L’era dello Zugzwang La morsa spietata della logica geostrategica, di Big Serge

L’era dello Zugzwang
La morsa spietata della logica geostrategica

Pieces Moving

Nota: mi scuso in anticipo per la natura potenzialmente sconclusionata di questo pezzo, che è una specie di flusso di coscienza di meditazione geostrategica. È possibile che sia troppo astratto per essere interessante. Se così fosse, vi prego di rimproverarmi nei commenti.

Sono un grande appassionato di scacchi. Sebbene io stesso non sia più di un giocatore di medio livello, sono infinitamente divertito dalle innumerevoli varianti e dagli espedienti strategici che i grandi giocatori del mondo riescono a creare a partire dallo stesso, familiare inizio. Nonostante sia un gioco antico (le regole che conosciamo oggi sono nate nel XV secolo in Europa), ha resistito all’enorme quantità di potenza di calcolo che gli è stata dedicata negli ultimi anni. Anche con i potenti motori scacchistici moderni, rimane un gioco “irrisolto”, aperto alla sperimentazione e a ulteriori studi e riflessioni.

Un adagio scacchistico, che ho imparato presto al club di scacchi della mia infanzia, è che uno dei maggiori vantaggi negli scacchi è quello di avere la mossa successiva: una sorta di lezione di prudenza per evitare di essere troppo presuntuosi prima che l’avversario abbia la possibilità di rispondere. Un po’ più avanti, però, si impara a conoscere un concetto che inverte e perverte questo aforisma: qualcosa che chiamiamo Zugzwang.

Zugzwang (una parola tedesca che letteralmente significa “costrizione a muovere”) si riferisce a qualsiasi situazione negli scacchi in cui un giocatore è costretto a fare una mossa che indebolisce la sua posizione, come ad esempio un re che viene messo all’angolo per sfuggire allo scacco – ogni volta che si muove fuori dallo scacco, si avvicina allo scacco matto. In parole più semplici, Zugzwang si riferisce a una situazione in cui non ci sono mosse valide disponibili, ma è il vostro turno. Se vi trovate a fissare la scacchiera pensando che preferireste semplicemente saltare il vostro turno, siete in Zugzwang. Ma ovviamente non potete saltare il turno. Dovete muovervi. E non importa quale mossa scegliate, la vostra posizione peggiora.

L’idea di non avere opzioni valide, ma di essere costretti ad agire, è diventata un motivo di riflessione nell’era del flusso geopolitico. Gli attori di tutto il mondo si trovano in situazioni in cui sono costretti ad agire in assenza di soluzioni valide. Zbigniew Brzezinski ha scritto che la geopolitica è simile a una scacchiera. Se le cose stanno effettivamente così, arriva il momento di scegliere quali pezzi salvare.

Gerusalemme

È quasi impossibile trovare un’analisi spassionata del conflitto arabo-israeliano, semplicemente perché si colloca direttamente su una concatenazione di linee di faglia etno-religiose. I palestinesi sono oggetto di preoccupazione per molti dei quasi due miliardi di musulmani del mondo, in particolare nel mondo arabo, che tendono a considerare le sofferenze e le umiliazioni di Gaza come proprie. Israele, invece, è un argomento di raro accordo tra gli evangelici americani (che credono che lo Stato nazionale di Israele abbia rilevanza per l’Armageddon e il destino della cristianità) e il gruppo dirigente americano più laico, che considera Israele come un avamposto americano nel Levante. A ciò si aggiunge la religione emergente dell’anticolonialismo, che considera la Palestina come il prossimo grande progetto di liberazione, simile alla fine dell’apartheid in Sudafrica o alla campagna di Gandhi per l’indipendenza dell’India.

Il mio obiettivo non è quello di convincere le persone sopra citate che le loro opinioni sono sbagliate, di per sé. Vorrei invece sostenere che, nonostante queste potenti correnti emotivo-religiose, gran parte del conflitto israelo-arabo può essere compreso in termini geopolitici piuttosto banali. Nonostante l’enorme posta in gioco psicologica che miliardi di persone hanno nell’argomento, il conflitto si rivela ancora ad un’analisi relativamente spassionata.

La radice dei problemi risiede nella natura peculiare dello Stato israeliano. Israele non è un Paese normale. Con questo non intendo dire che sia un Paese speciale e provvidenziale (come potrebbe dire un evangelico americano), né che sia una radice malvagia unica di tutti i mali. Piuttosto, è straordinario in due modi importanti che riguardano la sua funzione e il suo calcolo geopolitico, piuttosto che il suo contenuto morale.

In primo luogo, Israele è uno Stato escatologico di guarnigione. Si tratta di una particolare forma di Stato che si percepisce come una sorta di ridotta contro la fine di tutte le cose e che, di conseguenza, diventa altamente militarizzato e disposto a dispensare forza militare. Israele non è l’unico Stato di questo tipo ad essere esistito nella storia, ma è l’unico evidente che esiste oggi.

Un confronto storico può aiutare a spiegarlo. Nel 1453, quando l’Impero Ottomano conquistò finalmente Costantinopoli e pose fine al millenario imperium romano, la Russia altomedievale si trovò in una posizione unica. Con la caduta dei Bizantini (e il precedente scisma con la cristianità papale occidentale), la Russia era ora l’unica potenza cristiana ortodossa rimasta al mondo. Questo fatto creò un senso di assedio religioso di portata storica mondiale. Circondata su tutti i lati dall’Islam, dal cattolicesimo romano e dai khanati turco-mongoli, la Russia divenne un prototipo di Stato escatologico di guarnigione, con un alto grado di cooperazione tra Chiesa e Stato e uno straordinario livello di mobilitazione militare. Il carattere dello Stato russo è stato indelebilmente formato da questa sensazione di essere assediato, di essere l’ultima ridotta dell’autentica cristianità, e dalla conseguente necessità di estrarre un alto volume di manodopera e di tasse per difendere lo Stato presidio.

Israele è molto simile, anche se il suo senso di terrore escatologico è di tipo più etno-religioso. Israele è l’unico Stato ebraico al mondo, fondato all’ombra di Auschwitz, assediato su tutti i lati da Stati con cui ha combattuto diverse guerre. Se questo giustifichi gli aspetti cinetici della politica estera israeliana non è il punto. Il semplice fatto è che questa è la concezione innata di Israele. È una ridotta escatologica per una popolazione ebraica che non vede nessun altro posto dove andare. Se si rifiuta di riconoscere la premessa geopolitica centrale di Israele – che farebbe di tutto per evitare un ritorno ad Auschwitz – non si potrà mai dare un senso alle sue azioni.

Tuttavia, la natura escatologico-gerarchica dello Stato non è l’unico modo in cui Israele è anormale. È anche piuttosto insolito in quanto è uno Stato colonizzatore-coloniale nel XXI secolo. Israele mantiene centinaia di insediamenti in territori non antropizzati come la Cisgiordania, dove vivono mezzo milione di ebrei. Questi insediamenti costituiscono uno sforzo per strangolare demograficamente e assimilare le terre palestinesi e non possono essere descritti come qualcosa di diverso dal colonialismo. Anche in questo caso, ogni sorta di argomentazioni religiose si scontreranno con la giustificazione o meno di questo fenomeno, ma la realtà che tutti devono riconoscere è che questo non è normale. La Danimarca non ha colonie. Non ci sono villaggi danesi costruiti nel nord della Germania per estendere il dominio danese. Il Brasile non ha colonie. E nemmeno il Vietnam, o l’Angola, o il Giappone. Ma Israele sì.

IDF in movimentoIsraele si sviluppa quindi secondo una logica geopolitica unica, perché è uno Stato unico, con una natura sia escatologica che coloniale. La fattibilità del progetto israeliano dipende dalla capacità dell’IDF di mantenere una forte deterrenza e di proteggere gli insediamenti e i coloni israeliani dagli attacchi. Questo fatto crea un senso di vulnerabilità asimmetrica per Israele.”Ma Serge, erudito mascalzone”, vi sento dire. “Non stai usando un gergo geopolitico eccessivo per offuscare la questione?”. Sì, ma lasciatemi spiegare. In Israele esiste un’asimmetria di sicurezza perché l’IDF deve mantenere un massiccio overmatch a tutto spettro rispetto ai suoi avversari, sia nella guerra convenzionale contro gli attori statali *che* in una difesa preclusiva che possa filtrare efficacemente contro gli attori non statali a bassa intensità. La situazione di sicurezza di Israele è stata costruita sulla base di vittorie schiaccianti sugli Stati arabi circostanti – la Guerra dei Sei Giorni, la Guerra dello Yom Kippur e così via – ma ha anche bisogno di filtrare e difendersi costantemente da attacchi a bassa intensità. La fattibilità del progetto israeliano dei coloni è garantita solo da un’eccessiva capacità di reazione dell’IDF e dalla minaccia di attacchi punitivi.Ancora più importante è il fatto che l’IDF non solo deve mantenere l’overmatch nelle guerre ad alta intensità (guerre con gli Stati vicini), ma deve anche filtrare efficacemente contro le minacce a bassa intensità, come gli attacchi episodici di razzi e le incursioni transfrontaliere di Hamas. La vitalità degli insediamenti israeliani dipende in particolare da quest’ultimo aspetto, reso possibile dall’intelligence israeliana, da un fitto sistema di sorveglianza e da barriere fisiche.Un’analogia può essere utile.

Sapevate che l’Impero romano non difendeva i suoi confini? Può sembrare strano, ma è vero. Soprattutto nei periodi di massimo splendore giulio-claudio (da Augusto a Nerone), Roma disponeva di meno di 30 legioni, il cui dispiegamento lasciava vasti spazi vuoti nei confini, privi di truppe romane. Quindi, come faceva l’Impero a rimanere al sicuro?

Nel I secolo, Roma dovette affrontare una rivolta ebraica nella sua provincia di Giudea. All’apice della sua potenza, Roma non affrontò mai una vera e propria minaccia da parte dei ribelli ebrei, e diversi anni di controinsurrezione videro il movimento in gran parte debellato. Alla fine del 72 d.C., i Romani avevano intrappolato alcune centinaia di ribelli in una fortezza in cima alla collina di Masada. I ribelli avevano scorte limitate. Sarebbe stata una cosa banale per Roma lasciare un distaccamento ad assediare la fortezza e aspettare che i difensori si arrendessero. Ma questo non era lo stile romano. Invece, un’intera legione fu impegnata a costruire un’enorme rampa sul fianco della collina, che fu usata per trasportare enormi macchine d’assedio su per il pendio e sfondare la fortezza.

Perché? Per Roma, questo impegno di forze apparentemente eccessivo (un’intera legione per stanare qualche centinaio di ribelli ebrei affamati) valeva la pena, perché manteneva il timore diffuso che qualsiasi attacco, qualsiasi disobbedienza contro l’Impero avrebbe fatto cadere un enorme martello. “Se ci mettete i bastoni tra le ruote, vi daremo la caccia e vi uccideremo”. In un certo senso, l’eccessivo impegno di forze era il punto, e serviva come una vistosa dimostrazione di sregolatezza militare. Roma è stata in grado di proteggere i confini di un enorme impero per secoli con una generazione di forze straordinariamente bassa, mantenendo la minaccia di una vittoria eccessiva e punendo in modo affidabile (potremmo dire eccessivo) coloro che invadevano o si ribellavano. Nel caso degli ebrei del I secolo, il loro tempio fu distrutto, gran parte di Gerusalemme fu distrutta e la loro leadership fu devastata e dispersa.

Per ironia della sorte, Israele si trova ora in una situazione simile a quella dei suoi antichi signori romani, con la necessità di mantenere uno spettro completo di forze e la volontà politica di esercitare il proprio potere in modo punitivo, al fine di sostenere la deterrenza e proteggere il proprio progetto di colonizzazione. Proprio come la Roma del I secolo, Israele percepisce che la sua capacità di interdire le minacce a bassa intensità è stata messa in discussione dalla sorpresa strategica di Hamas in ottobre e, come Roma, l’IDF sta tentando di dare prova di una vistosa sregolatezza militare.

Ecco perché, il 7 ottobre, Israele si è trovato in Zugzwang. Doveva muoversi, ma l’unica mossa disponibile era un’invasione massicciamente distruttiva della Striscia di Gaza, perché la logica strategica israeliana impone una risposta asimmetrica. L’attacco di Hamas ha necessariamente innescato un’invasione di terra e una campagna aerea concordante con l’obiettivo apparente di eliminare l’organizzazione, nonostante l’ovvia certezza che ciò avrebbe causato vittime di massa a Gaza e perdite anormalmente elevate tra le IDF. Si tratta di un’area altamente popolata, densamente insediata e piena di civili che non sanno dove andare. Qualsiasi risposta israeliana era destinata a uccidere e ferire un gran numero di civili, ma la necessità di una risposta è dettata dalla natura dello Stato israeliano.

Escatologia
In definitiva, ho sempre creduto che non ci sia una soluzione duratura al conflitto arabo-israeliano se non la vittoria militare di una delle due parti. Né una soluzione a due Stati né una soluzione a uno Stato è praticabile, data l’attuale costruzione dello Stato israeliano e il suo contenuto ideologico. Una soluzione a uno Stato (che dia la cittadinanza ai palestinesi all’interno della polarità israeliana) difficilmente soddisferà qualcuno, ma sarebbe particolarmente ripugnante per gli israeliani che la percepirebbero correttamente come una resa de-facto del loro Stato attraverso la sopraffazione demografica. Una soluzione a due Stati richiederebbe un ritiro strategico di Israele dagli insediamenti. In breve, tutti i potenziali accordi diplomatici costituiscono una sconfitta strategica israeliana, che potrà verificarsi solo quando Israele avrà effettivamente subito una tale sconfitta strategica sul campo di battaglia.Perciò, il sangue di Israele è salito. All’interno dei parametri peculiari della logica strategica israeliana, deve distruggere Gaza con la forza militare, altrimenti dovrà affrontare l’irrimediabile discredito della deterrenza dell’IDF e, di conseguenza, il collasso del progetto dei coloni. O la capacità dei palestinesi di offrire minacce a bassa intensità sarà distrutta, o la popolazione fuggirà nel Sinai. Probabilmente, per Gerusalemme, non ha molta importanza quale delle due.In definitiva, gli osservatori stranieri devono capire che il conflitto israelo-arabo è praticamente predestinato dalla natura peculiare dello Stato israeliano. Essendo uno Stato escatologico di guarnigione e un’impresa coloniale, Israele non è in grado di relazionarsi normalmente con i palestinesi (che non hanno affatto uno Stato) e l’unica via d’uscita è una sconfitta strategica israeliana o la frantumazione di Gaza. Non si tratta di un rompicapo con una soluzione univoca.Washington e Teheran

In concomitanza con il crollo dello Stato stabile temporaneo in Israele, gli Stati Uniti si trovano ad affrontare un disfacimento della loro posizione nella regione, in particolare in Iraq e in Siria. Questo, forse ancor più della situazione israeliana, rappresenta un esempio idealizzato di zugzwang geopolitico.

Per cominciare, bisogna comprendere la logica strategica dei dispiegamenti strategici americani. L’America ha fatto un uso generoso di uno strumento di deterrenza strategica noto colloquialmente come Tripwire Force. Si tratta di una forza sottodimensionata e dispiegata in avanti, situata in zone di potenziale conflitto, con l’obiettivo di dissuadere dalla guerra segnalando l’impegno a rispondere. L’esempio classico di forza “tripwire” è stato il minuscolo dispiegamento americano a Berlino durante la guerra fredda. Troppo piccolo per far deragliare o sconfiggere un’offensiva sovietica (e in effetti lo era in modo evidente), lo scopo della guarnigione americana di Berlino era, in un certo senso, quello di offrirsi come potenziali vittime, negando all’America qualsiasi latitudine politica per abbandonare l’Europa in un conflitto. Le forze americane in Corea del Sud hanno uno scopo simile: poiché un’incursione nordcoreana nel Sud ucciderebbe necessariamente le truppe americane, Pyongyang capisce che dichiarerebbe ipso facto guerra agli Stati Uniti insieme al Sud.

Nel complesso, la forza “tripwire” è uno strumento utile e consolidato di deterrenza strategica, utilizzato sia dagli Stati Uniti che dall’Unione Sovietica (come nel caso del dispiegamento a Cuba) durante la guerra fredda.

Oggi gli Stati Uniti adottano una strategia simile in Medio Oriente, in relazione all’Iran. Gli obiettivi strategici dell’America in Medio Oriente non sono in realtà particolarmente complessi, anche se spesso vengono fatti apparire tali semplicemente per il fatto che il complesso della politica estera americana non sa e non vuole spiegarsi.

L’obiettivo strategico americano, in poche parole, è quello di condurre l’area denial e di impedire l’egemonia iraniana in Medio Oriente. Questo, a sua volta, è un’estensione della più ampia grande strategia americana, che consiste nell’impedire agli egemoni regionali preminenti o potenziali di consolidare le posizioni di dominio nelle loro regioni: Russia e Germania in Europa, Cina in Asia orientale, Iran in Medio Oriente. La storia geopolitica del mondo moderno è quella di un triplice contenimento da parte degli Stati Uniti, che utilizzano una serie di satelliti regionali, proxy e schieramenti in avanti. Poiché l’Iran è l’unico Stato del Medio Oriente con il potenziale per diventare un egemone regionale, è l’oggetto del contenimento americano.

I persistenti dispiegamenti americani in luoghi come l’Iraq e la Siria dovrebbero quindi essere intesi principalmente come sforzi per interrompere l’influenza iraniana e offrire un dispiegamento in avanti per combattere le milizie iraniane (questi dispiegamenti sono a loro volta necessari perché l’avventurismo americano negli ultimi due decenni ha creato in Iraq e in Siria dei vacui Trashcanistans che sono vulnerabili alla strisciante influenza iraniana). Possono essere intesi come una forma di forza “tripwire” che ha anche un valore operativo limitato.

Purtroppo, gli Stati Uniti hanno scoperto i limiti di questi scheletrici dispiegamenti in avanti. La presenza americana nella regione è troppo piccola per scoraggiare in modo credibile un attacco, ma abbastanza grande da invitarlo.

L’immunità alla deterrenza
Il problema, molto semplicemente, è che gli strumenti standard americani sono relativamente inutili per dissuadere l’Iran e i suoi proxy, per una serie di ragioni. La rappresaglia americana standard per gli attacchi alle sue strutture e al suo personale – gli attacchi aerei – hanno uno scarso valore deterrente contro combattenti irregolari che sono sia disposti a subire perdite sia mentalmente abituati a una lunga lotta di logoramento strategico e di sopravvivenza. L’Iran e i suoi proxies hanno orizzonti temporali lunghi, resistenti a rimproveri brevi e decisi.Inoltre, l’Iran e i suoi alleati prosperano in condizioni di disordine governativo, che li abitua alla capacità dell’America di distruggere gli Stati (creando quelli che io chiamo “trashcanistans”). Creare un trashcanistan può essere strategicamente utile in molte circostanze: creando intenzionalmente uno Stato fallito, si può creare un vuoto di disordine alle porte del nemico. Nelle giuste circostanze, questa è una leva potente per creare un’area geostrategica negata. Nel caso dell’Iran, tuttavia, i centri falliti (o almeno destabilizzati) creano vuoti che l’Iran è in grado di riempire in modo naturale. Questo è il motivo per cui l’impennata geopolitica dell’America in Medio Oriente ha coinciso con decenni di crescita costante dell’influenza iraniana.Tutto questo per dire che le leve americane in Medio Oriente non costituiscono un deterrente credibile né per l’Iran né per i suoi proxy. Questo è dimostrato in tempo reale, con le dimostrazioni di forza americane che non riescono a frenare le attività iraniane. Le basi americane hanno subito attacchi missilistici incessanti da parte di proxy iraniani (attacchi che hanno ucciso soldati americani) e il movimento Ansar Allah (gli Houthi) continua a ostacolare la navigazione nel Mar Rosso nonostante una campagna aerea limitata. In un contesto geostrategico in cui la deterrenza non è più credibile, le forze “tripwire” (come le basi americane di Al-Tanf e Torre 22) cessano di essere un deterrente e diventano semplici obiettivi. Inoltre, la morte dei soldati americani non suscita più l’indignazione dell’opinione pubblica e la febbre della guerra come un tempo. Dopo decenni di guerre in Medio Oriente, gli americani si sono semplicemente abituati a sentire parlare di vittime in luoghi di cui non hanno mai sentito parlare e di cui non si preoccupano. Quindi, sia come strumento geostrategico che come strumento di politica interna, il filo del trip è rotto.Ancora una volta, i nostri buoni amici romani forniscono un’analogia istruttiva.

Nei primi anni del II secolo (all’incirca tra il 101 e il 106 d.C.), il grande imperatore romano Traiano condusse una serie di campagne che conquistarono la polarità indipendente della Dacia. Sebbene l’intervista di Putin a Tucker Carlson abbia forse contribuito a normalizzare le prolisse digressioni storiche, ci asterremo dalle particolarità delle origini indoeuropee dei Daci e diremo semplicemente che la Dacia dovrebbe essere considerata come l’antica Romania. In ogni caso, il grande Traiano conquistò la Dacia e aggiunse all’Impero nuove province vaste e popolose. Eppure questa conquista fu intesa come un segno di debolezza romana. Come? Perché?

Per secoli, Roma aveva controllato indirettamente la Dacia come una sorta di regno cliente-procuratore ai suoi confini, tenuto in riga con le spedizioni punitive e la minaccia che esse rappresentavano. Nelle occasioni in cui i Daci si comportavano in modo problematico per Roma (ad esempio compiendo razzie nel territorio romano o diventando troppo indipendenti o assertivi), Roma effettuava attacchi punitivi, bruciando i villaggi dacici e spesso uccidendo i capi e i re dacici. Nel I secolo, tuttavia, la Dacia era diventata sempre più potente e politicamente consolidata e Roma si sentì costretta ad agire in modo più aggressivo. In breve, Traiano dovette conquistare la Dacia – una campagna militarmente costosa e complicata – perché la deterrenza di Roma stava svanendo e la minaccia di limitate incursioni punitive era diventata sempre meno spaventosa per i Daci.

Questo è un classico esempio di paradosso strategico. L’evaporazione del vantaggio strategico ha minato la deterrenza di Roma, costringendola ad adottare un programma militare molto più costoso ed espansivo per compensare la sua debolezza. Il paradosso è che la conquista della Dacia fu un’impresa militare impressionante, ma resa necessaria dal crollo della deterrenza e dell’intimidazione romana. Se Roma fosse stata più forte, avrebbe continuato a controllare la Dacia con metodi indiretti (e più economici), che non richiedevano lo stazionamento permanente di diverse legioni. Fu una grande vittoria (che portò molti benefici tangibili all’Impero), ma a lungo andare rappresentò un innegabile contributo al sovraccarico e all’esaurimento dei Romani.

Vediamo una dinamica simile in gioco in Medio Oriente, dove il calo del potere di deterrenza dell’America potrebbe presto costringerla a prendere misure più aggressive. È per questo che le voci che invocano la guerra con l’Iran, per quanto squilibrate e pericolose, hanno in realtà colto un aspetto cruciale del calcolo strategico americano. Le misure limitate non sono più sufficienti per intimidire, e questo può lasciare nulla di stabile se non la misura completa.

E così, l’America si trova di fronte allo Zugzwang. A tutt’oggi sembra che la tradizionale cassetta degli attrezzi americana abbia un valore deterrente scarso o nullo e le basi americane nella regione sembrano essere più bersagli che fili d’inciampo. Allo stesso modo, la limitata campagna aerea contro lo Yemen non sembra aver degradato in modo significativo la volontà o la capacità degli Houthi di attaccare le navi. Un recente attacco di decapitazione contro il gruppo Kataib Hezbollah – sulla carta un’impressionante dimostrazione di intelligence e capacità di attacco americana – ha portato solo a un’altra violenta esplosione contro la Zona Verde di Baghdad. Più in generale, l’aumento dei dispiegamenti strategici americani (sotto forma di una presenza terrestre rafforzata e dell’arrivo di mezzi navali) non è sembrato in grado di scoraggiare in modo significativo l’asse iraniano.

L’America si troverà presto di fronte alla prospettiva di una scelta difficile, tra la ritirata strategica o l’escalation. In entrambi i casi, uno schieramento scheletrico nella regione diventa obsoleto e l’America deve uscire o andare più a fondo. È per questo motivo che ora si accendono i campanelli d’allarme nel mondo della politica estera, che teme un ritiro americano dalla Siria, insieme a richieste sempre più strampalate di “bombardare l’Iran“. Questo è lo Zugzwang: due scelte sbagliate.

Kiev

Infine, arriviamo al fronte europeo, dove gli Stati Uniti si trovano di fronte a una scelta difficile. La premessa strategica dell’America in Ucraina è stata messa in serio dubbio da due importanti sviluppi dell’ultimo anno. Questi sono stati: 1) l’abissale fallimento della controffensiva ucraina e 2) la riuscita mobilitazione da parte della Russia di ulteriore manodopera e del suo complesso militare industriale, nonostante il tentativo di strangolamento attraverso le sanzioni occidentali.

Improvvisamente, l’idea che l’America possa condurre un indebolimento asimmetrico della Russia sembra sempre più vacillante, dal momento che ora è molto dubbio che l’Ucraina possa riconquistare territori significativi ed è evidente che le forze armate russe sono sulla buona strada per emergere dal conflitto più grandi e significativamente indurite dall’esperienza. In effetti, sembra che i risultati più importanti della politica ucraina di Washington siano stati la riattivazione della produzione militare russa e la radicalizzazione della popolazione russa.

Ora Washington si trova di fronte a una scelta. Inizialmente la sua preferenza era quella di sostenere le forze armate ucraine con materiale a basso costo (vecchie scorte del blocco sovietico provenienti dai membri della NATO dell’Europa orientale ed eccedenze disponibili di sistemi occidentali), ma questa scelta ha ormai fatto chiaramente il suo corso. Gli sforzi all’interno del blocco NATO per espandere la produzione di sistemi chiave, come i proiettili d’artiglieria, sono in gran parte bloccati, e il Pentagono sta tranquillamente riducendo i suoi obiettivi di produzione con il passare del tempo. Nel frattempo, è emerso un consenso sul fatto che gli sforzi della Russia per aumentare la produzione di armi hanno avuto un notevole successo, con il complesso industriale russo che gode di un vantaggio significativo sia nella produzione totale che nel costo unitario dei sistemi chiave.

Quindi, che fare?

L’Occidente (e con questo intendiamo l’America) ha tre opzioni:

Ridurre il sostegno all’Ucraina, effettuando di fatto una ritirata strategica e cancellando Kiev come una risorsa geostrategica condannata.

Mantenere il sostegno lungo le linee attuali, mirando a sostenere una modesta potenza di combattimento dell’AFU, che mantiene l’Ucraina su una flebo di supporto vitale mentre soffre di esaurimento strategico.

Aumentare massicciamente il sostegno all’Ucraina attraverso una politica militare industriale su larga scala, in effetti facendo passare parzialmente l’Occidente a un assetto di guerra per conto dell’Ucraina.

Il problema è che la Russia ha un vantaggio nella transizione verso un’economia di guerra e ha poche difficoltà a vendere questa scelta alla popolazione perché il Paese è, di fatto, in guerra. La Russia gode di vantaggi significativi, come una struttura dei costi più bassa e catene di approvvigionamento più compatte. In un anno di elezioni, con una parte crescente dell’elettorato e del Congresso che sembra stanca di sentir parlare di Ucraina, è difficile immaginare che gli Stati Uniti si impegnino in una ristrutturazione economica de facto e in un’economia di guerra dirompente per conto dell’Ucraina. Anzi, sembra che stia crescendo l’allarme per la possibilità che gli aiuti militari degli Stati Uniti vengano tagliati del tutto, con l’ultimo pacchetto di aiuti che sembra improbabile possa passare in Parlamento in mezzo all’ultimo imbroglio sulla sicurezza dei confini.

L’America si trova quindi di fronte a uno Zugzwang in Ucraina. Può scegliere di andare all-in, ma questo significa vendere al pubblico americano un riarmo dirompente e a rotta di collo in tempo di pace, *e* scommettere su un pezzo vacillante a Kiev (che ora sta affrontando una scossa di comando e un’altra roccaforte difensiva in frantumi ad Avdiivka). La ritirata strategica sotto forma di abbandono di Kiev potrebbe essere la più sensata da un punto di vista puramente costi-benefici, ma ci sono indubbiamente fattori di prestigio in gioco. Lasciare l’Ucraina del tutto e lasciarla semplicemente in balia del vento sarebbe visto, giustamente, come una vittoria strategica russa sugli Stati Uniti.

Rimane la terza porta, ovvero il tipo di aiuti a pioggia che mantiene la percezione del sostegno americano all’Ucraina, ma non offre alcuna prospettiva reale di vittoria ucraina. Si tratta di un’operazione cinica, che mette gli ucraini in piedi per una morte più lenta di cui essi stessi possono essere ritenuti responsabili – “non abbiamo mai abbandonato l’Ucraina, hanno perso”.

Non ci sono alternative valide? Questo è zugzwang.

Conclusione: Entrare o uscire

Il problema geostrategico di base che gli Stati Uniti (e il suo amante ectopico, Israele) devono affrontare è che la capacità di condurre contromisure asimmetriche e poco costose si è esaurita. Gli Stati Uniti non possono più sostenere l’Ucraina con un surplus di granate e MRAP, né possono scoraggiare l’asse iraniano con richiami e attacchi aerei. Israele non può più mantenere l’immagine delle sue impenetrabili difese preclusive, da cui dipende la sua peculiare identità.

Rimane la difficile scelta tra la ritirata strategica e l’impegno strategico. Le mezze misure non bastano più, ma c’è la volontà di una misura completa? Per Israele, che non ha una profondità strategica e una concezione di sé unica nella storia del mondo, era inevitabile scegliere l’impegno rispetto al ritiro strategico (che nel loro caso è molto più metafisico che puramente strategico, ed equivale alla decostruzione della concezione di sé israeliana). Così, l’immensamente violenta operazione israeliana a Gaza – un’operazione che non sarebbe mai potuta andare diversamente, data la densità della popolazione e il suo significato escatologico.

L’America, tuttavia, ha una grande profondità strategica, la stessa che le ha permesso di ritirarsi dal Vietnam o dall’Afghanistan con pochi e significativi effetti negativi sulla patria americana. La possibilità di un’America prospera e sicura rimane sicuramente anche dopo il ritiro dalla Siria e dall’Ucraina. In effetti, le famose scene caotiche di evacuazione frenetica da Saigon e Kabul rappresentano momenti straordinariamente lucidi nella politica estera americana, in cui il realismo ha prevalso e le pedine perdenti degli scacchi sono state lasciate al loro destino. È cinico, naturalmente, ma è così che va il mondo.

È un motivo standard della storia mondiale. I momenti più critici della geopolitica sono in genere quelli in cui un Paese si trova a dover scegliere tra una ritirata strategica e un impegno totale. Nel 1940, la Gran Bretagna si trovò di fronte alla scelta tra accettare l’egemonia della Germania sul continente o impegnarsi in una lunga guerra che le sarebbe costata l’impero e l’eclissi definitiva da parte degli Stati Uniti. Nessuna delle due è una buona scelta, ma hanno scelto la seconda. Nel 1914, la Russia dovette scegliere tra abbandonare l’alleato serbo o combattere una guerra con le potenze germaniche. Nessuna delle due opzioni sembrava buona, e hanno scelto la seconda. La ritirata strategica è difficile, ma la sconfitta strategica è peggiore. A volte, non ci sono scelte valide. Questo è lo Zugzwang.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

NO COUNTRY FOR GREAT MEN: LA RECENSIONE DI CAESARE DA PARTE DELLA BBC, di Big Serge

Nota della redazione: Questo saggio è la seconda parte di “The Inverted Great Men“, una serie in tre parti sulle recenti rappresentazioni hollywoodiane e dei media mainstream di grandi personaggi storici. Leggete la prima parte su Napoleone, here.


GIULIO CESARE: LA CREAZIONE DI UN DITTATORE”: UNA RASSEGNA
L’inventario delle analogie storiche nel discorso contemporaneo è limitato. Con pochi e preziosi punti di riferimento comuni, è inevitabile che questi riferimenti finiscano per essere sovraccaricati. Soprattutto la Seconda Guerra Mondiale è oggi utilizzata come analogia per quasi tutti gli scenari di politica estera. E non troppo lontano, sicuramente, c’è la caduta di Roma (un termine che la gente usa in modo intercambiabile sia per la fine del repubblicanesimo romano che per il crollo molto più tardivo dell’Impero romano).

Roma ha un grande fascino come modello per l’Occidente e soprattutto per l’America. I Romani sono considerati i prototipi dell’Occidente; per l’America l’Impero Romano rappresenta l’archetipo del repubblicanesimo e del dominio globale. Gli Stati Uniti sono stati esplicitamente modellati sulla Repubblica romana sia dal punto di vista istituzionale che estetico. Gli americani sono orgogliosi sia della loro democrazia che del loro enorme potere, e Roma è il racconto ammonitore di uno Stato che aveva entrambe le cose e le ha perse.

Per questo motivo, quando la BBC ha annunciato una nuova docuserie su Giulio Cesare, presentata dagli autorevoli classicisti Tom Holland e Andrew Wallace-Hadrill, il rischio che questo affascinante argomento venisse corrotto da pesanti allegorie sulla politica contemporanea era evidente. Il titolo carico di significato – Giulio Cesare: The Making of a Dictator – ha fatto capire la direzione che avrebbe preso il film. Ma, probabilmente come molti, sono troppo romanista per resistere al canto delle sirene di Cesare sullo schermo.

Lo spettacolo è presentato come un docudrama, il che implica che sarà caratterizzato da drammatiche rievocazioni di eventi storici. Purtroppo, i filmati delle rievocazioni assumono la forma di vignette non verbali. Non c’è dialogo da parte di nessuno dei personaggi storici rappresentati; ogni parola pronunciata nello show proviene dal narratore o dal gruppo di commentatori. Cesare non parla, anzi, si accende di rabbia silenziosa mentre il narratore ci racconta cosa sta succedendo e interpola le motivazioni. Questo rende la serie una grande delusione come intrattenimento. Non si tratta di un vero e proprio docudrama, ma di una lezione.

La lezione, ovviamente, non è sottile. Come se il titolo stesso non lo rendesse evidente, il suo obiettivo è convincere il pubblico che Giulio Cesare è stato personalmente e unicamente responsabile della fine della Repubblica romana. L’implicazione è che le democrazie sono sempre vulnerabili al rovesciamento per l’ambizione di un singolo individuo. Cesare diventa un tipo particolare di figura politica che deve essere neutralizzata ovunque si trovi. Uno dei presentatori, il politico e presentatore britannico Rory Stewart, afferma esplicitamente che Cesare dimostra che “un populista può corrompere un intero Stato”.

Se non si conoscesse nulla della storia romana prima di guardare Cesare, si avrebbe l’impressione che un sistema politico romano stabile sia stato distrutto da una sola persona. O, come dice Stewart, “questa repubblica è stata rovesciata dalle ambizioni di un solo uomo”. È ridicolo; non è affatto storia. La Repubblica romana era in uno stato di crisi istituzionale molto prima della nascita di Cesare. Il germe del problema era che le istituzioni politiche di Roma erano state originariamente costruite per una modesta città-stato che ora si trovava a controllare un vasto impero che cingeva la periferia del Mediterraneo.

Ai tempi del repubblicanesimo romano, quando Roma si stava ritagliando gli inizi del suo impero in Italia, una base di piccoli agricoltori costituiva il cuore della cittadinanza e dell’esercito. L’ideale romano era quello di un contadino-cittadino-soldato che lavorava personalmente i campi, partecipava alle istituzioni civiche come le elezioni e i doveri religiosi e combatteva nell’esercito quando veniva chiamato. L’esempio idealizzato è quello di Lucio Quinto Cincinnato, che lavorò la propria fattoria fino alla vecchiaia, finché non fu chiamato dai cittadini ad assumere poteri dittatoriali di fronte a un’invasione. Dopo aver ottenuto una vittoria totale in poche settimane, rinunciò ai suoi poteri e tornò alla sua fattoria.

Una società costruita su piccoli contadini-soldato funziona bene per una città-stato che combatte guerre nelle sue immediate vicinanze. Finché la guerra è limitata alla penisola italiana, l’esercito è in grado di combattere una campagna e poi di sciogliersi per occuparsi delle proprie fattorie. Ecco perché la divinità romana Marte era il dio della guerra e dell’agricoltura: era il dio del cittadino romano ideale, che combatteva e coltivava su base stagionale. La società romana aveva stagioni distinte per le campagne e per la coltivazione, e Marte si occupava di entrambe.

Sfortunatamente, questa dinamica sociale non poté essere mantenuta con la crescita della potenza di Roma. Quando i suoi impegni imperiali si estesero sempre di più lungo il bacino del Mediterraneo, il contadino-soldato divenne un anacronismo. Un soldato che combatte contro i Sanniti nell’Italia centrale può tornare a casa in tempo per raccogliere il grano. Un soldato che combatte contro il Ponto, nell’odierna Turchia, non può. La sua fattoria cadrebbe in rovina, lui stesso potrebbe essere ucciso e la sua terra potrebbe essere acquistata da uno dei membri dell’ultra-ricchezza romana.

L’enorme successo di Roma e il suo impero sempre più vasto portarono tre importanti cambiamenti che distrussero le basi sociali delle istituzioni romane: in primo luogo, le lunghe campagne e le crescenti distanze misero fine alla possibilità del contadino-soldato stagionale; in secondo luogo, la morte di un enorme numero di uomini romani in battaglia permise ai ricchi di accumulare le loro terre; in terzo luogo, l’afflusso di manodopera schiava dalle vittorie all’estero distrusse le basi del lavoro cittadino. La forma sociale romana fu radicalmente cambiata: da una società di contadini-soldati-cittadini che lavoravano nelle loro piccole fattorie si trasformò in un’oligarchia di ultra-ricchi, che possedevano vaste proprietà lavorate dai loro schiavi.

Questa trasformazione creò un’enorme disuguaglianza economica, amareggiando gran parte della popolazione romana e piantando i semi della corruzione in politica. Quando Cesare arrivò sulla scena, c’era già una forte spaccatura tra i cosiddetti “populisti”, che cercavano riforme volte a sostenere la gente comune, e i conservatori che volevano difendere le prerogative senatorie. La violenza politica era ormai normalizzata da tempo. Alcuni decenni prima della nascita di Cesare, due politici populisti di spicco – i fratelli Gracchi – furono pugnalati a morte da senatori. Nell’82 a.C. scoppiò una breve guerra civile che vide Lucio Cornelio Silla schiacciare i suoi avversari nella battaglia di Porta Collina, dichiararsi dittatore e attuare un’epurazione coordinata dei suoi nemici politici con un’ondata di esecuzioni. Nel 63 a.C., un senatore tentò un colpo di stato contro i consoli in carica e fu giustiziato sommariamente.

Le elezioni furono ampiamente corrotte dalla pratica della compravendita dei voti e delle tangenti, al punto che il tentativo di alcuni senatori idealisti di reprimere l’ambitus (come veniva chiamata la corruzione politica) fu accolto con rabbia dall’opinione pubblica, che aveva visto le tangenti elettorali come una parte regolare del proprio reddito. Cesare non fece precipitare la repubblica in una crisi; piuttosto, la crisi creò Cesare. Allora perché la BBC, due millenni dopo, sente il bisogno di attribuirgli tutte le colpe? Forse la nostra democrazia contemporanea si trova nella stessa posizione della Repubblica romana e si identifica con essa?

BBC’s “Julius Caesar: The Making of A Dictator”

Forse la risposta migliore risiede in una profonda fissazione per quello che io chiamo il “Grande Uomo invertito”. L’accademia di questi tempi ha una forte repulsione per la teoria del Grande Uomo della storia, che enfatizza il ruolo di individui dinamici che incarnano le grandi svolte della storia: i Cesari, i Washington, i Colombo e i Napoleoni del mondo. L’idolatria di queste figure è un anatema, condito dalla paura dei culti della personalità, della tirannia e del noto spauracchio del fascismo. Di conseguenza, ci viene fornita la forma invertita della teoria: I grandi uomini possono esistere finché sono malvagi. Non c’è spazio per il Grande Uomo convenzionale, che incarna la volontà e la vitalità del popolo e manifesta una svolta storica, ma c’è spazio per l’Uomo Molto Cattivo, che distrugge tutto e inaugura la tirannia. Non ci sono eroi, ma ci sono cattivi.

Da qui i bizzarri culti della personalità contemporanei attorno a figure come Donald Trump e Vladimir Putin, non da parte dei loro sostenitori, ma dei loro nemici e detrattori. Nessuno ha ossessionato la presidenza Trump come hanno fatto i notiziari liberali, analizzando la sua andatura e le sue espressioni facciali, inseguendo ogni voce con ansia e andando in apnea per i tweet cattivi. È nato un genere di microcelebrità su Twitter (la #Resistenza) interamente dedicato all’osservazione di Trump, convinto che fosse sul punto di essere arrestato per crimini capitali e/o di instaurare una dittatura fascista. Alla fine, ovviamente, non ha fatto nessuna delle due cose. Allo stesso modo, i critici occidentali attribuiscono poteri fantasmagorici a Vladimir Putin, immaginandolo come qualcosa di simile a un cattivo di Bond. Ma pensano a lui molto più spesso di quanto non facciano i cittadini russi.

Giulio Cesare: The Making of a Dictator è un tentativo di dare una parvenza di legittimità accademica a questo culto inverso della personalità e alla qualità tirannica del populista. La serie è piena di riferimenti impliciti al nostro tempo e alla presunta applicabilità della storia di Cesare alla nostra democrazia. Nella sequenza introduttiva, il narratore ci avverte che “la democrazia deve essere costantemente combattuta”, altrimenti “arriverà un nuovo Cesare”. Cesare è stato per lungo tempo l’archetipo dell’uomo d’azione e di potere, che si fa strada tra la corruzione e il degrado. L’intento di questa serie è di trasformarlo in un archetipo oscuro, una forza puramente distruttiva senza virtù personali o contesto storico.

Cesare diventa un capro espiatorio per il crollo di un sistema politico secolare, distogliendo l’attenzione da quella che avrebbe potuto essere una discussione produttiva sulle reali cause del marciume socio-politico. Soprattutto, impedisce di capire perché Cesare sia stato in grado di ottenere ciò che ha fatto, o perché elementi potenti della società romana si siano radunati dietro i suoi successori e abbiano lottato per preservare la rivoluzione cesariana. E questa è una domanda che vale la pena di porsi. Perché, a più di 2.000 anni dalla sua morte, questo generale romano ha ancora i suoi ammiratori? Che cos’è il cesarismo? Un onesto confronto con l’archetipo cesarista rende evidente che Cesare nasce in una crisi di autorità. Lo stesso insieme di motivi si manifesta ripetutamente: l’alienazione della popolazione dalla classe politica, la disuguaglianza economica, la volontà di trasgredire le norme politiche e l’incapacità di formare un governo stabile.

I presentatori della BBC aborriscono chiaramente Cesare. Parlano di lui con un velato disgusto. In netto contrasto, celebrano Catone il Giovane. Catone era un senatore contemporaneo di Cesare, noto come uno dei leader della coalizione anti-cesariana. Nel documentario della BBC, viene trattato con qualcosa che rasenta la riverenza, come un difensore di principio e senza compromessi delle tradizioni repubblicane e della democrazia romana.

In realtà, Catone fu uno dei grandi ostacolatori della storia politica e contribuì in modo determinante al crollo finale del repubblicanesimo romano. Adottò una politica radicale di non negoziazione e di belligeranza e lavorò instancabilmente per convincere il resto della classe senatoriale che Cesare era un tiranno in attesa che doveva essere fermato a tutti i costi. L’ostruzionismo sistematico di Catone fu un fattore critico nell’allontanare dal Senato uomini potenti come Cesare e il suo ex alleato Pompeo e andò profondamente contro le norme politiche romane che da tempo privilegiavano la negoziazione, il dibattito e il compromesso. Catone bloccò la legislazione popolare e le nomine che avrebbero potuto ottenere questo effetto. La sua volontà di accettare la disfunzione piuttosto che il compromesso fu un catalizzatore essenziale per la guerra civile. Il fatto che The Making of a Dictator abbia scelto di esaltare Catone come un eroe tragico, che si è battuto per l’ultima volta contro il cesarismo, è molto eloquente. Rory Stewart sostiene l’ostruzionismo di Catone, affermando che “l’idea di scendere a compromessi con Cesare gli appare emotivamente come quella di scendere a compromessi con Hitler negli anni ’30”. Il parallelo con il nostro contesto politico non potrebbe essere più evidente.

E così, chiudiamo il cerchio. Cesare conserva un grande prestigio come archetipo riconoscibile dell’uomo forte restauratore, che emerge in una crisi dell’autorità governativa e dell’inefficienza burocratica, rinvigorendo lo Stato attraverso il dominio personale e il dinamismo. Presentarlo come nient’altro che un supercattivo da cartone animato che ha rovesciato una repubblica stabile per la sua vana ambizione serve a distruggere l’archetipo alla sua origine, delegittimando l’idea dell’uomo forte e facendo di Cesare un capro espiatorio per lo sgretolamento della Repubblica romana. È politicamente utile, ma è anche una cattiva storia. Sembra strano, forse, parlare di un colpo contro un uomo che è morto da 2.000 anni, ma questo è il fascino duraturo di Cesare. In tempi di disordini, lo si cercherà sempre, con uguale misura di paura e speranza.

