Dichiarazione del Vertice di Washington_NATO

Dichiarazione del Vertice di Washington

rilasciata dai Capi di Stato e di Governo che partecipano alla riunione del Consiglio Nord Atlantico a Washington, D.C. 10 luglio 2024

  • 10 luglio 2024 –
  • |
  • Comunicato stampa 2024 001
  • Pubblicato il 10 luglio 2024
  • |
  • Ultimo aggiornamento: 12 luglio 2024 16:14
CONTRIBUITE!! AL MOMENTO I VERSAMENTI NON COPRONO NEMMENO UN TERZO DELLE SPESE VIVE DI CIRCA € 3.000,00. NE VA DELLA SOPRAVVIVENZA DEL SITO “ITALIA E IL MONDO”. A GIORNI PRESENTEREMO IL BILANCIO AGGIORNATO _GIUSEPPE GERMINARIO

1.       Noi, Capi di Stato e di Governo dell’Alleanza Nord Atlantica, ci siamo riuniti a Washington per celebrare il 75° anniversario della nostra Alleanza. Fondata per preservare la pace, la NATO rimane l’Alleanza più forte della storia. Siamo uniti e solidali di fronte a una brutale guerra di aggressione sul continente europeo e in un momento critico per la nostra sicurezza.Riaffermiamo il duraturo legame transatlantico tra le nostre nazioni.  La NATO rimane il forum transatlantico unico, essenziale e indispensabile per consultarsi, coordinarsi e agire su tutte le questioni relative alla nostra sicurezza individuale e collettiva.  La NATO è un’Alleanza difensiva.Il nostro impegno a difenderci reciprocamente e a difendere ogni centimetro del territorio alleato in ogni momento, come sancito dall’articolo 5 del Trattato di Washington, è ferreo.  Continueremo a garantire la nostra difesa collettiva contro tutte le minacce e da tutte le direzioni, sulla base di un approccio a 360 gradi, per adempiere ai tre compiti fondamentali della NATO: la deterrenza e la difesa, la prevenzione e la gestione delle crisi e la sicurezza cooperativa.Siamo legati da valori condivisi: la libertà individuale, i diritti umani, la democrazia e lo Stato di diritto. Aderiamo al diritto internazionale e agli scopi e principi della Carta delle Nazioni Unite e ci impegniamo a sostenere l’ordine internazionale basato sulle regole.

2.      Diamo un caloroso benvenuto al nostro trentaduesimo e più recente alleato, la Svezia. La storica adesione della Finlandia e della Svezia le rende più sicure e la nostra Alleanza più forte, anche nel Grande Nord e nel Mar Baltico. Ogni nazione ha il diritto di scegliere i propri accordi di sicurezza. Riaffermiamo il nostro impegno per la Politica delle Porte Aperte della NATO, in linea con l’articolo 10 del Trattato di Washington.

3.          L’invasione su larga scala dell’Ucraina da parte della Russia ha mandato in frantumi la pace e la stabilità nell’area euro-atlantica e ha gravemente minato la sicurezza globale. La Russia rimane la minaccia più significativa e diretta alla sicurezza degli Alleati.Il terrorismo, in tutte le sue forme e manifestazioni, è la minaccia asimmetrica più diretta alla sicurezza dei nostri cittadini e alla pace e alla prosperità internazionali.

4.         La competizione strategica, l’instabilità pervasiva e gli shock ricorrenti definiscono il nostro ambiente di sicurezza più ampio. I conflitti, la fragilità e l’instabilità in Africa e in Medio Oriente influenzano direttamente la nostra sicurezza e quella dei nostri partner.Laddove presenti, queste tendenze contribuiscono, tra l’altro, allo sfollamento forzato, alimentando il traffico di esseri umani e la migrazione irregolare.    Le azioni destabilizzanti dell’Iran si ripercuotono sulla sicurezza euro-atlantica.Le ambizioni dichiarate e le politiche coercitive della Repubblica Popolare Cinese (RPC) continuano a sfidare i nostri interessi, la nostra sicurezza e i nostri valori.  L’approfondimento del partenariato strategico tra Russia e RPC e i loro tentativi, che si rafforzano reciprocamente, di indebolire e rimodellare l’ordine internazionale basato sulle regole, sono motivo di profonda preoccupazione.  Siamo confrontati con minacce ibride, cibernetiche, spaziali e di altro tipo e con attività malevole da parte di attori statali e non statali.

Diamo un caloroso benvenuto al Presidente dell’Ucraina Zelenskyy e ai leader di Australia, Giappone, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea e Unione Europea;

6.       Accogliamo con favore il fatto che più di due terzi degli Alleati abbiano rispettato l’impegno di una spesa annua per la difesa pari ad almeno il 2% del PIL ed elogiamo gli Alleati che l’hanno superata.Gli Alleati stanno aumentando: la spesa per la difesa degli Alleati europei e del Canada è cresciuta del 18% nel 2024, l’aumento più consistente degli ultimi decenni; stanno inoltre investendo di più in capacità moderne e aumentando i loro contributi alle operazioni, alle missioni e alle attività della NATO.Riaffermiamo il nostro impegno duraturo a dare piena attuazione all’impegno di investimento nella Difesa concordato a Vilnius e riconosciamo che è urgentemente necessario fare di più per rispettare in modo sostenibile i nostri impegni come alleati della NATO.  Ribadiamo che, in molti casi, sarà necessaria una spesa superiore al 2% del PIL per rimediare alle carenze esistenti e soddisfare i requisiti in tutti i settori derivanti da un ordine di sicurezza più contestato.

7.       Abbiamo intrapreso il più grande rafforzamento della nostra difesa collettiva da una generazione a questa parte. Stiamo dando seguito alle decisioni dei Vertici di Madrid e di Vilnius di modernizzare la NATO per una nuova era di difesa collettiva. Non possiamo ignorare la possibilità di un attacco contro la sovranità e l’integrità territoriale degli Alleati.Abbiamo rafforzato la nostra posizione di deterrenza e di difesa per negare a qualsiasi potenziale avversario qualsiasi opportunità di aggressione.  Continuiamo a rafforzare la deterrenza e la difesa della NATO contro tutte le minacce e le sfide, in tutti i settori e in molteplici direzioni strategiche nell’area euro-atlantica. Abbiamo schierato forze pronte al combattimento sul fianco orientale della NATO, rafforzato le difese avanzate e migliorato la capacità dell’Alleanza di rafforzare rapidamente qualsiasi alleato minacciato.  Abbiamo una nuova generazione di piani di difesa della NATO che rendono l’Alleanza più forte e più capace di dissuadere e, se necessario, di difendersi da qualsiasi potenziale avversario, anche con poco preavviso o senza preavviso.Siamo impegnati a fornire le forze necessarie ad alta prontezza in tutti i settori, anche per una Forza di Reazione Alleata robusta e agile.  Stiamo accelerando ulteriormente la modernizzazione della nostra difesa collettiva e siamo:

  • Fornire le forze, le capacità, le risorse e le infrastrutture necessarie per i nostri nuovi piani di difesa, per essere pronti a una difesa collettiva ad alta intensità e multidominio. A questo proposito, ci baseremo sui progressi compiuti per garantire che l’aumento delle spese nazionali per la difesa e i finanziamenti comuni della NATO siano commisurati alle sfide di un ordine di sicurezza più contestato.
  • Condurre addestramenti ed esercitazioni più frequenti e su larga scala dei nostri piani per dimostrare la nostra capacità di difendere e rafforzare rapidamente qualsiasi alleato minacciato, anche attraverso Steadfast Defender 24, la più grande esercitazione militare della NATO da una generazione a questa parte.
  • Stiamo accelerando la trasformazione e l’integrazione delle nuove tecnologie e dell’innovazione, anche attraverso un piano per migliorare l’adozione della tecnologia. Stiamo inoltre modernizzando la nostra capacità di sorveglianza aerea.
  • Rafforzare il comando e il controllo della NATO e assegnare ruoli di leadership chiave ai quartieri generali nazionali.
  • Rafforzare la nostra capacità di muovere, rinforzare, rifornire e sostenere le nostre forze per rispondere alle minacce in tutta l’Alleanza, anche attraverso una logistica efficace e resiliente e lo sviluppo di corridoi di mobilità.
  • Addestrare, esercitare e integrare le Forze terrestri avanzate della NATO nei nuovi piani, anche continuando a rafforzare le nostre difese avanzate sul fianco orientale della NATO.
  • Sfruttare appieno l’adesione di Finlandia e Svezia e le capacità che esse apportano all’Alleanza, integrandole pienamente nei nostri piani, nelle nostre forze e nelle nostre strutture di comando, anche sviluppando una presenza NATO in Finlandia.
  • Accelerare l’integrazione dello spazio nella pianificazione, nelle esercitazioni e nelle operazioni multidominio, in particolare rafforzando la capacità del Centro operativo spaziale della NATO.
  • Istituire il Centro integrato di difesa cibernetica della NATO per migliorare la protezione delle reti, la consapevolezza della situazione e l’attuazione del cyberspazio come dominio operativo in tempo di pace, di crisi e di conflitto; e sviluppare una politica per aumentare la sicurezza delle reti della NATO.
  • Rafforzare la protezione delle infrastrutture critiche sottomarine (CUI) e migliorare la nostra capacità di deterrenza, individuazione e risposta alle minacce, anche attraverso il continuo sviluppo del Centro per la sicurezza delle CUI della NATO.
  • Investire nelle nostre capacità di difesa chimica, biologica, radiologica e nucleare, necessarie per operare efficacemente in tutti gli ambienti.
  • Accelerare l’attuazione degli standard NATO e concordare le misure necessarie per aumentare e rafforzare la nostra interoperabilità.

Abbiamo aggiornato la politica IAMD della NATO e continueremo ad aumentare la nostra prontezza, reattività e integrazione attraverso varie iniziative, come l’attuazione del modello rotazionale IAMD in tutta l’area euro-atlantica, con un focus iniziale sul fianco orientale.  Gli alleati rimangono impegnati a migliorare l’efficacia della IAMD e ad adottare tutte le misure per rispondere al contesto di sicurezza.Siamo lieti di dichiarare la NATO Ballistic Missile Defence (BMD) Enhanced Operational Capability.  La consegna del sito Aegis Ashore di Redzikowo, in Polonia, integra i mezzi esistenti in Romania, Spagna e Turchia.Gli alleati restano impegnati nel pieno sviluppo del BMD della NATO, per perseguire la difesa collettiva dell’Alleanza e per fornire una copertura e una protezione completa a tutte le popolazioni, i territori e le forze europee della NATO contro la crescente minaccia posta dalla proliferazione dei missili balistici.  La difesa missilistica può integrare il ruolo delle armi nucleari nella deterrenza, ma non può sostituirle.

9.       La deterrenza nucleare è la pietra angolare della sicurezza dell’Alleanza. Lo scopo fondamentale della capacità nucleare della NATO è quello di preservare la pace, prevenire la coercizione e scoraggiare l’aggressione. Finché esisteranno le armi nucleari, la NATO rimarrà un’alleanza nucleare.La NATO riafferma il proprio impegno a rispettare tutte le decisioni, i principi e gli impegni relativi alla deterrenza nucleare della NATO, alla politica di controllo degli armamenti e agli obiettivi di non proliferazione e disarmo, come dichiarato nel Concetto Strategico 2022 e nel Comunicato di Vilnius 2023.Il controllo degli armamenti, il disarmo e la non proliferazione hanno dato e devono continuare a dare un contributo essenziale al raggiungimento degli obiettivi di sicurezza dell’Alleanza e a garantire la stabilità strategica e la nostra sicurezza collettiva. La NATO rimane impegnata a prendere tutte le misure necessarie per garantire la credibilità, l’efficacia, la sicurezza e la protezione della missione di deterrenza nucleare dell’Alleanza, anche modernizzando le sue capacità nucleari, rafforzando la sua capacità di pianificazione nucleare e adattandosi se necessario.

10.       La deterrenza e la difesa della NATO si basano su un’appropriata combinazione di capacità di difesa nucleare, convenzionale e missilistica, integrate da capacità spaziali e informatiche. Impiegheremo strumenti militari e non militari in modo proporzionato, coerente e integrato per dissuadere tutte le minacce alla nostra sicurezza e rispondere nei modi, nei tempi e nei settori di nostra scelta.

11.       La cooperazione industriale transatlantica nel settore della difesa è una parte fondamentale della deterrenza e della difesa della NATO. Il rafforzamento dell’industria della difesa in Europa e in Nord America e la maggiore cooperazione industriale nel settore della difesa tra gli Alleati ci rende più capaci e in grado di soddisfare i requisiti dei piani di difesa della NATO in modo tempestivo. È alla base del sostegno immediato e duraturo degli Alleati all’Ucraina.Sulla base del Piano d’Azione per la Produzione di Difesa concordato al Vertice di Vilnius nel 2023, ci impegniamo a fare di più insieme come Alleati, anche per rafforzare l’industria della difesa in tutta l’Alleanza, agire con urgenza per fornire le capacità più critiche e rafforzare il nostro impegno verso gli standard NATO.

12.       La resilienza nazionale e collettiva è una base essenziale per una deterrenza e una difesa credibili e per l’efficace adempimento dei compiti fondamentali dell’Alleanza in un approccio a 360 gradi.  La resilienza è una responsabilità nazionale e un impegno collettivo, radicato nell’articolo 3 del Trattato di Washington.Il rafforzamento della preparazione nazionale e dell’Alleanza per la deterrenza e la difesa richiede un approccio di governo complessivo, la cooperazione tra pubblico e privato e considerazioni sulla resilienza della società. Ci impegniamo a costruire sui nostri sforzi in corso per rafforzare la resilienza nazionale integrando la pianificazione civile nella pianificazione della difesa nazionale e collettiva in pace, crisi e conflitto.Continueremo a rafforzare la nostra resilienza aumentando la consapevolezza, la preparazione e la capacità collettiva dell’Alleanza in tutti i rischi e in tutti i settori, per affrontare le crescenti minacce strategiche, anche contro i nostri sistemi democratici, le infrastrutture critiche e le catene di approvvigionamento.  Impiegheremo le capacità necessarie per rilevare, difendere e rispondere all’intero spettro di attività dannose.  Adotteremo anche misure concrete per approfondire la nostra cooperazione con i nostri partner impegnati in sforzi simili, in particolare l’Unione Europea.

13.      Gli attori statali e non statali ricorrono ad azioni ibride sempre più aggressive contro gli Alleati. Continueremo a prepararci, a dissuadere, a difenderci e a contrastare le minacce e le sfide ibride. Ribadiamo che le operazioni ibride contro gli Alleati potrebbero raggiungere il livello di un attacco armato e potrebbero indurre il Consiglio Nord Atlantico a invocare l’articolo 5 del Trattato di Washington.

14.         Continueremo a sviluppare la nostra capacità individuale e collettiva di analizzare e contrastare la disinformazione ostile e le operazioni di disinformazione. La NATO si sta coordinando strettamente con gli alleati e i partner.  Abbiamo aumentato i nostri meccanismi di allerta e condivisione e rafforzato le nostre risposte congiunte, in particolare nella comunicazione strategica.

15.      Attendiamo con ansia di incontrare il Presidente Zelenskyy nel Consiglio NATO-Ucraina. Riaffermiamo la nostra incrollabile solidarietà con il popolo ucraino nell’eroica difesa della sua nazione, della sua terra e dei nostri valori condivisi. Un’Ucraina forte, indipendente e democratica è vitale per la sicurezza e la stabilità dell’area euro-atlantica.La lotta dell’Ucraina per l’indipendenza, la sovranità e l’integrità territoriale all’interno dei suoi confini riconosciuti a livello internazionale contribuisce direttamente alla sicurezza dell’area euro-atlantica.  Accogliamo con favore gli annunci degli alleati di fornire all’Ucraina ulteriori sistemi critici di difesa aerea e altre capacità militari.  Per aiutare l’Ucraina a difendersi oggi e a scoraggiare l’aggressione russa in futuro, abbiamo:

  • Ha deciso di istituire la NATO Security Assistance and Training for Ukraine (NSATU) per coordinare la fornitura di equipaggiamenti militari e di addestramento per l’Ucraina da parte degli alleati e dei partner.La NSATU, che opererà negli Stati alleati, sosterrà l’autodifesa dell’Ucraina in linea con la Carta delle Nazioni Unite. La NSATU, in base al diritto internazionale, non renderà la NATO parte in causa nel conflitto.
  • Annunciato un Promessa di assistenza alla sicurezza a lungo termine per l’Ucraina per la fornitura di equipaggiamenti militari, assistenza e addestramento per sostenere l’Ucraina nella costruzione di una forza in grado di sconfiggere l’aggressione russa.Attraverso contributi proporzionali, gli alleati intendono fornire un finanziamento minimo di base di 40 miliardi di euro entro il prossimo anno e fornire livelli sostenibili di assistenza alla sicurezza per far prevalere l’Ucraina.
  • Ha portato avanti l’istituzione del Centro congiunto di analisi, addestramento e formazione NATO-Ucraina (JATEC), un importante pilastro della cooperazione pratica, per identificare e applicare gli insegnamenti della guerra della Russia contro l’Ucraina e aumentare l’interoperabilità dell’Ucraina con la NATO.
  • Accolto con favore la decisione del Segretario Generale di nominare un Rappresentante Senior della NATO in Ucraina.

16.       Sosteniamo pienamente il diritto dell’Ucraina di scegliere i propri accordi di sicurezza e di decidere il proprio futuro, senza interferenze esterne. Il futuro dell’Ucraina è nella NATO. L’Ucraina è diventata sempre più interoperabile e politicamente integrata nell’Alleanza.Accogliamo con favore i progressi concreti compiuti dall’Ucraina dopo il Vertice di Vilnius sulle riforme democratiche, economiche e di sicurezza richieste.  Mentre l’Ucraina continua questo lavoro vitale, continueremo a sostenerla nel suo percorso irreversibile verso la piena integrazione euro-atlantica, compresa l’adesione alla NATO.Le decisioni del Vertice della NATO e del Consiglio NATO-Ucraina, insieme al lavoro in corso degli Alleati, costituiscono un ponte verso l’adesione dell’Ucraina alla NATO. Gli Alleati continueranno a sostenere i progressi dell’Ucraina in materia di interoperabilità e le ulteriori riforme democratiche e del settore della sicurezza, che i Ministri degli Esteri della NATO continueranno a valutare attraverso il Programma nazionale annuale adattato.

17.        La Russia è l’unica responsabile della sua guerra di aggressione contro l’Ucraina, una palese violazione del diritto internazionale, compresa la Carta delle Nazioni Unite.  Non ci può essere impunità per gli abusi e le violazioni dei diritti umani da parte delle forze e dei funzionari russi, per i crimini di guerra e per altre violazioni del diritto internazionale.La Russia è responsabile della morte di migliaia di civili e ha causato danni ingenti alle infrastrutture civili. Condanniamo con la massima fermezza gli orribili attacchi della Russia contro il popolo ucraino, compresi gli ospedali, l’8 luglio. La Russia deve immediatamente fermare questa guerra e ritirare completamente e incondizionatamente tutte le sue forze dall’Ucraina, in linea con le risoluzioni dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.  Non riconosceremo mai le annessioni illegali della Russia al territorio ucraino, compresa la Crimea.  Chiediamo inoltre alla Russia di ritirare tutte le sue forze dalla Repubblica di Moldova e dalla Georgia, stanziate lì senza il loro consenso.

18.       La Russia cerca di riconfigurare fondamentalmente l’architettura di sicurezza euro-atlantica. La minaccia a tutto campo che la Russia rappresenta per la NATO persisterà nel lungo termine. La Russia sta ricostruendo ed espandendo le sue capacità militari e continua le sue violazioni dello spazio aereo e le sue attività provocatorie.Siamo solidali con tutti gli alleati colpiti da queste azioni. La NATO non cerca il confronto e non rappresenta una minaccia per la Russia. Siamo disposti a mantenere canali di comunicazione con Mosca per ridurre i rischi e prevenire l’escalation.

