I CURDI: UN POPOLO CONTROTENDENZA, di Antonio de Martini

I CURDI: UN POPOLO CONTROTENDENZA

I Curdi non hanno mai avuto uno stato, perché non l’hanno mai voluto.
Sono nomadi e grazie al nomadismo difendono il loro stile di vita.
Quando vessati, emigrano in uno dei quattro stati di cui occupano una porzione ( Iran, Irak, Siria e Turchia).

Il nomadismo, ne ha spinte frazioni fin verso est – in Armenia- e ovest – in Libano.
Nessuno sa quanti siano, ma tutti si sbizzarriscono a dare i numeri che variano da 15 a 30 milioni a seconda della convenienza politica dei valutatori.

Il crocevia del vicino oriente si trova a est della Mesopotamia ed è abitato nell’altipiano dai curdi.
Vengono definiti ” una popolazione Indo europea” che vuol dire che non sono semiti come gli arabi e gli ebrei.

Quando il XIX secolo e la scoperta del petrolio incitarono gli europei al ” divide et impera” , furono scoperti e valorizzati dai tedeschi prima, dai russi poi ed infine dagli israeliani – in cerca di appoggi anti arabi.

Fatalmente se ne interessarono gli americani.

La tecnica è sempre la stessa: vivendo di preda, come ogni nomade che si rispetti, si lasciamo volentieri armare, sono bravi combattenti e appoggiano ogni causa che possa dare gloria e guadagno.

Iil più grosso sforzo per sedentarizzarli lo fece lo Scià Reza, padre dell’ultimo regnante di Persia, ma la possibilità di spostarsi in uno dei paesi vicini, li ha sempre protetti.

A turno hanno combattuto contro ognuno dei paesi ospitanti. Contro i turchi, paese NATO su commissione dell’URSS . Resta il ricordo del vecchio El Barzani che girava il paese ( nella zona persiana) nel 1944 in uniforme da generale sovietico.

Hanno ripreso le armi contro i turchi, ma su mandato siriano, quando la Turchia varò il piano agricolo dell’est costruendo molte dighe ( 30) minacciando di ridurre oltre il 40% del gettito dell’Eufrate.

Il rapporto con gli israeliani, iniziato in funzione anti irachena ed ereditato poi dagli USA ha prodotto anche cocenti delusioni per via degli stop and go ( specie nel 1991) e dei finanziamenti a singhiozzo che seguivano l’andrivieni degli interessi USA.

Una qualche stabilità sembra essere stata trovata
grazie alla lunghezza del conflitto siriano e della riluttanza israeliana e americana a intervenire direttamente con truppe proprie.

Attualmente, il paese con cui sono in pace è l’Iran col quale dividono la struttura della lingua, benché – secondo la narrativa USA dovrebbero essere in frizione in quanto sunniti, quello col quale brigano per ottenere ” l’indipendenza” ( o forse una forma di autonomia molto spinta) è l’Irak. Su questo tema, il 25 settembre prossimo terranno un referendum.

Con i turchi esiste un residuo di guerra ex URSS gestito dal PKK ( partito curdo dei lavoratori) e da Abdullah Ocalan che tutti conosciamo per essere stato consegnato ai turchi da un altro avanzo del comunismo questa volta italiano. La nuova guerra anti turca si svolge sotto le mentite spoglie della guerra all’ISIS, in realtà si disputano i villaggi di frontiera siriani.

Coi siriani esiste uno stato di pace, di guerra e di cooperazione ad un tempo: cooperano per difendere i villaggi curdi dall’ISIS e dai turchi che cercano di penetrare in territori siriani. Cooperano anche con gli USA per mantenere viva la leggenda dell’esercito libero siriano.

Non si tratta di incoerenza, bensì di residui di lealtà personale acquisiti negli anni dai vari capi clan. Coi siriani ci si arrangia comunque. Coi turchi, no.

Su tutti troneggiano le due famiglie egemoni da sempre: i Talabani che dominano la capitale Sulmenya e i Barzani che comandano a Erbil.

Il presidente iracheno è Talabani che come presidente della Repubblica deve difendere l’unità del paese e come Talabani, l’indipendenza del kurdistan.

La chiave di lettura della intera vicenda è che i curdi, in realtà detestano il centralismo e lo combattono. Loro stanno sugli altopiani e gli arabi in pianura. Perché obbedirgli?

Crediamo che combattano per la democrazia, sconosciuta da queste parti, e ci stanno simpatici perché le foto delle soldatesse curde sono tutte belle.

Sfido, sono modelle israeliane per la propaganda pagata dallo zio Sam.

GLI STATI UNITI PRIMO PRODUTTORE DI PETROLIO, IDROCARBURI E GAS _ a cura di Giuseppe Germinario

Qui sotto la traduzione di un importante rapporto di fonte governativa americana riguardante l’attività di estrazione e produzione di materie prime energetiche nel paese. Con grande enfasi annuncia gli incrementi dei livelli di produzione di vari tipi e qualità di prodotti; talmente significativi e costanti da trasformare gli Stati Uniti da importatore a paese esportatore sino a raggiungere e consolidare addirittura il primato produttivo mondiale di un gran numero di queste fonti strategiche sino al 2050.

Un primato, quindi, apparentemente poco duraturo e reso apparentemente fragile dal vincolo dei costi elevati di estrazione, resi compatibili solo da un regime di prezzi di vendita relativamente sostenuti. Si potrebbe definire, quindi, un primato effimero in un ambito in continuo mutamento e dalle straordinarie novità. Basti osservare le recenti scoperte di giacimenti nel Mediterraneo Orientale.

La valenza strategica di questa nuova ed inaspettata condizione è in realtà molto più pregnante per vari motivi:

  • avviene in una fase di incipiente affermazione del multipolarismo durante la quale la produzione e il controllo delle rotte energetiche sono ambiti fondamentali del confronto geopolitico e della manipolazione delle alleanze
  • copre un periodo significativo della transizione, più o meno lunga secondo le diverse stime, verso la produzione predominante di fonti energetiche rinnovabili durante il quale sia il petrolio che, in misura sempre crescente, il gas continueranno ad avere una importanza centrale
  • ad un peso crescente degli Stati Uniti corrisponde un peso decrescente ed in via di esaurimento di paesi sinora strategici nella produzione come l’Arabia Saudita
  • il livello relativamente sostenuto dei prezzi è una condizione necessaria alla produzione energetica negli Stati Uniti; è però di vitale importanza alla sopravvivenza di quei numerosi paesi che fondano la propria esistenza e stabilità sulla monocoltura dell’estrazione di materie prime energetiche. Una cointeressenza che accentua le capacità manovriere del gigante americano
  • l’acquisita indipendenza in gran parte dei prodotti estrattivi gasiferi e di idrocarburi consentirà agli Stati Uniti politiche ancora più spregiudicate e meno vincolanti  in aree geopolitiche cruciali come il Medio Oriente, il Nord-Africa, l’area caraibica, l’Africa Equatoriale, la zona artica
  • in una eventuale affermazione di una fase di suddivisione policentrica delle diverse aree geopolitiche, l’offerta di materie prime energetiche e di loro derivati costituisce un fattore importante per la formazione di una propria area di controllo e influenza sufficientemente delimitata e coesa. L’attuale duro confronto con la Russia rappresenta solo un prodromo illuminante di quello che ci aspetterà nel futuro, ivi comprese le offerte di forniture alternative a quelle russe. 

Buona lettura_ Giuseppe Germinario-La Redazione

 

GLI STATI UNITI RIMANGONO IL PRIMO PRODUTTORE MONDIALE DI IDROCARBURI, PETROLIO E GAS NATURALE

 

Gli Stati Uniti consolidano, raggiungendo un livello record nel 2017, il loro primato come ​​primo produttore mondiale di idrocarburi, di petrolio e gas naturale. Gli Stati Uniti sono il ​​primo produttore mondiale di gas naturale ormai dal 2009, quando l’estrazione negli Stati Uniti ha superato quella della Russia e il primo produttore mondiale di idrocarburi e di petrolio dal 2013, quando la produzione americana ha superato quella dell’Arabia Saudita. Dal 2008, la produzione di petrolio e gas naturale negli USA è aumentata di quasi il 60%.

 

Confrontando gli Stati Uniti e la Russia, la produzione totale di idrocarburi di petrolio e gas naturale, misurata in termini di contenuto energetico, è praticamente equamente divisa tra petrolio e gas naturale, mentre la produzione dell’Arabia Saudita si concentra pesantemente nel petrolio. La produzione totale di petrolio è composta da diversi tipi di combustibili liquidi, tra i quali petrolio greggio e condensato per leasing, olio a tenuta stagna, olio extra-pesante e bitume. Inoltre, vari processi producono liquidi per impianti di gas naturale (NGPL), biocarburanti e altri combustibili liquidi, alcuni derivati del processo di raffinazione.

 

La produzione di petrolio negli Stati Uniti è aumentata di 745.000 barili al giorno (b / g) nel 2017, trainata da un aumento del 21% dei prezzi del petrolio, pari a circa $ 65 al barile. Negli Stati Uniti, il condensato di petrolio greggio e leasing ha rappresentato il 60% della produzione totale di idrocarburi di petrolio nel 2017 e i liquidi delle centrali a gas naturale hanno rappresentato il 24%. L’Arabia Saudita e la Russia hanno volumi molto più piccoli di liquidi per impianti di gas naturale, così come la produzione da raffineria e biocarburanti, che insieme rappresentano la parte rimanente della produzione di petrolio degli Stati Uniti.

 

La produzione di gas naturale secco negli Stati Uniti è cresciuta lentamente sino all’inizio del 2017 a causa di condizioni economiche in origine sfavorevoli. La produzione è aumentata negli ultimi nove mesi dell’anno, portando a una differenza di 5,7 miliardi di metri cubi al giorno (Bcf / d) tra il primo trimestre e il quarto trimestre del 2017. Dal 2016 al 2017, la produzione di gas naturale secco domestico è aumentata di 1 % e le esportazioni di gas naturale liquefatto negli Stati Uniti sono quadruplicate. La domanda di gas naturale dei consumatori è stata composita, a causa del clima invernale più mite rispetto al 2016 e dei prezzi del gas naturale più elevati fattori i quali hanno contribuito a una riduzione del 7% del consumo di gas naturale per la produzione di energia.

 

La produzione di gas naturale russo e saudita è aumentata significativamente nel 2017, con una crescita rispettivamente dell’8% e del 6% su base annua. Al contrario, la produzione di liquidi totali russi e sauditi è diminuita nel 2017 rispetto al 2016. Arabia Saudita e Russia hanno abbassato la produzione di petrolio come parte di un accordo dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e di alcuni produttori non OPEC (compresa la Russia) teso a ridurre la produzione totale di greggio nel tentativo di ridurre gli stock petroliferi globali.

 

La produzione petrolifera dell’Arabia Saudita è fondamentale per l’economia saudita, ma è particolarmente importante anche come fonte di energia domestica perché nel 2017 il paese ha consumato quasi 0,5 milioni di barili al giorno per la produzione di elettricità. Il continuo sviluppo di Wasit, Hasbah, e i giacimenti di gas naturale dell’Arabia dovrebbero ridurre la dipendenza a lungo termine del paese dalla produzione di energia dal petrolio greggio.

