Perché l’Algeria va allo scontro con Russia e Turchia sulla Libia, di Giuseppe Gagliano

L’Algeria ha espresso il suo dissenso verso le politiche di Russia e Turchia in Africa, in particolare in Libia. L’articolo di Giuseppe Gagliano.

10 Febbraio 2024 08:10

L’Algeria ha espresso pubblicamente il suo dissenso verso le politiche di Russia e Turchia in alcuni Paesi africani, in particolare in Libia. Il governo algerino ha chiesto il ritiro di tutte le forze straniere e mercenarie dal territorio libico, considerandole una minaccia alla sicurezza e alla stabilità del Paese e della regione.

LE RICHIESTE DELL’ALGERIA SULLA LIBIA

Il presidente algerino, Abdelmadjid Tebboune, ha incaricato il primo ministro, Nadhir Arbaoui, di intervenire al vertice di Brazzaville a nome suo. Arbaoui ha ribadito che la sovranità, l’integrità territoriale e l’indipendenza della Libia devono essere rispettate da tutte le parti esterne coinvolte nella crisi. Ha inoltre sottolineato che l’unica soluzione possibile è un percorso che sancisca il principio della sovranità nazionale.

Il Ministero degli Esteri algerino ha ribadito il sostegno del presidente Tebboune al rafforzamento dei legami di fratellanza, solidarietà e cooperazione tra Algeria e Libia. L’obiettivo è quello di promuovere la stabilità nella regione e nel vicinato regionale.

TENSIONI IN VISTA CON RUSSIA E TURCHIA?

L’appello di Tebboune al ritiro dei mercenari dalla Libia potrebbe incrinare le relazioni bilaterali dell’Algeria con Mosca e Ankara. Questi due Paesi sono considerati tra i principali alleati strategici dell’Algeria. Algeri è inoltre scontenta della crescente presenza di Russia e Turchia in Mali, dove collaborano con la giunta militare al potere, ignorando gli interessi dell’Algeria.

Il mese scorso, il governo militare del Mali ha annullato l’accordo di riconciliazione con i gruppi separatisti, noto come “Accordo di Algeri”, accusando l’Algeria di attività ostili e interferenze. L’Algeria, preoccupata dalla crescente cooperazione tra Russia, Turchia e la giunta militare del Mali, che mina il suo ruolo nella regione, sta dunque riconsiderando i suoi legami con Ankara e Mosca, avvicinandosi agli Stati Uniti e all’Unione Europea.

UNA POSIZIONE COMPLESSA

Tebboune si prepara a visitare la Francia a breve, dopo aver rinviato la visita per lungo tempo. La sua decisione di riavvicinarsi all’Europa potrebbe essere vista come un segnale di allontanamento dalla Russia e dalla Turchia.

Tuttavia, la posizione dell’Algeria rimane complessa. Il Paese mantiene relazioni economiche e di sicurezza con la Russia e la Turchia, e non è chiaro se sia disposto a sacrificare questi interessi per una maggiore cooperazione con l’Occidente.

Le prossime settimane saranno cruciali per capire come si evolveranno le relazioni dell’Algeria con Russia, Turchia, Stati Uniti e Unione Europea. La posizione dell’Algeria avrà un impatto significativo sulla stabilità della regione del Maghreb e del Sahel.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Equilibrismi impossibili, di Bernard Lugan

Un fattore determinante nell’individuare la posizione egemonica e dominante di una potenza imperiale all’interno della propria area di influenza e nelle dinamiche esterne ad essa è la capacità di istigare e determinare l’esito dei conflitti e di imporre una condizione di pace interna (pax imperiale). E’ quanto sono riusciti a fare le leadership degli Stati Uniti in Europa per lunghi decenni. La Francia di Macron ha raggiunto, al contrario, una fase parodistica della gestione delle contraddizioni nella sua area postcoloniale africana sino a diventare pericolosamente vittima e ostaggio dei contenziosi. Segno ineluttabile di un declino irreversibile condito di aspetti al limite del grottesco, ma con espressioni di sovranità, presenti in settori della classe dirigente che lasciano ancora sperare. Giuseppe Germinario

Quando era deputato al Parlamento europeo, Stéphane Sjourné, il nuovo Ministro degli Affari Esteri francese, era apertamente ostile al Marocco e guardava all’Algeria. E non si dica che si tratta di una questione di realpolitik sul gas, perché il futuro delle esportazioni di gas algerino è desolante: dato che la produzione media di gas del Paese è di circa 130 miliardi di m3, di cui il 30-40% viene reiniettato nei pozzi petroliferi per mantenerli attivi, l’Algeria ha solo circa 86 miliardi di m3 di produzione commercializzabile, di cui circa 35-40 miliardi di m3 vengono consumati localmente per produrre elettricità. In conclusione, entro il 2025 le esportazioni dovrebbero raggiungere circa 25 miliardi di m3, la metà del livello del 2018. Le esportazioni sono diminuite costantemente, passando dai 64 miliardi di metri cubi del 2005 ai 51 miliardi di metri cubi del 2018, ai 48 miliardi di metri cubi del 2019 e ai 41 miliardi di metri cubi del 2020. L’Algeria, che vede diminuire le proprie riserve, punta tutto sul progetto di un gasdotto trans-sahariano di 4.128 chilometri, che sarebbe in grado di trasportare il gas naturale nigeriano fino ai porti algerini e poi ai mercati europei. Un progetto spaventosamente realistico, visto che il gasdotto dovrebbe attraversare regioni saheliane in guerra o addirittura in stato di totale anarchia. In queste condizioni, quali investitori sarebbero disposti a rischiare decine di miliardi di dollari per portare a nord il gas prodotto nella regione costiera nigeriana? Ecco perché l’opzione più sicura è quella di esportare questo gas direttamente attraverso un gasdotto marino, da cui il progetto Nigeria-Morocco Gas Pipeline (NMGP). 5. Il progetto, che riunirebbe tutti i gasdotti della Nigeria e del Marocco, è stato concepito come una sorta di “gasdotto”. Questo progetto, che riunirebbe tutti i Paesi produttori di gas dell’Africa occidentale, correrebbe lungo la costa dell’Africa occidentale, danneggiando la produzione di gas dei Paesi costieri. In tutto sono 16 i Paesi coinvolti nel progetto, tra cui tutti i Paesi dell’ECOWAS, che potranno beneficiare delle sue ricadute, in particolare i Paesi senza sbocco sul mare come il Mali, il Burkina Faso e il Niger, che beneficerebbero di rampe terrestri. La prima fase del gasdotto collegherà i giacimenti offshore di Grande Tortue Ahmeyim (GTA), ai lati del confine marittimo tra Mauritania e Senegal, a Tangeri, in Marocco. Anche se la sinistra ha sempre avuto “occhi di Chimène” per l’Algeria, che non smette mai di accusare la Francia, gli interessi di quest’ultima richiedono una riconciliazione con il Marocco, che richiede il riconoscimento della natura marocchina del Sahara occidentale… che l’Algeria vedrà come una provocazione. La politica dell'”insieme” non è certo facile…

Nel numero di agosto 2023 de L’Afrique Réelle, abbiamo analizzato la storia della disputa tra Algeria e Marocco. Questa disputa affonda le sue radici nelle amputazioni territoriali subite dal Marocco a vantaggio dell’allora Algeria francese. Oggi analizzeremo il modo in cui sono state effettuate queste demarcazioni di confine, le proposte di rettifica avanzate dalla Francia e le ragioni del rifiuto del Marocco. POSIZIONI INCONCILIABILIDurante il periodo coloniale, il Marocco è stato amputato territorialmente a est e a sud. Secondo il diritto internazionale, il Marocco era quindi uno “Stato smembrato dalla colonizzazione” che, dopo l’indipendenza, doveva essere ricostituito entro i confini precoloniali. Ciò era però impossibile perché il giovane Stato algerino, creato dalla Francia e territorialmente a spese del Marocco, difendeva lo status quo, cioè il principio dei confini ereditati dalla colonizzazione. Questo è il cuore della disputa tra Algeria e Marocco. Va notato che, tra tutti gli Stati africani colonizzati, il Marocco è stato la vittima più territoriale delle linee di confine imposte dalle potenze coloniali. A est, la Francia ampliò il suo possedimento algerino annettendogli regioni storicamente marocchine: Touat, Saoura, Tidikelt, Gourara e Tindouf (carta a pagina 10); a sud, la Spagna amputò Saquia el-Hamra e Oued ad Dahab, due province marocchine meridionali, trasformandole nella colonia del Sahara occidentale (carta a pagina 17). Nel 1956, il Marocco riacquistò l’indipendenza, ma non la piena sovranità territoriale poiché, il 2 marzo e il 7 aprile 1956, quest’ultima fu ristabilita solo sulle due ex aree dei protettorati francese e spagnolo. Il Marocco si trovò allora di fronte a una situazione paradossale: 1) gli fu chiesto sia di ratificare la perdita delle sue province orientali, ossia Touat, Saoura, Tidikelt, Gourara e la regione di Tindouf, sia di riconoscere il loro legame con l’Algeria, lo Stato nato nel 1962 dalla decolonizzazione francese. L’Algeria, sostenendo di essere l’erede della colonizzazione francese e delle sue frontiere, ha rifiutato ogni trattativa territoriale con il Marocco, violando così i propri impegni e rinnegando la propria firma, come vedremo in seguito2. ) Poi, al momento della decolonizzazione del Sahara spagnolo, è stato chiesto al Marocco di accettare che le sue province sahariane di Saquia el-Hamra e Oued ad Dahab diventassero uno “Stato sahariano”, pseudopodia di un’Algeria che voleva aprirsi all’Oceano Atlantico. Per questo l’Algeria arma e finanzia il Polisario e mantiene relazioni diplomatiche con i Paesi che ancora riconoscono la SADR (Repubblica Araba Saharawi Democratica). Infine, questo è il motivo per cui l’Algeria sta bloccando una soluzione alla questione del Sahara Occidentale: secondo la Risoluzione ONU n. 1514 del 14 ottobre 1960: “I territori coloniali strappati a un Paese sovrano non possono avere alcuna forma di decolonizzazione se non la loro reintegrazione nel Paese d’origine da cui sono stati dissociati”. Articolo VI: “Se uno Stato è stato smembrato dal colonialismo, ha il diritto di recuperare la sua integrità territoriale dopo la sua decolonizzazione”. Prima dello smembramento coloniale, i confini del Marocco erano riconosciuti dai trattati internazionali e il Protettorato non li aveva resi nulli. Così, nel 1956, al momento dell’indipendenza del Marocco, nel 1962, al momento dell’indipendenza dell’Algeria, e nel 1975, al momento della decolonizzazione del Sahara spagnolo, la sovranità del Marocco doveva essere ristabilita sulle province da cui era stata amputata, sia dalla Francia che dalla Spagna. Le posizioni dei due Paesi sono inconciliabili: il Marocco ha sempre sostenuto che le linee di demarcazione tracciate unilateralmente dai colonizzatori francesi e spagnoli non erano opponibili ai suoi diritti storici, anche se questi ultimi erano stati posti sotto amministrazione fiduciaria per diversi decenni. Al contrario, l’Algeria si è attenuta allo stato di fatto coloniale, cioè al mantenimento delle frontiere create dalla colonizzazione, sia che si trattasse di frontiere vere e proprie, sia che si trattasse di semplici linee di demarcazione amministrative, e questo in virtù del principio secondo cui “le frontiere dei nuovi Stati sono stabilite sulla base delle frontiere delle ex province coloniali a cui questi Stati succedono”. Ma l’Algeria si spinge ancora più in là nel suo atteggiamento anti-marocchino. Oltre all’intangibilità delle frontiere ereditate dalla colonizzazione, tracciate a suo grande vantaggio a spese del Marocco, l’Algeria pretende che il diritto dei popoli all’autodeterminazione sia applicato nel caso del Sahara Occidentale, anche se questo territorio non ha nulla a che fare con l’Algeria. È questa insolita ed esorbitante richiesta algerina che ha dato origine alla questione del Sahara Occidentale, ed è questa stessa questione che mantiene un focolaio di tensione tra Rabat e Algeri.

QUANDO LA FRANCIA HA PROPOSTO UNA RETTIFICA FRONTALIERA AL MAROCCO Le autorità francesi hanno sempre ammesso che la costituzione territoriale dell’Algeria è stata in parte ottenuta a spese del Marocco. Negli anni Cinquanta, infatti, volevano riparare, per così dire, alla più grave delle amputazioni subite dal Marocco, prima di concedere l’indipendenza all’Algeria. Tuttavia, per una questione di solidarietà maghrebina, il Marocco rifiutò, scegliendo invece di riporre la propria fiducia nella futura Algeria indipendente. Il minimo che si possa dire è che l’Algeria si dimostrò molto ingrata. Dopo la Dichiarazione congiunta del 2 marzo 1956, che pose fine al protettorato francese sul Marocco e gli restituì l’indipendenza, la Francia si dichiarò pronta ad accettare la restituzione della regione di Tindouf e della Hamada du Draa, amministrativamente annesse all’Algeria francese. Una commissione congiunta franco-marocchina si riunì per discutere l’interpretazione del Trattato di La Marnia del 1845, gli accordi del 1901, 1902 e 1910 e i tracciati delle cosiddette linee Varnier e Trinquet (carta a pagina 14), che avrebbero risolto i problemi di Béchar, Tindouf e del Sahara occidentale a nord del 24° parallelo. Aziz Maarouf ha esposto chiaramente il problema: “Nel 1956, quando il Marocco firmò le convenzioni con Francia e Spagna che sancirono la sua indipendenza, si trovò liberato, ma entro i limiti stabiliti dalla colonizzazione. Non tutto il territorio era stato recuperato e nessuna delle ex potenze coloniali lo contestava. Per quanto riguarda la Francia, dopo gli accordi del 1956 fu persino istituita una commissione congiunta per studiare la controversia. I suoi lavori si trascinarono. I marocchini, che ponevano la guerra d’Algeria al centro delle loro preoccupazioni, rifiutarono di discutere ulteriormente con la Francia e insistettero sul fatto che il problema non era più di competenza di Parigi, ma di Algeri, e che sarebbe stato affrontato non appena il Paese avesse riacquistato l’indipendenza. Questo era il senso dell’accordo concluso tra Hassan II e Ferhat Abbas nel 1961”. (Jeune Afrique, n°151, 30 agosto 1963) A più riprese, la Francia propose al Marocco di negoziare le amputazioni territoriali subite durante il periodo coloniale. Tuttavia, nel 1960, il sultano Mohammed V rispose senza mezzi termini: “Qualsiasi negoziato con il governo francese sulle rivendicazioni e i diritti del Marocco sarà considerato come una pugnalata alle spalle dei nostri amici algerini che stanno combattendo, e preferisco aspettare l’indipendenza dell’Algeria prima di sollevare la disputa sui confini con i miei fratelli algerini”. “Nel suo libro Le Défi (La Sfida), il re Hassan II ha confermato l’esistenza delle proposte francesi e ha spiegato perché il Marocco non vi ha dato seguito: “Al termine della guerra d’Algeria, la Francia si è offerta a più riprese di risolvere con noi la questione dei confini a est e a sud. Abbiamo rifiutato (…) Al momento del cessate il fuoco (marzo 1961), ci siamo nuovamente rifiutati di permettere alla Francia di restituirci i territori marocchini alle frontiere orientali”. (Le Défi, pp. 91-92) La politica marocchina fu allora quella di fidarsi dei leader della futura Algeria indipendente, con i quali sottoscrisse accordi sulla questione dei confini. Questi accordi furono presto dimenticati dall’Algeria indipendente…

L’ALGERIA VIOLA I SUOI IMPEGNI Dopo aver rifiutato di negoziare con la Francia la rettifica dei confini, il 6 luglio 1961 il Marocco firmò un accordo con il GPRA (Governo provvisorio della Repubblica algerina) in cui si stabiliva che le questioni di confine tra i due Paesi sarebbero state risolte per via negoziale non appena l’Algeria avesse ottenuto l’indipendenza. Ma l’Algeria indipendente rinunciò alla firma. Sempre nel suo libro Le Défi, il re Hassan II scrisse: “(…) essendo chiaramente inteso che la nuova Algeria non accetterà in nessun caso che il Marocco sia danneggiato nel Sahara dalle modifiche territoriali imposte dalla Francia (…) Un accordo in tal senso è stato firmato il 6 luglio 1961 a Rabat dal presidente Ferhat Abbas e da me, con l’accordo formale del signor Ben Bella (Le Défi, p. 68). Le richieste marocchine riguardavano la linea di frontiera marocchino-algerina nella regione del Figuig, l’assenza di un accordo che fissasse la frontiera a sud del passo di Teniet es-Sassi e l’annessione all’Algeria delle regioni di Colomb-Béchar, Tindouf e Tabelbala. Con l’accordo del 6 luglio 1961, il GPRA (Governo provvisorio della Repubblica algerina) si impegnò a negoziare la questione della demarcazione dei confini una volta che l’Algeria avesse ottenuto l’indipendenza. Il 13 marzo 1963, ad Algeri, Re Hassan disse al Presidente Ben Bella: “Signor Presidente, c’è ancora Tindouf, e lei non può non riconoscere che Tindouf è certamente la più flagrante ed evidente di tutte le ingiustizie[1]”. La risposta del Presidente Ben Bella è stata la seguente: “Chiedo a Vostra Maestà di concedermi il tempo di creare le istituzioni algerine, di diventare capo dello Stato algerino e di prendere in mano il partito dell’opposizione.
e di prendere in mano il partito di opposizione, e poi, verso settembre-ottobre, avrò la pienezza e la qualità che mi permetteranno di aprire con voi la questione delle frontiere, fermo restando che non si può pensare che gli algerini siano puramente e semplicemente gli eredi della Francia per quanto riguarda le frontiere dell’Algeria. Mi sbagliavo a crederlo, perché fu proprio nell’ottobre 1963 che piccole guarnigioni marocchine furono attaccate e annientate a Hassi Beïda e a Tinjoub (Le Défi, p. 91). In effetti, nell’ottobre 1963, la guerra scoppiò lungo la frontiera algero-marocchina. Da Figuig a nord di Tindouf, la “guerra delle sabbie” contrappose gli eserciti dei due Paesi fino alla firma del cessate il fuoco il 30 ottobre. Per porre fine a queste dispute di confine, i due Paesi firmarono una serie di accordi, tra cui il Trattato di Ifrane nel 1969, volto a risolvere le dispute di confine tra Marocco e Algeria. Poi, il 27 maggio 1970, a Tlemcen, in Algeria, il re Hassan II e il presidente Boumediene si incontrarono: “È stato a Tlemcen, il 27 maggio 1970, che il presidente Boumediene e io abbiamo deciso che una commissione congiunta avrebbe risolto la questione dei confini”. (Le Défi, p.92) Il 15 giugno 1972, un accordo bilaterale ratificò la linea di confine coloniale tra i due Paesi, un’enorme concessione marocchina che si spiegava con la questione del Sahara occidentale, da cui la Spagna stava per ritirarsi. In cambio del riconoscimento dei confini coloniali e delle conseguenti amputazioni territoriali, il Marocco si aspettava un sostegno, o almeno la neutralità, nel suo tentativo di riunificare il Sahara occidentale. Ma, stufo del precedente atteggiamento algerino e sospettando che l’Algeria non avrebbe accettato questa riunificazione, il Marocco ha legato la ratifica della Convenzione del 1972 al riconoscimento da parte dell’Algeria di tutti i confini del Marocco, compresi quelli del Sahara occidentale, al fine di raggiungere una soluzione globale dei confini. Poi, il 16 novembre 1977, di fronte all’atteggiamento ostile dell’Algeria, che sosteneva la creazione di uno “Stato del Sahara” indipendente, uno pseudopodio che le avrebbe dato un’apertura sull’Oceano Atlantico, il re Hassan II annunciò che l’Accordo sulle frontiere e la cooperazione tra Marocco e Algeria del 1972 non sarebbe stato ratificato dal Marocco.

WWW.BERNARD-LUGAN.COM

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

Caratteristiche speciali della regione del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA), di Vladislav Sotirovic

Caratteristiche speciali della regione del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA)

Il Medio Oriente è stato la patria delle prime civiltà della storia del mondo. Qui sono nate le prime urbanizzazioni e l’alfabetizzazione. La regione del Medio Oriente comprende solitamente i territori che vanno dal litorale orientale del Mar Mediterraneo fino all’India, a est. In senso più ampio, geograficamente la regione comprende i territori del Mediterraneo orientale e dell’Asia centrale, ma molti americani, seguiti da altri accademici, politici e giornalisti occidentali, considerano il Medio Oriente e il Nord Africa (MENA) come un’unica regione.

La maggior parte degli abitanti dell’area MENA ha molti elementi in comune, come la lingua e la cultura araba, la confessione dell’Islam e così via, ma dall’altra parte esistono diverse minoranze etniche in ciascuno di questi Paesi regionali, mentre la religione islamica è divisa in due fazioni: i sunniti (maggioranza) e gli sciiti (minoranza).

Tutti gli Stati della regione del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA) possono essere suddivisi in quattro sottoregioni (gruppi) etnico-geografici:

1) Gli Stati del Nord Africa;

2) Gli Stati del Golfo Persico;

3) gli Stati arabi centrali; e

4) Iran e Israele.

Il numero complessivo di abitanti di tutti questi Stati supera i 250 milioni (per fare un paragone, nell’UE a 28, cioè con il Regno Unito, c’erano circa 500 milioni di persone). La regione stessa vanta una cultura e una civiltà di circa 6.000 anni fa, ma la maggior parte delle nazioni attuali è relativamente nuova. In altre parole, ad eccezione dell’Iran e dell’Egitto, tutti gli altri Stati regionali sono apparsi nella loro forma attuale solo nel secolo scorso, in gran parte dopo la Prima guerra mondiale, ma alcuni di essi anche dopo la Seconda guerra mondiale (Israele). Il numero di Stati nella regione MENA può essere stabilito tenendo conto di almeno tre criteri: 1) il periodo storico; 2) le condizioni politiche; 3) la prospettiva geopolitica. Oggi si è soliti dire che nella regione MENA ci sono 24 Stati (con la Palestina) (ma con la Turchia e il Sudan 26). Tuttavia, lo Stato di Palestina non è ancora generalmente e formalmente riconosciuto come indipendente, come ci si aspettava che apparisse come tale tenendo conto dei risultati dei negoziati tra Israele e OLP (Roadmap per la pace).

