“L’Europa deve prepararsi affinché gli americani seguano la propria strada”_di Guancha

“L’Europa deve prepararsi affinché gli americani seguano la propria strada”

Fonte: rete di osservatori

27-11-2022 14:30

(Observer Network News) Anche se si sono sbarazzati di Trump e hanno inaugurato Biden, gli europei hanno scoperto che gli Stati Uniti sono ancora gli Stati Uniti “egoisti”. Di recente, una serie di misure adottate dagli Stati Uniti nel commercio tra Stati Uniti ed Europa hanno suscitato forte malcontento negli ambienti politici e mediatici europei.

Il 25 novembre, ora locale, il principale media economico tedesco “Handelsburg” ha pubblicato un commento dal titolo “Gli Stati Uniti sono ancora molto egoisti economicamente, l’Europa deve accettarlo”, sottolineando che gli Stati Uniti, sotto la pressione della concorrenza con la Cina, sta introducendo veicoli elettrici, sovvenzioni e una serie di misure protezionistiche commerciali che ledono gli interessi europei. Per isolare la Cina, gli Stati Uniti non esitano a scontrarsi con “l’alleato più importante”.

Per coincidenza, anche Pinelopi Koujianou Goldberg, professore di economia all’Università di Harvard, ha scritto in precedenza un articolo sul media mainstream austriaco “Standard”, affermando che gli Stati Uniti usano tutti i mezzi per contenere i propri oppositori, ma tale comportamento dimostra anche chiaramente che gli Stati Uniti ‘ proprie debolezze. Inoltre, le misure degli Stati Uniti per contenere la Cina potrebbero non ottenere necessariamente l’approvazione dei suoi alleati.

“Business Daily”: Gli Stati Uniti sono ancora molto egoisti economicamente, e l’Europa deve ammetterlo

“L’Europa deve prepararsi affinché gli americani seguano la propria strada”

Nell’agosto di quest’anno, il presidente degli Stati Uniti Biden ha firmato l'”Inflation Reduction Act” per un valore totale di 750 miliardi di dollari USA, aumentando significativamente l’attrattiva degli Stati Uniti per le nuove industrie dell’energia e dei veicoli elettrici.

“Business Daily” ha preso questo come punto di partenza per discutere di come l’Europa dovrebbe affrontare il “protezionismo commerciale” degli Stati Uniti. “L’UE deve affrontare la realtà che, che si tratti di Biden o dei suoi successori, indipendentemente dalla faziosità degli Stati Uniti, dipenderanno da questa divisione economica. E l’UE deve riorientarsi”.

L’articolo ha inoltre sottolineato che la logica alla base del continuo protezionismo commerciale degli Stati Uniti è quella di rimanere all’avanguardia nel campo della tecnologia di base e delle energie rinnovabili ed evitare di essere “superati” dalla Cina. Pertanto, gli Stati Uniti hanno introdotto centinaia di milioni di sussidi e piani di investimento, dando priorità ai produttori nazionali. Liberarsi della Cina e diventare più indipendenti è un principio guida radicato in entrambe le parti negli Stati Uniti.

“Per isolare la Cina, gli Stati Uniti non esitano a scontrarsi con il suo alleato più importante. Questo genere di cose accadrà in futuro. Prima gli europei lo ammetteranno, meglio potranno prepararsi affinché gli Stati Uniti facciano la loro parte proprio modo in futuro.”

L’ultima parte dell’articolo menzionava che le associazioni industriali e i politici europei usavano parole come “doppio standard”, “distruzione” e “discriminazione” per descrivere gli Stati Uniti. Questo tipo di rabbia ricorda l'”era glaciale” degli Stati Uniti Stati ed Europa durante l’era Trump. Gli europei sono legittimamente preoccupati per la concorrenza sui sussidi e per una guerra commerciale transatlantica.

Potrebbero esserci piccole concessioni simboliche a un partner commerciale stretto come l’UE, ma potrebbero non essercene nessuna. Il sussidio statunitense per l’industria dei veicoli elettrici entrerà in vigore tra cinque settimane, e questo è solo un “sintomo” delle misure commerciali statunitensi.

U.S. President Joe Biden meets with French President Emmanuel Macron ahead of the G20 summit in Rome, Italy October 29, 2021. REUTERS/Kevin Lamarque

Nell’ottobre 2021, Macron e Biden si sono incontrati per la prima volta dopo l’incidente del sottomarino nucleare. Immagine tratta da IC Photo

“Il modo in cui gli americani pensano espone chiaramente le loro debolezze”

Il 24, il media mainstream austriaco “Standard” ha pubblicato un articolo del professore Goldberg dell’Università di Harvard, che discute dell'”ansia” degli Stati Uniti di fronte al sorpasso della Cina. Ha citato come esempio il discorso del consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Sullivan nel settembre di quest’anno, affermando che se gli Stati Uniti, la più grande economia del mondo, si affidano solo all’innovazione tecnologica, non è sufficiente per sconfiggere i suoi oppositori. Una tale affermazione implica che gli Stati Uniti devono utilizzare tutti i mezzi per contenere i propri oppositori e creare loro quanti più problemi economici possibili.

“Tuttavia, un tale modo di pensare espone chiaramente anche le debolezze degli Stati Uniti. Ciò equivale ad ammettere che una serie di misure volte a migliorare la propria competitività negli Stati Uniti potrebbero aver ottenuto solo risultati limitati”.

L’autore ha anche criticato il concetto di “friendly shore outsourcing” recentemente promosso dagli Stati Uniti per fare affari solo con paesi che la pensano allo stesso modo, sottolineando che la storia ha ripetutamente dimostrato che gli amici di oggi potrebbero non essere gli amici di domani.

 “In effetti, la serie di misure prese dagli Stati Uniti contro la Cina non mira principalmente a salvaguardare la sicurezza nazionale, ma a competere per il predominio economico . Se questa tendenza continua, allora gli impressionanti progressi della Cina negli ultimi tre decenni, è davvero possibile fare della Cina l’economia più importante del mondo. Tuttavia, è sbagliato pensare che la prosperità economica globale sia solo un gioco a somma zero. L’ascesa della Cina non significa necessariamente il declino degli Stati Uniti”.

Un’ulteriore analisi dell’articolo ha sottolineato che le misure adottate dagli Stati Uniti per contenere la Cina potrebbero non essere necessariamente riconosciute dagli alleati e che gli ambienti economici hanno sempre modi per aggirare varie sanzioni. E, cosa più importante, anche se le restrizioni all’esportazione fossero efficaci, non impedirebbero alla Cina di sviluppare la propria tecnologia nel tempo. Anche nelle migliori circostanze, le nuove sanzioni faranno guadagnare agli Stati Uniti solo qualche anno in più di dominio economico a scapito della pacifica relazione economica che ha servito entrambi i paesi per tre decenni.

La destabilizzazione delle complesse catene globali del valore aumenterebbe i prezzi al consumo e danneggerebbe il progresso tecnologico. La cooperazione su questioni importanti come il cambiamento climatico ne risentirà. E i lavoratori americani ancora non vedranno il ritorno della manifattura scomparsa da tempo. I maggiori beneficiari saranno consulenti e avvocati pagati per aiutare le aziende a navigare in complesse normative e nuovi requisiti di licenza.

“Gli Stati Uniti e alcuni altri paesi altamente sviluppati sembrano aver dimenticato di aver beneficiato così tanto della Cina negli ultimi tre decenni … Di fronte all’ingresso della Cina nel sistema commerciale globale, il governo degli Stati Uniti a tutti i livelli non ha mai fornito abbastanza per coloro che hanno perso interessi. Risarcimento. Tuttavia, cercare di ‘strangolare’ l’economia cinese impedendo il progresso tecnologico e lo sviluppo economico della Cina non risolverà i problemi di cui sopra.”

https://m.guancha.cn/internation/2022_11_27_668746.shtml

Chen Feng: L’ansia strategica americana

Gli Stati Uniti sono ancora la superpotenza dominante nel mondo e le forze armate statunitensi sono ancora la forza militare più potente del mondo, sebbene la Cina abbia già ottenuto un vantaggio sulle forze armate statunitensi nel campo di battaglia dello Stretto di Taiwan. Ma gli Stati Uniti sono in ansia, e sempre più in ansia, perché l’assetto strategico sta subendo un cambiamento fondamentale.

C’è sempre stato un detto negli affari militari che l’offesa è la migliore difesa. Questo perché non importa quanto sia pesantemente protetta la difesa, è difficile coprire tutto. Il reato ha il vantaggio di scegliere attivamente il tempo e il luogo. Al momento giusto, concentrare le forze, formare vantaggi locali, sfondare la difesa ed espandere i risultati della battaglia: questa è la strategia e la tattica di base che sono state provate e testate nella storia.

L’offensiva richiede almeno un vantaggio di forza relativo di tre a uno, ma questo è a livello di combattimento, non a livello strategico. Finché ottieni un vantaggio di tre a uno in battaglia attraverso manovre e tattiche, puoi vincere la battaglia, e attraverso una serie di forze concentrate per combattere battaglie di annientamento, puoi accumulare un equilibrio di forze sempre più favorevole per te stesso, e ottenere finalmente una vittoria strategica.

Anche se la difesa è usata come attacco e contropiede in difesa, la vittoria finale si ottiene nel contrattacco, o nell’attacco. Affidarsi esclusivamente alla difesa può solo logorare la forza del nemico ed è possibile respingere il nemico, ma è difficile ottenere una vittoria decisiva come una battaglia di annientamento.

È proprio per questo che la strategia marittima ha avuto storicamente un vantaggio sulla strategia continentale. Il vasto oceano è conveniente per la rapida mobilitazione delle truppe, prima per sfondare le deboli difese sulla terraferma, e poi espandere i risultati dal punto d’appoggio alla vasta portata. La maggior parte delle potenze marittime si basano su isole facili da difendere e difficili da attaccare.Mobilitando truppe in mare al di fuori della potenza di fuoco delle potenze continentali, hanno la possibilità di scegliere il tempo e il luogo senza interferenze e di utilizzare la loro superiorità locale. forze e potenza di fuoco per combattere.

Nell’ottobre 2021, il Segretario alla Marina degli Stati Uniti Carlos del Toro ha emesso nuove linee guida strategiche per la Marina degli Stati Uniti. Fonte: Istituto navale degli Stati Uniti (USNI)

Il potere terrestre non solo non è in grado di mobilitare truppe e risorse con la stessa rapidità del trasporto marittimo, ma deve anche affrontare i vincoli delle minacce terrestri dei paesi vicini.Fin dall’inizio, il potere è stato disperso e le azioni sono state passive.

È così che la Spagna ha controllato il continente americano, come la Gran Bretagna è diventata l’impero su cui il sole non tramonta mai e come gli Stati Uniti sono diventati l’unica superpotenza.

Ma il successo della strategia marittima dipende dal fatto che la potenza di fuoco delle potenze terrestri può coprire solo la costa, e che i mari propriamente al largo sono sicuri e senza ostacoli. Man mano che l’ISR globale (intelligence, sorveglianza, ricognizione) e le armi d’attacco a lungo raggio diventano più sviluppate, questa base è sempre meno affidabile.

Dopotutto, la terra è solo così grande. L’ISR globale non ha ancora raggiunto il tempo reale globale e nessun vicolo cieco, ma questo giorno è arrivato a una velocità visibile.

Il numero di satelliti da ricognizione tradizionali è scarso e possono visitare solo aree chiave di interesse su base regolare o irregolare. Non solo è possibile perdere eventi importanti durante l’intervallo di rivisitazione, ma possono essere presi di mira anche inganni e contromisure mirate. Le piccole costellazioni di satelliti hanno spesso dozzine, centinaia o addirittura decine di migliaia di satelliti e non è un sogno ottenere una copertura globale in tempo reale nella staffetta.

I piccoli satelliti non sono solo di piccole dimensioni, leggeri, a basso costo, ma anche in orbite basse. Per quanto riguarda l’ISR spaziale, uno vale quasi tre. Questo è vero per l’imaging ottico e radar, così come per l’intercettazione del segnale. Pertanto, l’effettiva capacità di ricognizione dei piccoli satelliti non è inferiore a quella dei grandi satelliti.I piccoli satelliti SAR commerciali in Cina e negli Stati Uniti possono raggiungere tutti una risoluzione di 0,5 metri.

L’imaging ottico ha sempre avuto il vantaggio dell’alta risoluzione, che è anche una tecnologia molto matura. Nell’era dell’imaging digitale, non è necessario utilizzare il pod di rientro per rimandare la pellicola a terra quando il satellite è in alto.

Il multispettrale è un’estensione dell’ottica.Può combinare un’ampia gamma di spettri dall’infrarosso alla luce visibile all’ultravioletto e utilizzare diverse riflettività per analizzare più informazioni, scoprire vari camuffamenti e realizzare osservazioni diurne e notturne.

SAR è un radar ad apertura sintetica: “gira la testa e fissa” il movimento, visualizza ripetutamente lo stesso bersaglio e “scambia il tempo per la risoluzione” in sovrapposizione. Raggiungendo una risoluzione molto superiore a quella dei radar tipici. SAR non è adatto per bersagli in movimento, ma la maggior parte delle informazioni può essere interpretata da immagini fisse e le somiglianze e le differenze tra diverse immagini fisse prima e dopo possono essere utilizzate anche per dedurre le tendenze, quindi è ancora molto utile.

Anche il radar convenzionale, poiché non c’è peso e resistenza nello spazio, può teoricamente dispiegare un enorme schieramento di antenne e migliorare notevolmente la risoluzione. Il James Webb Space Telescope (successore di Hubble) utilizza tale gigantesca tecnologia di array espandibile. In combinazione con l’indicazione dinamica del bersaglio (MTI), più immagini radar digitalizzate adiacenti vengono calcolate in modo differenziale e gli oggetti fissi vengono cancellati, emergono solo oggetti in movimento e persino aerei e missili in volo possono essere catturati.

Più veloce è il bersaglio, migliore è l’effetto dell’MTI. La combinazione di SAR e MTI può coprire efficacemente vari bersagli, dalle manovre stazionarie a quelle ad alta velocità.

L’alta risoluzione dei piccoli satelliti va a scapito di un campo visivo ristretto, quindi esiste una modalità di rilevamento generale con un campo visivo ampio e una modalità di rilevamento dettagliato con un campo visivo ristretto. Dopo che il piccolo satellite principale trova punti sospetti nell’indagine dall’alto, il piccolo satellite di follow-up può passare alla modalità di indagine dettagliata e trasmettere l’indagine dettagliata.

Lo stesso vale per la ricognizione del segnale elettromagnetico: ci sono più piccoli satelliti di ricognizione elettromagnetica nel cielo contemporaneamente, il che favorisce anche la triangolazione in tempo reale.

In teoria, è possibile per l’avversario eseguire operazioni anti-satellite, ma le operazioni anti-satellite sono ancora difficili e costose e un gran numero di piccoli satelliti non può essere sconfitto. Accoppiato con lanci supplementari satellitari, è possibile mantenere un ISR spaziale efficace.

Ciò richiede anche una forte garanzia del sistema satellitare di ritrasmissione dei dati spaziali, nonché una forte capacità di elaborazione dei dati a bordo. I dati originali sono tutti scaricati, il volume dei dati è troppo grande ed è troppo facile essere disturbati.

Questa è solo la metà, e l’altra metà è costituita da droni, barche senza equipaggio, sottomarini, radar terrestri in rete e monitoraggio acustico subacqueo.

Alcune tecnologie correlate hanno fatto passi da gigante e altre sono ancora sulla soglia, ma è solo questione di tempo prima che si compia un passo avanti completo. Non è ancora possibile ottenere una copertura globale, ma la copertura teatrale è stata raggiunta.

Sia la Cina che gli Stati Uniti hanno lanciato piccole costellazioni di satelliti di più sistemi, che sono state ampiamente utilizzate nelle indagini sulla terra e sulle risorse, nella risposta ai disastri, nelle notizie, nelle indagini scientifiche, ecc. E, naturalmente, ci sono anche usi militari segreti. Varie rivelazioni satellitari durante la guerra ucraina sono state fornite da piccoli satelliti americani. Il famoso Starlink è in realtà solo un satellite ripetitore di comunicazione, non un satellite da ricognizione.

Inutile dire che droni, barche senza equipaggio e sottomarini, basta guardare lo Zhuhai Air Show. Il radar terrestre in rete e il monitoraggio acustico subacqueo non batteranno gong e tamburi, ma stanno anche facendo progressi solidi.

D’altra parte, i missili balistici di teatro della Cina hanno cambiato radicalmente il pensiero bellico. Dongfeng 21D è il primo missile balistico anti-nave, seguito da Dongfeng 26, con una portata notevolmente aumentata.

Il missile cinese Dongfeng 26. Fonte: screenshot della CCTV

Durante l’era della Guerra Fredda, c’era anche l’idea che i missili balistici colpissero le portaerei, ma era come lanciare un proiettile di artiglieria in anticipo, e poi usare la potenza delle testate nucleari per compensare la mancanza di precisione del colpo. Non è facile da usare in una guerra non nucleare: quando si tratta di una guerra nucleare, non è una priorità assoluta combattere una portaerei.

Anche i missili balistici anti-nave cinesi sono balistici durante la fase di volo principale, ma sono guidati durante la fase finale. Quindi questo può anche essere considerato come un missile anti-nave di attacco ad alta quota lanciato da un razzo vettore, e il tasso di successo è aumentato di un ordine di grandezza.

Ciò che preoccupa ancora di più gli Stati Uniti è che la Cina possiede già la capacità tecnica di missili ipersonici a raggio globale, ed è stato evitato il problema del rientro troppo rapido dei missili balistici a lungo raggio.

L’anti-nave deve considerare il problema della manovra dei bersagli: se si può raggiungere l’anti-nave, è ancora meno problematico colpire bersagli fissi. Vale a dire, la forza d’attacco teatrale della Cina non la rende più sicura all’interno della seconda catena di isole, sia in mare che sulle isole.

Il costo del Dongfeng 26 è molto alto, ma il costo delle portaerei e delle navi da guerra è ancora più alto, e anche il B-2 e l’F-22 sull’asfalto sono alle stelle.

E queste sono solo le tecnologie di attacco a teatro che esistono, insieme a tecnologie di attacco a teatro a medio costo come bombardieri, sottomarini e missili da crociera lanciati da navi da guerra. È solo una questione di tempo prima che le tecnologie di attacco a teatro a basso costo, come i missili vaganti a lunghissimo raggio, vengano guardate dall’alto in basso da alcuni. Sotto la combinazione di alta e bassa penetrazione, vengono utilizzati metodi di attacco di fascia alta ma un numero limitato per estrarre denti e mani e metodi di attacco a basso costo ma su larga scala vengono utilizzati per tagliare carne e sangue.Questa è una minaccia da incubo agli Stati Uniti.

La guerra non riguarda solo la distruzione, ma anche l’economia. Il consumo conveniente in una guerra, il primo consumo dell’avversario, questa è la chiave per la sopravvivenza di un grande paese in una guerra. Un sistema di sciopero teatrale a prezzi accessibili supportato da un affidabile ISR teatrale è un punto di svolta.

In questo modo, il libero passaggio dell’oceano e le isole lontane, facili da difendere e difficili da attaccare, su cui si basa la strategia marittima, perdono i loro vantaggi. Con una vista senza ostacoli sull’oceano, è difficile nascondersi dal teatro ISR. L’isola isolata ha poche risorse e il supporto dipende dai rifornimenti da lontano, che diventano un fardello sotto l’attacco concentrato.

Al contrario, per la parte continentale, con il supporto del teatro ISR e dei mezzi di sciopero del teatro, la battaglia si è estesa da una collina, una spiaggia all’intero teatro, e tutta la potenza di fuoco e le azioni sono diventate una parte organica delle operazioni del teatro, piuttosto che il accumulo di operazioni frammentate. La convenienza della mobilità delle truppe fornita dall’oceano non sarà mai più veloce di quella della terraferma, e le isole isolate sono bersagli vulnerabili.È facile per la terraferma concentrare il suo vantaggio di potenza di fuoco di tre a uno. La regola del tre a uno è a favore del potere terrestre.

Nel caso di un campo di battaglia continentale “monolitico”, l’ISR del teatro rende le manovre sull’oceano un gioco chiaro senza dove nascondersi, e le forze d’attacco del teatro con la capacità di dividere le truppe e concentrare il fuoco rendono le forze del mare (incluse le isole) sempre in svantaggio . La cosa più terribile è che la terraferma è dalla parte difensiva per risparmiare risorse, e l’oceano è dalla parte offensiva che ha bisogno di un vantaggio di tre a uno.

Questo è il vantaggio unico della Cina, che ha risolto tutte le controversie sui confini terrestri (tranne in direzione dell’India). Anche in direzione dell’India, l’India non ascolta gli Stati Uniti e non ha intenzione (anzi, è impotente) di prendere l’iniziativa per attaccare la Cina, quindi la Cina ha bisogno solo di una piccola quantità di truppe per proteggere questa direzione , e non è una minaccia.

Il punto imbarazzante della strategia marittima è che le navi da guerra non dovrebbero combattere uno contro uno con le fortezze di difesa costiera. Se una fortezza di difesa costiera viene colpita, una fortezza verrà distrutta da un’esplosione; se una nave da guerra viene colpita, verrà spazzata via dall’affondamento. Ci sono solo due situazioni in cui le navi da guerra possono competere con le fortezze di difesa costiera: 1. Radunare le truppe attraverso la mobilità e utilizzare più truppe per attaccare di meno, travolgendo la potenza di fuoco delle fortezze di difesa costiera;

Per quanto riguarda la strategia marittima, in un senso più ampio, le isole isolate sono come navi da guerra non manovrabili ma affondabili, che presentano sia vantaggi che svantaggi rispetto alle navi da guerra in termini di capacità di sopravvivenza.

Gli Stati Uniti si trovano ora di fronte a un simile dilemma. In teoria, gli Stati Uniti possono attaccare la Cina dal Mar Arabico al Mar delle Andamane, dal Mar Cinese Meridionale al Mar Cinese Orientale, ma la Cina può anche attaccare questi luoghi dalla terraferma. Il problema è che non importa da quale direzione, gli Stati Uniti non hanno un vantaggio nel combattere la potenza di fuoco, e i confini terrestri della Cina sono nel momento più sicuro della storia, ed è difficile per gli Stati Uniti deviare la potenza di fuoco e le truppe della Cina dal direzione terra.

Dopo la Guerra Fredda, gli Stati Uniti avevano due strategie di “copertura”: la prima era la strategia di ritorsione su larga scala nell’era Eisenhower, che utilizzava i vantaggi dell’uso illimitato di armi nucleari, bombardieri a lungo raggio e dispiegamento globale per compensare superiorità dell’esercito sovietico in Europa. Ciò non è più fattibile a causa delle accresciute capacità di ritorsione nucleare dell’Unione Sovietica, e l’esercito americano “nuclearista” manca della flessibilità per rispondere al complesso mondo reale.

La seconda è la strategia di copertura dell’era Nixon, attraverso la tecnologia elettronica per portare ISR (come l’aereo di sorveglianza del campo di battaglia E-8 “Joint Star”), armi a guida di precisione (come munizioni sensibili al terminale di cluster “Saddam”) e lunghe mezzi di attacco a distanza (come MLRS), che attaccano il secondo scaglione dell’esercito sovietico per indebolire l’impatto del primo scaglione. Questa volta è continuato fino ad ora e ha aggiunto contenuti come missili da crociera, stealth e networking.

La chiave per proteggersi è evitare di combattere per la forza e combattere per la potenza di fuoco, e combattere goffamente con ingegnosità sulla base dell’alta tecnologia. Otto anni fa, gli Stati Uniti hanno proposto la “terza siepe”, proponendo di utilizzare tecnologie militari di nuova generazione come piattaforme di combattimento senza pilota, intelligenza artificiale e attacchi di precisione a basso costo per rompere le capacità anti-accesso/negazione della Cina (oltre a come Russia e Iran) e ridurre il costo dell’intervento militare globale.

Negli ultimi anni, la “terza copertura” non è stata molto menzionata.Il motivo è molto imbarazzante: gli Stati Uniti hanno improvvisamente scoperto di non essere più il leader indiscusso nella leadership e nella divulgazione della tecnologia militare.Cose fuori dalla Cina.

Dopo la proposta della “Third Hedging”, gli Stati Uniti pensarono felicemente di poter riprodurre la vittoria della Guerra Fredda, ma presto furono sorpresi di scoprire che molte delle tecnologie militari di nuova generazione di cui aveva bisogno si trovavano nello stesso campo come Cina e Stati Uniti. Non solo gli Stati Uniti non sono più leader in hardware come aerei, missili, droni, ISR e collegamenti dati, ma sono anche “bloccati” nei chip chiave.La tecnologia militare e aerospaziale non deve essere inferiore a 14 nm avanzata patatine fritte. Ora, guardando indietro all’embargo delle apparecchiature tradizionali per la produzione di chip, stiamo solo cercando di rimediare. Questo non sta cercando di soffocare lo sviluppo high-tech della Cina, né sta cercando di fermare lo sviluppo economico della Cina, parte davvero dal potenziale militare.

Ma è troppo tardi.

Gli Stati Uniti non sono indietro, ma in un’era di campi di battaglia trasparenti e potenza di fuoco mobile, devono competere con la Cina in forza militare e potenza di fuoco, che gli Stati Uniti non possono permettersi.

Nessuno può dire il confronto dei costi di J-20 vs F-22 o H-20 vs B-21, ma confrontando i 5 milioni di dollari (prezzo all’esportazione) di Pterosaur-2 e i 35 milioni (prezzo NATO) di MQ-9 a 100 milioni di dollari USA (prezzo all’esportazione), gli Stati Uniti non possono combattere il costo della guerra con la Cina. Lo pterosauro-2 potrebbe non essere completamente confrontato con l’MQ-9 e il più grande pterosauro-3 deve essere valutato e superato, ma il costo dello pterosauro-3 non può superare 4-5 volte quello dello pterosauro-2.

L’UAV Wing Loong-3 esposto al 14° Zhuhai Air Show. Fonte: CCTV Militare

Il PIL nominale della Cina ha raggiunto il 77% di quello degli Stati Uniti e il suo PIL equivalente al potere d’acquisto lo ha da tempo superato.Il valore della produzione della sua industria manifatturiera è quasi il doppio di quello degli Stati Uniti, superando la somma degli Stati Uniti, Giappone, Germania e Italia, o raggiungendo il 91,95% del totale del G7 Francia e Canada sono gli ultimi tre nel G7. Il contenuto d’oro del PIL cinese è molto più alto di quello degli Stati Uniti e la capacità delle nuove tecnologie di “realizzare” è molto più alta.La terza copertura è a sua volta una copertura contro i tradizionali vantaggi della tecnologia militare degli Stati Uniti.

Le tipologie e le prestazioni delle attrezzature esposte allo Zhuhai Air Show sono sbalorditive, è difficile dire se saranno prodotte in serie, ma finché ce ne sarà bisogno, la produzione in serie può essere garantita dalla capacità produttiva al costo, che è il più spaventoso.

Nell’Oceano Indiano e nel Pacifico meridionale, gli Stati Uniti hanno ancora il sopravvento. Ma la Cina non ha intenzione di sfidare gli Stati Uniti al di fuori del Pacifico occidentale, e la “Belt and Road” è di natura economica, non militare. La gente continua a chiedersi che l’esercito americano minacci la “Belt and Road”, cosa dovrebbe fare la Cina? Gli Stati Uniti vogliono diventare un nemico del mondo intero e prendere l’iniziativa per staccare la pelle dipinta dell’altura morale: questa è l’essenza che danneggerà gli interessi e l’egemonia degli Stati Uniti. La legge della giungla è importante, ma non tutte le relazioni internazionali. Quando il mondo spinge la Cina verso un livello morale elevato, la Cina ha il suo modo di affrontare l’egemonia degli Stati Uniti. È bene avere una vista alta, ma se stai troppo in alto e guardi troppo lontano, perderai di vista i tuoi piedi.

Nel prossimo futuro, per mantenere l’egemonia, l’unico modo per mantenere la sua egemonia è stare su un’isola isolata e avere una linea di sangue più spessa con la potenza di fuoco e la forza di combattimento della Cina.Come possono gli Stati Uniti non essere ansiosi?

https://m.guancha.cn/ChenFeng3/2022_11_27_668701.shtml

Wang Ruoyu: Dieci anni di riforma militare per costruire un esercito moderno e potente

Percorsi al momento paralleli_Giuseppe Germinario

Per quanto riguarda l’esercito cinese, se parliamo del cambiamento più grande e della mossa più iconica dell’ultimo decennio, credo che molte persone daranno una risposta comune: la riforma militare.

La durata, l’intensità e il successo di questa riforma militare hanno superato le aspettative di molti osservatori. La sesta sessione plenaria del 19° Comitato Centrale, tenutasi lo scorso anno, ha valutato “la più ampia e profonda riforma militare e nazionale dalla fondazione della Repubblica popolare cinese”.

Il 16 ottobre, nel rapporto del 20° Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese, la riforma militare era un aspetto importante. Nel riassumere i grandi cambiamenti nella nuova era negli ultimi dieci anni, il segretario generale Xi Jinping ha sottolineato che “la riforma della difesa nazionale e dell’esercito sarà drasticamente approfondita e l’esercito popolare avrà un nuovo sistema, una nuova struttura, un nuovo modello e un nuovo aspetto.” Rafforzare la governance militare in modo completo, consolidare ed espandere i risultati della difesa nazionale e delle riforme militari, migliorare la composizione delle forze militari e ottimizzare sistematicamente le politiche e i sistemi militari”. Anche questo ha lanciato un chiaro segnale: la riforma militare è solo in corso e continuerà.

“Senza la riforma, non possiamo combattere o vincere battaglie!” Alla fine del 2013, il segretario generale Xi Jinping ha lanciato un simile avvertimento. Negli ultimi dieci anni, la riforma militare ha creato un esercito con caratteristiche più moderne e una maggiore efficacia di combattimento; guardando al futuro, l’esercito popolare diventerà sempre più forte, avanzerà verso la classe mondiale e fornirà un forte supporto strategico per il ringiovanimento di un paese forte.

La parata militare della Giornata Nazionale del 2019 ha mostrato un nuovo aspetto dopo la riforma militare (Foto/Xinhua)

“Architettura”: big break e big stand

Le riforme riguardano tutti i problemi, il rilascio di energia e l’aumento dell’efficienza mentre risolvono costantemente i problemi. Durante i dieci anni di riforma militare, le “tre grandi battaglie” sono state combattute in modo concentrato, vale a dire la riforma del sistema di comando e comando, la riforma della scala, della struttura e della composizione delle forze e la riforma del sistema di politica militare, corrispondenti rispettivamente a ostacoli istituzionali, contraddizioni strutturali e problemi politici.

Il primo è attuare la riforma del sistema di comando e comando e stabilire il principio generale per cui “il comitato militare gestisce il generale, il teatro è la battaglia principale e il servizio è la costruzione principale”.

Qualche tempo fa, l’autore si è recato al Beijing Exhibition Centre per visitare la mostra delle realizzazioni sul tema “Endeavoring a New Era” in cui era allestita una vetrina speciale, che esponeva i nuovi braccialetti dopo la riforma militare, che rifletteva direttamente il nuova leadership e gerarchia di comando.

Braccialetti di 15 dipartimenti funzionali della Commissione militare (Foto/Xinhuanet)

I risultati della riforma del sistema di leadership e comando possono essere riassunti in “Tre interruzioni e tre posizioni”.

In primo luogo, abolire il sistema di quartier generale di vecchia data e istituire un sistema multidipartimentale della Commissione militare.

Il cosiddetto sistema di sedi centrali significa che prima della riforma, l’EPL aveva “quattro sedi”: il Dipartimento di Stato Maggiore, il Dipartimento di Politica Generale, il Dipartimento di Logistica Generale e il Dipartimento di Armamento Generale. Nel novembre 1931 fu istituito il Comitato Militare Rivoluzionario della Repubblica Sovietica Cinese, che per la prima volta cercò di implementare il sistema di leadership del quartier generale, istituendo il Dipartimento di Stato Maggiore, il Dipartimento di Politica Generale, il Dipartimento di Direttore Generale e il Dipartimento di Dipartimento generale della stazione militare. Da allora il sistema delle sedi ha subito adeguamenti, riforme e modifiche.Nel 1958 è stato costituito il sistema delle “tre sedi” del Dipartimento di Stato Maggiore, del Dipartimento di Politica Generale e del Dipartimento di Logistica Generale. Successivamente ha operato stabilmente per 40 anni fino a quando il Dipartimento generale degli armamenti è stato istituito nel 1998 e alla fine ha formato il sistema dei “quattro quartier generali”.

Il sistema delle sedi centrali ha svolto un ruolo importante nella storia, ma con il passare del tempo sono emersi gradualmente i suoi inconvenienti. Wu Qian, portavoce del Ministero della Difesa Nazionale, una volta disse: “Il sistema di comando e comando del quartier generale e della regione militare integra le funzioni decisionali, esecutive e di supervisione ed espone molti inconvenienti. In particolare, il potere di i quattro quartier generali sono troppo concentrati e di fatto sono diventati un livello di leadership indipendente. Ha svolto molte funzioni della Commissione militare centrale e ha obiettivamente influenzato la leadership centralizzata e unificata della Commissione militare centrale”.

Nel 2016 è stata istituita una nuova Commissione militare, con un totale di 15 dipartimenti, ovvero 7 ministeri (dipartimenti), 3 comitati e 5 istituzioni direttamente affiliate. Ciò ha cambiato l’orientamento funzionale degli organi del CMC ed è diventato un “ufficio del CMC” con poteri limitati l’uno dall’altro. Ad esempio, sono stati istituiti la nuova Commissione militare per l’ispezione e la supervisione della disciplina e il Comitato politico e giuridico della Commissione militare e la Commissione militare centrale ha inviato 10 squadre di ispezione e supervisione disciplinare agli organi e ai dipartimenti della Commissione militare centrale e ai teatri, formando un rigoroso sistema di controllo e supervisione per il funzionamento del potere.

In secondo luogo, rompere il sistema di lunga data delle grandi regioni militari e stabilire un sistema di comando di combattimento congiunto.

Prima della riforma, il PLA aveva sette regioni militari tra cui Shenyang, Nanchino e Guangzhou.Le sue funzioni includevano la guida e la gestione dell’esercito di gruppo, le regioni militari provinciali e le truppe di stanza a Hong Kong e Macao, l’organizzazione della coscrizione e dell’addestramento della milizia ed essere responsabile per la costruzione di campi di battaglia. Secondo il progetto politico, la regione militare è anche un teatro ed è responsabile del comando di operazioni congiunte durante la guerra. Tuttavia, la regione militare è in realtà dominata dall’esercito, con funzioni miste di costruzione del combattimento, e non può assumere il compito di comando di combattimento congiunto integrato di vari servizi e armi.Se succede qualcosa, deve costruire temporaneamente istituzioni e guidare squadre, e è difficile garantire la capacità di comando e l’efficienza.

Dopo la riforma, è stato istituito il Centro di comando dell’operazione congiunta della Commissione militare centrale, con cinque teatri a est, sud, ovest, nord e centro, ed è stata migliorata la struttura di comando dell’operazione congiunta del teatro.

Il Joint Reference Center della CMC è il centro di comando strategico della CMC, da cui ogni giorno viene emesso un gran numero di ordini di azione militare. Il 20 aprile 2016, il segretario generale Xi Jinping ha ispezionato il Joint Operations Command Center della Commissione militare e per la prima volta è stata divulgata pubblicamente la sua identità di “comandante in capo del Joint Command Center of the Military Commission”, cosa che ha inviato un chiaro segnale al mondo: il nuovo sistema di comando di combattimento congiunto dell’esercito cinese corre a terra. Il 3 novembre 2017, il decimo giorno dopo la chiusura del 19° Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese, il Segretario Generale Xi Jinping si è recato in uniforme al Centro di Riferimento Congiunto della Commissione Militare e ha guidato un gruppo di membri del Commissione Militare per studiare la costruzione del Centro di Riferimento Congiunto della Commissione Militare.Questo lavoro si concentra sulla capacità di combattere e vincere guerre con un atteggiamento chiaro.

Rispetto al misterioso Centro di riferimento congiunto della Commissione militare, il Centro di riferimento congiunto del Comando del teatro ha mantenuto un alto grado di visibilità sin dalla riforma militare.

Il teatro è l’unica più alta organizzazione di comando di combattimento congiunto in questa direzione strategica.Svolge funzioni di comando di combattimento congiunto in conformità con i requisiti di tempo di pace e tempo di guerra integrato, funzionamento normale, specializzazione negli affari principali ed essere capace ed efficiente. Un compito importante del teatro è organizzare risposte realistiche a varie minacce alla sicurezza e affrontare le azioni provocatorie militari da parte dei militari.

Ad esempio, da gennaio a settembre di quest’anno, il portavoce dell’Eastern Theatre Command ha rilasciato sette dichiarazioni sul passaggio di navi da guerra e aerei stranieri attraverso lo stretto di Taiwan, contrastando tutte le minacce e le provocazioni e difendendo risolutamente la sovranità nazionale e l’integrità territoriale”.

Nell’agosto 2022, Gu Zhong, vice capo di stato maggiore dell’Eastern Theatre Command, ha introdotto la situazione dell’esercitazione militare “Lock Taiwan” (screenshot dal notiziario CCTV)

Terzo, rompere il sistema di lunga data dell’esercito continentale e stabilire un nuovo sistema di leadership e gestione per i servizi militari e le forze di polizia armate.