Sergei is a writer focusing on military history. He writes on bigserge.substack.com and can be followed @witte_sergei.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

La fine del Gabinetto di Guerra, di BIG SERGE

Forwarded this email? Subscribe here for more

La fine del Gabinetto di Guerra

Putin e Moltke spaccano gli Stati

L’agonia dignitosa di un guerriero francese – L’Oublié! (Dimenticato) di Émile Betsellère (1872)

Il secolo che va dalla caduta di Napoleone nel 1815 all’inizio della Prima guerra mondiale nel 1914 è solitamente considerato una sorta di età dell’oro per il militarismo prussiano-tedesco. In questo periodo, l’establishment militare prussiano ottenne una serie di vittorie spettacolari su Austria e Francia, stabilendo un’aura di supremazia militare tedesca e realizzando il sogno di una Germania unificata attraverso la forza delle armi. La Prussia di quest’epoca ha anche prodotto tre delle personalità militari simbolo della storia: Carl von Clausewitz (un teorico), Helmuth von Moltke (un pratico) e Hans Delburk (uno storico).

Come si suol dire, questo secolo di vittorie e di eccellenza creò nell’establishment prussiano-tedesco un senso di arroganza e di militarismo che portò il Paese a marciare impetuosamente verso la guerra nell’agosto del 1914, per poi naufragare in una guerra terribile in cui le nuove tecnologie vanificarono il suo approccio idealizzato al warmaking. L’orgoglio, come si dice, precede la caduta.

Si tratta di una storia interessante e soddisfacente, che propone un ciclo di arroganza e caduta piuttosto tradizionale. A dire il vero, c’è un elemento di verità in questa storia, poiché molti elementi della leadership tedesca possedevano un grado di sicurezza eccessivo e indecoroso. Tuttavia, questa non era l’unica emozione. Ci furono anche molti pensatori tedeschi di spicco prima della guerra che professarono paura, ansia e timore assoluto. Avevano idee preziose da insegnare ai loro colleghi – e forse anche a noi.

Torniamo indietro, fino al 1870, alla guerra franco-prussiana.

Aggiornamento a pagamento

Questo conflitto è generalmente considerato l’opera magna del titanico comandante prussiano, il feldmaresciallo Helmuth von Moltke. Esercitando un abile controllo operativo e uno straordinario senso dell’intuizione, Moltke orchestrò un’aggressiva campagna di apertura che fece affluire le armate prussiane-tedesche come una massa di tentacoli in Francia, intrappolando il principale esercito francese nella fortezza di Metz nelle prime settimane di guerra e assediandola. Quando l’imperatore francese, Napoleone III, si mise in marcia con un’armata di soccorso (comprendente il resto delle formazioni francesi degne di battaglia), Moltke diede la caccia anche a quell’armata, accerchiandola a Sedan e portando l’intera forza (e l’imperatore) in cattività.

Helmuth von Moltke – l’uomo di ferro e di sangue

Da un punto di vista operativo, questa sequenza di eventi fu (ed è) considerata una masterclass e uno dei motivi principali per cui Moltke è diventato uno dei veri grandi talenti della storia (è sul Monte Rushmore di questo scrittore insieme ad Annibale, Napoleone e Manstein). I prussiani avevano realizzato il loro ideale platonico di guerra – l’accerchiamento del corpo principale del nemico – non una, ma due volte nel giro di poche settimane. Nella narrazione convenzionale, questi grandi accerchiamenti divennero l’archetipo della kesselschlacht tedesca, o battaglia di accerchiamento, che divenne l’obiettivo finale di tutte le operazioni. In un certo senso, l’establishment militare tedesco passò il mezzo secolo successivo a sognare di replicare la vittoria di Sedan.

Questa storia è vera, fino a un certo punto. Il mio obiettivo non è quello di “sfatare miti” sulla guerra lampo o cose così banali. Tuttavia, non tutti nell’establishment militare tedesco guardavano alla guerra franco-prussiana come a un ideale. Molti erano terrorizzati da ciò che accadde dopo Sedan.

A tutti gli effetti, il capolavoro di Moltke a Sedan avrebbe dovuto porre fine alla guerra. I francesi avevano perso entrambi i loro eserciti addestrati e il loro capo di Stato e avrebbero dovuto cedere alle richieste della Prussia (in particolare, l’annessione dell’Alsazia-Lorena).

Invece, il governo di Napoleone III fu rovesciato e a Parigi fu proclamato un governo nazionale, che prontamente dichiarò una guerra totale. Il nuovo governo abbandonò Parigi e dichiarò una Levee en Masse – un richiamo alle guerre della Rivoluzione francese in cui tutti gli uomini di età compresa tra i 21 e i 40 anni dovevano essere chiamati alle armi. I governi regionali ordinarono la distruzione di ponti, strade, ferrovie e telegrafi per impedirne l’uso ai prussiani.

Invece di mettere in ginocchio la Francia, i prussiani trovarono una nazione in rapida mobilitazione, determinata a combattere fino alla morte. La capacità di mobilitazione del governo francese di emergenza fu sorprendente: nel febbraio del 1871, aveva raccolto e armato più di 900.000 uomini.

Fortunatamente per i prussiani, questa non divenne mai una vera emergenza militare. Le unità francesi appena costituite soffrivano di un equipaggiamento scadente e di un addestramento insufficiente (soprattutto perché la maggior parte degli ufficiali francesi addestrati era stata catturata nella campagna di apertura). Le nuove armate francesi di massa avevano una scarsa efficacia di combattimento e Moltke riuscì a coordinare la cattura di Parigi insieme a una campagna che vide le forze prussiane marciare in tutta la Francia per investire e distruggere gli elementi del nuovo esercito francese.

Crisi scongiurata, guerra vinta. Sembrava che tutto fosse a posto a Berlino.

Tutt’altro. Mentre molti si accontentavano di stringersi la mano e di congratularsi l’un l’altro per il lavoro ben fatto, altri vedevano qualcosa di orribile nella seconda metà della guerra e nel programma di mobilitazione francese. Sorprendentemente, lo stesso Moltke era tra questi.

Moltke vedeva la forma ideale di guerra come qualcosa che i tedeschi chiamano Kabinettskriege. Letteralmente “guerra di gabinetto”, si riferisce alle guerre limitate che hanno dominato gli affari per gran parte del XVI e del XIX secolo. La forma particolare di queste guerre era un conflitto tra i militari professionisti degli Stati e la loro leadership aristocratica – nessuna leva di massa, nessuna orribile terra bruciata, nessun nazionalismo o patriottismo di massa. Per Moltke, la sua precedente guerra contro l’Austria fu un esempio ideale di guerra di gabinetto: gli eserciti professionali prussiani e austriaci combatterono una battaglia, i prussiani vinsero e gli austriaci accettarono le richieste della Prussia. Non ci fu la dichiarazione di una faida di sangue o di una guerriglia, ma piuttosto un riconoscimento vagamente cavalleresco della sconfitta e concessioni limitate.

Ciò che accadde in Francia, al contrario, fu una guerra che iniziò come una Kabinettskriege e si trasformò in una Volkskriege – una guerra di popolo, mettendo così in discussione l’intero concetto di guerra di gabinetto limitata. Come disse Moltke:

Sono passati i tempi in cui, per fini dinastici, piccoli eserciti di soldati professionisti andavano in guerra per conquistare una città, o una provincia, e poi cercavano i quartieri d’inverno o facevano la pace. Le guerre di oggi chiamano alle armi intere nazioni…
Secondo Moltke, l’unica soluzione a una Volkskriege era rispondere con una “guerra di sterminio”. A questo punto, molti si sentiranno sicuramente offesi, ma Moltke non stava inequivocabilmente suggerendo un genocidio. Intendeva qualcosa di più vicino alla distruzione della base di risorse francesi – smantellare lo Stato, distruggere le sue ricchezze materiali e organizzare i suoi affari. In sostanza, chiedeva qualcosa di simile a ciò che la Germania impose alla Francia nel 1940: Hitler non cercò di annientare la popolazione francese, ma non si limitò a prendere alcuni territori e ad andarsene. Invece, la Francia come Stato indipendente è stata schiacciata.

Nel 1870-71 Moltke sostenne che perseguire obiettivi bellici limitati contro la Francia non aveva più senso, dal momento che l’intera nazione francese era ormai in collera con la Prussia-Germania. I francesi, sosteneva, non avrebbero mai perdonato alla Prussia la conquista dell’Alsazia e sarebbero diventati nemici intrattabili. Pertanto, la Francia doveva essere annientata come entità politico-militare, altrimenti si sarebbe semplicemente rialzata e sarebbe diventata presto un nemico pericoloso. Sfortunatamente per Moltke, il cancelliere prussiano Otto von Bismarck voleva una rapida risoluzione della guerra e non era interessato a cercare di occupare e umiliare la Francia. Disse a Moltke di dare la caccia al nuovo esercito francese e di farla finita, e Moltke lo fece.

Tuttavia, il timore di fondo di Moltke – che una guerra limitata non avrebbe danneggiato in modo duraturo la Francia come minaccia – si rivelò vero. Ci vollero solo pochi anni perché i francesi ricostruissero completamente le loro forze armate: nel 1875, Moltke e il suo staff ritennero che la finestra di opportunità fosse chiusa e che la Francia fosse pienamente pronta a combattere un’altra guerra.

Nel frattempo, da un punto di vista militare, molti nell’establishment prussiano erano terrorizzati dal successo della Francia nel mobilitare un esercito di emergenza. La vittoria della Prussia, sostenevano, era stata possibile solo perché la mobilitazione francese era stata improvvisata, senza armi e senza addestramento. Una nazione preparata a mobilitare e ad armare milioni di uomini in consegne ripetute, con la logistica e l’infrastruttura di addestramento necessarie, sarebbe stata quasi impossibile da sconfiggere e avrebbe messo in discussione l’intera struttura del processo bellico prussiano.

L’idea era così importante che Moltke dedicò all’argomento gran parte del suo ultimo discorso al Reichstag prima del pensionamento. Come disse in quell’occasione spesso citata:

L’epoca della Kabinettskriege è alle nostre spalle – tutto ciò che abbiamo ora è la Volkskrieg, e qualsiasi governo prudente esiterà a scatenare una guerra di questa natura con tutte le sue incalcolabili conseguenze… Se la guerra dovesse scoppiare… nessuno può stimarne la durata o vedere quando finirà. Le più grandi potenze d’Europa, che sono armate come mai prima d’ora, si combatteranno tra loro. Nessuna può essere annientata così completamente in una o due campagne da dichiararsi vinta ed essere costretta ad accettare dure condizioni di pace”.
Una simile affermazione sembra, e di fatto è, contraria alla percezione di una Germania troppo sicura di sé e bellicosa e all’idea che tutti siano stati colti di sorpresa dalla durata e dalla ferocia della guerra mondiale. In realtà, il più venerato praticante della Germania prima della guerra aveva esplicitamente previsto una guerra raccapricciante, totalizzante e lunga.

Altri membri dello staff di Moltke pontificarono più esplicitamente sulla minaccia di una guerra di popolo, o guerra totale. Il feldmaresciallo Colmar von der Goltz fu il più prolifico di questi, e scrisse ampiamente sul progetto di mobilitazione francese, sostenendo che i francesi avrebbero potuto facilmente travolgere i tedeschi se avessero avuto la capacità di addestrare e rifornire adeguatamente i loro nuovi eserciti. La sua tesi generale era che le guerre future avrebbero necessariamente coinvolto tutte le risorse dello Stato e che la Germania avrebbe dovuto porre le basi per addestrare e sostenere eserciti di massa per anni di conflitto.

Negli anni che precedettero la Prima Guerra Mondiale, si formò un’ala minoritaria dell’establishment tedesco che era straordinariamente lucida sul conflitto imminente e sosteneva che sarebbe stato vinto attraverso un totale logoramento strategico, con la mobilitazione di tutte le risorse delle nazioni in lotta per molti anni. Dal punto di vista funzionale, l’apparato militare tedesco si divise tra una maggioranza preminente che guardava alla prima metà della guerra franco-prussiana (con le massicce vittorie di Moltke) come modello, e una minoranza meno importante, ma molto vocale, che temeva il presagio della mobilitazione nazionale della Francia e temeva un futuro di “guerra di popolo”.

Tutto ciò è infinitamente interessante per gli appassionati di storia militare e per i discepoli del sanguinoso passato bellico dell’umanità. Ciò che è interessante per i nostri scopi, tuttavia, è la discussione tra Moltke e Bismarck nei mesi finali del 1870. Moltke vide chiaramente che l’animosità patriottica della Francia era stata suscitata e ritenne che una guerra limitata sarebbe stata controproducente, in quanto non sarebbe riuscita a indebolire sostanzialmente la Francia nel lungo periodo, lasciando un nemico intatto e vendicativo. Questo calcolo si rivelò sostanzialmente corretto e la Francia fu in grado di mettere a disposizione un potente sforzo bellico nella guerra mondiale. Al contrario, Bismarck favorì una guerra limitata con obiettivi limitati, commisurati alla situazione politica interna. Non è esagerato dire che la decisione di privilegiare le condizioni politiche interne rispetto ai calcoli strategici a lungo termine è costata alla Germania la possibilità di diventare potenza mondiale e ha portato alla sconfitta nelle guerre mondiali.

Ovviamente ciò che ho tessuto per voi qui è un’analogia storica poco velata.

La Russia ha iniziato una Kabinettskriege nel 2022, quando ha invaso l’Ucraina, e si è trovata impantanata in qualcosa di più simile a una Volkskriege. Il modo di operare e gli obiettivi di guerra della Russia sarebbero stati immediatamente riconoscibili per uno statista del XVII secolo: l’esercito professionale russo ha cercato di sconfiggere l’esercito professionale ucraino e di ottenere guadagni territoriali limitati (il Donbas e il riconoscimento dello status giuridico della Crimea). L’hanno chiamata “operazione militare speciale”.

Invece, lo Stato ucraino ha deciso – come il governo nazionale francese – di combattere fino alla morte. Alle richieste di Bismarck per l’Alace-Lorraine, i francesi dissero semplicemente “non ci può essere risposta se non Guerre a Outrance” – guerra a oltranza. La guerra di gabinetto di Putin – guerra limitata per obiettivi limitati – è esplosa in una guerra nazionale.

A differenza di Bismarck, però, Putin ha scelto di vedere il rilancio dell’Ucraina. Il mio suggerimento – ed è solo questo – è che la doppia decisione di Putin, nell’autunno dello scorso anno, di annunciare una mobilitazione e di annettere i territori ucraini contesi, equivalga a un tacito consenso alla Volkskrieg ucraina.

Nel dibattito tra Moltke e Bismarck, Putin ha scelto di seguire la guida di Moltke e di condurre una guerra di sterminio. Non – e lo sottolineiamo ancora una volta – una guerra di genocidio, ma una guerra che distruggerà l’Ucraina come entità strategicamente potente. I semi sono già stati gettati e i frutti iniziano a germogliare: un democidio ucraino, ottenuto attraverso il logoramento sul campo di battaglia e l’esodo di massa di civili in età avanzata, un’economia in frantumi e uno Stato che si sta cannibalizzando da solo mentre raggiunge i limiti delle sue risorse.

C’è un modello per questo: ironicamente, la stessa Germania. Dopo la Seconda guerra mondiale, si decise che alla Germania – ora chiamata a rispondere di due terribili conflagrazioni – non si poteva permettere di persistere come entità geopolitica. Nel 1945, dopo che Hitler si era sparato, gli alleati non pretesero il bottino di una guerra di gabinetto. Non ci furono piccole annessioni qui, né confini ridisegnati là. Invece, la Germania fu annientata. Le sue terre furono divise, il suo autogoverno fu abolito. Il suo popolo indugiava in uno sfinimento stizzoso, la sua forma politica e la sua vita erano ormai un giocattolo del vincitore – proprio quello che Moltke voleva fare alla Francia.

Putin non lascerà un’Ucraina intatta dal punto di vista geostrategico, che cercherà di riprendere il Donbas e di vendicarsi, né diventerà una potente base avanzata per la NATO. Al contrario, trasformerà l’Ucraina in un Trashcanistan che non potrà mai condurre una guerra di revanscismo.

Clausewitz ci aveva avvertito. Anche lui scrisse del pericolo di una guerra di popolo. Così parlò della rivoluzione francese:

La guerra fu restituita al popolo che ne era stato in parte separato dagli eserciti professionali; la guerra si liberò delle sue catene e superò i limiti di ciò che un tempo sembrava possibile.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Guerra russo-ucraina: la resa dei conti, di BIG SERGE

L’ultima arringa dei re
La guerra russo-ucraina è stata un’esperienza storica inedita per una serie di motivi, e non solo per le complessità e i tecnicismi dell’impresa militare in sé. È stato il primo conflitto militare convenzionale a verificarsi nell’era dei social media e della cinematografia planetaria (cioè la presenza onnipresente di telecamere). Questo ha portato una parvenza (anche se solo una parvenza) di immanenza alla guerra, che per millenni si era rivelata solo attraverso le forze mediatrici delle notizie via cavo, dei giornali stampati e delle stele della vittoria.
Per l’eterno ottimista, c’erano dei lati positivi nell’idea che una guerra ad alta intensità fosse destinata a essere documentata da migliaia di video in prima persona. Dal punto di vista della curiosità intellettuale (e della prudenza marziale), la marea di filmati provenienti dall’Ucraina offre una visione dei sistemi e dei metodi di armamento emergenti e permette di ottenere un notevole livello di dati tattici. Invece di aspettare anni di angosciante dissezione dei rapporti post-azione per ricostruire gli scontri, siamo a conoscenza in tempo quasi reale dei movimenti tattici.Sfortunatamente, si sono verificati anche tutti gli ovvi inconvenienti della trasmissione di una guerra in diretta sui social media. La guerra è stata immediatamente sensazionalizzata e saturata da video falsi, fabbricati o con didascalie errate, ingombri di informazioni che la maggior parte delle persone non è semplicemente in grado di analizzare (per ovvie ragioni, il cittadino medio non ha una vasta esperienza nel distinguere tra due eserciti post-sovietici che utilizzano equipaggiamenti simili e parlano una lingua simile o addirittura la stessa) e pseudo-esperti.Più astrattamente, la guerra in Ucraina è stata trasformata in un prodotto di intrattenimento americano, completo di armi miracolose di celebrità (come il Saint Javelin e l’HIMARS), riferimenti alla cultura pop americana che inducono al gemito, visite di celebrità americane e voci fuori campo di Luke Skywalker. Tutto ciò si adattava in modo molto naturale alla sensibilità americana, perché gli americani apparentemente amano gli sfavoriti, e in particolare gli sfavoriti coraggiosi che superano le avversità estreme grazie alla perseveranza e alla grinta.Il problema di questa struttura narrativa favorita è che gli underdog raramente vincono le guerre. La maggior parte dei conflitti tra pari non ha la struttura convenzionale della trama hollywoodiana, con un punto di svolta drammatico e un rovesciamento di fortuna. Nella maggior parte dei casi, le guerre sono vinte dallo Stato più potente, ovvero quello che ha la capacità di mobilitare e applicare efficacemente una maggiore potenza di combattimento per un periodo di tempo più lungo. Questo è stato certamente il caso della storia americana: per quanto gli americani possano desiderare di riconsiderarsi come un perdente storico, l’America ha storicamente vinto le sue guerre perché è stata uno Stato eccezionalmente potente con vantaggi irresistibili e innati rispetto ai suoi nemici. Non c’è nulla di cui vergognarsi. Come disse il generale George Patton: Gli americani amano i vincitori.Così siamo arrivati a una situazione di convoluzione in cui, nonostante i numerosi ed evidenti vantaggi della Russia (che alla fine si riducono a una superiore capacità indigena di mobilitare uomini, produzione industriale e tecnologia), è diventato “propagandistico” sostenere che la Russia avrebbe ottenuto una sorta di vittoria in Ucraina – che l’Ucraina avrebbe terminato la guerra non riuscendo a raggiungere nuovamente i confini del 1991 (la condizione di vittoria dichiarata da Zelensky) e con il Paese in uno stato distrutto di svuotamento demografico e distruzione materiale.

Finalmente, sembra che abbiamo raggiunto una fase conclusiva, in cui questa visione – presumibilmente un artefatto dell’influenza del Cremlino, ma in realtà la conclusione più semplice e ovvia – sta diventando ineluttabile. La Russia è un combattente più grande con una mazza molto più grande.

L’ipotesi di una vittoria dell’Ucraina si basava quasi interamente sul successo drammatico di una controffensiva estiva, che avrebbe dovuto aprirsi la strada attraverso le posizioni russe nell’Oblast di Zaporizhia, raggiungere il Mar d’Azov, interrompere il ponte terrestre russo verso la Crimea e mettere in pericolo l’intero ventre della posizione strategica della Russia. Si dovevano mettere alla prova tutta una serie di ipotesi sulla guerra: la supremazia degli equipaggiamenti occidentali, la scarsità di riserve della Russia, la superiorità dei metodi tattici occidentali-ucraini, l’inflessibilità e l’incompetenza dei comandanti russi nella difesa.

Più in generale – e soprattutto – l’obiettivo era dimostrare che l’Ucraina poteva attaccare e avanzare con successo contro posizioni russe fortemente tenute. Questo è ovviamente un prerequisito per una vittoria strategica dell’Ucraina. Se le forze armate ucraine non possono avanzare, l’Ucraina non può ripristinare i confini del 1991 e la guerra si è trasformata da una lotta per la vittoria in una lotta per una sconfitta gestita o attenuata. La questione cessa di essere se l’Ucraina perderà, e diventa solo una questione di quanto.

La calamità estiva dell’Ucraina
Gli osservatori occidentali stanno finalmente iniziando a prendere atto del fatto che la controffensiva estiva dell’Ucraina si è trasformata in un abissale fallimento e in una sconfitta militare di portata storica. È importante ricordare che, prima dell’inizio dell’operazione, c’erano reali aspettative sia tra i funzionari ucraini che tra i sostenitori occidentali che l’offensiva potesse ottenere l’isolamento o il blocco della Crimea, se non la sua completa riconquista. Alla base di queste prospettive ottimistiche c’erano ipotesi chiave sulla superiorità dei veicoli blindati donati dall’Occidente e su un esercito russo che si supponeva stesse iniziando a esaurirsi. Un memorandum ucraino sull’ordine delle operazioni, che sarebbe trapelato, indicava che l’AFU intendeva raggiungere e mascherare città importanti come Berdyansk e Melitopol.

Ricordare che gli ucraini e i loro benefattori credevano davvero di poter raggiungere la costa dell’Azov e creare una crisi operativa per la Russia è molto importante, perché solo nel contesto di questi obiettivi si può comprendere appieno la delusione dell’attacco. Siamo ora (al momento in cui scrivo questa frase) a D+150 dall’iniziale assalto massiccio ucraino nella notte tra il 7 e l’8 giugno, e i guadagni sono a dir poco miseri. L’AFU è bloccata in una posizione avanzata concava, incuneata tra i piccoli villaggi russi di Verbove, Novoprokopivka e Kopani, incapace di avanzare ulteriormente, subendo una serie costante di perdite mentre tenta attacchi a metà di piccole unità per attraversare i fossati anticarro russi che circondano i bordi dei campi.

Al momento, il massimo avanzamento raggiunto dalla controffensiva si trova a soli dieci chilometri dalla città di Orikhiv (nell’area di sosta ucraina). L’Ucraina non solo non ha raggiunto i suoi obiettivi terminali, ma non ha nemmeno minacciato i suoi punti intermedi (come Tokmak). Di fatto, non hanno mai creato nemmeno una breccia temporanea nelle difese russe. Invece, l’AFU ha lanciato la maggior parte del 9° e 10° Corpo d’Armata, di recente formazione e dotato di equipaggiamento occidentale, contro le posizioni fisse della 58°, 35° e 36° Armata Combinata russa, si è inserita nella linea di schermatura esterna e l’attacco è crollato dopo aver subito pesanti perdite.

Debacle: la battaglia di Robotyne
Quando l’autunno cominciò a trascinarsi senza che i risultati sul campo di battaglia si materializzassero per l’Ucraina, il processo di additamento iniziò con notevole prevedibilità. Sono emerse tre linee distinte, con gli osservatori occidentali che hanno dato la colpa a una presunta incapacità ucraina di implementare le tattiche occidentali, alcuni partiti ucraini che hanno controbattuto che i mezzi corazzati occidentali sono arrivati troppo lentamente, il che ha dato all’esercito russo il tempo di fortificare le proprie posizioni, e altri che hanno sostenuto che il problema è stato che l’Occidente non ha fornito gli aerei e i sistemi di attacco necessari.
Credo che tutto questo non colga il punto – o meglio, tutti questi fattori sono semplicemente tangenziali al punto. Le varie figure ucraine e occidentali che si puntano il dito a vicenda sono un po’ come i proverbiali ciechi che descrivono un elefante. Tutte queste lamentele – addestramento insufficiente, lentezza dei tempi di consegna, carenza di mezzi aerei e d’attacco – non fanno altro che riflettere il problema più ampio del tentativo di assemblare su basi improvvisate un esercito completamente nuovo con un guazzabuglio di sistemi stranieri mal assortiti, in un Paese con risorse demografiche e industriali in diminuzione.
A parte questo, la disputa interna al campo ucraino oscura l’importanza dei fattori tattici e ignora il ruolo molto attivo che le forze armate russe hanno giocato nel rovinare il grande attacco dell’Ucraina. Anche se la dissezione della battaglia continuerà probabilmente per molti anni, una litania di ragioni tattiche per la sconfitta ucraina può già essere enumerata come segue:L’incapacità dell’AFU di ottenere una sorpresa strategica. Nonostante un ostentato sforzo di OPSEC e i tentativi di finte operazioni sul confine di Belgorod, intorno a Bakhmut, Staromaiorske e altrove, era facilmente evidente a tutti i partecipanti che il punto di principale sforzo ucraino sarebbe stato verso il litorale di Azov, e in particolare l’asse Orikhiv-Tokmak. L’Ucraina ha attaccato proprio dove ci si aspettava che lo facesse.
Il pericolo dell’avvicinamento e dell’allestimento nel XXI secolo. L’AFU ha dovuto riunire i mezzi sotto l’esposizione dei mezzi russi ISR e d’attacco, il che ha ripetutamente sottoposto al fuoco russo le aree posteriori ucraine (come Orikhiv, dove i depositi di munizioni e le riserve sono stati ripetutamente colpiti) e ha permesso ai russi di prendere regolarmente sotto tiro i gruppi tattici ucraini in fase di dispiegamento, mentre erano ancora nelle loro colonne di marcia.
L’incapacità (o la mancanza di volontà) di impegnare una massa sufficiente a forzare una decisione. La densità del nesso ISR-Fuoco russo ha incentivato l’AFU a disperdere le proprie forze. Se da un lato questo può ridurre le perdite, dall’altro ha significato che la potenza di combattimento ucraina è stata introdotta in modo frammentario, semplicemente senza la massa necessaria per minacciare seriamente la posizione russa. L’operazione si è in gran parte risolta in attacchi a livello di compagnia, chiaramente inadeguati al compito.Inadeguatezza del fuoco e della soppressione ucraina. Una lacuna di capacità abbastanza evidente e onnicomprensiva, con l’AFU che ha dovuto affrontare una carenza di tubi e proiettili d’artiglieria (costringendo l’HIMARS a un ruolo tattico come sostituto dell’artiglieria), e che non ha avuto sufficienti mezzi di difesa aerea e di guerra elettronica per mitigare la varietà di sistemi aerei russi, tra cui droni di tutti i tipi, elicotteri d’attacco e bombe UMPK.Il risultato è stato una serie di colonne di manovra ucraine sotto-supportate che sono state rastrellate da una tempesta di fuoco.
Un’ingegneria di combattimento inadeguata, che ha lasciato l’AFU vulnerabile a una rete di campi minati russi che evidentemente erano molto più robusti del previsto.
Nel complesso, abbiamo un enigma tattico piuttosto semplice. Gli ucraini hanno tentato un assalto frontale a una difesa fissa senza l’elemento sorpresa o la parità di fuoco a distanza. Con la difesa russa completamente in allerta e le aree di sosta e le corsie di avvicinamento ucraine soggette a un intenso fuoco russo, l’AFU ha disperso le sue forze nel tentativo di ridurre le perdite, e questo ha praticamente garantito che gli ucraini non avrebbero mai avuto la massa necessaria per creare una breccia. Sommando il tutto, si ottiene l’estate del 2023: una serie di attacchi frustranti e infruttuosi sullo stesso identico settore della difesa, che hanno lentamente sprecato sia l’anno che la migliore, ultima speranza dell’Ucraina.

Il fallimento dell’offensiva ucraina ha ramificazioni sismiche per la futura condotta della guerra. Le operazioni di combattimento si svolgono sempre in riferimento agli obiettivi politici dell’Ucraina, che sono – per dirla senza mezzi termini – ambiziosi. È importante ricordare che il regime di Kiev ha sostenuto fin dall’inizio che non si sarebbe accontentato di nulla di meno del massimo territoriale dell’Ucraina del 1991 – il che implica non solo il recupero del territorio occupato dalla Russia dopo il febbraio 2022, ma anche la sottomissione delle polarità separatiste di Donetsk e Lugansk e la conquista della Crimea russa.

Gli obiettivi bellici dell’Ucraina sono sempre stati difesi come ragionevoli in Occidente per ragioni legate alle presunte sottigliezze legali della guerra, all’illusione occidentale che i confini siano immutabili e all’apparente divinità trascendente dei confini amministrativi dell’epoca sovietica (che dopo tutto sono stati la fonte dei confini del 1991). A prescindere da tutte queste questioni, gli obiettivi di guerra dell’Ucraina implicavano, in pratica, la necessità di conquistare il territorio russo de-facto prebellico, comprese quattro grandi città (Donetsk, Lugansk, Sebastopoli e Simferopol). Ciò significava sloggiare in qualche modo la flotta russa del Mar Nero dal suo porto. Si trattava di un compito straordinariamente difficile, molto più complicato e vasto di quanto si volesse ammettere.

L’ovvio problema, ovviamente, è che date le superiori risorse industriali e il serbatoio demografico della Russia, le uniche vie percorribili per la vittoria dell’Ucraina erano il collasso politico russo, la riluttanza russa a impegnarsi pienamente nel conflitto o l’infliggere all’esercito russo una sorprendente sconfitta asimmetrica sul campo di battaglia. La prima ipotesi sembra ora chiaramente una fantasia, con l’economia russa che si è scrollata di dosso le sanzioni occidentali e la coesione politica dello Stato del tutto indisturbata (persino dal colpo di Stato di Wagner), e la seconda speranza è stata delusa nel momento in cui Putin ha annunciato la mobilitazione nell’autunno del 2022. Rimane solo il campo di battaglia.

La situazione diventa quindi molto semplice. Se l’Ucraina non riesce ad avanzare con successo sulle posizioni russe fortemente presidiate, non può vincere la guerra secondo le proprie condizioni. Quindi, dato il collasso dell’offensiva estiva ucraina (e una miriade di altri esempi, come il modo in cui un attacco ucraino secondario ha sbattuto la testa senza senso su Bakhmut per mesi) c’è una domanda molto semplice da porre.

L’Ucraina avrà mai un’occasione migliore per tentare un’offensiva strategica? Se la risposta è no, ne consegue necessariamente che la guerra finirà con una perdita territoriale ucraina.

Sembra quasi una banalità che il 2023 sia stata la migliore opportunità per l’Ucraina di attaccare. La NATO ha dovuto muovere cielo e terra per mettere insieme il pacchetto d’attacco. L’Ucraina non ne otterrà uno migliore. Non solo molti membri della NATO non hanno più nulla da offrire, ma l’assemblaggio di una forza meccanizzata più grande richiederebbe all’Occidente di raddoppiare il fallimento. Nel frattempo, l’Ucraina sta subendo un’emorragia di manodopera valida, dovuta alla combinazione di un alto numero di vittime, di un’ondata di emigrazione che porta la gente a fuggire da uno Stato in rovina e di una corruzione endemica che paralizza l’efficienza dell’apparato di mobilitazione. Sommando il tutto, si ottiene una crescente riduzione della manodopera e l’incombente carenza di munizioni ed equipaggiamenti. Questo è l’aspetto di un esercito in crisi.

Nello stesso momento in cui la potenza di combattimento ucraina sta diminuendo, quella russa sta aumentando. Il settore industriale russo ha aumentato drasticamente la produzione, nonostante le sanzioni occidentali, riconoscendo tardivamente che la Russia non rimarrà convenientemente a corto di armi e che, anzi, sta comodamente producendo più di tutto il blocco occidentale. Lo Stato russo sta aumentando radicalmente le spese per la difesa, il che darà ulteriori frutti in termini di potenza di combattimento con il passare del tempo. Nel frattempo, sul fronte degli effettivi, la generazione di forze russe è stabile (cioè non richiede una mobilitazione estesa), e l’improvvisa consapevolezza che l’esercito russo dispone di riserve in abbondanza ha lasciato membri di spicco del commentario a discutere tra loro su Twitter. L’esercito russo è ora pronto a raccogliere i frutti dei suoi investimenti nel corso del prossimo anno.

Il quadro non è eccessivamente complicato. La potenza di combattimento ucraina è in declino e ha poche possibilità di arrestarsi, soprattutto ora che gli eventi in Medio Oriente significano che non ha più una pretesa incontrastata sulle scorte occidentali. Ci sono alcune cose che l’Occidente può ancora fare per tentare di sostenere le capacità ucraine (ne parleremo più avanti), ma nel frattempo la potenza di combattimento russa è stabile e addirittura in aumento in molte armi (si noti, ad esempio, il costante aumento dei lanci di UMPK russi e degli attacchi di droni FPV, e la crescente disponibilità del carro armato T90).

L’Ucraina non recupererà i confini del 1991 ed è improbabile che riconquisti territori significativi in futuro. Pertanto, il linguaggio si è spostato bruscamente dai riferimenti alla riconquista dei territori perduti al semplice congelamento del fronte. Il comandante in capo Zaluzhny ha ammesso che la guerra è in una fase di stallo (un’ipotesi ottimistica), mentre alcuni funzionari occidentali hanno iniziato a far balenare l’idea che una soluzione negoziata (che comporterebbe necessariamente il riconoscimento della perdita dei territori controllati dai russi) possa essere la migliore via d’uscita per l’Ucraina.

Ciò non significa che la guerra sia vicina alla fine. Zelensky continua ad essere irremovibilmente contrario ai negoziati, e ci sono certamente molti in Occidente che sostengono la continua intransigenza ucraina, ma credo che tutti costoro non abbiano capito il punto.

C’è solo un modo per porre fine a una guerra in modo unilaterale, ed è quello di vincere. È possibile che la finestra per negoziare sia finita e che la Russia stia aumentando le spese e ampliando le sue forze terrestri e aerospaziali perché intende usarle per tentare una vittoria decisiva sul campo di battaglia.

Nei prossimi mesi assisteremo probabilmente a un dibattito sempre più acceso sulla necessità o meno di negoziare con Kiev. Ma la premessa di questo dibattito potrebbe essere sbagliata in toto. Forse non saranno né Kiev né Washington a decidere.

Avdiivka: il canarino nella miniera di carbone
Il cedimento dell’offensiva estiva dell’Ucraina corrisponde a un cambiamento di fase nella guerra, in cui l’Ucraina passerà a una difesa strategica a tutto campo. Quasi perfettamente a tempo debito, l’esercito russo ha dato il via alla sequenza successiva iniziando un’operazione contro la cruciale e salda roccaforte ucraina di Avdiivka, nei sobborghi di Donetsk.

Avdiivka si trovava già in una sorta di saliente, a causa delle precedenti operazioni russe che avevano catturato la città di Krasnogorivka, a nord della città. Nel mese di ottobre, le forze russe hanno lanciato un grande assalto da queste posizioni e sono riuscite a conquistare uno degli elementi chiave del terreno nella zona: un alto cumulo di scarti minerari (un cumulo di rifiuti) che si affaccia direttamente sulla ferrovia principale di Avdiivka e si trova adiacente alla fabbrica di coke di Avdiivka. Al momento in cui scriviamo, la situazione è la seguente:

The Avdiivka Battlespace

L’operazione Avdiivka ha generato quasi immediatamente un ciclo familiare di sventure e istrionismi, con molti pronti a paragonare l’attacco al fallito assalto russo a Ugledar dello scorso inverno. Nonostante il successo della cattura russa del cumulo di rifiuti (insieme alle posizioni lungo la ferrovia), la sfera ucraina si è rallegrata, affermando che i russi stanno subendo perdite catastrofiche nel loro assalto ad Avdiivka. Tuttavia, ritengo che questa affermazione non regga per alcune ragioni.

In primo luogo, la premessa stessa non sembra essere vera. Questa guerra viene documentata in tempo reale, il che significa che possiamo effettivamente verificare un forte aumento delle perdite russe nei dati tabulati. A questo scopo, preferisco consultare War Spotting UA e il suo progetto di monitoraggio delle perdite di equipaggiamento russo. Sebbene abbiano un orientamento apertamente filo-ucraino (tracciano solo le perdite russe e non quelle ucraine), ritengo che siano più affidabili e ragionevoli di Oryx, e la loro metodologia di monitoraggio è certamente più trasparente.

Una rapida nota sui loro dati è importante. In primo luogo, non è corretto concentrarsi eccessivamente sulle date precise che attribuiscono alle perdite – questo perché le date registrate corrispondono alla data in cui le perdite vengono fotografate per la prima volta, che può o meno essere lo stesso giorno in cui il veicolo viene distrutto. Quando registrano una data per un veicolo distrutto, registrano solo la data in cui è stata scattata la foto. È quindi ragionevole prevedere un potenziale errore di qualche giorno nella datazione delle perdite. È semplicemente impossibile evitarlo. Inoltre, come chiunque altro, hanno la capacità di sbagliare l’identificazione o di contare accidentalmente due volte i veicoli ripresi da diverse angolazioni.

Tutto questo per dire che non è utile impantanarsi troppo nell’analisi di gruppi di perdite e foto specifiche, ma è molto utile osservare le tendenze del loro monitoraggio delle perdite. Se la Russia stesse davvero perdendo una quantità spropositata di equipaggiamento in un assalto di un mese, ci aspetteremmo di vedere un picco, o almeno un modesto aumento delle perdite.

In realtà, questo non emerge dai dati sulle perdite. Il tasso di utilizzo complessivo della Russia dall’estate del 2022 ad oggi è di circa 8,4 mezzi di manovra al giorno. Tuttavia, le perdite per l’autunno del 2023 (che include l’assalto ad Avdiivka) sono in realtà leggermente inferiori, con 7,3 al giorno. Ci sono alcuni gruppi di perdite, che corrispondono alle conseguenze degli assalti, ma non sono anormalmente grandi – un fatto che può essere facilmente verificato facendo riferimento alla serie temporale delle perdite. I dati mostrano un modesto aumento dall’estate di quest’anno (6,8 al giorno) all’autunno (7,3), che corrisponde a un passaggio da una posizione difensiva a una di attacco, ma non c’è nulla nei dati che suggerisca un aumento anomalo dei tassi di perdita russi. Nel complesso, i dati sulle perdite suggeriscono un’alta intensità di attacco, ma le perdite sono complessivamente inferiori a quelle di altri periodi in cui la Russia è stata all’offensiva.

Possiamo applicare lo stesso quadro analitico di base anche alle perdite di personale. Mediazona – un media dissidente russo antiputinista – ha monitorato doverosamente le perdite russe attraverso necrologi, annunci funebri e post sui social media. Come Warspotting UA, anche loro non hanno registrato un picco straordinario di perdite russe durante l’autunno.

Ora, sarebbe sciocco negare che la Russia abbia perso veicoli blindati o che attaccare non comporti dei costi. Si sta combattendo una battaglia e i veicoli vengono distrutti nelle battaglie. Non è questa la questione. La questione è se l’assalto ad Avdiivka abbia causato un picco insostenibile o anomalo nelle perdite russe, e semplicemente non c’è nulla nei dati delle perdite tracciate che lo suggerisca. Pertanto, l’argomentazione secondo cui le forze russe sarebbero state sventrate ad Avdiivka semplicemente non sembra supportata dalle informazioni disponibili, e finora le perdite giornaliere tracciate per l’autunno sono semplicemente inferiori alla media dell’anno precedente.

Inoltre, la fissazione sulle perdite russe può portare a dimenticare che anche le forze ucraine vengono masticate malamente, e in effetti abbiamo video della 110a Brigata ucraina (la principale formazione che sta ancorando la difesa di Avdiivka) che si lamenta di aver subito perdite insostenibili. Tutto ciò è prevedibile con una battaglia ad alta intensità in corso. I russi hanno attaccato in forze e hanno subito perdite proporzionali – ma ne è valsa la pena?

Dobbiamo pensare all’assalto iniziale russo nel contesto dello spazio di battaglia di Avdiivka. Avdiivka è piuttosto unica in quanto l’intera città e la ferrovia che la attraversa si trovano su un crinale elevato. Con la città ormai avvolta su tre lati, le rimanenti linee logistiche ucraine corrono lungo il pavimento di un bacino umido a ovest della città – l’unico corridoio rimasto aperto. La Russia ha ora una posizione dominante sulle alture che si affacciano direttamente sul bacino e sta espandendo la sua posizione lungo il crinale. In realtà, contrariamente a quanto si sostiene che l’assalto russo sia crollato con pesanti perdite, i russi continuano a espandere la loro zona di controllo a ovest della ferrovia, hanno già fatto breccia nella periferia di Stepove e si stanno spingendo nella rete di trincee fortificate a sud-est di Avdiivka.

Avdiivka Elevation Map

Ora, a questo punto è probabilmente razionale voler paragonare la situazione a quella di Bakhmut, ma le forze dell’AFU ad Avdiivka sono in realtà in una posizione molto più pericolosa. Durante la battaglia per Bakhmut si è parlato molto del cosiddetto “controllo del fuoco”, e alcuni hanno insinuato che la Russia avrebbe potuto isolare la città semplicemente sparando con l’artiglieria contro le arterie di rifornimento. Inutile dire che non è andata proprio così. L’Ucraina ha perso molti veicoli sulla strada per entrare e uscire da Bakhmut, ma il corridoio è rimasto aperto – anche se pericoloso – fino alla fine. Ad Avdiivka, invece, la Russia avrà una linea di vista diretta degli ATGM (piuttosto che una sorveglianza a macchia d’olio dell’artiglieria) sul corridoio di rifornimento sul fondo del bacino. Questa è una situazione molto più pericolosa per l’AFU, sia perché Avdiivka ha l’insolita caratteristica di un singolo crinale dominante sulla spina dorsale dello spazio di battaglia, sia perché le dimensioni sono più ridotte: l’intero corridoio di rifornimento ucraino qui corre lungo una manciata di strade in uno spazio di 4 chilometri.

È chiaro che il controllo del cumulo di rifiuti e della linea ferroviaria è di importanza fondamentale, quindi l’esercito russo ha impegnato una forza d’assalto significativa per garantire la cattura dei suoi obiettivi chiave. Attaccare il cumulo di rifiuti richiedeva inoltre di esporre le colonne d’attacco russe al fuoco perpendicolare ucraino, attaccando attraverso un terreno ben sorvegliato. In breve, questo comportava molti dei problemi tattici che hanno afflitto gli ucraini durante l’estate. I moderni collegamenti ISR-fire rendono molto difficile organizzare e schierare con successo le forze senza subire perdite.

A differenza degli ucraini, tuttavia, i russi hanno impegnato una massa sufficiente a creare una palla di neve irreversibile nell’attacco alle alture di comando, e i fuochi ucraini sono stati inadeguati a fermare l’assalto. Ora che li hanno, i russi recupereranno le perdite quando gli ucraini cercheranno di contrattaccare – anzi, questo è già iniziato, con UA Warspotting che ha registrato un forte calo delle perdite di equipaggiamento russo nelle ultime tre settimane. Questo stabilisce lo schema dell’operazione: un assalto in massa all’inizio per catturare le posizioni chiave che mettono i russi in controllo dello spazio di battaglia. I russi sono riusciti a forzare una decisione fin dall’inizio, impegnandosi nell’attacco con un livello di violenza e di generazione di forze che è mancato per tutta l’estate all’AFU. Il succo vale la pena di essere spremuto.

Più precisamente, gli ucraini sanno chiaramente di essere nei guai. Hanno già iniziato a far affluire nella zona i primi mezzi per iniziare il contrattacco contro la posizione russa sul crinale, e ci sono già Bradley e Leopard che bruciano intorno ad Avdiivka e nelle aree di sosta ucraine nelle retrovie. Esiste ora lo stesso problema di base che si è rivelato così insormontabile in estate: le forze ucraine che contrattaccano (che si appostano a più di dieci chilometri nelle retrovie, dopo Ocheretyne) affrontano linee di avvicinamento lunghe e ben sorvegliate che le espongono al fuoco di sbarramento russo – la 47a Brigata meccanizzata ucraina ha già perso veicoli blindati sia nelle sue aree di appostamenti che nei contrattacchi falliti contro le posizioni russe intorno a Stepove.

Nelle prossime settimane, le forze russe porteranno avanti gli attacchi sugli assi che attraversano Stepove e Sjeverne a ovest della città, lasciando l’AFU legata a una lunga e precaria catena logistica sul fondo del bacino. Una delle più lunghe e solide fortezze dell’Ucraina rischia ora di diventare una trappola operativa. Non mi aspetto che Avdiivka cada in poche settimane (a meno di un imprevisto e improbabile crollo della difesa ucraina), ma è ormai una questione di tempo e i mesi invernali porteranno probabilmente alla costante riduzione della posizione ucraina.

Sostenere la potenza di combattimento dell’AFU in città sarà particolarmente difficile, con la “logistica delle zanzare” ucraina (che si riferisce alla loro abitudine di far viaggiare i rifornimenti con pick-up, furgoni e altri piccoli veicoli civili) che arranca sul pavimento di un bacino fangoso sotto l’occhio vigile dei droni FPV russi e del fuoco diretto. L’AFU sarà costretta a tentare di sostenere una difesa a livello di brigata facendo circolare piccoli veicoli in una zona battuta. Se i russi riusciranno a catturare la cokeria, la partita finirà molto prima, ma gli ucraini lo sanno e faranno della difesa della fabbrica una priorità preminente – ma anche così è solo una questione di tempo, e una volta che Avdiivka sarà caduta, gli ucraini non avranno un posto solido dove ancorare la loro difesa fino a quando non cadranno indietro fino al fiume Vocha. Questo è un processo che dovrebbe svolgersi durante l’inverno.

