Parata della Vittoria sulla Piazza Rossa

Parata della Vittoria sulla Piazza Rossa

Il Presidente della Russia e Comandante in capo delle Forze Armate della Federazione Russa Vladimir Putin ha partecipato alla parata militare in occasione del 79° anniversario della Vittoria nella Grande Guerra Patriottica del 1941-1945.

10:50
Il Cremlino, Mosca
Before the parade, Vladimir Putin welcomed the heads of foreign states who had arrived in Moscow for the celebrations, in the Heraldic Hall of the Kremlin. With President of the Republic of Guinea-Bissau Umaro Sissoco Embalo.
Military parade to mark the 79th anniversary of Victory in the Great Patriotic War.
28 di 51
Parata militare in occasione del 79° anniversario della Vittoria nella Grande Guerra Patriottica. Foto: Stanislav Krasilnikov, RIA Novosti

Insieme al Presidente della Russia erano presenti sullo stand il Presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko, il Presidente della Repubblica delKazakistanKassym-Jomart Tokayev, il Presidente della Repubblica del Kirghizistan Sadyr Japarov, il Presidente della Repubblica del Tagikistan Emomali Rahmon, il Presidente del Turkmenistan Serdar Berdimuhamedov e il Presidente della Repubblica dell’Uzbekistan.Turkmenistan Serdar Berdimuhamedov e il Presidente della Repubblica dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev e il Presidente della Repubblica di Cuba Miguel Mario Díaz-Carol.Cuba Miguel Mario Díaz-Canel y Bermúdez, il Presidente della Repubblica di Guinea-Bissau Umaro Mokhtar Sissoco Embaló e il Presidente della Repubblica Popolare Democratica del Laos Thongloun Sisoulith. Prima della sfilata, Vladimir Putin ha accolto nella Sala Araldica del Cremlino i capi di Stato stranieri giunti a Mosca per le celebrazioni.

La parata è iniziata con il trasporto della bandiera nazionale russa e dello Stendardo della Vittoria nella Piazza Rossa. La parata è stata guidata dal Comandante in capo delle Forze di terra russe, il generale Oleg Salyukov, ed è stata esaminata dal Ministro della Difesa ad interim Sergei Shoigu.

La colonna di marcia sulla Piazza Rossa comprendeva 30 reggimenti cerimoniali con oltre 9.000 membri del personale di servizio, tra cui oltre 1.000 truppe che partecipano all’operazione militare speciale.

La colonna motorizzata era guidata dal leggendario “carro armato della vittoria”, il T-34. La Piazza Rossa è stata attraversata da veicoli blindati multiuso Tigr-M, VPK Ural e KAMAZ, ambulanze da campo protette Linza, sistemi missilistici tattici operativi Iskander-M, lanciatori di difesa aerea S-400 Triumf, sistemi missilistici mobili terrestri Yars e veicoli corazzati per il trasporto di personale BTR-82A.

La parata del Giorno della Vittoria si è conclusa con una parte aerea con i jet Su-30M e MiG-29 pilotati dalle squadre acrobatiche Russkiye Vityazi (Cavalieri russi) e Strizhi che hanno sorvolato la Piazza Rossa nella famosa formazione a losanga del Diamante cubano, seguita da sei caccia Su-25 che hanno dipinto il cielo con i colori della bandiera russa.

L’accompagnamento musicale è stato fornito dall’orchestra militare combinata della guarnigione di Mosca.

* * *

Discorso del Presidente della Russia alla parata militare

IlPresidente della Russia Vladimir Putin: Cittadini della Russia,

Cari veterani,

Compagni soldati e marinai, sergenti e sergenti maggiori, guardiamarina e ufficiali,

Compagni ufficiali, generali e ammiragli,

soldati e comandanti, personale di prima linea che partecipa alle operazioni militari speciali,

mi congratulo con voi per il Giorno della Vittoria! Questa è la nostra festa principale, veramente sacra a livello nazionale.

Oggi onoriamo i nostri padri, nonni e nonne. Hanno difeso la loro patria e schiacciato il nazismo, liberato i popoli d’Europa e dato prova di un eroismo senza pari in combattimento e sul fronte interno.

Oggi assistiamo a tentativi di distorcere la verità sulla Seconda guerra mondiale. Questa verità è una ferita per coloro che hanno sviluppato l’abitudine di basare la loro politica effettivamente coloniale sulla doppiezza e sulla menzogna. Stanno abbattendo i memoriali di coloro che hanno realmente combattuto il nazismo, erigendo monumenti ai traditori e ai complici di Hitler e cancellando la memoria dell’eroismo e del nobile spirito dei liberatori e del grande sacrificio che hanno compiuto per il bene di tutta la vita sulla Terra.

Nutrire sentimenti revanscisti, farsi beffe della storia e cercare di giustificare gli attuali seguaci del nazismo fa parte di quella che è la politica comune delle élite occidentali per alimentare i conflitti regionali, le lotte interetniche e interreligiose e per contenere i centri sovrani e indipendenti dello sviluppo globale.

Respingiamo le pretese eccezionaliste di qualsiasi Paese o alleanza. Sappiamo a cosa può portare questa ambizione incontrollata. La Russia farà il possibile per evitare un confronto globale, ma non si lascerà minacciare. Le nostre forze strategiche sono sempre pronte al combattimento.

L’Occidente vorrebbe dimenticare le lezioni della Seconda Guerra Mondiale, ma noi ricordiamo che il destino dell’umanità è stato deciso durante le colossali battaglie di Mosca, Leningrado, Rzhev, Stalingrado, Kursk, Kharkov, Minsk, Smolensk e Kiev, e negli intensi e sanguinosi combattimenti da Murmansk al Caucaso e alla Crimea.

Per i primi tre lunghi e duri anni della Grande Guerra Patriottica, l’Unione Sovietica, insieme a tutte le repubbliche che la compongono, ha combattuto i nazisti praticamente da sola, mentre tutta l’Europa lavorava per sostenere la macchina bellica nazista.

Ma permettetemi di sottolineare: La Russia non ha mai sminuito l’importanza del Secondo Fronte o dell’assistenza alleata. Onoriamo il valore di tutti i membri della Coalizione anti-hitleriana, del Movimento di Resistenza, del movimento clandestino e della guerriglia, così come il coraggio dimostrato dai popoli della Cina che lottavano per la loro indipendenza contro l’aggressione del Giappone militarista. Ricorderemo per sempre e non dimenticheremo mai la nostra lotta comune e le ispiranti tradizioni di alleanza.

Amici!

La Russia sta attraversando un momento difficile e spartiacque della sua storia. Il destino della nostra Madrepatria e il suo futuro dipendono da ciascuno di noi.

Oggi, nel Giorno della Vittoria, lo sentiamo sempre più forte e non manchiamo mai di trarre ispirazione dalla nostra generazione di vincitori coraggiosi, nobili e saggi, e dal modo in cui custodivano l’amicizia e rimanevano saldi di fronte alle avversità, avevano sempre fiducia in se stessi e nel Paese e avevano un amore sincero e disinteressato per la loro Madrepatria.e il modo in cui hanno coltivato l’amicizia e sono rimasti saldi di fronte alle avversità, hanno sempre avuto fiducia in se stessi e nel loro Paese e hanno avuto un amore sincero e disinteressato per la loro Madrepatria.

Stiamo celebrando la Giornata della Vittoria sullo sfondo dell’Operazione Militare Speciale. Tutti coloro che sono impegnati in essa, in prima linea, sono i nostri eroi. Siamo umiliati dalla vostra forza d’animo e dalla vostra abnegazione. Tutta la Russia è al vostro fianco.

Anche i nostri veterani credono in voi e sono preoccupati per voi. Il fatto che rimangano coinvolti emotivamente nelle vostre vite e nel vostro eroismo è un legame indissolubile che unisce questa generazione eroica.

Oggi onoriamo la memoria radiosa di coloro che sono stati uccisi dalla Grande Guerra Patriottica, la memoria di figli, figlie, padri, madri, nonni, nonne, mariti, mogli, fratelli, sorelle, familiari, persone care e amici.

Chiniamo il capo nel ricordo dei veterani della Grande Guerra Patriottica che non sono più tra noi. In memoria dei civili che sono morti nei barbari bombardamenti e negli attacchi terroristici commessi dai neonazisti, edei nostri fratelli d’arme caduti nella lotta contro il neonazismo e nella giusta lotta per la Russia.

Dichiaro un minuto di silenzio.

(Un momento di silenzio).

I nostri cari veterani, compagni e amici!

Il 9 maggio è sempre una data emozionante e toccante. Ogni famiglia custodisce i propri eroi, guarda le loro fotografie, i loro volti cari, ricorda i propri familiari e le loro storie di guerra e di fatica.

I Giorni della Vittoria uniscono tutte le generazioni. Andiamo avanti facendo affidamento sulle nostre tradizioni secolari e sentendoci fiduciosi che insieme garantiremo un futuro libero e sicuro alla Russia.

Gloria alle valorose Forze Armate! Per la Russia! Per la vittoria!

Hurah!

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Il riassetto del governo di Putin mette in ginocchio l’intellighenzia occidentale, di SIMPLICIUS

Come molti sospettavano da giorni, Putin ha avviato un grande rivolgimento nel suo gabinetto. La più notevole è stata la rimozione dello storico ministro della Difesa Shoigu, per essere sostituito con un uomo del quale molti non hanno sentito parlare: Andrey Belousov, un economista di mestiere e di formazione.

Alcuni hanno considerato questo un deliberato errore di direzione da parte di Putin, dal quale molti si aspettavano la sostituzione di Shoigu con l’astro nascente Dyumin.

Ci sono molti punti di vista da cui affrontare questo argomento, ma prendiamone alcuni dei più importanti.

In primo luogo, si è trattato di una retrocessione o di una promozione per Shoigu? RYBAR, per esempio, la definisce una promozione , dato che la sua nuova posizione di Segretario del Consiglio di Sicurezza è piuttosto prestigiosa e silovik Patrushev, uno degli uomini più potenti del Cremlino, ricopre da quasi due decenni:

Il Ministro della Difesa Sergei Shoigu è stato promosso al Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa. Non si sa ancora dove andrà esattamente Nikolai Patrushev. Forse, proprio come per Medvedev ai suoi tempi, verrà inventata per lui una posizione aggiuntiva e un’area separata di cui si occuperà. O forse Nikolai Platonovich ha semplicemente ricevuto la tanto attesa pensione. Cosa significherà l’arrivo di Shoigu per il Consiglio di Sicurezza: un aggiornamento e un rimpasto (saranno necessari i quadri fedeli a Shoigu). In questa fase nella struttura del Consiglio di Sicurezza si è sviluppato un certo sistema quasi di caste, senza possibilità di crescita verso l’alto per i singoli dipendenti. Forse, nelle condizioni attuali, ciò significherà una ristrutturazione del meccanismo di lavoro del Consiglio di Sicurezza su un piano leggermente diverso. Forse.

Altri naturalmente credono che si tratti di un colpo di stato di lunga durata contro Shoigu e i “suoi quadri”. Il recente arresto di Timur Ivanov è in cantiere da 5 anni, come ci hanno detto i pubblici ministeri russi. Avrebbero potuto arrestarlo in qualsiasi momento, ma hanno scelto di farlo in modo molto simbolico non solo prima della rielezione di Putin, ma addirittura letteralmente lo stesso giorno in cui sedeva accanto a Shoigu nel consiglio di difesa. Anche se a prima vista non credo necessariamente ad alcuna teoria del complotto, noto che non esistono coincidenze nel grande gioco della politica di potere.

Per Timur Ivanov essere stato considerato uno stretto alleato di Shoigu – che fu colui che lo nominò – è stato significativo. Si vociferava addirittura che l’accusa di appropriazione indebita fosse una copertura per uno spionaggio molto più serio. Alcuni arrivano addirittura a ipotizzare che l’intera operazione sia un grande abbattimento a lungo termine del clan Shoigu. come scrive questo analista :

Timur Ivanov è una delle persone di cui Prigozhin voleva che Putin si liberasse. Una delle risorse vicine al gruppo “Wagner” ha appena postato questo :

”A nome della PMC “Wagner” vorremmo esprimere la nostra profonda gratitudine al Presidente del Comitato Investigativo della Federazione Russa ad Alexander Ivanovich Bastrykin per l’arresto di un funzionario corrotto a livello statale, il Vice Ministro della Difesa della Federazione Russa Timur Ivanov. Grazie al dipartimento da lei diretto, è stata fermata la fuoriuscita di ingenti risorse materiali dal tesoro statale, che sono così necessarie ora per mantenere la stabilità economica del paese in un momento in cui c’è un’enorme pressione da parte di paesi a noi ostili. Nel corso degli anni di attività corrotta, questo funzionario ha causato danni colossali non solo al nostro esercito, ma anche al comune popolo russo. Crediamo nella giustizia della legge e speriamo che questo e altri furfanti corrotti ricevano una meritata severa punizione nella misura massima consentita dal diritto penale della Federazione Russa.”

Un’altra teoria lungo il taglio della cospirazione:

“Forse questo non è un accordo definitivo. Mentre la battaglia in alto continua. Questa è la prima fase della vittoria del clan Kovalchuk. È stata effettuata un’operazione brillante per eliminare Shoigu. Ovviamente volerà più in basso. Persone da il suo entourage verrà preso. Non ha più un potere reale.

Shoigu rappresentava il clan più numeroso. I successivi, logicamente, sono i pesci più piccoli, come i Rotenberg. O dovranno piegarsi sotto i Kovalčuk o verranno divorati. E per prima cosa, persone della loro cerchia, come Kolokoltsev. Penso che non resterà a lungo e ci saranno cambiamenti al Ministero degli Interni per sei mesi. Penso anche che con l’FSB ci possa essere una sostituzione entro sei mesi, anche questo è legato alle fasi di lotta interna”.

Infine, cosa più plausibile: “Il commentatore politico di Tsargrad, Andrey Perla, è sicuro che, mettendo Belousov a capo del Ministero della Difesa, Vladimir Putin vuole risolvere due compiti” :

Il primo è stroncare sul nascere tutte le discussioni sulla possibilità stessa di corruzione nel dipartimento della Difesa.

Il secondo è quello di dividere la leadership delle truppe durante le operazioni di combattimento e il sostegno organizzativo ed economico dell’esercito e della marina.

Perla si chiedeva quanto l’agenzia avrebbe cambiato Belousov, perché, presumibilmente, ora una parte significativa dello staff è composta da Shoigu.

Le macchinazioni richiedono molto tempo per svilupparsi a livello di élite. Lo stesso Prigozhin mancò gravemente di rispetto alla Russia e non “pagò” per questo se non molti mesi dopo. È quindi possibile che Putin, non volendo agitare la barca per ragioni comprensibili, abbia preferito aspettare fino al momento in cui un riassetto fosse naturale e atteso, opportunità offerta dal consueto rimpasto di governo post-elettorale; portare a termine le cose difficili gradualmente senza creare troppe ondate è una scienza astuta.

Ma qualunque siano le vere ragioni, una cosa che personalmente credo è che la Russia, come molti paesi del mondo, soffra della malattia strisciante della gerontocrazia, come la stessa Unione Sovietica. Probabilmente non è così grave come quello degli Stati Uniti, ma ci sono molte vecchie figure, Sovok e simili, che avrebbero dovuto essere messe da parte e andare in pensione molto tempo fa. Non necessariamente a causa della corruzione di per sé, ma semplicemente per la mancanza di passione e vitalità nel migliorare il Paese.

Per quanto mi riguarda, sottoscrivo l’importanza della fisionomia, e uno sguardo a molti dei riporti più anziani e dei funzionari perenni mostra un gruppo a volte invecchiato, dall’aspetto impoverito e privo di ispirazione. Shoigu non è poi così vecchio, ma ultimamente ha effettivamente avuto un aspetto pessimo per l’usura, smunto ed esausto. Belousov, con i suoi 65 anni, è praticamente un pulcino per gli standard gerontocratici globali.

L’aspetto e la fisionomia possono certamente ingannare, ma a prima vista sembra acuto, adatto e con gli occhi lucidi. Un video dimostrativo in giro ha lo scopo di mostrare la sua acuta comprensione e la schiettezza diretta riguardo alla produzione di droni russi e ai suoi limiti intrinseci:

Inoltre, si dice che sia un tecnologo severo e un appassionato di tecnologia dei droni che concentrerà la produzione della difesa russa nelle direzioni necessarie. Nella recente tavola rotonda con i comandanti in prima linea, ricorderete che Putin ha affermato espressamente che la Russia intende concentrarsi sullo sviluppo dei robot terrestri UGV.

Non è un caso che il “ragazzo dei droni” venga improvvisamente assunto per il lavoro. Aspettatevi che questo appuntamento sia molto rialzista per il progresso dei droni russi.

Peskov ha approfondito la nomina con una precisazione estremamente significativa:

Leggi la parte in grassetto del riepilogo di seguito:

🇷🇺 Il commento completo di Dmitry Peskov sulle ragioni della nomina di Andrei Belousov a Ministro della Difesa

❗️ Il budget del Ministero della Difesa e del blocco sicurezza era recentemente ancora intorno al 3%, ma recentemente è cresciuto fino al 6,7%. Questa non è ancora una cifra critica, ma a causa delle ben note circostanze geopolitiche, ci stiamo gradualmente avvicinando alla situazione della metà degli anni ’80, quando la quota delle spese per il blocco della sicurezza nell’economia era al livello del 7,4%.

❗️ È molto importante integrare l’economia del blocco di potere nell’economia del paese. Scrivilo per adattarlo al momento attuale. Oggi, il vincitore sul campo di battaglia è colui che è aperto all’innovazione, più aperto all’implementazione più rapida. Pertanto è naturale che nella fase attuale il presidente abbia deciso che il Ministero della Difesa sarà guidato da un civile.

❗️ E questo non è solo un civile, ma una persona che ha guidato con grande successo il Ministero dello Sviluppo Economico, che per lungo tempo è stato assistente del presidente sulle questioni economiche. E nel precedente gabinetto dei ministri era stato primo vice primo ministro.

❗️ Il Ministero della Difesa deve essere assolutamente aperto all’innovazione, per introdurre tutte le idee avanzate.🇷🇺

Come potete vedere, la nomina di Belousov ha lo scopo di semplificare l’ integrazione economica delle industrie della difesa e dell’economia generale del paese. Si potrebbe scrivere un intero saggio su cosa significhi esattamente questo solo punto . Alcuni lo hanno addirittura interpretato come un qualche tipo di colpo di stato neoliberale, poiché alcuni sostengono che Belousov sia un “liberale” che una volta era assistente del tedesco Gref della banca Sber, e quindi “saccheggerà” l’economia russa aggiogando le preoccupazioni della difesa recentemente sequestrate dallo stato vengono reintegrate nel “settore privato” – in sostanza, restituendo le chiavi del futuro della Russia ai grandi oligarchi delle armi.

Dovremo aspettare e vedere, ma non credo che significhi questo. Questo sviluppo può essere accolto solo positivamente in quanto dimostra la serietà di Putin nell’affrontare le questioni dell’integrazione e del sollievo economico-difensivo. Credo che tutto ciò ruoterà attorno al ridimensionamento dei processi produttivi e alla creazione di un settore della difesa più agile, flessibile e innovativo, consentendo alle aziende private di integrarsi meglio con gli sviluppi attualmente realizzati dalle potenze industriali “di proprietà statale”. È così che funziona negli Stati Uniti e ci sono grandi vantaggi nel velocizzare i processi di sviluppo di nuovi progetti innovativi.

Mentre la Russia ha ottenuto risultati molto positivi in ​​alcuni settori dall’inizio dell’OMU, in molti altri è rimasta molto indietro. Ad esempio, il ridimensionamento e la commercializzazione dei sistemi di guerra elettronica basati sul personale lasciano molto a desiderare. La maggior parte dei sistemi a terra sono imitazioni cinesi a buon mercato e requisiti ad hoc, un processo estremamente obsoleto e inefficace, che causa la morte di massa di militari russi a causa dei droni nemici. Qualcosa in questo circuito ha un serio bisogno di essere snellito, inclusa la “localizzazione” che lo stesso Belousov ha sottolineato nel video qui sopra.

Per quanto riguarda la preoccupazione che sia un civile in tutto e per tutto, questa è ormai diventata una tradizione sotto Putin e infatti gli ultimi quattro ministri della difesa, tutti, non sono stati militari. Shoigu, come molti sanno, era un ministro delle emergenze; prima di lui, Serdyukov era un esattore delle tasse, chiamato da Putin appositamente per essere un “outsider” in grado di sgomberare le ragnatele dell’apparato militare incapace di auto-controllarsi; e prima ancora di lui c’era Sergei Ivanov, un capo dell’FSB specializzato in diritto, senza esperienza militare. Dopotutto, Peskov ha affermato che ancora una volta Belousov è stato coinvolto in virtù, piuttosto che malgrado, del suo background non militare.

Alcune considerazioni finali sulla nomina di un altro analista:

La nomina di Belousov promette una verifica totale di tutti i flussi finanziari del Ministero della Difesa. È un manager abbastanza duro ed efficace noto per il suo approccio pratico agli affari. Aveva spesso un punto di vista impopolare sul lavoro delle strutture responsabili, che è probabilmente ciò di cui ha bisogno ora il Ministero della Difesa.

E c’è sempre questo, per i credenti:

Il nuovo ministro della Difesa russo, Andrey Belousov, è un cristiano ortodosso praticante. Ha personalmente donato e costruito un monastero nell’oblast di Vladimir: “La Russia deve diventare la custode delle tradizioni della civiltà cristiana. L’era del globalismo è finita”.

I conoscenti di Andrei Belousov hanno detto a The Bell (agente straniero) che periodicamente presta servizio come chierichetto in una delle chiese, presumibilmente nella regione di Vladimir.

In generale, lo considero con cautela come uno sviluppo molto positivo. In passato ho espresso apertamente il fatto che gran parte della struttura militare russa all’inizio dell’SMO era un residuo arrugginito, a volte decrepito e persino corrotto, del passato. Anni di operazioni a bassa intensità o senza ostilità generalmente si traducono in un accumulo di pigrizia, generali inutili che si riempiono le tasche o si siedono su posizioni che considerano sinecure piuttosto che guadagnarsi meritoriamente il mantenimento.

Tutto questo viene ripulito in virtù della necessità – e un conflitto esistenziale porta necessità come nessun altro. Fin dall’inizio, Putin ha lentamente ripulito le strutture calcificate, promuovendo e mobilitando uomini meritevoli per sostituire i parassiti delle epoche polverose del lungo passato. Si tratta di un processo continuo e senza fine, ma ha dato i suoi frutti e oggi vediamo la sua continua progressione. Il rinnovamento primaverile del cambiamento e dell’adattamento è una buona cosa.

Come ultimo rapido accenno all’offensiva in corso a Kharkov, abbiamo ora visto l’introduzione ufficiale del simbolo tattico operativo del gruppo settentrionale:

Un confronto tra l’operazione attuale e il tentativo del 2022 di conquistare la regione di Kharkhov

2022: le truppe russe avanzarono principalmente lungo le strade e in pochi giorni raggiunsero i confini della città di Kharkhov. Entrarono le truppe principali

2024: le truppe russe evitano lo stiramento delle linee e si muovono attraverso foreste e campi al confine, ancora un’operazione guidata dalla DRG

2022: i simboli V, O, Z (che guarda caso sono le iniziali di Volodymyr Oleksandrovych Zelenskyy) iniziano ad apparire pochi giorni prima dell’inizio dell’attacco principale

2024: il nuovo simbolo tattico è stato svelato solo dopo l’inizio dell’attacco

2022: i russi, a causa dell’avanzata troppo rapida, diventano anche preda di imboscate, subendo perdite maggiori rispetto agli ucraini che si nascondevano

2024: i russi hanno schierato più droni e mezzi per distruggere i rinforzi ucraini in arrivo, per ora le perdite possono essere uguali o addirittura superiori per gli ucraini 

Allo stesso tempo, con armi come i droni FPV e i FAB, anche lo stile di combattimento è diverso 

Sebbene non sia così grandioso come il tentativo del 2022 in termini di accaparramento di terre, questo è più sostenibile per l’esercito della RU e crea dilemmi strategici per il comando ucraino

In aggiunta a quanto sopra, ora si dice che la Russia stia sminando interi campi dando loro fuoco e bruciando tutte le mine:

E le cose continuano a muoversi a ritmo sostenuto, con le forze russe che si impadroniscono di altri villaggi e che ora sono entrate nella vera città di Volchansk, la più grande roccaforte della regione settentrionale:

Molti canali militari ucraini sono nel panico o nel disordine e ora accusano apertamente la leadership ucraina di non aver costruito alcuna difesa nel nord. È chiaro che quello che era iniziato come un tentativo di minimizzare l’avanzata del nord si sta ora trasformando in una debacle aperta:

Volontari ucraini lamentano che le formazioni naziste della GUR (“Kraken”, “Sonechko”, “Fratellanza”, ecc.)* hanno bloccato l’evacuazione della popolazione locale da Volchansk e utilizzano i residenti della città come scudi umani 

I residenti locali hanno stretto un accordo con i volontari, ma non hanno lasciato entrare né lasciare nessuno fuori città.

A giudicare dalle notizie, la lotta per la città è già iniziata. Abbi cura di te, carissimi! – chiede Dill Fresh

L’AFU sta ora cercando di tappare i buchi indirizzando le sue unità più d’élite verso nord, con GUR spetsnaz e Kraken che, secondo quanto riferito, stanno arrivando in soccorso. Sfortunatamente per loro, diversi gruppi Kraken sono già stati catturati dalle forze russe. Di seguito le loro interviste:

Militante catturato del battaglione “Fratellanza” della direzione principale dell’intelligence del regime di Kiev. Questa formazione è stata creata dal bastardo Korczynski, che è andato a uccidere i russi in Cecenia, come membro dell’UNA-UNSO ha combattuto dalla parte dei terroristi di Duday.

2° video:

Catturato Gurovtsy in direzione Kharkiv. GUR del Ministero della Difesa ucraino “Kraken”, Gut Ilya Romanovich

Starshe Edda fornisce alcuni dettagli:

Il secondo giorno dopo l’inizio dell’offensiva del gruppo di truppe Nord. Il numero delle AFU catturate ha già superato le 50 unità , c’è anche un prigioniero del Kraken. È troppo presto per stimare le perdite del nemico; nelle roccaforti giacciono probabilmente 100 persone, queste sono quelle che i soldati delle forze armate ucraine in fuga non sono riusciti a trascinare via. Al momento non è chiaro quanti nemici siano stati distrutti a causa degli incessanti attacchi di artiglieria e aerei, ma è ovvio che ce ne sono molti.

Strelechye, Gatishchi, Pylnaya, Borisovka, Pletenevka, Krasnoye, Ogurtsovo, così come i reggimenti forestali adiacenti e le fortificazioni nemiche, sono sotto il nostro controllo; le battaglie si stanno svolgendo nell’area di Glubokoe, così come alla periferia di Volchansk. È molto importante notare che le nostre perdite sono minime , Storm of the North agisce in modo molto competente, Lancets, equipaggi FPV, artiglieri, tank aprono loro la strada, spazzando via le fortificazioni del nemico e i suoi veicoli corazzati. 

L’AFU non può mostrare nulla ai suoi ohlos (che significa mostrare i successi sul campo di battaglia), quindi registrano video con rappresentanti del corpo dei volontari dei galli, in cui parlano delle nostre grandi perdite. Spero che i combattenti del Corpo dei Galli smettano di pisciare sulle recinzioni di Kharkov e vengano già in aiuto degli ucraini, dove li scacceremo. Il nemico scarica tutti i suoi fallimenti sui civili di Belgorod, bombardando le zone residenziali. È questo il problema che i nordisti d’acciaio stanno ora risolvendo, rilassando il nemico.

