Russia, Iran e India stanno creando un terzo polo di influenza nelle relazioni internazionali, di Andrew Korybko

Il successo di questo progetto aiuterà il mondo a compiere progressi nel superare l’attuale fase intermedia bipolare della transizione sistemica globale e, di conseguenza, creerà maggiori opportunità per altri paesi di rafforzare la loro autonomia strategica nella Nuova Guerra Fredda.

Il ministro dei trasporti russo Valery Savelyev ha appena riconosciuto il ruolo vitale che l’Iran svolge oggi per la logistica del suo paese attraverso il corridoio di trasporto nord-sud (NSTC). Secondo lui , le sanzioni senza precedenti dell’Occidente guidate dagli Stati Uniti, imposte in replica all’operazione militare speciale russa in corso in Ucraina “hanno praticamente infranto tutta la logistica nel nostro paese. E siamo costretti a cercare nuovi corridoi logistici”. Il corridoio principale a cui il suo paese sta dando la priorità è l’NSTC attraverso l’Iran, sottolineando che tre porti del Mar Caspio fungono già da canali commerciali con la Repubblica islamica, riconoscendo anche che c’è ancora molto lavoro da fare sulla connettività terrestre.

Era già stato previsto poco dopo l’inizio dell’operazione speciale russa che l’Iran sarebbe diventato molto più importante per la Russia. Questo perché l’NSTC funziona come un corridoio di integrazione trans-civiltà che collega la civiltà storicamente cristiana della Russia, quella islamica dell’Iran e la civiltà indù dell’India, per non parlare delle altre quali quelle in Africa e nel Sud-Est asiatico che possono essere indirettamente collegate alla Russia tramite quel percorso. È una valvola di sfogo insostituibile della pressione economica e finanziaria dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti che ha creato tali difficoltà logistiche per la Russia negli ultimi mesi; una via di uscita soprattutto da quando si collega all’India, che ha sfidato la pressione occidentale continuando a praticare la sua politica di neutralità di principio .

Senza la fondamentale partecipazione dell’Iran all’NSTC, la Russia sarebbe tagliata fuori dai suoi indispensabili partner indiani il cui intervento decisivo ha già all’origine evitato la sua dipendenza potenzialmente sproporzionata dalla Cina in futuro. Questo risultato a sua volta ha aiutato il mondo a compiere progressi nel superare l’ attuale fase intermedia bipolare della transizione sistemica globale alla multipolarità che ha visto le relazioni internazionali in gran parte modellate dalla competizione tra le superpotenze americane e cinesi. Sta diventando sempre più possibile parlare di un terzo polo di influenza rappresentato dalla grande convergenza strategica tra Russia, Iran e India.

Non ancora ufficialmente riconosciuto dai rispettivi diplomatici per evitare che le superpotenze americane e/o cinesi fraintendano le intenzioni dei loro stati di civiltà, tutti e tre stanno informalmente cercando di assemblare un nuovo Movimento dei Non Allineati (” Neo-NAM “). Sperano di fungere da centri di gravità uguali all’interno del terzo polo di influenza che sperano di creare per spostare le relazioni internazionali oltre la sua attuale fase intermedia bipolare e verso un sistema di “tripolarità” che si aspettano inevitabilmente faciliti l’emergere di complessi di multipolarità . La finalità alla base di ciò è la massimizzazione della loro rispettiva autonomia strategica all’interno della Nuova Guerra Fredda nei confronti delle due superpotenze.

Le implicazioni internazionali del successo del loro piano cambierebbero letteralmente il gioco, il che spiega perché sono attivamente in corso gli sforzi per fermarli. Questi hanno preso la forma dell’Associated Press che guida la campagna di infowar dei Western Mainstream Media (MSM) guidata dagli Stati Uniti contro il partenariato strategico russo-iraniano, mentre altri organi ne stanno conducendo uno complementare contro il partenariato strategico russo-indiano. Entrambi hanno fallito poiché i dirigenti di quei paesi sono stati ispirati dalla loro visione del mondo multipolare conservatrice-sovranista (MCS) condivisa nel mantenere la rotta nonostante le notevoli pressioni dopo che i loro strateghi presumibilmente hanno assicurato loro che alla fine ne varrà la pena finché rimarranno pazienti.

Ciò è in contrasto con il loro vicino pachistano, che sembra essere in procinto di ricalibrare la sua grande strategia e il ruolo previsto associato nella transizione sistemica globale a seguito del suo scandaloso cambio di governo. I segnali contrastanti che le sue nuove autorità hanno inviato alla Russia, parallelamente alla loro entusiastica sensibilizzazione verso gli Stati Uniti, suggeriscono fortemente che la visione del mondo MCS precedentemente abbracciata dall’ex primo ministro Khan viene gradualmente sostituita, in misura incerta, dalla visione liberale unipolare favorevole all’Occidente globalista (ULG). Ciò complica i processi multipolari nell’Asia meridionale e rischia di isolare il Pakistan da essi nel peggiore dei casi.

Tuttavia, il Pakistan non ha alcuna intenzione di interferire con l’NSTC anche se dovesse entrare in un vero e proprio ed estremamente rapido riavvicinamento con gli Stati Uniti. Questa osservazione significa che la grande convergenza strategica tra Russia, Iran e India continuerà, con le ultime due che diventeranno ancora più importanti per Mosca come valvole di sfogo dalla pressione occidentale e come alternative affidabili per scongiurare preventivamente qualsiasi dipendenza potenzialmente sproporzionata dalla Cina. Il Pakistan avrebbe dovuto svolgere un ruolo complementare nel Greater Eurasian Partnership (GEP) della Russia, servendo anche a bilanciare la crescente dipendenza di Mosca da Teheran e Nuova Delhi, ma questo sembra improbabile alla luce dei recenti eventi.

Con le relazioni praticamente congelate sul fronte energetico, nelle intenzioni che alla base della loro auspicata partnership strategica, ci sono poche possibilità che la Russia consideri il Pakistan più importante per il suo ” Ummah Pivot ” di quanto non stia diventando l’Iran, a meno che questi problemi non siano urgentemente risolti. Con ogni probabilità, probabilmente non lo saranno, e questa triste previsione è dovuta alla congettura plausibile che le nuove autorità pakistane considerino il rallentamento del loro riavvicinamento con la Russia una “concessione unilaterale accettabile” in cambio del proseguimento dei colloqui sul miglioramento dei legami con gli Stati Uniti, che è la loro nuova priorità di politica estera.

Anche se di recente sono stati visti piccoli passi nel ristabilire le loro relazioni, l’intervista del nuovo ministro degli Esteri Bhutto con l’ Associated Press durante il suo viaggio inaugurale in America per partecipare a un evento delle Nazioni Unite e incontrare Blinken faccia a faccia ha messo in dubbio l’interesse di Islamabad nel riprendere i colloqui sull’energia con la Russia. Secondo l’outlet, ha rivelato che “il suo obiettivo nei colloqui con Blinken riguardava l’aumento del commercio, in particolare nell’agricoltura, nella tecnologia dell’informazione e nell’energia”. Ciò suggerisce che l’America sta cercando di “accaparrarsi” l’ accordo riportato dalla Russia con il Pakistan per avergli fornito cibo e carburante con uno sconto del 30%, forse anche offrendo uno sconto inferiore – se non del tutto – come “costo necessario” per migliorare i legami .

