Le armi segrete di Zelensky, di Claudio Martinotti Doria

Esattamente come Hitler nell’ultimo periodo bellico, quando ormai le sorti della guerra erano segnate, anche l’ex comico cocainomane Zelensky, ripone le sue ultime speranze nelle armi segrete.

In un video che ha circolato per qualche tempo in rete, poi subito fatto sparire, si è visto atterrare nell’Aeroporto Internazionale di Leopoli “Danylo Halytskyi”, un cargo C-130J Super Hercules privo d’insegne identificative e di color nero, dal quale ci si sarebbe aspettato di vedere scendere materiale bellico o forze speciali. Con immensa sorpresa, i pochi testimoni, uno dei quali probabilmente autore del video, videro scendere alcune decine di uomini e donne con strani costumi policromatici e folkloristici, come fossero provenienti da o diretti a una festa in maschera o di Halloween, tutti portavano una molteplicità di amuleti e talismani di ogni forgia, collane, ornamenti pittoreschi, alcuni disponevano di lugubri bastoni con dei piccoli teschi al posto del pomelo.

Successiva il video, che seppur sparito dalla rete è stato salvato in tempo da diversi internauti, è stato esaminato da alcuni esperti in discipline antropologiche, etnologiche e simbologiche, che hanno identificato i costumi come haitiani. In particolare si tratterebbe di costumi cerimoniali indossati dagli houngan e dalle mambo durante i rituali vudù.

Si presume pertanto che le persone sbarcate a Leopoli fossero sacerdoti e sacerdotesse vudù.

Tutti sappiamo quale sia la principale prerogativa attribuita a tali personaggi, quale sia il loro potere, per quanto ammantato di leggenda e mitologia.

Di fronte al collasso del suo paese, al rischio di un’interruzione del sostegno occidentale, alla migrazione di decine di milioni di abitanti infreddoliti e affamati, e soprattutto di fronte a un esercito ormai decimato e allo sbando, che rischia continui ammutinamenti (seppur soffocati nel sangue dai nazisti e taciuti dai media mainstream), a Zelensky non rimane altro che far resuscitare i soldati da lui stesso fatti massacrare, per obbligarli a combattere di nuovo, in un perverso e aberrante circolo vizioso, una sorta di angosciante loop temporale, nel quale le vittime sono sempre le stesse, come pure il carnefice.

Ma la componente più inquietante di questo situazione è l’imperdonabile complicità dell’Occidente, che non solo sostiene questo osceno personaggio ma ospita moltissimi corrotti oligarchi ucraini fuggiti dalla guerra, arricchitisi depredando il loro paese e vendendo le forniture militari destinate al fronte. Un regime criminale nazista creato dagli anglosassoni con il colpo di stato del 2014 in chiave antirussa, che ha come effetto collaterale doloso il depauperamento dell’UE, eseguito dall’attuale leadership europea che agisce contro gli interessi della popolazione.

Ad ogni modo non escluderei l’ipotesi che gli zombie, una volta attivati, vedendo le folle cittadine dirigersi verso i confini europei in cerca di un pasto e un luogo di accoglienza caldo, si pongano sulla loro scia e non varchino anche loro i confini dell’UE. Aggravando in tal modo la situazione. Non dubito che anche in questo caso, per coerenza politica, i DEM di casa nostra invochino il diritto di accoglienza nei loro confronti, come profughi di guerra, che per altro, nel loro specifico caso, hanno veramente combattuto.

Cav. Dottor Claudio Martinotti Doria, Via Roma 126, 15039 Ozzano Monferrato (AL), Unione delle Cinque Terre del Monferrato,  Italy,

Email: claudio@gc-colibri.com  – Blog: www.cavalieredimonferrato.it – http://www.casalenews.it/patri-259-montisferrati-storie-aleramiche-e-dintorni

Approccio critico analitico aggiornato a quanto sta accadendo in Ucraina_Di Claudio Martinotti Doria

Coloro che festeggiano il ritiro delle truppe e della popolazione russa dalla parte settentrionale dell’Oblast di Kherson temo non abbia mai letto Sun Tzu: L’arte della guerra.

Probabilmente sono gli stessi che hanno ritenuto fosse una grande vittoria la conquista ucraina dell’oblast di Kharkiv un paio di mesi fa, che in realtà è stata possibile grazie a una ritirata russa, eseguita ordinatamente e con pochissime perdite di uomini e mezzi.

In estrema sintesi il generale Sergey Surovikin (denominato Armageddon), fin da quando ha assunto il comando delle operazioni militari in Ucraina, aveva anticipato che avrebbe dovuto prendere decisioni difficili e facilmente equivocabili, cioè che avrebbero assunto il sapore della sconfitta.

Questo perché dallo studio della situazione sul campo, si era subito reso conto di come alcune posizioni fossero alla lunga indifendibili, soprattutto tenendo conto di alcuni fattori oggettivi.

In primo luogo il forte incremento di apporto e supporto NATO in uomini e mezzi fornito all’Ucraina, soprattutto a livello di intelligence, comando e controllo e comunicazioni: in soldoni significa che la NATO sorveglia le posizioni e mosse russe e le segnala all’artiglieria ucraina e alle forze armate.

Inoltre il regime nazista ucraino non si fa alcuno scrupolo morale e conduce una guerra sporca, esattamente come farebbero dei veri nazisti, bombardando obiettivi civili, uccidendo i civili ritenuti collaborazionisti (e basta veramente poco per essere considerati tali), bombarda le centrali nucleari per provocare un incidente radioattivo, prepara una bomba sporca (radioattiva) da far esplodere per poi accusare i russi, compie atti di sabotaggio in territorio russo su addestramento anglosassone, non esiterebbe a far saltare delle dighe per allagare i territori controllati dai russi, provocando numerose vittime civili, ecc..

Consapevole di questi rischi il generale Armageddon ha valutato l’elevata probabilità che tutte queste opzioni fossero adottate dagli ucraini, anche in modalità contemporanea o in rapida sequenza, e le ha anticipate.

Apparentemente le sue mosse, approvate dal Ministero della Difesa russo, sembrano sconfitte, o a essere indulgenti, delle ritirate strategiche, che lasciano ampi margini di manovra militare ma soprattutto politica propagandistica all’avversario, cioè alla NATO e ai suoi utili idioti sacrificabili, cioè gli ucraini.

Oppure, sempre a essere indulgenti, potrebbero preludere a degli accordi sottobanco tra la NATO (leggasi USA) e la Russia per un cessate il fuoco, una tregua o un vero e proprio accordo, come avrebbero dovuto negoziare fin dallo scorso autunno (un anno fa). Ma quest’ultimo caso è il meno credibile, a meno che serva solo a guadagnare tempo per consentire a entrambe le parti in causa di organizzare i loro veri progetti e obiettivi, perché non potrà mai esserci alcuna fiducia reciproca. I russi perché sanno benissimo che gli USA sono totalmente inaffidabili e non esiterebbero un istante a infrangere un accordo (anche se lo farebbero insidiosamente salvando le apparenze), e gli USA non applicherebbero mai un accordo a loro sfavorevole avendo come obiettivo risaputo la distruzione della Russia e la sua frantumazione e sfruttamento intensivo.

Pertanto alla pace non si perverrà mai, proseguiranno fino alla sconfitta di uno dei due avversari.

Dopo queste precisazioni doverose, veniamo alla realtà dei fatti.

Le scelte recentemente operate dalla Russia derivano dalla loro cultura e dottrina militare, la priorità per loro è salvare vite umane, non sacrificare invano i propri soldati o esporre a rischi la propria popolazione. Quindi all’occorrenza ci si ritira su posizioni più difendibili e meno rischiose, anche se potrebbe sembrare una sconfitta dal punto di vista militare.

Dopo di che ci si organizza nel migliore dei modi possibili per conseguire i propri obiettivi.

Il generale Inverno si sta avvicinando, ed è la stagione nella quale i russi combattono al meglio delle loro prestazioni.

Circa 80mila soldati di rinforzo sono già arrivati nel sud dell’Ucraina e altri 220mila arriveranno antro fine mese e i primi di dicembre, raddoppiando di fatto le risorse umane militari disponibili, compresi i mezzi bellici. L’inferiorità numerica rispetto agli ucraini verrà annullata. Nel frattempo continuerà il bombardamento alle infrastrutture ucraine per ridurli al buio, al freddo, riducendo drasticamente i collegamenti, le comunicazioni, i trasferimenti di truppe e mezzi, le riserve alimentari, gli approvvigionamenti, ecc..

Ogni tentativo ucraino di condurre offensive sarà stroncato sul nascere, continuando a colpire duramente con la superiorità dell’artiglieria provocando gravi perdite allo schieramento avversario, le loro difese sull’altra sponda del fiume Dnepr diverranno invalicabili.

Dopo di che si attenderanno gli eventi, cioè lo sviluppo della situazione in Ucraina, nell’UE e nella NATO.

Il tempo lavora a favore dei russi, perché la situazione in occidente e in Ucraina può solo peggiorare.

Se l’Occidente non scenderà a più miti e intelligenti consigli, se al contrario riterrà di essere a un passo dalla vittoria e abuserà della pazienza russa, allora quando sarà il momento propizio, l’orso russo colpirà dando delle zampate feroci dove meno se lo aspettano, e questa volta saranno dolorose, andranno fino in fondo, con determinazione.

Del resto l’unico linguaggio che capiscono è quello della forza, e siccome per eccesso di superbia e supponenza, si ritengono i più forti, solo di fronte a una evidente e sonora sconfitta possono rendersi conto della loro effettiva debolezza.

Il terreno ceduto finora di russi non significa nulla rispetto a quello che potrebbero ottenere al momento propizio, cogliendo i segnali di debolezza dello schieramento nemico, intervenendo con tutta la loro potenza di fuoco e di proiezione con un’adeguata tempistica e accurata organizzazione.

C’è un particolare esiziale che è stato sottovalutato finora, anzi, è stato interpretato al contrario. I russi sono una nazione e un popolo coeso (più popoli uniti) con una guida coerente nella quale ripongono fiducia. L’Occidente è un calderone eterogeneo, disunito, comandato dalla NATO a guida USA, che persegue esclusivamente gli interessi anglosassoni a scapito degli europei, pertanto i dissapori e le conflittualità interne aumenteranno sempre più esasperandosi, anche se inizialmente si manifesteranno in maniera sotterranea e subdola, non è affatto una vera alleanza con un’unità d’intenti, ma un’accozzaglia di egoismi tenuti insieme dall’ipocrisia, dalla minaccia e dal ricatto. Di fronte a rischi gravi e concreti quest’accozzaglia crollerà come un castello di carte. Ognuno andrà per la sua strada e si salvi chi può.

E’ solo questione di tempo, e non si dovrà aspettare molto.

Articolo pubblicabile citando la fonte.

 

 

Cav. Dottor Claudio Martinotti Doria, Via Roma 126, 15039 Ozzano Monferrato (AL), Unione delle Cinque Terre del Monferrato,  Italy,

Email: claudio@gc-colibri.com  – Blog: www.cavalieredimonferrato.it – http://www.casalenews.it/patri-259-montisferrati-storie-aleramiche-e-dintorni

Independent researcher, historiographer, critical analyst, blogger on the web since 1996

Quali sviluppi potrebbe avere il conflitto in corso in Ucraina. Di Claudio Martinotti Doria

Prima di addentrarmi in quello che voglio comunicare, devo fare alcune premesse.

Quanto ho scritto nei miei pochi articoli precedenti, si è rivelato preciso e centrato come previsioni almeno al 90%, il 10% di margine di errore è attribuibile a una mia ancora latente vena di ottimismo, che mi fa deviare dall’analisi necessariamente critica e cinica della realtà.

Oltre ovviamente al fatto che le notizie arrivano progressivamente e non sempre la tempistica coincide con la possibilità e voglia di scrivere, e spesso sono peggiori del previsto.

