si sospetta che l’apparente mancanza di ambizione intellettuale di Sullivan abbia a che fare con il suo successo professionale. Essere un ragazzo prodigio agli occhi di Hillary Clinton e Joe Biden significa probabilmente dire agli anziani che hanno sempre avuto ragione.

La storia più grande che Ward racconta è naturalmente quella della decenza, delle battute d’arresto, della perseveranza e del trionfo finale. I futuri capitani della politica estera trascorrono l’amministrazione Trump nel “deserto”, come Ward intitola la prima sezione del libro. Assumono il potere con una visione grandiosa per il ripristino della leadership globale dell’America, ma prima devono liberare gli Stati Uniti dal pantano dell’Afghanistan, e il ritiro si rivela più caotico di quanto si potesse prevedere (ecco la battuta d’arresto). Deciso a farsi ricordare per qualcosa di più dell’Afghanistan, l’A-Team della politica estera si tira fuori dal tappeto e raduna il mondo libero in difesa dell’Ucraina, convincendo infine un’Europa scettica che Putin sta per mettere in pratica anni di minacce. Questa dimostrazione di forza diplomatica non è sufficiente a dissuadere Putin dall’invadere l’Ucraina, ma l’esercito russo si impantana nelle campagne e non riesce a conquistare Kiev, e il previsto trionfo dell’autocrate si trasforma in un umiliante stallo. Sebbene il destino dell’Ucraina continui a essere in bilico, il nostro Paese è tornato a sedere a capotavola. Il libro di Ward si conclude con un quasi panegirico al bidenismo all’estero. L’America era pronta per il rinnovamento”, si legge nelle frasi finali del libro. Il mondo era da rifare. C’erano almeno altri due anni per farlo”.nota10

Tutto questo suona un po’ psichedelico dalla prospettiva del 2024, in particolare la frase “Il mondo era lì da rifare”, una fantasia che diventa più difficile da sostenere ogni anno che passa. Ma mentre The Internationalists è stato pubblicato nel febbraio del 2024, sembra essere stato scritto, modificato, corretto e impaginato il 6 ottobre 2023. Il 7 ottobre, Hamas e altri gruppi di resistenza palestinese hanno fatto esplodere diverse fantasie alla base della politica estera di Biden. Una era l’idea che gli Stati Uniti potessero staccarsi dal Medio Oriente senza cedere una certa misura di controllo sulle dinamiche di potere della regione. Un’altra era l’idea che l’America rimanesse l’unico vero protagonista degli affari internazionali, e che il resto del mondo si sarebbe seduto ad aspettare di essere “rifatto” piuttosto che cercare di fare qualcosa da solo. La terza era la fantasia che la politica estera americana potesse essere rivitalizzata, e un nuovo secolo di egemonia assicurata, semplicemente escogitando nuovi modi per pubblicizzare la vecchia politica estera. Il risultato è che Biden sembra destinato a lasciare l’incarico – che sia nel 2025, nel 2029 o in una data intermedia – avendo intensificato proprio le crisi dell’egemonia americana che cercava di risolvere.

Impero a crescita lenta

Le radici della crisi imperiale americana sono ormai note: il rallentamento della crescita globale a partire dagli anni Settanta, a causa della persistente sovraccapacità produttiva, con il conseguente aumento della disoccupazione e della sottoccupazione strutturale, l’aumento della disuguaglianza economica e l’aumento dell’instabilità politica tra le crescenti popolazioni eccedentarie del mondo. Non riuscendo a risolvere il problema della sovraccapacità manifatturiera innescando una nuova ondata di crescita globale, gli Stati Uniti hanno tentato più volte di dare un impulso alla performance economica con altri mezzi, in particolare con l’inflazione dei prezzi degli asset.footnote11 Dalla bolla delle dot-com degli anni Novanta al boom immobiliare degli anni Duemila, fino alla decisione della Federal Reserve di mantenere i tassi di interesse il più bassi possibile dal 2008 al 2022, nessuna versione dell’inflazione dei prezzi degli asset ha mai prodotto più di un rimedio temporaneo, e alcune di esse sono culminate in crisi distruttive. Tuttavia, gli Stati Uniti non possono abbandonare del tutto l’inflazione dei prezzi degli asset, come dimostra l’attuale eccessiva dipendenza del mercato azionario da una manciata di giganti tecnologici. Ogni volta che una nuova start-up annuncia di aver sbloccato il potenziale della blockchain, delle criptovalute, dei computer indossabili o (più recentemente) dell’intelligenza artificiale, gli investitori e i politici sono ansiosi di ascoltarla, e non è difficile capire perché. Per gli investitori, ricchi di capitale in eccesso, ogni annuncio di questo tipo significa un’altra vincita speculativa, mentre per i politici ogni innovazione nascente rappresenta un’allettante possibilità di crescita. Se una delle invenzioni della Silicon Valley dovesse mai realizzare questo potenziale, gli Stati Uniti potrebbero sperare in una nuova era di dominio continuo.

Nel frattempo, però, Washington ha pianificato e si è adattata a un mondo in cui la crescita continua a rallentare nonostante i migliori sforzi dei suoi imprenditori tecnologici, un mondo in cui gli Stati Uniti dovranno fare affidamento su un uso più generalizzato della coercizione per rimanere in cima alla piramide. È in questi piani e aggiustamenti che si può scorgere una visione più realistica per il mantenimento delle prerogative imperiali. La guerra al terrorismo, lanciata dopo l’11 settembre, è stata finora il più importante di questi aggiustamenti. Inquadrando il conflitto con l’islamismo in termini globali ed enfatizzando la natura amorfa del nemico, gli Stati Uniti hanno avanzato una logica di militarizzazione delle proprie relazioni con gran parte del mondo, dispiegando forze speciali e droni Predator per sorvegliare le sacche di disordine nei Paesi poveri e a medio reddito, proprio come le forze dell’ordine nazionali pattugliano le comunità povere del proprio Paese. Con la sua potenza militare diffusa in regioni critiche del mondo in via di sviluppo piuttosto che ammassata lungo un fronte particolare, gli Stati Uniti hanno cercato di assicurarsi di poter gestire e contenere le conseguenze globali della frattura dell’ordine economico che supervisionavano. Non era una soluzione alla crisi in atto dagli anni Settanta, ma era la migliore alternativa disponibile: una militarizzazione più approfondita delle relazioni globali poteva almeno far guadagnare tempo a Washington in attesa che si materializzasse la prossima ondata di crescita.

Al momento dell’insediamento di Trump, tuttavia, sono apparse due sfide che non potevano essere affrontate nel quadro della guerra al terrorismo. La prima era la Russia, che non si era rafforzata enormemente di per sé, ma si era almeno ripresa un po’ dal disastro economico seguito al crollo dell’URSS. Putin riteneva che gli Stati Uniti fossero stati sufficientemente indeboliti – grazie alla combinazione dell’invasione dell’Iraq, della crisi finanziaria globale e di una posizione militare generalmente eccessiva – da consentirgli di essere più assertivo riguardo alle sue preoccupazioni sulla continua espansione della Nato verso est. La seconda sfida, la Cina, rappresentava la minaccia più seria, perché questo Paese si era molto rafforzato. Nei primi due decenni del XXI secolo, gli analisti tradizionali erano quasi concordi nel ritenere che l’economia cinese avrebbe superato quella americana in termini di PIL. Oggi, pur alle prese con gravi problemi, la Cina continua a beneficiare di relazioni commerciali sempre più profonde con il mondo emergente e i suoi vantaggi di costo nella produzione di beni di consumo durevoli, come le auto elettriche, rappresenteranno probabilmente una seria sfida per gli Stati Uniti per decenni. Non è una situazione che gli americani conoscono bene: gli Stati Uniti vantano l’economia più grande del mondo dalla fine del XIX secolo e sono lo Stato nazionale più potente del mondo dalla seconda guerra mondiale. Ora, per la prima volta da generazioni, la supremazia americana non può essere data per scontata e, secondo alcune misure, la sua supremazia economica è già finita. A parità di potere d’acquisto, il PIL della Cina ha superato quello degli Stati Uniti intorno al 2016.footnote12

Il “perno” americano verso il confronto con la Cina è iniziato seriamente con l’invio da parte di Obama di un gruppo di portaerei nella regione e con il Partenariato Trans-Pacifico, un accordo commerciale progettato per smorzare l’influenza economica della Cina sull’area del Pacifico. Il Tpp è stato firmato nel 2016, ma nel 2017 Trump ha annullato l’accordo per motivi personali idiosincratici. Questo è diventato uno dei suoi tratti distintivi. La cosa più importante da ricordare quando si analizza il pensiero di Trump in politica estera è che non esiste in quanto tale. Nel corso di una lunga carriera nel settore immobiliare e di una più breve in politica, Trump ha reso perfettamente chiare le sue motivazioni e i suoi interessi. È attratto da tutto ciò che lo avvantaggia come individuo. È dipendente dalla televisione e se ritiene che dire o fare qualcosa gli procuri l’attenzione dei media, la dice o la fa. Gli piacciono gli acquisti e le vendite, che offrono l’opportunità di ottenere la parte migliore di un affare. La sua visione del mondo è fondamentalmente transazionale. Abita un mondo precedente a David Ricardo, se non addirittura ad Adam Smith, in cui la ricchezza è intesa come una torta di cui le nazioni si contendono una fetta”, come ha scritto un editorialista. Se gli Stati Uniti registrano un deficit delle partite correnti con la Cina, ipso facto stanno perdendo…”. Non si preoccupi di elencare tutto ciò che l’America ottiene in cambio”.footnote13 Forse è una psicologizzazione grossolana, ma alcune persone hanno una psicologia grossolana. Convinto che la Cina stesse “fregando” gli Stati Uniti, Trump ha imposto dazi su un’ampia gamma di prodotti cinesi, tra cui televisori, armi, satelliti e batterie.

Le guerre commerciali sono positive”, ha twittato una volta Trump, “e facili da vincere”.footnote14 Questo non si è rivelato vero. Come strumento politico specifico, le tariffe sono state un fallimento. Diversi rapporti hanno stimato che hanno sottratto circa mezzo punto percentuale al PIL degli Stati Uniti e che potrebbero essere costati all’economia americana circa 300.000 posti di lavoro. Invece di diminuire il deficit commerciale complessivo dell’America, i dazi lo hanno semplicemente spostato dalla Cina verso altre economie dell’Asia orientale e del sud-est.footnote15 Ciononostante, Biden ha deciso di mantenere l’orientamento generale della strategia di Trump sulla Cina quando è entrato in carica, completando il pivot iniziato sotto Obama e accelerato sotto Trump. Abbiamo esaminato ciò che l’amministrazione Trump ha fatto in quattro anni”, ha dichiarato un funzionario di Biden ai giornalisti nel febbraio 2021, “e abbiamo trovato valido l’assunto di base di un’intensa competizione strategica con la Cina e la necessità di impegnarci in questo senso in modo vigoroso e sistematico attraverso ogni strumento del nostro governo e ogni strumento del nostro potere”.nota16

Competizione USA-Cina

La competizione immaginata da Biden con la Cina si sta svolgendo attraverso due dimensioni. La prima è quella militare. Uno dei primi grandi successi diplomatici di Biden è stato presentato nel settembre 2021 come aukus, il partenariato di sicurezza trilaterale tra Stati Uniti, Australia e Regno Unito, che ora sta contemplando l’aggiunta anche del Giappone. Accettando di acquistare sottomarini nucleari da Stati Uniti e Regno Unito e cancellando gli ordini di sottomarini preesistenti dalla Francia, l’Australia ha fatto una scommessa a lungo termine sul mantenimento della supremazia americana nell’Indo-Pacifico. I nuovi sottomarini, che dovrebbero entrare in funzione intorno al 2040, potrebbero essere utilizzati per rompere il blocco cinese di Taiwan in caso di conflitto militare su larga scala, nonché per bloccare lo Stretto di Malacca e privare la Cina delle importazioni di petrolio dal Medio Oriente. Secondo la Defense Intelligence Agency, le capacità militari della Cina sono migliorate negli ultimi anni, “passando da una forza di terra difensiva e inflessibile, con responsabilità di sicurezza interna e periferica, a un braccio congiunto, altamente agile, di spedizione e di proiezione di potenza della politica estera cinese”. footnote17 Nell’ultimo decennio, Xi ha annunciato una serie di riforme, tra cui l’istituzione di comandi di teatro congiunti e di un Dipartimento di Stato Maggiore, l’apertura di un quartier generale dedicato dell’Esercito, l’elevazione della forza missilistica del pla a ramo militare a tutti gli effetti e l’unificazione delle operazioni di guerra spaziale e cibernetica sotto la Forza di Supporto Strategico.