L’esito prevedibile della decisione del Pakistan di non riprendere i colloqui energetici con la Russia è che l’importanza di Iran e India per la grande strategia russa continuerà a crescere senza essere tenuta sotto controllo dal fattore di bilanciamento pachistano che Mosca aveva precedentemente dato per scontato. Questo non sarà un problema a meno che non politicizzino il loro ruolo di valvole di sfogo dalla pressione occidentale, cosa che sono riluttanti a fare comunque poiché ciò rischierebbe di minare i loro interessi MCS condivisi nella transizione sistemica globale attraverso il Neo-NAM. Tuttavia, è ancora importante sottolineare che la rimozione pratica dell’influenza di bilanciamento del Pakistan in questo paradigma aumenta la dipendenza della Russia dall’Iran e dall’India.

Con o senza che le relazioni russo-pakistane diventino strategiche come sperava Mosca e di conseguenza aiutassero a bilanciare il suo previsto Neo-NAM, non c’è dubbio che l’asse che la Russia sta assemblando con Iran e India continuerà a rafforzarsi mentre questi tre perseguono insieme la creazione di un terzo polo di influenza nelle Relazioni Internazionali. Il successo di questo progetto aiuterà il mondo a compiere progressi nel superare l’attuale fase intermedia bipolare della transizione sistemica globale e, di conseguenza, creerà maggiori opportunità per altri paesi di rafforzare la loro autonomia strategica nella Nuova Guerra Fredda.

L’America non ha mai veramente capito l’India, di Meenakshi Ahamed

L’America non ha mai veramente capito l’India

I due paesi sembrano concettualmente destinati a essere partner, eppure per decenni hanno avuto visioni del mondo notevolmente divergenti.

Jawaharlal Nehru si rivolge a una folla con la bandiera indiana a mezz'asta.
Max Desfor / AP

L’invasione russa dell’ucraina ha resuscitato le ostilità della Guerra Fredda, ricordando un mondo in cui gli Stati Uniti si vedevano coinvolti in una lotta manichea, di fronte alla scelta tra il bene e il male. Gli Stati Uniti usano oggi una retorica simile per persuadere i paesi a isolare e punire Mosca. Il presidente Joe Biden ha raccolto il sostegno dei suoi alleati della NATO per imporre sanzioni paralizzanti alla Russia, ma i suoi sforzi altrove hanno avuto successo solo in parte. Australia e Giappone, che, insieme agli Stati Uniti, costituiscono tre quarti del Quad, un gruppo di sicurezza asiatico relativamente nuovo, hanno firmato, ma l’India, il quarto membro del blocco, ha rifiutato di unirsi al coro di condanna .

Diversi inviati occidentali di alto livello sono stati inviati a Nuova Delhi per persuadere le autorità indiane a unirsi alla coalizione globale contro la Russia, mentre Mosca ha corteggiato il Paese nella speranza che tenesse duro. Biden ha intensificato la pressione durante i colloqui virtuali con il primo ministro Narendra Modi il mese scorso e ha pubblicamente definito la risposta dell’India “traballante”, chiarendo che è frustrato dall’intransigenza dell’India.

In superficie, questa distanza apparente tra Washington, DC e Nuova Delhi sembrerà strana. Per più di un decennio, gli Stati Uniti hanno cercato di costruire una partnership strategica con l’India ei due paesi hanno molto in comune, compresi i loro sistemi politici democratici e la loro preoccupazione condivisa per l’ascesa della Cina. Gli analisti hanno ampiamente attribuito la riluttanza dell’India a rivoltarsi contro la Russia alla sua dipendenza da Mosca per l’equipaggiamento militare e le esportazioni di energia. Questi sono indubbiamente fattori significativi, ma sminuiscono quanto incerta e superficiale rimanga la relazione USA-India.

In effetti, Stati Uniti e India, due paesi che concettualmente sembrano destinati a essere partner, hanno per decenni visioni del mondo notevolmente divergenti, trovandosi troppo spesso a perseguire obiettivi contrastanti.

Per dare un senso al percorso che l’India ha seguito nel 2022, è utile comprendere le relazioni dell’India con gli Stati Uniti durante la Guerra Fredda.

Quando l’India è diventata la democrazia più nuova e più grande del mondo nel 1947, le sue relazioni con gli Stati Uniti, la democrazia più potente del mondo, avrebbero dovuto essere amichevoli a detta di tutti. Entrambi i paesi hanno sottoscritto sulla carta lo stesso insieme di valori: l’impegno per un ordine internazionale basato su regole, la convinzione in elezioni libere ed eque, lo stato di diritto, le libertà civili e la libertà di parola. Eppure, più e più volte, hanno visto le cose attraverso obiettivi molto diversi, fraintendendo gli obiettivi l’uno dell’altro nel processo, portando alla fine a periodi in cui hanno lavorato in contrasto l’uno con l’altro.

Quando acquisti un libro utilizzando un link in questa pagina, riceviamo una commissione. Grazie per aver sostenuto The Atlantic .

Anche prima che l’India conquistasse la sua indipendenza, le due parti avevano i loro disaccordi. Durante la seconda guerra mondiale, Jawaharlal Nehru, che sarebbe diventato il primo primo ministro indiano, chiese al presidente Franklin D. Roosevelt di persuadere la Gran Bretagna a concedere all’India la sua indipendenza. Roosevelt, che aveva a lungo espresso disgusto per l’imperialismo britannico, cercò di convincere Winston Churchill ma fu respinto. Non volendo esercitare alcuna pressione a favore dell’India che avrebbe messo a repentaglio le sue relazioni con gli inglesi, Roosevelt non ha portato avanti la questione, lasciando Nehru deluso dal fatto che l’America non fosse all’altezza dei principi della Carta Atlantica, una dichiarazione non vincolante di Gran Bretagna e Stati Uniti in favore dell’autodeterminazione.