 

Nel caso di STEO ( Short Term Term Outlook) di Maggio, la produzione americana di petrolio e altri combustibili liquidi dovrebbe aumentare, raggiungendo 17,6 milioni di barili al giorno nel 2018 e 19,1 milioni di barili al giorno nel 2019, rispetto ai 15,6 milioni di barili al giorno nel 2017 .

 

Lo STEO di Maggio prevede che la produzione di combustibili liquidi russi raggiunga una media di 11,2 milioni di barili al giorno nel 2018 e nel 2019, lo stesso del livello di produzione del 2017. Lo STEO fornisce una previsione di produzione per i membri dell’OPEC nel suo insieme piuttosto che per i singoli paesi. La produzione totale di liquidi per l’OPEC, che nel 2017 era di 39,3 milioni di barili al giorno, è prevista in 39,2 milioni di barili al giorno nel 2018 e 39,5 milioni di barili al giorno nel 2019. Questa previsione tiene conto degli accordi recenti tra i paesi membri dell’OPEC, degli impegni di alcuni produttori non OPEC, come la Russia, a ridurre la produzione. Tuttavia, la non conformità dovrebbe aumentare verso la fine del 2018.

 

GLI STATI UNITI CRESCONO COME ESPORTATORE ENERGETICO E PER LA PRIMA VOLTA NEL XXI SECOLO DIVENTERANNO NUOVAMENTE POTENZA ESPORTATRICE.

 

 

All’inizio del XX secolo gli Stati Uniti divennero un importante fornitore di petrolio per il mondo. La seconda guerra mondiale ha indotto un programma di combustibili liquidi sintetici, ma non è andato oltre la ricerca. Verso la metà del secolo il paese passò dall’essere un grande esportatore a un importatore netto.

 

L’U.S. Energy Information Administration (EIA) ha pubblicato oggi il suo Annual Energy Outlook 2018 (AEO2018), che include il suo caso di riferimento e una serie di casi di sensibilità. Il caso di riferimento AEO2018 mostra un continuo sviluppo dello shale statunitense e delle risorse petrolifere e gassose associate a una modesta crescita del consumo di energia, portando alla transizione degli Stati Uniti da importatore netto di energia ad esportatore netto di energia nella maggior parte dei casi esaminati in AEO2018. “Il sistema energetico degli Stati Uniti continua a subire un’incredibile trasformazione”, ha affermato l’amministratore EIA Linda Capuano. “Questo è più ovvio se si considera che l’AEO mostra che gli Stati Uniti stanno diventando un esportatore netto di energia durante il periodo di proiezione nel caso di riferimento e nella maggior parte dei casi di sensibilità – un insieme di aspettative molto diverse da quelle che immaginavamo persino cinque o dieci anni fa. ”

 

Gli Stati Uniti sono stati importatori netti di energia dal 1953, ma AEO2018 prevede che gli Stati Uniti diventeranno un esportatore netto di energia entro il 2022 nel caso di riferimento. Nei casi di sensibilità AEO2018 che incorporano ipotesi a sostegno di una maggiore crescita della produzione di petrolio e gas naturale o che hanno prezzi del petrolio più elevati, si prevede che questa transizione si verifichi prima. Nel caso dell’Alta industria petrolifera e del gas e della tecnologia, la geologia favorevole e gli sviluppi tecnologici consentono la produzione di petrolio e gas naturale a prezzi inferiori, sostenendo le esportazioni crescenti nel tempo. Nel caso del prezzo elevato del petrolio, prima del 2040, le condizioni economiche sono favorevoli per i produttori di petrolio, supportano quindi livelli più elevati di esportazioni, ma un minore consumo interno. Dopo il 2040, le esportazioni diminuiscono a causa della mancanza di miglioramenti sostanziali nella tecnologia e nei trasferimenti di produzione verso regioni meno produttive.

 

L’AEO2018 presenta proiezioni aggiornate per i mercati energetici statunitensi fino al 2050 sulla base di sette casi (riferimento, bassa e alta crescita economica, prezzo del petrolio basso e alto, risorse petrolifere e del gas basse e alte e tecnologia). Il caso di riferimento AEO2018, che incorpora solo leggi e politiche esistenti, non intende essere una previsione più probabile del futuro. I casi alternativi incorporano diverse ipotesi chiave, che riflettono le incertezze del mercato, della tecnologia, delle risorse e della politica che possono influenzare i futuri mercati energetici.

 

L’aumento dell’efficienza energetica aumenta la crescita della domanda di energia durante la proiezione. Il consumo di energia cresce in media dello 0,4% / anno nel caso di riferimento dal 2017 al 2050. La crescita annua del PIL reale dovrebbe attestarsi al 2,0% a tutto il 2050 nella causa di riferimento.

 

Quasi tutta la nuova capacità di produzione di energia elettrica è alimentata dal gas naturale e dalle fonti rinnovabili dopo il 2022 nel caso di riferimento. Questo è il risultato dei prezzi del gas naturale che rimangono sotto i $ 5 / milioni di unità termiche britanniche fino alla fine del periodo di proiezione e il continuo declino nel costo delle energie rinnovabili, in particolare il solare fotovoltaico.

 

La produzione di liquidi negli Stati Uniti e di gas naturale continua a crescere nel 2042 e nel 2050, rispettivamente. Nel caso di riferimento, si prevede che la produzione di risorse di gas di scisto aumenterà fino alla fine del periodo di proiezione. La produzione di liquidi negli Stati Uniti inizia a declinare verso la fine del periodo di proiezione poiché vengono sviluppate aree meno produttive.

 

AEO2018 è una versione completa di AEO e incorpora aggiornamenti sulle modifiche legislative e normative e include un ampio set di casi di sensibilità e scenari con tabelle browser e fogli di calcolo per tutti i casi. Nei prossimi mesi verranno pubblicati una serie di articoli in merito. Iscriviti per ricevere una notifica via email del rilascio dei prossimi articoli Issues in Focus su: https://www.eia.gov/tools/emailupdates/#forecast.

 

 

NONOSTANTE L’USCITA DAL TRATTATO CLIMATICO DI PARIGI GLI STATI UNITI SONO LA SECONDA POTENZA PRODUTTRICE DI ENERGIE RINNOVABILI

 

L’esplorazione, lo sviluppo e la domanda di energia rinnovabile hanno sempre avuto una spiccata tendenza al rialzo. Fattori quali l’impatto ambientale, l’esaurimento delle scorte di combustibili fossili e i prezzi volatili del petrolio hanno avuto un impatto significativo sulla volontà di aumentare la produzione di energia rinnovabile. Tra il 2010 e il 2014, il consumo di energia rinnovabile dei principali paesi è effettivamente raddoppiato da 168 milioni di tonnellate a 316 milioni di tonnellate di petrolio equivalente.

 

Gli Stati Uniti sono diventati anche il secondo paese produttore di energie alternative dopo la Cina anche se la Cina manca delle risorse naturali che possiede l’America. Fatto sta che la Cina apre la strada con 1.425.180 GWh (Gigawatt ore) di energia rinnovabile prodotta. Anche se la Cina è un paese inquinante a causa del sue pesanti emissioni, in realtà è al primo posto nel mondo per la produzione di energia rinnovabile. L’espansione del consumo di energia rinnovabile è dovuta alla posizione unica della Cina come innovatore tecnologico. Ciò ha comportato una riduzione dei costi di installazione di celle solari e centrali eoliche. Gli Stati Uniti si piazzano secondi con 598.949 GWh. Negli ultimi anni, la generazione di energia non fossile o elettricità nucleare negli Stati Uniti è aumentata costantemente. Questa spinta all’energia pulita negli Stati Uniti è dovuta all’ American Recovery and Reinvestment Act del 2009.

 

Sotto trovate la tabella dei paesi produttori di energie rinnovabili:

 

Rango Paese Energia rinnovabile totale (GWh)

1 China 1.425.180

2 Stati Uniti 598.949

3 Brasile 430.410

4 Canada 422.539

5 India 213.020

6 Germania 195.900

7 Russia 168.616

8 Giappone 154.586

9 Norvegia 140.638

10 Italia 122.556

11 Spagna 110.550

12 Svezia 96.967

13 Francia 95.110

14 Venezuela 81.188

15 Regno Unito 75.721

16 Turchia 64.637

17 Paraguay 59.630

18 Vietnam 52.994

19 Austria 50.881

20 Colombia 47.661

 

 

ALLA LUCE DEI DATI SOPRA ILLUSTRATI QUALI SARANNO LE CONSEGUENZE A LIVELLO GEOPOLITICO MONDIALE A SEGUITO DELLA CRESCENTE POTENZA PRODUTTIVA ENERGETICA E DI RISORSE NATURALI DEGLI STATI UNITI? COME CAMBIERANNO GLI SCENARI E I GIOCHI GEOPOLITICI SU SCALA MONDIALE?

 

https://www.worldatlas.com/articles/top-15-countries-using-renewable-energy.html

 

https://www.eia.gov/todayinenergy/detail.php?id=36292#.WweYlZFj_jA.facebook

 

https://www.eia.gov/pressroom/releases/press453.php

 

 

 

LE CONSEGUENZE POLITICHE DEL SANGUE INNOCENTE NELLA GUERRA MODERNA, di Antonio de Martini

LE CONSEGUENZE POLITICHE DEL SANGUE INNOCENTE NELLA GUERRA MODERNA

Le reazioni al bagno di sangue che ha inaugurato l’apertura della nuova ambasciata americana ha avuto una serie di conseguenze che possono valere quanto una battaglia vinta per molti dei protagonisti.

HA VINTO HAMAS che si è vista implorata per fermare il massacro. Cosa abbia ottenuto in cambio al momento non è noto, ma certamente non ha cessato il suo attacco senza contropartite.

HA VINTO ABU ABBAS che ha mostrato di poter gestire la nuova situazione di contenzioso anche in assenza dell’arbitrato USA, rappresentando tutti i palestinesi, anche Hamas, nei media mondiali.

HA VINTO LA NON VIOLENZA dimostrando che nel villaggio globale le truppe più imbattibili sono quelle disarmate. L’impatto è stato tanto più forte proprio perché tra le truppe armate non c’è stato nemmeno un ferito lieve.

HA VINTO ERDOGAN corteggiato a Londra come un principe reale che ha ritirato gli ambasciatori da Israele e dagli USA ( questo la TV non l’ha detto) proprio nel momento in cui gli americani credevano di averlo obbligato , in piena campagna elettorale, a prendere posizione tra loro e la Russia. Può rimandare la risposta a dopo le elezioni.

HA VINTO L’IRAN che vede l’attenzione del mondo sviata dal tema delle sanzioni e della minacciata guerra americana e israeliana. Missili e bombe hanno perso importanza di fronte alle moltitudini disarmate che vanno all’assalto cantando.

HA VINTO NETANYAHU che nessuno più associa alle indagini di polizia sui trenta milioni di dollari incassati per l’acquisto di otto sottomarini dai cantieri tedeschi. La polizia deve attendere per riprendere l’inchiesta.