Vale la pena notare che il primo Paese arabo moderno divenne l’Egitto di Muhammad Ali nella prima metà del XIX secolo, quando a causa dell’occupazione francese (napoleonica) l’Egitto conobbe alcune caratteristiche del “progresso europeo”. Di conseguenza, Muhammad Ali avviò alcune riforme di modernizzazione della società, come la creazione di un’organizzazione di governo moderna e più efficace, di un sistema economico razionale e di un esercito moderno, ristrutturato e riorganizzato secondo i principi bellici dell’Europa occidentale dell’epoca. Al Cairo è stato fondato il primo istituto di tipo occidentale, l’Istituto Egiziano, nel mondo arabo, con la funzione cruciale di diffondere gli scritti dei filosofi europei occidentali (soprattutto francesi) (come Russo e Volter).

La maggioranza delle popolazioni regionali sono arabe e musulmane. Il panarabismo è uno dei temi politici centrali della regione MENA nel XX e XXI secolo. In tempi recenti, tuttavia, la leadership del movimento panarabo è passata inizialmente nelle mani degli arabi cristiani del Libano e della Siria. Tuttavia, tutti i tentativi politici di formare una sorta di Repubblica Araba Unita sono falliti, ma ci sono storie di successo di integrazione economica macroregionale, ad esempio l’integrazione economica di sei Stati del Golfo Persico che hanno creato un Consiglio di Cooperazione del Golfo. Tuttavia, al posto della Repubblica Araba Unita esiste una Lega Araba (nata nel 1945 e oggi composta da 22 Stati membri) che promuove sistemi di comunicazione migliori per la regione utilizzando la lingua araba e l’ARABSAT (il sistema satellitare regionale arabo).

La scoperta e la produzione di petrolio sono probabilmente le caratteristiche peculiari della regione MENA (ma in particolare del Medio Oriente) nella storia contemporanea. Lo sviluppo economico e sociale di tutti i Paesi del Golfo ricchi di petrolio dipende quasi totalmente dalla politica di esportazione del petrolio e, pertanto, per una migliore cooperazione economica reciproca, le nazioni mediorientali produttrici di petrolio hanno fondato l’Organizzazione dei Paesi Arabi Esportatori di Petrolio (OAPEC), che è la variante regionale dell’OPEC globale (l’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio). Di fatto, circa il 65-70% delle riserve petrolifere globali si trova nel territorio del Medio Oriente. L’estrazione e la raffinazione del petrolio svolgono un ruolo significativo sia nell’economia regionale che in quella mondiale e, pertanto, hanno un impatto significativo sul benessere e sulla politica della maggior parte dei Paesi occidentali (post-industriali) (in particolare del G7).

La mancanza di un tipo completo di “democrazia liberale” occidentale è un’altra caratteristica cruciale della regione MENA, poiché oggi le forme di governo regionali vanno dal puro autoritarismo (Arabia Saudita) ad alcune forme di esperimenti democratici basati sul modello occidentale (Libano o Israele), seguiti da regimi musulmani governati da leader religiosi (Iran dopo il 1979). Dei 22 Stati della Lega Araba oggi, 8 sono repubbliche (tra cui la Repubblica islamica di Mauritania e la Repubblica socialista Baath di Siria), 7 sono monarchie, 4 hanno un governo monopartitico, gli Emirati Arabi Uniti sono una federazione politica di sceiccati, la Somalia è, di fatto, priva di una governance funzionante e, infine, la Palestina non ha una chiara tipologia di governo e nemmeno di Stato. In generale, per quanto riguarda la politica, la regione è ancora in transizione evolutiva come risultato della modernizzazione, dell’occidentalizzazione e della globalizzazione, compresi i riferimenti allo sviluppo economico ed educativo con le attuali tendenze alla radicalizzazione dell’Islam come ideologia anticoloniale contro l’imperialismo occidentale post-industriale e la politica sionista israeliana (sostenuta dagli Stati Uniti) di apartheid (segregazione e discriminazione) e pulizia etnica.

Un antico conflitto tra due fazioni islamiche – i musulmani sunniti e quelli sciiti – è un’altra caratteristica della divisione della regione del Medio Oriente e del Nord Africa. La prima divisione all’interno dell’Islam nacque subito dopo la morte del Profeta Maometto, nel 632 d.C., quando il mondo islamico degli arabi si divise tra coloro che avevano la pretesa di ereditare il potere religioso dopo la morte del Profeta. Si crearono due fazioni principali con rivendicazioni diverse. La fazione sunnita sosteneva che il potere religioso del Califfo dopo il 632 d.C. fosse passato ad Abu Bakr – suocero di Maometto, mentre la fazione sciita (“Seguaci di Ali”) rivendicava il potere religioso al cugino e genero del Profeta – Ali ibn Abi Talib. L’assassinio del terzo Califfo, Uthman ibn Affan, nel 656, e l’elezione di Ali ibn Abi Talib alimentarono il primo conflitto armato (guerra civile) tra i musulmani, che si concluse con la Battaglia del Cammello, il 7 novembre 656, nell’attuale Iraq, a Bassora, tra i sostenitori di Aisha (vedova del Profeta) e quelli di Ali ibn Abi Talib (quarto Califfo e genero del Profeta), che vinsero la battaglia contro Aisha. Tuttavia, fu solo dopo l’assassinio di Ali e, qualche anno dopo, di suo figlio Hussein ibn Ali nella battaglia di Karbala, il 10 ottobre 680 nell’attuale Iraq, che l’Islam andò incontro a una scissione dogmatica e politica. I musulmani sciiti rifiutano la legittimità dei primi tre califfi che, invece, i musulmani sunniti seguono, avendo allo stesso tempo alcune differenze dottrinali e politiche con i sunniti. La percentuale maggiore di musulmani sciiti oggi in Medio Oriente si trova in Iran (90-95%), Bahrein (65-75%), Iraq (60-70%), Libano (45-55%) e Yemen (30-40%).

L’ultima caratteristica importante del Medio Oriente è la violenza settaria e il suo impatto in alcuni Stati regionali. Di seguito verranno citati diversi casi:

Il governo saudita è composto da sunniti e la stessa monarchia al potere appartiene esclusivamente alla fazione sunnita che è in costante competizione con l’Iran sciita. Il governo dell’Arabia Saudita teme che la Repubblica islamica teocratica sciita dell’Iran possa creare gravi disordini all’interno delle comunità sciite sia saudite che del Golfo. Tuttavia, sia l’Iran che l’Arabia Saudita, in realtà, pretendono di diventare la principale potenza della regione.
La maggioranza della popolazione del Bahrein è di fede sciita, ma al potere c’è una monarchia sunnita. Ispirati dalla Primavera araba del 2011, i credenti sciiti hanno iniziato a manifestare i loro diritti politici, ma senza il sostegno dell’amministrazione statunitense. Le autorità governative sunnite del Bahrein e i suoi alleati, tra cui l’Arabia Saudita, hanno represso violentemente le proteste, uccidendo centinaia di civili.
In Iraq, per lungo tempo, la maggioranza sciita del Paese è stata oppressa dal regime sunnita di Baghdad. Dobbiamo ricordare che in Iraq esistono i siti religiosi più sacri per i musulmani sciiti. Dopo la caduta di Saddam Hussein nel 2003, sono saliti al potere e la popolazione sciita ha iniziato a prendere di mira la comunità sunnita. I fedeli sunniti sono stati perseguitati e torturati dagli squadroni della morte sciiti e, in risposta alla crescente violenza contro di loro, i sunniti iracheni hanno commesso diversi attacchi suicidi e attentati. Di conseguenza, il settarismo religioso sciita-sunnita in Iraq ha esacerbato gli atteggiamenti nazionalistici e fondamentalistici dei musulmani sciiti al potere e ha contribuito a rafforzare il sostegno sunnita all’ISIS (ISIL, DAESH).
Per l’Iran, la cosa più importante è proteggere i propri interessi regionali, tra cui i diritti della popolazione sciita all’estero. Ad esempio, dopo la rivoluzione islamica iraniana del 1979 che ha portato al potere il governo sciita di Teheran, l’Iran ha iniziato a finanziare e incoraggiare le rivolte sciite nella regione orientale dell’Arabia Saudita, ricca di riserve petrolifere. Il governo iraniano sostiene anche il governo dell’alawita (un ramo dell’Islam sciita) Assad in Siria, che fa da ponte con il Libano.
Nello Yemen, i ribelli Houthi, situati prevalentemente nella parte settentrionale del Paese, sono musulmani sciiti e rappresentano circa 1/3 della popolazione totale. Gli Houthi sono riusciti a forzare le dimissioni del Presidente Hadi, riconosciuto dalla comunità internazionale. Nonostante il fatto che durante la rivolta del 2014-2015 i ribelli sciiti abbiano assunto il controllo politico, la maggior parte delle tribù sunnite dello Yemen meridionale non riconosce l’autorità sciita. Nel 2015 si è formata una coalizione di Stati arabi sotto la guida dell’Arabia Saudita per sostenere l’ex presidente Hadi contro i ribelli Houthi, che sono filo-iraniani. Ampie zone del territorio yemenita sono inoltre sotto il controllo del gruppo militante sunnita al-Qaeda, che si oppone sia agli Houthi sciiti sia all’ex governo di Hadi. Il gruppo sunnita al-Qaeda in Yemen è stato per anni bersaglio della controversa campagna di droni degli Stati Uniti all’interno del Paese.
Infine, dietro la guerra civile siriana iniziata nel 2011 c’è, in sostanza, la violenza settaria. Il Presidente siriano al-Assad appartiene alla minoranza dei musulmani alawiti, un ramo della setta sciita. Gli alawiti prendono il nome da Ali ibn Abi Talib, cugino, genero e primo seguace maschio del Profeta Maometto (alawita = “seguace di Ali”). Le proteste contro il governo di Assad sono iniziate nel marzo 2011 e sono state violentemente represse. Tuttavia, la guerra civile siriana ha in parte contribuito a esacerbare i sentimenti di odio e risentimento tra le comunità sciite e sunnite del Paese. Durante il conflitto, l’Iran sciita e gli Hezbollah sciiti del Libano meridionale, nel momento di maggiore difficoltà per il regime di Assad, sono accorsi al fianco del Presidente Assad per impedirne la deposizione. Tuttavia, allo stesso modo, i combattenti sunniti del Fronte Jabhat al-Nusra e dell’ISIS sunnita stanno combattendo in Siria contro Assad. Dobbiamo tenere presente che Jabhat al-Nusra è il ramo siriano di al-Qaeda e che le monarchie sunnite del Golfo Persico e la Turchia sunnita sostengono finanziariamente e militarmente i combattenti dell’opposizione sunnita in Siria.
La regione del Medio Oriente e del Nord Africa è un’area in cui la geografia e la storia sono fattori importanti nella vita contemporanea delle persone. Ci sono molti popoli nativi della regione, per i quali l’area MENA è considerata la patria araba. Si riferisce a quelle terre in cui si parla la lingua araba (con tutti i dialetti). Si tratta di una regione unica al mondo dal punto di vista geografico, geopolitico e geostrategico, poiché qui si incontrano tre continenti (Europa, Africa e Asia) e perché è stata il punto focale dello sviluppo delle prime civiltà. Geologicamente, la sua topografia si è trasformata dopo l’era glaciale da un clima che sosteneva le praterie e i corsi d’acqua in vaste steppe e deserti. Intorno al 2000 a.C., il popolo pastorale degli ariani, o chiamati anche indo-iraniani, migrò in India e in Occidente e in Asia centrale, compreso l’odierno Iran (Persia) e i Paesi circostanti. Dal punto di vista strategico, la regione MENA è stata sempre considerata un territorio geostrategico di grande valore in quanto crocevia di scambi commerciali, fede, conflitti o sviluppo culturale.

In linea di massima, il tratto distintivo della regione è la cultura araba predominante, con alcuni contrasti nelle abitudini culturali tra, ad esempio, l’Arabia Saudita e l’Egitto. Inoltre, le caratteristiche culturali di diversi altri gruppi etnici e confessionali della regione MENA forniscono un quadro più completo dei popoli e delle sfide della regione.

Dr. Vladislav B. Sotirovic

Ex professore universitario

Ricercatore presso il Centro di Studi Geostrategici

Belgrado, Serbia

www.geostrategy.rs

sotirovic1967@gmail.com © Vladislav B. Sotirovic 2023

Disclaimer personale: l’autore scrive per questa pubblicazione a titolo privato e non rappresenta nessuno o nessuna organizzazione, se non le sue opinioni personali. Nulla di quanto scritto dall’autore deve essere confuso con le opinioni editoriali o le posizioni ufficiali di altri media o istituzioni.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

 

 

SITREP 31/01/24: I colloqui segreti del back-channel stimolano le speranze sulla riduzione dell’escalation con l’Iran + Resa dei conti Zelensky-Zaluzhny, di Simplicius the Thinker

Un rapporto di Simplicius particolarmente importante e significativo in generale, in particolare su due punti, soprattutto perché coincide con numerose valutazioni di analisti statunitensi ed avvalora tesi sulle caratteristiche del confronto politico negli USA  più volte sotttolineate per anni su questo sito:

  • l’evidenza che ormai il conflitto tra centri decisori statunitensi, pur nella stessa compagine, ha raggiunto livelli tali da dimenticare ogni esigenza o velleità di sintesi sino a mettere in atto colpi di mano e forzature apertamente ostili nei confronti dei vitali. La geografia dei focolai di aggressione corrisponde esattamente con la sfera di influenza del gruppo riferito a Nuland e Kagan. Il dramma rischierebbe di esplodere o di diventare incontrollabile in caso di saldatura con la parte del gruppo più oltranzista presente nel Pacifico. Non è scontato, soprattutto per il comportamento della dirigenza cinese, anch’essa per altro sottoposta a notevoli pressioni interne. Un aspetto che abbiamo sottolineato più volte nelle conversazioni di questi anni con Gianfranco Campa.
  • l’altro aspetto rilevante riguarda il divario crescente tra lo spreco tecnologico, di sistemi avanzati di difesa, di costi e di disponibilità delle forze statunitensi, specie quelle della marina degli Stati Uniti nel mar Rosso, rispetto alla tattica di progressivo avvicinamento ai bersagli adottata dagli Houthi e dall’Iran con mezzi di gran lunga più economici. Un segnale allarmante della possibilità di non ritorno del punto di rottura, più o meno cercato dalla fazione più avventurista statunitense, piuttosto che dall’Iran. Da leggere con attenzione, Giuseppe Germinario

Colpi di scena mettono nuove increspature nella saga in corso del Medio Oriente.

L’ultima volta ci eravamo lasciati con le truppe americane che subivano alcune delle loro prime morti dirette per mano di “proxy iraniani”, infiammando importanti discorsi di ritorsione da parte dell’amministrazione Biden.

Ma gli ultimi aggiornamenti chiarificatori rivelano che dietro le quinte si è svolta una girandola di “negoziati segreti”, con l’amministrazione Biden che cerca disperatamente di segnalare una “intesa” con l’Iran senza perdere la faccia. Si tratta di colloqui complessi e sfaccettati perché si vocifera di un coinvolgimento diretto e indiretto di molti partiti, compreso Hezbollah. In generale, si può riassumere così: Israele è su una terra bruciata, e gli Stati Uniti gli corrono dietro con un estintore, cercando disperatamente di tenere le fiamme sotto controllo.

Biden, stordito e confuso come sempre, incarna l’atteggiamento da pollo senza testa degli Stati Uniti:

La più significativa delle voci afferma che gli Stati Uniti hanno cercato di inviare “silenziosamente” segnali all’Iran attraverso i canali secondari dell’ambasciata svizzera, che è il modo il metodo principale utilizzato da molto tempo:

> È stato riferito che gli Stati Uniti si sono offerti, tramite l’ambasciata svizzera all’Iran, di colpire uno dei loro siti, ma l’Iran non dovrebbe reagire. Ciò consentirebbe agli Stati Uniti di salvare la faccia. Sembra che sia stato RIFIUTATO:

“Gli Stati Uniti hanno inviato più di un messaggio a Teheran negli ultimi due giorni tramite terzi. I messaggi di Washington dicevano che non voleva una guerra aperta e avvertivano che l’espansione della guerra sarebbe stata affrontata con l’azione degli Stati Uniti. Teheran ha respinto le minacce di Washington e ha affermato che prendere di mira il suo territorio è una linea rossa, e oltrepassare la linea riceverebbe una risposta adeguata. Il messaggio di Teheran dice che non vuole nemmeno una guerra con Washington, ma affronterà con forza qualsiasi avventura americana”. — Fonti iraniane ad AJArabic

Mettiamoli insieme. In primo luogo, il rapporto di cui sopra afferma che gli Stati Uniti hanno sostanzialmente implorato l’Iran di permettergli di colpire alcuni obiettivi simbolici con la promessa che l’Iran non avrebbe reagito, in modo che gli Stati Uniti potessero avere la meglio e salvare la sua reputazione sulla scena mondiale. Secondo quanto riferito , l’Iran ha risposto che non sarebbero stati consentiti attacchi sul suo territorio.

La cosa interessante è che i rapporti successivi hanno affermato che gli Stati Uniti stanno ora passando a una campagna potenzialmente su scala più ampia per attaccare i rappresentanti iraniani in Siria e Iraq, ma non ad attaccare direttamente il territorio iraniano. Tuttavia, stanno valutando la possibilità di effettuare attacchi informatici contro l’Iran, il che sarebbe una sorta di “compromesso” in quanto colpirebbe tecnicamente il territorio iraniano ma non in modo palesemente fisico. Si può vedere quanto diventi ridicolo questo tipo di teatro, dal momento che la politica statunitense si è trasformata in nient’altro che un atto di bilanciamento delicato ed efficace, tutto per il bene di proteggere il vitello d’oro di Israele nella regione.

Questo aspetto ha dominato i titoli dei giornali, ma ciò che è stato riportato meno sono i negoziati segreti in corso tra Israele, Hezbollah, Hamas e altri. Mentre gli Stati Uniti cercano disperatamente di impedire a Israele di soffiare sul fuoco, gli Stati Uniti stessi lavorano 24 ore su 24 per cercare di mettere insieme un accordo che possa potenzialmente soddisfare tutte le parti.

Per questo motivo negli ultimi due giorni sono giunte diverse notizie non confermate secondo cui Israele starebbe considerando la cessazione totale delle ostilità attraverso uno scambio completo di tutti i prigionieri e degli ostaggi. Tuttavia, Netanyahu è andato in televisione per negare con veemenza ciò e per affermare che le operazioni continueranno fino alla “piena vittoria”. Ma questo potrebbe essere semplicemente un effetto collaterale della sua situazione politicamente precaria; al momento, è riluttante a mostrare qualsiasi debolezza percepita e deve continuare a pomparsi con questa falsa spavalderia per tenere a bada gli avvoltoi.

Come potenziali frutti di questo lavoro erculeo, otteniamo i seguenti nuovi rapporti:

Vale a dire, il più potente e influente dei gruppi “sostenuti dall’Iran” che hanno lanciato attacchi contro le forze statunitensi ha improvvisamente dichiarato che “sospenderà” i suoi attacchi. Ciò significa che i negoziati hanno apparentemente soddisfatto le parti concordando – per ora – sul fatto che dovrebbe verificarsi una riduzione della tensione. Se questa riduzione dell’escalation seguirà anche il suo slancio in un importante cessate il fuoco storico anche a Gaza, allora sarà stato essenzialmente un trionfo iraniano in pieno, poiché avrà significato che l’Iran è riuscito a costringere gli Stati Uniti ad accedere a tutti i suoi diritti. richieste, acquisendo allo stesso tempo una vasta influenza e prestigio sulla regione.

L’ovvia implicazione qui, a cui avevo accennato l’ultima volta, è che ci sono ulteriori negoziati segreti dietro le quinte per il ritiro degli Stati Uniti dalla regione. Presumibilmente l’Iran ha segnalato che l’unico modo per allentare l’escalation è presentare linee concrete per il ritiro delle forze statunitensi. Quindi questa sarà l’area da tenere d’occhio nei prossimi giorni e settimane, per vedere se gli Stati Uniti segnaleranno ulteriore acquiescenza su questo argomento, o faranno nuovi annunci riguardanti piani o colloqui ufficiali che potrebbero delineare un programma, anche se vago. , per alcuni tipi di prelievi. Va però menzionato che giorni fa Victoria Nuland ha reso “chiaro” che gli Stati Uniti non si ritireranno dalla Siria, ma è difficile sapere a nome di chi, esattamente, stia parlando:

Si ha l’impressione che il suo clan dello stato profondo all’interno del governo sia così potente che a volte le è permesso fare dichiarazioni supponenti che non hanno alcun reale sostegno legale, ma che in seguito possono essere revocate semplicemente perché nessuno osa smentirla in quel momento, e lei le ha dato di più di mano libera per “interpretare” la politica ufficiale.

Considerati questi sviluppi, potremmo potenzialmente leggere le recenti minacce di Israele nei confronti del Libano/Hezbollah come una sorta di segnale di augurio nei confronti degli Stati Uniti – forse anche una minaccia che intende dire: “ Non osate tirarvi indietro contro l’Iran adesso o lo faremo”. coinvolgerti in qualcosa di molto più grande e forzarti la mano.

Una cosa è chiara: l’Iran non vuole un’escalation, gli Stati Uniti non vogliono un’escalation; entrambi in un certo senso rispondono alle provocazioni di Israele e ci girano intorno. In questo caso, in una certa misura, Israele è al posto di guida. Se Israele firmasse un cessate il fuoco, l’Iran potrebbe fare marcia indietro e “liberare” le rotte del Mar Rosso, liberando il mondo occidentale dallo strangolamento economico. Tutto ciò che gli Houthi/Ansar Allah hanno fatto è per la maggior parte in risposta alle azioni di Israele. È stato recentemente rivelato che anche le navi battenti bandiera saudita possono transitare nel Mar Rosso:

Ciò è probabilmente non solo il risultato del riavvicinamento Iran-Arabia Saudita, ma anche del fatto che l’Arabia Saudita ha respinto la richiesta degli Stati Uniti affinché l’Arabia Saudita si unisse all’operazione “Prosperity Guardian” sul Mar Rosso – un’ulteriore prova del fatto che le operazioni di Ansar Allah sono mirate principalmente contro Israele e i suoi paesi. Azioni.