La Cina non può sperare di eguagliare la proiezione globale della forza militare americana, ma Washington pensa di essere in grado di raggiungere qualcosa che si avvicini alla parità militare nel proprio vicinato, in particolare la negazione dell’accesso lungo la propria costa sudorientale. Non è un’ambizione da poco: gli Stati Uniti considererebbero un disastro anche la parità militare regionale cinese. Da qui l’urgenza di vendere sottomarini a propulsione nucleare all’Australia, e da qui la decisione dell’amministrazione Biden di vietare i trasferimenti di tecnologia (in particolare di componenti per semiconduttori) e gli investimenti che aiuterebbero la Cina ad acquisire o sviluppare il tipo di capacità tecnica di cui ha bisogno per completare la modernizzazione delle sue forze armate.

La seconda dimensione della competizione tra noi e la Cina è quella economica. Finora, i risultati ottenuti da Biden sono stati contrastanti. Il lato positivo per gli Stati Uniti è che sono finiti i giorni in cui si parlava dell’ascesa della Cina alla supremazia economica globale come di una cosa inevitabile. Oggi, il periodo che va dal 1991 al 2018, quando l’economia cinese è cresciuta al ritmo più veloce del mondo e non ha mai registrato una crescita annua del PIL inferiore al 6,75%, appare meno come il passaggio della torcia dell’egemone e più come una trente glorieuses dell’Asia orientale. nota18 Sebbene la Cina sembri essersi assicurata il suo posto come principale hub mondiale per la produzione di beni di consumo, sta ora lottando con gli stessi problemi di sovraccapacità e di elevato indebitamento, in particolare nel settore immobiliare, che da tempo affliggono il nord globale. L’obiettivo di crescita del 5 percento fissato dal Ccp per il 2024 è circa la metà della media dell’economia cinese durante gli anni positivi, e non si può prevedere che la Cina torni a crescere a due cifre in tempi brevi. Anche i tentativi della Cina di affrontare il problema dell’eccesso di capacità produttiva esternalizzandolo, attraverso il finanziamento di sontuosi progetti infrastrutturali in tutto il mondo in via di sviluppo, sembrano ora raggiungere i loro limiti. I Paesi in via di sviluppo devono attualmente alla Cina più di 1.000 miliardi di dollari e i periodi di grazia prima che i mutuatari debbano iniziare a pagare i debiti sono in gran parte terminati. Entro il 2021, quasi sessanta Paesi che hanno preso in prestito denaro dalla Cina si troveranno in difficoltà finanziarie.footnote19

D’altro canto, il nuovo ruolo della Cina come finanziatore del mondo in via di sviluppo è stato piuttosto efficace dal punto di vista diplomatico. La Belt and Road Initiative (Bri), lanciata nel 2013, ha ora un impressionante record di risultati. Entro giugno 2023, secondo un rapporto del Ccp, “la Cina aveva firmato più di 200 accordi di cooperazione con oltre 150 Paesi e più di 30 organizzazioni internazionali nei cinque continenti”.footnote20 Sono stati avviati oltre tremila progetti e sono stati investiti più di mille miliardi di dollari. Alcuni dei frutti di questi investimenti sono: una ferrovia da 6 miliardi di dollari che collega Laos e Cina; il porto centrale di El Hamdania, il primo porto in acque profonde dell’Algeria; una ferrovia e un acquedotto che collegano Etiopia e Gibuti; una zona industriale cinese nel Golfo di Suez; un polo manifatturiero vicino ad Addis Abeba; la ferrovia a scartamento normale Mombasa-Nairobi in Kenya; la fornitura di televisione satellitare ai villaggi della Nigeria; l’istituzione di servizi ferroviari per il trasporto di merci che collegano la Cina a quarantadue terminali europei; una significativa espansione del porto di Baku in Azerbaigian; lo sviluppo di infrastrutture in tutta l’Asia centrale; la prima linea ferroviaria ad alta velocità in Indonesia; un aeroporto e un ponte alle Maldive; un treno navetta per il trasporto dei pellegrini durante il Hajj in Arabia Saudita. Questo elenco non tocca nemmeno le Americhe, dove la Cina ha avuto un impatto sostanziale.

La Cina è ora uno dei principali motori dei flussi di capitale globali e la sregolatezza dei suoi prestiti l’ha resa una facile prima scelta per i politici dei Paesi in via di sviluppo alla ricerca di un progetto infrastrutturale da intitolare al proprio nome. Inoltre, il fatto che i prestiti cinesi siano generalmente accompagnati da meno clausole politiche rispetto a quelli offerti dagli Stati Uniti aiuta. Come ha twittato Larry Summers nell’aprile del 2023, “qualcuno di un Paese in via di sviluppo mi ha detto: “Quello che otteniamo dalla Cina è un aeroporto. Nel2021, l’amministrazione Biden decise che era giunto il momento di proporre un’alternativa al Bri e il G7 lanciò formalmente Build Back Better World, o “b3w”, una controparte di investimenti internazionali al programma di stimolo industriale nazionale di Biden. Promettendo di portare i fondi del settore privato nei Paesi a basso e medio reddito, l’Amministrazione ha affermato che “il b3w catalizzerà collettivamente centinaia di miliardi di dollari di investimenti infrastrutturali… nei prossimi anni”. . nei prossimi anni”. Alla fine del 2023, l’impegno totale dell’America per il programma, che nel frattempo era stato ribattezzato Partnership for Global Infrastructure and Investment, era di circa 30 miliardi di dollari.footnote22

Economia dello sviluppo

Durante il suo mandato, Trump non ha fatto nulla per contrastare la diplomazia cinese alimentata dal debito. Non è stato coinvolto personalmente nello sviluppo o nell’implementazione di “Prosper Africa”, l'”iniziativa di spicco” della sua amministrazione per il continente, il cui impatto è stato minimo. L’impegno di maggior rilievo dell’Amministrazione Trump nei confronti dell’Africa si è concretizzato in diverse visite di buona volontà della First Lady Melania Trump, che ha parlato di assistenza materna e ospedaliera e ha promosso la sua campagna contro il bullismo. La buona volontà suscitata da queste visite è stata facilmente sopraffatta dai divieti di Trump sui viaggi e sui rifugiati provenienti dagli Stati a maggioranza musulmana. Il suo commento più famoso sul continente rimane il riferimento alle nazioni africane come “paesi di merda”. In America Latina, Trump ha fatto meno di niente. Ha affidato la responsabilità per l’America meridionale e centrale al neoconservatore irriducibile John Bolton, che ha definito Cuba, Venezuela e Nicaragua la “Troika della tirannia”, ha sbandierato che “la Dottrina Monroe è viva e vegeta” e ha cercato di favorire un colpo di Stato in Venezuela. Lo stesso Trump ha demonizzato i migranti come stupratori e spacciatori di droga in ogni occasione e ha contribuito a unificare la regione nella ricerca di partner che potessero contrastare l’influenza americana. Dei sette Paesi che hanno spostato i legami diplomatici da Taipei a Pechino durante la presidenza Trump – Salvador, Repubblica Dominicana, Panama, Burkina Faso, Kiribati, Isole Salomone e Repubblica Democratica di São Tomé e Principe – tre provengono dall’America Latina.

Finora, Biden ha deluso anche i leader africani e latinoamericani. Sebbene Blinken sia riuscito a visitare l’Africa tre volte in dieci mesi, l’approccio complessivo dell’Amministrazione al continente lo considera poco più che accessorio rispetto ai conflitti tra grandi potenze. In America Latina, poi, i politici si sono infastiditi nel trovare Biden in uno stato d’animo prevalentemente “elettorale”, dando priorità alle misure di sicurezza per fermare l’immigrazione rispetto agli sforzi per l’integrazione economica o lo sviluppo. Nel novembre 2023, quando l’Amministrazione ha ospitato un vertice per discutere la cooperazione economica e le riforme della catena di approvvigionamento nelle Americhe, l’ex ambasciatore del Messico in Cina lo ha descritto come “qualcosa che gli Stati Uniti stanno facendo più o meno solo per spuntare la casella. Per dire che stanno facendo qualcosa per l’America Latina, che si ricordano che l’America Latina esiste, per fingere di avere un piano”.nota23

Nel frattempo, gli sforzi di Biden per rafforzare la sicurezza delle frontiere sono stati entusiasti e sostenuti. Ha deciso di non ripristinare il diritto d’asilo che Trump ha eliminato quando è scoppiata la pandemia, ha rifiutato di ridurre la crudeltà delle pattuglie di frontiera e si è rifiutato di abbattere qualsiasi porzione del muro di confine di Trump. Ha anche espulso un numero enorme di migranti dagli Stati Uniti, tra cui quasi 4.000 haitiani solo nel maggio 2022. Il Congresso ha bloccato il pacchetto di “riforme” sull’immigrazione di Biden nel febbraio 2024, ma questa legge rappresenta comunque una drastica virata a destra nei piani del Partito Democratico per affrontare il problema, garantendo che il duro regime di polizia migratoria inaugurato da Obama servirà da modello per il futuro.

Il ritardo nel mettere a disposizione dell’America Latina, dell’Africa e del resto del mondo in via di sviluppo una vera alternativa alla Belt and Road Initiative è difficile da comprendere da un punto di vista strategico. La Cina non sta solo cercando di creare un ordine mondiale alternativo”, ha dichiarato a febbraio un analista di gestione patrimoniale al Financial Times . Ci sta riuscendo. Molti in Occidente non riescono a valutare il successo che la Cina sta avendo nel resto del mondo”.nota24 Si ha l’impressione di un’amministrazione che vorrebbe concentrare tutta la sua attenzione su Cina, Russia e cambiamenti climatici, se solo tutti gli altri si calmassero un po’ e smettessero di provocare nuove crisi ogni tre mesi. Questo è certamente il senso di The Internationalists. Il ritiro dall’Afghanistan è stato caotico e ha provocato una tempesta di fuoco politica interna che si è trascinata per mesi, ma era semplicemente necessario farlo: la fine della guerra più lunga d’America non poteva più essere rimandata. Allo stesso modo, gli Stati Uniti non hanno deciso quando Putin avrebbe invaso l’Ucraina, ma una volta capito che l’invasione era quasi certa, il Dipartimento di Stato aveva il dovere di abbandonare tutto il resto e mobilitare gli alleati europei dell’America. Entro la fine del 2022, tuttavia, Biden potrebbe dedicarsi a questioni più importanti. C’erano altri due anni per farlo”, scrive Ward. Per “tutto” intende la Cina e il cambiamento climatico.

L’ottimismo di Ward suona vuoto. Sia la competizione economica dell’America con la Cina sia il desiderio di Biden che gli Stati Uniti guidino la transizione ecologica globale sono afflitti da contraddizioni che in molti casi sembrano insormontabili. Per cominciare, gli Stati Uniti hanno identificato nei semiconduttori il campo di battaglia economico chiave del XXI secolo. Trump ha fatto dei semiconduttori una priorità per la sicurezza nazionale quando ha aggiunto Huawei all’elenco delle aziende a cui è vietato l’acquisto di chip costruiti secondo i nostri progetti, e Biden ha poi ampliato l’iniziativa di Trump tagliando fuori l’intera industria tecnologica cinese dai semiconduttori avanzati progettati da noi. Tuttavia, le rispettive posizioni di America e Cina all’interno della catena globale del valore dei semiconduttori, o gvc, rendono probabile il fallimento di questa strategia. Le aziende americane progettano i chip, ma questi vengono prodotti a Taiwan, in Giappone o in Corea del Sud e poi inviati in Cina, dove vengono testati e installati in prodotti come lavatrici, computer e telefoni cellulari. Sebbene i controlli sulle esportazioni di semiconduttori e di altri componenti tecnologici voluti dall’Amministrazione mirino a rallentare la crescita delle aziende tecnologiche cinesi, il loro impatto duraturo sarà probabilmente di segno opposto: Le potenze in ascesa non se ne stanno con le mani in mano quando gli Stati dominanti interrompono il loro accesso alle risorse critiche. In genere, rispondono sovvenzionando lo sviluppo industriale, spingendo le loro imprese a trasformarsi in posizioni di alto valore per diventare autosufficienti”. Inoltre, “la struttura dei governi rende difficile per la potenza dominante costringere la potenza in ascesa senza scatenare la resistenza delle imprese in patria e più facile per la potenza in ascesa potenziare la propria base industriale in risposta”.footnote25 Questo è esattamente ciò che sta accadendo ora: La Cina sta investendo denaro nello sviluppo di un’industria nazionale dei semiconduttori (mentre gli sforzi dell’America per fare lo stesso stanno fallendo), e le aziende americane continuano a far arrivare i loro progetti in Cina attraverso “scappatoie, terze parti e società fittizie”. Per un’amministrazione Biden che sta ancora cercando di dimostrare di aver vinto la lotta all’inflazione, l’idea di dare un giro di vite alle aziende americane che sfruttano queste scappatoie presenta una serie di complicazioni politiche.