HA VINTO PUTIN che adesso rimane unico possibile mediatore del conflitto israelo-palestinese. Gli americani, squalificati dalla scelta di spostare l’ambasciata, ora devono colmare con un fiume di dollari, il fiume di sangue.

PERDE LO STATO DI ISRAELE che, costretto a rappresaglie permanenti, sta subendo la strategia che Churchill applicò alla Germania con le incursioni e i sabotaggi del SOE.

Quando l’intelligence Service di Stewart Menzies protestò perché l’attività di intelligence ne soffriva, rispose che “queste azioni di sabotaggio erano utili perché avevano trasformato i tedeschi nella razza (sic) più odiata del mondo.”

Con ” soli” sessantadue morti e 1360 feriti è una battaglia che ha portato i suoi frutti e per i militari una vittoria di Pirro.
Con truppe armate il costo in vite umane, da entrambe le parti, sarebbe stato molto più pesante.

SPIGOLATURE MEDIORIENTALI, di Antonio de Martini_ a cura di Giuseppe Germinario

Qui sotto due significative spigolature di Antonio de Martini apparse sui social network. La notizia più clamorosa è la vittoria relativa di Moktada Al Sadr in Iraq. Si tratta del leader che con più accanimento ha combattuto l’occupazione americana e contemporaneamente la crescente influenza iraniana nel paese. Non a caso il suo movimento ha progressivamente affievolito l’impronta confessionale ed accentuato il proprio carattere nazionale e nazionalista.

La sua ascesa ci segnala la fragilità di molti stereotipi che hanno guidato l’interpretazione dei fatti nella polveriera mediorientale:

  • la divisione confessionale tra sunniti e sciiti spiega solo in parte, ed in misura decrescente e indiretta, il conflitto e il gioco politico delle fazioni e delle formazioni politiche
  • controllata la sbornia dell’ISIS e del suo tentativo truculento di coniugare l’aspirazione universalistica con l’esigenza di radicamento territoriale, con tutto il corollario di strumentalizzazioni e manipolazioni degli agenti geopolitici più importanti, in particolare degli Stati Uniti, inizia a riprender piede un movimento nazionale dalle sembianze diverse da quelle conosciute negli anni ’70
  • la situazione in Siria e in Iraq, in apparenza del tutto favorevole alla Russia e all’Iran, sta forse rivelando il grande limite della classe dirigente predominante in Iran: l’incapacità di fermarsi al momento giusto e il rischio di compiere un passo più lungo della propria gamba. Ha certamente il grande merito di aver contribuito ad evitare la caduta del regime di Assad e il conseguente genocidio delle minoranze di quel paese. La tentazione di fare della Siria il terreno di confronto con Israele è però sempre più forte e su questo sta incontrando la ritrosia sempre più manifesta dello stesso Assad, sostenuto in questo probabilmente dagli stessi russi. Il viaggio e l’accoglienza riservata a Netanyhau a Mosca non deve essere certo stata dettata dalle sole regole di galateo diplomatico. L’azione dell’Iran si sta spingendo ormai verso l’Atlantico. Di recente ha concesso la fornitura di grosse quantità di armi al Fronte Polisario, una organizzazione ormai dedita più che altro al contrabbando. Con questa mossa ha stuzzicato il Marocco, un paese alleato dei Saud e degli Stati Uniti; ma ha irretito anche l’Algeria, sino ad ora unico contendente del Marocco in quell’area. Anche l’Azerbaijan, paese sciita al confine con l’Iran, non gode ormai dei migliori rapporti con il paese degli ayatollah. La classe dirigente iraniana fatica a dissociare la propaganda oltranzista dalla diplomazia; è il segno della porosità di quel regime alle infiltrazioni e della radicalità del conflitto presente in essa.

Nelle more godiamoci, attraverso la sequenza fotografica di questi giorni colta da un giornalista americano presente “casualmente” all’Hotel Prince de Galles di Parigi; un’anteprima, un trailer dello spettacolo prossimo venturo del quale potremo godere

Ritraggono rispettivamente Seyed Hossein Mousavian, negoziatore iraniano sul nucleare nel 2005, Kamal Kharazi, ex ministro degli esteri iraniano, Abolghassem Delfi, attuale ambasciatore iraniano a Parigi, di spalle John Kerry all’uscita dall’hotel. In un precedente articolo http://italiaeilmondo.com/2018/05/06/diplomazie-parallele-di-giuseppe-germinario/ avevamo segnalato il corso di diplomazie parallele implicate nell’affaire Iran-USA. Queste foto ci segnalano probabilmente l’avvio di una campagna politica decisamente meno “nobile”. Il vecchio establishment americano, al momento di scatenare la campagna denigratoria verso Trump pensava di disporre del monopolio delle informazioni più riservate e private degli avversari politici. Un vantaggio indiscutibile in una contesa dai colpi bassi sempre più sconcertanti. Hanno scoperchiato invece un vaso di Pandora. Gli iraniani non devono aver preso molto bene il fallimento dell’accordo recentemente disconosciuto da Trump e l’inutilità dei loro eventuali atti di generosità. In pratica si profila uno scandalo simile a quello che sta travolgendo Sarkozy, con i suoi benefici finanziari ricevuti da  Gheddafi. E’ il segno che l’afflato pacifista, al pari di quello guerrafondaio, è il più delle volte corroborato e svilito da interessi molto più prosaici e particolaristici sui quali è facile scivolare. Una debolezza che spiegherebbe almeno parzialmente tanta insulsaggine, tante paralisi e tanti immobilismi, compresi quelli dei paesi europei, giustamente sottolineati da de Martini. Buona lettura_Giuseppe Germinario

IRAK: ALTRO BRILLANTE SUCCESSO DI AISE & CIA

Si potrebbe fare un gemellaggio tra Roma e Bagdad o almeno tra il PD e il partito di Abadi, il premier sconfitto alle urne.

Le elezioni sono ancora nella fase di spoglio, ma MOKTADA EL SADR, il mullah contrario all’Iran, come agli americani, è il vincitore col 54% dei voti espressi, mentre il servetto della CIA, Abadi, primo ministro uscente, si è classificato terzo dopo Allawi, l’ex cocco degli USA che li ha mandati a quel paese tre anni fa e ha fatto un partito suo.

MOKTADA EL SADR rappresenta la parte più bisognosa e sana della popolazione, ha istigato due rivolte armate contro le truppe occupanti ed è sospettato di essere dietro l’attentato di Nassirya.

Lusinghe e minacce non lo hanno mai piegato e non ha simpatizzato nemmeno con Teheran.

Il patriottismo di El SADR è fuori discussione e questo avrebbe potuto essere utile agli USA se solo avessero voluto veramente liberare l’Irak e instaurare un regime democratico.

Cercavano un servo. Lo hanno trovato che era vice presidente della Camera. Tutti sappiamo cosa vale un vice presidente. Lo hanno fatto premier e finanziato.
Si è classificato terzo su tre.

Complimenti anche all’AISE che presidiava la zona in cui EL SADR era più forte ed avrebbero potuto scovarlo e coltivarne il talento politico.

Peccato che abbiano mandato come capo centro un ufficiale che parlava solo lo spagnolo.
Magari con un po di inglese sarebbe riuscito almeno a non farsi sparare ai posti di blocco.

TRUMP SCONFESSA L’EUROPA. L’IRAN NON C’ENTRA.

Nessuno ha fatto notare la differenza di trattamento USA a Iran e Corea del Nord.

L’Iran , ha accettato di trattare con l’ONU ( tutti i membri permanenti del Consiglio piu la Germania) e di limitare il proprio sviluppo nucleare, sotto controllo AIEA, viene ad essere oggetto di nuove sanzioni ( e chi commercia con esso, di minacce sgangherate), mentre la Corea del Nord che ha completato il suo arsenale nucleare, è stata promossa da ” Stato canaglia” a cocco di papà Trump nel giro di tre mesi.

Abbiamo tutti constatato cosa sia accaduto a Saddam Hussein, Gheddafi e Assad per aver rinunziato ai WMD “mezzi di sterminio di massa”.

Disarmarsi non è dunque una opzione valida per sopravvivere. Anzi.

Proseguiamo la meditazione con due constatazioni destinate a condizionarci l’esistenza futura:

a) nessun paese dotato di armi nucleari è mai stato oggetto di invasioni, proxy guerre e rivoluzioni pseudo democratiche. Anche solo disporre di un ordigno senza vettore da usare come mina, garantisce dalle invasioni. Nemmeno il Pakistan.

b) chi esce con le ossa rotte da questa vicenda sono i paesi membri del consiglio di sicurezza più la Germania e meno gli Stati Uniti.

Credo proprio che l’intera operazione serva a dimostrare al mondo che chi conta sia soltanto il governo USA e che l’Europa, la Russia, la Cina, anche messi assieme, non contino granché, quindi ogni accordo con loro è caduco.

Basta un qualsiasi Trump per ridurre a zero la loro credibilità.
Mondo multipolare un corno.

Dall’accordo sul clima alla Corea del Nord, se non hai il bollino qualità degli USA non hai alcuna garanzia di essere dalla parte della legalità internazionale.

L’unico rischio che corrono gli USA è che la frequentazione di Russia e Cina ( e India?) potrebbe piacerci.

La solitudine in casa e fuori non fece bene a Macbeth, non farà bene a Trump.

Contenziosi in terra straniera, di Antonio de Martini

Trump era stato avvertito che rompere unilateralmente l’accordo JCPOA avrebbe avuto conseguenze sul piano militare.

Ieri l’Iran e Israele si sono scambiati una ventina di missili per parte avendo cura di non mirare a zone abitate.
Gli obbiettivi di entrambi sono in territorio siriano beninteso.

Gli iraniani hanno portato la guerra al confine di Israele colpendo la provincia di Quneitra ( alture di Golan), dopo che tutti gli sforzi occidentali miravano a perpetuare la guerra alla frontiera turca.

Il gioco è chiaro: se Trump colpirà l’Iran, questo colpirà Israele, il quale a sua volta colpirà la Siria.

L’Europa – rappresentata da Francia,Germania e Inghilterra, assente l’Italia, hanno preso per la prima volta ufficialmente, le distanze dalla politica USA.

Presto dovremo anche noi decidere se correre il rischio di perdere il cliente americano che ci compra le mozzarelle e l’olio di oliva, oppure il cliente iraniano che compra da noi tecnologia.

Unica ragione di ottimismo è la presenza in questi giorni a Mosca – per la celebrazione della vittoria su Hitler- di Netanyahu che sta trattando con Putin.

Il mezzo milione di russi ortodossi,spacciatisi per ebrei che lasciarono l’URSS e adesso costituisce ormai una colonia russa in Israele ( e ha creato un partito) assume valenza determinante nel mosaico del Levante.

Ha offerto un argomento negoziale comune alla Russia e a Israele e costituisce motivo per Netanyahu per non trascurare la mediazione di Putin e per Putin di voler salvaguardare anche Israele.

La Russia, celebrando più che la vittoria i suoi 20 milioni di morti che hanno salvato l’Europa dal nazismo, dice all’Occidente che non teme di perdere altri venti milioni di soldati.