Infine, se tutto fallisce e l’Impero vuole continuare a crescere, Ansar Allah sarebbe pronto ad alzare la posta in modi che potrebbero ferire seriamente la bestia alla loro porta:

L’altro grande sviluppo della settimana arriva dal teatro ucraino. Alla fine Zelenskyj premette il grilletto e tentò di cacciare apertamente Zaluzhny:

Abbiamo riportato qui questo thread in crescita per molto tempo, e senza dubbio alcune persone avevano dubbi sul crescente scisma, basandosi principalmente su quelle che sembravano essere dicerie o “rapporti” senza fonte. Ora la cosa è diventata del tutto ufficiale, tanto che anche la stampa occidentale è costretta a riferire apertamente i cupi sviluppi.

L’unica cosa è che c’è ancora poco accordo su come sia andata esattamente. La versione primaria dice che Zelenskyj si è seduto faccia a faccia con Zaluzhny e ha chiesto le sue dimissioni, che Zaluzhny ha rifiutato:

Ma ci sono altre versioni; come quello in cui si afferma che il sostituto nominato da Zelenskyj per Zaluzhny, che sarebbe stato Budanov, ha rifiutato lui stesso l’incarico per qualche motivo non dichiarato. Si può supporre quale potrebbe essere un motivo del genere: Budanov sa che Zaluzhny ora controlla la fazione più potente del paese e probabilmente non è una buona idea mettersi dalla parte cattiva di Zaluzhny proprio alla vigilia del suo potenziale rovesciamento di Zelenskyj, dopo di che Zaluzhny potrebbe benissimo decidere di “eliminare” chiunque lo abbia ostacolato, incluso in questo caso Budanov, se avesse tagliato Zaluzhny in questo modo.

Un rapporto afferma addirittura che anche il generale Syrsky si rifiutò di sostituire Zaluzhny:

🇺🇦⚔️🇺🇦 Il comandante delle forze di terra delle forze armate dell’Ucraina, Syrsky, seguendo il capo della direzione principale dell’intelligence Budanov, ha rifiutato l’offerta di assumere la carica di capo di stato maggiore delle forze armate dell’Ucraina invece di Zaluzhny, riferisce il British Times citando fonti.

Il giornale rivela anche alcuni dettagli dell’incontro tra Zaluzhny e Zelenskyj del 29 gennaio. Fonti hanno informato che durante l’incontro il capo di stato maggiore ha dichiarato ai consiglieri di Zelenskyj che le loro valutazioni sulla situazione militare erano più positive che realistiche. In seguito a queste parole, a Zaluzhny è stato offerto di dimettersi.

Il Times sostiene inoltre che dopo il rifiuto di Zaluzhny, Zelenskyj gli ha detto che avrebbe firmato personalmente il decreto di dimissioni. Successivamente, Zaluzhny è tornato nel suo ufficio e ha annunciato ai suoi subordinati il ​​​​suo licenziamento. Immediatamente, i “partner internazionali” rappresentati dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna hanno espresso preoccupazione, e Zelenskyj “è stato costretto a revocare la sua decisione sotto la pressione del massimo comando militare e dei partner internazionali”.

Come accennato sopra, un’altra versione afferma che Zelenskyj ha avuto un immediato “intervento” da parte dei suoi sponsor americani, che senza mezzi termini gli hanno ordinato bruscamente di cessare il suo tentativo di rimuovere Zaluzhny.

L’Economist ha descritto la loro versione:

Una giornata drammatica è iniziata con le fughe di notizie dei parlamentari, che erano stati informati, forse strategicamente, di una “serie di documenti” inviati a un comitato di sicurezza per la firma. Più tardi, fonti dello stato maggiore e vicine al generale Zaluzhny hanno confermato che era in corso una riorganizzazione. L’Economist ha potuto confermare che in una riunione svoltasi in prima serata il presidente ha informato il suo generale della decisione di licenziarlo. A Zaluzhny è stato offerto un altro ruolo: segretario del Consiglio di sicurezza nazionale. Ha rifiutato.

Giustamente concludono che è una situazione senza via d’uscita:

Non è chiaro come andrà a finire questa storia. Ma se Zelenskyj manterrà il suo comandante in capo, sembrerà debole. Se lo licenzia, il modo goffo in cui è stata gestita non farà altro che danneggiare la fiducia nella leadership. Come spesso accade in questo conflitto, non ci sono vittorie facili.

Un’ultima versione afferma che Zaluzhny ha minacciato di rivolgersi ai media in seguito in modo molto “ad alta voce”, cosa che ha costretto Zelenskyj a fare marcia indietro. Vedete, al momento Zaluzhny sarebbe soggetto a un editto di silenzio totale in base al quale non gli è permesso parlare con i media o quasi con nessuno. Per quanto assurdo possa sembrare, ciò è stato effettivamente confermato da Mick Ryan di Substack nel suo ultimo articolo .

Naturalmente questa non è una storia nuova. Le tensioni in questo rapporto sono evidenti da tempo. Durante la mia prima visita in Ucraina nel 2023, all’inizio dell’anno scorso, sono stato informato che Zaluzhnyi non poteva essere intervistato poiché gli era stato proibito di parlare alla stampa senza l’approvazione presidenziale.

Durante il procedimento, la deputata della Rada Mariana Bezuglaya, che secondo alcune fonti potrebbe lavorare per Yermak per screditare Zaluzhny, ha colto l’occasione per infangare ulteriormente Zaluzhny, definendolo un “alcolizzato” che non lascia mai il suo ufficio per andare in prima linea:

D’altro canto, Yulia Tymoshenko ha difeso Zaluzhny, in disaccordo con la richiesta di licenziamento:

L’argomento più importante ruota attorno al motivo per cui , proprio adesso, Zelenskyj ha scelto di fare una mossa così disperata. Abbiamo riferito per un po’ che Zelenskyj aveva intrapreso una campagna a fuoco lento per screditare Zaluzhny poco a poco, fino al momento in cui potrebbe dimettersi di sua volontà o forse essere facile da rimuovere a causa della sua reputazione offuscata.

La teoria dominante ruota attorno alla continua mobilitazione dell’albatros. Un rapporto afferma addirittura che l’incontro tra Zelenskyj e il suo generale riguardava interamente la consegna di un ultimatum secondo cui Zaluzhny doveva presentare il disegno di legge sulla mobilitazione alla Rada stessa. Zelenskyj è ossessionato dall’idea di costringere Zaluzhny ad assumersi la responsabilità di un nuovo disegno di legge sulla mobilitazione di massa, in modo da poter essere il parafulmine e assorbire tutte le critiche sociali. Zaluzhny d’altro canto ritiene che sia dovere costituzionale del presidente occuparsi di queste cose.

Il Paese è attualmente in una stasi, non solo perché Zelenskyj non riesce a correre il rischio di prendersi la colpa per un disegno di legge draconiano sulla mobilitazione, ma anche perché il parlamento ucraino è congelato dalla mancanza di rassicurazioni future da parte del dipartimento dei finanziamenti. Vedete, non solo le spese militari come gli aiuti proposti da Biden all’Ucraina sono congelate, ma anche gli aiuti economici regolari sono impantanati. Il più grande dei quali è attualmente oggetto di discussione nell’UE, con l’Ungheria che ha posto importanti ostacoli, per i quali è ricattata e pesantemente minacciata.

Senza nemmeno sapere quale tipo di finanziamenti saranno disponibili quest’anno o nel futuro a lungo termine, il parlamento ucraino non è in grado di progettare piani di mobilitazione adeguati perché dipendono in gran parte dai fondi che saranno disponibili per i vari programmi e aspetti di tale un progetto ambizioso e su larga scala. Pertanto, internamente il sistema è attualmente ostacolato e incapace di funzionare correttamente.

E per quanto riguarda tale finanziamento, i 50 miliardi di euro proposti dall’UE sono per quattro anni. L’Ucraina ha bisogno di qualcosa come 25-30 miliardi di dollari all’anno solo per le spese governative e civili, senza contare le spese militari, cioè il bilancio della difesa. Ciò significa che anche questi 50 miliardi di euro sono tristemente pochi, anche se ci sono alcuni altri meccanismi proposti per cercare di ottenerne un po’ di più.

La stessa Rada propone alcune misure radicali. Dal canale UA residente:

La nostra fonte nel PO ha donato la bozza del piano dell’Ufficio del Presidente e del Gabinetto per uscire dalla situazione con i finanziamenti degli Stati Uniti. Su Bankova si aspetta febbraio per calcolare finalmente l’aiuto dell’Occidente per il 2024 e rivedere il bilancio, ma ora ci sono i punti principali:

– Svalutazione della grivna fino a 45-50 per dollaro, che aiuterà a ottenere ulteriori 200-250 miliardi di grivna.

-riduzione dei pagamenti sociali -25-30 miliardi di grivna.

– L’aumento delle tariffe degli alloggi e dei servizi comunali attirerà inoltre 20 miliardi di grivna.

-l’aggiornamento dello schema con la NBU per OVGZ quando si utilizza il fondo oro e valutario – 300-500 miliardi di grivna, in base al deficit.

E per questo motivo, Victoria Nuland è stata inviata a Kiev, in quello che può essere considerato solo un lavoro di riparazione di emergenza, per sistemare le cose e impedire che tutto vada in pezzi:

Ha anche promesso alcune piccole “sorprese” brutte per Putin. Alcuni hanno dedotto che ciò si riferisca al nuovo annuncio secondo cui l’Ucraina sta presumibilmente già ricevendo le tanto attese GLSDB, o bombe di piccolo diametro lanciate da terra, che possono sparare dai lanciatori HIMAR. Ho già scritto un intero manuale su questi dorsi quando sono stati annunciati per la prima volta, quindi se sei interessato ai dettagli, puoi consultare questo:

JDAM e GLSDB: Wunderwaffen o Vaporware?

·
2 MARZO 2023
JDAM e GLSDB: Wunderwaffen o Vaporware?
Gli Stati Uniti hanno annunciato un pacchetto di armi all’Ucraina che include il sistema di bombe JDAM. Il sistema JDAM è fondamentalmente un adattamento adattato alle “bombe stupide” della serie Mark 80 dell’era del Vietnam di vecchio stile (senza guida) che le trasforma in bombe guidate. Ci sono così tante generalizzazioni sbagliate e salti alle conclusioni su questi futuri sistemi d’arma. L…
Leggi la storia completa         Read full story

Ha dato come risposta un ridicolo “incoraggiamento” generato dall’intelligenza artificiale, ma il suo vero compito chiaramente non era quello di fungere da intermediario per ciò che sta facendo il Congresso degli Stati Uniti, ma di inviare avvertimenti verbali a Zelenskyj e allo staff superiore e consegnare loro le loro direttive per il momento. essendo.

🇺🇸🇺🇦🇷🇺La vicesegretaria di Stato americana Victoria Nuland durante la sua visita a Kiev oggi non è stata in grado di rispondere alla domanda se gli Stati Uniti hanno un piano B se il Congresso non approva un pacchetto di aiuti per l’Ucraina

“Gli americani comprendono e ammirano gli incredibili risultati che l’Ucraina ha già ottenuto nella lotta contro l’aggressione russa. E capiscono anche cosa accadrà se non si riuscirà a continuare non solo a difendersi, ma ad avere successo. Sono assolutamente fiducioso che la comprensione di ciò influenzerà i risultati del voto del Congresso su richiesta del presidente Biden”, ha risposto il vice segretario di Stato americano alla domanda se l’Ucraina riceverà assistenza dagli Stati Uniti e se esiste un “Piano B”.

In chiusura, Mark Galeotti lancia un avvertimento nel suo nuovo articolo:

Ecco come un analista lo ha riassunto:

La situazione con le possibili dimissioni del comandante in capo delle forze armate ucraine (AFU) Valery Zaluzhny ha causato sconcerto tra i diplomatici occidentali, ne scrive in un articolo un dipendente del Royal United Services Institute for Defense and Security Studies per il settimanale The Spectator. RUSI) Marco Galeotti.

Un alto diplomatico europeo coinvolto negli affari ucraini ha detto a Galeotti che all’inizio di questa settimana la parte ucraina ha cercato di consultarsi con l’ambasciata del suo paese su una possibile risposta al rimpasto militare. Successivamente, secondo lui, a Kiev “sembra che siano tornati in sé”, decidendo di non licenziare Zaluzhny. “Cosa stavano pensando?” – ha detto l’interlocutore di Galeotti.

Come si legge nell’articolo, il presidente ucraino Vladimir Zelenskyj potrebbe abbandonare il progetto di sostituire Zaluzhny, rendendosi conto che la reazione a questa decisione potrebbe essere estremamente negativa.

Budanov all’ultimo momento ha rifiutato la carica di comandante in capo delle forze armate ucraine, riferisce The Economist con citazione di fonti.

Secondo la pubblicazione, il capo della direzione principale dell’intelligence del Ministero della difesa ucraino è stato considerato uno dei principali candidati a sostituire l’attuale comandante in capo delle forze armate ucraine Valery Zaluzhny.

La pubblicazione scrive anche che Zaluzhny ha rifiutato l’offerta di Zelenskyj di assumere la carica di segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale.

E la BBC, che ci crediate o no, ha fornito il riassunto più approfondito di tutto ciò che è accaduto, con un’interessante previsione su ciò che potrebbe accadere dopo.

Gli interlocutori della BBC nel settore della difesa ucraino affermano che, nelle circostanze attuali, le dimissioni del comandante in capo delle forze armate ucraine sembrano più una questione di tempo.

Il numero di contraddizioni tra Zelenskyj e Zaluzhny ha raggiunto un limite critico, e sembra che non stiamo più parlando solo della differenza di opinioni sui combattimenti e sul suo futuro, ma di contraddizioni puramente personali tra queste persone, in verità, completamente diverse e la mancanza di fiducia tra loro necessaria affinché l’Ucraina non perda la guerra scatenata dalla Russia.

Infine, nonostante quanto accaduto finora, la CNN sostiene che si è trattato solo dell’antipasto e che Zelenskyj intende emanare un decreto presidenziale completo per rimuovere Zaluzhny dal potere “entro la fine della settimana”:

Non è stato fatto un annuncio formale, il che significa che Zaluzhny era ancora in carica mercoledì sera, tuttavia, entro la fine della settimana è atteso un decreto presidenziale, ha detto una delle fonti alla CNN, in quello che sarebbe il più grande cambiamento militare da parte di Zelenskyj. dall’inizio dell’invasione su vasta scala da parte della Russia quasi due anni fa.

Bene, prepara i popcorn.

Un paio di altri piccoli oggetti.

Oggi Putin ha affermato apertamente – probabilmente per la prima volta, in modo così palese e pubblico – che l’intera linea di contatto dovrà essere spostata a una distanza tale da impedire che i territori russi vengano raggiunti dalle armi più avanzate della NATO fornite all’Ucraina. :

Dato l’annuncio che i GLSDB sarebbero ora in viaggio, ciò è essenzialmente la conferma che Kharkov e altri dovranno essere riconquistati. Kharkov è a soli 30 km dal confine russo, mentre armi come GLSDB hanno una portata di oltre 140 km.

L’esercito americano continua a mostrare alcune gravi crepe nelle sue infrastrutture e nella cultura della prontezza. Questo è il terzo incidente dell’F-16 in meno di un anno, senza contare molti altri incidenti come il B-1B e vari altri velivoli:

È interessante notare che un missile yemenita è stato il più vicino a colpire una nave statunitense, aggirando il famoso sistema AEGIS e arrivando fino all’ultima linea di difesa: il CIWS.

Anche gli “esperti” sono preoccupati:

Il rapporto illustra i dettagli

Secondo quanto riferito dalla CNN a 4 funzionari della Difesa, l’intercettazione di ieri di un ASCM Houthi da parte della USS Gravely (DDG-107) è avvenuta a una distanza di circa 1 miglio o 0,86 miglia nautiche ed è stata abbattuta dal CIWS della nave. Questo è il primo caso specificamente riportato di intercettazione di un missile/drone Houthi da parte del CIWS. Si tratta dell’intercettazione più ravvicinata finora, le altre sono avvenute a 5-10 miglia di distanza.
Si tratta di una distanza estremamente scomoda. Essere abbattuti a meno di 2 km significa che se il missile stesse andando, diciamo, a Mach 2, cioè a 2500 km/h, sarebbe stato a soli 2-3 secondi dal colpire la nave. A Mach 3, era a 1,5 secondi dal colpire la nave. Questo è ciò che si definisce un incidente ravvicinato.

Un’infografica di ciò che la Marina statunitense sostiene di aver abbattuto finora:

Si tratta di una distanza estremamente scomoda. Essere abbattuti a meno di 2 km significa che se il missile stesse andando, diciamo, a Mach 2, cioè a 2500 km/h, sarebbe stato a soli 2-3 secondi dal colpire la nave. A Mach 3, era a 1,5 secondi dal colpire la nave. Questo è ciò che si definisce un incidente ravvicinato.

Un’infografica di ciò che la Marina statunitense sostiene di aver abbattuto finora:

Allo stesso tempo, hanno affermato di aver abbattuto un altro missile balistico yemenita con un SM-6, il missile di difesa aerea più avanzato e costoso degli Stati Uniti, con un prezzo di 4,3 milioni di dollari. E gli Houthi hanno apparentemente trovato carcasse di missili SM-6 (piuttosto che SM-2, ecc.) su tutte le spiagge:

Un’ulteriore conferma del fatto che gli Stati Uniti stanno spendendo una quantità enorme dei loro sistemi AD più preziosi e costosi. Senza contare che gli Houthi continuano ad avvicinarsi sempre di più:

Qualche settimana fa, si era diffusa la notizia che, in seguito all’escalation della situazione in Israele, l’Arabia Saudita avesse “silenziosamente ritirato” la sua adesione ai BRICS, probabilmente dopo aver “ricevuto la telefonata” delle persone negli Stati Uniti a cui non si dice “no”. Tuttavia, oggi alcuni nuovi promettenti rapporti affermano che l’Arabia Saudita ha pienamente ratificato la sua adesione, così come gli altri nuovi membri:

Il FMI continua a “rivedere” al rialzo le proiezioni economiche della Russia di oltre il doppio:

Si tratta di un classico schema di inganno: diffamare il proprio nemico per danneggiare la sua reputazione quando è importante, poi “tranquillamente” riformulare le proprie bugie quando non è più importante per coprire le proprie tracce.

Nel frattempo, per l’Occidente:

Se pensavate che i commissari di mobilitazione ucraini fossero già prepotentemente coercitivi fino alla violenza, questo comandante, Anatoly Stuzhenko della 118ª brigata territoriale, dice che le persone che si rifiutano di seguire l’appello del commissario dovrebbero essere uccise con un colpo di pistola alle ginocchia, altrimenti la mobilitazione fallirebbe e non ci sarebbe modo di avere abbastanza persone per il fronte:

Infine, ricorderete che l’ultima volta Putin aveva detto che stavano ancora determinando quale sistema antiaereo occidentale fosse stato usato nell’abbattimento dell’Il-76. Ora porta la notizia che le autorità hanno determinato in modo definitivo dalla scientifica sul posto che si trattava di un sistema Patriot americano. Ora ha dato la notizia che le autorità hanno determinato in modo definitivo, grazie alle analisi forensi in loco, che si trattava di un sistema Patriot americano:


Un’ultima nota veloce: ho notato che c’è un imitatore su Telegram con il nome di Simplicius76, il cui account si presenta così:

Per favore, sappiate che si tratta di una specie di truffatore e che non sono io né mi rappresenta in alcun modo, e che non sono su Telegram in alcuna veste ufficiale.

Il mio unico social media ufficiale è Twitter/X: https://twitter.com/simpatico771.

Alcuni mi hanno chiesto di andare su Telegram, ma sfortunatamente per il momento non ho il tempo o la capacità di gestire così tanti account; forse un giorno in futuro.

L’unica vera ragione per cui sono su X è più che altro un investimento pragmatico, nella speranza che Musk mantenga la sua promessa di convertirlo in un’applicazione di pagamento, che darebbe ai creatori un’altra opzione per aggirare i servizi censori e pro-deplorazione come praticamente tutti quelli esistenti, cioè Paypal, Venmo, ecc.


Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: Tip Jar

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

La cultura araba e le sue caratteristiche fondamentali_di Dr. Vladislav B. Sotirovic

La cultura araba e le sue caratteristiche fondamentali

Che cos’è l’arabo?

La comprensione della cultura araba e dei valori su di essa basati sono i punti cruciali per una corretta comprensione della moderna regione MENA (composta da Medio Oriente e Nord Africa) e delle sue caratteristiche fondamentali. Tuttavia, va notato che tutti i popoli della regione MENA non sono arabi, come i turchi, gli ebrei, alcune tribù nordafricane o gli iraniani. La Lega Araba (o Lega degli Stati Arabi) è composta da 22 Paesi arabi. Anche se gli Stati arabi, da un punto di vista culturale, sono considerati mediorientali (in senso lato), non tutti appartengono al Medio Oriente (in senso stretto) e non tutti i Paesi del Medio Oriente o MENA sono arabi.

Un’altra caratteristica fondamentale del mondo arabo è che non tutti gli Stati membri hanno atteggiamenti, comunicazioni, comportamenti, tradizioni, ecc. simili. Ci sono, ad esempio, Stati arabi musulmani come la Mauritania, il Sudan o la Somalia in cui di solito si parlano lingue tribali piuttosto che l’arabo, seguite da molte tradizioni culturali fondate sui costumi e sul patrimonio africano locale.

Dobbiamo anche tenere presente che non tutti gli arabi sono musulmani, poiché ci sono arabi mediorientali che sono cristiani (ad esempio in Libano). Tuttavia, le nazioni arabe sono composte da una schiacciante maggioranza musulmana (sunnita o sciita). La caratteristica successiva che dobbiamo considerare è che gli arabi sono una categoria etnica di un popolo semita più ampio (anche gli ebrei sono semiti), mentre il termine musulmano determina il credo religioso e l’orientamento confessionale. Tuttavia, il riferimento agli arabi è fondamentalmente rivolto a persone distinte che possiedono un modello di comportamento unico fondato sul loro particolare tipo di cultura, tradizione, religione, lingua e costumi. Tuttavia, gli arabi non hanno tutti lo stesso aspetto o vestito e non devono essere stereotipati. Va sottolineato che gli arabi non sono una razza, un colore della pelle, una nazionalità o un musulmano. Nell’autentico periodo pre-islamico, un arabo era un abitante della penisola arabica, membro di alcune tribù beduine nomadi, ma al momento dell’espansione dell’Islam arabo, gli arabi portarono la loro nuova religione, lingua e cultura nella regione del Medio Oriente e del Nord Africa e oltre (come nella penisola iberica), mescolandola con i popoli conquistati dalla Spagna e dal Portogallo alla Persia.