Obiettivi e risultati

Per quanto riguarda il cambiamento climatico, le contraddizioni sono ancora più difficili da superare. Per definizione, non si tratta di un problema che può essere affrontato attraverso la competizione tra Stati nazionali. Sono necessari coordinamento e cooperazione, su scala globale, per decarbonizzare la produzione il più rapidamente possibile. Invece, l’amministrazione Biden sta perdendo tempo cercando di sostenere aziende nazionali che sono chiaramente inferiori alle loro controparti internazionali, ritardando ulteriormente uno sforzo di decarbonizzazione che è già irrimediabilmente in ritardo. Per fare un solo esempio, la casa automobilistica cinese byd produce attualmente le auto elettriche più convenienti al mondo, con sei dei suoi modelli tra i dieci più venduti al mondo.footnote26 Sebbene l’elettrificazione della flotta mondiale di veicoli passeggeri sia, da sola, una misera risposta alla crisi climatica, è comunque importante porre fine alla produzione di automobili con motore a combustione il più rapidamente possibile. La rapidità è fondamentale: non abbiamo tempo per passare decenni a mettere in ginocchio le case automobilistiche cinesi più avanzate e a riqualificare Detroit solo perché l’America possa “vincere” la transizione verde. Ma poiché le case automobilistiche americane che stanno faticosamente aumentando la produzione di auto elettriche non possono neanche lontanamente competere con la Byd sul piano dei prezzi, l’amministrazione Biden sta ora definendo i veicoli Byd come potenziali minacce alla sicurezza, a causa del rischio che i loro computer di bordo possano inviare “dati sensibili” alla Cina. Le politiche della Cina potrebbero inondare il nostro mercato con i suoi veicoli, mettendo a rischio la nostra sicurezza nazionale”, ha dichiarato Biden. Biden ha dichiarato: “Non permetterò che questo accada sotto il mio controllo”.footnote27 Biden ha incaricato il suo Segretario al Commercio di aprire un’indagine formale su byd. Nel frattempo, l’Inflation Reduction Act, presentato dalla Casa Bianca come il più grande pacchetto di politiche verdi della storia, non contiene un dollaro di investimento per il trasporto pubblico negli Stati Uniti, dove i trasporti rappresentano quasi un terzo delle emissioni totali di carbonio. L’IRA richiede inoltre che qualsiasi nuovo progetto eolico o solare sulle terre pubbliche debba essere accompagnato da milioni di acri di locazioni per nuovi pozzi di petrolio e gas, una politica suicida senza la quale la legge non sarebbe mai potuta passare al Congresso.

Inoltre, le varie componenti dello sforzo di Biden per ringiovanire l’alleanza transatlantica sono state talvolta in contrasto tra loro. Sebbene le spedizioni Nato di armi e altri equipaggiamenti militari all’Ucraina, iniziate nel 2015 e aumentate drasticamente dopo l’invasione, abbiano contribuito a trasformare quella che avrebbe potuto essere una rapida vittoria della Russia in un’estenuante e costosa guerra di terra, il prolungamento del conflitto in stallo sta ora minando la solidarietà paneuropea. Le sanzioni alla Russia, tra cui la cancellazione del Nord Stream 2 e il divieto di utilizzare i combustibili fossili russi, sono state particolarmente costose per la Germania. La più grande economia europea si è ridotta nel 2023 e la debolezza economica tedesca sta ora contribuendo alla stagnazione anche nell’Europa orientale. Insieme a un nuovo afflusso di migranti – tra cui più di un milione di rifugiati ucraini – questa stagnazione ha rafforzato le prospettive politiche dell’estrema destra, con l’Afd che ha conquistato il secondo posto nei sondaggi nazionali dal giugno 2023. il sostegno dell’Afd si è leggermente ridotto in seguito alle consistenti controproteste di dicembre, ma le conseguenze di secondo ordine del sostegno dell’Europa all’Ucraina continueranno a turbare la politica tedesca fino a quando una qualche soluzione negoziata non porrà fine alla guerra. La spinta di Biden verso la NATO è stata pubblicizzata come un modo per far regredire l’autocrazia globale, ma finora ha avuto l’effetto indesiderato di spingere l’estrema destra tedesca al 20% nei sondaggi nazionali.

Guardando ai primi due anni e mezzo del mandato di Biden, si nota una serie di iniziative di politica estera che non sembrano raggiungere – o in alcuni casi nemmeno avvicinarsi – agli obiettivi dichiarati: un confronto con la Cina che sta rendendo le cose più difficili anziché più facili per le imprese americane, una politica industriale verde che sta sacrificando una rapida decarbonizzazione sull’altare dello sciovinismo economico “America-first”, una serie di restrizioni all’immigrazione che non affrontano in alcun modo le cause profonde della migrazione e una guerra europea contro l'”autocrazia” che sta fornendo una spinta elettorale all’estrema destra europea. Per un po’ di tempo è stato possibile credere che, dopo aver superato il ritiro dall’Afghanistan e lo shock iniziale dell’invasione di Putin, l’amministrazione Biden si fosse preparata per un progresso più sostenibile. Ma questo è finito il 7 ottobre 2023, così come l’illusione che l’impero americano potesse ancora gestire il sistema mondiale sulla base di qualcosa che si avvicinasse al consenso internazionale.

Il Medio Oriente

The Internationalists contiene solo una discussione su Israele e Palestina. Riguarda la violenza scoppiata a Gerusalemme Est dopo che i soldati israeliani hanno preso d’assalto la moschea di Al Aqsa nel maggio 2021. Tutto ciò che Ward scrive sulla risposta dell’amministrazione Biden a quell’episodio si legge in modo inquietante alla luce dell’alluvione di Al Aqsa e della successiva campagna di punizione collettiva di Israele, che molti osservatori, tra cui il Relatore speciale dell’ONU sui Territori palestinesi occupati, hanno sostenuto essere al livello di genocidio. I funzionari di Biden hanno ripetutamente espresso l’opinione che il conflitto israelo-palestinese è qualcosa di cui preferirebbero non occuparsi. L’amministrazione non voleva impantanarsi in Medio Oriente”, scrive Ward. C’erano problemi più grandi da risolvere…”. I consiglieri del Presidente pensavano che anche questo passerà“. Non abbiamo intenzione di essere coinvolti in Israele-Palestina”, gli disse una fonte. Ward riconosce che Biden ha tardato a dare una risposta concreta alla crisi del maggio 2021, ma non mette in dubbio la strategia più ampia di mettere Israele e la Palestina in quello che lui chiama “il dimenticatoio” per concentrare le energie su Russia, Cina e cambiamento climatico. È questa idea, l’idea che gli Stati Uniti possano semplicemente scegliere di non “essere coinvolti” o “impantanarsi” nelle azioni del loro più importante Stato cliente, che il 7 ottobre si è rivelata delirante.

Quando i funzionari di Biden hanno detto di non volersi impantanare in Israele, intendevano dire che approvavano il piano del loro predecessore per la regione e speravano di continuare ad attuarlo. Come ha scritto Oliver Eagleton in Sidecar, dal 2016 gli Stati Uniti hanno perseguito l’obiettivo di sostituire “l’intervento diretto con la supervisione a distanza”, un obiettivo che richiedeva “un accordo sulla sicurezza che rafforzasse i regimi amici e limitasse l’influenza di quelli non conformi”.footnote29 Con gli Accordi di Abraham, firmati nel 2020, il Bahrein e gli Emirati Arabi Uniti hanno normalizzato le relazioni con Israele e hanno iniziato a ricevere un aumento delle spedizioni di armi dagli Stati Uniti. Tre anni prima, Washington aveva spostato la propria ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme e riconosciuto formalmente la città come capitale di Israele. La decisione ha indignato l’ONU: quattordici membri del Consiglio di Sicurezza su quindici hanno appoggiato una mozione di condanna. Il Segretario di Stato di Trump, Rex Tillerson, ha dichiarato che la decisione “non indicava alcuno status finale per Gerusalemme”, che sarebbe stato lasciato alle due parti per negoziare e decidere”, ma questo era il tipo di menzogna che non aveva nemmeno l’intenzione di essere convincente.footnote30 La decisione era una chiara scommessa che gli Stati Uniti avrebbero potuto farla franca ignorando completamente i palestinesi e l’occupazione mentre rafforzavano le alleanze con gli Stati reazionari in tutta la regione. La strategia ufficiale americana per il Medio Oriente, quindi, presupponeva che l’occupazione sarebbe continuata indefinitamente.

Biden ha deciso di attenersi al piano di Trump. Sebbene abbia definito la decisione di spostare l’ambasciata “miope e frivola”, già da candidato aveva detto che non avrebbe spostato i diplomatici americani a Tel Aviv, e la promessa di aprire un consolato per i palestinesi a Gerusalemme Est è rimasta disattesa. Invece, il Dipartimento di Stato di Biden ha lavorato per aggiungere l’Arabia Saudita agli Accordi di Abraham, anche se non ha fatto nulla per far progredire la “soluzione dei due Stati” che Biden dichiara ancora di sostenere. È stato come se Frederick Kagan e altri neocon di fine secolo stessero sussurrando all’orecchio di Sullivan mentre questi elaborava la strategia americana per il Medio Oriente. In Present Dangers: Crisis and Opportunity in American Foreign and Defence Policy, pubblicato nel 2000, Kagan aveva discusso l’importanza di mantenere un “two-war standard”, ovvero un esercito sufficientemente grande e potente da essere in grado di combattere guerre su larga scala contro due potenze regionali contemporaneamente. Entrando in carica nel 2021, per Biden sarebbe stato chiaro chi sarebbero state queste due potenze: Russia e Cina. Ciò significava che la supervisione militare diretta del Medio Oriente era fuori discussione per il prossimo futuro. Il Dipartimento di Stato avrebbe invece garantito che le potenze reazionarie della regione fossero armate fino ai denti e che i palestinesi fossero lasciati al loro destino.

L’adesione dell’Arabia Saudita agli Accordi di Abraham avrebbe probabilmente condannato i palestinesi a decenni di occupazione continua, ed è plausibile che Hamas abbia lanciato il Diluvio di Al Aqsa in parte per fermare quel processo. Non c’è dubbio che gli Stati Uniti, come Israele stesso, siano stati colti completamente alla sprovvista dal 7 ottobre. La nozione di agenzia politica palestinese non ha giocato alcun ruolo nella strategia globale del Dipartimento di Stato, un punto cieco illustrato in modo vivido dal fatto che Jake Sullivan ha scritto quanto segue in un saggio di Foreign Affairs andato in stampa il 2 ottobre 2023: “Sebbene il Medio Oriente rimanga afflitto da sfide perenni, la regione è più tranquilla di quanto non sia stata per decenni”. Nota31 Da allora, un’amministrazione che è salita al potere promettendo di guidare una difesa mondiale dell’umanesimo democratico ha gettato tutto il peso della sua potenza diplomatica e della sua industria di produzione di armi dietro un governo di destra che sta portando avanti una delle più brutali campagne di punizione collettiva della storia. Biden ha posto il veto a diverse risoluzioni dell’ONU che chiedevano un cessate il fuoco a Gaza, Blinken ha definito “priva di merito” la causa del Sudafrica contro Israele presso la Corte internazionale di giustizia e il portavoce del Dipartimento della Difesa John Kirby ha ripetutamente affermato che gli Stati Uniti si rifiuteranno di tracciare qualsiasi “linea rossa” sulla condotta di Israele a Gaza, condotta che ha incluso l’uccisione di massa di persone in fila per ricevere aiuti alimentari.