Ricevendo l’ospite israeliano a Mosca durante questa crisi, Putin mostra che la via del compromesso di pace passa dal Cremlino mentre Trump non è riuscito a far chiudere la bocca nemmeno a una puttana.

In questo momento di grandi scelte, un governo Di Maio Salvini , con Mattarella al Quirinale, mi fa venire la pelle d’oca.

Sergey Lavrov alla BBC, il 19 aprile 2018_ a cura di Giuseppe Germinario

Qui sotto la trascrizione dell’intervista del Ministro degli Esteri di Russia, Sergey Lavrov, concessa durante il programma HardTalk della BBC britannica. Nel suo stile asciutto e duro Lavrov ci offre ancora una volta il punto di vista russo sui due più recenti punti di crisi internazionale nei quali è coinvolta la Russia. Giuseppe Germinario https://www.youtube.com/watch?time_continue=12&v=-zJ41whNgR0

 

Intervista di Sergei Lavrov della BBC

Russia , Sergey Lavrov

 

Intervista del Ministro degli Esteri russo – per prendere una visione critica …

Fonte: S. Hasan, 19-04-2018

trascrizione:

Reporter: Sergey Lavrov, benvenuto in Hard Talk . La scorsa settimana, il mondo era profondamente preoccupato per la possibilità di un conflitto armato diretto tra Stati Uniti e Russia. Secondo lei, quanto siamo stati vicini a questo scenario?

Sergey Lavrov: Non penso che siamo stati molto vicini. Penso che questa situazione sia stata creata dai nostri colleghi occidentali che si sono comportati in modo molto irresponsabile. Hanno accusato le autorità siriane di usare armi chimiche contro la popolazione civile e allo stesso tempo ci hanno accusato di alleati del governo siriano. Sapendo che lo hanno fatto senza aspettare che gli ispettori dell’OPCW visitino i locali. In effetti, è stato proprio nel momento in cui i rappresentanti dell’OPCW erano pronti a viaggiare dal Libano alla Siria per realizzare questi scioperi. Come ha spiegato il nostro esercito, il canale di collegamento per prevenire incidenti non pianificati (i cosiddetti “deconflicing”) funziona continuamente.

Reporter: Quindi per essere chiari ed evitare il gergo, ho capito bene che gli Stati Uniti e i loro alleati ti hanno precedentemente informato degli attacchi in preparazione, e tu, dalla tua parte, ti sei assicurato che la Russia non reagirà?

Sergey Lavrov: Preferirei non entrare nei dettagli di questi contatti di lavoro tra i nostri militari. I militari russi e americani hanno un canale di collegamento tra le due capitali e anche in Siria stessa, ei nostri soldati discutono queste questioni in modo molto professionale tra loro. Si capiscono molto bene. Probabilmente capiscono meglio di chiunque altro il rischio di simili avventure.

Reporter: Mr. Lavrov, questa crisi non è finita, vero?

Sergey Lavrov: Dipende da chi ha organizzato questa intera crisi.

Reporter: guardando le dichiarazioni dei tuoi diplomatici, la conclusione si autoinvita. Ad esempio, il tuo ambasciatore negli Stati Uniti ha detto che questi attacchi aerei non sarebbero senza conseguenze. Vladimir Putin l’ha definito un atto illegale di aggressione. Il mondo vuole sapere cosa intende fare la Russia?

Sergey Lavrov: È una dichiarazione di fatto. E ci sono inevitabilmente conseguenze. Direi che abbiamo perso i resti di fiducia per i nostri amici occidentali che preferiscono basare le loro azioni su una logica molto strana – “non c’è punizione senza colpa”. Ad esempio, ci puniscono prima per Salisbury e poi aspettiamo Scotland Yard per finire l’inchiesta. Prima puniscono per Duma in Siria e poi aspettano che gli esperti dell’OPCW vengano a esaminare i luoghi. In altre parole, questa ‘troika’ dei paesi occidentali agisce secondo il principio ‘se sei punito, sei colpevole’.

Giornalista: Riguardo agli incidenti che hai citato – Duma e il caso Skripal – ne parleremo in dettaglio con te. Ma prima vorrei ancora parlarti dello stato delle nostre relazioni diplomatiche. Nikki Haley, rappresentante permanente degli Stati Uniti presso l’ONU, ha dichiarato che gli Stati Uniti rimangono “in ordine di lavoro”. Come puoi rispondere a tali affermazioni?

Sergey Lavrov: Mi sembra che prima avrebbero dovuto sistemare la casa a Washington. Crediamo che affermazioni di questo tipo possano essere fatte solo dal capo dell’esercito o dai vertici militari. Come ho detto, i militari russi e statunitensi hanno un canale di collegamento per prevenire incidenti non pianificati, ma sono informazioni riservate.

Reporter: stai parlando del deficit di fiducia, stai parlando di una totale mancanza di fiducia tra la Russia e gli Stati Uniti.

Sergey Lavrov: Ho detto che stiamo perdendo la fiducia rimanente, non siamo ancora a 0.

Reporter: Non ancora 0. Mi chiedo, al livello più elementare, quando tu, ministro degli Esteri russo, ti alzi la mattina e leggi su Twitter che il Presidente e Capo delle forze armate degli Stati Uniti ti sta minacciando di fatto e ti disse: “Russia, sii pronto! Nuovi e intelligenti nuovi missili stanno arrivando! ‘. Cosa ne pensi di questo?

Sergey Lavrov: Beh, mi dico che il presidente degli Stati Uniti ha pubblicato un tweet.

Reporter: E come reagisci ai suoi Tweet?

Sergey Lavrov: Come si suol dire, dobbiamo giudicare a pezzi. Abbiamo deciso di vedere come questi missili “belli, nuovi e intelligenti” verranno mostrati durante gli attacchi e abbiamo calcolato che due terzi dei missili non hanno colpito il bersaglio perché sono stati intercettati.

Reporter: Ma non hai prove, vero?

Sergey Lavrov: il Ministero della Difesa russo ha presentato la sua valutazione ed è pronto per una discussione professionale su questo argomento.

Giornalista: Torneremo alla verità delle informazioni fornite da tutti gli attori in questo conflitto, ma ora parliamo di diplomazia. Il primo ministro britannico Theresa May e il presidente francese Emmanuel Macron hanno reso molto chiaro nelle loro dichiarazioni che l’unico scopo dell’operazione era quello di ridurre e impedire l’uso dell’arma chimica da parte delle autorità siriane. L’operazione non aveva lo scopo di influenzare il corso del conflitto siriano e certamente non mirava a rovesciare il regime siriano a Damasco.

Sergey Lavrov: Questo è quello che dicono.

Reporter: E non sei d’accordo?

Sergey Lavrov: No, non siamo d’accordo. Il tuo spettacolo si chiama ‘Hard talk’, ma abbiamo bisogno di ‘fatti concreti’. E tutte queste affermazioni molto probabilmente sono semplicemente ridicole.

Reporter: Mi scusi, quando dici “molto probabilmente”, ti riferisci all’analisi che le forze governative di Assad hanno usato l’arma chimica in Duma?

Sergey Lavrov: No, quando parlo della frase “altamente probabile”, intendo dire che è una nuova invenzione della diplomazia britannica dietro la quale il Regno Unito si nasconde quando punisce le persone. Dichiara che queste persone sono “molto probabili” colpevoli. Sai, nell’Alice in Wonderland di Lewis Carroll c’è la scena del processo, e quando il re chiede: “Devi prima ascoltare i giurati?”, La regina grida: “No! In primo luogo, la condanna e il verdetto dei giurati in seguito! Questa è la logica del “più probabile”.

Reporter: Ok, questa è la tua opinione. Parliamo di quello che è successo a Duma. Lasciatemi iniziare prima con una domanda molto semplice. La Russia si oppone all’uso dell’arma chimica e pensa che chi usa l’arma chimica debba essere punito, non è vero?

Sergey Lavrov: questa è una domanda? Pensavo che fossi molto meglio informato sulla posizione russa in merito. Fai una domanda con una risposta ovvia.

Reporter: è ovvio, sei d’accordo. Poiché hai firmato accordi appropriati, condividi la determinazione della comunità internazionale a vietare e eliminare completamente le armi chimiche.

Sergey Lavrov: Sì, e molto altro; nel 2017 abbiamo completato il programma di distruzione di armi chimiche in Russia, e questo è stato confermato ufficialmente dall’OPCW. L’intero Comitato esecutivo dell’OPCW ha accolto con favore questo passo. Mentre gli Stati Uniti, purtroppo, non hanno ancora mantenuto le promesse e preferiscono invece respingerlo per sempre.

Giornalista: Ma se ho appena affermato e l’impegno della Russia in questo senso è chiaro, allora certamente vorrete che i colpevoli dell’uso di armi chimiche in Duma (e il loro uso è confermato da prove travolgente) siano puniti?

Sergey Lavrov: Aspetta, aspetta. Stai andando troppo veloce con i “fatti”, di nuovo.

Reporter: non la penso così

Sergey Lavrov: Il 7 aprile non ci sono prove dell’uso di armi chimiche a Duma, e tu hai già …

Reporter: Ma ci sono prove

Sergey Lavrov: Puoi … Puoi [smettere di interrompermi]?

Giornalista: Emmanuel Macron e i francesi hanno dichiarato chiaramente di avere informazioni sui voli dell’elicottero del governo siriano su Douma. Hanno foto di bombole di gas trovate sulla scena dell’attacco. Hanno anche registrato tutti gli usi delle armi chimiche da parte del governo siriano negli ultimi anni. Se combini tutti questi elementi, nella misura in cui i francesi, gli americani, gli inglesi …

Sergey Lavrov: Non posso permettermi di essere scortese con gli altri capi di stato (né con il capo del mio stato, ovviamente), ma hai citato leader da Francia, Regno Unito e Stati Uniti. STATI. Ma francamente, tutte le prove cui si riferiscono sono tratte dai media e dai social network. Ad esempio, bombole di gas. Ho visto questa foto – una bottiglia di gas su un letto, mentre il letto è intatto, il vetro della finestra non è rotto. Ascolta, devi essere un po ‘più serio. Puoi spiegarmi perché colpire (Siria) se il giorno seguente, gli ispettori dell’OPCW andranno sul posto per esaminare quello che affermano sia successo?

Giornalista: Il rappresentante degli Stati Uniti dell’OPCW dice che ci sono seri motivi per temere che la Russia stia cercando di distruggere le prove a Duma. Puoi dire dalla tua parte che la Russia non stava facendo nulla del genere?

Sergey Lavrov: Sì, posso garantirlo, ma sai, è assolutamente la stessa logica di Theresa May su Salisbury. Quando abbiamo chiesto a dozzine di domande, quando abbiamo chiesto di organizzare un sondaggio congiunto, quando abbiamo chiesto l’accesso al processo di raccolta dei campioni, lei ha risposto di no, non risponderanno a nessuna domanda finché La Russia non risponderà alle loro. Ma l’unica domanda che ci è stata posta è stata questa: “Spiegaci come hai fatto. E’ Vladimir Putin che ha ordinato di avvelenare questi due sfortunati? O è dovuto al fatto che hai perso il controllo delle tue scorte di armi chimiche? “Per qualsiasi persona ragionevole, questa è una situazione particolarmente strana … Ma torniamo a Duma.