Prima della riforma militare, l’esercito era la forza principale dell’EPL, ma per molto tempo non esisteva un’agenzia indipendente.Le funzioni di comando erano svolte dai “quattro quartier generali” e la proporzione della marina, dell’aviazione e la seconda artiglieria era relativamente bassa. Dopo la riforma, è stata istituita la leadership dell’esercito, sono state istituite 5 agenzie dell’esercito teatrale, la seconda forza di artiglieria è stata ribattezzata Armata missilistica e le armi indipendenti strategiche originali sono state aggiornate in armi indipendenti e una forza di supporto strategico e una forza di supporto logistico congiunta si sono formati. Attualmente, l’Esercito popolare di liberazione ha un totale di 6 armi e armi, la proporzione di armi e armi è stata adattata e ottimizzata e lo schema di sviluppo è diventato più equilibrato, il che decreta anche la fine del sistema dell’esercito continentale.

Conformemente al principio “l’esercito è l’esercito, la polizia è la polizia e il popolo è il popolo”, è stata completata la riforma intermilitare delle forze di polizia armate. Dalle 00:00 del 1 gennaio 2018, le forze di polizia armate sono sotto la guida centralizzata e unificata del Comitato centrale del partito e della Commissione militare centrale e viene implementata la Commissione militare centrale – Forza di polizia armata – Sistema di comando e comando dell’unità. Allo stesso tempo, anche il sistema di gestione della forza di riserva è stato riformato per garantire la leadership assoluta del Partito sulle forze armate nazionali.

“Shaping”: snello e potente

La seconda grande battaglia è la riforma della struttura della scala e della composizione delle forze. Se usi il termine di fitness per descriverlo, è perdere grasso e aumentare i muscoli, in modo che il corpo dell’esercito diventi più forte e snello.

Dopo la riforma, il personale militare è stato ridotto di 300.000, principalmente a causa della razionalizzazione del personale negli organi e nelle agenzie non combattenti: oltre 1.000 unità organizzative al di sopra del corpo sono state ridotte di oltre 1.000 e il numero di il personale in servizio attivo nelle agenzie non combattenti è stato ridotto di quasi la metà, arricchito.

Il risultato più diretto di questa riforma è che molte “nuove designazioni” che non sono mai apparse nella storia dell’Esercito popolare di liberazione sono state aggiunte una dopo l’altra alla sequenza di battaglia, rendendo l’esercito più moderno e più adatto alle esigenze della moderna guerra.

Il nuovo badge sul petto dell’esercito è cambiato dalla Grande Muraglia e dai fucili agli ingranaggi e alle ali dei veicoli corazzati, che è una rappresentazione intuitiva dell’esercito che ha più veicoli corazzati ed elicotteri e “vola in alto”.

Sopra: il vecchio badge sul petto dell’esercito; In basso: il nuovo badge sul petto dell’esercito

Dopo la riforma militare, l’esercito di gruppo dell’esercito è stato modificato da 18 a 13, il corpo principale ha implementato il sistema “militare-brigata-battaglione” e le brigate combinate e i battaglioni combinati sono diventati la corrente principale. Una varietà di nuovi tipi di battaglioni sintetici come battaglioni pesanti, leggeri, aerei, da montagna e anfibi sono incorporati nel sistema di combattimento dell’esercito, realizzando la percezione multi-sorgente del comando di combattimento, un’elevata integrazione degli elementi di combattimento e l’espansione multidimensionale di spazio di combattimento.

Le divisioni e le brigate d’assalto aereo sono lo “standard” per alcune potenze militari. Dopo questa riforma, il PLA è stato equipaggiato con diverse brigate d’assalto aereo, equipaggiate con Z-20, Z-10, Z-19 e altri elicotteri da trasporto avanzati ed elicotteri armati, nonché obici montati su veicoli, veicoli fuoristrada Lynx e altre attrezzature avanzate , per implementare una serie di nuove tattiche come operazioni oltre l’attacco, operazioni di assalto a cavallo e operazioni di controllo di punti chiave. Lo sviluppo da una tradizionale brigata dell’aviazione dell’esercito a una brigata d’assalto aereo segna il rapido miglioramento delle capacità offensive e difensive tridimensionali del PLA.

La formazione portaerei della nave Shandong salpa in mare (foto/rete militare cinese)

Alla sequenza della Marina è stata aggiunta anche molta “potenza del pugno”, la più rappresentativa è la formazione della portaerei.

Dall’ingresso della nave Liaoning nel 2012, la Marina Militare è entrata nell’era delle “tre portaerei” e spesso vengono divulgate le notizie di formazioni di portaerei che si addestrano in mare e svolgono missioni militari. 1 formazione di portaerei, che di solito include diversi cacciatorpediniere 055, 052C, 052D e altri, 054A e altre fregate, navi da rifornimento complete di tipo 901 e sottomarini, che formano un sistema di difesa aerea completo a lungo raggio, medio raggio e corto raggio, e ha una forte capacità di guerra anti-nave e anti-sottomarino.

L’aumento della formazione delle portaerei richiederà inevitabilmente più piloti di aerei basati su portaerei. Secondo i resoconti dei media militari, i percorsi di crescita e i collegamenti di addestramento dei piloti di aerei basati su portaerei sono stati completamente collegati e i percorsi paralleli a doppio binario di “modalità di riparazione” e “modalità di crescita” sono stati completamente aperti.

La cosiddetta “modalità refit” si riferisce alla selezione di talenti da parte di piloti di caccia attivi per l’addestramento. Hanno una buona base di abilità, ma a causa della grande differenza nella gestione degli aerei basati su portaerei, hanno bisogno di riadattarsi e superare le azioni abituali, che richiedono molto tempo; Il modello di crescita consiste nel reclutare piloti di aerei basati su portaerei direttamente dagli studenti delle scuole superiori e formarli direttamente, cosa che può essere eseguita in un solo passaggio e ridurre i tempi di formazione. Alla fine del 2020, il primo lotto di piloti di caccia basati su portaerei in modalità crescita della Marina ha superato la certificazione di qualificazione all’atterraggio e negli ultimi due anni sono stati coltivati ​​​​più talenti.

Nell’Aeronautica ci sono sempre più “veicoli aerei senza pilota”, che rappresentano un’approfondita comprensione della tendenza allo sviluppo dell’intelligence militare e del continuo sviluppo di nuove forze di combattimento.

Il portavoce dell’Air Force Shen Jinke una volta ha dichiarato alla conferenza stampa dell’Air Force Aviation Open Event: “L’equipaggiamento senza pilota è una direzione importante per lo sviluppo dell’equipaggiamento militare in futuro. Lo sviluppo dell’equipaggiamento per veicoli aerei senza pilota del mio paese ha raggiunto l’avanzato livello mondiale livello.” I militari hanno equipaggiato vari tipi di droni, come droni di sorveglianza, droni da ricognizione sciame e droni ad ala fissa. Tra di loro viene svolto un addestramento collaborativo per dare pieno gioco all’efficacia in combattimento degli UAV.

La riforma della Rocket Force, in conformità con i requisiti strategici di “deterrenza sia nucleare che convenzionale, su tutta l’area” e i requisiti standard fondamentali di “pronto al combattimento, lancio puntuale e danno effettivo”, accelererà il miglioramento della capacità di attacco strategico. Le truppe da combattimento in prima linea hanno realizzato la trasformazione da “lancio fisso” a “lancio mobile”, “lancio selezionato” a “lancio casuale”, “lancio di munizioni vere” a “lancio effettivo”, che è più adatto alle esigenze di combattimento e migliora la sopravvivenza sul campo di battaglia.

Dopo la riforma, l’esercito missilistico ha inizialmente formato un sistema di forze di combattimento con armi sia nucleari che convenzionali, modelli corrispondenti, connessione di portata ed efficacia di attacco. I missili Dongfeng-17 e Dongfeng-41, che hanno fatto il loro debutto pubblico nella parata militare della Giornata Nazionale nel 2019, sono apparsi anche nell’area espositiva all’aperto della mostra dei risultati con il tema “Endeavoring a New Era”, attirando molti pubblico di fermarsi e scattare foto. “Dongfeng Express, la missione deve essere compiuta”, questa “compagnia espressa” specializzata nell’invio di merci pericolose è davvero straordinaria.

L’area espositiva all’aperto della mostra sui risultati a tema “Endeavour New Era” mostra un lotto di armi e attrezzature avanzate, inclusi i missili Dongfeng-17 e Dongfeng-41 (fotografati dall’autore)

Ci sono anche molti punti positivi nella riforma della forza di supporto strategico, della forza congiunta di supporto logistico e della forza di polizia armata. Ad esempio, in questo round di riforma, sono state istituite cinque brigate di supporto logistico congiunte.A differenza delle brigate di combattimento tradizionali, la brigata di supporto logistico congiunto è un’organizzazione di comando inviata dal centro di supporto logistico congiunto. La Joint Logistics Support Brigade non è responsabile del supporto quotidiano delle truppe, ma è specificamente responsabile del supporto al combattimento, saldando perfettamente servizi medici, carburante e munizioni nel sistema di combattimento congiunto.

Attraverso la riforma della struttura della scala e della composizione delle forze, l’esercito è stato profondamente trasformato da una scala quantitativa a una di qualità ed efficiente, e da una ad alta intensità di manodopera a una ad alta intensità di tecnologia, creando un moderno sistema di forze militari con caratteristiche cinesi .

Dall’inizio di quest’anno, sono state distribuite una dopo l’altra 21 divise mimetiche.Molti netizen hanno commentato che il PLA che indossa le nuove divise mimetiche sembra molto moderno e pieno di stile internazionale. Le nuove divise mimetiche non distinguono più i colori per servizio, ma sono abbinate alle aree di combattimento, che riflette anche una direzione di riforma: tutto è per il combattimento vero e proprio.

“Rispetto”: vitalità ispiratrice

A partire dal 31 dicembre 2021, una rubrica “Reform Moment” incentrata sulla riforma del sistema di politica militare è stata trasmessa sul canale militare e di difesa nazionale della CCTV, introducendo il significato della riforma, i punti salienti dei cambiamenti e i risultati pratici, diventando il terzo più grande programma per comprendere la “riforma”. Una finestra sulla battaglia”.

La riforma del sistema politico militare copre principalmente quattro aspetti: il sistema di costruzione del partito del nostro esercito, il sistema politico di utilizzazione delle forze militari, il sistema politico di costruzione delle forze armate e il sistema politico di gestione militare.

Per gli ufficiali e i soldati di base in prima linea, il sentimento più diretto è l’attuazione di un pacchetto di politiche e sistemi per la gestione degli ufficiali attivi e l’introduzione di misure di riforma come l’istruzione preferenziale per i bambini, il recupero medico e impiego dei membri della famiglia militare che ufficiali e soldati si aspettano Il rispetto del loro status rafforza il loro senso di onore professionale e di successo.

Ad esempio, da gennaio di quest’anno, cure mediche gratuite per i coniugi militari, e cure mediche preferenziali per genitori e coniugi di ufficiali e sergenti militari. Inoltre, pagare gli alimenti ai genitori idonei, pagare onorari ai coniugi, aumentare l’importo delle tasse per l’assistenza all’infanzia, attuare politiche prioritarie militari nei trasporti pubblici, cure mediche, ecc. e garantire garanzie politiche per i veterani, ecc. Ci sono molti trucchi duri e pratici per risolvere il problema delle generazioni future nel cortile di casa, che ha ottenuto gli elogi di ufficiali e soldati.

Ai soldati viene data la priorità in conformità con la legge (Photo/China Military Network)

Il 21 settembre di quest’anno si è tenuto a Pechino il seminario sulla difesa nazionale e la riforma militare. L’incontro ha riassunto i principali risultati ed esperienze di questo ciclo di riforme militari e di difesa nazionale e ha implementato il lavoro di pianificazione delle riforme di follow-up. Nella fase successiva, la riforma dell’esercito continuerà ad essere attuata, ad attuare in modo completo tutte le decisioni e gli schieramenti di riforma stabiliti e continuerà a promuovere l’attuazione, il miglioramento e l’ottimizzazione della riforma; approfondire la pianificazione e la progettazione della modernizzazione della forma organizzativa dell’esercito e migliorare e innovare continuamente il sistema di comando militare, il sistema di gestione, il sistema di alimentazione, il sistema istituzionale.

Il 20° Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese ha lanciato un appello a “raggiungere l’obiettivo del 100° anniversario della fondazione dell’esercito come previsto e creare una nuova situazione per la modernizzazione della difesa nazionale e dell’esercito”. . Potremmo essere in grado di guardare avanti e indovinare quali nuove falangi di forza e nuove armi ed equipaggiamenti verranno mostrati sulle piazze d’armi quando l’esercito celebrerà il suo centenario nel 2027!

Riferimenti:

Zhong Xin: “L’esercito popolare realizza un intero rimodellamento rivoluzionario”;

Wu Ming: “Rimodellare la leadership e il sistema di comando del nostro esercito è una scelta inevitabile per rafforzare l’esercito e ringiovanire l’esercito”;

Mei Changwei et al.: “La grande pratica di riformare e rafforzare l’esercito nella nuova era”;

Li Diansheng: “Se non ti riformi, non puoi combattere, non puoi vincere”; e così via.

Questo articolo è un manoscritto esclusivo di Observer.com.Il contenuto dell’articolo è puramente personale opinione dell’autore e non rappresenta il punto di vista della piattaforma.Senza autorizzazione, non può essere riprodotto, pena la responsabilità legale. Segui l’Observer Network WeChat guanchacn e leggi articoli interessanti ogni giorno.

https://m.guancha.cn/wangruoyu/2022_10_18_662602.shtml

Weng Mingjiang: “Pace sotto il dominio cinese”, come sarà?

[editorialista di Text / Observer Network Weng Mingjiang]

Perché lottare per la “pace mondiale sotto il dominio cinese (Pax Sinica)”

Abbiamo sempre avuto idee diplomatiche che non sono leader mondiali. Nel pensiero tradizionale cinese c’è un detto che “i poveri possono essere soli e i buoni possono aiutare il mondo”. Agli occhi di alcuni cinesi, la stessa Cina non si è sviluppata bene, ed equivale a pensare al di là delle proprie capacità di pensare a qualsiasi cambiamento nell’ordine e nelle regole internazionali.

Inoltre, il mondo di oggi non è più un mondo in cui “la verità è solo nel raggio dei cannoni”. È impossibile praticare la legge della giungla senza scrupoli e preda sfrenata dei deboli. Oggi, voler essere il mondo capo è probabilmente una cosa ingrata in sé.

Inoltre, come si suol dire, “maggiore è il potere, maggiore è la responsabilità”. Inoltre, la maggior parte dei cinesi è di buon cuore. Secondo l’istruzione tradizionale, gli piace essere severi con se stessi ed essere indulgenti con gli altri. L’occidente ” sovrani” hanno più fardelli sulle spalle… Molti cinesi non vogliono approfittare degli altri, ma non vogliono nemmeno essere influenzati dagli altri.

È proprio per questo che abbiamo sempre assunto un atteggiamento pragmatico nei confronti dell’ordine e delle regole internazionali. La Cina rispetterà l’ordine internazionale e le regole adatte alle condizioni nazionali o in linea con gli interessi nazionali (“in linea con la pratica internazionale”). Per coloro che non sono adatti alle condizioni nazionali e agli interessi nazionali, la Cina adotta principalmente un atteggiamento di ricerca di un terreno comune, pur riservando le differenze.

Tuttavia, quando la Cina era debole in passato, gli Stati Uniti e altri paesi sviluppati occidentali potevano ancora chiudere un occhio sulla “cerca di un terreno comune pur riservando le differenze”. Con l’ascesa del potere della Cina, porta naturalmente all’insoddisfazione per la Cina nell’attuale società occidentale, che considera le pratiche cinesi come “applicazione selettiva”.

Da un lato, da una prospettiva di destra in Occidente, le azioni della Cina stanno sfruttando e sfruttando le regole internazionali, ma non adempiono agli obblighi e alle responsabilità corrispondenti. Ritengono che la Cina sia chiaramente classificata tra i primi paesi al mondo in termini di forza scientifica, tecnologica, militare ed economica totale, ma si considera ancora un paese in via di sviluppo nelle organizzazioni internazionali come l’OMC e “free ride” ovunque .

Secondo la comprensione di studiosi americani come Joseph Nye, se l’attuale Cina non cerca di rovesciare le regole e l’ordine mondiale di cui beneficia, ma vuole solo aumentare la sua influenza politica ed economica all’interno delle regole e dell’ordine, allora gradualmente diventerà un “free rider” che ha un effetto distruttivo sulle regole e sull’ordine internazionali esistenti.

In particolare, poiché gli Stati Uniti sono diventati sempre più incapaci di essere responsabili della fornitura di importanti beni pubblici internazionali, se la Cina non partecipa ancora ai processi decisionali sugli affari internazionali dopo la sua ascesa al potere, il mondo cadrà inevitabilmente nel pericolo di leadership vacante e crisi.

Questo è il cosiddetto problema della “trappola di Kindleberger”. Secondo questa ipotesi teorica, già nel 1894 gli Stati Uniti sostituirono economicamente il Regno Unito come numero uno al mondo. Tuttavia, prima della prima e della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti erano sempre riluttanti ad assumersi la corrispondente responsabilità di guidare il mondo per i propri interessi egoistici, il che ha portato all’autogoverno di ogni paese, al mendicante, alle crisi economiche. dopo l’altro, la “guerra commerciale” e la “guerra valutaria” e così via hanno persino distrutto la potenziale cooperazione internazionale, che alla fine ha accelerato lo scoppio di due guerre mondiali.

Chiedere però agli Stati Uniti di assumersi rapidamente responsabilità internazionali è solo un’ipotesi teorica, infatti il ​​Regno Unito, in quanto boss, deve chiarire anche i rapporti tra i due Paesi. Dal 1895 al 1915, Gran Bretagna e Stati Uniti hanno gradualmente ridotto le loro differenze, un periodo noto come il ” Grande riavvicinamento”, fonte immagine: wiki

Pertanto, a loro avviso, l’attuale pratica cinese di applicare selettivamente le regole internazionali occidentali è vantaggiosa solo per la Cina, ma non è buona per altri paesi del mondo e non è un grande paese “responsabile”.

Per dirla in modo più schietto, sebbene l’ala destra occidentale si fa beffe dell’ideale della “sinistra bianca”, ha ancora la stessa virtù dell’ala sinistra, ovvero si considera sempre superiore agli altri. Per loro, l’Occidente sarà sempre il migliore. Rispetto alla Cina prima, la velocità di sviluppo è relativamente arretrata, questo perché gli Stati Uniti e altri paesi occidentali hanno aiutato e favorito troppo i paesi arretrati, piuttosto che i problemi stessi dell’Occidente. Ora gli Stati Uniti devono scaricare tutti i loro oneri per competere con la Cina e devono fare tutto il possibile per competere con la Cina per potere e profitto.

Inoltre, agli occhi di quella destra, mantenere la pace e lo sviluppo nel mondo è un pasticcio.Anche se gli Stati Uniti non vogliono, né hanno l’energia o la capacità per affrontarlo, questo onere dovrebbe essere ingannato dalla Cina, anche se non può essere ritardato Per rompere la Cina, è meglio lasciarla affondare e non capovolgersi.

D’altra parte, da una prospettiva di sinistra in Occidente, un mondo liberale e democratico in stile occidentale è la giusta direzione per lo sviluppo della società umana, mentre la Cina è un revisionista che intende sfidare l’ordine liberale. Credono che molti dei modi in cui la Cina fa le cose da soli non sia conforme al cosiddetto “ordine basato sulle regole” in Occidente.

Soprattutto sotto la tendenza generale che l’ala sinistra occidentale chiede sempre più l’espansione dei diritti individuali, e la visione mainstream sta diventando sempre più “desideri umani esistenti e distrugge i principi della natura”, la Cina si attiene ancora al principio della sovranità sull’uomo diritti, compresi quelli adottati nello Xinjiang, Hong Kong e Taiwan Una serie di politiche intransigenti tendenti al nazionalismo, ecc., hanno indubbiamente toccato le scale inverse di quelle “vergini morali” della sinistra occidentale.

Agli occhi della sinistra occidentale, in quanto nuova potenza emergente, se le pratiche attuali della Cina sono diverse dagli standard e dalle regole occidentali, la divergenza tra la futura direzione di sviluppo della Cina e quella dell’Occidente diventerà sempre più ampia. Se le cose andranno così, non solo il confronto tra Cina e Occidente diventerà sempre più evidente, ma la Cina sfiderà anche gli Stati Uniti, la più grande potenza del mondo, e l’intero mondo occidentale dietro di essa, che poi riguarderà tutti gli aspetti della società occidentale il rischio della trappola di Tucidide.

Pertanto, per la sinistra occidentale, la società liberale occidentale non solo ha bisogno di seguire “l’ordine basato sulle regole” dell’Occidente, ma deve anche adottare costantemente vari mezzi e misure per rispondere all’ascesa della Cina. Il cosiddetto ” minaccia”.

Naturalmente, sia a sinistra che a destra in Occidente, sono tutti d’accordo sul fatto che la forte ascesa della Cina ha portato serie sfide all’ordine e alle regole mondiali guidati dagli Stati Uniti. Secondo il presidente degli Stati Uniti Biden, il mondo si trova bloccato in un’enorme competizione tra “democrazia” e varie forme di “autoritarismo”. Questa non è solo una lotta tra sistemi politici, ma una competizione che comprende simultaneamente la concorrenza economica, culturale, intellettuale e politica, una competizione tra forze “progressiste” e “reazionarie”.

Pertanto, in questa competizione, lotta, competizione e contesa tra Cina e Stati Uniti, destinata a decidere il destino della Cina, gli Stati Uniti possono essere sia un atleta che un arbitro? Questo può mantenere la concorrenza “leale”? La Cina obbedirà e rispetterà sempre l’ordine mondiale e le regole guidate dagli Stati Uniti? Queste sono tutte domande che dobbiamo affrontare.

Il nucleo di queste domande è se la Cina abbia le proprie opinioni e proposte ragionevoli per guidare l’ordine e le regole mondiali. In altre parole, nel contesto di qualcuno che cerca di disaccoppiare Cina e Stati Uniti, la Cina è cauta per evitare di dare l’impressione di voler “guidare il mondo”, oppure è ancora necessario partecipare attivamente all’esistente regole e ordine internazionali, e creare e costruire cose che siano in linea con le persone del mondo Nuove regole internazionali e ordine degli interessi, e poi sfruttare la tendenza a raggiungere la “pace mondiale sotto il dominio della Cina”? La risposta è ovviamente ovvia.

Se chiamiamo “vecchio ordine” le regole e l’ordine internazionali esistenti dominati dagli Stati Uniti e da altri paesi occidentali, sarà necessario per noi costruire un “nuovo ordine” di “pace mondiale sotto il dominio della Cina” per molto tempo tempo a venire”.

A proposito, la Cina non sarà certo come gli Stati Uniti, che sono stati a lungo una testa di pecora della cosiddetta “democrazia liberale” in superficie, ma in realtà stanno vendendo la carne di cane del vecchio ordine egemonico unilaterale. In quanto paese in via di sviluppo, la Cina non farà sicuramente affidamento sulle proprie forze per formulare e attuare tutte le regole del futuro “nuovo ordine” del mondo. La Cina promette di “costruire un nuovo tipo di relazioni internazionali con una cooperazione vantaggiosa per tutti come fulcro e costruire un nuovo ordine di una comunità con un futuro condiviso per l’umanità”. Come hanno capito alcuni esperti di affari internazionali interni, la Cina vuole guidare il mondo verso un ordine globale più etico e umano.

Inoltre, anche se la Cina può essere l’unico paese al mondo oggi che può convincere e insistere nel rivaleggiare con gli Stati Uniti, il nuovo ordine mondiale guidato dalla Cina non è affatto l’ultima parola della Cina in tutto. Almeno per molto tempo, il nuovo ordine guidato dalla Cina deve rispettare le richieste dei paesi occidentali, compresi gli Stati Uniti, del resto il potere dell’Occidente è ancora lì.

Tuttavia, il nuovo ordine guidato dalla Cina deve basarsi su un partenariato di uguaglianza sovrana e “parità di trattamento” di tutti i paesi. La più grande differenza tra la “pace mondiale sotto il dominio cinese” e il vecchio ordine è che tutti i paesi dell’Est e dell’Ovest devono abbandonare la loro arroganza e pregiudizio e tornare dall’unilateralismo al multilateralismo e alla cooperazione che le organizzazioni internazionali, comprese le Nazioni Unite, hanno sempre sostenuto.Inizio.

Caratteristiche della “Pace mondiale sotto il dominio cinese”

Nello specifico, almeno dalle tre prospettive seguenti, possiamo discutere le differenze e le differenze tra il nuovo ordine guidato dalla Cina e il vecchio ordine guidato dagli Stati Uniti.

Ci saranno sempre più discussioni sulla “pace mondiale sotto il dominio della Cina” dal mondo esterno, ed è inevitabile

In primo luogo, dal principio del “cloneismo” al principio del pragmatismo.

Il punto di vista centrale del vecchio ordine internazionale liberale rappresentato dagli Stati Uniti può essere riassunto in una frase: “Qui sono tutti spazzatura”. Il liberalismo tradizionale occidentale ha la sua arroganza e il suo pregiudizio con gli occhi al soffitto. Se c’è un paese che non accetta la pretesa degli Stati Uniti sull’ordine internazionale liberale, allora il 100 percento della colpa è di quel paese.

Fin dall’inizio della sua ascesa, la civiltà capitalista occidentale ha colonizzato tutto il mondo. La parola colonia in inglese è molto vicina alla parola per un clone autoreplicante. In effetti, il processo di espansione della civiltà occidentale nel mondo è come un processo di estensione della civiltà madre occidentale ad altri luoghi sotto forma di cloni. Per le colonie controllate dai paesi occidentali, la civiltà occidentale raramente considera il governo e lo stile di vita originali delle persone nelle aree colonizzate.

Anche ora, la clonazione coloniale occidentale ha sostanzialmente cessato di esistere in senso fisico, ma l’espansione della “clonazione” delle società occidentali ad altre società non occidentali in termini di sistema, cultura, ideologia e spirito è ancora profondamente radicata. Soprattutto agli occhi di molti occidentali rappresentati dagli Stati Uniti, la modernizzazione è occidentalizzazione e il mondo occidentale sviluppato è il “comune” di tutta l’umanità. L’ordine e le regole mondiali guidati dall’Occidente, la cosiddetta democrazia e libertà dei liberali sistema, sono “la fine della storia umana”.”.

In Cina, ancora oggi, ci sono ancora molte persone che hanno subito il lavaggio del cervello e sono state colonizzate spiritualmente dall’ideologia occidentale e abituate a “controllare la Cina con la Cina”. A loro avviso, il mondo occidentale non rappresenta solo la direzione dello sviluppo della civiltà umana, ma le idee e i valori occidentali sono il “faro guida” della società umana. Qualsiasi altra civiltà, paese o regione che non adotti idee, istituzioni e valori liberali in linea con l’Occidente è tutta “spazzatura” e destinata a fallire.

Al contrario, la civiltà cinese non ha mai avuto una tale tendenza alla “clonazione” in termini di espansione e relazioni estere. Per migliaia di anni, anche se i paesi delle pianure centrali cinesi hanno raggiunto un livello di leadership mondiale, si può vedere che la Cina non ha molta volontà di clonare e promuovere la civiltà cinese all’estero. Nel processo di governo delle frontiere, dal sistema di capitale e vassallo delle dinastie Han e Tang, ai regimi post-Ming e Qing di guardie, capi, custodi, riformando la terra e tornando al sistema attuale, ecc., la civiltà cinese ha ha sempre adottato un pragmatismo che si adatta alle condizioni locali e cerca la verità dai fatti. Il principio è generalmente quello di proteggere il suolo come obiettivo primario. Quanto all’espansione dell’influenza della civiltà cinese, dipende principalmente dall’attrattiva della civiltà stessa .

Per la civiltà cinese, del resto, la frontiera e le aree al di fuori della frontiera hanno le loro circostanze particolari, ed è necessario adottare metodi di lavorazione diversi dalla civiltà delle Pianure Centrali in tempi diversi e secondo diverse condizioni oggettive. Infatti, ancora oggi, la politica cinese di autogoverno nelle aree minoritarie di frontiera e la politica “un Paese, due sistemi” adottata a Hong Kong, Macao e Taiwan sono ancora vagamente seguite. Nelle relazioni estere, dai Cinque principi di pacifica convivenza durante la fondazione della Repubblica popolare cinese all’attuale teoria della “Comunità con un futuro condiviso per l’umanità”, tutti si basano sull’uguaglianza, rispettano la particolarità dello sviluppo di ciascun paese e si concentrano sugli effetti concreti dei diversi sistemi e politiche.

I cinesi credono nella semplice verità che “Huainan è arancione e Huaibei è arancione”. Lo stesso è un sistema di lavoro a vita. In Giappone, un tempo era una panacea per promuovere il decollo economico ed è ancora una panacea per mantenere la stabilità sociale. Tuttavia, in Cina prima della riforma e dell’apertura, è diventato un “grande vaso di riso e di lavoratori stranieri”.

In alcuni paesi che rispettano le leggi tradizionali islamiche, ci sono disposizioni secondo cui i ladri tagliano le mani e gli adulteri sono puniti con la lapidazione, che può essere troppo crudele e barbara agli occhi di alcuni cinesi; tuttavia, il sistema della pena di morte adottato dalla Cina e da alcuni stati negli Stati Uniti è stato abolito in Europa.Agli occhi della maggior parte delle persone nei paesi condannati a morte, lo stesso è arretrato e irragionevole.

La stessa politica di concessione del welfare e di sviluppo dell’istruzione è la pietra angolare della promozione dello sviluppo economico nei paesi dell’Europa settentrionale; in alcuni paesi sudamericani, questo è il peronismo, che è uno dei colpevoli che provoca inflazione e il paese alla fine cade nella fascia di reddito medio trappola.

Come si suol dire, “il nettare degli altri, il mio arsenico”, paesi diversi hanno condizioni nazionali, background e fasi di sviluppo diverse. È impossibile in questo mondo trovare una panacea che possa risolvere tutti i problemi. Inoltre, anche quei principi che valgono per tutti possono avere risultati diversi se implementati in luoghi diversi. Proprio come i quasi 200 paesi e regioni del mondo, la maggior parte di loro ha adottato le politiche dell’economia di mercato, ma dal punto di vista dell’efficacia, ci sono solo poche decine di paesi che hanno raggiunto il livello di ricchezza ora.

Pertanto, prima dell’ascesa della Cina, gli Stati Uniti, in quanto rappresentanti dei paesi sviluppati in Occidente, predicavano sempre che la modernizzazione è occidentalizzazione. C’è un certo potere demagogico, dopotutto ci sono esempi di paesi sviluppati come l’Europa e Giappone. Tuttavia, poiché la Cina sta per diventare di nuovo il paese con il più grande aggregato economico del mondo, sempre più persone si renderanno conto che anche un paese come la Cina il cui sistema economico e politico è completamente diverso dagli Stati Uniti e da altri paesi occidentali può ancora passare da una carreggiata verso la prosperità e il potere. .

Inoltre, sempre più persone scopriranno gradualmente che il nuovo ordine di sviluppo del mondo in futuro non si baserà sulla copia della “clonazione”, né “crederà nella libertà e otterrà la vita eterna”, ma dovrebbe lasciare e non mangiare ciò che viene, e adottalo. La strada giusta verso il principio pragmatismo del recupero. Dopotutto, alcuni paesi sono adatti ad adottare politiche più liberali, mentre altri possono ottenere risultati migliori dopo aver applicato politiche orientate allo statismo. Come abbinare e mettere a punto l’applicazione delle due politiche ideologiche sarà un processo lungo e arduo in qualsiasi paese.

Dopotutto, non esiste una soluzione valida per tutti in questo mondo.La democrazia liberale in stile occidentale può superare permanentemente tutte le difficoltà della società umana.È troppo stupida o ingenua, o ha secondi fini. Anche se ci sono alcuni sistemi e politiche che possono essere appresi gli uni dagli altri, ogni paese ha i suoi modi e mezzi unici per intraprendere la strada della prosperità. Pertanto, il nuovo ordine del mondo futuro dovrebbe essere il “pragmatismo” meglio della “clonazione”. Ogni paese ha bisogno di esplorare il proprio percorso di sviluppo pragmatico in base alle sue diverse condizioni nazionali, background e fasi di sviluppo.

In secondo luogo, dall’interventismo attivo all’interventismo aggressivo passivo.

L’ordine internazionale liberale dominato dagli Stati Uniti è intrinsecamente incline all’interventismo attivo. Agli occhi degli americani, l’ordine e le regole liberali sono essi stessi un insieme delle idee più “progressiste” basate sulla dignità individuale. Anche se il raggiungimento dell’egemonia americana è la sua più forte forza militare, economica e tecnologica nel mondo. Tuttavia, l’astuzia degli Stati Uniti e di altri paesi occidentali è che interpretano la libertà, la democrazia e i diritti umani in base alle loro esigenze ed etichettano la giustizia procedurale piuttosto che “libertà, democrazia e diritti umani” sostanziali come “quelli che promuovono lo sviluppo della società e dell’economia umana.” Il segreto” e la “rettitudine” dell’intera società umana.

La pratica degli Stati Uniti di “rettitudine in mano, ho il mondo” ha evidenti vantaggi per l’Occidente. Uno dei punti più importanti è che si è posizionato direttamente sulle alture della moralità umana, che può essere usata per riferirsi a dove combattere e interferire con altri paesi a piacimento. Qualsiasi Paese che assume una posizione diversa dagli Stati Uniti corre il rischio di essere moralmente svantaggiato.

Inoltre, dopo la rottura del vecchio modello bipolare, questo intervento attivo degli Stati Uniti e dell’Occidente potrebbe provenire non solo da aspetti militari, ma anche economici, culturali e geopolitici. Di conseguenza, secondo la politica statunitense di interventismo attivo, a parte alcuni paesi come Cina, Russia e Iran, nessun altro paese può veramente mantenere l’uguaglianza sovrana con gli Stati Uniti e obbedire alla libertà della leadership americana nelle relazioni internazionali. è diventata una tendenza inevitabile.

Tuttavia, il problema qui è che la rettitudine della società umana dovrebbe essere qualcosa che abbia reali benefici e interessi per tutti noi, come la pace nel mondo, i più grandi interessi del maggior numero di persone, un buon ambiente, ecc. Il pozzo di base -essere della società umana. L’ordine e le regole liberali occidentali sono nella migliore delle ipotesi i mezzi e le misure utilizzati da alcuni occidentali per realizzare la rettitudine, non il vero scopo e rettitudine della società umana. Prendere i mezzi come fine commette naturalmente l’errore di invertire causa ed effetto.

Tanto meno è dire che un sistema democratico o un ordine neoliberista sono il “segreto” dello sviluppo economico e della crescita. Tra i pochi paesi che divennero paesi sviluppati dopo la seconda guerra mondiale, Israele e Irlanda erano culturalmente e tradizionalmente occidentali a pieno titolo, mentre la Corea del Sud e Singapore differivano in molti modi dall’ordine occidentale liberale. La Corea del Sud e molti altri paesi e regioni dell’Asia orientale hanno raggiunto l’ascesa economica prima della democratizzazione in stile occidentale, il che dimostra che lo sviluppo economico ha poco a che fare con i sistemi democratici liberali di stile occidentale.

I fatti hanno dimostrato che dopo la seconda guerra mondiale, nessuno dei paesi in via di sviluppo in Asia, Africa e America Latina che hanno implementato un sistema liberale e democratico di stile occidentale potrebbe trasformarsi in un paese sviluppato. Per questi paesi, il liberalismo e la democrazia in stile occidentale sono addirittura fattori che ostacolano piuttosto che promuovere la crescita economica, con l’India che ne è un buon esempio.

Dopo tre ondate di “democratizzazione”, la maggior parte dei paesi in Asia, Africa e America Latina che hanno adottato sistemi democratici in stile occidentale non hanno prosperato. Fonte immagine: wiki di Piotrus

Ecco perché, quando Angelina Jolie si è fermata davanti alle rovine in Medio Oriente, annusando i cadaveri, e parlando di “non hanno niente, ma sono liberi”, più persone nel mondo, tra cui sempre di più Gli stessi americani , iniziò lentamente a rendersi conto che la guerra in Iraq iniziata dagli Stati Uniti e da altri era una decisione completamente sbagliata.

Come si suol dire, “il bambino non è un pesce e la gioia di conoscere il pesce è al sicuro”. L’errore più comune che fanno gli occidentali, anche includendo i bonari tra loro, è che gli piace imporre le proprie opinioni agli altri. Pertanto, questo approccio interventista attivo nella società occidentale, che preconcedeva ciò che vogliono come ciò che vogliono gli altri e costringe gli altri ad accettare, ha in realtà portato a innumerevoli tragedie “libertà, quanti mali e falsità” Agire in nome”. Anche se il loro punto di partenza è risolvere il problema, finiscono per peggiorare il problema. Questo vale dall’Iraq ai paesi dell’ex Jugoslavia, dal Medio Oriente dopo la “primavera araba” al recente Afghanistan.