Le conquiste arabe sono state le guerre che, nel secolo successivo alla morte del Profeta Maometto nel 632, hanno creato un grande Stato (califfato/impero) che si estendeva dai Pirenei in Europa al fiume Indo in Asia. La conquista iniziò inizialmente come guerra santa (jihad) contro le tribù beduine che si rifiutavano di accettare l’Islam, ma ben presto la guerra santa divenne ispirata dalla prospettiva di acquisire vaste terre e dalla convinzione che la morte nella guerra santa avrebbe portato il guerriero in paradiso. Nelle province bizantine di Egitto e Siria, i conquistatori arabi permisero a cristiani ed ebrei di continuare a esprimere le loro confessioni come “popoli del libro” o “popoli protetti” (dhimmi) dietro pagamento di una certa tassa. A causa della resistenza in Persia e in Nord Africa, le conquiste divennero più lente. Dopo la prima guerra civile del 656-661, la capitale araba fu trasferita da Medina a Damasco dalla dinastia degli Omayyadi e sotto la nuova dinastia degli Abbasidi a Baghdad, dove fiorì la cultura islamica. A prescindere dal fatto che la coerenza politica di questo impero arabo (storicamente c’erano quattro califfati) non esisteva più a causa dei califfati rivali apparsi in Nord Africa e nella Penisola iberica nel IX e X secolo, la coerenza culturale fu mantenuta dall’università della lingua araba e dalla legge islamica (sharia) seguita dal traffico di mercanti, studiosi e pellegrini.

In seguito alle conquiste arabe e alla mescolanza dell’arabo con le culture locali, oggi gli arabi non sono un gruppo etnico separato, ma piuttosto una comunità con uno stato d’animo. La confusione sul significato del termine arabo deriva molto spesso dal fatto che viene usato come sinonimo dei popoli dell’area MENA e/o dei musulmani in generale. Tuttavia, la domanda è: quali sono le caratteristiche cruciali della cultura araba?

I tratti distintivi della cultura araba

Come ogni cultura distintiva, anche quella araba ha i suoi valori – i valori arabi (come, ad esempio, i valori asiatici). Nelle società tradizionali arabe, le virtù più preziose sono la dignità, l’onore e la reputazione. Ad esempio, agli stranieri che si trovano in un Paese arabo viene suggerito di evitare di far perdere la faccia o di far vergognare un arabo; nel caso di una donna, per aver perso la verginità prima del matrimonio. La lealtà degli arabi nei confronti della famiglia e la comunicazione educata e amichevole devono essere rispettate. Nelle comunità tribali o arabe tradizionali, la scala delle priorità va prima all’individuo, poi al parente, al compagno di tribù e infine a coloro che condividono la stessa confessione e lo stesso Paese. Nonostante la rapida urbanizzazione che ha ridotto l’influenza del tribalismo, esiste ancora un certo grado di collettivismo. Tuttavia, il problema principale è quello di prendere in considerazione tutti gli aspetti dell’impatto della modernizzazione, per quanto tempo la comunità araba locale potrà riuscire a preservare le proprie caratteristiche tradizionali di generosità, galanteria, coraggio, pazienza e resistenza, soprattutto in presenza di falsi stereotipi sugli arabi creati dai mass media occidentali, dall’industria cinematografica e televisiva.

Gli effetti del colonialismo occidentale, delle invasioni culturali e militari nelle società arabe dell’area MENA hanno causato gravi cambiamenti a caro prezzo, quali: 1) problemi urbani come l’inadeguatezza degli alloggi e dell’organizzazione del traffico; 2) indebolimento dell’autorità genitoriale e della coesione familiare; 3) povertà per le masse e ricchezza per le élite; 4) case distrutte, materialismo e promiscuità sessuale. Il risultato dell’impatto dell’occidentalizzazione sulla regione MENA è stato molteplice:

I tradizionalisti islamici propagandano la lotta contro quella che considerano la decadenza della civiltà occidentale seguita dall’aumento dell’immoralità. Rifiutano la democrazia occidentale (liberale) in quanto non adatta alla cultura islamica tradizionale, come la libertà individuale al di sopra della responsabilità collettiva, i diritti delle donne secondo gli standard occidentali, compresa la loro piena istruzione, e molte altre pratiche comuni nelle nazioni (post)industrializzate. I fondamentalisti islamici o i tradizionalisti estremi cercano di formare le autorità governative secondo l’antica (autentica) legge islamica basata sul Corano. La maggior parte dei gruppi estremisti organizza attacchi violenti contro i valori, la cultura e gli stranieri occidentali, compresi i turisti.
Diversi governi degli Stati dell’area MENA hanno risposto ai tradizionalisti islamici con misure di sicurezza dure e autoritarie, tra cui il trattamento di tutti i dissidenti nei loro Paesi come terroristi. Ciò è accaduto, ad esempio, in Algeria o in Egitto, dove i tentativi della popolazione di eleggere democraticamente un governo islamico sono stati repressi dal potere al potere, molto sostenuto dalle autorità occidentali (gli Stati Uniti).
I bombardamenti, le uccisioni e le devastazioni occidentali nei Paesi arabi musulmani in nome della democrazia liberale occidentale negli ultimi 33 anni hanno provocato l’ascesa del fondamentalismo islamico in Medio Oriente e dintorni, che potrebbe provocare, come ha scritto S. P. Huntington, lo “Scontro di civiltà” o più precisamente una guerra focale tra le società arabe e le altre società musulmane contro l’ordine occidentale giudaico-cristiano.
Ci sono persone da entrambe le parti che, nonostante le differenze di confessione, cultura, valori, storia o costumi, credono nella riconciliazione e nella comprensione tra i giudeo-cristiani e gli arabi musulmani. Tuttavia, tali differenze culturali e persino le divisioni antagonistiche possono essere superate solo se le autorità locali e i leader commerciali diventano più sensibili e meno assertivi nei confronti dell’ethos e delle aspirazioni islamiche (arabe). Si suggerisce che i luoghi ottimali per iniziare a creare una maggiore cooperazione culturale con le comunità musulmane (arabe) siano i Paesi occidentali di entrambe le sponde dell’Oceano Atlantico, soprattutto dopo l’11 settembre, quando in Occidente si sono moltiplicati i crimini d’odio contro musulmani innocenti.
Una delle caratteristiche principali della cultura araba è che gli arabi cercano relazioni personali strette, principalmente senza grandi distanze o mediatori. Gli odori del corpo e del cibo sono utilizzati per migliorare le relazioni. Il corpo è un fattore importante nel processo di scelta del partner. Per gli arabi, guardarsi perifericamente è un modo poco educato. Da un lato, gli arabi non cercano la distanza personale se interagiscono con gli amici, ma possono cercare una distanza personale maggiore nelle conversazioni con gli estranei e in queste occasioni sociali, per esempio, gli arabi possono preferire sedersi ai lati opposti di una stanza e parlare l’uno di fronte all’altro. Gli arabi sono generalmente persone calorose ed espressive, che partecipano attivamente gli uni agli altri, ma resistono all’affollamento in spazi chiusi o ai confini. La cordialità è il fulcro della cultura araba. Il saluto tradizionale consiste nell’appoggiare la mano destra sul petto, vicino al cuore, come segno di sincerità, anche se gli arabi moderni possono procedere al saluto con una lunga e floscia stretta di mano. È usanza che gli uomini si bacino su entrambe le guance. Per i musulmani arabi, alcuni insegnamenti islamici influiscono molto sulle relazioni sociali, come ad esempio i tabù contro il consumo di carne di maiale, il consumo di alcolici e il gioco d’azzardo.

La posizione sociale e il ruolo delle donne arabe sono alcune delle caratteristiche più particolari della cultura araba, almeno rispetto a quella occidentale. In linea di principio, nel mondo arabo esiste una grande diversità per quanto riguarda lo status delle donne sia nella famiglia che nella società. È un dato di fatto che la cultura patriarcale araba pone l’uomo in posizione e ruolo dominante, mentre la protezione e il rispetto delle donne sono le regole comuni. In una famiglia araba, il marito è il capo con un ruolo e un’influenza forti, ma la donna, in quanto madre, è molto spesso l’autorità in materia di questioni familiari.

Nella vita pubblica, la donna si sottomette al marito, ma nella sfera privata è più influente. Va sottolineato che, paradossalmente, l’Islam non promuove la pratica dell’inferiorità intrinseca femminile, ma solo le differenze femminili. L’Islam non percepisce l’inferiorità biologica, ma afferma invece l’uguaglianza potenziale tra maschi e femmine.

È vero che in alcuni Stati arabi le donne della famiglia sono uguali ai maschi, ma in altri hanno solo un ruolo limitato nella famiglia e una posizione ristretta nella società. Nelle comunità arabe più conservatrici e tradizionali gli uomini possono avere fino a cinque donne, comprese quelle di origine straniera, mentre le donne possono sposare un solo marito, esclusi gli stranieri. Nella società araba, il marito può divorziare senza indicare una causa reale, ma la moglie è obbligata a specificare le basi del divorzio per soddisfare il tribunale che riconosce la testimonianza di due donne come uguale a quella di un testimone maschio.

Nel Corano non è scritto che le donne devono essere velate, ma solo che devono essere vestite in modo modesto coprendo le braccia e i capelli, che sono considerati molto sensuali dal punto di vista della morale. È importante sottolineare che le donne occidentali (o in generale le donne straniere – quelle di origine non araba e islamica) che visitano i Paesi arabi devono prestare molta attenzione a ciò che è accettabile o inaccettabile nella comunità araba islamica locale di visita. Che si tratti di una semplice visitatrice-turista o di una persona d’affari, le donne devono adeguarsi a ciò che è considerato un comportamento consentito e corretto e vestirsi adeguatamente secondo le regole morali locali. Le persone estranee alla cultura che non rispettano le regole morali arabe locali, sia uomini che donne, possono avere esperienze spiacevoli con i membri della comunità locale o con il tribunale.

Tuttavia, lo stile di vita arabo tradizionale sta subendo cambiamenti sostanziali negli aspetti sociali, politici, economici e religiosi. Le pratiche culturali e morali possono variare a seconda del grado di secolarizzazione e di sviluppo economico seguito dall’impatto dell’istruzione e della modernizzazione.

Reazioni anti-occidentali degli arabi dell’area MENA

Gli arabi dell’area MENA nutrono un lungo sospetto nei confronti delle ex potenze coloniali europee, soprattutto francesi e britanniche, che hanno governato la maggior parte della regione. Molti occidentali hanno immagini e stereotipi negativi sui mediorientali e sui nordafricani e sui loro contributi culturali alla storia della civiltà globale, ma è vero, soprattutto per quanto riguarda la presentazione dei mass media dell’Europa occidentale e del Nord America sulla regione e sugli arabi. Tuttavia, dopo l’11 settembre, la politica aggressiva degli Stati Uniti nei confronti della regione del MENA, per quanto riguarda il suo popolo, la sua cultura e la sua religione, è diventata il fondamento della politica anti-occidentale dei mediorientali e dei nordafricani, che ha ridotto le relazioni politiche e commerciali tra la regione del MENA e l’Occidente.

Un simile processo si è verificato in Iran, che è un Paese/nazione non arabo, nel 1979, quando l’influenza e le azioni politico-militari degli Stati Uniti hanno messo in discussione l’identità della cultura persiana/iraniana fino alla violenta presa di potere e alla presa di ostaggi nell’ambasciata statunitense a Teheran. Tuttavia, dobbiamo tenere presente che le azioni terroristiche dei radicali islamici sono nate principalmente dalla paura che i valori culturali occidentali distruggessero la cultura araba tradizionale. I risultati dell’afflusso di occidentali nella regione MENA possono essere così riassunti dalla prospettiva araba:

Gli occidentali esprimono la loro presunta superiorità civile, seguita da arroganza.
Gli occidentali conoscono le risposte migliori a tutto.
Molti occidentali non vogliono condividere il merito di ciò che viene realizzato con sforzi congiunti.
La maggior parte degli occidentali è costantemente incapace o addirittura non disposta a rispettare e ad adattarsi ai costumi e alle tradizioni culturali arabe locali.
Molti occidentali non riescono a innovare per soddisfare le esigenze della cultura araba locale, preferendo cercare soluzioni facili basate sulle condizioni dei loro Paesi d’origine.
Gli occidentali sono spesso troppo imponenti, aggressivi, insistenti e maleducati.
Ciò che fa arrabbiare gli arabi è il fatto che gli americani e gli europei occidentali forniscano costantemente molti più aiuti finanziari e sostegno materiale all’Israele sionista che agli arabi palestinesi e ai loro diritti umani.
Infine, ci sono quattro proposte di possibile cooperazione pacifica tra i popoli della regione MENA e gli occidentali che possono contribuire alla soluzione delle attuali sfide in Medio Oriente e Nord Africa:

La ricostruzione dell’Iraq e dell’Afghanistan in modo che i loro cittadini possano godere dei diritti umani fondamentali, della libertà e della dignità.
La risoluzione della guerra tra l’Israele sionista e gli abitanti autoctoni della Palestina – gli arabi palestinesi.
La risoluzione delle dispute interne tra al-Fatah e Hamas.
La modernizzazione dei sistemi socio-politico-economici nella regione MENA.
Dr. Vladislav B. Sotirovic

Ex professore universitario

Ricercatore presso il Centro di Studi Geostrategici

Belgrado, Serbia

www.geostrategy.rs

sotirovic1967@gmail.com © Vladislav B. Sotirovic 2024

Disclaimer personale: l’autore scrive per questa pubblicazione a titolo privato e non rappresenta nessuno o nessuna organizzazione, se non le sue opinioni personali. Nulla di quanto scritto dall’autore deve essere confuso con le opinioni editoriali o le posizioni ufficiali di altri media o istituzioni.

 

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

SITREP 1/28/24: Le truppe statunitensi subiscono vittime negli attacchi mentre l’escalation cresce, di SIMPLICIUS THE THINKER

Sono stanco di dire “le cose si stanno scaldando” ma… le cose continuano a scaldarsi davvero.

Le prime morti dirette delle truppe hanno finalmente iniziato ad arrivare, mentre le voci di guerra negli Stati Uniti gridano alla guerra totale:

Ecco la dichiarazione ufficiale del CENTCOM:

Ecco la dichiarazione della Resistenza islamica che ha rivendicato la responsabilità degli attacchi:

Sembra che ci sia un grande disaccordo o un deliberato offuscamento da parte degli Stati Uniti su dove sono state colpite esattamente le truppe. La dichiarazione della resistenza di cui sopra dice che sono state colpite diverse basi. La maggior parte presume che le vittime si trovino nella base di al-Tanf, in Siria, la base illegale che gli Stati Uniti usano per facilitare l’ISIS e addestrare i terroristi da agitare contro Assad, oltre che per bloccare l’importantissima rotta di confine tra Siria e Giordania, per mantenere la Siria isolata e soffocata economicamente.

Ma in realtà gli Stati Uniti sostengono che l’attacco non è stato effettuato ad al-Tanf, ma appena oltre il confine, in una base chiamata “Torre 22” sul lato giordano:

È comprensibile che le cose possano diventare così confuse, con tante basi americane illegali sparse in giro come carte di caramelle, e tutto il resto. Ma in realtà, è probabile che si tratti di un tentativo di minimizzare e nascondere l’attività statunitense ad al-Tanf e di dare un’apparenza di legalità, indirizzando erroneamente tutti verso la base giordana, nella quale gli Stati Uniti hanno effettivamente il permesso legale di stare, a differenza di al-Tanf.

Ma prima di continuare, vorrei ricordare a tutti questo rapporto. Forse l’ho postato molto tempo fa: si tratta di un attacco iraniano del 2021. Ma è assolutamente da vedere. Invito caldamente tutti a guardarlo e a vedere se non ne uscite con un’opinione diversa dell'”invincibile” esercito statunitense così come viene rappresentato da Hollywood:

Non solo non ci sono difese aeree funzionanti, ma le truppe e i generali lasciano molto a desiderare. Riuscite a immaginare queste persone in prima linea contro la Russia in Ucraina? I maggiori e i generali nel video sono portati quasi alle lacrime da alcuni razzi iraniani, con il comandante della base che esorta disperatamente le sue truppe ad abbandonare la base e a disperdersi nel deserto.

Molte persone che si aggrappano alle vecchie immagini hollywoodiane della supremazia americana sono davvero obsolete e non hanno idea di come siano attualmente le forze armate americane, né hanno mai avuto idea di quali siano le reali prestazioni di alcune delle armi più vantate dagli americani in contesti di combattimento reali:

E per coloro che pensano “Com’è possibile? Gli Stati Uniti erano invincibili durante la guerra in Iraq nel 2003” – ebbene, ho una notizia per voi. Non c’è stata nessuna guerra, si è trattato di un’operazione psicopatica completamente fittizia, che ho trattato in modo approfondito qui:

The Iraq War Was A Sham

·
MARCH 14, 2023
The Iraq War Was A Sham
Dall’inizio della SMO russa, molti hanno continuato a paragonare in modo pretestuoso l’invasione dell’Iraq da parte degli Stati Uniti nel 2003, chiamata Operazione Iraqi Freedom, con gli sforzi della Russia in Ucraina. In genere si tratta di dimostrare quanto le forze americane siano state “dimostrabilmente migliori” e “superiori” nello sconfiggere prontamente ed efficacemente una grande forza, come…
Leggi la storia

Come se non bastasse, le truppe statunitensi stanno subendo perdite anche sul fronte del Texas:

Ora “si dice” che Israele si stia radunando al confine libanese e si stia preparando a lanciare una grande invasione fino al fiume Litani, di cui abbiamo scritto qui tempo fa. Se c’è del vero in questo, allora possiamo supporre che qualsiasi escalation con l’Iran, come questo nuovo attacco, potrebbe anche essere una falsa bandiera, sia del tipo USS Liberty, sia del tipo Pearl Harbor, dove qualcosa viene “lasciato passare” di proposito. Oppure potrebbe semplicemente essere l’Iran ad attirare Israele e gli Stati Uniti in una guerra che vuole perché sa di poterla vincere attraverso i suoi vasti procuratori. Le possibilità sono ancora molte.

L’unica cosa certa è che l’anno elettorale è appena iniziato e le cose si stanno già sciogliendo più velocemente di quanto si possa immaginare.

E mentre la pentola ribolle, i factotum statunitensi non fanno alcun passo avanti per raffreddare i disastri che si stanno preparando:

Ad essere onesti, è difficile immaginare come questa situazione possa risolversi senza un ritiro totale degli Stati Uniti dal Medio Oriente o una nuova grande guerra. Il problema in entrambi gli scenari è che

1. Se gli Stati Uniti si ritirano, saranno visti come la madre di tutti i fallimenti e le debolezze dell’amministrazione Biden, come il ritiro dall’Afghanistan x 100. Non ho idea del perché dovrebbe essere visto come la madre di tutti i fallimenti e le debolezze dell’amministrazione Biden. Non ho idea del motivo per cui dovrebbe essere visto in questo modo, mentre in realtà è una grande vittoria per gli americani, che possono così svincolare il loro Paese dalle mire globaliste e del MIC, ma è così che sarà raccontato dai media totalmente compromessi, che sono nemici dell’umanità. La maggior parte dei guerrieri repubblicani sarà ovviamente d’accordo e alimenterà questa interpretazione, dato che sono sul libro paga del MIC.

2. Se Biden si inasprisce e ordina attacchi massicci contro l’Iran stesso, come ora acclamano Lindsey Graham e altri, ciò potrebbe portare a un’escalation a cascata che spegnerebbe l’intera regione inghiottendola nelle fiamme, facendo crollare l’economia mondiale a nuovi livelli, il che sarebbe uno shock enorme per qualsiasi possibilità di rielezione dell’establishment quest’anno.

Non preoccupatevi nemmeno di pensare a un intervento sul terreno, se una cosa del genere fosse possibile richiederebbe un anno o più di preparazione. Ricordate che l’invasione dell’Iraq ha richiesto 6 mesi solo per il trasporto di materiali e mezzi nella regione, per la loro messa in scena, ecc. Ma l’Iran non ve lo lascerebbe fare perché ha sistemi balistici moderni molto più sofisticati di quelli dell’Iraq, il che significa che grandi concentrazioni di truppe e aree di sosta di mezzi corazzati/materiali potrebbero essere colpite e spazzate via molto prima dell’ora zero. Non mi credete? Guardate il video all’inizio, il generale dell’esercito americano lo dice lui stesso verso la fine: afferma che la precisione dei missili balistici iraniani è stata scioccante e che hanno colpito “praticamente tutto ciò che volevano colpire”.

Quindi l’invasione di terra è da escludere: non si farà. L’unica cosa che potrebbero tentare è una campagna aerea a lungo raggio. Ma per scalfire anche solo lontanamente le capacità dell’Iran sarebbe necessaria una vasta campagna della durata minima di 6-12 mesi e probabilmente molto più lunga. Ricordate che tutta la NATO si è radunata per 3 mesi contro la piccola Serbia con 6 milioni di abitanti ed è riuscita a malapena a distruggere qualcosa di valido. L’Iran ha 90 milioni di abitanti e un Paese probabilmente cento volte più grande della Serbia, per non parlare di un esercito molto più grande. Quanto tempo pensate che la NATO impiegherebbe per mettere a segno un colpo solo con una campagna aerea?

In breve: ci vorrebbero anni, e durante questi anni l’Iran bloccherebbe tutti i principali punti di strozzatura marittima ed economica della regione, facendo crollare l’economia globale. Se pensavate che qualche nave colpita ora fosse un male, aspettate di vedere le forze iraniane nominali piuttosto che gli Houthi colpire tutto ciò che è in vista: non sarà bello. E ho già detto in precedenza quanto sarebbe difficile trovare gli obiettivi nella vastità decentralizzata dell’Iran, proprio come nello Yemen. Ecco una foto di un sito di lancio segreto yemenita come esempio:

Questi possono essere sparsi a centinaia o migliaia nei deserti, e nessuna quantità di “ISTAR” avanzato li localizzerà.