Giornalista: Sì, tornerò allo Skripal, ma intanto tornerò a Duma e alla questione della credibilità. Prima hai dichiarato che l’incidente (chimico) a Duma non si era verificato. Poi la Russia ha cambiato la sua posizione e ha detto che è successo qualcosa, ma è stato messo in scena dai paesi russofobi.

Sergey Lavrov: In effetti, non ci sono stati incidenti (chimici). Quello che c’era è una messa in scena. Non sono state usate armi chimiche.

Reporter: Lei pensa che il Regno Unito sia coinvolto in questo finto attacco di armi chimiche a Duma, vero?

Sergei Lavrov: la storia ha avuto molti precedenti simili negli ultimi decenni. Ciò che effettivamente pensiamo e le nostre informazioni potrebbero condividere le informazioni necessarie con i loro colleghi britannici, è …

Giornalista: Ma tu dici di avere prove inconfutabili che si tratta di un falso, una messa in scena. Tu dici che i volontari dei White Helmets sono coinvolti. Dove sono le tue prove inconfutabili?

Sergey Lavrov: Per avere prove inconfutabili devi andare sulla scena, e il …

Reporter: Dove è la prova concreta che questo è stato messo in scena dai caschi bianchi, con il sostegno del governo britannico? Stiamo parlando di credibilità. Dov’è la tua credibilità?

Sergey Lavrov: Quello che ho detto è che i White Helmets, come sappiamo, funzionano solo nel territorio controllato dall’opposizione, incluso il gruppo Front al-Nusra. Sappiamo che i White Helmets suonano regolarmente l’allarme su presunti incidenti chimici, come un anno fa a Khan Cheikhoun, che si è rivelato un falso dall’inizio alla fine. Tutti sanno che i White Helmets sono finanziati da diversi paesi, tra cui il Regno Unito.

Reporter: Ma queste non sono prove inconfutabili.

Sergey Lavrov: Un secondo. Prova inconfutabile di cosa?

Reporter: hai detto che hai prove inconfutabili che un paese russofobico, e tu intendevi il Regno Unito, stava lavorando con i White Helmets per mettere in scena l’incidente.

Sergey Lavrov: Un secondo. Perché dici che ho designato il Regno Unito? Non devo dire quello che non ho detto. Ho detto “uno stato che cerca di essere il primo tra i ranghi della campagna russofoba”. Quindi prova a citarmi senza distorcere, altrimenti non è molto professionale.

Quindi, parlando di prove inconfutabili, gli ispettori dell’OPCW hanno accettato di condurre un’indagine per scoprire cosa è successo a Duma. Sono venuti in Libano. Le autorità siriane hanno detto loro che avrebbero ottenuto i loro visti immediatamente all’arrivo al confine. Sette ore dopo, la Siria fu colpita. Perché farlo alla vigilia dell’arrivo degli ispettori?

Reporter: se risultasse che i governi di Francia, Regno Unito e USA avevano ragione e torto, e se il presidente siriano Bashar al-Assad ha continuato a usare l’arma chimica, lo ha fatto nel 2013 nella Ghouta facendo fino a mille morti, come ha fatto un anno fa a Khan Sheikhoun o come ha appena fatto a Douma, secondo gli americani e i loro alleati. Se si scopre che hanno ragione e hai torto, riconoscerai che il presidente Bashar al-Assad deve essere punito?

Sergey Lavrov: Sai, non mi senti. Più esattamente non mi ascolti. Ho appena detto che l’atto di aggressione è stato commesso meno di un giorno prima dell’inizio del presunto attacco chimico da parte di ispettori internazionali, compresi i cittadini statunitensi, a quanto ho capito.

Ora, riguardo a quello che è successo un anno fa a Khan Sheikhoun. Era il 4 aprile. Il giorno successivo, il segretario di stato americano Rex Tillerson mi ha telefonato e ha chiesto un accordo dalle autorità siriane per consentire agli ispettori internazionali di esaminare la base aerea da cui l’aereo è decollato, presumibilmente con a bordo questa bomba chimica. . La mattina dopo abbiamo detto agli americani che l’accordo è stato raggiunto. Hanno risposto, ‘no, grazie’ e hanno colpito il giorno successivo. Abbiamo chiesto che gli ispettori dell’OPCW entrassero in scena, ma ci è stato detto che era molto pericoloso e che in ogni caso non era necessario perché gli inglesi e i francesi avevano già tutti i campioni necessari Abbiamo quindi chiesto agli inglesi e ai francesi di spiegarci come sono riusciti a ottenere i campioni in un posto così pericoloso. Forse hanno contatti con i caschi bianchi che controllano questo territorio. Hanno risposto che questa informazione era confidenziale.

Ci sono molti altri fatti che vorremmo chiarire e molte altre domande legittime in risposta all’unica domanda che sentiamo dai leader e dai media occidentali: “Perché l’hai fatto?” Perché hai usato l’arma chimica nel Regno Unito? Perché stai coprendo Bashar al-Assad? E ora fai affidamento su queste affermazioni per dire: “E se si scopre che hai sbagliato, allora?” È molto interessante come …

Reporter: tu sei il capo della diplomazia russa. Se si sono verificati altri incidenti chimici e gli Stati Uniti, il Regno Unito, la Francia e altri paesi hanno ritenuto che fosse opera di Bashar al-Assad, è certo che ci sarebbero stati nuovi attacchi ancora più massicci. Quale potrebbe essere il risultato? La Russia prenderà le contromisure?

Sergey Lavrov: Prima di parlare di “nuovi incidenti”, bisogna prima dimostrare che Bashar al-Assad ha effettivamente usato l’arma chimica. Posso darti un breve …

Reporter: ho solo fatto una domanda molto semplice perché il mondo vuole saperlo. Secondo Nikki Haley, gli Stati Uniti sono “carichi e pronti a sparare” e se credono – non importa cosa pensate dalla vostra parte – che Bashar al-Assad abbia usato di nuovo armi chimiche, è chiaro che ci sarebbe stata una risposta militare da loro ancora più massiccia. Come reagirebbe la Russia a questo?

Sergey Lavrov:Sai, non lavoro in chiaroveggenza. Quello che so è che qualche tempo fa, tre paesi occidentali, che stanno attualmente conducendo questa campagna isterica, hanno avvertito che se Bashar al-Assad avesse usato armi chimiche, avrebbero usato il forza. Lo considero un segnale per i “cattivi”, specialmente i White Helmets, per organizzare le provocazioni. Ora, dopo l’attacco aereo del 14 aprile, dicono di nuovo che in caso di un nuovo incidente, riutilizzeranno la forza. E questo è un altro segnale per i combattenti e gli estremisti per rilanciare le attività militari, che hanno già fatto. Subito dopo l’attacco aereo, tentarono di lanciare un’offensiva contro Damasco. Cosa intendo, è che quando alcuni dicono che la Russia è responsabile per (adempimento degli impegni) di Bashar al-Assad nel contesto della Convenzione sulla proibizione delle armi chimiche, è semplicemente disgustosa. Abbiamo condotto questo lavoro insieme agli Stati Uniti.

Reporter: un’ultima domanda sulla diplomazia prima di affrontare altri argomenti. Oggi gli Stati Uniti proporranno al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di prendere in considerazione una nuova risoluzione che ritengono sia necessaria per avvertire Bashar al-Assad a nome della comunità internazionale che non può più ricorrere alle armi chimiche. Sei pronto a collaborare con gli Stati Uniti all’ONU? Smetterete di porre il veto su tutte le risoluzioni proposte dagli Stati Uniti e dai suoi alleati?

Sergey Lavrov: non tutte le risoluzioni. Se stiamo parlando della ripresa del meccanismo investigativo, che non è trasparente o indipendente e che emette la sentenza senza attendere il verdetto del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, ovviamente non saremo in grado di accettarlo. . A proposito, …

Reporter: non accetti.

Sergey Lavrov: Sai cosa penso? Steve, per favore, lasciami parlare. Penso che l’unico scopo di questa risoluzione è dare l’impressione se la Russia e la Siria accettino di cooperare, il che è impossibile a causa del contenuto; ma se accettiamo, vorrebbero presentarlo in modo che siano le bombe a costringerci a negoziare. Ecco perché la risoluzione richiede che le autorità siriane accettino i negoziati. Ignorando il fatto che il principale gruppo di opposizione che sostengono, il cosiddetto gruppo Riyadh nella persona del suo presidente Nasser al-Hariri, che ha recentemente invitato gli Stati Uniti a utilizzare le armi non solo quando viene usata l’arma chimica, ma ovunque l’opposizione stia combattendo contro le forze governative.

Reporter: alcune brevi domande. Primo, pensi che Bashar al-Assad sia uscito vittorioso da questa interminabile guerra siriana?

Sergey Lavrov: Non pensare ai vincitori e ai vinti, o di Bashar al-Assad o dei suoi avversari. Soprattutto, dobbiamo pensare al popolo siriano che ha bisogno di una pausa dagli orrori di 8 anni di conflitto.

Reporter: qual è l’obiettivo finale della Russia in Siria? Negli ultimi tempi, Mosca ha inviato sempre più materiale e risorse umane. Questo significa che intendi aiutare Bashar al-Assad finché non controlla ogni centimetro del territorio siriano?

Sergey Lavrov: Il nostro obiettivo è proteggere la Siria dall’aggressione iniziata il 14 aprile e che questi tre paesi, come si suol dire, intendono continuare.

Reporter: Intendi consegnare al presidente siriano Bashar al-Assad il tuo nuovissimo sistema anti-aereo S-300? Se è così, questo potrebbe essere di grave preoccupazione per Israele.

Sergey Lavrov: il presidente russo Vladimir Putin ha già risposto a questa domanda. Ha ricordato che alcuni anni fa, su richiesta dei nostri partner, abbiamo deciso di non consegnare l’S-300 in Siria. Ora, dopo un disgustoso atto di aggressione da parte di Stati Uniti, Francia e Regno Unito, studieremo le opzioni per garantire la sicurezza dello stato siriano.

Reporter: se ho capito bene, gli eventi degli ultimi giorni ti hanno spinto a riconsiderare la tua posizione e ora sei incline a fornire questi moderni sistemi di difesa aerea in Siria?

Sergey Lavrov: Questo ci convince che dobbiamo fornire alla Siria tutto il necessario per aiutare l’esercito siriano a prevenire l’aggressione.

Giornalista: almeno 500.000 persone sono state uccise in sette anni di guerra in Siria. Almeno 12 milioni di persone hanno dovuto lasciare le loro case. Almeno 5 milioni di loro finiscono fuori dalla Siria. Pensi seriamente che Bashar al-Assad sia davvero in grado di unire il paese, sanare le ferite e guidare la Siria?

Sergey Lavrov: Non abbiamo mai detto niente del genere. Il nostro approccio si riflette nella risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite: sono gli stessi siriani che devono decidere il destino della Siria. Abbiamo bisogno di una nuova Costituzione, elezioni, e che i siriani decidano da soli. I tentativi incessanti di frantumare la Siria vanno contro ciò che viene detto pubblicamente e ufficialmente. Inoltre, la Siria non è la sola a subire le terribili conseguenze della guerra civile. Guarda Iraq e Libia. E ora quelli che mettono questi paesi in questo stato vogliono la stessa cosa fatta in Siria.