Non avevo alcuna intenzione di scrivere altri articoli, ma la gravità della situazione mi ha indotto a rompere gli indugi e la proverbiale pigrizia. Non fosse altro che per contrastare le menzogne mediatiche di regime che continuano a descrivere una realtà che esiste solo nella narrativa propagandistica, che ha raggiunto livelli parossistici e ridicoli che solo gli imbecilli possono ancora ritenere attendibili.

Dovrò necessariamente essere telegrafico e riduttivo, perché gli argomenti sono moltissimi e potrò solo sfiorarli. Mi limiterò soltanto a fornire un quadro a grandi linee della situazione e della sua pericolosità.

Fatte queste premesse, esaminiamo subito dati importanti che non sono certo stati forniti nei media mainstream.

Le Forze Armate ucraine finora hanno avuto oltre 380 mila perdite, e intendo proprio morti, poi aggiungeteci i feriti, che di solito sono più dei morti. Le perdite ucraine sono all’incirca 15 volte superiori alle perdite subite dai russi. Ma la sorpresa che mi ha spiazzato è stata rilevare l’aggiornamento sulle perdite tra i soldati della NATO, perché si tratta di una guerra tra la NATO e la Russia, l’Ucraina è solo il campo di battaglia e gli ucraini sono solo gli utili idioti sacrificabili, sfruttati a questo scopo, così come avverrà per tutti gli altri popoli che si presteranno.

Ebbene da indagini eseguite accuratamente presso tutti i punti sociali e istituzionali utili a tale scopo (ad esempio le pompe funebri e i dati degli obitori, in proposito ho attinto prevalentemente da OSINT – open source intelligence) hanno rivelato che sono morti oltre 30mila soldati del cosiddetto contingente internazionale, cioè della NATO con divisa ucraina. Alcune fonti sono addirittura superiori, ma io, come sono solito fare, prendo sempre la cifra più bassa, per prudenza. Quindi complessivamente i morti tra le fila NATO/Ucraina superano abbondantemente le 400mila unità. Un’enormità che avrebbe dovuto indurre qualsiasi governo che abbia a cuore le sorti del suo popolo a negoziare.

Questo dato cosa rivela in particolare?

Rivela che alle poche migliaia di soldati NATO (inizialmente mercenari), che io stesso indicavo come presenti in Ucraina e ininfluenti sulle sorti del conflitto durante i primi mesi, di fronte all’evidente catastrofe cui andava incontro l’esercito ucraino, se ne sono aggiunti col tempo decine di migliaia, INVIATI DAI LORO STESSI COMANDI, seppur sotto l’ipocrita definizione di “volontari” e sotto le mentite spoglie di soldati ucraini materializzatisi improvvisamente. Ovviamente sono strapagati, alla pari dei cosiddetti contractors, per indurli ad affrontare rischi così elevati occorre che il compenso sia adeguato.

Il compenso supera abbondantemente i 1000 euro al giorno, somma solo apparentemente elevata rispetto ai rischi che si corrono di rimanere uccisi o mutilati.

Questo spiegherebbe le grandi offensive ucraine dell’ultimo mese e mezzo, che si stima abbiano coinvolto oltre 60mila soldati perfettamente addestrati ed equipaggiati, e non potevano certo essere tutti ucraini, visto che l’esercito ucraino è ormai decimato, nel senso che ne è rimasto un decimo, ormai da mesi ricorrono alle unità delle milizie territoriali per sopperire alle pesanti perdite, che sono poco addestrate e le usano come carne da cannone costringendole a combattere.

Ormai per trovare persone disposte ad andare a farsi ammazzare al fronte devono costringerli con la forza e se si rifiutano non c’è il carcere (come era all’inizio) ma la fucilazione. E i nazisti che fungono da polizia militare li uccidono sul posto se si rifiutano di combattere o se accennano ad arrendersi. Questi fatti ovviamente i media mainstream occidentali non li riportano. Continuano a riferire di un’Ucraina democratica e civile aggredita dai russi. Tacciono sulle migliaia di uccisioni di civili ritenuti collaborazionisti solamente perché sono rimasti nelle loro abitazioni dopo l’arrivo dei russi o sulla corruzione tra gli esponenti nazisti del regime, a tutti i livelli, per cui hanno consentito di emigrare solo a coloro che hanno pagato una sorta di tariffario. Tantomeno i media occidentali rivelano che il regime di Kiev approfittando della guerra ha assunto pieni poteri dittatoriali eliminando tutta l’opposizione e silenziando ogni voce contraria, ogni manifestazione di dissenso, anche minimo. La pena è la morte e la confisca di tutti i loro beni. Mica per nulla sono nazisti, perché si comportano come tali, anche peggio.

Quindi ricapitolando, alcuni analisti militari stimano che almeno la metà dei soldati che hanno realizzato le offensive ucraine negli oblast di Kharkiv e Kherson erano della NATO, e siccome hanno avuto mediamente circa 500 morti al giorno durante i combattimenti nelle fasi più acute degli scontri, e sono trascorsi quasi un paio di mesi, fate presto a fare i conti di quante migliaia di soldati NATO sono morti solo nelle ultime settimane, senza contare quelli caduti sotto gli intensi bombardamenti nelle retrovie.

Inoltre la Russia con i bombardamenti mirati alle infrastrutture dell’Ucraina sta mettendo in ginocchio il paese, impedendo le comunicazioni, gli approvvigionamenti e la logistica, oltre a lasciare al freddo, senza luce e senza carburanti e cibo la popolazione oltre all’esercito.

Tutto questo sacrificio di vite umane aveva il solo scopo di ottenere qualche effimero successo militare ucraino per favorire i DEM prima delle elezioni di medio termine negli USA, che avverranno l’8 novembre. Senza questi successi sul campo il regime nazista di Kiev rischiava l’interruzione dei finanziamenti e delle forniture militari da parte dell’Occidente, cosa che comunque avverrà, perché i mezzi militari e le munizioni si stanno esaurendo anche in Occidente e ci vogliono mesi per produrle. Inoltre i costi sono esorbitanti e l’Occidente non può permettersi di continuare a finanziare la guerra in Ucraina, indipendentemente dalle dichiarazioni di facciata dei politicanti di turno.

Ma questi successi militari sul campo non influiscono minimamente sulle sorti della guerra, far retrocedere di qualche decina di km le truppe russe non determinerà le sorti della guerra, se poi, come è infatti avvenuto, le offensive ucraine si spengono e vengono respinte con gravissime perdite di vite umane e di mezzi bellici.

A questo punto gli USA non potranno fare altro che forzare la mano e intervenire direttamente, o quantomeno tramite alleati affidabili e russofobi, come i polacchi e i paesi baltici, probabilmente dopo una false flag (operazione sotto falsa bandiera) da imputare ai russi per giustificare un intervento NATO. Da mesi si sospetta che i nazi-ucraini stiano preparando una bomba sporca, cioè radioattiva, sotto la supervisione degli anglosassoni (UK e USA sono i maggiori fomentatori del conflitto perché le loro economie stanno collassando), per poi accusare i russi e provocare un’escalation bellica, coinvolgendo altri paesi NATO.

Gli USA NON POTRANNO MAI ACCETTARE CHE IL MONDO DIVENTI MULTIPOLARE, come vorrebbero Russia e Cina, perché provocherebbe il tracollo del dollaro come moneta internazionale (l’ingresso dell’Arabia Saudita nei BRICS significa proprio questo: la fine del petrodollaro), senza il dollaro come moneta dominante gli americani dovrebbero rinunciare al loro elevato tenore di vita parassitario sulle spalle del resto del mondo, e non sono certo disposti a farlo, quindi non rimane che la guerra totale. Purché non sia nucleare. E’ questo il punto che li ha frenati finora.

Hanno confidato che la Russia, essendo un paese responsabile e non criminale come gli USA, non vi ricorresse mai in alcuna circostanza, ma non possono esserne certi. E siccome la Russia con i missili ipersonici ha una netta superiorità tecnologica nel settore, se dovesse ricorrervi, gli USA come potenza militare cesserebbe di esistere, la loro preziosa flotta che li ha resi una potenza marittima di primo piano verrebbe spazzata via dal Mediterraneo e dal Mare del Nord in pochi minuti. Nessuna difesa aerea è in grado fermare i loro missili ipersonici. Solo gli imbecilli che s’informano tramite la tv non sanno della netta superiorità tecnologica militare russa raggiunta ormai da alcuni anni, ma credono ancora che siano gli USA a detenere la supremazia militare del pianeta. Gli americani invece lo sanno benissimo, soprattutto al Pentagono, che non ha alcuna intenzione di misurarsi con la Russia.

Quindi sottobanco si stanno consultando con i russi per cercare di limitare il conflitto alla sola guerra convenzionale terrestre. Vorrebbero cioè che si sacrifichino solo vite umane (possibilmente di altri popoli) e non le loro preziose e costosissime navi da guerra o i satelliti (anche questi ultimi la Russia potrebbe eliminare facilmente, ad esempio con armi a impulsi elettromagnetici).

Se negli USA la popolazione, che è in maggioranza contraria alla guerra in Ucraina contro la Russia (come anche in Europa), non si deciderà a dare una spallata definitiva al fantoccio demente Biden e al suo entourage DEM, composto da neocons e/o sionisti, psicopatici guerrafondai che stanno distruggendo l’Occidente, Europa in primis, si arriverà a una guerra totale e verrà combattuta in Europa, la quale è già prostrata a causa della crisi energetica artificialmente indotta per sottometterla come colonia degli USA e non più concorrente.

In alternativa potrebbero scegliere l’opzione terroristica permanente, cioè ricorrere ad azioni continue di sabotaggio, incursioni, attentati, guerriglie e guerra sporca, ecc., in tutta Europa e in Russia. L’importante è tenere alta la tensione, la paura, la ferocia, la vendetta, la ritorsione … com’è nel loro stile barbaro distruttivo e involutivo. Con la miseria che loro stessi hanno creato in Europa, non avranno alcuna difficoltà a reclutare decine di migliaia di mercenari russofobi per i loro scopi, addestrandoli e occultandoli nelle loro numerose basi militari sul suolo europeo.

Sui burattini che governano attualmente l’Europa non dedico tempo, perché sarebbe sprecato, non mi interessa sapere se sono corrotti o sono stupidi o entrambe le cose, per me è come non esistessero, sono solo marionette, prive di anima e di autonomia di pensiero e di azione. Non riuscirebbero a fare nulla di utile e adeguato alle circostanze neppure per sbaglio. Non bisognava votarli, nel senso che non si doveva proprio votare, era l’unico modo per delegittimarli. Chi li ha votati ora risolva il problema che ha contribuito a creare. Li renda innocui, perché questi obbediranno al padrone, non sanno fare altro, e quindi ci porteranno alla catastrofe.

 

 

 

Cav. Dottor Claudio Martinotti Doria, Via Roma 126, 15039 Ozzano Monferrato (AL), Unione delle Cinque Terre del Monferrato,  Italy,

Email: claudio@gc-colibri.com  – Blog: www.cavalieredimonferrato.it – http://www.casalenews.it/patri-259-montisferrati-storie-aleramiche-e-dintorni

I tempi gravosi richiedono maggiore senso di responsabilità ma anche severità da parte di ognuno di noi_Di Claudio Martinotti Doria

E’ tipico dei tempi gravosi, difficili, caotici, come quelli che stiamo vivendo, provocare confusione e disorientamento, sarebbe strano se così non fosse.

Ma nonostante le difficoltà, occorre cercare di rimanere centrati, equilibrati, equidistanti, per non perdere la lucidità e la visione d’insieme.

In primo luogo è fondamentale non cadere nella trappola delle “tifoserie”, anche se non siete tifosi, il rischio è comunque concreto.

Tutti i media inducono a farvi cadere in questa trappola. Cioè farvi tifare per la squadra che loro vorrebbero imporvi, perché questo è il loro compito, facendo propaganda. Della serie “ha stato Putin”. Sabotano i gasdotti nel Mar Baltico, area sotto stretto controllo NATO: sono stati i russi che amano farsi dei danni da soli, così come si sono auto-bombardati mentre controllavano la centrale nucleare di Zaporižžja. Questo, per quanto possa sembrare ridicolo e patetico, è quanto hanno riportato i media mainstream, che sopravvivono solo grazie ai finanziamenti pubblici, cioè coi nostri soldi.

