Zhou Bo: perché la Cina non è preoccupata di un’altra presidenza Trump negli Stati Uniti

Zhou Bo: perché la Cina non è preoccupata di un’altra presidenza Trump negli Stati Uniti

2024-03-31 09:04:20Dimensione dei caratteri: A- A A+Fonte: OsservatoreLeggi 153197
Ultimo aggiornamento: 2024-04-01 11:06:28

Nota dell’editore: Se Trump sarà rieletto, cosa succederà alla politica degli Stati Uniti nei confronti della Cina? Il 21 marzo Zhou Bo, ricercatore presso il Centro per la strategia e la sicurezza dell’Università Tsinghua, ha pubblicato sul South China Morning Post un commento in lingua inglese intitolato “Perché la Cina può stare tranquilla se Trump viene rieletto presidente degli Stati Uniti”.

Zhou Bo ritiene che anche se Trump dovesse vincere nuovamente le elezioni, la sua politica nei confronti della Cina sarà probabilmente molto simile a quella del governo Biden, rendendo difficile avere un impatto sostanziale sulla Cina, ma piuttosto esacerbando la sua frattura interna e gli alleati centrifughi, rendendo più difficile per gli Stati Uniti recuperare la credibilità e l’autorità morale perse a causa dell’adozione di due pesi e due misure.

[Articolo dell’editorialista di Observer.com Zhou Bo, traduzione di Xinyu Yang

Mentre gli Stati Uniti si preparano a votare per il loro prossimo presidente, Trump è in leggero vantaggio su Biden in alcuni sondaggi nazionali. Se Trump sarà rieletto, quale sarà la politica degli Stati Uniti nei confronti della Cina? La mia risposta: una versione 2.0 dell’amministrazione Trump sarebbe molto simile all’attuale amministrazione Biden.

Dopo l’insediamento di Trump nel 2017, la politica degli Stati Uniti nei confronti della Cina ha subito un cambiamento di 180 gradi, ma la sua principale eredità non è la politica di “disaccoppiamento” proposta da Trump, che è stata continuata da Biden dopo l’arrivo al potere in nome del “de-risking”, ma piuttosto il consenso bipartisan anti-Cina che si è formato nell’ambito ideologico dei due partiti. Il principale lascito di questo cambiamento non è la politica di “disaccoppiamento” di Trump, proseguita dopo l’arrivo al potere di Biden in nome del “de-risking”, ma il consenso ideologico bipartisan contro la Cina.

A dire il vero, Trump non è un fan dell’ideologia. Tuttavia, una volta che le relazioni bilaterali vengono rapite dall’ideologia, il margine di flessibilità si riduce drasticamente. Trump cambierà la sua posizione? L’ex presidente degli Stati Uniti Richard Nixon è un caso perfetto. Nixon era una volta un irriducibile anticomunista di destra, ma è noto soprattutto per il suo viaggio in Cina che ha rotto il ghiaccio.

Tuttavia, mentre Nixon era riconosciuto come stratega, Trump si autoproclama “commerciante”. Nella sua prima autobiografia, The Art of Doing Business, Trump ha scritto: “Faccio affari in modo semplice e diretto. Mi pongo obiettivi elevati e poi alzo un po’ l’asticella finché non ho successo”.

Ironia della sorte, questa strategia sembra funzionare ancora meglio per gli alleati statunitensi. Trump ha dichiarato di incoraggiare la Russia a “fare quello che vuole” a qualsiasi Paese della NATO che non rispetti gli obblighi di spesa militare, un commento che ha lasciato di stucco gli alleati statunitensi.

Se Trump vincerà un secondo mandato, è quasi certo che altri membri della NATO accelereranno la spesa per la difesa fino al 2% del PIL per evitare lo scenario peggiore: l’uscita degli Stati Uniti dalla NATO. Se la politica di Trump è un “bastone”, sarà molto più efficace della “carota” di Biden.

Tuttavia, questo “bastone” non ha alcun effetto sulla Cina. Trump ha promesso di imporre tariffe del 60% o più sulle merci cinesi. Ma questa misura farà sì che la quota di importazioni statunitensi in Cina si riduca quasi a zero, l’industria manifatturiera americana in Cina sarà colpita duramente, i mercati finanziari statunitensi saranno turbolenti e gli americani dovranno pagare prezzi più alti per i beni importati.

È prevedibile che la politica di Trump di limitare il flusso di alta tecnologia verso la Cina non sarà molto diversa dalla politica dell’amministrazione Biden di “piccoli cantieri e alte mura”. Ma nessuna delle due sarà in grado di fermare il flusso di talenti high-tech da tutto il mondo, compresi quelli formati negli Stati Uniti, verso la Cina. Il governo cinese sta investendo massicciamente nell’innovazione ed entro il 2022 la Cina avrà presentato più domande di brevetto di tutto il resto del mondo.

La principale preoccupazione del governo cinese è se l’approccio di Trump a Taiwan sarà diverso. A differenza di Biden, Trump non ha mai dichiarato pubblicamente di voler “difendere Taiwan”, ma il governo cinese non lo prenderà alla leggera.2022 Dopo la visita di Nancy Pelosi a Taiwan, l’Esercito Popolare di Liberazione (PLA) ha condotto esercitazioni a fuoco vivo nelle acque intorno all’isola. La risposta del governo cinese si intensificherà sicuramente con l’intensificarsi delle provocazioni e con ogni risposta si crea un nuovo status quo. Oggi gli aerei militari cinesi attraversano regolarmente la linea centrale dello Stretto di Taiwan, nonostante le proteste delle autorità taiwanesi.

La politica cinese di Trump dipende anche dal modo in cui otterrà il sostegno interno e internazionale. L’anno scorso, un sondaggio ABC News/Ipsos ha mostrato che tre quarti degli americani ritengono che gli Stati Uniti si stiano muovendo nella direzione sbagliata. Un’America divisa non potrà mai avere una diplomazia forte.

Il conflitto in Ucraina e le guerre in Medio Oriente distrarranno certamente il prossimo presidente degli Stati Uniti da Pechino. Trump ha affermato che se sarà rieletto presidente, potrà risolvere il conflitto tra Russia e Ucraina in un giorno. Questo è un vanto trumpiano, ma dimostra anche che il sostegno di Washington a Kiev è la chiave per risolvere il conflitto.

Nonostante il pieno sostegno della NATO, la controffensiva ucraina si è conclusa con un fallimento, perdendo ogni speranza di riguadagnare il terreno perduto, mentre la Russia ha dovuto sopportare una NATO allargata. L’esito più probabile del conflitto russo-ucraino è un accordo di cessate il fuoco nel cuore dell’Europa che non soddisfa nessuno.

In Medio Oriente, il più importante risultato diplomatico di Trump – gli Accordi di Abramo, progettati per migliorare le relazioni di Israele con diversi Stati arabi – è stato messo in secondo piano. A differenza di Biden, che ha un rapporto freddo con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, Trump e i due sono stati i più stretti alleati politici durante i quattro anni di sovrapposizione dei mandati con Netanyahu. Trump avrebbe un approccio più morbido nei confronti di Israele rispetto a Biden, anche se ciò potrebbe esacerbare il conflitto regionale.

Se Trump verrà rieletto, la questione del nucleare iraniano non potrà che peggiorare. Al momento, Teheran non ha preso la decisione politica di produrre una bomba nucleare, ma più la situazione in Medio Oriente diventa instabile, maggiore è la tentazione per l’Iran di svilupparne una. L’Iran ha accelerato la produzione di uranio arricchito al 60% e presto sarà in grado di aumentare l’arricchimento del 60% al 90% necessario per produrre una bomba nucleare. L’Arabia Saudita ha minacciato che se l’Iran svilupperà una bomba nucleare, anche l’Arabia Saudita ne costruirà una.

(I perdenti in queste due guerre (in Ucraina e in Medio Oriente) non sono solo le parti in conflitto, ma anche gli Stati Uniti. I doppi standard diametralmente opposti adottati dagli Stati Uniti nei confronti dell’Ucraina e di Gaza li hanno lasciati con poca credibilità e autorità morale. L’estrema ipocrisia degli Stati Uniti è stata ampiamente criticata anche nel Sud globale. Un danno del genere è difficile da riparare, soprattutto quando il leader del Paese è un “commerciante” che non si preoccupa di ciò che accade ai cuori e alle menti delle persone.

Se Donald Trump sarà rieletto presidente, quello che la deputata Marjorie Taylor Greene ha definito “il grande divorzio delle nazioni” si aggraverà ulteriormente. Chiunque diventi il prossimo presidente degli Stati Uniti troverà sempre più difficile promuovere il cosiddetto “ordine internazionale basato sulle regole”; pochi Paesi del Sud globale si identificheranno con il cosiddetto “duello tra democrazia e autoritarismo”; persino gli alleati degli Stati Uniti saranno riluttanti a scegliere da che parte stare. Ci saranno più cose da discutere e da cooperare con la Cina.

Quindi di cosa deve preoccuparsi la Cina?