Gli sviluppi futuri previsti intorno ad Avdiivka
E questo porta alla domanda: se l’Ucraina non è riuscita a tenere Bakhmut, e il tempo dimostra che non può tenere Avdiivka, dove può tenere? E se l’Ucraina non può attaccare con successo, per cosa sta combattendo?Una difesa fallita conta come azione ritardante solo se si ha qualcosa da aspettare.Esaurimento strategico
La guerra in Ucraina sta entrando nella sua terza fase. La prima fase, dall’inizio delle ostilità nel febbraio 2022 fino all’autunno dello stesso anno, è stata caratterizzata da una traiettoria di esaurimento delle capacità interne ucraine da parte delle operazioni della limitata forza russa iniziale. Mentre le forze russe sono riuscite a degradare o a esaurire molti aspetti della macchina bellica ucraina prebellica – elementi come le comunicazioni, le scorte di intercettori di difesa aerea e il parco di artiglieria – la strategia russa iniziale si è arenata su errori critici di calcolo riguardanti sia la volontà dell’Ucraina di combattere una guerra lunga sia la disponibilità della NATO a sostenere il materiale ucraino e a fornire capacità critiche di ISR e di comando e controllo.Con i russi alle prese con una guerra molto più grande del previsto e con una generazione di forze assolutamente inadeguata al compito, la guerra ha assunto il carattere di logoramento industriale quando è passata alla seconda fase. Questa fase è stata caratterizzata dai tentativi russi di accorciare e correggere la linea del fronte, creando dense fortificazioni e bloccando le forze in battaglie posizionali. Questa fase, più in generale, ha visto gli ucraini tentare di sfruttare – e i russi sopportare – un periodo di iniziativa strategica ucraina, mentre la Russia passava a un assetto bellico più espansivo, espandendo la produzione di armamenti e aumentando la generazione di forze attraverso la mobilitazione.In sostanza, l’Ucraina si è trovata di fronte a un grave dilemma strategico dal momento in cui il Presidente Putin ha annunciato la mobilitazione delle riserve nel settembre 2022. La decisione russa di mobilitarsi è stata un segnale de-facto di accettazione della nuova logica strategica di una più lunga guerra di logoramento industriale – una guerra in cui la Russia avrebbe goduto di numerosi vantaggi, tra cui un bacino molto più ampio di manodopera, una capacità industriale enormemente superiore, una produzione interna di armi standoff, veicoli corazzati e granate, un impianto industriale al di fuori della portata degli attacchi sistematici ucraini e l’autonomia strategica. Questi, tuttavia, sono tutti vantaggi sistemici e a lungo termine. A breve termine, tuttavia, l’Ucraina ha goduto di una breve finestra di iniziativa sul terreno. Questa finestra, tuttavia, è stata sprecata con il fallimento dell’assalto estivo alle difese russe nel sud, e la seconda fase della guerra si conclude con la spinta dell’AFU sulla costa di Azov.Arriviamo così alla terza fase, caratterizzata da tre importanti condizioni:

Aumento costante della potenza di combattimento russa grazie agli investimenti effettuati nel corso dell’anno precedente.
Esaurimento dell’iniziativa ucraina sul terreno e crescente auto-cannibalizzazione dei mezzi dell’AFU.
Esaurimento strategico nella NATO.
Il primo punto è relativamente banale da comprendere ed è stato liberamente confessato dalle autorità occidentali e ucraine. È ormai assodato che le sanzioni non sono riuscite a intaccare in modo significativo la produzione di armamenti russi e che, anzi, la disponibilità di sistemi critici sta crescendo rapidamente grazie agli investimenti strategici in linee di produzione nuove e ampliate. Tuttavia, possiamo elencare alcuni esempi.

Uno degli elementi chiave dell’espansione delle capacità russe è stato il miglioramento sia qualitativo che quantitativo dei nuovi sistemi standoff. La Russia ha avviato con successo la produzione di massa del drone Shahed/Geran di derivazione iraniana e ha un’ulteriore fabbrica in costruzione. La produzione della munizione Lancet è aumentata in modo esponenziale e sono ora in uso diverse varianti migliorate, con guida, raggio d’azione e capacità di sciame superiori. La produzione russa di droni FPV è aumentata in modo significativo e gli operatori ucraini temono ora un vantaggio russo a valanga. Gli adattamenti degli alianti guidati UMPK sono stati modificati per ospitare gran parte dell’arsenale russo di bombe a gravità.

Tutto questo fa pensare a un esercito russo con una crescente capacità di lanciare esplosivi ad alto potenziale in numero e precisione maggiori contro il personale, le attrezzature e le installazioni dell’AFU. Nel frattempo, sul terreno, la produzione di carri armati continua ad aumentare, con le sanzioni che hanno un impatto minimo sulla disponibilità di blindati russi. Contrariamente alle precedenti previsioni secondo cui la Russia avrebbe iniziato a raschiare il fondo del barile, tirando fuori dai depositi carri armati sempre più vecchi, le forze russe in Ucraina stanno schierando carri armati *più nuovi*, con il T-90 che appare sul campo di battaglia in numero maggiore. E, nonostante le ripetute previsioni occidentali secondo cui sarebbe stata necessaria una nuova ondata di mobilitazione a fronte di perdite presumibilmente terribili, il ministero della Difesa russo ha affermato con sicurezza che le sue riserve di manodopera sono stabili, e un portavoce dell’intelligence militare ucraina ha recentemente dichiarato di ritenere che ci siano più di 400.000 truppe russe nel teatro (a cui si possono aggiungere le considerevoli riserve che rimangono in Russia).

Nel frattempo, è probabile che le forze ucraine si auto-cannibalizzino sempre più. Ciò avviene a più livelli, come motivo di una forza strategicamente esaurita. A livello strategico, l’auto-cannibalizzazione si verifica quando le risorse strategiche vengono bruciate in nome di esigenze a breve termine; a livello tattico, un processo degradativo simile si verifica quando le formazioni rimangono in combattimento per troppo tempo e iniziano a macinare, tentando di svolgere compiti di combattimento per i quali non sono più adatte.

È probabile che abbiate alzato gli occhi su questo paragrafo, ed è comprensibile. È molto gergale e me ne scuso. Tuttavia, possiamo vedere un esempio concreto di come appaiono entrambe le forme di autocannibalizzazione (strategica e tattica), dalla stessa unità: la 47ª Brigata meccanizzata.

La 47a era destinata da tempo a diventare una delle principali risorse della controffensiva ucraina. Addestrata (per quanto possibile) secondo gli standard della NATO e con accesso privilegiato ad equipaggiamenti occidentali di alto livello come il carro armato Leopard 2A6 e l’IFV Bradley. Questa brigata è stata meticolosamente preparata e ampiamente pubblicizzata come la punta di diamante dell’Ucraina. Tuttavia, un’estate di attacchi frustranti e falliti contro la linea russa di Zaporizhia ha lasciato la brigata con gravi perdite, una potenza di combattimento degradata e lotte intestine tra gli ufficiali.

Ciò che seguì dovrebbe far scattare un campanello d’allarme. In primo luogo, all’inizio di ottobre è stato riferito che il 47° aveva un nuovo comandante, con un cambiamento stimolato dalle richieste dall’alto che la brigata continuasse i suoi sforzi di attacco. Il problema era che la 47ª aveva gradualmente esaurito il suo potenziale di attacco, e la soluzione adottata dal nuovo comandante fu quella di scroccare le aree posteriori della brigata e gli equipaggi tecnici per rimpiazzare la manodopera. Come si legge nel rapporto di MilitaryLand:

Come affermato dai soldati dell’unità missilistica anticarro di Magura in un video appello ora rimosso, il comando della brigata si rifiuta di ammettere che la brigata ha perso il suo potenziale offensivo. Invece, il comando invia al fronte equipaggi di mortai, cecchini, equipaggi di artiglieria, in pratica tutto ciò che ha a disposizione come fanteria d’assalto.
Si tratta di un classico esempio di auto-cannibalizzazione tattica, in cui la perdita di potenza di combattimento minaccia di accelerare quando gli elementi ausiliari e tecnici dell’unità vengono bruciati nel tentativo di compensare le perdite. Tuttavia, il 47° è stato cannibalizzato anche a livello strategico. Quando è iniziato l’assalto russo intorno ad Avdiivka, la risposta ucraina è stata quella di ritirare la 47esima dal fronte di Zaporizhia e di inviarla ad Avdiivka per contrattaccare. A questo punto, la difesa ucraina dipende dalla 110a brigata, che si trova ad Avdiivka da quasi un anno senza soccorsi, e dalla 47a, già degradata da mesi di continue operazioni offensive nel sud.

Si tratta di una cannibalizzazione strategica: prendere una delle principali risorse della scuderia e portarla, senza alcun riposo o rifornimento, direttamente in combattimento come esigenza difensiva. In questo modo, la 47a Brigata è stata cannibalizzata a livello interno (bruciandosi nel tentativo di svolgere compiti di combattimento per i quali non è più adeguatamente equipaggiata) e a livello strategico, con l’AFU che l’ha ridotta in una difesa posizionale intorno ad Avdiivka, invece di farla ruotare per riposare e riequipaggiare per essere destinata a future operazioni offensive. Un recente rapporto con interviste al personale della 47a ha dipinto un quadro disastroso: la brigata ha perso oltre il 30% del suo personale durante l’estate e i suoi obici sono razionati a soli 15 proiettili al giorno. I mortai russi, dicono, hanno un vantaggio di otto a uno.

L’immagine emblematica della guerra moderna: montagne di bossoli abbandonati
La situazione può essere vagamente paragonata a quella di una persona in crisi, che si logora biologicamente ed emotivamente a causa della mancanza di sonno e dello stress, bruciando allo stesso tempo i propri beni – vendendo l’auto e altri beni essenziali per pagare le necessità immediate come cibo e medicine. È un modo di vivere insostenibile, che non può evitare la catastrofe all’infinito.I russi stanno facendo tutto il possibile per incoraggiare questo processo, riattivando metodicamente le operazioni di attacco di rettifica su tutto il fronte, tra cui non solo Avdiivka ma anche Bakhmut e Kupyansk, in un programma intenzionale di immobilizzazione progettato per mantenere le risorse ucraine in combattimento dopo essere state esaurite durante l’estate. Il 47° è emblematico di questo: ha attaccato per tutta l’estate per poi essere immediatamente mobilitato in difesa nel Donbas. Come ha detto un mio collaboratore, l’ultima cosa che si vuole fare dopo aver corso una maratona è iniziare uno sprint, e questo è il punto in cui si trovano gli ucraini dopo aver perso l’iniziativa strategica in ottobre.Non è solo l’Ucraina, tuttavia, ad affrontare l’esaurimento strategico. Gli Stati Uniti e il blocco NATO si trovano in una situazione simile.L’intera strategia americana in Ucraina è entrata in un’impasse. La logica della guerra per procura si basava sull’ipotesi di un differenziale di costo: gli Stati Uniti potevano mettere in difficoltà la Russia per pochi centesimi di dollaro, rifornendo l’Ucraina con le proprie scorte in eccesso e strangolando l’economia russa con le sanzioni.Non solo le sanzioni non sono riuscite a paralizzare la Russia, ma l’approccio americano sul campo è fallito. La controffensiva ucraina è fallita in modo spettacolare, e le esauste forze di terra ucraine devono ora escogitare una difesa strategica a tutto campo contro la crescente generazione di forze russe.Il dilemma strategico fondamentale per l’Occidente è quindi come uscire da un cul-de-sac strategico. La NATO ha raggiunto i limiti di quanto può dare all’Ucraina con le sue eccedenze. Per quanto riguarda i proiettili d’artiglieria (il pezzo forte di questa guerra), ad esempio, gli alleati della NATO hanno ammesso apertamente di averli più o meno esauriti, mentre gli Stati Uniti sono stati costretti a reindirizzare le forniture di proiettili dall’Ucraina a Israele – una tacita ammissione che non ce ne sono abbastanza per entrambi. Nel frattempo, la nuova produzione di proiettili è in ritardo sia negli Stati Uniti che in Europa.

Di fronte a un massiccio investimento russo nella produzione di difesa e al conseguente enorme aumento delle capacità russe, non è chiaro come gli Stati Uniti possano procedere. Una possibilità è l’opzione “all-in”, che richiederebbe una ristrutturazione industriale e una mobilitazione economica de-facto, ma non è chiaro come ciò possa essere realizzato, dato lo stato di crisi della base industriale occidentale e delle sue finanze.

In effetti, ci sono segnali inequivocabili che indicano che far uscire la produzione di armi occidentali dal suo congelamento profondo sarà enormemente costoso e logisticamente impegnativo. I nuovi contratti dimostrano un aumento dei costi esorbitante. Ad esempio, un recente ordine della Rhenmetall ha raggiunto i 3500 dollari a proiettile – un aumento sorprendente se si considera che nel 2021 l‘esercito statunitense era in grado di acquistare a soli 820 dollari a proiettile. Non c’è da stupirsi che il capo del Comitato militare della NATO si sia lamentato del fatto che i prezzi più alti stanno vanificando gli sforzi per costituire le scorte. Nel frattempo, la produzione è limitata dalla mancanza di lavoratori qualificati e di macchine utensili. L’intervento “all in” sull’Ucraina richiederebbe un livello di ristrutturazione economica e di mobilitazione a rotta di collo che le popolazioni occidentali troverebbero probabilmente intollerabile e confuso.

Una seconda opzione è quella di “congelare” il conflitto spingendo l’Ucraina a negoziare. Questa opzione è già stata ventilata in pubblico da funzionari americani ed europei ed è stata accolta con giudizi contrastanti. Nel complesso, sembra piuttosto improbabile. Le opportunità di negoziare la fine del conflitto sono state respinte in più occasioni. Dal punto di vista russo, l’Occidente ha deliberatamente scelto di inasprire il conflitto e ora vorrebbe allontanarsi dopo che la Russia ha risposto con la sua mobilitazione. Non è chiaro quindi perché Putin sarebbe propenso a lasciare l’Ucraina fuori dai guai ora che gli investimenti militari russi stanno iniziando a dare i loro frutti e l’esercito russo ha la possibilità concreta di andarsene con il Donbas e non solo. Ancora più preoccupante, tuttavia, è l’intransigenza ucraina, che sembra destinata a sacrificare altri uomini coraggiosi nel tentativo di prolungare la presa a dito di Kiev su territori che non possono essere tenuti indefinitamente.

In sostanza, gli Stati Uniti (e i loro satelliti europei) hanno quattro opzioni, nessuna delle quali è positiva:

Impegnarsi in una mobilitazione economica per aumentare in modo sostanziale le forniture di materiale all’Ucraina.
Continuare a fornire il sostegno all’Ucraina e assistere alla sua progressiva e lenta sconfitta.
Porre fine al sostegno all’Ucraina e vederla subire una sconfitta più rapida e totalizzante.
Tentare di congelare il conflitto con i negoziati
Si tratta di una formula classica per la paralisi strategica, e il risultato più probabile è che gli Stati Uniti si ritirino dalla loro attuale linea d’azione, sostenendo l’Ucraina a un livello irrisorio, commisurato ai limiti finanziari e industriali esistenti, mantenendo l’AFU sul campo, ma in ultima analisi superata in una miriade di dimensioni dalle crescenti capacità russe.

E questo, in definitiva, ci riporta al punto di partenza. Non c’è nessun’arma miracolosa, nessun trucco geniale, nessun espediente operativo che possa salvare l’Ucraina. Non c’è una porta di scarico sulla Morte Nera. C’è solo il freddo calcolo degli incendi massicci nel tempo e nello spazio. Anche i successi isolati dell’Ucraina servono solo a sottolineare l’enorme disparità di capacità. Ad esempio, quando l’AFU usa missili occidentali per attaccare navi russe in bacino di carenaggio, ciò è possibile solo perché la Russia ha una marina. I russi, invece, hanno un vasto arsenale di missili antinave che non utilizzano perché l’Ucraina non ha una marina. Sebbene lo spettacolo di un colpo riuscito su un’imbarcazione russa sia un’ottima pubblicità, rivela solo l’asimmetria delle risorse e non fa nulla per migliorare il problema fondamentale dell’Ucraina, che è il costante logoramento e la distruzione delle sue forze di terra nel Donbas.

Se il 2024 porterà a una costante erosione della posizione ucraina nel Donbas – isolamento e liquidazione di fortezze periferiche come Adviivka, doppia avanzata su Konstyantinivka, un saliente sempre più grave intorno a Ugledar mentre i russi avanzano su Kurakhove – l’Ucraina si troverà in una posizione sempre più insostenibile, con i partner occidentali che metteranno in dubbio la logica di incanalare scorte di armi limitate in uno Stato in frantumi.

Nel terzo secolo, durante l’epoca dei Tre Regni in Cina (dopo che la dinastia Han si era frammentata in uno Stato triforcuto all’inizio del 200), c’era un famoso generale e funzionario di nome Sima Yi. Sebbene non sia spesso citato come il più noto Sun Tzu, a Sima Yi è attribuito un aforisma che è migliore di qualsiasi altra frase contenuta nell’Arte della guerra. Sima Yi ha esposto l’essenza del warmaking nel modo seguente:

Negli affari militari ci sono cinque punti essenziali. Se si è in grado di attaccare, si deve attaccare. Se non si è in grado di attaccare, bisogna difendersi. Se non si è in grado di difendere, si deve fuggire. I restanti due punti comportano solo la resa o la morte.
L’Ucraina sta scendendo nella lista. Gli eventi dell’estate hanno dimostrato che non è in grado di attaccare con successo le posizioni russe fortemente presidiate. Gli avvenimenti di Avdivvka e di altri luoghi mettono ora alla prova la capacità dell’Ucraina di difendere le proprie posizioni nel Donbas contro l’aumento delle forze russe. Se non riusciranno a superare questa prova, sarà il momento di fuggire, arrendersi o morire. È così che vanno le cose quando arriva il momento della resa dei conti.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

la Russia, l’Ucraina e il rovesciamento dottrinale della NATO, di Big Serge_a cura di Roberto Buffagni

Traduco un’acuta, concisa e perspicua analisi tecnico-storica di “Big Serge”, probabilmente il miglior commentatore delle operazioni militari in Ucraina. È stata pubblicata il 4 ottobre in forma di thread su Twitter, account @witte_sergei.

L’Autore identifica le forti somiglianze tra la condotta delle operazioni russe in Ucraina e la dottrina NATO della “Airland Battle”, elaborata al culmine della Guerra Fredda per contrastare un attacco delle forze terrestri sovietiche, nettamente superiori per uomini e mezzi disponibili, e avvantaggiate dalla prossimità logistica al campo di battaglia. La dottrina della “Airland Battle” fu elaborata sotto il diretto influsso del più grande teorico militare statunitense, il colonnello John Boyd. L’analisi di “Big Serge” termina con queste parole: “Questo dovrebbe far riflettere i vertici militari occidentali. Piuttosto che liquidare i russi come un prodotto della forza bruta, dovrebbero considerare che questo esercito russo potrebbe essere un discepolo di John Boyd – un pensiero davvero preoccupante.”

È molto significativo che lo stesso, identico richiamo a John Boyd si ritrovi nell’illuminante studio in due parti sulle prime settimane di guerra che “Marinus” – probabilmente, il Ten. Gen. (a riposo) Paul Van Riper, Corpo dei Marines– ha pubblicato nel mese di giugno e agosto del 2022 sulla “Marine Corps Gazette”, e che a distanza di un anno e mezzo si rivela non soltanto di eccellente qualità, ma preveggente. Li ho tradotti[1] e approfonditamente commentati[2] su italiaeilmondo.com. La seconda parte dello studio termina così: “L’invasione russa dell’Ucraina potrebbe segnare l’inizio di una nuova guerra fredda, una “lunga lotta nel crepuscolo” paragonabile a quella che si è conclusa con il crollo dell’impero sovietico più di tre decenni fa. Se così è, allora ci troveremo di fronte a un avversario che, pur attingendo molto dal valore della tradizione militare sovietica, si è affrancato sia dalla brutalità insita nell’eredità di Lenin, sia dai paraocchi imposti dal marxismo. Ancor peggio, potremmo trovarci a combattere dei discepoli di John R. Boyd.

Buona lettura.

Roberto Buffagni

 

 

 

Thread: la Russia, l’Ucraina e il rovesciamento dottrinale della NATO

 

Da quando gli ucraini hanno iniziato la loro controffensiva nel sud del paese, è emerso un tema: i russi stanno combattendo in modo molto simile a quello dettato dalla dottrina della NATO della fine della guerra fredda.

(1)

Thread: Russia, Ukraine, and NATO's doctrinal reversal Ever since the Ukrainians began their counteroffensive in the south, a theme has emerged; namely, that the Russians are fighting in a manner eerily similar to that dictated by NATO's late cold-war doctrine. (1)

Cominciamo tornando ad alcune nozioni di base molto rudimentali. In guerra esistono due tipi di mezzi di combattimento: gli elementi della manovra e il fuoco. Coordinare l’interazione tra i vari mezzi di manovra e il fuoco a distanza è il compito fondamentale delle operazioni militari.

(2)

Let's start by going back to some very rudimentary basics. In warfare, there are really two types of combat assets: maneuver elements and fires. Coordinating the interplay of various maneuver assets and ranged fires is the foundational task of military operations. (2)

I mezzi di manovra sono quelli che forniscono potenza di combattimento sulla linea di contatto e determinano il controllo della posizione – carri armati, fanteria, veicoli blindati, ecc. I sistemi di fuoco a distanza sono quelli che forniscono potenza di fuoco a distanza dalla linea di contatto: artiglieria, razzi, droni, aerei, ecc.

(3)

Maneuver assets are those that deliver fighting power at the contact line and determine positional control - tanks, infantry, armored vehicles, etc. Ranged fires are systems that deliver firepower remotely from the contact line - artillery, rockets, drones, aircraft, etc. (3)

Al culmine della guerra fredda, i pianificatori militari occidentali si trovarono di fronte a un problema molto semplice: come si poteva organizzare una difesa efficace contro le forze del Patto di Varsavia/Armata Rossa che possedevano un enorme vantaggio in termini di mezzi di manovra? Qual è il piano di battaglia per una forza in inferiorità numerica?

(4)

During the height of the cold war, western military planners faced a very simple problem: how could an effective defense be waged against Warsaw Pact/Red Army forces which possessed an enormous advantage in maneuver assets? What is the plan of battle for an outnumbered force? (4)

I primi tentativi teorici di risolvere questo problema sono stati scoraggianti. Un’idea era quella di adottare una postura difensiva proattiva, concentrando la potenza di combattimento sulla linea di contatto più avanzata.

(5)

Early theoretical attempts to solve this problem were discouraging. One idea was to adopt a proactive defensive posture, concentrating fighting power at the most forward line of contact. (5)

Il problema di questo concetto era la dottrina sovietica delle operazioni sequenziali – pacchetti aggiuntivi di forze di riserva fresche per rafforzare l’attacco. Anche se le forze della NATO fossero riuscite a sconfiggere l’assalto iniziale sovietico, avrebbero avuto scarse possibilità di contrastare il secondo e il terzo assalto.

(6)

The problem with this concept was the Soviet doctrine of sequential operations - additional packages of fresh reserve forces to reinforce the attack. Even if NATO forces managed to defeat the initial Soviet onslaught, they had poor odds against the second and third assaults. (6)

Un’alternativa era la “Difesa in profondità”: più strati di linee difensive progettate per assorbire e attutire l’attacco nemico. Questa soluzione fu ritenuta politicamente problematica, perché implicava che gran parte della Germania occidentale potesse essere invasa e occupata prima che i sovietici esaurissero la loro forza.

(7)

An alternative was "Defense in Depth" - multiple layers of defensive lines designed to absorb and attrit the enemy attack. This was deemed politically problematic, because it implied that much of West Germany might be overrun and occupied before the Soviets ran out of steam. (7)

In definitiva, si trattava di un problema abbastanza semplice da capire, ma molto difficile da risolvere. Le forze sovietiche potevano contare su un vantaggio del 60% in carri armati e veicoli corazzati e su un vantaggio simile in termini di truppe.

(8)

Ultimately, this was a problem that was fairly straightforward to understand, but very hard to solve. Soviet forces could count on something like a 60% advantage in tanks and armored vehicles and a similar manpower advantage. (8)

Inoltre, l’URSS era molto più vicina al potenziale campo di battaglia (la Germania) rispetto agli Stati Uniti, il che significava che sarebbe stato molto più facile per i sovietici alimentare forze e rifornimenti aggiuntivi. Questo problema è cresciuto dopo il Vietnam, con la fine della leva in America.

(9)

Furthermore, the USSR was much closer to the potential battlefield (Germany) than the United States, which meant it would be much easier for the Soviets to feed in additional forces and supplies. This problem grew post-Vietnam with the end of the draft in America. (9)

La soluzione – fortemente influenzata dal più grande teorico militare americano, John Boyd – consisteva nel bloccare un’offensiva sovietica utilizzando una combinazione di fuoco a distanza potente e preciso e di sciami di contrattacchi da parte di mezzi di manovra a terra. Esaminiamone con ordine gli elementi.

(10)

The solution - influenced heavily by America's greatest military theorist, John Boyd - was to stymie a Soviet offensive using a combination of powerful and precise ranged fires and swarming counterattacks by maneuver assets on the ground. Let's review the elements in turn. (10)

Il vantaggio sovietico in termini di potenza di combattimento si basava su un massiccio sistema di alimentazione logistica. Dovevano sia alimentare forze aggiuntive in battaglia (scaglioni) sia spostare continuamente enormi quantità di carburante, munizioni e materiali al fronte.

(11)

The Soviet combat power advantage relied on a massive sustainment system. They needed to both feed additional forces into battle (echelons) and continually move enormous quantities of fuel, munitions, and material to the front. (11)

La superiorità del fuoco di precisione americano – in particolare i sistemi missilistici basati a terra (HIMARS) e quelli lanciati dall’aria – offriva il potenziale per interrompere il sistema di sostentamento sovietico, fornendo potenza di fuoco in profondità nelle retrovie dello spazio di battaglia.

America's superior precision fires - particularly ground based rocketry (HIMARS) and air launched systems - offered the potential to disrupt the Soviet sustainment system by delivering firepower deep into the rear of the battlespace. (12)

Si prevedeva che la capacità di colpire con continuità e potenza avrebbe strangolato la potenza di combattimento sovietica, costringendola a nascondere e distribuire le risorse, impedendole di concentrare le forze di riserva, di spostarle rapidamente al fronte o di rifornirle.

. (13)

It was anticipated that a sustained and powerful strike capability would choke off Soviet fighting power by forcing them to hide and distribute assets, preventing them from concentrating reserve forces, moving them quickly to the front, or supplying them. (13)

Saturando le retrovie sovietiche di attacchi, si sperava che la potenza di combattimento sovietica potesse essere fortemente ridimensionata, impedendo all’Armata Rossa di concentrare i suoi mezzi di terra superiori, e rallentando il loro arrivo sulla linea di contatto.

(14)

By saturating the Soviet rear area with strikes, it was hoped that Soviet fighting power could be severely blunted by preventing the Red Army from concentrating its superior assets on the ground and slowing their arrival at the line of contact. (14)

Inoltre, il col. John Boyd suggerì quello che chiamò “counter blitzing”, una dottrina di vivaci contrattacchi su tutto il fronte nemico. Ciò avrebbe creato una situazione operativa ambigua e avrebbe impedito al nemico di concentrare le sue forze.

(15)

Furthermore, Col. John Boyd suggested what he called "counter blitzing" - a doctrine of lively counterattacking all over the enemy front. This would create an ambiguous operational situation and further prevent the enemy from concentrating his forces. (15)

In sostanza, queste dottrine sinergiche – attacchi di precisione in profondità e una postura di contrattacco frenetica e aggressiva – avrebbero esteso lo spazio di battaglia in tutte le direzioni, diluito la potenza di combattimento dei sovietici, e impedito loro di concentrare le forze per un assalto decisivo.

(16)

In essence, these synergistic doctrines - precision strikes in depth and a frenetic and aggressive counterattacking posture - would stretch the battlespace out in all directions, dilute Soviet fighting power, and prevent them from concentrating forces for a decisive assault. (16)

Nel complesso, questa dottrina era nota come “Airland Battle” (battaglia aereo-terrestre) e la sua qualità distintiva era la difesa in contrattacco e l’uso del fuoco di precisione per distruggere le forze nemiche di retroguardia e degradare il sostentamento del nemico.

(17)

Collectively, this doctrine was popularly known as "Airland Battle", and its defining quality was a counterattacking defense and the use of precision fires to attrit rear echelon enemy forces and degrade the enemy's sustainment. (17)

Ebbene, cosa vediamo in Ucraina? Qualcosa di piuttosto simile alla “Airland Battle”, alla battaglia aereo-terrestre, a quanto pare. La difesa russa dalla controffensiva ucraina ha visto sia una postura di contrattacco altamente proattiva, sia una crescita esponenziale delle capacità di attacco russe.

(18)

Well, what do we have in Ukraine? Something rather similar to Airland Battle, it would seem. The Russian defense against the Ukrainian Counteroffensive has seen both a highly proactive counterattacking posture and an exponential growth in Russian strike capabilities. (18)

Mentre la NATO si è impegnata a riattrezzare le forze meccanizzate dell’Ucraina (soprattutto mezzi di manovra di grosso calibro), la maggior parte delle nuove capacità della Russia si presentano sotto forma di fuochi di sbarramento come il Lancet, il Geran, l’UMPK e gli sciami di droni FPV che affliggono le truppe ucraine.

(19)

While NATO labored to retool Ukraine's mechanized force (mainly big ticket maneuver assets), most of Russia's new capabilities come in the form of standoff fires like the Lancet, Geran, UMPK, and the swarms of FPV drones that plague Ukrainian troops. (19)

Mentre gli ucraini vogliono concentrare il loro pacchetto meccanizzato a sud, i russi hanno sferrato attacchi opportunistici su tutto il fronte, attirando le riserve ucraine e creando un’estrema ambiguità operativa. Il col. John Boyd approverebbe.

(20)

While the Ukrainians want to concentrate their mechanized package in the south, the Russians have conducted opportunistic attacks all around the front, drawing in Ukrainian reserves and creating extreme operational ambiguity. Col. John Boyd would approve. (20)

Nel frattempo, i mezzi d’attacco russi continuano a martellare le aree di sosta, i depositi di munizioni e i posti di comando nel teatro meridionale. Hanno colpito treni e punti di assemblaggio, e tempestano le forze ucraine con i droni.

(21)

Meanwhile, Russian strike assets continue to hammer staging areas, ammunition dumps, and command posts in the southern theater. They've hit trains and assembly points, and they harry Ukrainian forces with drones. (21)

Tutto questo rende quasi impossibile per l’Ucraina concentrare i mezzi di manovra per attaccare, e rallenta il rafforzamento dei loro attacchi. In queste condizioni, è quasi impossibile attaccare con successo. Il fuoco viene sfruttato per disperdere e dissipare i mezzi di manovra del nemico.

(22)

All of this works to make it nearly impossible for Ukraine to concentrate maneuver assets to attack, and slow to reinforce their efforts. Under these conditions, its nearly impossible to attack successfully. Fires are leveraged to dissipate the enemy's maneuver assets. (22)

Ovviamente, la dottrina militare russa attinge al suo profondo pozzo di elaborazioni teoriche – il punto qui non è suggerire che abbiano rubato la “Airland Battle”. Forse, invece, dovremmo dire che il piano “Airland Battle” aveva identificato le verità fondamentali del campo di battaglia e delle operazioni.

(23)

Obviously, Russian military doctrine is its own deep well of thinking - the point here is not to suggest that they ripped off Airland Battle. Maybe instead, we should say that Airland Battle had identified fundamental truths of the battlefield and operations. (23)

Quando il nemico ha bisogno di concentrare le sue forze per attaccare con successo, la risposta logica è estendere lo spazio di battaglia sia orizzontalmente (contrattaccando freneticamente) che verticalmente (colpendo le sue infrastrutture di supporto e le sue riserve), costringendolo a disperdersi.

(24)

When the enemy needs to concentrate his forces to attack successfully, the logical response is to stretch the battlespace both horizontally (counterattacking frenetically) and vertically (striking his sustainment infrastructure and reserves), forcing him to disperse. (24)

Questo dovrebbe far riflettere i vertici militari occidentali. Piuttosto che liquidare i russi come un prodotto della forza bruta, dovrebbero considerare che questo esercito russo potrebbe essere un discepolo di John Boyd – un pensiero davvero preoccupante.

(25)

This should give western military leadership pause. Rather than dismissing the Russians as a product of brute force, they ought to consider that this Russian Army might just be a disciple of John Boyd - a sobering thought indeed. (25)

 

 

[1] https://italiaeilmondo.com/2022/08/29/linvasione-russa-dellucraina-parte-i-e-ii-di-marinus_a-cura-di-roberto-buffagni/

[2] http://italiaeilmondo.com/2022/08/31/sulle-implicazioni-dello-studio-sullinvasione-russa-dellucraina-pubblicato-dalla-marine-corps-gazette-di-roberto-buffagni/

Sfuggire al logoramento: L’Ucraina lancia il dado, di BIG SERGE

Sfuggire al logoramento: L’Ucraina lancia il dado

Il blockbuster estivo di Zaporizhia

L’immagine iconica dell’offensiva estiva ucrainaÈ passato un po’ di tempo, dall’ultima volta che ho pubblicato un commento articolato sulla guerra russo-ucraina in corso, e confesso che scrivere questo articolo mi ha creato un po’ di problemi. La tanto attesa grande controffensiva estiva dell’Ucraina è in corso da circa ottanta giorni e non ha dato grandi risultati. L’estate ha visto combattimenti accaniti in diversi settori (che verranno elencati di seguito), ma la linea di contatto si è spostata molto poco. Sono stato riluttante a pubblicare una discussione sulla campagna ucraina semplicemente perché hanno continuato a tenere reparti operativi in riserva, e non volevo pubblicare un commento prematuro che andasse in stampa proprio prima che gli ucraini esibissero qualche nuovo trucco, o svelassero un asso nascosto nella manica. In effetti, ho scritto la maggior parte di questo articolo la settimana scorsa, proprio prima che l’Ucraina lanciasse l’ennesimo tentativo di aprire una breccia nel settore di Orikhiv.A questo punto, però, l’apparizione di alcune delle ultime brigate di prim’ordine ucraine[1], che in precedenza erano state tenute in riserva, conferma che gli assi dell’attacco ucraino si sono manifestati. Solo il tempo ci dirà se queste preziose riserve riusciranno a fare breccia nelle linee russe, ma è passato abbastanza tempo da poter delineare che cosa esattamente l’Ucraina ha cercato di fare, perché, e perché finora ha fallito fino.Parte del problema della narrazione della guerra in Ucraina è la natura dei combattimenti: guerra di posizione e di logoramento. Si continua a cercare una manovra operativa coraggiosa per sbloccare la situazione, ma a quanto pare, la realtà è che, per ora, una combinazione di capacità e riluttanza ha trasformato questa guerra in una guerra di posizione con un ritmo offensivo lento, che assomiglia molto di più alla prima guerra mondiale che alla seconda.L’Ucraina aveva l’ambizione di sfondare il fronte e di ritrovare mobilità operativa, di sfuggire alla guerra d’attrito e di puntare su obiettivi significativi dal punto di vista operativo, ma finora questi sforzi non sono andati a buon fine. Per quanto si sia vantata d’esser capace di manovre operative di qualità superiore, l’Ucraina si trova ancora intrappolata in un assedio, e cerca dolorosamente di aprirsi un varco nelle posizioni russe calcificate: senza successo. 

L’Ucraina può anche non essere interessata a una guerra di logoramento, ma il logoramento è certamente interessato all’Ucraina.

 

Il paradigma strategico dell’Ucraina

Per chi ha seguito da vicino la guerra, quelle che seguono non saranno probabilmente informazioni nuove, ma credo che valga la pena di riflettere in modo olistico sulla guerra dell’Ucraina, e sui fattori che guidano le sue decisioni strategiche.

 

Per l’Ucraina, la conduzione della guerra è influenzata da una serie di inquietanti asimmetrie strategiche.

 

Alcune di queste sono ovvie, come la popolazione e l’industria militare molto più grandi della Russia, o il fatto che l’economia bellica russa è interna, mentre l’Ucraina dipende interamente dalle forniture occidentali di attrezzature e munizioni. La Russia è in grado di aumentare autonomamente la produzione di armamenti, e dal campo di battaglia arrivano numerosi segnali che l’economia bellica russa inizia a trovare il suo ritmo, con nuovi sistemi, come il Lancet, sempre più numerosi, e fonti occidentali che ora ammettono che la Russia è riuscita a serializzare una versione nazionale del drone iraniano Shahed[2]. Inoltre, la Russia ha la capacità asimmetrica di colpire le retrovie ucraine in una misura che l’Ucraina non può pareggiare, anche se le vengono forniti i temuti ATACM (questi daranno all’Ucraina il raggio d’azione per colpire obiettivi di profondità operativa nel teatro, ma non possono colpire le strutture di Mosca e Tula come i missili russi possono colpire ovunque in Ucraina).

Medvedev ispeziona la produzione di un carro armato
Con le significative asimmetrie russe nelle dimensioni della popolazione, nella capacità industriale, nella capacità di attacco e – diciamolo pure – nella sovranità e nella libertà decisionale, una guerra di logoramento e di posizione è matematicamente svantaggiosa per l’Ucraina, eppure è proprio questo il tipo di guerra in cui è rimasta intrappolata.Ciò che è importante capire, tuttavia, è che l’asimmetria strategica va oltre le capacità fisiche, come la base di popolazione, gli impianti industriali e la tecnologia missilistica, e si estende al regno degli obiettivi strategici e delle tempistiche.La guerra della Russia è stata deliberatamente inquadrata in un modo abbastanza aperto, con obiettivi in gran parte legati all’idea di “smilitarizzare” l’Ucraina. In effetti, gli obiettivi territoriali della Russia rimangono piuttosto nebulosi al di là dei 4 oblast annessi (anche se è sicuro che Mosca vorrebbe acquisire molto di più di questi). Tutto questo per dire che il governo di Putin ha deliberatamente inquadrato la guerra come un’impresa tecnico-militare incentrata sulla distruzione delle forze armate ucraine, e si è dimostrato perfettamente libero di cedere territori per ragioni di prudenza operativa.Al contrario, l’Ucraina ha obiettivi massimalisti di natura esplicitamente territoriale. Il governo Zelensky ha dichiarato apertamente di mirare – per quanto fantasioso possa essere – a ripristinare la totalità dei territori del 1991, compresi non solo i quattro oblast’ continentali ma anche la Crimea.La confluenza di questi due fattori – il massimalismo territoriale ucraino combinato con i vantaggi asimmetrici russi in un conflitto di posizione e d’attrito – costringe l’Ucraina a cercare un modo per rompere il fronte e ripristinare uno stato di fluidità operativa. Rimanere bloccati in una guerra di posizione è impraticabile per Kiev, in parte perché i vantaggi materiali della Russia inevitabilmente emergeranno (in un combattimento tra due giganti che roteano grandi mazze, si scommette sul più gigante più grande dotato della mazza più grande), e in parte perché una guerra di posizione (che equivale essenzialmente a un massiccio assedio) semplicemente non è un modo efficiente per riconquistare territorio.

 

Questo non lascia all’Ucraina altra scelta che sbloccare il fronte e cercare di ripristinare le operazioni mobili, con l’obiettivo di creare una propria asimmetria. L’unico modo possibile per raggiungere questo obiettivo è lanciare un’offensiva volta a interrompere le linee critiche di comunicazione e di rifornimento russe. Contrariamente ad alcuni suggerimenti[3] diffusi questa primavera, una grande offensiva ucraina contro Bakhmut o Donetsk semplicemente non era adatta.

 

Francamente, ci sono solo due obiettivi operativi adatti all’Ucraina. Uno è Starobils’k, il cuore pulsante al centro del fronte russo di Lugansk. Catturare o bloccare Svatove e poi Starobils’k creerebbe nel nord una vera e propria catastrofe operativa per la Russia, con effetti a cascata fino a Bakhmut. Il secondo possibile obiettivo era il ponte terrestre verso la Crimea, che poteva essere tagliato da una spinta attraverso la bassa Zaporizhia verso la costa del mare di Azov.

 

Era probabilmente inevitabile che l’Ucraina scegliesse l’opzione Azov, per alcune ragioni. Il ponte terrestre verso la Crimea è uno spazio di battaglia più conchiuso – un’offensiva a Lugansk avverrebbe all’ombra delle regioni russe di Belgorod e Voronezh, rendendo relativamente più difficile mettere fuori gioco forze russe significative. Forse ancora più significativa, tuttavia, è la radicata ossessione di Kiev per la Crimea e il ponte di Kerch, obiettivi che esercitano un influsso ipnotico che Starobils’k non potrebbe mai esercitare.

 

Questa può sembrare un’analisi un po’ impressionistica, ma vale la pena riflettere sul come e sul perché l’Ucraina ha finito per lanciare un’offensiva che era ampiamente telegrafata e prevista. Non c’è stata alcuna sorpresa strategica – un video sicuramente autentico del capo del GUR Budanov che sorrideva non ha ingannato nessuno. Le forze armate russe non si sono certo lasciate ingannare, avendo passato mesi a saturare il fronte con campi minati, trincee, postazioni di tiro e ostacoli. Tutti sapevano che l’Ucraina avrebbe attaccato verso la costa del Mar d’ Azov, in particolare con un occhio di riguardo per Tokmak e Melitopol, ed è esattamente questo che hanno fatto. Un attacco frontale contro una difesa preparata senza l’elemento sorpresa di solito è considerato una scelta sbagliata, ma ecco che l’Ucraina non solo tenta un attacco di questo tipo, ma lo lancia addirittura in un contesto di festeggiamenti globali e di aspettative fantasmagoriche.

L’infantile appello dell’Ucraina per l’OPSEC
È impossibile dare un senso a tutto questo senza comprendere il modo in cui sinora, l’Ucraina è rimasta ammanettata a una specifica interpretazione della guerra. L’Ucraina e i suoi sostenitori vantano due successi del 2022, in cui l’Ucraina è stata in grado di riconquistare un’ampia porzione di territorio, negli oblast di Kharkov e Kherson. Il problema è che nessuna di queste situazioni è trasferibile a Zaporizhia.Nel caso dell’offensiva di Kharkov, l’Ucraina ha individuato un settore del fronte russo che era stato svuotato, ed era difeso solo da una sottile schermo di truppe. L’Ucraina è stata in grado di allestire una forza attaccante e di avvalersi di una certa sorpresa strategica, grazie alle fitte foreste e alla generale scarsità di ISR russi nell’area. Ciò non per svalutare la portata del successo ucraino in quell’area; l’Ucraina ha senz’altro utilizzato al meglio le forze a sua disposizione, e ha sfruttato una sezione debole del fronte. Questo successo non è affatto rilevante per le circostanze odierne nel sud; la mobilitazione ha migliorato i problemi di generazione di forze della Russia, che non deve più fare scelte difficili su cosa difendere, e la linea del fronte di Zaporizhia, pesantemente fortificata, non è affatto come il fronte di Kharkov, che era tenuto da un velo di truppe.Il secondo caso di studio – la controffensiva di Kherson – è ancora meno pertinente. In questo caso, la leadership ucraina sta riscrivendo la storia a tempo di record. L’AFU ha sbattuto la testa contro le difese russe a Kherson per mesi, durante l’estate e l’autunno dello scorso anno, subendo perdite atroci. Un intero gruppo di brigate dell’AFU è stato sbranato a Kherson senza ottenere uno sfondamento, e questo anche con le forze russe in una disposizione operativa unica e difficile, con le spalle al fiume. Kherson fu abbandonata soltanto mesi dopo, per il timore che la diga di Kakhovka potesse cedere o essere sabotata (per chi segue lo svolgersi delle vicende, la diga in effetti finì per cedere) e per la necessità della Russia di economizzare le forze.Ancora una volta, quanto dico può essere frainteso, come se volessi sostenere che il ritiro della Russia da Kherson non aveva importanza. Ovviamente, abbandonare una testa di ponte conquistata a caro prezzo è una battuta d’arresto importante, e la riconquista della sponda occidentale di Kherson è stata una manna, per Kiev. Ma dobbiamo essere onesti sul perché è successo, e chiaramente non è successo a causa della controffensiva estiva dell’Ucraina – per evidenziarlo, basta ricordare che i funzionari ucraini si sono apertamente chiesti se il ritiro russo fosse un trucco o una trappola[4]. La questione è, semplicemente, se l’offensiva ucraina di Kherson sia predittiva di futuri successi offensivi. Non lo è.

 

Quindi, abbiamo un caso in cui l’Ucraina ha individuato una sezione di fronte poco difesa e l’ha attraversata, e un altro in cui le truppe russe hanno abbandonato una testa di ponte a causa di problemi logistici e di allocazione delle forze. Nessuno dei due casi è particolarmente rilevante per la situazione sulla costa dell’Azov, e in effetti, una riflessione onesta sulla controffensiva dell’AFU a Kherson[5] avrebbe potuto condurre a un ripensamento dell’Ucraina su un assalto frontale a difese russe preparate[6].

 

Invece, Kharkov e Kherson sono state presentate come la prova positiva che l’Ucraina può distruggere le difese russe in uno scontro diretto – in realtà, in questa guerra ancora non si danno casi in cui l’AFU abbia sconfitto posizioni russe fortemente difese, in particolare dopo la mobilitazione, quando la Russia ha finalmente iniziato a risolvere le sue carenze di effettivi. Ma l’Ucraina è presa nella morsa del suo peculiare racconto della guerra, che le ha trasmesso una fiducia immeritata nelle proprie capacità di condurre operazioni offensive. Tragicamente per i Mykolas ucraini mobilitati, ciò si è intrecciato con una seconda mitologia che induce alla spavalderia.