Ma naturalmente questo non ferma i guerrafondai della stampa aziendale:

E al momento in cui scriviamo, si dice che siano in arrivo alcune risorse:

Almeno 6 aerocisterne KC-135 dell’aeronautica statunitense, la maggior parte delle quali provenienti dalla March Air Reserve Base nella California meridionale, si stanno dirigendo verso nord-est attraverso gli Stati Uniti e si preparano a transitare nell’Atlantico verso il Regno Unito e l’Europa. Mi chiedo che tipo di velivoli stiano rifornendo?

C’è quindi un potenziale di escalation, anche se potrebbe essere solo una precauzione, come sempre.

Penso che gli Stati Uniti continueranno a cercare una soluzione diplomatica, perché sanno quanto siano indigeste entrambe le opzioni di cui sopra. Continueranno a cercare modi per smorzare la tensione, forse anche avanzando le trattative per il ritiro dalla regione in modo da segnalare all’Iran che si sta tirando indietro, anche se forse trascinando i piedi nel processo per rendere il “ritiro” il più lungo possibile e di natura più simbolica.

Gli Stati Uniti sembrano più deboli che mai, quindi è possibile un attacco simbolico di qualche tipo per segnalare una sorta di impotenza ai loro partner ormai demoralizzati. Ma questo non porterà a nulla e non farà altro che mettere sempre più in pericolo le truppe statunitensi nella regione.

La verità è che l’intero quadro attuale sembra altamente orchestrato dall’asse della resistenza, in particolare da Russia, Iran e forse Cina. Il motivo è che proprio quando la Russia ha legato l’Impero in Ucraina, l’Iran ha iniziato la sua manovra di strangolamento nel Medio Oriente, e guardate come si sta risolvendo “elegantemente” il tutto: L’Europa viene completamente tagliata fuori dall’energia a basso costo, mentre la Russia e i BRICS ottengono non solo alcuni dei più potenti produttori di energia, ma anche i Paesi responsabili dei più importanti punti di strozzatura marittima: l’Egitto e il Mar di Suez/Rosso, l’Etiopia e il Mar Rosso, l’Iran e l’Arabia Saudita per il Mar Rosso e il Golfo Persico, ecc.

Ora, improvvisamente, cosa sentiamo? La Russia si sta muovendo con decisione per bloccare l’Artico, assicurandosi un altro punto chiave.

Dal prossimo periodo di navigazione, la Northern Sea Route sarà aperta tutto l’anno “La navigazione cargo lungo l’intera lunghezza della Northern Sea Route (NSR) diventerà tutto l’anno a partire dal 2024“.

Da Slavyangrad:

Nota: oggi sono in funzione SETTE rompighiaccio a propulsione nucleare di tre tipi:1. “Yamal” e “50 Let Pobedy”, progetto 10520.2. “Taimyr” e “Vaigach”, progetto 10580, la cui vita utile è stata prolungata fino ad almeno il 2027.3. “Taimyr” e “Vaigach”, progetto 10580, la cui vita utile è stata prolungata almeno fino al 2027.3. “Arktika”, “Sibir” e “Vaigach”, progetto 10580. “Il quarto rompighiaccio del progetto 22220, “Yakutia”, dovrebbe entrare in servizio entro la fine di quest’anno e quindi avremo OTTO rompighiaccio nucleari; il quinto, “Chukotka”, nel 2026. Nemmeno l’URSS aveva un gruppo del genere. Tra l’altro, oggi il Presidente Vladimir Putin ha partecipato alla posa del prossimo rompighiaccio di questo progetto, il “Leningrad”, che entrerà in servizio nel 2028 (e un altro “Stalingrad” sarà posato l’anno prossimo). Entro la fine del 2027 dovrebbe entrare in servizio il gigantesco rompighiaccio Russia, le cui caratteristiche gli consentono di navigare nell’Oceano Artico ovunque e in qualsiasi momento dell’anno.

E quanto sopra è vero: Putin ha appena partecipato alla cerimonia di posa di un altro rompighiaccio nucleare nuovo di zecca:

La Cina ha anche accesso alla Northern Sea Route nell’Oceano Artico. L’Occidente non ha accesso a questa rotta perché si tratta di acque territoriali russe.

In sintesi: l’asse della resistenza sta intorbidando le acque del trasporto economico per il blocco economico occidentale, aprendo al contempo i propri nuovi e vasti corridoi di trasporto.

Il pericolo, naturalmente, è che una volta che le cose si fanno troppo disperate, l’unico ricorso possibile per l’Occidente per salvarsi sarebbe quello di lanciare una guerra globale totale nella speranza di “resettare” la situazione. Ecco perché ora continuiamo a vedere i tamburi di guerra battere più forte che mai:

Altre cattive notizie geopolitiche per l’Impero:

Mali, Niger e Burkina Faso hanno annunciato l’uscita dall’ECOWAS. Il crollo dell’impero neocoloniale francese continua. I tentativi della Francia di rovinare la Russia in Armenia e Ucraina non possono più fermare questi processi.

Così come:

E:

Anche il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian è appena arrivato in Pakistan con un’accoglienza calorosa, dando credito alle teorie secondo cui i recenti attacchi transfrontalieri che ciascun Paese ha inflitto all’altro erano in realtà un’operazione congiunta segretamente concordata per eliminare i gruppi terroristici americani di tipo GLADIO.

Passiamo per un attimo all’Ucraina. Ci sono alcuni aggiornamenti interessanti. È emersa una storia affascinante su come le forze russe siano riuscite a farsi strada nell’area della Caccia dello Zar, nel sud di Avdeevka. È emerso che sono state in grado di farsi strada attraverso un tubo di drenaggio a centinaia di metri dietro le linee nemiche, aspettando fino a una giornata molto nebbiosa per sbucare nelle retrovie e liquidare e catturare un intero distaccamento:

L’operazione è descritta qui:

Altre informazioni:

Il tubo sotterraneo sotto la Tsarskaya Okhota, che riuscì a sfondare il fronte all’altezza di Chemist (settore Khimik), era destinato alla DFS e, secondo altre fonti, all’approvvigionamento idrico della fabbrica di coke. L’ingresso del collettore è stato trovato dalla nostra parte nella zona del serbatoio, sono stati fatti dei ritagli nel tubo stesso per uscire dietro le linee nemiche. Quando c’era nebbia, i gruppi d’assalto della nostra intelligence sono usciti dal tubo e hanno rapidamente circondato e distrutto le forze AFU con un colpo improvviso. Alcuni dei nostri dipendenti hanno immediatamente preso il controllo del settore privato e vi hanno preso piede. In un solo giorno, la 110ª brigata delle Forze Armate dell’Ucraina, che era di stanza lì, ha affrontato 80 attacchi dell’AFU.
Fonti dell’AFU sono state furiose nello scoprire uno dei metodi che le forze russe avrebbero utilizzato per sorvegliare le unità ucraine nella regione, in particolare notando le loro principali vie di approvvigionamento. È emerso che le forze russe sono state in grado di utilizzare gli hotspot del segnale GPS dei telefoni ucraini, che hanno mostrato le rotte più comuni di entrata e uscita da Avdeevka, come mostrato qui:

Le rotte di rifornimento delle APU sono state determinate dall’attività dei sensori GPS nell’area di Avdeevka utilizzando i servizi di Yandex. Sulla base di questi dati, le Forze armate ucraine hanno due percorsi di rifornimento per il loro gruppo in città: uno settentrionale e uno meridionale. La rotta settentrionale inizia a Ocheretino e passa per Novobakhmutovka, Berdychi e Semyonovka. Il percorso meridionale va da Netaylovo attraverso Umanskoye. Nella zona di Orlovka, entrambi i percorsi si uniscono in uno solo e, passando a nord di Lastochkino, raggiungono Avdeevka.

Ecco le rotte di rifornimento che le forze russe sono state in grado di tracciare sulla base delle informazioni di cui sopra:

Le posizioni più vicine delle Forze Armate della RF alle vie di rifornimento delle Forze Armate dell’Ucraina si trovano nell’area della confluenza dei binari ferroviari vicino a Novobakhmutovka, a nord – più di 2 km. La logistica dei rifornimenti per Avdeevka proviene in gran parte da Krasnoarmeysk attraverso Grodovka, Novogrodovka, Zhelannye, Novoselovka-1 più che attraverso Ocheretino.
Le unità ucraine se ne sono accorte e hanno lanciato un avvertimento:

 

La Rusnia traccia i percorsi di viaggio utilizzando le mappe di Yandex e altre applicazioni! La regola militare d’oro: quando si svolgono missioni di combattimento, disattivare sempre la geolocalizzazione e mettere il telefono in modalità “volo”. Ma per qualche motivo, un piccolo numero di soldati si attiene a questa regola, mettendo così a rischio se stessi e i propri compagni!
Detto questo, un altro video dell’MSR verso Avdeevka:

Taken apparently around here:

Also, here’s a video from the “Khimik” section, which is the dense highrise area just northwest of Tsar’s Hunt, where I said Russian forces could soon end up and gain full fire-control over the MSR. Most notable was the report, which this video affirms, that the ‘sound of gunfire and shelling’ is getting closer and closer to this Khimik sector:

Avdiivka. I rumori degli spari si stanno avvicinando all’area di Khimik, un punto chiave nella parte occidentale di Avdiivka, la cui cattura rende inutile il controllo della città da parte delle Forze armate ucraine.

Sarebbe da qualche parte qui:

L’Ucraina ha cercato disperatamente di contrattaccare l’area della Caccia allo Zar persa nei giorni scorsi, ma è stata respinta:

Avdiivka. I nostri combattenti respingono gli attacchi delle Forze Armate ucraine in un edificio privato subito dopo la Caccia Reale
In realtà, è stato registrato che hanno inviato alcune delle loro unità speciali più d’élite per cercare di allontanare le forze russe dall’area, ma hanno fallito con la cattura di molte delle “élite”. Qui, in un celebre episodio di ieri, un soldato russo solitario ne ha catturati diversi:

⚡️Video⚡️Come gli ufficiali dell’intelligence d’élite delle Forze armate ucraine si sono arresi a un soldato della 9ª brigata ad Avdeevka Continua la storia di come gli ufficiali dell’intelligence ucraina sono andati a riconquistare l’opornik, ma sono stati fermati da uno dei soldati della 9ª brigata, che ha lanciato loro delle granate. Rendendosi conto che non potevano riconquistare l’opornik e che nessuno li avrebbe lasciati tornare indietro, i combattenti d’élite delle Forze armate ucraine hanno preso l’unica decisione giusta: arrendersi. È così che un combattente della “nove”, che ora combatte sotto la guida del leggendario comandante ed Eroe della Russia – “Baycott”, ha catturato i quattro combattenti nemici superstiti. E queste storie accadono ogni giorno nel 1° Corpo d’Armata, quindi molto presto guardate sul nostro canale un nuovo reportage sugli eroici difensori del Donbass.Combattente della 9ª brigata russa cattura da solo la squadra “d’élite” dell’AFU ad Avdeevka: nella direzione di Avdeevsky, i combattenti della 9ª brigata dovevano prendere la posizione di supporto del nemico. E il nemico non ha gradito, tanto che la mattina dopo ha inviato a riconquistare la posizione non dei normali uomini mobilitati, ma cinque, e come si è scoperto in seguito, ufficiali dell’intelligence ucraina d’élite. Ma l’élite delle Forze Armate ucraine non sapeva che un combattente della “9a brigata” era già trincerato nella posizione difensiva e non aveva intenzione di lasciarla.

Nel frattempo, la Russia continua a infliggere pesanti perdite attraverso attacchi a lungo raggio alle retrovie operative. Un’altra notizia proveniente da Sergey Lebedev racconta nei dettagli come pochi giorni dopo il famigerato attacco a Kharkov contro i mercenari francesi, i missili balistici russi si siano abbattuti su un quartier generale dei Kraken, sempre a Kharkov. Secondo quanto riferito, il missile ha ucciso decine di Kraken e un altro attacco a Balakleya avrebbe ucciso oltre 100 militanti ucraini:

Più di 130 combattenti dell’unità neonazista Kraken e del Corpo dei volontari russi* sono stati eliminati a Kharkov dalle forze russe nella notte di mercoledì, ha dichiarato a Sputnik Sergey Lebedev, coordinatore del movimento di resistenza di Nikolaev, citando le sue fonti di Kharkov. Il cosiddetto Corpo dei volontari russi fa parte dell’unità neonazista Kraken, formata dai leader del Reggimento Azov** e della Direzione principale dell’intelligence del Ministero della Difesa ucraino.

L’attività in questa regione settentrionale continua ad essere molto intensa. Non solo gli attacchi a Kharkov, ma anche l’area di Kupyansk-Sinkovka si è riscaldata fino a diventare di gran lunga la seconda più attiva dopo Avdeevka, e forse addirittura la prima. I rapporti indicano infatti che l’Ucraina ha spostato la maggior parte dei suoi Leopard e altri mezzi corazzati avanzati nell’area di Kupyansk.

Oggi sono stati fatti importanti passi avanti quando le forze russe hanno catturato una quantità considerevole di nuovi territori intorno a Tabaevka. Ecco un’analisi dettagliata di tutti i progressi.

Continuano a circolare voci secondo le quali la Russia starebbe aumentando le truppe anche nelle zone di confine, soprattutto alla luce delle varie escalation dell’Ucraina nel bombardare Belgorod, nell’abbattere gli Il-76, ecc. Questo ha portato a speculare sul fatto che la Russia si stia avvicinando sempre di più al lancio di un secondo grande fronte dal nord.

Ora il “capo di stato maggiore” di Azov, Bogdan Krotevich, ha dichiarato sul canale di Dmitry Gordon di ritenere che nel 2024 la Russia condurrà un’invasione di massa dal nord, nelle regioni di Sumy e Chernigov, nonché dalla Bielorussia verso Kiev:

È chiaro che la Russia sta aspettando che il “boa constrictor” dei danni economici e della mancanza di aiuti occidentali paralizzi le forze armate ucraine, e a quel punto un nuovo fronte potrebbe spezzare completamente la schiena dell’AFU. In questo momento, in tutto il fronte ucraino si segnalano enormi problemi di munizioni, ma finora si sta cercando di compensare con la guerra con i droni, che non manca.

In effetti, l’uso dei droni continua a diventare sempre più sofisticato, con le truppe russe che ora riferiscono di “navi madri” ucraine che non solo agiscono come ripetitori di segnale, ma possono anche trasportare FPV in profondità nelle retrovie, per dare loro una maggiore resistenza di volo:

Mentre la Russia detiene il vantaggio quantitativo, non c’è dubbio che l’Ucraina continui a primeggiare nel settore qualitativo e dell’innovazione quando si tratta di guerra con i droni. Tuttavia, per ora questi passi innovativi non producono ancora effetti sproporzionati di alcun tipo, ma si limitano a mantenere l’Ucraina “in lotta” per un pelo.

L’Ucraina continua a innovare anche con gli UGV (Unmanned Ground Vehicles), come questo esempio che si vede qui sotto, utilizzato nel tentativo di distruggere un ponte logistico russo:

Una delle ragioni di questi progressi è che la necessità genera l’invenzione, come tutti sanno. E poiché la Russia dispone di numerosi altri tipi di armi e di vantaggi in ogni altra categoria, non è sottoposta a una pressione così disperata per spremere acqua dalla pietra di ogni possibile capacità dei droni. L’Ucraina, d’altra parte, non ha una vera scelta, perché è costretta ad accontentarsi di ciò che ha e a ricavarne il più possibile.

Detto questo, anche i russi stanno sperimentando un sacco di cose nuove, come questo drone anti-drone con rete di distribuzione:

Così come questo drone per il trasporto a terra “Brother”, che è già stato sottoposto a test approfonditi e sembra essere vicino all’effettivo lancio in serie:

Mentre gli Stati Uniti agitano l’Europa in un assetto di guerra contro la Russia, uno dei fondatori della Brigata Azov, Sergei Korotikh, afferma che non c’è modo che la NATO possa vincere perché “non hanno persone in grado di combattere” a causa di anni di evirazione della loro classe di guerrieri.

Nel frattempo, la classe guerriera ucraina, in calo, è in mostra, mentre le donne continuano a ricoprire un numero sempre maggiore di ruoli, che ora includono anche le navi cisterna:

E le mestruazioni in prima linea durante gli assalti sono ora un argomento serio nell’AFU:

Le cose si stanno lentamente disfacendo per l’Ucraina e gli avvoltoi stanno iniziando a girare intorno, per raccogliere i pezzi. L’edizione rumena di Newsweek ha riportato che il leader di estrema destra Claudiu Tarziu del partito Alleanza per l’Unione dei Romeni (AUR) afferma che la Romania deve riprendersi le sue regioni dall’Ucraina occidentale:

Siamo a un bivio… Non saremo veramente sovrani fino a quando non reintegreremo lo Stato rumeno all’interno dei suoi confini naturali”, ha riferito. “La Bucovina settentrionale non può essere dimenticata! La Bessarabia meridionale non può essere dimenticata… La terra di Hertsa, la Transilvania, tutto ciò che era ed è la nazione rumena deve tornare nei confini di un unico Stato!”, ha dichiarato il leader dell’AUR.
È stato immediatamente appoggiato dal leader del partito di destra ungherese (Partito della Nostra Patria) Laszlo Toroczkai, che ha dichiarato:

 

Parlando sabato, Toroczkai ha detto: “Se questa guerra finirà con la perdita dello Stato da parte dell’Ucraina, perché anche questo è previsto, allora come unico partito ungherese che prende questa posizione, permettetemi di segnalare che rivendichiamo la Transcarpazia”, secondo la Reuters.

Se ricordate, il mese scorso Putin ha dichiarato in un discorso che non avrebbe interferito con gli altri pretendenti che si prendono i loro legittimi appezzamenti di terra ucraina a ovest. Questa è una chiara indicazione del fatto che l’Ucraina si sta pesantemente dirigendo proprio verso ciò che la maggior parte di noi si aspettava, ovvero che venisse smembrata.

Ora, uno dei principali siloviki di Putin, Naryshkin, ha confermato che la Russia non si fermerà davanti a nessuna mezza misura e andrà fino in fondo:

La traduzione automatica è un po’ confusa, ma in pratica sta dicendo che la Russia non si fermerà. L’Ucraina è praticamente finita.

A questo proposito, è stato ripescato un video del 2007 che mostra un guaritore mistico ucraino di nome Mihailo Nechay che sembrava aver predetto proprio questi eventi quasi 20 anni fa:

Il nostro patrimonio genetico si estinguerà e l’Ucraina non esisterà… l’Ucraina occidentale andrà all’Ungheria e alla Repubblica Ceca, la Galizia alla Polonia, l’Ucraina meridionale e centrale alla Russia…”.

Per i religiosi che vogliono vedere altre predizioni profetiche sulla Santa Rus’ da parte di personaggi del passato, ecco anche un interessante video.

Un’ultima notizia:

Gli ingegneri russi hanno catturato e riparato l’M113 americano appartenente al 110° che combatte ad Avdeevka:

L’industria russa continua a martellare a pieno ritmo. Qui stanno sfornando la variante aggiornata 2S19M2 degli obici semoventi Msta-S:

Vi lascio con una nota cupa, visto che è passato l’81° anniversario della rottura dell’assedio di Leningrado. Un Putin commosso ha deposto una corona di fiori davanti alla fossa comune dove è stato sepolto suo fratello Viktor, morto da bambino durante il blocco nazista. Ho incluso le scene di Lukashenko con lui, il Centro Lakhta di San Pietroburgo illuminato per l’occasione e un’interessante citazione dalla conferenza stampa congiunta, in cui Lukashenko ha lamentato l’assenza dell’Ucraina alla cerimonia di deposizione della corona:


Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: Tip Jar

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

L’asse iraniano abbatte la volontà degli Stati Uniti, mentre Israele subisce una battuta d’arresto, di SIMPLICIUS THE THINKER

In Medio Oriente si stanno verificando alcuni eventi molto strani che sottolineano i cambiamenti storici che brontolano appena sotto la superficie, pronti a scoppiare.

In primo luogo, per preparare la scena, ci rivolgiamo a Israele, che sembra nascondere un’operazione che è andata fuori controllo e non sta dando i risultati sperati – e di fatto ha fatto poco più che mettergli il mondo contro, creando un’onda d’urto di fervore anti-israeliano che orienterà il sentimento per generazioni.

Come sappiamo, Israele ha ritirato molte delle sue brigate dal nord, adducendo il “riposo e la rotazione”, mentre in realtà sembra che si tratti di “ricostituzione”, dato che le brigate hanno subito gravi perdite sul piano militare. Ora, sulla scia di ciò, le ultime notizie bomba affermano che i combattenti della resistenza si sono nuovamente infiltrati in tutto il nord, lasciando la mappa come quella qui sotto:

Io stesso ero scettico: davvero Israele avrebbe potuto abbandonare l’intero nord dopo aver “dichiarato” di averlo conquistato?

Ma ecco la doppia bomba: anche ISW lo ha ammesso:

Il fatto che l’istituto gestito da Kagan lo ammetta è enorme. Il loro rapporto è riportato di seguito:

Che cosa significa questo? Israele ha subito una sconfitta totale nel nord? O l’ha “ripulito” da Hamas e ora sta facendo il giro della vittoria? Per essere del tutto onesti e imparziali, non possiamo dirlo con certezza perché c’è un deliberato blackout informativo, soprattutto alla luce di tutti i rapporti che abbiamo visto dalla CNN e co. che dichiarano apertamente che non è permesso mandare in onda nulla senza la piena supervisione editoriale e l’approvazione dell’IDF.

Tutto ciò che possiamo fare è dedurre da una serie di osservazioni oggettive, come la netta mancanza di eliminazioni di massa o catture di combattenti della resistenza, il che è molto eloquente.

Durante tutto questo tempo, ci sono stati colloqui segreti sempre più urgenti tra Stati Uniti e Israele, con l’amministrazione Biden che ha supplicato Netanyahu di frenare i suoi assalti.

Un promemoria:

Nel frattempo, Israele ha continuato a premere su Khan Younis, nel sud. Ma ieri hanno subito quella che è stata definita all’unanimità la più grande “tragedia” dell’intero conflitto. Durante una delle operazioni minerarie di routine dell’IDF, che consiste nel montare esplosivi su edifici civili, i combattenti della resistenza sono riusciti a innescare gli esplosivi con decine di IDF ancora all’interno dell’edificio:

Questo ha portato a circa 24 vittime dell’IDF in un’unica esplosione:

Al-Jazeera ha persino “ricostruito” come è avvenuta l’esplosione:

Al Jazeera ricostruisce artificialmente l’epica operazione di Al-Qassam che ha portato alla morte di 24-28 soldati delle IOF vicino ad Al-Maghazi, 2 giorni fa.