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Stati Uniti! Riposizionamenti e resa dei conti_con Gianfranco Campa

Le dimissioni di Victoria Nuland sanciscono definitivamente il riposizionamento della leadership statunitense su due aspetti: il fronte principale del confronto geopolitico è sempre meno collocato in Europa e il suo epicentro in Ucraina ha rivelato soprattutto le debolezze e l’avventurismo di una ostinazione russofobica che lascerà nude ed esposte soprattutto le élites europee. Di fatto si sta cercando una via di uscita che comporterà comunque il pagamento di un prezzo particolarmente elevato o di un azzardo dagli esiti catastrofici. Il conflitto interno agli Stati Uniti detterà sempre di più le dinamiche geopolitiche; la gran parte delle energie della attuale dirigenza statunitense dovrà essere spesa all’interno. La Nuland promette di essere uno dei personaggi chiave incaricato alla bisogna. Sentiremo parlare meno di lei, ma non vorrà dire che cesserà di fare danni. Fa parte di un élite che si sente sempre più minacciata e riterrà di lottare per la propria stessa sopravvivenza anche a scapito della sicurezza e stabilità del proprio paese. L’anno terribile è iniziato in queste ultime settimane. Buon ascolto, Giuseppe Germinario
NB_segnalo che è possibile accelerare la velocità di trasmissione del video andando sulle impostazioni del filmato.

https://rumble.com/v4jr3a6-stati-uniti-riposizionamenti-e-resa-dei-conti-con-gianfranco-campa.html

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

Michelle Obama: Salvatore di settembre o “missione suicida”?_di Peter Van Buren

Michelle Obama: Salvatore di settembre o “missione suicida”?
Quanto sono disperati i Democratici per togliere Biden dalle urne?

Peter Van Buren
26 febbraio 2024
12:05
Non voglio votare per Michelle Obama.

Joe Biden è, come candidato, un morto che cammina. Dimenticate i medici; chiunque si sia preso cura di un genitore anziano con un declino cognitivo può vedere tutti i segni e sa cosa sta per succedere. Joe non ricorda parole, nomi o date e cammina rigidamente con le braccia bloccate. Cade spesso. Si arrabbia e impreca. È tutto lì.

Sappiamo tutti cosa viene nascosto, proprio come quando la mamma rifiuta il cibo o si arrabbia perché qualcuno vuole i suoi soldi. Non è piacevole assistere a questa infantilizzazione di una persona che un tempo si ammirava, ma il declino è evidente, e il declino è una strada a senso unico. Fa male, davvero, che si tratti della mamma o di Joe Biden, assistere a tutto questo sapendo che non si può fare nulla.

Naturalmente, il problema è che Joe Biden è il Presidente degli Stati Uniti. È incaricato di gestire la nazione per conto di tutti noi, un lavoro come nessun altro. Il rapporto di quasi 400 pagine del consulente speciale Robert Hur è pieno di prove schiaccianti della negligenza di Biden nei confronti di segreti vitali per la sicurezza nazionale.

La sua difesa di Biden è che l’uomo è troppo vecchio e smemorato per essere ritenuto responsabile delle sue azioni. Una cosa è spiegare il comportamento della mamma a tavola, un’altra quando si parla di sicurezza nazionale. Nelle riunioni di famiglia c’è spazio per “un uomo simpatico, ben intenzionato, anziano e con poca memoria”, ma non alla Casa Bianca. Se Joe non è in grado di affrontare un processo per l’uso disinvolto di documenti riservati, allora non è in grado di essere presidente.

L’opinione pubblica sembra aver capito. Quasi tutti i sondaggi mostrano Biden indietro, spesso di diversi punti. Il suo indice di gradimento è fermo a 30 punti. Sta perdendo contro Trump; persino Nikki Haley batte Biden in alcuni sondaggi. “I numeri del presidente Biden nei sondaggi sembrano essere nelle sabbie mobili”, ha scritto un commentatore. Un recente sondaggio di ABC News ha rilevato che l’86% degli americani ritiene che Biden sia troppo vecchio per ricoprire un altro mandato. Potremmo sentirci male per Joe, ma ci sentiremmo tutti meglio se si fosse ritirato su una sedia a sdraio nel Delaware a mangiare un gelato invece di stare in piedi sopra il pulsante nucleare (e voi vi preoccupate di Trump).

Il problema è che, per tradizione, Joe Biden ha il “diritto” di candidarsi per un secondo mandato, cosa che in teoria sta facendo. Niente primarie, niente discussioni pubbliche, solo l’ipotesi che a Joe siano concessi due tentativi. La tradizione è abbastanza forte da consegnare la Casa Bianca a un vecchio rimbambito per altri quattro anni? Oppure l’eredità di Joe Biden tra i democratici sarà quella di essere l’uomo che ha riportato Trump al potere? Considerate l’infame valutazione di Barack Obama: “Non sottovalutate la capacità di Joe di mandare tutto a puttane”.

L’alternativa ovvia è che Biden si faccia da parte con un pretesto e che la vicepresidente Kamala Harris si faccia avanti come candidata democratica. Harris, che è entrata in carica come vincitrice della lotteria DEI dopo aver umiliato Biden in faccia nei dibattiti del 2020, non ha il fascino pubblico di Joe e, nei suoi giorni no, ha poco delle sue capacità cognitive. Sondaggio dopo sondaggio la vedono perdente, la sua mancanza di esperienza (tra le altre cose) è un ostacolo alla sua ascesa allo Studio Ovale. Harris ha un indice di gradimento del 37%, addirittura inferiore al 39% di Biden.

Ma cosa succederebbe se Harris ottenesse quell’esperienza attraverso il 25° emendamento? È dubbio che questo stratagemma sia possibile. Il 25° emendamento stabilisce la successione presidenziale quando il capo dell’esecutivo è “incapace”. Richiede una sorta di mini-corteo, poiché il processo prevede che sia il vicepresidente stesso a dare il via alle operazioni insieme al Gabinetto. Dovrebbero dichiarare che il presidente è “incapace di adempiere ai poteri e ai doveri del suo ufficio” e notificare al Congresso che il vicepresidente intende prendere il suo posto. Se la vicepresidente Kamala Harris riuscisse a convincere otto funzionari del Gabinetto a sottoscrivere una lettera al Congresso, il suo status di “presidente ad interim” sarebbe comunque di breve durata. Biden dovrebbe solo dichiarare che “non esiste alcuna incapacità” e poi riprendere il suo incarico.

Harris dovrebbe poi inviare entro quattro giorni un’altra dichiarazione al Presidente pro tempore del Senato e al Presidente della Camera, respingendo le affermazioni di Biden. Il Congresso avrebbe 21 giorni per votare la rimozione, che richiederebbe una maggioranza di due terzi in entrambe le camere. Se il Congresso non votasse entro 21 giorni, il Presidente riprenderebbe il potere. Come per le numerose richieste di invocare il 25° durante la prima amministrazione Trump, l’emendamento concepito per far fronte alla morte del presidente o a una vera e propria incapacità temporanea, come un intervento chirurgico, non può essere spremuto e solleticato in un ammutinamento del vicepresidente per salvare la sconfitta del suo partito a novembre.

Come ha scritto lo studioso di diritto costituzionale Jonathan Turley, invocare il 25° emendamento “richiederebbe molto di più di semplici vuoti di memoria e conferenze stampa “fuori dal mio prato””. L’unica domanda da porsi è se sia in grado di svolgere i doveri del suo ufficio. Il criterio non è se sia in grado di svolgere bene tali funzioni”. La preoccupazione per Biden (e Harris) è reale, ma il 25° emendamento non è la soluzione.

Rimane l’opzione nucleare: Michelle Obama, la sorpresa di settembre.

Immaginate una primavera mediocre che si trascina in un’estate poco brillante. L’Ucraina si trascina con Biden. Israele si trascina con Biden. L’economia si trascina con Biden. La convention nazionale democratica è senza spirito e il calendario cede all’autunno. Trump è in testa in quasi tutti i sondaggi e, mentre i Never Trumpers fanno ancora la loro parte, sembra che i Democratici resteranno a casa dalle urne e consegneranno la Casa Bianca. Se solo ci fosse qualcuno che non si chiama Harris in grado di farsi avanti come Grande Speranza.

Immaginate, dice Heather Higgins di RealClearPolitics,

se Biden dovesse essere incentivato a dichiarare improvvisamente un nuovo problema di salute che lo porti ad annunciare una o due settimane dopo la convention che continuerà il suo mandato ma non si candiderà, improvvisamente ci troveremmo di fronte a una di quelle crisi che non dovrebbero essere sprecate. Al di sopra di tutto questo, e per placare i mercanteggiamenti, Michelle – con il suo 91% di popolarità tra i democratici e il 68% a livello nazionale quando ha lasciato la Casa Bianca, e con la rete di raccolta fondi, la rete politica e l’esperienza degli Obama – può accettare, quando le viene richiesto, per il bene del Paese, di accettare gentilmente la candidatura del suo grato partito.

Chi altro potrebbe essere? Gavin Newsom? Hillary?