 

Uno dei principali argomenti promozionali per la controffensiva ucraina è stata l’acclarata superiorità delle grandi donazioni all’AFU provenienti dall’Occidente – i carri armati e i veicoli da combattimento per la fanteria. Dall’annuncio delle prime consegne, non sono mancate le vanterie[7] sulle molte superiorità[8] dei modelli occidentali, come i Leopard e i Challenger. L’implicazione era che gli abili carristi ucraini non aspettavano altro che di scatenarsi[9], appena al volante dei superlativi modelli occidentali. Il mio ritornello preferito è stata l’usanza di liquidare i carri armati russi come “dell’era sovietica”, trascurando di notare che anche l’Abrams (progettato nel 1975) e il Leopard 2 (1979) sono modelli della Guerra Fredda[10].

Un Leopard bruciato in Siria
È il caso di ripetere che non c’è nulla di sbagliato nei carri armati occidentali. Gli Abrams e i Leopard sono ottimi veicoli, ma la fiducia nelle loro capacità di cambiare le carte in tavola deriva da un’errata convinzione sul ruolo della corazzatura. Bisogna rendersi conto che i carri armati sono sempre stati e saranno consumati in massa. I carri armati esplodono. Vengono disattivati. Si rompono e vengono catturati. Le forze corazzate si esauriscono, e molto più velocemente di quanto ci si aspetti. Dato che le brigate preparate per l’assalto ucraino alla linea Zapo erano significativamente sotto-equipaggiate di veicoli, era semplicemente irrazionale aspettarsi che avessero un impatto eccessivo. Questo non vuol dire che i carri armati non siano importanti – la corazzatura rimane fondamentale per i combattimenti moderni – ma in un conflitto alla pari ci si deve sempre aspettare di perdere forze corazzate a ritmo costante, soprattutto quando il nemico mantiene la superiorità di fuoco.Si può quindi capire come una certa dose di arroganza possa facilmente insinuarsi nel pensiero ucraino, alimentata da una sana dose di disperazione e necessità strategica. Ragionando sulla base di una comprensione distorta dei successi ottenuti a Kharkov e Kherson, confortati dai loro nuovi giocattoli scintillanti e guidati da un’ansia strategica che impone loro di sbloccare il fronte in qualche modo, l’idea di un attacco frontale senza sorpresa strategica contro una difesa preparata potrebbe davvero sembrare una buona idea. Se si aggiunge il buon vecchio tropo dell’incompetenza e del disordine russo[11], si hanno tutte le carte in regola per un imprudente lancio di dadi da parte dell’Ucraina.CileccaVeniamo ora alle minuzie operative. Per una serie di ragioni, l’Ucraina ha scelto di tentare un assalto frontale al fronte fortificato russo di Zaporizhia, con l’intenzione di sfondare verso il mare di Azov. Come è possibile farlo? 

Abbiamo avuto alcuni indizi all’inizio, derivanti da una serie di caratteristiche geografiche e da presunte fughe di notizie da parte dell’intelligence. A maggio, il Rapporto Dreizin ha pubblicato una presunta sintesi russa dell’OPORD (Ordine Operativo) dell’Ucraina[12]. Il documento condiviso da Dreizin è stato presentato come una sintesi delle aspettative russe per l’offensiva ucraina (in altre parole, non si tratta di una fuga di notizie sui documenti di pianificazione interna dell’Ucraina, ma della migliore ipotesi russa sui piani dell’Ucraina).

 

In ogni caso, nel vuoto d’informazioni era lecito chiedersi se l’OPORD di Dreizin fosse autentico, ma in seguito siamo stati in grado di verificarlo. Ciò è dovuto all’altra fuga di notizie, ancora più famigerata[13], verificatasi all’inizio della primavera, che includeva il piano del Pentagono per la costruzione delle capacità di combattimento dell’Ucraina.

 

La NATO è stata molto generosa e ha conferito all’Ucraina, da zero, un pacchetto d’attacco meccanizzato. Tuttavia, poiché questa forza meccanizzata è stata messa insieme con una varietà di sistemi diversi provenienti da tutti gli angoli dell’Universo Cinematografico della NATO, le formazioni ucraine sono identificabili in modo univoco dalla loro particolare combinazione di veicoli ed equipaggiamenti. Così, ad esempio, la presenza di Stryker, Marder e Challenger indica la presenza sul campo dell’82ª Brigata, e così via.

 

Quindi, nonostante le pretese ucraine di sicurezza operativa, per gli osservatori è stato banalmente facile sapere quali formazioni ucraine sono sul campo. Ci sono state alcune deviazioni dal copione – per esempio, la 47a Brigata avrebbe dovuto schierare i carri armati Frankenstein sloveni M55[14], ma alla fine si è deciso di inviare gli M55 sottopotenziati sul fronte settentrionale[15] e la 47a è stata schierata con un contingente di carri armati Leopard, originariamente gestiti dalla 33a Brigata. Ma questi sono dettagli minori, e nel complesso abbiamo avuto una buona percezione di quando e dove le specifiche formazioni AFU scendono in campo.

 

Sulla base di unità identificabili, l’OPORD di Dreizin sembra molto vicino a ciò che abbiamo effettivamente visto all’inizio dell’offensiva ucraina.

 

L’OPORD di Dreizin prevedeva un assalto della 47a e della 65a Brigata alle linee russe a sud di Orikhiv, nel settore delimitato da Nesterianka e Novoprokopivka. Proprio al centro di questo settore si trova la città di Robotyne, e proprio lì, nella notte tra il 7 e l’8 giugno, si verificò il primo grande assalto dell’AFU, guidato dalla 47ª Brigata.

 

A questo punto diventa difficile valutare l’OPORD di Dreizin, semplicemente perché l’attacco ucraino è deragliato all’istante, ma una cosa che possiamo dire è che la fonte di Dreizin era corretta riguardo all’ordine con cui le unità ucraine sarebbero state introdotte in battaglia. Su questa base, possiamo analizzare l’OPORD e scommettere con sicurezza che questo è ciò che gli ucraini speravano di ottenere:

Il sogno dell’Ucraina: Il viaggio verso il mare
L’intenzione sembra essere stata di aprire una breccia nella linea russa con un assalto corazzato concentrato da parte della 47ª[1] e della 65ª Brigata, dopodiché una forza successiva composta dalla 116ª, 117ª e 118ª avrebbe iniziato la fase di sfruttamento, dirigendosi verso la costa di Azov e le città di Mikhailivka e Vesele a ovest. L’obiettivo era chiaramente quello di non impantanarsi in combattimenti urbani nel tentativo di catturare località come Tokmak, Berdyansk o Melitopol, ma di aggirarle e tagliarle fuori assumendo posizioni di blocco sulle strade principali.Contemporaneamente, una spinta minore – ma non meno critica – sarebbe uscita dall’area di Gulyaipole e si sarebbe diretta lungo l’asse di Bilmak. Questo avrebbe l’effetto sia di schermare l’avanzata principale a ovest, sia di incunearsi nel fronte russo, spezzettando l’integrità delle forze russe prese nel mezzo. Nel complesso, si tratta di un piano abbastanza sensato, anche se ambizioso e poco creativo. Per molti versi, questa era davvero l’unica opzione.Che cosa è andato storto, dunque? Beh, concettualmente è facile. Non c’è una breccia. La maggior parte dello schema di manovra è dedicata allo sfruttamento: raggiungere una tale linea, occupare questa posizione di blocco, schermare quella città, e così via. Ma cosa succede quando non c’è alcuna breccia? Come può verificarsi una tale catastrofe, e come si può salvare l’operazione quando va in malora nella fase di apertura?In effetti, è proprio quello che è successo. L’Ucraina si è trovata bloccata ai margini della linea di protezione più esterna della Russia, spendendo ingenti risorse nel tentativo di catturare il piccolo villaggio di Robotyne, e/o di aggirarlo a est infiltrandosi nel varco tra questo e il vicino villaggio di Verbove. Quindi, invece di questa rapida manovra di sfondamento e di svolta verso Melitopol, otteniamo qualcosa del genere:

Controffensiva ucraina con mappatura delle linee difensive russe
Potremmo essere generosi e dire che Robotyne è l’ultimo villaggio prima che l’attacco ucraino raggiunga la principale cintura difensiva russa, ma mentiremmo: dovranno anche liberare la città più grande di Novoprokopivka, due chilometri a sud. A titolo di riferimento, ecco uno sguardo più ravvicinato alle difese russe mappate nello spazio di battaglia, basato sull’eccellente lavoro di Brady Africk.
Difese russe nel settore di Robotyne
La discussione su queste postazioni può diventare un po’ confusa, semplicemente perché non è sempre chiaro cosa si intenda con la famosa frase “prima linea di difesa”. Chiaramente ci sono alcune opere difensive intorno e a Robotyne, e i russi hanno scelto di combattere per il villaggio, quindi in un certo senso Robotyne fa parte della “prima linea” – ma è più corretto parlarne come parte di quella che chiameremmo una “linea di schermatura”. La prima linea di fortificazioni continue lungo il fronte si trova diversi chilometri più a sud, ed è la fascia che l’Ucraina deve ancora raggiungere, figuriamoci sfondare.Al momento, sembra che le truppe russe abbiano perso il controllo totale di Robotyne ma continuino a tenere la metà meridionale del villaggio, mentre le truppe ucraine nella metà settentrionale del villaggio continuano a essere soggette a pesanti bombardamenti russi[16]. A questo punto dovremmo probabilmente considerare il villaggio come continuamente conteso e come un elemento della zona grigia.
Robotyne, in tutto il suo splendore
Ora, una breve nota su Robotyne stessa e sul motivo per cui entrambe le parti sono così determinate a combattere per essa. Superficialmente sembra piuttosto strano, dato che la preferenza russa, nel 2022, era di effettuare ritiri tattici sotto il loro ombrello di fuoco. Questa volta, però, stanno contrattaccando ferocemente per contendere Robotyne. Il valore del villaggio non risiede solo nella sua posizione sull’autostrada T-0408, ma anche nella sua eccellente posizione in cima a un crinale. Sia Robotyne che Novoprokopivka si trovano su un crinale di terreno elevato che è più alto di 70 metri rispetto alla bassa pianura a est.Ciò significa che se l’AFU si spinge in avanti nel tentativo di aggirare la posizione di Robotyne-Novoprokopivka spingendosi nel varco tra Robotyne e Verbove, sarà vulnerabile al fuoco sui fianchi (in particolare degli ATGM) delle truppe russe in altura. Abbiamo già visto filmati di questo tipo, con veicoli ucraini colpiti ai fianchi dal fuoco di Robotyne[17]. Sono molto scettico sul fatto che l’Ucraina possa anche solo tentare un serio assalto alla prima cintura difensiva finché non avrà catturato sia Robotyne che Novoprokopivka.In circostanze ideali, tutto questo sarebbe una bella gatta da pelare, con una serie di problemi ingegneristici da risolvere, ostacoli progettati per incanalare l’attaccante in corsie di tiro, trincee perpendicolari per consentire il fuoco di infilata[18] sulle colonne ucraine in avanzamento, e difese robuste su tutte le principali arterie stradali. Ma queste non sono le circostanze migliori. Si tratta di una forza stanca che ha esaurito gran parte della sua potenza di combattimento autoctona e che sta cercando di organizzare l’attacco utilizzando un pacchetto d’assalto frammentario e sottodimensionato.Diversi fattori hanno cospirato contro l’offensiva ucraina e sinergicamente hanno creato una vera e propria catastrofe militare per Kiev. Vediamo di elencarli.

 

Problema 1: lo strato difensivo nascosto

A questo punto, dobbiamo prendere atto di qualcosa che è sfuggito a tutti, sulla modalità di difesa russa. In precedenza avevo espresso grande fiducia nel fatto che le forze ucraine non sarebbero state in grado di fare breccia nelle difese russe, ma credevo, erroneamente, che la difesa russa si sarebbe conformata ai classici principi sovietici di difesa in profondità (delucidati in modo molto dettagliato dagli scritti di David Glantz, per esempio).

Modello di difesa in profondità di una brigata di fucilieri meccanizzata Una difesa di questo tipo, in parole povere, è aperta all’idea che il nemico possa sfondare la prima o anche la seconda linea di difesa. Lo scopo della difesa a più livelli (o “scaglionata”, nella terminologia classica) è garantire che la forza nemica resti bloccata nel tentativo di sfondare. Può penetrare il primo strato, ma via via che procede viene continuamente maciullato dalle fasce successive. L’esempio classico è la Battaglia di Kursk, dove i potenti panzer tedeschi penetrarono nelle cinture difensive sovietiche, ma poi rimasero bloccati perché furono abbattuti. Un’analogia è il giubbotto di kevlar, che utilizza una rete di fibre per fermare i proiettili: invece di rimbalzare, il proiettile viene catturato e la sua energia viene assorbita dalle fibre stratificate. In realtà ero abbastanza aperto all’idea che l’Ucraina avrebbe generato una certa penetrazione, ma prevedevo che si sarebbe arenata nelle fasce successive, e che l’offensiva si sarebbe spenta.Ciò che mancava in questo quadro – e questo è un merito della pianificazione russa – era la cintura difensiva invisibile davanti alle trincee e alle fortificazioni vere e proprie. Questa cintura anteriore consisteva in campi minati estremamente densi e in posizioni avanzate fortemente tenute nella linea di schermatura, dove i russi intendevano, evidentemente, combattere ferocemente. Piuttosto che sfondare la prima fascia e rimanere bloccati nelle aree interstiziali, gli ucraini sono stati ripetutamente sbranati nella zona di sicurezza, e i russi hanno costantemente contrattaccato per respingerli quando sono riusciti a ottenere dei punti d’appoggio. 

In altre parole, mentre ci aspettavamo che la Russia combattesse una difesa in profondità che assorbisse le punte di diamante ucraine e le facesse a pezzi nel cuore della difesa, i russi hanno in realtà dimostrato un forte impegno nel difendere le loro posizioni più avanzate, di cui Robotyne è la più famosa.

 

Sulla carta, Robotyne avrebbe dovuto funzionare come parte di una cosiddetta “zona di accartocciamento”, o “zona di sicurezza” – una sorta di cuscinetto a tenuta leggera che sottopone il nemico a fuochi preregistrati prima di scontrarsi con la prima cintura di difese continue e fortemente tenute. In effetti, una serie di rilievi aerei e satellitari dell’area, effettuati prima che l’Ucraina andasse all’attacco, mostravano che Robotyne si trovava ben davanti alla prima cintura di fortificazioni russe solide e continue.

 

Ciò che è sfuggito, a quanto pare, è la misura in cui i difensori russi hanno minato le aree di avvicinamento a Robotyne e si sono impegnati a difendersi all’interno della zona di sicurezza. L’entità dello sminamento sembra aver sorpreso gli ucraini[18] e mette a dura prova le limitate capacità dei genieri ucraini. Ancora più importante è il fatto che la densità delle mine ha creato vie di avvicinamento prevedibili per le forze ucraine, che sono costrette a passare ripetutamente attraverso lo stesso corridoio sotto il fuoco di artiglieria e missilistica russe.

 

Problema 2: Soppressione insufficiente

L’immagine caratteristica dei primi grandi assalti alla Linea Zapo è stata quella di colonne di mezzi di manovra non supportati, rastrellati dal fuoco russo, sia a terra (missili, ATGM e artiglieria tubolare) che da piattaforme aeree come l’elicottero d’attacco Ka-52 Alligator. Uno degli aspetti più sorprendenti di queste scene è stato il modo in cui le forze ucraine sono finite sotto il fuoco pesante mentre erano ancora in colonna, subendo perdite prima di essersi schierate in linea di tiro per iniziare l’assalto vero e proprio.

 

Le ragioni sono molteplici. Una di queste è la questione, ormai banale, della scarsità di munizioni ucraine. Considerate i seguenti elementi di interesse. Nel periodo precedente la controffensiva ucraina, la Russia ha condotto una pesante campagna aerea di contropreparazione che ha messo fuori uso grandi depositi di munizioni dell’AFU[19]. Gli assalti iniziali dell’Ucraina crollano di fronte al fuoco pesante e non contrastato dei russi. Gli Stati Uniti decidono di trasferire all’Ucraina munizioni a grappolo[20] perché, nelle parole del Presidente, “stanno finendo le munizioni”[21]. Se si aggiunge il degrado della difesa aerea ucraina, che permette agli elicotteri russi di operare con grande efficacia lungo la linea di contatto, si ottiene la ricetta del disastro. Mancando i tubi per sopprimere il fuoco russo o la difesa aerea per scacciare i velivoli russi, l’AFU ha aperto la sua offensiva spingendo disastrosamente in avanti reparti di manovra non supportati sotto una grandinata di fuoco.

 

Problema 3: le armi russe da sbarramento

È fondamentale capire che la cassetta degli attrezzi russa è fondamentalmente diversa rispetto alla battaglia per Kherson dell’anno scorso, a causa della rapida espansione della produzione di una serie di armi da sbarramento russe – in particolare il Lancet e le modifiche di planata UMPK per le bombe a gravità.

 

Il Lancet, in particolare, ha avuto un ruolo di primo piano22] – si dice che il fidato piccolo proiettile vagante sia responsabile di quasi la metà delle uccisioni dell’artiglieria russa[23] – e ha colmato una lacuna cruciale di capacità che ha episodicamente disturbato l’esercito russo durante il primo anno di guerra. Contrariamente a quanto sostenuto da alcuni occidentali, secondo i quali la Russia non sarebbe in grado di produrre droni in quantità sufficienti, la produzione del Lancet è stata incrementata con successo in un breve periodo di tempo[24], e anche la produzione di massa di altri sistemi, come il Geran, sta entrando in funzione[25].

Una bellezza: Zala Lancet
La proliferazione del Lancet e di sistemi simili significa, in poche parole, che nel raggio di 30 km dalla linea di contatto nulla è al sicuro, e ciò, a sua volta, frustra il dispiegamento da parte dell’AFU di mezzi di supporto critici come la difesa aerea e il Genio, amplificando la sua vulnerabilità alle mine e agli incendi russi. In effetti, abbiamo visto sempre più spesso diminuire l’uso dell’artiglieria ucraina nell’area di Robotyne a causa della minaccia dei “bisturi” [Lancet significa “bisturi”] (sembra che stiano trasferendo i tubi su altri fronti), e l’AFU sta favorendo l’uso degli HIMARS nel ruolo di soppressione.
Problema 4: linee di avvicinamento ripetitivePoiché l’AFU non è riuscita a sfondare il settore di Robotyne al primo tentativo, è stata costretta a spostare continuamente unità e risorse aggiuntive per martellare la posizione. Questo ha particolari implicazioni, sia nel senso che le forze AFU devono continuamente percorrere le stesse linee di avvicinamento alla linea di contatto, sia nel fatto che utilizzano la stessa area delle retrovie per assemblare e allestire le loro forze d’assalto.Ciò facilita notevolmente l’onere dell’ISR (Intelligence, Surveillance, Reconnaissance) russo, poiché l’AFU non dispone di un modo efficace per disperdere o nascondere i mezzi che sta portando all’assalto. Forze e materiali ucraini sono stati ripetutamente nascosti nei villaggi immediatamente dietro Orikhiv, come Tavriiske e Omeln’yk, e la Russia è in grado di colpire le infrastrutture delle retrovie[26], come i depositi di munizioni, perché – per dirla in parole povere – c’è solo un certo numero di località in cui queste risorse possono essere dispiegate, quando si assalta ripetutamente lo stesso settore di fronte largo 20 km. 

Recentemente il viceministro della Difesa ucraino Hanna Malair si è lamentata del fatto che l’82esima brigata – appena dispiegata nel settore di Orikhiv – è stata colpita da una serie di attacchi aerei russi nelle sue aree di sosta[27]. Secondo la Malair, ciò sarebbe dovuto a una scarsa OPSEC che avrebbe rivelato ai russi la posizione della brigata. Ma questo ha davvero poco senso; l’intera area di operazioni intorno a Orikhiv è profonda forse 25 km (da Kopani a Tavriiske) e larga 20 km (da Kopani a Verbove). Si tratta di un’area piccola che ha visto un’enorme quantità di traffico militare lungo le stesse strade per tutta l’estate. L’idea che la Russia abbia bisogno di informazioni privilegiate per sapere che deve sorvegliare e attaccare obiettivi in quest’area è assurda.

 

Problema 5: brigate fragili

In realtà, per “distruggere” un’unità operativa ci vogliono molti meno danni di quanto si pensi. Un’unità può diventare da eliminarsi dai combattimenti al 30% di perdite (con qualche variazione a seconda di come queste vengono assegnate). Lo dico, perché quando la gente sente il termine “distruzione”, pensa che significhi perdite totali. A volte questo è il modo in cui la parola viene usata nelle conversazioni colloquiali, ma ciò che conta, per gli ufficiali che cercano di gestire un’operazione, è se una formazione sia o meno in grado di combattere per i compiti che le vengono richiesti – e queste capacità possono svanire molto più rapidamente di quanto si pensi.

 

Questo è il caso in particolare del pacchetto meccanizzato ucraino, per una serie di ragioni. In primo luogo, come abbiamo discusso in articoli precedenti, queste brigate hanno iniziato la battaglia con una forza nettamente inferiore (ricordiamo, ad esempio, che l’82a brigata ucraina ha solo 90 Stryker AFV, mentre la brigata americana Strkyer dovrebbe averne 300). Inoltre, la natura di queste brigate, che sono state assemblate insieme, e la totale mancanza di sistemi di supporto autoctoni, come la riparazione e la manutenzione, significa che gli ucraini, ovviamente, dovranno cannibalizzare questi veicoli. Hanno già iniziato a designare veicoli “donatori” che vengono completamente sottratti alle forze attive e servono solo ad essere smontati per fornire pezzi di ricambio[28]. Il nesso di questi due fatti è che le brigate meccanizzate ucraine sono già sotto organico per quanto riguarda i veicoli e avranno un tasso di recupero abissalmente scarso, con un logorio nascosto dietro le quinte dovuto alla cannibalizzazione.

 

Ciò significa che quando a metà luglio abbiamo sentito ammettere che l’Ucraina aveva già perso il 20% dei suoi mezzi di manovra[29], si è verificato un calo catastrofico della capacità di combattimento. Le brigate principali – che hanno consumato il 50% o più dei loro veicoli di manovra – non possono più sostenere compiti di combattimento appropriati per una brigata, e gli ucraini sono costretti a inviare prematuramente sulla linea di contatto le loro unità di secondo livello.

 

A questo punto, elementi parziali di almeno dieci brigate diverse sono stati dispiegati nel settore di Robotyne[30], e l’82° probabilmente si unirà presto a loro. Dato che il piano di costruzione della capacità di di combattimento della NATO prevedeva solo 9 brigate addestrate dalla NATO, più alcune formazioni ucraine ricostituite, si può dire che non era previsto che tutte le brigate venissero impiegate in un combattimento di 71 giorni, solo per sfondare la linea di protezione.

 

Guardare l’abisso

Ultimamente ho visto diversi analisti e scrittori affermare che l’inserimento di ulteriori unità ucraine nel settore di Robotyne segna la prossima fase dell’operazione.

 

È un’assurdità. L’Ucraina è ancora impantanata nella prima fase. È successo invece che il logoramento delle brigate di prima linea ha costretto l’Ucraina a impegnare la seconda (e terza) ondata per completare i compiti della fase iniziale. L’attacco iniziale, guidato dalla 47a brigata, aveva lo scopo di creare una breccia nella linea di protezione russa intorno a Robotyne e di avanzare verso la principale cintura difensiva russa più a sud. Le brigate aggiuntive destinate allo sfruttamento – la 116ª, la 117ª, la 118ª, l’82ª, la 33ª e altre ancora – vengono ora sistematicamente inviate sulla linea di contatto per mantenere la pressione.

 

Queste brigate non sono state distrutte, ovviamente, semplicemente perché non sono state impegnate nella loro interezza, ma piuttosto come sottounità. Tuttavia, a questo punto le perdite ucraine rappresentano la maggior parte di un’intera brigata, distribuita nel pacchetto più ampio, e oltre 300 elementi di manovra (carri armati, IFV, APC, ecc.) sono stati eliminati.

 

Dobbiamo dirlo in modo molto esplicito. L’Ucraina non è passata alla fase successiva dell’operazione. È bloccata nella prima fase ed è stata costretta a impegnare prematuramente porzioni del secondo livello che erano state destinate ad azioni successive. Stanno lentamente ma inesorabilmente bruciando l’intero raggruppamento operativo e finora non hanno superato la linea di protezione della Russia. La grande controffensiva si sta trasformando in una catastrofe militare.

Ciò non significa che l’operazione sia fallita, semplicemente perché è ancora in corso. La storia ci insegna che non è saggio pronunciarsi in modo definitivo. La fortuna e i fattori umani (coraggio e intelligenza, codardia e stupidità) hanno sempre qualcosa da dire. Tuttavia, al momento la traiettoria va innegabilmente verso il fallimento.

 

Finora l’AFU ha mostrato una certa capacità di adattamento. In particolare, di recente li abbiamo visti abbandonare l’idea di spingere in avanti colonne non supportate di mezzi meccanizzati – invece si sono appoggiati a piccole unità appiedate[30], cercando di avanzare lentamente nello spazio tra Robotyne e Verbove. La mossa verso la dispersione è intesa a ridurre il tasso di perdite, ma riduce anche ulteriormente la probabilità di uno sfondamento drammatico e segna il temporaneo abbandono di un’azione di sfondamento decisiva a favore – ancora una volta – di una guerra di posizione strisciante.

 

Saremmo negligenti se non notassimo che in tutto questo ci sono state significative perdite russe. Sappiamo che le forze russe nel settore di Robotyne hanno richiesto una rotazione e un rafforzamento, anche con unità d’élite VDV e di fanteria navale. La Russia ha subito perdite in controbatteria, ha perso veicoli in azioni di contrattacco e sono stati uccisi uomini che tenevano le loro trincee. I gruppi d’assalto iniziali lanciati dagli ucraini avevano una grande capacità di combattimento, e gli scontri sono stati molto sanguinosi per entrambe le parti. Non si tratta di un tiro a segno unilaterale, ma di una guerra ad alta intensità.

 

Ma è proprio questo il nocciolo della questione: l’Ucraina sembra incapace di sfuggire alla guerra posizionale e di logoramento in cui si trova. È bello proclamare il ritorno alla guerra “di manovra”, ma se non si riesce a sfondare le difese nemiche, si tratta solo di una vanteria, e la natura del conflitto resta il logoramento, l’attrito. Quando la domanda diventa “riusciremo a sfondare prima di esaurire la capacità di combattimento”, non si fa guerra di manovra. Si fa guerra d’attrito.

 

Nella mia serie di articoli sulla storia militare, abbiamo esaminato una serie di casi in cui gli eserciti hanno cercato disperatamente di sbloccare il fronte e di ripristinare uno stato di manovra operativa, ma quando non c’è la capacità tecnica per farlo, queste intenzioni non hanno alcuna importanza. Nessuno vuole essere intrappolato dalla parte sbagliata della matematica attrizionale, ma a volte ciò che si vuole non ha alcuna importanza. A volte il logoramento viene imposto.

 

In assenza delle capacità necessarie a violare con successo le prodigiose difese russe – più fuoco a distanza, più difesa aerea, più ISR, più EW, più genieri, di più e di più – l’Ucraina è intrappolata in una lotta contro la roccia. Due combattenti che roteano le mazze  l’uno contro l’altro, e la Russia è un uomo più grande con una mazza più grande.

 

Due brutte scusanti

In mezzo a un evidente fiasco e a un crescente sconforto strategico, due nuovi suggerimenti si sono sempre più insinuati nella conversazione – “scusanti”, se volete, che vengono utilizzate come conforto narrativo per dirci che le operazioni ucraina in realtà stanno andando bene (nonostante la presa d’atto quasi universale, in Occidente, che i risultati sono stati a dir poco scarsi). Vorrei soffermarmi brevemente su ciascuna di esse.

 

Scusante 1: “La prima fase è la più difficile”.

Spesso si sostiene che l’AFU deve solo aprire la linea di protezione russa e il resto delle difese cadrà come un domino. L’argomentazione generale è che i russi non hanno riserve e che le linee difensive successive non sono adeguatamente presidiate: basta aprire la prima linea e il resto crollerà.

Probabilmente è confortante da dire a se stessi, ma è piuttosto irrazionale. Potremmo parlare, ad esempio, dello schema dottrinale russo per la difesa in profondità, che prescrive un’abbondante allocazione di riserve a tutte le profondità del sistema difensivo, ma probabilmente è più proficuo puntare a prove più immediate.

 

Consideriamo semplicemente il comportamento della Russia negli ultimi sei mesi. Ha speso un’enorme quantità di sforzi per costruire difese scaglionate – dobbiamo davvero credere che abbia fatto tutto questo solo per sprecare tutta la sua capacità di combattimento combattendo di fronte a queste difese? Non ci sono nemmeno prove che la Russia abbia problemi a rifornire il fronte di uomini, in questo momento. Abbiamo assistito a continue rotazioni e ridispiegamenti nell’ambito di un processo generale di ampliamento militare in Russia[31]. In effetti, tra i due belligeranti, è l’Ucraina che a quanto pare sta raschiando il barile in cerca di effettivi[32].

 

Scusante 2: “Arrivare a portata di tiro”

Questa è la storia più fantasiosa e consiste in un vero e proprio gioco delle tre carte. L’argomentazione è che l’Ucraina non ha bisogno di avanzare fino al mare e tagliare fisicamente il ponte di terra, tutto ciò che deve fare è portare le vie di rifornimento russe a portata di tiro per tagliare fuori le truppe russe. Questa teoria è stata diffusa su Twitter X e da personalità come Peter Zeihan (una persona che non sa nulla di questioni militari).

 

Ci sono molti problemi con questa linea di pensiero, la maggior parte dei quali deriva da un concetto gonfiato di “controllo con il fuoco”. Per dirla in parole povere, essere “a portata di tiro” dell’artiglieria non implica un’efficace negazione dell’area o l’interruzione delle linee di rifornimento. Se così fosse, l’Ucraina non sarebbe affatto in grado di attaccare da Orikhiv, poiché l’intero asse di avvicinamento è nel raggio di tiro russo. A Bakhmut, l’AFU ha continuato a combattere molto tempo dopo che le sue principali vie di rifornimento sono state sottoposte ai bombardamenti russi.

 

Il semplice fatto è che la maggior parte dei compiti militari sono condotti nel raggio di almeno una parte del fuoco a distanza del nemico, e l’idea che la Russia crollerà se l’AFU riuscirà a piazzare una granata sull’autostrada costiera di Azov è decisamente ridicola. In realtà, la principale linea ferroviaria russa è già nel raggio d’azione degli HIMARS ucraini e gli ucraini hanno lanciato con successo attacchi contro città costiere come Berdyansk. Nel frattempo, la Russia colpisce regolarmente le infrastrutture di supporto ucraine, eppure nessuno dei due eserciti è ancora crollato. Questo perché il fuoco a distanza è uno strumento per migliorare la matematica della guerra d’attrito e perseguire gli obiettivi operativi – non si vincono magicamente le guerre solo taggando le strade di rifornimento del nemico.

 

Ma siamo caritatevoli e assecondiamo questa linea di pensiero. Supponiamo che gli ucraini riescano ad avanzare, non fino alla costa, ma abbastanza da portare le principali vie di rifornimento della Russia a portata di artiglieria. Cosa farebbero? Caricherebbero una batteria di obici, li parcheggerebbero in prima linea e comincerebbero a sparare senza sosta sulla strada? Cosa pensate che succederebbe a quegli obici? I sistemi di controbatteria li attaccherebbero sicuramente. L’idea che si possa semplicemente issare un grosso cannone e iniziare a sparare contro i camion dei rifornimenti russi è davvero infantile. Per mettere fuori gioco le forze nemiche è sempre stato necessario bloccare fisicamente il transito, ed è quello che l’Ucraina dovrà fare se vuole tagliare il ponte terrestre della Russia.

 

La diversione

Sono consapevole del fatto che verrei messo sotto accusa se non parlassi di un’altra area di impegno ucraino, più a est, nell’oblast’ di Donestk. Qui, gli ucraini si sono fatti strada per una buona distanza lungo l’autostrada dalla città di Velyka Novosilka, conquistando diversi insediamenti.

 

Il problema di questo “altro” attacco ucraino è che è, in una parola, inconcludente. Questo asse di avanzata è operativamente sterile in un modo molto fondamentale, in quanto comporta la spinta di gruppi su uno stretto corridoio di strada che non conduce a nessun obiettivo importante. Come nel settore di Robotyne, l’AFU si trova ancora a una certa distanza dalle fortificazioni russe più importanti e, come se non bastasse, la strada e gli insediamenti su questo asse si trovano lungo un piccolo fiume. I fiumi, come sappiamo, scorrono a livello del suolo, il che significa che la strada si trova in fondo a un wadis/embankement/glacis, scegliete voi la terminologia. Di fatto, la rete stradale in quanto tale non consiste in nulla, se non in una carreggiata a una sola corsia su entrambi i lati del fiume.

Lo spettacolo di contorno a est
La mia lettura di questo asse è, in buona sostanza, che era stato concepito come una finta per creare una parvenza di confusione operativa, ma quando lo sforzo primario sull’asse di Orikhiv si è trasformato in un colossale errore, si è deciso di continuare a premere qui semplicemente per scopi narrativi. In definitiva, questo non è un asse di avanzata in grado di esercitare un’influenza significativa sulla guerra in generale. Le forze qui dispiegate sono relativamente minuscole nel più grande quadro delle cose, e non andranno da nessuna parte in modo significativo. Di certo, una penetrazione sottile e simile a un ago non riuscirà a percorrere più di 80 chilometri su una strada a una sola corsia verso il mare e a vincere la guerra.
Conclusione: i rinfacci
Uno dei segni più sicuri che la controffensiva ucraina ha preso una piega catastrofica è il modo in cui Kiev e Washington hanno già iniziato ad accusarsi a vicenda, eseguendo un’autopsia mentre il corpo è ancora caldo. Zelensky ha incolpato l’Occidente di essere stato troppo lento nel consegnare le attrezzature e le munizioni necessarie, sostenendo che ritardi inaccettabili hanno permesso ai russi di migliorare le loro difese[33]. Questo mi sembra piuttosto indecente e ingrato. La NATO ha costruito all’Ucraina un nuovo esercito da zero, con un processo che ha già richiesto una notevole riduzione dei tempi di addestramento.D’altra parte, gli esperti occidentali hanno iniziato a rimproverare all’Ucraina la presunta incapacità di adottare la “manovra ad armi combinate”[34]. Si tratta in realtà di un tentativo del tutto privo di senso di usare un gergo (errato) per spiegare i problemi. Per armi combinate si intende semplicemente l’integrazione e l’uso simultaneo di varie armi come i blindati, la fanteria, l’artiglieria e i mezzi aerei. Sostenere che l’Ucraina e la Russia siano in qualche modo cognitivamente o istituzionalmente incapaci di farlo è estremamente sciocco. L’Armata Rossa aveva una dottrina complessa ed estremamente approfondita sulle operazioni ad armi combinate. Un professore della Scuola di Studi Militari Avanzati degli Stati Uniti ha affermato che: “Il nucleo più coerente di scritti teorici sull’arte operativa si trova ancora tra gli autori sovietici”[35]. L’idea che le manovre ad armi combinate siano un concetto estraneo e nuovo per gli ufficiali sovietici (una casta che comprende gli alti comandi russi e ucraini) è ridicola. 

Il problema non è una sorta di ostinazione dottrinale ucraina, ma una combinazione di fattori strutturali radicati nell’insufficienza della potenza di combattimento ucraina e nel cambiamento del volto della guerra.

 

È francamente un po’ sciocco dire che l’Ucraina ha bisogno di imparare le “armi combinate”, quando semplicemente manca di capacità importanti che renderebbero possibile una campagna di manovra di successo – vale a dire, un adeguato fuoco a distanza, una forza aerea funzionante (e no, gli F-16 non risolveranno questo problema), Genio e guerra elettronica. Il problema fondamentale non è la flessibilità dottrinale, ma la capacità. Per analogia, è un po’ come mandare un pugile a combattere con un braccio rotto e poi criticare la sua tecnica. Il problema non è la sua tecnica, il problema è che è ferito e materialmente più debole del suo avversario. Allo stesso modo, il problema dell’Ucraina non è che non è in grado di coordinare le braccia, il problema è che le sue braccia sono in frantumi.

 

In secondo luogo – e questo, lo ammetto, è piuttosto scioccante per me – gli osservatori occidentali non sembrano aperti alla possibilità che la precisione del moderno fuoco a distanza (che si tratti di droni Lancet, di proiettili di artiglieria guidati o di razzi GMLRS), combinata con la densità dei sistemi ISR, possa semplicemente rendere impossibile condurre operazioni mobili a tappeto, se non in circostanze molto specifiche. Quando il nemico ha la capacità di sorvegliare le aree di sosta, di colpire le infrastrutture delle retrovie con missili da crociera e droni, di saturare con precisione le linee di avvicinamento con il fuoco dell’artiglieria e di riempire la terra di mine, come può essere possibile una manovra?

 

Le armi combinate e la manovra si basano sulla capacità di concentrare rapidamente un’enorme potenza di combattimento e di attaccare con grande violenza in punti ristretti. Questo è probabilmente impossibile, data la densità della sorveglianza e della potenza di fuoco russa e i molti ostacoli che hanno eretto per negare agli ucraini la libertà di movimento e sclerotizzare la loro attività. I principali esempi di manovra nella recente memoria occidentale – le campagne in Iraq – hanno solo una tenue attinenza con le circostanze di Zaporizhia.

 

In definitiva, siamo tornati a una guerra di massa – masse di strumenti ISR, masse di artiglieria e missilistica. L’unico modo in cui l’Ucraina può manovrare come vuole è sfondare il fronte, e può farlo solo con un numero maggiore di tutto: più attrezzature per lo sminamento, più granate e tubi, più missili, più blindati. Solo la massa può aprire una breccia adeguata nelle linee russe. Altrimenti, sono bloccati in un conflitto di attrito, e obbligati a strisciare lentamente attraverso le dense difese russe. Criticarli perché non sono in grado di afferrare la magica nozione occidentale di “armi combinate” è la più strana specie di rinfaccio.

 

Quindi, che fine farà la guerra da qui in poi? Beh, la domanda ovvia da porsi è se crediamo che l’Ucraina avrà mai un pacchetto d’assalto più potente di quello con cui ha iniziato l’estate. La risposta sembra chiaramente essere no. Mettere insieme queste deboli brigate è stato piacevole come farsi estrarre i denti senza anestesia. L’idea che, dopo la sconfitta nella battaglia di Zaporizhia, la NATO possa, non si sa come, mettere insieme un pacchetto più potente, mi sembra molto difficile. Tanto per esser chiari, gli ufficiali americani hanno detto abbastanza esplicitamente che questo era il miglior pacchetto meccanizzato che l’Ucraina potesse ottenere[36].

 

Non sembra controverso affermare che questa era la migliore possibilità, per l’Ucraina, di ottenere una specie di autentica vittoria operativa, che a questo punto sembra lentamente ridursi a modesti, ma materialmente costosi progressi tattici. L’implicazione finale è che l’Ucraina non è in grado di sfuggire a una guerra di logoramento industriale, che è proprio il tipo di guerra che non può vincere, a causa di tutte le asimmetrie che abbiamo menzionato in precedenza.

 

In particolare, però, l’Ucraina non può vincere una guerra di posizione e d’attrito a causa della sua stessa definizione massimalista di “vittoria”. Dal momento che Kiev ha insistito sul fatto che non si arrenderà fino al ritorno ai confini del 1991, l’incapacità di sloggiare le forze russe pone un problema particolarmente spiacevole: Kiev dovrà ammettere la sconfitta e riconoscere il controllo russo sulle aree annesse, oppure continuerà a combattere ostinatamente fino a diventare uno Stato fallito senza più benzina nel serbatoio.

 

Intrappolata in una lotta a colpi di mazza, con i tentativi di sbloccare il fronte con le manovre che non portano a nulla, ciò di cui l’Ucraina ha più bisogno è una mazza molto più grande. L’alternativa è un disastro strategico totale.

https://bigserge.substack.com/p/escaping-attrition-ukraine-rolls?utm_source=post-email-title&publication_id=1068853&post_id=136284338&isFreemail=true&utm_medium=email

arrivare per primi, di Big Serge_a cura di Roberto Buffagni

 

In questa serie di tweet del 19 giugno “Big Serge”, forse il più acuto commentatore delle operazioni militari in Ucraina, propone un insight strategico di grande valore sul quale concordo al 100%. Molto interessante constatare che questa interpretazione convalida e sviluppa la lettura delle primissime settimane di guerra che propose “Marinus”, probabilmente il Ten. Gen. Paul Van Riper, Corpo dei Marines, sulla “Marine Corps Gazette” di giugno e agosto 2022, sebbene “Big Serge” non la conosca (non la cita mai nei suoi commenti).

Marinus” non ha pubblicato altre analisi sulla guerra in Ucraina, probabilmente per ragioni di opportunità politica: le sue interpretazioni smentiscono radicalmente la lettura occidentale ufficiale delle operazioni belliche russe.

Nel 2022, “italiaeilmondo.com” ha pubblicato la traduzione italiana del saggio in due parti di “Marinus”1, e un mio commento sulle sue rilevantissime implicazioni2.

Buona lettura.

Roberto Buffagni

 

Big Serge

@witte_sergei

Molti sostengono che la guerra in Ucraina dimostri che siamo tornati allo stile di guerra della Prima Guerra Mondiale, dove attaccare con successo è quasi impossibile, e che questo renda meno probabili le guerre future a causa delle scarse probabilità di successo.

In realtà penso che sia vero il contrario.

Il clamoroso fallimento della controffensiva ucraina (e la lenta avanzata della Russia in altre parti del Donbas) dimostra che avanzare contro un esercito del XXI secolo che combatte da una posizione preparata con un ISR e una potenza di fuoco adeguati sarà un compito estremamente difficile.

Penso che l’implicazione strategica di ciò migliori effettivamente il calcolo per le prese territoriali limitate e calcolate, perché se il primo arrivato riesce a raggiungere un certo livello di sorpresa strategica e a impadronirsi rapidamente del territorio, può essere quasi impossibile da sloggiare.

Il successo della Russia in Ucraina suggerisce in realtà una pianificazione molto potente. Hanno consolidato il controllo della spalla di Lugansk e del ponte di terra di Zapo nella fase iniziale della guerra, e ora l’Ucraina non ha un percorso realistico per riconquistare questi territori.

La conclusione è che se gli obiettivi possono essere conquistati con un colpo di mano all’inizio, l’attaccante può comunque trincerarsi sotto l’ombrello del fuoco e dell’ISR e avere ottime probabilità di mantenere le proprie conquiste e costringere il nemico a cedere il territorio.

Si può facilmente vedere come si configurerebbe la pianificazione per le guerre che puntano a obiettivi limitati: sorpresa strategica, alta tolleranza per le perdite di vite umane e materiali all’inizio per assicurare una rapida presa degli obiettivi, e comunque trincerarsi. Afferrare e tenere duro, sapendo che non si può essere cacciati via.

Ci sono aree di ogni tipo in cui si potrebbe vedere applicata una simile strategia: il Karabakh nel Caucaso, lo spartiacque himalayano tra la Cina e l’India, la valle di Fergana e altro ancora.

Un altro modo per dirlo è quello di dire che la moderna combinazione ISR/Fuoco dà un significativo vantaggio a chi si muove per primo, perché il momento più facile per l’avanzata saranno le prime settimane di guerra, prima che le difese si consolidino.

 

2 http://italiaeilmondo.com/2022/08/31/sulle-implicazioni-dello-studio-sullinvasione-russa-dellucraina-pubblicato-dalla-marine-corps-gazette-di-roberto-buffagni/

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure 

PayPal.Me/italiaeilmondo

Su PayPal è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (ho scoperto che pay pal prende una commissione di 0,38 centesimi)

Guerra russo-ucraina: l’insurrezione di Wagner, di Big Serge

Questa analisi che traduco e pubblichiamo mi pare in assoluto la migliore e la più equilibrata tra tutte le moltissime comparse sinora sulla vicenda dell’insurrezione armata delle milizie Wagner; forse anche perché coincide con la mia, pubblicata il 25 giugno scorso[1]: si tenga dunque in considerazione il possibile conflitto di interessi, nel mio giudizio positivo.

L’analisi di Big Serge sfugge al pericolo principale, che in casi simili è: sovrainterpretare. Una miriade di informazioni impossibili da verificare, manipolazioni a tutto spiano, emozioni al calor bianco: è in casi come questo che la nebbia della guerra clausewitziana sale più fitta. Per farsi un’idea, invece, è necessario attenersi a quel che è possibile valutare con un minimo sindacale di attendibilità, non farsi travolgere dai pregiudizi e dalle ipotesi onnicomprensive che spiegano tutto, in breve sospendere il giudizio su tutto ciò che non suoni autentico, e tenersi pronti a cambiare idea se il contesto muta con il passare dei giorni.

L’Autore, inoltre, ha ben chiaro che “nel nostro tempo prevale un modello analitico: c’è una macchina che prende istantaneamente vita, accogliendo voci e informazioni parziali in un ambiente di estrema incertezza e risputando formule che corrispondono a presupposti ideologici. L’informazione non è valutata in modo neutrale, ma è costretta a passare attraverso un filtro cognitivo che le assegna un significato alla luce di conclusioni predeterminate.

In altre parole, la maggior parte dell’informazione e dei commenti, sia nei media ufficiali, sia nelle fonti che si vogliono “critiche” e “alternative”, corrisponde a quel che Leszek Kolakowski chiamava “la quinta operazione”. Nelle quattro operazioni aritmetiche – addizione, sottrazione, moltiplicazione, divisione – il risultato consegue ai fattori, e non è noto prima che l’operazione aritmetica sia eseguita. La “quinta operazione”, invece, precostituisce il risultato e vi adatta i fattori che lo producono.

Buona lettura.