Quindi finiamola di dare spazio ai media mainstream, sono solo uffici stampa che riportano veline, fanno propaganda e mentono spudoratamente, quindi sono privi di qualsiasi credibilità e valore morale.

I media cartacei vendono poche decine di migliaia di copie, le altre finiscono al macero, le tv riportano la rassegna stampa come se avesse qualche valore, cioè si reggono a vicenda sostenendo le menzogne che raccontano reciprocamente.

La tv ha ancora qualche seguito, ma sempre meno, mi riferisco ovviamente ai tg e ai programmi che pretenderebbero di informare. Sono guardati da coloro che ancora non sanno o non vogliono utilizzare la rete, perché richiede impegno mentre ormai sono abituati ad essere soggetti passivi.

Ma anche in internet occorre prestare la massima attenzione. Oltre agli “infiltrati”, cioè coloro che simulano di essere liberi e indipendenti e imparziali mentre in realtà sono finanziati dal sistema, in tutte le sue molteplici componenti, vi sono molti che seppur in buona fede seguono dei copioni che sono stantii e fanno il gioco degli avversari, ad esempio riprendendo e proponendo estratti dai media di regime per commentarli o confutarli.

In questo modo si valorizzano pur volendo criticarli e pur avendo la nobile missione di cercare di risvegliare qualche sprovveduto che ancora si abbevera a quelle fonti. In questo modo si alimenta un circolo vizioso, col quale i media mainstream finiscono per ricevere sostegno involontario, se li volete veramente boicottare smettete di citarli, sono spazzatura e come tale va trattata, cioè buttata negli appositi cassonetti.

Se un romanzo fa schifo ed è scritto in un italiano approssimativo non credo che voi lo consigliereste a qualcuno, fate lo stesso con i giornali e le tv. Meritano solo disprezzo e vanno evitati, se qualcuno li segue sono problemi suoi, perché far soffrire le persone che da anni li hanno abbandonati riproponendo i loro contenuti? Per farci capire quanto sono fasulli e vacui? Ma chi non l’ha ancora capito credete che vi segua in internet? In questo modo soffrite voi e fate soffrire chi vi segue. I media mainstream vanno semplicemente evitati, come non esistessero. Col tempo o si adegueranno ai mutamenti sociali e culturali o spariranno.

Sarà la situazione contingente quando diverrà tragica che fornirà loro il colpo di grazia.

Quando le aziende chiuderanno e vi saranno milioni di disoccupati, quando ci saranno le bollette da pagare con importi triplicati, quando non si troverà cibo a sufficienza nei supermercati o lo si troverà a prezzi inaccessibili, quando con temperature sotto zero non ci si potrà scaldare in casa, quando ci saranno i blackout energetici, ecc., i media mainstream cosa scriveranno per confortare la cittadinanza ridotta alla disperazione?

Noi della libera informazione in rete questi rischi li avevamo descritti e rivelati con mesi se non anni di anticipo, solo con le proprie capacità di analisi e previsione. Come mai i media mainstream con tutti i mezzi e le risorse a loro disposizione hanno fatto il contrario rispetto a noi? Cioè hanno falsificato la realtà? La gente, per quanto possa essere analfabeta funzionale e sprovveduta, a quel punto se lo chiederà. Perché vedrà che alcuni erano preparati mentre loro che si abbeveravano dalla tv per informarsi non sapevano nulla, anzi pensavano che la situazione fosse sotto controllo, che lo Stato avrebbe provveduto. Mai nessuno tramite la tv gli aveva spiegato che è lo Stato il vero problema, in quanto gli oligarchi che lo gestiscono non fanno gli interessi della popolazione ma quelli dei loro veri datori di lavoro che sono strutture di potere sovranazionale.

Anche nella libera informazione in rete quasi nessuno ad esempio ha avuto il coraggio o la capacità di spiegare che l’unico modo per delegittimare un sistema di potere corrotto e degenerato è non recarsi a votare, perché nel momento in cui si entra nel seggio, anche se si vota scheda bianca o nulla o si fanno dichiarazioni da verbalizzare si è comunque fatto il gioco del potere legittimandolo. Anzi in molti hanno invitato a votare, chiunque purché si voti. In questo modo ci si è prestati a perpetuare l’inganno, perché il sistema non lo cambi dall’interno, una volta che sei dentro, anche se in buona fede e con le migliori intenzioni, il sistema ti contaminerà o ti emarginerà. Il sistema lo potrai cambiare solo delegittimandolo, con un 50% di astensionismo sarebbe stato delegittimato. Non crediate a quelli che dicono che il sistema se ne frega se la metà della popolazione non vota, perché accade già in molte altre pseudo-democrazie occidentali, perché non è così. Il loro più grande timore era proprio l’astensionismo, ecco perché invitavano a votare, chiunque purché votiate. E’ una contraddizione e ingenuità invitare alla disobbedienza civile e poi sollecitare aa recarsi alle urne, perché la prima e fondamentale disubbidienza civile è proprio il rifiuto di votare, e non perché nessuno ci rappresenta, perché sono solo un teatrino della politica, ma perché è proprio il sistema che è fasullo e deve essere sostituito dalle fondamenta. Occorre sostituirlo non con una democrazia (fasulla) rappresentativa ma partecipativa e decentralizzata, con uno stato snello, leggero, ridotto ai minimi termini e il resto del potere lasciato gestire dalle autonomie locali territoriali a stretto contatto e controllo delle popolazioni. Questo deve essere il vero obiettivo.

Quindi smettetela di far riferimento ai media mainstream e ai teatranti della partitocrazia che recitano un copione scritto da altri, e fate riferimento alle vostre fonti, quelle che avete selezionato e che ritenete attendibili e riportate il vostro autentico pensiero, senza timore di censura e se vi censurano cambiate piattaforma, trasferitevi dove non vi censureranno. Questa è l’unica strada percorribile se volete veramente cambiare questo stato di cose, soprattutto adesso che stiamo per affrontare una crisi sistemica epocale, cioè senza precedenti nella storia dell’umanità, occorre essere all’altezza della situazione. Timori e paure è ora di lasciarle alle spalle, gli ultimi tre anni che abbiamo trascorso ci dovrebbero aver insegnato qualcosa, soprattutto che per farsi rispettare occorre disporre degli attributi, e vi accorgerete che quelli che vi minacciano sono in realtà degli eunuchi.

 

 

Cav. Dottor Claudio Martinotti Doria, Via Roma 126, 15039 Ozzano Monferrato (AL), Unione delle Cinque Terre del Monferrato,  Italy,

Email: claudio@gc-colibri.com  – Blog: www.cavalieredimonferrato.it – http://www.casalenews.it/patri-259-montisferrati-storie-aleramiche-e-dintorni

Independent researcher, historiographer, critical analyst, blogger on the web since 1996

Frenate gli entusiasmi e i trionfalismi, c’è poco da festeggiare_Di Claudio Martinotti Doria

Scrivo queste brevi note dopo aver letto accurate analisi compiute da esperti indipendenti sull’offensiva ucraina nell’oblast di Kharkiv.

Come sempre quanto scrivo è a scopo divulgativo, i dati indicati non hanno valenza tecnica, sono ponderati in base a quanto letto finora di attendibile, non certo tramite i media mainstream che fanno solo propaganda e tantomeno da fonti ucraine che sono totalmente inattendibili. Anche quelle russe vanno prese con grano salis, anche se occorre riconoscere che generalmente sono improntate a discrezione e riservatezza nel riportare i dati inerenti i colpi inferti al nemico, non vantandosene o gonfiandone l’entità come fanno abitualmente le fonti ucraine, che esagerano in maniera persino patetica e puerile, fino ad inventarsi successi bellici inesistenti.

 

Ci sarebbe da scrivere per ore, ma voglio essere estremamente sintetico, quindi riporto solo l’essenziale.

 

In seguito a quest’offensiva le forze armate ucraine hanno riconquistato circa 2000 kmq di territorio occupato dai russi nell’oblast di Kharkiv (nell’impeto dell’entusiasmo la cifra è già salita in alcune fonti ucraine a 5000 kmq, sapete come vanno queste cose, quando si sniffa troppo per l’entusiasmo!) e si rileva che la Russia ha perso molte attrezzature militari che ha dovuto abbandonare durante la ritirata.

Preciso che si è trattata di ritirata non di disfatta, le parole hanno un peso e devono soprattutto averlo e mantenerlo durante una guerra. Le perdite russe sono state modeste, i comandi militari preferiscono ritirarsi e perdere territori e armamenti piuttosto che vite umane preziose di soldati, a differenza del regime di Kiev che non esita a mandare a morte i propri soldati ANCHE SOLO PER ESIGENZE POLITICHE DI PROPAGANDA, infatti durante l’offensiva le perdite ucraine sono state molto elevate.

A tal proposito è bene precisare che in un paio di settimane di combattimenti, tra la fine di agosto e la prima decade di settembre, durante la fallito offensiva nell’oblast di Cherson, poi trasformata ad arte in “diversivo” dalla propaganda occidentale di cui avremo modo di parlarne in altri articoli, e quella successiva e vittoriosa a Kharkiv l’Ucraina ha perso tra gli 8000 e i 10mila mila soldati, intendo proprio morti, e come minimo il doppio sono rimasti feriti più a meno gravemente (generalmente i feriti dopo una cruenta battaglia sono dal doppio al triplo rispetto ai morti).

Nei sei mesi precedenti i regime di Kiev ne aveva già persi, tra morti feriti e prigionieri, circa 250mila (secondo fonti del Pentagono), su un esercito che stime realistiche compiute da esperti militari valutavano in 600mila (le cifre che sentite di due milioni sono pura propaganda), quindi siamo alla metà circa. 

Qualsiasi paese civile e responsabile con un 50% di perdite si sarebbe già arreso, ma non l’Ucraina, per diversi motivi, il principale è che vive ormai esclusivamente di economia di guerra, finanziata dall’Occidente, USA e UK e UE in primis.

L’Ucraina non è solo sostenuta dalla NATO ma la NATO PARTECIPA IN PRIMA PERSONA ALLA GUERRA, con migliaia di uomini in divisa ucraina e decine di migliaia di attrezzature belliche fornite in continuazione, armi sempre più letali e in gradi colpire a distanza, in genere queste ultime vengono usate contro obiettivi civili e non militari, per terrorizzare e punire, come ritorsione contro la popolazione filorussa, considerata collaborazionista e nemica dai nazisti di Kiev. Ecco perché la popolazione delle aree riconquistate fuggono insieme coi militari russi, per evitare di fare una brutta fine,

Questa è la verità dei fatti, gli ucraini si limitano a fornire carne da cannone. anche se parecchie centinaia di soldati NATO muoiono anch’essi tra le fila dei combattenti, ma in proporzione di 1 a 100 rispetto agli ucraini. Sono gli ucraini che si stanno facendo massacrare, anche quando gridano vittoria, l’hanno pagata a caro prezzo.

Le guerre si devono valutare soprattutto dal punto di vista delle forze in campo e della disponibilità di armi e munizioni e da questo punto di vista la guerra di logoramento che entrambi gli schieramenti volevano attuare, volge indubbiamente a favore della Russia, anche dopo il successo dell’offensiva ucraina a Kharkiv.