Michelle Obama ha la popolarità e la riconoscibilità del nome e del volto per sostituirsi all’ultimo minuto a uno stanco segnaposto come Joe. Settembre è “l’ultimo minuto”, viste le 50 leggi che regolano il tempo necessario per aggiungere un candidato alla scheda elettorale e rispettare le scadenze per l’invio del voto per corrispondenza. La sua mancanza di esperienza è mitigata dagli otto anni di Barack e, in effetti, un punto di forza tranquillo tra i Democratici sarebbe che questo è davvero un terzo mandato per una sorta di amministrazione Obama.

Con la popolarità di Obama e l’impermeabilità alle accuse di razzismo, nessuno si preoccuperà di mettere da parte Kamala Harris, magari con la promessa di un bel lavoro universitario per non mostrare rancore. Le celebrità si riverserebbero in massa su Oprah e Taylor Swift e qualcuno quasi immune allo stile di campagna elettorale di Trump, fatto di insulti personali, salirebbe sul palco contro di lui. Sarebbe un’elezione combattuta.

L’ex candidato presidenziale del GOP, Vivek Ramaswamy, ha dichiarato: “Se la razza e il genere sono le basi per la scelta di un candidato, non è possibile che il candidato sia un uomo,

Se la razza e il genere sono la base per selezionare qualcuno per un lavoro, e l’identità del tuo partito è legata a quel tempio della politica identitaria, allora rischiano di sembrare ipocriti se la mettono da parte [Harris] dopo aver messo da parte Biden. E credo che Michelle Obama offra loro una comoda via d’uscita da questo problema, qualcuno che risponda alle caselle che devono essere spuntate per la loro ideologia, selezionando al contempo un’alternativa a Biden che potrebbero considerare più appetibile in un’elezione generale…. Sembra sempre più che non sarà Biden il candidato. E penso che non dovrebbe essere scioccante vedere qualcuno come Michelle Obama assumere il ruolo di candidato.

Obama, da parte sua, ha dichiarato di essere “terrorizzata” dal potenziale esito delle elezioni del 2024, elencando la gara presidenziale di novembre tra le paure che la tengono sveglia la notte. Che ne dite di questa motivazione?

Le regole del Comitato Nazionale Democratico che si applicano sono in realtà semplici, e dicono: “Il Comitato Nazionale Democratico avrà la responsabilità generale degli affari del Partito Democratico tra le Convenzioni Nazionali…. Tale responsabilità comprende la copertura dei posti vacanti nelle nomine per la carica di Presidente e Vicepresidente”. Il presidente si confronta con la leadership del Congresso Democratico e con l’Associazione dei Governatori Democratici e porta la decisione al voto di tutti i 483 membri del DNC.

RCP ricorda al lettore che è già stato fatto in passato. Nel 1972, i Democratici si accorsero settimane dopo la loro convention che l’uomo che avevano nominato vicepresidente, il senatore Thomas Eagleton, aveva subito una terapia d’urto un decennio prima. Eagleton si ritirò dalla lista e lasciò al DNC il compito di scegliere un sostituto. I due hanno convinto il consuocero di Kennedy, Sargent Shriver, ad accettare quella che è diventata una “missione suicida”.

Quindi la vera domanda è: votereste per Michelle Obama? Molto dipende dalla risposta.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

I Bideniti promuovono la guerra come nuova politica per riportare i posti di lavoro e stimolare l’economia, Di Jack Hellner

I Bideniti promuovono la guerra come nuova politica per riportare i posti di lavoro e stimolare l’economia
Di Jack Hellner
Se si hanno dubbi sulla quantità di denaro erogato all’Ucraina e si chiede conto, si dice che si è a favore di Putin. Questa è spazzatura. Dovremmo sempre interrogarci su come vengono spesi i soldi dei contribuenti e per quale scopo.

La guerra può essere necessaria, e la guerra è costosa, ma non dovrebbe mai essere una politica economica!

Domenica il Wall Street Journal ha pubblicato questo articolo:

Come la guerra in Europa fa crescere l’economia statunitense

I sostenitori del sostegno all’Ucraina di solito invocano gli interessi strategici o gli obblighi morali degli Stati Uniti. Ultimamente, però, stanno facendo un ragionamento più calcolatore: È un bene per l’economia.

Secondo i dati della Federal Reserve, la produzione industriale nel settore della difesa e dello spazio degli Stati Uniti è aumentata del 17,5% da quando la Russia ha lanciato la sua invasione su larga scala dell’Ucraina due anni fa.

I funzionari dell’amministrazione Biden affermano che dei 60,7 miliardi di dollari stanziati per l’Ucraina in un disegno di legge supplementare per la difesa da 95 miliardi di dollari, il 64% tornerà effettivamente alla base industriale della difesa statunitense.

Questa è una delle cose che non si capisce… quanto sia importante questo finanziamento per l’occupazione e la produzione in tutto il Paese”, ha dichiarato mercoledì in un’intervista Lael Brainard, direttore del Consiglio economico nazionale della Casa Bianca.

Allora perché non aumentiamo il debito per finanziare tutte le guerre del mondo, visto che è così importante per l’economia? Dopotutto, crea posti di lavoro e dà una spinta alla nostra economia.

Le spese per la guerra nascondono la debolezza del resto dell’economia? Sembra di sì.

La guerra in Ucraina potrebbe essere il motivo per cui gli Stati Uniti hanno evitato la prevista recessione? Joe Biden vuole mantenere alti i numeri dei suoi posti di lavoro per le elezioni? Le sue politiche sono così sbagliate che si affida alla spesa pubblica per mantenere alti i numeri del PIL?

Il deficit federale per l’anno fiscale 2023 è stato di circa 2.000 miliardi di dollari in un’economia che Biden e i media sostengono stia andando alla grande. Il governo sta essenzialmente prendendo in prestito un terzo del suo budget di spesa di 6.000 miliardi di dollari; questo è chiaramente insostenibile e molto distruttivo nel lungo periodo, ma di sicuro può mascherare la debolezza dell’economia generale.

Non so come la pensino gli altri, ma a me viene da dubitare ancora di più dei soldi quando citano come questi aiutino il nostro settore della “difesa”: da quando in qua i Democratici si preoccupano così tanto delle nostre industrie della difesa?

Stranamente, però, sebbene gli uomini di Biden continuino a bloccare gli accordi di cessate il fuoco, non sono esattamente favorevoli alla campagna di Israele contro Hamas. Vediamo molti Democratici protestare contro Israele e molti chiedere un cessate il fuoco a Gaza, ma cambiano tono quando si tratta dell’Ucraina. Perché? È perché Bibi non ricicla i soldi ai Democratici?

Il motivo per cui Biden rimane concentrato sulla distruzione della nostra industria petrolifera è perché mantiene alti i prezzi del petrolio e arricchisce la Russia, e quindi la guerra continuerà finché Putin avrà i soldi per finanziarla? Mantenere alti i prezzi del petrolio danneggia i poveri e la classe media, ma di sicuro aiuta i venditori stranieri di petrolio, come la Russia e l’Iran.

Biden danneggia anche gli alleati della NATO e aiuta la Russia quando vieta le esportazioni di GNL. Perché un presidente americano dovrebbe fare una cosa del genere se volesse davvero danneggiare Putin?

Perché i media, gli altri democratici e i repubblicani dell’establishment come Nikki Haley non criticano Biden? Dopo tutto, è lui che ha politiche che aiutano la Russia e l’Iran a finanziare guerre e terrorismo. Invece, cercano di distruggere Trump, perché non pensano che le sue parole siano abbastanza dure? Per loro la verità non conta, conta solo il potere.

Biden è così incompetente e pericoloso che afferma ripetutamente che Trump e i suoi sostenitori sono una minaccia esistenziale, invece di chiamare in causa Russia, Cina, Iran e Corea del Nord.

Haley, Pelosi, Hillary e altri rimproverano a Trump di non aver condannato Putin… ma lui lo ha fatto. Ha detto che la Russia ha truccato le elezioni e ha un sistema giudiziario ingiusto, motivo per cui Navalny è stato imprigionato.

Hanno anche criticato Trump per aver detto che i membri della NATO dovrebbero pagare i loro obblighi, che è una politica dura nei confronti di Putin; aiuta Putin quando le persone che attaccano Trump per qualsiasi cosa agiscono come se i membri della NATO non avessero la responsabilità di prepararsi per un potenziale conflitto con la Russia o altri avversari. Putin ama quando i Paesi della NATO non costruiscono le proprie difese e si affidano alla Russia per il loro fabbisogno energetico.