Gaza contro l’egemonia

Da un punto di vista strategico, il sostegno a oltranza dell’amministrazione Biden a Israele e a Netanyahu non è difficile da comprendere. Gli Stati Uniti considerano Israele il garante cruciale del loro controllo sul Medio Oriente, non solo nonostante la sua bellicosità, ma anche a causa della sua aggressività. Se l’America volesse limitare materialmente Israele, se Biden riducesse o ponesse fine alle spedizioni di armi a Netanyahu o se il Dipartimento di Stato chiedesse a Israele le concessioni necessarie per la creazione di uno Stato palestinese, gli Stati Uniti si discosterebbero dalla logica politica repressiva che è alla base di tutto il loro approccio alla regione. Israele è un cane ringhioso che minaccia l’Iran e le altre potenze anti-USA intorno al Golfo, e gli Stati Uniti possono accorciare il guinzaglio di Israele solo fino a un certo punto (cioè molto poco) prima di perdere i benefici di deterrenza dell’aggressione israeliana.

Tuttavia, l’appoggio di Biden alla guerra di Netanyahu potrebbe ora spingere i costi del nostro sostegno a Israele al di là di quanto l’egemonia americana possa sopportare. La guerra ha reso molto più difficile l’espansione degli Accordi di Abraham: i negoziati sono stati congelati dopo il 7 ottobre e, sebbene l’Arabia Saudita desideri ancora chiaramente una “normalizzazione” con Israele, è tornata a ritenere che ciò dipenda da un’effettiva risoluzione del conflitto israelo-palestinese, invece di accontentarsi di vaghi segnali di “progresso” verso tale risoluzione. footnote32 Anche se Israele dovesse accettare i termini del Regno e cooperare alla creazione di uno Stato palestinese – e ciò è improbabile, anche dopo che Netanyahu avrà lasciato il suo incarico – la guerra ha cementato l’odio popolare nei confronti di Israele per almeno un’altra generazione, il che renderà più difficile per gli autocrati regionali bilanciare ciò che gli Stati Uniti chiedono in cambio di armi e garanzie di sicurezza con ciò che le loro popolazioni interne sono disposte a tollerare. Inoltre, l’impegno profondo e prolungato che richiederà la creazione di uno Stato palestinese ritarderà ulteriormente la data in cui l’America potrà mettere il Medio Oriente in “secondo piano”. Senza un impegno diplomatico sostenuto e convinto da parte degli Stati Uniti, le conseguenze regionali della guerra di Israele rischiano di diffondersi e intensificarsi in modi imprevedibili.

Gli sforzi dell’America per ignorare i numerosi crimini di guerra commessi da Israele dopo il 7 ottobre stanno inoltre imponendo costi crescenti, sia in patria che all’estero. Qualsiasi pretesa di Biden di ricostruire la leadership morale dell’Occidente con la sua opposizione alla Russia è stata distrutta, e gran parte del Sud globale vede gli Stati Uniti con disprezzo. Non c’è nessuna mossa che gli Stati Uniti potrebbero fare in difesa dell’Ucraina che possa compensare la vuota e ripetitiva ripetizione di politici americani che dicono “Israele ha il diritto di difendersi” mentre gli schermi dei telefoni sono pieni di video di soldati dell’idf che ballano ed esultano mentre riducono in macerie l’ennesima università palestinese. I tentativi di Biden di tracciare un’analogia tra l’attacco russo all’Ucraina e l’alluvione di Al Aqsa sono stati risibili. Nove Paesi hanno sospeso o tagliato i rapporti diplomatici con Israele a causa della guerra, e un diplomatico africano ha dichiarato ai giornalisti che il veto dell’America alla risoluzione per il cessate il fuoco dell’ONU “ci ha detto che le vite ucraine sono più preziose di quelle palestinesi”. Abbiamo definitivamente perso la battaglia nel Sud globale”, ha detto un diplomatico del G7. Dimenticate le regole, dimenticate l’ordine mondiale. Non ci ascolteranno mai più”.nota33

Ci può essere un tocco di melodramma ben intenzionato in dichiarazioni come questa. Sicuramente qualcuno ci ascolterà di nuovo, con il giusto accordo commerciale o il giusto pacchetto di armi. Ma la guerra tra Israele e Gaza sembra essere uno spartiacque anche per la politica interna americana. Erano anni che non si registrava un divario così ampio tra l’opinione pubblica e il comportamento dei rappresentanti eletti su una questione di tale importanza. A Washington, la Camera dei Rappresentanti ha approvato a dicembre una risoluzione in cui si dichiara che l’antisionismo è una forma di antisemitismo, e i pochi membri del Congresso disposti a parlare a favore della pace sono stati trattati più o meno come Barbara Lee dopo il suo discorso di opposizione all’approvazione dell’Autorizzazione all’uso della forza militare nel settembre 2001. Nel frattempo, una netta maggioranza di americani, tra cui più della metà dei repubblicani, sostiene un cessate il fuoco permanente. Le proteste sono scoppiate in tutto il Paese e gli attivisti sono riusciti a convincere una quota significativa di elettori democratici a scrivere “non impegnato” sulla scheda elettorale delle primarie. La campagna per la rielezione di Biden sarebbe stata sempre un affare complicato, viste le sue recenti difficoltà nel gestire conferenze stampa e altri eventi pubblici che non sono stati impostati sulla “modalità facile”. Ora sarà ancora più difficile, perché molti giovani elettori, che dovrebbero far parte della base del Partito Democratico, sembrano decisi a disturbare il maggior numero possibile di eventi della campagna. Biden non sembra avere un piano per placare questi elettori. Informato in una riunione del gennaio 2024 che i suoi sondaggi stavano calando in Michigan e in Georgia a causa del suo sostegno a Israele, Biden “ha iniziato a gridare e a imprecare”.footnote34

Tapas a Washington

Per quanto riguarda la stampa americana, inizialmente ha cercato di ritrarre la guerra di Israele contro Gaza come una normale commedia morale di politica estera, con Hamas un’orda di barbari apolitici che si aggiravano nel loro scellerato sistema di tunnel mentre i coraggiosi israeliani combattevano ancora una volta per difendersi da un antisemitismo transistorico. Giornali come il New York Times hanno sostenuto in modo preponderante il resoconto israeliano della guerra, citando più spesso fonti israeliane che palestinesi, evitando la voce attiva nel descrivere le morti dei palestinesi e prestando più attenzione all’antisemitismo che alla violenza e al bigottismo contro arabi e musulmani (quest’ultimo è stato molto più presente negli Stati Uniti dopo il 7 ottobre). In un episodio ormai noto, il Times ha incaricato due freelance inesperti, uno dei quali appena laureato che scriveva soprattutto di cibo, di riconfezionare come giornalismo d’inchiesta la propaganda israeliana su una presunta campagna sistematica di violenza sessuale da parte di Hamas il 7 ottobre.

Tuttavia, con il progredire della guerra e con l’affermarsi di una visione strategica che va oltre la distruzione della maggior parte possibile di Gaza, l’efficacia politica di queste tattiche mediatiche è diminuita. Come si fa a credere alla vecchia frase secondo cui l’idf è l’esercito più morale del mondo, quando ogni settimana arrivano nuove foto di soldati israeliani che ridacchiano come dei vermi da confraternita mentre accarezzano la lingerie trovata nelle case dei palestinesi? Come si può prendere sul serio l’idea che l’antisemitismo dilaghi nelle strade americane quando gruppi come Jewish Voice for Peace sono stati in prima linea nelle recenti proteste e l’Aipac ha ammesso di considerare ogni protesta pro-palestinese come un incidente antisemita? Deve essere frustrante per il Dipartimento di Stato che Netanyahu e gli israeliani siano così poco disposti a fare anche solo un mezzo sforzo per dipingere la loro guerra come una solenne e contenuta difesa di una nazione assediata. Invece, la guerra appare sugli schermi della televisione, dei laptop e dei telefoni americani come un’orgia di violenza, una campagna di vendetta di pulizia etnica che soddisfa coloro che la portano avanti proprio per la sua gratuità.

Negli ultimi mesi Biden e la stampa hanno apportato lievi modifiche alla loro tattica. In primo luogo, invece di dipingere la guerra di Israele come qualcosa che non è (una lotta misurata ed eroica contro la psicosi antisemita), i media americani hanno iniziato a riconoscere la guerra come una situazione tragica, cercando di eludere la questione di chi sia responsabile della tragedia. I portavoce dell’amministrazione hanno ammesso che i civili palestinesi si trovavano in una situazione disperata, che “troppe” donne e bambini erano morti, che la fame a Gaza era diventata un problema serio e che la violenza dei coloni in Cisgiordania era preoccupante. Hanno detto che avrebbero voluto che Israele combattesse la sua guerra in modo un po’ diverso, ma hanno ricordato ai giornalisti che si tratta di una nazione sovrana, ignorando il fatto che i decenni di belligeranza di Israele sono stati resi possibili solo dalle sovvenzioni militari dell’America. Durante questo periodo, Biden è sembrato in gran parte giocare sul tempo, sperando che la rabbia di Israele si esaurisse in tempo per evitare che la guerra pesasse troppo sulle sue prospettive di rielezione a novembre.

Poi, il 2 aprile, Israele ha lanciato attacchi aerei contro un convoglio della World Central Kitchen, un’organizzazione benefica fondata dal famoso chef José Andrés, uccidendo sette dei suoi lavoratori. Oltre a un palestinese, sono morti tre britannici, un australiano, un polacco e un doppio cittadino statunitense e canadese. La condanna da Washington, così come dalle capitali europee, è stata rapida e severa. Trentasette democratici del Congresso, tra cui la fedelissima di Biden Nancy Pelosi, hanno scritto una lettera a Biden e a Blinken per chiedere agli Stati Uniti di interrompere i trasferimenti di armi a Israele. Per la prima volta dal 7 ottobre, Netanyahu si è trovato costretto a scusarsi per la condotta dell’esercito israeliano, assicurando al mondo che “si rammarica profondamente per il tragico incidente”, licenziando due ufficiali e rimproverandone altri tre.

Come ha scritto Edward Luce sul Financial Times con una franchezza sconvolgente , “l’ultimo incidente ha colpito Joe Biden come i precedenti non avevano fatto”:

In parole povere, Andrés è una celebrità di Washington. È stato uno dei pionieri dei ristoranti di alta qualità in una Washington dei primi anni ’90 che aveva una meritata reputazione di cibo scadente. Il Jaleo di Andrés ha introdotto le tapas in stile spagnolo nella capitale americana. Nel 2016, il suo ristorante, Minibar, è stato uno dei primi di Washington a meritare un premio Michelin a due stelle. Tra gli altri, Nancy Pelosi, l’ex presidente della Camera, lo ha candidato al Premio Nobel per la pace.footnote35

Il fatto che Biden possa essere mosso a pietà solo da un crimine di guerra che ha colpito personalmente l’uomo che ha introdotto le tapas a Washington la dice lunga sulla bancarotta morale della sua amministrazione. Altrettanto inquietanti sono i segnali che indicano che egli spera che la colpa delle atrocità di Israele possa essere attribuita unicamente a Netanyahu, mentre il sostegno dell’America al più ampio progetto sionista sfugge a qualsiasi modifica reale. Ma Netanyahu è una perfetta rappresentazione del progetto sionista, non una sua tragica o maniacale aberrazione. Come riportava il New York Times a febbraio, più dell’80% degli israeliani credeva ancora che l’idf stesse usando “una forza adeguata o troppo scarsa” a Gaza, e l’88% degli ebrei israeliani riteneva che “il numero di palestinesi uccisi o feriti a Gaza è giustificato”.footnote36 Biden non è disposto a riconoscere, e ancor meno a confrontarsi, la misura in cui la guerra di Israele a Gaza è un’autentica espressione dei desideri della società israeliana in generale.

Leadership globale

Si immagina che, nel mondo ideale di Washington, gli israeliani alla fine cacceranno Netanyahu dall’incarico e lo sostituiranno con qualcuno il cui nome e la cui immagine saranno sconosciuti. Anche se condividerà la politica di Netanyahu, sarà una persona sconosciuta agli occhi della maggior parte degli americani e questo permetterà a Blinken e Sullivan di proiettare su di loro le loro fantasie sul tipo di leader che Israele dovrebbe avere . Il nostro descriverà il nuovo Primo Ministro come un pragmatico, un riformatore, qualcuno il cui impegno per la difesa di Israele rimane incrollabile, ma che allo stesso tempo si rammarica di alcuni eccessi del suo predecessore e riconosce l’importanza di mostrare almeno una preoccupazione di base per i civili palestinesi. Il governo israeliano farà gesti diplomatici concilianti nei confronti dell’Arabia Saudita, dell’Egitto e di altri regimi reazionari della regione e, sebbene non sia tenuto a compiere passi concreti verso uno Stato palestinese, non mostrerà un disprezzo totale per l’idea. Smetterà di gettare benzina sul fuoco dell’indignazione popolare globale. Il nuovo leader sarà una figura che i Democratici potranno indicare per spiegare perché il continuo sostegno a Israele rimane vitale per l’interesse nazionale americano, guadagnando tempo per supervisionare un accordo negoziato che riaffermi l’occupazione permanente della Palestina senza doverla chiamare così. È una visione disperata e senza speranza dei prossimi anni. Se dovesse realizzarsi, Biden la definirà un successo storico che riafferma l’importanza della leadership globale dell’America.