La NATO non mollerà mai e proseguirà ad libitum (fino all’ultimo ucraino, non era solo uno slogan), ma come arsenali da mettere in campo è agli sgoccioli, l’UE non supererà l’inverno dovendo gestire molto probabilmente vere e proprie sommosse popolari, perché il malcontento esploderà sia per il freddo che per le bollette esorbitanti da pagare oltre al resto dell’inflazione che colpisce anche generi di prima necessità. I governi europei non reggeranno a lungo, 

Inoltre, com’era prevedibile, la Russia sarà meno moderata nel colpire, non combatterà più in stile cavalleresco con particolare riguardo ai civili, i bombardamenti saranno più intensi e feroci, gli ucraini si devono preparare a un inverno al freddo e senza corrente elettrica, senza mezzi di sussistenza, nella miseria più assoluta, e l’Occidente non potrà aiutarli perché sarà messa male per conto suo. Pare che i russi abbiano già colpito, nelle ore appena precedenti la stesura di questo scritto, diverse centrali elettriche e infrastrutture ucraine e continueranno a farlo fino a ridurre il paese in una totale dipendenza dagli aiuti esterni, peggiorando in tal modo la situazione (già tragica) per tutti paesi complici di Kiev.

Le guerre non si vincono solo con la propaganda o con qualche incursione di successo per rioccupare momentaneamente delle porzioni di territorio per quanto vaste. Queste sono vittorie effimere che servono solo alla propaganda e per motivare gli stolti a combattere e continuare a offrirsi come carne da cannone. Quando i russi inizieranno a fare sul serio, la propaganda potrà solo tacere per lo sgomento o urlare contro i cattivi russi che infieriscono sui poveri ucraini nazisti, parassiti e corrotti che hanno portato la loro nazione alla distruzione totale. Come fecero Hitler e i nazisti con la Germania nella metà degli anni ‘40. 

Nel frattempo un’intera armata russa ha oltrepassato il confine ed è penetrata nel Donbass posizionandosi attorno ai territori riconquistati dagli ucraini. Altri 10mila guerrieri ceceni, guerrieri e non soldati, perché i ceceni è da secoli che sanno combattere come sanno respirare, stanno confluendo nel Donbass. Nel frattempo in Russia sono stati reclutati altri 135mila soldati per rinforzare le forze armate. E non è stata ancora avviata la mobilitazione generale, perché significherebbe passare dallo stato di OPERAZIONE MILITARE SPECIALE allo STATO DI GUERRA TOTALE.

Se non fosse chiaro questo concetto, se questo temuto passaggio avvenisse, significherebbe la completa distruzione dell’UCRAINA e uno scontro diretto con la NATO. Quindi gli sprovveduti che fanno tifo da calcio, tifando per gli ucraini democratici ed eroici, come descritti dai media occidentali, farebbero bene a rinsavire, perché non si sta giocando a Risiko,

i russi fanno sul serio, e se si superano troppe linee rosse poi anche i lobotomizzati e decerebrati che tifano da casa davanti agli schermi televisivi, dovranno fare i conti con le conseguenze vere, reali, di una guerra. E non mi riferisco solo alla chiusura dei rubinetti del gas, al freddo durante l’inverno, ai prezzi alle stelle per l’inflazione, alle bollette stratosferiche per luce e gas, ecc., ma al rischio di sentire vibrare le mura di casa e frantumare i vetri delle finestre per tutti coloro che vivono nei pressi di obiettivi militari e strategici in tutta Europa. Se la cosa vi diverte, proseguite pure col vostro tifo demenziale.

Io sono anziano e dispongo di una formazione storico psicologica e vi assicuro che la situazione è drammatica, soprattutto dopo il trionfalismo ingiustificato montato ad arte dalla propaganda occidentale per questa unica offensiva riuscita in sei mesi di conflitto. Si monteranno la testa e proseguiranno convinti di aver messo in gravi difficoltà la Russia, di essere a un passo dalla vittoria. Del resto coi politicanti che governano l’Europa l’UK e gli USA in questo periodo, dobbiamo aspettarci di tutto, essendo di una supponente e spaventosa ignoranza sfociante in atteggiamenti guerrafondai, tipici di coloro che la guerra l’hanno sempre fatta fare ad altri o non la conoscono minimamente.

Riprendendo la metafora calcistica delle tifoserie, che pare essere appropriata per essere compresa dagli italiani, temo che tra non molto, continuando così, non vi saranno neppure più squadre di calcio per le quali tifare, non ci saranno più gli stadi, non ci sarà la corrente elettrica per far funzionare il televisore per vedere le partite (intendo quelle vecchie registrate), e il rischio è anche che non ci saranno più neppure molti tifosi. Ho reso il quadro della situazione? Dopo di ché se vorrete ancora divertirvi, cercate di fumare roba buona e potente per farvi evadere dalla realtà, perché quest’ultima sarà plumbea oltre ogni più pessimistica immaginazione.

 

 

Cav. Dottor Claudio Martinotti Doria, Via Roma 126, 15039 Ozzano Monferrato (AL), Unione delle Cinque Terre del Monferrato,  Italy,

Email: claudio@gc-colibri.com  – Blog: www.cavalieredimonferrato.it – http://www.casalenews.it/patri-259-montisferrati-storie-aleramiche-e-dintorni

Independent researcher, historiographer, critical analyst, blogger on the web since 1996

Ma quale inverno nucleare? Se scoppiasse un conflitto nucleare non sarebbero le città ad essere colpite … Di Claudio Martinotti Doria

Mi capita, con sempre maggiore frequenza, di assistere a video on line nei quali presunti esperti descrivono i rischi di escalation militare del conflitto in corso in Ucraina, prospettando un pericolo di guerra nucleare.

Tra l’altro colgo l’occasione per riflettere sul fatto che i video stanno proliferando mentre gli articoli seri ed esaustivi latitano, presumo per il semplice fatto che sia molto più facile fornire un video a volte improvvisato e superficiale, rispetto a uno scritto meditato, documentato e ponderato.

Devo dedurre che si sceglie la via più comoda per comunicare, che non è garanzia che sia anche quella più consona a informare correttamente. E questo purtroppo accade nella cosiddetta informazione indipendente detta impropriamente controinformazione. Che è uno dei motivi per cui ho sempre rifiutato di prestarmi a interviste e a interventi in video, anche per canali con decine di migliaia d’iscritti, quando non centinaia di migliaia.

Preferisco scrivere, anche se i lettori saranno sempre pochi, perché leggere e capire costa fatica, rispetto all’essere spettatori passivi.

In quasi tutti questi video cui mi riferisco, si descrive perlopiù il rischio di una guerra nucleare utilizzando paradigmi obsoleti e anacronistici, tipici della prima Guerra Fredda, cioè risalenti a una quarantina e oltre di anni fa. E così facendo non si offre un buon servizio d’informazione ma si contribuisce a creare il panico nella popolazione, facendo il gioco del sistema di potere, seppure in buona fede.

Per citare un esempio che rende bene l’idea, quasi tutti questi presunti esperti descrivono le conseguenze di una guerra nucleare come si sarebbe svolta negli anni ’70 e ’80 se fosse esplosa all’epoca. Insistono, infatti, sugli effetti che avrebbe sulla popolazione dando per scontato che si colpirebbero le città con ordigni nucleari di parecchi chilotoni o addirittura megatoni se ricorressero alle armi termonucleari, che sono molto più potenti.

Ma perché mai allo stato attuale della tecnologia e strategia militare si dovrebbero bombardare le grandi città? Per estinguere l’umanità? E a chi gioverebbe la distruzione reciproca?

Personalmente non condivido quest’approccio nel valutare il rischio di un conflitto nucleare, pur non escludendolo.

Semplicemente sono convinto che non avverrebbe in questo modo.

Le città a mio avviso non costituiscono un obiettivo primario. Gli obiettivi di un conflitto nucleare sarebbero semmai militari e strategici, colpirebbero cioè basi e depositi militari, aeroporti, porti, centri di comando e controllo e di comunicazione, satelliti, navi, sottomarini e portaerei, centrali elettriche, ecc..

E per farlo ricorrerebbero a bombe nucleari tattiche, cioè a bassa potenza e con fallout ridotto.

Il pericolo di estinzione dell’umanità paventato dai presunti esperti sarebbe ridotto. Chi colpisse per primo sarebbe ovviamente favorito, soprattutto se lo facesse con un numero elevato di ordigni lanciati quasi contemporaneamente, non dando modo all’avversario di fare altrettanto.

Quello sopra rappresentato è forse il pericolo maggiore, perché indurrebbe una delle grandi potenze a colpire per prima, contando sulla presunzione di disporre di armi più sofisticate e non in grado di essere intercettate.

Il pericolo maggiore in termini culturali e d’impostazione guerrafondaia e psicopatica è indubbiamente rappresentato in questa epoca dagli USA e UK che però fortunatamente non dispongono delle armi più sofisticate (ipersoniche) in materia nucleare, essendo i russi e i cinesi molto più avanzati tecnologicamente di loro.

Spero pertanto che la consapevolezza della loro inferiorità militare li faccia desistere, perché sono pressoché certo che se le parti fossero invertite non esiterebbero a colpire per primi, come del resto dichiarato esplicitamente dal neo premier UK Liz Truss in una sua recente intervista, nella quel si vantava che non esiterebbe a ordinare l’impiego di armi nucleari se la situazione secondo lei lo richiedesse.

Un soggetto quest’ultimo che emula pateticamente la Lady di Ferro nel suo decisionismo, ma senza possederne neppure una minima porzione di capacità, cultura e lungimiranza, essendo di un’ignoranza conclamata.

I mediocri e gli stupidi in posizione di potere politico sono funzionali al sistema finanziario dominante, perché prendono ordini senza valutare criticamente e responsabilmente le ripercussioni sulla popolazione. Ecco perché contribuiscono ad aumentare la tensione e le provocazioni, gettando benzina sul fuoco, per indurre la Russia alla prima reazione nucleare, sperando sia di modesta entità, quanto basta per giustificare un loro intervento congiunto come NATO contro la Russia.

Si tratterebbe in ogni caso di pura ipocrisia, perché la NATO è già di fatto cobelligerante in Ucraina contro la Russia, essendo presenti in combattimento migliaia di loro truppe, seppur con divise ucraine. E la Russia sarebbe perfettamente giustificata dal punto di vista giuridico bellico a considerare i paesi NATO in guerra contro di essa, sia per le forniture di armi all’Ucraina sia per la presenza di loro soldati al fronte.

Quindi se la situazione degenerasse in un conflitto nucleare, è vero che avremmo pressappoco le ripercussioni descritte dai pseudo esperti che straparlano di inverno nucleare, ma non perché raderebbero al suolo le città con estinzioni di massa conseguenti, ma perché la distruzione sistematica degli obiettivi militari e strategici, azzererebbero tutti i servizi cui siamo abituati, torneremmo cioè all’età della pietra, quantomeno per un periodo più o meno lungo, privandoci di tutto quello cui siamo abituati e che diamo per scontati: dall’acqua potabile, all’energia elettrica, dal collegamento a internet all’uso dei cellulari, dai rifornimenti presso i supermercati a tutti i mezzi che la modernità ci ha fornito. Non funzionerebbe più nulla, soprattutto per gli effetti elettromagnetici provocati dalle esplosioni nucleari, oltre alla distruzione dei siti di produzione ed erogazione dei servizi.

A morire nelle fasi immediatamente successive alle esplosioni nucleari locali sarebbero le popolazioni presenti nei siti colpiti e nelle loro immediate vicinanze. Le altre località potrebbero subire gli effetti delle limitate ricadute del materiale radioattivo, secondo la direzione dei venti in ogni singola area geografica.

Il problema per l’Italia sarebbe comunque molto grave, essendo il paese NATO con il maggior numero di basi militari straniere sul proprio suolo, tra cui due aeroporti militari dotati di decine di bombe nucleari, e il più grande deposito di armi dell’intero continente, situato in Toscana.

Credo che quanto da me descritto sia più attinente ai rischi reali che stiamo correndo, molto più che descrivere di presunti bombardamenti sulle grandi città che raderebbero al suolo non solo la superficie urbana ma l’intero paese, che se non immediatamente distrutto diverrebbe comunque invivibile per i decenni a venire per gli effetti devastanti e nefasti della radioattività e dei cambiamenti climatici, questi si reali e non fittizi.

E’ pertanto corretto essere preoccupati per i rischi reali che stiamo correndo ma non ricorrendo a paradigmi di quarant’anni fa ma a ipotesi molto più plausibili e aggiornate, come quelle cui ho fatto riferimento.