Roberto Buffagni

[1] http://italiaeilmondo.com/2023/06/25/commedia-in-piu-atti-di-roberto-buffagni-linquietante-azione-a-distanza-di-pierluigi-fagan/

Guerra russo-ucraina: l’insurrezione di Wagner

La corsa selvaggia di Yevgeny Prigozhin

26 GIU 2023

Gli eventi dello scorso fine settimana (23-25 giugno 2023) sono stati così surreali e fantasmagorici da sfuggire alla narrazione e alla descrizione. Venerdì, il famigerato Gruppo Wagner ha lanciato quella che sembrava una vera e propria insurrezione armata contro lo Stato russo. Hanno occupato parte di Rostov sul Don – una città di oltre 1 milione di abitanti, capoluogo di regione e sede del Distretto militare meridionale della Russia – prima di partire in colonna armata verso Mosca. Questa colonna – dotata di equipaggiamento militare pesante, compresi i sistemi di difesa aerea – è arrivata a poche centinaia di chilometri dalla capitale – praticamente indisturbata dalle forze statali russe – prima di fermarsi bruscamente, annunciare che era stato raggiunto un accordo con l’aiuto del presidente bielorusso Aleksandr “Zio Sasha” Lukashenko, fare marcia indietro e tornare alle basi di Wagner nel teatro ucraino.

Inutile dire che lo spettacolo di un gruppo di mercenari russi che marciava armato su Mosca e di carri armati e fanteria Wagner che isolavano gli edifici del Ministero della Difesa a Rostov, ha suscitato nei commentatori occidentali la fiducia che lo Stato russo stesse per essere rovesciato e che lo sforzo bellico russo in Ucraina sarebbe evaporato. Nel giro di poche ore sono state diffuse previsioni fiduciose e stravaganti[1], tra cui l’affermazione che l’impronta globale della Russia si sarebbe disintegrata mentre il Cremlino richiamava le truppe per difendere Mosca e che la Russia stava per entrare in uno stato di guerra civile[2]. Abbiamo anche visto la macchina della propaganda ucraina andare in tilt, con personaggi come Anton Gerashchenko e Igor Sushko che hanno bombardato i social media con storie false sull’ammutinamento di unità dell’esercito russo e sulla “defezione” dei governatori regionali a Prigozhin.

Va detto questo, sul modello analitico che prevale nel nostro tempo: c’è una macchina che prende istantaneamente vita, accogliendo voci e informazioni parziali in un ambiente di estrema incertezza e risputando formule che corrispondono a presupposti ideologici. L’informazione non è valutata in modo neutrale, ma è costretta a passare attraverso un filtro cognitivo che le assegna un significato alla luce di conclusioni predeterminate. Si presume che la Russia crollerà e subirà un cambiamento di regime (lo ha detto Fukuyama), quindi le azioni di Prigozhin dovevano essere inquadrate in riferimento a questo presunto scenario finale.

All’estremo opposto, abbiamo assistito a una misura analoga di aggressivo adattamento al modello da parte dei sostenitori della Russia “Confidiamo nel Piano”, tutti sicuri che la rivolta di Wagner fosse solo una recita, un elaborato stratagemma architettato di concerto da Prigozhin e Putin per ingannare i nemici della Russia e far avanzare il Piano. L’errore analitico in questo caso è lo stesso: le informazioni vengono analizzate al solo scopo di sostenere e far avanzare una conclusione preconfezionata; solo che si presume l’onnicompetenza russa, invece del collasso dello Stato russo.

Io ho assunto una posizione intermedia. Ho trovato l’idea che la Russia si trovasse di fronte a una guerra civile o a un collasso statale estremamente bizzarra e del tutto infondata, ma non pensavo nemmeno (e ritengo che gli eventi abbiano confermato questa opinione) che Prigozhin agisse in collaborazione con lo Stato russo per inscenare  una farsa. Se davvero la rivolta di Wagner è stata una Psyop (operazione psicologica) per ingannare la NATO, si è trattato di un’operazione estremamente elaborata e contorta che non ha ancora mostrato alcun chiaro beneficio (ci ritorno più avanti).

La mia convinzione di massima è che Prigozhin abbia agito di sua spontanea volontà in modo estremamente rischioso (rischiando sia la propria vita che un effetto destabilizzante sulla Russia). Ciò ha posto lo Stato russo di fronte a una vera e propria crisi (anche se non sufficientemente grave da minacciare l’esistenza dello Stato) che, a mio avviso, è stata gestita nel complesso abbastanza bene. La rivolta di Wagner è stata chiaramente negativa per la Russia, ma non è stato un rischio esistenziale, e lo Stato ha fatto un buon lavoro per contenerla e mitigarla.

Entriamo nel merito, iniziando con un breve sguardo alla cronologia degli eventi.

Anatomia di un ammutinamento

La quantità di disinformazione (propagata in particolare dagli ucraini e dai liberali russi residenti in Occidente) che è circolata durante il fine settimana è stata estrema, per cui potrebbe essere prudente rivedere la progressione degli eventi così come sono effettivamente accaduti.

Il primo segnale che qualcosa non andava è arrivato con alcune dichiarazioni esplosive del capo della Wagner Yevgeny Prigozhin il 23 (venerdì). In un’intervista piuttosto lunga e incoerente[3], ha fatto l’affermazione scioccante che la giustificazione russa per la guerra in Ucraina era una vera e propria menzogna, e che la guerra era infestata di corruzione e uccisioni di civili. Le cose sono diventate ancora più folli quando la Wagner ha affermato che l’esercito russo aveva colpito il loro campo con un missile. Questo era estremamente strano: il video[4] che è stato rilasciato (che pretendeva di mostrare le conseguenze di questo “attacco missilistico”) non mostrava un cratere d’impatto, né detriti, né alcun ferito o ucciso del personale di Wagner. I “danni” del missile consistevano in due fuochi da campo che bruciavano in una trincea – a quanto pare la Russia ha missili che possono innescare piccoli incendi controllati senza distruggere la vita vegetale circostante?

Il video ovviamente non mostrava le conseguenze di un attacco missilistico, ma la retorica di Prigozhin si è intensificata dopo questo fatto e ha presto annunciato che Wagner avrebbe iniziato una “marcia per la giustizia” per ottenere soddisfazione delle sue varie rimostranze. Non era chiaro cosa volesse esattamente, ma sembrava incentrato su rancori personali nei confronti del Ministro della Difesa Sergei Shoigu e del Capo di Stato Maggiore Valery Gerasimov.

Poco dopo, sono arrivati alcuni video dalle autorità russe (tra cui uno con il generale Surovikin) che sembravano scongiurare la Wagner di “fermare il movimento delle loro colonne” e di tornare ai loro posti, per evitare spargimenti di sangue e destabilizzazione. Questo convalidava alcune delle voci secondo cui Wagner stava lasciando il teatro di operazioni in forze. La notizia che la Guardia Nazionale Russa era stata attivata a Mosca e altrove sembrava avvalorare il timore che uno scontro armato in Russia fosse imminente.

Alla fine di venerdì, convogli armati di Wagner erano a Rostov[5] (con il marchio Z rosso) e avevano preso il controllo di diversi uffici militari, in quello che equivaleva a un colpo di mano incruento per impossessarsi della città. Le scene erano un po’ stravaganti: carri armati per le strade della città e cordoni di sicurezza intorno a strutture chiave, ma apparente indifferenza da parte della popolazione. La gente si mescolava tra le truppe di Wagner[6], gli spazzini proseguivano il loro lavoro[7], Wagner comprava cheeseburger[8] e la gente si faceva foto con i carri armati.

1 un T -72 è il non plus ultra degli accessori

 

Quella sera, Prigozhin ebbe un incontro teso ma civile[9] con due funzionari di alto livello del Ministero della Difesa: Yanus Evkurov (vice ministro della Difesa) e Vladimir Alekseev (vice capo della direzione dell’intelligence militare).

Le cose si sono scaldate sul serio il giorno dopo (sabato 24) con la notizia che due consistenti corpi armati si stavano muovendo all’interno dei confini prebellici della Russia. Uno era una colonna di personale e armi di Wagner che aveva lasciato Rostov per Mosca, l’altra una forza cecena inviata dallo Stato a Rostov. Alla notizia che le forze statali russe stavano stabilendo posti di blocco e posizioni difensive al di fuori di Mosca, sembrava che potessero essere imminenti due battaglie separate: una della colonna Wagner contro le forze statali davanti a Mosca, e un’altra tra i ceceni e i resti dei Wagner per il controllo di Rostov.

È stato a questo punto che la disinformazione ucraina ha iniziato a scatenarsi, affermando che le unità militari russe e le amministrazioni regionali stavano disertando nel campo di Prigozhin, sostenendo che non si trattava solo di una rivolta della Wagner contro lo Stato, ma di una rivolta generale del sistema russo contro il governo di Putin. In realtà (e questo è un punto chiave su cui tornerò più avanti) non ci sono state defezioni in nessuna unità militare russa regolare o nei governi regionali, e non ci sono stati disordini civili. L’ammutinamento è stato limitato al Gruppo Wagner, e anche in questo caso non tutto il Wagner ha partecipato.

Comunque sia, nelle prime ore della sera di sabato c’erano motivi concreti per temere che si potesse sparare fuori Mosca o a Rostov. Putin ha rilasciato una dichiarazione in cui denunciava il tradimento e prometteva una risposta adeguata. Il Ministero della Giustizia russo ha aperto un fascicolo penale contro Prigozhin per tradimento. Due aerei del Ministero della Difesa russo sono stati abbattuti (un elicottero Mi-8 e un IL-22) dalla colonna Wagner. L’atmosfera globale è diventata notevolmente più umida a causa del volume di salivazione proveniente da Washington.

2 Lì non si può parcheggiare, amico

Poi, la colonna Wagner si è fermata. Il governo bielorusso ha annunciato che era stato negoziato un accordo con Prigozhin e Putin. L’ufficio di Lukahsenko affermò che “si è raggiunto l’accordo sull’inammissibilità di scatenare un sanguinoso massacro sul territorio della Russia”. La colonna si allontanò dalla strada per Mosca e tornò ai campi Wagner in Ucraina, mentre le forze di Wagner rimaste a Rostov fecero i bagagli e partirono. A parte gli equipaggi dei due aerei abbattuti, nessuno fu ucciso.

Naturalmente, le speculazioni si sono immediatamente concentrate sui termini dell’accordo tra Prigozhin e lo Stato. Alcuni hanno ipotizzato che Putin avesse accettato di rimuovere Shoigu, Gerasimov o entrambi dai loro incarichi (forse era questo lo scopo fin dall’inizio?). In realtà, i termini sono stati relativamente blandi e anticlimatici:

Il procedimento per tradimento contro Prigozhin è stato ritirato e lui è andato in Bielorussia.

i combattenti Wagner che avevano partecipato alla rivolta non sarebbero stati accusati e sarebbero tornati a operare in Ucraina

I combattenti Wagner che non hanno partecipato alla rivolta avrebbero firmato contratti con le forze armate russe (essenzialmente uscendo da Wagner e diventando truppe regolari a contratto)

Un vago riferimento a “garanzie di sicurezza” per i combattenti Wagner.

Quindi, tutto questo è molto strano. Una vera e propria insurrezione armata con carri armati e armi pesanti (non un uomo con un copricapo da bufalo[10]) con la presa di controllo di strutture militari, risolta improvvisamente da Lukashenko, e tutto ciò che Prigozhin sembra aver ottenuto è stato… un passaggio gratuito per la Bielorussia? Davvero strano.

Cerchiamo quindi di analizzare ciò che è successo utilizzando un quadro analitico che non sia predeterministico – cioè, assumiamo che né l’onnicompetenza russa né il cambio di regime russo e la coccolosità neoliberale siano garantiti.

Vorrei iniziare affrontando proprio queste due teorie ideologicamente predeterminate. Da un lato c’è chi sostiene che la Russia stia per precipitare in un conflitto civile e in un cambio di regime, dall’altro chi pensa che l’intera vicenda sia stata una manovra psicologica pre-pianificata dal governo russo. I primi sono già stati screditati in virtù del fatto che tutte le loro drammatiche previsioni sono crollate nel giro di 24 ore: Prigozhin non ha infatti guidato un ammutinamento che si è contagiato nel sistema russo, non ha rovesciato Putin e non si è autoproclamato zar Eugenio I. L’altra teoria estrema – quella della psyop – rimane praticabile, ma la ritengo estremamente improbabile, per le ragioni che elencherò ora.

Scenari di psyop

È relativamente facile limitarsi a dire “l’ammutinamento è stato uno psyop” senza approfondire. È banalmente ovvio che la rivolta di Wagner ha “ingannato” l’analisi occidentale[11] – ma questa non è ipso facto una prova che la rivolta sia stata inscenata allo scopo di ingannare l’Occidente. Dobbiamo chiedere qualcosa di più specifico: a quale scopo la rivolta potrebbe essere stata sceneggiata?

Ho individuato quattro teorie distinte che meritano almeno di essere esaminate: vediamole e spieghiamo perché, a mio avviso, nessuna di esse riesce a spiegare in modo soddisfacente la rivolta.

Opzione 1: esca viva

Una potenziale spiegazione – che ho visto suggerire abbastanza spesso – è l’idea che Prigozhin e Putin abbiano inscenato la rivolta allo scopo di stanare teoriche reti di sediziosi, agenti stranieri ed elementi sleali. Si suppone che Prigozhin abbia creato una specie di crisi controllata, ma esteticamente realistica, per lo Stato russo, facendo apparire il governo di Putin vulnerabile e costringendo parti infide e nemiche in tutta la Russia a rivelarsi.

Concettualmente, ciò equivale più o meno a dire che il governo di Putin finge di essere un animale ferito per attirare gli avvoltoi e poterli uccidere.

Penso che questa teoria sia interessante per la popolare, perché fa di Putin un leader estremamente astuto, machiavellico e paranoico. È anche il motivo per cui penso che sia sbagliata. Putin ha tratto una grande legittimazione dalla sua capacità di combattere la guerra senza sconvolgere la vita quotidiana in Russia – non ci sono razionamenti, non ci sono arruolamenti, non ci sono restrizioni alla circolazione, ecc. In effetti, una delle maggiori critiche a Putin è stata mossa dal partito della guerra, secondo il quale egli sta combattendo timidamente la guerra perché ha paura, e che si preoccupi troppo di mantenere la normalità in Russia.

Sembra quindi incongruo che un leader che si è preoccupato di non mettere la società russa su un piede di guerra faccia poi qualcosa di così destabilizzante come inscenare una finta rivolta. Inoltre, se davvero la rivolta di Wagner era una sceneggiata per stanare altri elementi infidi e terroristici, è fallita malamente: non ci sono state defezioni, né disordini civili, né denunce di Putin. Quindi, per diverse ragioni, la teoria dell’esca viva non supera la prova dell’olfatto.

Opzione 2: mascheramento dei dispiegamenti

Una seconda teoria è l’idea che la rivolta di Wagner sia stata essenzialmente una gigantesca cortina fumogena per consentire il movimento di forze militari in Russia. Suppongo che il ragionamento sia che se le colonne armate svolazzano di qua e di là, la gente potrebbe non accorgersi se le forze russe si spostano in posizione per, ad esempio, attaccare Sumy o Kharkov. Questa idea è stata cosmeticamente rafforzata dalla notizia che Prigozhin sarebbe andato in Bielorussia. Si trattava forse di uno stratagemma per mascherare il dispiegamento della Wagner per un’operazione nell’Ucraina occidentale?

Il problema di questa linea di pensiero è triplice. In primo luogo, non comprende la complessità dell’allestimento di una forza per le operazioni. Non si tratta solo di portare in posizione una fila di camion e carri armati: ci sono enormi necessità logistiche. Munizioni, carburante, infrastrutture per le retrovie devono essere allestite. Questo non può essere fatto in 24 ore, sotto la copertura temporanea di un finto ammutinamento.

In secondo luogo, l’effetto “distrazione” è diretto soprattutto ai media e ai commentatori, non all’intelligence militare. Per dirla in altro modo, la CNN e il New York Times erano sicuramente concentrati sulla rivolta di Wagner, ma i satelliti americani continuano a sorvolare lo spazio di battaglia e l’ISR occidentale è ancora in funzione. Le buffonate di Prigozhin non impedirebbero loro di osservare gli allestimenti per attaccare un nuovo fronte.

Terzo e ultimo punto: non sembra che gran parte di Wagner accompagnerà Prigozhin in Bielorussia – il suo viaggio nella Terra di Lukashenko assomiglia più a un esilio che a una riorganizzazione del Gruppo Wagner.

Opzione 3: Radicalizzazione architettata

Questa è la solita teoria della “falsa bandiera” che circola ogni volta che accade qualcosa di brutto da qualche parte. È diventata piuttosto blasé e banale: “Putin ha inscenato la rivolta per poter intensificare la guerra, aumentare la mobilitazione, ecc.”.

Questo non ha alcun senso ed è abbastanza facile da respingere. Ci sono stati veri e propri attacchi ucraini all’interno della Russia (tra cui un attacco di droni al Cremlino e incursioni transfrontaliere delle forze ucraine). Se Putin avesse voluto intensificare la guerra, avrebbe potuto sfruttare una qualsiasi di queste opportunità. L’idea che abbia scelto di orchestrare una rivolta interna – correndo il rischio di una destabilizzazione diffusa – piuttosto che concentrarsi sull’Ucraina è ridicola.

Opzione 4: Consolidamento del potere

Di tutte le teorie psyop, questa è quella che probabilmente ha più credito. Ci sono stati due diversi filoni, che tratteremo a turno.

All’inizio, alcuni ipotizzavano che Putin stesse usando Prigozhin come pretesto per cacciare Shoigu e Gerasimov. L’ho ritenuto improbabile per alcune ragioni.

In primo luogo, non credo che si possa affermare che questi uomini meritino di essere licenziati. All’inizio la guerra russa è stata caratterizzata da elementi disomogenei, ma c’è un chiaro arco di miglioramento nell’industria degli armamenti, con sistemi chiave come il Lancet e il Geran che stanno diventando disponibili in quantità sempre maggiori, e proprio in questo momento le forze armate russe stanno facendo a pezzi la controffensiva ucraina.

In secondo luogo, se Putin volesse rimuovere Shoigu o Gerasimov, farlo in risposta a una finta rivolta è il modo peggiore per farlo, perché darebbe l’impressione che Putin si pieghi alle richieste di un terrorista. Si tenga presente che Putin non ha criticato pubblicamente né Shoigu né Gerasimov per la loro gestione della guerra. Pubblicamente, sembrano avere il suo pieno appoggio. Il presidente potrebbe davvero rimuoverli in risposta alle richieste di Prigozhin senza apparire incredibilmente debole? Sarebbe molto meglio se Putin li licenziasse di sua spontanea volontà, facendo di se stesso, e non di Prigozhin, il kingmaker.

Di certo, a questo punto non sembra che né Shoigu né Gerasimov perderanno il loro posto. Questo ha portato la teoria del “consolidamento del potere” a passare a una seconda linea di pensiero, secondo cui Putin voleva usare Prigozhin essenzialmente per testare il sistema politico russo, vedendo come avrebbero reagito l’amministrazione regionale e i vertici dell’esercito.

3 Gli oggetti della collera di Prigozhin?

In questo modo la rivolta viene trattata come un’esercitazione antincendio: si dà l’allarme, si vede come reagiscono tutti e si prende nota di chi ha seguito le istruzioni. Certo, le figure politiche russe sono uscite allo scoperto per affermare il loro sostegno a Putin e denunciare la Wagner – con un certo stile russo, come il governatore di Tver che ha invitato Prigozhin a suicidarsi[12]. Questo forse conferisce credibilità all’idea che Putin abbia voluto mettere alla prova i suoi subordinati.

Ancora una volta, però, credo che questa teoria non tenga conto di alcuni punti chiave. Innanzitutto, la Russia appariva internamente molto stabile. Putin non stava affrontando alcuna opposizione o pressione politica, né disordini civili, né ammutinamenti nell’esercito, né critiche da parte di figure politiche di alto profilo – non è chiaro perché avrebbe dovuto sentire il bisogno di scuotere il Paese solo per testare la lealtà dell’apparato politico. Forse si pensa che sia una figura iper-paranoica alla Stalin, che si sente spinto a fare giochi mentali con il Paese, ma questo non quadra con il suo modello operativo. In secondo luogo, la traiettoria della guerra è al momento decisamente a favore della Russia, con la vittoria a Bakhmut ancora fresca nella memoria pubblica e la controffensiva dell’Ucraina che assomiglia sempre di più a un fallimento militare di portata storica mondiale. Non ha molto senso che in questo momento in particolare, quando le cose stanno andando molto bene per la Russia, Putin voglia lanciare una granata solo per testare i tempi di reazione.

In definitiva, penso che tutte queste teorie “Psyop” siano molto deboli se valutate in buona fede nei loro stessi termini. I loro errori hanno un filo conduttore. Le cose sono andate molto bene per la Russia, con l’esercito che si è comportato in modo eccellente nella sconfitta in corso della controffensiva ucraina, nessun disordine o agitazione interna e un’economia in crescita. La linea di pensiero psyop presume che, in un momento in cui le cose vanno bene, Putin correrebbe un rischio enorme inscenando un finto ammutinamento per ottenere guadagni trascurabili, rischiando non solo di provocare disordini civili e spargimenti di sangue, ma anche di rovinare l’immagine di stabilità e affidabilità della Russia all’estero.

Si presume che la squadra di Putin sia onnicompetente e in grado di mettere in atto uno schema di inganno molto complesso. Non credo che il governo russo sia onnicompetente. Penso che sia semplicemente un livello normale di competenza – troppo competente per fare una trovata ad alto rischio e bassa ricompensa come questa.

Cosa vuole Prigozhin

A volte mi piace pensare al predeterminismo occidentale da “fine della storia” (in cui tutta la storia è una marcia inesorabile verso la democrazia performativa neoliberale globale e la liberazione finale e la felicità di tutta l’umanità viene annunciata quando la bandiera del Pride sventola vittoriosa a Mosca, Pechino, Teheran e Pyongyang) come se fosse essenzialmente un corollario geopolitico di Jurassic Park – una storia struggente di arroganza e rovina (e uno dei miei film preferiti).

Il modello analitico dei creatori di Jurassic Park presumeva che i dinosauri – creature di cui non sapevano praticamente nulla – si sarebbero sottomessi, con il tempo, alle routine di controllo, come gli animali di uno zoo. Accecati dall’illusione del controllo e dalla stabilità teorica del loro sistema (che si presumeva stabile perché progettato per esserlo), non si apprezzava il fatto che il tirannosauro avesse un’intelligenza e una volontà proprie.

Credo che Yevgeny Prigozhin sia un po’ come il tirannosauro di Jurassic Park. Sia l’apparato neoliberale occidentale che i pianificatori russi a quattro dimensioni sembrano pensare a Prigozhin come a un ingranaggio che esiste per eseguire la funzione del loro modello di mondo. Che tale modello sia la lunga marcia della storia verso la democrazia e l’ultimo uomo o un brillante e sfumato piano generale di Putin per distruggere il mondo unipolare atlantico, non ha molta importanza: entrambi tendono a negare la capacità di iniziativa di Prigozhin e a trasformarlo in uno schiavo del modello. Ma forse è un tirannosauro, con un’intelligenza e una volontà che hanno una direzione autonoma, indifferente ai nostri modelli di mondo. Forse ha abbattuto la recinzione per ragioni sue proprie.

4 un aspirante Lenin? o solo un uomo con le spalle al muro?

Dobbiamo tornare a chi è Prigozhin e a cosa è Wagner.

Per Prigozhin, Wagner è innanzitutto un’attività che gli ha fruttato un’enorme quantità di denaro, soprattutto in Africa. Il valore di Wagner (nel senso più fondamentale) deriva dal suo alto grado di efficacia in combattimento e dal suo status unico di entità indipendente dalle forze armate russe. Qualsiasi minaccia a uno di questi fattori rappresenta una catastrofe finanziaria e di status per Prigozhin.

Recentemente, gli sviluppi della guerra hanno evidenziato una minaccia esistenziale per il gruppo Wagner come PMC vitale. Si tratta di:

Una spinta concertata da parte del governo russo per costringere i combattenti Wagner a firmare contratti con il Ministero della Difesa[13]. In effetti, questo minaccia di liquidare Wagner come organizzazione indipendente e di sussumerla all’interno delle forze armate regolari russe.

Il Wagner sta perdendo l’aumento nel reclutamento derivante dalle coscrizioni dell’anno scorso (compresi i detenuti)[14]. Questi coscritti hanno fornito un’enorme riserva di manodopera che ha permesso al Wagner di affrontare i combattimenti su larga scala a Bakhmut, ma molti hanno terminato il loro turno di servizio.

Ciò significa che Wagner deve affrontare una potenziale distruzione da due fronti. Dal punto di vista istituzionale, il governo russo vuole essenzialmente neutralizzare l’indipendenza del Wagner, incorporandolo nel Ministero della Difesa. Dal punto di vista di Prigozhin, questo significa essenzialmente la nazionalizzazione della sua azienda.

Inoltre, un Wagner snellito (dopo aver eliminato gran parte dei coscritti che lo avevano portato alle dimensioni di un corpo d’armata) non è qualcosa che Prigozhin vuole mandare in combattimento in Ucraina. Una volta che la Wagner sarà ridotta al suo nucleo di operatori esperti in “lavori bagnati”, le perdite in Ucraina inizieranno a intaccare direttamente la vitalità della Wagner.

In altre parole, Prigozhin e le autorità erano a un punto morto. Probabilmente Prigozhin voleva soprattutto, per dirla senza mezzi termini, usare la fama conquistata a Bakhmut per riportare Wagner in Africa e ricominciare a fare soldi a palate. Quello che non voleva era che la sua PMC venisse assorbita dall’esercito russo, o che il suo nucleo di letali professionisti venisse sottoposto all’attrito di un’altra grande battaglia in Ucraina. Il Ministero della Difesa, invece, vuole assorbire i combattenti di Wagner nell’esercito regolare, e usarli per sconfiggere l’Ucraina sul campo di battaglia.

Quindi, c’è un chiaro conflitto di interessi.

Ma cosa può fare Prigozhin? Non ha alcun potere istituzionale, e Wagner dipende dal Ministero della Difesa per le attrezzature, le forniture, l’ISR e molto altro. Inoltre, il patrimonio personale di Prigozhin e la sua famiglia sono sotto la giurisdizione dello Stato russo. Il suo potere è molto limitato. Ci sono solo poche cose che può fare. Può registrare video per mettere in imbarazzo, molestare e umiliare il Ministero della Difesa. Naturalmente, probabilmente non è saggio attaccare direttamente Putin in questi sproloqui, e potrebbe non essere utile insultare i soldati russi comuni, quindi questi attacchi devono essere mirati proprio al tipo di alti funzionari burocratici che l’opinione pubblica russa è predisposta a disprezzare – uomini come Shoigu e Gerasimov.

A parte questi capricci video, Prigozhin aveva solo un’altra possibilità per fermare l’assorbimento istituzionale di Wagner: organizzare una protesta armata. Convincere quanti più uomini possibile a unirsi a lui, fare una mossa e vedere se lo Stato poteva essere scosso abbastanza da concedergli l’accordo che voleva.

Sembra strano, naturalmente. Avete sentito parlare della diplomazia delle cannoniere. Ora assistiamo a trattative contrattuali con i carri armati. Tuttavia, è chiaro che la disputa sull’indipendenza e sullo status di Wagner rispetto alle istituzioni militari russe era al centro di questa vicenda. All’inizio del mese, Prigozhin ha annunciato la sua intenzione di disobbedire a un ordine presidenziale che imponeva ai suoi caccia di firmare i contratti del Ministero della Difesa entro il 1° luglio[15][16].

La dichiarazione di Prigozhin di questa mattina (lunedì 26 giugno)[17], tuttavia, è stata estremamente istruttiva. Si è concentrato quasi esclusivamente sulla sua lamentela principale: Wagner sarebbe stato assorbito dall’esercito istituzionale. Non porta la questione alla sua conclusione e nota che questo avrebbe nazionalizzato la sua attività altamente redditizia, ma i suoi commenti non lasciano dubbi sulla sua motivazione. Ecco alcuni punti chiave:

Wagner non voleva firmare contratti con il Ministero della Difesa.

L’assorbimento nel Ministero della Difesa avrebbe significato la fine di Wagner: “Questa unità avrebbe dovuto cessare di esistere il 1° luglio”.

“L’obiettivo della nostra campagna era di impedire la distruzione del Gruppo Wagner”.

Ma cosa pensava che sarebbe successo Prigozhin? Qual era il suo scenario ottimistico? Probabilmente sperava che il sentimento generale anti-burocratico e anti-corruzione, unito alla popolarità e alla fama di Wagner, avrebbe portato a un’ondata di sostegno per il gruppo che avrebbe messo il governo in condizione di acconsentire all’indipendenza di Wagner.

È stata una decisione audace. Di fronte all’assorbimento istituzionale, Prigozhin ha scommesso su una campagna di destabilizzazione misurata che avrebbe scosso il Paese quel tanto che basta per spaventare Putin e indurlo a fare un accordo. Prigozhin potrebbe essersi convinto che si trattava di un lancio di dadi intelligente e decisivo che avrebbe potuto cambiare le cose a suo favore. Io penso piuttosto che non stessero affatto giocando a dadi. Stavano giocando a carte e Prigozhin non aveva nulla in mano.

La gestione della crisi da parte della Russia

Questa è la parte dell’articolo che sospetto farà arrabbiare i lettori e mi farà guadagnare l’accusa di “copiare” – e così sia. Ma mettiamo le cose in chiaro:

La Russia ha gestito molto bene la rivolta di Wagner e la sua gestione della crisi indica un alto grado di stabilità dello Stato.

Ora, non sto dicendo che la rivolta sia stata positiva per la Russia. È stata chiaramente negativa sotto diversi aspetti. Gli aerei russi sono stati abbattuti da Wagner e i piloti russi sono stati uccisi. A Prigozhin è stato permesso di andarsene dopo aver causato queste morti – una macchia sul governo. C’era una diffusa confusione, che non fa bene al morale, e le operazioni nel Distretto Militare Sud furono interrotte dall’occupazione di Rostov da parte di Wagner.

Nel complesso, questo non è stato un buon fine settimana per la Russia. È stata una crisi, ma è stata una crisi che lo Stato ha gestito abbastanza bene, nel complesso, e ha mitigato gli aspetti negativi – forse ricavando anche un paio di bicchieri di limonata dai limoni di Prigozhin. Forse è appropriato che Shoigu sia stato ministro delle Situazioni di emergenza (essenzialmente per i soccorsi in caso di disastri). I disastri non sono mai positivi, ma è sempre meglio gestirli bene quando accadono.

La risposta dello Stato è stata piuttosto semplice: andare a vedere il bluff di Prigozhin.

Prigozhin si è diretto verso Mosca con la sua colonna – ma cosa avrebbe fatto una volta arrivato? La guardia nazionale russa si stava preparando a bloccare l’ingresso in città. Wagner avrebbe attaccato Mosca? Avrebbe sparato ai soldati della Guardia Nazionale? Avrebbero assaltato il Cremlino o bombardato San Basilio? Farlo avrebbe portato all’inevitabile morte di tutti gli uomini coinvolti. Wagner, senza rifornimenti o approvvigionamenti propri, non può combattere con successo le forze armate russe e probabilmente non potrebbe rifornirsi per più di un giorno o due.

Il problema dell’approccio di Prigozhin è che la pantomima di un colpo di Stato non funziona se non si è disposti a tentare davvero un colpo di Stato, e un colpo di Stato funziona solo se le autorità istituzionali si schierano con noi. Non è che Prigozhin possa arrivare con un carro armato fino al mausoleo di Lenin e iniziare a impartire ordini ai ministeri federali e alle forze armate. I colpi di Stato richiedono il controllo delle leve istituzionali del potere – governatorati regionali, ministeri e corpi ufficiali delle forze armate.

Prigozhin non solo non aveva tutte queste cose, ma di fatto l’intero apparato di potere lo ha denunciato, disprezzato e bollato come traditore. Essendosi ammutinato in un vicolo cieco, le sue uniche scelte erano: iniziare uno scontro a fuoco fuori Mosca, garantendosi la morte e la fama di terrorista traditore, oppure arrendersi. È probabile che l’abbattimento di un aereo russo da parte della colonna Wagner (che Prigozhin dichiarò in seguito essere stato un “errore”) lo abbia spaventato e gli abbia confermato che si stava spingendo troppo oltre e che non aveva una buona via d’uscita. Quando il vostro avversario viene a vedere e voi non avete nulla in mano, non c’è altro da fare se non abbandonare il gioco.

Consideriamo poi, per un momento, la situazione reale in Russia. Una colonna corazzata si stava dirigendo verso la capitale. Qual è stata la reazione dello Stato e del popolo russo? Le autorità a tutti i livelli hanno denunciato pubblicamente la rivolta e hanno dichiarato di sostenere il presidente. Non ci sono state defezioni, né dalle unità militari né dall’amministrazione civile. Non ci sono stati disordini civili, né saccheggi, né perdita del controllo governativo di base nel Paese. Confrontate le scene in Russia durante una ribellione armata con gli Stati Uniti nell’estate del 2020. Quale Paese è più stabile?

Alla fine, il governo è riuscito a dissipare una situazione di crisi, che avrebbe potuto facilmente degenerare in un grave spargimento di sangue, senza alcuna perdita di vite umane a parte gli equipaggi dei due aerei abbattuti (morti che non dobbiamo minimizzare e che devono essere ricordati come vittime dell’ambizione di Prigozhin). Inoltre, i termini dell'”accordo” equivalgono a poco più di una resa da parte di Prigozhin. Egli stesso sembra destinato a una sorta di semi-esilio in Bielorussia (potenzialmente in attesa di un momento terminale tipo Trotsky) e sembra che la maggior parte dei Wagner firmerà contratti e sarà assorbita nelle forze armate istituzionali della Russia. Sulla base del discorso tenuto da Putin questa sera (quindici minuti fa, al momento in cui scriviamo), i combattenti Wagner hanno solo tre opzioni: firmare i contratti MOD, sciogliersi e tornare a casa, o unirsi a Prigozhin nell’esilio bielorusso (presumibilmente senza il loro equipaggiamento). Per quanto riguarda lo status istituzionale della Wagner, Prigozhin ha perso e lo Stato ha vinto. La Wagner come corpo combattente indipendente è finita.

Dobbiamo essere onesti, ovviamente, sui danni della rivolta.

Prigozhin ha ucciso dei militari russi quando la sua colonna ha abbattuto quegli aerei, e poi ha visto cadere l’accusa di tradimento a suo carico. Si può dire, ovviamente, che una risoluzione pacifica ha evitato ulteriori spargimenti di sangue, ma questo non cambia il fatto che ha ucciso dei soldati russi e se la cava. Si tratta di un fallimento che ha una dimensione sia morale che di legittimità istituzionale.

Inoltre, l’intero episodio dovrebbe servire come severa lezione sull’instabilità intrinseca dell’affidarsi a gruppi di mercenari che operano al di fuori delle istituzioni militari formali. Ci sono molti gruppi di questo tipo in Russia, non solo Wagner, e sarebbe una negligenza se il governo non si muovesse con decisione per liquidare la loro indipendenza. Altrimenti, stanno semplicemente aspettando che qualcosa di simile accada di nuovo, potenzialmente con un esito molto più esplosivo.

Nel complesso, tuttavia, sembra piuttosto innegabile che il governo abbia gestito una crisi estrema in modo piuttosto competente. Contrariamente a quanto si dice in Occidente, secondo cui la rivolta di Wagner avrebbe rivelato la debolezza del governo di Putin, l’unità dello Stato, la calma del popolo e la strategia di de-escalation suggeriscono che lo Stato russo è stabile.

Conclusione: 1917

Uno dei passatempi più universali e amati dall’umanità è quello di fare cattive analogie storiche, e questo processo era certamente in piena attività durante lo scorso fine settimana. Il paragone più popolare, naturalmente, è stato quello di paragonare la rivolta di Prigozhin alla caduta dello zar nel 1917.

Il problema è che questa analogia è una perfetta inversione della verità.

Lo Zar cadde nel 1917 perché si trovava al quartier generale dell’esercito lontano dalla capitale. In sua assenza, un ammutinamento della guarnigione a Pietrogrado (Pietroburgo) portò al crollo dell’autorità governativa, che fu poi ripresa da un nuovo gabinetto formato dalla Duma di Stato. I colpi di Stato non si ottengono con un insensato spargimento di sangue. Ciò che conta di più è la questione fondamentale dell’autorità burocratica, perché è questo che significa governare. Quando si alza un telefono e si dà l’ordine di chiudere una linea ferroviaria; quando si ordina a un’unità militare di mettersi a disposizone; quando si emette un ordine di acquisto per cibo, munizioni o medicine – queste istruzioni sono rispettate?

Era banalmente ovvio che Prigozhin non aveva né la forza, né il sostegno istituzionale, né un reale desiderio di usurpare l’autorità, e l’idea che stesse tentando un vero e proprio colpo di stato era assurda. Immaginiamo, per un momento, che Wagner fosse riuscita a farsi strada attraverso la Guardia Nazionale Russa fino a Mosca. Prigozhin irrompe nel ministero della Difesa, arresta Shoigu e si siede sulla sua poltrona. Crediamo davvero che l’esercito sul campo segua improvvisamente i suoi ordini? Non è una sedia magica. Il potere viene messo in palio solo in caso di collasso totale dello Stato, e quello che abbiamo visto in Russia è stato il contrario: abbiamo visto lo Stato serrare i ranghi.

Quindi, alla fine, sia i commentatori neoliberali che i Fiduciosi nel Piano russo sono rimasti con una visione insoddisfacente degli eventi. Prigozhin non è né il messaggero di un cambiamento di regime né una pedina nel gioco degli scacchi “della quinta dimensione” di Putin. È semplicemente un uomo mercuriale e violentemente irresponsabile che ha visto che la sua Corporazione Militare Privata stava per essergli portata via, e ha deciso di andare fino a livelli estremi e criminali per impedirlo. È stato un giocatore di carte senza niente in mano che ha deciso di bluffare per uscire dall’ angolo – finché il suo bluff non è stato scoperto.

 

[1] https://youtu.be/Tr-zidVQckI

[2] https://www.theatlantic.com/international/archive/2023/06/russia-civil-war-wagner-putin-coup/674517/

[3] https://twitter.com/i/status/1672177488535977984

[4] https://twitter.com/i/status/1672315464284815363

[5] https://twitter.com/i/status/1672435707137196033

[6] https://twitter.com/i/status/1672551944039145474

[7] https://twitter.com/i/status/1672699475976921089

[8] https://twitter.com/i/status/1672508128720564227

[9] https://twitter.com/i/status/1672463543189348352

[10] https://www.theguardian.com/us-news/2021/nov/17/qanon-shaman-jacob-chansley-sentenced-capitol-attack-role

[11] https://edition.cnn.com/europe/live-news/russia-ukraine-war-news-06-25-23/h_10ca74299a2b2f940854c485d4092f34

[12]

[13] https://www.reuters.com/world/europe/putin-backs-push-mercenary-groups-sign-contracts-despite-wagners-refusal-2023-06-13/

[14] https://www.newsweek.com/wagner-group-releasing-thousands-convict-troops-uk-1789232

[15]

[16] https://www.nytimes.com/2023/06/11/world/europe/wagner-russia-defense-ministry-contract.html

[17] https://meduza.io/en/feature/2023/06/26/we-gave-a-master-class

https://bigserge.substack.com/p/russo-ukrainian-war-the-wagner-uprising

Il sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure 

PayPal.Me/italiaeilmondo

Su PayPal è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (ho scoperto che pay pal prende una commissione di 0,38 centesimi)

BAKHMUT: AUTOPSIA DELLA BATTAGLIA, di Big Serge

BAKHMUT: AUTOPSIA DELLA BATTAGLIA

Aggiornamento sulla guerra russo-ucraina

2 giu 2023

Il 20 maggio, la PMC Wagner ha costretto le truppe ucraine a lasciare l’ultima posizione rimasta entro i confini della città di Bakhmut, determinando così la fine ufficiale della più grande battaglia del XXI secolo (finora). Bakhmut è stato il luogo più importante delle operazioni militari in Ucraina per la maggior parte degli ultimi nove mesi. I combattimenti hanno assunto un ritmo frustrante, con progressi spesso misurati in singoli isolati. Si è trattato di una battaglia estremamente violenta e sanguinosa, ma a volte anche di una lentezza angosciante e di un’apparente indecisione. Dopo innumerevoli aggiornamenti in cui non sembrava essere successo nulla di rilevante, molte persone stavano sicuramente iniziando a storcere il naso alla sola menzione di Bakhmut. Di conseguenza, l’improvvisa cattura della città da parte di Wagner a maggio (piuttosto prevedibilmente, l’ultimo 25% della città è caduto molto rapidamente rispetto al resto) è sembrata un po’ surreale. A molti è sembrato che Bakhmut non sarebbe mai finita – e poi, improvvisamente, è successo.

Bakhmut, come la maggior parte delle battaglie urbane ad alta intensità, esemplifica il potenziale apocalittico dei combattimenti moderni. Un intenso bombardamento ha ridotto in macerie ampie porzioni della città, dando l’impressione che Wagner e l’AFU non stessero combattendo tanto per la città quanto per la sua carcassa.

Il ritmo lento e l’estrema distruzione hanno reso questa battaglia piuttosto difficile da analizzare. Sembra tutto così insensato, anche all’interno del paradigma specifico della guerra. In assenza di una logica operativa evidente, gli osservatori di entrambe le parti si sono prodigati a costruire teorie su come la battaglia sia stata in realtà un brillante esempio di scacchi a quattro dimensioni. In particolare, è facile trovare argomentazioni da parte di commentatori sia filo-ucraini che filo-russi che sostengono che Bakhmut sia stata usata come una trappola per attirare le truppe e il materiale della controparte da distruggere, guadagnando tempo per accumulare capacità di combattimento.

Le fonti filo-ucraine sono convinte che a Bakhmut sia stata distrutta un’enorme quantità di capacità di combattimento russa, mentre l’AFU ha ricevuto blindati e addestramento occidentali per costruire un insieme di reparti meccanizzati in vista dell’offensiva. Gli scrittori filorussi sembrano ugualmente convinti che l’AFU abbia bruciato un’enorme quantità di uomini, mentre l’esercito russo ha conservato la sua forza lasciando che Wagner sostenesse la maggior parte dei combattimenti.

 

È chiaro che le due interpretazioni non possono essere entrambe corrette.

 

In questo articolo, vorrei fare un’analisi globale della battaglia di Bakhmut e valutare le prove. Quale esercito fu veramente distrutto in questa città “strategicamente insignificante”? Quale esercito stava sprecando in modo dispendioso le proprie trutte? E soprattutto, perché questa città mediocre è diventata il luogo della più grande battaglia del secolo? È stato commesso un omicidio, ma nessuno è d’accordo su chi abbia ucciso chi. Quindi, eseguiamo un’autopsia.

La strada verso la fossa della morte

La battaglia di Bakhmut è durata così a lungo che può essere facile dimenticare come mai il fronte sia finito lì, e come Bakhmut si inserisca nelle operazioni dell’estate 2022. Le operazioni russe dell’estate si sono concentrate sulla riduzione del saliente ucraino intorno a Lysychansk e Severodonetsk, e sono giunte al culmine quando le forze russe hanno sfondato la roccaforte ucraina di Popasna, pesantemente difesa, hanno accerchiato una sacca di forze ucraine intorno a Zolote e si sono avvicinate all’autostrada Bakhmut-Lysychansk. L’ effettiva caduta dell’agglomerato urbano di Lysychansk-Severodonetsk è avvenuta in tempi relativamente brevi, con le forze russe che minacciavano di accerchiare l’intera sacca e di costringere gli ucraini a ritirarsi.

A titolo di riferimento, ecco come appariva la linea del fronte nel Donbas centrale il 1° maggio 2022, per gentile concessione di MilitaryLand:

In questo contesto, Bakhmut minacciava già di diventare un importante campo di battaglia. Si trovava letteralmente a un bivio, direttamente al centro del saliente ucraino. Mentre le posizioni ucraine a Lysychansk, Popasna e Svitlodarsk venivano sfondate, gli assi dell’avanzata russa convergevano su Bakhmut.

 

Le forze ucraine avevano un gran bisogno di stabilizzare il fronte e di creare una posizione difensiva stabile, e non c’era altro posto dove farlo se non a Bakhmut. Tra Lysychansk e Bakhmut non ci sono aree urbane sufficientemente solide per ancorare la difesa, e non c’era assolutamente la possibilità di non difendere adeguatamente Bakhmut, per alcune ragioni che possiamo enumerare:

 

1.Bakhmut è in posizione centrale in questo settore del fronte, la sua perdita avrebbe minacciato di invasione Siversk, a avrebbe permettesso alle forze russe di aggirare le difese ben fortificate e fortemente presidiate a Toretsk.

 

2. L’obiettivo strategico russo di Slavyansk-Kramatorsk non può essere difeso con successo se l’esercito russo controlla sia le alture a est (nella zona di Bakhmut) sia Izyum.

 

3. Bakhmut stessa, nel frattempo, era un’area urbana difendibile con alture dominanti nelle sue retrovie, molteplici vie di rifornimento, buoni collegamenti con altri settori del fronte e una cintura periferica di aree urbane più piccole che proteggevano i suoi fianchi.

 

Ciò proponeva alle forze ucraine una decisione operativa piuttosto ovvia. La scelta era, tutto sommato, di impegnare le riserve per stabilizzare il fronte a Bakhmut (un ancoraggio difensivo vitale, forte, operativo) o rischiare che la Russia aggirasse e spazzasse via un’intera cintura difensiva, in luoghi come Siversk e Toretsk. Dovendo scegliere tra un’opzione ragionevolmente buona e un’opzione estremamente cattiva, non ci furono grandi controversie per decidere.

 

A seguito della perdita della cintura difensiva orientale, l’Ucraina aveva bisogno di stabilizzare il fronte da qualche parte, e l’unico posto adatto era Bakhmut: è qui che le riserve ucraine sono state inviate in forze, e l’AFU ha scelto di combattere. La logica operativa, indifferente al genere di cose che di solito ci fanno ritenere una città “importante”, ha decretato che lo Stige dovesse passare per Bakhmut.

