DAL NOSTRO INDIGNATO SPECIALE, di Giuseppe Germinario (scritto il 18/10/2011)

Qui Nuova Yorke! Così annunciava i propri servizi televisivi Ruggero Orlando, il primo corrispondente della RAI negli Stati Uniti. Non so se, effettivamente, le trasmissioni giungessero da oltreatlantico o fossero costruite,con uno scenario artefatto alle spalle del cronista, in gran parte nei più economici studi romani.

Se sono riusciti a riprodurre la battaglia di Tripoli in Qatar, ad uso e consumo della disinformazione e del morale dei combattenti sul posto, figuriamoci con che facilità, pur con i minori mezzi di allora, si riesca a simulare la presenza sul campo degli intrepidi corrispondenti.

Si sa come buona parte degli affanni in diretta dei cronisti, compresi quelli di guerra, siano dovuti alle arrampicate sulle scale di casa propria piuttosto che alle concitazioni e ai rischi di resoconti testimoniali sul posto propri dei classici giornalisti di inchiesta.

Il caso di “occupy Wall Street” rende superfluo ogni dubbio e rende perfettamente superflua anche ogni trasferta, per altro costosa, dei professionisti della verità.

Partito da Madrid, il movimento ha realizzato la maggior evidenza mediatica quando si è insediato in piazza Zuccotti, nei pressi di Wall Street; pare, tuttavia, clonato nelle caratteristiche di fondo.

Con l’eccezione della manifestazione di sabato scorso a Roma, l’adesione di massa a tale movimento è inversamente proporzionale al risalto mediatico garantito dai mass media, quasi a volerne forzare l’esistenza ed il successo in una sorta di accanimento terapeutico.

Di Onda in Onda, l’energia che li muove è, ormai, in via di esaurimento. È come la marea dei piccoli mari chiusi, come l’Adriatico che con i suoi flebili movimenti muove i mille detriti e gli avannotti sino a far intravedere o sfiorare, a questi soggetti passivi, la riva senza mai raggiungerla, due metri avanti e due indietro; non ha la forza di rovesciare sulla riva il prodotto del proprio ventre, in attesa rassegnata della inesorabile risacca che li riporti in alto mare in balia dei pesci più grossi e del caso.

Quanto più, negli anni che procedono, le idee e le rivendicazioni si dissolvono nella nebulosa di bisogni generici, tanto più il rituale si ripete più stancamente e, nella fase crepuscolare, vede apparire, a movimentare la scena, i personaggi più equivoci e le azioni più nichiliste, odiose e distruttive le quali, nel migliore dei casi riescono a prendersela con i totem, nemmeno con i sacerdoti che li hanno fabbricati; in altre parole, il più implicito ed efficace riconoscimento della religione dominante, proprio da parte dei presunti detrattori più viscerali.

Così vediamo sfilare sul palco di Zuccotti Park dispensatori delle peggiori banalità; sulla stampa personaggi, da Obama a Krugman, predisposti alla massima comprensione ma con un minimo di distinzione dei ruoli; per arrivaread Assange e a Draghi, il quale ultimo si dice arrabbiato quanto gli indignati.

Dal conflitto soggettivo di Kramer contro Kramer dei primi due alla sintesi teologica assoluta e perfetta, al mistero del Dio uno e trino impersonificato dal quarto, già massimo dirigente di Goldman & Sachs, poi controllore di quest’ultima nei panni di direttore di Banca d’Italia e BCE ed ora aspirante indignato. Un emulo del Supremo per il quale tempo e spazio non hanno significato.

Non so se tale perfezione sia legata all’abilità del personaggio o alla costrizione dovuta alla scarsezza di attori in grado di rappresentare i vari ruoli sul palcoscenico; propenderei per la seconda ipotesi, vista la facilità con cui le vicende politiche dell’ultimo ventennio hanno di fatto divorato tanti astri nascenti e vecchie volpi.

Sta di fatto che a Zuccotti Park, come altrove, prima si raccolgono le truppe, le si muove e poi si bandisce un’asta dove elencare le rivendicazioni e i beni da reclamare, nonché le prescrizioni da rispettare.

La cornucopia rischia di essere addirittura insufficiente visto che le rivendicazioni dovrebbero soddisfare il 99% della popolazione defraudata dal restante 1%; potrebbe addirittura trasformarsi in un vaso di pandora e seminare tra i questuanti la zizzania ancor prima di stabilire le priorità nell’elenco, pardon nel cahier de doléance del terzo stato al sovrano assoluto.

È la percentualizzazione inconsapevole della previsione di Marx di una moltitudine immensa sfruttata parassitariamente dalla quota restante infima della popolazione, con l’aggravante, rispetto allo scienziato, di considerare l’aspetto distributivo piuttosto che i rapporti di produzione.