Fa una nota importante che ho visto sottolineata da altri: per una volta, questa offensiva è stata contrassegnata da un’enfasi specifica sul fatto che le forze russe stanno utilizzando efficaci tattiche di armi combinate, con diversi rapporti in prima linea che si preoccupano di notare che l’utilizzo di artiglieria e droni è buono, le comunicazioni sono notevolmente coordinate e funzionano in modo fluido, ecc. Questo al contrario di molti altri fronti come Kherson dove le lamentele sul coordinamento tra questi aspetti menzionati sono diffuse. Sembra che chiunque gestisca il “Vento del Nord”, come lo chiamano alcuni, finora stia svolgendo un lavoro molto competente.

Naturalmente il merito va anche alle unità stesse, per le quali il quadro diventa sempre più chiaro. L’ultima volta ho menzionato alcune delle unità sospettate di essere coinvolte, ma ora vengono menzionate alcune altre unità degne di nota:

La 138a Brigata di fucilieri motorizzata delle guardie scelte, che appartiene alla 6a Armata di armi combinate del distretto di Leningrado; una fonte afferma che si tratti dell’80° reggimento carri armati, anche se non ho visto conferma di ciò.

Poi c’è, secondo quanto riferito, la 18a divisione di fucilieri a motore della guardia, come parte dell’11° corpo d’armata delle truppe della flotta baltica di cui ho già parlato l’ultima volta, con il 79° reggimento di fucilieri a motore che opera come parte della 18a divisione.

Uno dei pochi punti in comune prevalenti è che la maggior parte delle unità utilizzate sembrano provenire dal neonato “Distretto Militare di Leningrado”.

Questo messaggio in preda al panico da parte di un resoconto della 57a Brigata ucraina elenca anche le ormai leggendarie truppe penali “Storm-Z” come partecipanti, mentre nomina anche le 125a truppe di difesa territoriale ucraine che hanno abbandonato le loro posizioni a Volchansk per fuggire:

Ancora crisi di cuore in preda al panico da parte delle truppe ucraine sul fronte di Volchansk:

Allo stesso modo è già stato confermato da altri resoconti militari ucraini che l’AFU è stata costretta a ritirare le unità tanto necessarie dai fronti Avdeevka e Chasov Yar per rafforzare il peggioramento della direzione di Kharkov:

Le prime conseguenze dello sfondamento delle truppe russe nella regione di Kharkov. Le cronache militari riferiscono che le forze armate ucraine ritirarono parte delle unità della 42a brigata di fanteria meccanizzata dal fronte vicino a Chasov Yar e trasferirono frettolosamente le truppe a Volchansk, temendo un’ulteriore espansione della testa di ponte e l’introduzione di forze più grandi delle forze armate russe.

Così come Forbes:

Il dilemma, per i leader ucraini, è che una finta può trasformarsi in un’offensiva con poco preavviso, purché i russi riescano a risparmiare le forze dalle loro operazioni a est. “Si tratta di un approccio accorto, considerando i limiti di manodopera dell’Ucraina”, ha scritto l’analista finlandese Joni Askola.

L’esercito ucraino non vuole correre rischi. Elementi di diverse brigate, tra cui la 59a Brigata Motorizzata e la 92a Brigata d’Assalto, sono già a Vovchansk, o in arrivo. In particolare, la 92a Brigata d’assalto porterà con sé i suoi migliori veicoli da combattimento di fanteria CV90.

Il comandante in capo ucraino Oleksandr Syrskyi ha insistito sul fatto che le sue truppe si sarebbero schierate e ridistribuite per adeguarsi alle mosse dei russi. “Siamo consapevoli dei piani del nemico e possiamo rispondere in modo flessibile a tutte le sue azioni”, ha detto Syrskyi.

Nel frattempo, le stesse fonti dell’AFU riferiscono che la Russia ha iniziato utilizzando solo il 7% delle sue forze regionali, aumentando successivamente la percentuale al 15%, il che dovrebbe dare un’idea di ciò che deve ancora venire:

Post Ucraina: C’è molta pressione sui ragazzi. Il profondo è molto difficile, Vovchansk è sotto controllo, ma ci sono tentativi di sfondare. L’occupante sta attirando sempre più forze. Se ieri era coinvolto il 7-8% del totale delle forze schierate nell’area operativa, oggi la percentuale arriva al 15%. Gran parte dell’equipaggiamento nemico fu bruciato. Ma non si fermeranno finché non saranno completamente distrutti.

Ecco una visualizzazione dei combattimenti di una delle unità AFU nelle foreste vicino a Volchansk mentre vengono bombardate dall’artiglieria russa:

Il portavoce del gruppo tattico ucraino Khortitsa, Nazar Voloshin, afferma che oggi la Russia ha lanciato oltre 22 bombe guidate su Volchansk:

L’ISW ha inoltre confermato le avanzate russe e le lamentele dell’AFU:

Continuano ad esserci molti altri progressi russi anche su altri fronti, ma ne parleremo la prossima volta.


Il tuo supporto è prezioso. Se ti è piaciuta la lettura, apprezzerei molto se sottoscrivessi un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo che io possa continuare a fornirti rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa puoi dare un suggerimento qui: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

tema del “riscaldamento climatico ad origine antropica”, di Andrea Zhok

Ieri, salgo in treno a Milano alle 6 di mattina, è l’8 maggio e sono bardato come in gennaio. Sono 15 gradi e ha smesso di piovere da poco.
A memoria personale non ricordo una primavera più fredda. Fino a venti giorni fa accendevamo la stufa. Degli anni scorsi porto le foto di grigliate pasquali in canottiera. Mi risulta che questa sia stata esperienza comune in tutta Europa.
Ecco, come salgo sul treno, sullo schermo nel corridoio campeggia il titolo: “Dati Copernicus: E’ stato l’aprile più caldo della storia.”
Ecco, lo so che farò arrabbiare alcuni amici ecosensibili (lo sono io stesso), ma non posso fare a meno di notare che delle due l’una:
o mentre l’Europa andava in giro con il piumino, simultaneamente in Australia friggevano le uova sulla testa dei canguri, oppure questi dati sono affidabili quanto i dati sui vaccini, i debunking di Open, o la pubblicità dei dentifrici che sbiancano più bianco del bianco (lo assicura il 93,7% dei dentisti).
E qui sotto c’è naturalmente un problema serissimo, che metto giù schematicamente.
1) E’ certo che chi detiene il potere ama i meccanismi emergenziali, che consentono di avocare a sé poteri speciali, di abbreviare procedure operative, sacrificare la trasparenza, chiedere finanziamenti straordinari con destinazioni opache, implementare sistemi di sorveglianza e controllo, ridurre le garanzie e i diritti individuali, ecc.
2) Tra le varie forme di richiamo all’emergenza (terrorismo, guerra, epidemie, cataclismi naturali, spionaggio, ecc.) le emergenze che si richiamano a motivazioni che nessun individuo può accertare direttamente (con testimonianze, foto, ecc.) conferiscono un potere assolutamente straordinario a chi controlla le modalità di accertamento.
3) Tutte le emergenze che hanno alla loro radice variabili rilevabili soltanto con sistemi scientifici complessi (es.: minacce pandemiche o climatiche) sono totalmente nelle mani delle autorità che controllano le modalità di accertamento.
Ne segue che:
4) Quando vi sono ragioni per non avere piena fiducia nelle autorità, è legittimo sorga il sospetto che le minacce emergenziali che si rifanno a dati scientifici siano manipolate.
Inutile dire che questa situazione rappresenta un bel problema, perché di diritto è chiaro che possano esservi eventi realmente minacciosi per la collettività che realmente possano essere rilevati soltanto con sistemi di investigazione scientificamente complessa, non attingibili altrimenti (un simpatico modo di perculare questa dinamica sociologica la si trova nel film “Don’t look up!”).
Solo che questo fatto dovrebbe consigliare chi detiene il potere di fare uso dell’informazione scientifica di interesse pubblico con estrema acribia, cautela e trasparenza, consentendo la più vasta dibattibilità pubblica, perché perdere la credibilità in questioni del genere è un attimo, e le conseguenze sono gravi.
Purtroppo negli ultimi anni l’informazione scientifica di interesse pubblico è apparsa devastantemente asservita in mille forme ad agende politiche momentanee, agli interessi finanziari di influenti corporations, operando con l’opposto della trasparenza, e alimentando l’opposto della pubblica dibattibilità (con le sanzioni e la censura).
E questo ci conduce al momento presente in cui, spiace dirlo, ma oramai quando qualcuno ci porta un “dato scientifico ufficiale” a sostegno di una prospettiva catastrofista ed emergenziale l’impulso primario è, ragionevolmente, di cambiare canale, perché gli spot pubblicitari cerchiamo di saltarli.
Recuperare questo livello di discredito sarà un’impresa lunga e accidentata.
In coda alla discussione di ieri, e in risposta ad alcune questioni poste, aggiungo un paio di spiegazioni intorno a cosa penso intorno al tema del “riscaldamento climatico ad origine antropica”.
In primo luogo bisogna rispondere a chi afferma che la questione del riscaldamento climatico è trattata e discussa da decenni, e che dunque si tratterebbe di una questione scientificamente dibattuta in modo esteso e dunque acclarata.
Ciò che bisogna rilevare a questo proposito è che quando parliamo di questioni climatiche non parliamo di niente di simile alla verifica dell’efficacia di un farmaco (per fare un esempio recentemente spesso discusso).
Il sistema terra è unico, non è replicabile sperimentalmente in laboratorio, non è sottoponibile ad esperimenti controllati in cui si dominano le variabili in entrata e in uscita, dunque la possibilità di rintracciare relazioni causali definite è enormemente più complessa.
Mi è capitato di vedere recentemente le previsioni comparative di tre modelli accreditati relativamente alla temperatura prevista nell’oceano atlantico nei prossimi anni. I modelli presentavano un’escursione di previsione ampia e paurosamente crescente nel tempo, e le loro medie non erano sovrapponibili. Non ci provo neanche a discutere della qualità comparativa dei modelli, perché non ne ho le competenze, ma quello che mi appare chiaro è che intorno alle dinamiche climatiche del pianeta non siamo né saremo in grado di ottenere certezze.
Ciò che possiamo fare è adottare un atteggiamento realistico abbinato al principio di precauzione.
Siccome le emissioni della combustione (e più in generale i sottoprodotti di scarto dei processi di trasformazione) hanno caratteristiche inquinanti in una molteplicità di campi, il principio di precauzione ci induce a fare dei passi verso una tendenziale riduzione delle emissioni e dei sottoprodotti di scarto (tutte le emissioni, non solo la CO2).
Se siamo davvero mossi da preoccupazioni per l’ambiente e per la salute umana, questa direzione può essere perseguita in modo sensato soltanto: 1) con strategie gradualiste; 2) con strategie multifattoriali (cioè rivolte in molte direzioni); 3) con strategie inclusive e multilaterali a livello mondiale.
1) Il gradualismo è richiesto dalla generale condizione di incertezza e dalla necessità di aggiornare costantemente le tipologie di intervento. Non è pensabile imporre strategie di intervento brutale che compromettono le capacità di sviluppo e devastano le vite dei cittadini, sia perché è sbagliato in sé, sia perché così facendo si suscita una reazione oppositiva insormontabile, mentre questi sono temi sui cui è necessario ottenere consenso e adesione spontanea dei più.
2) Le strategie multifattoriali devono evitare di focalizzarsi strumentalmente su singole azioni presunte salvifiche (es.: elettrificazione generalizzata della locomozione), perché quando ciò accade si può essere certi che si tratta di operazioni strumentali (non esistono singoli interventi salvifici).
3) Le strategie, se vogliono affrontare davvero il problema e non fare ammuina o coprire agende politiche inconfessabili, devono essere inclusive e multilaterali, sia all’interno che sul piano internazionale. Questo vuol dire che devono incidere primariamente sui ceti più abbienti (altrimenti non sono credibili), e che devono cercar di ottenere il massimo consenso internazionale (altrimenti è ridicolo adottare interventi draconiani in Europa mentre i 9/10 del mondo fa tutt’altro).
Quando sento argomenti infervorati secondo cui la scienza avrebbe già certificato la direzione dell’Armageddon climatico, e che solo gli analfabeti non ne avrebbero contezza, non posso evitare di chiedermi come mai altri paesi nel mondo con scienziati di altissimo livello non appaiano parimenti agitati: capisco che nei film di Hollywood cinesi e russi appaiono come un misto di cialtroneria e cupio dissolvi, però se ci fosse unanime certezza che stiamo andando a spron battuto verso l’apocalisse fatico a credere che gli unici che ci tengono alla pelle stiano in occidente.
Purtroppo ciò che vediamo intorno sembra seguire strategie esattamente opposte:
1) non vengono adottate strategie gradualiste, ma si procede per strappi emergenziali (“Fate-presto-non-c’è-tempo-da-perdere-bando-alle-ciance-lasciateci-lavorare!”).
2) non vengono adottate strategie multifattoriali ma ci si concentra su un singolo tema di volta in volta posto come assolutamente inderogabile, lasciando tutto il resto del sistema (incluso il sistema ecologico) andare alla deriva.
3) lungi dall’operare in maniera inclusiva e multilaterale si continua a promuovere il modello della “conspicuous consumption” per gli abbienti e dell’austerità per i morti di fame, si fomenta una perenne conflittualità anche bellica sul piano internazionale, e non si fa alcun tentativo di coinvolgere i maggiori attori mondiali in quella che – apparentemente – sarebbe un’iniziativa di salvezza comune.
Date queste premesse, mi permetto di ritenere che la situazione è forse tragica, ma non seria, e che chi continua a procedere per attacchi isterici e accuse di negazionismo ad alzo zero è parte del problema e non della soluzione.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Freund Todd, tra disfatta e decadenza 2a parte Con Roberto Buffagni e Teodoro Klitsche de la Grange

Siamo alla seconda parte della conversazione con Buffagni e Klitsche de la Grange. Il tema della decadenza di una civiltà non è nuovo tra politologi e filosofi. Julien Freund ne è un acuto osservatore. La tesi assume contorni più nitidi e chiari a partire da metà ‘800. Al giorno d’oggi appare drammaticamente attuale anche se paradossalmente la percezione risulta più acuta tra le classi popolari e nel ménage quotidiano piuttosto che tra le élites e le classi dirigenti europee e statunitensi, non ostante tale processo stia assumendo le caratteristiche e le dimensioni di una vera e propria catastrofe. Emmanuel Todd lo ha sottolineato con certosina accuratezza. Ci soffermiamo su questo aspetto in questo secondo appuntamento. Due autori e due loro testi caduti sotto la lente di osservazione di Roberto Buffagni e Teodoro Klitsche de la Grange. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

https://rumble.com/v4uhus2-freund-todd-tra-disfatta-e-decadenza-2a-parte-con-roberto-buffagni-e-teodor.html

L’embargo parziale sulle armi imposto dagli Stati Uniti a Israele ha l’obiettivo di spingerlo a un accordo di pace regionale, di ANDREW KORYBKO

L’embargo parziale sulle armi imposto dagli Stati Uniti a Israele ha l’obiettivo di spingerlo a un accordo di pace regionale

Ci saranno membri attivisti dei media mainstream e della comunità degli Alt-Media che sceglieranno quale elemento di questa politica mettere a fuoco in vista della loro agenda ideologica, ma il dato di fatto è che l’insieme rappresenta una spinta diplomatica globale.

Molti osservatori dei media mainstream e della comunità Alt-Media sono rimasti scioccati quando il Segretario alla Difesa Austin haconfermato mercoledì, durante una testimonianza al Congresso, che gli Stati Uniti hanno trattenuto “una spedizione di munizioni ad alto carico” con il pretesto che potrebbero essere utilizzate a Rafah. Biden ha poi ampliato questa nuova politica dichiarando che “non forniremo armi e proiettili di artiglieria” se l’IDF entrerà nei centri abitati di Rafah.

Nessuno avrebbe dovuto sorprendersi, tuttavia, dal momento che questo articolo di metà marzo sul motivo per cui Biden ha appoggiato l’appello di Schumer per un cambio di regime in Israele ha spiegato il doppio gioco che sta facendo la sua amministrazione. In breve, considerazioni elettorali interne hanno influenzato il suo team nell’intensificare la campagna di pressione contro Bibi della scorsa primavera, che inizialmente aveva lo scopo di punirlo per motivi ideologici, ma che ora mira anche a spingere Israele verso l’accordo di pace regionale che, secondo quanto riferito, sta cercando di mediare.

lettori interessati possono approfondire l’argomento qui, ma il fatto è che gli Stati Uniti prevedono che l’Arabia Saudita riconosca Israele in cambio dell’accettazione da parte di quest’ultimo della creazione di uno Stato palestinese. Per perseguire questo grande obiettivo strategico, che rimodellerebbe la geopolitica dell’Asia occidentale, gli Stati Uniti stanno facendo penzolare davanti all’Arabia Saudita partenariati privilegiati in campo militare e dell’energia nucleare, aumentando gradualmente la pressione su Israele. Inoltre, secondo quanto riferito, hanno detto al Qatar di espellere l’ala politica di Hamas se non accetta un cessate il fuoco.

Ci saranno membri attivisti dei media mainstream e della comunità degli Alt-Media che sceglieranno quale elemento di questa politica mettere a fuoco per realizzare la loro agenda ideologica, ma il dato di fatto è che l’insieme rappresenta una spinta diplomatica globale. Gli Stati Uniti vedono l’opportunità di ripristinare parte della loro influenza regionale perduta attraverso questi mezzi, che i loro politici ritengono possano rallentare la recente espansione dell’influenza sino-russa in Asia occidentale.

Il rifiuto di una sola spedizione di armi da parte di Israele è un gesto puramente simbolico che arriva troppo tardi per evitare la catastrofe umanitaria che si è verificata a Gaza negli ultimi otto mesi di guerratotale, ma è comunque un segnale che potrebbero essere rifiutate altre spedizioni se Israele continuerà la sua operazione a Rafah. In tal caso, le relazioni bilaterali peggiorerebbero se Bibi non accettasse una soluzione di compromesso, cosa che sarebbe riluttante a fare perché lo screditerebbe dopo aver promesso di distruggere completamente Hamas.

Il problema, tuttavia, è che questo obiettivo può essere raggiunto solo con mezzi militari che perpetuerebbero le sofferenze dei palestinesi e quindi ritarderebbero l’accordo che gli Stati Uniti sperano di negoziare con i sauditi. Il Regno non riconoscerà Israele finché il conflitto continuerà, e un numero di vittime civili superiore a quello già alto potrebbe rendere ancora più difficile il riconoscimento una volta che la guerra sarà finalmente finita. Questo accordo è parte integrante degli interessi di Israele, ma lo è anche la distruzione di Hamas, ergo il dilemma.

Tuttavia, a condizione che Israele disponga di scorte adeguate per continuare la sua campagna, Bibi potrebbe scommettere di riuscire a distruggere almeno l’ala militare di Hamas e poi giocare sul pari interesse dei sauditi per l’accordo menzionato in precedenza, in modo da realizzarlo alla fine della guerra. Questo non può però essere dato per scontato, poiché gli Stati Uniti non avrebbero simbolicamente trattenuto la recente spedizione né Biden avrebbe minacciato di trattenere tutte le armi offensive se avessero pensato che fosse davvero così.

Resta quindi da vedere cosa succederà, ma gli Stati Uniti si aspettano che Bibi venga effettivamente spinto da questa nuova politica a scendere a compromessi su Gaza, il che potrebbe screditare la sua leadership tra i membri ultranazionalisti della sua coalizione da cui dipende il suo governo. In sostanza, gli Stati Uniti vogliono prendere tre piccioni con una fava: porre fine a questa guerra per motivi elettorali interni, facilitare l’uscita di Bibi dal suo incarico e mediare un accordo di pace israelo-saudita per ripristinare l’influenza regionale perduta.

I cinque obiettivi enumerati in questo articolo racchiudono ciò che la Russia oggi mira a raggiungere dopo oltre due anni di intensa guerra per procura con la NATO.

Zelenskyj ha affermato venerdì che la tanto attesa offensiva della Russia era finalmente iniziata in seguito alla sua nuova spinta nella regione di Kharkov, da cui si era ritirata tatticamente nel settembre 2022. Ciò lo precede probabilmente aggrappandosi al potere con pretesti legalmente dubbi una volta che il suo mandato scade il 21 maggio e si allinea con la previsione del Comitato di intelligence ucraino di problemi politico-militari in vista della sua estate. Ecco i cinque obiettivi che la Russia probabilmente mira a raggiungere in considerazione del contesto più ampio del conflitto:

———-

1. Creare le condizioni affinché la Russia possa controllare la totalità delle sue nuove regioni

I guadagni sempre più frequenti della Russia nel Donbass nell’ultimo mese testimoniano quanto siano diventate gravi la coscrizione e le crisi logistiche dell’Ucraina , consentendo così a Mosca di spingerli al punto di rottura aprendo un nuovo fronte in questo preciso momento. Ciò ha lo scopo di facilitare una svolta militare per l’espulsione delle forze ucraine da tutte le nuove regioni della Russia, con l’eventuale collasso delle linee del fronte che aprirebbe di conseguenza la strada al raggiungimento di ulteriori obiettivi politico-militari.

2. Costringere l’Ucraina a smilitarizzare tutte le sue regioni ad est del Dnepr

È improbabile che la Russia avanzi rivendicazioni territoriali sulle regioni secondarie dell’Ucraina a est del Dnepr a causa degli alti costi per assicurarle, ricostruirle e integrarle in modo sostenibile, motivo per cui probabilmente chiederà invece la loro smilitarizzazione come zona cuscinetto in cambio del permesso a Kiev di mantenere il controllo politico. Qualsiasi area catturata nel corso di questa campagna lanciata, secondo quanto riferito, potrebbe essere restituita in una variante dei presunti compromessi contenuti nella bozza di trattato della primavera 2022 .

3. Dissuadere la NATO dall’attraversare il Dnepr nel caso in cui le forze degli Stati membri intervengano convenzionalmente

La Russia non vuole che la NATO intervenga convenzionalmente in questo conflitto, ma se stati membri come Francia e/o Polonia lo fanno unilateralmente nel caso in cui le linee del fronte crollino, allora Mosca spera che le sue esercitazioni tattiche sulle armi nucleari recentemente annunciate li dissuaderanno dall’attraversare il confine. il Dnepr. In relazione a ciò, l’India e/o il Vaticano potrebbero trasmettere la linea rossa della Russia alla NATO, mentre la Russia potrebbe trattenersi dall’inseguire le truppe in fuga lungo e oltre il fiume per non peggiorare il dilemma della sicurezza.

4. Influenzare il possibile imminente processo di cambio di regime sostenuto dagli Stati Uniti in Ucraina

Il Cremlino non negozierà con Zelenskyj, Poroshenko o nessuna delle altre figure ucraine che sono state appena inserite nella lista dei ricercati del suo Ministero degli Interni poiché li considera illegittimi e gli Stati Uniti non potrebbero congelare il conflitto senza qualcun altro al potere. Il servizio di intelligence straniero della Russia ha recentemente riferito che gli Stati Uniti stanno già esplorando possibili sostituti di Zelenskyj, e Mosca ovviamente vuole influenzare questo processo per filtrare figure che sa non rispetteranno alcun accordo di pace.

5. Porre fine al conflitto in modo da garantire i principali interessi di sicurezza della Russia nella nuova realtà

Gli obiettivi massimalisti della Russia di smilitarizzare l’Ucraina, denazificarla e ripristinare la neutralità costituzionale del paese difficilmente verranno raggiunti pienamente data la nuova realtà della NATO che si prepara ad un intervento convenzionale fino al Dnepr per evitare una sconfitta strategica in questo paese. procura guerra . Considerando ciò, la Russia deve ricorrere a mezzi militare-diplomatici creativi per garantire i suoi principali interessi di sicurezza, anche se ciò richiede una campagna di informazione per mitigare le aspettative dei suoi sostenitori .

———-

Come sostenuto in precedenza, la nuova spinta della Russia nella regione di Kharkov è intesa a porre fine a questo conflitto entro la fine dell’anno nella migliore delle ipotesi, anche se ovviamente ciò non può essere dato per scontato data la nebbia di guerra e le innumerevoli variabili su cui l’opinione pubblica non è consapevole. non sono a conoscenza di. Tuttavia, i cinque obiettivi enumerati in questo articolo incapsulano ciò che oggi mira a raggiungere dopo oltre due anni di intensa guerra per procura con la NATO, il che potrebbe portare alcuni osservatori a ricalibrare le loro analisi.

Gli Stati Uniti sono in svantaggio nel Caucaso meridionale, ma hanno ancora abbastanza influenza nella società armena e georgiana attraverso la diaspora ultranazionalista e la “Legione georgiana” per gettarli nel caos se i loro piani falliscono.

Grandi proteste si stanno svolgendo a Erevan in risposta alla spinta alla pace del primo ministro Pashinyan con l’Azerbaigian, che lo ha visto restituire quattro villaggi precedentemente occupati alla nazione vicina come gesto di buona volontà volto a far avanzare il processo di delimitazione dei confini. Alcuni abitanti del luogo hanno disapprovato fortemente la sua iniziativa unilaterale, compreso l’arcivescovo Bagrat Galstanyan, che è partito a piedi per la capitale dove poi ha cambiato le sue richieste passando dal congelamento del processo a un vero e proprio cambio di regime.

Questa ultima agitazione regionale si svolge in parallelo alle proteste su larga scala in corso nella vicina Georgia per la legge sugli agenti stranieri ispirata al FARA, che questa analisi qui spiegato mirano anche a un cambio di regime con l’intento di far avanzare i piani regionali previsti dagli Stati Uniti. Vogliono trasformare l’Armenia nel loro bastione d’influenza per dividere e governare il Caucaso meridionale, ma questo richiede prima di tutto di trasformare la Georgia in uno Stato fantoccio per facilitare la logistica militare a quel Paese senza sbocco sul mare.

Senza alcun mezzo affidabile per garantire quanto sopra, Pashinyan non ha motivo di rischiare di provocare un’altra guerra con l’Azerbaigian per i territori di confine contesi come mezzo per attuare i piani regionali dei suoi nuovi patroni occidentali, ergo perché ha avuto paura e sta ora esplorando la pace. Gli Stati Uniti sono arrabbiati perché non concede loro più tempo per rovesciare il governo georgiano, probabilmente perché è in preda al panico di fronte alla superiorità militare dell’Azerbaigian, e quindi ora vogliono rovesciare anche lui.

A tal fine, la diaspora armena ultra-nazionalista sta funzionando come punta di diamante in collusione con quelle “ONG” sostenute dall’intelligence straniera che si sono infiltrate nella società da quando Pashinyan è salito al potere con la sua “Rivoluzione di velluto”, presentando così una grave Color Revolution. La narrativa della guerra d’informazione è che egli sta tradendo gli interessi nazionali del suo Paese, che essi definiscono soggettivamente come il rilancio del loro fallito piano della “Grande Armenia”, entrando nuovamente in guerra con l’Azerbaigian.

Di conseguenza, chiedono che si dimetta immediatamente o che venga deposto (con mezzi parlamentari o incostituzionali), il tutto con l’intento di sostituirlo con un fantoccio occidentale del tutto accondiscendente che preparerà una nuova guerra con l’Azerbaigian in un momento futuro con il sostegno della NATO. Da parte sua, l’Azerbaigian vede già la scritta sul muro, ed è per questo che potrebbe agire con decisione attraverso mezzi cinetici in difesa dei suoi interessi nazionali oggettivi per sventare questo complotto prima che si concretizzi.