Dopo l’indipendenza, sono emerse nuove controversie. L’India aveva conquistato la sua libertà in un modo unicamente indiano, attraverso la nonviolenza gandhiana, ed era riluttante a legarsi a qualsiasi alleanza, per non parlare di quella guidata dagli Stati Uniti che includeva il suo ex padrone coloniale. “Proponiamo, per quanto possibile, di tenerci lontani dalle politiche di potere dei gruppi, allineati l’uno contro l’altro, che hanno portato in passato a guerre mondiali e che potrebbero nuovamente portare a disastri su scala ancora più vasta”, ha affermato Nehru in Marzo 1947. Si considerava uno statista mondiale ed era uno dei principali sostenitori del movimento non allineato, un tentativo dei paesi in via di sviluppo di distinguersi dalle richieste di lealtà americane o sovietiche. Riteneva che fosse essenziale per alcuni paesi fornire un corridoio neutrale dove poter negoziare i conflitti,

Sebbene questa politica avesse una sua moralità, fondata su nozioni di anticolonialismo, non era quella che rendeva l’India cara alle successive amministrazioni americane. Harry Truman, il successore di Roosevelt, considerava il disallineamento con sospetto e aveva scarso interesse a coinvolgere paesi neutrali. Si riferiva a Nehru come a un “comunito”. (Sebbene Nehru fosse un dichiarato socialista fabiano, credeva fermamente nella democrazia.) Nonostante il dichiarato non allineamento dell’India, nel tempo si era avvicinata all’Unione Sovietica. John Foster Dulles, segretario di stato di Dwight Eisenhower, pensava che il non allineamento fosse assolutamente immorale. Da parte loro, i leader indiani hanno trovato le sfumature morali della politica estera statunitense, apparentemente guidata da un ultimatum “O sei con noi o contro di noi”, un affronto alla sovranità del loro paese.

Anche l’approccio transazionale dell’America agli aiuti ha deluso gli indiani. Nehru sentiva che chiedere assistenza era umiliante, ma aveva sperato che, essendo la democrazia più ricca e consolidata, gli Stati Uniti avrebbero offerto una mano all’India. Il Congresso degli Stati Uniti era governato da sentimenti diversi. Alcuni legislatori hanno sostenuto che qualsiasi paese che riceve aiuti americani dovrebbe mostrare gratitudine ed erano irritati dal fatto che l’India non avesse sostenuto le posizioni americane alle Nazioni Unite su Israele e la guerra di Corea. “Le nostre relazioni con l’India non sono molto buone, vero?” Tom Connally, il presidente della commissione per le relazioni estere del Senato, disse nel 1951. “Nehru ci sta dando sempre l’inferno, lavorando contro di noi e votando contro di noi”. Lo stesso anno, il senatore Henry Cabot Lodge chiese: “Cosa faranno gli indiani per noi?” La sua convinzione che l’India non avrebbe mostrato alcun apprezzamento per l’aiuto americano era condivisa da molti a Capitol Hill.

Al di là degli aiuti, le relazioni economiche erano tese. Nehru aveva intrapreso un piano ambizioso dopo l’indipendenza per industrializzare l’India e rendere il paese autosufficiente, un obiettivo indiano chiave, ma la mancanza di capitale e competenze richiedeva al paese di collaborare con gli altri. Come parte di questi sforzi, gli Stati Uniti hanno intrattenuto lunghi negoziati con l’India per costruire una grande acciaieria nella città di Bokaro, nell’India orientale, un progetto che era diventato un simbolo dell’orgoglio nazionale indiano, ma differenze fondamentali nell’ideologia economica hanno interrotto i negoziati. Alla fine, l’Unione Sovietica è intervenuta per salvare i piani.

Dopo la morte di Nehru, altri disaccordi su aiuti ed economia hanno esacerbato la sfiducia. Quando il primo ministro Indira Gandhi, la figlia di Nehru, si recò a Washington, DC, nel marzo 1966 per richiedere aiuti alimentari nel mezzo della peggiore carestia dell’India dall’indipendenza, la Banca Mondiale e la Casa Bianca le fecero pressioni affinché svalutasse la rupia come precondizione . Tre mesi dopo, ha fatto proprio questo, anche se contro la volontà di diversi membri del governo che l’hanno accusata di aver messo all’asta il paese. L’aiuto promesso in cambio all’India tardava ad arrivare e non era il successo economico che lei aveva sperato. A livello nazionale, l’intero episodio è stato un disastro politico e, per recuperare il sostegno della sinistra, Gandhi ha criticato la politica degli Stati Uniti in Vietnam, che ha fatto infuriare l’allora presidente Lyndon B. Johnson. Ha risposto ritardando le spedizioni di cibo in India che erano già state approvate dal Congresso. Gli indiani furono sconvolti dal fatto che Johnson stesse usando gli aiuti alimentari come arma e iniziò a inasprire l’America.

Presto sorsero altri risentimenti che avrebbero fratturato ulteriormente la relazione. Washington era più strettamente alleata di Islamabad durante la guerra del 1971 tra India e Pakistan che portò alla fondazione del Bangladesh. Poi, nel 1974, quando l’India ha effettuato il suo test inaugurale sulle armi nucleari, gli Stati Uniti hanno interrotto le consegne di carburante alla prima centrale nucleare dell’India come punizione. Le autorità indiane, in particolare l’agenzia per l’energia atomica, iniziarono a considerare gli Stati Uniti inaffidabili e indifferenti alle esigenze di sicurezza dell’India; dal punto di vista americano, tuttavia, l’India non era importante, tranne che come stato in prima linea per contenere la Cina e la diffusione del comunismo, e la sua costante richiesta di aiuti in quei primi anni ne smorzava il potere sulla scena mondiale.

In parte a causa di tutti questi fattori, l’India finì per fare molto affidamento sull’Unione Sovietica per il suo equipaggiamento militare. Il Pentagono, sospettoso delle relazioni indo-sovietiche, rifiutò di vendere all’India armi sofisticate o computer e continuò a rafforzare l’esercito pakistano. Né gli Stati Uniti permetterebbero all’India, che desiderava essere un attore indipendente, di produrre armi a livello nazionale attraverso joint venture o accordi di cooperazione. I sovietici erano più accomodanti con gli obiettivi dell’India e presto divennero il principale fornitore di armi del paese. L’India è da tempo preoccupata per la sua dipendenza militare da Mosca, ma sebbene abbia fatto recenti mosse per diversificare i suoi fornitori, l’equipaggiamento militare russo rappresenta ancora la maggior parte dello stock di difesa totale dell’India.

Le relazioni tra gli Stati Uniti e l’India si sono notevolmente riscaldate negli ultimi due decenni. Nel 2000, le riforme economiche dell’India avevano spinto la crescita, che, combinata con la forza militare e la capacità nucleare del paese, ne facevano un interessante contrasto all’ascesa della Cina. George W. Bush, che ha cercato di coltivare l’India come potenziale partner strategico, ha intrapreso l’arduo compito di ottenere l’approvazione del Congresso per uno speciale accordo nucleare con l’India e le relazioni sono migliorate ulteriormente quando Modi è stato eletto primo ministro dell’India nel 2014: ha stretto buone relazioni con gli Stati Uniti una pietra angolare della sua politica estera.

La crisi ucraina ha messo in discussione questa partnership alterando il panorama geopolitico mondiale. L’India negli ultimi anni ha convergeto con gli Stati Uniti sulla necessità di contenere la Cina, che non solo ha umiliato l’India quando ha invaso nel 1962, ma rivendica un territorio che l’India considera proprio. Le controversie lungo il confine dei paesi divampano regolarmente, l’ultima nel 2020.