 

La Russia è venuta a raccogliere questa sfida, usando come punta di diamante un gruppo di mercenari, composto da galeotti, che maneggiavano pale, e gestito da un ristoratore calvo. Cosa poteva andare storto?

 

Progressione operativa

Poiché l’impressione generale che ha lasciato la battaglia di Bakhmut è caratterizzata dai combattimenti urbani, può essere facile dimenticare che la maggior parte della battaglia si è svolta fuori della città, nei sobborghi e nei campi intorno al centro urbano. L’avvicinamento a Bakhmut è costellato da un anello di piccoli villaggi (luoghi come Klynove, Pokrovs’ke e Zaitseve) in cui l’AFU è stata in grado di combattere una tenace difesa con il supporto dell’artiglieria della città.

 

Le forze russe raggiunsero nominalmente l’avvicinamento a Bakhmut alla fine di giugno (ancor prima della cattura di Lysychansk) e la città si trovò entro il raggio estremo dei bombardamenti, ma non iniziarono immediatamente una spinta concertata per raggiungerla. Il 1° agosto sono iniziati i primi assalti alla cintura esterna dei villaggi, e il Ministero della Difesa russo ha dichiarato nei suoi briefing che “le battaglie per Bakhmut” erano iniziate. Questa è la data di inizio più logica ai fini storiografici, quindi possiamo affermare con certezza che la battaglia di Bakhmut è stata combattuta dal 1° agosto 2022 al 20 maggio 2023 – per un totale di 293 giorni.

 

I primi due mesi della battaglia videro la conquista da parte dei russi della maggior parte degli insediamenti a est dell’autostrada T0513 a sud della città e dell’autostrada T1302 a nord, così privando Bakhmut e Soledar della maggior parte delle loro zone cuscinetto orientali e spingendo la linea di contatto fino al limite delle aree urbane vere e proprie.

Fase 1: La cintura esterna

A questo punto, le linee del fronte si bloccarono in gran parte per il resto dell’anno, prima che Wagner gettasse le basi per ulteriori avanzamenti con la cattura del piccolo villaggio di Yakovlivka, a nord di Soledar. Questo successo può essere interpretato come la prima tessera del domino di una catena di eventi che ha portato alla sconfitta ucraina a Bakhmut.

 

Soledar stessa ha un ruolo unico e critico nella geografia operativa di Bakhmut. Disposta in una striscia relativamente lunga e sottile, Soledar e i suoi sobborghi formano uno scudo urbano continuo, che si estende dall’autostrada T0513 (che corre a nord verso Siversk) fino alla strada T0504 (che corre a est verso Popasna). Questo fa di Soledar una roccaforte satellite naturale, che difende Bakhmut attraverso quasi novanta gradi di avvicinamento. Soledar è anche ricca di strutture industriali, tra cui la miniera di sale da cui prende il nome, che la rendono un luogo relativamente favorevole per una difesa statica, piena di luoghi profondi e di forti mura.

 

La cattura di Yakovlivka da parte di Wagner il 16 dicembre, tuttavia, fu il primo segno che la difesa di Soledar era in difficoltà. Yakovlikva si trova in una posizione elevata a nord-est di Soledar e la sua cattura diede a Wagner una potente posizione sul fianco di Soledar. Gli ucraini se ne resero conto e Soledar si rafforzò notevolmente in risposta alla perdita di Yakovlivka e all’imminente assalto. La cattura di Bakhmutske il 27 dicembre (un sobborgo di Soledar direttamente sul suo approccio meridionale) pose le basi per il successo di un assalto.

 

L’attacco a Soledar è stato relativamente veloce ed estremamente violento, caratterizzato da un intenso supporto dell’artiglieria russa. L’assalto iniziò quasi subito dopo la perdita di Bakhmutske, il 27 dicembre, ed entro il 10 gennaio la coesione della difesa ucraina era stata frantumata. La leadership ucraina, ovviamente, negò di aver perso la città e raccontò di gloriosi contrattacchi, ma persino l’Institute for the Study of War (un braccio di propaganda del Dipartimento di Stato americano1) ammise in seguito che la Russia aveva catturato Soledar l’11 gennaio.

 

La perdita di Soledar, in combinazione con la cattura di Klischiivka a sud, avvenuta all’inizio di gennaio, mise Wagner in condizione di iniziare un avvolgimento parziale di Bakhmut.

Fase 2: liberare i fianchi
A questo punto la discussione si spostò su un potenziale accerchiamento russo di Bakhmut. Certo, le ali russe si espansero rapidamente intorno alla città, mettendola in una sacca di fuoco, ma non ci fu mai uno sforzo concertato per giungere a un vero e proprio accerchiamento della città. L’avanzata russa si è ridotta all’avvicinamento a Ivanivske, a sud, e alla vitale autostrada M03, a nord.

 

Un vero e proprio accerchiamento non era probabilmente nelle carte, soprattutto a causa della complicazione di Chasiv Yar – una roccaforte fortemente tenuta nelle retrovie. Per accerchiare completamente Bakhmut, le forze russe sarebbero state costrette a scegliere tra due opzioni difficili: o bloccare la strada da Chasiv Yar a Bakhmut, o allargare l’accerchiamento abbastanza da portare anche Chasiv Yar nella sacca. Entrambe le opzioni avrebbero complicato enormemente l’operazione, e quindi Bakhmut non fu mai veramente accerchiata.

 

Ciò che i russi riuscirono a fare, tuttavia, fu stabilire una posizione dominante sui fianchi, con tre vantaggi significativi. In primo luogo, poterono dirigere il fuoco sulle restanti linee di rifornimento di Bakhmut. In secondo luogo, furono in grado di bombardare Bakhmut stessa con un intenso fuoco di artiglieria da diversi fronti. Terzo – e forse più importante – sono stati in grado di assaltare il centro urbano di Bakhmut da tre diverse direzioni. Questo, alla fine, accelerò notevolmente la caduta della città. Ad aprile era chiaro che l’attenzione si era spostata dall’espansione dell’avviluppamento sui fianchi all’assalto di Bakhmut stessa, e fu riferito che le unità regolari russe avevano preso la custodia dei fianchi in modo che Wagner potesse liberare la città.

3 Fase 3: ampliamento dei fianchi

Per tutto aprile e l’inizio di maggio i combattimenti si spostarono infine sulla lotta nel centro urbano. Le unità dell’AFU in città si dimostrarono alla fine incapaci di fermare l’avanzata di Wagner, in gran parte a causa dello stretto coordinamento dei fuochi russi e degli angusti confini della difesa ucraina: con Wagner che avanzava in città da tre assi, le griglie di tiro per l’artiglieria russa divennero molto strette, e la difesa statica dell’AFU – che pur li contestava pur coraggiosamente – fu lentamente sconfitta.

 

All’inizio di maggio era chiaro che la città sarebbe caduta presto, con l’AFU che si aggrappava disperatamente al margine occidentale della città. L’attenzione, tuttavia, si spostò presto su un contrattacco ucraino sui fianchi.

 

Questo è diventato un classico caso in cui gli eventi sul campo sono stati superati dalla narrazione. Da tempo circolavano voci di un imminente contrattacco ucraino, avanzate da fonti sia ucraine che russe. I canali ucraini si basavano sull’idea che il generale Oleksandr Syrskyi (comandante delle forze di terra dell’AFU) avesse architettato un piano per attirare i russi a Bakhmut prima di lanciare un contrattacco sulle ali. Questa idea era apparentemente corroborata dai frenetici avvertimenti del capo del Wagner Yevgeny Prigozhin, secondo il quale gli ucraini avevano ammassato enormi forze nelle aree retrostanti Bakhmut, che sarebbero state scatenate per contrattaccare la città.

 

In ogni caso, i mesi primaverili trascorsero senza alcun sorprendente contrattacco dell’AFU, e la colpa fu di ogni sorta di carenza di materiali e di ritardi meteorologici. Poi, il 15 maggio, sembrò scatenarsi l’inferno. L’AFU ha finalmente attaccato e Prigozhin ha urlato che la situazione sui fianchi si stava avvicinando allo scenario peggiore.

 

In realtà, ciò che accadde fu piuttosto deludente. L’AFU ha portato in campo un nutrito gruppo di unità, tra cui alcune delle sue formazioni migliori e più veterane. Tra queste c’erano unità di:

  • La 56ª Brigata
  • La 57a Brigata meccanizzata
  • La 67ª Brigata meccanizzata
  • La 92ª Brigata meccanizzata
  • La 3ª Brigata d’assalto (Azov)
  • L’80ª Brigata d’assalto aereo
  • La 5ª Brigata d’assalto

Questo consistente raggruppamento d’attacco sferrò un attacco contro una manciata di mediocri brigate russe di fucilieri, che ottenne un po’ di successo iniziale e culminò con pesanti perdite. Nonostante l’affermazione di Prigozhin secondo cui i regolari russi avrebbero abbandonato le loro postazioni e lasciato le ali russe senza difese, in seguito abbiamo appreso che queste forze – comprese le unità mobilitate di fucilieri – difesero caparbiamente le loro posizioni e si ritirarono solo su un ordine del comando. Questi arretramenti (a distanza di poche centinaia di metri al massimo) portarono la linea difensiva russa su posizioni fortemente consolidate lungo una serie di canali e bacini idrici, che l’AFU non riuscì a superare.

 

Questo non vuol dire che la Russia non abbia subito perdite per difendersi dal tenace attacco ucraino. La 4a brigata di fucilieri, che è stata in gran parte responsabile del successo della difesa fuori Klishchiivka, è stata gravemente danneggiata, il suo comandante è stato ucciso e ha dovuto essere prontamente ritirata. Tuttavia, il potenziale offensivo del raggruppamento d’assalto ucraino si è esaurito e non ci sono stati tentativi successivi nelle ultime due settimane.

4Fase finale: contrattacco ucraino

Alla fine, il tanto decantato piano Syrskyi si dimostrò piuttosto debole. Il contrattacco riuscì a sbloccare alcune strade chiave fuori da Bakhmut, ma non fece nulla per impedire a Wagner di completare la presa della città, bruciò la potenza di combattimento di diverse brigate di prim’ordine, e il 20 maggio le ultime posizioni ucraine in città furono liquidate.

 

Quindi. È stata una strana battaglia. Una strisciata di esasperante lentezza intorno ai fianchi della città, una minaccia di accerchiamento che si materializzava e un’improvvisa concentrazione dell’energia di combattimento di Wagner nella città stessa – il tutto sotto la minaccia di un’enorme controffensiva dell’AFU, che si rivelò inefficace ed effimera.

 

Non è ovvio, quindi, come questa battaglia si adatti alla logica operativa di entrambi gli eserciti, né che qualcuno ne esca pienamente soddisfatto. L’Ucraina ha ovviamente perso la battaglia, in termini ufficiali, ma l’avanzata russa è sembrata così lenta e Bakhmut così strategicamente casuale (almeno superficialmente) che il successo di Wagner può essere dipinto come una vittoria di Pirro. Per giudicare pienamente la battaglia di Bakhmut, dobbiamo considerare le perdite relative e il dispendio delle capacità di combattimento.

Il conto del macellaio

Stimare le perdite in Ucraina è un compito difficile, soprattutto perché le stime “ufficiali” delle vittime sono spesso palesemente assurde. Per questo motivo, dobbiamo cercare di ottenere cifre ragionevoli utilizzando proxy e informazioni secondarie. Una di queste importanti fonti di conoscenza è costituita dai dati relativi agli schieramenti: possiamo avere un’idea generale del tasso di perdite in base alla scala e alla frequenza di assegnazione delle unità. In questo caso particolare, tuttavia, ci accorgiamo che i dati di distribuzione delle unità sono un po’ difficili da utilizzare. Analizziamo il problema.

 

In primo luogo, dobbiamo affrontare il fatto incontrovertibile che un’enorme quota dell’esercito ucraino è stata schierata a Bakhmut in un momento o nell’altro. Il canale Telegram Grey Zone ha compilato un elenco di tutte le unità ucraine che sono state identificate con certezza (di solito tramite post sui social media o aggiornamenti dell’AFU) come schierate a Bakhmut durante i nove mesi di battaglia (cioè, non erano lì tutte insieme):

Si tratta di un impegno assolutamente enorme (37 brigate, 2 reggimenti e 18 battaglioni separati (più formazioni irregolari come la Legione Georgiana) che indica ovviamente gravi perdite (per quel che vale, la mappa di schieramento1 di MilitaryLand, pro-ucraina, ammette uno schieramento ucraino altrettanto titanico a Bakhmut). Tuttavia, questo non ci porta a valutare con precisione le perdite, soprattutto perché l’ordine di battaglia dell’Ucraina (ORBAT) è un po’ confuso. L’Ucraina spesso distribuisce le unità al di sotto del livello di brigata (ad esempio, le brigate di artiglieria non si schierano mai come tali) e ha la cattiva abitudine di cannibalizzare le unità.

 

Facendo alcuni calcoli estremamente approssimativi, una minima percentuale di perdite delle sole 37 brigate avrebbe potuto facilmente spingere l’Ucraina oltre le 25.000 perdite, ma ci sono tutta una serie di ipotesi traballanti. In primo luogo, si presuppone che l’Ucraina ritiri le sue brigate quando raggiungono livelli di perdita tali da renderle inefficaci per il combattimento (il 15% sarebbe un numero indicativo), il che non è necessariamente vero – ci sono precedenti di AFU che lascia morire le truppe sul posto, specialmente le unità di qualità inferiore come la Difesa Territoriale. Infatti, un volontario australiano (intervista linkata più avanti) ha affermato che la 24ª brigata meccanizzata ha subito l’80% di perdite a Bakhmut, quindi è possibile che molte di queste brigate siano state consumate oltre i livelli di inefficacia operativa (cioè, che non gli sia stato dato il cambio secondo la procedura corretta), ma che siano state completamente distrutte. Un recente articolo del New Yorker2, ad esempio, ha intervistato i sopravvissuti di un battaglione che è stato quasi completamente spazzato via. In un altro caso, un colonnello dei Marines3 in pensione ha dichiarato che le unità al fronte subiscono abitualmente il 70% di perdite.

 

Possiamo dire alcune cose con certezza. In primo luogo, l’Ucraina ha avuto un tasso di perdite estremamente elevato, che l’ha costretta a impegnare quasi un terzo del suo ORBAT totale. In secondo luogo, sappiamo che almeno alcune di queste formazioni sono state lasciate al fronte fino alla loro distruzione. Infine, possiamo definitivamente affermare che i resoconti pro-ucraini non sono corretti (o forse mentono) quando dicono che la difesa a Bakhmut è stata condotta per guadagnare tempo affinché l’Ucraina potesse radunare forze nelle retrovie. Lo sappiamo innanzitutto perché Bakhmut ha risucchiato insaziabilmente sempre nuove unità, e in secondo luogo perché questo scontro comprendeva un gran numero di reparti ucraini veterani di prim’ordine, tra cui una dozzina di brigate d’assalto, aviotrasportate e corazzate.

 

C’è però un altro problema con l’approccio ORBAT alle perdite, che riguarda Wagner. Vedete, uno dei nostri obiettivi qui è cercare di farci un’idea dei tassi comparativi di perdite, e ORBAT semplicemente non è un buon modo per farlo, nel caso particolare di Bakhmut. Questo perché la battaglia è stata combattuta per lo più, dal lato russo, dal Gruppo Wagner, che è una formazione enorme con una struttura interna opaca.

Mentre da parte ucraina possiamo enumerare un lungo elenco di formazioni che hanno combattuto a Bakhmut, da parte russa ci limitiamo a mettere il Gruppo Wagner, forte di 50.000 uomini. Il Wagner ha ovviamente sotto-formazioni e rotazioni interne, ma queste non sono visibili a noi che siamo all’esterno, e quindi non possiamo farci un’idea dell’ORBAT interno del Wagner o delle forze impegnate. In generale, sappiamo che Wagner ha una struttura di distaccamenti d’assalto (probabilmente un equivalente di un battaglione), plotoni e squadre, ma non abbiamo la percezione di dove queste unità siano dispiegate in tempo reale, o di quanto velocemente vengano ruotate o bruciate. Purtroppo, quando Prigozhin si è presentato davanti alle telecamere, ha portato con sé mappe senza la disposizione delle unità4, lasciando i nerd di ORBAT a strizzare invano gli occhi nel tentativo di estrarre informazioni utili. Quindi, non avendo una buona visione degli schieramenti di Wagner, non siamo in grado di fare un confronto adeguato con il possente ORBAT ucraino a Bakhmut.

 

Ci sono però altri modi per arrivare alle vittime. L’organizzazione dei dissidenti russi (cioè anti-Putin) Mediazona5 traccia le perdite russe tabulando i necrologi, gli annunci di morte sui social media e gli annunci ufficiali. Per l’intero periodo della battaglia di Bakhmut (1 agosto – 20 maggio), ha contato 6.184 morti totali tra il personale della PMC, i detenuti e le forze aviotrasportate (queste tre categorie rappresentano la maggior parte delle forze russe a Bakhmut).

 

Nel frattempo, Prigozhin affermò che Wagner aveva subito 20.000 KIA a Bakhmut, mentre ne aveva inflitti 50.000 agli ucraini. Per quanto riguarda il primo numero, il contesto di questa affermazione era un’intervista6 in cui Prigozhin stava criticando il Ministero della Difesa russo (come è sua abitudine), e ha un incentivo a sovrastimare le perdite di Wagner7 (poiché sta cercando di mettere in risalto il sacrificio di Wagner per il popolo russo).

 

Quindi, ecco a che punto siamo con le perdite di Wagner. Abbiamo un “pavimento”, o un minimo assoluto di poco più di 6.000 KIA (identificati con nome e cognome) con un significativo margine di errore verso l’alto, e qualcosa come un tetto massimo di 20.000. Il numero su cui ho lavorato è di circa 17.000 morti totali Wagner nell’operazione Bakhmut (con un intervallo minimo-massimo di 14.000 e 20.000, rispettivamente).

Tuttavia, occorre considerare la composizione di queste forze. Tra i caduti identificati positivamente, i detenuti superano gli operatori professionisti delle PMC di circa 2,6 a 1 (cioè, i morti di Wagner sarebbero circa per il 73% dei detenuti). Secondo il Pentagono, tuttavia, (da prendere con un grano di sale), quasi il 90% delle perdite di Wagner è costituito da detenuti. Prendendo una divisione prudente di 75/25 e arrotondando i numeri per renderli più gradevoli, la mia stima è che Wagner abbia perso circa 13.000 detenuti e 4.000 operatori professionali. Se si aggiungono le perdite dei VDV e delle unità di fucilieri motorizzati che combattevano sui fianchi, il totale dei morti russi a Bakhmut è probabilmente dell’ordine di 20-22.000 unità.

 

E le perdite ucraine? La principale domanda in sospeso rimane: chi è dalla parte giusta dei rapporti di perdita?

 

I commentatori ucraini ci chiedono sempre di credere che le perdite russe siano state molto più gravi a causa dell’uso di attacchi “a ondate umane”. Ci sono diverse ragioni per cui questa tesi può essere respinta.

 

In primo luogo, dobbiamo riconoscere che dopo nove mesi di combattimenti non abbiamo ancora visto un solo video che mostri una di queste presunte ondate umane (cioè, detenuti Wagner che attaccano in formazione massiccia). Tenendo presente che l’Ucraina ama condividere filmati di errori russi imbarazzanti, che non si fa scrupolo di condividere filmati di guerra cruenti e che questa è una guerra combattuta con migliaia di occhi nel cielo sotto forma di droni da ricognizione, ci deve sembrare curioso che nessuno di questi presunti attacchi a ondate umane sia stato ancora ripreso dalle telecamere. Quando vengono condivisi video che pretendono di mostrare ondate umane, essi mostrano invariabilmente piccoli gruppi di 6-8 soldati di fanteria (noi li chiamiamo squadre, non ondate umane).

 

Tuttavia, l’assenza di prove non è una prova di assenza. Detto questo, la narrazione delle “ondate umane” è stata contraddetta in diverse occasioni. Tanto per cominciare, lo stesso generale Syrskyi1 ha contraddetto la narrazione dell’onda umana e ha affermato che la metodologia di Wagner consiste nel far avanzare piccoli gruppi d’assalto sotto un’intensa copertura di artiglieria. I testimoni dal fronte concordano. Un veterano dell’esercito australiano, volontario in Ucraina, ha rilasciato un’intervista2 molto interessante in cui minimizza le perdite di Wagner e sottolinea invece che “l’Ucraina sta subendo troppe perdite” – aggiunge poi che la 24a brigata ha subito l’80% di perdite a Bakhmut. Egli nota anche che Wagner favorisce i gruppi di infiltrazione e le piccole unità – l’esatto opposto delle ondate umane di massa.

 

Questo articolo del Wall Street Journal3 è emblematico della questione delle ondate umane. Contiene l’affermazione obbligatoria delle tattiche a ondate umane: “Il nemico non presta attenzione alle enormi perdite di personale e continua l’assalto attivo. Gli avvicinamenti alle nostre posizioni sono semplicemente disseminati dei corpi dei soldati morti dell’avversario”. Questa descrizione, tuttavia, proviene dall’apparato burocratico del Ministero della Difesa. E le persone sul campo? Un ufficiale ucraino al fronte dice: “Finora il rapporto di scambio tra le nostre vite e le loro favorisce i russi. Se continua così, potremmo rimanere senza”.

 

In definitiva, è difficile credere che il rapporto di uccisioni favorisca l’Ucraina per il semplice motivo che i russi hanno goduto di un enorme vantaggio in termini di potenza di fuoco. I soldati ucraini parlano liberamente dell’enorme superiorità russa nell’artiglieria4, e a un certo punto è stato suggerito che l’AFU fosse in inferiorità numerica di dieci a uno5. I soggetti intervistati dal New Yorker6 hanno affermato che la sezione mortai del loro battaglione aveva una razione di soli cinque proiettili al giorno!

L’enorme vantaggio russo nell’artiglieria e nella missilistica suggerisce l’ipotesi a priori che l’AFU abbia subito perdite terribili, e in effetti è quello che si sente dire da una miriade di fonti al fronte. Poi, naturalmente, c’è stata la scioccante affermazione di febbraio di un ex marine americano a Bakhmut, secondo cui l’aspettativa di vita al fronte era di sole quattro ore1.

 

Tutto questo è in realtà secondario rispetto al punto più importante. L’enorme inventario di unità dell’AFU che sono state fatte passare per Bakhmut comprendeva un numero di truppe nell’ordine di 160.000 effettivi totali. Considerando un tasso di perdita tra il 25 e il 30% (all’incirca pari a quello di Wagner), è chiaro che le perdite dell’Ucraina sono state estreme. Credo che le perdite totali irrecuperabili per l’Ucraina a Bakhmut siano state circa 45.000, con un margine di errore di +/- 7.000 unità.

 

Quindi, le mie stime attuali delle perdite nella battaglia di Bakhmut sono di circa 45.000 per l’Ucraina, 17.0000 per Wagner e 5.000 per le altre forze russe.

 

Ma forse anche questo non coglie il punto.

 

L’Ucraina stava perdendo il suo esercito, la Russia stava perdendo la sua popolazione carceraria.

 

Giudicare la battaglia di Bakhmut è relativamente facile se si guarda a quali unità furono portate sul tavolo. Bakhmut ha bruciato un’enorme porzione del dispositivo militare dell’AFU, comprese molte delle sue brigate d’assalto veterane, mentre praticamente nessuna delle forze convenzionali russe è stata danneggiata (con la notevole eccezione delle brigate di fucilieri che hanno sconfitto il contrattacco ucraino). Persino il Pentagono ha ammesso che la stragrande maggioranza delle vittime russe in Ucraina erano detenuti.

 

Ora, tutto questo è piuttosto cinico – nessuno può negarlo. Ma dal punto di vista del calcolo non sentimentale della logica strategica, la Russia ha fatto fuori la sua risorsa militare più disponibile, lasciando il suo ORBAT regolare non solo completamente intatto, ma addirittura più grande di quanto fosse l’anno scorso2.

 

Nel frattempo, l’Ucraina è rimasta virtualmente priva di potenza offensiva interna: l’unico modo per condurre operazioni offensive è un raggruppamento meccanizzato costruito da zero dalla NATO. Con tutte le spacconate dell’Ucraina, l’impegno in forze a Bakhmut l’ha resa incapace di intraprendere qualsiasi operazione proattiva per tutto l’inverno e la primavera, il suo contrattacco multi-brigata a Bakhmut è fallito e ha lasciato i suoi sostenitori ad arrampicarsi sugli specchi su un’imminente controffensiva per accerchiare Wagner da parte di un esercito di riserva che non esiste. Si è persino ridotto a inviare piccole colonne volanti nell’Oblast’ di Belgorod per lanciare incursioni terroristiche, per poi farle saltare in aria – scoprendo che il confine russo è in realtà pieno di forze dell’esercito russo, ancora molto intatto.

 

Credo che, in ultima analisi, nessuno dei due eserciti avesse previsto che Bakhmut sarebbe diventato il punto focale di un combattimento così intenso, ma l’arrivo in forze delle riserve ucraine ha creato una situazione unica. La Russia stava iniziando un processo di generazione di forze importante (con la mobilitazione che iniziò a settembre), e i dintorni di Bakhmut, bloccati, lenti e simili a Verdun, offrivano una buona occasione per far sopportare il carico di combattimento al Gruppo Wagner, mentre gran parte delle forze regolari russe erano in fase di espansione e di riequipaggiamento.

 

L’Ucraina, nel frattempo, è caduta nella fallacia del costo irrecuperabile (sunk cost fallacy)3 e ha iniziato a credere alla sua stessa propaganda sulla “Fortezza Bakhmut”, e ha permesso che una brigata dopo l’altra venisse risucchiata, trasformando la città e i suoi dintorni in una killing zone.

 

Ora che Bakhmut è perduta (o, come ha detto Zelensky, esiste “solo nei nostri cuori”4), l’Ucraina si trova di fronte a un’impasse operativa. Bakhmut era, dopotutto, un ottimo posto per combattere una difesa statica. Se l’AFU non è riuscita a tenerlo, e nemmeno a produrre uno tasso di perdite per sé favorevole, una strategia di mantenimento di cinture fortificate statiche può davvero essere considerata praticabile? Nel frattempo, il fallimento del piano Syrskyi e la sconfitta di un contrattacco multi-brigata da parte delle brigate russe di fucilieri mette in serio dubbio la capacità dell’Ucraina di avanzare su posizioni russe fortemente tenute.

 

In definitiva, sia l’Ucraina che la Russia hanno scelto di guadagnare tempo, a Bakhmut, ma mentre la Russia ha messo in campo una PMC che ha perso principalmente prigionieri, l’Ucraina ha guadagnato tempo erodendo una quantità significativa delle sue capacità di combattimento. Ha guadagnato tempo – ma tempo per fare cosa? L’Ucraina può fare qualcosa che valga le vite spese a Bakhmut, o è stato solo sangue sacrificato al dio del sangue?

 

1 https://www.understandingwar.org/backgrounder/russian-offensive-campaign-assessment-january-12-2023

https://bigserge.substack.com/p/the-battle-of-bakhmut-postmortem?utm_source=post-email-title&publication_id=1068853&post_id=122271638&isFreemail=true&utm_medium=email

Apocalisse: Operazione Barbarossa, di BigSerge_a cura di Roberto Buffagni

Raccomando caldamente la lettura di questo bel saggio sull’Operazione Barbarossa, perché non ha un interesse puramente storico, ed anzi ci aiuta a comprendere la dinamica della guerra in Ucraina.

Come scrivevo l’1 febbraio scorso[1], l’errore strategico commesso dall’Alto Comando tedesco con l’Operazione Barbarossa è analogo – toute proportion gardée – all’errore commesso dagli Alti Comandi occidentali con la loro strategia contro la Russia in Ucraina:

“…Esemplari dei successi dello stile germanico le magistrali Blitzkrieg contro Polonia e Francia nella IIGM.  Esemplare, però, anche il fallimento dell’Operazione Barbarossa. La Germania invade l’URSS, ottiene per sei mesi schiaccianti vittorie ma non riesce a provocare il collasso politico e sociale del nemico, e tocca il limite delle proprie capacità logistiche. L’URSS non capitola, si riorganizza, e comincia a generare forze umane e materiali in misura via via crescente e superiore rispetto alle forze che è in grado di generare la Germania.  Saranno necessari quattro anni di durissimo conflitto, ma il destino della Germania è segnato.

Si noti bene che al tempo dell’Operazione Barbarossa tutti gli Stati Maggiori del mondo, abbagliati dai precedenti, splendidi successi tedeschi, davano per scontata la vittoria della Wehrmacht. Essa però avrebbe potuto verificarsi soltanto se l’URSS fosse collassata in seguito ai primi mesi di devastanti sconfitte. L’Operazione Barbarossa è dunque stata un’azzardata scommessa strategica, in cui la vittoria finale dipendeva interamente dal crollo della coesione politica, militare e sociale del nemico. L’Alto Comando tedesco non ha invece tenuto nella dovuta considerazione sia le risorse strategiche attuali dell’URSS, sia, e soprattutto, la sua capacità di generare nuove forze, maggiori delle proprie, per tutto il tempo necessario a concludere vittoriosamente la guerra.

È lo stesso tipo di errore che hanno commesso gli Alti Comandi occidentali in questo conflitto ucraino.

Essi hanno gravemente sottovalutato le risorse attuali della Russia: da questo errore dell’intelligence militare i continui proclami che la Russia starebbe per terminare le sue scorte di missili, proietti d’artiglieria, etc., rivelatisi via via sempre più grotteschi e difformi dalla realtà; hanno gravemente sottovalutato la sua capacità di generare nuove forze umane e materiali nel breve, e nel medio-lungo periodo: di qui l’errata valutazione dell’impatto delle sanzioni economiche sulla Russia, a torto creduto rapidamente incapacitante; hanno gravemente sottovalutato la coesione politica e sociale della compagine russa, la sua volontà di combattere e di stringersi intorno alla bandiera: di qui gli annunci, via via più ridicoli, di un prossimo rovesciamento del governo russo in seguito al dissenso della popolazione e di decisivi settori della classe dirigente.”

A chi desidera approfondire lo studio della guerra sul fronte orientale nella IIGM, suggerisco le opere del grande storico militare statunitense David Glantz.[2] Buona lettura. Roberto Buffagni

 

https://bigserge.substack.com/p/apocalypse-operation-barbarossa?utm_source=post-email-title&publication_id=1068853&post_id=107082041&isFreemail=true&utm_medium=email

Il sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure 

PayPal.Me/italiaeilmondo

Su PayPal è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (ho scoperto che pay pal prende una commissione di 0,38 centesimi)

 

Apocalisse: Operazione Barbarossa

La storia della battaglia: Manovra, parte 11

di BigSerge, 22 marzo 2023

30

L’inizio della guerra nazi-sovietica, il 22 giugno 1941, fu un cataclisma di dimensioni inimmaginabili. Il conflitto che ne seguì si sarebbe svolto in un teatro enorme e sarebbe stato combattuto da eserciti di dimensioni mai viste prima. Le operazioni più importanti furono condotte da Berlino al Volga, dal Baltico al Caucaso: milioni di uomini si uccisero l’un l’altro in un’arena dal diametro di molto superiore ai mille chilometri. Fu anche qui, a est, che la brutalità del regime nazista fu finalmente scatenata nella sua totalità. Mentre la Wehrmacht si faceva strada nell’interno dell’Unione Sovietica, era seguita da unità speciali delle SS incaricate di giustiziare sommariamente determinate categorie di nemici, come i funzionari del Partito Comunista e gli ebrei. Centinaia di migliaia di persone sarebbero state fucilate in fosse mortuarie a cielo aperto.

 

Così, per scala geografica, per le dimensioni degli eserciti e per la disinibita brutalità della violenza, la guerra nazi-sovietica è unica. È la guerra: l’archetipo dell’apocalisse creata dall’uomo; senza rivali come singola massima espressione di violenza organizzata.

Questa guerra iniziò nelle prime ore del mattino del 22 giugno 1941, quando la Wehrmacht tedesca si mise in marcia per attuare l’Operazione Barbarossa. Questa operazione, come la guerra più ampia che inaugurò, fu di portata senza precedenti. Le forze tedesche ammontavano a ben oltre tre milioni di uomini, una cifra che non aveva nulla a che vedere con le forze coinvolte nell’invasione della Polonia o della Francia. Ancor più singolare, tuttavia, Barbarossa fu un tentativo di condurre una campagna di manovra e di annientamento su scala autenticamente continentale. Le aree di operazione previste andavano dagli Stati baltici e da Leningrado a nord fino alla Crimea a sud. L’intero spazio di battaglia era dell’ordine di mezzo milione di chilometri quadrati. È un fatto del tutto unico. Né prima né dopo nessun esercito avrebbe tentato un’operazione su scala continentale, e per una buona ragione.

 

Barbarossa e l’operazione immediatamente successiva (Operazione Tifone) sono molto mitizzati e spesso travisati nelle storie popolari. La storia più semplicistica che viene solitamente raccontata è incentrata sull’inverno russo. Si dice che i tedeschi fossero sul punto di catturare Mosca quando furono colti di sorpresa dal sopraggiungere del clima invernale, che congelò la loro avanzata e permise all’URSS di riprendersi (di solito, si dice, con il generoso aiuto del lend-lease americano). Una storia un po’ più sofisticata, ma comunque scorretta, indica come momento critico la decisione, all’inizio dell’autunno, di riorientare le forze verso Kiev – presumibilmente, ciò rifletteva il fatto che Hitler fosse distratto da obiettivi secondari, causando un ritardo fatale che non permise ai tedeschi di raggiungere Mosca in tempo.

 

Il fallimento di Barbarossa era in realtà radicato nelle concezioni più elevate dell’operazione, piuttosto che nei dettagli della sua attuazione. Barbarossa fallì perché era semplicemente impossibile condurre con successo una campagna di manovra su scala continentale in Unione Sovietica con le risorse a disposizione della Wehrmacht tedesca nel 1941. È interessante notare che Barbarossa raggiunse tutti i suoi obiettivi, ma questi successi non si tradussero in una vittoria strategica.

 

Si è sentito dire che la capacità dell’uomo supera la sua portata. Nel caso della Wehrmacht nel 1941, né la portata né la capacità di afferrare furono in difetto. Hitler aveva raggiunto e afferrato qualcosa di troppo grande per lui e si trovò alle prese con un potere che non aveva capito e che non poteva dominare. L’enorme potenza militare latente dell’Unione Sovietica era stata invisibile ai pianificatori tedeschi, che avevano scioccamente ignorato l’abilità di combattimento degli slavi, la sofisticazione dei sistemi d’arma sovietici e soprattutto l’impareggiabile potere organizzativo del Partito Comunista, che poteva mobilitare con calma ed efficienza decine di milioni di uomini per combattere.

 

E così, accecata dall’arroganza e dai presupposti nazisti sull’incompetenza sovietica e sull’inferiorità slava, la Wehrmacht si trovò intrappolata in una guerra che non poteva vincere, contro un esercito che non aveva capito, bloccata in un vasto Paese che la derideva con crudele distanza. Soprattutto, il regime nazista scoprì che il suo avversario sovietico aveva un’ideologia totalizzante e poteri di mobilitazione e coercizione superiori ai suoi. L’impero di Stalin, che Hitler aveva liquidato come un gigante dai piedi d’argilla, era molto più potente di quanto si sapesse. Hitler, che desiderava portare a est una guerra apocalittica di annientamento, avrebbe dovuto fare attenzione a ciò che desiderava.

La peggiore sorpresa di sempre

A prima vista, l’Operazione Barbarossa sembrerebbe caratterizzata da due aspetti apparentemente contraddittori: la forza tedesca era il più grande accumulo di potenza di combattimento nella storia dell’Europa, ma riuscì anche ad ottenere una sorpresa quasi totale. Questo sembra impossibile: come poteva l’Unione Sovietica non accorgersi dell’accumulo di una tale forza sul proprio confine – milioni di uomini, migliaia e migliaia di pezzi d’artiglieria, carri armati e veicoli, e con essi gli enormi depositi di rifornimento, i campi d’aviazione e le infrastrutture delle retrovie?

 

La risposta risiedeva in una singolare miscela di supposizioni dello stesso Stalin sulle intenzioni tedesche, nel ballo dell’intelligence e del controspionaggio e in una grave mancanza di comprensione da parte dei vertici della leadership sovietica su come si sarebbe presentato sul terreno quando i tedeschi avrebbero scatenato il loro pacchetto di attacco meccanizzato. Permettetemi l’indulgenza di un’elaborazione.

 

Nel 1941, la Germania nazista e l’Unione Sovietica operavano ancora tecnicamente nell’ambito di una serie di accordi che comprendevano un patto di non aggressione, un accordo commerciale (che scambiava in larga misura macchine utensili e tecnologia tedesche con materie prime sovietiche) e un accordo sui confini e sulle sfere di influenza che la storia conosce come patto Molotov – Ribbentrop. Nonostante l’allineamento nominalmente amichevole dei due Paesi, c’era la sensazione condivisa che l’alleanza stesse rapidamente esaurendo la sua utilità e che i due Paesi sarebbero presto entrati in guerra.

 

La disintegrazione delle relazioni nazi-sovietiche ebbe molteplici cause. L’accordo era piuttosto sgradevole per Hitler, in quanto rendeva la Germania dipendente dal grano, dal petrolio e da altri materiali sovietici. Dati i presupposti ideologici di Hitler sulla necessità di autosufficienza economica, la continua dipendenza da Stalin per i materiali era un boccone amaro da ingoiare. Inoltre, i termini specifici del commercio nazi-sovietico erano strategicamente svantaggiosi per la Germania, perché essa inviava all’Unione Sovietica strumenti industriali e tecnologia che la rendevano più potente nel lungo periodo, ricevendo in cambio solo materiali di consumo. Su tutto questo incombeva l’ossessione generale di Hitler per il “giudeo-bolscevismo” e l’impero orientale.

 

Senza entrare troppo nello specifico della visione del mondo di Hitler (forse sarà per un’altra volta), sarebbe opportuno dire che l’URSS era il luogo specifico in cui le sue molte ambizioni si univano. Era nelle terre dell’Unione Sovietica che Hitler avrebbe costruito un impero tedesco autosufficiente e ricco di risorse, oltre a forzare finalmente il confronto finale con “gli ebrei”. Questo proponeva una soluzione archetipicamente hitleriana. Hitler era soprattutto un giocatore d’azzardo geopolitico compulsivo che amava l’idea di poter risolvere tutti i suoi problemi con un unico colpo decisivo, e questo era l’esempio perfetto. Poteva acquisire grano, petrolio e spazio vitale, porre fine alla sua dipendenza da una nemesi ideologica e uccidere un numero enorme di ebrei e comunisti con una sola mossa.

 

La tregua nazi-sovietica, quindi, non sarebbe mai durata. La sua fine, nel 1941, fu specificamente innescata dalle dispute sulle relative sfere di influenza nei Balcani. Nel novembre 1940, Molotov visitò Berlino e si discusse dell’idea di far entrare l’Unione Sovietica nell’Asse con Germania, Giappone e Italia, ma i colloqui si interruppero per il desiderio sovietico di avere una presenza in Bulgaria. Ad avvelenare i rapporti non furono tanto le questioni in gioco, quanto il fatto che Hitler andò su tutte le furie quando fu informato delle proposte sovietiche, e la sua successiva decisione di dare a Molotov il trattamento del silenzio. La proposta sovietica non ricevette mai una risposta formale – un silenzio che innervosì profondamente Stalin e confermò più o meno che la tregua si stava disintegrando.

Molotov in Berlin, 1940

Come è possibile, quindi, che i sovietici siano stati colti di sorpresa dal lancio di Barbarossa? Ebbene, Stalin non si faceva certo illusioni sull’arrivo di una guerra. All’inizio del 1941, tenne un discorso ai diplomati dell’Accademia Militare Principale dell’Armata Rossa in cui prevedeva espressamente che la guerra si stava avvicinando e che l’Armata Rossa avrebbe infranto il mito dell’invincibilità della Wehrmacht. I preparativi per la guerra erano già in corso in Unione Sovietica quando l’attacco arrivò il 22 giugno.

 

Tuttavia, sapere che una guerra ci sarà è diverso dal sapere il giorno in cui inizierà. Stalin godeva di molti flussi di informazioni che lo avvertivano dell’imminenza di un’invasione tedesca (compreso un avvertimento di Winston Churchill), ma non riuscivano a mettersi d’accordo sulle date. Stalin sapeva che la Wehrmacht si stava ammassando ai suoi confini, ma non poteva accertarne le intenzioni. Soprattutto, Stalin aveva osservato uno schema nel comportamento di Hitler. Tutte le precedenti espansioni tedesche – Austria, Cecoslovacchia, Polonia, Danimarca e così via – erano avvenute dopo che il Führer aveva fatto un’ultima scandalosa richiesta di concessioni. In altre parole, Hitler sembrava preferire minacciare le sue vittime sotto la minaccia delle armi prima di scaricargli addosso la Wehrmacht. Stalin nel 1941 sembra essere stato abbastanza sicuro che Hitler avrebbe minacciato e fatto richieste prima di attaccare. L’idea che la Wehrmacht avrebbe semplicemente… attaccato… non sembra avergli sfiorato la mente.

 

Soprattutto, l’errore più grande di Stalin fu relativamente semplice. Credeva di essere pronto per la guerra. Stalin aveva mosso cielo e terra per industrializzare l’URSS e armarla fino ai denti con armi moderne. L’Armata Rossa era la più grande del mondo e aveva un parco carri armati significativamente più grande di quello della Wehrmacht. Nel giugno 1941, Stalin aveva mobilitato 220 divisioni e un numero significativo di esse era schierato in avanti sul confine.

 

Il 19 giugno, il capo del Partito ucraino – Nikita Krusciov – si incontrò con Stalin al Cremlino. Quando il cielo si fece scuro, Kruscev disse: “Devo proprio andare. La guerra scoppierà da un momento all’altro e potrebbe trovarmi qui a Mosca o sulla strada”. Stalin rispose: “Sì, hai ragione”. Pochi giorni dopo, all’una di notte del 22 giugno, Stalin – su incessante sollecitazione di Zhukov – permise alle unità dell’Armata Rossa sul confine di raggiungere la prontezza di combattimento di base, ma sottolineò che “il compito delle nostre forze è di astenersi da qualsiasi tipo di azione provocatoria”.

 

Il nocciolo della questione è che Stalin – che non era un militare – semplicemente non capiva quanto fosse veloce e violento il pacchetto d’attacco tedesco. Presumeva che le enormi forze sovietiche al confine avrebbero gestito qualsiasi cosa si fosse presentata. Potremmo dire che Stalin era astrattamente preparato all’idea di una guerra con la Germania nazista, ma non capiva cosa avrebbe significato sul campo, o come sarebbe stato quando i tedeschi avrebbero scatenato tutto ciò che avevano sull’Armata Rossa.

 

Era pronto per la guerra, ma non per la Wehrmacht.

 

Apertura: Il miraggio

L’Operazione Barbarossa fu un paradosso per eccellenza. Molto semplicemente, fu il più grande successo operativo della Wehrmacht fino ad allora, eppure fece perdere la guerra alla Germania. Come è possibile? Esaminiamolo.

 

La guerra iniziò più o meno come altri iconici attacchi tedeschi, e le unità dell’Armata Rossa alla frontiera ora godevano dello stesso trattamento riservato ai francesi nel 1940 o ai polacchi nel 1939: nuvole di Stukas stridenti, carri armati che sferravano il fuoco in avvicinamento, artiglieria che si concentrava sui punti di breccia e fanteria ben addestrata che riversava il fuoco di mortai, mitragliatrici e fucili. L’Armata Rossa se la cavò come i precedenti avversari della Wehrmacht. In quel momento, semplicemente, non c’era nessun esercito al mondo che avesse un’integrazione di armi all’altezza del kit di strumenti meccanizzati tedeschi, e la pura violenza, la velocità e la potenza di fuoco maniacalmente concentrata sulla breccia era troppo per chiunque da gestire.

German troops cross the Soviet border

La concezione generale dell’Operazione Barbarossa consisteva essenzialmente nel prendere le campagne precedenti della Germania e ingrandirle di molte volte. Mentre la Polonia e la Francia erano state colpite da due gruppi di armate tedesche, l’operazione Barbarossa ne prevedeva tre, tutti di dimensioni enormi. La Polonia aveva affrontato una manciata di Panzer Division; la Francia un “Panzer Group” di otto divisioni. L’URSS avrebbe avuto a disposizione ben quattro gruppi di panzer, per un totale di diciassette divisioni panzer e una serie di formazioni motorizzate.

Il piano tedesco prevedeva che tre gruppi d’armate si spingessero in profondità nell’Unione Sovietica con l’intenzione di accerchiare e distruggere le forze dell’Armata Rossa alla frontiera. I tedeschi sapevano bene che nel 1812 l’esercito russo aveva sconfitto Napoleone semplicemente ritirandosi in profondità nell’interno della Russia e negandogli una battaglia decisiva. Nel 1941 la Wehrmacht era determinata a distruggere l’Armata Rossa mentre si trovava ancora nelle zone di confine e a impedire una ritirata nei vasti dintorni del cuore sovietico.

Ci riuscirono.