Le pressioni esercitate su Pashinyan per scongiurare preventivamente questo scenario peggiore sono probabilmente il motivo per cui ha deciso di esplorare la pace dopo essersi rifiutato di farlo seriamente negli ultimi tre anni e mezzo. Osservando ciò, gli Stati Uniti hanno deciso di dare un’altra possibilità alla loro operazione di cambio di regime in Georgia, per poi dare il via a quella in corso contro Pashinyan dopo che è apparso chiaro che i loro ultimi sforzi non lo hanno influenzato a congelare il processo di pace.

In definitiva, gli Stati Uniti sono in svantaggio nel Caucaso meridionale, ma hanno ancora abbastanza influenza nella società armena e georgiana attraverso la diaspora ultranazionalista e il “Legione Georgiana” per gettarli nel caos se i suoi piani falliscono. A seconda dell’esito di queste campagne di cambio di regime in corso, l’Azerbaigian e la Russia potrebbero sentirsi costretti ad agire rispettivamente in Armenia e in Georgia in difesa dei loro legittimi interessi, in modo da prevenire una guerra più ampia, complicando ulteriormente le cose.

L’identità nazionalista-conservatrice di questa diaspora è più polacca di quella di molti polacchi residenti in Polonia.

Gli stereotipi tendono ad essere basati su una verità, come nel caso della nota antipatia dei polacchi per la Russia, ma esistono effettivamente eccezioni degne di nota, come le opinioni della minoranza polacca della Lituania. Il Ministro della Giustizia del paese ha condiviso alcuni spunti interessanti su questo argomento durante un’intervista al quotidiano polacco Rzeczpospolita . Ewa Dobrowolska ha sorprendentemente affermato che “il problema della russificazione dei polacchi in Lituania esisteva davvero, in una certa misura esiste ancora”, ma presumibilmente è diminuito.

Secondo lei, le restrizioni sui media russi e la crescita di quelli di lingua polacca in Lituania si sono combinate per ridurre l’influenza russa sulla minoranza polacca del suo paese, anche se in ogni caso non ha condiviso alcun dato a sostegno delle sue osservazioni. Tuttavia, il fatto che lei, in quanto polacca, abbia riconosciuto questo cosiddetto “problema” e abbia confermato che “in una certa misura esiste ancora” merita un’ulteriore riflessione, soprattutto perché va contro lo stereotipo della nota antipatia dei polacchi per la Russia. .

L’ambasciatore russo in Polonia ha detto all’inizio di aprile in un’intervista a RT che “può contare da un lato i casi in cui un atteggiamento così negativo (verso la Russia) è stato espresso nei miei confronti personalmente”, il che ha chiarito in modo importante che esiste una differenza tra politica e la russofobia etnica lì. Molti polacchi detestano lo Stato russo e l’URSS per ragioni storiche e talvolta personali se hanno un antenato vittima delle loro repressioni, ma pochi odiano il popolo russo.

La minoranza polacca della Lituania viveva nella Seconda Repubblica Polacca tra le due guerre e si ritrovò in quel paese solo a seguito delle revisioni territoriali regionali dell’Unione Sovietica dopo la Seconda Guerra Mondiale. La capitale Vilnius e i suoi dintorni, pur essendo governati dal Granducato di Lituania durante il periodo del Commonwealth ed essendo stati in precedenza la culla dello stato di quel sistema politico, alla fine arrivarono ad avere la maggioranza polacca. Non importa cosa si pensa al riguardo poiché è un fatto storico.

I “trasferimenti di popolazione” di lituani in Polonia e polacchi in Lituania dopo la guerra hanno rimodellato la demografia locale, ma i polacchi costituiscono ancora circa il 6,6% della popolazione lituana e rappresentano quindi la sua più grande minoranza, con la maggior parte che risiede ancora dove storicamente hanno vissuto per secoli i loro antenati. Oggi sono rappresentati dall’“Azione elettorale dei polacchi in Lituania – Alleanza delle famiglie cristiane” (EAPL-CFA), che si batte principalmente contro la depolonizzazione della Lituania e le politiche liberal-globaliste.

La “Radio e Televisione Nazionale Lituana”, gestita dallo stato, ha diffamato il partito e il suo leader Waldemar Tomaszewski , che è anche membro del Parlamento Europeo, definendoli “polacchi sovietizzati” in un articolo dello scorso agosto in cui lasciava intendere che essi sono utili idioti della Russia che funzionano come una sospetta quinta colonna. La realtà è completamente diversa dal momento che la loro cosiddetta “nostalgia sovietica” è solo un appello da parte di alcuni a politiche economiche più giuste a beneficio dei polacchi rurali, mentre la loro antipatia per l’UE è guidata dal fatto che essa ignora la loro situazione.

La Lituania ha combattuto sistematicamente per costringere queste persone a parlare lituano invece che polacco, cosa che anche lo storico citato nell’articolo sopra citato, che ha denigrato questa comunità come “polacchi sovietizzati” con tutte le allusioni che ciò comporta, è stato costretto ad ammettere per mantenere una certa credibilità. Secondo loro “la politica della Lituania nella regione di Vilnius è ancora stupida, basata su un falso nazionalismo linguistico. Se fosse stato diversamente, penso che il [partito] sarebbe scomparso circa 10 o 15 anni fa”.

Il ministro della Giustizia Dobrowolska spera di presentare in Parlamento nel prossimo futuro un disegno di legge sulle minoranze nazionali che “propone di condurre il processo educativo nelle lingue delle minoranze nazionali nei casi in cui vengono implementati programmi educativi” per salvaguardare la lingua polacca. Sarebbe uno sviluppo positivo se ciò accadesse, ma è ancora necessario ulteriore lavoro poiché non tutti i polacchi possono scrivere i propri nomi utilizzando i segni diacritici della propria lingua nazionale, alcuni dei quali come ł non sono consentiti.

Anche nel migliore dei casi, in cui la repressione statale lituana nei confronti dei polacchi finisse finalmente, alcuni membri di questa minoranza potrebbero ancora mantenere le loro opinioni socio-economiche e politiche che li hanno portati ad essere denigrati come “russificati” e “sovietizzati” con tutto ciò che pericolosamente implica. nel contesto attuale sulla loro lealtà. Le loro opinioni critiche non sono dovute alla “propaganda russa”, ma alle loro esperienze personali come polacchi in Lituania, che hanno modellato il modo in cui percepiscono il mondo con tutte le sue ipocrisie intrinseche.

Proprio perché sono polacchi patriottici, tuttavia, la Lituania e anche una parte dell’élite polacca temono l’influenza che questa comunità potrebbe avere nell’accelerare il cambiamento delle opinioni della società polacca nei confronti dell’Ucraina e dell’UE, documentate quest’anno in due sondaggi analizzati qui e qui . Ecco perché entrambi stanno diffamando questo gruppo definendolo “russificato” e “sovietizzato”, cosa a cui la “TVP” gestita dallo stato polacco ha appena prestato falso credito riportando quella parte dell’ultima intervista di Dobrowolska.

Il loro articolo era intitolato “ La russificazione dei lituani di origine polacca diminuisce: il ministro della Giustizia lituano ”, il che suggerisce falsamente che questi polacchi patriottici abbiano abbandonato le tradizioni nazionali che i loro antenati hanno lavorato così duramente per preservare nel corso dei secoli per adattare quelle russe. Ciò alimenta anche la falsa insinuazione che siano gli utili idioti della Russia che funzionano come una presunta quinta colonna. La realtà è che l’identità nazionalista-conservatrice di questa diaspora è più polacca di quella di molti polacchi residenti in Polonia.

Dopotutto, una coalizione liberal-globalista ha vinto le elezioni dello scorso autunno, in seguito alle quali ha subordinato completamente la Polonia alla Germania . Questa politica estera, così come le loro politiche nei confronti dell’aborto , delle persone LGBT e degli immigrati clandestini, incarnano tutto ciò che i polacchi patriottici odiano dell’UE, e la crescente “controrivoluzione” contro di loro potrebbe beneficiare del contributo ideativo della minoranza polacca della Lituania. Nessun osservatore obiettivo può mettere in dubbio il loro patriottismo, ed è proprio per questo che vengono diffamati ancora una volta.

La Lituania detesta che la sua minoranza polacca faccia luce sulle politiche repressive di Vilnius, che screditano la sua pretesa di rispettare le nozioni occidentali di “diritti umani”, mentre alcuni esponenti dell’élite polacca temono che i loro compatrioti patriottici nel paese vicino accelereranno il cambiamento. nel punto di vista della società polacca. Ecco perché lavorano fianco a fianco per screditarli come “russificati” e “sovietizzati” in modo che nessuno in Occidente prenda sul serio le loro parole, ma coloro che sanno meglio vedere a quale gioco subdolo stanno giocando.

Proprio come il battaglione Azov e altri ultranazionalisti hanno giocato un ruolo chiave nella follia del terrorismo urbano noto come EuroMaidan, nonostante i loro piccoli numeri, così anche la Legione georgiana prevede di fare lo stesso a Tbilisi oggi.

Il Servizio di Sicurezza dello Stato georgiano ha fortemente lasciato intendere che dietro l’ ultimo tentativo di cambio di regime sostenuto dall’Occidente c’è la Legione georgiana . Nelle loro parole , “Questi piani criminali coinvolgono cittadini georgiani attualmente residenti all’estero, compresi alcuni georgiani che combattono in Ucraina”, e sono finanziati dall’estero. Ciò segue il leader della Legione georgiana Mamuka Mamulashvili che li accusa di essere controllati dalla Russia, che secondo lui ha trasformato la Georgia in uno stato fantoccio, e di incorporare le sue spie nelle sue fila.

Il contesto più ampio riguarda gli sforzi degli Stati Uniti per sfruttare la legge sugli agenti stranieri ispirata alla FARA allo scopo di sostituire il suo governo in modo da facilitare la logistica militare verso la vicina Armenia, che l’Occidente vuole “portare via” dalla CSTO russa, e possibilmente aprire un secondo fronte contro Mosca. Membri fuorviati della società civile vengono manipolati per fungere di fatto da scudi umani per proteggere i provocatori antistatali all’interno delle proteste e per far passare la reazione della polizia come “oppressione”.

La Legione Georgiana è uno dei gruppi mercenari più altamente addestrati che combattono in Ucraina e vanta un’esperienza decennale sul campo. Sono anche tra i più spietati e sono famigerati per la guerra crimini che hanno commesso. Le accuse del loro leader contro il Servizio di Sicurezza dello Stato georgiano equivalgono di fatto a una dichiarazione di guerra contro di loro e mirano a giustificare il coinvolgimento del suo gruppo nell’ultimo tentativo di cambio di regime sostenuto dall’Occidente.

Dal punto di vista dello Stato, quella che in precedenza era considerata da alcuni una “organizzazione patriottica” che potrebbe tornare utile un giorno nel caso in cui dovesse scoppiare un’altra guerra con la Russia per l’Abkhazia e l’Ossezia del Sud, si è trasformata informalmente in un gruppo terroristico antistatale sotto parziale controllo estero. controllo. Se la legge sugli agenti stranieri dovesse entrare in vigore, è molto probabile che la Legione georgiana riceva questa etichetta, di cui il suo leader è ben consapevole e sa quanto ampiamente potrebbe screditare il suo operato nella società.

Ciò potrebbe averlo motivato a coinvolgere il suo gruppo nei disordini, non solo a causa della sua paranoica convinzione che i servizi di sicurezza statali georgiani siano controllati dal Cremlino e presumibilmente abbiano trasformato il loro paese in uno stato fantoccio, ma anche per volere dei suoi mecenati finanziari. . Proprio come il battaglione Azov e altri ultranazionalisti hanno giocato un ruolo chiave nella follia del terrorismo urbano noto come EuroMaidan, nonostante i loro piccoli numeri, così anche la Legione georgiana prevede di fare lo stesso a Tbilisi oggi.

L’Occidente sa di essere il gruppo più radicale del paese con più esperienza sul campo di battaglia persino di alcuni membri delle stesse forze armate, quindi non c’è modo migliore per trasformare la loro incipiente Rivoluzione Colorata in un ibrido a tutti gli effetti . Guerra piuttosto che fare affidamento su di loro a tal fine. Per essere chiari, resta da vedere se gli Stati Uniti autorizzeranno tale escalation, ma potrebbe anche avvenire autonomamente su iniziativa della Legione georgiana e creare così un fatto compiuto per ulteriori “missioni dirette” straniere.

Inoltre, lo Stato potrebbe inavvertitamente mettere in moto questa sequenza etichettando la Legione georgiana come agente straniero nel caso in cui il relativo disegno di legge entrasse in legge, il che complica la dinamica e mostra quanto facilmente tutto potrebbe sfuggire al controllo. Alla fine, tuttavia, la Georgia può garantire in modo sostenibile la propria sovranità solo approvando tale legislazione e applicandola contro tutti i gruppi senza eccezioni. Pertanto, questo conflitto potrebbe benissimo essere inevitabile, ma potrebbe anche ritorcersi contro l’Occidente.

Non è la Russia ad avere interesse ad assassinare Zelenskyj, ma lui stesso ad avere interesse a far credere all’Occidente che lo faccia, per non parlare della fazione politica anti-russa più aggressiva dell’Occidente che capisce l’importanza politica del suo essere “martirizzato” nell’attuale contesto strategico-militare.

La polizia segreta ucraina ha annunciato martedì che due funzionari sono stati arrestati con l’accusa di aver cospirato con la Russia per assassinare personaggi di spicco come Zelenskyj e Budanov tramite attacchi di droni e missili. Questa notizia è arrivata poche settimane dopo che la Polonia aveva affermato qualcosa di simile, prima che il Ministero degli Interni russo mettesse Zelenskyj nella sua lista dei ricercati lo scorso fine settimana e un giorno dopo che i servizi segreti esteri russi affermassero che gli Stati Uniti volevano sostituirlo. Ecco alcuni briefing di base:

* 19 aprile: ” L’ultimo scandalo della spionaggio russo in Polonia potrebbe essere un caso di intrappolamento ucraino ”

* 5 maggio: “ La vita di Zelenskyj è in pericolo ora che è sulla lista dei ricercati dalla Russia? ”

* 7 maggio: “ La Russia spera di influenzare il possibile imminente processo di cambio di regime dell’Ucraina sostenuto dagli Stati Uniti ”

Non importa cosa speculano i suoi nemici e alcuni amici fuorviati della comunità Alt-Media , la Russia in realtà non ha alcun interesse ad assassinare Zelenskyj. Non ha mai attentato alla sua vita durante le numerose volte in cui ha visitato la linea del fronte, in relazione a cui è importante ricordare la promessa del presidente Putin all’ex primo ministro israeliano Bennett nella primavera del 2022 di non danneggiare la sua controparte. Ciò, avrebbe potuto temere il leader russo, potrebbe essere sfruttato dalla NATO.

Dopotutto, è stato molto attento a limitare volontariamente la condotta delle sue forze nel corso dell’operazione speciale, che deve ancora formalmente trasformarsi in una “guerra”, almeno dal punto di vista del Cremlino di come la Russia la sta combattendo. Ha pazientemente mantenuto questo approccio nonostante le numerose provocazioni da parte dell’Ucraina e dell’Occidente, che avrebbero potuto ragionevolmente fungere da pretesto per dichiarare guerra totale. Chiaramente, il presidente Putin è restio a farlo, il che è un suo diritto in quanto leader della Russia.

È contrario a catalizzare qualsiasi sequenza di eventi che potrebbero aumentare il rischio della Terza Guerra Mondiale per errori di calcolo, con la sua decisione di iniziare l’operazione speciale che rappresenta un’eccezione degna di nota, che secondo lui in molte occasioni è stata fatta esclusivamente perché l’alternativa era inevitabilmente perdere la sovranità. . Considerando ciò, non avrebbe mai ordinato l’assassinio di Zelenskyj poiché la NATO potrebbe approfittarne per avviare un intervento convenzionale, portando così proprio allo scenario che vuole evitare.

Le preoccupazioni del presidente Putin al riguardo sono aumentate come mai prima d’ora dopo i segnali che alcuni paesi occidentali hanno recentemente inviato riguardo all’intervento convenzionale in Ucraina, che lo hanno spinto a ordinare esercitazioni tattiche sulle armi nucleari nel tentativo di scoraggiarli, come spiegato qui . Assassinare Zelenskyj adesso sarebbe il momento peggiore possibile per farlo, poiché potrebbe spaventare l’Occidente inducendolo ad avviare un’operazione del genere per paura che sia necessaria per “prevenire la caduta dell’Ucraina”.

Lo stesso Zelenskyj lo sa, ed è per questo che la sua polizia segreta e i suoi alleati in Polonia stanno architettando questi allarmi di assassinio sotto falsa bandiera con l’obiettivo di spostare l’ago dell’opinione dell’élite occidentale nella direzione di intervenire convenzionalmente a suo sostegno prima che ciò presumibilmente accada. Allo stesso modo, anche i politici anti-russi più aggressivi in ​​Occidente ne sono consapevoli, motivo per cui potrebbero provare a orchestrare un vero e proprio assassinio sotto falsa bandiera di cui poi si potrebbe attribuire la colpa alla Russia a tale scopo.

Non è quindi la Russia ad avere interesse ad assassinare Zelenskyj, ma lui stesso ad avere interesse a far credere all’Occidente che lo faccia, per non parlare di quella fazione politica che comprende l’importanza politica del suo “martirio” in l’attuale contesto strategico-militare. Mettendo tutto insieme, si può concludere che le minacce alla sua vita rivelate pubblicamente sono probabilmente allarmi sotto falsa bandiera, anche se in realtà tali minacce probabilmente esistono davvero ma provengono dall’Occidente invece che dalla Russia.

L’importanza della sua defezione risiede nella diffusa attenzione che essa suscitò nella società polacca alla vigilia di quello che potrebbe presto essere l’inizio di un intervento convenzionale della NATO in Ucraina.

Il giudice polacco Tomasz Szmydt, che ha prestato servizio presso il Tribunale amministrativo provinciale di Varsavia ed è stato capo del dipartimento legale del Consiglio nazionale dei giudici, ha tenuto lunedì una conferenza stampa nella capitale bielorussa Minsk, dove è arrivato per chiedere asilo politico. Il rapporto in lingua russa di BelTA che può essere letto qui riassume i suoi punti principali, che saranno esaminati in questo articolo per comodità del lettore prima di essere analizzati. Le persone possono anche seguire i suoi aggiornamenti regolari su Telegram qui .

Szmydt ha avvertito che gli Stati Uniti vogliono trascinare la Polonia a partecipare direttamente all’accordo NATO-russo procura guerra in Ucraina, ma ha affermato che ciò potrebbe essere evitato se il suo Paese ripristinasse il dialogo con la Bielorussia , che ha elogiato per la sua politica estera pacifica e soprattutto per il suo precedente impegno rispetto agli accordi di Minsk. Non può parlare liberamente nel suo paese, ha detto, ed è per questo che lui e i suoi amici erano soliti spegnere i telefoni quando discutevano di argomenti delicati prima di fuggire.

Szmydt si aspetta di essere preso di mira da una feroce campagna di informazione che avrà lo scopo di diffamarlo per screditare le sue rivelazioni sulla realtà delle politiche guerrafondaie della Polonia appoggiate dagli Stati Uniti. I polacchi medi non odiano i russi o i bielorussi, ha affermato, ma sono privati ​​di rapporti accurati su questi due paesi a causa del blocco delle informazioni in corso. Ecco perché ricorrono a Telegram, che lì non è ancora stato bloccato.

Il giudice ha letto la sua lettera di dimissioni durante la conferenza stampa, ha chiesto asilo politico e ha detto che dopo essersi riposato un po’ parlerà più dettagliatamente della realtà della politica occidentale. Ha inoltre intenzione di condividere con tutti le sue impressioni sulla Bielorussia come straniero, di cui considera impressionante la stabilità politica ed economica, soprattutto dopo aver resistito a una campagna di cambio di regime sostenuta dall’Occidente nel 2020. Nel complesso, la sua conferenza stampa non ha fatto cadere nessuna bomba. , ma è stato comunque un evento importante.

Il ministro degli Esteri polacco Radek Sikorski ha appena fatto dietrofront affermando che il suo Paese non esclude più nulla l’invio di truppe in Ucraina , che ha coinciso con la recente riaffermazione da parte del presidente francese Emmanuel Macron dei suoi parenti minaccia da fine febbraio. Queste provocazioni e altre provenienti dal Regno Unito nei giorni scorsi hanno portato la Russia ad annunciare lunedì esercitazioni tattiche di armi nucleari . Esiste anche un contesto polacco-bielorusso più specifico che è stato spiegato nelle seguenti analisi:

* 19 febbraio: “ L’opposizione bielorussa con sede all’estero, sostenuta dall’Occidente, sta progettando revisioni territoriali ”

* 21 febbraio: “ L’Occidente sta complottando una provocazione sotto falsa bandiera in Polonia per incolpare Russia e Bielorussia? ”

* 19 marzo: “ La Polonia è pronta a svolgere un ruolo indispensabile nella ‘fortezza Europa’ tedesca ”

* 16 aprile: “ L’ambasciatore russo in Polonia ha condiviso importanti informazioni sulle relazioni bilaterali ”

* 26 aprile: ” Analisi delle affermazioni della Bielorussia sui recenti attacchi di droni provenienti dalla Lituania ”

In breve, un elemento duraturo della politica estera polacca tra il suo ex governo nazionalista-conservatore e quello liberale-globalista di ritorno sta destabilizzando la Bielorussia, che è considerata da loro come rientrante nella loro storica “sfera di influenza” . A tal fine, Varsavia non solo ha sostenuto la fallita Rivoluzione Colorata del 2020 contro il presidente Alexander Lukashenko, ma ospita anche membri autoproclamati dell’“opposizione” (non sistemica), alcuni dei quali stanno complottando per effettuare attacchi transfrontalieri.

Quelli della vicina Lituania sono stati recentemente ostacolati dai servizi speciali bielorussi e forse anche russi, ma non si può escludere che un giorno i loro omologhi polacchi possano avere più successo. Ma la Polonia non lo fa solo di propria iniziativa, ma in collaborazione con gli Stati Uniti e oggi anche con la Germania, dopo che il governo liberale-globalista di ritorno gli ha completamente subordinato il paese da dicembre. Szmydt ritiene che tutto ciò vada contro gli interessi oggettivi della Polonia.

È già stato etichettato come “traditore” dall’aiutante presidenziale polacco Stanislaw Zaryn su X , che lo ha anche accusato di condurre una “guerra ibrida” contro la Polonia in collusione con la Russia, avvertendo minacciosamente che “deve essere trattato come tale” dalle autorità. I media locali hanno anche scoperto il suo coinvolgimento in un precedente scandalo in cui era stato accusato di diffamare i giudici contrari alle riforme del precedente governo prima di trasformarsi in un informatore e spifferare il sacco su quella presunta operazione.

Tuttavia, menzionare il background di Szmydt funziona a suo vantaggio, poiché dimostra che non è un hacker partigiano la cui defezione può essere manipolata dal partito al governo per diffamare l’opposizione. Indipendentemente da ciò che si potrebbe pensare riguardo a ciò che ha appena fatto, non dovrebbero esserci dubbi sul fatto che si sia trattato di una decisione del tutto personale che ha preso dopo averci riflettuto profondamente. Ha un forte attaccamento alla pace e in tutta coscienza non potrebbe rimanere in Polonia mentre gli Stati Uniti la spingono in una guerra diretta con la Russia.

L’importanza della sua defezione risiede nella diffusa attenzione che essa suscitò nella società polacca alla vigilia di quello che potrebbe presto essere l’inizio di un intervento convenzionale della NATO in Ucraina. È certamente improbabile che ispiri proteste politiche pacifiche contro questo scenario forse imminente, ma almeno ha mostrato ai polacchi medi che alcuni membri della loro élite sono contrari a ciò. L’atteggiamento polacco nei confronti di tutto sta già cambiando , e questo potrebbe aiutare ad accelerare ulteriormente questa tendenza.

Lo scopo è quello di creare un ambiente politico più favorevole a una pace sostenibile nello scenario in cui la Russia sfonda la linea del fronte, gli ucraini si ribellano contro Zelenskyj dopo che è rimasto al potere con pretesti legalmente dubbi e un nuovo regime installato dagli americani riprende i colloqui di pace.

Lunedì i servizi segreti esteri russi hanno rivelato che gli Stati Uniti avrebbero avviato colloqui con Petro Poroshenko, Vitaly Klitschko, Andrey Yermak, Valery Zaluzhny e Dmytro Razumkov come possibili sostituti di Zelenskyj. Gli Stati Uniti sono presumibilmente preoccupati per il sentimento pubblico che si rivolterà contro il suo regime nel caso in cui la Russia dovesse presto sfondare la linea del fronte, cosa che il vice capo del GUR ha recentemente avvertito potrebbe accadere in una riaffermazione dell’avvertimento invernale del Comitato di intelligence ucraino .

Lo stesso Zelenskyj aveva precedentemente cercato di screditare preventivamente le proteste potenzialmente imminenti contro di lui in quello scenario, così come quello correlato di lui che si aggrappava al potere con pretesti legalmente dubbi dopo la scadenza del suo mandato, il 21 maggio. La decisione della Russia di qualche giorno fa di inserire lui, Poroshenko e alcuni altri funzionari ucraini passati e presenti nella lista dei ricercati del Ministero degli Interni è stata analizzata qui come un segnale che non riconoscerebbe la loro legittimità se rimanesse al potere o se quelle figure finissero per finire. sostituendolo.

Questa non è nemmeno una politica simbolica, ma sostanziale, dal momento che i rappresentanti russi non hanno potuto intrattenere colloqui con questi individui a causa delle accuse mosse dal loro paese nei loro confronti, rendendo così impossibile per l’Ucraina riprendere i negoziati per disperazione se la Russia dovesse presto sfondare la linea del fronte. Abbinando questa intuizione alle ultime rivelazioni dei suoi servizi di intelligence stranieri, che si basano su queste due qui e qui di dicembre, la Russia spera di influenzare il possibile imminente cambio di regime in Ucraina sostenuto dagli Stati Uniti.

Lo scopo è quello di creare un ambiente politico più favorevole a una pace sostenibile nello scenario in cui la Russia sfonda la linea del fronte, gli ucraini si ribellano contro Zelenskyj dopo che è rimasto al potere con pretesti legalmente dubbi e un nuovo regime installato dagli americani riprende i colloqui di pace. Sostituire Zelenskyj con Poroshenko porterebbe semplicemente a qualcosa di simile, anche se sta vivendo una rinascita di popolarità tra alcuni ucraini da quando è stato responsabile dei falliti accordi di Minsk.

Ecco perché il Ministero degli Interni russo lo ha inserito nella lista dei ricercati e i servizi segreti stranieri hanno appena rivelato che gli Stati Uniti lo considerano il suo successore poiché vogliono che l’élite americana e ucraina sappiano che nessun dialogo di pace potrà essere ripreso sotto la sua guida. . Il motivo ulteriore dietro la rivelazione di lunedì è quello di esacerbare le divisioni all’interno del regime di Zelenskyj con l’aspettativa che possano dilaniarsi a vicenda e facilitare così l’ascesa di “sangue fresco”.

Zelenskyj avrebbe dovuto svolgere quel ruolo di “cavallo nero”, come dimostrato dalla sua promessa elettorale di attuare gli accordi di Minsk con l’obiettivo di porre fine all’allora guerra civile e, in ultima analisi, normalizzare i legami con la Russia. Purtroppo, poco dopo essere entrato in carica, è stato cooptato dai membri ultranazionalisti dell’intelligence militare degli Stati Uniti e dell’Ucraina, che si sono uniti per trasformarlo in un leader molto più russofobo di quanto lo fosse mai stato il suo predecessore, rendendo così l’attuale situazione speciale. operazione inevitabile.

Il presidente Putin ha riconosciuto candidamente la sua precedente ingenuità lo scorso dicembre, un anno e mezzo dopo aver parlato con il cuore nell’estate del 2022, quando aveva detto ai suoi servizi di intelligence stranieri di non indulgere in illusioni quando conducevano previsioni strategiche. Pertanto non si lascerà ingannare nuovamente dall’Occidente semplicemente scambiando Zelenskyj con Poroshenko o un altro burattino come pretesto per riprendere i colloqui di pace allo scopo di guadagnare tempo per riarmarsi e ricominciare il conflitto qualche tempo dopo da una posizione migliore.

Queste esperienze sono il motivo per cui la Russia spera di influenzare il possibile imminente cambio di regime dell’Ucraina, sostenuto dagli Stati Uniti, attraverso la lista aggiornata dei ricercati del suo Ministero dell’Interno e le rivelazioni dei servizi di intelligence stranieri, al fine di creare idealmente un ambiente politico più favorevole a una pace sostenibile. Le probabilità che ciò accada sono certamente scarse, ma i prossimi sviluppi sul terreno – soprattutto per quanto riguarda la crescente possibilità di scontri NATO-Russia – potrebbero rimodellare le dinamiche a suo favore.

Sa che qualsiasi primo attacco contro la Russia scatenerebbe la Terza Guerra Mondiale, ma le sue parole hanno lo scopo di sollevare il morale occidentale e giustificare falsamente il rafforzamento navale della NATO nel Mar Baltico, che arricchisce il complesso militare-industriale.

L’ex comandante supremo della NATO, ammiraglio James Stavridis, ha scritto nel suo ultimo editoriale per Bloomberg che “Kaliningrad dovrà essere neutralizzata” in caso di guerra con la Russia per prevenire un attacco contro il corridoio di Suwalki . Questo non è altro che un mucchio di aria fritta e colpi di petto volti a sollevare il morale occidentale in vista della prevista svolta militare della Russia in prima linea nel Donbass. Sa benissimo che qualsiasi primo attacco contro Kaliningrad porterebbe immediatamente alla terza guerra mondiale.

È diventato di moda dall’inizio dello speciale un’operazione per i commentatori occidentali per allarmizzare un’invasione russa della NATO, che ha lo scopo di manipolare l’opinione pubblica affinché accetti il ​​provocatorio rafforzamento militare del blocco lungo i confini dei suoi vicini con quel falso pretesto. L’adesione formale di Finlandia e Svezia alla NATO, avvenuta dopo decenni di stretto coordinamento con essa come membri informali di tutti gli aspetti delle loro politiche, ha creato nuove opportunità narrative a questo riguardo.

Dopotutto, la tesi di Stavridis è che il Mar Baltico si è da allora trasformato in un “lago della NATO”, che secondo lui sta tentando il presidente Putin di intromettersi negli affari degli stati membri attraverso la guerra informatica ed elettronica come mai prima d’ora in risposta alle loro dimensioni senza precedenti. trapani su scala lì. Questo scenario somiglia molto a quello riportato da Bild a gennaio citando documenti presumibilmente trapelati dal Ministero della Difesa tedesco, che descrivevano in dettaglio le misure aggressive che la Russia avrebbe adottato contro i paesi baltici da allora fino a maggio 2025.

Alcuni di essi riguardano un’ingerenza crescente, del tipo che Stavridis considera inevitabile, ma la realtà è che questo rapporto di quattro mesi fa è servito semplicemente a condizionare il pubblico ad accettare questa speculazione come un fatto, al fine di manipolarlo più facilmente per il precedente. ragioni menzionate. Il suo pezzo in particolare mira a generare un ampio sostegno alla militarizzazione del Baltico ancor più di quanto non lo sia già, il che è eccessivo considerando lo squilibrio navale tra NATO e Russia in quel paese.

È proprio a causa di questo equilibrio di forze grossolanamente sbilanciato che la Russia ricorrerebbe sicuramente alle armi nucleari per autodifesa come ultima risorsa se Kaliningrad dovesse diventare vittima di un’aggressione non provocata da parte della NATO attraverso un primo attacco o qualche altro mezzo per “neutralizzare” strategicamente ” Esso. Lo scopo principale di questa exclave per la Russia è quello di ospitare la sua flotta del Baltico, ma è anche inteso a scoraggiare l’aggressione della NATO fungendo da trampolino di lancio per secondi attacchi nucleari in profondità in Europa nello scenario peggiore.

Considerando ciò, il pezzo di Stavridis viene presentato come un prodotto di guerra dell’informazione in grado di rafforzare il morale, non come una raccomandazione politica pratica. La sua unica importanza risiede nella potenziale manipolazione di una quota maggiore dell’opinione pubblica occidentale affinché sostenga il provocatorio rafforzamento militare della NATO lungo i confini dei paesi vicini con il falso pretesto che la Russia stia complottando per invadere il blocco. Considerata la “distruzione reciproca assicurata” tra Russia e Stati Uniti, ciò non avviene per scopi strategici, ma esclusivamente per arricchire il complesso militare-industriale.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Da che parte, GOP?_di James W. Carden

Da che parte, GOP?

La Convention nazionale repubblicana di luglio sarà il palcoscenico della resa dei conti tra l’ala America First del GOP e i Warhawks.

Nelle due settimane successive all’approvazione dei pacchetti di aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan, i contorni di una spaccatura emergente all’interno del Partito Repubblicano sono diventati troppo evidenti per essere ignorati.

Da una parte ci sono i soliti sospetti come il senatore Lindsey Graham della Carolina del Sud e il senatore Tom Cotton dell’Arkansas, che non hanno mai incontrato una guerra che non fossero desiderosi di finanziare, infiammare e mandare a combattere i giovani americani. In un ridicolo (anche per i suoi standard) discorso in aula prima del voto del 23 aprile sul pacchetto di aiuti, Graham, affiancato da una foto di grandi dimensioni delle Torri Gemelle avvolte dalle fiamme, ha tentato di dipingere un voto a favore di miliardi per l’Ucraina, Israele e Taiwan come il modo più sicuro per prevenire, sì, un altro 11 settembre.

Si può dire che l’ala Graham-Cotton del Partito Repubblicano abbia il vento in poppa, grazie alle recenti vittorie legislative ottenute con un entusiastico sostegno bipartisan. Il più recente convertito alla causa della guerra perpetua per i contratti di difesa perpetui è niente meno che il presidente della Camera Mike Johnson. Come deputato, Johnson poteva essere ragionevolmente descritto come favorevole all’America First, ma ora non più. Johnson si trova ora ad essere solo il più recente funzionario eletto ad essere sedotto dal canto delle sirene dell’intelligence politicizzata, commentando dopo il voto della Camera,

Credo davvero alle informazioni e ai briefing che abbiamo ricevuto…. Credo che Vladimir Putin continuerebbe a marciare in Europa se gli fosse permesso.

Nel frattempo, il collega di Johnson nell’ala nord del Campidoglio, Tom Cotton, continua a trovare modi nuovi e inventivi per promuovere gli interessi israeliani, questa settimana minacciando i membri della Corte penale internazionale (un organismo di cui gli Stati Uniti non riconoscono la giurisdizione) di imporre sanzioni qualora avessero la temerarietà di emettere mandati di arresto per funzionari israeliani. Ha scritto, alla maniera di Rambo, “Prendete di mira Israele e noi prenderemo di mira voi”.

Tutto ciò solleva la questione: Si può essere contemporaneamente America First, Ucraina First e Israele First? Sembra poco plausibile e, comunque, l’ala Graham-Cotton del GOP ha dimostrato quali sono le sue vere priorità.

Dall’altra parte del dibattito, il senatore dell’Ohio J.D. Vance si è assunto il compito, sgradevole ma del tutto necessario, di affrontare i neoconservatori come Graham. L’opposizione di principio di Vance al finanziamento della disastrosa guerra in Ucraina indica la strada da seguire in un’epoca in cui l’establishment democratico è ancora più irresponsabilmente falco dei repubblicani.

In questo contesto vale la pena ricordare che l’ultima volta che il Partito Repubblicano è stato così diviso sul ruolo dell’America nel mondo ha coinciso con un anno di elezioni presidenziali. Il 1952 vide uno scontro per la nomination tra un altro repubblicano figlio dell’Ohio, il senatore Robert Taft, e il generale Dwight D. Eisenhower. Allora come oggi, l’establishment democratico accusò di “isolazionismo” Taft e il collega John Bricker, senatore repubblicano dell’Ohio, uno dei principali oppositori della politica Truman-Acheson di dislocare sempre più truppe in Europa. La rivista The Nation paventava lo spettro di un “diffuso revival di cieco isolazionismo”, mentre Arthur M. Schlesinger, storico di Harvard e consigliere del portabandiera democratico Adlai Stevenson, denunciava l’emergere di “un nuovo isolazionismo, votato a quello che promette di essere un attacco fondamentale alla politica estera in cui gli Stati Uniti e il mondo libero sono attualmente impegnati”.

Taft, uno dei primi sostenitori del Comitato America First, si oppose alla creazione della NATO e criticò la portata del Piano Marshall e della Dottrina Truman. Ma Eisenhower arrivò alla nomina e infine alla presidenza con il sostegno dell’establishment internazionalista del dopoguerra, quel nesso tra Wall Street, il Pentagono e il nascente apparato di intelligence che comprendeva, tra gli altri, Allen e John Foster Dulles.

Il discorso di commiato di Eisenhower, otto anni dopo il suo trionfo su Taft (e, nelle elezioni generali, su Stevenson), metteva in guardia dai pericoli che un simile nesso rappresentava per il benessere del Paese; anzi, potrebbe essere ragionevolmente considerato come il tacito riconoscimento da parte di Ike che Taft avrebbe potuto avere ragione, dopo tutto.

Dopo 70 anni, sembra che siamo tornati al punto di partenza. Ma la domanda ora è: Dove si colloca l’attuale portabandiera repubblicano in tutto questo?

È una domanda che, ahimè, non ha una risposta valida, perché Trump sembra intenzionato a placare entrambi i lati della frattura e a tenere in sospeso i suoi critici. L’altra possibilità, estremamente plausibile, è che non conosca bene se stesso.

Tuttavia, nel considerare la posizione di Trump in tutto questo, potrebbe essere utile tenere a mente che egli è sempre stato una sorta di mutaforma politico.

Questo è certamente vero se si guarda a chi lo consiglia in politica estera. Numerosi rapporti indicano che il sancta sanctorum di Trump è composto da persone che rappresentano un ampio spettro di opinioni, dai campioni dell’America First come Steve Bannon e Richard Grenell, ai repubblicani mainstream come l’ex consigliere per la sicurezza nazionale Robert C. O’Brien, fino agli irriducibili della linea dura come il generale in pensione Keith Kellogg e l’ex segretario di Stato Mike Pompeo.

Qual è la posizione dell’ex e forse futuro presidente su questioni come Israele e Ucraina?

In una noiosa intervista rilasciata alla rivista TIME all’inizio di aprile, Trump ha limitato le sue critiche alla furia dell’IDF: “Penso che Israele abbia fatto una cosa molto male: le relazioni pubbliche”.

Quando gli è stato chiesto se avrebbe appoggiato Israele se fosse scoppiata una guerra tra Israele e Iran, ha risposto,

Sono stato molto fedele a Israele, più di qualsiasi altro Presidente. Ho fatto di più per Israele di qualsiasi altro presidente. Sì, proteggerò Israele.

Non sembrava che ci volesse un attimo per arrivare al “sì”?

Sulla questione dei finanziamenti all’Ucraina, Trump è stato, beh, Trump. Alla domanda di Eric Cortellessa del TIME se avrebbe continuato a fornire aiuti all’Ucraina, Trump ha risposto,

Cercherò di aiutare l’Ucraina, ma anche l’Europa deve andare lì e fare il suo lavoro. Non stanno facendo il loro lavoro. L’Europa non sta pagando la sua parte.

L’imminente Convention nazionale repubblicana di luglio offrirà a Trump l’opportunità, tralasciata nell’intervista al TIME, di chiarire da che parte sta realmente nel dibattito sulla politica estera del GOP.

Rapporto speciale: Le forze russe sfondano il confine di Kharkov, di SIMPLICIUS

Oggi saremo brevi, arrivando ai dettagli degli eventi in corso sul campo.

Secondo le informazioni che da molti mesi riferiamo sui disordini nel nord, la Russia ha finalmente lanciato l’assalto alla regione di Kharkov. Ma è importante chiarire molti malintesi sugli obiettivi.

In primo luogo, l’assalto è stato probabilmente più piccolo di quanto potesse sembrare all’inizio: più una ricognizione tramite fuoco o un gruppo di ricognizione avanzata, con la maggior parte dei danni causati dai fuochi e dai droni russi a lungo raggio. Tuttavia, ha catturato una mezza dozzina di piccoli insediamenti, per lo più abbandonati, sul lato ucraino del confine:

(Conosce la definizione di controffensiva?)

Non è ancora chiaro nemmeno quali unità russe abbiano partecipato, poiché ciò ci direbbe molto sul carattere e sulla natura degli eventi. Tuttavia, sembra possibile che fosse coinvolto il 1009° reggimento fucilieri a motore, che è subordinato all’11° corpo d’armata di Kaliningrad. Sono fondamentalmente truppe della flotta baltica e sono sul fronte di Belgorod almeno dall’inizio del 2023, avendo combattuto nella difesa di Kharkov prima di quella del 2022.

Dato che sono motorizzati e non meccanizzati, ciò che abbiamo visto oggi corrispondeva alla descrizione, poiché dal poco filmato disponibile sembrava che utilizzassero solo veicoli leggeri e pochissima armatura, con alcuni BMP. Inoltre, sappiamo che il Generale Lapin è al comando dell’intero fronte settentrionale, come ho riferito l’ultima volta che ha controllato le unità proprio prima che avvenisse questo attacco.

Di fronte a loro c’è la 42a Brigata Meccanizzata ucraina in difesa. Il 42esimo ha pubblicato video che distruggevano alcuni dei veicoli leggeri russi, che in realtà erano stati geolocalizzati ancora più in profondità rispetto alle sole città di confine catturate:

Le città al confine erano già per lo più nella zona grigia, quindi hanno incontrato per la maggior parte una leggera resistenza, anche se fonti russe hanno affermato che l’AFU ha subito molte vittime e, secondo quanto riferito, quasi due dozzine di prigionieri di guerra, con foto che mostrano alcune delle truppe catturate.

Si dice che le nuove fortificazioni ucraine che Zelenskyj stesso ha ispezionato a nord di Kharkov circa un mese fa siano molto più vicine alla città stessa, e quindi le forze russe non hanno dovuto nemmeno avvicinarsi a loro.

In effetti, fonti ucraine affermano che l’attacco consisteva semplicemente di 4-5 battaglioni:

Il fatto che sia stato utilizzato questo reggimento motorizzato senza molti equipaggiamenti pesanti è rivelatore. Ciò conferma le notizie secondo cui la Russia non è affatto vicina all’introduzione della sua “forza principale” nella regione, cosa che potrebbe avvenire molto più tardi, dopo che la Russia avrà testato le difese ucraine, rivelato le loro posizioni tramite ricognizione con il fuoco e poi ammorbidite con l’attacco aereo e attacchi con altri mezzi.

Fonti militari ucraine riferiscono che non solo la Russia ha forse una forza molto più grande che intende introdurre in seguito, ma che un’altra si sta radunando anche nella regione di Sumy:

Pettegolezzo:

⚡🇷🇺⚡️IMPORTANTE

🔴 Sembra che nelle prossime ore verrà aperta un’altra direzione per Sumy.

Le forze nemiche sono in piena prontezza al combattimento.

Stanno trascinando le riserve verso il confine.

🔴 Nel frattempo, il nostro esercito sta lavorando sulle concentrazioni nemiche.

Nelle prossime ore è previsto un assalto.

I nostri DRG hanno già iniziato a lavorare.

Preghiamo per i nostri Ragazzi⚡🇷🇺⚡

Ricordate che esattamente due mesi fa ho detto che avevo le mie fonti personali sul terreno che dicevano che il governo russo stava tranquillamente sgombrando i villaggi russi al confine di Sumy, con l’istruzione specifica di avere due mesi di tempo? L’ articolo è qui, del 25 febbraio , scrivevo:

Bene, quasi esattamente due mesi dopo, sembra che le cose stiano dando i loro frutti. Ritengo che l’azione attuale sia articolata in più fasi e a lungo termine. Ciò significa che non assisterete ad una guerra lampo lampo o a un tuono, ma piuttosto ad un’introduzione molto metodica di forze dal nord in punti chiave come girare le viti in una morsa.

La Russia probabilmente vedrà come l’Ucraina reagirà all’incursione di Kharkov, osserverà dove dispiegherà le sue riserve e agirà di conseguenza, con potenziali contingenti di Sumy e/o Chernigov che arriveranno molto più tardi.

L’obiettivo qui non è prendere Kharkov in tempi brevi. Ciò può accadere molto, molto più tardi in modo organico come sottoprodotto di obiettivi molto più urgenti, come tagliare il corridoio di Kupyansk per l’AFU. A poco a poco, la Russia si farà strada e circonderà Kharkov, che sarà assediata e probabilmente cadrà molto lentamente, forse anche entro la metà del 2025 circa. Non hanno fretta di catturarlo in tempi brevi poiché farlo non è necessario per il momento, né fornirebbe alcun vantaggio strategico riconoscibile.

Ricordate: gli obiettivi in ​​questo momento sono degradare e distruggere la manodopera delle AFU, non “conquistare il territorio” – tutto ciò avverrà come un sottoprodotto secondario naturale.

Nel frattempo, la Russia sta lentamente degradando la logistica nella regione:

Nuove immagini satellitari confermano la distruzione del ponte sul fiume Seversky-Donets presso la diga di Stary Saltov nella regione di Kharkov.

Coordinate: 50.07710811888536, 36.81177840025569

Questo ponte è stato fatto saltare in aria durante il ritiro delle forze russe dall’insediamento nel 2022, ma è stato restaurato e utilizzato dalle forze ucraine. Ora è stato nuovamente distrutto, il che influirà in modo significativo sulla logistica dell’esercito ucraino in questa direzione, poiché per aggirarlo dovrà o costruire attraversamenti più a monte del fiume o fare una deviazione di 20 chilometri.

E un altro nelle vicinanze a 50.305850, 37.074000:

Nel frattempo, i comandanti ucraini notano saggiamente che le azioni del nord sono semplicemente distrazioni e operazioni di riparazione per una campagna rafforzata attraverso il centro nella regione di Donetsk:

Questo è vero fino a un certo punto. Ma la guerra non è in bianco e nero. L’incursione a nord è di fatto per ora un’operazione di blocco , ma non è tutto. Fa parte della strategia del grande boa constrictor o “morte per mille tagli” che descrivo ormai da più di un anno, e su di essa verranno costantemente riversate più risorse finché il rivolo non si trasformerà in un diluvio. Dopodiché, sarà un fronte completamente formato e l’Ucraina avrà grossi problemi nella scelta di dove inviare le riserve.

Ma tutto ciò potrebbe verificarsi in un periodo di tempo più lungo. La Russia potrebbe anche congelarla qui per ora, a seconda di quante forze ha a sua disposizione, e semplicemente tenere occupate le AFU, oppure esercitare molta più pressione. È difficile saperlo con certezza poiché le stime variano su quanto sia realmente grande la forza totale “di retroguardia” nella regione di Belgorod, ma alcuni sostengono che ci sia una forza “nascosta” grande quanto 100-150.000 in attesa di essere spinta dentro e trasformata in una forza una vera e propria operazione di massa.

▪️“La Russia non ha le risorse per raggiungere Kharkov”

“Possono solo aggravare la situazione al confine”, rassicura gli ucraini Kovalenko, capo del Centro per la lotta alla disinformazione.

Per ora, i funzionari ucraini rimangono “fiduciosi”: non è molto, anche se ovviamente potrebbe essere solo una facciata di forza, nella speranza di evitare che il morale crolli.

Nel frattempo, l’asse Avdeevka-Ocheretino si sta deteriorando rapidamente, ed è proprio per questo che la Russia ha deciso di “girare ancora di più le viti”:

‼️POST UCRAINO‼️

La nostra fonte nello Stato Maggiore ha detto che la situazione nella direzione di Avdeevka continua a peggiorare, nei prossimi giorni saremo costretti a lasciare tre insediamenti per non cadere in un accerchiamento tattico. Il nemico continua a creare una testa di ponte che verrà utilizzata per un’operazione di accerchiamento del raggruppamento delle forze armate ucraine a Toretsk e Niu-York.

E a proposito, oggi sono state fatte nuove conquiste sul fronte di Kupyansk verso la città di Pishchane, il che rafforza l’idea che presto questo fronte potrebbe essere maggiormente attivato in conformità con la breccia settentrionale.

ISW ha definito i guadagni finora tatticamente “significativi”:

NOVITÀ: le forze russe hanno iniziato un’operazione offensiva lungo il confine russo-ucraino nell’oblast settentrionale di Kharkiv la mattina del 10 maggio e hanno ottenuto vantaggi tatticamente significativi. Questa è probabilmente la fase iniziale di un’operazione offensiva a nord della città di Kharkiv che ha obiettivi operativi limitati ma è destinata a ottenere l’effetto strategico di attirare manodopera e materiale ucraini da altri settori critici del fronte nell’Ucraina orientale.

Alcuni dalla parte dell’UA sottolineano il fatto che questo era ben noto in anticipo, con l’Ucraina che disponeva di buone ricognizioni e informazioni sulle disposizioni delle forze russe e sulle traiettorie generali degli obiettivi. Ciò intende sottolineare che l’Ucraina ha il controllo, poiché la Russia non ha “elemento sorpresa”.

Il problema con questo modo di pensare è che tutta la guerra moderna, ora lo sappiamo, non dipende più dall’elemento sorpresa. La Russia sa che l’Ucraina lo sa, e l’Ucraina sa che la Russia sa che l’Ucraina lo sa. È quel tipo di situazione e non importa. Nonostante il preavviso e le informazioni accurate, l’Ucraina non può fare nulla per gli eventi che stanno per accadere. Questa è una partita a scacchi e un gioco di numeri; puoi “sapere” molto bene che il costrittore ti sta stringendo sul petto, ma ci sarà poco che puoi fare al riguardo. L’Ucraina non avrà i mezzi per rispondere al costante aumento delle truppe e degli armamenti russi su ogni singola linea del fronte, che non potrà che estendersi sempre più a lungo man mano che la Russia introdurrà potenzialmente nuove brecce a Sumy, Chernigov e forse anche altrove: alcuni canali russi continuano a commerciare voci di una potenziale spinta dalla Bielorussia nella regione di Kiev come eventuale parte della cascata ormai iniziata.

Quindi sì, l’Ucraina saprà benissimo cosa sta facendo la Russia, ma questo non le consente in alcun modo di avere la situazione “sotto controllo”. Possono mandare le loro riserve a Kharkov, poi verranno inseguite in direzione di Pokrovsk. Se dovessero scegliere di “dividere la differenza” e fare metà e metà, allora si logorerebbero e travolgerebbero in entrambe le direzioni; è davvero così semplice. Ricordiamo tutte le citazioni degli ufficiali ucraini che ho pubblicato di recente in cui ammettevano di non avere la mobilità necessaria per eguagliare le tattiche russe di “colpisci la talpa”. La Russia può trasferire unità da una regione all’altra e ipnotizzare le AFU con “mille tagli” da ogni angolazione, e l’Ucraina semplicemente non ha l’infrastruttura logistica per continuare a tappare ogni buco. Più si allunga la parte anteriore, peggiore diventa il problema.

Tutto sommato, le cose si stanno svolgendo secondo i tempi previsti. Sembra che le offensive di primavera stiano iniziando proprio come tutti pensavamo, e ci sono buone probabilità che siano tempestive per esercitare la massima pressione su Zelenskyj che sarà in pericolo politico nel giro di pochi giorni/settimane, una volta che la sua legittimità si esaurirà. del mese.

Come nota finale, contrariamente alle prime notizie, il MOD russo non ha nemmeno riconosciuto ufficialmente né annunciato in alcun modo l’assalto di Kharkov, il che significa che per ora è chiaramente destinato a essere minimizzato e non è nemmeno vicino all’attacco principale. È un’ulteriore prova che questo è solo il primo sforzo di ricognizione e rimane ancora la questione se verrà effettuata presto una spinta molto più ampia, o invece un accumulo graduale e più moderato e la distruzione di incendi a lungo raggio per tenere occupate le AFU qui.

Continueremo a monitorare la situazione.

Your support is invaluable. If you enjoyed the read, I would greatly appreciate if you subscribed to a monthly/yearly pledge to support my work, so that I may continue providing you with detailed, incisive reports like this one.

Alternatively, you can tip here: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Che cos’è la geopolitica critica globale?_di Vladislav B. Sotirovic

Che cos’è la geopolitica critica globale?

Per la stragrande maggioranza degli analisti politici occidentali, dei giornalisti, degli scienziati e così via, la scomparsa dell’URSS nel 1990/91 è stata simboleggiata in modo drammatico dalla distruzione fisica del Muro di Berlino, seguita dalla rimozione/distruzione degli status/monumenti dedicati ai leader comunisti e all’ideologia comunista. Questo cambiamento geopolitico ha richiesto un nuovo ordine mondiale nelle relazioni internazionali (IR) e, di fatto, ha annunciato la pace globale, la democrazia internazionale e la sicurezza e stabilità mondiale negli affari esteri dopo la Guerra Fredda 1.0 (1949-1989). Il periodo della Guerra Fredda è stato un periodo storico che va dall’istituzione del patto NATO nel 1949 alla distruzione del Muro di Berlino nel 1989. In quel periodo, la politica globale era strutturata attorno a una geografia politica binaria che opponeva il capitalismo globale guidato dagli Stati Uniti al comunismo di tipo sovietico. Tuttavia, sebbene il mondo non abbia affrontato in quel periodo un confronto militare diretto (come nel 1962 durante la Crisi di Cuba) tra Est e Ovest, il periodo della Guerra Fredda 1.0 è stato testimone di gravi rivalità economiche, finanziarie, militari, politiche e soprattutto ideologiche tra le due superpotenze (nucleari) di allora (USA e URSS) e i loro alleati (NATO e Patto di Varsavia).

Secondo il noto concetto di “fine della storia”, che riflette la fine della Guerra Fredda 1.0, la battaglia globale dei quarant’anni precedenti – agli occhi della propaganda occidentale, la battaglia finale tra le libertà (occidentali) e l'”Impero del Male” (orientale) – era finita (almeno per qualche tempo). Il mondo sembrava unificato sotto il Nuovo Ordine Mondiale (diretto da Washington). Subito dopo il 1989, qualsiasi combinazione di multipolarità dell’ordine 1.0 post-Guerra Fredda in IR è stata intesa come un pericolo reale per la sicurezza globale.

Tuttavia, dal punto di vista della geopolitica critica, è stato suggerito che il mondo avrebbe presto perso la stabilità nelle IR che esisteva durante la Guerra Fredda 1.0 a causa dell’opposizione militare, politica e ideologica di due superpotenze e dei loro alleati. In altre parole, secondo questi critici, il Nuovo Ordine Mondiale dopo il 1989 perderà la chiarezza e la stabilità che aveva l’epoca della Guerra Fredda 1.0. Pertanto, il mondo post-1989 per quanto riguarda l’IR, secondo S. P. Huntington, sarebbe stato un mondo di affari esteri più simile a una giungla e con molteplici pericoli per la sicurezza globale, con trappole nascoste, spiacevoli sorprese e ambiguità morali. Un nuovo mantra in IR è iniziato dopo l’11/9 (2001), quando il Presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha posto linee chiare di bene e male sulla mappa politica globale.

Durante la Guerra Fredda 1.0, il mondo capitalistico “libero” combatteva contro il mondo comunista “non libero” (soprattutto se si viveva nella “terra promessa” degli Stati Uniti). L’Occidente “promesso” dimostrava l’inevitabilità della caduta dei Paesi sotto il “diavolo” comunista come un domino (un “effetto domino”), a meno che l’URSS non fosse contenuta dietro la cortina di ferro. Tuttavia, dopo il 1989, alcuni teorici politici offrirono nuove visioni della politica globale basate sul caos e sulla frammentazione, sostenendo che le minacce e i pericoli provenivano da più parti. Questa geopolitica globale critica è stata incorporata nella geografia immaginaria della guerra al terrorismo proclamata da G. W. Bush dopo l’11 settembre, quando l’amministrazione statunitense ha diviso nettamente il mondo in due metà, il che significa che ogni Stato era o per gli Stati Uniti o per i terroristi. Non c’era, infatti, uno spazio intermedio. Da una prospettiva più ampia, l’uso di immaginari geografici nella formazione di modelli politici globali (come quelli durante e dopo la Guerra Fredda 1.0) è solitamente inteso come geopolitica.

Dal punto di vista della geografia umana come disciplina accademica, la geopolitica è intesa come un elemento della pratica e dell’analisi dello statecraft che considera la geografia e le relazioni spaziali, che giocano entrambe un impatto cruciale nel processo di creazione delle IR. La realtà politica che riguarda l’IR deve prendere in seria considerazione alcuni quadri di leggi sia della geografia che della politica: per quanto riguarda la geografia, la distanza, la prossimità e la localizzazione, si intende che esse influenzano lo sviluppo dell’azione politica (ad esempio, la guerra). Dal punto di vista delle argomentazioni geopolitiche, l’impatto della geografia sulla politica si fonda sulla realtà geofisica, ma non sull’ideologia. Nella pratica storica sembra che la scienza geografica abbia un impatto prevedibile sull’azione politica.

Queste argomentazioni sono contestate da coloro che sostengono che le relazioni e le entità geografiche sono specifiche degli ambienti storici e culturali. Ciò significa che la natura dell’influenza della geografia sugli eventi politici può cambiare.

Dobbiamo ricordare che il termine geopolitica è stato storicamente utilizzato per la prima volta dal politologo svedese Rudolf Kjellen nel 1899. Tuttavia, il termine non era molto utilizzato prima dell’inizio del XX secolo. Tuttavia, la promozione da parte del geografo e stratega politico britannico Halford Mackiner dello studio della geografia come disciplina accademica per aiutare lo statecraft ha stimolato l’idea che la geopolitica possa influenzare i geografi a offrire un modo per influenzare l’IR. In sostanza, la geopolitica come disciplina di ricerca accademica si occupa della questione di quali fattori geografici possono plasmare le IR. Fondamentalmente, questi fattori geografici includono lo spazio continentale, seguito dalla distribuzione del paesaggio fisico e delle risorse umane. Per quanto riguarda la ricerca geografica, si prevede che alcuni territori siano più facili o più difficili da difendere. Inoltre, la nozione di distanza influenza la politica e alcune caratteristiche topografiche possono partecipare in modo significativo agli sforzi di sicurezza dello Stato, ma possono anche portare alla sua vulnerabilità.

Non si può mai dimenticare che la questione della sicurezza è sempre stata e sarà in futuro fondamentale per lo studio della geopolitica. Essa, in sostanza, significa il mantenimento dello Stato di fronte alle minacce, di solito provenienti da potenze esterne (aggressioni dall’esterno). Il punto cruciale è che i geopolitici sostengono di poter sostenere il concetto di sicurezza nazionale (statale) spiegando gli effetti della geografia di un Paese (e di quelli circostanti) e di potenziali conquistatori, sulle future relazioni politico-politiche di potere. In altre parole, gli esperti di geopolitica devono essere in grado di prevedere quali aree potrebbero rendere uno Stato più forte, aiutandolo a salire alla ribalta, e quali potrebbero lasciarlo vulnerabile. I geopolitici sostengono che la geografia è il fattore più importante dell’IR proprio perché è il più permanente. Di conseguenza, lo studio della geopolitica è considerato di natura molto pratica e il più oggettivo in materia di IR. Da questo punto di vista, è ben distinto dalla teoria politica.

Di solito, i geopolitici presentano il mondo e l’IR come un sistema chiuso fondato su relazioni interdipendenti tra attori politici, fondamentalmente Stati indipendenti. Accidentalmente o meno, l’interesse per la geopolitica come disciplina accademica in grado di spiegare il mondo e il sistema delle IR è nato in un momento in cui il mondo intero è stato esplorato dai colonizzatori imperialisti occidentali. Pertanto, ora il mondo è diventato disponibile per l’espansione territoriale ed economica degli Stati nazionali. Ben presto, intorno al 1900, la politica coloniale dell’Europa occidentale raggiunse il suo apice. In linea di principio, il colonialismo è inteso come il dominio di uno Stato nazionale (o di un’altra potenza politica) su un altro territorio occupato e subordinato e sul suo popolo. In origine, la geopolitica era intesa come lo studio che spiega e addirittura legittima la politica di colonizzazione e la creazione di imperi d’oltremare. In pratica, prima del 1945 la geopolitica in molti casi offriva agli Stati nazionali un modo per proteggere i loro possedimenti territoriali nel momento in cui (prima del processo di de-colonizzazione) le “terre vuote” (e la “terra incognita”) venivano occupate dagli Stati e dalle potenze dell’Europa occidentale (e di altri Paesi).

Dal punto di vista pan-globale, la tesi geopolitica più nota è quella del britannico Mackinder – “Heartland Thesis”. Secondo questa tesi, l'”Heartland” asiatico è un’area cardine della geopolitica globale. Chi controlla quest’area si assicura una posizione di primo piano nella politica mondiale e, quindi, il dominio globale. Questa “Pivot Area” è circondata dall'”Outer Rim” delle terre divise in due territori: 1) “Mezzaluna interna o marginale”; e 2) “Terre della mezzaluna esterna o insulare”). Se non ci fosse la resistenza dell’area dell'”Outer Rim”, che è vicina all'”Heartland”, una potenza occupante potrebbe facilmente arrivare a controllare prima l’Europa e poi il mondo. Secondo la tesi di Mackinder del 1919, il prerequisito per comandare l'”Heartland” è governare l’Europa orientale. Tuttavia, chi governa l'”Heartland” comanda l’Isola del Mondo, che è una precondizione per governare il Mondo.

L’analisi geopolitica di Mackinder sulla politica mondiale, tuttavia, aveva un compito molto pratico: aiutare l’imperialismo coloniale globale britannico. In altre parole, suggerì ai responsabili politici britannici di diffidare delle potenze che occupano l'”Heartland” e di stabilire una “zona cuscinetto” intorno al territorio dell'”Heartland” per prevenire l’accumulo di potenze che in futuro avrebbero potuto sfidare l’egemonia dell’Impero britannico sia all’interno che all’esterno della “Mezzaluna”. Il ragionamento geopolitico di Mackinder ebbe una certa influenza sia sulla politica estera britannica sia sull’immaginario popolare. Tuttavia, non tutti i geopolitici concordano con la conclusione di Mackinder secondo cui il luogo del potere globale è la terraferma: ad esempio, il geopolitico statunitense Mahan, invece del potere della terraferma, promosse il concetto di potere del mare, mentre altri più tardi promossero l’importanza del potere aereo. Ciononostante, ognuno di questi tre gruppi ha individuato diverse aree centrali da cui imporre il dominio politico, militare ed economico.

La nozione di geopolitica nel secondo dopoguerra era piuttosto negativa, poiché agli occhi di molti era associata alle politiche naziste di occupazione territoriale, espansionismo, Lebensraum, colonizzazione, olocausto e atrocità di guerra. In pratica, durante la Guerra Fredda 1.0, la geopolitica, espressa in puri modelli spaziali (geografici), è diventata obsoleta e fuori uso, almeno nella sua forma originale. Tuttavia, la teoria occidentale (americana) dell’Effetto Domino (reazione a catena di Stati che cadono in mano ai comunisti, come una fila di domino che cade) era essenzialmente legata al fattore territorio (geografia), in quanto la diffusione del comunismo/socialismo non era vista come un complesso processo politico di adattamento e conflitti, ma principalmente come un risultato diretto della vicinanza a un territorio governato dall’URSS. Il processo di reazione a catena non si sarebbe fermato, secondo questa teoria, finché non avesse raggiunto l’ultimo domino in piedi (gli Stati Uniti), facendo apparire inevitabile un’azione politica futura, a meno che non venisse intrapresa un’azione proattiva come un attacco preventivo.

Tuttavia, dopo il 1989 sono apparsi nuovi approcci alla geopolitica, solitamente definiti “geopolitica critica”. Per tutti loro, la questione comune è il rifiuto dell’oggettività e dell’atemporalità dell’effetto della geografia su alcuni processi politici, tra cui l’IR. A differenza dei geopolitici tradizionali, i sostenitori della geopolitica critica prendono in considerazione un ampio spettro di fattori che influenzano l’azione politica e le IR. Inoltre, la geopolitica tradizionale viene criticata perché prende in considerazione solo lo Stato o principalmente lo Stato come attore principale o addirittura unico nella politica internazionale, soprattutto al tempo della “turbo globalizzazione” dopo il 1989/1990 quando, chiaramente, altri attori e poteri sono coinvolti sia a livello sub-statale (come i gruppi etnici, regionali o basati sul luogo), sia a livello sovrastatale (come le corporazioni transnazionali o le organizzazioni internazionali come la NATO, l’UE, l’ONU, l’ASEAN, il NAFTA, i BRICS, l’OPEC, l’Unione Araba, l’Unione Africana, il Consiglio d’Europa, ecc. ).

Va sottolineato che i geopolitici critici sono particolarmente interessati a mettere in discussione il linguaggio della geopolitica, ovvero il cosiddetto “discorso geopolitico”. Per i geopolitici, il discorso è un modo di parlare, scrivere o rappresentare in altro modo il mondo e le sue geografie. Il discorso è semplicemente visto come un modo di rappresentare il mondo – il modo in cui sta, di fatto, plasmando la realtà del mondo, piuttosto che essere solo un modo di presentare una realtà che esiste al di fuori del linguaggio. L’espressione linguistica può essere problematica in quanto il linguaggio è metaforico e, quindi, in primo luogo viene compreso in modo diverso dagli ascoltatori/lettori e in secondo luogo orienta l’opinione degli altri. Esiste sempre una scelta di parole, espressioni e metafore e il tipo di termini utilizzati influisce sul significato di ciò che viene descritto. Per esempio, i membri di alcune organizzazioni possono essere descritti come “terroristi” o “combattenti per la libertà”. Per comprendere correttamente il carattere e gli obiettivi della loro attività politica, quindi, molto dipende dalla descrizione linguistica che se ne fa. Di conseguenza, esiste una politica del linguaggio.

La geopolitica critica si fonda sulle preoccupazioni postmoderne per la politica della rappresentazione. Per i sostenitori di questo approccio, la geografia politica non è una raccolta di fatti indiscutibili ma, al contrario, riguarda il potere. Ciò significa che la geografia politica non è un ordine o un fatto, ma che gli ordini geopolitici sono creati da individui di spicco e dalle principali istituzioni e poi imposti in tutto il mondo. La geografia politica è il prodotto di un contesto culturale seguito da una motivazione politica. Uno dei punti focali della geografia critica di oggi è che esamina la questione del perché la politica internazionale sia solitamente compresa dal punto di vista dello spazio o semplicemente attraverso gli occhi della geografia. Di conseguenza, la geopolitica critica cerca di scoprire le politiche coinvolte nella scrittura della geografia dello spazio globale. Questo processo è chiamato “geo-grafismo” (scrittura della terra) per utilizzare il processo di ragionamento geografico al servizio pratico di poteri politici e non.

La geopolitica critica non è tanto interessata ai problemi geopolitici classici, come i veri effetti della geografia sulle relazioni internazionali (ad esempio se le potenze terrestri, marittime o aeree sono le più influenti). Piuttosto, i geografi critici indagano su quali modelli di geografia internazionale vengono utilizzati e, soprattutto, su quali interessi questi modelli servono. Per loro, il potere dipende essenzialmente dalla conoscenza e, quindi, la conoscenza ha un impatto cruciale sull’azione politica. Esempi di come la scienza (la conoscenza) possa essere usata in politica sono i casi di Mackinder, che voleva contribuire a mantenere le colonie imperiali britanniche d’oltremare e, quindi, la sua egemonia sugli affari mondiali, e di Mahan, uno storico navale, che era interessato a costruire la Marina degli Stati Uniti per favorire la creazione dell’Impero americano.

I sostenitori della geopolitica critica tendono ad analizzare l’impatto della geografia in qualsiasi descrizione del mondo o delle sue parti da un punto di vista politico: ad esempio, descrivere o prevedere la politica estera di uno Stato nazionale significa, di fatto, essere impegnati nella geopolitica. Qualsiasi descrizione geopolitica può influenzare la percezione politica. Ad esempio, la conoscenza di altre regioni e del carattere dei loro abitanti, descritta in un particolare modo politico-ideologico, può essere significativa per l’azione politica: usare costantemente i termini “Impero del Male” o “Asse del Diavolo” per descrivere un paese e la sua leadership politica, serve a legittimare la sua politica estera e le sue azioni militari.

L’affermazione principale dei sostenitori della geopolitica critica è che le argomentazioni geopolitiche convenzionali o tradizionali sono troppo di natura pro-geografica. Contrariamente ai geopolitici tradizionali, i loro colleghi della geopolitica critica preferiscono ridurre il fattore spazio e luogo (il che significa non preoccuparsi in modo cruciale di comprendere e analizzare i processi geografici) a concetti o ideologie. L’ideologia, nella prospettiva stessa della geografia critica, può essere intesa come un significato che serve a creare e/o mantenere relazioni di dominio e subordinazione, attraverso forme simboliche. Per quanto riguarda la politica internazionale, la geopolitica critica sostiene che la geopolitica non è semplicemente legata alla funzione di descrivere o prevedere la forma delle IR. Tuttavia, la geopolitica deve essere focalizzata sul modo in cui l’identità si forma e si sostiene nelle società contemporanee (multi e ibride).

In conclusione, possiamo dire che la geopolitica continua a essere una potente forma di ragionamento geografico, ma utilizzata a sostegno di potenti interessi politici. La geopolitica può creare mappe “morali” del mondo e individuare i nemici dello Stato-nazione. Tuttavia, la geopolitica critica rappresenta una sfida significativa all’immaginario geopolitico tradizionale dell’IR e della politica globale, offrendo un altro modo per immaginare connessioni alternative tra i diversi gruppi umani nel mondo.

Dr. Vladislav B. Sotirovic
Ex professore universitario
Ricercatore presso il Centro di Studi Geostrategici
Belgrado, Serbia
www.geostrategy.rs11
sotirovic1967@gmail.com © Vladislav B. Sotirovic 2024

Disclaimer personale: l’autore scrive per questa pubblicazione a titolo privato e non rappresenta nessuno o nessuna organizzazione, se non le sue opinioni personali. Nulla di quanto scritto dall’autore deve essere confuso con le opinioni editoriali o le posizioni ufficiali di altri media o istituzioni.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Ge Zhaoguang: immaginare una narrazione storica globale

Ge Zhaoguang: immaginare una narrazione storica globale

  • 葛兆光Charles Ge Shao GuangDirettore dell’Istituto di letteratura e storia dell’Università Fudan, Taoismo e cultura cinese, Casa della Cina

[Testo/George Siu-kwong]

Il programma audio “Storia globale dalla Cina”, iniziato nel giugno 2019 e durato due anni e mezzo, è stato trasmesso. Oggi vorrei parlare di “Storia globale dalla Cina: immaginare una narrazione della storia globale”.

Perché abbiamo bisogno di “prevedere una narrazione della storia globale”? In primo luogo, perché in Cina non abbiamo ancora una storia globale relativamente completa scritta da noi stessi; in secondo luogo, tra le varie storie globali del mondo, non ce n’è ancora una che parta dalla Cina o che la guardi attraverso gli occhi dei cinesi; in terzo luogo, stiamo ancora brancolando nel processo e abbiamo ancora molti rimpianti e problemi. Ecco perché è “previsto”.

1. Introduzione: dalla congettura di Samsungdui

Innanzitutto, vorrei iniziare con lo scavo archeologico di Sanxingdui, che di recente ha attirato particolare attenzione. Come tutti sappiamo, nel marzo 2021 la China Central Television (CCTV) trasmetterà in diretta lo scavo di Sanxingdui. In Cina, con l’irradiazione e l’influenza dell’emittente televisiva nazionale per riferire sullo scavo di un sito con così tanta potenza, ci deve essere un retroscena e uno scopo dietro. Questo non ci interessa.

Tuttavia, come avrete notato, negli scavi archeologici del sito di Sanxingdui, le statue di bronzo di figure in piedi, le maschere longitudinali di bronzo, le maschere d’oro e gli scettri d’oro di cui ci occupiamo ora sono molto diversi dagli oggetti portati alla luce nei siti dello Yin Shang e dello Zhou occidentale, che in passato si trovavano nell’area centrale delle pianure centrali. Oppure, in effetti, ci sono molte sorprese, tra cui l’avorio e altri oggetti portati alla luce in questa fossa sacrificale, che riteniamo molto interessante.

Manufatti appena scavati in mostra al restauro del Museo di Sanxingdui a Guanghan, nella provincia di Sichuan, 5 dicembre 2021; nella foto una maschera d’oro appena scavata (parziale)

Permettetemi di introdurre brevemente Sanxingdui. Quello che forse non sapete è che i primi scavi di Sanxingdui coinvolsero degli stranieri; nel 1934, un uomo di nome David Crockett Graham (1884-1962), che all’epoca si trovava a Huaxi, collaborò con un cinese, Lin Mingjun, e trovò qualcosa di molto sconvolgente. Gli scavi sono poi proseguiti nel 1958, non solo ora. Naturalmente, è stato nel 1980-1981 che è stato chiamato Sanxingdui e gli è stata dedicata un’attenzione particolare. Solo nel 1986 fece scalpore il ritrovamento di bronzi molto strani nella prima e nella seconda fossa sacrificale.

La domanda è: come definire la cultura di Sanxingdui? È una cultura Shu, un ramo della cultura delle Pianure Centrali o una cultura regionale sotto l’influenza di culture straniere? Si tratta di un dibattito molto ampio. Come forse sapete, il Sichuan è un luogo molto strano, e sono sempre stato curioso di sapere se i cosiddetti barbari sud-occidentali dello Yunnan, del Guizhou e del Sichuan non siano così strettamente legati alle Pianure Centrali e se, al contrario, abbiano maggiori interazioni con alcuni luoghi esterni alla regione. Forse ne abbiamo sentito parlare, “I registri del Grande Storico” registrano la missione di Zhang Qian nelle regioni occidentali, che ha scoperto che nel Sichuan ci sono canne di bambù Qiong e stoffe Shu. Pertanto, Zhang Qian suggerì all’imperatore Wu di Han che poteva esserci un’altra via dal Sichuan all’India, così l’imperatore Wu di Han inviò quattro missioni attraverso lo Yunnan per cercare una via per l’India. Naturalmente, queste quattro missioni non riuscirono a portare a termine la loro missione e tornarono indietro invano. Ma questo dimostra esattamente che durante la dinastia Han occidentale, o anche prima, poteva esserci un passaggio dal Sichuan alla Birmania e all’India, e che questo passaggio avrebbe portato a una cultura nel Sichuan che potrebbe non essere la stessa di quella delle pianure centrali?

Se siete stati a Meishan, forse saprete che nelle tombe a rupe di Pengshan si trovano le prime statue buddiste in pietra della Cina, che secondo gli archeologi sono addirittura precedenti a quelle delle pianure centrali. Non provengono forse dall’Asia centrale, dalla regione occidentale? Pertanto, la comunità accademica ha la Via della Seta sud-occidentale. Si dice che la Via della Seta sud-occidentale passi attraverso due strade: una da Chengdu, attraverso la strada Lin Qiong, la strada Shiyang fino allo Yunnan, attraverso l’Aigong verso sud; l’altra da Yibin, attraverso la strada Bo fino a Juti, e poi a Dali, Yongchang. Come tutti sappiamo, la strada che porta dal Sichuan allo Yunnan, passando per il Myanmar e l’India, non è uguale a quella di qualsiasi altro luogo della Cina: le sue catene montuose, come i monti Hengduan, sono orientate in direzione nord-sud e i tre fiumi, il fiume Nu, il fiume Lancang e il fiume Jinsha, sono anch’essi orientati in direzione nord-sud, a differenza dell’orientamento est-ovest di montagne e fiumi in altre parti della Cina.

Pertanto, lungo la cosiddetta “Tea Horse Road” e, più tardi, lungo strade come la Stilwell Highway, tutte le strade possono condurre verso l’esterno in direzione nord-sud. Ecco perché alcuni hanno concluso che questo luogo, il Sichuan, aveva qualcosa a che fare con l’ovest e il sud in una fase molto, molto precoce. C’è un’altra cosa che posso menzionare: forse i colleghi non hanno letto “La storia dello zucchero” di JI Xianlin. La Storia dello zucchero” racconta un fatto molto importante, ovvero uno degli snodi più importanti della produzione di zucchero in Cina. La leggenda narra che durante la dinastia Tang medio, un monaco straniero chiamato Monk Zou venne nel Sichuan e fu lui a portare in Cina l’avanzatissima tecnologia di produzione dello zucchero, che era la migliore dell’India. Pertanto, in termini di collegamenti esterni, la Cina sud-occidentale, compreso il Sichuan, ha sempre avuto qualcosa di diverso dalle pianure centrali.

Il motivo per cui voglio parlare così tanto di Sanxingdui è che voglio dire che quando le persone si trovano di fronte alle rovine di Sanxingdui, ci sono due tipi di premesse di giudizio in Cina, sia nel circolo accademico, che in quello politico o nei media. Sappiamo tutti che Fei Xiaotong ha detto “pluralismo e unità”, ma si tratta soprattutto di pluralismo o di unità? Esiste una premessa di giudizio che si concentra sull'”unità”. In altre parole, fin dai tempi antichi, la nazione cinese ha una lunga storia, non solo uno sviluppo indipendente, ci sono molti rami, Ba Shu è un ramo, questo è un tipo. Tuttavia, c’è un altro tipo di attenzione alla “pluralità”, che sottolinea come la pluralità significhi che questo gruppo etnico, questa cultura proviene da tutte le parti, ed è composta da una varietà di culture diverse che si mescolano, si intrecciano e si fondono costantemente. Entrambi sembrano parlare di “unità nella diversità”.

Nel 1990, l’invenzione di Fei Xiaotong di questo concetto è stata notevole in quanto ha incorporato le connotazioni del conflitto nello stesso concetto. Ma in realtà, dopo tutto, questa è solo una teoria, gli storici cinesi hanno sempre due facce: una parte sottolinea l’indipendenza, l’inclusività e l’universalità della nazione e della cultura cinese, e usa la successiva “nazione cinese” per guardare indietro alla storia; l’altra parte cosa sottolinea? Sottolinea la diversità della cultura cinese, l’esotismo e l’integrazione, e la nazione cinese, la civiltà cinese come processo storico. Quindi, qual è l’impatto o l’illuminazione maggiore che lo scavo di Sanxingdui ha dato alla storia globale o alla storiografia? Si tratta di considerare queste domande: quanto non sappiamo delle antiche connessioni umane nel corso della storia e se abbiamo sottovalutato le antiche connessioni e i movimenti umani.

Ovviamente, la controversia o il dibattito causati da Sanxingdui, non importa se si tratta di addetti ai lavori o di esterni, la preoccupazione principale nel cuore di molte persone è da dove provengono queste strane cose a Sanxingdui? È legato all’Asia occidentale? Non è legato all’Asia meridionale? Vedete che lo scettro non è mai stato, non ha nulla a che fare con lo scettro dell’Asia occidentale e del Nord Africa? Questa maschera non sembra essere come le nostre cose tradizionali cinesi, è influenzata da paesi stranieri? Pertanto, lo scavo di Sanxingdui, a prescindere dalle conclusioni, ha un grande significato: forse la prima connessione globale non è così scarsa come si pensava all’inizio, ci possono essere molte, molte connessioni tra le diverse parti del mondo, e questo è un punto che voglio sottolineare.

Questo ha a che fare con la storia globale.

2. Il globo è collegato da molto tempo, solo che la storia non l’ha registrato.

La domanda successiva è quindi la seguente: in realtà, il globo è stato a lungo connesso l’uno con l’altro, solo che la storia non ne ha registrato la presenza.

Come tutti sappiamo, “storia” ha due significati: uno è qualcosa che è accaduto prima e l’altro è qualcosa che è stato registrato. Se non è stata registrata, non c’è storia? In effetti, c’è.

A proposito, qual è uno dei temi più caldi della comunità accademica internazionale, o della comunità archeologica internazionale, negli ultimi 20 o 30 anni? Si tratta di un sito in Turchia chiamato Çatalhüyük, noto anche come l’antico tumulo di Gatay. Quanto è antico questo sito? Non possiamo nemmeno pensarci, ha un’età compresa tra i 9.200 e gli 8.400 anni. Siamo impressionati da quanto sia bello e quanto sia più sviluppato di quanto pensassimo.

Situata nell’attuale Turchia, la città diCatalan Moundscopre un’area di 6 ettari. È composta da 1.000 case vicine tra loro e non ha strade (Foto: Internet)

Come può qualcosa di 9.000 anni fa essere così bello e così sviluppato? Per esempio, c’è una statua di una donna con due ghepardi in mano. In Cina esistono anche le cosiddette statue di dee, come la dea della gravidanza nella cultura di Hongshan, ma sono troppo rozze, mentre questa statua di Kataiguqiu è così squisita che è difficile immaginare quanto fosse avanzata la cultura di 9.000 anni fa. Alcuni studiosi affermano che lo scavo del tumulo di Kataiguchi ha portato un impatto molto grande sugli ambienti storici attuali, è vero che molte culture dell’Asia centrale, dell’Asia orientale, del Nord Africa e persino dell’Europa hanno molto a che fare con la cosiddetta zona della mezzaluna in Asia occidentale, in Turchia e nel bacino dei Due Fiumi?

Non osiamo dirlo perché non abbiamo le prove, ma ora abbiamo visto alcuni frammenti di informazioni che dimostrano che l’antica Cina aveva molti collegamenti con il mondo esterno. Nel programma “Storia globale dalla Cina”, abbiamo parlato del grano proveniente dall’Asia occidentale, della fusione del bronzo proveniente dalle steppe settentrionali e di altre cose.

Facciamo un esempio. In una tomba Zhou occidentale riportata alla luce a Xi’an, c’era un oggetto in bronzo con immagini di animali a spirale posti su un carro che in realtà era quasi identico a un ornamento in bronzo sulla testa di un cavallo riportato alla luce in un altopiano del Luristan in Iran nel 1000 a.C.. Nello Shanxi, anche i fili di perline di onice e giada portati alla luce nella tomba del marchese di Jin a Qucun-Tianma sono molto simili a quelli trovati nelle prime tombe dei popoli nomadi della steppa. Lo studioso americano Rechard Barnhart ha raccontato una storia affascinante nel 1999. Nella tomba del re di Nan Yue a Guangzhou (morto nel 122 a.C., probabilmente contemporaneo di Zhang Qian e Sima Qian), c’è una scatola d’argento in stile persiano simile ai vasi trovati nella tomba del re Mida di Frigia, costruita nel 700 a.C. e scavata nell’attuale Turchia; e c’è anche una coppa di giada angolare in stile persiano-greco, simile alle coppe di giada dei contemporanei greci e iraniani. Anch’essa è nello stesso stile dei vasi di giada dei contemporanei greci e iraniani. Secondo l’autore, i percorsi e le cronache dei primi anni dell’Oriente e dell’Occidente sono una delle storie più interessanti per il futuro dell’archeologia cinese.

Se si esaminano questi frammenti di prove, si può notare che forse stiamo sottovalutando la capacità di movimento delle persone in quell’epoca e la capacità di diffusione della tecnologia e della conoscenza in quell’epoca.

Gli antichi cinesi hanno un’abitudine, sentono sempre che io sono Huaxia, è la discendenza dell’Imperatore Giallo, la comunità è dai primi vecchi lentamente allevata, voi siete i figli e i nipoti dell’Imperatore Çu, lui è i figli e i nipoti di Zhuanxu, e anche quei “barbari” sono anche contati come i figli e i nipoti di Chi, comunque, dall’Imperatore Giallo, in modo che siamo tutti una serie di bambini. Questa immaginazione storica è il modo in cui Sima Qian fa le cose, perché ha scritto i “Registri storici” nel periodo dell’unificazione degli Han occidentali, quindi tutti i luoghi della Cina, tutte le culture sono scritte come una famiglia dello stesso respiro. I Registri del Grande Storico costituiscono una narrazione unificante della prima razza cinese, ma in realtà non è così semplice: le origini dei vari gruppi etnici sono probabilmente molto complesse, e il flusso di culture e la mescolanza di nazionalità sono molto forti, non tutti provengono dall’Imperatore Giallo, e “raccomando Xuan Yuan con il mio sangue” è solo un’immaginazione letteraria.

La tradizione della storiografia giapponese non è proprio uguale a quella cinese. Nel 2020 ho trascorso otto mesi all’Università di Tokyo e ho chiacchierato spesso con studiosi giapponesi. Gli studiosi di storia giapponese sono concordi nell’affermare che i giapponesi dell’epoca Jomon erano asiatici del sud-est e quelli dell’epoca Yayoi erano asiatici del nord-est e che i primi giapponesi provenivano dal sud-est asiatico. Ecco una domanda: attraverso il vasto oceano, come ha fatto un gran numero di asiatici del sud-est a raggiungere il Giappone e a diventare gli antenati dei giapponesi? Non preoccupiamoci di questo. Infatti, vediamo che un po’ più tardi nella storia giapponese si registrano i secoli VI e VII del Giappone e del Sud-Est asiatico: per esempio, nel 654, ci sono dall’odierna India meridionale e dall’odierna Thailandia, vicino a Bangkok, alcune persone, dal mare al Giappone Chikushi, cioè Fukuoka, Kyushu.

Gli archeologi, gli antropologi e gli storici giapponesi affermano inoltre che i primi Jomon avevano qualcosa in comune con i popoli del Sud-Est asiatico: pelle scura, doppie palpebre, orecchie più corte e umide. Ma gli Yayoi sono arrivati dall’Asia nordorientale attraverso la Corea del Nord e sono molto legati alla Cina. Queste persone sono più alte, hanno la pelle più chiara, hanno una sola palpebra e il cerume è secco. Questi due tipi di persone si mescolano costantemente per formare l’attuale popolo giapponese. Gli studiosi giapponesi ritengono che gli asiatici del sud-est e gli asiatici del nord-est si siano mescolati per formare il successivo popolo Yamato nel III secolo a.C., che equivale alla fine del periodo degli Stati Combattenti in Cina. Abbiamo quindi sottovalutato l’abilità marinara degli esseri umani dell’epoca, che furono effettivamente in grado di viaggiare in lungo e in largo per raggiungere il Giappone e infine stabilirsi?

Una delle affermazioni più influenti è che gli accademici giapponesi sono soliti suggerire che nel quinto e sesto secolo anche il popolo giapponese ha subito un grande cambiamento, e che anzi il popolo giapponese successivo è stato in gran parte il risultato di questo grande cambiamento. In cosa consisteva questo cambiamento? Il fatto che gran parte dei giapponesi proveniva da popoli che praticavano l’equitazione; in Giappone esiste un libro molto famoso, “Stati-nazione che praticavano l’equitazione”, scritto da un famoso studioso, Hideo Egami (1906-2002). Egli ha visto sulle ceramiche giapponesi del V secolo circa esattamente gli stessi segni presenti sulle ceramiche dei Paesi della steppa. Pertanto, secondo Hideo Egami, il Giappone ha subito un battesimo di popoli a cavallo prima della formazione dell’antico Stato giapponese nel VI e VII secolo. Pertanto, i giapponesi si sono formati dalla sovrapposizione di asiatici del Sud-Est, asiatici del Nord-Est e popoli che cavalcavano.

Unacoppa Kotobuko rinvenuta nel VI secolo presso il tumulo di Haku Sore Shinzuka, città di Maono, prefettura di Nagano(Foto: Tokyo National Museum)

Se ci pensate, nella storia della formazione del popolo giapponese potete vedere che in realtà gli esseri umani erano piuttosto mobili e che i primi esseri umani erano molto interconnessi.

Prendiamo un esempio successivo. Ho menzionato il globo di Zamaruddin nella conclusione della sesta stagione, che è registrato nello Yuan Shi – Astronomical Records come “Bitter Laiyi A Son”, che è probabilmente la lingua degli occidentali. Il mappamondo di Zamaruddin è precedente a tutti i mappamondi che si possono vedere in epoca moderna e i documenti sono molto chiari: il legno viene trasformato in una palla rotonda, poi si disegnano tre parti della terra e sette parti dell’acqua e si tracciano piccoli pozzi quadrati come linee di latitudine e longitudine. Quindi, pensiamoci bene, quando Zamaruddin realizzò questo mappamondo, la dinastia Song meridionale non era ancora caduta, negli anni ’60 del XIII secolo. Ma a quell’epoca, è possibile che una conoscenza così avanzata dell’universo provenisse dall’Occidente? Il primo mappamondo che vediamo oggi è di duecento anni successivo a questo, nascosto a Norimberga, realizzato da un cartografo tedesco. Questo mappamondo aveva la terra nell’emisfero orientale, mentre l’emisfero occidentale era ancora un mare. Allora mi sono chiesto: questo persiano di nome Zamaruddin, da dove ha preso queste conoscenze? Le sue conoscenze provenivano dall’Arabia? L’idea della terra esisteva già in Arabia a quel tempo? Non capiamo un po’ meno della diffusione della conoscenza del mondo in quell’epoca?

Ebbene, ora ci concentreremo su un esempio, ovvero la “Mappa delle capitali della dinastia Joseon” della dinastia Joseon. Si tratta di una mappa molto importante, che fu disegnata nel 1402, quarto anno del regno di Jianwen della dinastia Ming. La mappa si basa su due mappe della dinastia Yuan, ma quali sono le meraviglie di queste due mappe?

La mappa delle capitali delle dinastie successive del Jiyi Keri, oggi conservata presso la Biblioteca dell’Università di Ryukoku (Fonte: Internet)

Quando si guarda questa mappa, bisogna osservare in particolare il lato sinistro. C’è l’Africa nella mappa e si può vedere questo triangolo rovesciato, anche se non è disegnato con precisione, è disegnato più piccolo, ma la condizione del triangolo rovesciato è chiara, e alcuni dicono che la parte con l’acqua è la regione dei Grandi Laghi nell’Africa meridionale, e questa è un’ipotesi. Ma la parte superiore, con l’aggiunta della penisola arabica simile a un naso, è disegnata con precisione. Anche il Nilo, l’Eufrate e il Tigri sono chiaramente disegnati. Ancora più sorprendente è la presenza di Roma e Parigi.

Questa mappa ha fatto particolarmente scalpore. Perché? Perché a quell’epoca Zheng He non era ancora salpato verso l’Occidente; Zheng He salpò verso l’Occidente nel 1405, ma questa mappa fu disegnata nel 1402, e molti dei nomi dei luoghi qui riportati possono essere verificati uno per uno. Ad esempio, Roma è scritta come Marou e Parigi è scritta come Farnese. Alcuni si chiedono anche come faccia a sapere che l’Africa è un triangolo rovesciato. All’epoca, gli europei non avevano ancora doppiato il Capo di Buona Speranza, quindi questa mappa è oggi un grande mistero. La mappa è ora conservata presso l’Università Ryukoku di Kyoto, in Giappone, e alcuni hanno ipotizzato che la mappa possa essere stata presa dai giapponesi in Corea durante la guerra di Imjin. Quella che stiamo utilizzando è una copia realizzata da Takuji Ogawa (1870-1941), professore dell’Università Imperiale di Kyoto. Forse non conoscete Ogawa Takuji, ma forse conoscete uno dei suoi figli, Hideki Yukawa (1907-1981), il primo premio Nobel giapponese per la fisica.

Questa mappa ci dice che nell’antichità si diffondeva molta conoscenza e che nell’antichità c’erano molte persone che diffondevano ogni tipo di conoscenza in tutto il mondo. In realtà, le connessioni globali esistono da molto tempo, solo che non sono state notate o registrate. Ci sono sempre più esempi di questo tipo, se si presta attenzione. Per esempio, se andate a Samarcanda, in Uzbekistan, e nella Sala degli Ambasciatori di Samarcanda c’è un murale dell’imperatore Gaozong della dinastia Tang e di Wu Zetian, ci credereste? E temo che questo murale sia ancora della dinastia Tang, ed è ancora lì.

Nel 1965, un’équipe archeologica sovietica ha scavato le pitture murali della Sala degli Ambasciatori del re Fu Huaman di Suat nella stanza del sito di Samarcanda Afrasiab 23. Secondo la ricerca, le pitture murali della parete nord raffigurano l’imperatore Gaozong della dinastia Tang a caccia di leopardi e la barca a forma di drago di Wu Zetian, raffiguranti scene di vita reale della dinastia Tang (Photo credit: National Geographic Chinese)

Prendiamo l’ultimo e più recente esempio dell’ampiezza delle connessioni globali. Come abbiamo detto nella sesta stagione del programma, l’olandese Grozio scrisse La libertà dei mari, che, come tutti sappiamo, ha avuto una fortissima influenza sul successivo diritto del mare, un evento importante nella storia globale. A quel tempo, Spagna e Portogallo, sotto l’egida del Papa, dividevano il mondo in due parti, con un paese che governava una parte. Ma l’ascesa degli olandesi ha abbandonato, perché la Spagna e il Portogallo a dividere il mare, sono venuto anche. Grozio scrisse una “Teoria della libertà del mare”, cioè che il mare era aperto a tutti i commerci.

Ma dobbiamo sapere perché Grozio scrisse “Un trattato sulla libertà dei mari” e dove si trova l’origine della questione. È successo nel Mar Cinese Meridionale, nell’Asia orientale. A quel tempo, i portoghesi stavano facendo affari con la Cina e avevano ricevuto molte cose su una nave chiamata “Santa Catarina”. La nave salpò dalla Cina per Malacca e fu sequestrata dagli olandesi. Gli olandesi portarono la nave ad Amsterdam e la misero all’asta, perché il mare è libero, quindi se lo prendo, lo prendo, giusto? Di conseguenza, i portoghesi e gli spagnoli si fermarono e vollero combattere con voi. Grozio scrisse “Sulla libertà dei mari” per questa questione. Come si può vedere, la libertà dei mari, che fu cruciale per l’Europa, e naturalmente la successiva Pace di Westfalia, erano tutte legate a Grozio. Il motivo per cui Grozio ebbe questa idea fu un evento accaduto in Oriente.

Pertanto, dobbiamo ricordare che lo scopo della nostra storia globale è quello di dimostrare che fin da tempi molto, molto remoti, noi esseri umani siamo stati connessi gli uni con gli altri e che abbiamo condiviso un mondo prima dell’era della globalizzazione ed eravamo persone sullo stesso pianeta. Per questo motivo ho sottolineato che la storiografia in origine aveva due obiettivi, ma oggi diamo importanza solo a uno. Qual era la cosa principale di cui si parlava nella storia? Narrare la storia degli Stati-nazione, costruire l’identità degli Stati-nazione e coltivare il patriottismo nel nostro linguaggio comune. Tuttavia, forse abbiamo trascurato il fatto che la storia ha anche un altro ideale, che è quello di dirvi che gli esseri umani sono interconnessi, che condividono lo stesso pianeta e che dovreste avere un senso di cittadinanza globale, che è il significato della storia globale.

Ecco perché, in questo programma “Storia globale dalla Cina”, poniamo un’enfasi particolare su questa connessione globale.

3. La storia globale come distinta dalla storia mondiale: al di là degli imperi, delle nazioni e delle comunità.

Quando si è formata la storiografia moderna, si è iniziato a scrivere la storia del proprio popolo e del proprio Paese, ma come descrivere la storia al di là del proprio Paese? Parleremo ora del perché la storia globale è diversa dalla storia mondiale e perché la storia globale è una storia che trascende gli imperi, le nazioni e i gruppi etnici.

La tradizione di scrivere la storia incentrata sullo Stato o sulla dinastia è molto antica, ma la tradizione di scrivere una storia globale del mondo è molto tardiva. Nella storiografia cinese tradizionale, la storia era principalmente incentrata sulla Cina e la storia dei Paesi vicini era posta in una posizione subordinata. Pertanto, ritengo che a partire dallo Shiji (Registri del Grande Storico), la storiografia cinese abbia creato una tradizione di “prendere la dinastia centrale come centro e i quattro popoli vicini come subordinati”. Sima Qian scrisse “I resoconti del Grande Storico”, principalmente sulla storia della dinastia centrale tradizionale fin dai tempi antichi, ma scrisse anche degli Unni, dei Dawan, della Corea, del Vietnam del Sud e dei Barbari del Sud-Ovest, ma il mondo circostante è molto piccolo e l’inchiostro non è molto. È una tradizione dei libri di storia cinesi, soprattutto della storia principale, che la descrizione della storia straniera non sia così adeguata e sia spesso stereotipata.

Ma alla fine della dinastia Qing, quando arrivarono le navi e le armi occidentali e la Cina fu costretta a impegnarsi nel mondo, le cose cominciarono a cambiare. Chi furono le persone che portarono in Cina la tradizione della storia mondiale? In primo luogo, furono i missionari occidentali, come Guo Shilah agli inizi, che pubblicarono il Compendio delle nazioni antiche e moderne nel 1838. In seguito, Morrison scrisse anche A Brief History of Foreign Countries (Breve storia dei Paesi stranieri) e nel 1880 la Shanghai Declaration House pubblicò le Historical Records of Ten Thousand Nations del giapponese Okamoto Supervisor (1839-1904), che portò in Cina la moderna storia del mondo occidentale.

Che cos’è la moderna tradizione occidentale della storia mondiale? Come tutti sappiamo, anche la storia mondiale dell’Occidente è una tradizione che si è formata in epoca moderna, incentrata sui moderni Paesi europei e che sintetizza la storia di ogni Paese nella storia di tutte le nazioni. Questa tradizione ha avuto una grande influenza sulla Cina e in seguito la storia mondiale in Cina è stata scritta e insegnata in questo modo. Una storia generale del mondo, ad esempio, è una narrazione della Gran Bretagna, della Francia, degli Stati Uniti, della Russia o di altri paesi, in un’unica epoca, in un’unica regione, in un unico paese. Questa tradizione è arrivata in Cina anche attraverso Lin Zexu, Xu Jiyu e Wei Yuan, come i Quattro continenti di Lin Zexu, Yinghuan Zhiliao di Xu Jiyu e Hai Guo Tu Zhi di Wei Yuan. Con la riforma del sistema accademico alla fine della dinastia Qing, la storia del mondo insegnata nelle università e nelle scuole secondarie cinesi aveva probabilmente questa forma, che ha lentamente formato la nostra successiva tradizione di storia del mondo. Questo modo di scrivere la storia, nella descrizione di alcuni studiosi, viene definito un cielo pieno di stelle, cioè si vede un cielo immenso, e nel cielo ci sono stelle una per una, e insieme costituiscono un universo.

Ma il problema è che dopo gli anni Ottanta la storia globale è diventata sempre più fiorente e la storia globale è del tipo palla da biliardo-scontro; alcuni paragonano la storia a un tavolo di palle da biliardo; una palla viene colpita e tutte le palle sul tavolo rotolano, e la storia si influenza e si scontra. Se in passato la storia del mondo era piena di stelle, oggi la storia globale è uno scontro di palle da biliardo, per cui nella storia globale l’interazione, l’influenza, la connessione e la collisione diventano l’orientamento principale della storia. Pertanto, entrando nello studio della storia globale, le principali affermazioni della storia iniziano a cambiare. In primo luogo, non si concentra più sulla storia politica delle nazioni, ma sulla storia delle civiltà che si sono influenzate reciprocamente; in secondo luogo, non si concentra più sull’evoluzione e sullo sviluppo lineare, ma sull’influenza reciproca e sulla commistione; in terzo luogo, non sottolinea più solo l’identità delle singole nazioni, ma il significato della cittadinanza globale, il che rappresenta un grande cambiamento nella storiografia.

Per questo motivo, includendo la nostra “Storia globale dalla Cina”, è in realtà più importante sottolineare lo scambio di materiali e merci, lo scambio di conoscenze e cultura, la migrazione di persone via terra e via mare, il modo in cui le guerre hanno causato lo spostamento di popolazioni e comunità, il modo in cui le religioni si sono diffuse, comprese le missioni, i pellegrinaggi e l’interazione di credenze, e naturalmente il modo in cui le malattie, i climi e le catastrofi hanno influenzato la storia umana. Come le malattie, il clima e le catastrofi hanno influenzato la storia dell’umanità. Ciò che sottolineiamo in particolare è l’interconnessione globale e l’attenzione è rivolta alla connettività, al trasporto e alla convergenza. Forse qualcuno potrebbe chiedersi: “Che cosa c’è di diverso rispetto alla storia dei trasporti sino-stranieri del passato? Dobbiamo capire che la storia del trasporto sino-estero si concentra principalmente sugli scambi reciproci. Qual è l’obiettivo della nostra attuale storia globale? Si tratta dei risultati degli scambi. Spesso uso un’analogia: in passato, la storia del trasporto sino-estero descriveva le persone che si innamoravano, mentre l’attuale storia globale descrive le persone che si innamorano e hanno un figlio, e cosa è successo al bambino. Questo è il punto che ci rende diversi dalla storia dei trasporti cinesi e stranieri del passato. Quindi, si può notare che molte cose che diamo per scontate, che sembrano essere così dall’inizio dei tempi, in realtà, se si risale con attenzione, si può scoprire che provengono da un luogo lontano.

Dato che ora mi trovo a Shanghai, faccio questo esempio: gli abitanti di Shanghai amano mangiare la testa d’erba, ma cos’è la testa d’erba? Il primo è l’erba medica che viene data in pasto ai cavalli. Nell’antichità, il cavallo era la cosa più importante in guerra e Chen Yin Ke diceva che era pari a un moderno carro armato. Han Wu Di e Xiong Nu, per cercare un buon cavallo, inviarono emissari e truppe nelle regioni occidentali, e Li Guangli ottenne il cavallo celeste. Il cavallo celeste della regione occidentale è buono, ma ha anche bisogno di mangiare erba; l’erba medica ha seguito il cavallo celeste in Cina ed è diventata l’erba da pascolo della Cina. Quando ero giovane, ho piantato questo tipo di erba medica e, in primavera, l’ho rivoltata sotto il terreno e l’ho bagnata con acqua, come fertilizzante. Ma la gente di Shanghai vuole mangiare questa cosa, mangiare questa erba cavallina, e diventare uno dei piatti famosi di Shanghai, è prendere il vino per friggere una testa fritta di questa erba. Se si pensa al passato, si scopre che anche quest’erba ha una storia di mobilità e scambio globale.

Capolini di erba profumata al vino (credito fotografico: Visual China)

Ci sono due libri che consiglio sempre di leggere. Uno è Le edizioni cinesi iraniane di Laufer. Parla degli scambi tra l’antica Cina e l’Iran, soprattutto in termini di piante, e di quali piante sono arrivate dall’Iran alla Cina, ad esempio i cetrioli, e naturalmente l’uva, che tutti conosciamo, che è arrivata dall’Occidente. C’è anche un libro, “La pesca d’oro di Samarcanda”, il cui autore si chiama Xue Aihua, che racconta come molti oggetti, persone, medicine e merci circolassero tra la Persia, l’Asia centrale e le regioni occidentali fino alla Cina durante la dinastia Tang. I mercanti del popolo Sut dell’Asia centrale, che oggi è l’Uzbekistan, erano molto potenti e gettavano un ponte tra le due estremità del continente asiatico, continuando a collegare l’Europa all’Asia.

Ma questi due diversi modi di scrivere e raccontare la storia del mondo, la storia mondiale, che è una storia del mondo in termini di somma di Paesi, e la storia globale, che è una storia globale che descrive le connessioni globali, possono comunicare tra loro? Credo che, in effetti, possano farlo. Abbiamo esplorato questo approccio. Jürgen Osterhammel, uno storico tedesco che conosco, ha insistito molto sulla necessità di una storia globale che tenga conto delle nazioni, che parli delle connessioni e delle disconnessioni tra di esse, soprattutto in ambito politico. Poiché la politica forma lo Stato, e lo Stato enfatizza l’ordine, e l’ordine si basa sulle istituzioni, e le istituzioni gestiscono la comunicazione, lo Stato è anche un’unità importante nella storia globale, e non si può non riconoscere il ruolo importante dello Stato nel colmare o bloccare la comunicazione umana. Pertanto, sono d’accordo sul fatto che una storia globale che includa lo Stato è una delle direzioni che stiamo perseguendo, e abbiamo esplorato questa forma in “Storia globale dalla Cina”.

Detto questo, il significato più importante della storia globale è quello di sostituire la “storia politica” con la “storia della civiltà”, in altre parole, in primo luogo, cambiare la posizione “eurocentrica”, in secondo luogo, sostituire la forma “basata sullo Stato” e, in terzo luogo, sostituire la “storia politica” come metodo principale di scrittura. In altre parole, in primo luogo si dovrebbe cambiare la posizione “eurocentrica”, in secondo luogo si dovrebbe sostituire la forma “basata sullo Stato” e in terzo luogo si dovrebbe sostituire lo stile di scrittura basato sulla “storia politica”.

Innanzitutto, l’uso della civiltà come asse principale della narrazione storica ha preso gradualmente piede dopo Toynbee, Spengler e Huntington. Dobbiamo ammettere che questo è il risultato dell’autoriflessione dell’Occidente. La storia globale, in larga misura, raffigura le diverse civiltà come ugualmente importanti, con l’obiettivo di riflettere sull’eurocentrismo originario e sulla visione storica passata dello sviluppo unilineare. Ricordo che, quando ho visitato gli Stati Uniti qualche anno fa, ho parlato con molti studiosi americani del perché ponessero così tanta enfasi sulla visione globale della storia. In realtà, l’enfasi sulla visione globale della storia è principalmente per dire che il globo è collegato come un tutt’uno e non è eurocentrico, e questo è l’aspetto notevole di loro.

Barack Obama alla Casa Bianca, mentre sfoglia una tipica mappa del mondo in stile occidentale (Foto: Internet)

Perché è necessario rompere con la narrazione “statalista”? Perché molte delle nostre attuali storie nazionali sono state ricondotte dal presente al passato, ma lo Stato è davvero un essere essenziale dall’inizio dei tempi? È davvero un’unità inevitabile di scrittura della storia? Non necessariamente. Per esempio, in Francia, un anno ho partecipato a una conferenza a Parigi e gli studiosi francesi hanno parlato di una cosa: nel 1900, in Francia c’era ancora il 20% della popolazione che non parlava francese. Quindi, su quali basi questo Paese è diventato un Paese celeste e ha avuto una storia di unificazione? Un altro esempio è il Belgio, che è un Paese sintetizzato da tre gruppi etnici, quello di lingua tedesca, quello di lingua francese e quello di lingua fiamminga, quindi questo Paese è un’unità storica naturale? Se si scrive una storia del Belgio, si prende il Belgio attuale e lo si estrapola dai diversi gruppi etnici del passato, di cui si deve scrivere una storia unitaria, giusto?

Lo stesso vale per noi in Cina. È vero che quando scriviamo la storia ora, dobbiamo scrivere questa storia a ritroso dal territorio della Repubblica Popolare Cinese di 9,6 milioni di chilometri quadrati? Tuttavia, questa affermazione è contraddittoria. Se così fosse, dovremmo scrivere dei Monti Xingan esterni? Anch’essi un tempo erano territorio della Cina. Dovremmo scrivere la storia del Mar Tangnouuliang? Un tempo era anche un nostro territorio. Perché è di 9,6 milioni di chilometri quadrati e non di 11,5 milioni di chilometri quadrati? Oppure diciamo che c’erano tempi in cui il Regno di Mezzo era molto piccolo, quindi dovremmo scrivere la storia secondo i confini di una piccola Cina? Questa domanda diventa un punto molto difficile per noi. La visione della storia basata sul paese è in realtà problematica da scrivere, ed è un problema non solo in Cina, ma anche in Europa, compresi gli Stati Uniti. Quando si parla di Stato, si ha l’impressione che lo Stato sia essenziale e non ci si preoccupa mai di pensare al fatto che lo Stato è costruito dai processi storici. Pertanto, se sosteniamo una visione globale della storia, possiamo evitare questi fastidiosi problemi.

In secondo luogo, come abbiamo appena detto, per rompere il “purismo civile” delle “civiltà/gruppi etnici/nazioni” di “da sempre”, “collegando”, “interagendo”, “costruendo”, non possiamo mettere in discussione il “purismo civile” di “unilineare” ed “evolutivo”. Non dobbiamo essenzializzare le civiltà, le comunità e le nazioni “collegando”, “interagendo”, “costruendo”, e rompere il “purismo civile” di “civiltà/comunità/nazioni”, che è “unilineare” ed “evolutivo”. Non possiamo essenzializzare le civiltà, i gruppi etnici e le nazioni, cioè separarli in una serie di blocchi che si escludono a vicenda e sono storicamente non correlati tra loro. Lo studioso taiwanese WANG Mingke ha sottolineato che molti gruppi etnici della Cina moderna non sono essenziali, non esistono dall’antichità e sono stati costruiti identificandosi l’uno con l’altro. Per esempio, la regione Qiang nel Sichuan, la gente di questa regione, molto identità dal “un taglio maledire un taglio”. Cosa significa “una sezione che rimprovera una sezione”? Ad esempio, i cinesi Han vivono ai piedi di una montagna, ma chi sono gli abitanti delle colline? Secondo gli Han, sono i Qiang, ma questi ultimi non ammettono di essere Qiang, dicendo che quelli sopra di loro sono barbari; ma che dire di quelli sopra di loro? E quelli sopra di loro? Neanche loro si riconoscono come Qiang, dicendo che quelli sopra di loro sono i barbari e i Qiang. Molte comunità sono come palle di neve. All’inizio può esserci una piccola palla di neve al centro, ma più viene fatta rotolare, più diventa grande e più diventa una grande palla di neve, che in realtà si costruisce in un processo storico continuo. L’aspetto positivo della visione globale della storia è che enfatizza la connessione, la mescolanza e il cambiamento, senza considerarli elementi essenziali.

Infine, dovremmo sostituire la prospettiva storica del passato basata sul progresso “materiale, tecnologico, intellettuale e culturale” di una certa regione con una prospettiva storica basata sulla graduale formazione di un nuovo “consenso”, di una nuova “omogeneità” e di un nuovo “mondo” attraverso la “compenetrazione”. “In altre parole, la storia non si basa più sul progresso materiale, tecnologico, intellettuale e culturale di una certa regione. In altre parole, la storia non è più divisa in forme tradizionali antiche, medievali, moderne e contemporanee, né in forme sociali primitive, schiaviste e feudali. Come è noto, dal XX secolo una delle teorie più importanti della storia è la teoria dell’evoluzione. La teoria dell’evoluzione ha assunto migliaia di incarnazioni e si è trasformata in varie visioni della storia. Ma dietro tutte queste visioni della storia c’è questo significato, cioè che chi è più progressista, più civilizzato e più potente è la linea principale della storia, e chi è lo standard con cui la storia viene giudicata. In questo modo, la storia è tagliata fuori e non è più una storia interconnessa e mescolata l’una con l’altra.

La storia globale richiede una visione ampia, ma le storie dei Paesi e le storie del mondo, in cui i Paesi vengono sommati, spesso tagliano la storia in modo da non riuscire a vedere il panorama. Faccio un esempio: dalla dinastia Song del Nord alla prima dinastia Yuan in Cina, se si guarda solo alla storia cinese, ci sono la dinastia Song del Nord, la dinastia Song del Sud e la prima dinastia Yuan, giusto? Ma come tutti sappiamo, nello stesso periodo sono accadute molte cose nel mondo, come le Crociate. Le crociate sono iniziate nel 1096, perché per l’impero cristiano c’era un enorme impero islamico, quindi c’era una guerra da combattere. Ma poi, in seguito, questo impero si è trovato coinvolto con i Mongoli in ascesa, che si sono fatti strada in Europa, e il Papa cristiano ha cercato di raggiungere un compromesso con le orde mongole, forse cercando di farsi aiutare dalle orde mongole per venire a lottare con l’impero islamico. A proposito delle orde mongole, naturalmente è di nuovo coinvolto il lato cinese della storia. Se ci si limita a guardare le storie dei Paesi o delle regioni, non si vede l’insieme, giusto? E poi, per esempio, sto ponendo particolare enfasi sull’anno 1405. Se parliamo solo di storia cinese, non prestiamo attenzione all’anno 1405, quando Timur morì. Se non fosse morto, avrebbe dovuto partire per una spedizione in Oriente. Tuttavia, in quell’anno Zheng He si recò in Occidente e la dinastia Ming si affacciò a est. Se si considerano tutte queste cose insieme, la storia potrebbe avere qualcosa di molto diverso. Ma se la si divide, non è forse vero che la storia non può essere vista chiaramente?

Quindi, la storia globale ha i suoi vantaggi.

Il Kunyi Wan Guo Quan Tu di Matteo Ricci, il primo mappamondo che pone la Cina al centro del mondo (Foto: Visual China)

4. La ricerca di storia globale in Cina dagli anni ’90

La prossima osservazione che vorrei fare è: cosa sta succedendo allo studio della storia globale in Cina?

Ricordo che nel novembre 2018 ero in visita all’Università di Gottinga, in Germania, e ho trovato il tempo di andare a Friburgo e incontrare lo storico Osthammer di cui abbiamo parlato prima. Ha una trilogia di storia del XIX secolo (The Evolution of the World: A History of the 19th Century), che potete trovare e leggere, ed è un libro meraviglioso. Si dice che quando Angela Merkel, l’allora cancelliere tedesco, fu ricoverata in ospedale, lesse il libro di Osthammer. Quando Osthammer mi parlò di storia globale, improvvisamente tirò fuori tre libri, due dei quali ricordo ancora, uno di Chen Xulu e uno di Fan Wenlan. Me li portò e disse: “Penso che entrambi i vostri libri siano molto buoni, ma come possono questi contenuti essere integrati nella storia globale e diventare parte di essa? Mi vergognavo molto perché, sebbene Osterhammer avesse studiato anche le relazioni tra la Cina e il mondo, in fondo non era uno storico puramente cinese. Tuttavia, quando mi ha mostrato questi due libri, mi sono sentito molto imbarazzato, come se non avessimo prestato molta attenzione alla loro storia, ma loro avessero invece prestato molta attenzione a noi, sollevando una questione molto importante, cioè come la storia cinese possa entrare nella storia globale.

Non è che gli studiosi cinesi non prestino attenzione alla storia globale. In realtà, la teoria della storia globale è molto popolare in Cina dagli anni Novanta ed è stata introdotta da molti. Ad esempio, nel 2005 la rivista Academic Research ha pubblicato un articolo intitolato “The Impact of Global History on Chinese Historiography” (L’impatto della storia globale sulla storiografia cinese); nel 2013 anche l’autorevole rivista Historical Research ha pubblicato una serie di interventi di penna sulla storia globale; nel 2014 c’è stato anche chi ha scritto saggi in cui si chiedeva con particolare forza di scoprire la storia al di fuori dello Stato, cioè di sostenere lo studio della storia globale; nel 2015, l’Università di Shandong ha tenuto il Nel 2015 l’Università di Shandong ha tenuto il Congresso mondiale di scienze storiche e una delle sessioni del congresso ha discusso della Cina nella storia globale. Ma la mia domanda è: perché discutiamo tutti di teorie e di come si dovrebbe studiare la storia globale, ma non c’è alcun tentativo di scrivere una storia globale della Cina?

Come tutti sappiamo, le storie del mondo più influenti nei circoli accademici cinesi sono queste due serie: una è la Storia generale del mondo in quattro volumi compilata da Zhou Yiliang (1913-2001) e Wu Yuchen (1913-1993), nostri insegnanti ai tempi dell’università, prima della “Rivoluzione culturale”. Prima della Rivoluzione culturale, i due hanno compilato la Storia generale del mondo in quattro volumi, che è una notevole e importante storia del mondo scritta da cinesi. Dopo la Rivoluzione culturale, Wu Yuchen e Qi Shirong (1926-2015) hanno coedito una Storia generale del mondo in sei volumi, anch’essa una storia generale del mondo molto autorevole. In particolare, Qi Shirong, che in seguito è diventato presidente della Capital Normal University, e il suo studente Liu Xincheng, che è poi diventato presidente della Capital Normal University, hanno sostenuto la storia globale.

Ma la mia domanda è: dopo tutti i discorsi sulla storia globale, perché non ne scrivete una voi stessi? Perché c’è tanto fragore, tante chiacchiere e poca azione? Sembra che oggi abbiamo questo problema. Siamo sempre fermi a parlare di teorie, ma la storia globale non è ancora stata scritta. Tuttavia, il fatto è che abbiamo già introdotto abbastanza informazioni sulla storia mondiale straniera o sulla storia globale. Per esempio, diverse opere che hanno aperto la strada allo studio della storia globale, come A History of the World di McNeil, come Guns, Germs, and Steel di Raymond; inoltre, caso per caso, come A Global History of Pepper di Marjorie Schaeffer, dove persino il pepe è stato incluso nella storia globale, e una storia globale del cotone, e una storia globale della porcellana bianca, ma sfortunatamente sono tutte scritte da stranieri. Ma finora non esiste una storia globale in Cina, per non parlare di una storia globale dalla Cina, dal punto di vista della Cina, dalla prospettiva della Cina, dalla posizione della Cina, che è il nostro problema, e questo è anche l’intento originale del nostro programma audio “Storia globale dalla Cina”.

Ma in tutta franchezza, anche la scrittura e la narrazione della storia globale in Cina incontra delle difficoltà.

In parole povere, la prima difficoltà è che, a causa della separazione tra storia mondiale e storia cinese, la nostra visione, le nostre conoscenze e la nostra formazione sono tutte inadeguate. Come ho detto l’altro ieri, al giorno d’oggi esistono davvero “professioni specializzate”: per noi che ci occupiamo di storia cinese, la nostra conoscenza della storia mondiale è probabilmente equivalente a quella di un laureato, ma che dire di chi si occupa di storia mondiale? Francamente, la sua conoscenza della storia cinese è probabilmente equivalente a quella di un laureato. Ci sono pochissime persone in grado di integrare molte conoscenze come Osterhammer, di cui abbiamo appena parlato.

Perché Zhou Yiliang è diventato redattore capo della Storia generale del mondo? Zhou Yiliang dovrebbe essere considerato anche il mio maestro: il mio primo lavoro accademico è stato raccomandato da Zhou Yiliang al Peking University Newspaper, il che mi ha permesso di essere il primo studente universitario a pubblicare il mio lavoro sul Peking University Newspaper dopo la “Rivoluzione culturale”. Tuttavia, come tutti sappiamo, Zhou Yiliang era in grado di fare ricerche sulla storia del mondo come uno studioso di storia cinese, perché è cresciuto imparando il giapponese e poi l’inglese, ha scritto la sua tesi di laurea sulla storia giapponese all’Università Tsinghua, ha fatto il dottorato all’Università di Harvard, ha studiato il sanscrito per fare ricerche sul buddismo tantrico nella dinastia Tang e ha insegnato il giapponese all’esercito americano durante la “Seconda guerra mondiale”. Inoltre, è uno dei migliori esperti di storia cinese, e solo una persona del genere può fare ricerca sulla storia mondiale.

Tuttavia, nelle università cinesi di oggi, la storia cinese e la storia mondiale sono molto separate e la storia cinese e la storia mondiale sono rispettivamente discipline di prima classe. In questo modo, la conoscenza della storia è diventata ancora più specializzata e ristretta. Per coloro che hanno fatto un buon lavoro nella storia mondiale, che ne è della loro storia cinese? Quanto ne sanno di storia mondiale coloro che hanno fatto bene la storia cinese? Una volta ho esaminato i miei dottorandi e ho chiesto loro di contare uno per uno tutti i Paesi intorno al Mar Cinese Meridionale a occhi chiusi, ma praticamente nessuno di loro è riuscito a farlo. Quindi c’è un grosso problema. Un anno ho avuto una lezione con He Fangchuan alla City University di Hong Kong. He Fangchuan era uno studioso di storia mondiale e un tempo era il vicepresidente dell’Università di Pechino, ma è morto nel 2006, così abbiamo avuto una lezione insieme, lui ha ascoltato la mia lezione e io la sua e ho sospirato dopo averlo ascoltato. Gli ho detto: “Sono un ricercatore di storia cinese e sento che la mia storia mondiale è scarsa dopo aver ascoltato la sua lezione”. Anche lui ha detto la stessa cosa, è un ricercatore di storia mondiale e, ascoltando questa lezione di storia cinese, ha sentito che il livello della sua storia cinese è troppo scarso. Ma He Fangchuan è il figlio di He Ziquan, un grande studioso di storia cinese, e ritiene che la sua conoscenza della storia cinese non sia sufficiente, quindi non parliamo di altri. Pertanto, è difficile per noi scrivere la storia globale perché la storia mondiale è separata dalla storia cinese e la visione, la conoscenza e la formazione di entrambe le parti sono insufficienti.

La seconda difficoltà è che la nostra storia mondiale è molto debole a causa dell’influenza di una visione della storia centrata sul cielo. Non so quanto si conosca la comunità storiografica cinese. Inoltre, coloro che studiano la storia cinese hanno sempre guardato dall’alto in basso coloro che studiano la storia mondiale, pensando che coloro che studiano la storia mondiale siano solo dei compilatori, cioè che prendano materiali di seconda mano di altre persone e li inventino, ma in realtà la storia mondiale è davvero una grande materia. Ma in realtà la storia mondiale è davvero una grande materia: se non capiamo la storia mondiale, non saremo in grado di fare un buon lavoro nella storia cinese.

La terza difficoltà è che, a causa del passato, ci sono legami storici narrativi molto ostinati che non possono essere sciolti. Un tempo avevamo un’intera serie di narrazioni storiche molto potenti, ma molto poco adatte a raccontare una storia globale connessa. Che si trattasse della visione eurocentrica della storia moderna con il Rinascimento, la Riforma e la Rivoluzione industriale come assi principali, o della visione rivoluzionaria antimperialista, anticoloniale e antifeudale della storia, o della visione unitaria del Terzo Mondo Asia-Africa-America Latina, nessuna di queste era in realtà ideale. Fino ad oggi, quando guardiamo alla storia del mondo, guardiamo ancora al Quadro della storia del mondo di Wells. Tuttavia, il Quadro della storia del mondo di Wells è stato pubblicato per più di novant’anni, e il mondo è già cambiato molto, e anche il mondo accademico è cambiato molto, e questa trasformazione della storia del mondo in storia globale è diventata una tendenza importante.

Come abbiamo visto, nell’ultimo decennio la pubblicazione di storia mondiale, storia globale e storia straniera è stata molto calda e, se avete prestato attenzione, saprete che in questi anni sono stati pubblicati molti libri. Ho elencato alcuni libri molto buoni, come la serie “Rise and Fall of World History” di Ideal Country, che è molto buona, e la New Global History e la General History of the Globe della Peking University Press, anch’esse molto buone. Anche la Penguin Global History dell’Oriental Publishing Centre merita un’occhiata. In effetti, la serie di libri della Penguin, a rigor di termini, dovrebbe chiamarsi “Penguin World History”, non “Penguin Global History” nella traduzione, ma quando viene trasformata in storia globale, evidentemente pensa che la storia globale sia molto calda. Quindi, come la serie M di Ideal Country, alcuni libri di Social Science Document Oracle, la Storia dell’Impero Persiano della Sanlian Bookstore, la Storia degli Imperi Mondiali della Commercial Press e il Racconto delle Tre Città di Istanbul della Shanghai Sanlian Bookstore, e così via, sono tutti buoni libri, compresa la trilogia di storie del XIX secolo che ho appena citato.

Allora perché i libri stranieri sulla storia del mondo e sulla storia globale sono così caldi? Per esempio, la gente si preoccupa di come la civiltà si sia trasformata in barbarie e la democrazia in dittatura. Per questo motivo, la storia del Giappone durante la Seconda Guerra Mondiale, cioè la storia del Giappone da Taisho a Showa, e la storia della Germania durante l’era nazista, sono state tradotte in gran numero. Ci preoccupa anche il fatto che il mondo non è solo la Cina e che ci sono civiltà in diverse parti del mondo, quindi se le civiltà si scontreranno o meno è una questione che ci preoccupa, e quindi i libri sulle civiltà esotiche vendono molto bene. Ha notato che negli ultimi anni molti dei dieci o venti migliori libri che abbiamo valutato sono traduzioni e che ci sono pochissimi libri originali cinesi di questo tipo?

Il problema in Cina, quindi, è che ci sono tanti libri di storia tradotti, così caldi, ma che dire degli scritti dei cinesi stessi?

5. Non posizioni e azioni, ma solo prospettive e luoghi: perché dalla Cina?

Quindi credo che il punto sia: gli studiosi cinesi possono scrivere da soli una buona storia globale?

Come scrivere una storia globale dalla Cina? Qui sorge un altro problema, perché quando si enfatizza l’espressione “dalla Cina”, spesso si viene scambiati come se si stesse dalla parte della Cina, impegnandosi nello statalismo o nel nazionalismo, come se si volesse lottare per la quota della Cina nella storia globale. In effetti, anche gli accademici cinesi tendono ad avere l’idea di competere per una parte. Ricordo che un anno gli studiosi cinesi hanno criticato la nuova Cambridge Modern World History, sostenendo che la parte della Cina è troppo esigua e che il suo status di grande Paese non è commisurato. Ma in realtà, ora stiamo parlando di “dalla Cina”, solo per usare gli occhi cinesi per vedere il mondo, piuttosto che nel mondo per la quota della Cina, o secondo la posizione cinese per descrivere la storia.

Vorrei citare un ritratto dell’imperatore Qianlong dipinto da Lang Shining. Come potete vedere, si tratta di un dipinto completamente occidentale dell’imperatore Qianlong visto con gli occhi di un occidentale. Questo imperatore Qianlong non sembra più un grande imperatore del Regno Celeste, ma un uomo comune, e questa è la Cina vista con gli occhi di un occidentale. Ora, noi vediamo il mondo con gli occhi cinesi e vorremmo sottolineare che partire dalla Cina non significa in alcun modo discutere la storia globale dal punto di vista del nazionalismo o dello statalismo cinese.

Ritratto dell’imperatore Qianlong in abito di corte, opera di Lang Shining, pittore di corte della dinastia Qing di Milano, Italia (credito fotografico: Internet)

Credo che ci siano tre punti da sottolineare.

In primo luogo, come ho detto nell’introduzione all’inizio del programma, il mondo è troppo grande e la storia è troppo lunga perché uno storico possa essere onnisciente e onnipotente e guardare la storia come fa Dio a 360 gradi senza alcun angolo morto. Quindi gli storici devono ammettere che possiamo guardarla solo da una prospettiva. Penso che a volte gli storici abbiano una sorta di arroganza, pensando che la storia che descrivo sia tutta la storia, il che non è vero. In realtà, ogni storico ha dei limiti, così come gli storici di ogni Paese. Nel corso degli anni, ho spesso discusso di storia globale con studiosi stranieri, come l’americano Jeremy Adelman, l’europeo Osterhammer e il giapponese Masaru Hada, in particolare Masaru Hada, che si è appena dimesso dalla carica di vicepresidente esecutivo dell’Università di Tokyo. Non appena parlavo di “Storia globale dalla Cina”, mi chiedeva immediatamente e con sensibilità: “Hai intenzione di raccontare la storia globale dal punto di vista della nazione e dello Stato cinese? Ho risposto di no. Dovete capire che gli storici non possono essere onniscienti, quindi possono guardare solo da una prospettiva. Ammetto che sappiamo troppo poco di altre parti del mondo, compreso il nostro programma di storia globale, e abbiamo i nostri problemi, per esempio, parliamo raramente dell’Africa, parliamo raramente dell’Australia e parliamo raramente del Sud America, non è vero? È vero che non possiamo essere onniscienti, quindi la nostra enfasi sul partire dalla Cina è in realtà un atteggiamento di umiltà.

In secondo luogo, guardiamo alla storia globale dalla posizione e dalla prospettiva della Cina. Dobbiamo ammettere che la nostra prospettiva può essere complementare a quella del Giappone, dell’Europa, degli Stati Uniti e dell’Australia, e insieme possiamo formare una storia panoramica. Sono arrivato a Shanghai da Pechino più di dieci anni fa per promuovere una direzione di ricerca chiamata “Cina dalla periferia”.

Perché dovremmo guardare la Cina dalla periferia? In passato, la Cina tradizionale aveva il problema di immaginare la propria storia da un punto di vista egocentrico, senza confronti e contrasti, conoscendo sempre se stessa attraverso l’auto-immaginazione. Dopo l’era moderna, è stato facile avere lo specchio dell’Europa e guardarsi dallo specchio dell’Europa. Ma questo non basta: se guardiamo dalla periferia, la Cina può essere in grado di guardarsi da specchi di angolazioni diverse. Chiunque abbia tagliato i capelli sa che non si può vedere la nuca da davanti, ma se si tiene un altro specchio dietro di sé e i due specchi sono uno di fronte all’altro, si può vedere la nuca. Se si dispone di più specchi, è possibile vedere chiaramente la nuca e i capelli. Pertanto, lo scopo di guardare la Cina dalla periferia è quello di liberare un modo di capire la Cina.

Tuttavia, non appena ho avanzato questa proposta, è stata osteggiata da alcuni studiosi giapponesi e coreani, che hanno detto: “Perché noi siamo la periferia e voi il centro? Non siete forse l’imperialismo cinese? Ho spiegato loro faticosamente che in realtà possiamo guardare al Giappone dalla periferia e alla Corea dalla periferia. Lo studioso coreano Baek Yong-seo, ad esempio, sostiene una duplice prospettiva periferica, nel senso che io sono la vostra periferia e voi siete la mia periferia. Ho detto che non sono in disaccordo, non è contraddittorio guardare la Cina dalla periferia e anche la Corea dalla periferia. Quindi, quando diciamo che guardiamo la storia globale dalla Cina, stiamo solo dicendo con molta umiltà che la guardiamo solo da questa prospettiva, e la storia che vediamo porta inevitabilmente con sé il pregiudizio della comprensione e della consapevolezza di stampo cinese. Ad esempio, quando i cinesi parlano di “Oriente”, si riferiscono alla Corea, al Giappone, al vasto oceano e, ancora più lontano, all’altra sponda dell’Oceano Pacifico; quando noi vediamo “Occidente”, si tratta dell’Asia Centrale, dell’Asia Occidentale, del Bacino dei Due Fiumi, dell’Europa e persino delle Americhe. Per gli europei, invece, “Oriente” è il Vicino Oriente, il Medio Oriente e l’Estremo Oriente, quindi noi ci troviamo nel lontano Oriente.

Pertanto, dobbiamo capire che la storia globale da diverse prospettive deve essere messa insieme per formare una storia globale che sia accettata da tutto il mondo. Se avessimo una posizione Cina-centrica, sarebbe come ha detto l’inglese Martin Jacques, secondo cui nella storia globale dovremmo scrivere della scoperta del mondo intero da parte di Zheng He, che ha aperto l’era dei grandi viaggi. Tuttavia, come ho detto più volte nella conclusione della sesta stagione, non consideriamo Zheng He come l’inizio della storia globale, perché Zheng He voleva soprattutto proclamare il prestigio nazionale del Regno Celeste e non considerava lo scambio culturale e l’interdipendenza materiale con l’estero come l’obiettivo più importante. Pertanto, riconosciamo ancora Magellano e Colombo, che hanno dato inizio all’era dei grandi viaggi e alla storia della globalizzazione. Per questo motivo, diciamo che una storia globale della Cina non significa stare sulla posizione e sul valore della Cina, ma guardare alla storia dalla posizione e dalla prospettiva della Cina.

In terzo luogo, quando parliamo di partire dalla Cina, teniamo conto anche dell’esperienza e delle abitudini del pubblico cinese nell’accettare la storia. Che tipo di narrazione storica può avere un senso di intimità e come raccontare la storia in modo che possa essere accettata e compresa? Ad esempio, quando parliamo del commercio dell’argento, sappiamo tutti che c’è stata la cosiddetta Età dell’argento e che l’estrazione e il commercio dell’argento, dopo il XV secolo, è stato un evento importante che ha coinvolto le Americhe, l’Europa e l’Asia. Se andiamo a parlare di come gli spagnoli nelle Americhe estraggono l’argento, forse il pubblico cinese si sentirà distante e strano, quindi abbiamo scelto di partire dall’affondamento dell’argento a Jiangkou, perché il pubblico cinese così sembra molto vicino a noi, possiamo capire. Come tutti sappiamo, l’argento affondato a Jiangkou è una cosa particolarmente popolare negli ultimi anni, la leggenda vuole che Zhang Xianzhong non sia riuscito a ritirarsi sul lato del fiume Dadu del bambino, e quindi un gran numero di argento affondato nel fondo del fiume, che in origine era solo una leggenda. Tuttavia, ora gli scavi archeologici hanno davvero trovato una grande quantità di argento sul fondo del fiume; parlando da qui, sappiamo che nella tarda dinastia Ming l’argento è molto importante; e poi da qui in poi, sappiamo che la tarda dinastia Ming con l’argento come moneta di base, è una cosa molto grande. E poi, tornando indietro, l’argento che i coloni europei estraevano dalle Americhe e l’importanza dell’argento proveniente dal Giappone, quante merci potevano essere scambiate con l’Europa, in modo da rendere più chiaro il concetto. Forse un pubblico cinese sarebbe interessato a sentirlo in questo modo.

Zhang Xianzhong Jiangkou Argento affondato Esame scientifico riuscito (fonte: Internet)

Credo che per gli accademici cinesi ci siano ancora alcune questioni da considerare nello studio e nella scrittura della storia globale, e abbiamo riflettuto su questo dopo le sei stagioni del programma.

In primo luogo, nella storia globale, sia cinese che straniera, dominano il commercio, le migrazioni, le malattie e il clima, le guerre e la diffusione della religione, ma come trattare la storia politica, che è di assoluta importanza nella storiografia tradizionale? Il commercio delle merci, la diffusione della religione, la guerra e le migrazioni hanno creato un’unità globale, mentre i sistemi politici, la gestione dello Stato e l’ideologia hanno creato una divisione globale; come integrarli in una storia globale comune è una questione molto problematica. Pertanto, la questione di come inserire lo Stato e la politica nella storia globale è un aspetto che abbiamo preso in considerazione.

In secondo luogo, come può una storia globale completa coprire meglio le narrazioni di regioni, civiltà e gruppi etnici? Abbiamo appena detto che non stiamo cercando di competere per ottenere una parte della Cina, ma la storia mondiale del passato è stata caratterizzata dall’eurocentrismo e dal centrismo moderno; la storia globale attuale può evitare questo tipo di pregiudizi e di negligenza? Al giorno d’oggi, le varie storie globali si basano ancora sulla distribuzione delle quote di narrazioni tra le principali civiltà, ma la quantità di materiali storici determina la quota di narrazioni della storia globale. Poiché ci sono luoghi in cui non ci sono abbastanza dati scritti o archeologici, non è possibile raccontare la storia. Per esempio, cosa succede se non abbiamo abbastanza informazioni sulla civiltà indiana delle origini, a parte i Veda, il buddismo e l’induismo? Un altro esempio è l’Impero persiano: molti dei nostri studiosi paragonano l’Impero persiano alla Cina tradizionale, ma molte delle informazioni storiche sull’Impero persiano provengono da narrazioni successive, soprattutto europee, che riportano la storia dell’Impero persiano come intesa dagli europei. Che fare? Cosa fare per risolvere questo squilibrio nelle narrazioni storiche globali? Questo è il secondo problema di cui ci siamo resi conto.

In terzo luogo, la nuova storia culturale è, ovviamente, quella più ovvia nella storiografia, che si basa sul concetto di “cultura” ed evita fattori come lo Stato, la politica e le istituzioni, nonché giudizi come progresso e arretratezza. Tuttavia, possiamo ora delineare la direzione generale e il percorso della storia umana attraverso la storia globale nel suo complesso? Stiamo narrando la storia globale e non vogliamo narrarla come una storia frammentata e a compartimenti stagni. Ma come vedere un insieme attraverso queste cose? La storia globale vuole una spina dorsale coerente o no? Questo non è ancora chiaro e non siamo ancora in grado di coglierlo appieno.

6. Conclusioni che non sono conclusioni: l’atteggiamento degli storici cinesi di fronte alla storia globale

Infine, vorrei spendere qualche parola sulla mia comprensione. Sono tre anni che portiamo avanti questo programma e abbiamo molte sensazioni dopo di esso.

In primo luogo, credo che ogni storico debba affrontare il grande e vasto campo della storia globale con umiltà, con la consapevolezza di avere una conoscenza troppo scarsa, davvero troppo scarsa.

In secondo luogo, ogni studioso di storia deve anche sapere di non saltare a conclusioni affrettate di fronte a nuove e sorprendenti scoperte sulle connessioni globali, perché le nuove scoperte sfidano costantemente il nostro senso comune. Non dobbiamo rinunciare alla nostra immaginazione, perché è possibile che nuove scoperte mettano costantemente in discussione i resoconti tradizionali.

In terzo luogo, nell’ampio quadro della storia globale, ogni studioso di storia dovrebbe fare attenzione a minimizzare l’arroganza del proprio “gruppo etnico” o “Paese” e a non pensare a se stesso come a una “dinastia” o a un “centro”. Non dobbiamo pensare a noi stessi come alla “dinastia celeste” o alla “nazione suprema” o al “centro”. La Cina ha sempre avuto una visione molto ostinata del centro, cioè ritiene di essere la dinastia, di essere un grande Paese, di essere il grande centro del Paese. In realtà, come diceva il missionario Ai Julius, “la terra è rotonda, non c’è nessun posto che non sia dentro”, la terra è un cerchio, dove sono i centri, senza contare che la terra ha cinque continenti, la Cina si trova solo in uno dei continenti di un Paese. Pertanto, non dobbiamo pensare a noi stessi come a un Paese al centro di un mondo onnicomprensivo e sconfinato che può coprire l’intero globo. La storia è fluida. Come dice l’antico proverbio, il vento e l’acqua cambiano, dobbiamo comprendere la storia dalla prospettiva del cambiamento, anziché limitarci a guardare la storia globale dalla nostra posizione e dai nostri valori, che la trasformerebbero in una storia globale nazionalistica, il che non sarebbe corretto.

In retrospettiva, pensiamo che negli ultimi tre anni il nostro programma “Storia globale dalla Cina” non solo abbia dato ai nostri ascoltatori delle conoscenze, ma ci abbia anche trasmesso molti sentimenti. Abbiamo imparato molto in questi tre anni di produzione di programmi di storia globale. Quello di cui parliamo oggi è in realtà una sorta di introspezione. Ad essere sinceri, siamo preoccupati per la lentezza dei progressi e la debolezza delle basi della ricerca e della scrittura di storia globale in Cina. Ora che siamo riusciti a produrre un primo racconto di storia globale, ci sentiamo confortati dal fatto che almeno abbiamo fatto una storia globale da una prospettiva cinese.

Ge Zhaoguang ha curato la Storia globale dalla Cina, prodotta da Ideal Country, Yunnan People’s Publishing House, edizione 2024.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Giorno della Vittoria: l’ansia cresce tra le agitazioni del Nord_di SIMPLICIUS

Nota veloce: non mi è mai venuto in mente che il mio link “Tip Jar” potesse essere un po’ oscuro e sepolto in fondo, poiché ho ricevuto diverse e-mail da persone che non sapevano come donare. Permettimi di inserire il link completo come promemoria, questo è il mio Tip Jar ufficiale: buymeacoffee.com/Simplicius

Grazie a tutti i contributori che mettono qualche moneta lì, poiché è un grande aiuto mensile. Ora torniamo alla nostra programmazione regolarmente programmata.


L’ultimo pezzo dell’Economist ci porta in un bunker ucraino fuori dalla città assediata di Chasov Yar. Contiene alcuni elementi interessanti che convergono con gli avvenimenti attuali.

Chasov Yar è un fronte unico perché, a differenza della maggior parte degli altri fronti, dove esiste una grande disparità tra le truppe d’élite di una parte e i difensori mobilitati dell’altra, qui sono alla pari. Una delle brigate più d’élite dell’Ucraina, la 92a Brigata d’assalto, si sta difendendo dalla 98a Divisione aviotrasportata d’élite russa, rendendo i combattimenti particolarmente infernali e spietati. La 92a è stata una delle brigate più importanti che hanno preso parte all’offensiva di Kharkov della fine del 2022, guadagnandosi molte medaglie e onori di stato mentre cacciavano le forze russe da Izyum e Kupyansk.

L’articolo descrive il loro battaglione di difesa aerea, composto da 250 soldati, come dotato di un proprio terminale radar che mostra tutta l’attività aerea russa nelle loro vicinanze. Se fosse vero, fornirebbe un resoconto illuminante di ciò che possono vedere e tracciare: missili Smerch che passano sopra di loro a 900 miglia orarie, jet russi che lanciano bombe plananti a una profondità di 50 km, che il loro radar presumibilmente traccia, anche se non hanno modo di abbatterli.

Un punto degno di nota dell’articolo sottolinea qualcosa che ho scritto l’ultima volta, ovvero che a questo punto la maggior parte degli ufficiali e funzionari ucraini non stanno più combattendo per i confini del 2022 o del 1991, ma piuttosto per la semplice sopravvivenza:

Un anno fa, mentre l’Ucraina si preparava alla controffensiva, il semplice mantenimento delle proprie posizioni era considerato lo scenario più pessimistico. Ora, mentre la Russia si prepara a una nuova spinta, è considerata la situazione migliore. Dai soldati ai generali, tutti quelli con cui The Economist ha parlato la scorsa settimana sanno che all’Ucraina non mancano le risorse per tornare ai confini del 1991, come hanno promesso i suoi politici. “Suggerisco a chiunque parli dei confini del 1991 di arrivare fino a Bakhmut”, dice il colonnello Timchenko, riferendosi a una città che l’Ucraina ha perso un anno fa dopo mesi di selvaggi combattimenti.

La posta in gioco ora non è l’integrità territoriale dell’Ucraina, ma la sua sopravvivenza.

Il comandante della brigata afferma inoltre che se Konstantinovka cade, i russi raggiungeranno molto rapidamente il Dnepr; Konstantinovka è il prossimo grande centro strategico dopo Chasov Yar, la cui importanza probabilmente eclissa addirittura quella di Bakhmut, poiché Konstantinovka e la vicina Druzhkovka sono state classicamente il quartier generale dell’intera ATO/JFO ucraina dal 2014:

Il colonnello Pavlo Fedosenko, comandante del 92°, che ha contribuito a liberare la provincia di Kharkiv nel settembre 2022, sta ora combattendo a circa 350 km a sud-est della città. “Tutti sanno che se non combattiamo per Kostiantynivka e Druzhkivka [probabile prossimo obiettivo della Russia], le forze russe saranno a Dnipro, Kharkiv, Kryvyi Rih poche settimane dopo”, dice.

Pensa che ci sia un “70% di possibilità” che la Russia possa occupare il resto della regione del Donbass. La domanda è: quanto tempo ci vorrà e quanti danni l’Ucraina potrà infliggere in questo processo.

Nota quanto sopra in grassetto.

L’articolo lamenta che gli alleati non hanno fornito armi sufficienti all’Ucraina, lasciando intendere che se lo facessero, l’Ucraina vincerebbe magicamente. Il comandante dice che riceve 5 proiettili al giorno per i suoi cannoni di artiglieria American Paladin. Ma abbiamo appena visto i Paladini americani usare i proiettili coreani durante l’addestramento. L’Economist non lo capisce? Non c’è più niente da dare: la produzione è al limite.

Ecco una delle parti più rivelatrici dell’articolo:

Circa il 70% dei soldati russi coinvolti in questi attacchi sono ex detenuti, dice il colonnello Fedosenko. Vede anche mercenari tagiki, uzbeki, turkmeni, cubani e somali. Molti soldati non hanno mai combattuto prima. “Le nostre intercettazioni suggeriscono che stanno raschiando il barile, usando chiunque possano costringere in battaglia: cuochi, costruttori, meccanici, chiunque.”

Ciò è correlato a l’ultimo rapporto della BBC di giorni fa mostra che la Russia è riuscita a trasferire con successo la maggior parte delle sue perdite su unità di volontari e prigionieri:

Si noti come la stragrande maggioranza di coloro che sono morti durante l’operazione Bakhmut dall’inizio del 2023 fino alla sua conclusione nel maggio 2023 erano prigionieri, ovvero unità Storm-Z. Poi notate come, esattamente in corrispondenza dell’inizio dell’assalto ad Avdeevka, all’inizio di ottobre 2023, le barre di colore verde che rappresentano le vittime dei volontari saltarono e cominciarono a dominare.

Perché questo è importante? Chi legge il mio ultimo articolo a pagamento capirà proprio il motivo. La Russia sta portando avanti una gestione metodica delle forze da manuale, impiegando i suoi soldati professionisti a contratto più esperti e utilizzando le forze più “sacrificabili” in assalti pericolosi con maggiori rischi di vittime. Sembra insensibile dirlo in questo modo, ma questa è guerra, e vince la parte che utilizza le proprie risorse in modo più intelligente. La Russia sta stagionando i suoi migliori guerrieri, preservandoli mentre accumulano una vasta esperienza che può essere condivisa e assorbita dall’intera struttura delle forze armate.

Al termine dell’assalto ad Avdeevka ho descritto come è andata a finire. Le unità del 1° Corpo d’Armata DPR come il 114° potenziato con unità Storm-Z guidarono gli assalti d’avanguardia ad alto numero di vittime, e solo dopo che le linee ucraine iniziarono a rompersi la Russia iniziò a introdurre Spetsnaz d’élite e altre unità rinforzate come forze successive e rivoluzionarie che davano la caccia gli ucraini in ritirata, tagliandoli fuori e, in generale, scatenando l’inferno sulle loro linee.

Breve introduzione ai volontari

L’unica domanda è: cosa sono esattamente i volontari? Nessuno sembra saperlo o capirlo chiaramente. La ragione di ciò è che la definizione è cambiata drasticamente.

Vedete, all’inizio della guerra, e in particolare nell’era successiva al 2014, un “volontario” era qualcuno come Russell Bentley che arriva di sua volontà, si iscrive con poca o nessuna formazione, spesso o di solito non lo fa nemmeno vieni pagato e rimani bloccato in una posizione da qualche parte. Anche nei primi giorni del “selvaggio west” dell’SMO del 2022, le cose erano più caotiche, disordinate e rilassate. Le persone potrebbero semplicemente fare “volontà” e combattere gratuitamente, praticamente senza alcuna formazione.

Questo non esiste più. Le cose sono state drammaticamente inasprite e sistematizzate. Ma allora qual è esattamente la differenza tra un volontario e un contraente o kontraktniki regolarmente retribuito? Vedete, un volontario è una persona che entra in un ufficio di arruolamento dell’esercito e si arruola per arruolarsi nell’esercito russo. Ma questo non fa di lui un soldato regolare dell’esercito russo? I volontari ora ricevono anche tariffe standard, ecc.

Le differenze ora sono più sottili. In primo luogo, l’esercito russo vero e proprio preferisce reclutare internamente i propri soldati a contratto tra i coscritti effettivamente richiamati che hanno appena completato il servizio di addestramento obbligatorio. Come sapete, in Russia è prevista la leva di leva sia in primavera che in autunno. Una certa percentuale di questi si limiterà a svolgere i 12 mesi di addestramento obbligatorio e tornerà a casa, mentre una percentuale firmerà un contratto per arruolarsi nell’esercito e verrà inviata alla SMO.

I “volontari” invece sono generalmente persone che hanno prestato servizio obbligatorio molto tempo fa, ma ora sono più anziane e hanno vissuto la loro vita, hanno avuto una carriera, ecc., e hanno scelto di arruolarsi per senso del dovere o semplicemente per la buona paga. Tuttavia, una delle differenze principali è che tali volontari spesso vanno in gruppi, battaglioni, brigate, ecc., di “volontari” separati, che, sebbene tecnicamente sotto gli auspici ufficiali delle forze armate russe, sono talvolta più simili a gruppi paramilitari o ausiliari. struttura. Cioè, piuttosto che essere all’interno di formazioni/brigate russe reali, consolidate e classiche, possono operare come una sorta di Rosgvardia/Guardia Nazionale, o unità “speciali” di Akhmat, ecc.

Uno dei motivi è che il loro addestramento è diverso e non necessariamente “standard” rispetto a quello che l’esercito russo nominale conduce sui propri coscritti/reclute annuali. Ovviamente questa formazione è spesso molto accelerata e forse ancora più permissiva dato che molti volontari sono già più anziani, sebbene esistano molti tipi diversi di unità di “volontario” specializzate come le BARS , che sono essenzialmente vecchi veterani.

Tuttavia, non è necessariamente molto chiaro e potrebbe esserci una certa interoperabilità o mescolanza tra i due, ad esempio forse alcuni volontari sono in grado di trasferirsi in unità nominali dell’esercito russo come soldati a contratto regolari, ecc.

Ma il punto principale è che, in misura superficiale, non esiste alcuna differenza tra “volontari” e truppe regolari. Sono entrambe truppe da combattimento ufficialmente riconosciute e ricevono entrambe la tariffa standard. Ma ci sono differenze fondamentali nel modo in cui i volontari vengono reclutati e formati, e nei tipi di unità in cui entrano. Questo perché provengono da “fuori dal sistema”. I coscritti che vengono richiamati in servizio annuale, invece, prestano già servizio nelle formazioni nominali delle unità russe, cioè unità classiche, storiche (anche se non all’interno della SMO, ovviamente) con le quali potranno successivamente stipulare contratti ed arruolarsi. al completamento del servizio di leva/campo di addestramento.

Inoltre, molte unità di volontari finiscono per essere subordinate alla struttura DPR/LPR e fanno quindi parte del 1° o 2° AK (Corpo d’Armata) piuttosto che delle Forze Armate russe ufficiali. Sì, il 1° e il 2° sono ora ufficialmente sotto la Russia, ma poiché ciò era solo semi-recente, significa che i capricci organizzativi sono ancora per molti versi più DPR che Russia, per così dire, il che a volte significa regole e standard più permissivi. , condotta, ecc.

Ora torniamo all’articolo, che afferma ancora una volta in modo esilarante che Putin punta come sempre a qualche appuntamento mistico:

Per ora, tuttavia, le forze russe continuano ad avanzare. Sebbene l’Ucraina non stia crollando, sta perdendo circa 20 km quadrati a settimana. Putin potrebbe voler infliggere il massimo danno prima della festa del 75° anniversario della NATO a luglio, per umiliare l’Occidente e costringere l’Ucraina ai negoziati.

Non imparano mai?

Ma l’ultimo argomento chiave torna a Kharkov, dove si sottolinea la possibilità che la Russia attaccherà presto la “seconda città” dell’Ucraina in un modo o nell’altro:

Con circa 50.000 soldati russi freschi che si stanno radunando oltre il confine a circa 40 km di distanza, i comandanti di Kharkiv sanno che potrebbero essere un obiettivo nella prossima offensiva della Russia. Uno scenario potrebbe essere quello di isolare la città tagliando la strada principale per Kiev. Un’altra sarebbe quella di avvicinarsi di circa 10 km, mettendo la periferia orientale della città nel raggio d’azione dell’artiglieria e creando una zona cuscinetto per proteggere Belgorod, una città russa che viene colpita dai droni ucraini.

Ciò è stato ripetuto ancora una volta dalle autorità ucraine della regione di Kharkov proprio ieri:

Ricordi come ho detto qualche tempo fa che non avrei iniziato a credere a queste storie fino a quando non fossero apparsi resoconti ucraini credibili di effettivi insediamenti russi? Bene, sembra che ora stiano iniziando ad apparire.

Ecco quanto più dettagliato è arrivato ieri da un canale militare ucraino:

Il nemico continua ad accumularsi nella fascia di confine delle regioni temporaneamente occupate di Belgorod e Kursk.

Nella prima si sono già radunati circa 33-35mila orchi e nella seconda altri 13-14. Il numero è in aumento.

Come potete capire, il numero di basi militari e mezzi di distruzione (~430 carri armati, 135 unità di artiglieria semovente e 388 unità di artiglieria semovente e trainata) non è sufficiente per condurre un’operazione militare combinata e raggiungere anche solo un obiettivo tattico-operativo.

Per fare un confronto, al culmine dell’operazione Avdiiv, c’erano più di 115.000 effettivi degli occupanti.

Si tratta di una sezione del fronte larga meno di 40 km (da Krasnohorivka a Krasnohorivka).

Anche il nemico lo capisce. Pertanto, il significato delle azioni degli occupanti può essere ridotto a quanto segue:

a) un attacco a Vovchansk per entrare nelle retrovie del nostro gruppo Kupyan

b) incursioni in direzione di Kharkiv e Sumy/Glukhov

Ed entrambe le opzioni sono abbastanza realistiche. Differiscono solo nell’obiettivo finale.

Esiste ancora una terza opzione: le battaglie di confine sul nostro territorio.

Nessuno sa cosa accadrà loro.

Ma posso dire con certezza che i nostri ragazzi sono pronti a qualsiasi sviluppo. Arrabbiato e motivato a distruggere il nemico

Cos’altro si può dire: potrebbero esserci ancora più attacchi indiscriminati a Kharkiv/Sumy. Il nemico ha molti missili anticarro fino a S-300 e RSZV. Così come quelli più accurati (shahedy/9m723/х-59/69). E fab/taxi/altri tipi di armi tattiche per l’aviazione. Questo deve essere capito.

Credi in ZSU e fai una donazione a ZSU! Solo i nostri guerrieri sono i garanti della nostra sicurezza e dei piani falliti del nemico!

Quindi, secondo lui ci sono 35-50.000 truppe e sono in crescita, con “ ~430 carri armati, 135 unità di artiglieria semovente e 388 unità di artiglieria semovente e trainata”.

Si tratta praticamente di un paio di divisioni corazzate ed è più o meno la quantità di mezzi corazzati che l’Ucraina ha utilizzato in totale nella grande controffensiva di Zaporozhye, a quanto ricordo.

Sono d’accordo che l’importo attuale probabilmente non è sufficiente per prendere Kharkov, ma per quanto riguarda gli altri obiettivi, dipende davvero da quanto saranno forti i rinforzi ucraini. Ad esempio, anche Wiki ammette che la Russia aveva Kiev interamente aggiogata con un piccolo contingente di 15-30.000 truppe.

Nella sezione “Battaglia di Kiev 2022” :

L’anno scorso avevo già scritto a lungo sulla possibilità che la Russia entrasse da Vovchansk per esercitare pressione sulle retrovie del gruppo di Kupyansk:

Con la strategia del boa constrictor, la Russia può rendere Kupyansk estremamente instabile e le AFU molto più propense a una ritirata di massa.

L’articolo dell’Economist termina con il comandante del Kraken che concorda anch’egli sul fatto che la Russia attaccherà Kharkov già a “metà maggio”, ma ritiene che fallirà:

Konstantin Nemichev è il comandante del famoso reggimento Kraken, un gruppo di forze speciali formato nei primi giorni dell’invasione del 2022 che difendeva Kharkiv. Si aspetta che il nemico attacchi nuovamente la provincia a metà maggio, ma ritiene che non riuscirà ad avvicinarsi alla città. Intervistato all’esterno di un edificio scolastico in rovina nella parte orientale della città, teatro di un intenso scontro a fuoco nel 2022 in cui i soldati invasori furono spazzati via, il comandante afferma che ora la difesa è molto più forte. Ha tre linee di fortificazioni e una brigata completa per fermare i russi. “Possono spostarsi di qualche chilometro all’interno della provincia”, dice, “ma non credo che possano arrivare fino a 10 chilometri”.

Una brigata al completo per fermare i russi?

L’altra cosa interessante è che continuano ad abbondare voci di “attività” molto elevate ai confini di Kharkov e Sumy. Ogni giorno i canali circolano con nuove voci su qualcosa di straordinario che sta accadendo. Ieri, gli ucraini hanno effettivamente fatto saltare in aria un ponte a Vovchansk, che è proprio uno dei pochi punti di ingresso chiave che la Russia può utilizzare per attraversare il confine:

A ciò sono seguite voci secondo cui l’attività russa dei DRG è aumentata nelle “retrovie” delle unità AFU sia nelle regioni di Sumy che di Kharkov.

E poi questo oggi:

Infine, è interessante notare che la Russia ha pubblicato oggi una foto del generale Lapin mentre fa un “controllo di preparazione” delle truppe del Gruppo Nord al confine di Kursk, da lui comandate:

Il colonnello generale Aleksandr Lapin ha verificato la prontezza delle truppe e ha “fornito assistenza pratica” al comando del gruppo che copriva il confine di stato in direzione di Kursk.

Nel frattempo, la Russia continua i suoi attacchi alle infrastrutture, di cui uno di grandi dimensioni è avvenuto due notti fa. L’autorità ucraina per la rete energetica Ukrenergo ha ammesso che diverse centrali elettriche importanti sono state nuovamente colpite, questa volta nella parte occidentale del paese, e “estesamente danneggiate”:

Un articolo conteneva i seguenti dettagli:

La Russia continua a condurre un approccio sistematico alla distruzione mediante incendio di oggetti del complesso energetico dell’Ucraina. Pertanto, nel TPP Burshtyn, solo 10 turbogeneratori avevano il controllo della velocità della turbina secondaria, per un totale di 12 turbine. Dopo gli scioperi precedenti, 4 turbine sono rimaste in funzione, e questo è stato più che sufficiente per regolare le deviazioni di frequenza dal valore nominale nei picchi serali di consumo di elettricità. A quanto pare, sono stati uccisi ieri sera.

Al Dobrotvorskaya TPP è stato terminato il turbogeneratore n. 1, prima era stato distrutto solo il secondo turbogeneratore. Entrambi sono stati distrutti dopo gli scioperi mattutini.

Probabilmente un altro colpo è stato inferto al Ladyzhinskaya TPP, dopo gli ultimi attacchi del 3 aprile, e un mese dopo, il 3 maggio, ha iniziato a funzionare. Inoltre, il Kryvyi Rih TPP non è stato ancora “calibrato”.

Come potete vedere, gli attacchi missilistici vengono effettuati principalmente su centrali termoelettriche con apparecchiature di controllo della frequenza secondaria. Permettono di regolare la frequenza da un valore preimpostato di 50 Hz. E due dei tre TPP sopra elencati dispongono di tali apparecchiature.

E ancora uno:

Dettagli del massiccio sciopero alle centrali elettriche la mattina presto dell’8 maggio.
A Poltava è stato attaccato l’ultimo autotrasformatore 330/110 kV, il precedente è stato distrutto in aprile. Tuttavia, a giudicare dal fatto che la luce a Poltava non è scomparsa, in città c’è un altro autotrasformatore che deve essere distrutto.

Nel Ladyzhinskaya TPP, la sesta unità di potenza è stata distrutta e la quinta unità di potenza è stata danneggiata. Nella centrale idroelettrica di Kremenchug, un razzo si è schiantato contro la copertura dell’unità idroelettrica n. 4 e ha danneggiato uno dei trasformatori dell’unità idroelettrica n. 4.6. Gli obiettivi da colpire sono pesanti.

Un rapporto separato afferma che “tutte le principali centrali termoelettriche controllate dall’Ucraina sono state distrutte o gravemente danneggiate” e che “gli impianti di generazione idroelettrica sono i prossimi a ridurre la flessibilità della rete ucraina. Dopodiché l’Ucraina farà affidamento su 3 centrali nucleari e sulle importazioni dai paesi dell’UE”.

È difficile verificarlo poiché alcuni di essi potrebbero essere solo colpi parziali e ne sarebbero necessari altri per eliminare turbine aggiuntive.

Per la cronaca, queste erano le cifre ufficiali dell’Ucraina sugli abbattimenti dei missili russi durante l’attacco, fittizi o meno:

▪ 33/45 X-101 / X-555;
▪ Calibro 4/4;
▪ 20/21 droni Shahed/Geran;
▪ Pugnale 0/1 (Kinzhal);
▪ 0/2 Iskander-M;
▪ 2/2 X-59 / X-69;
▪ 0/1 Iskander-K.

Nella notte sono state attaccate tre centrali termoelettriche della DTEK . L’apparecchiatura è gravemente danneggiata. Riuscito ad abbattere tutti gli obiettivi aerei nell’area della capitale.

E le forze russe continuano ad avanzare ogni giorno. L’ultima a Krasnogorovka, ormai quasi completamente avvolta in un calderone:

A nord di esso, si dice che Umanske, a ovest di Avdeevka, sia stata completamente o quasi catturata, con un rapporto che afferma che le truppe ucraine hanno già iniziato a ritirarsi a Skuchne, a ovest di esso:

Inoltre, appena a sud di esso, le truppe russe avanzarono nel centro di Netalove.

Ciò è significativo perché rappresenta proprio la linea di difesa sul fiume Vovcha di cui abbiamo parlato così a lungo come l’ultima linea difensiva di sostegno dell’Ucraina nella regione.

Quindi, Paraskoovka fu quasi catturata a ovest di Novomikhailovka, che a sua volta fu presa solo di recente:

Questo è importante perché le forze russe sono vicine a tagliare la principale via di rifornimento di Ugledar verso i più grandi quartier generali regionali:

Ciò significa che il tempo di Ugledar è quasi scaduto. Dopo che quella strada sarà tagliata, le cose inizieranno a diventare sempre più difficili e ad andare in rovina per l’Ucraina a Ugledar, che sarà sempre più isolata e vulnerabile.

ISW ha confermato la maggior parte di questi progressi:

Infine, le prese di coscienza si stanno lentamente realizzando e i dati ucraini condizionano l’opinione pubblica per l’eventualità:

“Potremmo perdere l’intera regione di Donetsk, ma questo non significa che la guerra sia persa” Il volontario ucraino Taras Chmut sta preparando i cittadini a un nuovo scenario per il suo Paese.

Alcuni ultimi elementi.

Ecco il discorso completo di Putin nel Giorno della Vittoria del 9 maggio:

Durante i lavori, Putin si è seduto tra molti degli eroi dell’SMO. Comprendeva questo volto familiare proprio dietro di lui a sinistra, il famoso comandante di plotone dell’810a brigata marina dell’assedio di Mariupol, Red Backpackman, alias  ‘Struna’:

In effetti, in seguito Putin ha onorato in un altro modo importante l’ 810° , che ora combatte sul fronte di Kherson intorno a Khrynki, in un altro modo importante. In una tavola rotonda con tutti i principali comandanti, Putin ha ascoltato l’appello ufficiale dello stesso comandante di brigata dell’810°, il Maggiore Generale Vlasov, e ha deciso di espandere ufficialmente l’810° – che ora è passato da 2.500 uomini a oltre 11.000 – in una Divisione completa :

Non è interessante il fatto che le brigate ucraine abbiano iniziato con 5000-6000 uomini e ora operino per lo più con 1000-2500 uomini al massimo, mentre le brigate russe hanno un numero di uomini che va da 2500 a 11k? Eppure ci dicono che è la Russia a subire “perdite insostenibili”.

Alla parata si è assistito a uno spettacolo inaspettatamente raro. Una formazione russa medagliata, composta da veri veterani dell’OMD, ha partecipato alla parata. Considerate il significato: questi sono tra gli unici soldati decorati veramente viventi al mondo che possono vantare di aver combattuto e sopravvissuto a una vera guerra. Nessun altro Paese attualmente può far sfilare eroi decorati in servizio attivo che hanno vissuto un vero combattimento di questo tipo:

Infine:

Putin ha onorato la sua insegnante di liceo Vera Gurevich, ancora in vita a 91 anni. La professoressa ha raccontato un ricordo molto approfondito di Putin da giovane, descrivendolo come un umile guerriero della giustizia:


Il tuo supporto è prezioso. Se ti è piaciuta la lettura, apprezzerei molto se sottoscrivessi un impegno mensile/annuale per sostenere il mio lavoro, in modo che io possa continuare a fornirti rapporti dettagliati e incisivi come questo.

In alternativa, puoi dare la mancia qui: buymeacoffee.com/Simplicius

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

1 2 3 4 5 339