Netanyahu lo definisce “il giorno più difficile”:

Questo è solo un culmine simbolico di quello che sembra trasformarsi in un fiasco. Se non ne sapessi di più, direi che l’operazione israeliana sta rispecchiando il fallito assalto ucraino a Khrynki: l’incapacità di ammettere gravi errori di calcolo ha portato a una commedia degli errori indotta dalla fallacia dei costi sommersi. Israele non può ovviamente ritirarsi ora per salvare la faccia, quindi si ha quasi l’impressione che stia annaspando, in preda al panico interno su cosa fare perché ha raggiunto la conclusione che “Hamas” è un’ombra intrattabile che non può attraversare con la forza bruta.

Ricordiamo che proprio il mese scorso Kirby ha ammesso che Hamas non è stato affatto attaccato, e un colonnello della riserva israeliana ha fatto un resoconto straziante dei corpi ammassati dell’IDF che sembrava implicare che stanno subendo perdite molto più pesanti di quanto ammettano.

Si moltiplicano i resoconti degli addetti ai lavori israeliani che sembrano senza speranza o danno credito alle teorie sul fallimento dell’operazione. Il messaggio di un soldato israeliano:

Ora, oltre al rilascio di soldati e al ritiro delle brigate, Israele avrebbe offerto una pausa di due mesi senza precedenti nei combattimenti:

C’è sempre più agitazione all’interno della società, disaccordo e lotte intestine nel governo sulla direzione da prendere. All’inizio della settimana la Knesset è stata invasa dalla rabbia dei genitori degli ostaggi, indignati per l’incapacità del governo di recuperarli o di negoziare il loro rilascio:

Qui il fratello di un soldato dell’IDF ucciso avrebbe cercato di attaccare Benny Gantz al funerale del soldato:

Mio fratello non è morto invano!”. Il fratello del Maggiore Adam Bismuth, morto l’altro ieri nella Striscia di Gaza, ha attaccato con rabbia il Ministro del Gabinetto di Guerra Benny Gantz al suo funerale a Karnei Shomron.
Scene del genere stanno diventando sempre più comuni: la società è davvero in ebollizione e Israele sta perdendo sostegno anche tra i suoi alleati.

Le Nazioni Unite e il mondo chiedono sempre più spesso una soluzione a due Stati, ma Netanyahu l’ha rifiutata a gran voce ritenendola impossibile. Infatti, i suoi Likudniks continuano a chiedere trasferimenti oltraggiosi e la pulizia etnica forzata dei palestinesi; ad esempio, il ministro degli Esteri Eli Cohen ha proposto di scaricare tutti i palestinesi su un’isola artificiale:

E l’idea non è nemmeno nuova:

Ora, nel momento peggiore possibile, l’Iran ha deciso di mettere alle strette Israele, creando condizioni estremamente sfavorevoli bloccando i punti di accesso marittimi ed esercitando una pressione senza precedenti sul principale alleato di Israele, gli Stati Uniti, militarmente, in tutta la regione.

Anche nel momento in cui scriviamo, una nuova nave battente bandiera statunitense, la Maersk Detroit, sarebbe stata attaccata dagli Houthi nel Mar Rosso, sebbene il CENTCOM statunitense sostenga che i tre missili siano stati tutti respinti. La Marina statunitense è stata relegata a una scorta gloriosa, ma poiché lo stretto di al-Mandab è diventato di fatto una zona di guerra, ha comunque paralizzato il commercio.

Persino i migliori analisti e commentatori filoamericani sono inorriditi dalla perdita di prestigio che gli Stati Uniti stanno subendo di conseguenza:

NYTimes
I paesi della regione si stanno affannando per trovare nuovi modi per aggirare il Mar Rosso, ora dominato dagli Houthi, e l’Arabia Saudita ha proposto una nuova rotta terrestre:

E la situazione è peggiorata a tal punto che gli Stati Uniti sono costretti a implorare con vergogna la Cina di intervenire per smorzare la furia scatenata dell’Iran:

I funzionari statunitensi sono alla ricerca di ogni possibile vettore che possa far loro tirare un respiro di sollievo.

Recentemente ho riferito di come nuovi attacchi da parte di gruppi sostenuti dall’Iran abbiano nuovamente causato ingenti danni alla seconda base più grande degli Stati Uniti, oltre al ferimento di molte truppe. È stato l’ultimo di una serie di attacchi avvenuti negli ultimi mesi:

Ecco Kirby che cerca disperatamente di minimizzare la questione per giustificare il fatto che gli Stati Uniti non sono in grado di rispondere in modo dichiarativo contro l’Iran:

Mentre tutto va rapidamente a rotoli e gli Stati Uniti si trovano sempre più invischiati in un pantano simile alle sabbie mobili, arrivano ora notizie scioccanti su ciò che potrebbe portare a tutto questo.

Innanzitutto, due giorni fa è circolata la voce che gli Stati Uniti stavano considerando di convincere i loro alleati curdi in Siria a “lavorare con le forze di Assad” per combattere l’ISIS”.

Questo ha immediatamente dato il via a speculazioni sul fatto che gli Stati Uniti si stessero preparando ad abbandonare la Siria una volta per tutte e stessero cercando un modo per riempire in modo sicuro il vuoto. Naturalmente, molti si sono lasciati andare a commenti di scherno e si sono rifiutati di credere che gli Stati Uniti si sarebbero ritirati dalla regione.

Ma poi è arrivata la notizia bomba di oggi, scritta da Charles Lister per FP:

Le onde d’urto che l’articolo ha trasmesso stanno ancora facendo il giro del mondo. Come al solito, l’articolo cita fonti non citate del Dipartimento della Difesa e della Casa Bianca:

Sebbene non sia stata presa una decisione definitiva di lasciare la missione, quattro fonti all’interno dei dipartimenti della Difesa e di Stato hanno dichiarato che la Casa Bianca non è più interessata a sostenere una missione che percepisce come non necessaria. Sono in corso attive discussioni interne per determinare come e quando potrà avvenire il ritiro.
Il Pentagono si è affrettato a rilasciare una dichiarazione che smentisce l’esistenza di un piano del genere. Tuttavia, ciò significa ben poco, poiché non ammetterebbero comunque di discutere di ritirate umilianti e salva-faccia di questo tipo, non prima che gli sceneggiatori abbiano messo a punto l’angolazione e la narrazione esatte che saranno usate per gestire tale ritiro. In breve: dovranno trovare un modo per far passare la cosa come una grande vittoria di Biden.

Per coloro che sono ancora scettici, ci sono altri rapporti adiacenti che sembrano almeno implicare che ci sia qualcosa in ballo. La più scioccante di tutte è la notizia che gli Stati Uniti stanno discutendo per porre fine all’occupazione dell’Iraq:

Reuters, citando fonti: Colloqui iniziali tra l’America e il governo di Baghdad per porre fine alla presenza delle forze della coalizione in Iraq sullo sfondo degli sviluppi avvenuti in seguito alla guerra a Gaza. Gli Stati Uniti d’America hanno posto come condizione per la fine della loro presenza la cessazione degli attacchi delle fazioni della resistenza alle loro basi in Iraq. Gli Stati Uniti hanno espresso la loro disponibilità ad avviare colloqui con il governo iracheno in una lettera consegnata mercoledì dall’ambasciatore degli Stati Uniti in Iraq, Alena Romanowski, al ministro degli Esteri iracheno Fuad Hussein.
Reuters:

CNN oggi:

L’ambasciatore statunitense in Iraq, Alina L. Romanowski, avrebbe consegnato oggi al Ministero degli Esteri iracheno un promemoria riguardante i “passi preliminari” per iniziare il ritiro delle forze statunitensi e della coalizione dal Paese. Questo avviene in seguito agli appelli pubblici dei membri del governo iracheno affinché le forze statunitensi lascino il Paese a causa della guerra in Israele e dei continui attacchi delle forze sostenute dall’Iran.

Gli Stati Uniti sostengono che si tratta di colloqui pianificati da tempo e che non hanno nulla a che fare con i recenti attacchi, ma è chiaro che non è così. L’articolo della Reuters sopra riportato fornisce una linea chiave:

In questo modo, gli Stati Uniti hanno eliminato le precondizioni che impongono la cessazione degli attacchi contro di loro da parte dei gruppi militanti iracheni sostenuti dall’Iran in Iraq, hanno detto tre delle fonti.
In precedenza, gli Stati Uniti avevano posto delle precondizioni per i colloqui sulla fine dell’occupazione; una delle condizioni era che i gruppi iracheni sostenuti dall’Iran dovessero prima smettere di bombardare le basi statunitensi. Ma ora, a quanto pare, gli Stati Uniti hanno abbandonato questa importante precondizione, come riporta la Reuters. Questo ci dice che gli Stati Uniti stanno facendo concessioni per disperazione.

L’articolo della CNN afferma che:

Ma alcuni elementi all’interno del governo iracheno preferiscono un programma basato su un calendario, che fissi la data del ritiro americano indipendentemente dalla stabilità o dalla situazione della sicurezza nel Paese. Il 10 gennaio, l’ufficio del Primo Ministro iracheno Mohammed Shia al-Sudani ha dichiarato che presto inizierà il processo “per porre fine alla presenza delle forze della coalizione internazionale in Iraq in modo permanente”.
Quindi, cosa sta succedendo esattamente? In questo momento così critico, perché gli Stati Uniti stanno pensando di rimboccarsi le maniche e scappare dalla regione?

La mia opinione è questa: in breve, gli Stati Uniti sono stati messi in fuga dall’Iran. Il loro bluff è stato scoperto e gli Stati Uniti sanno che i loro miseri attacchi non possono fare nulla per degradare veramente i sistemi e i gruppi di guerra ibrida altamente decentralizzati dell’Iran. L’Iran è diventato un egemone, quasi una Grande Potenza della regione. Gli Stati Uniti hanno poche flotte obsolete che non possono reggere il confronto con l’Iran in termini di munizioni scambiate. L’Iran può saturarle per sempre con droni e razzi a basso costo che gli Stati Uniti spendono milioni per ogni singolo colpo per intercettare.

Inoltre, gli Stati Uniti non sono in grado di produrre le loro armi d’attacco più importanti in quantità sufficiente per vincere uno scontro di lunga durata. Per esempio, qui c’è un thread che mostra l’acquisto da parte degli Stati Uniti di Tomahawk rinnovati e aggiornati, indicando che possono produrne solo poche decine all’anno per centinaia di milioni di dollari.

Anche se può sembrare non correlato, questo nuovo video di Arestovich è piuttosto attuale. Egli descrive perché la NATO non potrà mai sconfiggere l’asse Russia-Iran. In particolare, ciò che diventa incisivamente preciso è che gli Stati Uniti sono davvero adatti solo per un grande colpo di martello, dopo di che avrebbero grossi problemi di sostenibilità nella produzione di sistemi di attacco di precisione per un conflitto di lunga durata:

Ha assolutamente ragione. Gli Stati Uniti possono lanciare un massiccio shock and awe di centinaia di Tomahawk alla volta, anche mille. Ma contro lo Yemen tale potenza di fuoco non fa altro che colpire cactus e capannoni vuoti.

Ciò che credo è questo:

Gli Stati Uniti si trovano attualmente in un punto di precipizio in cui possono ancora salvare la faccia ritirandosi in anticipo e fingendo di non aver mai avuto intenzione di impegnarsi in primo luogo. Ma se continuano e si impegnano troppo, rischiano di essere esposti militarmente. Il mondo vedrà gli Stati Uniti come assolutamente deboli e battibili. Se andassero “all out” con una posizione di forza totale e attacchi senza sosta e non ottenessero nulla, dimostrerebbero che le potenti flotte navali statunitensi sono impotenti, che tutte le millantate capacità di proiezione di forza sono totalmente sopravvalutate e inutili contro l’Iran.

È come se un bullo lanciasse un bambino più piccolo contro l’armadietto della scuola. C’è un momento in cui la strada del bullo si biforca: può andare fino in fondo e iniziare la lotta, e a quel punto, se viene battuto dal bambino più piccolo, la sua reputazione è rovinata per sempre. Oppure può subire un piccolo colpo di prestigio, allontanando il ragazzo più piccolo e dicendo: “Tanto non ne vale la pena, idiota”. Può sembrare un po’ una scappatoia, ma il bullo riesce comunque a conservare gran parte della sua aura di dominio.

Credo che gli Stati Uniti si trovino proprio in questa posizione. Si vedono vicini al “punto di non ritorno”, dopo il quale dovrebbero impegnarsi totalmente in una vittoria schiacciante – cosa che internamente i pianificatori statunitensi sanno non essere possibile senza un conflitto massiccio e senza precedenti, simile alla Guerra del Golfo, con gli stivali sul terreno – oppure tagliare le perdite ora e scambiare una piccola umiliazione con un’umiliazione di livello esistenziale che potrebbe rovinare completamente gli Stati Uniti per sempre – che è ciò che accadrebbe se si impegnassero totalmente e perdessero.

Ogni giorno che passa e ogni nuovo attacco alle basi statunitensi in Iraq e Siria porta gli Stati Uniti sempre più vicini al baratro. Sanno di non poter mantenere questo ritmo, soprattutto se si considera che Israele era il principale strumento di deterrenza degli Stati Uniti contro l’Iran in Siria. Ma ora Israele ha le mani legate a Gaza e gli Stati Uniti si sono trovati improvvisamente sopraffatti.

L’azione sembra essere coordinata all’interno dell’asse della resistenza, soprattutto alla luce delle nuove voci di ieri secondo cui la Russia inizierà a pattugliare con aerei il corridoio delle alture del Golan.

Potrebbe trattarsi di una tattica per bloccare gli Stati Uniti con un doppio colpo. Gli aerei russi scoraggiano gli attacchi israeliani, il che aiuta l’Iran a rafforzarsi e a fornire armi alle sue milizie in Siria; poi queste milizie aumentano la pressione colpendo le basi statunitensi nella regione. Vedendo la scritta sul muro, gli Stati Uniti sanno che la situazione è insostenibile e insostenibile.

Gli Stati Uniti si ritireranno prima o poi? Molto probabilmente no, perché ci sono diverse fazioni, tra cui i neoconservatori, che sicuramente spingeranno con tutte le loro forze per mantenere la presenza di truppe statunitensi nella regione, anche a costo di una nuova piccola falsa bandiera o due. Tuttavia, è certamente un segno dei tempi e di quanto la situazione stia diventando disperata per l’Impero.

Ma la pressione su di loro continua ad aumentare, la resistenza irachena ha rilasciato proprio oggi un nuovo messaggio che annuncia l’inizio della fase due:

L’alto comandante della Resistenza islamica irachena Hajj Abu Alaa Al-Wala’i: La seconda fase delle operazioni della Resistenza islamica in Iraq comprende l’imposizione del blocco alla navigazione marittima sionista nel Mar Mediterraneo e la messa fuori servizio dei porti dell’entità usurpatrice.
Si tratta di una spirale di escalation a cui l’Occidente non è pronto, soprattutto quando è coinvolto in numerosi conflitti in tutto il mondo.

Naturalmente c’è sempre la possibilità che gli Stati Uniti finiscano per raddoppiare completamente, ma a questo punto la loro posizione non è mai stata così debole. E più le cose si protraggono, più aumenta il danno economico per l’Occidente e i suoi alleati. La Russia e la Cina continuano ad avere libero passaggio attraverso gli stretti, così come energia a basso costo, mentre l’Occidente subisce tutti i danni.

Più si va avanti, più grandi saranno le tempeste politiche che travolgeranno l’Europa. L’AfD in Germania, ad esempio, sta già chiedendo una DeXit o uscita della Germania dall’UE. Le cose si stanno certamente mettendo male e i polli stanno tornando a galla anche per gli Stati Uniti, visto che il confine meridionale si sta lentamente avvicinando alla guerra civile.

Come ultima nota, tornando a Israele: se le cose sono così disastrose, perché Israele parla ancora di aprire potenzialmente un nuovo fronte contro il Libano? Una teoria popolare è che si voglia usare una nuova guerra ancora più grande contro Hezbollah per nascondere il proprio fallimento a Gaza. Come potrebbe funzionare se la guerra contro Hezbollah potrebbe essere un fallimento ancora più grande?

È difficile dirlo con certezza, ma un’idea è semplicemente che, così facendo, spererebbero di attirare in qualche modo gli Stati Uniti in una guerra totale più ampia contro l’Iran, per “tagliare la testa al serpente”, ai loro occhi.

La seconda idea potenziale è che, una delle ragioni del fallimento di Israele a Gaza, è che sanno che l’unico modo per avere veramente successo e derattizzare totalmente “Hamas” è distruggere completamente tutta Gaza. Tuttavia, il clamore suscitato ha spinto il sentimento globale contro di loro a tal punto che gli Stati Uniti sono dovuti intervenire e hanno esercitato una forte pressione politica, costringendo Israele a ridurre i loro piani. Ma aprendo un secondo grande fronte di guerra, Israele potrebbe cercare di spostare tutta l’attenzione e la copertura globale sul fronte libanese, lasciando così una lucina di copertura a Gaza, permettendo loro di finire di demolirla completamente sotto la copertura di un conflitto molto più ampio. Inoltre, dato che l’opinione pubblica si sta inacidendo sull’avventura di Gaza, questo potrebbe permettere di influenzare il sostegno del pubblico in un fervore più esistenziale, coinvolgendo Israele in una guerra apparentemente su larga scala che spaventerebbe i cittadini e li spingerebbe a sostenere lo sforzo bellico per pura disperazione e istinto di sopravvivenza.

Infine, c’è un nuovo grande articolo scritto da Patrick Theros, ex ambasciatore americano in Qatar. L’autore solleva alcuni punti importanti su come Biden sembri essere ingabbiato dalla lobby israeliana, facendo un paragone con i presidenti precedenti che sono riusciti a mostrare un po’ più di dignità nell’opporsi al controllo di Israele sugli Stati Uniti:

Egli sottolinea come la marea negli Stati Uniti si sia invertita, con una popolazione giovane sempre più contraria a Israele, che comprende anche molti giovani ebrei, liberali e democratici. Dal NYPost:

Patrick cita un recente sondaggio che mostra che quasi la metà dei giovani ebrei americani non sostiene le attuali politiche degli Stati Uniti nei confronti di Israele:

La sua conclusione è simile alla mia: c’è ancora una piccola finestra:

Biden ha una finestra molto breve entro la quale può tagliare la strada a Netanyahu prima che possa portare a termine il suo apparente obiettivo bellico di spopolare Gaza e portare il conflitto in Libano e forse oltre – un conflitto, in altre parole, che potrebbe benissimo trascinare le forze americane in un’altra guerra mediorientale senza fine. Una decisione rapida e decisa, unita a una vera diplomazia per sfruttare la crisi e trovare una soluzione praticabile a 75 anni di conflitto israelo-palestinese, permetterebbe di recuperare la reputazione dell’America.
Questo porta a un’ultima potenziale spiegazione per i nuovi annunci bomba che gli Stati Uniti potrebbero lasciare la Siria e l’Iraq: potrebbe essere una minaccia per Israele. Poiché Israele non prende in considerazione nessun altro tipo di appello, l’unica strada rimasta agli Stati Uniti potrebbe essere quella di minacciare semplicemente di abbandonare la regione, con la conseguente perdita del sostegno militare regionale diretto a Israele. In breve: fermate la vostra escalation o vi lasceremo in sospeso. E alcuni, all’interno del Dipartimento di Stato e delle forze armate, potrebbero spingere per il ritiro totale solo per evitare che gli Stati Uniti siano coinvolti in una guerra più grande che sanno non essere vinta.


Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: Tip Jar

Gli Stati Uniti lanciano attacchi contro lo Yemen e altri aggiornamenti, di SIMPLICIUS THE THINKER

È una settimana relativamente fiacca per le notizie in Ucraina. Ma la situazione è in bilico, in uno stato di stasi in attesa della prossima grande mossa. Le aspettative più pressanti attualmente sul tavolo sono:

La risoluzione finale e decisiva dello stallo del Congresso statunitense sull’Ucraina e:

La risoluzione decisiva da parte dell’Ucraina e di Zelensky della questione della mobilitazione, che in questo momento è al primo posto nella società.

Alcuni ricorderanno che la Rada ha continuato a tirare per le lunghe, prima promettendo la nuova legge sulla mobilitazione alla fine dello scorso anno, poi fissandola definitivamente per l’8 gennaio. Ora siamo all’1/12 e il disegno di legge finale continua a essere respinto, con entrambe le parti che si accapigliano perché nessuno vuole assumersi la responsabilità della società.

Tuttavia, la cosa importante da notare è che, nonostante la mancata approvazione ufficiale delle principali mozioni, la mobilitazione è già entrata nel vivo anche senza di essa. Le persone “sul campo” riferiscono che alcune zone sono città fantasma con uomini che si rifiutano di camminare per le strade come mai prima d’ora, tanto è peggiorata la situazione. Solo che la Rada non ha ancora deciso alcune delle misure più importanti, come l’abbassamento ufficiale dell’età di mobilitazione e la definizione precisa delle esenzioni mediche che possono salvare qualcuno. Ma a parte questo, la severità delle misure di repressione è aumentata drasticamente: nuovi posti di blocco, aumento dei controlli sui mezzi pubblici da parte dei gorilla, ecc.

Per quanto riguarda il Congresso, anche lì non ci sono ancora progressi. L’aggiornamento attuale è che uno dei “compromessi” ventilati è la presunta discussione da parte dei repubblicani di consentire l’ingresso di un certo numero di migranti al giorno attraverso il confine meridionale, ma con un “tetto” rigido o una quota sul numero totale. Ma finora, anche questo sembra non essere andato a buon fine:

In realtà, la situazione si è aggravata e ha preso una piega piuttosto drammatica, con il governatore del Texas Abbott che ha tolto il controllo ai federali, impedendo loro di entrare in uno dei parchi dove passano gli immigrati clandestini:

Per chiarire: la Guardia Nazionale del Texas ha sequestrato la terra e i suoi dintorni agli agenti del governo federale, impedendo loro di entrare. Questo è ovviamente “notevole”, come afferma il rapporto sopra riportato, ed è un altro passo verso una forma di scontro finale o di guerra civile.