Eppure la dipendenza dell’India da Mosca per le armi si è rivelata difficile da superare. Con due stati ostili dotati di armi nucleari al suo confine, l’India non è in grado di abbandonare le sue relazioni con la Russia. Funzionari statunitensi, riconoscendo il dilemma dell’India, affermano di comprendere che il paese avrà bisogno di tempo per diversificare completamente il proprio portafoglio e si sono offerti di aiutare a trovare pezzi di ricambio e fonti di approvvigionamento alternative. Anche così, l’India ha recentemente acquistato equipaggiamento per la difesa aerea S-400 dalla Russia, gettando una nuvola sulle relazioni militari di Nuova Delhi con Washington.

Dati questi calcoli di sicurezza a breve termine e l’eredità di sfiducia a lungo termine tra Stati Uniti e India, che tipo di partnership può realisticamente aspettarsi Washington da New Delhi?

L’eredità di Nehru di non allineamento rimane ancora immensa, quindi vale la pena rivolgersi di nuovo a lui: in una conferenza stampa a Londra nel luglio 1957, ha osservato che le amicizie non sono monogame, e questo è certamente centrale nel pensiero indiano. In passato, l’India ha rifiutato le alleanze formali, mantenendo la sua politica di non allineamento. Anche se l’India si avvicinava agli Stati Uniti, i funzionari indiani hanno rinominato il non allineamento come “autonomia strategica”. Subrahmanyam Jaishankar, ministro degli Esteri indiano, chiarisce nel suo libro sull’argomento che l’obiettivo principale di questa politica è “dare all’India le massime opzioni nelle sue relazioni con il mondo esterno”.

Potrebbe quindi essere più saggio e produttivo per gli Stati Uniti nell’immediato futuro concludere accordi frammentari con l’India basati su aree limitate di reciproco interesse e costruire da lì. I due paesi possono cooperare in molti settori, come lo spazio, l’intelligenza artificiale, la tecnologia marittima e la salute globale. A lungo termine, gli Stati Uniti e l’India sembrano aver bisogno l’uno dell’altro per gestire un problema di sicurezza che entrambi condividono – l’assertività della Cina – e questo potrebbe avvicinarli.

Eppure ci sono molte ragioni per cui l’India e gli Stati Uniti, nonostante tutti i loro punti in comune, potrebbero allontanarsi di nuovo. Per prima cosa, gli Stati Uniti sotto Biden parlano di un mondo diviso in democrazie e autocrazie, e hanno espresso preoccupazione per il ritiro dell’India dal liberalismo, dal pluralismo e dai diritti umani sotto Modi.

Per quanto lo siano stati negli ultimi 75 anni, l’India e gli Stati Uniti sembrano essere due paesi che dovrebbero essere i migliori amici, eppure continuano a trovare ragioni per non essere d’accordo.

https://www.theatlantic.com/ideas/archive/2022/05/joe-biden-narendra-modi-us-india/629823/

Rahul Gandhi contro Subrahmanyam Jaishankar: uno scontro di visioni del mondo_di Andrew Korybko

Un subcontinente conteso ed indispensabile. La sua postura non è più quella di un oggetto del contendere, ma sempre più quella di un protagonista_Giuseppe Germinario
Rahul Gandhi contro Subrahmanyam Jaishankar: uno scontro di visioni del mondo
21 MAGGIO 2022

Rahul Gandhi contro Subrahmanyam Jaishankar: uno scontro di visioni del mondo

Lo scontro tra la visione del mondo unipolare liberal-globalista (ULG) di Gandhi e quella multipolare conservatrice-sovranista (MCS) di Jaishankar la dice lunga sulla posizione dell’India nella transizione sistemica globale.

Il leader dell’opposizione indiana Rahul Gandhi e il ministro degli Affari esteri Subrahmanyam Jaishankar stanno litigando pubblicamente tra loro in uno scambio che rappresenta uno scontro tra le loro visioni del mondo diametralmente opposte. Gandhi ha detto a un’udienza a Londra durante la conferenza Ideas for India che “Stavo parlando con alcuni burocrati dall’Europa e dicevano che il servizio estero indiano è completamente cambiato. Non ascoltano niente; sono arroganti. Ora, ci stanno solo dicendo quali ordini stanno ricevendo. Non c’è conversazione. Non puoi, non puoi farlo”.

Ciò ha spinto Jaishankar a ribattere su Twitter che “Sì, il servizio estero indiano è cambiato. Sì, seguono gli ordini del governo. Sì, contrastano le argomentazioni degli altri. No, non si chiama Arroganza. Si chiama Fiducia. E si chiama difendere l’interesse nazionale”. Gli osservatori interni si sono affrettati a schierarsi sulla base di prevedibili posizioni partigiane, con l’opposizione che ha sostenuto Gandhi mentre i filo-governativi hanno sostenuto Jaishankar. Ciò che nessuna delle due fazioni sembra rendersi conto, tuttavia, è che la loro faida è molto più importante di queste due figure.

Rappresenta uno scontro tra la visione del mondo unipolare liberal-globalista (ULG) di Gandhi e quella multipolare conservatrice-sovranista (MCS) di Jaishankar che la dice lunga sulla posizione dell’India nella transizione sistemica globale . La sua politica di neutralità di principio nei confronti dell’operazione militare speciale in corso della Russia in Ucraina ha preservato l’autonomia strategica di entrambi i paesi nell’attuale fase intermedia bipolare di questa transizione che si sta svolgendo attivamente e ha stabilito l’India come leader del Sud del mondo. L’Occidente guidato dagli Stati Uniti, tuttavia, è fortemente in disaccordo con questa posizione e ha esercitato pressioni aggressive sull’India affinché la invertisse.

Questo spiega perché quei burocrati europei si siano lamentati dei diplomatici indiani con Gandhi. Si aspettavano con arroganza di poter parlare con i rappresentanti di questa nascente Grande Potenza come se fossero ancora servitori che languivano sotto il Raj britannico. L’Occidente guidato dagli Stati Uniti non è abituato ai paesi del Sud del mondo che sfidano le sue richieste, che definisce erroneamente “arroganti” anche se sono sempre i loro stessi diplomatici a mostrare questo atteggiamento verso gli altri. Difendere con sicurezza gli interessi nazionali è qualcosa che non avrebbero mai pensato che l’India avrebbe fatto.

Ciò dimostra solo che l’Occidente guidato dagli Stati Uniti non ha mai veramente capito l’India, esattamente come ha spiegato Meenakshi Ahamed nel suo articolo dettagliato per The Atlantic. Gli strateghi di questa civiltà formulano la politica basata sulla loro visione del mondo ULG che presume falsamente il loro “eccezionalismo” e la superiorità associata sugli altri. Nella loro mente, il sistema socio-politico dell’Occidente è il migliore che l’umanità abbia mai creato e deve quindi essere esportato in tutto il mondo, specialmente in quei paesi che attualmente gli stanno resistendo poiché questi strateghi si sono convinti di conoscere meglio ciò che è nei loro interessi.

L’India, tuttavia, ha formulato le sue politiche secondo la visione del mondo MCS del BJP al potere dal 2014 ai giorni nostri. Questa prospettiva riconosce la diversità dei sistemi socio-politici nel mondo e considera tutti uguali gli uni agli altri. Rispetta anche il diritto di ogni paese di autogovernarsi, comunque lo ritenga il migliore in termini di esperienze socio-culturali e storiche uniche. Sono ferocemente contrari all’ingerenza straniera negli affari interni di chiunque e insistono nel salvaguardare l’autonomia strategica e la sovranità nazionale a tutti i costi.