Come si possono evitare questi rischi? Prendendo una chiara, netta e risoluta posizione contro i guerrafondai e i loro complici in tutti i governi europei, manifestando con forte determinazione la propria contrarietà a rifornire l’Ucraina di armi e a farsi usare come carne da cannone dagli angloamericani per i loro interessi.

Che lo facciano i paesi dell’est europeo è comprensibile, essendo russofobi e colonie anglosassoni finanziate lautamente, ma che noi nell’occidente europeo ci si presti a questo gioco al massacro, è da utili idioti e imbecilli suicidi, avendo tutto da perdere, compresa la vita.

Articolo riproducibile citando la fonte.

 

Cav. Dottor Claudio Martinotti Doria, Via Roma 126, 15039 Ozzano Monferrato (AL), Unione delle Cinque Terre del Monferrato,  Italy,

Email: claudio@gc-colibri.com  – Blog: www.cavalieredimonferrato.it – http://www.casalenews.it/patri-259-montisferrati-storie-aleramiche-e-dintorni

Perché i soldati ucraini si fanno massacrare da Zelensky che a sua volta prende ordini da Washington e Londra?_Di Claudio Martinotti Doria

Chi mi legge abitualmente s’informa tramite i media indipendenti nel web e quindi presumo sia al corrente dell’offensiva che Zelensky ha lanciato a fine agosto contro l’oblast di Cherson nel sud dell’Ucraina.

Ha voluto essere di parola, anche se ha scelto l’ultimo giorno dopo numerosi rinvii, aveva ripetutamente promesso da mesi una controffensiva entro agosto che avrebbe spazzato via i russi dai territori conquistati, almeno quelle erano le intenzioni.

Tutti gli analisti militari e geopolitici seri e indipendenti lo deridevano, pensando a un bluff, invece anche i comici e buffoni, seppur criminali, corrotti e incapaci, possono essere di parola, soprattutto quando la vita la fanno rischiare ad altri.

Appena sono riusciti a raccogliere il maggior numero possibile di mezzi corazzati (soprattutto polacchi) e concentrare circa 40mila soldati nell’area, Zelensky nonostante la netta contrarietà dello Stato Maggiore Militare che poneva scarsa o nulla fiducia nella riuscita del piano, ha ordinato l’offensiva, commettendo il classico errore dello stratega da salotto, addestrato a giocare a Risiko (forse manco a quello).

Anziché concentrare tutte le forze in un solo punto per avere maggior impatto e possibilità di sfondamento, li ha divisi in cinque aree e quindi cinque direzioni di attacco diverse, disperdendo le forze che già non sarebbero state sufficienti per un solo attacco in un unico punto, considerando la potenza di fuoco dell’artiglieria e aviazione russa. Così ha disperso la forza d’attacco su un fronte di poco meno di 200 km. Considerando che di solito ad attaccare sono il 50% delle forze, l’altra metà rimane di riserva nelle retrovie per compensare le perdite o rinforzare i punti deboli, se dividete per cinque 20mila soldati su 200 km, vi renderete conto che l’impatto non poteva che essere lieve per i russi, i quali applicano la stessa tattica da mesi, a ogni offensiva ucraina.

Arretrano e li lasciano avanzare e poi man mano che si trovano sempre più allo scoperto in un territorio pianeggiante, senza riuscire ad arrivare a centri abitati (l’unico modo che hanno per trovare riparo e trincerarsi), i russi iniziano a bombardarli senza tregua arrecando loro gravissime perdite.

E’ la tecnica militare del “tritacarne”, una tattica di logoramento lenta e inesorabile che riduce gradatamente il numero dei soldati e dei mezzi degli ucraini fino a che saranno costretti alla resa o a far intervenire le forze di altri paesi della NATO, che in questo caso non potrebbero invocare l’articolo 5 del Trattato Atlantico, perché non sono loro a essere attaccati ma ad attaccare.

Com’è possibile che Zelensky ripeta sempre gli stessi errori? E soprattutto come mai gli ucraini si prestano a farsi massacrare, anziché fuggire, per non essere arruolati oppure finire in prigione per essersi rifiutati di indossare la divisa? Cercherò di rispondere a entrambe le domande essenziali per capire l’esito e lo sviluppo di questo conflitto.

Zelensky non ha alcuna capacità strategica, gli unici ordini che sa impartire sono quelli di attaccare e resistere senza cedere un metro, combattere fino all’ultimo uomo. Vi ricorda qualcuno? Un certo Hitler, quando ormai era impazzito e drogato fino al midollo (altra analogia con Zelensky) e psichicamente alterato perché l’esito della guerra non corrispondeva alle sue attese e tutti i suoi comandanti lo deludevano e li sostituiva in continuazione.

Zelensky prende decisioni a scopo politico, per influenzare i suoi sponsor angloamericani e UE, che ultimamente lo stanno sostenendo sempre meno.

Ha assolutamente bisogno di una vittoria, seppur minima, per continuare a mungere i suoi finanziatori, ben sapendo che una cospicua parte di questi finanziamenti non finisce al fronte ma nelle tasche dei numerosi oligarchi e comandanti corrotti, a tutti i livelli, che vendono le armi ricevute facendo finta siano andate distrutte dai bombardamenti russi.

E questo in parte spiega anche la seconda domanda, come vedremo meglio in seguito.

Inoltre una cospicua parte di questi lauti finanziamenti sono utilizzati per pagare tutto l’apparato militare, con stipendi che per i canoni ucraini sono piuttosto elevati.

Zelensky compie scelte ciniche e spietate esclusivamente per motivi economici, personali e del suo entourage di sostenitori interni, neonazisti e nazionalisti in primis. Della vita dei suoi soldati non gliene frega nulla, per cui non esita a mandarli a morte certa.

Ora veniamo al perché i soldati si prestano a farsi massacrare.

L’Ucraina è da parecchio tempo in miseria, in particolare dall’inizio del conflitto che dura ormai da sei mesi, il paese vive prevalentemente di un’economia di guerra, gli unici soldi che arrivano e circolano sono quelli che alimentano la guerra. E per convincere la gente a combattere, occorre prima averli ridotti nella miseria, privi di scelte di lavoro, ai limiti della sopravvivenza, dopo di ché gli fornisci degli incentivi convincenti perché si arruolino, oltre all’obbligo, che però funziona poco, perché molti si sottraggono emigrando e nascondendosi o rifugiandosi all’Estero, Russia compresa (ne ospita circa due milioni).

Quelli rimasti in patria che scelta hanno per sopravvivere economicamente se non arruolandosi?

Per comprendere perché sono disposti a rischiare la vita, facciamo un paragone con la situazione italiana, così vi sarà più chiaro.

Un Carabiniere appena assunto in Italia percepisce uno stipendio netto di circa 1200 euro mensili, un maresciallo maggiore anziano poco meno di 2000 euro mensili e un capitano poco più di 2000, gli scatti di grado non sono particolarmente rilevanti in termini salariali, poche centinaia di euro l’anno.

Nell’esercito ucraino in seguito allo stato di guerra gli stipendi sono tutta un’altra cosa, proporzionalmente al potere di acquisto che si ha nel loro paese. Utilizzando l’esempio italiano sarebbe come se un soldato ucraino prendesse in Italia 2800 euro al mese, un maresciallo maggiore anziano circa 10mila, e un capitano 15mila. A queste somme erogate diciamo legittimamente dalle istituzioni governative, aggiungiamo la corruzione diffusa capillarmente, cioè le rendite che provengono dai saccheggi, dalle estorsioni ai civili, dalla vendita di armi, ecc., e ci rendiamo meglio conto di quanto possano accumulare i combattenti, soprattutto sottufficiali e ufficiali, che riescono a sopravvivere (magari ricorrendo a cinismo, furberie e sotterfugi), facendo perlopiù rischiare la vita ai loro sottoposti.

In due o tre mesi di guerra, se sopravvivono, possono accumulare una piccola fortuna che gli consentirà di vivere agiatamente per tutto il resto della loro vita (inflazione permettendo).

Quindi la motivazione primaria è l’avidità e la mancanza di alternative. Ecco perché gli ucraini combattono una guerra per procura, è l’unico lavoro di cui dispongono, l’Occidente li foraggia per questo scopo, combattere e morire al posto degli occidentali.

Ma c’è un problema che si sta facendo sempre più grave, diventa sempre più difficile sopravvivere alla guerra.

Prendiamo l’esempio degli ultimi due giorni, tra fine agosto e inizio settembre.

Zelensky ha appunto ordinato l’attacco in cinque aree diverse, e inoltre ha ordinato l’incursione notturna alla centrale nucleare di Zaporižžja, da parte delle forze speciali ucraine, per cercare di riprenderla prima che arrivasse la delegazione dell’AIEA dell’ONU che doveva ispezionare la centrale, probabilmente per poi utilizzare la delegazione come scudo umano contro i russi, come fanno abitualmente gli ucraini, che di crimini di guerra ne hanno commessi a iosa.

L’incursione è finita malissimo, nonostante pensassero che il piano fosse ottimo, utilizzando imbarcazioni silenziose con motori elettrici e poi delle chiatte che trasportavano il grosso delle forze e dei mezzi da sbarco.

Tutte le imbarcazioni e le chiatte sono state distrutte e affondate dalle forze aeree russe, la maggioranza degli incursori sono morti o fatti prigionieri. Si stima fossero circa 500, il minimo necessario per compiere un’operazione di questa portata, considerando che la centrale nucleare di Zaporižžja è la più grande d’Europa, estendendosi su una superficie gigantesca.

Anche le forze attaccanti nel resto del fronte non hanno subito una sorte migliore. Si stima che le perdite in vite umane subìte dall’esercito ucraino siano di oltre mille al giorno. Molto probabilmente fra qualche giorno saranno costretti a ritirarsi, lasciando sul campo quasi tutti i mezzi corazzati impiegati.

A Zelensky non rimarrà altro da giocare che la carta della commiserazione: “Avete visto con quale coraggio combattono gli ucraini?” “Come si sacrificano per il bene dell’Occidente?” “Meritano di essere sostenuti di più, dovete aumentare le risorse e i finanziamenti!”

Una carta cinica e ignobile ma l’unica che gli rimane, possibilmente prima che i comandi militari si stanchino di lui e lo facciano fuori con un colpo di stato. Magari con il beneplacito degli anglosassoni. Altrimenti non rimarrà che far combattere anche i polacchi e i baltici, i più fanatici russofobi che ci siano in Europa. I polacchi e i baltici saranno fanatici ma non sono stupidi, sono consapevoli che se non ci sono riusciti gli ucraini a sconfiggere i russi, che dopo otto anni di addestramento e armati fino ai denti erano diventati l’esercito più potente d’Europa, come potrebbero riuscirci loro che sono anche inferiori di numero (militarmente) rispetto agli ucraini? Perché mai dovrebbero seguirne la sorte? Solo per fanatismo? No. Per farlo prima dovrebbero essere ridotti alla fame anche loro, e sono sulla buona strada per riuscirci, dopo le ultime demenziali mosse politiche ed economiche che hanno compiuto contro la Russia e contro la Cina, le cui ritorsioni si stanno facendo sentire pesantemente.

I porti baltici ad esempio non lavorano più. Tra non molto anche loro potranno sopravvivere solo tramite l’economia di guerra. Una tale situazione diverrà insostenibile da mantenere per l’Occidente, diventerà peggiore di un “buco nero” per le finanze già travagliate dei paesi occidentali.

Ormai i paesi occidentali hanno oltrepassato il precipizio e come riferisce l’aneddoto “ se guardi a lungo nell’abisso, l’abisso guarderà dentro di te …”. E probabilmente stiamo già precipitando nell’abisso, dobbiamo solo toccare il fondo.