Quando la Wehrmacht invase l’Unione Sovietica nel giugno 1941, dispiegò una delle più sorprendenti concentrazioni di potenza di combattimento mai viste. Hitler aveva messo insieme l’equivalente di 152 divisioni, composte da oltre 3 milioni di uomini, a cui si aggiunsero più di 650.000 soldati mobilitati dagli Stati satelliti tedeschi e dagli alleati come Ungheria, Finlandia, Romania e Italia. Le forze tedesche erano equipaggiate con circa 3.350 carri armati, 600.000 veicoli, 600.000 cavalli, decine di migliaia di pezzi di artiglieria e più di 3.000 aerei. Anche di fronte a una forza così colossale, Stalin aveva motivi legittimi per sentirsi fiducioso. Nonostante l’enorme accumulo tedesco, allo scoppio della guerra non c’era nessun settore principale – carri armati, fanteria, aerei o artiglieria – in cui la Wehrmacht avesse un vantaggio numerico significativo sull’Armata Rossa. Stalin aveva trascorso la maggior parte del suo tempo al potere perseguendo un’industrializzazione a rotta di collo per trasformare l’URSS in una superpotenza militare, e di conseguenza l’Armata Rossa alla vigilia della guerra era la più grande e la più equipaggiata del mondo. I tedeschi non superarono in numero l’esercito sovietico schierato di fronte a loro: semplicemente lo schiacciarono.

La preparazione sovietica alla guerra si era concentrata su fattori materiali – le dimensioni delle scorte di carri armati, artiglieria e aerei – trascurando gli aspetti professionali del comando, delle comunicazioni e del coordinamento. Di conseguenza, nonostante l’equipaggiamento e gli armamenti adeguati, l’Armata Rossa fu, molto semplicemente, superata dalla Wehrmacht, più agile e reattiva.

In primo luogo, le prestazioni dell’Armata Rossa non possono essere separate dal fatto che Stalin aveva condotto una vasta epurazione del proprio corpo ufficiali solo pochi anni prima dello scoppio della guerra. Questo spaventoso avvicendamento nella gerarchia di comando era avvenuto nello stesso momento in cui l’Armata Rossa si stava espandendo; di conseguenza, gli ufficiali sovietici tendevano a essere promossi rapidamente e all’inizio della guerra si trovavano per la maggior parte a combattere contro un corpo di ufficiali tedeschi altamente addestrato, esperto e freddamente competente, che aveva ormai intrapreso con successo due grandi campagne in Francia e Polonia, oltre a una serie di altre operazioni specializzate dalla Norvegia alla Grecia. I fattori fondamentali dell’esperienza e dell’addestramento erano quindi clamorosamente a favore della Germania.

Allo stesso tempo, l’Armata Rossa non disponeva di un sistema di comunicazione dedicato e si affidava alle linee telefoniche e telegrafiche civili, molte delle quali furono rapidamente tagliate dai tedeschi. Durante le prime fasi della guerra non era raro che gli ufficiali sovietici dovessero informarsi presso i funzionari locali del partito comunista (che aveva accesso alle comunicazioni radio) su dove si trovassero i tedeschi e su quanto fossero avanzati.

The Red Army fought bravely but was unprepared for war at Germany’s pace

Questi due fattori – un corpo di ufficiali sovraccarico e un sistema di comunicazione difettoso – ebbero una sinergia particolarmente letale. I diversi livelli della gerarchia di comando erano tagliati fuori l’uno dall’altro e ciechi, mentre a livello di unità i comandanti erano semplicemente incapaci o non disposti a prendere iniziative. Inoltre, le… diciamo così peculiarità del sistema staliniano lasciavano il corpo degli ufficiali con istinti orientati alla sopravvivenza politica, piuttosto che all’esigenza militare, e questo significava non prendere drastiche decisioni unilaterali.

 

Si trattava di un aspetto assolutamente centrale della costruzione di una guerra che Stalin e i comunisti semplicemente non avevano compreso; si erano concentrati sulla produzione di carri armati, cannoni e granate, trascurando le funzioni di comando e controllo dell’esercito. I tedeschi, semplicemente, erano preparati a combattere la guerra a un ritmo diverso da quello dei sovietici: I comandanti tedeschi erano più esperti, più decisi, più precisi, più disposti ad agire in modo indipendente e più lucidi. L’Armata Rossa, di conseguenza, assomigliava a un enorme combattente muscoloso, ma con un sistema nervoso malato e una pessima vista.

Queste vulnerabilità rendevano l’Armata Rossa particolarmente suscettibile all’approccio bellico della Wehrmacht, che portava una potenza di fuoco e una violenza schiaccianti nel punto di attacco per consentire una rapida penetrazione e un rapido movimento, creando una sacca accerchiata, o ciò che i tedeschi chiamavano kessel, cioè calderone, che poteva poi essere liquidata. Combattendo molteplici kesselschlacht, o battaglie di accerchiamento, la Wehrmacht pianificò di annientare l’Armata Rossa e distruggere la capacità di resistenza dell’Unione Sovietica entro l’autunno del 1941. L’obiettivo era molto chiaro: distruggere la potenza combattiva sovietica. L’annientamento dell’Armata Rossa aveva la priorità assoluta sulla cattura di qualsiasi punto geografico specifico. Hitler stesso aveva osservato che persino Mosca non era “di grande importanza”. L’obiettivo di Barbarossa era piuttosto quello di distruggere la forza lavoro sovietica: “La massa dell’esercito”, si leggeva nella direttiva del Barbarossa, “deve essere distrutta in operazioni audaci che comportino profonde penetrazioni da parte di punte corazzate, e deve essere impedito il ritiro di elementi in grado di combattere negli ampi spazi terrestri russi”.

 

Quest’ultima parte è la chiave del concetto di Barbarossa, ma ci torneremo più avanti.

I primi colpi della catastrofica guerra nazi-sovietica arrivarono sotto forma di bombardamento aereo da parte della Luftwaffe, che attaccò oltre 60 basi aeree sovietiche di prima linea all’inizio del 22 giugno. L’aviazione rossa perse oltre 1.200 aerei nella prima mattina di guerra, assicurando il controllo tedesco dell’aria lungo tutta la linea di contatto. Il 24 giugno, letteralmente due giorni dopo l’inizio della guerra, il quartier generale sovietico del fronte occidentale informò Mosca che “l’aviazione nemica ha il completo dominio aereo”. La distruzione totale delle unità di prima linea dell’aviazione rossa fu uno degli eventi più straordinari nella storia della guerra, eppure si verificò così rapidamente da essere scarsamente menzionato in gran parte della storiografia della guerra; è come se la forza aerea sovietica fosse semplicemente svanita nel nulla. Nel frattempo, le squadre tedesche in avanscoperta riuscirono a tagliare molte linee telefoniche e telegrafiche civili, mandando in tilt il sistema di comando e controllo dell’Armata Rossa e costringendo l’NKVD (che gestiva un sistema di comunicazione radio senza fili) a fare da intermediario per trasmettere gli ordini all’esercito. Con l’Armata Rossa gravemente disorientata e priva di supporto aereo, arrivò il temibile pacchetto meccanizzato tedesco.

 

La risposta sovietica fu tristemente inadeguata. Il 1941 sarebbe stato un anno di terribili errori, ma soprattutto ciò che i vertici sovietici, incluso soprattutto Stalin, non capirono, era quanto si potesse vincere o perdere nei momenti iniziali della guerra. Trascurando di mettere l’Armata Rossa in stato di massima allerta, il regime permise alla Wehrmacht di ottenere una sorpresa tattica, ma non strategica. Anni dopo un maresciallo sovietico, Andrei Grechko, avrebbe commentato con ironia che il governo e gli alti comandi erano pienamente preparati allo scoppio della guerra e che gli unici ad essere sorpresi dall’attacco tedesco furono i soldati dell’Armata Rossa in prima linea. Quello che la squadra di Stalin non capiva era che la sorpresa tattica, unita all’approccio particolarmente aggressivo e mobile della Germania alla guerra e al sistema di comando sclerotico dell’Unione Sovietica, avrebbe potuto produrre una catastrofe totale.

 

La risposta immediata della leadership del partito servì solo a sottolineare le pericolose dinamiche del regime sovietico, nonché la sua cecità rispetto a come gli eventi si sarebbero svolti sul terreno. Quando l’attacco tedesco iniziò, intorno alle 3 del mattino, i comandanti di prima linea ebbero grandi difficoltà a mettersi in contatto con le autorità di Mosca. Un ammiraglio, che finalmente riuscì a contattare al telefono un Georgy Malenkov molto assonnato, riferì di essere stato bombardato dalla Luftwaffe – Malenkov rispose chiedendo: “Capisce cosa sta riferendo?”. A molti comandanti dell’Armata Rossa, che cercavano freneticamente di spiegare che era scoppiata una guerra, fu detto di presentare i loro rapporti per iscritto. Il maresciallo Timoshenko, in particolare, ordinò ad alcuni cannoni antiaerei di non rispondere al fuoco dei tedeschi, perché non era chiaro se avessero i permessi necessari per farlo. Nel frattempo, a Mosca, i sottoposti di Stalin discutevano su chi dovesse svegliare il capo e dargli la cattiva notizia. Alla fine, dopo aver fatto pressione su Stalin e avergli illustrato la situazione, il Segretario Generale rispose con fermezza che i tedeschi sarebbero stati semplicemente “battuti lungo tutta la linea”. Quello che nessuno aveva capito era che, sebbene la guerra fosse iniziata da poche ore, i tedeschi avevano già preso una tale iniziativa in aria e sul terreno che le unità di frontiera dell’Armata Rossa erano più o meno condannate. L’Unione Sovietica era semplicemente impreparata al ritmo di questa guerra.

L’Operazione Barbarossa organizzò le forze tedesche in tre enormi gruppi di armate. Il Gruppo d’armate Nord doveva attraversare gli Stati baltici e catturare Leningrado; il Gruppo d’armate Sud aveva il compito di penetrare in Ucraina per assicurarsi le risorse industriali e agricole. La formazione di gran lunga più numerosa, tuttavia, era il Gruppo d’armate Centro, che doveva farsi strada lungo una linea molto simile alla rotta d’invasione di Napoleone, catturando Minsk e Smolensk lungo il percorso verso Mosca. Gli obiettivi geografici erano secondari: il punto principale era annientare le forze dell’Armata Rossa lungo il percorso. L’obiettivo non era tanto quello di raggiungere Mosca il più velocemente possibile, ma che percorrendo l’autostrada verso la capitale i sovietici sarebbero stati costretti a frapporre una grande massa combattente che avrebbe potuto essere distrutta.

 

La loro avanzata iniziale fu sorprendente. Nelle fasi iniziali di Barbarossa, la Wehrmacht divorò i chilometri e punì l’Armata Rossa disorientata. Una formazione di panzer del Gruppo d’armate Nord coprì metà della distanza da Leningrado in soli cinque giorni. Erich von Manstein avanzò di 185 miglia con il suo Panzer Korps in quattro giorni. Una profondità così sorprendente non era nemmeno particolarmente insolita; nel Gruppo d’armate Centro, Heinz Guderian guidò il suo gruppo di Panzer per 270 km. nella prima settimana. Ma non si trattava di un viaggio tranquillo attraverso il Paese: la Wehrmacht riuscì a penetrare in profondità superando la resistenza sovietica, eseguendo ripetutamente le classiche manovre a tenaglia per accerchiare le massicce formazioni dell’Armata Rossa. Queste battaglie di accerchiamento portarono a un numero incredibile di prigionieri. Ad agosto, la Wehrmacht aveva preso quasi 900.000 prigionieri di guerra; una serie di ulteriori accerchiamenti di massa nei mesi autunnali fece salire il numero dei prigionieri a quasi due milioni. Le perdite sovietiche furono davvero sorprendenti. A ottobre, l’Armata Rossa aveva perso quasi 3 milioni di uomini, oltre 15.000 carri armati e cannoni semoventi, 65.000 pezzi di artiglieria e 7.000 aerei. Si trattava di un livello di perdite incredibile e sconcertante, che nessun esercito al mondo avrebbe potuto assorbire. Franz Halder, il capo dell’alto comando dell’esercito tedesco, scrisse nel suo diario all’inizio di luglio: “Probabilmente non è esagerato dire che la campagna di Russia è stata vinta nel giro di due settimane”.

Halder’s diary offers a barometer of the German mood through the war

Naturalmente, non tutto fu perfetto. I sovietici contrattaccarono senza sosta, con azioni isolate che venivano affrontate facilmente, ma ogni attacco costava ai tedeschi tempo, uomini ed equipaggiamento. Le agili formazioni tedesche furono in grado, più volte, di accerchiare enormi sacche di forze sovietiche, ma anche quando erano accerchiate l’Armata Rossa combatteva ostinatamente, e la Wehrmacht scoprì che liquidare le sacche era un brutto affare e molte truppe sovietiche riuscirono a fuggire – alcune scivolarono dietro le linee tedesche e si unirono a gruppi partigiani che conducevano la guerriglia nel territorio occupato. Questi accerchiamenti erano così vasti e avvenivano così in profondità nell’Unione Sovietica che anche gli enormi gruppi di panzer (che comprendevano diverse divisioni di panzer e divisioni di fanteria motorizzata) non erano in grado di “sigillare” le sacche – dovevano aspettare che le divisioni di fanteria a piedi recuperassero e riempissero i vuoti. Nel frattempo, i tedeschi scoprirono che l’equipaggiamento sovietico era sorprendentemente formidabile. I più recenti modelli di carri armati sovietici – i KV1 e i T-34 – si rivelarono particolarmente difficili, e la maggior parte delle armi anticarro tedesche non riuscì a penetrare la loro corazza.

 

Tuttavia, le perdite inflitte all’Armata Rossa furono incredibilmente alte, dell’ordine di milioni. La guerra era sicuramente finita.

Torniamo ora alla concezione operativa di Barbarossa. La preoccupazione era quella di accerchiare e distruggere le formidabili forze sovietiche schierate vicino al confine. Non si trattava certo di un compito da poco. L’Armata Rossa in prima linea conteneva più di 150 divisioni di fucilieri (fanteria) e decine di divisioni di carri armati. La pianificazione bellica tedesca, tuttavia, si era gravemente sbagliata sulla percentuale di forze militari dell’Unione Sovietica schierate in avanti. Si presumeva che questa forza di circa 3 milioni di uomini rappresentasse la maggior parte della capacità militare di Stalin e che la sua distruzione avrebbe lasciato l’URSS prostrata. La preoccupazione, quindi, era quella di muoversi con grande decisione e distruggere le armate sovietiche di prima linea prima che potessero ritirarsi nell’interno dell’Unione Sovietica.

 

L’obiettivo fu raggiunto, con perdite sovietiche a sette cifre nella fase iniziale della guerra. Solo nella battaglia di Minsk, i tedeschi uccisero o catturarono più di 400.000 soldati sovietici in una grande sacca. Halder valutò che “l’obiettivo di frantumare il grosso dell’esercito russo al di qua dei fiumi Dvina e Dnepr è stato raggiunto”. Riteneva che a est di questi fiumi la Wehrmacht “avrebbe incontrato solo forze parziali”.

 

Il ritmo dell’avanzata iniziale della Germania e l’entità delle perdite inflitte all’Armata Rossa furono di portata veramente storica. Non ci si poteva aspettare che cinque gruppi d’armate si frantumassero allo sparo iniziale e sopravvivessero.

 

Ma qualcosa non andava.

 

L’Armata Rossa non era distrutta. Le perdite ammontavano a milioni, eppure i sovietici erano ancora in campo e combattevano duramente in ogni punto. Che cosa stava succedendo? Dove prendevano questi uomini? Che tipo di esercito poteva assorbire tre milioni di perdite nella campagna iniziale e non crollare? Che tipo di forza poteva perdere decine di armate e tuttavia rimanere in campo ovunque?

L’Unione Sovietica aveva un potere che era in gran parte invisibile ai pianificatori di Barbarossa: l’Armata Rossa aveva un’incredibile capacità di mobilitare forze fresche e di rigenerare la propria potenza di combattimento. La dottrina prebellica dell’Armata Rossa, infatti, aveva specificamente enfatizzato il potere di mobilitazione e le riserve. I pianificatori sovietici si aspettavano di dover sostituire tutte le loro formazioni ogni quattro-otto mesi in una guerra ad alta intensità, e avevano addestrato un numero enorme di riservisti a questo scopo.

 

Nel 1940, durante i preparativi per Barbarossa, lo stato maggiore dell’esercito tedesco aveva ipotizzato uno scenario in cui i sovietici avrebbero potuto mobilitare 40 divisioni fresche. Questo scenario non era assolutamente in linea con le capacità sovietiche. Invece di 40 divisioni, nel dicembre 1941 l’Armata Rossa riuscì a mobilitare ben 800 divisioni e unità di dimensioni equivalenti, schierando oltre 14 milioni di uomini. Solo alla fine di giugno i sovietici erano già riusciti a richiamare cinque milioni di riservisti. Ciò significa che in meno di due settimane, l’Armata Rossa fu in grado di fare appello a una forza lavoro superiore di circa il 60% rispetto all’intera forza d’invasione tedesca. Naturalmente, questi uomini non erano immediatamente disponibili per il combattimento; dovevano essere equipaggiati e organizzati, e le nuove formazioni dovevano essere assemblate nelle retrovie prima del dispiegamento. Ma c’erano, e questo dava all’Unione Sovietica una profondità difensiva che nessun altro Paese al mondo poteva eguagliare.

 

Arriviamo così al paradosso di base dell’Operazione Barbarossa. Dal punto di vista operativo, fu una delle più grandi vittorie della storia. La Wehrmacht ha completamente distrutto le forze armate sovietiche in prima linea e ha conquistato il territorio occidentale dell’Unione Sovietica in poche settimane. Tuttavia, questo successo operativo fu abbinato a uno dei più grandi errori di intelligence militare di tutti i tempi, con i tedeschi che ignoravano la capacità di mobilitazione dell’URSS. Di conseguenza, l’Operazione Barbarossa, in senso stretto, raggiunse i suoi obiettivi: distrusse le formazioni dell’Armata Rossa alla frontiera prima che potessero ritirarsi nell’interno dell’Unione Sovietica – e tuttavia il completamento di questo audace obiettivo non vinse la guerra.

Naturalmente, la mobilitazione delle riserve non risolse immediatamente nessuno dei problemi dell’Armata Rossa. Queste truppe appena richiamate non erano ben equipaggiate come le unità di prima linea che i tedeschi stavano distruggendo, e i problemi con il corpo degli ufficiali sovietici persistevano. Un sistema di comando e controllo macchinoso avrebbe afflitto l’Armata Rossa per anni. Tuttavia, il 1941 si preannunciava come un anno di terribili rivelazioni per entrambe le parti. I sovietici stavano imparando che avevano catastroficamente sottovalutato l’abilità operativa della Wehrmacht, mentre i tedeschi scoprirono di essere stati totalmente ciechi di fronte agli impressionanti poteri di mobilitazione dello Stato sovietico. Alla fine, la guerra nazi-sovietica fu un’apocalisse a cui nessuna delle due parti era pronta.

 

Smolensk: I primi dubbi

I primi segnali che qualcosa potesse andare storto nella guerra arrivarono in un luogo che né il comando tedesco né quello sovietico avevano mai previsto come importante campo di battaglia. Smolensk si trovava nella zona interstiziale operativa, nel primo strato dell’interno russo. I tedeschi presumevano che l’Armata Rossa sarebbe stata sconfitta prima che l’avanzata arrivasse a Smolensk, mentre i sovietici non credevano affatto che la Wehrmacht avrebbe raggiunto Smolensk. Così, entrambi gli eserciti furono sorpresi dai drammatici eventi che si svolsero in quel luogo.

 

I tedeschi si avvicinarono a Smolensk nella prima settimana di luglio, mentre Halder faceva la sua fantasiosa previsione che sarebbero rimaste solo unità sovietiche “parziali” a contrastarli. Furono quindi piuttosto sorpresi di trovare cinque intere armate sovietiche schierate intorno a Smolensk.

 

Questo era sconcertante, nel senso che non ci si aspettava che queste armate esistessero. Ma c’erano faccende da sbrigare. La Wehrmacht tornò al suo manuale di base: violente spinte concentrate intorno alla città, per arrotolare le forze sovietiche in un ennesimo promettente accerchiamento. Tutto molto bene: avrebbero liquidato la sacca, fatto altre centinaia di migliaia di prigionieri e sarebbero andati avanti. Heinz Guderian dedicò persino uno dei suoi tre corpi Panzer a spingersi più a est e a conquistare una testa di ponte sul fiume Desna presso la città di Yelnya, in modo da poterla usare come piattaforma di lancio per la fase successiva.

Guderian and his staff stop to check the map

Invece di schiacciare rapidamente i sovietici accerchiati a Smolensk e proseguire, i tedeschi si trovarono impegnati in una lotta feroce. Stalin chiese all’Armata Rossa di smettere di attaccare con unità frammentarie e di “iniziare a creare pugni di sette o otto divisioni”. In risposta, i sovietici portarono altre sette armate nel settore di Smolensk e lanciarono una serie di contrattacchi che, sebbene sconfitti, impantanarono i tedeschi e inflissero loro gravi perdite. La testa di ponte di Guderian a Yelnya fu martellata senza pietà e la Wehrmacht fu infine costretta ad abbandonarla dopo aver subito pesanti perdite. Un generale sovietico ha commentato che “la nostra attività apparentemente ha sconcertato anche il comando nemico, che ha incontrato resistenza dove non se l’aspettava; ha visto che le nostre truppe non solo hanno reagito, ma hanno anche attaccato (anche se non sempre con successo)”.

 

In effetti, l’intero corso della battaglia di Smolensk sembrò sconcertare i tedeschi. In particolare, un aggressivo attacco sovietico contro l’ala meridionale della Wehrmacht fu inizialmente liquidato dal feldmaresciallo von Bock (comandante del Gruppo d’armate Centro) come composto da “elementi di scarto”. Pochi giorni dopo, quegli elementi si rivelarono essere tre intere armate sovietiche che minacciavano di far crollare un intero Corpo Panzer, e Bock fu costretto a far intervenire altri due corpi d’armata per ripristinare la posizione. Si trattò, ammise nel suo diario, di “un successo piuttosto notevole per un avversario malconcio”.

Field Marshal Fedor von Bock – Commander of Army Group Center

La condotta dell’operazione di Smolensk rifletteva ampiamente una forza tedesca che credeva davvero alle proprie affermazioni, secondo cui l’Armata Rossa era stata degradata a forze solo parziali. In particolare, le decisioni di Guderian riguardo alla sua sfortunata testa di ponte di Yelnya dimostrarono la crisi emergente. Nel momento in cui Guderian scelse di spingere il 46° Corpo Panzer a est verso Yelnya, in realtà aveva l’ordine di Bock di chiudere l’anello intorno a Smolensk. Guderian, dobbiamo ricordarlo, era un comandante prussiano della vecchia scuola, che aveva capito che un certo tipo di autonomia e di indipendenza era concessa al comandante sul campo, quando si trattava di intraprendere un’azione aggressiva. Dopotutto, era stato questo stesso tipo di insubordinazione a portare al grande accerchiamento in Francia. Spingersi più a est per preparare la mossa su Mosca era perfettamente in linea con questo spirito, ma non fu una notizia gradita a Bock, che vide le unità sovietiche fuoriuscire dalla sacca attraverso il buco che Guderian aveva lasciato aperto. Quando Guderian finalmente spostò le forze per chiudere il varco, l’unica unità che poté risparmiare per il lavoro fu la 18ª Divisione Panzer, gravemente sotto organico, che a quel punto aveva perso tre quarti dei suoi carri armati e metà dei suoi cannoni anticarro.

 

La sorprendente mancanza di prudenza di Guderian, dato l’esaurimento generale del suo gruppo di panzer, esemplificava il fallimento della guerra tedesca. Una forza di panzer al limite delle sue linee di rifornimento, che operava con perdite crescenti di carri armati e solo un modesto supporto di fanteria, tentava bizzarramente di affrontare obiettivi multipli e difficili – cercando non solo di completare l’accerchiamento intorno a Smolensk, ma anche di controllare una testa di ponte più a est. Alcuni dei comandanti di divisione di Guderian riferirono chiaramente che solo un obiettivo poteva essere raggiunto. Nel frattempo, al comando del Gruppo d’Armate, Bock scrisse con incredula esasperazione: “C’è solo una sacca sul fronte del gruppo d’armate! E ha un buco!”.

I tedeschi vinsero la battaglia di Smolensk nel 1941. L’intera operazione costò ai sovietici altre 350.000 vittime totali e la città fu infine conquistata. Ma dal punto di vista tedesco, l’intera battaglia fu sbagliata. I sovietici dovevano essere al collasso e non dovevano certo essere in grado di lanciare una serie di nuove armate su questo fronte. Inoltre, le perdite tedesche, anche se inferiori a quelle dell’Armata Rossa, erano comunque gravi. La Wehrmacht perse circa 110.000 uomini nell’operazione di Smolensk, oltre a perdere tempo prezioso. La difficoltà di chiudere l’anello, gli incessanti contrattacchi sovietici, la crescente debolezza delle forze corazzate, lo strisciante senso di paralisi e di disaccordo nel comando: tutto indicava una guerra che stava andando terribilmente male, anche se la Wehrmacht non aveva ancora subito una sola sconfitta.

 

La battaglia si concluse il 31 luglio. A questo punto, un senso di disillusione e di orrore si stava insinuando nelle menti tedesche. Il 13 luglio – a soli cinque giorni dall’inizio dell’operazione – Bock aveva già confidato al suo diario:

 

“A causa dell’estremo logoramento del materiale e dell’equipaggiamento, i [due] gruppi di panzer sono efficaci solo se impiegati come un’unica entità”.

 

Poche settimane dopo, avrebbe aggiunto: “Se, dopo tutti i successi, la campagna a est si sta esaurendo… non è colpa mia”.

 

All’inizio di settembre, un ufficiale tedesco osservò succintamente:

 

Nessuna Blitzkrieg vittoriosa, nessuna distruzione dell’esercito russo, nessuna disintegrazione dell’Unione Sovietica”.

 

Il generale Gotthard Heinrici scrisse una lettera alla moglie in cui ammetteva che:

 

“La Russia è molto forte… La guerra qui è senza dubbio molto brutta… Tutte le campagne passate sembrano un gioco da ragazzi in confronto alla guerra attuale. Le nostre perdite sono pesanti…”.

 

Il colpo di grazia, tuttavia, venne dal Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Franz Halder. Dopo essersi vantato in precedenza di aver vinto la guerra in due settimane, le annotazioni del suo diario all’inizio di agosto mostrarono un chiaro cambiamento di tono:

 

“È sempre più chiaro che abbiamo sottovalutato il colosso russo… All’inizio della guerra, contavamo su circa 200 divisioni nemiche. Ora ne abbiamo contate già 360. Queste divisioni non sono sicuramente armate ed equipaggiate nel nostro senso, e tatticamente sono per molti versi mal guidate. Ma ci sono… Se noi ne distruggiamo una dozzina, i russi ne mettono un’altra al loro posto”.

 

Caveat emptor.

 

Kiev: Annientamento e crisi

I paradossi di questa guerra – la vittoria operativa contrapposta alla totale sconfitta strategica – erano solo all’inizio per la Germania. Dopo aver liquidato con successo la sacca di Smolensk, la Wehrmacht si trovò di fronte a un momento decisivo. Era l’inizio di agosto, il che lasciava una finestra adeguata per portare avanti altre operazioni prima che arrivasse la stagione del fango – ma operazioni a quale scopo?

 

A questo punto della guerra, il fronte aveva organicamente creato un enorme saliente intorno a Kiev. L’avanzata tedesca nella Russia centrale ora si protendeva oltre la cima del fronte meridionale. In sostanza, il Gruppo d’armate Centro era avanzato molto più in profondità rispetto al Gruppo d’armate Sud, e l’avanzata di quest’ultimo si era arrestata quando aveva raggiunto il possente fiume Dnieper.

 

Questa era un’opportunità allettante. Un attacco verso sud da parte delle unità del Gruppo d’armate Centro aveva il potenziale per conquistare quasi tutto il fronte sud-occidentale sovietico in quello che prometteva di essere forse il più grande accerchiamento mai realizzato. Ma una tale mossa avrebbe comportato la privazione del Gruppo d’armate Centro delle sue importantissime divisioni panzer, precludendo ulteriori progressi al centro e ritardando necessariamente qualsiasi mossa su Mosca.

Hitler makes a plan

Per alcuni, quindi, la decisione di Hitler di staccare unità critiche di panzer dal Gruppo d’armate Centro e di inviarle a sud verso Kiev è il momento in cui la Germania ha perso la guerra. Distratto dalla prospettiva di un altro grande accerchiamento, il Fuhrer ritardò stupidamente l’avanzata su Mosca e costò alla Germania la sua migliore opportunità di vincere la guerra nel 1941. Questa teoria è ovviamente allettante, soprattutto perché permette di scaricare tutta la colpa su Hitler. Il signor Baffetto è diventato, per ovvie ragioni, un capro espiatorio popolare per la sconfitta tedesca: nel dopoguerra, non poteva difendersi perché era morto, e nessun altro lo avrebbe difeso perché era Hitler. È quindi comune e comodo incolpare Hitler per le particolari decisioni che hanno portato alla sconfitta tedesca. Questo, però, è sbagliato.

 

È giusto accusare Hitler di essere malvagio, o nevrotico, o di qualsiasi altra cosa sgradevole, ma non è stato eccessivamente responsabile di particolari decisioni che hanno portato alla sconfitta tedesca. Si potrebbe dire, naturalmente, che come comandante in capo aveva la responsabilità ultima, e a ragione. Ma era sempre consigliato da ufficiali di stato maggiore e servito da un corpo di ufficiali che eseguiva doverosamente i suoi ordini, e nel 1941 c’erano molti ufficiali tedeschi che esultavano per la decisione del loro Fuhrer di inviare i panzer a sud verso Kiev. Invece di far presagire una sorta di fallimento storico mondiale, salutarono una vittoria titanica. Più precisamente, la decisione di reindirizzare le forze verso l’asse di Kiev era perfettamente in linea con i presupposti di lunga data del modo di fare la guerra prussiano, che dava priorità alla distruzione della massa combattente del nemico sopra ogni altra cosa. Questo era, secondo la saggezza convenzionale, il modo assolutamente corretto di fare la guerra.

 

Inoltre, da un punto di vista operativo, questa non era altro che un’opportunità perfetta per condurre la madre di tutte le battaglie di annientamento. Nessun istruttore delle accademie militari tedesche avrebbe potuto inventare uno scenario più da sogno. La mappa si sviluppava in modo favorevole per la Wehrmacht grazie al flusso naturale del Dnieper, che si piega come un’enorme “S” intorno a Kiev. Il Gruppo d’armate Sud tedesco era avanzato fino alla linea del Dnieper, mentre l’Armata Rossa teneva saldamente l’ansa del fiume con quattro armate (la 5ª, la 21ª, la 26ª e la 37ª). Tuttavia, l’avanzata del Gruppo d’armate Centro a Smolensk in luglio significava che i tedeschi erano già oltre il fiume (cioè a est del Dnieper) a nord di Kiev. Di conseguenza, la posizione sovietica intorno a Kiev era venuta a formare un gigantesco saliente, con le linee tedesche che sporgevano verso le loro retrovie sia a nord che a sud.

Ad aumentare l’attrattiva della posizione (dal punto di vista tedesco) c’era il fatto che le posizioni chiave sulle ali del saliente erano già occupate da forze Panzer – il 2° Gruppo Panzer di Guderian a nord e il 1° Gruppo Panzer di Kleist a sud. Questo rese possibile colpire direttamente il saliente sovietico senza riorganizzare la linea. Il Gruppo Panzer di Guderian doveva fare poco più che girare a destra.

 

Si trattava quindi di un’operazione concettualmente molto semplice. Il 1° e il 2° gruppo Panzer si sarebbero diretti l’uno verso l’altro, avrebbero sigillato l’enorme saliente attorno all’ansa del Dnieper e avrebbero intrappolato quattro armate sovietiche in una sacca.

 

È curioso, quindi, che un’opportunità così sublime e pulita di combattere l’ennesima battaglia di annientamento sia stata trasformata in una sorta di decisione sconsiderata di Hitler che è costata la guerra alla Germania. Questa interpretazione deriva in gran parte dal fatto che due dei più letti memorialisti della Germania nazista – Heinz Guderian e Franz Halder – hanno fatto di tutto per drammatizzarla come un punto di svolta in cui Hitler ignorò i loro consigli.

 

Una breve nota sulle curiosità istituzionali della macchina da guerra nazista. Il termine “alto comando”, in questo caso, è un descrittore inadeguato, poiché la Germania nazista aveva due organismi di spicco che rientravano in questa definizione. Uno era l’OKH – Oberkommando des Heeres, o Alto Comando dell’Esercito. Si trattava dell’organo che conduceva la pianificazione strategica per i gruppi di armate e le armate. Il suo comandante supremo era il generale Walther von Brauchitsch e il capo di stato maggiore era il già citato Franz Halder, che tenne un diario che divenne un materiale primario fondamentale per gli studiosi dopo la guerra. Tuttavia, c’era anche l’OKW – Oberkommando der Wehrmacht, o Alto Comando delle Forze Armate, diretto da Wilhelm Keitel e Alfred Jodl. In teoria, si trattava di un organo al di sopra dell’OKH che coordinava le operazioni dell’Esercito (Heer), della Marina (Kriegsmarine) e dell’Aeronautica (Luftwaffe), ma in pratica operava come centro decisionale rivale dell’OKH.

 

Tutto ciò rientrava nella procedura operativa standard del regime hitleriano. Al Fuhrer piaceva creare centri di potere rivali che competessero per le risorse e l’approvazione, sia perché ciò accresceva il suo potere personale (permettendogli di arbitrare tra tirapiedi in competizione), sia perché generava proposte ambiziose, con i sottoposti costantemente sotto pressione per portargli idee più grandi e audaci.

 

Nel dopoguerra, per i membri dello Stato Maggiore dell’Esercito (OKH) divenne una consuetudine dipingersi come puri professionisti e non propriamente nazisti, in contrasto con gli uomini dell’OKW, che venivano considerati come fanatici yes-men adoratori di Hitler. Ciò è stato apparentemente consolidato dal fatto che le figure di spicco dell’OKW, come Jodl e Keitel, sono state condannate per crimini di guerra a Norimberga e impiccate, mentre gli uomini dell’OKH, come Halder, sono stati ampiamente lasciati andare. Il risultato di tutto ciò è che la Wehrmacht è stata dipinta come composta da una fazione “pulita” (Halder, l’OKH e molti comandanti sul campo) e da una fazione “nazista” (l’OKW e le Waffen SS). In realtà, questa teoria è poco più di una continuazione della lotta di potere tra l’OKW e l’OKH che precede di molto Auschwitz e Norimberga.

 

Nei primi mesi autunnali del 1941, la Wehrmacht si trovò bloccata proprio da una simile lotta di potere. L’OKH (in particolare Halder) era favorevole a un immediato attacco a Mosca, mentre l’OKW era d’accordo con Hitler sul fatto che la priorità dovesse essere la pulizia dei fianchi. Pertanto, quando si leggono le memorie di un personaggio come Guderian, si deve capire che non si trattava semplicemente di un’iniziativa unilaterale di Hitler che ignorava i suoi consigli e sceglieva di andare in un’altra direzione; piuttosto, Guderian e Halder erano dalla parte dei perdenti in una lotta interna ai servizi per la firma di Hitler. A lungo termine, questa bizzarra e sclerotizzante frattura istituzionale fu ricucita quando Hitler si fece direttamente comandante in capo dell’OKH e gestì la guerra a est attraverso questo organismo, mentre l’OKW si assunse la responsabilità degli altri fronti.

Hitler with the staff of the OKH

La verità, naturalmente, è che sia l’OKW che l’OKH erano pieni di ufficiali perfettamente disposti ad eseguire gli ordini del Führer, sia che questi ordini riguardassero la liquidazione dei nemici razziali o la deviazione del 2° Gruppo Panzer verso sud, in direzione di Kiev. In un primo momento Guderian si oppose alla svolta verso sud, ma una volta che fu portato a discutere la questione con Hitler faccia a faccia, mollò prevedibilmente (Guderian tendeva a essere piuttosto intimorito in presenza di Hitler e di solito si trovava d’accordo con il capo) e attuò con entusiasmo l’ordine.

 

Detto questo, la decisione era stata presa. Piuttosto che muoversi direttamente su Mosca, gran parte delle forze del Gruppo d’armate Centro – in particolare i panzer – sarebbero state dirottate a nord e a sud per aiutare altri obiettivi. Le unità del Gruppo Panzer 3 sarebbero andate a nord per contribuire a sigillare il fronte intorno a Leningrado, mentre il Gruppo Panzer 2 di Guderian sarebbe andato a sud per contribuire a insaccare un enorme calderone intorno a Kiev.

 

È una grande tragedia, ma probabilmente Hitler aveva ragione. Contrariamente alle vane proteste dell’OKH, la strada per Mosca non era aperta: c’era un muro di armate sovietiche che si stava dispiegando sulla strada. Il Gruppo d’armate Centro era ancora in fase di consolidamento della propria logistica. Il trasporto su camion era a pezzi, le linee ferroviarie dovevano essere riparate, le discariche di rifornimento dovevano essere create e i veicoli di ricambio dovevano essere trasportati su rotaia. In questa circostanza, ripulire i fianchi prima di avanzare nell’interno della Russia era una linea d’azione del tutto sensata. L’idea che il Gruppo d’Armate Centro potesse semplicemente entrare a Mosca nel settembre 1941 è un’assurda invenzione del dopoguerra.

 

Tutto questo, forse, ignora il vero problema. La battaglia di Kiev del 1941 fu, secondo la tradizionale visione tedesca della guerra, una delle operazioni più spettacolari di tutti i tempi, in quanto distrusse l’equivalente di un intero Gruppo d’armate sovietico in poche settimane.

 

Lo schema funzionò sostanzialmente alla perfezione. Il 2° Gruppo Panzer di Guderian puntò direttamente a sud lungo l’ansa interna del fiume Desna e attaccò alla cerniera tra la 21a e la 40a Armata sovietica. Contemporaneamente, il 1° Gruppo Panzer di Kleist attraversò il Dneiper a sud-est di Kiev e sfondò le linee della 38ª Armata sovietica. I tedeschi disponevano ora di due potenti gruppi di Panzer (con un totale di nove divisioni panzer e divisioni di fanteria motorizzata al seguito) che irrompevano nelle retrovie delle armate sovietiche nell’ansa del Dnieper, con tre armate campali (la 2ª, la 6ª e la 17ª) che bloccavano il resto delle linee sovietiche intorno a Kiev.

In questo momento cruciale, i sovietici dovevano muoversi con decisione per salvare queste armate. Le quattro armate ora intrappolate nella sacca che si stava rapidamente chiudendo avrebbero dovuto immediatamente organizzarsi per un’evasione verso est, aiutate da numerose armate sovietiche che si aggiravano nel teatro. Purtroppo, a questo punto l’Armata Rossa non aveva né l’esperienza necessaria per organizzare rapidamente un’operazione così complessa, né la volontà politica di abbandonare semplicemente una città importante come Kiev. Pertanto, a parte alcune divisioni della 21a Armata che riuscirono a ritirarsi attraverso il varco prima che si chiudesse, le armate sovietiche ridussero le loro posizioni in un fragile guscio dove rimasero intrappolate nell’ampio arco dei fiumi Dnieper e Desna, con due Gruppi Panzer che murarono l’unica uscita.

La fine arrivò in modo straordinariamente rapido. La 21a sovietica si comportò un po’ meglio delle altre, con alcune divisioni che fuggirono verso est e le altre che mantennero almeno per un certo tempo un fronte coeso. Le altre armate nell’ansa – la 37ª, la 5ª e la 26ª – furono rapidamente imbottigliate in sacche incredibilmente piccole, dove furono martellate senza pietà dalla Luftwaffe e dall’artiglieria tedesca. Queste sacche erano anormalmente strette e più di un ufficiale tedesco ha commentato lo shock di guardare attraverso il binocolo e vedere così tanti veicoli e uomini ammassati in spazi così piccoli.

Si pone una questione più ampia. La battaglia di Kiev era costata all’Armata Rossa ben 700.000 perdite totali. Intere armate furono inghiottite in sacche di fuoco per morire o arrendersi. Le perdite di carri armati furono un po’ più lievi (le armate distrutte erano in gran parte di fanteria convenzionale), ma l’Armata Rossa perse ben 28.000 cannoni pesanti di tutti i tipi (contraerea, artiglieria, anticarro). L’entità di questa battaglia e delle perdite dell’Armata Rossa aveva pochi precedenti storici.

 

Una battaglia che infligge così tanti danni al nemico può mai essere definita un errore?

 

Certamente, dal punto di vista della battaglia di annientamento (l’unico punto di vista che l’esercito tedesco avesse mai trovato utile), Kiev fu un colpo da maestro. In un’unica manovra, eliminò un intero gruppo d’armate sovietiche, catturò gran parte dell’Ucraina sovietica e protesse il fianco meridionale del Gruppo d’armate Centro – e l’intera operazione richiese meno di un mese. Per Hitler, la vittoria era un altro successo personale che giustificava il suo istinto militare, e il ministero della propaganda del Reich era pronto a sfruttarla al massimo.

 

La Wehrmacht era ormai entrata da quattro mesi nella sua guerra orientale e aveva già combattuto tre enormi battaglie di annientamento, in Bielorussia, a Smolensk e a Kiev.

 

Allora perché il nemico non era stato annientato?

 

Vyazma: Il punto culminante

Pochi momenti della Seconda Guerra Mondiale sono così fraintesi come la battaglia per Mosca. C’è una versione popolare della storia, nota a tutti i ragazzi occidentali che sono cresciuti con il fascino della guerra, che recita così: dopo una serie di vittorie sbalorditive durante l’estate, la Wehrmacht fece una spinta finale verso Mosca, dove arrivò a pochi chilometri dalla vittoria della guerra – notoriamente, le truppe tedesche potevano vedere le torri del Cremlino con un binocolo – prima di arrivare a un passo dalla sconfitta a causa del terribile clima invernale, dei problemi di approvvigionamento e dell’inopportuna intromissione di Hitler. L’implicazione di questa storia è che i primi di dicembre del 1941, nei sobborghi di Mosca, sono il momento e il luogo specifici in cui la Germania ha perso la guerra.

 

Tutto ciò è sbagliato. In realtà, lo sforzo bellico della Germania era più o meno condannato molte settimane prima del fatidico affondo verso la capitale sovietica. Probabilmente, la guerra era condannata fin dall’inizio, per la matematica bruta della forza lavoro sovietica. Il problema essenziale per la Wehrmacht era che l’Armata Rossa era in grado di assemblare e mettere in campo una linea apparentemente infinita di armate di riserva, che rendeva impossibile per i tedeschi realizzare il progetto originale dell’invasione e distruggere la potenza combattiva sovietica in un’unica grande operazione; in definitiva, questo era un problema irrisolvibile per la Germania che non aveva nulla a che fare con l’inverno russo.

 

La mitologia della lotta per Mosca riflette il tentativo degli ufficiali tedeschi di conciliare un difficile paradosso: come potevano perdere una guerra in cui avevano vinto ogni battaglia? Mosca segnò la prima vera battuta d’arresto operativa per la Germania nei tre anni successivi all’invasione della Polonia: come prima sconfitta, doveva quindi essere anche il luogo in cui la guerra era stata persa. Ancora più convenientemente, Mosca fu un punto della guerra in cui l’interferenza di Hitler divenne più intensa, permettendo agli scrittori tedeschi di memorie di dare la colpa della sconfitta al loro Fuhrer. Ma Mosca non era mai stata di alcuna importanza per gli ufficiali tedeschi: lo scopo di Barbarossa era distruggere l’Armata Rossa. Quando fu chiaro che la Wehrmacht non era riuscita a raggiungere questo obiettivo, l’attenzione si spostò su Mosca.

Dicendo a se stessi – e al mondo – che Hitler aveva perso la guerra in inverno alle porte di Mosca, i generali tedeschi si assolvevano retroattivamente per aver perso la guerra alla fine dell’estate, non riuscendo a uccidere l’Armata Rossa. Memorie come quelle dei generali dei Panzer Heinz Guderian, Franz Halder o Erich Manstein dedicano grande attenzione alla lotta per Mosca e insinuano con forza che fu quel maledetto Hitler a rovinare tutto. Queste affermazioni non vengono contrastate – dopo tutto, chi vuole difendere Hitler? In realtà, nell’inverno del 1941 la Germania avrebbe potuto fare ben poco a livello operativo per vincere la guerra. Sembra strano: la guerra nazi-sovietica durò tre anni, dieci mesi, due settimane e due giorni – poteva davvero la Germania combattere una guerra persa per il 95% di questo tempo? Ma la Wehrmacht fu sconfitta; la sua lama fu smussata dalla feroce resistenza dell’Armata Rossa in ogni punto del campo. La Germania nazista aveva sferrato un pugno a tradimento alla mascella dell’Armata Rossa e aveva una mano rotta da mostrare.

 

L’affondo della Germania su Mosca nell’autunno del 1941 rifletteva la situazione disastrosa della Wehrmacht. Barbarossa, nonostante i suoi brillanti risultati operativi, non era riuscito a piegare l’Armata Rossa. Che fare allora? Cosa fare quando una fulminea manovra operativa non riesce a mettere fuori gioco il nemico?

 

Per la Wehrmacht, con il suo limitato manuale operativo, la risposta era chiaramente quella di lanciare un’altra offensiva. Gli ufficiali tedeschi erano stati addestrati a pensare alla guerra in modo molto specifico e a cercare soluzioni a livello operativo, cioè con il movimento aggressivo di grandi formazioni – il tipo di manovra a scacchi che piace alla mentalità dei wargame. In questo caso, la soluzione era l’Operazione Tifone: un seguito di Barbarossa che prevedeva una manovra a tenaglia per accerchiare e distruggere le forze sovietiche in avvicinamento a Mosca prima di catturare la città stessa.

 

Per gli ottimisti del comando tedesco, Tifone poteva essere inquadrata come un colpo di grazia a un avversario già stordito e malconcio dopo Barbarossa. Più realisticamente, tuttavia, Tifone tradisce una catastrofe militare in atto: nonostante le perdite orribili, i sovietici erano ancora in piedi in gran numero – e l’inverno si stava avvicinando. Qualunque sia il tropo che persiste sul fatto che i tedeschi siano stati sorpresi dall’inverno russo, questo non è inequivocabilmente il caso. Avevano esplicitamente puntato a vincere la guerra nel primo anno per evitare di combattere in inverno. Il tempo stava per scadere: da qui Tifone, come ultimo tentativo di vincere la guerra prima che le temperature precipitassero.