Rispetto alla politica interventista aggressiva e propositiva degli Stati Uniti, la politica cinese in questo senso è ovviamente più in linea con gli interessi dei popoli del mondo. Prendendo come esempio le politiche nucleari di base della Cina e degli Stati Uniti, come base per gli Stati Uniti per promuovere la loro egemonia nel mondo, gli Stati Uniti adottano una politica interventista attiva che mantiene il principio del “primo utilizzo delle armi nucleari” Chiunque sia disobbediente, gli Stati Uniti possono anche essere i primi a usare armi nucleari Usa armi nucleari per attaccarli.

Al contrario, la Cina adotta il principio del “nessun primo utilizzo di armi nucleari”. Questo principio della Cina non solo può riflettere la responsabilità attiva della Cina per l’ordine internazionale e la pace internazionale, ma ha anche un certo grado di flessibilità. Per i paesi non nucleari e le regioni non nucleari, la Cina non sarà sicuramente la prima a utilizzare armi nucleari; per i paesi dotati di armi nucleari, in linea di principio, è anche incondizionato non essere i primi a usarle. Tuttavia, se un paese dotato di armi nucleari osa invadere sconsideratamente la Cina e violare palesemente la pace nel mondo e la rettitudine dell’umanità, è chiaramente oggetto di discussione se ci debba essere un’eccezione al principio cinese del “nessun primo utilizzo di armi nucleari”.

Questa è la caratteristica del nuovo ordine internazionale della futura “Pax Sinica”, che possiamo semplicemente chiamare “interventismo aggressivo passivo”. Nello specifico:

Da un lato, abbiamo urgente bisogno di aggiustare le cose, e dobbiamo riporre la rettitudine della società umana sul benessere fondamentale degli esseri umani, come lo sviluppo dell’economia e la ricerca di benefici per la gente comune. Non abbiamo bisogno di negare il significato e il valore del sistema democratico occidentale o dell’ordine neoliberista alla stessa società occidentale (a parte il saccheggio e l’aggressione del mondo occidentale contro il mondo non occidentale per più di cinquecento anni), ma noi sappiate chiaramente che un’adeguata giustizia formale in Occidente (la cosiddetta “democrazia” e “libertà in stile occidentale”) non è necessariamente adatta ad altri luoghi, non è la stessa giustizia sostanziale.

Pertanto, nel nuovo ordine internazionale auspicato dalla Cina, il fulcro del confronto tra paesi non è solo su procedure e forme, ma anche su sostanza ed effetti pratici. Dopotutto, se un paese o una società adotti l’apparenza di valori liberali e di una democrazia in stile occidentale non è la questione principale. Ciò che dobbiamo confrontare e discutere di più sono le questioni specifiche del benessere sociale umano: come il livello e la velocità dello sviluppo economico, il miglioramento degli standard di istruzione, il livello di governo del governo, la convenienza e l’efficacia delle cure mediche, il livello dello stato di diritto nella società, livello di corruzione Il grado, la polarizzazione dei ricchi e dei poveri, il benessere della società, l’unità e l’unità dello stato e della società, ecc., sono legati a questioni specifiche come gli interessi vitali di ogni individuo nella società.

D’altra parte, non dovremmo usare la “pseudo-rettitudine” del cosiddetto “ordine basato sulle regole” del neoliberismo per interferire e sconvolgere altri paesi come l’Occidente. Il nuovo ordine mondiale in futuro dovrebbe prendere il benessere della società umana come suo principio principale, e quindi risolvere passo dopo passo i problemi specifici della società umana come la guerra, le malattie, la povertà, l’ignoranza e l’arretratezza. Inoltre, se un paese osa violare e distruggere arbitrariamente la rettitudine della società umana, allora quei paesi violati e distrutti dovrebbero avere il diritto di usare tutti i mezzi legali per intervenire e sanzionare in tutto il mondo.

Negli ultimi anni, infatti, la Cina ha gradualmente approvato leggi (come la legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong) e sanzioni internazionali su questioni di giustizia sociale umana che coinvolgono la riunificazione di paesi e nazioni come Xinjiang, Hong Kong e Taiwan, misure che hanno ha scioccato e dissuaso le persone in tutto il mondo e i risultati sono stati molto significativi. Sebbene la Cina sia nella fase attuale, generalmente non ha attraversato i confini della Cina per cercare attivamente problemi con gli altri. Tuttavia, poiché la legislazione cinese in questo senso sta migliorando e la forza della Cina sta gradualmente aumentando, una serie di misure di intervento come la giurisdizione sul braccio lungo e le sanzioni secondarie possono anche essere prese in considerazione per l’adozione su scala globale in futuro.

Inoltre, a differenza della politica interventista degli Stati Uniti, che attacca attivamente ovunque, la premessa della politica interventista passivo-aggressiva della Cina deve essere “se qualcuno commette un crimine contro di me, commetterò il crimine”, che a sua volta ha la legittimità di autodifesa; fintanto che il principio passivo è mantenuto, è completamente Non preoccuparti degli “ammazzadraghi diventano draghi”.

Pertanto, “pace mondiale sotto il dominio della Cina” significa che la Cina ha bisogno di lavorare con tutti gli altri paesi del mondo per procedere dall’alto della vera rettitudine della società umana, ed essere con i piedi per terra quando c’è “disobbedienza a coloro che sono lontani, poiché coltivano la moralità”. L’atteggiamento del fare le cose, gli stranieri adottano lo scopo di promuovere lo sviluppo pacifico degli affari internazionali di “non causare problemi, non aver paura dei problemi”. Un tale nuovo ordine internazionale guidato dalla Cina è ovviamente più in linea con gli interessi delle persone di tutto il mondo.

Terzo, da una cooperazione internazionale basata su transazioni a una cooperazione internazionale basata su abilitanti.

Il vecchio ordine internazionale liberale dominato dagli Stati Uniti non ha in realtà infranto il tradizionale principio anglo-americano dell'”interesse prima di tutto”. Come disse duecento anni fa Lord Henry Palmerston in Gran Bretagna: “Non abbiamo alleati permanenti e nemici permanenti. Solo i nostri interessi sono permanenti, ed è nostro compito seguirli. responsabilità”.

Pertanto, agli occhi dei paesi occidentali come gli Stati Uniti, le relazioni internazionali sono tutti i tipi di transazioni, grandi e piccole: non ci sono amici permanenti tra paesi, ma solo interessi permanenti. Anche tra i cosiddetti “alleati”. Di recente, Stati Uniti e Regno Unito hanno estorto ordini per decine di miliardi di dollari per la produzione di sottomarini per l’Australia direttamente dalla Francia, che ne è il miglior esempio.

Alla sua radice, il sistema economico determina la sovrastruttura. La natura del capitale in cerca di profitto nel sistema capitalista occidentale ha determinato che lo scopo della cooperazione internazionale guidata dall’Occidente è di beneficiare degli scambi e degli scambi, cioè di massimizzare le plusvalenze. Pertanto, anche se l’Occidente tiene sempre alti i cosiddetti “diritti umani”, “libertà” e “democrazia” e altri falsi vessilli della società umana, questi possono essere abbandonati in qualsiasi momento di fronte al denaro e agli interessi .

Ancora più deplorevole è che, come una volta il presidente Eisenhower ha avvertito il mondo nel suo discorso di addio, gli Stati Uniti hanno ampiamente sviluppato un’economia di guerra. Per la maggior parte del tempo dopo la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti sono stati a lungo nel mezzo di guerre di varie dimensioni, uccidendo circa 20 milioni di persone in quasi 40 paesi. Di conseguenza, oltre a realizzare il complesso industriale militare occidentale (MIC) e i suoi appaltatori di armi affiliati, nonché altre industrie correlate e capitale finanziario, la stragrande maggioranza dei paesi e delle persone negli Stati Uniti e in Occidente ha realizzato enormi profitti Con “aiuto”, non si sono sbarazzati del tragico destino della povertà e dell’arretratezza.

Il discorso di addio di Eisenhower è diventato una previsione accurata.Credit: NPR

Pertanto, quando la Cina sostiene il concetto di “comunità con un futuro condiviso per l’umanità” in tutto il mondo, il nuovo ordine internazionale che immaginiamo non dovrebbe essere una cooperazione puramente internazionale basata sugli interessi. Come dice il proverbio, “Coloro che beneficiano l’uno dell’altro saranno dissipati quando i benefici saranno esauriti.” I cinesi immaginavano “tu hai me, io ho te” e una “comunità con un futuro condiviso per l’umanità” che dipende l’uno dall’altro non si basa solo sugli interessi, ma anche sulla base degli interessi È importante prestare attenzione all’interazione tra di essi, nonché alle prospettive di cooperazione a lungo termine tra le parti interessate. Nello specifico, può essere visualizzato da tre livelli.

In primo luogo, l’instabilità del sistema di regime occidentale ha portato le ali sinistra e destra del partito al governo a alternarsi al potere. Ciò rende spesso incerta anche la continuità della politica occidentale. In particolare, la cooperazione internazionale transazionale basata sugli interessi occidentali spesso guarda solo agli interessi correnti e non può tenere conto del lungo termine. C’erano una volta al-Qaeda, Saddam, i curdi, ecc. erano ancora gli oggetti di sostegno e gli ospiti del governo statunitense, ma quando gli interessi dei paesi occidentali come gli Stati Uniti cambiarono, i cosiddetti amici si trasformarono in nemici.

Al contrario, il sistema cinese è relativamente stabile. Pertanto, nella politica generale della cooperazione internazionale, non vedremo solo gli interessi attuali, ma ci concentreremo anche su interessi a lungo termine. La cooperazione dalla Cina tende ad essere coerente e persistente, a meno che l’altra parte non cambi idea da sola. Come la cooperazione tra Cina e Pakistan, i progetti africani sostenuti dalla Cina, ecc., il lasso di tempo è molto lungo.

Inoltre, anche se si tratta esclusivamente di un progetto di investimento estero aziendale, le grandi imprese cinesi di solito considerano interessi a lungo termine. Anche se ci sono guadagni e perdite in alcuni progetti, il risultato complessivo sarà una situazione vantaggiosa per tutti. Ad esempio, una società cinese una volta ha perso diversi miliardi di RMB in un progetto ferroviario in un paese arabo per vari motivi. Tuttavia, la buona immagine e il rapporto di fiducia instaurato da questa società cinese da questo progetto ha portato anche a un flusso infinito di progetti di follow-up, che non solo hanno comportato un notevole ritorno sull’investimento, ma hanno anche aumentato l’influenza di altre società cinesi nel Medio Oriente Stabilito rapporto d’affari a lungo termine.

Pertanto, la cooperazione dalla Cina non è solo un puro scambio di interessi, ma attraverso una cooperazione a lungo termine può creare l’effetto di un reciproco potenziamento per tutte le parti coinvolte. Di conseguenza, la cooperazione internazionale a breve termine del tipo di transazione semplice è stata trasformata in una cooperazione internazionale a lungo termine di reciproco potenziamento.

In secondo luogo, sebbene la stessa economia di mercato persegua gli interessi, è comprensibile; tuttavia, gli interessi dell’Occidente nella cooperazione internazionale basata sulle transazioni basate sugli interessi spesso danno la priorità agli interessi dell’Occidente stesso e non agli interessi del partner . Oltre alla cooperazione e all’assistenza del modello nordico, che tiene conto anche degli interessi dei paesi beneficiari e riflette un certo grado di altruismo e requisiti di neutralità, la maggior parte dei paesi occidentali trasformerà direttamente la cooperazione e l’assistenza in affari che sono principalmente vantaggiosi per se stessi .

I casi tipici più estremi qui, come lo scandalo degli Stati Uniti che hanno acquistato uniformi mimetiche nella giungla per i commando dell’esercito nazionale afgano alcuni anni fa, quando il Pentagono ha trovato appositamente una piccola azienda sconosciuta da acquistare e ha anche speso 93,81 milioni di dollari USA. Ma se acquisti la stessa quantità di camuffamento ACU al prezzo di mercato nordamericano, costerà solo meno di $ 64 milioni. Ciò che è ancora più ironico è che l’Afghanistan è un paese senza sbocco sul mare in Asia centrale. La maggior parte del paese e delle aree circostanti sono deserti montuosi e il tasso di copertura forestale è solo del 2,1%. Pertanto, l’esercito afgano che indossa uniformi mimetiche forestali non ha quasi alcun effetto .

Un altro esempio estremo è che nel 2005 USAID ha stanziato 80 milioni di dollari nel suo budget per sostenere un programma chiamato Roll Back Malaria per aiutare i paesi africani.Il sondaggio ha rilevato che solo il 5% di questo budget è stato speso.Per l’acquisto di zanzariere, solo 1 La % va all’acquisto di medicinali e la stragrande maggioranza del resto va all’USAD stessa ea consulenti di assistenza al lavoro ben pagati.

Anche escludendo i casi estremi, la normale cooperazione e assistenza dall’Occidente sono problematiche. Prendendo gli interessi come fulcro, i paesi occidentali considerano la cooperazione e gli aiuti come “affari”. Uno dei risultati oggettivi è che i paesi in via di sviluppo dipendono fortemente dai prestiti e dagli aiuti occidentali. In considerazione dei prestiti e degli aiuti occidentali, la maggior parte di essi sarà utilizzata per acquistare servizi e prodotti una tantum dall’Occidente, il che crea direttamente il dilemma del “più povero è più preso in prestito, più povero è più preso in prestito”. Per non parlare del fatto che gli Stati Uniti e altri paesi “infetteranno” deliberatamente alcuni paesi sovrani con problemi di debito nel sud-est asiatico, in America Latina e in altri luoghi, in modo che cadranno gradualmente nella trappola economica progettata dagli Stati Uniti e da altri occidentali.

Al contrario, la cooperazione e gli aiuti esteri della Cina sono più altruistici, non solo per raggiungere gli interessi di una parte, ma anche per responsabilizzare tutte le parti coinvolte e aiutarle a svilupparsi. Proprio come i progetti di investimento “Belt and Road” lanciati dalla Cina, stanno praticamente portando tutti i progetti infrastrutturali tanto necessari ai paesi lungo il percorso. Non solo il prezzo è giusto e ragionevole, ma anche la velocità e la qualità ingegneristica sono più garantite. Prendiamo come esempio il progetto della metropolitana del Vietnam inaugurato di recente: il prezzo del progetto è solo un terzo di quello di un progetto simile intrapreso da un’azienda giapponese in Vietnam e il completamento è molto prima del progetto dell’azienda giapponese.

Pertanto, la cooperazione e gli aiuti esteri della Cina non sono solo un semplice scambio di interessi “transazionale”. Perché costruendo infrastrutture favorevoli per questi paesi lungo la “Belt and Road”, non solo la qualità del progetto stesso è affidabile, ma anche molti risparmi sui costi per questi paesi; dà a questi paesi la possibilità di svilupparsi ulteriormente, ottenendo così l’effetto energetico della dotazione.

Infine, la cooperazione internazionale transazionale basata sugli interessi occidentali spesso include la promozione dei valori occidentali come parte della transazione. Non si tratta di ciò che pensi, ma di ciò che penso sia giusto o sbagliato prima. Come aiuto condizionato, quasi tutti i paesi occidentali (compresi i paesi nordici) considereranno la “democrazia”, ​​la “libertà” e altri “valori universali” di stile occidentale come condizioni per fornire aiuti ai paesi in via di sviluppo, richiedendo ai paesi beneficiari di svolgere attività politiche in stile occidentale riforme, attuare la democratizzazione, ecc. Per quanto riguarda la cosiddetta “democrazia e libertà” instillata nel paese, se la sua costituzione interna possa adattarsi alla democrazia e alla libertà di stampo occidentale, ecc., non rientra nell’ambito della considerazione dell’Occidente.

Inoltre, molti progetti di cooperazione e aiuto occidentali prescriveranno casualmente anche le cosiddette prescrizioni di “Washington Consensus”, richiedendo all’altro paese di ridurre le tariffe, smantellare le imprese statali, aprire il mercato, ecc., il che porterà ulteriormente al crollo delle industrie locali di questi paesi. .

Al contrario, la cooperazione e l’assistenza dalla Cina sono senza dubbio un chiaro flusso per la comunità internazionale. È diverso dalla falsa “rettitudine” di “legare con la forza” alcune cose disordinate e irrilevanti nella cooperazione internazionale occidentale e cogliere l’occasione per promuovere la cosiddetta “democrazia e libertà” in stile occidentale della società umana. Se la cooperazione e l’assistenza dalla Cina promuove anche l’idea di valori. , quindi l’unico valore che promuoviamo è la vera rettitudine della società umana, che è migliorare efficacemente il benessere delle persone dell’altro paese. Che si tratti di costruire ponti, costruire strade, costruire porti o investire in telecomunicazioni di base, logistica, ecc., la Cina non si basa solo sullo scambio di interessi, ma rafforzerà ulteriormente le capacità e i punti di forza dell’altro paese in vari aspetti . Pertanto, per la parte partner, non solo riflette i vantaggi di una cooperazione reale e reciprocamente vantaggiosa, ma ha anche l’effetto di “potenziare” l’altra parte.

Proprio per questo, sebbene ai media occidentali piaccia sempre lamentarsi delle “trappole” degli investimenti dalla Cina, la maggior parte dei paesi del mondo è sempre stata interessata agli investimenti dalla Cina e la cooperazione è benvenuta (ad esempio la Cina convocato una conferenza internazionale sulla Belt and Road, e il numero di leader nazionali che sono venuti a partecipare ha persino superato la normale conferenza delle Nazioni Unite). Ciò dimostra anche che il leader della cooperazione internazionale in futuro avrà sicuramente un posto in Cina. Inoltre, i paesi che apprezzano veramente i vantaggi della cooperazione internazionale abilitata dalla Cina, saranno anche molto disposti a collaborare con la Cina per riscrivere e formulare nuovi ordini e nuove regole per la futura cooperazione internazionale.

Il futuro dell’ordine internazionale e delle regole

Due recenti casi storici possono ulteriormente vedere il posto della Cina nelle regole e nell’ordine internazionale.

In primo luogo, negli ultimi anni, il governo degli Stati Uniti ha sistematicamente obbligato le società cinesi controllate dallo stato a rimuovere le liste negli Stati Uniti. Inoltre, il governo degli Stati Uniti continua a richiedere ad altre società cinesi quotate negli Stati Uniti di rivelare ulteriormente i propri conti alle società di revisione statunitensi, altrimenti saranno espulse dalla borsa statunitense. Al contrario, il governo cinese ha anche iniziato a inasprire gradualmente le normative sulle società cinesi quotate all’estero, in particolare quelle quotate negli Stati Uniti. Diventa sempre più evidente anche l’intenzione di utilizzare Hong Kong e altri luoghi per sostituire gli Stati Uniti come piattaforma principale per il finanziamento all’estero delle imprese cinesi.

Un’altra cosa è che a seguito dell’iniziativa “One Belt, One Road” lanciata da Cina, Stati Uniti e Unione Europea hanno successivamente proposto i propri piani infrastrutturali globali. Naturalmente, che si tratti della “Build Back Better World Initiative” (B3W) proposta dagli Stati Uniti, o del programma “Global Gateway” (Global Gateway) lanciato dall’Unione Europea, tutti sottolineano le proprie caratteristiche. Per differenziarsi dall’iniziativa cinese “Una cintura, una strada”, questi piani esaltano concetti come “valori”, “standard elevati” e “sostegno al settore privato”. Per quanto riguarda la reale attuazione, l’effettiva portata degli investimenti e i benefici che porterà ad altri paesi in via di sviluppo, si stima che per un po’ non vedremo risultati concreti.

Attraverso questi due eventi, possiamo vedere i cambiamenti nell’ordine internazionale e nelle regole del mondo in futuro, e ci sono due possibili tendenze. In particolare, il crescente confronto tra Cina e Stati Uniti riflesso nel primo esempio mostra il futuro ordine e regole internazionali: nel breve termine, si tende a continuare ad ampliare il confronto e il conflitto. Tuttavia, quest’ultimo evento mostra che, almeno nel campo della cooperazione internazionale, nel lungo periodo c’è anche la possibilità che il mondo si stia allineando all’ordine e alle regole stabilite dalla Cina.

Il primo incidente è un microcosmo di Cina e Stati Uniti che iniziano a lottare per il predominio dell’ordine e delle regole internazionali mondiali sullo sfondo degli Stati Uniti che cercano unilateralmente di disaccoppiarsi dalla Cina. In apparenza sembra che sempre più aziende cinesi si stiano ritirando dal mercato azionario statunitense, ma in realtà si riflette anche dal lato che anche Wall Street, attuale centro della finanza globale, sta diventando sempre più accessibile alle aziende e agli investitori cinesi .Facoltativo.

Dopotutto, dal punto di vista della parità del potere d’acquisto (PPP), la Cina era la più grande economia del mondo molti anni fa; anche in termini di tassi di cambio, secondo le previsioni economiche tradizionali, la forza economica complessiva della Cina ha superato quella degli Stati Uniti in circa dieci anni. . Il mercato interno cinese è abbastanza forte da essere ben finanziato e non è difficile attrarre di più dal resto del mondo. Pertanto, sebbene questa questione sia stata inizialmente provocata dagli Stati Uniti, non spetta agli Stati Uniti decidere quando finirà. I mercati azionari della Cina continentale e di Hong Kong hanno utilizzato la propria serie di ordini e regole per competere con il mercato azionario statunitense e hanno iniziato a competere per il predominio della finanza e degli investimenti internazionali, ma non è chiaro chi li ucciderà.

In ultima analisi, finché non ci saranno nuove rivoluzioni industriali o innovazioni tecnologiche, l’Occidente, in quanto mercato maturo, ha possibilità limitate di generare affari incrementali; e il vantaggio della Cina sta proprio nel fatto che la Cina è il mercato incrementale più grande del mondo e la Cina è un mercato maturo nel campo della tecnologia e dell’esercito. , le industrie di front-end, ecc. si sono avvicinate o addirittura superate l’Occidente in alcune aree. Anche ora, il botteghino complessivo dei film cinesi ha superato quello degli Stati Uniti. Le vendite di auto in Cina sono state le più grandi al mondo per 12 anni consecutivi. Recentemente, la Cina ha superato gli Stati Uniti diventando il più grande paese consumatore del mondo, e così via .

Attualmente, il PIL pro capite cinese è solo un sesto di quello degli Stati Uniti.Se il PIL pro capite cinese può raggiungere la metà di quello degli Stati Uniti in futuro, l’aggregato economico cinese sarà più grande dell’intera UE e degli Stati Uniti Stati uniti. Pertanto, il futuro mercato cinese sarà così ampio da poter supportare non solo le società locali, ma anche un certo numero di società straniere e straniere. Per molte aziende eccezionali in Europa e in America, se continuano a fare affari in Cina, potrebbe essere solo questione di tempo prima che i vantaggi del mercato cinese superino in futuro il loro mercato interno.

E le aziende americane come General Motors, Tesla e Apple hanno storicamente raccolto molto di più che semplici ritorni redditizi dai loro investimenti cinesi. Queste aziende hanno assicurato la loro posizione di leadership internazionale nel settore integrando le loro attività in Cina, sfruttando il talento e i vantaggi della produzione cinese e gli scambi tecnici.

Elon Musk ha più volte sottolineato che l’azienda più competitiva per Tesla potrebbe venire dalla Cina. Ciò significa anche che se le aziende straniere e straniere non possono sopravvivere nella forte concorrenza del mercato cinese, c’è il rischio di diventare aziende di secondo e terzo livello nel mondo. È proprio per questo che la serie di tentativi degli Stati Uniti dai tempi di Trump di disaccoppiarsi economicamente dalla Cina, sperando che le vere industrie tornino negli Stati Uniti o almeno si trasferiscano dalla Cina, sono in realtà in gran parte un pio desiderio.

Pertanto, anche i media conservatori che rappresentano il capitale nazionale e le imprese negli Stati Uniti sostengono ogni giorno la minaccia della Cina, considerano l’investimento di capitali e imprese multinazionali in Cina un comportamento da “capitale nemico” e esercitano molta pressione su alcune persone che “scommettono da entrambe le parti” in Cina e negli Stati Uniti. Gli investitori si scatenano, ma il futuro dell’economia mondiale è in definitiva in Cina. Ci sono molte persone ragionevoli negli Stati Uniti, proprio come Joseph Nye, famoso per aver proposto il concetto di “soft power”, ha detto francamente: “È sbagliato pensare che possiamo disaccoppiare completamente l’economia dalla Cina senza pagare un costo economico enorme . di”. Dopotutto, non è solo la Cina ad aver beneficiato della globalizzazione del commercio e il mondo occidentale non è monolitico.

È anche in questo contesto che il leader che cambia l’ordine e le regole in realtà non è un grosso problema per le aziende e gli investitori di tutto il mondo. Inoltre, negli ultimi anni la Cina ha compiuto grandi progressi nella costruzione dello Stato di diritto: la tutela dei diritti privati ​​e del capitale privato fornita da una serie di leggi e regolamenti come il codice civile e la legge sugli investimenti esteri non è più in vigore in linea con la prassi internazionale qualsiasi differenza sostanziale.

Poiché il confronto e il conflitto tra Cina e Stati Uniti continuano a intensificarsi, nel peggiore dei casi, la Cina può persino rinunciare al mercato statunitense (compreso andare negli Stati Uniti per il finanziamento del mercato dei capitali, ecc.); tuttavia, è improbabile che gli Stati Uniti rinunciare volontariamente al capitale e alle imprese statunitensi E gli investitori hanno un crescente interesse economico nel mercato cinese.

Questo è il motivo per cui, nel breve termine, il confronto punto a punto e il conflitto tra Cina e Stati Uniti causeranno il cosiddetto problema del “fare la fila”. Anche così, la maggior parte dei paesi del mondo non ha seguito la cieca obbedienza del confronto tra USA e Unione Sovietica. Prima del 1980, l’Unione Sovietica ha speso ingenti somme di denaro per organizzare grandi Giochi Olimpici a Mosca e più di 60 paesi hanno partecipato al boicottaggio diplomatico avviato dagli Stati Uniti; alle Olimpiadi invernali di Pechino di quest’anno, solo pochi paesi hanno seguito gli Stati Uniti States e ha affermato di non inviare funzionari.

Naturalmente, gli Stati Uniti, attraverso la loro cerchia di amici, perseguono e intercettano la Cina attraverso alcuni piccoli mezzi, che causeranno temporaneamente alcune difficoltà allo sviluppo di alcune delle società cinesi colpite. Tuttavia, a lungo termine, fintanto che il mercato cinese può sostituire il mercato statunitense come mercato più grande del mondo, e può diventare costantemente la principale forza trainante per la crescita economica di tutti i paesi del mondo, la voce e la posizione della Cina a livello internazionale le regole e l’ordine inevitabilmente aumenteranno e supereranno persino gli Stati Uniti e l’Unione Europea, che è la tendenza generale.

Infatti, nell’ambito della cooperazione internazionale, attraverso il secondo evento sopra citato, si intravede già l’indizio che il vento di levante prevarrà su quello di ponente. Per quanto riguarda gli investimenti infrastrutturali globali, non si considerano le motivazioni geopolitiche dell’iniziativa “Return to a Better World Initiative” proposta dagli Stati Uniti e del piano “Global Gateway” lanciato dall’Unione Europea. , Medio Oriente e Centro e il Sud America per rallentare il crescente problema dei profughi e dell’immigrazione clandestina negli Stati Uniti e nell’Unione Europea. Ciò è paragonabile alla difesa della Cina di costruire una “comunità con un futuro condiviso per l’umanità” e al suo sincero desiderio di includere i paesi “Belt and Road” sulla strada di un rapido sviluppo con la Cina.

Tuttavia, come accennato in precedenza, la cooperazione e l’assistenza del mondo occidentale rappresentato dagli Stati Uniti nei paesi in via di sviluppo è sempre stata in passato orientata all’interesse personale. Anche se la quantità e il numero di progetti superano quelli cinesi, l’approccio “dare un pesce a un uomo” basato su prestiti e assistenza non può risolvere i problemi di sviluppo che i paesi in via di sviluppo devono affrontare urgentemente. Infatti, se il Canale di Panama viene conteggiato a malincuore come un progetto di costruzione realizzato dagli Stati Uniti per i paesi in via di sviluppo, a più di 100 anni dal completamento di questo progetto, gli Stati Uniti non hanno altri importanti progetti infrastrutturali a beneficio di altri paesi in via di sviluppo. . Questo è molto diverso dal fatto che la Repubblica popolare cinese ha iniziato a investire molto in progetti come la ferrovia Tazara in Africa poco dopo la fondazione della Repubblica popolare cinese ed è stata entusiasta di aiutare i paesi in via di sviluppo sin dall’inizio.

Pertanto, gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno successivamente lanciato le proprie versioni dei loro piani di cooperazione con le infrastrutture, che è essa stessa una risposta alla Belt and Road Initiative della Cina e una revisione direzionale della sua passata cooperazione e assistenza internazionale. Se il mondo occidentale come gli Stati Uniti e l’Unione Europea inizia davvero a imparare dalla Cina e ad aiutare i paesi in via di sviluppo nella costruzione di infrastrutture, una volta che questa tendenza di cooperazione internazionale sarà effettivamente attuata e attuata, allora dal punto di vista del vero significato di migliorare il benessere della società umana, indubbiamente è cosa meritoria.

Inoltre, nel campo della cooperazione internazionale, la Cina è diventata di fatto il leader di standard e ordini internazionali pertinenti attraverso l’iniziativa “One Belt, One Road”. Non importa come gli Stati Uniti e l’UE intrecciano la loro pseudo “rettitudine” e “valori”, la cooperazione internazionale orientata ai risultati diventerà sicuramente un nuovo indicatore fintanto che le perle della Cina saranno avanti. In futuro, in base al principio generale dello sviluppo indipendente di tutti i paesi, l’ordine e le regole internazionali considereranno veramente lo sviluppo del benessere della gente comune in tutto il mondo come la rettitudine della società umana, e tutti i metodi benefici possono essere adottata, invece della sola democrazia liberale in stile occidentale.

In breve, “pace mondiale sotto il dominio della Cina” non significa che la Cina voglia competere con il mondo occidentale per l’egemonia, perché la nostra visione di una “comunità con un futuro condiviso per l’umanità” si basa sull’idea di co -prosperità, convivenza e cooperazione vantaggiosa per tutti. Purtroppo, i paesi occidentali guidati dagli Stati Uniti sono ancora immersi, come sempre, nel mito della Guerra Fredda, provocando dispute ideologiche sempre più insignificanti con Cina, Russia e altri paesi. Inoltre, la società occidentale tradizionale considera ancora ostinatamente qualsiasi politica con ideologia socialista o tendenze stataliste come una “grande erba velenosa” indipendentemente dalla sua efficacia.

Al contrario, l’odierna società cinese è abbastanza matura e sicura di sé da non considerare più l’ordine e il pensiero liberali come una bestia mostruosa. In realtà, l’atteggiamento fattuale di “la pratica è l’unico criterio per verificare la verità” significa anche che aderiamo all’approccio orientato ai risultati e adotteremo attivamente qualsiasi politica liberale che sia veramente vantaggiosa per la Cina. Possiamo anche accettare umilmente critiche costruttive, comprese quelle del mondo occidentale.

Questi sono anche uno dei motivi più importanti per cui il mondo occidentale è diventato sempre più difficile negli ultimi anni, mentre la Cina è stata in grado di crescere con la tendenza. “Mille vele passano accanto a una barca che affonda e mille alberi spuntano davanti a un albero malato.” Quando ci troviamo di fronte a tali “barche che affondano” e “alberi malati” in Occidente, il futuro è arrivato e “il mondo la pace sotto il dominio della Cina” può anche essere pienamente prevista.

Questo articolo è un manoscritto esclusivo di Observer.com.Il contenuto dell’articolo è puramente personale opinione dell’autore e non rappresenta il punto di vista della piattaforma

Li Lixing: lo sviluppo dell’economia della piattaforma pone sfide al sistema di servizio pubblico basato su unità

 

Dinamiche simili ma in contesti diversi ed spesso opposti, da una parte emergenti, dall’altra declinanti. Buona lettura, Giuseppe Germinario

La vita quotidiana delle persone è inseparabile dall’economia della piattaforma: addetti alle consegne di cibo, autisti che salutano le auto online… Varie forme di lavoro a contratto derivate dall’economia della piattaforma vengono sempre più rispettate e riconosciute. Compresi posti di lavoro e imprenditorialità, l’economia della piattaforma sta rimodellando le nostre vite.

Negli ultimi anni, argomenti come “fornitori intrappolati negli algoritmi” hanno suscitato accese discussioni, l’economia della piattaforma ha attirato ancora una volta l’attenzione e le persone sono più preoccupate per la situazione dei gig worker. Pochi giorni fa, “Platform Economy: Innovation, Governance and Prosperity” è stato pubblicato dal Platform Economy Innovation and Governance Research Group dell’Università di Pechino e pubblicato da CITIC Press. Studiosi in diversi campi hanno discusso una serie di questioni importanti nell’economia delle piattaforme e hanno fornito soluzioni mirate e raccomandazioni politiche.

Che ruolo gioca l’economia della piattaforma nell’attuale contesto occupazionale? Quali sono le principali difficoltà che devono affrontare i gig worker?

Concentrandosi su questi temi, la mattina del 27 luglio, Li Lixing, membro del gruppo di ricerca sull’innovazione e la governance economica della piattaforma dell’Università di Pechino, professore presso il National Development Institute dell’Università di Pechino e caporedattore esecutivo della Cina Economic Quarterly International, l’edizione internazionale di “Economics” (trimestrale), è andata all’Observer Network e ha condiviso le sue opinioni.

Rete di osservatori: Buongiorno Professor Li, prima di tutto vorrei chiederle di parlarci dell’attuale contesto occupazionale. E quale ruolo gioca l’economia della piattaforma nel contesto attuale?

Lixing: OK. Penso che si possa dire sotto due aspetti: il primo aspetto è che l’attuale situazione macroeconomica non è molto positiva e la pressione occupazionale è molto alta. Più di 10 milioni di studenti universitari si sono laureati quest’anno e il tasso di disoccupazione tra i giovani è molto alto, un fenomeno che preoccupa molto l’intera società.

Il secondo contesto è il progresso della tecnologia digitale, che ha cambiato la natura di molti lavori. Ora molti lavori sono passati da offline a online; dal servizio di un’impresa o di un’azienda al servizio di più aziende e più aziende contemporaneamente; da lavori fissi a lavoro flessibile. Pertanto, c’è una tendenza ai lavori saltuari e alla flessibilità.

In questo processo, l’economia della piattaforma gioca un ruolo molto importante.

Una “piattaforma” è un’organizzazione tra un’impresa e un mercato. Un tempo era “mercato-impresa”, ma ora è “mercato-piattaforma-impresa”, con la piattaforma che sostituisce parzialmente i ruoli dell’impresa e del mercato . Collega consumatori, imprese, lavoratori e fornitori di servizi ausiliari e collega anche il mercato delle materie prime con il mercato del lavoro. Alcune piattaforme forniscono direttamente occupazione, come piattaforme online di car-hailing e da asporto; alcune piattaforme possono stimolare indirettamente l’occupazione, come piattaforme di e-commerce, piattaforme di trasmissione in diretta e piattaforme di crowdsourcing.

Per riassumere, l’economia della piattaforma è ora un punto di partenza importante per promuovere e stabilizzare l’occupazione.

Observer.com: Quale impatto avrà la forma occupazionale dei “gig worker” sulla struttura del nostro mercato del lavoro?

Li Lixing: Possiamo esaminare diverse statistiche.

Secondo il National Bureau of Statistics, entro la fine del 2021 ci sono 200 milioni di persone con un’occupazione flessibile in Cina; le statistiche dello State Information Center mostrano che ci sono circa 84 milioni di fornitori di servizi e circa 6,31 milioni di dipendenti di piattaforme nell’economia collaborativa cinese. Secondo il “Rapporto sullo sviluppo dell’occupazione flessibile” pubblicato dall’università, il 61% delle imprese cinesi utilizza un’occupazione flessibile e la scala dell’occupazione flessibile è di circa 100 milioni.

Nel 2020, ci sono circa 84 milioni di fornitori di servizi di sharing economy nel mio paese e circa 6,31 milioni di dipendenti nelle imprese con piattaforma

 Fonte: Rapporto sullo sviluppo dell’economia condivisa in Cina (2021)

Le statistiche sono leggermente diverse perché non esiste ancora una misura chiara. Ma in breve, possiamo vedere che 100-200 milioni di persone ora utilizzano metodi di lavoro flessibili, il che è un grande cambiamento.

Ora il concetto di “lavoro flessibile” è relativamente ampio, include una varietà di situazioni e include anche alcuni “disoccupati” in senso tradizionale. Con così tante persone che lavorano in modo flessibile, è probabile che la percentuale continui ad aumentare e l’impatto sul mercato del lavoro è enorme.

Observer.com: avrà un impatto maggiore sul mercato del lavoro cinese rispetto ad altri paesi?

Li Lixing: Penso che questo sia generalmente il caso. Da un lato, la tecnologia digitale cinese sta progredendo molto rapidamente; dall’altro, la Cina ha una popolazione numerosa e le sue industrie sono principalmente ad alta intensità di manodopera, quindi l’occupazione sarà fortemente influenzata dall’economia delle piattaforme.

Una caratteristica importante dei paesi in via di sviluppo è che c’è molto del cosiddetto “lavoro informale”. In precedenza è stato affermato che l’occupazione informale verrà formalizzata con lo sviluppo dell’economia. Ma ora potrebbe non sembrare probabile. Dopo che l’economia di un paese è stata fortemente sviluppata, molti posti di lavoro continueranno ad adottare un approccio flessibile. In senso tradizionale, è probabile che in futuro il “lavoro informale” diventi la norma.