Dopo aver spiegato le differenze tra queste visioni del mondo, è chiaro perché Gandhi può essere descritto come un ULG mentre Jaishankar è ovviamente un MCS. Il primo menzionato simpatizza con i suoi omologhi europei che sono scioccati dalla difesa fiduciosa dell’India dei suoi interessi nazionali oggettivi e probabilmente avrebbero unilateralmente concesso loro se fosse stato il suo partito a formulare la politica estera. Il secondo, tuttavia, è direttamente responsabile della promulgazione della grande strategia spiccatamente MCS del Primo Ministro Modi e quindi non cederebbe mai agli interessi nazionali del suo stato di civiltà.

La Nuova Guerra Fredda all’interno della quale si sta svolgendo la transizione sistemica globale può quindi essere semplificata come una lotta tra queste visioni del mondo in competizione. L’Occidente guidato dagli Stati Uniti sta conducendo una guerra per procura alla Russia attraverso l’Ucraina e si prepara a replicare questo modello contro la Cina attraverso Taiwan, nel tentativo di ritardare la sua egemonia unipolare in declino di fronte ai processi multipolari irreversibili che sono attivamente in corso. L’India subisce una pressione senza precedenti da parte loro perché la sua politica di neutralità di principio sta accelerando la transizione sistemica globale alla multipolarità guidata da Russia e Cina.

Tutti i paesi ei partiti politici all’interno di quelli che praticano la democrazia elettorale (anche se è la loro stessa forma nazionale e non un copia e incolla del modello occidentale) possono essere descritti come ascrivibili a una di queste due visioni del mondo. Nel contesto indiano, il BJP formula una politica basata su quella dell’MCS mentre il Congresso si aggrappa alla visione del mondo dell’ULG. Gli elettori sembrano essersi resi conto di questo, come dimostra la frana del partito al governo durante le ultime elezioni nazionali. Questo rende ancora più curioso il fatto che Gandhi si rifiuti di accettare che il popolo indiano non voglia fare il secondo violino dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti.

L’unica spiegazione convincente è che è davvero un vero sostenitore della visione del mondo ULG, tanto da renderlo cieco dalla realtà che è ovvia per qualsiasi osservatore obiettivo in patria o all’estero. Gandhi sembra più a suo agio nel lamentarsi del suo paese con burocrati stranieri dall’altra parte dell’Eurasia piuttosto che riconoscere che la sua immaginata subordinazione dell’India all’Occidente in declino guidato dagli Stati Uniti è profondamente impopolare tra la sua stessa gente. Ciò continuerà a costare al Congresso alle urne, che praticamente non ha alcuna possibilità di tornare al potere su una piattaforma per trasformare l’India nel servitore a contratto dell’Occidente.

https://oneworld.press/?module=articles&action=view&id=2898

Vecchi amori resistono, di Antonio de Martini

Prosegue il dopo Afghanistan. La coperta americana è sempre più corta; quelle russa e cinese rischiano di coprire alcove scomode una per l’altra. Giuseppe Germinario
La Russia ha piazzato una nuova decisiva vendita a un vecchio cliente.
L’India, che il recente governo Modi ha cercato, senza successo, di convertire alle forniture della Difesa USA, ha acquistato da Mosca il sistema contraereo S400.
Questo acquisto ha già rappresentato una seria ragione di contenzioso tra gli USA e la Turchia e rischia di cambiare gli equilibri del Vicino Oriente se Putin accetterà di venderli anche all’Iran, vanificando la superiorità aerea di Israele.
Il governo americano ha investito molto sul governo Modi che ha sostituito la
dinastia Nehru-Ghandi praticamente sterminata dagli attentati .
Un primo dividendo per l’appoggio a Modi sarebbe stato rappresentato dalle forniture per la Difesa che però l’establishement militare ha pervicacemente rifiutato di avvallare dovendo cambiare tutto l’equipaggiamento e l’addestramento delle FFAA con una pausa operativa insostenibile.
L’arrivo degli S400 – arma considerata, con ragione, un “ game changer” – dimostra che anche questa previsione USA era fondata su “ overconfidence”.
Il pericolo che il Pakistan segua la stessa strada come fece per la dotazione nucleare è concreto anche per gli ottimi rapporti coi russi e per l”atteggiamento sospettoso che Washington ha recentemente adottato verso il Pakistan al quale addebita la cattiva riuscita della campagna afgana.
Il fossato tra i militari e Modi sta allargandosi e la non brillante gestione dell’epidemia sta ulteriormente mettendo in pericolo il nuovo regime , nazionalista nelle dichiarazioni ma meno attento dei Nehru all’interesse nazionale attratto com’è dalla politica estera.

la battaglia prosegue, con Gianfranco Campa

La procedura di impeachement prosegue, ma il bersaglio non è più soltanto Trump. Si prepara il terreno ad una colossale epurazione e alla criminalizzazione di un movimento. Non sarà facile perseguirlo. Nel frattempo proseguono le fibrillazioni nel partito repubblicano. Si cerca di riproporre in politica estera le stesse dinamiche e gli stessi sistemi con gli stessi personaggi di cinque anni fa. La disposizione delle forze in campo è però profondamente mutata; la consistenza anche. Si comincia dal Myanmar, si proseguirà in Siria e in Europa. Buon ascolto_Giuseppe Germinario

https://rumble.com/vdij7n-la-battaglia-prosegue-con-gianfranco-campa.html

 