Non sembra che si stia avvicinando una “conciliazione” tra le due parti, il che sembrerebbe indicare che il finanziamento dell’Ucraina non sarà risolto a breve, se mai lo sarà.

Quindi quale altra opzione hanno?

Beh, la grande notizia è che Biden per la prima volta ha manifestato pubblicamente il suo sostegno all’utilizzo dei mitici fondi russi sequestrati:

Si tratta delle riserve valutarie da 300 miliardi di dollari che la Russia aveva depositato nelle banche europee. Ma gli esperti hanno avvertito che un tale sequestro illegale aprirebbe il vaso di pandora che sarebbe la rovina finale del dollaro. Si tratta di fondi sovrani. Ciò significa che sono i soldi della banca centrale russa. E come tutti sappiamo, a prescindere da ciò che accade tra i “topi e gli uomini” dei governi e i loro tirapiedi, le banche centrali esistono su un piano di ordine superiore. In un certo senso, sono una classe a sé stante. E se “i piani meglio disposti di uomini e topi spesso vanno a rotoli”, i piani dei banchieri centrali non possono mai deviare. Per una banca centrale sequestrare il fondo sovrano di un’altra grande banca centrale è come se due delle più grandi famiglie criminali di un grande film del Padrino si dichiarassero guerra a vicenda. Si tratta di movimenti epocali, che scuotono il terreno e le cui conseguenze riecheggeranno per generazioni.

Lo faranno davvero? Io continuo a sostenere di no. Credo che si tratti della stessa disperata blaterazione e che rimarranno troppo timorosi per premere il grilletto, usandolo semplicemente come un’altra misura per gonfiare le vele dell’Ucraina e offrire una “speranza” vuota ed effimera. Ma questa è una delle ultime possibilità attualmente in discussione.

Infine, ricordiamo che la Russia ha la stessa quantità di beni che può confiscare all’Occidente, quindi lo “scambio”, se dovesse avvenire, non sarebbe altro che l’Occidente che deruba illegalmente il proprio popolo di 300 miliardi di dollari che non potrebbe legalmente convincere la popolazione a dargli per l’Ucraina.

Questi sono i due principali dilemmi irrisolti attualmente sul tavolo. Ieri Schumer ha addirittura lanciato un’altra esortazione urgente, avvertendo minacciosamente che se non si trova subito un accordo, la guerra ucraina potrebbe prendere una piega drastica a favore della Russia entro un mese:

A lui si è aggiunto John Kirby che ha dichiarato che tutti gli aiuti militari all’Ucraina sono effettivamente sospesi al momento, poiché “non ci sono più fondi”.

In realtà, gli Stati Uniti sembravano avere ancora circa 4 miliardi di dollari di autorità presidenziale di prelievo rimanente. Anche se non è molto, il fatto che si rifiutino di usare il resto può significare una delle due cose:

stanno inviando a Zelensky un messaggio forte per chiudere la guerra e avviare i negoziati.

Vogliono conservare l’ultima parte per scopi di vera emergenza. Per quanto l’Ucraina stia male in questo momento, non è ancora in acque veramente disperate o di emergenza. È chiaro che le loro linee non si stanno rompendo e non sono completamente invase. Se ciò dovesse accadere, forse l’ultima tranche di 4 miliardi di dollari viene conservata come una sorta di fondo di emergenza terminale deus ex machina.

Oppure il denaro è già stato sottratto dal corrotto MIC – chi può dirlo?

Nel frattempo, l’unica cosa interessante che esce dall’Ucraina in questo momento:

L’Istituto per lo studio della guerra è riuscito ad ammettere non solo che la Russia ha tutta l’iniziativa, ma anche che ha il 95% del personale delle sue unità, il che consente una rotazione e una generazione di forze tempestive e professionali:

E proseguono osservando che:

6/ La capacità della Russia di condurre rotazioni a livello operativo permetterà probabilmente alle forze russe di mantenere il ritmo generale delle loro operazioni offensive localizzate nell’Ucraina orientale nel breve termine.
In breve: le unità russe sono ben equipaggiate, recuperano facilmente eventuali perdite e hanno tutto il tempo operativo e l’iniziativa. L’Ucraina, invece, come abbiamo appreso nell’ultimo aggiornamento, sta subendo 30.000 perdite al mese e per la prima volta – secondo alcuni rapporti – non è stata in grado di reintegrare queste perdite mensili attraverso la mobilitazione.

Rapporti come i seguenti continuano ad essere confermati:

Ma la verità è questa:

Sul fronte tattico, l’Ucraina si sta comportando molto bene. In molti casi sono addirittura superiori alle forze russe su un determinato fronte o livello, grazie alle loro posizioni difensive e ai vantaggi che ne derivano, nonché all’uso più accorto della tecnologia UAV e delle capacità ISR della NATO.

Tuttavia, dove si stanno verificando molti danni sproporzionati è nel campo degli attacchi russi di profondità operativa totalmente inarrestabili. Le difese aeree dell’Ucraina sono ora più esaurite che mai e, al contrario, l’arsenale aereo della Russia è più forte che mai perché tutte le sue capacità produttive di PGM (munizioni guidate di precisione) hanno continuato ad aumentare in modo parabolico. Il paese sta sparando più missili e altri tipi di armi che mai, in particolare il crescente portafoglio di bombe UMPK.

Nell’ultimo rapporto abbiamo appreso che la Russia sta adattando le munizioni a grappolo RBK-500, ora abbiamo la piena conferma che sta utilizzando anche le Fab da 1500 kg e persino le termobariche ODAB-1500. Oggi Shoigu ha visitato la linea di assemblaggio delle UMPK, offrendoci un raro sguardo di prima mano su alcune delle innovazioni in corso in tempo reale:

Nell’immagine qui sopra si può anche vedere un test inedito di una delle bombe, che mostra come si capovolge dopo lo sgancio prima di aprire le ali.

A causa di questi aumenti, le posizioni dell’Ucraina nelle retrovie vengono colpite con perdite importanti ogni volta. Per esempio, dall’ultimo rapporto – in cui ho elencato diversi “siti posteriori” colpiti con perdite importanti – c’è stato un nuovo attacco a un hotel di mercenari a Kharkov.

Anche la guerra dei droni continua a scaldarsi: un recente articolo ha ammesso che i soldati ucraini sono costretti ad abbandonare i loro veicoli perché i droni russi li distruggono tutti senza pietà:

Gli uomini della sua unità hanno raccontato che negli ultimi mesi hanno lasciato i loro veicoli blindati e hanno camminato per sei miglia per raggiungere le posizioni sulla linea del fronte, ha riferito il Times. “Gli uomini della 117ª Brigata nella regione di Zaporizhzhia hanno affrontato una spiacevole camminata di quattro miglia sotto la pioggia e il fango, ha detto al Times un comandante dell’intelligence. Se prendevano i loro veicoli per trasportare munizioni o cibo al fronte, i droni russi potevano attaccare dall’alto.

L’ultima volta che abbiamo riportato le voci sull’integrazione dell’intelligenza artificiale russa negli FPV, ora abbiamo la conferma effettiva da parte del principale esperto di droni dell’Ucraina, il famigerato comandante Magyar:

Purtroppo, nonostante questi progressi, le truppe russe non sono in una posizione migliore. La padronanza dei droni dell’Ucraina sta raggiungendo nuove vette e i veicoli russi vengono sopraffatti da essi su quasi tutti i fronti quando vanno all’assalto. Come ho spiegato prima, le aree posteriori della Russia sembrano ben protette, ma nessuno ha ancora imparato a respingere bene i droni durante gli assalti, quando si è andati oltre la protezione EW posteriore.

L’Ucraina ha persino iniziato a introdurre unità di protezione dei veicoli come le seguenti per le sue unità più preziose, come questo Marder tedesco qui sotto:

Il social network ha pubblicato un filmato che mostra un veicolo da combattimento di fanteria Marder 1A3 di fabbricazione tedesca, appartenente al 10° Corpo d’Armata delle Forze Armate ucraine, equipaggiato con il sistema Sania, progettato per contrastare i droni con vista in prima persona (FPV). Il sistema Sania offre un duplice approccio alla difesa dagli UAV: rilevamento e soppressione. Il rilevatore del sistema analizza la presenza di droni FPV entro un raggio di 1,5 km. Quando viene rilevata, viene attivato un “jammer” anti-drone, in grado di sopprimere i segnali che controllano l’UAV a una distanza massima di 1 km.

Tra l’altro, è interessante notare che, mentre la guerra diventa estremamente “high tech” in una direzione, in un’altra va contraddittoriamente indietro come risposta a questo. Vedete, poiché l’attuale campo di battaglia post-moderno è così infuso di rumore di segnale ed è diventato un campo di battaglia elettromagneticamente saturo, le forze russe stanno trovando qualche ricorso nelle tecnologie antiche.

Come si può vedere qui sotto, stanno raccogliendo linee telefoniche e di comunicazione dismesse della Seconda Guerra Mondiale, perché si sono dimostrate più affidabili e resistenti al moderno ambiente EW:

Inoltre, tali linee di comunicazione fisiche terrestri sono particolarmente adatte all’attuale tipo di guerra posizionale, in cui non si avanza molto in un breve periodo di tempo, perché consentono di stabilire linee dirette tra i vari quartieri generali e le unità senza preoccuparsi di doverle risistemare quando il quartier generale del battaglione si sposta di diversi chilometri durante l’avanzata.

Tenete comunque presente che il cablaggio fisico per le comunicazioni è normale e standard anche al di là di questo, in quanto non c’è nulla che ne batta l’affidabilità e la sicurezza, ma credo che ora venga usato ancora più che mai. Ciò è dovuto in particolare al fatto che una delle più grandi e deludenti debolezze dell’esercito russo, che la guerra ha contribuito a rivelare, sono i sistemi di comunicazione.

Ci sono alcuni buoni sistemi e le comunicazioni sono in genere buone quando si tratta dei livelli più alti, cioè le brigate che parlano con i corpi d’armata e oltre, ma quando si tratta di formazioni più piccole e sezioni che comunicano, è spesso un completo pasticcio. Le radio Azart criptate standard dell’esercito russo – l’equivalente dei sistemi Harris americani – sono state criticate fin dall’inizio in quanto afflitte da scandali, costringendo molte unità russe ad affidarsi a Baofeng cinesi a basso costo che sono infinitamente craccabili e intercettabili.

Di norma, i Baofeng più economici e simili vengono utilizzati solo a distanza ravvicinata, come ad esempio il comandante di una batteria di artiglieria che comunica le indicazioni di tiro alle sue truppe a diversi metri di distanza. Questo è considerato relativamente sicuro perché le radio non hanno una portata enorme e quindi il loro segnale non può essere intercettato in modo affidabile. Le comunicazioni con le unità distanti sono in genere effettuate con set criptati e più standardizzati come Azart, ma ci sono ancora molti problemi da risolvere e le truppe russe spesso lamentano problemi di comunicazione tra le unità a distanze medie di 5-15 km. Questo è un settore in cui gli Stati Uniti e la NATO hanno un netto vantaggio. Tuttavia, va detto che questo vantaggio è per lo più sulla carta e non è stato dimostrato in un ambiente reale di contestazione EW. Dico questo perché ci sono molti rapporti che accennano a grossi problemi della NATO anche in questo campo; per esempio, sono stati segnalati problemi nei Marder/Leopard tedeschi nei campi di addestramento, citando specificamente il mancato funzionamento dei loro sistemi di comunicazione, e i comandanti sono stati costretti ad aprire il portello per “urlare” istruzioni alle unità vicine. Per esempio:

E dalla loro attuale wikipedia:

Come potete vedere, questo è un problema con cui molti dei migliori eserciti del mondo si scontrano.

Ciò che rimane da commentare:

Gli Stati Uniti e la loro piccola marmaglia isolata di “alleati” servili hanno attaccato lo Yemen con un attacco assolutamente impotente che non ha fatto nulla e non avrà alcun effetto sul continuo blocco dello Yemen sul Mar Rosso.

La Russia ha lanciato più di 7500 missili contro l’Ucraina, un Paese che ha la maggior parte delle sue infrastrutture “all’aperto”, e molti considerano che l’Ucraina sia stata a malapena colpita industrialmente dopo 2 anni di bombardamenti continui. Ora immaginate cosa possa fare una misera quantità di 70-100 missili Tomahawk di vecchia generazione a un Paese con strutture militari altamente decentralizzate e sparse nei deserti. In breve: niente.

Il bombardamento della NATO sulla Serbia, durato 3 mesi e 24 ore su 24, ha distrutto una dozzina di carri armati e ha potuto degradare l’AD solo del 50%. Senza l’intervento sul terreno, la coalizione fallita degli Stati Uniti non può fare nulla per lo Yemen – e non lo farà, quindi gli attacchi possono essere considerati solo come un debole “avvertimento” all’Iran, che susciterà solo risate di cuore a Teheran.

Il mondo può vedere che il regime del terrore statunitense non ha vestiti. Sembra sempre più debole, soprattutto dopo l’annuncio che Raytheon Lloyd ha diretto gli attacchi dal suo letto d’ospedale. Sì, ha premuto il grilletto di un computer portatile mentre si sporcava la padella:

Un regime decrepito, guidato da un presidente rimbambito e da un segretario di Stato debilitato, che lancia massacri illegali dalle proprie case di cura e dai propri letti d’ospedale contro la nazione più povera del pianeta, praticamente nello stesso giorno in cui il proprio alleato di blocco affronta all’Aia accuse di genocidio e crimini contro l’umanità. Non ci si può inventare nulla: l’ottica non è mai stata peggiore per l’Impero della Menzogna.Per non parlare del fatto che gli Stati Uniti hanno apparentemente subito delle perdite e ora stanno cercando di coprirle dopo che le forze di Ansar Allah hanno affermato di aver abbattuto un aereo statunitense e di aver colpito una nave:

L'”aereo” è stato almeno in parte confermato, anche se sembrava essere un drone di classe pesante:

E i problemi non sono finiti. Sia Tesla che Volvo hanno annunciato la cessazione totale della produzione a causa di problemi di interruzione delle forniture:

La deindustrializzazione tedesca continua a crescere:

Il tutto mentre la Russia sta vivendo una rinascita nel settore manifatturiero. I PMI sono alle stelle e l’industria russa degli utensili e degli stampi sta vivendo un’importante rinascita storica:

Infine, c’è la triste notizia che l’Ucraina ha ucciso Gonzalo Lira.

Grayzone ha riferito che il Dipartimento di Stato americano ha comunicato con il padre di Lira solo pochi giorni fa:

E lo stesso Gonzalo, fragile, scrisse dal carcere questo biglietto per la sorella, che il padre disse di aver ricevuto il 4 gennaio:

“Ho avuto una doppia polmonite (entrambi i polmoni), uno pneumotorace e un caso molto grave di edema (gonfiore del corpo). Tutto questo è iniziato a metà ottobre, ma è stato ignorato dal carcere. Hanno ammesso che avevo la polmonite solo in un’udienza del 22 dicembre. Sto per sottopormi a un intervento per ridurre la pressione dell’edema nei polmoni, che mi causa un’estrema mancanza di respiro, al punto da svenire dopo una minima attività, o anche solo per parlare per due minuti”.

Non c’è molto altro da dire. Lira era una figura controversa a causa della sua precedente attività di coach di incontri, ma questo non lo rendeva meritevole della morte da parte del regime ucraino. Per tutte le accuse mosse alla Russia, nessun giornalista o personaggio americano è morto in prigionia russa, mentre un cittadino americano non solo è morto in prigionia ucraina, ma anche sotto varie forme di tortura. Nel suo ultimo video ha descritto alcune di queste torture, come i bulbi oculari raschiati da oggetti appuntiti e altre tecniche macabramente medievali. Ma naturalmente a nessuno del regime nazi-complicato degli Stati Uniti importa; un’altra di una lunga serie di grossolane ipocrisie da parte di coloro che hanno portato il farsesco “Stato di diritto” e “Ordine basato sulle regole”.

Ecco le ultime, fatidiche parole di Gonzalo, tratte dall’ultimo minuto del suo ultimo video prima di attraversare il confine, per non essere mai più visto:

Non l’ho guardato spesso, ma quando l’ho fatto ho trovato le sue analisi intelligenti e abbastanza sagaci. Ma due cose che sono indiscutibili sono state formulate in modo poetico dall’eminente Signore della Guerra in Poltrona:

Rest in peace, Gonzalo.


Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: Tip Jar

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Aggiornamento sulla Palestina: L’IDF rivendica la vittoria a Gaza City, di SIMPLICIUS THE THINKER

Oggi Israele ha annunciato di aver finalmente preso il “pieno controllo” di Gaza City, la parte settentrionale e più popolosa della Striscia di Gaza. Naturalmente, hanno eretto una menorah gigante e la bandiera israeliana nel centro:

Rimango scettico sulle loro affermazioni, ma le accetteremo al valore nominale per il bene della relazione. Anche se riuscissero a metterla completamente in sicurezza, si tenga presente che ci sono voluti quasi tre mesi per conquistare un territorio delle dimensioni del piccolo puntino rosso all’interno della Striscia di Gaza che si vede qui sotto, giustapposto all’Ucraina per un confronto:

Le “forze armate più avanzate del mondo” hanno impiegato tre mesi per gestire una pretesa cattura, mentre combattevano contro un nemico tecnologicamente completamente in inferiorità numerica di 500k a ~10k.

L’IDF ha anche usato questa cattura come scusa per spiegare il licenziamento di diverse brigate di punta nelle retrovie per la ricostituzione. Invece di essere resi inefficaci in combattimento, ora si dice che hanno valorosamente completato la loro missione e si riposano. Sostengono che, catturando Gaza City, hanno eliminato 8.000 combattenti di Hamas. Tuttavia, lo stesso John Kirby appare dubbioso su questo punto, in quanto implica che Hamas non è stata colpita in modo misurabile:

Netanyahu sta di nuovo agitando per una guerra con il Libano. Nel frattempo, i politici israeliani radicali continuano a spingere per la totale pulizia etnica dei palestinesi. La cosa più allarmante è che basano le loro politiche sul presunto sostegno popolare della società israeliana. Ecco il membro del partito Likud e della Knesset Moshe Saada che dichiara apertamente che la gente per le strade, gli abitanti dei kibbutz, ecc. gridano tutti insieme: “Annientateli (i gazani)”.

Ed ecco che l’ambasciatore israeliano nel Regno Unito ammette con nonchalance che tutta Gaza deve essere distrutta:

Da dove nasce questa barbarie disumana, vi chiederete? Credo che sia un caso di semplice natura umana senza freni. Chi ha letto libri come Il signore delle mosche sa che gli esseri umani possono trasformarsi molto rapidamente in bruti immorali, depravati e machiavellici se non ci sono controlli che frenino alcuni degli impulsi più oscuri della natura umana. Vedete, non è che tutti gli esseri umani siano necessariamente depravati senza cervello di per sé, ma piuttosto che è molto facile innescare un evento a cascata di comportamenti non etici quando solo un piccolo gruppo di piloti lo inizia.

Pensate al baseball, alla boxe o a qualsiasi altro sport in generale. Basta che un solo uomo si faccia di steroidi per creare una cascata che vede l’intera lega iniziare a farsi di steroidi a causa del potere insinuato dalla consapevolezza che se non lo fai anche tu, non sarai in grado di competere. Allo stesso modo, in un ambiente in cui non ci sono restrizioni, un piccolo “contagio” di cattiva condotta può innescare una reazione a catena che si diffonde ad altri attraverso una varietà di vettori.

Cosa c’entra tutto questo con la criminalità mozzafiato e l’odio razzista e disumano della società israeliana nei confronti dei palestinesi? Per molto tempo la critica di qualsiasi cosa che abbia a che fare con Israele o con l’ebraismo è stata altamente proibita a causa del marchio nero di “antisemitismo” che veniva lanciato contro chiunque osasse criticare le loro azioni. Nello stesso modo in cui il movimento liberale moderno ha creato un contraccolpo sotto forma di totale fragilità liberale e incapacità di discutere, di affrontare i fatti o di accettare qualsiasi tipo di critica – un fatto che vediamo spesso, quando i liberali si sciolgono in crisi di urla o pianti feroci quando vengono confutati con i fatti – lo Stato israeliano moderno, i suoi abitanti e i suoi sostenitori non hanno mai avuto a che fare con una vera critica strutturata. E soprattutto: non hanno mai avuto a che fare con la responsabilità.

Israele può essere visto come uno di quei bambini troppo coccolati – il vitello d’oro della famiglia – che non sentono mai la parola “no” e che ad ogni minimo rumore si precipitano dalla mamma per essere immediatamente coccolati. Israele ha compiuto per decenni atti di terrore e crimini per i quali qualsiasi altro Paese al mondo sarebbe stato immediatamente rimproverato, condannato e sanzionato. Questo ha creato nella società israeliana un senso di diritto storico e di eccezionalismo senza pari, tale da non avere alcuna remora a invocare apertamente e con disinvoltura il genocidio. In qualsiasi altra società, la cosa non solo farebbe immediatamente notizia, ma sarebbe anche al centro delle riunioni del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite. Ma in Israele si può invocare il genocidio, si possono sminuire i palestinesi con un aperto razzismo, come fa spesso la TV israeliana, e non si ottiene nemmeno un’occhiata o un’alzata di spalle.

Alcuni considerano questo punto di vista “antisemita”, ma ci sono due cose da considerare:

I palestinesi sono il popolo semita originario della regione. In realtà, non c’è nulla di più filosemita al mondo di questi punti di vista.

La maggior parte degli ebrei di tutto il mondo sembra sostenere la Palestina e sta diventando sempre più antisionista. Non so quali siano le statistiche reali e sarei interessato a vederle. Ma anche gran parte della società israeliana sta ora rimproverando apertamente l’IDF, rendendo così la parte odiosa della popolazione i veri antisemiti.

L’ultimo punto dimostra ovviamente che non tutto Israele può essere caratterizzato in modo così negativo. Ma ovviamente il segmento altamente vocale e radicalizzato che rappresenta i semi cattivi è ancora responsabile di una quantità tale di razzismo violento e di opinioni a favore del genocidio da giustificare le precedenti caratterizzazioni.