Giornalista: Ora parliamo del caso di Sergei Skripal e di sua figlia Yulia che sono stati avvelenati nella città di Salisbury, nel sud dell’Inghilterra. Oggi, in questa intervista, hai detto che la fiducia era importante. Lei, ministro degli Esteri russo, sostiene che i servizi britannici noti per la loro “autorizzazione ad uccidere” sono coinvolti in questo incidente. Forse queste ultime osservazioni erano uno scherzo da parte tua. Dimmi, pensi davvero che la tua versione verrà presa sul serio?

Sergey Lavrov: Ci è stato detto che “molto probabilmente” gli Skripal sono stati avvelenati dai russi perché non c’è altra spiegazione plausibile. Ecco perché abbiamo detto che c’erano altre versioni plausibili.

Reporter: ma la tua versione non è credibile.

Sergey Lavrov: E perché?

Reporter: hai qualche prova che i servizi britannici abbiano cercato di uccidere Sergei Skripal?

Sergey Lavrov: I romani avevano già un criterio: “Cerca chi trae vantaggio dal crimine”. Penso che la provocazione in Siria e nel territorio britannico sia stata estremamente vantaggiosa per il Regno Unito. Oggi il Regno Unito si trova in prima linea nella politica mondiale con un modo così molto negativo, aggressivo e strano.

Reporter: permettimi di sottolineare l’inconsistenza della tua posizione. Durante l’intervista, lei ha sottolineato con forza l’impegno della Russia nei confronti di tutte le convenzioni e gli accordi internazionali sul divieto delle armi chimiche, incluso il sostegno al lavoro dell’OPCW.

Sergey Lavrov: È vero.

Reporter: E supporti in particolare l’attività dell’OPCW

Sergey Lavrov: È vero

Reporter: Sai meglio di me che l’OPCW ha inviato i campioni della sostanza neuro-paralitica utilizzata a Salisbury in quattro diversi laboratori, e tutti hanno confermato che si trattava di ‘Novitchok’ (come ha detto il governo britannico ) di alto livello di purezza.

Sergey Lavrov: E questo è precisamente il problema. La presenza stessa della sostanza A-234 ad alto livello di purezza e concentrazione molto elevata è sospetta perché …

Reporter: è chiaro che viene dalla Russia, l’ex Unione Sovietica. Tutti sanno che hai inventato questo gas neuro-paralitico.

Sergey Lavrov: atteniamoci ai fatti. Potresti essere un asso per fare domande difficili, ma devi anche sapere come ascoltare! In effetti, questa sostanza è stata sviluppata nell’Unione Sovietica, ma poi uno dei suoi inventori è fuggito negli Stati Uniti e ha pubblicato la formula di accesso aperto. Dovresti controllare tu stesso queste informazioni per sollevare il problema. Gli Stati Uniti hanno persino brevettato questa formula e questa sostanza è ufficialmente in servizio nell’intelligence americana o nell’esercito, non lo so. A-234 è una sostanza che uccide rapidamente e quindi evapora rapidamente. Questo è il motivo per cui i nostri ricercatori affermano che i campioni prelevati due settimane dopo non possono in ogni caso contenere una “concentrazione molto alta” di questa sostanza.

Giornalista: Torniamo alla domanda su chi crediamo o no. Forse quello che stai dicendo è credibile in Russia, ma non nel resto del mondo. Più di 100 diplomatici russi sono stati espulsi da oltre 20 paesi occidentali perché credono che la Russia sia colpevole.

Sergey Lavrov: Se vuoi ancora parlare di sostanza, lasciami aggiungere questo. Sabato abbiamo presentato un documento con le conclusioni del Centro Spiez per chimica spaziale e chimica (uno dei laboratori che hai citato) che in realtà ha scoperto una “concentrazione elevata” di A-234, ma a parte che …

Reporter: ti sto chiedendo: ti fidi dell’OPCW o no? La domanda è molto semplice. Sembra che non ti fidi di loro.

Sergey Lavrov: Mince! Per un inglese hai modi orribili. Il rapporto del laboratorio svizzero afferma anche che per prima cosa hanno scoperto la sostanza BZ, inventata, se non sbaglio, nel 1955 negli Stati Uniti, e messa in servizio negli eserciti americano e britannico. Abbiamo inviato all’OPCW, di cui ci fidiamo, una richiesta per confermare o smentire che oltre all’A-234, il laboratorio svizzero avrebbe scoperto dei campioni BZ. Ora stiamo aspettando una risposta dall’OPCW, di cui ci fidiamo, ovviamente. Ma come diciamo, fidatevi ma controllate comunque.

Reporter: non abbiamo quasi più tempo e devo ancora farti una domanda sulle sanzioni. Il Dipartimento delle finanze degli Stati Uniti si sta preparando ad annunciare nuove sanzioni contro i russi e le compagnie che si ritiene siano legate all’esercito siriano. Il mercato azionario russo si era gravemente indebolito a causa delle precedenti sanzioni imposte dal governo degli Stati Uniti. La Russia è ai piedi del muro.

Sergey Lavrov: Grazie per la tua compassione. Ma non ti preoccupare, staremo bene. E non è …

Reporter: il mercato azionario è crollato del 10%, il rublo è sceso contro il dollaro.

Sergey Lavrov: Non hai vissuto momenti difficili in passato? Ti ricordi, George Soros aveva giocato contro il tuo mercato azionario e aveva collassato la Sterlina? Ma queste non sono solo minacce per punire coloro che hanno contatti con il governo siriano. In realtà, vogliono punire tutti i russi per aver fatto la scelta “sbagliata” nelle elezioni presidenziali. Dicono che non faranno mai del male ai russi del giorno, ma solo agli oligarchi, ai politici e ai militari che presumibilmente destabilizzeranno il mondo, ma mentono. Il loro vero desiderio è di creare problemi a centinaia di migliaia di russi, a coloro che sono stati impiegati a …

Reporter: E questo è il tuo punto debole.

Sergey Lavrov: Sì, sì.

Reporter: E questo è il tuo punto debole. Potresti avere il più potente arsenale nucleare del mondo, come ha affermato il presidente russo Vladimir Putin, ma la tua economia è debole e vulnerabile.

Sergey Lavrov: Sì, lo è, e lo sappiamo. Ma la nostra economia ha attraversato molte difficoltà dalla seconda guerra mondiale. Posso assicurarvi che il governo e il presidente sono attenti a mettere in atto le necessarie riforme, e questo era il tema principale della prima parte del discorso del presidente russo all’Assemblea federale. Nella seconda parte, quando ha parlato di nuovi armamenti, ha concluso con l’idea che siamo sempre pronti al dialogo sulla base del rispetto reciproco e dell’equilibrio degli interessi.

Reporter: e ultima domanda. Il Segretario Generale della Nazioni Unite Antonio Guterres ha recentemente affermato che il mondo era di nuovo immerso in una guerra fredda, ma se in precedenza c’erano meccanismi che hanno avvertito la possibilità di escalation tra gli USA e l’URSS, oggi questi meccanismi sembrano essere assenti. Questa conclusione è terrificante. Hai lavorato al tuo posto per 13 anni. Possiamo descrivere il periodo attuale come il più terribile nella tua memoria?

Sergey Lavrov: Uno dei meccanismi è quello di avere normali canali di comunicazione. I canali di comunicazione tra Mosca e Londra sono stati chiusi all’iniziativa britannica. I contatti tra le forze armate e tutte le agenzie responsabili della lotta contro il terrorismo sono stati interrotti molto tempo fa, sempre per iniziativa di Londra. Il Consiglio NATO-Russia, che era un meccanismo molto utile per promuovere la fiducia e la trasparenza nelle relazioni, è stato de facto chiuso dalla NATO. Ora la NATO vuole solo parlare dell’Ucraina su questa piattaforma. L’UE ha inoltre chiuso tutti i canali di cooperazione con la Russia e comunica con noi solo sulla Siria e altri …

Giornalista: Ma pensi che sia iniziata una nuova guerra fredda?

Sergey Lavrov: Secondo me, la situazione attuale è peggiore rispetto alla Guerra Fredda perché all’epoca c’erano almeno canali di comunicazione, e non c’era una tale russofobia isterica, che assomiglia a tipo di genocidio per le sanzioni.

Reporter: pensi che oggi la situazione sia peggiore rispetto ai tempi della Guerra Fredda?

Sergey Lavrov: Sì, proprio per la mancanza di canali di comunicazione. Almeno non ce n’è quasi più.

Reporter: questo rende la situazione molto pericolosa.

Sergey Lavrov: Spero che non sarai l’unico tra i tuoi compatrioti a rendertene conto, e che il tuo governo in particolare lo riconoscerà.

Giornalista: È difficile immaginare o ricordare un periodo storico in cui la Russia assomigliava più ad un paria ed era isolata come lo è oggi. Hai la Coppa del Mondo di calcio quest’estate, e il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson l’ha già paragonato all’organizzazione di Adolf Hitler nel 1936 dei Giochi olimpici di Berlino.

Sergey Lavrov: Nel 1938, dopo questa Olimpiade, fu disputata la partita tra Regno Unito e Germania. Puoi trovare su internet l’immagine di questa partita dove prima della partita i giocatori tedeschi e britannici fanno il saluto nazista.

Reporter: cosa intendi?

Sergey Lavrov: Non intendo parlare di Boris Johnson. Abbiamo già parlato con lui durante la sua recente visita a Mosca. Lascialo intrattenere.

Reporter: il nostro tempo è scaduto. Sergei Lavrov, grazie per aver partecipato a “Hard Talk”.

Fonte: S. Hasan, 19-04-2018

 

guerra e diplomazia in Siria, di Antonio de Martini

Sergueï Lavrov, Mevlüt Cavusoglu e Mohammad Javad Zarif, i tre ministri degli esteri di Russia, Turchia e Iran si riuniscono oggi a Mosca per l’ennesima volta con l’intento di allargare le quattro zone di de-escalation create da gennaio ad oggi.

A Ginevra continuano a riunirsi, sotto l’egida ONU il governo legittimo siriano e i rappresentanti dei gruppi ribelli.
A parte una certa convergenza sul numero delle vittime (350.000 invece dei 600000 di fonte occidentale), non si fanno passi avanti.

Assenti gli USA, a parte lo scoppio di un ordigno MOAB – una sorta di super bomba di dimensioni e peso mega già usata in Vietnam di cui un esemplare è esposto a Hanoi- che adesso cercano di attribuire a Israele.

Non si giunge a conclusioni di pace a causa delle divergenze di interessi tra i diplomatici e il bombardamento americano ” ufficiale” e questo ultimo ” ufficioso” hanno lo scopo di incrinare i rapporti tra Russi e Iraniani.

Gli uni vogliono la pace per potersene andare, gli altri, per restare. I turchi, intanto continuano a minacciare da Efrin il contingente USA di Manbij perché ci sono le elezioni, ma non attaccano perché , evidentemente non vogliono rompere definitivamente con lo zio Sam.