Trump è sempre stato più duro con Putin di quanto non lo siano mai stati Obama e Biden, che lo hanno continuamente placato, ed è proprio per questo che ha attaccato l’Ucraina durante gli anni di Obama e Biden e non durante la presidenza di Trump.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Stati Uniti! Ambizioni soppresse, ambizioni represse_Con Gianfranco Campa

Con l’avvio delle primarie è iniziato il torneo elettorale che porterà, a novembre prossimo, all’elezione del prossimo presidente statunitense. Nella girandola di comparse, vere e proprie meteore di luce riflessa, destinate a scomparire malinconicamente, rimangono fissi nel cielo, come previsto, due astri secondo i dettami della cosmologia aristotelica. L’uno, Trump, bersaglio ambito da impallinare ad opera di predatori sempre più rabbiosi, ma sempre sfuggente; l’altro, Biden, predestinato per volontà superiore all’investitura, ma destinato a spegnersi tra i fumi della mente prima di raggiungere la meta. Si attende il momento propizio per far uscire dal cilindro il coniglio, o la coniglietta in grado di incantare con le buone o le cattive la platea. Una platea, però, che in gran parte ha scoperto il trucco, troppe volte ripetuto, troppe volte esibito con eccessiva sicumera. Non è detto che questa volta il gioco si riesca a ricomporre o il pubblico si contenti a faccia finta di chiudere gli occhi. Sarà un anno cruciale; di speranze, poche, di dolore, tanto. Ascoltate con attenzione Gianfranco Campa. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4ewkwc-stati-uniti-ambizioni-soppresse-ambizioni-represse-con-gianfranco-campa.html

Stati Uniti, San Francisco! Dietro le quinte dell’APEC Con Gianfranco Campa

Se un presidente deve rappresentare il volto della propria nazione, l’immagine offerta da Biden trasmette inquietudine e smarrimento, una grande perplessità sull’adeguatezza del leader e sul senso di responsabilità di una leadership. Di fatto, in casa statunitense, il vertice ha segnato probabilmente l’eclissi definitiva di Biden e l’investitura a leader di Newson. Eppure il summit di San Francisco ha rivelato soprattutto la dimensione delle incognite e la gravità dei problemi legati alla transizione verso un mondo multipolare. Da qui la spinta a riconsiderare la dimensione e le modalità di separazione di mondi fortemente intrecciati. Tra le velleità di ripristino dei fasti della globalizzazione e il tentativo sornione di instaurare una gestione bipolare che semplifichi la conduzione delle dinamiche geopolitiche e la coltivazione di ambizioni egemoniche, si frappongono le spinte di nuovi attori tutt’altro che disposti a ripiegare nel ruolo di comparse. Apparentemente i due principali attori sembrano vivere lo stesso dilemma e gli stessi problemi, le stesse inquietudini; non è così. L’instabilità e la volubilità daranno l’impronta ai prossimi decenni durante i quali nessuno potrà sentirsi al sicuro. Gianfranco Campa, presente nei corridoi di quel consesso, ci offre per il momento le sue sensazioni in attesa di poter approfondire meglio quello che ha osservato. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v3w797g-stati-uniti-san-francisco-dietro-le-quinte-dellapec-con-gianfranco-campa.html

 

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

Stati Uniti! Elezioni e terzo incomodo, il clima di guerra Con Gianfranco Campa

Nella campagna presidenziale ormai in corso quel che avrebbe dovuto essere una reale alternativa sta calzando le vesti del terzo incomodo a salvaguardia dello statu quo; di una leadership protagonista e ostaggio di una dinamica bellicista dalle basi mai così incerte e contraddittorie all’interno stesso del proprio territorio. Biden sarà pure un patetico e grottesco incidente di percorso nel firmamento presidenziale; appare sempre più l’incarnazione, la rappresentazione fisica della condizione di un intero ceto politico. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure
PayPal.Me/italiaeilmondo
Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

https://rumble.com/v3qnivy-stati-uniti-elezioni-e-terzo-incomodo-il-clima-di-guerra-con-gianfranco-cam.html

Prodezze di un rampollo presidenziale, a cura di Giuseppe Germinario

Quasi 9.000 foto del computer portatile di Hunter Biden sono state pubblicate online dall’organizzazione no-profit di destra Marco Polo.

Le 8.864 foto pubblicate su bidenlaptopmedia.com includono centinaia di immagini del First Son che assume droghe e fa sesso con prostitute, oltre a foto di famiglia e scatti quotidiani.

Le immagini sono datate tra il 2008 e il 2019. Alcune sono corredate di coordinate geografiche, che mostrano come Hunter abbia scattato foto alle Hawaii, a Cabo San Lucas, in Kosovo, nella Repubblica Dominicana, nella Cina occidentale, a Londra, Parigi, Roma, Belgrado e negli Stati Uniti.

Un accurato esame forense di ogni documento presente sul famigerato computer MacBook del primo figlio, abbandonato in un’officina del Delaware nell’aprile 2019.

Il rapporto di 634 pagine (più 2.020 note a piè di pagina) elenca sei presunti reati commessi da Joe Biden – tra cui l’evasione fiscale e la violazione del Foreign Agents Registration Act (FARA) – insieme a 459 reati che sostiene siano stati commessi da Hunter, tra cui lobbismo estero illegale e riciclaggio di denaro.

Il fondatore del gruppo, Garrett Ziegler, 26 anni, ex vice del consigliere della Casa Bianca di Trump, Peter Navarro, ha inviato il rapporto a più di 4.000 persone, tra cui tutti i membri della Camera e del Senato, il personale della Casa Bianca, gli uffici dei procuratori degli Stati Uniti e tutti i contatti sul portatile.

Ha anche inviato una copia a tutti gli ex compagni di classe di Hunter nel 1988 presso la prestigiosa Archmere Academy nel Delaware.

Ziegler ha dichiarato che il suo team ha impiegato mesi per rivedere e riformulare le foto. Ziegler ha sottolineato che l’obiettivo del sito web è quello di fornire verità e trasparenza, permettendo al popolo americano di vedere com’è la loro prima famiglia, senza escludere le foto che potrebbero ritrarre i Biden in una luce negativa.

“Non siamo attivisti repubblicani. Nessuno di noi è registrato come repubblicano”, ha dichiarato Ziegler a Fox News. “In effetti, ho amato e amo ancora Trump proprio perché non era un repubblicano standard. Terremo tutte le foto che mettono in buona luce i Biden e tutte quelle che li mettono in cattiva luce. Il popolo americano potrà giudicare da solo cosa pensa della sua prima famiglia grazie a questo”.

 

Il sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure 

PayPal.Me/italiaeilmondo

Su PayPal è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (ho scoperto che pay pal prende una commissione di 0,38 centesimi)

Stati Uniti! Faccendieri al governo_con Gianfranco Campa

Con questa puntata Gianfranco Campa socchiude la porta ad un aspetto importante, quanto sottovalutato dagli spettatori della politica. Nella routine quotidiana dei decisori, come nelle grandi scelte, segnano una impronta significativa e spesso determinante le miserie umane. Non è certo una prerogativa esclusiva del teatro politico statunitense. Certamente, la facilità con la quale ormai traspaiono queste debolezze umane e l’ostentazione sempre più supponente con la quale i protagonisti la offrono al pubblico sono un segno della decadenza di una classe dirigente, della sua crescente autoreferenzialità e della sua accentuata difficoltà a gestire i conflitti e le contraddizioni con la dovuta ed opportuna discrezione. Così assistiamo al paradosso della permanenza di personaggi pateticamente inossidabili alla fisiologia del tempo circondati da meteore che consumano in pochi attimi, avventatamente, il loro momento di gloria. Uno scenario farsesco che sempre più sembra scivolare cinicamente verso la tragedia. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

Il sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure 

PayPal.Me/italiaeilmondo

Su PayPal è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (ho scoperto che pay pal prende una commissione di 0,38 centesimi)

https://rumble.com/v2lv5mc-stati-uniti-faccendieri-al-governo-con-gianfranco-campa.html

cliccare su “Guarda su YouTube”

 

Sulla secessione e la guerra civile, di SIMPLICIUS THE THINKER

Leggete Simplicius ed ascoltate sul nostro sito il Gianfranco Campa degli ultimi sei anni. Giuseppe Germinario

Sulla secessione e la guerra civile

Will there be breakup by 2030?

Ci sarà una rottura entro il 2030?

SIMPLICIUS THE THINKER
30 APR 2023
51
64
1
Condividi
Questo è il primo pezzo che ho scritto in cui mi sono reso conto che sarebbe stato adatto sia a questa pubblicazione che a quella di Dark Futura. Perciò, per la prima volta, lo pubblicherò su entrambe le testate, in modo da raggiungere entrambi i pubblici, dato che le due testate si sono ormai separate nel tempo e ci sono molte persone che sono abbonate solo a una e non all’altra. Pertanto, mi scuso con chi è abbonato a entrambi e riceve una doppia e-mail, poiché si tratterà di un evento raro su un argomento che riguarda entrambe le pubblicazioni.

Spesso parlo della mia previsione di lunga data, secondo cui prevedo che gli Stati Uniti si trasformeranno in una guerra civile o in una secessione entro l’anno 2030. Sentendo questo, molti mi hanno chiesto di esporre a lungo il mio pensiero, il perché e il modo in cui lo vedo svolgersi. Ho quindi deciso di trattare finalmente l’argomento in modo più approfondito di quanto non permetta la solita risposta ai commenti.

I.
La verità è che questa è una previsione popolare per molte persone di “destra/alt-destra”, ma pochi delineano effettivamente i meccanismi specifici con cui può accadere. Ed è qui che credo di poter fare luce sull’esatto processo, già in atto, che credo porterà a questi scenari.