Non bisogna scartare la possibilità che Biden ottenga ciò che vuole. La guerra ha danneggiato in modo permanente la sua posizione presso le comunità arabe e musulmane americane, in particolare in Stati cruciali come il Michigan e il Minnesota, ma è pur vero che il suo avversario è un uomo che ha concluso il suo primo mandato come il presidente meno popolare nella storia del Paese. Trump è fondamentalmente un piccolo truffatore che ha sfondato, ed è ovvio che la motivazione principale della sua attuale campagna presidenziale è quella di tenersi lontano dalla prigione. Gli americani hanno poca voglia di rivivere l’atmosfera caotica del suo primo mandato. Se Biden riuscirà a strappare qualche concessione al governo israeliano entro la metà dell’anno, la sua campagna elettorale potrebbe convincere alcuni sostenitori che ha fatto uno sforzo in buona fede per alleviare le sofferenze dei civili palestinesi.

Tuttavia, anche se Biden dovesse ottenere una vittoria in autunno, il sogno di ringiovanimento egemonico americano nel XXI secolo è ancora in pericolo. Innanzitutto, ci sono poche prove che Biden abbia iniziato a gettare le basi per una maggioranza duratura che potrebbe mantenere i Democratici al potere nel corso di diversi cicli elettorali, e questo rende improbabile che gli Stati Uniti vedano una tregua dalle dinamiche politiche sferzanti che hanno militato contro la definizione di politiche strategiche a lungo termine nell’ultimo decennio. Più centralmente, tuttavia, il primo pilastro della strategia geopolitica dell’amministrazione Biden, “una politica estera per la classe media”, che in pratica equivale a un keynesianesimo protezionistico verde-militare rivolto alla Cina, è stato significativamente compromesso dalle conseguenze del perseguimento del secondo pilastro, democrazie contro autocrazie. La guerra Russia-Ucraina ha esacerbato un’impennata inflazionistica in tutto il mondo, anche negli Stati Uniti. Anche in presenza di livelli di disoccupazione storicamente bassi e di una forte crescita dei salari (almeno rispetto alla storia recente), gli americani si sono indignati per livelli di inflazione che non si vedevano da decenni, e le loro opinioni sulla gestione dell’economia da parte di Biden sono particolarmente negative. Resta da vedere se Biden riuscirà a ribaltare l’opinione pubblica su questo fronte ora che l’inflazione si è attenuata, ma molti danni politici sono già stati fatti e il tempo sta per scadere.

Biden non si è limitato a promettere di garantire che l’economia americana rimanga la più grande del mondo o che l’esercito americano rimanga il più forte del mondo. Ha promesso di fare ciò che Giovanni Arrighi ha detto essere richiesto a un egemone ne Il lungo XX secolo. Il potere egemonico, scrive Arrighi, è “il potere associato al dominio ampliato dall’esercizio della “leadership intellettuale e morale””. Ciò che lo distingue dai suoi concorrenti non egemonici è che solo l’egemone può affermare in modo plausibile di promuovere interessi globali diversi dai propri. La pretesa del gruppo dominante di rappresentare l’interesse generale è sempre più o meno fraudolenta”, scrive Arrighi. Tuttavia … parleremo di egemonia solo quando la pretesa è almeno in parte vera e aggiunge qualcosa al potere del gruppo dominante”.nota37

L’egemonia americana per ora continua a vivere in Europa, dove i compiacenti alleati della NATO continuano a cadere l’uno sull’altro nella loro corsa a svuotare i servizi sociali e a comprare armi americane. E gli Stati Uniti potrebbero mantenere il dominio economico in senso relativo anche se non riuscissero mai a invertire il rallentamento della crescita globale, a patto che il loro potere economico si indebolisca meno di quello dei loro rivali. Ma dopo Gaza, l’America non può più rivendicare in modo credibile l'”egemonia” globale nel senso di Arrighi. Il sostegno di Biden a Israele, motivato sia da considerazioni strategiche sia da quella che sembra essere una reale incapacità da parte sua di vedere i palestinesi come esseri umani a tutti gli effetti, si scontra con l’opinione pubblica americana e mondiale. L’Europa potrà reggere le redini dell’America ancora per un po’, ma nel resto del mondo il mantenimento della supremazia americana si baserà principalmente sulla coercizione. Arrighi ha individuato nella catastrofe dell’invasione americana dell’Iraq il punto di svolta: “Il disfacimento del progetto neoconservatore per un nuovo secolo americano”, ha scritto, “ha portato, a tutti gli effetti, alla crisi terminale della nostra egemonia, cioè alla sua trasformazione in mero dominio”.footnote38 Se è vero che l’Iraq ha segnato il punto in cui l’egemonia americana si è effettivamente trasformata in dominio, allora forse Gaza segna il punto in cui gli americani se ne sono finalmente resi conto.

1 Ward—according to his LinkedIn profile—attended Washington dc’s American University during Obama’s first term before interning at the State Department (in its Office of Regional Security and Arms Transfers), the Council on Foreign Relations and the Atlantic Council. Having completed this tour through the institutional apparatus of the American foreign-policy mainstream, he spent several years writing moderately hawkish articles for Vox Media. In 2021, he apparently followed his editor to Politico, which was in the process of being taken over by German media conglomerate Axel Springer se, a company that lists support for Zionism, free-market economics and the values of the us among its core principles. In the usPolitico is run by the kinds of die-hard Democrats who don’t see anything objectionable in that. On the evidence of The Internationalists, Ward is a typical figure within this constellation.
2 Alexander Ward, The Internationalists, New York 2024, p. 32; henceforth, ti.
3 ti, p. 23.
4 ti, p. 203.
5 ti , p. 278.
6 ‘National Security Strategy’The White House, October 2022, pp. 3, 2, 38.
7 ti , p. 246.
8 ti, pp. 5, 6.
9 ti, p. 59.
10 ti, p. 300.
11 Robert Brenner, ‘What is Good for Goldman Sachs is Good for America’ucla, 18 April 2009.
12 See Chris Giles, ‘Sorry America, China has a bigger economy than you’, ft, 6 December 2023.
13 Janan Ganesh, ‘How Europe should negotiate with Donald Trump’, ft, 20 February 2024.
14 ‘Trump tweets: “Trade wars are good, and easy to win”’, Reuters, 2 March 2018.
15 Ryan Hass and Abraham Denmark, ‘More pain than gain: How the us–China trade war hurt America’, Brookings, 7 August 2020.
16 ti , p. 42.
17 ‘China Military Power’, Defense Intelligence Agency, 2018, p. v.
18 ‘China gdp Growth Rate 1961–2024’, Mactrotrends.net.
19 ‘Developing countries owe China at least $1.1 trillion—and the debts are due’, cnn, 13 November 2023.
20 ‘Belt and Road celebrates decade of achievements with fresh commitments’, State Council Information Office, 20 October 2023.
21 ‘Summers Warns us Is Getting “Lonely” as Other Powers Band Together’, Bloomberg, 14 April 2023.
22 Michael Lipin, ‘us Boosts Funds for Infrastructure Program for Developing Nations Above $30 Billion’, Voice of America News, 17 October 2023.
23 Ari Hawkins, ‘Biden confronts deep skepticism of us agenda in Latin America’, Politico, 11 March 2023.
24 James Kynge and Keith Fray, ‘China’s plan to reshape world trade’, ft 27 February 2024.
25 Miles Evers, ‘Why the United States Is Losing the Tech War With China’, Lawfare Media, 14 January 2024.
26 ‘Best-selling plug-in electric vehicle models worldwide in 2023’, Statista, 4 March 2024.
27 ‘Statement from President Biden on Addressing National Security Risks to the us Auto Industry’, The White House, 29 February 2004.
28 ti, pp. 97, 88, 92, 90.
29 Oliver Eagleton, ‘Imperial Designs’nlrSidecar, 3 November 2023.
30 Carol Morell, ‘us Embassy’s move to Jerusalem should take at least two years, Tillerson says’. Washington Post, 8 December 2017.
31 ‘The Sources of American Power: A Foreign Policy for a Changed World’, Foreign Affairs, Nov/Dec 2023.
32 ‘After October 7th, Is Saudi–Israeli Normalization Just a Mirage?’, Soufan Center, 14 February 2024.
33 Henry Foy, ‘Rush by west to back Israel erodes developing countries’ support for Ukraine’, ft, 18 October 2023.
34 ‘Behind the scenes, Biden has grown angry and anxious about re-election effort’, nbc News, 17 March 2024.
35 Edward Luce, ‘Israel’s José Andrés problem’, ft, 5 April 2024.
36 Steven Erlanger, ‘Israelis, Newly Vulnerable, Remain Traumatized and Mistrustful’, New York Times, 17 February 2004.
37 Giovanni Arrighi, The Long Twentieth Century, London and New York 1994, pp. 29–30.
38 Arrighi, Long Twentieth Century, p. 379.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Il sistema elettorale negli Stati Uniti e i partiti politici, di Vladislav B. Sotirović

Il sistema elettorale negli Stati Uniti e i partiti politici

CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

Tipi di elezioni

Negli Stati Uniti vengono organizzate regolarmente le elezioni per il Presidente, per entrambe le camere del Congresso (la Camera dei Rappresentanti e il Senato) e per le cariche statali e locali. In pratica, nella maggior parte dei casi i candidati si candidano come membri del partito (uno dei due principali partiti politici – i Democratici o i Repubblicani) per ottenere il sostegno del partito alla loro candidatura. Tuttavia, in linea di principio, chi vuole candidarsi come indipendente può organizzare una petizione. In questo caso, se vengono raccolte abbastanza firme, la persona può candidarsi. Secondo la legge elettorale, qualsiasi cittadino americano di età superiore ai 18 anni può votare alle elezioni a condizione che sia registrato e che soddisfi i requisiti di residenza in uno Stato (uno su 50).

Elezioni dei membri del Congresso

Il Congresso (Parlamento) degli Stati Uniti è composto da due camere: la Camera dei Rappresentanti (di fatto la Camera bassa, che rappresenta il popolo) e il Senato (di fatto la Camera alta, che rappresenta gli Stati). La Camera dei Rappresentanti è composta da 435 membri. Ogni membro ha un mandato di due anni. Tuttavia, il numero esatto di ogni Stato dipende dalle dimensioni della sua popolazione. Per esempio, alcuni Stati come il Montana, avendo una popolazione molto ridotta, hanno pochi rappresentanti (il Montana ne ha solo uno), mentre altri Stati con una popolazione più numerosa hanno in proporzione più rappresentanti: per esempio, la California, con la popolazione più numerosa, ne ha 53. I confini dei distretti che i membri della Camera dei Rappresentanti rappresentano vengono modificati ogni dieci anni dopo ogni censimento o conteggio ufficiale degli abitanti. Lo scopo è quello di includere un numero uguale di elettori.

Ogni Stato elegge due senatori (in tutto 100). Ognuno di loro ha un mandato di sei anni. Tuttavia, ogni due anni, circa 1/3 del Senato viene rieletto. Le elezioni per il Senato sono organizzate contemporaneamente alle elezioni per la Camera dei Rappresentanti o per il Presidente.

In entrambi i casi di elezioni per il Congresso, i cittadini di un determinato distretto o Stato scelgono il loro rappresentante e solo il candidato con una pluralità di voti (cioè con il maggior numero di voti) viene eletto per il Congresso.

Oltre alle elezioni a livello nazionale, ogni Stato ha un proprio governo che è costituito come il governo federale e le elezioni si svolgono nello stesso modo.

Le elezioni presidenziali

Le elezioni del Presidente e del Vicepresidente si tengono ogni quattro anni secondo una procedura complessa e molto particolare, unica al mondo.