Restano irremovibili sulla rimozione di Assad che i russi considerano inamovibile. Da Gennaio a oggi gli incontri tripartiti sono stati quattro, ma a parte l’accordo sulle modalità e calendari degli incontri, non si riesce a raggiungere un accordo su un cessate il fuoco permanente.

SIRIA, DOSSIER E FAKE NEWS, di Giuseppe Germinario

Tranne rare eccezioni in un confronto militare la particolare posizione dell’aggressore richiede solitamente un’azione specifica che possa innescare o giustificare l’iniziativa. La gamma di iniziative è particolarmente nutrita. Si va dalla provocazione all’induzione alla reazione, alla istigazione, alla vera e propria montatura del casus belli. Un evento così traumatico deve essere giustificato, richiede la necessaria motivazione specie in un agone ancora delimitato dalla presenza degli stati nazionali e dal riconoscimento reciproco della propria esistenza.

Il conflitto in Siria non sfugge a queste dinamiche.

Partito da un movimento di contestazione, grazie ad alcune provocazioni mirate soprattutto verso le forze di polizia si è trasformato in guerra civile; da guerra civile in pochi mesi si è evoluto in un confronto prevalente con orde di uomini, da soli o con la propria famiglia, provenienti dall’Europa e dai luoghi più disparati del Nord-Africa e del Medio Oriente in cerca di fortuna; messe a mal partito queste ultime, la Siria sta ormai diventando sempre più terreno di confronto diretto di potenze regionali e globali. Una condizione che difficilmente le consentirà di salvaguardare totalmente l’integrità territoriale.

L’attitudine alla resistenza del regime di Assad è stata mirabile come pure la sua capacità di guadagnare consenso tra la popolazione. Nel suo cammino ha incontrato fortunatamente la volontà dei russi di porre finalmente un limite all’incalzare sino all’interno dei propri confini delle strategie americane; volontà senza la quale Assad probabilmente avrebbe già raggiunto Gheddafi nel suo tragico destino e la Siria avrebbe subito una sorte analoga alla Libia, ma con consistenti parti di territorio predate dai vicini.

Le forze esterne presenti sul campo sono ancora, almeno ufficialmente e con la parziale eccezione dell’esercito turco, in numero limitato e sono attente ad evitare scontri diretti tali da innescare un crescendo imprevedibile del conflitto.

Non mancano di certo casi di attacchi diretti, in parte legati alla casualità, in parte al tentativo di testare le reazioni, in parte ancora dovuti alla conduzione schizofrenica delle campagne militari dettata dal conflitto di strategie e dal drammatico scontro politico interno soprattutto ai centri americani e sauditi. In quest’ultimo caso sono il probabile esito di pesanti provocazioni dei fautori di un conflitto più aperto presenti anche nelle potenze regionali, in particolare Israele e Arabia Saudita, intenzionate a trascinare i grandi nel conflitto a loro sostegno e in loro vece. Ne hanno fatto le spese, circa un mese fa, alcune decine di contractors russi (ex militari) vittime di bombardamenti aerei americani e israeliani.

Sta di fatto, però che le forze irregolari disposte a prestarsi a strumento di questi giochi sono in via di significativo prosciugamento, mentre gli eserciti regolari sono restii ad entrare in campo sia per un’opinione pubblica ancora ostile agli interventi, sia per l’insostenibilità di un eventuale numero elevato di perdite specie del campo occidentale, sia per la condizione caotica del fronte che ancora per la concreta possibilità di estensione incontrollata del conflitto.

Da qui la ricerca di una giustificazione e la costruzione di pretesti verosimili che legittimino gli interventi e motivino le forze disponibili.

Gli attacchi chimici sono tornati di gran voga ad essere il motivo scatenante delle intromissioni, salvo essere smentiti se non addirittura attribuiti alle presunte vittime nel breve volgere di pochi giorni e a seguito di rapidi accertamenti.

Dal punto di vista emotivo sono ancora un buon detonatore; quanto alla verosimiglianza delle versioni offerte lasciano però ormai a desiderare, visti i precedenti ingannevoli e la relativa permeabilità del sistema di informazione.

Il rapporto dato in pasto dai servizi segreti francesi e utilizzato per giustificare l’intervento anglo-franco-americano del quattordici aprile in Siria rappresenta al momento lo stato dell’arte della pretestuosità e dell’arroganza.  https://www.les-crises.fr/frappes-syrie-les-preuves-presentees-par-le-drian-le-vide-comme-nouveau-fondement-juridique-a-l-agression/

https://www.les-crises.fr/en-quete-de-verite-dans-les-decombres-de-douma-et-les-doutes-dun-medecin-sur-lattaque-chimique-par-robert-fisk/

Alcuni siti francesi si sono premurati di smontarlo punto per punto nei vari aspetti praticamente in tempo reale

  • Hanno stigmatizzato la scarsa serietà dei redattori affidatisi esclusivamente a immagini raccogliticce, definite spontanee, senza data e indicazioni precise
  • Hanno sottolineato l’ipocrisia dell’affermazione riguardante l’assenza di informatori sul campo, quando gli stessi servizi sono stati in grado di fornire l’esatta composizione delle fazioni impegnate a resistere agli attacchi delle truppe lealiste
  • Hanno denunciato la palese capziosità dell’indicazione in Assad dell’unico beneficiario possibile di tale utilizzo, a dispetto dei precedenti rapporti di organizzazioni internazionali

Sta di fatto che ciò che è apparso poco attendibile per una parte dello stesso staff presidenziale americano è rimasta una incontrovertibile verità per l’altra parte e soprattutto per il giovane Macron.

In altri tempi, quando le cortine di ferro delimitavano più chiaramente le sfere di influenza e ingessavano il confronto mediatico, tanta sfrontatezza sarebbe passata inosservata se non spacciata con buone probabilità di successo addirittura per autorevolezza.

Oggi lo scontro politico attraversa platealmente e apertamente i centri decisionali specie americani, senza esclusione di colpi. L’allentamento della presa sta facendo emergere potenziali competitori globali e una miriade di potenze regionali ambiziose in un turbinio di posizioni e di giravolte repentine tali da rendere sempre meno credibile la parola e la costruzione mediatica. Una complessità della quale rischiano di rimanere vittime, oltre che artefici anche gli attori più importanti e navigati.

Sta di fatto che la Siria è ormai diventato prevalentemente un campo di battaglia tra forze esterne dove le stesse forze lealiste di Assad, le più gelose paladine delle prerogative sovrane del paese, anche in caso di vittoria definitiva, per altro ancora lungi dall’essere conseguita, difficilmente potranno recuperare in tempi rapidi l’autonomia politica di un tempo. La posta in palio, ormai, nel breve periodo non è più l’allontanamento di Assad e nemmeno la sconfitta dei russi; è piuttosto il drastico contenimento dell’Iran. Un obbiettivo in grado di conciliare in qualche modo, in casa americana, le posizioni del nucleo originario sostenitore di Trump favorevole ad un accordo e la componente del vecchio establishment sostenitrice di uno scontro più tattico verso la Russia di Putin. Il sacrificio di Flynn e di Bannon e lo snaturamento dei propositi iniziali sono stati l’obolo necessario alla sanzione del compromesso e della stessa sopravvivenza di Trump.

Sul piano degli schieramenti internazionali hanno sancito il sodalizio americano con l’Arabia del giovane Saud e l’Israele del vecchio Netanyau; una alleanza che si sta trasformando rapidamente in un vero e proprio processo di integrazione degli stessi comandi militari nel teatro siriano i frutti del quale non tarderanno purtroppo a manifestarsi.

Si sente parlare sempre più spesso di una prossima vittoria in campo aperto rispettivamente della Russia, dell’Iran e di Assad. La sproporzione evidente delle forze militari in campo e delle risorse economiche, umane e tecnologiche disponibili dovrebbe indurre a maggior prudenza.

La maggiore coesione, la motivazione più convinta, una maggiore sagacia tattica, il parziale recupero del gap tecnologico sono i fattori che hanno consentito la tenuta dello scacchiere siriano e del regime di Assad nel breve periodo; nel lungo il logoramento potrebbe incidere più pesantemente sullo schieramento lealista.

Di tenuta tuttavia si tratta. Di una strategia tutto sommato ancora difensiva anche se dall’esito diverso rispetto a quanto accaduto in Libia e nell’Europa Orientale negli ultimi trenta anni.

Sono altri i fattori in grado di determinare un ribaltamento dei rapporti e un eventuale collasso, per lo più inerenti la situazione interna dei paesi coinvolti.

Anche la Siria ha conosciuto la propria nemesi.

Da oggetto delle brame del vicinato e da punto focale di una crisi definitiva della capacità di resistenza russa e iraniana si è trasformata in punto di irradiamento di crisi e destabilizzazione verso i predatori.

Lo si è visto in Turchia con la recrudescenza dell’irredentismo curdo e con il tentativo di colpo di stato di Gulen, duramente sopito da Erdogan. Eventi che hanno spinto il governo turco ad una inedita aspirazione di autonomia e ad un controllo ferreo delle leve anche a scapito dell’immediata efficienza degli apparati.

 Lo si intravede in Israele con la sorda guerra di Netanyau con parti della magistratura e dei servizi di intelligence che rischia di trascinare il leader verso un destino simile al suo ex-omologo Sarkozy

Lo si sospetta in Arabia Saudita dove il processo ambizioso e inderogabile di ammodernamento istituzionale, quello di riconversione di una economia troppo legata alla monocoltura di giacimenti petroliferi in via di esaurimento e di (apparente?) distanziamento dai settori più integralisti e oscurantisti del sunnismo viene sostenuto dai classici strumenti di una struttura tribale costituiti da rapimenti, sequestri e uccisioni di notabili rivali, espropriazione di patrimoni e colpi di mano su rituali di successione codificati nel tempo. Il colpo di mano nella notte di sabato scorso, documentato da immagini nelle quali riecheggiavano nutrite sparatorie nel palazzo reale a base di fucili di assalto e granate, apparse solo per pochi minuti e miracolosamente scomparse assieme all’assoluto silenzio stampa in prima mondiale, rivela quanto siano ancora precari e instabili gli equilibri in quel paese con un delfino impegnato a stringere relazioni sempre più strette, quasi simbiotiche con il nemico conclamato del mondo arabo, Israele e con il “profanatore della terra sacra” dai tempi della prima guerra a Saddam, gli Stati Uniti e coinvolto ormai direttamente in due conflitti apparentemente minori, quanto inaspettatamente logoranti. Una irruenza e un cumulo di contraddizioni e contrapposizioni giunte sino ai regimi sunniti della penisola che potrebbero costare cari alle ambizioni se non addirittura alla vita del delfino Salman.