Per prima cosa, definiamo alcuni termini di base, in modo da essere in sintonia con il contesto. Proprio come molte persone dicono eufemisticamente “terza guerra mondiale” quando in realtà intendono “guerra nucleare”, quando in realtà la terza guerra mondiale non ha una relazione diretta e intrinseca con la guerra nucleare di per sé, in quanto può essere semplicemente un conflitto convenzionale globale simile alla seconda guerra mondiale, allo stesso modo qui, molte persone invocano vagamente la “guerra civile” senza capire cosa il termine possa effettivamente implicare.

Soprattutto nel clima culturale odierno, quando evocano la “guerra civile”, molte persone si riferiscono inconsciamente a una sorta di conflitto in stile genocidio del Ruanda tra i due schieramenti opposti dei liberali e dei conservatori, in cui i civili veri e propri hanno preso le armi e stanno combattendo per le strade. Questa nozione di “guerra civile” è alimentata da infiniti meme postati da entrambe le parti che raffigurano cose come antifa armati di sinistra contro miliziani conservatori che si affrontano in un campo di battaglia distopico di periferia, forse simile alla “zona autonoma” CHAZ di Seattle.

Tuttavia, il precedente storico della “guerra civile”, almeno per come è conosciuta negli Stati Uniti, è più sinonimo di secessione, nel senso che si trattava di due forze governative contrapposte, sostenute da eserciti permanenti convenzionali, che si impegnavano in un vero e proprio combattimento militare, piuttosto che di un gruppo di cittadini armati di coltelli da cucina e pistole calibro 22 nel parco cittadino.

In realtà, per confondere ulteriormente le idee, la guerra civile americana non era concettualmente diversa da una guerra rivoluzionaria, come quella del 1776. E molti hanno fatto notare che la stessa Guerra di Rivoluzione fu in realtà una Guerra Civile, il che significa che in un certo senso gli Stati Uniti sono già passati attraverso due guerre civili, per fare un’osservazione retorica.

Tutto questo per sottolineare che ciò su cui mi concentrerò non è il conflitto di tipo ruandese che i troll di Twitter immaginano come modello di “guerra civile”, ma piuttosto l’altra varietà.

Quella in stile ruandese ha meno possibilità di verificarsi perché presuppone una sorta di “free-for-all” stocastico e de-centralizzato in cui le persone prendono le armi contro gli altri. Certo, ci saranno sporadici conflitti armati a livello regionale, a causa delle crescenti divisioni razziali e politiche nel Paese. Ma non esiste un vero e proprio meccanismo formalizzato con il quale le due parti possano anche solo coalizzarsi in una parvenza di esercito organizzato e contrapposto, con un comando centrale, strutture di staff, ecc. Questa è per lo più una considerazione giovanile, almeno per il futuro semi-vicino di cui stiamo parlando. Si potrebbe forse immaginare uno scenario del genere molto più in là nel tempo di quanto sia possibile prevedere: una sorta di strano futuro post-apocalittico senza legge e distopico in stile Mad-Max nell’anno 2100, o qualcosa del genere. Ma per i nostri scopi, questo è irrealistico e non merita una seria riflessione.

II.
C’è una terza opzione a cui alcuni si riferiscono quando invocano la guerra civile: quella del “popolo contro il governo”. La tratterò brevemente da sola, perché qui ci sono alcune considerazioni importanti.

In primo luogo, quest’idea ha guadagnato terreno in quanto numerosi politici americani hanno brandito questo randello come minaccia contro gli americani ribelli che potrebbero desiderare le loro possibilità in una rivolta. Lo stesso Biden ha osservato in almeno due o tre occasioni diverse che “gli americani hanno bisogno di F-15 e non di AR15 per combattere contro il governo”, sottintendendo che i cittadini statunitensi non potranno mai sconfiggere il governo a meno che non siano armati con armi strategiche di alto livello, invece che con semplici armi leggere.

https://twitter.com/i/status/1564706079036116994

Il democratico Eric Swalwell ha tristemente minacciato gli americani di usare le armi nucleari se si fossero opposti alle politiche di confisca delle armi da lui promosse.

Tecnicamente, una simile circostanza non rientrerebbe nella “guerra civile”, ma piuttosto in una semplice rivoluzione o rivolta armata. In definitiva, si tratta solo di cavilli semantici. Tuttavia, ne parlo per far notare che la maggior parte delle persone che usano questi termini o discutono di questi argomenti non sono nemmeno sulla stessa lunghezza d’onda per quanto riguarda la coerenza. Ho quindi voluto delineare i vari concetti in modo da poterli affrontare a turno e da permettere ai lettori di seguire ciò che sto dicendo.

Per quanto riguarda l’opzione del popolo contro il governo, dirò la seguente cosa: i detrattori più accaniti di questa possibilità sono tipicamente gli anti-diritti delle armi di sinistra, che usano la scusa del “non si può vincere contro gli F-15” come un modo per screditare la necessità del 2° Emendamento. Di solito dipingono uno scenario in cui un gruppo di civili armati di AR15 si scontra con un esercito americano completamente armato con la sua panoplia completa di jet da combattimento, missili, carri armati, ecc.

Ma la sfumatura critica che sfugge a questa ipotesi errata è la seguente domanda: chi è che rifornisce questa potente forza militare con tutte le sue armi di lusso? Chi la rifornisce di carburante? Ricordiamo che nell’attuale discorso sulla disastrosa situazione delle forniture di munizioni in Ucraina, ci sono stati mostrati segmenti della CNN di operai americani che lavoravano nelle ultime fabbriche americane rimaste in grado di produrre tali munizioni.

Queste persone contrarie alle armi credono forse che l’esercito stesso produca queste armi, e la loro benzina, il carburante, eccetera? Il punto è che sono le infrastrutture civili a costituire la spina dorsale della capacità militare degli Stati Uniti. Senza il gas, il carburante, le munizioni e così via, la potente macchina da guerra statunitense va in tilt. Cosa faranno i carri armati Abrams quando i civili che gestiscono le raffinerie le chiuderanno tutte e i civili che trasportano il carburante ai depositi si ribelleranno? I civili costruiscono tutti gli F-15, gli F-22 e i bombardieri B-2 che il governo americano brandisce altezzosamente come una sciabola. Se si trattasse di una vera battaglia “civili contro governo”, dove si procurerebbe il governo tutto l’equipaggiamento? Anche le fabbriche di armi leggere sono gestite da lavoratori civili.

Chi pensate che stia costruendo quegli HIMAR e quei lanciatori M270?
In breve, il governo e la sua “potente forza militare” non resisterebbero in un vero conflitto prolungato contro la popolazione degli Stati Uniti. Naturalmente, tutto dipende da quante persone sarebbero dalla parte della rivolta in questo scenario ipotetico. Ma non dimentichiamo che gli Stati Uniti hanno circa 400 milioni di armi, e 393 milioni di queste sono in mano ai civili. Si dice che ci siano qualcosa come 70-100+ milioni di possessori di armi. L’esercito americano ha circa 800.000 truppe di terra in totale. Anche con tutti gli aerei e i carri armati del mondo, possono 800.000 soldati andare contro 100.000.000? Si potrebbe sostenere che non sono riusciti a sconfiggere nemmeno i Vietcong, che erano meno di 1 milione, figuriamoci 100 milioni. Per non parlare del fatto che la maggior parte degli americani è armata molto più pesantemente dei tipici Vietcong e dei loro fucili a otturatore.Ma come ho detto, queste sono solo ipotesi un po’ assurde per mettere alcune cose in prospettiva; in realtà, questo non è il tipo di scenario che mi aspetto si verifichi. Si tratta semplicemente di due centesimi buttati nel dibattito per confutare la tipica cantonata della sinistra secondo cui le forze armate statunitensi sono invincibili, quando in realtà si affidano completamente al settore civile per funzionare.III.
Mentre ci avviciniamo agli scenari reali che ritengo abbiano una forte possibilità di verificarsi, gettiamo le basi finali esaminando prima l’attuale clima socio-politico del Paese:

Tra tutti i cittadini statunitensi, il 43% ha dichiarato che la guerra civile è almeno in parte probabile. Tra i democratici forti e gli indipendenti la percentuale era del 40%. Ma tra i repubblicani forti, il 54% ha dichiarato che la guerra civile è almeno in qualche modo probabile.

 

È innegabile che una parte crescente del Paese stia iniziando non solo a credere nell’inevitabilità di una “guerra civile”, ma anche a sperarla.

Questi sono i risultati di uno studio dell’Università di Chicago:

Il rapporto mostra che almeno un quinto degli americani concorda, al di là delle linee di partito, sul fatto che sarà necessario “prima o poi” prendere le armi contro il governo. La percentuale sale al 45% tra i forti sostenitori repubblicani.

La CNN ha pubblicato un articolo su uno studio che mostra come gli Stati Uniti si stiano dirigendo verso una forma di guerra civile. Un ricercatore dell’Università della California ha utilizzato un sistema di metriche progettato per valutare la vicinanza e la probabilità di una guerra civile per altri Paesi stranieri, ma ha applicato gli stessi calcoli agli Stati Uniti.