Il primo passo elettorale sono le primarie o elezioni primarie. Ciò significa che da gennaio a giugno dell’anno elettorale, i partiti politici scelgono i loro candidati attraverso una serie di elezioni in ogni Stato. In altre parole, i cittadini scelgono il partito alle cui primarie vogliono votare e votano per la loro scelta di candidati. Il secondo passo è il congresso congressuale, cioè, in estate, ogni partito politico (in realtà solo i due maggiori) tiene un congresso per fare la scelta finale dei candidati. I gruppi di delegati di ogni Stato si recano alla convention per votare la coppia di candidati che ha vinto le elezioni primarie del proprio partito. Tuttavia, di solito il partito sceglie in anticipo i candidati finali in modo informale, basandosi su chi ha avuto più successo alle primarie.

Va notato che le elezioni presidenziali si tengono sempre il martedì successivo al primo lunedì di novembre. Alcune settimane prima delle elezioni, gli elettori registrati per il voto ricevono una scheda con l’indirizzo del seggio elettorale in cui devono esprimere il proprio voto. Ogni elettore al seggio elettorale esprime un unico voto presidenziale (sia per il Presidente che per il Vicepresidente), insieme a voti separati per un membro della Camera dei Rappresentanti e (nel caso di elezioni di mantenimento) per un senatore.

La procedura successiva si svolge dopo il conteggio dei voti delle elezioni presidenziali. Il punto è che ogni Stato (50) ha un certo numero di elettori (uno per ogni distretto congressuale e senatore) che costituiscono il Collegio elettorale (come un comitato). Secondo le regole, ogni elettore esprime due voti, uno per il Presidente e uno per il Vicepresidente (formalmente non dipende dai risultati delle votazioni del popolo, ma in realtà segue la volontà popolare espressa nelle elezioni). In realtà, i membri del Collegio elettorale scelgono entrambi i candidati che hanno ricevuto il maggior numero di voti nello Stato. Infine, il candidato che ottiene il sostegno di almeno 270 elettori su 538 diventa Presidente o Vicepresidente.

Il sistema bipartitico

Negli Stati Uniti esistono due partiti politici principali: il Partito Democratico e il Partito Repubblicano. In pratica, esistono altri partiti e associazioni politiche minori, ma molto raramente vincono elezioni importanti. In sostanza, quindi, negli Stati Uniti esiste un sistema bipartitico, almeno per la ragione molto pratica che il sistema politico statunitense “winner-take-all” rende difficile l’esistenza di più di due partiti politici principali alla volta.

I Democratici come partito sono nati negli anni Venti del XIX secolo dal ramo del primo partito politico degli Stati Uniti, il Partito Federale. Il Partito Repubblicano è nato come partito antischiavista nel 1854 con membri provenienti dal Partito Democratico e dai Whig.

L’appartenenza a un partito comporta la semplice scelta di quel partito al momento dell’iscrizione al voto. Non ci sono quote o requisiti per l’adesione. In pratica, è normale che le persone cambino appartenenza o votino al di là delle linee di partito. Va notato che i capi dei partiti nazionali non ricoprono posizioni ufficiali nel governo.

Per quanto riguarda il ruolo dei partiti politici negli Stati Uniti, va detto innanzitutto che le organizzazioni di partito sono meno importanti rispetto agli Stati con parlamento. Proprio per il modo in cui è composto il governo, lo stesso partito politico non controlla necessariamente le due camere del Congresso (la Camera dei Rappresentanti e il Senato) o la presidenza allo stesso tempo. Di conseguenza, è molto difficile ritenere un partito responsabile delle azioni del governo. In sostanza, i cittadini statunitensi (coloro che hanno diritto di voto) votano per i singoli candidati per ogni carica piuttosto che per un partito di Stato (lista di candidati). In sostanza, ciò significa che la qualità personale del candidato o la sua performance di propaganda elettorale sono, nella maggior parte dei casi, più importanti dell’appartenenza al suo partito.

Per entrambi i principali partiti politici degli Stati Uniti, una delle attività più importanti è l’organizzazione della convention di partito (grande riunione). Viene organizzata ogni quattro anni, prima delle elezioni del Presidente. La convention sceglie ufficialmente il candidato presidenziale del partito (insieme al vicepresidente) e allo stesso tempo proclama la piattaforma politico-elettorale (idee e politiche) del partito.

Entrambi i partiti nazionali raccolgono fondi per le campagne elettorali e forniscono ulteriori tipi di aiuto ai loro candidati per vincere. Le sezioni locali dei partiti (con le persone comuni attive nel partito) lavorano per sostenere i candidati locali e nazionali.

Secondo le regole, nel Congresso (Camera dei Rappresentanti e Senato), il partito di maggioranza controlla le commissioni più importanti e potenti, che prendono decisioni significative sulle questioni e sulle leggi trattate dal Congresso. Per fare un paragone, i membri del Congresso degli Stati Uniti sono più indipendenti dai loro partiti rispetto ai membri del Parlamento britannico. Essi mirano ad apparire fedeli innanzitutto ai cittadini che rappresentano, ma allo stesso tempo cercano di essere il più possibile fedeli ai membri del loro partito per avere la possibilità di diventare membri di importanti commissioni e, quindi, di lottare per ottenere il sostegno alle proprie proposte. Molti cittadini statunitensi politicamente attivi non vogliono che i politici siano troppo partigiani (fortemente legati al proprio partito), ma che abbiano un atteggiamento più bipartisan (cooperativo) e che, quindi, lavorino insieme per il bene comune della nazione.

In generale, se confrontiamo la politica dei partiti statunitensi con quella di molti altri Paesi, sia i Democratici che i Repubblicani possono essere intesi, in una prospettiva più ampia, come i partiti del centro politico. Tuttavia, ciò che li differenzia l’uno dall’altro è che il Partito Democratico si colloca a sinistra, mentre il Partito Repubblicano si colloca a destra del centro. Tradizionalmente, il programma e la politica del Partito Democratico sostengono la spesa per i programmi di assistenza sociale, mentre il Partito Repubblicano è contrario a tale politica. In genere, i repubblicani sostengono la spesa per l’esercito degli Stati Uniti, ritenendo che ci debbano essere poche leggi che limitino l’attività di produzione di armi. Il Partito Repubblicano è chiamato Grand Old Party (GOP) e ha come simbolo un elefante, mentre un asino simboleggia i Democratici.

Negli ultimi decenni, i Democratici hanno raccolto sempre più consensi tra i giovani elettori, i lavoratori a basso salario, gli iscritti ai sindacati, la popolazione urbana e gli afroamericani (e altre minoranze). Tuttavia, le persone più ricche, quelle con un approccio conservatore-religioso e/o patriarcale più forte e i cittadini bianchi che risiedono nelle regioni centrali e meridionali degli Stati Uniti sostengono solitamente il Partito Repubblicano.

Dr. Vladislav B. Sotirović
Ex professore universitario
Vilnius, Lituania
Ricercatore presso il Centro per gli Studi Geostrategici
Belgrado, Serbia
www.geostrategy.rs
sotirovic1967@gmail.com
© Vladislav B. Sotirović 2024

Disclaimer personale: l’autore scrive per questa pubblicazione a titolo privato e non rappresenta nessuno o nessuna organizzazione, se non le sue opinioni personali. Nulla di quanto scritto dall’autore deve essere confuso con le opinioni editoriali o le posizioni ufficiali di altri media o istituzioni.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

La classe dirigente si sveglia finalmente di fronte alla realtà del declino americano, di SIMPLICIUS

Il cambiamento è nell’aria.

Ho scritto in precedenza su il panico che sta attraversando le élite globali, reso visceralmente evidente in conclavi come il forum di Davos all’inizio dell’anno. Ma in America, in particolare, una profonda preoccupazione attanaglia la classe dirigente – la si vede, la si sente: l’impero americano è agli sgoccioli, prossimo al collasso. .

Questo mese, in particolare, ha visto una miriade di nuovi articoli di figure di spicco del deepstate americano o di pubblicazioni della vecchia guardia che esortano a cambiare rotta, per evitare che il Paese venga spazzato via dalle maree inesorabili della storia.

La prima e più importante di queste è quella dell’ex scrittore di discorsi e collaboratore della Casa Bianca di Obama, Ben Rhodes:

Rhodes rimane tra l’haute monde politico, avendo fondato un thinktank insieme a Jake Sullivan, che aveva molti collegamenti con le organizzazioni Open Society di Soros. In altre parole, Rhodes ha il polso delle “cerchie interne” del patriziato, come sottolinea il giornale del CFR che fa da tribuna al suo ultimo lavoro. È quindi ancora più significativo che si sia mosso per lanciare l’allarme contro un Paese che, a suo avviso, sta inciampando a testa bassa in un vento contrario di portata storica.

L’articolo è in realtà piuttosto lungo e dettagliato, quindi abbiamo Arnaud Bertrand per riassumere i suoi punti più rilevanti. La prima parte in grassetto qui sotto va al cuore della sorprendente argomentazione di Rhodes, ma leggete anche le altre parti in grassetto:

Questo è un interessante articolo di brhodes, ex vice consigliere di Obama per la sicurezza nazionale 

In una radicale presa di distanza dalla politica statunitense fino ad oggi, egli sostiene che gli Stati Uniti “abbandonano la mentalità del primato americano” e “si allontanano dalle considerazioni politiche, dal massimalismo e dalla visione occidentale-centrica che hanno fatto sì che l’amministrazione [di Biden] commettesse alcuni degli stessi errori dei suoi predecessori”.

Scrive, e la trovo una frase molto forte, che “per affrontare il momento è necessario costruire un ponte verso il futuro, non verso il passato”. Come a dire di non cercare di riconquistare un’egemonia perduta, ma di adattarsi al “mondo così com’è”, che egli chiama “il mondo del primato post-americano”.

Per essere sicuri, il pezzo ha ancora forti cedimenti all’istinto liberale di rifare il mondo a immagine e somiglianza dell’America – il lupo perde il pelo ma non il vizio – ma almeno riconosce la realtà che il mondo è cambiato e che gli Stati Uniti dovrebbero vedersi come una potenza che coesiste con altre, non come LA potenza che deve dominare il resto del mondo. Il che è un primo passo… .

Inoltre, in modo significativo, sottolinea la follia di “inquadrare la battaglia tra democrazia e autocrazia come un confronto con un pugno di avversari geopolitici”, quando le stesse democrazie occidentali sono oggi in condizioni così pietose da non poter più essere chiamate “democrazie”… e scrive che invece di cercare di interferire costantemente nel cambiamento dei sistemi degli altri Paesi, “in ultima analisi, la cosa più importante che l’America può fare nel mondo è disintossicare la propria democrazia”.

Quello che segue racchiude la tesi centrale, ovvero che il primato globale dell’America è finito e l’unico modo per il Paese di rimanere a galla è quello di adattarsi alle nuove realtà: .

Anche se il ritorno alla normalità competente era nell’ordine delle cose, la mentalità di restaurazione dell’amministrazione Biden ha talvolta lottato contro le correnti dei nostri tempi disordinati. Per minimizzare gli enormi rischi e perseguire le nuove opportunità è necessaria una concezione aggiornata della leadership statunitense, adatta a un mondo che ha superato il primato americano e le eccentricità della politica americana .

Questo è il tema che ricorre più e più volte nel nuovo Zeitgeist che si sta impadronendo del discorso politico nella Beltway colpita: i neocons si esortano a vicenda: siamo in lotta per la nostra vita, se non accettiamo le nuove realtà, annegheremo!

Pubblicazioni come Foreign Affairs sono parte di quelle in cui le élite si rivolgono non a noi, ma a se stesse, nella lunga tradizione dell’eufemismo come linguaggio segreto-codificato del loro “mondo interno” dello Stato profondo e della classe politica periferica. Qui Rhodes naviga abilmente tra le sfumature di questo linguaggio privilegiato quando dichiara che l’Ordine basato sulle Regole è caduto:

Ma nelle pieghe del suo appello ci sono le chiavi del gioco: perché l’Ordine è morto? Risponde: perché i Paesi che prima erano vassallizzati dalla rigida obbedienza all’Egemone ora, per una volta, agiscono indipendentemente e prendono – quelle surprise! decisioni sovrane . E così si traduce il messaggio segreto del linguaggio inter-elitario: l'”ordine basato sulle regole” non era altro che un velo per la schiavitù della linea, e ora è finito per sempre. .

Lo spiega ancora più chiaramente in una sezione intitolata in modo appropriato verso la fine:

Ancora una volta il discorso riciclato; permetteteci di tradurre: “La nostra supremazia è giunta al termine perché il mondo si è svegliato dalla nostra falsità. Tutti gli attuali conflitti in cui siamo impegnati sono quelli in cui non abbiamo alcuna giustificazione legale per essere coinvolti. Ora il nostro concerto è finito e il mondo ha visto la nostra palese ipocrisia e i nostri doppi standard, compresi i nostri stessi cittadini, che ora si rifiutano di morire per la nostra avidità globalista!”.