Se la Cina viene confrontata con altri paesi a basso reddito, il loro mercato del lavoro potrebbe essere maggiormente influenzato dal “lavoro a contratto”. Ma se viene confrontato con i paesi sviluppati, l’impatto su di noi è ovviamente più forte in profondità e in ampiezza.

Observer.com: Ci sono opinioni secondo cui la perdita dei posti di lavoro tradizionali, il calo della quota del reddito da lavoro, compreso l’allargamento del divario di reddito tra aree e regioni urbane e rurali… Questi problemi sono legati all’ascesa dell’economia delle piattaforme. Cosa ne pensi?

Li Lixing: Questi sono fenomeni molto importanti, non esclusivi della Cina, stanno accadendo in tutto il mondo. Penso che la relazione tra loro e l’ascesa dell’economia della piattaforma sia più una correlazione, non necessariamente una relazione causale. Potrebbero esserci ragioni più profonde dietro questo, che necessitano di ulteriori discussioni.

Non esiste un unico modo in cui funziona l’economia della piattaforma. Può anche ridurre le barriere all’occupazione, responsabilizzare i gruppi svantaggiati, aumentare i redditi di coloro che hanno redditi più bassi e promuovere ulteriormente la diversificazione dei consumatori. Tutto ciò è possibile per promuovere la giustizia sociale e la prosperità comune.

A mio avviso, la scomparsa dei lavori tradizionali è un tipico modo in cui il progresso tecnologico porta a “occupazioni ad alta efficienza in sostituzione di quelle a bassa efficienza”, così come l’auto sostituisce la carrozza, così l’automobilista sostituisce il cocchiere. Grazie alla tecnologia digitale, i posti di lavoro creati dall’economia della piattaforma sono generalmente più efficienti dei vecchi lavori che sostituiscono.

In senso economico, non c’è differenza tra “la riqualificazione industriale richiede nuovi posti di lavoro” e “le piattaforme coltivano abitudini di consumo e creano nuovi posti di lavoro”. A volte può sembrare “l’offerta crea domanda”, ma in sostanza l’innovazione soddisfa la domanda latente.

Le ragioni alla base del calo della quota del reddito da lavoro sono complesse: un motivo importante è considerato l’uso diffuso dei robot, causato anche dal progresso tecnologico, come l’allargamento del divario retributivo urbano-rurale e l’allargamento divari di reddito regionali, sono tutti fattori di agglomerato industriale e di sviluppo economico urbano, risultato inevitabile.

Observer.com: Alcuni giovani “preferirebbero consegnare il cibo piuttosto che andare a lavorare in fabbrica”. Che messaggio trasmette questo?

Li Lixing: Uno è il cambiamento nelle preferenze dei giovani. Preferiscono un modo di lavorare libero e flessibile, piuttosto che ripetere lo stesso lavoro su una catena di montaggio, anche se è più difficile. In secondo luogo, la lenta crescita dei salari di fabbrica li rende poco attraenti. Ciò riflette anche che la struttura industriale sta affrontando un miglioramento, così come la pressione dell’aumento dei costi di produzione nel mio paese, nonché la possibilità di trasferimento all’estero.

Observer.com: L’economia delle piattaforme è in piena espansione, quali cambiamenti ha apportato alle piccole, medie e micro imprese?

Li Lixing: l’economia della piattaforma può portare a importanti cambiamenti nella struttura organizzativa delle imprese.

Ad esempio, un’azienda può esternalizzare per assumere dipendenti, condurre attività di ricerca e sviluppo e gestire la catena di approvvigionamento, quindi invece di mantenere una forza lavoro fissa molto ampia, può assumere il reclutamento di gig, come nel caso del settore della ristorazione. molto tipico, e ora le aziende di catering fondamentalmente non hanno bisogno di creare i propri piatti da asporto.

Molte attività di ricerca e sviluppo e di gestione della catena di approvvigionamento sono ora sul cloud. I servizi cloud alla moda come “Software-as-a-Service” (Saas, Software-as-a-Service) possono coprire più piccole e medie imprese, rendendole piatte, e le “grandi imprese” possono anche diventare “piccole imprese” “.impresa”.

Questo è ciò che di solito chiamiamo la trasformazione digitale delle imprese. Sfide e opportunità coesistono.

L’economia della piattaforma: innovazione, governance e prosperità

Scritto dal Platform Economy Innovation and Governance Research Group dell’Università di Pechino; a cura di Huang Yiping

Editoria CITIC

Nel mondo del lavoro, una sfida importante è il cambiamento del rapporto di lavoro.

Si è rivelato essere un lavoro fisso, le imprese pagano la previdenza sociale per i dipendenti, i dipendenti servono solo questa impresa e c’è uno stato di lealtà e fiducia reciproche in essa. Ora ci sono vari metodi di lavoro come l’outsourcing e i lavori saltuari.Come mantenere la lealtà e la fiducia reciproca dei dipendenti, come fornire ai dipendenti sicurezza e vantaggi e come affrontare i problemi di formazione dei dipendenti potrebbero essere nuove sfide.

Observer Network: quale impatto avrà la serie di cambiamenti apportati dall’economia della piattaforma sulla nostra attuale imprenditorialità? Ridefinirà il panorama imprenditoriale cinese?

Li Lixing: il lavoro viene assunto da altri e avviare un’impresa è un lavoro autonomo. Si è scoperto che sembravano essere due estremi, ma ora molte piattaforme di lavoro si trovano tra i due e non sono più “né assunte da altri né assunte da te”.

Da un lato l’imprenditore non è più completamente alle dipendenze di altri, può servire una certa piattaforma, ma ha una forte autonomia, dall’altro molte cose si realizzano attraverso la piattaforma e la natura dell’imprenditorialità cambia a sua volta. .

Al giorno d’oggi, molte persone avviano un’attività in proprio. Non partono da zero per formare aziende, reclutare talenti, acquistare attrezzature e quindi avviare la produzione e l’attività. È più probabile che gli imprenditori si registrino sulla piattaforma per prendere ordini, utilizzino la piattaforma per reclutare lavoratori dispari e esternalizzare alcuni servizi attraverso la piattaforma… Molti sono un’imprenditorialità basata su piattaforma, che potrebbe richiedere un cambiamento nella definizione tradizionale di imprenditorialità.

Combinando imprenditorialità e occupazione, le forme occupazionali dei lavoratori formano una mappa molto ricca. Sotto l’azione dell’economia della piattaforma, questa mappa diventerà sempre più abbondante. Le persone possono scegliere un’occupazione a unità fissa, possono scegliere di avviare un’impresa in modo completo e indipendente, possono anche fare affidamento su piattaforme per avviare attività e possono anche fare affidamento su piattaforme per svolgere lavori saltuari… In breve, le scelte diventeranno più diversificate .

Observer.com: Su questa base, l’economia della piattaforma può svolgere un ruolo nella riduzione dei rischi imprenditoriali?

Li Lixing: Ci sono due importanti meccanismi coinvolti.

Nel primo aspetto, il rischio di avviare un’impresa in passato era molto alto: scegliere di avviare un’impresa significa rinunciare a ogni tipo di opportunità, e può andare in bancarotta dopo il fallimento. Ora, dopo il fallimento dell’avvio di un’impresa, gli imprenditori possono facilmente trovare un lavoro part-time e ottenere la sicurezza del reddito di base. Ad esempio, negli ultimi due anni dell’epidemia, molti ex imprenditori ora guidano auto-grandine online. La forma di gig work derivata dall’economia della piattaforma fornisce agli imprenditori una rete di sicurezza del reddito di base.

Da questo aspetto, l’economia della piattaforma può alleviare le preoccupazioni degli imprenditori e promuovere l’imprenditorialità. Certo, abbiamo anche parlato poco fa che molte persone potrebbero decidere di non avviare un’attività in proprio, ma affidarsi alla piattaforma per trovare un lavoro meno autonomo. Pertanto, l’impatto dell’economia della piattaforma sull’imprenditorialità richiede un’analisi specifica di questioni specifiche, che variano da settore a regione.

Observer.com: La forma di lavoro del “lavoro da concerto”, che è ciò che chiamiamo “lavoro su richiesta basato su applicazioni”, come autisti online, autisti da asporto e autisti. Questi lavoratori sono tra piattaforme e consumatori, tra algoritmi e natura umana, quali pensi siano le loro maggiori difficoltà?

Li Lixing: i lavoratori e i datori di lavoro avevano un rapporto contrattuale. I diritti, gli obblighi e i meccanismi di incentivazione di entrambe le parti sono generalmente relativamente chiari. Ma gli algoritmi sono spesso nascosti e alla fine sono apparse nella società frasi come “rider intrappolati dagli algoritmi” – i gig worker non capiscono gli algoritmi, ma per guadagnare di più devono seguire la progettazione degli algoritmi che entrano in funzione.

Gli algoritmi non hanno “natura umana” – possono essere stati progettati con una visione per migliorare l’efficienza, ma non sono sufficientemente flessibili. Gli algoritmi delle piattaforme di grandi dimensioni sono generalmente le risorse principali dell’azienda e di solito non apportano modifiche sostanziali. I gig worker intrappolati negli algoritmi, sono ignari del fatto che potrebbero essere oberati di lavoro o eccessivamente motivati : questo è un problema complesso e coinvolge anche questioni come l’etica degli algoritmi.

Da un punto di vista pratico, la più grande difficoltà per i lavoratori occasionali come i conducenti, i fattorini e gli autisti online è nell’ottenere vantaggi e garanzie. Ci sono ora più segnalazioni, come la difficoltà di chiedere un risarcimento dopo un incidente stradale di un pilota, la ragione essenziale alla base di ciò è il “cambiamento del rapporto di lavoro” di cui abbiamo parlato poco fa.

Per i lavoratori, il nostro paese utilizzava originariamente la “dicotomia del lavoro”, che corrisponde a una domanda del genere: sei un dipendente a tempo pieno o un fornitore di servizi indipendente? Il “lavoratore a tempo pieno” è un modello di occupazione basato su unità, che paga cinque assicurazioni sociali e un fondo per l’edilizia abitativa e fornisce servizi pubblici, compresa la formazione professionale attraverso il datore di lavoro.

Con lo sviluppo dell’economia della piattaforma, l’occupazione è diventata più flessibile e part-time e molte persone non hanno un’unità di lavoro fissa, il che significa che le tradizionali cinque assicurazioni e un fondo per la casa e i servizi pubblici statali, compresa la formazione, non sono disponibili ai lavoratori da goderne in modo equo. Lo riassumo così: il sistema di servizio pubblico unitario originario ha incontrato sfide fondamentali poste dalla nuova forma di impiego che non è unitaria.

Questa sfida può essere paragonata alla sfida al sistema dei servizi pubblici provocata dalla migrazione di centinaia di milioni di lavoratori migranti verso le città. I lavoratori migranti che entrano in città fanno fluttuare la popolazione. La registrazione del nucleo familiare e la residenza permanente della popolazione fluttuante sono separate. Con il sistema di servizio pubblico originale, puoi usufruire di servizi pubblici nell’area di registrazione del nucleo familiare, come il rimborso dell’assicurazione medica e la pensione nel tuo paese di origine… Ma potresti non essere in grado di goderne nella tua residenza permanente.

Forse questo può essere paragonato alla situazione attuale: nel contesto dell’economia delle piattaforme, il lavoro flessibile continua a svilupparsi, ma il sistema dei servizi pubblici è ancora per il momento basato sul lavoro fisso.

Quando il processo lavorativo diventa frammentato, le persone diventano multiruolo e il rapporto di lavoro non è più fisso, anche la modalità di gestione dovrebbe essere modificata di conseguenza per adattarsi a questa tendenza di flessibilità, frammentazione e frammentazione. A mio avviso, il sistema di servizio pubblico, come cinque assicurazioni sociali e un fondo per la casa e l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, dovrebbe subire alcune modifiche di conseguenza.

Rete di osservatori: puoi parlare delle tue proposte politiche?

Li Lixing: Stiamo parlando più di assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. L’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro era originariamente inclusa nelle cinque assicurazioni sociali e in un fondo per gli alloggi, che non possono essere pagati separatamente. Il pagamento complessivo di cinque assicurazioni e un fondo per l’edilizia abitativa è molto alto, che può rappresentare il 30%-40% del costo del lavoro di un lavoratore.

Per i lavoratori dei concerti come i rider da asporto, ciò di cui hanno più urgente bisogno è un’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. Ora c’è una politica pilota e la cosa più urgente viene risolta prima: consentire ai lavoratori di pagare l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro separatamente nel Guangdong e in altri luoghi, in modo che i lavoratori della gig possano ottenere la protezione dagli infortuni sul lavoro in modo più economico. Questo è un buon progresso.

La provincia del Guangdong ha emesso un documento nel 2021 per chiarire che i dipendenti specifici che non hanno rapporti di lavoro non sono tenuti a partecipare a cinque assicurazioni sociali contemporaneamente. Possono partecipare all’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro individualmente dai loro datori di lavoro in base al principio ” volontario”, e il loro personale assicurato ha diritto alle prestazioni assicurative contro gli infortuni sul lavoro secondo la normativa.

Allo stato attuale, le politiche esistenti hanno citato e incoraggiato le azioni pilota tra cui: attuazione del sistema del salario minimo e del sistema di garanzia di pagamento, miglioramento del sistema del riposo, attuazione del sistema di responsabilità in materia di salute e sicurezza sul lavoro, rafforzamento della protezione contro gli infortuni sul lavoro, revisione del cottimo e tasso di commissione, ecc. Inoltre, la città di Nanchang ha anche stabilito la prima unione economica del paese. Anche le associazioni del settore della piattaforma e i sindacati dei gig possono svolgere un ruolo attivo nella promozione dell’autodisciplina del settore e della negoziazione dei diritti del lavoro.

Suggerisco inoltre che possano essere stabiliti diversi livelli di protezione assicurativa e che i lavoratori possano scegliere di partecipare volontariamente. Allo stesso tempo, è possibile creare un conto di sicurezza personale completo, i lavori occasionali vengono pagati secondo l’ordine e i fondi del conto vengono utilizzati per pagare varie garanzie assicurative per fornire una migliore protezione ai gig-lavoratori.

A lungo termine, ciò potrebbe eventualmente comportare anche la questione dell’assicurazione pensionistica. L’assicurazione della dotazione riguarda le pensioni e i datori di lavoro e i dipendenti pagano le pensioni separatamente, che insieme rappresentano oltre il 20% del costo del lavoro. Con la tendenza al lavoro flessibile si pone la questione di “chi paga la pensione”, che potrebbe richiedere l’apertura di nuove strade.

Poiché ora stiamo parlando di conti personali, dobbiamo renderlo reale e rendere portatili e portabili i conti pensionistici personali delle persone. L’occupazione dei lavoratori è mobile e flessibile, non è solo per un’impresa specifica e potrebbe anche non essere nella stessa città. A tal fine, potrebbe essere necessario progettare alcuni sistemi contributivi assicurativi pensionistici più adatti a un’occupazione flessibile e mobile. Ad esempio, se puoi fare un’impresa, accettare un lavoro e la retribuzione corrispondente può riflettere quale parte viene utilizzata per pagare la pensione? Questa potrebbe essere una direzione per le future riforme.

(Breve introduzione dell’intervistato: Li Lixing, professoressa di economia alla National School of Development dell’Università di Pechino, direttrice del China Public Finance Research Center dell’Università di Pechino, ed executive editor di China Economic Quarterly International, l’edizione internazionale di “Economia ” (trimestrale). Gli interessi di ricerca comprendono l’economia dello sviluppo, il capitale umano, la finanza pubblica, l’economia politica, l’economia urbana, ecc.)

https://m.guancha.cn/lilixing/2022_08_04_652241.shtml

Tan Bin: Gli Stati Uniti vogliono combattere una guerra per procura nello Stretto di Taiwan, dobbiamo vedere cinque punti chiaramente

Prime considerazioni successive all’incursione di Pelosi a Taiwan. La dirigenza cinese dovrà probabilmente calibrare meglio i toni e i contenuti comunicativi delle proprie posizioni. Nel 1996, una crisi analoga su Taiwan si trasformò in una debacle della sicumera cinese nei confronti degli Stati Uniti. Oggi, la postura è molto più cauta e la condizione oggettiva molto meno sfavorevole; le tracce di imbarazzante prosopopea, che inficiano la credibilità generale di una politica, rimangono pur attenuate. La disponibilità ad imparare con il tempo è una prerogativa della filosofia di vita dei cinesi. Vedremo le conseguenze nelle dinamiche interne al regime cinese in vista del prossimo congresso. Buona lettura, Giuseppe Germinario

[editorialista di Text/Observer Network Tan Bin]

Amici preoccupati per la grande causa della riunificazione della madrepatria e per lo sviluppo della situazione nello Stretto di Taiwan, l’autore ha cinque pensieri da condividere con voi:

In primo luogo, non si deve ignorare il soldato, l’evento più importante del Paese, il luogo della vita e della morte, il modo di vivere e di morire. L’entusiasmo patriottico del popolo è lodevole, ma i “consiglieri del personale” della gente comune in guerra non possono evitare la separazione. È più difficile abbinare informazioni e strategie al gioco di alto livello di Wen International. L’eccessiva interpretazione emotiva e l’eccessiva ansia sono inevitabili e normali.

In secondo luogo, sebbene la questione di Taiwan sia una questione lasciata dalla guerra civile, in ultima analisi, non è solo una questione di relazioni attraverso lo Stretto di Taiwan, ma anche una questione di relazioni tra Cina e Stati Uniti. Se ci si limita a discutere di “Wu Tong”, si dovrebbero dire almeno tre punti:

1. Se è completamente preparato e tutto è a posto (non solo militari, ma anche diplomazia e opinione pubblica, comprese le disposizioni amministrative, del personale e legali dopo l’acquisizione, ecc.).

2. Ci deve essere un giudizio accurato sull’intervento militare statunitense e l’aspettativa strategica che una guerra con l’esercito americano sarà davvero combattuta.

3. Riesci a cogliere la finestra di opportunità quando gli Stati Uniti non hanno tempo per prendersi cura di me?

In terzo luogo, vista la situazione attuale, in particolare da parte nostra, le condizioni per l’impiego di truppe contro Taiwan non sono mature. Al contrario, gli Stati Uniti sono più disposti di noi a vedere lo Stretto di Taiwan diventare un nuovo punto caldo nel mondo e, proprio come trascinare la Russia in Ucraina, inventano anche una guerra per procura in Cina in cui gli Stati Uniti non pagano e il I cinesi combattono i cinesi. Da un lato, usa le guerre locali e, dall’altro, usa sanzioni senza fondo per consumare la Cina, isolare la Cina e interrompere il processo storico dell’ascesa della Cina.

Dovremmo solo combattere la guerra giusta al momento giusto, nel posto giusto, e non al momento giusto, nel posto giusto e come il nemico ritiene opportuno. Questa è una grande saggezza. Pertanto, sul campo di battaglia della guerra civile in corso in Cina, prendere l’iniziativa di distruggere la linea fissa militare del terzo in comando degli Stati Uniti non è un’opzione, né strategicamente né tatticamente.

In quarto luogo, cogliendo l’occasione offertaci dalla provocazione degli Stati Uniti, non solo la cosiddetta linea centrale dello Stretto di Taiwan è stata completamente cancellata, ma è la prima volta che si attua un live accerchiamento a tutto tondo. sparare un’esercitazione militare contro Taiwan, e sicuramente la trasformerà in una nuova normalità. Nei cuori dei taiwanesi, ma anche nei cuori delle persone in tutto il mondo, “Wu Tong” ha davvero fatto un grande passo avanti. A nostra volta, ci stiamo anche costringendo a sopperire quanto prima alle carenze nel lavoro di preparazione. In modo che quando il periodo di opportunità in futuro arriverà inaspettatamente, i tre eserciti possono muoversi nel vento!

In quinto luogo, dalla turbolenta opinione pubblica dei giorni scorsi si evince che “si può usare il cuore delle persone”. È solo che le autorità dovrebbero davvero apprezzarlo e seguire la guida. Non farlo andare dall’altra parte.

Nonostante ci siano alcune cose che in realtà non sono soddisfacenti, l’autore è comunque “ottimista” sulla tendenza generale, soprattutto per le nuove generazioni.

https://m.guancha.cn/tanbin/2022_08_04_652306.shtml

Per la prima volta in 12 anni, le partecipazioni sono scese sotto il trilione! La Cina ha perso fiducia nei buoni del tesoro statunitensi?_da Guancha

Per la prima volta in 12 anni, le partecipazioni sono scese sotto il trilione! La Cina ha perso fiducia nei buoni del tesoro statunitensi?

Fonte: Rete di osservatori

2022-07-20 15:44

[Testo/Rete di osservatori Li Li] Il 18 il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha pubblicato i dati secondo cui la Cina continentale ha ridotto le sue disponibilità di debito statunitense per sei mesi consecutivi e le sue partecipazioni sono scese al di sotto di $ 1 trilione per la prima volta in 12 anni, o circa 980,8 miliardi di dollari al mese Ridotte le partecipazioni di circa 23 miliardi di dollari. Inoltre, il Giappone, l’attuale maggiore detentore di titoli del Tesoro statunitensi, e più di 10 principali detentori d’oltremare di titoli del Tesoro statunitensi hanno tutti venduto titoli del Tesoro statunitensi a vari livelli.

Cosa ha causato la caduta in disgrazia del debito statunitense? Wang Yongzhong, direttore e ricercatore dell’International Commodities Research Office dell’Institute of World Economics and Politics dell’Accademia cinese delle scienze sociali, ha dichiarato a Observer.com che le sanzioni statunitensi e il congelamento di beni di paesi come Russia e Afghanistan hanno chiamato mettere in discussione la sicurezza di investire nel debito statunitense. Inoltre, uno dei motivi è anche l’inflazione statunitense che ha portato a “ridotti rendimenti sull’investimento in obbligazioni statunitensi”.

“Anche gli stessi titoli del Tesoro USA sono attività rischiose, quindi anche le nostre partecipazioni stanno diminuendo.” Wang Yongzhong ha introdotto che l’allocazione più flessibile e diversificata delle attività estere della Cina è la tendenza generale. Tuttavia, ha anche affermato che le attività in dollari USA sono ancora una risorsa all’estero molto importante per la Cina. “Sebbene il potere d’acquisto del dollaro USA sia fortemente diminuito, è ancora una ‘valuta forte’. Rispetto all’acquisto di obbligazioni di altri paesi , come l’acquisto di obbligazioni europee, giapponesi, non ottengono gli stessi rendimenti delle obbligazioni statunitensi”.

Screenshot del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti

Cina e Giappone continuano a vendere obbligazioni statunitensi e le partecipazioni cinesi scendono sotto i 1 trilione di dollari per la prima volta in 12 anni

Il 18 luglio, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha pubblicato il suo International Capital Flows Report (TIC) per maggio 2022. Secondo il rapporto, alla fine di maggio, le disponibilità di debito statunitense della Cina continentale sono diminuite di $ 22,6 miliardi rispetto al mese precedente a $ 980,8 miliardi, il sesto calo mensile consecutivo e il livello più basso da maggio 2010.

Allo stesso tempo, anche il Giappone, che è un alleato economico degli Stati Uniti e il più grande “creditore” degli Stati Uniti, sta riducendo continuamente le sue disponibilità di dollari.

Inoltre, più di 10 importanti detentori di debito degli Stati Uniti all’estero, tra cui Arabia Saudita, India e Australia, hanno venduto tutti il ​​debito degli Stati Uniti a vari livelli. Tuttavia, il Regno Unito, che è al terzo posto in termini di disponibilità di debito statunitense, ha comunque aumentato le sue partecipazioni a maggio, raggiungendo $ 634 miliardi, con un aumento di $ 21,3 miliardi rispetto al mese precedente.

Secondo i dati diffusi dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, alla fine di maggio i funzionari esteri avevano venduto $ 8,3 miliardi netti in obbligazioni a lungo termine e $ 22,8 miliardi netti in obbligazioni a breve termine. Complessivamente, le disponibilità estere di titoli del Tesoro statunitensi sono scese a 7.421 trilioni di dollari a maggio da 7.455 trilioni di dollari di aprile, il livello più basso da maggio 2021.

La prossima volta che il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti rivelerà la dimensione delle attività di debito statunitensi nelle economie estere è il 15 agosto.

Allora, qual è il motivo per cui i principali detentori esteri di debito statunitense questa volta vendono invariabilmente obbligazioni statunitensi?

Gli Stati Uniti sanzionano altri paesi, sollevando interrogativi sulla sicurezza del debito statunitense

Wang Yongzhong, direttore e ricercatore dell’International Commodities Research Office dell’Institute of World Economics and Politics dell’Accademia cinese delle scienze sociali, ha dichiarato a Observer.com che le sanzioni statunitensi contro Russia, Afghanistan e altri paesi hanno ridotto la stabilità del debito statunitense . Ritiene che la questione della sicurezza del debito statunitense sia una delle ragioni della “riduzione del debito statunitense da parte della Cina”.

“In passato, gli investitori globali, inclusa la Cina, consideravano il debito statunitense un ‘bene sicuro e di alta qualità’. Ma dopo lo scoppio del conflitto russo-ucraino nel febbraio di quest’anno, gli Stati Uniti e alcuni paesi europei hanno congelato il Gli Stati Uniti hanno inoltre congelato i beni all’estero dell’ex governo afghano (circa 9,5 miliardi di dollari USA) , e se ne sono appropriati indebitamente senza autorizzazione (di cui oltre 3 miliardi di dollari USA) come risarcimento per le famiglie delle vittime dell'”11 settembre” La banca centrale e persino il mondo intero hanno avuto grossi dubbi sulla sicurezza di questo titolo statunitense”, ha spiegato Wang Yongzhong. “Se ci sarà un conflitto tra la Cina e gli Stati Uniti in futuro, gli Stati Uniti congeleranno anche il debito statunitense che deteniamo? Questo è un fattore per la Cina per ridurre le sue disponibilità di debito statunitense”.

Il professor Huang Renwei, vice preside esecutivo del “Belt and Road” e del Global Governance Institute dell’Università Fudan, ha anche menzionato nel programma “This Is China” trasmesso l’11 luglio che gli Stati Uniti congelano le proprietà russe o ne confiscano una parte, e la Russia è non è consentito utilizzare SWIFT (System for International Settlement of Funds). Perdere il credito delle persone per aver depositato la loro proprietà negli Stati Uniti. Al fine di prevenire future sanzioni statunitensi, sia gli alleati statunitensi che non gli alleati statunitensi devono ridurre le loro riserve in dollari USA e ridurre la loro dipendenza da SWIFT (International Funds Clearing System). Questo è il più grande danno al sistema di egemonia del dollaro.Questo danno non è evidente a breve termine, ma se tutti riducono la riserva in dollari anno dopo anno e aumentano gli altri sistemi di regolamento anno dopo anno, allora la riserva in dollari e SWIFT (The International Funds Settlement System), i due più importanti strumenti del dollaro USA, rischiano il collasso.

Screenshot del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti

Gli ultimi dati dal sito web del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti mostrano che le disponibilità russe di debito statunitense sono solo $ 2,004 miliardi. Già nel 2010 la Russia deteneva un debito di USD 176,3 miliardi ed era uno dei principali creditori esteri degli Stati Uniti, scendendo a 131,8 miliardi di USD nel 2014, per poi precipitare a 14,9 miliardi di USD nel 2018. La Russia ha continuato a vendere il debito degli Stati Uniti fino ad oggi sono rimasti solo circa 2 miliardi di dollari ed è vicino alla liquidazione.

L’elevata inflazione negli Stati Uniti influisce sul reddito degli investimenti in obbligazioni statunitensi

Wang Yongzhong ha detto a Observer.com che un altro motivo importante per la “caduta in disgrazia” del debito statunitense è la questione del “reddito da investimento”.

“L’inflazione negli Stati Uniti ha raggiunto l’8%, il 9%, il dollaro si è ridotto e il prezzo del mercato obbligazionario statunitense è fortemente diminuito. Sebbene il dollaro si sia apprezzato rispetto ad altre valute, si è notevolmente ridotto in termini di potere d’acquisto. Quindi questo investimento Il ritorno è decisamente negativo. La Cina prenderà sicuramente in considerazione questo reddito da investimento, giusto?”, ha detto Wang Yongzhong.

Le informazioni pubbliche mostrano che i funzionari della Fed hanno alzato i tassi di interesse negli ultimi tre incontri per frenare l’aumento dell’inflazione negli Stati Uniti.Il primo aumento dei tassi è stato a marzo, aumentando i tassi di interesse di 25 punti base. Questo è stato seguito da un aumento del tasso di 50 punti base a maggio. Il mese scorso, la Fed ha annunciato un aumento del tasso di 75 punti base, il più grande aumento in quasi 30 anni.

Secondo i dati diffusi dal Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti il ​​13 luglio, l’indice dei prezzi al consumo (CPI) negli Stati Uniti è aumentato dell’1,3% su base mensile a giugno e del 9,1% su base annua, il più alto aumento su base annua da allora novembre 1981. Reuters ha riferito che i funzionari della Fed hanno dichiarato il 15 luglio che potrebbero continuare ad aumentare i tassi di interesse di 75 punti base nella riunione del 26-27 luglio.

Tuttavia, dal rapporto sull’inflazione “mal di testa” del 13 luglio, alcuni operatori del mercato ritengono che la Fed considererà l’aumento del tasso di inflazione di un punto percentuale. Secondo un rapporto di Bloomberg del 14 luglio, gli economisti di Citigroup negli Stati Uniti prevedono che la Federal Reserve alzerà i tassi di interesse di 100 punti base.

Il Wall Street Journal ha riferito che il governatore della Fed Christopher Waller ha dichiarato in una riunione a Victor, Idaho, il 14: “I rialzi eccessivi dei tassi non sono ciò che vogliamo. Un aumento dei tassi di 75 punti base è già aggressivo. “Non si può dire, “Poiché non hai aumentato i tassi di 100 punti base, non hai fatto il tuo lavoro”.

La Federal Reserve statunitense non ha aumentato i tassi di ben 100 punti base da quando ha iniziato a utilizzare il tasso sui fondi federali come principale strumento decisionale all’inizio degli anni ’90. E l’aumento dei tassi di interesse di 100 punti base porterà a un “restringimento globale” dei fondi globali, portando a un rapido ritorno del dollaro negli Stati Uniti. Inoltre, l’aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti scatenerà anche il panico e porterà a problemi di cambio in molte valute . La scorsa settimana il tasso di cambio euro-dollaro si è avvicinato a un livello di parità di 1:1.

Screenshot del rapporto dell’Associated Press

Secondo il rapporto dell’Associated Press del 15 luglio, il tasso di cambio dell’euro rispetto al dollaro è sceso al livello più basso degli ultimi 20 anni. La Federal Reserve statunitense ha alzato in modo aggressivo i tassi di interesse per ridurre l’inflazione, mentre la Banca centrale europea (BCE) ha finora resistito a forti aumenti. Un euro più debole potrebbe essere un mal di testa per la BCE, in quanto potrebbe significare prezzi più alti per i beni importati, in particolare il petrolio, che è denominato in dollari. E per gli Stati Uniti, un dollaro più forte ridurrebbe anche la competitività dei prodotti americani sui mercati esteri.

La grave inflazione interna negli Stati Uniti, unita ai continui aumenti dei tassi di interesse da parte della Fed, sono tutte ragioni importanti per la svendita globale del debito statunitense.

Wang Yongzhong ha detto a Observer.com: “Anche gli stessi titoli del Tesoro USA sono attività rischiose, quindi anche le nostre partecipazioni stanno diminuendo”.

Screenshot dell’orologio del Tesoro degli Stati Uniti alle 10:30 del 20 luglio, ora di Pechino

Un orologio del debito nazionale degli Stati Uniti viene eretto sulla West 43rd Street a New York, negli Stati Uniti, che aggiorna i dati sul debito totale degli Stati Uniti in tempo reale.A partire dalle 10:30 del 20 luglio, la seguente pagina di aggiornamento del disavanzo del debito federale degli Stati Uniti come un aeroplano il cruscotto mostra gli Stati Uniti. Il debito federale totale ha superato la soglia dei 30,59 trilioni di dollari, salendo al 129,88% del PIL. Per mezzo secolo, gli Stati Uniti fungono da fondamento a sostegno dello status di valuta del dollaro attraverso l’uso del debito statunitense sotto forma di prodotti di investimento.

La Cina sta gradualmente promuovendo l’allocazione diversificata delle attività estere e la riduzione delle sue partecipazioni nel debito statunitense è una tendenza

Wang Yongzhong ha introdotto che per la Cina, è la tendenza generale continuare a ridurre le sue partecipazioni in titoli del tesoro statunitensi e rendere più flessibile e diversificata l’allocazione delle attività all’estero. Ha suggerito che alcuni investimenti possono essere gradualmente aumentati, come l’acquisto di azioni in alcuni mercati emergenti esteri; aumentando in modo appropriato gli investimenti negli asset di paesi con buone prospettive di sviluppo economico come i paesi “Belt and Road” e il sud-est asiatico, che sono relativamente amichevole con il mio paese, ecc. Allo stesso tempo, Wang Yongzhong ha anche ricordato che la diversificazione delle attività all’estero non dovrebbe essere affrettata: “Questo è facile a dirsi, ma è anche difficile investire”.

Secondo Wang Yongzhong, sebbene nel lungo periodo la riduzione delle disponibilità di debito statunitense sia una tendenza e diminuirà gradualmente, le attività in dollari statunitensi sono ancora risorse molto importanti al momento. “Sebbene il potere d’acquisto del dollaro sia fortemente diminuito, è ancora una ‘valuta forte’. Rispetto all’acquisto di obbligazioni di altri paesi, come quelle europee e giapponesi, i rendimenti che si ottengono non sono buoni come quelli statunitensi”, ha affermato disse.

Parlando dell’impatto delle relazioni sino-americane sulla “riduzione del debito degli Stati Uniti da parte della Cina”, Wang Yongzhong ha affermato che la guerra commerciale sino-americana non è la ragione della riduzione del debito cinese da parte della Cina. “In effetti, la Cina era relativamente fiduciosa in il dollaro USA e il debito USA prima. Non si arriva al punto delle “sanzioni finanziarie”. Ma dopo che Biden ha congelato i beni russi e quelli afgani, la fiducia nel dollaro è diminuita”.

“Questa è essenzialmente una questione di relazioni sino-americane”. Tan Yaling, direttore del China Foreign Exchange Investment Research Institute di Pechino, ha dichiarato in un’intervista al “South China Morning Post” di Hong Kong il 20 luglio: “In passato, detenere un gran numero di azioni era dovuto alle buone relazioni bilaterali, ma ora la Cina potrebbe dover evitare il rischio di un conflitto con gli Stati Uniti”.

Rispetto alle obbligazioni statunitensi, le obbligazioni del tesoro cinesi non sono di dimensioni elevate ma stabili e hanno rendimenti elevati

Wang Yongzhong ha introdotto che, rispetto alle obbligazioni statunitensi, sebbene l’entità del debito nazionale cinese non sia molto elevata, il rendimento del debito nazionale cinese è comunque buono. Il tasso di cambio RMB stesso è relativamente stabile e i titoli di stato cinesi sono relativamente popolari.

Secondo il sito web del Ministero delle Finanze cinese, con l’approvazione del Consiglio di Stato, il Ministero delle Finanze emetterà 20 miliardi di yuan di titoli di Stato nella regione amministrativa speciale di Hong Kong nel 2021. Nel 2022 a Hong Kong saranno emessi 23 miliardi di yuan di titoli di Stato.

Wang Yongzhong ha sottolineato che per il mercato finanziario i titoli di stato cinesi sono asset di alta qualità.

Le informazioni pubbliche mostrano che sotto la pressione dell’inflazione globale, i prezzi cinesi sono rimasti stabili. Secondo i dati diffusi di recente dal National Bureau of Statistics of China, da gennaio a giugno, l’indice nazionale dei prezzi al consumo (CPI) è aumentato dell’1,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e l’IPC di giugno è rimasto piatto su base mensile -mese. Nella prima metà dell’anno i prezzi sono rimasti generalmente stabili entro un range ragionevole.

“A differenza di altri grandi paesi, l’inflazione non è il problema più preoccupante in Cina.” Xie Peihua, chief investment officer della Bank of Singapore, ha dichiarato alcuni giorni fa sul Financial Times che l’IPC del 2,5% di giugno di quest’anno ha mostrato il cibo cinese ed energia La resilienza, gli stimoli fiscali e monetari offrono ampio spazio per raggiungere gli obiettivi del PIL. La People’s Bank of China è l’unica banca centrale che non ha alzato i tassi di interesse per frenare le pressioni inflazionistiche. Lo yuan è rimasto stabile rispetto a un dollaro più forte e la Cina ha la capacità di allentare le condizioni di credito abbassando i tassi di interesse.

Il sito web del Wall Street Journal ha riferito che il tasso di inflazione in Cina era leggermente superiore alle attese a giugno a causa dell’aumento dei prezzi di cibo e carburante, ma le pressioni sui costi sono rimaste modeste rispetto all’elevata inflazione in Europa e negli Stati Uniti.

Secondo il rapporto economico annuale pubblicato di recente dalla Banca dei Regolamenti Internazionali, l’economia mondiale rischia di entrare in un nuovo periodo di alta inflazione. Agustin Carstens, direttore generale della banca, ha dichiarato di recente in un’intervista ai media che la Cina ha mostrato una forte resilienza economica sullo sfondo dell’elevata inflazione globale, che offre alla banca centrale spazio per adeguare in modo costruttivo la politica monetaria.