Come ho detto, quando le inclinazioni più crudeli e maligne di un popolo vengono lasciate totalmente incontrollate senza alcuna spinta o ripulsa, si crea un effetto abilitante che comunica essenzialmente a quelle persone: “Continuate così, quello che state facendo è assolutamente normale e accettabile”. Israele è stato il figlio prediletto per così tanto tempo, le sue azioni più trasgressive sono state ignorate e tacitamente permesse per così tanto tempo che ha semplicemente sviluppato un naturale senso di diritto e di eccezionalismo divino. Ora, quando il mondo improvvisamente lo affronta per la prima volta, Israele rimane ammutolito e finge di essere scioccato come un bambino colto con le mani nella marmellata.

Questo non significa che gli israeliani siano in qualche modo cattivi per natura o geneticamente. No, proprio come gli attuali ucraini, gli israeliani sono in qualche modo usati dalle potenze colonialiste occidentali. E per far prosperare il loro avamposto colonialista, le potenze devono assicurarsi che lo Stato fantoccio goda di una totale immunità da qualsiasi tipo di accusa di illecito o di contraccolpo giudiziario. Questo è il motivo per cui agli ucraini viene concessa la piena autorizzazione a essere nazisti e a commettere omicidi e genocidi di massa nel Donbass, ed è il motivo per cui gli israeliani ricevono lo stesso permesso. Non ha nulla a che fare con la razza e tutto a che fare con la politica delle grandi potenze e con il modo in cui gli avamposti colonialisti vengono condizionati e plasmati per favorire gli scopi e gli interessi geopolitici dei loro sponsor.

Ora, la narrazione coordinata si è spostata sulla ricerca di una nuova casa per i gazani ripuliti etnicamente, come avevamo previsto fin dall’inizio del conflitto. La chiamano “emigrazione umanitaria” e la adornano con la terminologia imperiale standard.

Qui il ministro delle Finanze israeliano sottolinea come Gaza debba essere ripulita:

L’avete capito alla fine?

Ancora una volta, in modo totalmente coreografico, afferma che questa “soluzione umanitaria” deve essere attuata per salvare i gazesi. Sì, la “soluzione finale” israeliana, ma in veste “umanitaria”.

A tempo debito, Nikki Haley segue la direttiva nella sua nuova intervista, chiedendo apertamente e in modo scioccante la pulizia etnica:

In realtà, la sua dichiarazione è estremamente antisemita nei confronti dei palestinesi perché utilizza un linguaggio sottilmente codificato di pre-genocidio per disumanizzare i civili palestinesi come operatori di “Hamas” e, per estensione, “terroristi”. Si tratta di un tropo antisemita molto pericoloso, utilizzato dai sionisti razzisti in video recenti, in cui hanno attribuito a “tutti i palestinesi” la qualifica di operatori di Hamas o di “affiliati” ad Hamas, per giustificare i loro appelli al genocidio contro di loro.

Per esempio oggi:

Si noti come l’antisemita di cui sopra consideri tutti i bambini palestinesi colpevoli per associazione, al fine di giustificare le sue fantasie genocide distorte.

Allo stesso modo, l’appello di Nikki Haley a trasferire tutti i gazesi nei Paesi “di Hamas” è chiaramente un tentativo di collegare inconsciamente civili innocenti al “terrorismo”. E questo, naturalmente, oltre al fatto che sta apertamente invocando la pulizia etnica di un’intera popolazione, che è un crimine contro l’umanità e va contro ogni legge internazionale, tranne che contro il luciferiano “Stato di diritto” occidentale.

Ora è stato riferito che Israele sta cercando di costringere i Paesi amici a fare pressione sui giudici sudafricani che hanno intentato una causa per genocidio presso il tribunale internazionale dell’Aia contro Israele:

Secondo un cablogramma ottenuto da Axios, il Ministero degli Esteri israeliano chiede alle ambasciate del Paese di fare pressione sui diplomatici e sui leader politici dei Paesi ospitanti affinché rilascino rapidamente una “dichiarazione immediata e inequivocabile sulla base delle seguenti linee: Dichiarare pubblicamente e chiaramente che il proprio Paese respinge le accuse oltraggiose, assurde e prive di fondamento mosse contro Israele”. Il cablogramma avverte che “una sentenza del tribunale potrebbe avere implicazioni potenziali significative che non riguardano solo il mondo legale, ma hanno ramificazioni pratiche bilaterali, multilaterali, economiche e di sicurezza”. Israele sta cercando di impedire un’ingiunzione che ordini al Paese di sospendere l’attacco a Gaza.

Per non parlare del fatto che i membri del partito politico filo-arabo Hadash-Ta’al della Knesset israeliana si sono uniti alla causa per l’Aia, secondo quanto riportato da Jerusalem Post:

Ma il piano di Israele sembra consistere in questo: rallentare l’operazione mentre si cerca disperatamente in tutto il mondo un luogo disposto a scaricare i gazesi su di esso. Abbiamo visto il Congo in discussione, con la Haley che ha tirato in ballo il Qatar, l’Iran, la Turchia, eccetera – tutte proposte prima facie non serie.

I funzionari israeliani hanno chiaramente segnalato l’intenzione di occupare Gaza, e Netanyahu proprio questa settimana ha ribadito che “non fermerà la guerra” finché non saranno raggiunti tutti gli obiettivi.

A proposito, come nota leggermente tangenziale, ecco l’ambasciatore israeliano Mark Regev che ammette apertamente che non abbiamo visto un solo combattente di Hamas ucciso, attribuendo assurdamente questo al fatto che “Hamas controlla tutte le immagini da Gaza”:

Che senso ha? Hamas controlla forse tutte le bodycam dell’IDF e gli infiniti video che i soldati israeliani hanno diffuso di loro stessi mentre si scatenano a Gaza? Come fa Hamas a controllare il fatto che l’IDF stesso non ci ha mostrato un solo militante di Hamas eliminato?

Questo è lo stesso individuo che ha detto a chiare lettere che è una bugia affermare che Israele ha ucciso un solo bambino palestinese:

Questo è quanto immoralmente e riprovevolmente malato può diventare un governo quando gli viene concessa la libertà di agire a suo piacimento senza alcuna responsabilità internazionale.

Non lo dice?

Una delle conseguenze di tutto questo è che l’amministrazione Biden è diventata divisa come mai prima d’ora. Ieri abbiamo appreso che Raytheon Lloyd è stato ricoverato in terapia intensiva per giorni senza che il Presidente ne fosse a conoscenza:

Gli Stati Uniti d’America, in un momento storico di sconvolgimenti internazionali e di pericolo per gli “interessi americani” all’estero, sono rimasti funzionalmente senza Segretario alla Difesa per quasi una settimana, all’insaputa del comandante in capo. Alcuni pensavano che Kathleen Hicks, vice di Austen, avrebbe preso il suo posto, ma in quel momento era in “vacanza” a Porto Rico. Comodo!

La questione si collega alla situazione israeliana perché, secondo alcune voci, alcuni collaboratori scontenti della Casa Bianca avrebbero nascosto l’informazione a Biden per la sua posizione controversa sulla Palestina – un altro caso di aperta ribellione, se vero. Ciò evidenzia ancora una volta le profonde spaccature all’interno dell’amministrazione Biden.

Per quanto riguarda la “piccola procedura elettiva” di Lloyd – che sembra averlo lasciato in coma per quasi un’intera settimana – non ci sono notizie definitive. Ma alcuni sospettano che si sia trattato di un’estrazione chirurgica d’emergenza di una tangente Raytheon non incassata dal suo deretano.


Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: Tip Jar

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Caratteristiche speciali della regione del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA), di Vladislav B. Sotirovic

Caratteristiche speciali della regione del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA)

Il Medio Oriente è stato la patria delle prime civiltà della storia del mondo. Qui sono nate le prime urbanizzazioni e l’alfabetizzazione. La regione del Medio Oriente comprende solitamente i territori che vanno dal litorale orientale del Mar Mediterraneo fino all’India, a est. In senso più ampio, geograficamente la regione comprende i territori del Mediterraneo orientale e dell’Asia centrale, ma molti americani, seguiti da altri accademici, politici e giornalisti occidentali, considerano il Medio Oriente e il Nord Africa (MENA) come un’unica regione.

La maggior parte degli abitanti dell’area MENA ha molti elementi in comune, come la lingua e la cultura araba, la confessione dell’Islam e così via, ma dall’altra parte esistono diverse minoranze etniche in ciascuno di questi Paesi regionali, mentre la religione islamica è divisa in due fazioni: i sunniti (maggioranza) e gli sciiti (minoranza).

Tutti gli Stati della regione del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA) possono essere suddivisi in quattro sottoregioni (gruppi) etnico-geografici:

1) Gli Stati del Nord Africa;
2) Gli Stati del Golfo Persico;
3) gli Stati arabi centrali; e
4) Iran e Israele.

Il numero complessivo di abitanti di tutti questi Stati supera i 250 milioni (per fare un paragone, nell’UE a 28, cioè con il Regno Unito, c’erano circa 500 milioni di persone). La regione stessa vanta una cultura e una civiltà di circa 6.000 anni fa, ma la maggior parte delle nazioni attuali è relativamente nuova. In altre parole, ad eccezione dell’Iran e dell’Egitto, tutti gli altri Stati regionali sono apparsi nella loro forma attuale solo nel secolo scorso, in gran parte dopo la Prima guerra mondiale, ma alcuni di essi anche dopo la Seconda guerra mondiale (Israele). Il numero di Stati nella regione MENA può essere stabilito tenendo conto di almeno tre criteri: 1) il periodo storico; 2) le condizioni politiche; 3) la prospettiva geopolitica. Oggi si è soliti dire che nella regione MENA ci sono 24 Stati (con la Palestina) (ma con la Turchia e il Sudan 26). Tuttavia, lo Stato di Palestina non è ancora generalmente e formalmente riconosciuto come indipendente, come ci si aspettava che apparisse come tale tenendo conto dei risultati dei negoziati tra Israele e OLP (Roadmap per la pace).

Vale la pena notare che il primo Paese arabo moderno divenne l’Egitto di Muhammad Ali nella prima metà del XIX secolo, quando a causa dell’occupazione francese (napoleonica) l’Egitto conobbe alcune caratteristiche del “progresso europeo”. Di conseguenza, Muhammad Ali avviò alcune riforme di modernizzazione della società, come la creazione di un’organizzazione di governo moderna e più efficace, di un sistema economico razionale e di un esercito moderno, ristrutturato e riorganizzato secondo i principi bellici dell’Europa occidentale dell’epoca. Al Cairo è stato fondato il primo istituto di tipo occidentale, l’Istituto Egiziano, nel mondo arabo, con la funzione cruciale di diffondere gli scritti dei filosofi europei occidentali (soprattutto francesi) (come Russo e Volter).

La maggioranza delle popolazioni regionali sono arabe e musulmane. Il panarabismo è uno dei temi politici centrali della regione MENA nel XX e XXI secolo. In tempi recenti, tuttavia, la leadership del movimento panarabo è passata inizialmente nelle mani degli arabi cristiani del Libano e della Siria. Tuttavia, tutti i tentativi politici di formare una sorta di Repubblica Araba Unita sono falliti, ma ci sono storie di successo di integrazione economica macroregionale, ad esempio l’integrazione economica di sei Stati del Golfo Persico che hanno creato un Consiglio di Cooperazione del Golfo. Tuttavia, al posto della Repubblica Araba Unita esiste una Lega Araba (nata nel 1945 e oggi composta da 22 Stati membri) che promuove sistemi di comunicazione migliori per la regione utilizzando la lingua araba e l’ARABSAT (il sistema satellitare regionale arabo).

La scoperta e la produzione di petrolio sono probabilmente le caratteristiche peculiari della regione MENA (ma in particolare del Medio Oriente) nella storia contemporanea. Lo sviluppo economico e sociale di tutti i Paesi del Golfo ricchi di petrolio dipende quasi totalmente dalla politica di esportazione del petrolio e, pertanto, per una migliore cooperazione economica reciproca, le nazioni mediorientali produttrici di petrolio hanno fondato l’Organizzazione dei Paesi Arabi Esportatori di Petrolio (OAPEC), che è la variante regionale dell’OPEC globale (l’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio). Di fatto, circa il 65-70% delle riserve petrolifere globali si trova nel territorio del Medio Oriente. L’estrazione e la raffinazione del petrolio svolgono un ruolo significativo sia nell’economia regionale che in quella mondiale e, pertanto, hanno un impatto significativo sul benessere e sulla politica della maggior parte dei Paesi occidentali (post-industriali) (in particolare del G7).

La mancanza di un tipo completo di “democrazia liberale” occidentale è un’altra caratteristica cruciale della regione MENA, poiché oggi le forme di governo regionali vanno dal puro autoritarismo (Arabia Saudita) ad alcune forme di esperimenti democratici basati sul modello occidentale (Libano o Israele), seguiti da regimi musulmani governati da leader religiosi (Iran dopo il 1979). Dei 22 Stati della Lega Araba oggi, 8 sono repubbliche (tra cui la Repubblica islamica di Mauritania e la Repubblica socialista Baath di Siria), 7 sono monarchie, 4 hanno un governo monopartitico, gli Emirati Arabi Uniti sono una federazione politica di sceiccati, la Somalia è, di fatto, priva di una governance funzionante e, infine, la Palestina non ha una chiara tipologia di governo e nemmeno di Stato. In generale, per quanto riguarda la politica, la regione è ancora in transizione evolutiva come risultato della modernizzazione, dell’occidentalizzazione e della globalizzazione, compresi i riferimenti allo sviluppo economico ed educativo con le attuali tendenze alla radicalizzazione dell’Islam come ideologia anticoloniale contro l’imperialismo occidentale post-industriale e la politica sionista israeliana (sostenuta dagli Stati Uniti) di apartheid (segregazione e discriminazione) e pulizia etnica.

Un antico conflitto tra due fazioni islamiche – i musulmani sunniti e quelli sciiti – è un’altra caratteristica della divisione della regione del Medio Oriente e del Nord Africa. La prima divisione all’interno dell’Islam nacque subito dopo la morte del Profeta Maometto, nel 632 d.C., quando il mondo islamico degli arabi si divise tra coloro che avevano la pretesa di ereditare il potere religioso dopo la morte del Profeta. Si crearono due fazioni principali con rivendicazioni diverse. La fazione sunnita sosteneva che il potere religioso del Califfo dopo il 632 d.C. fosse passato ad Abu Bakr – suocero di Maometto, mentre la fazione sciita (“Seguaci di Ali”) rivendicava il potere religioso al cugino e genero del Profeta – Ali ibn Abi Talib. L’assassinio del terzo Califfo, Uthman ibn Affan, nel 656, e l’elezione di Ali ibn Abi Talib alimentarono il primo conflitto armato (guerra civile) tra i musulmani, che si concluse con la Battaglia del Cammello, il 7 novembre 656, nell’attuale Iraq, a Bassora, tra i sostenitori di Aisha (vedova del Profeta) e quelli di Ali ibn Abi Talib (quarto Califfo e genero del Profeta), che vinsero la battaglia contro Aisha. Tuttavia, fu solo dopo l’assassinio di Ali e, qualche anno dopo, di suo figlio Hussein ibn Ali nella battaglia di Karbala, il 10 ottobre 680 nell’attuale Iraq, che l’Islam andò incontro a una scissione dogmatica e politica. I musulmani sciiti rifiutano la legittimità dei primi tre califfi che, invece, i musulmani sunniti seguono, avendo allo stesso tempo alcune differenze dottrinali e politiche con i sunniti. La percentuale maggiore di musulmani sciiti oggi in Medio Oriente si trova in Iran (90-95%), Bahrein (65-75%), Iraq (60-70%), Libano (45-55%) e Yemen (30-40%).

L’ultima caratteristica importante del Medio Oriente è la violenza settaria e il suo impatto in alcuni Stati regionali. Di seguito verranno citati diversi casi:

1. Il governo saudita è composto da sunniti e la stessa monarchia al potere appartiene esclusivamente alla fazione sunnita che è in costante competizione con l’Iran sciita. Il governo dell’Arabia Saudita teme che la Repubblica islamica teocratica sciita dell’Iran possa creare gravi disordini all’interno delle comunità sciite sia saudite che del Golfo. Tuttavia, sia l’Iran che l’Arabia Saudita, in realtà, pretendono di diventare la prima potenza della regione.
2. La maggioranza della popolazione del Bahrein è di fede sciita, ma al potere c’è una monarchia sunnita. Ispirati dalla Primavera araba del 2011, i credenti sciiti hanno iniziato a manifestare i loro diritti politici, ma senza il sostegno dell’amministrazione statunitense. Le autorità governative sunnite del Bahrein e i suoi alleati, tra cui l’Arabia Saudita, hanno represso violentemente le proteste, uccidendo centinaia di civili.
3. In Iraq, per lungo tempo, la maggioranza sciita del Paese è stata oppressa dal regime sunnita di Baghdad. Dobbiamo ricordare che in Iraq esistono i siti religiosi più sacri per i musulmani sciiti. Dopo la caduta di Saddam Hussein nel 2003, sono saliti al potere e la popolazione sciita ha iniziato a prendere di mira la comunità sunnita. I fedeli sunniti sono stati perseguitati e torturati dagli squadroni della morte sciiti e, in risposta alla crescente violenza contro di loro, i sunniti iracheni hanno commesso diversi attacchi suicidi e attentati. Di conseguenza, il settarismo religioso sciita-sunnita in Iraq ha esacerbato gli atteggiamenti nazionalistici e fondamentalistici dei musulmani sciiti al potere e ha contribuito al rafforzamento del sostegno sunnita all’ISIS (ISIL, DAESH).
4. Per l’Iran, la cosa più importante è proteggere i propri interessi regionali, tra cui i diritti della popolazione sciita all’estero. Ad esempio, dopo la rivoluzione islamica iraniana del 1979 che ha portato al potere il governo sciita di Teheran, l’Iran ha iniziato a finanziare e incoraggiare le rivolte sciite nella regione orientale dell’Arabia Saudita, ricca di riserve petrolifere. Il governo iraniano sostiene anche il governo dell’alawita (un ramo dell’Islam sciita) Assad in Siria, che fa da ponte con il Libano.
5. Nello Yemen, i ribelli Houthi, situati prevalentemente nella parte settentrionale del Paese, sono musulmani sciiti e rappresentano circa 1/3 della popolazione totale. Gli Houthi sono riusciti a forzare le dimissioni del Presidente Hadi, riconosciuto dalla comunità internazionale. Nonostante il fatto che durante la rivolta del 2014-2015 i ribelli sciiti abbiano assunto il controllo politico, la maggior parte delle tribù sunnite dello Yemen meridionale non riconosce l’autorità sciita. Nel 2015 si è formata una coalizione di Stati arabi sotto la guida dell’Arabia Saudita per sostenere l’ex presidente Hadi contro i ribelli Houthi, che sono filo-iraniani. Ampie zone del territorio yemenita sono inoltre sotto il controllo del gruppo militante sunnita al-Qaeda, che si oppone sia agli Houthi sciiti sia all’ex governo di Hadi. Il gruppo sunnita al-Qaeda in Yemen è stato per anni bersaglio della controversa campagna di droni degli Stati Uniti all’interno del Paese.
6. Infine, dietro la guerra civile siriana iniziata nel 2011 c’è, in sostanza, la violenza settaria. Il Presidente siriano al-Assad appartiene alla minoranza dei musulmani alawiti, un ramo della setta sciita. Gli alawiti prendono il nome da Ali ibn Abi Talib, cugino, genero e primo seguace maschio del Profeta Maometto (alawita = “seguace di Ali”). Le proteste contro il governo di Assad sono iniziate nel marzo 2011 e sono state violentemente represse. Tuttavia, la guerra civile siriana ha in parte contribuito a esacerbare i sentimenti di odio e risentimento tra le comunità sciite e sunnite del Paese. Durante il conflitto, l’Iran sciita e gli Hezbollah sciiti del Libano meridionale, nel momento di maggiore difficoltà per il regime di Assad, sono accorsi al fianco del Presidente Assad per impedirne la deposizione. Tuttavia, allo stesso modo, i combattenti sunniti del Fronte Jabhat al-Nusra e dell’ISIS sunnita stanno combattendo in Siria contro Assad. Dobbiamo tenere presente che Jabhat al-Nusra è il ramo siriano di al-Qaeda e che le monarchie sunnite del Golfo Persico e la Turchia sunnita sostengono finanziariamente e militarmente i combattenti dell’opposizione sunnita in Siria.
La regione del Medio Oriente e del Nord Africa è un’area in cui la geografia e la storia sono fattori importanti nella vita contemporanea delle persone. Ci sono molti popoli nativi della regione, per i quali l’area MENA è considerata la patria araba. Si riferisce a quelle terre in cui si parla la lingua araba (con tutti i dialetti). Si tratta di una regione unica al mondo dal punto di vista geografico, geopolitico e geostrategico, poiché qui si incontrano tre continenti (Europa, Africa e Asia) e perché è stata il punto focale dello sviluppo delle prime civiltà. Geologicamente, la sua topografia si è trasformata dopo l’era glaciale da un clima che sosteneva le praterie e i corsi d’acqua in vaste steppe e deserti. Intorno al 2000 a.C., il popolo pastorale degli ariani, o chiamati anche indo-iraniani, migrò in India e in Occidente e in Asia centrale, compreso l’odierno Iran (Persia) e i Paesi circostanti. Dal punto di vista strategico, la regione MENA è stata sempre considerata un territorio geostrategico di grande valore in quanto crocevia di scambi commerciali, fede, conflitti o sviluppo culturale.

In linea di massima, il tratto distintivo della regione è la cultura araba predominante, con alcuni contrasti nelle abitudini culturali tra, ad esempio, l’Arabia Saudita e l’Egitto. Inoltre, le caratteristiche culturali di diversi altri gruppi etnici e confessionali della regione MENA forniscono un quadro più completo dei popoli e delle sfide della regione.

Dr. Vladislav B. Sotirovic Caratteristiche speciali della regione del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA)
Ex professore universitario
Ricercatore presso il Centro di Studi Geostrategici
Belgrado, Serbia
www.geostrategy.rs
sotirovic1967@gmail.com © Vladislav B. Sotirovic 2023
Disclaimer personale: l’autore scrive per questa pubblicazione a titolo privato e non rappresenta nessuno o nessuna organizzazione, se non le sue opinioni personali. Nulla di quanto scritto dall’autore deve essere confuso con le opinioni editoriali o le posizioni ufficiali di altri media o istituzioni.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

1 2 3 18