Cav. Dottor Claudio Martinotti Doria, Via Roma 126, 15039 Ozzano Monferrato (AL), Unione delle Cinque Terre del Monferrato,  Italy,

Email: claudio@gc-colibri.com  – Blog: www.cavalieredimonferrato.it – http://www.casalenews.it/patri-259-montisferrati-storie-aleramiche-e-dintorni

Independent researcher, historiographer, critical analyst, blogger on the web since 1996

C’era una volta … l’Esercito più forte del mondo_ Di Claudio Martinotti Doria

C’era una volta … l’Esercito più forte del mondo. Quello USA, e il suo clone europeo, quello ucraino

Di Claudio Martinotti Doria

 

Dall’inizio dell’Operazione Militare Speciale russa in Ucraina ho scritto una mezza dozzina di articoli sull’argomento e altri correlati, a iniziare dai giorni successivi dell’inizio del conflitto. Non pretendo che andiate a rileggerli nel mio blog o negli altri siti dove sono stati pubblicati, ma fidatevi sulla parola se vi dico che le ho azzeccate tutte.

Mi riferisco all’analisi e valutazioni e previsioni conseguenti allo studio della situazione sul campo e dell’intuizione delle intenzioni e strategie russe, comprese le effettive condizioni in cui versano gli eserciti della NATO.

E quanto scrivevo era in netto contrasto con le versioni ufficiali propagandistiche e mediatiche, al punto da provocarmi le ire e critiche pregiudiziali degli omologati alla narrativa ufficiale. Perché scalfivo le loro convinzioni illusorie sullo stato dell’arte, che nell’immaginario collettivo occidentale degli omologati continua a far credere loro di essere superiori, i più forti, soprattutto dal punto di vista militare e della tecnologia bellica, i detentori del diritto di imporre i loro disvalori al resto del mondo.

In quest’occasione riprendo quegli argomenti puntualizzandoli.

Avevo scritto fin dall’inizio del conflitto, che se al posto delle Forze Armate ucraine ci fosse stato sul campo la NATO sarebbe stata spazzata via dai russi in un paio di settimane, suscitando ovviamente la derisione degli stolti e disinformati (di solito più sono ignoranti più sono supponenti, per dissimulare la loro incompetenza e falsità).

L’Esercito ucraino è stato formato, addestrato e approvvigionato dalla NATO, USA e UK in particolare, per ben otto anni, dal colpo di stato del 2014, assoldando soprattutto i neonazisti e nazionalisti integralisti ucraini, i più motivati e maniaci delle armi e della forza bruta, i più risoluti a ricorrere alla violenza contro i russi e i russofoni ucraini, essendoci tra di loro non pochi psicopatici. Le intenzioni dei paesi occidentali, USA in primis, era quello di trasformarlo in una formidabile arma da guerra contro la Russia, in previsione di una guerra per procura. Per riuscire in questo scopo sono stato inviati in Ucraina migliaia di istruttori militari, veterani e forze speciali, per l’addestramento delle forze armate al combattimento e soprattutto all’uso dei sistemi d’arma della NATO che gli sono stati forniti con generosità, soprattutto dopo il 24 febbraio 2022, inizio del conflitto bellico.

Ai confini con le repubbliche separatiste del Donbass, dove la guerra civile era in corso fin dal colpo di stato del 2014, proseguendo senza interruzioni fino all’inizio dell’intervento russo del 24 febbraio 2022, sono state costruite dall’esercito ucraino centinaia di trincee, bunker, fortificazioni, postazioni protette di artiglieria, campi minati, ecc..

I comandi ucraini a guida NATO avevano concentrato nell’area circa 300mila soldati addestrati e armati fino ai denti, con l’intenzione di condurre un attacco alle due repubbliche separatiste del Donbass, che era stato programmato appena dopo l’intervento russo, che di conseguenza li ha stoppati. L’intenzione del regime di Kiev non era solo la riconquista del Donbass ma anche della Crimea, cioè si trattava, senza mezzi termini, di andare in guerra (per procura) contro la Federazione Russa.

Questo dovrebbe farvi capire come mai gli ucraini hanno resistito così a lungo alle Forze Armate russe, che erano oltretutto in netta inferiorità numerica, in un rapporto di 1 a 3, cosa assolutamente illogica quando si attacca con l’intenzione di invadere un paese per occuparlo. La resistenza ucraina pertanto non è stata solo questione di eroismo ma di preparazione tecnica, tattica e logistica ricevuta in otto anni di tempo e al fatto che si erano organizzati per un attacco in massa al Donbass.

In realtà i russi non avevano alcuna intenzione di invadere e occupare l’Ucraina, ma esattamente come dichiarato fin dall’inizio, volevano liberare i territori del Donbass dalla minaccia dei nazisti e nazionalisti ucraini che hanno continuato a bombardare le città e le aree civili dei russofoni causando oltre 14mila vittime. Soprattutto volevano smilitarizzare l’Ucraina perché non costituisse più una minaccia per la Russia, e per farlo hanno adottato la strategia che abbiamo visto, che potremmo definire del “tritacarne”, lenta ma inesorabile.

La manovra di accerchiamento attorno a Kiev era puramente tattica, fuorviante, per indurre i comandi militari ucraini a sottrarre truppe dal fronte del Donbass per proteggere la capitale e le altre zone minacciate dai russi. Dopo di ché le forze russe si sono concentrati sui loro reali obiettivi in Donbass e nel sud ucraino costiero per ricongiungere la Crimea col Donbass e la Russia.

La netta superiorità dell’aviazione e dell’artiglieria russa ha fatto la differenza e in alcuni mesi ha consentito di liberare il Donbass al 95% della sua estensione, nonostante la presenza di numerose e fortissime postazioni difensive ucraine e nonostante gli ucraini non si siano fatti scrupoli a utilizzare i civili come scudi umani, ad adibire ospedali e scuole a postazioni militari, a bombardare edifici civili per poi attribuire la responsabilità ai russi, a minare con trappole esplosive i territori abbandonati, ecc.. Che rammento essere crimini di guerra.

A distanza di sei mesi dall’inizio dell’intervento militare russo l’esercito ucraino è ormai allo sbando, al collasso. Anche questo lo avevo scritto e previsto come inevitabile. Nonostante tutti i sotterfugi cinici e spietati cui sono ricorsi gli ucraini, alla lunga nessuno può resistere al fuoco infernale dell’artiglieria e aviazione russa, che come descritto dagli stessi veterani e mercenari presenti in loco, non si era mai vista in precedenza in nessuna delle numerose guerre provocate e combattute dalla NATO e paralizza ogni forza di resistenza, mietendo un numero elevatissimo di vittime e distruzione di mezzi militari.

Combattere contro i russi non è come farlo con gli afgani, gli iracheni o i libici, armati tuttalpiù di AK 47 e RPG (lanciagranate) da spalla.

Le vittime ucraine tra morti, feriti, dispersi, prigionieri, disertori, ecc., sono stimate da analisti militari indipendenti in oltre un migliaio al giorno. Dei 600 mila effettivi mobilitati e armati (le altre cifre fornite da Kiev sono solo propaganda), ne saranno rimaste poco più della metà, e sono ridotte piuttosto male.

Al fronte la maggioranza dei reparti ha subito perdite superiori al 60%, quindi non sono più operativi. Vi sono frequenti casi di fucilazioni di soldati e/o uccisioni di ufficiali e diserzioni di massa o rifiuto di obbedire agli ordini da parte di interi reparti.

Sono ormai al collasso, il regime di Kiev fa sempre più fatica ad arruolare uomini, setacciando casa per casa per costringerli a indossare la divisa e recarsi al fronte, hanno addirittura elevato a 70 anni il limite di età per la coscrizione obbligatoria e hanno imposto il carcere per tutti coloro che si rifiutano di combattere.

Centinaia di migliaia di ucraini sono già emigrati all’Estero per sottrarsi alla mobilitazione generale e ancora adesso code interminabili di autovetture di ucraini cercano di varcare i confini interni per porsi sotto la protezione della Russia, migliorando così le proprie condizioni di vita, essendo fin da subito applicate nei territori sotto controllo russo gli stessi standard di vita che nel resto della Russia.

Per citare solo alcuni vantaggi applicati ai territori sotto controllo russo: si viene assunti per la ricostruzione e la ripresa delle attività industriali, si ricevono le pensioni che Kiev non pagava più da tempo, si riceve assistenza sanitaria, si trovano i generi di prima necessità, funzionano i servizi di erogazione di acqua, energia elettrica, gas e la benzina si trova e costa poco, ecc., diventa chiaro perché gli ucraini preferiscano la Russia al loro governo nazista guerrafondaio corrotto dagli USA. E questo avviene non solo tra gli ucraini russofoni ma anche tra quelli che non sono fanatici e nazionalisti.

Perché ho scritto in precedenza, e oggi lo ribadisco con ancora più convinzione, che la NATO non avrebbe resistito neppure una frazione del tempo rispetto agli ucraini? Perché la NATO, nonostante il suo “stolto” segretario di legno (nome omen) ripetitore di banali slogan e patetici bluff, è in condizioni di estrema debolezza.

Non posso certo essere esaustivo e fornire dati tecnici, non è questa la sede essendo un articolo divulgativo e d’informazione di base, ma sappiate che nessun esercito europeo è in piena efficienza, il più potente, quello francese è in efficienza al 50%, gli altri vanno dal 10 al 30% nella migliore delle ipotesi.

Per fare esempi semplici che rendono l’idea, se un esercito su 100 carri armati di cui dispone (ma vale anche per i caccia o l’artiglieria) ne ha 65 fermi da mesi perché in manutenzione, significa che può disporne solo di 35. Ma la cosa ancora più grave è che è stato calcolato che se dovessero affrontare i russi al ritmo attuale d’impiego dell’artiglieria, la NATO avrebbe pochi giorni di autonomia nell’uso dei proiettili, dopo di ché avendoli esauriti dovrebbe ripiegare.

Ho reso l’idea?

E nonostante versino in queste condizioni disperate, hanno inviato armi e munizioni all’Ucraina imitando gli USA, che hanno certamente maggiori disponibilità e potenzialità ma che comunque sono messi male anche loro, essendo molto al di sotto dei loro standard qualitativi abituali, precedenti a certe scelte scellerate di cui parleremo appresso, ma di cui avevo già fatto cenno in passato.

Avevo già accennato in precedenti articoli alle pessime condizioni in cui versa l’esercito dell’ex impero britannico, per capirci è messo molto peggio di quello francese cui ho accennato sopra, nonostante i proclami altisonanti e aggressivi della loro leadership. Quello USA è prossimo al collasso, ormai si basa quasi esclusivamente sull’uso della tecnologia bellica, cioè pilotaggio da remoto di droni e lancio di missili “intelligenti” di precisione, guerra elettronica, ecc., pur essendo ancora indietro con l’approntamento di missili ipersonici, essendo i russi e i cinesi molto più avanzati e dotati in proposito.

Ma a livello di soldati addestrati, operativi e combattivi siamo messi veramente male. Tre sono le cause principali di questo tracollo, due delle quali le avevo già rivelate.

Le vaccinazioni obbligatorie hanno costretto oltre 40mila soldati non disposti a farsi iniettare il siero magico di corta vita a congedarsi o sono stati sospesi d’imperio. Altri 60mila continuano a resistere tramite certificati medici e altri escamotage per guadagnare tempo, ma nel frattempo non possiamo considerarli operativi.

Quelli triplo dosati hanno praticamente triplicato (come le punture) i problemi sanitari gravi che sono una diretta conseguenza delle iniezioni subite con il siero genico sperimentale, quelli che non sono morti sono inabili per le reazioni avverse, perché malati gravi o soggetti a malesseri invalidanti, occasionali o permanenti. Molti dei quali versano in condizioni talmente gravi che hanno dovuto essere congedati.

A queste già gravi condizioni, si sono aggiunte negli ultimi anni alcune scelte scellerate, per volontà dei DEM, dei neocons e del deep state, cui gli alti comandi si sono dovuti adeguare, direttive riformistiche delle forze armate USA, incentrare sull’ideologia transgender, del politically correct, ma soprattutto quella woke, la più devastante e deleteria.