RITORNO DA UN LUOGO MAI RAGGIUNTO, di Giuseppe Germinario

Qui sotto il link del discorso odierno di Donald Trump sul rinnovato impegno in Afghanistan. Si può dire che ormai il processo di normalizzazione della presidenza americana sia compiuto; cambia, almeno nelle intenzioni, la maggiore selettività degli obbiettivi e la copertura ideologica ormai lacerata della tutela dei diritti umani. Si direbbe che Trump e i suoi nuovi tutori fossero alla ricerca del battesimo del sangue di avvio della presidenza. Rivelatisi al momento impraticabili la Corea del Nord e l’Iran, ceduta l’iniziativa in Siria, è rimasto l’Afghanistan, il teatro di azione comune e ormai poco originale alle ultime tre presidenze americane. Lo scontro politico è però tutt’altro che compiuto. Il nocciolo duro del suo elettorato, anche se minoritario, ha mantenuto la propria compattezza e non si lascerà incantare dalle sirene che accompagnano il suo voltafaccia; gran parte del gruppo iniziale di sponsor e sostenitori originari, pur avendo sciolto ormai da tempo la propria rete operativa, hanno aspramente criticato l’illuminazione sulla via di Kabul. Altre volte, negli Stati Uniti, sono emerse queste componenti; si sono rivelati dei fuochi fatui. Questa volta, dopo aver destabilizzato il Partito Repubblicano senza riuscire a controllarlo, le basi appaiono più solide e durature; non è escluso che riescano a trovare la strada per la formazione di una forza politica inedita. Per questo la virulenza dello scontro politico sarà destinata a crescere. La sopravvivenza di Donald Trump, probabilmente, dipenderà dall’esito del suo tentativo di conservare almeno parzialmente il consenso di quel nocciolo; dipenderà in gran parte dalla condizione economica del paese e i dati sembrano offrirgli qualche possibilità. Il probabile fallimento pregiudicherà la sua stessa esistenza di uomo politico e il suo opportunismo cialtrone, esercitato in verità in condizioni estreme, servirà a ben poco. Vedremo gli sviluppi seguendo le sorti di Breibart; sarà la spia che ci aiuterà a cogliere i profondi movimenti nel sottofondo. Sotto il link è disponibile una traduzione in verità approssimativa data la mancanza di tempo. L’Afghanistan  si rivela, ancora una volta, come il crocevia dove le ambizioni di controllo ed egemonia delle potenze di turno rischiano di naufragare. Le forze disponibili annunciate da Trump appaiono limitate, l’entusiasmo degli alleati più stretti sotto terra; tutto si giocherà, probabilmente, sulle rivalità e sui giri di valzer delle potenze regionali. Di sicuro l’asse in via di formazione tra Russia e Cina sarà messo a dura prova dal coinvolgimento dell’India. Dovesse rivelarsi un bluff, le carte non tarderanno ad essere scoperte.

Vice Presidente Pence, il Segretario di Stato Tillerson, i membri del Consiglio dei Ministri, Generale Dunford, vice segretario Shanahan, e il colonnello Duggan. Soprattutto, grazie agli uomini e alle donne di Fort Myer e tutti i membri delle forze armate degli Stati Uniti in patria e all’estero.

Mandiamo i nostri pensieri e preghiere alle famiglie dei nostri marinai coraggiosi che sono stati feriti e persi dopo una tragica collisione in mare, così come a coloro che conducono di ricerca e di recupero sforzi.

Sono qui stasera a tracciare il nostro cammino in avanti in Afghanistan e in Asia meridionale. Ma prima di fornire i dettagli della nostra nuova strategia, voglio dire qualche parola ai servicemembers qui con noi stasera, a chi guarda dai loro posti, e per tutti gli americani ad ascoltare a casa.

Sin dalla fondazione della nostra repubblica, il nostro paese ha prodotto una classe speciale di eroi il cui altruismo, coraggio e determinazione non ha eguali nella storia umana.

patrioti americani provenienti da ogni generazione hanno dato il loro ultimo respiro sul campo di battaglia per la nostra nazione e per la nostra libertà. Attraverso le loro vite – e se le loro vite sono state stroncate, nelle loro opere hanno ottenuto l’immortalità totale.

Seguendo l’esempio eroico di coloro che hanno combattuto per preservare la nostra repubblica, possiamo trovare l’ispirazione del nostro paese ha bisogno di unificare, per guarire, e di rimanere una nazione sotto Dio. Gli uomini e le donne del nostro esercito operano come una squadra, con una missione condivisa, e un certo senso condiviso di scopo.

Esse trascendono ogni linea di razza, etnia, religione, e il colore per servire insieme – e il sacrificio insieme – nella coesione assolutamente perfetto. Questo perché tutte le servicemembers sono fratelli e sorelle. Sono tutti parte della stessa famiglia; si chiama la famiglia americana. Prendono lo stesso giuramento, lottano per la stessa bandiera, e vivono secondo la stessa legge. Essi sono tenuti insieme da uno scopo comune, la fiducia reciproca, e la devozione disinteressata alla nostra nazione e tra di loro.

Il soldato capisce quello che noi, come nazione, troppo spesso si dimentica che una ferita inflitta un singolo membro della nostra comunità è una ferita inflitta su tutti noi. Quando una parte d’America fa male, siamo tutti male. E quando un cittadino subisce un’ingiustizia, soffriamo tutti insieme.

La lealtà verso la nostra nazione esige lealtà reciproca. L’amore per l’America richiede amore per tutti i suoi abitanti. Quando apriamo i nostri cuori al patriottismo, non c’è spazio per i pregiudizi, non c’è posto per il bigottismo, e nessuna tolleranza per odio.

I giovani uomini e donne che inviamo a combattere le nostre guerre all’estero meritano di tornare in un paese che non è in guerra con se stessa a casa. Non possiamo restare una forza di pace nel mondo se non siamo in pace con l’altro.

Come va il nostro più coraggioso per sconfiggere i nostri nemici all’estero – e ci sarà sempre vincere – lasciare che siamo noi a trovare il coraggio di guarire le nostre divisioni all’interno. Facciamo una semplice promessa agli uomini e alle donne chiediamo di combattere nel nostro nome che, quando tornano a casa dalla battaglia, troveranno un paese che ha rinnovato i sacri vincoli di amore e di fedeltà che ci uniscono insieme come una sola.

Grazie alla vigilanza e l’abilità del militare americano e dei nostri molti alleati in tutto il mondo, orrori sulla scala dell’11 settembre – e nessuno può mai dimenticare che – non sono state ripetute sulle nostre coste.

Ma dobbiamo anche riconoscere la realtà io sono qui per parlare di stasera: che quasi 16 anni dopo gli attacchi dell’11 settembre, dopo lo straordinario sacrificio di sangue e il tesoro, il popolo americano sono stanchi della guerra senza vittoria. In nessun luogo questo è più evidente che con la guerra in Afghanistan, la guerra più lunga nella storia americana – 17 anni.

Condivido la frustrazione del popolo americano. Condivido anche la loro frustrazione per una politica estera che ha speso troppo tempo, energia, denaro e, soprattutto vite, cercando di ricostruire i paesi a nostra immagine, invece di perseguire i nostri interessi di sicurezza al di sopra di ogni altra considerazione.

Ecco perché, poco dopo il mio insediamento, ho diretto il Segretario della Difesa Mattis e la mia squadra di sicurezza nazionale di intraprendere una revisione completa di tutte le opzioni strategiche in Afghanistan e in Asia meridionale.

Il mio istinto iniziale era quello di tirare fuori – e, storicamente, io come seguire il mio istinto. Ma tutta la mia vita ho sentito che le decisioni sono molto diversi quando ci si siede dietro la scrivania nello Studio Ovale; in altre parole, quando sei il presidente degli Stati Uniti. Così ho studiato l’Afghanistan con dovizia di particolari e da ogni angolo immaginabile. Dopo tanti incontri, nel corso di molti mesi, abbiamo tenuto il nostro ultimo incontro lo scorso Venerdì a Camp David, con il mio gabinetto e generali, per completare la nostra strategia. Sono arrivato a tre conclusioni fondamentali su interessi fondamentali americani in Afghanistan.

In primo luogo, la nostra nazione deve cercare un risultato onorevole e duratura degno dei tremendi sacrifici che sono stati fatti, in particolare i sacrifici di vite. Gli uomini e le donne che servono la nostra nazione in combattimento meritano un piano per la vittoria. Essi meritano gli strumenti di cui hanno bisogno, e la fiducia che hanno guadagnato, di combattere e di vincere.