La professoressa Barbara Walter spiega di aver studiato le guerre civili per trent’anni e di aver lavorato negli ultimi anni per una task force della CIA che utilizza queste metriche per prevedere “dove si verificherà la prossima guerra civile” nel mondo.

Il conduttore riassume: “Ciò che è notevole è che la ricerca non si basa sul sentimento (o sull’ideologia politica), ma sulle metriche e sui marcatori, sui segni e sui fatti che gli Stati Uniti usano per determinare lo stato delle democrazie degli altri Paesi e la loro vicinanza alle rivolte”.

Il professor Walter spiega che, se rivolti contro gli stessi Stati Uniti, questi stessi calcoli proprietari rivelano che gli Stati Uniti si trovano al limite di ciò che la CIA considererebbe la cuspide delle categorie “RISCHIO” e “ALTO RISCHIO”. Normalmente, un Paese ad “alto rischio” verrebbe inserito in una speciale lista di controllo della CIA, in quanto lo sconvolgimento sarebbe considerato imminente.

Walter, secondo il Post, conclude che gli Stati Uniti sono passati attraverso fasi di “pre-insurrezione” e “conflitto incipiente” e potrebbero ora essere in “conflitto aperto”, a partire dalla rivolta del Campidoglio.

Citando le analisi del Center for Systemic Peace, Walter afferma che gli Stati Uniti sono diventati una “anocrazia” – “a metà tra una democrazia e uno Stato autocratico”.

Questi risultati, tuttavia, risalgono già a più di un anno fa e probabilmente il Paese è scivolato ancora di più nella zona di pericolo. Ora, alcuni politici di spicco, come Marjorie Taylor Green, hanno addirittura iniziato a lanciare appelli a favore di una “scissione nazionale”, che per certi versi può essere considerata solo un sicuro eufemismo per dire guerra civile.

Anche il rappresentante della Carolina del Nord Madison Cawthorn è stato visto invocare lo spettro della guerra civile, affermando di sperare che non si verifichi, ma di essere sicuro che i conservatori vincerebbero:

Il fatto che molti Stati americani abbiano alimentato movimenti secessionisti in crescita, che negli ultimi anni hanno fatto passi da gigante, è passato inosservato in queste discussioni.

C’è CalExit o “Yes California”. La loro pagina spiega:

Introduzione a Pacifica
La misura elettorale CalExit 3.1 istituisce il Paese di Pacifica nell’area della baia di San Francisco e lungo la costa centrale della California. Avrà una popolazione di circa 9 milioni di persone, di cui più del 75% sono democratici e il 61% di razza minoritaria.

Nel 2017, secondo un sondaggio Reuters, il 32% dei californiani era favorevole alla CalExit. Da allora, però, il dato è calato, perché il governo, una volta intuita la pericolosità del movimento, è entrato subito in azione per stroncarlo con la contro-propaganda. Ma ci sono molti altri movimenti.

Il più forte è quello del Texas.

Proprio il mese scorso, nel marzo 2023, il rappresentante del Texas Bryan Slaton ha presentato la legge “TEXIT”:

Link to tweet
Oggi ho depositato HB 3596, che è comunemente noto come “Texas Independence Referendum Act” o TEXIT Se approvato, indirà un referendum sulla votazione durante le prossime elezioni generali, consentendo al popolo del Texas di votare se lo Stato debba o meno indagare sulla possibilità dell’indipendenza del Texas e presentare potenziali piani alla legislatura. La costituzione del Texas è chiara che tutto il potere politico risiede nelle persone. Dopo decenni di continui abusi dei nostri diritti e libertà da parte del governo federale, è giunto il momento di far sentire la propria voce al popolo del Texas. In questo 187° anniversario della caduta di Alamo sono orgoglioso di presentare questo disegno di legge per consentire al popolo del Texas di votare sul futuro del nostro Stato. Il Texas è nato dal desiderio di libertà e autogoverno, e quel desiderio continua a bruciare nei cuori di tutti i texani. Firma la petizione qui sotto:

La versione ufficiale può essere letta qui sotto: https://capitol.texas.gov/tlodocs/88R/billtext/html/HB03596I.htm

La parte principale afferma che nelle elezioni generali del 7 novembre, gli elettori texani saranno autorizzati a votare un referendum sulla questione se il Texas debba riaffermare il suo status di nazione indipendente.

SEZIONE 1. (a) Alle elezioni generali che si terranno il 7 novembre 2023, gli elettori potranno votare un referendum sulla questione se questo Stato debba riaffermare il suo status di nazione indipendente. (b) L’avviso dell’elezione sarà dato con l’inclusione della proposta nella proclamazione del governatore che ordina un’elezione su qualsiasi proposta di emendamento costituzionale alla Costituzione dello Stato e nell’avviso di tale elezione dato da ogni giudice di contea, oppure, se non viene proposto un emendamento costituzionale, il governatore ordinerà e ogni giudice di contea darà l’avviso per un’elezione che proponga il referendum richiesto da questa sezione.

La sezione 2 del disegno di legge descrive tutte le azioni che entrerebbero immediatamente in vigore il 7 dicembre 2023, solo se la risoluzione fosse approvata a maggioranza dal referendum popolare.

Il progetto di legge può essere seguito qui: https://fastdemocracy.com/bill-search/tx/88/bills/TXB00063968/

Tuttavia, va notato che i precedenti tentativi di proposte di legge simili sono falliti, a causa del rifiuto dell’assemblea statale del Texas di metterla ai voti. Ora il disegno di legge è stato presentato e non si sa se l’assemblea statale lo voterà o meno; sembra che il processo sia piuttosto arbitrario. Tuttavia, se voteranno e la legge passerà, si aprirà il referendum per la secessione che si terrà il 7 novembre di quest’anno.

Il sondaggio SurveyUSA ha rilevato che un numero enorme di texani e di meridionali in generale è favorevole alla secessione:

Ognuno dei sei sondaggi sugli Stati del Sud iniziava con la domanda agli intervistati se sarebbero stati favorevoli a che il loro Stato diventasse pacificamente un Paese indipendente insieme ad altri Stati conservatori. Mentre la maggioranza dei texani è favorevole all’idea, con il 60% di sì (il 32% dice “decisamente sì”, il 28% dice “sì”), i risultati negli altri Stati sono meno positivi. Gli abitanti della Louisian sono equamente divisi: il 50% dice sì, il 49% no; negli altri quattro Stati, la maggioranza si oppone, con il “no” e il “decisamente no” in testa di 6 punti in Alabama, di 8 in Mississippi, di 10 in Florida e di 13 punti in South Carolina.

Ciò significa che se il referendum si tenesse il 7 novembre in Texas, probabilmente passerebbe e lo Stato secederebbe. Tuttavia, i giochi politici delle figure di opposizione dell’establishment lavorano attivamente per sabotare il progetto di legge preliminare che stabilisce il referendum.

Il Texas ha persino avviato un procedimento per la creazione di una propria moneta aurea, come reazione ai CBDC federali e come azione preventiva per proteggersi esattamente dal tipo di sovvenzionamento assistenziale di Stati blu molto più deboli. Questo tipo di azione è solo il primo colpo d’arco dei molti movimenti tettonici che vedremo nei prossimi anni verso l’indipendenza.

IV.

Ora che abbiamo finito di gettare le basi e stabilito l’attuale clima socio-politico, possiamo estrapolare ciò che probabilmente accadrà.

Sappiamo, ad esempio, che negli ultimi anni si è verificata un’enorme ondata di “fuga dagli Stati blu”. Gli Stati blu stanno perdendo la loro base di contribuenti produttivi, il loro capitale umano a causa della fuga dei cervelli e la loro popolazione in generale. È stato chiamato in tutti i modi, dall’esodo alla “crisi della sinistra”.

 

I nuovi dati del Censimento mostrano che nel 2022 circa la metà degli Stati ha registrato un aumento netto della popolazione e l’altra metà una perdita netta, grazie alla cosiddetta migrazione interna. I vincitori sono stati quasi interamente Stati rossi, i perdenti Stati blu. Se la coglieranno, i conservatori avranno un’opportunità enorme. -Fonte

 

La mappa qui sopra mostra gli Stati con perdite nette e quelli con guadagni migratori netti. Come si può notare, la maggior parte degli Stati rossi registra grandi guadagni netti, mentre quelli blu subiscono le perdite nette più ingenti. I numeri possono sembrare piccoli all’inizio, ma proiettateli su dieci anni o più. New York può sopportare perdite di 300.000 persone all’anno per dieci anni? Sarebbero 3 milioni di persone in meno in uno Stato con 19 milioni di abitanti, pari al 16%. E se il fenomeno dovesse accelerare e diventare ancora più rapido? I decenni sono veloci: possono sopportare tali perdite per due decenni di fila? Cosa succederebbe se in due decenni perdessero 6 milioni di persone su 19, il che equivarrebbe a quasi un terzo della popolazione?

Estrapolando questo dato per anni, si arriva a uno scenario in cui gli Stati blu sono stati estremamente indeboliti dal punto di vista finanziario e demografico e sono costretti a fare sempre più affidamento sui sussidi del governo federale. Ma da dove provengono questi sussidi? Dalla base imponibile dell’intero Paese.