“La Cina continuerà a dare slancio alla crescita economica mondiale”, ha affermato Carstens.

Russia e Iran hanno annunciato che abbandoneranno il dollaro USA, esperti: costituiscono una “alternativa parziale” al dollaro USA

Vale la pena ricordare che, nello stesso momento in cui la Cina ha ridotto le sue disponibilità di debito statunitense a meno di 1 trilione di dollari, Russia e Iran hanno annunciato che avrebbero gradualmente abbandonato il dollaro USA nel commercio tra i due paesi .

Alla vigilia della visita del presidente russo Vladimir Putin in Iran, il 18 luglio il segretario stampa presidenziale russo Peskov ha rivelato che la Russia e l’Iran continueranno a sviluppare relazioni bilaterali e legami economici e commerciali.I passi verso la deprecazione del dollaro USA nel commercio bilaterale alla fine porteranno a una completa deprecazione del dollaro USA.

Il vice governatore della Banca centrale dell’Iran per gli affari internazionali ha precedentemente rivelato che Russia e Iran stabiliranno il commercio bilaterale nella valuta locale di entrambe le parti e che i due paesi hanno firmato accordi pertinenti.

Il 19 luglio il presidente russo Vladimir Putin è arrivato a Teheran, in Iran, e lo stesso giorno i due Paesi hanno firmato un memorandum d’intesa del valore di circa 40 miliardi di dollari Usa sulla cooperazione nel settore del gas naturale .

Putin è arrivato a Teheran il 19 e ha incontrato il presidente iraniano Rahey, la foto è della spinta ufficiale del governo iraniano

Sia la Russia che l’Iran sono sanzionate dagli Stati Uniti. In precedenza, la Russia ha lanciato ufficialmente il meccanismo di regolamento del “rublo di gas naturale” e il sistema di regolamento finanziario interno della Russia si sta confrontando con il sistema di regolamento occidentale. Da parte iraniana (27 giugno), durante il vertice BRICS a Pechino, il Ministero degli Affari Esteri iraniano ha annunciato di aver presentato domanda per entrare a far parte dei paesi BRICS .

Per quanto riguarda la questione della “de-dollarizzazione”, Wang Yongzhong ha affermato che allo stato attuale il dollaro USA è ancora in una posizione molto forte. Per il momento, è ancora difficile per queste valute sostituire il dollaro USA a breve termine e non hanno avuto un impatto relativamente ampio sul dollaro USA. Soprattutto nel settore finanziario, tutti hanno l’abitudine di usare dollari americani.

“È difficile per le valute diverse dal dollaro sostituire il dollaro USA. In passato, il dollaro USA ha impiegato molto tempo per sostituire la sterlina britannica. Quando altri paesi aumenteranno l’insediamento in non dollari, formeranno un “parziale sostituzione” per il dollaro USA, ma vogliono sfidare lo status del dollaro. , è ancora troppo presto”, ha detto Wang Yongzhong.

https://m.guancha.cn/economy/2022_07_20_650151.shtml

Xi Jinping_discorso di apertura del BRICS del 22/06/2022

 

Continuiamo con la nostra carrellata tesa a dare una visione più complessiva delle dinamiche geopolitiche e soprattutto della rappresentazione di essa che offrono i vari attori. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Xi Jinping partecipa alla cerimonia di apertura del BRICS Business Forum e tiene un discorso di apertura

Fonte: Xinhuanet

2022-06-22 20:31

Agenzia di stampa Xinhua, Pechino, 22 giugno. La sera del 22 giugno, il presidente Xi Jinping ha partecipato in video alla cerimonia di apertura del BRICS Business Forum e ha pronunciato un discorso dal titolo “Afferra la tendenza dei tempi e crea un futuro luminoso”.

Xi Jinping ha sottolineato che attualmente i cambiamenti secolari del mondo e l’epidemia del secolo sono intrecciati, varie sfide alla sicurezza emergono una dopo l’altra, la ripresa economica mondiale è in difficoltà e lo sviluppo globale ha subito gravi battute d’arresto. Dove sta andando il mondo? Pace o Guerra? Crescita o declino? Aperto o chiuso? Cooperazione o confronto? È la questione dei tempi che abbiamo davanti.

Xi Jinping ha sottolineato che il lungo fiume della storia a volte è calmo, a volte turbolento, ma scorre sempre in avanti. Nonostante la situazione internazionale stia cambiando, la tendenza storica all’apertura e allo sviluppo non cambierà, né cambierà il desiderio di lavorare insieme per affrontare le sfide. Non dobbiamo aver paura delle nuvole fluttuanti, comprendere accuratamente le leggi dello sviluppo storico, non essere confusi dal momento, non avere paura dei rischi, affrontare le sfide con coraggio e andare avanti con coraggio verso l’obiettivo di costruire una comunità con un futuro condiviso per genere umano.

In primo luogo, dobbiamo unirci e lavorare insieme per mantenere la pace e la stabilità nel mondo. La storia dolorosa mostra che l’egemonismo, la politica di blocco e il confronto sul campo non porteranno pace e sicurezza, ma porteranno solo a guerre e conflitti. Credere nello stato di forza, espandere le alleanze militari e cercare la propria sicurezza a spese della sicurezza di altri paesi, cadrà inevitabilmente in un dilemma di sicurezza. Solo quando tutti amano e mantengono la pace, e solo quando tutti ricordano le dolorose lezioni della guerra, può esserci speranza per la pace. Non dobbiamo dimenticare l’intenzione originaria della Carta delle Nazioni Unite e tenere presente la missione di salvaguardare la pace. Non molto tempo fa, ho presentato un’iniziativa di sicurezza globale, sostenendo che tutti i paesi aderiscano a un concetto di sicurezza comune, globale, cooperativo e sostenibile; aderiscano al rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale di tutti i paesi; aderiscano agli scopi e ai principi del Carta delle Nazioni Unite; aderire a prestare attenzione alle legittime preoccupazioni di sicurezza di tutti i paesi; Negoziati per risolvere le differenze e le controversie tra paesi in modo pacifico; aderire alla pianificazione generale per mantenere la sicurezza nelle aree tradizionali e non tradizionali. La comunità internazionale dovrebbe abbandonare i giochi a somma zero, opporsi congiuntamente all’egemonismo e alla politica di potere, costruire un nuovo tipo di relazioni internazionali caratterizzate da rispetto reciproco, equità, giustizia e cooperazione vantaggiosa per tutti e promuovere un senso di comunità che condivida bene e male, condividendo sicurezza e protezione e lascia che il sole della pace illumini il mondo.

In secondo luogo, dovremmo aiutarci a vicenda e promuovere insieme lo sviluppo sostenibile globale. Attualmente, il processo di sviluppo globale è stato gravemente colpito. Gli 1,2 miliardi di persone nel mondo in quasi 70 paesi stanno affrontando crisi epidemiche, alimentari, energetiche e del debito, e i risultati conseguiti nella riduzione della povertà globale negli ultimi decenni potrebbero essere vani. L’anno scorso ho presentato un’iniziativa di sviluppo globale, chiedendo l’attuazione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile, la promozione di un partenariato globale per lo sviluppo di solidarietà, uguaglianza, equilibrio e benefici universali e la promozione globale della riduzione della povertà, della salute , istruzione, connettività digitale e industrializzazione, cooperazione in altri campi. È necessario rafforzare la cooperazione nel settore alimentare ed energetico e migliorare il livello di sicurezza alimentare ed energetica. È necessario cogliere l’opportunità del nuovo ciclo di rivoluzione scientifica e tecnologica e di trasformazione industriale, promuovere il flusso globale di elementi di innovazione e aiutare i paesi in via di sviluppo ad accelerare lo sviluppo dell’economia digitale e della trasformazione verde. Dovremmo svolgere attivamente la cooperazione antiepidemica, fornire più farmaci antiepidemici ai paesi in via di sviluppo e sforzarci di sconfiggere l’epidemia in anticipo. Dobbiamo aderire al cuore delle persone e agli interessi del mondo, in modo da spingere lo sviluppo globale in una nuova era e beneficiare le persone di tutti i paesi.

In terzo luogo, dobbiamo aiutarci a vicenda per ottenere una cooperazione vantaggiosa per tutti. Al momento, alcune importanti catene industriali e catene di approvvigionamento sono state artificialmente interferite, l’inflazione globale rimane elevata, il mercato finanziario internazionale continua a fluttuare e lo slancio della ripresa economica mondiale continua a indebolirsi. Tutti sono preoccupati che l’economia mondiale cada nel pantano della crisi. In questo momento critico, solo aderendo alla solidarietà e alla solidarietà possiamo superare la crisi economica. Dobbiamo pensare in un unico luogo e lavorare sodo in un unico luogo e rafforzare il coordinamento delle politiche macroeconomiche. I principali paesi sviluppati dovrebbero adottare politiche economiche responsabili per evitare la propagazione di effetti politici negativi e gravi ripercussioni sui paesi in via di sviluppo. I fatti hanno dimostrato più e più volte che le sanzioni sono un “boomerang” e una “spada a doppio taglio”, politicizzando, strumentalizzando e armando l’economia mondiale, sfruttando il predominio del sistema finanziario e monetario internazionale per imporre sanzioni arbitrarie, che alla fine danneggerà gli altri e danneggerà le persone del mondo. .

In quarto luogo, dobbiamo essere inclusivi e lavorare insieme per espandere l’apertura e l’integrazione. Da tempo la globalizzazione economica incontra “venti contrari e correnti”. Nella comunità internazionale è diffusa la preoccupazione che l’economia mondiale sia frammentata in regioni isolate. La globalizzazione economica è un’esigenza oggettiva per lo sviluppo delle forze produttive e un trend storico irresistibile. Tornare indietro nella storia e cercare di bloccare la strada di altre persone, alla fine, bloccherà solo la tua stessa strada. Dobbiamo aderire all’apertura e all’inclusività, rimuovere tutte le barriere che ostacolano lo sviluppo delle forze produttive, guidare e promuovere il sano sviluppo della globalizzazione, consentire il libero flusso di capitali e tecnologia, consentire all’innovazione e alla saggezza di emergere pienamente e riunire la sinergia della crescita economica mondiale. È necessario mantenere il sistema commerciale multilaterale con al centro l’Organizzazione mondiale del commercio, eliminare gli ostacoli al commercio, agli investimenti e tecnologici e promuovere la costruzione di un’economia mondiale aperta. Dobbiamo aderire a un’ampia consultazione, contributo congiunto e vantaggi condivisi, rafforzare la governance economica globale, aumentare la rappresentanza e la voce dei paesi dei mercati emergenti e dei paesi in via di sviluppo e garantire pari diritti, pari regole e pari opportunità per tutti i paesi.

Xi Jinping ha sottolineato che dall’inizio di quest’anno, di fronte al complesso e severo ambiente di sviluppo in patria e all’estero, la Cina ha insistito nel coordinare la prevenzione e il controllo delle epidemie e lo sviluppo economico e sociale, insistendo sulla supremazia delle persone e delle vite, proteggere al massimo la vita e la salute delle persone e stabilizzare al massimo lo sviluppo economico e sociale Disco di base. La Cina intensificherà il suo adeguamento delle politiche macro, adotterà misure più efficaci e si adopererà per raggiungere gli obiettivi annuali di sviluppo economico e sociale. Nella seconda metà dell’anno, terremo il 20° Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese per tracciare un progetto per lo sviluppo della Cina nella fase successiva. Sulla base della nuova fase di sviluppo, la Cina attuerà nuovi concetti di sviluppo, costruirà attivamente un nuovo modello di sviluppo e si sforzerà di ottenere uno sviluppo di alta qualità. La Cina continuerà a migliorare il suo livello di apertura al mondo esterno, a costruire un nuovo sistema di economia aperta di livello superiore e continuerà a creare un ambiente imprenditoriale orientato al mercato, legalizzato e internazionale. Diamo un cordiale benvenuto a tutti coloro che vogliono investire in Cina, rafforzare la cooperazione economica e commerciale e condividere opportunità di sviluppo.

Xi Jinping ha sottolineato che il meccanismo di cooperazione BRICS è un’importante piattaforma per la cooperazione tra paesi dei mercati emergenti e paesi in via di sviluppo. Attualmente, la cooperazione BRICS è entrata in una nuova fase di sviluppo di alta qualità. Si spera che gli imprenditori portino avanti lo spirito di perseveranza e coraggio, siano promotori dello sviluppo aperto, leader dell’innovazione e dello sviluppo e praticanti dello sviluppo condiviso, in modo da alimentare la cooperazione BRICS e rendere i risultati dello sviluppo sempre più Equità avvantaggia tutte le persone. Finché alzeremo le vele del vantaggio reciproco e dei risultati vantaggiosi per tutti e manterremo il timone della solidarietà e della cooperazione, la grande nave dei paesi BRICS sarà sicuramente in grado di cavalcare il vento e le onde e salpare verso una costa più luminosa e migliore.

Il BRICS Business Forum 2022 si terrà a Pechino il 22 giugno con una combinazione di metodi online e offline. Il presidente sudafricano Ramaphosa, il presidente brasiliano Bolsonaro, il presidente russo Vladimir Putin e il primo ministro indiano Narendra Modi hanno partecipato alla cerimonia di apertura del forum e hanno pronunciato discorsi. All’evento hanno partecipato circa 1.000 persone tra cui ministri dell’economia e del commercio BRICS, inviati diplomatici in Cina e rappresentanti della comunità imprenditoriale.

Hu Chunhua ha presieduto la cerimonia di apertura

https://m.guancha.cn/politics/2022_06_22_645907.shtml

Il significato mondiale dell’incidente in Ucraina e il suo avvertimento alla Cina, di Zhang Wenmu

Una ricostruzione storica per arrivare a cogliere il senso e le implicazioni del confronto geopolitico attuale ed in particolare del conflitto in Ucraina. Come in ogni ricostruzione storica, è importante individuare le particolari chiavi interpretative dell’osservatore. Sono il fondamento propedeutico alla comprensione delle scelte politiche. Buona lettura, Giuseppe Germinario

Zhang Wenmu: Il significato mondiale dell’incidente in Ucraina e il suo avvertimento alla Cina

Fonte: Rete di osservatori

2022-06-22 07:41

Zhang Wenmu

Zhang Wenmuautore

Professore, Centro per la ricerca su questioni strategiche, Università di Beihang

[Introduzione] L’operazione militare speciale della Russia contro l’Ucraina ha suscitato scalpore nell’opinione pubblica mondiale e ha avuto un profondo impatto sul panorama politico ed economico globale. Il presidente russo Vladimir Putin ha spesso menzionato il “golpe sanguinoso” otto anni fa nei suoi discorsi. Perché l’Ucraina è diventata un campo di battaglia tra Russia, Stati Uniti ed Europa? Zhang Wenmu, autore di questo articolo e professore presso il Center for Strategic Issues dell’Università di Beihang, ritiene che la crisi ucraina del 2014 e il ritorno della Crimea alla Russia abbiano significato per l’Europa determinare i limiti e i confini dell’espansione verso est del “nuovo sistema di Versailles” dominato dagli europei. . La Crimea è un luogo di vita e di morte per la Russia e un importante punto di interesse per l’Europa, per la quale la Russia utilizzerà tutte le sue risorse, mentre l’Occidente no. Se conosci la storia dell’appartenenza dell’Ucraina, sai anche che l’incidente dell’Ucraina significa che la storia del contrattacco della Russia contro l’espansione dell’Europa verso est è davvero iniziata. L’impatto degli eventi in Ucraina nel 2014 è stato globale e alcune lezioni sono state cautelative per la Cina. Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta nel 4° numero di “International Security Research” nel 2014. L’autore autorizza l’Observer Network a ripubblicarlo come riferimento per i lettori.

[L’editorialista di Text/Observer Network Zhang Wenmu]

Il 21 novembre 2013, il presidente ucraino Yanukovich ha annunciato che avrebbe sospeso la firma dell’accordo di associazione volto a rafforzare le relazioni commerciali con l’UE e avrebbe invece cercato una più stretta cooperazione con la Russia. L’opposizione ha colto l’occasione per scatenare un’ondata di proteste e ha chiesto a Yanukovich di dimettersi. Ciò ha portato a una crisi politica in Ucraina e al movimento separatista nell’est per la secessione dall’Ucraina e al fatto che la Crimea ha annunciato la sua adesione alla Russia. La crisi del 2014 è stata simbolica non solo per l’Ucraina, ma anche per l’Europa e l’intero panorama geopolitico mondiale.

1. L’istituzione del confine strategico russo-europeo e il suo significato per l’Europa

La crisi ucraina e l’annessione della Crimea alla Russia, questi due eventi significano la formazione di un nuovo sistema regionale Che cos’è questo sistema? Potremmo anche chiamarlo il “Nuovo sistema di Versailles”. Qualcuno dirà: il sistema di Versailles non è già diventato storia? Se confrontiamo la mappa dell’Europa odierna con la mappa dell’Europa prima della seconda guerra mondiale, non è difficile trovare un accordo sorprendente tra i due. Questo non sorprende. La storia sta salendo a spirale. La storia di oggi è una negazione della storia di ieri, ma è un’affermazione della storia dell’altro ieri. Nel pensiero di Hegel, è “la negazione della negazione”.

Nella storia c’è stato il sistema viennese guidato dalla cooperazione anglo-russa fondata sulla sconfitta di Napoleone nel 1815. A quel tempo la Russia fondamentalmente controllava l’Europa orientale, i tre stati baltici e l’Ucraina, proprio come la situazione dopo la seconda guerra mondiale. Con la prima guerra mondiale, l’impero russo si disintegrò. A quel tempo, molti paesi invasero congiuntamente la Russia, costringendola a una Grande Guerra Patriottica di due anni. Quindi l’Occidente stabilì il sistema Versailles-Washington che escludeva la Russia sovietica. In questo sistema, l’Unione Sovietica fu severamente soppressa e l’Europa orientale una volta cadde in Occidente nel suo insieme a causa dell’insoddisfazione per l’eccessiva pressione della Russia zarista.La situazione è simile. Anche così, a quel tempo l’Ucraina – almeno l’Ucraina orientale – non si staccò dalla Russia sovietica.

Tuttavia, la sfrenata repressione da parte dell’Occidente non solo non è riuscita a sopraffare la Russia sovietica, ma ha invece soppresso un’Unione Sovietica e un impero sovietico. Sai, l’Unione Sovietica non è stata annessa dai russi, è stata forzata dall’Occidente. I paesi dell’Europa orientale e dell’Asia centrale che divennero indipendenti dalla disintegrazione dell’Impero Ottomano erano insoddisfatti dello sfruttamento degli occidentali e della stretta diplomatica incentrata sull’Occidente. Alla fine, fu fondata congiuntamente l’Unione Sovietica, l'”Unione dei socialisti sovietici Repubbliche”. Nel 1922, quando fu fondata l’Unione Sovietica, l’Ucraina orientale si unì all’Unione e divenne uno degli stati fondatori dell’Unione Sovietica[1]. L’istituzione dell’Unione Sovietica segnò la stabilizzazione della frontiera orientale del sistema di Versailles.

Dopo aver fallito nel conquistare la Russia e nel definire i suoi confini, i paesi capitalisti dell’Europa occidentale si sono rivolti a stringersi verso l’interno. Eseguì una super oppressione della Germania sconfitta attraverso il cosiddetto “Piano Dawes”[2] e il “Patto di Locarno”[3]. Il 18 dicembre 1925, Stalin predisse al 14° Congresso del Partito Comunista (bolscevico): “Il piano Dawes era originariamente progettato per placare la Germania, ma questo piano porterà inevitabilmente a una rivoluzione tedesca”. “a condizione che le nuove frontiere della Germania fossero mantenute a vantaggio della Polonia e della Francia, che la Germania perdesse le sue colonie e che la Germania, legata al letto di Prokrastis, dovesse allo stesso tempo fare tutto il possibile per estrarre 1300 trilioni di marchi d’oro. Pensare che la Germania progressista lo tollererà è sperare in un miracolo.” Stalin affermò: “Se il Piano Dawes ha dato vita alla rivoluzione tedesca, il Patto di Locarno ha dato vita alla nuova guerra europea”.[5]

L’eccessiva oppressione della Germania in Europa alla fine schiacciò il pasticcio di Hitler, che a sua volta fornì un’opportunità per l’espansione sovietica. Lenin stabilì il confine di Versailles con l’Occidente attraverso una forte resistenza – che è ciò che Putin sta facendo ora; Stalin seguì la linea di Lenin e ottenne l’espansione nella crisi interna dell’Occidente: A quel tempo, l’Europa orientale era sovracompressa dall’Europa occidentale e chiese per l’aiuto dalla Russia sovietica, il confine tra Unione Sovietica e Russia avanza in questa “richiesta di aiuto” ancora e ancora: l’Ossezia meridionale nel conflitto della guerra civile georgiana nel 2008 e la separazione della Crimea dal corpo madre e dalla regione orientale dell’Ucraina nella crisi ucraina del 2014 L’ascesa del movimento separatista sembra essere una ripetizione delle relazioni europeo-russe del primo dopoguerra.

Perché l’Unione Sovietica è crollata? Dov’è il problema? Oltre al motivo del disarmo dell’ideologia verso l’Occidente, la sua eccessiva espansione è anche un motivo importante: sotto Stalin, il potere si estese all’Europa orientale, che aveva raggiunto il suo ragionevole limite di estensione del potere; sotto Breznev, la mano raggiunse verso l’Oceano Indiano – questo non solo Ha varcato il limite del potere dell’Unione Sovietica e ha toccato gli interessi fondamentali degli Stati Uniti, la potenza marittima a quel tempo. Il 12 novembre 1973, Mao Zedong ha sottolineato le carenze dell’Unione Sovietica durante i suoi colloqui con Kissinger. In risposta al punto di vista di Kissinger secondo cui “l’attuale problema in Medio Oriente è impedire all’Unione Sovietica di ottenere il dominio”, Mao Zedong ha detto:

L’ambizione dell’Unione Sovietica è in contraddizione con le sue capacità, deve fare i conti con tanti aspetti: a partire dall’Oceano Pacifico, ci sono gli Stati Uniti, il Giappone, la Cina, l’Asia meridionale, il Medio Oriente e l’Europa a ovest . Un totale di oltre un milione di soldati non è sufficiente per difendere, per non parlare di un attacco, a meno che non lo lasci entrare e gli dia il Medio Oriente e l’Europa, sarà a suo agio. In questo modo, le truppe possono essere spostate verso est. Conteniamo anche alcune delle loro forze, il che è anche vantaggioso per te. In Europa, il Medio Oriente, come la Mongolia, ha truppe di stanza. La mia opinione è che l’Unione Sovietica ha grandi ambizioni, cioè vuole occupare i due continenti dell’Europa e dell’Asia, e anche l’Africa settentrionale, ma manca di forza e deve affrontare grandi difficoltà. [6]

L’analisi di Mao Zedong ha senso e si conforma alla logica storica. Storicamente, le frontiere del potere della Russia non potevano andare troppo lontano. Ma estendendoci all’est dell’Ucraina non c’è nessun problema; all’est dell’Europa è a malapena ragionevole – ecco perché Churchill andò a Mosca e Stalin il 9 ottobre 1944 per raggiungere un “accordo percentuale” sulla divisione della sfera di influenza nell’est Europa [7]. Immagina che Hitler, che era così arrogante all’epoca, non abbia abbattuto l’Ucraina, per non parlare della NATO oggi. Dal 1815 ad oggi, si può vedere che l’accordo percentuale tracciato da Churchill e Stalin è più o meno in linea con l’equilibrio delle forze strategiche tra Europa e Russia. (Figura 1)

Proposta per la divisione della sfera di influenza nei paesi balcanici, scritta da Churchill nell’incontro con Stalin il 9 ottobre 1944[8]

Conoscere i limiti che uno stato può raggiungere e la linea di fondo che può contenere è l’abilità di base per la gestione dello stato. Stalin lo capì, e così non solo rifiutò le proposte di Hitler (e di Roosevelt) per incoraggiarlo ad entrare in India, ma espresse anche la sua incapacità di aiutare la fallita rivolta del KKE del 1948.

Nella seconda guerra mondiale, per conquistare Stalin, Roosevelt propose di includere l’India e l’Oceano Indiano nella sfera di influenza dell’Unione Sovietica, ma Stalin rifiutò [9]; fu trattato freddamente da Stalin. Nelle sue successive memorie, Molotov rivelò questo materiale storico e parlò delle considerazioni di Stalin:

Hitler disse: “Dovresti avere accesso a mari caldi, come l’Iran, l’India.” Gli dissi: “Questa è un’idea interessante. Cosa ne pensi?” Lascia che dica la sua. Non era un discorso serio con me, ma stava discutendo allegramente su come sbarazzarsi della Gran Bretagna, mentre ci portava in India attraverso l’Iran. Questo è un uomo senza una visione, a cui manca una comprensione approfondita della politica sovietica e ci sta mettendo a rischio. Se fossimo bloccati nel sud, la sua situazione sarebbe molto più facile e dovremmo fare affidamento su di lui se l’Inghilterra dovesse combatterci. Sarebbe ingenuo non capirlo. [10]

Il 10 febbraio 1948, Stalin espresse le sue opinioni sulla rivolta greca in una conversazione con rappresentanti di Bulgaria e Jugoslavia. Secondo Milovan Geras, Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista del Sud e Ministro della Propaganda:

Stalin ha poi rivolto l’argomento alla rivolta greca, dicendo: “La rivolta greca dovrebbe essere respinta”. Ha chiesto a Kader, vicepresidente del Consiglio dei ministri jugoslavo: “Credi che la rivolta greca avrà successo?”

Kader ha risposto: “Se non si rafforzano le interferenze straniere, se non si commettono grandi errori politici e militari…”

Stalin ignorò del tutto le parole di Kader e continuò: “Se, se! Non ci sono possibilità di successo. Pensi che la Gran Bretagna e gli Stati Uniti – la potenza più potente del mondo – permetteranno che le loro spedizioni vengano interrotte nel Mediterraneo. Ancora di salvezza? È una stronzata! Non abbiamo una marina. La rivolta greca deve essere repressa il prima possibile”.

In questo momento, qualcuno ha parlato delle recenti conquiste del Partito Comunista Cinese, e Stalin ha ancora insistito sulla propria opinione: “Sì, i compagni cinesi hanno raggiunto risultati. Tuttavia, la situazione in Grecia è completamente diversa. La posizione geografica della Grecia è un importante linea di trasporto nei paesi occidentali. On. Gli Stati Uniti sono direttamente coinvolti in questa regione: gli Stati Uniti sono la potenza più potente del mondo. ” [11]

Stalin non scelse la Grecia e il Mediterraneo o l’India e l’Oceano Indiano, ma sotto la tacita approvazione di Roosevelt, stabilì a portata di mano l’obiettivo della sua espansione nell’Europa orientale. Stalin persuase e fece accettare a Roosevelt di scegliere il luogo del secondo campo di battaglia in Francia La Normandia, piuttosto che la sponda settentrionale del Mediterraneo, a cui Churchill si aggrappava disperatamente, fu un passo chiave verso questo obiettivo per l’Unione Sovietica. Non è affatto un caso che la sconfitta di Hitler coincida con l’instaurazione dell’Impero Sovietico, ma non di altri imperi. Qual era la base giuridica su cui fu fondato l’Impero Sovietico? È il sistema di Yalta, il suo confine europeo-russo è determinato sulla linea della cosiddetta “cortina di ferro” che la Chiesa ha detto “da Stettino nel Mar Baltico a Trieste nel mare Adriatico”[12].

La cooperazione anglosassone anglo-americana nel sistema Versailles-Washington divenne, nel sistema di Yalta, gli slavi e parte della cooperazione anglosassone, la cooperazione sovietico-americana – che sembra essere nel sistema viennese prima della Versailles-Washington system Una ripetizione della collaborazione russo-britannica. Qui l’Europa è caduta vittima.

Questa esperienza storica ci dice che nel gioco delle grandi potenze, per non parlare degli amici, anche degli alleati strategici, gli sforzi in stile Chamberlain da soli non bastano. Stava per piovere in quel momento.La differenza tra il Ciambellano Europeo e Stalin era che il primo era impegnato a ripararsi dalla pioggia, mentre il secondo stava attivamente “piantando riso” prima della pioggia. Di conseguenza, dopo la fine della pioggia, l’Unione Sovietica aveva raggiunto notevoli interessi strategici, in particolare gli interessi strategici più urgenti che l’Unione Sovietica doveva risolvere in quel momento, mentre il Regno Unito aveva perso tutto.

Questa esperienza storica ci dice anche che in un gioco di grandi poteri non basta affidarsi all’incoscienza hitleriana. Stalin è stato uno dei pochi uomini cauti nella storia russa. Durante la seconda guerra mondiale, la portata delle sue arti marziali non è mai stata troppo lontana dal confine dell’Unione Sovietica. In effetti, durante la seconda guerra mondiale, utilizzò realmente le truppe contro l’invasore Germania (la guerra contro il Giappone nel 1945 non fu una vera guerra). Dopo la guerra, voleva solo ottenere l’accesso al mare indirettamente attraverso la Jugoslavia e la Cina rispettivamente nel Mar Mediterraneo e nell’Oceano Pacifico. Sebbene non abbia raggiunto il suo obiettivo, anche nelle condizioni più favorevoli, ha sempre evitato di inviare truppe direttamente dall’Unione Sovietica per raggiungere l’obiettivo strategico della Russia di ottenere l’accesso al mare. Stalin si rese conto dalla dolorosa esperienza russa di combattere per l’estuario dopo Pietro il Grande che sebbene gli estuari siano legati al destino della Russia, sono come arcobaleni nel cielo, che sono oltre il limite delle capacità strategiche della Russia e quindi possono essere visti solo. Non posso toccare. Stalin era una persona che sapeva “volontario” Sebbene non avesse raggiunto l’obiettivo di entrare nel Mar Mediterraneo e nell’Oceano Pacifico, l’Unione Sovietica sotto il suo governo ottenne l’ingresso nel Mar Baltico. Sfortunatamente, i leader sovietici dietro Stalin hanno allungato le mani sempre più lontano: per contenere gli Stati Uniti, Krusciov si è rivolto a Cuba. Fortunatamente, l’Unione Sovietica non ha perso la faccia nonostante abbia perso la faccia nella crisi dei missili di Cuba; è stata questa esperienza quasi umiliante che ha portato Hearst ad adottare una politica prudente di non intervenire direttamente nella questione del Vietnam. Per entrare nell’Oceano Indiano, Breznev ha finalmente inviato truppe direttamente in Afghanistan nel 1979 dopo aver trascinato Vietnam, India e alcuni paesi lungo la costa settentrionale dell’Oceano Indiano nella “famiglia socialista”, cercando di bussare alla porta dell’Oceano Indiano. Di conseguenza, Breznev non ottenne alcun vantaggio anche se iniziò a casa, e l’Afghanistan si trasformò in un’altra “guerra del Vietnam”, che alla fine superò la forza nazionale dell’Unione Sovietica e quindi si disintegrò completamente alla fine del 1991. A questo punto, i russi persero ancora una volta il porto del Mar Baltico che Pietro il Grande e Stalin avevano conquistato per la Russia, per non parlare della Crimea. A questo proposito, il famoso storico americano Warren I. Cohen ha commentato:

Prima che le fondamenta dell’impero sovietico iniziassero a sgretolarsi, sentiva poco il senso del grande raggiungimento della parità con gli Stati Uniti, la comodità di avere il sostegno delle forze associate del mondo e l’euforia di farsi strada impettito verso la leadership mondiale. Non importa quanto diligentemente e ferocemente le truppe sovietiche combattessero, non potevano sconfiggere i guerriglieri afgani sostenuti sia dalla Cina che dagli Stati Uniti. L’economia sovietica – già vacillata anche dalle opinioni più ottimistiche – non poteva più permettersi gli scioccanti aiuti ad alleati come Cuba e Vietnam come prezzo da pagare come impero. [13]

Al culmine della sua vittoria, Stalin mantenne un notevole controllo sulle questioni di Grecia e Corea del Nord, mentre Breznev fece gli stessi errori strategici di Napoleone, Hitler, Hideki Tojo e Bush Jr. Una regione che mostra la forza dell’alleanza Cina-USA – Afghanistan. Il 25 dicembre 1979 l’Unione Sovietica invase l’Afghanistan, la guerra durò 9 anni e la politica e l’economia dell’Unione Sovietica furono gravate da un enorme fardello che alla fine avrebbe fatto crollare l’Unione Sovietica.

Al contrario, Putin non ha mai fatto una mossa di vasta portata da quando è salito al potere e ha osato combattere e vincere quando era vicino al suolo. Sembra che i politici russi di oggi abbiano già la filosofia di Lenin e Stalin.

Dopo la disintegrazione dell’Unione Sovietica, l’Europa dell’Est si è schiantata di nuovo contro l’Occidente e i confini dell’Europa e la loro storia sembravano tornare al sistema di Versailles. Ciò ha notevolmente gonfiato le incontrollate ambizioni di espansione verso est dell’Occidente, tanto che Zbigniew Brzezinski, un ex consigliere per la sicurezza presidenziale degli Stati Uniti, ha scritto nel suo libro “The Great Chess Game: American Primacy and Its Geostrategy” Zhong ha detto: L’Europa deve essere un processo storico senza fine e non dovrebbe essere limitata dalla geografia che è arbitrariamente diffamata politicamente.”[14] I ricercatori strategici hanno rivelato nel suo libro L’arroganza tabù sono venuti alla ribalta. Insegnò ai russi quasi con comando, disprezzo e sarcasmo:

L’unica vera opzione geostrategica per la Russia, quella che le conferisce un ruolo internazionale realistico e la migliore opportunità per la Russia di trasformarsi e modernizzare la sua società, è l’Europa. Non si tratta di un’Europa casuale, ma di un’Europa transatlantica, allargata e della NATO… Un’Europa del genere sta prendendo forma e potrebbe essere ancora strettamente legata agli Stati Uniti. Questa è l’Europa con cui la Russia deve fare i conti se vuole evitare un pericoloso isolamento geopolitico.

Per l’America, la Russia è troppo debole per essere un partner, ma la Russia è troppo forte per essere solo un paziente dell’America. [15]

Ma il contrattacco decisivo e di successo di Putin in Georgia, e poi in Crimea, ha umiliato Brzezinski mentre l’espansione dell’Occidente in Ucraina ha spinto la Russia alla linea di fondo del “vivi o muori”. Simile alla situazione della sostanziale espansione dell’Europa verso est dopo la sconfitta della Russia zarista nella prima guerra mondiale, l’Occidente di oggi sfrutta la disintegrazione dell’Unione Sovietica per continuare la sua espansione verso est, costringendo i russi al “periodo di Lenin”, che ha raggiunto il punto in cui i russi crolleranno senza un forte rimbalzo. La Russia non può durare a lungo senza il Mar Nero. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, Brzezinski ha finalmente chiarito:

Da un punto di vista geopolitico, la perdita dell’Ucraina ha implicazioni significative, poiché limita notevolmente le opzioni geopolitiche della Russia. Anche con la perdita degli stati baltici e della Polonia, una Russia che controlla ancora l’Ucraina può ancora lottare per essere il leader di un fiducioso impero eurasiatico che domina i non-slavi nel sud e nel sud-est dell’ex Unione Sovietica. Ma senza l’Ucraina e i suoi oltre 52 milioni di slavi, qualsiasi tentativo di Mosca di ricostruire il suo impero eurasiatico rischia di far precipitare la Russia in un conflitto prolungato con non-slavi risvegliati etnicamente e religiosamente. La guerra con la Cecenia è forse solo il primo esempio. Inoltre, qualsiasi nuovo impero eurasiatico costruito sulla potenza russa senza l’Ucraina diventerebbe inevitabilmente meno europeizzato nel tempo, e sempre di più, a causa del calo delle nascite in Russia e del drammatico aumento della popolazione dell’Asia centrale. [16]

Fortunatamente, la Russia non muore e i russi hanno lanciato Putin in questo momento. È vero il contrario: l’apparizione di Putin non è solo inevitabile nella storia russa, ma è anche un “dono” dato dagli occidentali e costringendo i russi ad accettarli sopprimendoli.

In tempi di crisi ogni nazione presenterà i propri politici maturi. Questa volta, sulla questione dell’accettazione del ritorno della Crimea in Russia, l’opinione pubblica russa, compreso l’atteggiamento di approvazione di Gorbaciov, ha mostrato un alto grado di consenso: se si tiene conto del fatto che Putin può continuare a essere rieletto, si vede che opinione di giurare di resistere all’espansione verso est della NATO, è diventato un consenso nazionale in Russia. Il consenso – che sta emergendo in Cina – è l’epitome della forza interiore. Con Putin c’è un consenso nazionale e la Russia ha un clima di ritorno in Unione Sovietica.

La crisi ucraina del 2014 e il ritorno della Crimea alla Russia hanno significato per l’Europa che ha determinato i limiti ei confini dell’espansione verso est del “nuovo sistema di Versailles” dominato dagli europei. I confini sono sempre stati determinati con la forza. Ciò che la fine della Crimea significa per la Russia significa che la Russia ha mantenuto la linea di fondo della sopravvivenza – la linea di fondo è la base e la premessa del futuro risveglio della Russia; per l’Europa, significa che l’espansione dell’Europa verso est ha raggiunto il suo limite. Il motivo è che, data una volontà sufficiente, le risorse della Russia sono più che sufficienti per mantenere questa linea di fondo. Quando Hitler invase l’Unione Sovietica, voleva principalmente controllare l’Ucraina, ma perse tutto. Se la NATO iniziasse una guerra qui oggi, la scala non sarebbe più grande della follia di Hitler. I russi una volta qui sconfissero Hitler. Il risultato dell’uso di la forza può essere immaginata.