19.       Condanniamo la retorica nucleare irresponsabile e le segnalazioni nucleari coercitive della Russia, compreso l’annunciato stazionamento di armi nucleari in Bielorussia, che dimostrano una postura di intimidazione strategica.La Russia ha aumentato la sua dipendenza dai sistemi di armi nucleari e ha continuato a diversificare le sue forze nucleari, anche sviluppando nuovi sistemi nucleari e dispiegando capacità di attacco a doppia capacità a corto e medio raggio, il che rappresenta una crescente minaccia per l’Alleanza.La Russia ha violato, attuato selettivamente e abbandonato gli obblighi e gli impegni di lunga data in materia di controllo degli armamenti, minando così l’architettura globale di controllo degli armamenti, disarmo e non proliferazione.  Ci opponiamo a qualsiasi collocazione di armi nucleari in orbita intorno alla Terra, che violerebbe l’articolo IV del Trattato sullo spazio extra-atmosferico e minaccerebbe gravemente la sicurezza globale.  Siamo profondamente preoccupati per il riferito uso di armi chimiche da parte della Russia contro le forze ucraine.

20.       La Russia ha anche intensificato le sue azioni ibride aggressive contro gli Alleati, anche attraverso procuratori, in una campagna in tutta l’area euro-atlantica. Queste includono sabotaggi, atti di violenza, provocazioni alle frontiere alleate, strumentalizzazione dell’immigrazione irregolare, attività informatiche dannose, interferenze elettroniche, campagne di disinformazione e influenza politica maligna, nonché coercizione economica.Abbiamo deciso ulteriori misure per contrastare le minacce o le azioni ibride russe individualmente e collettivamente e continueremo a coordinarci strettamente. Il comportamento della Russia non scoraggerà la determinazione degli alleati e il loro sostegno all’Ucraina. Continueremo inoltre a sostenere i nostri partner più esposti alla destabilizzazione russa, che rafforzeranno la loro resistenza di fronte alle sfide ibride presenti anche nel nostro vicinato.

21.       Siamo determinati a limitare e contestare le azioni aggressive della Russia e a contrastare la sua capacità di condurre attività destabilizzanti nei confronti della NATO e degli alleati. Per il nostro prossimo Vertice, svilupperemo raccomandazioni sull’approccio strategico della NATO nei confronti della Russia, tenendo conto del mutato contesto di sicurezza.

22.       La lotta al terrorismo rimane essenziale per la nostra difesa collettiva. Il ruolo della NATO nella lotta al terrorismo contribuisce a tutti e tre i compiti fondamentali dell’Alleanza ed è parte integrante dell’approccio a 360 gradi dell’Alleanza alla deterrenza e alla difesa.Continueremo a contrastare, dissuadere, difendere e rispondere alle minacce e alle sfide poste dai terroristi e dalle organizzazioni terroristiche sulla base di una combinazione di misure di prevenzione, protezione e negazione con determinazione, risolutezza e solidarietà.Al fine di rafforzare ulteriormente il ruolo della NATO nell’antiterrorismo, abbiamo approvato oggi le Linee guida aggiornate della politica della NATO sull’antiterrorismo e il nostro Piano d’azione aggiornato sul rafforzamento del ruolo della NATO nella lotta al terrorismo della comunità internazionale. Questi documenti guideranno il lavoro dell’Alleanza sull’antiterrorismo e identificheranno le aree chiave per i nostri sforzi a lungo termine.

23.      Esortiamo tutti i Paesi a non fornire alcun tipo di assistenza all’aggressione russa. Condanniamo tutti coloro che stanno facilitando e quindi prolungando la guerra della Russia in Ucraina.

24.      La Bielorussia continua a consentire questa guerra mettendo a disposizione il suo territorio e le sue infrastrutture. L’approfondimento dell’integrazione politica e militare della Russia in Bielorussia, compreso il dispiegamento di capacità e personale militare russo avanzato, ha implicazioni negative per la stabilità regionale e la difesa dell’Alleanza.

25.       La Repubblica Popolare Democratica di Corea (RPDC) e l’Iran stanno alimentando la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina fornendo alla Russia un sostegno militare diretto, come munizioni e veicoli aerei senza equipaggio (UAV), che ha un grave impatto sulla sicurezza euro-atlantica e mina il regime globale di non proliferazione.Condanniamo fermamente le esportazioni di proiettili d’artiglieria e missili balistici da parte della Repubblica Democratica Popolare di Corea, che violano numerose risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, e notiamo con grande preoccupazione l’intensificarsi dei legami tra la Repubblica Democratica Popolare di Corea e la Russia.  Qualsiasi trasferimento di missili balistici e della relativa tecnologia da parte dell’Iran alla Russia rappresenterebbe una sostanziale escalation.

26.        La RPC è diventata un sostenitore decisivo della guerra della Russia contro l’Ucraina attraverso la sua cosiddetta partnership “senza limiti” e il suo sostegno su larga scala alla base industriale della difesa russa. Ciò aumenta la minaccia che la Russia rappresenta per i suoi vicini e per la sicurezza euro-atlantica.Invitiamo la RPC, in qualità di membro permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite con la particolare responsabilità di sostenere gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite, a cessare ogni sostegno materiale e politico allo sforzo bellico della Russia, compreso il trasferimento di materiali a duplice uso, come componenti di armi, attrezzature e materie prime che servono come fattori di produzione per il settore della difesa russo.

27.       La RPC continua a porre sfide sistemiche alla sicurezza euro-atlantica. Abbiamo assistito a continue attività cibernetiche e ibride dannose, compresa la disinformazione, provenienti dalla RPC.Invitiamo la RPC a mantenere il suo impegno ad agire responsabilmente nel cyberspazio.  Siamo preoccupati dagli sviluppi delle capacità e delle attività spaziali della RPC.  Invitiamo la RPC a sostenere gli sforzi internazionali per promuovere un comportamento responsabile nello spazio. La RPC continua a espandere e diversificare rapidamente il suo arsenale nucleare con un maggior numero di testate e di sofisticati sistemi di lancio.Rimaniamo aperti a un impegno costruttivo con la RPC, anche per costruire una trasparenza reciproca con l’obiettivo di salvaguardare gli interessi di sicurezza dell’Alleanza.  Allo stesso tempo, stiamo aumentando la nostra consapevolezza condivisa, migliorando la nostra resilienza e preparazione e proteggendoci dalle tattiche coercitive della RPC e dagli sforzi per dividere l’Alleanza.

28.      I partenariati della NATO rimangono fondamentali per rafforzare la stabilità, influenzare positivamente l’ambiente di sicurezza globale e sostenere il diritto internazionale. Svolgono un ruolo importante nel sostenere i tre compiti fondamentali della NATO e il nostro approccio alla sicurezza a 360 gradi.Continueremo a rafforzare il dialogo politico e la cooperazione pratica con i partner, sulla base del rispetto reciproco, del beneficio e dell’interesse sia degli alleati che dei partner.  Ci riuniamo in questo Vertice per l’anniversario con i nostri partner, anche per celebrare i trent’anni del Partenariato per la Pace (PfP) e del Dialogo Mediterraneo (MD), e i vent’anni dell’Iniziativa di Cooperazione di Istanbul (ICI).Siamo grati ai nostri partner per il loro significativo contributo alle operazioni e alle missioni della NATO. Accogliamo con favore gli sforzi della Moldavia per portare avanti le riforme democratiche, così come la Bosnia-Erzegovina, con la sua integrazione europea, e ci impegniamo a sostenere le loro capacità di sicurezza e di difesa e a rafforzare la loro capacità di contrastare le minacce ibride.

29.       L’Unione Europea rimane un partner unico ed essenziale per la NATO. La cooperazione NATO-UE ha raggiunto livelli senza precedenti. La cooperazione pratica è stata rafforzata e ampliata in materia di spazio, cyber, clima e difesa, nonché di tecnologie emergenti e dirompenti.La NATO riconosce il valore di una difesa europea più forte e più capace, che contribuisca positivamente alla sicurezza transatlantica e globale e sia complementare e interoperabile con la NATO.Lo sviluppo di capacità di difesa coerenti, complementari e interoperabili, evitando inutili duplicazioni, è fondamentale nei nostri sforzi congiunti per rendere più sicura l’area euro-atlantica.  Per il partenariato strategico tra la NATO e l’UE, è essenziale il pieno coinvolgimento degli alleati non appartenenti all’UE negli sforzi di difesa dell’UE.Continueremo a rafforzare ulteriormente il nostro partenariato strategico in uno spirito di piena apertura reciproca, trasparenza, complementarietà e rispetto dei diversi mandati, dell’autonomia decisionale e dell’integrità istituzionale delle organizzazioni, come concordato dalle due organizzazioni.

30.       Incontreremo i vertici di Australia, Giappone, Nuova Zelanda e Repubblica di Corea e l’Unione Europea per discutere delle sfide comuni in materia di sicurezza e delle aree di cooperazione. L’Indo-Pacifico è importante per la NATO, dato che gli sviluppi in quella regione influenzano direttamente la sicurezza euro-atlantica.Accogliamo con favore il continuo contributo dei nostri partner dell’Asia-Pacifico alla sicurezza euro-atlantica.  Stiamo rafforzando il dialogo per affrontare le sfide interregionali e stiamo migliorando la nostra cooperazione pratica, anche attraverso progetti faro nei settori del sostegno all’Ucraina, della difesa informatica, del contrasto alla disinformazione e della tecnologia.  Questi progetti miglioreranno la nostra capacità di lavorare insieme su interessi di sicurezza condivisi.

31.       I Balcani occidentali e le regioni del Mar Nero sono di importanza strategica per l’Alleanza. Rimaniamo fortemente impegnati per la loro sicurezza e stabilità. Continueremo a rafforzare il nostro dialogo politico e la cooperazione pratica con i Balcani occidentali al fine di sostenere le riforme, la pace e la sicurezza regionale e contrastare l’influenza maligna, compresa la disinformazione, le minacce ibride e informatiche, poste da attori statali e non statali.I valori democratici, lo Stato di diritto, le riforme interne e le relazioni di buon vicinato sono fondamentali per la cooperazione regionale e l’integrazione euro-atlantica e ci auguriamo che i progressi in questo senso continuino.Restiamo impegnati nel continuo impegno della NATO nei Balcani occidentali, anche attraverso la Forza per il Kosovo (KFOR) a guida NATO. Riaffermiamo il nostro continuo sostegno agli sforzi regionali alleati volti a sostenere la sicurezza, la protezione, la stabilità e la libertà di navigazione nella regione del Mar Nero, compresa, se del caso, la Convenzione di Montreux del 1936.Accogliamo con favore l’attivazione, da parte dei tre alleati litoranei, del Gruppo di lavoro per le contromisure antimine nel Mar Nero.  Continueremo a monitorare e valutare gli sviluppi nella regione e a migliorare la nostra consapevolezza situazionale, con particolare attenzione alle minacce alla nostra sicurezza e alle potenziali opportunità di una più stretta cooperazione con i nostri partner nella regione, come appropriato.  La NATO sostiene le aspirazioni euro-atlantiche dei Paesi interessati in questa regione.

32.      Il vicinato meridionale della NATO offre opportunità di cooperazione su questioni di interesse reciproco. Attraverso i nostri partenariati miriamo a promuovere una maggiore sicurezza e stabilità in Medio Oriente e in Africa, contribuendo alla pace e alla prosperità della regione.Oggi abbiamo adottato un piano d’azione per un approccio più forte, strategico e orientato ai risultati nei confronti del vicinato meridionale, che sarà regolarmente aggiornato.Abbiamo invitato il Segretario Generale a designare un Rappresentante Speciale per il vicinato meridionale che fungerà da punto focale della NATO per la regione e coordinerà gli sforzi della NATO.  Rafforzeremo il dialogo, la sensibilizzazione, la visibilità e gli strumenti di cooperazione esistenti, come l’Iniziativa per lo sviluppo delle capacità di difesa, l’Hub per il Sud e il Centro regionale NATO-ICI in Kuwait.Sulla base del successo della Missione NATO in Iraq (NMI) e su richiesta delle autorità irachene, abbiamo ampliato la portata del nostro sostegno alle istituzioni di sicurezza irachene e continueremo il nostro impegno attraverso la NMI.

33.       Abbiamo accelerato la trasformazione della NATO per far fronte alle minacce attuali e future e per mantenere il nostro vantaggio tecnologico, anche attraverso la sperimentazione e l’adozione più rapida delle tecnologie emergenti, nonché attraverso la trasformazione digitale. A tal fine, attueremo la nostra strategia riveduta per l’intelligenza artificiale e le nuove strategie per la quantistica e le biotecnologie, e promuoveremo ulteriormente i principi di uso responsabile che sono alla base del nostro lavoro.Inoltre, ci baseremo sul successo del Defence Innovation Accelerator for the North Atlantic (DIANA) e del NATO Innovation Fund (NIF) per investire ulteriormente nei nostri ecosistemi di innovazione.  Stiamo monitorando attentamente i progressi tecnologici sul campo di battaglia in Ucraina e stiamo lanciando nuove iniziative di innovazione con i nostri partner ucraini.

34.       Continueremo a integrare le considerazioni sul cambiamento climatico in tutti i compiti principali e rafforzeremo i nostri sforzi per la sicurezza energetica. Il cambiamento climatico è una sfida determinante con un profondo impatto sulla nostra sicurezza. La NATO rimane impegnata a diventare l’organizzazione internazionale leader nella comprensione e nell’adattamento agli impatti del cambiamento climatico e delle condizioni meteorologiche estreme sulla sicurezza.L’energia è un fattore critico di capacità per i compiti fondamentali e le operazioni militari della NATO. Siamo impegnati a garantire alle nostre forze militari forniture energetiche sicure, resilienti e sostenibili, compreso il carburante. La NATO e gli alleati si stanno adattando alla transizione energetica in modo coerente e coordinato;

35.       Siamo impegnati a integrare le ambiziose agende della NATO su Donne, Pace e Sicurezza (WPS) e Sicurezza Umana in tutti i compiti principali. Oggi abbiamo approvato una politica WPS aggiornata, che migliorerà l’integrazione delle prospettive di genere in tutte le attività e le strutture della NATO, e farà progredire l’uguaglianza di genere all’interno dell’Alleanza, consentendo alla NATO di rispondere meglio a sfide di sicurezza più ampie.Continueremo inoltre a rafforzare il nostro approccio alla sicurezza umana per quanto riguarda la protezione dei civili e dei beni culturali. In un momento in cui il diritto internazionale e le norme fondamentali sono messe in discussione, rimaniamo pienamente impegnati nel diritto internazionale umanitario.

36.       Rendiamo omaggio a tutti coloro che lavorano instancabilmente per la nostra sicurezza collettiva e onoriamo tutti coloro che hanno pagato l’ultimo prezzo o sono stati feriti per mantenerci al sicuro, e le loro famiglie.

37.      Settantacinque anni fa, la NATO è stata fondata per preservare la pace e promuovere la stabilità all’interno dell’area euro-atlantica. Rimaniamo fermi nella nostra determinazione a proteggere il nostro miliardo di cittadini, a difendere il nostro territorio e a salvaguardare la nostra libertà e la nostra democrazia. La nostra Alleanza ha superato la prova del tempo.Le decisioni che abbiamo preso garantiranno che la NATO rimanga il fondamento della nostra sicurezza condivisa.  Desideriamo ringraziare il Segretario Generale Jens Stoltenberg per la sua straordinaria leadership in un decennio alla guida della nostra Alleanza, in tempi difficili.  Garantiamo il nostro pieno sostegno al suo successore, Mark Rutte.

38.       Esprimiamo il nostro apprezzamento per la generosa ospitalità che ci è stata offerta dagli Stati Uniti d’America. Attendiamo con ansia di incontrarci nuovamente al nostro prossimo Vertice all’Aia, nei Paesi Bassi, nel giugno 2025, seguito da un incontro in Turchia.


 

Promessa di assistenza alla sicurezza a lungo termine per l’Ucraina

1.   Oggi affermiamo il nostro incrollabile impegno nei confronti dell’Ucraina come Stato sovrano, democratico e indipendente.  Per ottenere questo risultato, l’Ucraina ha bisogno del nostro sostegno a lungo termine. Dall’inizio della guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina, gli Alleati hanno fornito un sostegno politico, economico, militare, finanziario e umanitario senza precedenti, compresa l’assistenza militare che ammonta a circa 40 miliardi di euro all’anno.Gli alleati hanno anche messo a disposizione la loro capacità industriale di difesa per sostenere le esigenze dell’Ucraina. Tutto ciò sta avendo un effetto sostanziale, consentendo agli ucraini di difendersi efficacemente e di infliggere alla Russia costi reali e gravi.

2.    Affermiamo la nostra determinazione a sostenere l’Ucraina nella costruzione di una forza in grado di sconfiggere l’aggressione russa oggi e di scoraggiarla in futuro.A tal fine, intendiamo fornire un finanziamento minimo di base di 40 miliardi di euro entro il prossimo annoe fornire livelli sostenibili di assistenza alla sicurezza dell’Ucraina per prevalere, tenendo conto delle esigenze dell’Ucraina, delle nostre rispettive procedure di bilancio nazionali e degli accordi bilaterali di sicurezza che gli Alleati hanno concluso con l’Ucraina.  I Capi di Stato e di Governo rivaluteranno i contributi alleati in occasione dei futuri Vertici NATO, a partire dal Vertice NATO del 2025 all’Aia.

3.    Il nostro impegno si estende ai costi relativi alla fornitura di equipaggiamento militare, assistenza e addestramento per l’Ucraina, compresi:

  • Acquisto di attrezzature militari per l’Ucraina;
  • Supporto in natura donato all’Ucraina;
  • Costi relativi alla manutenzione, alla logistica e al trasporto di attrezzature militari per l’Ucraina;
  • Costi per l’addestramento militare dell’Ucraina;
  • Costi operativi associati alla fornitura di supporto militare all’Ucraina;
  • Investimenti e sostegno alle infrastrutture di difesa e all’industria della difesa dell’Ucraina;
  • Tutti i contributi ai fondi fiduciari della NATO per l’Ucraina, compresi gli aiuti non letali.

4.    Conta tutto il sostegno alleato all’Ucraina secondo i criteri di cui sopra, sia esso fornito attraverso la NATO, bilaterale, multilaterale o con qualsiasi altro mezzo.  Per sostenere un’equa condivisione degli oneri, gli alleati mireranno a soddisfare questo impegno attraverso contributi proporzionali, anche tenendo conto della loro quota del PIL dell’Alleanza.

5.    Gli Alleati riferiranno alla NATO sul sostegno fornito in relazione a questo impegno due volte all’anno, con il primo rapporto che includerà i contributi forniti dopo il 1° gennaio 2024.  Su questa base, il Segretario Generale fornirà una panoramica di tutti i contributi notificati agli Alleati.

6.    Oltre al sostegno militare coperto da questo impegno, gli Alleati intendono continuare a fornire all’Ucraina sostegno politico, economico, finanziario e umanitario.