Ciò significa che gli Stati rossi saranno sempre più costretti a sovvenzionare quelli blu che stanno morendo. I cittadini degli Stati rossi si risentiranno sempre di più, perché in pratica pagheranno tasse elevate con i loro soldi guadagnati duramente per tenere a galla le grottesche città democratiche che sono scese a livelli distopici di disperazione e degrado senza legge.

A questo si aggiungerà una crescente ostilità da parte degli Stati blu e del governo federale gestito dai blu, che eserciterà sempre più pressioni e restrizioni sugli Stati rossi al fine di prosciugarli per mantenere a galla i decrepiti Stati blu. Vedete, agli Stati rossi non può essere permesso nemmeno di avere l'”ottica” del successo o della prosperità, perché questo smaschera la truffa di ciò che sono gli Stati blu.

Ciò significa che, man mano che la disparità cresce nel tempo, gli Stati rossi dovranno essere completamente sabotati dal governo federale per “ridimensionarli”, secondo la famigerata regola assiomatica dell’equità, in modo da non fare il giro degli Stati blu. Ciò avverrà sotto forma crescente di mandati iniqui contro gli Stati rossi, alcuni dei quali sono già stati intravisti nel recente passato.

Per esempio, durante la “crisi” del Covid, il governo federale ha tristemente iniziato a confiscare gli anticorpi monoclonali e altre “terapie” anti-covid agli Stati rossi semplicemente perché avevano troppo successo, e agli Stati rossi non poteva essere permesso di curare le loro popolazioni dalla malattia truffaldina, perché ciò avrebbe smascherato la menzogna. Permettere che la disparità tra rossi e blu diventi evidente sulla scena nazionale sarebbe pericoloso per la classe dirigente.

Questa disparità di trattamento e il vero e proprio intralcio agli Stati rossi aumenteranno di ritmo nei prossimi anni, creando una spirale di risentimento da parte degli Stati rossi nei confronti degli azzurri e del governo federale, che allo stesso modo contribuirà ad accelerare il ritmo del sentimento secessionista.

Il governo ha persino minacciato in precedenza di “sanzionare” gli Stati rossi nello stesso modo in cui sanziona le nazioni ostili, il che includerebbe cose come il blocco del trasporto/consegna di alcuni prodotti critici, non dissimili dall’episodio degli anticorpi monoclonali. Si estenderebbe a contratti sfavorevoli per vari progetti infrastrutturali e, in ultima analisi, potrebbe persino portare a colpire specifici rappresentanti di Stato con sanzioni personali. Non è davvero una forzatura da parte di chi ha messo al bando e impeachment il presidente degli Stati Uniti e lo ha trascinato attraverso varie procedure legali alla pari delle “sanzioni”.

Tutto questo per dire che, man mano che le due parti si rafforzano sempre di più, e la spirale di ostilità continua a radicalizzare entrambe fino a livelli sempre maggiori di risentimento reciproco, e insieme al fatto che gli Stati blu morenti diventeranno in effetti delle sanguisughe vampiriche, che succhiano gli Stati rossi, i livelli storici di insoddisfazione, risentimento e vera e propria inimicizia tra rossi e blu aumenteranno. I rossi vedranno gli Stati blu nel loro insieme come regine degenerate del benessere che succhiano i loro soldi guadagnati con fatica, derubandoli di fatto. E man mano che le questioni nazionali diventeranno sempre più spinose, in particolare su linee di demarcazione fondamentali come l’aborto, la LGBT, il transgenderismo e così via, i rossi non vedranno altra via d’uscita se non quella di staccarsi o di avere, come si continuerà a chiamare tranquillamente per ora, un “divorzio nazionale”.

Prima ho parlato del Texas perché sembra lo Stato più adatto a dare il via al processo, dato che i suoi movimenti sono i più avanzati. Ma non mi sorprenderebbe se molti altri Stati del Sud si unissero al Texas, creando un effetto domino.

Si dimentica quanto siamo stati vicini a un potenziale punto di non ritorno durante il ciclo elettorale del 2020. Per il momento, quell’energia rivoluzionaria è stata spenta e messa da parte. Ma ha ricominciato a crescere e promette di arrivare a un nuovo punto di svolta.

Anche se all’inizio può sembrare una cosa di poco conto, negli ultimi anni si sono sentite voci tranquille di un’unione degli Stati del Sud, dal momento che molti dei principali Stati “vecchi confederati” hanno sempre più spesso stretto alleanze su questioni chiave.

Questi sono gli stessi Stati che si sono uniti nel tentativo di contestare i brogli elettorali e i loro interessi ideologici si sono lentamente allineati in un’unità politica.

Considerate anche l’accelerazione della de-dollarizzazione che sta prendendo piede in tutto il mondo. Cosa pensate che accadrà quando il dollaro crollerà fino all’iperinflazione, causando così un’ulteriore accelerazione del sequestro forzato da parte del governo federale degli Stati Uniti dei fondi degli Stati forti per sostenere gli Stati blu in crisi? Questo porterà a un’ulteriore spinta da parte degli Stati forti e indipendenti a creare le proprie valute, seguendo l’esempio del Texas, e a sganciarsi gradualmente dall’autorità centrale. L’era digitale moderna semplificherà loro questo compito, in quanto potranno creare la propria moneta digitale senza bisogno di complesse presse di conio centralizzate, almeno all’inizio. Quando questi Stati inizieranno a sviluppare, e persino a effettuare transazioni, le proprie valute, saprete che la fine è vicina.

V.
Ma la grande domanda che tutti si pongono è: se il Texas, la Florida e/o altri Stati secedessero, cosa succederebbe? Sicuramente non gli verrebbe permesso di farlo e il governo federale interverrebbe, in una riedizione della Guerra Civile del 1861?

Certamente, questo è ciò che potrebbe accadere. Naturalmente, a seconda di chi esattamente secede, bisogna ricordare che gran parte delle più importanti infrastrutture produttive e manifatturiere degli Stati Uniti, in particolare quelle militari, risiedono in Stati a rischio di secessione. Il Texas, ad esempio, possiede la maggior parte degli impianti di produzione di petrolio del Paese. Molti dei più importanti armamenti high-tech dell’esercito americano sono prodotti o stazionati negli Stati del Sud: che si tratti dell’F-35 in Georgia o delle fabbriche di munizioni critiche in Mississippi e Louisiana, compresa questa:

Inoltre, l’hardware vero e proprio risiede nelle basi di questi Stati. Ad esempio, la base di Tyndall, in Florida, è il luogo in cui vengono addestrati tutti i piloti di F-22 e in cui è ospitato il più grande contingente di F-22 americani, circa 60 dei circa 180 esemplari totali.

L’economia del Texas rispetto ad altri leader mondiali.In definitiva, dipende da come si presenta la scena politica al momento dell’ipotetica secessione. Se il governo federale è ancora forte e unito, certamente c’è una forte possibilità che cerchi di intervenire militarmente e di reprimere rapidamente qualsiasi tentativo di disgregazione, in particolare se si tratta di un solo Stato che tenta da solo. Tuttavia, se si formasse una coalizione, o una cascata di Stati in rapida successione, allora potrebbe precludere al governo la possibilità di agire, rischiando una pericolosa guerra intestina.L’altro fattore è: supponiamo che in un ipotetico anno 2030, gli Stati Uniti si siano degradati in modo esponenziale al punto che la divisione nella società e all’interno del governo sia ancora peggiore di quella attuale, e che si stiano manifestando così tanti altri problemi geopolitici che il governo centrale ha le mani completamente legate. Per esempio, forse a quel punto la crisi Taiwan-Cina (tra le altre) è al suo apice, l’esercito americano è in qualche modo coinvolto e completamente occupato, con la maggior parte delle sue forze impegnate all’estero – non necessariamente in un conflitto cinetico, ma svolgendo un importante ruolo di deterrenza intorno a Taiwan e altrove.

È possibile che uno Stato forte come il Texas possa far scattare la secessione a quel punto, quando il governo è al massimo della distrazione e non sarebbe realisticamente in grado di fare nulla. Soprattutto se a questo seguisse una rapida cascata di Florida e altri Stati, si formerebbe rapidamente una coalizione abbastanza forte da dissuadere il governo federale degli Stati Uniti nominali anche solo dal minacciare di agire.

E la verità è che, se si guarda a molti dei sondaggi sulla secessione e alle relative risposte, molti dei commenti da parte della sinistra/democratica sono pienamente a favore della secessione degli Stati rossi. Dopotutto, l’idea del “divorzio nazionale” è un’idea entusiasticamente ripresa da molti esponenti della sinistra, un ampio contingente dei quali preferirebbe in realtà vedere gli Stati rossi abbandonare la “loro” preziosa unione.

Inoltre, bisogna considerare come sarebbero la presidenza e il Congresso in questo frangente teorico. Ci sono scenari potenziali in cui il Paese si è trasformato in un pantano tale che gli Stati stanno cercando di secedere, ma il Congresso (e forse anche la Presidenza) è abbastanza diviso, o addirittura ha una maggioranza rossa, in modo tale che qualsiasi azione federale contro gli Stati secessionisti sia impantanata in un controverso disaccordo congressuale, che impedirebbe o precluderebbe al Congresso di svolgere qualsiasi forma di azione decisiva, come l’ipotetica risposta “militare” contro gli Stati secessionisti.