Affacciato sul Mar Nero e sulla penisola di Crimea dal Nord Africa [Fotografato da Zhang Wenmu secondo “Topography of the World” (edizione rivista da Planet Publishing House nel 2011 )]

I confini nazionali sono tagli storici della linea di fondo e limiti delle capacità strategiche nazionali. Da Pietro il Grande a Stalin, la Russia ha visto solo rimorchiatori di confine con l’Europa nei tre paesi baltici e in Ucraina, fatta eccezione per Stalin nella seconda guerra mondiale e Gorbaciov nel 1992, la Russia si rimpicciolisce intenzionalmente e lo abbandona in Ucraina. da non perdere. Da Napoleone a Hitler, gli occidentali capiscono che i russi possono spesso vincere nel terreno vicino in cui l’esercito può svolgere un ruolo. Il Mar Nero è troppo vicino alla Russia e la terra è collegata e l’esercito può entrarvi direttamente, mentre i paesi occidentali con potenza marittima sono fuori dalla loro portata. La Crimea è un luogo di vita e di morte per la Russia e un importante punto di interesse per l’Europa, per questo la Russia utilizzerà tutte le sue risorse, mentre l’Occidente no. Hitler ha utilizzato tutte le sue risorse e non è riuscito a conquistare l’Ucraina, e l’Europa di oggi non rinuncerà affatto ai costi in stile hitleriano per questo, in questo modo è generalmente possibile determinare l’esito dell’evoluzione degli eventi in Ucraina. Se conosci la storia dell’appartenenza dell’Ucraina, sai anche che l’incidente dell’Ucraina significa che la storia del contrattacco della Russia contro l’espansione dell’Europa verso est è davvero iniziata. L’influenza europea si ritirerà dall’Ucraina, almeno dall’Ucraina orientale, e poi, in futuro, dai tre stati baltici. (Fare riferimento alla Figura 3)

La linea di fondo della capacità strategica nazionale della Russia dai cambiamenti nel territorio europeo negli ultimi duecento anni (1815-2014), a cura di Zhang Wenmu, l’autore di questo articolo

Quindi cosa significa per l’Europa l’attuale fine dell’Ucraina? Prima di rispondere a questa domanda, dobbiamo prima guardare gli atteggiamenti dei paesi europei e americani.

Si può dire che la reazione più forte all’incidente in Ucraina questa volta è stata la Germania e gli Stati Uniti. Questa eccitazione negli Stati Uniti è dovuta all’ignoranza degli strateghi dello “stile Zhao Kuo” negli Stati Uniti nel corso degli anni, i quali non sapevano che Franklin D. Roosevelt (1882-1945) e George Carteret perché Marshall (George Catlett Marshall, 1880-1959) decide di inviare truppe per fermare Hitler nel momento in cui stava per unificare l’Europa[17]; è ancor meno chiaro che gli Stati Uniti usarono lo sbarco in Normandia per portare l’Unione Sovietica nell’Europa orientale e La ragione di un’Europa spezzata – perché un’Europa spezzata e divisa è l’ambiente necessario per un’America forte. [18]

Va detto qui che lo scopo dell’attacco di Hitler all’Ucraina nel 1941 non era interamente per il petrolio lì. Hitler chiamò il suo piano per l’invasione dell’Unione Sovietica dopo il “Sacro Romano Impero” dell’imperatore Federico I (il “Piano Barbarossa” ). ), indicando che il suo vero scopo è principalmente l’unificazione dell’Europa. Perché l’Ucraina è un luogo di confine per l’Europa, in particolare l’Europa orientale. Quando l’Unione Sovietica controllava l’Ucraina, controllava la Romania e la Bulgaria sulla costa orientale del Mar Nero, riducendo così notevolmente la forza centripeta di questi paesi sull’Europa occidentale. Senza la forza centripeta di questi paesi verso l’Europa occidentale, l’unificazione dell’Europa non può essere realizzata. Con questo in mente, è anche chiaro il motivo per cui gli inglesi hanno reagito indifferentemente alla morte di Margaret Thatcher, che aveva svolto un ruolo importante nella distruzione dell’Unione Sovietica, perché il risultato del rovesciamento dell’Unione Sovietica è stato che il continente europeo aveva uno spazio unificato, e il continente asiatico era unificato. Come per il Giappone, il risultato dell’unificazione del continente europeo farà inevitabilmente sì che la Gran Bretagna si sposti dal centro alla periferia dell’Europa; sapendo questo, è anche chiaro il motivo per cui il cancelliere tedesco Angela Merkel, che ha dato un importante contributo all’unificazione europea, ha un’influenza negativa sugli sforzi della Russia per stabilire una posizione in Crimea.La mossa è così angosciante, perché la spinta della Russia a ovest dell’Ucraina e a sud del Mar Nero renderà il processo quasi completo di unificazione europea prossimo al fallimento. A tal fine, durante la visita del presidente Xi Jinping in Europa, la Merkel ha presentato alla Cina una mappa che si dice sia “la prima mappa accurata della Cina disegnata dalla Germania nel 1735” (vedi figura 4).[19] I confini settentrionali della Cina, quindi ridurre la pressione strategica della Russia sull’unificazione europea in Ucraina – questo è, ovviamente, un pio desiderio.

La Merkel presenta al presidente Xi Jinping la prima mappa accurata della Cina disegnata dalla Germania nel 1735

Dopo la disintegrazione dell’Unione Sovietica, gli americani non sapevano cosa avrebbe significato per gli Stati Uniti lo squilibrio di potere tra Europa e Russia. A quel tempo, gli americani erano completamente ignoranti della storia e delle basi geopolitiche della loro egemonia, e trasformarono ulteriormente l’opposizione relativa in stile “Zhou Yu che colpisce Huang Gai” originale tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica durante il periodo Marshall in ” Han e ladri non si oppongono l’uno all’altro.” “[20] opposizione assoluta. Nel 1991 e nel 1992, gli Stati Uniti hanno contribuito alla disintegrazione dell’Unione Sovietica e della Jugoslavia e lo spazio strategico della Russia è stato notevolmente ridotto. Nel 1999, nello stesso anno in cui gli Stati Uniti hanno promosso l’adesione di Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca alla NATO, ha portato la NATO a lanciare la guerra del Kosovo per separare il Kosovo dalla Serbia. Nel novembre 2002, il vertice della NATO di Praga ha deciso di ammettere sette paesi: Estonia, Lettonia, Lituania, Slovacchia, Slovenia, Romania e Bulgaria ad aderire alla NATO. Questa è la più grande espansione della NATO dalla sua fondazione nel 1949. Nel marzo 2004, i suddetti sette paesi hanno formalmente presentato i rispettivi testi legali per l’adesione alla NATO, diventando così nuovi membri della NATO, ampliando il numero dei membri della NATO da 19 a 26 in quel momento. Il 1 maggio 2004, 10 paesi tra cui Malta, Cipro, Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Estonia, Lettonia e Lituania sono diventati ufficialmente Stati membri dell’Unione Europea (UE). Questo è il più grande allargamento verso est nella storia dell’UE. Gli Stati membri allargati dell’UE sono passati da 15 a 25. Il 17 febbraio 2008 il parlamento del Kosovo ha approvato la Dichiarazione di Indipendenza e da allora i ministri degli esteri degli Stati membri dell’UE Francia, Gran Bretagna, Germania e Italia hanno annunciato il riconoscimento dell’indipendenza del Kosovo. Anche gli Stati Uniti hanno rilasciato una dichiarazione scritta il 18 febbraio, annunciando il riconoscimento ufficiale dell’indipendenza del Kosovo. Nel 2011, Francia e Gran Bretagna hanno inviato con successo truppe per controllare di nuovo la Libia.Di fronte alla Russia, che si è ritirata, c’è una sorta di stile “I Hu Hansan è tornato”. Durante la crisi economica mondiale del 2008, l’UE ha approfittato della domanda di prestiti dei piccoli paesi europei e ha gradualmente recuperato la propria sovranità, migliorando ulteriormente il livello di unità europea.

Se diamo un’occhiata alla mappa, siamo sorpresi di vedere che “l’indipendenza” del Kosovo ha causato quella che Churchill descrisse nel 1946 come la “cortina di ferro” “da Stettino nel Baltico a Trieste nell’Adriatico” dalla parte occidentale dell’est Europa Il mondo è letteralmente spinto alla porta della Russia. La potenza europea e la base geografica su cui fa affidamento stanno per tornare allo schema di “Versailles” prima della seconda guerra mondiale La configurazione geopolitica della “Piccola Europa” (cioè l’Europa occidentale) progettata da Roosevelt e Marshall per comprimere l’Europa è cambiata. Si può dire che quando il “sistema Washington” non è apparso in Estremo Oriente, in Europa è emerso un nuovo “sistema Versailles”. L’esito dell’incidente ucraino è senza dubbio un colpo al centro del processo di unificazione che sta per concludersi in Europa. Questa è davvero una buona notizia per gli Stati Uniti e persino per il Regno Unito. Mao Zedong sembra aver affrontato questo problema per molto tempo. Il 21 settembre 1975, quando Mao Zedong parlò della minaccia dell’Unione Sovietica all’Europa, disse all’ex primo ministro britannico Heath in visita: “Cosa accadrà agli americani? Proteggeranno l’Europa? Sono scettico. Lo farà corri, corri indietro, non interferire e poi torna.”[21] Questa caratteristica della diplomazia americana sottolineata da Mao Zedong 40 anni fa si applica ancora oggi all’Europa, e vale anche per la severità di oggi sulla questione delle Isole Diaoyu. Giappone ; se leggi la lettera del 22 giugno 1953 del Segretario di Stato americano Dulles a Syngman Rhee sull’armistizio coreano[22], saprai che gli americani non verseranno più sangue per i loro alleati.

Già nel 1919, subito dopo la fine della prima guerra mondiale, Mackinder pubblicò l’opuscolo “The Geographical Pivot of History”, indicando il percorso dell’Unione Sovietica da cui sarebbe dipesa l’ascesa degli Stati Uniti. Disse: ” Gli Stati Uniti sono recentemente diventati una potenza orientale, e non direttamente, ma attraverso la Russia per influenzare gli equilibri di potere in Europa” [23]. Non so se fosse per tale saggezza.Il 25 aprile 2014, Obama ha detto in una conferenza stampa in Corea del Sud: “Se il presidente Putin annega, ovviamente lo salverò”. connessione” con il popolo russo. ha chiesto se il presidente Barack Obama lo avrebbe salvato se fosse annegato. Putin ha risposto: “Obama è un uomo abbastanza onesto e coraggioso, e sicuramente lo farà”.[24] Se questo dialogo deve essere inteso come una metafora dell’interdipendenza delle due parti nella geopolitica, allora non si può negare che Il presidente Obama ha Con la saggezza di Roosevelt e Stalin costruire insieme il “sistema Yalta” che ha travolto l’Europa. Se è così, quello che manca a Obama è lo staff quasi impossibile “alla Marshall” e il potere che è potente come Roosevelt, cioè indipendente dal capitale monopolistico di Wall Street[25]; se è così, è probabile che il presidente Obama stia aspettando per Nixon—— Mao Zedong ha detto che Nixon si è dimesso perché “ha offeso il conglomerato orientale”[26] – uno scherzo del destino.

Obama è nato nel momento sbagliato: gli Stati Uniti di oggi si sono alienati da un Paese che fa affidamento sulla produzione fisica a un Paese parassitario del “petrodollaro”, e la sua diplomazia punta a garantire che gli acquisti internazionali di petrolio siano regolati in dollari. Per quei paesi che non sono disposti a saldare il loro petrolio in dollari e altre valute, gli Stati Uniti non esiteranno a usare mezzi militari per punirli. In questo momento, la “produzione americana” non si basa più sul lavoro nazionale ma su guerre straniere e la “produzione americana” non si basa più sui prodotti di sussistenza delle persone, ma su dollari USA e vari titoli. Gli Stati Uniti in questo momento sono degenerati dagli Stati Uniti di Washington agli Stati Uniti di Wall Street. Wall Street rende le persone più lontane dal lavoro e più vicine al campo di battaglia; poiché la capitale internazionale di Wall Street, piuttosto che gli interessi della nazione americana, combattere in tutto il mondo è diventato il “modo di produzione” della nazione americana e il “modalità di sopravvivenza” del popolo americano. La Casa Bianca di oggi non ha più poteri fiscali e finanziari indipendenti, per non parlare del sostegno economico statale.La Casa Bianca è stata a lungo rapita dal “complesso militare-industriale” di cui Eisenhower metteva in guardia, ovvero il capitale monopolistico di Wall Street, ed è diventata una vassallo di Wall Street. Se il Roosevelt di ieri è nato con lo splendore di “fare insieme il mondo e la terra”, allora Obama non poteva che affrontare il dolore di “fare eroi e non essere liberi”.

Il compagno Mao Zedong se ne accorse presto. Nel 1965, il giornalista americano Edgar Snow disse alla fine della sua conversazione con Mao Zedong: “Spero che il presidente dica qualche parola al popolo americano. Il popolo americano ha una buona impressione della Cina Mao Zedong rispose bruscamente: “Il popolo americano ha bisogno di essere liberato di nuovo, sono affari loro. Non liberato dal dominio britannico, ma liberato dal dominio del capitale monopolistico.” [27] 8 maggio 1960, Mao Zedong Ricorda agli amici latinoamericani: “I paesi occidentali e gli Stati Uniti sono due dei nostri gruppi. Amici, il che è giusto, vediamo in futuro! Un giorno, il popolo americano non apprezzerà il sistema imperialista”.[28] Ora più che mezzo secolo In passato, il popolo americano ha espresso la propria insoddisfazione per il “sistema imperialista” americano attraverso l’operazione “Occupy Wall Street”, e il compito della “ri-liberazione” è diventato più urgente che mai per il popolo americano.

Roosevelt morì nel febbraio 1945. Il 15 aprile 1945, Stalin disse all’ambasciatore statunitense in Unione Sovietica, Harriman: “Vorrei affidare la mia vita al generale Marshall”. gli Stati Uniti. Stalin fu deluso nel vedere gli Stati Uniti deviare sempre più dalla politica dell’Unione Sovietica di Roosevelt. Il 23 dicembre di quell’anno, Stalin ricevette il Segretario di Stato americano Berners, e dopo aver ascoltato la loquace e inutile difesa della politica statunitense nei confronti della Cina da parte del nuovo Segretario di Stato, sospirò: “Marshall è uno dei pochi politici che sono entrambi politici Un altro soldato.”[30] Stalin capì che cedendo l’Europa orientale all’Unione Sovietica e con l’Unione Sovietica in un “Accordo segreto di Yalta” per dividere la Cina in due lungo il nord e il sud della Grande Muraglia – era dovuto a La marcia di Mao Zedong attraverso il fiume del 1949. Fu la grande strategia che Marshall persuase Roosevelt a formulare per gli Stati Uniti, fu questa strategia che permise agli Stati Uniti e all’Unione Sovietica di avere l’egemonia del co-governo postbellico di il mondo.

2. “Prendi il sesamo e lancia l’anguria”: diplomazia americana dell’estremo oriente senza filosofia

L’istituzione del nuovo sistema di Versailles ora significa la disintegrazione finale del sistema di Yalta in Europa ieri. Va però precisato che il sistema di Yalta non si è disintegrato in Estremo Oriente, e il suo simbolo è che Taiwan appartiene alla Cina; le quattro isole settentrionali sono ancora in mano alla Russia; Okinawa, Guam e alcune isole del Pacifico sono controllato dagli Stati Uniti o appartiene agli Stati Uniti. Tutti questi mostrano che il sistema di Yalta è ancora intatto in Estremo Oriente. Lo status giuridico di Taiwan appartenente alla Cina è stato stabilito dal sistema di Yalta. Se il sistema di Yalta nell’Estremo Oriente si “disintegrasse” davvero, come dicono alcuni, allora lo status giuridico di Taiwan e persino di alcune isole nell’Oceano Pacifico degli Stati Uniti e della Russia saranno scosse a favore dell’ala destra giapponese. Ieri la Germania, paese sconfitto in Europa, si è dichiarata colpevole ed è stata accettata dagli europei, mentre il Giappone, paese sconfitto in Estremo Oriente, non si è pentito sotto il sistema di Yalta. Ciò dimostra che la pace di Yalta nell’Estremo Oriente è ancora minacciata dai fascisti giapponesi e che la “Guerra del Pacifico” contro il Giappone da parte dei paesi e delle persone del Pacifico non è finita. La Cina e gli Stati Uniti hanno delle contraddizioni, ma le loro contraddizioni con il Giappone sono fondamentali.

Quando il sistema di Versailles fu formato all’inizio del XX secolo, esisteva anche un “sistema di Washington” nell’Estremo Oriente, che a quel tempo era chiamato “sistema di Versailles-Washington”. Quando Germania, Italia e Giappone provocarono la seconda guerra mondiale e la sua sconfitta, il sistema Versailles-Washington dominato dalla Gran Bretagna e dagli Stati Uniti si trasformò nel sistema di Yalta dominato dall’Unione Sovietica e dagli Stati Uniti. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, il nuovo sistema europeo di Versailles ha sostituito il sistema di Yalta istituito nel 1945. Da allora, gli Stati Uniti iniziarono a “spostarsi verso est”, cercando di costruire fianco a fianco un nuovo “sistema Versailles-Washington” in Estremo Oriente ed Europa. I confini del nuovo sistema di Versailles in Europa sono stati determinati nell’incidente in Ucraina del 2014, ed è appena iniziato il tentativo di stabilire il “sistema di Washington” in Estremo Oriente, e il suo successo o fallimento è ancora incerto: potrebbe essere il Sistema di Washington, potrebbe essere il sistema cinese, o potrebbe esserci un sistema parallelo Cina-Washington. Questo dipende non solo dal fatto che i cinesi siano coraggiosi e bravi a combattere, ma anche se c’è una filosofia nel gioco tra Cina e Stati Uniti. Il risultato di vincere tutto di solito è perdere tutto.Questo era il caso dell’antica Roma, il Regno Unito, l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti oggi non fanno eccezione. Il mondo è molto grande, e anche l’Oceano Pacifico è molto grande.Il miglior risultato nell’interesse della Cina non è di goderselo da solo, ma di “lasciare una parte all’Europa, una parte alla bellezza e una parte all’Est. In un mondo pacifico, il mondo intero è ugualmente caldo e freddo».[31]

Ora che Putin ha bloccato l’espansione della NATO verso est con la forza in occidente, gli occhi degli occidentali hanno iniziato a concentrarsi sulla Cina e sicuramente chiederanno e avranno bisogno della risposta pratica della Cina: qual è la linea di fondo della Cina? Per la Cina, l’errore più grande che fanno gli occidentali è la frivolezza. Sulla questione di Taiwan, le osservazioni di Brzezinski sono state irriverenti quanto quelle di MacArthur a Truman sull’isola di Wake[32], e anche il tono era molto simile. Ha detto:

Se Taiwan non è stata in grado di proteggersi in quel momento, gli Stati Uniti non devono fare nulla militarmente. In altre parole, gli USA dovranno intervenire. Ma questo non è per una Taiwan separata, ma per gli interessi geopolitici dell’America nell’Asia-Pacifico. Questa è una distinzione importante. [33]

Gli Stati Uniti hanno chiaramente perso punti nel gioco sino-americano. Proprio come le conseguenze fatali dell’Unione Sovietica dopo che Krusciov aveva spinto la Cina dalla parte degli Stati Uniti, gli errori sovversivi della diplomazia americana negli ultimi anni sono stati quelli di spingere la Cina dalla parte della Russia. Bush, Hillary e Shinzo Abe sono simili, conoscono solo parole vuote ma nessuna filosofia strategica. I politici americani più maturi sono Kissinger e Powell. Dov’è il vero fallimento dell’America? Non si tratta di quanto profitto economico prende dalla Cina – questo è un piccolo debito di sesamo, ma perché inganna troppo le persone e quindi spinge la Cina verso la Russia – questo è il quadro generale. Senza la stabilità del confine sino-russo, il successo della Russia in Crimea questa volta è inimmaginabile.

Un Paese che storicamente ha combattuto contemporaneamente contro due grandi potenze perderà senza dubbio, perché nessuno ha così tante risorse. Napoleone ha combattuto la Gran Bretagna e ha combattuto molto agevolmente. Nel 1812, ha combattuto la Russia, e fu sconfitto tre anni dopo. Hitler ha combattuto contro la Gran Bretagna e la Francia in Europa, ma nel giugno 1941 è andato di nuovo in guerra con la Russia, e ha perso più di tre anni dopo. Il Giappone combatté contro la Cina. Era già molto difficile, ma alla fine del 1941 andò a combattere gli Stati Uniti. Di conseguenza, Cina e Stati Uniti si unirono e il Giappone fu sconfitto in più di tre anni . Dove hanno perso gli Stati Uniti nella guerra di Corea? La sconfitta fu contro l’Unione sino-sovietica: dopo più di tre anni di lavoro e spedizione, gli Stati Uniti non persero la faccia. Nel periodo più difficile per la Cina negli anni ’60 e ’70, gli Stati Uniti, l’Unione Sovietica e la Cina si opposero e l’Unione Sovietica fu ancora più pressante. Quella fu la vera “era dei tre regni”. Che fosse la Cina, l’Unione Sovietica o gli Stati Uniti, erano tutti nella difficile situazione di combattere su due fronti. Mao Zedong capì che la diplomazia nazionale non può mai essere contro due grandi potenze contemporaneamente, ma per operare richiede superbe capacità diplomatiche. Mao Zedong, attraverso la battaglia dell’isola di Zhenbao, girò leggermente le carte e consegnò gli Stati Uniti alla Cina. Non si conoscevano senza litigare. Gli americani ammiravano Mao Zedong. Nixon venne in Cina per parlare di filosofia con Mao Zedong sull’aereo. Il 6 gennaio 1972, parlando del lavoro per gli affari esteri con Zhou Enlai e Ye Jianying, Mao Zedong disse: “In realtà, questo comunicato[34] non includeva le questioni fondamentali. La questione fondamentale è che né gli Stati Uniti né la Cina possono combattere su entrambi i lati. Oralmente, va bene combattere su due, tre, quattro e cinque lati, ma in realtà è impossibile combattere su entrambi i lati. “[35] Dopo che Nixon se ne andò, il 24 luglio, Mao Zedong ancora una volta istruirono Zhou Enlai, Ji Pengfei, Qiao Guanhua, ecc.: “In due è la nostra politica che le superpotenze possono trarre vantaggio dalle contraddizioni. Due egemonie, dobbiamo sempre lottare per un’egemonia e non combattere da entrambe le parti. “ [36 ]

Il più grande fallimento della diplomazia americana nel nuovo secolo è stato quello di spingere la Cina verso la Russia: questa è stata “una delle grandi tragedie della storia” che Nixon ha cercato di prevenire.[37] La vicinanza di Cina e Russia ha messo gli Stati Uniti nel dilemma di combattere da entrambe le parti fin dai tempi di Kennedy. E gli imperi che sono stati coinvolti in guerre bilaterali nella storia non hanno mai fallito. Gli amici dell’America sono avversari imbattuti. Attualmente, Cina e Russia hanno stabilito una partnership strategica altamente affidabile, che è la garanzia più importante per la Cina di rimanere invincibile ed è ovviamente un prerequisito per il miglioramento delle relazioni sino-americane. Se usi la semplice formula “1-2=-1″ per valutare la politica estera statunitense nel nuovo secolo, non è difficile scoprire che gli americani che hanno perso negli anni la loro filosofia strategica hanno davvero raccolto semi di sesamo e cocomeri perduti: è in un sacco di Sotto il richiamo di piccoli profitti, la Cina è stata spinta in Russia inconsapevolmente, proprio come Breznev dell’Unione Sovietica ha spinto la Cina negli Stati Uniti con la sua volontà, e l’Unione Sovietica è stata costretta a dividere il risorse diplomatiche originariamente utilizzate per trattare con gli Stati Uniti. Le conseguenze sono naturali. È catastrofico.

Negli anni ’50, due americani avevano ingannato l’America fino al cesso. Uno è McCarthy e l’altro è Kennan. A quel tempo, McCarthy era impegnato nell'”estrema destra” negli Stati Uniti. Chiunque non avesse “anticomunismo” sarebbe stato arrestato. Se non fosse stato “anticomunista”, non avrebbe avuto un lavoro. Forzare gli Stati Uniti Afferma a quel tempo di “preferire la destra alla sinistra”, c’era una sola voce. In concomitanza con questo, Kennan progettò un enorme carro e un bersaglio per gli Stati Uniti, dicendo che avrebbero combattuto contro il comunismo. In questo modo, gli Stati Uniti sono stati ingannati su un carro di “contenimento del comunismo” e si sono precipitati verso un obiettivo al di là della sua portata, seguito dal fallimento della guerra di Corea e della guerra del Vietnam. Prima di Nixon, le capacità strategiche nazionali americane erano in grave declino. Il 1 febbraio 1973 Mao Zedong spiegò il dilemma causato dalla guerra bilaterale degli Stati Uniti e le ragioni per cui la Cina invitò Nixon a visitare la Cina durante i colloqui con i leader del Partito Laburista Vietnamita, Le Duc Thu e Nguyen Weizhen :

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, c’è un vecchio detto in Cina secondo cui “un verme dai cento piedi muore senza essere rigido”. A quel tempo, alcuni dei nostri amici non capivano perché abbiamo invitato Nixon a Pechino. Gli Stati Uniti sono in grande difficoltà e altri luoghi sono tesi: devono calmare la situazione a est prima di poter concentrare le proprie energie sul proprio Paese, l’Europa e il Mediterraneo. Ecco perché è andato a Pechino. Parlano di equilibrio ogni giorno, ma questo mondo è sbilanciato e il potere del mondo intero è sbilanciato. Ogni giorno parlo di partire con le forze, infatti voglio correre, il motivo per cui voglio correre è perché questo posto è davvero disagiato, è difficile stare qui, e altri posti sono nervosi. [38]

Dopo che gli Stati Uniti sono entrati nel 21° secolo, altre due persone, George W. Bush e Rice, hanno minato la politica di Nixon con la Cina, hanno usato “l’antiterrorismo” per tracciare una linea e hanno ingannato gli Stati Uniti facendogli lanciare una guerra inconcludente. Questa guerra in passato era chiamata “anticomunismo”, ma ora si chiama “antiterrorismo” e lo scopo è mantenere l’egemonia mondiale degli Stati Uniti. Bush Jr. era ancora più malvagio di McCarthy e ha creato molte “asce del male”. Dopo che Bush è salito al potere, si è appoggiato ai pugni per parlare, ma era tutto ammaccato. Durante l’era Obama, gli Stati Uniti hanno utilizzato lo “spostamento strategico verso est” per coprire e rimediare al fallimento in Medio Oriente. Per questo motivo, negli anni ’50 gli Stati Uniti hanno cercato di ripristinare l’accerchiamento di contenimento della Cina. cosa per l’Asia era l’indulgenza del militarismo giapponese. Il 24 aprile 2014, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha chiaramente espresso in Giappone di “accogliere favorevolmente e sostenere” la revoca da parte del Giappone del divieto di autodifesa collettiva nell’area sottostante [39]. In un momento in cui gli Stati Uniti sono in declino, cosa possono fare queste mosse diplomatiche se non stimolare un approfondimento del partenariato strategico sino-russo? Per quanto riguarda gli Stati Uniti, l’approccio di Cina e Russia farà declinare ulteriormente gli Stati Uniti nella formula “1-2=-1” compilata da sola, cos’altro può fare?

Nel 1972, Mao Zedong disse a Nixon che gli piaceva l’ala destra, perché l’ala destra americana Nixon nel 1972 capiva la filosofia e conosceva i confini dell’espansione del potere nazionale americano. La destra americana oggi è meno simpatica perché ha perso la sua filosofia. Chiunque abbia letto un po’ di storia saprà che anche quando gli Stati Uniti hanno raggiunto il loro picco di potere, non hanno formato un controllo effettivo sulla costa occidentale dell’Oceano Pacifico, ed è ancora più incredibile per un paese come la Cina estendere il suo predominio del mare sulla costa orientale dell’Oceano Pacifico.

Sulla questione dell’Estremo Oriente, il pensiero strategico statunitense di oggi sembra essere tornato all’idea di contenimento di Kennan, che equivale a un secondo disastro sia per la Cina che per gli Stati Uniti. La “politica di contenimento” di cui Kennan si rammaricò in seguito costrinse gli Stati Uniti al punto di non ritorno a contenere l’Unione Sovietica su scala globale. Di conseguenza, dopo il rovesciamento dell’Unione Sovietica e il rovesciamento del sistema di Yalta in Europa, l’Unione Europea ne trasse grandi benefici, mentre gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica, i due paesi che usarono la seconda guerra mondiale per rovesciare l’egemonia mondiale europea, crollarono e declinarono successivamente. Gli strateghi americani di oggi dovrebbero ricomprendere il valore del pensiero diplomatico di Roosevelt e Marshall per gli Stati Uniti di oggi e riflettere profondamente sulla diplomazia americana dopo Nixon.

Il 4 febbraio 1945, alla Conferenza di Yalta, Churchill chiese a Stalin “cosa ne pensi di Hitler come stratega”, e Stalin rispose che “Hitler come stratega ha un nome falso” [40]. La trasformazione da parte di Stalin della percezione di Hitler potrebbe essere avvenuta il 22 giugno 1941. In precedenza, Stalin sopravvalutava Hitler: dal punto di vista di uno stratega, Stalin non si aspettava che Hitler avrebbe dichiarato nuovamente guerra all’Unione Sovietica se non avesse vinto la Gran Bretagna. Quando Stalin vide Hitler invadere l’Unione Sovietica e quindi mettersi in pericolo di combattere da entrambe le parti, lo status di Hitler come “stratega” agli occhi di Stalin scomparve, la sconfitta di Hitler e il ruolo di pagliaccio politico nella mente di Stalin. Ecco come è stato creato. Da quando gli Stati Uniti hanno conquistato l’Afghanistan all’inizio del 21° secolo, si sono precipitati in Iraq senza fermarsi, per poi rivolgersi alla Cina dopo la sconfitta dell’Iraq, che ancora una volta mette gli Stati Uniti in pericolo di farsi nemici da entrambe le parti. Da ciò possiamo anche dire che gli strateghi americani di oggi sono “già vani”.

Mao Zedong aveva visto attraverso gli Stati Uniti. Il 20 maggio 1970, Mao Zedong ha rilasciato una dichiarazione in cui si diceva: “L’imperialismo statunitense sembra un gigante, ma in realtà è una tigre di carta e sta lottando fino alla morte”. il giudizio è arrivato dopo l’incidente in Ucraina nel 2014 È stato nuovamente verificato nel concorso USA-Russia.

3. L’incidente in Ucraina è un avvertimento per la Cina

Bismarck ha scritto nelle sue memorie: “L’opinione pubblica di solito può capire gli errori commessi in politica estera solo guardando indietro a un’intera generazione della storia umana, e Achivi qui plectuntur (il greco che meritava una punizione) non aveva sempre torto. Immediati contemporanei. Il compito della politica è prevedere il più accuratamente possibile ciò che gli altri faranno in una data situazione. Questa capacità di preveggenza è raramente innata a tal punto da non richiedere una notevole esperienza pratica e la conoscenza personale può svolgere un ruolo. “[84] Bismarck’s le parole furono indirizzate ai tedeschi sotto l’imperatore Guglielmo II, ma potrebbero essere più significative per i cinesi cento anni dopo. [42]

L’impatto dell’incidente in Ucraina è globale e alcune delle lezioni seguenti hanno un significato cautelativo per la Cina.

In primo luogo, è giusto usare il potere della dittatura democratica popolare per consolidare il potere politico popolare. Alcune persone hanno dei dubbi su questo, dicendo che finché la legge sarà rigorosamente seguita, tutti i problemi saranno risolti senza intoppi. Ma la crisi ucraina che ha diviso il Paese nel 2014 è stata la conseguenza dell’unilaterale “agire rigorosamente secondo la legge” di Yanukovich[43]. Sappiamo che il diritto è composto da diritto naturale e diritto scritto, e il diritto naturale è la manifestazione della meccanica piuttosto che della giurisprudenza. . I colpi di scena degli eventi in Ucraina nel 2014 sono una prova meccanica della lotta di classe. Mao Zedong lo mise in modo eloquente:

Lotta di classe, alcune classi hanno vinto, alcune classi sono state eliminate, questa è storia, questa è la storia della civiltà da migliaia di anni. Prendere questo punto di vista per spiegare la storia è chiamato materialismo storico, e l’opposto di questo punto di vista è idealismo storico. [44]

Solo dopo che è stato determinato l’esito della lotta di classe – da cui è formato il diritto naturale – può sorgere il “diritto positivo” o il “diritto statutario”. Quando la borghesia ascese, riconobbe ancora il valore naturale della violenza, cioè la dittatura, superiore alla legge. Copre i principi della violenza nel diritto naturale, sebbene tratti le rivolte sindacali (come vari movimenti di Occupy Wall Street) senza pietà , riducendo il diritto naturale ad astrarre “giustizia”, ​​”procedura”, “ragione”, ecc. Per rovesciare il paese in cui il proletariato ha già vinto, hanno sovvertito la dittatura sostituendo silenziosamente il contenuto della dittatura con il legge, usando la legge per vincolare la costituzione, e usando i risultati della lotta proletaria nella costituzione come “difficili da fare per dieci anni”. Generali, non dovete fallire per un giorno”. serie di leggi specifiche, che hanno fatto dimenticare gli attributi di classe del potere statale nell’interpretazione delle diverse leggi e delle loro controversie, e alla fine hanno raggiunto l’obiettivo di cambiare gli attributi proletari del paese. A tal fine Lenin proponeva il concetto di “coscienza giuridica della classe operaia”[46], che è strettamente integrato con la “dittatura del proletariato”. Nel 1906, Lenin sottolineava:

Una dittatura è un regime illimitato che si basa sulla forza piuttosto che sulla legge. [47]

Nel 1918 Lenin insistette ancora e sviluppò ulteriormente questo punto di vista, affermando:

Una dittatura è un regime che si basa direttamente sulla violenza e non è vincolato da alcuna legge. La dittatura rivoluzionaria del proletariato è un potere politico che è ottenuto e mantenuto dal proletariato con mezzi violenti contro la borghesia, ed è un potere politico che non è vincolato da alcuna legge. [48]

Anche il punto di vista di Lenin è profondo oggi.Il motivo per cui il punto di vista di Lenin è odiato dai cosiddetti studiosi “liberali” è che mostra l’essenza del problema dello Stato in modo semplice, chiaro e nudo. Mao Zedong ha anche contestato direttamente il “diritto della borghesia”, proponendo la teoria secondo cui “la ribellione è giustificata” incorporando i principi rivoluzionari del diritto naturale nel diritto del proletariato (cioè, il “diritto della classe operaia” come Lenin lo chiamò)[49] . Se dimentichiamo la lotta di classe, la dittatura democratica popolare e «l’uso del potere della dittatura democratica popolare per consolidare il potere politico popolare, è una cosa giusta, e non c’è motivo di perderlo»[50]. Se è vero, allora abbiamo perso la coscienza giuridica della classe operaia e siamo vincolati dai diritti legali borghesi.Se questo è il caso, Gorbaciov sovietico e Yanukovich ucraino, che sono superstiziosi sull’onnipotenza dei diritti legali borghesi, sono una lezione dal passato. .

Non ci sono precedenti al mondo per un grande Paese che può essere riconosciuto solo dal cosiddetto “soft power”. Alcune persone dicono, non combattere con gli Stati Uniti, gli Stati Uniti sono il capo e combattere con il capo non avrà buoni risultati. Questo è sbagliato. Allora, gli Stati Uniti combatterono contro l’allora più grande, il Regno Unito: nel 1812, il Regno Unito attaccò gli Stati Uniti, solo per cacciare gli americani; poi gli Stati Uniti si allearono con l’Unione Sovietica attraverso due guerre mondiali, schiacciando l’egemonia europea sotto la guida del Regno Unito, e unì le forze con l’Europa per rovesciare l’egemonia sovietica, e alla fine conquistò lo status di dominio mondiale. Anche l’Unione Sovietica è uscita dalla sfida all’Europa.

Nell’odierno “Nuovo sistema di Versailles”, la Russia ha perso l’Europa orientale, che è anche il risultato dell’eccessiva pressione dell’Unione Sovietica su di loro; ora la potenza dell’Europa occidentale si è nuovamente estesa all’Europa orientale, costringendo l’Ucraina a sfidare direttamente la linea di fondo della Russia . Questo fa sì che i russi abbandonino il mito della “democrazia” promosso dall’Occidente, e non credano molto nel “soft power”, e utilizzino direttamente i carri armati per risolvere il problema. È interessante notare che dopo che i carri armati russi sono entrati in Crimea, anche i cosiddetti “democratici” di Hong Kong hanno cessato per un po’ di tempo. Hanno aperto gli occhi e hanno visto cosa si intende per “l’arma della critica non può sostituire la critica delle armi” [51]. Solo in questo momento hanno capito che la storia non può essere sovvertita dalle parole dei “pubblici funzionari”, e ieri hanno davvero pensato che tenere in mano alcuni “fiori di gelsomino” potesse smuovere il mondo.