L’applicazione di queste direttive ha favorito l’arruolamento di soggetti del tutto inadeguati ai compiti assegnati, non disposti, motivati e capaci di combattere sul campo, ma solo tramite tecnologia remota, tramite computer e mouse. Per capirci sono “guerrieri da tastiera”. Sono tuttalpiù disposti a premere dei pulsanti per far partire dei missili di precisione.

Queste scelte riformistiche hanno allontanato decine di migliaia di veterani, inducendoli al congedo anticipato, e impedito a quelli fortemente motivati che desideravano arruolarsi di farlo (sapendo a cosa andavano incontro), riducendo drasticamente gli arruolamenti, al punto che hanno dovuto abbassare gli standard qualitativi selettivi accettando anche soggetti poco intelligenti e privi di capacità, potenzialità e competenze.

Per essere ancora più chiaro hanno volutamente favorito i meno dotati e meritevoli, sia nell’arruolamento e sia nelle promozioni, rispetto ai veri combattenti, anche se pluridecorati e con un curriculum invidiabile. Un modo molto efficace per indebolire le forze armate statunitensi sabotandole dall’interno, a conferma del fatto che gli USA i veri nemici non li dovrebbero cercare all’esterno.

Inoltre è venuto a mancare il grande bacino cui attingevano in precedenza le forze armate USA, quello latino-ispanico degli immigrati dal Messico, Caraibi, Centro e Sud America, che si arruolavano con la promessa di ricevere la cittadinanza americana a fine servizio.

Questi immigrati sapendo in che condizioni versa l’esercito, e del rischio reale di doversi recare al fronte a combattere vere guerre con i russi, i cinesi e gli iraniani e non con gli afgani o iracheni, si guardano bene dal presentare domanda di arruolamento, non intendendo rischiare di morire per pochi dollari al mese (non sono certo remunerati come i contractors).

Qualcuno di voi che mi state leggendo pensa forse che i servizi d’intelligence russi, cinesi e iraniani, non siano informati di questa situazione sopra descritta?

Che non sappiano della debolezza e vulnerabilità delle forze armate USA e della NATO? Che non sia per questo motivo che la situazione sta degenerando in un’escalation che pare senza freni?

Se i russi e i cinesi si muovono ancora con prudenza e senza infierire (la Russia in Ucraina non è ancora in guerra, intendo quella vera), anzi direi che sono indubbiamente loro la controparte saggia e ponderata dei due opposti schieramenti, è perché sanno che per compensare e dissimulare la loro debolezza gli USA potrebbero anche ricorrere alle armi nucleari come atto disperato per non perdere la supremazia ed essere relegati ai margini della Storia e del Mondo, come una ex grande potenza ridotta come un pugile a fine carriera, suonato e rintronato.

In conclusione dobbiamo solo sperare nella saggezza e senso del realismo pragmatico della Russia e della Cina, che proseguano nei loro obiettivi lentamente e ponderatamente, senza cadere nelle trappole tese dagli USA e dalla NATO per farli reagire in modo smodato o quantomeno inappropriato, per giustificare una guerra nucleare, che credo sia superfluo precisarlo, colpirebbe l’Europa in primo luogo.

Ecco perché gli ucraini, che non si puliscono neppure lo sfintere anale senza consultarsi prima con gli USA, stanno bombardando la centrale nucleare di Zaporižžja e la Crimea e sono persino ricorsi alle armi biochimiche. Vogliono esasperare i russi per indurli a usare le maniere forti e giustificare l’intervento NATO con armi nucleari tattiche.

Se la popolazione europea non è disposta a correre questi rischi concreti, farebbe bene a rivoltarsi, non solo a protestare, ma proprio insorgere, contro i loro governi, per mandarli a casa e sostituirli con altri, che seppur sempre al soldo dell’élite dominante (provenendo quasi tutti dalle loro scuole di formazione, corrotti e ricattabili), non siano però disposti a suicidare i loro popoli e se stessi.

Spero sia chiaro a tutti che contro la Russia, la Cina e l’Iran, che ormai hanno consolidato un’alleanza militare, solo dei folli disinformati e ottusi possono pensare di riuscire ad affrontarli e vincere rimanendo indenni. Sarebbe la fine dell’Occidente, non solo come supremazia ma come esistenza in vita. Nella migliore delle ipotesi finiremmo per essere colonizzati da loro, paradossalmente la Storia invertirà i ruoli precedenti.

Fatevene una ragione.

Articolo riproducibile citando la fonte.

 

 

Cav. Dottor Claudio Martinotti Doria, Via Roma 126, 15039 Ozzano Monferrato (AL), Unione delle Cinque Terre del Monferrato,  Italy,

Email: claudio@gc-colibri.com  – Blog: www.cavalieredimonferrato.it – http://www.casalenews.it/patri-259-montisferrati-storie-aleramiche-e-dintorni

Independent researcher, historiographer, critical analyst, blogger on the web since 1996

 

 

Occasioni mancate della Storia piemontese e dintorni, di Claudio Martinotti Doria

Una possibile rubrica che potremmo intitolare: 

Occasioni mancate della Storia piemontese e dintorni. Peccato che invecchiando scrivo sempre meno, quindi non mi assumo alcun impegno.

–         Quando la Valtellina poteva divenire il 27° Cantone Svizzero (evento che se fosse avvenuto io e mia moglie ora saremmo cittadini svizzeri).

–         Quando il Regno Sabaudo poteva estendersi ai Cantoni Svizzeri di Svitto, Untervaldo, Uri (che sono i cantoni fondatori del primo nucleo della Confederazione Elvetica nel 1291) e Vallese.  Claudio Martinotti Doria

 

 

 

 

Il Cantone dei Grigioni è il più esteso e orientale della Confederazione Svizzera, con una superficie di poco inferiore al nostro Friuli Venezia Giulia ma con soli 200 mila abitanti, nel quale si parlano ben tre lingue, compreso l’italiano, essendoci alcune porzioni di territorio nelle estremità meridionali che costituiscono la Svizzera Italiana insieme al Canton Ticino.

grigionesi si erano riuniti nel 1471 nella Repubblica delle Tre Leghe, che potremmo definire il primo esempio al mondo di federazione, neppure la Svizzera lo era, gli altri Cantoni infatti avevano sottoscritto un blando patto confederale che prevedeva l’unanimità decisionale. La Repubblica delle Tre Leghe non faceva parte della Svizzera ma era solo associata militarmente.  I grigionesi forti di questa federazione costituirono un potente esercito col quale conquistarono nel 1512 la Valtellina con le contee di Bormio e Chiavenna sconfiggendo i francesi che dominavano il Ducato di Milano.

Nel 1518 la Repubblica delle Tre Leghe firmò un trattato di pace con l’imperatore del Sacro Romano Impero Massimiliano I d’Asburgo, che confermò le loro conquiste, assicurò definitivamente i futuri territori ticinesi (che erano 8 baliaggi) alla Svizzera, ma restituì l’Ossola al ducato di Milano. I territori della Valtellina, Bormio e Chiavenna, rimasero svizzeri per circa tre secoli, fino all’invasione napoleonica di fine ‘700.

Un altro momento topico a livello internazionale avvenne con la a Pace di Vestfalia del 1648, che pose fine alla Guerra dei Trent’anni ed è considerata la base o nascita dello Stato sovrano e assolutistico, che prevede il reciproco riconoscimento tra stati sovrani. Uno dei tre trattati che compongono questa Pace riconosceva l’indipendenza della Repubblica delle Tre Leghe e della Svizzera (cui era associata) dal Sacro Romano Impero.

Napoleone inizialmente decise di fare della Valtellina una quarta Lega al pari con le altre tre, ma furono gli stessi Grigioni ad opporsi, seppure a stretta maggioranza. Nel 1797 in seguito a questa decisione Napoleone incorporò la Valtellina nella Repubblica Cisalpina.

Dopo la sconfitta di Napoleone nel 1815, i Grigioni, al comando del commissario Rodolfo Massimiliano Salis-Soglio cercarono di riprendersi la Valtellina scendendo dalla val Bregaglia su Chiavenna, ma furono costretti a ritirarsi perché la valle era già occupata dagli austriaci. I giochi erano già stati fatti al Congresso di Vienna che si concluse nel mese di giugno del 1815, dopo parecchi mesi di trattative.

Al Congresso di Vienna una delegazione valtellinese, poco incline a ritornare sotto il dominio dei Grigioni a causa delle diverse religioni praticate nei reciproci territori, che spesso confliggevano (protestante e cattolica), chiese di entrare nel Regno Lombardo-Veneto o in alternativa di diventare un cantone svizzero; venne accolta la prima soluzione. Questo avvenne anche per responsabilità dei Grigioni e della Confederazione Svizzera in particolare. I Grigioni ovviamente volevano annettere la Valtellina come facente parte del Cantone, e la Confederazione Svizzera era dubbiosa se approvare il desiderio dei Grigioni, che in tal caso sarebbe diventato troppo grande e potente, oppure riconoscere alla Valtellina l’autonomia come Cantone Svizzero.

Prevalsero i diffidenti che non volevano un ulteriore cantone cattolico. Così alla fine tergiversando troppo e con poco zelo diplomatico, al Congresso di Vienna decise l’Austria al loro posto, avendo già posizionato le truppe in Valtellina. Il resto della storia la conosciamo. La Valtellina costituisce l’attuale provincia di Sondrio in Lombardia.

Alcuni decenni successivi agli avvenimenti riportati, il semisconosciuto conte Clemente Solaro della Margarita per la sua assoluta fedeltà monarchica venne nominato nel 1835 dal re Carlo Alberto ministro plenipotenziario alla corte di Vienna, la più importante d’Europa, e poco dopo fu nominato Ministro degli Esteri del Regno Sabaudo (formalmente divenne Regno di Sardegna solo nel 1847 con l’unione del Regno di Sardegna con gli Stati di Terraferma posseduti dai Savoia, voluta da Carlo Alberto con il cosiddetto “Statuto Albertino”, a livello diplomatico era ufficiosamente denominato Regno di Piemonte-Sardegna).

In tale ruolo Solaro fu molto attivo fino a invadere anche le competenze di altri ministeri provocando tensioni nel governo che poi dovevano essere sedate dall’intervento diretto di Carlo Alberto.

Solaro era molto inviso ai liberali perché fervido conservatore e fervente cattolico (dagli storici considerato un reazionario), ostile all’Unità d’Italia (motivo per cui la storiografia ufficiale risorgimentale ne ha decretato la damnatio memoriae). I suoi continui interventi a favore della Chiesa e invadenze di campo in altri ambiti ministeriali finirono per stancare il re Carlo Alberto, che iniziò a prendere le distanze da lui. La sua carriera politica finì con le dimissioni forzate, seppur tra mille onori, verso la fine del 1847, nell’aria si respiravano troppi fermenti libertari si e il suo rigidismo conservatore era fuori luogo, non essendo disposto a concedere nulla alle forze del cambiamento e del rinnovamento.

Solaro in cuor suo propendeva per un’idea che potremmo ora definire “geopolitica” di pragmatismo politico (Realpolitik), che all’epoca nessuno condivideva e tantomeno esponeva pubblicamente e per lungo tempo tenne per sé fino al momento opportuno stabilito dalla Storia.

Accadde nel 1844 quando il cantone svizzero del Vallese, tradizionalmente cattolico, da pochi decenni entrato a far parte della Confederazione Svizzera, venne aggredito dalle ben organizzate ed equipaggiate truppe dei “Corpi Franchi” dei Cantoni protestanti, che costituivano la maggioranza della Confederazione (i Cantoni cattolici erano in netta minoranza essendo solo otto)

Mai la Svizzera fu così vicina all’autodistruzione come entità politica come in quel periodo, cioè dal 1844 al ‘47, anche se onestamente le cause furono più politiche che religiose, in quanto la Dieta Federale Svizzera a guida radicale voleva un governo più centralizzato e voleva eliminare le barriere doganali ancora in vigore tra i Cantoni oltre ai particolarismi e campanilismi, e i cantoni più rurali e conservatori (cattolici) erano contrari perché temevano di perdere i loro piccoli privilegi, tradizioni e autonomie, pertanto si riunirono in una lega detta Sonderbund che negli anni appena successivi si scontrò con l’esercito dei Cantoni Confederati nella cosiddetta Guerra del Sonderbund, che fortunatamente fu poco cruenta pur coinvolgendo circa 180mila soldati quasi equamente distribuiti nei reciproci schieramenti. Si risolse con la resa della lega e la trasformazione della Svizzera in uno Stato Federale a far data dal 1848, anche se è in uso definirla Confederazione Svizzera o Elvetica.