Si può facilmente immaginare una “tempesta perfetta” di questi scenari, in cui un Congresso fortemente diviso è ostacolato da un esercito statunitense impantanato in conflitti all’estero (Taiwan, ecc.) e incapace di agire contro gli Stati che improvvisamente decidono di gettare il cappello e uscire dall’Unione.

Non dimentichiamo che, se questo scenario dovesse verificarsi, gli Stati secessionisti potrebbero firmare accordi di sostegno con alcuni degli avversari dell’Unione, come la Cina e forse la Russia, per ricevere assistenza. Se l’esercito nominale degli Stati Uniti sta a quel punto aiutando a condurre una guerra contro la Cina nei confronti di Taiwan, allora perché la Cina non dovrebbe allo stesso modo garantire assistenza militare al Texas per salvaguardarlo da qualsiasi potenziale attacco dell’Unione?

Ci sono infinite iterazioni di come questo potrebbe precipitare. Ma l’idea generale è che entro il 2030 e oltre, c’è la possibilità concreta che gli Stati Uniti “in fase di tardo impero”, fortemente indeboliti e guidati da politiche MIC disastrose, siano maturi per una rottura di questo tipo. In particolare, se la tendenza delineata in precedenza, che vede gli Stati rossi crescere economicamente e demograficamente più forti, continuerà a seguire il percorso previsto, si potrebbe assistere a un’ascesa politica ed economica della Florida, del Texas e così via, disposta a opporsi a un’autorità centrale disastrosamente indebolita e in preda alla guerra.

Senza considerare il caso in cui gli Stati Uniti dovessero effettivamente impegnarsi in un conflitto regionale su larga scala con la Cina, che non sfocerebbe in un conflitto nucleare ma vedrebbe la distruzione di una grande percentuale della flotta e delle capacità navali degli Stati Uniti. Uno Stato così rovinato, umiliato e indebolito non avrebbe molto da opporre a un Texas rinascente e ascendente, e così via. Per certi versi, uno scenario del genere sarebbe parallelo alla rivoluzione russa del 1917 contro un’autorità decrepita e in crisi, impantanata in una guerra impopolare (la Prima Guerra Mondiale), ma questa volta sotto forma di secessione piuttosto che di rovesciamento del governo, anche se, naturalmente, anche questa è una possibilità.

In ultima analisi, la maggior parte delle cose si riduce all’economia. In particolare, la situazione socioeconomica della maggior parte degli Stati blu è un fatto compiuto che non può essere invertito, almeno a breve. Ciò significa necessariamente che l’America Blu continuerà il suo declino – o il vero e proprio collasso – e una confluenza di fattori geopolitici ed economici globali non farà che accelerare questo processo.

Il fatto che il mondo stia entrando in una mini-epoca buia di recessione globale, stagnazione, stagflazione e malessere generale causato dal disaccoppiamento dell’Occidente dall’Oriente, a sua volta provocato dal disperato tentativo degli Stati Uniti di fermare l’ascesa di Russia e Cina, significa che non ci sarà un elisir facile (e nemmeno uno difficile) per gli Stati blu degli Stati Uniti. La criminalità continuerà ad aumentare costantemente, i fattori socioeconomici continueranno a degenerare; tutto ciò non farà altro che portare a un ulteriore deflusso di popolazione.

Questo porterà necessariamente e deterministicamente a un aumento della pressione governativa sugli Stati rossi, lasciandoli con le mani in mano e facendo un doppio dovere ingiusto per sovvenzionare gli Stati blu in crisi. In particolare, ciò ricadrà più duramente sugli Stati più forti, di successo e indipendenti: ovviamente, il Texas e la Florida stanno attualmente portando la fiaccola. Non ci sarà modo di uscire da questa spirale. Il governo sarà costretto a rubare a questi Stati forti e di successo, e a ridurli in modo ingiusto per consentire agli azzurri morenti di competere. Questo può portare logicamente solo a una possibile fine, descritta sopra.

VI.
Come si può vedere, i tempi hanno inavvertitamente generato una generazione di candidati sempre più vocali e “radicalizzati”, come MTG, Matt Gaetz, il già citato Cawthorn, ecc. Queste figure sono destinate a diventare sempre più numerose e la tendenza continua. Tra qualche anno, molti degli Stati con mentalità indipendente saranno pieni di marchi di fuoco populisti e incendiari senza precedenti, che faranno apparire Trump e MTG del tutto addomesticati. Questa nuova era di politici condizionerà vocalmente le masse ad accettare le nozioni di divorzio nazionale in modo ancora più forte rispetto alle sottigliezze e agli eufemismi attualmente utilizzati, portando senza dubbio a un aumento delle richieste pubbliche affinché gli Stati offesi si allontanino semplicemente da una situazione che entrambe le parti identificano come chiaramente inconciliabile.

C’è da immaginare che, al di là delle varie questioni socio-economiche e politiche descritte sopra, le divisioni culturali continueranno a crescere. Si può davvero pensare che l’attuale ondata isterica di transgenderismo/LGBT/politiche identitarie si plachi presto? Al contrario, l’intensità non potrà che aumentare. La spinta a prendere di mira i bambini in questa guerra culturale, mentre si ristruttura completamente il sistema educativo del Paese verso l’asservimento al codice LGBT/transgenderismo, si rafforzerà allo stesso modo, rendendo la situazione assolutamente inconciliabile per gli Stati bastione che accolgono i rifugiati di sinistra in fuga.

Ricordiamo che, come ho scritto qui, l’era delle politiche identitarie è appena entrata nel suo secondo decennio. Le sue radici nell’era Obama non sono maturate del tutto fino al movimento “Occupy” del 2010-2011, che ha gettato le élite nel panico e nella ricerca di una bomba di neutroni culturale che potesse cancellare la loro complicità nell’imminente collasso del sistema finanziario fraudolento cambiando rapidamente discorso. Solo dopo il 2011-2013 le cose hanno cominciato ad accelerare, ma la loro attuale gravità ci fa sentire come se avessimo sopportato questa follia per secoli.

Ora immaginate un altro decennio e più. Quanto è cambiato nella nostra società da quegli anni cruciali di Obama, quel fugace decennio o decennio e mezzo di tempo? Immaginate la stessa drastica scala di cambiamenti all’inizio del 2030, o addirittura nel 2035. A quel punto, la guerra culturale raggiungerà livelli insondabili di sconvolgimento, follia insostenibile e dissoluzione della società. In prospettiva, è facile immaginare che gli Stati bastione decidano finalmente di staccare la spina dalle differenze inconciliabili tra gli Stati sani di mente rimasti e quelli colpiti dal virus mentale della sinistra.

C’è qualche speranza di evitare questi eventi o sono inevitabili? È difficile immaginare che la sinistra/democratica possa mai scendere a compromessi sugli imperativi culturali disastrosi che le vengono ordinati dall’alto; hanno raddoppiato il loro impegno per portare a termine questa cosa fino in fondo. Il motivo è che la piccola cabala di controllori globalisti che detta la loro politica non vede altra via d’uscita. La marea culturale che cresce contro di loro è semplicemente troppo forte. Fare anche la più piccola concessione significherebbe rischiare il collasso totale della loro narrativa e della loro iniziativa di guerra culturale. E poiché la guerra culturale in sé è solo una facciata, un proxy del più grande conflitto del sistema finanziario globale, perdere la guerra culturale significherebbe perdere il controllo su tutta l’umanità che la cabala bancaria ha coltivato fin dai primi giorni delle prime banche centrali.

L’unico modo che vedo per uscire da questa situazione è che una vera figura “svuota paludi” prenda il comando del Paese. Ma le possibilità che ciò accada sono sempre più scarse, dato che il controllo delle élite sul processo elettorale è quasi totale. Alcuni pensavano che le elezioni del 2020 avrebbero aiutato a “smascherare” le forze nefaste che hanno in pugno il sistema elettorale, ma al contrario sono servite solo a rafforzarle e radicarle ulteriormente. Lo ha dimostrato il recente “accordo” tra Dominion Systems e FoxNews, che ha portato a enormi ripercussioni dietro le quinte, compresa la defenestrazione della loro figura più importante. Ora che hanno ottenuto la loro grande vittoria in tribunale, probabilmente non potrete più sfidarli, almeno non da questo punto di vista. Quindi non vedo come un candidato veramente anti-establishment possa vincere di nuovo. Il che significa solo che la polarizzazione crescerà senza sosta, seguirà una maggiore divisione e la rottura temuta per tanto tempo sarà inevitabile.

https://simplicius76.substack.com/p/on-secession-and-civil-war?utm_source=post-email-title&publication_id=1351274&post_id=117699282&isFreemail=false&utm_medium=email

Il sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure 

PayPal.Me/italiaeilmondo

Su PayPal è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (ho scoperto che pay pal prende una commissione di 0,38 centesimi)

1 2 3 8