Gli studiosi non dovrebbero parlare invano e ci sono macchie di sangue sulla testa [52]. In politica, soprattutto sul tema del potere politico, i discorsi vuoti sono inutili; di fronte alla continua avanzata dell’Occidente non c’è via di scampo; se non c’è il contrattacco, l’Occidente guadagnerà un centimetro. Al giorno d’oggi, molte persone sono superstiziose sull’effetto del soft power quanto Sai Jinhua.[53] Infatti, il risultato di un’eccessiva superstizione nel soft power è la mancanza o la rinuncia al potere. Molte persone pensano che la storia sia creata da entrambe le parti, come se l’economia si fosse sviluppata e la politica nazionale avesse raggiunto lo standard della “democrazia” occidentale, quindi può essere accettata dall’Occidente. Questo era ciò che pensavano Krusciov e poi Gorbaciov. Il 4 dicembre 1959, Mao Zedong disse alla riunione allargata dell’Ufficio Politico del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese che Krusciov “non è uno statista esperto, non comprende molto bene il marxismo-leninismo e non segue i principi. . La sua cosmologia è il pragmatismo, che è una sorta di idealismo soggettivo estremo. Gli mancano regole e regolamenti, finché è benefico, cambia a seconda delle circostanze. È ossessionato da interessi temporanei e perde a lungo termine interessi.”[54]

Kissinger ha visto la connessione tra le due figure politiche, Krusciov e Gorbaciov. Ha detto: Egli (Krusciov) può essere considerato l’antenato di Gorbaciov nell’avvio del processo di riforma.; Non ha compreso l’impatto della riforma, ma la direzione della riforma glielo fece rimpiangere. Da questo punto di vista, possiamo anche dire che la caduta del comunismo iniziò con Krusciov. [55]

L’odierno presidente dell’Ucraina Yanukovich, che è stato espulso e non si è fatto vedere, è vittima di questi miti “democratici”: ha giocato con l’opposizione nella costituzione, pensando che rigorosamente secondo la legge risolverà tutti i problemi, e di conseguenza ha portato il caos e la pace nel paese disastro. Quando i carri armati russi sono entrati in Crimea, la “donna” ucraina che è uscita dal carcere non ha detto niente, ha visto che la politica era sanguinosa.

In effetti, il fulcro del conflitto tra l’Occidente ei paesi socialisti, compresa la Cina, non è il livello di produttività ma il sistema politico più competitivo della Cina. La Thatcher lo ha chiarito a Houston, negli Stati Uniti, nel 1991, quando ha detto:

L’Unione Sovietica era un paese che rappresentava una seria minaccia per il mondo occidentale. Non sto parlando di minacce militari. In sostanza, non vi è alcuna minaccia militare. Le nostre nazioni sono ben attrezzate, comprese le armi nucleari. Mi riferisco alla minaccia economica. Con l’aiuto dell’economia pianificata, combinata con incentivi spirituali e materiali unici, gli indicatori di sviluppo economico dell’Unione Sovietica sono molto alti. Il suo tasso di crescita del PIL era due volte più alto del nostro. Se prendiamo in considerazione le ricche risorse naturali dell’Unione Sovietica, e se gestite correttamente, è del tutto possibile che l’Unione Sovietica ci elimini dal mercato mondiale. Pertanto, abbiamo intrapreso azioni volte a indebolire l’economia sovietica e creare i suoi problemi interni. [56]

La nostra era non è ancora al di là dell’era della rivoluzione e della costruzione imperialista e socialista, e il comunismo è ancora l’obiettivo del movimento socialista cinese sotto la guida del Partito Comunista. Stalin disse: “Tutte le forze nel mondo possono essere eliminate, ma il potere delle” nazioni “non sarà eliminato”.[57] Pertanto, il nostro principale avversario non è la nazione anglosassone e le persone distribuite in Nord America e in Europa, ma il capitale monopolistico internazionale. La nostra missione storica è unire le persone e le nazioni oppresse del mondo, compresi i paesi britannici e americani, per rovesciare finalmente il capitale monopolistico internazionale e le sue forze imperialiste; e poiché il capitale monopolistico internazionale è contro le persone e le nazioni del mondo, la nostra causa Non in isolamento e sono possibili maggiori vittorie.

In secondo luogo, il commercio è anche una continuazione della politica. Dove c’è meno influenza politica, non può esserci un mercato sostenibile e redditizio. Dai cambiamenti politici in Iraq, Libia, Sudan, Thailandia e Ucraina, anche l’economia è una continuazione della politica. In effetti, i “grassi” economici non possono combattere le guerre. L’economia si è sviluppata, e se non hai forti capacità politiche e militari, allora tale “forza” può solo significare che sei gonfio. A quel tempo, il volume totale degli scambi tra il Giappone e gli Stati Uniti era di gran lunga superiore a quello della Cina prima della guerra del Pacifico, ma non avevamo molto volume di scambi con gli Stati Uniti. Alla fine, Giappone e Stati Uniti hanno combattuto, e la Cina e gli Stati Uniti divennero alleati. Come mostrato nella tabella seguente:

Fonte: Kong Huarun, tradotto da Zhang Jinger: “America’s Response to China”, Fudan University Press, 1989, p. 132

Infatti, non può esserci un mercato sostenibile e redditizio dove c’è meno influenza politica; senza una voce efficace, i contratti economici stipulati con loro non sono garantiti. Il commercio è condizionato dalla politica. Proprio come la verità al tavolo del mahjong, una vittoria fino alla fine è inimmaginabile per un paese debole. La Libia e il Sudan sono cambiati e il nostro popolo si è ritirato, ma sarà difficile tornare indietro e ripristinare il mercato perduto lì. Un Paese è come un bambino che cresce. Essere intelligenti non basta. Se non “combatti” non potrai andare d’accordo nella cerchia degli adulti. Non c’è niente nella storia in cui puoi fare affari senza i militari. Alla fine, il business è ancora determinato dai pugni. Marx diceva: «La violenza è la levatrice di ogni vecchia società che ne concepisce una nuova. La violenza stessa è una forza economica».[58]

A seguito delle precedenti turbolenze e fissione in Iraq, Libia e Sudan, l’Ucraina ha lanciato un primo avvertimento che la situazione commerciale[59] sarebbe stata ribaltata per i cinesi che sono attualmente nel bel mezzo di un trionfo del profitto in stile grande slam. Pensavamo che finché siamo in grado di fornire alla comunità internazionale beni pubblici di alta qualità ed economici, possiamo realizzare un profitto nel mondo e prendere un punto d’appoggio. Ora, ovviamente non è così; come si può fare soldi puramente economico, e deve essere seguito dalla politica. Il commercio è anche una continuazione della politica. La Libia, il Sudan di ieri e la Thailandia e l’Ucraina di oggi sono così, e il loro commercio è politicamente orientato.

Benedizioni, prendi un sorso di campo e non chiedere di più. La Cina non può riprendersi dal mondo gli interessi che non può digerire e le responsabilità internazionali che non può sopportare: un paese del genere soffrirà anche dei sintomi dei “tre massimi”. Il mercato veramente sostenibile della Cina è in Asia. Alcune persone sostengono l’internazionalizzazione del RMB, che sembra un po’ avventata. Gli interessi sono responsabilità e l’internazionalizzazione del RMB renderà internazionalizzate e globalizzate anche le responsabilità della Cina, che la Cina non può permettersi. La regionalizzazione del RMB è fattibile e, dove possono arrivare le nostre mani, i suoi profitti sono sostenibili.

Non possiamo essere superstiziosi sull’onnipotenza del mercato, pensando che finché l’economia migliora, finché c’è profitto nel commercio mondiale, tutto può essere risolto. In effetti, i profitti sono protetti dal potere – il più basilare dei quali è il potere militare – e c’è un limite alla crescita dei profitti al di là della portata del potere. Anche parlare di politica è una regola non detta del commercio mondiale. La guerra è una continuazione della politica, così come il commercio. L’economia è solo un mezzo per servire la politica. L’Occidente una volta ha cercato di utilizzare metodi economici come l’Organizzazione mondiale del commercio per limitare la Cina e costringerci a sottomettersi, ma non ha avuto successo; se questo fenomeno persiste, le persone potrebbero “cercare il pugnale della povertà” in futuro e forzarlo direttamente.

Alba a est e pioggia a ovest, il Tao è affettuoso ma spietato. Nell’incidente dell’Ucraina, il confine di potere tra Europa e Russia è stato risolto, quindi il modello dell’Estremo Oriente è ancora incerto. Al momento, è più in linea con gli interessi strategici di Cina e Russia cercare di mantenere gli Stati Uniti, che hanno dissenso dal sistema di pace di Yalta del dopoguerra, nel sistema di Yalta stabilito congiuntamente da Cina, Russia e Stati Uniti e stabilizzato l’Estremo Oriente per più di mezzo secolo. Se ciò non è possibile, oltre al sistema europeo della Nuova Versailles, puntare per “una parte degli Stati Uniti, una parte della Cina orientale”[60] nell’Estremo Oriente, cioè il sistema cinese che è parallelo al sistema di Washington, dovrebbe anche essere un record necessario per noi. .

Terzo, determinare i confini di sicurezza della Cina in difesa limitata. Se la Cina vuole crescere e raggiungere una scala moderatamente prospera, deve disporre di uno spazio di sicurezza corrispondente. Un’espansione eccessiva non è sicura, ma senza un proprio spazio minimo e il confine di sicurezza più elementare[61], anche la Cina non è sicura.

Quindi, per una Cina in ascesa, quale dovrebbe essere il suo confine di sicurezza più elementare? Dovrebbe trovarsi al confine orientale di Taiwan, cioè a circa 123° di longitudine est. Questo non solo perché l’intera economia costiera orientale formata dalla riforma e dall’apertura della Cina è una “zona d’oro” che guida l’economia nazionale, ma anche perché questa zona è strettamente correlata a tutti i principali punti caldi di conflitto nel Mar Cinese Orientale, tra cui ” Indipendenza di Taiwan”. C’è di per sé un rischio enorme. Ad esempio, i centri di gravità economici della Cina come Shanghai, Zhejiang e Jiangsu, così come il ponte sulla baia di Hangzhou di recente costruzione, sono così vicini ai punti caldi del Mar Cinese Orientale che le nostre forze militari terrestri da sole non possono completare loro compiti di sicurezza. Tecnicamente parlando, sebbene disponiamo di una notevole potenza marittima strategica, senza l’unificazione dello Stretto di Taiwan, la Cina non può entrare liberamente, per non parlare del controllo, nelle acque profonde dell’Oceano Pacifico. Attualmente nelle acque orientali effettivamente controllate dalla Cina, in particolare il Mar Giallo, la profondità e l’ampiezza sono molto limitate.[62] Se non c’è mare profondo, l’efficacia del nostro potere strategico marittimo e il corrispondente controllo marittimo necessario per lo sviluppo della modernizzazione della Cina ne risentiranno notevolmente i limiti. Pertanto, non importa in termini di economia o politica, o in termini di sovranità o potenza marittima, la questione di Taiwan è diventata il più importante fattore di collo di bottiglia nell’avanzamento cinese del controllo marittimo verso le profondità marine. In altre parole, se il confine di sicurezza della Cina contemporanea non può essere spinto fino al confine orientale di Taiwan, la Cina non può nemmeno essere definita un paese del Pacifico, quindi l’obiettivo della Cina di realizzare una società moderatamente prospera a tutto tondo non può essere raggiunto, e anche se raggiunge i suoi risultati, non può essere garantito.

Bene, dopo tutto, siamo un paese socialista e determiniamo i nostri confini di sicurezza non solo sulla base dei nostri interessi come i paesi egemoni, ma su una serie di principi legali stabiliti dopo la guerra da Yalta, Potsdam e altre conferenze. La riunificazione cinese dello Stretto di Taiwan è un diritto concesso dal sistema giuridico di Yalta al paese vittorioso, la Cina, e ora questo diritto è solo sulla carta.Sebbene siano passati più di 60 anni, in pratica il nostro diritto non trova piena applicazione. Pertanto, l’impostazione del confine di sicurezza cinese al confine orientale di Taiwan è conforme sia alle condizioni nazionali cinesi che al diritto internazionale.

Quindi, possiamo raggiungere un tale obiettivo? Certamente. Il motivo per cui Putin è stato in grado di spingere il suo confine di sicurezza al confine meridionale della Crimea nell’incidente dell’Ucraina e la NATO non ha potuto fare nulla è perché il potere della NATO è irraggiungibile lì e non tocca gli interessi fondamentali della NATO: i suoi interessi principali sono nel Mediterraneo. Ma per la Russia, la Crimea è il suo interesse principale e l’interesse principale può utilizzare mezzi illimitati. Se i ricchi incontrano i morti, non c’è suspense di vincere o perdere. Ora la riunificazione dello Stretto di Taiwan è l’interesse principale della Cina e l’interesse principale può utilizzare mezzi illimitati. Inoltre, Taiwan è vicina alla Cina continentale: alcune risorse cinesi continuano ad essere investite e alcune hanno tempo per aspettare il lavoro, mentre gli Stati Uniti devono lavorare lontano per Taiwan. Per gli Stati Uniti, la regione di Taiwan è solo un “bambino virtuale” utilizzato per controllare il Giappone e la Russia a nord e la Cina a ovest. Trattandosi di un “bambino virtuale”, gli Stati Uniti non faranno del loro meglio. Pertanto, è possibile per la Cina stabilire il proprio confine di sicurezza sul confine orientale di Taiwan.

Se la Cina raggiunge il suo obiettivo di riunificare lo Stretto di Taiwan, il più grande pericolo per la Cina è un avanzamento avventato. L’esperienza storica ci dice che l’influenza dell’antica Cina è stata nell’Asia orientale per molto tempo, irradiandosi in Asia, e non importa quanto sia lontana, non sarà in grado di spostarsi. Pertanto, la strategia di Mao Zedong per l’ascesa della Cina è “non cercare l’egemonia”, e l’obiettivo di Deng Xiaoping per noi è un paese benestante. “Xiaokang” è in realtà un’altra espressione del concetto di “paesi moderatamente sviluppati”. I compagni Mao Zedong e Deng Xiaoping hanno avanzato questi concetti non solo per umiltà, ma contengono anche la saggezza dell’Oriente secondo cui “è difficile sostenere la dinastia Tang con una mano, e persino la città sostiene ancora le montagne e i fiumi di Jin “[63]. L’esperienza storica ci dice che l’ascesa delle grandi potenze nasce dal conservatorismo regionale e scompare dall’espansione globale. Tutta la diplomazia dei principali paesi che può svilupparsi in modo sostenibile è conservatrice e, se si espande troppo, inevitabilmente diminuirà. L’antico Impero Romano, l’Impero Britannico, l’Impero Sovietico e l’Impero Americano di oggi declinarono tutti a causa della sovraespansione. Mao Zedong lo capì chiaramente: il 4 marzo 1959, quando incontrò Jackson, Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista d’America, prese gli Stati Uniti come esempio per analizzare:

L’imperialismo statunitense sembra essere forte, ma in realtà è il più forte tra gli imperialisti, ma è anche debole. Le sue truppe sono sparse molto scarsamente, deve presidiare truppe in Europa e anche in Asia, è così disperso che è ovunque, e il risultato è che non va bene ovunque. In termini di aspetti militari, politici ed economici, gli Stati Uniti si sono espansi notevolmente. Più si espande, più si diffonde e più le persone si oppongono, così che le cose andranno contro la sua volontà. Gli Stati Uniti sono come una persona che tiene un mucchio di uova con entrambe le mani: il mucchio di uova è pieno, ma non può muoversi e le uova cadranno quando si muove un po’. [64]

Il 10 dicembre 1972, Mao Zedong avvertì l’intero partito con un’istruzione: “Scava buche profonde, immagazzina ampiamente il grano e non cercare l’egemonia”.[65] Mao Zedong intendeva avvertire la Cina di non ripetere gli obiettivi nazionali in stile statunitense e le risorse nazionali in futuro Disaccoppiamenti che portano al declino del Paese. I problemi visti da Mao Zedong vanno presi sul serio per la Cina, che si sta muovendo verso il centro del mondo, e vanno presi come un monito, per non ripetere la vecchia strada dell’imperialismo. La Cina dovrebbe scegliere una politica di attenersi e operare in Asia per molto tempo e di usare la nostra influenza per infettare il mondo. In questo modo, la nostra forza nazionale non verrà superata; se la nostra forza nazionale non verrà superata, il tempo è dalla nostra parte e solo i paesi con il tempo possono avere un futuro luminoso.

【Appunti】

[1] Alla fine del 1917, nell’Ucraina orientale fu istituito un regime sovietico socialista e fu istituita la Repubblica socialista sovietica ucraina. Durante il periodo dell’intervento armato straniero dal 1918 al 1920, l’Ucraina occidentale (Galizia orientale e Warren occidentale) fu occupata dalla Polonia. Nel 1922, quando fu fondata l’Unione Sovietica, l’Ucraina orientale si unì all’Unione e divenne uno degli stati fondatori dell’Unione Sovietica. Secondo il Trattato di Riga firmato tra la Polonia e l’Unione Sovietica, l’Ucraina occidentale divenne territorio polacco.Nel novembre 1939 scoppiò la seconda guerra mondiale, la Polonia fu divisa e occupata e l’Ucraina occidentale fu fusa con la Repubblica Socialista Sovietica Ucraina.

[2] Il “Piano Dawes” era un piano degli Alleati per smaltire le riparazioni della Germania dopo la prima guerra mondiale.

[3] La “Convenzione di Locarno”, il termine generale per gli otto documenti adottati dai rappresentanti dei sette paesi di Gran Bretagna, Francia, Germania, Italia, Belgio, Repubblica Ceca e Polonia tenutisi a Locarno, in Svizzera, il 16 ottobre 1925. Lo scopo di questa convenzione è confermare i confini territoriali postbellici tra le potenze dell’Europa occidentale in Europa dopo la prima guerra mondiale e i paesi emergenti dell’Europa centrale e orientale e ripristinare i normali rapporti con la Germania sconfitta.

[4] Procuste (Procuste, anche tradotto, Proclustes), un ladro nella mitologia greca. Ha aperto negozi neri e derubato i viaggiatori di passaggio. C’era un letto di ferro nel magazzino, quando i passeggeri restavano, accorciava quelli alti e allungava quelli corti in modo che i loro corpi fossero della stessa lunghezza del letto di ferro, uccidendo così i passeggeri.

[5] “The Political Report of the Central Committee” di Stalin al 14° Congresso del Partito Comunista Cinese (18 dicembre 1925), “The Complete Works of Stalin”, Vol. 7, People’s Publishing House, edizione 1958, pp. 225-227.

[6] Compilato dall’Ufficio di ricerca sulla letteratura del Comitato centrale del Partito Comunista Cinese: “The Chronicle of Mao Zedong (1949~1976)”, Volume 6, Central Literature Publishing House, 2013 Edition, pp. 503-504.

[7] “Churchill rimase a Mosca per otto giorni. Stese una mappa della sfera di influenza e la consegnò a Stalin. Divise la sfera di influenza per percentuali, ad esempio, la Gran Bretagna potrebbe ottenere il 90 per cento della Grecia e il L’Unione Sovietica potrebbe ottenere il 90 per cento, il 90% della Romania e il 70% della Bulgaria, per quanto riguarda Ungheria e Jugoslavia, la divisione è 55. Stalin acconsentì immediatamente senza dire una parola, ma Molotov perseguì e negoziò con Aiden, indebolendo gli inglesi La percentuale di l’Unione Sovietica in ogni paese dell’Europa orientale ha un leggero vantaggio, ad eccezione dell’Ungheria.” Vedi: [America] Henry Kissinger, tradotto da Gu Shuxin e Lin Tiangui: “Grand Diplomacy”, Hainan Publishing House, 1998 Annual Edition, pagina 367. Inoltre, per informazioni su questo aspetto, fare riferimento a Wang Shengzu et al.: “History of International Relations”, Volume 6 (1939~1945), World Knowledge Publishing House, edizione 1995, pp. 332~333.

[8] Questo materiale scritto a mano e fotocopiato è selezionato da [russo] O. A. Lereshevsky, tradotto da Wang Zhongxuan, Qi Zhong e Gao Chunxing: “Stalin and Churchill (1941~1945)”, Oriental Publishing House, edizione 2006, p. 482.

[9] “Records of the talks between Stalin and Roosevelt” (28 novembre 1943), a cura di Shen Zhihua: “Selected Soviet Historical Archives”, Vol. 17, Social Science Literature Publishing House, edizione 2002, pp. 402-403 Fei Qiu Yev, tradotto da Wang Nanzhi e altri: “140 Conversations with Molotov”, Xinhua Publishing House, edizione 1992, pp. 25-26.

[10] Fei Chuyev, tradotto da Wang Nanzhi, ecc.: “140 Conversations with Molotov”, Xinhua Publishing House, edizione 1992, pp. 25-26.

[11] [Sud] Milovan • Geras, tradotto da Zhao Xun e Lin Ying: “Conversation with Stalin”, Jilin People’s Publishing House, edizione 1983, p. 146.

[12] Il 5 marzo 1946 Churchill pronunciò il famoso “Discorso sulla cortina di ferro” a Fulton, USA, che aprì ufficialmente il preludio alla Guerra Fredda contro l’Unione Sovietica e i paesi socialisti. Churchill: From Szczecin on the Baltic Sea to Trieste on the Adriatic Sea (1946), a cura di J. Ejer, tradotto da Zhao Yifan e Guo Xueliang: Words That Make America Great), Hainan Publishing House, edizione 2003, p. 635.

[13] [Stati Uniti] Kong Huarun, redattore capo, tradotto da Wang Chen, ecc.: “Cambridge History of American Foreign Relations” (Parte 2), Xinhua Publishing House, edizione 2004, pp. 438~439.

[14] Zbigniew Brzezinski, tradotto dal China Institute of International Studies: “The Great Chess Game ─ The Primacy of the United States and Its Geostrategy”, Shanghai People’s Publishing House, edizione 1998, p. 156.

[15] [America] Zbigniew Brzezinski (Zbigniew Brzezinski), tradotto dal China Institute of International Studies: “The Great Chess Game – The Status of the United States and Its Geostrategy”, Shanghai People’s Publishing House, edizione 1998, p. 154. .

[16] [America] Zbigniew Brzezinski, “The Great Chess Game: The Primacy of America and Its Geostrategy”, tradotto da China Institute of International Studies, Shanghai People’s Publishing House, 1998, p. 154.

[17] Il 31 gennaio 1939, il presidente degli Stati Uniti Roosevelt parlò alla riunione di consultazione del Comitato per i servizi armati del Senato degli Stati Uniti sulla posizione degli Stati Uniti sulla guerra in Europa. Ha detto ai colleghi: “Nell’Atlantico, la nostra prima linea di difesa è la continua esistenza di un gran numero di paesi – continuano ad esistere in modo indipendente. Ora, cosa sono queste, ricorda queste parole, con continua indipendenza Questa connotazione” continua ad esistere indipendente”. L’indipendenza di un paese significa “indipendenza” e non significa “governo” di un altro paese militarmente o economicamente.” Roosevelt calcolò quindi che attualmente ci sono più di due dozzine di paesi indipendenti in Europa e disse: “Ma se il potere militare di Germania e Italia viene mantenuto, e i passi di successo comuni o separati di Hitler e Mussolini continuano, non saranno in grado di Possono essere indipendenti. Perderanno la loro indipendenza”. Fare riferimento a “Verbale della consultazione tra il presidente degli Stati Uniti Roosevelt e il Comitato per i servizi armati del Senato degli Stati Uniti” (31 gennaio 1939), a cura di Li Julian e Wang Side: “Una raccolta di documenti storici sull’origine della seconda guerra mondiale (1937.7- 1939.8)”, East China Normal University Publishing House, edizione 1985, pp. 447-450. )

[18] Cfr. Zhang Wenmu: “Strategia di sicurezza nazionale cinese da una prospettiva globale, sezione 5”, Vol. 2, Casa editrice del popolo di Shandong, 2010, pp. 421-630.

[19] “La Merkel presentò a Xi Jinping una mappa della Cina disegnata nel 1735”, Chinanews.com, http://bbs.chinanews.com/web/mil/65/2014/0331/75602.shtml. Tempo di atterraggio: 27 aprile 2014.

[20] Zhuge Liang: “Imparare dagli insegnanti”, tradotto da Que Xun e altri: “Gu Wen Guan Zhi” (Volume 1), Hunan People’s Publishing House, edizione 1982, p. 436.

[21] Compilato dall’Ufficio per la ricerca sulla letteratura del Comitato centrale del Partito Comunista Cinese: “The Chronicle of Mao Zedong (1949-1976)”, Vol. 6, Central Literature Publishing House, edizione 2013, p. 609.

[22] Nella lettera si legge: “Il principio della solidarietà non può essere raggiunto senza sacrificio. Nessuno può fare solo quello che vuole fare. I giovani in America non fanno quello che vogliono fare. Più di un milione di bambini americani se ne sono andati le loro famiglie, i loro cari e la causa della pace, nella lontana Corea del Nord. Il motivo per cui sono andati lì è che hai proposto il sacro principio della grande solidarietà del mondo libero per salvare il tuo paese da un grande disastro in un ora buia. Del milione di bambini americani che sono andati nel tuo paese, 2,4 Diecimila si sono sacrificati, 110.000 feriti. Abbiamo pagato decine di miliardi di dollari in denaro. Questo è stato parte del prezzo che abbiamo pagato per la nostra fedeltà ai tuoi principi di solidarietà. ” “Dulles to Syngman Rhee (giugno 1953) 22 aprile)”, a cura di Tao Wenzhao: “US Policy Documents on China 1949-1972” (Volume 1, Part 2), World Knowledge Publishing House, edizione 2003, p. 947.

[23] [Inglese] Ha Mackinder, tradotto da Lin Erwei e Chen Jiang: “The Geographical Hub of History”, Commercial Press, edizione 2007, p.69.

[24] Observer Network, “Obama dice di voler salvare Putin che sta annegando”, http://www.guancha.cn/Neighbors/2014_04_26_224692.shtml. Tempo di atterraggio: 27 aprile 2014.

[25] Per l’influenza dei consorzi di Wall Street sulla politica americana, fare riferimento a Zhang Wenmu, “American Political Structure and Foreign Policy”, in International Relations Research, No. 3, 2013.

[26] Compilato dall’Ufficio per la ricerca sulla letteratura del Comitato centrale del Partito comunista cinese: The Chronicle of Mao Zedong (1949-1976), Vol. 6, Central Literature Publishing House, edizione 2013, p. 594.

[27] “Conversation with Snow” (9 gennaio 1965), “The Collected Works of Mao Zedong”, Volume 8, People’s Publishing House, edizione giugno 1999, pp. 411, 412.

[28] Compilato dall’Ufficio di ricerca sulla letteratura del Comitato centrale del Partito Comunista Cinese: “The Chronicle of Mao Zedong (1949-1976)”, Vol. 4, Central Literature Publishing House, edizione 2013, p. 390.

[29] [America] W. Averil Harriman, Elie Abel, tradotto da Wu Shimin, ecc.: “The Memoirs of Harriman”, Oriental Press, 2007, p. 532.

[30] Citato da “Post-war World History Long Edition”, Volume 1, Volume 2, Shanghai People’s Publishing House, edizione 1976, p. 329.

[31] Nell’ottobre 1935, l’Armata Rossa attraversò le montagne Minshan, e la Lunga Marcia stava per vincere. Mao Zedong scrisse “Niannujiao Kunlun”: “Nato dal cielo, il Kunlun è pieno di primavera, e il mondo è piena di primavera. Tre milioni di draghi di giada sono volati in alto, rendendo il cielo freddo. In estate, i fiumi straripano e le persone possono essere pesci e tartarughe. Chi ha mai commentato i meriti e le colpe del passato? Ora chiamo Kunlun: Non essere così in alto, non essere così innevato. Un De appoggiato al cielo estrae una spada e ti taglia in tre pezzi? Una parte è lasciata all’Europa, una parte è data alla bellezza e l’altra parte è restituita a est. In un mondo pacifico, il mondo intero è ugualmente freddo e caldo.” Il 21 dicembre 1958, Mao Zedong commentò “Nian Nujiao Kunlun”: “Kunlun, il tema è Contrastare l’imperialismo non è altro. Cambia uno frase, per mantenere la Cina e tornare in Oriente. È sbagliato dimenticare i giapponesi. In questo modo, Gran Bretagna, Stati Uniti e Giappone sono tutti coinvolti. Altre spiegazioni non sono realistiche. “Si prega di fare riferimento al Central Literature Research Office of il Partito Comunista Cinese: “The Chronicle of Mao Zedong (1983-1949)” Vol. 1, Central Literature Publishing House, edizione 2013, p. 476.

[32] Il 15 ottobre 1950, MacArthur e Truman ebbero una conversazione sull’isola di Wake che avrebbe determinato la sconfitta degli Stati Uniti in Corea del Nord. MacArthur disse al presidente che la ripresa della Corea del Nord avrebbe potuto iniziare solo dopo la fine dell’operazione militare. Credo che gli aiuti ufficiali a tutta la Corea del Nord e del Sud finiranno entro il Ringraziamento. La Corea del Nord ha poca resistenza – rimangono solo circa 15.000 persone – e quelle che non abbiamo eliminato saranno eliminate con l’inizio dell’inverno. Ora ci sono circa 60.000 prigionieri di guerra nei nostri campi improvvisati. Sfortunatamente, stanno perseguendo un obiettivo senza speranza in Corea del Nord. Hanno 100.000 persone addestrate come soldati supplementari, queste persone sono scarsamente addestrate, mal guidate e scarsamente equipaggiate, ma sono molto testarde e odio eliminarle. Stanno solo combattendo per salvare la faccia. Gli orientali preferirebbero morire piuttosto che perdere la faccia. Spero di portare l’Ottava Armata fuori dal Giappone entro Natale. Ciò si tradurrebbe in una quinta armata ricostituita composta dai contingenti 2a, 3a e delle Nazioni Unite. Spero che le Nazioni Unite possano organizzare le elezioni il primo giorno del nuovo anno. L’occupazione militare non ha prodotto nulla. Tutte le occupazioni sono fallimenti. (Il presidente annuisce.) Dopo le elezioni, spero di ritirare tutte le forze di occupazione. Vedi “Verbale della riunione di Wake Island del 15 ottobre 1950”, a cura di Tao Wenzhao: “US Policy Documents on China 1949~1972” (Volume 1, Part 2), World Knowledge Press, edizione 2003, pp. 487~500 .

[33] [America] Zbigniew Brzezinski, tradotto dal China Institute of International Studies: “The Great Chess Game: The Status of the United States and Its Geostrategy”, Shanghai People’s Publishing House, edizione 1998, pp. 245~246 Pagina. .

[34] Si riferisce al comunicato congiunto sino-americano in fase di stesura.

[35] Compilato dall’Ufficio per la ricerca sulla letteratura del Comitato centrale del Partito Comunista Cinese: “The Chronicle of Mao Zedong (1949-1976)”, Vol. 6, Central Literature Publishing House, edizione 2013, p. 422.

[36] Compilato dall’Ufficio per la ricerca sulla letteratura del Comitato centrale del Partito comunista cinese: The Chronicle of Mao Zedong (1949-1976), Vol. 6, Central Literature Publishing House, edizione 2013, p. 441.

[37] Il 31 dicembre 1975, Mao Zedong ricevette una lettera dell’ex presidente degli Stati Uniti Nixon a sua figlia Julie, in cui diceva: “Se vogliamo portare la pace nel mondo, l’amicizia e la cooperazione sino-americane sono indispensabili. , anche se potremmo non essere d’accordo su alcune questioni. Sarebbe una delle grandi tragedie della storia se cambiassimo i nostri nemici, o se permettessimo la ricostruzione di un muro che ci aveva separato per così tanti anni. Pagare il prezzo finale per la guerra e la potenziale distruzione. Pertanto, in nessun caso dovremmo consentire a qualsiasi disaccordo su questioni importanti, ma in gran parte marginali, o sulle attività di un potenziale stato aggressore, di aprire il nostro Open it.” A cura dell’Ufficio di ricerca letteraria del Comitato centrale del Partito Comunista di Cina: “The Chronicle of Mao Zedong (1949-1976)”, Vol. 6, Central Literature Publishing House, edizione 2013, p. 631.

[38] Compilato dall’Ufficio per la ricerca sulla letteratura del Comitato centrale del Partito Comunista Cinese: “The Chronicle of Mao Zedong (1949-1976)”, Vol. 6, Central Literature Publishing House, edizione 2013, p. 467.

[39] “Obama dice: le Isole Diaoyu non tengono posizione sull’applicazione della sovranità del trattato di sicurezza tra Giappone e Stati Uniti”, Chinanews.com,

http://www.chinanews.com/gj/2014/04-24/6102309.shtml. Tempo di atterraggio: 27 aprile 2014.

[40] “Records della conversazione tra Stalin e Churchill” (4 febbraio 1945), a cura di Shen Zhihua: “Selected Editions of Soviet Historical Archives”, Vol. 18, Social Science Literature Publishing House, edizione 2002, p. 387 .

[41] Compilato dall’Ufficio per la ricerca sulla letteratura del Comitato centrale del Partito Comunista Cinese: “The Chronicle of Mao Zedong (1949-1976)”, Vol. 6, Central Literature Publishing House, edizione 2013, p. 299.

[42] [De] Otto von Bismarck, tradotto da Yang Deyou e Tonghongyin, ecc.: “Thinking and Memories – Bismarck’s Memoirs”, Vol. 3, Sanlian Publishing, edizione 2006, p. 127.

[43] Dal 19 al 20 febbraio 2014 si sono intensificati i disordini e le rivolte nella regione di Kiev in Ucraina. Il presidente ucraino Yanukovich ha proposto di ripristinare la costituzione del 2004, che è stata respinta dal parlamento. Il 19 febbraio Yanukovich è stato costretto a raggiungere temporaneamente un accordo di “tregua” con l’opposizione e ha accettato di tenere elezioni presidenziali anticipate. Dalla notte del 20 febbraio alla mattina del 21, Yanukovich ei leader dell’opposizione hanno condotto ardue trattative per 8 ore e mezza, e alla fine hanno raggiunto un accordo per risolvere la crisi interna. Poco dopo il raggiungimento dell’accordo, il parlamento ucraino ha approvato un disegno di legge che ripristina la costituzione del 2004. Finora, l’Ucraina è tornata a un sistema presidenziale parlamentare. Secondo la Costituzione del 2004, ai parlamentari è conferito il potere di formare un governo e la durata del mandato dei parlamentari è estesa da 4 a 5 anni; il primo ministro è eletto dai parlamentari tra candidati nominati dal presidente; il Parlamento nomina il ministro della difesa, il ministro degli affari esteri e il capo del servizio di sicurezza secondo la nomina del presidente; gli altri membri del governo sono nominati dal presidente del Consiglio. Il 21 febbraio il parlamento ha firmato un’ordinanza che ordinava il rilascio dell’ex presidente ucraino Tymoshenko. Yanukovich lo ha dichiarato non valido, ma Tymoshenko era stato rilasciato ed è andato in Piazza Indipendenza per parlare con le persone che l’hanno sostenuta e ha detto che avrebbe partecipato a 5 presidenziali elezione il 20. Allo stesso tempo, il parlamento ucraino ha votato per “perdere automaticamente il potere” a favore del presidente Yanukovich e l’esercito ha affermato che non sarebbe stato coinvolto nel conflitto politico interno. Il 22 febbraio, manifestanti anti-governativi a Kiev sono entrati nella villa del deposto presidente Yanukovich. Non si sa dove si trovi Yanukovich e il parlamento lo ha messo sotto accusa. Il 23 febbraio, il parlamento ha annunciato la destituzione del presidente ucraino Yanukovich da capo di stato. Nonostante la crisi politica sia finita, la divisione dell’Ucraina è davvero iniziata: il 16 marzo 2014 si è tenuto un referendum in Crimea: secondo i risultati del 100% dei voti, il 96,77% degli elettori che hanno partecipato al voto ha votato per la Crimea per unirsi alla Russia Federale, l’affluenza alle urne è stata dell’83,1%. Il 20 marzo la Russia ha ratificato il Trattato di Crimea di adesione alla Federazione Russa. Il 12 maggio Donetsk e Luhansk hanno votato per un altro referendum e il 90% della popolazione ha sostenuto l’indipendenza dei due stati. Entrambi gli stati si dichiararono immediatamente “stati sovrani indipendenti”.

[44] Mao Zedong: “Getta via le illusioni e preparati alla lotta” (14 agosto 1949), Opere selezionate di Mao Zedong, Vol. 4, People’s Publishing House, edizione 1991, p. 1478.

[45] «Se il pericolo ha raggiunto un grado tale che la dignità della legge diventi un ostacolo al mantenimento della legge, allora può essere nominato un capo supremo, che può mettere a tacere tutte le leggi, e sospendere temporaneamente l’autorità sovrana. In questo caso, la volontà generale è fuori dubbio; ed è chiaro che l’intenzione primaria del popolo è che il paese non muoia.” [Francese] Rousseau, tradotto da He Zhaowu: “Il contratto sociale”, Stampa commerciale, Edizione 2003, p.160.

[46] Lenin: “Report on the Question of Peace” (26 ottobre 1917), “Selected Works of Lenin”, Vol. 3, People’s Publishing House, edizione 1972, p. 354.