I nostri media, almeno nelle versioni online (che poi sono quelle che la gente legge di solito, o ameno scorre) si sono guardati bene dal fornire una sintesi del comunicato finale del vertice NATO di Washington. Il motivo è abbastanza semplice: il comunicato è l’annuncio di un conflitto aperto, che sia freddo o caldo, con la Russia nel momento in cui l’Ucraina, probabilmente a breve, sparirà e non sarà più in grado di combattere al posto nostro, e in seguito con l’Iran, la Cina e la Corea del Nord, paesi abbastanza lontani dallo spazio euroatlantico e mediterraneo che è quello che ci interessa perché, l’ultima volta che ho controllato, noi là stiamo, non sui praho all’abbordaggio nel Mar delle Andamane o a caccia di trichechi al largo delle Aleutine. Va da sé che è anche la pietra tombale su qualsiasi possibilità di soluzione negoziale del conflitto ucraino, ove per ‟negoziato” si intenda qualcosa di diverso da ‟capitolazione”.
Il comunicato lo si può trovare qui: https://www.nato.int/cps/en/natohq/official_texts_227678.htm. Consta di 38 articoli più 6 sulla ‟promessa di assistenza a lungo termine per la sicurezza dell’Ucraina”, e siccome vi voglio bene me li sono letti tutti. Ecco qualche citazione e qualche riassunto – e appunto, capirete perché i nostri media stanno facendo finta di niente. Art. 3: ‟la Russia rimane la minaccia più significativa e diretta alla sicurezza degli Alleati”, insieme al terrorismo, e ‟le minacce che affrontiamo sono globali e interconnesse” (ovvero: la Russia collabora coi terroristi). Art. 4: ‟le azioni destabilizzanti dell’Iran stanno avendo effetti sulla sicurezza Euro-Atlantica. Le ambizioni dichiarate e la politica coercitiva della Repubblica Popolare Cinese continuano a sfidare i nostri interessi, sicurezza e valori. La partnership strategica sempre più stretta tra Russia e RPC e i loro tentativi che si rinforzano mutualmente di minare e modificare l’ordine internazionale basato sulle regole, sono causa di profonda preoccupazione”. Art. 5 (bello questo): ‟Accogliamo con calore il Presidente dell’Ucraina Zelensky e i leader di Australi,a Giappone, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea e Unione Europea” (compito per casa: perché Zelensky è l’unico di cui viene fatto il nome?). Articolo 6 (o anche: ‟vi piaceva il SSN, vero? Peccato!”): ‟Accogliamo con piacere il fatto che più di due terzi degli Alleati hanno rispettato il loro impegno di spendere per la difesa il 2% del loro PIL e lodiamo quegli Alleati che lo hanno superato. Gli Alleati stanno intensificando gli sforzi: le spese per la difesa degli Alleati europei e del Canada sono cresciute del 18% nel 2024, il più grande incremento da decenni […] Riaffermiamo che, in molti casi, spese superiori al 2% del PIL saranno necessarie per rimediare alle carenze esistenti e soddisfare le esigenze che in tutti i campi sorgono per via di un ordine di sicurezza maggiormente contestato”. Art. 7, in breve: siamo bravissimi, aumentiamo, miglioriamo, rinforziamo, in cielo mare e terra (è l’articolo più lungo, quasi una pagina da solo, e davvero dice sostanzialmente solo questo). Questa era la parte buona. Domani, perché ora è tardi e fa troppo caldo, il resto: missili a medio e lungo raggio in Europa (ovvio in Europa, che sono scemi che se le mettono in casa a rischio che russi o cinesi le colpiscano), armi nucleari, e liete prospettive di guerra con Russia e Cina per le quali, davvero, le stiamo provando tutte.
Ci eravamo fermati all’articolo 7, proseguiamo con ordine. L’articolo 8 è molto importante, anche perché ripropone il punto dolente che portò alla rottura seria con la Russia nel 2007, il sistema antimissile basato in Polonia e Repubblica Ceca: ‟Abbiamo deciso deterrenza e difesa contro tutte le minacce aeree e missilistiche potenziando la nostra Difesa Integrata Aerea e Missilistica (IAMD), basata su un approccio a 360 gradi […] Siamo lieti di annunciare la Capacità Operativa Potenziata della Difesa contro Missili Balistici (BMD) NATO. La consegna del sito Aegis Ashore di Redzikowo, in Polonia, completa le installazioni già esistenti in Romania, Spagna e Turchia […] la difesa missilistica può fare da complemento alle armi nucleari nella deterrenza; non può sostituirle”. L’articolo 9 riporta anche la NATO nel campo del credibile uso delle armi nucleari (per i paesi membri, ovviamente, non per l’Ucraina): ‟La deterrenza nucleare è la pietra angolare della sicurezza dell’Alleanza […] Fintanto che esistono le armi nucleari la NATO rimarrà un’alleanza nucleare”, secondo i principi già formulati nello Strategic Concept del 2022 (che trovate qui: https://www.nato.int/…/6/pdf/290622-strategic-concept.pdf) e del Comunicato di Vilnius del 2023 (https://www.nato.int/cps/en/natohq/official_texts_217320.htm); ‟la NATO rinnova il suo impegno a fare tutti i passi necessari per assicurare la credibilità, efficacia, sicurezza della missione di deterrenza dell’Alleanza, incluso modernizzare le sue capacità nucleari, rinforzare le sue capacità di pianificazione nucleare, e adattarle alle necessità”. L’articolo 10 è fuffa, l’11 invece introduce la Promessa di Espansione della Capacità Industriale, ovvero il rafforzamento dell’industria militare dei paesi membri e la prevalenza dell’apparato militare su quello civile, su cui si torna nell’Art. 12: ‟Rinforzare la preparazione nazionale e dell’intera Alleanza per la deterrenza e la difesa richiede un insieme di approccio governativo, cooperazione tra pubblico e privato, e considerazioni sulla resilienza della società. Promettiamo di aumentare i nostri sforzi per rinforzare la resilienza nazionale integrando la pianificazione civile nella pianificazione della difesa nazionale e collettiva in tempo di pace, di crisi e di conflitto”. Art. 13 e 14 fuffa (minacce ibride, analizzare e combattere la disinformazione). Dall’Art. 15 in poi, finalmente, si parla di Ucraina: ‟Riaffermiamo la nostra incrollabile solidarietà col popolo dell’Ucraina nell’eroica difesa della propria nazione, della propria terra, e dei nostri valori condivisi. Un’Ucraina forte, indipendente e democratica è vitale per la sicurezza e la stabilità dell’area Euro-Atlantica. La lotta dell’Ucraina per la propria indipendenza, sovranità e integrità territoriale all’interno dei suoi confini internazionalmente riconosciuti contribuisce direttamente alla sicurezza Euro-Atlantica”. Per aiutare l’Ucraina, dunque, viene costituito l’Assistenza per la Sicurezza e l’Addestramento NATO per l’Ucraina (NSATU), ‟per coordinare il rifornimento di equipaggiamento militare e l’addestramento per l’Ucraina da parte degli Alleati e dei partner”, che naturalmente, almeno secondo la NATO, ‟non renderà la NATO parte del conflitto” ma ‟sosterrà la trasformazione delle forze di sicurezza e di difesa dell’Ucraina, permettendo la loro futura integrazione con la NATO”. Si annuncia poi la Promessa di Assistenza a Lungo Termine per l’Ucraina, su cui torneremo in seguito perché è un documento separato, l’istituzione del Centro Unificato NATO-Ucraina per l’Analisi, l’Addestramento e l’Educazione (JATEC), sempre per accrescere l’interoperabilità delle truppe ucraine con quelle NATO, e la designazione di un Rappresentante Senior della NATO in Ucraina, che immagino verrà ampiamente ricompensato per il disturbo. L’articolo 16 è il chiodo nella bara per i negoziati. In breve, l’Ucraina entrerà nella NATO, prima o poi, e basta (a meno che, naturalmente, non sia l’Ucraina stessa a decidere di non volerlo più…). In dettaglio, dice così: ‟Sosteniamo in pieno il diritto dell’Ucraina di scegliere i propri accordi di sicurezza e di decidere del proprio futuro, libera da interferenze esterne. Il futuro dell’Ucraina è nella NATO. L’Ucraina è diventata sempre più interoperabile e integrata nell’Alleanza. Accogliamo con favore i progressi concreti fatti dall’Ucraina dopo il vertice di Vilnius per quanto riguarda le riforme democratiche, economiche e di sicurezza richieste. Mentre l’Ucraina continua il suo lavoro vitale, noi continueremo a sostenerla sulla sua irreversibile strada verso la piena integrazione Euro-Atlantica, incluso l’ingresso nella NATO. Affermiamo nuovamente che saremo in grado di invitare l’Ucraina ad unirsi all’Alleanza quando gli Alleati saranno d’accordo e le condizioni saranno rispettate. Le decisioni del summit della NATO e del Consiglio NATO-Ucraina, combinate con il continuo lavoro degli Alleati, sono il ponte per l’ingresso dell’Ucraina nella NATO”. Gli articoli 17, 18, 19, 20, 21 (5 su 38, non male) sono interamente dedicati alla Russia. La Russia è la sola responsabile del conflitto, dei morti e delle distruzioni, e dovrà pagarne il prezzo; deve ritirarsi immediatamente e senza condizioni, e la NATO ‟non riconoscerà mai l’annessione illegale da parte della Russia del territorio ucraino, inclusa la Crimea (la necessità di specificarlo, ‟inclusa la Crimea”, significa che davvero c’era qualcuno, dal lato nostro, disposto a cederla. Evidentemente ora è passato in minoranza); deve anche ritirare le truppe da Moldavia e Georgia (ovvero dalla Transnistria, dalla Abkhazia e dall’Ossezia del sud); la minaccia russa mira a riconfigurare l’architettura di sicurezza Euro-Atlantica, e non svanirà col tempo, ma naturalmente ‟la NATO non cerca lo scontro e non pone alcuna minaccia alla Russia”, e resta disposta a mantenere canali di comunicazione con Mosca per ‟mitigare il rischio e prevenire l’escalation” (l’Ucraina può andare in fumo, ma attenzione a non allargarsi, non è che ci andiamo di mezzo pure noi?); la retorica nucleare della Russia è ‟irresponsabile” ed è davvero una brutta cosa che ‟continui a diversificare le sue forze nucleari, incluso sviluppare nuovi sistemi nucleari e schierare capacità dual-use a raggio corto e intermedio”; la Russia, del resto, ha violato, implementato selettivamente o abbandonato tutti i trattati (mi ricordavo che dal trattato ABM si fosse ritirato Bush nel 2002 e dall’INF Trump nel 2019, ma che ne so io); si chiude con le ‟azioni ibride”, ovvero ‟strumentalizzazione dell’immigrazione irregolare, maligni cyber-attacchi, interferenze elettroniche, campagne di disinformazione e maligne influenze politiche, inclusa la coercizione economica; per cui, la NATO resta determinata nel contrastare tutto questo e nel sostenere gli Alleati vittime di queste operazioni, e al prossimo vertice NATO si discuterà di come eventualmente cambiare ancora la posizione strategica nei confronti della Russia. L’Art. 22 è sulla necessità di contrastare il terrorismo, il 23 introduce il resto del mondo nella lista dei cattivi, o quantomeno, ‟tutti quelli che facilitano, e dunque prolungano, la guerra della Russia in Ucraina”. Questi paesi sono la Bielorussia (Art. 24), la Repubblica Democratica della Corea e l’Iran (Art. 25), la Cina (Art. 26 e 27, è grossa, almeno due se li merita). Nell’Art. 27 si scrive esplicitamente che la Cina ‟continua a porre sfide sistemiche alla sicurezza Euro-Atlantica. Gli Art. 28 e 29 sono fuffa, il 30 annuncia un prossimo incontro ‟con le leadership di Australia, Giappone, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea e Unione Europea per discutere delle sfide alla sicurezza comune e delle aree di cooperazione. L’Indo-Pacifico è importante per la NATO, perché gli sviluppi in quella regione hanno conseguenze dirette sulla sicurezza Euro-Atlantica”, quindi contro la Cina, cari amici, è il caso ci muoviamo anche noi. L’Art. 31 parla dell’importanza per la NATO dei Balcani occidentali e del Mar Nero, che certo non possiamo lasciare agli slavi ortodossi, il 32 è quello che all’Italia interessa di più perché si parla dell’istituzione di un Rappresentante Speciale per il Fianco Meridionale, ossia Nordafrica e Medio Oriente, e gli altri 6 articoli sono congratulazioni reciproche e un po’ di lip service alle questioni ambientali e di genere.
Questa è la situazione, e non è buona.

ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate:

postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704

oppure iban IT30D3608105138261529861559

oppure PayPal.Me/italiaeilmondo

oppure https://it.tipeee.com/italiaeilmondo/

Su PayPal, Tipee, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Allons enfants, di Francesco Dall’Aglio_Non saprei, di Daniele Lanza

Mentre i francesi fanno avanti e indietro sulla questione delle truppe, incassano altre defezioni (Kaja Kallas ha detto che a Parigi non si è mica parlato di mandare truppe, c’è stata solo un po’ di confusione dovuta al fatto che si discuteva in inglese e quindi i termini non erano accurati…) e sui canali Telegram si lanciano le notizie più assurde, tra cui quella del contingente francese già in viaggio verso Sofia per poi trasferirsi in Romania e da lì a Odessa (ma perché non atterrare a Bucarest, nel caso?), in tanti paragonano la situazione attuale a quella precedente allo scoppio della prima guerra mondiale, per lo stesso livello di apparente “sonnambulismo” dei governi. Ora, la questione del sonnambulismo pre-1914 dà il titolo a un libro molto bello (Cristopher Clark, “I sonnambuli. Come l’Europa arrivò alla Grande Guerra”, Laterza 2016) ma certo non spiega la prima guerra mondiale, che fu ben più di un colpo di sonno e che, come la guerra di oggi, aveva radici molto profonde e intendeva trovare soluzioni a problemi ritenuti di fondamentale importanza. Soprattutto, le analogie sono in genere interessanti e stimolanti, ma non si deva mai commettere l’errore di credere che le situazioni storiche siano davvero paragonabili in toto. Senza nemmeno pensarci troppo, che abbiamo tutti da fare, mi vengono in mente tre differenze sostanziali.
La prima è la quantità di truppe che parteciperebbero al conflitto, molto più bassa (sia in termini assoluti che in percentuale sulla popolazione) di quelle che sono partite più o meno con entusiasmo nel 1914-15 (o 1916, per alcuni, o addirittura 1918). I nostri eserciti (e pure quello russo, alla fine) hanno un numero di effettivi piuttosto basso, non tutti gli effettivi sono ovviamente impiegabili al fronte e, come se non bastasse, almeno dalle nostre parti non hanno più tutta questa voglia di restarci, nell’esercito, anche in tempo di pace (vedi ad esempio questo preoccupato articolo di Politico di due giorni fa, “i soldati europei continuano a licenziarsi”: https://www.politico.eu/…/nato-russia-ukraine-war…/). Certo, al numero si ovvia con la mobilitazione, ma qui ci si scontra sia con la piramide demografica europea, che non rassicura molto chi vuole creare un baluardo di giovani petti contro l’orda tataro-bolscevica, sia con I SOLDI, che non ci sono per rimettere in piedi nemmeno la leva a meno di non modificare radicalmente l’organizzazione europea (che questo sia il sogno dei nostri governanti è ormai chiaro, ma sogni e realtà purtroppo per loro e per nostra fortuna non sono la stessa cosa). Non è un caso che da parte statunitense, e non solo, si moltiplichino gli appelli perché l’Ucraina faccia ciò che deve fare, ossia finire di estinguersi mandando al fronte non più solo chi ha 27 anni o più, come al momento prevede la legge, ma un po’ tutti, abbassando l’età dei mobilitati. Lindsey Graham, che odia la Russia ma evidentemente molto di più l’Ucraina, lo ha ribadito l’altro ieri a Kiev (https://www.washingtonpost.com/…/lindsey-graham…/): “non posso credere che sia 27 [l’età in cui si può essere mobilitati]. State combattendo per la vostra vita, dovreste arruolarvi — non a 25 o 27 anni. Abbiamo bisogno [eh? ABBIAMO?] di più gente al fronte”.
La seconda è la questione delle alleanze, che nella prima guerra mondiale ha coinvolto a catena un bel po’ di paesi. Ora la situazione è piuttosto diversa. L’Ucraina non fa parte né della NATO né dell’UE (non che far parte dell’UE le garantirebbe qualcosa, da questo punto). I trattati bilaterali firmati da vari governi (tra cui il nostro) con l’Ucraina non prevedono un ingresso nel conflitto ma solo soldi e armi, e il famigerato Articolo 5 del Trattato Nord Atlantico, tanto amato dai nostri interventisti e tanto poco letto nella sua interezza, non solo non è automatico nelle contromisure ma, soprattutto, riguarda solo gli attacchi al territorio dei paesi membri, non al bombardamento delle loro truppe in giro per il mondo, Ucraina inclusa. Visto che appunto lo si cita a sproposito, lo cito qui:
“Le parti convengono che un attacco armato contro una o più di esse in Europa o nell’America settentrionale sarà considerato come un attacco diretto contro tutte le parti, e di conseguenza convengono che se un tale attacco si producesse, ciascuna di esse, nell’esercizio del diritto di legittima difesa, individuale o collettiva, riconosciuto dall’ari. 51 dello Statuto delle Nazioni Unite, assisterà la parte o le parti così attaccate intraprendendo immediatamente, individualmente e di concerto con le altre parti, l’azione che giudicherà necessaria, ivi compreso l’uso della forza armata, per ristabilire e mantenere la sicurezza nella regione dell’Atlantico settentrionale. Ogni attacco armato di questo genere e tutte le misure prese in conseguenza di esso saranno immediatamente portate a conoscenza del Consiglio di Sicurezza. Queste misure termineranno allorché il Consiglio di Sicurezza avrà preso le misure necessarie per ristabilire e mantenere la pace e la sicurezza internazionali.”
Quindi, un attacco contro le parti (ovvero i paesi firmatari), non contro contingenti mandati chissà dove, e ogni altra parte farà quello che ritiene più opportuno, IVI COMPRESO l’utilizzo della forza armata, non A PARTIRE dalla forza armata. Per cui se qualcuno ha immaginato, o scritto o detto, che queste ipotetiche truppe sarebbero intoccabili per via dell’Articolo 5, ha immaginato male (da cui, credo, tutti i distinguo che sono venuti a cascata negli ultimi giorni).
La terza, banalmente, è la bomba atomica. E non penso ci sia bisogno di spiegare cosa succederebbe se il piano geniale andasse in porto. Quindi non mi preoccuperei più di tanto del fatto che “alla televisione francese” (ma su quale canale? A che ora? Chi?) intervistano un colonnello che dice che sì, si può fare, la Russia non farebbe niente. Alla fine vogliono solo metterci le mani in tasca: questo sì, come la prima guerra mondiale.