Infine, alla fine arriva la sua ragionevole supposizione:

Nulla di tutto ciò sarà facile, e il successo non è preordinato, poiché anche gli avversari inaffidabili hanno un potere. Ma data la posta in gioco, vale la pena di esplorare come un mondo di blocchi di superpotenze in competizione tra loro possa essere collegato alla coesistenza e al negoziato su questioni che non possono essere affrontate in modo isolato.

Avete sentito? È la campana a morto dell’establishment statunitense che suona nella notte. Per una volta, senza pronunciare il suo nome ripugnante, hanno sostanzialmente invocato il multipolarismo come unica soluzione praticabile per il futuro. Riconoscono che il potere dell’America ha raggiunto la sua fine naturale, la sua conclusione logica finale, e che solo la collaborazione con altre superpotenze rimane una politica praticabile per il futuro.

In realtà, l’America è andata a sbattere contro un muro di mattoni, incontrando infine la sua controparte in due Paesi che si sono rifiutati di piegarsi o di cedere – sono certo che li conoscete. E, sostenuti dalla loro resistenza ispirata, altri Paesi più piccoli hanno raddoppiato la loro sfida in modi che stanno paralizzando l’Impero e sfilacciandolo nei suoi punti più vulnerabili; ad esempio, Iran, Yemen, Corea del Nord, ecc.

Sulle orme del pezzo precedente arriva la prossima sirena d’allarme correlata:

L’articolo inizia invocando con astuzia il pregiudizio di normalità che attanaglia la coscienza americana in uno stato di congelamento:

Uno dei problemi più pericolosi dell’Occidente di oggi è la sua vulnerabilità al pregiudizio della normalità: il presupposto che non accadrà mai nulla, che le cose andranno bene e che non c’è nulla di cui preoccuparsi.

Il testo prosegue paragonando l’America alla Francia rivoluzionaria del 1789:

La Rivoluzione francese è avvenuta non perché fosse inevitabile, ma perché il sistema politico si è dimostrato completamente incapace di curare le sue carenze.

Ti sembra un po’ familiare? Dovrebbe, perché è proprio questa la situazione degli Stati Uniti in questo momento. Un sistema politico iniquo si è sostanzialmente bloccato e ha smesso di funzionare, e ora si sta incagliando verso l’elezione del presidente più impopolare della storia moderna e del presidente successivo più impopolare della storia moderna. Uno di questi uomini è chiaramente in rapida dissolvenza, incline a biascicare o a dimenticare dove si trova; l’altro è appena diventato il primo presidente a essere condannato per un reato. Proprio come nella Francia del 1780, la violenza, le proteste e il disincanto sembrano le conclusioni più probabili.

Egli paragona le gravi difficoltà economiche della Francia al momento culminante con le condizioni di miseria che attualmente strangolano gli Stati Uniti: montagne di debito inservibile e malessere economico.

In ogni aspetto, egli trova l’America peggiore della sua storica controparte francese in quel momento critico. Per esempio, quando si tratta di industria:

Oltre a questa già misera situazione, gli Stati Uniti devono fare i conti con un altro problema non affrontato dalla Francia della prima età moderna: la deindustrializzazione. Alla vigilia della rivoluzione, la Francia era notevolmente autosufficiente, ed è per questo che è potuta passare così facilmente da un caos politico ed economico nel 1789 a dominare la maggior parte dell’Europa nel 1812. Al contrario, l’America del 2024 è non autosufficiente; le vecchie industrie che le hanno permesso di dominare dopo la Seconda guerra mondiale sono state svendute come rottami, e gli Stati Uniti oggi dipendono dall’esportazione di dollari e dall’importazione di beni fisici.

Secondo l’autore, il confronto con la situazione militare è analogo. L’esercito americano, in rapida contrazione, si trova ad affrontare una storica crisi di reclutamento e di morale, oltre a crisi di munizioni e materiali legati ai problemi di deindustrializzazione di cui sopra.

Esempio:

Conclude che la situazione dell’America è molto peggiore di quella della Francia del 1789, ma lascia aperta la risposta sulla possibilità che questa volta si verifichi una rivoluzione. Una cosa certamente ovvia è che gran parte del Paese soffre di un grave caso di pregiudizio della normalità, che include la classe dirigente e l’élite. Certo, ci sono alcuni campanilisti che si fanno sentire, ma sono sommersi dai venditori di status quo amplificati dalla stampa corporativa.

A questa visione ha fatto eco l’ultimo articolo dell’acclamato storico e commentatore politico Niall Ferguson, che immagina gli Stati Uniti non come la Francia pre-rivoluzionaria, ma come l’URSS pre-rivoluzionaria:

Forse è più opportuno condurre l’analisi del suo stesso pezzo, citando prima una descrizione concisa fatta in un altro articolo intitolato Late Soviet America, a cui Ferguson fa riferimento nella frase introduttiva del suo pezzo:

Come l’Unione Sovietica nei suoi ultimi anni, gli Stati Uniti stanno soffrendo per i catastrofici fallimenti della leadership e per le tensioni socioeconomiche a lungo represse che sono finalmente esplose.Per il resto del mondo, lo sviluppo più importante è che l’egemonia del dollaro statunitense potrebbe finalmente giungere al termine.

Fa una lunga lista di paragoni tra gli Stati Uniti e l’URSS in crisi. Quello che mi ha colpito di più è che l’economia sovietica sarebbe stata grossolanamente “sopravvalutata” dagli “esperti” americani negli anni ’70 e ’80. Parallelamente, oggi l’economia statunitense viene sbandierata come un’economia di successo mondiale, eppure sempre più persone si accorgono della verità: l’economia Potemkin non è altro che un castello di carte con una bolla di asset finanziarizzati.

L’altro punto importante è quello su cui io stesso insisto costantemente: la natura geriatrica della classe dirigente come fatidica bandiera rossa:

Ancora più sorprendenti sono le somiglianze politiche, sociali e culturali che rilevo tra gli Stati Uniti e l’URSS. La leadership gerontocratica era uno dei tratti distintivi della tarda leadership sovietica, personificata dalla senilità di Leonid Brezhnev, Yuri Andropov e Konstantin Chernenko.

Ma per gli attuali standard americani, gli ultimi leader sovietici non erano vecchi.

E prosegue con un paragone:

Brezhnev: 75
Andropov: 68
Chernenkov: 72

Biden: 81
Trump: 78
Pelosi: 84
ecc. .

Allo stesso modo, Ferguson osserva che la moralità della società era precipitata alla fine dell’epoca sovietica. Lo stesso vale per gli Stati Uniti, che si sono trasformati in un’orgia baccanale di degenerazione, con malattie mentali e suicidi giovanili ai massimi storici. La disperazione dilaga, seconda solo a una vasta epidemia di droga che ha mietuto più vittime solo nel 2022, scrive l’autore, che i soldati americani uccisi nelle tre grandi guerre del Vietnam, dell’Iraq e dell’Afghanistan.

Anche il crollo dell’aspettativa di vita negli Stati Uniti è così drastico da far pensare che il Paese stia saltando l’URSS degli anni ’80 per passare direttamente alla versione successiva al crollo degli anni ’90.

I dati recenti sulla mortalità americana sono scioccanti. L’aspettativa di vita è diminuita nell’ultimo decennio in un modo che non vediamo nei paesi sviluppati comparabili.

Mentre alcune cifre possono dipingere gli Stati Uniti in una luce più equa, la verità è che non possiamo più fidarci delle “statistiche ufficiali” del regime su tutto ciò che riguarda i suoi fallimenti o la sua caduta. Per esempio, è stato recentemente rivelato che le principali città gestite dai democratici non riportano più le statistiche sulla criminalità all’FBI, con il risultato di “minimi storici” esilaranti e fraudolenti, ironicamente definiti “di livello sovietico” in termini propagandistici dagli opinionisti dei social media: .

Nel “2021, il 37% dei dipartimenti di polizia ha smesso di comunicare i dati sulla criminalità all’FBI (compresi i grandi dipartimenti di Chicago, Los Angeles e New York)”, e per altre giurisdizioni, come Baltimora e Nashville, i crimini vengono sottodenunciati o sottocontati. Questo lascia un grande vuoto; entro il 2021, i dati reali sui crimini raccolti dall’FBI rappresenteranno solo il 63% dei dipartimenti di polizia che controllano solo il 65% della popolazione. Rispetto ai dati precedenti al 2021, il risultato è un discutibile “calo” della criminalità.

Come si può chiaramente vedere, questa è roba da stadio terminale di declino di un regime che pende sul precipizio – e io, naturalmente, non intendo il regime di Biden in particolare, ma piuttosto il deepstate incorporato che comprende l’intera “classe dirigente” perenne.

Se a questo si aggiunge la piaga generale della criminalità dilagante e dell’illegalità nelle città gestite dai democratici, il discorso si fa più che equilibrato. Sebbene l’ultima URSS possa aver avuto un problema demografico peggiore, non c’era nulla che si avvicinasse all’illegalità e alla turpitudine morale insite nella cultura urbana malata americana; non c’erano sparatorie di massa quotidiane nell’URSS, né bambini sovietici catturati dal governo perché le loro famiglie li avevano “battezzati” o si rifiutavano di finanziare la loro chirurgia di riassegnazione transgender. Il declino dell’America è molto più spaventoso, pieno di orrori bizzarri che sembrano usciti da un episodio di Twilight Zone.

Nel complesso, questo sentimento è sempre più sentito nell’intero corpo della classe dirigente e nelle sfere ad essa adiacenti. Articoli come quello qui sopra e quello qui sotto compaiono ormai con regolarità quotidiana:

Ma la cosa interessante è che, proprio come il pezzo di Martin Wolf qui sopra, tutti individuano in un “blocco diviso” il fattore responsabile del declino dell’Occidente. Sapete qual è un altro termine per “diviso”? Si chiama: sovranità. La stessa arroganza che sta alla base dell’imposizione de rigueur del conformismo politico da parte della classe dirigente a scapito dei diritti o delle preoccupazioni dei cittadini nazionali è proprio ciò che l’ha portata alla sua rovina. I boriosi apparatchiks semplicemente non possono sopportare un mondo lasciato a se stesso, senza l’ingerenza di un governo centralizzato antidemocratico che tanto bramano. A questo punto, hanno perso la capacità fondamentale di comprendere cosa significhi democrazia o sovranità.

Ora siedono con la faccia impaurita mentre l’intonaco si modella e si sgretola nelle pareti intorno a loro, e cominciano a farsi prendere dal panico. L’intera classe dirigente occidentale è stata lasciata in uno stato di disordine, a malapena in grado di continuare a recitare, mentre il sipario si stacca sui rottami sparsi del loro palcoscenico. La produzione sta rapidamente diventando un disastro e solo il più forte caso di pregiudizio della normalità può confutare ciò che l’occhio comune può vedere.

La consapevolezza è cresciuta fino a diventare un coro all’interno dell’establishment e, come si evince dalla selezione di articoli qui sopra, le teste più sane stanno tentando di allontanare la nave dalla catastrofe sostenendo una nuova rotta ragionevole: abbandonare le pretese massimaliste della pompa del primato post-Guerra Fredda e riconoscere che il mondo è cambiato.

Le ultime vestigia della classe neocon che ha dominato la politica americana negli ultimi decenni si aggrappano con le unghie e con i denti, ma stanno finalmente perdendo la presa. L’America può essere salvata? Per concludere, darò due risposte che fanno riflettere. La prima è che, se continuiamo a fare il paragone con l’URSS in declino, possiamo estrapolare che esiste un potenziale di rinascita, se nell’attuale fase di agonia l’America riuscirà a liberarsi della sua vecchia pelle malata e a ricostituire una versione più snella e leggera di se stessa, come è riuscita a fare la Russia. Vedete, molti considerano la dissoluzione dell’URSS una tragedia storica, ma io ho sempre sostenuto l’idea che, per la Russia, essa abbia rappresentato lo scarico di un fardello oneroso e schiacciante, che ha permesso a uno Stato indipendente, di nuovo snello e ordinato, di riorganizzarsi dalle fondamenta senza essere soffocato dal macigno di una vasta e bizantina burocrazia e dalla sovvenzione di decine di altre repubbliche. .