[47] Lenin: “La vittoria dei cadetti e i compiti del Partito dei lavoratori”, “Le opere complete di Lenin”, Vol. 12, People’s Publishing House, edizione 1987, p. 258.

[48] ​​​​Lenin: “Rivoluzione proletaria e traditore Kautsky”, “Opere selezionate di Lenin”, Vol. 3, People’s Publishing House, edizione 1972, p. 623.

[49] Il 21 dicembre 1939, Mao Zedong pronunciò un discorso alla celebrazione del 60° compleanno di Stalin tenuta congiuntamente dal Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese, dal Comitato del Partito della regione di confine Shaanxi-Gansu-Ningxia e dal governo della regione di confine Shaanxi-Gansu-Ningxia. In ultima analisi, è solo una frase: “la ribellione è giustificata”. Per migliaia di anni si è sempre detto che l’oppressione è giustificata, lo sfruttamento è giustificato e la ribellione è giustificata . Dall’avvento del marxismo, questo vecchio caso è stato ribaltato. Questo è un grande merito.” A cura del Central Literature Research Office: The Chronicle of Mao Zedong (1983-1949), Volume 2, Central Literature Publishing House, 2013 edizione, pagina 152.

[50] Deng Xiaoping: “Punti di discussione a Wuchang, Shenzhen, Zhuhai, Shanghai e altri luoghi”, Opere selezionate di Deng Xiaoping, Vol. 3, People’s Publishing House, 1993, p. 378.

[51] Marx disse: “Naturalmente, l’arma della critica non può sostituire la critica delle armi, e la forza materiale può essere distrutta solo dalla forza materiale; ma una volta che la teoria avrà afferrato le masse, diventerà anche forza materiale.” Marx: “La filosofia del diritto di Hegel” Critica> Introduzione”, Opere selezionate di Marx ed Engels, Vol. 1, People’s Publishing House, edizione 1972, p. 9.

[52] Questo è preso in prestito dalla “Guo Donglin Academy” di Deng Tuo e lo ha usato contrariamente al suo significato. Nel maggio 1960, quando Deng Tuo visitò l’Accademia Donglin, rimase impressionato: “Le lezioni di Donglin seguono Guishan, e si preoccupa di tutto nel mondo; non dire che gli studiosi parlano invano e ci sono macchie di sangue sulle loro teste. “Vedi il libro di Zhang Fan: “The Talented Deng” Extension”, Casa editrice haitiana, edizione 1999, p. 325.

[53] Sai Jinhua (1870 o 1864-1936), il cui nome originale era Zhao Caiyun, noto anche come Fu Caiyun, proveniva dalla contea di Yixian, provincia di Anhui. Da bambina, è stata venduta come prostituta alla cosiddetta “barca dei fiori” di Suzhou. Durante gli anni di Gengzi, Tianjin ebbe problemi con il reggimento dei pugili e Sai Jinhua fuggì a Tongzhou, Pechino. Sai Jinhua ha avuto contatti con Wadsi, comandante delle Forze Alleate delle Otto Potenze, a causa della sua esperienza in Germania e della sua capacità di parlare tedesco. Da un lato, Sai Jinhua ha aumentato le razioni per le forze della coalizione e, dall’altro, ha scoraggiato Wadsi dall’uccidere indiscriminatamente persone innocenti e ha protetto alcuni cittadini di Pechino.

[54] Compilato dall’Ufficio per la ricerca sulla letteratura del Comitato centrale del Partito Comunista Cinese: “The Chronicle of Mao Zedong (1949-1976)”, Vol. 4, Central Literature Publishing House, edizione 2013, p. 247.

[55] [America] Henry Kissinger, tradotto da Gu Shuxin e Lin Tiangui: “Great Diplomacy”, Hainan Publishing House, edizione 1998, p. 471.

[56] Citato da Li Shenming, redattore capo: “World Socialist Tracking Research Report (2010-2011)”, Social Science Press, edizione 2011, p. 424.

[57] Selezionato e curato da Liang Zhiyan e Zeng Jingzhong: “Jiang Ching-kuo’s Self-reported”, Unity Press, edizione 2005, p. 112.

[58] Marx: “Das Kapital” Volume I, People’s Publishing House, edizione 1975, p. 819.

[59] “Gli Stati Uniti sono stati l’economia numero uno al mondo dall’inizio degli anni ’70 dell’Ottocento, mentre la Cina, il “leone dormiente”, è stata lasciata sola per molto tempo. È inferiore ai principali paesi commerciali come gli Stati Uniti , Germania e Giappone. Entro il 2013, il valore totale delle importazioni e delle esportazioni della Cina è salito a 4,16 trilioni di dollari USA e anche la sua percentuale sul commercio totale mondiale è balzata dallo 0,76% nel 1948 all’11,05%. . Nel 1948, il commercio totale di importazione ed esportazione degli Stati Uniti rappresentava il 17,28% del mondo; “, http://www.guancha.cn/guan-zhe/2014_05_06_226917_s.shtml. Tempo di atterraggio: 8 maggio 2014.

[60] Mao Zedong: “Nian Nujiao • Kunlun” (ottobre 1935), di Lv Zuyin: “Interpretation of Mao Zedong’s Poems”, Tongxin Publishing House, edizione 1999, p. 79.

[61] La sicurezza di un Paese che entra nel processo di globalizzazione è l’unità di “sicurezza di frontiera” e “sicurezza di frontiera”: la prima è sicurezza della sovranità o sicurezza territoriale, la seconda è sicurezza degli interessi; la prima è limitata, la seconda è infinito, vale a dire, quanto più ampio è il confine di sicurezza, tanto più sicuro è il confine di sicurezza. Zhang Wenmu: “On China’s Sea Power”, Ocean Press, terza edizione 2014, pp. 68-69.

[62] Il Mar Giallo copre un’area di circa 400.000 chilometri quadrati e ha una profondità media dell’acqua di metri 44. La profondità massima dell’acqua è di circa 140 metri sul lato nord dell’isola di Jeju. Il Mar Cinese Orientale copre un’area di circa 770.000 chilometri quadrati e ha una profondità media dell’acqua di metri 370. La profondità massima dell’acqua è di 2.719 metri a nord dell’isola di Miyako, le isole Ryukyu. Il Mar Cinese Meridionale copre un’area di circa 3,5 milioni di chilometri quadrati, con una profondità media dell’acqua di 1.212 metri, e la più profonda tra le Paracels e le Isole Nansha è di 5.559 metri. Il caporedattore Zhang Xusan: “Dizionario navale”, Shanghai Dictionary Publishing House, edizione 1993, pp. 1256-1257.

[63] Il 22 dicembre 1962 e il 29 dicembre 1964, Mao Zedong registrò due volte la poesia “Three Thuigang” di Yan Chengsui della dinastia Qing. A partire da Shatuo, Zhu Liang è così prepotente. È difficile sostenere Tang Sheji con una mano, ma anche la città abbraccia ancora le montagne e i fiumi di Jin. C’è uno strano bambino sotto il vento e la tenda delle nuvole, e ci sono molte lacrime davanti ai corni dei tamburi. Il desolato Sanchuigang scende lungo la strada e la gente canta canzoni per cento anni. .” Fare riferimento al Central Literature Research Office del Partito Comunista Cinese: “The Chronicle of Mao Zedong (1949-1976)”, Volume 5, Central Literature Publishing House, 2013 Edition, pp. 177, 458.

[64] Compilato dall’Ufficio per la ricerca sulla letteratura del Comitato centrale del Partito Comunista Cinese: “The Chronicle of Mao Zedong (1949-1976)”, Volume 3, Central Literature Publishing House, edizione 2013, p. 621.

[65] “Mao Zedong Military Works” Vol. 6, Military Science Press, Central Literature Publishing House, edizione 1993, p. 408.

Questo articolo è un manoscritto esclusivo di Observer.com. Il contenuto dell’articolo è puramente personale opinione dell’autore e non rappresenta il punto di vista della piattaforma. Senza autorizzazione, non può essere riprodotto, pena la responsabilità legale. Segui l’Observer Network WeChat guanchacn e leggi articoli interessanti ogni giorno.

https://m.guancha.cn/ZhangWenMu/2022_06_22_645753.shtml

Wen Tiejun, Dong Xiaodan, Luo Shixuan: Da dove viene l’industria cinese? Partiamo da una “crisi economica”…

“Il ministro è stato provocato dal pericolo, ed è stato aggredito da Min”. Questa è la prima frase del “Tavolo Chen Qing” di Li Mi durante la dinastia Jin occidentale. È anche appropriato descrivere la crisi che il nostro Paese ha incontrato all’inizio della fondazione della Repubblica popolare del mio paese nel 1949.

Nel 1949, il nuovo regime che faceva affidamento sull'”accerchiamento delle città dalle campagne” per conquistare le grandi città dovette affrontare l’ondata speculativa di accaparramento da parte della stragrande maggioranza del capitale privato lasciato dal governo nazionalista; tuttavia, è impossibile copiare il metodo di governo a basso costo di lanciare la rivoluzione contadina e arruolarsi nell’esercito e sostenere il pre-sostegno alla città. Pertanto, il nuovo regime può mantenere il funzionamento di base della città solo con finanziamenti in deficit e, in assenza di riserve auree o in valuta forte, può emettere solo una grande quantità di valuta per compensare il deficit.

In questo modo, il risultato irreversibile dell’evoluzione delle moderne leggi economiche è il deterioramento dell’inflazione, che minaccia direttamente la sopravvivenza del nuovo regime. Questa è anche la lezione principale dell’immediato fallimento di molte classi inferiori nel prendere il potere politico radicato nelle città attraverso violente rivoluzioni, e non è raro nella storia moderna del mondo…

Oggi abbiamo un sistema di produzione così completo e c’è un forte contrasto tra i poveri e i poveri di allora. Come è avvenuta l’industrializzazione della Cina? Che ruolo ha avuto la crisi all’inizio della Repubblica popolare cinese sull’industria manifatturiera cinese? In che modo la prima generazione di leadership ha gestito la crisi di esacerbazione reciproca dei deficit e dell’inflazione nei primi giorni della fondazione della nazione? E come invertire la “distacco dal reale al virtuale” dell’economia urbana in linea con le leggi di mercato sotto pressione inflazionistica? Come affrontare la contraddizione per cui l’economia contadina autosufficiente sotto la doppia struttura delle aree urbane e rurali non resiste consapevolmente ai prodotti industriali che vanno nelle campagne, il che rende difficile l’avanzamento dell’industrializzazione…

Tutto ciò è anche di grande riferimento per risolvere la difficile situazione attuale.

“Prima crisi economica nazionale”

Dalla fine della dinastia Qing, siamo entrati nella prima fase dell’industrializzazione attraverso “l’apprendimento delle abilità dei barbari per controllare i barbari”, o “introducendo, digerendo e assorbendo” secondo il termine corrente.

Dal 1929 al 1933 si verificò nel mondo capitalista una crisi economica che colpì direttamente i paesi emergenti e il Giappone fu il paese più gravemente colpito da questa crisi, che portò alla guerra tra Cina e Giappone.

Durante questo periodo, accadde che il governo della Repubblica di Cina completò la riunificazione nazionale formale negli anni ’20 e ’30, entrando in un periodo di forte crescita di industrializzazione e urbanizzazione, e poiché la Cina non poteva ottenere alcun surplus dall’esterno per formare il proprio accumulazione di capitale, potrebbe solo a livello nazionale.

La cosiddetta industria interna, prevalentemente urbana, per estrarre eccedenze dall’agricoltura.

La produzione agricola è intrinsecamente bassa e se l’eccesso di eccedenza viene estratto dall’industria urbana, porterà al degrado rurale e al fallimento dei piccoli agricoltori. La rivoluzione di classe interna con i contadini come corpo principale, seguita da tempeste turbolente e disordini interni ed esterni, fece incontrare il “decennio d’oro della Repubblica di Cina”, che il governo nazionale iniziò a sorgere negli anni ’30, in una crisi difficile cambiare.

Quelle generazioni a quel tempo, per quanto lavorassero, non avevano oggettivamente le condizioni per cambiare questa crisi endogena.

Allo stesso tempo, a causa del regime relativamente stabile della Repubblica di Cina, passò al sistema di moneta cartacea dal 1935 al 1936 e abbandonò l’uso originario dell’argento come moneta, ma allo stesso tempo vi fu un deflusso di argento a causa dell’aumento del prezzo dell’argento negli Stati Uniti, e gradualmente cadde in una crisi di inflazione dal 1936.

La cartamoneta è un credito cartaceo autorizzato dal potere politico del governo.Nella Repubblica Cinese è chiamata moneta legale (la valuta legale di un paese, in riferimento al nome della valuta emessa dal governo nazionale dal 1935 al 1948). In generale, il potere politico nazionale Il potere è grande, e la capacità di conferire potere di credito al sistema della carta moneta è grande. Tuttavia, poiché la guerra deve aumentare le spese militari, ecc., la valuta legale non è una valuta forte dall’inizio della sua emissione. Poiché il deficit fiscale continua, il governo deve emettere valuta aggiuntiva per compensarlo. Questa contraddizione di base non può essere modificato.

Nel 1948, il governo del Kuomintang attuò una profonda riforma, che fu realizzata con l’aiuto della buona volontà dell'”America First” a cui gli americani hanno sempre aderito.Il governo prese in prestito 48 milioni di “dollari americani” come base per l’emissione di “Golden Yuan Notes”, che ha cambiato sostanzialmente il sistema monetario sovrano “nominale” del sistema monetario legale originale è stato abbandonato.

Tuttavia, questo sistema monetario semicoloniale basato sui cambi è crollato in soli 4 mesi e l’inflazione a lungo termine della Repubblica di Cina è peggiorata di conseguenza, rendendo impossibile mantenere l’alto deficit finanziario con spese militari che rappresentano oltre l’80% La finanza moderna e la finanza moderna Il suo fallimento ha ampiamente contribuito al suo fallimento militare. Una compagnia del Partito Comunista, che fa affidamento sul miglio e sui fucili, può far consegnare le armi a decine di migliaia di soldati del Kuomintang.Oltre al coraggio dei soldati rivoluzionari, è anche perché il governo del Kuomintang non ha “denaro reale “per pagare l’esercito.

Durante la terza rivoluzione agraria, il Partito Comunista Cinese sostenne principalmente la guerra di liberazione mobilitando i contadini a partecipare alla riforma agraria.Le aree rurali di base non avevano le condizioni per costruire una finanza moderna per pagare i grandi contributi dei contadini . Quanto miglio, scarpe militari e pannelli delle porte (barelle) sono stati presi dal villaggio dall’Esercito popolare di liberazione, è sufficiente per fare un cambiale. Gli IOU emessi agli agricoltori durante la guerra erano ancora incassati nel 2007. A quel tempo, le aree rurali non disponevano di finanziamenti moderni, ma potevano fare affidamento su aree rurali tradizionali a basso costo per circondare città moderne ad alto costo per ottenere la vittoria rivoluzionaria.

Tuttavia, non appena il Partito Comunista ha invaso le grandi città, ha subito incontrato lo stesso dilemma di modernizzazione del governo nazionalista: deve avere spese finanziarie quotidiane per mantenere la gestione urbana: gestione aziendale, istruzione e assistenza medica, igiene delle strade, sicurezza della polizia. .. tutto dipende dalla finanza moderna per il mantenimento.

Di conseguenza, inevitabilmente si è verificata la cosiddetta “crisi economica all’inizio del Paese”.

Nel 1949, il nuovo regime incontrò per la prima volta il grave disavanzo fiscale dovuto all’acquisizione delle grandi città: sebbene fosse inferiore di circa il 10% a quello del governo nazionalista, il tasso di disavanzo era ancora di circa il 70%. Al fine di garantire la spesa fiscale, il nuovo regime può emettere solo valuta aggiuntiva. Tuttavia, quando il Kuomintang ha lasciato la terraferma, ha preso tutto l’oro e le divise estere dal tesoro Secondo la teoria dei libri di testo, la valuta emessa in questo modo può essere solo “banconote lorde”.

Il 30 maggio 1949, il “Liberation Daily” riferì che una grande quantità di grano e carbone arrivò a Shanghai (foto da Dongfang.com)

completamente indipendente

Di fronte a una crisi così grave, come siamo usciti e siamo entrati nel primo passo dell’industrializzazione?

Qual è stato il primo passo verso l’industrializzazione? Di fronte alla piccola economia contadina dispersa, solo ottenendo il surplus dai piccoli contadini può esserci una primitiva accumulazione di capitale industriale. L’estrema scarsità di capitali è il primo problema che nessun Paese in via di sviluppo non può evitare per entrare nell’industrializzazione. Inoltre, quando scoppiò la guerra di Corea nel 1950, gli Stati Uniti portarono l’Occidente a bloccare completamente la Cina e non c’era modo di ottenere capitali esteri attraverso il commercio estero secondo la teoria della “sostituzione delle esportazioni” o della “sostituzione delle importazioni” data da Economia occidentale.

Possiamo solo guardarci dentro e ottenere un surplus agricolo per completare l’accumulazione di capitale.

Tuttavia, la prima grande crisi nei primi giorni della fondazione della Repubblica popolare cinese è stata l’iperinflazione causata dall’abbandono del “sistema monetario sovrano” da parte del vecchio regime, che non solo non si è conclusa con la rivoluzione, ma dopo i contadini ‘ sono proseguiti l’assedio armato e il sequestro di grandi città, gravi deficit e inflazione.

In questo momento, se continuiamo a seguire la politica consolidata di “impresa privata + economia di mercato = ‘capitalismo nazionale'” data dall’istituzione della “Nuova Democrazia” nel 1947, che non è diversa dallo sviluppo generale e ha origine dallo stalinismo, allora Il nuovo regime è difficile da mantenere. Sebbene il Partito Comunista Cinese voglia chiaramente sviluppare un’economia di capitale privato, sotto la pressione dell’iperinflazione, nessuna vera impresa può realizzare profitti.

In effetti, la cosiddetta “partenza dal reale al virtuale” nell’economia cinese non sta avvenendo ora. Alla fine degli anni Quaranta, quando l’inflazione era alta, esisteva già un’economia di proprietà privata che si trasformò dal reale al virtuale. I fondi sono usciti dall’economia reale non redditizia e generalmente sono entrati nell’economia speculativa, portando all’accaparramento di materiali viventi e alla speculazione nei mercati valutari e azionari, ma questa è davvero la legge dell’economia di mercato.

Fortunatamente, a quel tempo, la Cina era una tradizionale struttura duale con l’88% della popolazione contadina.

Fortunatamente, la riforma agraria avviata dal Partito Comunista nel 1947 ha effettivamente implementato il sistema fondiario del “coltivatore ha la sua terra” che tutte le dinastie e le dinastie hanno lavorato duramente per realizzare, in linea con i “ragionevoli agricoltori” nella Cina rurale.

Dopo la fondazione della Repubblica popolare cinese nel 1949, l’intero paese promosse la riforma agraria della “grande pianura” con i villaggi naturali come unità, così che l’88% dei contadini, che rappresentavano l’88% della popolazione totale, furono restaurati alla tradizionale economia contadina su piccola scala e oggettivamente non necessitava di un sistema economico moderno; questo ha fatto sì che il nuovo regime avesse solo bisogno di utilizzare una capacità finanziaria limitata per gestire la crisi inflazionistica e i suoi problemi secondari che coprono i residenti urbani che rappresentano meno del 12% della popolazione totale.

Si forma l’interazione tra il nuovo regime, i contadini e il capitale privato, in particolare si veda:

Una volta che la terra è disponibile, i piccoli agricoltori tradizionali generalmente perseguono l’espansione della riproduzione soddisfacendo la riproduzione semplice, cioè per espandere la superficie terrestre, quindi devono vendere quanti più prodotti agricoli possibile allo stato per risparmiare denaro; In questo momento, il beni di prima necessità come riso bianco, farina bianca e stoffa bianca devono essere accumulati per far salire i prezzi.

In questo momento, Nuova Democrazia parla di un’economia di mercato di capitale privato, ed è impossibile affrontare questa crisi. I risultati di un gran numero di studi hanno anche mostrato che il motivo principale per cui la maggior parte dei paesi in via di sviluppo non riesce a far fronte alla crisi è che non possono utilizzare direttamente mezzi rivoluzionari per risolvere il problema e non c’è modo di utilizzare capitali privati. l’economia, il capitale privato e la regolamentazione del governo giocano al gatto col topo, il capitale privato è più redditizio durante la crisi, la regolamentazione del governo è inefficace, i mezzi di sussistenza delle persone sono danneggiati e persino il regime non può essere mantenuto.

Tuttavia, il nuovo regime può continuare a utilizzare l’enorme capacità di mobilitazione formata nella guerra rivoluzionaria contadina per combattere la campagna dei “Tre Bianchi” nelle grandi città come Shanghai e Wuhan. In questo momento, il Partito Comunista ottenne la “perequazione della terra” in tutte le dinastie attraverso la riforma agraria nazionale, ma non “esentì l’imposta”, così da ottenere una grande quantità di materiali “tre bianchi” da agricoltori e strategicamente metterli nelle città per stabilizzare i prezzi di mercato La speculazione “prociclica” che ha costretto al fallimento la massa delle imprese private accaparratrici.

Allo stesso tempo, gli agricoltori immagazzinano anche circa il 40% dell’emissione totale del governo della valuta assorbita dalla vendita di prodotti agricoli in banca per future esigenze di acquisto di terreni.Queste valute non entrano nel campo della circolazione e non provocano pressioni inflazionistiche. Questa è una pratica normale per i micro-soggetti degli agricoltori, ma a livello macro aiuta direttamente la People’s Bank of China a ritirare una grande quantità di denaro e ad accumulare valuta aggiuntiva nella società rurale, e aiuta anche indirettamente il nuovo regime ridurre notevolmente la pressione sul disavanzo di bilancio.

In breve, da un lato, il nuovo regime ha generalmente accresciuto l’entusiasmo degli agricoltori per la produzione tornando alla tradizionale riforma agraria e, dall’altro, ha stabilizzato l’offerta di prodotti agricoli aumentando la moneta moderna in cambio dell’aumento dell’offerta dei prodotti agricoli, aiutando il governo ad abbassare i prezzi urbani e, a sua volta, ad assorbire la valuta aggiuntiva in eccesso. Nella seconda metà del 1950, la crisi di iperinflazione causata dalla riforma della legge sullo yuan d’oro del 1948 della Repubblica di Cina fu inizialmente risolta. La chiave di questo processo è:

In primo luogo, la rivoluzione agraria ha derivato una valuta sovrana che ha aumentato il commercio di prodotti agricoli e ha sostenuto l’emissione aggiuntiva.

La rivoluzione può generare benefici istituzionali, che chiamiamo “dividendi rivoluzionari”. Quando l’intero Paese è completamente bloccato dall’Occidente, significa che siamo costretti a raggiungere la de-dipendenza, proprio come gli Stati Uniti hanno più volte proposto sanzioni contro la Cina negli ultimi anni, in modo che la Cina possa disaccoppiarsi dal cosiddetto disaccoppiamento. Questo è in realtà un altro completo per lasciare che la Cina sia attaccata.

All’inizio della fondazione della Repubblica popolare cinese, come sei uscito dalla crisi quando ne hai dipeso passivamente in circostanze così difficili?

La prima è la razionalità del governo: non possiamo solo sottolineare la razionalità economica dell’economia privata, ma anche la razionalità del governo, che è quella di mantenere la sovranità e l’indipendenza del Paese. Siamo un regime che ha combattuto una guerra e combattuto una guerra di decolonizzazione per più di cento anni.Possiamo rilassare facilmente i profitti? Si tratta di rinunciare o meno al principio di sovranità! non può. Pertanto, finché non rinunciamo alla nostra sovranità e indipendenza, abbiamo ottenuto il sostegno della maggioranza del popolo in quel momento, perché la maggior parte delle persone ha sperimentato personalmente la perdita della sovranità e il danno causato al popolo dal semi- società coloniale I coltivatori avevano i loro campi e si guadagnarono il sostegno dei contadini che all’epoca rappresentavano l’88% della popolazione cinese, cioè la maggioranza più ampia.

In secondo luogo, l’ancora della valuta locale: “tre volte reale” rende la valuta locale basata sul credito fisico.

Poi, poiché siamo valuta sovrana, e questa valuta sovrana in quel momento ostacolava le aree liberate, è stata piegata e la finanza e la finanza in quel momento sono state piegate e convertite in miglio. Lo stipendio del presidente Mao a quel tempo era convertito in più di 30.000 gatti di miglio all’anno e un ministro era di decine di migliaia di gatti di miglio. La generazione di mio padre è andata in città per diventare insegnanti, e i loro stipendi sono stati calcolati in base al valore effettivo.

Combinato endogenamente con la riforma agraria sotto forma di risparmio reale, perché dopo che la riforma agraria ha fortemente mobilitato l’entusiasmo degli agricoltori, la produzione degli agricoltori aumenta e il conseguente aumento della produzione viene scambiato con il governo. di valute aggiuntive sono state assorbite dagli agricoltori, il che ha mantenuto la sovranità valutaria del paese relativamente stabile. Il credito formato dal conferimento del potere di sovranità indipendente al sistema monetario è accettato dai contadini, perché i contadini stessi sono il corpo principale della rivoluzione. Ciò significa che una grande quantità di riserve valutarie aggiuntive viene restituita alla banca, il che equivale ad aiutare il paese a completare un ciclo chiuso di invio e ricezione di valuta. I prodotti agricoli venduti dagli agricoltori vengono trasferiti nelle grandi città costiere lungo il fiume dal sistema logistico organizzato dallo Stato: dopo che la speculazione è stata distrutta, i prezzi vengono prima abbassati e l’economia reale può riprendersi.

Pertanto, il successo del controllo di questa crisi da parte del nuovo regime è dovuto ai dividendi rivoluzionari formati dalla riforma agraria; Entrambi hanno svolto un ruolo importante nel ribaltare la crisi.

C’è anche una condizione molto importante, perché la città all’epoca era sotto il controllo militare e tutte le speculazioni sui cambi e sulle azioni furono cancellate per mezzo del controllo militare. Nell’economia del capitale privato, fintanto che gli investitori in grado di attrarre la speculazione sul capitale finanziario entrano in gran numero nel mercato, è impossibile investire fondi nell’economia reale. Pertanto, è ovviamente contraddittorio aprire le transazioni di capitale virtuale da un lato e incoraggiare l’economia reale dall’altro. All’inizio della fondazione della Repubblica popolare cinese, la pratica principale era eliminare la speculazione in modo da consentire ai fondi di impegnarsi nell’economia reale. In secondo luogo, l’ancora della valuta locale è largamente scontata e ancorata all’economia reale. A quel tempo, la banca chiamava “tre depositi bianchi”, che è quanto valgono riso bianco, farina bianca e stoffa bianca quando depositi denaro e puoi acquistare la stessa quantità di riso bianco, farina bianca e stoffa bianca quando ritiri denaro. Pertanto, non è che la gente comune depositi direttamente il riso e le tagliatelle in banca, ma il denaro depositato in banca può essere garantito rispetto all’equivalente fisico e il credito della valuta sovrana è supportato dall’attualizzazione. Queste sono le ragioni principali per disinnescare l’inflazione.

Terzo, capitale dello stato: ricostruire i rapporti di proprietà nella nuova fase democratica.

Nel risolvere la crisi all’inizio del paese, c’è un altro fattore molto importante, molto diverso da quello degli altri paesi in via di sviluppo: il nuovo regime ha confiscato il capitale burocratico e il capitale compradore, e ha anche confiscato i beni degli imperialisti rappresentati da multinazionali in Cina. . La componente economica costituitasi attraverso la rivoluzione è chiamata capitale di stato, che ha l’attributo di proprietà di tutto il popolo.Significa anche che il mezzo più controllabile di macrocontrollo di governo è il capitale di stato, ma è molto debole nella nuova democrazia originaria. componente economica. Solo perché la prima battaglia della guerra di Corea fu vinta, l’Unione Sovietica iniziò a esportare linee di produzione di attrezzature in Cina e la capitale nazionale fu improvvisamente rafforzata.

La linea di produzione di equipaggiamento militare trasferita dall’Unione Sovietica alla Cina su larga scala è stata direttamente assorbita dalla capitale dello stato controllata dal governo centrale durante la guerra, e molto lavoro è stato necessario per andare in città per la costruzione di capitali. Poiché a quel tempo non c’erano molti macchinari, scavare la terra, riparare strade, costruire fabbriche, tutte queste costruzioni di infrastrutture su larga scala facevano affidamento sul lavoro dei contadini per entrare in città. Durante l’intero periodo del “1° Piano quinquennale” sono entrati nelle città più di 20 milioni di forti braccianti rurali. Queste persone potrebbero non essere adatte all’industria, ma principalmente impegnate nella costruzione di infrastrutture. Hanno bisogno delle cooperative di fornitura e marketing sponsorizzate dallo stato acquistare una grande quantità di prodotti agricoli per garantirne il sostentamento. Lo scambio tra il sistema logistico statale e il surplus tra le aree rurali, il sistema economico del capitale statale in questa fase di nuova democrazia cresce e la struttura proprietaria dei rapporti di proprietà nel la fase neodemocratica cambia di conseguenza.

Perché, quando il capitale statale è stato rafforzato su larga scala, ha portato nuovi problemi, cioè la contraddizione tra capitale statale e capitale privato, quindi c’è stata la trasformazione socialista iniziata nel 1953. Poiché il capitale statale si è sviluppato molto rapidamente, la trasformazione del capitale privato è stata completata in tre anni dal 1953 al 1956. Da allora, è il capitale dello Stato che ha l’attributo di proprietà di tutto il popolo, che ha formato la trasformazione del sistema del surplus nelle campagne.

Nel 1953, lo stato fece anche passi avanti nella trasformazione socialista pianificata e sistematica dell’agricoltura, dell’artigianato e dell’industria e del commercio capitalista. (Foto dall’agenzia di stampa Xinhua )

Nel 1956, quando la capitale statale completò la trasformazione del capitale privato, l’industrializzazione e l’urbanizzazione subirono un’accelerazione significativa. Di conseguenza, la domanda di prodotti industriali su larga scala per le campagne ha portato il governo centrale a lanciare la collettivizzazione rurale con il villaggio come unità.Dagli anni ’60 agli anni ’70, l’accumulazione di capitale dell’industrializzazione cinese è derivata principalmente dal surplus estratto dall’agricoltura.

Quarto, il primo aggiustamento anticiclico nelle condizioni del capitalismo privato.

Quanto sopra descrive l’esperienza di base dell’iperinflazione mitigata dal nuovo regime. È anche una regola generale entrare in depressione dopo una crisi. Le piccole imprese di capitale privato non possono resistere al colpo dei rischi di fluttuazione macroeconomica.Dopo la soppressione dell’economia speculativa nel 1950, la perdita di una grande quantità di capitale privato nella speculazione si è manifestata direttamente come entrata in una depressione. In questo caso, nonostante si cerchi di portare avanti la nuova democrazia, non importa come stimolare lo sviluppo dell’economia reale, le piccole e medie imprese dominate dal capitale privato non sopravviveranno.

Da un lato, c’è questa fase depressiva di deflazione e recessione economica, e dall’altro, il governo rafforza l’approvvigionamento di materiali per soddisfare i bisogni della guerra, quindi solo il governo interviene direttamente. Tuttavia, quando il governo è arrivato ad acquistare direttamente e ha formato un’attrazione sull’economia del capitale privato, ci sono stati molti problemi da entrambe le parti, e quindi è nato il “Movimento dei tre anti e dei cinque antis”. La “trasformazione socialista” dell’economia privata dal capitale statale, che è cresciuto rapidamente grazie all’assistenza strategica.

Differenza il surplus dei “tre rurali” estratto dalle forbici

Se non puoi dimenticare questo libro, ci sarà un futuro. Come è avvenuta l’industrializzazione della Cina?

Secondo le statistiche, con l’aumento del reddito degli agricoltori, l’offerta totale di materiali per la produzione agricola a livello nazionale è aumentata da 73.000 yuan nel 1950 a 141.000 yuan nel 1952, con un aumento del 91,15%, 11 punti percentuali in più rispetto al tasso di crescita degli acquisti degli agricoltori potenza.

Molti dei nostri figli nati nel 1949 si chiamavano Iron Plough. Nei primi giorni della fondazione della Repubblica popolare cinese, l’industria nazionale recentemente restaurata nelle città produceva un “aratro a doppia ruota a doppio vomere” in riferimento al metodo agricolo avanzato dell’Unione Sovietica che aumentava il coefficiente di attrezzatura agricola attraverso l’aratro a gradini trainato da cavalli per migliorare la produttività del lavoro. Subito dopo, c’è una storia dell'”aratro di ferro” che non riesce a raggiungere la campagna, che può illustrare le contraddizioni oggettive esistenti nella doppia struttura urbano-rurale.

Questo aratro ha due vomeri e due ruote e la sua forza di trazione è doppia rispetto a quella di un aratro di legno.Può arare due aratri paralleli contemporaneamente e può arare più in profondità dei normali solchi. Rispetto all’aratro di legno comunemente usato dai contadini dell’epoca, era comunemente chiamato “aratro di ferro” dalla gente comune. Il suo costo è di soli 29 yuan, mentre il prezzo di vendita è di 39 yuan (nuovo valore di valuta post-1955).

Nelle città, dovrebbe essere un evento importante che l’industria nazionale autonoma abbia iniziato a sostenere i prodotti agricoli. Molti giornali lo hanno promosso con vigore e molti quadri che sono entrati in città con entusiasmo hanno chiamato i loro figli nati quell’anno “Tie Li”, indipendentemente dal sesso.

Ma nelle zone rurali, non importa come il governo lo promuova e si mobiliti, pochi agricoltori lo comprano.

Perché la tradizionale economia contadina su piccola scala, che è stata completamente restaurata dopo la riforma agraria, è ancora una sorta di economia di “capitalizzazione”: in primo luogo, il falegname del villaggio fa una cornice, il fabbro fa un modello e la fattoria può essere coltivato con un animale, e non c’è bisogno di andare a comprare un altro “aratro di ferro”; secondo, per molto tempo, le varie operazioni tra cui l’industria e il commercio all’interno della comunità del villaggio non accettavano transazioni in contanti, quindi gli abitanti del villaggio non avevano l’abitudine di acquistare prodotti industriali urbani.

In seguito, questa specie di aratro a due ruote ea doppio vomere venne semiobbligatoriamente inviato nelle campagne mediante la “distribuzione organizzativa”, ma già dopo il movimento cooperativo rurale.

Tuttavia, poiché questo approccio imperativo “taglia unica” non può tenere conto delle caratteristiche geologiche e geomorfologiche molto diverse delle campagne, ci sono effettivamente alcuni luoghi che hanno notevolmente migliorato l’efficienza produttiva, ma ci sono anche molti luoghi in cui il Gli “aratri di ferro” sono difficili da adattare ai terreni agricoli locali e le condizioni del bestiame sono state abbandonate. La fine dell'”aratro di ferro” dopo le cooperative rurali mostra anche che è solo con la costruzione del sistema cooperativo di contadini che è possibile intraprendere la consegna dei prodotti industriali urbani alle campagne.

Nel 1956, dopo la collettivizzazione del comune, un ruolo importante fu quello di formare un divario a forbice tra i due principali ministeri dell’industria e dei contadini Quando siamo entrati nel periodo di riforma, il totale delle immobilizzazioni delle nostre industrie statali era solo oltre 900 miliardi di yuan, quindi alcune persone dicono che dal 70 all’80 per cento di loro sono stati creati da vecchi agricoltori, e il surplus agricolo è stato estratto nelle città e divenne il patrimonio industrializzato della Cina.Accumulazione primitiva, non creata dal nulla.

Più la differenza di forbici si rafforza, meno c’è disponibile per la distribuzione in campagna Quando tutta la mia famiglia è andata in campagna per tagliare la coda negli anni ’60, abbiamo avuto la netta sensazione che ciò che il collettivo poteva distribuire fosse solo un piccolo parte della produzione totale, una parte considerevole. Lo stato l’ha già tolta prima che la dividessimo. Il motivo per cui i membri del comune non sono motivati ​​a lavorare non è in gran parte a causa della grande pentola di riso, ma perché la nostra grande pentola di il riso lascia meno per i contadini e lo stato ne toglie di più.

Molte persone pensano che la collettivizzazione rurale non sia andata bene, ma in realtà l’industrializzazione urbana può solo estrarre accumulazione attraverso la collettivizzazione rurale. Dovrebbe essere chiaro che l’accumulazione primitiva del capitale statale nella fase iniziale e la graduale espansione nella fase intermedia sono direttamente combinate con questa serie di grandi eventi storici.In sostanza abbiamo un sistema politico che sta al passo con i tempi, si adegua costantemente, e cerca la verità dai fatti.

Tutto ciò che facciamo oggi va detto che è un processo evolutivo che continua nella storia e non è mai stato interrotto.

Su questi temi, la contraddizione tra l’espansione del capitale statale e quello privato, così come la contraddizione tra il capitale statale e i piccoli agricoltori dispersi, sono tutte contraddizioni che dobbiamo superare nel processo di sviluppo dell’industrializzazione e dell’urbanizzazione.

Questo articolo è un manoscritto esclusivo di Observer.com.Il contenuto dell’articolo è puramente personale opinione dell’autore e non rappresenta il punto di vista della piattaforma.Senza autorizzazione, non può essere riprodotto, pena la responsabilità legale. Segui l’Observer Network WeChat guanchacn e leggi articoli interessanti ogni giorno.