Ma torniamo al 1844 quando Il Vallese aggredito dai protestanti chiese e ottenne rapidamente l’appoggio dei Cantoni cattolici di Schwyz, Uri ed Unterwalden, i quali seppur uniti in questa alleanza contingente, ebbero immani difficoltà a respingere il fortissimo attacco dei protestanti, soprattutto perché erano privi di risorse e non erano in grado di procurarsi armi ed equipaggiamento.

Quando ormai stava prevalendo la disperazione per l’ormai imminente e inevitabile sconfitta, i cantoni cattolici inviarono a Torino due “ambasciatori”: il generale Kalbermatten e il conte Maurizio de Courten per invocare il sostegno del regno di Sardegna, disposti ad assoggettarsi al re Carlo Alberto come sovrano e di conseguenza incorporare nel suo regno i Cantoni cattolici già citati. Preferivano sottomettersi a un monarca piuttosto che accettare le intenzioni ormai manifeste di un governo svizzero centralizzato a guida protestante, radicale e liberale.

I due delegati chiesero pertanto a Carlo Alberto di inviare truppe in loro aiuto oltre a un finanziamento di un milione a fondo perduto per l’acquisto di armi ed equipaggiamento militare.

Il ministro Solaro pensò fosse finalmente giunto il suo momento magico, atteso da tempo, coltivato in quella sua idea “geopolitica” custodita gelosamente, convinto com’era che il destino storico del Piemonte fosse quello di  “Stato cuscinetto” fra l’Europa continentale e la Penisola italiana, ma restando indipendente da tutti ed espandendosi quando le circostanze storiche lo avessero consentito, e questa era una di quelle occasioni da cogliere al volo.

Solaro chiese pertanto a Carlo Alberto di sostenere i cattolici svizzeri aggrediti dai protestanti, accogliendo le richieste dei delegati vallesi.

Come scrisse in seguito nei suoi libri di memorie storiche e politiche, era certo che le truppe dell’esercito piemontese avrebbero prevalso sui protestanti, riuscendo a liberare tutti i Cantoni cattolici dagli aggressori.

Purtroppo Carlo Alberto non la pensava allo stesso modo, aveva ambizioni da megalomane pur nelle sue frequenti esitazioni, voleva addirittura espandersi in Lombardia sfidando l’Austria, e così non colse la ben più facile e accessibile Svizzera cattolica, che gli si offriva su un piatto d’argento, con un minimo tributo di sangue e risorse finanziarie.

Se Carlo Alberto avesse seguito il suggerimento di Solaro Il Regno di Piemonte e Sardegna che già era uno Stato multilingue (se ne parlavano già una dozzina e si sarebbe aggiunto il tedesco), avrebbe raggiunto dimensioni di tutto rispetto, collocandosi in una posizione strategica invidiabile, tramite la quale ottenere benefici da un’accorta politica diplomatica.

Per i cattolici svizzeri l’ignavia di Carlo Alberto poteva avere conseguenze drammatiche se non si fosse poi pervenuti nel 1847 al compromesso sopracitato, di fronte al rischio di una cruenta ed estesa guerra civile si è preferito accettare uno stato federale, cui tutti i Cantoni aderirono, anche i più riottosi cattolici, ognuno cedendo parte delle proprie pretese.

Pur non essendo una cima d’intelligenza Solaro era comunque un fedele, onesto e capace servitore dello Stato e nelle sue pubblicazioni redatte da “pensionato”, tra cui le  principali furono il “Memorandum storico politico” del 1854 e lo “Sguardo politico sulla convenzione italo-franca del 15 settembre 1864”, il conte rivelò la sua contrarietà all’espansione piemontese verso la Pianura Padana, che lo mise in contrasto con Carlo Alberto inducendolo alle dimissioni.

Nelle sue opere riferì che il suo desiderio di espansione dello Stato Sabaudo verso le alpi svizzere non era frutto di espedienti tattici o velleità estemporanee ma di strategie meditate e lucide, che la Storia gli avrebbe consentito di realizzare se ci fosse stato un sovrano diverso dall’instabile Carlo Alberto.

Solaro riteneva che il Piemonte per storia, tradizione, mentalità e lingua, fosse una Nazione con una sua identità ben distinta, addirittura estranea dal resto della penisola, e non avrebbe dovuto immischiarsi nell’Unità d’Italia, respingendo con tutte le forze quella che definiva “fantastica idea di Risorgimento nazionale, falsa in teoria, funesta in pratica”.

La Storia gli dette ragione quando i piemontesi dalle popolazioni dell’ex Regno delle Due Sicilie furono considerati conquistatori e colonizzatori e furono combattuti a lungo dai cosiddetti briganti, che non erano quattro gatti come si crede comunemente ma oltre 100mila armati che ricorrevano alle tecniche di guerriglia per contrastare l’Esercito Piemontese e che provocò decine di migliaia di morti violente con feroci repressioni ed esecuzioni, oltre a una prolungata miseria nella popolazione.

Solaro, profeticamente aveva previsto nelle sue memorie che il Piemonte unendosi con il resto della Penisola, sarebbe diventato solo una marginale “provincia d’un Regno” dominato da non piemontesi.

Il costo per i piemontesi dell’Unità d’Italia iniziò a palesarsi nell’infame massacro di Torino del settembre 1864 quando decine di cittadini inermi che protestavano per il trasferimento della capitale a Firenze furono uccisi o feriti gravemente dalle fucilate di allievi carabinieri cui si unirono elementi di fanteria, che qualcuno avrà pur comandato di agire.

Si trattò di una vera e propria “strage di Stato”, cui ne seguirono molte altre e sulle quali non si è mai ottenuta giustizia né tantomeno verità.

Il conte Solaro morì a Torino il 12 novembre 1869, a settantasette anni, nell’indifferenza pressoché generale, proseguita finora, basti vedere il penoso contenuto della paginetta a lui dedicata su Wikipedia, solo l’Enciclopedia Treccani gli ha dedicato una voce abbastanza dignitosa.

 

 

CONCLUSIONI

Spesso la Storia è determinata da singoli personaggi, non necesariamente dotati di particolare potere, che però si trovano a dover fare delle scelte, perché demandati, delegati o perché le circostanze della vita li hanno posti in quel ruolo, che può essere limitato e temporaneo. Ma le ripercussioni delle loro scelte spesso sono gravi e niente affatto temporanee, determinando i destini di intere comunità o nazioni.

Il primo evento mancato, la Valtellina come 27° Cantone Svizzero non è attribuibile a singoli personaggi, ma a intere comunità cantonali (che in questo caso con un banale gioco di parole potremmo dire abbiano preso una “cantonata”). All’epoca di questi eventi, prime decadi dell’800, la Svizzera era quanto più si avvicinasse ad una democrazia, addrittura “partecipata”, con fortissime autonomie locali, e per prendere decisioni condivise ci voleva tempo, e a volte il contesto storico non te ne concedeva a sufficienza, e allora altre entitò ben più forti e potenti la prendevano al posto tuo, soprattutto trattandosi di entità autoritarie e quindi molto più rapide e decisioniste, come in questo caso è stato l’Impero Austriaco.

Nel secondo evento mancato la responsabilità storica è indubbiamente attribuibile al re Carlo Alberto, che aveva altre ambizioni (eccessive, poco realistiche) e non era minimamente interessato a espandersi verso la Svizzera, anche se il costo sarebbe stato modesto rispetto a quello che avrebbero pagato i piemontesi per realizzare la sua ambizione e quella dei suoi successori, per realizzare la quale era inevitabile appoggiarsi ad una potenza straniera (in questo caso la Francia) che ne avrebbe approfittato per indebolire il regno, nel nostro caso il regno Piemonte-Sardegna dovette rinunciare all’intera Savoia e alla contea di Nizza.

Se il re Carlo Alberto avesse ascoltato il conte Solaro, le sorti del regno sarebbero state conpletamente diverse e a mio avviso molto più prospere e pacifiche, pur entrando nella dimensione dell’ucronia, mi sento di prevedere che molto probabilmente avremmo seguito quella che sarebbe dientata la politica estera svizzera, basata sulla neutralità (in quanto stato cuscinetto, come era nella concezione geopolitica di Solaro), sulla diplomazia e sulla pace, pur essendo tutt’altro che inerme dal punto di vista militare, Ricordiamo infatti che i migliori mercenari ingaggiati dai vari regnanti europei erano svizzeri.

Tra gli aspetti che potremmo definire “passivi e indiretti” di questa scelta di Carlo Alberto, influisce certamente il fatto che Solaro non aveva una personalità carismatica e autorevole e soprattutto l’intelligenza del conte Camillo Benso di Cavour, altrimenti il re lo avrebbe ascoltato e probabilmente seguito nel suo percorso strategico e prospettico, ed ora vivremmo in uno stato piemontese-svizzero, con una qualità della vita invidiabile e una democrazia partecipata molto evoluta rispetto agli attuali regimi oligarcici gattopardeschi che si spacciano per democratici perché vi consentono di mettere una x su una scheda quando fa comodo a loro.

 

Cav. Dottor Claudio Martinotti Doria, Via Roma 126, 15039 Ozzano Monferrato (AL), Unione delle Cinque Terre del Monferrato,  Italy,

Email: claudio@gc-colibri.com  – Blog: www.cavalieredimonferrato.it – http://www.casalenews.it/patri-259-montisferrati-storie-aleramiche-e-dintorni

La siccità in Italia è in fase di soluzione grazie a due interventi di alto profilo in corso d’opera, di Claudio Martinotti Doria

il vescovo con la museruola invoca la pioggia, a non molta distanza anche il Divino Otelma officiava per gli stessi motivi rivolgendosi alle divinità delle acque, forse con maggior possibilità di essere ascoltato non avendo la mascherina … Ma in caso di successo a chi dei due dovrà essere assegnato il merito? Sarà parità di merito?_CMD

Siccità. Parma, la Messa lungo l’argine del Grande fiume

Maria Cecilia Scaffardi martedì 12 luglio 2022

Così il vescovo Enrico Solmi invoca la pioggia: dobbiamo riflettere sulla siccità e su quello che sta succedendo

«Invochiamo dal Signore il dono dell’acqua del quale abbiamo bisogno. La siccità che stiamo vivendo non è più quella degli altri, quella che vedevamo nei documentari sull’Africa, né è frutto di acqua che viene rubata da un paese confinante come succede in Medio Oriente. È la siccità nostra, che certamente non porta agli esiti che vediamo in altre parti del mondo, ma che deve preoccupare e che ci dice che siamo arrivati in un tempo nel quale non dobbiamo più scherzare e dobbiamo riflettere su quello che ci sta succedendo…».

Inizia così l’omelia che il vescovo di Parma Enrico Solmi ha pronunciato lunedì sera nella piccola chiesa addossata all’argine maestro del Po di Sacca, frazione rivierasca del comune di Colorno, nel corso di una messa serale conclusasi con una processione fino alla sponda del Grande fiume. La celebrazione è terminata con la benedizione delle acque e una preghiera speciale per impetrare il dono della pioggia, che manca ormai da settimane.

 

 

Cav. Dottor Claudio Martinotti Doria, Via Roma 126, 15039 Ozzano Monferrato (AL), Unione delle Cinque Terre del Monferrato,  Italy,

Email: claudio@gc-colibri.com  – Blog: www.cavalieredimonferrato.it – http://www.casalenews.it/patri-259-montisferrati-storie-aleramiche-e-dintorni

1 2