In secondo luogo, le conseguenze di una rapida uscita sono sia prevedibile e inaccettabile. 9/11, il peggior attacco terroristico della nostra storia, è stato progettato e diretto dall’Afghanistan perché questo paese è stato governato da un governo che ha dato conforto e rifugio ai terroristi. Un ritiro affrettato creerebbe un vuoto che i terroristi, tra cui ISIS e al Qaeda, avrebbero riempito immediatamente, proprio come è successo prima dell’11 settembre.

E, come sappiamo, nel 2011, l’America frettolosamente ed erroneamente si ritirò dall’Iraq. Come risultato, i nostri guadagni duramente conquistati scivolato di nuovo nelle mani dei nemici terroristi. I nostri soldati hanno guardato come le città che avevano combattuto per, e Bled per liberare, e ha vinto, erano occupati da un gruppo terrorista chiamato ISIS. Il vuoto che abbiamo creato, lasciando troppo presto ha dato rifugio sicuro per ISIS per diffondere, a crescere, reclutare, e lanciare attacchi. Non possiamo ripetere in Afghanistan l’errore nostri capi realizzati in Iraq.

Terzo e ultimo, ho concluso che le minacce alla sicurezza che abbiamo di fronte in Afghanistan e nella regione più ampia sono immense. Oggi, 20 US-designati organizzazioni terroristiche straniere sono attive in Afghanistan e Pakistan – la più alta concentrazione in qualsiasi regione qualsiasi parte del mondo.

Da parte sua, il Pakistan spesso dà rifugio sicuro agli agenti di caos, violenza e terrore. La minaccia è peggio, perché il Pakistan e l’India sono due stati dotati di armi nucleari le cui relazioni tesa minacciare di spirale in conflitto. E che potrebbe accadere.

Nessuno nega che abbiamo ereditato una situazione difficile e preoccupante in Afghanistan e in Asia meridionale, ma non abbiamo il lusso di andare indietro nel tempo e prendere decisioni diverse o migliori. Quando sono diventato Presidente, mi è stata data una mano male e molto complessa, ma sono pienamente sapevo cosa stavo entrando: problemi grandi e intricati. Ma, in un modo o nell’altro, questi problemi saranno risolti – Sono un risolutore di problemi – e, alla fine, vinceremo.

Dobbiamo affrontare la realtà del mondo come esiste in questo momento – le minacce che abbiamo di fronte, e la Confronting di tutti i problemi di oggi, e le conseguenze estremamente prevedibili di un ritiro frettoloso.

Abbiamo bisogno di non guardare oltre vile, feroce attacco della scorsa settimana a Barcellona per capire che i gruppi terroristici si fermeranno davanti a nulla per commettere l’omicidio di massa di innocenti uomini, donne e bambini. L’hai visto di persona. Orribile.

Come ho descritto nel mio intervento in Arabia Saudita tre mesi fa, l’America ei suoi partner sono impegnati a nudo i terroristi del loro territorio, tagliando il loro finanziamento, e di esporre la falsa fascino della loro ideologia del male.

I terroristi che macellano persone innocenti troveranno nessuna gloria in questa vita o nella prossima. Essi non sono altro che delinquenti e criminali, e predatori, e – che è di destra – perdenti. Lavorando a fianco dei nostri alleati, noi spezzare la loro volontà, asciugare il loro reclutamento, impedire loro di attraversare i nostri confini, e sì, ci sarà sconfiggerli, e noi li sconfiggere facilmente.

In Afghanistan e in Pakistan, gli interessi americani sono chiari: Dobbiamo fermare la rinascita di rifugi sicuri che consentono ai terroristi di minacciare l’America, e dobbiamo impedire che armi e materiali nucleari di venire nelle mani dei terroristi e di essere usata contro di noi, o in qualsiasi parte del mondo per quella materia.

Ma di perseguire questa guerra, ci sarà imparare dalla storia. Come risultato della nostra recensione completa, strategia americana in Afghanistan e in Asia meridionale cambierà radicalmente nei seguenti modi:

Un pilastro fondamentale della nostra nuova strategia è un passaggio da un approccio basato sul tempo per uno in base alle condizioni. L’ho detto molte volte come controproducente sia per gli Stati Uniti per annunciare in anticipo le date che intendiamo per iniziare, o alla fine, opzioni militari. Noi non parlare di numeri di truppe oi nostri piani per ulteriori attività militari.

Condizioni sul terreno – non orari arbitrari – guideranno la nostra strategia d’ora in poi. nemici dell’America non devono mai conoscere i nostri piani o credere di poter aspettare fuori. Non voglio dire che quando stiamo per attaccare, ma l’attacco ci sarà.

Un altro pilastro fondamentale della nostra nuova strategia è l’integrazione di tutti gli strumenti del potere americano – diplomatici, economici e militari – verso un esito positivo.

Un giorno, dopo uno sforzo militare efficace, forse sarà possibile avere una soluzione politica che include elementi dei talebani in Afghanistan, ma nessuno sa se e quando ciò accadrà mai. L’America continuerà il suo sostegno al governo afghano ei militari afgani che si confrontano con i talebani in campo.

In ultima analisi, spetta al popolo dell’Afghanistan a prendere possesso del proprio futuro, di governare la loro società, e per raggiungere una pace eterna. Siamo un partner e un amico, ma non vogliamo imporre al popolo afghano come vivere, o il modo di governare la propria società complessa. Non siamo ancora una volta la costruzione della nazione. Stiamo uccidendo i terroristi.

Il prossimo pilastro della nostra nuova strategia è quello di cambiare l’approccio e come trattare con il Pakistan. Non possiamo più tacere porti sicuri del Pakistan per le organizzazioni terroristiche, i talebani e altri gruppi che rappresentano una minaccia per la regione e oltre. Il Pakistan ha molto da guadagnare da partnership con il nostro sforzo in Afghanistan. Ha molto da perdere, continuando a nutrire criminali e terroristi.

In passato, il Pakistan è stato un partner di valore. I nostri militari hanno lavorato insieme contro nemici comuni. Il popolo pakistani hanno sofferto molto dal terrorismo e l’estremismo. Riconosciamo i contributi e quei sacrifici.

Ma il Pakistan ha anche riparato le stesse organizzazioni che cercano ogni giorno di uccidere la nostra gente. Abbiamo prestato miliardi Pakistan e miliardi di dollari, allo stesso tempo sono le stesse che ospitano terroristi che stiamo combattendo. Ma che dovrà cambiare e che cambierà immediatamente. Nessun collaborazione può sopravvivere l’ospitare di un paese di militanti e terroristi che prendono di mira servicemembers e funzionari degli Stati Uniti. E ‘tempo per il Pakistan per dimostrare il suo impegno per la civiltà, l’ordine e la pace.