Quanto all’Iran si è visto offrire su un piatto d’argento, grazie all’intervento americano in Iraq, l’allargamento della sfera di influenza ad occidente dopo aver approfittato della situazione precaria in Afghanistan. Si è guadagnato sul campo il potere di influenza in Siria, Libano e Striscia di Gaza incuneandosi tra le rivalità di Turchia e Arabia Saudita. E’ riuscita a mantenere un equilibrio in Libano e continua a strumentalizzare, come il resto degli attori, la questione palestinese. Allarmato dalle primavere arabe ha intensificato lo sviluppo del programma nucleare diventando un avversario temibile di Israele e dell’Arabia Saudita e cercando di entrare nel club della dissuasione nucleare. Alcune iniziative propagandistiche apparentemente gratuite ai danni degli Stati Uniti hanno forse mitigato le irruenze dei più oltranzisti, ma hanno certamente contribuito a lacerare il tenue filo che li univa agli USA. Con l’arrivo di Trump gran parte delle mediazioni raggiunte sono destinate a saltare; a meno che nel frattempo non salti il Presidente. Si tratta, comunque, di un regime e di una società molto più permeabili rispetto alle apparenze. Lo scempio operato dai servizi israeliani e americani tra i tecnici e i responsabili del programma nucleare sono un evidente indizio dello stato presente.

Lo si arguisce in Francia con un giovane e intraprendente presidente smanioso di acquisire il supporto indispensabile del paese ancora più potente, gli Stati Uniti, necessario a preservare le proprie residue sfere di influenza, di riserva economica in Africa, in Siria e nel Pacifico. Quanto sia però precaria e debole questa posizione lo rivela l’aleatorietà degli impegni economici che il regime saudita ha stretto con esso a differenza della consistenza con quelli americani. Una aleatorietà, concretizzatasi in un semplice accordo di valorizzazione del settore turistico in Arabia in netto contrasto con la pesante influenza e con le compromissioni pesanti di essa nel sistema economico-finanziario e sociale della Francia. Legami che hanno già fatto saltare le ambizioni di Sarkozy, con l’affaire libico e che promettono ulteriori sviluppi.

La fretta tradita e la grossolana costruzione di quel documento rivelano la fragilità della sicumera tutta francese di Macron, piuttosto che la sua fattiva determinazione. Il comunicato finale seguito all’incontro tra Trump e il Presidente di Francia, non ostante le effusioni, è tutta lì a rivelare le divergenze con la dirigenza americana e i legami troppo stretti, sia pur discreti, di Macron con il vecchio establishment.

Tutto dipenderà dalla prosecuzione della deriva che sta seguendo Trump. A determinarla però non sarà certamente ed eventualmente il nuovo Napoleone, se non in misura irrilevante.

Il passo dalle fake alle bolle può consumarsi rapidamente e imprevedibilmente.

Questo secolo ha rivelato la rapida evaporazione di tanti leader di successo dalle promettenti carriere. E siamo appena all’inizio.

 

L’ARABIA SAUDITA PERDE LA FIDUCIA DEGLI USA PER UNA PROPOSTA DEMENZIALE CHE NE MOSTRA L’ISOLAMENTO E L’INADEGUATEZZA MENTALE, di Antonio de Martini

L’ARABIA SAUDITA PERDE LA FIDUCIA DEGLI USA PER UNA PROPOSTA DEMENZIALE CHE NE MOSTRA L’ISOLAMENTO E L’INADEGUATEZZA MENTALE.

Adel al Jubeir, il primo e unico ministro saudita a non essere membro della famiglia reale, ha presentato una proposta ” per combattere l’ISIS” – presa in considerazione dal consigliere per la sicurezza di Trump, Bolton- che ha suscitato scetticismo tra tutti gli esperti di questioni arabe.

L’idea, dato che gli USA sono riluttanti a rimanere in Siria col rischio di confrontarsi direttamente con Hezbollah o i miliziani iraniani, ha proposto di sostituire i soldati USA con una ” forza araba” non meglio definita.

Al momento di sostanziare la proposta con dati di fatto, gli americani si sono trovati di fronte a ERIK PRINCE, lo stesso avventuriero che creò l’organizzazione mercenaria Blackwater e che due anni fa si vide respingere dal Pentagono la proposta di privatizzare la guerra in Afganistan subappaltandola a lui.

Scartata la soluzione PRINCE, sono iniziati incontri a livelli di capi dei servizi segreti con le controparti egiziane e sudanesi per ottenere ” volontari” arabi.

Questa soluzione si è scontrata con il fermo atteggiamento turco a non volere truppe egiziane alla propria frontiera e col colore dei sudanesi che in Siria apparirebbero come mosche nel latte.

I volontari reclutati in Francia e UK ( partiti da Manchester) e i tunisini, sono stati bruciati nei sette anni di guerra.

La coalizione di 22 Stati islamici reclutata un paio di anni fa tra gli staterelli africani, ha chiarito che è disponibile a ricevere aiuti e addestramento, ma non a combattere e meno che mai in Siria.

Tra gli emirati del golfo, la spaccatura provocata dai sauditi col Katar non è ancora sanata e rende inagibile il CDG ( Consiglio di difesa del Golfo) creato a suo tempo dagli inglesi per attività del genere. E comunque sarebbero tre gatti.

Gli Iracheni vengono dati per ufficialmente impegnati in casa, ma in realtà, l’aver affidato a sciiti il governo del paese si è rivelato il più clamoroso autogol della storia americana. Sono inutilizzabili.

La Giordania, i cui regnanti furono spossessati dai Saud , godono in silenzio delle difficoltà della casata nemica con cui condividono il grande fratello anglosassone, ricco e stupido.

Insomma la proposta saudita ha messo in luce alcuni fatti fondamentali:

a) non ci sono siriani disposti a combattere contro il loro governo legittimo. Infatti, non vengono nemmeno presi in considerazione dalla proposta.

b) i sauditi hanno parlato a nome degli ” arabi” senza averli consultati.

c) l’Egitto ha una posizione più vicina a Assad che ai sauditi e ha già rifiutato di intervenire in Yemen.

d) parlano di combattere l’ISIS , ma l’avversario da affrontare sono gli iraniani e l’Hezbollah.

e)gli yemeniti sono tutti impegnati contro i sauditi che non riescono a difendere nemmeno le proprie frontiere e annaspano già in casa.

f) i curdi, vantati dalla propaganda israeliana come combattenti valorosi e impegnati, non esistono che in fotografia e a presidio di qualche crocicchio.

g) il Marocco ha appena finito di criticare il comportamento e le politiche arabe dell’alleato americano.

h) agli algerini che hanno subìto per primi l’aggressione saudita negli anni novanta ( centomila morti) non è il caso di rivolgere la parola.

Gli USA non vogliono rimanere in Siria e Macron rappresenta l’ex potenza coloniale che nel 1925 massacrò i siriani e cannoneggiò Damasco.
Gli inglesi incoraggiano sottobanco Erdogan perché rivogliono il petrolio di Mossul.
Però i turchi non sono arabi, come non lo sono i pakistani, dati più volte in arrivo, ma non stupidi.

Credo che gli USA rimpiangano amaramente i tempi ( dal 48 ai sessanta inoltrati) in cui collaboravano con l’Italia, prevedevano ogni cambiamento e gestivano l’area senza sangue e dispendio di mezzi, come invece accade ora che il loro consigliere è Israele ( che difende i propri interessi) e un clan di cammellieri arricchiti e fanatici.

Come vedete, il successo politico di Putin nel Vicino Oriente, è dato dalla altrui insipienza

DOPO LE SUORE IL PATRIARCA, a cura di Giuseppe Germinario

Qui sotto una dichiarazione di condanna dei bombardamenti anglo-fanco-americani del 14 aprile scorso in Siria ad opera dei patriarchi ortodossi e melkita-cattolico di Antiochia. Le comunità cristiane in Siria hanno origini ultramillenarie. Sfuggite per lo più alle persecuzioni bizantine hanno trovato rifugio in quei territori; almeno sino ad oggi. Trovano ascolto a Mosca. Tra i paladini dei diritti umani molto meno, comprese le stanze vaticane_Giuseppe Germinario

Dichiarazione dei Patriarchi di Antiochia Greco-Ortodosso, Siro-Ortodosso e Greco-Melkita Cattolico sull’attacco a Damasco

Damasco, 14 aprile 2018
Dio è con noi; lo comprendano tutte le nazioni e si sottomettano!
Noi, i Patriarchi: Giovanni X°, Patriarca greco-ortodosso di Antiochia e di tutto l’Oriente, Ignazio Aphrem II°, Patriarca Siriaco Ortodosso di Antiochia e di tutto l’Oriente, e Giuseppe Absi, Patriarca Melchita-greco cattolico di Antiochia, Alessandria e Gerusalemme, condanniamo e denunciamo la brutale aggressione che ha avuto luogo questa mattina contro il nostro prezioso Paese, la Siria, da parte degli Stati Uniti, dalla Francia e dal Regno Unito, con l’accusa secondo cui il governo siriano avrebbe usato armi chimiche. Leviamo le nostre voci per affermare quanto segue:
1. Questa brutale aggressione è una chiara violazione delle leggi internazionali e della Carta delle Nazioni Unite, perché è un assalto ingiustificato a un paese sovrano, membro dell’ONU.
2. Ci provoca grande dolore che questo attacco provenga da Paesi potenti a cui la Siria non ha causato alcun danno in alcun modo.
3. Le accuse degli Stati Uniti e di altri paesi secondo cui l’esercito siriano starebbe usando armi chimiche e che la Siria è un Paese che possiede e usa questo tipo di arma, sono affermazioni ingiustificate e non supportate da prove sufficienti ed evidenti.
4. Il tempismo di questa ingiustificata aggressione contro la Siria, quando la Commissione internazionale indipendente di inchiesta stava per iniziare il suo lavoro in Siria, mina il lavoro di questa commissione.
5. Questa aggressione brutale distrugge le possibilità di una soluzione politica pacifica e porta a un’escalation e a maggiori complicazioni.
6. Questa ingiusta aggressione incoraggia le organizzazioni terroristiche e dà loro lo slancio per continuare nel loro terrorismo.
7. Chiediamo al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di svolgere il suo ruolo naturale nel portare la pace piuttosto che contribuire all’escalation delle guerre.
8. Facciamo appello a tutte le Chiese dei Paesi che hanno partecipato all’aggressione, perché adempiano ai loro doveri cristiani, secondo gli insegnamenti del Vangelo, e condannino questa aggressione, richiamando i loro governi a impegnarsi per la protezione della pace internazionale.
9. Salutiamo il coraggio, l’eroismo e i sacrifici dell’Esercito Arabo Siriano che coraggiosamente protegge la Siria e fornisce sicurezza alla sua popolazione. Preghiamo per le anime dei martiri e per il riabilitazione dei feriti. Siamo fiduciosi che l’esercito non si piegherà davanti alle aggressioni terroristiche esterne o interne, ma continuerà a combattere coraggiosamente contro il terrorismo fino a quando da ogni centimetro della terra siriana sarà sradicato il terrorismo. Allo stesso modo, lodiamo la coraggiosa posizione di Paesi che sono amichevoli nei confronti della Siria e della sua popolazione.
Offriamo le nostre preghiere per la sicurezza, la vittoria e la liberazione della Siria da ogni tipo di guerra e terrorismo. Preghiamo anche per la pace in Siria e in tutto il mondo e chiediamo di rafforzare gli sforzi della riconciliazione nazionale per proteggere il paese e preservare la dignità di tutti i Siriani.
1 2 3 4