Giovanni Vinci

Le parole de Medvedev sull”attentanto a Mosca:
Non importa chi ha commesso l’attacco terroristico a Mosca.
Bastardi dell’RDK, bastardi della Legione Russia Libera. O islamisti. O un gruppo militante puramente ucraino.
Tutte le persone coinvolte verranno comunque trovate e uccise. Questo è già successo nella storia russa. E tutti gli organizzatori di tutti i principali attacchi terroristici furono eliminati senza pietà.
Aggiunge:
Bene, lasciatemi ricordarvi che l’8 marzo
gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno avvertito i loro cittadini della minaccia di attacchi contro “grandi raduni” a Mosca.
L’ambasciata americana in Russia ha avvertito i suoi cittadini che nel prossimo futuro potrebbe verificarsi un attacco terroristico a Mosca.
“L’ambasciata sta monitorando le notizie secondo cui gli estremisti stanno pianificando di attaccare grandi raduni a Mosca, compresi concerti, nel prossimo futuro, e i cittadini statunitensi dovrebbero evitare grandi raduni per le prossime 48 ore”.
In altre parole, i paesi occidentali sapevano dell’imminente attacco terroristico. Dove?
L’hai cucinato tu stesso? Non ho nessun’altra versione.
Francesco Dall’Aglio
Allora: della strage a Mosca non si sa nulla, nel senso che non si sa chi sia stato, quanti erano, di dov’erano e che volevano, a parte che erano molto bene addestrati e che non hanno agito da soli, perché non bastano due molotov per dar fuoco al tetto. Per ora il bollettino dell’FSB segnala 40 morti e 130 feriti, ma non si sa se ci sia ancora gente dentro. Il tetto continua a bruciare ed è in parte crollato, ma tutto sommato tiene. Ci sono degli arresti, ma non si sa chi è stato arrestato e perché. Non ci sono dichiarazioni ufficiali del governo russo, a parte alcuni commenti di Medveded e Zaharova, ma ufficialmente non ci sono prese di posizione. Un sacco di gente si è affrettata a dire che loro non c’entrano niente o meglio ancora, che sono stati i russi da soli. Tutto il resto sono notizie non confermate e non verificabili, quindi inutile scriverle.
Le ultime ore ci hanno consegnato una escalation abbastanza marcata da parte russa, che da un lato è una risposta alle precedenti escalation di NATO e Ucraina (discorsi sull’invio delle truppe e sulla necessità che “la Russia non vinca”, incursioni nella regione di Belgorod con annessi bombardamenti della città, attacchi alle raffinerie russe anche a grande distanza dal fronte) e dall’altro potrebbe (il condizionale è d’obbligo) segnalare la volontà di aumentare il livello dello scontro, o quantomeno di certificare che sarebbe possibile senza troppo sforzo. L’escalation è sia verbale che militare. Dal punto di vista verbale, Peskov (che, ricordo, è il portavoce del Cremlino) ha utilizzato per la prima volta il termine “guerra” specificando che quella che era partita come una ‟operazione militare speciale” si è ormai trasformata in guerra a causa dell’intervento occidentale, e che la Russia “non può permettere” ai suoi confini l’esistenza di uno stato che ha intenzione di usare “qualsiasi metodo” per prendere la Crimea. Non si tratta ovviamente di una dichiarazione di guerra (non è certo Peskov che può dichiararla) ma appunto di una escalation verbale che si allontana di molto dalle precedenti dichiarazioni sulla volontà russa di trattare e di arrivare a soluzioni diplomatiche.
Dal punto di vista militare, all’alba c’è stata una pesantissima incursione missilistica su vari bersagli, sia industriali che energetici. La cosa potrebbe sembrare una riedizione della campagna di bombardamenti sulle strutture energetiche dell’inverno 2022-2023, ma I bersagli sono diversi e molto più importanti. Nella campagna precedente venivano prese di mira soprattutto le sottostazioni, I nodi energetici secondari. La loro distruzione portava ovviamente conseguenze anche gravi per la popolazione e le FFAA ucraina, ma in genere erano conseguenze di breve durata, perché le sottostazioni danneggiate potevano essere bypassate grazie alla straordinaria abbondanza di linee di distribuzione di cui l’Ucraina, per retaggio sovietico, gode. Questa volta invece (oltre a stabilimenti industriali come la Motor Sich di Zaporož’e la Malyshev di Kharkiv) sono state attaccate le centrali principali, con particolare accanimento sulla DneproHES, la più grande delle centrali idroelettriche sul Dnepr, che si trova sempre a Zaporož’e (vedi le due immagini, una in dettaglio e l’altra che mostra la posizione). L’attacco era mirato alla sala turbine della DneproHES-2 (la più moderna delle due, costruita tra il 1969 e il 1980), che è andata distrutta, e alla gru a portale che ne regola il funzionamento delle valvole (foto); la gru a portale dal lato opposto della diga, che gestisce le chiuse che regolano il deflusso dell’acqua del bacino, non è stata toccata – e con buona ragione, visto che la sua distruzione sarebbe una catastrofe. I danni sembrano essere molto gravi e non è chiaro quando (e se, finché dura il conflitto) la centrale riprenderà a funzionare. Al di là dell’importanza pratica dell’aver disabilitato metà della DneproHES nel giro di mezz’ora, il significato simbolico dell’operazione non è trascurabile; la diga e la centrale erano uno dei simboli dell’industrializzazione sovietica e averla messa fuori uso riporta al passaggio più minaccioso del discorso di Putin del 21 febbraio 2022, quello sulla “decomunistizzazione” dell’Ucraina. Se la vogliono, aveva detto, a noi sta bene, ma perché fermarsi a metà (ovvero solo alle statue di Lenin)? Vedremo cosa succederà stanotte e se le incursioni continueranno. Si spera di no, visto che il comunicato odierno del Ministero della Difesa russo riferisce che gli attacchi delle ultime due notti sono stati condotti per rappresaglia, cosa che non diceva ieri: quindi forse la considerano terminata, a meno di ulteriori attacchi. E a questo proposito Putin ha trovato un imprevisto alleato negli USA che, stando a quanto scrive il Financial Times ( https://www.ft.com/…/98f15b60-bc4d-4d3c-9e57-cbdde122ac0c) hanno detto più volte all’Ucraina di smetterla di colpire le raffinerie russe, perché la cosa rischia di avere ripercussioni sul prezzo del petrolio e “potrebbe portare a rappresaglie”, come appunto è successo.
 
Non saprei_di Daniele Lanza
PREMESSA = Trump sembrerebbe avere il vantaggio (sembra), ma il contesto gioca ancora contro di lui: se fossimo nella cornice di un ordinario stato europeo non avrei dubbi sull’esito………ma ci troviamo negli U.S.A. un mega-stato nazionale a vocazione imperiale con inderogabili obblighi internazionali derivanti dal proprio status. Significa che se la posizione del candidato alla presidenza fosse per davvero – testualmente – quella riportata nell’immagine, le forze d’opposizione democratica e l’intero estabilishment neocon metteranno in atto qualcosa di analogo ad un MAREMOTO, durante e dopo la campagna elettorale: in primo luogo per alterare l’esito (ricorrendo a quasi qualsiasi cosa) ed in secondo luogo facendo ostruzionismo dopo (perchè non è affatto scontato che Trump – pur regolarmente eletto – abbia poi la facoltà di fare tutto quello che dichiara adesso………….).
Il problema di fondo è che l’AMERICA si è esposta in maniera tale nel biennio di guerra in corso, da trovarsi ora in un vicolo cieco: la “soluzione Trump” ammesso che vi si arrivi, comporterebbe l’ammissione che l’Alleanza Atlantica ha fallito. Un grande esercito (quello ucraino), armato ed addestrato secondo standard NATO è stato sconfitto in un grande conflitto terrestre: l’occidente è stato incapace di prevalere militarmente in una guerra convenzionale sul suolo europeo, ripiegando mestamente su una soluzione diplomatica che da ragione all’opponente e questo è un fatto senza veri precedenti nell’ultimo secolo, al di là del valore effettivo dell’Ucraina in sè (della quale a nessuno importa veramente nell’ambito UE/USA). Una conseguenza di immagine, di quelle veramente imponderabili: non è mai accaduto che il “BENE” e la “GIUSTIZIA” fallissero sul campo (per come l’etica statunitense vede le cose……).
Ma c’è di più, purtroppo.
La “soluzione Trump” – come illustrata in basso – non soddisferebbe probabilmente più nemmeno il Cremlino. La condizioni – seppur ragionevoli – potevano andare bene 2 anni fa, PRIMA che il conflitto deflagrasse: Trump sarebbe dovuto essere sul posto 2 anni orsono come presidente e proporre ALLORA questo piano e probabilmente le cose sarebbero andate diversamente. Adesso è un po tardi……le cose sono cambiate: ci sono oltre mezzo milione di vite bruciate sul tavolo da gioco (la maggior parte di certo ucraini, ma ormai anche i russi ne incassano una quantità notevole) e regioni conquistate (Zhaporizha, Donetsk e Lugansk) che in nessun caso torneranno sotto Kiev, in quanto – per antica legge di guerra – il loro prezzo in sangue è già stato ampiamente pagato da parte russa.
Putin NON darà indietro nulla di quanto è stato già preso al costo di gravi perdite (non lo farebbe alcun leader di uno stato geopoliticamente sovrano).
Infine ma non ultimo…………in merito ai debiti di Kiev con gli USA: l’economia ucraina, o quanto ne resta, non è minimamente in condizione di ripagare i 300 miliardi di dollari ricevuti direttamente o meno da Washington (se non per le prossime 3 generazioni, ovvero quanto rimane del secolo in corso). Questa è la nota più significativa di tutte alla fine: che sia Trump o che sia Biden o chiunque altro……esiste un DEBITO da saldare e non si sfugge: i numeri sono quelli e qualcuno deve pagare. Lo stato ucraino ha già cessato di esistere in quanto entità sovrana sul piano geopolitico, trovandosi nella condizione di debitore insolvente per il secolo a venire. I nazionalisti ucraini (e chi li sostiene) si battono per quello che è già da ora un cadavere.
GUANTO DI SFIDA PER LO TSAR (lanciato da chi ?), di Daniele Lanza
L’Isis sì, ma quest’ultimo manovrato da chi ?
Da stamane sul presto, su tutti i media la rivendicazione ufficiale dell’ISIS, un attore violento e imprevedibile che non ha bisogno di presentazione alcuna: garantito che nelle prossime ore e giorni emergeranno tanti altri elementi a convalida della cosa.
Spiegazione cristallina, mistero risolto.
Cristallina al punto tale da sorvolare, o quasi, un fattore – di quelli di natura macroscopica al limite dell’imbarazzo – che si può tradurre in un interrogativo basilare:
COSA DIAVOLO C’ENTRA l’ISIS CON LA RUSSIA.
(…)
Quale sarebbe il movente ?? Perché avrebbero deciso di colpire la capitale di un paese che è assai meno coinvolto di quelli occidentali nell’area mediorientale ?? (la Russia non ha un passato coloniale, né post-coloniale nella regione, non fa parte dell’ensemble classico di attori preminenti sullo scacchiere arabo – tipo UK, Francia, U.S. – né fa parte di quella civiltà del benessere – l’Unione Europea – che per sua natura costituisce provocazione per il terrorismo islamico diventandone quindi bersaglio usuale.
Mosca è una grande metropoli, geopoliticamente cruciale, ma in tutto e per tutto lontana in termini di immagine e significato dagli obiettivi classici di qualsiasi terrorismo di matrice araba (fa eccezione l’Islam del Caucaso russo – Dagestan, Cecenia et affini – che però è una questione del tutto “domestica”, che non ha a che fare col terrorismo islamico internazionale).
In prospettiva araba, la Russia in generale è sì un’entità estranea (non musulmana cioè), ma anche lontana e marginale rispetto ai maggiori interpreti della politica estera d’occidente (Francia, Germania, etc.), non degna di particolare attenzione: un’area grigia, di valore strategico e simbolico pressoché nullo nell’ottica di un ipotetico “affondo all’occidente”.
Rendiamoci conto che MOSCA, di fatto, è una capitale ancor più periferica di quanto lo sia ISTANBUL, rispetto all’epicentro della vita europeo/occidentale, per voler fare una comparazione (dato che comunque la Turchia è comunque parte della Nato e trampolino per accedere al vicino oriente, la sua capitale un trafficato punto di contatto con l’Europa, laddove la capitale russa, sin dall’era sovietica si trovava in uno spazio fuori dei flussi ordinari: a maggior ragione poi, dopo 2 anni di guerra nel corso dei quali è stato praticamente tagliato ogni collegamento tra Mosca e il mondo esterno…..).
Quindi, riassumendo: PERCHE’ prendersi il disturbo e il rischio (sacrificare uomini e materiale) di recarsi fino ad una zona periferica della capitale di uno stato che poco ha storicamente poco a che fare col confronto tra occidente/mondo arabo ed organizzarvi una strage di queste proporzioni ? In assenza di qualsivoglia provocazione ?
Soprattutto, che senso ha farlo proprio ADESSO, considerando che la Russia dopo 2 anni di guerra feroce in Ucraina è letteralmente bandita dall’ordine internazionale d’occidente, con il quale è tranciato qualsivoglia contatto o rapporto (siamo alle soglie del primo conflitto mondiale del XXI sec.) e che quindi non farebbe certo piangere UE, USA etc. ?!?
Perché organizzare un colpo che non avrebbe alcuna significato o ricaduta positiva per la propria causa ?
E’ tutto molto anomalo persino per lo standard di un attore violento e imprevedibile come lo è l’ISIS. Troppo.
CONCLUSIONE: investigazioni accurate potranno far emergere con grande precisione la dinamica dell’evento che tuttavia è solo la parte più superficiale del problema.
La VERA domanda, ossia chi sia il mandante dell’azione è destinata a rimanere irrisolta (…).
Mi duole avvicinarmi a dietrologie e cospirazionismi (in particolare i più grossolani), ma a questo proposito mi è impossibile non sottolineare – di nuovo – ciò che è macroscopico: che il colpo avviene in coincidenza del fatto che:
1 – l’Ucraina ha dichiaratamente perso la guerra, ritrovandosi nella condizione di non poter proseguire senza diretto intervento estero.
2 – Intervento estero che NON avverrà, non può avvenire, in quanto necessariamente delegato all’UE – proxy tramite il quale Washington deve condurre la guerra, non potendo sbarcare direttamente in Ucraina senza un’escalation nucleare – : soluzione che tuttavia drammaticamente naufraga a fronte di una realtà materiale che vede il continente essere un cadavere politico/militare dal 1945)
3 – Il capo di stato in carica della Fed. Russa è stato confermato (e democraticamente), meno di una settimana fa, con livelli di partecipazione e consenso impensabili in qualsiasi sistema partitocratico al di qua e al di là dell’Atlantico.
In pratica la Russia è FORTE: forte sullo scacchiere bellico sul quale sta prevalendo – lentamente ma inesorabilmente – e ancor più forte nel suo ordine interno (motivo ultimo di imbarazzo per la narrativa “dittatoriale” con cui l’occidente dipinge paese).
Washington, non è in grado di dare una risposta nell’immediato, impegnata su 4 fronti diversi (tra cui anche l’inconcludenza dei propri stessi alleati europei…) ritrovandosi dunque nella prospettiva di vedersi semplicemente bagnare il naso, trincea dopo trincea progressivamente distrutte con tanto di costosi materiali inviati, senza poter fare nulla. Uno schiaffo d’immagine di risonanza planetaria che fa affondare nella bile: OCCORRE rispondere in qualche modo….qualsiasi modo. Perlomeno mandare un messaggio (…).
Non mi avventuro – non oso farlo – nella narrativa che vede nell’ISIS uno strumento parzialmente finanziato ed eterodiretto dalla CIA…..ma il contesto è tale che la banalità più pedissequa può davvero rivelarsi vera.
STOP.
ll sito www.italiaeilmondo.com non fruisce di alcuna forma di finanziamento, nemmeno pubblicitaria. Tutte le spese sono a carico del redattore. Nel caso vogliate offrire un qualsiasi contributo, ecco le coordinate: postepay evolution a nome di Giuseppe Germinario nr 5333171135855704 oppure iban IT30D3608105138261529861559 oppure PayPal.Me/italiaeilmondo  Su PayPal, ma anche con il bonifico su PostePay, è possibile disporre eventualmente un pagamento a cadenza periodica, anche di minima entità, a partire da 2 (due) euro (pay pal prende una commissione di 0,52 centesimi)

Confronto a distanza, di Francesco Dall’Aglio

Post cumulativo, per recuperare un po’ di cose successe nei giorni scorsi.
1 – Forse mi sbaglio, ma non mi pare che il discorso di Putin del 19 dicembre sia stato molto considerato dalle nostre parti. Effettivamente per i nostri media era una location un po’ esoterica (un incontro esteso del Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa) e di discorsi ce n’erano stati altri, e ben più lunghi e pubblicizzati, nei giorni precedenti. Ma questo mi ha lasciato, devo ammettere, una leggera inquietudine.
Dunque, dopo essersi fatto mostrare da Shoigu e Gerasimov (che ha fatto una pancia notevole) tutta una serie di nuovi dispositivi bellici (allego foto), il nostro si è lanciato in una serie di considerazioni a braccio. Ne traduco una parte, quella più interessante (e inquietante, appunto).
“L’unica garante della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina era la Russia. La Russia, quando ha creato l’Unione Sovietica, ha trasferito in cambio di nulla enormi territori storici russi, con un enorme potenziale, investendo grandi risorse in quel territorio. E i territori occidentali dell’Ucraina, sappiamo tutti come l’Ucraina li ha avuti. Glieli ha dati Stalin dopo la seconda guerra mondiale. Ha dato una parte delle terre polacche, Lvov e così via, parecchie grandi regioni, dove vivevano 10 milioni di persone, e per non amareggiare i polacchi li ha compensati a spese della Germania, gli ha dato le terre tedesche orientali, il corridoio di Danzica; una parte è stata presa dalla Romania, una parte dall’Ungheria, e ha dato tutto all’Ucraina. Le persone che vivono lì, e lo so per certo, al 100%, vogliono ritornare alla loro madrepatria storica, e i paesi da cui questi territori sono stati presi, soprattutto la Polonia, li rivogliono. In questo senso, solo la Russia poteva essere il garante dell’integrità territoriale ucraina. Se non lo vogliono, va bene. La Storia rimetterà tutto a posto. Noi non faremo niente, ma non daremo indietro ciò che è nostro, e questo deve essere compreso da tutti, sia in Ucraina da coloro che sono aggressivi nei confronti della Russia, che in Europa e negli Stati Uniti. Parlano di un accordo, che parlino pure, ma solo in base… noi lo faremo solo in base ai nostri interessi”.
C’è parecchio da digerire in queste parole (alcune delle quali diciamo rivedibili, tipo la parte in cui è la Russia ad aver creato l’URSS). Non è chiarissimo se il riferimento agli “enormi territori storici russi” includa anche Odessa: io a questo punto sono portato a credere di sì. Ancora più interessante, ovviamente, l’accenno ai territori occidentali dell’Ucraina e la strizzata d’occhio ai nazionalismi locali. Una proposta di accordo? Noi ci prendiamo Odessa e arriviamo alla Transnistria, voi vi prendete quello che era vostro fino al 1944-45 e lasciamo in mezzo una specie di Bantustan a dividerci, con un governo “liberamente eletto” a Kiev erede del debito pubblico ucraino? Chissà. Forse era solo una risposta alle carte che si vedono circolare e che ipotizzano la divisione della Russia in una trentina di stati (e che nei giorni scorsi aveva citato, ora non mi ricordo in quale discorso), come a dire che è un gioco a cui si può giocare in tanti, o un modo per seminare zizzania tra l’anima “orientale” e quella “occidentale” della NATO/UE. Chissà.
2 – Sempre a proposito di discorsi inquietanti, quello dell’altro ieri di Blinken non è stato da meno, per altri motivi. Ovviamente ha ripetuto quella che ormai è diventata la nuova versione ufficiale della storia – “Putin ha già fallito il suo obiettivo principale in Ucraina, cancellarla dalla mappa, assorbirla all’interno della Russia”, quindi in fin dei conti non ci si può lamentare, ha vinto l’Ucraina, cioè noi. Non è questa la cosa inquietante (per l’Ucraina, ovvio), ma quello che ha detto dopo: “Abbiamo già fatto molto e abbiamo già messo l’Ucraina in posizione non solo di sopravvivere, ma di prosperare. C’è un piano definito per rimettere l’Ucraina in piedi militarmente, economicamente e democraticamente, così che questi livelli di sostegno e assistenza non siano più necessari in futuro”. Quindi qualcosa arriverà, ma non ai livelli di prima, ed era ovvio che sarebbe stato così ma che lo dica pubblicamente Blinken è interessante. E qual è questo “piano definito”?
3 – è da qualche giorno che si moltiplicano le voci che vorrebbero gli USA e l’UE pronti a sequestrare i fondi russi bloccati all’estero, stimati in circa 300 miliardi di dollari, e utilizzarli per finanziare l’Ucraina. Ovviamente sarebbe una decisione che avrebbe conseguenze, legali e politiche, pesantissime per tutti, e causerebbe molto probabilmente una fuga generale dei capitali cinesi, arabi eccetera dalle banche occidentali, ma a mali estremi, stanno evidentemente dicendosi i nostri banchieri, estremi rimedi. Per la Russia, che ovviamente spera di recuperare il tutto, e con gli interessi, a guerra finita, sarebbe una mazzata non da poco: e infatti poche ore fa il viceministro degli esteri, Sergei Ryabkov, ha dichiarato che se la cosa va in porto la Russia romperà le relazioni diplomatiche con gli USA.
4 – cose più militari. Kasja Ollongren, ministra della difesa danese, ha dichiarato che venerdì prossimo la Danimarca consegnerà 18 F-16 all’Ucraina. Ci sono voci, e non insensate, che vorrebbero gli aerei già presenti sul territorio ucraino, nella regione al confine con la Romania, ma ovviamente non sono confermate. Intanto, sempre a proposito di aerei, stamattina la batteria di Patriot fornita dalla Germania e spedita tra Odessa e il Dneper ha abbattuto un Su-24 russo (secondo le dichiarazioni ucraine tre, ma ci sono riscontri fotografici solo di uno): ironia della sorte, si parla della cosa, e potete immaginare come, più sui canali russi che su quelli ucraini, a ulteriore riprova del fatto che l’idea nostrana che in Russia non si sappia quello che succede al fronte e che tutto sia ricoperto da una glassa di zucchero è del tutto falsa. Aereo abbattuto o meno, le cose al fronte continuano a svilupparsi nella direzione indicata nei giorni scorsi, in particolare dalle parti di Novomykhailivka. La postazione ucraina nota come “Zverinetz” (“serraglio”) è stata definitivamente presa dai russi che hanno anche allargato la zona di controllo a sud della cittadina, che adesso è soggetta ad attacchi e tiri d’artiglieria da sud, est e, dopo la perdita di Zverinetz, anche da nord (per una carta vi rimando al mio post del 17 dicembre). Altre avanzate intorno a Bahmut, dove i guadagni territoriali conseguiti dall’Ucraina durante la controffensiva estiva sono tutti tornati in mano russa.
5 – Arestovyč non si ferma più. In una intervista video con Yulia Latynina, giornalista russa oppositrice di Putin (oppositrice da destra: si definisce libertaria ma guarda caso critica solo la sinistra) e “in esilio” a Tallinn, ne ha sparate un bel po’: L’Ucraina, ha detto, agli abitanti del Donbas e della Crimea ha offerto solo una cittadinanza di seconda classe. I poveri non hanno motivo di combattere perché combattono per i ricchi, i ricchi pagano le mazzette e in trincea a morire ci vanno i poveri. Per 32 anni [qui non ho capito se si riferisce agli abitanti di Donbas e Crimea o in generale agli ucraini poveri] si sono rifiutati di considerarli umani, li hanno schiacciati, li hanno presi in giro, li hanno investiti con la macchina e non sono stati arrestati, li hanno stüπ®åti nelle stazioni di polizia e non sono stati arrestati, li hanno derubati, li hanno tenuti poveri e affamati. A questo punto Latynina, inorridita, gli ha detto che era la Russia che stava descrivendo, la Russia!, ma lui ha risposto che era l’Ucraina, anzi “l’Ucraina-mamma”, citando il primo verso della più nota canzone banderista, Батько наш Бандера, Україна мати (papà nostro Bandera, l’Ucraina mamma), mentre il viso di Latynina si faceva sempre più costernato (foto 2). Questo fa una brutta fine secondo me, soprattutto visto che, continuando l’intervista, ha detto che sostanzialmente gli ucraini fanno bene a sfuggire al reclutamento e che prima o poi, se continuano con quei metodi, la gente inizierà a sparare ai reclutatori.
6 (e fine) – appunto sul reclutamento. Uno dei membri della commissione difesa del parlamento ucraino, Vadym Ivčenko, ha detto che a gennaio verrà varato un provvedimento in base al quale anche agli ucraini all’estero verrà notificata la chiamata alle armi. Podolyak, per stimolarli, diciamo così, ha proposto ai governi europei di bloccare i sussidi ai cittadini ucraini che non dovessero rispondere alla chiamata. Il governo tedesco e quello estone hanno già fatto sapere che per loro non se ne parla, e meno male, direi.
Edit – I fondi russi congelati sono 300, non 3000 milioni. Ho corretto anche nel testo.

Riunione allargata del Consiglio del Ministero della Difesa

Il Presidente è arrivato al Centro di controllo della difesa nazionale della Federazione Russa per partecipare a una riunione allargata del Consiglio del Ministero della Difesa.
19 dicembre 2023
14:40
Mosca
Alla riunione allargata del Consiglio del Ministero della Difesa.
Alla riunione allargata del Consiglio del Ministero della Difesa.
1 di 11
Alla riunione allargata del Consiglio di amministrazione del Ministero della Difesa. Foto: Artem Geodakyan, TASS

Il Presidente della Russia Vladimir Putin: Compagni ufficiali, signor Shoigu,

Un anno fa, in occasione della riunione conclusiva del Consiglio del Ministero della Difesa, abbiamo discusso i compiti prioritari legati alla conduzione dell’operazione militare speciale e abbiamo parlato di misure aggiuntive per rafforzare l’esercito e la marina.

Oggi valuteremo i risultati ottenuti negli ultimi 12 mesi e individueremo gli ambiti in cui dobbiamo ancora migliorare e intensificare il nostro lavoro.

L’anno 2023 è stato intenso e difficile per le Forze armate, e vorrei dire subito che i nostri ufficiali, soldati e comandanti di tutti i livelli hanno affrontato con coraggio e professionalità le sfide durante l’operazione militare speciale, garantendo la sovranità globale del Paese, nonché la parità missilistica nucleare e la sicurezza strategica della Russia. Allo stesso tempo, le unità e gli elementi di tutti i distretti militari e delle flotte hanno mantenuto un alto livello di preparazione al combattimento. I programmi di addestramento sistematico al combattimento si sono svolti rigorosamente secondo i piani, e abbiamo anche affrontato questioni di mobilitazione, tecniche e di personale.

Desidero ringraziare la leadership del Ministero della Difesa e il personale del Ministero per il loro servizio e per aver adempiuto con coscienza ai compiti stabiliti dalla Madrepatria.

Vorrei ringraziare in modo particolare tutti coloro che hanno combattuto o stanno combattendo in prima linea, adempiendo al loro difficile dovere nella zona di operazioni militari speciali, difendendo lo spazio aereo russo, respingendo gli attacchi dei droni aerei e navali del nemico, sventando gli sbarramenti di artiglieria e le incursioni di gruppi sovversivi nelle nostre zone di confine occidentali.

Naturalmente, vorrei sottolineare il sostegno senza precedenti del nostro popolo, compreso il sostegno ai difensori della Patria, lo stato d’animo patriottico della stragrande maggioranza dei cittadini russi, l’unità e la coesione di persone di varie nazionalità e confessioni religiose. Questo è un pilastro affidabile e indistruttibile del nostro esercito e della nostra marina.

Resteremo sempre fedeli alla causa per cui i nostri compagni d’arme hanno dato la vita. Invito tutti i presenti ad alzarsi e a osservare un momento di silenzio in omaggio alla loro memoria.

(Viene annunciato un momento di silenzio).

Compagni,

gli sviluppi dell’ultimo anno hanno confermato, e lo vediamo tutti, che l’Occidente continua a condurre una guerra ibrida contro la Russia, fornendo attivamente al regime di Kiev dati di intelligence in tempo reale, inviando consiglieri militari, trasferendo al Paese nuovi sistemi d’arma, tra cui lanciarazzi multipli ad alta mobilità, sistemi missilistici a lungo raggio, munizioni a grappolo e grandi lotti di nuovi UAV. Come sappiamo, i Paesi occidentali stanno anche pianificando l’invio di jet da combattimento multiruolo F-16 all’Ucraina, e i piloti vengono ora addestrati in Occidente.

Il blocco militare della NATO ha aumentato drasticamente la sua attività complessiva negli ultimi tempi. Forze e risorse considerevoli degli Stati Uniti sono state riassegnate ai nostri confini, compresi gli aerei. Il numero di truppe NATO in Europa orientale e centrale è aumentato. Come sappiamo, la Finlandia è già stata trascinata nella NATO e la Svezia sta progettando di entrarvi. Di fatto, questo significa una nuova fase dell’avanzata dell’Alleanza verso i nostri confini.

Vi ricordo quello che sappiamo tutti: nel 1991, hanno promesso a Gorbaciov: no, no, non un centimetro a est – ebbene, ecco fatto. Questo è il tipo di partner che sono. Mentono spudoratamente, tra i denti. Allo stesso tempo, il blocco non nasconde più la sua natura aggressiva dietro una retorica difensiva. Anni fa mi è stato detto che non si trattava di un blocco militare, ma di un’organizzazione politica. E l’ultima volta che ho controllato, l’articolo 5 era ancora lì. Allo stesso tempo, come ho detto, la natura aggressiva del blocco non viene nascosta. Le dottrine politiche degli Stati Uniti esprimono esplicitamente le loro pretese di supremazia globale.

L’Occidente non sta abbandonando la sua strategia di contenimento della Russia e i suoi obiettivi aggressivi in Ucraina. Ebbene, anche noi non rinunceremo agli obiettivi della nostra operazione militare speciale.

Valutando l’attuale situazione sul terreno, sulla linea di contatto, possiamo affermare con sicurezza che le nostre truppe hanno l’iniziativa. In effetti, stiamo facendo ciò che riteniamo necessario e ciò che vogliamo fare. Dove è necessario, dove voi, i comandanti in genere, ritenete opportuno usare la difesa attiva, le tattiche, lo fate; in altre aree, stiamo migliorando le nostre posizioni.

Il nemico sta subendo pesanti perdite e ha in gran parte dilapidato le sue riserve nel tentativo di mostrare ai suoi veri capi almeno qualche progresso nella sua tanto sbandierata operazione che chiamano controffensiva. A questo proposito, è crollato anche il mito dell’invulnerabilità delle attrezzature militari occidentali.

Tutti i tentativi, come si diceva in Occidente, di infliggerci una sconfitta militare, una sconfitta strategica, sono stati vanificati dal coraggio e dalla resistenza dei nostri soldati, di fronte all’accresciuta potenza delle nostre Forze armate e al potenziale della nostra industria nazionale e delle nostre capacità di produzione di difesa.

Allo stesso tempo, e lo abbiamo detto più volte, l’operazione speciale ha anche rivelato alcuni problemi. Ad esempio, dobbiamo ristrutturare seriamente il sistema di comunicazione e utilizzare in modo più efficace i moderni metodi di ricognizione, di designazione dei bersagli e di guerra di controbatteria. Dobbiamo aumentare le capacità della nostra costellazione satellitare non solo per la zona delle operazioni speciali, ma anche a livello globale.

Dobbiamo aumentare seriamente la produzione e la fornitura di proiettili di alta precisione e di droni di vario tipo. So che i cambiamenti sono in atto e stanno avvenendo rapidamente, ne parlerò più avanti, ma dobbiamo ancora lavorarci, dobbiamo consolidare questo sforzo. Anche il sistema di difesa aerea deve essere migliorato. Naturalmente, i nostri ben noti sistemi Pantsir, Buk, S-300 e S-400 funzionano senza problemi, sono i migliori al mondo, senza esagerare.

Ma le cose a cui non abbiamo prestato attenzione prima, che pensavamo fossero solo dettagli, un po’ di compensato e così via, forse, piccoli droni che volano in giro – no, si è scoperto che anche queste cose causano danni e non dovrebbero essere trascurate in ogni caso.

Sì, ho detto che c’è stata una reazione, questo è chiaro, è noto, e gli uomini sul campo di battaglia lo stanno notando. Ci sono alcuni combattenti qui che riceveranno decorazioni oggi – probabilmente anche loro lo vedono e possono parlarne. Tuttavia, dobbiamo lavorare su questo aspetto.

Vorrei richiamare la vostra attenzione su una serie di compiti prioritari e sistemici.

Primo. Data la natura mutevole delle minacce militari e l’emergere di nuovi rischi militari e politici, il ruolo della triade nucleare, che garantisce l’equilibrio di potere, l’equilibrio strategico di potere nel mondo, è notevolmente aumentato.

Quest’anno, grazie alla coerente attuazione del programma statale di armamento e all’efficiente funzionamento delle imprese dell’industria della difesa, il livello di armi ed equipaggiamenti moderni delle forze nucleari strategiche nel loro complesso ha raggiunto il 95%, e la componente navale quasi il 100%.

Entro la fine dell’anno, 15 lanciatori dei sistemi missilistici Yars e Avangard entreranno in servizio nelle forze missilistiche strategiche. Abbiamo ricevuto quattro sottomarini, due proprio di recente; la scorsa settimana ho accettato il Krasnoyarsk, un sottomarino multiuso a propulsione nucleare, e l’Imperatore Alessandro III, dotato di missili balistici Bulava.

Anche la componente aeronautica è in fase di aggiornamento. In particolare, sono arrivate quattro portamissili Tu-160M. Dobbiamo continuare a mantenere la prontezza di combattimento delle forze strategiche al massimo livello. Tutti i piani approvati in questo settore saranno certamente attuati.

In secondo luogo, gli indicatori raggiunti nel riequipaggiamento della triade nucleare sono un punto di riferimento per il nostro lavoro sulle armi e le attrezzature convenzionali. Le consegne di nuovi equipaggiamenti alle truppe sono triplicate rispetto all’anno scorso. Si prevede che, in generale, l’ordine di difesa statale sarà completato al 98% circa entro la fine del 2023. È necessario continuare a inviare alle truppe armi all’avanguardia.

Nel 2024, il volume degli acquisti e delle riparazioni di armi ed equipaggiamenti sarà aumentato in modo significativo, considerando gli ulteriori stanziamenti di bilancio. È inoltre necessario continuare a creare le basi per il futuro dell’Esercito e della Marina, compreso lo sviluppo e la produzione di tipi di armi promettenti, come sistemi robotici e laser da combattimento, armi che utilizzano la tecnologia dell’intelligenza artificiale e si basano su nuovi parametri fisici.

Il terzo compito più importante è la fornitura tempestiva e completa di tutto il necessario per le truppe che partecipano all’operazione militare speciale.

Nell’ultimo anno, il Consiglio di coordinamento sotto il governo e il gruppo di lavoro della Commissione militare-industriale hanno lavorato all’attuazione di questo compito. I capi regionali e i rappresentanti dell’industria della difesa forniscono un’assistenza efficace. E naturalmente i risultati ci sono: le forniture alle truppe stanno migliorando.

Vorrei ricordare in particolare il personale delle imprese dell’industria della difesa e i lavoratori delle industrie collegate, degli istituti di ricerca e degli uffici di progettazione. Hanno fatto dei veri e propri passi avanti nel campo del lavoro. Molte aziende operano su tre turni. Hanno dato la loro risposta lavorativa, ingegneristica e scientifica alla sfida dell’intero potenziale dell’Occidente, che sta lavorando per contenere la Russia, per sostenere il regime di Kiev e la guerra in Ucraina.

I nostri lavoratori della difesa sono più veloci – e questa è l’essenza dei conflitti di oggi. Rispondono più velocemente e con maggiore precisione agli ultimi sviluppi e alle esigenze di coloro che combattono sul campo di battaglia. Spero che questo continui.

Quest’anno, grazie allo sforzo dell’industria della difesa, il volume delle forniture di veicoli blindati è triplicato e quello di altri veicoli è aumentato di 4,5 volte. In generale, il numero di armi di base acquistate è aumentato di 2,7 volte e quelle ad alta richiesta di sette volte.

Allo stesso tempo, vorrei che notaste che qui [in sala] sono presenti i rappresentanti del Governo e i vertici del Ministero della Difesa; ciò che accade sul campo di battaglia deve essere analizzato attentamente ogni giorno, e dobbiamo considerare con attenzione di cos’altro hanno bisogno i nostri soldati in prima linea. Dobbiamo analizzarlo costantemente. Ho parlato di veicoli blindati e di altri veicoli. Sì, la fornitura di veicoli blindati è triplicata. Ma ne servono altri. Abbiamo bisogno di carri armati e veicoli blindati avanzati.

È importante continuare ad aumentare le forniture delle armi più diffuse, come ho detto, e creare anche una linea di produzione di veicoli aerei senza pilota, dai veicoli d’attacco pesanti a quelli ultra-piccoli; coinvolgere le imprese ad alta tecnologia e le società di progettazione ingegneristica nello sviluppo e nella produzione. A proposito, voglio ringraziarli per questo. Molte imprese private, che in precedenza non erano in alcun modo collegate all’industria della difesa, hanno iniziato a lavorare in alcuni settori e lo stanno facendo in modo rapido, efficiente e di alta qualità. È un’ottima cosa. Probabilmente molti non se lo aspettavano. Alcuni Stati stanno cercando di organizzare la produzione di armi apparentemente convenzionali e stanno fallendo, ma noi ci stiamo riuscendo. Grazie a tutti coloro che stanno lavorando per risolvere questi problemi.

Come qualche giorno fa, in occasione di Linea diretta, vorrei ricordare ancora una volta l’enorme sostegno fornito alle nostre unità militari da molte persone comuni, imprenditori e volontari, nonché da rappresentanti di organizzazioni pubbliche, partiti e team aziendali, scolari, studenti e anziani. Naturalmente, tutto ciò che va al fronte è importante per noi, ma il consolidamento generale di tutte le forze della società russa non è meno importante – e forse è anche la cosa più importante. Ringrazio ancora una volta tutti coloro che aiutano i nostri soldati al fronte, trasferiscono denaro e inviano al fronte veicoli e droni, radio e giubbotti antiproiettile, oltre a regali di Capodanno e lettere di sostegno, vestiti caldi, medicinali e molto altro. Questo aiuto, questo spirito patriottico, questa solidarietà non possono essere sopravvalutati.

Poi, il quarto punto è, come ho già detto, l’ampio uso dell’esperienza acquisita durante l’operazione speciale nell’addestramento tattico e di combattimento, nel processo di insegnamento presso le università e le accademie militari. So che questo lavoro è in corso. I programmi e i piani di addestramento per il personale sono stati aggiornati; in particolare, i moduli di addestramento all’uso dei droni sono stati inseriti nei programmi di tutti gli istituti e centri di formazione del Ministero della Difesa. La base didattica e materiale dei campi di addestramento è in fase di aggiornamento. Istruttori con esperienza di combattimento sono impegnati nelle lezioni. È necessario che si impegnino a lavorare con il personale militare e anche sul versante civile, ma questo è un argomento a parte, ne parleremo con i nostri colleghi.

Sulla base di questi sviluppi, dobbiamo continuare a migliorare le forme e i metodi di impiego delle nostre truppe, specificare le disposizioni per i documenti di combattimento, i regolamenti e i manuali, e tenere conto di questa esperienza nella preparazione e nella conduzione di esercitazioni e sessioni di addestramento a tutti i livelli.

Cosa c’è da dire a questo pubblico: siamo consapevoli che nessuno al mondo ha il tipo di esperienza nella conduzione della guerra moderna che ha l’esercito russo. Ma questa esperienza dovrebbe essere utilizzata in termini pratici per migliorare ulteriormente la formazione del nostro personale militare.

Compagni,

Vorrei soffermarmi separatamente sull’importante questione del pronto sostegno materiale e sociale ai nostri partecipanti all’operazione militare speciale e ai loro familiari. Nell’ultimo anno è stato fatto molto per adeguare il sistema di indennità monetarie per il personale di servizio a contratto, il personale mobilitato e i volontari e per fornire a loro e alle loro famiglie pagamenti aggiuntivi, benefici e altre compensazioni.

Allo stesso tempo, alcuni problemi non sono ancora stati risolti. Alcune questioni rimangono. In questo contesto, vorrei sottolineare ancora una volta che tutti i partecipanti all’operazione militare speciale – militari sotto contratto, volontari, individui mobilitati, combattenti di unità separate e le forze della milizia del Donbass il cui percorso di combattimento è iniziato già nel 2014 – mi permetto di ripetere che tutti i difensori della Russia, le famiglie dei nostri eroi caduti, i nostri compagni, dovrebbero ricevere le stesse garanzie. Questo è un principio di giustizia e di fratellanza di combattimento.

Questo vale per la procedura per ottenere lo status di veterano di guerra, che dà diritto a queste persone e ai loro familiari a benefici e misure di sostegno aggiuntive.

Il Ministero della Difesa, in collaborazione con gli altri dipartimenti e le regioni, deve risolvere tempestivamente ogni problema che si presenta e garantire che i pagamenti vengano effettuati integralmente e puntualmente.

E, naturalmente, tutti i feriti che partecipano alle operazioni militari speciali dovrebbero ricevere un’adeguata assistenza medica, compresi dispositivi di assistenza, cure mediche nei sanatori militari e in quelli civili – il Ministero della Sanità offre sempre i suoi servizi ed è sempre aperto alla cooperazione con il Ministero della Difesa.

Vorrei sottolineare che, in generale, il sistema dei benefici, dei compensi e dei pagamenti aggiuntivi nelle Forze Armate dovrebbe essere ulteriormente migliorato e lo sarà. Questo vale per il nostro lavoro sui programmi abitativi e sociali per il personale militare e sulla pianificazione degli spazi per le città e le guarnigioni militari. Continueremo sicuramente a impegnarci in questo settore.

Passiamo alle relazioni. Do la parola al Ministro della Difesa Sergei Shoigu.

Prego, proceda pure.

Ministro della Difesa Sergei Shoigu: Compagno Comandante Supremo in Capo,

inizierò con i risultati preliminari dell’operazione militare speciale.

I gruppi di forze russe hanno liberato un territorio cinque volte più grande di quello delle repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk prima dell’inizio dell’operazione militare speciale. In seguito ai risultati dei referendum, la Federazione Russa ha incluso quattro nuove entità con una superficie totale di oltre 83.000 chilometri quadrati e una popolazione di circa cinque milioni di persone.

È stata creata un’area navale nel Mar d’Azov, che è diventato il mare interno della Russia. È stato ripristinato il traffico ferroviario con il Donbass. Da oltre un anno è attivo un corridoio terrestre con la Crimea. Sono stati stabiliti collegamenti ferroviari e stradali. Quasi tre milioni di rifugiati che non hanno visto i loro parenti dal 2014 sono tornati in nuove regioni della Federazione Russa.

Dall’inizio dell’operazione militare speciale, 54 Paesi hanno annunciato forniture militari al regime di Kiev. In realtà, armi ed equipaggiamenti militari provengono da 15 Stati.

Al momento, l’Ucraina ha ricevuto 203 miliardi di dollari da donatori stranieri, pari a 30 miliardi di dollari in più del suo prodotto interno lordo. In realtà, il Paese è in bancarotta, poiché una parte significativa di questi fondi sono prestiti che devono essere rimborsati.

In totale, Kiev è stata rifornita di 5.220 carri armati, veicoli corazzati da combattimento di fanteria e portapersone blindati, 28 aerei, 87 elicotteri, 23.000 veicoli aerei senza pilota, oltre 1.300 sistemi di artiglieria, di cui 494 obici M777, Caesar, Paladin e Krab, e 2.650.000 proiettili di calibro 155 e 122 mm.

Il personale militare della NATO controlla direttamente i sistemi di difesa aerea dei missili operativi e tattici e dei sistemi missilistici a lancio multiplo. Registriamo le conversazioni tra americani, polacchi e britannici tramite intercettazioni radio in cui pianificano gli attacchi. Gli ufficiali della NATO preparano le operazioni militari e addestrano il personale delle forze armate ucraine sia nei loro Paesi che nei campi di addestramento ucraini; 410 veicoli spaziali militari e a doppia capacità dei Paesi della NATO operano a beneficio delle forze armate ucraine.

Il 4 giugno le forze armate ucraine hanno lanciato una controffensiva su larga scala, preparata dai loro curatori stranieri. Senza sfondare la zona di difesa tattica delle nostre truppe, il nemico è stato fermato e ha subito perdite colossali: 159.000 militari uccisi e feriti, 121 aerei, 23 elicotteri, 766 carri armati, tra cui 37 Leopard, e 2.348 veicoli blindati di varie classi, tra cui 50 Bradley. A quanto pare, questo è il motivo per cui non vediamo ancora gli Abrams americani, consegnati diversi mesi fa, sul campo di battaglia.

Dall’inizio dell’operazione speciale, le perdite delle Forze armate ucraine hanno superato i 383.000 militari uccisi e feriti, oltre a 14.000 carri armati, veicoli da combattimento di fanteria e mezzi corazzati, 553 aerei e 259 elicotteri, 7.500 cannoni, artiglieria da campo e sistemi missilistici a lancio multiplo.

L’Ucraina ha avuto nove ondate di mobilitazione, con la decima attualmente in corso, in cui vengono richiamati anche individui solo parzialmente idonei al servizio.

I mercenari reclutati dall’inizio dell’operazione militare speciale sono stati in gran parte eliminati. Sono stati neutralizzati oltre 5.800 combattenti, di cui 1.427 dalla Polonia, 466 dagli Stati Uniti e 344 dalla Gran Bretagna. In Ucraina sono stati eliminati 103 criminali militari che hanno mostrato particolare crudeltà.

Per decisione del Comandante supremo in capo, sono state adottate misure senza precedenti per riarmare l’esercito e la marina, nonché per fornire sostegno sociale al personale militare.

Per soddisfare le esigenze delle Forze armate, le imprese dell’industria della difesa hanno quadruplicato le loro capacità e ora sono attive 24 ore su 24. Dal febbraio 2022, quando è iniziata l’operazione militare speciale, la produzione di carri armati è aumentata di 5,6 volte, quella degli IFV di 3,6 volte, quella degli APC di 3,5 volte, quella degli UAV di 16,8 volte e quella delle munizioni per l’artiglieria, di vitale importanza, di 17,5 volte. Attualmente, le truppe nella zona di operazioni speciali sono rifornite di munizioni sufficienti per i compiti loro assegnati.

I centri di coordinamento creati per decisione del Comandante supremo in capo hanno assunto la supervisione dell’esecuzione dell’ordine di difesa dello Stato e hanno istituito un sistema moderno ed efficace. Le capacità di riparazione delle unità e sottounità militari sono ora 1,5 volte superiori. Sono state create oltre 270 officine di riparazione sul campo di imprese chiave dell’industria della difesa per occuparsi dei lavori più complessi nella zona di operazioni militari speciali. Di conseguenza, il tempo necessario per riparare e rimettere in servizio le attrezzature è stato ridotto di oltre la metà.

Per aumentare la resistenza dei gruppi di difesa, sono stati completati formidabili progetti di fortificazione delle linee di difesa, secondo le istruzioni del Comandante supremo in capo. Lungo la linea di contatto, lunga oltre 2.000 chilometri, sono stati creati settemila chilometri di campi minati, 1,5 milioni di barriere anticarro di tipo Piramida, 2.000 chilometri di fossati anticarro, 12.000 strutture prefabbricate in cemento armato, 3.000 capisaldi di plotone, 45.000 bunker e oltre 150.000 nascondigli per le attrezzature. Attualmente, la profondità di scavo raggiunge i 600 metri, il doppio dello standard adottato.

I costruttori militari, il genio e le truppe ferroviarie hanno svolto un lavoro colossale, pari all’82% dell’intero sforzo. Per decisione del Comandante supremo in capo, la società statale Avtodor e gli specialisti civili delle regioni sono stati coinvolti in questo lavoro. Molti governatori hanno visitato personalmente e coordinato la costruzione delle fortificazioni. Questi sforzi stanno dando risultati.

Abbiamo adattato gli approcci all’uso delle truppe, date le condizioni della guerra moderna. Le tattiche di combattimento hanno subito importanti cambiamenti; sono state create e dispiegate unità d’assalto e unità di aerei senza pilota. Abbiamo rivisto l’approccio alla formazione delle riserve. Di conseguenza, ogni esercito ha un proprio reggimento di riserva.

Stiamo utilizzando i sistemi di difesa aerea in modo completo durante le operazioni militari speciali. Questo ha migliorato significativamente la loro reattività e il raggio d’azione. Negli ultimi sei mesi, abbiamo abbattuto 1.062 razzi HIMARS, missili a corto raggio e da crociera e bombe guidate della NATO.

Stiamo usando con successo armi di precisione nonostante i moderni sistemi di difesa aerea e di guerra elettronica del nemico. Centinaia di depositi di munizioni, punti di consegna di armi ed equipaggiamenti, officine e imprese che producono e riparano equipaggiamenti militari sono stati colpiti a profondità strategiche. Migliaia di militanti ucraini, nazionalisti e mercenari stranieri sono stati uccisi nei centri di addestramento delle unità di riserva nelle retrovie.

Durante l’operazione speciale, abbiamo migliorato significativamente la qualità e l’affidabilità delle armi e delle attrezzature militari utilizzate. Nel più breve tempo possibile, 107 articoli sono stati aggiornati dai rappresentanti dell’industria che lavorano nelle truppe. I nostri progettisti di punta impiegano solo pochi mesi per sviluppare i complessi e le armi più recenti per i compiti delle nostre truppe.

Armi che prima venivano sviluppate e testate in condizioni normali per cinque-otto anni, ora vengono portate alla produzione di massa in quattro-sette mesi. Questo non accadeva dai tempi della Grande Guerra Patriottica.

I moderni equipaggiamenti e veicoli russi sono stati sottoposti a test rigorosi durante l’operazione speciale e hanno dimostrato la loro superiorità rispetto agli analoghi della NATO. Sono stati creati campi di tiro e centri di addestramento per addestrare i soldati all’uso di droni FPV, attrezzature per la guerra elettronica individuale e nuove armi basate sull’aviazione.

Sono stati addestrati più di 1.700 equipaggi di veicoli aerei senza pilota e oltre 1.500 operatori di droni FPV. All’addestramento al combattimento sono stati aggiunti nuovi metodi tattici non standard di azione unitaria, che hanno dimostrato la loro efficacia sul campo di battaglia. La capacità dei poligoni di tiro dei distretti e dell’esercito è stata triplicata. Sono stati attrezzati più di 1.500 punti di addestramento aggiuntivi e più di 800 centri di addestramento funzionano 24 ore su 24, 7 giorni su 7. È stato creato un nuovo sistema di formazione degli specialisti militari nel più breve tempo possibile.

Il supporto medico ha ottenuto buoni risultati. Di norma, l’assistenza medica viene prestata sul campo di battaglia nei primi minuti dopo la ferita. Gli ospedali da campo sono dislocati nelle immediate vicinanze della linea del fronte. Il personale è composto da chirurghi esperti provenienti dalle istituzioni mediche centrali. Il tasso di sopravvivenza dei feriti è aumentato di molte volte. Grazie al trattamento tempestivo sul campo di battaglia, all’evacuazione tempestiva e all’assistenza medica di alta precisione, oltre il 98% dei feriti viene dimesso dagli ospedali dopo la guarigione. Tutti i militari feriti sono sottoposti a certificazione medica personale da parte delle commissioni mediche militari negli ospedali militari in cui vengono curati. Attualmente ci sono 440 commissioni di questo tipo. Il tasso di mortalità negli ospedali è inferiore allo 0,5% e continua a scendere. È il dato più basso nella storia della medicina militare. Tutto ciò rende possibile il ritorno alle unità dei militari con esperienza di combattimento.

Gli ospedali e i centri di cura offrono un efficace sistema di riabilitazione. Oggi ci sono nove centri di riabilitazione in cui i militari feriti ricevono nuove professioni militari e civili dopo la protesizzazione. Di questi, il 75% riceve un lavoro presso i centri militari di leva, gli istituti di istruzione superiore e altre organizzazioni del Ministero della Difesa.

Il personale militare russo e i volontari stanno dimostrando molto coraggio, forza d’animo e dedizione nell’operazione militare speciale. Tankmen, fucilieri motorizzati, paracadutisti, marines, piloti, artiglieri stanno combattendo con coraggio. Circa 320.000 membri del personale di servizio hanno ricevuto decorazioni statali e 272 sono stati insigniti del titolo di Eroe della Federazione Russa.

Gli organismi politico-militari stanno contribuendo concretamente a garantire la prontezza per l’adempimento delle missioni di combattimento. Gli ufficiali e i funzionari politici lavorano nelle unità di combattimento. Spiegano ai militari gli obiettivi e i compiti dell’operazione militare speciale e li incoraggiano a credere nella vittoria. Il loro lavoro e il loro patriottismo garantiscono un elevato spirito di combattimento tra i nostri combattenti.

L’operazione militare speciale ha unito l’esercito e il popolo. Ogni giorno, più di 1.500 persone presentano domanda per il servizio militare. Solo quest’anno sono stati arruolati circa 490.000 militari a contratto e volontari. Oltre 4.000 studenti russi hanno preso un congedo accademico di loro spontanea volontà e stanno svolgendo missioni di combattimento. Il numero di volontari stranieri che desiderano combattere dalla parte della verità è aumentato di sette volte. L’esercito ucraino sta assistendo al contrario: il numero di mercenari stranieri è diminuito di sei volte.

Vorrei ringraziare separatamente i volontari che hanno creato altre 348 strutture per la produzione di veicoli aerei senza pilota, reti mimetiche e equipaggiamento tattico. Solo gli studenti hanno prodotto oltre 50.000 metri quadrati di reti mimetiche, sufficienti a coprire quattro postazioni difensive a livello di battaglione. Gli studenti universitari hanno donato oltre 17 tonnellate di sangue e continuano a farlo. Questo sangue ha salvato la vita di molti soldati. Si può dire che l’intero Paese sta sostenendo le Forze Armate e si è riunito intorno alla leadership del Paese.

Nel riassumere i risultati dell’anno, il Comandante supremo in capo ha notato che lo Stato sta soddisfacendo completamente le richieste delle truppe. Oltre a fornire tutto il materiale necessario ai gruppi dell’esercito, sono state create riserve, tra cui 500.000 kit di uniformi e accessori militari, equipaggiamenti, giubbotti antiproiettile, 300.000 kit di pronto soccorso e 160 veicoli per l’evacuazione medica.

Ogni giorno, i gruppi dell’esercito ricevono fino a 15.000 tonnellate di munizioni e carburante, oltre a 2.000 tonnellate di cibo e 1.500 tonnellate di acqua potabile, per rifornirsi. I soldati a contratto, i volontari e i soldati di leva ricevono paghe ben bilanciate per un totale di almeno 210.000 rubli mensili, a seconda delle posizioni specifiche e degli obiettivi di combattimento. Il personale di servizio viene pagato per aver distrutto o catturato armi e attrezzature militari nemiche.

Il personale di servizio riceve tutti i pagamenti dovuti in tempo. Questo aspetto viene monitorato in modo specifico e, in caso di problemi, vengono prese immediatamente delle misure.

Coloro che prestano servizio nella zona di operazioni militari speciali ricevono un alloggio prima degli altri. Il governo ha stanziato 40 miliardi di rubli per questo scopo. Il Ministero della Difesa sta creando un Centro sociale militare basato sul principio dello sportello unico. Il centro fornirà garanzie sociali al personale di servizio attivo e in pensione in modo più efficace.

La procedura per il rilascio dei certificati di veterano di guerra è stata semplificata. I richiedenti non devono più richiedere personalmente questi documenti e finora sono stati rilasciati 458.000 certificati. Tutti i veterani li riceveranno nel prossimo futuro.

In seguito all’attuazione di misure specifiche, tutto il personale di servizio che supporta le Forze Armate nella zona di operazioni militari speciali, compreso quello che presta servizio in aziende militari private, riceve i certificati di veterano di guerra in tempo. Secondo la decisione del Ministero della Difesa, negli ultimi 30 giorni sono stati rilasciati 50.000 certificati. È previsto il rilascio di certificati elettronici per i veterani di guerra a partire dall’inizio del 2024.

Nel complesso, l’esperienza dell’operazione speciale ha dimostrato che le Forze Armate russe sono in grado di rispondere efficacemente e prontamente alle azioni di qualsiasi nemico. Un totale di 650.000 militari ha acquisito esperienza di combattimento.

Oggi l’esercito russo è il più addestrato e pronto al combattimento al mondo, dotato di armi avanzate testate in condizioni di combattimento reali.

La nostra triade nucleare è mantenuta a un livello tale da garantire la deterrenza strategica. Le forze nucleari strategiche hanno raggiunto un livello senza precedenti del 95% di armamenti all’avanguardia, garantendo un’elevata prontezza di combattimento.

Le forze missilistiche strategiche hanno completato il riarmo del moderno sistema missilistico Avangard e continuano a essere equipaggiate con il sistema Yars.

La consegna di quattro portamissili strategici Tu-160M alle Forze aeree strategiche è in fase di completamento.

Quest’anno, le forze aeree strategiche hanno condotto 20 pattuglie aeree, tra cui due pattuglie congiunte con l’Aviazione dell’Esercito Popolare di Liberazione cinese.

Un altro incrociatore sottomarino a propulsione nucleare del progetto Borei-A, l’Imperatore Alessandro III, armato con missili balistici Bulava, è stato consegnato alla Marina.

Le Forze terrestri hanno ricevuto 1.530 carri armati nuovi e aggiornati, oltre a 2.518 veicoli da combattimento di fanteria e veicoli corazzati per il trasporto di personale.

Le Forze aerospaziali hanno ricevuto 237 aerei ed elicotteri, 86 missili terra-aria e 67 stazioni radar.

L’aviazione da addestramento continua a svilupparsi. Con l’arrivo di nuovi aerei da combattimento, il tempo di volo dei cadetti è aumentato in media del 20%.

Le componenti spaziali e terrestri del sistema di allarme per l’attacco missilistico funzionano in modo efficiente. Quest’anno ha rilevato 78 lanci di vari tipi di missili balistici, compresi quelli stranieri, e 168 lanci di missili spaziali nazionali e stranieri.

Al cosmodromo di Plesetsk è stata completata la costruzione di un complesso tecnico unificato per i veicoli di lancio Angara, che consente l’intera gamma di lavori di preparazione per il lancio di questo tipo di missili.

La Marina ha ricevuto quattro moderni sottomarini multiuso e otto navi di superficie. Nonostante le sanzioni, produciamo più armi ad alta tecnologia dei Paesi della NATO. La fregata Admiral of the Soviet Union Gorshkov, armata con missili da crociera ipersonici Zircon, ha portato a termine con successo i suoi compiti di servizio di combattimento in importanti aree dell’oceano mondiale, percorrendo più di 46.000 miglia in 263 giorni.

Tutti i piani di assunzione di personale per l’Esercito e la Marina sono stati rispettati per quest’anno, con un organico che ha raggiunto 1.150.000 unità.

Abbiamo creato, equipaggiato ed equipaggiato due armate combinate, un corpo di aviazione mista, oltre a 50 formazioni e unità militari, tra cui quattro divisioni, 18 brigate e 28 reggimenti.

Il 1° dicembre abbiamo intrapreso uno sforzo per eseguire la sua istruzione, signor Presidente, di aumentare gli effettivi delle nostre Forze Armate a 1.320.000 milioni.

Lo sforzo per la creazione dei distretti militari di Leningrado e Mosca continua a seguito dell’adesione della Finlandia alla NATO e della prossima adesione della Svezia. Nel farlo, abbiamo tenuto conto dell’accordo firmato da Stati Uniti e Finlandia per consentire agli americani di utilizzare 21 strutture militari in Finlandia, tra cui quattro basi aeree.

In futuro, le dimensioni delle Forze armate aumenteranno fino a 1,5 milioni, una cifra adeguata per affrontare le minacce esterne.

Nel 2023 abbiamo portato a termine tutte le iniziative programmate in termini di addestramento operativo e di combattimento, tra cui lo svolgimento di 17 esercitazioni militari internazionali a vari livelli. Nell’agosto 2023 si è svolta l’esercitazione navale Ocean Shield 2023 nel Mar Baltico. Durante queste esercitazioni, la Marina e le Forze aerospaziali hanno svolto con successo compiti di difesa delle linee di comunicazione marittime e di difesa delle coste marine.

Durante un’esercitazione dedicata, le Forze nucleari strategiche si sono esercitate a lanciare un massiccio attacco nucleare di rappresaglia in risposta all’uso di armi di distruzione di massa da parte di un avversario. Nel 2023, la Flotta del Pacifico è stata sottoposta a un’ispezione lampo che ha coinvolto oltre 25.000 membri del personale di servizio, circa 900 aerei ed elicotteri e circa 160 navi. La Flotta del Pacifico ha dimostrato l’alto livello di prontezza nel deviare un’aggressione da parte di un possibile avversario proveniente dall’oceano o dal mare.

Siamo stati proattivi nello sviluppo della formazione dei professionisti militari. Nel 2023 è stata aperta l’Accademia di ingegneria militare a Krasnogorsk e a Donetsk è stata creata una Scuola superiore di comando delle armi combinate. La Scuola navale superiore del Baltico intitolata all’ammiraglio Ushakov a Kaliningrad è diventata un istituto di istruzione superiore indipendente.

Abbiamo fornito moderne attrezzature di addestramento per offrire al personale di servizio una migliore formazione, mentre le istituzioni educative del Ministero della Difesa hanno incluso nei loro curricula moduli per la formazione di specialisti nell’uso di veicoli aerei senza equipaggio, robotica e tecnologia dell’informazione. Le accademie militari rimangono altamente selettive, con un tasso di accettazione per queste specializzazioni di un candidato su quattro.

Molti Paesi stranieri sono molto interessati all’esperienza di combattimento che abbiamo acquisito durante le operazioni militari speciali. Stiamo assecondando i loro desideri condividendo l’esperienza con loro.

Secondo le vostre istruzioni, continuiamo a costruire gradualmente il sistema di formazione al combattimento nelle università civili. Ad oggi, oltre 60.000 studenti sono in formazione presso 120 centri di addestramento militare. Il prossimo anno il numero salirà a 137. L’addestramento militare sarà disponibile in tutte le regioni russe. Continuiamo a migliorare la rete di istituti di formazione pre-universitaria. In particolare, abbiamo aperto una scuola militare Suvorov a Irkutsk.

Stiamo intensificando la cooperazione militare e tecnico-militare con i Paesi stranieri. Stiamo sviluppando i legami con le forze armate di 110 Paesi. Abbiamo continuato a rafforzare il partenariato strategico a tutto tondo con la Cina. Quest’anno abbiamo organizzato 600 grandi eventi internazionali.

Nonostante la minaccia delle sanzioni, un numero crescente di aziende di difesa straniere partecipa al forum dell’esercito. Quest’anno abbiamo accolto delegazioni da 83 Stati e il numero di visitatori ha superato il milione. Abbiamo firmato contratti statali per un valore complessivo di oltre 400 miliardi di rubli.

L’11ª Conferenza di Mosca sulla sicurezza internazionale, tenutasi in agosto, ha visto la partecipazione di oltre 800 delegati provenienti da 76 Paesi. Questa conferenza è l’evento politico-militare più seguito al mondo.

Il secondo Congresso internazionale antifascista si è tenuto a Minsk. Vi hanno partecipato funzionari governativi, personalità pubbliche, veterani della Grande Guerra Patriottica e delegati di 30 Paesi.

I gruppi di forze russe rimangono la spina dorsale e la principale garanzia di pace in Siria e in Karabakh.

Per quanto riguarda le costruzioni militari, abbiamo attuato con successo tutti i nostri piani, erigendo più di 2.700 edifici e strutture. La nostra attenzione si è concentrata sullo sviluppo delle infrastrutture per le Forze nucleari strategiche.

Quest’anno abbiamo costruito 592 strutture ad alta tecnologia per il dispiegamento dei complessi missilistici Sarmat, Avangard e Yars. Abbiamo intensificato gli sforzi per creare infrastrutture per i sistemi missilistici strategici da crociera a propulsione nucleare Burevestnik e per i veicoli subacquei senza equipaggio Poseidon.

A Severomorsk è stata completata la costruzione di un centro energetico per rifornire le strutture della Flotta del Nord.

Nel principale sito di dispiegamento della Flottiglia del Caspio è stata costruita una base navale a tutti gli effetti.

Le strutture degli aeroporti di Baltimora, Lipetsk e Chkalovsky sono state potenziate per gestire tutte le moderne attrezzature aeronautiche.

Nell’ambito dello sviluppo e del miglioramento delle comunità militari permanenti sono stati costruiti più di mille edifici e strutture, aree abitative e caserme. Nei prossimi tre mesi saranno completati nove ospedali militari all’avanguardia in varie regioni della Russia.

Presso la scuola di medicina dell’Università statale di Pskov è stato inaugurato un nuovo complesso educativo e di laboratorio, dove ha iniziato a formarsi la prima coorte di 850 futuri medici delle Forze Armate.

Inoltre, i costruttori militari hanno completato 18 edifici residenziali a Mariupol – con 1.880 appartamenti, una scuola e un asilo.

È stata completata la prima fase della costruzione di un nuovo complesso ad alta tecnologia per l’Agenzia medico-biologica federale.

Nell’ambito del progetto di ripristino dei sistemi di approvvigionamento idrico nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk sono stati costruiti tre acquedotti, per una lunghezza totale di oltre 250 chilometri; più di 1,5 milioni di persone sono state collegate alle nuove condutture e rifornite di acqua.

In conformità con le vostre istruzioni, le truppe ferroviarie stanno continuando a migliorare la sezione Ulak-Fevralsk, lunga 339 chilometri, della linea principale Baikal-Amur. I principali tipi di lavori di sterro sono stati completati.

Le condizioni abitative sono state migliorate per 56.000 famiglie di militari e 100.000 persone hanno ottenuto il rimborso dell’affitto. Quest’anno il personale militare ha ricevuto sussidi per l’acquisto o la costruzione di case per un totale di 73 miliardi di rubli.

Sono stati realizzati importanti progetti patriottici e culturali. Particolare enfasi è stata posta sull’educazione patriottica dei giovani. Oggi la Yunarmiya (Giovane Armata) è la più grande organizzazione militare-patriottica del Paese, che riunisce 1,5 milioni di bambini e adolescenti.

Nel corso dell’anno sono stati aperti 79 nuovi centri di formazione Yunarmiya, portando il numero totale a 261. La rete di centri educativi e metodologici Avangard è il fulcro del sistema di formazione militare di base e di educazione militar-patriottica dei giovani in Russia.

La vostra decisione di creare centri regionali nelle città con una popolazione superiore a 100.000 abitanti è stata praticamente attuata. Ora abbiamo iniziato a costruire questi centri in località popolate con una popolazione di 50.000 abitanti. In totale, sono stati creati 73 centri regionali, dove più di 150.000 studenti delle scuole superiori hanno ricevuto una formazione.

Compagno Comandante in capo, le Forze armate hanno complessivamente portato a termine tutti i compiti previsti per il 2023. Il livello richiesto di capacità di difesa nazionale è stato raggiunto.

Le priorità del prossimo anno sono le seguenti: l’operazione militare speciale continuerà fino a quando tutti i compiti stabiliti dal Comandante supremo in capo non saranno pienamente raggiunti. Lo sforzo principale nell’addestramento al combattimento si concentrerà sull’addestramento di alta qualità delle unità di nuova formazione e sullo sviluppo del lavoro di squadra e del coordinamento tra formazioni e unità militari. I contingenti militari russi continueranno a mantenere la pace e la stabilità in Siria e nel Nagorno-Karabakh in una situazione di instabilità.

Verrà attuata una serie di misure operative e di addestramento al combattimento, tenendo conto delle minacce di un’ulteriore espansione della NATO verso est. Verrà preparata e condotta l’esercitazione strategica di comando e staff Ocean-2024. Le Forze missilistiche strategiche completeranno il compito di mettere il sistema missilistico strategico Sarmat in piena allerta di combattimento. Due portamissili strategici Tu-160M si uniranno alle Forze aeree strategiche. L’incrociatore sottomarino a propulsione nucleare Knyaz Pozharsky del progetto Borei-A, tre sottomarini e 11 navi di superficie entreranno a far parte della Marina.

La produzione dei sistemi missilistici ipersonici di precisione Kinzhal e Tsirkon sarà intensificata e le consegne di missili e munizioni aumenteranno dell’80%. Continuerà il lavoro su altri modelli promettenti.

Il numero di soldati a contratto raggiungerà i 745.000 entro la fine dell’anno, vista la necessità di formare nuove unità. È inoltre necessario garantire la costruzione tempestiva di infrastrutture sociali militari, tenendo conto delle crescenti esigenze delle Forze Armate.

Compagno Comandante in capo,

continueremo a garantire il progressivo sviluppo dell’esercito russo e a migliorare le sue capacità di combattimento l’anno prossimo secondo le Sue istruzioni.

Discuteremo in dettaglio i risultati delle nostre attività durante la parte chiusa della riunione del Consiglio di amministrazione.

Grazie per l’attenzione.

Vladimir Putin: Compagni,

Stiamo per concludere questa parte della discussione. Come di consueto, dirò qualche parola prima di concludere. È improbabile che dica qualcosa che non abbiate già sentito. Tuttavia, considerando le circostanze in cui viviamo, lavoriamo e combattiamo una guerra, sarei negligente se non ne parlassi.

Vorrei rivedere le cause dell’attuale conflitto. Il pubblico che abbiamo qui è abbastanza informato, ma ritengo comunque importante sottolineare ancora una volta alcuni aspetti e indicare le ragioni dell’attuale conflitto in Ucraina.

Torniamo indietro ai tempi in cui, poco dopo il crollo dell’Unione Sovietica, l’Occidente si è adoperato in modo capillare in Russia per conquistare la nostra quinta colonna, che non abbiamo mai smesso di propiziare, di dare pacche sulla testa e di parlare con loro, cercando di indirizzarli verso un percorso patriottico. Non ha molta importanza. Ci sono persone diverse; non dipingiamo tutti con lo stesso pennello. Tuttavia, gli avversari sapevano per quale motivo lo stavano facendo e sapevano con chi lavorare, ossia con la quinta colonna, le organizzazioni terroristiche, comprese quelle internazionali, e i separatisti, al fine di raggiungere il loro obiettivo di distruggere la Russia. Allo stesso tempo, erano ugualmente attivi nello spazio post-sovietico, facendo a pezzi i nuovi Stati indipendenti, le ex repubbliche sovietiche. Un’enfasi particolare, anche prima del crollo dell’Unione Sovietica, è stata posta sull’Ucraina.

In primo luogo, sulla base di una serie di considerazioni storiche e del fatto che molti ex nazisti si erano trasferiti nel continente americano, in particolare in Canada e negli Stati Uniti, hanno lavorato con loro. Lì sono stati creati interi istituti che si sono concentrati esclusivamente su questo tema. Si stavano preparando. E non appena c’è stato il crollo, sono andati a tutto gas. Hanno lavorato all’interno del nostro Paese e hanno raddoppiato e triplicato i loro sforzi. Perché? Perché hanno sempre creduto che, una volta perso il suo potenziale, la Russia non avrebbe più recuperato la sua precedente posizione geopolitica e non avrebbe rappresentato alcuna minaccia come concorrente, almeno come concorrente.

Hanno pianificato di dividere la Russia in cinque parti. Non nascosero i loro piani; tutto fu discusso apertamente.

Il lavoro sull’Ucraina è stato condotto separatamente. Naturalmente, hanno puntato soprattutto sui nazionalisti. Hanno dimenticato che questi nazionalisti estremi erano ex nazisti che avevano collaborato con Hitler. Senza un attimo di esitazione, hanno permesso ai nazionalisti ucraini di trasformare questi ex nazisti in eroi nazionali, tra cui Bandera e simili. Nel corso dei decenni abbiamo fatto tutto il possibile per sviluppare relazioni normali con il nostro Stato vicino. Abbiamo sempre detto, e continuo a dire, che questo è un popolo fraterno. Tuttavia, questo avversario ha agito in modo diverso.

Dal punto di vista politico, la Russia ha enfatizzato il sud-ovest [dell’Ucraina] e anche questo è risaputo. Perché? Perché queste sono regioni storicamente russe. Sono abitate, infatti, da persone russe, indipendentemente da qualsiasi timbro sul loro passaporto. Hanno una sola lingua madre, il russo, e anche la loro cultura e le loro tradizioni sono russe, tutto. Sono il nostro popolo.

Ci siamo sempre concentrati su questa parte dell’Ucraina e questo ha avuto importanti conseguenze politiche interne, perché non ha permesso agli ultranazionalisti di ottenere un vero potere attraverso mezzi politici legali. Le forze politiche e i leader che hanno rivendicato le posizioni di vertice dello Stato hanno sempre dovuto considerare l’opinione degli elettori del sud-est dell’Ucraina. È sempre stato così. Senza di essa, era impossibile arrivare al potere. Ma non appena queste forze sono salite al potere, si sono immediatamente dimenticate di queste regioni. Nessuno ha pensato ai loro interessi o mandati e le autorità hanno immediatamente seguito la scia dei nazionalisti estremi, attivi, offensivi e aggressivi. Hanno anche adottato immediatamente l’agenda politica interna di questi ultimi.

Abbiamo cercato di contrastare questa situazione. Come? In primo luogo con un approccio economico, lo sapete. Abbiamo venduto loro l’energia a un prezzo quasi nullo, abbiamo concesso loro prestiti e incoraggiato la cooperazione. Mi creda, abbiamo fatto di tutto per costruire relazioni, avendo guadagnato molta pazienza per questo. Ma no. Contando su queste forze nazionaliste attive e aggressive in Ucraina, l’Occidente non ci ha lasciato alcuna possibilità.

Ma si sono anche resi conto dell’incapacità di raggiungere i loro obiettivi finali con mezzi legali e di trascinare tutta l’Ucraina dalla loro parte. Non ha funzionato in questo modo. Gli abitanti del sud-est si sono recati ai seggi elettorali e hanno votato per coloro che parlavano di buone relazioni con la Russia. Questo è ciò che è accaduto nella vita reale. Ma non ha funzionato. Decennio dopo decennio, non ha mai funzionato. Quindi cosa hanno scelto alla fine? Un colpo di Stato.

In effetti, l’Ucraina era afflitta da una serie di problemi interni, economici e sociali, oltre che da molte iniquità. Ma perché il colpo di Stato? Si va alle urne, come ci hanno sempre detto: solo con mezzi politici e solo nel quadro della Costituzione. Dov’è tutto questo? Non mi sento di fare certi gesti qui, visto che la telecamera è accesa, ok? Sono sicuro che conoscete i gesti che vorrei fare in questo momento. Questo è esattamente ciò che ci hanno mostrato. Hanno capito che non sarebbero stati in grado di schiacciare l’Ucraina solo con mezzi politici e hanno approfittato degli errori e dei calcoli della leadership ucraina di allora – sempre con un’enfasi sulle forze nazionaliste aggressive – e hanno fomentato un colpo di Stato. Non è chiaro perché lo abbiano fatto. Forse, solo per porre fine alla questione una volta per tutte.

In questo senso, hanno raggiunto i loro obiettivi. Non avevamo altra scelta che sostenere la Crimea, altrimenti sarebbe affogata nel sangue.

Ma poi è sorta la questione del Donbass. Abbiamo cercato di negoziare una soluzione pacifica. Nel complesso, eravamo pronti, a determinate condizioni delineate negli accordi di Minsk, a ripristinare gradualmente l’integrità territoriale dell’Ucraina, compreso il Donbass, al fine di tenere la popolazione locale al riparo e di creare condizioni e garanzie adeguate per la sua sicurezza. Questo era il senso degli accordi di Minsk.

Ma se le autorità ucraine e i loro referenti occidentali avessero accettato, se avessero accettato di attuare questi accordi, tutto si sarebbe gradualmente – ne sono sinceramente convinto – risolto. Ma non hanno accettato e hanno scatenato una vera e propria guerra nel 2014.

Lo dico apertamente. Non è un segreto per chi ha partecipato a questi eventi: non abbiamo fatto nulla, ma siamo stati gradualmente costretti a essere coinvolti per proteggere la popolazione e salvarla dallo sterminio. È così che tutto è cominciato.

L’Occidente, soprattutto i popoli d’oltreoceano, si sono divertiti ad assistere a tutto questo. In questo senso, ci hanno superato, se così si può dire. Siamo stati costretti a rispondere a questa posizione aggressiva. In seguito, hanno semplicemente gettato via gli accordi di Minsk, lo hanno detto pubblicamente, e poi i leader occidentali lo hanno detto pubblicamente e hanno confessato che si trattava solo di una facciata per rianimare o piuttosto costruire le forze armate dell’Ucraina.

Perché? Ecco la seconda parte del loro complotto. Si trattava di far entrare l’Ucraina nella NATO. E questo è ciò che continuavano a dirmi: di cosa ti preoccupi, non li faremo entrare subito. Io ho risposto: e domani? Quando arriverà questo domani? Tra un anno, due anni? Guardando alla prospettiva storica e agli interessi strategici dello Stato russo, anche 10 o 15 anni sono inaccettabili. Cosa significa “non adesso”? E domani? È chiaro che il loro obiettivo era ed è quello di far entrare l’Ucraina nella NATO.

Torniamo indietro, l’ho appena detto dal palco. Ne abbiamo parlato per tutto il tempo. Nel 1991 hanno detto: “Non un centimetro a est”. Col cavolo, non un centimetro. Eccoli qui, davanti al nostro recinto, che spuntano qui. E sono rimasti lì. Si sono presi la regione baltica e tutta l’Europa orientale. La domanda è sempre la stessa: perché? C’erano molte alternative che sarebbero state accettabili per tutti. Ma il punto è semplice – l’ho detto molte volte e lo ripeto – per loro un Paese come la Russia non è necessario: è troppo grande. Dovrebbe essere diviso in pezzi e sottomesso – nello stesso modo in cui stanno sottomettendo l’Europa. Dirò qualcosa di più su questo argomento.

In breve, hanno fondamentalmente portato queste questioni al punto di guerra. Hanno scatenato la guerra nel 2014 e noi abbiamo dovuto intervenire gradualmente. Purtroppo, o forse no, non avevamo scelta, dovevamo essere coinvolti.

Allo stesso tempo, si sono occupati di un altro importante problema. Si sono chiariti le idee: erano preoccupati per il riavvicinamento Russia-Europa. Questa era la loro preoccupazione. Volevano controllare l’intero spettacolo e hanno intimidito tutti per tutto il tempo: guardate, questa Russia malvagia vi sta minacciando! Ho parlato con molti leader e mi hanno chiesto: perché ci stanno spaventando? Ci rendiamo conto che la Russia non ha intenzione di combattere l’Europa. Neanche noi abbiamo intenzione di combattere contro di loro oggi. I leader degli Stati Uniti e della NATO continuano a dire che se la Russia vince ora in Ucraina, i Paesi della NATO saranno i prossimi. Perché abbiamo bisogno di questi Paesi della NATO? Non ne abbiamo mai avuto bisogno, non ne abbiamo bisogno ora e non ne avremo bisogno in futuro. Perché lo dicono? Per incoraggiarli a pagare – questo è il punto.

Avendo raggiunto i suoi obiettivi attuali, avendo strappato l’Ucraina, come loro vedono, e avendo interrotto le relazioni russo-europee, gli Stati Uniti hanno ottenuto ciò che volevano, purtroppo. Semplicemente non potevamo agire in altro modo – o avremmo dovuto rinunciare a tutto e guardarli mentre si leccavano i baffi divorando tutto ciò che era nostro, tutto ciò che era originariamente russo. Ma non potevamo farlo, e loro hanno capito che non potevamo farlo, quindi lo hanno fatto di proposito. Hanno deliberatamente spinto noi e l’Europa in questo conflitto e hanno raggiunto i loro obiettivi in questo senso mettendo Russia ed Europa l’una contro l’altra. Ora stanno anche scaricando sull’Europa il peso della responsabilità finanziaria e dei costi.

Nel frattempo, l’attuale generazione di politici europei, debole e senza spina dorsale, non può opporsi, considerando l’enorme dipendenza dei loro media, della loro economia e della loro politica. Scegliete un qualsiasi grande media in Europa e scoprirete che il beneficiario finale è una qualche fondazione americana, dopo aver passato al setaccio tre o quattro strati. Tutto è laggiù, tutto è oltreoceano. Si tratta di influenza sulla politica. Sappiamo che i servizi segreti di quel Paese ottengono i loro sostenitori in giovane età, da giovani studenti. Lavorano con questi giovani, trascinandoli verso la celebrità politica dei Paesi europei.

Ma ora non è così semplice: gli europei stanno iniziando a rendersi conto di ciò che sta accadendo e un certo cambiamento sta già avvenendo in Europa. Non mi riferisco nemmeno ai problemi economici, che esistono e si riflettono non solo nei raduni in Europa, ma anche nei documenti. Le principali economie industriali europee sono in declino, in recessione.

Tuttavia, si stanno verificando cambiamenti anche nella coscienza politica di molte nazioni europee. Esse si rendono conto che gli Stati Uniti sfruttano l’Europa in modo spudorato e spietato per i propri interessi e non si preoccupano affatto degli interessi dell’Europa.

Tuttavia, questa è la scelta fatta dalle nazioni europee. Non abbiamo mai interferito, non stiamo interferendo e non abbiamo intenzione di interferire nei loro affari. Ma c’è qualcosa che faremo sicuramente. Difenderemo i nostri interessi. Perché quello che gli Stati Uniti hanno fatto in Ucraina, come ho detto prima, ci hanno sostanzialmente negato la possibilità di costruire buone relazioni con quel Paese con mezzi politici. Quello che hanno fatto è stato un caso di assoluta illegalità. Nel 2014 hanno messo in atto un colpo di Stato e da quel momento in poi hanno proseguito sulla strada dell’illegalità. Ci hanno semplicemente costretto a reagire.

Per quanto riguarda l’Europa, i cittadini stanno diventando sempre più consapevoli che altri Paesi, in primo luogo gli Stati Uniti, li stanno usando per portare avanti i loro programmi. Ebbene, la loro consapevolezza sta crescendo. Buon per loro, ma noi non interferiremo.

Ecco cosa vorrei dire in chiusura: La Russia era l’unico garante della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina. Ne ho parlato prima. Al momento della creazione dell’Unione Sovietica, la Russia le ha trasferito vasti territori storici, territori russi, insieme alla popolazione, un enorme potenziale, e ha investito immense risorse in questa terra.

Le terre occidentali dell’Ucraina? Sappiamo come l’Ucraina le ha ottenute. Stalin le ha cedute dopo la Seconda guerra mondiale. Ha dato parte delle terre polacche, Lvov, e così via, comprese alcune grandi regioni con una popolazione di dieci milioni di abitanti. Per non offendere i polacchi, compensò le loro perdite dando loro le terre della Germania orientale, il corridoio di Danzica e la stessa Danzica. Ne prese un po’ dalla Romania e un po’ dall’Ungheria e le diede all’Ucraina.

Le persone che vivono lì – molte di loro, almeno, lo so per certo, al 100% – vogliono tornare nella loro patria storica. I Paesi che hanno perso questi territori, in primo luogo la Polonia, sognano di riaverli.

In questo senso, solo la Russia potrebbe essere il garante dell’integrità territoriale dell’Ucraina. Se non la vogliono, così sia. La storia metterà ogni cosa al suo posto. Non interferiremo, ma non rinunceremo a ciò che è nostro. Tutti dovrebbero essere consapevoli di questo: coloro che in Ucraina hanno un atteggiamento aggressivo nei confronti della Russia, in Europa e negli Stati Uniti. Se vogliono negoziare, che lo facciano. Ma noi lo faremo solo in base ai nostri interessi.

Naturalmente, la Russia non sarà in grado di farlo senza Forze Armate forti, affidabili, ben equipaggiate e adeguatamente motivate. Le Forze Armate non saranno in grado di raggiungere questo obiettivo senza un’economia forte, senza che l’industria in generale e quella della difesa in particolare funzionino come un orologio e, soprattutto, senza il sostegno del popolo multietnico della Russia. Ora avete tutto questo, e la Madrepatria si aspetta che facciate il vostro dovere.

Grazie.

Fermiamo gli Stranamore di casa nostra, di Francesco Dall’Aglio

La costruzione di un clima adatto alle provocazioni sotto mentite spoglie. Forse, al meglio, una base eccessiva per trattare sulla posta in palio. Di manovalanza disponibile ce ne è sin troppa_Giuseppe Germinario
Quindi ora l’ultima, secondo i nostri media (tipo il Times), è che Putin ordinerà dei test nucleari al confine dell’Ucraina, probabilmente nel Mar Nero, per dimostrare che “fa sul serio”, dopo che già due giorni fa Repubblica (e chi se no) ci aveva deliziato con la storia della fuga del Belgorod e dei suoi Poseidon.
Lo dico adesso e non lo ripeterò, perché questa storia da surreale sta diventando chiaramente preoccupante, e non per i motivi che uno può immaginare:
1) la Russia NON sta perdendo la guerra né l’ha già persa. L’esercito russo NON è in rotta. Lo so, è strano da credere, ma fidatevi.
2) la Russia non ha ALCUNA volontà, e meno ancora necessità (finora, almeno), di utilizzare armi atomiche, chimiche o batteriologiche in Ucraina. Il motivo è al punto 1.
3) la dottrina nucleare della Russia NON prevede il primo impiego di armi nucleari perché si sono ritirati da Lyman. Prevede l’impiego di armi nucleari in risposta a un attacco sul suolo russo con armi nucleari, o in risposta a una minaccia che mette a rischio la SOPRAVVIVENZA della Federazione Russa. Di nuovo, la ritirata da Lyman (che ricordo a tutti si trova in Ucraina, non in Russia) non ricade in queste ipotesi. Un attacco missilistico sulla Crimea non ricade in queste ipotesi. Un bombardamento di artiglieria su suolo russo non ricade in queste ipotesi. Uno sconfinamento ucraino su suolo russo non ricade in queste ipotesi. E via di seguito.
4) c’è una potenza nucleare che non ha mai ben chiarito la sua posizione sul primo impiego delle armi nucleari. FUN FACT: questa potenza nucleare NON è la Russia, e nemmeno la Cina.
5) ci vuole molto poco a far detonare un’atomica tattica nel bel mezzo del Mar Nero e dire che sono stati i russi, e regolarsi di conseguenza. Abbiamo creduto, senza prove in entrambi i casi, che bombardino le loro centrali nucleari e facciano esplodere i loro gasdotti. Perché non dovremmo credere anche a questo, dopo che da settimane ci stanno dicendo che siccome la Russia ha perso la guerra e Putin è pazzo e cattivo non ha altra opzione che usare le atomiche?
6) no, non sono un complottaro. Ma se per settimane ti ripetono una cosa che è palesemente falsa, due domande te le devi fare (e se fai il mestiere mio, la paranoia è una qualità di base). E far detonare un’atomica tattica nel Mar Nero risolverebbe all’istante gli sbandamenti, chiamiamoli così, presenti e soprattutto futuri di un bel po’ di alleati europei. No, non significherebbe un attacco nucleare alla Russia, ovviamente, né l’ingresso della NATO nel conflitto, ma altrettanto ovviamente costringerebbe tutti a serrare le fila in un momento molto, molto complicato.
7) ovviamente non succederà nulla di tutto questo. Giusto?
PS – il Belgorod potrebbe davvero essere diretto nell’Artico, per testare i Poseidon in un’esercitazione. Farlo nel Mar Nero davanti a mezzo mondo sarebbe, diciamolo, una scemenza.

Europa ad oriente! Cambiamenti e persistenze_con Francesco Dall’Aglio

I paesi dell’Europa Orientale sono il perno attraverso il quale gli Stati Uniti intendono trascinare l’intero subcontinente nelle loro avventure ed assogettarlo ulteriormente alle proprie strategie conflittuali nei confronti della Russia e della Cina. Il prezzo da pagare per i paesi europei è enorme, probabilmente insostenibile. La compromissione nella costruzione di dinamiche geopolitiche autonome più cooperative con la Russia ampiamente pregiudicata. In questo quadro il ruolo della Unione Europea assunto sino ad ora viene ampiamente ridimensionato nell’ambito dell’alleanza occidentale. L’istituzione rischia di diventare superflua e di ridursi ad un simulacro paralizzante. Con essa la stessa Germania è destinata a subire un ridimensionamento politico ed economico drammatico sino ad azzerare la rendita consentitale dalla passata centralità di affidataria. La partita, però, non è ancora chiusa. Dipenderà dall’esito del conflitto ucraino e dalle contraddizioni che una strategia così aggressiva sta aprendo all’interno del fronte occidentale. Ha iniziato l’Ungheria; la Bulgaria potrebbe seguire la stessa strada, come pure la Moldova; in Francia Macron mostra segni crescenti di difficoltà di tenuta; in Svezia il cammino si fa più incerto. In questo quadro grandi cambiamenti sono in corso in Europa Orientale, come pure emergono persistenze sedimentate in secoli di storia. Sono le tracce di cui discutiamo e che ci consentono di ponderare gli eventi e le possibili vie di uscita. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v1kpqdl-europa-ad-oriente-cambiamenti-e-persistenze-con-francesco-dall-aglio.html

La toppa e lo sbrego_di Francesco Dall’Aglio

Le dichiarazioni rese ieri dal portavoce del Ministero della Difesa russo sono francamente risibili: e sebbene nessuno ascolti le dichiarazioni del portavoce di un qualsisia Ministero delle Difesa di un paese implicato in un conflitto credendo di trovarci la verità (oddio, qualcuno lo fa e poi lo scrive pure sui giornali), mi aspettavo qualcosa di meglio della riedizione del “gesto di buona volontà” della ritirata dai dintorni di Kiev e Kharkiv di qualche mese fa. Certo, così come allora anche adesso la ritirata è stata pianificata bene: ma questo significa solo che la possibilità che fosse necessaria era stata presa in considerazione, non che la ritirata stessa fosse desiderabile o parte di un piano strategico (quella di Kiev forse sì, ma queste sono altre considerazioni).
Il motivo per cui la ritirata è avvenuta è chiaro, ma non può essere detto ufficialmente: non ci sono gli uomini per tenere tutto il fronte, soprattutto se l’esercito ucraino va all’attacco con tutto quello che ha. E soprattutto se va all’attacco in un settore, quello di Kharkiv, che per mesi ha funzionato da riserva di unità da mandare in altri settori del fronte, dove stoccare unità da rigenerare o dove spedire reparti non proprio eccellenti. La verità è che la “pausa strategica” di questa estate è stata sfruttata bene dall’esercito ucraino, male da quello russo. Le unità non sono state avvicendate, non tutti i settori potenzialmente critici sono stati coperti meglio e la terza armata è stata organizzata in ritardo e con meno mezzi del necessario, ed è arrivata nella zona delle operazioni pochissimi giorni fa – e dal punto di vista russo meno male che ci è arrivata, altrimenti la situazione tra Kharkiv e Izyum sarebbe ancor più catastrofica.
Poche cose sono peggiori, in guerra o nella vita, del ripetere sempre la stessa tattica perché in passato è andata bene. È vero, l’esercito russo ha sempre agito in inferiorità numerica ed è riuscito finora a ottenere buoni risultati sia in attacco che in difesa (vedi Cherson), ma alla fine i nodi vengono al pettine. Se vuoi fare la guerra devi fare la guerra; se non vuoi fare la guerra non devi fare la guerra; ma non puoi fare e non fare la guerra allo stesso momento. Ora si tratta di capire quali saranno le misure che il comando russo prenderà per il prosieguo del conflitto: perché la guerra non è finita, purtroppo, nonostante i commenti di alcuni entusiasti – così come non era finita a marzo, nonostante i commenti di altri entusiasti. La situazione sul campo è peggiorata per l’esercito russo, ma il guadagno territoriale dell’esercito ucraino non basta a risolvere la questione; si dice siano in preparazione altre offensive in altri settori, ma anche qui bisogna vedere in primo luogo se la notizia è vera, e poi considerare che tutti gli altri settori (Donbas, Zaporozhie) sono strategicamente fondamentali per la Russia e meglio difesi. E considerare le perdite subite dall’esercito ucraino, molto elevate sia in uomini che in materiali, e vedere come e quando saranno rimpiazzate. La palla ora passa a Putin, che è chiamato da varie parti a decidere cosa fare dell’operazione speciale. Se lasciarla così com’è (e militari e nazionalisti gli daranno addosso, come stanno già facendo) fidando nel successo delle misure economiche anti-occidentali, del logoramento dell’esercito ucraino in questa serie di avanzate, dell’inverno che sta arrivando eccetera; o se trasformarla in operazione militare, cosa che garantirebbe migliori risultati sul campo ma comporterebbe uno stress molto maggiore per l’economia e la società russa.
PS – intanto Kadyrov ha detto che se le cose non cambiano in 48 ore “sarà costretto ad andare a Mosca e spiegare ai vertici la situazione sul campo”. Annamo bene.
e ancora…
È lunga, se preferite le cavolate propagandistiche dell’una o dell’altra parte (la nostra, occidentale) non perdete tempo.
“Nella notte le truppe russe a Kupyansk si sono ritirate senza combattere oltre il fiume Oskil, lasciando agli ucraini la parte occidentale della città. Se l’offensiva ucraina appena partita da sud, in direzione di Lyman, avrà successo, si procederà alla completa evacuazione del personale militare da tutto il settore di Izyum (io li avrei già fatti partire), il che è in linea con le decisioni prese finora – i russi non hanno bisogno al momento di scambiare vite per chilometri, come invece devono fare gli ucraini, e tutta l’avanzata ucraina in questo settore ha sempre visto lo sganciamento dei reparti russi ogni volta che rischiavano di essere sopraffatti, con l’eccezione di Balaklya dove uno dei due gruppi SOBR si è trincerato, resiste e manda in giro TikTok patriottici.
Alcune considerazioni su quella che ora possiamo tranquillamente considerare una débâcle russa, per quanto su un settore limitato del fronte.
Inutile girare intorno al problema fondamentale per l’esercito russo: schiera su tutto il fronte circa 150.000 uomini. L’esercito ucraino ne ha messi in campo più di 100.000 in due soli settori. A Cherson gli è andata molto male, a Kupyansk-Izyum molto bene. Questa differenza di risultato però ci dice alcune cose su quelle che sembrano essere le priorità strategiche del comando russo, che sa benissimo di non avere uomini a sufficienza. Quando era ovvio che prima o poi sarebbe partita l’offensiva sia verso Cherson che verso Izyum, il comando ha spostato dal fronte di Kharkiv QUATTRO gruppi tattici composti da unità del distretto militare orientale (36a, 37a, 38a e 64a brigata di fanteria motorizzata), rimpiazzati da TRE (quindi già uno in meno) gruppi tattici, DUE dei quali composti da unità della riserva e UN SOLO reparto in servizio attivo, il 752° reggimento della 3 divisione di fanteria motorizzata. Probabilmente l’ipotesi era di mandare in seguito altri reparti, ma questa cosa non è avvenuta. Le conseguenze sono evidenti.
Risulta evidente quindi che il comando russo ha dato la priorità al fronte di Cherson, dove in effetti l’offensiva ucraina è stata più o meno annichilita, a discapito di quello di Kharkiv. Non che fosse disposta a perdere tranquillamente il saliente di Izyum, ma trovandosi nella potenzialità di perdere entrambe le aree, per quella mancanza di personale di cui sopra, si è preferito rinforzare Cherson. E anche questo è in linea con la strategia seguita fino adesso: strategia sulla quale perdurano ancora una serie di incomprensioni che sarebbe il caso di risolvere una volta per tutte. La Russia vuole il Donbas, la Crimea, il territorio che c’è tra Donbas e Crimea, e (probabilmente) una zona di rispetto intorno alle due aree fuori tiro diretto dell’artiglieria. Non vuole Kiev, non vuole Kharkiv, non vuole, probabilmente, nemmeno Odessa. Se gliele regalano se le prende, ovviamente, ma non andrà mai all’assalto delle città, e di certo non lo farà né ha mai pensato di farlo con 150.000 uomini in totale: e senza le città le oblast’ restano in mano ucraina. In quest’ottica è chiaro che Cherson ha una importanza infinitamente maggiore di Izyum. Meglio tenerle tutte e due, ovviamente: ma dovendone perderne una, meglio tenere Cherson. E che una almeno l’avresti persa, viste le forze in campo, era non dico probabile ma certamente possibile. Lo sapevo io che gli ucraini stavano mettendo in campo più di 100.000 uomini per offensive localizzate, figuriamoci se non lo sapeva il comando russo.
La domanda che un po’ tutti si stanno facendo è: che succede ora? Lasciamo perdere la propaganda: i russi diranno che si è trattato di una brillante ritirata tattica che consente di accorciare il fronte e di salvare migliaia di vite (è vero), gli ucraini che si tratta di una brillante avanzata che risolve a loro vantaggio un’area finora molto problematica del fronte (è vero), col vantaggio aggiuntivo che dell’offensiva di Cherson già non si ricorda più nessuno. Perdere Izyum complica la situazione nel Donbas, naturalmente, perché l’area di Lyman torna in mano ucraina. Per tutto il resto, la situazione rimane invariata.
In realtà una variazione significativa c’è: le perdite ucraine. Per mettere in piedi un’altra offensiva del genere servono altri sei mesi, e ulteriori e continui aiuti NATO, e cosa succederà tra sei mesi nessuno lo sa. Certo si arriva all’inverno in una situazione di riequilibrio, che è appunto il trade-off di cui sopra: il nord all’Ucraina, il sud alla Russia. Però questo non risolverà i problemi dell’Ucraina. Altri sei mesi di bombardamenti (che sicuramente aumenteranno), di infrastrutture distrutte, di vite perse, di freddo non aiuteranno certamente: e non penso che l’Occidente possa, o voglia, pagare tutte le spese ucraine, visto che già non ce la fa più. Mentre in Russia da più parti si invoca la dichiarazione di guerra, la mobilitazione di tutta la popolazione, radere al suolo Kiev e bombardare l’aeroporto polacco di Rzeszów, da dove passano tutti i rifornimenti NATO, il comando resta inamovibile. Una cosa va detta degli alti gradi russi: sono immuni all’isteria. Del resto 80 anni fa hanno tranquillamente accettato l’idea che i nazisti potessero prendere Mosca, figuriamoci la perdita di Izyum. Io penso (o forse spero) che non ci saranno variazioni di rilievo, almeno per il momento. La Russia continuerà a spostare il conflitto sul piano economico più che su quello militare, e sul piano globale più che su quello locale, scommettendo sul fatto che resisterà più dell’Occidente. Se alla fine dei giochi hai azzoppato l’Euro e spostato l’asse economico a est, puoi anche perdere Kupyansk. Se però questa cosa non dovesse funzionare; se le sanzioni cominciassero a colpire più profondamente la società russa e la capacità militare russa; se ci fossero altre avanzate ucraine, e minacciassero le aree realmente strategiche e vitali dei territori occupati; allora le cose cambierebbero sicuramente. Quello che di certo cambierà adesso sono i vertici militari del distretto di Kharkiv.
Due PS.
PS 1: le truppe ucraine che avanzano sono addestrate da istruttori NATO, hanno equipaggiamento NATO, rifornimenti NATO, intelligence NATO, satelliti e AWACS NATO che comunicano in tempo reale ogni spostamento di truppe russe, i loro reparti sono coordinati da “volontari” NATO e altri “volontari” NATO si trovano sul campo. Sarebbe forse il caso di smetterla di considerare questo conflitto come una partita tra Russia e Ucraina, sia nella valutazione della performance militare russa (e ucraina) che nella valutazione del nostro ruolo che, ci piaccia o no, è quello di parte attiva nel conflitto. Finora questa cosa è passata in cavalleria. Se un HIMARS ammazza un civile russo in Crimea, non penso continuerà ad esserlo.
PS2: che succede ora a tutti i civili che nelle zone occupate hanno collaborato a vario titolo con i russi?”

 

L’altra Europa in fermento_con Francesco Dall’Aglio

L’Europa Orientale è diventata, per scelta occidentale, il punto di attrito più stridente delle dinamiche geopolitiche conflittuali tra Russia e Stati Uniti, con la Cina in qualità di convitato di pietra. Una situazione conflittuale che ha trovato un terreno favorevole, alimentato dal riemergere di nazionalismi sempre più radicali e dal carattere sempre più scopertamente ottuso e revanscista. Il nemico comune dichiarato è la Russia, ma pian piano riemergono i vecchi spiriti sopiti in quaranta anni di bipolarismo e successivi dieci di egemonismo unipolare. Con essi il riemergere contestuale di nuove rivalità ad ovest, verso la Germania ed interne al blocco orientale. Non è ancora una strada obbligata. Negli anni ’80 in quell’area il dibattito è stato particolarmente vivace ed aperto a più soluzioni; nel futuro prossimo la direzione pare purtroppo segnata, ma qualche spiraglio qua è là riesce ad aprirsi. La condizione che si allarghi è l’affrancamento di questi processi identitari così radicali dai pesanti ed avventuristici condizionamenti geopolitici americani ed la costruzione di una nuova architettura europea autonoma in grado di regolare le dinamiche. Allo stato una improbabile utopia. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

https://rumble.com/v1isz85-il-fermento-dellaltra-europa-con-francesco-dallaglio.html