Anche in questo caso, gli Stati Uniti potrebbero avere la possibilità di ricominciare da capo, liberandosi dal leviatano burocratico delle istituzioni di governance globale che ora controllano ogni aspetto della vita americana, proprio come Trump ha promesso di fare. Non che possa farlo davvero, ma se ci riuscisse sarebbe una delle uniche possibilità per gli Stati Uniti. Tornare alla sovranità nazionale e al protezionismo come paletto nel cuore del globalismo parassitario. Ma, naturalmente, questo dovrebbe includere l’uscita da Israele, cosa quasi inconcepibile, dato il clima attuale.

Tuttavia, per quanto riguarda la seconda risposta, meno ottimistica: per tutte le cose che l’URSS ha avuto contro nei suoi ultimi anni, la Russia stessa aveva un grande punto di forza: il potenziale di coesione demografica. Se è vero che la Russia è conosciuta come uno Stato multietnico e multiconfessionale, resta il fatto che l’etnia russa rimane di gran lunga la modalità dominante:

E il ~72% di cui sopra è in realtà più alto in pratica, dato che gran parte del ~24% “non dichiarato” e “altro” è attribuibile a ucraini, bielorussi e altre etnie che sono essenzialmente sinonimi di russi. Ciò significa che è corretto dire che almeno l’85% o più della Russia è etnicamente e culturalmente uniforme. Questo ha permesso al Paese di ricostruire rapidamente un carattere nazionale, radicato nella tradizione ricordata e in valori culturali armoniosamente uniformi.

Gli Stati Uniti, invece, si trovano in uno stato di pericolosa fluttuazione e di disaggregazione a causa di una campagna di ingegneria sociale e demografica la cui portata è quasi senza precedenti nella storia. La migrazione forzata imposta artificialmente al Paese ha completamente alterato la sua demografia, la sua unità e la sua coesione sociale in un modo che non è possibile rimediare.

Data la portata di questa sovversione demografica, anche se i “buoni” dovessero vincere nella politica statunitense, il Paese non sarà mai più lo stesso di prima. Qualsiasi futura “rinascita”, come quella della Russia post-anni ’90, dovrà tenere conto ed essere condizionata da un tessuto sociale completamente diverso, nel bene e nel male. Questo non dal punto di vista di una razza migliore di un’altra, ma semplicemente dalla consapevolezza che nessun Paese socialmente ed etnicamente diviso e incongruente potrà mai competere con i vantaggi di un Paese con un’unica identità nazionale e la conseguente unità. Certo, l’URSS era molto eterogenea dal punto di vista etnico, ma è riuscita a trovare un modo per unire le etnie sotto la causa comune o metanarrativa del socialismo sovietico, che era di natura religiosa, per non parlare di un’unica visione politica; lo stesso vale per la Cina.

Per questo motivo, è poco probabile che gli Stati Uniti possano essere veramente competitivi a lungo termine nei confronti di Paesi come la Cina o la Russia, che mantengono in larga misura la coesione culturale e sociale; questa è la semplice realtà sociologica, per quanto possa essere difficile da digerire per alcuni.

Certo, Trump ha in programma di “deportare” milioni di immigrati e, in via ipotetica, se riuscisse a realizzare davvero questo progetto, potrebbe forse ribaltare il calcolo, ma la grande domanda rimane: se a quel punto sarà semplicemente troppo poco e troppo tardi.

Nonostante ciò, la Cina si candida a diventare un “egemone” benevolo quando erediterà il suo naturale mantello di superpotenza economica globale. Contrariamente a quanto accadrebbe se le cose fossero invertite, il fatto che gli Stati Uniti saranno più deboli non significherà la loro totale sovversione e distruzione da parte della potenza ascendente. Finché gli Stati Uniti riusciranno a mettere ordine nella loro azione politica e a riconoscere le realtà del nuovo secolo, potranno continuare a esistere in modo modesto come Grande Potenza contribuente, mantenendo comunque una buona dose di influenza globale. Dovranno solo imparare a disfarsi di generazioni di arroganza riflessiva e a sedersi al tavolo, come uguale, nel nuovo mondo che verrà. .

Il vostro sostegno è inestimabile. Se vi è piaciuta la lettura, vi sarei molto grato se vi abbonaste a un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo da poter continuare a fornirvi rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, è possibile lasciare una mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius


Stati Uniti, elezioni presidenziali! L’arma della giustizia Con Gianfranco Campa

Questione di giorni per conoscere il destino di Donald Trump, degli Stati Uniti, dello stesso Biden, in apparenza il beneficiario della trappola ordita. L’amministrazione della giustizia si sta confermando l’arma definitiva dello scontro politico in atto sino ad assumere aspetti talmente pretestuosi tali da delegittimare pesantemente le istituzioni. Una leadership disposta a tutto pur di sopravvivere. Sa che, in caso di avvicendamento del presidente, questa volta il ricambio traumatico di interi apparati può essere perseguibile o, quantomeno, il suo tentativo può destabilizzare definitivamente gli assetti di potere. Una situazione che apre la strada a colpi di mano, dentro e fuori a quel paese, sempre più avventuristici. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v513cxm-stati-uniti-elezioni-presidenziali-larma-della-giustizia-con-gianfranco-cam.html

 

Dopo la condanna, Trump è di nuovo la tribuna degli outsider e altro, di American Conservative

Tre articoli tratti dall’area conservatrice contigua, ma non legata a MAGA_Giuseppe Germinario 

Dopo la condanna, Trump è di nuovo la tribuna degli outsider

È il momento della fiducia e del buon umore, se Trump spera di essere assolto dagli elettori il 5 novembre.

Donald Trump sarebbe un imputato poco simpatico anche in una sede più amichevole di un tribunale di Manhattan. Sfida l’autorità e né i giudici né le giurie lo vedono di buon occhio. Ora è stato condannato per 34 reati che riguardano un’arcana confluenza di sesso, denaro e leggi elettorali. Trump ha ovviamente pagato il silenzio di un’amante. Ma questo non è un crimine in sé; i pubblici ministeri hanno convinto la giuria che Trump ha violato la sacralità delle elezioni autorizzando questo particolare pagamento. I suoi oppositori vorrebbero mettere Trump in prigione per le sue azioni il 6 gennaio 2021, ma per ora questa serie di condanne legate al sesso dovrà bastare.

C’è dell’altro, naturalmente: Trump è sotto processo per la sua vita, data l’azione legale che sta affrontando. Trump si è presentato alla convention del Partito Libertario lo scorso fine settimana e ha detto che, se non era un libertario prima di questo processo, lo era ora. C’è una vecchia battuta tra i libertari e i conservatori di orientamento libertario che dice che ogni americano è colpevole di un crimine o di un altro, tanto è sovraccarico il nostro codice legale di norme fiscali e regolamenti aziendali e, addirittura, di minuzie relative alle campagne elettorali. “Mostrami l’uomo e ti mostrerò il crimine” è un detto attribuito a vari commissari dello Stato di polizia sovietico. Ma anche in America la legge criminalizza così tanto che un pubblico ministero intraprendente può trovare qualche motivo per condannare chiunque, anche un nemico politico.

Il motivo per cui l’apparato giudiziario non viene armato apertamente più spesso è che i leader di entrambi i partiti hanno un interesse comune a mantenere tali procedimenti al minimo. Donald Trump, tuttavia, è un nemico comune: i repubblicani dell’establishment non intendono perseguire un Biden o una Clinton fino alla massima estensione della legge solo perché un democratico se la prende con Trump. Nei modi che contano, Donald Trump è ancora un outsider e gli addetti ai lavori sono tutti ansiosi di vederlo punito. Le sue condanne sono una vendetta soddisfacente non solo per i democratici, ma anche per i molti repubblicani di vecchia data che ha umiliato.

Trump non è un rivoluzionario, tuttavia è semplicemente un individuo ribelle, che non può essere assimilato alla classe dirigente perché è troppo orientato e autodiretto. È un traditore di classe, o meglio un beffardo. Ma è anche il tribuno degli americani che rifiutano la classe dirigente bipartisan della nazione per ragioni politiche più profonde. Umiliare Trump, magari ostacolando la sua campagna elettorale o addirittura condannandolo a morire in prigione, non risolve il problema che i suoi potenti nemici devono affrontare. Anzi, un’azione legale di successo non fa che peggiorare il loro problema, perché il loro problema è che gran parte dell’opinione pubblica americana non vede più la classe dirigente e le istituzioni che essa controlla con rispetto e deferenza. Vedere la legge usata per colpire Trump non fa che confermare l’impressione dei suoi sostenitori che l’intero sistema sia marcio. E se può essere usata contro Trump in questo modo, può sicuramente essere usata contro chiunque di loro, qualsiasi uomo d’affari, qualsiasi cristiano, qualsiasi critico del potere.

Per il segmento più impegnato della base di Trump, le sue condanne penali non fanno altro che confermare ciò che hanno sempre creduto, ovvero che Trump si è imbarcato in un lavoro pericoloso per loro conto e che prima o poi l’impero contrattaccherà. I sostenitori di Trump sono troppi e troppo forti perché il Partito Repubblicano possa scrollarseli di dosso, quindi la campagna di Trump per la Casa Bianca andrà avanti e molti repubblicani di Trump saranno ancora più eccitati. Non è certo che gli avversari di Trump saranno altrettanto eccitati. Per il democratico medio, Trump era già colpevole di ogni capo d’accusa prima di essere condannato, anzi, prima ancora di essere accusato. Il verdetto della giuria di Manhattan non cambia molto sul versante democratico del braccio di ferro politico.

Ci sono in generale due tipi di americani che non sono già impegnati né con Trump né con i suoi avversari. Ci sono quelli che non vogliono sfidare la classe dirigente, ma che pensano che il Paese debba avere un leader migliore di Joe Biden. Questi elettori avrebbero potuto vincere per Trump prima delle sue convinzioni, ma ora lo troveranno una figura più pericolosa e poco attraente.

Dall’altra parte, però, ci sono quegli americani che non sono repubblicani, conservatori, populisti o fan di Trump, ma che comunque ritengono che il sistema di leadership e il sistema giudiziario di questa nazione siano rotti. Alcuni di questi elettori possono non avere affinità con la politica di Trump, ma possono forse identificarsi con la sua situazione e la sua lotta. Trump è ora una versione più radicale di ciò che era in precedenza: un simbolo di resistenza-rifiuto della politica convenzionale personificato. (Ancora una volta, si tratta di simbolismo. In pratica, le politiche di Trump si sono spesso allontanate in modo tutt’altro che drammatico, nel bene e nel male, dalla prassi di Washington).

Una classe dirigente che vuole rimanere al potere non può essere fragile, non può farsi vedere in preda al panico e reagire in modo eccessivo. Ma è quello che è successo in questo caso. Le armi che la legge mette nelle mani dei procuratori non sono così impressionanti da porre fine alla sfida di Trump, e ancor meno da far ammutolire i suoi sostenitori. L’azione legale contro Trump, anche quando ha successo, non è risolutiva e non può sedare la ribellione. Tutto ciò che può fare è provocare un’escalation: Trump continuerà a sparlare di giudici e pubblici ministeri e i suoi sostenitori vedranno nella sua persecuzione una minaccia per la Repubblica stessa, che deve essere affrontata con misure istituzionali forti: la legge contro la legge o lo sradicamento dello Stato amministrativo e dell’apparato giuridico armato.

La posta in gioco per le elezioni di novembre è stata alzata dal successo dell’accusa di Alvin Bragg, ma anche se Joe Biden dovesse vincere, nulla tornerà alla normalità. La questione se un repubblicano possa ottenere un processo equo in una città democratica quando viene accusato di reati politicizzati persisterà, così come la questione più ampia se il governo stesso, così come si è sviluppato sia sotto i democratici che sotto i repubblicani, sia equo, imparziale e anche minimamente giusto.

I successi di Trump, ma anche le sue più grandi battute d’arresto, possono essere attribuiti alla sua personalità fondamentalmente sfiduciata, e reagendo in modo eccessivo o sbagliato potrebbe fare a se stesso ciò che i suoi nemici non possono fare a lui. Se a seguito delle condanne appare più petulante e ossessionato da se stesso, se appare scosso e più debole, la sua campagna vacillerà. I suoi nemici contano sul fatto che si innervosisca.

È il momento della fiducia e del buon umore, se Trump spera di essere assolto dagli elettori il 5 novembre. Se si presenterà al grande pubblico come antipatico, come ha fatto con i giurati di Manhattan, non solo perderà le elezioni, ma anche la libertà e l’eredità. Ma qualunque sia il destino di Trump, il conflitto tra gli outsider che hanno trovato in lui uno sbocco e gli insider che si affidano alle azioni legali come sostituto della legittimità continuerà.

1 2 3 9