A meno di un mese dall’apparizione, l’elenco di richieste e prescrizioni è già impressionante e sorprendente, alcune accettabili, altre decisamente reazionarie e velleitarie; si va dalle energie alternative, al consumo locale, alla sanità e istruzione garantita, al posto di lavoro garantito secondo aspirazioni e livello di istruzione, alla finanza gestita localmente, all’incentivazione della cooperazione, alla redistribuzione della terra.

Le prescrizioni riguardano una precisa gerarchia delle retribuzioni, per altro quantificate, secondo il ruolo assolto nella società, a cominciare da quello privilegiato dell’insegnante, l’abolizione dell’esercito e dell’industria militare, della finanza speculativa; curiosamente, ma forse non casualmente, si chiede la messa in stato di accusa della precedente amministrazione del guerrafondaio Bush per le sue due guerre e la legislazione speciale che ne è derivata, omettendo la richiesta a carico del pacifista Obama, per le sue cinque guerre dichiarate e le innumerevoli sotto copertura attualmente in corso.

Tutto questo, comunque, compreso il folklore, è una caratteristica comune alle onde e ai movimenti di questi ultimi venti anni; come è comune la chiave interpretativa degli eventi legata al predominio del potere economico su quello politico, al dominio e all’asservimento del pianeta alle mire della finanza e delle multinazionali e alla certezza di distruzione del nostro pianeta legata a questo dominio.

Tralascio le implicazioni di tale impostazione, più volte sottolineate dal blog e che impediscono di individuare la natura reale e complessa dei conflitti tra gruppi strategici e stati, il ruolo che in essa hanno i blocchi sociali e le cosiddette masse.

Quello che mi preme sottolineare è l’accentuazione del valore etico e morale delle scelte di quel movimento sino a spingersi alla valutazione della moralità delle persone e all’eticità dei comportamenti, compresa quella dei genitori verso i figli.

Non penso siano i diretti successori ed esegeti degli anabattisti tragicamente isolatisi, nel loro folle rigore e massacrati a Muenster; avendo minori pretese, la conseguenza sarà l’infiltrazione dei peggiori moralisti e demagoghi pronti a distinguere tra mercato corretto e distorto, tra finanza globale e locale e tra politici politicamente corretti e corsari.

Il richiamo alle primavere arabe, la comprensione esercitata da pulpiti i più sorprendenti, le condanne a senso unico dei guerrafondai inducono a pensare che questo movimento non rischia di essere infiltrato e deviato, ma parte già tarato e compromesso; in gran parte i componenti rappresentano la successione di quella parte di ceto medio oggetto di drastico ridimensionamento ed incapace di garantire ai figli un’analoga posizione sociale se non riproponendo una impossibile forma parassitaria ed assistenziale cui si va ad aggiungere una buona parte di ceto medio produttivo in crisi, soprattutto, per il declino di potenza ed economico di numerosi paesi.

La rivendicazione generica di istruzione rappresenta, forse, l’elemento emblematico di questa caratteristica.

Le capacità metamorfiche di queste onde periodiche permettono di inglobare anche singoli aspetti e obbiettivi dei movimenti sovranisti (gestione del debito, sovranità monetaria corrispondente alla sovranità statale) e renderle sfuggenti e oggetto di critica necessaria e sempre aggiornata; la loro fedeltà dichiarata ai principi costitutivi delle varie formazioni (vedi il preambolo del manifesto di “occupy Wall Street”) indica chiaramente la totale subalternità di questo movimento, non al Sistema, ma a singole componenti di esso.

Gli stessi bonari suggeritori, a cominciare da quel filantropo di George Soros, sono gli stessi agenti profittatori della speculazione che spingono, adesso, per un controllo pubblico e per vincoli rigidi delle banche la natura e finalità dei quali è tutta da verificare. Anche su questo riescono a raccogliere miracolosamente il consenso unanime di statisti, o presunti tali e movimentisti folgorati dalla lungimiranza e apertura democratica delle loro fondazioni culturali, compresa quella propinata sulle ali dei cacciabombardieri umanitari.

Tra i primi, da rilevare la sagacia e le capacità preveggenti di D’Alema, presidente del COPASIR, il quale, non più di tre mesi fa, auspicava e preconizzava una ripresa dei movimenti capaci di una spallata risolutiva contro il Governo.

Il futuro immediato, compresa la stesura definitiva del programma, sarà rivelatore dei fini e della composizione di questa ultima vague; quello che è certo, è l’apparente spontaneità di tutto questo; cosa che, il più delle volte, viene confusa con la facile e disordinata ricettività dei messaggi in determinati ambienti, sia in quelli apertamente nichilisti che in quelli più composti.

Questo vale soprattutto per quei paesi destinati a pagare maggiormente il peso del loro degrado e della loro subordinazione, in primo luogo l’Italia.

Il successo di questo tipo di manifestazioni – l’Italia, in questo, pare detenere il primato – è direttamente proporzionale all’ambiguità o inesistenza di programmi e alla quantità di illusioni in omaggio per coprire le peggiori svendite. Il solito modo per raccogliere gli scontenti dietro il carro dei loro benefattori e delle loro sanguisughe.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *