Storico incontro oggi a Riyadh tra il presidente iraniano Raisi e il primo ministro saudita Mohammed bin Salman (MbS) di cui il mainstream non vi dice nulla, di gilbertdoctorow

Storico incontro oggi a Riyadh tra il presidente iraniano Raisi e il primo ministro saudita Mohammed bin Salman (MbS) di cui il mainstream non vi dice nulla
gilbertdoctorow Senza categoria 11 novembre 2023 6 Minuti

Ancora una volta sembra che i media occidentali mainstream stiano aspettando che Washington passi loro il comunicato stampa su cosa dire prima di riferire su uno dei più notevoli sviluppi di notizie internazionali del giorno. Ciò è ancora più sorprendente se si considera che il comunicato stampa utilizzato dai media non occidentali per la loro copertura è stato emesso da… Agence France Presse.

Vedi https://www.ndtv.com/world-news/gaza-in-focus-as-arab-leaders-iran-president-meet-in-saudi-arabia-4565957

Per chi non ha familiarità con i media indiani, ndtv.com è un’emittente in lingua hindi di proprietà del più grande conglomerato commerciale dell’India, l’Adani Group. È probabile che gli europei abbiano sentito parlare di Adani in relazione alla sua filiale per la gestione dei porti marittimi, che intende espandere la propria presenza in Grecia.

Il link qui sopra mi è stato inviato questa mattina presto da WION, l’emittente indiana in lingua inglese, che mi ha chiesto un’intervista per discutere il significato degli eventi che si stanno svolgendo oggi a Riyadh, dove i leader della Lega Araba e dell’Organizzazione della Cooperazione Islamica (OIC) sono seduti insieme e discutono sul da farsi riguardo alla guerra tra Hamas e Israele. Per quanto riguarda WION, vi segnalo la sede dello studio dei conduttori del programma: Durban, in Sudafrica. Come la CGTN cinese, o come i creatori di tutte le emittenti di notizie globali, la CNN e la BBC, WION ha studi in vari Paesi del mondo, non solo a Mumbai.

La mia intervista video è stata pubblicata su youtube da WION:

È anche sul loro account Meta:

https://m.workplace.com/WIONews/videos/iran-and-saudi-arabia-growing-closer/344895271419817/

Ecco i punti principali.

Il presentatore di WION ha descritto l’incontro di oggi a Riyadh come “storico”, notando che si tratta della prima visita in Arabia Saudita di un leader iraniano in 11 anni. A dire il vero, l’arrivo del Presidente Raisi avviene nell’ambito dell’OIC, di cui l’Iran è membro. Non è chiaro se ci sarà un incontro tra Raisi e MbS. Tuttavia, il fatto stesso di essere accolto a Riyadh rende la giornata memorabile, vista la storia di intensa competizione tra Iran e Arabia Saudita per la leadership nella regione mediorientale e visto che il beneficiario dello scoppio della guerra tra Israele e Hamas è stato l’Iran, a scapito dei sauditi, il cui quasi completamento della normalizzazione delle relazioni con Israele è naufragato con l’attacco di Hamas del 7 ottobre.

Noterete nell’articolo citato sopra lo scetticismo espresso da un portavoce della Jihad islamica sul fatto che l’incontro di oggi a Riyadh possa portare a qualcosa di concreto. Questo è perfettamente vero se per “valore pratico” si intende un accordo sulle misure militari da adottare congiuntamente contro Israele per porre fine alla sua furia mortale a Gaza. Tutti gli attori statali della regione, e persino gli Hezbollah non statali del Libano, si sono dichiarati contrari a un’escalation verso una guerra regionale più ampia.

È proprio qui che la presenza di Raisi all’incontro può reindirizzare la rabbia di tutti gli Stati musulmani della regione per il massacro dei loro fratelli palestinesi da parte delle forze di difesa israeliane dal potere duro al potere morbido. Una settimana fa Raisi ha proposto agli esportatori di petrolio e gas del Medio Oriente di dichiarare un embargo sulle spedizioni verso tutti i Paesi che ora sostengono l’aggressione israeliana. In questo senso, ha preso spunto dal manuale americano, che ha usato ampiamente le sanzioni economiche e commerciali come sostituto della guerra calda per distruggere quei Paesi la cui politica non piace agli Stati Uniti.

Certo, si potrebbe obiettare, un embargo sulle spedizioni verso gli Stati Uniti avrebbe poco significato, dato che il Paese è ora un esportatore piuttosto che un importatore di idrocarburi. Tuttavia, un simile embargo potrebbe avere effetti devastanti sugli Stati membri dell’UE, già a corto di forniture a causa delle sanzioni imposte alla Russia. Come minimo, la minaccia stessa di un embargo potrebbe servire ad allargare il divario tra gli Stati membri dell’UE che si accontentano di seguire Ursula van der Leyen nel suo percorso ideologico verso l’inferno e gli Stati membri dell’UE che hanno ancora una comprensione della realtà oggettiva.

Guardate questo spazio!

©Gilbert Doctorow, 2023

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Il nuovo concetto di relazioni estere della Russia porterà a un cambiamento fondamentale nell’equilibrio della sua politica interna, di gilbert doctorow

Il nuovo concetto di relazioni estere della Russia porterà a un cambiamento fondamentale nell’equilibrio della sua politica interna
gilbertdoctorow Senza categoria 3 aprile 2023 59 minuti
Venerdì 31 marzo Vladimir Putin ha firmato la legge sul nuovo Concetto di politica estera che guiderà la diplomazia russa negli anni a venire. Sostituisce il Concetto promulgato nel 2016 ed espone in 42 pagine, in forma logicamente organizzata, ciò a cui abbiamo assistito nel comportamento della Russia sulla scena mondiale dal lancio dell’Operazione militare speciale in Ucraina e dalla successiva rottura quasi totale delle relazioni con l’Occidente collettivo guidato dagli Stati Uniti.

Ho trovato poche sorprese nel documento proprio perché ribadisce ciò che ho letto in un discorso dopo l’altro di Vladimir Putin, ciò che ho letto nella lunga Dichiarazione congiunta rilasciata a conclusione della visita del presidente cinese Xi Jinping a Mosca il 20-22 marzo.

Vi si ritrovano parole familiari, come “mondo multipolare”, che la Russia si sta sforzando di far nascere in uno sforzo congiunto con la Repubblica Popolare Cinese. Si tratta della creazione di un nuovo ordine post-Guerra Fredda, più democratico, che attribuisca maggior peso nelle istituzioni internazionali alle nuove potenze economiche emerse e che sia più rispettoso delle diverse culture e soluzioni di governance dei Paesi di tutto il mondo rispetto all'”ordine basato sulle regole” che Washington sta lottando con le unghie e con i denti per preservare, poiché è una bella copertura per l’egemonia globale americana. Il nuovo ordine mondiale sarà costruito sul diritto internazionale concordato nell’ambito delle Nazioni Unite e delle sue agenzie. La nuova architettura di sicurezza sarà onnicomprensiva e non lascerà nessun Paese al freddo.

Il nuovo concetto sancisce l’alleanza strategica con la Cina e tende una mano di amicizia a quello che un tempo chiamavamo Terzo Mondo. Chiarisce le relazioni con quelli che ora sono “Stati non amici”, ovvero l’Occidente collettivo guidato dagli Stati Uniti. Viene lasciata la porta socchiusa per migliorare le relazioni con l’Occidente. Ci viene detto che non sono nemici in quanto tali. Ma la pagina è voltata e l’epoca in cui si batteva alle porte dell’Occidente per ottenere il riconoscimento e il trattamento da pari a pari, che ha caratterizzato la politica estera di Putin per più di vent’anni fino all’Operazione militare speciale, è definitivamente tramontata.

Questi aspetti del documento sul Concetto di politica estera hanno già attirato l’attenzione di analisti seri. Anche il media russo RT ha prodotto un’utile panoramica per chi volesse una guida rapida: https://www.rt.com/russia/573945-russia-foreign-policy-concept-key/.

Una volta che si saranno ambientati, gli esperti occidentali produrranno senza dubbio una serie di commenti in cui scopriranno in questo documento ciò che è stato chiaro per chiunque abbia seguito i discorsi del Presidente e del Ministro degli Esteri russi nel corso dell’ultimo anno. D’altra parte, pochissimi analisti occidentali hanno letto o ascoltato quei discorsi, che hanno liquidato a priori. Chiunque, come me, abbia osato pubblicare sintesi e commenti su quei discorsi è stato sistematicamente denunciato come “tirapiedi di Putin””.

Ora, di fronte a un concetto unificante conciso e logicamente coerente, gli esperti mainstream saranno costretti a fare per il quadro generale ciò che hanno appena fatto per il quadro generale, le relazioni russo-cinesi, dopo la visita di Xi. Nell’ultima settimana hanno scritto di questo allineamento strategico come se fosse improvvisamente una novità, quando altri, me compreso, hanno scritto tre o più anni fa che l’intesa russo-cinese stava per cambiare l’equilibrio di potere globale.

E i nostri economisti e banchieri si concentreranno sul punto del Concetto di politica estera che li riguarda più da vicino: la de-dollarizzazione, ossia lo scambio commerciale tra Stati che utilizzano le proprie valute nazionali. Quest’idea esiste da molto tempo, ma finora era considerata un sogno irrealizzabile dagli aspiranti disgregatori dell’ordine basato sulle regole, a causa delle restrizioni ai flussi di capitale da parte dei Paesi emittenti e della scarsa liquidità. Si diceva che il commercio che non passa attraverso il dollaro fosse qualcosa che sarebbe potuto accadere nei decenni futuri, non domani. Tuttavia, il petrodollaro viene spazzato via mentre parliamo, e anche i fedelissimi del dollaro come il Financial Times ne hanno preso atto.

Per chi volesse andare alla fonte del documento e cercare di capirne il senso, una traduzione non ufficiale è disponibile sul sito del Ministero degli Esteri russo: https://mid.ru/en/foreign_policy/fundamental_documents/1860586/.

In questa sede mi propongo di analizzare una dimensione completamente diversa del Concetto di politica estera: cosa significa per la politica interna russa. Perché è importante? Perché alcuni elementi chiave del Concetto indicano che la Russia sta facendo rivivere alcune tradizioni sovietiche che le sono state utili. Ma non ci si deve sbagliare: non c’è alcun accenno alla ricostituzione dell’URSS.

*****

Prima di procedere, mi corre l’obbligo di spendere qualche parola sull’organizzazione del nuovo documento del Concetto. Innanzitutto, a differenza delle precedenti edizioni che sembravano essere solo positive e costruttive, questo Concetto ha una componente difensiva o reattiva molto ampia. Molti dei compiti che assegna alla diplomazia russa sono quelli di contrastare gli atti ostili dei Paesi identificati come “non amici”. Questi atti vanno dalle sanzioni contro gli attori economici statali e privati russi alla guerra ibrida in tutte le sue manifestazioni. La diplomazia russa viene istruita ad agire per proteggere i russi che vivono all’estero e per facilitare l’immigrazione nel Paese di portatori della cultura russa che sono soggetti a persecuzioni russofobiche quando vivono all’estero.

Gran parte del testo è un elenco di compiti della diplomazia russa in generale. Il documento concettuale diventa interessante solo quando si arriva alla sezione “Binari regionali della politica estera”. Questa sezione stabilisce grosso modo un ordine decrescente di priorità, dalle aree più vicine agli interessi nazionali della Russia a quelle ostili agli interessi nazionali della Russia.

La cerchia di nazioni più vicina a cui prestare attenzione è quella dei vicini immediati della Comunità degli Stati Indipendenti, cioè le ex repubbliche sovietiche, altrimenti chiamate “il vicino estero”.

Poi viene l’Asia, con particolare riferimento alla Cina e all’India. È comprensibile che questi due Paesi abbiano salvato la Russia dal crollo delle esportazioni di idrocarburi nell’ultimo anno. L’India, da sola, ha aumentato le importazioni russe di 22 volte. La salvaguardia di queste partnership strategiche è ovviamente in cima alle cose da fare per il Ministero degli Affari Esteri russo.

Sempre nell’ambito della Grande Asia, una menzione speciale è riservata al mondo islamico, in particolare a Iran, Siria, Arabia Saudita, Turchia ed Egitto. Per chiunque abbia seguito le notizie quotidiane di quest’ultimo anno, è evidente che l’Iran, l’Arabia Saudita e la Turchia hanno avuto un ruolo fondamentale nel mantenere l’economia russa in movimento e nel resistere agli effetti delle sanzioni americane.

Poi c’è l’Africa: “La Russia è solidale con gli Stati africani nel loro desiderio di un mondo policentrico più equo e di eliminare le disuguaglianze sociali ed economiche, che stanno crescendo a causa delle sofisticate politiche neocoloniali di alcuni Stati sviluppati nei confronti dell’Africa”.

Dopo l’Africa, troviamo l’America Latina e i Caraibi. Rispetto a tutti questi Stati, leggiamo che la politica estera russa mira a rafforzare l’amicizia con loro e ad aiutarli a resistere alle richieste egemoniche americane. Ad eccezione del Brasile, nessuno degli Stati dell’America Latina o dell’Africa può essere un mercato o un partner importante per superare gli effetti della pressione economica occidentale sulla Russia. Tuttavia, mantenere relazioni sempre più strette con loro è fondamentale per un’altra missione della politica estera russa che non viene menzionata nel Concetto, ovvero raccogliere voti a sostegno della Russia nell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Si tratta di un importante esercizio di soft power e relazioni pubbliche. È importante perché il Concetto fa grande affidamento sulle Nazioni Unite come fonte del diritto internazionale che può e deve normalizzare le relazioni internazionali e mantenere la pace.

Seguono, in ordine di priorità, gli “Stati non amici”. Questi sono l’Europa, di cui leggiamo: “La maggior parte degli Stati europei persegue una politica aggressiva nei confronti della Russia, volta a creare minacce alla sicurezza e alla sovranità della Federazione Russa, a ottenere vantaggi economici unilaterali, a minare la stabilità politica interna e a erodere i tradizionali valori spirituali e morali russi, nonché a creare ostacoli alla cooperazione della Russia con alleati e partner”.

Infine, arriviamo al cattivo del pezzo: “gli Stati Uniti e gli altri Stati anglosassoni”. Qui leggiamo: “Il percorso della Russia nei confronti degli Stati Uniti ha un carattere combinato, tenendo conto del ruolo di questo Stato come uno degli influenti centri sovrani dello sviluppo mondiale e allo stesso tempo il principale ispiratore, organizzatore ed esecutore della politica aggressiva anti-russa dell’Occidente collettivo, fonte di grandi rischi per la sicurezza della Federazione Russa, del ritmo internazionale, di uno sviluppo equilibrato, equo e progressivo dell’umanità”.

Passando dalle dichiarazioni di principio al vocabolario specifico utilizzato nel Concetto di politica estera, segnalo alcune parole che definirei “fischietti per cani”, perché dietro il loro utilizzo si celano visioni del mondo sostenute da specifici attori politici della politica interna russa.

La prima parola chiave è “neocoloniale”. Questa denominazione dell’Occidente collettivo sarebbe andata benissimo a Leonid Brezhnev. Presuppone un approccio all’identificazione delle forze in movimento nella storia con cui qualsiasi studente di marxismo-leninismo si sentirebbe a proprio agio. È un fischio per i comunisti.

L’altro termine “fischietto” che vedo qui è “Stati anglosassoni”. Se chiedete a un francese chi è responsabile di tutti i guai del mondo, è probabile che parli degli anglosassoni. Lo stesso vale per i russi dalla mentalità patriottica, compresi quelli che fanno parte dei partiti di entrambe le parti di Russia Unita. Non si tratta di un termine che si vede sbandierato da Russia Unita, perché molti dei loro amici considerano Londra la loro seconda casa.

*****

In un saggio che ho pubblicato il 2 gennaio, intitolato “Le guerre fanno le nazioni”, ho sottolineato che la guerra in Ucraina ha consolidato la nazione russa in un fenomeno patriottico e di raduno intorno alla bandiera, come ci si aspetterebbe data la minaccia esistenziale che il Paese sta affrontando non solo con l’Ucraina, ma con l’intera NATO che sta sostenendo l’Ucraina con denaro, armi e personale militare.

Forse un milione di russi ha lasciato il Paese dopo il lancio dell’operazione militare in Ucraina. Tra loro c’erano, ovviamente, molti renitenti alla leva. Ma anche celebrità della televisione e dell’industria musicale, nonché giornalisti e uomini d’affari di spicco. Dal punto di vista del Cremlino, e anche della stragrande maggioranza patriottica della popolazione, la loro partenza è stata una manna dal cielo, poiché erano visti come una quinta colonna, come un contingente che lavorava contro la sovranità economica e politica del Paese. Sintomatico dell’abbandono della nave da parte dei topi è stata la partenza dalla Russia di Anatoly Chubais. Era il capo dello scandaloso programma di privatizzazione sotto Boris Eltsin e il genio del male dietro le elezioni presidenziali fraudolente del 1996. Non appena se n’è andato, appena prima che gli venissero notificati i mandati di arresto, Chubais è stato infine pubblicamente denunciato come il ladro e il sabotatore degli investimenti tecnologici prioritari del Paese che era diventato.

Dall’altra parte, molti membri della Duma, amministratori regionali e semplici cittadini si sono offerti volontari e sono andati al fronte nel Donbas per combattere a fianco dei soldati a contratto e dei riservisti mobilitati. Senza dubbio, alla fine della guerra questi veterani saliranno rapidamente sia al governo che nel mondo degli affari russo. Il Presidente Putin lo ha detto. Possiamo prevedere che quando arriveranno al potere, mostreranno poca tolleranza per l’edonismo e gli eccessi personali che sono fioriti tra l’intellighenzia creativa delle principali città russe. Ma sarebbe un errore trarre facili conclusioni sulla posizione delle forze patriottiche che godranno del potere politico ed economico dopo la fine della guerra nel consueto spettro politico di destra-sinistra, soprattutto alla luce delle specificità della storia russo-sovietica, di cui parlerò tra poco.

Nel frattempo, il nuovo concetto di politica estera ha il potenziale per trasformare la vita politica russa in modo ancora più drammatico, rendendo ufficiale ciò che è stato implicito: le preferenze neo-liberali per la cooperazione con il capitalismo europeo e americano, che sono state alla base delle politiche di riforma legislativa, di bilancio e militare del partito al governo, Russia Unita, sono ora sostituite dall’allineamento politico ed economico con il Sud globale, sotto gli stessi slogan di sinistra dell’anticolonialismo che erano il biglietto da visita dell’URSS. Ho parlato di anticolonialismo in riferimento all’Africa, ma lo slogan risuona anche in Cina, India e in molti altri Paesi dell’ex Terzo Mondo o Mondo in via di sviluppo.

Il documento concettuale che più si avvicina a una dichiarazione programmatica anticoloniale si trova proprio all’inizio, al punto 7, sotto il titolo “Mondo moderno: Principali tendenze e prospettive di sviluppo”.

Citazione

L’umanità sta vivendo un’epoca di cambiamenti rivoluzionari. Continua ad emergere un mondo più giusto e multipolare. Il modello di sviluppo mondiale non equilibrato, che per secoli ha garantito una crescita economica superiore a quella delle potenze coloniali attraverso l’appropriazione delle risorse dei territori e degli Stati dipendenti in Asia, Africa e nell’emisfero occidentale, si sta ritirando irreversibilmente nel passato.

Senza virgolette

Sia ben chiaro, presentandosi come forza contro le potenze neocoloniali dell’Occidente, la Russia sta giocando una carta che potremmo definire il suo asso nella manica. Le relazioni dell’Unione Sovietica con l’America Latina, l’Africa e il Sud-Est asiatico si sono basate per decenni sul finanziamento e sull’assistenza ai movimenti di liberazione nazionale. Non per niente l’URSS ha creato un’Università dell’Amicizia dei Popoli a Mosca e l’ha intitolata a Patrice Lamumba, l’assassinato primo ministro di sinistra della Repubblica Democratica del Congo, simbolo della lotta dei popoli africani per l’indipendenza. Dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, il nome di Lamumba è stato rimosso dall’istituzione. E non è un caso che due settimane fa l’Università dell’Amicizia dei Popoli di Mosca sia stata nuovamente intitolata a Patrice Lamumba.

Naturalmente, la coltivazione del Sud globale da parte della Russia di oggi non ignora alcuni punti che il politico russo anticomunista Vladimir Zhirinovsky ha ripetuto più volte negli ultimi anni: ovvero che la politica estera russa deve pagarsi da sola, proprio come hanno fatto gli americani, e non essere un salasso per le finanze pubbliche come avveniva ai tempi dell’URSS. I redditizi contratti della compagnia militare privata “Wagner Group” in Africa e in America Latina per i servizi di sicurezza e anche a sostegno delle operazioni minerarie dimostrano che l’approccio della Russia al Sud globale non è così morbido come in epoca sovietica.

Sebbene negli ultimi anni la Russia abbia stabilito buone relazioni di lavoro con molti Paesi dell’Africa e dell’America Latina che erano stati vicini all’URSS, c’è sempre stato un certo imbarazzo nelle relazioni perché la Federazione Russa era diventata un altro Stato capitalista che collaborava strettamente con l’Europa e l’America. Ora che questi ex “partner” della Russia sono diventati tutti “nazioni non amiche” e ora che la Russia è un alleato strategico della Cina comunista, possiamo aspettarci che la nostalgia sia meno un fattore trainante e che le relazioni con gli amici del passato dell’URSS siano più “amichevoli”.

*****

Nel 2024, la Russia terrà le prossime elezioni presidenziali e regionali. Nel 2026 eleggerà la prossima Duma di Stato. Come possono influire sulle votazioni i processi in corso legati al nuovo orientamento della politica estera e al nuovo approccio gestionale dell’economia?

Ritengo che tutti questi cambiamenti mettano in difficoltà il partito al potere Russia Unita, dato che i principi che guidano la sua politica estera e interna sono stati abbandonati da Putin e dal suo governo.

Se consideriamo i partiti rappresentati alla Duma, ovvero che hanno una quota superiore al 5% dell’elettorato, che tradizionalmente si oppongono alla relazione di dipendenza della Russia con l’Occidente e chiedono una politica estera più muscolare e patriottica, abbiamo un partito di destra, i Liberaldemocratici (LDPR) e un partito di sinistra, il Partito Comunista della Federazione Russa (CPRF). Sono loro a trarre vantaggio dalle nuove linee politiche.

Alle ultime elezioni federali, i comunisti hanno ottenuto circa il 20% dei voti e l’LDPR circa il 15%. La loro quota di seggi in parlamento era, ovviamente, sostanzialmente inferiore a causa della modalità di assegnazione dei seggi. Ognuno di questi partiti ha avuto un sostegno maggiore o minore nelle varie unità amministrative della Federazione, con l’LDPR particolarmente forte in Siberia, ad esempio.

Come amano dire i broker di borsa, il passato non è un fattore predittivo certo del futuro, ed è improbabile che l’LDPR nel 2024 rimanga una forza importante. Il partito è stato fondato e guidato per oltre 25 anni dall’inimitabile Vladimir Zhirinovsky. Fin dall’inizio, l’LDPR di Zhirinovsky è stato veementemente anticomunista. Nel corso del tempo, è diventato uno di quei partiti di minoranza a cui il Cremlino ha assegnato il compito di sottrarre voti ai comunisti, rubando loro la politica estera nazionalista e le linee di politica interna socialmente conservatrici.

Zhirinovsky era ben istruito, esperto di Turchia. Era un esuberante promotore di sé stesso attraverso l’uso di una retorica scandalosa. Era anche un leader carismatico. La sua morte prematura per Covid un anno fa ha lasciato un vuoto al vertice che apparentemente nessuno è in grado di colmare, tanto meno il suo successore Leonid Slutsky, che è un oratore maldestro.

In condizioni di guerra, il leader dei comunisti Gennady Zyuganov ha già detto che il suo partito non intende presentare un candidato da opporre a Vladimir Putin nel 2024. Ma possiamo essere certi che presenteranno candidati per tutti i Dumas e i governatorati regionali e prevedo che faranno davvero molto bene, sottraendo voti a Russia Unita e all’LDPR.

Per coloro che negli Stati Uniti potrebbero essere allarmati nel vedere il crescente potere politico nelle mani dei comunisti russi, permettetemi di aggiornarli. Zyuganov è stato al centro della politica russa per più di 30 anni. Si è fatto portavoce della maggioranza degli oppressi mentre la Russia si gettava a capofitto in una fase crudele di capitalismo di rapina e di pauperizzazione delle masse negli anni di Eltsin. Si è opposto al dominio degli oligarchi. Ha sempre chiesto un maggiore controllo governativo sull’economia, maggiori investimenti statali in nuove capacità produttive. Ma è un democratico convinto, una voce di moderazione nelle questioni relative alla struttura costituzionale del Paese. Le sue posizioni in politica estera non sono mai state così stridenti, così falchi come quelle di Zhirinovsky.

Ci si può rammaricare che Zyuganov si sia ostinatamente rifiutato di cambiare il nome del suo partito. La realtà è che le posizioni politiche del Partito Comunista gli consentirebbero, nel contesto dell’Europa occidentale, di chiamarsi Partito Socialdemocratico di Russia. Un tale cambiamento di nome conquisterebbe sicuramente ai suoi candidati una quota maggiore di giovani. Ma gli costerebbe molti dei vecchi e vecchissimi fedelissimi del Partito. Tuttavia, anche con il nome attuale, che molti russi disdegnano, il Partito dovrebbe ottenere buoni risultati, poiché si è sempre battuto per il posto al sole della Russia e ha sempre lottato per l’indipendenza economica e politica dall’Occidente. Daranno filo da torcere ai candidati di Russia Unita, il che è tutto sommato positivo, perché rinvigorirà la democrazia russa.

©Gilbert Doctorow, 2023

https://gilbertdoctorow.com/2023/04/03/russias-new-foreign-relations-concept-will-usher-in-a-fundamental-change-in-the-balance-of-its-domestic-politics/?fbclid=IwAR0pu1QjS6OOe2W1hjwCtMc_jt5on1N8CEka1dHexMDfj3wXUReCyn_E5vQ

Il sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure 

PayPal.Me/italiaeilmondo

Su PayPal è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (ho scoperto che pay pal prende una commissione di 0,38 centesimi)

 

È ora di ricominciare a preoccuparsi!_di gilbertdoctorow

Alcuni lettori mi hanno commentato in e-mail dirette di aver tratto conforto dai miei scritti in quanto sono stato una voce moderata, evitando allarmismi per le notizie quotidiane spesso fastidiose sulla guerra russa con l’Ucraina e intorno alla guerra, o più propriamente parlando oggi, la Russia guerra per procura con la NATO in e intorno all’Ucraina.

Proprio per questo, ho esitato a condividere con i lettori il profondo pessimismo che mi ha sopraffatto un paio di giorni fa sulle nostre possibilità di evitare l’Armageddon nucleare. Questo è seguito alla mia visione dell’ultimo talk show politico di Solovyov alla televisione di stato russa. Ho usato regolarmente questo spettacolo come cartina di tornasole dell’umore delle élite sociali e politiche russe: quell’umore è diventato nero.

Mentre in passato, indietro di sei mesi o più, avevo riferito del disprezzo aperto che accademici russi di spicco e altamente responsabili dei circoli universitari e dei gruppi di riflessione hanno mostrato nei confronti della leadership politica americana nelle loro dichiarazioni sui talk show politici, questo disprezzo è entrato in una fase perseguibile, con il che intendo dire che i russi seri e timorati di Dio sono così furiosi con la propaganda spazzatura proveniente da Washington, ripetuta con megafoni in Europa che, se ne avessero la possibilità, “premerebbero il pulsante” personalmente e scatenerebbero attacchi nucleari contro gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, in quest’ordine nonostante la possibilità, anche la probabilità di un attacco di ritorno, che, per quanto indebolito, sarebbe devastante per il proprio paese. Vale a dire,

Qualunque siano le parole dell’amministrazione Biden sul fatto che la guerra nucleare sia “fuori discussione”, il comportamento aggressivo e minaccioso dell’America, compreso il continuo “addestramento alle armi nucleari” attualmente in corso in Europa sotto la direzione degli Stati Uniti, ha reso i russi razionali e molto seri pronti a Provaci.

Uno degli esperti di affari internazionali più sobri ad apparire nello show di Solovyov, Yevgeny Satanovsky, presidente del think tank dell’Istituto del Vicino Oriente, ha contenuto la sua rabbia con una certa difficoltà, dicendo solo che mentre una volta aveva nutrito una certa simpatia per il Stati Uniti, ora vedrebbe la sua totale distruzione con poco rimpianto; non ha lasciato alcuna menzione su dove sono puntati i piedi quando ha aggiunto che non poteva dire altro in onda per paura di essere censurato e le sue parole rimosse dal video.

Per queste ragioni ho dato a questo saggio rivolto al Collective West, e in particolare ai fomentatori del disordine mondiale a Washington e Londra, un titolo che si adatta alla situazione attuale.

*****

Come abbiamo visto anche prima del lancio dell'”operazione militare speciale”, i programmi di conversazione russi identificano per nome le persone nella squadra di Biden la cui eccezionale stupidità, ottusità e ignoranza di rango trovano insopportabili, con artisti del calibro di Antony Blinken, Jake Sullivan e Lloyd Austin tra coloro che verranno per una menzione speciale. Ci rimane l’impressione che quando Biden chiama i suoi consiglieri allo Studio Ovale, lui, ottuso senile com’è, sia la luce brillante nella stanza. I russi ne concludono che non hanno nessuno con cui negoziare.

Ora la nomina degli idioti ai vertici si trasferisce a tutte le discussioni sull’Unione Europea e sui leader britannici. La denuncia dell’incompetenza, della stupidità di rango e, sì, delle mentalità neocolonialiste o fasciste tra i leader europei si è ben riflessa nell’ultimo spettacolo di Solovyov. Il frustino più discusso è stato il commissario Ue per l’azione esterna, Josep Borrell, che sembra parlare quotidianamente al mondo e non riconosce limiti a ciò che può proclamare, come se fosse la politica ufficiale dell’Ue in difesa oltre che in diplomazia.

Lo spettacolo di Solovyov ha mostrato sullo schermo una breve registrazione video di Borrell che espone compiaciuto della posizione privilegiata dell’Europa come “un giardino di democrazia liberale, buone prospettive economiche e solidarietà sociale” che è circondato dalla “giungla”. Quel riferimento alla giungla si adatta bene, ha osservato Solovyov, con la mentalità colonialista di Rudyard Kipling ed è profondamente offensivo per il resto del mondo, di cui la Russia fa parte. Più precisamente, Borrell era noto anche in Russia la scorsa settimana per la sua affermazione secondo cui qualsiasi uso da parte della Russia di armi nucleari in Ucraina sarebbe stato contrastato da un massiccio attacco non nucleare dall’Europa che avrebbe “annientato” l’esercito russo. Tuttavia, Borrell non era solo in borsa:

Quindi non hai un rifugio antiaereo? Quindi, come hanno detto i russi decenni fa, è giunto il momento di gettarsi un lenzuolo sulle spalle e camminare lentamente verso il cimitero più vicino.

*****

Una delle ultime due notizie false diffuse contemporaneamente e in modo onnipresente sui principali media occidentali la scorsa settimana è che la Russia sta considerando di usare contro l’Ucraina “armi nucleari tattiche”, ovvero testate con una forza distruttiva equivalente alle bombe di Hiroshima-Nagasaki montate in crociera o missili balistici a medio raggio. La nostra carta stampata ed elettronica speculano sul numero di testate che la Russia possiede attualmente (2.000 o più), come se ciò potesse fare la differenza in un assalto all’Ucraina.

Spazzatura dicono i russi nello show di Solovyov: non abbiamo bisogno di armi nucleari per finire gli ucraini. Le uniche forze nucleari che dispiegheremmo nella situazione attuale sono le armi strategiche, e sono dirette contro… Washington con l’aiuto dei sistemi di consegna Sarmat e Poseidon.

L’altra grande fake news diffusa in maniera massiccia dai media occidentali negli ultimi giorni è stata l’accusa che i russi stiano cercando di congelare a morte gli ucraini con i loro attacchi contro le infrastrutture di produzione di energia. Le immagini di Stalingrado sono state evocate dalle nostre emittenti. Si dice che un blocco simile sia stato inflitto all’Europa occidentale dal taglio delle forniture energetiche russe all’UE.

Altre sciocchezze dicono i relatori del programma Solovyov. L’attacco alla rete elettrica in Ucraina non è diretto contro i civili di per sé; ha lo scopo di fermare le consegne ferroviarie di sistemi d’arma avanzati e munizioni in arrivo in Ucraina al confine con la Polonia e spostate in treno ai fronti nell’est e nel sud del paese. Senza questi input, l’esercito ucraino sarà kaput e la guerra potrà giungere a una conclusione anticipata con la capitolazione di Kiev. Per quanto riguarda l’UE, qualunque chill out possa arrivare quest’inverno è dovuto esclusivamente alle decisioni poco professionali e ignoranti della Commissione sulle importazioni di idrocarburi russi che sono state seguite ciecamente dagli Stati membri senza debita considerazione delle conseguenze per le proprie popolazioni.

*****

Il Collective West parla di referendum “falsi” nelle quattro oblast ucraine che ora sono state reintegrate (o annesse, a seconda della politica) della Federazione Russa. In questo spirito, a metà della scorsa settimana l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato in modo schiacciante una risoluzione sponsorizzata dagli Stati Uniti che rifiuta di riconoscere la legalità di questa annessione. Tra coloro che hanno votato contro la Russia c’erano importanti “stati amici” come Serbia e Ungheria. Centoquaranta stati hanno votato con gli Stati Uniti; quattro stati, compresi i regimi paria in Venezuela e Corea del Nord, si sono uniti alla Russia votando “nyet” e trentacinque stati si sono astenuti.

Gli Stati Uniti hanno strombazzato questa vittoria all’ONU sui russi dispettosi e che infrangono le regole. Anche il capo della diplomazia dell’UE Borrell ha gongolato, anche se ha espresso rammarico per il fatto che il 20% degli Stati membri non avesse votato a favore della risoluzione.

I russi, dal canto loro, insistono sul fatto che questo voto è stato una farsa, viste le carote e i bastoni che i diplomatici americani ed europei hanno usato per ottenere i risultati sperati. Sono stati applicati ricatti di ogni tipo, dicono i russi. Inoltre, il numero di Stati in ogni conteggio racconta solo una parte della storia: tra i 35 paesi astenuti c’erano India e Cina, che da sole rappresentano il 35% dell’umanità.

Intanto, oltre in Europa, il giorno successivo l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa riunita a Strasburgo ha adottato una risoluzione che condanna la Russia per la sua presunta aggressione contro l’Ucraina con un atto particolare lungo diverse pagine e comprendente un appello ai 46 Stati membri a dichiarare la Russia uno “stato terrorista” come aveva chiesto loro Zelensky. Il voto pubblicato sarebbe stato 99 per la risoluzione, 1 contrario. Nell’annuncio dei risultati delle votazioni non è stato fatto menzione del fatto che il numero effettivo di deputati in PACE è 306. Il punto non è sfuggito alla giuria di Solovyov, che anche qui ha gridato “fallo”.

Mettendo da parte questi due voti che hanno raccolto così tanta attenzione nei media propagandistici occidentali, ci sono stati altri sviluppi internazionali relativi alla posizione relativa della Russia nella comunità globale che i media occidentali hanno scelto di ignorare, ma i media russi hanno avuto un posto di rilievo.

Penso in particolare ai tre giorni di vertice ad Astana, capitale del Kazakistan. Il primo di questi incontri ha riunito 27 capi di stato provenienti da tutta l’Asia, che vanno da Israele e Palestina, Qatar ed Emirati a ovest fino alla Corea a est. Ricordiamoci che un buon numero di partecipanti proveniva da paesi che hanno votato contro la Russia all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. La loro presenza ad Astana ha smentito l’idea che stessero espellendo la Russia dalla società educata.

La personalità chiave dell’incontro del 27 è stato chiaramente Vladimir Putin. I filmati della televisione russa lo hanno mostrato in una conversazione animata con questi leader in formati di gruppo e bilaterali. Di questi il ​​più significativo è stato probabilmente il faccia a faccia con il presidente turco Erdogan, durante il quale i due hanno discusso i passi immediati per attuare la proposta russa di aggiungere un nuovo gasdotto al Turk Stream in modo da aumentare notevolmente le possibilità di consegna del gas all’Europa da questa rotta meridionale attraverso i Balcani. In questo concetto, la Turchia diventerà un importante hub del gas, che rappresenta la realizzazione di un sogno di lunga data dal leader turco.

Nella sua qualità di hub, la Turchia sarebbe in grado di mescolare il gas russo con i flussi dall’Azerbaigian e forse successivamente dal Turkmenistan, in modo che il prodotto venduto come esportazione turca sarebbe a prova di proiettile contro le sanzioni americane o europee. La linea aggiuntiva potrebbe essere posata probabilmente entro un anno, vale a dire più rapidamente rispetto alle problematiche riparazioni dei gasdotti Nord Stream 1 danneggiati.

Il giorno successivo ad Astana si è tenuto un altro vertice tra i leader della Comunità degli Stati Indipendenti. Questa ristretta cerchia di membri è stata anche di grande importanza nella misura in cui conferma la posizione della Russia come facilitatore di soluzioni diplomatiche tra gli Stati membri in conflitto armato tra loro, con gli azeri e gli armeni in prima linea. E il vertice finale, tra i leader delle repubbliche dell’Asia centrale con la Russia aveva ancora un altro importante programma: concordare misure di sicurezza per difendersi dalle ricadute nella loro regione della guerra civile in via di sviluppo in Afghanistan, dove gli Stati Uniti e la Gran Bretagna stanno aiutando i gruppi estremisti che cercano di rovesciare governo talebano. Dal linguaggio del corpo dei leader, sembrerebbe che l’orecchio di Putin fosse molto richiesto.

Nel considerare il senso di questi raduni, mi pare che un’osservazione fatta qualche giorno fa su un altro spettacolo di Solovyov e sulla decisione dei sauditi e degli Stati del Golfo di snobbare le insistenti richieste di Biden di aumentare la produzione di petrolio: la decisione di la causa comune con la Russia non è nata per pietà per i deboli ma per realismo, vale a dire la valutazione che la Russia vincerà la gara militare con NATO/Ucraina. Questi governanti dell’Opec, come i governanti che sono venuti ad Astana la scorsa settimana, tornano vincitori e non potenziali perdenti.

Se posso trarre conclusioni positive dall’analisi altrimenti deprimente di cui sopra, sono che la Russia sta resistendo con successo alle massicce pressioni degli Stati Uniti e dell’UE e che il mondo si sta riallineando davanti ai nostri occhi in una direzione più multipolare e democratica. Eppure, i timori di errori di calcolo da una parte o dall’altra in questa gara tesa e senza precedenti significano che l’Armageddon minaccia costantemente in background.

©Gilbert Doctorow, 2022

https://gilbertdoctorow.com/2022/10/15/time-to-start-worrying-again/

Da “operazione militare speciale” a guerra aperta, di Gilbert Doctorow

Da ‘operazione militare speciale’ a guerra aperta: significato dei referendum in Donbas, Kherson e Zaporozie

Il discorso televisivo di ieri mattina di Vladimir Putin e il successivo commento del suo ministro della Difesa Shoigu che annuncia la parziale mobilitazione delle riserve dell’esercito russo per aggiungere un totale di 300.000 uomini alla campagna militare in Ucraina sono stati ampiamente riportati dalla stampa occidentale. La stampa occidentale ha riportato anche i piani per indire referendum sull’adesione alla Federazione Russa nelle repubbliche del Donbas questo fine settimana e anche nelle oblast di Kherson e Zaporozie in un futuro molto prossimo. Tuttavia, come accade molto comunemente, l’interrelazione di questi due sviluppi non è stata vista o, se osservata, non è stata condivisa con il grande pubblico. Poiché proprio questa interrelazione è stata messa in evidenza nei talk show della televisione di stato russa negli ultimi due giorni,

L’idea stessa di referendum nel Donbas è stata ridicolizzata dai media mainstream negli Stati Uniti e in Europa. Vengono denunciati come ‘finzione’ e ci viene detto che i risultati non verranno riconosciuti. Al Cremlino, infatti, non interessa affatto se i risultati siano riconosciuti validi in Occidente. La loro logica è altrove. Per quanto riguarda il pubblico russo, l’unica osservazione critica sui referendum è stata sulla tempistica, con anche alcuni patrioti che hanno affermato apertamente che è troppo presto per votare dato che la Repubblica popolare di Donetsk, le oblast di Zaporozie e Kherson non hanno ancora stato completamente “liberato”. Anche qui la logica di queste votazioni sta altrove.

È una conclusione scontata che le repubbliche del Donbas e altri territori dell’Ucraina ora sotto l’occupazione russa voteranno per entrare a far parte della Federazione Russa. Nel caso di Donetsk e Lugansk, è stato solo sotto la pressione di Mosca che i loro referendum del 2014 riguardavano la dichiarazione di sovranità e non l’adesione alla Russia. Tale annessione o fusione non fu accolta allora dal Cremlino perché la Russia non era pronta ad affrontare il previsto massiccio attacco economico, politico e militare da parte dell’Occidente che sarebbe seguito. Oggi Mosca è più che pronta: infatti è sopravvissuta egregiamente a tutte le sanzioni economiche imposte dall’Occidente anche prima del 24 febbraio e alla fornitura sempre crescente all’Ucraina di materiale militare e ‘consiglieri’ dei paesi NATO.

Il voto sull’adesione alla Russia raggiungerà probabilmente il 90% o più a favore. E’ perfettamente chiaro anche ciò che seguirà immediatamente da parte russa: entro poche ore dalla dichiarazione dei risultati del referendum, la Duma di Stato russa approverà un disegno di legge sulla “riunificazione” di questi territori con la Russia e nel giro di un giorno sarà approvato dalla camera alta del parlamento e subito dopo il disegno di legge sarà firmato in legge dal presidente Putin.

Guardando oltre il suo servizio come agente dell’intelligence del KGB, che è tutto ciò di cui gli “specialisti russi” occidentali parlano all’infinito nei loro articoli e libri, ricordiamo anche la laurea in giurisprudenza di Vladimir Putin. In qualità di Presidente, è rimasto sistematicamente all’interno del diritto interno e internazionale. Lo farà ora. A differenza del suo predecessore, Boris Eltsin, Vladimir Putin non ha governato per decreto presidenziale; ha governato con leggi promulgate da un parlamento bicamerale costituito da più partiti. Ha deliberato in armonia con il diritto internazionale promulgato dalle Nazioni Unite. La legge delle Nazioni Unite parla della santità dell’integrità territoriale degli Stati membri; ma la legge dell’ONU parla anche della santità dell’autodeterminazione dei popoli.

Cosa deriva dalla fusione formale di questi territori con la Russia? Anche questo è perfettamente chiaro. In quanto parti integranti della Russia, qualsiasi attacco contro di loro, e sicuramente ci saranno tali attacchi provenienti dalle forze armate ucraine, è un casus belli. Ma ancor prima, i referendum sono stati preceduti dall’annuncio di mobilitazione, che indica direttamente ciò che la Russia farà ulteriormente se gli sviluppi sul campo di battaglia lo richiederanno. Le fasi progressive di mobilitazione saranno giustificate dall’opinione pubblica russa come necessarie per difendere i confini della Federazione Russa dagli attacchi della NATO.

La fusione dei territori ucraini occupati dalla Russia con la Federazione Russa segnerà la fine dell'”operazione militare speciale”. Un SMO non è qualcosa che conduci sul tuo territorio, come relatori alla serata con Vladimir Solovyovtalk show ha commentato un paio di giorni fa. Segna l’inizio di una guerra aperta contro l’Ucraina con l’obiettivo della capitolazione incondizionata del nemico. Ciò comporterà probabilmente la rimozione della leadership civile e militare e, molto probabilmente, lo smembramento dell’Ucraina. Dopotutto, il Cremlino ha avvertito più di un anno fa che il corso dettato dagli Stati Uniti per l’adesione alla NATO per l’Ucraina comporterà la sua perdita della statualità. Tuttavia, questi obiettivi particolari non sono stati finora dichiarati; la SMO riguardava la difesa del Donbas contro il genocidio e la de-nazificazione dell’Ucraina, un concetto di per sé piuttosto vago.

L’aggiunta di altri 300.000 uomini in armi alle forze dispiegate dalla Russia in Ucraina rappresenta un quasi raddoppio e sicuramente affronterà la carenza di numeri di fanteria che ha limitato la capacità della Russia di “conquistare” l’Ucraina. È stata proprio la mancanza di stivali a terra a spiegare il doloroso e imbarazzante ritiro della Russia dalla regione di Kharkov nelle ultime due settimane. Non hanno potuto resistere alla massiccia concentrazione di forze ucraine contro la loro stessa presa scarsamente sorvegliata sulla regione. Il valore strategico della vittoria ucraina è discutibile, ma ha notevolmente migliorato il loro morale, che è un fattore importante nell’esito di qualsiasi guerra. Il Cremlino non poteva ignorarlo.

Alla conferenza stampa a Samarcanda la scorsa settimana dopo la fine del raduno annuale dei capi di stato dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, a Vladimir Putin è stato chiesto perché ha mostrato così tanta moderazione di fronte alla controffensiva ucraina. Ha risposto che gli attacchi russi agli impianti di generazione di elettricità ucraini che hanno seguito la perdita del territorio di Kharkov erano solo “campi di avvertimento” e ci sarebbero state azioni molto più “di impatto” in arrivo. Di conseguenza, mentre la Russia passa dalla SMO alla guerra aperta, possiamo aspettarci una massiccia distruzione delle infrastrutture civili e militari ucraine per bloccare completamente tutti i movimenti di armi fornite dall’Occidente dai punti di consegna nella regione di Lvov e altri confini al fronte. Alla fine potremmo aspettarci bombardamenti e distruzione dei centri decisionali dell’Ucraina a Kiev.

Per quanto riguarda un ulteriore intervento occidentale, i media occidentali hanno raccolto la minaccia nucleare appena velata del presidente Putin ai potenziali cobelligeranti. La Russia ha dichiarato esplicitamente che qualsiasi aggressione contro la propria sicurezza e integrità territoriale, come quella sollevata dai generali in pensione negli Stati Uniti che hanno parlato alla televisione nazionale nelle ultime settimane dello scioglimento della Russia, sarà accolta da una risposta nucleare. Quando la minaccia nucleare russa è diretta a Washington, come è ora il caso, piuttosto che a Kiev oa Bruxelles, supposizione fino ad ora, è improbabile che i responsabili politici a Capitol Hill rimarranno a lungo sprezzanti riguardo alle capacità militari russe e perseguiranno un’ulteriore escalation.

Alla luce di tutti questi sviluppi, sono costretto a rivedere il mio apprezzamento per quanto è emerso alla riunione dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai. I media occidentali hanno concentrato tutta l’attenzione su un solo problema: il presunto attrito tra la Russia ei suoi principali amici mondiali, India e Cina, sulla guerra in Ucraina. Mi è sembrato grossolanamente esagerato. Ora sembra essere una totale sciocchezza. È inconcepibile che Putin non abbia discusso con Xi e Modi di cosa sta per fare in Ucraina. Se la Russia ora fornisce al suo sforzo bellico una parte molto maggiore del suo potenziale militare, allora è del tutto ragionevole aspettarsi che la guerra finisca con la vittoria russa entro il 31 dicembre di quest’anno, poiché il Cremlino sembra aver promesso ai suoi fedeli sostenitori. 

Guardando oltre la possibile perdita della statualità dell’Ucraina, una vittoria russa significherà più di un naso sanguinante simile all’Afghanistan per Washington. Esporrà il basso valore dell’ombrello militare statunitense per gli Stati membri dell’UE e porterà necessariamente a una rivalutazione dell’architettura di sicurezza europea, che è ciò che i russi chiedevano prima che la loro incursione in Ucraina fosse lanciata a febbraio.

https://gilbertdoctorow.com/2022/09/22/from-special-military-operation-to-open-war/

Rapporto su una visita di tre settimane a San Pietroburgo, luglio 2022_di Gilbert Doctorow

Senza voler offendere i compagni dachniki , affermo che la vita contadina non è favorevole alle attività intellettuali. Durante la maggior parte del mio tempo in Russia nel mese di luglio, sono stato impegnato dalla mattina alla sera a mettere ordine nel caos che abbiamo trovato quando siamo arrivati ​​nella nostra residenza di campagna a 80 km a sud di Pietroburgo. Erbe alte fino alla vita e viti aggressive ricoprivano quasi tutti i 1400 mq della nostra proprietà.

Il mio ‘tagliabordi’ elettrico, supportato da 200 metri di prolunghe collegate, è stato di grande aiuto per pulire il terreno. Tuttavia, molto lavoro manuale era inevitabile per liberare l’orto, le aiuole e i numerosi cespugli di bacche. Basti dire che entro sera i miei ottimistici piani per scrivere sugli eventi internazionali attuali hanno ceduto all’esaurimento generalizzato e sono riuscito a malapena a scrivere alcune righe sull’uno o sull’altro problema della giornata che ha catturato la mia immaginazione.

In quanto segue, espongo queste annotazioni di diario più lunghe e più brevi che sono sistematiche solo in ordine cronologico, non tematico. Se dovessi identificare un paio di temi generali degli sviluppi internazionali durante questo periodo, sarebbero l’avanzata inarrestabile delle forze russe attraverso il Donbas e le propaggini meridionali dell’Ucraina, accompagnata dai mutevoli obiettivi bellici russi, che ora suggeriscono piani per annettere il tutto il litorale del Mar Nero. La logica di questo cambio di obiettivi è stata chiaramente enunciata dal ministro degli Esteri Sergei Lavrov un paio di settimane fa: le consegne in corso di sistemi missilistici di artiglieria a lungo raggio (HIMARS) da parte degli Stati Uniti e dei loro alleati rappresentano una grave escalation nella guerra che impone alla Russia la necessità di arretrare i confini con l’Ucraina al punto che le nuove armi non minaccino più il Donbas, per non parlare delle popolazioni civili nei territori adiacenti della Federazione Russa. La continua assistenza militare occidentale all’Ucraina, che ora include chiaramente l’invio di tecnici militari per presidiare e dirigere il materiale avanzato, si tradurrà nella piena conquista dell’Ucraina da parte delle forze russe e in una pace dettata con qualunque regime sostituisca la giunta Zelensky.

In queste mutate circostanze, la mia proposta di sei settimane fa per una pace in cui la Russia lascerebbe in vigore le repubbliche popolari indipendenti e sovrane del Donbas in cambio della revoca delle sanzioni da parte dell’Occidente non è più pertinente. 

Giorno dopo giorno, le azioni russe sul campo nei “territori occupati”, come li chiama Kiev, mostrano il chiaro intento di incorporarli tutti nella Federazione Russa. Ho in mente il rilascio di passaporti russi a tutti coloro che arrivano in questi territori, i preparativi per un nuovo anno scolastico basato sul curriculum russo standard, il pagamento delle pensioni e degli stipendi statali dal bilancio russo, la costruzione in corso di nuove abitazioni e scuole per accogliere coloro che hanno perso l’alloggio a Mariupol e altrove. Queste azioni completano e sottolineano le parole pronunciate da Sergei Lavrov. Ciò a cui stiamo assistendo aggiungerà forse 10 milioni di cittadini alla popolazione del paese, nonché un vasto nuovo potenziale economico da quello che dal 1922 era il cuore industriale dell’Ucraina.

A livello di vita quotidiana dei russi sia in città che in campagna, poco è cambiato da quando la mia visita è terminata un mese prima. Non solo i negozi di alimentari, ma quelli che vendono beni di consumo di ogni tipo sembrano essere ben forniti. I prezzi sono più alti rispetto a prima dell'”operazione militare speciale”, ma non più che nell’Europa occidentale. Un paio di nostri amici di città sono partiti per la loro vacanza annuale di diversi mesi nella loro piccola proprietà in Crimea vicino a Feodosia. I treni per il Sud funzionano normalmente anche se il traffico aereo è stato interrotto per motivi di sicurezza. Altri amici si lamentano dei pacchetti turistici ora molto più costosi in Turchia a causa delle tariffe aeree più elevate e guardano più lontano in luoghi come il Kazakistan, dove le spiagge del Caspio sono meno richieste. Altri ancora che normalmente andrebbero in vacanza in Europa in una o l’altra spa ora stanno invece guidando verso sud fino a Krasnodar, facendo molte soste nelle città storiche lungo la strada. Un’amica è appena tornata da Kostroma, dove è stata felice di scoprire un produttore di formaggio locale le cui merci rivaleggiano con quelle che vediamo intorno a noi in Belgio; in breve, una tradizione pre-rivoluzionaria è stata riproposta con successo.

In campagna, i nostri vicini sono impegnati a curare le loro serre e raccogliere quotidianamente i loro meravigliosi pomodori, cetrioli, peperoni e simili di qualità Bio. L’atmosfera è di maggiore solidarietà e socialità rispetto a quanto abbiamo visto prima nei nostri dieci anni sulla terra. Ci hanno dato secchi di verdure dai vicini su entrambi i lati, il che è stata una sorpresa e un piacere.

Attraversamento del confine con la Russia dalla Finlandia, 14 luglio 2022

La partenza del nostro autobus dall’aeroporto di Vantaa, Helsinki è stata puntuale, e il nostro arrivo a San Pietroburgo è stato 45 minuti prima del previsto, per un tempo di viaggio totale di 7 ore, di cui 1,5 ore trascorse attraversando la dogana e il controllo passaporti su entrambi i lati della frontiera.

Ogni posto nell’autobus è stato preso. Dei 50 passeggeri, ero l’unico straniero. Ciò è diventato chiaro quando l’autista ha chiesto agli stranieri di farsi avanti per essere presentati a un funzionario di frontiera russo, allo scopo di controllare il risultato del test PCR obbligatorio.  

Il tempo passato attraverso il controllo finlandese, ovvero presentare i nostri passaporti all’interno del loro edificio amministrativo, è stato di meno di mezz’ora. L’edificio stesso è all’avanguardia, molto superiore alla struttura di confine estone che abbiamo attraversato durante il nostro ultimo viaggio. Ma poi a questo confine finlandese l’amministrazione russa è anche un edificio moderno e spazioso, tuttavia, sul lato russo il controllo è ridondante e aggressivo. Una volta che siamo stati elaborati, inclusa l’ispezione a raggi X di tutti i nostri bagagli, siamo stati quindi controllati di nuovo per vedere che il timbro della data fosse inserito correttamente nei nostri passaporti, e questo è stato ripetuto altre due volte prima che il nostro autobus potesse proseguire. Nel frattempo, mentre aspettavamo, abbiamo assistito all’ispezione dell’autobus stesso, che includeva l’obbligo di aprire il vano motore per il controllo. Stavano cercando clandestini che andavano in Russia? Più probabilmente stanno cercando di rompere il contrabbando di stupefacenti. Ciò si adatterebbe all’altro “spettacolo” a cui siamo stati trattati noi passeggeri: un paio di pastori tedeschi sono stati sottoposti ai loro ritmi di attacco appena fuori dalla nostra sala d’attesa. La burocrazia sta facendo gli straordinari per mettere i controlli. Ricomincia ad assomigliare all’Unione Sovietica.

Altrimenti, il viaggio in autobus qui da Helsinki mi ha permesso di vedere in prima persona l’enorme progetto di ingegneria e costruzione che ora procede a pieno ritmo dal confine finlandese fino alla città di Vyborg, a circa un’ora di macchina a sud-est. La portata del progetto è sbalorditiva e include l’installazione di linee elettriche e la costruzione di strade secondarie che si addentrano nella foresta. Il nostro autista di autobus mi ha detto che si tratta di un’estensione dell’autostrada “Scandinavia”, la prima superstrada standard internazionale completamente moderna nel nord-ovest della Russia, costruita 20 anni fa dalla periferia di San Pietroburgo fino a Vyborg. Il completamento è previsto per il 2024.

Considerando la rottura dei rapporti con la Finlandia negli ultimi mesi, considerando che oggi praticamente non ci sono semirimorchi al confine su entrambi i lati, c’è da chiedersi perché i russi stanno continuando la costruzione a questo livello di intensità e costo. 

Vedo due possibili risposte. 1. Ritengono che la rottura sarà di breve durata e che i normali scambi commerciali riprenderanno prima della data di completamento dell’autostrada o 2. Si stanno preparando per la guerra con la Finlandia/NATO e questa nuova autostrada semplificherà notevolmente la logistica per le pesanti attrezzature russe in aumento al confine condiviso di 1.000 km.

Dico di sfuggita che anche l’originale autostrada scandinava è stata modernizzata nella sua intera lunghezza originale, il che significa un’illuminazione all’avanguardia e l’aggiunta di schermi di protezione del suono dove attraversa gli insediamenti. Inoltre, è stato esteso a sud nella città vera e propria e collegato con le arterie stradali e i ponti che la città ha costruito in preparazione dei giochi FIFA tre anni fa. Così ora si passa sopra la punta meridionale dell’isola Vasilievsky e la carreggiata scende al livello del suolo solo quando supera il porto con i suoi moli di costruzione navale e la vista sul porto più ampio. La carreggiata è spettacolare e adatta al secondo comune più popoloso del paese.

Venerdì 15 luglio, San Pietroburgo

I media locali riferiscono che oggi più di 5.000 persone hanno attraversato il confine con la Finlandia, il primo giorno in cui i russi hanno abbandonato le restrizioni di viaggio imposte poco dopo l’inizio della pandemia di Covid 19 nel marzo 2020.

Il saldo del traffico è stato del 60% dalla Russia alla Finlandia e del 40% dall’altra parte. Il servizio di frontiera ha notato che la maggior parte dei russi si stava recando in Finlandia per turismo o shopping, alcuni per controllare le loro proprietà in Finlandia. I finlandesi stavano attraversando la Russia per fare il pieno di benzina a buon mercato.

Separatamente, l’ambasciata finlandese a Mosca ha annunciato che dal momento in cui le restrizioni sul virus Corona sono state revocate dai russi hanno ricevuto circa 59.000 domande di visto. In tutto il 2021 hanno ricevuto un totale di 46.000 domande.

Una sorpresa ci attende quando siamo entrati nel nostro condominio nel quartiere di Pushkin, nel sud di San Pietroburgo: un avviso sulla porta ci informava che è arrivata la chiusura annuale della caldaia centrale per l’acqua calda che serve il nostro quartiere e che non ci sarà acqua calda dal Dal 14 al 27 luglio . Ecco la prova positiva che non devi essere tedesco in questo periodo per limitare le tue docce a quattro parti strategiche del corpo. Questa tempistica annuale potrebbe anche spiegare perché così tanti dei nostri vicini nell’edificio hanno scelto di lasciare la città per le loro dacie o per altre destinazioni di vacanza in questo momento.

Domenica 17 luglio, Orlino

Il “Morning Briefing” online del New York Times di oggi riporta la notizia del licenziamento da parte di Zelensky del suo procuratore generale e capo dell’intelligence, definendolo il più importante scossone nel governo dall’inizio dell’invasione russa.
Il quotidiano ribadisce l’accusa di Zelensky di aver preso la decisione a causa di “un gran numero di indagini per tradimento che sono state aperte sui dipendenti delle forze dell’ordine”. Si dice che le modifiche abbiano l’approvazione dei funzionari americani, che ora si aspettano che il presidente ucraino metta personale più esperto a capo di posizioni chiave di sicurezza. Come spiega ulteriormente l’articolo del Times , “il licenziamento di Ivan Bakanov, il leader dell’agenzia di intelligence interna ucraina e amico d’infanzia del presidente, non è stato dovuto a una cattiva gestione dell’intelligence o a una penetrazione importante dei servizi di intelligence ucraini da parte della Russia”.
Abbastanza separatamente, il NYT riferisce oggi anche di un attacco missilistico russo a Vinnitsa, dove afferma che 23 persone sono morte tra cui un bambino di 4 anni con la sindrome di Down. Nel frattempo, http://www.yandex.ru mi dice che il comando militare russo domenica ha riferito che il loro attacco missilistico a Vinnitsa era diretto al Club degli Ufficiali, dove ha ucciso alti ufficiali militari del comando aereo ucraino insieme ad alto livello Personale della NATO che era venuto a una riunione per discutere delle spedizioni occidentali di aerei in Ucraina.

Giustappongo questi resoconti per evidenziare la manipolazione editoriale propagandistica delle notizie da parte del New York Times.Sì, vengono riportati fatti separati, ma la loro relazione causale è completamente ignorata per essere contraria alla narrativa ufficiale di Washington. Il collegamento tra le storie porta immancabilmente alla conclusione che lo scuotimento dei servizi di intelligence a Kiev è stato diretto da Washington, che si stava leccando le ferite per la morte di personale di alto rango a causa di fughe di informazioni che Kiev non poteva contrastare.

A proposito, qui alla dacia il nostro ricevitore TV satellitare gratuito fornisce ancora i canali Bloomberg e BBC News in inglese. Tuttavia, contrariamente alla logica del buon senso, i canali della televisione di stato russache l’operatore satellitare paneuropeo Eutelsat ha lanciato il 15 giugno non sono più accessibili qui sul mio ricevitore. Questo è molto deludente. Quindi qui nella campagna russa faccio come a Bruxelles e guardo le notizie russe su www.smotrim.ru . Tuttavia, sono certo che il più grande operatore televisivo satellitare russo, Trikolor TV, che conta oltre 12 milioni di abbonati in tutto il paese, continua a offrire alla sua clientela pagante tutti i canali russi, sebbene emittenti straniere come National Geographic, Discovery Channel, Disney Channel come così come la BBC e altre stazioni internazionali non sono più disponibili. Mercoledì 20 luglio, Orlino The Financial Times 

e altri media occidentali discutono dell’intervista di Sergei Lavrov con RT e delle indicazioni che la Russia sta preparando il territorio che occupa per l’annessione. I piani per tenere referendum lo rendono molto chiaro. Quindi ho sbagliato a proporre un mese fa che la Russia non avrebbe annesso i territori appena liberati se in cambio l’Occidente avesse revocato le sanzioni? A quest’ultima domanda Scholz ha risposto nei giorni scorsi quando ha affermato che una pace con l’Ucraina alle condizioni russe non avrebbe portato alla revoca delle sanzioni. Inoltre, gli obiettivi russi sono cambiati in linea con il livello mutevole delle attrezzature statunitensi e occidentali fornite all’Ucraina. La consegna dei lanciarazzi multipli HIMARS con una portata di 80 km ha cambiato le regole del gioco, ma non nel senso inteso a Washington.

Lunedì 25 luglio, San Pietroburgo

La “Sera domenicale con Vladimir Solovyov” di ieri sera è stata illuminante. L’umore era ottimista sul fatto che la superiorità militare russa si dimostrerà valida sul campo di battaglia ucraino. Lascia che gli americani mandino i loro F16 (non osano inviare jet da combattimento più recenti) e li abbatteremo semplicemente, dato il vantaggio dei nostri caccia di ultima generazione. Ciò di cui abbiamo bisogno ora è concentrarci su quei membri della NATO che forniscono la maggioranza preponderante di armi all’Ucraina: gli Stati Uniti e il Regno Unito. Vedi la necessità di distruggere i satelliti nel sistema di Musk, che stanno trasmettendo il posizionamento in tempo reale delle forze russe agli ucraini. Gli Stati Uniti inizieranno a preoccuparsi solo quando minacceremo il loro territorio e il loro anello più debole è l’Alaska. 

Gli obiettivi della guerra russa aumentano con ogni escalation dell’equipaggiamento pesante che gli Stati Uniti inviano in Ucraina. HIMARS è stato un punto di svolta. La logica russa è: poiché agli ucraini vengono forniti sistemi missilistici sempre più a lungo raggio, dobbiamo respingere i confini verso ovest in modo che non possano minacciare i nostri civili come stanno facendo ora.    

I russi ora rilasciano passaporti a Kharkiv! La città, la seconda più grande dell’Ucraina, cadrà sicuramente nelle mani delle forze russe. Si stanno muovendo verso Odessa. La Transdnistria fa appello alla Russia per l’annessione. È scontato che in pochi mesi i russi raggiungeranno la fine del gioco e prenderanno l’intera costa del Mar Nero, rendendo l’Ucraina un paese senza sbocco sul mare e principalmente agricolo. Detteranno anche i termini sul completamento della smilitarizzazione e della denazificazione. La smilitarizzazione sta già procedendo a ritmo serrato. Gli attacchi missilistici ai centri di comando locali in tutta l’Ucraina stanno liquidando la classe degli ufficiali ei soldati più esperti. Ciò che resta sarà marmaglia.

Lo spettacolo di Solovyov ha fatto un grosso problema alla visita a Mosca della scorsa settimana del ministro degli Affari esteri ungherese, che è venuto chiedendo maggiori consegne di gas russo in Ungheria, affermando che il realismo mostra che oggi non ci sono alternative alle risorse energetiche russe. Sullo schermo sono stati mostrati il ​​suo discorso di arrivo e il suo discorso alla conferenza stampa di chiusura. Implorare, implorare. Lavrov ha risposto dicendo che valuteremo questa richiesta con la massima rapidità. 

I relatori hanno chiesto se Orban sopravviverà a qualche attacco guidato dagli Stati Uniti contro di lui per questo tradimento. Forse ci sarà un attacco politico, forse una liquidazione fisica.

I relatori notano anche il disprezzo dell’Ungheria per Kiev per le sue politiche di ucrainizzazione nei confronti della minoranza etnica ungherese nelle loro terre di confine occidentali. Lì vediamo esattamente la stessa criminalizzazione dell’uso della lingua ungherese applicata ai russofoni. I nazionalisti di Kiev sono pazzi suicidi. Sotto questo aspetto, infatti, sono fedeli al culto di Hitler.

 Venerdì 22 luglio, Orlino

Sergei Brillyov, conduttore del programma settimanale “Notizie del sabato” e membro del consiglio di amministrazione dei notiziari della televisione di stato russa, che è in congedo da poco dopo l’inizio dell'”operazione militare speciale” in Ucraina, e ora sta facendo spot reportage dal Sud America, ha annunciato che lascerà il servizio di notizie russo e si occuperà di progetti speciali di film documentari come indipendente. Brillyov ha un passaporto britannico; la sua famiglia è da tempo stabilita in Gran Bretagna. Ecco un altro caso principale di una personalità di spicco che trova impossibile sedersi più su due sedie. In parole povere, come disse George Bush durante la guerra in Iraq, “o sei con noi o sei contro di noi”.

Sabato 23 luglio, Orlino

Un attacco missilistico russo su Odessa è denunciato dai media occidentali come disprezzo per l’accordo Ucraina-Russia-Turchia appena concluso sulla ripresa delle esportazioni di grano mediato dalle Nazioni Unite.

Domenica 24 luglio, Orlino

Una notizia della giornata attira la mia attenzione: Russia e Israele sono in aperta disputa sul recente annuncio del Cremlino di piani per chiudere l’agenzia Sokhnut, incaricata di reclutare ebrei russi per il “rimpatrio”.

La questione sembra non essere stata ripresa dai media mainstream occidentali. È una mina, eppure mi sento in dovere di prendere posizione su di essa in base a ciò che ritengo siano i fattori di fondo che hanno influenzato la decisione del Cremlino.

La questione non è Israele di per sé, ma il sionismo e come contraddice la definizione del Cremlino di ciò che è la Federazione Russa. Vladimir Putin negli ultimi mesi ha ripetutamente sottolineato la natura multinazionale, multiconfessionale e multietnica della Russia. Ciò è stato particolarmente sottolineato nei rapporti sull’eroismo dei soldati RF sul campo in Ucraina, molti dei quali provenienti da minoranze e, guarda caso, dalla popolazione musulmana russa. 

La questione della chiusura di Sokhnut sarà decisa dalla Corte Basmanny a Mosca. Sebbene il governo non abbia divulgato le ragioni per chiedere la chiusura, si dice che il caso contro l’agenzia includa i suoi commenti sui crimini di guerra commessi dalle truppe russe in Ucraina e sulla violazione delle leggi russe che regolano le informazioni personali sui cittadini.

Altre notizie di oggi riguardano le smentite ufficiali dell’esercito russo secondo cui l’attacco missilistico di ieri a Odessa era diretto contro le infrastrutture civili o contro gli impianti di carico del grano. Hanno colpito una nave della marina ucraina e un deposito di missili americani Harpoon. Tali attacchi non violano i termini dell’accordo firmato sul trasporto di grano dall’Ucraina, affermano i russi.

Lunedì 25 luglio, Orlino

Continua il riscaldamento nei rapporti con i vicini su entrambi i lati della nostra proprietà. Ieri ho fatto una lunga chiacchierata con uno sull’addomesticamento della natura nelle nostre fattorie, sulla vita degli alberi e così via. Successivamente invitarono Larisa a unirsi a loro per dell’anguria. Poi oggi, mentre camminavo lungo il recinto dall’altra parte, sono stato chiamato dalla moglie del secondo in comando al proprietario, sua suocera. “Ehi, vicino. Vieni qui. Prendi questo secchio di cetrioli! Questa mattina abbiamo attraversato il nostro orto e abbiamo scoperto che ne abbiamo quattro secchi. Non possiamo mangiarli tutti. Mia suocera ha detto: portali al mercato per venderli. Ma questo non è per noi. Quindi, per favore, accetta questo. L’ho fatto e ha aspettato che tornassi con il secchio vuoto.

Giovedì 28 luglio San Pietroburgo

Entriamo a Pietroburgo per una serie di compiti e ci ritroviamo bloccati nel traffico mentre si svolge la Ripetizione completa per la parata navale sulla Neva e chiude l’accesso alla Prospettiva Nevsky per diverse ore fino alle 14:00. Il lato positivo è che questo ci dà più tempo per chiacchierare con il nostro autista abituale, Andrei, che è appena tornato dai suoi 10 giorni di vacanza estiva non pagata che ha trascorso nella casa di campagna di sua madre a sud di Pietroburgo, oltre il nostro villaggio. A quel tempo, andava a pescare ogni giorno e catturava un totale di 150 pesci che immediatamente puliva e salava, e ora è steso ad asciugare nel cortile sul retro della sua casa. Il risultato sarà quello che i russi chiamano vobly, un accompagnamento essenziale per un boccale di birra.

Andrei ci spiega che molti vip da Mosca verranno per la parata navale. Certo, Putin ci sarà, ma è anche molto probabile che Medvedev farà il viaggio. Dopotutto, tiene discretamente una casa nella zona di San Pietroburgo. Inoltre, potrebbe esserci una visita del Patriarca nel nostro borgo di Pushkin, dove di tanto in tanto appare al Federovsky Sobor, una chiesa costruita nel 1909-12 per ordine dell’imperatore Nicola II in onore del suo reggimento di cavalleria. Si ricorda che la vicina Federovsky Gorodok è stata restaurata come residenza patriarcale. Il Gorodok fu inizialmente costruito per ospitare coloro che servivano i Sobor. Non sono ancora stati annunciati quali obblighi liturgici il Patriarca potrebbe svolgere a Pietroburgo nel Giorno della Marina.

Venerdì, 29 luglio, Pushkin

Abbiamo fatto un viaggio a Pietroburgo per colloqui al Palazzo del Gran Principe Vladimir Aleksandrovich, che per molti anni nel periodo sovietico ha servito come Camera degli studiosi. Abbiamo completato la nostra prenotazione delle loro sale da pranzo al piano terra di fronte alla Neva al livello della Fortezza di Pietro e Paolo per il 19 settembre. I panorami sono meravigliosi e l’edificio stesso è un notevole monumento architettonico dell’età imperiale, che giustamente accompagna i visitatori in visite a pagamento dei locali su più piani.

Avevo visitato questo palazzo per la prima volta quando stavo corteggiando la mia sposa russa e l’appartenenza di suo padre era il nostro biglietto d’ingresso. È meraviglioso tornare ora come sede del nostro banchetto che celebra i cinquant’anni di matrimonio. Questo sarà il seguito di una seconda presa di voti nello stesso palazzo nuziale sull’argine inglese dove ci siamo sposati nel settembre 1972. Il console americano era stato allora il testimone firmatario e abbiamo fatto la nostra piccola festa nel suo appartamento. Si spera che il prossimo evento sarà assistito da amici assortiti di ogni ceto sociale, ovvero un regista teatrale e un solista del Teatro Mariinsky, alcuni amici d’infanzia di mia moglie, il nostro fidato guardiano e riparatore della nostra dacia di Orlino, i nostri editori a Pietroburgo e altri. La possibilità di affittare questi locali storici per ospitare 15 ospiti ad un prezzo non rovinoso è tipica di ciò che è stato e resta per noi così tenero di questa città e paese. Infatti, se fossimo una semplice coppia russo-russa, quasi tutti i costi della celebrazione sarebbero compensati da una sovvenzione delle autorità cittadine.

Domenica 31 luglio, Orlino

Assistiamo alla trasmissione televisiva della parata del Navy Day sulla Neva che Putin supervisiona. Non piove sulle parate russe! I bei cieli sereni sono all’ordine del giorno. L’esposizione delle navi è molto interessante: molte delle ultime imbarcazioni di superficie e sottomarine si trovano sul fiume Neva e sul porto; altri sono nel porto di Kronstadt. Quasi tutti sono relativamente piccoli ma pieni di armi e apparecchiature elettroniche. La maggior parte di loro ha missili da crociera: Kalibri a lancio verticale. La corvetta Admiral Gorshkov ha il nuovo missile ipersonico Zircon, che ha una velocità di 8 Mach e una portata di 1.000 km. Lo stazionamento al largo della costa degli Stati Uniti gli darebbe cinque minuti di volo per Washington, DC

Putin fa un breve discorso dal banco delle recensioni. Si concentra sulla storia della flotta e il valore, il coraggio degli equipaggi e dei loro comandanti. È un discorso dignitoso. Nessun riferimento agli affari internazionali, nessuna minaccia a nessuno. Semplicemente la flotta è lì per salvaguardare la sovranità e gli interessi della Russia. Parla di Pietroburgo come “la capitale navale della Russia”.  

Nota che tra i luoghi in cui la Russia sta organizzando parate navali oggi ci sono Vladivostok, Sebastopoli, un porto del Mar Caspio, e c’è anche Tartus in Siria!

Prima dell’inizio della parata navale, nella fortezza di Pietro e Paolo Putin firma una nuova Dottrina Navale che prende in considerazione le sfide delle nuove sanzioni contro la Russia e la geopolitica globale. Dà priorità all’Artico. Sottolinea che la Russia opera in tutti gli oceani del mondo. Afferma che la Russia aumenterà le sue capacità di costruzione navale, a Vladivostok e altrove. E menziona che la Russia costruirà una portaerei.

Altrimenti, ho fatto la mia ultima nuotata nel lago di Orlino questa visita. La saggezza popolare sostiene che l’autunno inizia il 1 ° agosto e da quel giorno non si va a nuotare poiché la temperatura dell’acqua scende costantemente. Già oggi sento che la temperatura del lago è scesa di un grado o due, fino al livello appena accettabile di 19 gradi.

Lunedì 1 agosto, Orlino – San Pietroburgo

La notizia continua a presentare richieste per un’indagine sull’attentato a un’installazione di prigionieri di guerra nel Donbas, dove diverse centinaia di combattenti ucraini che si sono arresi alla fine dell’assedio dell’Azovstal erano detenuti per essere interrogati. Un missile ha colpito la struttura nel cuore della notte uccidendo sul colpo 53 detenuti e ferendone altri 90 circa dei 200 tenuti nel dormitorio colpito. Tra le vittime c’erano membri del battaglione Azov. 

Zelensky afferma che i russi lo hanno fatto e chiede un’indagine internazionale sul crimine di guerra. Questo è stato ripreso e ritrasmesso dai principali media occidentali. L’assoluta illogicità di tali affermazioni ha superato quasi tutti i giornalisti. Basta considerare chi aveva interesse a impedire a questi prigionieri di guerra di parlare dei loro crimini.

Anche oggi l’Algeria ha annunciato il suo interesse ad entrare a far parte dei BRICS. Questo si unisce a numerosi altri annunci di candidatura sia per i BRICS che per l’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai. Nel complesso, segna la fine del dominio globale USA-Europa. E a chi dobbiamo questo promettente riordino del panorama globale? A Putin e all'”Operazione militare speciale” in Ucraina.

https://gilbertdoctorow.com/2022/08/05/report-on-a-three-week-visit-to-st-petersburg-july-2022/

Costruire un insediamento duraturo per l’Ucraina, di Gilbert Doctorow Nicolai N. Petro

Sono lieto di annunciare la pubblicazione oggi su The National Interest, Washington, DC di un piano di pace preparato insieme al mio amico Nicolai Petro, professore di scienze politiche all’Università del Rhode Island.

Una soluzione duratura deve riconoscere che questo conflitto non si concluderà con il ritiro delle truppe russe.

L’attuale strategia occidentale in Ucraina non è favorevole alla pace perché non affronta alcuni aspetti essenziali dell’attuale conflitto. Non si occupa dei diritti dei russofoni in Ucraina e non affronta il fallimento trentennale nell’istituire un sistema di sicurezza paneuropeo che includa la Russia. Entrambi sono questioni di primaria importanza per la Russia . La relazione tra loro potrebbe non essere ovvia per molti in Occidente, ma per la Russia illustrano una mentalità di promozione degli interessi e dei valori occidentali a spese della Russia.

È proprio a causa di questa mentalità che l’Occidente è stato colto alla sprovvista quando la Russia ha improvvisamente preso l’iniziativa di affermare i propri interessi con mezzi militari. Ciò ha lasciato l’Occidente in imbarazzo, con poche opzioni appetibili. I suoi mezzi di coercizione preferiti – le sanzioni economiche – sono destinati a diventare sempre meno efficaci nel tempo, proprio come lo sono stati in altri paesi , che hanno sempre trovato validi sostituti per ridurre la dipendenza dall’Occidente. L’importanza della Russia nel fornire al mondo beni essenziali, come petrolio, gas, cereali e fertilizzanti, le conferisce ancora più peso economico.

Allo stesso tempo, l’isolamento politico che l’Occidente ha cercato di imporre, mentre ha un certo fascino per le pubbliche relazioni, limita ulteriormente la capacità dell’Occidente di convincere la Russia a cooperare su altre questioni di vitale importanza e costringe la Russia a nuove alleanze che essere invariabilmente anti-occidentale. Henry Kissinger ha recentemente affermato che istituzionalizzare tale animosità sarebbe storicamente senza precedenti e dovrebbe essere evitato a tutti i costi.

Nel frattempo, nonostante la retorica di Kiev, la guerra non ha avvicinato l’Ucraina alla risoluzione dei propri conflitti interni. L’aumento del fervore patriottico ucraino è abbastanza reale, ma spesso riflette le stesse disparità regionali che hanno diviso l’Ucraina dalla sua indipendenza. Non importa come finirà il conflitto militare, quindi, è probabile che riemergano vecchi risentimenti , con i russofoni ancora una volta accusati della loro presunta lealtà divisa. Come ha affermato di recente il famoso giornalista ucraino Mikhail Dubinyanski , “ci è voluto solo un momento perché le linee del fronte si stabilizzassero, perché il tradizionale odio interno riemergesse”.

Una soluzione duratura deve riconoscere che questo conflitto non si concluderà con il ritiro delle truppe russe. Un accordo, quindi, deve affrontare contemporaneamente tre aspetti vitali del conflitto, altrimenti non durerà. In primo luogo, la competizione tra Russia e Occidente per l’Ucraina, che chiaramente non finirà dopo la fine dei combattimenti. In secondo luogo, il conflitto tra le élite russe e ucraine sulle rispettive differenze nazionali e culturali , che si intensificherà solo dopo la guerra. Terzo, il conflitto tra la metà occidentale e quella orientale dell’Ucraina, che l’attuale entusiasmo patriottico ha temporaneamente mascherato.

La nostra proposta non cerca di porre fine a questi conflitti, che sono endemici, ma piuttosto di spostare la concorrenza dall’arena militare, con i suoi concomitanti pericoli di escalation, alle arene del benessere economico e del soft power. In sostanza, questo è il tipo di competizione che l’Occidente ha intrapreso con l’Unione Sovietica durante il periodo d’oro della distensione, dopo aver deciso che la coesistenza era preferibile alla distruzione reciprocamente assicurata.

In cambio della cessazione delle ostilità e del ritiro delle sue forze, la Russia sarebbe obbligata a non annettere le regioni che occupa attualmente e ad accettare di indire lì un referendum sullo status sotto la supervisione internazionale, tra dieci o vent’anni da oggi. L’Ucraina, da parte sua, accetterebbe la sua temporanea perdita di controllo su Novorossiya (le regioni di Donbass, Lugansk, Zaporozhye, Kherson e Nikolayev), a condizione che il loro status sarà in definitiva determinato dall’esito del referendum.

Inoltre, la NATO si sarebbe formalmente impegnata a non considerare l’Ucraina per l’adesione. In ossequio all’Ucraina, tuttavia, non ci sarebbe alcuna promessa formale di neutralità ucraina. Ciò consentirebbe all’Ucraina di ricevere un’ampia varietà di assistenza e addestramento militare difensivo da altri paesi, a corto di basi straniere permanenti e sistemi d’arma in grado di colpire il territorio russo. Le preoccupazioni per la sicurezza dell’Ucraina sarebbero ulteriormente attenuate da un impegno formale della Russia a non obiettare all’adesione dell’Ucraina all’Unione europea (UE), aprendo le porte all’assistenza pluriennale con investimenti e riforme che l’Ucraina avrà un disperato bisogno di riprendersi.

La sicurezza russa, nel frattempo, sarebbe rafforzata dal riconoscimento internazionale della Novorossiya (potrebbero essere applicati alcuni dei meccanismi utilizzati per disinnescare la disputa sul Territorio Libero di Trieste e Saarland ). Una zona smilitarizzata su entrambi i lati del confine russo-ucraino potrebbe essere creata e la sicurezza ulteriormente rafforzata dall’impegno di diversi stati chiave a garantire i confini sia dell’Ucraina che della Novorossiya.

Edulcoranti per l’Ucraina

Uno stato ucraino in grado di portare avanti l’ agenda nazionalista post-2014. Per ottenere garanzie di sicurezza occidentali, la Russia dovrà rinunciare al suo obiettivo di denazificare completamente l’Ucraina.

La ferma prospettiva di un’adesione all’UE nel prossimo futuro. La Russia può trarre un po’ di conforto, tuttavia, dal fatto che il regime che verrà costruito in Ucraina sarà poi il mal di testa dell’Europa ( come alcuni stanno cominciando a capire ).

Aiuti pluriennali e assistenza armamenti difensivi per l’Ucraina.

La possibilità che le regioni ora perse possano eventualmente ricongiungersi all’Ucraina se Kiev fornisce loro motivi allettanti per farlo. Ciò, ovviamente, dipenderà dalle politiche che Kiev adotterà nei confronti di quelle regioni, ma le autorità ucraine avranno la maggior parte dei due decenni e una significativa assistenza occidentale per sostenere la loro tesi.

Edulcoranti per la Russia

La perdita del territorio ucraino: la Crimea in modo permanente, Novorossiya forse solo temporaneamente.

Nessuna adesione alla NATO per l’Ucraina .

Le sanzioni occidentali sono state revocate a Russia, Bielorussia e Novorossiya. Si può ragionevolmente presumere che le regioni all’interno di Novorossiya saranno più naturalmente attratte dalla Russia. L’UE non dovrebbe quindi ripetere l’errore commesso nel 2013 di costringere gli ucraini a scegliere tra l’integrazione economica europea ed eurasiatica. Questa volta, si dovrebbe fare di tutto per creare una zona di libero scambio che incoraggi queste regioni a diventare un ponte vitale che collega entrambe.

Infine, c’è la possibilità che Novorossiya alla fine scelga di unirsi alla Russia, se dovesse rivelarsi più attraente e di successo dell’Ucraina. Senza dubbio, l’Occidente farà tutto ciò che è in suo potere nei prossimi dieci o vent’anni per assicurarsi che non sia così.

L’Occidente dovrebbe accogliere con favore un simile spostamento del fulcro della concorrenza poiché considera il successo economico e il soft power come aree di forza tradizionale. Anche la Russia dovrebbe accoglierlo con favore, poiché sostiene che in fondo russi e ucraini condividono un legame culturale e spirituale che va molto più profondo dell’economia. Questa sarebbe un’occasione per provare o smentire questa argomentazione. Anche i nazionalisti ucraini dovrebbero accoglierlo con favore poiché darebbe loro due decenni in cui costruire un’ampia base di sostegno all’interno dell’Ucraina per la loro opinione che russi e ucraini non hanno nulla in comune e per propagare questo punto di vista attraverso legami culturali ed esportazioni in Novorossiya. Inoltre, potranno farlo in una popolazione ucraina molto più omogenea, con la benedizione e il sostegno finanziario dell’Occidente.

Infine, c’è il non trascurabile vantaggio in termini di sicurezza che l’Europa e il mondo trarrebbero dalla creazione di un quadro in cui la Russia e l’Occidente possono competere in modi che sarebbero potenzialmente reciprocamente vantaggiosi, piuttosto che sicuramente reciprocamente distruttivi.

Si obietterà che un simile accordo premia l’aggressione russa. In un mondo imperfetto, tuttavia, la moralità di punire la Russia (senza, badate bene, assicurarne il ritiro) deve essere soppesata rispetto alla moralità di permettere ulteriori sofferenze in Ucraina, soprattutto quando l’alternativa non solo ferma lo spargimento di sangue, ma offre anche un meccanismo per cui , in condizioni più favorevoli, l’Ucraina potrebbe potenzialmente riconquistare i suoi territori. Il tempo, tuttavia, è essenziale. Più lunghi sono i negoziati di accordo ritardati, più territorio è probabile che l’Ucraina perderà a favore di Novorossiya.

Un’altra probabile obiezione sarà senza dubbio che non ci si può mai fidare che i funzionari russi mantengano la parola data. Coloro che la pensano in questo modo hanno un’obiezione già pronta a qualsiasi forma di negoziato, e non solo con la Russia. L’unica cosa che vorremmo sottolineare è che ponendo lo status referendum ben lontano nel futuro, i mezzi per la sua attuazione non saranno negoziati da coloro che hanno scatenato questa guerra, ma da una leadership russa post-Putin. Il tipo di relazione che avremo con quei futuri leader russi è ancora nelle mani dell’Occidente da determinare.

Gilbert Doctorow ha completato un dottorato di ricerca. nella storia russa alla Columbia, seguita da una carriera di 25 anni nel mondo degli affari internazionali incentrata sull’URSS/Russia. Le sue Memorie di un russo in due volumi , pubblicate nel 2021-22, sono state ristampate in traduzione a San Pietroburgo.

Nicolai N. Petro è Professore di Scienze Politiche all’Università di Rhode Island (USA). Durante il crollo dell’Unione Sovietica ha servito come assistente speciale per la politica presso l’Ufficio per gli affari dell’Unione Sovietica presso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. È stato Fulbright Scholar statunitense in Ucraina nel 2013-2014 ed è l’autore del prossimo libro, The Tragedy of Ukraine .

https://nationalinterest.org/feature/building-lasting-settlement-ukraine-202920

Come finirà la guerra…  di gilbertdoctorow 

Come finirà la guerra…

È stata mia regola non unirmi alla stragrande maggioranza dei miei colleghi commentatori politici sulla linea di mischia in sterili dibattiti sull’unico argomento del giorno, settimana, mese che ha attirato la loro piena attenzione. I loro dibattiti sono sterili perché ignorano del tutto alcuni parametri della realtà in Russia e in Ucraina. Per loro, l’ignoranza è beatitudine. Non si muovono dalle loro poltrone né cambiano canale per ottenere informazioni dall’altra parte delle barricate, cioè dalla Russia.

Violerò questa regola fondamentale e solo per questa volta mi unirò al dibattito su come finirà l'”operazione militare speciale” della Russia. Quasi tutti i miei colleghi dei media e del mondo accademico occidentali forniscono letture basate sulla loro certezza condivisa sull’ambizione militare e politica della Russia dall’inizio dell'”operazione”, su come la Russia abbia fallito sottovalutando la resilienza e la professionalità dell’Ucraina, su come Putin deve ora salvare la faccia catturando e trattenendo una parte dell’Ucraina. L’argomento del disaccordo è se alla fine della campagna i confini torneranno allo status quo prima del 24 febbraio in cambio della neutralità ucraina o se i russi dovranno rinunciare completamente alle pretese sul Donbas e forse anche sulla Crimea.

Per quanto riguarda i commentatori nell’Unione Europea, c’è un’esagerata indignazione per la presunta aggressione russa, per ogni possibile revisione dei confini europei sanciti dall’Helsinki Act del 1975 e il successivo impegno di tutte le parti all’inviolabilità territoriale degli Stati firmatari. C’è puzza di ipocrisia da questa folla nello stesso momento in cui trascura ciò che ha fatto nella decostruzione della Jugoslavia e, in particolare, nel distacco del Kosovo dallo stato della Serbia.

Cito tutto quanto sopra come sfondo di ciò che vedo ora in corso nella vita politica russa, vale a dire una discussione aperta e vivace sull’opportunità di annettere i territori dell’Ucraina appena “liberata” dalle forze delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk con la decisiva assistenza dell’esercito russo. Per ammissione del presidente Zelensky ieri, questi territori ora rappresentano il 20% dello stato ucraino come era configurato nel 2014.

Nelle ultime settimane, quando la Russia ha concentrato i suoi uomini e il suo materiale sul Donbas e ha iniziato a ottenere vittorie decisive, in particolare in seguito alla presa di Mariupol e alla capitolazione dei combattenti nazionalisti nel complesso dell’Azovstal, importanti funzionari pubblici della DPR, la LPR e l’oblast di Kherson hanno chiesto una rapida adesione delle loro terre alla Federazione Russa con o senza referendum. A Mosca, i politici, compresi i membri della Duma, hanno chiesto lo stesso, sostenendo che il fatto compiuto potrebbe essere raggiunto già a luglio.

Tuttavia, come vedo e sento nei talk show politici e persino nei semplici reportage politici sulle radio tradizionali russe come Business FM, è emersa una controargomentazione. Quelli da questa parte si chiedono se è probabile che le popolazioni delle potenziali nuove parti costituenti della RF siano fedeli alla Russia. Chiedono se c’è davvero una maggioranza filo-russa nella popolazione in caso di organizzazione di un referendum.

Tutto questo è molto interessante. È sicuramente una continuazione del dibattito interno a Mosca nel 2014, quando fu presa la decisione di concedere alla Crimea l’ingresso immediato nella RF negando le richieste di un trattamento simile da parte dei leader politici delle oblast di Donbas.

Tuttavia, ci sono sicuramente altre considerazioni che pesano sul Cremlino che non ho visto finora andare in onda. Si possono paragonare alle considerazioni della Francia dopo la caduta del muro di Berlino nel 1989, quando si parlava della possibile riunificazione della Germania. Osservatori arguti dissero all’epoca che al presidente Mitterand piaceva così tanto la Germania da voler continuare a vederne due. Oggi Vladimir Putin potrebbe piacere così tanto all’Ucraina e ai suoi fratelli slavi da volerne vedere tre o quattro.

Per essere precisi, fin dall’inizio la questione numero uno per Mosca all’inizio della sua avventura militare in Ucraina è stata geopolitica: garantire che l’Ucraina non venga mai più utilizzata come piattaforma per minacciare la sicurezza dello Stato russo, che l’Ucraina non diventi mai un Membro della NATO. Possiamo tranquillamente presumere che la neutralità dell’Ucraina, garantita e controllata a livello internazionale, farà parte di qualsiasi accordo di pace. Sarebbe ben supportato da una nuova realtà sul campo; vale a dire ritagliandosi diversi mini-stati amici della Russia e dipendenti dalla Russia nell’ex territorio dell’Ucraina orientale e meridionale.

Se Kiev è obbligata a riconoscere l’indipendenza di queste due, tre o più ex oblast come richiesto dalle loro popolazioni, questa è una situazione pienamente compatibile con la Carta delle Nazioni Unite. In una parola, la decisione del Cremlino di non annettere parti dell’Ucraina al di là della Crimea, da tempo tranquillamente accettata da molti in Europa, preparerebbe la strada per un graduale ritorno delle relazioni civili all’interno dell’Europa e anche, eventualmente, con la Stati Uniti

©Gilbert Doctorow, 2022

https://gilbertdoctorow.com/2022/06/03/how-the-war-will-end/

Quando il tuo tassista è un ufficiale dei servizi segreti esteri russi in pensione… di gilbertdoctorow

Diversi mesi fa, parlando del modo in cui tutti in Russia hanno affrontato difficoltà economiche subito dopo il crollo dell’Unione Sovietica, il presidente Vladimir Putin ha parlato per la prima volta di come questo lo abbia colpito: per diversi mesi ha dovuto accettare lavoro come tassista solo per poter sfamare la sua famiglia e pagare le bollette.

Quei giorni di indigenza generalizzata nella popolazione russa all’inizio degli anni ’90 sono ormai lontani. Ma gli ufficiali in precedenza ben posizionati nella comunità dell’intelligence sovietica e in altri rami del siloviki si dedicano ancora alla guida dei taxi per guadagnare un reddito supplementare e per riempire le loro giornate con conversazioni interessanti. Lo so per esperienza diretta, come quello che sto per condividere con te.

Ho osservato molto tempo fa che per me i tassisti sono sempre stati una fonte importante di informazioni su come le persone vivono davvero qui. Questo vale per i nostri “normali”, ovvero i conducenti individuali che possono lavorare per flotte di taxi ma si affezionano a noi quando siamo qui per diverse settimane e ci portano nei nostri viaggi più lunghi, nel centro di Pietroburgo o nella dacia. È tanto più vero per gli autisti che ci vengono inviati dagli spedizionieri automatizzati delle grandi flotte quando siamo in giro per Pietroburgo. In un contesto di completo anonimato, dato che non ci incontreremo mai più, questi conducenti sono spesso particolarmente loquaci e informativi.

Ieri è stato un esempio calzante.

Il nostro autista della flotta in “livrea verde”, Taksovichkoff, si è rivelato essere un ufficiale in pensione dell’intelligence estera sovietica/russa (GRU), come ci ha detto verso la fine del viaggio. Ci è venuto a prendere nelle ore di punta. Il traffico del centro è stato rallentato dai colli di bottiglia e abbiamo trascorso quasi 40 minuti nella sua macchina in una conversazione che almeno inizialmente era intrigante.

Ha aperto dicendo che è molto preoccupato che la guerra nucleare sia ora una vera minaccia e possa porre fine alla civiltà. Ma se ciò accadrà dipenderà da chi colpisce per primo. Se gli americani si lanciano per primi, allora davvero tutto andrà all’inferno a livello globale. Ma se i russi colpiscono per primi, credono di poter contenere i rischi e l’umanità andrà avanti. Dice che i consiglieri di Putin lo stanno esortando a considerare un primo attacco ma che il presidente si sta trattenendo. “Non vuole passare alla storia come colui che l’ha fatto”. L’ultimo punto suona molto come una battuta della conversazione nella War Room tra Peter Sellars come Presidente degli Stati Uniti e il suo generale senior nel film sempre rilevante, Il dottor Stranamore .

In caso contrario, anche l'”operazione militare speciale” in Ucraina è stata un argomento del nostro scambio. Mantiene i contatti con gli ex compagni di servizio e quindi prendo la sua storia con un alto grado di fiducia.

Il nostro ufficiale del GRU in pensione ha affermato che i primi cinque giorni di “operazione militare speciale” sono stati un disastro, con pesanti perdite di vite umane da parte russa. Tutto era dovuto, disse, all’incompetenza dei maggiori generali di Mosca che erano incaricati dell’invasione. Considerata la debacle, li accusa di tradimento. In effetti, furono rimossi dal comando giorni dopo e deviati da un lato. Ma il nostro autista insiste che avrebbero dovuto sparare a tutti loro.

Perché erano incompetenti? Perché dovevano il loro lavoro alla corruzione, non al merito. I maggiori generali erano esperti da poltrona, mentre le forze armate russe avevano molti generali semplici che si erano dimostrati sul campo d’azione. Inoltre, gli esperti dell’intelligence sono stati tenuti fuori dall’operazione, il che spiega il suo inizio con false premesse sul nemico.

Ho cercato di confortarlo osservando che l’incompetenza e la corruzione nei ranghi più alti del governo e dell’esercito sono problemi che esistono anche in molti paesi, compresi gli Stati Uniti. Non stava ascoltando: “avrebbero dovuto essere fucilati tutti”, ha ripetuto.

La mia domanda su come stanno andando le cose ora è stata accolta dal silenzio.

Dopo aver condiviso queste osservazioni e opinioni, il nostro autista ha deciso che era ora di andare avanti e ha indirizzato la conversazione su un argomento completamente diverso, le sue preoccupazioni per il riscaldamento globale, dicendoci che i suoi amici esperti nelle alte sfere credono che il cambiamento climatico sia ormai irreversibile qualunque sia noi facciamo. Le emissioni di metano dagli oceani sono in aumento e travolgeranno i migliori sforzi dell’umanità per fermare il processo. Poi si è rivolto alla speculazione sull’intervento divino che avrebbe portato la Russia fuori da situazioni disperate, anche sul campo di battaglia, in passato, risalendo alla battaglia di Borodino durante la guerra con Napoleone. A questo punto, ho spento il mio registratore mentale.

“Le labbra sciolte affondano le navi” come si diceva negli States. Nonostante il Terrore, in epoca sovietica i russi blateravano parecchio. Nell’era di Putin, questo è stato in gran parte tagliato alla fonte. Il Boss prende tutte le grandi decisioni da solo, in modo da escludere la possibilità di fughe di notizie.

Le chiacchiere dei tassisti possono raccontare ciò che sentono dagli amici in alto. Queste élite, ovviamente, non sono in pieno accordo tra loro. Ma le loro opinioni stabiliscono i limiti a ciò che il Boss può fare in entrambi i modi.

Prima di concludere, riconosco che non tutti i tassisti sono patrioti. L’altro giorno, un pilota della stessa “flotta in livrea verde” ha detto poco prima di lasciarmi in un hotel: “Spero davvero che gli americani vincano in Ucraina”. Forse pensava che si sarebbe ingraziato con me, un evidente straniero. Forse è quello in cui crede veramente. Ma ero perplesso all’idea di come la sconfitta del suo paese potesse servire i suoi interessi, finanziari o meno.

©Gilbert Doctorow, 2022

Marcia del reggimento immortale, San Pietroburgo, 2022: Impressioni di un partecipante di Gilbert Doctorow

Una delle mie massime priorità in questi scritti è registrare le impressioni personali di eventi significativi legati alla Russia di cui sono stato testimone in prima persona, cioè praticare il giornalismo attivo invece di commentare sedentario ciò che altri hanno detto o scritto. Nel corso di due anni a partire dalla primavera del 2020, visti e altre restrizioni imposte da quasi tutti i paesi, inclusa la Russia, per combattere l’epidemia di Covid si sono ostacolate. Poi, dopo l’inizio della “operazione militare speciale” in Ucraina, raggiungere la Russia è diventato ancora più difficile quando le reti aeree e ferroviarie sono state chiuse. Tuttavia, quando c’è una volontà c’è un modo, ed è un raro piacere riportare ancora una volta “dal campo” la marcia del reggimento immortale di ieri nella capitale settentrionale della Russia.

Questa è stata la prima parata che celebrava la vittoria della Russia sulla Germania fascista nella seconda guerra mondiale secondo il calendario russo dopo la sospensione di due anni a causa del Covid. Affinché il salto di una parata non venga sottovalutato dai lettori, permettetemi di ricordare loro che il 9 maggio è la festa più importante dell’anno per i russi, battendo i compleanni personali, perché praticamente ogni famiglia del paese ha perso i propri cari durante la seconda guerra mondiale. Ventisei milioni sono morti in difesa della patria, la più grande perdita di vite umane in tempo di guerra nella storia umana.

La marcia del reggimento immortale è stata aggiunta alle cerimonie di commemorazione diversi anni fa come movimento dal basso che fornisce un contrappunto personale e familiare nel pomeriggio alle parate militari formali la mattina del 9 a Mosca e nelle principali città attraverso il paese. Quasi tutti i manifestanti tengono in alto fotografie dei loro padri, nonni, madri e nonne che hanno combattuto al fronte o che hanno servito lo sforzo di difesa a casa, sia coloro che sono morti nel conflitto o che hanno vissuto come veterani.

Ho scritto del Reggimento Immortale quattro volte dopo la mia partecipazione anno dopo anno, e quindi posso dare un certo senso comparativo a ciò che sto per dire.

Cominciamo con i numeri. Sicuramente, il culmine è stato nel 2019, quando è stato stimato che un milione di persone si è presentato per la marcia nella sola San Pietroburgo, circa un quarto della popolazione complessiva della città. Anche se non ho visto i numeri ufficiali, la mia ipotesi è che l’edizione di quest’anno abbia attirato molto meno.

Sarebbe rischioso citare qualsiasi motivo per la riduzione delle presenze. Il tempo è stato abbastanza buono: niente pioggia o rovesci di neve, come è avvenuto in passato, solo una brezza fredda di 10 gradi C.

Forse la minore partecipazione può essere spiegata da uno stato d’animo popolare depresso dall’azione militare in corso nel Donbas. Mi sembrava che la gioia delle famiglie, di tre generazioni dai nonni ai bambini piccoli che partecipavano allo stesso evento pubblico, fosse meno evidente che negli anni passati. Forse c’erano meno coppie di appuntamenti nella parata, nessun poliziotto e donne che flirtavano in disparte, anche se nel complesso i giovani erano molto presenti.

Non azzarderò conclusioni da queste numerose osservazioni. Tanto è vero che tra le migliaia di persone che ho visto intorno a me solo una portava un cartello su cui era scritto: “Pace. No alla guerra”. E quell’individuo che portava un messaggio dissonante fu lasciato solo dalla folla allegra che cantava Katyusha; non ne è derivato alcuno scandalo.

Dopo aver percorso il percorso tradizionale partendo da Piazza Alexander Nevsky lungo il fiume fino a Piazza della Rivolta e proseguendo per diverse centinaia di metri lungo la Prospettiva Nevsky in direzione della Piazza del Palazzo, abbiamo lasciato la sfilata e ci siamo diretti verso la nostra tradizionale cena del 9 maggio con amici o parenti. Stessi amici, stesso appartamento.

La tavola era riccamente apparecchiata con gli antipasti che accompagnano i toast alla vodka tanto amati dai russi di una certa età: scaglie di salmone marinate, aringhe in salamoia con cipolle in panna acida, funghi di bosco salati ed erbe e verdure assortite. Solo che questa volta c’erano pochissimi brindisi.

Seguendo la tradizione della casa, il nostro ospite ha letto delle sue poesie pubblicate in un volume dedicato al 9 maggio . È un blokadnik certificato , che ha trascorso la sua prima infanzia vivendo in un appartamento del centro con la famiglia durante l’intero assedio di Leningrado.

Questa volta è andato fuori copione e ha lasciato le sue poesie per raccontarci come è sopravvissuto: con uno o due altri bambini, avrebbe attraversato la strada dal suo condominio e avrebbe ricevuto dei dolci o degli avanzi di tavola dai soldati nell’edificio della guarnigione sul l’altra parte. Ma ci ha anche raccontato della sua macabra esperienza di assistere a cadaveri congelati in parte mangiati, risultato del cannibalismo per cui sopravvissero alcuni vicini adulti.

L’atmosfera del nostro incontro è stata alterata in altri modi. Per la prima volta in assoluto, il nostro cameratismo è stato interrotto per diversi minuti da una lite sulla necessità e sul senso dell'”operazione militare speciale”.

I nostri amici, la nostra hostess, sono tutti patrioti russi. Ma sono anche persone in carne e ossa con preoccupazioni personali e familiari su come la guerra colpisce loro e i loro cari. Ci sarà una mobilitazione generale? Verranno chiamati uomini di 50 anni? Queste domande hanno pesato sull’atmosfera celebrativa del 9 maggio e hanno chiesto di essere discusse. Sotto questo aspetto, il Giorno della Vittoria di ieri è stato diverso da quelli a cui ho assistito fino ad ora.

*****

Prima di concludere, sono obbligato a rimarcare lo spettacolo televisivo mattutino da Mosca e la sua grande parata militare che l’intero paese stava guardando. Forse l’attenzione è stata tanto più viva per le aspettative, i timori che una nuova escalation dell’operazione militare sarebbe stata annunciata dalla tribuna dal presidente Putin nel suo breve discorso.

Come si è scoperto, le parole di Putin erano molto contenute. Non c’erano minacce di attacco nucleare alle nazioni della NATO che rappresentassero una minaccia esistenziale per la Russia. La parola “Ucraina” non è stata menzionata una volta. Tutti i discorsi riguardavano il Donbas e le storiche terre russe (che significano i territori orientali dell’attuale Ucraina) che erano state minacciate da una spedizione punitiva ucraina in vista del lancio da parte della Russia della sua “operazione militare speciale”. L’operazione, ha detto, è stata di natura preventiva sin dall’inizio.

I commentatori occidentali hanno trovato poco su cui affondare i denti oltre all’apparente ammissione che l’operazione sta mettendo a dura prova il personale militare: questo potrebbe essere modificato dalla firma del decreto del presidente Putin che prevede un risarcimento finanziario aggiuntivo alle famiglie dei militari feriti o uccisi in azione.

Intanto osservatori russi, come il politologo che questa mattina ha espresso il suo apprezzamento per il discorso alla radio Business FM di San Pietroburgo, spiegano che per tradizione un discorso presidenziale durante le celebrazioni del 9 maggio non è il formato per annunciare decisioni in merito alle operazioni militari . A questo proposito, gli osservatori occidentali erano semplicemente ingenui nelle loro aspettative.

Per quanto riguarda la parata militare stessa, il simbolismo previsto è stato rispettato. La parata è stata aperta da portabandiera che portavano in alto la bandiera che è stata issata in cima al Reichstag a Berlino dopo la capitolazione della Germania all’Armata Rossa e alle altre forze alleate. Al suo ingresso alla Piazza Rossa nella sua limousine Aurus scoperta per una revisione delle truppe, il ministro della Difesa buddista russo Sergei Shoigu si è segnato in modo ortodosso come richiesto dopo essere passato sotto un’icona montata sopra il portale.

Diversamente, il corteo è stato degno di nota solo per la sua brevità. C’erano molti carri armati e anche il lanciarazzi multiplo montato su camion Grad che sta vedendo molta azione nel Donbas. Ma c’era un solo missile intercontinentale in mostra, lo Yars , lanciato da un vettore mobile e schierato dall’esercito più di dieci anni fa.

Soprattutto, lo spettacolo aereo o “parata” è stato cancellato all’ultimo minuto a causa di condizioni meteorologiche sfavorevoli. Ciò ha privato sia il pubblico nazionale che gli osservatori stranieri della vista del bombardiere pesante “White Swan” appositamente configurato noto come aereo del Giorno del Giudizio poiché è destinato a salire a bordo del Presidente all’inizio di una guerra nucleare.

Tuttavia, i tempi difficili che stiamo vivendo sono stati ricordati da un aspetto dell’apparizione di Putin in tribuna e della sua successiva passeggiata verso la Fiamma Eterna alle mura del Cremlino nel Giardino di Alessandro: è stato per tutto il tempo pedinato da una guardia di sicurezza che porta la valigetta con “il bottone”, che significa la chiave per scatenare il deterrente nucleare strategico della Russia.

©Gilbert Doctorow, 2022

Interpretazioni deliranti su entrambi i lati della divisione Russia-Ovest, di  gilbert doctorow

Interpretazioni deliranti su entrambi i lati della divisione Russia-Ovest

Nelle ultime settimane, ho commentato più volte il modo in cui i media e i politici occidentali trascurano o non riescono a capire la Via della Guerra Russa attuata attualmente durante l’operazione militare in Ucraina. Giudicano il successo o il fallimento dei russi in base a ciò che farebbero le forze armate statunitensi se il loro obiettivo fosse sottomettere Kiev. Senza ‘shock and sbalordimento’ da parte dei russi e considerando i progressi molto lenti della loro mossa per liberare l’intera regione del Donbas dal controllo ucraino, i commentatori occidentali considerano lo sforzo russo un fallimento.

Forse l’analisi più estrema e le conclusioni più pericolose sono state presentate il 6 maggio da una giornalista britannica che da decenni scrive sulla Russia ed è ampiamente considerata un’esperta, Mary Dejevsky. Al suo articolo su The Independent è stato assegnato un titolo che dice quasi tutto: “esaltando la minaccia della Russia, l’Occidente ha contribuito a dare fuoco a questa guerra. Si scopre che la Russia aveva un’idea molto più realistica della propria forza, o della sua mancanza, di quella consentita dall’Occidente”. 

Nel corpo dell’articolo, Dejevsky ci riporta ai giorni dell’URSS, che nonostante la sua economia vacillante negli anni di Gorbaciov era considerata in Occidente una potenza militare. La scarsa performance del Paese nella guerra in Afghanistan e poi il crollo totale dell’Unione Sovietica hanno costretto a una revisione dell’errata nozione di minaccia militare da parte di Mosca. 

Ora, di nuovo, crede che l’Occidente abbia sopravvalutato le armi della Russia. Suppone che i produttori di armi in Occidente abbiano un interesse acquisito nel perpetuare il mito. Tuttavia, gli scarsi risultati della Russia contro le forze ucraine, che sono state addestrate e rifornite dall’Occidente, ci obbligano a ripensarci.

Sfortunatamente, Dejevsky va oltre questa osservazione, condivisa da fin troppi commentatori occidentali. Il suo paragrafo conclusivo merita una citazione completa:

“L’Occidente ha fatalmente interpretato male uno stato debole come uno stato forte, il che significa che i suoi tentativi di indovinare il comportamento della Russia sono in gran parte falliti. Se devono esserci nuove relazioni tra l’Occidente e la Russia – che è improbabile che accada molto presto – l’Occidente deve iniziare con questa rivalutazione di base. Deve accettare che la Russia sia uno stato debole e che l’Occidente e la Nato siano forti”.

Abbastanza sorprendente che non veda ciò che è proprio davanti al suo naso. Riguardo alla forza militare russa, il fatto che la Russia ora occupi una parte dell’Ucraina più grande del Regno Unito grazie ai suoi progressi nelle “operazioni militari speciali” in qualche modo non si registra. Per quanto riguarda la forza economica, è anche sorprendente quanto sia cieca: l’economia di mercato della Russia oggi è di gran lunga più resiliente dell’economia di comando dell’URSS. In effetti, nessun altro Paese al mondo avrebbe potuto resistere alle ‘sanzioni infernali’ che gli USA hanno imposto alla Russia dal 24 febbraio.

Ma il mio punto chiave è che se la Russia è considerata debole, la pressione americana e dell’UE non avrà limiti e precipiterà una reazione del Cremlino che ci porterà direttamente ad Armageddon. Vladimir Putin ha minacciato proprio questo ed è, soprattutto, un uomo di parola.

                                                                        *****

Ora vorrei richiamare l’attenzione sul pensiero delirante da parte russa che a suo modo potrebbe condurre noi e loro al Giorno del Giudizio. Il materiale per il mio commento è un articolo in prima pagina sull’edizione online di oggi della Rossiiskaya Gazeta , un giornale di alta qualità pro-Cremlino .

Il posto d’onore nella colonna di destra è un’intervista a Nikolai Patrushev, Segretario del Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa. La sua posizione può essere paragonata a quella di Jake Sullivan negli Stati Uniti. Ha sicuramente l’orecchio di Vladimir Vladimirovich e quello che dice in questa intervista dovrebbe preoccuparci tutti.

Patrushev apre sottolineando che la radice del male nelle crisi mondiali attuali come in passato è la lotta di Washington per consolidare la sua egemonia globale e prevenire il crollo del mondo unipolare.

“Gli Usa fanno di tutto perché altri centri del mondo multipolare non osino alzare la testa. Tuttavia, il nostro Paese non solo ha osato, ma ha dichiarato a tutti che non giocherà secondo le regole imposte. Hanno cercato di costringere la Russia a rinunciare alla sua sovranità, alla sua autocoscienza, alla sua cultura e alla sua politica estera e interna indipendente. Non abbiamo il diritto di essere d’accordo con questo approccio”.

Fin qui tutto bene. Sono ampiamente d’accordo con Patrushev su quanto sopra. Ma i problemi iniziano mentre procede, in particolare le sue aspettative su ciò che il futuro riserva all’Europa:

“Quello che attende l’Europa è una profonda crisi economica e politica per i vari Paesi. La crescita dell’inflazione e l’abbassamento del tenore di vita si stanno già facendo sentire nel portafoglio e nell’umore degli europei. Inoltre, l’immigrazione su larga scala si aggiunge alle vecchie minacce alla sicurezza. Quasi 5 milioni di migranti ucraini sono già arrivati ​​in Europa. Nel prossimo futuro, il loro numero crescerà fino a 10 milioni. La maggior parte degli ucraini che arrivano in Europa si aspetta che gli europei li mantengano e si prendano cura di loro, ma quando sono costretti a lavorare, iniziano a ribellarsi”.

Patrushev continua a prevedere la carenza di cibo che spingerà decine di milioni di persone in Africa e nel Vicino Oriente sull’orlo della fame. Per vivere, cercheranno di raggiungere l’Europa.

Conclude: “Non sono certo che l’Europa sopravviverà a questa crisi. Le istituzioni politiche, le associazioni sovranazionali, l’economia, la cultura, le tradizioni possono regredire nel passato. L’Europa si morderà le nocche, mentre l’America si libererà della sua principale paura geopolitica: un’alleanza politica tra Russia ed Europa”.

Sfortunatamente, il signor Patrushev sta confondendo ciò che vorrebbe che accadesse con ciò che probabilmente accadrà. Intellettualmente mediocri, conformisti e servili nel loro assecondare i sovrani americani come possono essere i leader degli Stati membri dell’UE e delle istituzioni centrali dell’UE, è improbabile che perdano il controllo politico in patria. Il loro istinto di sopravvivenza non è ancora così lontano. Inoltre, la passività e l’indifferenza verso la classe politica sono la regola in gran parte dell’Europa. Ciò che l’impopolare Emanuel Macron ha appena ottenuto vincendo la rielezione è una prova positiva di quella realtà.

La convinzione di Patrushev nella debolezza dell’Occidente è irta di pericoli quanto l’idea tra gli Stati Uniti e l’establishment politico europeo che la Russia sia debole. Queste idee sbagliate portano facilmente a politiche sconsiderate di corruzione.

©Gilbert Doctorow, 2022

https://gilbertdoctorow.com/2022/05/08/delusional-interpretations-on-both-sides-of-the-russia-west-divide/

1 2 3