 

Per sferrare il tanto necessario colpo di grazia, le forze furono riassegnate dai gruppi d’armate settentrionali e meridionali per concentrare la massima potenza di combattimento nel Gruppo d’armate Centro, il cui comandante – il feldmaresciallo Fedor Von Bock – ora controllava tre dei quattro gruppi di panzer della Wehrmacht. Il gruppo d’armate di Bock era ora cresciuto fino a circa 2 milioni di uomini, rendendo Tifone il più grande comando tedesco sul campo dell’intera guerra. Si trattava di una forza formidabile, ma l’impressionante ordine di battaglia sulla carta smentiva l’entità dei danni che i tenaci difensori dell’Armata Rossa avevano inflitto nei tre mesi precedenti.

 

Questo non era lo stesso esercito che aveva invaso l’Unione Sovietica il 22 giugno. Nonostante i molti errori commessi dagli alti comandi, le truppe dell’Armata Rossa avevano combattuto con ferocia e coraggio, infliggendo gravi perdite ai tedeschi. All’inizio di Tifone, i tre gruppi di panzer di Bock erano ridotti solo al 52,8% dei loro complementi di carri armati autorizzati. Anche le perdite di autocarri furono ugualmente paralizzanti; secondo una stima, i gruppi di panzer avevano perso tra il 30 e il 40% dei loro mezzi di trasporto motorizzati. In totale, la Wehrmacht aveva perso qualcosa come 200.000 veicoli durante i mesi estivi. Per compensare queste perdite sconcertanti, Hitler approvò un lotto di sostituzione di soli 3500 camion per il fronte orientale.

A causa della profondità dell’avanzata della Wehrmacht in Unione Sovietica (e della difficoltà di modificare i treni tedeschi per renderli compatibili con i binari sovietici) Tifone doveva essere scarsamente rifornito. Prima dell’inizio dell’operazione, il personale logistico della Wehrmacht avvertì che l’offensiva non avrebbe potuto essere adeguatamente rifornita fino a Mosca. L’esercito immacolato e superbamente equipaggiato che aveva invaso l’Unione Sovietica in giugno era ora gravemente degradato – Halder ammetterà con amarezza che “un esercito del genere non sarà più a nostra disposizione”.

 

L’ampiezza dei successi operativi della Wehrmacht aveva in gran parte accecato la leadership tedesca sullo stato abissale del proprio esercito. Si trattava, come ha detto un analista, di un esercito in via di “de-modernizzazione”. La Wehrmacht voleva combattere una guerra di manovra, muovendosi rapidamente e ad arte per aggirare e disorientare l’Armata Rossa, ma dopo il pesante dissanguamento di carri armati e veicoli durante i combattimenti estivi, l’esercito era pericolosamente a corto di mobilità e di forza d’urto. Un’invasione di successo dell’Unione Sovietica avrebbe richiesto un esercito in grado di avviare molteplici operazioni offensive successive, con divisioni panzer fresche e completamente rifornite e una fanteria motorizzata in grado di sferrare una sequenza di colpi. La Wehrmacht non era semplicemente l’esercito adatto a questo compito. Quando il 2 ottobre iniziò Tifone, cercò di sferrare un colpo ad effetto utilizzando divisioni Panzer dimezzate e un numero enorme di unità di fanteria stanche e mal rifornite. La mancanza di trasporti a motore assicurava inoltre che ogni ulteriore progresso sarebbe stato del tipo “stop-start”: i carri armati avanzavano a passo di carica e poi si fermavano per permettere alla fanteria e ai rifornimenti di recuperare. Come scrisse lo stesso Bock nel suo diario, “non so ancora come si possa iniziare una nuova operazione da questa posizione, con il valore di combattimento in lento calo delle truppe, che vengono attaccate di continuo”.

 

A questo punto il problema principale era l’inadeguatezza del transito ferroviario e camionistico della Germania. Contrariamente a quanto si credeva, gli sforzi sovietici di fare terra bruciata non avevano completamente disattivato le ferrovie (anzi, tendevano a mantenerle in funzione per evacuare le attrezzature fino all’ultimo momento possibile), e le unità ingegneristiche tedesche erano riuscite a ripristinare i collegamenti ferroviari al Gruppo d’Armate Centro in preparazione di Tifone. Il problema era semplicemente che la capacità ferroviaria era inadeguata a rifornire un esercito così grande, e questo costrinse la Wehrmacht a fare scelte impossibili, in termini di allocazione della capacità limitata a varie esigenze come veicoli di ricambio, pezzi di ricambio, munizioni, carburante – e abbigliamento invernale. Le difficoltà logistiche erano amplificate dall’ottimismo sfrenato del quartiermastro dell’esercito, il generale Eduard Wagner, che di norma tendeva a promettere troppo e a non mantenere.

 

Non avendo la capacità di rifornire adeguatamente l’esercito o di rinforzarlo, i tedeschi dovettero ricorrere a mezze misure e a lavori di rattoppo per mettere insieme le forze necessarie per Tifone.

 

In nessun settore questo fu più evidente che nei veicoli corazzati, in particolare nei carri armati. Le perdite cumulative dei carri armati tedeschi furono enormi, anche in una serie ininterrotta di vittorie. Sulla carta, il Gruppo d’Armate Centro iniziò l’Operazione Tifone in ottobre con più carri armati di quanti ne avesse in giugno, ma questo aumento di forza fu ottenuto attraverso una serie di soluzioni provvisorie che coprivano il degrado generale della potenza di combattimento della Wehrmacht.

Le perdite di carri armati erano state gravi e la logistica era appesa a un filo, il tutto amplificato dagli ormai endemici problemi di rendicontazione della Wehrmacht. Le unità della Wehrmacht tendevano a oscillare tra l’eccesso e il difetto di dichiarazione delle perdite, a seconda di come volevano manipolare le forniture. Era comune dichiarare in eccesso le perdite e i guasti dei carri armati per richiedere veicoli di ricambio e pezzi di ricambio, ma in difetto per ottenere più munizioni e carburante. Più in generale, lo stato inadeguato delle forniture tedesche creava un forte incentivo a mentire. Di conseguenza, i comandanti tedeschi non avevano un’idea precisa della reale forza di combattimento delle loro importantissime unità di panzer, ma sapevano che la situazione era disastrosa.

 

In media, la forza dei carri armati della Wehrmacht a est all’inizio di settembre era di circa il 30% di perdite permanenti, il 23% in riparazione e il 47% pronto al combattimento. Nel Gruppo d’armate Centro, tuttavia, solo il 34% della forza originale dei carri armati era pronto all’azione – queste unità avevano assistito a combattimenti particolarmente duri a Smolensk. Uno degli aiutanti di Hitler riportò l’allarme emergente del Führer per lo stato della forza dei panzer:

 

“Come poteva condurre una guerra se contava su 1.000 carri armati in più e poi qualcuno gli diceva che in realtà ce n’erano solo 500? Aveva dato per scontato che le persone dell’Ufficio Armamenti sapessero almeno contare”.

 

Per rafforzare il Gruppo d’Armate Centro in vista di Tifone, i tedeschi dovettero giocare quasi tutte le loro carte immediatamente disponibili. Tra queste, il trasferimento di un Gruppo Panzer dal Gruppo d’Armate Nord (in modo che Bock avesse 3 dei 4 gruppi panzer dell’esercito orientale), l’invio di entrambe le divisioni panzer nella riserva strategica dell’Alto Comando d’Armata, l’assegnazione di un lotto di 316 veicoli sostitutivi dal magazzino e l’invio di carri armati francesi catturati per svolgere compiti di sicurezza nelle retrovie, in modo da liberare i panzer tedeschi per l’azione in prima linea. Anche con tutte queste misure adottate, il Gruppo d’armate Centro era ancora significativamente sotto forza.

 

Unità per unità, l’armata era semplicemente degradata in modo scioccante. Il 2° Gruppo Panzer di Guderian, che aveva iniziato la guerra a giugno con 900 carri armati, alla fine di settembre era sceso a soli 256 panzer pronti al combattimento, ai quali si potevano aggiungere i 149 veicoli di ricambio promessi.

 

I tedeschi riuscirono a mettere insieme un pacchetto potente per Tifone. Bock ora comandava il 60% delle forze tedesche sul fronte orientale. Ma anche dopo aver dato a Bock un gruppo Panzer in più, aver schierato divisioni Panzer dalla riserva strategica e aver inviato veicoli di ricambio, il Gruppo d’Armate Centro riuscì a malapena a eguagliare la sua forza di carri armati di giugno. Il vero problema, tuttavia, era il fatto che l’arrivo di tutte queste nuove unità e di tutti i veicoli di ricambio significava che non c’era più capacità ferroviaria per i pezzi di ricambio e, di conseguenza, i veicoli guasti avevano la tendenza a rimanere tali.

 

Quando Tifone fu finalmente lanciata, si preannunciò un’altra straordinaria vittoria per la Wehrmacht. Questa sarebbe stata l’ultima vittoria incontestabile, l’ultima stupefacente battaglia di annientamento prima che il miraggio evaporasse e la Wehrmacht non potesse più ignorare l’apocalisse.

 

Schematicamente, Tifone fu solo un’espansione dei precedenti movimenti tedeschi in Unione Sovietica. Sia in Bielorussia che a Smolensk, il Gruppo d’armate Centro aveva effettuato enormi accerchiamenti usando i suoi due gruppi di panzer come tenaglie – il 3° Panzer del generale Hoth come tenaglia settentrionale e il 2° di Guderian come tenaglia meridionale. Ora, con l’aggiunta del 4° Gruppo Panzer del generale Hoepner all’inventario, le tenaglie sarebbero state tre, con il gruppo di Hoenper al centro.

 

All’inizio l’intera operazione sembrava l’ennesima implementazione impeccabile del pacchetto standard della Wehrmacht. Il gruppo di panzer di Hoepner aprì un varco nel fronte sovietico, mentre Guderian e Hoth si accucciarono ai bordi. La risposta sovietica fu lenta e confusa, in gran parte dovuta al fatto che il comandante sovietico del fronte, Ivan Konev (che in seguito si sarebbe dimostrato estremamente competente), aveva ricevuto da Stalin e dallo Stavka l’ordine di organizzare una difesa a oltranza di un ampio fronte con forze insufficienti. Konev non fu in grado di ritirare le sue unità dopo aver perso le comunicazioni con la maggior parte dei suoi comandanti di prima linea a causa dei bombardamenti della Luftwaffe sui posti di comando. Più o meno appeso a un filo, Konev assistette impotente all’accerchiamento parziale o totale di ben sette armate durante l’avvicinamento a Mosca.

La difesa contro l’operazione Tifone segnò probabilmente il punto più basso della condotta operativa sovietica. Nelle prime tre settimane di ottobre, l’Armata Rossa aveva perso più di 900.000 uomini per difendere l’avvicinamento a Mosca e la strada per la capitale sembrava pericolosamente aperta. Eppure, alla fine di ottobre, fu la Wehrmacht a sentire la disperazione. Non avevano più energie né tempo.

 

La notte del 6 ottobre cadde la neve. Il mattino seguente si sciolse rapidamente e creò del fango.

 

Ottobre era un mese terribile per arrivare ovunque in Unione Sovietica; la maggior parte delle strade era sterrata e le piogge autunnali le trasformarono rapidamente in incubi di fango. I veicoli tedeschi erano ovunque impantanati e incapaci di muoversi; vittime della Rasputitsa (letteralmente, tempo senza strade). Un comandante tedesco, dopo la guerra, scriverà:

 

Naturalmente l’avevamo previsto, perché l’avevamo letto nei nostri studi sulle condizioni russe. Ma la realtà superò di gran lunga le nostre peggiori aspettative… Il fante striscia nel fango, mentre sono necessarie molte squadre di cavalli per trascinare avanti ogni cannone. Tutti i veicoli a ruote affondano nella melma fino all’asse.

 

I soldati tedeschi che erano stati in campagna e avevano attraversato queste vaste distese per mesi, ora faticavano a spostarsi su distanze molto brevi. E ancora, nonostante la completa distruzione delle forze sovietiche a Viazma, c’erano ancora forze dell’Armata Rossa sul campo, che combattevano. Tra il fango, la carenza di veicoli e di carburante, la stanchezza generale e la continua difesa dell’Armata Rossa, la Wehrmacht avanzava a fatica. Inoltre, la lentezza non riguardava solo l’avanzata delle unità da combattimento al fronte, ma anche la linea di rifornimento tedesca, che ormai era completamente sommersa e forniva solo una minima parte del cibo, del carburante e delle munizioni necessarie per sostenere l’esercito. Questo a sua volta costrinse a scelte più difficili: ogni tonnellata di carburante e di granate che veniva faticosamente trasportata fino al fronte rappresentava un gran numero di uniformi invernali che venivano lasciate indietro.

Can’t park there, Hans

Bock, cercando di spiegare la situazione all’alto comando, disse senza mezzi termini che “gli obiettivi… non possono essere raggiunti prima dell’inverno, perché non abbiamo più le forze necessarie e perché è impossibile rifornirle”.

 

Le forze tedesche che si facevano dolorosamente strada verso Mosca erano difficilmente riconoscibili come le stesse truppe di classe mondiale che avevano scosso i pilastri dell’Europa. La loro velocità, precisione e vitalità erano scomparse. Invece di combattere una guerra di manovra e di movimento (il tipo di guerra in cui la Germania eccelleva), stavano ora combattendo una battaglia di logoramento, che era il tipo di gioco che l’Unione Sovietica avrebbe sempre vinto. Un ufficiale tedesco ha spiegato: “Abbiamo gradualmente perso la capacità di manovra. La guerra divenne un movimento lineare… Non eravamo più istruiti a sorprendere, aggirare e annientare il nemico. Ci veniva detto: “terrete il fronte da tale punto a tale e tale punto, avanzerete su tale linea””. Dall’altra parte della linea, nonostante la sequenza di sconfitte, alcuni ufficiali sovietici potevano percepire il cambiamento nella capacità di combattere della Germania. Il tenente generale Vassily Sokolovsky si vantava del fatto che “la guerra lampo si è trasformata in una continua frantumazione della macchina bellica tedesca”. Ora essa si stava fermando.

Il Gruppo d’Armate Centro arrancava lentamente verso la periferia di Mosca mentre la temperatura scendeva, dando adito al mito duraturo che la Germania fosse a un passo dal vincere la guerra. Le forze tedesche che stavano afferrando Mosca con la punta delle dita erano combattute ed esauste, con la maggior parte delle loro unità che erano ormai tra un terzo e la metà della loro forza normale – e quei soldati che erano ancora in piedi erano ora gravemente affaticati, non adeguatamente equipaggiati per l’inverno e mal riforniti. Agli ufficiali tedeschi era stato insegnato a privilegiare l’aggressività e la forza di volontà sopra ogni altra cosa, e attraverso la linea cercarono disperatamente di far avanzare i loro uomini. Ma questa battaglia fu persa. Il fatto che i soldati tedeschi fossero a portata di binocolo del Cremlino è solo una curiosità di poco conto; non è che i tedeschi avrebbero vinto la guerra se fossero riusciti a spingersi in avanti e a toccare i cancelli del Cremlino – come avrebbe potuto testimoniare Napoleone. Non si trattava di un gioco di prestigio; entrare a Mosca avrebbe significato semplicemente una sanguinosa battaglia urbana, ed era pura fantasia pensare che questo relitto distrutto della Wehrmacht avesse la forza di conquistare la città isolato per isolato. E così, su tutto il fronte, le unità tedesche si guastarono e si fermarono, come un motore che gira a vuoto. Tifone, come Barbarossa, era fallito e l’Armata Rossa era ancora in campo.

 

Esame di realtà a Mosca

Col senno di poi, è chiaro che la decisione tedesca di spingere su Mosca negli ultimi mesi del 1941 non aveva alcuna possibilità di successo e poneva la Germania in una posizione strategicamente pericolosa. Persino la disastrosa difesa sovietica a Vyazma costò ai tedeschi tempo e perdite più che sufficienti per vanificare l’attacco, dimostrando che Tifone non era semplicemente una soluzione adeguata al problema della Germania – dopo tutto, se un’operazione può annientare un intero gruppo di armate nemiche e comunque fallire, ciò suggerisce che l’operazione era impraticabile fin dall’inizio.

 

L’operazione Tifone era, dopo tutto, una scelta. C’erano molte altre attività potenzialmente fruttuose in cui la squadra di Hitler avrebbe potuto impegnarsi: ad esempio, rafforzare la rete logistica, proclamare la fine delle fattorie collettive e reclutare la popolazione ucraina per rovesciare il bolscevismo, o aumentare le coscrizioni e la produzione bellica in patria (è sorprendente che anche mesi dopo aver invaso l’Unione Sovietica, la Germania nazista non fosse in una situazione economica di cosiddetta “guerra totale”). Forse, dopo aver annientato le forze dell’Armata Rossa in avvicinamento a Mosca alla fine di ottobre, la Wehrmacht avrebbe potuto trincerarsi nelle posizioni invernali e cercare di rifornirsi e riorganizzarsi per il 1942, piuttosto che tentare l’ultima strisciata nel fango e nella neve verso la città.

 

Invece, i tedeschi fecero l’unica cosa che sapevano fare: preparare un’altra operazione offensiva e tentare un altro colpo di grazia, spingendosi in avanti fino a quando non fu impossibile andare oltre. Sapendo, come ora, che Tifone non avrebbe mai funzionato, è facile criticare la portata limitata dell’esperienza tedesca. Tuttavia, non bisogna dimenticare che, a prescindere dai loro limiti in altri aspetti del modo di fare la guerra, la Wehrmacht rimase l’esercito più esperto al mondo dal punto di vista operativo, e nel 1941 l’Armata Rossa si dimostrò completamente incapace di contrastarla. Tifone non riuscì a conquistare Mosca, ma distrusse un’intera linea di armate sovietiche a guardia dell’avvicinamento alla capitale e inflisse ai sovietici perdite terribili. Per Stalin e i suoi collaboratori alla Stavka, la mappa della situazione raccontava di una catastrofe in rapida evoluzione.

 

Per i residenti di Mosca, compreso Stalin, non era immediatamente evidente che la città avrebbe retto. Verso la fine di ottobre, mentre i tedeschi lottavano per liquidare le sacche dell’Armata Rossa sull’autostrada, Mosca aveva acquisito una chiara aura di imminente sventura. Le infrastrutture civili si ruppero, con i trasporti pubblici interrotti e l’elettricità disponibile solo a intermittenza – le forniture di carbone erano ora monopolizzate dalle fabbriche di armamenti. Notevoli furono i casi di disordini civili: un evento raro in una popolazione che da tempo aveva raggiunto il punto di sottomissione per gentile concessione dell’NKVD.

 

Contrariamente alle speranze tedesche, tuttavia, gli episodi di disordine nelle strade non riflettevano un crescente stato d’animo antisovietico tra la popolazione, ma piuttosto la paura crescente che il governo li abbandonasse. Alcuni moscoviti osservarono quanto fosse inaudito e minaccioso che le panetterie della città distribuissero contemporaneamente razioni per diversi giorni: il governo si aspettava forse di essere sloggiato? In realtà, Stalin e i suoi avevano già pianificato di abbandonare la città. Il 15 ottobre Stalin emanò un ordine che dava il via all’evacuazione del governo e ai preparativi per la demolizione di fabbriche, depositi di rifornimenti e infrastrutture nel caso in cui i tedeschi fossero riusciti a entrare in città. Un numero consistente di fabbriche era già stato evacuato e i piani erano ora in moto per trasformare ciò che rimaneva in una terra desolata per i tedeschi.

A rare candid photo of Stalin shows a man burdened and weary

Stalin, di solito imperturbabile e di pietra, sembrava essere al limite della sopportazione. “Sei sicuro che possiamo tenere Mosca?”, chiese a Zhukov, “Te lo chiedo con un dolore nell’anima. Mi dica la verità, da comunista”. Zhukov – un militare “a qualunque costo” per eccellenza – rispose: “Terremo Mosca, senza alcun dubbio”.

 

Dopo il panico di metà ottobre, lo stato d’animo della capitale si irrigidì nella sfida. Centinaia di migliaia di civili vennero arruolati per scavare fossati anticarro e costruire fortificazioni campali nella periferia della città, mentre gli uomini in grado di lavorare continuarono a essere messi in uniforme. Zhukov e Stalin concordarono persino di organizzare la parata del 7 novembre per la commemorazione annuale della rivoluzione, come dimostrazione di determinazione.

 

Dopo aver passato in rassegna le truppe in parata, Stalin si rivolse alla folla. Il suo discorso, che fu stampato su tutti i giornali il giorno successivo, ammise che l’URSS era in gravi difficoltà, ma insistette sul fatto che la vittoria sovietica era inevitabile. “Il mondo intero vi guarda”, disse, “perché siete voi che potete distruggere le armate predatrici dell’invasore tedesco”. Inoltre, ha ricordato i grandi eroi della storia militare russa, come Alexander Nevsky, Dmitri Donskoi, Alexander Suvorov e Mikhail Kutuzov. Già a luglio, il regime sovietico aveva iniziato a riabilitare un patriottismo specificamente russo, tracciando un’analogia tra l’invasione tedesca e i cattivi del passato russo, come Napoleone e i mongoli. Stalin ha riproposto questo tema con la Wehrmacht alle porte. La sua battuta finale, “Morte agli occupanti tedeschi!”, racchiudeva bene l’atmosfera.

 

Dopo aver accennato all’evacuazione in ottobre, Stalin era ora deciso a rimanere nella capitale per combattere. Il 1° dicembre, il Segretario Generale ricevette una telefonata dal quartier generale avanzato di Zhukov nel villaggio di Perkhushkovo. L’addetto allarmato all’altro capo della telefonata riferì che i tedeschi erano molto vicini e chiese se il quartier generale poteva essere spostato più a est. Stalin rispose chiedendo se avessero delle pale a portata di mano. L’ufficiale, dapprima sconcertato, rispose che avevano delle pale e chiese cosa si dovesse fare con esse. “Compagno Stepanov, dica ai suoi compagni di prendere le vanghe”, rispose il dittatore, “e di scavarsi delle tombe. La Stavka non lascerà Mosca. Io non lascerò Mosca. E loro non andranno via da Perkhushkovo”.

 

Valutare le prestazioni di Stalin in guerra è difficile. È molto facile sottolineare i terribili errori di Stalin: ha fatto crescere in modo massiccio il suo corpo ufficiali negli anni precedenti la guerra; ha sbagliato il dispiegamento dell’Armata Rossa nel periodo precedente la guerra; durante Barbarossa la sua leadership ha portato a battaglie di accerchiamento di massa che hanno distrutto l’Armata Rossa. È più difficile dare credito a Stalin per i suoi successi – è più bello invece riconoscere ed elogiare figure meno – diciamo così – controverse come Zhukov.

 

Tuttavia, è un semplice dato di fatto che Stalin fu al centro della vittoria sovietica, come leader indiscusso del Paese, intimamente coinvolto in tutte le decisioni critiche. Stalin era considerato indispensabile da tutti i suoi subordinati (continuava a trarre grande legittimità dal suo carico di lavoro apparentemente sovrumano), e di fatto la sua popolarità generale aumentò notevolmente durante la guerra, in quanto divenne l’archetipo dello Stato e della sua ostinata e stoica resistenza contro la tempesta. Nei mesi finali del 1941, mentre l’assalto tedesco raggiungeva il suo apice all’avvicinarsi di Mosca, la sfida di Stalin personificava la crescente rabbia sovietica di fronte all’apocalisse. Come disse lo stesso Stalin, tra gli applausi scroscianti della folla a Mosca, “Gli invasori tedeschi vogliono una guerra di sterminio contro i popoli dell’Unione Sovietica. Molto bene, allora! Se vogliono una guerra di sterminio l’avranno!”.

 

Questo senso di eroica presa di posizione alle porte dell’inferno era esaltante, e non solo per i cittadini sovietici. Un giornalista americano, che era stato anche lui in Francia nel 1940, ha ricordato:

 

Ogni giornalista che assiste a un’occasione epocale di questo tipo cerca di pensare a una frase che racconti la storia completa ed emozionante… Mentre guardavo i tedeschi occupare Parigi… il meglio che riuscivo a fare era: “Parigi è caduta come una signora”. Ora, il meglio che sono riuscito a trovare è stato: “Mosca si è alzata e ha combattuto come un uomo”.

 

Stalin, con il suo regime e il suo esercito, si preparò a una lotta feroce per la città. Ma il tremendo scontro non arrivò mai; al contrario, i tedeschi si fermarono. All’inizio di dicembre, con le temperature in picchiata, il Gruppo d’armate Centro era sostanzialmente bloccato in ogni punto della linea. Non era solo il freddo a tenerli congelati sul posto (un gioco di parole davvero eccessivo), ma anche l’esaurimento generale e la carenza di uomini, cibo, carburante e munizioni. Il freddo rendeva le cose miserabili, ma le unità di prima linea del Gruppo d’armate Centro erano così malridotte e sottoalimentate che non avrebbero ottenuto grandi risultati nemmeno con il clima estivo.

Con la Wehrmacht in difficoltà e incapace di muoversi, l’iniziativa strategica passò per default all’Armata Rossa per la prima volta nella guerra. Zhukov non perse tempo e iniziò immediatamente una feroce controffensiva per ricacciare la Wehrmacht dalla soglia di casa. Sulla carta, il Gruppo d’armate Centro superava le forze dell’Armata Rossa nella regione di Mosca (forse 1,7 milioni di tedeschi contro 1,1 milioni di soldati sovietici), ma l’Armata Rossa aveva armate di riserva in via di formazione, le sue forze, a differenza dei tedeschi, erano fresche e vicine ai loro punti di rifornimento e di comunicazione, avevano accesso a ferrovie funzionanti e, cosa ancora più importante, i sovietici erano ora in grado di concentrare le truppe in punti mirati della linea. Nonostante l’inferiorità numerica del fronte, gli attacchi concentrati diedero all’Armata Rossa un vantaggio numerico di oltre 2 a 1 nei punti chiave. L’attacco iniziò il 5 dicembre e riuscì ben presto a respingere le prime linee tedesche da Mosca.

 

La decisione di Zhukov di non perdere tempo e di colpire immediatamente i tedeschi esausti si rivelò decisiva e l’Armata Rossa mise il Gruppo d’armate Centro in una posizione molto difficile durante l’inverno. L’8 dicembre Hitler emanò la Direttiva di guerra 39, che ordinava all’esercito di “abbandonare immediatamente tutte le principali operazioni offensive e passare alla difensiva”. L’ordine fu un tardivo riconoscimento di una realtà che già esisteva sul campo. Per molti soldati tedeschi aggrappati alle loro posizioni fuori Mosca, la “difensiva” era già fin troppo reale.

 

Se i mesi estivi erano stati testimoni dell’apice dell’arroganza tedesca, dicembre avrebbe dato luogo a un’analoga eccessiva fiducia da parte della leadership sovietica. Dopo mesi di pesanti sconfitte operative e terribili perdite, l’improvviso cambiamento di slancio era inebriante. L’Armata Rossa ottenne significativi avanzamenti operativi che eliminarono l’imminente minaccia per Mosca e causarono una vera e propria crisi per il comando tedesco. Tuttavia, il contrasto tra il panico di ottobre e i successi di dicembre convinse Stalin che i tedeschi erano allo stremo e portò a una massiccia inflazione delle aspettative.

 

Il massimo a cui l’Armata Rossa poteva aspirare in inverno era eliminare la pressione diretta su Mosca e spingere i tedeschi fuori dalla porta di casa, ma Stalin e i suoi tirapiedi si convinsero invece che era possibile accerchiare le principali formazioni tedesche e potenzialmente distruggere del tutto il Gruppo d’armate Centro. In un promemoria, Stalin espresse la sua fiducia che l’offensiva invernale avrebbe “assicurato la completa sconfitta delle forze naziste nel 1942”.

 

Purtroppo, l’Armata Rossa non era in grado di compiere operazioni così ambiziose. I sovietici erano ancora carenti negli elementi tecnici e logistici per condurre una guerra offensiva. Il corpo degli ufficiali sovietici era inesperto e non era in grado di coordinare adeguatamente la manovra delle proprie unità come potevano fare gli ufficiali tedeschi, i sistemi di rifornimento e controllo sovietici erano ancora macchinosi e incapaci di sostenere un’offensiva in profondità, le munizioni e il cibo caldo erano strettamente razionati e l’Armata Rossa faticava a coordinare con successo una battaglia ad armi combinate. D’altro canto, la Wehrmacht – sebbene malridotta – era ancora l’esercito più letale del mondo e riusciva a resistere grazie ai nervi saldi, alla superiorità tattica e ai contrattacchi accuratamente ritmati. La tragedia, quindi, fu che nessuno dei due eserciti fu in grado di sconfiggere l’altro nel 1941.

 

Alla fine, la Battaglia di Mosca fu molto meno drammatica di quanto suggerisce la mitologia, anche se non meno decisiva. La storia della battaglia non riguarda tanto l’intervento tempestivo del clima invernale, quanto piuttosto il logorio e la stanchezza delle forze tedesche che alla fine hanno avuto la meglio, esponendo una Wehrmacht esausta alla controffensiva di Zhukov. I tedeschi non furono fermati fuori Mosca perché faceva freddo; furono bloccati al freddo perché la loro offensiva era fallita.

 

Sebbene il mito della possibilità di vittoria tedesca sia solo questo – un mito – il dicembre 1941 fu testimone del primo cambiamento nella traiettoria e nella natura della guerra, quando il conflitto si allargò e – per la prima volta dopo anni – la Germania perse il controllo dell’iniziativa strategica. Ma le condizioni sul terreno in Unione Sovietica non furono l’unica cosa che cambiò a svantaggio della Germania. Il 5 dicembre, Zhukov sguinzagliò le sue armate di riserva e iniziò a colpire il Gruppo d’armate Centro. Due giorni dopo, una forza d’attacco giapponese lanciò un attacco a sorpresa contro la flotta americana del Pacifico a Pearl Harbor, e la guerra nazi-sovietica si unì alla crescente guerra mondiale.

La manovra diventa logoramento

Spesso, quando si parla di guerra, si presuppone tacitamente che, in un determinato momento, una parte stia “vincendo” e l’altra stia “perdendo”. La guerra nazi-sovietica, soprattutto nel 1941 e 1942, sfata questa nozione. Disorientamento, disperazione, rabbia e sofferenza erano onnipresenti sia per l’Armata Rossa che per la Wehrmacht. Entrambe le parti potevano vantare alcuni successi, ma nel contesto di una catastrofe più ampia. La Wehrmacht poté celebrare una serie di brillanti accerchiamenti e battaglie vinte, ma queste – Smolensk ne è l’esempio ideale – avvennero sullo sfondo di una catastrofica lettura errata del potenziale di mobilitazione sovietico: i tedeschi continuarono ad accerchiare e distruggere le unità sovietiche, ma queste unità non avrebbero dovuto esistere e l’Armata Rossa avrebbe dovuto crollare. Da parte sovietica, il successo dell’evacuazione di molte fabbriche critiche – soprattutto di carri armati – fu (ed è tuttora) considerato una grande vittoria dal regime comunista, ma ovviamente queste fabbriche furono evacuate perché l’Armata Rossa veniva distrutta su tutta la linea e le regioni industriali cruciali venivano invase dai tedeschi. Alla fine, entrambe le parti si trovarono impegnate in una disperata lotta per la sopravvivenza alla quale nessuno era preparato: la portata e l’intensità della guerra erano semplicemente senza precedenti. Il fiume di sofferenza e di morte aveva superato gli argini.

 

Questo porta al punto più importante. Nel 1941, né l’Armata Rossa né la Wehrmacht erano in grado di distruggere l’altra in modo definitivo. Nessuna vittoria decisiva era possibile per entrambe le parti, il che significa che questa guerra era proprio ciò che i tedeschi avevano temuto: una guerra di logoramento.

The Wehrmacht took huge numbers of prisoners, but could not break the Red Army

Singolarmente, le operazioni tedesche avevano tutte le caratteristiche di una guerra di manovra, con i loro abili movimenti a tenaglia e l’applicazione potente e decisiva del loro pacchetto meccanizzato nei punti decisivi. Esse produssero enormi accerchiamenti che fecero lievitare le perdite sovietiche a livelli scandalosi. Il problema è che queste vittorie non portarono a una decisione strategica globale.

 

I tedeschi combatterono quattro enormi battaglie nel 1941: in Bielorussia, a Smolensk, a Kiev e a Vyazma, sulla strada per Mosca. Quando un esercito è costretto a combattere una sequenza di campagne di manovra, ognuna delle quali non porta a un risultato decisivo, l’effetto cumulativo è l’attrizione. E questo era il problema della Germania. L’Armata Rossa era semplicemente troppo potente, la riserva di manodopera troppo enorme e lo Stato sovietico troppo tenace per poter essere distrutto in una o anche in due grandi campagne di manovra, e la Wehrmacht era intrappolata in una guerra di logoramento, che lo volesse o meno.

 

In definitiva, ciò rivelò che la Wehrmacht, pur essendo estremamente dotata nei domini operativi e tattici del modo di fare la guerra, era fatalmente incompetente in altri domini, come l’intelligence militare e la logistica. In particolare, le valutazioni tedesche del potenziale di mobilitazione sovietico furono forse il più grande errore di intelligence militare di tutti i tempi.

 

I poteri di mobilitazione dell’Unione Sovietica erano davvero impressionanti e si prendevano continuamente gioco dell’intelligence militare tedesca. All’inizio di agosto, furono presentati a Hitler dei rapporti che prevedevano che l’Armata Rossa non aveva più forze sufficienti per formare un fronte difensivo continuo e che probabilmente era vicina alla fine delle sue risorse – “Il numero di nuove unità che vengono organizzate potrebbe aver raggiunto il suo picco. È difficile aspettarsi la creazione di altre unità”. Il rapporto prevedeva che, al massimo assoluto, l’Armata Rossa avrebbe potuto schierare 390 divisioni. Questo numero era una revisione al rialzo rispetto alle stime precedenti all’invasione, ma rappresentava comunque una sottostima risibile.  A quel punto, la mobilitazione sovietica aveva portato la forza di linea dell’Armata Rossa a 401 divisioni – un numero che sarebbe cresciuto a 450 entro settembre e a 592 entro dicembre. L’aspetto forse più sorprendente è che la Stavka riuscì a realizzare questa straordinaria impresa organizzativa per poi replicarla nella prima metà del 1942 mettendo in campo altre 10 armate.

 

In ultima analisi, la Germania ha perso la guerra perché era impegnata in una guerra d’attrito che non si aspettava e non poteva capire, e non poteva adattarsi a queste condizioni a causa di vincoli ideologici.

 

Nell’autunno del 1941, le regioni industriali e produttrici di grano più importanti si trovavano dietro le linee tedesche. Naturalmente, lo scopo di Barbarossa era quello di consentire alla Germania di sfruttare le risorse economiche dell’Unione Sovietica occidentale, e in particolare dell’Ucraina, per creare un grande impero tedesco economicamente autosufficiente: un presupposto importante della leadership tedesca, quindi, era che Barbarossa avrebbe fatto pendere la dimensione economica della guerra a favore della Germania. Questa ipotesi si rivelò un’assoluta chimera.

 

L’Unione Sovietica spese una quantità considerevole di energie per evacuare le fabbriche dal percorso tedesco, anche se, contrariamente a quanto vantavano i comunisti, questi beni industriali non furono ricostruiti senza problemi nelle aree retrostanti. L’evacuazione di una singola fabbrica comportava centinaia, se non migliaia di vagoni ferroviari di attrezzature e, nel caos della guerra, questi carichi tendevano ad accumularsi ai nodi ferroviari, creando grandi cumuli di macchinari e attrezzature disorganizzati. Secondo una stima, circa 1,5 milioni di vagoni ferroviari carichi di attrezzature di fabbrica furono evacuati nelle aree retrostanti (gli Urali, la valle del Volga, la Siberia e l’Asia centrale). Per ovvie ragioni, la maggior parte di queste fabbriche non fu immediatamente riassemblata nel 1941, e l’anno successivo avrebbe visto un enorme calo della produzione industriale sovietica – secondo alcune stime, la produzione del 1942 era scesa di oltre un terzo rispetto ai livelli del 1940.

Il principale vantaggio dell’evacuazione delle fabbriche, quindi, fu semplicemente quello di impedire ai tedeschi l’accesso a questi beni. Nonostante queste interruzioni, l’Unione Sovietica riuscì a destreggiarsi in un’economia improvvisata e di emergenza in risposta all’invasione tedesca, seguita da un ritorno a una pianificazione di successo a partire dal 1943 – un successo, almeno, per gli standard sovietici; la produzione militare dell’URSS non si avvicinò mai a eguagliare la fabbrica di dimensioni continentali chiamata America che lavorava al di là degli oceani. Tuttavia, lo sviluppo staliniano dell’industria nelle regioni interne dell’URSS, in particolare negli Urali, si rivelò fondamentale per dare al Paese una sorta di profondità economica che gli permise di sopravvivere all’invasione tedesca, e l’investimento non solo in attrezzature, ma anche in operai specializzati, manager e tecnici permise all’URSS di produrre grandi quantità di carri armati e armi per tutta la durata della guerra.

 

Per ironia della sorte, anche se nel 1941 l’Unione Sovietica perse territori economicamente preziosi (e la Germania, per estensione, li guadagnò), fu il Terzo Reich a trovarsi presto in gravi difficoltà economiche.

 

Il regime sovietico riuscì ad evacuare o a distruggere un numero sufficiente di infrastrutture di valore, tanto che per i tedeschi fu difficile ricavare un valore reale dalle regioni catturate. Lo sfruttamento dell’Ucraina, ad esempio, richiedeva la deviazione dei treni tedeschi e il carbone per far muovere le cose, ma il tentacolare impero nazista era già a corto di entrambe le cose. Per funzionare in Unione Sovietica, i tedeschi dovevano riparare i binari e le infrastrutture, ma questo richiedeva manodopera e la Germania stava già affrontando una grave carenza di manodopera. Inoltre, spostare le risorse dall’Unione Sovietica avrebbe richiesto l’allocazione della capacità ferroviaria necessaria a spostare i rifornimenti per mantenere l’esercito. La situazione economica stava diventando così disperata che alcuni pianificatori tedeschi suggerirono di chiudere l’intera industria degli armamenti per l’inverno per risparmiare carbone. Alla fine, le porzioni occupate dell’Unione Sovietica fornirono alla Germania un valore economico inferiore a quello del piccolo Belgio occupato.

 

Nella misura in cui i nazisti trovarono l’Ucraina una terra desolata, raccolsero semplicemente ciò che avevano seminato. È sorprendente che la leadership tedesca scelse specificamente di non abolire le fattorie collettive sovietiche – un gesto semplice che avrebbe potuto ottenere il sostegno di molti ucraini.  Un funzionario tedesco suggerì che “la fornitura sicura a lungo termine di materie prime e generi alimentari al Reich tedesco potrebbe essere ottenuta con meno mezzi di forza attraverso un trattamento comprensivo delle nazionalità interessate” – in gergo burocratico, si trattava di cercare di conquistare gli ucraini trattandoli con un minimo di umanità.

 

Questo suggerimento sensato fu respinto in toto. I nazisti stavano progettando di far morire di fame gli slavi in ogni caso, la fattoria collettiva sembrava un sistema utile per farlo, e i tedeschi non hanno mai dubitato di poterla gestire in modo più efficiente di quanto avessero fatto i comunisti, e così le fattorie collettive rimasero. Ma i tedeschi, coinvolti in una guerra catastrofica, senza alcuna conoscenza delle aree locali e senza un’ideologia convincente come il comunismo, non potevano controllare i contadini come i sovietici e quindi l’Ucraina non avrebbe nutrito la Germania come voleva Hitler. Ogni speranza delle popolazioni locali che la Wehrmacht venisse a liberarle dall’oppressione comunista evaporò all’istante al contatto con la barbarie tedesca.

 

Stalin e il partito comunista avevano fissato una soglia di crudeltà molto alta, eppure i tedeschi riuscirono a superarla senza difficoltà. Vale la pena chiedersi come sarebbe andata la storia se la Wehrmacht avesse dichiarato la fine dell’azienda agricola collettiva e si fosse presentata come liberatrice (anche in modo disonesto), facendo un tentativo a metà per ottenere il sostegno degli ucraini. Ma questo significa chiedersi come sarebbe andata se Hitler non fosse stato malvagio; ma allora non sarebbe stato Hitler, e la Wehrmacht non sarebbe stata affatto in Ucraina.

“Close your hearts to pity.”

Alla fine, a causa di una combinazione di crudeltà tedesca e dello sforzo dei sovietici di evacuare o distruggere beni di valore economico, Barbarossa non riuscì a spostare gli aspetti industriali della guerra a favore della Germania. L’implicazione economica più immediata dell’invasione per i tedeschi fu piuttosto il rapido esaurimento delle loro riserve di carburante e la costosa responsabilità di rifornire un enorme esercito a centinaia di chilometri di profondità in territorio nemico.

 

Incapace di attuare la sua sanguinosa visione del paradiso razziale a est, il regime nazista frustrato iniziò a compiere crimini compensativi. Il piano originale prevedeva di rubare il grano dell’Ucraina e di far morire di fame decine di milioni di slavi. Non riuscendo a farlo, la Wehrmacht affamò invece dove era in grado di farlo. Avrebbero ucciso circa 3 milioni di prigionieri di guerra sovietici – mezzo milione con la fucilazione e il resto costringendoli in recinti all’aperto e aspettando che morissero di fame. A Leningrado, tagliata fuori dai rifornimenti a causa dell’assedio tedesco, la fame era già un problema alla fine del 1941, e quando l’Armata Rossa salvò la città nel 1944 circa 1 milione di persone erano morte di fame.

 

Questo fu un crimine apocalittico da parte della Wehrmacht, ma era tutto sbagliato. Questi crimini si verificarono perché la Germania non aveva vinto la guerra e non poteva commettere i crimini che Hitler aveva pianificato. I prigionieri sovietici furono fatti morire di fame perché la Wehrmacht era a corto di rifornimenti e accumulava ogni caloria che riusciva a procurarsi per i propri soldati. Leningrado fu teatro di una fame di massa, ma la città fu assediata e affamata perché i tedeschi non riuscirono a catturarla del tutto. Hitler aveva originariamente pianificato di demolirla completamente, e quindi la morte per fame dei suoi cittadini rappresentava la rabbia esasperata di un regime nazista che stava per vedersi sfuggire un impero tra le dita.

 

Anche la decisione di iniziare l’assassinio di massa degli ebrei tradisce il fatto che lo sforzo bellico tedesco è condannato. Hitler aveva fatto quattro importanti promesse riguardo al Barbarossa: primo, che l’Armata Rossa avrebbe potuto essere distrutta in una rapida campagna; secondo, che lo Stato sovietico sarebbe crollato sotto la pressione della guerra; terzo, che le terre dell’Unione Sovietica avrebbero fornito ricchezza economica ai tedeschi; quarto e ultimo, che la caduta dell’Unione Sovietica avrebbe permesso una soluzione definitiva al problema ebraico. Tutto stava andando storto. L’Armata Rossa continuava a mettere in campo formazioni fresche ovunque; lo Stato sovietico non era crollato, ma stava stoicamente arrestando, fucilando, spostando e arruolando persone su scala enorme; i territori sovietici occupati non fornivano grano o carbone o metallo, ma stavano invece assorbendo enormi quantità di materiale e carburante. Di fronte al fallimento a est, Hitler spostò i parametri della guerra per enfatizzare lo sterminio degli ebrei – un tacito riconoscimento che questo era ormai l’unico obiettivo bellico ancora a portata di mano. In origine, la Soluzione Finale doveva essere attuata dopo il crollo dell’Unione Sovietica, quindi all’inizio non c’erano piani reali per la sua realizzazione. Con l’Armata Rossa in piedi, la guerra contro gli ebrei doveva essere spostata in cima alla lista delle priorità, e così le SS iniziarono a sparare agli ebrei sovietici a un ritmo frenetico e a sperimentare modi industrializzati di ucciderli.

 

L’Olocausto, in un senso molto reale, fu un premio di consolazione per un pazzo che si trovò dalla parte sbagliata della sua stessa apocalisse.

 

Coda: i limiti della manovra

Sarebbe profondamente sbagliato definire il 1941 una storia di successo sovietico. Le decisioni militari prese da Stalin e dalla sua squadra alla Stavka – in particolare l’impulso a mantenere il terreno e a contrattaccare senza sosta – fecero aumentare enormemente le perdite sovietiche, sprecarono gran parte delle prime unità di prima linea dell’Armata Rossa e permisero di invadere l’intero margine occidentale dell’URSS. Tuttavia, in mezzo a questa catastrofe, lo Stato sovietico dimostrò una tenacia, una durata e un potere di mobilitazione che confusero completamente le nozioni tedesche di un’unica stagione di campagna decisiva.

 

Prese a sé stanti, le operazioni del 1941 hanno messo in mostra una Wehrmacht all’apice delle sue forze, che ha cacciato e distrutto enormi forze sovietiche in una sequenza di grandi vittorie. Cumulativamente, però, queste battaglie distrussero la Wehrmacht, che non si riprese mai dalle perdite di ufficiali, truppe veterane ed equipaggiamento subite in questo anno cruciale. Declassata, deflagrata, sgonfiata, era ormai solo una questione di quando e come, non di se la Germania avrebbe perso la guerra.

 

In agosto, un ufficiale di divisione tedesco fece una nota di passaggio che si rivelò molto più preveggente di quanto potesse immaginare. La divisione, notò, avrebbe dovuto trovare un modo per ridurre il tasso di perdite “se non intendiamo vincere fino alla morte”.

[1] http://italiaeilmondo.com/2023/02/01/un-anno-di-guerra-in-ucraina-riepilogo-ragionato-di-roberto-buffagni/

[2] https://en.wikipedia.org/wiki/David_M._Glantz

1 2