Un’altra parte fondamentale della strategia per l’Asia del Sud per l’America è quello di sviluppare ulteriormente il partenariato strategico con l’India – la più grande democrazia del mondo e un titolo chiave e partner economico degli Stati Uniti. Apprezziamo importanti contributi indiane verso la stabilità in Afghanistan, ma l’India fa miliardi di dollari nel commercio con gli Stati Uniti, e noi vogliamo che ci aiutano di più con l’Afghanistan, in particolare in materia di assistenza economica e di sviluppo. Ci siamo impegnati a perseguire i nostri obiettivi condivisi per la pace e la sicurezza in Asia meridionale e la più ampia regione indo-pacifica.

Infine, la mia amministrazione farà in modo che voi, i coraggiosi difensori del popolo americano, avrà gli strumenti e le regole di ingaggio necessarie per fare questo lavoro strategia e lavorare in modo efficace e lavorare velocemente.

Ho già revocato le restrizioni precedente amministrazione immessi sul nostri combattenti che hanno impedito il Segretario della Difesa e dei nostri comandanti sul campo da completamente e rapidamente conducendo la battaglia contro il nemico. Microgestione da Washington, DC non vince battaglie. Essi si vincono nel disegno campo sul giudizio e la competenza dei comandanti di guerra e dei soldati di prima linea che agiscono in tempo reale, con l’autorità reale, e con una chiara missione per sconfiggere il nemico.

Ecco perché ci sarà anche ampliare l’autorità per le forze armate americane di indirizzare le reti terroristiche e criminali che seminano la violenza e il caos in tutto l’Afghanistan. Questi assassini devono sapere che hanno nulla da nascondere; che nessun luogo è fuori dalla portata delle armi forza e americani americani. Retribution sarà veloce e potente.

Come abbiamo eliminare le restrizioni ed espandere le autorità nel campo, stiamo già vedendo i risultati drammatici nella campagna per sconfiggere ISIS, tra cui la liberazione di Mosul in Iraq.

Fin dal mio insediamento, abbiamo raggiunto il successo da record al riguardo. Ci sarà anche massimizzare le sanzioni e altri provvedimenti esecutivi finanziaria e della legge contro queste reti per eliminare la loro capacità di esportare il terrore. Quando l’America si impegna i suoi guerrieri in battaglia, dobbiamo fare in modo di avere tutte le armi per applicare rapida, decisiva, e una forza schiacciante.

Le nostre truppe combatteranno per vincere. Ci batteremo per vincere. D’ora in poi, la vittoria avrà una definizione chiara: attaccare i nostri nemici, cancellando ISIS, schiacciando al Qaeda, i talebani impedendo di prendere il controllo dell’Afghanistan, e fermare gli attacchi di terrore di massa contro l’America prima che emergano.

Chiederemo ai nostri alleati della NATO e partner globali per sostenere la nostra nuova strategia con ulteriori truppe e di finanziamento aumenta in linea con la nostra. Siamo sicuri che lo faranno. Dal suo insediamento, ho chiarito che i nostri alleati e partner devono contribuire molto di più soldi per la nostra difesa collettiva, e lo hanno fatto.

In questa lotta, il fardello più pesante continuerà ad essere sostenuti dal buon popolo afghano e le loro forze armate coraggiose. Come il primo ministro dell’Afghanistan ha promesso, ci accingiamo a partecipare allo sviluppo economico per aiutare a sostenere il costo di questa guerra per noi.

Afghanistan sta combattendo per difendere e proteggere il loro paese contro gli stessi nemici che ci minacciano. La più forte delle forze di sicurezza afghane diventano, meno dovremo fare. Afgani assicurare e costruire la propria nazione e definire il proprio futuro. Vogliamo che per avere successo.

Ma ci sarà più usare la potenza militare americana per la costruzione di democrazie in terre lontane, o provare a ricostruire altri paesi a nostra immagine. Quei giorni sono ormai finita. Invece, lavoreremo con gli alleati e partner per proteggere i nostri interessi comuni. Non stiamo chiedendo altri a cambiare il loro modo di vita, ma di perseguire obiettivi comuni che permettono ai nostri figli di vivere una vita migliore e più sicure. Questo realismo di principio guiderà le nostre decisioni in movimento in avanti.

Il potere militare da sola non porterà la pace in Afghanistan o fermare la minaccia terroristica provenienti da quel paese. Ma strategicamente forza applicata mira a creare le condizioni per un processo politico per raggiungere una pace duratura.

L’America lavorerà con il governo afghano finché vediamo la determinazione e il progresso. Tuttavia, il nostro impegno non è illimitato, e il nostro sostegno non è un assegno in bianco. Il governo dell’Afghanistan deve portare la loro parte di fardello militare, politico ed economico. Il popolo americano si aspetta di vedere riforme vere, reali progressi e risultati reali. La nostra pazienza non è illimitata. Vi terremo gli occhi ben aperti.

Nel rispetto del giuramento che ho preso il 20 gennaio, rimarrò fermo nel proteggere vite americane e gli interessi americani. In questo sforzo, faremo causa comune con tutte le nazioni che sceglie di stare in piedi e combattere al nostro fianco contro questa minaccia globale. I terroristi prendono attenzione: l’America non sarà mai mollare fino a quando si è trattata una sconfitta duratura.

Sotto la mia amministrazione, molti miliardi di dollari in più viene speso per i nostri militari. E questo include una grande quantità di essere spesi per il nostro arsenale e difesa missilistica nucleare.

In ogni generazione, abbiamo affrontato il male, e abbiamo sempre prevalso. Abbiamo prevalso perché sappiamo chi siamo e cosa stiamo combattendo.

Non lontano da dove ci siamo riuniti questa sera, centinaia di migliaia di grandi patrioti americani giacevano nel riposo eterno al cimitero nazionale di Arlington. Non v’è più coraggio, sacrificio e amore in questi motivi sacri che in qualsiasi altro posto sulla faccia della Terra.

Molti di coloro che hanno combattuto e sono morti in Afghanistan arruolati nei mesi dopo l’11 settembre 2001. Essi volontari per un semplice motivo: Amavano America, e sono stati determinati per proteggerla.

Ora dobbiamo fissare la causa per la quale hanno dato la loro vita. Dobbiamo unirci per difendere l’America dai suoi nemici all’estero. Dobbiamo ripristinare i legami di lealtà tra i nostri cittadini a casa, e dobbiamo raggiungere un risultato onorevole e duratura degno del prezzo enorme che tanti hanno pagato.

Le nostre azioni, e nei mesi a venire, tutti loro saranno onorare il sacrificio di ogni eroe caduto, ogni famiglia che ha perso una persona cara, e ogni guerriero ferito che hanno versato il loro sangue in difesa della nostra grande nazione. Con la nostra determinazione, faremo in modo che il vostro servizio e che le vostre famiglie porteranno la sconfitta dei nostri nemici e l’arrivo di pace.

Noi spingere in avanti alla vittoria con il potere nel nostro cuore, il coraggio nelle nostre anime, e l’orgoglio eterna in ognuno di voi.

Grazie. Che Dio benedica i nostri militari. E che Dio benedica gli Stati Uniti d’America. Grazie mille. Grazie.

Presidente Donald J. Trump